Page 1

ANNO VII, NUMERO 1

GENNAIO 2013

Impresa  compresa...

.                    ...lavoro  sereno A  cura  di  S;le  Consul;ng NewSTILE   è   la   rivista   digitale   creata   dai   Professionis+   di   S+le   Consul+ng   per   i   lavoratori   e   le   imprese   all'avanguardia.   Ar+coli,   aggiornamen+,   scadenze   e   tuDo   ciò   che   occorre   sapere,   al   lavoratore   e   alla   propria   Azienda,   per   essere   sempre   informa+    sulle   ul+me   novità   del   mondo  del  

newSTILE No;zie e  Novità ogni  mese SOMMARIO

lavoro. Ogni  primo   venerdì   del  mese,   sul  suo   pc,   una   rivista   ricca   di   professionalità   e   competenza,   pra+ca,   u+le   e   di   semplice   leDura.   La   copia   si   può   stampare   e   conservare  su  un  unico  foglio,   fronte  e   retro.   Una   persona   che   investe   in   conoscenza,   crede  in  un  futuro  migliore.  

Il boom  della  share-­‐ economy

Marke;ng al   contrario

L’economia della   condivisione

Il peggior  albergo  del   mondo

Aldeabaran, una   carezza

Un pensiero  sui  sen+men+

IL LIBRO  DEL  MESE Questo  mese  consigliamo: Anderson,    Makers.  Il  ritorno  dei   produ)ori,  Rizzoli Per  una  nuova  rivoluzione  industriale

di Ma1eo  Zocca Pagina  1

di Giacomo  Pra/ Pagina  2

di Giovanni  Pra/ Pagina  2

IL BOOM  DELLA   SHARE-­‐ECONOMY

a cura  di  Ma)eo  Zocca

Una torta   faDa   in   casa,   squisita   ma   abbondante.   O   le   conserve   di   pomodoro   della   nonna,   troppe   anche   quelle.   I   ves++   usa+,   naturalmente.   Quel   regalo   di   Natale   davvero   inu+le.   TuDo  si   può   riciclare,  tuDo  si   può   rivendere.  Meglio:   condividere   con   altri.   Non   solo   per   sbarazzarsene.  La   Share   Economy,   l’economia  della  condivisione,  ribalta  la  cultura  del   consumo.  Fin  dalla  sua  concezione,  non  nasce  come  un  gesto   individuale.   Ecco   la   definizione   che   ne   dà   il   Wall   Street   Journal:  “Merca+  di  nicchia  per  tuDe  quelle  cose  o  servizi  che   diventano  economici  se  ci  meXamo  insieme  per  usarli”.   Le   fron+ere   della   Share   Economy   si   allargano,   la   fantasia   esplora  soluzioni  sempre  più   originali.  E  risolve  per  una  quota   della  popolazione  il  problema  del  potere  d’acquisto.   I  giovani,   sopraDuDo,   hanno   risorse   così   limitate   che   la   condivisione   diventa  una  risposta  alle  loro  croniche  ristreDezze  di  bilancio. L’importante   è  il  marke+ng:   non   bisogna   evocare  penuria  e   risparmio   forzato,   bensì   allegria,   diver+mento,   esperienze   comunitarie.   Un  po’   più   delica+  sono  gli   esperimen+  in  corso   con  gli  esseri   viven+.  Chi  ama  i  cani,  ma  non  è  sicuro  di  potersi   permeDere   la  fa+ca  di  allevarne  uno   in  casa,  si  propone  come  dog-­‐siDer  

live-­‐be1er-­‐together.jpg

per avere  il  piacere  della  compagnia.  A  ore.   E  c’è  chi  ci  prova   perfino   coi   bambini.   Anche   qui   la   Share   Economy   apre   orizzon+  sconosciu+.  I  si+  per  trovare  le  baby-­‐siDer  ci  sono  da   tempo,   e   insieme   i   so^ware   per   controllare   le   referenze  e   filtrare   i   curriculum.   Adesso   si   aggiunge   il   co-­‐paren+ng,   la   ricerca  di  “genitori  a  tempo  parziale”,  che  vogliano  provare  le   gioie  della  maternità  e  paternità.  Senza  esagerare. Nuova   opportunità   per   il   consumo   frugale-­‐ma-­‐non-­‐triste,   l’economia  della  condivisione  ha  i  suoi  nemici.  Il  braccio  della   legge,   per   esempio:   se   invitate   gente   a   casa   a   mangiare,   perché  non   dovreste  subire   gli  stessi  controlli   igienici   di  un   ristorante?   C’è   anche   il   sospeDo   che   questo   mondo   del   baraDo   sia   una   vasta   zona   di   evasione   fiscale.   Ma   il   Wall   Street   Journal   preferisce   le   storie   a   lieto   fine:   a   furia   di   affiDare   il   sofà   di   casa   a   sconosciu+   e   sconosciute   di   passaggio  tramite  Airbnb,  c’è  chi  è  finito  non  dall’agente  delle   imposte  bensì  davan+  all’altare.         Fonte

© STILE  CONSULTING  S.r.l                                rassegnastampa@s+leconsul+ng.it                        WWW.STILECONSULTING.IT


ANNO VII, NUMERO 1 GENNAIO 2013

MARKETING AL  CONTRARIO a  cura  di  Giacomo  Pra9 Un  albergo  di  Amsterdam   si  vanta  con   orgoglio   di  essere   “il  peggior   albergo   del   mondo”.   Si   traDa   del   Brinker   Budget   Hostel,   i   cui  proprietari  hanno   anche  scriDo  anche  un  libro  in+tolato,   appunto,   “Il   Peggior   Albergo   del   Mondo”,   in   modo   che   gli  ospi+   siano   prepara+  a  quello  che  troveranno. A   fronte   di  una  qualità  “non  eccelsa”,   l’albergo  però  si  caraDerizza  per  essere   estremamente   economico:   nessuna   stanza  costa  più  di  25  euro  a  noDe. Il   Brinker   con   molta   autoironia   sta   c e n t r a n d o   l a   s u a   c a m p a g n a   pubblicitaria   proprio   sulla   bassa   qualità,   con   annunci  del  +po   “Brinker  

ALDEBARAN, UNA  CAREZZA di  Giovanni  Pra9 Associare   una  parola  ad   un   gesto,   ad   un  ricordo. La   parola   aldebaran,     il  gesto   di  una   carezza,  il  ricordo  di  mio  padre. La   carezza,   un   gesto   dai   tan+   significa+,   che  lascia  sempre  un  segno   indelebile,     nel  rapporto  amoroso,   nel   riconoscimento   di   un’   amicizia,   nella   dolcezza  di  un  genitore. Mi   capita   ogni   tanto   di   vedere   ai   giardini   qualche   nonno   seduto   sulla   panchina,   con   a   fianco   il   nipo+no,   mentre   si   parlano   e   rispondono   entrambi   alle   domande   della   vita.   Il   nonno   che   fa   una   carezza   al   bimbo,   che   immediatamente   lo   abbraccia,   come   se   il   tuDo   fosse   avvenuto   aDraverso   la   forza   di   una   gran   calamita,  che  aDrae  i  sen+men+.   Ho  visto  adul+  piangere  davan+  ad  una   carezza   ricevuta,   un   semplicissimo   gesto,   ormai   quasi   in   disuso,   si   dice   perché   troppo   in+mo,   perché   fa   trapelare  debolezza. Fregnacce! Davan+   ad   una   carezza   si   sciolgono   dolcemente   i   ghiacciai,   le   onde  

GENNAIO 2013

Pagina 2 Hotel:   adesso   con   un   leDo   in   ogni   stanza”   oppure   “Brinker   Hotel:   non   può   peggiorare,   ma   facciamo   il   possibile”. A  questa  si  aggiunge  una  certa  ironia  e   umorismo:   l’ascensore  guasto   diventa   “ascensore  ecocompa+bile”  e  l’assenza   di   asciugamani  un   modo   per   tutelare   l’ambiente  riducendo  i  lavaggi. Nonostante   tuDo,   l’hotel   grazie   a   questa   campagna   ha   un   certo   successo,   specie   tra   gli   studen+:   i   prezzi   bassi   aXrano   la   clientela   e   l’autoironia,   spiegano   i   gestori,   abbassa   le   aspeDa+ve   e   fa   sì   che   gli   ospi+  non  rimangano  delusi. Fonte

sussurrano agli  scogli,   i  lupi  diventano   pecore  nei  boschi. Aldebaran  ,  nell’an+chità,  per  i  Persiani   questa   stella   era   un   membro   delle   “Stelle   Regali”   insieme   a   Regolo,   Antares   e   Fomalhaut;   gli   Indù   la   chiamavano   Sataves   che   significa   “la   guida  delle  stelle  dell’ovest”  e  gli  Arabi   l a   d e n o m i n a r o n o   “ N a ’ i r   a l   dabaran”   (da  cui   il  nome   aDuale)   che   significa  “la  stella  che  segue” Allora  non  conoscevo  il  significato  dato   a   questa   parola,   forse   neanche   mio   padre   ne   conosceva   esaDamente   le   sue  origini,    ma  questo  poco  importa. Di  noDe  quando  guardo  il  cielo,    provo   a  cercare  tra  le  stelle     quella  che  brilla   di  più,     lo   faccio   con  la  forza  del  suo   abbraccio,   la   dolcezza   di   quella   sua   carezza.

Scadenzario 16 gennaio  2013 IVA  -­‐  Dichiarazioni  d’intento  ricevute 25  gennaio  2013 INTRASTAT  mensili 31  gennaio  2013 Rinnovo  contraX  di  locazione  -­‐   Imposta  di  registro Maggiori  informazioni  sul  nostro  sito

Ai sensi   della   Legge   7   marzo   2001,   n.62   “NewSTILE”   non   rappresenta   una   testata   giornalis+ca   in   quanto   il   documento   sarà   aggiornato   senza   alcuna   periodicità.   Non   può   pertanto   considerarsi   un   prodoDo   editoriale.   Le   immagini   qui   inserite   sono   traDe   in   massima   parte   da   Internet   e   pertanto,   quando   specificato,   saranno   soggeDe   alle   leggi   internazionali   di   coyright;   qualora   la   loro   pubblicazione   violasse   eventuali   diriX   d’autore,   vogliate   comunicarlo  e  saranno  subito  rimosse.

Autori GIACOMO PRATI F o r m a t o r e   e   Consulente   in   S v i l u p p o     I n d i v i d u a l e   e   Organizza+vo

MATTEO ZOCCA F o r m a t o r e   e   Consulente   in   F o r m a z i o n e   e   K n o w l e d g e   Management

GIOVANNI PRATI Consulente  di   Direzione   Aziendale  e   Finanza   Aziendale

FONTI: hDp://it.wikipedia.org hDp://images.google.com hDp://pra+forma+vi.altervista.org

© STILE  CONSULTING  S.r.l                                rassegnastampa@s+leconsul+ng.it                        WWW.STILECONSULTING.IT

NewSTILE_Anno_VII_V_1  

NewSTILE è la rivista digitale creata dai Professionisti di Stile Consulting per i lavoratori e le Imprese all’avanguardia.

Advertisement