Page 1

ANNO VI, NUMERO 4

APRILE 2012

Impresa  compresa...

.                    ...lavoro  sereno A  cura  di  SEle  ConsulEng NewSTILE   è   la   rivista   digitale   creata   dai   Professionis+   di   S+le   Consul+ng   per   i   lavoratori   e   le   imprese   all'avanguardia.   Ar+coli,   aggiornamen+,   scadenze   e   tuSo   ciò   che   occorre   sapere,   al   lavoratore   e   alla   propria   Azienda,   per   essere   sempre   informa+    sulle   ul+me   novità   del   mondo  del  

newSTILE NoEzie e  Novità ogni  mese SOMMARIO

Cos’è che  moEva  di  più   La  ricerca  del  lavoro  è   Dalle  società  di   i  dipendenE?  Un  capo   sempre  più  “social” consulenza  alle   onesto cooperaEve  del   sapere Uno  studio  della  Bocconi

di Giacomo  Pra/ Pagina  1

lavoro. Ogni  primo   venerdì   del  mese,   sul  suo   pc,   una   rivista   ricca   di   professionalità   e   competenza,   pra+ca,   u+le   e   di   semplice   leSura.   La   copia   si   può   stampare   e   conservare  su  un  unico  foglio,   fronte  e   retro.   Una   persona   che   investe   in   conoscenza,   crede  in  un  futuro  migliore.  

Una ricerca  di  Hays  Salary   Guide

Una nuova  prospeRva  per   le  professioni

di Ma&eo  Zocca Pagina  2

di Giovanni  Pra/ Pagina  2

IL LIBRO  DEL  MESE Questo  mese  consigliamo: Mo&erlini,    Economia  emo+va,  Rizzoli Cosa  si  nasconde  dietro  i  con+  quo+diani

COS’È CHE  MOTIVA  DI  PIÙ  I   DIPENDENTI?  UN  CAPO   ONESTO di  Giacomo  Pra+ Cos’è   che   mo+va   di   più   i   dipenden+?   L’onestà   del   capo,   secondo   una   ricerca   della   SDA   Bocconi.   Partendo   da   una   ricerca  americana,   che  iden+ficava  cinque  +pi   di  leadership   (quella   orientata   al   raggiungimento   degli   obieRvi,   quella   direSa   allo   sviluppo   delle   competenze,   alla   produzione   crea+va,   alla   diversità   dei   dipenden+   compresa   quella   di   genere,   all’onestà   e   alla   correSezza   dei   comportamen+   pubblici,   l’indagine   è   stata   riproposta   anche   in   Italia,   nella   Pubblica   Amministrazione).   E   il   risultato   è   lo   stesso:   i   dipenden+   preferiscono   il   capo   che   “mo+va   i   dipenden+   dando  esempio  di  onestà,  sostenendo  il  rispeSo  delle  regole,   sanzionando  i  comportamen+   scorreR”.  Con  un  capo  così,  la   propensione  allo  s+molo  cresce  dell’8%. Se  il  leader  si  limita  a  spronare  i  dipenden+   l’incremento  della   propensione  allo   sforzo   è   dello   0,3%.   Se  il   capo   sos+ene   lo   sviluppo   delle   capacità   dei   dipenden+,   e  ha   a   cuore  il   loro   apprendimento  si  arriva  all’1,5%  di  propensione  allo  sforzo  in   più.   Scende   dello   0,5%   la   propensione   allo   sforzo   dei   dipenden+   quando   il   capo   punta   sulla   crea+vità   dei   propri  

soSopos+. Se  il  capo  valorizza  le  differenze  tra  i  dipenden+,  a   cominciare  da  quelle  di  genere,  +3%. Trae   le   conclusioni   Alex   Turrini,   direSore   dell’Emmap:   “Dal   confronto   emerge   che   lo   s+le   di   leadership   che   incide   maggiormente   sulla   propensione   allo   sforzo   dei   dirigen+   pubblici   è   quello   orientato   all’integrità.   I   dirigen+   pubblici   sono   maggiormente   mo+va+   se   riconoscono   l’onestà   e   l’integrità   del   loro   capo   e   se   sono   invita+   a   rispeSare   le   r e g o l e   n o n   s o l o   p r o c e d u r a l i   m a   a n c h e   e + c o -­‐ comportamentali”.  Un  risultato  che   potrebbe  anche  risultare   sorprendente  in  un  Paese   che  non  sembra   tenere  così  tanto   al   rispeSo   delle   regole.   Evidentemente,   in   fondo   in   fondo,   l’onestà  piace.

© STILE  CONSULTING  S.r.l                                rassegnastampa@s+leconsul+ng.it                        WWW.STILECONSULTING.IT

Fonte


ANNO VI, NUMERO 4 APRILE 2012

LA RICERCA  DEL  LAVORO  È   SEMPRE  PIÙ  “SOCIAL” di  Ma4eo  Zocca

di Giovanni  Pra+ Ormai     sono   sempre   più   convinto   che   il   futuro   delle  nostre  professioni,  sopraSuSo   nel   nostro   Paese,     debba   passare   aSraverso   un   cambiamento   radicale   e     veloce. Si   stanno   aprendo   nuove   fron+ere   ,   tra   queste  la  più  interessante  passa  aSraverso   la   forma   coopera+vis+ca   del   sapere.     Questo   strumento   che   crediamo   di   conoscere   perché   visto   il   più   delle   volte   come   forma   di   aggregazione   del   lavoro   manuale   ed   operaio,     oggi,   con   occhio   riformato,   può   trovare   la   sua   giusta   collocazione   anche     per   i   lavori   intelleSuali.  Le  coopera+ve   del  sapere    col   tempo   occuperanno   sempre   più   giovani   liberi   professionis+     che     intenderanno  

APRILE 2012

Pagina 2 prospeRve  lavora+ve  più  alleSan+.  Per  far   fronte   ad   una   concorrenza   sempre   più   agguerrita  e  ad   una  selezione   altreSanto   severa,   i  manager  italiani  hanno  deciso   di   arricchire   il   proprio   curriculum,   così   da   spiccare   dalla   massa   per   par+colari   qualifiche   o   competenze.   Vengono   conferma+   i   più   importan+   trend   riguardan+  la  ricerca  di  nuove  opportunità   di  lavoro,   ma  complice  la  nascita   di   social   network   per   professionis+,   la   selezione   online   inizia  ad  imporsi   anche  in  Italia.  La   via   più   facile   e   veloce   per   trovare   un   lavoro   è   quella   di   affidarsi   a   contaR   personali   per   il   78,7%   (+30%   rispeSo   al   2011)   oppure   a   società   di   ricerca   e   selezione   (58,5%).   Un   professionista   su   due  (50,6%)  invece  afferma  di  con+nuare  a   proporsi   contaSando   direSamente   le   aziende.   Ma   se   da   una   parte   i   metodi   tradizionali   per   trovare   lavoro   sembrano   ancora  fare  la  parte  del  leone,  il  web  non  è   da   meno:   il   27,4%   e   il   20,1%   degli   intervista+   infaR   si  affida  rispeRvamente   a   si+   online   e   social   network   per   selezionare   nuove   possibili   occupazioni.   Un  dato  significa+vo,  se  si  pensa  che  nella   precedente   edizione,   l’online   era   quasi   considerato   come   fanalino   di   coda   per   la   caccia  al  lavoro  perfeSo,  u+lizzato  solo  dal  

Il mercato   del  lavoro   è  in  fermento  ma  è   ancora   presto   per   parlare   di   ripresa.   Secondo   la   Hays   Salary   Guide   2012,   una   ricerca  Hays  che  ha  coinvolto  260  aziende   e  1200  professionis+,  il  clima  di  incertezza   percepita   è   ancora   molto   forte.   Il   60,2%   d e i   p r o f e s s i o n i s +   i n t e r v i s t a +   h a   un’opinione   pessima   del   mercato   del   lavoro,   mentre   un’azienda   italiana   su   quaSro  (25%)   dice   di  trovarsi  in   difficoltà   d i   f r o n t e   a l l a   a S u a l e   s i t u a z i o n e   economica.  Calano  le  assunzioni  tanto  che   per   il   2012   quasi   il   60%   delle   aziende   i n t e r v i s t a t e   n o n   c e r c h e r à   n u o v o   personale,   mentre   il   40,7%   amplierà   il   proprio  organico,  orientandosi  sopraSuSo   verso   profili  tecnici   e   di   conseguenza   più   esper+.   E  dall’altra  parte  della  scrivania?  Il   65%  dei  professionis+  intervista+  vorrebbe   cambiare   lavoro   nel   corso   del   2012:   la   maggior   parte   punta   ad   una   maggiore   soddisfazione  personale   oltre  che  ad   uno   s+pendio  più  cospicuo.   E   a  sorpresa  inizia   ad   imporsi   anche   in   Italia   la   ricerca   di   lavoro  tramite  social  network:  ben  il  20,1%   infaR   sceglie   il   web   per   individuare   9,3%  degli  intervista+.

DALLE SOCIETÀ  DI  CONSULENZA   ALLE  COOPERATIVE  DEL  SAPERE

Fonte

organizzarsi con   modalità  mul+disciplinari   in   forma   societaria,   anche   per   superare   tuSe  quelle  difficoltà  di  concorrenza,  e  per   penetrare   in   un   mercato   sempre   più   internazionalizzato. All’interno   delle  coopera+ve   del   sapere   il   connubio   tra   giovani   professionis+   e   professionis+  più  maturi     porterà  a  risulta+   ora   impensa+,   e   a   questo   +po   di   organizzazione  la  commiSenza  si  rivolgerà   per   trovare   giuste   risposte   ai   propri   bisogni. La  principale   differenza   con   le     società  di   consulenza   mul+disciplinare,   che   sono   s e m p r e   u n   o R m o   s t r u m e n t o   d i   aggregazione   e   di   servizio   alla   clientela,     sta  nell’’aspeSo  mutualis+co.    Questo  sarà   il   collante   che   unirà   maggiormente     i   professionis+,   e   che   rimeSerà  in   moto   la   macchina   del   sapere,   portando   dignità   e   meritocrazia   al   singolo   nel   rispeSo   e   al   servizio  dell’unità  del  gruppo.  

Scadenzario 16 aprile  2012 IVA  -­‐  Dichiarazioni  d’intento  ricevute

29 aprile  2012 Approvazione  bilanci  società

Maggiori informazioni  sul  nostro  sito

Ai sensi   della   Legge   7   marzo   2001,   n.62   “NewSTILE”   non   rappresenta   una   testata   giornalis+ca   in   quanto   il   documento   sarà   aggiornato   senza   alcuna   periodicità.   Non   può   pertanto   considerarsi   un   prodoSo   editoriale.   Le   immagini   qui   inserite   sono   traSe   in   massima   parte   da   Internet   e   pertanto,   quando   specificato,   saranno   soggeSe   alle   leggi   internazionali   di   coyright;   qualora   la   loro   pubblicazione   violasse   eventuali   diriR   d’autore,   vogliate   comunicarlo  e  saranno  subito  rimosse.

Autori GIACOMO PRATI F o r m a t o r e   e   Consulente   in   S v i l u p p o     I n d i v i d u a l e   e   Organizza+vo

MATTEO ZOCCA F o r m a t o r e   e   Consulente   in   F o r m a z i o n e   e   K n o w l e d g e   Management

GIOVANNI PRATI Consulente  di   Direzione   Aziendale  e   Finanza   Aziendale FONTI: hSp://it.wikipedia.org hSp://images.google.com hSp://pra+forma+vi.altervista.org zoccasionigenera+ve.wordpress.com

© STILE  CONSULTING  S.r.l                                rassegnastampa@s+leconsul+ng.it                        WWW.STILECONSULTING.IT

NewSTILE_Anno_VI_v_4  
NewSTILE_Anno_VI_v_4  

NewSTILE è la rivista digitale creata dai Professionisti di Stile Consulting per i lavoratori e le Imprese all’avanguardia.

Advertisement