Page 1

ANNO VI, NUMERO 5

MAGGIO 2012

Impresa  compresa...

.                    ...lavoro  sereno A  cura  di  SFle  ConsulFng NewSTILE   è   la   rivista   digitale   creata   dai   Professionis+   di   S+le   Consul+ng   per   i   lavoratori   e   le   imprese   all'avanguardia.   Ar+coli,   aggiornamen+,   scadenze   e   tuRo   ciò   che   occorre   sapere,   al   lavoratore   e   alla   propria   Azienda,   per   essere   sempre   informa+    sulle   ul+me   novità   del   mondo  del  

newSTILE NoFzie e  Novità ogni  mese SOMMARIO Un’economia  schiava   del  denaro

Ripensare l’economia

di Giovanni  Pra+ Pagina  1

lavoro. Ogni  primo   venerdì   del  mese,   sul  suo   pc,   una   rivista   ricca   di   professionalità   e   competenza,   pra+ca,   u+le   e   di   semplice   leRura.   La   copia   si   può   stampare   e   conservare  su  un  unico  foglio,   fronte  e   retro.   Una   persona   che   investe   in   conoscenza,   crede  in  un  futuro  migliore.  

Prepararsi alla   ba=aglia

Le reF  sociali  non   sono  mass-­‐media

Dormire come  il  Principe  di   Il  ruolo  di  TwiRer  e   Condè Facebook  nella   comunicazione

di Giacomo  Pra+ Pagina  2

IL LIBRO  DEL  MESE Questo  mese  consigliamo: Campiglio,    L’economia  buona,  Mondadori Un  periodo  s+molante  per  parlare  di   economia

di Ma/eo  Zocca Pagina  2

UN’ECONOMIA SCHIAVA  DEL   DENARO di  Giovanni  Pra+ “Quando   un   governo   dipende   dai   banchieri   per   il   denaro,   ques+  ul+mi  e  non  i  capi  di  governo  controllano  la  situazione,   dato  che  la  mano  che  dà  è  al  di  sopra  della  mano  che  riceve… Il   denaro   non   ha   madrepatria   e   i   finanzieri   non   hanno   patrioOsmo  né  decenza;  il  loro  unico  obieOvo  è  il  profiRo.” E  ancora  “Un  potere  illimitato  e  una  dominazione  economica   dispo+ca  si   trovano   concentra+   in   pochissime  mani.  Questo   potere   diviene   par+colarmente   sfrenato   quando   sia   esercitato   da   coloro   che,controllano   il  denaro,amministrano   il  credito   e  ne  decidono  la  connessione.   Essi  somministrano  -­‐ per   così  dire-­‐   il  sangue  all’intero   organismo   economico   e  ne   arrestano   la   circolazione   quando   loro   convenga,tengono   in   pugno   l’anima   della   produzione,   in   guisa   che   niuno   osi   respirare  contro  la  loro  volontà” Riaprire   alcuni   miei   vecchi   libri   di   economia     e   rileggere   queste   citazioni   corrono   brividi   lungo   la   schiena.   La   prima   citazione  risale  al   1815   ed   esprime   il  pensiero  di  Napoleone   Bonaparte,   il   secondo   S.S.   Pio   XI,   nella   Enciclica   -­‐ Quadragesimo   Anno.   A   queste   se   ne   possono   aggiungere   altre,    di  altreRan+   uomini   famosi  che  hanno  segnato  e  faRo   la   storia,   tuRe   citazioni   che   portano   ad   un’unica   considerazione  :   il   popolo   per   quanto   possa  ritenersi   libero   sarà   sempre   schiavo   del   denaro   altrui.     Se   è   il   denaro   lo  

strumento regolatore   della   vita   delle   persone     è   invece   l’avidità   degli   esseri   umani   che   ne   alimenta   l’insicurezza   e   l’illusione.   Per   capire   l’importanza   del   denaro   e   non   farsi   travolgere   dall’inganno   sarebbe   quantomeno   necessario   ricordare   come   il   denaro   è   entrato   nella   nostra   vita,   aRraverso   l’uso   della   moneta   creata   in   sos+tuzione   del   baraRo   per   consen+re   lo   scambio   di   beni   e   servizi   in   una   società  complessa.  Maneggiamo  il  denaro,  oggi  sempre  più  di   un  tempo  ma  ne  abbiamo  perso  il  conceRo  di  valore,  o   diamo   a  questo  termine  un  significato   diverso  dal  suo.  Bisognerebbe   riformare  le  nostre  scuole  avviando  all’interno  programmi  di   s t u d i o ,   i m p r o n t a +   s u l l a   c u l t u r a   e c o n o m i c a   e   finanziaria,proprio   sul   termine   “   cultura   “   ci   dobbiamo   soffermare     affinché  questa  possa  crescere  sana     e  non   più   schiava  del  denaro.

© STILE  CONSULTING  S.r.l                                rassegnastampa@s+leconsul+ng.it                        WWW.STILECONSULTING.IT


ANNO VI, NUMERO 5 MAGGIO 2012

PREPARARSI ALLA  BATTAGLIA di  Giacomo  Pra+ “Si  racconta  che  il  principe  di  Condé   dormì   profondamente   la  no5e  avan7  la  giornata   di   Rocroi:   ma,   in   primo   luogo,   era   molto   affa7cato;   secondariamente   aveva   già   date   tu5e   le   disposizioni   necessarie,   e   stabilito  ciò  che   dovesse   fare,   la   maDna.   Don   Abbondio   in   vece   non   sapeva   altro   ancora   se   non   che   l’indemani   sarebbe   giorno   di  ba5aglia;  quindi   una  gran  parte   d e l l a   n o 5 e   f u   s p e s a   i n   c o n s u l t e   angosciose”. (Alessandro  Manzoni,  I  promessi  sposi) Si  disse  che  Luigi,  la  sera  avan+  la  baRaglia   di   Rocroi   abbia   dormito   profondamente  

LE RETI  SOCIALI  NON  SONO   MASS-­‐MEDIA di  Ma4eo  Zocca Alcuni   giornalis+   sostengono   che   troppo   ego   oscura   il   social?   Altri   non   sono   d'accordo.   L'argomento   è   interessante   perché   proprio   in   questo   genere   di   confron+  vengono   sempre  più  definendosi   s+li,   linguaggi   e   abi+   del   giornalismo   digitale.  Inoltre,  tuO  hanno  alcune  ragioni,   ma   tuO   insieme   dimen+cano   (o   non   hanno   avuto   tempo   di   riportare)   un   faRore  essenziale. L ’ a u m e n t o   d e l l ’ e g o   è   i n n e g a b i l e ,   sopraRuRo   su   FB.   Fas+dioso,   senz’altro,   come   lo   sono   sempre   gli   esibizionismi.   E   tuRavia  che  il  sociale  sia  pubblico  e  privato   allo  stesso  tempo  è   innegabile,  almeno   da   quando  la  sociologia  ha   iniziato  a  studiare   le  società   moderne.   L’ecosistema   digitale   non  fa  altro   che   mol+plicare   questo  dato   di   realtà,   rendendo   pubblico   il   privato   di   una  quan+tà  di  persone  esponenzialmente   più  ampia  che  in  passato.   Eppure   non   mi  pare  questo   il  punto.  Così   come   non   lo   sono   le   ovvie   e   profonde   differenze  tra  TwiRer  e  FB. Uno  sarebbe  più  votato   alle  news,   l’altra  a   riprodurre   in   digitale   la   serata   con   le   diaposi+ve   delle  vacanze?  Può   essere,   per   c a r i t à ,   m a   l a   d i s a m i n a   c r i + c a   è   interessante   solo   fino   a   un   certo   punto,  

MAGGIO 2012

Pagina 2 nonostante   il   pensiero   dello   scontro   imminente   dalle   sor+   incerte   contro   un   potente  nemico.  Questo  faRo  accreditò  la   fama   del   Gran   Condé   come   quella   di   un   uomo   capace   di   estraniarsi   dalle   p r e o c c u p a z i o n i   d e l   m o m e n t o   s e   necessario   e   concentrarsi   sull’esigenza   immediata,   un   esempio   cioè   di  freddezza   ma   anche   di   serenità   d’animo.   Questo   par+colare   viene   riportato   da   Alessandro   Manzoni   nel   secondo   capitolo   de   I   Promessi   Sposi   per   contrapporre   la   tranquillità  del  principe  agli  incubi  noRurni   di   don   Abbondio.   Una   calma   ormai   proverbiale  che  è  solo  una  piccola  parte  di   quella  grande  operazione  di   immagine  che   fu   la  baRaglia  di   Rocroi,  segno   di   quanto   sia   importante   ges+re   i   successi   per   trasformarli  in  viRorie. perché   distorta   da   un   vizio   di   fondo:   con+nua  infaO  a  considerare  le  re+  sociali   come  media,  anzi:  come  mass  media.   Luca   De   Biase   scrive   da   tempo   e   con   coerenza   che   ciò   che   contraddis+ngue   le   r e +   s o c i a l i   n e l l ’ e c o s i s t e m a   dell’informazione   è   la   qualità   (talvolta   anche  la  quan+tà,  aggiungo)  delle  relazioni   sociali  che  là  dentro  siamo  capaci  di  creare   o   di   trovare.   E   questo   vale   nello   stesso   modo,   mi   pare,   per   i   produRori   o   gli   uten+. Semplificando  si  può  dire  che  io  su  TwiRer   Il  faRo   è,  però,   che  io   sono   io.   E   non   ho   davvero   nulla   di   più   o   di   meno   d’un   fan   che   usa  TwiRer  come  versione   digitale   di   Sorrisi  e  canzoni,   oppure  di  una  fanzine.  Io   e   quel   fan   cerchiamo   semplicemente   relazioni   differen+.   E   siamo   noi   a   crearcele,   senza   che   siano   imposte   dalla   piaRaforma   o   dall’ambiente   nel   quale   entrambi   ci   muoviamo.   Quello   che   trovo   sulle   re+   sociali   è   proprio   ciò   che   sono   andato  cercare. D i v e r s o   è   i l   c a s o   d i   c h i   a b u s a   giornalis+camente   di  informazioni  trovate   in  rete  non  per  troppo  ego,  ma  per  troppo   poca  responsabilità.    

Scadenzario 16 maggio  2012 Modello  730 25  maggio  2012 INTRASTAT  -­‐  Mensile

Maggiori informazioni  sul  nostro  sito

Ai sensi   della   Legge   7   marzo   2001,   n.62   “NewSTILE”   non   rappresenta   una   testata   giornalis+ca   in   quanto   il   documento   sarà   aggiornato   senza   alcuna   periodicità.   Non   può   pertanto   considerarsi   un   prodoRo   editoriale.   Le   immagini   qui   inserite   sono   traRe   in   massima   parte   da   Internet   e   pertanto,   quando   specificato,   saranno   soggeRe   alle   leggi   internazionali   di   coyright;   qualora   la   loro   pubblicazione   violasse   eventuali   diriO   d’autore,   vogliate   comunicarlo  e  saranno  subito  rimosse.

Autori GIACOMO PRATI F o r m a t o r e   e   Consulente   in   S v i l u p p o     I n d i v i d u a l e   e   Organizza9vo

MATTEO ZOCCA F o r m a t o r e   e   Consulente   in   F o r m a z i o n e   e   K n o w l e d g e   Management

GIOVANNI PRATI Consulente  di   Direzione   Aziendale  e   Finanza   Aziendale

Fonte FONTI: hRp://it.wikipedia.org hRp://images.google.com hRp://pra+forma+vi.altervista.org zoccasionigenera+ve.wordpress.com

© STILE  CONSULTING  S.r.l                                rassegnastampa@s+leconsul+ng.it                        WWW.STILECONSULTING.IT

NewSTILE_Anno_VI_v_5  

NewSTILE è la rivista digitale creata dai Professionisti di Stile Consulting per i lavoratori e le Imprese all’avanguardia.

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you