Sport Europa - novembre 2018

Page 1

Sport europa Sport Europa dal 1988

Numero 12 - Novembre 2018

MSP ITALIA

CRESCERE INSIEME Interviste esclusive

Sen. Barbaro, On. Cassese, Sindaco di Cosenza Occhiuto, Vice Sindaco di Piombino Ferrini, Sindaco di Braga Rio

Cerimonia MSP Italia - ACES Europe Festa dello sport al Coni


Sport europa Sport Europa - Rivista ufficiale on line MSP Italia - Numero 12 - novembre 2018 Direttore editoriale: Gian Francesco Lupattelli Responsabile di Redazione: Luca Parmigiani Coordinatori tecnico-redazionale: Vincenzo Lupattelli – Alessandra Caligaris Hanno collaborato a questo numero: il Vice Presidente Vicario MSP Italia Enrico Albergo, i Vice Presidenti MSP Italia avv. Danilo Montanari e Benedetta Fin, il Segretario Nazionale MSP Italia dott.ssa Alessandra Caligaris; il Segretario Generale ACES Europe Hugo Alonso; MSP Italia, i Comitati Regionali MSP Calabria, MSP Campania, MSP Emilia Romagna, MSP Lazio, MSP Marche, MSP Piemonte, MSP Puglia, MSP Sardegna, MSP Sicilia, MSP Toscana, MSP Umbria, MSP Veneto, MSP Valle d’Aosta; i Comitati Provinciali MSP Bari, MSP Cosenza, MSP Firenze, MSP Ferrara, MSP Napoli, MSP Palermo, MSP Pesaro, MSP Perugia, MSP Prato, MSP Rimini, MSP Roma, MSP Venezia, MSP Verona, MSP Vicenza; i Settori MSP Arti Marziali Cinesi, Ciclismo, Danza, Ginnastica Artistica-Ritmica, Boxe senza contatto per Parkinsoniani, MammaFit, Sci, Sport Rotellistici, Yoseikan Budo; il Centro di Qualificazione Nazionale; per le rubriche dott. Francesco Perugini, dott. Marco Ciaralli, dott. Vincenzo Fusco, dott.ssa Pierfrancesca Carabelli. Ha collaborato per la grafica: Simone Baldini Si ringrazia: il Sindaco di Cosenza Mario Occhiuto, il Senatore Claudio Barbaro, l’Onorevole Giampaolo Cassese, il Vice Sindaco di Piombino Stefano Ferrini, il Sindaco di Braga Ricardo Rio, il Presidente MSP Sicilia Giuseppe Caramazza per le interviste concesse ORGANIGRAMMA MSP ITALIA Presidente: Gian Francesco Lupattelli Vice Presidente vicario: Enrico Albergo Vice Presidente: Danilo Montanari, Benedetta Fin Segretario Nazionale: Alessandra Caligaris Consiglio Nazionale: Enrico Albergo, Enrico Cimaschi, Benedetta Fin, Gianfranco Conti, Giovanni Liotta, Lorenzo Giorgi, Danilo Montanari, Alberto Cirio, Brando Benifei, Nuno Santos Giunta Esecutiva Nazionale: Gian Francesco Lupattelli, Enrico Albergo, Danilo Montanari, Benedetta Fin

https://www.facebook.com/mspsporteuropa

Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright, la collaborazione a questa rivista on line è da considerarsi gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione del materiale giunto in redazione.


4

MSP Italia, i veri valori dello sport

LE OPINIONI

5 6 7 8 9

In cima al Mondo! L’amore del Fisco per il conto corrente bancario e la presunzione legale connessa Giustizia Sportiva: un settore che può precorrere i tempi Management delle risorse umane: la gestione del personale Registro Coni 2.0, ecco tutti gli obblighi

SPECIALE CERIMONIA SALONE D’ONORE

10

Coni, un tripudio di valori sportivi!

IN PRIMO PIANO

14 16 18 20 22 24 26

Da Bruxelles a Parigi, lo sport viaggia in tutta Europa! Barbaro: “Fondamentale il ruolo degli Enti di Promozione Sportiva” Cassese: “Ripartiamo dallo sport di base” Occhiuto: “Il titolo di città europea dello sport la ciliegina sulla torta” La carica di Piombino 2020 tra coesione sociale e turismo sportivo European Swim City 2019, si parte! / Dal 22 al 23 giugno il Campionato Nazionale di Nuoto MSP Italia Rio: “Swim City, un’esperienza da ripetere”

ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI

28 32 34 35 36 38 40 41 42 43 44 45 46 47

MSP Sardegna, sinergia vincente MSP Sicilia, presente e futuro MSP Lazio, avanti così MSP Roma, scalare la vetta MSP Veneto su tutti i fronti MSP Toscana, giusta direzione MSP Firenze: dalla parte delle donne MSP Piemonte, danza in vetrina! MSP Campania, rinnoviamo lo sport MSP Marche vicino ai cittadini MSP Emilia Romagna, sport & turismo MSP Ferrara, grandi progressi MSP Cosenza, crescita continua MSP Valle d’Aosta, 2018 anno di formazione MSP Bari, Convegno Wellness Marketing per le associazioni affiliate Barocca Estetic, un successo!

ATTIVITA’ SETTORI MSP ITALIA

Danza MSP, promozione a 360° MSP Ciclismo: programmazione anno 2019! Festival dell’Oriente, la prima volta del Grand Prix internazionale di Yoseikan Budo Sport rotellistici, applausi da tutto il mondo! SCI? Presenti! MammaFit, per stare sempre in forma! 53 Anche l’Italia al meeting internazionale a Philadelphia 54 Contatti internazionali per le arti marziali cinesi MSP 55 Ginnastica ritmica MSP Italia, un percorso concreto 48 49 50 51 52

CORSI DI FORMAZIONE

56 CQN, formazione d’elite

LE RUBRICHE

57 58 59 60 62

SOMMARIO

EDITORIALE DEL PRESIDENTE

Caramazza: “Crescita ed orgoglio in oltre 30 anni di MSP Italia” La routine pre-gara e i suoi dettagli Le vertigini Il D.L.n.119/2018 – La pace fiscale nello sport La certificazione per l’attività sportiva


EDITORIALE DEL PRESIDENTE

MSP Italia, i veri valori dello sport Il 5 dicembre la prima storica Cerimonia della World Capital of Sport a Parigi. Cresce sempre di più nostra famiglia MSP Italia-ACES Europe, in vista di un 2019 da vivere come protagonisti!

S

di Gian Francesco Lupattelli Presidente MSP Italia - Aces Europe

i sta per chiudere il 2018 che resterà un anno storico per la nostra famiglia MSP Italia-ACES Europe. Novembre e dicembre sono i mesi delle Cerimonie che tradizionalmente organizziamo a Roma al Salone d’Onore del Coni e al Parlamento Europeo di Bruxelles per le premiazioni dei Municipi come European City, Town e Community of Sport. Quest’anno si aggiunge un appuntamento in più, che segna in modo intangibile quanto il nostro lavoro di promozione sportiva abbia varcato non solo i confini italiani ma anche quelli europei. Il 5 dicembre, infatti, presso la sede dell’Unesco a Parigi celebreremo Abu Dhabi come la World Capital of Sport 2019! Un grande evento in una location di assoluto spessore: siamo orgogliosi di dove siamo arrivati e non ci fermiamo qui visto che con la candidatura di Cali in Colombia abbiamo già eletto la prima American Capital of Sport. Il lavoro che facciamo insieme ai Comuni e in sinergia con la Commissione Europea deve essere uno stimolo ulteriore per le Amministrazioni ad incentivare l’uso di buone pratiche sportive e la promozione dello sport da veicolare insieme ai valori del benessere, dell’integrazione, dell’educazione e della solidarietà. Un lavoro che fin dal 1984 promuoviamo su tutto il territorio italiano come MSP Italia. Grazie a un patrimonio di risorse umane di cui disponiamo e che ci tengo come sempre a ringraziare perché i nostri dirigenti promuovono, assistono ed aiutano le tante associazioni affiliate sul territorio a perseguire il nostro slogan, “Sport per ognuno”. Sono tanti i cambiamenti che sono avvenuti in quest’ultimo anno a livello di norme e disposizioni Coni, ma stiamo cercando con il massimo sforzo ed impegno di restare al passo, senza trascurare alcun dettaglio. Proprio lo sforzo comune di tutti i dirigenti che ci legano a questa grande famiglia può essere il volano per crescere ancora di più, aiutando il mondo dell’associazionismo sportivo ad adempiere ai nuovi obblighi e promuovere allo stesso tempo i valori dello sport. Colgo l’occasione per salutare dalle colonne di questa rivista tutte le persone appartenenti alla famiglia MSP ItaliaACES Europe, dandovi i più calorosi auguri per le prossime festività natalizie e di un 2019 da vivere da protagonisti!

4


In cima al Mondo!

LE OPINIONI

Abu Dhabi è la World Capital of Sport 2019! ACES Europe spazia oltre confine, con anche la prima Capitale Americana dello Sport, la città di Cali in Colombia

2

di Hugo Alonso – Segretario Generale ACES Europe 0 anni sono stati sufficienti per ACES Europe per raggiungere la maggiore età. Dopo aver consolidato un modello di sviluppo in Europa si è andati oltre i suoi confini con la capitale mondiale dello sport. Per questo la World Capital of Sport Federation ha annunciato la prima edizione del premio con le candidature di Istanbul, Taipei e Abu Dhabi. Alla finale sono giunte le ultime due e il vincitore è stata la Capitale degli Emirati Arabi Uniti che con una politica sportiva che si avvicina all'eccellenza relativa a una struttura di altissimo livello che gli ha permesso di superare i concorrenti con cifre galattiche per il Consiglio sportivo di oltre 500 milioni di euro di budget all'anno, eventi a parte. Ma la forza finanziaria non è in contrasto con programmi pubblici di qualità, altamente creativi e gratuiti dove il Comitato valutatore ha verificato in prima persona come il circuito della Formula 1 di Yasmarina è stato convertito diversi giorni alla settimana in un percorso per andare in bicicletta o correre e che 7000 persone usano regolarmente. Un chiaro esempio di come sfruttare le strutture polivalenti e che nessuno ha mai utilizzato in maniera simile. O serva come altro esempio per illustra-

re le loro buone pratiche con la celebrazione delle manifestazioni popolari all'interno dei centri commerciali evitando così il sole e il caldo soffocante dell’esterno nello stesso impianto sportivo, tempo libero e ricreativo. Congratulazioni ad Abu Dhabi e i suoi dirigenti per una candidatura che sarà sicuramente un riferimento mondiale nel 2019 con il titolo di World Capital of Sport. Numerosi e vari eventi si svolgeranno negli Emirati a partire da gennaio. Ma l'espansione di ACES Europe ha raggiunto anche il nuovo mondo con Colombia e Cali, la prima Capitale americana dello sport nel 2019. Punto di partenza nel continente con una candidatura che ha conquistato i Commissari di Valutazione grazie ai suoi quattordici programmi di inclusione sociale, con alcuni risultati straordinari per Cali e la società civile. Congratulazioni a Cali per continuare a crescere insieme a quelle città che sono un riferimento non solo in Europa, da ora in poi anche nel resto del mondo.


LE OPINIONI

L’amore del Fisco per il conto corrente bancario e la presunzione legale connessa Alcune considerazioni in merito alla gestione delle ASD/SSD in relazione ai tanti cambiamenti normativi in materia di Enrico Albergo Vice Presidente vicario MSP Italia

V

orrei trattare l’argomento premettendo alcune con-

siderazioni: - Non è ammissibile che il Fisco possa accettare una sottrazione di base imponibile senza almeno chiedere la prova ai contribuenti che le entrate ed uscite di carattere finanziario debbano godere nelle A.S.D. ed S.S.D. di una totale esenzione da tassazione; - Indipendentemente dai limiti fissati nell’art. 32 del D.P.R.600/1973 (importi fino ad euro 1.000 giornalieri e fino a 5.000 euro mensili) permane il dubbio su ogni incasso o spesa effettuata; - La tracciabilità può godere di soglie di esenzione (bonifico bancario al posto dei contanti) ma non può sicuramente godere di una esclusione di controllo generica; - Anche i soggetti senza fine di lucro a mio avviso debbono adottare delle opportune scritture contabili comprovanti la loro buona fede e senza alcuna franchigia; Quindi consiglio fermamente di gestire le movimentazioni finanziare conservando la opportuna documentazione comprovante la natura dell’operazione ed il beneficiario. Spero Vi convinciate che questo assume una rilevanza molto importante al fine di evitare che Vi venga applicato il disconoscimento da ASD/SSD non profit. Questo si può raggiungere senza eccessivi costi gestendo ed aggiornando il registro generale delle entrate e delle

6

uscite (che tra l’altro risulta obbligatorio) conservando la documentazione cartacea per ogni operazione e nessuna esclusa nè per natura né per limiti. Anche se non obbligatorio conviene adottare questa organizzazione in modo da potere a distanza di anni dimostrare al fisco la buona fede e la esclusione di attività commerciale; La prudenza infatti può calmare la curiosità del fisco. Ricordate anche però che in presenza di attività commerciale (gestione di un bar o effettuazione di sponsorizzazioni) pur adottando le agevolazioni di cui alla Legge 398/91 occorre tenere i registri IVA e fare i pagamenti

trimestrali ed anche instaurare l’obbligo della fattura elettronica (dal 01/01/2019) Irrinunciabile la conservazione anche: - dei contratti con i collaboratori, le ricevute di pagamento dei compensi, la copia dei verbali di consiglio che hanno ratificato gli incarichi; - la copia delle domande di socio o associato, le ricevute d’incasso delle quote socio e delle quote integrative per la partecipazione al sostenimento dei costi di gestione dei vari servizi e la copia dei verbali del consiglio di accoglimento delle domande dei soci; - il bilancino/rendiconto annuale che per differenza evidenzi la eventuale eccedenza di cassa o la presenza di liquidità da investire ed il verbale di approvazione da parte della assemblea annuale Spero di essere stato chiaro possiate comprendere con estrema facilità la obbligatorietà delle formalità.


LE OPINIONI

Giustizia Sportiva: un settore che può precorrere i tempi Lo Sport Italiano in questo campo da alcuni anni ha intrapreso un percorso positivo che ci rende orgogliosi, anche nei confronti di altre nazioni non altrettanto diligenti di Avv. Danilo Montanari Vice Presidente Nazionale e Responsabile Codice Etico MSP Italia, membro collegio dei probiviri ACES Europe

L

’appl i c a z i on e della norma sanzionatoria in concreto, anche sulla pelle viva dell’ interessato, è materia sulla quale si dibatte dalla notte dei tempi e a tutte le latitudini. Lo Sport Italiano in questo campo da alcuni anni ha intrapreso un percorso positivo che ci rende or-

bianco, sono solo il fiore all’occhiello di un contrasto costante, fermo e vigile, alla slealtà sportiva, in ogni sua possibile modalità di svolgimento. In questa ottica vogliamo prendere atto con soddisfazione dell’indirizzo a tolleranza zero imboccato dalla Federcalcio e da altre Federazioni, che è quanto nella nostra dimensione

E ciò innanzitutto per dare un segno tangibile di rispetto alla maggioranza, che non commette violazioni antisportive ed ha supporters civilissimi. Qualsiasi Ordinamento incapace di far rispettare le proprie regole nei fatti concreti, perde la sua credibilità; tanto più se a tale incapacità si cumula la severità teorica della norma

gogliosi, anche nei confronti di altre nazioni non altrettanto diligenti : lotta vera al doping (e senza ammiccamenti per chi si rende complice), lotta alla finanza allegra nel nostro mondo, comportamenti etici obbligatori e loro regolamentazione nero su

di E.P.S. esercitiamo quotidianamente nel Movimento Sportivo Popolare – Italia. Tolleranza zero sia nei confronti di violazioni disciplinari dei tesserati e sia nei confronti di comportamenti incivili da parte della platea dei supporters.

edittale. In altre parole, reputiamo che serve a poco inasprire le pene sulla carta se poi pastoie procedurali consentono ai colpevoli di farla franca. Molto, molto, meglio munirsi di norme edittali eque, moderate e condivise, ma nel contempo di

una procedura implacabile e senza sconti, per la quale chiunque può star certo sin dall’inizio che si può uscirne solo se risulta la non commissione del fatto. Lo Sport è un traino potente di pulsioni e di passioni per moltissima gente, praticanti e spettatori: deve restare un primario veicolo di pubblicità per comportamenti leali e civili e giammai divenirlo per comportamenti opposti. Penso che gli organismi di Giustizia del C.O.N.I., degli Enti di Promozione Sportiva e delle Federazioni, meritino i ringraziamenti più sentiti, per l’impegno profuso nelle loro molteplici funzioni e per il loro patrimonio culturale acquisito sul campo giorno dopo giorno. Un patrimonio di approccio culturale nell’ applicazione in concreto dei precetti di diritto, che ritengo potrebbe fornire utili spunti di riflessione ad altri Ordinamenti Giudiziari del nostro Paese. 7


LE OPINIONI

Management delle risorse umane: la gestione del personale Chi gestisce il personale deve avere competenza professionale, conoscenze e capacità trasversali a più discipline

P

di Benedetta Fin - Vice Presidente MSP Italia uò essere considerata a pieno titolo una vera e propria disciplina sociale, un ambito di sapere costituito da un corpo di conoscenze professionalmente necessarie a coloro che in particolare sono chiamati a gestire delle persone nelle organizzazioni o a essere gestite, sono comunque utili a quanti sono interessati ai vari aspetti del funzionamento di un’impresa. Costituisce un campo di conoscenze che attinge da altre discipline quali il diritto, la sociologia, la psicologia, le scienze della comunicazione e dell’educazione, l’economia, le dottrine manageriali, per non parlare delle prassi operative consolidate e sistematizzate dalle imprese. La gestione del personale non è tuttavia una semplice sommatoria di parti delle conoscenze suddette; è invece un sistema finalizzato di conoscenze all’interno del quale le stesse “colloquiano” e interagiscono in modo organico e integrato. La gestione del personale si può definire come il processo articolato e complesso che riguarda l’acquisizione delle risorse umane in azienda, la loro amministrazione, valutazione, sviluppo, la loro retribuzione ecc.

Chi gestisce il personale deve conoscere ”di tutto un po’” deve essere “tuttologo”; la sua competenza professionale consiste quindi in conoscenze e capacità trasversali a più discipline, fra loro strettamente connesse dalla specifica finalizzazione: saper governare/gestire nell’organizzazione un ”processo completo” indirizzato all’acquisizione del personale, alla sua amministrazione, valutazione, sviluppo e conclusione del rapporto di lavoro. Deve dunque saper: programmare, organizzare e controllare…tutto e tutti! 8


Registro Coni 2.0, ecco tutti gli obblighi

LE OPINIONI

Con questa guida indichiamo quali sono i requisiti, per le associazioni e Comitati periferici, previsti dalla Delibera CN n° 1574/2017 di dott.ssa Alessandra Caligaris - Segretario Nazionale MSP Italia Il 2019 sarà un anno di moltissimi cambiamenti non solo per le associazioni, ma soprattutto per i nostri comitati periferici, infatti ci saranno ulteriori obblighi a cui ottemperare. Per far ciò la Segreteria Nazionale già si sta muovendo al fine di rendere più agevole il trapasso al registro 2.0 , per questo verranno inviate costanti comunicazioni a tutte le nostre strutture per mettersi in regola, il tutto dovrà avvenire entro il 31 dicembre 2018. Per questo è importante che per ogni società o associazione affiliata vengano verificati i requisiti previsti dalla delibera CN n° 1574/2017,e quindi che l’Anagrafica dell’associazione sia completa in ogni sua parte: - Dati generali – compilati in ogni loro parte aggiornando i dati nel caso siano avvenute dello modifiche statutarie - Sedi – obbligatori i dati della sede legale (si deve evincere la stessa sede indicata sul certificato d’attribuzione del codice fiscale) - Consiglio direttivo – deve essere indicato l’intero attuale consiglio, indicando le date dell’ultimo mandato in vigore (si deve evincere dalla documentazione, presente nel portale, i membri che compongo il consiglio direttivo) - Attività – deve esse presente almeno una attività sportiva in corso di validità, che l’associazione pratica al momento dell’affiliazione, dal 1 gennaio 2019 saranno obbligatori indicare gli istruttori di ogni singola attività dichiarata e gli stessi devono essere visibili presso l’Albo nazionale MSP Italia. - Tesseramento dell’associazione deve essere completo di: - Tesseramento dei membri del consiglio direttivo: - Per Associazioni devono essere tesserati: • Presidente • Vicepresidente • Almeno uno dei consiglieri (se presenti) - Per Società con consiglio di amministrazione devono essere tesserati: • Presidente • Vicepresidente • Almeno uno dei consiglieri (se presenti) - Per Società ad amministratore unico deve essere tesserato, solo l’amministratore. • Amministratore Unico

- Tesseramento degli atleti: - Almeno n.10 atleti totali Per ogni singolo tesserato inserito il programma procederà al controllo del codice fiscale, quindi per tutti gli stranieri è necessario che gli stessi siano in possesso di una anagrafica fiscale esistente. - Documentazione dell’associazione in regola: - Atto costitutivo e statuto ( stessa registrazione all’agenzia delle entrate) - Obbligatorio - Statuto (registrazione diversa da quella dell’atto costitutivo) Obbligatorio se non inserito nell’Atto Costitutivo o diverso da quello caricato nell’atto costitutivo - Certificato attribuzione codice fiscale (ultimo valido) Obbligatorio

- Documento di riconoscimento del presidente in corso di validità, fronte retro Obbligatorio - Affiliazione dell’associazione, firmata dal comitato e dall’associazione (una per anno di affiliazione) Obbligatorio - Eventuali verbali di modifica del consiglio direttivo o dello statuto Tutti i documenti dovranno essere congrui ed univoci. Inoltre, dal 1 gennaio 2019 saranno obbligatori inserire tutti gli eventi sia sportivi che formativi di ogni singola associazione indicando i singoli partecipanti, completi di codice fiscale e per i campionati dovrà essere trasmessa ogni singola giornata. Il programma sarà modificato in base alle nuove normative con ulteriori applicativi. 9


SPECIALE CERIMONIA SALONE D’ONORE

Coni, un tripudio di valori sportivi! Salone d’Onore completamente esaurito per la Festa dello Sport targata MSP Italia-ACES Europe con il coinvolgimento delle Città/Comuni/Comunità Europee dello Sport italiane 2018-2019-2020!

S

ì è svolta lunedì 12 novembre, in un Salone d’Onore gremito in ogni ordine di posto, la Cerimonia di consegna delle Ciotole per la benemerenza dello sport europeo. La tradizione Cerimonia MSP Italia-ACES Europe ha coinvolto i Comuni riconosciuti da ACES Europe come Città/Comuni/Comunità Europee dello Sport per il 2018-2019-2020. Una grande festa dello sport, alla presenza del Presidente del Coni Giovanni Malagò; una festa che alcuni Comuni hanno raccolto in maniera entusiastica, tanto da giungere nella Capitale con le associazioni sportive al seguito e pullman brandizzati, come nel caso di Piombino. E’ stata anche l’occasione di premiare sportivi, atleti e dirigenti che si sono contraddistinti nello sport italiano: una menzione in particolare la merita Bosch Italia che con il progetto “Allenarsi per il Futuro”, in sinergia con ACES Europe e MSP Italia, ha portato nella casa del Coni olimpionici e medagliati che hanno fatto la storia e portato in alto i colori del nostro Paese alle competizioni internazionali, in primis le Olimpiadi. Premiazioni a parte per il Settore Calcio MSP Italia, con le squadre


SPECIALE CERIMONIA SALONE D’ONORE

vincitrice del MSP Day 2018 e la squadra Itri premiata a parte per l’integrazione e i valori sociali. Spazio anche per il Comune di Genova che si è candidata a Capitale Europea dello Sport 2023 e davanti ai concittadini ha portato il proprio progetto; al momento, la città ligure se la giocherà con Glasgow ma le can-

didature sono ancora aperte. Chiusura per la European Swim City, con la consegna delle Bandiere ai Comuni arrivati nei primi tre posti nella scorsa edizione a Pesaro: Cagliari, Empoli e Sesto Calende. E appuntamento all’edizione 2019, che si terrà sempre a Pesaro dal 20 al 23 giugno 2019.

Città Europee dello Sport 2020: Cernusco sul Naviglio, Cosenza, Grottaglie, Piombino Comuni Europei dello Sport 2020: Chiusi, Egna, Gozzano, Montegrotto Terme Comunità Europee dello Sport 2020: Archeo Vesevus, Castelli Romani, Italian Riviera

11


SPECIALE CERIMONIA SALONE D’ONORE

12


SPECIALE CERIMONIA SALONE D’ONORE

13


IN PRIMO PIANO

Da Bruxelles a Parigi, lo sport viaggia in tutta Europa! A dicembre il Gran Gala ACES Europe Awards e la prima storica Cerimonia della World Capital of Sport a Parigi presso la sede dell’Unesco

D

icembre, oltre ad essere l’ultimo mese dell’anno e il mese tradizionale di Natale, regalerà una grande sorpresa per gli amanti dello sport. Da cerchiare sul calendario sarà infatti la data del 5 dicembre, quando presso la sede dell’Unesco a Parigi si terrà la prima storica Cerimonia della World Capital of Sport. Abu Dhabi si è aggiudicata questo prestigioso riconoscimento, convincendo i Commissari e ritirerà il premio come World Capital of Sport 2019.

14

Questa Cerimonia sarà anticipata dal consueto Gran Gala ACES Europe Awards che si terrà a Bruxelles al Parlamento Europeo il giorno prima, ossia il 4 dicembre. Nella casa di tutti gli europei si incontreranno le European City/Town/Community of Sport 2019, pronte ad aprire l’anno sportivo carichi di entusiasmo e voglia di fare. La Cerimonia sarà aperta dal passaggio di testimone da Sofia a Budapest, che raccoglierà il testimone come Capitale Europea dello Sport 2019. Presenti anche le altre Capitali: Malaga 2020, Lisbona 2021 e Den Haag 2022.

Parterre d’eccezione con gli Europarlamentari e i Commissari Europei che accoglieranno i Municipi provenienti da tutta Europa, segno di come lo sport sia un valore universale che raccoglie ed unisce tutti i popoli, sotto la bandiera della solidarietà, dell’educazione, del fair play e dell’integrazione sociale. Per l’Italia, saranno presenti come City i Comuni di Mantova, Livorno, Oristano e Vercelli; come Town i Comuni di Chianciano Terme, Livigno, Omegna e Sesto Calende; come Community Arco del Benessere e Sportland/Gemona del Friuli.


IN PRIMO PIANO

15


INTERVISTE ESCLUSIVE

Barbaro: “Fondamentale il ruolo degli Enti di Promozione Sportiva” Il Senatore commenta con entusiasmo anche il progetto dell’ACES Europe: “I Comuni sono soggetti centrali nel movimento sportivo e questa iniziativa deve essere sempre sostenuta e incentivata”

di Luca Parmigiani Il mondo della promozione sportiva ha un peso specifico e un valore anche osservato dal punto di vista economico. Gli Enti di Promozione Sportiva rappresentano lo sport di base, ovvero quel tipo di sport che, oltre ad essere competizione, è benessere e civismo”. Le parole del Senatore Claudio Barbaro, Presidente Nazionale ASI, sono espressione di chi ritiene il mondo della promozione sportiva fondamentale nella società. Una lunga chiacchierata sullo sport, dall’importanza degli EPS, al rapporto con le Federazioni Sportive Nazionali fino all’iniziativa di ACES Europe con il riconoscimento delle Capitali/Città/Comuni/Comunità Europee dello Sport Senatore Barbaro, quanto è importante il ruolo degli Enti di Promozione Sportiva nella società odierna? “Il ruolo degli Enti di Promozione Sportiva è fondamentale. Rappresentiamo lo sport di base, ovvero quel tipo di sport che, oltre ad essere competizione, è benessere e civismo. Basti pensare che in tutta Italia, nel 2017 sono stati ben 7 milioni e 50 mila i giovani e i meno giovani che si sono avvicinati all’attività motoria e che hanno praticato sport grazie ai 15 EPS. Un numero complessivamente pari alla somma degli abitanti delle città di Roma, Milano, Napoli, Torino, Palermo e Catania! Ma non è solo questo. Come emerso dagli studi dell'Osservatorio Permanente sulla Promozione Sportiva, il mondo della promozione sportiva ha un peso specifico e un valore anche osservato dal punto di vista economico. Prendiamo ad esempio le oltre 600 mila gare o manifestazioni organizzate complessivamente da tutto il movimento degli Enti di Promozione Sportiva durante il 2017. Quanto posso valore? Pensiamo ai consumi generati ogni anno come l'acquisto di calzature o abbigliamento sportivo che si aggirano attorno a 276 milioni di euro. Una cifra non certo trascurabile!” Come giudica il progetto di ACES Europe con il riconoscimento delle Capitali/Città/Comuni/Comunità Europee dello Sport in relazione all'incremento della pratica sportiva da parte dei cittadini? “Ogni iniziativa come questa, capace anche indirettamente di stimolare un aumento della pratica sportiva, deve essere sostenuta e incentivata. Credo che si debba lavorare alla costruzione di reti sempre più capillari e sempre più inclusive orientate alla diffusione dello sport come strumento di civismo e di benessere. Tra questi attori, ovviamente, il Comune nel suo radicamento territoriale e nel suo essere al centro di reti anche internazionali è un soggetto centrale ed è giusto che chi si distingue, si impegna di più nell'alimentare il movimento sportivo, abbia un riconoscimento che lo spinga a continuare nel progetto e che faccia sentire gratificati tutti coloro che vi lavorano e lo alimentano”. Come possono coesistere i lavori e i rapporti tra le Federazioni e gli Enti di Promozione Sportiva? “Le Federazioni e gli Enti di Promozione Sportiva sono due soggetti complementari: gli uni rappresentano lo sport di vertice, gli altri quello di base. Dell'importanza e della rilevanza di quest'ultimo parlavo poco fa. Se 9 praticanti su 10 della fascia d’età 14-17 anni sono tesserati presso uno dei 15 Enti di Promozione Sportiva, se il 36,8% dei praticanti sportivi italiani è tesserato sempre presso un EPS, ben si comprende come il mondo dello sport amatoriale sia fondamentale per l'avvicinamento delle persone allo sport , quindi a stili di vita e di comportamento sani e virtuosi. Presupposti necessari per alimentare anche lo sport da medaglia. Pertanto, come è facile comprendere, se il movimento alla base è debole, anche al suo apice non potrà essere forte ed efficace. Ed è per questo che considero una dinamica di scambio e di confronto auspicabile e salutare, senza nessun complesso da nessuna delle due parti”. Che progetti si possono realizzare per una reale integrazione tra lo sport e il mondo della scuola? “L'introduzione strutturale dello sport nella scuola primaria tramite docenti con competenze idonee e certificate è il primo passo per la creazione di una cultura sportiva adeguata. Alimentandola, crescerà la percezione dello sport come settore centrale su cui investire. Ne aumenterà la capacità attrattiva che immagino stimolerà sviluppi positivi per l'intero settore. Per i privati ad esempio potrebbe essere vantaggioso e interessante investire nella ristrutturazione di edifici scolastici”.

16


INTERVISTE ESCLUSIVE

“Le Federazioni e gli Enti di Promozione Sportiva sono due soggetti complementari: gli uni rappresentano lo sport di vertice, gli altri quello di base. Auspico un confronto salutare, senza nessun complesso da nessuna delle due parti�

17


INTERVISTE ESCLUSIVE

Cassese: “Ripartiamo dallo sport di base” L’Onorevole M5S entusiasta per la nomina della sua città come European City of Sport 2020: “Grottaglie ha una vocazione sportiva. Orgoglioso di questo riconoscimento”

G

di Luca Parmigiani rottaglie è Città Europea dello Sport 2020. Un riconoscimento molto desiderato sia dall’Amministrazione locale che dal mondo dell’associazionismo che infatti ha partecipato in massa anche alla Cerimonia di consegna delle benemerenze dello sport europeo svolta il 12 novembre a Roma al Salone d’Onore del Coni. Alla Cerimonia era presente l’Onorevole del M5S Giampaolo Cassese, che ha partecipato con entusiasmo alla premiazione della sua città. Onorevole Cassese, quanto orgoglio c’è per aver vissuto in prima persona la premiazione di Grottaglie come Città Europea dello Sport 2020? “Come ho detto anche durante la Cerimonia, è stato motivo di orgoglio da deputato al primo mandato, in un evento così importante dedicato allo sport e svolto nel Salone d’Onore del Coni, essere li e rappresentare non solo la Camera dei Deputati ma anche la mia città. Un orgoglio che si è raddoppiato. Grottaglie infatti è una cittadina molto bella e già abbastanza importante dal punto storico culturale visto che è una città della cera-

18

mica famosa a livello internazionale. Accanto a questa fama artistica si affianca quella che è una vocazione della città, ossia sportiva. Già dagli anni Sessanta Grottaglie ha prestato molta attenzione a quelle che erano le pratiche sportive, tanto che pur essendo una piccola cittadina di 32 mila abitanti, ha una dotazione di impiantistica sportiva considerevole che interessa tante discipline. Parliamo dunque di una sensibilità verso lo sport che viene da lontano. Ho notato in questi ultimi tempi un crescendo di entusiasmo, tutti parlano di sport a livello locale. Questo associazionismo già radicato si è messo in rete. Abbiamo visto una partecipazione massiccia della comunità e si vive con orgoglio questo riconoscimento, volendo dare il meglio d’ora in avanti, per far si che nel 2020 oltre alla città della ceramica sia anche una città europea dello sport”. Come giudica l’iniziativa di ACES Europe con il riconoscimento del titolo European City/Town/Community of Sport assegnato ai Comuni? “La sala gremita non solo dalle istituzioni ma anche dalle associazioni e di chi pratica lo sport fa capire il


INTERVISTE ESCLUSIVE momento che vive lo sport in questo momento. E’ importante ancora di più parlare ora di sport di base, non solo di grandi organizzazioni sportiva ma di sport che si vive sui territori. L’iniziativa di ACES Europe mirava a questo, di promuovere attraverso un riconoscimento queste realtà virtuose che hanno una vocazione sportiva ma che sono stati capaci anche a valorizzarlo. Grottaglie, con oltre 50 associazioni, ha partecipato attivamente sia alla preparazione della candidatura che all’evento. Il Comune vuole continuare su questo percorso, portando sul territorio sport non attualmente praticati e incentivando così questo tipo di percorso. Grottaglie negli ultimi tempi ha molto puntato sulla valorizzazione dello sport femminile e paraolimpici, quindi con la promozione dei

valori di inclusione e uguaglianza indispensabili in una comunità”. Quanto è importante il valore dello sport nella società odierna? “Lo sport è un veicolo di inclusione sociale, di uguaglianza e promozione di valori sani. E’ molto importante ripartire dallo sport di base. Parlo anche da deputato, nel contratto di governo c’è un vasto capitolo sullo sport che cerca di individuare delle funzionalità che permettano una valorizzazione della base sportiva a partire dalla scuola. Lo sport è anche prevenzione. Anche se ho praticato poco sport a differenza di mio fratello che è uno sportivo nato, mi prometto di avviarmi anche io alle attività sportive, sarà uno stimolo in più per me”.

19


INTERVISTE ESCLUSIVE

Occhiuto: “Il titolo di Città Europea dello Sport la ciliegina sulla torta” “Lo sport in una comunità è fondamentale e Cosenza è una città che mette al centro la qualità della vita con azioni concrete e di sostenibilità”, le parole del primo cittadino di Luca Parmigiani Cosenza è ufficialmente Città Europea dello Sport 2020. Un riconoscimento al quale tutta l’Amministrazione Comunale ha lavorato duramente perché in questa città si crede fermamente nello sport, come si evince dalle parole del Sindaco Mario Occhiuto che ringraziamo per l’intervista concessa. Sindaco Occhiuto, quanto è importante lo sport di base come strumento di integrazione e promozione dei valori sociali ed educativi? “Lo sport in una comunità è fondamentale. Favorisce l’aggregazione fin dalla giovane età, forma i ragazzi alla disciplina, li educa al rispetto delle regole e li abitua a vivere nella società allontanandoli dalla dipendenza dagli smartphone e da altro. Una buona amministrazione cittadina deve tenere conto delle buone pratiche realizzando opere sostenibili che creino spazi idonei all’attività sportiva e al tempo libero”.

20

Come è nata la candidatura di Cosenza al titolo di Città Europea dello Sport? “Cosenza ha puntato fortemente ad ottenere questo riconoscimento proprio in virtù delle Politiche sostenibili che l’Amministrazione comunale ha attuato dal 2011 ad oggi. Stiamo costruendo una città a misura di cittadino, pedonalizzata, con tanti luoghi pensati per le persone e non per le automobili. Alle future generazioni vogliamo lasciare una città migliore di quella che abbiamo trovato, un posto che abbia attenzione per la salute e dove la qualità della vita sia un valore prioritario. Ricordo che siamo anche Bandiera azzurra 2018 per la promozione della corsa e del cammino”. Quali sono gli obiettivi che si prefigge il Comune, in relazione all’incremento della promozione sportiva verso la cittadinanza, dopo aver ottenuto il titolo di Città Europea dello Sport 2020?


INTERVISTE ESCLUSIVE “Si tratta di obiettivi che appartengono a un percorso progettuale complessivo. Abbiamo investito molto nell’impiantistica sportiva e stiamo per realizzare il Parco del benessere, un avveniristico ed esteso spazio verde attrezzato per l’esercizio fisico che sarà il più grande del Meridione. In più, tra progetti messi in campo, c’è la Cittadella dello sport che vedrà il nuovo stadio “San Vito-Gigi Marulla” come elemento centrale di riqualificazione dell’intera area periferica in cui è situato, dove svilupperemo le strutture già esistenti. Cosenza è infatti la città-pilota di un grosso investimento finanziato dalla B-Futura per il restyling di quella zona marginale che

dopo i lavori sarà agganciata al centro urbano. Il titolo di ‘Città europea dello Sport 2020’ è dunque la ciliegina sulla torta di un’idea ampia di città del benessere. Per noi tale riconoscimento è significativo anche come importante volano attrattivo che ci consentirà di tenere in vetrina un capoluogo del Sud che può finalmente vantare primati positivi. Cosenza è una città che mette al centro la qualità della vita con azioni concrete di sostenibilità, non per nulla è il primo capoluogo di provincia del Centro-sud e quinto in tutta Italia nella classifica Ecosistema urbano 2018 di Legambiente”.

“Alle future generazioni vogliamo lasciare un posto che abbia attenzione per la salute e dove la qualità della vita sia un valore prioritario”. 21


INTERVISTE ESCLUSIVE

La carica di Piombino 2020 tra coesione sociale e turismo sportivo Il Vice Sindaco Ferrini spiega i motivi della candidatura che ha portato il Comune a diventare Città Europea dello Sport 2020: “Il nostro obiettivo è la valorizzazione turistica” di Alessandro Paolinelli “Lo sport è nella nostra natura”. Con questo claim la città di Piombino sarà nel 2020 “Città Europea dello Sport”. Sintesi perfetta delle ragioni che hanno portato il Comune toscano ad intraprendere questo cammino. Lo conferma il vice sindaco del centro livornese, Stefano Ferrini, intervenuto alla cerimonia di premiazione con la consegna delle Benemerenze dello Sport Europeo svoltasi lunedì 12 novembre nella Sala d’onore del Coni alla presenza del presidente Giovanni Malagò. “Abbiamo proposto la nostra candidatura partendo da due elementi. Nel Comune di Piombino c’è una 22

grande varietà di associazioni sportive, il loro impegno va riconosciuto in chiave agonistica e sociale”, sottolinea Ferrini. Premessa utile per comprendere l’altra ragione che ha spinto Piombino tra le eccellenze

d’Europa. “Le caratteristiche ambientali del nostro territorio consentono di poter svolgere tante attività sportive all’aria aperta, dal nuoto al surf e gli sport di collina come trekking e nordic walking. L’o-


INTERVISTE ESCLUSIVE

biettivo di Piombino Città Europea dello Sport 2020 è la valorizzazione turistica”, dice ancora il vice-sindaco. Un percorso ambizioso che si traduce in interventi concreti per la città. “Dobbiamo realizzare accessi al mare per barche a vela e sup oltre ad investimenti sulla sentieristica visto che Piombino è parte integrante della rete regionale dei Cammini

Etruschi, inoltre è stato predisposto un protocollo d’intesa tra società sportive e strutture ricettive”, spiega Ferrini. Sul fronte degli eventi sportivi, come tappa di avvicinamento a Piombino 2020, la macchina organizzativa della città è già al lavoro per la Coppa Carnevale. Torneo riservato a formazioni nazionali under 18 in programma a febbraio. Un ulterio-

re segno distintivo della vocazione internazionale che il centro toscano vuole incentivare attraverso lo sport. “Ogni anno Piombino accoglie 800 mila turisti. Il titolo di Città Europea dello Sport rappresenta un investimento in termini di coesione sociale per la nostra comunità ed una prospettiva di sviluppo economico attraverso la destagionalizzazione del turismo”, conclude Ferrini.

23


IN PRIMO PIANO

European Swim City 2019, si parte! Partita l’organizzazione per la manifestazione di nuoto unica in Europa, che coinvolge European Capital/City/Town/Community of Sport! Appuntamento a Pesaro dal 22 al 23 giugno 2019

I

n rampa di lancio la 3.a edizione della European Swim City 2019. Dopo le prime due splendidi edizioni che coinvolgono tutti i Municipi di Europa riconosciuti dall’ACES Europe come European City/Town/Community of Sport, nella fantastica cornice del Parco della Pace a Pesaro scenderanno in vasca gli atleti che rappresenteranno i Comuni di provenienza. Lo scettro di Campione uscente è il Comune di Cagliari, che si è aggiudicato l’edizione 2018 davanti ad Empoli e Sesto Calende. La scorsa edizione ha avuto un tratto storico visto che per la prima volta hanno partecipato anche dei Municipi dall’estero, come Braga (Best European City of Sport 2018) e Lisbona (European Capital of Sport 2021) dal Portogallo. Pesaro, Città Europea dello Sport 2017, sarà dunque la cornice di questa manifestazione unica nel suo genere, patrocinata dal CONI e svolta con MSP Italia, con l’intento non solo di promuovere la visibilità internazionale dei Municipi premiati ma di condividere attraverso il nuoto i valori e gli ideali universali dello sport. All’even-

to potranno partecipare le delegazioni composte da atleti (quattro femmine e quattro maschi) che non hanno compiuto 18 anni. Verranno premiati i primi tre nuotatori classificati di ogni singola gara e lo stesso accadrà per le prime tre squadre nelle gare a staffetta. Le prime tre delegazioni saranno poi invitate a ritirare la Bandiera ufficiale del premio nel novembre 2019.

Per informazioni: www.swimcity.it – info@swimcity.it 24


IN PRIMO PIANO

Dal 22 al 23 giugno il Campionato Nazionale di Nuoto MSP Italia Tutte le informazioni per partecipare alla rassegna nazionale del nostro Ente, che si svolgerà insieme alla European Swim City

Dal 22 al 23 giugno 2019 si terrà il Campionato Nazionale di Nuoto MSP Italia. Un programma concentrato con gare a serie nel pomeriggio di sabato e domenica mattina che coinvolgerà le associazioni e società affiliate in tutta Italia. L’evento si terrà nell’impianto sportivo del Parco della Pace a Pesaro, che ha già ospitato grandi eventi internazionali con vari Campioni del Mondo. Queste le Categorie di atleti che parteciperanno: Categorie di atleti propaganda partecipanti propaganda giovanissimi - 2010/2011 (8 - 9 anni) propaganda allievi - 2008/2009 (10 - 11 anni) propaganda ragazzi - 2006/2007 (12 - 13 anni) propaganda juniores - 2004/2005 (14 - 15 anni) propaganda cadetti - 2002/2003 (16 - 17 anni) propaganda seniores - 1999/2000/2001(18 - 19 - 20 anni) propaganda amatori 20 - 1994/5/6/7/1988 (fino a 25 anni) Categorie di atleti agonisti partecipanti esordienti B - maschi 2008/2009 - femmine 2009/2010 esordienti A - maschi 2006/2007 - femmine 2007/2008 Disponibilità di 2 vasche entrambe con acqua climatizzata a 27° C 25 m. indoor 50 m. outdoor Gli atleti di età fino ad 11 anni delle due categorie propaganda giovanissimi e propaganda allievi gareggeranno nella vasca da 25 m. in gare di 25 m. e 50 m. in tutte le specialità. Gli atleti più grandi delle altre categorie del settore propaganda dai 12 anni in su e gli esordienti A e B gareggeranno nella vasca olimpica con gare sui 50 m. e 100 m. in tutte le specialità. La manifestazione verrà gestita a livello operativo da ufficiali gara e cronometristi FIN e dal personale dell’impianto di Pesaro MSP Marche. Cronometraggio manuale per la vasca da 25 m. e cronometraggio automatico per la vasca da 50 m. Sistemazione alberghiera Le prenotazioni alberghiere saranno gestite dall’Associazione Pesarese Albergatori che proporrà ad ogni squadra la migliore soluzione secondo le sue esigenze a prezzi estremamente competitivi.

25


INTERVISTE ESCLUSIVE

Rio: “Swim City, un’esperienza da ripetere” Il Sindaco di Braga entusiasta per il premio della Bandiera Gialla come Best European City of Sport 2018: “Record di eventi e spirito di collaborazione tra tutte le entità coinvolte: questa la chiave del successo” di Nuno Santos Presidente ACES Portugal Braga è stata ufficialmente riconosciuta come Best European City of Sport 2018. Il prestigioso riconoscimento della Bandiera Gialla è un ulteriore tassello in più di questo anno vissuto con molto entusiasmo dalla città portoghese. Entusiasmo che ha portato il Comune a partecipare, primo Municipio proveniente dall’estero, alla European Swim City svolta lo scorso luglio Pesaro. Abbiamo contattato il Sindaco di Braga Ricardo Rio per parlare di questa esperienza e del titolo di Città Europea dello Sport 2018 Sindaco Rio, come giudica l'esperienza del Comune di Braga alla European Swim City svolta a Pesaro lo scorso luglio? “L’esperienza di Braga alla European Swim City, svoltasi nella città di Pesaro, è stata estremamente importante , in quanto ha permesso di accedere ad una competizione internazionale a giovani atleti ancora in fase di formazione sportiva, in una giornata di alto livello competitivo e con elevati standard di qualità. L’importanza di questa competizione non è solamente a livello agonisti26

co, ma anche a livello di interscambio di esperienza fra i diversi atleti provenienti dalle varie Città Europee dello Sport del 2018 e Capitali Europee dello Sport. Di fronte al successo di questa kermesse, di questa grandiosa competizione, bisogna fare un ringraziamento ad ACES Europe e alla città di Pesaro per il progetto della Swim City; per questo la città di Braga ritiene che questo iniziativa possa replicarsi anche in altre discipline sportive, permettendo ancor di più di valorizzare e unire la famiglia delle varie Città Europee dello Sport”. Lo stesso format è stato confermato anche per l'edizione 2019, che si svolgerà dal 20-22 giugno sempre a Pesaro. Voi ci sarete? “Per l’esperienza estremamente positiva dello scorso “L’importanza della Swim City non è soltanto a livello agonistico, ma anche a livello di interscambio di esperienza fra i diversi atleti provenienti da tutta Europa”


INTERVISTE ESCLUSIVE anno, facendo riferimento a quanto raccontando dal nostro club che vi ha preso parte, questa competizione è sicuramente da ripetere nel futuro. Per questo abbiamo già informato lo Sporting Clube de Braga, per cercare di sincronizzare il loro calendario interno con la Swim City, compromettendoci sin da ora che come municipio di Braga, faremo il possibile per essere presenti e far sì che la nostra presenza sia assidua anche in futuro”. Braga è stata riconosciuta come Best European City of Sport 2018. Quali sono le vs sensazioni dopo aver ricevuto questa notizia? “Sin dal momento della sua candidatura, Braga si é prefissata due grandi obiettivi che una volta vinto il titolo di Città Europea dello Sport, avrebbe aumentato la percentuale dei Bracarensi sportivamente attivi e avrebbe vinto il titolo di miglior Città Europea dello Sport 2018. Il ricevimento della notizia di Braga di essere stata riconosciuta come Miglior Città europea dello Sport 2018 viene a compimento del nostro obiettivo di candida-

che ha preteso anche di realizzare nuovi record, sia per il numero degli eventi che per le attività. Ad oggi infatti abbiamo raggiunto quota di quasi 600. Un ringraziamento va ad ACES Europe per aver creduto nel nostro progetto e per avere attribuito il titolo di Città Europea dello Sport 2018 a Braga. Un grazie ad ACES Portugal per la sua presenza costante e per il suo supporto in ogni ambito in questo anno speciale per Braga e per i Bracarensi. Grazie a tutte le entità sportive di Braga e a tutti i Bracarensi per partecipare attivamente , in una forma incondizionata a questo progetto di tutti e per tutti”. Aver ottenuto la Bandiera gialla come Best European City of Sport 2018 sarà uno stimolo ulteriore per continuare ad investire nello sport nei prossimi anni? “L’eredità di Braga Città Europea dello Sport 2018 non si può ridurre solamente a quest’anno , l’anno del riconoscimento. La partecipazione e il riconoscimento dell’importanza della pratica sportiva e dell’attività fisica in vari ambiti del benessere del singolo individuo e della società

tura , creando una sintomatologia di dovere compiuto, insieme a tutte le entità coinvolte , non tralasciando le collettività sportive, le entità pubbliche e private di Braga legate al mondo sportivo. Per il successo globale di Braga Città Europea dello Sport 2018, l’incremento dei bracarensi sportivamente attivi è un obiettivo ancora da completare. Lo spirito di collaborazione assunto durante questa sfida fra il Comune di Braga, le associazioni sportive e le entità private fanno ben sperare nel risultato di quest’ultimo obiettivo. Questo è il momento di ringraziare tutte le entità che hanno contributo alla buona riuscita della nostra Città Europea dello Sport, un risultato

che si è sviluppato durante l’intero anno , saranno sicuramente mantenuti anno dopo anno . In questo modo lo sport per tutti è e continuerà a essere sostenuto non solo dall’autarchia , ma anche da tutte quelle entità che in questo anno hanno aderito al progetto, e certamente sarà fortificato nel futuro, lasciando ben chiaro che il lavoro di squadra produce un successo innegabile, così come è successo con la Città Europea dello Sport 2018”. “Anche nei prossimi anni lo sport per tutti sarà sostenuto da tutti coloro che hanno aderito a questo progetto”


ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI

MSP Sardegna, sinergia vincente Programmate le attività in tutti i Settori. Grazie alla collaborazione dei Comitati Provinciali, nell’isola sarda si parla principalmente la lingua MSP

P

ronti, via! Il Comitato Regionale MSP Sardegna riparte subito con grande entusiasmo per la nuova stagione sportiva. Il ruolo consolidato di leader nell’Isola non consente soste, per permettere alle oltre 800 associazioni affiliate di partecipare a tutte le attività proposte dall’Ente. Un lavoro professionale, grazie anche alla grande opera di promozione svolta dai dirigenti dei Comitati provinciali. Iniziamo la nostra rassegna che comprende tutti gli sport. Ad ottobre sono partiti i Campionati Provinciali di Calcio a 11, Categoria Amatori, Over 50 Senior, Over 50 Junior e Trofeo Amatori “Le 4 More”; per il calcio a 5 a 7, la novità è rappresentata dal Torneo Universitario di Cagliari che sarà marcato MSP e che va ad aggiungersi agli altri Tornei consolidati come Torneo Maracanà, Arca Enel e la manifestazione internazionale di calcio a 7 "SARDINIAN UNIFIEL Football 50”, quest’ultimo che si terrà negli ultimi giorni del 2018.

28

Tanto calcio a 5 e a 7 anche nella provincia di Carbonia e Sassari, che hanno calendarizzato tutte le manifestazioni fino a luglio nelle varie Categorie. Dal Settore calcio passiamo al corposo settore della danza e del fitness; data da cerchiare sul calendario è il Trofeo Liberty, manifestazione regionale che si terrà il 15-16 dicembre a Cagliari e che coinvolgerà tutte le associazioni di danza sportiva. Nei mesi scorsi abbiamo partecipato con passione all’evento Turisport, organizzato dal Coni Regionale, portando istruttori qualificati nelle discipline del fitness, danza ed arti marziali e coinvolgendo circa 1200 alunni delle scuole medie e superiori. Da gennaio a giugno, sono previste inoltre diverse quattro manifestazioni legate alla danza sportiva che si terranno a Cagliari e a Porto Torres (Sassari). Sempre in questo Settore, abbiamo organizzato il 15-16 settembre la Convention di Arti Marziali e Fitness svolta al villaggio Country di Arborea. Abbiamo accennato alle arti


ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI marziali e a novembre si terrà l’8 Open Sardegna di Karate, una gara regionale per tutte le fasce d’età, dai più piccoli agli adulti. Non può mancare il contenitore “Sport Insieme”, il nostro marchio di fabbrica che si svolge in ogni Provincia dell’Isola. Ecco le date: 25 novembre ad Olbia, 10 febbraio a Sassari, stesso mese per Carbonia e 17 febbraio ad Oristano. “Sport Insieme” è un nostro vanto dove raccogliamo in una giornata esibizioni in tante discipline sportive coinvolgendo i nostri tecnici, tesserati ed associazioni sportive. Iniziano in questi mesi anche i vari campionati di basket: 18 Squadre Open Maschile, 9 Squadre Open Femminile, 7 Squadre Senior Under 20, 9 Squadre Cadetti Under 15 e 15 Squadre Propaganda Under 12. Siamo contentissimi di aver incrementato in questi anni il numero di squadre, segno che la nostra filosofia trova adesioni in tutte le discipline sportive. Andiamo al beach tennis, con l’organizzazione del torneo di settembre e un torneo di beneficienza svolto lo scorso 10 novembre. Altro Settore che ci sta dando molte soddisfazioni è quello della Ginnastica Artistica e Ritmica. Ecco le date: Campionato Promozionale di ritmica il 27 gennaio e 10 marzo 2019, il Campionato Eccellenza di ritmica il 20 gennaio e 24 febbraio 2019, il Campionato Rappresentativa di Artistica il 17 marzo 2019 e il Trofeo Gym di Artistica il 17 febbraio e 14 aprile 2019. Chiudiamo le attività sportive citando il raduno delle auto che si sono svolte in quattro date da ottobre a novembre, la gara di atletica “Strong Activy”, manifestazione competitiva 10 Km con 25Km + ostacoli e Non Competitiva di 7 Km con 18 Km + ostacoli e l’evento di Fitwalking svolto a Sassari con una risposta enorme di partecipanti, ben 1600! Dall’attività sportiva passiamo all’attività formativa, perché siamo fermamente convinti che un Ente di qualità debba perseguire anche scopi didattici, offrendo assistenza e stando vicino alle associazioni in merito alle ultime disposizioni legislative e cambiamenti CONI. A questo scopo rispondono i due Convegni fiscali svolti a Sassari l’8 settembre e il 29 settembre scorso, il Convegno per istruttori sportivi sempre a Sassari del 13 ottobre e i tanti corsi di formazione per Istruttori che si sono tenuti in tutte le province dell’Isola. A questo proposito citiamo: Corso per Istruttori di Body Building, Animatore Ludico Sportivo, Fitness Musicale, Operatore ludico sportivo nelle disabilità, arbitri di basket, danza coreografica, danza latino-americana, pesistica e ultimo e degno di nota il Corso P-SSD, per l’uso corretto del defibrillatore in ambito sportivo. Sito web: www.mspsardegna.it 29


ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI


ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI

Giocaus Impari-MSP Sardegna: lo sport al servizio dell’inclusione e dell’integrazione sociale

Lo sport per noi è un linguaggio universale non per competere ma per imparare a stare insieme ognuno con le sue abilità superando le diversità e riscoprendo il piacere di sentirsi parte di una comunità dove ognuno è unico, utile e indispensabile Questo è il messaggio di un’importante iniziativa del MSP Sardegna che ha promosso e divulgato i modelli sperimentati dalla sua affiliata ASD Giocaus in tema di inclusione sociale in un progetto attuato in rete con Enti locali, Istituzioni socio-sanitarie e sostenuto con il contributo della Fondazione Sardegna. Il progetto, partendo da un approccio scientifico multidisciplinare che coinvolge specialisti del settore pubblico e privato nella definizione di obiettivi e piani personalizzati, per ciascun partecipante ha realizzato varie iniziative nel territorio regionale basate sui principi dell’attività fisica adattata e rivolte a persone con disabilità e sviluppo della funzione tipico: • Un camp estivo per bambini dai 3 ai 13 anni con disturbi dello spettro autistico • Un progetto ludico-ricreativo per malati di Parkinson ed un programma di sport e solidarietà intergenerazionale per anziani e persone con disabilità fisica e mentale. Il progetto fornisce schemi pratici e strumenti per favorire l’inclusione delle persone in situazione di fragilità contribuendo a far sì che persone in difficoltà possano superare l’isolamento e vivere nel quotidiano quelle esperienze che dovrebbero far parte del bagaglio di vita di tutti. Il progetto permette inoltre: • ai ragazzi normotipici di vivere un’esperienza di divertimento e crescita personale, superare le differenze e i pregiudizi verso la disabilità, svolgendo un naturale ruolo di care-givers; • agli anziani di mantenersi attivi promuovendone il valore di coesione sociale attraverso la solidarietà intergenerazionale. Il fine ultimo è promuovere un modello di sport terapia e di collaborazione pubblico-privato per il miglioramento degli stili e della qualità della vita delle categorie fragili che possa essere un nuovo bagaglio di competenze ed esperienze da divulgare e trasmettere ad associazioni, istruttori ed educatori, e studenti. 31


ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI

MSP Sicilia, presente e futuro Riprende l’attività sportiva formativa e sportiva dei Comitati siciliani, pronti come sempre a sostenere la promozione sportiva

R

icomincia l’attività per il Comitato Regionale MSP Sicilia, che insieme ai Comitati periferici porta avanti il concetto della promozione sportiva in tutta l’Isola, cercando di offrire ai propri affiliati i servizi e il coinvolgimento necessario per associazioni e tesserati. MSP Sicilia si è distinta in questi mesi sia nell’attività formativa, per stare in regola con i nuovi dettami del Coni, e il sempre nutrito contenitore di attività sportiva. Iniziamo dall’attività formativa, con i corsi di formazione per Istruttori Body Building più il Corso di riqualifica attestati per le discipline non riconosciute dal Coni svolto dal Comitato Provinciale MSP Palermo ad ottobre. A fine settembre si è svolto invece il Corso di formazione per tecnici Ju Jitsu israeliano metodo Krav Maga che ha coinvolto cinque persone già praticanti da diversi anni le discipline di altre discipline marziali, i quali hanno dimostrato grande

32

abilità nella programmazione delle lezioni e nella gestione della classe. Sempre nel capoluogo siciliano, tra novembre e dicembre si terranno i corsi di formazione per Istruttori di ginnastica finalizzata alla salute e al fitness. Passiamo al corposo Settore Ju Jitsu che ha programmato la propria attività in Sicilia fino a Natale; dallo stage tecnico regionale al randory day fino al Trofeo Regionale svolto il 4 novembre e il Ju Jitsu Tournament GI e NO GI Contest Kids and Adult del 18 novembre (quest’ultimo in collaborazione con OPES Sicilia), il Settore ha offerto come sempre un grande ventaglio di proposte per le proprie associazioni affiliate. Molto attivi anche gli altri Comitati. MSP Ragusa infatti nei primi mesi di ripresa dell’attività, ha organizzato a cavallo tra settembre ed ottobre i corsi di Formazione per Istruttori Body Building con la riqualificazione degli attestati nell’ambito del fitness e il Corso per Istruttori di Ginnastica

Aerobica. Per quanto riguarda invece l’attività sportiva, domenica 11 novembre si è tenuta presso il centro Commerciale "La Fortezza" la Manifestazione Sportiva "All Fitness 20.a edizione". In questa manifestazione sono state rappresentate parecchie discipline sportive, dalla ginnastica alle arti marziali con tante attività legate al mondo del fitness quali fitboxe, rebound, step, total body, balli caraibici, reggaeton e in aggiunta la ginnastica artistica e body- building. Per le arti Marziali e Sport da Ring, in scena le discipline del kickboxing, karate, kung fu e Kl. Menzione particolare per il Comitato MSP Messina, che si è distinto per la bellissima iniziativa “Stop alla violenza contro le donne”: una campagna promossa per sensibilizzare l’opinione pubblica e per accrescerne la consapevolezza rispetto al fenomeno della violenza degli uomini contro le donne, anche al fine di promuovere

Sito web: www.mspsicilia.it


ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI una corretta cultura della relazione uomo-donna in ogni età e nella prospettiva di rafforzare il messaggio che una società libera dalla violenza e dagli stereotipi di genere è una società migliore. Una iniziativa degna di nota che ha coinvolto associazioni e Istruttori di difesa personale. Infine, domenica 18 novembre si è tenuta la 1.a tappa del Campionato Regionale di Nuoto presso la Piscina Comunale di Cammarata in provin-

cia di Agrigento. Il Campionato Regionale di nuoto MSP si prefigge di promuovere e propagandare la scuola nuoto di tutte le società che aderiscono al progetto “Nuoto per tutti e, dappertutto”. Il Campionato rappresenta una manifestazione che mira a coinvolgere tutte le categorie in un momento di festa dove i partecipanti si confronteranno in gare da 25 - 50 e 100 metri nei quattro stili e staffette 4x25 e 4x50 stile libero e misti ed

anche miste femmine e maschi. Pertanto la manifestazione ha una duplice finalità: da un lato di far vivere una prima esperienza natatoria agli atleti inesperti, che sia educativa sotto il profilo del confronto, dell’aggregazione e della partecipazione; dall’altro lato quella di dare la possibilità agli atleti più esperti di migliorare le loro performance di gara, in vista di gare ufficiali nelle competizioni agonistiche.

33


ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI

MSP Lazio, avanti così Il Comitato Regionale continua lo svolgimento delle attività in calendario. Il 9 dicembre la Coppa Italia di Karate a Frosinone. Giornata storica per MSP Latina al Salone d’Onore del Coni

I

l prossimo 9 Dicembre, si svolgerà presso il Palazzetto dello Sport di Piedimonte San Germano in Provincia di Frosinone, la Coppa Italia 2018, gara di Kata e Kumite che vedrà la partecipazione di circa 250 atleti, il tutto grazie al Responsabile Karate della Regione Lazio, il Maestro Manuel Bruno, e in collaborazione con la TKBM. L’evento sarà condotto da arbitri Nazionali MSP Italia e saranno presenti atleti provenienti anche da altre regioni d’Italia e autorità territoriali tra cui il Campione Paralimpico del Ministero della Difesa, Giuseppe Campoccio. Da Frosinone passiamo al MSP Latina, con una giornata davvero speciale svoltasi a Roma, al salone d’onore del Coni, per il Comitato Provinciale. Tra coloro che sono stati insigniti infatti della “Ciotola 2018”, il prestigioso riconoscimento che Aces Europe ed Msp Italia conferiscono a chi si contraddistingue nella promozione d e l l ’a t t i v i t à sportiva a tutti i livelli, diversi esponenti dello sport locale. In primis, Daniele Mariani, storico leader degli Amatori Samagor, Agora Fitness prima, che ha ricevuto il drappo di campioni d’Italia per aver vinto, per la 4° volta consecutiva, la finale nazionale nel calcio a 11 (Grosseto 2018). “Una gran bella soddisfazione - dichiara Mariani a margine della cerimonia - per me e per tutti i miei splendidi compagni ed amici di tante battaglie sportive. Alla nostra veneranda età continuiamo a vivere quelle stesse emozioni, quei semplici riti e quei meravigliosi dopo partita che scandiscono la nostra vita da 30 anni ed ol-

tre”. Uno speciale riconoscimento è andato anche ad Achille Vitelli, uno dei direttori di gara più famosi, stimati ed apprezzati della Provincia. Volto storico del Gruppo Sportivo Italiano con oltre 9.000 gare dirette, ha ricevuto dalle mani del presidente del Coni Giovanni Malagò la ciotola di benemerito Europeo dello Sport 2018. Premio “Sport e sociale” alla FC Patrizia Itri della presidentessa Patrizia Marciano e dell’allenatore Mattia Pennacchia. Un progetto, quello portato avanti dalla Cooperativa Arte Insieme che, nell’ambito di un programma di integrazione di ragazzi rifugiati nel nostro Paese, ha dato vita ad una società di calcio partecipante alla SERIE AM 2017/2018 e si è contraddistinta per la grande correttezza e sportività. “Siamo felici ed orgogliosi - dichiara Mattia Pennacchia - Abbiamo dimostrato che si può fare sport con lealtà e rispetto. Un grazie speciale a tutte le società ed ai loro dirigenti che ci hanno dimostrato simpatia e cordialità. Al termine della manifestazione Antonio Basile, Dirigente Nazionale GSI – MSP Italia, ha presentato l’edizione 2019 delle Finali Nazionali del calcio a 11, che si terranno a Rimini con la finalissima del 23 giugno allo stadio Romeo Neri . “Siamo davvero contenti – commenta Alessandro Domizi, Presidente Nazionale Gruppo Sportivo Italiano e Responsabile Nazionale Calcio a 11– perchè il lavoro, la passione e la serietà pagano sempre. Il nostro movimento sta crescendo in modo esponenziale. La nostra offerta di sport trova sempre più estimatori e nei prossimi giorni presenteremo il nostro Tour Provinciale di competizioni per le scuole calcio. Fase Provinciale che culminerà con la giornata conclusiva allo Stadio Francioni nel mese di Giugno 2019 e la tappa nazionale di Rimini”.

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/comitatolazio/ 34


ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI

MSP Roma, scalare la vetta

Vueling Padel Cup un successo di numeri e di pubblicità per il Settore. Il 12 gennaio la Gold Cup-Notte delle Stelle. Importanti novità in vista per nuoto e bike

U

na partita che non finisce mai. Il Comitato Provinciale MSP Roma non si è fermato un attimo neanche durante l’estate e la stagione è cominciata con i botti. Settore Padel sugli scudi, con l’organizzazione della 2.a edizione della Vueling Padel Cup e il Corso Istruttori di 1° livello. Il Circuito Amatoriale più affascinante di Italia, costituito da cinque tappe e il Master Finale, sta raccogliendo un sold out ad ogni appuntamento. Oltre 100 coppie si ritrovano sui campi per divertirsi ed ambire ai fantastici premi: voli aerei per tutta Europa per vincitori e finalisti e la speciale racchetta limited edition brandizzata Vueling e disegnata dal Alphapadel. La Vueling Padel Cup si concluderà a dicembre ma il Settore Padel MSP sta già organizzando il Circuito primaverile, con novità e nuovi partner tecnici. Il Corso Istruttori, svolto a novemSito web: www.msproma.it

bre, ha diplomato undici neo Istruttori che promuoveranno ancora di più questa fantastica disciplina che solo a Roma conta più di 200 campi da gioco. Attività sportiva e formativa vanno di pari passo nella filosofia del MSP Roma, per dare un servizio sempre più professionale alle associazioni affiliate. A testimonianza di quanto detto, un sabato al mese le porte della sede provinciale si aprono alle associazioni affiliate che tramite appuntamento possono avere una consulenza con il Commercialista del CQN MSP Italia, per assistenza o consigli di vario genere su come gestire le ASD/SSD. Dal padel al fitness. In programma il 12 gennaio presso il Teatro Viganò la 26.a edizione della Gold Cup/Notte delle Stelle. Un fiore all’occhiello del Comitato Provinciale, che permette a tutte le associazioni affiliate di potersi esibire gratuitamente nelle discipline della danza, ballo, aerobica, twirling. La Gold Cup quest’anno alza la posta in gioco raddoppiando

le sue manifestazioni: dopo il 12 gennaio, si replicherà il 13 aprile sempre al Teatro Viganò perché per noi la promozione sportiva viene prima di tutto. Infine, tante novità sono pronte ai nastri di partenza: gare di nuoto dai più piccoli ai più grande e il Settore Bike che vuole continuare a migliorare i risultati raggiunti lo scorso anno con l’organizzazione della Pedalata per la Terra a Villa Borghese.

35


ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI

MSP Veneto su tutti i fronti

Partito il campionato di calcio a 5 MSP Verona con 82 squadre 2018 da favola per MSP Venezia! Cultura e promozione sportiva per MSP Vicenza

MSP Verona

Sono 82 le squadre che quest’anno disputeranno il Campionato Provinciale MSP di Calcio a 5 giunto alla ventottesima edizione. La soddisfazione di essere all’apice del calcio a 5 veronese rimane intatta, anche se quest’anno volevamo raggiungere le 100 squadre. Campionato iniziato lo scorso 16 ottobre e ci si appresta a rivivere la nuova stagione con tante novità e i vecchi partner. MSP si avvale della collaborazione di Ostilio Mobili a cui è dedicato il Trofeo, di AGSM Verona, Vini SCRIANI, Phito Garda, Valpolicella Veneto Banca e Kubitek. Confermato anche il Format televisivo sul campionato “MSP: IL PIANETA DEL CALCIO A 5” che andrà in onda su TELEARENA. Gli incontri si disputeranno su campi coperti: C. S. Junior Club, C.S. San Floriano, C.S. Tennis Alpo, C.S. De Stefani, C.S. Fumane, Sporting Club Arbizzano, del Palazzetto dello Sport di Villafranca, dell’AGSM Forum di Verona e della Tensostruttura adiacente. Tutte le squadre verranno omaggiate delle nuove maglie ADIDAS, di 2 palloni ADIDAS, dell’almanacco 2018/2019 con uscita a fine gennaio p.v.. Il XXVIII Campionato Provinciale M.S.P. di Calcio a 5 inizierà martedì 16 ottobre 2017 e si articolerà in tre fasce di merito, A1, A2 e B1: a) AL CAMPIONATO DI A1 parteciperanno 19 squadre. La formula prevede la formazione di due gironi A1A da dieci squadre e A1B da nove squadre che si disputeranno all’italiana con partite di andata e ritorno poi fase Play Off e Play Out b) AL CAMPIONATO DI A2 parteciperanno 36 squadre. La formula prevede la formazione di quattro gironi da nove squadre ciascuno, che si disputeranno all’italiana con partite di andata e ritorno poi formula Play Off e Play Out Promozione A1 con le ultime due classificate di ciascun girone che retrocederanno in B. c) AL CAMPIONATO DI B parteciperanno 27 squadre. La formula prevede la formazione di tre gironi da nove squadre ciascuno che si disputeranno all’italiana con partite di andata e ritorno. Le prime due squadre di ciascun girone + la migliore terza acquisiranno il diritto di partecipare al Campionato 2019/ 2020 in fascia A2. In più, fase finale per decretare la vincitrice del Campionato di B. d) I PLAY OFF prevedono la formazione di quattro gironi da quattro squadre ciascuno, composti dalle prime sei squadre di ciascun girone di A1 (12 squadre) e dalla prima squadra classificata di ciascun girone di A2 (4 squadre), che si disputeranno con partite di sola andata; le prime 2 squadre classificate di ciascuno dei quattro gironi accederanno al tabellone 36

finale con quarti, semifinali e finali, con partite uniche ad eliminazione diretta. Le squadre qualificate per i Play Off acquisiranno il diritto di partecipare al Campionato 2019/ 2020 in fascia A1. e) I PLAY OUT – TROFEO AGSM prevedono la formazione di quattro gironi da quattro squadre ciascuno, composti dalle squadre classificate dal settimo all’ottavo posto di ciascun girone di A1 (4 squadre) e dalle tre squadre classificate al secondo, terzo e quarto posto di ciascun girone di A2 (12 squadre), che si disputeranno con partite di sola andata; le prime 2 squadre classificate di ciascuno dei quattro gironi accederanno al tabellone finale con quarti, semifinali e finali, con partite uniche ad eliminazione diretta. Le prime due squadre classificate acquisiranno il diritto di partecipare al Campionato 2019/ 2020 in fascia A1. f) COPPA DI B – TROFEO SCRIANI Fra le otto squadre promosse verrà disputato un minitorneo con due gironi di quattro squadre ciascuno, le prime due squadre classificate di ciascun girone accederanno alle seminali e finali a eliminazione diretta per determinare la vincente di B. Le finali sono previste per l’11 maggio 2019. Come sempre le prime quattro formazioni classificate al XXVII Campionato Provinciale + la vincente del Trofeo AGSM + la vincente della Coppa di B parteciperanno di diritto alle finali regionali 2019 che si disputeranno nei giorni dal 31 maggio, 1 e 2 giugno 2019. E infine i Campionati Nazionali previsti per la fine giugno che concluderanno la stagione.

Sito web: www.mspverona.it - www.mspveneto.it


ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI

MSP Venezia

Il 2018 un anno da favola per il comitato Provinciale Venezia, nonché per il settore Sport Rotellistici di MSP Italia. Il Settore Sport rotellistici è un format con sempre più consensi, come dimostrano le dieci fasi di quest’anno con atleti da tutta Italia e sempre più associazioni che sposano il progetto MSP. Da citare l’“International Venice Skate Trophy” memorial Nicoletta Laurora, il trofeo Internazionale di MSP Italia di pattinaggio artistico a rotelle che, dal 31 ottobre al 4 novembre, per il secondo anno, è stato assegnato alla città di Marcon. Una manifestazione bellissima, con tanto divertimento e oltre 600 atleti in gara provenienti da tutto il mondo. Durante la manifestazione tanto altro sport e formazione; lezioni di teatro emozionale, sedute con mentalist esperta nel settore sport, passeggiate culturali di Agorà Group, stage di Hip Hop, ginnastica artistica e ritmica. Esibizioni e lezioni aperte a tutti i partecipanti, atleti, spettatori per 5 giornate di Sport per tutti. E poi, il 4 novembre, il “Lara Lupinc Art Contest” dove l’arte e lo sport si uniscono per dare vita ad un nuovo spettacolo. Pattinatori, ballerini, ginnasti si sono cimentati in stupende coreografie emozionando tutto il pubblico. Il tutto applaudito ed apprezzato da un palazzetto gremito da più di 1000 spettatori. “Lara Lupinc Art Contest”, una prima versione che dal 2019 diverrà un vero sistema di gara, dove tutte le discipline artistiche competeranno con un proprio spettacolo; Ed ora… grandi preparativi e sorprese per il 2019.

Pagine Facebook: www.facebook.com/mspvenezia - www.facebook.com/mspbelluno

MSP Vicenza

Un ringraziamento a tutto lo staff del Ju Jitsu Club Dueville Dojo Adia ed in particolar modo ad Anna Tadiello 2° Dan Ju Jutsu A.D.I.A per la riuscita delle manifestazioni Festa dello Sport 2018 a Dueville (VI). Al Seminario Culturale Giapponese dell’Asahi Dojo International Association (A.D.I.A) svoltosi a Dueville (VI) in scena l’arte marziale tradizionale Giapponese con il Ju Jitsu /Ju Jutsu tani gawa ha, Ju Jutsu, Aiki Jutsu, Atemi Jutsu con Shodai Soke Daniel Blanchet Hanshi (Giappone) fondatore dell’Asahi Dojo International Association (A.D.I.A) nel rispetto e per onorare il suo Sensei Phil Milner Soke: è stata anche un’occasione per un “ Mokuso “, per ricordare Soke Luciano Foralosso Hanshi “Meijin” allievo del Grande Maestro Gino Bianchi . Citiamo poi il Seminario Culturale Giapponese dell’Asahi Dojo International Association (A.D.I.A) svoltosi a Jaszpati (Ungheria): un grande evento A.D.I.A – MSP Italia – in occasione del 50° anno di insegnamento del Shodai Soke Daniel Blanchet Hanshi (Japon) (TANI GAWA) e il 50° anno di pratica di Istvan Nagy-Hinst Hanshi (Ebi Gawa), Direttore Nazionale A.D.I.A Ungheria e Romania, con il Direttore Nazionale A.D.I.A Slovenija Damjan Apollonio Renshi (Waka

Gawa) e il direttore nazionale A.D.I.A Italia Nicola Cortellino kyoshi (o ni gawa ) In occasione del secondo MSP Day Vicenza del 13 Ottobre scorso si è svolto il seminario Internazionale A.D.I.A a Dueville (VI) con il Shodai Soke Daniel Blanchet Hanshi (Tani Gawa) per lo studio del Ju Jutsu Tani Gawa Ha . Un grazie particolare alla ASD Ju Jitsu Club Dueville Dojo Adia A.D.I.A e alla ASD Fior di Loto 7 che hanno dato lustro ai valori del Budo presso la Fiera di Vicenza in occasione della Manifestazione Children and Family 2018. Un grazie particolare al CONI di Vicenza . Un ringraziamento infine a tutte le ASD di questo Comitato per l’impegno e la promozione sportiva .

Pagina Facebook: www.facebook.com/msp.vicenza 37


ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI

MSP Toscana, giusta direzione

L

Divisione dell’attività e professionalità nei servizi per stare vicino alle associazioni. A Prato e Pistoia sono numeri da record per il Settore calcio a 5 e a 7 a qualità come faro del comitato MSP Toscana, per mettere al servizio delle Associazioni competenze e professionalità al servizio dello sport. A questo proposito l’impegno di dividere l’attività in settori in modi da individuare responsabili competenti che mirano allo svilup-

38

po dell’attività sportive e della formazione. Tanti gli sport promossi dal comitato: Calcio a 5, Calcio a 7, Pole Dance, Body Building, Padel, Ciclismo, Danza Sportiva, Arti Marziali, Fitness. Il neo-costituito comitato MSP Pistoia comincia subito alla grande la sua attività, con 50 squadre ai nastri di partenza dei campionati tra Calcio a 5 e Calcio a 7. Volontà della

nuova dirigenza aumentare il numero dei tesserati e incrementare l’attività svolta nella provincia pistoiese. Anche per MSP Prato oltre 50 le formazioni ai nostri di partenza dei Campionati di Calcio a 5 e Calcio a 7. Intenso anche il lavoro nel campo sociale dove il comitato laniero si distingue per l’ampia partecipazione all’attività legata alla circolistica e alla promozione sociale.


ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI

Sito web: www.msptoscana.it - www.facebook.com/msptoscana

MSP Firenze: dalla parte delle donne Lodevole iniziativa del Comitato Provinciale con l’organizzazione di un Corso di Antiaggressione femminile che ha avuto molto successo anche oltre provincia

O

ggi più che mai la nostra sicurezza personale è messa in serio pericolo in numerose occasioni. Sfogliando le pagine di un quotidiano qualsiasi possiamo facilmente comprendere la rilevanza del fenomeno aggressioni personali (spesso perpetrate nei confronti di donne e ragazze) ed episodi di violenza urbana sono sempre più frequenti. La domanda che MSP Firenze si è spesso posta è se non sia effettivamente possibile fare qualcosa di concreto per evitare che questo possa accadere. Siamo fermamente convinti che la giusta chiave per affrontare e gestire il problema sia innanzitutto quella di dedicare seriamente un po’ di tempo a se stessi ed alla propria sicurezza personale, sviluppando tra le altre cose, una maggiore percezione del pericolo. Occorre infatti imparare ad accettare il fatto che ciascuno di noi può essere un soggetto di rischio, una potenziale “vittima”. Salvaguardare la propria incolumità fisica significa quindi principalmente saper reagire in modo pronto, efficace e deciso a tutte quelle situazioni che in qualche modo possono mettere a repentaglio la nostra sicurezza. Il Comitato, grazie al contributo di Fabio Bonciani istruttore di “Difesa Donna”, con il patrocinio della Regione Toscana, propone un corso di Antiaggressione Femminile che in poco tempo ha spopolato trovando terreno fertile presso ospedali, associazioni di Quartiere, Misericordie, Centri di aggregazione, Università. Ha avuto tanto successo che ha varcato anche i confini provinciali arrivando fino a Siena, Arezzo e Lucca. Il corso insegna ad affrontare, psicologicamente e fisicamente, una situazione di pericolo. Si prendono in esame argomenti che, secondo gli alti standard dei corsi negli USA, servono a creare una vera e propria “mentalità di-

fensiva” a 360 gradi: prevenzione, difesa verbale e difesa fisica, sia in piedi che a terra. La prima “arma” che si apprende è un comportamento difensivo per prevenire le situazioni di pericolo. L’ultima barriera che si impara a frapporre fra se stessi e l’aggressore è una risposta fisica semplice ed efficace. Non sono lezioni di arti marziali né di preparazione atletica. Le tecniche insegnate sono concepite per poter essere imparate subito, indipendentemente dall’età e dalle condizioni fisiche. Tutte le tecniche imparate vengono poi messe in pratica durante delle simulazioni di aggressione sotto effetto adrenalinico utilizzando adeguate protezioni. Durante le lezioni vengono progressivamente ricreate situazioni ad alto impatto con impiego di oggetti occasionali come strumento di difesa (borsa, chiavi, ombrello, cellulare..), viene spiegato l’utilizzo del pepper-spray, la difesa contro più aggressori e contro aggressioni armate, la gestione dei confini personali (distanza di sicurezza) e lo screening (la fase valutativa in cui l’allieva impara ad osservare l’ambiente circostante e quindi possibili via di fuga, oggetti per difendersi, zone illuminate).

Sito web: www.mspfirenze.it 39


ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI

MSP Piemonte, danza in vetrina! A novembre la Rassegna di danza mentre continuano con successo i laboratori proposti in ambito scolastico

C

ontinuano i successi per il settore MSP Danza Piemonte. Primo tra tutti i laboratori proposti in ambito scolastico. Nell'ambito della scuola, l'esperienza della danza e del movimento creativo può essere prezioso per chi deve migliorare il proprio autocontrollo e rapportarsi con gli altri o che, più semplicemente ha bisogno di acquisire fiducia in se stesso, di esprimere creativamente le proprie emozioni o di trarne benefici da un punto di vista fisico. I laboratori di MSP Piemonte spaziano nelle diverse discipline, come la storia ci insegna la danza è nata come uno strumento espressivo: le persone possiedono

l'armonia tra la mente e il corpo e lo spirito. I progetti creati dalla Maestra Lisabeth Gentile (responsabile del settore, professionista in varie discipline, premiata “Benemerito dello sport piemontese ed europeo” da Aces Europe) vengono realizzati su qualsiasi tipo di danza ( sarebbe limitante includere solo la danza classica o contemporanea); l'importante é che la disciplina scelta venga praticata con passione e consapevolezza tecnica, rispettando sempre l'esigenza dell'Istituto e della fascia d'età degli studenti a cui è destinata l'esperienza. Una proposta utile ed originale sia per chi già opera nel settore dello sport, per la novità della sua impostazione, sia per chi si accosta per la prima volta alle varie discipline.

un istinto naturale per danzare, così come per giocare, corteggiarsi e nutrirsi; la danza ha mutato forma ed ha continuato ad evolversi diversificandosi, ed è per questo che le esperienze didattiche proposte dal settore di MSP Danza Piemonte si basano su molteplici idee. Attraverso la danza si può liberare la tensione, favorire l'espressione di sé quindi il rilassamento. Nella nostra società dove forse il lavoro intellettivo prevale su quello manuale, l'energia vitale viene spesso repressa, da qui deriva un bisogno di generale di sfogo fisico che spesso trova espressione nelle attività sportive aerobiche. La danza e il movimento sono un mezzo corporeo comunicativo, attivo, attraverso cui l'accumulo di adrenalina può disperdersi e l'eventuale aggressività o apatia possono essere trasformate in un atteggiamento positivo! Il movimento da soli o in compagnia può favorire

I laboratori didattici rispondono all'esigenza di un percorso specifico altamente professionale ma al contempo accessibile ed immediata funziona operativa da utilizzare in ambito scolastico. MSP Piemonte promuove la danza in tutte le sue forme. Domenica 25 novembre 2018 presso il Palagiaveno di Giaveno si terra’ la X Rassegna Danza MSP Piemonte, una domenica all’insegna del ballo a cui parteciperanno le più grandi scuole di Torino e Piemonte e si sfideranno in un concorso a premi per le varie discipline e categorie. Msp Danza Piemonte si inventa e si reinventa cercando sempre strade nuove per realizzare momenti in cui si può creare la magia della danza!

40

Sito web: mspitalia.it/piemonte


ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI

MSP Campania, rinnoviamo lo sport Sempre più consolidato il legame tra il Comitato Regionale e il mondo della scuola, per promuovere i veri valori dello sport

M

SP Campania con il supporto di tecnici qualificati e con specifiche competenze ha iniziato a realizzare presso le scuole del territorio del noto Quartiere Vomero di Napoli un progetto educativo e socializzante che prevede un rinnovamento delle discipline motorie e sportive proposte dalle scuole, integrandole con due discipline innovative e di grande fascino per gli alunni della scuola primaria come il Mini Tennis e la Danza Aerea. Il Corso di danza aerea è rivolto a tutti. Le lezioni prevedono una parte tecnica dedicata alla danza, rivisitata nei suoi molteplici aspetti, ed una parte finalizzata al miglioramento dello schema corporeo e delle capacità motorie dei partecipanti, dedicata al lavoro sulla percezione e sulla consapevolezza del proprio corpo, sulla teatralità e sulla musicalità. Obiettivo finale è la creazione di performance individuali e collettive tenendo sempre presente le caratteristiche fisiche ed artistiche dei singoli partecipanti, che diano visibilità sociale al progetto educativo e trovino seguito nella partecipazione attiva dei genitori. L’iniziativa presuppone un diverso ap-

proccio alla danza, che presenta i suoi contenuti innovativi nella sperimentazione di nuove modalità di apprendimento e la scoperta di posizioni ed attitudini del corpo nello spazio che favoriscono una migliore presa di coscienza del proprio schema corporeo ed il superamento di remore e condizionamenti psicologici e la strutturazione della personalità. Il minitennis attraverso l’adozione di mezzi didattici a misura dei bambini si sviluppa attraverso un percorso che fin dalle prime lezioni sia conforme al principio della multilateralità. Tale principio sostiene che tecnica, tattica, aspetti fisici e psicologici del piccolo tennista devono essere sviluppati simultaneamente. Ciò è possibile però solo attraverso un’attenta scelta in termini di pianificazione, mezzi didattici e metodologie utilizzate. La soddisfazione delle esigenze dei bambini che sono alla ricerca continua di nuove esperienze, si realizza nella continua variazione delle proposte stimolo che aumentano le loro motivazioni e facilitano le capacità di apprendimento. I continui cambiamenti delle esercitazioni hanno anche lo scopo di far sperimentare esperienze motorie diverse, ampliando quindi il bagaglio motorio dei partecipanti, ed offrendo esperienze di crescita sociale trasferibili

in tutti gli ambiti sportivi. MSP Napoli ha aderito in partnership con 5 istituzioni Scolastiche e la Municipalità 5 del Comune di Napoli al bando regionale che prevede percorsi che favoriscano l’inserimento attivo a scuola degli alunni con bisogni educativi speciali (BES), con disturbi specifici dell'apprendimento (D.S.A.) e con altri disturbi come quello da deficit dell’attenzione e iperattività (A.D.H.D.) attraverso attività dirette alle ragazze e ai ragazzi, alle loro famiglie ed ai docenti, con l’obiettivo di sostenere la creazione di reti di scuole che operino per il superamento e la rimozione di tutti gli ostacoli di apprendimento e di partecipazione. L’attività motoria e sportiva rappresenta uno strumento sociale attivo di inclusione e partecipazione anche delle famiglie di appartenenza, con la realizzazione di moduli formativi e diffusione di didattiche di base ed innovative incentrate sull’inclusione degli alunni. I percorsi avranno durata biennale e sono orientati alla riduzione degli abbandoni scolastici precoci ed al conseguente aumento del tasso di scolarizzazione. Sito web: www.mspcampania.it 41


ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI

MSP Marche vicino ai cittadini

C

Polisportiva Antroposport e il Comitato Regionale in collaborazione nei luoghi colpiti dal sisma osì a più di due anni dalla prima devastante scossa del 24 Agosto 2016, il Festival dei due Parchi con la collaborazione della Polisportiva Antroposport, affiliata al MSP Marche, è tornata sui luoghi del sisma, quei luoghi da cui ha mosso i suoi primi passi e che sono sempre rimasti scenario privilegiato e d'elezione dei suoi innumerevoli eventi. Ma il sogno della rinascita impedisce l'abbandono all'impotenza. Il trauma se certamente non può essere cancellato, può comunque essere«cavalcato», domato, trasformato in atti vitali e creativo-artistici. I lunghi giorni di paura e di dolore, “galoppano come cavalli”; come quei cavalli che a breve distanza dal sisma sono tornati a scorrazzare allo stato brado sulle Piane del Castelluccio, sulle alture dei prati, del Vettore e dei Monti della Laga. È grazie forse aver cavalcato i traumi in groppa ai cavalli che ci ha portato a Tallacano, sulla Piana di Castelluccio, ad Arquata del Tronto, sull’Ascensione, e di nuovo qui

a Civitella del Tronto, a ripulire i sentieri. Quei sentieri che hanno percorso in molti, e soprattutto gli audaci del Festival dei due Parchi, che sono sempre presenti. La Corsa e Camminata fa parte dei Sentieri Creativi dello Sport del Festival dei due Parchi, ad esso aderiscono numerosi atleti ed escursionisti provenienti da ogni Regione d' Italia e dall’estero. Il Festival dei due Parchi gode già, tra gli altri, del patrocinio delle Regioni Marche, Abruzzo e Umbria, degli Enti dei due Parchi Nazionali dei Sibillini e del Gran Sasso e Monti della Laga e del CONI Regionale. Sempre in collaborazione con la Polisportiva Antrosport, ci piace ricordare anche l’attività svolta con i bambini sempre nei luoghi colpiti dal sisma, un modo per avvicinare e far tornare alla normalità la cittadinanza attraverso il grande valore che trasmette lo sport.

Sito web: mspitalia.it/marche 42


ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI

MSP Emilia Romagna, sport & turismo

Tante attività si sono svolte in estate nella riviera romagnola. Numeri del padel in crescita. Rinnovata la collaborazione regionale con Decathlon

C

ertamente la vocazione turistica della riviera romagnola, la sua spiaggia, il suo mare, la grande affluenza di turisti, ha contribuito a fare si che le attività sportive non si interrompessero durante il periodo estivo. E cosi è stato per il nostro comitato regionale e per i comitati provinciali. Le attività, come ovvio, si sono incentrate nella zona centrale della riviera: la spiaggia. Beach Tennis in particolare, ma anche Beach volley e Beach soccer hanno avuto una grande partecipazione di atleti. Particolare rilevanza il torneo “Rimini Tennis On The Beach No alla Violenza sulle Donne” che oltre alla competizione sportiva ha avuto riscontro nella solidarietà verso le donne contro gli atteggiamenti aggressivi e violenti. Già si pensa alla nuova edizione per la Estate 2019. Tornei vari si sono poi svolti nelle diverse località e sempre con grande successo. Da evidenziare il torneo Onde Beach svolto a Rimini che ha avuto la collaborazione di Decathlon Savignano, Mondo Viaggi di Pesaro, L’Angolo della Piada di Riccione, che hanno offerto i premi per tutti i partecipanti. Si sono svolti poi tre CAMP: il Rimini Summer Camp di Basket riservato agli under 14 dove in tre turni settimanali si sono susseguite lezioni per giovani atleti sotto la guida di Maurzio Ferri ex giocatore professionista; il Valbonella Camp e Aquilotti Camp di calcio per bambini under 14. Archiviata la stagione Estate 2018 siamo in fase di programmazione delle attività per l’anno sportivo 2018/19. In avanzata fase il terzo campionato regionale di Padel Amatoriale, inserito nell’ambito della Coppa dei Club del Msp Italia. Dopo la prima edizione dove hanno partecipato 4 squadre e una seconda edizione con 12 squadre, questa terza edizione vedrà la partecipazione di 24 squadre. Un successo per il nostro movimento sportivo dovuto all’organizzazione ( qui è doveroso ringraziare pubblicamente Mauro Zanzi in qualità di responsabile Regionale MSP Padel che con la sua passione, competenza ed esperienza ha saputo promuovere questo sport emergente e Mauro Dotti che con compiti di segreteria organizzativa ha coinvolto i club) ma soprattutto per la grande diffusione di questo sport nell’intera regione. Per questo motivo oltre al Campionato si organizzerà in parallelo un Circuito Padel, con master Finale. Ma non c’è solo il Padel: in programmazione c’è un Campionato e un Circuito di Beach tennis; un torneo regionale di scherma under 16; campionati di calcio, maschili e femminile a 5/7 in calendario per Gennaio. Stiamo valutando, e qui chiediamo la collaborazione del Msp Italia e di tutti i suoi comitati regionali, provinciali, la possibilità di organizzare il campionato nazionale a coppie Maschili, Femminili e Misto, durante il MSP Day di giugno 2019 che si svolgerà come di consueto a Rimini. Sotto l’aspetto della collaborazione sportiva è da sottolineare la firma dell’intesa con Decathlon Savignano che seguirà le nostre attività anche per questo anno. Insomma tanta “roba” in cantiere che dimostrano quanto sia in crescita il MSP Italia nella nostra regione. Pagina Facebook: https://it-it.facebook.com/pg/MOVIMENTO-SPORTIVO-POPOLARE -ITALIA-COMITATO-REGIONALE-EMILIA-ROMAGNA 43


ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI

MSP Ferrara, grandi progressi Il nostro Comitato icona del Nordic Walking. Crescono anche le altre attività, dalla formazione degli istruttori di ginnastica ritmica agli eventi di danza fino al corretto uso del defibrillatore

L

'Estate non ha rallentato le attività sportive del Comitato di Ferrara. Le associazioni sportive affiliate a questo Ente hanno continuato a proporre durante i mesi estivi attività sportive a 360 gradi passando da stage di danza tenuti nel mese di giugno dalla ASD Akemi Dance Center a campus sportivi tenuti dalle Polisportive Magnavacca e Laghese, ai corsi nuoto per bambini dalla ASD Muovidea e Delta Nuoto, ai percorsi Nordi Walking concludendo con l'ultimo grande evento molto partecipato (oltre ottanta persone), realizzato grazie alla collaborazione attiva della APS Noi che ci crediamo ancora, la ASD Dimensione Nordi c l'istruttore Marco Corsi e la palestra Be Active.MSP Ferrara è divenuto un’icona del nordic del Delta del Po con le proprie passeggiate ha fatto riscoprire le bellezze naturalistiche del Delta dalle saline alle valli al Lago salato. Sono continuate le attività formative in collaborazione con MSP Italia sezione ginnastica ritmica ed ad Ottobre si è tenuta la prima parte del corso per istruttori di ginnastica

cente formatrice Daniela Convalle. Prossimo appuntamento formativo il prossimo 24 e 25 novembre con il corso di aggiornamento per insegnanti di danza classica docente Valentina Poggi te Teaching Certificate, dalla Royal Academy of Dance già docente dell’I.D.A Ballet Academy di Ravenna. Di notevole rilievo sono stati gli innumerevoli corsi di formazione tenutesi dall'inizio dell'anno per l'utilizzo del D.A.E. Il decreto Balduzzi del 13 settembre 2012 convertito in legge l'8 novembre 2012 n. 189, ob-

vre da eseguirsi in caso di ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo. Il Corso permette anche di apprendere conoscenze e abilità relative all'utilizzo del defibrillatore semiautomatico. MSP Ferrara ritiene che sia di fondamentale importanza istruire tutti gli istruttori sportivi all'utilizzo del DAE e renderli consci dell'importanza delle tempestività all'insorgere di un'emergenza sanitaria grave. La formazione e la conoscenza a 360 gradi degli addetti ai lavori in ambito sportivo sono le fondamenta pro-

bliga tutte le associazioni e società sportive a dotarsi di un defibrillatore e a formare adeguatamente tutto il personale (tecnici, istruttori, allenatori) che operano all'interno del

ritmica tenuto dalla docente Chiara Dolfini con la regia di Maria Francesca Bernardis Fiorellini; partito anche il Corso di formazione per istruttori di Pilates tenuto dalla do-

centro sportivo. L’obiettivo di tali corsi è far apprendere ai partecipanti la sequenza di rianimazione di base nell'adulto e nel bambino in arresto respiratorio e/o cardiaco e le mano-

fessionalizzanti delle nostre associazioni che oltre a promuovere lo sport rappresentano per tutto il territorio un punto di aggregazione sociale e culturale. Da ultimo e non per questo di minore importanza il prossimo 26 gennaio 2019 questo Comitato organizzerà in collaborazione con lo Studio Mattonai, nella persona del Dottor Luca Mattonai e della dottoressa Lucchini Lisa ,un seminario fiscale e di coaching sportivo. In ultimo, in programma anche la IV edizione dell’Hip Pop Day che si terrà il prossimo 20 gennaio come anche il campus invernale di danza Beat Danza 2K18 che si terrà a dicembre 14/15/16 a Comacchio (FE) realizzato in collaborazione con la ASD Akemi Dance Center.

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/MSP-Ferrara 44


ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI

MSP Cosenza, crescita continua Il Comitato Provinciale molto attivo nei primi mesi della stagione nell’attività formativa, nel campo del fitness e della danza

I

l Comitato Provinciale MSP Cosenza si è distinto in questi primi mesi di attività dopo la fine dell’estate con la formazione, da sempre caposaldo del nostro Ente di Promozione Sportiva, sempre pronto ad offrire qualità, professionalità e competenza del proprio corpo docenti. Si sono svolti da settembre a novembre diversi Corsi di Formazione. Partiamo dal Corso per Istruttori di Body Building 1° livello svolto a Rose (CS) con la docenza di Angelo Parcaro, per continuare al Corso per Insegnanti di Danza calendarizzato a Castrolibero e Corigliano Rossano (Docente Clelia Santulli) fino ai corsi per Istruttori di Ginnastica Metodo Pilates (Docente Marcella Calabrese) a Castrolibero, di Funzionale a Lamezia Terme (Docente Stefano Chies). Ai Corsi, svolti in sede ufficiali per i corsi formativi, hanno partecipato i Docenti del Centro di Qualificazione Nazionale MSP Italia, il Centro di Formazione del nostro Ente. La risposta dei corsisti è stata grandiosa, visto che nei cinque corsi di formazione hanno partecipato in totale 66 aspiranti insegnanti e istruttori. Sito web: www.mspcosenza.com 45


ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI

MSP Valle d’Aosta, 2018 anno di formazione

Il Comitato ha diplomato nuovi Istruttori di wellness trainer e continuerà il lavoro di formazione verso le proprie associazioni affiliate

I

l 2018 è stato per il Comitato MSP Valle d’Aosta un anno di ripartenza. Al fianco delle associazioni sportive, il Comitato si è attivato in particolare nel ramo della formazione, con l’organizzazione del Corso per wellness trainer e il rilascio di diplomi MSP Italia. Alla luce delle nuove disposizioni Coni in materia non solo di attività sportiva ma anche formativa e di attestati degli Istruttori, MSP Valle d’Aosta si sta quindi adeguando ai nuovi dettami e la formazione rivestirà sempre un ruolo primario per il Comitato. Pagina Facebook: https://www.facebook.com/MSP-Valle-dAosta

MSP Bari, Convegno Wellness Marketing per le associazioni affiliate

G

Dal Registro Coni 2.0 fino alle Circolari delle Agenzie delle Entrate e alla fatturazione elettronica, in collaborazione con il CQN saranno trattati diversi argomenti per ASD/SSD rande entusiasmo e voglia di fare per MSP Bari. Il Comitato Provinciale si sta attivando da diversi mesi e dopo aver affiliato già decine di centri sportivi, ha iniziato a promuovere la propria attività formativa con ad esempio i Corsi sull’educazione alimentare e il fitness. Fiore all’occhiello di questa attività di promozione in terra barese sarà il Convegno Wellness Marketing che si svolgerà il 25 novembre, con l’illustrazione delle tematiche che più stanno a cuore al mondo dell’associazionismo sportivo. Con la collaborazione del Centro di Qualificazione Nazionale MSP Italia, infatti saranno trattati i seguenti argomenti: Registro Coni 2.0, Circolari Agenzia delle Entrate 2018, Legge Finanziaria 2018, fatturazione elettronica, requisiti minimi per il riconoscimento da parte delle federazioni sportive e i requisiti per le agevolazioni fiscali. Sito web: http://mspitalia.it/puglia/ 46


ATTIVITA’ COMITATI REGIONALI-PROVINCIALI

Barocca Estetic, un successo! All’evento organizzato da MSP Umbria e MSP Perugia presso l’Auditorium di Foligno hanno partecipato atleti da tutta Italia e oltre 400 spettatori

S

i è svolta domenica 28 ottobre la Barocca Estetic, gara estetica di natural body building organizzata da MSP Umbria e MSP Perugia presso l’Auditorium di Foligno. Oltre 400 persone hanno riempito la sala per un evento storico nella città, visto che è stata la prima gara estetica proposta a Foligno, Città Europea dello Sport 2018, riconoscimento dato da ACES Europe. La manifestazione ha goduto del patrocinio e del supporto del Comune di Foligno e si è tenuta come dicevamo in una suggestiva location, situata in largo Federico Frezzi, che rievoca appunto l’epoca Barocca. All’evento hanno partecipato atleti da tutta Italia in categorie estetiche Bikini Fitness e Man Phisique. Lo scopo della gara è stato quello di inviare un messaggio sano e di accoglienza sportiva a tutti i ragazzi che praticano questa disciplina.

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/mspumbriacalcio/ 47


ATTIVITA’ SETTORI MSP ITALIA

Danza MSP, promozione a 360° Con il coordinamento interregionale del Sud Italia, in programma tanta attività formativa ed eventi di rilievo che coinvolgono le molte associazioni affiliate

R

iparte di slancio il Settore Danza MSP Italia, affiancato dal Coordinamento Interregionale del Sud Italia. Tante sono le attività sportive e formative promosse in questi ultimi mesi, per dare forza al progetto MSP in tutte le province d’Italia. Iniziamo dagli eventi in programmazione. Entro fine anno due manifestazioni di grande spessore saranno lo Show

Your Dance il 25 novembre al Teatro Magic Vision di Napoli e il Trofeo Vesuvio del prossimo 2 dicembre, presso il Palazzetto dello Sport Villaricca. Il 2019 si aprirà invece con il Campionato interregionale che si terrà il 31 marzo. Il reparto della formazione occupa un posto di rilievo nelle attività del Settore. Formazione in tutte le discipline sportive, aggiornamento di danza per istruttori e maestri e vari stage su danze latine, caraibiche, classica, moderna e contemporanea, hip pop, formazione di giudici di gara sono la testimonianza di quanto MSP stia offrendo un servizio a 360° per rispondere a tutte le esigenze del mondo dell’associazionismo. A questo scopo, citiamo anche i convegni per consulenza fiscale e legale, un tema molto sensibile in questo periodo di forti cambiamenti sia a livello CONI che legislativi e

Responsabile Nazionale di Settore: Salvatore Pucci 48

i corsi BLSD per il corretto uso del defibrillatore. Un lavoro di promozione sportiva

che sta dando già risultati molto soddisfacenti, con l’obiettivo di migliorarsi ulteriormente con l’inizio del nuovo anno.


ATTIVITA’ SETTORI MSP ITALIA

MSP Ciclismo: programmazione anno 2019!

Il nostro Ente ormai leader degli eventi nel panorama bikepacking italiano e punto di riferimento per gli amanti cicloviaggiatori

F

inita la stagione, ottima sotto tutti i profili, si è già iniziato a fare programmi per il 2019. Siamo partiti nel 2017 con 5 Trail, eventi di Bikepacking ormai timbro di fabbrica MS, per arrivare al 2019 con bel 13 eventi a programma e probabilmente non finirà qui. Abbiamo pubblicato in anteprima il nuovo calendario sui social edal giorno dopo siamo stati subito contattati da altri organizzatori per chiederci come poter entrare a far parte della grande famiglia MSP. Stiamo pertanto concludendo gli ultimi accordi per ridefinire il calendario. Per ora possiamo evidenziare oltre ai Trail ormai diventati “classici”, la novità del Trentino Bike Trail, prima edizione e primo evento bikepacking nella provincia trentina che vedrà attraversare il percorso tra le meravigliose Dolomiti e toccare il Lago di Garda, poi abbiamo il Lessinia Wolf Loop in Veneto, non nuovo tra i Trail ma dal prossimo anno targato MSP e il piemontese 150 S-Smile anche già noto e questo new-entry in MSP. Solo il meglio da MSP, ente leader ed incontrastato nel panorama bikepacking italiano, diventato ormai il punto di riferimento per gli amanti cicloviaggiatori.

Responsabile Nazionale di Settore: Rocco Filidoro 49


ATTIVITA’ SETTORI MSP ITALIA

Festival dell’Oriente, la prima volta del Grand Prix internazionale di Yoseikan Budo Il Settore ha partecipato alla manifestazione svolta a Carrarafiere nella cornice del Festival dell’Oriente

C

ento ottantacinque atleti in gara in rappresentanza di Paesi europei e africani hanno dato vita al primo Grand Prix internazionale, disputato a Carrarafiere nella cornice del Festival dell’Oriente. Alla kermesse internazionale, che ha visto la partecipazione straordinaria di Mitchi e Kyoshi Mochizuki, il CEO Ernst Escher e del presidente della World Yoseikan Federation, Martin Kurth, e rappresentanti provenienti da varie nazioni, si è aggiunto il campionato giovanile delle categorie under 12, 16 e 18, e la prova a squadre di Emono. La competizione di Yoseikan Budo, svolta sotto la regia del presidente

50

arbitri WYF di Christian Malpaga, è stata disputata su quattro tatami, in una cornice di pubblico delle grandi occasioni, a corollario di un grandissimo, unico e formidabile vetrina della arti marziali, e un salone dedicato al mondo orientale a tutti i suoi aspetti tradizionali e moderni. Mostre fotografiche, bazar, stand commerciali, gastronomia tipica, cerimonie tradizionali, spettacoli, medicine naturali, concerti, danze e, soprattutto arti marziali e sport da ring, si sono alternati nelle numerose aree tematiche dedicate ai vari paesi in un continuo ed avvincente susseguirsi di show, incontri, seminari ed esibizioni. E lo Yoseikan Budo si è perfettamente integrato nel mondo polimorfo delle discipli-

ne sportive ispirate alle arti marziali nipponiche, presenti al Festival. Ottima, come sempre, l’organizzazione dell’assetto sportivo dello Yoseikan Budo, che vanta uno staff affiatato e una avanzata tecnologia. Alla disputa delle gare, che hanno impegnato arbitri e atleti per oltre 15 ore, hanno presenziato anche alcuni pionieri dello Yoseikan Budo italiano anche ex campioni iridati: Roman Patuzzi, William Nicolò e Valentino Straser. Per passare alle competizioni, è stata la “linea verde” a porsi in evidenza per entusiasmo, preparazione e fair play. Porta il segno positivo anche la prestazione degli atleti della nazionale italiana “bianco-blu” che hanno conquistato podi e successi in molte categorie maschili e femminili.


ATTIVITA’ SETTORI MSP ITALIA

Sport rotellistici, applausi da tutto il mondo! Sempre più associazioni sposano il progetto MSP, formato sia da attività sportiva che formativa, come dimostra il primo Corso per ufficiali di gara

I

l campionato R. D. Bettinelli ha raggiunto quest’anno 10 fasi coinvolgendo atleti da tutta Italia e sede in 4 regioni: Veneto, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Emilia Romagna. Si concluderà a Sedico in provincia di Belluno il 24 e 25 novembre con l’assegnazione dell’ambito trofeo. Tanti atleti in gara e sempre più Associazioni sportive che sposano il format e scelgono MSP Italia perché la chiave di tanto

successo è la vera attività di promozione sportiva, dove ogni atleta può trovare la giusta dimensione il giusto posto. Proprio come recita lo slogan “uno sport per ognuno”. Da pochi giorni si è concluso l’“International Venice Skate Trophy” memorial Nicoletta Laurora. Il trofeo Internazionale di MSP Italia di pattinaggio artistico a rotelle che, dal 31 ottobre al 4 novembre, per il secondo anno, è stato assegnato alla città di Marcon. Cinque giorni di Pattinaggio, sport, formazione e tanto, tanto divertimento. Come tantissimi atleti italiani in gara, oltre 600, e moltissime società estere: Estonia, Belgio, Bangladesh, Stati Uniti d’America, Croazia, Spagna, a conferma che anche all’estero il format MSP Italia è un vero successo! E per finire, il giorno 11 novembre si è tenuto il primo corso MSP Italia Ufficiali di gara primo livello pattinaggio artistico a rotelle; corso nato dall’esigenza di poter avere dei giudici formati esclusivamente per regolamento MSP Italia e per fornire alle nostre competizioni la massima professionalità di valutazione. Responsabile Nazionale di Settore: Dario Scarpa 51


ATTIVITA’ SETTORI MSP ITALIA

SCI? Presenti!

Convegni sugli Sci 2019… Sestriere e Cervinia le mete! Conto alla rovescia iniziato… tutti presenti per i Convegni Scientifici sulla neve per i soci Sci Promotion, Associazione Italiana Professori educazione fisica sciatori, guidata dal Presidente Guido Bovolo. Settimane ‘bianche’ sugli sci autorizzate dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca con possibilità di esonero dall’insegnamento, nella settimana di convegno, per docenti di Scuola Primaria e Secondaria di 1° e 2° grado e Dirigenti scolastici. Iniziativa formativa accreditata e presente su piattaforma S.O.F.I.A. _ Ministero dell’Istruzione per la formazione del personale docente. Per l’inverno 2018-2019 due grandi ritorni che non stancano mai! Le mete in programma: • Dal 23 febbraio al 2 marzo 2019 _ Hotel Sertorelli ****s Cervinia (Aosta) • Dal 9 marzo al 16 marzo 2019 _ Hotel Principi di Piemonte ***** Sestriere (Torino) Presenti? Responsabile Nazionale di Settore: Guido Bovolo – Beatrice Bovolo

MammaFit, per stare sempre in forma! Attività no stop: corsi di formazione in Lombardia, programmi di allenamento all’avanguardia e la vacanza invernale con la settimana di Carnevale nel 2019

L

’Associazione MammaFit, dopo le vacanze estive sul litorale di Rimini, non si ferma neanche durante la stagione più fredda dell’anno. Lo staff ha infatti programmato i corsi di formazione a Roma e Milano per stare vicino alle mamme e permettere loro di allenarsi insieme ai propri piccoli. Accanto ai corsi, sempre presenti gli allenamenti coadiuvati da uno staff specializzato e altamente qualificato, come ad esempio il programma di allenamento HIT: tra i più popolari del momento, è composto da esercizi ad alta intensità seguiti da esercizi di bassa intensità che favoriscono il recupero muscolare. E' un allenamento intenso, breve e di ottima efficacia. MammaFit inoltre pensa anche alle vacanze invernali: a riguardo, l’associazione propone la settimana di carnevale dal 3 al 10 Marzo 2019 presso Marilleva TH Resorts. Per info: www. mammaf.it Responsabili Nazionali di Settore: Elaine Barbosa – Monica Taranto

52


ATTIVITA’ SETTORI MSP ITALIA

Anche l’Italia al meeting internazionale a Philadelphia Rock Steady Boxing Como Lake vola negli USA per la 1° conferenza internazionale dedicata ai coach di boxe senza contatto contro il Parkinson Si è concluso a Philadelphia lo scorso 7 settembre la 1a Coach – Con Rock Steady Boxing : un momento di incontro e aggiornamento destinato ai coach accreditati Rock Steady Boxing provenienti da tutto il mondo. E’ la prima volta che la casa madre americana, che dal 2006 promuove uno speciale programma di boxe senza contatto contro il Parkinson, organizza un meeting internazionale. L’obiettivo? Incontrare tutti i coach: quelli formati ad Indianapolis, sede centrale del programma, ma anche i ‘nuovi coach’ online, entrati in contatto con una delle 685 palestre al mondo e poi formati attraverso un esclusivo e completo webinair online. A rappresentare l’Italia - e l’Europa insieme ai colleghi norvegesi - Tiberio Roda e Paola Roncareggi fondatori di Rock Steady Boxing Como Lake, prima realtà europea che dal 2015 aiuta i malati di Parkinson a vivere meglio grazie a un esercizio fisico intenso e regolare, praticato seguendo il protocollo americano. ‘E’ stato emozionate conoscere di persona Rasheda Ali’ – dichiara Tiberio Roda. La figlia di Mohammed Ali, Rasheda Ali, ha infatti aperto il convegno con una testimonianza molto toccante, ricordando la forza e la determinazione del padre, da molti considerato il più grande campione di boxe di tutti i tempi. ‘Avrei tanto voluto conoscere Cassius Clay di persona’ confessa Roda ‘purtroppo non c’è stata l’occasione, ma percepire la sua fermezza anche da malato, grazie ai racconti della figlia, è stato di grande ispirazione per tutti noi’. I tre giorni di aggiornamento, formazione e confronto hanno visto susseguirsi sul palco molti ospiti, coach, motivatori e personaggi di spicco. Paola Roncareggi racconta l’incontro con Alan Kahn, autore del libro ‘The Speed Bag Bible’ (La bibbia della pera veloce): ‘Un personaggio carismatico e al tempo stesso molto tranquillo, autore di libri sulla boxe, psicologo e da qualche anno coach Rock Steady. Vederlo alle prese con la pera veloce è stato incredibile. Una rapidità, un ritmo e una creatività contagiosa che ci hanno spinto ad approfondire questa tecnica: non vediamo l’ora di insegnarla anche ai nostri pugili’. Il corso si è concluso con una spettacolare corsa fino alla scalinata di Philadelphia, resa celebre dal mito cinematografico di Rocky Balboa. Tutti i 255 coach presenti sono saliti insieme sulla scalinata più famosa al mondo, per simboleggiare quanto sia importante lottare per i propri ideali, e non arrendersi mai. Già programmato per sabato17 e domenica 18 novembre il prossimo corso assistenti e volontari Rock Steady Boxing con l’obiettivo di formare nuovi coach che possano diffondere il metodo nei loro territori. Ad oggi i coach accreditati in Italia sono dieci: Tiberio Roda, Paola Roncareggi, Luca Menghini, Massimo Buonanno, Leonard Bundu, Cristina Casati, Gianfranco Tallarico, Dino De Grazia, Emmanuele Carbone e Christian Pallone. https://rocksteadyboxing.org/ Per info su RSB Como Lake: https://swite.com/rocksteadyboxingcomolakeitaly] Responsabile Nazionale di Settore: Tiberio Roda

53


ATTIVITA’ SETTORI MSP ITALIA

Contatti internazionali per le arti marziali cinesi MSP Importanti incontri per il Settore in Cina, dove sono state definite preziose collaborazioni per il futuro

I

l membro del nostro coordinamento Arti Marziali del MSP Walter Lorini è tornato dalla Cina con grandi novità. Dopo un viaggio di 5000 km sono stati presi importanti accordi per portare in italia nella prossima stagione i migliori tecnici. La prima tappa era a Denfeng dove il maestro Lorini ha incontrato uno dei più famosi monaci del monastero che gli ha presentato la sua scuola che conta ben 35.000 studenti Shaolin, praticamente una città. Accordi firmati e veloce trasferimento a Pechino dove incontrava i responsabili di due delle più famose realtà degli sport da combattimento cinesi per sviluppare il settore Sanda: il Presidente della Kunlun Fighting e quello della City Fighting e anche qui grandi accoglienze e firme dei protocolli di intesa per future collaborazioni nell’ambito degli sport da ring. Continuando nel suo viaggio il Maestro Lorini incontrava i docenti e il rettore dell’Università di Tianjin, già docenti del corso docenti dello scorso anno che hanno presentato la loro nuovissima struttura con ben cinque sale di allenamento, ognuna di 1000 mq . Dopo un piccolo trasferimento si arriva alla Beijing Sport University dove in programma c’era un incontro con il M° Wudong vecchia conoscenza di molti maestri italiani. Il simpaticissimo Maestro si rendeva subito disponibile per eventuali stage in Italia di stili tradizionali e interni di cui il Ba Gua Zhang. Il viaggio finiva a Shanghai dove nella locale Università si definiva l’arrivo a Gennaio di una delegazione di professori tra i quali il M° Cao Wei Min pioniere del wushu in Italia , il campione del mondo di Sanda ora coach delle squadre di Shanghai il M° Xiao Xiao Bang e la Professoressa Liu Jing che arriveranno dal 18 al 29 Gennaio in Italia per una serie di seminari tecnici in tutta Italia, da Merate a Milano fino a Roma, Frosinone e Catanzaro. La stagione poi continuerà con appuntamenti formativi e sportivi ogni mese con gare dal nord al sud per finire a Giugno a Rimini con il classico appuntamento dell’MSP Day.

Responsabile Nazionale di Settore: Walter Lorini

54


ATTIVITA’ SETTORI MSP ITALIA

Ginnastica ritmica MSP Italia, un percorso concreto Avviati percorsi formativi in tutta Italia: il prossimo corso partirà a Ferrara L’anno sportivo è appena iniziato e già si prospetta ricco di iniziative e voglia di fare. Lo staff della ginnastica ritmica ha già gettato le fondamenta per avviare percorsi formativi in tutta Italia, al fine di conoscere altre realtà regionali e concretizzare quelle già esistenti. Accompagnate da Maria Francesca Fiorellini Bernardis, responsabile nazionale del settore ginnastica, le ragazze della ritmica non hanno mai spento i motori e dal mese di settembre hanno iniziato a lavorare attivamente per incentivare il coinvolgimento nella formazione tecnica e di giuria da parte di tutte le società presenti sul territorio nazionale. Le responsabili sono convinte che la formazione debba essere continua: “La ginnastica ritmica, come tutto lo sport in generale, a livello promozionale ha bisogno di un percorso didattico ben sviluppato e di una particolare attenzione al metodo e all’utente, che nel nostro caso sono soprattutto le bambine dei corsi base”. Queste le parole di Chiara Dolfini, responsabile dei tecnici e formatrice MSP Italia. Chiara sottolinea come la missione sia quella di stimolare la curiosità dei nuovi tecnici e renderli consapevoli del duro lavoro: “Gli aspiranti tecnici hanno bisogno di basi pratiche e conoscenze solide”. Anche la formazione di giuria è altrettanto importante per un tecnico di ginnastica ritmica. Senza il corpo giudicante, le gare non potrebbero essere organizzate. “Un bravo tecnico non può prescindere dalla conoscenza e dalla stessa competenza di un giudice”, afferma Chiara Trivellini, responsabile di giuria. Sin dall’apertura del settore, il corso ha apposto le sue radici nel Lazio vantando sempre moltissime adesioni; quest’anno il corso è stato inaugurato, oltre che nel Lazio, anche in Sardegna. “Ho trovato un bel gruppo, motivato e interessato. Davvero un buon inizio”, conclude Chiara Trivellini. Ma la Sardegna non è l’unica nuova regione coinvolta nella

formazione. Il comitato provinciale di Ferrara, infatti, ha accolto le richieste di tecnici e aspiranti, avviando un percorso formativo anche in Emilia Romagna. “Il corso organizzato a Ferrara prevedrà, come sempre, una parte teorica e un’intera giornata dedicata alla pratica. In quest’ultima lezione stimoleremo gli aspiranti tecnici ad un lavoro propositivo e di attenzione. Tra le tante attività, insegneremo loro le giuste tecniche di base degli attrezzi, nonché la corretta assistenza alle acrobatiche, affinché in palestra riescano a lavorare in sicurezza con le proprie ginnaste”, ci dice la responsabile nazionale. Francesca Fiorellini spiega che l’obbiettivo è quello di divulgare una metodologia di insegnamento che rispetti l’età e le possibilità fisiche delle ginnaste. E’ risaputo che la ritmica prevede l’esecuzione di elementi di grande flessibilità, ed è purtroppo un pensiero comune credere che sia necessario attuare pratiche eccessive di scioltezza sulle ginnaste per raggiungere la perfezione esecutiva. “Noi ci occupiamo di promozione, dove più che le massime ampiezze si ricerca la pulizia, l’espressione corporea, la coordinazione e il dinamismo. Per questo il corso che svolgeremo sarà di approccio alle varie modalità di allenamento diretto a ginnaste più e meno esperte”, ci fa sapere Chiara Dolfini. A conclusione di questi primi mesi frenetici e ricchi di attività, il settore ritmica ha organizzato anche quest’anno la fase nazionale del campionato di squadra che si terrà ad Ascoli Piceno. Questa bellissima competizione vedrà scendere in pedana tante bambine nel weekend dell’8 e 9 dicembre. Sempre più regioni si affacciano al settore ritmica MSP Italia e tra le regioni partecipanti troviamo come sempre il Lazio, la Sardegna, la Puglia, ma anche l’Emilia Romagna, le Marche e l’Abruzzo. Il lavoro è ancora lungo ma le ragazze della ritmica sono davvero sulla buona strada!

Responsabile Nazionale di Settore: Maria Francesca Fiorellini Bernardis 55


CORSI DI FORMAZIONE

CQN, formazione d’elite Il Centro di Formazione MSP Italia al passo con i tempi per offrire un corpo docenti sempre più specializzato in tutta Italia. Ecco i corsi in programma

I

l Centro di Qualificazione Nazionale MSP Italia continua senza sosta il suo lavoro di formazione di tecnici ed istruttori qualificati in tutto il Paese. In virtù delle nuove direttive Coni, il CQN non si fa trovare impreparato offrendo assistenza e soprattutto preparazione ai massimi livelli per formare i futuri Istruttori, nella completezza delle conoscenze a loro necessarie per svolgere questa attività nei centri sportivi. Passiamo quindi in rassegna tutti i Corsi di formazione svolti finora: Functional Coach a Perugia e Terracina, Posing Estetico a Foligno, Personal Trainer diplomati a Bari ed educazione alimentare nello sport sempre nella città pugliese, idrochinesi ginnastiche rieducative in acqua, tecnico in natural Body Building, Ginnastica metodo pilates Mat work. Andiamo ora ai corsi in programma fino alla fine del 2018: 2° livello Body

Building in Lombardia a Limbiate a fine novembre, il 1° livello di Body Building nella prima metà di dicembre, Corso Istruttore Fit Boxe Corso per Istruttore FiBoxe (tipologia di allenamento musicale Total Body basata sulle tecniche degli sport da combattimento, arti marziali e boxe in particolare) l’1 e 2 dicembre a Perugia e quattro date a dicembre per il conseguimento del diploma nel settore Fitness ed istruttore di sala. Una formazione d’eccellenza che ricomincerà con l’anno nuovo sempre in prima fila per formare ed aggiornare un corpo docenti sempre più specializzato. Per info: info@ mspcorsi.it

Per informazioni: info@mspcorsi.it - Pagina Facebook: https://www.facebook.com/MspCorsi/ 56


LE RUBRICHE - La nostra storia... dagli LE NOVITA’ anni ‘60

Caramazza: “Crescita ed orgoglio in oltre 30 anni di MSP Italia” Il Presidente del MSP Sicilia ricorda con noi la sua storia di oltre 30 anni nel nostro Ente, come la Notte dei Campioni in diretta su Rai 1 nei primi Anni Duemila

I

l tempo si muove in una direzione, i ricordi in un’altra. Gli oltre trenta anni che legano il Presidente MSP Sicilia Giuseppe Caramazza al MSP Italia sono costituiti infatti da una serie di ricordi intangibili e che varcano ogni soglia del tempo. Con la soddisfazione di aver ottenuto grandi risultati, grazie all’impegno e alla dedizione di chi ha messo in primo piano la promozione sportiva. Come ha appunto fatto dal MSP Sicilia nell’Isola. La storia di Giuseppe Caramazza parte da molto lontano: “Sono entrato nella famiglia del MSP Italia negli Anni ‘80. Mio fratello Giovanni faceva già parte dell’Ente e io lo aiutavo come supporto esterno. Fui trascinato insieme a lui in questa avventura”. La vita di Giuseppe ha una data particolare, come fosse uno spartiacque nella sua lunghissima carriera in MSP: “Sono tantissimi i ricordi che mi legano al MSP Italia. Quello che più ha segnato fu nel 2006 quando mio fratello divenne Presidente Provinciale del CONI e il Presidente Lupattelli mi affidò l’incarico che tuttora mantengo come Presidente del MSP Sicilia. Mi piace ricordare lo Sport Village, una manifestazione pluridisciplinare che abbiamo tenuto per diversi anni. Come non ricordare poi il format della Notte dei Campioni ad inizio Anni Duemila a Palermo, con la diretta TV su Rai 1 condotta da Massimo Giletti e la presenza di molte autorità, dal Comune alla Regione e i tanti campioni che venivano

premiati durante la trasmissione”. Soddisfazione che si mescola all’orgoglio per quanto fatto finora: “In questi anni, fin dalla prima informatizzazione dell’ufficio, siamo cresciuti in tutti i settori, grazie soprattutto alla rete dei nostri collaboratori e remando sempre tutti nella stessa direzione”. Il presente chiama però già il futuro e il Presidente Caramazza, auspicando “di continuare a rilanciare l’Ente, in termini di visibilità, comunicazione ed immagine, visto che altri si stanno inserendo prepotentemente” ci confida ciò che più gli è rimasto a cuore di questi oltre trenta anni vissuti nella famiglia del MSP Italia: “La possibilità di stare in mezzo a tanti bambini, ragazzi e in generale alle persone è la soddisfazione più grande che ho. Sono un ingegnere ma l’organizzazione di manifestazioni ed eventi mi dà ancora tanta felicità ed è per questo che mi piace molto questo ambito”.

57


LE ’ATRUBRICHE IVON EL - Sport & Psicologia

La routine pre-gara e i suoi dettagli Cosa fare nella fase che precede la prestazione sportiva? Ecco una guida di consigli utili per facilitare l’approccio alla gara di Dott.ssa Pierfrancesca Carabelli Psicologa sportiva, Psicoterapeuta, Preparatore Mentale 2° grado riconosciuto FIT

O

ggi approfondiamo il cosa fare nella fase che precede la prestazione. È una fase molto importante perché svolge una funzione preparatoria, predisponente, facilitante la buona performance. Gli atleti di alto livello si allenano a costruire questa fase, la routine pre-gara, che è l’insieme delle operazioni mentali e fisiche che l’atleta impara a riconoscere e a ricercare consapevolmente per sentirsi sicuro e pronto per affrontare la partita o la gara. Mantenere aspettative realistiche: significa definire obiettivi tecnici, tattici e mentali di prestazione, sono quanto si è appreso e/o potenziato in allenamento e se anche non garantiscono la vittoria (che sappiamo dipendere anche da altre variabili), sono a quella strettamente connessi. Attivarsi adeguatamente sul piano psicofisiologico: il warm up favorisce il rialzo termico (l’aumento del battito cardiaco prepara i muscoli allo sforzo e aumenta la temperatura corporea) producendo vantaggi anche metabolici e neurocognitivi (predispone l’attenzione a isolare e ignorare i fattori inutili e a centrare quelli fondamentali interni ed esterni). Per questo motivo è di aiuto raggiungere il luogo della competizione in relativo anticipo, allo scopo di facilitare la conoscenza e l’adattamento all’ambiente se nuovo e per fare il giusto riscaldamento. Osservare gli avversari: nel caso in cui si tratti di sport di confronto o di opposizione, individuali o di squadra, è molto utile inquadrare i punti deboli di chi si ha di fronte. Le carenze e le insicurezze tecniche possono essere di aiuto per definire il piano tattico. Mentre le vulnerabilità psicologiche sono individuabili soprattutto grazie al linguaggio corporeo e ai cali attentivi (che corrispondono ad un maggior numero di errori non forzati): sfruttare a proprio vantaggio questi momenti è uno strumento in più per padroneggiare l’incontro. Arrivare in anticipo: Fare qualcosa di divertente: negli sport di squadra può essere di grande aiuto proporre situazioni collettive di natura ludica che siano percepite come divertenti e leggere; negli sport individuali l’ascolto della musica (il genere dipende dal bisogno specifico) sembra avere effetti benefici. Allenarsi senza eccessi nel giorno precedente alla competizione, allo scopo unico di rintracciare il piacere di praticare il proprio sport, sperimentando sensazioni fisiche di benessere, evitando sovraccarichi sia fisici sia emotivi. Stare nel qui e ora: è l’aspetto principale della buona gestione attentiva della performance. Approfondiremo il tema del Flow nel prossimo articolo.

58


LE RUBRICHE LE - Anatomia NOVITA’

Le vertigini

Quali sono le cause dei sintomi vertiginosi e come ristabilire il giusto equilibrio di Marco Ciaralli Specializzato in Scienze e Tecniche dello Sport, Osteopata

L

e ambizioni, il successo, l’amore, lo stress, le delusioni, l’insoddisfazione, più in generale le emozioni possono far girare la testa , ma non solo, anche le vertigini. I dati dell’OMS affermano che 3 pazienti su 100 soffrono di questa fastidiosa sindrome. Risulta molto complesso dare una definizione esaustiva della sintomatologia vertiginosa; la si potrebbe riassumere in un’alterata percezione del movimento del nostro corpo o dell’ambiente circostante: una turba della sensibilità spaziale. Per valutarne accuratamente le cause bisogna fare riferimento ai recettori propriocettivi ed esterocettivi (in particolare i recettori vestibolari) i cui impulsi, dopo essere stati integrati a livello sottocorticale, vengono organizzati al livello della corteccia cerebrale dove le informazioni vengono paragonate con quelle acquisite nelle esperienze pregresse. Possiamo dedurre, quindi, che le cause dei sintomi vertiginosi possono essere ricondotte a tre motivazioni principali: un’alterata informazione trasmessa dai recettori periferici, un’integrazione errata a livello sottocorticale oppure un’errata organizzazione a livello corticale. Le vertigini possono essere distinte in vestibolari ed extra-vestibolari. Le extra vestibolari possono

essere di origine visiva(ad esempio nei casi di miopia o astigmatismo elevato), propriocettiva (in alcune neuropatie periferiche, o nel caso di traumi o deterioramento delle strutture cervicali) o psichica (epilessia, acrofobia, agorafobia). Quelle vestibolari, invece, possono essere determinate da cause infiammatorie, come nel caso delle labirintiti, o da cause traumatiche o vascolari, come nel caso di alterazioni circolatorie a livello dell’arteria uditiva interna. Possiamo distinguere due tipologie di “sindro-

me vertiginosa”: una oggettiva, che si manifesta con la sensazione che si muova l’ambiente intorno a noi ed una soggettiva, che invece provoca la sensazione che il corpo si muova involontariamente nell’ambiente circostante. Si possono differenziare, inoltre, vertigini rotatorie (in senso orario e antiorario), vertigini sul piano frontale (con percezione di caduta laterale) e sul piano sagittale (con sensazione di caduta avanti o indietro). La durata può variare da pochi secondi a qualche minuto. Di estrema importanza sono i sintomi associati alle manifestazioni

vertiginose, che possono essere di natura “vagale”, cocleare e vestibolare. Le stimolazioni del nervo vago possono comportare nausea, vomito, tachicardia etc.. I sintomi di natura cocleare possono manifestarsi con ipoacusia e acufeni, mentre quelli vestibolari in particolare con il nistagmo (oscillazioni involontarie degli occhi). L’obiettivo dell’osteopata è quello di analizzare i sintomi riferiti dal paziente e valutare se si tratta di una vertigine ad eziologia vestibolare o extra vestibolare. In seguito ad una accurata anamnesi differenziale, dalla quale si cercherà di capire se sia necessario indirizzare il paziente verso altre figure professionali per eventuali ulteriori esami, si cercherà, attraverso specifici test, di esplorare tutte le “uscite” del sistema vestibolare: vestibolare-oculomotorio, vestibolo-spinale, vestibolo-corticale. Successivamente si proverà a ristabilire il giusto equilibrio. Le zone che potrebbero richiedere una particolare attenzione, in relazione alle esigenze del paziente, sono quella cervicale con particolare attenzione ai muscoli sotto occipitali, lo stretto toracico superiore (per equilibrare il diaframma toracico) cercando così di limitare le stimolazioni “vagali”, il cranio con riferimento all’osso temporale, per la sua vicinanza al condotto uditivo, ma anche per il suo ruolo equilibratore tra la sfera cranica anteriore e quella posteriore. 59


LE ’ATRUBRICHE IVON EL - Info Fisco

Il D.L.n.119/2018 La pace fiscale nello sport Tutti gli aggiornamenti in merito alla pubblicazione delle ultime disposizioni di legge in materia sportiva

C

di Francesco Perugini - asd@associatipmi.com

on la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DL 119/2018 vengono emanate una serie di disposizioni per la pace fiscale nello sport. Il D.L., tra i diversi interventi, ha previsto la possibilità di regolarizzare le posizioni fiscali delle ASD e delle SSD destinatarie di atti impositivi. Il primo comma dell’articolo 7 prevede, quale requisito soggettivo, che le società e le associazioni sportive dilettantistiche, regolarmente iscritte nel Registro CONI, possono avvalersi della dichiarazione integrativa speciale, di cui all'articolo 9. Pertanto il primo requisito necessario ed indispensabile per le ASD e SSD per poter accedere alla sanatoria in esame è essere iscritti al registro tenuto dal CONI. Il richiamato articolo 9 dispone che le ASD e SSD possono correggere errori od omissioni ed integrare, con le modalità previste dal medesimo articolo, le dichiarazioni fiscali presentate entro il 31 ottobre 2017; l'integrazione degli imponibili è ammessa, nel limite di 100.000 euro di imponibile annuo e comunque di non oltre il 30% di quanto già dichiarato. Il successivo comma dell’articolo 9 prevede che sul maggior imponibile integrato, per ciascun anno di imposta, si applica, senza sanzioni, interessi e altri oneri accessori, un'imposta sostitutiva determinata applicando sul maggior imponibile IRPEF o IRES un'aliquota pari al 20% ai fini delle imposte sui redditi, addizionali, sostitutive, contributi previdenziali e IRAP. Ai fini IVA, occorrono sicuramente dei chiarimenti da parte dell’Agenzia delle Entrate, in quanto è prevista l’applicazione di una aliquota media derivante dal rapporto tra l’IVA sulle operazioni imponibili, al netto di quella sulle cessioni di beni ammortizzabili, e il volume d’affari dichiarato; criteri di dubbia applicazione per le ASD ed SSD che adottano il regime speciale di cui alla L.398/1991, indubbiamente prevalente nel mondo dello sport. La norma prevede modalità e termini di pagamento particolarmente favorevoli. Difatti il versamento potrà essere diluito in 5 anni, con ripartizione sino a dieci rate semestrali di pari importo; il pagamento della prima rata dovrà essere effettuato entro il 30 settembre 2019. Il perfezionamento della procedura decorre dal momento del versamento di quanto dovuto in unica soluzione o della prima rata; l’eventuale omissione sarà titolo per la riscossione delle imposte dovute in base agli imponibili integrati e, per il recupero delle somme non corrisposte, si applicheranno gli interessi legali e una sanzione amministrativa pari al 30% delle somme non versate, ridotta alla metà in caso di versamento eseguito entro i trenta giorni successivi alla scadenza medesima. Si evidenzia che il comma 7 dell’articolo 9 in esame dispone testualmente che la dichiarazione integrativa speciale è irrevocabile. Inoltre il medesimo comma prevede che la procedura non sia esperibile: a) se il contribuente, essendone obbligato, non ha presentato le dichiarazioni fiscali anche solo per uno degli anni di imposta dal 2013 al 2016; b) se la richiesta è presentata dopo che il contribuente ha avuto formale conoscenza di accessi, ispezioni, verifiche, inviti o questionari o dell'inizio di qualunque attività di accertamento amministrativo o di procedimenti penali, per violazione di norme tributarie, relativi all'ambito di applicazione della procedura di cui al presente articolo. Per queste limitazioni intervengono altre disposizioni per perfezionare la “pace con il fisco”. Difatti il comma secondo dell’articolo 7 prevede delle specifiche agevolazioni ove si siano ricevuti degli accertamenti ovvero ci si ritrovi in 60


LE RUBRICHE LE - Info NOVITA’ Fisco fase contenziosa. In particolare, le ASD e SSD potranno sanare gli avvisi di accertamento notificati entro la data di entrata in vigore del DL, pagando il 50% delle maggiori imposte accertate, esclusa l’IVA, da pagarsi per l’intero importo, nonché il 5% delle sanzioni irrogate e interessi dovuti. Per quanto concerne le controversi pendenti presso le commissioni tributarie è previsto che le ASD e le SSD potranno definire le liti pendenti con il versamento: 1) 40 per cento del valore della lite e del 5 per cento delle sanzioni e degli interessi accertati nel caso in cui, alla data di entrata in vigore del presente decreto, questa penda ancora nel primo grado di giudizio; 2) 10 per cento del valore della lite e del 5 per cento delle sanzioni e degli interessi accertati, in caso di soccombenza in giudizio dell'amministrazione finanziaria nell'ultima o unica pronuncia giurisdizionale resa e non ancora definitiva alla data di entrata in vigore del presente decreto; 3) 50 per cento del valore della lite e del 10 per cento delle sanzioni e interessi accertati in caso di soccombenza in giudizio della società o associazione sportiva nell'ultima o unica pronuncia giurisdizionale resa e non ancora definitiva alla data di entrata in vigore del presente decreto. L’ultimo comma, il comma terzo dell’art. 7, prevede la preclusione all’accesso alle procedure nel caso in cui l’ammontare delle sole imposte accertate o in contestazione, per ciascun periodo d’imposta per il quale sia stato emesso avviso di accertamento o sia pendente la lite, sia superiore a 30.000 euro per singola imposta IRES o IRAP. In questo caso, all’ente sportivo dilettantistico resterebbe la possibilità di avvalersi degli stessi istituti ma così come declinati negli artt. 2 e 6 dello stesso decreto. È evidente che ove dovessero essere escluse le agevolazioni ai fini dell’IVA che l’interesse nell’adesione sarebbe fortemente limitata dal particolare regime di cui alla L.398/1991 che, per il particolare criterio di forfetizzazione dei costi, limita sensibilmente l’impatto fiscale delle imposte dirette. Ad ogni modo per chi avesse subito una verifica e/o si trovasse in una fase contenziosa, si tratterebbe comunque di una agevolazione che comporterebbe dei risparmi. Particolarmente interessante, ai fini prudenziali, potrebbe essere l’applicazione delle disposizioni sulle dichiarazioni integrative in virtù di alcuni orientamenti assunti dall’Agenzia delle Entrate con la recente circolare 18/E/2018 nonché ove l’ASD o SSD praticasse anche attività sportive che non risultano espressamente previste nell’elenco delle discipline sportive emanato dal CONI; ci si riferisce ad esempio al crossfit, al krav maga, allo zumba ovvero - seppur con qualche, ormai note, differenze - lo yoga o il pilates.

61


LE ’ATRUBRICHE IVON EL - Sport & Medicina

La certificazione per l’attività sportiva Facciamo chiarezza sull’obbligo dei certificati medici e dei singoli casi, in base alle leggi in vigore

I

di Dott. Vincenzo Fusco l susseguirsi di leggi, decreti e circolari non ha certamente contribuito a rendere chiara l’applicazione delle normative in materia. Il decreto Balduzzi del 23/04/2013, la circolare del novembre 2013 ed infine il decreto Lorenzin del 08/08/2014 ne sono la testimonianza. Ancora oggi la normativa è complessa e lascia dubbi interpretativi. Per quanto riguarda la certificazione medica il “decreto Balduzzi” prevedeva all’inizio l’obbligo di effettuare l’elettrocardiogramma al fine di rilasciare il certificato di idoneità alla pratica sportiva non professionistica ed anche per le attività amatoriali. Questo ha provocato le proteste dei medici che vedevano limitata la loro libertà professionale e dei cittadini che interpretavano l’obbligo dell’esecuzione dell’elettrocardiogramma come una spesa ulteriore. Successivamente si è stabilito che i certificati per l’attività sportiva non agonistica venissero rilasciati dai medici di medicina generale (medici curanti e dai medici di libera scelta) e che i medici si potevano avvalere dell’esame clinico e degli accertamenti incluso l’elettrocardiogramma secondo linee guida approvate con decreto del Ministero della Salute, prevedendo inoltre che sarebbero stati i medici o pediatri di base a stabilire annualmente dopo anamnesi e visita se i pazienti necessitassero di ulteriori accertamenti come l’elettrocardiogramma. Le circolari del Ministero della Salute del 2013 hanno poi chiarito che è sempre richiesto il certificato medico per le attività sportive non agonistiche organizzate da associazioni e società sportive affiliate ad Enti di promozione sportiva, Federazioni e discipline sportive associate. Non esiste più l’obbligo dell’elettrocardiogramma a riposo a meno che non sia il medico a ritenerlo opportuno. Il decreto Lorenzin del 08/08/2014 ha inoltre abolito il certificato ludico-motorio anche se rimane raccomandata la visita. Con lo stesso decreto viene introdotto l’obbligo dell’esecuzione dell’elettrocardiogramma a riposo almeno una volta nella vita e per coloro che hanno compiuto il 60° anno di età e per i soggetti ritenuti a rischio cardiovascolare l’obbligo diviene annuale. Inoltre il medico può decidere di avvalersi di una prova da sforzo massimale e di altri accertamenti mirati. Sono tenuti all’obbligo di esibire il certificato medico non agonistico 1) gli alunni che svolgono attività fisico sportiva organizzate nell’ambito delle attività parascolastiche, mentre resta esclusa l’educazione motoria curriculare 2) i tesserati che svolgono attività organizzate dal CONI, le attività sportive affiliate alle Federazioni, Discipline associate agli Enti di promozione sportiva riconosciuta dal CONI e che non siano considerati atleti agonisti 3) i ragazzi che partecipano ai giochi sportivi studenteschi sin dalla fase provinciale e regionale Non sono tenuti all’obbligo del certificato i tesserati che svolgono attività sportive che non comportino impegno fisico e di tesserati che non svolgono nessuna attività sportiva (es. i dirigenti). Non sono soggetti ad obbligo di certificazione i bambini di età compresa tra 0 e 6 anni ad eccezione dei casi specifici indicati dal pediatra. Per quanto riguarda il certificato per l’attività ludico-motoria il decreto lo rende facoltativo anche se può essere comunque richiesto dai gestori degli impianti sportivi ai fini assicurativi dell’utente. Per le attività sportive di particolare ed elevato impegno cardiovascolare come le gare podistiche di lunghezza superiore ai 20 Km, di ciclismo, di nuoto, sci di fondo ecc. patrocinate da Federazioni sportive, eventi di promozione sportiva è richiesto oltre all’elettrocardiogramma basale lo step test oppure un test ergometrico con monitoraggio dell’attività cardiaca. In conclusione a prescindere dalle normative è da ritenere opportuno l’esecuzione della visita medica e degli accertamenti che il medico sulla base della conoscenza del proprio paziente riterrà opportuni. Tali accertamenti non dovrebbero essere considerati una perdita di tempo o una spesa superflua ma una vera tutela. Non bisognerebbe economizzare sulla propria salute ed al tempo stesso ritenere indispensabile l’uso di tecnologie (es. telefonini di ultima generazione) che prevedono sicuramente investimenti superiori. 62






Millions discover their favorite reads on issuu every month.

Give your content the digital home it deserves. Get it to any device in seconds.