__MAIN_TEXT__

Page 1

E

Anno XXVI - n.44 - 1,50 euro

ditoriale

Passano i Governi, le riforme no

Non c ’ è c oerenz a t ra gl i ap p l au s i al l ’ im p egno del l e az iende ANIS v ers o l a c res c it a, l ’ innov az ione e l a c ap ac it à di generare u n t erz o del P IL del P aes e e l a p ros s im a Finanz iaria, c h e f a dav v ero p oc o p er l e im p res e. Al l e p reoc c u p az ioni s u l l a c res c it a, in p art ic ol ar m odo al l e m anc at e rif orm e, s i s om m a inv ec e l ’ au m ent o rep ent ino del deb it o p u b b l ic o, agev ol at o da u na s ort a di “ c art a b ianc a” dat a al Gov erno c on un articolo specifico della s t es s a L egge di B il anc io ap p rodat a in p rim a l et t u ra in C ons igl io Grande e General e, p er c ont rarre nu ov i p res t it i e m u t u i. Ment re anc ora non em erge u n’ az ione dec is a p er ridu rre l ’ ingent e s p es a p u b b l ic a e rec u p erare p rez ios e ris ors e p er gl i inv es t im ent i. C h e inf at t i non c i s ono: l e iniz iat iv e p er l ’ at t raz ione degl i inv es t im ent i, l a p rom oz ione, l o s v il u p p o e l a c res c it a del s is t em a ec onom ic o u n c ap it ol o is t it u it o nel 2010 c on l a f inal it à di c ont ras t are gl i ef f et t i del l a c ris i ec onom ic a del P aes e e di at t rarre nu ov e at t iv it à d’ im p res a - p res ent a p er il 2019 u n im p ort o di s ol i 100.000 eu ro e c om e “ op era p riorit aria” del 2019 c ’ è il P l es s o s c ol as t ic o di D ogana. P er t u t t e l e al t re inf ras t ru t t u re s t rat egic h e, nient e. Q u indi c i s i indeb it erà p er p agare deb it i e p er l e orm ai c ronic h e es igenz e di C as s a ( p er l a s ol a c op ert u ra del dis av anz o f inanz iario di am m inis t raz ione p er l ’ es erc iz io 2017 e p er gl i es erc iz i p regres s i il C ongres s o è au t oriz z at o a s t ip u l are c on B anc a C ent ral e di S an Marino u n m u t u o dec ennal e del l ’ im p ort o di 35 m il ioni di eu ro) . C os e, p u rt rop p o, già v is t e ( ...) S egu e a p ag. 2

Direttore Alessandro Carli

Venerdì 30 Novembre 2018

“Serve un vero Piano per lo Sviluppo”

I

mprese

Fattura elettronica quasi pronta

As s em b l ea ANIS , Neni R os s ini s f erz a il Gov erno: “ L e nos t re im p res e c res c ono, m a s erv ono l e rif orm e” . E m m a Marc egagl ia: “ C oraggios a” a p ag.2

A NIS

Aumentano fatturati e occupati

al l e p agg.4-5

L

L’Assemblea ANIS ha messo ancora una volta in risalto la determinazione con cui gli Industriali stanno cercando di far cambiare il metodo, soattutt l t a anche l’approccio del Governo sulle questioni più importanti, in particolare sulle “mancate riforme” che poi si i tt ulla titi ità delle imprese e anche sul Bilancio dello Stato. l tutt a t alla apevolezza che “è l’economia reale, che noi rappresentiamo, a mantenere il nostro Paese”, ha commentato il Presidente Neni Rossini, a cui la folta platea ha tributato un lungo applauso, mentre dal palco l’ospite d’onore, Emma Marcegaglia, la elogiava con un sincero “coraggiosa”. “Serve un vero Piano di Sviluppo”, ha rilanciato Neni Rossini, “che oggi non c’è”. B art ol u c c i al l e p agg. 6 -7

a Pitagora

La Gestione Documentale passa al 4.0

a p ag.9

spazio riservato all’indirizzo


B

2 a i i

u t

urocrazia

a a i t

l i

FIXING - Anno XXVI - n.44 - Venerdì 30 Nov em b re 2018

all

i

l i

i tutti i a i i

u t iali ati

Fatturazione elettronica Pronti per il 1 gennaio 2019 Grande int eres s e s u l l a nov it à da p art e del l a S egret eria p er l e Finanz e e del l ’ ANIS La richiesta di revisione che il Garante della privacy ha inoltrato all’Agenzia delle Entrate per i dubbi sulle prou i t atta t i ati e, come ha messo in evidena talia i tt la tut la i tti i ti i ustriali e commerciali delle aziende, che rischiano di essere compromessi dalla digitalizzazione, non dovrebbero fermare l’entrata in vigore lla attu a i l tt i a dal 1 gennaio 2019. Una novità i t à a la Repubblica di San Marino e sulla quale si ruota grande interesse sia da parte dell’Associazione Nazionale Industria San Marino che della Segreteria di Stato per le Finanze e il Bilancio. Sull’introduzione della e-fattura anche a San Marino in concomitanza con l’entrata in vigore in Italia (1 gennaio 2019) “spingono” anche gli Industriali, che in questo senso hanno ricevuto garani i tta t al i a t ro alle Finanze. a al u tti a la greteria di Stato ha aperto u i ta l i fronto con il corrispondente

Ministero italiano e l’Agenia ll t at al ii trodurre anche nel nostro ori a t la attu a i l tt i a i al iazione degli Industriali della Repubblica -. Ci è stato riferit i i a i i ilità in questo senso e che i due Paesi stanno valutando quale i t t tt i a sul piano normativo per moi a li a i ilat ali intervenuti nel 1993 (e conseguentemente delle disposizioni di recepimento costituite dalla Legge 21 dicembre 1993 n. 134 per parte sammai al t i it riale 24 dicembre 1993 per parte italiana). Sul piano informatico si dovranno modia l iatta la gestione dei software e quidi si sta implementando un sit a att a il ual l peratore sammarinese dialoà l i i uta i sammarinese che a sua volta ta tt à i ati ulla iattaa La Segreteria alle Finanze sta concretamente lavorando per garantire agli operatori economici del territorio la i ilità i tt l at-

tu l tt i l imo formato utilizzato dall’Italia, considerato il numeroso interscambio di documentazione tra i due Paesi. Il percorso di confronto continuo, che ha portato alla concretiza i iu tt iviso tra le due amministrai i a à alla at ll i tti a a tutt l a ti i t at al i tt il i a i a profondimento e la massima condivisione su tale tematica. “Con l’entrata in vigore in Italia della normativa inerent la attu a i l tt i a attual t i ta il prossimo 1° gennaio, rimarranno valide le disposizioni della Legge (come ricordato, la n.134 del 1993) che stabiliscono le regole da applicare negli scambi con l’Italia; le amministrazioni dei due Paesi convengono comunque sulla indispensabile necessità i ta il i t a li scambi tra Italia e San Marii u li at in linea con gli strumenti inati i attual t a isposizione”. “Questo passaggio tecnologico – così il Segretario Gene-

San Marino FIXING settimanale di informazione economica, finanziaria e politica Direttore responsabile Al es s andro C arl i a.carli@fixing.sm Redattore D aniel e B art ol u c c i d.bartolucci@fixing.sm Responsabile commerciale R ob ert o P arm a 339 .8 016 45 5 roberto.parma@fixing.sm Per la pubblicità su Fixing 05 49 .8 7 39 25 commerciale@fixing.sm

Editore Società Editoriale Fixing srl Via Ant onio O nof ri, 109 47 8 9 0 S an Marino C it t à T el . 05 49 .9 9 17 19 Fax 0549.879049 e-mail: info@fixing.sm web: www.sanmarinofixing.com P rez z o in edic ol a: 1, 5 0 eu ro Fotolito L inot ip ia R im ines e Via S an L eo, 10 47 9 22 R im ini It al ia

Stampa S t u dios t am p a New Age S t rada C ardio, 5 8 47 8 9 9 Gal az z ano R ep u b b l ic a di S an Marino Au t oriz z az ione del l a S egret eria di S t at o agl i Af f ari Int erni del l a R ep u b b l ic a di S an Marino del 16 / 4/ 19 9 3 - P rot oc ol l o n.16 9 5 . S p ediz ione di s t am p a p eriodic a in ab b onam ent o p os t al e p er l ’ int erno - T as s a p agat a - T arif f a p er edit ori - Au t oriz z az ione n.7 11 del 16 / 02/ 2005 del l a D irez ione General e del l e P P .T T . del l a R ep u b b l ic a di S an Marino

rale dell’ANIS, William Vagnini su Fixing nr. 37 - è ormai all i l i i tutti i Paesi industrializzati. Sono i atti a i ai sollecita le istituzioni sama i i a atti a i i tal senso, prima ancora del 2014, quando l’Unione Europea ali u a i tti a i a li i tutti gli Stati membri a utilizzare la attu a i l tt i a t il 2018 per gli appalti pubblici. Nel nostro caso, però, non si t atta i u i l u bensì di un’esigenza di merat i titi ità i tt alle imprese degli altri Paesi,

F

oltre ovviamente del superamento della vecchia, costosa e l ta ua l attu con l’Italia, che ci tiene ancorati al cartaceo con timbratura a secco, quando il mondo ia ia alla l ità i u click”. Un passaggio che, assieme all’introduzione dell’IVA dal 2020 (questa la promessa fatta dal Segreterio di Stato all u t ia a a i alla platea dell’Assemblea ANIS del 23 novembre, n d r ), potrebbero rappresentare due i ta ti att i i il rilancio e l’armonizzazione con l’Europa .

E

ditoriale

Troppe le riforme ferme

S egu e dal l a p rim a ( ...) s i b l oc c ano l e rif orm e

p erc h é im p op ol ari, m ent re non s i ris t ru t t u rano i c ent ri di c os t o, f ors e anc h e p er non p erdere c ons ens i el et t oral i. L o h anno f at t o t u t t i i Gov erni p rec edent i e anc h e q u el l o at t u al e non s em b ra dav v ero av er c am b iat o direz ione. D u e es em p i m ol t o at t u al i: il p roget t o di riorganiz z az ione di B anc a C ent ral e del l a R ep u b b l ic a di S an Marino, annu nc iat o in p om p a m agna c on t ant o di dat a ( 28 f eb b raio 2017), dov’è finito? Nel f rat t em p o, l a rif orm a del l e p ens ioni, orm ai u rgent is s im a, v iene p os t ic ip at a anc ora di u n al t ro anno. C om e gl i anni p rec edent i, ap p u nt o. Alessandro Carli

inanza & Mercati

Investi i tuoi risparmi “poco per volta” con il PAC

R u b ric a a c u ra di Banca di San Marino s.p.a. - S t rada del l a C roc e, 39 47 8 9 6 Faet ano - T el . 05 49 .8 7 3433 - E m ail : c om u nic az ione@ b s m .s m

P erc h é inv es t ire p art e dei p rop ri ris p arm i in u n P iano di Ac c u m u l o di C ap it al e ( P AC ) ? Val u t iam one ins iem e l im it i e p ot enz ial it à . Che cos’è un PAC? P er P AC , o P iano di Ac c u m u l o di C ap it al e, s i int ende u na m odal it à di inv es t im ent o p rinc ip al m ent e u t il iz z at a p er inv es t ire in f ondi. L ’ inv es t it ore ac c ant ona ( inv es t e) ad es em p io 100€ t u t t i i m es i p er c os t ru ire nel t em p o ( di s ol it o al m eno 5 anni) u n ac c u m u l o di c ap it al e c h e dov reb b e es s ers i riv al u t at o graz ie al rendim ent o ot t enu t o. PAC: tutti i vantaggi T ra t u t t e l e m odal it à di inv es t im ent o, q u el l a del P AC p res ent a t ant i v ant aggi: • Si attiva con cifre modes t e, a p art ire da 5 0€ al m es e. Non è nec es s ario q u indi as p et t are di av ere u n c ap it al e p er iniz iare a inv es t ire in Fondi.

• È automatico: questo significa che non è necess ario rec ars i in b anc a p er inv es t ire l a c if ra c h e s i è dec is o di ac c ant onare. Il v ers am ent o ( nel P AC ) av v iene au t om at ic am ent e dal p rop rio c ont o c orrent e al l a dat a p res t ab il it a. P u ò es s ere u n’ idea int eres s ant e, ad es em p io, f is s are il v ers am ent o s u b it o dop o l ’ ac c redit o del l o s t ip endio. • Il PAC è uno strument o m ol t o el as t ic o: s i p u ò s os p endere, m odif ic are o dis inv es t ire in q u al s ias i m om ent o. • Infine, un aspetto spesso dim ent ic at o m a c h e è det erm inant e q u ando s i p arl a di ris p arm i, è c h e il P AC el im ina l a c om p onent e di em ot iv it à del l ’ inv es t im ent o. Il P AC p roc ede c om u nq u e s enz a l a nos t ra int erf erenz a, s p es s o det t at a dal l a p au ra o dal l ’ av idit à . Il giorno s t ab il it o il P AC p roc ede al l ’ ac q u is t o s enz a c h ieders i s e s ia il m om ent o giu s t o op p u re no.

Punti di attenzione I t re as p et t i c h e il c l ient e dev e v al u t are, p er q u al s ias i inv es t im ent o P AC s ono: 1. C ap ire c os a s t a ac q u is t ando; 2. D ec idere q u al e grado di ris c h io è dis p os t o ad ac c et t are; 3. S ap ere q u al e s ia il p rop rio oriz z ont e t em p oral e, ov v ero p er q u ant o t em p o p u ò m ant enere l ’ inv es t im ent o. Nel c as o di u n P AC , p er av ere m aggiori p rob ab il it à di gu adagno, è op p ort u no av ere u n oriz z ont e t em p oral e ab b as t anz a l u ngo, al m eno 5 anni. Q u es t o p er beneficiare dei cicli del merc at o, s op rat t u t t o s e s i inv es t e nel m erc at o az ionario. S e inv ec e s i rit iene c h e i ris p arm i inv es t it i p os s ano s erv ire ent ro 1/ 2 anni, è op p ort u no s c egl iere s et t ori di inv es t im ent o a b as s o ris c h io: l iq u idit à ( es em p io, certificati di deposito) opp u re ob b l igaz ioni. Manuel Marchetti


B

FIXING - Anno XXVI - n.44 - Venerdì 30 Nov em b re 2018

it

u li li itat a ili i i u i 2016 agli 888 milioni al 31 dicembre 2017 e un rapporto debito/Pil schizzato al 61%. “Il debito rilevato dalla commissione di controllo - ha commentato il Segretario di Stato alle Finanze Eva Guidi a ià at l aluta i ni di Cassa di Risparmio nel bilancio dello Stato. Il debito u li tti a teggiare Carisp ammonta a 350 milioni. Il debito deve spaventare, ma ancor di più il att i a t Al debito bisogna dare risposte. Una delle prime è portare il bilancio in pareggio”. La Finanziaria è in prima Lettura nella sessione del Consiglio Grande e Generale. Il testo, ha assicurato Eva Guidi, “resta comunque aperto al t la i i ilità a accogliere suggerimenti e proposte migliorative che vadano nella direzione dello ilu ll uità li aggiustamenti quindi, per una manovra che è stata anu iata tta t t ica”, possono essere discussi e ti t a la la l ttua t la ll a Il Governo, si legge nella Rela i al tt i “Bilanci di Previsione 2019 e Bilanci Pluriennali 20192012”, ritiene “indispensabile focalizzare il proprio impeta ili a la a za pubblica con una serie di provvedimenti sulla spesa corrente e con scelte strategiali at a ta il isultato del bilancio 2019 quanto più possibile vicino al a i t i ilità l bilancio con il raggiungiment l a i i i a t l attual it u lico e garantire controllo e razionalizzazione della spesa mentre parallelamente le politiche di sviluppo messe in att u so quell’indispensabile ampliamento della base imponiil l ttit i t ata i dispensabili a garantire le tutele di un prezioso stato sociale che si vuole continuare ad a i u a ai t i itta i i Il totale delle entrate previste per l’esercizio 2019, escluse le partite di giro, ammonta a 517 milioni e mezzo di euro. Le entrate tributarie costituiscola t i a ia i a ziamento del Bilancio dello Stato e sono pari a 438.747.800 euro nel 2019 e hanno subito una variazione del -0,93% ritt alla ii a tata 2018. Le entrate previste per il 2019, complessivamente pari a 505.420.147,69 euro, presentau a i ll itt al at u ti l i tt alla isione assestata 2018. Nel bi-

ilancio

Preoccupa il debito pubblico (888 milioni) e la mancanza di proposte

La Finanziaria approda in Consiglio Grande Nella sessione di fine novembre il documento è in prima lettura lancio di previsione 2019, al ii ta l t ate, sono presenti diversi interventi, alcuni di natura straori a ia alt i a a att

t uttu al t a i uali l i tituzione di una imposta straordinaria sugli immobili deteuti all i tà a lu i ne degli immobili che costitu-

iscono luogo di svolgimento ll atti ità i a t à u a t ata timata in 2.500.000 euro; la proroga della scadenza per la

presentazione delle domande per l’ammissione alla sanatoria edilizia (entrata stimata in 8.000.000 euro); la riula i ll a atti-

3

t tta i i iti da pensione, lordi e su base annua (che, secondo la relazione, “consente un maggior ttit ti at i euro) e la previsione di maggiori entrate tributarie per circa 1. 700.000 euro a seguito del potenziamento dei cont lli ali ll a it ll t i tt t at tra tributarie ammontano a 66.263.347 euro e presentano u a i l itt al u ti l i tt alla ii ne assestata 2018. Lo scostamento è dovuto In gran parte alla diminuzione dei proventi i atti ità a euro dell’assestato 2018 passa a 5.650.023 euro nel 2019. Le Previsione delle uscite 2019 La spesa complessiva per l’ei i al tt ll partite di giro, ammonta a 517.538.863 euro e risulta dii uita l i tt alla previsione assestata 2018 e l i tt al u tivo 2017. La spesa corrente passa da 494.322.782,65 euro del consuntivo 2017 a 487.869.198,03 euro nella previsione assestata 2018, sino a raggiungere 466.140.298,63 ero nella previi i tt al i tt isione assestata 2018). Il contenimento della spesa t ai t at tutt le categorie di spesa, ad esclusione della categoria poste compensative delle entrate, che presenta un aumento ll i tt al at dell’assestamento 2018, tale incremento è riferito ai rimi ali In particolare, l’intera categoia i i i ali monofase) prevede un aumento di circa 2.700.000 euro i tt al at a tat dovuto in gran parte agli accantonamenti integrativi (di ui all a ti l l tt di legge), per il rimborso dell’imposta sulle importazioni per 510.000 euro e per i rimborsi dell’imposta sul redditi per 1.990.000 euro. Anche l’introduzione dell’Ititui à l i ta a i i ittu a a rivo per quanto concerne il tt i l li a fondimenti relativi alla sua tti a a li a i a ilit à l i i fessionisti nelle fasi di import/export, ponendosi in linea con gli altri Paesi dell’Unione Europea e quindi la sua introduzione deve essere vista come un passaggio indispensabile per allineare il Paese agli standard internazionali e aumentare la competitiità l i t a Alessandro Carli


4

EAconomia ttualità

N “Cresciamo, eni Rossini nonostante

tutti i limiti e i problemi”

“ Ab b iam o u na ec onom ia real e” , h a annu nc iat o il P res ident e Neni R os s ini in As s em b l ea, p rendendo s p u nt o dai dat i es p os t i dal D ot t . S el v a, “ f at t a di az iende c h e oc c u p ano m igl iaia di dip endent i e c h e p er res t are c om p et it iv e inv es t ono c ont inu am ent e e generano f at t u rat i im p ort ant i. Ap p rof it t o p er ringraz iare t u t t e l e az iende c h e c i h anno aiu t at o in q u es t o p roget t o, c ondiv idendo i l oro dat i e ris p ondendo c on dil igenz a ai q u es t ionari. Il l oro aiu t o c i h a p erm es s o di s v il u p p are q u es t o im p ort ant e m onit oraggio. D ai dat i s al t a agl i oc c h i c h e è q u es t a ec onom ia real e a t enere in p iedi il P aes e! E q u es t e im p res e c res c ono, nonos t ant e t u t t e l e l im it az ioni e i p rob l em i di S an Marino. D al l ’ anal is i è f ac il e c ap ire dov e s i dov reb b e int erv enire: l e nos t re az iende inv es t ono in ris ors e u m ane e as s u m ono ogni anno nu ov e c om p et enz e p er s v il u p p ars i, q u indi c i as p et t iam o c h e il m erc at o del l av oro e l e p ol it ic h e di s os t egno al l av oro v adano in q u es t a direz ione; p iù s i inv es t e in organiz z az ione int erna, f orm az ione e in-

nov az ione, p iù l e az iende c res c ono. Va da s é c h e, s e di v ero s v il u p p o s i v u ol e p arl are, oc c orrono int erv ent i v ol t i a f av orireq u es t i inv es t im ent i” . Al t ro t em a, l ’ u t il iz z o dei c ap it al i: “ Il p iù del l e v ol t e s i t rat t a di c ap it al i p rop ri p erc h é m ai c om e oggi l ’ ac c es s o al c redit o è s t at o t ant o im p erv io. Q u es t o non h a im p edit o al l e nos t re az iende di c res c ere c om u nq u e e di raggiu ngere l iv el l i di reddit iv it à di t u t t o ris p et t o. U n es em p io t rainant e del l a v ol ont à , del l a p as s ione e del c oraggio degl i im p renditori. È bene ricordare p erò ” , h a av v ert it o Neni R os s ini, “ c h e i dat i non s i rif eris c ono al 2018 . Anno in c u i u na nu ov a p at rim onial e h a c ol p it o il p at rim onio net t o del l e s oc iet à . P at rim onio c h e, q u ando m anc a u n s is t em a b anc ario efficiente, rappresenta l a s u a u nic a p ros p et t iv a per finanziare i propri inves t im ent i. Vederl a u l t eriorm ent e t as s at a p ot reb b e s p ingere gl i im p rendit ori a s c el t e div ers e, di m inor c ap it al iz z az ione, c on ef f et t i negat iv i s u i p ros s im i b il anc i. S p eriam o c h e c iò non ac c ada m a il ris c h io è al t o” .

di Daniele Bartolucci

attu ati i au t si anche l’occupazione: le aziende associate ANIS continuano a crescere anche per quanto riguarda l’analisi dei bilanci del quadriennio 20142017, secondo i dati dell’Osservatorio ANIS presentati in anteprima all’Assemblea Generale del 23 novembre dal tt i l a “Il quadro generale”, ha spiegato il consulente di ANIS, “evidenzia una situazione positiva non solo considerando il trend di crescita dei fatturati, ma anche la propensione all’investimento, che nel 2017 mostra un ulteriore incremento in valore assoluto e percentuale (dal 5,66% dei ricavi nel 2016 al 7,15% dei ricavi nel 2017)”. E’ “una situazione sicuramente incoraggiante dal punto di vista lla li ità lla ita delle imprese”. Inoltre, “si conferma il trend relativo alla capitalizzazione. Il capitale tt u ulat uit tutt il ua i i a testimonianza della propensione a mantenere importanti quote degli utili in azienda. Allo stesso modo si evidenzia una progressiva contrazione del grado di indebitamento (Leva Finanziaria), a dimostrazione di una cret ta ilita t i ilità ll i all a ali i più approfondita, emerge anche che “un maggior indebitamento”, quindi il ricorso al a ia t a ai esempio, “sempre controllato, da parte delle imprese, non pregiudicherebbe la sot i ilità ll t a arantirebbe probabilmente uno sviluppo più rapido”. La riduzione dell’indebitamento, comunque, è accompaata a u a iti ità cala leggermente nel 2017 passando dal 6,42% al 6,11%”.

FIXING FIXING - Anno - Anno XXVI XXII - n.44 - n.21 - Venerdì - Venerdì 30 30 Nov Maggio em b re 2018 2014

a

iti ità

l

i

a ala

l

li

Imprese ANIS, più

Aggiornat i i dat i del l ’ O s s erv at orio c on i b il anc i 2014-201 investimenti, in asset e nelle risorse umane. Resta bass E’ un dato che va spiegato, tta t gativo: “Si denota un lieve dei t lla iti ità nell’ultimo anno, comunque crescente nel periodo 20142017, dovuto in parte al grande investimento in risorse u a ttuat l i parte ad un incremento dei costi di approvvigionamento”. Altro tema che viene sviluppato nell’analisi dell’Osat i t a t i ne “la crescita dei costi del personale che, come di seguito evidenziato, e determinato sia da un incremento delle assunzioni che da un incremento del costo pro-capite”. ati iti i ui i il trend di medio periodo: inatti i a la t a ià i iata il i 2013-2016: le aziende associate investono il capitale proprio in risorse umane, asset at iali i at iali a qui la conclusione dell’Osservatorio ANIS: “Il dato di creita u ita t alla l tà di reinvestire gli utili generati in asset e risorse umane da testimonianza di un contesto imprenditoriale che insiste lla ita utti a commerciale delle proprie aziende”. Fatturati, investimenti occupazione e gettito ai i i ati a ali ati emerge subito “la crescita dei

Dati di bilancio 2014-2017: il qua Valori

2014

2015

Fat t u rat o c arat t eris t ic o az iendal e

1.19 8 .25 0.45 5 , 00 €

1.26 1.9 7 6 .340, 00 €

C res c it a del f at t u rat o

n.d.

5 , 32%

202.233.200, 00 €

212.7 21.014, 00 €

21

-

8 2.7 25 .27 6 , 00 €

7 4

5 32.36 3.207 , 00 €

5 6 5 .27 7 .7 45 , 00 €

6 4

4, 7 3%

5 , 6 3%

C os t o del l av oro Inv es t im ent i E q u it y R .O .A.

di s is t em a Leva finzanziaria

di s is t em a

0, 6 7

0, 6 1

E

* L a rel az ione p rende a rif erim ent o i b il anc i ordinari e ab b rev iat i dep os it at i p res dal l e az iende as s oc iat e ad ANIS nel l ’ anno 2018 . D al c am p ione t ot al e del l e disponibili per la riclassificazione i bilanci di 250 aziende. Di queste 250 sono st s ono dis p onib il i p er t u t t o il q u adriennio 2014-2017 ( 205 ) . Il c am p ione anal di p art enz a e c ons iderando l a m edia dei 4 anni: il 9 6 , 04% dei ric av i; il 9 4, 6 3% d

attu ati la i i ilità a investire in asset materiali e i at iali ll i le aziende investono in meia il l attu at l triennio 2015-2017. Allo stesso modo il dato relativo all’occupazione media annua generata dalle imprese nel periodo di osservazione (dato it all i i tati ti-

ca) è anch’esso positivo: il numero di occupati e cresciuto complessivamente del 8,26% nel quadriennio, con un costo del personale pro-capite cresciuto del 2,04%. Insomma, “le imprese associate investono in modo continuativo in risorse umane”, ha spiegato Selva. E questo torna loro indietro: “Il costo del per-

L Analizzati a nuova indagine i risultati di 43 aziende manifatturiere: individuati i driver della loro crescita nell’organizzazione interna, nella capacità di internazionalizzarsi e nell’innovazione P res ent at a il 23 nov em b re anc h e l a nu ov a indagine del l ’ O s s erv at orio ANIS , s u l l e ev idenz e s t rat egic h e del l e im p res e, m et t endo a c onf ront o l e s c el t e az iendal i c on l ’ ef f et t iv a c res c it a, p er indiv idu arne i driv er. Il campione S em p re c on l ’ ob iet t iv o di “ dis p orre di dat i il p iù p os s ib il e aggiornat i, fruibili e significativi”, l’Oss erv at orio ANIS nel c ors o del 2018 h a p ort at o av ant i u n p erc ors o di s el ez ione di 43 az iende rap p res ent at iv e del c om p art o m anif at t u riero. Il res t ringim ent o ris p et t o

al c am p ione del l e 205 originarie h a av u t o l o s c op o di s v il u p p are u n v ero e p rop rio c oinv ol gim ent o del l e im p res e s el ez ionat e nel p roget t o m ant enendo c om u nq u e u na f ort e rap p res ent at iv it à del l e inf orm az ioni rac c ol t e. Il questionario Al c am p ione del l e 43 az iende è s t at o s om m inis t rat o u n q u es t ionario al l o s c op o di ap p rof ondire e c orrob orare l e anal is i q u ant it at iv e ef f et t u at e s u i dat i di b il anc io. Il q u es t ionario s i c onc ent ra s u t em at ic h e organiz z at iv e e

strategiche al fine di identificare le determinanti delle p erf orm anc e ec onom ic of inanz iarie raggiu nt e. In p art ic ol are l e az iende p art ner s ono s t at e int erv is t at e s u t re diret t ric i: Model l o organiz z at iv o e s v il u p p o H R ; Model l o di int ernaz ional iz z az ione. I risultati “P er l a m aggior p art e del c am p ione l a p res enz a s u i m erc at i es t eri rap p res ent a u na nec es s it à . L a p res enz a nei m erc at i es t eri è p iù f ort e p er l e az iende c h e l a dic h iarano c om e p rim aria nec es s it à . L a m oda-

l it à c on l a q u al e l ’ im p res a s i p rop one al l ’ es t ero s em b ra es s ere ril ev ant e in t erm ini di q u ot a di f at t u rat o. L a p res enz a nei m erc at i es t eri non s em b ra p erò as s ic u rare nec es s ariam ent e u na c res c it a di f at t u rat i” . P er q u ant o rigu arda il Model l o di innov az ione, inv ec e, “ l e im p res e as s oc iat e inv es t ono s ia s u l f ront e del l ’ innov az ione nei c onf ront i del m erc at o s ia in innov az ione di p roc es s o indu s t rial e. Il t as s o di innov az ione dei p rodot t i s em b ra es s ere l a p rinc ip al e l ev a di c res c it a

1.31

del l e im p res e int erv is t at e” . Organizzazione “ L e im p res e dot at e di u n im p iant o di c ont rol l o p iù s of is t ic at o p erf orm ano m egl io. U n m igl ior c oordinam ent o del l ’ organiz z az ione s em b ra p rodu rre u n ef f et t iv o inc rem ent o del l a reddit iv it à . In s ec ondo l u ogo u n ap p roc c io di s v il u p p o del l e ris ors e u m ane b as at o s u l l a c os t ru z ione di p erc ors i di c res c it a s u m is u ra p er l e p ers one of f re ris u l t at i c res c ent i in t erm ini di reddit iv it à ” . Internazionalizzazione “ E s s ere p res ent i s u i m erc at i

es t eri è s em p re p iù u na p rim aria nec es s it ù . L e im p res e c h e h anno int rap res o t al e p erc ors o c on s c el t e s t ru t t u ral i h anno ot t enu t o ris u l tati più efficaci in termini di int ernaz ional iz z az ione, m a non nec es s ariam ent e in t erm ini di c res c it a dei f at t u rat i. Innovazione “ L e im p res e innov ano c on int ens it à p roc es s i e p rodot t i, l ’ innov az ione e p rev al ent em ent e p ort at a av ant i m ediant e autofinanziamento. L’innov az ione dei p rodot t i s em b ra es s ere u n es s enz ial e driv er del l a c res c it a dei f at t u rat i.


E Aconomia ttualità

FIXING - Anno XXVI XXII -- n.21 n.44 -- Venerdì Venerdì 30 30 Maggio Nov em b 2014 re 2018

i

a

i ii

ti

ti l i i

a

l

t

ll

at i

i

5

i

ù fatturati e occupazione

17 di 205 az iende as s oc iat e: s i m ant iene m ol t o al t a l a p rop ens ione agl i so invece, il ricorso al finanziamento esterno: si utilizzano capitali propri

adro generale 2016

15 .8 8 6 .8 7 4, 00 € 4, 27 %

2017 1.35 0.5 20.137 , 00 € 2, 6 3%

18 .19 8 .9 6 7 , 00 €

224.5 05 .109 , 00 €

4.45 2.17 7 , 00 €

9 6 .5 8 0.324, 00 €

40.28 3.145 , 00 €

6 5 8 .8 01.8 7 3, 00 €

6 , 42% 0, 5 2

6 , 11% 0, 49

Elaborazione grafica a cura di San Marino Fixing Font e: O s s erv at orio ANIS * s o l a C am era di C om m erc io di S an Marino e az iende as s oc iat e ( 28 5 ) s ono s t at i res i tate considerate le sole aziende i cui bilanci iz z at o rap p res ent a, ris p et t o al c am p ione degl i as s et ; il 9 8 , 31% dei c os t i del p ers onal e

sonale rappresenta la quota preponderante nella distribuzione del valore aggiunto. In media il 63,13% del valore generato dalle aziende viene redistribuito ai lavoratori”. lt a tt i t a t anche perché “conferma la t a ià i t ata nell’analisi 2014-2016”, è che “le aziende producono utili che tendono a “lasciare in azienda”, aumentando di fatt il at i i tt al ato rappresenta un importante att i ta ilita tutt il tessuto imprenditoriale”. E u t i i tt a l livello di indebitamento, che denota una progressiva diminuzione del rapporto tra i iti a ia i i i propri: “Le imprese associate ttua i ti ti atti gendo prevalentemente a risorse proprie o comunque senza produrre uno squilii a ia i A proposito di utili, è interessante anche il dato IGR: perché se è vero che “le aziende

associate ANIS hanno contribuito in modo pressoché costante nel quadriennio 20142016, con una riduzione tra l’esercizio 2016 e 2017”, tale riduzione delle imposte d’esercizio “è dovuta principalt a li a i ali cessi in relazione alle assunzioni, che sono cresciute in modo importante nel 2017, ma che probabilmente nel a a tti i tenuti in quanto sensibilment i tti a i i t a t il att l a i del campione rappresentano il i tti iu i i i ma contribuiscono per il 50,28% dell’IGR complessiva versata nel 2016”. Inoltre, dato non meno importante, “le aziende cedono più del 3% del proprio valore aggiunto all’erario”. In particolare il contributo e maggiore nel 2017: 3,09% contro il 2,97% del 2014. Redditività in lieve calo: investimenti e costi tt i il ta-

re una situazione di buona iti ità t l riodo, ma con un calo tra 2016 e 2017. “Il contesto imprenditoriale”, spiega la relazione dell’Osservatorio ANIS, “sta inserendo nuove risorse u a u i a t al a tt l u a ita i attu ati con lieve deperimento della iti ità a l questo: “Mediante l’analisi è possibile evidenziare come il calo del valore aggiunto è da rintracciare non tanto in un incremento dei costi per seri i u scenti si contraggono in rapporto al valore della produi ua t iutt t a u incremento dell’incidenza dei consumi di materie prime e merci”. In questo senso, “le performance medie realizzate nel 2017 sono inferiori solo alle performance realizzate nel 2016”. In particolare “il 2017 è l’anno che presenta la maggior rotazione del capitale investito, che supera

a i tt al t a u a a i alità i al li tti i u t al tati i ti ati nella crescita di consumi per materie prime e merci e nell’incremento dei costi del personale”. L’analisi della iti ità ati a i zia dunque che “gli investiti i i lati ai in termini di crescita dei fattu ati la ta i i atti aumentata, ma la crescita dimensionale non è stata ancoa a ita all ati ità lla t uttu a ta u a i i a i evidenzia anche “la necessità i t tt t ll i consumi di materie prime e merci il cui incremento può tat ttat ia a u i t t attual esercitato dalle aziende del comparto verso i fornitori, sia da dinamiche legate alla li ui ità ati a tti, nel 2017, “i tempi di circolante si contraggono (di 13 giorni circa) a testimonianza

lla l tà i a liui ità i u i i i i ta i t attutto, incrementando i giorni di pagamento dei fornitori. Probabilmente l’incremento dei consumi di materie prime e merci è legato anche a questa richiesta di allungamento dei tempi di pagamento”. In pratica, “la liquiità a ia all ttuazione degli investimenti è tata tt uta ta t al canale bancario, quanto dai it i i atta i a t ulla iti ità ll aziende”.


E

S

6

conomia

egretario all’Industria

Zafferani: “Solo se crescono le aziende crescono anche il reddito e l’occupazione” “ Il s et t ore del l ’ indu s t ria, es t rem am ent e rap p res ent at o da ANIS c h e rap p res ent a il 32% del P IL del P aes e, è p ront o p er c res c ere anc ora, c om e dim os t rano i p roget t i c h e s t anno p ort ando av ant i” . S i è ap ert o c on q u es t e p arol e l ’ int erv ent o del S egret ario di S t at o Andrea Z af f erani. “ S ol o s e c res c ono l e az iende c res c e il reddit o e l ’ oc c u p az ione” h a p ros egu it o. “ Il Gov erno h a aiu t at o l e az iende at t rav ers o il c redit o agev ol at o, u na m is u ra non f ac il e p er il B il anc io, c erc ando di ridu rre il gap c on i c om p et it or e c on l a det as s az ione degl i u t il i reinv es t it i in innov az ione. O ggi S an Marino è il l inea c on i P aes i U E : l e nos t re az iende p os s ono as s u m ere l e m igl iori p rof es s ional it à e h anno m eno v inc ol i ris p et t o al p as s at o nel l a f as e di av v io di u n’ im p res a. U n im p rendit ore dev e p ot er s c egl iere l e ris ors e u m ane p iù adegu at e e in t em p i ridot t i: l a t em p es t iv it à è im p ort ant e p er u n s is t em a ec onom ic o” . Z af f erani p oi s i è s of f erm at o s u l l e p ec u l iarit à del S is t em a-P aes e: S an Marino è “ u no S t at o s ic u ro” , c on u n ot t im o w el f are m a anc h e int eres s ant e dal p u nt o di v is t a del l ’ u b ic az ione. Negl i u l t im i t em p i inol t re è s t at a av v iat a l a l ib eral iz z az ione del l e res idenz e p er gl i im p rendit ori c h e inv es t ono nel t errit orio. T ra gl i al t ri p u nt i di f orz a rim arc at i dal S egret ario di S t at o, “ l a v ic inanz a del l e Is t it u z ioni p er ris ol v ere l e ev ent u al i p rob l em at ic h e” e “ l a p os s ib il it à di ‘ aggiu s t are’ l e norm at iv e c on es t rem a v el oc it à ” . T u t t i el em ent i, q u es t i, “ c h e p os s ono rap p res ent are u na s erie di v al ori aggiu nt i” s e “ c i

FIXING FIXING - Anno - Anno XXVI XXII - n.44 - n.21 - Venerdì - Venerdì 30 30 Nov Maggio em b re 2018 2014

al

t

l

uti

all

u a i

i

il ila i

ll

tat

Piano per lo Sviluppo, rifo Ap p l au s i p er l a rel az ione del P res ident e Neni R os s ini, c h e h a s f erz at o du ram di c onf ront o nu ov o, non i t oni da gu erra c iv il e. L ’ u nic o ob iet t iv o c h e dov rem di Daniele Bartolucci

int egriam o c on l ’ es t erno” . Nel s u o int erv ent o il S egret ario al l ’ Indu s t ria s i è p oi s of f erm at o s u l m erc at o u nic o eu rop eo ( “ u n’ op p ort u nit à da c ogl iere” ) , s u l l a “ rev is ione degl i ac c ordi c on l ’ It al ia del 19 39 , oggi non p iù at t u al i” , s u l negoz iat o p er l ’ As s oc iaz ione al l ’ U nione eu rop ea ( “ s t iam o arriv ando al s odo” ) e s u Fondo Monet ario Int ernaz ional e. “ L a c res c it a ec onom ic a del nos t ro P aes e è p iù al t a ris p et t o a q u el l a s t im at a dal FMI” . In m erit o al l a c ris i del l e b anc h e, Z af f erani h a s p iegat o c h e “ è u n p rob l em a c h e dev e es s ere ris ol t o al t rim ent i non c ’ è s v il u p p o” . L a m edic ina non s arà indol ore: “ Non es is t ono s ol u z ioni s enz a c ons egu enz e” h a rim arc at o. “ P er noi C as s a di R is p arm io è u n inv es t im ent o p er il f u t u ro. L a b anc a dev e es s ere ris t ru t t u rat a p er f arl a t ornare in u t il e” . In c h iu s u ra u n c om m ent o al l a p os iz ione del Monte nella classifica “Doing B u s ines s 2019 ” s t il at a da W orl d B ank ( “ L a nos t ra p os iz ione, l a 8 8 es im a, non p u ò es s ere s oddis f ac ent e” ) e u na p rom es s a: “ L ’ IVA s am m arines e ent rerà in v igore nel 2020” . Alessandro Carli

au a a t l a at iforme”, dall’altra l’assenza di “un vero Piano per lo Sviluppo del Paese”: un mix che si i tt i a il t l Bilancio dello Stato e nel suo debito pubblico, che il Presidente ANIS Neni Rossini, riferendosi ai probabili 888 milioni di euro di cui si parla in questi giorni, non ha potut ti tta struoso”. Nel mezzo, o per li i tt tutt u sto a reggere l’economia e il Paese stesso, “c’è l’economia reale, che noi rappresentiaatta i i i stono e occupano migliaia di dipendenti, generando redit u i ttit l Stato”. Parte da questa consal a l att a la i di Neni Rossini, che ha evit t i att la platea, stante il lungo applauso tributatole. E anche l’ospite d’onore, Emma Marcegaglia, che non ha lesinato complimenti (“coraggiosa, puntuale, appassionata”), invitandola a proseguire su questa strada, perché “questo fanno gli imprenditori, l i tti l mune”. “Serve un vero Piano per lo Sviluppo del Paese” La via maestra, in questo senso, è lo stimolo (anche con qualche decisa tirata d’orecii ità alla liti a ché “occorre proseguire sulla strada delle riforme senza perdite di tempo, ma anche e attutt a atu Il problema, però, è che “non

u tt l i il a at a i i ità a ia a tit i Governi che si sono succeuti i a ia ti i att fuori e dentro San Marino, stimolando il più ampio diattit i i a l iluppo del Paese e giungere alla formulazione di un piat at i u u a à il t a i all’idea di un Piano di Stabilità a i al l ilu i ui ali a tutt l riforme. Ma perché questo a i ulta a à i i u todo di lavoro nuovo, sicuramente diverso da quello che a ia it u t no ad oggi. Peccato che l’unico sviluppo che possiamo leggervi al momento sia solo nel titolo. Perché, come più volte spiegato, in quel documento non si parla quasi mai esplicitamente di industria. Nonostante sia dimostrato con la forza dei numeri quant al i u t tt quali e quante siano le sue ità i ta t sia un punto di forza del nostro sistema Paese, in grado di generare occupazione, it ttit ta t tutt u t l i u t ia i relegata in qualche capitoletto generico”. “Restiamo fermamente convinti che sia invece l’economia reale, che noi rappresentiamo ampiamente, a reggere l’economia del Paese oggi e che anzi è grazie a questa economia reale che la Repubblica di San Marino t à t ui il u utu

Per questo auspichiamo che il metodo di lavoro e il sistema delle relazioni fra la politica e il mondo dell’impresa cambi quanto prima. Qui serve un altro tavolo di coori a t tutt l a ti sociali per individuare le priità i i la a ilità ll i i i i util i a i att u può tirarsi indietro e nessuno può continuare a difendere solo i propri interessi, bloca i att l i Ogni giorno di ritardo è un a i i t ii i al Paese!” “Banche, accogliamo la proposta di ABS” utta la l a l tto”, ha ammonito il President i i u ta att a alt il i t a a ia i fa la parte del leone. Più volte ci siamo chiesti e abbiamo chiesto: se il traguardo è la

ta ilità i u t dere di far sostenere il Paese da quella delle sue gambe che in questo momento è più debole? Purtroppo, a fronte del continuo preoccupante calo della raccolta interna, ancora oggi registriamo l’assenza della necessaria profonda riorganizzazione del comparto bancario e di piani industriali per il futuro delle a a lti a i propone un tavolo di lavoro ul tt a ai ui i accogliamo l’iniziativa di ABS di un tavolo tecnico, con l au i i tutti li i t l cutori si adoperino per restituire al comparto bancario e a ia i la a t nare a svolgere l’indispensabile ruolo di supporto alle i alla i tà “Riforme, lotta alla burocrazia, investimenti” Più volte il Presidente ANIS


E Aconomia ttualità

FIXING - Anno XXVI XXII -- n.21 n.44 -- Venerdì Venerdì 30 30 Maggio Nov em b 2014 re 2018

i

tti a

lu

i

i

u tutti

orme e condivisione ent e Gov erno e p ol it ic a in general e: “ S erv e u n m et odo m o av ere t u t t i è f ar u s c ire S an Marino da q u es t a c ris i”

confronto avviato sulle proposte illustrateci – che condividiamo in larga parte – scaturiranno gli interventi necessari a improntare alla massima collaborazione il rapporto tra le imprese sammarinesi e la Pubblica Amministrazione”.

ha ribadito quanto si vitale “accelerare il processo di ama t ait i t attati l i t u i iu sistema IVA, un mercato del la i i t l sioni (che vengono ancora una volta posticipate), la spending review e ovviamente “gli interventi per li a l a i la ita delle imprese”, ha spiegato Neni Rossini citando il i ui tat un miglioramento relativo, a a ta l la la i a generale per capire quanta strada ci sia ancora da fare. E – non me ne voglia la nostra illustre ospite – essere dietro all’Italia per burocrazia, tasse e avvio di un’impresa, è un at a i tt In questo senso, “apprezziamo gli sforzi e l’impegno, in questi ultimi mesi, del gruppo di lavoro costituito ad ia ui i al

“Abbassare i toni: serve una soluzione condivisa” Come spiegato più volte, gli tti i u t a at itti i i anche nel Bilancio dello Stato, gravato però da un indebitamento pazzesco determinato dalla partecipazione in Cassa di Risparmio: “La situazione è grave, sono state att lt lt i u perché considerate unilateali a ttat per nulla condivise. Oggi la Cassa di Risparmio è di proi tà ll tat il u ila i i i tt i u ll tatal a i a i tutti dovremmo essere coinvolti nella ricerca di soluzioni. Non è questa la sede per indii ua a ilità lpe o errori. Occorre invece trovare una soluzione politica! E questo è il momento di t ui la tutti a i i it i ia ttii ti atu a iatutti i a a l i alità l’urgenza di questo tema cruial tt i a i ii ll i t i tutta la ta u ità a farlo, occorre anche cambiat i att ia ti i noviamo il nostro invito a

tutt l ti lla ta u ità i a ti lare ai partiti e movimenti politici, compreso il Governo e i suoi rappresentanti, a trovare il dialogo imprescindibile per fare squadra verso il solo, unico e fondamentale obietti a ui tutti aspirare: far uscire il Paese dalla crisi più profonda della sua era moderna. I toni da guerra civile che si stanno ala ai i tutt l i sono quanto di peggio la politica possa esprimere, anche agli occhi di un osservatore esterno, o peggio ancora di un investitore”. “Italia partner naturale Europa delle opportunità” L’ultimo tema toccato dal Presidente Rossini è stato quello della reputazione internazionale e dello sviluppo delle relazioni, in particolare con l’Italia, “nostro partner naturale” e con cui si è aperto un tavolo di lavoro per rinnovare i vecchi Accordi, e con la Commissione dell’UE con ui i ta t atta u do di Associazione: “Per noi, ovviamente, è l’Europa delle tu ità

L

7

’ospite d’onore

Marcegaglia: “L’Europa è la nostra casa Italia e San Marino non hanno alternative” T em a E u rop a, c on q u al c h e ac c enno al l a real t à s am m arines e, p er E m m a Marc egagl ia, già P res ident e di B u s ines s E u rop e e C onf indu s t ria nel q u adriennio 2008 -2012. D op o av er s ot t ol ineat o il p es o del l ’ indu s t ria nel P IL del T it ano ( 32% ) e av er “ b oc c iat o” l ’ al iq u ot a s u l l e as s u nz ioni dei f ront al ieri ( il f am os o 4, 5 % , def init o da E m m a Marc egagl ia “ u na f orm a di p rot ez ionis m o” ) , s i è c onc ent rat a s u l l o s t at o di s al u t e del l ’ ec onom ia m ondial e, c h e “ s t a c res c endo anc ora m ol t o b ene, s u l l ’ ordine del 3% ” , anc h e s e “ al l ’ oriz z ont e c i s ono m ol t e nu b i” . Ment re gl i U S A v iaggiano a t as s i di c res c it a p oc o s ot t o al 3% , l ’ E u rop a t ra il 2 e il 2, 2% e l a C ina at t orno al 6 % , i p eric ol i deriv ano dal l e “ p ol it ic h e p rot ez ionis t ic h e v ol u t e dal P res ident e s t at u nit ens e D onal d T ru m p ” c h e h a im p os t o daz i p iu t t os t o aggres s iv i s u l c om m erc io. D az i c h e, q u es t o il p ens iero di E m m a Marc egagl ia, “ nel b rev e aiu t ano m a nel m edio t erm ine rap p res ent ano u n p rob l em a” . L’export dell’UE, nel 2018, c h iu derà in c ont raz ione ris p et t o al l a p erf orm anc e del 2017 . E m m a Marc egagl ia p oi h a spiegato le attuali difficoltà dei P aes i em ergent i: T u rc h ia, B ras il e, Argent ina, Venez u el a e R u s s ia l o s c ors o anno s ono c res c iu t e m a nel 2018 h anno regis t rat o u n ral l ent am ent o. T ra l e “ nu b i” indiv idu at e dal l a P as t P res ident di B u s ines s E u rop e e C onf indu s t ria anc h e “ l a f ine del l e p ol it ic h e es p ans iv e del l e b anc h e c ent ral i, c om p res a q u el l a eu rop ea” c h e “ p os s ono av ere u n im p at t o” im p ort ant e “ s u l l ’ ec onom ia” , c os ì c om e “ l e t ens ioni geop ol it ic h e” , negat iv e “ s ia p er

l e p ers one c h e p er l a s t es s a ec onom ia” . Il Q at ar – giu s t o p er p ort are u n es em p io – è is ol at o dal l ’ Arab ia S au dit a e dagl i E m irat i Arab i. “ L e dis egu agl ianz e s oc ial i s ono au m ent at e in t u t t o il m ondo e s t anno p ort ando a nu ov e t ens ioni p ol it ic h e c h e im p at t ano s u l l a c res c it a” h a c om m ent at o. Am p io s p az io p oi al l ’ E u rop a. “ L a c res c it a nel 2017 è s t at a del 2, 4% , u n b u on t as s o, inc oraggiat o dal l a p ol it ic a m onet aria. L e p rev is ioni p er il 2018 s ono del 2% , q u el l e p er il 2019 del l ’ 1, 9 % , inf eriori m a c om u nq u e dis c ret e. L a dis oc c u p az ione in E u rop a è s u i l iv el l i p re-c ris i, at t orno al 6 , 8 % , m ent re q u el l a del l ’ area-E u ro è al l ’ 8 , 1% , c on u na c ert a dis p arit à t ra i s ingol i P aes i. L a Germ ania s i av v ic ina al l a p iena oc c u p az ione, c om e al c u ni P aes i del Nord E u rop a, al t ri inv ec e h anno t as s i di dis oc c u p az ione e du e c if re” . In It al ia “ è p oc o di m oda p art e di E u rop a” , p erò p er l e im p res e “ è il m erc at o int erno, l ib ero e s enz a b arriere, dov e op erare e t rov are

c om p et enz e p er c res c ere. L ’ E u rop a – u n m erc at o c h e c ont a 5 00 m il ioni di p ers one e c h e regis t ra l iv el l i di innov az ione im p ort ant i e di p rof es s ionis t i c ap ac i - è l a nos t ra c as a. E av erne ac c es s o è u n v ant aggio. Non c ’ è al t ernat iv a, né p er l ’ It al ia né p er S an Marino, c h e au s p ic o s i p os s a int egrare p rogres s iv am ent e s em p re di p iù ” . “ L ’ U e c i aiu t a a l av orare m egl io” anc h e s e, h a ric ordat o, “ non è p erf et t a: l e t as s e e i c ont rib u t i c h e dev ono v ers are l e im p res e ( c irc a il 42% ) s ono p iù p es ant i ris p et t o a q u el l e del l e az iende U S A ( 32% ) e a q u el l e giap p ones i ( 30% ) ” . “ S an Marino è il P aes e p iù indu s t rial iz z at o al m ondo – h a c onc l u s o E m m a Marc egagl ia -. H o c ol t o u n grande c oraggio nel l a rel az ione del l a v os t ra P res ident e e c onc ordo c on l ei c h e in q u esto momento così difficile, l ’ u nic a v ia s ia q u el l a di c os t ru ire as s iem e l e m igl iori s ol u z ioni, t endendo, c om e t endono gl i im p rendit ori, al b ene e al l a c res c it a del p rop rio P aes e” . Alessandro Carli


I 8

di Daniele Bartolucci

atta i ai a trasformazione digitale dell’azienda”. E’ questo il titolo del convegno promosso da Banca CIS in collaborazione u a u tti lt i il al a t l a ai a atti at iversi imprenditori e professionisti, dall’antica Repubblica e anche dalla vicina Italia. Complice la presenza di relat i i uali a i l a i i tt ate Communications di IMA SpA e Segretario Generale dell’associazione Emilia-Romagna Advanced Mechanics and Industrial Automation l il l u tta t i matica presso il Politecnico di Milano e Amministratore l at i lt al tt l a ia i at a t t at a ti u a u tti a unito i loro due mondi, mettendo in relazione la pratica con la teoria dell’innovativa Industria 4.0, parlando di t lli a a ti ial scelte strategiche: nuovi paradigmi nella competizione tra imprese”. u u i atti i isce una fase di intensa accelerazione e di cambiamento. la ta i l i ital saranno le applicazioni ll i t lli a a ti ial a guidare la nuova epoca dell’Industria 4.0. Le ‘macchine che imparano’ ridisegneranno i processi aziendali, dal marketing alla produi i u t apevole anche lo storico gruppo bancario sammarinese, che “nel promuovere un appuntamento a questo livello”, ha spiegato Pier Paolo Fabbri, Vicepresidente di Banca CIS, “intende rappresentare al mondo delle imprese i camia ti i att aacompagnarle negli investimenti necessari per avere un ruolo da protagonisti nella competizione internazionale. Abbiamo ascoltato i termii l tti i u lla i ita la ua ta rivoluzione industriale”. a a i atti a lut riunire intorno a queste convinzioni i protagonisti del cambiamento, ossia gli imprenditori più innovativi, così da comprendere potenzialità li iti ll u t logie digitali, ma anche come ia tt i ta il cesso di trasformazione delle aziende verso il nuovo paradigma. Proprio delle “dinamiche aziendali e le esigenze organizzative e formative per l’industria 4.0”, ha parlato li it a il a-

u

nnovazione il

FIXING - Anno XXVI - n.44 - Venerdì 30 Nov em b re 2018

i a a

i

lla

a i

u

a

u

tti

Industria 4.0 imprescindibile per poter competere Nuove opportunità da intelligenza artificiale, formazione e Internet of Things

i lt a il itt at u ications di IMA SpA è anche Segretario Generale dell’associazione Emilia-Romagna Advanced Mechanics and Industrial Automation l a ta u i t tt i u t ial attu a ilia i i u circa 15.750 dipendenti. Vacchi ha quindi ben rappresentato quel mondo imprenditoial ià i i u ta trasformazione e, anzi, la sta cavalcando, cogliendone tutti i vantaggi. In rappresentanza del mondo accademico, è poi interveut il l u tta (docente di Informatica presso il Politecnico di Milano) che ha parlato del “Come ridisegnare l’impresa grazie alle nuove tecnologie digitali l u tta a i i t at l at i CEFRIEL, Consorzio fondato 30 anni fa dal Politecnico di Milano e centro di eccellenza per l’innovazione digitale, cui sono associate anche tre i ità i adia e 18 imprese multinazionali. “Le tecnologie digitali sono pervasive e incidono profondamente sulle dinai ulla t uttu a ulla missione di ogni impresa”, ha i at il u tta a l tatu u richiedono una reazione decisa e consapevole, sia per evitare di essere tagliati fuori

dalla concorrenza, sia - e soattutt li i sitivo le innumerevoli possiilità u t t l i i li a i a tti i i -

Relatori: Vacchi (IMA), Fuggetta (CEFRIEL) e De Biasio (Ambrosetti) cessi e il funzionamento stesso dell’impresa. Un’onda maestosa si manifesta di fronte a noi: non possiamo evitarla né immaginare che non ci colpisca. Possiamo solo cavalcarla, utta al i a a l ità al i t a tutti i a t a quali sono le dimensioni e le a tutt i i a i ta i i tt tt lineerei tre percorsi. Il primo u ll lla ata alu ai a i a t l gie di rete e analytics è possibile raccogliere dati, consolidarli, elaborarli e utilizzarli per creare valore, cambiando i a i al tutti li a tti l u i a t i un’impresa. Il secondo è quello relativo alla costruzione di ecosistemi digitali all’interno e all’esterno dell’azienda, cioè lo sviluppo di

nuove relazioni e rapporti digitali tra le diverse componenti aziendali e tra l’impresa e l’insieme dei suoi partner, clienti, fornitori, interlocutori. Gli ecosistemi digitali sono una straordinaria optu ità i a i novare e rivitalizzare in chiai ital tti i ta ti i i i t tt li a utti a t it i l t atti all sviluppo del capitale umano e delle capability organizzative che ogni azienda deve sviluppare per essere in grado di perseguire le innovazioni suggerite e in qualche caso imposte dall’avvento ll t l i i itali u ll ia ia i ital l a ilit i t atta i direzioni strategiche”, ha lu u tta l quali ogni azienda moderna non può evitare di confrontarsi”. l tt l a ia i

lt a tti a i messo in relazione la pratica con la teoria dell’innovativa u t ia tt li a che “viviamo in un’epoca caatt i ata all a l a i ne esponenziale del cambiamento. I cicli di vita di un’idea, di una soluzione, di un tt t a imersi in modo sempre più rapido. In parallelo, stiamo assistendo ad un fenomeno i a t a tt i i dustriali - reso possibile dalla tecnologia - che rende sempre meno difendibili le posizioni. Spesso, comprendere i i ll a a titia i ui i ll ati la sionomia dei propri competitor è un’operazione complessa”. “Ma come si compete in queta u a altà a rata nelle sue dinamiche di cambiamento?”, ha chiesto ia i ai ti a itutt ta i u li l ti i ta ilità a att i a il at l’arena competitiva. Anche nelle situazioni più confuse, esistono sempre punti di aggancio solidi cui aggrapparsi. Scoprirli, però, non è sempre facile. In secondo luogo, gestendo l’evoluzione del patrimonio di competenze aziendali, “prendendo posii i tt all t future. E’ rischioso? Certamente, ma lo è di più non farlo, perché la costruzione delle competenze distintive rii t a i a i tti a più sistemica, contribuendo alla costruzione di eco-sistemi (al tempo stesso competitivi e cooperativi) complessi, posti al servizio dei segmenti

di clientela capaci di garantire la generazione di valore nel medio e lungo termine. i i ai la a a ità di non concepirsi isolati ma immersi in relazioni di partnership che possono essere it t lla i i l alore” appare fondamentale. Le tecnologie digitali, che sono le principali cause di queste dinamiche di cambiat a ttat tta t a u a sibile risposta, perché supta a t una di queste dinamiche strategiche, di breve, medio e lungo termine. Occorre però i i ia ià i aa tit ia i a i a i a un nuovo mondo dove 5G, i t lli a a ti ial achine learning sposteranno l’asticella della nostra conoscenza e, quindi, della competizione tra imprese”. Al termine degli interventi, come previsto dal format tu iat a a a u a u tti, ampio spazio è stato dato alle domande dei presenti, i i i t att uti a i ut it i i i ci con i tre relatori, avendo a disposizione tali esperienze e competenze. “Non è stata una lezione teorica”, ha commentato Fabbri al termine dei lavori, “ma un incontro fra imprese per parlare delle l ità a ll ui con professionisti che quotidianamente si misurano con ciò che rappresenta l’Industria 4.0. Abbiamo invitato imprenditori sammarinesi ed italiani, crediamo sia stato un momento di confronto e i i a ti la t util a tutti i a t i a ti


I

FIXING - Anno XXVI - n.44 - Venerdì 30 Nov em b re 2018

di Daniele Bartolucci

L’Industry 4.0 è un insieme di linee guida che consentono di stimolare sia la produtti ità la ualità i ii ti a i all i t azione delle nuove tecnologie i i t i i i i t ti i lla i tta t lli a ti ial ta completamente rivoluzionando il nostro modo di lavorare. “Ma per fare sì che la Rivoluzione Industriale proceda senza intoppi, le sue linee guida vanno applicate a i a it u ll lla ti u tal tt li a Gian Carlo Macrelli. a ita a a a il at i a talia a a i ali a tu i i u i documentali all’interno di a i altà a i ali istituzionali, dimostrando come una gestione integrata e razionale di cartaceo e digital u tti i i ultati in termini di risparmio ed efi a Perché parlare di una Gestiou tal all analogico siamo passati al digitale e alle stampanti multifunzione e, successivament all a i ia i l tt nica, fase in cui il documento va ‘gestito’. Ed è qui che si inseriscono nuovi player, dai utt i i ta a ti multifunzione agli ideatori di software documentali. Si pensava che il cartaceo saa tutt a-

ia

al

a

lli

a ita

a

a

t i ilità a

i tal

9

a u

tu ità

La Gestione Documentale 4.0: cartaceo e digitale si integrano “ O c c orre rendere f ru ib il i i p rinc ip i del l ’ Indu s t ry 4.0 in ogni am b it o p rof es s ional e”

liat a ta l tt ico convivono! Ed ecco qua l’Industry 4.0, che prevede una convergenza tra digitale i “Ultimo cardine della 4.0 è alt la t i ilità

ambientale che oggi più che mai deve fare parte come obbligo morale di qualsiasi prott i u i t mente abbiamo proposto una serie di stampanti multifunzione in grado di produr-

re documenti in nero standard e in blu cancellabile, consentendo così il recupero della carta, quando il documento non serve più o viene a i iat l tt i a t Un altro esempio sono le

L Eccoa tecnologia ibrida di Toshiba e-STUDIO5008LP, la prima multifunzione

bianco/nero in grado di realizzare stampe cancellabili L a e-S T U D IO 5 008 L P di T os h ib a è “ c om b ina ec onomia, efficienza ed ecologia”, s p iegano dal l ’ az ienda. “ L a t ec nol ogia ib rida di T os h ib a c oniu ga l a s t am p a t radiz ional e c on l a f u nz ione di s t am p a c anc el l ab il e, c h e p erm et t e di riu t il iz z are l a c art a p iù e p iù v ol t e” . Q u es t a è inf at t i “ l a p rim a s erie di s t am p ant i m u l t if u nz ione b ianc o/ nero al m ondo in grado di real iz z are s t am p e e c op ie, s ia in m odal it à t radiz ional e c h e in m odal it à c anc el l ab il e. T u t t o in u n u nic o dis p os it iv o. L e es c l u s iv e AP P dis p onib il i s u l t ou c h s c reen ab il it ano al l ’ arc h iv iaz ione el et t ronic a s enz a dov er ac q u is t are p iat t af orm e dedic at e. T ec nol ogia s t u diat a p er garant ire l a p ers onal iz z az ione del l e f u nz ional it à , l a s t am p a m ob il e e c l ou d, l ’ au t ent ic az ione degl i u t ent i e l a rep ort is t ic a di p rodu z ione” .

nnovazione

stampanti termiche in grado i ta a ti tt i te e retro. Questo si traduce, come si può ben immaginare, in minori costi e in una sostanziale riduzione dell’imatt a i tal

“La Pitagora si è sempre più specializzata nel fornire stampanti, multifunzione u i ta a ti t iche, soluzioni hardware int a l ta u i i i alti i a ualità i alità i a i vendere semplicemente un tt a ai att at lla ta l a il messaggio che vogliamo veicolare invece è la competenza dei nostri collaboratori nel a i t tta l utat i l li t i un servizio a 360° orientato all u t l i Questo è ciò che intendiamo ti u tal 4.0”, conclude Macrelli: “Un sistema integrato dove “vecchio” e “nuovo” convivono e dove il progresso tecnologico non è solo un ipotesi futuristica ma un’occasione per ia i lu i i crete che agevolino il nostro lavoro quotidiano”.

F Il progetto ormazione “ITS 4.0”

entra nelle scuole italiane L e t ec nol ogie 4.0 es c ono dal l e az iende v ere e p rop rie ed ent rano anc h e nel l a p rat ic a didat t ic a degl i Is t it u t i t ec nic i s u p eriori ( IT S ) , m a non s ol o c om e ogget t i di anal is i e p roget t az ione, b ens ì anc h e c om e nu ov i s t ru m ent i p er ap p rendere. S ono div ers i i p erc ors i di c o-p roget t az ione p art ec ip at iv a e di des ign t h ink ing p er l a s p erim ent az ione di s ol u z ioni l egat e a Indu s t ria 4.0.già av v iat i in div ers i is t it u t i it al iani, graz ie anc h e al p roget t o “ IT S 4.0” p rom os s o da Miu r e U niv ers it à C a’ Fos c ari. P roget t i c h e p u nt ano, dec is am ent e, a ridu rre il gap del l a f orm az ione al l av oro 4.0, c om e c h iedono l e az iende da t em p o. L ’ IT S Ap u l ia D igit al Mak er a Foggia, ad es em p io, h a c os t ru it o u n p erc ors o didat t ic o in c u i gl i s t u dent i p os s ono m onit orare gl i andam ent i del l e

c ol t iv az ioni, t ram it e s ens ori ed ap p os it e int erf ac c e di anal y t ic s , c os t ru endo u n “ l ab orat orio didat t ic o au m ent at o” e dif f u s o, b en ol t re l e p aret i del l a s c u ol a. L ’ IT S Fondaz ione Minop rio h a p roget t at o inv ec e u n s is t em a b as at o s u t ec nol ogie IO T p er m onit orare l o s t at o del p arc o b ot anic o c h e c irc onda l ’ Is t it u t o e p erm et t ere di rac c ogl iere dat i in t em p o real e s u l l o s t at o del l e p iant e, il l iv el l o e l e t ip ol ogie di p aras s it i, e al t re noz ioni u t il i al l a diagnos t ic a del t errit orio. E anc ora: l ’ IT S R E D di P adov a h a u s at o il t ool R ev it p er l a c o-p roget t az ione it erat iv a degl i el em ent i ab it at iv i, c oinv ol gendo u na ret e di p rof es s ionis t i e doc ent i al l ’ int erno di p roget t i c ol l ab orat iv i e dif f ondendo u n ap p roc c io al l ’ ap p rendim ent o p rof es s ional e di t ip o int erat iv o e net w ork ed.


I

10 l

tt

t

lli

struzione i

ità

FIXING - Anno XXVI - n.44 - Venerdì 30 Nov em b re 2018

a

i

tutt il t

it i

Dentro la nuova società dei misuratori del tempo L a L ec t io Magis t ral is di O s s ol a p er l ’ ap ert u ra del l ’ anno ac c adem ic o di Alessandro Carli

u ta li i itti all i ità i a ai u Ateneo che “non porta benei l i la u ta ma anche per il territorio, per i i it i uttivi e nelle aziende che contribuisce al progresso del Paese, u i att iti ulla u ità u t l a l u iat al tt rado Petrocelli durante la cerimonia di inaugurazione dell’Anno Accademico 2018 – 2019 avvenuta alla presenza degli Eccellentissimi Capitai ti i a i e Luca Santolini. l li i itti stati 870, a fronte dei circa 250 di 5 anni fa, mentre per il 2018-2019 le nuove immatricolazioni sono 336. L’Ateneo sammarinese, ha rimarcato il tt t lli u a ll altà l ita incamerano cifre pari o superiori al contributo ricevuto dallo Stato”. La Lectio Magistralis del professor Ossola Ospite d’onore alla cerimonia, Carlo Maria Ossola del Collège de France di Parigi, che ha tenuto la Lectio Magit ali al tit l li tà dell’improbabile”. Un viaggio nei secoli, da a t a al i a a a al a a ia ita u pensiero libero” perché “l’improbabile si esercita lì dove c’è il probabile” ha esordito il professore. “L’improbabile è ciò che è sempre paradossale ma che non ha ancora esaurito il proprio possibile”, quello cioè che “non ha più bisogno di dimostrazioi att t “L’improbabile, un’esigenza in essere, è il potenziale umano che sfugge alla misura ma i a a ilità i a di avvenire”. Il Novecento, ha i at la a tt l u ità a i t t li it spazio e ha liberato una ua tità i a ile. La crisi della logica classica non è un elemento di preoccupazione ma una cosciena i ità i a -

ni Scoto, ha spiegato il professore, “l’impossibile non è mai da solo ma è la misura di mol-

ti possibili semplici”. L’improbabile, questa l’esortazione del relatore, “deve es-

sere preso come uno strumento di lavoro”. Nel Medioevo “si doveva di-

mostrare con argomenti coerenti che il probabile, per essere tale, doveva accadere a

i tti u ll a adeva quindi doveva essere condiviso. Le eccezioni non fanno una regola ma una somma di eccezioni”. L’escursus di Ossola si è poi at u a t l “Paradiso” scrive: “Quel sol che pria d’amor mi scaldò ’l tt i lla ità a a scoverto/ provando e riproa il l a tt Italo Calvino nel racconto “Le conchiglie e il tempo”, spiega che “a partire dalle not i ali i t tt a t messo insieme una spirale continua che chiamate storia. Non so se avete tanto da stare allegri, non so giudicare di questa cosa non mia, per me questo è solo il tempo-impronta, l’orma della nostra impresa fallita, il rovescio del t u a t ati a i i resti e gusci e necropoli e catasti, di ciò che perdendosi si è salvato, di ciò che essendosi fermato vi ha raggiunto. La vostra storia è il contrario della nostra, il contrario della storia di ciò che muovendosi non è arrivato, di ciò che per durare si è perso: la mano che ll il a li a ali che bruciarono ad Alessandria, la pronuncia dello scriba, la polpa del mollusco che secerneva la conchiglia…”. Oggi “il pensabile ha perso la sua forza di valore civile, l’improbabile anche la sua forza etica” ha aggiunto Ossola. “Non si esercita il peni a il al l a ità ità u iti a a u a i tà i a ati a una logica di argomentare per provare e per confutare – quella di Galileo Galilei - a una di sperimentazione. Ogi la i tà a attenzione non tanto al tempo quanto ai misuratori”. Pascal ci chiede “se è forse probabile ciò che la probabilità a i u a i i itia nel probabile più abbiamo la conferma del probabile ma non del certo. Nel calcolo dell a ilità ia u u aggiungere ma nessuno può togliere. Più avanza il probabile più l’improbabile diventa a a i a t


P

FIXING - Anno XXVI - n.44 - Venerdì 30 Nov em b re 2018

Secondo i dati rilevati dal rapporto “Io Sono Cultura”, il it a utti ali tato dalla cultura e dalla creatiità i talia l t ibuisce in maniera non indifferente alla ricchezza prodotta (17% del valore aggiunto, per un totale di 249,8 miliardi di euro) ma è anche in crescita (+0,6% in termini di valore aggiunto e +0,2% in termini di occupazione dal 2011 al 2015). l ui i a tat u tt i l tta l i at ia i i iplina della gestione delle opere dell’arte nella Repubblica di San Marino” e che “crea le condizioni per realizzare un vero e proprio ordinamento sistematico delle opere dell’arte nel Paese, volendolo trasformare in una a ulla i att atti ità commercio e sviluppo di arte e cultura; modello, pensato all’avanguardia nello scenario internazionale”. l la ta ii t i a tu i la i uali a i ll ta culturale e creazione di nuove motivazioni di visita, anche culturali oltre che paesaggistiche; mercato, con una agevole, seppur controllata, circolazione delle opere, con u a t i il alità ché facilitazioni alla produzione; cultura e formazione, con incentivi per la formazioiali ata i tt ua t ai tti ta ia all a licazione del pdl, “è importante rilevare come in primo luogo questi riguardano lo Stato, tanto dal punto di vista economico con l’adeguamento di un punto percentuale di imposta sulle importazioni ritt a ua t attual t in vigore (dal 3% al 4%) e con la creazione di una imposta sugli acquisti pari all’8% sul plus valore di vendita del bene, quanto dal punto di vista lla a i ta i servizi pubblici evoluti, quali il ila i i u i passaporto dell’opera su richiesta del proprietario, con l i tti i ti a il l l u pone analisi e valutazioni anali at alla ti ai i i i alità Non va inoltre dimenticato il ttit al i a t all i tt i tt i t mini di tassazioni dei redditi delle imprese operanti nel mondo dell’arte il cui numetà a uit li tti lla a li a i i tutti li a tti i ativi e comunque di certezza normativa. Le imprese e più in generale, li at i l tt il tt i i imento e destinatario di con-

olitica

Interessati il turismo, il mercato, la cultura, la formazione e le banche

La gestione delle opere d’arte in Repubblica D al P D C S u n P roget t o di L egge c h e av rà ric adu t e s u l l ’ ec onom ia i i i it ia a rirne l’insediamento in Repubblica. Partendo da garanzia certe su tempi e metodi di svincolo delle opere non clas-

i a ili i t azionale, gli operatori potranno anche essere favoriti dalla previsione di uno strumento normativa presente in altri

Paesi. aà i i il a ia il tt gressuale promovendo il Paese come spazio di confronto

privilegiato e concreto tra i a i att i l i t a ll a te, organizzando convention, seminari e forum internazionali aperti agli interessati di

11

tt La specializzazione derivant alla ita ll u professionali legate all’indotto può dare una importante spinta al sistema bancario, da atti l tt lla gestione patrimoniale, favorendone il posizionament ull a i ti at creando strumenti innovativi ed estremamente personali a ili a i ll i t ro sistema economico. lt i ta t u llo di una crescita di imprese l tt lati ttito per lo Stato e di conseguenza l’occupazione di risorse lavorative anche specializzate o da specializzare. Alessandro Carli

K

m0

Dalla Jole i formaggi del Titano T radiz ioni c h e inc ont rano t radiz ioni, al l ’ ins egna del l a v al oriz z az ione del l e t ip ic it à l oc al i, rigoris am ent e a k m 0. L ’ Ant ic a T rat t oria J ol e ( C ont rada S ant a C roc e, 29 - S an Marino C it t à ) p rop one il 2 dic em b re al l e 20, u na s erat a di degu s t az ione dei nu ov i f orm aggi del l a C oop erat iv a L at t e S am m arines e ( C ent ral e del L at t e di S an Marino, as s oc iat a al C ons orz io T erra di S an Marino) , gu idat a da S erena B os c h i, Andrea Mac rina e Al es s andro C arl i, As s aggiat ori O NAF ( O rganiz z az ione Naz ional e As s aggiat ori Form aggi) e Mas t er of f ood f orm aggio S l ow Food. La proposta Ant ip as t o: p anet t one al l e p ere c andit e e p ec orino del l a P as t ic c eria C ris t al di S an Marino s erv it o c on p ep e nero m ac inat o f res c o; B u c c iat el l o e s av or. B is di p rim i: c onc h igl ie nav igat e t ra ric ot t a e p ec orino Franc is c h in e s t roz z ap ret i c on f orm aggio di f os s a e m ent u c c ia. S ec ondo: v ariaz ioni di c ac iot t a ( C ip ol l ino, P ep erino, P ic c ant ino e T art u f ino) s erv it e c on l a c res c ia c al da del l a J ol e; f orm aggio di f os s a c on m os t arda di c ip ol l e ros s e e ins al at ina c am p es t re. D es s ert : ric ot t a e z enz ero c aram el l at o, p rim os al e Fiore c on c ioc c ol at o f ondent e 7 2% c roc c ant e. Vino Val dragone ros s o o b ianc o del C ons orz io Vini di S an Marino; ac q u a e c af f è .


Profile for San Marino Fixing

Fixing nr. 44: 30 novembre 2018  

San Marino Fixing è il settimanale di economia, finanza, politica e attualità di San Marino.

Fixing nr. 44: 30 novembre 2018  

San Marino Fixing è il settimanale di economia, finanza, politica e attualità di San Marino.

Advertisement