IMAGINE 6/7 2024

Page 38

SE NE PARLA S P DA DOVE

SOLE

FORMAZIONE

RIVISTA DELLA PROFUMERIA FONDATA NEL 1975 DA FENAPRO MENSILE - N.6/7 2024 - € 4,50
DOVE
IL PRODOTTO
VIENE E
VA
SPECIALE
CHE CURA
pasta
mani in

‘CONCETTO SPAZIALE –ATTESA’ O ‘CONCETTO SPAZIALE – ATTESE’ OVVERO LE TELE TAGLIATE DI LUCIO FONTANA

Buon stare!

È MOLTO INTERESSANTE E CALZANTE CON IL TEMA DI QUESTO EDITORIALE LA GENESI DELLE OPERE PIÙ DIBATTUTE DI UNO DEGLI ARTEFICI DELLE GENIALI INTUIZIONI CHE HANNO POPOLATO L’EVOLUZIONE ARTISTICA DEL 900 CON I ‘TAGLI’ -COME VIENE IDENTIFICATA SPESSO QUESTA SERIE DI OPERE DI FONTANA- L’ARTISTA HA INTESO TRASFERIRE IN UN’OPERA SU TELA LA TRIDIMENSIONALITÀ AGGIUNGENDOVI LA QUARTA DIMENSIONE DEL TEMPO IL TAGLIO NON È SOLO UNA FENDITURA SU UNA TELA, MA HA UNA SUA CONSISTENZA E DIMENSIONALITÀ DATA DA ACCORGIMENTI TECNICI CHE NE ‘FISSANO’ LA FORMA E NON PERMETTONO DI VEDERE IL ‘MURO’ CHE STA DIETRO UNA SCELTA FUNZIONALE E CONCETTUALE PARE INFATTI CHE L’ARTISTA ABBIA DETTO: “QUANDO MI SIEDO DAVANTI A UNO DEI MIEI TAGLI, A CONTEMPLARLO, PROVO ALL’IMPROVVISO UNA GRANDE DISTENSIONE DELLO SPIRITO, MI SENTO UN UOMO LIBERATO DALLA SCHIAVITÙ DELLA MATERIA, UN UOMO CHE APPARTIENE ALLA VASTITÀ DEL PRESENTE E DEL FUTURO”. E ANCORA IN UN’INTERVISTA A GIORGIO BOCCA NEL 1966: “IO CON IL TAGLIO HO INVENTATO UNA FORMULA CHE NON CREDO DI POTER PERFEZIONARE. SONO RIUSCITO A DARE A CHI GUARDA IL QUADRO UN’IMPRESSIONE DI CALMA SPAZIALE, DI RIGORE COSMICO, DI SERENITÀ NELL’INFINITO PIÙ IN LÀ NON POSSO ANDARE”

IL TAGLIO O I TAGLI NON ERANO UN GESTO ESTEMPORANEO, MA VENIVANO MEDITATI E REALIZZATI QUANDO FONTANA SI SENTIVA PRONTO ALTRESÌ RICHIEDEVANO UNA LUNGA E PRECISA PREDISPOSIZIONE DELLA TELA

TEMPO, VUOTO, ACCURATEZZA BUON STARE!

Pensando a questa pagina mi ero immaginata uno spazio bianco Si parla di “ paura del foglio bianco” e invece ogni tanto ci sarebbe bisogno di ‘fogli bianchi’, di vuoto’ .

In realtà il vuoto assoluto non esiste come ci spiegano le regole della fisica, ma dagli esseri viventi il vuoto è percepito! È giust’appunto non una realtà, ma una percezione, che tuttavia si traduce in una reale sensazione di assenza, mancanza, penuria tutte parole che esprimono concetti associati alla privazione di qualcosa o di qualcuno Ecco perché parlare di vuoto assume immediatamente una valenza negativa.

Il vuoto, altresì, è l’unico modo per creare un varco per accogliere il nuovo, riassettare le idee, stemperare le tensioni. C’è davvero tanto bisogno di vuoto, di noia, di STARE

Più si ‘ cresce ’ (un modo dolce per parlare di scorrere del tempo leggi invecchiare) e più si apprezza la pausa, il silenzio come accade per tutto ciò di cui si ha penuria In questo tempo poi, dove tutto è estremizzato, non si considera minimamente l’importanza, l’esigenza umana della ‘Pausa’. Troppa connessione, Troppi impegni, Troppe responsabilità, Troppo di tutto!

La Singolarità dei momenti, l’Essere, l’Essenza delle cose, in questo Troppo rischiano di essere risucchiate in un vortice di rapidità che limita e riduce a un attimo le esperienze, le relazioni, le sensazioni

Quindi, per non perderci la BELLEZZA che sta nei particolari, nelle piccole cose, riappropriamoci -almeno di tanto in tanto- di: ‘LENTA UMANITA’

W la ‘Slow beauty’, le ‘Slow Experience’, tutto ciò che essendo ‘Slow’ (Lento) permette di assaporare e non di consumare ingurgitando

Da qui il mio augurio di STARE, di FERMARVI a: guardare, gustare, ascoltare, sfiorare. Di regalarvi uno spazio vuoto da godere così com’è, senza fare alcuno sforzo per riempirlo Proprio da quel ‘Vuoto’ trarrete idee, energia creativa, fantasia da usufruire per dare slancio alla vostra attività e non solo

Fermare il tempo ... un bel sogno, che si può concretizzare con pazienza e volontà.

Datevi, diamoci il tempo di STARE!

L’ARGOMENTO DI IMAGINE N 6/7 2024
STOP
PAGINA SOLO SVUOTANDO SI PUÒ RIEMPIRE E… RIPARTIRE
PRIMA
ESEMPI DI TAGLI’ RITRATTO DI LUCIO FONTANA

“Stop all’omologazione! In favore dell’originalità guidata da: buon gusto e -nel mondo del lavoro- competenze. Stop alla velocità, sì alla lentezza negli acquisti, sì al rapporto umano, alla conoscenza, all’empatia”.

STOP...

...FOR RESTART

Parola d’ordine: ‘Ridimensionare’. Lo sviluppo del digitale ha risolto problemi e velocizzato operazioni. Il prossimo, vicinissimo, step sarà l’utilizzo massivo dell’AI, che ‘alleggerirà’ da compiti ripetitivi e permetterà confronti di dati impensabili per la mente umana. Tutto bellissimo se fossimo in grado di prenderne solo il buono. Nella realtà stiamo sperimentando modelli di vita ‘travolgenti’ e crescita dell’incertezza. Utile sarebbe, quindi, ridefinire le modalità d’uso. Un grande ripensamento meriterebbero anche le relazioni. Industria/Distribuzione: troppe barricate; assurde richieste; omologazione e omogenizzazione dei modelli di business, irrigidiscono le posizioni e inibiscono un confronto costruttivo. Distribuzione/Distribuzione: ‘mercato ricco mi ci ficco’. Grandi e piccoli sbarchi (on e off line) con politiche di marketing legate solo al prezzo. Un tale approccio azzera concorrenza e margini senza beneficio per nessuno. Distribuzione/Consumatore: promozioni continue; tanta comunicazione urlata ovunque e da chiunque generano solo confusione e una crescita di diffidenza, che rallenta il mercato. Modalità più soft negli ‘scambi’ non guasterebbero.

Le vacanze estive sono un momento prezioso per ricaricare le ‘batterie’ e, perché no, per riconsiderare le priorità. “Stop for restart” ha, quindi, per me valenze sia professionali che personali. Dal punto di vista personale vuol dire decisamente mettere un freno al ‘tempo lavoro’ per aumentare la quantità, e di conseguenza anche la qualità, di tempo dedicato agli affetti più cari, mia moglie e i miei due figli. Sul fronte professionale, invece, vorrei dire ‘Stop’ alla pressione quotidiana nel voler seguire le tendenze a tutti i costi; tendenze che poi, nella maggior parte dei casi, si dimostrano effimere e di breve durata. Da cui, ‘Restart’ come ricominciare a parlare seriamente di prodotto, della sua qualità, delle sue caratteristiche, della competenza e del lavoro neccessari alla sua produzione; della formazione che deve avere chi lo propone. Quindi in generale vorrei che si iniziasse a parlare del vero valore del prodotto che produciamo e che vendiamo, cosa che mi sembra essere sempre più in secondo piano in questi ultimi anni.

“Stop a quelli che potendo o semplicemente permettendosi di urlare più forte pensano di aver sempre ragione. La ragione non sta per forza con chi fa più rumore ” .

PROFUMERIE
MAURIZIO SABBIONI,
SABBIONI (RAVENNA).
MAURO CARUGATI, CARMA ITALIA LUCA MAZZOLENI,ARVAL COSMETICS
SECONDA PAGINA

COL ORS

GRUPPI/CONSORZI

IL NOSTRO VIAGGIO NELLA PROFUMERIA ITALIANA CONTINUA CON DUE ESEMPI DI GRUPPI O CONSORZI. AGGREGAZIONI DI VARIA NATURA, CHE CONDIVIDONO

STRATEGIE, CONTRATTAZIONI E FORMAT AL FINE DI MIGLIORARE LA COMPETITIVITÀ DEI PROPRI ASSOCIATI, AFFRONTANDO INSIEME LE SFIDE DEL MERCATO E COGLIENDONE INSIEME LE OPPORTUNITÀ FEDELI AL DETTO: “L’UNIONE FA LA FORZA”

ETHOS PROFUMERIE

SOCIETÀ CONSORTILE PER AZIONI

NAÏMA

CATENA ITALIANA DI PROFUMERIE

«Da un punto di vista di assetto societario Ethos Profumerie è una società consortile per azioni, dove ciascun consorziato è titolare di un ’azione e al termine dell’anno partecipa alla suddivisione degli utili», spiega Mara Zanotto, direttore generale «Rispetto ad altre realtà comparabili ha l’obiettivo di preservare l’identità e l’unicità del singolo punto vendita, senza snaturarlo e standardizzarlo, ma inserendolo in un contesto globale moderno e organizzato Le espressioni più evidenti di questo modus operandi sono il mantenimento dell’insegna storica, che viene solo affiancata e non sostituita dal logo Ethos Profumerie, e la libertà di layout nel punto vendita lasciata al singolo imprenditore. Cosa offre ai retailer il nostro modello di consorzio? Innanzitutto la gestione centralizzata dei rapporti e delle contrattazioni con le aziende cosmetiche, che si traduce in garanzia di ottime condizioni contrattuali, nella realizzazione di azioni di co-marketing multicanale, e nella raccolta e trasmissione aggregata dei dati di vendita Abbiamo creato anche un e-commerce istituzionale centralizzato, con una struttura di coordinamento dei magazzini e di assegnazione degli ordini unica nel panorama italiano. Riservati ai consorziati sono, anche, programmi specifici di formazione per titolari e addetti alla vendita e momenti di aggregazione pianificati Inoltre supportiamo le ‘profumerie Ethos’ sotto il profilo grafico e social, oltre a dare assistenza informatica dove richiesto Anche i vantaggi per i consumatori non sono da meno: vasta offerta di prodotti di profumeria selettiva e servizi beauty all’avanguardia, assistenza alla vendita attenta e competente, e un programma fedeltà ricco, coinvolgente e conveniente, con buoni sconto, gift esclusivi, concorsi a premi ed eventi A oggi le ragioni sociali sono 112, con 296 punti vendita in totale distribuiti in tutte le regioni escluso l’Abruzzo (58% al nord, 23% al sud, 18% al centro) Possiamo affermare che le profumerie Ethos sono sinonimo di: storicità, perché ne fanno parte imprenditori nel settore da generazioni; expertise, perché gli addetti alle vendite sono altamente specializzati e formati; moderna organizzazione, perché sono dotati dei più avanzati strumenti di business intelligence sia in b2b che in b2c»

«Naïma nasce dall’unione di alcune tra le più importanti e storiche famiglie di imprenditori italiani. È presente in tutto il territorio nazionale con oltre 285 punti vendita, prevalentemente diffusi al centro-sud, ma in via di ampliamento al nord Ogni anno sono previste almeno 10/15 nuove aperture, che dimostrano l’impegno nell’espansione e valorizzazione del nostro marchio», racconta il direttore generale Daniele Siciliano. «Il gruppo è composto da 32 realtà diffuse su tutto il territorio nazionale, che portano la visione di qualità ed esperienza a tutti i consumatori e appassionati di bellezza amplificandola All’inizio del 2024 è stato rinnovato il CdA dell’insegna, composto dal presidente Stefano Biagi, dal vicepresidente Francesco Casella e dai consiglieri C Russi, G Babucci e A Costella Il nuovo organo ha il compito di dare continuità e assicurare l’evoluzione del modello Naïma con una leadership sempre più competitiva in un mercato in continuo cambiamento. Il nostro modello di business ci permette di avere una profonda conoscenza del territorio e di adattarci alle specificità di ogni area geografica, pur mantenendo la coerenza del marchio, un ’unica insegna e un unico format Grazie a un intenso lavoro per uniformare la nostra immagine, siamo riusciti a creare un’identità forte e ben riconoscibile dai consumatori, che da noi trovano una selezione dei migliori marchi e un servizio di eccellenza: approccio che non solo fidelizza, ma rafforza la nostra reputazione Cosa ci rende unici? Il servizio tailor-made, disegnato sulle esigenze dei clienti, reso possibile dalla professionalità dei nostri Beauty Expert. Ma anche l’accoglienza: crediamo nell’importanza di dedicare il giusto tempo a ogni persona, offrendo un ’esperienza che vada oltre il semplice acquisto, in un ambiente predisposto all’ascolto Non per niente il tempo medio di permanenza nei nostri negozi è di circa 20 minuti Inoltre, siamo sempre attenti alle tendenze del mercato e ai marchi digitali. La nostra offerta, dunque, è in continua crescita, nel rispetto di una sola parola d’ordine: qualità Crediamo che Naïma rappresenti un modello di business e di aggregazione capace di offrire opportunità a chiunque voglia condividere progetti e sfide per arricchire la visione di profumeria Made in Italy».

DANIELE SICILIANO MARA ZANOTTO
RETAIL

UNA NUOVA LUCE

NEL TRATTAMENTO

SOLARE

SILKY BRONZE eleva l’esperienza del trattamento solare con un totale rinnovamento. Il nostro nuovo spray protettivo anti-età si indossa come un velo di seta che protegge la pelle dai raggi UV e dai segni visibili dell’invecchiamento precoce, donandole una luminosa idratazione La nostra missione: Più Rispetto per gli Oceani* Concediti una sensazione di freschezza al sole con SILKY BRONZE

*Più Rispetto per gli Oceani

Valutazione del rischio per l’ambiente marino

Progettato per favorire

ulteriore armonizzazione con l’ambiente acquatico limitando l’impatto sul suo ecosistema, tenendo conto del deflusso ambientale dei prodotti utilizzati quotidianamente e durante le attività ricreative SILKY BRONZE sensai-cosmetics com tel 02/863112 1 Scan to check your skin condition
un ’

ISPIRAZIONI

21. SUGGESTIONS Overview: Fusioni & Acquisizioni di Lisa Dansi

34. MANI IN PASTA Formarsi aiuta nella crescita di Gabriella Gerosa

Senzatracciabilità,latrasparenzanonesiste. Latracciabilitàdàaibrandglistrumentiper permetteredisupportareiloroclaimedireal mondo:“Siamociòchediciamodiessere”... ...Grazieallacreazionediun’identitàunivoca digitaleèpossibilemonitorareilprodotto lungotuttalafiliera.

MONICA COFFANO, KEY ACCOUNT MANAGER COSMETICS ANTARES VISION GROUP

FORMARSI AIUTA

NELLA CRESCITA

ESPERIENZE

46. FERMO IMMAGINE Parola d’ordine: Mai Fermarsi! (Mavive)

49. RACCONTI DI MARKETING

Un Amore made in Italy (Eurostyle)

58. LA MODA SI FA BEAUTY

Welcome to the jungle (Interparfums, Cavalli)

60. ANATOMIA DI UNA MARCA Un democratico Make-up (Cosnova, Catrice)

62. LA MODA SI FA BEAUTY Verdi, di nome e di fatto (Italart, Replay)

64. UN PO’ PRIMA DEL PRODOTTO Family Company all’italiana (AFM - Atelier Fragranze Milano)

SE NE PARLA di Lisa Dansi Sostenibilità, tracciabilità lotta alla contraffazione temi strettamente connessi, perché si può parlare di sostenibilità senza parlare di tracciabilità e al tempo stesso si può tutelare la produzione l’originalità di un prodotto senza poterne monitorare il percorso dalla produzione all Latenzione alla sostenibilità, la necessità di ridurre il rbon footprint assicurare la trasparenza lungo la filiera unite alla necessità di garantire l’autenticità la qualità dei prodotti, stanno spingendo brand e supplier ad adottare sistemi tecnologie che permettano di monitorare la di fornitura end-to-end, così da renderla: più trasparente, automatizata, intelligente e orchestrata. Una buona pratica che rappresenta garanzia di qualità autenticità per tutti, nonché la condizi fonda della sostenibilità. La tracciabil tà ha infatti moltepl ci risvolti: ssicura l’origine delle materie prime e a seguire del prodotto finito, consente di intercetta prodotti difettosi ‘fake’ e permette di individuare aree di miglioramento nelle varie fasi della di distribuzi «Senza tracciabil tà la traspa esiste. La tracciabilità dà ai brand gl strumenti per permettere di supporta loro claim di mondo: “Sia ciò che dicia dire” -spiega Monica Coffano, AnVision Group Key Account Manager Cosmetics-. Già oggi esistono tecnologi soluzioni che aiuta le ziende valuta le loro operazioni e a identificare punti di forza punti debol punti critici ntraprendere IMAGINE 41 GARANTIRELATRACCIABILITÀDIUNPRODOTTOÈUNTEMA CALDO UNAVERAE PROPRIAURGENZAAVVERT TADABRANDESUPPLIER COMPL C ANCHELENUOVE DISPOS ZIONIDELLUEINMATERIA COSASTAACCADENDONELBEAUTY? DA DOVE VIENE E... DOVE VA IL PRODOTTO imagine C ERA UNA VOLTA UNA BAMBINA CHE SOGNAVA LABBRA CARNOSE E SUPER BR LLANT MA ANCHE LEGGERE IDRATATE E TANTO TANTO SEXY DOPO TANTO CERCARE LE TROVÒ E NON SE NE SEPARÒ PIÙ M SS PUPA GLOSS IN COMBINATA CON PUPA TRUE LIPS ASSICURA LABBRA VOLUM ZZATE NUTRITE E LUCIDE LUCIDE CHE PIÙ LUCIDE NON SI PUÒ NON UN G OCO MA VERE LABBRA DA PIN-UP 5 0 BR LLANT DRATATE NATURAL MA MOLTO MOLTO SCENOGRAF CHE. LABBRA DA FIABA MANI IN PASTA di Gabriella G p à d l gi d gl p p t (59%) V t h b 85 7% d gi ha sen to parlare d Beauty Coach dato che nd ca un a ta notor età de proget o In base a e e igenze emerse da sond gg è t p t l p g t 2024 g t è t t d di p i n cu va segnala o Fondo nterprofess ona e cu az enda è i p p d g p fAbbi 80 d i d 48 ( d dato raccol o 10 maggio) segno d una r ch es a for i s ma e de l eco o to po i a de co o 2019 BEAUTY COACH RELOADED C amo ch esti che t po di competenze può inseri e n cudd d p 2019 è t p p i i d B ty Coach osse va A ess a Zuz o tra ner ps colog d fi d p d d d p g t Ogg d d è t r p t è C r b r d denu aggio na a at uale mondo beauty cos b p h i ppd ti gg ti A p g tt 2024 p accedere s a e consulen d be ezza g à cer fip p p k t g p did tr es Le sue fina à anno da a poss bil à d d a ogare con to ar o f endo con r buti concre ed efficaci a creare orgogl o p p fig p t i d fi l k l i h p g d q à dare cont nu à a la re azione co c ien e Dopo pr mo modu o h f i d d d p g i h d fi e mode o d cons g o a o e fidan e t ado to po nel day by day Seguo o e fa pec fiche dell accog e a dell a a s de b g d p p p t l q i gli t p p g i t a tegg amen o equ ibra o e a essere nc siv con competenza d p i M i i è h l id è d d t b d g I g cor o nte ven i az enda mono ema c che perme eranno d l d l q i d p d NUOVI APPROFOND MENT E evare a figura deg Addet a la vend a r conoscendo p pit h gl è ffid t f d b p d F d l p f q megl o è acqu s z one e/o appro ondimen o d p i htà d p p t l à e ragg ung men o deg ob et i a ra erso esp e s o e del o do i e o e sot ol ea F P b ty d p i h p i l pun o de proge to d dat co ins eme ad Ale s a Z D q i p p d fi d d l h h l Co so pr m re s foca zzano su a enamen o de e k s p li S p d l d g gg b l b l h t d p p i d d pl i r d p rg r pr d tt r tUNA PRIOR TÀ ASSOLUTA L p d p pffi di t p tp t d d d d d g g Fenapro lo sta promuovendo da 2019 anno in cu è p p C b L f i è t p tà fi èda ed zione de programma Beauty Coach che vuo e q fi g dd d d d b t t d g i g à rri t q 280 r t t M h l go L un pre iden e d Fenapro I nos ro proget o s b d fig d li p t d d fine che ne so to ne mpor anza Per d ventare Beauy C h C d B l è p C b fid t h f p t ecn c e re a ona ip c d ques o di fic e mes ere con un p a o d s ud dec sa e e più a p o e aggio ato i pe to p d p t p i i à g t g p A q i gg g re cor i specific ng ese competenze d g al s curezza ed g i Abbi d h dd è t p p d hi d ldu tria con est mon anze u temi t a ve sali e di carat ere p i U gg g fi p d B y C h à d d tà p p tr l gg b d fi t d t g r da a concorrenza graz e a un a o ve o d compe enza r coosc bile e co osc uto I co s so o a solu a e e g a u i p hé fi t d f d t p d i t l ggi t p t d t i h i tno con F24 mens e che ogn az enda è enu a a versare LA MAPPA DEL FABBISOGNO Per organ zzare a nuova ed z one de cors s è part t da una pp d l p d bbi g i Abbi d g pi O t 4 000 t r tà t t r t e-ma 2 640 dat ot enu i p ega And ea T i i t d T R h h hpp t Q gl i i emers da questa survey? Neg i u t mi due 63% d p d i h g i d f i di g t i pess ona an (48% ; ges onali (23%) compete e t asve al (so t sk ll e o a ca) e d g li (17%) C i p i l ip t ib i t tà q à f d t d l mes ere con a poss b tà d da e un valore da 1 a 6 a le d verA p i p gl pd (92%) i p t d ig d 91%) e la fide zzaz one (90%) c oè g i e ementi den ificat v de a p d q à S g i p d i (84%) p tà di g l l p bh (72%) t b t i g p t t Inves re n o maz one con nua e co ivare a p o ess onaà d p g pp ggip t h p d d g p più p fi t Og dd t vendi a prepara o e compe ente può nfluenzare s gfi p d g p hé è g d di t i i t tn quot diane con i consuma or creando un legame i d fid S d q d p did t b h h q fi hi t tt gli f i p r tre d tecniche prodo t e rend capace d comprend l g di g d l i i gg p t t g P ù l consu en e c esce p ù è n grado d o f i e esped q i bi di fid i b d l d fi d g di p f i l à p t g de nego io e de cana e s esso Sono ques g ob e t del p oge to Beau y Coach che Fe ap o ha ape to ques a o d p p d d b 2019 2020 t tà b d did t tt vo dest nato a qua ificare i per ona e e la p o umer a e a d fi d d f d l di p p g t p f Ob tvi cond v si da i o a i de le nsegne che s a neano u mp d p d t d p t tà p trr d r g t d tr r b
LAFORMAZIONECONTINUAÈFONDAMENTALE PERCHÉQUAL F CA ILCONSULENTEDIBELLEZZA AIUTAADEFINIRELIDENTITÀDELLINSEGNAE DÀAUTOREVOLEZZAALCANALE NEABBIAMOPARLATOCONPROFESSION STI DELSETTOREPERCAPIRENUOVEESIGENZEERICH ESTE ANDREA TROISI MICHELANGELO LIUNI ALESSIA ZUZIO FRANCESCA PIUCCI IN QUESTO NUMERO PAG.41
PAG. 39 PAG. 34

RUBRICHE

11. PRIMA PAGINA

Editoriale

12. SECONDA PAGINA

Stop for restart

14. RETAIL

Colors: Catene

Nazionali

22. ONLINE

#Social

26. APPOINTMENT

Fair (Milano Fashion&Jewels)

28. TRAINERS 5W (Giufra, Astra)

30. BEFORE Ideas (FR&Partners)

32. BRAND IDENTITY

SOLO IL MEGLIO DAL SOLE

66. OPEN SINCE 1924 (Profumeria Lorenzi) 1959 (Profumeria Gianni) 1984 (Profumeria Charme)

Spot (EuroItalia, Michael Kors)

tradizioneemodernità.Ilnostroimpegnoèstato riconosciutodalComunediMilanoedallaregione Lombardiaconiltitolodi‘bottegastorica’.Lamia impronta?Illavorosull’immaginedelnegozio.

APPROFONDIMENTI

41. SE NE PARLA Da dove viene e dove va il prodotto 52

52. IMAGINE lg i p t - g g t glrando a dens tà e a compat ezza de la pe e af o zando a b b d g fi idH p t d d d t t d tè SPECIALE di van Pestillo SBAGLIATO PERÒ CONFONDERE LE CREME SOLARI ‘ESTIVE’ PENSATE PER MARE E MONTAGNA CON FILTRI URBANI.
Ip p g t gh d p d t d l ità po sono compa i e n una pe le par ico armen e matura gg l p p ù p gg h g fi t d bb p U d non un ca ma sicuramente a pr nc pa e è a scorre ta espoi o e a so e es ate co e du a te i es o de a o Le p g d i f i h p t t è dific le t ovare persone che ut zzino davvei d S d I p L Roche Posay n at i a consapevo eza t a g i ta a c esce al 91%; so o 7% p ò p gg gEpp d b i p inunc are a a pro ezione ce ne S i ipd g g i t t p l p l che un buono chermo so are ene o a ce o agg UVA -que i che pp t 95% d ll dmo e pos i- ma anche g UVB g inf aross b q i p l P fl d t t p p ù ggpo s esso r cche d ngred ent benefic itamne ant oss dan i e pr nc pi a tiv specific an o d p t l id p p - à g b li p ù Come orma ben no o i ragg UV sono d i p ip d g gP q t l b d buon prodo to so a e e a finché es o possa co s de a s co p eto ed e ficaè d h l pSPF i h k -sp ega Feder ca Crucian tra ning mag d S i- A i d i p d t bbi i p l Sun Ag ng Comp ex un complesso di at vi la cu co b a o e co se e di b t t d ange ca Ke skei ha fi i p p done d am nin na 5 u o de co po e d t d b b Las but non ea t p l t g d dt nt vo Koi h maru S k EX che t o a la s tes d d d l d d per una pe e mo b da ed elas ca anche l D l h L h p i d S E p l d g ng ed ent sk ncare p ù di tendenza del momento Accano al e o t e ec o og e Adva ced Ful L gh Tech o ogy ANNE MÖLLER SOLARI NON S OP UNA MIST DOPO OLE LEGGERA COME UNA NUVO TÙ PIÙ UNO SPRAY BIFASICO CON SPF 30 PERFETTO PER APERTA PERCHÉ LEGGERO E NON APPICCICOSO SONO LE NOVITÀ 2024 DEL BRAND ANGELINI BEAUTY AUSTRALIAN GOLD LINEA MEN’S QUANDO SI TRATTA DI GENERE SISTONO E SONO GENETICHE LO SA BENE IL MARCHIO DEL KOA CHE PER LUI CON UNA LOZIONE VISO IDRATANTE E UN DISTRIBUTORE EURACOM. IMAGINE .53 LE FOTOPROTEZIONI DI ULTIMA GENERAZIONE SONO COSÌ RICCHE DI ATTIVI I DA POTER ESSERE CONSIDERATE A TUTTI GLI EFFETTI VERI E PROPRI TRATTAMENTI LINEA SO R NCIATA LANNO CORSO ACCOGLIE UNA CORPO CON FORMU SUBLIMANTE CREATA PER E NON DISSOLVERSI NELLACQUA DISTRIBUTORE LVMH. Profumer a Giann - 65 ann E g A 50 p d G ave a una barber a ne a p azza p nc pa e d P t L g D p q h p d d ded care pa te de oca e a a pro me a E 959 d P d A M P t M a mamma Mar sa par per M ano q tò d p ù p M q d q p h e perm e d conqu ta e a fiduc a de e N g t g d cosme ca e pro umer a u ono nt odotte d p tt b g tt d q à gg tt d d de corpo e a p odott pe uomo A a fine d g A 7 g d d Profumer a Charme - 40 anni I gg d d p par e come comme sa n un negoz o d L D p q tt p p t d d d t g C p ù avan d vendere Con a u o d m o p d d p t g oppor un à a vo o e r evo att v à t G G d è p è p t ra fo ma o n una pa s one g az e anche p p p t p d p g h ha nsegna o utto Qua che tempo dopo q bb d d ar edamen o e pav ment ma a ve a è t d p d tt H t g d ad abbandonare brand commerc a p p f d h k d q à h p poch ss co o ceva o È s ata u a t gg h t tt fl tt m e conv nz on o pun o su a qua à de ff tt p P q p ast de a pro umer a Cha me sono gg t t L orma one è emp e na p or à pe s no pp d d g d t t g cos an emen e ecce enza e que to c h p p d d p d g co aboraz on s rateg che Ma un nuovo p g tt è g à Profumeria Lorenz - 100 ann N 9 B tt L p d f d V R d d T t p d d g t d t d f b M ano e c a cuno ap e un suo negoz o Batt ta r eva una co te e a de 908 e n z a ad amp are t t p tt h p f C d L g tt à d p t d f t p t h p g L R L d gene az one de Lorenz s orma n negoz o e neg Ann 60 a espon ab à passa a m a mad e h b tt g t t d d t f g r ce ca e E ar v amo a 20 7 anno n cu sono suben rata come to are La m a mp onta? avo o g d p t d h d tt p d t p t d y d q à P t h g e no t e rad c e con g e ement ch ave de no t o successo d cu a par e a cura de uomo C t dd g q b t d d d à p g è t d C d M d g L b d t d b tt g t PROFUMERIA CHARME ANNO DI FONDAZIONE 1984 TITOLARE GIANCARLA GILARD SEDE COMO VIA DIAZ 44 SITO: WWW.PROFUMERIACHARMECOMO COM PROFUMERIA GIANNI ANNO DI FONDAZIONE 1959 TITOLARE ANNA MARIA PASTORINO SEDE PIETRA LIGURE (SV), VIA G MATTEOTTI 27 SITO: WWW.PROFUMERIAGIANNI.COM PROFUMERIA LORENZI ANNO DI FONDAZIONE 1924 TITOLARE LAURA RUSSO SEDE MILANO VIA PAOLO SARPI 62 SITO: WWW.PROFUMERIALLORENZI.IT a a p ofumer a che mantenne e mant ene g D t p d tt à ns eme a a de co abo a r c s a sc a deg g d d h t t d p hé d avessero b sogno os e so o una paro a o un tt p Ogg t tt è b t è d ffi p deg scon e a concorrenza de e g and tà fid q t d ff d b d è anche troppo vasta Ma no c d end amo p t d g p Ogg f p t d g pp Ch cca P o umer e e man amo un pun o d f t p d 1959 1984 19 24 INF O OPEN SINCE di Chiar V turi - always in progress milanofashionjewels.com - at fieramilan - milanofashionjewels.com - at fieramilano Milano 14 17 SEP 2024 26 IMAGINE APPOINTMENT di Giò Tinali F AIR MILANO FASHION&JEWELS À TRE ANZICHÈ DUE PADIGLION PER ASSICURARE UN’ESPERIENZA ANCORA Ù Q LE SEZION PRE ENT FASH ON ACCE SOR ES & APPAREL MET ERÀ IN MOS RA LE PROPOSTE D S A READY TO WEAR CHE PREVIEW JEWELLERY OSP TERÀ E COLLEZ ON TEMAT CHE PER LA MODA A LA MODA E CONTEMPORANEO F&J DEL VERY RESEN ERÀ UNA R VO TA AL RETAILER ITALIANO ED EST RO CHE POTRÀ SCEGLIERE D RETTAM NTE IN IERA TRA À F NITI” E EMILAVORAT WWW M LANOFASH ON EWELS COM www.fashionjewels.com dal14/9 al17/9 FIERAMILANO MILANO FASHION & JEWELS SPEC AL AREAS Cont nua a co abo az one P D g p ff p t t p V siona re fo fa hions un ed z one spec a e d q t t d t d h g à produz on d v onar e che hanno co abo a o con d tt h y t D g DFash on Trend 2026 p t d p d nd ca on dee e p n d r fle s one su evo uz one d t d d t t p d pros mo b enn o EVENTI & FORMAZIONE L t con n a s o pe cor o d affiancamen o a M CAM M PEL p p pp à d bus ness e d ne work ng a setto co p e e a G q t k d d fi t k e wo kshop presen a p t fl d T p t p eta er che ver anno appro ond da u z o ffi d p tt g ugge ment d st ateg e t d OFFERTA A h p q d è p t ca e doscop co m x d f h è d p tt d produttor e crea or p d t tt d C q t amp ezza d p oposta s m ra a sodd fare e g d t tt p d d prodott n grado d pp d p tt d espr me e a prop a un c à Qua che p d q t p à t co r do de re pad g on C h b gg tt d t g h ce eb ano a be ezza d gemme e p et e dure d f p ù p ez os Raffina acce sor d d g t fit g d p t g nve na e n tes ut t A p p da occo v n age avoraz on croche b d p p p t t utto da scop re 18. IMAGINE IN QUESTO NUMERO
-57. SPECIALE SOLE Solo il meglio dal sole PAG. 26 PAG. 66 Sonolaterzagenerazioneallaguidadella profumeriaLorenzi,chequest’annocompie100 anni.Cicontraddistinguonounmixequilibratodi
LAURA
TITOLARE DELLA PROFUMERIA LORENZI
RUSSO,
PAG. 52-57

PRIMA ERA/ ESTATE 2024

NOVITÀ Catrice.eu
A LUNGA TENUTA FINO A 8 ORE.

Rossetto liquido rivoluzionario con una lucentezza, colore e comfort a lunga durata.

Disponibile in 7 tonalità diverse, dai nude per tutti i giorni ai rossi d'impatto, per un look perfetto da giorno e da sera

SKIN GLAZE HYDRATING PRIMER VISO

• Dona un effetto „pelle di vetro“.

• Può essere utilizzato da solo o come primer per un make-up luminoso

• Formula non grassa e priva di profumo, idratante e protettiva per la pelle grazie allo 0,5% di squalane

SPACE GLAM HOLO ILLUMINANTE

• Aggiunge un finish shimmer olografico al make-up

• Con sfumature multidimensionali dal colore rosa, oro e lime

• Polvere leggera da utilizzare per un make-up occhi o per le guance come illuminante

RBLUSH AFFAIR BLUSH LIQUIDO

• Per un effetto naturale e opaco che dura nel tempo

• Facile da sfumare con pennello, spugna o le dita

• Formula simile a un siero con estratto di radice di marshmallow

• Può essere usato su guance e labbra per un look monocromatico

010 Pink Feelings 040 Velvet Rose

SUGGESTIONS

OVERVIEW

FUSIONI & ACQUISIZIONI

Il 2024 si conferma davvero ‘vivace’ per il beauty Delle circa 70 operazioni mappate in questi primi mesi del 2024, circa il 50% sono state portate avanti da fondi di private equity o altri investitori finanziari, riflettendo un forte interesse per il settore beauty da parte di questi attori L’altra metà delle operazioni vede il coinvolgimento di aziende corporate, che cercano di rafforzare le loro posizioni sul mercato attraverso strategie di integrazione verticale o orizzontale

“I segmenti più interessati sembrano confermarsi lo skincare e il wellness, con un crescente interesse anche per il settore delle cliniche estetiche mediche e dei prodotti beauty legati al settore dermatologico -spiega Marina Catino, Partner Kearney- Forte interesse genera anche il segmento delle fragranze Contrariamente, il segmento del make-up

rimane leggermente indietro, risentendo ancora dell’effetto di grande volatilità sperimentato durante la pandemia La maggior parte delle acquisizioni si è concentrata su integrazioni a monte o a valle della value chain (oltre il 70%) rispetto alle acquisizioni di puri brand, coinvolgendo produttori di prodotti finiti, fornitori di tecnologie e aziende di packaging Questa tendenza mostra un interesse crescente nel controllare più strettamente la catena di approvvigionamento e nel migliorare l’efficienza operativa e l’innovazione, anche con riferimento alla sostenibilità”. Spontaneo chiedersi cosa ci riserverà il resto dell’anno ”Ci aspettiamo una conferma della vivace attività finora registrata L’Italia, continua a essere centro di interesse strategico, influenzando significativamente il mercato globale del beauty &PC”

L CATTERTON ACQUISISCE LA MAGGIORANZA DI KIKO MILANO

A fine aprile, L Catterton (multinazionale americana di private equity fusasi nel 2016 con il family office di Bernard Arnauld e LVMH) ha annunciato la finalizzazione dell’accordo che l’ha portata all’acquisizione di una quota di maggioranza di KIKO Milano, marchio italiano fondato dalla Famiglia Percassi, che comunque continuerà a mantenere una partecipazione significativa nella Società. Fondata nel 1997 da Antonio e Stefano Percassi, KIKO è oggi uno dei più grandi marchi indipendenti di cosmetica al mondo vantando una rete di vendita al dettaglio di oltre 1.100 negozi in 66 mercati e un’efficiente piattaforma di e-commerce. L’azienda con sede a Bergamo ha chiuso il 2023 con ricavi per circa 800Mio di €, con una crescita vicina al 20%.

SODALIS HA ACQUISITO LA MAGGIORANZA DI ARTDECO

È di maggio, invece, la notizia dell’acquisizione da parte di Sodalis Group della maggioranza di Artdeco. Fondato nel 1985, Artdeco è un gruppo tedesco di proprietà familiare che detiene tre marchi distinti e complementari: Artdeco, Make up Factory e Anny. Artdeco, flagship brand del Gruppo, è leader indiscusso nel make-up selettivo in Germania, con un posizionamento di ‘lusso accessibile’ e un forte riconoscimento da parte dei consumatori. Artdeco ha raggiunto un fatturato netto di 72 milioni di euro nel 2023 (di cui l’84% proviene dal brand principale Artdeco) con una crescita su base annua del 16%. Con questa operazione, Sodalis prosegue il suo percorso di forte sviluppo internazionale, rafforzando la propria posizione nel panorama Beauty europeo. Da un lato, l’acquisizione consolida il business in Germania, dove Sodalis è già attiva con una filiale di proprietà (Lornamead, cui fa capo CD, noto marchio tedesco di deodoranti e bagnodoccia), Dall’altro, rafforza la presenza del Gruppo nel segmento make-up, per Sodalis già molto strategico.

GALDERMA SI RAFFORZA GRAZIE A UN’IPO

Il gruppo svizzero Galderma ha completato un’importante IPO (ndr: offerta pubblica iniziale) alla Borsa di Zurigo, che ha rafforzato la sua leadership nel settore, consentendogli di investire ulteriormente in nuove tecnologie e di espandere la sua offerta a livello mondiale.

A PAI LA MAGGIORANZA DI BEAUTYNOVA

PAI Partners, importante società di private equity, ha acquisito da Bluegem Capital Partners la partecipazione di maggioranza in Beautynova, leader mondiale nell’haircare professionale Con sede in Italia, Beautynova vanta un portfolio di marchi haircare premium, tra cui milk shake®, z one concept™ e Medavita, venduti in più di 70 000 saloni Produttore di prodotti professionali per capelli, con oltre 600 nuove formule sviluppate ogni anno, vanta un portfolio di oltre 18 000 formule

di Giulia Spiller

#SOCIAL

FORME INNOVATIVE, PACK ALL’AVANGUARDIA E COLORI BRILLANTI È IL DESIGN CHE SI FONDE E SI MESCOLA CON IL BEAUTY PER CREARE PRODOTTI FUNZIONALI MA ANCHE ESTETICAMENTE ‘EYE-CATCHING’ E ‘INSTAGRAMMABILI’.

@PIXIBEAUTY

On-the-Glow Family di Pixi si allarga La linea del brand londinese, accattivante e colorata, che già comprendeva moisturiser, blush, bronzer, ora aggiunge anche l’highlight ‘On-the-Glow SuperGlow’ Un balsamo solido, nutriente e illuminante arricchito con aloe vera, ginseng ed estratti di frutta rigeneranti. Il pack a stick ne agevola l’utilizzo, rendendolo pratico in ogni occasione

@RHODE

‘The Peptide Lip Tints’ è il prodotto più virale del Brand di Hailey Bieber Complice del successo è anche il ‘Lip Case’, una cover per smartphone -ideata sempre dalla Star- con due ‘scanalature’ destinate proprio a contenere Lip Tints. Con 5 acidi grassi essenziali tra cui acido linoleico, oleico e steatico, rientra nella categoria skinification, a metà tra trucco e trattamento Disponibile nei ‘gusti’: Ribbon, Raspberry Jelly, Toast ed Espresso

GUARDA IL REEL

@SOLDEJANEIRO

Anche per il 2024 il Brand Sol de Janeiro lancia le ‘Summer Perfume Mists’ in edizione limitata! Spray corpo e capelli, dal pack coloratissimo, arricchiti con note floreali, agrumate e legnose. I loro nomi evocano l’estate e la spensieratezza: Carioca Crush, Beijos De Sol e Summer e Amor Dal brand segnalano che saranno disponibili sul mercato internazionale fino ad agosto

QUI

Soy Rebeya è la linea makeup di Belen Rodriguez. L’idea che sta alla base della linea è: promuovere libertà e l’empowerment, come spiegano dal Brand: “Il design Rebeya libera tutti i sensi per metterti in contatto con te stessa e farti sentire forte e senza paura di quello che pensano gli altri”. Concetti espressi anche nel design del pack del mascara ‘Flama Libre’ e dal ‘Platinum Lip Gloss’, che mimano una sagoma di donna

DAI UN’OCCHIATA AL REEL

ORGANO UFFICIALE FENAPRO

Rivista specializzata fondata nel 1975

DIRETTORE RESPONSABILE

LOREDANA LINATI

loredana linati@rcs it

Direttore editoriale Michelangelo Liuni

Realizzazione grafica e impaginazione Veruska Cassinari (Emmegi Group).

Hanno collaborato a questo numero

Rachele Briglia, Paola Colombo Kapsa, Lisa Dansi, Gabriella Gerosa, Francesca Marotta, Ivan Pestillo, Giulia Spiller, Giò Tinali, Chiara Venturi, Alberto Zaninotti.

Coordinamento tecnico Allen Michi

Responsabile del trattamento dei dati personali (ID Regolamento UE 679/2016, D.Lgs 196/2003 e s.m i.): Loredana Linati

imagine è pubblicato da PRESIDENTE E AMMINISTRATORE DELEGATO URBANO CAIRO

Consiglieri Federica Calmi, Carlo Cimbri, Benedetta Corazza, Alessandra Dalmonte, Diego Della Valle, Uberto Fornara, Veronica Gava Stefania Petruccioli Marco Pompignoli Stefano Simontacchi, Marco Tronchetti Provera

Direttore generale News Alessandro Bompieri

IMAGINE Registrazione del Tribunale di Milano N° 139 in data 24/3/1986 - Iscritta al Registro Nazionale della Stampa il 10/4/85 al n. 1529

Direzione, redazione, amministrazione via Angelo Rizzoli, 8 - 20132 Milano telefono 02 2584 3136

STAMPA: Errestampa srl - Orio al Serio (BG)

Pubblicità RCS MediaGroup SpA divisione Sfera via Angelo Rizzoli, 8 - 20132 Milano (Italy) centralino: +39 02 2584 1 - mail: imagine@sfera rcs it

Abbonamenti Per informazioni: 02 25846785 Orario continuato 9:00 – 18:00

Traffico pubblicitario Cristina Lodi cristina lodi@rcs.it

Informativa ai sensi del Regolamento EU 679/2016 (“Regolamento Generale per la Protezione dei Dati personali”)

Riceve il numero di questa rivista in quanto registrato al database degli utenti abbonati ad IMAGINE rivista edita da RCS MediaGroup S.p A Titolare del trattamento è RCS MediaGroup S.p A con sede legale in Via A Rizzoli 8 20132 Milano (MI). i Suoi dati non saranno diffusi ma potranno essere portati a conoscenza dei soggetti che svolgono per conto del Titolare compiti di natura tecnica od organizzativa strumentali alla gestione dell’erogazione degli abbonamenti e che operano in qualità di Responsabili del trattamento ai sensi del Reg. UE 2016/679 (“GDPR”). I Suoi dati registrati sono conservati su supporti elettronici e cartacei e trattati con adeguate misure di sicurezza anche associandoli ed integrandoli con altri database del Titolare; iI loro trattamento sarà effettuato con strumenti informatici idonei a garantire la sicurezza e la tutela della Sua riservatezza, come previsto dal Regolamento EU 679/2016 (“GDPR”) e dalla cura con la quale il Titolare tratta e conserva i dati personali. Se desidera rettificare modificare consultare i Suoi dati o comunque esercitare i diritti riconosciuti ai sensi del Reg. UE 2016/679 (“GDPR”) scriva a privacy@rcsdigital.it Lei ha sempre il diritto di proporre reclamo allAutorità Garante per la Protezione dei dati Personali, contattabile all’indirizzo garante@gpdp.it o mediante il sito http://www.gpdp.it.”

Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica sono riservati. Manoscritti e foto, anche se non pubblicati, non verranno restituiti

Questo periodico è iscritto alla FIEG, Federazione Italiana Editori Giornali

22. IMAGINE
imagine N. 6/7 2024 IMAGINE È FATTA DA NOI, MA ANCHE DA VOI #FACCIAMOIMAGINEINSIEME imagine@sfera.rcs.it @IMAGINEweekly @imagine_mag issuu com/imaginesfera
ONLINE
SCOPRILI LASCIATI ISPIRARE
@SOY.REBEYA

TECNOLOGIA ATTIVA DI PROTEZIONE SOLARE

Protezione solare ed anti-inquinamento

Textures leggere senza effetto bianco

Resistenti all’acqua e al sudore

NOVITÀ

di Giò Tinali

MILANO FASHION&JEWELS, SI PRESENTERÀ A SETTEMBRE CON TRE ANZICHÈ DUE PADIGLIONI PER ASSICURARE UN’ESPERIENZA ANCORA PIÙ AMPIA E ARTICOLATA QUINDI TRE LE SEZIONI PRESENTI: FASHION ACCESSORIES & APPAREL, METTERÀ IN MOSTRA LE PROPOSTE DI ACCESSORI MODA E ABBIGLIAMENTO, SIA READY TO WEAR CHE PREVIEW

JEWELLERY, OSPITERÀ LE COLLEZIONI DI GIOIELLO SUDDIVISE IN TRE AREE

TEMATICHE: ‘PER LA MODA’, ‘ALLA MODA E CONTEMPORANEO

F&J DELIVERY, PRESENTERÀ UNA

PROPOSTA VASTA E DINAMICA

RIVOLTA AL RETAILER ITALIANO ED ESTERO, CHE POTRÀ SCEGLIERE

DIRETTAMENTE IN FIERA TRA

UN’AMPIA VARIETÀ DI PRODOTTI

“FINITI” E SEMILAVORATI

WWW MILANOFASHIONJEWELS COM

MILANO FASHION & JEWELS

SPECIAL AREAS

Continua la collaborazione con Poli Design per offrire spunti e anticipazioni

Visionaires ‘for fashion’s, un ’ edizione speciale di questo contenitore di trends che accoglierà le produzioni di #visionaries, che hanno collaborato con direttori creativi e fashion stylist Design DirectionFashion Trends 2026, un percorso immersivo multimediale per dare indicazioni, idee e spunti di riflessione sull’evoluzione dei trend e del costume contemporaneo del prossimo biennio

EVENTI & FORMAZIONE

La manifestazione continua il suo percorso di affiancamento a MICAM e MIPEL per ampliare le opportunità di business e di networking tra settori complementari Grazie a questo link il calendario di sfilate, talk e workshop si presenta particolarmente florido Tanti i temi importanti per i retailer che verranno approfonditi: dall’utilizzo efficace delle piattaforme social a consigli e suggerimenti di strategie e metodi commerciali

OFFERTA

Anche per questa edizione è previsto un caleidoscopico mix di stili, colori, forme che è il risultato di una summa plurisfaccettata di produttori e creatori provenienti da tutto il mondo Con questa ampiezza di proposta si mira a soddisfare le esigenze di tutti i tipi di retailer assicurando prodotti in grado di non sovrapporsi e di permettere a ciascuno di esprimere la propria unicità Qualche anticipazione di quanto

si potrà trovare nei corridoi dei tre padiglioni Collezioni che sembrano oggetti d’arte, gioielli che celebrano la bellezza di gemme e pietre dure , declinati in tante forme e materiali, più o meno preziosi Raffinati accessori moda ed eleganti outfit nei colori glamour della prossima stagione invernale, in tessuti tecnico o in materiali riciclati Ancora: proposte dal tocco vintage; lavorazioni crochet; morbidi pizzi; accessori per i capelli e tanto altro tutto da scoprire

- always in progress ilanofashionjewels.com - at fieramilano - milanofashionjewels.com - at fierami Milano 14* 17 SEP 2024 *Saturday by invitation only 26. IMAGINE
APPOINTMENT
F AI R
www.fashionjewels.com dal14/9 al17/9 FIERAMILANO
- always in progress milanofashionjewels.com - at fieramilano - milanofashionjewels.com - at fieramila Milano 14* 17 SEP 2024 *Saturday by invitation only In collaborazione con: Ministry of Foreign Affairs and International Cooperation milanofashionjewels.com

di Paola Colombo Kapsa

5W

SLEEPOVER LIP MARKER

Un pennarello originale reintepreta il concetto stesso di make-up delle labbra: Sleepover Lip Marker di Astra Make-Up delinea, definisce e colora con una texture vitaminica, fresca e leggera, dal risultato modulabile. La sua formula idratante, che assicura massimo comfort e perfetta aderenza, si declina in sei tonalità per realizzare qualsiasi look, da sofisticato ad audace.

CHE COS’È

PER CHI È ADATTO

W H A T

Sleepover Lip Marker è un innovativo pennarello per il make-up delle labbra, studiato per delinearle con la tecnica dell’overlining, tracciando la linea del contorno leggermente al di fuori di quella naturale. Ma anche per riempirle di un velo di colore vitaminico, come un rossetto dalla texture fresca e sottile La sua speciale formula a base d’acqua garantisce, infatti, un finish naturale e leggero, assicurando perfetta aderenza e una piacevole sensazione ‘ senza peso ’ sulle labbra. Arricchito con pantenolo, offre idratazione e massimo comfort

QUANDO SI USA

È il prodotto perfetto per le fashion-victim che desiderano labbra sempre al top; per le selfieaddicted che ricercano un risultato glam su misura per un scatto perfetto e per chi vuole ravvivare il colore di labbra pallide con un effetto ‘ zero materia’. Grazie alla sua punta fine e precisa, Sleepover Lip Marker è adatto a chi si trucca occasionalmente e cerca un prodotto di facile e veloce applicazione, mentre le sue dimensioni ridotte lo rendono ideale da portare sempre con sé in borsetta, per i veloci ritocchi anche quando si è fuori casa.

IN CHE OCCASIONI

W H O

W H E R E W H E N

Poiché assicura un risultato make-up su misura, si può usare sempre L’intensità del colore è infatti modulabile, basta solo stendere il prodotto a strati a seconda dell’effetto desiderato, più leggero e naturale o intenso e glamour. Inoltre la punta di precisione, lievemente arrotondata, permette di delineare il contorno sposando perfettamente la forma delle labbra e di riempirle depositando la quantità ottimale di texture, per creare un effetto da trasparente a coprente È perfetto nella stagione calda, per un risultato soft e leggero.

WHY

La versatilità di questo prodotto lo rende lo strumento ideale per ottenere sempre look impeccabili: easy e delicato la mattina, sofisticato e glamour per la sera, elaborato e ‘coraggioso’ per party ed eventi Le sei nuance di Sleepover Lip Marker abbracciano tutte le sfumature: nude, rosate, rosa bubblegum, frizzanti rossi e intensi berry per accendere qualunque look Inoltre, la speciale formula e la forma dell’applicatore li rendono utilizzabili come delineatori prima di un gloss o di un rossetto classico per aumentarne la precisione dell’applicazione.

PER QUALI RISULTATI

Sleepover Lip Marker ha una punta in feltro morbida, che si carica della giusta quantità di prodotto per delineare le labbra con la tecnica dell’overlining -tracciando la linea del contorno leggermente al di fuori di quella naturale- e ottenere un make-up a prova di selfie Per un trucco glam si può realizzare un impeccabile effetto ‘ombré lips’: si applica il colore sul contorno, quindi si tampona con il polpastrello o un pennello prima che asciughi, sfumandolo in modo omogeneo Per una stesura più ‘controllata’ basterà applicare il pennarello direttamente sulle labbra, partendo dal centro e arrivando fino agli angoli della bocca

TRAINERS

di Lisa Dansi

IDEAS

SOSTENIBILITÀ E INCLUSIVITÀ SARANNO SEMPRE PIÙ I

DRIVER PRINCIPALI DI INNOVAZIONE NEL MONDO DEL PACKAGING COSMETICO OBIETTIVO: ACCESSIBILITÀ

PRODOTTI PIÙ SICURI E PIÙ FACILI DA USARE PER TUTTI, MA AL TEMPO STESSO PROPONIBILI DA OGNI BRAND, PERCHÉ NON RICHIEDERANNO INGENTI INVESTIMENTI INIZIALI

PAROLA DI FR&PARTNERS

Negli Usa, secondo CDC, 1 adulto su 4 soffre di qualche forma di disabilità Uno studio di McKinsey ha segnalato che le ricerche online sul tema della ‘bellezza inclusiva’ sono aumentate del 15% su base annua e se si stima che nel mondo vi siano più di 1 miliardo di persone diversamente abili con un potere di spesa tra gli 8 e i 13Mrd di dollari Va da sé che i brand che non riusciranno a progettare prodotti e packaging per questo segmento si precluderanno una fetta importante di mercato. Come ha affermato Sam Latif, Accessibility Leader in P&G: “Se rendi le cose accessibili alle persone disabili, rendi le cose più facili per tutti” Il futuro del packaging e dei prodotti beauty è scritto proprio in queste tre parole: “accessibile a tutti”, ma la strada da fare è ancora lunga se nel 2019 P&G riferiva che solo il 4% dei prodotti beauty andava incontro alle necessità di questo target. Nonostante sul mercato abbiano iniziato a comparire packaging studiati per andare incontro alle esigenze di ipovedenti e persone con mobilità ridotta, come soluzioni con istruzioni in braille, etichette tattili e contenitori con apertura facilitata, la loro diffusione è ostacolata dalla necessità di ‘training’ specifici e da alti investimenti iniziali. Ma che cosa accadrebbe se tutto ciò non fosse necessario? Ovvero, se non servissero nuovi

design e i packaging esistenti potessero essere adattati alle esigenze delle persone con disabilità con dei semplici ed economici tool? FR&PARTNERS se l’è chiesto e ha dato interessanti risposte arrivando a proporre un kit di strumenti e accessori che migliora l’accessibilità dei prodotti cosmetici per i consumatori con difficoltà motorie, FR HANDLY “Ci siamo letteralmente calati nei panni di persone con difficoltà di diverso tipo e abbiamo immaginato tools, soluzioni e piccoli accorgimenti capaci di semplificare loro l’utilizzo di un prodotto cosmetico standard Non volevamo infatti creare ‘differenze’, ma avvicinare”, spiega Marco Gavotto, product Manager di FR&PARTNERS, che continua: “Il kit di accessibilità, che comprende diversi tools, vuole essere di ispirazione per i beauty brand spingendoli ad affrontare il problema dell’accessibilità dei prodotti cosmetici mostrando soluzioni semplici a problemi complessi. Con FR.HANDLY abbiano trasformato in qualcosa di alternativo e accessibile a tutti quanto già presente nel settore conservando l’estetica ed eliminando le barriere create dalla menomazione FR HANDLY mette al primo posto la user experience giocando con finiture che migliorano la presa, con decorazioni realizzate in Braille o con etichette dotate di tecnologia CyR U.S System”

‘ADAPTIVE SLEEVE’ (Brush con manico flessibile): si tratta di un ‘manicotto ’ , sensibile alla pressione, che facilita la presa e l’impugnatura da parte di persone con protesi o ridotta mobilità delle dita. Può essere infatti ‘indossato’ come un ’estensione delle dita o ‘schiacciato’

‘LIFT’ (Limitless Inclusivity Freedom Tool): questo strumento, che estende la portata della mano o del braccio, è caratterizzato da una maniglia adatta alla presa sia dall’esterno che dall’interno dell’anello centrale. È dotato di giunto sferico per la regolazione e di componenti intercambiabili fissati con magneti

Entrambi i manipoli fanno parte del kit FR HANDLY vincitore nella categoria ‘Packaging: Design & Materials’ ai Cosmopack Awards 2024.

BEFORE
MARCO GAVOTTO
30. IMAGINE

Sono più di 40 anni che Michael Kors, designer newyorchese di fama mondiale, presenta sulle passerelle abiti che declinano un ’eleganza glamour, lussuosa, sensuale e giocosa Collezioni prêt-àporter e accessori di lusso molto amati dalle star e dalle donne del jet-set, da sempre sue muse. Un fil rouge che si ritrova anche nelle due nuove fragranze Michael Kors Pour Femme e Pour Homme, che riflettono la sua idea di stile sofisticato, urbano e contemporaneo I nuovi jus creati e distribuiti in tutto il mondo da EuroItalia, ruotano intorno alla forza e alla sensualità a partire dalle note di gelsomino, patchouli, bergamotto e salvia E sono racchiusi in flaconi con l’iconica catena che avvolge il vetro, simbolo degli accessori glam del designer Michael Kors Pour Femme è una fragranza florealelegnosa-muschiata

BRAND IDENTITY di Paola Colombo Kapsa

SPOT

FRAGRANZE ICONICHE PER LEI E PER LUI, VIVACI E SENSUALI, COME I DUE TOP MODEL PROTAGONISTI DELLA CAMPAGNA PER IL LANCIO UN FILMATO D’AUTORE CHE RIFLETTE LO STILE DEL DESIGNER DELL’HIGHT SOCIETY, CHE PROPONE UN LUSSO TANGIBILE, MA SOFISTICATO

che con le sue note multisfaccettate, persistenti e super femminili, avvolge irradiando una moderna e sensuale eleganza Michael Kors Pour Homme è un profumo legnoso-speziato-agrumato che riflette gioia, calore e la tonificante energia dell’oceano Un jus potente che intreccia accenti di terra e mare per un bouquet fresco, aromatico e inaspettato Entrambi sono profumi che esprimono a un tempo glamour ed energia, rappresentano l’avventura, l’adrenalina e il vivere la propria vita pienamente “Voglio che chi li prova ne venga rapito”, ha affermato lo stilista

UNA CLIP CHE SEDUCE

La campagna che supporta il lancio di Michael Kors Pour Femme e Pour Homme è in linea con l’ispirazione di sensualità e senso di avventura evocato dalle due fragranze Firmata da Minka FarthingKohl, autore di molti cortometraggi per artisti e fashion brand internazionali, è

IRINA SHAYK, 38 ANNI, RUSSA, È TRA LE DONNE PIÙ BELLE DEL MONDO E UNA TOP MODEL MOLTO IN AUGE FIN DALL’INIZIO DELLA SUA CARRIERA. HA SFILATO PER I PIÙ IMPORTANTI STILISTI, PER IL VICTORIA’S SECRET FASHION SHOW, ED È STATA TESTIMONIAL PER BRAND DI MODA E COSMETICA

LA SUA ULTIMA APPARIZIONE AL MET GALA L’HA VISTA BRILLARE CON UN ABITO RICOPERTO DA 84MILA CRISTALLI SWAROVSKI. ANCHE JON KORTAJARENA, 39 ANNI, BASCO, È UN SUPER TOP MODEL, TRA I PIÙ RICERCATI DAGLI STILISTI DI MILANO E PARIGI COLTIVA IN PARALLELO LA CARRIERA DI ATTORE, PRESENTE IN DUE VIDEOCLIP DI MADONNA, HA RECITATO ANCHE NELLA SERIE TV ALTO MARE DI NETFLIX.

SHA YK JO N K O R T AJ ARENA

ambientata su uno yacht a Miami -metropoli di riferimento del jet-set internazionale- e ha come protagonisti due super top model, Irina Shayk e Jon Kortajarena, che trasmettono sicurezza e fascino Lo spot si apre con Irina alla guida di un super yacht e Jon su una moto d’acqua, un gioco di sguardi sensuali e intriganti si intrecciano, come le barche che correndo sul mare disegnano una catena. Una donna affascinante e il suo profumo; un uomo sicuro di sé con il suo profumo I due si ritrovano su uno splendido yacht al tramonto, insieme, appassionati, belli, eleganti, sullo sfondo le luci sfavillanti illuminano lo skyline della città. La complicità tra i due protagonisti è palpabile e ricca di significati, ammiccante e ‘sorniona’, mentre ogni dettaglio, che li circonda -il lussuoso yacht, gli splendidi abiti, lo skyline di Miami, gli iconici flaconi del profumo- non fa che sottolineare la gioia di vivere ogni istante senza riserve

TES TIMON IA L
LO STILISTA DEL LUSSO NEWYORCHESE MICHAEL KORS FIRMA DUE NUOVE IRINA

QUANDO SI PARLA DI BELLEZZA...

Colore, emozioni, passione, sono le parole chiave di DIFARCO, una grande struttura di logistica avanzata e partner di più prestigiosi marchi internazionali nel panorama della farma-cosmesi

A
1 9 7 9 L O G I S T I C A A L S E R V I Z I O D E L L A B E L L E Z Z A www.cdgroup.it Distribuzione farmacosmesi
D
L

ILAFORMAZIONECONTINUAÈFONDAMENTALE.PERCHÉQUALIFICA

ILCONSULENTEDIBELLEZZA,AIUTAADEFINIREL’IDENTITÀDELL’INSEGNAE DÀAUTOREVOLEZZAALCANALE.NEABBIAMOPARLATOCONPROFESSIONISTI

DELSETTOREPERCAPIRENUOVEESIGENZEERICHIESTE.

FORMARSI AIUTA NELLA CRESCITA

nvestire in formazione continua e coltivare la professionalità del personale in negozio rappresenta un vantaggio competitivo, che consente alla profumeria di distinguersi in un mercato sempre più complesso e sofisticato Ogni addetto alla vendita preparato e competente può influenzare significativamente la percezione dell’insegna, perché è in grado di trasmetterne i valori attraverso interazioni quotidiane con i consumatori, creando un legame emotivo e di fiducia Si rende quindi necessario un percorso didattico ben orchestrato, che lo qualifichi come ‘consulente’ a tutti gli effetti, esperto conoscitore di tecniche, prodotti e trend, capace di comprendere il cliente e le sue esigenze, e di guidarlo in un viaggio personalizzato tra cosmetici e fragranze. Più il ‘consulente’ cresce, più è in grado di offrire esperienze di acquisto memorabili e di fidelizzare, contribuendo alla definizione di un’immagine di professionalità e prestigio del negozio e del canale stesso Sono questi gli obiettivi del progetto Beauty Coach, che Fenapro ha riaperto quest’anno, dopo la prima edizione del corso base 2019/2020, con molte novità e con l’ambizione di avviare un iter didattico continuativo, destinato a qualificare il personale e la profumeria, e a definire uno standard formativo uniforme del settore, con la creazione di un vero e proprio registro professionale Obiettivi condivisi dai titolari delle insegne, che si allineano sull’importanza della formazione per dare autorevolezza al canale, valorizzarlo aumentandone la competitività rispetto alla concorrenza e renderlo il luogo elettivo dove ‘trovare la bellezza’

UNA PRIORITÀ ASSOLUTA

La professionalizzazione del canale passa attraverso un percorso efficace di formazione continua, replicato a livello nazionale nel rispetto del modello di vendita di ogni insegna Fenapro lo sta promuovendo dal 2019, anno in cui è partito il primo Corso base «La formazione è in testa alle nostre priorità e finalmente è in cantiere la seconda edizione del programma ‘Beauty Coach’, che vuole qualificare gli addetti alla vendita della distribuzione selettiva con l’istituzione di un registro nazionale, già arrivato a quota 280 iscritti», sottolinea Michelangelo Liuni, presidente di Fenapro «Il nostro progetto si basa sull’evoluzione della figura della ‘ commessa ’ e sulla sua valorizzazione a partire da una nuova definizione che ne sottolinei l’importanza Per diventare ‘Beauty Coach’ o ‘Consulente di Bellezza’ è stato messo a punto un nuovo Corso base sfidante e interattivo, che affronta aspetti tecnici e relazionali tipici di questo difficile mestiere con un piano di studi decisamente più ampio e aggiornato rispetto alla prima edizione, pensato per avere continuità negli anni e alimentare un registro professionale A questo si aggiungono tre corsi specifici: inglese, competenze digitali, sicurezza ed ergonomia Abbiamo un team di formatori e coach di eccellenza, ed è attiva la partecipazione di alcuni marchi dell’industria, con testimonianze su temi trasversali e di carattere pratico Una volta raggiunta una massa critica significativa, la presenza dei Beauty Coach servirà a dare un’identità propria al nostro canale, oggi ancora non ben definita, e a distinguerci

34. IMAGINE
MICHELANGELO LIUNI

dalla concorrenza grazie a un alto livello di competenza riconoscibile e riconosciuto. I corsi sono assolutamente gratuiti perché finanziati dai fondi interprofessionali destinati all’aggiornamento professionale, sorta di tesoretti che si alimentano con l’F24 mensile che ogni azienda è tenuta a versare»

LA MAPPA DEL FABBISOGNO

Per organizzare la nuova edizione dei corsi si è partiti da una mappatura delle competenze e dei fabbisogni «Abbiamo avviato un’indagine campionaria sul territorio nazionale Oltre 4 000 sono state le realtà contattate tramite e-mail, 2 640 i dati ottenuti», spiega Andrea Troisi, titolare di Troisi Ricerche, che ha sviluppato la ricerca. Quali gli elementi salienti emersi da questa survey? «Negli ultimi due anni il 63% dei rispondenti ha seguito corsi di formazione di vario genere: tecnici o professionalizzanti (48%); gestionali (23%); competenze trasversali (soft skills e informatica) e digitali (17%). Ci siamo poi focalizzati sull’importanza attribuita a sei attività o qualità fondamentali del mestiere, con la possibilità di dare un valore da 1 a 6 alle diverse voci Ai primi posti troviamo l’accoglienza nel punto vendita (92%), l’interpretazione delle esigenze dei clienti (91%) e la fidelizzazione (90%), cioè gli elementi identificativi della profumeria di qualità Seguono l’orientamento tra i prodotti (84%), la capacità di gestire le lamentele e risolvere le problematiche (72%), entrambi sentiti come esigenze importanti, e

MANI IN PASTA

la capacità di massimizzare la resa e l’immagine degli spazi espositivi (59%) Va notato che ben l’85,7% degli interlocutori ha sentito parlare di Beauty Coach, dato che indica un ’alta notorietà del progetto» In base alle esigenze emerse dal sondaggio è stato messo a punto il programma formativo 2024 e in seguito è stato inviato un modulo di preiscrizione ai corsi, in cui va segnalato il Fondo interprofessionale cui l’azienda è iscritta per poter accedere gratuitamente al percorso formativo «Abbiamo ricevuto 80 adesioni in meno di 48 ore (ndr: dato raccolto il 10 maggio), segno di una richiesta fortissima e dell’eco molto positiva del corso 2019».

BEAUTY COACH RELOADED

«Ci siamo chiesti che tipo di competenze può inserire in curriculum un ’addetta alla vendita e la nostra risposta, nel 2019, è stata il percorso professionalizzante della scuola Beauty Coach», osserva Alessia Zuzio, trainer, psicologa del lavoro e artefice della parte didattica del progetto «Oggi la domanda è ancora attuale e la risposta è il Corso base ‘reloaded’, con contenuti aggiornati all’attuale mondo beauty, così cambiato in pochissimi anni, e nuovi approfondimenti aggiuntivi. Al progetto 2024 possono accedere sia le consulenti di bellezza già certificate, per allenare ulteriormente le proprie skills e integrare il percorso didattico, sia le ‘ new entries’ Le sue finalità vanno dalla possibilità di dialogare con i titolari offrendo contributi concreti ed efficaci a creare orgoglio professionale per una figura ancora poco riconosciuta, sino ad affinare le skills tecniche per erogare un servizio di qualità e dare continuità alla relazione col cliente Dopo il primo modulo che affronta numeri e tendenze di mercato, si entra nel cuore del programma, con sessioni che mirano a definire il mestiere e il modello di consiglio, alto e sfidante, tradotto poi nel day by day. Seguono le fasi specifiche dell’accoglienza, dell’analisi dei bisogni e della proposta, rispetto alle quali vengono forniti strumenti utili a mettere a proprio agio il cliente, a mantenere un atteggiamento equilibrato e a essere incisivi con competenza ed empatia Ma senza rinunciare ai tecnicismi, tant’è che l’ultimo modulo è dedicato alle basi della cosmetologia. Integrano il corso interventi aziendali monotematici, che permetteranno di entrare nel dietro le quinte del punto vendita»

I NUOVI APPROFONDIMENTI

«Elevare la figura degli addetti alla vendita riconoscendo l’importante compito che è loro affidato: trasferire cultura di ‘bellezza’ sul punto vendita. Fondamentale per fare questo al meglio è l’acquisizione e/o l’approfondimento di competenze trasversali che mettano al centro l’unicità della persona, le sue potenzialità e il raggiungimento degli obiettivi attraverso l’espressione del mondo interiore», sottolinea Francesca Piucci, beauty education specialist, coach umanista e parte attiva nella messa a punto del progetto didattico insieme ad Alessia Zuzio «Da qui siamo partite per definire una serie di moduli che arricchiscono ulteriormente il Corso. I primi tre si focalizzano sull’allenamento delle skills personali Si parte dall’uso coerente del linguaggio verbale e non verbale che si traduce, per esempio, in rudimenti di prossemica e nella maniera di porgere un prodotto coerentemen-

IMAGINE .35
ANDREA TROISI ALESSIA ZUZIO FRANCESCA PIUCCI

te con il suo valore Affrontiamo anche il tema dei vizi linguistici, che rischiano di omologare lo storytelling e appiattire la presentazione delle varie referenze Infine, ci occupiamo dell’approccio, della vendita emozionale e del modo in cui adattare il modello di consiglio facendo leva sulle proprie potenzialità. Gli altri tre moduli sono destinati all’apprendimento di skills contesto-specifiche, utili ad affrontare situazioni abituali del ‘mestiere’ Innanzitutto la vendita attraverso il racconto che deve essere capace di ‘affascinare’ il cliente portandolo a fare esperienza dell’universo magico che è la profumeria, dove la concorrenza non può competere Poi il luxury selling, che esplora quanto contano razionalità ed emozioni in questo ambito. E infine la gestione delle obiezioni, per potenziare la capacità di dialogo e la sicurezza di fronte a clienti decisamente ‘richiedenti’»

IL RACCONTO E L’EMPATIA

In un mestiere che ha la missione di dare piacere e vendere bellezza, la formazione del personale è una necessità da sempre Lo afferma convinta Ilaria Rossi, responsabile sviluppo Rossi Profumi «Abbiamo a che fare con ricerca e creatività ad alti livelli ed entrambe vanno raccontate Inoltre, serve la capacità di accogliere le richieste dei clienti e di affrontarle con garbo, specie a fronte di informazioni assimilate dai social, a volte incontrollate e confuse La qualità degli addetti alla vendita è

MICHELE BALDUCCI

AMORETTI PROFUMI

«Fondamentale nel nostro lavoro è il sorriso e se l’indole non si può modificare, l’atteggiamento può essere allenato con la formazione Si tratta di tecnica di vendita, un tema affrontato nel corso base Beauty Coach di cui ho apprezzato ogni passaggio, compresa la messa a fuoco di alcuni aspetti che dopo anni di esperienza in negozio diventano automatismi. Insegnanti fantastici, materie utilissime nella pratica quotidiana, ma trattate in modo coinvolgente Cosa vorrei studiare? Lo scenario di mercato, con i nuovi competitor e l’esplosione del digitale Ma anche l’approccio al cliente, un aspetto complesso che credo necessiti di formazione specifica, considerato quanto è cambiato il comportamento dei clienti negli ultimi anni».

ANDREA GUALINO

SINATRA PROFUMERIE

«C’è bisogno di strumenti formativi per far fronte a fenomeni che tolgono poesia alla vendita: la guerra dei prezzi, il mondo web, dove è bene evitare acquisti incauti, e i social, che diffondono informazioni poco corrette e disorientano il consumatore. Credo siano temi difficili da affrontare da un punto di vista didattico, ma sarebbe utile considerato l’obiettivo finale, che è anche quello di far tornare il cliente al banco Inoltre, sento la necessità di una cultura generale relativa al mercato beauty, che comprenda brand e prodotti acquistabili presso altre insegne o canali. Questo ci consentirebbe di suggerire alternative coerenti alle richieste».

dunque una chiave di successo e noi la coltiviamo con percorsi didattici formulati a vari livelli di avanzamento professionale. Abbiamo una responsabile della formazione, Barbara Salsi, e ci avvaliamo di una società esterna per ciò che riguarda le dinamiche di gruppo e la leadership in negozio Inoltre, siamo sempre aggiornati sulle esigenze specifiche del personale, per coltivarne le potenzialità e metterlo nelle condizioni di trasmettere valore Si tratta di raccontare un mondo, non è solo questione di prodotti» Ma quali sono gli aspetti più importanti sui quali insistere? «La capacità di dialogare su un piano di vera empatia con i consumatori, oggi preparati, a volte aggressivi e con poco tempo a disposizione», afferma Cristina Querci, titolare delle Profumerie Sbraccia. «Poi la capacità di affrontare le obiezioni, che spesso nascono da fake news, app ingannevoli sugli ingredienti e aumento dei prezzi Infine, bisogna insistere sulla fascinazione della vendita Oltre agli inevitabili approfondimenti per i nuovi assunti, abbiamo in programma moduli su marketing di prossimità, vetrine

EZIO MARTELLETTI

MIREM PROFUMERIA

«La formazione è il punto forza del nostro lavoro, insieme a una buona dose di doti naturali e di passione Non è per niente facile Vendiamo prodotti sofisticati, che richiedono approfondimento e aggiornamento continui, oltre a nozioni cosmetologiche di base per rendere credibile il nostro racconto. E dobbiamo imparare a trattare con clienti di ogni genere. A mio parere ci vogliono innanzitutto educazione e savoir-faire, che insieme alla gentilezza, alla capacità di accoglienza e a un tipo di approccio appropriato fanno parte dei nostri valori Abbiamo l’abitudine di ritagliarci tanti momenti costruttivi di consultazione e di confronto E anche questi sono occasioni formative davvero importanti!».

SILVIA MESSEDAGLIA

MUZIO PROFUMI

«Bisogna sempre migliorare, capire, adeguarsi… a qualsiasi età o livello di esperienza. La professionalità è l’anima del nostro lavoro e ogni corso insegna qualcosa. Da quelli dei brand ricavo elementi, anche non tecnici, che posso raccontare, perché la cliente si emoziona grazie alla storia che c’è intorno al prodotto Dal corso Beauty Coach, che consiglio vivamente, ho assimilato tanto: la comprensione della cliente, il suo atteggiamento in negozio, che dice molto di lei e delle sue esigenze, la prossemica, cioè la gestione dello spazio e della distanza nella relazione Sarei curiosa di seguire un percorso didattico sull’applicazione del make up perché, sono certa, aiuterebbe la vendita».

I PR O T A GONI S T I DEL C ONS IGLIO
PATRIZIA QUERCETTI ILARIA ROSSI CRISTINA QUERCI

interattive e dialogo con la generazione Z Anche il corso Beauty Coach è stato un efficace momento didattico per i nostri addetti alla vendita Trovo pregevole che Fenapro colga la sfida della formazione, che contribuisce in modo sostanziale all’identità di questo canale: le aziende che la sottovalutano saranno penalizzate, perché il consumatore vuole tornare al negozio fisico, ma lì deve trovare persone preparate ed empatiche»

UNA LEVA MOTIVAZIONALE

La formazione superiore è una chiave vincente, sia rispetto al pubblico sia al personale «Ogni percorso didattico non aiuta solo a crescere professionalmente, ma è anche occasione di condivisione, rafforza il senso di appartenenza all’azienda e la motivazione Internamente se ne occupa il trainer Lorenzo Travaglini: insieme decidiamo su quali aspetti insistere, quali sono i gap e i margini di miglioramento», racconta Patrizia Quercetti, amministratore delegato Profumerie Galeazzi. «Abbiamo puntato molto su tecniche di vendita, storytelling, consiglio e cross-selling E stiamo lavorando sull’intervista al cliente, che svela molto delle sue abitudini, dei

ARIANNA PISTORELLO

PROFUMERIE BEGHIN

«Lavoro in una grande realtà che si dedica molto alla formazione del personale Le ultime arrivate iniziano dalla conoscenza dei prodotti e della filosofia dei brand, fondamentale per acquisire sicurezza dietro al banco A me che sono in negozio da anni interessano l’approfondimento della relazione con il cliente, il processo di acquisto e le tecniche di vendita multipla. Ma anche il visual merchandising e l’organizzazione eventi, attività di cui mi occupo Il nostro non è un lavoro per tutti: bisogna possedere una discreta dose di empatia per capire chi si ha di fronte, essere pronti ad accogliere sia il cliente aggressivo sia quello più riservato, entrando in contatto con tutti E una buona formazione aiuta in tutti questi aspetti, fornendo strumenti adeguati e padronanza del mestiere».

MERI SACCHETTA

LELLA PROFUMI

«A chi fa seriamente questo lavoro non possono mancare strumenti adeguati per migliorare la capacità di vendita e di consiglio, e approfondire la preparazione Per questo ho aderito al progetto Beauty Coach, di cui ho apprezzato l’approfondimento delle tecniche di vendita, basato sulla psicologia comportamentale, e il focus sul problem solving e sulla gestione delle obiezioni, con il suggerimento di esercizi per i momenti critici della relazione con il cliente. Fondamentale anche il rispolvero delle conoscenze cosmetologiche, che non vanno date per scontate Cosa mi piacerebbe approfondire? Il raggiungimento degli obiettivi, l’organizzazione eventi e la costruzione del team»

canali in cui acquista e dei prodotti che usa: dati utili a farlo tornare da noi, perché oggi i cosmetici si trovano ovunque, a volte a prezzi sconcertanti Anche il corso Beauty Coach ha fornito nuovi strumenti e sicurezza nell’approccio al lavoro. L’ho considerato un riconoscimento per le più meritevoli, e anche per questo è stato affrontato con impegno ed entusiasmo» Per Claudia Benini, direttrice marketing e vendite Profumerie Beauty Star, è il personale motivato, capace di rivolgersi bene al cliente e di stimolare la sua fascinazione, a fare il successo del negozio fisico. «Investiamo tantissimo in formazione, con un vasto catalogo diviso per aree e livelli Oltre a occuparci di tecniche di vendita e conoscenza dei prodotti, e a incentivare la partecipazione ai corsi dei brand, organizziamo sessioni di ‘digitalizzazione della catena’, utili a comprendere e amplificare la nostra strategia digitale. In più, abbiamo un ’ area dedicata allo sviluppo delle soft skills, in cui si lavora su motivazione, gestione dei conflitti, raggiungimento degli obiettivi Forniamo strumenti per avere più ‘storie’ da raccontare, per essere veri ‘consulenti’ E una scheda definisce il piano formativo individuale annuale per garantire una crescita continua della risorsa».

INGRID SOMMACAMPAGNA

BEAUTY STAR PROFUMERIE

«La nostra azienda incentiva la formazione a qualsiasi livello Esistono piani specifici per gli addetti alla vendita divisi per aree di competenza, con corsi su prodotti, modelli di consiglio, procedure tecniche e su come lavorare per obiettivi Io, per esempio, faccio parte del progetto ‘Digital Stars’, che prevede l’affiancamento di una coach. In pratica, creo contenuti come un’influencer, monto i video e li presento all’azienda, che li pubblica nei nostri canali social L’indicazione dei corsi disponibili viene fornita dal marketing e in base a esigenze e desideri delle ragazze io, come store manager, compilo un piano formativo individuale, in cui annoto anche l’avanzamento del team Questo migliora la vendita e l’esperienza del cliente, che si sente accolto in un ambiente strutturato e coeso».

LAURA VILLA

SEMINATI PROFUMERIA

«La formazione serve anche a chi è in negozio da tanti anni. Niente va dato per scontato, perché il mondo cambia e cambiano i consumatori Quindi bisogna aggiornarsi e guardare da nuove prospettive il lavoro quotidiano: la gestione delle obiezioni, il servizio, il modo di porgere il prodotto In questo il corso Beauty Coach è stato validissimo Non solo ha dato strumenti per affinare le capacità professionali -che vanno calate nella realtà del negozio e della propria clientela per essere ancora più efficaci- ma ha anche alimentato quello spirito positivo che è contagioso e fa tornare le persone in negozio È un aspetto importante, perché il nostro lavoro è fatto di passione e gratificazione del cliente!»

CLAUDIA BENINI BENEDETTA SABATINI MAURIZIO SABBIONI

PROFESSIONE PROFUMERIA

TANTI PROGETTI… POCO TEMPO

«Per la profumeria selettiva, la formazione fa la differenza ed è l’obiettivo assoluto di questi anni», sostiene Benedetta Sabatini, titolare de Le Vanità Profumerie, che studia momenti didattici in modo sartoriale, coadiuvata da una trainer che fa da fil rouge tra i negozi e la sede, dove esiste uno spazio dedicato. «Ci occupiamo di temi classici, come fidelizzazione, accoglienza, tecniche di vendita, perché va trasferita l’idea che i nostri negozi sono salotti con un servizio eccellente, dove ci si può trattenere non soltanto per fare acquisti Ma organizziamo anche moduli per sperimentare le capacità del personale in altri campi e fare team. Per esempio un corso sul bon ton legato alle fragranze, al saper consigliare e porgere un regalo; con una casa editrice abbiamo collaborato per associare un articolo di profumeria a un libro, che veniva prima letto e poi discusso insieme Ma non è tutto: formeremo le ragazze sulla gestione eventi (abbiamo un calendario fittissimo) e sui social, dove saranno protagoniste di videoclip professionali con il supporto di un ’agenzia esterna. Ci vorrebbero giornate più lunghe!» Esamina il fattore tempo da un ’altra prospettiva Maurizio Sabbioni, Ceo e General Manager delle Profumerie Sabbioni «Da tanto abbiamo programmato un corso sulla gestione delle relazioni interne per capi reparto e responsabili di punto vendita, ma non siamo ancora riusciti a realizzarlo per questioni oggettive Le richieste dell’industria, specie delle multinazionali del lusso, sono diventate pressanti su tanti fronti, compreso il tempo e il numero delle risorse da riservare alla didattica. Si ragiona per percentuali, senza considerare la realtà Se viene ‘suggerita’ una formazione su un terzo o più del personale, significa rendere irrealizzabile l’obiettivo E le proposte formative sono così numerose che messe insieme ci costringerebbero ad avere negozi sotto staffati vari giorni alla settimana Una condizione in-

sostenibile nel lungo periodo

La formazione è sempre una buona cosa, ma servirebbe a carattere trasversale e non, come spesso accade, su specifici brand e prodotti. È un tema a noi caro, al quale vorremmo riuscire a riservare più spazio nella progettualità strategica e nelle politiche di gestione delle risorse»

FORMAZIONE E CONCORRENZA

Cuore pulsante del progetto Beauty Coach è l’idea che la formazione sia una forte leva concorrenziale. È d’accordo Piero Amoretti, titolare delle omonime profumerie, che sottolinea: «Il servizio è una delle ultime difese rimaste se vogliamo continuare a fare il mestiere che amiamo, in un mercato turbato dalle politiche sul prezzo Ma, deve essere sempre più mirato! Per questo ho fatto partecipare il mio personale al primo Corso Beauty Coach. Ritengo importante, però, che a livello nazionale venga riconosciuto come percorso di formazione professionalizzante e distintivo a livello di canale Certo, formare le persone richiede tempo e a volte è mortificante, dopo tanto impegno, la domanda: “Che sconto mi fa?” Ma noi ci crediamo: facciamo riunioni interne formative, organizziamo affiancamenti con personale già addestrato e nessuno viene lasciato solo nella propria crescita Perché restare al passo con i tempi è un obbligo, specie in questo periodo» La formazione non è mai troppa anche per Andrea Sanchini, titolare delle Profumerie Sanchini e vicepresidente del Consorzio Chicca. «Serve a rafforzarci rispetto alla concorrenza, specie quella della farmacia dove il ‘camice’ ha la sua influenza sul consumatore Per inciso, sposo anche il progetto della Federazione di identificarci come rete qualificata con un’insegna comune, la ‘P’ di profumeria Le mie addette alla vendita sono anche Beauty Coach perché tengo moltissimo alla professionalità tecnica, accanto alla quale serve coltivare l’empatia. Ci vuole la capacità di entrare in contatto, di dialogare in modo corretto, ai fini del business e come arricchimento personale È per questo che voglio essere riconosciuto nel mio bacino di utenza»

BEAUTY COACH: LE NOVITÀ DELLA SECONDA EDIZIONE

ENTRIAMO NEL DETTAGLIO DEL PIANO DI STUDI MESSO A PUNTO PER LA SECONDA EDIZIONE DEL PROGETTO ‘BEAUTY COACH’, CHE PREVEDE CONTENUTI AGGIORNATI, NUOVI MODULI DI APPROFONDIMENTO SPECIFICI, E TRE CORSI AGGIUNTIVI, CHE RISPONDONO A PRECISE ESIGENZE EMERSE DALLA SURVEY LANCIATA DA FENAPRO A FEBBRAIO

CORSO BEAUTY COACH

18 ore suddivise in 6 sessioni interattive che mixano: - 6 moduli base su trend del mercato e posizionamento della figura di BC, allenamento delle skills di ruolo, dall’accoglienza alla fidelizzazione del cliente, e cenni di cosmetologia.

- 3 moduli di affinamento skills personali legati alla comunicazione efficace, al linguaggio contesto-specifico, alla vendita emozionale

- 3 moduli legati a richieste contesto-specifiche: storytelling/ storyselling, vendita del lusso, gestione delle obiezioni.

CORSO DI INGLESE

6 ore divise in 4 moduli: - Nozioni base di lingua inglese; La trattativa: i termini giusti da usare in forma scritta e verbale per interagire con clienti stranieri; La consulenza: come proporre i

propri servizi; La seduta di bellezza: termini tecnici specifici.

CORSO SULLE COMPETENZE DIGITALI

6 ore impostate su 4 moduli: Utilizzare i dispositivi informatici del punto vendita; Conoscere i meccanismi dell’omnicanalità; Gestire il CRM per le attività di profilazione e programmi fedeltà; Utilizzare i social per raccontare il negozio e aumentarne la visibilità.

CORSO DI SICUREZZA ED ERGONOMIA

6 ore ripartite in 4 moduli: Comprendere i rischi del lavoro in stazione eretta; Migliorare l’ergonomia della postazione lavorativa; Consigli pratici per chi lavora in piedi; Esercizi di compensazione per chi lavora in piedi.

38. IMAGINE
ANDREA SANCHINI PIERO AMORETTI

imagine

LABBRA DA FIABA

C’ERA UNA VOLTA

UNA BAMBINA, CHE SOGNAVA LABBRA CARNOSE E

SUPER BRILLANTI, MA ANCHE LEGGERE, IDRATATE E ... TANTO, TANTO SEXY... ...DOPO TANTO CERCARE

LE TROVÒ E ...

NON SE NE SEPARÒ PIÙ...

MISS PUPA GLOSS IN COMBINATA CON

PUPA TRUE LIPS ASSICURA

LABBRA VOLUMIZZATE, NUTRITE E LUCIDE, LUCIDE

CHE PIÙ LUCIDE NON SI PUÒ! NON UN GIOCO, MA VERE LABBRA DA PIN-UP 5.0, BRILLANTI, IDRATATE, NATURALI, MA ... MOLTO, MOLTO SCENOGRAFICHE.

Finish vinilico ...

Labbra specchiate grazie a uno speciale filmogeno, che assicura una brillantezza senza compromessi, ma anche idratazione, volume e morbidezza estreme grazie alla presenza di sfere di Acido Ialuronico. Perchè la consumatrice 2024 dai prodotti make-up non vuole solo risultati colore! Sei le tonalità tutte estremamente sottili, lattiginose e trasparenti.

400 BALLERINA, un rosa delicato, molto bon ton, per un risultato colore appena accennato

401 LOVELY PINK, rosa sì, ma con una punta di energia primaverile

402 BLOSSOM PINK, il più ‘audace’ della gamma per labbra da primo piano.

403 NUDE OBSESSION, lo dice il nome stesso: è ‘il nude’ perfettol

404 WARM NUDE, il colore si scalda e il ‘nude ‘ si veste di una sfumatuta rosata.

405 BLUSH NUDE, il colore delle gote bonne mine tradotto in un gloss

... ultra delineato

La matita torna protagonista! Un alleato irrinunciabile per dare turgore e maggiore volume alle labbra, ma anche per assicurare maggiore tenuta e impedire al gloss di ‘sbavare’. La mina è morbida e scorrevole e la formula ricca di attivi: Vitamina E, Vitamina C, Olio di Cotone. Lo sfumino in lattice aiuta a stendere il colore in modo omogeneo.

3 nuove tonalità NUDE per esaltare la tridimensionalità delle labbra in modo naturale:

045 TRUE NUDE; 046 VINTAGE ROSE; 047 DEEP NUDE

IMAGINE COVER

DA DOVE VIENE E... DOVE VA IL PRODOTTO

GARANTIRELATRACCIABILITÀDIUNPRODOTTOÈUNTEMA‘CALDO’,UNAVERAE PROPRIAURGENZAAVVERTITADABRANDESUPPLIER,COMPLICIANCHELENUOVE DISPOSIZIONIDELL’UEINMATERIA.COSASTAACCADENDONELBEAUTY?

Sostenibilità, tracciabilità e lotta alla contraffazione sono temi strettamente connessi, perché non si può parlare di sostenibilità senza parlare di tracciabilità e al tempo stesso non si può tutelare la produzione e l’originalità di un prodotto senza poterne monitorare il percorso dalla produzione allo store. La crescente attenzione alla sostenibilità, la necessità di ridurre il carbon footprint e assicurare la trasparenza lungo la filiera, unite alla necessità di garantire l’autenticità e la qualità dei prodotti, stanno spingendo brand e supplier ad adottare sistemi e tecnologie che permettano di monitorare la catena di fornitura end-to-end, così da renderla: più trasparente, automatizzata, intelligente e orchestrata. Una buona pratica che rappresenta una garanzia di qualità e autenticità per

tutti, nonché la condizione fondante della sostenibilità. La tracciabilità ha infatti molteplici risvolti: assicura l’origine delle materie prime e a seguire del prodotto finito, consente di intercettare prodotti difettosi o ‘fake’ e permette di individuare aree di miglioramento nelle varie fasi della catena di distribuzione «Senza tracciabilità, la trasparenza non esiste. La tracciabilità dà ai brand gli strumenti per permettere di supportare i loro claim e dire al mondo: “Siamo ciò che diciamo di essere” -spiega Monica Coffano, Key Account Manager Cosmetics di Antares Vision Group-. Già oggi esistono tecnologie e soluzioni che aiutano le aziende a valutare le loro operazioni e a identificare i punti di forza, i punti deboli e i punti critici e a intraprendere

MONICA COFFANO
IMAGINE .41

azioni correttive. Molte aziende del settore cosmetico stanno investendo nella digitalizzazione della supply chain, grazie all’integrazione di sistemi di gestione dati basati su cloud che consentono il monitoraggio in tempo reale dei prodotti. Le soluzioni di tracciabilità che sviluppiamo in Antares Vision Group nascono con questo preciso intento. Grazie alla creazione di un’identità univoca digitale per ogni unità di prodotto vendibile, infatti, possiamo permettere ai brand di monitorare il prodotto lungo tutta la filiera, con l’obiettivo di ottimizzare i processi e soprattutto di ridurre il ricorso al ‘grey market’ e i rischi di contraffazione. Inoltre, la digitalizzazione dei prodotti garantisce la trasparenza della qualità del processo produttivo, documentandone l’efficienza e la sostenibilità Tracciabilità e identità digitale offrono un canale di comunicazione con i consumatori per un miglior dialogo e un’interazione personalizzata Le nostre soluzioni di tracciabilità end-to-end rispondono, infatti, alle richieste di trasparenza, etica e sostenibilità dei produttori cosmetici e contribuiscono all’instaurazione di un rapporto più diretto tra produttore e consumatore, offrendo un’esperienza più ‘vicina’ del brand».

LA ‘RISPOSTA’ DEI BRAND: DA TRUST DI CLARINS A

LA SOLUZIONE DI SEA VISION COPRE TUTTE LE FASI DELLA PRODUZIONE E DELLA DISTRIBUZIONE –DALLA SERIALIZZAZIONE E AGGREGAZIONE

DURANTE IL CONFEZIONAMENTO FINO ALLA FASE FINALE DI DISTRIBUZIONE E VENDITA AL CONSUMATORE- E HA LO SCOPO DI TRACCIARE I PRODOTTI PER DETERMINARNE L’AUTENTICITÀ E L’ORIGINE

TRASCE

Come si stanno muovendo i Brand per rendere tracciabile e monitorabile la filiera? Un esempio interessante esempio è offerto da Clarins, che nel 2023 ha lanciato TRUST (acronimo di Tracciabilità, Responsabilità, Unicità, Sicurezza e Trasparenza). Si tratta di un sistema di tracciabilità dei prodotti beauty sicuro, affidabile, garantito dalla tecnologia blockchain -che certifica l’autenticità delle informazioni inserite nel sistema e impedisce qualsiasi tipo di manomissione- e accessibile a tutti i soggetti che si relazionano con il brand, clienti in primis

TRUST è stato il modo che Clarins ha adottato per sottolineare la sua attenzione ai consumatori e alle loro esigenze oltre alla volontà di comunicare con loro in modo chiaro e trasparente i suoi valori. «Clarins TRUST è una grande innovazione di cui andiamo estremamente fieri -spiega Marie-Hélène Lair, Directrice Innovation Responsable Clarins- È infatti la prima volta nella cosmetica prestige che i consumatori hanno accesso diretto a tutte le informazioni relative al processo di fabbricazione del loro prodotto di bellezza preferito, dal campo di raccolta delle piante, da cui si estraggono gli attivi, fino alla formula finita Il tutto con la massima trasparenza, così che possano verificare direttamente la qualità dei prodotti garantita da Clarins» Nella direzione della tracciabilità va anche TRASCE (TRaceability Alliance for Sustainable CosmEtics), il consorzio creato da 15 attori del settore cosmetico -tra cui figurano tra gli altri Clarins, Dior, Estée Lauder, L’Occitane en Provence, L’Oréal, Nuxe, Shiseido, Sisley- con il supporto della francese FEBEA (Fédération des Enterprises de la Beauté). TRASCE, che affronta il tema della tracciabilità in modo completo, nasce con l’obiettivo di rispondere a tre sfide chiave del settore: migliorare la comprensione collettiva delle catene di approvvigionamento dell’industria cosmetica, valutare i rischi sociali e ambientali associati e determinare le azioni necessarie a supportare i fornitori nella loro transizione verso pratiche più sostenibili. I membri fondatori del consorzio collaboreranno per mappare le loro catene di approvvigionamento lungo l’intera catena del valore, compresa l’identificazione degli ingredienti o dei componenti utilizzati, le loro origini, le attività dei fornitori, i luoghi di trasformazione e i

MARIE-HÉLÈNE LAIR

SÉVERINE THERY-CAVÉ

nomi dei fornitori. La mappatura verrà realizzata utilizzando Transparency-One, piattaforma digitale che garantisce la proprietà, la sicurezza e la riservatezza dei dati per ogni fornitore partecipante. «Agire collettivamente è sempre il modo più efficace per guadagnare efficienza e potere sul campo d’azione. Questo è il motivo per cui la coalizione consentirà di migliorare la conoscenza della supply-chain e coinvolgere tutto il sistema per un mondo più responsabile», ha commentato Séverine Thery-Cavé, Direct Purchasing Director di L’Oréal Groupe. A Cosmopack 2023, all’interno della sezione CosmoFactory, era stato presentato un nuovo modello di gestione integrata dei dati che, grazie alla tracciabilità, collegava qualità, sicurezza e sostenibilità e che vedeva protagoniste tre realtà: N&B Natural Is Better con la crema idratante Regenerative Aloe Face Cream, Induplast con il packaging monomateriale riciclabile e Antares Vision. Scansionando il QR Code, il consumatore poteva accedere a una variegata gamma di informazioni riguardanti il prodotto: materie prime, processo produttivo, packaging…Un affascinante viaggio ‘dietro le quinte’ del prodotto.

GREY MARKET E CONTRAFFAZIONE: I NUMERI E LE NUOVE TECNICHE PER TUTELARSI

La trasparenza è un vantaggio per tutti: per le imprese, per i fornitori e per i consumatori. Lo ha spiegato bene in un webinar Veronica Calzi, Ecostruxure Technology Advisor di Schneider, quando ha detto: «La trasparenza è un vantaggio per le imprese che hanno un maggiore controllo sui fornitori e sull’origine delle materie prime, ma è anche un valido strumento per gestire eventuali criticità in modo tempestivo e per mettersi al riparo dalla contraffazione: un fenomeno che, solo in Italia, nel settore beauty & personal care causa perdite per mancate vendite pari a 935Mio di euro».

Nel 2021 il mercato parallelo per i beni di lusso è stato valutato oltre 250Mrd di dollari e negli USA ricerche mirate a questo endemico problema mostrano che, nel solo settore

SU TRUST È DISPONIBILE ANCHE LO STATUTO DI APPROVVIGIONAMENTO DI CLARINS: ENTRO IL 2025 TUTTI GLI ESTRATTI VEGETALI (OGGI SONO PIÙ DELL’80%) DOVRANNO SODDISFARE I CRITERI INDICATI E, PIÙ PRECISAMENTE, IL BRAND ARRIVERÀ AD UTILIZZARE L’80% DEGLI ESTRATTI DERIVI DA PIANTE BIO E IL 25% DA FILIERE CLARINS CERTIFIED O DAL DOMAINE CLARINS

LA TRACCIABILITÀ È LA CONDIZIONE FONDANTE DELLA SOSTENIBILITÀ

della cosmetica, il grey market ha raggiunto un valore di oltre 6,3 miliardi di dollari. Dati confermati dall’ OCSE, che nel 2019 aveva rilevato come il valore dei beni contraffatti ammontasse al 2,5% del commercio mondiale. Fa riflettere anche quanto pubblicato da EQUIPO, osservatorio europeo che vigila sulle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale: il 37% dei giovani ha acquistato volontariamente uno o più prodotti contraffatti. Il 12% di questi è rappresentato da prodotti per l’igiene, personal care, cosmetici e profumi. Una piaga, quella della contraffazione, che ha molteplici volti. Oltre al mercato nero, sempre più spesso i prodotti italiani sono vittima dell’italian sounding, cioè dell’utilizzo di denominazioni, riferimenti geografici, immagini e marchi che evocano il Belpaese su prodotti che con l’Italia, purtroppo, hanno ben poco a che fare. E poi c’è il grey market: un fenomeno in continua crescita Quando si parla di ‘mercato grigio’ si fa riferimento a prodotti che vengono venduti tramite canali non autorizzati dal produttore, con danni (non solo economici) che si ripercuotono sull’intera filiera. Oltre a danneggiare la reputazione dei brand e dei distributori virtuosi che si vedono erose preziose quote di mercato, i prodotti possono essere contraffatti, non autentici, scaduti o non conservati alle giuste temperature, per non parlare della presenza di ingredienti non autorizzati o potenzialmente dannosi Per contrastare la piaga del grey market, all’ultima edizione di Cosmopack, SEA Vision ha presentato una soluzione di tracciabilità end-to-end dedicata al mondo beauty Attraverso la scansione di un codice presente sull’astuccio di un rossetto, ad esempio, è possibile verificare l’autenticità del prodotto ed esplorare varie informazioni (diverse, a seconda della tipologia di utente) La soluzione di SEA Vision, studiata per combattere il grey market, copre tutte le fasi della produzione e della distribuzione dei prodotti -dalla serializzazione e aggregazione durante il confezionamento, alla gestione di magazzino, fino alla fase finale di distribuzione e vendita al consumatore- e ha lo scopo di

SE NE PARLA TRACCIABILITÀ
VERONICA CALZI

POTER ‘SEGUIRE’ IL PRODOTTO È L’UNICO

DETERRENTE POSSIBILE AL GREY MARKET

tracciare i prodotti per determinarne l’autenticità e l’origine Si compone, nella sua forma classica, di: un software yutrace che a livello di sito produttivo raccoglie e conserva nel database tutti i dati relativi alla produzione e alla serializzazione; di sistemi di visione e serializzazione per l’applicazione di un codice univoco sulle linee di confezionamento, così da rendere i prodotti reali digitali e quindi monitorabili da remoto oltre che di applicazioni Reworkapp e Pickapp per processi di reworking (rilavorazione delle produzioni) e picking nei magazzini (evadere gli ordini d’acquisto e le spedizioni). In tema di lotta alla contraffazione, garanzia di autencità e lotta ai mercati paralleli, molto interessante è anche quanto sviluppato da TraceToo, azienda che vanta una consolidata esperienza nell’identificazione automatica e che da anni collabora con GS1 sui sistemi di tracciabilità, logistica, anti contraffazione e ‘ grey market’ VeriCode, l’ultimo nato, è un sistema anticontraffazione e di tracciabilità che offre diversi vantaggi: consente di verificare l’autenticità e la provenienza dei prodotti, aiuta le aziende a proteggere i diritti di proprietà e tutela le catene di approvvigionamento. «Inquadrando il QRCode è possibile verificare l’autenticità dell’articolo e, grazie a sistemi di analisi e di business intelligence, il produttore/ brand può seguire i prodotti lungo tutta la filiera, conoscere quali sono i centri di distribuzione cui arrivano e sapere persino dove sono localizzati gli utenti che effettuano l’acquisto e che utilizzano il codice per controllare l’autenticità del pro-

SEA VISION PROPONE UNA SOLUZIONE CHE CONSENTE, ATTRAVERSO LA SCANSIONE DI UN CODICE SULL’ASTUCCIO, DI VERIFICARE L’AUTENTICITÀ DEL PRODOTTO E OTTENERE VARIE ALTRE INFORMAZIONI CHE LO RIGUARDANO

SOTTO UNA LINEA DI PRODUZIONE DOTATA DEI SISTEMI DI TRACCIABILITÀ ANTARES

VISION MOLTE SONO ORMAI LE AZIENDE DELLA SUPPLY CHAIN CHE STANNO

INVESTENDO PER GARANTIRE L’INTEGRAZIONE DIRETTAMENTE IN LINEA DI ‘MARCATORI’ CHE POI CONSENTIRANNNO DI MONITORARE I PRODOTTI IN ‘REAL TIME’

dotto -spiega Cristina Palara, Sales Developer Manager di TraceToo- I vantaggi di questa tecnologia sono molteplici: non solo VeriCode affronta la questione con approccio olistico, con una visione a 360°, ma con la sua flessibilità e modularitá si adatta perfettamente a ogni tipologia di prodotto, di business ed esigenza» Una tecnologia che si lega strettamente a quanto predisposto dal Regolamento Ecodesign, approvato di recente dal Parlamento Europeo Il Regolamento introduce, tra l’altro, il ricorso al passaporto digitale del prodotto (DPP-Digital Product Passport) come strumento di trasparenza e tracciabilità. L’UE ha disposto che le merci immesse sul mercato europeo, indipendentemente che siano state prodotte nell’UE o meno, siano dotate del DPP: un documento digitale contenete informazioni sul ciclo di vita del prodotto, sull’impronta ecologica, sulla riciclabilità e sulla sua sostenibilità Secondo EconomiaCircolare.org, si tratta di: «Uno strumento potenzialmente in grado di ricostruire la filiera e la storia del prodotto -a livello di modello, lotto o articolo- con dati sulle prestazioni e sugli impatti, sulle certificazioni e dichiarazioni di conformità, manuali d’uso e altre informazioni sul produttore, importatore o rappresentante autorizzato» Da qui la necessità per le aziende di dotarsi quanto prima di efficaci sistemi di tracciabilità.

SE NE PARLA TRACCIABILITÀ
CRISTINA PALARA
44. IMAGINE

FERMO IMMAGINE

di Ivan Pestillo

PAROLA D’ORDINE: MAI FERMARSI

L’obiettivo di un ’azienda è: fare business! Ma per Massimo Vidal, presidente Mavive è altrettanto importante: sostenere il territorio con iniziative culturali e sociali. Per farlo bene, bisogna crescere solidi puntando su reattività e rapidità agli stimoli dei mercati, selezionando accuratamente quelli da ‘aggredire’.

Italiani nel DNA internazionali per tradizione.

La notizia è recente Nel corso dell’ultimo Consiglio di Amministrazione dell’azienda veneziana Mavive, è stata deliberata, tra le altre, un’importate decisione: Marco Vidal -che rappresenta la quarta generazione all’interno della società di famiglia- ha assunto il ruolo di Amministratore Delegato. «Questo nuovo assetto del nostro organigramma rappresenta un ulteriore passo sulla strada del passaggio generazionale cui da tempo mia moglie e io stiamo lavorando, fedeli all’idea che la visione da trasmettere dentro e fuori l’azienda deve essere di lungo periodo», spiega Massimo Vidal, Presidente Mavive La famiglia è da sempre motore e cuore pulsante dell’azienda secondo i Vidal. «La nostra attività è iniziata nel 1900 con mio nonno, alti e bassi, vittorie e momenti difficili che abbiamo saputo ‘gestire’ grazie alla solidità dei principi e dei legami familiari, forti nonostante tutto» Flessibilità, coesione, italianità sono i segreti del successo di una storia

imprenditoriale lunga oltre un secolo, che di sfide ne ha affrontante tante.

Il 2020 ha rappresentato una sorta di spartiacque Come azienda, cosa avete imparato da quel frangente?

«A non fermarci mai! Un mantra da sempre per noi, ma ribadito nella sua importanza A fronte dell’emergenza Covid abbiamo dimostrato come una media impresa italiana, a conduzione familiare, possa rivelarsi flessibile di fronte alle sfide dei vari mercati. All’epoca convertimmo la nostra produzione per sviluppare igienizzanti, puntammo sui mercati esteri con meno chiusure e ci rivolgemmo al mercato asiatico per l’acquisto di alcune componenti che altrove, per ovvie ragioni, scarseggiavano. Sono state scelte vincenti, che abbiamo potuto percorrere, perchè siamo un’azienda ‘compatta’, agile nei cambi di rotta».

Oggi i numeri parlano chiaro. Siete in costante ascesa… «Abbiamo chiuso il 2023 con un fatturato gestionale a +35% rispetto al 2022 e addirittura a +45% sul 2019 (pre-Covid): un risultato particolarmente significativo in considerazione delle difficoltà che contraddistinguono alcuni mercati internazionali a causa dei conflitti in corso (vedi Ucraina/Russia in Europa e Israele/Palestina in Medio-Oriente) Per un ’azienda come Mavive, in cui l’export rappresenta il 66% dell’intero fatturato, è un indice di sensibilità alle dinamiche internazionali rilevante Detto che la crescita, rispetto al

QUEST’ANNO MONOTHEME, STORICO MARCHIO DI FRAGRANZE DI PROPRIETÀ DI MAVIVE, È DIVENTATO ‘NATURAL’ GRAZIE A UNA NUOVA LINEA DI PROFUMI GREEN-ORIENTED, A BASE DI ESSENZE NATURALI ATTENTAMENTE SELEZIONATE

ALPS È IL NUOVO MARCHIO DI PROPRIETÀ LANCIATO

DA MAVIVE CHE UTILIZZA LE TECNOLOGIE GIVAUDAN VIVASCENTZ™ E MOODSCENTZ™ CHE TESTANO L’IMPATTO POSITIVO DELLE FRAGRANZE SUI CONSUMATORI DUE LE EAU DE PARFUM: ALPS, UN AROMATICO LEGNOSO CON IL 93% DI INGREDIENTI

NATURALI E ALPS WILD HORSE, UN VERDE LEGNOSO CON L’88,4% DI INGREDIENTI NATURALI

2022, è stata del +20% Del +60%, invece, sul 2019 A livello internazionale tutti i mercati si presentano con segno positivo o stabile (Far East addirittura +54%) L’Europa che, senza il mercato domestico, costituisce il 64% dell’intero export e il 43% del fatturato complessivo, raggiunge un significativo incremento del +22% Mentre il mercato Italia conferma il trend positivo con un +7% sul 2022 e +18% sul 2019»

Questi risultati sono dovuti alla diversificazione del portafoglio?

«Sicuramente nella nostra scuderia ci sono brand forti, tra loro differenti e complementari, ma non sta solo qui la ragione di tanti segni positivi. Le nostre scelte sono anzitutto sempre state coerenti con i canali distribuitivi che via-via abbiamo deciso di approcciare L’attività di famiglia è nata con Pino Silvestre, un brand che in Italia è diventato mass market Al contrario la nostra propensione, da sempre, è selettiva. Questa consapevolezza ci ha portato a cedere il marchio sul mercato domestico riservandocene utilizzo e distribuzione per l’estero Oggi, sia per i marchi in licenza che per quelli di proprietà, abbiamo scelto un posizionamento medio alto che in tutti i Paesi significa distribuzione selettiva e selezionata e in Italia si traduce, a seconda dei brand, in profumeria selettiva (indipendenti e catene), specializzati, department store»

Qual è il brand che performa meglio?

«Police! Ha sempre rappresentato la

metà del nostro fatturato ed è sempre stato un driver importante di crescita sull’estero. In alcuni mercati siamo stabilmente nella top ten al lancio. La penetrazione e la forza del brand in Inghilterra, ad esempio, ci ha indotto ad aprire una filiale, la Vidal Fragrances Ltd, rilevando l’attività del nostro precedente distributore. È talmente riuscita la partnership con il marchio, che di recente abbiamo rinnovato la licenza per 10 anni Ogni volta ‘effervescente’ è l’andamento dei lanci per Police, l’ultimo, solo in ordine di tempo, riguarda il duo Police To Be My Avatar, appartenente alla linea Skull, quella con i flaconi a forma di teschio, che ha reso iconico il marchio in Profumeria Furla, dal canto suo, ci sta regalando grosse soddisfazioni In Asia, cresce nel complesso del +62% (dati 2023 sul 2022)».

E il mercato delle fragranze creative in cui siete entrati senza tentennamenti con un marchio di proprietà e relativi flagship store ?

«The Merchant of Venice è stato creato proprio per trasmettere il savoir faire della profumeria italiana in generale e veneziana in particolare. Un’operazione commerciale, ma anche culturale, che ha significato creare un vero e proprio museo del profumo a Venezia a Palazzo Mocenigo e riper-

PER CELEBRARE IL CENTENARIO DELLA NASCITA

DI MARIA CALLAS, THE MERCHANT OF VENICE, IN ACCORDO CON MARIA CALLAS ESTATE, HA LANCIATO IL PRIMO PROFUMO UFFICIALE

DEDICATO ALLA DIVINA. CON UN FLACONE IN BLACK AND WHITE, OMAGGIO ALLA FORTE PERSONALITÀ DELLA CELEBRE SOPRANO E UN JUS AVVOLGENTE CHE SI APRE CON LA LUMINOSITÀ DI MANDARINO E LIMONE PRIMA DI PASSARE A UN BOUQUET DI ROSE E NEROLI E A UN ELEGANTE FONDO AMBRATO.

correre la strada dei mercanti veneziani sulla rotta delle spezie. Un marchio fortemente radicato sul nostro territorio d’origine che si è progressivamente affermato proprio per la sua coerenza tanto che nel 2023 ha messo a segno un +30% (export +29% e Italia +32%). A dicembre 2023 è caduto il decennale del brand, celebrato con un evento esclusivo al Gran Teatro La Fenice a Venezia, un ringraziamento per tutti coloro che hanno contributo a farlo crescere e affermarlo nel mondo. Questa ricorrenza è coincisa con il centesimo anniversario della nascita di Maria Callas (2 dicembre 1923) cui The Merchant of Venice ha dedicato la prima fragranza ufficiale su incarico della Maria Callas Estate, l’istituzione che rappresenta e custodisce l’eredità culturale e materiale della celebre soprano. Quest’anno, invece,

lanciamo Moscado per celebrare i 700 anni dalla nascita di Marco Polo»

The Merchant of Venice è il segno tangibiledel vostro legame con il territorio e la città di Venezia… «Venezia non è solo un luogo, ma un condensato di cultura, determinazione, arte, caparbietà. Da un territorio piccolissimo, strappato al mare, i suoi abitanti hanno conquistato il mondo. Sentiamo il dovere di conservare e rendere disponibile il grande patrimonio presente. Da qui il nostro impegno a riportare alla luce ‘tesori culturali’ e/o a darne notorietà. Nel 2022, ad esempio, abbiamo lanciato il concept della Libreria Internazionale e Olfattiva che -situata nel cuore di Venezia, nel complesso dalla Basilica di San Marco- offre una selezione di oltre 10mila titoli distribuiti su due piani. Al suo interno c’è una sala che non si limita a raccogliere testi monografici sul

SOTTO I DUE NUOVI ARRIVATI NELLA LINEA SKULL, POLICE TO BE MYAVATAR, A SINISTRA IL FEMMINILE, A DESTRA IL MASCHILE. UNA VERA E PROPRIA CHIAVE D’ACCESSO AL METAVERSO: SCANNERIZZANDO IL QR CODE POSTO SUL

CHARME DELLE FRAGRANZE SI PUÒ, INFATTI, ACCEDERE AD #AUDACITYLAND, UNA PIATTAFORMA BASATA SULLA TECNOLOGIA WEB 2 5, INTERATTIVA E NAVIGABILE, IN CUI

TROVANO RAPPRESENTAZIONE I PRODOTTI E I VALORI DEL MARCHIO LIFESTYLE

profumo ma ha anche un grande e scenografico ‘organo olfattivo’ con tutte le principali essenze che si utilizzano nella profumeria e che vengono analizzate durante corsi, incontri e workshop»

Quali le novità distributive 2024? «Stiamo lanciando due nuovi marchi, BMW e Alps, il primo in licenza, il secondo di proprietà. Con BMW lanceremo a settembre, sia in Italia sia nei mercati internazionali con focus su quelli asiatici, un duo di fragranze, Bergamood e Amberness, sovrapponibili e hightech. Con Alps, entriamo invece in una nuova dimensione quella delle fragranze ‘emozionali’, capaci cioè di ‘generare’ benessere impattando su sentimenti ed emozioni.Una diversa esperienza nell’utilizzo del profumo, che prende le mosse dalle ultime scoperte sulle neuroscienze. Con la creazione di questo brand una volta di più abbiamo voluto portare i consumatori alla scoperta del nostro mondo o forse ancora meglio mettere il nostro mondo a disposizione dei consumatori globali. Le Alpi per la nostra famiglia sono un luogo del cuore dove sperimentiamo ogni volta la serenità della natura incontaminata Grazie alle nuovissime tecnologie registrate da Givaudan siamo riusciti a mettere a punto

A SINISTRA IL PROGETTO DELLA NUOVA SEDE DI MAVIVE

A VENEZIA CIRCONDATA DA UN GRANDE GIARDINO E IN LINEA CON I PIÙ MODERNI STANDARD DI SOSTENIBILITÀ.

SOTTO, UN PROFUMO DEL MARCHIO JACADI PARIS, L’ULTIMA DISTRIBUZIONE ACQUISITA DA MAVIVE PER L’ ITALIA, CITTÀ DEL VATICANO, REPUBBLICA DI SAN MARINO, UK E PAESI BALCANICI

fragranze e prodotti per la cura del corpo che impattano sull’umore»

Di recente avete annunciato anche la distribuzione di Jacadi…

«Sì, abbiamo ultimato un accordo di distribuzione con Lap Groupe che è il licenziatario internazionale di Jacadi Paris. Si tratta, per noi di una grande novità. E non solo per il target cui si rivolge, i bambini, le loro madri e chi lamenta una pelle sensibile, ma anche perché il deal ha portata internazionale».

Tra le novità anche una nuova sede. Ce ne parla?

«Entro l’estate 2024 è previsto il trasferimento dell’azienda nella nuova sede adiacente a quella attuale, l’Isola dei Profumi, con 3.500 metri quadri dedicati agli uffici e tre ettari di giardino. La struttura, tutta ecosostenibile, è infatti immersa in un parco con un percorso olfattivo e didattico. Si tratta di un progetto innovativo che concretizza il concetto di sostenibilità a 360 gradi che persegue l’azienda attraverso il suo Green Value Project: l’impegno ambientale e quello sociale-culturale».

48. IMAGINE

Esordisce con una frase emblematica Federica Lo Vasto, direttore marketing e comunicazione Eurostyle: «L’amore italiano per il makeup è il nostro manifesto» L’azienda napoletana attiva sul mercato da più di 30 anni, ha avviato un processo di elevazione del brand focalizzato sulla creazione di prodotti di alta qualità a un prezzo accessibile e con un percepito elegante e di tendenza. «Bellaoggi si ispira da sempre al saper vivere italiano. Una miscela unica di creativitò, armonia di forme e colori, attenzione ai dettagli Il come tradurlo si è modificato negli anni sull’onda dei nuovi trend che andavano affermandosi e dell’evoluzione dello stile».

IERI E OGGI

Di qualità, bello e accessibile Impossibile! E, invece, no grazie a tutta una serie di accorgimenti, che partono da una stretta collaborazione con i propri fornitori e da un ’attenzione costante alle richieste del mercato e alle risposte della concorrenza per porsi proprio lì dove è richiesto «Per riuscire in quest’intento lo sforzo sta nel non smettere mai di cercare. La formula più innovativa

RACCONTI DI MARKETING di Francesca Marotta

UN AMORE MADE IN ITALY

La signature di bellaoggi evolve. E si propone con un ’ immagine tutta nuova, fedele alla passione italiana per il maquillage che contraddistingue da sempre il brand. Il direttore marketing e comunicazione di Eurostyle racconta in che cosa consiste il nuovo corso.

e performante, il packaging meno scontato e più nuovo, il mix dei due più accattivante e ricercato», sottolinea Federica Lo Vasto «Il rinnovamento consiste proprio nel passaggio da un approccio prodotto-centrico a un approccio value-centrico I prodotti bellaoggi vogliono oggi raccontare il mondo da cui il brand trae ispirazione, i valori che lo differenziano sul mercato e che, per questo, consentono al consumatore di identificarsi, e di scegliere il brand per vivere proprio quell’esperienza specifica di bellezza Ha significato costruire un’identità di marca coerente e marcata, facile da comprendere e da riconoscere per il consumatore». Un cambio di prospettiva significativo, insomma, che mette sempre più al centro il cliente e il suo stile di vita «I consumatori sono oggi a un livello ‘ pro ’ , che li rende particolarmente intransigenti Sanno quello che vogliono e si accorgono immediatamente se il messaggio è distonico e il prodotto non ha le caratteristiche che dice di avere Non sono disposti a scendere a compromessi, vogliono il meglio al giusto prezzo.

La nostra consumatrice è una donna dinamica, indipendente che sa esprimere le proprie emozioni senza scuse»

UNA VESTE ACCATTIVANTE

Il packaging diventa esso stesso parte della comunicazione di marca. «I nostri packaging sono ‘bold’, importanti, fortemente identificativi, pensati per mettere

IMAGINE .49
FEDERICA LO VASTO
PRODOTTO, PACKAGING, COMUNICAZIONE. UNA TRIADE COERENTE PER TRASFERIRE UNA NUOVA FORTE IDENTITÀ LABBRA SUPER-GLOSSY E VISIBILMENTE RIMPOLPATE GRAZIE ALLA FORMULA ARRICCHITA DA OLIO DI ARGAN E ACIDO IALURONICO, CHE IDRATA E LEVIGA. IL FINISH È LEGGERO E ACQUOSO COME ILTREND IMPONE

RACCONTI DI MARKETING

in evidenza le formulazioni. La praticità di utilizzo, il ‘colpo d’occhio’ sono fattori chiave nell’ideazione dei nostri packaging. Sul fronte comunicazione facciamo particolare attenzione a che la modella, il contesto e la stessa proposizione del prodotto siano in grado di esprimere la nostra italianità. Vogliamo trasmettere l’immagine di una donna sicura di sé, che fa della sua vita un mondo di arte e di esuberanza, sicura della sua innata eleganza ma al contempo audace e mai banale. Questi sono gli aspetti che ci guidano nella scelta delle nostre modelle e delle proposte di visual, che devono essere forti e chiari per Italia, ma non solo, perchè ormai la prospettiva non può che essere globale».

UNA TERRA ILLUMINANTE DALLA FORMULA LEGGERA PER UN EFFETTO ‘PELLE BACIATA DAL SOLE’ MOLTO NATURALE (DUE I COLORI); UN BRONZER VERSATILE E LEGGERO COMPOSTO DA UN MIX DI TRE NUANCE PER RISVEGLIARE LA LUMINOSITÀ (DUE LE REFERENZE)

UN PERCORSO ARTICOLATO

«Lavorare sulla brand equity è sicuramente più complesso, ma la prospettiva è il lungo periodo ed è quello che ci interessa Vogliamo portare bellaoggi a essere una marca iconica, che va oltre il prodotto stesso. Siamo partiti e il consumatore ci sta seguendo Certo lavorare sulla marca non ha degli uplift sulle vendite immediati È un processo

strategico di crescita lenta, ma costante e soprattutto solida, perché non si tratterà più di scegliere un prodotto ma un’identità affine La nuova direzione di comunicazione è stata accompagnata dal lancio di un piano di comunicazione strutturato, che ha toccato tutte le leve di comunicazione Le iniziative sono iniziate da novembre 2023, quando abbiamo investito in maniera consistente in affissioni, stampa e celebs». C’è grande fermento anche in fatto di collaborazioni «Abbiamo iniziato l’anno continuando questa forte esposizione, unendola anche al presidio di uno tra gli eventi italiani più importanti del primo quarter: Sanremo. In partnership con Cosmopolitan, infatti, bellaoggi ha presidiato tutti i momenti topic della settimana sanremese presso il Grand Hotel Londra e la Gintoneria. Durante il Cosmoprof (abbiamo lanciato il restyling del nostro sito www bellaoggi com, che da mera vetrina di prodotto è stato concepito per regalare al consumatore una vera e propria esperienza immersiva nella marca Sicuramente la strategia di comunicazione ha un forte focus sui due periodi clou dell’anno, ma siamo molto attenti a dare continuità continuando a sostenere la visibilità sia attraverso la stampa che attraverso le attività di influencers marketing».

UN VELOCE SGUARDO SUL FUTURO

«Siamo in un momento storico di grande sviluppo dell’azienda. Il passaggio generazionale è stato di quelli a tripla velocità La famiglia è molto presente e questo ha messo un booster particolare a tutto quanto si sceglie di fare, perchè c’è una stretta connessione e la catena decisionale è corta. Un bel vantaggio! La dinamicità è parte integrante della strategia, i progetti sono tanti: novità di prodotto; l’ingresso in nuovi business, la distribuzione, la comunicazione, dove continueremo a investire in maniera importante. Insomma, stiamo scrivendo un pezzo di storia di questa azienda, un onore averne l’opportunità»

COMUNICAZIONE RINNOVATA

«L’APPROCCIO VALUE CENTRICO CI HA PORTATO A RIVEDERE IN TOTO LA COMUNICAZIONE, NON PIÙ FOCALIZZATA SOLO SUL PRODOTTO, MA VOLTA A COMUNICARE I TERRITORI DEL BRAND, OVVERO I VALORI DI CUI SI FA PORTAVOCE», PRECISA FEDERICA LOVASTO, DIRETTORE MARKETING E COMUNICAZIONE. «IL PRODOTTO SI VA A INNESTARE IN QUESTO MONDO, È UN MEZZO IDENTIFICATIVO DEI VALORI DELLA MARCA, E QUINDI SI FA PORTAVOCE DELLE NOSTRE DONNE DALLE QUALI TRAIAMO ISPIRAZIONE L’OPULENZA, L’INDIPENDENZA, L’AUDACIA, LA FORZA, LA GIOIA, LA PASSIONE SONO TUTTI VALORI CHE RACCONTIAMO NEI NOSTRI SPOT, CHE SI CALANO NEL RACCONTO DEI NOSTRI PRODOTTI E DELLE NOSTRE NOVITÀ». QUALI SONO GLI STRUMENTI DEL NUOVO APPROCCIO? «LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE SI BASA SU UN FONDAMENTO. DEVE ESSERE CONSISTENTE E SINERGICA AFFINCHÉ IL MESSAGGIO RESTI NELLA MENTE DEL CONSUMATORE. QUESTO SI CONCRETIZZA IN UN PIANO MEDIA CHE IN DUE PERIODI DELL’ANNO UTILIZZA TUTTE LE LEVE PER MASSIMIZZARE L’ESPOSIZIONE DELLA MARCA, IN MODO DA RAGGIUNGERE L’OBIETTIVO PRIORITARIO DI INCREMENTARE LA NOSTRA BRAND AWARENESS. LA FINALITÀ È DI FAR CRESCERE NOTORIETÀ E RICONOSCIBILITÀ DEL MARCHIO AFFINCHÉ SI CREI UN TRIGGER EMOZIONALE CAPACE DI SUSCITARE EMPATIA E COSÌ DI PORTARE IL BRAND A ESSERE TOP OF MIND». GLI STRUMENTI PER REALIZZARE QUESTO PROGETTO SONO AD AMPIO RAGGIO. «STAMPA (TRADIZIONALE E DIGITALE), OOH (OVVERO LA PUBBLICITÀ ESTERNA), EVENTI, ATTIVITÀ DI INFLUENCERS MARKETING (DALLE CELEB ALLE MICRO-INFLUENCERS), NEWSLETTER E ATTIVITÀ PUNTO VENDITA/PROMOZIONI, QUESTI SONO GLI ASSET CHE ABBIAMO IDENTIFICATO PER RENDERE LA NOSTRA COMUNICAZIONE SEMPRE PIÙ EFFICACE».

50. IMAGINE

L’ICONICO RITUALE ESTIVO

UNA PROTEZIONE SOLARE AD AMPIO SPETTRO. UN’ABBRONZATURA DORATA E LEGGENDARIA.

AFFRONTA IL 100% DELLO SPETTRO SOLARE*

UVA - UVB - LUCE VISIBILE - INFRAROSSI

*Nessun pr odot to solar e può fornir e una pr otezione completa dai raggi solari.

TUTTI

SOLO IL MEGLIO DAL SOLE

SBAGLIATO, PERÒ, CONFONDERE LE CREME SOLARI ‘ESTIVE’, PENSATE PER MARE E MONTAGNA, CON I FILTRI URBANI.

Iperpigmentazione, rughe, discromie, perdita di luminosità possono comparire in una pelle particolarmente matura, ma oggi si rilevano sempre più precocemente, in soggetti, che anagraficamente dovrebbero esserne privi Una delle cause, non l’unica, ma sicuramente la principale è la scorretta esposizione al sole, in estate come durante il resto dell’anno. Le tante campagne di informazione l’hanno ormai reso comunemente noto, pur tuttavia è ancora difficile trovare persone che utilizzino davvero, in modo corretto e costante la crema solare. Secondo una ricerca Ispos e La Roche Posay, infatti, la consapevolezza tra gli italiani cresce al 91%; solo il 7%, però, si protegge regolarmente Eppure di buoni motivi per non rinunciare alla protezione ce ne sono tanti. Su tutti la moltiplicazione degli agenti irritanti per la pelle, che un buono schermo solare tiene lontani: certo i raggi UVA -quelli che

ANNE MÖLLER

SOLARI NON STOP

UNA MIST DOPO SOLE

LEGGERA COME UNA NUVOLA E DALLE VIRTÙ RESTITUTIVE

PIÙ UNO SPRAY BIFASICO

CON SPF 30 PERFETTO PER

CHI PRATICA SPORT ALL’ARIA

APERTA PERCHÉ LEGGERO E

NON APPICCICOSO SONO LE NOVITÀ 2024 DEL BRAND

DISTRIBUTORE:

ANGELINI BEAUTY

rappresentano il 95% delle radiazioni cui siamo esposti- ma anche gli UVB, gli infrarossi, la luce blu, l’inquinamento, i pollini Poi le formule dalle texture sempre più leggere e al tempo stesso ricche di ingredienti benefici, vitamine antiossidanti e principi attivi specifici, tanto da poterle considerare veri e propri anti-età globali, ma con una marcia in più «Come ormai ben noto, i raggi UV sono uno dei fattori principali dell’ageing cutaneo. Per questo motivo alla base di un buon prodotto solare, e affinché esso possa considerarsi completo ed efficace, è fondamentale che oltre alla componente SPF ce ne sia anche una skincare -spiega Federica Cruciani, training manager di Sensai-. All’interno dei nostri prodotti solari abbiamo incorporato il Sun Aging Complex, un complesso di attivi la cui combinazio-

52. IMAGINE
FEDERICA CRUCIANI
DI ATTIVI I DA
LE FOTOPROTEZIONI DI ULTIMA GENERAZIONE SONO COSÌ RICCHE
POTER ESSERE CONSIDERATE A
GLI EFFETTI VERI E PROPRI TRATTAMENTI

SPECIALE

ne consente di svolgere un’importante azione anti-aging e lenitiva, migliorando la densità e la compattezza della pelle, rafforzando la barriera cutanea e contribuendo a una significativa idratazione Hanno, poi, un ’azione antiossidante data

DIOR

CREMA PROTETTIVA

SPF 50

LA LINEA SOLAR

LANCIATA L’ANNO

SCORSO, ACCOGLIE UNA

PROTEZIONE ALTA PER IL

CORPO CON FORMULA

SUBLIMANTE CREATA PER

RESISTERE AL CALORE

E NON DISSOLVERSI

NELLACQUA

DISTRIBUTORE: LVMH.

dall’estratto di tè bianco, mentre l’estratto di angelica Keiskei ha un ’efficacia lenitiva e promuove la produzione di lamininina 5, uno dei componenti fondamentali della membrana basale Last but non least, non poteva mancare il nostro ingrediente distintivo Koishimaru Silk EX che stimola la sintesi di acido ialuronico assicurando le naturali riserve di idratazione per una pelle morbida ed elastica anche sotto il sole». Dal canto suo, invece, il marchio Lancaster ha incorporato nei solari della sua linea Sun Expert alcuni degli ingredienti skincare più di tendenza del momento: «Accanto alle nostre tecnologie

AUSTRALIAN GOLD

LINEA MEN’S QUANDO SI TRATTA DI PELLE LE DIFFERENZE DI GENERE ESISTONO E SONO

GENETICHE LO SA BENE IL MARCHIO DEL KOALA CHE

HA CREATO UNA LINEA

PER LUI CON UNA LOZIONE VISO IDRATANTE E UN DETERGENTE FACE & BODY

DISTRIBUTORE: EURACOM.

IMAGINE .53

DARLING

SOLARI ECO-SOSTENIBILI E REEF SAFE IL BRAND RINNOVA LA SUA LINEA SOLARE CON FILTRI UV DI ULTIMA GENERAZIONE CHE RISPETTANO LA BIODIVERSITÀ MARINA E PACK 100% RICICLABILI IL MOOD, PERÒ, RESTA SEMPRE LO STESSO COLORATO GIRLY E INSTAGRAMMABILE DISTRIBUTORE: DARLING.

Advanced Full Light Technology per contrastare il 100% dello spettro solare, Sun Repair System per riparare la barriera cutanea e Tan Activator Complex per stimolare la naturale produzione di melanina, abbiamo sviluppato due innovazioni specifiche che vanno a contrastare gli effetti del fotoinvecchiamento -sottolinea Anna Dipasquale, skincare training & education expert di Lancaster- Si tratta della Anti Aging Technology, con niacinamide e vitamina C, per combattere rughe, macchie scure ed elastosi solare, e del Glow Booster Complex con estratti di mandarino e pigmenti perlescenti al fine di donare luminosità e uniformità all’incarnato»

TEAOLOGY

KOMBUCHA TEA DAILY PROTECTION MOISTURIZER SPF 20 UNA PROTEZIONE QUOTIDIANA 100% MINERALE, CHE UNISCE

INFUSO DI TÈ NERO E KOMBUCHA PER CONTRASTARE L’AZIONE NOCIVA DEI RADICALI LIBERI

DISTRIBUTORE: CARMA ITALIA.

MENS SANA IN CORPORE SANO

Di motivazioni per spingere i consumatori ad applicare meglio e più frequentemente la crema solare, dunque, ce ne sono più di una Se l’invecchiamento non spaventa, infatti, provate a ricordare loro che solo una pelle in buona salute riesce a sviluppare un ’abbronzatura intensa, omogenea e duratura! «L’idratazione e il nutrimento rinforzano e ripristinano le naturali barriere protettive della pelle, fornendo così un primo schermo anti-aggressioni che andrà poi potenziato con i consueti filtri solari -sottolinea Claudio d’Emilio, amministratore delegato e responsabile marketing di Euracom che distribuisce in Italia il marchio

Australian Gold- Inoltre dissetando e levigando la pelle anche prima e durante l’esposizione al sole, ovviamente con formule specifiche e testate, si prevengono quegli ispessimenti che causano la tipica e sgradevole abbronzatura a macchie» È anche per questo che, per il 2024, il marchio del koala surfista ha sviluppato due novità che, già dal nome, esprimono la doppia valen-

za skincare e abbronzante dei suoi cosmetici solati anti-età: «Si chiamano Peptide Pro™ e Peptide Pro™ Hybrid Facial e sono formulazioni ibride due in uno, anti-aging e abbronzanti, che abbinano amminoacidi, peptidi, collagene e acido ialuronico a complessi intensificatori quali il Deluxe Intensifying Blend e l’Intensified Color per l’apporto di tirosina e melanina» Mentre Arval, altro marchio di riferimento per la fotoprotezione nel canale selettivo, sfrutta ingredienti come acido ialuronico, vitamina E ed estratti vegetali per favorire l’idratazione e contrastare l’invecchiamento cutaneo al mare come in città con la sua linea IlSole: «Questi prodotti, ricchi di principi attivi e con consistenze leggere, sono ideali per un utilizzo tutto l’anno, anche sotto il make up», sottolinea Anna Leonetti marketing specialist del brand

FORMULE A PROVA DI CITTÀ

COOLA ORGANIC TANTE LE NOVITÀ DEL BRAND DAL SIERO SOLARE ILLUMINANTE ALLO STICK SPF 50 DA PORTARE SEMPRE CON SÉ LA FACE MIST PROTETTIVA MA ANCHE RINFRESCANTE CON ESTRATTO DI FICO D’INDIA E LAMPONE DISTRIBUTORE: ITALIAN BEAUTY.

BIOPOINT SOLAIRE

LA GAMMA SI AMPLIA PROPONENDO FATTORI DI PROTEZIONE CHE SPAZIANO DAL FILTRO BASSO (SPF 10) FINO AD ARRIVARE A UN SPF 50+ PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI TUTTA LA FAMIGLIA PACK RICICLATI E RICICLABILI DISTRIBUTORE: SODALIS.

L’obiettivo dei beauty brand sembra, dunque, quello di spingere i consumatori a una fotoprotezione consapevole tutto l’anno Non sono casuali, infatti, i lanci di filtri definiti ‘urbani’ Basti pensare al siero UV Expert Supra Screen di Lancôme e ai Fluidi Anti-UV Quotidiani di Garnier Ma anche al Fluido Protettivo 7 Fattori Daily Defender di Pupa: «Si tratta di una formula ultraleggera che protegge, idrata e uniforma l’incarnato -affermano Laura Mandelli e Monica dell’Orto, rispettivamente research & development e product manager di Pupa- Oltre a tutelare dal fotoinvecchiamento, il Fluido Protettivo migliora la funzione barriera dell’epidermide e neutralizza lo stress cellulare dovuto a fattori ambientali quali sbalzi climatici e inquinamento In più ripristina anche il metabolismo cellulare compromesso da stress, mancanza di sonno, ‘sgarri’ alimentari e fumo E lo fa grazie a un attivo innovativo che abbiamo trovato nell’estratto di ginseng italiano». Un lancio, dunque, in linea con l’attualità. Gli esperti, infatti, parlano di ‘city syndrome’ per indicare gli effetti negativi della vita cittadina sull’epidermide Viso triste, lineamenti ‘cadenti’, segni di stanchezza, zone d’ombra e solchi marcati sono i ‘sintomi visibili della città’. Ma non è solo una questione di stress emotivo e frenesia quotidiana Nelle city, la pelle ingrigisce anche a causa dell’ambiente circostante, dello smog, delle polveri sottili, della luce blu dei dispositivi elettronici e ovviamente dei raggi del sole. «È stato dimostrato come, negli ambienti urbani, macchie cutanee e discromie dell’incarnato aumentino del 20% a causa dell’inquinamento che moltiplica l’in-

54. IMAGINE SPECIALE SOLARI
ANNA LEONETTI CLAUDIO D’EMILIO ANNA DIPASQUALE

LANCôME

UV EXPERT

SUPRA SCREEN

UNA PROTEZIONE

QUOTIDIANA CON SPF

50 E IL 3% DI ESTRATTO

DI TARASSACO A

BASE BIOLOGICA PER

DIFENDERE LA PELLE

DAI DANNI CAUSATI

DALL’INQUINAMENTO

DISTRIBUTORE: L’ORÉAL LUXE.

tensità delle radiazioni solari», spiega Corinna Rigoni, presidente di Donne Dermatologhe Italia Un motivo in più per consigliare l’utilizzo tutto l’anno dei filtri solari di ultima generazione, leggeri e impalpabili come sieri I raggi UVA, in particolare, sono i più dannosi e ‘penetranti’. In grado di oltrepassare anche quelle che consideriamo barriere: le nuvole, i vetri delle finestre e persino certi tessuti Per questo è importante proteggersi sempre, ma in modo adeguato alla situazione: «In città, a seconda del tipo di pelle, si può scegliere una protezione con SPF 30 o 50 e, durante le stagioni più fredde, non è neppure necessario riapplicarla ogni due ore come in spiaggia o in montagna perché si da per scontato che sudiamo meno» Ciononostante esistono tecnologie che rendono comunque le texture solari resistenti ad acqua, sudore e calore Basti pensare alla tecnologia SynchroShieldRepair dei solari Shiseido che a sua volta unisce tre innovazioni: la tecnologia Wet Force per rafforzare il velo protettivo del solare a contatto con l’acqua, quella Heat Force per potenziarlo quando fa più caldo e la tecnologia AutoRepair che permette al film protettivo del solare di ‘ripararsi automaticamente’ a seguito di sfregamento o frizione in modo da mantenere una protezione uniforme.

TROVA LA DIFFERENZA

Una domanda sorge spontanea: c’è differenza tra i solari estivi e quelli quotidiani? La risposta è affermativa Se non

SENSAI

SILKY BRONZE

NOVITÀ DI PUNTA DELL’ESTATE 2023 IL COOLING PROTECTIVE SUNCARE SPRAY SPF 50+ AD AZIONE RINFRESCANTE MENTRE LE PROTEZIONI VISO E CORPO VANTANO ORA UN NUOVO SISTEMA DI FILTRI ANCORA PIÙ GREEN DISTRIBUTORE: KANEBO.

SHISEIDO COMPATTI SOLARI 2024

NUOVA FORMULA MAKE UP MA ANCORA PIÙ SKINCARE PER DUE ICONE DEL MARCHIO

NIPPONICO AL CENTRO C’È LA TECNOLOGIA SUPERVEIL-UV

360 CHE GARANTISCE UNA

DISTRIBUZIONE OMOGENEA DEI FILTRI UV E UNA PROTEZIONE COSTANTE DELLA PELLE DA

TUTTE LE ANGOLAZIONI IN PIÙ SONO RICARICABILI

DISTRIBUTORE: SHISEIDO.

altro per una diversità di esigenze ma anche perché i secondi vengono spesso applicati come step finale di una beauty routine più completa. «Le fotoprotezioni formulate per tutelare la pelle quando ci si espone al sole al mare, in piscina o in montagna sono pensate fondamentalmente per resistere al sudore e ai tuffi in acqua: per quanto riescano a proporre delle texture leggere e sensoriali, restano comunque presenti sulla pelle con un film che fa da barriera -sottolineano Laura Mandelli e Monica dell’Orto di Pupa- In città servono, invece, protezioni dalle texture leggere che non appesantiscano la pelle, che non ungano, che resistano all’umidità cittadina e soprattutto che permettano l’applicazione del make up facendo, perché no, anche da primer! In città inoltre si manifesta l’esigenza di proteggere la pelle non solo dai raggi solari ma anche dagli altri fattori di invecchiamento come smog e inquinamento. È normale, dunque, che la proposta di protettivi quotidiani da utilizzare in ambito urbano si arricchisca di principi attivi specifici». Basti pensare ad alcuni ingredienti studiati per difendere la pelle dalla luce emessa dai dispositivi elettronici come pc, smartphone e tablet «Le collezioni di solari Lancaster sfruttano oggi ingredienti marini biomimetici e Lipochroman per fornire una protezione dalla luce blu dei device e combattere lo stress ossidativo dovuto alle aggressioni esterne», spiega Anna Dipasquale Poi c’è l’estratto di tarassaco anti-smog Mentre contro le infiammazioni causate dai pollini -che spesso sono invisibili a occhio nudo-, i filtri urbani di ultima generazione sfruttano l’estratto di foglie di mango che, in natura, secernono molecole antiossidanti in grado di fare da scudo contro le sostanze irritanti.

FORMULE STAGIONALI

PUPA DAILY DEFENDER FLUIDO PROTETTIVO 7 FATTORI FORMULATO APPOSITAMENTE PER LA CITTÀ, INCORPORA UN SPF 50 E LESTRATTO DI GINSENG INDIANO CHE NEUTRALIZZA LO STRESS CELLULARE DISTRIBUTORE: MICYS COMPANY.

Essendo diversi, solari estivi e filtri urbani vanno anche utilizzati in modo differente «Suggerisco di applicare la crema solare ‘estiva’ solo al momento effettivo dell’esposizione al mare, in piscina o in montagna -commenta Federica Cruciani di Sensai- Anche se i nostri solari uniscono alla protezione il trattamento, sicuramente tutte le pelli hanno una parti-

MONICA DELLORTO CORINNA RIGONI LAURA MANDELLI IMAGINE .55

ARVAL

IL SOLE, LATTE E CREMA PROTETTIVA

FORMULE CLEAN E OCEAN FRIENDLY PER LE NOVITÀ DEL BRAND DEDICATE

ALLE PROTEZIONE VISO E CORPO CON ATTIVI COME L’ESTRATTO DI ALGA

BRUNA ANTI-ETÀ E UN COMPLESSO PROMOTORE DI ABBRONZATURA

DISTRIBUTORE: ARVAL.

colare esigenza che è bene venga trattata con un prodotto specifico e mirato durante il corso dell’anno. Nei momenti di ‘ non esposizione’ suggerisco quindi di utilizzare un prodotto con filtro urbano da sovrapporre al trattamento abituale. Nel caso di Sensai si tratta di Essence Day Veil: un velo setoso con filtro solare Spf 20 da applicare come ultimo step della routine skincare giornaliera. Questo prodotto agisce in modo importante e mirato sull’acido ialuronico grazie a un complesso di ingredienti che ne stimolano la produzione

CORPO

I CENTRI DI RICERCA CONCORDANO: LA CELLULITE RIGUARDA IL 90% DELLE DONNE PER QUESTO È L’INESTETISMO DI CUI PIÙ SI PARLA, MA PURTROPPO NON L’UNICO TRA L’ALTRO IL CORPO È DA SEMPRE POCO ATTENZIONATO NEI MESI

INVERNALI E POI, POCO PRIMA DELLE AGOGNATE VACANZE, CONSUMATRICI E CONSUMATORI CHIEDONO PRODOTTI DAI POTERI MIRACOLOSI, CHE IN MENO DI QUALCHE SETTIMANA RESTITUISCANO CORPI SCULTOREI SE È INUTILE ASSICURARE RISULTATI ‘BACCHETTA MAGICA’, CHE, DELUDENDO LE

ARVAL

IL SOLE, DOPOSOLE

SONO UNA PIÙ VELLUTATA E SENSORIALE DELLALTRA, LE TEXTURE DELLE

CREME E LOZIONI DOPOSOLE CHE SI ASSORBONO RAPIDAMENTE

FAVORENDO LA RISTRUTTURAZIONE CUTANEA CON ALOE VERA E KARITÈ

DISTRIBUTORE: ARVAL

e ne inibiscono la degradazione (causata principalmente dai raggi UV), donando quindi intensa idratazione e migliorando ed enfatizzando anche il finish del make up che verrà applicato successivamente».

GESTI PRELIMINARI

La tintarella perfetta passa anche da una pelle sana Per questo in vista dell’estate, la profumeria può trasformarsi nel luogo giusto in cui trovare scrub, creme leviganti e tonificanti per un corpo pronto ad accogliere solo il meglio del sole Quest’anno più che mai la cura del corpo è al centro di un ’attenzione mai vista prima La conferma arriva dall’annuale report ‘Pinterest Predicts’ di Pinterest secondo il quale le ricerche a tema “ routine skincare corpo ” sono in aumento addirittura del 1.025%, mentre quelle a tema “bodycare” dell’845%. Così, complici fenomeni virali su Tik Tok come la Everything Shower -ovvero la doccia relax in 25 step- e il Dry Brushing -ossia l’esfoliazione con spazzola a secco-, la beauty routine dedicata al corpo

ASPETTATIVE, POTREBBERO SCORAGGIARE L’USO DI QUANTO CONSIGLIATO; È, INVECE, FUNZIONALE FARE DOMANDE MIRATE CON L’OBIETTIVO DI TROVARE IL MIX DI PRODOTTI ‘GIUSTI’ PER COSTRUIRE UNA ROUTINE DI BENESSERE

PERSONALIZZATA DA SEGUIRE DURANTE TUTTO IL CORSO DELL’ANNO, PERCHÈ LA COSTANZA NELL’UTILIZZO PREMIA! UNO SCRUB DELICATO ALMENO UNA VOLTA LA SETTIMANA REGALERÀ UNA PELLE PIÙ REGOLARE E COMPATTA, COSÌ COME FAR (SEMPRE) SEGUIRE ALLA DOCCIA UNA CREMA IDRATANTE EVITERÀ ‘SCREPOLATURE’ E PELLE SPENTA, ANTIESTETICA ANCHE SU GAMBE E BRACCIA E POI CI SONO I ‘NEUROCOSMETICI’ CHE INCIDONO POSITIVAMENTE SULL’UMORE

2.
COME MOSTRARLO AL SOLE NELLA ‘FORMA’ MIGLIORE 1.
3.

LANCASTER

CLEAR & TINTED DUO STICK SPF 50

ENTRA A FAR PARTE DELLA LINEA SUN PERFECT UNO STICK PROTETTIVO

DUE IN UNO CHE DA UN LATO OPACIZZA LA PELLE E DALLALTRO COPRE

ALL’ISTANTE LE IMPERFEZIONI VISIBILI.

DISTRIBUTORE: COTY

si è allungata, rubando numerosi passaggi a quella dedicata al viso I nuovi prodotti cosmetici per gambe, braccia, seno, glutei e addominali sono così direttamente ispirati a quelli per contorno occhi, viso, collo e décolleté. Con attivi come niacinamide, acido ialuronico, alfaidrossiacidi e retinolo E texture sempre più sensoriali, spesso ispirate addirittura alle neuroscienze in modo da infondere sensazioni positive di gioia e relax In vista dell’estate, però, l’attivo star resta la caffeina: «La troviamo nelle creme contorno occhi come in quelle anti-cellulite -sottolinea la dermatologa Corinna Rigoni- perché essendo un antiossidante e vasocostrittore, stimola la microcircolazione avviando uno scambio intercellulare che aumenta la produzione di acido ialuronico nella pelle Il suo effetto drenante e rassodante è

LANCASTER

INFINITE BRONZE

LA NUOVA GENERAZIONE DI PROTEZIONI “COLORATE” COMPRENDE UNA TINTED PROTECTION SPF30 IN DUE NUANCE LONG LASTING E LA SUNLIGHT

COMPACT CREAM SPF 50 PER UN EFFETTO SUNKISSED IMMEDIATO

DISTRIBUTORE: COTY.

davvero notevole ma funge anche da antinfiammatorio» E per la serie, del caffè non si spreca nulla: oggi i suoi chicchi, adeguatamente micronizzati, sono anche incorporati negli scrub che preparano la pelle a un ’abbronzatura più uniforme eliminando le cellule morte sotto la doccia: «Vanno massaggiati con delicati movimenti circolari dalle zone periferiche verso l’interno del corpo, preferibilmente sulla pelle bagnata a meno che nelle istruzioni non sia indicato diversamente», spiega l’esperta E il bello è che oggi, al loro interno, le micro-plastiche sono state sostituite con particelle esfolianti che derivano non solo dal caffè ma anche da scarti di sale, zucchero, gusci e noccioli della frutta, nonché rocce vulcaniche Così la cura del corpo aiuta anche il pianeta!

1 ELIZABETH ARDEN - EIGHT HOUR BODY LOTION

L’IDRATAZIONE CORPO SI FA INTENSA GRAZIE A UN MIX DI BURRO DI

KARITÉ E OLIO DI AVOCADO DI DERIVAZIONE NATURALE

DISTRIBUTORE: BEAUTY AND LUXURY.

2 DIEGO DALLA PALMA - CREMA CORPO SENSUALE

RIDUCE LO STRESS ED ESALTA LA LUMINOSITÀ DELLA PELLE CON OLI

FLOREALI DI ROSA DAMASCENA E GELSOMINO

DISTRIBUTORE: COSMETICA.

3. BAÏJA - VERTIGE SOLAIRE

IL PLUS DI QUESTA LINEA COMPLETA PER IL CORPO È LA SUA

PROFUMAZIONE SOLARE CON NOTE DI TUBEROSA E BERGAMOTTO DISTRIBUTORE: EURACOM.

4 TOILETPAPER BEAUTY - OLIO PER IL CORPO PUÒ ESSERE USATO PER UN MASSAGGIO RILASSANTE MA ANCHE PER REGALARE NUOVA MORBIDEZZA ALLA PELLE SECCA E DISIDRATATA

DISTRIBUTORE: BEAUTY AND LUXURY.

5 INSÌUM - SILKY NOURISHNG BODY CREAM

INNOVATIVA TEXTURE CREAM TO OIL A BASE DI SQUALANO E BUCCE D UVA BIOLOCHE PER RIVITALIZZARE LE PELLI PIÙ ESIGENTI.

DISTRIBUTORE: DI LENARDO COSMETICS.

6 CLARINS - BODY FIT ACTIVE

FAVORISCE LO SMALTIMENTO DEI GRASSI CON L’ESTRATTO DI TÈ MATCHA PER RIDURRE LA CELLULITE E RIMODELLARE LA SILHOUETTE

DISTRIBUTORE: CLARINS.

7 TEAOLOGY - GREEN TEA GLYCOLIC BODY CREAM CREMA IDRATANTE A BASE DI TÈ VERDE E POTENZIATA CON AHA + BHA PER LA LUMINOSITÀ COMPLETA DEL CORPO DISTRIBUTORE: CARMA ITALIA.

4. 5. 6. 7. SPECIALE SOLARI

La moda secondo Cavalli

è stata fin dagli esordi di grande personalità e dal tratto inconfondibile con note speciali nei contenuti e nelle forme Un’eredità artistica e di savoir faire made in Italy raccolta da Fausto Puglisi, che ha ripreso i codici del brand scrivendone altresì un nuovo capitolo fatto, come lui stesso ha affermato di: “inclusione, bellezza e amplificazione del dialogo tra culture, diversità ed estetica moltiplicata” Proprio da qui è partita Interparfums, che a sua volta ha acquisito la licenza del brand fiorentino per scrivere un nuovo capitolo nella sua declinazione olfattiva

INCONFONDIBILMENTE

ITALIANO

WELCOME JUNGLE

Le stampe animalier che, da sempre, sono il ‘codice’ Cavalli trionfano nel nuovo progetto olfattivo che esprime all’ennesima potenza una donna forte e audace molto sensuale. Un ode a una femminilità intensa, che non si ritrae, ma al contrario vuole fortemente distinguersi.

PETER GLADEL

terprete di una femminilità dirompente Gli abiti della maison hanno da sempre tratteggiato una figura di donna che teme l’ordinarietà più dell’eccesso, la prevedibilità più delle sfide Distintiva l’idea creativa ed altrettanto la sua resa, che sceglie ora come allora la cura, l’attenzione e l’amore per i dettagli tipici del nostro territorio «Pensando al primo lancio Cavalli in Interparfums il nostro focus è stato proprio sull’heritage del marchio Abbiamo avviato il processo creativo pensando proprio a come tradurne il forte DNA. Ci siamo ispirati ai pattern innovativi e di carattere e abbiamo osato creando un nuovo jus audace e seducente che parlasse alla moderna donna Cavalli», sottolinea Peter Gladel.

con un seguito fedele e ingaggiato, perchè si riconosce in tutti gli elementi che compongono la storia del prodotto, dal packaging alla comunicazione passando naturalmente per la fragranza», spiega Peter Gladel, che prosegue: «Il pattern tigrato utilizzato sul flacone è ispirato alle stampe animalier delle collezioni moda. Il tappo riporta l’iconico nuovo logo di Cavalli con i serpenti che vengono anche usati nella categoria accessori I codici colori scelti, oro e nero, conferiscono all’insieme eleganza, sensualità e

«Cavalli è da sempre sinonimo di italianità, self confidence e sensualità Le stampe animalier sono la sua impronta, il segno che ha reso i suoi abiti iconici, audaci e liberi come la donna cui si rivolge», non ha dubbi Peter Gladel, Commercial Country Director di Interparfums Italia Daltronde Fin dagli esordi, nei primi Anni ‘70, Cavalli si è reso in-

VIRTUOSISMI DI STILE

La coerenza è tutto per fare breccia nel consumaore, tanto più se ci si vuole rivolgere a una donna carismatica e sicura delle e nelle sue scelte. «L’obiettivo per Interparfums è portare Cavalli in profumeria alla posizione che gli appartiene, un leader brand

Una fragranza, che è al tempo stesso un’ideale dedica a tutte quelle donne che considerano il proprio carisma il loro più prezioso accessorio
58. IMAGINE LA MODA SI FA BEAUTY
PETER GLADEL, COMMERCIAL COUNTRY DIRECTOR DI INTERPARFUMS ITALIA

sicurezza Questi elementi li ritroviamo anche nella creazione olfattiva, vibrante e sensuale, che racconta una storia unica e speciale. Sweet Ferociou, infatti, è una miscela di esperienze sensoriali, quelle provate dal naso creatore Ilias Ermenidis di Firmenich durante un ’escursione, compiuta all’interno del suq in una kasba mediorientale dove è stato letteralmente rapito dal fascino dello zafferano e dai suoi accenti dorati e profondi»

IL LINGUAGGIO

DELLA SEDUZIONE

In Italia, Sweet Ferocious verrà distribuito a partire da settembre, «suppor-

tato da una campagna media e da un piano trade ben strutturato», racconta Peter Gladel. «Metteremo l’accento sulla sensualità che, da sempre, definisce l’approccio di Cavalli al mondo femminile Daremo spazio al jus e al flacone, ovviamente, ma non mancheremo di sottolineare l’audacia del racconto con visual di campagna molto, molto impattanti. Alla stregua di uno storyboard, lo spot che accompagna il lancio si comporrà di immagini che, come tessere di un puzzle, si legheranno l’una all’altra per dispiegare l’intero disegno poco alla volta. Il volto di una donna si alterna al manto di una tigre, alle spire di un ser-

UN BOUQUET AUDACE

pente, alle fiamme di un fuoco che arde, all’impeto di un cielo in tempesta I frame veicolano un messaggio che non ha bisogno di parole: un invito a uscire allo scoperto, a esprimere la propria femminilità senza smorzarne gli angoli La nuova eau de parfum nasce con l’intento di ribadire i codici stilistici Cavalli, al contempo traghettandoli verso una nuova era. Tutto quanto ruota intorno a questo profumo è la celebrazione di un ’eleganza femminile che potremmo definire felina Armoniosa, seducente, conturbante» Un distillato di dettagli tesi a esprimere l’universo femminile in tutte le sue plurisfaccettate forme.

«NON DIMENTICHERÒ MAI LA PASSEGGIATA NEL VIVACE MERCATO DELLE SPEZIE, DOVE HO SCOPERTO IL FASCINO UNICO DELLO ZAFFERANO», RACCONTA IL NASO CREATORE ILIAS ERMENIDIS. «CON IL SUO PROFUMO RICCO E CREMOSO, LO ZAFFERANO AGGIUNGE VIVACITÀ ALLE CREAZIONI,». ED È PROPRIO LO ZAFFERANO A DARE IL VIA ALL’ACCORDO INIZIALE, SOSTENUTO DALLA NOTA ELEMI P2F, ESCLUSIVA FIRMENICH, CHE NE ACCENTUA L’ESUBERANZA OLFATTIVA A COROLLARIO, EMERGONO I SENTORI DI POMPELMO E SCORZA D’ARANCIO TUTT’ALTRO RITMO CARATTERIZZA LA PARTE CENTRALE DEL JUS: LA VANIGLIA, NOTA INTRODUTTIVA, SI PRIVA DI OGNI MANIERISMO E RIVELA UNA CARNALITÀ CHE LA FAVA TONKA, IL LEGNO DI OUD E UNA NOTA ‘ESTREMA’ DI AMBRA ACCENTUANO ULTERIORMENTE. LA PERSISTENZA, A FIOR DI PELLE, È

ASSICURATA DA UN FONDO PERVASO DA ACCENTI BOISÉ: VI SI RESPIRANO I LEGNI DI SANDALO E GUAIACO INSIEME ALL’ESSENZA DEL CIPRIOLO, PIANTA ERBACEA DEL CARATTERE TERROSO E VAGAMENTE OZONATO.
IMAGINE .59

ANATOMIA DI UNA MARCA

di Paola Colombo Kapsa

UN DEMOCRATICO MAKE-UP

Poter far emergere la propria personalità reinventandosi davanti allo specchio grazie a prodotti sempre innovativi, performanti, di alta qualità, ma a prezzi accessibili. Queste le coordinate di catrice, il brand distribuito in Italia dalla società tedesca Cosnova.

La miglior definizione di catrice, il brand di make-up che ha saputo farsi spazio con decisione nel panorama della cosmetica italiana, è quella che ci dà Elvira Viteritti, Teamlead Communication Cosnova Italia: «catrice evoca immediatamente un mondo fatto di colore e creatività. Con i suoi prodotti trasmette la gioia di vivere, la magia e la possibilità di reinventarsi davanti allo specchio Per noi, il trucco non è solo un insieme di pigmenti e formule, ma ha il potere ‘magico’ di aumentare l’autostima imparando a volersi bene. Vogliamo incoraggiare i consumatori a sperimentare con il make-up per esprimere la propria personalità» L’idea che ognuno di noi possiede un fascino unico da scoprire ed esaltare è nel DNA della marca e, come ci racconta Ornella Muscillo, Communication, «ha dato vita al motto ‘Own your magic’, claim che celebra la bellezza e la diversità con collezioni di prodotti che permettono di esprimere il proprio stile. Un esempio, guardando all’estate, sono le due limited edition esclusive di catrice ‘Summer Obsessed’ e ‘Poolside of Life’ La prima è ispirata a luoghi di vacanza da sogno come Santorini e al gusto rinfrescante dei limoni, la seconda è ideale per trascorrere una giornata in piscina con colori vivaci, ingredienti idratanti e accessori waterproof Inviteremo quindi la nostra communi-

ty, attraverso attività e collaborazioni con influencers, a esprimersi attraverso i colori vivaci e i make-up look gioiosi di queste due limite edition, portando il nostro claim ‘Own your magic’ in prima linea»

A CONTATTO CON

I CONSUMATORI

Uno dei punti di forza del brand è quello di aver costruito una relazione forte e duratura con la sua community «Ci impegniamo molto nell’interagire e coinvolgerla attivamente, sia online che offline, attraverso i social media, le campagne di influencer marketing e le attività in-store Valorizziamo il loro feedback e ci impegniamo a creare prodotti e contenuti che rispondano alle loro esigenze e preferenze», afferma Elvira Viteritti. E per rafforzare il legame con il brand, catrice nei prossimi mesi potenzierà le iniziative di comunicazione «Ci focalizzeremo sui canali social media, specialmente sul nostro nuovo profilo Instagram locale, @catrice.cosmetics.italia con l’obiettivo di aumentare la visibilità e l’awareness del marchio attraverso campagne mirate a interagire con i nostri brand lovers Parallelamente, organizzeremo numerose attività in-store con influencer per presentare le ultime novità prodotto coinvolgendo attivamente i consumatori Tra i prodotti di

punta, ci sarà la nuova gamma di rossetti liquidi Shine Bomb, che diventerà sicuramente un must-have per le sue caratteristiche di brillantezza e lunga durata» sostiene Ornella Muscillo

FORMULE CLEAN

Ma c’è un altro elemento cardine che ha conquistato i consumatori del brand, l’approccio sostenibile che, come ci racconta Nadine Langen, Ceo Cosnova Italia «è uno dei pilastri su cui si fonda l’azienda Attualmente, tutte le nostre referenze seguono la filosofia della ‘Clean Beauty’, caratterizzata dall’assenza di ingredienti dannosi, mentre supportiamo la coltivazione sostenibile di olio di palma e dei suoi derivati» Grande attenzione è inoltre riservata anche alla produzione: «Il 95% dei prodotti è fabbricato in Europa, di cui circa il 50% è addirittura Made in Italy Da marzo 2023, tutti i prodotti Catrice sono composti al 100% da ingredienti vegani e privi di microplastiche, con l’obiettivo entro il 2025 di eliminare completamente i siliconi volatili Come azienda ci impegniamo localmente anche in progetti di upcycling ed ecodesign con partner come IlVespaio e Unika Plast». Una company philosophy che sostiene anche iniziative sociali a sostegno delle tematiche femminili: «Quest’anno abbiamo lanciato il progetto ‘Il Petalo

ORNELLA MUSCILLO
60. IMAGINE
ELVIRA VITERITTI
LIMITED EDITION SUMMER OBSESSED

LIMITED EDITION POLLSIDE OF LIFE

SHINE BOMB

PER BRILLARE

IL MUST-HAVE DELL’ESTATE PER VESTIRE LE LABBRA DI COLORE, FAR BRILLARE IL LOOK DI TUTTI I GIORNI, O REGALARE UN TOCCO SHINE AI MAKE-UP DA SERA IL ROSSETTO SHINE BOMB ARRICCHISCE LA FAMIGLIA DEI PRODOTTI PER LE LABBRA DI CATRICE CON UNA FORMULA LIQUIDA CHE UNISCE DUE QUALITÀ MOLTO AMATE DALLE

DONNE: COLORE BRILLANTE, UNIFORME E INTENSO, E LUNGA DURATA FINO A 8 ORE UN ROSSETTO CREMOSO DALLA TEXTURE

ULTRA PIACEVOLE, CHE NON SI ASCIUGA E NON APPICCICA E CHE ASSICURA UNA PERFETTA ADERENZA E UNA SENSAZIONE DI ‘LEGGEREZZA’ SULLE LABBRA, RENDENDOLE PIÙ PIENE FORMULATO CON ACIDO IALURONICO PER DONARE IDRATAZIONE E VOLUME, MANTIENE LE LABBRA BEN IDRATATE, MORBIDE E LISCE LA GAMMA DI 7 TONALITÀ, DAI NUDE PER TUTTE LE OCCASIONI AI ROSSI PIÙ AUDACI, PERMETTE DI SCEGLIERE OGNI VOLTA SETTE MODI DIVERSI DI ESSERE: AFFASCINANTE, CLASSICA, INTREPIDA, ORIGINALE

Bianco’ in collaborazione con il nostro partner retail Dm Italia e l’associazione FARE X BENE Un progetto che offre un sostegno psicologico alle vittime di abusi, attraverso uno sportello psicologico nazionale online e un luogo dedicato all’interno di un punto vendita Dm a Milano» Ma l’impegno nei confronti del consumatore non si ferma qui «Offriamo una gamma di prodotti innovativi, di alta qualità e performance, mantenendo allo stesso tempo prezzi accessibili», sottolinea Elvira Viteritti. Un binomio imprescindibile, che è il risultato dei costanti investimenti in ricerca e sviluppo che Cosnova mette in campo «Grazie a una produzione efficiente e a un approccio rigoroso alla qualità, riusciamo a mantenere prezzi democratici senza compromettere l’efficacia e la performance dei prodotti» Una mission ben recepita e premiata dai consumatori, come evidenziano i dati che registrano dal 2023 una crescita importante. «Questa strategia ha consolidato una fedeltà significativa tra i consumatori, posizionandoci come uno dei principali player nella nostra categoria

LE LIMITED EDITION CATRICE SONO DA SEMPRE IMPORTANTI PER FARE FOCUS SPECIFICI, STRINGERE SPECIALI COLLABORAZIONI, TESTARE NUOVI

PRODOTTI, CAVALCARE TREND FORTI O ANCHE SOLO ACCENNATI, MA IMPORTANTI PER LA COMMUNITY IN QUESTE PAGINE LE DUE COLLEZIONI ESTATE 2024

con un aumento della distribuzione del 68%», osserva Veronica Barbetti, Sales. «Il 2024 segue il trend del 2023, registrando una crescita costante delle vendite nei primi sei mesi dell’anno (+67 % solo nel primo quarter del 2024 vs pari periodo anno precedente)»

PRODOTTO & RETAIL FIRST

Tra i prodotti best seller, molto amati dai consumatori italiani ci sono le specialità make-up per il viso «In particolare i correttori e fondotinta della linea Liquid Camouflage e il fondotinta HD Liquid Coverage sono tra i più richiesti», riprende Veronica Barbetti, «prodotti che hanno conquistato una grande popolarità grazie alla loro qualità e alla loro capacità di soddisfare le esigenze delle diverse tonalità di pelle» Ma catrice è diventata un punto di riferimento per gli amanti del make-up anche grazie alla sua presenza strategica nei punti vendita, come precisa sempre Veronica Barbetti, «Siamo presso Dm Italia, Upim e OVS, ma anche online su Douglas, Marionnaud, eCharme e Ideabellezza Il nostro obiettivo è espandere ulteriormente la distribuzione, coprendo capillarmente tutta Italia dai drugstore alle profumerie non dimenticando i fashion store, sempre

con un approccio che unisca online e offline» Un obiettivo sostenibile se si pensa all’identità e visibilità del brand «catrice si distingue nel punto vendita per le soluzioni espositive accattivanti e colorate, che riflettono il nostro posizionamento come brand gioioso e accessibile esono progettate per offrire un ’esperienza dinamica e intuitiva al consumatore, garantendo ai nostri partner una produttività al metro quadro elevata e un cospicuo traffico nei punti vendita Insomma, collaboriamo attivamente con i retailer per garantire una presenza efficace e un ’esperienza positiva per i consumatori, lavorando per aumentare le vendite anche attraverso campagne promozionali coinvolgenti», conclude Veronica Barbetti

NADINE LANGEN
IMAGINE .61
VERONICABARBETTI

LA

VERDI, DI NOME E DI FATTO

Formulate a partire da ingredienti naturali e custodite all’interno di un eco-flacone, le nuove fragranze a firma Replay ne ribadiscono l’impegno a tutela dell’ambiente (e segnano il nuovo capitolo di una partnership a tinte green) dove il colore non è solo un colore, ma un manifesto: Green on me

Non c’è dubbio: la moderna profumeria predilige il verde Non necessariamente in termini olfattivi, né visivi Quando si parla di green in relazione alla produzione essenziera si ragiona di eau il più possibile eco-sostenibili Una scelta condivisa da un numero crescente di realtà, che prevede una serie di iniziative volte ad alleggerire l’impronta ambientale della fragranza. Si va dalla coltivazione delle materie prime alla raccolta, dal trasporto alla lavorazione, alla distribuzione ai punti vendita: perché aderisca ai dettami della parfumerie au naturel, ogni passaggio deve avvenire nel rispetto del terreno, delle specie vegetali, dei coltivatori. E avvantaggiare il Pianeta: ottimizzando il riciclo delle acque, (ri)utilizzando materiale riciclato e riciclabile, impiegando gli scarti dell’industria alimentare

UNA MODA PIÙ ‘LEGGERA’

Tra quanti si sono spinti al di là delle buone intenzioni si inserisce Replay Fondata nel 1981, la casa madre è leader globale nel panorama denim e casualwear per lei e per lui. Il jeans, ovvero il capo più amato e diffuso al mondo, è il core-product della maison, pioniera nell’investire risorse volte a ridurre l’impatto ambientale adottando una politica

virtuosa che si riassume nei tre termini anglosassoni reduce, rethink, replay Avviata nel 2012, ha portato all’introduzione di una tecnologia definita Laserblast per ridurre (reduce, appunto) le quantità di acqua ed energia necessarie per ottenere l’effetto ‘vissuto’, tra i finissaggi più desiderati, ma critici, dei capi in denim Passo successivo è stata l’introduzione dell’utilizzo di cotone biologico e poliestere riciclato, fino ad arrivare alle innovazioni legate ai packaging, resi anch’essi più ‘leggeri’ in termini di eco-compatibilità

DI MARE E DI TERRA

Inevitabile, per la Casa couture, la scelta di convertire al green anche il comparto olfattivo Il processo ha avuto inizio nel 2022 con il lancio delle prime quattro eau de toilette della famiglia Earth Made, il primo progetto firmato dall’allora nuovo licenziatario Italart. L’anno successivo, il 2023, sono arrivate le prime eau de parfum per lei e per lui, battezzate Source of Life Ad affiancare Replay nella creazione dei jus sempre l’azienda di Parma: fondata nel 1954, una realtà familiare (la gestione, attualmente, è affidata alla terza generazione) specializzata nella realizzazione di fragranze e prodotti beauty per brand

in licenza e private label L’ormai consolidata partnership, oggi, si arricchisce di un nuovo capitolo: Green on Me Anche in questo due le composizioni, una femminile e una maschile, che rappresentano la ‘naturale’ estensione del progetto avviato con Source of Life «In un certo senso siamo ripartiti da dove ci eravamo fermati», osserva Nicola Carlevaro, Chief Commercial Officer di Italart. «Le eau precedenti rappresentano un tributo al mare, le nuove fragranze omaggiano la terra»

ELEMENTI NATURALI

La versione femminile di Green on Me si apre con la verve di bergamot-

Il tappo in bambù, un ulteriore step per rendere le nuove eau più sostenibili, riducendo l’immissione di plastica nell’ambiente
62. IMAGINE

to, mandarino giallo e foglie di edera, evocando la freschezza dell’aria mattutina e l’energia che infonde. Altrettanto briosa, benché più incisiva, la parte centrale, che include i sentori di mela verde, fiori d’arancio ed eliotropio. Dal fondo, emerge il calore rassicurante di vaniglia, legno di sandalo e foglie di patchouli. Declinata al maschile, Green on Me esprime un’analoga vitalità. Introdotta dall’energia di cardamomo,

TRADIZIONE DI FAMIGLIA

pepe bianco e arancio, si intensifica in un secondo tempo, quando, dal cuore, emergono gli accenti del fiore di cannabis, del garofano, dell’artemisia. Alla stregua di un’istantanea, il jus ricrea l’incanto di una passeggiata ad alta quota, su sentieri lambiti da piante fiorite e arbusti essiccati Un’esperienza immersiva che, le note legnose del fondo, contribuiscono a intensificare. La direzione intrapresa da Replay è ine-

quivocabile: i sillage Green on Me sono dedicati alle nuove generazioni, attente alla scelta di prodotti e marchi capaci di coniugare qualità ed ecosostenibilità, originalità ed etica. La domanda sorge spontanea: quanto c’è di Italart e quanto di Replay nei progetti che hanno portato alla nascita di Source of Life e Green on Me? Non ha dubbi Nicola Carlevaro: «è un percorso avviato e condotto a quattro mani».

GREEN ON ME RAPPRESENTA UN ULTERIORE TASSELLO NELLA PARTNERSHIP TRA ITALART E REPLAY, DOPO LA CREAZIONE DELLA GAMMA SOURCE OF LIFE E, ANCOR PRIMA, DELLA COLLEZIONE EARTH MADE SCOPRIAMONE LE CARATTERISTICHE

EARTH MADE

LA FRANCHISE È COMPOSTA DA SEI EAU DE TOILETTE PENSATE PER INFONDERE BENESSERE

A LIVELLO SIA FISICO CHE EMOTIVO RIGOROSAMENTE GENDERLESS, LE BODY FRAGRANCES

ANTARCTICA BLUE, AMAZONIAN GREEN, ARIZONA ORANGE, ICELAND LIGHT; PROVENCE VIOLET, TUSCANY YELLOW HANNO DERIVAZIONE NATURALE

CERTIFICATA (PERSINO L’ALCOL HA ORIGINE VEGETALE), FORMULA VEGAN E PACKAGING

TOTALMENTE GREEN. ISPIRATE A UNA CAPSULE-COLLECTIONCOUTURE REALIZZATA CON FIBRE ORGANICHE E TINTA CON PIGMENTI MINERALI CERTIFICATI

SOURCE OF LIFE

LA GAMMA INCLUDE UN’EAU DE PERFUME FEMMINILE E UN’EAU DE TOILETTE MASCHILE. ISPIRATE ALL’ELEMENTO ACQUATICO E REALIZZATE A PARTIRE DA INGREDIENTI NATURALI, ESPRIMONO IL VIGORE DEL MARE

E DELLE COSTE CHE NE SONO LAMBITE NON A CASO, I FLACONI RICHIAMANO

LA SAGOMA DI UN ‘CIOTTOLO’ LEVIGATO

DALLE ONDE CHE LO HANNO CONSEGNATO ALLA BATTIGIA.

Cosa significa ‘made in Italy’ nella creazione di un profumo? Marco e Luca Maffei, padre e figlio, rispettivamente Presidente e CEO di Atelier Fragranze Milano, rispondono quasi all’unisono: «Capacità artigianale e industriale, ma anche modo di intendere la vita Si tratta di un mix di ingredienti che comprendono creatività, capacità tecnica, intuito e naturalmente materie prime, le nostre materie prime». Su questa definizione si poggia l’intera struttura di AFM Atelier Fragranze Milano, che ha scelto di essere ‘Atelier’ ovvero uno spazio dove la creatività sposa l’eleganza, il saper fare e il su misura. «Non c’è lo standard o il pre-lavorato. Abbiamo scelto di ‘abbracciare’ i progetti», dice Marco «La creazione è uno scambio tra noi e il cliente Un lavoro di team che va dalle prime fasi agli ultimi ritocchi», gli fa eco Luca Qui il cambio generazionale è un fluido intersecarsi di esperienze Insieme si costruisce il presente e il futuro È un modello di Family Company all'italia-

FAMILY COMPANY ALL’ITALIANA

Il piano di sviluppo di AFM ha le sue fondamenta nella ‘famiglia’ che non è solo questione di geni, ma anche e soprattutto di sensibilità, di passione e di ‘ saper fare’. Da qui la scelta di dare avvio a nuove virtuose collaborazioni con nasi internazionali e produttori locali. Una connessione di esperienze e competenze da ‘Atelier’.

na assolutamente nuovo e molto, molto interessante, perchè presenta non una stratificazione, ma bensì una compenetrazione, che non sovrappone ruoli, ma li affianca e li completa ogni volta ripensandosi e aprendosi, là dove serve, ad altri saperi e professionalità

L'IMPORTANZA DEL TERRITORIO

Proprio da questa visione del profondo significato dell'essere italiani derivano scelte strategiche importanti. «Abbiamo siglato un accordo di esclusiva per l'acquisto di olio essenziale di Bergamotto di Reggio Calabria con l'Azienda Agricola Patea e di rizomi d'Iris Pallida con l'Azienda Agricola Oro Blu di Arezzo e non finisce qui», racconta un fiero Marco, che continua: «Il prossimo deal, che sarà sicuramente già ratificato quando la rivista sarà in stampa, è quello con un'Azienda Agricola sempre fortemente radicata sul territorio per il Limone di Sorrento e così procederemo per altre materie prime che sono eccellenze del nostro Paese»

«Tutto questo sicuramente è fatto per offrire ai nostri clienti ingredienti dalla forte e marcata firma olfattiva, ma anche e soprattutto dall'autenticità certificata e certificabile dal campo allo scaffale», sottolinea Luca, che prosegue: «Un accordo di esclusiva con i produttori locali tutela il territorio e ne valorizza le specificità Iris, Bergamotto, Limone hanno periodi e rese finite per quello specifico territorio, seguirne tempi e quantità definisce. Non si tratta di marketing, ma di rispetto Quel raccolto avrà caratteristiche organolettiche e quindi sfumature uniche e irripetibili, che si perderebbero là dove venisse 'tagliato' con altri raccolti di altri luoghi per moltiplicarne la quantità La possibilità di creare con i nostri tecnici specialità certificate di materie prime italiane, dalla filiera controllata, permette ai nasi e ai professionisti che lavorano con noi uno sviluppo creativo unico Inoltre, il cliente potrà usare queste informazioni sul packaging o nella descrizione olfattiva della

64. IMAGINE UN PO’ PRIMA DEL PRODOTTO

fragranza commissionata, rispettando i parametri stabiliti dall’organismo di controllo IGP, l’Indicazione Geografica Protetta»

"UNO PER TUTTI, TUTTI PER UNO". LAVORO DI GRUPPO E FOCUS SUL CLIENTE

«La progettazione di un profumo è un processo complesso Una coralità di professionalità e di voci assicura al risultato, il jus, una bilanciatura senza uguali. Il nostro approccio all’ideazione prende le distanze dalla tecnologia, e lascia spazio all’apporto creativo dei professionisti profumieri», sottolinea

Luca «Siamo una casa essenziera -spiega Marco- che fa del lavoro di squadra una delle proprie caratteristiche peculiari Ogni membro del gruppo, poi, è dotato di un suo bagaglio di esperienza, professionalità e talento e questo arricchisce il risultato e il gruppo nel suo complesso. Questa la ragione degli innesti di Sebastian Cresp e Antoine Lie, che vanno a integrarsi al lavoro di Luca e di Paolo Cerizza Con l’apertura a figure di spicco a livello internazionale, il nostro saper-fare-bene italiano, il cosiddetto “bello e ben fatto”, prende slancio trasformandosi in una condivisione di modus operandi ha la caratteristica di essere mossa da una profonda attitudine all’innovazione»

«In Atelier Fragranze Milano facciamo un lavoro realmente artigianale e tailor made, che ha un’impostazione che si differenzia in modo sostanziale da quella tipica di una multinazionale, che impone regole rigide da seguire Ci opponiamo al concetto di intelligenza artificiale, che si inserisce e lavora già nella creazione di un profumo, e continuiamo invece a insistere sulla caratterizzazione umana della sua creazione», sottolinea ancora Marco «Il manifesto di AFM sta in: "Human Centric Perfumery", che esprime il confronto tra

SOTTO I RIZOMI D'IRIS PALLIDA FRUTTO DI UN ACCORDO DI ESCLUSIVA CON L'AZIENDA AGRICOLA ORO BLU DI AREZZO. DI FIANCO UN BERGAMOTTETO DELL'AZIENDA AGRICOLA PATEA IN PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA UN'ALTRA MATERIA PRIMA IN ESCLUSIVA.

persone: il team creativo e il cliente, cui diamo un prodotto “cucito addosso” Il lusso che ha bisogno della creatività umana Che nella nostra visione non sarà mai sostituita da nessun processo tecnologico».

IL LUSSO QUESTO CONOSCIUTO

«Materie prime di qualità, creatività, valore estetico percepito. Sembra facile, ma non lo è, però è tutto qui il senso del lusso, che non significa costo o almeno non è quello da solo a esprimerlo», sottolinea Luca, che continua: «Il mondo cerca il "vivere all'italiana". L'esportare questa visione implica offrire una modalità di interpretazione delle cose e di impiegare tempo per soffermarsi sui dettagli».

DAL CAMPO

AL PRODOTTO FINITO LA STESSA ATTENZIONE ALLA QUALITÀ

IL PROSSIMO FUTURO

Parola d'ordine: non fermarsi! «Abbiamo in programma uno sviluppo industriale, fabbrica nuova, cambio di uffici, nuovi investimenti in risorse umane», racconta Marco. «Una crescita interna che c 'entra con quello che stiamo osservando nel mondo», continua Luca «In Asia e in Cina sta avendo sviluppi inaspettati l'attenzione e la curiosità verso brand locali che propongono profumi propri. Sta affermandosi il consumo interno di marchi

SOPRA A SINISTRA, SEBASTIAN CRESP, ENTRATO IN AFM QUEST'ANNO, A DESTRA, ANTOINE LIE IN AFM DAL 2023. PRESTO SARANNO AFFIANCATI DA ALTRI NASI DI ESPERIENZA LA FAMILY COMPANY DI LUCA E MARCO MAFFEI, INSIEME NELLA FOTO A FIANCO, SI AMPLIA

autoctoni, che però fanno l'involucro, ma cercano per il contenuto la firma del naso italiano o europeo che è un sigillo di garanzia di creatività Una grande opportunià!»

Un altro filone di sviluppo lo introduce Marco: «Apriremo a nasi indipendenti, cui daremo la possibilità di usare la nostra struttura per creare ed esprimersi Sta diffondendosi l'interesse per la professione di naso e alcuni sono particolarmente talentuosi e hanno molto successo sul mercato, ma non è facile per loro affermarsi, perché creare richiede l'accesso a materie prime e processi Noi vogliamo aiutare queste figure a mantenere la propria indipendenza, offrendo loro la struttura di una azienda, con tutti i dipartimenti necessari per la realizzazione di una fragranza Il requisito essenziale è che si tratti di figure professionali vere, che condividano la nostra filosofia di attenzione al dettaglio e di cura del prodotto, ma che da sole non avrebbero la forza per realizzare i loro progetti E poi ci sono tante altre iniziative, ma non sveliamo tutto » Insomma, il futuro di Atelier Fragranze Milano è molto effervescente, ma una cosa è certa non mancherà l’inconfondibile tocco da 'Family Company Italiana'

IMAGINE .65

Profumeria Charme - 40 anni

«Il mio viaggio nel mondo della profumeria parte come commessa in un negozio di Lecco Dopo quattro anni, la proprietaria decide di trasferire il negozio a Como e, più avanti, di vendere Con l’aiuto di mio padre e dei risparmi accumulati colgo l’opportunità al volo e rilevo l’attività», racconta Giancarla Gilardi «Il mio lavoro è iniziato per caso ma si è presto trasformato in una passione, grazie anche alla prima proprietaria, una persona davvero competente e generosa che mi ha insegnato tutto Qualche tempo dopo l’acquisizione, abbiamo deciso di rinnovare l’arredamento e i pavimenti, ma la vera rivoluzione è avvenuta con la selezione dei prodotti Ho cominciato gradualmente ad abbandonare i brand ‘commerciali’ per concentrarmi su profumi di nicchia e skincare di alta qualità, che all’epoca pochissimi conoscevano È stata una scelta coraggiosa, che tuttavia riflette le mie convinzioni: io punto sulla qualità del servizio e non amo affrontare il mio lavoro come una lotta sul prezzo Per questo i pilastri della profumeria Charme sono la ricerca e l’aggiornamento costante La formazione è sempre una priorità, persino l’apprendimento dell’inglese, considerata la nostra clientela internazionale. Inseguiamo costantemente l’eccellenza e questo ci ha portato a espanderci con successo, e ad avviare nel tempo due nuovi negozi e collaborazioni strategiche Ma un nuovo progetto è già in cantiere»

OPEN SINCE di Chiara Venturi

Profumeria Gianni - 65 anni

«Erano gli Anni ’50 e mio padre Gianni aveva una barberia nella piazza principale di Pietra Ligure Dopo qualche tempo decise di dedicare parte del locale alla profumeria Era il 1959 e la nostra storia di Profumeria aveva inizio», esordisce Anna Maria Pastorino. «Mia mamma Marisa partì per Milano e frequentò i corsi delle più importanti Maison, acquisendo quella competenza che le permise di conquistare la fiducia delle clienti. Negli anni aumentarono gli articoli di cosmetica e profumeria, furono introdotte linee di pelletteria e bigiotteria di qualità, e maggiore attenzione fu dedicata alla cura del corpo e ai prodotti per uomo Alla fine degli Anni ’70 l’intero negozio fu dedicato

alla profumeria, che mantenne e mantiene il nome originario Da tempo conduco l’attività insieme a valide collaboratrici, sulla scia degli insegnamenti di mia madre che molte clienti ancora ricordano, perché intuiva di cosa avessero bisogno, fosse solo una parola o un rossetto per sollevare il morale Oggi tutto è cambiato Il mercato è difficile, la politica degli sconti e la concorrenza delle grandi realtà sono sfide quotidiane, l’offerta di brand è anche troppo vasta... Ma noi ci difendiamo puntando sul consiglio, sulla competenza e sulla cortesia Oggi facciamo parte del gruppo Chicca Profumerie e rimaniamo un punto di riferimento nel nostro paese e nei dintorni!»

Profumeria Lorenzi - 100 anni

«Nel 1920 mio nonno Battista Lorenzi parte, insieme a due fratelli, dalla Val Rendena, zona del Trentino rinomata per la tradizione degli arrotini. In cerca di fortuna, arrotando forbici e coltelli, arrivano a Milano e ciascuno apre un suo negozio Battista rileva una coltelleria del 1908 e inizia ad ampliare l’assortimento con articoli per la toeletta maschile e profumi Con l’aiuto della sorella Luigia, l’attività cresce e diventa un punto di riferimento per la rasatura maschile», spiega Laura Russo «La seconda generazione dei Lorenzi si forma in negozio e negli Anni ‘60 la responsabilità passa a mia madre e mia zia, che trasformano la bottega in uno store innovativo introducendo cosmetici e fragranze ricercate. E arriviamo al 2017, anno in cui sono subentrata come titolare. La mia impronta? Il lavoro sull’immagine del punto vendita, in cui ho introdotto la profumeria artistica facendo molta ricerca con un focus particolare sul made in Italy di qualità Parallelamente, ho mantenuto il legame con le nostre radici e con gli elementi chiave del nostro successo, di cui fa parte la ‘ cura ’ dell’uomo Ci contraddistinguono un mix equilibrato di tradizione e modernità Il nostro impegno ci è stato riconosciuto dal Comune di Milano e dalla regione Lombardia con il titolo di ‘bottega storica’».

PROFUMERIA LORENZI

ANNO DI FONDAZIONE: 1959

TITOLARE: ANNA MARIA PASTORINO

SEDE: PIETRA LIGURE (SV), VIA G MATTEOTTI 27 SITO: WWW.PROFUMERIAGIANNI.COM

ANNO DI FONDAZIONE: 1924

TITOLARE: LAURA RUSSO

SEDE: MILANO, VIA PAOLO SARPI 62

SITO: WWW.PROFUMERIALLORENZI.IT

PROFUMERIA CHARME ANNO DI FONDAZIONE: 1984 TITOLARE: GIANCARLA GILARDI SEDE: COMO, VIA DIAZ 44 SITO: WWW.PROFUMERIACHARMECOMO.COM PROFUMERIA GIANNI
1959 1984 1924 I NF O

PREMI & NUOVI PROGETTI

I valori fondanti del più alto su misura italiano, l’utilizzo di eccellenti materie prime e l’esercizio costante nella cura di ogni dettaglio, sono, per Atelier Fragranze Milano, alla base di ogni creazione. Un approccio percepito a più livelli, dagli addetti ai lavori come dal pubblico, che ha portato AFM a essere in contemporanea tra i finalisti di:

Premio Accademia del Profumo

Tiglio Mirabilis

Laboratorio Olfattivo

Profumo Made in Italy Femminile

Freakincense

Coreterno

Profumo Artistico Marca Indipendente

France Fragrance Foundation Awards

ELLE Beauty Awards

Tiglio Mirabilis - Laboratorio Olfattivo

Art & Olfaction Awards

REPLAY Green on Me

Amnesia Rose Aedes de Venustas

Il maschile creato da Luca Maffei è un viaggio nell’abbraccio verde delle montagne che offre un ’avventura sensoriale senza pari, evocativa delle sfumature aromatiche, legnose e speziate di questa preziosa creazione

L’Eau de Parfum Femminile, creata da Paolo Cerizza, racconta la luce del sole che inizia a filtrare dalle finestre con nuance Agrumate, Verdi e Legnose.

Candele Collezione Rifugi (La Difesa; Pesco di Iorio; prato Rosso) Parco 1923

Profumazione Ambiente

Milano Design Week

Il profumo come linguaggio per connettere mondi? Un ambito, per AFM, in cui esplorarne utilizzi sempre all’avanguardia Un esempio è l’Esperienza Olfattiva Immersiva realizzata durante la recente Milano Design Week insieme a LabSolue -16 Oud è firmato da Luca Maffei- e ai complementi d’arredo Luxio -corpi illuminanti e diffusivi- all’interno del Perfume Laboratory LabSolue

Le Novità

AQUA NOBILIS

La collezione di Lorenzo Vidal nasce dalla sua curiosità verso quelle personalità iconiche che con la loro virtù hanno plasmato la storia dell’umanità

King of Persia’s Perfumed Incense, ispirata a Ciro il Grande, tenebrosa e sfarzosa, è creata da Luca Maffei.

Lucrezia’s Amber Potion, omaggio a Lucrezia Borgia d’Este, elegante e magneticamente attraente, è firmata da Luca Maffei

Queen’s Secret Jasmine è orientale Il jus, tributo a Elisabetta Tudor, è una creazione di Vanina Muracciole

MORRIS

Creata da Paolo Cerizza è una composizione dalle note deliziose ed intriganti, perfetta per chi cerca una fragranza Gourmand, raffinata ed atipica con un pizzico di mistero!

atelierfragranze.it atelierfragranzemilano
ELLE AURA

Turn static files into dynamic content formats.

Create a flipbook
Issuu converts static files into: digital portfolios, online yearbooks, online catalogs, digital photo albums and more. Sign up and create your flipbook.