Happy Aquatics & Wellness n.3 2021

Page 48

7’ Tempo di lettura

Ciro Lo Giudice

redazione@quroaquatic.it

FITN ESS

INTERVISTA

IL LABORATORIO DI IDEE E SOLUZIONI VINCENTI – SPORTING PALESTRA & SPA Precursore di un’offerta molto trasversale fra palestra e piscina, è un club che da oltre trent’anni si distingue come eccellenza capace di servizi innovativi, oggi resi più aggiornati grazie alla tecnologia digitale Parlando di leader del settore fitness, Fabio Sozzani è sicuramente ai vertici nazionali, non solo per come ha saputo rinnovare nei decenni il suo club, ma per la sua capacità di reinventare l’acqua già 30 anni fa, con un mix di servizi e valori espressi, facendo leva pure su digitalizzazione e soluzioni al passo con i tempi. Sporting Palestra & spa è uno dei club storici di Varese: ha iniziato 37 anni fa (1984) e, pur disponendo di sala attrezzi e sale corsi, da subito ha considerato la piscina come il luogo in cui il nuoto libero non doveva farla da “padrone”. Nasce così, nello stesso anno, la loro Scuola di Acquaticità Neonatale. Una storia lunga e ricca sia come azienda fitness che per l’impegno profuso nella formazione degli insegnanti, molti dei quali sono ancora oggi il cuore dello Sporting: secondo Fabio Sozzani, sono il vero punto di forza del suo club. Lei, con il suo Sporting e le sue idee, da oltre trent’anni è un riferimento nel territorio e non solo: cosa le assicura questa freschezza ed eterna giovinezza imprenditoriale? Grazie per l’eterna giovinezza: alla base, certamente, occorre uno staff potente, motivato e sempre “attivo”. Io non credo nello staff “grande famiglia”, ma credo in uno staff che è capace di riunirsi in gruppi operativi per raggiungere un obiettivo, e una volta raggiunto riunirsi con nuove persone in nuovi gruppi di lavoro. Questo permette di non fossilizzare le proprie capacità su un solo focus che potrebbe durare anni impoverendoci, ma di appor-

46

H A P P Y A Q U AT I C S & W E L L N E S S - 3 / 2 0 2 1

tare e apprendere nuove capacità. Credo che questo sia “un segreto”. È difficile continuare ad inanellare successi o certe scelte e sue convinzioni hanno reso meno complicato un percorso costantemente al vertice? Si cerca di vincere la guerra, non necessariamente tutte le battaglie: questo mi è sempre ben chiaro. Il successo di una scelta non è mai solo personale ma è frutto del continuo confronto (spesso molto animato…) con le persone per le quali nutro stima, rispetto e fiducia indiscutibili. Occorre essere curiosi e avidi di informazioni, consci del fatto che da chiunque ed ovunque © D I R I T T I R I S E R VAT I

Il Maestro Fabio Sozzani