Page 1

veneziamagazine.com

5,00 free copy spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

al the carnliv ce a a at the p

cover story emma stone Fashion s/s 2017 East in the air | costume ateliers Art peggy guggenheim collection | klimt | francis bacon Itineraries In Hemingway’s footsteps | arrigo cipriani’s venice


LAPERLA.COM

VENEZIA - CAMPO SAN SALVADOR, 4828 AEROPORTO MARCO POLO - VIALE L. BROGLIO, 8 PADOVA - VIA SAN FERMO, 15


FA L I E R O SA R T I .CO M


partner for

FASHION IN FLORENCE THROUGH THE LENS OF ARCHIVIO FOTO LOCCHI Palazzo Pitti, Firenze 9 gennaio - 8 aprile 2017


Igor Mitoraj, Eroi di luce, 1987, marmo bianco statuario di Carrara, 56x85x75cm

IGOR MITORAJ San Marco, 2288 - Calle Larga XXII Marzo Venezia P.zza Silvestro Franceschi, 1-7 Cortina d’Ampezzo venezia@continiarte.com

www.continiarte.com


48

94

68

22

winter in this issue

COVER STORY 58 Emma Stone Extraordinary Emma Straordinaria Emma by Giovanni Bogani save as 26

Venice exhibition

27

Veneto exhibition

28 Classic 29

Pop

30 Book

people 18

Matilde Cadenti

Art in Venice Arte a Venezia 20

Samantha Peluso

The art of beauty L’arte della bellezza

Fashion 33

It Object

62

Costume

The carnival of dreams Il carnevale dei sogni by Teresa Favi 68

Shooting

East in the air by Marta Innocenti Ciulli

78

Jewels

Gilberto Penzo

Seafaring Roots Radici marinare 22

24

Franco Puppato

The master of elegance Il maestro dell’eleganza

Must have 80 Bijoux 81 Bags 83 Man


62

88

104

22

winter in this issue

movie,

108

100

theatre & music Theatrical season Winter at the theatre Inverno a teatro by Teresa Favi

The Luxury Fontego

itineraries 48 Event Carnival at the palace Carnevale a palazzo by Federica Repetto 94 History In Hemingway’s footsteps Sulle orme di Hemingway by Federica Repetto

Il Fontego del lusso by Federica Repetto 118

Marcantonio Brandolini D’Adda

The perfection of glass La perfezione del vetro by Domenico Savini 120

Vittoria de Buzzaccarini

The Lady of Paper La “signora della carta” by Luciana Boccardi sport 114

art, design & culture 84 Peggy Guggenheim Collection Forever young and rebellious Giovane e ribelle per sempre by Francesca Lombardi 88 Centro Culturale Candiani The Myth of Beauty Il mito della bellezza by Virginia Mammoli 92 Casa dei Carraresi Man’s thousand faces I mille volti dell’uomo 104 Arrigo Cipriani A venetian pas de deux Pas de deux veneziano by Luciana Boccardi

Fondaco dei Tedeschi

Venice Hospitality

The blowing of the wind Il soffio del vento by Federica Repetto food & wine 122

Pastry shops

Sweet Venice Dolce Venezia by Giovanna Caprioglio shot on site 42

Guide 126

Restaurants


m

a

d

e

i

n

ve

n

eto

QUARTERLY fashion, art, event and lifestyle magazine publisher

FM publishing srl Gianluca Fontani, Luca Gori, Ori Kafri, Alex Vittorio Lana, Matteo Parigi Bini t

h

e

d

i

v

i

n

e

co

a

st

m

a

d

e

i

n

t

u

sc

a

n

y

m

a

d

e

i

n

ve

n

eto

editor in chief

Matteo Parigi Bini fashion director

Marta Innocenti Ciulli co-editor Guido Parigi Bini managing editor

Teresa Favi, Francesca Lombardi editor

Sabrina Bozzoni, Matteo Grazzini, Mila Montagni, Virginia Mammoli venezia correspondent

Federica Repetto contributors

Luciana Boccardi, Giovanni Bogani, Giovanna Caprioglio, Domenico Savini photographers

Matteo Bertolin, Matteo De Fina, Gianfilippo de Rossi, Osvaldo Di Pietrantonio, Dario Garofalo, Robert Gauthier (cover), Sara Mautone, Alessandro Moggi, New Press Photo, Alvise Nicoletti, Pietro Pesce, Procuratoria di San Marco di Venezia, Niccolò Rastrelli, Marco Rossi, SW Photography, Mirco Toffolo, Moreno Vassallo, Vela SpA art editors

Martina Alessi, Chiara Bini translations

Centroservizi Traduzioni, Tessa Conticelli, NTL Traduzioni advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

Alessandra Nardelli, Daniela Zazzeri editorial office

via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 fax +39.0574.730204 - redazione@gruppoeditoriale.com branch

N. Bayshore Dr. #1101 - FL 33137 - Miami 2000 - Usa ph +1.305.213-9397 fax +1.305.573-3020 società editrice

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - fax +39.0574.730204 www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Registrazione Tribunale di Prato - n° 6/2011 del 2.8.2011 Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, lettera b – legge 662/96 – Filiale di Firenze - Contiene IP stampa

Baroni & Gori (Symbol Freelife Gloss Premium White Paper) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl


giovanniraspini.com

VENEZIA, Ponte di Rialto


t

h

e

d

i

v

i

n

e

co

a

contributors

st

h

e

E

ter

n

a

l

C

i

ty

special expo 2015

cover story stefano accorsi Fashion s/s 2015 W.J. Wonderful Jeans interview toni and peppe servillo | Maddalena ischiale Art caravaggio | Henri matisse | giorgio morandi The auditorium’s season Itineraries celio district | street food | nightlife

5,00 free copy

special expo 2015

cover story david cronenberg Fashion s/s 2015 W.J. Wonderful Jeans | franca sozzani Interview paolo conte | toni and peppe servillo | davide rampello art galleria degli uffizi | Antony Gormley | gucci museum Itineraries dante 750th anniversary | local only

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

5,00 free copy

cover story Paolo Sorrentino Fashion s/s 2015 W.J. Wonderful Jeans interviews Mara venier | Lina sastri CULTURE villa fersen | madre museum | Capri’s rooftops Itineraries A Day in Capri | aperitivi | around the Island

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

5,00 free copy

t

Biennale arte 2015

cover story Michael Caine Fashion a/w 2015-16 Something in black and white. Or not? Art guggenheim collection | 20th-century art Itineraries Lazzaretto | Where gondolas are born Hotels on the islands | cocktails in venice

The ultimate way to learn all about the most beautiful Italian places

fashion, art, event and lifestyle magazines

Luciana Boccardi Crovato, esperta di costume e moda, autrice di saggi, ha iniziato la carriera giornalistica dopo l’assegnazione del Premio Letterario “Mentasti” consegnatole da George Simenon. Collabora con quotidiani e periodici, è ospite di talk show televisivi, moderatrice di convegni e dibattiti. Vive a Venezia, la città dov’è nata. Fashion and society expert, she started her career in journalism after having been awarded the Mentasti Literary Prize by Georges Simenon. She works with newspapers and magazines, she takes part in TV talk shows and serves as chairwoman of conferences. She lives in Venice. Giovanni Bogani, giornalista, scrive dai festival di Berlino, Cannes, Venezia e Roma per il quotidiano La Nazione e per i siti web www.affaritaliani.it e www.cinecitta.it. Ha collaborato con le riviste italo/americane Us Italia e ItalyAmerica. Giovanni Bogani, a journalist, he writes about the cinema festivals of Berlin, Cannes, Venice and Rome for the newspaper La Nazione and for websites www.affaritaliani.it and www.cinecitta.it. He has collaborated with the Italian-American magazines “US Italia” and “ItalyAmerica”americane Us Italia e ItalyAmerica. Giovanna Caprioglio, veneziana d’origine, vive a Milano da qualche anno, dove dirige il magazine The Lifestyle Journal. Venezia la sorprende ogni giorno e la curiosità la porta a scoprire luoghi e itinerari sempre fuori dal comune Giovanna Caprioglio, a native Venetian, she has lived in Milan for several years where she manages The Lifestyle Journal. Venice surprises her daily and curiousity pushes her to constantly discover new spots and itineraries off the beaten path. Matteo Corvino, veneziano. Architetto di interni, attore, regista e organizzatore di eventi. Fra i suoi eventi più importanti il private party «Millennium» per il passaggio all’anno 2000, tenutosi al Grand Trianon della Reggia di Versailles. Matteo Corvino, a Venetian interior design architect, he is an event organizer for cultural institutions and private societies. Among his most important events we remember the “Millennium” for the passage towards the year 2000, at the Grand Trianon of Chateau de Versailles. Marta Innocenti Ciulli, 43 anni di moda, di cui 20 passati come direttore di testate internazionali con un unico soggetto: moda e tendenze. Un lavoro-passione che le ha corrisposto profondamente. Ama i suoi figli, la casa e il lavoro, la fotografia, il cinema. Marta Innocenti Ciulli, 38 four years in the fashion business, of which twenty spent as editor in chief of international magazines specialized in fashion and trends. A job and a passion just right for her. She loves her children, home, job, photography and movies.

Massimo Listri, fotografo, vive a Firenze, collabora con continuità alle riviste AD e Fmr e con frequenza a molti periodici stranieri, tra cui Connaissance des Arts e L’Eœil. Ha pubblicato oltre 30 libri di arte e alta architettura. Massimo Listri, photographer, lives in Florence and collaborates with the magazines AD and FMR and frequently with many international magazines such as Connaissance des Arts and L’Eoeil. He has written over thirty art and architecture books. Federica Repetto, giornalista professionista. Vive e lavora a Venezia, si occupa in particolare di cultura, spettacolo e costume. Scrive su diverse testate, e ha curato la comunicazione per aziende e manifestazioni. Federica Repetto is a professional journalist who lives and works in Venice. She specializes in culture, customs and entertainment and contributes to various publications. She has also been in charge of communications for various companies and events.


Luxury Alligator Janus Collection

Venezia, Hotel Danieli - Milano, Via Monte Napoleone 3 araldi.com


venice people

Art ainVeVneezniaice Arte

text Federica Repetto

The artist who has impressed you most? Each collaboration leaves a mark on me and offers a new conception of reality. It’s impossible to say who impressed me most. Every artist I’ve worked with has a strong personality. Which collaboration do you cherish the most? I spent last summer in China furthering my knowledge on contemporary Chinese art and I met artists, curators and gallery owners who guided me in this special journey and allowed me to achieve interesting collaborations. What do critics appreciate about your work? Certainly my approach to research, which is vital if one wishes to promote young talents and reward artists with a history, who, for various reasons, have little visibility in the national scene. What requisites should a gallery owner have to become wellknown among artists and collectionists? I think two conditions are necessary. The first concerns cultural knowledge, essential for ensuring quality in the gallery’s work. The second is honesty, required to build reciprocal trust. What is the recipe for your success? Definitely passion for my work, which I consider fundamental for the objectives I aim to meet.

Matilde Cadenti, degree in architecture from IUAV, restores properties. In 2013 she founded Marignana Arte, a contemporary art gallery. Laureata in architettura allo IUAV, si dedica al restauro di immobili. Nel 2013 fonda Marignana Arte, galleria che si occupa di ricerca nell’arte contemporanea 18 Venezia | made in Veneto

L’artista che l’ha colpita di più? Ogni collaborazione lascia in me un segno e mi regala un nuovo modo di vedere il mondo. Dire quale mi ha colpita di più sarebbe impossibile. Ogni artista con cui ho lavorato ha una forte personalità. Quale collaborazione le è più rimasta nel cuore? La scorsa estate mi trovavo in Cina per approfondire la conoscenza dell’arte contemporanea cinese ed ho conosciuto artisti, curatori e galleristi che mi hanno guidato in questo particolare percorso e consentito di avviare collaborazioni interessanti. Cosa apprezzano i critici del suo lavoro? Sicuramente l’approccio che ho nei confronti della ricerca, necessaria per valorizzare giovani talenti e dare un riconoscimento ad artisti storicizzati che, per motivi vari, sono attualmente poco presenti nel panorama nazionale. Che requisiti deve avere un gallerista per acquisire buona fama presso artisti e collezionisti? Credo che siano necessarie due condizioni. La prima riguarda la preparazione culturale, fondamentale per garantire qualità nella programmazione della galleria. La seconda è rappresentata dalla serietà, in modo da creare un reciproco rapporto di fiducia. Qual è la ricetta del suo successo? Sicuramente la passione verso il mio lavoro, elemento fondamentale per la realizzazione degli obiettivi che intendo raggiungere.


instagram.com/zannettisrl pinterest.com/ZannettiWatch facebook.com/zannettiwatches shop.zannetti.it


venice people

ringarRe oots Seaicfiama rin Rad

text Federica Repetto When did you become interested in boats? After completing my education, in a completely different field, I rediscovered my family’s tradition of building boats, realizing that no one was engaging in this part of Venice’s culture in a systematic and scientific manner. You construct perfect reproductions of boats and ships as if they had come straight out of the Arsenal. My ideal model is the real boat. The ones I make are smaller only because the space I have at my disposal and my budget are smaller, but the wood and building techniques are identical to those used for real boats. When did you decide to preserve the historical memory of Venetian boats? I’ve been working for 40 years now on reproducing boats, as well as doing research, teaching and publishing. I’ve also created a website, veniceboats.com, which is an encyclopedia of Venetian boats. My goal is to save what is left of our traditional boats, reconstruct those that no longer exist and train new carpenters who can continue the art and craft of Venetian boatbuilding. Any new projects? I’m working on restoring the sailing coaster “Il Nuovo Trionfo”, currently undergoing structural works in the shipyard. Venice and its lagoon. No city in the world compares to Venice. Since its waters are an integral part of the city, they should be enjoyed as well.

Gilberto Penzo, scholar of historical vessels, lives and works in Venice, where he has combined his passion for traditional boats with systematic and scientific research on their history and building techniques 20 Venezia | made in Veneto

Quando si è avvicinato al mondo della nautica? Dopo gli studi, in tutt’altro ambito, ho riscoperto le radici della mia famiglia di costruttori navali, constatando che nessuno si occupava in maniera sistematica e scientifica di questa parte della cultura veneziana. Lei propone delle perfette riproduzioni di barche e navi proprio come se uscissero dall’Arsenale. Per me il modello ideale è la barca vera, le faccio più piccole solo per ragioni di spazio e di budget, ma i legni e la tecnica costruttiva sono gli stessi di quelle vere. Da quando ha deciso di preservare la memoria storica delle barche veneziane? Sono ormai 40 anni di lavoro, di ricerca, di insegnamento e pubblicazioni, oltre al sito veniceboats.com, che è una enciclopedia sulla nautica veneziana. La mia sfida è salvare gli ultimi esemplari di barche tradizionali, ricostruire quelle scomparse e formare nuove maestranze che continuino l’opera dei marangoni da nave della Serenissima. Progetti in cantiere? Mi sto occupando del restauro del trabaccolo “Il Nuovo Trionfo” alato, in cantiere per lavori strutturali. Venezia e la sua laguna. Venezia è una città unica al mondo quindi deve essere visitata vivendo anche la sua parte acquea.


the whole lagoon on a dish On one side are the vegetable gardens, the vineyard, and the herbs; on the other, the kitchen, where raw ingredients are blended together and transformed into gourmet pleasures.

Isola di Mazzorbo/Burano - Venezia

www.venissa.it


venice people

ce n a g e l e f o r e t s The ma ’eleganza o dell Il maestr

text Federica Repetto

You do custom tailoring for managers and famous artists. So what is your secret? Certainly, the strong passion that ties me to this extraordinary profession and that allows me to create tailored garments, unique and exclusive. You’ve received many awards. Which do you feel closest to? I feel a bond to each award, but the greatest recognition is what I get from my clients when they’re satisfied with my work. What is elegance for you? Elegance means dressing soberly, being at ease with an exclusive garment, able to express and convey optimism with what you wear. Among your many passions there’s also traveling the world by bicycle. Why is that? Even in a sport like cycling there needs to be passion, dedication and sacrifice. These are key elements in my life as a tailor-cyclist. What do you dream for Venice? I would like it to become a landmark for tailoring excellence in the world, for the artisans and also for a public that wants to stand out for their style and elegance.

Franco Puppato is one of the most famous tailors in the world. His extraordinary excellence has been awarded several times with first prize at world tailoring competitions 22 Venezia | made in Veneto

Veste su misura manager e artisti celebri. Ma qual è il suo segreto? Sicuramente la forte passione che mi lega a questo straordinario mestiere e che mi permette di creare abiti sartoriali, unici ed esclusivi. Ha ricevuto tantissimi riconoscimenti. A quale si sente più legato? Sono legato ad ogni premio ma il riconoscimento più grande è quello che ricevo dai miei clienti quando sono soddisfatti del mio lavoro. Cosa è per lei l’eleganza? Eleganza significa vestire con sobrietà, essere a proprio agio con un abito esclusivo, riuscire ad esprimere e trasmettere ottimismo con quanto si indossa. Tra le sue tante passioni c’è anche quella di girare il mondo in bicicletta. Come mai? Anche in uno sport come il ciclismo c’è bisogno di passione, di dedizione e sacrificio. Sono elementi fondamentali nella mia vita di sarto-ciclista. Cosa sogna per Venezia? Mi piacerebbe che diventasse un punto di riferimento della sartoria di eccellenza nel mondo per operatori artigianali ed anche per un pubblico che vuole distinguersi con stile ed eleganza.


VIP Airport Assistance Chauffered Car Service Water Limousine

Venice Car Terminal P.le Roma Santa Croce 522, Venezia +39 041 5227251 info@blitzexclusive.com www.blitzexclusive.com


venice people

ty u a e b f o t r a e Th ella bellezza L’arte d

text Federica Repetto What attracted you to this profession? My love of photography and body painting. I began as a bodypainter and moved on to make-up. Then intensive training led me to become a high-level make-up artist. In fact, you possess a broad range of skills in your field. I have specialized in every aspect of make-up because I am convinced that every expert should be a complete artist in their field. Which of your works of art do you feel closest to? There isn’t one in particular. They’re all special to me. There is instead a project I consider important: my Professional Make-up Academy, attended by students from around the world. Beauty. What is it? Harmony. A game of balance and proportion, and certainly something that professional make-up can improve. Is your heart in Venice or do you feel more in sync with an urban environment? I travel a great deal, but my heart is always in Venice, because I lived there for many years when I was young and now I go back very often for work. Does Venice inspire you in your work? Many of my works draw from the decorations on masks, which are works of art. Others are contaminated by the romanticism that envelops the city. When you’ve grown up in Venice, it’s impossible not to feel part of its energy.

Samantha Peluso, Professional Make-up Artist. Twenty years of experience. Works in the film, theater, fashion and advertising industries Professional Make-up. Venti anni di esperienza, lavora nel mondo del cinema, teatro, moda e pubblicità 24 Venezia | made in Veneto

Cosa l’ha spinta ad intraprendere questa professione? L’amore per la fotografia e la pittura su corpo. Ho iniziato come bodypainter e ho proseguito con il make-up facendolo diventare un lavoro ad alti livelli, grazie ad una intensa formazione. Lei è di fatto un’artista a 360 gradi. Mi sono specializzata in ogni campo del make-up perché sono convinta che ogni professionista debba essere, nel proprio settore, un artista completo. L’opera artistica che ha realizzato alla quale è più legata? Non c’è un’opera a cui tengo più di altre, sono tutte opere alle quali sono particolarmente legata. C’è invece un progetto per me importante: la mia Accademia di trucco professionale a cui accedono studenti da tutto il mondo. La bellezza. Cos’è? Armonia. Un gioco di equilibri e di proporzioni e sicuramente qualcosa che si può migliorare con il make-up professionale. Il suo cuore è a Venezia o si sente più una urban citizen? Sono una donna che viaggia molto ma il mio cuore è sempre a Venezia, perché mi ha adottato da giovane per molti anni ed ora torno spessissimo per lavoro. Venezia la ispira nel suo lavoro? Molti dei miei lavori riprendono le decorazioni delle maschere che sono opere d’arte, altri sono contaminati dal romanticismo che avvolge la città. Se cresci a Venezia è impossibile non venire coinvolta dalla sua energia.


The largest Spa in Venice, open also to external Guests. La Spa più grande di Venezia, aperta anche agli Ospiti esterni.

VENICE

Your Private Island in Venice La tua Isola privata a Venezia Your Michelin-starred Restaurant in Venice. Il tuo ristorante stellato Michelin a Venezia.

JW Marriott® Venice Resort & Spa Isola delle Rose, Laguna di San Marco | Tel.: +39 041 8521300 | jwvenice.com Free shuttles from/to St. Mark’s Square. | Servizio navetta gratuito da/per Piazza San Marco.


save as venice exhibition

January Last days to see the stunning exhibition Culture Chanel – The Woman Who Reads at Cà Pesaro until 8 January. The highlight is Coco Chanel’s library and her wardrobe, star of her Paris apartment. Also until 8 January, Mindful Hands – Masterpieces of Illumination from the Fondazione Giorgio Cini at the Fondazione Giorgio Cini: one of the most important collections of its kind in the world, Maurizio Donzelli. Invisibile-No until 14 January 2017 at Spazio Marignana Arte. The exhibition attempts to retrace the connection between the artist, the viewer and the human ability

or inability to perceive reality. At the Centro Culturale CandiFebruary ani in Mestre, the first of a series First stage of the world tour of of interesting initiatives by the the only Chinese artist to receive title Corto Circuito. Dialogo tra i the Artist For Peace award by secoli. The first exhibition is dedithe UNESCO. Well known in his cated to the legend of Judith and country, Han Meilin exhibits for is entitled Around Klimt. Judith, the first time outside China, and heroism and seduction. The main has chosen Venice The World of attraction is Gustav Klimt’s masHan Meilin until 28 February 2017 terpiece, Judith II. at Ca’ Foscari April Until 25 April, Murano Today. The March The Peggy Guggenheim Collec- Finest Contemporary Glassworks tions until 13 March will be host- at the Murano Glass Museum ing My Weapon Against the Atom – Spazio Conterie. The Murano Bomb is a Blade of Grass. Tancredi. Glass Museum is showcasing the A Retrospective, an exhibition ded- island’s glass factories by displayicated to the great artist who Peg- ing their work. From 9 April 2017, gy loved. The Cadorin Bottega. A for the first time the two Venetian Dynasty of Venetian Artists until 27 venues of the Pinault Collection, Palazzo Grassi and March 2017, Palazzo Punta della DogaFortuny. A family na, will be taken history which shows a unique intertwinAll the over by a single arting of lives devoted exhibitions ist, Damien Hirst. to art.

Gennaio Ultimi giorni per vedere la bellissima mostra Culture Chanel – L a donna che legge a Cà Pesaro solo fino all’8 gennaio. Al centro di questa esposizione, la libreria di Coco Chanel, insieme al guardaroba, protagonista assoluto del suo appartamento a Parigi. Sempre fino all’8 gennaio Mindful Hands I Capolavori Miniati Della Fondazione Giorgio Cini alla Fondazione Giorgio Cini: una delle più importanti raccolte al mondo di questo genere, formata da pagine e iniziali miniate ritagliate, per lo più provenienti da libri liturgici. Maurizio Donzelli. Invisibile-No fino al 14 Gennaio 2017 allo Spazio Marignana Arte. La mostra cerca di tracciare quel legame invisibile tra l’autore, l’osservatore e la comune facoltà/difficoltà umana di percepire la realtà. Febbraio Prima tappa del tour mondiale

dell’unico artista Musei Civici menti con il titolo Corto Circuito. cinese insigniand at the di Dialogo tra i secoli. to dall’UNESCO foundation Il ciclo di mostre come “artista per la pace”. Conovenues apre un’esposiziosciutissimo nel suo of Venice ne dedicata al mito di Giuditta dal tiPaese, Han Meilin espone per la prima volta fuo- tolo Attorno a Klimt. Giuditta, ri dalla Cina e sceglie Venezia eroismo e seduzione. Protagonista come prima tappa: Il Mondo Di assoluto il capolavoro di Gustav Han Meilin fino al 28 Febbraio Klimt, Giuditta II. 2017 a Ca’ Foscari. Aprile Marzo Fino al 25 Aprile Murano oggi le Le Collezioni Peggy Guggen- eccellenze del vetro contemporaneo heim fino al 13 marzo ospitano al Museo del Vetro di Murano la mostra La mia arma contro l’a- – Spazio Conterie. il Museo tomica è un filo d’erba. Tancredi. del Vetro di Murano ha coinvolUna Retrospettiva, dedicata al to le fabbriche attive nell’isola grande artista amato da Peggy. aprendo negli spazi dell’ex ConGli Atelier Cadorin una dinastia di teria una “vetrina” dedicata alla artisti veneziani fino al 27 Marzo loro produzione. Dal 9 Aprile 2017, Palazzo Fortuny: un albe- 2017 per la prima volta le due ro genealogico che è uno straor- sedi veneziane della Collezione dinario intreccio di vite dedica- Pinault, palazzo Grassi e Punta te all’arte. Al Centro Culturale della Dogana, saranno interaCandiani di Mestre il primo di mente affidate a un singolo aruna serie di suggestivi appunta- tista, Damien Hirst.

Art in the Lagoon

L’arte in Laguna text Francesca Lombardi

C. C. Candiani (Mestre)

Palazzo Fortuny

Guggenheim Collection

Ca’ Pesaro

Cà Foscari Museo Alinari

26 Venezia | made in Veneto

of the


save as veneto exhibition

JANUARY The exhibit of Giovanni Bellini’s The Transfiguration of Christ at Palazzo Leoni Montanari has been extended until 8 January. The painting inaugurated Vicenza’s first L’Ospite Illustre exhibition organized by the the Gallerie d’Italia. Also until 8 January, at the Amo Arena Museo Opera of Verona, the opportunity to examine the dramatic core, the quality of staging and the contextualization of Hermann Nitsch’s O.M. Theater (Theatre of Orgies and Mysteries) in the history of theater. Closing on 14 January, Nabis, Gauguin e la pittura italiana d’avanguardia (Nabis,

Gauguin and Avant-guarde Italian Painting), exhibited at the renovated Palazzo Roverella in Rovigo. Roughly 100 works that recount the extraordinary adventure of the school of Pont-Aven and the Nabis movement around the charismatic figure of Paul Gauguin. FEBRUARY Until 26 February the Palazzo Fogazzaro in Schio hosts the anthological exhibition Giocando con l’Arte (Playing with Art), dedicated to the local set designer and painter Gino Pellegrini. MARCH Until 5 March at Palazzo della Gran Guardia in Verona, Maya il Linguaggio della Bellezza (Maya. The Language of Beauty). An exhibition on one of the most fascinating civilizations of PreColumbian Ameri-

GENNAIO È stata prolungata fino all’8 gennaio l’esposizione del capolavoro di Giovanni Bellini La Trasfigurazione presso Palazzo Leoni Montanari. L’opera, proveniente dal Museo di Capodimonte, ha inaugurato la prima edizione vicentina della rassegna L’Ospite illustre, organizzata dalle Gallerie d’Italia. Sempre fino all’8 gennaio, all’Amo Arena Museo Opera di Verona, l’opportunità di esaminare il nucleo drammatico, le qualità sceniche e la contestualizzazione dell’o.m. theater (Teatro delle Orge e dei Misteri) di Hermann Nitsch dentro la storia del teatro. Termina il 14 gennaio, Nabis, Gauguin e la pittura italiana d’avanguardia, in mostra nel rinnovato Palazzo Roverella di Rovigo. Circa 100 opere che raccontano la straordinaria avventura tra la scuola di PontAven e il movimento dei Nabis,

attorno alla figura The most Opera di Verona. carismatica di Paul mostra ideainteresting Una Gauguin prima ta dal Museo Naexhibitions zionale Picasso di della sua definitiva partenza per Tahiti in Veneto Parigi, dedicata al e le isole Marchesi. this winter genio della pittuFEBBRAIO ra del Novecento. A Schio, fino al 26 febbraio, L’esposizione ospita 90 opere, Palazzo Fogazzaro ospita la tra cui capolavori assoluti come mostra antologica Giocando con Nudo Seduto e il Ritratto di Maria l’Arte, dedicata allo scenografo Teresa. Prosegue fino al 17 aprie pittore berico Gino Pellegrini. le la grande esposizione StoLa mostra ripercorre le tappe rie dell’Impressionismo. I grandi evolutive di un percorso creati- protagonisti da Monet a Renoir, vo sorprendente, durato più di da Van Gogh Gauguin, al Mu50 anni. seo di Santa Caterina di Treviso. 120 opere per raccontare, MARZO Fino al 5 marzo, a Palazzo della come prima mai fatto in Italia, Gran Guardia di Verona, Maya una delle maggiori rivoluzioni il Linguaggio della Bellezza. Una nella storia dell’arte di tutti i rassegna su una delle civiltà tempi, attraverso lavori di artipiù affascinanti dell’America sti come Manet a Degas, Sisley, precolombiana. Esposti oltre Signac, Toulouse-Lautrec. Fino 250 reperti, opere d’arte uni- all’1 maggio a Casa dei Carrache al mondo. Termina invece resi, Treviso, Francis Bacon. Un il 12 marzo Picasso. Figure (1895- viaggio nei mille volti dell’uomo 1972), all’Amo Arena Museo moderno.

Non-stop Art

Arte non stop text Virginia Mammoli

ca. Closing instead on 12 March, Picasso. Figure (1895-1972), at the Amo Arena Museo Opera of Verona. 90 works, including masterpieces such as Seated Nude and Portrait of Marie-Thérèse Walter. Until 17 April, the large exhibition Storie dell’Impressionismo. I grandi protagonisti da Monet a Renoir, da Van Gogh a Gauguin (Stories of the Impressionism. Great Protagonists from Monet to Renoir, from Van Gogh to Guaguin) at the Museo di Santa Caterina of Treviso. 120 works to tell the story of one of the major revolutions in the history of art of all times through works by artists such as Manet, Degas, Sisley and Toulouse-Lautrec. Until 1 May, at Casa dei Carraresi, in Treviso, Francis Bacon. A Journey Through the Thousand Faces of Modern Man.

Santa Caterina Museum

Amo Arena Museo Opera

Palazzo Leoni Montanari

Palazzo Roverella

Casa dei Carraresi Museo Alinari


save as classic

January The title theme for New Year’s Eve and New Year’s Day in Venice’s primary theatre, Teatro Goldoni, is Romeo e Giulietta. L’amore è saltimbanco (Romeo and Juliet. Love is acrobatic), a passionate commedia dell’arte performance, while the traditional New Year’s Concert on January 1 at La Fenice is conducted this year by Fabio Luisi. After twenty years, Tannhäuser by Richard Wagner returns to La Fenice from January 20 – February 5, in a new arrangement directed by Calixto Bieito, with musical direction by Omer Meir Wellber. From January 26th through 29th, Teatro

Goldoni presents Le donne gelose (The jealous women) a Goldoni “dark” drama by Giorgio Sangati. February From February 2 to 4, Locandiera B&B by Edoardo Erba will be on stage, a modern version of La locanderia by Carlo Goldoni directed by Roberto Andò and with Laura Morante. And also at the Goldoni, from February 8 – 12, Luca De Fusco directs Macbeth, Shakespeare’s masterpiece. From February 10 – 23 at Teatro Malibran, a small gem by Francesco Cilea is rediscovered: Gina, an opera of rare execution conducted by Francesco Lanzillotta with direction by Bepi Morassi. On February 18 and 19 at Teatro Goldoni, Paolo Rossi reinterprets the most famous French playwright in Molière: la recita di Versailles (Molière:

Gennaio Il titolo che sigla la sera di San Silvestro e quella del 1 gennaio nel principale teatro di prosa di Venezia, il Teatro Goldoni, è Romeo e Giulietta. L’amore è saltimbanco, uno spettacolo travolgente nel segno della migliore commedia dell’arte, mentre il tradizionale Concerto di Capodanno il 1 gennaio la Fenice è diretto quest’anno dalla celebre bacchetta di Fabio Luisi. Dal 20 gennaio al 5 febbraio torna alla Fenice, dopo vent’anni di assenza, Tannhäuser di Richard Wagner, nuovo allestimento con la regia di Calixto Bieito diretto da Omer Meir Wellber. Dal 26 al 29 gennaio, al Teatro Goldoni è in scena Le donne gelose, un Goldoni “dark” firmato da Giorgio Sangati. Febbraio Dal 2 al 4 febbraio, al Gol-

doni, è in scena in Venice accetta la sfida di nuove sugla Locandiera theatres dare gestioni a una B&B di Edoardo from pietra miliare del Erba, versione in chiave contemJanuary to teatro di tutti i come Arporanea de La loMarch tempi lecchino, il servicandiera di Carlo Goldoni con Laura Morante tore di due padroni di Carlo per la regia di Roberto Andò. Goldoni. Il 21 e 23 febbraio Mentre dall’ 8 al 12 febbraio Claudio Marino Moretti dirisempre al Goldoni, Luca De ge alla Fenice il Requiem di Fusco firma la regia di Mac- Mozart e The Fruit of Silence beth, il capolavoro di Shake- di Peteris Vasks nella versiospeare. Dal 10 al 23 febbra- ne per coro e pianoforte con io, al Teatro Malibran, si ri- testo di Madre Teresa di Calscopre un piccolo gioiello di cutta. Francesco Cilea: Gina opera Marzo lirica, di rarissima esecuzio- Dal 16 al 18 marzo, al Teane, diretta da Francesco Lan- tro La Fenice, arriva la stozillotta per la regia di Bepi rica compagnia americana Parsons Dance impegnata in Morassi. Il 18 e 19 febbraio Paolo una nuova spettacolare tourRossi al Teatro Goldoni ri- née italiana. Nel cast, compolegge il più celebre dramma- sto da giovani talenti, anche turgo d’oltralpe in Molière: la l’italiana Elena D’Amario, ex recita di Versailles e dal 23 al stella di Amici e ora impor26 febbraio Giorgio Sangati tante componente del cast.

Don’t miss out! Imperdibili text Teresa Favi

Arlecchino, il servitore di due padroni

Le donne gelose

New Year’s Concert at Teatro La Fenice

Molière: la recita di Versailles

Parsons Dance Museo Alinari

28 Venezia | made in Veneto

the Versailles play) and February 23 - 26, Giorgio Sangati accepts the challenge to give new suggestions to one of the cornerstones of theatre, Arlecchino, il servitor di due padroni (Harlequin, servant of two masters) by Carlo Goldoni. On February 21 and 23 at La Fenice, Claudio Marino Moretti conducts Mozart’s Requiem and The Fruit of Silence by Peteris Vasks in the version for chorus and piano with text by Mother Teresa of Calcutta. March Then, from March 16 – 18, dance comes to La Fenice with the athletic and energetic dancers from the American Parsons Dance company involved in a new spectacular Italian tour. Elena D’Amaria, former Italian star of Amici, is also an important member of the young cast.

Top dates


save as pop

Just pick a stage!

JANUARY Thursday 20 Niccolò Fabi in concert at Teatro Corso of Venice. The stars will be the songs from his latest album, “Una somma di piccole cose”. The same evening, Marlene Kuntz will perform at the New Age of Roncade: the iconic band of Italian alternative rock is ready for a new phase of their career. The Palaparenti of Treviso features a magical show dedicated to the Fab Four by The Beatbox, one of the best Beatles tribute bands – not to be missed, on Friday 27 January. The same evening, live at the Gran Teatro Geox of Padua, Marracash e Guè Pequeno and their “Santeria Live”;

Padua will be their first tour stop. which he will perform his solo On Saturday 28 it is the turn of repertory, Simon & Garfunkel’s Sum 41 – a multi-platinum band successes and songs by his favorand one of the most prominent ite composers. On Saturday 25, on the punk-rock scene; at the the Gran Teatro Geox of Padua Gran Teatro Geox of Padua with presents Samuele Bersani, on his “La Fortuna Che Abbiamo tour”. “13 Voices”. The next stop of Carmen ConFEBRUARY On Wednesday 1 at the Gran soli’s “Eco di Sirene” tour will Teatro Geox of Padua a live be at the Teatro Filarmonico of concert by the Dream Theater. Verona on Monday 27. A three-hour show in which MARCH the band will play all the songs A heads-up for this spring of their “Images and Words” - a month: the uniqueness of Vinimilestone in the heavy metal cio Capossela at the Gran Teatro genre. Biffy Clyro: for internation- Geox of Padua on 3 March; same al critics, they have been one of stage for Macy Gray’s soul, on the the top rock bands of the past few 12th; the Modà on 14 March at years. Live performance on Tues- the Zoppas Arena of Treviso; Litday 7 at the Gran Teatro Geox of fiba, the comeback of rock made Padua. On Thursin Italy on 29 March day 16, the Gran at the Kioene Arena Great of Padua; and lastly Teatro Geox of Padua presents Art performances Mario Biondi on the Garfunkel in conat the Gran in Veneto! 30th cert. An recital in Teatro Geox.

GENNAIO Giovedì 20 al Teatro Corso di Venezia Niccolò Fabi torna in concerto. Il celebre cantautore romano on stage per un live denso e emotivo, protagonisti i brani dell’ultimo lavoro “Una somma di piccole cose”. Stessa sera per i Marlene Kuntz on stage al New Age di Roncade: la band icona dell’alternative rock italiano è pronta per un altro capitolo della loro carriera. Siamo al Palaparenti di Treviso per il magico spettacolo dedicato ai Fab Four dei The Beatbox, tra le migliori tribute band dei Beatles: da non perdere venerdì 27 gennaio. Stessa sera, live al Gran Teatro Geox di Padova, Marracash e Guè Pequeno e il loro “Santeria Live”, Padova è la prima data della tournée. Sabato 28 è la volta dei Sum 41: la band multiplatino tra le più rilevanti dello scenario punk-

rock, arriva al live ones you 25 on stage Gran Gran Teatro Geox Geox di should not Teatro di Padova con “13 Padova approda miss in the la voce intimista Voices”. FEBBRAIO next three di Samuele Bersani Non potevamo months con “La Fortuna immaginare inizio che abbiamo tour”. migliore: mercoledì 1 al Gran Lunedì 27 next stop Teatro Teatro Geox di Padova il live Filarmonico di Verona per dei Dream Theater. Un gran- tour teatrale della celebre de show di tre ore nel quale cantante catanese Carmen la band suonerà per intero Consoli intitolato “Eco di si“Images and Words”, assoluta rene”. pietra miliare del genere meMARZO tal. Biffy Clyro: per la critica Qualche anticipazione per il internazionale una delle migliori rock band degli ultimi mese della primavera: l’unicianni. Saranno live martedì 7 tà di Vinicio Capossela al Gran al Gran Teatro Geox di Pado- Teatro Geox di Padova il 3 va. Giovedì 16 al Gran Teatro marzo, stesso palco per il soul Geox di Padova è la volta di di Macy Gray il 12 del mese, i Art Garfunkel. Un recital inti- Modà il 14 marzo alla Zoppas mo dove interpreterà il suo re- Arena di Treviso, il ritorno del pertorio solista, i grandi suc- rock made in Italy dei Litfiba cessi di Simon & Garfunkel, il 29 marzo alla Kioene Arena le incisioni di alcuni dei suoi di Padova e infine Mario Bioncompositori preferiti. Sabato di il 30 al Gran Teatro Geox.

scegli il tuo palco! text Sabrina Bozzoni

Modà

Macy Gray

Here are the

Mario Biondi

Biffy Clyro

Niccolò Fabi Museo Alinari

Venezia | made in Veneto 29


save as book

They say that almost everything has already been said and written about Venice, and they are not completely wrong. “Forse non tutti sanno che a Venezia…” (Maybe everyone doesn’t know that in Venice…) by Toso Fei Alberto tells us about those things that cannot be found in the many volumes written about the city: the unusual, hidden, unique, and peculiar faces of the Lagoon. The Venice that emerges is spontaneous, fun, and unusual. After all, it seems like Venice was built to astonish. From the inventions linked to the city to the lesser known details of the life of the Doges, to the veneration of non-existent saints, it is a

cape. A talisman, not the only magic element in foggy, throbbing Venice, led Zaguri down the right path. Part memoir, part historical narrative, and part detective story, “La strada Bianca” (The white road) tells the story of the obsession for alchemy, art, wealth, and purity. With a captivating and conversational style, Edmund de Waal maps out a wish. An intimate narrative is structured around five journeys through the places where porcelain was envisaged, perfected, collected, and desired. “L’amore

journey to experience this city of incomparable appeal. But the Lagoon also hides mysteries like those in the book by Ongaro Alberto, “Il respiro della laguna” (The breath of the lagoon). Damiano Zaguri, head of the Venice Anti-crime team, is woken up in the middle of the night. At the base of San Travaso, a man was murdered and his infant son was kidnapped from his crib. Zaguri follows the clues surrounding the crime. It is a race against time and a personal competition with one of his ancestors, Signore di Notte who, in seventeenth-century Venice, let the culprits in the disappearance of a countess’s son es-

prima di noi” (Love before us) by Paolo Mastrocola talks about love for a man, a woman, a river, and a star. The tale is seductive in its strength, naturally moving from past to present in an indistinguishable time. These stories influence and follow each other, creating a unique novel. As the Greeks said, love is heart-breaking. It is more than just a feeling, it is the strength that ties everything together. It governs us and takes away our freedom yet it gives us meaning. It nourishes our most profound substance as transitory human beings who are so attached to life. (Thanks to the Goldoni di Venezia bookshop)

Su Venezia si ritiene (e non è del tutto falso) che sia stato già detto e scritto quasi tutto. Forse non tutti sanno che a Venezia… di Toso Fei Alberto cerca però di raccontare quel che ancora non occupa le pagine dei tanti volumi sulla città: volti inconsueti, nascosti, inediti e curiosi della Laguna. La Venezia che ne emerge è fresca, divertente, insolita. D’altronde, Venezia sembra essere stata costruita per stupire. Dalle invenzioni legate alla città, a particolari meno noti sulla vita dei dogi, alla ve-

Venice, mysteries, love… Venezia, misteri, amore…

nerazione di santi inesistenti: un viaggio per assaporare la città dal fascino ineguagliabile. Ma la Laguna nasconde anche misteri, come quelli raccontati nel libro di Ongaro Alberto, Il respiro della laguna. Damiano Zaguri, capo della squadra Anticrimine di Venezia, viene svegliato in piena notte: in fondamenta San Travaso un uomo è stato ucciso, un neonato - suo figlio -rapito dalla culla.. Zaguri segue le tracce del criminale e dei suoi mandanti: è una corsa contro il tempo, e una personalissima sfida con un suo lontano antenato, Signore di Notte nella Venezia del Seicento, che si lasciò sfuggire i colpevoli del-

la sparizione del piccolo erede di una contessa. A mettere Zaguri sulla giusta strada sarà un talismano, non unico elemento magico in una Venezia nebbiosa e palpitante. In parte memoir, in parte racconto storico, in parte detective story, La strada bianca racconta la storia dell’ossessione per l’alchimia, l’arte, la ricchezza e la purezza. Con uno stile avvincente e insieme colloquiale Edmund de Waal evoca la mappa di un desiderio. Una narrazione intima, strutturata intorno a cinque viaggi attraverso i paesi dove la porcellana è stata sognata, perfezionata, collezionata e desiderata. L’amore prima di noi, scritto da

Paola Mastrocola, parla invece dell’amore per un uomo, una donna, un fiume, una stella. Il racconto seduce con la sua forza, muovendosi con naturalezza dal passato al presente, in un tempo indifferenziato. Storie che si richiamano e si inseguono, componendo un unico romanzo. L’amore, come lo raccontano i Greci, è struggente. Non è un sentimento, è di più: è la forza che lega insieme il tutto: ciò che ci determina, ci toglie la libertà ma ci dà senso, nutre la nostra più profonda sostanza di esseri umani transitori, così attaccati alla vita. (Si ringrazia la Libreria Goldoni di Venezia)


www.gianfrancoferrehome.it – ph. (+39) 031 70757


it object

lleté la solo scarpa Décoia mate non ch Bozzoni text Sabrina

Transformation is the favorite medium of Miuccia Prada, who has dreamed up the most romantic high heels for the next sun season. In patent leather with a deluge of hearts and a metal heel of 85 mm. The grand finale? A heart-shaped heel piece. And your steps will form poems of love. Il trasformismo è la materia preferita di Miuccia Prada che per il prossimo sole immagina la sua décolleté più romantica. In vernice, con una pioggia di cuori e il tacco in metallo alto 85mm. Il gran finale? Il sottotacco a forma di cuore. E i vostri passi saranno delle poesie d’amore. Venezia | made in Veneto 33


The Luxury Retreat in the Heart of Tuscany. Your Castle in the Chianti Wine Region. L’Oasi di Lusso nel Cuore della Toscana. Il tuo Castello nel Chianti. 34 Venezia | made in Veneto Strada Spicciano, 7 50028 Tavarnelle Val Di Pesa\Firenze Tel. +39 055 806470 info@castellodelnero.com

www.castellodelnero.com


it object

you can Clutch meluitfc ne c ossessio Bozzoni text Sabrina

The unique and recognizable style of Araldi 1930 stems from superb craftsmanship and excellent materials: superior quality leathers, metals and the skills of master craftsmen. Handmade miracles that can be admired at the Araldi 1930 boutique inside the Hotel Danieli in Venice. Lo stile forte e riconoscibile di Araldi 1930 è il trait d’union che caratterizza un mondo sinonimo di eccellenza: pelli pregiate, metalli preziosi e sapienti lavorazioni artigianali. Un miracolo del fatto a mano da ammirare nel corner espostivo Araldi 1930 dell’Hotel Danieli. Venezia | made in Veneto 35


E C L I P S E

Hand made in Venezia Calle delle Ostreghe, San Marco 2436 - www.micromegaeyewear.com


it object

e body Written oonrptoh ul c Scritto Bsozzoni text Sabrina

Seductive and bewitching. In the magnificent Autografo collection by La Perla nude tulle with alluring motifs is used to produce an effect of calligraphy ornaments on the body. A homage to a woman’s curves. And remember, you are beautiful. Seducente e ammaliante. La collezione Autografo di La Perla echeggia una calligrafia tracciata sul corpo grazie a una leggerissima rete stretch color nudo decorata da motivi seducenti. Un inno alle forme del corpo femminile. E ricordatevi: siete bellissime. Venezia | made in Veneto 37


it object

er Cosmic Diln attiche e ga Per tavoBlozzoni text Sabrina

Sun, Moon, Venus, Pluto. The Cosmic Diner dishes create a small solar system that can transform your table into a microcosmos of planets and soft colors. A revolution in eating with style. Diesel Living with Seletti. Dal Sole alla Luna, da Venere a Plutone, i piatti Cosmic Diner creano un piccolo Sistema Solare in grado di trasformare la vostra tavola in un microcosmo di pianeti e colori sfumati. Una rivoluzione del magiare con stile. Diesel Living with Seletti. Venezia | made in Veneto 39


DINNER SHOW LIVE AT

VENDRAMIN CALERGI PALACE CASINÃ’ RESTAURANT ALLURE CABARET MUSIC PALACE

INFO: WWW.TENTAZIONIVENICE.COM | RESERVATION: +39 041 529 7230

www.casinovenezia.it follow us on


it object

s Transformism TRASFORMISMI Bozzoni text Sabrina

Belts with detachable pockets that can be carried as a handbag or shoulder bag. Like a little skirts, panels that can be separated and overlapped, pouches worn on the hips. Everything is superimposed, folded or turned. It is Marni’s new summer collection and we love it. Cinture con i tasconi che si staccano, da portare come borse a mano o a tracolla. come una piccola gonna, pannelli che si sfaldano e sovrappongono, sacche indossate sui fianchi. Tutto è sovrapposto, piegato, rivoltato. Ăˆ la nuova estate di Marni e noi la amiamo. Venezia | made in Veneto 41


shotonsite

Nick Hamm

Amy Adams,

Gemma Arterton

Emma Stone

Vince Vaughn

Liev Schreiber

Sergio Rubini

Suki Waterhouse

Antoine Fuqua

Naomi Watts 42 Venezia | made in Veneto

Monica Bellucci

Tutti i protagonisti della 73°Mostra del Cinema di Venezia e le esclusive immagini dal red carpet

Antoine Fuqua, Chris Pratt, Denzel Washington

Laurie Simmons

Hugo Weaving


shotonsite

Andrei Konchalovsky

Jerzy Skolimowski, Jeremy Iron

Jude Law

Matilda Lutz, Gabriele Muccino

Dakota Fanning

Paolo Sorrentino

Natalie Portman

Nuno Lopes

Emir Kusturica

All the stars of the 73rd Venice Film Festival and exclusive red carpet shots

Lily-Rose Depp

Lav Diaz

Mel Gibson

Chiara_Mastroianni Venezia | made in Veneto 43


shotonsite

Giada Pavan, Sebastiano Angelini, Emanuela Severo, Marcello Cantoni

Benedetta Setti, Leonardo Visconti, Federica Repetto, Enrico Coin

Luca Claput, Davide Vianello

Ruby Venecia, Giuseppe Beliardo, Francesca Beliardo

Anna Scagnellato

Rahoma Karim

Giacomo Marchesini, Paola Herrera Ledesma

Janine Leram, Jinous Baban

Marco Lanfranchi, MariaPia Carbelli

The presentation of the Venezia Made in Veneto n° 21 issue at the Venice Movie Stars Lounge during the 73rd Film Festival

Anne Morrell Crowford 44 Venezia | made in Veneto


shotonsite

Angelo Quarti, Alberto Barbera, Alex Vittorio Lana

Flora Foltz, Emilio Vianello, Andrea Rigoni

Matteo Zanetti, Elena Marani

Marcello Gandoni, Sigal Hiller, Gianpaolo Cecchetto

Angelo Quarti, Alberto Barbera

Lorenzo Gabbato, Benedetta Setti, Enrico Coin

Michele Pastore - Iana Kupuruk

Guests and friends gathered at the Lido for a toast with a glass of Consorzio Franciacorta sparkling wine and Diamond Ice Noble Vodka

Yvette Gelain, Andres Bastianello

Antonella Salvucci

Francesca Bindelli, Luisa Boccanegra, Francesco Petrus, Erica Poboerai, Maria Giulia Seguso

Monica Braggio, Alessandro Stave, Serena Coccolini

Luca Regazzo, Emilio Vianello, Eleonora Vianello Venezia | made in Veneto 45


shotonsite

Matteo Parigi Bini, Dario Nardella, Alex V. Lana

Vaenessa Zoppas, Alberto Moretti

Elena Iannantuoni, Federica Damiani

Maddalena Ciaramella, Monica Sarti

Ori Kafri, Natalie Kriz

Eleonora and Carlo Frescobaldi

Silvia Orsi Bertolini, Andrea Cavicchi

Francesca Cavicchi, Raffaello Napoleone 46 Venezia | made in Veneto

Massimo Listri, Michele Bonan

The exclusive event to celebrate Firenze Made in Tuscany’s 10th anniversary in the beautiful setting of Serre Torrigiani

Silvia Panicucci Marinella and Helga Fani

Annagreta and Andrea Panconesi

Agostino Poletto, Aiza and Emilino Rinaldi


Campo Santa Sofia, 4198/99 30121, Ca’ d’Oro - Venezia info@casagredohotel.com www.casagredohotel.com Tel: + 39 041 2413111 Fax: +39 041 2413521

Ca’ Sagredo ... Unique Moments


ph. Mirco Toffolo 48 Venezia | made in Veneto


Carnival at the Palace carnevale a palazzo text Federica Repetto

Venezia | made in Veneto 49


carnival event

The 18th-century Venice of Longhi, Canaletto, Guardi and Goldoni. The minuet and the marivaudage of seduction reappear during the Venice Carnival by means of a superb and orchestrated illusion. At dusk private palaces are lit by torches placed on their facades, while Murano chandeliers glisten inside. Many evening events – elegant soirees, concerts and entertainments – are hosted at aristocratic residences. Ca’ Vendramin Calergi, the prestigious palace which houses the Casino, is the venue for Venice Carnival’s official dinners, organized by Vela – a company of the City entrusted with conceiving, organizing and marketing Venice’s traditional and special events. In an exclusive environment, created by exquisite interiors and impeccable service, guests may enjoy a magical experience, made unforgettable by the utmost attention to detail. The lavish menu, the exciting performances, the elegance of the magical view over the Grand Canal from Ca’ Vendramin Calergi are the special ingredients of a unique recipe that will transport guests into a different dimension. Swept away by images, colors, sounds and flavors, they will discover “The Gallery of Wonders” and the magic of Venice. Another important event will be the “Carnevale del Gusto” (The Gourmet Carnival), promoted by the Chaîne des Rôtisseurs, represented by the Bailli of Venice, Enrico Spalazzi, and sponsored by the Bailliage National d’Italie. A surprising gala dinner for Chaîne members and friends to be held at Palazzo Flangini on Saturday 18 February, 2017. The objective will be to offer each guest a cultural as well as festive experience. A gourmet dinner will be prepared by Chef Corrado Fasolato – 1 Michelin star for his work at the restaurant of the Spinechile Resort in Schio and 2 Michelin star in the past – with the collaboration of La Dogaressa Catering, run by Luigino Cassan (maître Restaurateur of the Chaîne des RôtisLa settecentesca Venezia del Longhi, di Canaletto, del Guardi, di Goldoni, il minuetto e il marivaudage della seduzione, ritornano a manifestarsi attraverso una superba e orchestrata illusione nei giorni del Carnevale di Venezia. Palazzi privati, sul calar della sera, si illuminano a giorno, all’esterno con fiaccole in facciata mentre all’interno scintillano i lampadari di Murano. Sono moltissime le serate organizzate nelle dimore aristocratiche, si tratta di eleganti soiree, concerti ed intrattenimenti. Le cene ufficiali del Carnevale di Venezia sono organizzate da Vela - società partecipata dal Comune di Venezia che idea, organizza e commercializza le manifestazioni tradizionali e gli eventi speciali in Città a Ca’ Vendramin Calergi, prestigiosa sede del Casinò di Venezia. Immersi in un ambiente esclusivo, tra raffinatezza e professionalità, gli ospiti potranno vivere una magica dimensione in cui la cura di ogni dettaglio renderà indimenticabile la loro permanenza. Il ricco menu, le emozionanti performance degli artisti, l’eleganza del magico affaccio sul Canal Grande di Ca’ Vendramin Calergi sono gli ingredienti speciali di una ricetta unica e straordinaria, che condurrà gli ospiti fuori dallo spazio e dal tempo. Travolti da immagini, colori, suoni, sapori scopriranno “La Galleria delle Meraviglie”, una Venezia magica e. Altro avvenimento da segnalare è il “Carnevale del Gusto”, promosso dalla Chaîne des Rôtisseurs rappresentata dal Bailli di Venezia, Enrico Spalazzi sotto l’egida del Bailliage National d’Italie. L’appuntamento è per sabato 18 febbraio 2017, a Palazzo Flangini, dove si terrà una serata inaspettata per soci ed amici della Chaîne organizzata con il desiderio di dare ad ogni commensale l’opportunità di vivere un momento di approfondimento culturale e di joie de vivre. I piaceri e l’arte della tavola saranno appagati con una cena preparata dallo Chef Corrado Fasolato – 1 stella Michelin con la sua nuova esperienza presso il ristorante Spinechile Resort di Schio e 2 stelle Michelin nel passato – in collaborazione con La Dogaressa Catering di Luigino Cassan (maître Restaurateur della Chaîne des

50 Venezia | made in Veneto


Above: at dusk private palaces are lit by torches placed on their facades, while Murano chandeliers glisten inside (ph. Alvise Nicoletti) Below: ‘Il Ballo del Doge’ (ph. Osvaldo Di Pietrantonio) Venezia | made in Veneto 51


The 18th-century Venice of Longhi, Canaletto, Guardi and Goldoni. The minuet and the marivaudage of seduction reappear during the Venice Carnival by means of a superb and orchestrated illusion (ph. Alvise Nicoletti) 52 Venezia | made in Veneto


carnival event

Many evening events – elegant soirees, concerts and entertainments – are hosted at aristocratic residences (ph. Alvise Nicoletti)

seurs). A creative, colorful and unusual cuisine, for those who have never tried it, rich with flavors and strong in character. In Italy the Association finds its ideal environment: products of the highest quality, gastronomic style, culinary art and the intense spirit of conviviality which defines our people, from the majestic Alps to the deep blue seas of the south. Enrico Spalazzi commented,“We will honor our Rôtisseurs commitment this time too. We will be focusing on gusto (taste, flavor), in the broadest meaning of the term. It’s in the title of the event and it’s the true spirit of the Chaîne.” The most exclusive event of the Venice Carnival is “Il Ballo del Doge”, a magical dream and a superlative fantastic performance that Antonia Sautter will be presenting on 25 February, 2017, at Palazzo Pisani Moretta, on the Grand Canal. Sumptuous costumes designed and sewn by Antonia, stunning masks that will conceal the most famous faces, amazing performances by world-renowned artists, sophisticated and intricate decorations. “Il Ballo del Doge” is an artistic happening, a worldly event and an experience so memorable that ABC Television claimed it was “one of the ten

Ca’ Vendramin Calergi is the venue for Venice Carnival’s official dinners

Rôtisseurs). Una cucina creativa e di fantasia, colorata e inusuale per chi non la avesse mai provata, ricca di sapori e di forte carattere. In Italia l’Associazione trova il suo perfetto connubio tra eccellenze del gusto, lo stile gastronomico, l’arte culinaria e il profondo spirito di convivialità che contraddistingue le nostre genti, dalla maestosità delle Alpi, al blu profondo dei mari del Sud. “Anche questa volta - commenta Enrico Spalazzi - presteremo fede al nostro impegno di Rôtisseurs. La nostra massima attenzione sarà concentrata sul Gusto nel suo senso più ampio, così come contenuto nello stesso nome della serata e nello spirito proprio della Chaîne”. L’evento più esclusivo del Carnevale di Venezia è “Il Ballo del Doge”, un magico sogno e superlativa rappresentazione scenica e fiabesca che Antonia Sautter metterà in scena sabato 25 febbraio 2017, a Palazzo Pisani Moretta, sul Canal Grande. Sontuosi i costumi da lei disegnati e realizzati, meravigliose le maschere che celano i volti più famosi, straordinarie le performance di artisti di fama internazionale, raffinate ed eleganti le decorazioni studiate sin nei minimi dettagli. È un happening artistico, un appuntamento mondano ed una esperienza indimenticabile tanto da essere stato definito da ABC Television “una delle dieci esperienze che bisogna Venezia | made in Veneto 53


‘Il Banchetto del Re’, organized during the Carnival 2016 by Vela in the wondeful setting of Arsenale (ph. Vela SpA) 54 Venezia | made in Veneto


Above: ‘Il Banchetto del Re’ (ph. Vela SpA) Below: sumptuous costumes designed and sewn by Antonia Sautter (ph. Osvaldo Di Pietrantonio) Venezia | made in Veneto 55


The most exclusive event of the Venice Carnival is ‘Il Ballo del Doge’, a magical dream and a superlative fantastic performance (ph. Osvaldo Di Pietrantonio) 56 Venezia | made in Veneto


‘Il Ballo del Doge’ is an artistic happening, a worldly event and an experience (ph. Gianfilippo de Rossi) things to do before you die.” Coming into its 24th year, “Il Ballo del Doge” stays true to its original principles: “masked to better perceive through the five senses and rediscover one’s instinct.” Antonia Sautter maintained, “The Venice we dream about, wish for and experience remains in our imagination. I like to present it this way, suspended between the enchantment of art, the glamor of fashion and the evocative images captured by a movie camera.” Because “Venice is so splendid, so magical, so glamorous, so you”. Silks, velvets, brocades, damasks, laces and embroideries become efficient seduction tools. Steeped in history, enchantment and tradition, the Venice Carnival, titled “Creatum”, will be running from 11 to 28 February, 2017. It is considered the most beautiful and famous Carnival in the world, with its antique masks that resemble living sculptures, lavish costumes and the spectacular backdrop of a one-of-a-kind city. As always, there will be a host of events that will attract visitors to the Lagoon: the Festa Veneziana, the Best Masked Costume Contest, the Festa delle Marie historical parade, the Flight of the Angel, the “Svolo del Leon” and lastly the traditional Festa delle Marie.

Another important event will be the ‘Carnevale del Gusto’ (The Gourmet Carnival)

assolutamente fare nella vita”. Giunto alla sua XXIV.ema rappresentazione “Il Ballo del Doge” rimane sempre fedele ai suoi principi originari: “mascherarsi per sentire meglio e di più attraverso i cinque sensi, riscoprendo il proprio istinto”. “Venezia – afferma Antonia Sautter – sognata, desiderata e vissuta, resta nell’immaginario di ognuno di noi. Io desidero presentarla così, sospesa tra l’incanto dell’arte, il glamour della moda e le suggestive testimonianze della macchina da presa”. E sì perché: “Venezia è so splendid, so magic, so glam, so you”. Sete e velluti, broccati e damaschi, pizzi e ricami diventano abili strumenti di seduzione. Ricco di storia, di suggestioni e di tradizione, il Carnevale di Venezia, intitolato “Creatum”, si terrà dall’11 al 28 febbraio 2017. E’ ormai considerato il Carnevale più bello e famoso del mondo, con le antiche maschere simili a sculture viventi, il fasto dei costumi e la straordinaria scenografia di una città inimitabile. Come sempre, saranno tantissime le iniziative che si propongono come irresistibile attrazione per una visita in Laguna: dalla Festa veneziana sull’acqua al Concorso della Maschera più bella, dal corteo storico della Festa delle Marie al volo dell’Angelo, dal volo dell’Aquila allo “svolo” del Leon ed infine la tradizionale Festa delle Marie. Venezia | made in Veneto 57


Emma Stone, 28 years old, born in Scottsdale, Arizona is the star of ‘La La Land’, which premiered in Venice in 2016 (ph. Robert Gauthier) 58 Venezia | made in Veneto


cover story

Extraordinary Emma Straordinaria Emma text Giovanni Bogani

Interview with Emma Stone at the premiere of ‘La La Land’ in Venice Incontrata a Venezia per la presentazione di ‘La La Land’ la Stone si racconta Venice brought her luck. Or maybe she brought luck to Venice with two of the best films the festival has presented in the past few years. In 2014 it was Birdman – a remarkable journey into the obsessions of theater actors, their vanity and commitment – that earned her a nomination for an Academy Award for Best Supporting Actress. In 2016 she received the Volpi Cup in Venice for Best Actress for La La Land, opening next 25 January. It was the apex of her career, which led her to be chosen by Woody Allen for two films, Magic in the Moonlight and Irrational Man. And she is only twenty-six. Before becoming Emma Stone, she was Emily Stone, a teenager from Scottsdale, Arizona who dreamed of being an actress and moved with her mother to Hollywood, where they lived in a two-room apartment, with a poster of John Lennon on her bedroom wall. And she paid for her studies by working in a pastry shop where they only made animal-shaped cookies. She was one of the thousands of young faces who arrived in Los Angeles every year with their fantastic and distressing dream of making it in show biz. It resembles the story narrated in La La Land. La La Land. A flash of color and music right after the inauguration of the Film Festival. Have you ever been stuck in traffic and wanted to get out of your car and begin singing and dancing instead of insulting someone at random? For the sake of bringing some beauty in daily dreariness and shaking yourself free of your misery. This is how La La Land begins. Set in present-day Los Angeles - aka La La Land - Emma Stone plays the role of a would-be actress, an artist who dreams big and lets herself be swept away by her love for Ryan Gosling. Emma, is romanticism compatible with the contemporary world? We need it today more than ever. At least we need to see it in movies. They can deliver what life hardly ever allows us to experience. This film speaks of dreams and romanticism, which

Venezia le ha portato fortuna. O lei ha portato fortuna a Venezia, con due dei film più belli che la Mostra del cinema abbia presentato negli ultimi anni. Nel 2014 era Birdman, straordinario viaggio fra le ossessioni della gente di teatro, fra vanità e impegno, che le vale la prima nomination all’Oscar come miglior attrice non protagonista. Nel 2016, La La Land, che uscirà in Italia il 25 gennaio prosssimo, e che le è valso, a Venezia, la Coppa Volpi come miglior attrice. È il momento più alto della sua carriera, che la ha portata anche a essere scelta da Woody Allen per due film, Magic in the Moonlight e Irrational Man. E ha solo ventisette anni. Prima di diventare Emma Stone, dice la sua storia, era Emily Stone, una ragazzina di Scottsdale, Arizona che sognava di fare l’attrice, e che andò a vivere a Hollywood con la madre, per vivere in un appartamentino di due stanze, con un poster di John Lennon nella cameretta. E lavorava, per mantenersi, in una pasticceria che faceva solo dolci a forma di animaletti domestici. Era una delle migliaia di facce giovani che arrivano ogni anno a Los Angeles, con addosso il meraviglioso e terribile sogno di farcela nello show business. Un po’ come quello che si racconta in La La Land. La La Land. Un lampo di colore e musica, appena si era aperto il sipario dell’ultima Mostra del cinema. Avete mai desiderato, bloccati in mezzo al traffico, di scendere dall’auto e – invece di insultare qualcuno a caso – cominciare a cantare e ballare? Portare un po’ di bellezza nel grigiore quotidiano, liberarsi dalle proprie miserie? Ecco, inizia così La La Land. Ambientato nella Los Angeles di oggi - La La Land, pare la chiamino così - il film vede Emma Stone aspirante attrice, artista che sogna in grande e si lascia travolgere dall’amore per Ryan Gosling. Emma, ma quanto posto può avere il romanticismo nel mondo contemporaneo? Oggi più che mai ne abbiamo bisogno. Almeno al cinema; il cinema può fare quello che la vita non ci consente di vivere quasi mai. Questo film parla di sogni e romanticismo, sentimenti che i giovani hanno perso. Oggi sono tutti cinici, si divertono a trovare Venezia | made in Veneto 59


cover story

Some scenes from the ‘La La Land’ musical coming to Italian movie theatres on January 25 are alien to young people nowadays. Today everyone is cynical. People enjoy finding flaws in every thing. I hope this film can show them that loving and dreaming passionately is wonderful. ‘La La Land’ is a musical. When we think the genre has disappeared, it reemerges in a great film. But is there space for musicals today? There is a reason why old musicals are timeless. The secret lies in their simplicity. How can we justify a musical today? I think by looking at the past and adapting the style of the classic musical to contemporary emotions. What does having played this role mean to you? A dream achieved. I have always loved musicals. I began acting when I was eight and I have always dreamed of singing on stage. It is the third time you act in a film with Ryan Gosling. How do you feel when you work with him? It’s great to be able to rely on someone who I look up to and respect like Ryan. We had to learn to dance together and be synchronized. It would have been extremely difficult if there hadn’t been a good connection between us. What drove you to accept a role in such a challenging film? The first reason was the passion I saw in the director, Damien Chazelle. But I found myself thinking with terror, ‘Am I going to make it?’ at least forty times. I took singing and dance lessons and I definitely felt my career was going to run a big risk. Chazelle decided to use wide shots for all the musical scenes and shoot in a single sequence, like in Ginger Rogers and Fred Astaire movies. Meaning mistakes were not an option. There’s a scene in which you dance the tip tap. How did you accomplish that? Through careful planning and with a bit of luck! A few years back you were like Mia, a struggling actress driving to auditions in a beat-up Volkswagen Beetle. Lots of great actors always fear they may fall back into that situation. And I’m no exception. I keep feeling that a few wrong choices could take me back to serving cookies. I’m always afraid that something’s going to drive people to stop calling me. Actually, the contrary seems far more likely at the moment. That is, it is more likely that Emma become an obsession for directors and producers, one of those actresses they cannot do without. And especially that audiences worldwide come to share this feeling. 60 Venezia | made in Veneto

difetti in ogni cosa. Spero che questo film possa mostrare loro che amare e sognare con passione è una cosa meravigliosa. ‘La La Land’ è un musical. Un genere che sembra sonnecchiare, e poi riemerge ogni tanto con grandi film. Ma può avere spazio questo genere oggi? C’è un motivo per cui i vecchi musical sono senza tempo: il segreto sta nella loro semplicità. E oggi, come si può giustificare il musical? Secondo me guardando al passato, contestualizzando lo stile del musical classico con emozioni contemporanee. Che cosa rappresenta per lei interpretare questo personaggio? È la realizzazione di un sogno. Amo i musical da sempre: ho cominciato a recitare a otto anni, e cantare su un palco è sempre stato il mio sogno. È la terza volta che interpreta un film insieme a Ryan Gosling. Che emozioni le dà lavorare con lui? Poter contare su qualcuno che stimo e rispetto, e di cui mi posso fidare, come Ryan è una cosa fantastica. Abbiamo dovuto imparare a ballare insieme, a sincronizzarci, e se non ci fosse stata sintonia sarebbe stata un’impresa difficilissima. Che cosa la ha spinta ad affrontare un film così difficile, sulla carta? La prima ragione è stata la passione che ho visto nel regista, Damien Chazelle. Ma mi sono trovata a pensare ‘ce la farò?’ con terrore almeno quaranta volte. Ho preso lezioni di canto e di ballo, e certo mi sono sentita di fronte al più grande rischio della mia carriera. Chazelle ha voluto filmare tutti i numeri musicali inquadrandoci da capo a piedi, e tutti in un solo ciak, come facevano Ginger Rogers e Fred Astaire un tempo. Tradotto: non potevamo sbagliare. C’è una scena in cui ballate tip tap. Come siete riusciti a costruirla? Con una pianificazione intensa, e più di un pizzico di fortuna!. Qualche anno fa, lei stessa era come Mia, una sconosciuta che andava ai provini, con un vecchio Maggiolino Volkswagen rosso. Molti grandi attori temono sempre di poter ritornare a quei momenti… E io non faccio eccezione. Ho sempre la sensazione che con un po’ di passi falsi, potrei ritrovarmi di nuovo a servire biscotti. Ho sempre la paura che qualcosa potrebbe spingere le persone a non cercarmi più. Al momento - Emma Stone faccia tutti gli scongiuri del caso appare molto, molto più probabile il contrario. Cioè che Emma diventi un’ossessione per registi e produttori, una di quelle attrici di cui non riescono a fare a meno. E che lo diventi, soprattutto, per il pubblico di tutto il mondo.


Above: ‘Irrational Man’ by Woody Allen, 2015 Below: Emma Stone and Ryan Gosling in ‘La La Land’, 2016 Venezia | made in Veneto 61


Above: finely created masks at Antonia Sautter’ atelier Below: the Stefano Nicolao’s Collection in Fondamenta della Misericordia 62 Venezia | made in Veneto


atelier costume

The carnival of dreams Il carnevale dei sogni text Teresa Favi photo Niccolò Rastrelli

An inside look at Venice’s most fascinating ateliers to find the costume you’ve always dreamed of Alla scoperta degli atelier più prestigiosi di Venezia, per sfoggiare il costume che si è sempre sognato

“The mask, therefore, is an ambiguous means behind which, on one hand, truth likes to hide to protect its profundity, but which on the other, we use not to see reality but to escape from it.” Nietzsche We have come to two of the most magical places in Venice, to the ateliers where the masks and costumes that are the stuff of fantasy are created - Antonia Sautter and Atelier Nicolao. Work here is based on continual historical research, meticulously executed sketches, cutting skill, the combination of exquisite materials and the creation of velvets and silks dyed and printed by hand or woven on hand-looms. For a few magical days, the richness of the clothes, the iridescent colours that change and blend, the enigmatic expressions of the masks and the unique refinement of the accessories recreate the intense atmosphere of a past that whispers stories of drama and beauty from the graceful mullioned windows overlooking the Grand Canal. Costumes and masks such as these are created for theatre and cinema productions, and international galas that often become part of the city’s history. ATELIER ANTONIA SAUTTER The Atelier houses over 1,300 costumes, with collections creatively and imaginatively revisited by the producer and organizer of the Ballo del Doge, the world’s most exclusive masquerade ball. Jugglers, comedians, winged creatures and international artists help make the atmosphere at this unforgettable event pure magic and suspended in time. The spectacular costumes created for the Ballo del Doge cover every historical period from the Middle Ages to the 1920’s.

“La maschera è un mezzo ambiguo, dietro il quale da un lato la verità ama nascondersi per salvaguardare la propria profondità; ma che dall’altro noi utilizziamo per non vedere la realtà, per fuggire da essa.” Nietzsche Siamo entrati in quei luoghi magici di Venezia, in quegli atelier di lavorazione artigianale, dove si realizzano le maschere e i costumi che tanto alimentano la nostra fantasia: Antonia Sautter e Atelier Nicolao. Il lavoro è fondato su una continua ricerca nella storia, nello studio del bozzetto, nella conoscenza tecnica del taglio, nella combinazione dei materiali preziosi, nell’elaborazione dei velluti e delle sete che vengono tinte e stampate a mano o tessuti su telai artigiani. La ricchezza delle vesti, i colori che cangiano e si fondono sfumando, le espressioni sempre enigmatiche delle maschere e la raffinatezza unica degli accessori, restituiscono per pochi magici giorni il profumo intenso di un passato che dalle aggraziate bifore che guardano sul Canal Grande continua a raccontare una storia che è dramma e bellezza a un tempo. Così costumi e maschere vengono realizzati per produzioni teatrali, cinematografiche, per gala internazionali che volentieri rimangono nella storia della città. ATELIER ANTONIA SAUTTER Dispone di oltre 1.300 costumi d’epoca con collezioni completamente rivisitate dalla creatività e fantasia dell’ideatrice de Il Ballo del Doge, il ballo in maschera più esclusivo del mondo, un appuntamento mondano indimenticabile in una serata dove si respira un’ atmosfera magica sospesa nel tempo tra giocolieri, commedianti, creature alate e artisti internazionali. I costumi spettacolari creati per Il Ballo del Doge atVenezia | made in Veneto 63


cover story

1

3

5

64 Venezia | made in Veneto

2

4

1. 2. 5. Antonia Sautter’s atelier houses over 1,300 costumes 3. 4. Nicolao Atelier has been making period costumes since 1980


cover story

Tom Cruise, in Kubrick’s ‘Eyes Wide Shut’ , found himself with half-covered by a Antonia Sautter’s creation They are unique, haute couture pieces made and dec- traversano le epoche dal Medioevo agli anni ’20 del orated entirely by hand with elaborate trimmings, XX secolo. Sono pezzi unici di alta moda d’epoca reSwarovski crystals and exquisite ribbons and fabrics. alizzati e decorati totalmente a mano con ricche pasCostume fitting appointments may be made at any time samanerie, pietre Swarovsky, nastri e tessuti preziosi. of the year to avoid the extremely busy days of Carnival La prova costume può essere prenotata in qualsiasi momento dell’anno per evitare sovraffollamento duitself. rante i giorni del carnevale. Tutti i costumi noleggiaGuests can collect and take back their hired ti potranno essere ritirati e riconsegnati costumes in person, or book a delivery serall’Atelier personalmente o prenotando vice. un servizio di delivery. Visitors to Antonia’s atelier have included Dall’atelier di Antonia sono passate anmovie stars and celebrities, such as Monty Costumes che star e celebrità del cinema come Terry Python’s Terry Jones and one of Stanley and masks Jones dei Monty Python, e l’assistente di Kubrick’s assistants looking for masks for are created Stanley Kubrick. Stava cercando maschethe infamous orgy scene in Eyes Wide Shut. for theatre re per l’arcinota scena dell’orgia di Eyes As a result, Tom Cruise found himself with Wide Shut. Come è finita? Tom Cruise si è his face half-covered by one of Sautter’s and cinema productions ritrovato il volto semicoperto da una crecreations. azione Sautter. Oggi ha ancora molte ocOther opportunities to indulge her imagi- and casioni per sbizzarrirsi. Dal party in onore nation have included a party in honour of international di Damien Hirst al matrimonio della moDamien Hirst, Russian pop star and mod- galas della e popstar russa Karelea Mazzola a el, Karelea Mazzola’s wedding and various international consultancies (which led to her being svariate consulenze internazionali (che le sono valse awarded an honorary degree in France). Her first love, una laurea honoris causa in Francia). La sua creatura however, remains the Ballo del Doge, for which she in- prediletta, però, resta il Ballo del Doge, ogni anno con un tema diverso. vents a new theme every year. Calle del Carro, San Marco, 1628, ph. + 39 041 5285967 Calle del Carro, San Marco, 1628, ph. + 39 041 5285967 ATELIER NICOLAO ATELIER NICOLAO The atelier has been making period costumes since Dal 1980 l’atelier realizza costumi storici, creazioni 1980, exporting them all over the world as one of the che da anni vengono esportate in tutto il mondo come Venezia | made in Veneto 65


Antonia Sautter’s atelier have included movie stars and celebrities greatest expressions of Italian-made craftsmanship. una delle massime espressioni artigianali del Made Stefano Nicolao’s expert hands cut and sew exquisite, in Italy. Le mani esperte di Stefano Nicolao tagliano sought-after materials using historically authentic styles e cuciono tessuti pregiati ed esclusivi che, con i taand patterns to add a touch of extra class to the period gli d’epoca originali, aggiungono un accento in più al mestiere di sartoria storica. Una collezione di olcostume-making profession. The collection of over 10,000 costumes, together with tre 10.000 costumi completi di biancheria, copricapi, underwear, headgear, cloaks and accessories, is a jour- mantelli ed accessori fa rivivere secoli di storia della moda. In quasi 40 anni di attività Stefaney through the history of fashion. no Nicolao ha collezionato collaborazioni During almost 40 years in business Stefano prestigiose e nazionali e internazionali, Nicolao has worked with national and inda Venezia al Tibet al Costume Institute ternational bodies from Venice to Tibet, inof Metropolitan Museum of Art di New cluding the Costume Institute at New York’s York. Le opere Don Carlos alla Lyric OpeMetropolitan Museum of Modern Art. ra di Chicago, Madame Butterfly alla FeTheatrical productions include costumes Ateliers nice. Ha realizzato abiti di scena per imfor Don Carlos at the Chicago Lyric Opera where the masks and portanti produzioni cinematografiche tra and Madam Butterfly at La Fenice. le quali Farinelli, 1994, regia Gérard CorHe also created the costumes of films such costumes biau, premiato come miglior film stranieas Gérard Corbiau’s Farinelli, winner of the that are the ro ai Golden Globe e nominato all’Oscar; Golden Globe for Best Foreign Film, and stuff of fantasy parte dei costumi di Elizabeth, 1998, regia nominated for an Oscar, Michael Radford’s are created di Shekhar Kapur; Il Mercante di Venezia, 2004 Merchant of Venice, Lasse Hallstrõm’s 2004, regia di Michael Radford; Casanova, Casanova in 2005, some of the costumes for Elizabeth, directed by Shekhar Kapur, and many others. 2005, regia di Lasse Hallstrõm, e molti altri. Dal 2005 In 2005 he acquired a large space in Fondamenta della ha acquisito un grande spazio nel cuore di Venezia, in Misercordia, in the heart of Venice, to bring under one Fondamenta della Misericordia dove ha riunito sartoroof the workshop, showroom and all the many collec- ria di produzione, show room e tutta la collezione di tions of costumes, which make a beautiful exhibition in costumi che, entrati nel repertorio, fanno bella mostra di sé negli eleganti spazi dell’Atelier. the Atelier’s elegant space. Cannaregio, 2590, ph. +39 041 5207051 Cannaregio, 2590, ph. +39 041 5207051 66 Venezia | made in Veneto


Above: Antonia Sautter’s atelier, where the artist organizes the Ballo del Doge. Below: Stefano Nicolao’s costumes; he has worked with the Costume Institute at NY’s Metropolitan Museum Venezia | made in Veneto 67


East in the air Spring/summer 2017. A thin wind blows from the East. No clear-cut lines and volumes, but volatile passions leaving nothing to imagination Un sottile fil rouge. Irrompe dall’Est. Non sono linee o volumi precisi, ma passioni volatili che nulla lasciano all’immaginario

Marta Innocenti Ciulli - Photo Sara Mautone - Make up and hair Paolo Baroncelli


Prada

Sheath dress with color inlays and parachute hem Tubino con inserti di colore e orlo chiusura paracadute Shoes Prada Venezia | made in Veneto 69


salvatore ferragamo Puff sleeve blouse with front wrap and flounce yoke Camicia con maniche gonfie, intreccio sul davanti e baschina Hair brooches Patti Shorts Miu Miu 70 Venezia | made in Veneto


marco de vincenzo

Open side lace dress with strap detailing. Crocheted pullover Abito aperto su un fianco sorretto da fili sottili. Pull uncinetto Slippers Marco de Vincenzo Necklace On Aura Tout Vu at Luisaviaroma Venezia | made in Veneto 71


miu miu

Knit top with suspenders and belt. Shorts with pockets Top di maglia. Shorts con tasche Necklace On Aura Tout Vu at Luisaviaroma Shoes Prada Earrings Patti

dolce & gabbana

Patterned silk mermaid dress with precious embroidery at the waist and huge buttons Abito in seta stampata, in vita ricami e bottoni giganti Sandals Dolce & Gabbana 72 Venezia | made in Veneto


Venezia | made in Veneto 73


paul smith

Sleeveless dress loose at the waist, scarf-necked. Fully embroidered Abito collo sciarpa interamente ricamato Shoes Roger Vivier at Luisaviaroma Hair brooches Patti


fendi

Wide sleeve blouse with boat neck, paired with a slightly flared long skirt Camicia maniche ampie con scollo a barca, lunga gonna Venezia | made in Veneto 75


vivetta

Wide-legged shantung pants and jacket with elbow-length sleeves. Embroidery and frogging Shantung per i panta larghi e la giacchina Ricami e alamari Slippers Roger Vivier at Luisaviaroma 76 Venezia | made in Veneto


marni

Judogi skirt tied at the waist Gonna judogi che si annoda in vita Necklace On Aura Tout Vu at Luisaviaroma Venezia | made in Veneto 77


I Want You Voglio te The quintessential symbol of love on show in the great theater of fashion. A ring as a vow, a ring as an expression of style, a ring as a touch of elegance. Diamonds and precious stones are paired with the purest gold for stunning creations. Seeing is believing. Il simbolo dell’amore per eccellenza sfila nel grande teatro della moda. Anello come fede, anello come stile, anello come eleganza. Diamanti e pietre preziose si uniscono all’oro più puro per creazioni di assoluto stupore. Guardare per credere.

1

2

3

4

5

1. Damiani 2. Gucci Fine Jewellery 3. Annamaria Cammilli 4. Pomellato 5. Bulgari 6. Rspini Gioielli 78 Venezia | made in Veneto


fashion jewels

6 Venezia | made in Veneto 79


must have bijoux

2 1

One is not enough when it comes to fashion jewelry. Lovable, ironic, sweet and colorful. Warning: may cause addiction 6 7

3

5 8

4 6

PS: We love you! Ps: vi amiamo

by Sabrina Bozzoni 1. Gucci - San Marco, 2102 - Venezia 2. Marni - marni.com 3. Fendi - Calle Frezzaria, 1582 - Venezia 4. Hermès - San Marco, 1292 - Venezia 5. Chanel - San Marco, 1254A - Venezia 6. Dolce & Gabbana - Piazza San Marco, 223/226 - Venezia 7. Salvatore Ferragamo - Calle Larga XXII Marzo - Venezia 8. Vionnet - vionnet.com 80 Venezia | made in Veneto


must have bags

2 1

To each their own, as long as it’s in bloom. The new bag season invades our gardens with precious floral keepsakes. A new obsession 6 7

3

5 8

4 6

Put a flower on your bag Metti un fiore sulla tua borsa

by Sabrina Bozzoni 1. Gucci - San Marco, 2102 - Venezia 2. Miu Miu - San Marco, 1471 - Venezia 3. Salvatore Ferragamo - Calle Larga XXII Marzo - Venezia 4. Marni - marni.com 5. Fendi - Calle Frezzaria, 1582 - Venezia 6. Prada - San Marco, 1464 - Venezia 7. Stella McCartney - stellamccartney.com 8. Dolce & Gabbana - Piazza San Marco, 223/226 - Venezia Venezia | made in Veneto 81


DORMIRE È IL PIACERE PIÙ IMPORTANTE.

DORMIRE È IL PIACERE PIÙ IMPORTANTE.


must have man

2 1

3

Men’s fashion this spring is a kaleidoscopic array of trends. A impressive mashup of street fashion and sartorial style 6

5

7

8

4 6

Out of control Senza controllo

by Sabrina Bozzoni 1. Faliero Sarti - via XXIX Maggio, 10 - Cortina d’Ampezzo 2. Louis Vuitton - San Marco, 1345 - Venezia 3. Gucci - San Marco, 2102 - Venezia 4. Dolce & Gabbana - Piazza San Marco, 223/226 - Venezia 5. Prada - San Marco, 1464 - Venezia 6. Valentino - San Marco, 1473 - Venezia 7. Micromega - San Marco, 2635 - Venezia 8. Nike - nike.com Venezia | made in Veneto 83


art exhibition

Forever young and rebellious Giovane e ribelle per sempre text Francesca Lombardi

ted bition dedica The great exhi i, an gi rmeg to Tancredi Pa n io ct le ol nheim C at the Gugge , m ei nh ge ug eG Alla Collezion ta ca tra dedi la grande mos rlmeggiani Pa di re a Tanc Tancredi was the only artist, after Jackson Pollock, whom Peggy Guggenheim placed under contract, promoting his work, making it known to major museums and collectors in the USA, and organizing shows, including one in her own home, Palazzo Venier dei Leoni, in 1954. More than sixty years later, Tancredi returns to Venice as the star of the Peggy Guggenheim Collection with the exhibition My Weapon Against the Atom Bomb is a Blade of Grass. Tancredi. A Retrospective, curated by Luca Massimo Barbero. An extraordinary selection of works which recreates the brief but meteoric trajectory of this great postwar painter. Beginning with Tancredi’s rare youthful portraits and self-portraits and his first experiments with paintings on paper in 1950-51, such as the famous Springtime, the exhibition moves on to document Tancredi’s career in the early fifties, a period marked by the crucial encounter with Peggy, to whom he became protégé, and who gave him studio space in Palazzo Venier dei Leoni. Owing to the special relationship he established with Peggy, Tancredi rose to international fame. During this period, the artist conceived a more personal, micro-spatial and polychromatic approach to painting, which some described as “molecular”. The year 1954 represented a key moment in Tancredi’s career, with the exhibition held at PalazTancredi è stato l’unico artista, dopo Jackson Pollock, con il quale Peggy Guggenheim strinse un contratto, promuovendone l’opera, facendola conoscere ai grandi musei e collezionisti d’oltreoceano e organizzando alcune mostre, come quella del 1954 proprio a Palazzo Venier dei Leoni. Dopo oltre sessant’anni, dunque, l’artista ritorna protagonista indiscusso alla Collezione Peggy Guggenheim con la mostra La mia arma contro l’atomica è un filo d’erba. Tancredi. Una retrospettiva, a cura di Luca Massimo Barbero. Una straordinaria selezione di lavori, che ricostruiscono la parabola breve, ma folgorante, di questo grande interprete dell’arte del secondo dopoguerra. Partendo da rare prove giovanili di ritratti e autoritratti e dalle prime sperimentazioni su carta del 1950-51, le famose Primavere, il percorso espositivo passa a documentare la ricerca svolta dall’artista nell’arco dei primi anni ‘50, periodo che segna l’incontro cruciale con Peggy, di cui diventa protégé, e che lo porta ad avere un proprio studio a Palazzo Venier dei Leoni. E’proprio grazie al rapporto privilegiato che instaura con Peggy che il lavoro di Tancredi acquisisce un respiro internazionale. In questo periodo che l’artista giunge a concepire una pittura personale, micro-spaziale e policromatica, definita da alcuni “molecolare”. Cruciale nel 1954 la mostra che Peggy organizza a Palazzo Venier dei Leoni e che consolida la fama del giovanissimo artista. In seguito al soggiorno norvegese, durante il 1960, l’amore per 84 Venezia | made in Veneto


Tancredi Parmeggiani in Venice, 1955-56 Venezia | made in Veneto 85


cover story

Tancredi Parmeggiani (Untitled) City, 1954

Owing a special relationship he established with Peggy, Tancredi rose to international fame

zo Venier dei Leoni that allowed the young artist’s fame to spread quickly. Following a trip to Norway in 1960, Tancredi’s works were influenced by Northern-European painting and took on a grotesque and dramatic twist, typical of Edvard Munch’s style. A period of crisis and of complete revision of his approach to painting followed, during which Tancredi gave an existential and political meaning to his artwork. The tension of the Cold War years gave rise to the title of this exhibition, My weapon against the atom bomb is a blade of grass, Tancredi’s response to the many world conflicts of the time. Belonging to this key moment in the artist’s career and on show in Venice are the three paintings of the Hiroshima series (1962). A further experimental phase is showcased in the final part of the exhibition and consists of the collage-paintings, created between 1962 and 1963, known as Hometown Diaries and the Flowers 101% Painted by Me and by Others, which are considered to be the major revelation of this retrospective. The end of Tancredi’s extraordinary career was marked by the creation of the so-called “antihero” paintings, imbued with color, whether a blur or an image, and hinting at the war, the latest news or nature. Tancredi died in 1964 at the age of 37, young but ready, as Dino Buzzati wrote, to evolve into the “myth of Tancredi”. la pittura nordica e il grottesco si arricchiscono delle note accese e drammatiche di Edvard Munch. Segue un momento di crisi e di completa revisione della propria pittura, a cui l’artista vuole dare ora un senso esistenziale e politico. La tensione di quegli anni di guerra fredda emergono nel titolo di questa retrospettiva “La mia arma contro l’atomica è un filo d’erba”, frase con cui Tancredi risponde agli innumerevoli conflitti dell’epoca. Di questo momento fondamentale nel suo percorso artistico, in mostra a Venezia ci saranno i tre dipinti della serie Hiroshima (1962). Sono nella parte conclusiva dell’esposizione i collage - dipinti, eseguiti tra il 1962 e il 1963, i cosiddetti Diari paesani e i Fiori dipinti da me e da altri al 101%, che possono essere definiti la vera rivelazione di questa retrospettiva. Immersosi nel clima della nuova pittura degli anni ‘60, Tancredi in aperta polemica con essa costruisce nuovi quadri “antieroici”, imbevuti di colore che diviene ora macchia ora immagine, capaci di alludere alla guerra, alla cronaca o a grandi fiori. Sono queste opere a chiudere lo straordinario percorso dedicato all’artista: Tancredi muore infatti nel 1964 a soli 37 anni, giovanissimo e pronto a entrare, come scrive Dino Buzzati, nel “mito di Tancredi”.

86 Venezia | made in Veneto


Above: Tancredi Parmeggiani Untitled, 1951 Below: Tancredi Parmeggiani Virgin Nature (Natura vergine), 1954 Venezia | made in Veneto 87


Gustav Klimt, Giuditta II (Salomè) 88 Venezia | made in Veneto


art exhibition

The Myth of Beauty Il mito della bellezza text Virginia Mammoli

‘Around Klimt. Judith, Heroism and Seduction’, the first exhibition of the ‘Short Circuit. Dialogue Between the Centuries’ ‘Attorno a Klimt. Giuditta, eroismo e seduzione’, la prima mostra del ciclo ‘Cortocircuito. Dialogo tra i secoli’

Venice’s Civic Museums Foundation has just inaugurated La Fondazione Musei Civici di Venezia ha inaugurato the Around Klimt. Judith, Heroism and Seduction exhibi- al Centro Culturale Candiani di Mestre Attorno a Klimt. tion, the first of a series of events devoted to modern and Giuditta, eroismo e seduzione, il primo di una serie di contemporary art titled Short Circuit. Dialogue Between the appuntamenti dedicati all’arte moderna e contemporanea Centuries, at Mestre’s Candiani Cultural Center. The star dal titolo Cortocircuito. Dialogo tra i secoli. Il fulcro della of the exhibition, showing until March 5, 2017, is Gus- mostra, visibile fino al 5 marzo 2017, è rappresentato dal tav Klimt’s masterpiece Judith II (Salome), on loan from capolavoro di Gustav Klimt Giuditta II (Salomè), che arriva the Ca’ Pesaro museum. A painting created by the great per l’occasione da Ca’ Pesaro. Un’opera, realizzata dal grande Viennese artist in 1909, rich in magnetic sensuality and artista viennese nel 1909, che ammalia per la sua carica Byzantine references. The exhibition explores the theme sensuale e per le sue evocative reminiscenze bizantine. of Judith, one of the most celebrated biblical L’esposizione ripercorre le suggestioni legate heroines of all times. This young and beautiall’affascinante icona della ‘Giuditta’, una ful Hebrew widow bravely saved her people più celebri donne bibliche di tutti i The exhibition delle from being destroyed by Holofernes, the gentempi. Una giovane vedova ebrea che decide explores the con coraggio di salvare il suo popolo dalla eral of Nebuchadnezzar, who had laid siege to the city of Betulia. One night, she gained theme of minaccia di Oloferne, il generale assiro di access to his tent and decapitated him as he Judith, one Nabucodonosor che assedia la città di Betulia: lied in a drunken stupor. The exhibition tells Oloferne e, mentre il generale giace of the most seduce about this amazing female figure, from the ebbro nella sua tenda, lo uccide tagliandogli la celebrated testa. La mostra racconta di questa incredibile biblical tradition and the artistic popularbiblical figura a partire dalla tradizione biblica e dalla ity she gained between the 1500s and 1600s (during which Judith was portrayed by artists heroines of all fortuna artista che ebbe tra il Cinquecento e such as Artemisia Gentileschi, Johann Liss Seicento (periodo in cui venne dipinta da times ilartisti and Francesco Cairo), to nineteenth-century come Artemisia Gentileschi, Johann symbolism and the interpretation given by the father of Liss, Francesco Cairo), fino al Simbolismo ottocentesco psychoanalysis, Sigmund Freud, in 1917 with The Taboo e all’interpretazione che ne fece il padre della psicanalisi, of Virginity. Sigmund Freud, nel 1917 con Il tabù della verginità. Klimt’s painting, made in the years of the Viennese Se- Quello di Klimt, dipinto nel clima della Secessione cession atmosphere and introduced in Venice during the Viennese e presentato a Venezia durante la IX Biennale 9th International Art Biennale of 1910, was quite shocking Internazionale d’Arte del 1910, fu un quadro dirompente e and unsettling for the audience and critics of the time. spiazzante per il pubblico e per la critica del tempo. Il pittore The painter offered a contemporary version of the myth, leggeva il mito in chiave contemporanea, mescolando Venezia | made in Veneto 89


From above clockwise: Edvard Munch, L’urna; Egon Schiele, Nudo (Torso femminile); Giuseppe Zanoni, Giuditta e Oloferne 90 Venezia | made in Veneto


Vittorio Zecchin, Le principesse e i guerrieri

by mixing elements of the traditional figurative version elementi della più antica memoria figurativa con una and a new dramaturgy, designed to represent the drives of nuova drammaturgia, destinata a rappresentare le pulsioni the unconscious. Judith II represented whatever the men’s dell’inconscio. Giuditta II finiva con il rappresentare tutto world feared the most between the 1800s and 1900s: she ciò che tra Ottocento e Novecento la società maschile was not a heroine nor a savior anymore, she was not chaste temeva di più: la protagonista non è più un’eroina, non nor pure, she was a woman who had discovered her sexu- è una salvatrice, non è casta, piuttosto è una donna che ality, refused to be socially marginalized and ha scoperto la propria sessualità, che rifiuta la felt free to express her most intimate desires. propria marginalità sociale e scopre le sue più The exhibition investigates powerful themes intime pulsioni. such as the relationship between men and La mostra affronta così temi potenti come women and between Eros and Thanatos, but rapporto tra uomo e donna e tra Eros e It is a world ilThanatos, also female clichés and women’s difficult ma anche gli stereotipi femminili filled with e il difficile cammino verso l’emancipazione, path to emancipation, drawing inspiration beauty, prendendo spunto anche da altre figure from other mythological figures and female icons: Leda and the Swan, Vanitas, Salome, passion, mitologiche e icone femminili: Leda e il Danae, the Sphinxes. mystery, Cigno, Vanitas, Salomè, Danae, le Sfingi. It is a world filled with beauty, passion, mysuniverso intriso di bellezza, passione, courage and Un tery, courage and spirit of revenge. Showmistero, coraggio e spirito di vendetta che spirit vede, insieme al quadro di Klimt, opere di cased alongside Klimt’s painting are works by artists of the caliber of Felicien Rops, Edof revenge grandi come Felicien Rops, Edvard Munch, vard Munch, Félix Édouard Valotton, Jules Félix Édouard Valotton, Jules Van Biesbroeck, Van Biesbroeck, Gaetano Previati, Mariano Fortuny, Egon Gaetano Previati, Mariano Fortuny, Egon Schiele, Vittorio Schiele, Vittorio Zecchin, Luigi Bonazza, but also precious Zecchin, Luigi Bonazza, ma anche preziose bibbie e bibles and sixteenth-century bronze plaquettes, refined placchette bronzee cinquecentesche, raffinati oggetti d’arte art objects of French and Venetian manufacture portray- di manifattura francese e veneziana con la raffigurazione ing the Judean heroine, Dutch and Italian etchings of the dell’eroina giudea, incisioni e acqueforti del Seicento e 1600s and 1700s and elegantly theatrical and ironic con- Settecento olandesi e italiane, fino alla ricercata teatralità temporary works of art by Rocco Normanno, Giuseppe Za- o all’ironia contemporanea di lavori di Rocco Normanno, noni and Sarah Lucas. Giuseppe Zanoni e Sarah Lucas. Venezia | made in Veneto 91


art exhibition

Man’s thousand faces I mille volti dell’uomo text Virginia Mammoli

The exhibition ‘Francis Bacon. A Journey Through the Thousand Faces of Modern Man’ at Casa dei Carraresi, in Treviso A Casa dei Carraresi, a Treviso, la mostra ‘Francis Bacon. Un viaggio nei mille volti dell’uomo moderno’ “Who is the modern man?”, this is the difficult question that the exhibition Francis Bacon. A Journey Through the Thousand Faces of Modern Man- showing until May 1, 2017 at Casa dei Carraresi, in Treviso- attempts to answer. The exhibition presents, through the Irish artist’s works, a general overview of the perception of human existence over the centuries. Sophocles discussed it in the 5th century B.C., Pirandello, many years later, tackled the issue in One, No One and One Hundred Thousand: the vision of mankind is distorted, obscure, indeterminable and yet wonderful. The viewer is faced with the challenge of reflecting on the idea of who man is and, above all, on how he was seen by Bacon and his contemporaries, examining the matter in its many facets, from the artistic, but also philosophical and psychological point of view. Repressed anger expressed through a pronounced brushstroke and the depiction of an extensive collection of papal figures which, for an atheist such as Bacon, is the unconscious representation of the lack of a paternal figure, are all signs that if carefully examined, reveal the dark and hidden side of a mysterious figure attempting to deal with the feeling that dominates his existence. Bacon’s philosophical theories - he was a passionate reader of Nietzsche - are illustrated in parallel with the masterworks of a collection that is still largely unseen. Even the music, literary and cinema references that are found in some of Bacon’s works are carefully investigated. As a result, viewers experience a true journey through the life of this great artist and of the atmosphere in which he lived and worked. The exhibition includes a series of events and lectures held by artists and professionals who will give their personal interpretation of Francis Bacon’s artwork and outline, in their opinion, the thousand faces of modern man. 92 Venezia | made in Veneto

“Chi è l’uomo moderno?” è questa la domanda, non certo semplice, a cui tenta di dare risposta la mostra Francis Bacon. Un viaggio nei mille volti dell’uomo moderno, fino all’1 maggio 2017 nella cornice della Casa dei Carraresi, a Treviso. L’esposizione traccia, attraverso le opere dell’artista di Dublino, una panoramica generale di quella che al tempo era la percezione dell’esistenza umana. Ne parla Sofocle nel V secolo avanti Cristo, lo riprende Pirandello molto più tardi con Uno, nessuno, centomila: la visione dell’uomo è distorta, oscura, indeterminabile ma allo stesso tempo mirabile. La sfida che viene lanciata al visitatore è quella di cercare di soffermarsi sulla concezione di chi è l’uomo e soprattutto su come effettivamente questo venisse visto da Bacon e i suoi coevi, analizzandone i molteplici aspetti non solo artistici, ma anche filosofici e psicologici. La rabbia repressa che si scatena in un tratto particolarmente marcato nella tela, la rappresentazione di un’ampia collezione di figure papali che, per un artista ateo come Bacon, altro non sono che la rappresentazione inconscia della mancanza della figura paterna sono tutti segni che, se analizzati con cura e precisione, fanno scoprire un aspetto oscuro, quasi nascosto, di un personaggio enigmatico che esprime il sentimento che attanaglia la sua esistenza. Le teorie filosofiche riprese da Bacon, appassionato lettore di Nietzsche, sono studiate parallelamente alla visione di capolavori di una collezione rimasta ancora poco nota. Anche le grandi scelte musicali, letterarie e i riferimenti a noti film che ritornano in alcune opere di Bacon sono oggetto di indagine ed approfondimento. Il risultato è un vero e proprio viaggio nella vita del grande artista e nell’atmosfera che lo circondava. La mostra, inoltre, è accompagnata da una serie di eventi e incontri organizzati con artisti e professionisti che di volta in volta daranno una propria interpretazione alle opere di Francis Bacon e cercheranno di delineare quelli che, secondo loro, sono i mille volti dell’uomo moderno.


From above clockwise: Francis Bacon, Self-portrait; Francis Bacon, Portrait of a woman; the exhibition


Ernest and Mary Hemingway outside of Gritti Palace along a canal in Venice.. 94 Venezia | made in Veneto


venice itineraries

In Hemingway’s footsteps SULLE ORME DI HEMINGWAY text Federica Repetto

A romantic and touching itinerary through the places dear to the American writer Itinerario romantico e struggente attraverso i luoghi cari allo scrittore americano

From the Alps around Schio and Bassano to Torcello in the Venetian Lagoon, the Dolomites at Cortina d’Ampezzo, the valleys above Caorle and the hills around Verona, Ernest Hemingway’s sentimental and literary map lies in the north-east of Italy. His home from home in Venice was a room at the The Gritti Palace, “the best hotel in a city of great hotels”, with floor to ceiling French windows opening onto balconies that afford unsurpassed views of the Grand Canal. Spectacular views to fall in love with are to be had from both the bedroom and the living room of the Presidential Suit. Located across from the Gritti is the Church of Santa Maria del Giglio, with its Baroque facade and works by Tintoretto and Reubens, and which Hemingway described as a “ fine, compact, and yet ready to be air-borne building”, and compared to a P-47 fighter plane. The Hemingway itinerary continues along Calle Larga XXII Marzo, were he would stop at Ciro’s Bar (now La Caravella restaurant) and drink champagne with Princess Aspasia of Greece, mother of King Peter of Yugoslavia, and other admirers, even if to tell the truth, Giuseppe Cipriani’s Harry’s Bar was always his hangout of choice. Returning from duck hunting on the nearby Caorle lagoon, it was here that he always had his own table where he could enjoy a Montgomery, an explosive fifteen parts gin to one part dry vermouth! His walks continued along the canal banks besides the Royal Gardens as far as St. Mark’s Square, “where the pigeons are and where they have that big cathedral that looks like a cinema”. A little further on, is the Piazzetta - overlooking the lagoon and housing the sumptuous Venetian Gothic -

Dalle prealpi intorno a Schio e Bassano alla Torcello lagunare, dalle Dolomiti ampezzane alle valli sopra Caorle, dalle colline veronesi a Venezia, la geografia sentimentale e letteraria di Ernest Hemingway vive nel nostro Nordest. La sua “casa” a Venezia? Una camera dell’Hotel Gritti Palace: “il miglior hotel in una città di grandi hotel” che si presenta con porte finestre a tutta altezza che si spalancano su balconi alla francese e consentono viste di rara bellezza sul Canal Grande. Sia dalla camera da letto della Suite Presidenziale che dal salotto, è possibile innamorarsi di panorami spettacolari. Poco distante dal Gritti si trova la chiesa di Santa Maria del Giglio, con facciata barocca che ospita opere del Tintoretto e Rubens, che egli definì un “bell’edificio, compatto e insieme pronto a prendere il volo” e che paragonò ad un aereo da caccia P-47. L’itinerario di Hemingway prosegue lungo Calle Larga XXII Marzo, era solito fermarsi da Ciro’s Bar (Ristorante La Caravella) ed ordinare un calice dello Champagne che sorseggiava in compagnia della principessa Aspasia di Grecia, madre del re Pietro di Jugoslavia e altri suoi ammiratori. Anche se, a dire il vero, il rifugio dello scrittore fu da sempre l’Harry’s Bar di Giuseppe Cipriani. Dopo una caccia alle anatre nella vicina laguna di Caorle era qui che aveva sempre un tavolino a sé riservato per potersi gustare un “Montogmery”, quindici contro uno: quindici misure di Gin contro una di Martini (esplosivo!). Le sue passeggiate proseguivano lungo la riva che costeggia i Giardini Reali, per giungere a Piazza San Marco, luogo “dove ci sono i piccioni e quella grande cattedrale che pare un cinematografo”. A pochi passi la Piazzetta - che guarda il bacino e che ospita il sontuoso Palazzo Venezia | made in Veneto 95


1

3

5

96 Venezia | made in Veneto

2

4

Some places loved by Hemingway 1. Burano 2. San Marco 3. Torcello 4. Harry’s Bar 5. Rialto Bridge (ph. Alvise Nicoletti)


View fom San Marco towards the Island of San Giorgio

style Doge’s Palace, the former seat of government of Ducale, in stile gotico-bizantino, sede politica in pasthe Serenissima and residence of the Doges – and the sato della Serenissima e dimora dei Dogi - e la straorspectacular St. Mark’s Basilica, opulently decorated dinaria Basilica di San Marco con i suoi preziosi e rari with gold mosaics, and housing the remains of St Mark, mosaici, edificio di culto che accoglie le spoglie di San patron saint of Venice. Marco, patrono della città. Nella Piazza poi il CampaIn the Square, the Campanile towers over the Loggetta nile che sormonta la Loggetta del Sansovino e vicino del Sansovino, and near to the Procuratie alle Vecchie Procuratie si trova la Torre Vecchie stands the Clock Tower topped by dell’Orologio celebre per i suoi due Mori. the two great bronze figures known as “the Da San Marco percorrendo le Mercerie si Moors”. His home from giunge a Rialto, centro della vita commerGoing along the Mercerie from St Mark’s, sin dal IX secolo, accoglie ancora oggi, home in Venice ciale you come to Rialto, the centre of the city’s dopo mille anni, veneziani e turisti nei suoi was a room mercati. “Prese una scorciatoia e giunse al commerce since the 9th century, and which at the mercato del pesce. Al mercato, esposte sul a thousand years later still attracts Venetians and tourists to its markets. The Gritti pavimento di pietra sdrucciolevole o nelle “He took a short cut, and was at the fishPalace, ceste o nelle cassette dalle maniglie di cormarket. In the market, spread on the slipc’erano le pesanti aragoste grigioverdi “the best hotel de, pery stone floor, or in their baskets, or their dalle sfumature violacee che presagivano in a city la morte sull’acqua bollente”. Da Rialto, atrope-handled boxes, were the heavy, graygreen lobsters with their magenta overtones of great hotels” traversato Campo Santi Apostoli, raggiunthat presaged their death in boiling wageva le Fondamenta Nove da dove è possiter”. From Rialto, Hemingway would cross Campo Santi bile imbarcarsi con i battelli pubblici per raggiungere le Apostoli to reach the Fondamenta Nove, where boats isole della laguna nord: San Michele, Murano, Burano, leave for the islands at the northern end of the lagoon - Torcello, Santo Erasmo e Mazzorbo. Hemingway da San Michele, Murano, Burano, Torcello, Santo Erasmo sempre rimase conquistato dall’insolito fascino dell’iand Mazzorbo. sola di Torcello ed in particolar modo della Locanda Hemingway was captivated by the unique charm of the Cipriani consacrata a mito letterario per aver ospitaisland of Torcello, and particularly of Locanda Cipriani, to lo scrittore nell’autunno del 1948. Giunto a Venezia which entered the annals of literary history when the con la moglie Mary, Hemingway era già all’epoca un Venezia | made in Veneto 97


Long strolls from San Marco to the Giardini Reali

writer stayed there in the autumn of 1948. personaggio leggendario. Decise di trascorrere l’intero Hemingway was already a legendary figure when he ar- mese di novembre alla Locanda Cipriani, dividendo il rived from Venice with his wife Mary and decided to suo tempo tra la caccia alle anatre, la stesura del suo spend the entire month of November at the Locanda romanzo Di là dal fiume e tra gli alberi e il suo tavolo Cipriani, dividing his time between duck hunting, writ- accanto al fogher della Locanda. Le impressioni ed il ing his novel Across the River and Into the Trees, and his ricordo di quel novembre torcellano sono rimaste per table next to the Locanda’s fireplace. sempre impresse nelle pagine del suo roHis impressions and memories of that Nomanzo. Hemingway ritornò, con la moglie vember on Torcello are immortalized in the Mary, nella primavera del 1954 durante un pages of his novel. Hemingway soggiorno veneziano che seguì alle disavHemingway came back to visit with Mary in del suo viaggio in Africa. Fu una was captivated venture the spring on 1954, during a stay in Venice giornata di caviale e vodka, al tepore del by the unique primo sole di primavera. A lui dobbiamo following his misadventures in Africa. It charm molto. Tra le pagine dei suoi libri Venezia was a day of caviar and vodka in the first warmth of early spring. of the island viene scoperta e rivelata nei suoi isolotti, We owe much to him. The pages of his of Torcello, nei canali delle valli da pesca, nei «ghebbi» books reveal a Venice of islands, fishing ca(canali senza uscita), luoghi da lui frequennals and ghebi (minor canals in Venetian di- and particularly tati e prediletti più di quanto non si creda.  of Locanda Tanti nella nostra regione erano i luoghi a alect), places he knew and loved more than is generally imagined.  Cipriani lui più cari. A Fossalta, sulle rive del Piave, Many places in Veneto were dear to him. In chiuse un conto in sospeso con la vita e il Fossalta, on the banks of the Piave, he settled a score destino. Nelle valli della laguna di Caorle, a San Gawith destiny; he found peace and quiet as a guest of Bar- etano, ospite del Barone Raimondo Nanuk Franchetti, on Raimondo Nanuk Franchetti at San Gaetano, where trovò pace e serenità trascorrendo molto tempo in bathe spent a lot of time hunting. tute di caccia. A Venezia scrisse i suoi romanzi all’HarIn Venice he wrote his novels in Harry’s Bar and became ry’s Bar e strinse amicizia con Cipriani, elevò «a casa friends with Cipriani, made the Gritti Palace Hotel his sua» l’Hotel Gritti e alla Locanda Cipriani di Torcello, home from home, and spent some of his happiest days assieme a Mary, trascorse i giorni più felici del suo mawith Mary at Locando Cipriani on Torcello. trimonio. 98 Venezia | made in Veneto


An intense Piazza San Marco at sunset. Hemingway with Mary in Venice, where he spent the happiest years of his marriage Venezia | made in Veneto 99


Above, ‘Macbeth’ Below, ‘Le donne gelose’ 100 Venezia | made in Veneto


theatre seasons

Winter at the theatre Inverno a teatro text Teresa Favi

Drama, opera, dance and symphony concerts. Don’t miss these dates in Venice theatres Prosa, lirica, danza e concerti sinfonici. Le date da non perdere nei principali teatri di Venezia

Winter is the time of year in which the great theatre seasons are in full swing and this year Venice offers a great season of drama at Teatro Goldoni while the Gran Teatro La Fenice offers fabulous operas and symphony orchestras in December, January, and February. DRAMA The title theme for New Year’s Eve and New Year’s Day in Venice’s primary theatre, Teatro Goldoni, is Romeo e Giulietta. L’amore è saltimbanco (Romeo and Juliet. Love is acrobatic) a passionate commedia dell’arte performance. Michele Mori, Marco Zoppello, and Anna De Franceschi re-interpret the classic Shakespeare play with their irreverent and light-hearted style, involving the audience in an entertaining mix of plots, dialects, improvisations, duels, and pantomimes. Following that, there is a double date with Carlo Goldoni and his inestimable theatrical production. First, from January 26 to 29, Le donne gelose (The jealous women), a Goldoni “dark” show by Giorgio Sangati, arrives in a new Venice version on the heels of its success at the Piccolo Teatro di Milano. Then, from February 2 to 4, the stage will be home to Locandiera B&B by Edoardo Erba, a modern version of La locanderia by Carlo Goldoni directed by Roberto Andò and featuring Laura Morante. From February 8 – 12, Luca De Fusco takes over the stage with Macbeth, one of Shakespeare’s masterpieces and one of the most theatrically perfect plays due to its consistency and consequential dramatic structure. The Carnival month ends beautifully with two impressive titles. On February 18 and 19, Paolo Rossi reinterprets the most famous French playwright in Molière: la recita di Versailles (Molière: the Versailles play) and from February 23 - 26, Giorgio Sangati accepts the challenge to give new suggestions to one

L’inverno è il tempo in cui le stagioni dei grandi teatri sono in pieno fermento, e Venezia vanta quest’anno una grande stagione di prosa in cui il Teatro Goldoni la fa da padrone, mentre in fatto di titoli d’opera e di appuntamenti con la musica sinfonica i calendari di dicembre, gennaio e febbraio del Gran Teatro La Fenice offrono squisitezze da non perdere. PROSA Il titolo che sigla la sera di San Silvestro e quella del 1 gennaio nel principale teatro di prosa di Venezia, il Teatro Goldoni, è Romeo e Giulietta. L’amore è saltimbanco, uno spettacolo travolgente nel segno della migliore commedia dell’arte: Michele Mori, Marco Zoppello e Anna De Franceschi rileggono il classico shakespeariano con il loro stile irriverente e scanzonato, coinvolgendo il pubblico in un divertente mix di trame, dialetti, improvvisazioni, duelli e pantomime. Segue poi un doppio appuntamento con Carlo Goldoni e la sua infinita produzione teatrale. Dal 26 al 29 gennaio, arriva Le donne gelose in una nuova versione che dopo il successo ottenuto al Piccolo Teatro di Milano arriva anche a Venezia: un Goldoni “dark” firmato da Giorgio Sangati. Poi, dal 2 al 4 febbraio, Locandiera B&B di Edoardo Erba, versione in chiave contemporanea de La locandiera di Carlo Goldoni con la regia di Roberto Andò e la presenza in scena di Laura Morante. Mentre dall’ 8 al 12 febbraio approda Luca De Fusco che firma la regia di Macbeth, uno dei supremi capolavori della drammaturgia di Shakespeare e testo tra i più teatralmente perfetti per coerenza e consequenzialità della struttura drammaturgica. E si conclude il mese del Carnevale in bellezza con due titoli di grande effetto: il 18 e 19 febbraio Paolo Rossi rilegge il più celebre drammaturgo d’oltralpe in Molière: la recita di Versailles e dal 23 al 26 febbraio Giorgio Sangati accetta la sfida di dare nuove suggestioni a una pietra miliare Venezia | made in Veneto 101


Above, New Year’s Concert at La Fenice Theatre Below, Parsons Dance 102 Venezia | made in Veneto


theatre seasons

From left, Molière: la recita di Versailles; Arlecchino, il servitore di due padroni; Romeo e Giulietta. L’amore è saltimbanco

of the cornerstones of theatre, Arlecchino, il servitor di due del teatro di tutti i tempi come Arlecchino, il servitore di due padroni (Harlequin, servant of two masters) by Carlo Goldoni. padroni di Carlo Goldoni. OPERA AND DANCE OPERA E DANZA After twenty years, Tannhäuser by Richard Wagner re- Dal 20 gennaio al 5 febbraio torna alla Fenice, dopo vent’anni turns to La Fenice from January 20 – February 5, in a di assenza, Tannhäuser di Richard Wagner in un nuovo allestinew arrangement directed by Calixto Bieito, with musical mento con la regia di Calixto Bieito e la direzione musicale di direction by Omer Meir Wellber. The German Grosse Ro- Omer Meir Wellber. La Grosse Romantische Oper del tedesco mantische Oper will be presented in a mixed version that verrà presentata in una versione mista che assembla la particombines the 1845 Dresden score with the Pariser Bearbe- tura della prima di Dresda del 1845 con la Pariser Bearbeitung itung from 1861. The cast is exceptional and includes Ste- del 1861. Nel cast figurano interpreti d’eccezione: Stefan Vinke fan Vinke in the title role, with Liene Kinča as Elisabeth. nel ruolo del titolo e Liene Kinča in quello di Elisabeth; AusriAusrine Stundyte will play Venus, and Christoph Pohl will ne Stundyte sarà Venere, Christoph Pohl darà voce a Wolfram be the voice of Wolfram von Eschenbach. From February von Eschenbach. Dal 10 al 23 febbraio, La Fenice riscopre 10th through the 23rd, La Fenice rediscovers Francesco Cilea proponendo al Teatro MaliFrancesco Cilea, offering the public a small bran un piccolo gioiello del periodo giovanile: A great Gina opera di rarissima esecuzione è diretta da gem at Teatro Malibran. Gina, a work of rare season Francesco Lanzillotta in un allestimento con la execution, will be conducted by Francesco Lanzillotta and directed by Bepi Morassi as of drama at regia di Bepi Morassi realizzato nell’ambito del part of the Atelier della Fenice al Malibran Atelier della Fenice al Malibran. Mentre Teatro Goldoni progetto project. Then, from March 16 – 18, dance dal 16 al 18 marzo, entra la danza al Teatro La while Fenice con gli atletici ed energici ballerini della comes to La Fenice with the athletic and enthe Teatro storica compagnia americana Parsons Dance imergetic dancers from the American Parsons Dance company involved in a new, spectacuLa Fenice pegnati in una nuova spettacolare tournée italialar Italian tour. Elena D’Amaria, former Ital- offers fabulous na. Nel cast, composto da giovani talenti, anche ian star of Amici, is also an important member Elena D’Amario, ex stella di Amici e ora operas l’italiana of the young cast. importante componente del cast. MUSIC MUSICA On January 1, La Fenice hosts the traditional New Year’s Il 1 gennaio la Fenice ospita il tradizionale Concerto di CapoConcert, conducted this year by Fabio Luisi. The first part danno, diretto quest’anno dalla bacchetta di Fabio Luisi. La of the concert, as usual, is exclusively orchestral. The sec- prima parte del concerto è, come d’abitudine, esclusivamente ond part, which will also include soloists and the chorus, is orchestrale. La seconda parte, che vedrà anche la partecipadedicated to melodrama and concludes, traditionally, with zione dei solisti e del coro, è invece dedicata al melodramma the song Va’ Pensiero from Nabucco and Libiam ne’ lieti calici e si conclude, come da tradizione con il coro Va’ pensiero dal from Verdi’s Traviata. On January 7 and 8, the program Nabucco e il brindisi Libiam ne’ lieti calici dalla Traviata di Verincludes Sibelius’s Symphony no. 5 in E flat major and the di. Il 7 e l’8 gennaio, sono in programma la Sinfonia n. 5 in mi absolute first performance of Canti della stagione alta by bemolle maggiore di Sibelius e in prima esecuzione assoluta i Pizzetti directed by Risto Joost. Then, on February 21 and Canti della stagione alta di Pizzetti dirette da Risto Joost, men23, Claudio Marino Moretti conducts Mozart’s Requiem and tre il 21 e 23 febbraio Claudio Marino Moretti dirige il Requiem The Fruit of Silence by Peteris Vasks in the version for cho- di Mozart e The Fruit of Silence di Peteris Vasks nella versione rus and piano with text by Mother Teresa of Calcutta. per coro e pianoforte con testo di Madre Teresa di Calcutta. Venezia | made in Veneto 103


venice icon

A venetian pas de deux PAS DE DEUX VENEZIANO text Luciana Boccardi

Arrigo Cipriani tells about his Venice Arrigo Cipriani racconta la sua Venezia

“Why do they call you Harry, Arrigo”- Well, I’ll be damned”- Arrigo Cipriani cries, talking about a journalist who had annoyed him by “not being in the least prepared for the interview, by not knowing anything about the “room (as we family and friends call the Harry’s Bar) or about my books….A writer- as much as he is a restaurant owner too- expects the interviewer to have at least read the jacket flap or know the title of his book”. (ed. the name, Harry’s Bar, is actually a tribute to Harry Pickering, a young American and the first to financially back Giuseppe Cipriani’s dream of opening a restaurant in Venice.) I’m not the journalist in question, but judging by how my conversation with Cipriani has just started, I am truly afraid of what will come next. He is a famous restaurant owner, the living legend of the Harry’s Bar, a writer, born in Verona eighty-three years ago, a citizen of the world but Venetian by heart, culture and attitude, including the immoderate use (though defensive) of sense of humour, always with the half-smile tugging the corners of his mouth that raises him a notch higher than the person he is talking to, and with that pinch of cynicism that helps moving successfully forward in life. I am Venetian, my family has been Venetian for generations, I am a journalist and I am not new to journalism, I share Cipriani’s typical Venetian sense of humour and souplesse (without which we couldn’t probably withstand the blow of Venice’s current decline). Arrigo Cipriani and I have known each other for years, but it is the first time we perform a lovely pas de deux, a sort of interview that is more of a fencing match with the “only man in the world who was named after a bar” as he wrote in one of his many books published by publishing firms of the caliber of Feltrinelli, Longanesi, Sperling & Kupfer, Baldini Castoldi Dalai. “Savoury” and intriguing books, which tell us not only who Arrigo Cipriani is, but also who we are to him, real or potential customers of the “room”. Slender yet strong-looking, the man who went from amazing success to abysmal failure and back (see the restaurant drama in New York where Cipriani, because of a mistake made by his lawyers, was arrested and nearly convicted) is now busy with a new entrepreneurial 104 Venezia | made in Veneto

“Perché le hanno dato il nome di Harry, Arrigo?” “Che mi venga un colpo!”, esclama Arrigo Cipriani riportando il suo giudizio su una giornalista che lo aveva innervosito perché “non si era minimamente preparata, non sapeva nulla della ‘stanza’ (come noi di casa abbiamo sempre chiamato l’Harry’s Bar), né dei miei libri... Uno scrittore, per quanto oste, pretende che l’intervistatore abbia letto almeno il risvolto di copertina di un suo libro. O, come minimo, ne conosca il titolo.” (ndr In realtà il nome Harry’s Bar è un omaggio a Harry Pickering, giovane americano e primo sostenitore del sogno di Giuseppe Cipriani di aprire un locale a Venezia.) Non sono io quella giornalista ma come premessa alla conversazione che avevo in programma con Arrigo Cipriani c’era poco da scherzare. Lui: ristoratore famoso, mito dell’Harry’s Bar, scrittore, nato a Verona ottantatré anni fa, cittadino del mondo ma veneziano a tutto tondo con un affondo nella nostra cultura, compreso l’uso (difensivo) dell’ironia. Sempre disponibile, con il mezzo sorriso “dogale” che lo pone un gradino più su dell’interlocutore, qualche esternazione di cinismo.Io: veneziana da generazioni, giornalista non alle prime armi, cresciuta alla stessa scuola di Serenissima: ironia e souplesse (senza il cui aiuto non potremmo reggere il declino della Venezia di oggi). Con Arrigo Cipriani ci conosciamo da sempre, ma è la prima volta che ci intratteniamo in un pas de deux piacevole, una quasi-intervista che diventa subito un gioco di fioretto con “l’unico uomo al mondo che ha preso il nome da un bar” come racconta in uno dei libri, pubblicazioni di volta in volta con griffe editoriali di peso, rivelatori non solo del chi sia Arrigo Cipriani, ma del chi siamo per lui tutti noi, reali o possibili clienti della “stanza”. Di aspetto minuto, l’uomo che ha digerito successi clamorosi ma anche accettate sconfitte con l’humour che non lo abbandona mai (vedi l’avventura che a New York, per un errore compiuto dai suoi legali, lo ha visto finire ammanettato e quasi condannato…), oggi è “occupato” da una nuova avventura imprenditoriale, protagonista il carciofo “capriccio” di Torcello.


Some old images of Harry’s Bar and a photo of a young Arrigo Cipriani. The historical bar was founded by his father Giuseppe in 1931


venice icon

Arrigo Cipriani and Luciana Boccardi: a “Bellini” at Harry’s (ph. Matteo Bertolin) venture, starring the Capriccio artichoke of Torcello. “The growing of artichokes in Torcello is, for us now, a large-scale business, very challenging and beautiful, as well as a way to revitalize our islands. The idea came up two years ago, when my son Giuseppe - who is now the driving force behind the whole Cipriani business of which I am only the honorary president - and I were exploring the island of Sant’Antonio, which is connected with Torcello through a narrow strip of land. An oasis of peace where there are only a farmhouse, 17 inhabitants and a Yoga school, a practice that, in my opinion, doesn’t extend your life at all, because it teaches you to suppress, to absorb. When I feel desperate, I do exercises to let all my rage out, and I drink a glass, maybe two, of red wine, to me wine is only red)”. And what about Venice? We can’t keep skirting around the subject anymore at this point of our conversation. It is a well-known fact that the origin of the city’s current problems dates back to 1926 when Giuseppe Volpi - to whom Mussolini conferred the title of Count of Misurata -, decided that the nearby town of Mestre, and all the other neighboring towns, would be incorporated in the City of Venice. This decision led to the creation of an “artificial” Venice, which actually was the “monumental” portion of a City that had absolutely nothing in common with the mainland. In turn, Mestre, a mainland town which had never established a cultural relationship with Venice, was deprived of its administrative identity to become the non-city annexed to Venice. Venice is said to be living on tourism, but actually people from all over Italy and the world, house, restaurant and hotel owners are those who invest in Venice’s tourism. The traffic problem could be solved by taking strict measures to contain the endless waves of visitors that swamp the city. I ask Cipriani about the tourisme. “I don’t like prohibitions: I would rather invite people to behave properly. For instance, here in the “room”, at Harry’s, we don’t have a “No Smoking” sign, but a sign that states “The law prohibits smoking here”. I would install clearly visible street signs, designed to be concise, clever and, above all, fun, like “Keep to your right in Indian file”, “Unsafe bridge, cross quickly!”. But I would also create some “stopover areas” equipped with benches and litterbins for those who cannot afford to go to a restaurant”. We share a few more memories and remarks on how tough our daily life is and then, as two old Venetian friends, we say goodbye on the Harry’s doorstep. I head towards Castello and Arrigo Cipriani heads back to the Zattere, to the home where he lives with his beloved wife (as he wrote, more than once, he was never a man for having affairs). She is the woman to whom the Venetian Woody Allen (like someone lovingly calls him) dedicated the words that every women would love to hear. 106 Venezia | made in Veneto

“La coltivazione di carciofi di Torcello oggi per noi è un’impresa a largo raggio, impegnativa e bellissima, ed è anche un modo per rivitalizzare le nostre isole. L’idea è nata due anni fa un giorno in cui con mio figlio Giuseppe, che oggi è il motore di tutta l’attività che fa capo a Cipriani, esploravamo per curiosità l’isola di Sant’Antonio, collegata a Torcello da un istmo di terra: un’oasi del silenzio dove si trovano un casolare, 17 abitanti e una scuola di Yoga, “disciplina che secondo me non ti allunga la vita, perché insegna a comprimere, inglobare. Quando sono disperato io faccio una ginnastica violenta, butto fuori rabbia o esasperazione, e bevo un bicchiere di vino rosso. Perché per me il vino è solo rosso.” E Venezia? Inevitabile arrivare al punto vitale di questo incontro, partendo dal presupposto che le origini dei problemi attuali di questa città portano la data del 1926 quando, per decisione indiscutibile di Giuseppe Volpi - premiato da Mussolini con il titolo di “conte di Misurata” - il vicino Comune di Mestre, così come altri Comuni limitrofi, furono cancellati e inglobati in un unico Comune di Venezia. Nacque così un ibrido di comodo, una “Venezia” artificiale che in realtà diventava la “frazione monumentale” di un Comune che di comune con la Terraferma non aveva niente. A sua volta Mestre, luogo di terra con il quale Venezia non aveva mai intessuto alcuna fusione culturale, deprivata di identità amministrativa diventava la “non-città” annessa a Venezia. Si dice oggi che Venezia vive di turismo ma in realtà sono cittadini del mondo proprietari di alloggi, ristoranti, alberghi, che investono sul “turismo a Venezia”! Chiedo a Cipriani cosa pensi dei tanti turisti che arrivano in città ogni giorno. “Io non amo i divieti imposti: preferisco suggerire un comportamento. Qui nella ‘stanza’, all’Harry’s, non c’è scritto ‘vietato fumare’ bensì ‘la legge vieta di fumare in questo locale’. Renderei più visibili cartelli indicatori per le strade, sintetici, intelligenti ma soprattutto divertenti. Metterei: ‘camminare a destra in fila per uno’, ‘ponte pericolante, passare velocemente!’. Ma allo stesso tempo creerei, per chi non può permettersi un ristorante, dei “punti d’appoggio”, aree dotate di panchine e contenitori per rifiuti.” Da vecchi veneziani ci salutiamo sulla porta dell’Harry’s, io verso Castello e Arrigo Cipriani diretto alle Zattere, nella casa dove vive con la moglie amatissima (nessuna omissione - leggiamo nei suoi scritti - per eventuali avventure d’amore, o di infatuazioni, lungo la vita). È a lei che il Woody Allen veneziano (come qualcuno lo etichetta affettuosamente), ha dedicato parole che ogni donna vorrebbe sentire.


cover story

Ernest Hemingway at Harry’s Bar with Giuseppe Cipriani xxxx and the historical barman xxxxx Ruggero Caumo Venezia | made in Veneto 107


ph. SW Photography

cover story

108 Venezia | made in Veneto


cover story

The Luxury Fontego Il Fontego del Lusso text Federica Repetto

Venezia | made in Veneto 109


travel experience

The Fontego dei Tedeschi has been restored to its ancient splen- Il Fontego dei Tedeschi è tornato a splendere. Dopo otto anni dour. After being closed for eight years and a building site di chiusura e tre di cantiere, l’ex palazzo delle Poste ha aperto for three, the former Post Office reopened on 1 October with il 1° ottobre scorso con un nuovo nome, T Fondaco: T come a new name, T Fondaco – T for travellers. Renovation of the “travellers”, viaggiatori. La nuova vita del Fondaco dei Tedebuilding was entrusted to eminent architect and urbanist Rem schi - ristrutturato dall’architetto e urbanista Rem Koolhaas, Koolhaas who, with his architectural firm OMA, has meticu- interior design firmato da Jamie Fobert - lo vede nella veste lously restored and transformed it into a grand trading empo- di centro del lusso e dell’artigianato gestito da DFS, Gruppo rium with a sumptuous interior design by architect Jamie Fob- Lvmh, gruppo leader mondiale nella vendita di prodotti di ert, under the management of LVMH Group subsidiary, DFS, alta gamma rivolta a un pubblico internazionale di viaggiatofounded in 1960 in Hong Kong, world leaders in the luxury ri, fondato nel 1960 a Hong Kong, pioniere nel settore dello shopping tax free. travel retail and pioneers in tax free shopping. 7mila metri quadrati di superficie con una scelta Spanning 7 thousand square metres, the emdi marchi di alta gamma, soprattutto italiani, nei porium houses an array of fashion and accessettori moda & accessori, orologeria, gioielleria, sories, jewellery and watches, wines and spirits, vini & liquori, gastronomia, bellezza e profumefragrances and beauty products. In addition, the ed il meglio dell’artigianato veneto, grazie a space offers a carefully curated selection of loThe former ria, una minuziosa selezione di produttori rapprecally handcrafted artisan products. Palazzo delle sentativi dell’eccellenza del territorio. 65 bou65 designer label boutiques located on the three floors of the building, which has maintained its Poste shines tiques di griffe si snodano lungo i portici dei tre 16th century structure, flow organically from the again under piani che si aprono sul cortile dell’edificio, che mantenuto la sua struttura cinquecentesca, outer corridor that looks through the arched logthe name ha animata da scale mobili rosso fuoco per salire e gias into the courtyard, while a spiralling ribbon T Fondaco, scale scintillanti di bagliori d’oro per scendere, of cardinal red escalators panelled in light wood and detailed with brass rises to the upper floors where T stands con una terrazza tutta nuova con una vista mozAl piano terra, in origine un vivace cortile and a newly-built terrace with breathtaking views. for travelers zafiato. medievale - che rimane aperto alla città - si troThe ground floor, originally a lively medieval courtyard, which is open to the public at all times, houses a vano boutiques oltre ad una gamma di accessori e gioielli, una number of boutiques and a range of accessories and jewellery, Food Hall con il meglio delle etichette e dei cibi di produzione a Food Hall with the best of local and regional products, and locale e regionale, e l’artigianato con tanto di dimostrazioni dal vivo. In omaggio all’arte di vivere e alla cucina italiana, la authentic crafts with live demonstrations. To celebrate Italian art de vivre and cuisine, the atrium is also galleria ospita il ristorante AMO, gestito dalla famiglia Alajmo, home to the AMO restaurant, developed by Italy’s well-known uno dei cui figli, Massimiliano, è il più giovane chef al mondo Alajmo family, whose son Massimiliano is the youngest chef ad aver ricevuto tre stelle nella celeberrima guida Michelin. in the world to have received three Michelin stars. Philippe Il locale, arredato da Philippe Starck, si presenta come un 110 Venezia | made in Veneto


travel experience

After being closed for eight years and three years of restoration work, the former Palazzo delle Poste is once again the center of luxury, managed by Des, Lvmh Group (ph. Matteo De Fina) Venezia | made in Veneto 111


Spanning 7 thousand square metres, the emporium houses an array of fashion, accessories, and beauty products (ph. Matteo De Fina) 112 Venezia | made in Veneto


travel experience

T Fondaco interiors (ph. SW Photography; Matteo De Fina) Starck, who designed the interior, conceived it as a conviv- “salotto in piazza”. Il primo piano è declinato al femminile, il ial meeting place in the piazza. The first floor is devoted to secondo vanta l’unico multimarca di alta orologeria esistente women’s fashion and jewellery, the second boasts the only in centro storico, il terzo è un esclusivo salone dedicato alle multi-brand haute horologerie area in Venice and the third calzature da donna con produzioni in esclusiva per Venezia, is all about women’s shoes, some made exclusively for Venice, e la bellezza. T Fondaco dei Tedeschi riconferma la volontà di and beauty. The addition of a fourth floor entirely dedicated dialogare con la città nell’ultimo piano interamente dedicato to events and exhibitions open to the public is designed to a eventi e mostre aperte al pubblico e pensato per essere luoforge a new connection between commerce and culture, and go culturale e di incontro per i residenti e viaggiatori. Emobe a vibrant meeting place and cultural venue for Venetians zioni sono attualmente regalate all’ultimo piano grazie alla and travellers alike. installazione site specific “Under water” di Fabrizio Plessi. Da The top floor currently houses Under Water a site-specific in- qui, sulla terrazza dell’Event Pavilion si apre una vista panorastallation by Fabrizio Plessi. The terrace of the Events Pavilion mica sull’intera città che ha del superlativo. affords superlative views over the entire city. Il Fontego dei Tedeschi per quasi 800 anni è stato crocevia For almost 800 years the Fontego dei Tedeschi has been at the della cultura e del commercio della Serenissima, mensa e crossroads of commerce and culture in Venice. ricovero per i poveri durante la pestilenza del A soup kitchen and shelter for the poor during 1490, distrutto in un incendio nel 1505, ricothe 1490 plague, destroyed by fire in 1505, rebuilt struito e riaperto nel 1508, ha mantenuto il ruoand reopened in 1508, it maintained its original lo commerciale, negli ultimi anni è stato adibito commercial role. In recent years it has been used The ground a ufficio postale (la scritta Telecomunicazioni as a post office (the word “Telecommunications” sulla calle, un altro segno di rispetto fllor houses rimane remaining on the street sign is another sign of del passato). Questo interessante edificio del a respect for the past). XIII secolo, situato sul Canal Grande, accanto This interesting building situated on the Grand with the al Ponte di Rialto e a poca distanza a piedi da Canal next to the Rialto Bridge and within San Marco, è la sintesi di una profonda best of local Piazza walking distance of St Mark’s Square, is the sensibilità progettuale. “Il Fondaco - commenta and regional Philippe Schaus, presidente e amministratore result of a sensitively conceived project. “For products delegato di DFS Group - è stato per secoli un centuries the Fondaco was a centre for trade in the lagoon, and it is a privilege for us to restore it to its polo del commercio in laguna e oggi siamo onorati di ripororiginal vocation with a sensitive, refined project Each of tare in luce il suo DNA originale con un progetto sensibile e our downtown department stores reflects DFS’ passion for raffinato. Ogni nostra galleria riflette la passione di DFS per travel, quality merchandise and exceptional customer service i viaggi, per i prodotti di qualità e per un servizio eccellente, and experience”, said Philippe Schaus, President and CEO capace di creare un’esperienza a sé”. “Con il T Fondaco dei of the DFS Group. “With T  Fondaco dei Tedeschi, we are Tedeschi - conclude - siamo orgogliosi di creare un nuovo proud to set a new global benchmark in the world of luxu- punto di riferimento globale nel mondo dei department store ry department stores and to re-establish the connection be- di lusso e di ristabilire la connessione tra commercio e cultutween commerce and culture in the historic heart of Venice.” ra nel cuore storico di Venezia”. Fondaco dei Tedeschi began its life as a place of exchange for È stato un centro nevralgico degli scambi mercantili della northern merchants and was used for centuries to trade spices, città, un punto strategico del commercio delle spezie, della silk and other goods between the Orient and Europe. In re- seta e di altre merci tra l’Europa e l’Oriente. Nel restaurare storing and modernizing the building, the group undertook to e rimodernare l’edificio il gruppo si è impegnato a rispettare respect Venice’s historical heritage while at the same time add- il patrimonio storico di Venezia, non rinunciando al tempo ing touches of innovative modernity. stesso a tocchi di innovata modernità.

Food Hall

Venezia | made in Veneto 113


venice hospitality

The blowing of the wind il soffio del vento

text Federica Repetto photo Matteo Bertolin Grand Prize of the City of Venice: an exclusive regatta that compete in a circuit around the city Gran Premio della Città di Venezia: un’esclusiva regata del circuito cittadino

This winning formula combines sports, lifestyle, and luxury, for a spectacular event in the heart of the city at the forefront of our region for incoming tourists. In recent weeks, the exclusive regatta was held here, a regatta reserved for maxi yachts that compete in a sensational and unique circuit around the city. The Venice Hospitality Challenge, organized by Yacht Club Venezia, with our magazine Venezia made in Veneto in the role of media partner, for this third edition also formed partnerships with illustrious hospitality stakeholders in the North East, bringing in top names from the sailing world. In full view of tourists and Venetians, in a course that is unique in the world through the basin of San Marco, the Lido and the Giudecca Canal, wonderful and elegant maxi yachts all competed with each other. They were captained by Furio Benussi (on Weddel for Hotel Ca’ Sagredo), Mauro Pelaschier (on Ancilla Domini for JW Marriott), Lorenzo Bodini (on Pendragon VI for Hilton Molino Stucky), Dusan Puh (on the Adriatic Europa for Hotel Danieli), Paolo Montefusco (on Idrusa for The Westin Europa Regina), Zeljko Perovic Huck (on Shining Umag Umago for SINA Centurion Palace), Alberto Leghissa (on Any Wave for Belmond Hotel Cipriani), Alberto Bolzan (on Falisia Porto Piccolo for the Falisia Resort) while representing the city and sailing the lagoon waters was Moro di Venezia with Claudio Carraro. The victory, including sensational changes of direction and incredible turns, was won for the second straight year by New Maxi Jena for The Gritti Palace, skippered by Mitja Kosmina, while the second and third place were respectively taken by Adriatic Europa and Pendragon VI. 114 Venezia | made in Veneto

Una formula vincente che abbina sport, lifestyle, luxury, per uno spettacolare evento nel cuore della città al primo posto della nostra regione per incoming turistico. Si è tenuta nelle scorse settimane l’esclusiva regata riservata ai maxi yacht disputata in un sensazionale ed unico circuito cittadino. Venice Hospitality Challenge, organizzato da Yacht Club Venezia e che ha visto nel ruolo di media partner la nostra rivista Venezia made in Veneto, ha ottenuto anche per questa terza edizione la partnership con illustri attori dell’accoglienza del Nord Est e ha portato importanti nomi del panorama velico. Davanti agli occhi di turisti e veneziani, in un percorso unico al mondo tra il bacino di San Marco, il Lido e il canale della Giudecca, si sono sfidati meravigliosi ed elegantissimi maxi yacht, timonati da: Furio Benussi (su Weddel per l’Hotel Ca’ Sagredo), Mauro Pelaschier (su Ancilla Domini per JW Marriott), Lorenzo Bodini (su Pendragon VI per l’Hilton Molino Stucky), Dusan Puh (sull’Adriatic Europa per l’Hotel Danieli), Paolo Montefusco (su Idrusa per The Westin Europa Regina), Zeljko Perovic Huck (su Shining Umag Umago per SINA Centurion Palace), Alberto Leghissa (su Any Wave per il Belmond Hotel Cipriani), Alberto Bolzan (su Falisia Porto Piccolo per il Falisia Resort) mentre in rappresentanza della Città ha solcato le acque della laguna il Moro di Venezia con Claudio Carraro. La vittoria, tra sensazionali virate e incredibili giri di boa, se l’è aggiudicata, per il secondo anno consecutivo, Nuovo Maxi Jena per The Gritti Palace, timonato da Mitja Kosmina, mentre al secondo e terzo posto si sono rispettivamente qualificati Adriatic Europa e Pendragon VI. “E’ una regata - ha detto l’olimpionico sloveno durante la cerimonia di


In recent weeks, the exclusive regatta was held here, a regatta reserved for maxi yachts that compete in a sensational and unique circuit around the city Venezia | made in Veneto 115


venice hospitality

A course that is unique in the world through the basin of San Marco

“It’s a very technical regatta,” said the Slovenian Olympic athlete during the award ceremony and the presentation of the Doge’s hat made in a single copy by Seguso Vetri d’Arte glassware, “as we also saw during the first start. The second time we took the right measures and sailed immediately out of the group. A spectacular regatta!” There was much applause for the teams involved in the representation of luxury Venetian hotels, the ninth boat for Hotel Falisia of Porto Piccolo and finally Moro di Venezia, because they competed cleverly in a difficult race course making the reputation of the Venice Hospitality Challenge stand out at Olympian heights, to be recognized for all intents and purposes as the “Gran Premio Città di Venezia.” A perfect combination between the Serenissima’s seafaring tradition and the desire to revive the hotel hospitality sector’s image of our Venice. In thanking the organizers and sponsors of the event, and inviting everyone back to next year’s event, the Mayor of Venice Luigi Brugnaro also stated, “The city is honored to host events such as the Venice Hospitality Challenge, a prestigious event that we will continue to support.”  Enthusiastic about the results achieved, Mirko Sguario, President of Yacht Club Venezia said, “This year I wanted to dedicate this edition to my city, adding to its traditional name, Venice Hospitality Challenge, as well as ‘Gran Premio Città di Venezia’.” The Principality of Monaco hosts the most impressive Formula 1 circuit within city streets, we the most beautiful circuit in the Formula 1 of sailing. If our city can now boast of such an important event, it owes it to these prestigious accommodations, our best expression of luxury and hospitality, our best business card for the millions of tourists and others who come every year to admire the timeless beauty that only this city can offer. And finally, a special thanks to those who helped support this important regatta: Assicurazioni Generali S.p.A., Marina Yachting, Moët & Chandon and finally Marina Sant›Elena, a Venetian marina that for some time now has made it possible to guarantee the organization of this particular type of event.” 116 Venezia | made in Veneto

premiazione e la consegna del cappello del doge realizzato in copia unica dalla vetreria Seguso Vetri d’Arte - molto tecnica, lo abbiamo visto anche durante la prima partenza. La seconda volta abbiamo preso le misure giuste e siamo usciti subito fuori dal gruppo. Una regata spettacolare!”. Tantissimi sono stati gli applausi destinati ai team coinvolti in rappresentanza degli Hotel veneziani di lusso, della nona imbarcazione per l’Hotel Falisia di Porto Piccolo ed infine per il Moro di Venezia, perché si sono abilmente sfidati in un campo di regata non semplice e che fa pertanto spiccare la notorietà di Venice Hospitality Challenge alle vette dell’Olimpo tanto da essere riconosciuto a tutti gli effetti come il “Gran Premio Città di Venezia“. Un perfetto connubio tra la tradizione marinara della Serenissima e il desiderio dell’hôtellerie di rilanciare l’immagine dell’ospitalità della nostra Venezia. Nel ringraziare gli organizzatori e gli sponsor della manifestazione, dando appuntamento a tutti per il prossimo anno, è stato anche il Sindaco di Venezia Luigi Brugnaro che ha dichiarato: “la città si onora di ospitare eventi come Venice Hospitality Challenge, un evento prestigioso che si continuerà a sostenere”.  Entusiasta dei risultati ottenuti Mirko Sguario, presidente di Yacht Club Venezia. “Quest›anno ho voluto dedicare questa edizione alla mia città - dichiara Mirko Sguario affiancando al suo nome tradizionale, Venice Hospitality Challenge, anche quello di “Gran Premio Città di Venezia“. Il Principato di Monaco ospita il circuito di Formula 1 più suggestivo all’interno del percorso cittadino, noi il più bel circuito della Formula 1 della Vela. Se ora la nostra città può fregiarsi di una manifestazione tanto importante lo deve a queste prestigiose strutture ricettive, la nostra migliore espressione del lusso e dell’accoglienza, il nostro miglior biglietto da visita per i milioni di turisti e non solo che ogni anno vengono ad ammirare le bellezze senza tempo che solo questa città sa offrire. Ed infine un ringraziamento particolare a chi ha contribuito a sostenere questa importante regata: Assicurazioni Generali S.p.A., Marina Yachting, Moët & Chandon ed infine Marina Sant›Elena realtà veneziana che da tempo permette di garantire la realizzazione di questa particolare organizzazione di eventi”.


The victory, including sensational changes of direction and incredible turns, was won for the second straight year by New Maxi Jena for The Gritti Palace, skippered by Mitja Kosmina , while the second and third place were respectively taken by Adriatic Europa and Pendragon VI. Media partner Venezia made in Veneto Venezia | made in Veneto 117


descendants interview

The perfection of glass la perfezione del vetro text Domenico Savini photo Moreno Vassallo Marcantonio Brandolini D’Adda. Glass entrepreneur for the love of glass and by family tradition Imprenditore del vetro per passione e tradizione di famiglia The colours of Venice? Golds here, greens over there, bright reds and lava orange down there… you can see them again in the mosaics in the cathedral and in the marble. If you take a walk under the arches of the Napoleonic Procuratie, you need to be bundled up. Warm yourself up by taking a walk to the bell tower where Piazza San Marco widens and fills with light. Half of the square is in the shade and half is lit by the sun. As curious as ever, Marcantonio Brandolini d’Adda draws my attention to what most tourists miss while looking up: the colours of Venice that he is familiar with and continues to discover through his untiring wandering through this city he loves and wishes to admire with the curiosity of an explorer. He indulges in confidences, but he is wise and ready to judge his fellow man. And yet, it only takes a few minutes of walking to please him. “I love art,” states Marcantonio, “because it is the only means given to men to communicate with each other.” He convinces me. His quick wit, shrewdness, and joviality are first and foremost a physical talent and almost a halo of good health. And then there is the art that he expresses each day, creating glass and windows that reflect the flickering colours of a Venice that is still able to seduce him. In his ‘Laguna B’ Venetian furnace he produces eight lines of table items: glasses, carafes, and vases. An experienced master glassmaker in Murano, his partner Alvise di Mezzo, with the help of the creative director, our Marcantonio Brandolini d’Adda, blows the incandescent glass magma before the curious eyes of the visitors. “It all began in the 90s, explains Marcantonio, “when my mother, a Parisian who became a Venetian after marrying my father Brandino, discovered the patchwork glasses that the master glassmakers assembled using the fragments of glass left over from the different processes.” Marcantonio Brandolini d’Adda is a worthy descendent of his historic Venetian family. He loves travel and music, is quick and exact. He believes in the artistic expression of glass and speaks ardently about it. He seems overbearing (could this be a genetic inheritance from his Bourbon or Hapsburg ancestors?) but his face, lips, hand gestures, movements, and senses are ready to explain and learn. The spontaneous smile of this energetic entrepreneur precedes thought and action. 118 Venezia | made in Veneto

“I colori di Venezia? Qua gli ori, là i verdi, laggiù i lucidi rossi e l’arancio lavico… li rivedi nei mosaici della basilica e nei marmi. Se passeggi sotto le arcate delle napoleoniche Procuratìe Vecchie hai bisogno di essere ben coperto. Per scaldarsi, bisogna camminare veloce verso il campanile, dove piazza San Marco si slarga inondandosi di luce ” Curioso com’è di tutto, Marcantonio Brandolini d’Adda mi fa fissare ciò che sfugge alla moltitudine dei turisti con il naso all’insù: sono i colori di Venezia, che lui ben conosce e continua a scoprire girando, infaticabile, nella città che gli è tanto cara.S’abbandona a confidenze, ma è sagace e pronto nel giudicare i suoi simili. Ma bastano pochi minuti di passeggiata per placarlo. “Amo l’arte - afferma Marcantonio - perché è l’unico mezzo dato agli uomini per comunicare fra di loro”. Mi convince. La sua prontezza di spirito, la sagacia delle vedute e la giovialità sono prima di tutto una dote fisica e quasi l’aureola della buona salute. E di arte in arte, si arriva a quella che esprime tutti i giorni ideando vetri e cristalli, che riflettono i baluginanti colori di una Venezia ancora capace di sedurlo. Nella sua fornace veneziana ‘Laguna B’, produce otto linee di oggetti per la tavola: bicchieri, caraffe e vasi. Un esperto maestro vetraio di Murano, il socio Alvise di Mezzo, coadiuvato dal direttore creativo, il nostro Marcantonio Brandolini d’Adda, soffia il magma incandescente del vetro davanti agli sguardi curiosi dei visitatori. “Tutto è cominciato negli anni Novanta ‒ spiega Marcantonio ‒ quando mia madre, una parigina diventata veneziana dopo il matrimonio con mio padre Brandino, scopre i bicchieri-patchwork che i maestri vetrai assemblavano utilizzando i frammenti di vetro avanzati dalle lavorazioni”. Marcantonio Brandolini d’Adda è un virtuoso discendente della sua storica famiglia veneziana. Ama i viaggi e la musica; è rapido ed esatto. Crede nell’espressione artistica del vetro e ne parla animandosi. Sembra perentorio (sarà un’eredità genetica dei suoi antenati Borbone o Asburgo?), ma sguardo, labbra, gesti delle mani, i movimenti della persona e i sensi, sono pronti per spiegare e apprendere. Il fresco sorriso di questo energico imprenditore precede il pensiero e l’azione. .


In these images, Marcantonio Brandolini D’Adda and his Venetian glass workshop, ‘Laguna B’ Venezia | made in Veneto 119


Vittoria de Buzzaccarini belongs to an important aristocratic family of Padua, but has chosen Venice as her home. Intense and fascinating personality of the publishing world 120 Venezia | made in Veneto


venice story

The Lady of Paper La “signora della carta” text Luciana Boccardi

Marchioness Vittoria de Buzzaccarini, of Paduan origins, Venetian for love and culture Padovana di origine, veneziana per amore e cultura Her grey hair pulled back in a quick bun. She listens to you by planting her pale blue, northern eyes into yours. We are talking about Vittoria, the Marchesa de Buzzaccarini, better known throughout the world of culture, art, publishing, journalism and fashion as ‘la Toia? (the abbreviation of her name that Vittoria gave herself as a child). La Toia is weighty, but also formidable: it is not easy to come vis-à-vis with her authoritative and also authoritarian allure, which she derives from centuries of intimacy with the power that the de Buzzaccarini family has been holding in Padua and surroundings since the thirteenth century. I met with her in Venice, where she has chosen to live, although she often goes back to her residence in Padua, Palazzo de Buzzaccarini, where her publishing firm, Casa Editrice Charta, is based. This eighty-seven-year-old lady prefers spending most of the week at her home on the Giudecca island. Born into an influential family from Padua, la Toia left her hometown at a very young age and moved to Milano, where she landed a job in the fashion business. But she soon found that she did not fit in with the fashion world, as well as with her marriage routine. Fiercely independent, impatient of convention and prohibitions, she chose to be free to work and travel where she wanted to and to love whom she wanted to, even if it costed her a personal war, having decided to live with a man much younger than herself. She made some very firm and resolute decisions in her private life, but also her intellectual choices have always involved breaking free from conformism and passing fads. And then one day she had a revealing encounter with paper, which allowed her to save precious works that would otherwise be destroyed. Ms. de Buzzaccarini has been publishing two major magazines for 10 years: Charta and Allumina (A Lumen), both dedicated to preserving ancient books and manuscripts. “I invested everything I had in this paper venture, regardless of expenses, because it was worth it. The only thing I own today is the paper… but it’s enough”.

I capelli sono raccolti in uno scherzo di chignon. Ti ascolta puntandoti dritto negli occhi con sguardo chiaro, nordico. Stiamo parlando di Vittoria, la marchesa de Buzzaccarini, che il mondo della cultura, dell’arte, dell’editoria, del giornalismo, anche della moda, conosce come ‘la Toia’ (abbreviazione che Vittoria ha dato al suo nome fin da bambina). Importante, la Toia, ma anche temibile: non è facile superare nel confronto quell’allure autorevole sì ma anche autoritaria che le perviene da secoli di confidenza familiare con il potere che la famiglia de Buzzaccarini ha gestito in Padova e dintorni dal XIII° secolo. La incontro a Venezia dove ha scelto di vivere, anche se nel suo palazzo di Padova, torna spesso per gli affari della Casa Editrice Charta. Lei, ottantasettenne però preferisce trascorrere quasi tutta la settimana nella sua casa alla Giudecca. Nata in una famiglia padovana importante lasciò giovanissima la sua città per trasferirsi a Milano dove lavorò nel mondo della moda. Ma la moda le stava stretta, così come le fu difficile il divenire routine del suo matrimonio. Indomita, intollerante di divieti e convenzioni, scelse di tornare libera di lavorare, viaggiare, amare chi le era congeniale, anche se si trattò di situazioni che le costarono una guerra personale, visto che l’uomo con il quale aveva deciso di convivere era di molto più giovane. Scelte determinate e precise hanno accompagnato la sua vita privata, ma anche le sue scelte intellettuali che esigevano spazi conoscitivi, una frequentazione attiva con la cultura vera, lo svincolo da omologazioni e mode. Fino all’incontro con la carta, che le ha consentito di salvare opere preziose altrimenti perdute. Due le testate importanti che la de Buzzaccarini edita da più di 10 anni: Charta che racconta frammenti preziosi di editoria, e Allumina (A Lumen) dedicato alla scoperta e al restauro di antiche opere editoriali. “In questa avventura di carta ho investito anche tutto il mio patrimonio, senza badare a economie perché ne valeva la pena. Oggi io ho solo la carta… ma non è poco”. Venezia | made in Veneto 121


food itineraries

Sweet Venice dolce venezia

text Giovanna Caprioglio photo Matteo Bertolin Who says that “bacari” are the only places to go in Venice? Here is a guide to some of the city’s best pastry shops. Chi l’ha detto che a Venezia si va solo a “Bacari”? Piccola guida alle migliori pasticcerie della città There’s no doubt that cichetti - the delicious bite-size savoury appetizers that every bacaro, or neighbourhood bar, offers by the dozen – are one of foodie delights of Venice, but the city also has historic high quality pastry shops where you will be spoilt for choice with “paste”, as Venetians call small pastries, cakes and “fritoe” and “galani”, sweet fried pastries during Carnival. Here is a sweet itinerary that begins in the Santa Croce district and ends in Castello. If you are coming from Piazzale Roma, the first stop has to be Tonolo, a family-run pastry shop that has been offering great classics in great style since 1953. The shortbread, petit fours, croissants, cream puffs and Venetian biscuits known as bussolà and buranei are all delicious, but if you want to take home a tasty souvenir, it has to be Tonolo’s focaccia, even instead of a panettone at Christmas. If you go by after the holidays and up to Carnival time, you just have to taste the fritters. Continuing on towards Rialto, just after Campo San Polo, don’t miss Pasticceria Rizzardini, which will welcome you with old-world charm, a wooden counter and glass showcases full of all kinds of good things. Open since 1742, it is famous for its Casanova’s balls - cream-filled doughnuts - and its zabaione, delicious as a filling for fritters, whose fame has outlived all the “acque alte” or high waters marked on its door. Once over the Rialto Bridge, keep going towards St Mark’s and you will come to the famous Campo San Luca, where you will find Pasticceria Marchini Time. This modern shop, taken over years ago by the Vio family, pastry cooks for 40 years, features a long counter with a wealth of sweet and savoury delights. Whatever you choose, you won’t be disappointed, but we recommend custard tarts, fruit tartlets, millefeuille, puff pastries, cream puffs and meringues, as well as traditional biscuits available also in attractive vintage tins. Going back towards Rialto and heading towards the new “shopping street”, just past Fondaco dei Tedeschi and Coin Excelsior, you can’t miss the windows of the Ballarin pastry shop that entice you in with huge slabs of coloured nougat and Venetian biscuits. Once inside, however, elbow your way through the crowd and go for the cream puffs, millefeuille and other traditional delights. Having avoided the stream of people 122 Venezia | made in Veneto

Non c’è dubbio che una delle tipicità gastronomiche di Venezia siano i “cicheti”, gustosissime delizie salate che ogni bacaro propone in mille varianti, ma la città può contare su pasticcerie storiche di altissima qualità, dove perdersi tra “paste” ( il termine veneziano per i pasticcini), torte e, in periodo di Carnevale ,“fritoe” (fittelle) e “galani” (crostoli). Vi proponiamo un dolcissimo itinerario che parte dalla zona di Santa Croce e finisce a Castello. Se arrivate da Piazzale Roma, la prima tappa obbligata è senza dubbio Tonolo, storica pasticceria a conduzione familiare che dal 1953 propone i grandi classici in grande stile: frolle, petit four, croissant, bigné e poi ancora biscotti veneziani (bussolà e buranei ; tutto è davvero squisito, ma se volete portare a casa un ricordo di tanta bontà non abbiate dubbi: la focaccia di Tonolo è un vero must, anche al posto del Panettone a Natale; se poi passate subito dopo le Feste Natalizie, fino a Carnevale, imprescindibile una degustazione di frittelle. Proseguendo verso Rialto, poco dopo Campo San Polo non perdetevi la Pasticceria Rizzardini, che vi accoglierà in un piccolo ambiente d’antan con arredi in legno e vetrinette ricolme di ogni ben di Dio; aperta dal 1742, è famosa per i suoi bomboloni alla crema, il “pallone di Casanova” e il suo zabaione, perfetto nelle frittelle, la cui fama ha resistito a tutte le acque alte eccezionali, segnate all’ingresso del locale. Una volta attraversato il Ponte di Rialto, proseguite verso San Marco e vi troverete nel famoso Campo San Luca, dove non potete perdere la Pasticceria Marchini Time, un locale contemporaneo, rilevato anni fa dalla famiglia Vio, da oltre 40 anni pasticceri in città, che vi darà il benvenuto con un lunghissimo bancone ricco di ogni tipo di delizia, dal dolce al salato; qualsiasi sia la scelta, andate sul sicuro, ma il consiglio ricade su frolle con crema, crostatine alla frutta, sfoglie, bignè e meringhe, oltre ai dolci tradizionali, proposti anche in bellissime scatole vintage come “antichi golosessi venexiani”. Ritornando in direzione di Rialto e dirigendosi verso la nuova “via dello shopping”, dopo il Fondaco dei Tedeschi e Coin Excelsior non mancherete di ammirare anche le vetrine della pasticceria Ballarin, che invoglia con enormi torroni colorati e biscotti veneziani. Una volta entrati, però, puntate su bignè, fiamme, sfoglie e greche, facen-


Above: Pasticceria Rizzardini Below: Rosa Salva


1

3

5

124 Venezia | made in Veneto

2

4

1. 4. Pasticceria Marchini Time 2. Tonolo 3. Pasticceria Rizzardini 5. Didovich


Ballarin crossing the street outside Ballarin, turn right and after a few hundred dovi largo tra la folla! Scampati al fiume in piena di persone che attrametres you will come to the much less busy Campo Santa Marina with versano la calle di Ballarin, svoltate a destra e dopo poche centinaia another pastry shop that is worth a stop. Italo and Laura Didovich di metri incrocerete Campo Santa Marina, molto meno “trafficato” e have been running this strictly artisanal pastry shop for forty years. con una pasticceria che merita un’altra sosta. È quella di Italo e Laura Here you can enjoy traditional Venetian and Austro-Hungarian cakes Didovich, che da quarant’anni la gestiscono in modo rigorosamente – fragrant breakfast pastries, fresh or tea pastries, their famous mille- artigianale. Qui si può gustare il meglio della tradizione dolciaria vefeuille, lemon pies and meringues. The bar and café service is carried neziana ed austro-ungarica: dalle fragranti “pastine“ da colazione, alle out both at the counter and in the comfortable dining pasticceria mignon fresca e da the, alle famose torte room, as well as on the small terrace, which overlooks millefoglie, lemon pie e meringate e questa volta pothe square. trete anche prolungare la vostra sosta, grazie alla sala The last but certainly not the least stop is Rosa Salva interna e ai piacevoli tavolini esterni. in Campo San Giovanni e Paolo. This is just one of Ultima tappa, ma non certo per storicità e qualità, è the Rosa Salva shops in the centre of Venice, which Here is Rosa Salva in Campo San Giovanni e Paolo. Questo can also be found in Calle Fiubera near San Marco, a sweet è solo uno dei Rosa Salva in città, che potrete trovare in Mercerie and in Mestre. They also deliver their spe- itinerary anche nella sede storica di calle Fiubera, vicino a San cialities to many other cafés such as those in Palazzo Marco e in Mercerie, oltre che a Mestre e all’interno that begins Grassi, Punta della Dogana and Palazzo Franchetti. di Palazzo Franchetti, Punta della Dogana e Palazzo Since 1879, the Rosa Salva family has kept up the tra- in the Santa Grassi. Dal 1879 la famiglia Rosa Salva è un’istituzione dition of pastry-making, using the highest quality in- Croce district della città, offrendo non solo altissima pasticceria, ma gredients, and offering a catering service started by the and ends anche un importante servizio di catering, iniziato ante founder, Antonio Rosa, known as Salva. The Campo in Castello litteram dal fondatore Antonio Rosa detto Salva. La San Giovanni e Paolo cafe has an attractive old-world sede di Campo San Giovanni e Paolo attrae per il suo charm and a lovely seating area overlooking the medieval basilica. fascino d’altri tempi e per il fantastico dehor con vista sulla basilica As well as the classic cakes, there are not to be missed, cream pud- medioevale. Oltre ai classici, sono imperdibili i budinetti alla crema, dings, fragrant hot chocolate with “zaletti” (cornmeal biscuits), frozen la finissima cioccolata calda con i “zaletti”, lo zabaione ghiacciato con zabaione with “baicoli” biscuits and of course, their Venetian fritters, i “baicoli” e ovviamente, le frittelle; quelle veneziane qui hanno un which are quite unique in appearance as they are fried with a hole aspetto unico, perchè vengono fritte facendo un grosso buco al centro in the middle to ensure they cook evenly, and have a more squashed- in modo da cuocersi più uniformemente e risultano più schiacciate e looking appearance – delicious! Should you be there at Christmas basse... superlative! E se ci passate nel periodo natalizio, non tornate time, do not go home without an artisanal focaccia or panettone. a casa senza una focaccia o un panettone prodotti artigianalmente. Venezia | made in Veneto 125


eating in venice eating in venice eating in venice eating in venice eating in venice eating in venice eati

by Head Concierge of The Bauers Venezia

venice’s RESTAURANTs Cannaregio

Alla Vedova Cannaregio, 3912 - Ph. 041.5285324 One of the best known amongst the lagoon’s historic osterie, it’s famous and appreciated also for its cicchetti (snack sized dishes) with local wine on tap. Highlights: baccalà (salt cod), shrimp skewers, and Venetian-style sardines. Una delle più conosciute tra le osterie storiche della laguna, famosa e apprezzata anche per i suoi cicchetti con le tipiche ombre di vino sfuso. Piatti forti: baccalà, spiedini di gamberi, sarde in saor. Anice stellato Fondamenta della Sensa, 3272 - Ph. 041.720744 This osteria and ristorante goes beyond the clichés of the historical center. Revered for its particular fish-based cuisine by those with an eye for quality. Lunch is served canal-side. Ristorante osteria, un indirizzo ricercato aldilà delle consuetudini del centro. Stimato per la particolarità della sua cucina a base di pesce, per chi ricerca la qualità. Pranzo servito in riva, a fianco del canale. Gam Gam Ghetto vecchio - Cannaregio, 1122 Ph. 041.715284 Just a hundred meters from the imbarcadero Guglie, this Kosher restaurant is located in an underpass of the ghetto. A cento metri dall’imbarcadero Guglie, in un sotoportego del ghetto si trova questo ottimo ristorante Kosher. Vini da Gigio Cannaregio, 3628 - Ph. 041.5285140 Traditional restaurant with a rustic soul, their typical Venetian cuisine is loved by both residents and visitors. Try the seafood appetizers, grilled fish, or eel. Locale tradizionale dall’animo rustico. Propone tipici piatti della cucina veneziana, amato dagli abitanti e non. Da gustare l’antipasto di mare, la grigliata di pesce o l’anguilla.

CASTELLO

Aciugheta Castello, 4357 - Ph. 041.5224292 A typical Venetian wine bar appreciated for its excellent selection of wines to taste and for the inviting spread of cicchetti (snack sized dishes) including mini-meatballs, crostini, stuffed peppers, mini pizza’s with sardines. On the patio service is à-lacarte pizza and other dishes. Tipico bacaro veneziano apprezzato per l’ottima selezione di vini in degustazione e per l’invitante bancone ricco di cicchetti: polpettine, crostini, peperoncini ripieni e pizzette appena sfornate con acciuga. Nel dehors si possono gustare le pizze e altri piatti del menu veneziano. Al covo Castello, 3968 - Ph. 041.5223812 Tucked behind riva degli schiavoni is this 126 Venezia | made in Veneto

elegant little restaurant with kitchen in full view. A destination for gourmands, it’s run by Cesare Benelli and his partner, who pick fresh ingredients every day for the variable menu. Excellent price/quality ratio; a wide selection of wines and olive oils. Elegante ristorantino con cucina a vista che si trova dietro alla riva degli schiavoni. Meta di gourmet, è gestito da Cesare Benelli e consorte, che ogni giorno scelgono ingredienti freschi da proporre nel variabile menu. Buon rapporto qualità/prezzo. Vasta gamma di vini e olii. AL MASCARON Castello, 5225 - Ph. 041.5225995 Long-time friends Gigi and Momi run this osteria, which possesses all the convivial spirit of times past. Don’t miss the traditional fish dishes. Regno di Gigi e Momi, amici di lunga data, questa osteria racchiude tutto lo spirito conviviale di un tempo. Non perdetevi i piatti tipici della tradizione a base di pesce. Alle Testiere Sestiere Castello, 5807 - Ph. 041.5227220 This intimate restaurant of only ten tables is steps away from the church of Santa Maria Formosa and has become one of the most sought-after addresses. Its menu lends honour to the tradition of Venetian cuisine, with particular attention to quality ingredients. Intimo ristorante composto da una decina di tavoli, negli ultimi anni divenuto uno dei luoghi più richiesti, a due passi dalla chiesa di Santa Maria Formosa. Una scelta del menu che fa onore alla tradizione culinaria veneziana, con una grande attenzione verso le materie prime. Corte Sconta Castello, 3886 - Arsenale - Ph. 041.5227024 Firmly rooted in venetian restaurant tradition, taste the antipasti such as the ginger clams or the baccalà (salt cod), the primi of homemade pasta, or the secondi of fried fish. Punto di riferimento importante della ristorazione veneziana. Da gustare gli antipasti come le vongole allo zenzero o il baccalà mantecato, fino alle paste fatte in casa o le fritture di pesce. COVINO Calle del Pestrin - Ph. 041. 2412705 A cozy, familiar atmosphere surrounds us in a small, family run restaurant, which perfectly combines researched cuisine with the genuinity of the rigorously seasonal ingredients. A Slow-Food Restaurant Un atmosfera intima e familiare ci accompagna in un locale piccolo a conduzione familiare, dove la cucina ricercata si sposa perfettamente con la genuinità dei prodotti rigorosamente di stagione. Ristorante Slow Food Hostaria da Franz Fondamenta San Giuseppe, 754 Ph. 041.5220861 Outside of the tourist area, a classic restaurant with a rustic atmosphere, family run, that specializes in fish and seafood.

Located behind the Giardini della Biennale, where in summer there is some outside seating, don’t miss the spaghettini with scampi and the grilled eel. Fuori delle rotte turistiche un ristorante classico di atmofera rustica, gestione familiare, con specialità di mare. Situata vicino ai Giardini della Biennale, dove d’estate ci sono tavoli in riva, al canale adiacente. Da provare gli spaghettini con gli scampi e l’anguilla alla griglia. IL NUOVO GALEON Castello, 1308 - Ph. 041.5204656 Not far from the Biennale Gardens and just a few steps from the Arsenale is a restaurant beloved by Venetians, offering mostly fish dishes based on traditional Venetian recipes. Vicino ai Giardini della Biennale e alle spalle dell’Arsenale, un ristorante frequentato soprattutto da veneziani. Protagonista una cucina propone prevalentemente piatti a base di pesce basata sulle ricette tradizionali veneziane. IL ridotto Campo SS. Filippo e Giacomo - Sestiere Castello - Ph. 041.5208280 Sophisticated, highly creative, but not overly-orchestrated cuisine. According to the Michelin Guide, “one of the city’s most interesting restaurants”. The perfect marriage of substance, innovation and local tradition. One Michelin star. Cucina di ricerca, sofisticata, ma non artificiosa, secondo la Guida Michelin, “una delle più interessanti realtà cittadine”. Sostanza e innovazione perfettamente sposate con la tradizione veneta. Una stella Michelin. local Castello 3303 - Ph. 041.2411128 Taking its inspiration from the continuous variations of the seasons and the surrounding territory, Local reinvents traditional Venetian cooking with creativity. The interesting wine list includes natural and farm winery wines only. Prendendo ispirazione dal continuo cambiamento delle stagioni e dal territorio circostante, Local reinventa con creatività la cucina tradizionale veneziana. L’interessante carta dei vini contiene solo etichette naturali e artigianali. LUNA SENTADA Campo San severo - Ph. 041.3097891 This restaurant combines Venetian coking, characterized by the love for tradition and by a selection of the highest quality ingredients, with Asian cooking, characterized by curiosity, passion and openness to new exotic flavors Un ristorante che coniuga la cucina veneziana, dove regnano l’amore per la tradizione e la selezione delle migliori materie prime, e la cucina asiatica basata sulla curiosità, la passione, la voglia di scoprire nuovi sapori esotici. 232 Met Riva degli Schiavoni, 4149 Ph. 041.5205044

Two Michelin stars. Located within the Hotel Metropole, the restaurant is elegant, refined and tasteful in every detail. Chef Luca Veritti offers a regional cuisine reinterpreted in light and innovative fashion. There is also a wine cellar with ample selection. Due stelle Michelin. Collocato all’interno dell’Hotel Metropole, il ristorante è un ambiente elegante, raffinato e curato in ogni dettaglio. Lo chef Luca Veritti propone una cucina di territorio reinterpretata in modo leggero e innovativo. A disposizione inoltre una cantina con un’ampia selezione di etichette. Osteria Oliva Nera Castello, 3417/18 - Ph. 041.5222170 Warm and welcoming, with a cuisine that respects venetian tradition in its simplicity, with the addition of a few whims from the chef. Calda e familiare, una cucina che rispetta la tradizione veneziana nella sua semplicità con l’aggiunta di piccoli estri a cura degli chef. Terrazza Danieli Riva degli Schiavoni, 4196 Ph. 041.5226480 From the classic flavors of Venice to the flavors and fragrances of the Mediterranean but even from the faraway Orient. This is the cuisine proposed by Gian Nicola Colucci, executive chef of the restaurant with a breathtaking view in the luxury Hotel Danieli. The chef’s creations are accompanied by a careful selection of wines from the best Italian and international producers. Dalle classiche proposte veneziane ai sapori e profumi del Mediterraneo ma anche del lontano Oriente. E’ il percorso offerto di Gian Nicola Colucci, executive chef del ristorante con una vista mozzafiato del luxury Hotel Danieli. Le creazioni dello chef sono accompagnate da un’attenta selezione di vini proveniente dai migliori produttori italiani e internazionali. Trattoria dal vecio Squeri Campo Santa Giustina, 6553 Ph. 041.5208379 Small but welcoming, with 30 seats indoors and 30 outside. The cuisine stands out in its rendering of some of the most typical Venetian dishes like baccalà (salt cod), cuttlefish on polenta, liver, pasta and beans, Venetian-style sardines and cicchetti (snack sized dishes). The wine cellar provides an excellent selection from the Veneto and Friuli areas. Piccolo ma accogliente, 30 posti interni e 30 esterni. La cucina si contraddistingue per i piatti piu’ tipici di Venezia quali baccala’, seppie con la polenta, fegato alla veneziana, pasta e fagioli, sarde in saor e cicchetti. La cantina dispone di una scelta selezione di vini Veneti e Friulani. WILDNER Castello, 4161 - Ph. 041.5227463


DORSODURO

AI do farai Sestiere Dorsoduro, 3278 - Ph. 041.2770369 One of the oldest Venetian taverns and one of the most popular places among young Venetians in the 1970s. The cuisine is inspired by the culinary traditions of the lagoon and focuses on fish. Una delle più antiche osterie veneziane, e uno dei principali ritrovi dei giovani veneziani negli anni Settanta. La cucina si rifà alla tradizione culinaria lagunare e propone piatti di pesce. AI GONDOLIERI Sestiere Dorsoduro, 366 - Ph. 041.5286396 Don’t be fooled by the name: “Ai Gondolieri” reinterprets the culture of local food—namely meat. Dating to the early 1900s, this former meeting place for residents and neighbourhood workers is just a few steps from the Guggenheim Museum and Accademia Gallery Non fatevi ingannare dal nome: “Ai Gondolieri” rielabora la cultura del cibo locale a base di carne. La sua origine risale ai primi decenni del ‘900 come luogo di ritrovo degli abitanti e lavoratori della zona. A due passi dal Guggenheim e dalle Gallerie dell’Accademia. Altanella Calle delle Erbe - Sestiere Giudecca, 268 Ph. 041.5227780 In the calm of the Giudecca, away from the hubbub of tourists, a welcoming restaurant with an intimate cast iron terrace that is appreciated by locals. Fresh fish is on the menu, along with bean soup and polenta. Nella calma della Giudecca, distaccato dai soliti itinerari turistici, un ristorante accogliente e prelibato, con una intima terrazza in ghiaia, apprezzato anche dagli stessi veneziani. Pesce fresco ma anche zuppa con fagioli e polenta. Antica locanda Montin Fondamenta di Borgo, 1147 - Ph. 041.5227151 In a magical garden with shady pergolas, right behind the Fondamenta, a typical Venetian restaurant with outdoor seating offers traditional local and national dishes with friendly service. Dentro un giardino ornato da suggestive pergole, appena dietro la Fondamenta, sorge una locale tipicamente veneziano,

con un accogliente dehor estivo. Una cucina tradizionale e nazionale, dove il servizio è cordiale e gentile. La cusina Calle Larga 22 Marzo, 2159 Ph. 041.2400001 It is the restaurant of the luxurious Westin Europe & Regina hotel. Famed for its gastronomic quality and its exciting view over the water of the Grand Canal, it offers creative cuisine according to the flavorsome and innovative style of chef Alberto Fol. A seasonal menu, highlighting Mediterranean and regional flavors. E’ il Ristorante del lussuoso albergo The Westin Europa & Regina. Rinomato per la sua qualità gastronomica e l’emozionante vista sull’acqua che si affaccia sul Canal Grande, propone una cucina creativa secondo lo stile innovativo e gustoso dell’abile chef Alberto Fol. Un menù stagionale, all’insegna del gusto mediterraneo e della territorialità. Harry’s Dolci Sestiere Giudecca, 773 - Ph. 041.5224844 This elegant locale comes from the famous Cipriani family, best known for their Harry’s Bar, a real institution in the city. International cuisine with the highest quality ingredients is united with a robust wine list. Dalla capacità della famosa famiglia Cipriani che ha dato vita a Harry’s Bar, ormai diventato un’istituzione, nasce questo angolo di elegante ristoro nell’isola della Giudecca, con vista sul canale omonimo. Una cucina di stampo internazionale che utilizza le più alte eccellenze in fatto di materie prime, unita a una corposa carta dei vini. I figli delle stelle Zitelle - Giudecca, 70/71 Ph. 041.523004 The three owners combine their regions’ traditions: Puglia, Veneto, and Lazio. Simple flavours and classic Mediterranean dishes are exalted by the choice of quality ingredients. The bread is DOP (a controlled label) and the flour is from the Altamura, the famous capocollo cured meat is from Martina Franca (Puglia) and other salami from Ariccia, milk products from the Pugliese tradition and fish and greens from the local Rialto market. Nato dalla combinazione delle tradizioni regionali d’origine dei tre soci: pugliese, veneta e laziale. L’accurata selezione degli ingredienti che parte dalla più classica tradizione mediterranea, esalta i sapori semplici. Il pane DOP e le farine di Altamura, il capocollo di Martina Franca, i salumi di Ariccia e i prodotti caseari della tradizione pugliese, le verdure e il pesce del mercato di Rialto. L’ulivo Isola della Giudecca, 33 Ph. 041.5207022 This charming restaurant is part of the Hotel & Spa Palladio. Seating is inside with an open kitchen, or outside in a pleasant garden. Light and tasty dishes

are developed from organic, KM0 local ingredients, while an impressive selection of wines com from nearby Friuli. Ristorante di charme dell’Hotel Bauer Palladio and Spa. Con una sala interna dotata di cucina a vista e quella esterna, nella suggestiva cornice del giardino. Piatti leggeri e gustosi, elaborati a partire da ingredienti biologici e a chilometro zero con una pregiata selezione di vini provenienti dal vicino Friuli. La bitta Calle Lunga de San Barnaba, 27537/a Ph. 041.5230531 This enoteca and restaurant specializes in meat only. The atmosphere is warm and informal, fed by the menu that is sung out (not written!) by the owner, Debora. Amongst the highlights, game, duck stew, and venetian style liver. Ristorante enoteca con specialità di sola carne. L’ambiente è caldo e informale, alimentato dal menù, rigorosamente “cantato” dalla voce della proprietaria Debora. Tra i piatti forti cacciagione, oca in umido e fegato alla veneziana. La piscina Dorsoduro, 780 - Ph. 041.2413889 The restaurant of the pensione La calcina is built in what was once a swimming pool at the edge of the canal. The cuisine is Mediterranean with a great variety of seasonal vegetables. Dessert is prepared on the spot, and the pasta is homemade. E’ il ristorante della pensione La calcina, costruito in quella che era una piscina sulle rive del canale, una cucina mediterranea con una grande varietà di verdure stagionali. I dessert vengono preparati al momento così come la pasta, fatta in casa artigianalmente. Linea d’ombra Dorsoduro, 19 - Ph. 041.2411881 One of the most innovative restaurants in the area is now seeing a rise in prestige. The creative fish based cuisine is perfectly matched with the wine list. Near the museum of the Dogana, it fronts onto the bay of San Marco. Uno dei ristoranti più innovativi della zona che negli ultimi anni ha visto fiorire il suo prestigio. Cucina di pesce creativa che si sposa con le ottime etichette presenti sulla carta. Vicino al museo di Punta della Dogana, la sua terrazza si affaccia di fronte al bacino di San Marco. al storico da crea Sestiere Giudecca, 212 Ph. 041.2960373 In the ex docking area now used by artisans, this restaurant is in a renovated warehouse. It knowingly mixes Ligurian and Venetian cuisines. Excellent also for lunch at good prices. Nella zona degli ex cantieri navali riconvertiti a sedi di attività artigianali, in un capannone ristrutturato sorge questo ristorante che mixa sapientemente cucina ligure e veneziana. Ottimo anche per un

buon pranzo a prezzi economici. oro Sestiere Giudecca, 10 - Ph. 041. 240801 The restaurant of the Belmond Hotel Cipriani, run by Davide Bisetto, an Italian chef with international reputation and experience. Deep respect for basic ingredients and purity of flavours. One Michelin star. Ristorante del Belmond Hotel Cipriani, guidato da Davide Bisetto, cuoco italiano dall’eccellente curriculum internazionale. Rispetto delle materie prime e purezza dei sapori. Una stella Michelin. RIVIERA Dorsoduro, 1473 - Ph. 041.5227621 The Riviera restaurant offers a tipical venetian cuisine. Of particular interest are the finest seafood dishes. Overlooking the Grand Canal of Giudecca, just in front of the Stuky Mill, offers its guests a panoramic terrace from which to enjoy a breathtaking views. Il ristorante Riviera di Venezia propone una cucina veneta. Di particolare interesse sono i raffinati piatti di pesce. Affacciato sul Canal Grande della Giudecca, proprio di fronte al molino Stuky, offre ai propri clienti una splendida terrazza dalla quale godersi una vista mozzafiato.

SAN MARCO

AMO T Fondaco di Tedeschi by DFS San Marco 5556 Ph. 041.2412823 An elegant bistro inside the Fondaco dei Tedeschi, located at the foot of the Rialto Bridge, which houses the new luxury department store (Dfs). Fruit of a collaboration between the Alajmo brothers and designer Philippe Starck, it is the ideal place for a break any time of the day. Un elegante bistrot all’interno del Fondaco dei Tedeschi, il nuovo department store (Dfs) di lusso ai piedi del Ponte di Rialto. Frutto della collaborazione tra i fratelli Alajmo e il designer Philippe Starck, è l’indirizzo perfetto per una pausa in ogni momento della giornata. ANTICO MARTINI Campo Teatro Fenice, 2007 Ph. 041.5289857 In a classic and elegant atmosphere where you can feel all the charm of Venice’s most chic, since 1720 the restaurant Antico Martini offers all the flavor of traditional Venetian cuisine. Open until late at night, according to the timetable of the Teatro la Fenice, we advise also the bistrot VinoVino attached. Dentro un ambiente classico ed elegante dove si respira tutto il fascino della Venezia più chic, dal 1720 il ristorante Antico Martini offre tutto il gusto della cucina veneta tradizionale. Aperto anche fino a tarda notte, seguendo gli orari del Teatro la Fenice, da consigliare anche il bistrot VinoVino annesso. Venezia | made in Veneto 127

eating in venice eating in venice eating in venice eating in venice eating in venice eating in venice eati

Managed with competence and passion since 1960, the restaurant of the Wildner Hotel of Venice proposes and reworks with creativity the dishes of the Venetian and Italian cooking tradition, served in a unique location: the restaurant’s veranda with view on Riva degli Schiavoni Gestito con professionalità e passione dal 1960, il ristorante dell’Hotel Wildner di Venezia propone e rielabora con un tocco creativio i piatti della tradizionale cucina veneziana e italiana e li serve in una cornice unica: la veranda con vista sulla Riva degli Schiavoni.


eating in venice eating in venice eating in venice eating in venice eating in venice eating in venice eati

ABECCAFICO Campo Santo Stefano, 2801 Ph. 041.5274879 Located right on Campo Santo Stefano, with a charming outdoor area, A Beccafico Restaurant offers Mediterranean cuisine, in particular fish and seafood dishes in keeping with the best Venetian traditions. Affacciato su Campo Santo Stefano, con un affascinante ambiente esterno, il ristorante A Beccafico vi aspetta con piatti, soprattutto di pesce, dedicati alla cucina mediterranea abbinati al gusto della tradizione veneziana. ACQUA PAZZA San Marco, 3808 - Ph. 041.2770688 A magnificent outdoor area facing Campo Sant’Angelo, excellent fish dishes, and the taste of true Neapolitan pizza—this and much more awaits you at Acqua Pazza, where authentic Amalfi Coast and Mediterranean cuisine reigns. Un magnifico Dehor affacciato su Campo Sant’Angelo e il gusto della vera pizza napoletana. Questo e molto altro da Acqua Pazza, regno della vera cucina amalfitana e mediterranea. Da provare anche il pesce. Antico Pignolo Calle Specchieri, 451 - Ph. 041.5228123 The large walled summer garden is unquestionably notable, as are the fish-based dishes served with particular attention to local products, while the wine list numbers over 1000 labels from every part of the world, as has been noted by the magazine Wine Spectator. Di rilievo il grande giardino estivo circondato dalle classiche mura veneziane. I piatti sono prevalentemente a base di pesce, con particolare attenzione ai prodotti del territorio, mentre la carta dei vini conta oltre 1000 etichette provenienti da ogni parte del mondo, segnalata anche dall’autorevole rivista Wine Spectator. Caffè Centrale Venezia San Marco, Piscina Frezzeria, 1659b Ph. 041 8876642 A new and modern restaurant housed in Palazzo Cocco Molin, a sixteenth-century Venetian building. Extensive menu ranging from meat to fish-based dishes, accompanied by excellent wines. You can also drink and dine outside on the small terrace giving onto the Rio de’ Barcaroli canal. The bar and kitchen are open till late into the night. Private entrance for taxis and gondolas. Nuovo e moderno ristorante situato a Palazzo Cocco Molin, un’antica residenza veneziana del 1500. Le proposte della cucina sono numerose e spaziano dalla carne al pesce, accompagnati da una buona cantina. Si può bere e cenare anche in una piccola terrazza affacciata sul canale Rio de’ Barcaroli. Il bar e la cucina sono aperti fino a tarda notte. Ingresso privato per taxi e gondole. Caffè Quadri Piazza San Marco, 120 - Ph. 041.5222105 128 Venezia | made in Veneto

The restaurant in this historic location is run by the Alajmo brothers, creators of the three Michelin star Relais Gourmand Le Calandre in Padova. It faces directly onto Piazza San Marco, and its interior is carefully decorated with local products like Murano glass; the menu is creative and gourmet, in which fish is explored and tastes are exalted. One Michelin star. Il ristorante dello storico locale è gestito dai fratelli Alajmo, creatori del tre stelle Michelin Relais Gourmand Le Calandre di Padova. Unico luogo che si affaccia direttamente su piazza San Marco, dagli interni estremamente curati con le eccellenze del territorio, come i vetri di Murano, detiene un menu creativo e gourmet, dove il pesce viene esplorato e esaltato in tutti i suoi sapori. Una stella Michelin. Da Ivo Ramo dei Fuseri, 1809 - Ph. 041.5285004 Amongst the most historically significant restaurants of Italy and perhaps in the world, Da Ivo was opened by the Tuscan Ivo Natali in 1976. It’s the preferred destination of many stars, including Sting, Elton John and Tom Cruise, and it’s a perfect little treasure in which to sample local and national cuisine, including the famous fiorentina steak. Inizia la sua storia nel 1976 grazie al suo fondatore, il toscano Ivo Natali. Meta preferita di molti personaggi famosi tra cui Sting, Elton Jhon e Tom Cruise, è un piccolo tesoro dove gustare cucina nazionale e locale, insieme a una buona bistecca alla fiorentina. De Pisis S. Marco, 1459 - Ph. 041.4207022 This is the restaurant in the luxurious Hotel Bauer. Unique thanks to its terrace that faces onto one of the most spectacular views in the world, Venice’s Grand Canal, with a view of the church of Santa Maria della Salute in the background. Chef Alessio Loppoli proposes a cuisine based on the seasonal products of the territory, under supervision. E’ il ristorante del lussuoso Hotel Bauer. Unico per la sua terrazza che si affaccia lungo uno dei luoghi più spettacolari del mondo, il Canal Grande di Venezia, con la veduta della famosa Chiesa di Santa Maria della Salute sullo sfondo. Lo chef Alessio Loppoli propone una cucina basata sui prodotti stagionali del territorio, con supervisione. Do Forni Sestiere San Marco, 457 - Ph. 041.5232148 A true institution in the historic center of the city, a great place for special occasions as well as cultural events, and frequented by illustrious visitors, the cuisine is primarily local and fish-based. Two areas are available – the more formal ‘Orient Express’ and another less formal seating space. Nel centro storico della città è divenuto nel tempo una vera istituzione. Ritrovo per

occasioni ed eventi anche culturali, spesso è il ristorante di personaggi illustri che soggiornano in laguna, con la sua cucina con prevalenza di pesce e legata al territorio. Dispone di due aree, una più raffinata che prende il nome di Orient Express e l’altra, più informale. Harry’s Bar Calle Vallaresso, 1323 - Ph. 041.5285777 The original Harry’s Bar was opened by the Cipriani family in 1931 (a rope store was in its place). In 2001 it was named a national treasure by the Italian Ministry of Culture. The cuisine remains that of Harry’s Bar tradition – classic, with attention to base ingredients. The must haves are: risotto primavera, tagliolini with prosciutto, and the historic Bellini cocktail that was born within these walls. Dichiarato nel 2001 patrimonio nazionale dal Ministero dei Beni Culturali, è il primo Harry’s Bar nato dalla mente della storica famiglia Cipriani che nel 1931 riprese un negozio di corde per renderlo un bar. La cucina è quella storica di ogni Harry’s Bar: tradizionale e attenta alle materie prime. I must: risotto primavera, tagliolini gratinati al prosciutto e lo storico Bellini, nato proprio tra queste mura. Osteria San Marco San Marco, 1610 - Ph. 041.5285242 An informal but elegant restaurant and wine bar whose kitchen is open from noon to 11pm. The weekly menu is always changing, distinguished by the way local, seasonal products are used to make creative, gourmet dishes. Wine available also by the glass, with cheese and cold-cuts at the bar. Osteria-enoteca dall’atmosfera informale e rustica. La cucina, aperta dalle 12 alle 23, si contraddistingue con il suo misurato estro creativo, capace di realizzare piatti gourmet attraverso gli ingredienti di stagione che il territorio fornisce, per un menu che cambia settimanalmente. Vini anche a bicchiere con formaggi e salumi al bancone. ROSA ROSSA San Marco, 3709 - Ph. 041.5234605 In a refined, recently renovated setting, one of this restaurant’s surprises is the pizza, but the dishes in the classic Venetian tradition are wonderful as well. San Marco, 3709, ph. 041.5234605 In un ambiente raffinato e recentemente rinnovato, una delle sorprese del ristorante è la pizza, rigorosamente fine. Ma non dimenticatevi dei grandi piatti della tradizione veneta. Taverna La Fenice San Marco, 1938 - Ph. 041.5223856 Near the famous theatre of the same name, the kitchen is open late for when the theatre lets out. The vast terrace for al-fresco summer dining provides a warm and intimate atmosphere, a feeling that continues inside with the warm wood tables and velour coverings. The innovative menu is

both surf and turf. Vicino al famoso teatro, ne rispetta gli orari con una cucina che rimane aperta fino a notte tarda. L’ampia terrazza estiva dà vita ad un’atmosfera di intimità e calore, sensazioni che proseguono anche all’interno, con il legno degli arredi e il velluto dei rivestimenti. Un menu innovativo di carne e pesce completa il tutto. Vini da Arturo Sestiere San Marco, 3656 Ph. 041.5286974 A preferred location by local Venetians, this small, simple and elegant restaurant has a menu in which meat is the real protagonist. Try the filet in all its variations. No credit cards accepted. Frequentato prevalentemente dai veneziani. Piccolo, semplice e accogliente con un menu che vede la carne come vera protagonista. Da provare il filetto in tutte le sue variazioni. Non accetta carte di credito.

SAN POLO

Alla Madonna Calle de la Madona, 594 - Ph. 041.5223824 Fulvio Rado opened this historic venetian osteria in 1954, and for the past 35 years it has been run by his son Lucio. The style and menu has not changed much due to their healthy respect of tradition. The menu is fish only, with good price/value ratio. Aperto nel 1954 da Fulvio Rado e da 35 anni gestito dal figlio Lucio. Derivato da un’antica osteria veneziana, ha mantenuto negli anni il suo stile e la sua qualità nei piatti della tradizione. Una cucina a base di pesce, secondo i dettami tipici della tradizione, ottimo anche per il rapporto qualità/prezzo. Antiche Carampane San Polo, 1911 - Ph. 041.5240165 A rustic trattoria that has recently gained popularity. The menu lists only Adriatic fish, served in a traditional but revisited manner. In good weather, outside seating is available between potted flowers and under a charming tent in a calm corner of the lagoon. Una trattoria dallo stile rustico che negli ultimi anni ha visto accrescere la sua popolarità. Nel menu solo pesce del mar Adriatico. La cucina è tradizionale e talvolta rivisitata e corretta con discrezione. In stagione c’è la possibilità di pranzare all’aperto, tra vasi di fiori e sotto un allegro tendone, in un angolo defilato vicino al ponte di Rialto. Bancogiro Campo San Giacometto, 122 Ph. 041.5232061 At the foot of the Rialto bridge, this campo (square) is packed during the day with the fruit and vegetable market. The osteria is named for the bridge under which it is located. It has excellent wines, served at table or bar, tasty cicchetti (snack sized dishes) to accompany one’s chalice, and


SANTA CROCE

Alla Zucca Sestiere Santa Croce, 1762 Ph. 041.5241570 This sheltered and calm restaurant sits at the feet of a little bridge, and offers an inspired and creative local menu that includes a good range of vegetarian dishes. Try the cous cous, the spicy meatballs, and the baked lamb chops topped with tzatziki. Ai piedi di un classico ponte, un locale defilato, sereno e caldo. Una cucina locale animata con estro e inventiva, insieme a una interessante proposta di piatti vegetariani. Da provare: il cous cous, le polpettine speziate e le costolette d’agnello al forno con salsa Tzatziki. Glam Ritorante & Bar Palazzo Venart S. Croce, 1961 Ph. 041.5233784 In the enchanting Palazzo Venart, with gardens on the Grand Canal, starred chef Enrico Bartolini prepares classic Venetian specialties with a contemporary twist. Nel suggestivo Palazzo Venart, con giardino sul Canal Grande, lo chef stellato Enrico Bartolini propone specialità classiche veneziane reinterpretate in chiave contemporanea. Osteria Trefanti Rio Marin, Santa Croce, 888 Ph. 041.5201789 Casual restaurant with a refined fish menu. Casual restaurant con menù a base di pesce molto ricercato. Refolo Campo San Giacomo dell’Orio, 1459 Ph. 041.5240016 In a picturesque little campo off San Gia-

como dell’Orio is this offering of an informal menu: pizza and cheese plates, along with raw oysters, fried zucchini flowers and sardines, or prosciutto and figs. This is the more youth-friendly “son” of the famed Da Fiore restaurant. Il ristorante, che si trova in un pittoresco campiello appartato a San Giacomo dell’Orio, propone cucina informale come pizze e assaggi di formaggi ma anche ostriche crude, pollo al curry, scamone garronese. Tra le pizze più richieste, fiori di zucca e acciughe, prosciutto e fichi e la Piazza Doge. Figlio del ristorante pluripremiato Da Fiore, ne è la versione più giovane e friendly.

Venice’s OMBRE Al Marca Sestiere San Polo, 213 Ph. 346.8340660 This is the place to drink a famed spritz at the right price. It’s always packed with locals. Don’t miss the meatballs and sandwiches lovingly prepared by Wewe. Near the Rialto market. Un vero must in città dove bersi al giusto prezzo il famoso spritz. Sempre affollato, frequentato sopratutto dai veneziani. Da non perdere le polpette e i panini preparati da Wewe. Si trova vicino al mercato di rialto. Al Timon Sestiere Cannaregio, 2754 Ph. 041.5246066 Steps away from the ghetto, this little osteria is run by young Venetians who serve excellent cicchetti (little local appetizers) and excellent wine to sip while seated along the canal, preferably after sunset. Open beyond midnight. A pochi passi dal Ghetto una piccola osteria gestita da giovani veneziani, ottimi cicchetti e buoni vini da sorseggiare seduti sulla fondamenta d’estate, preferibilmente dopo il tramonto. Il locale è aperto oltre la mezzanotte. All’Arco San Polo, 436 - Ph. 041.5205666 A tiny, secret place to taste an excellent selection of wines while snacking on the famous cicchetti. The selection is limited but of high quality: crostini, cooked vegetables prepared in various ways, and fresh fish. Un piccolo e segreto luogo dove poter degustare una buona selezione di vini insieme ai famosi cicchetti. Insieme a una selezione di pietanze limitata, ma di ottima qualità. Crostini, verdure cotte in diversi modi, dalla caponata ai carciofi locali, e pesce fresco. Alla Mascareta Sestiere Castello, 6 Ph. 393.9848407 This wine bar is listed in the SlowFood Guida alle Osterie d’Italia, with high merits for its wine and cheese selection. Near

the door of Campo Santa Maria Formosa, outside seating is in ex-movie chairs. Excellent selection of cold cuts and cheese, and some warm dishes are served. Enoteca che la Guida alle Osterie d’Italia di SlowFood segnala fra i locali del buon formaggio e del buon vino. Si trova vicino a Campo Santa Maria Formosa, fuori dalla porta, poltroncine da cinema attendono chi vuole fare quattro chiacchiere all’aperto. Alle proposte di mescita, si accompagnano selezioni di salumi e formaggi e alcuni piatti caldi. Cantinone Già Schiavi Fondamenta de le Romite, 1350 Ph. 041.5230744 A family run wine bar and osteria in the San Trovaso area with a not to be missed selection of cicchetti, both traditional and innovative, and the excellent selection of wines. It’s also a good wine shop for home consumption. There is no seating but customers lounge outside on the fondamenta. Enoteca osteria a conduzione familiare nella zona di San Trovaso, imperdibile per i cicchetti assortiti, tradizionali e fantasiosi, ottima la scelta dei vini. il locale è anche un’ottima cantina nella quale fare rifornimento per casa. Non c’è posto a sedere ma si sta fuori nella fondamenta. Do Mori Sestiere San Polo, 429 Ph. 041.5225401 In an underpass near the Rialto market, this bar-only wine shop serves cicchetti too. In un sotoportego vicino al mercato di Rialto troviamo questa cantina, dove si può scegliere tra una gran varietà di cicheti e vini in bottiglia, rigorosamente al banco. La cantina Campo San Felice - Cannaregio, 3689 Ph. 041.5228258 A pleasant place to sit along the street and watch life walk by; artisanal wines and beer are accompanied by cicchetti and a few dishes made on the spot. Una piacevole sosta lunga la Strada Nova dove assaporare il via vai della città. Vini e birre artigianali, conditi con piatti e cicchetti espressi.

islands restaurants BURANO

Al Gatto Nero Fondamenta della Giudecca, 88 Ph. 041.730120 What began as a simple osteria in 1965 has been expanded by the owner, Ruggero Bovo, whose menu boasts an ample selection of antipasti and primi, the best of which is the ‘Risotto di gò alla buranella,’ the homemade tagliolini with crab, followed by baked fish or the sublime fish fry, accompanied by organic seasonal greens from the nearby islands. Large outdoor

seating. Nata come semplice osteria nel 1965 viene rilevata dal propretario Ruggero Bovo. Nel menu compare un’ampia degustazione di antipasti e di primi piatti, tra i quali trionfa il Risotto di gò alla buranella, i tagliolini fatti in casa con Granzeola e poi il pesce al forno o i supremi fritti di pesce misto accompagnati da verdure sempre di stagione a coltivazione biologica raccolte nelle isole limitrofe. Ampio dehor estivo. Da Romano Via S. Martino, 221 - Ph. 041.730030 A popular getaway for many early 20thcentury artists who lived on the island, the Barbaro family has always been the owners and continue to run it with tradition, love, and professional ability. This is the place to taste typical lagoon cooking. It’s famous for the refined simplicity of the risotto and fish dishes based in tradition. Rifugio storico di molti pittori che nei primi del ‘900 sostavano nell’isola, gestito da sempre dalla famiglia Barbaro che continua la tradizione con amore e capacità. Qui si possono gustare i piatti tipici della cucina lagunare. Famosi nella loro raffinata semplicità sono i risotti e i piatti di pesce che si rifanno ad un’antica arte culinaria. Riva Rosa Strada San Mauro, 296 - Ph. 041.730850 One of the essential stops on the island if you want to taste fish straight out of the sea, this ristorante and wine bar is a house museum on the inside and has a panoramic terrace as well. Private docking vailable. Per gustare il sapore del pesce appena pescato, questo ristorante enoteca è una delle tappe fondamentali nell’isola dei merletti. Una casa museo all’interno di antiche fondamenta, una terrazza che si apre a un ampio panorama. Possibilità di attracco privato.

isola delle rose

dopolavoro Isola delle Rose, Laguna di San Marco Ph. 041.8521300 The kingdom of one of Italy’s most celebrated chefs, Giancarlo Perbellini, it is the restaurant of the elegant JW Marriott® Venice Resort & Spa. Located on a private island in the Venetian Lagoon. One Michelin star gained in 2016. Regno di uno degli chef più acclamati in Italia, Chef Giancarlo Perbellini, è il ristorante dell’elegante JW Marriott® Venice Resort & Spa. Come palcoscenico, un’isola privata nel capoluogo lagunare. Da questo 2016 vanta una stella Michelin.

MAZZORBO

VENISSA Fondamenta Santa Caterina, 3 Ph. 041.5272281 Paola and Gianluca Bisol have seen the dream of an innovative hostel-restaurant come into reality. Here dishes are created on the basis of the products offered by Venezia | made in Veneto 129

eating in venice eating in venice eating in venice eating in venice eating in venice eating in venice eati

just a few refined dishes on the menu, to eat seated at table. Ai piedi del ponte di Rialto si apre un campo che durante il giorno è affollato dai banchetti del mercato. Ottimi vini, anche al banco, gustosi cicchetti per accompagnare il bicchiere, e poche portate, anch’esse raffinate e gustose, da mangiare seduti in campo dell’Erberia, con vista sul Canal Grande. Da Fiore Calle del Scalater, 2202 - Ph. 041.2750822 This prestigious and exclusive osteria has been rewarded with one Michelin star. Owners Mara and Maurizio Martin, along with their son Damiano, have made the restaurant into an institution in which the cuisine is a creative expression able to exalt the flavours of the fish that animate the menu. Un’osteria prestigiosa e esclusiva premiata con una stella Michelin. I proprietari Mara e Maurizio Martin, insieme al figlio Damiano, hanno trasformato il ristorante in una istituzione, dove la cucina diventa espressione creativa in grado di esaltare i sapori del pesce, anima del menu.


eating in venice eating in venice eating in venice eating in venice eating in venice eating in venice eati

the local territory for a “Zero Kilometer Menu” that is changed every day. One Michelin star. Innovativo ristorante ostello nato dal sogno di Paola e di Gianluca Bisol. I piatti vengono creati in base alle materie prime che il territorio locale offre quotidianamente, creando un menù che cambia tutti i giorni diventando un reale chilometro zero. Una stella Michelin.

MURANO

Busa alla torre da Lele Campo Santo Stefano, 3 - Ph. 041.739662 A classic menu of Venetian cuisine prepared according to tradition, and accompanied by a good wine list... all inside a refined and elegant location with a summery terrace too. Un menu classico di cucina veneziana cucinato secondo la tradizione e accompagnato da buoni vini sulla carta. Il tutto dentro un luogo raffinato e elegante,insieme a un suggestivo plateatico estivo. ACQUASTANCA Fondamenta Manin, 48 - Ph. 041.3195125 The name stands for the moment when the water is still, between the high and the low tide. Recently opened by two young women –it used to be an historical bakery, it offers the flavors of the traditional cooking in a chic but cosy atmosphere, like that you find in fish houses. Il nome indica il momento di calma tra la bassa e l’alta marea del mare. Aperto recentemente da due giovani donne al posto di uno storico fornaio, qui troverete i sapori della cucina tradizionale in un ambiente chic ma semplice, come nei casoni da pesca.

Pelestrina

Da Celeste Sestiere Vianelli, 625 - Ph. 041.967043 One of its best features is the terrace, the prettiest of those that give onto the south lagoon. Fresh fish is prepared in the traditional ways – try the pasticcio di pesce, a kind of fish lasagna). Uno dei suoi punti forti è la terrazza, la più bella tra quelle che si affacciano davanti alla laguna sud. Pesce fresco cucinato alla maniera tradizionale, da provare il pasticcio di pesce.

SAN PIERO IN VOLTA

Da Nane San Pietro in Volta, 282 - Ph. 041.5279100 Home style venetian cooking with fish at its heart, in a welcoming atmosphere. Amongst the house specialties are the antipasti of mantis and scallops, the famed pasticcio di pesce (a kind of fish lasagna), the fried squid, cuttlefish stew, and the grilled local meat. The selection of wines is also notable. Cucina veneta casalinga a base di pesce dentro un ambiente accogliente. Tra le specialità della casa vanno menzionati gli 130 Venezia | made in Veneto

antipasti di cannocchie e capesante, il rinomato pasticcio di pesce, il fritto di calamaretti, le seppioline in umido, la grigliata dell’Adriatico. Buona la selezione dei vini.

VIGNOLE

Alle Vignole Isola Vignole, 12 - Ph. 041.5289707 The Vianello family has been running this trattoria for almost a hundred years, offering clients a traditional fish-based menu and genuine meats. Da quasi cento anni gestita dalla famiglia Vianello, questa trattoria offre ai propri clienti una cucina tradizionale basata sul pesce della laguna e del mar adriatico e la carne più genuina.

TORCELLO

Al ponte del diavolo Fondamenta Borgognoni, 10\11 Ph. 041.730401 In a comfortable and elegant location at the foot of the bridge of the same name, the two rooms inside are warmed by the fireplace, while the garden has a lovely pergolato covering. The quality of this restaurant rests on its use of the freshest ingredients that mix history and tradition to make excellent dishes. Un ambiente confortevole e elegante ai piedi dell’omonimo ponte. Un comodo salotto, due sale interne al tepore del rilassante camino, un giardino con il tradizionale pergolato. Una cucina dalle materie prime freschissime, in cui storia e tradizione s’intrecciano per piatti eccellenti. Locanda Cipriani Piazza Santa Fosca, 29 Ph. 041.730150 One of the most important restaurants in Venice comes from the Cipriani family. Immersed in the surrounding green area, the refined country atmosphere meets the kitchen of Chef Cristian Angiolin who prepares both the classic Cipriani family dishes, and an ample selection of fish- or vegetable-based primi with homemade pasta or rice. Dallo storico nome della famiglia Cipriani, uno dei ristoranti più importanti della laguna veneta. Immerso nella natura della campagnia circostante, in un ambiente raffinatamente agreste, una cucina con a capo lo chef Cristian Angiolin che, oltre ai piatti inventati dalla famiglia Cipriani e oramai divenuti dei classici, propone un’ampia scelta di piatti basati su pesce, verdure, pasta fatta in casa e riso.

LIDO

AI MURAZZI Via dei Kirchmayr, 16 - Ph. 041.5267278 On a path that runs along the sea and the typical rocks of the Lido, there is the restaurant Ai Murazzi. In a simple house with dark wood with a typical furnishings you could taste the traditional cuisine based on fish that reveals the full potential of this

region. Try the sardines in sauce. Su un percorso che costeggia il mare e le tipiche rocce del Lido, si trova il ristorante Ai Murazzi. Dentro una semplice casa in legno scuro con arredamento tipico marinaro una cucina tradizionale a base di pesce rivela tutte le potenzialità di questa regione. Da provare le sarde in saor. ANDRI Via Lepanto, 21 - Ph. 041.5265482 Typical Venetian restaurant where to taste the authentical flavors of a traditional cuisine at a very good price/quality ratio. Do not miss its first courses and Bollito dishes. During Summer, an outdoor veranda with lots of flowers is opened Tipico ristorante veneziano dove gustare i sapori autentici di una cucina tradizionale ad un ottima qualità prezzo. Da provare i primi piatti e i bolliti. D’estate si apre in una fiorita veranda esterna. La Favorita Via Duodo Francesco, 33 - Ph. 041.5261626 This trattoria, one of the “buon ricordo” series, is run by Luca Pradel and his wife Gabriella. Located on a quiet street in the Lido, it’s recognized as one of the area’s top restaurants due to the fish specialties rooted in venetian tradition, with select seasonal ingredients and perfectly matched wines chosen amongst the best international and national labels. Trattoria del “buon ricordo”, gestita da anni da Luca Pradel e dalla moglie Gabriella, si trova in una via appartata e tranquilla del Lido. E’ riconosciuto come uno dei ristoranti più rinomati in zona, per la cucina con specialità di pesce degna della storica tradizione veneziana, per gli ingredienti selezionati in base alla stagione e legati al territorio circostante, per il vino abbinato alle portate, scelto tra le migliori etichette nazionali ed internazionali.

Restaurants ON THE MAInLAND CAMPALTO

Al Passo Via Campalto, 118 - Ph. 041.900470 Near the Marcopolo airport, this traditional venetian restaurant offers high quality cooked and raw fish dishes: grilled or barbecued, carpaccio and seafood. Don’t miss the razor-shell clams (called capelonghe), scallops, polenta with schie (local grey shrimp), and the grilled octopus with beans. Vicino all’areoporto Marcopolo, propone una cucina tradizionale veneta di alta qualità, con piatti di pesce sia crudo che cotto, alla griglia alla brace, carpacci di ogni genere, frutti di mare. Inoltre imperdibili le capelonghe, le capesante, i canestri, la polentina con le schie, il polpo alla griglia con fagioli.

MAROCCO

Al Cason Via Gatta,112 - Ph. 041.907907

Since 1967, the Foltran family has invested passion in this osteria and restaurant that exalts the best of local flavours. Start with the antipasti – raw, boiled, or grilled – a glass of prosecco, followed by linguine with clams and finally the tiny ombrine fish served grilled. Genuine simplicity. Dal 1967 la famiglia Foltran porta avanti con passione il questo ristorante osteria che esalta il meglio i sapori naturali della materia prima locale. Prima gli antipasti, crudi, bolliti e alla brace, un calice di prosecco, poi linguine con le telline e a seguire una grigliata di piccole ombrine. Genuina semplicità.

MESTRE

Ai Veterani Piazzetta Da Re, 6 - Ph. 041-959378 A restaurant and wine bar with a warm, homey atmosphere. The menu varies by season, with occasional sparks of innovation, always using excellent primary ingredients. The wine list is the true star here, suggested with passion by the owner, Isa Mazzetto. Enoteca ristorante con una calda atmosfera casalinga. Il menu è vario, stagionale. La materia prima è eccellente, e infine i vini, veri fiori all’occhiello, consigliati passione e competenza dalla titolare, Isa Mazzetto. Amelia Via Miranese, 113 - Ph. 041.913955 One of the most prestigious and historic restaurants in Mestre, the menu is fishbased and always excellent quality. The offerings are generally based on local products and inspired by venetian tradition. Uno dei ristoranti più prestigiosi e storici di Mestre. Il menù è a base di pesce sempre di ottima qualità. L’offerta si basa molto sui prodotti locali e si rifà alla tradizione veneziana. Quindi: bovoleti, canoce, masenete, folpetti, capesante, moèche, schie o gamberetti di laguna, anguelle e infine baccalà mantecato.

LUGHETTO DI CAMPAGNIA LUPIA Cera Via Marghera, 24 - Ph. 041.5185009 One Michelin star for this restaurant between Venice and Chioggia run since 1966 by the Cera family.. The gastronomic proposals depend on the freshness and high quality of the ingredients in order to make the scents and tastes of local tradition come forth. The cellar boasts wines wellmatched to the menu. Una Stella Michelin. Tra Venezia e Chioggia, dal 1966 la famiglia Cera è l’appassionata custode della raffinata osteria impreziosita da marmi, argenterie e un raccolto giardino. La cantina propone etichette intelligentemente selezionate in accordo col menu.


FLAGSHIP STORES VENEZIA Calle Frezzeria, 1231 FIRENZE Via San Gallo, 63/R | Via della Spada, 9/R | Borgo La Croce, 44/R FORTE DEI MARMI Via Barsanti, 10/E (Lucca) | MILANO Via Fiori Chiari, 24 | ROMA Via Vittoria, 63 NEW STORE OPENING SOON BOLOGNA Via Farini, 9/D


THE YACHT-MASTER II The ultimate skippers’ watch, steeped in yachting competition and performance, featuring an innovative regatta chronograph with a unique programmable countdown. It doesn’t just tell time. It tells history.

OYSTER PERPETUAL YACHT-MASTER II

OFFICIAL RETAILER VENICE - ROLEX BOUTIQUE, PIAZZ A SAN MARCO 44 VENICE - PIAZZ A SAN MARCO 67 VICENZ A - CORSO PALL ADIO

Venezia Made in Veneto n.22  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you