Page 1

VEN EZIA m

a

d

e

i

n

v

e

COVER STORY ALESSANDRA MASTRONARDI FASHION F/W 2019-20 DARLING

n

e

t

CULTURE THE 76TH VENICE FILM FESTIVAL | BIENNALE ARTE 2019 | MOVIES IN VENICE ITINERARIES DON’T CALL THEM PIAZZA | MISERICORDIA DISTRICT

o


F A L I E R O S A R T I . C O M


contents

n.30

autumn - winter 2020

COVER STORY 38

20

Alessandra Mastronardi

Enchanting Alessandra

Valeria Presotto

Aggregation and sharing Aggregazione e condivisione

Incantevole Alessandra FASHION

AGENDA 22

Art Venice

27

It object

23

Art Veneto

60

Shooting

24

Classic

Darling by Marta Innocenti Ciulli

25

Pop MUST

PEOPLE 14

Silvia Pichi

Experiences of beauty Esperienze di bellezza 16

Emanuele Vio

73

Jewels

75

Bags

76

Shoes

77

For Him

The art of hospitality MOVIE, THEATRE & MUSIC

L’arte dell’ospitalità 18

Valter Arnaldo Esposito

42

76th Venice Film Festival

The man of words

A galaxy of stars

L’uomo delle parole

Una galassia di stelle

90

42 60


PIAZZA SAN MARCO 51, VENEZIA - TEL. 041 8475777

PRINCESS & VENETIAN PRINCESS COLLECTIONS | robertocoin.com


contents

n.30

autumn - winter 2020

ITINERARIES

50

Campi

106

Sina Centurion Palace

An unexpected traveler

Don’t call them piazza

Un viaggiatore inaspettato

Non chiamatele piazze

108

90

Movies

Hilton Molino Stucky

An extraordinary story

Lights, camera... action!

Una storia straordinaria

Luci, camera... azione!

112

Venice Hospitality Challenge

On the wings of the wind ART, DESIGN & CULTURE 78

Biennale Arte 2019

The Labyrinth

FOOD & WINE

Il Labirinto 86

Sulle ali del vento

96

Exhibitions

Dogaressas, glassmakers & photographers Dogaresse, vetrai e fotografi

Misericordia District

Discovering the liveliest neighbourhood in Venice

Alla scoperta della zona più vivace di Venezia

SHOT

LIFESTYLE 102

ON SITE

114

The St. Regis Venice

Cultivating the Vanguard

GUIDE

Coltivare l’avanguardia by Federica Repetto

118

Restaurants

78 96

50


#ITALIAEXPERIENCES

FASHION, ART, EVENT AND LIFESTYLE MAGAZINE

publisher

FM publishing srl Gianluca Fontani, Luca Gori, Ori Kafri, Alex Vittorio Lana, Matteo Parigi Bini

CAP R I FI R EN Z E M I LANO R OMA VEN EZ IA editor in chief

Matteo Parigi Bini fashion director

Marta Innocenti Ciulli managing editors

Teresa Favi, Francesca Lombardi, Virginia Mammoli editors

Sabrina Bozzoni, Matteo Grazzini, Monia Mlah, Mila Montagni venezia correspondent

Federica Repetto contributors

Luciana Boccardi, Giovanni Bogani, Giovanna Caprioglio cover photo

Fabio Lovino

photographers

Alessandro Bencini, Archivio Cameraphoto Epoche, Matteo Bertolin, Stefano Degirmenci, Dario Garofalo, La Biennale di Venezia, Alessandro Moggi, New Press Photo, Ferdinando Scianna, Manuel Silvestri, Switchmedia, Barbara Zanon art editors

Martina Alessi, Melania Branca translations

Centotraduzioni, Tessa Conticelli, NTL Traduzioni, The Florentine advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

MKT Worldwide, Gianni Consorti, Alessandra Nardelli, Monica Offidani, Paola Paciotti editorial office

via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - redazione@gruppoeditoriale.com branch

N. Bayshore Dr. #1101 - FL 33137 - Miami 2000 - Usa società editrice

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - fax +39.0574.730204 www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Registrazione Tribunale di Prato - n° 9/2006 del 15.12.2006 Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, lettera b – legge 662/96 – Filiale di Firenze - Contiene IP stampa

Baroni & Gori - Prato (Symbol Freelife Gloss Premium White) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl


Venezia, Calle Larga XXII Marzo, 2282 · Tel. 041 8503048


contributors Fashion and society expert, she started her career in journalism after having been awarded the Mentasti Literary Prize by Georges Simenon. She works with newspapers and magazines, she takes part in TV talk shows and serves as chairwoman of conferences. She lives in Venice.

Luciana Boccardi Crovato

Esperta di costume e moda, autrice di saggi, ha iniziato la carriera giornalistica dopo l’assegnazione del Premio Letterario “Mentasti” consegnatole da George Simenon. Collabora con quotidiani e periodici, è ospite di talk show televisivi, moderatrice di convegni e dibattiti. Vive a Venezia, la città dov’è nata.

A journalist, he writes about the cinema festivals of Berlin, Cannes, Venice and Rome for the newspaper La Nazione and for websites www.affaritaliani. it and www.cinecitta. it. He has collaborated with the ItalianAmerican magazines “US Italia” and “ItalyAmerica”americane Us Italia e ItalyAmerica.

A native Venetian, she has lived in Milan for several years where she manages The Lifestyle Journal. Venice surprises her daily and curiousity pushes her to constantly discover new spots and itineraries off the beaten path.

43 four years in the fashion business, of which twenty spent as editor in chief of international magazines specialized in fashion and trends. A job and a passion just right for her. She loves her children, home, job, photography and movies.

Is a professional journalist who lives and works in Venice. She specializes in culture, customs and entertainment and contributes to various publications. She has also been in charge of communications for various companies and events.

Giovanni Bogani

Giovanna Caprioglio

Marta Innocenti Ciulli

Federica Repetto

Giornalista, scrive dai festival di Berlino, Cannes, Venezia e Roma per il quotidiano La Nazione e per i siti web www.affaritaliani. it e www.cinecitta.it. Ha collaborato con le riviste italo/americane Us Italia e ItalyAmerica.

Veneziana d’origine, vive a Milano da qualche anno, dove dirige il magazine The Lifestyle Journal. Venezia la sorprende ogni giorno e la curiosità la porta a scoprire luoghi e itinerari sempre fuori dal comune.

14

MILANO

43 anni di moda, di cui 20 passati come direttore di testate internazionali con un unico soggetto: moda e tendenze. Un lavoro-passione che le ha corrisposto profondamente. Ama i suoi figli, la casa e il lavoro, la fotografia, il cinema.

Giornalista professionista. Vive e lavora a Venezia, si occupa in particolare di cultura, spettacolo e costume. Scrive su diverse testate, e ha curato la comunicazione per aziende e manifestazioni.


Enlightening Uniqueness barovier.com Visit Palazzo Barovier&Toso - Fondamenta Manin 1/D - Murano Venice - T +39 041 739 049


VENEZIA PEOPLE

EXPERIENCES OF BEAUTY

SILVIA PICHI, ART HISTORIAN AND CRITIC, ART COUNSELOR SILVIA PICHI, STORICA E CRITICA D’ARTE, ART COUNSELOR text Federica Repetto

What exactly do you do? In curating temporary exhibitions, museum itineraries and dedicated activities, I create an experience that favors a relationship with an artwork, the place and context hosting it, the emotions and ideas it arouses in the viewer. How long have you practiced this profession? Since I discovered that history and contemporaneity dialogue on the same ground through that material, symbolic, aesthetic and expressive language that man poses with his doubts, contradictions and themes constantly at play. When curating an exhibition, where do you start? I start by listening to what the artist, the protagonists or the theme of the exhibition intend to propose. From this comes the plot of an exhibition, that is implicit, explicit, hidden narrative to be experienced by the visitor. A precious opportunity to take an inner journey before beauty. Your experience? I began as an art historian, I dedicated myself for years to archival research and to the history of applied arts. I’m very interested in the relationship between conception and realization for the artist, the designer and the craftsman of today. Future projects? Exhibitions of contemporary artists, but also festivals such as VeneziaILLUSTRA which I curated this year for the Fondazione Bevilacqua La Masa in the Galleria di Piazza San Marco together with Marina Zulian and Roberto Zamberlan. Venice is? Resonances of oneself, reflections of the world, Beauty... on the thread of Existence.

Di cosa si occupa esattamente? Della curatela delle esposizioni temporanee, dei percorsi museali e delle attività dedicate, progetto un’esperienza che favorisca relazione con l’opera, il luogo e il contesto che la ospitano, le emozioni e suggestioni che suscita nella persona. Da quanto tempo fa questo mestiere? Da quando ho scoperto che la storia e la contemporaneità dialogano sullo stesso terreno attraverso quel linguaggio materico, simbolico, estetico ed espressivo che pone l’uomo con i suoi interrogativi, contraddizioni e temi costantemente in gioco. Quando cura una mostra da cosa parte? Dall’ascolto. È l’ascolto di quanto l’artista, i protagonisti o il tema dell’esposizione intendono proporre. Da questo nasce la trama di un allestimento che è narrazione implicita, esplicita, recondita e tutta da vivere per il visitatore. Un’occasione preziosa per compiere un viaggio interiore di fronte alla bellezza. Qual è la sua esperienza? Nasco come storica dell’arte, mi sono dedicata a lungo alla ricerca d’archivio e alla storia delle arti applicate. Mi appassiona il rapporto tra ideazione e realizzazione per l’artista, il designer e l’artigiano di oggi. Progetti futuri? Esposizioni di artisti contemporanei ma anche Festival come VeneziaILLUSTRA che ho curato, quest’anno, per la Fondazione Bevilacqua La Masa nella Galleria di piazza San Marco insieme a Marina Zulian e Roberto Zamberlan. Venezia è? Risonanze di sé, riflessi del mondo, Bellezza… sul filo dell’Esistere.

THE PLOT OF AN EXHIBITION IS IMPLICIT, EXPLICIT, HIDDEN NARRATIVE TO BE EXPERIENCED BY THE VISITOR 14

VENEZIA


VENEZIA PEOPLE

THE ART OF HOSPITALITY EMANUELE VIO. FIRST CONCIERGE AT SINA CENTURION PALACE EMANUELE VIO. PRIMO CONCIERGE SINA CENTURION PALACE text Federica Repetto

Why is the figure of the concierge so important?

The concierge is the interface for hotel guests during their stay, and can organize every little detail of their visit.

I’m sure you started out when you were very young, like everyone who chooses this profession.

My passion for my work runs in the family, as I am the grandson of one of the founders of Associazione Triveneta Chiavi d’oro, the regional branch of the Italian hotel concierges’ association. My grandfather Bruno Schiavon was one of the signatories of the association’s original statute. My father, Gianfranco, was a hotel manager for many years, starting at Bonvecchiati and then with the Boscolo Group. I grew up in a family of hotel operators, surrounded by ‘hotel talk’. I became a concierge while still young, at the age of 35, after working in a number of luxury hotels, before taking on this position at the Sina Centurion Palace, a five-start luxury hotel in the Sina Hotels Group. It is a great honour for me to work with GM Paolo Morra and a young, closeknit team of people who are passionate about what they do.

What is the most important value for you?

Humility: never forgetting the sacrifices that brought me where I am today, and the gratitude for the satisfaction my clients demonstrate by coming back year after year.

Famous people: who do you remember the most fondly?

Perché è importante la figura del concierge? È il punto di riferimento per gli ospiti dell’hotel ed è in grado di organizzare il loro soggiorno nei minimi dettagli. Come tutti coloro che hanno scelto questa professione sicuramente avrà iniziato da giovanissimo. La passione per questo lavoro è una tradizione di famiglia, essendo io il nipote di uno dei fondatori dell’Associazione Triveneta Chiavi d’oro. Bruno Schiavon, mio nonno era uno dei tre firmatari dello Statuto originale. Mio padre, Gianfranco, poi è stato direttore di hotel per molti anni, iniziando al Bonvecchiati e poi con il Gruppo Boscolo. Ho respirato e vissuto l’hotellerie in famiglia e sempre sentito parlare il ‘linguaggio degli hotel’. Sono diventato primo concierge abbastanza giovane, all’età di 35 anni, dopo aver maturato varie esperienze in hotel di lusso, per poi ricoprire il ruolo al Sina Centurion Palace. Per me è un onore collaborare con il GM Paolo Morra e con un team giovane, appassionato e affiatato. Il valore più importante? L’umiltà: non dimenticare mai i sacrifici che mi hanno portato dove sono ora e la gratitudine per la soddisfazione che i clienti dimostrano tornando annualmente. Personaggi famosi. Chi ricorda con più piacere? Tra tutti, mi rimarrà sempre impresso il ricordo un cliente polacco che purtroppo è venuto a mancare, ma che nonostante il suo status aveva una cordialità genuina non solo nei miei confronti ma anche di tutto il nostro personale. Quale esperienza consiglia di far vivere a Venezia? Consiglio sempre le zone meno battute dai turisti e in particolare la chiesa di San Pietro di Castello, luogo di pace e tranquillità percepita anche dagli stessi clienti che vi si recano.

Of the many clients I have had the pleasure to serve, I will always remember a Polish guest who is unfortunately no longer with us. Despite his status in society, he was truly cordial in his relations with me and with all our staff.

What experience do you recommend for visitors to Venice?

I always recommend going to parts of the city that are off the tourist track, and especially the church of San Pietro di Castello, a place of peace and tranquillity that clients always appreciate.

I GREW UP IN A FAMILY OF HOTEL OPERATORS, SURROUNDED BY ‘HOTEL TALK’ 16

VENEZIA


PABLO ATCHUGARRY THE MOVEMENT OF LIGHT 6 MAGGIO - 24 NOVEMBRE 2019 VENEZIA THE EVOLUTION OF A DREAM 8 GIUGNO - 29 SETTEMBRE 2019 PIETRASANTA Tel. +39 041 5230357 venezia@continiarte.com

www.continiarte.com

@continigallery @continiartgallery


VENEZIA PEOPLE

THE MAN OF WORDS

VALTER ARNALDO ESPOSITO, VENETIAN DOC, JOURNALIST AND POET VALTER ARNALDO ESPOSITO, VENEZIANO DOC, GIORNALISTA E POETA text Federica Repetto

Is the poet “a person around words”? He always revolves around words but observes in silence and this silence is his composition. What is the significance of the word in poetry? It is fundamental, very different compared to narrative. Poetry is like music: if you miss a note, the whole arrangement is ruined, so in poetry if a word does not ‘sound right’, if it is not musical, the poem goes off track. What images emerge in your writings? The sea recurs frequently. It is always an image of great openness for my words. When did you discover that you had to write poetry? I had written and published several sports books, mostly biographies of former champions and crime novels set in Venice. After my mother’s death, which coincided with the presentation of the novel Rosso, I became more closely interested in poetry and understood that I could give free rein to my poems full of love and memories. Can people live in a poetic way? Of course, but only if they believe firmly, even if in a society like ours this is very difficult. Today we surround ourselves with material ‘things’ and there is no room for poetry, which for me remains the highest point of writing and the silence of savoir-vivre. A poem of yours for Venice “The morning light is reflected in the silent lagoon of Venice... and I follow its effects... playing the part of the melancholy spectator... poet of my delirium...”

Il poeta è una persona intorno alle parole? Ruota sempre attorno alle parole ma osserva in silenzio e il silenzio è la sua composizione. Qual è il significato della parola in poesia? È fondamentale, molto diverso rispetto alla narrativa. La poesia è come la musica se sbagli una nota salta tutto l’arrangiamento, così in poesia se una parola non ‘suona’, non è musicale la poesia va fuori binario. Quali immagini affiorano nella sua scrittura? Spesso e volentieri ricorre il mare. È sempre un’immagine di grande apertura per le mie parole. Quando ha scoperto che doveva scrivere poesia? Avevo scritto e pubblicato diversi libri di sport, per lo più biografie di vecchi campioni e romanzi noir ambientati a Venezia. Dopo la morte di mia madre, coincisa con la presentazione del romanzo Rosso, mi sono avvicinato ancor più verso la poesia ed ho capito che potevo dare libero sfogo alle mie poesie piene di amore e ricordi. Possono le persone vivere in modo poetico? Certamente ma se ci credono fermamente anche se in una società come la nostra credo sia molto difficile. Oggi ci si attornia di ‘cose’ materiali e non si trova spazio per la poesia che per me rimane il punto più elevato della scrittura e il silenzio del saper vivere. Una sua poesia per Venezia “La luce del mattino si specchia sulla silenziosa laguna di Venezia... e io ne seguo gli effetti... indossando i panni dello spettatore malinconico... poeta del mio delirio...”

THE POET ALWAYS REVOLVES AROUND WORDS BUT OBSERVES IN SILENCE AND THIS SILENCE IS HIS COMPOSITION 18

VENEZIA


JOSEPH KLIBANSKY - CONTEMPORARY ARTIST

@josephklibanskyart

@josephklibansky

info@josephklibansky.com

www.josephklibansky.com


VENEZIA PEOPLE

AGGREGATION AND SHARING

ph. Federica Repetto

VALERIA PRESOTTO. UNFORGETTABLE EVENTS IN VENICE VALERIA PRESOTTO. EVENTI INDIMENTICABILI A VENEZIA text Federica Repetto

What inspired you to become an event organiser? When I got my degree, I was terrified I would end up as an accountant, sitting behind a desk all day. When did you first discover this passion? I started out by chance, or luck, as they say. When I was at university, I didn’t always attend the lectures, and I didn’t study much, but I had plenty of fun organising events for friends and acquaintances who were too busy working to do the organising themselves, but didn’t have a big enough budget to pay an agency. Have you organised exhibitions with the Biennale? There’s never a quiet moment, when I’m organising events for the Biennale art exhibition. I’m the logistics partner of Artivism: the Pavilion for the prevention of atrocities, which is open to the public free of charge until November 24 at Palazzo Dandolo, near San Tomà. It’s a pavilion focusing on the issue of social engagement promoted by the Institute for peace and reconciliation in Auschwitz, curated by Kerry Whigham, Francesca Giubilei and Luca Berta. To what extent can art change the world? As always, ideas need aggregation and sharing if they are to grow. And maybe they need a touch of craziness, too. To change things, or protect things, you need a lot of people, and a lot of courage. What do you like to do when you’re not working? Oh, lots of things... travel, to mention only one of them!  What is your dream? To get a parking spot in Piazzale Roma! 

Cosa l’ha spinto a voler diventare organizzatrice di eventi? Il terrore dopo la laurea di stare tutto il giorno seduta ad una scrivania a fare conti come commercialista. Quando è iniziata questa sua passione? Ho iniziato come si suol dire per caso o per fortuna. Durante l’università non frequentavo e studiavo poco, mi divertivo a trascorrere il tempo organizzando eventi per amici e conoscenti che lavorando non avevano il tempo di occuparsene o il budget per incaricare un’agenzia.  Ha realizzato, in concomitanza di Biennale Arte, delle mostre? Grazie agli eventi che organizzo in occasione di Biennale Arte devo ammettere che non c’è un attimo di tregua. Sono logistic partner di Artivism: Il Padiglione per la prevenzione delle atrocità, che fino al 24 novembre è aperto gratuitamente al pubblico a Palazzo Dandolo, a pochi passi da San Tomà. Un padiglione legato al tema dell’impegno sociale promosso dall’Istituto per la pace e riconciliazione di Auschwitz e curato da Kerry Whigham, Francesca Giubilei e Luca Berta. Quanto l’arte può cambiare il mondo? Come sempre, le idee, per crescere, hanno bisogno di aggregazione, di condivisione. Forse anche un po’ di follia. Per cambiare o difendere le cose bisogna essere in tanti ed essere coraggiosi. Cosa le piace fare quanto non è al lavoro? Un’infinità di cose... facciamola semplice e diciamo viaggiare!  Sogno nel cassetto? Avere un posto auto in Piazzale Roma. 

IDEAS NEED AGGREGATION AND SHARING IF THEY ARE TO GROW. AND MAYBE THEY NEED A TOUCH OF CRAZINESS, TOO 20

VENEZIA


AGENDA ART

AROUND THE BIENNALE ART IN VENICE IN ALL ITS FORMS L’ARTE A VENEZIA IN TUTTE LE SUE DECLINAZIONI

Venice has the honour of hosting Italy’s oldest art show: the 58th Biennale is open until November 24 in some of the city’s most fascinating venues. The title of this year’s show, May You Live in Interesting Times, reminds us of the complexity of this point in history, while leaving open a window of hope. SEPTEMBER Fondazione Giorgio Cini hosts Emilio Isgrò, a monographic exhibition illustrating the evolution of the artist’s creative and aesthetic approach (November 14 to 24), while the Stanze del Vetro

Casa Tre Oci host the Fondazione’s exhibition Thomas Stearns alla Venini, representing the American artist’s experience working with Venini in the early sixties (until January 5, 2020). OCTOBER The end of October sees the close of a major exhibition at Ca’ Foscari, Gely Korzhev. Back to Venice, after the artist appeared at the 31st Biennale as the best representative of the “severe style” dominant in the Soviet Union at the time. NOVEMBER On November 2 Seafarers: A

voyage through the Sanlorenzo shipyards closes at Casa Tre Oci, while November 24 marks the close of the last in a series of major installations at Fondazione Prada, illuminated by the ideas of Jannis Kounellis, and of Galleria Contini’s exhibition of photographs by dancer Mikhail Baryshnikov. DECEMBER Place and signs at Punta della Dogana, featuring a number of contemporary masterpieces from the Pinault collection, closes on December 15.

Palazzo Grassi

Venezia mantiene signorilmente il primato dell’arte in Italia con la 58esima edizione della sua Biennale, aperta fino al 24 novembre negli spazi più affascinanti della città. Il titolo dell’esposizione, May You Live in Interesting Times, non consente di dimenticare le complessità del periodo storico ma non chiude alla speranza. SETTEMBRE Alla Fondazione Giorgio Cini, Emilio Isgrò è la monografica che descrive l’evoluzione del percorso creativo ed estetico dell’artista (dal 14 al 24 novembre), mentre nelle

Ca’ Foscari

JANUARY The beauty of La Pelle Luc Tuymans closes on January 6 at Palazzo Grassi. As well as VENICE PEOPLE B / N Portraits Project by Federica Repetto, at the Danieli Bistro. FEBRUARY The black and white of Ferdinando Scianna’s powerful poetry about Sicily warms the atmosphere at Casa dei Tre Oci with photographs forming part of a reflection in three sections that gives the solo show its title: Voyage, Story, Memory (until February 2).

Fondazione Prada

Stanze del Vetro la Fondazione apre a Thomas Stearns alla Venini, mostra che racconta l’esperienza dell’artista statunitense nell’azienda nei primi anni Sessanta (fino al 5 gennaio 2020). OTTOBRE A Ca’ Foscari, l’ultimo giorno, si conclude la grande mostra Gely Korzhev. Back to Venice, dopo che l’artista espose alla XXXI Biennale risultando la voce più convincente dello “stile severo” allora dominante in Unione Sovietica. NOVEMBRE A Casa Tre Oci il 2 sarà l’ul-

22

VENEZIA

timo giorno per visitare Naviganti. Un viaggio dentro i cantieri navali Sanlorenzo, mentre chiude i battenti, il 24, la serie di importanti installazioni negli spazi della Fondazione Prada illuminati dalle idee di Jannis Kounellis, ma anche la personale che la Galleria Contini dedica al ballerino Mikhail Baryshnikov artista anche nella fotografia. DICEMBRE Luogo e Segni, ospitato a Punta della Dogana, con alcuni dei capolavori contemporanei della collezione Pinault chiude le sue sale il 15.

GENNAIO Negli spazi di Palazzo Grassi la bellezza di La Pelle Luc - Tuymans concluderà il suo percorso il giorno dell’Epifania. Così come VENICE PEOPLE B/N Portraits Project by Federica Repetto, al Danieli Bistro. FEBBRAIO La possente poesia di Sicilia di Ferdinando Scianna scalda in bianco e nero la Casa dei Tre Oci grazie alle fotografie che fanno parte di una riflessione in tre sezioni, che dà il titolo alla personale: Viaggio Racconto Memoria (fino al 2).


AGENDA ART

MASTERPIECES ONLY

INCREDIBLE ARTISTS TAKE THE STAGE AT THE AUTUMN EXHIBITIONS IN VENETO GLI INCREDIBILI ARTISTI PROTAGONISTI DELLE MOSTRE IN VENETO OCTOBER The Museo della Calzatura at Villa Foscarini Rossi, part of LVMH, is hosting an international event for Fiere di Parma’s antiques and vintage collecting fair from October 5 to 13. The Museo Nazionale Collezione Salce in Treviso is hosting, until October 13, L’arte del desiderio. Manifesti di un pioniere della pubblicità, dedicated to Metlicovitz. From October 11 to February 2, at Palazzo Sarcinelli in Conegliano, Dagli Impressionisti a Picasso. Capolavori della Johannesburg Art

in Verona, at the Museo di Castelvecchio, from November 23 to March 29, Carlo Scarpa. Vetri e Disegni. 1925-1931. From November 29 to May 31, in the Complesso di Santa Caterina in Treviso, NATURA IN POSA. Capolavori dal Kunsthistorisches Museum di Vienna in dialogo con la fotografia contemporanea: 50 masterpieces, for the first time in Italy, side-by-side with some of the most famous photographs of our age. DECEMBER At the stunning Basilica Palladiana in Vicenza,

Palazzo Sarcinelli di Conegliano Gallery: 60 paintings by artists like William Turner and William Kentridge. From October 26 to March 1, Palazzo Zabarella in Padua is hosting an exhibition whose title needs no explanation: Van Gogh, Monet, Degas. The Mellon Collection of French Art from the Virginia Museum of Fine Arts. NOVEMBER From November 16 to April 5, in Palazzo della Gran Guardia in Verona, Il tempo di Giacometti da Chagall a Kandinsky. Capolavori dalla Fondazione Maeght. Also

Villa Foscarini Rossi

OTTOBRE Il Museo della Calzatura di Villa Foscarini Rossi del gruppo LVMH dal 5 al 13 ottobre è protagonista dell’appuntamento internazionale di arte antiquariato e collezionismo vintage di Fiere di Parma. Il Museo Nazionale Collezione Salce di Treviso ospita invece fino al 13 ottobre L’arte del desiderio. Manifesti di un pioniere della pubblicità dedicata a Metlicovitz. Dall’11 ottobre al 2 febbraio a Palazzo Sarcinelli di Conegliano Dagli Impressionisti a Picasso. Capolavori della Johannesburg

a Verona, nel Museo di Castelvecchio, dal 23 novembre al 29 marzo, Carlo Scarpa. Vetri e Disegni. 1925-1931. Dal 29 novembre al 31 maggio, nel Complesso di Santa Caterina di Treviso, NATURA IN POSA. Capolavori dal Kunsthistorisches Museum di Vienna in dialogo con la fotografia contemporanea. 50 capolavori, per la prima volta in Italia, a confronto con gli scatti di alcuni dei fotografici più apprezzati della nostra epoca. DICEMBRE Nella meravigliosa Basilica Palladiana di Vicenza, dal 6

Palazzo Zabarella di Padova Complesso di Santa Caterina di Treviso

from December 6 to April 13, Anni Venti, una donna moderna. Lo sguardo di Ubaldo Oppi. JANUARY In the Botanical Gardens in Padua until January 5, 2020, visitors can admire Radici al vento, testa nella terra, an installation by the architect Michele De Lucchi made with logs from the valleys in Trentino and Belluno that were knocked down during the Vaia storm in 2018. Until January 6, in Villa Mirabello, Renato Guttuso a Varese.

Art Gallery: 60 dipinti da William Turner a William Kentridge. Dal 26 ottobre all’1 marzo a Palazzo Zabarella di Padova un’altra mostra il cui titolo non ha bisogno di spiegazioni: Van Gogh, Monet, Degas. The Mellon Collection of French Art from the Virginia Museum of Fine Arts. NOVEMBRE Dal 16 novembre al 5 aprile nel Palazzo della Gran Guardia di Verona, Il tempo di Giacometti da Chagall a Kandinsky. Capolavori dalla Fondazione Maeght. Sempre

23

VENEZIA

dicembre al 13 aprile, Anni Venti, una donna moderna. Lo sguardo di Ubaldo Oppi. GENNAIO Nell’Orto Botanico di Padova fino al 5 gennaio 2020 è possibile ammirare Radici al vento, testa nella terra, l’installazione dell’architetto Michele De Lucchi realizzata con i tronchi delle vallate trentine e bellunesi colpite dalla tempesta Vaia nel 2018. Mentre fino al 6 gennaio, nei Musei Civici di Villa Mirabello, Renato Guttuso a Varese.


AGENDA CLASSIC

REFINEMENT ON STAGE

FROM BAROQUE TO CONTEMPORARY: EVENTS FOR DISCERNING MUSIC-LOVERS DAL BAROCCO AL CONTEMPORANEO. GRANDI SERATE PER PALATI FINI Baroque music fans will want to take a look at the calendar of Festival Galuppi, coming up September 8th through October 20th, while contemporary music will be featured at the 63rd Biennale Musica 2019 running September 27th through October 6th. SEPTEMBER Teatro Goldoni hosts two nightly performances: Il figlio di Arlecchino perduto e ritrovato (“The son of Harlequin lost and found”, until September 22nd), and Arlecchino e l’anello magico On Saturday, October 12th, Alpesh Chauhan, a young British, opens the new

Teatro Goldoni symphony season at Teatro La Fenice with an all-Beethoven programme featuring Symphony no. 3, the Eroica; Andrea Lucchesini will be playing the piano (also on Sunday the 13th). On the 13th, Camerata Accademica performs Handel’s famous Water Music at Scuola Grande di San Rocco, while on the 27th the same location hosts a performance of Orlando Furioso. OCTOBER In one of the most interesting events at this year’s Biennale Musica, four rock musicians will be joined by an amplified

classical ensemble and live electronics in Songbook, by the winner of this year’s Silver Lion, composer and performer Matteo Franceschini, on October 3rd at Teatro Toniolo in Mestre. NOVEMBER The opera season at Teatro La Fenice opens on November 24th. DECEMBER On December 17th and 18th, St. Mark’s Basilica hosts a Christmas concert. JANUARY Samuel Barber’s A Hand of Bridge and Béla Bartók’s Bluebeard’s Castle will be staged

Teatro La Fenice

Gli amanti della musica barocca tengano d’occhio il calendario Festival Galuppi dall’8 settembre al 20 ottobre. Mentre la musica contemporanea ha, dal 27 settembre al 6 ottobre il suo epicentro alla Biennale Musica 2019 SETTEMBRE Al Teatro Goldoni ogni sera vanno in scena due spettacoli dedicati alla maschera veneziana per antonomasia: Il figlio di Arlecchino perduto e ritrovato (fino al 22 settembre), Arlecchino e l’anello magico (fino al 18 ottobre). il Teatro La Fenice affidata l’apertura della nuova stagione sinfo-

Teatro Toniolo

at Teatro La Fenice January 17th to 25th. FEBRUARY On February 5th Alessandra Ferri and the Hamburg Ballet perform Duse, a choreographic fantasy by John Neumeier (repeat performances on the 6th, 7th, 8th and 9th). A great master of contemporary flamenco will be performing at Teatro Goldoni on February 27th. MARCH Franco Branciaroli stages Victor Hugo’s Les Miserables at Teatro Goldoni March 19th through 22nd.

Basilica di San Marco

nica ad Alpesh Chauhan, giovanissimo direttore inglese con un programma dedicato a Beethoven tra cui spicca l’Eroica, ovvero la Sinfonia n. 3; al pianoforte Andrea Lucchesini (anche domenica 13). Il 13, alla Scuola Grande di San Rocco, la Camerata Accademica esegue la famosissima Water Music di Handel. Il 27, nella stessa location, va in scena l’Orlando Furioso, OTTOBRE Tra le coniugazioni più interessanti di Biennale Musica c’è Songbook, che unisce un quartetto rock, un ensemble

24

VENEZIA

classico amplificato e il live electronic, dell’autore-performer Matteo Franceschini, il Leone d’argento di quest’anno, il 3, al Teatro Toniolo di Mestre. NOVEMBRE La stagione lirica del Teatro La Fenice inaugura il 24 con Don Carlo di Verdi, diretto da Myung-Whun Chung, (repliche fino al 7 dicembre). DICEMBRE Il 17 e 18, nella basilica di San Marco Concerto di Natale del Teatro La Fenice diretto da Marco Gemmani. GENNAIO Dal 17 al 25, alla Fenice van-

no in scena in un nuovo allestimento con la regia di Fabio Ceresa A Hand of Bridge di Samuel Barber e Il castello del principe Barbablù di Béla Bartók. FEBBRAIO Il 5 Alessandra Ferri e l’Hamburg Ballett sono gli interpreti di Duse, fantasia coreografica di John Neumeier (repliche il 6, 7, 8 e 9). Il 27, al Goldoni, va in scena lo spettacolo di Flamenco contemporaneo. MARZO Dal 19 al 22, Franco Branciaroli porta al Teatro Goldoni I Miserabili di Victor Hugo.


AGENDA POP

TOP SELECTION

GRAB YOUR PEN AND PAPER AND TAKE NOTE OF THESE UNMISSABLE CONCERTS COMING UP SOON PRENDETE CARTA E PENNA. ECCO TUTTI I CONCERTI DA NON PERDERE NEI PROSSIMI MESI SEPTEMBER It will be a busy September at the Arena di Verona, where Eros Ramazzotti will be performing as part of the Vita ce n’è Wold Tour celebrating his 35th year in music on the 11th, 12th and 14th. On Sunday the 15th violinist David Garrett takes over with a spectacular crossover programme (his only performance in Italy!). Francesco De Gregori performs with a symphony orchestra on the 20th, while Nek performs on Sunday the 22nd, followed on the 24th by Il Volo and on the 25th by the duo Raf

David Garrett and Tozzi, ending this year’s season on September 29th with a long-awaited live performance by Coez. NOVEMBER Stefano Bollani and Chucho Valdés perform together at Teatro Goldoni for Venezia Jazz Festival Falla edition on November 2nd. Jethro Tull just can’t stay away from Italy, and have added some new autumn dates, including November 3rd at Gran Teatro Geox in Padua. The extraordinary voice of Marco Mengoni comes to Zoppas Arena on Novem-

ber 14th and 15th. Back at Gran Teatro Geox, Maria Callas returns to the stage 41 years after her death in the form of an incredible hologram-show (Friday November 15th), while on Saturday November 30th We Will Rock You, the rock opera featuring Queen’s hit songs, comes to town with an original stage set. DECEMBER On December 5th Gran Teatro Geox hosts Le Vibrazioni performing new arrangements created especially for the occasion by Maestro Vessicchio.

Ermal Meta

SETTEMBRE Un settembre di fuoco all’Arena di Verona, che l’11, il 12 e il 14 vede protagonista Eros Ramazzotti, con Vita ce n’è Wold Tour, con cui festeggia i 35 anni di carriera. Domenica 15 è il turno del violinista David Garrett, con il suo spettacolare programma crossover (unica data in Italia!). Francesco De Gregori in concerto con una magnifica orchestra sinfonica, il 20. Domenica 22 tocca poi a Nek, seguito il 24 da Il Volo e il 25 dal duo Raf e Tozzi. Infine

Coez

FEBRUARY ‘Italian minstrel’ Angelo Branduardi performs at Gran Teatro Geox on February 29th to celebrate 40 years of hits. MARCH Sogno e son desto 500 volte: Massimo Ranieri’s show is back, in a new version featuring plenty of surprises and new songs, coming up March 6th at Gran Teatro Geox. On March 12th Teatro Goldoni hosts Ermal Meta and Gnu Quartet on a new tour coming to Italy’s most beautiful theatres.

Francesco De Gregori

il 29 l’atteso live di Coez. NOVEMBRE Stefano Bollani e Chucho Valdés insieme per il Venezia Jazz Festival Falla edition, il 2 novembre al Teatro Goldoni. I Jethro Tull non riescono a stare lontani dall’Italia e aggiungono nuove tappe per l’autunno, tra cui quella del 3 novembre al Gran Teatro Geox di Padova. Il 14 e 15 novembre la straordinaria voce di Marco Mengoni arriva invece alla Zoppas Arena. Tornando al Gran Teatro

25

VENEZIA

Geox: 41 anni dopo la sua scomparsa torna sul palco Maria Callas, grazie all’incredibile hologramshow (venerdì 15), mentre sabato 30 è la volta di We Will Rock You, la grande rock opera con i successi dei Queen, in tour con un allestimento tutto nuovo. DICEMBRE Il 5 dicembre, sempre al Gran Teatro Geox, arrivano Le Vibrazioni, con nuovi arrangiamenti ideati e realizzati per l’occasione dal Maestro Vessicchio. FEBBRAIO Il 29 febbraio al Gran

Teatro Geox in concerto il ‘menestrello italiano’ Angelo Branduardi, con i suoi 40 anni di successi. MARZO Sogno e son desto 500 volte: lo spettacolo di Massimo Ranieri torna in una nuova versione ricca di sorprese e nuovi brani musicali, il 6 marzo al Gran Teatro Geox. Il 12 marzo, al Teatro Goldoni, Ermal Meta e Gnu Quartet, per un viaggio musicale inedito che toccherà i teatri più belli d’Italia.


IT OBJECT

VENICE ON MY FEET

Deep red velvet, pearls and on the heel a painting. Venetian Baroque becomes a precious shoe. We’re talking about Vally pumps from Dolce&Gabbana. Venetian soul for your soles! In Calle Larga XXII Marzo, 2188. Velluto rosso intenso, perle e sul tacco un quadro. Il Barocco veneziano diventa una scarpa preziosa. È la décolleté Vally firmata Dolce&Gabbana, un capolavoro d’art-à-porter. Al n. 2188 di Calle Larga XXII Marzo.

27

VENEZIA


IT OBJECT

MINI IS THE NEW MAXY

Mini size, maxi style for the new total black purse from Giorgio Armani. The fashion diktat is unforgiving: go small or go home! In Calle Larga XXII Marzo, 2282. Mini taglia, maxi stile per la nuova pochette total black di Giorgio Armani. Il fashion diktat non perdona: go small or go home! Scoprila in Calle Larga XXII marzo, 2282.

29

VENEZIA


SKYLIN E RO O FTO P BAR “Where tasting a cocktail becomes a unique experience”

Giudecca 810, Venice 8th Floor - Hilton Molino Stucky +39 041 2723 316 | vcehi_FB@hilton.com

VISIT US ON skylinebarvenice.it skylinevenice


IT OBJECT

MOONLIGHTING

Playful but elegant, the pavé of Pomellato’s Sabbia Collection, with their shimmering gems, vibrate with evocative glints that evoke the twinkle of a summer’s night. In Calle Larga XXII Marzo, 2031. Giocosi ma eleganti, i pavé della collezione Sabbia di Pomellato, con le loro gemme cangianti, vibrano di suggestivi riflessi, che evocano lo scintillio di una sera d’estate. In Calle Larga XXII Marzo, 2031.

31

VENEZIA


Campo Santa Sofia, 4198/99 30121, Ca’ d’Oro - Venezia info@casagredohotel.com www.casagredohotel.com Tel: + 39 041 2413111 Fax: +39 041 2413521

Ca’ Sagredo ... Unique Moments


IT OBJECT

PRESTIGE DIAMOND

Precision, elegance and uncommon performance. It is the Rolex Oyster Perpetual Day-Date watch in 18-carat yellow gold with olive green ombré and diamond dial. At Salvadori, 44 and 67 Piazza San Marco. Precisione, eleganza, e prestazioni fuori dal comune. È l’orologio Rolex Oyster Perpetual Day-Date in oro giallo 18 ct con quadrante verde ombré e diamanti. Da Salvadori, piazza San Marco, 44 e 67.

33

VENEZIA


Your Private Island in Venice La tua Isola privata a Venezia

The largest Spa in Venice, open also to external Guests. La Spa più grande di Venezia, aperta anche agli Ospiti esterni.

Your Michelin-starred Restaurant in Venice. Il tuo ristorante stellato Michelin a Venezia.

JW Marriott® Venice Resort & Spa Isola delle Rose, Laguna di San Marco | +39 041 8521300 | jwvenice.com Free shuttles from and to St. Mark’s Square every 30 minutes Navetta gratuita da e per Piazza San Marco ogni 30 minuti


IT OBJECT

BESPOKE LIGHT

Sculptures that define the space, creating a warm, subdued atmosphere. They are sources of light and emotions. In blown glass, available in a wide range of colors. Rotterdam, by Barovier&Toso: Fondamenta Vetrai, 28 - Murano. Sculture che disegnano lo spazio, per un’atmosfera calda e soffusa. Spettacolari fonti non solo di luce, ma di emozioni. In vetro soffiato, disponibile in una vasta gamma colori. Rotterdam, di Barovier&Toso: Fondamenta Vetrai, 28 - Murano.

35

VENEZIA


IT OBJECT

SOUND POWER

As part of K-array’s line of invisible systems, the Azimut-KAMUT2L is its smallest solution yet with two undetectable, high-performing loudspeakers of impressive design, a system’s compact sub and powerful amp. www.k-array.com Con due altoparlanti incredibilmente piccoli ad alte prestazioni abbinati a un sub e a un amplificatore da incasso. Azimut-KAMUT2L di K-array è la tua soluzione completa dal design essenziale, per un sound unico. www.k-array.com

37

VENEZIA


COVER STORY

ENCHANTING ALESSANDRA

ALESSANDRA MASTRONARDI. THE FACE OF THIS YEAR’S VENICE FILM FESTIVAL LA MADRINA DELLA 76ESIMA MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA SI RACCONTA text Giovanni Bogani

Today, she’s the most internationally-renowned Italian actress. At 33 years old, Alessandra Mastronardi has starred in the Netflix series Master of None, which holds a 100% rating on Rotten Tomatoes, worked with Woody Allen in To Rome With Love and made love to Robert Pattinson in Life by Anton Corbijn. She was nominated for a Golden Globe and has joined the exclusive ranks of CAA, the most important talent agency in the world, alongside actors like George Clooney, Nicole Kidman, Tom Cruise, Robert De Niro, Tom Hanks and Penélope Cruz. Alessandra first went to New York when she was 18 years old. It was a spur-of-the-moment thing, buying a lastminute ticket the evening before she left. And she’s never looked back. She lived in New York, where she studied acting with the Italian Anna Maria Cianciulli. She now lives in London with her boyfriend, Scottish actor Ross McCall. We called her in London, one August morning. This year, Alessandra is the sponsor of this year’s Venice Film Festival, where she will give the opening and closing speech at the film festival. No doubt she will do it gracefully, and with a touch of her innate zest. In Italy, Alessandra rose to fame with the series I Cesaroni, playing Eva, who had a troubled relationship with her step-brother, Matteo Branciamore. She starred in the series Romanzo criminale for Sky Cinema as well as Medici, playing Lucrezia Donati, Lorenzo the Magnificent’s lover. She recently finished filming Si muore solo da vivi, a story set against the backdrop of the earthquale that struck Emilia-Romagna in 2012, which is set to be released in theatres on October 19. First of all: what kind of rapport do you have with Venice? The city and the festival. I have a deep bond with Venice, professionally and personally. During my time with Chanel, we filmed a campaign in Venice, walking through the city’s calli, exploring each one. What do you love about Venice? I love to get lost amongst the piazzas and end up in

È, oggi, l’attrice italiana più internazionale. A trentatre anni, Alessandra Mastronardi ha recitato in una serie Netflix, Master of None, che ha avuto il 100 per cento di recensioni positive su Rotten Tomatoes; ha lavorato con Woody Allen in To Rome with Love, ha fatto l’amore con Robert Pattinson in Life di Anton Corbijn. È stata nominata ai Golden Globes, ed è riuscita ad entrare nella ristretta corte dei clienti della CAA, l’agenzia di attori più importante del mondo. Quella che ha con sé George Clooney, Nicole Kidman, Tom Cruise, Robert De Niro, Tom Hanks, Penélope Cruz. Il suo primo aereo per New York, Alessandra l’ha preso a diciotto anni, d’impulso, un vero “last minute” prenotato la sera prima di partire. Da allora non si è fermata più. Ha vissuto a New York, dove ha studiato recitazione con l’italiana Anna Maria Cianciulli; adesso vive a Londra con il suo fidanzato, l’attore scozzese Ross McCall. La chiamiamo a Londra, in un mattino di agosto. Quest’anno Alessandra è la madrina della Mostra del cinema di Venezia: il discorso inaugurale e quello finale affidati alla sua voce. Alla sua grazia, al suo brio naturale. In Italia, si è fatta amare nella serie I Cesaroni, in cui viveva una tormentata storia di affetto con il fratellastro Matteo Branciamore; ha interpretato per Sky cinema la serie Romanzo criminale; e di nuovo in un progetto internazionale, ha interpretato la serie I Medici nel ruolo di Lucrezia Donati, amante di Lorenzo il Magnifico. Ha da poco finito di girare Si muore solo da vivi, racconto che si muove sullo sfondo del terremoto in Emilia del 2012, e che uscirà in sala il 19 ottobre. Prima di tutto: quali sono i suoi rapporti con Venezia? Con la città, e con il festival. Ho un legame profondo con Venezia, per amore e per la mia professione. Nel mio rapporto con Chanel, abbiamo fatto una campagna girata a Venezia, con un percorso molto approfondito per le calli della città.

38

VENEZIA


Alessandra Mastronardi, popular Italian actress, in the exclusive ranks of talent agency CAA (ph. Fabio Lovino, dress Giorgio Armani, Styling Factory4, Make up and air Manola Spaziani for Simone Belli, Reverso One Duetto watch high jewelery Jaeger-LeCoultre)


The Italian actress in scenes of the serie ‘Medici: Masters of Florence’, and of the film ‘To Rome with Love’ directed by Woody Allen


1

2

3

4

1. ‘Life’ 2. 4. ‘Master of None’ 3. ‘Medici: Masters of Florence’

Burano, which is like a small paradise on earth with all its colourful façades. It’s always wonderful when I go there. And what about the festival? At the end of the summer, I was always the first in front of the television to see what was happening in Venice! The first time I went, I saw Ennio Morricone walking down the street. It seemed impossible; I had a million questions for him but I didn’t have the courage to go up and speak to him. You personally wrote the opening speech? Of course: there were many things I wanted to say. I only needed to organize them. In Master of None, you play an Emilian, a woman who makes pasta… Yes! It’s a really popular series and won a Golden Globe: it was a wonderful experience for me. I don’t know if there will be a third season, but I’m happy I was able to be part of the project. You’ll be in the third season of Medici, though. Yes, I’ll be playing Lucrezia Donati, Lorenzo the Magnificent’s lover. It will be a small role, in a season that will focus primarily on the Pazzi Conspiracy, the moment when the history of Florence could have taken dramatic turn. Do you like London? It’s a city where you can do everything, be anything. There is so much to do, see and discover. The city is also full of Italians; you can find two Italians managing a bar who can make you a cappuccino just like at home. It’s where, ultimately, you can feel at home.

Che cosa ama di Venezia? Mi piace perdermi fra i campi e i campielli, mi piace finire a Burano, che è un piccolo Paradiso terrestre pieno di colori. È sempre una festa quando vado lì. E riguardo alla Mostra? A fine estate ero sempre la prima davanti al televisore, a vedere quello che succedeva a Venezia! La prima volta che ci andai, vidi Ennio Morricone che camminava per strada, e mi sembrava impossibile, avrei voluto fargli mille domande, ma non ebbi il coraggio! Ha scritto di suo pugno il discorso inaugurale? Assolutamente sì: erano tante le cose che volevo dire, è bastato solo mettere ordine. In Master of None lei è una emiliana, una donna che fa la pasta… Sì! È stata una serie molto amata, che ci ha permesso di andare ai Golden Globes: un’esperienza bellissima, per me. Non so se verrà fatta la terza serie, ma sono già felice di aver fatto parte del progetto. Sarà invece nella terza serie de I Medici? Sì: sono Lucrezia Donati, l’amante di Lorenzo il Magnifico. Sarà un piccolo ruolo, in una stagione che verterà soprattutto sulla congiura dei Pazzi, il momento in cui la storia di Firenze poteva cambiare. Londra le piace? È una città in cui puoi fare tutto, puoi essere tutto, in cui c’è tanto da fare, da vedere, da scoprire. Una città peraltro piena di italiani, dove puoi trovare due italiani che gestiscono il bar e ti fanno il cappuccino come a casa, e dove - in definitiva - ti puoi trovare a casa.

41

VENEZIA


COVER STORY

‘Ad Astra’, with Brad Pitt 42

VENEZIA


A GALAXY OF STARS

LA SERENISSIMA, CAPUT MUNDI OF CINEMA. THE FILMS IN COMPETITION IN THE 2019 EDITION OF THE VENICE FILM FESTIVAL LA SERENISSIMA CAPUT MUNDI DEL CINEMA. I FILM IN CONCORSO NELLA NUOVA EDIZIONE DELLA MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA text Virginia Mammoli

43

VENEZIA


Above: ‘Joker’, with Joaquin Phoenix Below: ‘Waiting for the Barbarians‘, with Johnny Depp and Robert Pattinson


COVER STORY

‘Martin Eden’, with Luca Marinelli

The long list of directors and actors – including many La lunga lista di registi e attori - tra cui numerosi Oscar winners like Meryl Streep, Brad Pitt, Robert De premi Oscar come Meryl Streep, Brad Pitt, Robert Niro, Catherine Deneuve, Scarlett Johansson, Penélope De Niro, Catherine Deneuve, Scarlett Johansson, Cruz, Antonio Banderas and Johnny Depp – speaks for Penélope Cruz, Antonio Banderas e Johnny Depp itself: it’s safe to say that the 76th edition of the Venice - parla da sé: la 76° edizione della Mostra del CineFilm Festival (August 28 to September 7) is certainly ma di Venezia (dal 28 agosto al 7 settembre) è a dir star-studded. This year’s event is female-first, starting poco stellata. Un’edizione che mai come quest’anno with the presidents of the two juries: Argentinian direc- è donna, a partire dalle presidentesse di due giurie: tor Lucrecia Martel (the Golden Lion) and our own Su- la regista argentina Lucrecia Martel (per il Leone sanna Nicchiarelli (for Orizzonti). But it’s also because, d’Oro) e la nostra Susanna Nicchiarelli (per Orizamongst the moments and personzonti). Ma soprattutto perché, tra alities that have marked the histovicende e personaggi che hanTHREE OF THE 21 ry, the festival reflects the female no segnato la storia più o meno condition around the world. For recente, questo Festival parla FILMS COMPETING 2019, the Golden Lion for Lifetime della condizione femminile nel FOR THE FIRST Achievement goes to Julie Andrews, mondo. Leone d’Oro alla carriePRIZE ARE ITALIAN the eternal Mary Poppins who will ra Julie Andrews, l’eterna Mary fly down to the Lagoon on her umPoppins che col suo ombrello brella, and Pedro Almodóvar, highatterra questa volta al Lido, e ly acclaimed but not one of the winners at this year’s Pedro Almodóvar, acclamatissimo, ma non tra le ‘teCannes Film Festival, while this year’s fairy godmother ste coronate’, all’ultimo Festival di Cannes. Madrina is Alessandra Mastronardi. The opening film is The l’incantevole Alessandra Mastronardi. Truth with Catherine Deneuve, Ethan Hawke and Ju- Film di apertura La vérité, con Catherine Deneuliette Binoche. Three of the 21 films competing for the ve, Ethan Hawke e Juliette Binoche. Tre le pellicofirst prize are Italian: Il sindaco del rione Sanità, based on le italiane tra le 21 in corsa per il premio principe: the comedy by Eduardo de Filippo and directed by Ma- Il sindaco del rione Sanità, tratto dalla commedia di rio Martone, who attended last year’s edition of the fes- Eduardo de Filippo, regia di Mario Martone, già tival with his film Capri-Revolution (such a close encore protagonista della scorsa edizione del Festival con 45

VENEZIA


MOVIE FESTIVAL

FOR THE FIRST TIME IN VENICE, JAMES GRAY DIRECTS ONE OF THE MOST ANTICIPATED FILMS: AD ASTRA PER LA PRIMA VOLTA A VENEZIA, JAMES GRAY FIRMA LA REGIA DI UNO DEI FILM PIÙ ATTESI: AD ASTRA hasn’t been seen since the 1980s, when Ermanno Olmi won the Silver Lion for Long Live the Lady! in 1987 and the Golden Lion for The Legend of the Holy Drinker the following year); The Mafia Is No Longer What It Used to Be by Franco Maresco, who returns to examine his home of Sicily in this new “anthropological, grotesque and cynical investigation,” said the festival’s Artistic Director, Alberto Barbera; and Martin Eden by Pietro Marcello, set in Italy between 1919 and 1980 and loosely based on the novel by Jack London, starring Luca Marinelli, who won the Davide di Donatello in 2016 for The Call Me Jeeg. Tutto il mio folle amore by Gabriele Salvatores is being presented out of competition. Amongst the candidates for the Golden Lion, Roman Polanski will be present with An Officer and a Spy, which offers a careful reconstruction - with a personal touch - of the Dreyfus affair that struck France in the late 19th century; the film stars Jean Dujardin and Louis Garrel. Also inspired by a true story, Wasp Network by Olivier Assayas tells of Cuban secret agents and stars Penélope Cruz. Scarlett Johansson, together with Adam Driver, star as a married couple going through a brutal divorce in Marriage Story by Noah Baumbach. For the first time in Venice, James Gray directs one of the most anticipated films of the year: Ad Astra, with Brad Pitt starring as an astronaut living in a dystopian future. The announcement of Joker by Todd Phillips has garnered just as much buzz: with Joaquin Phoenix in the role of Batman’s fierce nemesis and Roberto De Niro, alias Murray Franklin, as a television presenter who plays a part in the mental breakdown of Arthur Fleck (Joker’s real name). The Laundromat by Steven Soderberg is also competing, telling the story of the so-called “Panama Papers” and starring Gary Oldman, Antonio Banderas and Meryl Streep, while Johnny Depp, Robert Pattinson and Mark Rylance can be

Capri-Revolution (un bis così ravvicinato non si vedeva dagli anni ’80, con Ermanno Olmi, per Lunga vita alla signora!, Leone d’Argento nell’87 e La leggenda del santo bevitore, addirittura Leone d’oro l’anno successivo). In concorso anche La mafia non è più quella di una volta, di Franco Maresco, che torna a guardare alla sua Sicilia con una nuova “indagine antropologica, grottesca e cinica”, come ha affermato Alberto Barbera, direttore artistico del Festival. E poi Martin Eden, di Pietro Marcello, trasposizione ambientata in Italia tra il 1919 e il 1980 del romanzo di Jack London, con Luca Marinelli, Davide di Donatello 2016 per Lo chiamavano Jeeg Robot. Fuori concorso, ma dalla firma blasonata, Tutto il mio folle amore, di Gabriele Salvatores. Mentre Roman Polanski è in concorso con J’accuse, ricostruzione meticolosa - con un tocco personale - del caso Dreyfus, scoppiato in Francia sul finire del XIX secolo; con Jean Dujardin e Louis Garrel. È sempre ispirato a una storia vera, quella di agenti segreti cubani, anche il film di Olivier Assayas, Wasp Network, con Penélope Cruz. Scarlett Johansson, insieme a Adam Driver, mostra invece come un matrimonio felice si possa trasformare in un incubo giudiziario, con Marriage Story, di Noah Baumbach. Per la prima volta a Venezia, James Gray firma la regia di uno dei film più attesi di quest’anno: Ad Astra, con Brad Pitt nel ruolo di un astronauta che vive in futuro distopico. Non ha suscitato minor clamore l’annuncio di Joker, di Todd Phillips: con Joaquin Phoenix nei panni dell’acerrimo nemico di Batman e Robert De Niro, alias Murray Franklin, il presentatore televisivo che contribuirà al crollo psicologico di Arthur Fleck (vero nome di Joker). In lizza anche The Laundromat, di Steven Soderberg con Gary Oldman, Antonio Banderas, Meryl Streep, sui co-

46

VENEZIA


1

2

1. ‘The Painted Bird’ 2. 5. Julie Andrews and Pedro Almodóvar, Golden Lion for Lifetime Achievement 3. ‘The Laundromat’, with Meryl Streep 4. ‘Babyteeth’ 6. ‘Il sindaco del rione Sanità’, directed by Mario Martone

5

3 1

4

6


aaa

Above: ‘J’accuse’, by Roman Polanski Below: ‘Marriage Story’, with Scarlett Johansson and Adam Driver


COVER STORY

aaa Network’, with Penélope Cruz ‘Wasp

seen in Waiting for the Barbarians by Colombian direc- siddetti “Panama papers”; mentre Johnny Depp e Rotor Ciro Guerra. One of the most intense portraits of bert Pattinson, insieme a Mark Rylance, sono i proa woman in this year’s female-first edition is the expert tagonisti di Waiting for the Barbarians, del colombiano portrayal by Pablo Larraìn in Ema. Ciro Guerra. Uno dei ritratti femminili più intensi di Tributes will also be a part of the 2019 festival. One questa edizione così femminile è quello dipinto idealwill pay homage to Stanley Kubrick for the 20th an- mente da Pablo Larraìn, regista di Ema. niversary of his death and final movie Eyes Wide Shut, Non mancheranno anche quest’anno gli omaggi: which will be shown together with the short film Never quello a Stanley Kubrick, di cui ricorrono 20 anni Just a Dream: Stanley Kubrick and Eyes Wide Shut. Anoth- dalla morte e dall’ultimo film, Eyes wide shut, proiettaer tribute will be dedicated to Fellini, with a restored to insieme al corto Never just a dream: Stanley Kubrick version of his 1952 movie The White and Eyes wide shut e quello a FelSheik and Federico Fellini in Frames, lini, con la versione restaurata di THE FESTIVAL 18 sequences from the archives at Lo sceicco bianco, film del ’52, e FeIstituto Luce. REFLECTS THE FEMALE derico Fellini in frames, 18 sequenThe Venice Film Festival also redagli archivi dell’Istituto Luce. CONDITION AROUND ze serves space for television series, Spazio poi alle serie, con due THE WORLD with two episodes of both Zerozeepisodi sia di Zerozerozero, di rozero by Stefano Sollima, based on Stefano Sollima, tratto dal libro the book by Roberto Saviano about di Roberto Saviano sul traffico di drug trafficking, and The New Pope by Paolo Sorrenti- droga, che di The New Pope, di Paolo Sorrentino, con no, starring Jude Law and John Malkovich. Rock mu- Jude Law e John Malkovich. Al Lido approda ansic will come to the Lagoon as well, with Us + Them, che la musica rock, con Us + Them, film concerto di a concert-film by Roger Wates and The Burnt Orange Roger Waters, e The Burnt Orange Heresy, di GiusepHeresy by Giuseppe Capotondi, this year’s closing film, pe Capotondi, film di chiusura del Festival, con Dostarring Donald Sutherland and Mick Jagger. Lastly, nald Sutherland e Mick Jagger. Infine, proiezione the exclusive showing of Chiara Ferragni Unposted, a esclusiva che non ha destato poca curiosità, quella documentary about the famous Italian influencer, has di Chiara Ferragni Unposted, documentario sulla nota garnered more than a bit of buzz. influencer italiana. 49

VENEZIA


CITY ITINERARIES

DON’T CALL THEM PIAZZA DISCOVERING THE SPIRIT OF THE CAMPI OF VENICE UN ITINERARIO ALLA SCOPERTA DEI CAMPI VENEZIANI. L’ANIMA E I LUOGHI DA NON PERDERE text Federica Repetto

50

VENEZIA


AA ITINERARY

Campo San Polo (ph. Barbara Zanon) 51

VENEZIA


CITY ITINERARIES

PIAZZA SAN MARCO IS THE HEART OF THE LAGOON CITY PIAZZA SAN MARCO È IL CUORE DELLA CITTÀ LAGUNARE Guy de Maupassant left us his highly imaginative vision of the world’s most beautiful city: “Venice! This word alone makes excitement explode in the soul, it excites everything poetic in us, instigates all our capacity for admiration. And when we arrive in such an uncommon city, we invariably contemplate it with biased and enraptured eyes, we look at it with our dreams.” Piazza San Marco, at the heart of the lagoon city, is one of the world’s most famous squares, bordered by St. Mark’s Basilica, the Doge’s Palace, the National Library, the Mint, the Procuratie, St. Mark’s Campanile and the Loggetta. Once the theatre of state visits and processions and traditional markets, fairs and festivals, the square and its buildings still testify to the wealth and incredible treasures of the city of Venice. All the other squares in the city of Venice are known not as “piazza” but as “campo”, starting with Campo della Salute, which can be seen from the columns of San Marco and Todaro, only a short walk from Piazza San Marco, though the campo is actually located in the sestiere or district of Dorsoduro, open onto the Grand Canal and adjacent to Punta della Dogana, where works from François Pinault’s collection are exhibited. The buildings facing onto the campo are the Basilica of Santa Maria

Guy de Maupassant regala ai posteri una visione immaginifica della città più bella al mondo: “Venezia! Questa parola da sola sembra far scoppiare nell’anima un’esaltazione, eccita tutto ciò che vi è di poetico in noi, scatena tutte le nostre facoltà di ammirazione. E quando arriviamo in questa città inusitata, la contempliamo immancabilmente con occhi prevenuti e rapiti, la guardiamo coi nostri sogni”. È Piazza San Marco il cuore della città lagunare, una delle più famose piazze del mondo circondata dalla Basilica di San Marco, il Palazzo Ducale, la Libreria, la Zecca, le Procuratie, il Campanile e la Loggetta. Un tempo teatro di visite di Stato e processioni, mercati, fiere e feste popolari, i suoi edifici sono ancor oggi la testimonianza della ricchezza di Venezia e dei suoi incredibili tesori e vanta una vista unica. Dalle colonne di San Marco e del Todaro, proprio a pochi passi dal salotto più bello del mondo, è possibile ammirare il Campo della Salute. In questo caso parliamo di un campo però che si trova nel sestiere di Dorsoduro, aperto sul Canal Grande e prossimo alla Punta della Dogana che ospita mostre di opere dalla collezione di François Pinault. È qui che ci si affacciano la Basilica di Santa Maria della Salute, il Seminario Patriarcale ed il prospetto posteriore della “Dogana da

52

VENEZIA


Above: Piazza San Marco Below: Campo San Polo (ph. Barbara Zanon)


Campo del Ghetto (ph. Matteo Bertolin)


CITY ITINERARIES

CAMPO DEL GHETTO STILL THE HEART OF THE JEWISH COMMUNITY IL CAMPO DEL GHETTO È TUTTORA IL FULCRO DELLA COMUNITÀ EBRAICA della Salute, the Patriarchal Seminary and the back of the “Dogana da mar”, one of Venice’s old customs buildings, now an art museum. Dominated by the imposing façade of the church, particularly popular among the Venetian people and built to express their gratitude for the city’s delivery from the plague in the 17th century, Campo della Salute’s white marble pavement extends from its age-old stones to the grand staircase down to the water of the Grand Canal, while the Gothic apse of the church of San Gregorio faces onto the Rio della Salute. A statue of writer Niccolò Tommaseo stands in the middle of Campo Santo Stefano, or Campo Morosini, one of the biggest campos in Venice, located in the sestiere of San Marco not far from the Ponte dell’Accademia, one of the four bridges spanning the Grand Canal; the buildings around the campo are the church of Santo Stefano, the church of San Vidal, Palazzo Morosini, Palazzo Loredan and Palazzo Pisani. After crossing the Ponte dell’Accademia, within minutes we come to Campo San Trovaso, known for its squero (boatyard for the construction of gondolas) and for its vicinity to Palazzo Rocca Contarini Corfù and Palazzo degli Scrigni, among the most beautiful and grandiose examples of Gothic and seventeenth-century Venetian architecture.

mar”. Sovrastato dall’imponente facciata della chiesa, carissima ai veneziani ed edificata a ringraziamento per la liberazione dalla pestilenza del XVII secolo, presenta un selciato in marmo bianco tra le pietre di centenaria e un’ampia scalinata verso l’acqua che lo apre verso il Canal Grande, mentre sul rio della Salute si trovano le absidi gotiche della chiesa di San Gregorio. È necessario percorrere via XXII Marzo per ammirare la statua del letterato Niccolò Tommaseo che si erge maestoso al centro di Campo Santo Stefano, o Campo Morosini, tra i più vasti in città. Ci troviamo nel sestiere di San Marco, non distante dal Ponte dell’Accademia e su di esso si affacciano la Chiesa di Santo Stefano, la Chiesa di San Vidal, Palazzo Morosini, Palazzo Loredan e Palazzo Pisani. Proseguendo per il ponte dell’Accademia, dopo solo una minuti in direzione Accademia, si incontra il Campo San Trovaso noto per la presenza di uno squero (dove si costruiscono le gondole) e per la vicinanza ai palazzi Rocca Contarini Corfù e dagli Scrigni, tra gli esempi più belli e grandiosi dell’architettura gotica e seicentesca veneziana. La pavimentazione di questo campo è particolare perché sopraelevata rispetto al piano della fondamenta, quasi fosse un palcoscenico che qualche anno fa è stato scelto come scenografia per gli spettacoli di Biennale

55

VENEZIA


CITY ITINERARIES

CAMPO SANTO STEFANO IS ONE OF THE BIGGEST CAMPOS IN VENICE CAMPO SANTO STEFANO, O CAMPO MOROSINI, È TRA I PIÙ VASTI DI VENEZIA The pavement of the campo is raised above the level of the foundations, like a stage, and in fact it was used to stage performances only a few years ago during the Theatre Biennale. Another campo in the sestiere of Dorsoduro, Campo Santa Margherita, is named after the deconsecrated church of Santa Margherita at its northern end. Popular with young people due to the vicinity of the university campuses of IUAV, Ca’ Foscari and other places of study, it is located in a strategic position easily accessible from the railway station and Piazzale Roma. Just across San Pantalon bridge is Campo San Rocco, named after the church and the Scuola Grande di San Rocco, the two white buildings that dominate the campo; on the opposite side from the Scuola is the bare brick Gothic apse of the Basilica dei Frari, the church whose organ can be heard all over the campo. Continuing on toward Rialto, we come to Campo San Polo, Venice’s biggest campo and indeed its biggest open space apart from Piazza San Marco. The name is a corruption of San Paolo, and the campo was originally pastureland. When it was paved over, a well was installed in the middle, after which it became the site of a market for the poor and hosted public festivals and games, which were however forbidden in 1611, as recorded on a plaque

Teatro. Sempre nel sestiere di Dorsoduro si trova Campo Santa Margherita, il cui toponimo deriva dalla chiesa sconsacrata posta all’estremità nord. È considerato luogo di aggregazione giovanile vista la vicinanza agli atenei Iuav, Ca’ Foscari ed altri istituti superiori, è in una posizione davvero strategica, perché consente di raggiungere con facilità la Stazione ferroviaria di Santa Lucia e Piazzale Roma. Oltrepassato il ponte di San Pantalon e l’omonimo campo, si arriva in Campo San Rocco chiamato così per via della chiesa di San Rocco, l’unica chiesa confraternale veneziana pensata anche come sacrario del proprio santo titolare e la Scuola Grande di San Rocco custode delle preziose opere del Tintoretto. Dal lato opposto rispetto alla Scuola si possono vedere le absidi gotiche in mattoni nudi della Basilica dei Frari, la più grande delle chiese di Venezia, uno scrigno di arte e fede, ed il cui suono dell’organo riempie l’aria della città. Proseguendo verso Rialto si raggiunge Campo San Polo ritenuto il più grande in centro storico e lo spazio più ampio dopo piazza San Marco. Il nome deriva da una storpiatura di San Paolo, un tempo era un luogo all’aperto destinato alle coltivazioni e a pascoli, successivamente venne pavimentato e sistemato il pozzo al centro del campo, ospitò mercatini dei

56

VENEZIA


AA ITINERARY

Above: Campo Santa Margherita Below: Campo Santo Stefano 57

VENEZIA


Campo Ruga (ph. Manuel Silvestri)


CITY ITINERARIES

NEAR RIALTO BRIDGE, WE COME TO CAMPO SAN GIACOMETTO QUASI AI PIEDI DEL PONTE DI RIALTO SI TROVA IL CAMPO SAN GIACOMETTO preserved in the church. The sestiere of Santa Croce is home to Campo  San Giacomo dell’Orio, a symbol of today’s living Venice, with its plane trees and red benches; the campo is frequented by locals and forms a stage, in which the backdrop is the church of the same name, dating back to the ninth century and containing paintings by Lorenzo Lotto and Paolo Veronese. In summer the campo may become an openair dance floor resounding with Argentinian tango or be set up with long tables for the traditional Venetian feasts held in the month of July. As we approach the foot of the Rialto bridge, we come to Campo San Giacometto, with its medieval church, said to be the city’s oldest. At one time this was where the most important decisions of the state of Venice were proclaimed aloud and capital punishments were announced, from the “Piera del Bando”, the little stage from which the town herald read out the documents, supported by steps with a sculpture representing a kneeling man nicknamed the hunchback of Rialto. Campo  del Ghetto is reached via Fondamenta degli Ormesini or Fondamenta di Cannaregio, in the heart of the ghetto where Jews were obliged to reside at the time of the Republic of Venice, still the heart of the Jewish community and the seat of its synagogues and religious institutions.

poveri e divenne teatro di feste pubbliche e giochi che vennero vietati nel 1611 come si evince da una targa conservata all’interno della chiesa. In una manciata di minuti si arriva nel vivace Campo San Giacomo dell’Orio, nel sestiere di Santa Croce, simbolo di una Venezia ancora vivace. Ci sono platani e panchine rosse, è frequentato dai veneziani ed è un inatteso palcoscenico delimitato dall’omonima chiesa fondata nel IX secolo (con dipinti da Lorenzo Lotto a Paolo Veronese) e che nel periodo estivo può trasformarsi in una pista di ballo a cielo aperto al ritmo di tango argentino oppure riempiere di allegre tavolate pronte a gustare le migliori “costicine” tra le sagre veneziane (nel mese di luglio). Quasi ai piedi del ponte di Rialto sorge il Campo San Giacometto con la sua antica chiesa medievale. È qui che un tempo venivano “gridati i bandi”, decisioni più importanti dello stato di Venezia e le sentenze capitali. A darne testimonianza è la “Piera del Bando”, un piccolo palco sorretto da una scaletta e da una scultura che rappresenta un uomo inginocchiato (il cosiddetto gobbo di Rialto). Dalla Fondamenta degli Ormesini o dalla Fondamenta di Cannaregio si accede infine al Campo  del Ghetto, ancora oggi fulcro della comunità ebraica, e sede di sinagoghe e di altre istituzioni religiose.

59

VENEZIA


DARLING

NEW RULES OF SEDUCTION THE GLAMOUROUS SIDE OF NOSTALGIA MARTA INNOCENTI CIULLI PH. ALESSANDRO BENCINI MAKE UP AND AIR ROSSANA LUZZI


GUCCI

Little jacket with patch pockets, broad double sailor collar and samurai-style sleeves. Pleated skirt and white blouse Bag, gloves, tie, frames and stockings by Gucci


FENDI

Straight extra-large pants with leather trimming. Men’s-style leather shirt Belt: Roger Vivier x Luisaviaroma


CHANEL

Cashmere dress with low V-neck and skirt with three-dimensional-effect pattern Moon boots: Chanel


MARNI

Tartan coat with trimmed sleeves, patch pockets and fringed hem over leather skirt and round-necked sweater Boots: Marni x Luisaviaroma


EMPORIO ARMANI

One-buttoned jacket close-fitting at the waist with long lapels, shorts with broad voile pleats Socks: Gallo

Fendi Loose-fitting sweater with shawl collar paired with a pleated silk skirt


Fendi Midi dress with a low bodice, pressed pleats and a cotton lace collar and cuffs


MIU MIU

Tweed cloak with fur-trimmed hood over culottes, top, stockings and chiffon blouse Shoes: Miu Miu


CHRISTIAN DIOR

Tartan skirt with fringed hem open at the front. Elbow-length sleeved pullover with bow neck. Necklace, shoes and socks by Christian Dior


DOLCE&GABBANA

Tweed suit with little double-breasted jacket and three-quarter-length skirt


PRADA

Tweed coat that closes at the front with a lobster clasp fastening the pleats together, unfinished hemline. White men’s-style shirt. Bag and shoes: Prada


ERMANNO SCERVINO

Straight and loose-fitting coat with flap pockets over lace and rhinestone slip dress Ankle boots : Alexandre Vauthier x Luisaviaroma


Lyzard-KZ1 An innovative sound experience from a 0.5� high-efficiency driver | k-array.com

At K-array, we concentrate all our efforts and resources in the revolutionary design and manufacture of highly-efficient sound systems. Needless to say, our Lyzard-KZ1 is an astoundingly small loudspeaker. In fact, it measures 22 x 37 x 10 mm and weighs only 23 grams.


JEWELS MUST

2.

3.

1.

4.

SHINING ALL DAY LONG 1. Chopard- San Marco, 5556-5346 2. Saint Laurent - Calle Larga XXII Marzo, 2217 3. Pomellato - Calle Larga XXII Marzo, 2031 4. 8. Chanel - Calle Larga XXII Marzo, 2070 5. Roberto Coin - Piazza San Marco, 51 6. Tiffany & Co. - Calle Vallaresso, 1336 7. Gucci - San Marco, 258

6.

5.

8. 7.

73

VENEZIA


DORMIRE È IL PIACERE PIÙ IMPORTANTE.


BAGS MUST

2. 1.

3.

THE ART OF BALANCE 1. Fendi - San Marco, 1582 2. Marni - Al Duca d’Aosta 3. Bottega Veneta - Salizada S. Moisè, 1473 4. Salvatore Ferragamo - Calle Larga XXII Marzo, 2098 5. Prada - Salizada San Moise, 1464-1468 6. Louis Vuitton - San Marco, 1345 7. Gucci - San Marco, 258 8. Chanel - Calle Larga XXII Marzo, 2070

4.

6.

5.

8. 7.

75

VENEZIA


SHOES MUST

2.

1.

3.

COMFORT ZONE 1. 7. Salvatore Ferragamo - Calle Larga XXII Marzo, 2098 2. Louis Vuitton - San Marco, 1345 3. Michael Kors - Calle del Fontego dei Tedeschi, 30100 4. Hermès - San Marco, 1292 5. Fendi - San Marco, 1582 6. Chanel - Calle Larga XXII Marzo, 2070 7. Marni - Al Duca d’Aosta 8. Saint Laurent - Calle Larga XXII Marzo, 2217

4.

5.

8.

6. 7.

76

VENEZIA


FOR HIM MUST

2.

3.

1.

TOP OF THE CLASS 1. Louis Vuitton - San Marco, 1345 2. Valentino - Calle del Fontego dei Tedeschi, 30100 3. Corneliani - Al Duca d’Aosta 4. Prada- Salizada San Moise, 1464-1468 5. Salvatore Ferragamo - Calle Larga XXII Marzo, 2098 6. Fendi - San Marco, 1582 7. Etro - Calle Vallaresso, 1340 8. Hermès - San Marco, 1292

4.

7.

6.

77

VENEZIA

5.

8.


COVER STORY

78

VENEZIA


THE LABYRINTH MILOVAN FARRONATO, CURATOR OF THE ITALY PAVILION, SPEAKS TO US ABOUT THE 2019 VENICE BIENNALE MILOVAN FARRONATO, CURATORE DEL PADIGLIONE ITALIA, CI RACCONTA LA BIENNALE ARTE 2019 text Francesca Lombardi

79

VENEZIA


COVER STORY

Lara Favaretto Thinking Head, 2018 In the previous pages, Enrico David, Tutto il resto spegnere I (Homage a E. F.), 2019,Italian Pavillion 80

VENEZIA


ART EXHIBITIONS

On a hot, Venetian summer day, with the 58th Venice Biennale underway, we met Milovan Farronato, the 45-year-old Piacenza native with a strong international resumé and curator of the Italy Pavilion. We will let his words and his vision guide us on a discovering of the pavilion and exhibition. Your idea for the Italy Pavilion was inspired by an essay by Italo Calvino that examined style in its many facets, analyzing the metaphor of the labyrinth, in particular. Can you briefly explain to us the link between La sfida al labirinto (The Challenge to the Labyrinth) and the exhibition Neither Nor: The Challenge to the Labyrinth? I had imagined an exhibition without a beginning and end, or better yet, with multiple beginnings and ways out. I also thought about some of the exhibitions by the German artist Katharina Fritsch that introduced architectural spaces into the museum in order to organize the works not based on the existing volume of the rooms but on the needs of the pieces themselves. I was also inspired by the labyrinthine nature of Venice. All this combined led to the idea of the labyrinth as a display and valid metaphor coming to the forefront. My scientific coordinator, Stella Bottai, then suggested I reread Calvino’s essay. It was a revelation that served as an important theoretical support and interpretation for justifying the artists I had selected. Calvino spoke of a visceral current and a rational current, which could be perfectly adapted to the works of Enrico David and Liliana Moro, respectively. He also wrote about how these currents intersect with others: for me, this was represented by Chiara Fumai. The labyrinth is a metaphor for a complexity that needs to be embraced, traced and retraced, without fear, with the possibility that time will at last expand and offer discoveries behind a corner, at a crossroads where it is difficult to decide where to go, even at the end of a cul-de-sac. How were the artworks chosen? I defined the approach for each artist and then chose the works together with them; similarly, I worked with the artists to decide how to structure the spaces in order to best host and highlight the pieces. I wanted to showcase Liliana through a mostly never-before-seen selection of works that could retrace her career from its beginnings to today. For Enrico David, I preferred to focus on his indiscriminate and overdeveloped nature, and so I asked him to make several new pieces, specifically sculptures but also a few paintings. With Chiara, I of course wanted to reformulate, and to a certain extent interpret, her volition through a careful study and reinterpretation of our correspondence.

In un caldo agosto veneziano, con la 58° Biennale Arte in pieno corso, abbiamo incontrato Milovan Farronato, quarantacinquenne piacentino forte di un curriculum internazionale e curatore del Padiglione Italia. Lasciamo che le sue parole e la sua visione ci guidino alla scoperta del Padiglione e della Mostra. La sua idea per il Padiglione Italia parte da un saggio di Italo Calvino che indaga il linguaggio nelle sue sfaccettature analizzando in modo particolare la metafora del labirinto. Ci spiega brevemente il legame tra il testo La sfida al labirinto e la mostra Né altra Né questa: La sfida al Labirinto? Immaginavo una mostra senza inizio e senza fine, o meglio, con più inizi e più vie d’uscita. Pensavo anche ad alcune mostre dell’artista tedesca Katharina Fritsch che ha introdotto spazi architettonici all’interno dello spazio museale per articolare le opere non in base a volumi dati, ma in base alle esigenze delle stesse opere. Ho pensato anche alla natura labirintica di Venezia. Quindi è subentrata preponderante l’idea del labirinto come display e come valevole metafora. A quel punto il mio coordinatore scientifico, Stella Bottai, mi ha suggerito di rileggere il saggio di Calvino. Una rivelazione che mi è valsa come importante supporto teorico e chiave di lettura per legittimare la scelta degli artisti che avevo già selezionato. Calvino parla di via viscerale e di via razionale, perfettamente adattabili ai lavori rispettivamente di Enrico David e di Liliana Moro. E poi racconta di come queste vie siano attraversate e interconnesse da altre: per me è stato il percorso di Chiara Fumai. Il labirinto come metafora della complessità da abbracciare, da percorrere e ripercorrere, senza ansia, con la possibilità che il tempo finalmente si dilati e conceda scoperte e rivelazioni dietro a un angolo, in un crocevia dove è difficile decidere dove andare e anche alla fine di un cul de sac. Come sono state selezionate le opere? Ho definito l’approccio per ciascun artista e poi le ho scelte con loro, cosi come con gli artisti abbiamo definito come strutturare gli spazi per accoglierle e risaltare al meglio. Volevo presentare Liliana attraverso una selezione il più inedita possibile, ma che ripercorresse la sua carriera dagli esordi ad oggi. Per Enrico David ho preferito favorire la sua natura onnivora e ipertrofica e gli ho chiesto molte nuove produzioni, prevalentemente scultore ma anche dipinti. Con Chiara, ovviamente, ho dovuto trascrivere e a certi livelli interpretare la sua volontà facendo un attento studio e rilettura di tutta la nostra corrispondenza La volevo comunque presentare con un lavoro inedito, come si dovrebbe fare con una giovane artista.

81

VENEZIA


1

2 1

1. Milovan Farronato, 2.11. Pavilion of Belgium, Mondo Cane 3.10 Pavilion of Lithuania, Sun & Sea (Marina) 4.5. Pavilion of Brazil Swinguerra

3

5

4


6 1

7

6.7. Pavilion of France Deep see blue surrounding you / Vois ce bleu profond te fondre 8.9. Pavilion of Ghana Ghana Freedom

8

10

9

11


ART EXHIBITIONS

“LOOKING THROUGH THE FOG SEEMS LIKE A BEAUTIFUL METAPHOR FOR UNCERTAINTY” “VEDERE ATTRAVERSO LA NEBBIA MI SEMBRA UNA BELLA METAFORA DELL’ INCERTEZZA” I wanted to present her through an original piece, as should be done with young artists. Can you tell us something about Chiara’s work, also in relation to the exhibition Neither Nor? It was a piece designed for another exhibition (Si Sedes Non Is, 2017, The Breeder, Athens). It was an important work that was quite problematic at the beginning, going through various phases, variations and reconsiderations. In the end, it was completed after the exhibition’s inauguration, only a few months before Chiara’s tragic death. I thought that the time had come to showcase it in all its complexity, and I fortunately had all the information necessary to make that happen: the high-res drawings to copy onto the walls, the title and the directions. Of course, a sense of inscrutable mystery must remain. I wanted to preserve that; it’s a part of the artwork. I wouldn’t ask Trisha Donnelly, for example, to describe her trembling images! We find ourselves in a complex world, with none of the traditional reference points. In this scenario, what do you think is the value of contemporary art? Complicating the story, points of view, perspectives. Upsetting the vision. Offering suggestions and increasing awareness and the possibility of choice. The labyrinth in Neither Nor seeks to do this. Each person has the freedom to choose their own path. In addition to the Italy Pavilion, what would be an ideal itinerary at the 2019 Venice Biennale for visitors to once again confront the theme of time and uncertainty? The work by Lara Favaretto, with a fog descending upon the Central Pavilion when the weather is just right, and the pieces around the France Pavilion by Laure Prouvost. In my opinion, looking through the fog seems like a beautiful metaphor for uncertainty that allows us to see beyond. The most interesting countries present at this year’s edition? Lithuania, which won the Golden Lion, and for good reason: it’s a powerful, poetic, active vision that won’t soon be forgotten. I also liked Belgium (which won a special mention) and Brazil. Ghana, which is participating for the first time, really made me think and was perhaps my favourite. You live in London, how do you view Italian art? I’ve lived in London for over six years, but every summer I go to Stromboli, where for the last nine years, I’ve led the contemporary art festival Volcano Extravaganza for the Fiorucci Art Trust, which I’m the director of. I like to think that I see Italy from this position: alchemy; instability, of course, but also strong energies. I trust that it’s growing.

Ci può raccontare qualcosa del lavoro di Chiara, anche in relazione alla mostra Né altra Né questa? Era un lavoro pensato per un’altra mostra (Si Sedes Non Is, Atene, Aprile 2017 presso la Galleria The Breeder). Un lavoro molto travagliato nella sua genesi che ha avuto varie fasi, variazioni e molti ripensamenti. Alla fine è stato ultimato dopo l’inaugurazione di quella mostra, pochi mesi prima della tragica risoluzione della vita di Chiara. Ho pensato che fosse giunto il momento ora per presentarlo in tutta la sua complessità e avevo, per fortuna, tutte le informazioni per poterlo realizzare: le alte risoluzioni dei disegni da trascrive sulle pareti, il titolo, le indicazioni. Certo un senso di ermetico mistero deve rimanere. Lo voglio preservare.è parte dell’opera. Non chiederesti ad esempio a Trisha Donnelly di descrivere le sue immagini tremolanti! Ci troviamo in un mondo complesso, senza punti di riferimento tradizionali. In questo scenario, quale pensa sia il valore dell’arte contemporanea? Complicare la trama, i punti di vista, le prospettive. Mettere sotto sopra la visione. Offrire suggerimenti e di certo aumentare la consapevolezza e la possibilità di scelta. Anche il labirinto di Né altra Né questa cerca di farlo. A ciascuno la scelta di definire il proprio percorso. Oltre il Padiglione Italia, quale potrebbe essere un percorso ideale di visita di questa Biennale Arte 2019, dove si affronta di nuovo il tema del tempo e dell’incertezza? La nebbia che scende sopra il Padiglione Centrale quando le condizioni meteorologiche lo favoriscono, opera di Lara Favaretto, e quelle che circumnavigano il Padiglione Francese (di Laure Prouvost). Vedere attraverso la nebbia mi sembra una bella metafora di incertezza che permette di guardare oltre. Le partecipazioni nazionali più interessanti di questa edizione? Chi ha vinto il Leone d’Oro, cioè la Lituania, se lo è decisamente meritato. Un’immagine potente, poetica, impegnata che rimane impressa nella retina e nella memoria. Ho apprezzato molto anche il Belgio (che ha vinto il premio della critica) e anche il Brasile. Il Gana, alla sua prima partecipazioni nazionale mi ha fatto molto riflettere, forse il mio preferito. Lei vive a Londra e gode di un punto di vista internazionale: qual è quindi il suo sguardo sull’arte nel panorama italiano? Vivo a Londra da oltre 6 anni, ma migro ogni estate a Stromboli dove da 9 anni conduco un festival d’arte contemporanea Volcano Extravaganza per il Fiorucci Art Trust di cui sono direttore. Mi piace pensare di vedere l’Italia da questa posizione: alchimia, instabilità certo, ma anche forti energie. Confido sia in crescita.

84

VENEZIA


COVER STORY

Enrico David, ChĂŠri (Mincer/Aratro), 2019 Italian Pavillion 85

VENEZIA


ART EXHIBITIONS

DOGARESSAS, GLASSMAKERS & PHOTOGRAPHERS THREE ART EXHIBITIONS THAT SHOWCASE LIFE TRE MOSTRE D’ARTE CHE SONO VITA text Mila Montagni

Its physical nature as a borderland, as a multifaceted city with riches that seem to spout mysteriously, fluidly, renewed and generated by the people who come here from every corner of the earth, choosing to settle down or recount its traditions: Venice is this and so much more, as is the land that surrounds it, making it ever richer in its comparison with and presentation to the wider world. The history of the city can be seen in the exhibitions in Conegliano, Verona and throughout the entire region. PEGGY GUGGENHEIM. THE LAST DOGARESSA Her nearly 30 years in the Venetian Lagoon, in the magnificent Palazzo Venier dei Leoni, are recounted in an exhibition that aims to pay tribute to a woman who loved life, art and Venice above all else. Her love was a true passion, which visitors can explore in this exposition of more than 60 artworks (paintings, sculptures and works on paper acquired between the 1940s and 1979, the year the American art collector died) chosen by the museum’s director, Karole P. B. Vail, and Assistant Curator, Gražina Subelytė. The show will also highlight the exhibitions and events that are today a fil rouge in the history of 20th-century art. For the first time, a series of Guggenheim’s scrapbooks will be on display, along with some of the masterpieces that she sought and loved, like Empire of Light by René Magritte and Study for Chimpanzee by Francis Bacon. Rarely exhibited works will also be on show, including Autumn at Courgeron by René Brô, Serendipity 2 by Gwyther Irwin, Above the White by Kenzo Okada and Drifting No. 2 by Tomonori Toyofuku. Visitors can admire almost the entirety of the historic collection, including masterpieces like Box in a Valise (Boîte-en-Valise), made by Marcel Duchamp in 1941. A fitting publication/catalogue about the last Dogaressa’s work recounts the gallerist and collector’s life. The exhibition will run from September 21 to January 27, 2020. FERDINANDO SCIANNA. JOURNEY STORY MEMORY One hundred and eighty photographs, strictly black and white yet warm and intense, as was Ferdinando Scianna’s style, present a summary of more than 50 years of the great Bagheria-native’s career as a photographer. The three major themes running through the show present a sort of cameo for Venice, as the exhibition will showcase a series of images of fashion that

La sua natura fisica di terra di frontiera, di città dalle molteplici sfumature e dalle ricchezze che sembrano sgorgare misteriose, fluide, capaci di rinnovarsi e generarsi dalle persone che qui approdano da ogni parte del mondo e scelgono di fermarvisi o di raccontarne in modo diverso una delle sue tradizioni. Venezia è questo e molto di più, come lo è anche la terra che la circonda e la corona e la rende sempre più ricca, nel confrontarsi e nel narrarsi al mondo. PEGGY GUGGENHEIM. L’ULTIMA DOGARESSA Quasi trent’anni in Laguna, in quel luogo meraviglioso che è Palazzo Venier dei Leoni, sono raccontati in una mostra che non s’intende soltanto essere l’omaggio a una donna che amò la vita, l’arte e Venezia sopra ogni cosa. Un amore che fu una passione come testimonia l’esposizione di una sessantina di opere (dipinti, sculture e lavori su carta acquisite tra gli anni Quaranta e il 1979, anno della scomparsa della mecenate di origine statunitense) scelte da Karole P. B. Vail, direttrice del Museo, che ha lavorato con Gražina Subelytė, Assistant Curator, e che si scandì attraverso mostre ed eventi che sono oggi da considerare un fil rouge che sostiene la storia dell’arte del Novecento. Per la prima volta saranno esposti una serie di scrapbooks della Guggenheim, insieme ad alcuni dei capolavori da lei voluti e amati come L’impero della luce di René Magritte e Studio per scimpanzè di Francis Bacon, con altre meno esposte, quali Autunno a Courgeron di René Brô, Serendipity 2 di Gwyther Irwin, Sopra il bianco di Kenzo Okada e Deriva No 2. di Tomonori Toyofuku. Si potrà ammirare nella quasi totale interezza la storica collezione, inclusi capolavori come Scatola in una valigia (Boîte-en-Valise), realizzata da Marcel Duchamp nel 1941. Una doverosa pubblicazione-catalogo sul lavoro dell’ultima Dogaressa ne descrive l’esperienza di gallerista e collezionista. Dal 21 settembre al 27 gennaio 2020. FERDINANDO SCIANNA. VIAGGIO RACCONTO MEMORIA Centottanta fotografie, scandite nel bianco e nero rigoroso eppur caldissimo e intenso di Ferdinando Scianna, sono la sintesi di oltre cinquant’anni di carriera del grande fotografo nativo di Bagheria. I tre grandi temi che ne reggono la struttura ideale presentano anche una sorta di cameo per Venezia, poiché saranno in mostra una serie di immagini di moda che l’autore ha

86

VENEZIA


Below: Marpessa. Caltagirone, 1987 Š Ferdinando Scianna Above: New York, 1985 Š Ferdinando Scianna


From above clockwise: René Magritte Empire of Light (L’Empire des lumières), 1953–54. Collezione Peggy Guggenheim, Venezia © René Magritte, by SIAE 2019 Francis Bacon, Study for Chimpanzee, March 1957. Collezione Peggy Guggenheim, Venezia © The Estate of Francis Bacon, by SIAE 2019 Thomas Stearns for Venini, Sentinella di Venezia vase [Sentinel of Venice], 1962


Peggy Guggenheim at Palazzo Venier dei Leoni, Venice, early 1950s. On the wall, Pablo Picasso, On the Beach (La Baignade), 1937. (The Solomon R. Guggenheim Foundation. Photo Archivio Cameraphoto Epoche. Gift, Cassa di Risparmio di Venezia, 2005) the artist took in the Serenissima, reinforcing his bond with the city. All this can be admired at the Casa dei Tre Oci, curated by Denis Curti, Paola Bergna and Alberto Bianda as art director. Scianna’s career (he was the first Italian to become a member of the cooperative Magnum) brought the photographer all over the world, though he’s never lost sight of the bearings that have guided him this far, that is, the constant search for a form of chaos in life, as he explained when he called Henri CartierBresson a mentor: “the photographer must aspire to be an invisible witness that never intervenes to change the world and the moments that decipher and interpret reality. (…) I’ve always considered myself one of those photographers who goes in search of images that narrate, that narrate me, as if they were a mirror.” The exhibition is running until February 2, 2020. THOMAS STEARNS AT VENINI The Fondazione Giorgio Cini will once again “split,” welcoming Emilio Isgrò with an important monographic exhibition (running until November 24) curated by Germano Celant, who worked with the artist and his archive, brilliantly describing Isgrò’s evolution as an artist and intellectual over the last 50 years. Le Stanze del Vetro are instead hosting Thomas Stearns at Venini, an elegant exhibition that traces (guided by Marino Barovier) the artist’s collaboration in Italy following a national competition that launched a two-year experimental partnership with the Verni glassworks in the early 1960s. The project was made possible thanks to the open-mindedness of Ludovico de Santillana and the collaboration with the master “Checco” Ongaro, who accepted to work with the young foreigner. The result is this exhibition of unique pieces designed and made as an artistic expression of sculpture. The exhibition is running until January 5, 2020.

realizzato in Laguna e che rinsalda il legame con la città, come si può ammirare nella Casa dei Tre Oci, secondo la cura di Denis Curti, Paola Bergna e Alberto Bianda come art director. Il percorso di Scianna (primo italiano a far parte dell’agenzia Magnum) si dipana lungo le strade del mondo senza mai perdere la bussola che l’ha guidato fino a oggi, ovvero la costante ricerca di una forma di caos nella vita, come lui stesso ha dichiarato riconoscendo Henri Cartier-Bresson come suo maestro: “il fotografo deve ambire ad essere un testimone invisibile, che mai interviene per modificare il mondo e gli istanti che della realtà legge e interpreta. (…) Ho sempre considerato di appartenere al versante dei fotografi che le immagini le trovano, quelle che raccontano e ti raccontano, come in uno specchio.” Fino al 2 febbraio 2020. THOMAS STEARNS ALLA VENINI La Fondazione Giorgio Cini si “sdoppia” una volta di più e accoglie fino al 24 novembre Emilio Isgrò, con la monografica curata da Germano Celant che ha lavorato con l’artista e il suo Archivio, fino a descriverne con intelligenza l’evoluzione come artista e intellettuale negli ultimi cinquanta anni. Le Stanze del Vetro si aprono invece per Thomas Stearns alla Venini, una raffinatissima mostra che ripercorre (con la guida di Marino Barovier) la collaborazione dell’artista giunto in Italia grazie a un Concorso nazionale che avviava una collaborazione con la vetreria Venini agli inizi degli anni Sessanta, un viaggio nella sperimentazione che durò due anni, grazie alla sensibilità di Ludovico de Santillana e alla collaborazione del maestro “Checco” Ongaro che unico accettò di lavorare con il giovane straniero. L’esito è questa mostra di pezzi unici progettati e realizzati come espressione artistica dal carattere scultoreo. Fino al 5 gennaio 2020.

89

VENEZIA


‘The Tourist’, with Johnny Depp and Angelina Jolie (2010)


MOVIE ITINERARIES

LIGHTS, CAMERA... ACTION!

THE MOST BEAUTIFUL MOVIES FILMED IN VENICE, FROM FUN FACTS TO UNFORGETTABLE SCENES I FILM PIÙ BELLI GIRATI A VENEZIA, TRA CURIOSITÀ E SCENE INDIMENTICABILI text Federica Repetto

There is a deep bond between Venice and the world of cinema, not only because of the Film Festival but also because the city is an enchanting backdrop, the perfect place to film unforgettable movies. First and foremost is The Tourist (2010), starring Angelina Jolie and Johnny Depp, the latter a mainstay at the Venice Film Festival (where, this year, he’s nominated for the Golden Lion with his film Waiting for the Barbarians). He became an honorary Venetian when he was in the city to film The Tourist. The movie features chases through Venice’s rii and canals, Palazzo Pisani Moretta, which was transformed into a suite in the Hotel Danieli for the movie, a masked ball held in the Sucola Grande della Misericordia and Fondaco dei Turchi, a private dinner on the terrace of the Peggy Guggenheim Collection and the Rialto market, where Johnny Depp’s body double jumped from a terrace onto the awning of a fruit and vegetable stand. Venice by water opens the James Bond film Casino Royale (2006), with Daniel Craig and Eva Green, who sail down the Grand Canal on board a splendid yacht, fresh from their adventures in Montenegro. One of the most spectacular scenes in the movie depicts a Venetian palazzo collapsing right in front of the Rialto market. The film adaptation of The Merchant of Venice (2005) by Michael Radford is wonderful, faithful to Shakespeare’s play and starring Al Pacino as Shylock. Almost the entire movie was filmed in the city, and amongst the most impressive backdrops, two are truly worth mentioning: the island of San Giorgio Maggiore and the Grand Canal. Another iconic Venetian figure is without a doubt the womanizer par excellence, Casanova, interpreted in Lasse Hallström’s 2005 film by Heath Ledger: ten months filming in the city, ten different locations, from palazzi to the streets, including an 18th-century piazza San Marco with carriages and horses and 500 extras, with a final

Quello tra Venezia e il cinema è un legame profondo, non solo per il Festival del Cinema, ma anche perché fascinoso set, perfetto per girare film indimenticabili. Tra questi come non citare The Tourist (2010). Protagonista, insieme a una meravigliosa Angelina Jolie, Johnny Depp, un habitué della Mostra del Cinema di Venezia (dove anche quest’anno è in lizza per il Leone d’Oro con la pellicola Waiting for the Barbarians). Le riprese di The Tourist lo hanno reso un veneziano d’adozione. Tra inseguimenti nei rii e canali della città, Palazzo Pisani Moretta che per esigenze di scena si trasforma nella suite dell’Hotel Danieli, un ballo in maschera ospitato tra la Scuola Grande della Misericordia e il Fondaco dei Turchi, una cena esclusiva sulla terrazza della Peggy Guggenheim Collection e il mercato di Rialto, dove la controfigura di Johny Depp si getta da una terrazza sul telone di una bancarella di frutta e verdura. Una Venezia vissuta dall’acqua è quella di James Bond in Casino Royale (2006), con Daniel Craig ed Eva Green, che veleggiano lungo il Canal Grande a bordo di uno splendido yacht, reduci da intrighi nel Montenegro. Una delle scene più spettacolari del film rimane quella che vede il crollo di un palazzo veneziano proprio di fronte al mercato di Rialto. Splendida la trasposizione cinematografica de Il mercante di Venezia (2005) di Michael Radford, fedelissima al testo shakespeariano e interpretata da Al Pacino nei panni di Shylock. Quasi tutto il film è stato girato in città e tra i set più spettacolari è doveroso ricordarne due: l’isola di San Giorgio Maggiore ed il Canal Grande. Altro personaggio iconico di Venezia è senz’altro il seduttore dei seduttori: Casanova, interpretato nel film di Lasse Hallström del 2005 da Heath Ledger. Dieci mesi di presenza della produzione in città, dieci location fra palazzi ed esterni, inclusi una piazza San Marco settecentesca con carrozze e cavalli e 500 comparse

91

VENEZIA


1

2 1

1. 4. ‘Spider-Man: Far From Home’, with Tom Holland (2019) 2. ‘Everyone Says I Love You’, with and by Woody Allen (1996) 3. ‘The Talented Mr. Ripley’, with Gwyneth Paltrow, Jude Law and Matt Damon (1999) 5. ‘C’era una volta in America’, by Sergio Leone (1984)

3

5

4


‘Inferno’, with Tom Hanks and Felicity Jones (1983)

scene featuring dozens of period boats sailing down e un finale con decine di imbarcazioni d’epoca che atthe Grand Canal. Ron Howard also chose the canal for traversano il Canal Grande. Anche Ron Howard sceglie Inferno (2016), along with scenes filmed on rio della il canale per Inferno (2016), con scene anche presso il Canonica and under the porticoes of the Doge’s Palace. rio della canonica e sotto i portici di Palazzo Ducale. È It’s from the top of the historic palace that a spiderweb proprio dalla cima dell’antica sede del Doge che una stretched across to the bell tower opposite the famous ragnatela si allunga fino al campanile di San Marco: building: don’t worry, it’s just young Peter Parker, who è il giovane Peter Parker, che ha lasciato gli Stati Unileft the United States for a trip across Europe, stopping ti per attraversare l’Europa, concedendosi una lunga in Venice along the way. Spiderman: Far from Home sosta proprio a Venezia. Spider-Man: Far From Home (2018) features Tom Holland taking up the role of the (2018) ha visto il ritorno di Tom Holland nei panni del film’s namesake superhero, starring supereroe, alle prese con Jake Gyllenalongside Jake Gyllenhaal as Mysterio. haal, nel ruolo di Mysterio. VENICE IS A few scenes in The New Pope, sequel The New Pope, sequel della serie cult THE PERFECT to the cult TV series by Oscar winner firmata dal premio Oscar Paolo SorBACKDROP FOR rentino, ha visto quest’anno la troupe Paolo Sorrentino, were filmed in Venice this year, specifically the Fondamenta UNFORGETTABLE a Venezia per girare alcune riprese alle Nove, the Scuola Grande di San Marco, Fondamenta Nove, alla scuola Grande MOVIES the city’s hospital, campo San Maurizio, di San Marco, al complesso dell’Ospecalle Querini, piazza San Marco and the Grand Canal. In dale Civile, in campo San Maurizio, in calle Querini, the first scene of the show’s second season, Jude Law is piazza San Marco e lungo il Canal Grande. Nella prima standing beside John Malkovich, a new character in the immagine della seconda stagione, Jude Law è affianseries. Jude Law is no stranger to Venice, filming The cato da John Malkovich, new entry della serie. Sempre Talented Mr. Ripley (1999) at Ca’ Sagredo and Ca’ Da qui, per la precisione a Ca’ Sagredo e Ca’ Da Mosto, Mosto. Jude Law aveva già girato scene de Il Talento di Mr. Even Woody Allen has succumbed to the charm of the Ripley (1999). Serenissima, filming Everyone Says I Love You (1996) Anche Woody Allen ha ceduto al fascino della Serenisin the city. As a tribute to the movie Summertime (David sima con Tutti dicono I Love You (1996). In omaggio al Lean, 1955), the director has Julia Roberts go jogging film Tempo d’estate (David Lean, 1955) il regista fa fare 93

VENEZIA


‘The Merchant of Venice’, with Al Pacino (2004)

down calle Piscina Sant’Agnese as he crosses through jogging a Julia Roberts proprio lungo la calle piscina campo Santo Stefano. Gritti Palace is immortalized in Sant’Agnese mentre lui stesso a attraversa campo Sanall its allure, the majestic building that once hosted John to Stefano. Immortalato nel suo totale fascino è il Gritti Ruskin, Ernest Hemingway and Somerset Maughman. Palace, che ha visto John Ruskin, Ernest Hemingway e Harrison Ford in Indiana Jones and the Last Crusade Somerset Maughman. (1989) prefers to hide below ground, under the Church Harrison Ford in Indiana Jones e l’ultima crociata of San Barnaba (reconstructed in the film studio). (1989) preferisce nascondigli come i sotterranei della It seems that director Steven Spielberg chose San chiesa di San Barnaba (ricostruiti in studio). Sembra Barnaba as a tribute to David Lean, who filmed the most che Steven Spielberg, regista del film, abbia scelto San famous scene in Summertime (1955) in the square in Barnaba come omaggio a David Lean che, nel campo front of the church. The robbery in The antistante la chiesa, girò la scena più Italian Job (2003) was filmed a stone’s celebre di Tempo d’estate (1955). E penHISTORICAL, throw from Palazzo Stern, featuring an sare che poco distante a Palazzo Stern ROMANTIC, explosion that causes a safe to come è stata messa in scena la rapina di The ACTION MOVIES Italian Job (2003), in cui sono stati fatti crashing down several floors into the robbers’ getaway boat. AND WONDERFUL esplodere una serie di piani uno sopra The famous dance scene in Once Upon ADAPTATION FILMS l’altro da cui crolla una cassaforte. a Time in America (1984) by Sergio Continua a distanza di anni ad affasciLeone continues to captivate audiences after all these nare la celebre scena del ballo di C’era una volta in years, immortalizing the beauty of the Salone degli America (1984) di Sergio Leone, che ha immortalato la Stucchi at the Hotel Excelsior. The hall was transformed bellezza del Salone degli Stucchi dell’Hotel Excelsior e into an empty restaurant, booked by Robert De Niro so che appare come un ristorante vuoto, prenotato da RoElizabeth McGovern could choose the table she wanted bert De Niro per permettere ad Elizabeth McGovern di and dance in the hall before stretching out on the sand scegliere il tavolo che più le piace e poi ballare in quel in front of the hotel. salone e infine stendersi sulla spiaggia dell’albergo. We end with a true blue Venetian, Tinto Brass, who Concludiamo con un veneziano doc, Tinto Brass, che filmed five movies in his city, including The Key (1983) nella sua città ha girato ben cinque pellicole, tra cui La with Stefania Sandrelli. Chiave (1983), con Stefania Sandrelli. 94

VENEZIA


6 1

7

6. Indiana Jones and the Last Crusade, with Harrison Ford and Sean Connery, by Steven Spielberg (1989) 7. 10. ‘The Young Pope’, with Jude Law (2016) 8. ‘The Italian Job’ (2003) 9. ‘Casino Royale’, with Daniel Craig (2006)

9

8

10


Vino Vero


FOOD ITINERARIES

MISERICORDIA DISTRICT DISCOVERING THE LIVELIEST NEIGHBOURHOOD IN VENICE, AMIDST WINE BARS, BACARI, RESTAURANTS AND GOURMET EATERIES ALLA SCOPERTA DELLA ZONA PIÙ VIVACE DI VENEZIA, TRA ENOTECHE, BACARI, TRATTORIE E RISTORANTI GOURMET text Giovanna Caprioglio

“La Misericordia” in Venice can be likened to the “Navi- “La Misericordia” a Venezia è ormai un po’ come dire gli” in Milan. The neighbourhood extends around the “i Navigli” a Milano. La zona intorno all’Abbazia della Abbey of the Misericordia, Scuola Vecchia and Scuola Misericordia, alla Scuola Vecchia e alla Scuola Nuova Nuova (also known as “Grande”) della Misericordia – (detta Grande) della Misericordia - progetto mai finito an unfinished project by Jacopo Sansovino and today di Jacopo Sansovino e oggi meraviglioso spazio per a magnificent space for hosting exhibitions and events mostre ed eventi- che comprende l’omonima Fon– and includes the namesake Fondamenta and its con- damenta e anche il suo proseguo verso il Ghetto, la tinuation to the Ghetto, Fondamenta degli Ormesini. Fondamenta degli Ormesini, è oggi un susseguirsi di For visitors today, the area is a hotbed for bacari, res- locali: bacari, ristoranti, enoteche. taurants and wine bars. Un punto di riferimento per chi cerca un’atmosfera The neighbourhood is the ideal place for those in rilassata e conviviale, fuori dai classici circuiti e ansearch of a relaxing and lively atmosphere outside the cora autentica, sebbene sempre più frequentata. “La typical haunts, still retaining an element of authentic- Misericordia” ormai sa accontentare tutti, da chi vuole ity despite its increasing popularity. “La Misericordia” un posto dove fare un aperitivo con i classici “cicheti” knows how to please everyone, from those looking for veneziani, a chi invece preferisce una proposta gastroa place to go for an aperitivo with the nomica sofisticata. classic Venetian “cicheti” to those who Procedendo in ordine “di apparizioA PLACE prefer a more sophisticated dining exne”, poco dopo la Scuola Grande delFOR RELAXING perience. la Misericordia non avrete difficoltà a AND OUTSIDE In order of “appearance,” just after notare VinoVero, sempre molto frethe Scuola Grande della Misericordia, quentato per la buona selezione di vini THE TYPICAL you’ll have no trouble finding Vino naturali (funziona anche come enoteHAUNTS Vero, a popular locale thanks to its exca) e soprattutto la reinterpretazione cellent selection of organic wines (it’s also a wine bar) originale dei tipici cicheti, che, su una base di pane, and its original interpretation of the typical “cicheti,” propongono abbinamenti gourmet come lo spinaoffering gourmet combinations like spinach, octopus cino con piovra e paprika o cime di rapa e acciughe and paprika, turnip greens and sardines or wild boar o,ancora, salame di cinghiale e robiola, tutti con insalami and robiola cheese, all of which are prepared gredienti di prima qualità. Una nota da segnalare: qui with only the best ingredients. One thing to note: true non si servono Spritz, coerentemente con il nome e la to its name and philosophy, you won’t find a Spritz filosofia del luogo. here. Pochi metri dopo un altro locale che si caratterizza A few doors down, there’s another locale that has per uscire dai classici schemi veneziani: è Sullaluna, turned the classic Venetian experience on its head: un bistrot-libreria in stile anglosassone che offre un Sullaluna, an Anglo-style bistro and bookshop that piccolo menù vegano, con dolci fatti in casa e una offers a small vegan menu with homemade desserts grande selezione di thè, ma anche buoni vini natuand a large selection of teas, as well as a number of or- rali, in un’ambiente luminoso e rilassato, circondati ganic wines. Here, you can enjoy a bright and relaxing soprattutto da libri di cucina e per bambini e da deliatmosphere surrounded by cookbooks and children’s cate illustrazioni. Un locale “diverso”, perfetto per un 97

VENEZIA


2

1

1. Paradiso Perduto 2. 4. Al Timon 3. Oficina Ormesini (ph. Switchmedia)

3

4

books. This is a different kind of place, perfect for an aperitivo (chiude presto) ma soprattutto per una colaaperitivo (it closes early), breakfast, lunch or afternoon zione, un pranzo o una pausa pomeridiana. break. Per chi cerca invece un vero “classico” veneziano, che, For those looking for a truly “classic” Venetian expe- anche se molto amato dai turisti, non ha perso la sua rience that hasn’t lost its authenticity despite being autenticità, deve fare una tappa al Paradiso Perduto. popular amongst tourists, head to Paradiso Perduto. Qui quello che conquista è l’atmosfera, sia sulla FonThe atmosphere wins out here, on both the Fonda- damenta dove i tavoli colorati, sempre affollati, sono menta, where the colourful and crowded tables ae decorati con fiori di campo freschi, che all’interno, decorated with fresh flowers, and inside, where there dove, oltre il grande bancone dei cicheti c’è anche un is a large counter of “cicheti” and a stage for live music. palco dove spesso si esibiscono musicisti dal vivo. La The menu is classic, and you can choose from the op- proposta è quella classica, potete scegliere dal bantions on the counter or from the menu cone o da un menù che propone soof Venetian dishes, with a “Roman” inprattutto piatti veneziani, con una diAN OPTION fluence in the cacio e pepe pasta served gressione “romana” per la pasta cacio directly in a “pecorino bowl”. e pepe servita direttamente dalla forma THAT SERVES If you prefer a more elegant option that THE BEST LOCAL di pecorino. skillfully serves the best local ingrediSe preferiste invece una proposta più INGREDIENTS raffinata, che sa interpretare con maents, you must visit Rioba, a restaurant estria i migliori ingredienti locali, non that takes its name from a statue of a “Moor,” Sior Rioba, installed in a 15th-century niche dovete perdere Rioba, Osteria che prende il nome da on the home of the famous painter Tintoretto a few una statua di un “Moro”, il Sior Rioba appunto, posta metres away. The cuisine at Rioba is a journey into in una nicchia quattrocentesca sotto la casa del fathe flavours and aromas of the Venetian Lagoon, with moso pittore Tintoretto a pochi metri da lì. La cucina special attention on the wild herbs that grow on the di Rioba è un’esperienza tra sapori e profumi della surrounding islands, bestowing a unique touch to ev- laguna veneta, con particolare attenzione anche alle ery dish. A beautiful outdoor seating area counters the erbe selvatiche delle isole limitrofe, che donano un curated interior, boasting exposed brick and a relaxing, tocco unico a ogni piatto. Un bel plateatico esterno fa da contraltare a un interno curato, con mattoni a vista elegant atmosphere. Beyond Ponte del Rio dei Lustraferi, you can find the e atmosfera rilassata, ma elegante. newest addition to the Fondamenta (which turns into Passato il Ponte del Rio dei Lustraferi, invece, la “no98

VENEZIA


Above: Campo dell’Abbazia Below: Fondamenta della Misericordia


1

2 1

1. 2. 5. Sulla luna (ph. Stefano Degirmenci) 3. 4. Vino Vero 6. Ostaria da Rioba

3

4

5

6


COVER STORY

Oficina Ormesini (ph. Switchmedia) Ormesini here): Oficina Ormesini, a contemporary lo- vità” della Fondamenta (che qui diventa degli Ormecale with an industrial style but which vaunts attention sini) è l’Oficina Ormesini, un locale contemporaneo, to every detail. The restaurant is rooted in the passion in stile industriale, ma con attenzione ad ogni dettaof Campania-born brothers Enzo and Giuseppe, who glio, nato dalla passione di due fratelli campani, Enzo offer their guests a culinary journey into Mediterra- e Giuseppe, che propongono un viaggio gastronomico nean flavours and an interesting mix of high-quality tra i sapori mediterranei, un interessante mix di proingredients, ranging from Campania mozzarella to dotti, tutti di primissima qualità, che spaziano dalla Venetian fish. There is outdoor seating, but the atmo- mozzarella campana al pesce di laguna. Non mancano i tavoli esterni, ma l’atmosfera che si respira all’intersphere inside is truly special. The surprises on the Fondamenta don’t end here, no è speciale. though: further down, you’ll come across two restau- Ma le sorprese della “Fondamenta” non finiscono qui e proseguendo si incontrano alrants considered “symbols” of the area: tri due locali “simbolo” della zona: Al Al Timon, a “cicheteria” that transIN THE JEWISH Timon, cicheteria che si trasforma in forms into a steakhouse for dinner. steakhouse per la cena e Timon-Antiand Timon-Antica Mola, dedicated to GHETTO ca Mola, dedicato al pesce, non a caso fish and uncoincidentally nicknamed A WONDERFUL chiamato dai veneziani “Timon Pesce”. “Timon Pesce” by locals. Diners will DISCOVERY Una proposta di qualità in un’atmosfefind delicious dishes in a relaxing enra rilassata, come richiede la zona, ma vironment, typical of the neighbourhood, as well as an excellently priced menu for what comunque attenta anche al rapporto qualità-prezzo. you get. The two wooden boats in front of the restau- Una chicca sono le due barche in legno di fronte al rant are charming, where you can relax as you enjoy locale dove potersi sedere per gustare l’aperitivo. Siamo ormai arrivati al Ghetto Ebraico e qui l’ultian aperitivo. You’re now in the Jewish Ghetto, where you can find ma piacevole scoperta, la Trattoria le Due Gondoleta final, wonderful discovery: Due Gondolette, a seem- te, all’apparenza semplice, che nasceva infatti come ingly simple restaurant that was originally opened for osteria per i lavoratori locali, con una lunga sala che local workers to eat at. The space vaunts a long hall that in fondo nasconde una corte interna - dove mangiare conceals an internal courtyard at the end – open in nella bella stagione- che propone invece piatti cucithe summer – and the menu offers skillfully-prepared nati con maestria e un tocco originale nella loro semplicità. dishes with a touch of originality in their simplicity. 101

VENEZIA


The St. Regis Venice, an imposing complex of five historic buildings that reopened recently after almost a year of renovation work aaa


HOSPITALITY EVENT

CULTIVATING THE VANGUARD THE NEW FACE OF THE ICONIC HOTEL THE ST. REGIS VENICE IL NUOVO VOLTO DELL’ICONICO HOTEL THE ST. REGIS VENICE text Federica Repetto

The city of Venice, with its narrow lanes and hidden corners, its rooftop gardens and green corners, the reflections of its palaces on the Grand Canal, its lights and shadows: just as wonderful today as it was when curious young eighteenthcentury aristocrats on the Grand Tour stopped by to experience the city’s magnificence. Venice is particularly enchanting when seen from The St. Regis Venice, an imposing complex of five historic buildings that reopened recently after almost a year of renovation work. The oldest of the buildings once belonged to the Tiepolo family, a noble household that gave the city two of its greatest Doges. According to Jenni Benzaquen, Vice President of Luxury Brands Europe Marriott International, “Venice is one of the world’s most inimitable cities; one which has inspired royalty, artists, merchants and jet setters alike for more than fifteen centuries. The St. Regis Venice will unite the captivating spirit of the city with the timeless sophistication and service of the brand, re-interpreting Venice’s rich history through a modern lens”. The city of Venice and its art and architecture are reflected in the timeless charm of the hotel rooms. Prestigious fabrics depict the extraordinary façade of the Doge’s Palace, the geometric patterns of the pavement in Piazza San Marco and the churchyard of San Giorgio Maggiore, or the eternal flow of water through the Grand Canal. The furnishings are inspired by the art of the Serenissima and draw on the city’s traditional crafts and the sinuous curves of its renowned traditional gondolas and their oarlocks. Meticulous design by London’s Sagrada Design Studio discretely pays homage to one of Venice’s greatest artists and architects, Carlo Scarpa, and is innovative and advanced enough to make the hotel an emblem of cultural curiosity and contemporary innovation in a setting unrivalled anywhere in the world. The spirit of this new vision is expressed in the lighting and in the reflections on the water, reverberating in an enchanted kaleidoscope, immersing guests in the hotel’s 129 rooms and 40 suites in a scenario of enchanting beauty, in which the colours change constantly from sunrise to sunset, inviting contemplation of the extraor-

Venezia e le sue calli, i suoi scorci nascosti, le sue altane, i suoi angoli verdi, i riflessi dei palazzi sul Canal Grande, le sue luci e ombre. Tutto è meraviglia proprio come nel Settecento quando i giovani aristocratici erano curiosi di scoprire la sua magnificenza durante i Grand Tour. È addirittura un incanto se vissuta dal The St. Regis Venice, struttura imponente, ristrutturata dopo quasi un anno, e composta da ben cinque edifici storici. Il più antico era della proprietà dei Tiepolo, una nobile famiglia che ha dato alla storia della Serenissima due grandi Dogi. Per Jenni Benzaquen, Vice Presidente di Luxury Brands Europe Marriott International, “Venezia è una città inimitabile; nella sua storia ha ispirato reali, artisti, mercanti e viaggiatori per più di quindici secoli. The St. Regis Venice saprà sposare lo spirito ammaliante della città con il fascino senza tempo del marchio, reinterpretando la ricca storia di in chiave moderna”. Venezia, la sua arte e la sua architettura rivivono all’interno delle camere grazie ad eterne suggestioni. Prestigiosi tessuti ripropongono la straordinaria facciata di Palazzo Ducale, le figure geometriche dei pavimenti di piazza San Marco e del sagrato della Chiesa di San Giorgio Maggiore e l’eterno flusso d’acqua del Canal Grande. Gli arredi s’ispirano alle arti della Serenissima e valorizzano l’artigianato e la rinomata tradizione del remo, rifacendosi alle sinuose curve delle gondole e delle forcole (lo scalmo, l’appoggio sul quale si fa perno con il remo per vogare sulle barche lagunari). Il meticoloso design, curato da Sagrada Design Studio di Londra, omaggia in maniera discreta uno dei più grandi artisti e architetti veneziani, Carlo Scarpa ed è così innovativo e all’avanguardia da rendere l’hotel un emblema della curiosità culturale e dell’innovazione contemporanea in un contesto che non ha eguali al mondo. Lo spirito di questa rinnovata visione è garantito dai giochi di luce e riverberi dell’acqua, che si riflettono in un incantato caleidoscopio, nelle 129 camere e 40 suite, che immergono gli ospiti in uno scenario di incantevole bellezza, i cui colori cambiano dall’alba al tramonto ed invitano alla contemplazione di straordinarie viste

103

VENEZIA


HOSPITALITY EVENT

VENICE AND ITS ART ARE REFLECTED IN THE TIMELESS CHARM OF THE HOTEL ROOM VENEZIA, LA SUA ARTE E LA SUA ARCHITETTURA RIVIVONO ALL’INTERNO DELLE CAMERE GRAZIE A ETERNE SUGGESTIONI dinary views over the Grand Canal, the hotel’s private garden in traditional Italian style, and the roofs and streets of this unique city. As the former home of royal families, artists, merchants and explorers, the hotel is soaked in history and legend, just like the city in which it stands. Claude Monet, an artist who dedicated his life to the study of gradations of colour, stayed here; what he took home was not the iconic Gothic façades of the Doge’s Palace, the Baroque church of Santa Maria della Salute or the neoclassical San Giorgio Maggiore, which he could see from his room, but the evocative colours of the sky, from the orange hues of sunset to the fiery dawn: effects of light, transparency and colour. The classic garden terrace with stone columns, with its private dock for hotel guests, overlooks the Grand Canal, magnificently exposed to its ever-changing reflections of light, offering a modern interpretation of the city with its geometric motifs, living sculptures, rose gardens and paths. With this splendid view, the heart of the hotel’s social life is the cosy Arts Bar, the ideal place to sample a special cocktail such as the Santa Maria, The St. Regis Venice Signature Bloody Mary or the Spritz trolley, or to enjoy dining al fresco. The sophisticated atmosphere of Library style is perfect for customised events in a tastefully furnished hall adjacent to the Astor Boardroom, recalling the splendour of the parties hosted by John Jacob Astor IV, the well-known American businessman, inventor and writer who built New York’s famous St. Regis and Knockerbocker hotels and owned the famous Waldorf Astoria. Sala Canaletto incarnates the contemporary spirit of a Venetian palazzo with a grandiose ballroom perfect for the most important celebrations. Gio’s restaurant celebrates Italian cuisine and the traditional dishes of the lagoon of Venice in a voyage of discovery of local flavours, serving simple dishes and putting the finishing touches on them at the table, where the focus is on the aromas of fresh ingredients in season. “Colours, reflections, transparency. The St. Regis Venice offers guests the experience of unique thrills and splendours thanks to a completely innovative concept: Cultivating the Vanguard,” says Antonello De Medici, General Manager of the hotel. “The St. Regis Venice was founded following the incredible merging of five 18th- and 19th-century palazzi, and I’m proud to be able to say that our hotel is the symbol of a new hospitality icon in Venice, blending contemporary design and Venetian artistic and cultural heritage.”

sul Canal Grande, sul giardino privato all’italiana, tetti e calli. Già dimora di famiglie reali, artisti, mercanti ed esploratori, l’hotel, così come la città che lo accoglie, è intriso di storia e leggenda. Ospite d’eccezione fu Claude Monet che consacrò la sua vita alla ricerca delle gradazioni di colore. Partecipi di questo successo non furono le iconiche facciate gotiche di Palazzo Ducale, la chiesa barocca di Santa Maria della Salute e la neo classica San Giorgio Maggiore che contemplava anche dalla sua camera ma i suggestivi colori dalle tonalità arancio del tramonto alle prime ore infuocate del mattino. Giochi di luminosità, giochi di trasparenze, giochi di colori. La classica terrazza giardino con colonne in pietra, che ospita un pontile privato per accogliere gli ospiti, domina il Canal Grande, magnificamente esposta ai suoi riflessi di luce cangiante e diffonde un’interpretazione moderna del capoluogo veneto con i suoi motivi geometrici, sculture vegetali, roseti e sentieri. Con questa splendida vista, il cuore pulsante della vita sociale in albergo è il luogo ideale per gustare nell’intimo Arts Bar un cocktail d’autore come il Santa Maria, il Signature Bloody Mary del The St. Regis Venice o lo Spritz trolley, pranzare e cenare all’aria aperta. L’atmosfera sofisticata della Library è perfetta per eventi su misura in una sala accuratamente arredata e adiacente alla Astor Boardroom a ricordare il fasto delle ambite feste di John Jacob Astor IV, noto imprenditore, inventore e scrittore statunitense, che costruì i famosi alberghi St. Regis e Knockerbocker di New York e fu proprietario del celebre Waldorf Astoria Hotel. La Sala Canaletto incarna lo spirito contemporaneo di un palazzo veneziano e di una grandiosa sala da ballo, perfetta per celebrazioni importanti. Il ristorante Gio’s celebra la cucina italiana e lagunare in un viaggio alla scoperta dei sapori del territorio con piatti semplici e perfezionati a tavola, dove aromi, freschezza e stagionalità degli ingredienti sono i veri protagonisti. “Colori, riflessi, trasparenze. The St. Regis Venice permette all’ospite di poter vivere delle emozioni e suggestioni uniche grazie ad un concept completamente innovativo: Cultivating the Vanguard -. spiega Antonello De Medici, General Manager dell’hotel - The St. Regis Venice nasce dall’incredibile combinazione di cinque palazzi del 18emo e del 19emo secolo, e sono orgoglioso di poter dichiarare che il nostro hotel già rappresenta il simbolo di una nuova icona alberghiera a Venezia, progettata fondendo il design contemporaneo al patrimonio artistico e culturale veneziano.”

104

VENEZIA


Meticulous design pays homage to one of Venice’s greatest artists and architects, Carlo Scarpa. The cosy Arts Bar is the ideal place to sample a special cocktail and Gio’s restaurant celebrates Italian cuisine. Top right: Antonello De Medici, General Manager of the hotel


The Italian-French artist Bruna Catalano chose the exclusive hotel overlooking the Grand Canal to display three of his artworks, part of the city-wide exhibition Poser Ses Valises. Shown here: Bleu de Chine


HOSPITALITY EVENT

AN UNEXPECTED TRAVELER

SINA CENTURION PALACE, EXCLUSIVE STAYS SURROUNDED BY ART, ARCHITECTURE AND FLAVOUR SINA CENTURION PALACE, SOGGIORNI ESCLUSIVI TRA ARTE, ARCHITETTURA E GUSTO text Virginia Mammoli

Astute observers will not have missed that otherworldly but imposing traveler that has “lived” on the terrace of the Sina Centurion Place since last May. Holding a suitcase in his hand, it’s clear that he is travelling, but what he’s thinking as he looks out at the Grand Canal, we’ll never know. We’re talking about Bleu de Chine, one of a series of surprising bronze sculptures by Bruno Catalano. With the central part of their bodies missing, they not only create an incredible optical effect, but ensure that these enigmatic figures develop a dialogue with the surrounding world, even identifying with it. The Italian-French artist chose the exclusive hotel to display three of his artworks – inside we can find Hubert and the fragile Vichinie – which are part of the city-wide exhibition Poser Ses Valises, staged for the 58th Venice Biennale in collaboration with the historic Ravagnan Gallery. The Sina Centurion Palace once again highlights its deep bond with art, of which its very structure - a magnificent example of Venetian Gothic architecture - is an expression. A destination for luxury stays, the hotel is also a mecca for lovers of good cuisine thanks to Antinoo’s Lounge & Restaurant, where chef Giancarlo Bellino offers guests the contemporary flavours of Venice. His innovative dishes are at once simple and respectful of the local tradition and ingredients, like Seabass ravioli with salted butter and smoked choral powder and Crispy eel with balsamic vinegar sorbet. Guests can choose between the pure “white room” or intense “red room,” while the terrace is a small gem suspended between water and sky, overlooking the most romantic lagoon in the world, not to mention the chosen destination of our unexpected traveler. Guests can enjoy a pleasant evening break as they sip on a skillfully-prepared Spritz or another drink from the long cocktail list at the Antinoo Bar.

Agli osservatori più attenti non sarà sfuggito quell’etereo ma imponente viaggiatore, che dallo scorso maggio ‘abita’ la terrazza del Sina Centurion Place. Che sia in viaggio lo si capisce dalla valigia che porta in mano, cosa stia aspettando, affacciato così sul Canal Grande, non lo si può sapere. Stiamo parlando di Bleu de Chine, una delle opere di Bruno Catalano. Sorprendenti sculture in bronzo, la cui totale mancanza della parte centrale del corpo, oltre a creare un’incredibile effetto ottico, fa sì che questi enigmatici personaggi siamo capaci di instaurare un dialogo con il mondo circostante, fino a identificarsi con esso. L’artista italo-francesce ha scelto l’esclusivo hotel per esporre tre opere - all’interno troviamo anche Hubert e la delicata Vichinie - che fanno parte della mostra diffusa Poser Ses Valises, realizzata in occasione della 58° Biennale d’Arte di Venezia, in collaborazione con la storica Ravagnan Gallery. Il Sina Centurion Palace ribadisce così ancora una volta quel profondo legame che ha con l’arte, di cui anzi è espressione, in quanto meraviglioso esempio di architettura in stile gotico-veneziano. Destinazione per soggiorni di lusso, l’hotel è anche mecca per gli amanti della buona cucina, grazie all’Antinoo’s Lounge & Restaurant, dove assaporare il gusto contemporaneo di Venezia, attraverso le proposte dello chef Giancarlo Bellino. Piatti innovativi, ma allo stesso tempo semplici e rispettosi della tradizione e delle materie prime, come il Raviolo di branzino all’amo con burro salato e polvere di corallo affumicato o l’Anguilla croccante con sorbetto all’aceto balsamico. All’interno del ristorante si può scegliere tra la candida white room o l’intensa red room, mentre sotto il cielo della laguna più romantica del mondo, troviamo la sua terrazza, quel piccolo gioiello sospeso sull’acqua, scelto dal nostro voyager d’eccezione. Dove magari godersi una piacevole pausa serale, gustando uno Spritz preparato a regola d’arte, o un altro drink della ricca cocktail list del bar Antinoo.

107

VENEZIA


Seven floors of luxury and history with views over the whole of Venice and its lagoon


HOSPITALITY ANNIVERSARY

AN EXTRAORDINARY STORY HILTON MOLINO STUCKY, THE FORMER MILL THAT’S CELEBRATING 100 YEARS OF THE COMPANY HILTON MOLINO STUCKY, L’ANTICO MOLINO, CHE OGGI CELEBRA I 100 ANNI DELLA COMPAGNIA text Luciana Boccardi

If you come to Venice by water from the ‘Tronchetto’, at a turn of the Giudecca Canal stands a building that’s unusual, fascinating and almost anachronistic for Venice: it’s a neo-Gothic ‘cathedral’, a kind of castle of red bricks complete with towers and pinnacles. Located at the far tip of the island, where the lagoon becomes a canal, the building combines state-of-theart architectural features with respect for its original identity as the Stucky flour mill, its countless small windows almost mimicking the Venetian double- and triple-arched windows; and it houses one of the city’s most prestigious hotels, the Hilton Molino Stucky. Seven floors of luxury and history with views over the whole of Venice and its lagoon, this is the hotel chain’s pride and joy, a place that treats luxury as a part of life and which - particularly in 2019, when it celebrates 100 years - has made an important contribution to the city, thanks to its Corporate Social Responsibility initiatives. The Stucky Hilton tells the story of its great adventure, which began in the second half of the 19th century when a Swiss business owner, Giovanni Stucky, was inspired by an ancient olive mill (which still exists near his birthplace, Musinger on the banks of the Aare) and decided to move to Venice, with the dream to build a larger mill to facilitate the water transport of wheat from various countries around the world. At the far end of Giudecca, where Venice starts and finishes, stood the former cathedral of San Biagio, a ruin which Stucky demolished (saving the columns, which appear today in the nearby church of Santa Eufemia). The industrial-Gothic influenced architecture that was popular at the time, and the design of architect Ernest Wullekopf, resulted in the imposing castle which Stucky wanted to be “more impressive and taller than the Ducal Palace”. The mill was equipped with the most advanced machinery (it was the first building in Venice to have electricity back in

Se arrivi a Venezia via acqua, dal “Tronchetto”, alla svolta del Canale della Giudecca si impone una costruzione inusuale e curiosa, quasi anacronistica per la città: una ‘cattedrale’ neogotica, una sorta di castello di mattoni rossi con tanto di torri e guglie. Eretta sulla punta estrema dell’isola dove la laguna diventa canale, la costruzione - che rispetta con interventi architettonici attualissimi la destinazione originaria del vecchio Molino Stucky, caratterizzata dalle infinite finestrelle quasi a fare il verso a bifore e trifore veneziane - ospita oggi uno dei più prestigiosi alberghi veneziani, l’Hilton Molino Stucky. Sette piani di lusso e di storia con vista su tutta Venezia e la sua laguna, fiore all’occhiello della catena che sa raccontare il lusso come dimensione di vita e che, soprattutto in questo 2019 che vede celebrare i suoi 100 anni, ha dato un’importante contributo alla città grazie ad attività legate al tema della Corporate Social Reponsability. Stucky Hilton racconta la sua grande avventura iniziata nella seconda metà dell’Ottocento quando un imprenditore svizzero, Giovanni Stucky, ispirato da un vecchio mulino a olio (che esiste ancora oggi vicino alla sua città natale, Musinger, sulle rive dell’Aare), decise di trasferirsi a Venezia con il sogno di costruirvi il più grande mulino che avrebbe favorito via acqua i trasporti del grano dai vari paesi del mondo. Sulla punta estrema della Giudecca, dove Venezia comincia e finisce, c’era la vecchia cattedrale di San Biagio in rovina che Stucky fece abbattere (salvandone le colonne che oggi ritroviamo nella vicinissima chiesa di santa Eufemia). L’architettura che guarda al gotico industriale che trionfava in quegli anni, con la firma dell’architetto Ernest Wullekopf, ispirò quel castello possente che Stucky voleva risultasse “più imponente e più alto del Palazzo Ducale”. Nel mulino dotato delle attrezzature più moderne (primo edificio di Venezia a energia elettrica in quel 1880), la produzione arrivò a 2.500 quintali di farina al giorno con l’apporto di 1.500

109

VENEZIA


Some historical images of the building (the first in Venice to have electricity back in 1880), originally born as a mill to facilitate the water transport of wheat from various countries around the world

1880), and output reached 2,500 quintals of flour a operai impiegati in turni notte/giorno. Ne derivò una day, with 1,500 employees working shifts round the fortuna finanziaria che la famiglia Stucky, rimasta fedeclock. The Stucky family fortune was made, but they le alla nazionalità svizzera, viveva senza ostentazioni di retained their Swiss nationality and lived an unosten- ricchezza e senza sprechi. tatious and frugal life. Improvvisamente, nel 1910, l’assassinio di Giovanni But suddenly, in 1910, the murder of Giovanni Stucky Stucky, accoltellato da un pazzo in stazione a Venezia, - stabbed by a madman in Venice’s station - led to the trasferì al figlio Gian Carlo l’eredità paterna che ragtransfer of his wealth to his son Gian Carlo. giunse vertici sempre più alti, ma che ben presto doThe family fortune was growing fast, but soon vette fare i conti con il Fascismo e le leggi dell’allora Giancarlo found himself faced with Fascism and the ministro delle finanze, Giuseppe Volpi, che bloccavano laws of the then minister of finance, la possibilità di rifornimenti sul Giuseppe Volpi, which blocked immercato estero mentre la ‘battaports from abroad, while the Du- A GREAT ADVENTURE, glia’ avviata dal Duce per potence’s ‘battle’ to boost self-sufficiency WHICH BEGAN IN THE ziare la produzione e fruizione in the production and use of wheat autarchica del grano dette il colpo dealt the final blow. The mill closed EARLY 19TH CENTURY di grazia. Chiusa l’attività del mudown, all its assets were seized, and lino, con la cessione di tutti i suoi WITH A SWISS in 1941 Giancarlo Stucky withdrew beni, nel 1941 Giancarlo Stucky GENTLEMAN from public life and disappeared si ritirava a vita privata decidendo (the almost certain rumour was of di scomparire (si parlò con quasi suicide). The only written document he left lamented certezza di suicidio). L’unico scritto lasciato lamentava “the disappearance of the Stucky name, which will “la scomparsa del cognome Stucky che sarebbe rimasto remain only on the family tomb in the San Michele solo ad indicare la tomba di famiglia nel cimitero di San cemetery”. Michele”. But this wasn’t the case: Stucky today appears in large Non è stato però così: Stucky si legge oggi a grandi letteletters alongside Hilton on the neo-Gothic tower of re accanto a Hilton, sulla torretta neogotica dell’ex Mothe former mill, testimony to a legend that perpetu- lino, testimone di una leggenda destinata a perpetuare ates the adventure story of a fearless entrepreneur al- la grande avventura suggerita a un imprenditore senza most two centuries ago, from a little olive mill on the paura, quasi due secoli fa, da un piccolo mulino ad olio sull’Aare, nel canton bernese. river Aare in the canton of Bern. 110

VENEZIA


COVER STORY

The industrial-Gothic style influenced the project by the architect Ernest Wullekopf 111

VENEZIA


The sixth edition, scheduled for 19 October, is an event in the lagoon dedicated to all lovers of sailing 112

VENEZIA


VENICE LIFESTYLE

ON THE WINGS OF THE WIND

VENICE HOSPITALITY CHALLENGE, THE HIGHLY-ANTICIPATED ANNUAL EVENT THAT COMBINES GREAT SAILING AND HÔTELLERIE EXCELLENCE VENICE HOSPITALITY CHALLENGE, L’ATTESO EVENTO ANNUALE CHE UNISCE LA GRANDE VELA E L’ECCELLENZA ALBERGHIERA text Federica Repetto photo Matteo Bertolin

The Venice Hospitality Challenge is the highly anticipated Grand Prix of the City of Venice that brings together sport, lifestyle and luxury in a winning formula. The sixth edition, scheduled for 19 October, is an event in the lagoon dedicated to all lovers of sailing and combines the charm of great sailing and hôtellerie excellence. More than ten Maxi Yachts are combined with just as many famous realities of the Venetian high hôtellerie. (Hilton Molino Stucky Venice; Hotel Danieli, A Luxury Collection Hotel; Belmond Hotel Cipriani; SINA Centurion Palace; Palazzina; The Gritti Palace, A Luxury Collection Hotel; Ca’ Sagredo Hotel; Hotel Excelsior Venice Lido Resort; The St. Regis Venice; JW Marriott Venice & Resort Spa; Bauer Palazzo, San Clemente Palace Kempinski, Hotel Londra Palace) that will descend on a unique regatta course to compete for the coveted Doge’s hat (created by Massimiliano Schiavon Art Team, a historic glassworks in Murano). Alfredo Ricci, former CONI Golden Star for sporting merit, will referee the competition, assisted by Emilia Barbieri and national judge Gianfranco Frizzarin; the fleet base is Marina Santelena and, this year, the Alajmo family has been selected to represent the excellence of Italian cuisine. “Racing boats with a minimum length of 60 feet in a city circuit is the peculiarity of this spectacular regatta - underlines Mirko Sguario, creator and organizer of the event and President of Yacht Club Venezia as well as spokesman for One Ocean Foundation’s aim of safeguarding the oceans - and this is why I strongly desired the title of Grand Prix of the City of Venice for this regatta, because I believe that our city has not only an expositive potential but also the ability to bring the Gotha of sailing to Venice.” The Venice Hospitality Challenge is sponsored by the Municipality of Venice and is supported by Generali Italia, Champagne Moët & Chandon and BMW Italia. Sustainability Partner of the event is One Ocean Foundation. Alilaguna, CMV Panfido, Venezia Unica, VYP Venice Yacht Pier and Ve.La provide their collaboration, while Venezia made in Veneto is a Media Partner.

Venice Hospitality Challenge è l’atteso Gran Premio della Città di Venezia che riunisce in una formula vincente, sport, lifestyle e lusso. La sesta edizione, programmata il 19 ottobre, è un appuntamento in laguna dedicato a tutti gli amanti della navigazione e che unisce il fascino della grande vela e dell’eccellenza alberghiera. Oltre una decina sono i Maxi Yacht abbinati ad altrettante realtà dell’hôtellerie (Hilton Molino Stucky Venice; Hotel Danieli, A Luxury Collection Hotel; Belmond Hotel Cipriani; SINA Centurion Palace; Palazzina; The Gritti Palace, A Luxury Collection Hotel; Ca’ Sagredo Hotel; Hotel Excelsior Venice Lido Resort; The St. Regis Venice; JW Marriott Venice & Resort Spa; Bauer Palazzo, San Clemente Palace Kempinski, Hotel Londra Palace) che scendono su un campo di regata unico al mondo per contendersi l’ambito cappello del Doge (realizzato da Massimiliano Schiavon Art Team, storica vetreria muranese). Ad arbitrare la competizione è Alfredo Ricci, già Stella d’Oro al merito sportivo CONI, coadiuvato da Emilia Barbieri e dal giudice nazionale Gianfranco Frizzarin; la base della flotta è il Marina Santelena e, quest’anno, a rappresentare l’eccellenza della cucina italiana è stata selezionata la famiglia Alajmo. “Far gareggiare imbarcazioni con una lunghezza minima di 60 piedi in un circuito cittadino è la peculiarità di questa regata spettacolare - sottolinea Mirko Sguario, ideatore e organizzatore dell’evento e Presidente dello Yacht Club Venezia nonché portavoce degli obiettivi di salvaguardia degli oceani della Fondazione One Ocean - ed è per questo che ho desiderato fortemente per questa regata anche l’appellativo di Gran Premio della Città di Venezia perché ritengo che la nostra città abbia non solo la potenzialità espositiva ma anche la capacità di far giungere a Venezia il gotha della vela”. Venice Hospitality Challenge è patrocinato dal Comune di Venezia e si avvale del sostegno di Generali Italia, Champagne Moët & Chandon e BMW Italia. Sustainability Partner è One Ocean Foundation. Collaborano Alilaguna, CMV Panfido, Venezia Unica, VYP Venice Yacht Pier e Ve.La. Venezia made in Veneto è Media Partner.

113

VENEZIA


SHOT ON SITE

Lorenzo Magrini, Maichael Rigo, Laura Capo

Elisa Morari, Natalia Francese Federica Repetto, Ekena Magro

VENEZIA MADE IN VENETO PARTY At Fiola at Dopolavoro Venezia, the Michelinstarred restaurant of the JW Marriott Venice Resort and Spa, the exclusive party for the new Venezia made in Veneto issue. Tasting of gourmet food by Chef Fabio Trabocchi, with Famiglia Cecchi wines. Setting by Tecnoluci and Centrofiori. Partner Wladi’s Photo.

Stefania Rosia, Silvia Fabian, Federica Soncin, Ornella Augusti

Dahlia Fulgenzi, Enrico Coin

Matteo Parigi Bini, Alex V. Lana, Markos E. Tzamalis, Fabio Trabocchi

Cecilia Catacchio, Alessandro Bressanello, Giovanna Sormani Diego Vianello, Stefano Gasparini

Silvia Campello, Alessandra Tommasin Sabrina Franceschini, Luca Ginetto

Francesco Acerboni, Dario Bianchini

114

VENEZIA


SHOT ON SITE

Lucrecia Martel, Henry Chu

Atsuko Tsukamoto Paolo Virzì

Terence Nance

Alessandro Bressanello

Henry Chu, Gianrico Esposito, Alberto Barbera, Antonello de Medici, Lucrecia Martel, Markos Tzamalis

Antonello de Medici

ALL ABOUT MUJERES Hotel Danieli, The St. Regis Venice, JW Marriott Venice celebrat the international cinema, with an exclusive event in collaboration with Variety. A tribute to Pedro Almodóvar, winner of the Golden Lion Honorary Award at this year’s Venice Film Festival.

DJ Joe T Vannelli

Piers Handling Stacy Martin

Giulia Rosmarini, Alberto Barbera

115

VENEZIA ROMA


SHOT ON SITE

Alessandra and Andrea Pasetti

Tonino Lamborghini, Stefano and Leonardo Contini

Ilenia Costantini, Daniela Tosetti, Riccarda Contini

COCKTAIL PARTY: NEVER REST Giorgio De Chirico and Renato Guttuso are only two of the mentors and friends that trained Carla Tolomeo. After hosting the exhibition Never Rest at the Bevilacqua La Masa Foundation Institute, the Contini Art Gallery brings the show to its venue in Cortina d’Ampezzo. Ettore Riello, Riccarda Contini, Silvia and Edgardo Cremascoli

Matteo and Paola Chiapasco

Piera and Claudio Comani, Carla Tolomeo

Fabio Cerchiai, Stefano Contini GianAntonio and Maurizia Favero

Letizia and Clemente Busiri Vici Claudia and Vincenzo Pezzullo

116

VENEZIA


SHOT ON SITE

Claudia Ruffo, Roy Capasso

Elsa Calderon, Peppino di Capri, Maria Sasso Agata Giuseppe, Maria Sacco

Donatella and Maurizio Latte

Matteo Parigi Bini, Caterina Balivo, Peppino di Capri, Alex V. Lana

CAPRI THE DIVINE COAST SUMMER NIGHT At the Torre Saracena Beach Club, a fairy-tale setting for the new Capri the Divine Coast issue, with Salvatore Ferragamo, jeweler’s shop Restivo and Maison Pomellato. Seated dinner and Bellavista wines. Performance by Peppino Di Capri, on the cover page. Simona Voena, Cesare Cunaccia

Carlotta Turini, Caterina Balivo Paola and Daniele Fiore

117

VENEZIA ROMA

Luisa Federico, Alice Parnisari, Patrizia Steccato, Aurora Piccolo


THE GO-TO RESTAURANTS

VENICE’S RESTAURANTS CANNAREGIO ALLA VEDOVA

Cannaregio, 3912 Ph. 041.5285324 One of the best known amongst the lagoon’s historic osterie, it’s famous and appreciated also for its cicchetti (snack sized dishes) with local wine on tap. Highlights: baccalà (salt cod), shrimp skewers, and Venetian-style sardines. Una delle più conosciute tra le osterie storiche della laguna, famosa e apprezzata anche per i suoi cicchetti con le tipiche ombre di vino sfuso. Piatti forti: baccalà, spiedini di gamberi, sarde in saor.

ANICE STELLATO

Fondamenta della Sensa, 3272 Ph. 041.720744 This osteria and ristorante goes beyond the clichés of the historical center. Revered for its particular fish-based cuisine by those with an eye for quality. Lunch is served canal-side. Ristorante osteria, un indirizzo ricercato aldilà delle consuetudini del centro. Stimato per la particolarità della sua cucina a base di pesce, per chi ricerca la qualità. Pranzo servito in riva, a fianco del canale.

GAM GAM

Ghetto vecchio - Cannaregio, 1122 Ph. 041.715284 Just a hundred meters from the imbarcadero Guglie, this Kosher restaurant is located in an underpass of the ghetto. A cento metri dall’imbarcadero Guglie, in un sotoportego del ghetto si trova questo ottimo ristorante Kosher.

VINI DA GIGIO

Cannaregio, 3628 Ph. 041.5285140 Traditional restaurant with a rustic soul, their typical Venetian cuisine is loved by both residents and visitors. Try the seafood appetizers, grilled fish, or eel. Locale tradizionale dall’animo rustico. Propone tipici piatti della cucina veneziana, amato dagli abitanti e non. Da gustare l’antipasto di mare, la grigliata di pesce o l’anguilla.

CASTELLO ACIUGHETA

Castello, 4357 Ph. 041.5224292 A typical Venetian wine bar appreciated for its excellent selection of wines to taste and for the inviting spread of cicchetti (snack sized dishes) including mini-meatballs, crostini, stuffed peppers, mini pizza’s with sardines. On the patio service is à-la-carte pizza and other dishes. Tipico bacaro veneziano apprezzato per l’ottima selezione di vini in degustazione e per l’invitante bancone ricco di cicchetti: polpettine, crostini, peperoncini ripieni e pizzette appena sfornate con acciuga. Nel dehors si possono gustare le pizze e altri piatti del menu veneziano.

AL COVO

Castello, 3968 Ph. 041.5223812 Tucked behind riva degli schiavoni is this elegant little restaurant with kitchen in full view. A destination for gourmands, it’s run by Cesare Benelli and his partner, who pick fresh ingredients every day for the variable menu. Excellent price/quality ratio; a wide selection of wines and olive oils. Elegante ristorantino con cucina a vista che si trova dietro alla riva degli schiavoni. Meta di gourmet, è gestito da Cesare Benelli e consorte, che ogni giorno scelgono ingredienti freschi da proporre nel variabile menu. Buon rapporto qualità/ prezzo. Vasta gamma di vini e olii.

AL MASCARON

Castello, 5225 Ph. 041.5225995 Long-time friends Gigi and Momi run this osteria, which possesses all the convivial spirit of times past. Don’t miss the traditional fish dishes. Regno di Gigi e Momi, amici di lunga data, questa osteria racchiude tutto lo spirito conviviale di un tempo. Non perdetevi i piatti tipici della tradizione a base di pesce.

ALLE TESTIERE

Sestiere Castello, 5807 Ph. 041.5227220 This intimate restaurant of only ten tables is steps away from the church of Santa Maria Formosa and has become one of the most sought-after addresses. Its menu lends honour to the tradition of Venetian cuisine, with particular attention to quality ingredients. Intimo ristorante composto da una decina di tavoli, negli ultimi anni divenuto uno dei luoghi più richiesti, a due passi dalla chiesa di Santa Maria Formosa. Una scelta del menu che fa onore alla tradizione culinaria veneziana, con una grande attenzione verso le materie prime.

CORTE SCONTA

Castello, 3886 - Arsenale Ph. 041.5227024 Firmly rooted in venetian restaurant tradition, taste the antipasti such as the ginger clams or the baccalà (salt cod), the primi of homemade pasta, or the secondi of fried fish. Punto di riferimento importante della ristorazione veneziana. Da gustare gli antipasti come le vongole allo zenzero o il baccalà mantecato, fino alle paste fatte in casa o le fritture di pesce.

COVINO

Calle del Pestrin Ph. 041. 2412705 A cozy, familiar atmosphere surrounds us in a small, family run restaurant, which perfectly combines researched cuisine with the genuinity of the rigorously seasonal ingredients. A Slow-Food Restaurant. Un atmosfera intima e familiare ci accompagna in un locale piccolo a conduzione familiare, dove la cucina ricercata si sposa perfettamente con la genuinità dei prodotti rigorosamente di stagione. Ristorante Slow Food.

HOSTARIA DA FRANZ

Fondamenta San Giuseppe, 754 Ph. 041.5220861 Outside of the tourist area, a classic restaurant with a rustic atmosphere, family run, that specializes in fish and seafood. Located behind the Giardini della Biennale, where in summer there is some outside seating, don’t miss the spaghettini with scampi and the grilled eel. Fuori delle rotte turistiche un ristorante classico di atmofera rustica, gestione familiare, con specialità di mare. Situata vicino ai Giardini della Biennale, dove d’estate ci sono tavoli in riva, al canale adiacente. Da provare gli spaghettini con gli scampi e l’anguilla alla griglia.

IL NUOVO GALEON

Castello, 1308 Ph. 041.5204656 Not far from the Biennale Gardens and just a few steps from the Arsenale is a restaurant beloved by Venetians, offering mostly fish dishes based on traditional Venetian recipes. Vicino ai Giardini della Biennale e alle spalle dell’Arsenale, un ristorante frequentato soprattutto da veneziani. Protagonista una cucina propone prevalentemente piatti a base di pesce basata sulle ricette tradizionali veneziane.

IL RIDOTTO

Campo SS. Filippo e Giacomo - Sestiere Castello - Ph. 041.5208280 Sophisticated, highly creative, but not overly-orchestrated cuisine. According to the Michelin Guide, “one of the city’s most interesting restaurants”. The perfect marriage of substance, innovation and local tradition. One Michelin star. Cucina di ricerca, sofisticata, ma non artificiosa, secondo la Guida Michelin, “una delle più interessanti realtà cittadine”. Sostanza e innovazione perfettamente sposate con la tradizione veneta. Una stella Michelin.

LOCAL

Castello 3303 Ph. 041.2411128 Taking its inspiration from the continuous variations of the seasons and the surrounding territory, Local reinvents traditional Venetian cooking with creativity. The interesting wine list includes natural and farm winery wines only. Prendendo ispirazione dal continuo cambiamento delle stagioni e dal territorio circostante, Local reinventa con creatività la cucina tradizionale veneziana. L’interessante carta dei vini contiene solo etichette naturali e artigianali.

LUNA SENTADA

Campo San Severo Ph. 041.3097891 This restaurant combines Venetian coking, characterized by the love for tradition and by a selection of the highest quality ingredients, with Asian cooking, characterized by curiosity, passion and openness to new exotic flavors Un ristorante che coniuga la cucina veneziana, dove regnano l’amore per la tradizione e la selezione delle migliori

118

VENEZIA

materie prime, e la cucina asiatica basata sulla curiosità, la passione, la voglia di scoprire nuovi sapori esotici.

MET

Riva degli Schiavoni, 4149 Ph. 041.5205044 Two Michelin stars. Located within the Hotel Metropole, the restaurant is elegant, refined and tasteful in every detail. Chef Luca Veritti offers a regional cuisine reinterpreted in light and innovative fashion. There is also a wine cellar with ample selection. Due stelle Michelin. Collocato all’interno dell’Hotel Metropole, il ristorante è un ambiente elegante, raffinato e curato in ogni dettaglio. Lo chef Luca Veritti propone una cucina di territorio reinterpretata in modo leggero e innovativo. A disposizione inoltre una cantina con un’ampia selezione di etichette.

OSTERIA OLIVA NERA

Castello, 3417/18 Ph. 041.5222170 Warm and welcoming, with a cuisine that respects venetian tradition in its simplicity, with the addition of a few whims from the chef. Calda e familiare, una cucina che rispetta la tradizione veneziana nella sua semplicità con l’aggiunta di piccoli estri a cura degli chef.

TERRAZZA DANIELI

Riva degli Schiavoni, 4196 Ph. 041.5226480 From the classic flavors of Venice to the flavors and fragrances of the Mediterranean but even from the faraway Orient. This is the cuisine proposed by Gian Nicola Colucci, executive chef of the restaurant with a breathtaking view in the luxury Hotel Danieli. The chef’s creations are accompanied by a careful selection of wines from the best Italian and international producers. Dalle classiche proposte veneziane ai sapori e profumi del Mediterraneo ma anche del lontano Oriente. E’ il percorso offerto di Gian Nicola Colucci, executive chef del ristorante con una vista mozzafiato del luxury Hotel Danieli. Le creazioni dello chef sono accompagnate da un’attenta selezione di vini proveniente dai migliori produttori italiani e internazionali.

TRATTORIA DAL VECIO SQUERI

Campo Santa Giustina, 6553 Ph. 041.5208379 Small but welcoming, with 30 seats indoors and 30 outside. The cuisine stands out in its rendering of some of the most typical Venetian dishes like baccalà (salt cod), cuttlefish on polenta, liver, pasta and beans, Venetian-style sardines and cicchetti (snack sized dishes). The wine cellar provides an excellent selection from the Veneto and Friuli areas. Piccolo ma accogliente, 30 posti interni e 30 esterni. La cucina si contraddistingue per i piatti piu’ tipici di Venezia quali baccala’, seppie con la polenta, fegato alla veneziana, pasta e fagioli, sarde in saor e cicchetti. La cantina dispone di una scelta selezione di vini Veneti e Friulani.


THE GO-TO RESTAURANTS

WILDNER

Castello, 4161 - Ph. 041.5227463 Managed with competence and passion since 1960, the restaurant of the Wildner Hotel of Venice proposes and reworks with creativity the dishes of the Venetian and Italian cooking tradition, served in a unique location: the restaurant’s veranda with view on Riva degli Schiavoni Gestito con professionalità e passione dal 1960, il ristorante dell’Hotel Wildner di Venezia propone e rielabora con un tocco creativio i piatti della tradizionale cucina veneziana e italiana e li serve in una cornice unica: la veranda con vista sulla Riva degli Schiavoni.

DORSODURO AI DO FARAI

Sestiere Dorsoduro, 3278 Ph. 041.2770369 One of the oldest Venetian taverns and one of the most popular places among young Venetians in the 1970s. The cuisine is inspired by the culinary traditions of the lagoon and focuses on fish. Una delle più antiche osterie veneziane, e uno dei principali ritrovi dei giovani veneziani negli anni Settanta. La cucina si rifà alla tradizione culinaria lagunare e propone piatti di pesce.

AI GONDOLIERI

Sestiere Dorsoduro, 366 Ph. 041.5286396 Don’t be fooled by the name: “Ai Gondolieri” reinterprets the culture of local food—namely meat. Dating to the early 1900s, this former meeting place for residents and neighbourhood workers is just a few steps from the Guggenheim Museum and Accademia Gallery Non fatevi ingannare dal nome: “Ai Gondolieri” rielabora la cultura del cibo locale a base di carne. La sua origine risale ai primi decenni del ‘900 come luogo di ritrovo degli abitanti e lavoratori della zona. A due passi dal Guggenheim e dalle Gallerie dell’Accademia.

ALTANELLA

Calle delle Erbe - Sestiere Giudecca, 268 Ph. 041.5227780 In the calm of the Giudecca, away from the hubbub of tourists, a welcoming restaurant with an intimate cast iron terrace that is appreciated by locals. Fresh fish is on the menu, along with bean soup and polenta. Nella calma della Giudecca, distaccato dai soliti itinerari turistici, un ristorante accogliente e prelibato, con una intima terrazza in ghiaia, apprezzato anche dagli stessi veneziani. Pesce fresco ma anche zuppa con fagioli e polenta.

ANTICA LOCANDA MONTIN

Fondamenta di Borgo, 1147 Ph. 041.5227151 In a magical garden with shady pergolas, right behind the Fondamenta, a typical Venetian restaurant with outdoor seating offers traditional local and national dishes with friendly service. Dentro un giardino ornato da suggestive pergole, appena dietro la Fondamenta, sorge una locale tipicamente veneziano, con un accogliente dehor estivo. Una

cucina tradizionale e nazionale, dove il servizio è cordiale e gentile.

LA CUSINA

Calle Larga 22 Marzo, 2159 Ph. 041.2400001 It is the restaurant of the luxurious Westin Europe & Regina hotel. Famed for its gastronomic quality and its exciting view over the water of the Grand Canal, it offers creative cuisine according to the flavorsome and innovative style of chef Alberto Fol. A seasonal menu, highlighting Mediterranean and regional flavors. E’ il Ristorante del lussuoso albergo The Westin Europa & Regina. Rinomato per la sua qualità gastronomica e l’emozionante vista sull’acqua che si affaccia sul Canal Grande, propone una cucina creativa secondo lo stile innovativo e gustoso dell’abile chef Alberto Fol. Un menù stagionale, all’insegna del gusto mediterraneo e della territorialità.

HARRY’S DOLCI

Sestiere Giudecca, 773 Ph. 041.5224844 This elegant locale comes from the famous Cipriani family, best known for their Harry’s Bar, a real institution in the city. International cuisine with the highest quality ingredients is united with a robust wine list. Dalla capacità della famosa famiglia Cipriani che ha dato vita a Harry’s Bar, ormai diventato un’istituzione, nasce questo angolo di elegante ristoro nell’isola della Giudecca, con vista sul canale omonimo. Una cucina di stampo internazionale che utilizza le più alte eccellenze in fatto di materie prime, unita a una corposa carta dei vini.

I FIGLI DELLE STELLE

Zitelle - Giudecca, 70/71 Ph. 041.523004 The three owners combine their regions’ traditions: Puglia, Veneto, and Lazio. Simple flavours and classic Mediterranean dishes are exalted by the choice of quality ingredients. The bread is DOP (a controlled label) and the flour is from the Altamura, the famous capocollo cured meat is from Martina Franca (Puglia) and other salami from Ariccia, milk products from the Pugliese tradition and fish and greens from the local Rialto market. Nato dalla combinazione delle tradizioni regionali d’origine dei tre soci: pugliese, veneta e laziale. L’accurata selezione degli ingredienti che parte dalla più classica tradizione mediterranea, esalta i sapori semplici. Il pane DOP e le farine di Altamura, il capocollo di Martina Franca, i salumi di Ariccia e i prodotti caseari della tradizione pugliese, le verdure e il pesce del mercato di Rialto.

L’ULIVO

Isola della Giudecca, 33 Ph. 041.5207022 This charming restaurant is part of the Hotel & Spa Palladio. Seating is inside with an open kitchen, or outside in a pleasant garden. Light and tasty dishes are developed from organic, KM0 local ingredients, while an impressive selection of wines com from nearby Friuli. Ristorante di charme dell’Hotel Bauer

Palladio and Spa. Con una sala interna dotata di cucina a vista e quella esterna, nella suggestiva cornice del giardino. Piatti leggeri e gustosi, elaborati a partire da ingredienti biologici e a chilometro zero con una pregiata selezione di vini provenienti dal vicino Friuli.

LA BITTA

Calle Lunga de San Barnaba, 27537/a Ph. 041.5230531 This enoteca and restaurant specializes in meat only. The atmosphere is warm and informal, fed by the menu that is sung out (not written!) by the owner, Debora. Amongst the highlights, game, duck stew, and venetian style liver. Ristorante enoteca con specialità di sola carne. L’ambiente è caldo e informale, alimentato dal menù, rigorosamente “cantato” dalla voce della proprietaria Debora. Tra i piatti forti cacciagione, oca in umido e fegato alla veneziana.

LA PISCINA

Dorsoduro, 780 - Ph. 041.2413889 The restaurant of the pensione La calcina is built in what was once a swimming pool at the edge of the canal. The cuisine is Mediterranean with a great variety of seasonal vegetables. Dessert is prepared on the spot, and the pasta is homemade. E’ il ristorante della pensione La calcina, costruito in quella che era una piscina sulle rive del canale, una cucina mediterranea con una grande varietà di verdure stagionali. I dessert vengono preparati al momento così come la pasta, fatta in casa artigianalmente.

LINEA D’OMBRA

Dorsoduro, 19 - Ph. 041.2411881 One of the most innovative restaurants in the area is now seeing a rise in prestige. The creative fish based cuisine is perfectly matched with the wine list. Near the museum of the Dogana, it fronts onto the bay of San Marco. Uno dei ristoranti più innovativi della zona che negli ultimi anni ha visto fiorire il suo prestigio. Cucina di pesce creativa che si sposa con le ottime etichette presenti sulla carta. Vicino al museo di Punta della Dogana, la sua terrazza si affaccia di fronte al bacino di San Marco.

AL STORICO DA CREA

Sestiere Giudecca, 212 Ph. 041.2960373 In the ex docking area now used by artisans, this restaurant is in a renovated warehouse. It knowingly mixes Ligurian and Venetian cuisines. Excellent also for lunch at good prices. Nella zona degli ex cantieri navali riconvertiti a sedi di attività artigianali, in un capannone ristrutturato sorge questo ristorante che mixa sapientemente cucina ligure e veneziana. Ottimo anche per un buon pranzo a prezzi economici.

ORO

Sestiere Giudecca, 10 - Ph. 041. 240801 The restaurant of the Belmond Hotel Cipriani, run by Davide Bisetto, an Italian chef with international reputation and experience. Deep respect for basic ingredients and purity of flavours. One Michelin star. Ristorante del Belmond Hotel Cipriani,

119

VENEZIA

guidato da Davide Bisetto, cuoco italiano dall’eccellente curriculum internazionale. Rispetto delle materie prime e purezza dei sapori. Una stella Michelin.

RIVIERA

Dorsoduro, 1473 Ph. 041.5227621 The Riviera restaurant offers a tipical venetian cuisine. Of particular interest are the finest seafood dishes. Overlooking the Grand Canal of Giudecca, just in front of the Stuky Mill, offers its guests a panoramic terrace from which to enjoy a breathtaking views. Il ristorante Riviera di Venezia propone una cucina veneta. Di particolare interesse sono i raffinati piatti di pesce. Affacciato sul Canal Grande della Giudecca, proprio di fronte al molino Stuky, offre ai propri clienti una splendida terrazza dalla quale godersi una vista mozzafiato.

SAN MARCO AMO

T Fondaco di Tedeschi by DFS San Marco 5556 Ph. 041.2412823 An elegant bistro inside the Fondaco dei Tedeschi, located at the foot of the Rialto Bridge, which houses the new luxury department store (Dfs). Fruit of a collaboration between the Alajmo brothers and designer Philippe Starck, it is the ideal place for a break any time of the day. Un elegante bistrot all’interno del Fondaco dei Tedeschi, il nuovo department store (Dfs) di lusso ai piedi del Ponte di Rialto. Frutto della collaborazione tra i fratelli Alajmo e il designer Philippe Starck, è l’indirizzo perfetto per una pausa in ogni momento della giornata.

ANTICO MARTINI

Campo Teatro Fenice, 2007 Ph. 041.5289857 In a classic and elegant atmosphere where you can feel all the charm of Venice’s most chic, since 1720 the restaurant Antico Martini offers all the flavor of traditional Venetian cuisine. Open until late at night, according to the timetable of the Teatro la Fenice, we advise also the bistrot VinoVino attached. Dentro un ambiente classico ed elegante dove si respira tutto il fascino della Venezia più chic, dal 1720 il ristorante Antico Martini offre tutto il gusto della cucina veneta tradizionale. Aperto anche fino a tarda notte, seguendo gli orari del Teatro la Fenice, da consigliare anche il bistrot VinoVino annesso.

ABECCAFICO

Campo Santo Stefano, 2801 Ph. 041.5274879 Located right on Campo Santo Stefano, with a charming outdoor area, A Beccafico Restaurant offers Mediterranean cuisine, in particular fish and seafood dishes in keeping with the best Venetian traditions. Affacciato su Campo Santo Stefano, con un affascinante ambiente esterno, il ristorante A Beccafico vi aspetta con piatti, soprattutto di pesce, dedicati alla cucina mediterranea abbinati al gusto della tradizione veneziana.


THE GO-TO RESTAURANTS

ACQUA PAZZA

San Marco, 3808 Ph. 041.2770688 A magnificent outdoor area facing Campo Sant’Angelo, excellent fish dishes, and the taste of true Neapolitan pizza— this and much more awaits you at Acqua Pazza, where authentic Amalfi Coast and Mediterranean cuisine reigns. Un magnifico Dehor affacciato su Campo Sant’Angelo e il gusto della vera pizza napoletana. Questo e molto altro da Acqua Pazza, regno della vera cucina amalfitana e mediterranea. Da provare anche il pesce.

ANTICO PIGNOLO

Calle Specchieri, 451 Ph. 041.5228123 The large walled summer garden is unquestionably notable, as are the fishbased dishes served with particular attention to local products, while the wine list numbers over 1000 labels from every part of the world, as has been noted by the magazine Wine Spectator. Di rilievo il grande giardino estivo circondato dalle classiche mura veneziane. I piatti sono prevalentemente a base di pesce, con particolare attenzione ai prodotti del territorio, mentre la carta dei vini conta oltre 1000 etichette provenienti da ogni parte del mondo, segnalata anche dall’autorevole rivista Wine Spectator.

CAFFÈ CENTRALE VENEZIA

San Marco, Piscina Frezzeria, 1659b Ph. 041 8876642 A new and modern restaurant housed in Palazzo Cocco Molin, a sixteenth-century Venetian building. Extensive menu ranging from meat to fish-based dishes, accompanied by excellent wines. You can also drink and dine outside on the small terrace giving onto the Rio de’ Barcaroli canal. The bar and kitchen are open till late into the night. Private entrance for taxis and gondolas. Nuovo e moderno ristorante situato a Palazzo Cocco Molin, un’antica residenza veneziana del 1500. Le proposte della cucina sono numerose e spaziano dalla carne al pesce, accompagnati da una buona cantina. Si può bere e cenare anche in una piccola terrazza affacciata sul canale Rio de’ Barcaroli. Il bar e la cucina sono aperti fino a tarda notte. Ingresso privato per taxi e gondole.

CAFFÈ QUADRI

Piazza San Marco, 120 Ph. 041.5222105 Recently renovated by the architect and designer Philippe Starck, the historic restaurant is run by the Alajmo brothers, creators of the three Michelin star Relais Gourmand Le Calandre in Padova. It faces directly onto Piazza San Marco, and its interior is carefully decorated with local products like Murano glass; the menu is creative and gourmet, in which fish is explored and tastes are exalted. One Michelin star. Recentemente rinnovata dall’archietetto e design Philippe Starck, lo storico ristorante è gestito dai fratelli Alajmo, creatori

del tre stelle Michelin Relais Gourmand Le Calandre di Padova. Unico luogo che si affaccia direttamente su piazza San Marco, dagli interni estremamente curati con le eccellenze del territorio, come i vetri di Murano, detiene un menu creativo e gourmet, dove il pesce viene esplorato e esaltato in tutti i suoi sapori. Una stella Michelin.

DA IVO

Ramo dei Fuseri, 1809 Ph. 041.5285004 Amongst the most historically significant restaurants of Italy and perhaps in the world, Da Ivo was opened by the Tuscan Ivo Natali in 1976. It’s the preferred destination of many stars, including Sting, Elton John and Tom Cruise, and it’s a perfect little treasure in which to sample local and national cuisine, including the famous fiorentina steak. Inizia la sua storia nel 1976 grazie al suo fondatore, il toscano Ivo Natali. Meta preferita di molti personaggi famosi tra cui Sting, Elton Jhon e Tom Cruise, è un piccolo tesoro dove gustare cucina nazionale e locale, insieme a una buona bistecca alla fiorentina.

DE PISIS

S. Marco, 1459 Ph. 041.4207022 This is the restaurant in the luxurious Hotel Bauer. Unique thanks to its terrace that faces onto one of the most spectacular views in the world, Venice’s Grand Canal, with a view of the church of Santa Maria della Salute in the background. Chef Alessio Loppoli proposes a cuisine based on the seasonal products of the territory, under supervision. E’ il ristorante del lussuoso Hotel Bauer. Unico per la sua terrazza che si affaccia lungo uno dei luoghi più spettacolari del mondo, il Canal Grande di Venezia, con la veduta della famosa Chiesa di Santa Maria della Salute sullo sfondo. Lo chef Alessio Loppoli propone una cucina basata sui prodotti stagionali del territorio, con supervisione.

DO FORNI

Sestiere San Marco, 457 Ph. 041.5232148 A true institution in the historic center of the city, a great place for special occasions as well as cultural events, and frequented by illustrious visitors, the cuisine is primarily local and fish-based. Two areas are available – the more formal ‘Orient Express’ and another less formal seating space. Nel centro storico della città è divenuto nel tempo una vera istituzione. Ritrovo per occasioni ed eventi anche culturali, spesso è il ristorante di personaggi illustri che soggiornano in laguna, con la sua cucina con prevalenza di pesce e legata al territorio. Dispone di due aree, una più raffinata che prende il nome di Orient Express e l’altra, più informale.

HARRY’S BAR

Calle Vallaresso, 1323 Ph. 041.5285777 The original Harry’s Bar was opened by the Cipriani family in 1931 (a rope

store was in its place). In 2001 it was named a national treasure by the Italian Ministry of Culture. The cuisine remains that of Harry’s Bar tradition – classic, with attention to base ingredients. The must haves are: risotto primavera, tagliolini with prosciutto, and the historic Bellini cocktail that was born within these walls. Dichiarato nel 2001 patrimonio nazionale dal Ministero dei Beni Culturali, è il primo Harry’s Bar nato dalla mente della storica famiglia Cipriani che nel 1931 riprese un negozio di corde per renderlo un bar. La cucina è quella storica di ogni Harry’s Bar: tradizionale e attenta alle materie prime. I must: risotto primavera, tagliolini gratinati al prosciutto e lo storico Bellini, nato proprio tra queste mura.

OSTERIA SAN MARCO

San Marco, 1610 Ph. 041.5285242 An informal but elegant restaurant and wine bar whose kitchen is open from noon to 11pm. The weekly menu is always changing, distinguished by the way local, seasonal products are used to make creative, gourmet dishes. Wine available also by the glass, with cheese and cold-cuts at the bar. Osteria-enoteca dall’atmosfera informale e rustica. La cucina, aperta dalle 12 alle 23, si contraddistingue con il suo misurato estro creativo, capace di realizzare piatti gourmet attraverso gli ingredienti di stagione che il territorio fornisce, per un menu che cambia settimanalmente. Vini anche a bicchiere con formaggi e salumi al bancone.

ROSA ROSSA

San Marco, 3709 Ph. 041.5234605 In a refined, recently renovated setting, one of this restaurant’s surprises is the pizza, but the dishes in the classic Venetian tradition are wonderful as well. In un ambiente raffinato e recentemente rinnovato, una delle sorprese del ristorante è la pizza, rigorosamente fine. Ma non dimenticatevi dei grandi piatti della tradizione veneta.

TAVERNA LA FENICE

San Marco, 1938 Ph. 041.5223856 Near the famous theatre of the same name, the kitchen is open late for when the theatre lets out. The vast terrace for al-fresco summer dining provides a warm and intimate atmosphere, a feeling that continues inside with the warm wood tables and velour coverings. The innovative menu is both surf and turf. Vicino al famoso teatro, ne rispetta gli orari con una cucina che rimane aperta fino a notte tarda. L’ampia terrazza estiva dà vita ad un’atmosfera di intimità e calore, sensazioni che proseguono anche all’interno, con il legno degli arredi e il velluto dei rivestimenti. Un menu innovativo di carne e pesce completa il tutto.

VINI DA ARTURO

Sestiere San Marco, 3656 Ph. 041.5286974 A preferred location by local Venetians, this small, simple and elegant restaurant

120

VENEZIA

has a menu in which meat is the real protagonist. Try the filet in all its variations. No credit cards accepted. Frequentato prevalentemente dai veneziani. Piccolo, semplice e accogliente con un menu che vede la carne come vera protagonista. Da provare il filetto in tutte le sue variazioni. Non accetta carte di credito.

WINE BAR TEAMO

Calle Rio Terrà de la Mandola, 3795 Ph. +39 041 528 3787 Cozy restaurant near Campo Sant’Angelo with a very pleasant informal ambiance. Great selection of assorted cured meats and salamis, cheeses and raw fish Piccolo locale a due passi da Campo Sant’Angelo dall’atmosfera informale molto piacevole. Ottima selezione di taglieri di salumi, formaggi e cruditè di pesce.

SAN POLO

ALLA MADONNA

Calle de la Madona, 594 Ph. 041.5223824 Fulvio Rado opened this historic venetian osteria in 1954, and for the past 35 years it has been run by his son Lucio. The style and menu has not changed much due to their healthy respect of tradition. The menu is fish only, with good price/value ratio. Aperto nel 1954 da Fulvio Rado e da 35 anni gestito dal figlio Lucio. Derivato da un’antica osteria veneziana, ha mantenuto negli anni il suo stile e la sua qualità nei piatti della tradizione. Una cucina a base di pesce, secondo i dettami tipici della tradizione, ottimo anche per il rapporto qualità/prezzo.

ANTICHE CARAMPANE

San Polo, 1911 Ph. 041.5240165 A rustic trattoria that has recently gained popularity. The menu lists only Adriatic fish, served in a traditional but revisited manner. In good weather, outside seating is available between potted flowers and under a charming tent in a calm corner of the lagoon. Una trattoria dallo stile rustico che negli ultimi anni ha visto accrescere la sua popolarità. Nel menu solo pesce del mar Adriatico. La cucina è tradizionale e talvolta rivisitata e corretta con discrezione. In stagione c’è la possibilità di pranzare all’aperto, tra vasi di fiori e sotto un allegro tendone, in un angolo defilato vicino al ponte di Rialto.

BANCOGIRO

Campo San Giacometto, 122 Ph. 041.5232061 At the foot of the Rialto bridge, this campo (square) is packed during the day with the fruit and vegetable market. The osteria is named for the bridge under which it is located. It has excellent wines, served at table or bar, tasty cicchetti (snack sized dishes) to accompany one’s chalice, and just a few refined dishes on the menu, to eat seated at table. Ai piedi del ponte di Rialto si apre un campo che durante il giorno è affollato


THE GO-TO RESTAURANTS

dai banchetti del mercato. Ottimi vini, anche al banco, gustosi cicchetti per accompagnare il bicchiere, e poche portate, anch’esse raffinate e gustose, da mangiare seduti in campo dell’Erberia, con vista sul Canal Grande.

DA FIORE

Calle del Scalater, 2202 Ph. 041.2750822 This prestigious and exclusive osteria has been rewarded with one Michelin star. Owners Mara and Maurizio Martin, along with their son Damiano, have made the restaurant into an institution in which the cuisine is a creative expression able to exalt the flavours of the fish that animate the menu. Un’osteria prestigiosa e esclusiva premiata con una stella Michelin. I proprietari Mara e Maurizio Martin, insieme al figlio Damiano, hanno trasformato il ristorante in una istituzione, dove la cucina diventa espressione creativa in grado di esaltare i sapori del pesce, anima del menu.

SANTA CROCE ALLA ZUCCA

Sestiere Santa Croce, 1762 Ph. 041.5241570 This sheltered and calm restaurant sits at the feet of a little bridge, and offers an inspired and creative local menu that includes a good range of vegetarian dishes. Try the cous cous, the spicy meatballs, and the baked lamb chops topped with tzatziki. Ai piedi di un classico ponte, un locale defilato, sereno e caldo. Una cucina locale animata con estro e inventiva, insieme a una interessante proposta di piatti vegetariani. Da provare: il cous cous, le polpettine speziate e le costolette d’agnello al forno con salsa Tzatziki.

GLAM RITORANTE & BAR

Palazzo Venart - S. Croce, 1961 Ph. 041.5233784 In the enchanting Palazzo Venart, with gardens on the Grand Canal, starred chef Enrico Bartolini prepares classic Venetian specialties with a contemporary twist. Nel suggestivo Palazzo Venart, con giardino sul Canal Grande, lo chef stellato Enrico Bartolini propone specialità classiche veneziane reinterpretate in chiave contemporanea.

OSTERIA TREFANTI

Rio Marin, Santa Croce, 888 Ph. 041.5201789 Casual restaurant with a refined fish menu. Casual restaurant con menù a base di pesce molto ricercato.

REFOLO

Campo San Giacomo dell’Orio, 1459 Ph. 041.5240016 In a picturesque little campo off San Giacomo dell’Orio is this offering of an informal menu: pizza and cheese plates, along with raw oysters, fried zucchini flowers and sardines, or prosciutto and figs. This is the more youth-friendly “son” of the famed Da Fiore restaurant. Il ristorante, che si trova in un pittoresco campiello appartato a San Giacomo dell’Orio, propone cucina informale

come pizze e assaggi di formaggi ma anche ostriche crude, pollo al curry, scamone garronese. Tra le pizze più richieste, fiori di zucca e acciughe, prosciutto e fichi e la Piazza Doge. Figlio del ristorante pluripremiato Da Fiore, ne è la versione più giovane e friendly.

VENICE’S OMBRE AL MARCA

Sestiere San Polo, 213 Ph. 346.8340660 This is the place to drink a famed spritz at the right price. It’s always packed with locals. Don’t miss the meatballs and sandwiches lovingly prepared by Wewe. Near the Rialto market. Un vero must in città dove bersi al giusto prezzo il famoso spritz. Sempre affollato, frequentato sopratutto dai veneziani. Da non perdere le polpette e i panini preparati da Wewe. Si trova vicino al mercato di rialto.

AL TIMON

Sestiere Cannaregio, 2754 Ph. 041.5246066 Steps away from the ghetto, this little osteria is run by young Venetians who serve excellent cicchetti (little local appetizers) and excellent wine to sip while seated along the canal, preferably after sunset. Open beyond midnight. A pochi passi dal Ghetto una piccola osteria gestita da giovani veneziani, ottimi cicchetti e buoni vini da sorseggiare seduti sulla fondamenta d’estate, preferibilmente dopo il tramonto. Il locale è aperto oltre la mezzanotte.

ALL’ARCO

San Polo, 436 Ph. 041.5205666 A tiny, secret place to taste an excellent selection of wines while snacking on the famous cicchetti. The selection is limited but of high quality: crostini, cooked vegetables prepared in various ways, and fresh fish. Un piccolo e segreto luogo dove poter degustare una buona selezione di vini insieme ai famosi cicchetti. Insieme a una selezione di pietanze limitata, ma di ottima qualità. Crostini, verdure cotte in diversi modi, dalla caponata ai carciofi locali, e pesce fresco.

ALLA MASCARETA

Sestiere Castello, 6 Ph. 393.9848407 This wine bar is listed in the SlowFood Guida alle Osterie d’Italia, with high merits for its wine and cheese selection. Near the door of Campo Santa Maria Formosa, outside seating is in ex-movie chairs. Excellent selection of cold cuts and cheese, and some warm dishes are served. Enoteca che la Guida alle Osterie d’Italia di SlowFood segnala fra i locali del buon formaggio e del buon vino. Si trova vicino a Campo Santa Maria Formosa, fuori dalla porta, poltroncine da cinema attendono chi vuole fare quattro chiacchiere all’aperto. Alle proposte di mescita, si accompagnano selezioni di salumi e formaggi e alcuni piatti caldi.

CANTINONE GIÀ SCHIAVI

Fondamenta de le Romite, 1350 Ph. 041.5230744 A family run wine bar and osteria in the San Trovaso area with a not to be missed selection of cicchetti, both traditional and innovative, and the excellent selection of wines. It’s also a good wine shop for home consumption. There is no seating but customers lounge outside on the fondamenta. Enoteca osteria a conduzione familiare nella zona di San Trovaso, imperdibile per i cicchetti assortiti, tradizionali e fantasiosi, ottima la scelta dei vini. il locale è anche un’ottima cantina nella quale fare rifornimento per casa. Non c’è posto a sedere ma si sta fuori nella fondamenta.

DO MORI

Sestiere San Polo, 429 Ph. 041.5225401 In an underpass near the Rialto market, this bar-only wine shop serves cicchetti too. In un sotoportego vicino al mercato di Rialto troviamo questa cantina, dove si può scegliere tra una gran varietà di cicheti e vini in bottiglia, rigorosamente al banco.

LA CANTINA

Campo San Felice - Cannaregio, 3689 Ph. 041.5228258 A pleasant place to sit along the street and watch life walk by; artisanal wines and beer are accompanied by cicchetti and a few dishes made on the spot. Una piacevole sosta lunga la Strada Nova dove assaporare il via vai della città. Vini e birre artigianali, conditi con piatti e cicchetti espressi.

ISLANDS RESTAURANTS BURANO

AL GATTO NERO

Fondamenta della Giudecca, 88 Ph. 041.730120 What began as a simple osteria in 1965 has been expanded by the owner, Ruggero Bovo, whose menu boasts an ample selection of antipasti and primi, the best of which is the ‘Risotto di gò alla buranella,’ the homemade tagliolini with crab, followed by baked fish or the sublime fish fry, accompanied by organic seasonal greens from the nearby islands. Large outdoor seating. Nata come semplice osteria nel 1965 viene rilevata dal propretario Ruggero Bovo. Nel menu compare un’ampia degustazione di antipasti e di primi piatti, tra i quali trionfa il Risotto di gò alla buranella, i tagliolini fatti in casa con Granzeola e poi il pesce al forno o i supremi fritti di pesce misto accompagnati da verdure sempre di stagione a coltivazione biologica raccolte nelle isole limitrofe. Ampio dehor estivo.

DA ROMANO

Via S. Martino, 221 Ph. 041.730030 A popular getaway for many early 20th-century artists who lived on the island, the Barbaro family has always been the owners and continue to run it with tradition, love, and professional

121

VENEZIA

ability. This is the place to taste typical lagoon cooking. It’s famous for the refined simplicity of the risotto and fish dishes based in tradition. Rifugio storico di molti pittori che nei primi del ‘900 sostavano nell’isola, gestito da sempre dalla famiglia Barbaro che continua la tradizione con amore e capacità. Qui si possono gustare i piatti tipici della cucina lagunare. Famosi nella loro raffinata semplicità sono i risotti e i piatti di pesce che si rifanno ad un’antica arte culinaria.

RIVA ROSA

Strada San Mauro, 296 Ph. 041.730850 One of the essential stops on the island if you want to taste fish straight out of the sea, this ristorante and wine bar is a house museum on the inside and has a panoramic terrace as well. Private docking vailable. Per gustare il sapore del pesce appena pescato, questo ristorante enoteca è una delle tappe fondamentali nell’isola dei merletti. Una casa museo all’interno di antiche fondamenta, una terrazza che si apre a un ampio panorama. Possibilità di attracco privato.

ISOLA DELLE ROSE DOPOLAVORO

Isola delle Rose, Laguna di San Marco Ph. 041.8521300 The kingdom of one of Italy’s most celebrated chefs, Giancarlo Perbellini, it is the restaurant of the elegant JW Marriott® Venice Resort & Spa. Located on a private island in the Venetian Lagoon. One Michelin star gained in 2016. Regno di uno degli chef più acclamati in Italia, Chef Giancarlo Perbellini, è il ristorante dell’elegante JW Marriott® Venice Resort & Spa. Come palcoscenico, un’isola privata nel capoluogo lagunare.Da questo 2016 vanta una stella Michelin.

MAZZORBO VENISSA

Fondamenta Santa Caterina, 3 Ph. 041.5272281 Paola and Gianluca Bisol have seen the dream of an innovative hostel-restaurant come into reality. Here dishes are created on the basis of the products offered by the local territory for a “Zero Kilometer Menu” that is changed every day. One Michelin star. Innovativo ristorante ostello nato dal sogno di Paola e di Gianluca Bisol. I piatti vengono creati in base alle materie prime che il territorio locale offre quotidianamente, creando un menù che cambia tutti i giorni diventando un reale chilometro zero. Una stella Michelin.

MURANO

BUSA ALLA TORRE DA LELE

Campo Santo Stefano, 3 Ph. 041.739662 A classic menu of Venetian cuisine prepared according to tradition, and accompanied by a good wine list... all inside a refined and elegant location with a summery terrace too.


THE GO-TO RESTAURANTS

Un menu classico di cucina veneziana cucinato secondo la tradizione e accompagnato da buoni vini sulla carta. Il tutto dentro un luogo raffinato e elegante,insieme a un suggestivo plateatico estivo.

ACQUASTANCA

Fondamenta Manin, 48 Ph. 041.3195125 The name stands for the moment when the water is still, between the high and the low tide. Recently opened by two young women –it used to be an historical bakery, it offers the flavors of the traditional cooking in a chic but cosy atmosphere, like that you find in fish houses. Il nome indica il momento di calma tra la bassa e l’alta marea del mare. Aperto recentemente da due giovani donne al posto di uno storico fornaio, qui troverete i sapori della cucina tradizionale in un ambiente chic ma semplice, come nei casoni da pesca.

PELESTRINA DA CELESTE

Sestiere Vianelli, 625 Ph. 041.967043 One of its best features is the terrace, the prettiest of those that give onto the south lagoon. Fresh fish is prepared in the traditional ways – try the pasticcio di pesce, a kind of fish lasagna). Uno dei suoi punti forti è la terrazza, la più bella tra quelle che si affacciano davanti alla laguna sud. Pesce fresco cucinato alla maniera tradizionale, da provare il pasticcio di pesce.

SAN GIORGIO

SAN GIORGIO CAFÈ

Isola di San Giorgio Maggiore, 3 Ph. + 39 041 2683332 È il caffè bistrot veneziano firmato da Filippo La Mantia, primo indirizzo del gusto all’interno del magnifico complesso della Fondazione Giorgio Cini. Uno spazio dedicato all’arte della cucina e alla cultura gastronomica mediterranea. It’s the Venetian bistro-café by Filippo La Mantia, the first restaurant housed in the magnificent Fondazione Giorgio Cini building. A space devoted to the art of cooking and to Mediterranean culinary culture. È il caffè bistrot veneziano firmato da Filippo La Mantia, primo indirizzo del gusto all’interno del magnifico complesso della Fondazione Giorgio Cini. Uno spazio dedicato all’arte della cucina e alla cultura gastronomica mediterranea.

SAN PIERO IN VOLTA DA NANE

San Pietro in Volta, 282 Ph. 041.5279100 Home style venetian cooking with fish at its heart, in a welcoming atmosphere. Amongst the house specialties are the antipasti of mantis and scallops, the famed pasticcio di pesce (a kind of fish lasagna), the fried squid, cuttlefish stew, and the grilled local meat. The selection of wines is also notable. Cucina veneta casalinga a base di pesce dentro un ambiente accogliente. Tra

le specialità della casa vanno menzionati gli antipasti di cannocchie e capesante, il rinomato pasticcio di pesce, il fritto di calamaretti, le seppioline in umido, la grigliata dell’Adriatico. Buona la selezione dei vini.

VIGNOLE

ANDRI

ALLE VIGNOLE

Isola Vignole, 12 Ph. 041.5289707 The Vianello family has been running this trattoria for almost a hundred years, offering clients a traditional fish-based menu and genuine meats. Da quasi cento anni gestita dalla famiglia Vianello, questa trattoria offre ai propri clienti una cucina tradizionale basata sul pesce della laguna e del mar adriatico e la carne più genuina.

TORCELLO

Via Lepanto, 21 Ph. 041.5265482 Typical Venetian restaurant where to taste the authentical flavors of a traditional cuisine at a very good price/quality ratio. Do not miss its first courses and Bollito dishes. During Summer, an outdoor veranda with lots of flowers is opened Tipico ristorante veneziano dove gustare i sapori autentici di una cucina tradizionale ad un ottima qualità prezzo. Da provare i primi piatti e i bolliti. D’estate si apre in una fiorita veranda esterna.

LA FAVORITA

AL PONTE DEL DIAVOLO

Fondamenta Borgognoni, 10\11 Ph. 041.730401 In a comfortable and elegant location at the foot of the bridge of the same name, the two rooms inside are warmed by the fireplace, while the garden has a lovely pergolato covering. The quality of this restaurant rests on its use of the freshest ingredients that mix history and tradition to make excellent dishes. Un ambiente confortevole e elegante ai piedi dell’omonimo ponte. Un comodo salotto, due sale interne al tepore del rilassante camino, un giardino con il tradizionale pergolato. Una cucina dalle materie prime freschissime, in cui storia e tradizione s’intrecciano per piatti eccellenti.

LOCANDA CIPRIANI

Piazza Santa Fosca, 29 Ph. 041.730150 One of the most important restaurants in Venice comes from the Cipriani family. Immersed in the surrounding green area, the refined country atmosphere meets the kitchen of Chef Cristian Angiolin who prepares both the classic Cipriani family dishes, and an ample selection of fish- or vegetable-based primi with homemade pasta or rice. Dallo storico nome della famiglia Cipriani, uno dei ristoranti più importanti della laguna veneta. Immerso nella natura della campagnia circostante, in un ambiente raffinatamente agreste, una cucina con a capo lo chef Cristian Angiolin che, oltre ai piatti inventati dalla famiglia Cipriani e oramai divenuti dei classici, propone un’ampia scelta di piatti basati su pesce, verdure, pasta fatta in casa e riso.

LIDO

AI MURAZZI

Su un percorso che costeggia il mare e le tipiche rocce del Lido, si trova il ristorante Ai Murazzi. Dentro una semplice casa in legno scuro con arredamento tipico marinaro una cucina tradizionale a base di pesce rivela tutte le potenzialità di questa regione. Da provare le sarde in saor.

Via dei Kirchmayr, 16 Ph. 041.5267278 On a path that runs along the sea and the typical rocks of the Lido, there is the restaurant Ai Murazzi. In a simple house with dark wood with a typical furnishings you could taste the traditional cuisine based on fish that reveals the full potential of this region. Try the sardines in sauce.

Via Duodo Francesco, 33 Ph. 041.5261626 This trattoria, one of the “buon ricordo” series, is run by Luca Pradel and his wife Gabriella. Located on a quiet street in the Lido, it’s recognized as one of the area’s top restaurants due to the fish specialties rooted in venetian tradition, with select seasonal ingredients and perfectly matched wines chosen amongst the best international and national labels. Trattoria del “buon ricordo”, gestita da anni da Luca Pradel e dalla moglie Gabriella, si trova in una via appartata e tranquilla del Lido. E’ riconosciuto come uno dei ristoranti più rinomati in zona, per la cucina con specialità di pesce degna della storica tradizione veneziana, per gli ingredienti selezionati in base alla stagione e legati al territorio circostante, per il vino abbinato alle portate, scelto tra le migliori etichette nazionali ed internazionali.

RESTAURANTS ON THE MAINLAND CAMPALTO AL PASSO

Via Campalto, 118 Ph. 041.900470 Near the Marcopolo airport, this traditional venetian restaurant offers high quality cooked and raw fish dishes: grilled or barbecued, carpaccio and seafood. Don’t miss the razor-shell clams (called capelonghe), scallops, polenta with schie (local grey shrimp), and the grilled octopus with beans. Vicino all’areoporto Marcopolo, propone una cucina tradizionale veneta di alta qualità, con piatti di pesce sia crudo che cotto, alla griglia alla brace, carpacci di ogni genere, frutti di mare. Inoltre imperdibili le capelonghe, le capesante, i canestri, la polentina con le schie, il polpo alla griglia con fagioli.

MAROCCO AL CASON

Via Gatta,112 - Ph. 041.907907 Since 1967, the Foltran family has in-

122

VENEZIA

vested passion in this osteria and restaurant that exalts the best of local flavours. Start with the antipasti – raw, boiled, or grilled – a glass of prosecco, followed by linguine with clams and finally the tiny ombrine fish served grilled. Genuine simplicity. Dal 1967 la famiglia Foltran porta avanti con passione il questo ristorante osteria che esalta il meglio i sapori naturali della materia prima locale. Prima gli antipasti, crudi, bolliti e alla brace, un calice di prosecco, poi linguine con le telline e a seguire una grigliata di piccole ombrine. Genuina semplicità.

MESTRE AI VETERANI

Piazzetta Da Re, 6 Ph. 041-959378 A restaurant and wine bar with a warm, homey atmosphere. The menu varies by season, with occasional sparks of innovation, always using excellent primary ingredients. The wine list is the true star here, suggested with passion by the owner, Isa Mazzetto. Enoteca ristorante con una calda atmosfera casalinga. Il menu è vario, stagionale. La materia prima è eccellente, e infine i vini, veri fiori all’occhiello, consigliati passione e competenza dalla titolare, Isa Mazzetto.

AMELIA

Via Miranese, 113 Ph. 041.913955 One of the most prestigious and historic restaurants in Mestre, the menu is fishbased and always excellent quality. The offerings are generally based on local products and inspired by venetian tradition. Uno dei ristoranti più prestigiosi e storici di Mestre. Il menù è a base di pesce sempre di ottima qualità. L’offerta si basa molto sui prodotti locali e si rifà alla tradizione veneziana. Quindi: bovoleti, canoce, masenete, folpetti, capesante, moèche, schie o gamberetti di laguna, anguelle e infine baccalà mantecato.

LUGHETTO DI CAMPAGNIA LUPIA CERA

Via Marghera, 24 Ph. 041.5185009 One Michelin star for this restaurant between Venice and Chioggia run since 1966 by the Cera family.. The gastronomic proposals depend on the freshness and high quality of the ingredients in order to make the scents and tastes of local tradition come forth. The cellar boasts wines well-matched to the menu. Una Stella Michelin. Tra Venezia e Chioggia, dal 1966 la famiglia Cera è l’appassionata custode della raffinata osteria impreziosita da marmi, argenterie e un raccolto giardino. La cantina propone etichette intelligentemente selezionate in accordo col menu.


G R A N D E C U V É E A L M A N O N D O S AT O L A Q U I N T E S S E N Z A D E L F R A N C I A C O R TA


Profile for Gruppo Editoriale srl

Venezia made in Veneto n.30  

Venezia made in Veneto n.30  

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded