Page 1

cover story Jude Law Fashion s/s 2017 - East in the air interview Diego Dominguez | Luigi De Filippo Art Michelangelo, an architect | Exhibitions in the City | il Vittoriano Itineraries flaminio district | Villa ada | organic restaurants


LAPERLA.COM

ROMA - VIA BOCCA DI LEONE 28/30 - TEL + 39 06 69941934


FA L I E R O SA R T I .CO M


partner for

FASHION IN FLORENCE THROUGH THE LENS OF ARCHIVIO FOTO LOCCHI Palazzo Pitti, Firenze 9 gennaio - 8 aprile 2017


54

106

76

11

Winter in this issue

COVER STORY Jude Law A color on the palette Colore sulla tavolozza by Giovanni Bogani 66

save as 30 Roma exhibitions 34 Classic 36 Pop people 18 Emanuele Fabi Avantgarde style Stile d’avanguardia 20 Carlotta Fabrini Ballerina flats made in Italy Ballerine made in Italy 22 Pietro Lepore Dolce Vita today La Dolce Vita oggi 24 Andrea Corati Handbags for Amazons Borse da amazzone 26 Cesare Fazioli Like eating at home Come a casa 28 Pietro Ruffo The art of origami Origami d’artista

Fashion 39 It object Bruno Pieroni Atelier Visible Perfection Perfezione visibile by Marta Innocenti Ciulli 72

76

Shooting

East in the air by Marta Innocenti Ciulli

Jewel Hug me Abbracciami 86

movie, theatre & music Diego Dominguez I love to dance Amo ballare by Veronica Sgaravatti 70

126 Theatrical season On stage, excitement and emotion In scena, le emozioni by Teresa Favi 130 Luigi De Filippo “My” theatre Il “mio” teatro

Must Have 89 Shoes 91 Trend 93 Man


134

100

112

11

winter in this issue

Itineraries 54

Flaminio

A symbolic district

Un quartiere simbolo by Veronica Sgaravatti 106

Villa Ada

Walking through Villa Ada

Passeggiando per Villa Ada by Gabrielle Bolzoni 134

Winter shopping

Timeless elegance

Eleganza fuori dal tempo by Gabrielle Bolzoni 140

De Russie

Exclusive experiences

Esperienze esclusive 144

PalazziGas

The new geography of emotions

La nuova geografia delle emozioni

art, design & culture

100

New building

La Nuvola by Studio Fuksas. A perfect organism

Un organismo perfetto by Francesca Lombardi 112 Il Vittoriano

Our history

La nostra storia by Francesca Lombardi 120

Exhibitions

Art like life Arte come vita Food & wine 148

Restaurants

I’m going organic

Divento bio by Gabrielle Bolzoni 156

Traditional

Winter flower

Fiore invernale by Marco Talluri shot on site 46

94 Icon

Roma Guide

Michelangelo, an architect

159

Hotels

Un architetto di nome Michelangelo by Salvatore La Spina

160

Restaurant


QUARTERLY fashion, art, event and lifestyle magazine publisher

FM publishing srl Gianluca Fontani, Luca Gori, Ori Kafri, Alex Vittorio Lana, Matteo Parigi Bini t

h

e

d

i

v

i

n

e

co

a

st

m

a

d

e

i

n

t

u

sc

a

n

y

m

a

d

e

i

n

ve

n

eto

editor in chief

Matteo Parigi Bini fashion director

Marta Innocenti Ciulli managing editor

Teresa Favi, Francesca Lombardi editor

Sabrina Bozzoni, Virginia Mammoli, Mila Montagni roma correspondent

Veronica Sgaravatti contributors

Giovanni Bogani, Gabrielle Bolzoni, Salvatore La Spina, Guido Parigi Bini photographers

Dario Garofalo, Marcel Hartmann (cover), Massimo Listri, Fabio Lovino New Press Photo, Valentina Stefanelli art editors

Martina Alessi, Chiara Bini translations

Tessa Conticelli, NTL Traduzioni, Centroservizi advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

Gianni Consorti, Marina Geraci, Alessandra Nardelli Paola Paciotti, Daniela Zazzeri editorial office

via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 fax +39.0574.730204 - redazione@gruppoeditoriale.com società editrice

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - fax +39.0574.730204 www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, lettera b – legge 662/96 – Filiale di Firenze - Contiene IP stampa

Baroni & Gori (Symbol Freelife Gloss Premium White Paper) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl


t

h

e

d

i

v

i

n

e

co

a

contributors

st

h

e

E

ter

n

a

l

C

i

ty

5,00 free copy spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

cover story Chiara Baschetti Fashion a/w 2015-16 Something in black and white. Or not? interviews Matteo Garrone | Marisa Laurito CULTURE Fashion in Capri | Pompei | The Island’s Cuisine Itineraries A Day in anaCapri | The hours in piazzetta | Beach Clubs

vatican gardens

cover story Matteo garrone Fashion a/w 2015-16 Something in black and white. Or not? Art DAVID LACHAPELLE | Pablo Atchugarry Itineraries parioli district | The Obelisks of Rome Lungo tevere | Fish restaurants

cover story Tilda Swinton Fashion A/W 2015-16 First Lady event Celebrity Fight Night | theatre season | 50 days of cinema art opera del duomo | jeff koons | divine beauty Itineraries san giovanni district | tuscan wineries

5,00 free copy

FLORENCE ANTIQUES biennale

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

5,00 free copy

veneziamagazine.com

firenzemadeintuscany.com

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

5,00 free copy

t

the 72 venice val film festi nd

cover story Elisa Sednaoui Fashion A/W 2015-16 First Lady ART museums off the beaten path | guggenheim collection palazzo fortuny | Theatre season Itineraries churches and campi | Rialto

The ultimate way to learn all about the most beautiful Italian places

fashion, art, event and lifestyle magazines

Giovanni Bogani, a journalist, he writes about the cinema festivals of Berlin, Cannes, Venice and Rome for the newspaper La Nazione and for websites www.affaritaliani.it and www.cinecitta.it. He has collaborated with the Italian-American magazines “US Italia” and “ItalyAmerica”americane Us Italia e ItalyAmerica. Giovanni Bogani, giornalista, scrive dai festival di Berlino, Cannes, Venezia e Roma per il quotidiano La Nazione e per i siti web www.affaritaliani.it e www.cinecitta.it. Ha collaborato con le riviste italo/americane Us Italia e ItalyAmerica. Gabrielle Bolzoni, born in Rome, where she currently lives. High school diploma at the Germanic School of Rome and degree in Geopolitics at the University La Sapienza of Rome. Free-lance reporter. She loves culture and sports. Gabrielle Bolzoni nata a Roma, dove vive. Maturità presso la Scuola Germanica di Roma e laurea in Geopolitica presso l’Università di Roma La Sapienza. Giornalista libera professionista. Ama cultura e sport. Marta Innocenti Ciulli, 42 four years in the fashion business, of which twenty spent as editor in chief of international magazines specialized in fashion and trends. A job and a passion just right for her. She loves her children, home, job, photography and movies. Marta Innocenti Ciulli, 42 anni di moda, di cui 20 passati come direttore di testate internazionali con un unico soggetto: moda e tendenze. Un lavoro-passione che le ha corrisposto profondamente. Ama i suoi figli, la casa e il lavoro, la fotografia, il cinema.

Massimo Listri, photographer, lives in Florence and collaborates with the magazines AD and FMR and frequently with many international magazines such as Connaissance des Arts and L’Eoeil. He has written over thirty art and architecture books. Massimo Listri, fotografo, vive a Firenze, collabora con continuità alle riviste AD e Fmr e con frequenza a molti periodici stranieri, tra cui Connaissance des Arts e L’Eœil. Ha pubblicato oltre 60 libri di arte e alta architettura. Domenico Savini, historian and expert in heraldry and genealogy, collaborates with important institutes and specialized magazines. Domenico periodically holds conferences on the subject. He lives and works in Florence. Domenico Savini, storico delle famiglie fiorentine, esperto di araldica e genealogia, collabora con importanti istituti e con riviste specializzate sulla materia. Tiene periodicamente conferenze sull’argomento. Vive e lavora a Firenze. Veronica Sgaravatti, born in Rome with a degree in Communication Science, is free-lance journalist since 2009. She loves gardening, culture and traveling, and organizes events in her own estate “Parco Iris” on the Appia Antica road. Veronica Sgaravatti, nata a Roma e laureata in Scienze della comunicazione è pubblicista dal 2009. Appassionata di giardinaggio, cultura e viaggi, organizza eventi nella sua proprietà “Parco Iris” sull’Appia Antica.


robertocoin.com

| ARIZONA MUSE FOR ROBERTO COIN®

POIS MOI COLLECTION

ROBERTO COIN BOUTIQUE - VIA DEL BABUINO 73, ROMA - TEL. 06 32652439


roma people

yle t s e d r a g t n a v A vanguardia Stile d’a

text Virginia Mammoli

A successful brand and a family enterprise. How did it begin? My father Elisio and my uncle Enrico founded the company. They and their wives loved their work, which was making classic men’s shoes with ancient artisanal workmanship. My sister Cinzia, my cousins Alessia and Flaminio and I are the second generation. What makes your creations special? Our passion, enthusiasm, high standards and above all our obsession for quality. We cultivate beauty and superior craftsmanship. What are the trends for Spring/Summer 2017? Innovation and practicalness, with the leading role assigned to colors. Our new hand-dyed sneakers are an example. A real explosion of colors. True elegance lies in...? The details. A bow-tie, a clutch, but also a loosely-tied necktie, for a more understated look. What are your favorite places in Rome? Rome is the city I love most. Every time I come to Rome I feel recharged. It’s a powerful injection of beauty, art and culture – all essential for my work. A dream of yours? As a father my biggest dream is to know that my children will be able to make their wishes come true, no matter what they are.

Emanuele Fabi, Brand Manager of Fabi Uomo and Barracuda. Quality, style and innovation since 1965. An exclusive brand of handmade Italian luxury leather shoes 18 Roma | the Eternal City

Un brand di successo e un’azienda di famiglia. Com’è cominciato? I fondatori dell’azienda sono stati mio padre Elisio e mio zio Enrico, che, con le mogli, amavano il loro lavoro: fare scarpe da uomo classiche, in modo artigianale, quasi antico. Io insieme a mia sorella Cinzia e i miei cugini Alessia e Flaminio, siamo la seconda generazione. Cosa contraddistingue le vostre creazioni? Passione, entusiasmo e serietà, ma soprattutto ossessione per la qualità. Cultura del bello e del ben fatto. I trend della primavera/estate 2017? Insieme a innovazione e praticità, i colori sono tra i protagonisti assoluti. Un esempio, le nuove sneakers tamponate e colorate a mano. Una vera esplosione di colore. La vera eleganza si vede da… Dettagli… un papillon, una pochette, ma anche una cravatta leggermente slacciata, segno di un fascino meno impostato. I suoi luoghi del cuore a Roma. Roma è la città del cuore per eccellenza. Ogni volta che vengo a Roma mi ricarico, è una iniezione di bellezza arte e cultura, fondamentali per il mio lavoro. Un sogno? Da padre il sogno più grande è sapere che i miei figli possano realizzare tutti i loro desideri, qualsiasi essi siano.


MADE IN boggi.com

Roma | Via del Babuino 20 | Tel. + 39 06 326.512.56 | Via Cola di Rienzo 266 | Tel. + 39 06 688.079.02 | Via del Corso c/o Galleria A. Sordi 27/28 | Tel. + 39 06 692.020.79 | Via Appia Nuova 168/170 | Tel. + 39 06 772.044.66


roma people

ly a t I n i e d a m s t a Ballerina fl e in Italy Ballerine

mad

text Veronica Sgaravatti

How did this idea come to you? The idea came three years ago, with Stefania Mittiga, a friend and contemporary, and like me, passionate about ballerina flats. We saw that there was a lack of a brand for this type of shoe that offered a choice of colors, with Italian-made quality and an affordable price. Why ballerina flats? We loved them and have always worn them in every moment of the day. They’re a classic in a woman’s wardrobe because they’re comfortable and can be worn at all times, without ever sacrificing elegance and style. What do you have in addition to Ballerette? We offer the customer more than 300 shoes in different models and colors. I like to think that women can play with accessories and buy a colored shoe depending on the earrings she wants to put on. The average cost of our shoes is 80 Euros per pair, and we’ve put something of ourselves in the packaging. Each pair of shoes is sold in a transparent Plexiglas box that allows customers to always have them at hand. Where was the first store opened? We opened in March 2015, with the first store on Via del Gambero, which crosses Via Frattina, and in April 2016 a second store on Via Cola di Rienzo. And we’ve already sold on all the continents; the idea is to grow and develop the brand each year. .

Carlotta Fabrini is from Rome, and with her friend and associate Stefania Mittiga, has created the beautiful and colorful Ballerette, a brand that offers the customers more than 300 ballerina flats in different models and colors 20 Roma | the Eternal City

Come è nata questa idea? L’idea è nata tre anni fa, con Stefania Mittiga, amica, coetanea e, come me, appassionata di ballerine. Avevamo visto che mancava un brand di ballerine che offrisse una scelta ampia di colori, con la qualità del made in Italy e un prezzo accessibile. Perché le ballerine? Le amavamo e le abbiamo sempre portate noi in ogni momento della giornata. Sono un grande classico del guardaroba femminile perché sono comode e si possono indossare in ogni occasione, senza mai rinunciare ad eleganza e stile. Cosa hanno in più le Ballerette? Offriamo al cliente più di 300 scarpe tra modelli e colori diversi. Mi piace pensare che le donne possano giocare con gli accessori e comprarsi una scarpa colorata a seconda dell’orecchino che vogliono mettere. Il costo medio delle nostre ballerine è di 80 euro a paio e anche nel packaging abbiamo messo qualcosa di nostro. Ogni scarpa viene venduta dentro a una scatola di plexiglasse trasparente che permette alle clienti di averle sempre a portata di mano. Dove è nato il primo negozio? Abbiamo aperto a marzo 2015 il primo store a via del Gambero, una traversa di via Frattina e ad aprile 2016 un secondo negozio a via Cola di Rienzo e abbiamo già venduto in tutti i continenti; l’idea è quella di crescere e sviluppare ogni anno il marchio.


roma people

day o t a t i V e c l o D ta oggi La Dolce Vi

Pietro Lepore, is owner of Harry’s Bar on Via Veneto, once the symbol of the Dolce Vita and still full of the glamour that Federico Fellini captured in the famous cult movie

text Virginia Mammoli

What made Harry’s Bar one of the favorite spots of the stars? It was a place where aristocrats, prelates, diplomats and movie stars could meet discreetly. Who was the first Vip to discover Harry’s Bar? Princess Soraya, Fellini, Sinatra, Alberto Sordi, Anna Magnani and Virna Lisi just a few of the early regular guests of the bar. The actor with which it is most often associated? They are more numerous: Pino Insegno, Giancarlo Magalli, Valeria Marini and Penélope Cruz. Who is the next star you’d like to welcome? Hillary Clinton has already visited us, but I’d love to see her seated at the same table as the new First Lady, Melania Trump. The strangest anecdote about Harry’ Bar? One night a wealthy US senator reserved the whole place and wanted just one table with two chairs, a bouquet of 100 red roses, candlelight, a pianist and a singer. A friend of yours comes to Rome for just one day. Where would you take him? First to the Imperial Fora, then along the Appia Antica and to the Fountain of Trevi. Lunch at the Dal Bolognese restaurant or Pierluigi, then a visit to Trastevere and Piazza di Spagna. Dinner at Camponeschi or the trattoria Luigi and, to finish the evening, some good music at Harry’s Bar. Your motto? Welcome, respect and a smile. Cosa ha reso l’Harry’s Bar una delle mete preferite delle star? L’ essere un locale dove incontrare nobili, prelati, diplomatici e attori in tutta riservatezza. Il primo vip che scoprì l’Harry’s Bar? La principessa Soraya, Fellini, Sinatra, Alberto Sordi, Anna Magnani e Virna Lisi sono solo alcuni dei primi frequentatori del bar. L’attore a cui è più legato? Sono più di uno: Pino Insegno, Giancarlo Magalli, Valeria Marini e Penélope Cruz. Qual è la prossima star che vorrebbe avere come ospite? Hillary Clinton è già stata da noi, ma mi piacerebbe rivederla seduta allo stesso tavolo con la nuova First Lady Melania Trump. L’aneddoto più curioso legato all’Harry’s Bar? Una sera un facoltoso senatore statunitense riservò tutto il locale e volle che ci fosse un unico tavolo con due sedie, un mazzo di cento rose rosse, lume di candela, pianista e cantante. Un suo amico viene a Roma per un solo giorno. Dove lo porta? Prima ai Fori Romani, poi sull’Appia Antica e alla Fontana di Trevi. Un lunch al ristorante Dal Bolognese o da Pierluigi, per poi visitare Trastevere e piazza di Spagna. A cena da Camponeschi o alla trattoria da Luigi e per finire la serata, un po’ di buona musica all’Harry’s Bar. Il suo motto? Accoglienza, rispetto e sorriso

22 Roma | the Eternal City


giovanniraspini.com

via del Babuino 16 - 00187 ROMA Tel. +39 06 3221816 fabishoes.it - info@fabishoes.it

ROMA Via del Babuino, 143


roma people

s

azon m A r o f s g a b Hand amazzone Borse da

text Veronica Sgaravatti

How did this idea come to you? This project began more than 25 years ago at a high school desk, with my classmate, the son and grandson of the owner of a historic saddler on Via Veneto. In those days, we had fun designing and creating artisan bucket bags for our mothers with leather scraps. You’ve always had an artistic streak? I can say I’m the son of an artist: my father was an artist and my grandmother taught art history. What is your must? Our strong point is the bucket bag, dedicated to globetrotting urban Amazons, whose names are inspired by the world of horses: Araba, Beberbeca, Manipurà; made in colored tones with different varieties of leathers, some with precious mink or python inserts and all with our logo in silver, punched by hand. Speaking of a “must”, we also have a travel bag with this name that we sell in different sizes. How do you ensure exclusivity and luxury? Each bag has an individual serial number and before being put on sale passes through my hands; the silver logo can be customized with your initials or a nickname and the same can be done with hot branding on the leather. Where do you sell? We just opened our first store on Via Belsiana 101; we also have online sales on our website: www.casatadereves.com

Andrea Corati, age 42, Roman, has just created a new exclusive brand of handbags, entirely handmade: Casata Derèves, strongly linked to the artisan tradition of the Roman master saddlers but reinterpreted in a contemporary, colorful and functional way 24 Roma | the Eternal City

Come è nata questa idea? Questo progetto è nato più di 25 anni fa al liceo, con il mio compagno di banco, figlio e di nipote del proprietario di una storica selleria a via Veneto. In quei tempi ci divertivamo a disegnare e a creare con i ritagli di pelle dei secchielli artigianali per le nostre mamme. Hai sempre avuto una vena artistica? Posso dire di essere figlio d’arte: mio padre era un artista e mia nonna insegnava storia dell’arte. Qual è il vostro must? Il nostro punto di forza sono i secchielli (o “bucket bags”), dedicati alle globetrotter e alle amazzoni metropolitane, i cui nomi sono ispirati al mondo dei cavalli: Araba, Beberbeca, Manipurà; realizzati in nuances colorate e con diverse varietà di pelli, alcuni con preziosi inserti di visone o pitone e, tutte con il nostro logo in argento punzonato a mano. Parlando di “must” abbiamo anche una borsa da viaggio che ha proprio questo nome e che vendiamo in diverse misure. Come fate a garantire esclusività e lusso? Ogni borsa ha un numero di serie progressivo; il logo in argento può essere personalizzato con le proprie iniziali o con un nickname e lo stesso può esser fatto marchiando la pelle a caldo. Dove vendete? Abbiamo aperto il nostro primo punto vendita in via Belsiana 101; inoltre abbiamo una vendita online nel nostro sito: www.casatadereves.com


giovanniraspini.com

ROMA Via del Babuino, 143


roma people

e

hom t a g n i t a e e k i L Come a casa

text Veronica Sgaravatti

What is special about this restaurant? How is the menu? It’s a restaurant with typical Roman cuisine. We also designed a bar corner for aperitifs where we serve large platters of cheeses and cured meats. For the first courses, instead, we use only homemade pasta that cooks in less time. This really shortens the waiting time for the customer and allows you to have the dish on the table after 5 minutes instead of 15. We have a real grill for cooking the meat, which is another feather in our cap, and fresh seasonal vegetables, given my passion for the vegetable garden. What is there of Cesaretto in this venue? My ability to establish a relationship with people and make them feel at home. Those who come for lunch or dinner here must feel welcome. For me the important side of this work is primarily having people eat well and, hand in hand, to create a sense of conviviality, humanity and affection. In my restaurants, I like to think that I’m creating an oasis of serenity. It’s important to have the innkeeper in the restaurant. What are your schedules? We are open daily for lunch and dinner, except on Mondays. I’m always here. When did you realize that you would become a restaurateur? I come from a family of architects and I had started along that road and then it happened by chance, when the former owner of the “Fiaschetteria” - where I often went to eat - wanted to close the place. In order to keep it open, I became the landlord. It all started from there.

Cesare Fazioli, Cesaretto for his friends, is a famous Roman restaurateur who for over 20 years has had a restaurant on Via della Croce, “La Fiaschetteria”. Today with some partners, he opened “Osteria Rinascimento”, on Corso Rinascimento, a restaurant with Roman cuisine, between Piazza Navona and the Pantheon 26 Roma | the Eternal City

Che peculiarirità ha questo ristorante? Come è il menù? E’ un ristorante con tipica cucina romana. Abbiamo anche studiato un angolo bar dedicato all’aperitivo dove serviamo grandi taglieri di formaggi e affettati. Per i primi piatti, invece, utilizziamo solo pasta fatta in casa che cuoce in tempi più brevi. Questo accorcia notevolmente il tempo di attesa del cliente e permette di avere il piatto in tavola dopo 5 minuti anziché 15. Abbiamo una griglia vera per cuocere la carne, che è l’altro nostro fiore all’occhiello e verdure fresche di stagione, vista la mia passione per l’orto. Cosa hai portato di Cesaretto in questo locale? La mia capacità di instaurare un rapporto con le persone e farle sentire a casa. Chi viene a pranzo o a cena qui deve sentirsi accolto. Per me l’importante di questo lavoro è in primis far mangiar bene una persona e, di pari passo creare un senso di convivialità, umanità e affetto. Nei miei locali mi piace pensare all’idea di creare un’oasi di serenità. E’ fondamentale avere l’oste all’interno del ristorante. Che orari fai? Siamo aperti tutti i giorni a pranzo e a cena, eccetto il lunedì. Io ci sono sempre. Quando hai capito che saresti diventato ristoratore? Vengo da una famiglia di architetti ed io avevo iniziato quella strada poi per casualità, quando il vecchio proprietario della “Fiaschetteria” - dove andavo spesso a mangiare -, voleva chiudere il locale, io per non farlo chiudere mi sono autocelebrato oste. Da lì è iniziato tutto.


instagram.com/zannettisrl pinterest.com/ZannettiWatch facebook.com/zannettiwatches shop.zannetti.it


roma people

i m a g i r o f o t r a The ta rtis origami d’a

text Veronica Sgaravatti

What kind of training did you have? My grandfather was an abstract painter. I lived with contemporary art every day. I grew up in his studio and always went to museums with him. I had my first exhibition at age 18, and then, at University I studied architecture. What kind of artist are you? Mostly I’m a cartoonist. I use paper and cut it up to create big installations like the life-size tank and airplane. Where is your studio? For 14 years, I’ve been at the Pastificio Cerere, a space where a lot of people from the Italian and international contemporary art world come. My studio is organized like an architectural studio. There are various young people who work with me and every one of my works has to go through several stages. What are your forms of inspiration? My inspiration is the world around us. I’m fascinated by political and historical topics, by the social development of peoples and the issue of immigration which is one of the engines of human history. Which people have most helped you to become a famous artist? I have to thank my first gallerist, a Milanese, Edoardo Testori; Flavio Misciatelli, President of the Fondazione Pastificio Cerere and Lorcan O’Neill, my current gallerist, who took me on when I was 26 and has continued to believe in me since then.

Winner of the Premio Cairo, Pietro Ruffo, age 38, is a Roman artist, loved and highly rated in the art world and praised by all experts in the field, thanks to his participation in various group and solo exhibitions in famous museums 28 Roma | the Eternal City

Che formazione hai avuto? Mio nonno era un pittore astratto. Vivevo l’arte contemporanea nel quotidiano. Sono cresciuto nel suo studio e andavamo sempre in giro per i musei insieme. La prima mostra l’ho fatta a 18 anni, poi, all’università ho studiato architettura. Che tipo di artista sei? Principalmente sono un disegnatore. Uso la carta e la intaglio e creo grandi istallazioni come il carro armato e l’aereo in scala uno a uno. Dove è il tuo studio? Da 14 anni sto al pastificio Cerere, uno spazio dove gravita molto mondo dell’arte contemporanea italiana e internazionale. Il mio studio è organizzato come uno studio di architettura. Ci sono vari ragazzi che lavorano con me e ogni mio lavoro deve attraversare diverse fasi. Quali sono le tue forme d’ispirazione? La mia ispirazione è il mondo che sta intorno a noi. Sono affascinato dal tema politico, storico e sociale dei popoli e dal tema dell’immigrazione che è uno dei motori della storia dell’uomo. Chi sono le persone che più ti hanno aiutato a diventare un artista famoso? Devo ringraziare il mio prima gallerista, milanese, Edoardo Testori; Flavio Misciatelli, presidente della Fondazione Pastificio Cerere e Lorcan O’Neill, il mio attuale gallerista che mi ha preso quando avevo 26 anni e da allora continua a credere in me.


www.gianfrancoferrehome.it – ph. (+39) 031 70757


save as exhibitions

DECEMBER Pinturicchio on display in Rome at the Musei Capitolini from December 2016. Bernardino di Betto Betti, better-known as Pinturicchio or Pintoricchio (Perugia, (circa 1452 - Siena, 11 December 1513), was an Italian painter. The nickname Pinturicchio hinted at his slight build. He made the nickname his own by using it to sign some of his works. The artist Anish Kapoor with a wonderful staff at the macro until April 17 JANUARY Only until 8 January at the Vittoriano, Antonio Ligabue –

an exhibition entirely devoted to this tormented genius from Switzerland. After being expelled from his country in 1919, he settled on the banks of the River Po, at Gualtieri, where he lived the rest of his life. Also until 8 January, at Palazzo delle Esposizioni, the Art Quadrennial of Rome will be held again, after eight years. This year’s quadrennial was conceived in a highly-innovative way, but maintaining its identity as a national institution which aims at discovering and promoting contemporary Italian art. Until 15 January 350 Years of Creativity at the Academy of Villa Medici: important artists from the international scene. FEBRUARY The Art of the Brick is back and

DICEMBRE Pinturicchio in mostra a Roma ai Musei Capitolini da dicembre 2016. Bernardino di Betto Betti, più noto come Pinturicchio (Perugia, 1452 circa – Siena, 11 dicembre 1513), è stato un pittore italiano. Il soprannome di Pinturicchio (piccolo pintor, cioè pittore) derivava dalla sua corporatura minuta: egli stesso fece proprio quel soprannome usandolo per firmare alcune opere. Fino al 17 aprile torna al Macro dopo 10 anni di assenza dall’Italia, l’artista Anish Kapoor con una bellissima personale. GENNAIO Solo fino all’8 Gennaio al Complesso del Vittoriano, Antonio Ligabue un’esposizione interamente dedicata al genio tormentato, originario della Svizzera tedesca, ma che a Gualtieri, sulle rive del

zio il 9 dicembre) Po, visse fino alla Moderno e Spazio Aumorte, dopo escontemporaneo allo ditorium Expo sere stato espulso del Parco della dal Paese natale nei grandi Musica. Tante le nel 1919. Torna, musei della novità tra le oltre sempre fino all’8 capitale settanta sculture gennaio, al Palazzo delle Esposizioni la d’arte create con più di un Quadriennale di Roma. A otto milione di mattoncini Lego, anni dall’ultima edizione del opere dell’artista statunitense 2008, l’attuale rassegna è sta- Nathan Sawaya. Rembrandt in ta concepita in una maniera Vaticano: Immagini fra cielo e del tutto innovativa, ma con il terra in mostra ai Musei Vatifine di mantenere salda la sua cani da novembre fino al 26 identità istituzionale, quella febbraio 2017. Per la prima di essere una mostra di ri- volta il grande pittore e accognizione delle tendenze quafortista Rembrandt arriva più significative nel panora- nei Musei del Papa con una ma delle arti visive contem- mostra di 55 stampe proveporanee in Italia. Fino al 15 nienti dal Museo di Zorn in gennaio 350 anni di creatività Svezia, più un dipinto su tela all’Accademia di Villa Medi- dalla olandese Collezione ci: grandi artisti del panora- Kremer. Sempre da novembre ma fino al 19 febbraio ma internazionale FEBBRAIO Caravaggio e il Maestro di The Art of the Brick ritorna Hartford: l’origine della natufino al 26 febbraio 2017( ini- ra morta in Italia in mostra a

Art in Winter

Arte d’inverno text Francesca Lombardi

Chiostro del Bramante

Musei Vaticani

Galleria Borghese

Vittoriano

Villa Medici Museo Alinari

30 Roma | the Eternal City

can be seen until 26 February 2017(inaugurated 9 December) at the Spazio Auditorium Expo del Parco della Musica. Lots of new creations among the seventy sculptures made with over one million Lego blocks, such as the works by the American artist Nathan Sawaya. Rembrandt at the Vatican: Images from Heaven and Earth on display at the Vatican Museums inaugurated in November and open until 26 February 2017. The Museums host an exhibition of works by the great painter and engraver Rembrandt consisting of 55 engravings on loan from the Zorn Museum of Sweden and a painting from the Dutch Kremer Collection. Also inaugurated in November and open until 19 Feb-


save as exhibitions

Ara Pacis

Vittoriano

Musei Capitolini

Chiostro del Bramante

S. del Quirinale Museo Alinari

32 Roma | the Eternal City

ruary, The Origin of Still Life in Italy - Caravaggio and the Master of Hartford at Rome’s Galleria Borghese. The exhibition explores the evolution of Italian still life in the Roman context from the 16th century through the development of Caravaggio’s early-17th century works. The exhibitions opened in November that will close on 19 February include first and foremost Edward Hopper, at Rome’s Vittoriano. Introverted and quiet, lover of seascapes and of the soft light of his large studio, Edward Hopper (1882-1967) is the most popular and well-known American artist of the 20th century. The artist himself explained what he thought of his art: “if I could say it in words, I would have no reason to paint.” Another exhibition closing on 19 February is Picasso Images.

The Artworks, the Artist, the Personage, at the Museo dell’Ara Pacis. Over 200 photographs and graphic works by Pablo Picasso, directly from Paris. The Roman exhibition presents an original journey through the wealth of photographs, works of art and documents on loan from the Musée National Picasso in Paris, many of which on display for the first time. LOVE. L’arte contemporanea incontra l’amore, in Rome at the Chiostro del Bramante from 29 September 2016 to 19 February 2017 – curator Danilo Eccher. Works on display are by Andy Warhol, Gilbert & George, Vanessa Beecroft, Francesco Clemente, Nathalie Djurberg and Hans Berg, Tracey Emin, Robert In-

Roma alla Galleria Borghese. L’esposizione prosegue l’opera di valorizzazione del patrimonio artistico, permettendo di analizzare le origini della natura morta italiana nel contesto romano della fine del XVI secolo, seguendo i successivi sviluppi della pittura caravaggesca dell’inizio del ‘600. Continua la serie di mostre che, iniziate a novembre chiuderanno il 19 febbraio: prima fra tutte Edward Hopper in mostra a Roma al Complesso del Vittoriano. È stato lo stesso Edward Hopper (1882-1967) – il più popolare e noto artisti americano del XX secolo – uomo schivo e taciturno, amante degli orizzonti di mare e della luce chiara del suo grande studio, a chiarire la sua poetica: se potessi dirlo a parole, non ci sarebbe alcun motivo per dipingere. Sempre chiusura il 19 febbra-

Tracey Emin, Roio Picasso En Ima- and the Indiana, Rages. L’Opera, l’ArContemporary bert gnar Kjartansson, tista, il Personaggio Yayoi Kusama, al Museo dell’Ara in Rome’s Mark Manders, Pacis. Oltre due- Great Ursula Mayer, Tracento fotografie e Museums cey Moffatt, Marc opere grafiche di Pablo Picasso, direttamente Quinn, Joana Vasconcelos, da Parigi. La mostra romana Francesco Vezzoli, Tom Wescostruisce un percorso ori- selmann. Il Chiostro del Braginale attraverso la ricchezza mante festeggia i suoi 20 anni del fondo di fotografie, opere di attività con una mostra dal d’arte e documenti del Musée carattere internazionale. national Picasso di Parigi, MARZO molti dei quali per la prima Il Museo universale: da Perugino volta presi in esame e presen- a Tiziano, da Carracci a Guido Reni, da Tintoretto a Canova in tati al pubblico. LOVE. L’arte contemporanea mostra alle Scuderie del Quiincontra l’amore in mostra rinale dal 16 dicembre 2016 a Roma al Chiostro del Bra- al 12 marzo 2017. Nel 2016 rimante dal 29 settembre 2016 corre un importante anniveral 19 febbraio 2017, a cura di sario per la storia dell’Europa Danilo Eccher. Artisti pre- e dell’Italia. Risale infatti alla senti: Andy Warhol, Gilbert primavera del 1816 il rientro & George, Vanessa Beecroft, a Roma dei capolavori dello Francesco Clemente, Natha- Stato Pontificio requisiti dai lie Djurberg e Hans Berg, napoleonici.

diana, Ragnar Kjartansson, Yayoi Kusama, Mark Manders, Ursula Mayer, Tracey Moffatt, Marc Quinn, Joana Vasconcelos, Francesco Vezzoli and Tom Wesselmann. The Chiostro del Bramante celebrates its 20 years of activity by hosting an exhibition of works by international artists. MARCH The Scuderie del Quirinale present The Universal Museum. From Napoleon’s Dream to Canova, open from 16 December 2016 to 12 March 2017. The current year marks a fundamental anniversary in the history of Europe and of Italy in particular, because it was in 1816 that the Papal States’ masterpieces returned to Rome after the Napoleonic confiscations.

The Modern


FOR THE

LABEL LOVERS

Designer brands at 30-70% less. MORE TO LOVE, All year round.

SHOW THIS PAGE AT OUR INFORMATION DESK FOR AN EXTRA 10% OFF mcarthurglen.it/castelromano


save as music & theatre

Unmissable text Teresa Favi

Imperdibili

“La dolce vita” concert

Luca Barbareschi and Chiara Noschese

Silvio Orlando

Glauco Mari in “Edipo Re”

Cecilia Bartoli Museo Alinari

34 Roma | the Eternal City

December Until January 8 at the Teatro Eliseo, Luca Barbareschi and Chiara Noschese are on stage in a “cult” classic of comic theater, L’anatra all’arancia. From the 18th to the 24th at Teatro Costanzi, the Balletto dell’Opera di Roma is onstage with a great ballet classic, The Nutcracker, with the eternal music by Tchaikovsky. New Year’s Eve at Teatro Costanzi, are celebrations to the notes of the operetta by Johann Strauss, Die Fledermaus, onstage from December 31 to January 8. From the 25th to the 27th, at the Auditorium Parco della Musica (25 to 18) comes the most famous gospel choir in America, the Harlem Gospel Choir. On the same stage December 31 and January Dicembre Fino all’8 gennaio al Teatro Eliseo Luca Barbareschi e Chiara Noschese portano in scena un “cult” del teatro comico L’anatra all’arancia. Dal 18 al 24 al Teatro Costanzi, il Balletto dell’Opera di Roma va in scena con un grande classico della danza, Lo schiaccianoci con la musica eterna di Čajkovskij. La fine dell’anno al Teatro Costanzi, si festeggia sulla note del balletto musicato da Johann Strauss figlio, dal titolo Il pipistrello, in scena dall’31 dicembre all’8 gennaio. Dal 25 al 27, all’Auditorium Parco della Musica (il 25 alle 18) arriva il più famoso coro gospel d’America, l’Harlem Gospel Choir. Sullo stesso palco il 31 dicembre e il 1 gennaio le suggestioni del gospel tra jazz e classica de James Hall produttore e ar-

1st, the evocative jazzy and classi- L’apparenza inganna, by Thomas cal gospel of James Hall, producer Bernhard, directed by Federico and arranger, and Brooklyn native. Tiezzi, from the 7th to the 12th, January and La divina Sarah from the At the Costanzi, 18th to 27th, Memoir of Sarah Bernhardt by Mozart’s masterpiece Così fan tutte, John Murrell, with Anna Bonaiuand on the podium the extraordito and Gianluigi Fogacci, directed nary Roman baton of Speranza by Marco Carniti, from February Scappucci. From January 25 to February 12 at 21 to 26. At the Teatro Eliseo the Piccolo Eliseo, Silvio Orlando from February 15 to March 5, is the lead in Lacci by Domenico Andrée Ruth Shammah is the diStarnone. The 27th at the Audi- rector of Il lavoro di vivere (The Latorium Parco della Musica, Gala bor of Life) by Hanoch Levin, with Mozart with the great Roman mezzo the collaboration of Carlo Cecchi. Cecilia Bartoli in concert with the From February 28 to March 10, Orchestra of Santa Cecilia conduct- at Teatro Costanzi, the great work ed by Antonio Pappano. by Verdi, Il Trovatore, is onstage in On January 29 at the Teatro Studio the new production by Àlex Ollé Borgogna, a musical marathon for (La Fura dels Baus), young audiences from with Jader Bignami10 am to 8:30 pm with ni on the podium, a orchestral musicians project of Fabbrica and artists of the San- Young Artist Prota Cecilia choir. gram of the Teatro February At the Teatro India, Events from dell’Opera in Rome.

rangiatore nativo December Febbraio di Brooklyn. to February, Al Teatro InGennaio dia L’apparenclassical Al Costanzi, dal za inganna, 
di 18 al 27, il capo- music and Thomas Bernlavoro mozartia- theater hard
regia Feno Così fan tutte che vede sul derico Tiezzi, dal 7 al 12, e podio la straordinaria bac- La divina Sarah da Memoir chetta romana di Speranza di Sarah Bernhardt di John Scappucci. Murrell,
con Anna BonaiuDal 25 gennaio al 12 febbra- to e Gianluigi Fogacci,
regia io al Piccolo Eliseo, Silvio Marco Carniti, dal 21 al 26 Orlando, è il protagonista di febbraio. Al Teatro Eliseo Lacci di Domenico Starnone. dal 15 febbraio al 5 marzo Il 27 all’Auditorium Parco Andrée Ruth Shammah è il della Musica Gala Mozart regista di Il lavoro di vivere di con il grande mezzosoprano Hanoch Levin, con la comromano Cecilia Bartoli in plicità di Carlo Cecchi. Dal concerto con l’Orchestra di 28 febbraio al 10 marzo, al Santa Cecilia diretta Anto- Teatro Costanzi è di scena la nio Pappano. Il 29 gennaio grande opera verdiana, Il Troal Teatro Studio Borgogna, vatore, nel nuovo allestimenmaratona musicale per il to di Àlex Ollé (La Fura dels pubblico junior dalle 10 alle Baus), Jader Bignamini sul 20.30 con i professori d’or- podio, progetto del Fabbrichestra e gli artisti del coro ca- Young Artist Program del di Santa Cecilia. Teatro dell’Opera di Roma.


Pandolfini Casa d’Aste FIRENZE Palazzo Ramirez Montalvo Borgo degli Albizi, 26 Tel. +39 055 2340888 ROMA via Margutta 54 info@pandolfini.it

PANDOLFINI.COM


save as pop

Tell me when! DECEMBER Thursday, 22, Fiorella Mannoia will perform at the Auditorium Parco della Musica two months after the release of her album “Combattente”. It was a very special year for Daniele Silvestri and his “Acrobati”, the title of his latest album: we’ll see him at the Auditorium Parco della Musica on Monday 26 and Tuesday 27. From December 28 to January 6 at the Palalottomatica: Notre Dame De Paris. An unmissable New Year’s at the Auditorium: James Hall, talented versatile artist with James Hall & Worship and Praise. On December 31 and January 1. JANUARY A 2017 that begins under the

stars of the music of Giovanni Allevi. The Auditorium Parco della Musica, in the Sala Santa Cecilia will host in a special concert where students will tackle the triple role of composer, pianist and conductor. All the energy of Eugenio Bennato, on January 21. The 28th, on the same stage, Revolution The Musical, the history of the Beatles and played by one of the most famous Tribute Bands in Europe. Monday 30 and Tuesday 31: these dates mark the return to Italy of the Dream Theater for a special tour that will stop in the Sala Santa Cecilia of the Auditorium Parco della Musica. FEBRUARY After the huge success of Liga Rock Park that drew more than 150,000 people to Monza, Luciano Ligabue will be on stage at the Palalottomatica on February 3, 4, 6 and

DICEMBRE Giovedì 22 Fiorella Mannoia torna in concerto all’Auditorium Parco della Musica a due mesi dall’uscita del disco “Combattente”. È stato un anno davvero speciale per Daniele Silvestri e i suoi “Acrobati”, titolo del suo ultimo album: lo vedremo all’Auditorium Parco della Musica lunedì 26 e martedì 27. Dal 28 al 6 gennaio al Palalottomatica: Notre Dame De Paris. Un Capodanno imperdibile quello dell’Auditorium: James Hall, talentuoso artista poliedrico con James Hall & Worship and Praise. Il 31 dicembre e 1 gennaio. GENNAIO Un 2017 che inizia sotto le stelle della musica di Giovanni Allevi. L’Auditorium Parco della Musica, ospiterà nella Sala Santa Cecilia un

“Voce 2017”, è concerto speciaquesto il nome le in cui Allevi si Our music esibirà nel tripli- calendar of del l tour teatrale di Arisa, all’Auce ruolo di compositore, pianista unmissable ditorium Parco e direttore d’or- live events della Musica il chestra. Tutta l’energia della 4 del mese. Ci spostiamo al con Eugenio Bennato, il 21 Quirinetta Caffè Concerto gennaio. Il 28 stesso palco per il rock indipendente dei per Revolution The Musical, Marlene Kuntz (9 febbraio), il la storia dei Beatles descritta sound dei Dandy Wharols al e impersonata da una delle Monk Club (17 febbraio) e Tribute Band più famose in il rap di Marracash e Guè PeEuropa. Lunedì 30 e marte- queno all’Atlantico Live (18 dì 31: queste date segnano il febbraio). ritorno in Italia i Dream The- MARZO ater per un tour speciale che Qualche anticipazione per farà tappa nella sala Santa il mese della primavera: il Cecilia dell’Auditorium soul di Macy Gray all’Auditorium della Conciliazione Parco della Musica. (11 marzo), il ritorno dei FEBBRAIO all’Auditorium Dopo l’enorme successo di Baustelle Liga Rock Park che ha atti- Parco della Musica di Roma rato a Monza oltre 150.000 (13 marzo) e l’attesissimo persone, Luciano Ligabue sa- live del duo più celebre del lirà sul palco del Palalotto- rap italiano Fedez e J-Ax, al matica il 3, 4, 6 e 7 febbraio. Palalottomatica il 18.

Dimmi quando!

Daniele Silvestri

Dream Theater

Macy Gray

Luciano Ligabue

Fedez e J-Ax Museo Alinari

36 Roma | the Eternal City

7. “Voce 2017” is the name of the theatrical tour of Arisa, at the Auditorium Parco della Musica on the 4rth of the month. We move on to the Quirinetta Caffè Concerto for the independent rock of Marlene Kuntz (February 9), the sound of the Dandy Wharhols at the Monk Club (February 17) and the rap of Marracash and Guè Pequeno at the Atlantico Live (February 18). MARCH Anticipation for the month of spring: soul music by Macy Gray at the Auditorium della Conciliazione (March 11), the return of the Baustelle at Auditorium Parco della Musica in Rome (March 13) and the highly anticipated live concert by the most famous Italian rap duo J-Ax and Fedex, at the Palalottomatica on the 18th.


ROMA via della Croce, 7


it object

)story e v o (l g n i d n e Never a re) infinit ia (d’amo Una stor Bozzoni text Sabrina

Like a luxurious tapestry with naturalistic inlays, the new Dionysus Bag burst into the style spotlight and won’t be leaving anytime soon. A new bauble of brazen aristocratic elegance, an exercise in style by Alessandro Michele for Gucci. You’ll find it at no. 8 of Via dei Condotti. Come un lussuoso arazzo dagli intarsi naturalistici, la nuova Dionysus Bag irrompe sulle scene dello stile per non lasciarci più. Un nuovo cimelio di eleganza nobile e sfrontata, esercizio di stile firmato Alessandro Michele per Gucci. Cercatela in via dei Condotti al numero 8. Roma | the Eternal City 39


it object

Meow! miao!

zoni

oz text Sabrina B

A skinny metallic structure with round lenses in perfect 70s style and then...two perfect arches that open like rays of an evergreen sun. For lovable kittens 2.0 with unmistakable style. Creations by Fendi for summer 2017. At Largo Carlo Goldoni no. 420. Una finissima struttura metallica, lenti rotonde in perfetto stile seventies, e poi loro, due archi perfettissimi che si aprono come raggi di un sole sempreverde. Per amabili gattine 2.0 dallo stile indiscusso. Creazioni di Fendi per la prossima estate 2017. In Largo Carlo Goldoni, 420. Roma | the Eternal City 41


it object

to you daictoaatetd Deedic e D

zoni

oz text Sabrina B

On the Via Sistina, Peroso Gioielli is a jewelry store with all the charm and history of what was once the first pharmacy of Rome, with the 19th century boiserie walls that frame the jewels, antique silverware and design objects such as these lacquer jewel boxes. Definitely a must. In via Sistina, in quella che fu la prima farmacia di Roma, Peroso Gioielli, una gioielleria ricca di storia e fascino le cui pareti in boiserie dell’ottocento fanno da cornice a gioielli, argenti antichi e oggetti di design, come queste scatole in lacca porta gioie. Un must. Roma | the Eternal City 43


Via di Monte D’Oro, 30 - Roma - Tel +39 06982634 Fax +39 0698263499 info@jkroma.com - www.jkroma.com


it object

love f o n o i t a r a l c De d’amore ione dichiaraBzozzoni text Sabrina

“I love you only because it›s you the one I love; and the measure of my changing love for you is that I do not see you but love you blindly.” Pablo Neruda. Could anything be more romantic than this lingerie set by La Perla? Don’t miss the new Floral Vibes collection. “Ti amo solo perché io ti amo, senza fine io t’odio, e odiandoti ti prego, e la misura del mio amor viandante è non vederti e amarti come un cieco” Pablo Neruda. Esiste qualcosa di più romantico se non questo completo intimo firmato La Perla? Non perdetevi la nuova collezione Floral Vibes. Roma | the Eternal City 45


shotonsite

Anna Lunghi, Patricia Lynch, Grazia Fiozzi, Alfonso Maccaroni

Giulia Nattino Veronica Sgaravatti, Valentina Impallomeni

Magda Andreola, Giampaolo Rossi

Salvatore Ambrosino, Giuseppe De Angelis

Orchidea Fini, Roberta betti

Diego Dominguez, Clara Alonso

Veronica Sgaravatti, Costanza Calabrese

Georgia Martini, Elena Cateno Di Capriglia

Damiano Caforio, Pietro Infante 46 Roma | the Eternal City

Giuseppe Ferraioli, Tiziana Martella

The party for the new Roma the Eternal City issue, on the occasion of the International Antiques Biennale in Rome. Partner Cecchi Vini

Fabrizio Dani, Daniela Lamentano, Ilaria Giachetti,Andrea Vannucci

Raffaele Fabretti, Sun-Yi

Francesco Lupi, Francesca Amicucci


Harry’s Bar ROMA

Il leggendario Harry’s Bar è l’unico posto che evoca la “Dolce Vita”, come se si trattasse di una clip di un film, creando un ritorno di fiamma viva per l’epoca d’oro della Via Veneto, quando Frank Sinatra suonava il pianoforte e tutte le Star facevano la loro comparsa in questo bar / ristorante pieno di glamour e stile. Come negli anni Sessanta ruggenti, è ancora possibile sorseggiare un aperitivo e ascoltare ogni sera il piano bar dal vivo. La cucina raffinata ricorda la freschezza dei sapori mediterranei a base di ingredienti di prima qualità. Tradizione e fantasia ispirano gli eleganti piatti, accompagnati dalle etichette più prestigiose ed un servizio di alta classe. Legendary Harry’s Bar is the unique place that evokes the “Dolce Vita” as if it were a clip from the film, creating a vivid flashback to the golden era of the Via Veneto, when Frank Sinatra sang the piano and all the stars made their appearance in this bar/restaurant full of glamour and style. As in the roaring sixties, you can still sip an aperitif, enjoy the live piano bar every evening and dive into the magic of the Via Veneto from the exclusive and fascinating Harry’s Bar. The refined cuisine recalls the freshness of Mediterranean flavours based on prime ingredients. Tradition and fantasy inspire the elegant dishes, accompanied by the most prestigious labels and a high class service.

Via Vittorio Veneto 150, 00187 Roma | Tel. 06/484643 www.harrysbar.it - info@harrysbar.it Orari di apertura: dalle 10,00 AM alle 02,00 AM


shotonsite

Roberta Ciardiello, Laura Pinna

Maura Grossi, Razumovsky Ella, Emilie Fouilloux

Maria Grazia Loschiavo, Alice Del Barba

Federica Mastroianni, Michela Mazzaggio

Marco Magni , Elpis Francesca

Ezia Baronio Fortuna Grimaldi

Maura Grossi, Mirjana Surbeck

Francesca Ferrante, Maria Chiara Scafuro

Opening party of the La Perla boutique in Rome, at 28 Via Bocca di Leone

Carolina Pezzotti, Tommaso Tornaboni

Giuseppe Petrafesa, Guglielmo Giovannelli

Maura Grossi, Alessandra Frati Roma | the Eternal City 49


shotonsite

Matteo Parigi Bini, Dario Nardella, Alex V. Lana

Vaenessa Zoppas, Alberto Moretti

Elena Iannantuoni, Federica Damiani

Maddalena Ciaramella, Monica Sarti

Ori Kafri, Natalie Kriz

Eleonora and Carlo Frescobaldi

Silvia Orsi Bertolini, Andrea Cavicchi

Francesca Cavicchi, Raffaello Napoleone 50 Roma | the Eternal City

Massimo Listri, Michele Bonan

The exclusive event to celebrate Firenze Made in Tuscany’s 10th anniversary in the beautiful setting of Serre Torrigiani

Silvia Panicucci Marinella and Helga Fani

Annagreta and Andrea Panconesi

Agostino Poletto, Aiza and Emilino Rinaldi


Sassoalloro 2012 NUOVA ANNATA NUOVA ETICHETTA Castello di Montepò - Scansano (GR) - ph. +39 0577 848238 - www.biondisanti.it - info@biondisantimontepo.com


shotonsite

Silvana Previti, Giulia Previti, Clelia Previti

Amanda Triossi, Fabrizio De Falco, Demetria Perez

Alessio Guidelli, Valentina Corti

Andrea Mennella, Linda Tuccimei

Alessandro Tomassetti, Silvia Fracassi

Germana Del Grande, Massimo Giordano

Layla Doretto, Fabio Mangifesta

Barbara Toccacelli, Maria Helena Mastrojeni

Demetria Perez, Francesca Barbati 52 Roma | the Eternal City

Maria Luisa Scarcelli, Valerio Ricci

The introduction of ‘Blue Velvet’, the new high jewelry line by Vhernier, in the Hotel De Russie’s Torlonia Room

Alessandra Cirafici, Federico Lenci, Francesca Sacchi, Livio Sacchi

Lilli Bonanni, Clelia Previti

Ada Urbani


shotonsite

Davide Olivito

Sabina Ponzio, Marco Viticoli

Alessandro de Giovanni

Lidia Magrino, Piero Magrino

Benedetta Gambino, Tullio Barzaghi

Gianpaolo Pinna

Antonio Pi, Anna Maria Soggu

Andrea Stazi, Katerina Filatova

The Boggi Milano event dedicated to the new “Su misura� project at the elegant boutique in Rome

Georgia Martini, Guglielmo Giovanelli

Gianvito Prasti, Alessia Fiore

Laetitia Gentile, Umberto Giraudo, Mario Lo Sardo, Tullio Barzaghi

Franco Mosca, Monica Mosca Roma | the Eternal City 53


54 Roma | the Eternal City


A symbolic district Un Quartiere simbolo

text Veronica Sgaravatti photo Valentina Stefanelli

Roma | the Eternal City 55


Villa Borghese: the Lake’s Garden and Temple of Aesculapius

The Flaminio district is a very prestigious area of ​​Rome, and Il quartiere Flaminio è una zona di Roma di grande prestigio, day after day it grows in terms of redevelopment. It is now a e giorno dopo giorno cresce in termini di riqualificazione, cultural attraction, thanks to the Auditorium, the Maxxi Mu- essendo ormai polo di attrazione culturale, grazie all’Audiseum, the Gnam (National Modern Art Gallery), but also the torium, al museo Maxxi, alla Gnam (Galleria nazionale d’arte nerve center of sports entertainment, the Olympic Stadium, moderna), ma anche centro nevralgico dell’intrattenimento sportivo grazie allo Stadio Olimpico, allo Stadio Flaminio e the Flaminio Stadium and the Foro Italico. al Foro Italico. The Flaminio is the first district of the capital Il Flaminio è il primo quartiere della Capitale e and owes its name to the consular road that deve il suo nome alla strada consolare che lo atpasses through it, a long straight throughway traversa, un lungo rettilineo che raggiunge Ponthat goes as far as Ponte Milvio. And if until the Milvio. E se fino alla fine del XIX secolo queend of the nineteenth century this long straight The Flaminio te sta lunga strada dritta era una piatta distesa di road was a flat expanse of fields that periodiis the first campi che periodicamente si allagavano a causa cally flooded due to the river’s flooding, in later district of delle piene del fiume, negli anni successivi la years, thanks to the redevelopment of the area around the Tiber, the district has undergone the capital zona, grazie alla riqualificazione dell’area intoral Tevere ha subìto un notevole sviluppo e some major development and seen many of and goes no visto nascere luoghi di aggregazione importanthe city’s meeting places established, includfrom Villa ti per la città, tra cui il sorgere di tanti Circoli ing the many Sport Clubs along the banks of Borghese to Sportivi lungo gli argini del fiume che hanno the river that contributed to the area’s rebirth. These Circoli or clubs - almost all beginning as Ponte Milvio contribuito alla rinascita della zona. Questi Circoli - quasi tutti nati come circoli di canottaggio rowing clubs - are, in fact, an exceptional space for many athletes who get together to practice different dis- - sono, infatti, uno spazio eccezionale per tanti sportivi che si ritrovano per praticare diverse discipline. ciplines. The Flaminio district goes from Villa Borghese to Ponte Mil- Il quartiere Flaminio va dunque da Villa Borghese a Ponte vio and, walking quickly through one of most beautiful his- Milvio e, passeggiando velocemente attraverso una delle Ville torical villas in the city you can admire the Temple of Aescu- storiche più belle della città si può ammirare il Tempietto di lapius, the Casina delle Rose with the Casa del Cinema, the Esculapio, la Casina delle Rose con la Casa del Cinema, il Biopark and the Globe Theater, made of wood and modelled Bioparco e il Globe Theater, realizzato in legno su modello 56 Roma | the Eternal City


Above: Galleria Borghese Below: a picture of Villa Borghese’s large park Roma | the Eternal City 57


Gnam, the National Modern Art Gallery

on the theater where Shakespeare performed. Once past Villa del teatro dove recitò Shakespeare. Borghese we find Via di Villa Giulia, the entry road built by Superata Villa Borghese troviamo via di Villa Giulia, strada Pope Julius III for his summer residence of the same name. fatta costruire da Papa Giulio III per accedere alla sua omoToday the Villa houses the National Etruscan Museum and nima residenza estiva. Oggi la Villa è sede del Museo Nazioseveral collections of southern Etruria. On the same street nale Etrusco e ospita numerose collezioni dell’Etruria meriis Gnam, the National Modern Art Gallery which has just dionale. Nella stessa strada c’è Gnam, la Galleria nazionale been refurbished, totally changing its appeard’arte moderna che è appena stata rinnovata, ance. Gnam now has a central part and two side cambiando totalmente aspetto. Gnam ha ora courtyard gardens, while the exhibition rooms, It is a cultural una parte centrale e due cortili laterali divencompletely white, highlight the exhibited works attraction, tati due giardini, mentre le sale espositive, toand accentuate the light entering from the big bianche, danno maggiore risalto alle thanks to the talmente windows. In addition to the permanent collecopere esposte e accentuano la luce che entra Auditorium, dalle grandi finestre. Oltre alla collezione pertion, there are also temporary exhibitions. the Maxxi, the manente, ci sono anche mostre temporanee. The period of change for the Flaminio came with the end of the Second World War and Gnam, Olympic Il periodo di svolta per il Flaminio fu con la fine Rome being awarded the hosting of the 1960 Stadium, della seconda guerra mondiale e l’assegnazione Olympic Games, which opened a period of Roma dei Giochi Olimpici del 1960, che aprì the Flaminio auna profound urban transformation in the neighfase di profonda trasformazione urbana del Stadium and Quartiere con la costruzione del Villaggio olimborhood with the construction of Olympic village and subsequently the Auditorium and the Foro Italico pico e successivamente dell’Auditorium e del Maxxi. Maxxi. The Auditorium Parco della Musica, designed by Renzo Pia- L’Auditorium Parco della Musica, progettato da Renzo Piano no in 1994, is a multifunctional complex with three “acous- nel 1994, è un complesso multifunzionale caratterizzato da tic planes”. The Auditorium, designed for performances and tre “casse armoniche”. L’Auditorium, destinato alle rappreconcerts, can seat around 3000 people while the Maxxi (Mu- sentazioni e ai concerti, accoglie circa 3000 spettatori, mentre seum of XXI Century Arts), designed by architect Zaha Hadid il Maxxi (Museo delle Arti del XXI secolo), progettata dall’arand opened in 2010, houses permanent collections and exhi- chitetto Zaha Hadid e inaugurato nel 2010, ospita collezioni bitions and is the classic example of a modern structure ca- permanenti e mostre ed è il classico esempio di una struttura 58 Roma | the Eternal City


Some images of the National Modern Art Gallery, which now has a central part and two side courtyard gardens, while the exhibition rooms, completely white, highlight the exhibited works and accentuate the light entering from the big windows Roma | the Eternal City 59


60 Roma | the Eternal City


In this page and in previous page, some pictures of Maxxi (Museum of XXI Century Arts), designed by architect Zaha Hadid and opened in 2010, houses permanent collections and exhibitions Roma | the Eternal City 61


The Armando Trovajoli Bridge of Music, reserved for the use of pedestrians and cyclists. The Bridge crosses the Tiber between the Flaminio and Della Vittoria neighborhoods 62 Roma | the Eternal City


Olympic Stadium

pable of integrating with the history that surrounds it. Char- moderna in grado di integrarsi con la storia che la circonda. acterized by a series of galleries that filter natural light inside Caratterizzato da una serie di gallerie che riescono a filtrare the rooms, the Maxxi is more than anything an experimental luce naturale all’interno degli ambienti, il Maxxi è in tutto e per tutto un laboratorio di sperimentazione. space. Another innovation in the neighborhood was the Armando Altra innovazione nel quartiere è stato il Ponte della Musica Trovajoli Bridge of Music, opened in 2011. The Bridge, re- Armando Trovajoli, inaugurato nel 2011. Il Ponte, riservato all’uso ciclabile e pedonale, oltrepassa il Tevere tra il quarserved for the use of pedestrians and cyclists, tiere Flaminio e Della Vittoria e collega il Maxxi crosses the Tiber between the Flaminio and Della Vittoria neighborhoods and connects The period of con il complesso sportivo del Foro Italico. the Maxxi with the sports complex of the Foro change came In questo contesto di riqualificazione dell’intearea sono sorti anche tantissimi nuovi locali Italico. In this redevelopment of the whole area, with the end ra che hanno reso la zona sempre più attraente e many new venues have opened up, making the area increasingly attractive and fashionable. of the Second mondana. Tra i locali diventati un must della Among the venues, a must in the area is the en- World War and zona c’è il divertente Tree Bar, lungo i binari del tertaining Tree Bar, along the tram tracks to Via Rome being tram a via Flaminia, dove c’è uno spartitraffico la separa da viale Tiziano, diventato un punFlaminia, where there is a traffic island separatawarded the che to di ritrovo unico e si può definire una minuing it from Viale Tiziano. It has become a unique meeting point and could be called a tiny green hosting of the scola oasi verde nel caos del quartiere Flaminio. 1960 Olympic Il locale si contraddistingue per un arredamenoasis in the chaos of the Flaminio district. The spot stands out for its Scandinavian-inspired Games to di ispirazione scandinava ed è immerso nel verde del parco di piazza Manila, il luogo ideale furniture and is surrounded by the greenery of the Piazza Manila Park, the perfect place to have breakfast, dove fare colazione, prendere un ottimo aperitivo e cenare. have a nice aperitif and dinner. Thanks to its unique location, Grazie alla sua esclusiva collocazione, a due passi dal Maxxi, just steps away from the Maxxi, the Auditorium and the Ponte dall’Auditorium e dal Ponte della Musica, è diventato un pundella Musica, it has become a meeting place that houses exhi- to di ritrovo che ospita mostre ed eventi musicali e culturali. Nelle vicinanze meritano una nota la gelateria Neve di Latte, bitions and musical and cultural events. Nearby are the noteworthy ice cream shop Neve di Latte, dove il gelato di Ermanno Di Pomponio vanta il primato di where Ermanno Di Pomponio’s ice cream has the distinction essere considerato uno dei più buoni della città e la libreria Roma | the Eternal City 63


1

2

4

3

5 5

64 Roma | the Eternal City

6

1. Ponte Milvio 2. 6. The flea market of Ponte Milvio, with more than 200 stands of items and crafts 3. Tree Bar 4. Gianfornaio 5. Trapizzino


Ponte Milvio, the ancient Roman bridge now mainly known as the Bridge of Lovers

of being considered some of the best in the city, and the Koob Koob, dove, oltre all’acquisto di un libro, si possono avere bookshop, where, in addition to buying a book, you can have informazioni su corsi d’arte, tra cui quello di musica per baminformation on art courses, children’s music courses, and bini, di coro e laboratori teatrali per adulti, ma si può anche choir and theater workshops for adults. You can also stop for fermarsi per una pausa nel gradevole mini-bar all’interno. Negozio food, interessante e a due passi, è La Capra Rama break in the pleasant mini-bar inside. An interesting and nearby food store is La Capra Rampante, pante, a via Donatello: un super market biologico, a kilometro zero, dove tutto è concepito con eleganza e a misura d’uomo on Via Donatello: an organic zero-kilometer sucon una ricerca altissima di prodotti di qualità. per market, where everything is elegant and on Finalmente, dopo il moderno Ponte della Musia human scale, with very high quality products in the inventory. Many new ca si arriva a Ponte Milvio, antico ponte romano noto soprattutto come il ponte degli inFinally, after the modern bridge of music, we venues have oggi namorati per i lucchetti che le giovani coppie come to Ponte Milvio, the ancient Roman bridge opened attaccano ai lampioni come promessa di amore now mainly known as the Bridge of Lovers beup, making eterno. Fu costruito lungo il percorso della via cause of the padlocks that young couples wrap around the street lights as a promise of eterthe area Flaminia a Cassia come passaggio obbligato per a nord e i romani ancora lo chiamano nal love. It was built along the route of the Via increasingly dirigersi ponte Mollo perché, quando il Tevere è in pieFlaminia Cassia as a necessary way north and attractive na, è il primo ponte a venire sommerso. the Romans still call it Mollo bridge because, and Ponte Milvio è diventata un’istituzione per la when the Tiber is full, it is the first bridge to be submerged. Ponte Milvio has become an instifashionable movida romana ed è qui che spuntano a ritmo serrato locali nuovi e attraenti dove tanti giotution for Roman nightlife and it is here that new attractive nightspots pop up at a fast pace. Many young vani si riversano per un aperitivo, una merenda o una vera e people flock here for a drink, a snack or an actual dinner. propria cena. Per un break veloce c’è veramente l’imbarazzo For a quick break, one is really are spoiled for choice: Tra- della scelta: Trapizzino, 100 montaditos, Ippo Pizza, Gianforpizzino, 100 montaditos, Ippo Pizza, Gianfornaio and many naio e tantissimi altri locali che distano tra loro appena 50 other places that are within just 50 meters of each other. On metri. Durante le domeniche, invece il ponte è conosciuto Sundays, the bridge is known for the flea market held there, perché vi si svolge un mercatino dell’antiquariato con più di 200 espositori di oggettistica e artigianato. with more than 200 stands of items and crafts. Roma | the Eternal City 65


cover story

A color on the palette Colore sulla tavolozza text Giovanni Bogani photo Marcel Hartmann That’s how Jude Law, Paolo Sorrentino’s young and charming pope describes himself Cosi si definisce Jude Law, il giovane e affascinante young pope di Paolo Sorrentino Rome again, the great beauty of Rome again. And once again, Academy Award-winner Paolo Sorrentino turns Rome into an abstract, metaphysical, menacing and disquieting city. After The Great Beauty, Paolo Sorrentino was faced with the challenge of creating a TV series as accurate as a film. Twelve episodes produced by HBO and Sky. Jude Law is the Young Pope. A cynical and disillusioned pope, a chain-smoker who cares about his look and goes swimming. The first two episodes were premiered at the Venice Film Festival. And now The Young Pope is already a cult series among TV fans. A € 40-million budget, a TV series sold worldwide: The Young Pope is a huge media event. And Paolo Sorrentino is already working on the second season. Jude Law, how did you prepare for playing the “young pope”? I tried to learn more about the history of the Vatican, of the papacy and of the influence it has had on the Catholic faith. Then I realized that the subject was too extensive to be fully covered. So, at a certain point, I found myself not understanding who this pope created by Paolo was. And then I found that the best solution was to rely on him and be guided by him. And I did my best to make this man full of contradictions, who becomes pope at the age of 47, credible to the audience. What did you think the first time you read the script? I thought that I was faced with something full of tension and sense of humor, but also full of pop references. Paolo helped me look at the character not only as a pope, but simply as a man. Full of contrasts, of contradictions. Lenny Belardo, the young pope, is like an actor playing the role of a pontiff. What really struck you about the story? The main theme is power. And it is not surprising that behind the Vatican institution, which has such great economic resources, the dynamics are those described in the film. 66 Roma | the Eternal City

Di nuovo Roma, di nuovo la grande bellezza di Roma. E di nuovo la grande inquietudine che crea una città che diventa, davanti alla telecamera del premio Oscar Paolo Sorrentino, astratta, metafisica, minacciosa. Dopo “La grande bellezza”, la sfida più impegnativa per Paolo Sorrentino è stata quella di creare una serie televisiva che fosse accurata come un film. Dodici puntate prodotte da HBO e Sky. Jude Law è il giovane papa del titolo. Un papa cinico e disincantato, che fuma, che tiene alla sua apparenza, che nuota in piscina. Le prime due puntate si sono viste alla Mostra del cinema di Venezia. Poi, la serie è diventata un cult fra gli spettatori tv. Un budget di 40 milioni di euro, una serie venduta in 110 paesi del mondo: The Young Pope è un enorme evento mediatico. E Paolo Sorrentino sta già lavorando alla sceneggiatura della seconda stagione. Jude Law, come ha lavorato per dare vita al suo “young pope”? Ho provato a conoscere la storia del Vaticano, del papato, degli effetti che ha avuto sulla fede cattolica. Poi ho capito che si trattava di un argomento troppo vasto. Così, mi sono trovato a un certo punto senza capire chi fosse questo papa creato da Paolo. E ho trovato la soluzione migliore: affidarmi a lui, lasciarmi guidare dalla sua regia. E ho cercato di rendere credibile quest’uomo pieni di contraddizioni, che diventa papa a 47 anni. Quando ha letto il copione per la prima volta che cosa ha pensato? Che mi trovavo davanti a un prodotto pieno di tensione e insieme di umorismo, ma anche riferimenti pop. Paolo mi ha aiutato a guardare il personaggio non come ad un papa, ma semplicemente come un uomo. Pieno di contrasti, di contraddizioni. Lenny Belardo, il ‘papa giovane’, è come se fosse un attore che veste i panni di un pontefice. Che cosa la ha colpita della storia? Il tema centrale è il potere. E non stupisce apprendere che dietro la facciata di una istituzione come il Vaticano, con così grandi risorse economiche, si sviluppino dinamiche come quelle che il film racconta.


cover story

Jude Law, the star of “The Young Pope”, the TV series by Academy Award winner Paolo Sorrentino Roma | the Eternal City 67


cover story

A young pope on the small screen, the father of five in real life

How did you recreate the pope’s body language? I gesti del suo papa come sono nati? Costumes influence the gestures and the posture you adopt. E’ l’abbigliamento che influenza la mimica, e la postura. La posizione Where to put your hands, for instance: when you’re dressed delle mani, per esempio, è inevitabile: non c’è posto dove metterle, like a pope, you have no choice but to keep them behind your e allora le metti istintivamente dietro la schiena. Mi sono abituato back. I got so used to keeping them behind my back, that I talmente che ho continuato a tenere le mani dietro la schiena anche kept doing it even after the film, when I was not wearing papal dopo le riprese, e senza gli abiti papali. costumes anymore. Come è stato il suo rapporto sul set con Sorrentino? What was your relationship with Sorrentino like on the set? Paolo aveva le idee molto chiare. Ci siamo trovati davanti a una Paolo had very clear ideas. We worked on a very clear-cut sceneggiatura precisa, a un materiale chiarissimo su cui lavorare. script. I did my best to realize Paolo’s intentions: an actor’s job Io cercavo sempre di capire le intenzioni di Paolo: noi attori siamo is that of putting the film director’s intentions into practice. I lì per realizzare le intenzioni del regista, per metterle in pratica. E’ enjoyed being one of the colors on his palette. stato bello essere un colore sulla sua tavolozza. Did you shoot any scene in the Vatican? Avete girato in Vaticano qualche scena? No, we were allowed inside the Vatican only for half an hour. No, in Vaticano siamo stati ammessi solo per una mezz’ora. Ma in But during that time, we didn’t shoot, we simply quella mezz’ora non abbiamo girato niente, abbiamo took a walk. Everything was recreated at the solo passeggiato. Abbiamo ricostruito tutto a Cinecittà studios, including the Sistine Chapel Cinecittà, dove è stata ricostruita la Cappella Sistina, Two Academy e anche i giardini vaticani. and the Vatican Gardens. Have you heard any of Pope Francis’s homilies? Award Ha ascoltato le omelie di papa Francesco? In the beginning, yes: I wished to hear the real sì: volevo ascoltare il vero papa, era uno dei nominations, in All’inizio pope speaking, it was one of my plans in order progetti che avevo per entrare dentro il personaggio. 2000 for “The Così come l’idea di imparare l’italiano... to better identify with the character. I had also planned to learn Italian…. Talented Mr. Si è fatta un’opinione su di lui, sul suo pontificato? Have you formed an opinion about him, about le riprese ero deciso a incontrarlo: non Ripley” and in Durante his pontificate? mi è stato possibile, per un problema di tempi. Ma 2004 for “Cold trovo molto interessante come questo papa riesca a During the film shooting, I really wanted to meet Mountain” parlare a tutto il mondo. Trovo grande la sua capacità him, but I didn’t get the chance. I appreciate this pope being able to reach out to the whole world, to tackle di affrontare temi che riguardano tutti noi, e apprezzo moltissimo issues that everyone’s facing, and I really admire his great la sua grande modestia. unpretentiousness. Il suo papa vive in modo molto tormentato. Sono tormenti che Your pope lives a very tormented existence. Do you endure appartengono anche a lei? the same torments? No, ho altri tipi di tormenti. Ma interpretare questo ruolo mi No, other torments. But playing this role helped me question ha portato a interrogarmi sul mio rapporto con la fede. È una myself about my relationship with faith. It is a need, especially necessità importante, soprattutto quando vai avanti negli anni. as one grows older. I took a moment to look inside my heart Mi sono fermato, mi sono chiesto chi sono io, qual è il mio ruolo and I asked myself who I am, what my role in this life is. nell’esistenza. Your pope might cause scandal and arouse controversy. Il suo papa può scandalizzare, può creare polemiche, perplessità. I, for one, know that this pope was not created for the purpose Ma io so, meglio di tutti, che non è stato creato con l’obiettivo di of causing scandal. On the contrary, I hope that the audience scandalizzare. Spero, al contrario, che la gente sia incuriosita dalle will be intrigued by the issues the film touches on. questioni che il film solleva. Did you eventually learn to speak Italian? E alla fine, l’italiano lo ha imparato? No, but I learned Latin! No; però ho imparato il latino! 68 Roma | the Eternal City


He was born in 1972 in London, the child of school teachers and Beatles fans, who named him after aa the Hey Jude song Roma | the Eternal City 69


movie interview

I love to dance Amo ballare text Veronica Sgaravatti

Diego Dominguez, Diego Casal in Violetta, talks about himself Diego Dominguez, il Diego Casal di Violetta, si racconta

Diego Dominguez, 25, Spanish by birth, has become the idol of millions of teenagers thanks to the television series Violetta where he played Diego Casal. From December to the end of March, we will see him beside his girlfriend Clara Alonso in the Fox Italia program, presenting Dance, dance, dance, a program where various dance teams will be competing. When did you start acting? I started at age 11 because I was chosen from thousands of applicants to present a reality show called Eurojunior and, here, I immediately stood out because I came second in all of Spain. At 13, I became aware of my talents as an actor and started studying acting in Zaragoza, the city where I was born. At 17, I moved to Madrid to study my passion and at 20 started working as an actor, professionally. How were you as a child? I grew up hearing my mother sing. She has a special voice. She definitely has a gift. However, my parents always told me that I had to study and then I could devote myself to acting. Only after the first good grades in school did they sent me to study acting. What do you like most about acting? I like being on a theater stage and I love the idea of ​​being able to play people who are very different from me. What was the most formative experience in your career? Violetta without a doubt. At age 20, I had my first role as a leading actor. I moved to Buenos Aires to live. There I really understood what it means to do theater. What advice would you give to a young man who wants to become an actor? I would advise him to study a lot. You have to be ready in all situations and learn to become very versatile. What is your relationship with Italy? I love Italy, the food, the people and the architecture. The people are very similar to the Argentinians. In Rome, the monument I like the most is the Altare della Patria. It gives me the idea of something majestic, gigantic. 70 Roma | the Eternal City

Diego Dominguez, 25 anni, spagnolo di nascita, è diventato l’idolo di milioni di teen-ager grazie alla serie televisiva Violetta dove interpretava Diego Casal. Da dicembre e fino a fine marzo, lo vedremo accanto alla sua fidanzata Clara Alonso nel programma di Fox Italia a condurre Dance, dance, dance un programma dove varie squadre di ballo si sfidano in questa attività. Quando hai iniziato a recitare? Ho iniziato a 11 anni perché sono stato scelto tra migliaia di candidati a presentare il reality show Eurojunior e, qui mi sono subito distinto perché sono arrivato secondo di tutta la Spagna. A 13 anni mi sono reso conto delle mie virtù come attore ed ho iniziato a studiare recitazione a Saragozza, la città dove sono nato. A 17 mi sono trasferito a Madrid per approfondire questa mia passione e a 20 ho iniziato a lavorare come attore, professionalmente. Che carattere avevi da bambino? Sono cresciuto sentendo mia madre cantare. Lei ha una voce speciale. Ma i miei genitori, mi dicevano sempre che dovevo prima studiare e poi potevo dedicarmi alla recitazione. Solo dopo i primi buoni voti a scuola mi hanno mandato a studiare recitazione. Cos’è la cosa che più ti piace della recitazione? Mi piace stare sul palcoscenico di un teatro e amo l’idea di poter interpretare persone molto diverse da me. Qual è stata l’esperienza più formativa della tua carriera? Sicuramente Violetta. A vent’anni ho avuto il mio primo ruolo da attore protagonista. Mi sono trasferito a vivere a Buenos Aires. Lì ho capito veramente cosa significa fare teatro. Che consiglio vorresti dare a un giovane ragazzo che vuol diventare attore? Consiglio di studiare tantissimo. Bisogna essere pronto in tutte le situazioni e imparare a diventare molto versatili. Che rapporto hai con l’Italia? Amo l’Italia, il cibo, il carattere della gente e l’architettura. E’ un popolo molto simile agli argentini. Di Roma il monumento che più mi piace è l’Altare della Patria, maestoso e gigantesco.


cover story

Diego Domínguez, born in 1991, Spanish actor and singer, launched his international career by starring in the Argentinian show “Violetta” Roma | the Eternal City 71


fashion craft

Visible Perfection Perfezione visibile

text Marta Innocenti Ciulli photo Valentina Stefanelli The Bruno Pieroni Atelier. A magical place in Rome where know-how turns into a hat Nel laboratorio Bruno Pieroni. A Roma, un luogo magico dove il savoir-faire si trasforma in chapeau

Do you remember that wonderful film that gives a very modern and vibrant retelling of the story of Marie Antoinette, the teenage queen who led a very luxurious lifestyle? Well, the sumptuous and extraordinary costumes designed by Milena Canonero wouldn’t have probably made such a lasting impression on us without the hats that look

which, back then, made fez hats and sailor caps in the years of Italy’s fascist regime. The owner was childless and upon his death Bruno, who had learnt everything about the millinery art there, took over the business. He began working in propaganda films, he collaborated with film and theatre dressmaking departments and

Partiamo da quel film memorabile che racconta in chiave pop la vita di corte di Maria Antonietta, regina adolescente che si abbandona a una serie di frivolezze e lusso sfrenato. Stupenda in quei sontuosi e straordinari costumi di Milena Canonero, che forse non sarebbero rimasti così impressi nella nostra memoria se non ci

ditta che ai tempi realizzava copricapo, fez e marinaretti, per l’Italia in camicia nera. Il titolare non aveva figli e quando venne a mancare, Bruno che aveva ben imparato l’arte della modisteria, ne rilevò la ditta. Per primo gli furono affidati i film di regime, ebbe collaborazioni con le sartorie cine-teatrali, poi con la fine della guerra,

Hats, headdresses and armors for cinema and theatre like cake icing. Those amazing hats are said to have been inspired by a box of macarons, the delicious brightly-colored meringue sandwich cookies from Paris. Massimo Pieroni, the son of Bruno Pieroni and current owner of Rome’s Bruno Pieroni Atelier, admits that he drew inspiration from delicate stacks of perfectlysized and pastel-colored macarons to design hats worthy of winning an Oscar. The atelier, just steps away from the Vatican City, was established about eighty years ago. Bruno Pieroni was employed at the workshop 72 Roma | the Eternal City

then, at the end of the war, as the Cinecittà studios and the Italian filmmaking industry began to emerge on the international scene, Pieroni rose to fame by working with great film productions. Over the years, Pieroni had the chance to collaborate with the best names of Italian costume design, such as the legendary Piero Tosi and Gabriella Pescucci. Today, Pieroni is one of the best-known artisan businesses in the field of design, production and rental of hats, headdresses, armors and breastplates for the filmmaking and theatre industry.

fossero stati come accessori quei cappelli che tanto ricordano la glassa colante dei dolci. Pare che l’ispirazione per quegli straordinari copricapo, sia stata una scatola di macarons, i piccoli pasticcini francesi, di nome e di fatto. Massimo Pieroni, figlio e titolare oggi del laboratorio romano Bruno Pieroni, ne copiò la vezzosità, i colori succosi dei pastelli e la delicatezza del design, tanto da farli diventare cappelli da Oscar. Un atelier a due passi dal Vaticano nato circa ottanta anni fa. Il padre Bruno inizia lì a lavorare, in una

con l’affermarsi di Cinecittà e dell’industria cinematografica, che diventerà un polo internazionale, per la Pieroni partì l’avventura con le grandi produzioni. Ecco quindi le importanti collaborazioni con i costumisti della scuola italiana, con il maestro Piero Tosi, con Gabriella Pescucci. Oggi la Pieroni è una delle prestigiose aziende artigiane conosciuta in tutto il mondo per la produzione e il noleggio di cappelli, copricapo e corazze per il cinema e per il teatro. “Il cappello era un elemento indispensabile, oggi invece


Some pictures of the Bruno Pieroni workshop, just steps away from the Vatican, downtown Rome


Pieroni designed the hats worn by Kirsten Dunst playing Maria Antoinette in Sofia Coppola’s film, which won the Academy Award for Best Costume Design in 2007 74 Roma | the Eternal City


Orders come mostly from Hollywood, but also from France, England and from the world’s most prestigious theatres

“In the past- says Massimo Pieroni- the hat was an essential piece in every wardrobe, today it is more of a fashion statement, unless the weather requires it. It used to be a social status symbol. A silk top hat was associated with the upper class, whereas the bowler hat was worn by the middle-classes and workingclass men wore the casquette. The late sixties marked the decline of the hat”. “The atelier- goes on Massimo Pieroni- is now a leading company in the top-quality filmmaking business. Orders come in from Hollywood, as well as from France, England and from the world’s greatest theatres. We also collaborate with Sartoria Tirelli. All pieces are made by hand, by those experienced and skillful hands, so strong and sensitive they can feel the slightest imperfection, which represent the

company’s greatest resource. portare il cappello è una ciThere is meticulous histori- vetteria, a meno che non lo cal research behind the mak- richieda il fattore climatico. ing of every single item. Una volta sanciva lo status Therefore, faithful repro- sociale. Il cilindro lucido duction with non era per a touch of our tutti e qualificreativity. cava l’apparteThrough panenza all’alta tience and atla There is borghesia, tention, in adbombetta era meticulous invece della dition to the historical piccola boruse of top-quality and mostly research ghesia, il poItalian raw behind the polo comune materials, we la camaking of portava achieve excelsquette. La fine every single degli anni Seslent results”. item santa ne decreWhat films has Atelier Pieroni designed hats tò il tramonto”. “Oggi l’afor? “A lot of films. Just to zienda, dice Massimo Pieromention a few of them: And ni, è un punto di riferimento The Ship Sails On, The Age of per l’artigianato cinematoInnocence, Once Upon A Time grafico di qualità. Le ordiin America, Lincoln, Gangs of nazioni non arrivano solo da New York, Pirates of the Carib- Hollywood ma anche dalla bean, Moulin Rouge…and, how Francia, dall’Inghilterra, much time do I have?”. dai grandi teatri sparsi nel

mondo, dalla collaborazione con la Sartoria Tirelli. I pezzi sono tutti completamente realizzati a mano, da quelle mani esperte e sapienti, forti e sensibili capaci di sentire le minime imperfezioni, che sono il capitale dell’azienda. Occorre per la loro realizzazione una minuziosa ricerca storica e quindi una ricostruzione fedele alla quale non manca ovviamente la nostra singolare creatività. La pazienza e l’attenzione garantiscono un risultato eccellente, insieme alle materie prime soprattutto italiane solo di prima qualità”. A quali film ha collaborato l’atelier Pieroni? “Tanti film. Per citarne alcuni fra gli ultimi usciti: La nave va, L’età dell’innocenza, C’era una volta in America, Lincoln, Gangs of New York, I Pirati dei Caraibi, Moulin Rouge... e poi e poi, quanto tempo mi dà?”.


East in the air Spring/summer 2017. A thin wind blows from the East. No clear-cut lines and volumes, but volatile passions leaving nothing to imagination Un sottile fil rouge. Irrompe dall’Est. Non sono linee o volumi precisi, ma passioni volatili che nulla lasciano all’immaginario

Marta Innocenti Ciulli - Photo Sara Mautone - Make up and hair Paolo Baroncelli


Prada

Sheath dress with color inlays and parachute hem Tubino con inserti di colore e orlo chiusura paracadute Shoes Prada Venezia | made in Veneto 77


salvatore ferragamo Puff sleeve blouse with front wrap and flounce yoke Camicia con maniche gonfie, intreccio sul davanti e baschina Hair brooches Patti Shorts Miu Miu 78 Venezia | made in Veneto


marco de vincenzo

Open side lace dress with strap detailing. Crocheted pullover Abito aperto su un fianco sorretto da fili sottili. Pull uncinetto Slippers Marco de Vincenzo Necklace On Aura Tout Vu at Luisaviaroma Venezia | made in Veneto 79


miu miu

Knit top with suspenders and belt. Shorts with pockets Top di maglia. Shorts con tasche Necklace On Aura Tout Vu at Luisaviaroma Shoes Prada Earrings Patti

dolce & gabbana

Patterned silk mermaid dress with precious embroidery at the waist and huge buttons Abito in seta stampata, in vita ricami e bottoni giganti Sandals Dolce & Gabbana 80 Venezia | made in Veneto


Venezia | made in Veneto 81


paul smith

Sleeveless dress loose at the waist, scarf-necked. Fully embroidered Abito collo sciarpa interamente ricamato Shoes Roger Vivier at Luisaviaroma Hair brooches Patti


fendi

Wide sleeve blouse with boat neck, paired with a slightly flared long skirt Camicia maniche ampie con scollo a barca, lunga gonna Venezia | made in Veneto 83


vivetta

Wide-legged shantung pants and jacket with elbow-length sleeves. Embroidery and frogging Shantung per i panta larghi e la giacchina Ricami e alamari Slippers Roger Vivier at Luisaviaroma 84 Venezia | made in Veneto


marni

Judogi skirt tied at the waist Gonna judogi che si annoda in vita Necklace On Aura Tout Vu at Luisaviaroma Venezia | made in Veneto 85


Hug me mi

Abbraccia

The finest heirlooms of elegance or oversize bracelets to live your red carpet moment. Bracelets break onto the scene of fashion jewelry with some rocambolesque special effects. There is no middle ground – it’s either absolutely pure or the most wicked rock. Make your choice and stick to it. Finissimi cimeli di eleganza o grandi bracciali che vi faranno vivere momenti da red carpet. I bracciali irrompono sulla scena dell’alta gioielleria con rocamboleschi effetti speciali. Non ci sono mezzi termini: si spazia dal purismo della forma al rock più sfrontato. Scegli il tuo preferito e non lo lascerai mai.

1

2

3

4

5

1. Roberto Coin 2. Chopard 3. Cartier 4. Pomellato 5. Mattioli Gioielli 6. Vhernier 86 Roma | the Eternal City


fashion jewels

6 Roma | the Eternal City 87


LIVING ROOM / ROYAL SUITE

PARCO DEI PRINCIPI GRAND HOTEL & SPA Built as a retreat for the contemplation of art and nature, the Villa Borghese sits adjacent to a property just as inspiring in scope. Parco dei Principi Grand Hotel & Spa is a sprawling, elegant oasis set in the heart of Rome. The property’s 179 rooms and suites have recently been refurbished, exuding an innate Italian elegance with ornate furnishings , marble baths and expansive views across the city. Additional amenities to mediate upon include a five-star restaurant with decór as enticing as the dishes, a wellness spa that encompasses a beauty area, fitness center and extravagant al fresco pool with vistas across the Villa Borghese gardens, inspiring amenities that bring enlightenment to the realm of hospitality.

Location: Via G. Frescobaldi, 5, Rome, Italy Phone: 39-06-85442700 Email: sales@robertonaldicollection.com Website: www.robertonaldicollection.com

TOP SUITE: ROYAL SUITE

Square footage: 2,000 Nightly rate: about 9,312 $ Number of rooms in suite: Six Number of entrances to suite: Two Number of baths: Three Suite style: Ornate exuberance captured in sumptuous fabrics, gilded furnishings and an excess of regal marble that continues throughout the suite. Key selling points: Fit for a Borghese, this sumptuous suite recreates the glory of Renaissance in Rome. The palatial masterpiece accommodates a dining room with an Empire-style table that seats up to 15 guests, a brightly lit living room and a private study decked in splendid textiles, oriental carpets, high decorative ceilings and period furnishings that add to its monarchial ambiance. The master bedroom features a private balcony, double walk-in closet and a marble bath equipped with a mosaic shower stall, steam sauna and a deep soaking tub that overlooks the majestic Vatican. Three LCD televisions and WiFi ensure the Old World glamour of the suite is firmly anchored in 21st-century comforts. Number of suites in hotel: 24

SPA & FITNESS HOTEL POOL

The 21,500-square-foot Prince Spa is a three-tiered retreat dedicated to the art of beauty, health and wellness. Along with 12 treatment rooms and two multisensory couples’ spa suites, the spot also boasts an 82-foot swimming pool, scented thermarium sauna, hammam, relaxation area, tea room, salon, gym and bio bar that offers a menu with vitamin-rich dishes. Contact: 39-06-85442494 info@princespa.com Signature treatment: Oriental Prince, which incorporates a fusion of oriental massage techniques to soothe the muscles and mind.

TOP RESTAURANT AND BAR

The menu at Pauline Borghese is based on the decadent flavors of traditional Italia cuisine that has been given a twist with contemporary fusion techniques. The dining experience is enhanced with a selection of fine wines and equally excellent regional oils and a decorative homage to the grand life of Napoleon Bonaparte’s sister (and the restaurant’s namesake) with marble statues, vivid hues and breathtaking views of the adjacent garden where the princess once strolled.


must have shoes

2 1

3

The new fashion season shoots straight from the shoulder: color, guts and no nonsense. For Cinderella 2.0 6

5

7

8

4 6

Early peeks Anticipazioni

by Sabrina Bozzoni 1. Salvatore Ferragamo - via dei Condotti, 65 - Roma 2. Prada - via dei Condotti, 88 - Roma 3. Marni - via Bocca di Leone, 8 - Roma 4. Miu Miu - via del Babuino, 91 - Roma 5. CĂŠline - via dei Condotti, 20a - Roma 6. Balenciaga - via Borgognona, 7 - Roma 7. Chanel - piazza di Spagna, 85 - Roma 8. Gucci - via dei Condotti, 8 - Roma Roma | the Eternal City 89


ROMAN PENTHOUSE SUITE

La dolce vita torna a nuova vita. Il Baglioni Hotel Regina di Roma è situato nella centrale e strategica Via Veneto, a un passo da Villa Borghese, Piazza di Spagna e Via Condotti, con le sue famose boutique di moda e i rinomati caffè. Una magnifica selezione di camere in stile Art Déco originale e l’esclusiva Roman Penthouse sono la cornice ideale per un soggiorno indimenticabile nella Città Eterna. Il Brunello Lounge & Restaurant, luogo ideale per gustare piatti dai sapori mediterranei, coniuga la tradizionale eleganza italiana al design più contemporaneo.

Share with us:

BAGLIONI HOTEL REGINA - Via Veneto, 72 - 00187 Roma Tel. 06 421111 | Email: reservations.reginaroma@baglionihotels.com

#BaglioniHotels #BaglioniRome www.baglionihotels.com/rome Our travel blog: italiantalks.com


must have trend

3 1

5 8

2

Just like the Wild West, a style showdown is inevitable. Red in all of its variations

4

6 10

7 11

9

Red and his brothers Rosso e i suoi fratelli

by Sabrina Bozzoni 1. Anteprima - via del Babuino, 147 - Roma 2. Hermès - via dei Condotti, 67 - Roma 3. Kristina T - via Vittoria, 16a - Roma 4. Prada - via dei Condotti, 88 - Roma 5. Chanel - piazza di Spagna, 85 - Roma 6. Gucci - via dei Condotti, 8 - Roma 7. Stella McCartney - via Borgognona, 6 - Roma 8. CÊline - via dei Condotti, 20a - Roma 9. Dolce & Gabbana - via dei Condotti, 52 - Roma 10. Valentino - piazza di Spagna, 35/38 - Roma 11. Marni - via Bocca di Leone, 8 - Roma Roma | the Eternal City 91


DORMIRE È IL PIACERE PIÙ IMPORTANTE.

DORMIRE È IL PIACERE PIÙ IMPORTANTE.


must have men

2 1

3

Elegance dares and appears in contemporary garb. Straight from the SS 2017 runways, the new male diktat 6

5

7

8

4 6

New fashion codes Nuovi codici di stile

by Sabrina Bozzoni 1. Faliero Sarti - via Vittoria, 62 - Roma 2. Dolce & Gabbana - via dei Condotti, 52 - Roma 3. Rolex - rolex.com 4. Salvatore Ferragamo - via dei Condotti, 65 - Roma 5. Gucci - via dei Condotti, 8 - Roma 6. Ermenegildo Zegna - via dei Condotti, 58 - Roma 7. Valentino - piazza di Spagna, 35/38 - Roma 8. Canali - via del Babuino, 59 - Roma Roma | the Eternal City 93


food itinerary

Michelangelo designed Piazza del Campidoglio in 1539, for the statue of Marcus Aurelius, the only equestrian statue of the classical era that has survived intact to our days 94 Roma | the Eternal City


art itinerary

Michelangelo, an architect Un architetto di nome michelangelo text Salvatore La Spina

His designs left a mark that still defines the masterful lines of beautiful Urbe I suoi progetti hanno lasciato un segno che ancora definisce le linee maestre della bellezza dell’Urbe Aside from the majestic Sistine Chapel, the refined Pietà and the legendary Moses, Michelangelo left a considerable number of other architectural works in the Eternal City. Probably not everyone knows that he designed Piazza del Campidoglio, the dome of Saint Peter’s and parts of the basilica, Palazzo Farnese, Santa Maria degli Angeli and Porta Pia. Yet these imposing constructions not only stand out in Rome’s urban layout, but are also universally-known symbols of the city, such as Saint Peter’s cupolone. During his first sojourns in Rome, Michelangelo devoted himself almost exclusively to painting and sculptural works, but it was during his last and definite stay that he carried out impressive architectural projects that were to change the appearance of the city forever. His first significant one, in chronological order, was the restyling of Rome’s Capital Hill, Il Campidoglio. Michelangelo began redesigning the plaza in 1534, by request of Pope Paul III, who could not accept the poor conditions of the famous hill (it had been such a forlorn land ever since the Middle Ages that it had come to be called “the goat hill”, because it was used as a pasture). Michelangelo did not change the diagonal orientation of the preexisting buildings, obtaining a slightly trapezoid-plan space; restyled the facades of Palazzo Senatorio and Palazzo dei Conservatori; constructed a new palace – for this reason called Palazzo Nuovo – to close the side of the plaza towards the Basilica of Santa Maria in Aracoeli; and designed the paving of the plaza, eliminating the preexisting dirt surface. His project for Palazzo dei Conservatori implied the removal of all the previous structures and harmonizing it with Palazzo Senatorio. To the latter he added a double staircase leading to the new entry, which no longer faced the forum but the plaza. Michelangelo also designed the staircase of the Cordonata and the balustrade overlooking Piazza d’Aracoeli. In 1539, he had the imposing statue of Marcus Aurelius (the only equestrian statue of the classical era that has survived intact to our days)

Oltre alla maestosa Cappella Sistina, all’elegante Pietà o al leggendario Mosè, Michelangelo ha lasciato nella Città Eterna un numero considerevole di opere architettoniche per le quali è forse meno ricordato. Probabilmente non tutti sanno che è suo il disegno di Piazza del Campidoglio, della Cupola e di alcune parti di San Pietro, di palazzo Farnese, di santa Maria degli Angeli e di Porta Pia. Eppure queste imponenti costruzioni non solo sono ben riconoscibili nell’assetto urbanistico di Roma ma anche, come nel caso del “Cupolone” di san Pietro, sono i simboli universalmente conosciuti della stessa città. Se nei primi soggiorni romani Michelangelo si era quasi esclusivamente dedicato alle opere pittoriche e scultoree, è dal suo ultimo e definitivo soggiorno a Roma che progetta imponenti opere architettoniche che hanno cambiato il volto dell’Urbe per sempre. Il primo intervento significativo in ordine cronologico è la sistemazione del Campidoglio. Dal 1534, in più interventi, Michelangelo ha ridisegnato la piazza per volere di Paolo III che non accettava lo stato in cui versava il celebre colle (già dal Medioevo il luogo era in uno stato tale di abbandono da essere chiamato anche ‘colle caprino’ poiché utilizzato per il pascolo delle capre). Michelangelo conservò l’orientamento obliquo delle preesistenti costruzioni, ottenendo uno spazio a pianta leggermente trapezoidale, ridisegnò le facciate del Palazzo Senatorio e di quello dei Conservatori, costruì un nuovo palazzo, detto per questo Palazzo Nuovo, per chiudere la prospettiva verso la Basilica di Santa Maria in Aracoeli e pavimentò la piazza eliminando lo sterrato esistente. Ridisegnò il Palazzo dei Conservatori eliminando tutte le strutture precedenti e armonizzandolo con il Palazzo Senatorio, a cui aggiunse una doppia scalinata che serviva per accedere al nuovo ingresso, non più rivolto verso i fori ma verso la piazza. Il Buonarroti progettò anche la scalinata della Cordonata e la balaustra da cui ci si affaccia alla sottostante piazza d’Aracoeli. Nel 1539 fece sistemare al centro della piazza l’imponente statua di Marco Aurelio (unica statua equestre di epoca classica giunta integra fino a oggi) che divenne il simbolo della piazza. Roma | the Eternal City 95


food itinerary

Palazzo Farnese installed in the center of the plaza. After the death of Giuliano da Sangallo, in 1546, seventy-year-old Michelangelo overtook the direction of the works of the most important construction site in the city: Saint Peter’s Basilica. The history of his project is recorded in a series of work-site documents, letters and drawings carried out by Michelangelo as well as other artists. Michelangelo considered Sangallo’s project extremely costly and therefore went back to the original one, which gave greater emphasis to the visual impact of the dome. He began working on various parts of the basilica, excluding the principle face. On the eastern side he designed a porticoed facade surmounted by an attic, giving the entire building a harmonious appearance. After demolishing the processional way designed by Sangallo at the far end of the apses, he further reinforced the supporting structures of the dome, drawing from the one Filippo Brunelleschi had designed for Santa Maria del Fiore in Florence, consisting of two shells. When Michelangelo died, in 1564, the construction of the dome had only reached the rotunda, and it was Giacomo Della Porta (1533 - 1602) who resumed and completed the work (1588–90). Saint Peter’s dome is today one of the larges in the world with its 42-meter diameter and brings the overall height of the basilica, from the base to the top of the lantern, to over 130 meters, its shape reflecting most of Michelangelo’s project. From 1546 to 1550 the Florentine genius also worked on completing one of the most beautiful palaces in Rome: Palazzo Farnese. The original project was conceived by Antonio da Sangallo. After his death in 1546, Michelangelo took over and completely restyled the marvelous cornice which defines the upper part of the facade, the balcony above the central portal with the large coat of arms 96 Roma | the Eternal City

Dal 1546 Michelangelo, oramai settantenne, subentra, dopo la morte di Giuliano da Sangallo alla direzione dei lavori della più importante fabbrica della citta: La Basilica di San Pietro. La storia del progetto michelangiolesco è documentata da una serie di documenti di cantiere, lettere, disegni dello stesso Buonarroti e di altri artisti. Michelangelo, ritenendo costosissimo il progetto del Sangallo, tornò alla pianta centrale del progetto originario, così da sottolineare maggiormente l’impatto della cupola, avviando il cantiere in diversi punti della basilica con l’esclusione della facciata. Sul lato orientale disegnò una facciata porticata sormontata da un attico, dando quindi una direzione principale all’intero edificio, poi, dopo aver demolito il deambulatorio previsto dal Sangallo all’estremità delle absidi, rafforzò ancora le strutture portanti a sostegno della cupola ispirandosi, nella concezione della doppia calotta, a quella progettata da Filippo Brunelleschi per la cattedrale di Santa Maria del Fiore. Nel 1564, alla morte dell’artista, la cupola non era stata ancora terminata e i lavori erano giunti all’altezza del tamburo, fu Giacomo Della Porta (1533 - 1602) a eseguirne il completamento (1588 - 1590). La cupola di San Pietro è oggi una delle più vaste coperture in muratura mai costruite, con un diametro interno di circa 42 metri e porta l’altezza complessiva della basilica, dalla base fino alla sommità della lanterna, ad oltre 130 metri e le sue forme rispecchiano in buona parte il disegno del genio fiorentino. Nel 1546 fino al 1550 Michelangelo fu impegnato anche al completamento di uno dei palazzi più belli di Roma: Palazzo Farnese. Il progetto originario del palazzo si deve ad Antonio da Sangallo. Dopo la morte del Sangallo nel 1546, i lavori furono proseguiti sotto la direzione di Michelangelo che ridisegnò completamente il bellissimo cornicione che delimita superiormente la facciata, il balcone sopra il portale centrale con il grande stemma e


Saint’s Peter’s dome is today one of the largest in the world with its 42 -meter diameter and brings the overall height of the basilica Roma | the Eternal City 97


Santa Maria degli Angeli and most of the internal courtyard. Before talking about the works of the Basilica of Santa Maria degli Angeli, which were to keep Michelangelo busy until his death, we wish to mention his project for the legendary Porta Pia. Situated in the Nomentano quarter, the city gate is part of the Aurelian walls of Rome and is especially famous for an event which took place during Italy’s process of unification, the Risorgimento, when Rome was taken on 20 September, 1870. It is said that Michelangelo presented three reconstruction plans for the gate to the Pope, all highly scenographic, and that he chose the least expensive one. The artist was then 85 and left his assistants to accomplish the work. Despite later restylings, the gate has preserved its original architectural and ornamental elements. Michelangelo’s last project in Rome – if we exclude unfinished ones, such as the Church of San Giovanni dei Fiorentini – was the Basilica of Santa Maria degli Angeli. The building was once the central hall (the frigidarium) of the Baths of Diocletian and was adapted in 1561 by request of Pope Pius IV. Michelangelo, an elderly man, while working on the Basilica of Saint Peter, also restored the Tepidarum. He limited himself to creating three contiguous, cross-vaulted aisles by erecting a few walls. Two, square-plan chapels were added to the sides, creating a unique religious building for its times, due to its lateral rather than longitudinal extension. The works continued after the death of Michelangelo, who had already designed the Sforza Chapel in 1560. Today this chapel can be admired unaltered within the immense interior of the Roman basilica.

il completamento di gran parte del cortile interno. Prima di parlare dei lavori per la basilica di Santa Maria degli Angeli, che occuperanno Michelangelo fino alla sua morte, ci preme segnalare gli interventi michelangioleschi per la “mitica” Porta Pia. Nota soprattutto per l’episodio risorgimentale della presa di Roma, avvenuto il 20 settembre 1870, la porta sorge nelle mura aureliane di Roma ed è situata nel quartiere Nomentano. Per la riedificazione della porta si racconta che Michelangelo abbia presentato al papa ben tre disegni tutti molto scenografici, ma che fu scelto quello più economico e che, oramai ottantacinquenne, lasciò seguire i lavori dai suoi assistenti. La porta, nonostante rimaneggiamenti futuri, conserva ancora elementi architettonici e decorativi d’impronta michelangiolesca. Ultimo lavoro di Michelangelo realizzato a Roma, escludendo i progetti non realizzati come la chiesa di San Giovanni dei Fiorentini, è la basilica di Santa Maria degli Angeli. L’edificio sistemato dal 1561, per volere di papa Pio IV, era in origine l’aula centrale (frigidarium) delle Terme di Diocleziano. L’anziano Michelangelo, che all’epoca stava lavorando anche alla Basilica di San Pietro, intervenne nel complesso termale restaurando l’aula del tepidarium. Si limitò a delimitare, con pochi setti murari, tre campate contigue, coperte a crociera, cui furono aggiunte due cappelle laterali quadrate, creando così un edificio ecclesiastico singolare per la sua epoca, con una spazialità dilatata lateralmente anziché longitudinalmente. I lavori proseguirono anche dopo la morte di Michelangelo il quale aveva già disegnato, nel 1560, anche la Cappella Sforza, che è possibile oggi ammirare, senza ulteriori rimaneggiamenti, negli immensi spazi della basilica romana.

His was the project for the legendary “Porta Pia”, situated in the Nomentano quarter

98 Roma | the Eternal City


Porta Pia, the gate is part of the Aurelian walls and is famous for an event of Risorgimento Roma | the Eternal City 99


architecture itinerary

A perfect organism UN ORGANISMO PERFETTO text Francesca Lombardi

ome - EUR ion Center R New Convent similiano igned by Mas La Nuvola. Des Fuksas na and Doria - EUR a om R si o Congres tr en C vo iliano uo N rmato Massim La Nuvola. Fi uksas F na e Doria This is one of those great projects that on paper seem like utopias and then are manifested before you with a lightness that only modern architecture can provide. We are talking about New Convention Center in Rome - EUR and Hotel La Nuvola, designed by Studio Fuksas. Let’s start with the numbers, which immediately give the perception of the kind of proportions we are talking about: a total of 55,000 square meters of new public spaces, 37 thousand tons of steel were employed for the construction of the entire complex, equal to 5 times the Eiffel Tower, and about 58 thousand square meters of glass, equal to 7 soccer fields. The complex can accommodate up to 300 thousand delegates a year, with potential side benefits for the tourist and convention sector of between 300 and 400 million euro a year for the city of Rome. In its volume, the building’s simple and orthogonal lines recall the rationalist architecture of the 1930s, which characterizes the district. It consists of three distinct architectural elements: the Teca (Theca), Nuvola (Cloud), and Lama (Blade). The Teca is the element that contains the Nuvola within it and is made with a steel frame and a double glass facade. Inside the Teca, there are 7,800 square meters of large Convention and exhibition spaces. Suspended within the Teca, the Nuvola or Cloud, the main iconic design element, is covered with 15,000 square meters of highly advanced Un progetto di quelli grandiosi, che sulla carta sembrano utopie e poi ti si palesano davanti con la leggerezza che solo l’architettura contemporanea riesce a restituire. Stiamo parlando del Nuovo Centro Congressi Roma-EUR e Hotel La Nuvola, firmato dallo Studio Fuksas. Partiamo dai numeri, che danno subito la percezione delle proporzioni di cui stiamo parlando: un totale di 55.000 mq di nuovi spazi pubblici; per la costruzione dell’intero complesso sono state impiegate 37mila tonnellate di acciaio, pari a 5 volte la Tour Eiffel, e circa 58mila metri di vetro, pari a 7 campi da calcio. Il complesso può ospitare fino a 300mila congressisti l’anno, con potenziali ricadute sul settore turistico e congressuale tra i 300 e i 400 milioni di euro l’anno per la città di Roma. L’edificio richiama nel volume le linee semplici e ortogonali dell’architettura razionalista degli anni ‘30, che peraltro caratterizzano il quartiere, ed è costituito da tre distinti elementi architettonici: la Teca, la Nuvola, e la Lama. La Teca è l’elemento che contiene al suo interno la Nuvola ed è realizzata con una struttura in acciaio e una doppia facciata in vetro. All’interno della Teca 7.800 mq di spazi per congressi e mostre su larga scala. Sospesa all’interno della Teca, la Nuvola, elemento principale e iconico del progetto, è rivestita da 15.000 mq di fibra di vetro membrana altamente avanzata e silicone ignifugo. Al suo interno è contenuto l’Auditorium, con i suoi 1.800 posti, e cinque livelli principali, collegati fra loro con scale mobili 100 Roma | the Eternal City


55,000 square meters of new public spaces and 37 thousand tons of steel were employed for the construction of the entire complex (ph. Leonardo Finotti)


Massimiliano and Doriana Fuksas (ph. ph. Moreno Fabio Lovino) Moggi 102 Roma | the Eternal City


The New Convention Centre in Rome-EUR (ph. Maurizio Marcato) fire-retardant silicone membrane fiberglass. Within it is the Auditorium, with its 1,800 seats, and five main levels, interconnected by escalators and connected to the Teca by suspended walkways. The cladding of the auditorium in curved panels made of American cherry wood, to ensure optimum acoustic conditions. Finally, the Lama or Blade, a functioning independent and autonomous building, houses the hotel, with 17 floors and over 18,000 square meters, 439 rooms, seven suites, a spa and a restaurant. Naturally, the structure of the building can adequately respond to seismic waves of a lesser or greater intensity, but it is the attention to sustainable energy that characterizes the Center: the air conditioning system uses reversible heat pumps, balanced by a geothermal exchange with water from the nearby artificial lake of the Eur, ensuring that the rooms are comfortable in summer and winter, providing high energy performance and simultaneously reducing the consumption of electricity. The photovoltaic panels positioned on the roof, glass and silicon wafers, help produce energy and protect the building from overheating by mitigating the solar radiation. When fully operational, power to the New Convention Center will be supplied by the cogeneration, geothermal and photovoltaic systems in the complex: the collaboration of these systems ensures that the complex is operational when there are technical failures. The environ-

The photovoltaic panels, glass and silicon wafers, help produce energy and protect the building

e alla Teca con passerelle sospese. Il rivestimento dell’Auditorium, con i suoi pannelli curvi in legno di ciliegio americano, assicura condizioni acustiche ottimali. Infine, la Lama, un edificio dal funzionamento indipendente e autonomo, ospita nei 17 piani e oltre 18.000 mq un hotel che conta 439 stanze, sette suite, una SPA e un ristorante. L’edificio ha naturalmente un comportamento strutturale in grado di rispondere adeguatamente a onde sismiche di minore o maggiore intensità, ma è l’attenzione alla sostenibilità energetica la caratteristica principale del Centro: il condizionamento dell’aria avviene tramite pompe di calore reversibili, equilibrate mediante scambi di tipo geotermico con l’acqua del vicino lago artificiale dell’Eur, assicurando i comfort degli ambienti in estate e inverno, il raggiungimento di prestazioni energetiche elevate e, contemporaneamente, la riduzione del consumo di energia elettrica. I pannelli fotovoltaici posizionati sulla copertura, in vetro e wafer di silicio, contribuiscono alla produzione di energia e proteggono l’edificio dal surriscaldamento mitigando la radiazione solare. A regime, il carico di potenza del Nuovo Centro Congressi sarà fornito dalla centrale della cogenerazione, dall’impianto geotermico e fotovoltaico del complesso: la collaborazione di questi sistemi assicura che il complesso sia in grado di funzionare anche in casi di guasto tecnico. Le Roma | the Eternal City 103


The complex can accommodate up to 300 thousand delegates a year (ph. Leonardo Finotti )

There is also a myriad of LED lights, so there are three types of light: indirect, direct and artificial

mentally sustainable strategies of the Convention Center also include a system to collect, filter, recover and store rainwater in tanks. The underground area beneath the complex provides more than 600 parking spaces. The interiors of the Convention Center were also built with great attention and care by Studio Fuksas, under the direction of Doriana and Massimiliano Fuksas: in the Auditorium, the red seats were designed by the Studio for Poltrona Frau and the Cloud’s lamp produced by iGuzzini. Following the complex’s recent inauguration, it is forbidden to talk to the architect about lightness when describing his creation. He wanted to call it The Floating Space, certainly not La Nuvola. “It can hold more than 8,000 people. So much for lightness,” he clarifies. Instead we talk to him about another key feature of the building, the light. “Here the white travertine floors reflect the light above where, from the glass roof, the direct light comes and obviously changes depending on the weather,” he explains. But there is also a myriad of LED lights that come with blue and red tones. So there are three types of lights: indirect, direct and artificial. “The result is that inside La Nuvola, at fifty meters of height, the light scatters and multiplies. The light is really everything. Just as in the auditorium, acoustics are everything,” continues Fuksas. An efficient and beautiful machine that now needs to be made to function perfectly. strategie ecosostenibili del Centro Congressi prevedono anche un sistema di raccolta dell’acqua piovana, filtrata e quindi recuperata in serbatoi di stoccaggio. Il piano interrato del complesso garantisce oltre 600 parcheggi. Anche gli interni del Centro Congressi sono stati realizzati con grande attenzione e cura dallo Studio Fuksas, sotto la direzione di Doriana e Massimiliano Fuksas: nell’Auditorium le poltrone rosse sono disegnate dallo Studio per Poltrona Frau mentre la lampada “Nuvola” è prodotta da iGuzzini. All’indomani della recente inaugurazione è vietato parlare all’architetto di leggerezza per descrivere la sua creatura, che voleva chiamare The Floating Space, non certo La Nuvola. “Può contenere più di 8000 persone, altro che leggerezza”, precisa. Con lui parliamo piuttosto di un altro elemento fondamentale dell’edificio, la luce: “Qui i pavimenti di travertino bianco riflettono la luce in alto dove, dal tetto di vetro, arriva la luce diretta che ovviamente cambia secondo il tempo”, spiega. Ma c’è anche una miriade di led con sfumature che arrivano al blu e al rosso. Dunque ci sono tre tipi di luci: indiretta, diretta e artificiale: “il risultato è che dentro la Nuvola, a cinquanta metri di altezza, la luminosità si disperde e si moltiplica. Davvero la luce è tutto. Così come nell’Auditorium è tutto l’acustica”, conclude l’architetto. Una macchina efficiente e bellissima, che adesso bisogna far funzionare alla perfezione.

104 Roma | the Eternal City


The Lama or Blade houses the hotel, with 17 floors and 18,000 square meters, 439 rooms, seven suites, a Spa and a restaurant (ph. Leonardo Finotti) Roma | the Eternal City 105


It is the second largest public park in Rome, and covers an area of 160 square meters, an area of great historical importance, inhabited since Roman times 106 Roma | the Eternal City


green itinerary

Walking through Villa Ada Passeggiando per Villa Ada text Gabrielle Bolzoni photo Valentina Stefanelli A tour of Villa Ada’s natural and historic treasures Alla scoperta delle meraviglie storiche e naturali di Villa Ada

We’re continuing our walk through the magnificent parks of the capital, this time to discover Villa Ada, whose grounds extend north along Via Salaria, the ancient Roman consular road, in the Parioli district. It is the second largest public park in Rome, and covers an area of ​​160 square meters, an area of ​​great historical importance, inhabited since Roman times. On a hill overlooking the point where the Tiber and Aniene rivers meet, in fact, stood the ancient city of Antemnae, which means in front of the river in Latin. You can still admire some of its archaeological remains. The grounds of Villa Ada contain various historical sites of various kinds and eras, including the catacombs of Trasone and Priscilla, ancient Christian cemeteries, dating from the 2nd century, extending for 13 kilometers in underground tunnels beneath the villa’s grounds, as well as numerous neoclassical and eclectic buildings. In the 17th century, the park was an estate owned by the Pallavicini princes. It was divided into a number of farms with noble manors, vineyards and woods, and was reunified and reorganized by Prince Luigi around 1790. The French architect Auguste Chevalle de Saint-Hubert designed geometric paths and small buildings typical of the time, including the Cafehaus near the Pallavicini manor, better known as the Temple of Flora, framed by romantic views. In 1872, following the transfer of the court to Rome, it was bought by King Vittorio Emanuele II of Savoy to be turned into a suburban residence and family hunting lodge. He expanded it to include the neighboring land and vineyards. The landscape designer Emilio Richter, who managed royal villas and parks, revolutionized the property transforming it into an English-style rustic park and built the Casino Nobile, residential buildings and the royal stables. The Villa became a great park, populated with exotic plants and adorned with lovely buildings such as the Swiss Chalet and the Gothic Tower. But Umberto I, who prefer-

Proseguiamo la nostra passeggiata attraverso i magnifici parchi della Capitale, questa volta alla scoperta di Villa Ada, che si estende a Nord lungo la Via Salaria, la più antica strada consolare romana, nel quartiere Parioli. Si tratta del secondo parco pubblico più grande di Roma e si estende su una superficie di 160 mq, un territorio di grande importanza storica, abitato sin dall’epoca romana. Sulla collina antistante la confluenza del fiume Tevere con l’Aniene, sorgeva infatti l’antica città di Antemnae, in latino “davanti al fiume”, di cui si possono ammirare ancora alcuni resti archeologici. Villa Ada custodisce vari luoghi di interesse storico di varia natura ed epoca, tra cui le catacombe di Trasone e di Priscilla, antichi cimiteri cristiani, risalenti al II secolo, il cui tracciato si estende per 13 chilometri di gallerie sotterranee sotto il territorio della villa, oltre a numerosi edifici neoclassici ed eclettici. Nel XVII secolo il parco era una tenuta agricola dei principi Pallavicini, frazionata in numerosi poderi con casini nobili, vigne e boschi, e fu riunificata e riorganizzata dal principe Luigi verso il 1790. L’architetto francese Auguste Chevalle de Saint-Hubert progettò percorsi geometrici e piccole costruzioni tipiche del tempo, tra cui il Cafehaus in prossimità del casino Pallavicini, meglio noto come il Tempio di Flora, incorniciati da romantici scorci. Nel 1872, in seguito al trasferimento della corte a Roma, fu acquistata dal re Vittorio Emanuele II di Savoia per farne la residenza suburbana e tenuta di caccia della famiglia e la espanse a terreni e vigne confinanti. Il paesaggista Emilio Richter, che dirigeva ville e parchi reali, rivoluzionò la proprietà trasformandola in un parco rustico all’inglese e vi costruì il Casino Nobile, gli edifici residenziali e le scuderie reali. La Villa divenne così un grandioso parco, popolato da piante esotiche e abbellito da deliziose costruzioni quali lo Chalet svizzero e la Torre Gotica. Ma Umberto I, che preferiva il QuiRoma | the Eternal City 107


Above: the Temple of Flora Below: a path running along the noble stables 108 Roma | the Eternal City


The French architect Auguste Chevalle de Saint-Hubert designed geometric paths and small buildings typical of the time, including the Cafehaus near the Pallavicini manor, better known as the Temple of Flora Roma | the Eternal City 109


art itinerary

The Royal Villa was donated by Umberto to Egypt as a sign of recognition for the hospitality granted to him during his exile red the Quirinal to the country, sold the property to Count rinale alla campagna, svendette la proprietà al conte Tellfner, Tellfner, administrator of the royal family’s heritage, who amministratore dei beni della famiglia reale, che la dedicò alla dedicated it to his wife Ada. It still bears her name today. moglie Ada, di cui porta ancora oggi il nome. Nel 1904 fu riIn 1904, it was re-acquired by the Savoy and became the acquistata dai Savoia e diventò la residenza reale, cambiando royal residence, changing its name to Villa Savoia. During il nome in Villa Savoia. Durante il regime fascista, Mussolini the fascist regime, Mussolini built an air raid shelter where vi costruì un bunker antibombardamento, dove potessero riroyalty could take refuge. It was here that the king had Il fugiarsi i reali. Fu qui che il Re fece arrestare il Duce dopo la seduta del Gran Consiglio del 25 luglio 1943. Duce arrested after the Grand Council meeDopo la proclamazione della Repubblica nel ting of July 25, 1943. After the proclamation 1946, la villa fu a lungo contesa e la parte più of the Republic in 1946, the villa was disputed consistente fu acquistata nel 1957 dal Comune at length, and the biggest part was bought in di Roma ed aperta al pubblico, ma versa da allo1957 by the City of Rome and opened to the in uno stato di abbandono. public. After that, it fell into a state of neglect. The estate ra La parte privata, cioè la Villa Reale, fulcro del The private part, the Royal Villa, the center of was parco, fu regalata da Umberto all’Egitto in sethe park, was donated by Umberto to Egypt as a sign of recognition for the hospitality gran- reunified and gno di riconoscimento per l’ospitalità conted to him during his exile and now houses reorganized cessagli durante l’esilio ed ospita attualmente della Repubblica Araba d’Egitto. the Embassy of the Arab Republic of Egypt. by Prince l’Ambasciata Un percorso anulare di quattro chilometri, conA four-kilometer circular path lined with lush Luigi around traddistinto da una ricca vegetazione, fatta di vegetation, holm oak groves, oak trees, pine forests and meadows, is an ideal place for 1790 boschetti di lecci, querce, pinete e prati, rappresenta il luogo ideale per passeggiate e jogging walking and jogging in nature. During the hot Roman summers, it has a full schedule of theatrical perfor- nella natura. Durante le calde estati romane, essa ospita una mances. Despite the decline in the villa’s spirit over the ye- ricca manifestazione teatrale. Nonostante lo spirito della villa ars, the eponymous film directed in 2000 by Pier Francesco sia andato scemando negli anni, l’omonimo film diretto nel Pingitore and the novel by Niccolò Ammaniti Che la festa 2000 da Pier Francesco Pingitore ed il romanzo di Niccolò cominci, remind us of the importance of this historic park in Ammaniti Che la festa cominci, ricordano l’importanza di questo parco storico nell’immaginario comune dei romani. the popular imagination of the Romans. Entrances on Via Salaria 267-275, Via di Ponte Salario, Via Ingressi Via Salaria 267-275, Via di Ponte Salario, via di Monte Antenne, Via Panama. di Monte Antenne, Via Panama. 110 Roma | the Eternal City


A four-kilometer circular path lined with lush vegetation, holm oak groves, oak trees, pine forests and meadows, is an ideal place for walking and jogging in nature Roma | the Eternal City 111


112 Roma | the Eternal City


aa itinerary

Our History La nostra storia

text Francesca Lombardi photo Valentina Stefanelli


Some images of the Monument, whose history intertwines with that of post-unification Italy 114 Roma | the Eternal City


art itinerary

The Risorgimento History Museum

Welcome to Il Vittoriano, a monument which has more than one Viaggio dentro il Vittoriano, monumento con più anime: militare meaning: military, but also historical and contemporary. Romano ma anche storica e contemporanea. Con Romano Ugolini, presiUgolini, the president of the Risorgimento History Institute- dente dell’Istituto per la Storia del Risorgimento - uno dei cinque one of the five Italian historical institutes which, along with the istituti storici italiani che, insieme al Museo del Risorgimento, ha Risorgimento Museum, is housed in Il Vittoriano- tells us all about sede all’interno del monumento - ripercorriamo la realizzazione the monument’s past, but also about its present-day reality as an del Vittoriano ma soprattutto il suo presente, fatto di un istituto institute committed to historical research and a as gallery space, attivo nella ricerca storica e di un’intera sezione, l’Ala Brasini, the Brasini Wing, which has been hosting great contemporary art che dal 1996 si occupa di mostre con i nomi del contemporaneo. Come nasce il Vittoriano? exhibitions since 1996. Prima di rispondere a questa domanda vorrei correggere un Why was Il Vittoriano built? Before answering your question, I would like to deny false importante falso storico: che il Vittoriano sia di origine fascista, historical information according to which Il Vittoriano is of fascist come molti credono vedendo l’imponente colonnato. In realtà origin, as the imposing colonnade may erroneously suggest. le vicende del monumento si intrecciano con quelle dell’Italia Actually, the monument’s history is closely connected with that postunitaria. Alla Morte di Vittorio Emanuele II, l’allora Ministro degli Interni, Giuseppe Zanardelli propose di eriof Italy’s post-unification period. Upon the death gere a Roma un monumento per commemorare il of King Vittorio Emanuele II, the Minister of the primo re d’Italia. Furono fatti due concorsi: uno, Interior Giuseppe Zanardelli proposed to build nel 1878 di respiro internazionale, che non dette a monument in Rome to honor the first king of risposte adeguate alle richieste. Nel 1882 venne Italy. Two competitions were held: the first in un secondo concorso, riservato soltanto ad 1878 with international appeal, which was quite On June 4rth of bandito architetti e artisti italiani, nel quale veniva stabilito unsuccessful. In 1882, a second competition was announced and reserved for Italian architects that year, for the che il monumento dovesse sorgere nel centro della vita amministrativa della città, ed essere composto and artists. The announcement stated that the International da tre parti: una statua equestre, un fondale archimonument would have to be built in the heart Exhibition, the tettonico e delle scalee. Anche la seconda convoof the city’s administrative life and made up of cazione non dette i risultati sperati e alla fine la three parts: an equestrian statue, an architectural monument was direzione dei lavori venne affidata a Giuseppe Sacbackground and stairways. This too was a no- inaugurated winner competition and, in the end, the construction of the coni, che si era particolarmente distinto sia nel primo concorso monument was entrusted to Giuseppe Sacconi, who had stood che nel secondo. Sacconi morì nel 1905, subentrarono Gaetano out in both the first and second competition. Sacconi died in Koch, Manfredo Manfredi e Pio Piacentini, che portarono a com1905 and Gaetano Koch, Manfredo Manfredi and Pio Piacentini pimento il progetto nel 1911. Il 4 giugno di quell’anno, in occasione dell’Esposizione internazionale per le celebrazioni del cintook his place and completed the project in 1911. On June 4, 1911, on the occasion of the celebrations for the quantenario dell’Unità, si svolse l’inaugurazione del monumento fiftieth anniversary of Italy’s unity, the monument was officially alla presenza del re Vittorio Emanuele III, della famiglia reale, del inaugurated in the presence of King Vittorio Emanuele III, the presidente del Consiglio, Giovanni Giolitti, del sindaco di Roma, Royal Family, Prime Minister Giovanni Giolitti, Mayor of Rome Ernesto Nathan, dei sindaci di tutte le città italiane e di una folla Ernesto Nathan, the mayors of all Italian cities and a huge crowd. immensa. Per renderci conto delle dimensioni del monumento, Let me tell you an anecdote, just to give you an idea of how big e della gigantesca statua a cavallo del primo re d’Italia, basta un the monument and equestrian statue to the first king of Italy are. curioso aneddoto: prima dell’inaugurazione ufficiale fu fatto un Shortly before the unveiling of the monument, the workers who pranzo con gli operai che avevano eseguito i lavori e il Sindaco di had built it and the Mayor of Rome gathered to have lunch inside Roma, proprio nella pancia del cavallo al centro del monumento. the horse’s belly in the middle of the monument. Beautifully Foto bellissime nel Museo del Risorgimento documentano l’acRoma | the Eternal City 115


aaa itinerary

A sculpture dedicated to the Expedition of the Thousand pictures kept at the Risorgimento Museum document this event. caduto. However, the monument was actually completed only a few Il monumento può dirsi concluso solo qualche anno dopo però... years later? In 1921, Colonel Giulio Douhet proposed to build in Italy, like Nel 1921, in seguito alla proposta del colonello Giulio Douhet in all other European nations, a national memorial to represent di creare anche in Italia, come in altre nazioni europee, un moall soldiers killed in the war but unidentified. And so, the Tomb numento ai soldati morti nel conflitto e rimasti privi di identità,  of the Unknown Soldier was placed inside the crypt designed nella cripta ideata dall’architetto Armando Brasini venne tumulata la salma del Milite Ignoto. Tra il 1925 e il 1927 by architect Armando Brasini. Between 1925 and vennero poi posizionate sui propilei la Quadriga 1927, two bronze chariots surmounted by winged Between 1925 dell’Unità di Carlo Fontana e la Quadriga della LiVictories (Quadriga dell’Unità by Carlo Fontana bertà di Paolo Bartolini. Il monumento si concluse and Quadriga della Libertà by Paolo Bartolini) were and 1927 con l’aggiunta di una nuova ala, progettata ancora placed on the entrance porches. The monument the Quadriga da Brasini nel 1935. was finally completed with the addition of a new dell’Unità and Oggi come è suddiviso il monumento al suo inwing designed by Armando Brasini in 1935. terno? What does the monument currently incorporate? the Quadriga In tre parti. Una parte “militare”, a sua volta suddiIt is divided into three parts. A military part, which della Libertà by visa in altrettante sezioni: il sagrato delle bandiere, is subdivided into three sections: the Flag Square, Paolo Bartolini il Milite Ignoto e il Museo della Marina. L’Ala Brathe Tomb of the Unknown Soldier and the Navy were set in sini, in concessione per le grandi mostre dal 1996 Museum. The Brasini Wing has been hosting great e che in questo periodo ospita Hoppert e Ligabue, art exhibitions since 1996. Currently on show are place on the oltre a una mostra su Guerre Stellari dedicata agli Hopper and Ligabue, in addition to a Star Wars Propylaea appassionati. E infine l’Istituto e il Museo Centrale exhibition. Then we have the Institute and the per la Storia del Risorgimento. Risorgimento History Museum. Qual è lo scopo dell’Istituto? What is the Institute’s purpose? I would like to quote the Royal Decree that established the Citando letteralmente il Regio Decreto che lo istituì: “raccogliere, institute: “To gather, prepare and arrange the documents, preparare ed ordinare i documenti, i libri e tutte le altre memorie books and all other mementos related to the history of Italy’s che interessano la storia del risorgimento italiano e di prepararne Risorgimento and to prepare and facilitate the study of it”. e facilitarne lo studio”. Ma il nostro lavoro è soprattutto un lavoro However, our job is mostly that of popularization, through an di divulgazione, attraverso un’intensa attività congressuale e di pubblicazione di volumi. intense congress activity and publication of books. 116 Roma | the Eternal City


food itinerary

The museum was recently renovated, in its use and paper document collection (letters, diaries, manuscripts of works), but also paintings, sculptures, drawings, engravings, prints, and weapons that recall events and protagonists of the Risorgimento. Roma | the Eternal City 117


The Ala Brasini dedicated to contemporary art exhibitions Come si sviluppa il percorso museale? What does the Museum do? The museum has been recently renovated in terms of visitor Il percorso è stato recentemente rinnovato nella sua fruizione e facilities and gathers paper documents (letters, diaries, raccoglie documenti cartacei (lettere, diari, manoscritti di opere), manuscripts), paintings, sculptures, drawings, etchings, prints ma anche quadri, sculture, disegni, incisioni, stampe, armi che and weapons related to events and figures of the Risorgimento rievocano fatti e protagonisti del Risorgimento. Lungo le pareti period. Carved in marble on the museum’s walls are texts written del Museo, incisi nel marmo, brani di testi significativi dei magby the greatest figures of Italian history, in order for the container giori testimoni della storia d’Italia, in modo che lo stesso contenitore diventa parte integrante del Museo. Il nuovo itself to become an integral part of the museum. percorso di visita si articola secondo una scansioAccording to the new set-up, the museum is divided ne temporale collegata a singoli eventi e a figure in temporal sections connected with single events che in qualche modo ne sono state protagoniste. and figures. The sections go from the Napoleonic period to World War One, with a special focus on “Among the Le sezioni vanno dal periodo napoleonico alla priGuerra Mondiale, con particolare attenzione e the three Independence Wars and the Expedition most beloved ma spazio per le tre Guerre d’Indipendenza e per l’imof the Thousand. Old film clips and original music and popular presa dei Mille. Filmati d’epoca e musiche originali make the museum visit very enjoyable. memorabilia, rendono il percorso più piacevole… What kind of visitors do you have? Mostly young people, who are increasingly Garibaldi’s Che tipo di pubblico avete? giovani, sempre più appassionati alla interested in the history of our country. We have jeans: Soprattutto storia del nostro paese. Con le scuole di tutta Italia created opportunities for cultural exchange and our visitors abbiamo intrapreso un discorso di scambio e stage, training programs with schools across Italy, in order to train young people in the field. We have are young” per formare giovani operatori turistici specializzati nel settore. In questo processo di avvicinamento al contributed to bring young people closer to the Museum and Institute by promoting a more contemporary Museo e all’Istituto ha avuto un ruolo centrale il nostro approccio approach to Italian history. Italy has always been a part of Europe degli ultimi anni, teso a rivedere la storia in un’ottica contemponot only because of its geographical position, but also in historical ranea. L’Italia è sempre stata in Europa non solo a livello geograand economic terms. The European Union takes on a whole new fico, ma storico ed economico. Alla luce di questa prospettiva oggi l’Unione Europea assume un altro significato. meaning if seen from this point of view. In your opinion, what inside the museum attracts visitors’ Quale sono le testimonianze che più colpiscono il pubblico? I jeans di Garibaldi … come ho detto abbiamo un pubblico attention the most? molto giovane! Garibaldi’s jeans…as I said, we have a very young audience! 118 Roma | the Eternal City


The terrace of the Vittoriano which offers one of the most beautiful views of Rome Roma | the Eternal City 119


art exhibition

Art like life Arte come Vita text Mila Montagni Passion and history on show Mostre di passioni e di storia

There is such a varied selection of art exhibitions in Rome, that deciding which one to pick is going to be difficult. However, what all these exhibitions have in common is that they take us beyond the mere admiration for artistic genius to prompt a reflection on and foster a deeper consciousness of our times and issues. Palazzo Braschi illustrates the still relevant condition of women who break the rules, while at Palazzo delle Esposizioni Time revolutionizes shape and perception and Scuderie del Quirinale highlight the value of beauty as a tool to create shared culture. Artemisia Gentileschi Rome, Florence, Naples, Venice, London. In the years of her very intense life, filled with painting but also personal adversity and scandal, including a rape trial during which she was tortured, Artemisia Lomi Gentileschi lived in the great capitals of art of seventeenth-century Europe. The one hundred works on show at Palazzo Braschi, including masterpieces of extreme violence, like the two versions of Judith Beheading Holofernes on loan from Florence and Naples, tell us about a female painter who was able to surpass the art of her father Orazio and carve out a unique style even among the Caravaggesque painters. The exhibition’s curators (Nicola Spinosa for the Neapolitan section, Francesca Baldassari for the Florentine section and Judith Mann for the Roman section) have chosen to include works by Gentilischi’s contemporaries in order to provide a more-detailed description of the atmosphere in which she lived. 120 Roma | the Eternal City

Non c’è che l’imbarazzo della scelta nell’Urbe e una volta di più le proposte sono diversificate e accompagnano in una riflessione che supera la pura ammirazione per il genio che attraversa i secoli e si evolve verso una comprensione più ampia dei tempi e delle istanze che ci aiutano a vivere consapevolmente. Così Palazzo Braschi presenta la vicenda sempre contemporanea del femminile che spezza le regole, mentre al Palazzo delle Esposizioni il Tempo rivoluziona le forme e le percezioni e alla Scuderie del Quirinale s’impara il valore del bello come strumento di cultura condivisa. Artemisia Gentileschi Roma, Firenze, Napoli, Venezia, Londra. Negli anni della sua intensissima esistenza, fatta di pittura ed esperienze vissute fino alla tortura per testimoniare in un processo che fece scalpore e diede scandalo, Artemisia Lomi Gentileschi visse in quelle che erano grandi capitali artistiche di quel piccolo grande mondo dell’Europa del Seicento. Le cento opere esposte a Palazzo Braschi, a cominciare da capolavori di possente violenza come le iconiche Giuditta e Oloferne giunte da Firenze e da Napoli, narrano di una pittrice che seppe superare l’arte del padre Orazio fino a diventare identificabile e unica anche tra i caravaggeschi e che in niente sfigura accanto ai capolavori coevi che i curatori (Nicola Spinosa per la sezione napoletana, Francesca Baldassari per quella fiorentina e Judith Mann per la romana) hanno scelto di presentare in mostra per meglio disegnare la temperie in cui la Gentileschi visse. Quando: fino al 7 maggio 2017. Dove: Museo di Roma a Palazzo Braschi


Time is Out of Joint, Gamc Roma | the Eternal City 121


art exhibition

La Circoncisione, Artemisia Gentilischi at Palazzo Braschi 122 Roma | the Eternal City


Giale e Sisara, Artemisia Gentileschi at Palazzo Braschi

When: until May 7, 2017 . Where: Museo di Roma at Pa- Il Museo universale. Dal sogno di Napoleone a Canova lazzo Braschi L’occasione è un anniversario unico nella storia dell’arte The Universal Museum. From Napoleon’s Dream to d’Italia. Canova Duecento anni fa, infatti, rientrarono a Roma (dalla FranThe occasion is a crucial anniversary in the history of cia e da Parigi per l’esattezza) i capolavori artistici e arItalian art. Two hundred years ago, the masterpieces cheologici che i napoleonici avevano requisito allo Stato of art and archaeology that Napoleon had confiscated Pontificio per dar nuova e imperiale vita al Museo del from the Papal State to create the new imLouvre. Muovendo da questo Valter Curzi, perial Louvre Museum, were returned to Carolina Brook e Claudio Parisi Presicce Two hundred hanno allestita una rassegna d’eccezione Rome from Paris, France. years ago dal punto di vista delle opere e, al contemValter Curzi, Carolina Brook and Claudio Parisi Presicce have curated an exhibition the art po, sono riusciti nell’impresa di costruire which showcases extraordinary works of masterpieces una riflessione sul valore dell’arte come paart, besides stimulating a reflection on the nazionale e quale strumento per that Napoleon trimonio value of art as national heritage, tool for l’educazione del cittadino e cardine di un’ithe education of citizens and foundation commandeered dentità condivisa ed europea. of a shared European identity. from the Un’occasione rara e preziosa per comA rare and precious chance to understand Papal States prendere tangibilmente quanto l’arte sia the role of art as today’s common language. comune e imprescindibile per returned to linguaggio When: from December 16 to March 12, 2017. l’uomo del presente. Rome Quando: dal 16 dicembre al 12 marzo 2017. Where: Scuderie del Quirinale Time is Out of Joint Dove: Scuderie del Quirinale The exhibition, curated by Cristiana Collu with the Time is Out of Joint collaboration of Saretto Cincinelli, returns the spaces La mostra, un progetto di Cristiana Collu in collaboraof this imposing structure to the public eye once and zione con Saretto Cincinelli, definisce una volta di più e for all by beginning to showcase the collections as a con ancora maggior chiarezza la restituzione al pubblico whole. degli spazi dell’imponente struttura, avviando una riletThe exhibition features five hundred works (includ- tura delle collezioni nel loro complesso. Roma | the Eternal City 123


district itinerary

Time is Out of Joint, Gamc

ing loans from both public and private collections) Cinquecento le opere in mostra (compresi prestiti sia dal which mark the career of 170 artists and their rela- pubblico che dal privato) che segnano la storia di 170 artionship with time, as the exhibition’s title (a quote tisti e del loro rapporto col tempo, disegnato secondo il from Shakespeare’s Hamlet) clearly suggests. titolo che è appunto una citazione da Shakespeare e che The works on show illustrate the museum’s long his- definisce l’elasticità aerea del tempo, stratificato e non litory and that of the artists who are part of it: Balla, neare. La sincronia si dilata lungo e attraverso le opere, Braque, Canova, Cucchi, De Chirico, Duchamp, Fon- raccontando la lunga storia del Museo e degli artisti che tana, Sironi, Siviero, Rodin… ne fanno parte: Balla, Braque, Canova, CucWhen: until April 15, 2018 . Where: Galleria chi, De Chirico, Duchamp, Fontana, Sironi, Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea Siviero, Rodin… Georg Baselitz. Heroes Quando: fino al 15 aprile 2018 . Dove: Galleria The exhibition focuses on a specific phase Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea of the artistic career of Georg Baselitz, a Georg Baselitz. Eroi German artist born in Saxony in 1938. Quella presentata è una precisa fase della The “heroes” he depicted are the ones Between vita d’artista di Georg Baselitz, artista tedethat a young twenty-year-old German man contemporary sco nato in Sassonia nel 1938. Gli “eroi” che found the strength to describe and de- and classic: dipinge sono quelli che un ventenne tedesco structure, moving from the painful realiza- the great trovò la forza di raccontare e destrutturare tion that he “was born in destroyed landprendendo dolorosamente coscienza del fatmasters scapes, -as he said in a 1995 interview- with to di esser “stato messo al mondo in un ordiin Rome destroyed people in a destroyed society. ne distrutto - come dichiarò in un’intervista I do not want to impose any new order, there is enough del 1995 - in un popolo distrutto, in una società distrutta. order already.” E non volevo introdurre un nuovo ordine. Avevo visto fin And so his “heroes” are fragile, precarious, self-contra- troppi cosiddetti ordini.” Ed è così che i suoi “eroi” sono dictory…human, young and self-conscious and, above fragili, precari, contraddittorii… umani, giovani e consaall, heirs to a world that is the father of the present. pevoli, ma soprattutto eredi di un mondo che è il padre del When: from March 4 to June 18, 2017. nostro presente. Quando: dal 4 marzo al 18 giugno. Where: Palazzo delle Esposizioni Dove: Palazzo delle Esposizioni 124 Roma | the Eternal City


Above: Time is Out of Joint, Gamc Below, from left: Gamc ; Scuderie del Quirinale, il Museo Universale. From Napoleon’s dream to Canova Roma | the Eternal City 125


3 5

1

2

4

6

7

10

1. Silvio Orlando 2. Cecilia Bartoli 3. Carlo Cecchi ne “Il lavoro di vivere” 4. Vincenzo Salemme 5. James Hall 6. Speranza Scapucci 7. “La Dolce Vita. La musica del cinema italiano” concert 8. “Qualcuno volò sul nido del cuculo” 9. Graham Vick 10. Harlem Gospel Choir 11. “Natale in Casa Cupiello” 12. Luca Barbareschi and Chiara Noschese in “L’anatra all’arancia” 13. Jader Bignamini 14. Antonio Rezza in “Fratto X”

8

11

13 14

9

12


theatre season

On stage, excitement and emotion In scena, le emozioni

text Teresa Favi

Rome, and dance in Music, drama ts en ev r te ant win all the import a, om R a a nz e da Musica, prosa amenti cult nt pu ap i gl i tutt o rn ve di questo in

From December until Janu- Teatro Costanzi is celebrated ary 8 at Teatro Eliseo, Luca with the notes of the operetta Barbareschi and Chiara by Johann Strauss Jr., enNoschese are performing a titled Die Fledermaus, onstage “cult” classic of comic theater, from December 31 to JanuL’anatra all’arancia. From ary 8. From December 25 to December 20 to 31 at Teatro 27, at the Auditorium Parco Vascello, the avant-garde della Musica (25 to 18) comes space par excellence, there is the most famous gospel choir Fratto X by Flavia in America, the Mastrella and An- New Year’s Harlem Gospel tonio Rezza, with Eve at the Choir with its Antonio Rezza repertoire that inEliseo Theatre cludes traditional and Ivan Bellavista. From Decem- with the duo and contempober 20 to Janu- Barbareschi rary gospel, jazz ary 4 at Teatro – Noschese and blues, where Argentina, Na- in Duck in public participatale in casa Cupition is an integral ello by Eduardo “Orange part of each show. De Filippo and Sauce” Also on this stage directed by Antonio Latella December 26, a prestigious with and directed by Luigi De tribute to the soundtracks of Filippo. From December 18 Italian cinema, La Dolce Vita: to 24 at Teatro Costanzi, the la musica di cinema Italiana Balletto dell’Opera di Roma with the Rome Symphony is onstage with a great ballet Orchestra, conducted by Steclassic, The Nutcracker, with ven Mercurio and with spethe eternal music by Tchai- cial guest Peppe Servillo. Dekovsky. New Year’s Eve at cember 31 and January 1st is

Da dicembre fino all’8 gennaio al Teatro Eliseo Luca Barbareschi e Chiara Noschese portano in scena un “cult” del teatro comico L’anatra all’arancia. Dal 20 al 31 dicembre al Teatro Vascello, lo spazio d’avanguardia per antonomasia, arriva Fratto X di Flavia Mastrella e Antonio Rezza
con Antonio Rezza 
e Ivan Bellavista. Dal 20 dicembre al 4 gennaio al Teatro Argentina va in scena
Natale in casa Cupiello
di Eduardo De Filippo
e regia di Antonio Latella. Dal 18 al 24 dicembre al Teatro Costanzi, il Balletto dell’Opera di Roma va in scena con un grande classico della danza, Lo schiaccianoci con la musica eterna di Čajkovskij. La fine dell’anno al Teatro Costanzi, si festeggia sulla note del balletto musicato da Johann Strauss figlio, dal titolo Il pipistrello, in scena dall’31 dicembre all’8 gennaio. Dal 25 al 27 dicembre,

all’Auditorium Parco della Musica (il 25 alle 18) arriva il più famoso coro gospel d’America, l’Harlem Gospel Choir con il suo repertorio che comprende gospel tradizionali e contemporanei, jazz e blues, dove la partecipazione del pubblico è parte integrante di ogni show. Sempre su questo palco il 26 dicembre, un prestigioso omaggio alle colonne sonore del cinema italiano con La Dolce Vita: la musica del cinema italiano con l’Orchestra Roma Sinfonietta, diretta da Steven Mercurio e tra le special guest Peppe Servillo, e il 31 dicembre e il 1 gennaio la maestria musicale di James Hall produttore e arrangiatore nativo di Brooklyn: tutte le suggestioni del gospel fino a quello contemporaneo con arrangiamenti che spaziano tra il jazz e la classica in grado di suscitare emozioni. All’Eliseo, dal 10 al 29 genRoma | the Eternal City 127


cover story

“Il aatrovatore” (Ph. Ruth Walz)

the musical mastery of James Hall, producer, arranger and native of Brooklyn: all the evocations of gospel up to the contemporary with inspiring arrangements ranging from jazz to classical. At the Eliseo, January 10 to 29, a show staged by Alessandro Gassman, One Flew Over the Cuckoo’s Nest, with Daniele Russo and Elisabetta Valgoi (January 10 to 29). At the Costanzi, January 18 to 27, is the magic new production designed by Graham Vick, Mozart’s masterpiece Così fan tutte, and on the podium the extraordinary Roman baton of Speranza Scappucci. At the Sistina from January 18 is Una Festa Esagerata!, the new comedy written, directed by and starring Vincenzo Salemme. From January 25 to February 12 all eyes are on the Piccolo Eliseo where Silvio Orlando, fresh from his recent success for his master128 Roma | the Eternal City

ful interpretation alongside naio uno spettacolo allestito Jude Law in Sorrentino’s da Alessandro Gassmann most recent film for SKY TV, Qualcuno volò sul nido del The Young Pope, is the lead in cuculo con Daniele Russo Lacci by Domenico Starnone. ed Elisabetta Valgoi (10-29 January 27, not to be missed gennaio). Al Costanzi, dal 18 at the Auditorium Parco al 27 gennaio, è il momento della Musica is the Gala Mo- magico del nuovo allestizart starring the great Roman mento firmato Graham Vick mezzosoprano del capolavoro Cecilia Bartoli mozartiano Così in concert with fan tutte che the Orchestra A must-see vede sul podio of Santa Cecilia la straordinaria conducted by show starring bacchetta romaAntonio Pap- opera singer na di Speranza pano. Scappucci. Cecilia January 29 at the Bartoli at the Al Sistina dal Teatro Studio gennaio va Auditorium on 18 Borgogna, in five in scena Una sessions from 10 January 27 Festa Esagerata! am to 8:30 pm, the orchestral la nuova commedia scritmusicians and artists of the ta, diretta e interpretata da Santa Cecilia choir dedicated Vincenzo Salemme. Dal 25 to children and young people gennaio al 12 febbraio oc(0-18 years), in a wonderful chi puntati invece al Piccolo musical marathon. During Eliseo dove Silvio Orlando, performances, spectators will reduce dal recente successo be free to move and express per la sua magistrale inter-

pretazione a fianco di Jude Low nell’ultimo film per SKY tv di Sorrentino, The Young Pope, è il protagonista di Lacci di Domenico Starnone. Il 27 gennaio appuntamento da non perdere all’Auditorium Parco della Musica per il Gala Mozart che vede protagonista il grande mezzosoprano romano Cecilia Bartoli in concerto con l’Orchestra di Santa Cecilia diretta Antonio Pappano. Il 29 gennaio al Teatro Studio Borgogna, in cinque sessioni dalle 10 alle 20.30, i professori d’orchestra e gli artisti del coro di Santa Cecilia dedicano ai più piccoli e ai ragazzi (0-18 anni) una stupenda maratona musicale. Durante gli spettacoli gli spettatori saranno liberi di muoversi ed esprimersi su un enorme caldo tappeto, circondati dai musicisti in


cover story

Galuco Mari, “Edipo Re”

themselves on a huge warm carpet, surrounded by musicians in a unique atmosphere of relaxation, spontaneity and fun, drawing on the classical repertoire, jazz and folk. Twenty years later, the MauriSturno company returns to the stage in two masterpieces by Sophocles, analyzing more thoroughly the immortal myth of Oedipus, directed by two different directors: Glauco Mauri, for Oedipus at Colonus, and Andrea Baracco for Oedipus Rex: at Teatro Eliseo, from January 31 to February 12. At Teatro India, L’apparenza inganna, by Thomas Bernhard, directed by Federico Tiezzi, February 7 to 12, and La divina Sarah from the Memoir of Sarah Bernhardt by John Murrell, with Anna Bonaiuto and Gianluigi Fogacci, directed by Marco Carniti, from February 21 to 26. At Teatro Eliseo from February 15 to March

5, Andrée Ruth Shammah is un’atmosfera unica fatta di the director of Il lavoro di vi- rilassamento, spontaneità vere (The Labor of Life) by Ha- e divertimento attingendo noch Levin, with the collabo- al repertorio classico, jazz e ration of Carlo Cecchi, one popolare. of the last great masters of A distanza di vent’anni, la Mauri-Sturno Teatro Italiano, starring with compagnia Fulvia Carotenuto and Mas- ritorna a mettere in scena, simo Loreto. Then at the Sis- i due capolavori di Sofocle, per analizzare tina, from Febpiù compiutaruary 21, comes mente il mito the unique pair di Lillo & Greg, “Il Trovatore” immortale Edipo, affidanwith Il Mistero do la regia a due dell’assassino mis- by Verdi will diversi registi: terioso, this time be staged at Glauco Mauri, a mystery but the Costanzi in a comic key. Theatre from per Edipo a Coe Andrea From FebruFebruary 18 lono, Baracco per ary 28 to March Edipo Re: al Te10, at Teatro to March 10 Costanzi, the great work by atro Eliseo, dal 31 gennaio Verdi, Il Trovatore, in the new al 12 febbraio. production by Àlex Ollé (La Al Teatro India L’apparenza Fura dels Baus), with Jader inganna, 
di Thomas BernBignamini on the podium, a hard
regia Federico Tiezzi, project of Fabbrica - Young dal 7 al 12 febbraio, e La Artist Program of the Teatro divina Sarah da Memoir di Sarah Bernhardt di John dell’Opera in Rome.

Murrell,
con Anna Bonaiuto e Gianluigi Fogacci,
regia Marco Carniti, dal 21 al 26 febbraio. Al Teatro Eliseo dal 15 febbraio al 5 marzo Andrée Ruth Shammah è il regista di Il lavoro di vivere di Hanoch Levin, con la complicità di Carlo Cecchi, uno degli ultimi grandi maestri del Teatro Italiano, protagonista insieme a Fulvia Carotenuto e Massimo Loreto. Poi al Sistina, dal 21 febbraio, arriva la coppia inimitabile Lillo & Greg, con Il Mistero dell’assassino misterioso questa volta all’insegna del giallo ma in chiave comica. Dal 28 febbraio al 10 marzo, al Teatro Costanzi è di scena la grande opera verdiana, Il Trovatore, nel nuovo allestimento di Àlex Ollé (La Fura dels Baus), Jader Bignamini sul podio, progetto del FabbricaYoung Artist Program del Teatro dell’Opera di Roma. Roma | the Eternal City 129


theatre interview

“My” theatre Il “mio” teatro

text Luisa Nocentini photo Samanta Sollima A chat with Luigi De Filippo, heir to the great Italian theatre dynasty Il nostro incontro con Luigi De Filippo, erede della più grande dinastia del teatro italiano We meet at the theatre, in the morning, during rehearsals of Natale in casa Cupiello. The curtain opens, and he is sitting with his back turned to the empty hall. The magic is instantly recognisable. He directs his young actors, and you can see that he feels at home up there on the stage. A man in his theatre. On the wall is a black and white blow-up photograph of the three De Filippo siblings, Eduardo, Peppino and Titina, with their parents. Three siblings who shared the same talent and the same destiny, three lives crowned by personal achievement. Peppino’s son Luigi De Filippo is the latest representative of the great dynasty of Italian theatre, the De Filippo-Scarpetta family. If you look up De Filippo in the Treccani encyclopaedia, you will find a family tree packed with human interplay, sentiment, talent and passion. All this and an extraordinary humanity is tangible in Luigi De Filippo, whose fate became intertwined with that of the Parioli Theatre in Rome in 2011. Luigi De Filippo and his wife Laura fell in love with the theatre and decided to bring it back to life as their family theatre. Luigi named the theatre Teatro Parioli Peppino De Filippo after his father, as a way of acknowledging a great Italian actor, playwright and screenwriter whose work went beyond the bounds of his native city, Naples, to become universal. How important is tradition to you? Just about as important as breathing. With this background, without the repertoire my family has built up over the years, I would never have been what I am: an actor who has been an actor all his life. This year the theatre began its season with “Natale in casa Cupiello”, now on tour all over Italy. What does it mean to you to be the first member of the De Filippo family, after the great Eduardo, to direct and appear in this work? I consider it the crowning achievement of my career, as well as a challenge which I addressed with all the enthusiasm I could muster. You were your father Peppino’s closest team member for years, 130 Roma | the Eternal City

L’appuntamento è in teatro, al mattino, durante le prove di Natale in casa Cupiello. Sipario aperto, lui sta seduto dando le spalle alla platea  vuota e subito si avverte la magia. Da indicazioni ai suoi giovani attori e capisci che il suo mondo è lì su quelle tavole. Un uomo nel suo teatro. Alla parete una gigantografia in bianco e nero che ritrae i tre fratelli De Filippo Eduardo, Peppino e Titina, con i genitori. Tre fratelli, un destino comune di talento e tre vite caratterizzate da successi personali. Luigi De Filippo, figlio di Peppino è l’ultimo a rappresentare la grande dinastia del teatro italiano, i De Filippo-Scarpetta. Vedi alla voce De Filippo dell›enciclopedia Treccani e leggi un albero genealogico ricco di intrecci umani, sentimenti, talenti, passione. Tutto questo e una cifra umana straordinaria si percepisce intorno a Luigi De Filippo la cui vita, nel 2011, incrocia alla sorte del teatro Parioli di Roma. Un colpo di fulmine e Luigi De Filippo insieme a sua moglie Laura decidono di ridare vita al teatro e restituire un teatro alla loro famiglia. Dedica il Parioli al padre, come atto di restituzione e riconoscimento per un attore e autore di prima grandezza del teatro e del cinema  italiano, che ha oltrepassato i confini di Napoli diventando universale. Quanto è importante per lei la tradizione? Lo è quasi quanto respirare. Senza questo sfondo, senza il repertorio che la mia famiglia ha costruito nel tempo non sarei quello che sono diventato. Un attore che per tutta la vita ha fatto solo questo. Quest’anno il titolo che ha inaugurato la stagione del Parioli, ora in tour nei principali teatri italiani è “Natale in casa Cupiello”. Che cosa significa per lei dirigere e interpretare (primo della famiglia De Filippo dopo il grande Eduardo) quest’opera? Lo considero il giusto coronamento della mia carriera, oltre che una prova da affrontare con tutto l’entusiasmo possibile. Lei che è stato per vent’anni il più stretto collaboratore di suo padre Peppino, ha anche lavorato con Eduardo? Fu proprio lo zio a farmi esordire nel 1948. Una grande lezione…


Luigi De Filippo, theatre actor, playwright and director, the son of Peppino De Filippo, from 2011 owner and artistic director of Rome’s Teatro Parioli Peppino De Filippo Roma | the Eternal City 131


theatre interview

The Teatro Parioli Peppino De Filippo 132 Roma | the Eternal City


theatre interview

Some pictures of the Teatro Parioli Peppino De Filippo and scenes from the new show “Natale in casa Cupiello” which opened the theatre’s 2016-2017 season but did you also work with Eduardo? It was my uncle who first put me on stage, in 1948. A great lesson… Have your family ties ever affected your professional relationship? We have always put aside our family ties, which were never allowed to affect the student/teacher relationship. I have had some arguments with my father, I’ve questioned what he does; but I’ve always respected my teacher completely. Eduardo is Eduardo not just because he was born Eduardo, but because he became Eduardo, by working hard and making a lot of sacrifices. There’s an old anecdote linking your career with the theatre in Rome you own and direct. Can you tell us the story? It was in 1973, when I staged my first comedy, Storia strana su una terrazza napoletana, in which I appeared alongside my father Peppino. He left me a note in my dressing room: “Bravo! Your comedy is really good. I wish I had written it myself!” Six years ago you took over from Maurizio Costanzo at the helm of the Parioli Theatre, giving it a new name and new life. How did you to about this new venture? With intelligence, hard work and good will. Attempting to bring these three strengths together. The theatre might have become a parking garage, or a supermarket, but my wife Laura and I decided to try and change things, and we managed to do so. Opening a theatre in Rome is a bold adventure, especially nowadays. It takes courage and a bit of madness: the combination of these two essential ingredients allowed Teatro Parioli Peppino De Filippo to become reality. Mine is a solitary adventure, a family-run operation, a return to the great playwrights, to the best traditions, with a high artistic profile. In short, a family business. And it’s always sold out!

Il rapporto di sangue ha mai contaminato quello professionale? Il legame familiare è sempre stato accantonato, non doveva in alcun modo inquinare quello fra studente e maestro. Con mio padre ho avuto degli scontri, l’ho messo in discussione; il maestro invece l’ho rispettato fino in fondo Eduardo è Eduardo non solo perché è nato Eduardo, ma perché lo è diventato, lavorando duramente, sacrificando tutto. Le è mai pesato il nome che porta? Il nome De Filippo è sempre stato per me uno stimolo oltre che il simbolo di un amore sconfinato per il teatro. C’è un episodio di vecchia data che lega la sua carriera al teatro romano di cui è proprietario e direttore artistico, ce la racconta? Fu nel 1973 quando debuttai con la mia prima commedia da titolo Storia strana su una terrazza napoletana, a fianco di mio padre Peppino che dopo lo spettacolo mi lasciò un biglietto in camerino “Bravo! La tua è una bella commedia, avrei voluto scriverla io!”. Sei anni fa, dopo la direzione di Maurizio Costanzo, lei ha preso il timone del Teatro Parioli, dandogli un nuovo nome e una nuova vita. Quali sono gli ingredienti di questa avventura? L’intelligenza, l’impegno e la volontà. La struttura rischiava di diventare un garage o un supermercato, ma io e mia moglie Laura abbiamo deciso di provare a cambiare le cose e ce l’abbiamo fatta. Aprire un teatro a Roma è un’avventura coraggiosa, specialmente di questi tempi. Ci vuole tanto coraggio e una giusta dose di pazzia: il mix di questi due ingredienti ha fatto sì che prendesse vita il Teatro Parioli Peppino De Filippo. Si tratta di un’avventura solitaria, una gestione familiare priva di aiuti pubblic, con una consuetudine con i grandi autori, con la migliore tradizione , con un alto profilo artistico”. Insomma ancora un affare di famiglia che fa sempre il tutto esaurito.. Roma | the Eternal City 133


deluxe shopping

Timeless elegance Eleganza fuori dal tempo text Gabrielle Bolzoni

nter: beauty Rome’s city ce reets in a maze of st zza and shopping lle be a: om Il centro di R de ra st di lo da un de e shopping in Downtown Rome is a magical place of ultimate beauty which blends the city’s everlasting history with its classic fashion and elegance. At least once a year one must take a stroll along the narrow streets extending between the Spanish Steps and Piazza del Popolo. ‘Tis the season to enjoy a fullimmersion in the holiday atmosphere and get some ideas for Christmas presents from the festive windows of the shops that dot the streets of this fashion capital. Loosing yourself in the renowned shopping district comprising the upscale Via Condotti, Via Borgognona and Via Frattina will make you feel as if you are in the center of the world. An exclusive and sophisticated world made up of world-famous ateliers, jewelers, design shops and classy bookstores. Let’s begin our stroll and our quest for exclusive elegance by walking through the ancient city gate, Porta del Popolo. This was the entrance to the city form the Via Flaminia as early as 1700. It is worth stopping at the Sale del Bramante in Piazza del Popolo to see the 41st Exhibition of the 100 Nativity Scenes, open until 6 January. Continue along Via del Babuino and enjoy looking at the many antique stores. Your first stop should be Hotel de Russie, at Via del Babuino 9. Highlights here are the magical Stravinskij Bar and the Le Jardin de Russie restaurant – an oasis of elegance immersed in lush greenery and the ideal place for a delectable cocktail or snack before starting your shopping Il centro di Roma è un luogo magico di massima bellezza, che combina l’intramontabile storia con la moda e l’eleganza senza tempo di questa città. Almeno una volta all’anno una passeggiata per i vicoli che si dipanano tra Piazza di Spagna e Piazza del Popolo è d’obbligo. In particolare questa stagione ci permette di immergerci nell’atmosfera natalizia e pensare a qualche regalo, prendendo ispirazione dalle vetrine scintillanti che costellano questo tempio dell’alta moda. Perdendosi nell’area del Tridente tra le famosissime via Condotti, via Borgognona e via Frattina si ha la sensazione di trovarsi al centro del mondo, un mondo esclusivo ed elegante fatto di atelier di fama mondiale, gioiellerie, negozi di design e ricercate librerie d’arte.  Alla ricerca dell’eleganza esclusiva, cominciamo la nostra passeggiata passando sotto la Porta del Popolo, dove già nel 1700 si entrava dalla Via Flaminia in città. Dopo una breve visita alla quarantunesima edizione della Mostra dei 100 Presepi, ospitata fino all’Epifania nelle Sale del Bramante a Piazza del Popolo, ci incamminiamo lungo Via del Babuino, dove troviamo ancora numerosi negozi di antiquariato. La prima tappa è all’Hotel de Russie in Via del Babuino 9, che custodisce il magico Stravinskij Bar ed il ristorante Le Jardin de Russie, un›oasi di eleganza immersa nel verde, dove consumare un delizioso drink o uno squisito spuntino prima di dare inizio allo shopping.  134 Roma | the Eternal City


The renowned shopping district comprises the upscale Via Condotti, Via Borgognona and Via Frattina Roma | the Eternal City 135


Above, Palazzo Fendi in Largo Carlo Goldoni Below, Piazza di Spagna 136 Roma | the Eternal City


1

2

3

4

1. Mario Luca Giusti 2. MAD 3.Kiehl’s 4. Quezcotzalcoate Chocolatier 5. Vertecchi

5 Roma | the Eternal City 137


deluxe shopping

1. Walking on Via del Babuino 2. Spazio Manassei Gioielli 3. Piazza di Spagna 4. 6. Quezcotzalcoate Chocolatier 5. Via Condotti experience. If beauty is one of your priorities then pay a visit to Kiehl’s at Via del Babuino 94, where quality beauty products born from pharmaceutical, cosmetic and botanical expertise have been sold since 1851. Turn right in Via Vittoria and stop at number 63, where Dr. Vranjes Firenze cultivates the tradition of creating fragrances with precious essences and products. A nose’s paradise. Fragrance diffusers and lamps, candles, linen sprays, personal perfumes, cosmetics and many other refined gift ideas. Located at Via Vittoria 37 is Mario Luca Giusti, which has won over the international market with its extremely-colorful design objects made of synthetic glass. Practical yet elegant glassware and housewares in a fusion/pop style. Make your way to Via della Croce (two parallel streets down from Via Vittoria) and browse through Vertecchi, at street number 70. This is the most exclusive and modern stationary shop in Rome. A place where you can easily lose yourself among magnificent pens, sophisticated design items, pretty Christmas decorations and amazing stationary. Spazio Manassei Gioielli comes into view as you walk along Via Bocca di Leone (street number 31). Here Monica applies her superb artistry to create exquisite fashion jewelry. In Via del Babuino 94 la nostra ricerca della bellezza ci impone una fermata da Kiehl’s, che vende dal 1851 prodotti di eccellenza per la cura del corpo, nati dalla fusione di competenze farmaceutiche, cosmetiche e botaniche.  Voltiamo a destra per Via Vittoria e ci fermiamo al civico 63 dove Dr. Vranjes Firenze  coltiva la cultura del profumo con essenze e manufatti di pregio: un vero e proprio paradiso per l’olfatto. Diffusori d’ambiente, lamparfum per la profumazione e purificazione dell’aria, candele, fragranze per la biancheria, profumi personali, cosmetici e molte raffinate idee regalo. Proseguendo per Via Vittoria al civico 37 troviamo l’eclettico negozio di Mario Luca Giusti, che ha conquistato il mercato internazionale grazie ai coloratissimi articoli di design in cristallo sintetico per la tavola e non solo, pratici ed eleganti in uno stile tra il fusion ed il pop.  Due parallele più in giù c’è Via della Croce ed al civico 70 troviamo il regno di Vertecchi, la cartoleria più esclusiva ed all’avanguardia della capitale, dove perdersi tra meravigliose penne, oggetti di design ricercati, addobbi di Natale e mille idee di carta e cartotecnica.  In Via Bocca di Leone 31 scorgiamo lo Spazio Manassei Gioielli, dove Monica conduce con maestria il suo mestiere di artigiana creando raffinati oggetti di alta bigiotteria. Ci fermiamo in Via delle Carrozze 26 per sorbire una deliziosa cioccolata calda da Quezcotzal138 Roma | the Eternal City


Via Condotti Stop for a delicious hot chocolate at Quezcotzalcoate Chocolatier at Via delle Carrozze 26. A very sweet boutique selling handmade chocolates, mini-pastries and traditional cakes from Provence that will taste like your childhood. Don’t leave without trying their hot chocolate with chili, inspired by the traditional Aztec beverage, imported to Europe by Ferdinando Cortes. A walk along the world-famous shopping street, Via Condotti, is a must to enjoy the lovely Christmas decorations and the picturesque view of the Spanish Steps and the Barcaccia fountain. Let your curiosity lead to to the recently renovated Palazzo Fendi and further on to the ancient Via Recta, renamed Via dei Coronari, with its beautiful antique shops. In the Middle Ages, this was the shortest way for the pilgrims to reach Saint Peter’s Square from Porta del Popolo. A tangle of narrow streets will lead you to Piazza San Salvatore in Lauro, where the homonymous church houses a few relics of Saint Pio of Pietralcina. Located at street number 11 is MAD – a delightful shop which makes children’s dreams come true. Toys, clothing and accessories made exclusively by hand by knitting artists with precious and organic yarns. Our Christmas-shopping itinerary ends here, although a stroll through the center of Rome is also a joy for the spirit, which will inevitably be brightened by so much beauty.

A walk along the worldfamous shopping street, Via Condotti, is a must to enjoy the lovely Christmas

coate Chocolatier, una dolcissima boutique di cioccolato artigianale, pasticcini e dolci tipici della Provenza, che rievocano i gusti dell’infanzia. Decisamente da non perdere il cioccolato al peperoncino, ispirato alla bevanda degli Aztechi, importata in Europa da Ferdinando Cortes. Non possiamo non fare una breve tappa in Via Condotti, una delle strade più famose per lo shopping mondiale, per apprezzare le decorazioni natalizie ed il suggestivo scorcio su Piazza di Spagna e la Barcaccia alle nostre spalle. Proseguiamo curiosi di ammirare Palazzo Fendi da poco rinnovato fino a giungere all’antica Via Recta, oggi Via dei Coronari, strada degli antiquari per eccellenza e, un tempo, il modo più veloce dei pellegrini per raggiungere Piazza San Pietro dalla Porta del Popolo. Percorrendo un intricato dedalo di vicoli medievali, giungiamo in Piazza San Salvatore in Lauro, dove l’omonima chiesa custodisce alcune reliquie di Padre Pio da Pietralcina. Al civico 11 troviamo MAD, un delizioso negozio che realizza sogni per i più piccoli. Giochi, abiti ed accessori fatti esclusivamente a mano da artiste del lavoro a maglia, che utilizzano filati pregiati e biologici. Il nostro giro termina qui ma una passeggiata per il centro di Roma è sicuramente un arricchimento per lo spirito, che sembra illuminarsi alla vista di cotanta bellezza. Roma | the Eternal City 139


hospitality events

Exclusive experiences Esperienze esclusive Christmas, design and art at the Hote l de Russie Natale, des ign e arte all’Hotel de Russie

To make the holiday season even more magical, the Hotel de Russie has entered into partnership with the exclusive Alessi, synonymous with elegance and creativity. It is a tribute to excellence in Italian design, and Alessi and the Hotel de Russie are the perfect blend of traditional and contemporary style. And so, the entrance to the iconic Roman hotel turns into an Alessi creation: a composition of bells of different sizes descend harmoniously from the ceiling creating an original installation by flower designer Sebastian Bierings. The decorations are inspired by Alessi Christmas, the blown glass collection designed by Marcel Wanders, with colors and designs inspired by the Holy Family. The decoration by Alessi also takes in the Piazzetta Valadier, which, inside the hotel, hosts the Stravinskij Bar. Here, the original decorations come together in an atmosphere that has even more Christmas spirit thanks to the Gospel concert organized with the Auditorium Parco della Musica scheduled for the Christmas Party at the Hotel de Russie. Over the holidays, guests who book a twonight stay, along with the free breakfast, receive a discount of 15%. But there is more. The new year coincides with an important anniversary: the hundred years since the first visit to Rome by Pablo Picasso, who in 1917 came to the capital to create the first Cubist ballet in the Per rendere ancora più magico il periodo delle feste, l’Hotel de Russie sigla una partnership esclusiva con Alessi, da sempre sinonimo di eleganza e creatività. Un omaggio all’eccellenza del design italiano, che vede in Alessi e nell’Hotel de Russie un mix perfetto di tradizione e stile contemporaneo. È così che l’ingresso dell’iconico hotel romano si colora delle creazioni Alessi: una composizione di campane e campanelline che scende armoniosamente dal soffitto creando un’installazione originale ad opera del flower designer Sebastian Bierings. Le decorazioni sono ispirate alla Alessi Christmas, la collezione in vetro soffiato disegnata da Marcel Wanders, con colori e disegni ispirati alla Holy Family. L’allestimento firmato Alessi coinvolge anche la piazzetta Valadier, che all’interno dell’hotel ospita lo Stravinskij Bar, dove originali decorazioni si uniscono a un’atmosfera resa ancora più natalizia dal concerto Gospel organizzato con l’Auditorium Parco della Musica in programma per il Christmas Party dell’Hotel de Russie. In occasione delle feste, inoltre, gli ospiti che prenotano un soggiorno di due notti, insieme alla prima colazione inclusa, ricevono uno sconto del 15%. Ma non solo, il nuovo anno coincide con un importante anniversario: i cento anni dalla prima visita a Roma di Pablo Picasso, che nel 1917 arrivò nella Capitale per realizzare il primo balletto cubista al mondo insieme al 140 Roma | the Eternal City


hotel events

At the Hotel de Russie, the elegant decorations by Alessi, inspired by the collections designed by Marcel Wanders Roma | the Eternal City 141


An original installation by flower designer Sebastian Bierings 142 Roma | the Eternal City


After an exhibition of Picasso’s ceramics (in this picture), the hotel hosts La Célestine exhibit from January 24 to February 25, 2017 world together with poet and friend Jean Cocteau. He stayed for three months in the luxurious 5-star hotel on Via del Babuino, at the center of the lively Roman artistic life. Since its opening, the hotel celebrated the Spanish genius by dedicating the “Picasso Suite” to him, a suite overlooking the hotel garden, recently restored by the Director of Design of the Rocco Forte Hotels, Olga Polizzi. For this centenary, the Hotel de Russie has organized a series of events to commemorate the legendary artist once again. After a first exhibition of important ceramics that ended in November, now there is La Célestine, a second exhibition that runs from January 24 to February 25. It features a series of engravings, etchings and aquatints by Picasso, the subject of which is the satirical tragedy written by Fernando de Rojas in the sixteenth century. With this exhibition and an itinerary that includes a visit to the parts of Rome that were dearest to Pablo Picasso, guests have the opportunity to completely steep themselves in Roman life. Via Margutta where Picasso had his own studio a few steps from the hotel, Piazza di Spagna, Trinità dei Monti, Villa Medici and Piazza Barberini, seen through the eyes of one of the greatest personalities of the twentieth century, and a stay in the hotel that a century before ravished his heart, still known and appreciated today is one of the most elegant and exclusive hotels in the city.

The Christmas season is devoted to celebrating Italian design and the 100th anniversary of Pablo Picasso’s visit

poeta e amico Jean Cocteau, soggiornando per tre mesi nel lussuoso hotel 5 stelle in via del Babuino, al centro della vivace vita artistica romana. Fin dalla sua apertura l’hotel ha celebrato il genio spagnolo dedicandogli l’elegante “Picasso Suite”, una suite che si affaccia sul giardino dell’hotel, da poco ristrutturata dalla Director of Design della Rocco Forte Hotels Olga Polizzi. Per questo centenario l’Hotel de Russie ha organizzato una serie di eventi per commemorare ancora una volta il leggendario artista. Dopo una prima mostra di pregiate ceramiche terminata a novembre, è la volta di La Célestine, una seconda esposizione, in programma dal 24 gennaio al 25 febbraio, che vede protagoniste una serie di incisioni, acqueforti e acquetinte realizzate da Picasso, che hanno come tema la tragedia satirica scritta da Fernando de Rojas nel XVI secolo. Attraverso questa mostra e un itinerario che comprende una visita ai luoghi di Roma che furono più cari a Pablo Picasso, gli ospiti hanno la possibilità di vivere un’esperienza di immersione totale nella vita romana dell’artista. Via Margutta, dove Picasso ebbe il proprio studio a pochi passi dall’hotel, piazza di Spagna, Trinità dei Monti, Villa Medici e piazza Barberini visti attraverso gli occhi di uno dei più grandi personaggi del Novecento, soggiornando nell’hotel che un secolo prima ne ha rapito il cuore, conosciuto e apprezzato ancora oggi come uno dei più eleganti e esclusivi della città. Roma | the Eternal City 143


aa aa

The wonderful events held by PalazziGas 144 Roma | the Eternal City


city event

The new geography of emotions LA NUOVA GEOGRAFIA DELLE EMOZIONI PalazziGas is skilled at exporting th Italian beau e idea of ty with extr aordinary ev PalazziGas ents ha saputo es portare l’id di bellezza ea italiana attr averso even ti unici

Every era dreams the one to follow, wrote Walter Benjamin. It is as if the future were a stratification, more than a journey: we do not go from the present toward the future, but we see the future that awaits us growing above history and above the present. The future is therefore something that overlaps our history, rather than a movement from the past to the present. In Italy and in Rome, in particular, it can be no other way. The history of the eternal city cannot, and must not, be forgotten, but must be constantly brought into the present, so that it can represent what we are today, and in order to recount it in an engaging way to younger audiences as well. In this geography of emotions, events play a fundamental role, as do unique and unrepeatable occasions devoted to a celebration, private or public, institutional or commercial. Today events become a valuable ally for the most important marketing that Italy must tackle, the marketing of the territory, its monuments, and its history. Events are not only a valuable resource for providing for the expensive upkeep, but become an opportunity to discover the wonderful places in the most beautiful country in the world in a new light. Ogni epoca sogna la seguente, scriveva Walter Benjamin. È come se il futuro fosse una stratificazione, più che un viaggio: non andiamo dal presente verso il futuro, ma vediamo crescere sopra la storia e sopra il presente, il futuro che ci aspetta. Il futuro è quindi qualcosa che si sovrappone alla nostra storia, piuttosto che un movimento dal passato verso l’oggi. In Italia e a Roma, soprattutto, non può che essere così. La storia della Città Eterna non può, né deve, essere dimenticata, ma va costantemente attualizzata, per renderla capace di rappresentare ciò che siamo oggi e per raccontarlo, in maniera coinvolgente anche al pubblico più giovane. In questa geografia delle emozioni un ruolo fondamentale lo giocano gli eventi, occasioni uniche e irripetibili dedicate a una celebrazione, privata o pubblica, istituzionale o commerciale. Oggi gli eventi diventano un prezioso alleato proprio per il più importante marketing che l’Italia si trova a curare, quello del territorio, dei suoi monumenti, della sua storia. L’evento non è solo una risorsa preziosa per provvedere al loro oneroso mantenimento, ma diventa un’occasione per scoprire sotto un’altra luce i luoghi meravigliosi del paese più bello Roma | the Eternal City 145


cover story

tThe event at Castel Sant’Angelo, where the agency created an immersive experience in the best of Italian culture, art and musical tradition. 146 Roma | the Eternal City


Giampaolo Rossi, Francesco Palazzi, Simone Casiglia, Founders of PalazziGas

It is a way to introduce them to a different public, a young international public, combining a playful moment with an experience set in beauty and history. One of the few companies which produces events of this kind is PalazziGas. Starting from Rome and its beauty, it has been able to export its idea of beauty out into the world. This applies to the event at Castel Sant’Angelo, where the agency created an immersive experience in the best of Italian culture, art and musical tradition. Guests were invited to experience the exclusive areas of the castle, with extras dressed following a Tosca theme, and then dine in the passageway, ending the evening by watching the third act of the opera by Puccini. Or the dinner show in the gardens of Villa Borghese, with a patio for Andrea Bocelli’s concert and an exciting tour through the Galleria Borghese. Again, the harmonizing of the best that the Italy of yesterday and today can offer to the world. For PalazziGas, organizing an event at Castel Sant’Angelo, at the Galleria Borghese or on the Terrazza del Pincio is not only an opportunity to let audiences live a dream, but also a “restitution”. It is a way to reciprocate the beauty and magic that are easy to know and love when one is lucky enough to live in this city.

Events become an opportunity to discover the wonderful become an opportunity places the to discover thein wondermost beautiful ful places in the most country in in the beautiful country the world in a n world

del mondo. È un modo per farli conoscere a un pubblico diverso, giovane, internazionale che abbina ad un momento ludico, un’esperienza nella bellezza e nella storia. Una delle poche realtà che realizza eventi di questo genere è PalazziGas, che partendo da Roma e dalla sua bellezza ha saputo esportare la sua idea di bellezza nel mondo. Come l’evento di Castel Sant’Angelo, con cui l’agenzia ha dato vita a una immersive experience nel meglio della cultura, dell’arte e della tradizione musicale italiana. Gli invitati hanno potuto vivere in esclusiva gli spazi del castello, con comparse vestite a tema Tosca per poi cenare nel passetto e chiudere la serata assistendo al terzo atto dell’opera di Puccini. O il dinner show nei giardini di Villa Borghese, con un patio per il concerto di Andrea Bocelli e un entusiasmante passaggio attraverso la Galleria Borghese. Ancora l’armonizzazione del meglio che l’Italia di ieri e oggi offre al mondo. Per PalazziGas la realizzazione di un evento a Castel Sant’Angelo, presso la Galleria Borghese o sulla Terrazza del Pincio non è solo l’occasione per regalare al proprio pubblico un sogno, ma anche una “restituzione”. Un modo per ricambiare la bellezza e la magia che è facile conoscere e amare quando hai la fortuna di vivere in questa città. Roma | the Eternal City 147


food itinerary

Ecru, raw treats served at breakfast and dishes gluten-free and lactose-free 148 Roma | the Eternal City


food itinerary

I’m going organic DIVENTO bio text Gabrielle Bolzoni

Raw and vegan, macrobiotic and vegetarian restaurants: diving into the flavor of health. Ristoranti crudisti e vegani, macrobiotici e vegetariani: immersione nel sapore della salute

There’s a growing trend in Rome, though it might be more appropriate to call it an organic modus vivendi, that of pursuing a healthy lifestyle, starting with what we eat. An organic diet is based on natural cuisine with organic seasonal foods, grown without the use of pesticides and chemicals, which have travelled zero kilometers. This ensures a low impact on the environment in addition to a high fiber content, no saturated fats and many vitamins and minerals. A conscious targeted choice aimed at achieving a state of good balanced psychological and physical health. Here’s our selection of restaurants for you. Ecru offers a natural cuisine, with healthy and energyfilled raw dishes, gluten-free and lactose-free. While maintaining the organoleptic properties of the basic ingredients, the food is more nutritious and tasty. Delicious raw treats served at breakfast and snacks accompanied by a 100% organic coffee. Via Acciaioli 13 (Center), tel. 0668804282, Mon-Wed 10 am to 8 pm, Thu-Sat 10 am to 10 pm, Sun 11 am to 8 pm, www. ecrurawfood.it Enoteca Palatium celebrates the culinary tradition of Lazio with a multi-sensory journey through the food and wine specialties of the Roman countryside. Simplicity and creativity are the ingredients used by chef Dino De Bellis. The dishes come with a modern twist according to the season. Via Frattina 94 (Center), tel. 0669202132, Mon-Sun 9 am to 11 pm, www.enotecaregionalepalatium.it Flower Burger is the first gourmet vegan burger restaurant in Italy and it’s a must-try for vegans and burger

A Roma si sta diffondendo la moda, ma è più appropriato dire il modus vivendi biologico, che consiste nel condurre uno stile di vita sano, partendo proprio dalla tavola. La dieta biologica si basa su una cucina naturale con alimenti organici di stagione, coltivati senza l’uso di pesticidi e prodotti chimici, che abbiano percorso chilometri zero garantendo, quindi, un basso impatto ambientale oltre ad un alto contenuto di fibre, niente grassi saturi e molte vitamine e minerali. Una scelta consapevole e mirata volta al raggiungimento di uno stato di salute ed equilibrio psico-fisico. Ecco la nostra selezione di ristoranti per voi. Ecru offre una cucina naturale, sana ed energetica a base di piatti crudi, senza glutine né lattosio. Mantenendo inalterate le proprietà organolettiche delle materie prime, il cibo risulta più nutriente e gustoso. Deliziosi break raw serviti a colazione e merenda accompagnati da un caffè biologico al 100%. Via Acciaioli 13 (Centro), tel. 0668804282, lun-merc 10.00-20.00, giovsab 10.00-22.00, dom 11.00-20.00, www.ecrurawfood.it L’Enoteca Palatium celebra la tradizione culinaria laziale attraverso un viaggio multisensoriale tra le specialità agroalimentari e vitivinicole delle campagne romane. Semplicità e creatività sono alla base dei piatti dello chef Dino De Bellis, che vengono rivisitati in chiave moderna in base alla ciclicità stagionale.Via Frattina 94 (Centro), tel. 0669202132, lun-dom 9.00-23.00, www. enotecaregionalepalatium.it Flower Burger è la prima veganburgheria gourmet d’Italia ed è una meta obbligata per vegani ed appassionati di burger. In menu una vasta selezione di salse e pane fatto in casa. Via dei Gracchi 87 (Prati), tel. Roma | the Eternal City 149


food itinerary

Above Zero Restaurant, here is possible to book take away dishes Below Solo Crudo,the first raw street food spot in Rome 150 Roma | the Eternal City


Above Ma Va?, dishes inspired by Mediterranean tradition Below Zoe, inside the New Testaccio Market Roma | the Eternal City 151


food itinerary

1

3

2

1. Ma Va? 2 e 5. Enoteca Palatium 3. Solo Crudo 4. Flower burger 5. Zoe 4

5

6

lovers. The menu includes a wide selection of sauces 0645666538, lun-giov 12.00-15.30, 19.00-23.00, ven-sab and homemade bread. Via dei Gracchi 87 (Prati), tel. 12.00-15.30, 19.00-24.00, dom 12.00-15.30, 19.00-22.30, 0645666538, Mon-Thurs 12 am to 3:30 pm, 7 pm to 11 www.flowerburger.it pm, Fri-Sat 12 am to 3:30 pm, 7 pm-midnight, Sun 12 Hosteria del Mercato 1870 è al contempo ristorante, pizam to 3:30 pm, 7 pm-10: 30 pm, www.flowerburger.it zeria, organic juice bar, sala da te, cocktail bar ma anche Hosteria del Mercato 1870 is simultaneously a restaurant, un vero e proprio market di ispirazione londinese con pizzeria, organic juice bar, tea room, cocktail bar, but prodotti di stagione: biologici, macrobiotici e Superalso like a real London market with seafood, cioè bacche, semi e spezie ricche in sonal products: organic, macrobiotic and sostanze nutrienti. Via Bocca di Leone 46 Superfood, berries, seeds and spices rich in (Centro), tel. 0669923705,lun-dom 12.00nutrients. Via Bocca di Leone 46 (Center), 23.00, www.hosteriadelmercato.it tel. 0669923705, Mon-Sun 12 am to 11 pm, Ma Va? propone piatti vegani e vegetariawww.hosteriadelmercato.it ni ispirati alla tradizione mediterranea. In An organic Ma Va! offers vegan and vegetarian dishes piccolo ambiente con cucina a vista lo diet is based un inspired by Mediterranean tradition. The chef prepara piatti espressi nel rispetto dei on natural gusti e delle intolleranze alimentari. Via small venue has a kitchen on view where the chef prepares dishes that respect tastes cuisine with Euclide Turba 6/8 (Prati), tel. 063729134, and food intolerances. Via Euclide Turba organic lun-sab 12.00-15.00, 20.00-23.00, www.ri6/8 (Prati), tel. 063729134, Mon-Sat 12 am seasonal stomava.com to 3 pm, 8 pm to 11 p.m., www.ristomava. Orto è un ristorante vegetariano che profoods pone piatti saporiti e sfiziosi, porzioni gecom Orto is a vegetarian restaurant that serves tasty and de- nerose e prezzi contenuti. Ingredienti e vino da agrilicious dishes in generous portions at reasonable pric- coltura biologica selezionati con cura tra produttori es. Ingredients organically farmed and wine carefully certificati. Il cingolato di un trattore incornicia il banselected from certified producers. cone, mentre irrogatori di verderame del 1900 ricoproThe track of a tractor frames the counter while ver- no le pareti del locale. Il sabato e la domenica offre digris sprayers from the 1900s cover the walls of the un brunch All You can Eat a 15 euro a persona. Via room. Saturday and Sunday offers an All You Can Eat Giuseppe Gioacchino Belli 142 (Prati), tel. 0645678050, 152 Roma | the Eternal City


Above Flower Burger, the first gourmet vegan burger restaurant in Italy Below Orto, the wine is carefully selected from certified producers Roma | the Eternal City 153


food itinerary

food itinerary

Hosteria del Mercato 1870, is like a real London market with seasonal products

brunch at 15 euro per person. Via Giuseppe Gioacchi- lun-dom 19.00-24.00, www.ristoranteorto.it no Belli 142 (Prati), tel. 0645678050, Mon-Sun 7 pm- Solo Crudo è il primo street food crudista a Roma con cibi senza glutine e senza derivati di origine animamidnight, www.ristoranteorto.it Solo Crudo is the first raw street food spot in Rome with le. La loro filosofia ecosostenibile a 360 gradi si rigluten-free foods and no animal derivatives. Their to- specchia negli arredi creati con materiali di recupero, tal eco-friendly philosophy is reflected in the furnish- pack e stoviglie biodegradabili e compostabili, menings created with recycled materials, biodegradable tre dagli scarti alimentari e dai pack fertilizzano i loro raccolti. compostable packing and tableware, while Viale Federico Cesi 22 (Prati), tel. the food waste and packing fertilize their 0688974793, lun-sab 11.00-16.00, 19.00crops. Viale Federico Cesi 22 (Prati), tel. A growing 24.00, www.solocrudo.com 0688974793, Mon-Sat 11 am to 4 pm, 7 pmmidnight, www.solocrudo.com trend, though Ai Parioli Zero Restaurant esalta le maprime utilizzate per pietanze wok, In Parioli the Zero Restaurant exalts the it might terie a vapore, crude ed alla piastra, preparabasic ingredients used for wok, steamed, be more te nel massimo rispetto delle proprietà raw and grilled dishes, prepared with the appropriate di ciascun alimento. Ogni piatto indica utmost respect for the properties of each food. Each dish indicates the calorie into call it l’apporto calorico. E’ possibile prenotare take. It is possible to book take away dishes, an organic i piatti a portar via, un servizio di catepersonalizzato e persino una visita custom catering and even a free appoint“modus ring gratuita con il loro nutrizionista. Viale ment with their nutritionist. Viale Liegi 53, vivendi” Liegi 53, tel. 068415015, lun-dom 12.00tel. 068415015, Mon-Sun 12 am to 3:30 pm, 15.30, 19.30-00.00, www.zerorestaurant.it 7:30 pm to midnight, www.zerorestaurant.it Zoe is a friendly stall inside the new Testaccio Market Zoe è una simpatico banco all’interno del nuovo Merwhere you can drink excellent fresh fruit and vegetable cato Testaccio dove poter bere ottimi estratti freschi extracts and sample tasty salads and fruit salads. Via B. di frutta e verdura e assaggiare gustose insalate e maFranklin 12c, tel. 3396090164, Mon-Fri 8:30 am to 3 pm, cedonie. Via B. Franklin 12c, tel. 3396090164, lun-ven 8.30-15.00, sab 8.30-16.00, www.mercatoditestaccio.it Sat 8:30 am to 4 pm, www.mercatoditestaccio.it

154 Roma | the Eternal City


1

2

4

3

1 e 2. Hosteria del Mercato 1870 3. Solo Crudo 4. Zero Restaurant 5. Orto

5 Roma | the Eternal City 155


traditional food

Winter flower FIORE INVERNALE text Marco Talluri

Roman broccoli, star of the capital’s cuisine Il broccolo romano, protagonista della cucina della capitale

If Dan Brown had had a chance to taste the pasta dish made with skate broth and broccolo, he would have chosen the restaurant Sora Lella, on the Tiber Island in Rome, as the setting of the final scenes of his Da Vinci Code. Like other vegetable varieties, the Romanesco is a fractal, meaning the bud is self-similar in character, and the number of spirals on its head is a Fibonacci number. On a more mundane level, this inflorescence of the cabbage family is a great ingredient for winter dishes, since this is its harvesting season. Low in calories (25 Kcal/100g), it is packed with calcium, iron and vitamins (A and C) and it can be used in a surprising variety of dishes on account of its delicate flavor. Actually, there are few restaurants in Rome whose menus do not feature a broccoli dish in winter, so I will only talk about those which seemed more traditional or surprisingly innovative. The owner of the previously mentioned Sora Lella (www.trattoriasoralella.it) was the sister of a very famous Italian actor of the past, Aldo Fabrizi, who, in wintertime, preferred “this balsamic fish soup” to any other dish. But, this is not the only restaurant that serves broccoli and skate dishes. Others are Taberna de’ Gracchi (www.tabernadegracchi.com), in Prati, and Ristorante Salvi (www.ristorantesalvi.it), formerly Trattoria delle Corse, at Capannelle. At La Taverna del Ghetto (www.latavernadelghetto.com) you can order pasta with Romanseco broccoli and Epiro (on Facebook), in Prati, whose menu changes each month, occasionally serves interesting twists, such as a mini baguette with broccoli and beltfish. Foodie friends of mine have raved about it. Marzapane (www.marzapaneroma.com) often has Romanesco broccoli dishes on its winter menu, such as their current appetizers. Last but not because less tasty, I would like to mention Tram Tram (www.tramtram.it), where they serve orecchiette with Romanesco and clams. 156 Roma | the Eternal City

Se Dan Brown avesse mai assaggiato la minestra di pasta e broccoli al brodo d’arzilla, probabilmente avrebbe ambientato le scene finali del suo “Codice Da Vinci” sull’Isola Tiberina, a Roma, tra i tavoli della “Sora Lella”. Il broccolo romano infatti, come altre varietà di vegetali è un frattale, cioè ogni sua singola rosetta riproduce in scala la forma del fiore intero, e le sue spirali si dispongono secondo la successione di Fibonacci. Restando su un livello decisamente più prosaico, questa infiorescenza delle Brassicacee, è un ottimo ingrediente per dei preparati invernali, dato che questa è la sua stagione di raccolta; dal basso contenuto calorico (25 Kcal/100g) e ricco di Calcio, Ferro e vitamine (A e C), dato il suo sapore più delicato degli altri cavolfiori, si presta ad una varietà di preparati sorprendente. In questa stagione sono poche invero le trattorie romane che non offrano una pietanza a base di broccolo, quindi ci limiteremo a segnalarvi quelle che ci sono apparse più tipiche o sorprendentemente innovative. A parte la già citata trattoria Sora Lella (www.trattoriasoralella.it), il cui più famoso fratello nei mesi invernali preferiva “sta minestra barsamica de pesce” a qualsiasi altra pietanza, offrono preparati a base di broccolo e razza anche, la Taberna de’ Gracchi (www. tabernadegracchi.com) nel quartiere Prati e il Ristorante Salvi (www.ristorantesalvi.it), già Trattoria delle Corse, a Capannelle. A “La Taverna del Ghetto” (www.latavernadelghetto.com) si può assaggiare una minestra di pasta e broccoli romaneschi, mentre Epiro (su Facebook), in Prati, che varia il menù mensilmente, propone talvolta delle interessanti divagazioni, come uno sfilatino di broccoli e pesce bandiera che amici gourmet mi hanno descritto come una delizia. Marzapane (www.marzapaneroma.com) in stagione offre spesso delle ricette a base di broccolo romano. In questo momento tra gli antipasti troviamo Le Crucifere. In ultimo, ma non certo per demeriti gastronomici, segnalo Tram Tram (www.tramtram.it) con le sue orecchiette broccolo e vongole.


The Roman broccoli and the more traditional or innovative restaurants where taste this surprising vegetable


Roma Aldovrandi Villa Borghese - Via Ulisse Aldrovandi 15 - Roma - ph +39 06 3223993 - www.aldrovandi.com Bernini Bristol - P.zza Barberini - Roma - ph +39 06 488931 - www.stregisflorence.com Boscolo Aleph - Via di San Basilio 15 - Roma - ph +39 06 422901 - www.aleph-roma.boscolohotels.com Boscolo Exedra - Piazza della Repubblica, 47 Termini Station Area - Roma - ph +39 06 489381 - www.exedra-roma.boscolohotels.com Boscolo Palace - Via Vittorio Veneto 70 - Roma - ph +39 06 478719 - www.palace-roma.boscolohotels.com De Russie - Via del Babuino, 9 Roma - ph +39 06 3288881 - www.roccofortehotels.com Gran Hotel De La Minerve - P.zza della Minerva, 69 - Roma - ph +39 06 695201 - www.grandhoteldelaminerve.com Grand Hotel Plaza - Via Del Corso,126 - Roma - ph +39 06 69921111 - www.grandhotelplaza.com Gran Melià - Via del Gianicolo, 3 - Roma - ph +39 06 925901 - www.melia. com Hotel Majestic - Via V.Veneto, 50 - Roma - ph +39 06 421441 - www.hotelmajestic.com Hotel Ambasciatori - Via Vittorio Veneto, 62 - Roma - ph +39 06 47493 - www.royalgroup.it Hotel Art by the spanish steps - Via Margutta 56 Roma - ph +39 06 328711 - www.hotelart.it Hotel d’Inghilterra - Via Bocca di Leone, 14 - Roma - ph +39 06 699811 - www.hoteldinghilterrarome.com Hotel Dom - Via Giulia, 131 - Roma - ph +39 06 6832144 - www.domhotelroma.com Hotel Eden - Via Ludovisi,49 - Roma - ph +39 06 478121 - www.edenroma.com Hotel Hassler - Piazza Trinita dei Monti 6 - Roma - ph +39 06 699340 - www.hotelhasslerroma.com Hotel Parco dei Principi - Via G. Frescobaldi, 5 Roma - ph +39 06 854421 - www.parcodeiprincipi.com Hotel Raphael - Largo Febo 2 - Piazza Navona - Roma - ph +39 06 682831 - www.raphaelhotel.com Hotel San Anselmo - Piazza San Anselmo 2 - Roma - ph +39 06 570057 - www. aventinohotels.com Hotel Splendide Royal - Via Di Porta Pinciana 14 - Roma - ph +39 06 421689 - www.splendide-

Hotel partners in roma royal.com InterContinental de la Ville - Via Sistina 69 - Roma - ph +39 06 67331 - www.intercontinental.com JK - Via di Monte d’Oro, 30 - Roma - Roma - ph +39 06 982634  - www.jkroma.com Jumeirah Grand Hotel Via Veneto  - Via Vittorio Veneto, 155 - Roma - ph +39 06 487881 - www.jumeirah.com La Griffe Roma MGallery Collection - Via Nazionale 13 - Roma - ph +39 06 47829885 - www.lagriffeluxuryhotel.com Leon’s Place Hotel in Rome - Via XX Settembre 90/94 - Roma - ph +39 06 890871 - www.leonsplacehotel.it Lord Byron Hotel - Via Giuseppe de Notaris, 5 - Roma - ph +39 06 3220404 - www.lordbyronhotel.com Navona Palace Residenze Di Charme - Via Della Pace 36-36/a - Roma - ph +39 06 6841051 - www.navonapalace.it Palazzo Manfredi - Via Labicana,125 - Roma - ph +39 06 77591380 - www.palazzomanfredi.com Palazzo Montemartini - Largo Giovanni Montemartini 20 - Roma - ph +39 06 45661 www.palazzomontemartini.com Portrait Roma - Lungarno Collection - Via Bocca Di Leone 23 - Roma - ph +39 06 69380742 - www.lungarnocollection.com Radisson Blu - Via Filippo Turati 171 - Roma - ph +39 06 444841 - www.radissonblu.com Regina Hotel Baglioni - Via V.Veneto, 72 - Roma - ph +39 06 421111 - www.baglionihotels.com Residenza di Ripetta - Via di ripetta 231 - Roma - ph +39 06 3231144 - www.royaldemeure.com Rome Cavalieri, Waldorf Astoria Hotels & Resorts - Via Alberto Cadlolo 101 - Roma - ph +39 06 35091 - www.placeshilton.com Sofitel Roma Villa Borghese - Via Lombardia 47 - Roma - ph +39 06 478021 - www.sofitel.com St. George - Via Giulia, 62 - Roma - ph +39 06 686611 - www.hotelindigorome.com St. Regis - Via V.Emanuele Orlando,3 - Roma - ph +39 06 47091 - www. stregisrome.com The First Luxury Art Hotel - Via del Vantaggio 14 - Roma - ph +39 06 45617070 - www.thefirsthotel. com The Inn At The Spanish Steps- Small Luxury Hotel - Via Dei Condotti 85 - Roma - ph +39 06 69925657 - www. atspanishsteps.com The Westing Excelsior - Via Vittorio Veneto 125 - Roma - ph +39 06 47081 - www.westinrome.com Roma | the Eternal City 159


ide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAUR

by Sebastiano Lombardi, Head Concierge Hotel de Russie, Roma Acquolina Hostaria Via Antonio Serra, 60 ph +39 06.3337192 In the heart of Collina Fleming, the Michelin starred restaurant is already betrayed by the name, which plays on the double meaning recalling the aquatic environment and the flavour and scent of “acquolina” in the mouth, the vocation for fish and seafood products. A lit staircase leads to the garden and reveals a spacious terrace. Nel cuore di Collina Fleming, il ristorante stella Michelin tradisce già dal nome, giocato sul doppio senso che ricorda l’ambiente acquatico e le sensazioni gusto-olfattive dell’acquolina in bocca, la vocazione per il Pesce e i prodotti del Mare. Una scalinata illuminata conduce al giardino e apre alla vista di una spaziosa terrazza. Ai Piani Via Francesco Denza, 35 ph +39 06.8079704 A landmark restaurant for great seafood in Rome. The cozy and elegant ambience and the courtesy and precision of the staff are combined with the careful selection of basic ingredients. The “Pino” room is very special, and has become a symbol of the restaurant, with its large windows and bouserie in cherrywood that make the room bright and elegant. Punto di riferimento per mangiare ottimo pesce a Roma. L’ambiente accogliente ed elegante e la cortesia di un servizio accurato, si accostano alla attenta scelta delle materie prime. Particolare la sala che ospita “il pino” diventato ormai simbolo del ristorante, caratterizzata da ampie vetrate e bouserie in ciliegio che rendono l’ambiente luminoso ed elegante. Al Ceppo Via Panama, 2 ph +39 06.8419696 www.ristorantealceppo.it Cristina & Caterina run the Restaurant located in the residential area Parioli. Recently renewed it kept its historic classic well known ambient. The Menu, overseen by Cristina and made with enthusiasm by a team of young chefs is printed daily based on the fresh delights of the market. Cristina e Caterina gestiscono questo ristorante situato della zona residenziale dei Parioli. Recentemente ristrutturato, ha mantenuto un ambiente tradizionale e classico. Il menu, supervisionato da Cristina e preparato con entusiasmo da un team di giovani chef, cambia giornalmente in base alle delizie fresche di mercato. Antica Pesa Via Garibaldi, 18 ph +39 06.5809236 www.anticapesa.it In the heart of Trastevere, this family run restaurant conceives their dishes following two main guidelines: the renewing of Roman tradi160 Roma | the Eternal City

tional cuisine and the elaboration of typical products of the Lazio region. The setting is one of the most charming, lit fireplace during the winter in their artistic main room, and inside garden for the summer months. Their wine list is among the most rich between Roman restaurants. Nel cuore di Trastevere, questo ristorante a conduzione familiare crea i suoi piatti seguendo due linee guida: la rivisitazione della tradizionale cucina romana e l’utilizzo e elaborazione dei prodotti tipici del Lazio. L’ambiente è piacevolissimo, con il caminetto acceso in inverno nella sala principale e giardino interno per i mesi estivi. La lista dei vini è tra le più ricche di Roma. Antico Arco Piazzale Aurelio, 7 ph +39 06.5815274 www.anticoarco.it Named after one of the gates of early medieval Rome (Arco di San Pancrazio), which rises nearby, Antico Arco is on Gianicolo Hill not far from Trastevere and the American Academy. It’s a hip trendy restaurant with a young, stylish clientele. Their professional staff makes sure that food and service flow smoothly. Dishes served are mainly traditional plates revised with a touch of creativity by their young and attentive kitchen brigade. Chiamato con il nome di una delle porte della Roma medievale (Arco di San Pancrazio), che sorge lì vicino, Antico Arco si trova sul Gianicolo, non lontano da Trastevere e dall’Accademia Americana. E’ un ristorante alla moda con una clientela giovane e sofisticata. Il personale è professionale e molto attento al cibo e al servizio. La cucina è tradizionale con un tocco di creatività della giovane ma esperta brigata di cucina. Ar’ Galletto Piazza Farnese, 102 ph +39 06.6861714 www.ristoranteargallettoroma.com Located on the beautiful square Piazza Farnese Ar Galletto is a typical family run Trattoria that has been recently, completely renewed. This is the best place to eat roman dishes and pasta. The new Sicilian woman chef has also introduced very good fish dishes. Outdoor dining in summer on the beautiful square, where the atmosphere is enriched by the lighted frescoes of the French Embassy. Situato nella bellissima Piazza Farnese, Ar’ Galletto è una tipica trattoria a conduzione familiare che è stata recentemente e completamente ristrutturata. E’ il posto migliore per gustare specialità romane e pasta. La nuova chef siciliana prepara anche ottimi piatti di pesce. Si mangia fuori d’estate nella bella piazza, dove l’atmosfera è arricchita dagli affreschi illuminati dell’ambasciata francese.

Aroma Via Labicana, 125 ph +39 06.77591380 www.aromarestaurant.it Magnificently set on the terrace of Palazzo Manfredi with a unique view of the Coliseum of Imperial Rome! Chef Giuseppe di Iorio will lead you through an unforgettable culinary experience, where he combines perfectly modern and traditional cuisine. Before dinner, enjoy a cocktail in the lounge Bar, overlooking Colle Oppio. Magnificamente ubicato sulla terrazza di Palazzo Manfredi con vista impareggiabile del Colosseo. Chef Giuseppe di Iorio vi farà vivere un’esperienza culinaria indimenticabile, la perfetta combinazione di cucina moderna e tradizionale. Prima di cena, prendete un cocktail al Lounge Bar che si affaccia sul Colle Oppio. Aroma Osteria Via Antonio Serra, 15 ph. +39 06.33218763 In the heart of Fleming, a place where the menu focuses on quality and seasonal products and an extraordinary protagonist: salted codfish. The many meat and fish options will leave you spoilt for choice. Nel cuore del Fleming, un locale dove il menu punta sulla qualità e la stagionalità dei suoi prodotti e su un protagonista d’eccellenza: il baccalà. Le numerose proposte di carne e pesce mettono l’imbarazzo della scelta. Assaje Restaurant Aldrovandi Villa Borghese Via Ulisse Aldrovandi, 15 ph +39 06.321 6126 www.aldrovandi.com In the elegant dining room facing the internal garden of Aldrovandi Villa Borghese, Assaje Restaurant proposes extraordinary culinary experiences inspired by the Mediterranean cuisine, as interpreted by Executive Chef Andrea Migliaccio, a Michelin two-star. Nell’elegante sala affacciata sul giardino interno di Aldrovandi Villa Borghese, il ristorante Assaje propone straordinarie esperienze culinarie ispirate alla cucina mediterranea, opera dell’Executive Chef Andrea Migliaccio, 2 stelle Michelin. Bistrot 64 Via Guglielmo Calderini, 64 ph. +39 06.3235531 www.bistrot64.it As relaxed as a bistro, as refined as a starred gourmet kitchen, the proposal of young Japanese chef Kotaro Noda unites Mediterranean flavors with Oriental techniques. Dishes that stem from the tradition, but never fail to amaze. Il relax di un bistrot e la raffinatezza di una cucina gourmet stellata, opera del giovane Chef giapponese Kotaro Noda, che unisce sapori mediterranei e tecniche orientali. Piatti legati alla tradizione, ma che non mancano di stupire.

Casa Coppelle Piazza delle Coppelle, 49 ph +39 06.68891707 www.casacoppelle.com The Casa Coppelle kitchen has a multifaceted and multicultural soul. On the menu, alongside traditional recipes, in some cases enhanced with a more contemporary twist, there are some more creative dishes and a chapter dedicated to the flavours and scents of the French cuisine, in keeping with the origins of the hostess, who was born in Lorraine. The owners of Casa Coppelle, Omar and Rachelle Capparuccini, wanted to redesign their cuisine with intelligence, without distorting its identity and strong position within the city. L’offerta di cucina di Casa Coppelle ha un’anima sfaccettata e multiculturale. Nel menù, accanto a proposte classiche della tradizione capitolina, in alcuni casi impreziosite da twist più contemporanei, trovano spazio alcuni piatti di calibrata creatività e un capitolo dedicato ai sapori e profumi della cucina francese,coerente con le origini della padrona di casa, nata in Lorena. I proprietari di Casa Coppelle, Omar e Rachelle Capparuccini, hanno voluto ripensare l’offerta gastronomica con intelligenza, senza stravolgere l’identità e la forte collocazione nel panorama cittadino. Emma Via Monte della Farina, 28/29 ph. +39 06.64760475 An amazing pizzeria in the heart of Rome. It has a few outdoor tables and a beautiful interior space with a skylight. The pizza is thin and crunchy, with the highest quality flour and basic ingredients. The most refined and freshest ingredients. Strepitosa pizzeria nel cuore di Roma. Pochi tavoli fuori e uno stupendo spazio interno con un lucernario Pizza bassa e croccante, farine e materie prime di altissima qualità. Ingredienti ricercati e freschissimi. Enoteca Achilli al Parlamento Via Prefetti, 15 ph. +39 06.6873446 An Old England-style club in the heart of Rome, whose dishes are made by the stellar Chef Massimo Viglietti. Its strength lies in its extraordinary wine cellar, with over 6,000 labels, some of which simply cannot be found elsewhere. It is also famous for its Cognac and Armagnac collection with vintages from 1800. Un club stile Old England trapiantato nel cuore di Roma, la cui cucina è firmata dallo Chef stellato Massimo Viglietti. Il punto di forza risiede nella straordinaria cantina, che conta oltre 6.000 etichette, alcune semplicemente introvabili. Famoso anche per la sua collezione di Cognac e Armagnac con annate a partire dal 1800.


Un’oasi di tranquillità nel cuore di Roma, nella pittoresca Via dei Banchi Vecchi, a pochi passi da Via Giulia. I sapori e colori esaltano il talento di Chef Antony Genovese, che esprime il meglio dell’arte culinaria. L’atmosfera è confortevole ed elegante, l’ambiente luminoso lo rende perfetto per pranzi d’affari, mentre le luci soffuse di sera creano lo scenario ideale per una cena romantica. Imàgo - Hotel Hassler Piazza Trinità dei Monti, 6 ph +39 06. 699340 www.hotelhasslerrome.com When you cross the threshold of Imàgo the view of Rome seems like a mirage, a dream world like out of a fairy-tale. The soft music, marble floors with wood inserts and play of lights which change throughout the day and night and reflect off the mirror-like tables create a unique ambiance. Immense effort has gone into every detail which can be seen in the furnishings and the kitchen, satisfying that need to combine vision, taste, smell and sound, to create a unique and unparalleled experience for the senses. Varcando la soglia di Imàgo, la vista di Roma avvolge quasi fosse un’apparizione, un sogno che conduce il pensiero e il ricordo in un mondo da favola. Una musica soft, pavimenti di marmo con inserti in legno e i giochi di luce diversi per ogni ora del giorno e della sera che si riflettono sui tavoli di specchio creano un’atmosfera unica.
La cura dei dettagli e dei particolari si riflette nell’arredo come nella cucina, rispecchiando l’esigenza di far sposare fra loro la vista, il gusto, l’olfatto e l’udito, per creare un’esperienza sensoriale unica e ineguagliabile. Jardin de Russie Via del Babuino, 9 ph +39 06.32888870 www.hotelderussie.it Located within the Hotel de Russie, this restaurant is an essential part of our secret garden, where the charming history of old times meets the genie of our two famous Chefs, Fulvio Pierangelini and Nazareno Menghini. This creates a perfect combination where to experience excellent Mediterranean tastes, enjoy the peaceful garden and do some celebrities spotting. Il ristorante dell’ Hotel de Russie è una parte essenziale del nostro giardino segreto, laddove il fascino della storia incontra il genio dei nostri due famosi Chef, Fulvio Pierangelini e Nazareno Menghini. Ciò crea l’ambiente perfetto per gustare eccellenti sapori mediterranei, godere della quiete del giardino e andare a caccia di volti noti. J.K. Cafè – J.K. Place Roma Via di Monte d’Oro, 30 ph +39 06.982634 www.jkroma.com Located in the heart of Rome, just steps from Piazza di Spagna, Via Condotti and all the main sights, J.K. Cafe Lounge, Bar & Restaurant,

at JK Place Rome, offers Italian and international specialities. The bar and roof garden are the favourite spots for relaxing in “J.K.” style. Situato nel cuore di Roma, a pochi minuti a piedi da Piazza di Spagna e da Via Condotti e da tutte le principali attrazioni, il J.K. Cafe Lounge, Bar & Restaurant, del JK Place Rome, offre specialità italiane e internazionali. Qui il bar e il roof garden sono i luoghi perfetti per rilassarsi in stile “J.K.”. La Montecarlo Vicolo Savelli, 13 ph +39 06.6861877 www.lamontecarlo.it Located near the Piazza Navona, it offers pizza and wine in a fun and noisy atmosphere. A favourite of locals. Swift, courteous service. There are open-air tables. Situato vicino a Piazza Navona, il ristorante offra pizza e vino in un ambiente divertente e animato. Molto frequentato dai romani. Servizio veloce e cortese. Ci sono tavoli all’aperto. La Pergola Via Alberto Cadlolo, 101 ph +39 06.35091 www.romecavalieri.com Perched upon Monte Mario, within the Rome Cavalieri Waldorf Astoria Hotel, la Pergola offers, by far, the best views of the Eternal City. Heinz Beck, the celebrated German Chef, creates perfect “Alta cucina” dishes while using only fresh and local ingredients. Reservations are required well in advance. Appollaiato su Monte Mario, il ristorante del Rome Cavalieri Waldorf Astoria Hotel, La Pergola, offre la più bella vista della città eterna. Heinz Beck, il famoso Chef tedesco, crea piatti perfetti d’alta cucina usando solo ingredienti freschi e locali. E’ richiesta la prenotazione con largo anticipo. Life Via della Vite ph +39 06.69380948 A cuisine that uses the highest quality basic ingredients, with seasonal products; bread, pasta, home-made desserts and light and fragrant pizza. Professional service with a friendly welcome for customers and the opportunity to enjoy a large and comfortable outdoor space. Organization of events, tastings and dinners. Cucina espressa con materie prime di alta qualità legate alle stagioni con pane, pasta, dolci fatti in casa ed una pizza leggera e fragrante. Servizio professionale con una cordiale accoglienza dei clienti e la possibilità di godere di un ampio e confortevole spazio esterno. Organizzazione di eventi, degustazioni e cene aziendali. Madre Roma - Roma Luxus Hotel Largo Angelicum, 1/A ph. +39 06.6789046 www.madreroma.com An elegant salon surrounded by a park, open from morn until late at night. In the kitchen, star chef Riccardo Di Giacinto unites South Ame-

rican and Spanish flavors with Italian tradition. Un elegante salotto immerso nel verde, aperto dalla colazione alla tarda notteIn cucina lo Chef stellato Riccardo Di Giacinto unisce sapori sudamericani, spagnoli e tradizione italiana. Molto Viale dei Parioli, 122 ph +39 06.8082900 www.moltoitaliano.it Located in the residential area of Parioli, this modern style restaurant, is always very frequented by many locals. The typical rotisserie set in the middle of the restaurant, makes this place appetizing especially for meat lovers. Their menu is an excellent representation of original Italian flavours. At the entrance a nice bar where you can start the evening enjoying a good drink. Situato nella zona residenziale dei Parioli, questo ristorante moderno è sempre molto frequentato dai romani. Il girarrosto piazzato nel bel mezzo del ristorante rende questo locale molto invitante per gli amanti della carne. Il menu è un eccellente compendio di tutti i sapori italiani. All’ingresso, c’è un bel bar dove si può iniziare la serata con un buon aperitivo. Osteria la Gensola Piazza della Gensola, 15 ph +39 06.5816312 www.osterialagensola.it Located in one of the most characteristic art district of the city, Trastevere, this restaurant offers traditional roman flavours as well as various fish dishes. Run by two young brothers, this restaurant is mostly frequented by locals. The atmosphere is fun and lively. Situato in uno dei quartieri più caratteristici della città, Trastevere, questo ristorante offre tipici piatti romani e varie specialità di pesce. Gestito da due giovani fratelli, il ristorante è molto frequentato dai romani. L’atmosfera è divertente e vivace. Pastificio San Lorenzo Via Tiburtina, 196 ph +39 06.97273519 www.pastificiosanlorenzo.it Pastificio San Lorenzo wears two hats – fashion and bistro. The restaurant was inaugurated four years ago in the former Cerere pasta factory, now a Foundation which forms a bridge between the world of art and the San Lorenzo Group of the 1980s. The imprinting is the work of Roberto Liorni who designed many of the gourmet settings featuring wood, glass, marble and a vintage ambiance. I caratteri del Pastificio San Lorenzo sono quelli della moda e del bistrot, il ristorante nato quattro anni fa nel complesso dell’ex pastificio Cerere, oggi Fondazione che annoda il filo con il mondo dell’arte e il Gruppo di San Lorenzo degli anni Ottanta. L’imprinting è quello di Roberto Liorni che ha firmato molte delle ambientazioni gastronomiche della a suon di legno, vetro, marmo e un’impostazione vintage. Roma | the Eternal City 161

ide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAUR

Gallura Via G. Antonelli, 2 ph. +39 06.8072971 A sophisticated venue in the Parioli district, is a must for lovers of fresh seafood and Mediterranean cuisine with a strong Sardinian influence. The interior of the restaurant has three rooms in a minimalist style; outside, there is a beautiful roof garden for outdoor dining. Raffinato locale del quartiere Parioli, è la meta obbligata per gli amanti del pesce fresco e della cucina mediterranea connotata una forte impronta sarda. All’interno, il locale ha tre sale in stile minimalista; all’esterno, uno splendido giardino pensile per le cene all’aperto. Hostaria Da Pietro Via Gesù e Maria, 18 ph +39 06.3208816 www.hostariadapietro.com An excellent family run, traditional Trattoria, just a few minutes walking from the Hotel de Russie, with very friendly service in a warm and casual ambience. Un’ottima trattoria tipica a conduzione familiare, a pochi minuti dall’ Hotel de Russie, con un servizio molto cordiale in un ambiente caldo e informale. Il Gabriello Via Vittoria, 51 ph. +39 06.69940810 Just a few steps from Piazza di Spagna, inside a 17th- century palace, traditional Roman dishes, Mediterranean dishes, fresh fish arriving daily and exquisite home-made desserts prepared with extreme care. A due passi da Piazza Spagna, all’interno di un palazzo del Seicento, i piatti della tradizione romana, piatti mediterranei, il pesce fresco con arrivi giornalieri e squisiti dolci fatti in casa, preparati con cura. Il Matriciano Via dei Gracchi, 55 ph +39 06.3212327 The restaurant is ideally located near the Vatican and is only a stone’s throw from the Vatican city. Il Matriciano offers a warm atmosphere and is popular with many locals. Il ristorante si trova a pochi passi dal Vaticano. Il Matriciano offre un ambiente caloroso ed è ben frequentato dai romani. Il Pagliaccio Via dei Banchi Vecchi, 129/a ph +39 06.68809595 www.ristoranteilpagliaccio.com A peaceful oasis placed in the heart of Rome, in the characteristic roman frame of via dei Banchi Vecchi, just next to via Giulia. Tastes and colours enhance the capacities of Chef Antony Genovese, always trying to express the best of culinary art. The environments are cosy and elegant, the daily brightness makes it perfect for businesslunch, while the soft lights in the evening makes it an ideal place for romantic dinner.


ide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAUR

Per Me Vicolo del Malpasso no. 9 Tel. +39 06.6877365 www.giulioterrinoni.it This is the new adventure of the young Roman chef, Giulio Terrinoni (Michelin one-star), who left Acquolina in 2015 to open his own restaurant. “I Tappi” [The Corks] is an original proposal of tasting-size portions to try different specialties at the same time. È la nuova avventura del giovane Chef romano, Giulio Terrinoni (una stella Michelin), che nel 2015 lascia Acquolina per aprire il proprio ristorante. Originale la proposta “I Tappi”, con porzioni degustazioni per provare più specialità in una volta. Pierluigi Piazza Dè Ricci, 144 ph +39 06.6868717 www.pierluigi.it A stone’s throw from Campo de’ Fiori, recently renewed, this traditional restaurant has always kept its quality at the highest standards. Pierluigi’s menu is a unique combination between earth and sea, however, the owner Roberto enjoys mixing these two sides of Italian cuisine. With the amazing little piazza just for them during the summer, this restaurant ensures an extraordinary culinary experience. A pochi passi da Campo de’ Fiori , recentemente ristrutturato, questo ristorante tradizionale ha sempre mantenuto alto lo standard di qualità. Il menù di Pierluigi è una ricca proposta di piatti mare e terra, anche se il proprietario Roberto ama mescolare questi due aspetti della cucina italiana. Con una deliziosa piazzetta riservata al ristorante in estate, Pierluigi rappresenta una straordinaria esperienza gastronomica. Renato e Luisa Quelli della Taverna Via dei Barbieri, 25 ph +39 06.6869660 www.renatoeluisa.it A cosy restaurant which loves to adapt traditional Roman cuisine making it lighter and tastier. At Renato e Luisa they use seasonal products and it is always possible to try a new dish accompanied by homemade bread, breadsticks or desserts. Un ristorante accogliente che ama rivisitare i piatti della tradizione romana rendendoli più leggeri e gustosi. Attraverso la scelta di prodotti stagionali, da Renato e Luisa è possibile gustare sempre un nuovo piatto accompagnato da pane, grissini o dolci fatti in casa. Ristorante Girarrosto Fiorentino Via Sicilia, 46 ph. +39 06.42880660 www.girarrostofiorentino.it The giant grill on view in the fireplace is the throbbing heart of the restaurant. It is a warm and welcoming place, but also somewhat exclusive. Plates are freshly prepa162 Roma | the Eternal City

red under the gaze of the guests. The steak tartare is excellent. La grande griglia a vista del camino è il cuore pulsante del locale. Un luogo conviviale e accogliente, ma al tempo stesso ricercato. Piatti espressi preparati davanti agli occhi degli ospiti. Ottima la steak-tartare. Roscioli Via dei Giubbonari, 21/22 ph +39 06.6875287 www.salumeriaroscioli.it Roscioli is a restaurant, gourmet shop, deli and wine bar all rolled into one. A multipurpose gourmet shop, an unusual restaurant where the quality of the raw material is the key factor. An ideal spot for gourmet food fans from around the world. Roscioli è insieme ristorante, una gastronomia, una salumeria e un wine bar. Una gastronomia polifunzionale, un ristorante atipico, dove la qualità delle materie prime è la parola d’ordine. Il luogo ideale per gli appassionati di gastronomia di tutto il mondo. Sangallo ai Coronari Via dei Coronari, 180 ph +39 06.68134055 Located in one of the most picturesque areas of the city, it serves very high quality Mediterranean cuisine and boasts a cellar with more than 350 labels. The rooms on the first floor can accommodate banquets and receptions. Situato in una delle zone più pittoresche della città, propone cucina mediterranea di alto livello e vanta una cantina con più di 350 etichette. Le sale al primo piano possono ospitare banchetti e ricevimenti. Settembrini Via Luigi Settembrini, 27 ph +39 06.3232617 www.viasettembrini.it Coffee house, bistro, delicatessen, restaurant, book store, wine cellar, garden and even more. In the restaurant, original recipes composed of great ingredients, clear flavors and balanced cooking, even more delightful when savored on the lovely outdoor terrace. The charming Settembrini Libri&Cucina sitting room offers a cuisine with hints of fusion. Caffè, bistrot, gastronomia, ristorante, libreria, cantina, giardino e altro ancora. Al ristorante, ricette originali fatte di grandi materie prime, sapori netti e cotture equilibrate, da gustare anche nella bella terrazza esterna. Il delizioso salotto Settembrini Libri&Cucina propone una cucina dai tocchi fusion, da assaporare circondati da scaffali pieni di libri. Shinto Via Ludovisi, 39 ph +39 06.42827380 Set in the retro and timeless charm of Via Veneto, Shinto offers the exotic flavours of Asian cuisine and particularly Japanese dishes: sushi and sashimi as well as fusion specialties.

Immerso nel fascino retrò e intramontabile di Via Veneto, Shinto propone i sapori esotici della cucina orientale e in particolare giapponese: piatti di sushi e sashimi fino alle particolarità del fusion. Tartufi and Friends Via Borgognona, 4/E ph +39 06.6794980 A unique venue with the dual aim of presenting truffles in combination with excellent Italian food either at the table in a quest for something exquisite, or a quick ‘take away’ meal in the form of gourmet sandwiches, all wrapped in old-world refined charm and affordable for everyone. Un locale unico nel suo genere, che si pone il duplice obiettivo di presentare il pregiato tartufo in abbinamento alle eccellenze alimentari italiane sia attraverso un pasto seduto alla ricerca di qualcosa di squisito sia con un pasto veloce ‘take away’ sotto forma di panini gourmet, il tutto avvolto in un’atmosfera dal sapore antico e raffinato alla portata di tutti. Taverna Trilussa Via del Politeama, 23/25 ph +39 06.5818918 A family-run, typically Roman trattoria with a pleasant, informal atmosphere, situated right in the heart of Trastevere the strolling area around Piazza Trilussa. Rome’s most famous dish are the “Bucatini all’ Amatriciana”, thick spaghetti with tomato sauce, bacon and Pecorino cheese but once there you should not miss to try the “Ravioli Mimosa” which taste will enchant you! The recipe is still secret… Una tipica trattoria romana a conduzione familiare con un’atmosfera piacevole e informale, situata nel cuore di Trastevere, la zona pedonale intorno a Piazza Trilussa. Il piatto romano più famoso è bucatini all’ amatriciana, spaghetti grossi con salsa di pomodoro, pancetta e pecorino, ma assaggiate i ravioli mimosa, il sapore vi conquisterà! La ricetta è ancora segreta... Trattoria Da Danilo Via Petrarca, 13 ph +39 06.77200111 www.trattoriadadanilo.it A warm, intimate and elegant spot, perfect for a romantic dinner or business lunch requiring a certain amount of privacy. The restaurant has two dining rooms: a main room and a reserved room, which can also be used for special events. Trattoria da Danilo offers typical Roman fare in a relaxing ambiance. Un ambiente accogliente, intimo ed elegante, perfetto per una cena galante o per un pranzo di lavoro che richieda una certa riservatezza. Il ristorante dispone di due sale: una sala principale e una saletta riservata, utilizzabile anche per eventi speciali. Alla Trattoria da Danilo è possibile gustare i piatti tipici della tradizione romana immersi in un ambiente di grande relax.

Trattoria sul Tetto Via Crescenzio, 86 ph. +39 055.6868969 It is the restaurant on the roof of the Hotel Orange. The kitchen serves only DOP certified products to ensure authenticity and quality, along with a wine list that includes a national and international selection. E’ il ristorante sul roof dell’Hotel Orange. La cucina propone solo prodotti certificati DOP per assicurare genuinità e qualità proponendo, inoltre, una carta di vini a vocazione nazionale ed internazionale. Tullio Via di San Nicola da Tolentino, 26 ph +39 06.4745560 www.tullioristorante.it This traditional family run restaurant is centrally located downtown area, just off the Piazza Barberini. The best in town for the typical “bistecca Fiorentina” , their menu also offers a variety of Italian seasonal specialities and fresh fish. Large “collectors” selection of Italian and imported wines. Questo tradizionale ristorante a conduzione familiare è situato in pieno centro, vicino a Piazza Barberini. E’ il migliore ristorante della città per la bistecca alla fiorentina e il menù offre vari piatti tipici italiani e stagionali. Una ricca carta di vini da “collezionisti”, italiani e stranieri. Vivendo - The St. Regis Rome Via Orlando Vittorio Emanuele, 3 ph +39 06.47092736 www.ristorantevivendo.it Ristorante Vivendo offers a sophisticated environment set in a contemporary atmosphere. The furniture is in 1930s/1940s style, in an ambiance that is informal yet refined, ideal for a romantic evening or a family dinner. The culinary art of chef Francesco Donatelli proposes local dishes in a combination of aromas and intense fragrances. Il ristorante Vivendo propone un ambiente sofisticato immerso in un’atmosfera contemporanea. L’arredamento presenta uno stile anni ‘30 e ‘40, in un ambiente informale e al contempo raffinato, ideale per una serata romantica e una cena in famiglia. L’arte culinaria dello Chef Francesco Donatelli propone sapori locali. Zuma Palazzo Fendi Via della Fontanella di Borghese, 48 ph. +39 06.99266622 www.zumarestaurant.com World famous chef Rainer Becker has made his debut in Italy, opening his new restaurant in the beautiful setting of Palazzo Fendi. Impeccable service, izakaya cooking and breathtaking views. Lo Chef di fama mondiale Rainer Becker ha debuttato in Italia aprendo il suo nuovo ristorante nella bellissima cornice di Palazzo Fendi. Servizio impeccabile, cucina izakaya e vista mozzafiato.


www.angelacaputi.com

ph. alessandrobencini.com


Roma The Eternal City n.11  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you