{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade.

Page 1

COVER STORY ANNA GALIENA FASHION F/W 2017-2018 FREE AS A BIRD ART AUTUMN EXHIBITIONS | GAGOSIAN GALLERY | ROME FILM FESTIVAL ITINERARIES FORI IMPERIALI | PRATI DISTRICT SECRET GARDENS | AMATRICIANA: WHERE TO GET IT BEST


F A L I E R O S A R T I . C O M


70

46

74

14

AUTUMN in this issue

COVER STORY 60 Anna Galiena A Roman a citizen of the world

Una romana Cittadina del mondo by Teresa Favi

26 28 29

SAVE AS Roma exhibitions Music & theatre Pop

PEOPLE 16 Milena Stojkovich Like the Marchioness Come la Marchesa 18 Antonella Cosenza A Stylish Start-Up Start up dello stile 20 Emanuele Cataldi Added value Valore aggiunto 22 Anna Laura Eye of the Soul Occhio dell’Anima 24 Raffaella Mangini A glance beyond the walls Sguardi oltre

FASHION 31 It object 70

Kristina Ti

Sense and sensibility Ragione e sentimento 74

Shooting

Free as a bird by Marta Innocenti Ciulli 84

Jewel

The girl with the earring La ragazza con l’orecchino MOVIE, THEATRE & MUSIC 64

Music interview

Renzo Arbore Show Il suo possibile ritorno in televisione 68

Silvia Busuioc

Like a dream Quasi un sogno by Virginia Zullo 102

Movie history

10 films to get excited about

10 film per emozionarsi by Teresa Favi 108

Theatrical season

A new season Una nuova stagione


robertocoin.com

| ARIZONA MUSE FOR ROBERTO COIN®

POIS MOI COLLECTION

ROBERTO COIN BOUTIQUE | VIA DEL BABUINO 73, ROMA | TEL. 06 32652439


124

112

92

14

AUTUMN in this issue

MUST HAVE

FOOD & WINE

87

Trend

132

89

Shoes

A new look with timeless charm

91

Man

ITINERARIES 46

Fori Imperiali

De Russie

Nuovo look con uno charme senza tempo 136

Hotel Eden

Like a treasure trove

A stroll through the Empire

Come uno scrigno

Passeggiata nell’Impero by Francesca Lombardi

140

112

District

Prati mood Tra Castel Sant’Angelo e piazza Cavour 124

Green

Secret gardens

Zuma

Teamwork Lavoro di squadra 144

Restaurants

Roman flavors

Giardini Segreti by Gabrielle Bolzoni

Sapori romani by Gabrielle Bolzoni

ART, DESIGN & CULTURE

SHOT ON SITE

92

Exhibition

Autumn exhibitions Mostre d’autunno 98

Gallery anniversary

40

ROMA GUIDE

Ten years of Gagosian

150

Hotels

Dieci anni di Gagosian by Mila Montagni

151

Restaurant


QUARTERLY FASHION, ART, EVENT AND LIFESTYLE MAGAZINE publisher

FM publishing srl Gianluca Fontani, Luca Gori, Ori Kafri, Alex Vittorio Lana, Matteo Parigi Bini T

H

E

D

I

V

I

N

E

C

O

A

S

T

M

A

D

E

I

N

T

U

S

C

A

N

Y

M

A

D

E

I

N

V

E

N

E

T

O

editor in chief

Matteo Parigi Bini fashion director

Marta Innocenti Ciulli managing editor

Teresa Favi, Francesca Lombardi editor

Sabrina Bozzoni, Virginia Mammoli, Mila Montagni roma correspondent

Veronica Sgaravatti contributors

Giovanni Bogani, Gabrielle Bolzoni, Salvatore La Spina, Guido Parigi Bini, Virginia Zullo photographers

Dario Garofalo, Riccardo Ghilardi (cover), Massimo Listri, Fabio Lovino New Press Photo, Valentina Stefanelli art editors

Martina Alessi, Chiara Bini translations

Tessa Conticelli, NTL Traduzioni, Centroservizi advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

Gianni Consorti, Marina Geraci, Alessandra Nardelli Paola Paciotti, Daniela Zazzeri editorial office

via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 fax +39.0574.730204 - redazione@gruppoeditoriale.com società editrice

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - fax +39.0574.730204 www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, lettera b – legge 662/96 – Filiale di Firenze - Contiene IP stampa

Baroni & Gori (Symbol Freelife Gloss Premium White Paper) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl


H

E

D

I

V

I

N

E

C

O

A

S

CONTRIBUTORS

T

5,00 FREE COPY spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

COVER STORY CHRIS COOPER FASHION A/W 2015.WHAT A SURPRISE INTERVIEWS GIOVANNI GASTEL | FRANCESCO SCOGNAMIGLIO | KATRIONA MUNTHE CULTURE WHITE ROOM | FABULOUS FIFTIES ITINERARIES SEABEDS | PIAZZETTA | THE ISLAND RESTAURANTS

COVER STORY FABRIZIO GIFUNI FASHION S/S 2015 STREET À PORTER INTERVIEW SANDRO VERONESI | DANIELA CIANCIO | TATIANA LUTER ART SISTINE CHAPEL | LORENZO LOTTO | BELLISSIMA ITINERARIES MONTI | FLEA MARKETS | CRAFTSMEN

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

5,00 FREE COPY

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

5,00 FREE COPY

T

SPECIAL EXPO 2015

COVER STORY DAVID CRONENBERG

FASHION S/S 2015 W.J. WONDERFUL JEANS | FRANCA SOZZANI INTERVIEW PAOLO CONTE | TONI AND PEPPE SERVILLO | DAVIDE RAMPELLO ART GALLERIA DEGLI UFFIZI | ANTONY GORMLEY | GUCCI MUSEUM ITINERARIES DANTE 750TH ANNIVERSARY | LOCAL ONLY

The ultimate way to learn all about the most beautiful Italian places

fashion, art, event and lifestyle magazines

Giovanni Bogani, a journalist, he writes about the cinema festivals of Berlin, Cannes, Venice and Rome for the newspaper La Nazione and for websites www.affaritaliani.it and www.cinecitta.it. He has collaborated with the Italian-American magazines “US Italia” and “ItalyAmerica”americane Us Italia e ItalyAmerica. Giovanni Bogani, giornalista, scrive dai festival di Berlino, Cannes, Venezia e Roma per il quotidiano La Nazione e per i siti web www.affaritaliani.it e www.cinecitta.it. Ha collaborato con le riviste italo/americane Us Italia e ItalyAmerica. Gabrielle Bolzoni, born in Rome, where she currently lives. High school diploma at the Germanic School of Rome and degree in Geopolitics at the University La Sapienza of Rome. Free-lance reporter. She loves culture and sports. Gabrielle Bolzoni nata a Roma, dove vive. Maturità presso la Scuola Germanica di Roma e laurea in Geopolitica presso l’Università di Roma La Sapienza. Giornalista libera professionista. Ama cultura e sport. Marta Innocenti Ciulli, 42 four years in the fashion business, of which twenty spent as editor in chief of international magazines specialized in fashion and trends. A job and a passion just right for her. She loves her children, home, job, photography and movies. Marta Innocenti Ciulli, 42 anni di moda, di cui 20 passati come direttore di testate internazionali con un unico soggetto: moda e tendenze. Un lavoro-passione che le ha corrisposto profondamente. Ama i suoi figli, la casa e il lavoro, la fotografia, il cinema.

Massimo Listri, photographer, lives in Florence and collaborates with the magazines AD and FMR and frequently with many international magazines such as Connaissance des Arts and L’Eoeil. He has written over thirty art and architecture books. Massimo Listri, fotografo, vive a Firenze, collabora con continuità alle riviste AD e Fmr e con frequenza a molti periodici stranieri, tra cui Connaissance des Arts e L’Eœil. Ha pubblicato oltre 60 libri di arte e alta architettura. Domenico Savini, historian and expert in heraldry and genealogy, collaborates with important institutes and specialized magazines. Domenico periodically holds conferences on the subject. He lives and works in Florence. Domenico Savini, storico delle famiglie fiorentine, esperto di araldica e genealogia, collabora con importanti istituti e con riviste specializzate sulla materia. Tiene periodicamente conferenze sull’argomento. Vive e lavora a Firenze. Veronica Sgaravatti, born in Rome with a degree in Communication Science, is free-lance journalist since 2009. She loves gardening, culture and traveling, and organizes events in her own estate “Parco Iris” on the Appia Antica road. Veronica Sgaravatti, nata a Roma e laureata in Scienze della comunicazione è pubblicista dal 2009. Appassionata di giardinaggio, cultura e viaggi, organizza eventi nella sua proprietà “Parco Iris” sull’Appia Antica.


#BoggiGentlemanStyle

A GENTLEMAN DOES NOT TALK. JUST ACTS. - Rule 67 -

boggi.com

ROMA | Via del Babuino 20 | Tel. + 39 06 326.512.56 | Via Cola di Rienzo 266 | Tel. + 39 06 688.079.02 | Via del Corso c/o Galleria A. Sordi 27/28 | Tel. + 39 06 692.020.79 | Via Appia Nuova 168/170 | Tel. + 39 06 772.044.66


roma people

ness o i h c r a M e h t Like ARCHESA COME LA M

text Veronica Sgaravatti

You are a creative person. Why don’t you tell me something about yourself? I came to Italy, to Rome, over twenty years ago to perform as a pianist. After giving concerts and recording albums I studied sociology and eight years ago opened the first marriage counseling studio, to help couples separate in a civilized way. When did you begin designing clothes? Two years ago I went back to my first love: fashion and drawing. During a trip to the Camargue region I was inspired to design country-bohemian garments and began making gypsy-style kimonos with cotton fringes. I look for the fabrics in Italy then take them to Belgrade, to local seamstresses who are patient enough to also crochet the fringes and hand-stitch them to each kimonos. Why is the brand called Libertinas? I am inspired by open-minded, independent women. Women with a free spirit. My muse is Luisa Casati, who used to walk the streets of Venice in the 1920s wearing long kimonos and nothing underneath, with two cheetahs on a leash. What is femininity to you? Managing freedom wisely. Where does one buy one of your beautiful garments? I organize private sales with friends and I have also held pop up sails in Rome, Milan, London and Ibiza. But you will soon be able to buy my clothes online.

A young, resourceful woman, Milena Stojkovich began designing her own urban-bohemian line of clothing, Libertinas, two years ago 16 Roma | the Eternal City

Lei una donna creativa, mi racconti un po’ di sé? Sono arrivata in Italia, a Roma, come pianista più di vent’anni fa. Dopo aver fatto concerti e inciso dischi, ho studiato sociologia e otto anni fa ho aperto la prima agenzia di gestione della crisi di coppia d’Europa; per aiutare le persone a separarsi in modo civile. Quando ha iniziato a disegnare vestiti? Due anni fa sono tornata al primo amore: la moda e il disegno. Dopo un viaggio in Camargue ho avuto un’ispirazione country bohémien e ho iniziato a realizzare kimono gipsy con frange di cotone. Faccio una ricerca accurata delle stoffe in Italia e poi porto tutto a Belgrado, dove mi affido a una serie di sarte locali che hanno la pazienza di cucire a mano, con l’uncinetto, per un’intera giornata le frange di ogni singolo kimono. Perché il nome Libertinas? Mi ispiro alle donne libere e indipendenti, donne con uno spirito libero. La mia musa è Luisa Casati, che negli anni 20 del Novecento andava in giro per Venezia nuda con lunghi kimono e i suoi due ghepardi a guinzaglio. Che cos’è per lei la femminilità? Una gestione sapiente della libertà. Come si fa a comprare uno dei suoi bellissimi pezzi? Organizzo alcune vendite private tra le mie amiche e ho fatto qualche pop up sail a Roma, Milano, Londra e Ibiza. Presto mi troverete online e su instagram @magnetboho


KTI STORE ROMA Via Vittoria 16/A ROMA


roma people

rt-Up a t S h s i l y t S A ELLO STILE D START UP

text Veronica Sgaravatti

Where did the idea to create this website come from? I have a communication and marketing background. In 2014 I was living in London and working in the fashion industry. That is when I discovered personal shoppers and thought it would be nice to develop a network of personal shoppers located in various cities. What were the stages of the start up project? During the first year we worked on putting together a team of personal shoppers in different cities. Today we cover 12 cities in Italy and Europe and are beginning to work in New York as well. We have plans to expand to Los Angeles, Dubai and Abu Dhabi next year. Who is your typical client? In Italy it is a high-level tourist, while in the UK, where this professional role was invented, it can also be a local who sees a personal shopper as someone who can help them optimize their time and spending budget. What is the average cost of the service? In Italy it is around 200-250 euros for three, four hours. We have been selling the service lately as a gift from husbands to their wives. Where do your clients like to shop most in Rome? We do not have a specific shop, because we like to look for lesser known businesses. In the Monti district there are a few interesting new ones.

Antonella Cosenza is the creator of the website www.personalshop.me, designed for people who wish to find a personal shopper in different Italian and European cities 18 Roma | the Eternal City

Come le è venuta l’idea di creare questo portale dedicato alla figura del personal shopper? Vengo dal mondo della comunicazione e del marketing. Nel 2014 vivevo a Londra, dove ho lavorato per diverse aziende di moda; qui sono venuta in contatto con la figura professionale del personal shopper e ho pensato che sarebbe stato bello sviluppare un network di ricerca di personal shopper, che potesse diventare un referente unico in diverse città. Quali sono stati i diversi passaggi di questa start up? Per il primo anno abbiamo lavorato alla ricerca di un team di professionisti nelle varie città, oggi siamo arrivati a coprire 12 città tra Italia e Europa e ci siamo affacciati al mercato di New York e il prossimo anno contiamo di sbarcare anche a Los Angeles, Dubai e Abu Dhabi. Qual è il cliente tipo? In Italia è il turista high level mentre nei paesi anglosassoni - che hanno inventato questa figura professionale - anche la gente del posto, che vede nel personal shopper una persona che aiuta a ottimizzare tempo e budget. Qual è il costo medio del servisio? In Italia si aggira intorno ai 200/ 250 euro per un pomeriggio di tre o quattro ore. Ultimamente, in Italia abbiamo venduto il servizio come regalo dei mariti alle proprie mogli. Qual è il negozio preferito dello shopping a Roma? Non abbiamo un negozio fisso bensì andiamo alla ricerca di realtà locali un po’ nascoste. A Roma nel rione Monti ci sono varie realtà interessanti e nuove.


Roma, Via del Babuino 143


roma people

alue AddedAGvGIU NTO VALORE

text Veronica Sgaravatti

How did the history of this jewelry store begin? My grandfather opened the first store in 1947, inside the Fonte Spa in Fiuggi. Then he expanded in the center of Fiuggi and Frosinone. In 2014, with my parents and my brother, we also opened in Rome, just a short distance from the Vatican. What are your strong points? The attention towards our customers, united with the passion for what we do; as well as the continuous search for new partners among luxury companies in both the watch and jewelry sectors. What did your grandfather teach you? The seriousness of how we do our work and the professionalism of believing not in immediate profit, but in work done with sacrifice, that over time leads to being happy and contented with what we do. What do customers look for as an added value? A customer entering store today looks for something different than a simple product. In our jewelry store, precisely because ours is a family-run business, there is always one of the family present. What is your most developed sector? In recent years, jewelry and watches. In addition to Rolex, we have also become partners of Bulgari and Cartier. The best-selling product? Rolex watches.

Emanuele Cataldi is the owner, together with his family, of the Diego Cataldi jewelry company, an institution in this sector in Fiuggi and Frosinone, and for three years also present in Rome, in Via Cola di Rienzo 20 Roma | the Eternal City

Come nasce la storia di questa gioielleria? Mio nonno ha aperto il primo negozio nel 1947 all’interno del centro termale di Fiuggi Fonte. Poi si è ampliato nel centro di Fiuggi e di Frosinone. Nel 2014, con i miei genitori e mio fratello, abbiamo aperto anche a Roma, a due passi dal Vaticano. Quali sono i vostri punti di forza? L’attenzione che abbiamo verso la nostra clientela unita alla passione per quello che facciamo; inoltre la continua ricerca di nuovi partner di aziende del lusso sia nel settore degli orologi che della gioielleria. Cosa le ha insegnato suo nonno? La serietà e la professionalità di credere non al profitto immediato ma al lavoro fatto con sacrificio, che nel tempo porta a essere contenti e appagati di ciò che si fa. Cosa cercano i clienti come valore aggiunto? Il cliente che oggi entra nel negozio cerca qualcosa di diverso dal semplice prodotto. La nostra gioielleria, proprio perché è a carattere familiare, all’interno ha sempre uno di noi. Qual è il settore da voi più sviluppato ? Negli ultimi anni la gioielleria e l’orologeria. Siamo diventati partner, oltre che di Rolex, anche di Bulgari e Cartier. Il prodotto più venduto? Gli orologi Rolex.


roma people

ul o S e h t f o e y E LL’ANIMA OCCHIO DE

text Gabrielle Bolzoni

What prompted you to photograph people’s eyes? In my life I have had the great fortune of profoundly confronting myself with many people: from politicians and Hollywood celebrities to the poorest and most marginalized individuals. Until I came to feel the desire to restore the same dignity and value to all human beings, regardless of their life choices and social conditionings, to make each one feel themselves, metaphorically, an artwork, and to put man, the essence of creation, at the very center of the scene. But why did you choose precisely to photograph the eye? I decided to connect the representation of this idea to the eye, as an organ symbolizing the uniqueness of each human being, apart from any detail that can reveal the subject’s age and sex. One’s own eye as a work of art that allows us to observe ourselves introspectively and provocatively invites us to re-establish visual contact with our neighbor. What does it feel like to photograph the eye and thus the soul of a person? It is an emotional moment of intense intimacy: I see a part of that person that even he has never seen. Then I ask a few questions having to do with his feelings and his way of perceiving the world and I write the answers on the back of the picture, to symbolize our most hidden and fragile part.

For several years now, entrepreneur Anna Laura di Luggo has devoted herself to “Occh-IO” (“Eye-I”), a very successful photographic-performative work, that has led her to photograph thousands of non-seeing eyes (with the “Blind Vision” project) around the world 22 Roma | the Eternal City

Cosa ti l’ha spinta a fotografare gli occhi delle persone? Nella mia vita ho avuto la grande fortuna di confrontarmi in maniera profonda con tante persone: da politici e celebrities di Hollywood ai più poveri ed emarginati. Finché ho voluto restituire uguale dignità e valore a tutti gli esseri umani, prescindendo dalle loro scelte di vita e dai condizionamenti sociali, per fare sentire ciascuno metaforicamente un’opera d’arte e per rimettere l’uomo, essenza della creazione, al centro della scena. Ma perché proprio l’occhio? Ho deciso di legare la rappresentazione di questa idea all’occhio, come organo che simboleggia l’unicità di ciascun essere umano, estraniato da ogni dettaglio che riconduca all’età ed al sesso del soggetto. Il proprio occhio come opera d’arte che consente di osservarci introspettivamente ed invita provocatoriamente a ristabilire il contatto visivo con il nostro prossimo. Cosa si prova a fotografare l’occhio e quindi l’anima delle persone? È un momento emozionante di fortissima intimità: vedo una parte di quella persona che anch’essa non ha mai visto. Poi faccio alcune domande legate ai sentimenti ed al modo di percepire il mondo e le risposte le scrivo sul retro del quadro, per simboleggiare la nostra parte più nascosta e fragile.


ROMA - VIA COLA DI RIENZO, 105 - 00192 - T. +39 06 32609318 FROSINONE - VIA ALDO MORO, 80 - T. +39 0775. 875031 FIUGGI - CORSO NUOVA ITALIA, 14 - T. +39 0775. 515632 w ww.diegoc a t a ld i . i t - www. d i e g oc a t a ld i . c om

RIVENDITORE AUTORIZZATO ROLEX E TUDOR ESCLUSIVAMENTE NEL PUNTO VENDITA DI FIUGGI E ROMA - RIVENDITORE AUTORIZZATO CARTIER ESCLUSIVAMENTE NEL PUNTO VENDITA DI FIUGGI E FROSINONE

DESIDE R I E S CL US I V I


roma people

lls a w e h t d n o y e A glance b RA U LTRE LE M O I D R A U G S

text Veronica Sgaravatti

Where did the idea for this project come from? The project stems from a need to create a cultural exchange with the world of reclusion with the aim to actively involve detainees so their reentry into society may be easier. Tell us about this festival? We select five of the most interesting films from the past season and show them on five different dates at Rebibbia penitentiary in Rome. They are judged by a special jury consisting of twenty detainees, who must choose the best film. The showings are all followed by a debate, in which film-makers, actors and inmates take part. Why a correctional facility? We wanted to bring some culture into prisons. Films and art as active tools for personal growth and reciprocal development. What is the aim of this project? It’s objective is to create an on-site counseling office for detainees so as to support the penitentiary police, instructors and the entire staff. What will your next step be? We would like to extend the project to the women’s section next year.

Raffaella Mangini is the founder of Metide, an association which promotes cultural events with a social purpose. Her most recent project is Altri Sguardi, a film festival held inside the men’s section of Rome’s Rebibbia detention center 24 Roma | the Eternal City

Come è nato questo progetto? Il progetto nasce dal desiderio di un interscambio culturale con il mondo carcerario, per cercare di coinvolgere attivamente i detenuti e aiutarli per un eventuale reintegro nella società. Come funziona questa rassegna? Sono cinque appuntamenti all’interno del carcere romano di Rebibbia dedicati a cinque film tra i più interessanti dell’ultima stagione che saranno giudicati da una giuria speciale composta da venti detenuti che hanno il compito di scegliere il miglior film. Le proiezioni sono tutte seguite da un dibattito tra autori, interpreti e detenuti. Perché avete pensato alla realtà del carcere? Abbiamo pensato di portare all’interno delle carceri un po’ di cultura, cinema e arte come strumenti attivi di formazione individuale e reciproca. Qual è la finalità di questo progetto? L’obiettivo è quello di realizzare uno sportello di counseling per il personale carcerario, per far sì che la polizia penitenziaria, gli educatori e tutto il personale vengano supportati a livello individuale e di gruppo. Qual è il passo successivo che vorreste fare? Vorremmo che il prossimo anno il progetto coinvolgesse anche il settore carcerario femminile.


save as exhibitions

OCTOBER Continuing until January 14th, 2018, Zaha Hadid in Italy is a tribute to the “mother” of the MAXXI. The exhibition highlights the intense and productive relationship that Hadid formed with italian architecture. The exhibition rooms of the Scuderie del Quirinale host Picasso. Between Cubism and Classicism: 1915-1925 until January 21, 2018. In 1917, the 36-yearold Pablo Picasso was already known as one of the founders of Cublism. In February of that year he arrived in Italy, which was immersed in the Great War. To commemorate this visit, the

exhibition displays about one hundred masterpieces from the Musée Picasso and the Centre Pompidou in Paris, from the Tate in London, from MoMa and the Metropolitan Museum in New York and from the Museum Berggruen in Berlin. This exhibition is curated by Olivier Berggruen, in collaboration with Anunciata von Liechtenstein. On a more contemporary note, Daniel Eccher presents Enjoy: Art Meets Amusement, running until February 18, 2018, at the Chiostro del Bramante. The exhibition displays provocative works by Tinguely, Calder, Fogliati, Erlich, Creed, Neto, Collishaw, Ourlser, Wurm, TeamLab, Hans op De Beeck, De Dominicis: proof that art speaks more than one language and doesn’t follow

OTTOBRE L’omaggio alla “madre” del MAXXI, Zaha Hadid, è una rassegna aperta fino al 14 gennaio 2018, ed è una mostratributo a una donna che con l’Italia e le sue architetture ha stretto un rapporto intenso e proficuo, capace di generare una vera e propria Italia di Zaha Hadid. Nel 1917 Pablo Picasso ha 36 anni, è già uno dei padri del Cubismo e a febbraio arriva nell’Italia immersa nella Grande Guerra. Proprio per ricordare questo evento le sale delle Scuderie del Quirinale saranno aperte fino al 21 gennaio 2018 su Pablo Picasso. Tra Cubismo e Neoclassicismo: 1915-1925, con in mostra un centinaio di capolavori dal Musée Picasso e dal Centre Pompidou di Parigi alla Tate di Londra, dal MoMa e dal Metropolitan Museum di New York al Museum Berg-

gruen di Berlino. An exhibition gitalife 2017, ottava A curare l’imporedizione della rasof works by tante riflessione segna omonima, iconografica Oli- Davide Balula sezione del Rovier Berggruen, to narrate the maeuropa Festival. in collaborazione present Una volta di più con Anunciata von sarà lo spettatore Liechtenstein. Danilo Eccher, a interagire con le architetture invece, prosegue il colloquio audiovisive, attratto e coinvolto con l’arte secondo la cifra del nei vortici di luce e di suono, contemporaneo e nel Chiostro capaci di reinventare l’identità del Bramante (fino al 18 feb- di quanti abbiano in coraggio braio del prossimo anno) sarà di mettersi in gioco in questo possibile immergersi in Enjoy. luogo/non luogo. Due “modelL’Arte incontra il Divertimento, li” di classicità s’incontrano ingrazie alla provocazione sottesa vece nel Museo dell’Ara Pacis, alle opere di Tinguely, Calder, dove fino al 14 gennaio 2018 si Fogliati, Erlich, Creed, Neto, potranno ammirare 200 opere Collishaw, Ourlser, Wurm, Te- di un autore icona del GiappoamLab, Hans op De Beeck, ne e di quanti da lui trassero De Dominicis, Gander, Kel- ispirazione per proseguire nel ley, Huyghe. Perché l’arte non canone dell’ukiyoe, ma anche parla una sola lingua né vive riconoscere a chi s’ispirarono secondo i canoni di una sola molti degli artisti della seconcorrente. Fino al 7 gennaio, da metà dell’Ottocento franpoi, il Palazzo delle Esposizio- cese. La mostra è la splendida: ni ospita l’ipertecnologica Di- Hokusai. Sulle orme del Maestro.

An Artistic Autumn

UN AUTUNNO TUTTO D’ARTE text Mila Montagni

Musei Capitolini

MAXXI

Palazzo Barberini

Chiostro del Bramante

Ara Pacis Museo Alinari

26 Roma | the Eternal City

the canons of a single school. Technology is the protagonist at the Palazzo delle Esposizioni, which hosts the eighth edition of the high-tech Digitalife 2017, as part of the Romaeuropa Festival. Running until January 7, the exhibition brings visitors into close contact with audio-visual architectures, involving them in displays of light and sound. Here technology shows its ability to recreate the identities of those who courageously let themselves be drawn into its (non-)space. A more classical chord is struck at the Museo dell’Ara Pacis, which hosts the splendid Hokusai. In the Footsteps of the Master until January 14, 2018. The exhibition is the encounter of two past artistic “models”: on display are 200 works by iconic Japanese artist Hokusai and


save as exhibitions

his followers of the ukiyo-e tradition, whose influence on many French artists. Monet opens on the 19th and runs until February 11th at the Complesso del Vittoriano. Sixty works will be displayed, including the unforgettable water lilies to which the painter was so attached and which are usually housed in the Musée Marmottan Monet in Paris. The exhibition is curated by Marianne Mathieu. Opening on the same day and continuing until February 11, 2018, at the Galleria Nazionale d’Arte Antica in Palazzo Barberini, Arcimboldo is the first monographic exhibition in Rome of one of the masters of the Northern Renaissance. The exhibition presents the mad world of the favorite artist of Rudolf II, the Habsburg emperor intrigued by alchemy. The painter recreates men and women according to

rules and forms borrowed from Nature’s fascinating anomalies. NOVEMBER Celebrating the 20th anniversary of its reopening, the Galleria Borghese inaugurates Bernini on the first day of the month. Running until February 4, 2018, the exhibition displays works of the sculptor who symbolizes the Villa, providing yet another occasion for reflecting on the fusion between painting and sculpture during an era that broke with many rules: the Baroque. From the 17th until February 18, 2018, at the Ala Brasini of the Complesso del Vittoriano, The Great Masters: 100 Years of Leica Photography is an impressive exhibition organized by Arthemisia and Contrasto. From the 29th until September 16,

Inaugurerà il 19 e rimarrà aperta fino all’11 febbraio, nel Complesso del Vittoriano, Monet: oltre 60 opere, comprese le indimenticabili ninfee da cui il pittore non volle separarsi e che solitamente sono conservate nel Musée Marmottan Monet di Parigi. L’esposizione è curata da Marianne Mathieu e rappresenta un’occasione unica per conoscere uno dei padri dell’Impressionismo. Il medesimo giorno, ma nella Galleria Nazionale d’Arte Antica di Palazzo Barberini, è inaugurata la prima monografica a Roma di uno dei maestri del cosiddetto “altro Rinascimento”: Arcimboldo. Visitabile fino all’11 febbraio del 2018, presenta lo straniante universo dell’artista preferito di Rodolfo II d’Asburgo, l’imperatore alchemico: uomini e donne reinventati secondo regole e forme delle affascinanti ano-

malie della Natura. Bernini, East umana e politica dell’ispanico TraNOVEMBRE and West in iano, cui si deve Il primo giorno del mese la Gal- an evocative la massima espanleria Borghese comparison sione della Roma inaugura Bernini, at a distance imperiale e Museo aperta fino al 4 dei Fori Imperiali febbraio 2018, per ricordare la Mercati di Traiano si terrà la riapertura al pubblico, dopo rassegna che celebra i 1900 vent’anni, della Galleria. Lo anni dalla morte del grande scultore simbolo della Villa è generale: Traiano. Costruire una volta di più l’occasione- l’impero, creare l’Europa. pretesto per una riflessione DICEMBRE sull’arte come fusione tra pit- Nato nel 1717 e morto nel tura e scultura in quell’epoca 1768, storico dell’arte e archefuori dagli schemi consueti ologo di vaglia, innamorato che fu il Barocco. della classicità di Roma, gode Una mostra imponente e pre- di un doppio anniversario che ziosa quella che inaugurerà il i Musei Capitolini celebrano 17 nell’Ala Brasini del Com- con Il tesoro di antichità. Winplesso del Vittoriano: I grandi ckelmann e il Museo Capitolino maestri. 100 Anni di fotografia nella Roma del Settecento, aperLeica. Curata da Arthemisia e to al pubblico dal 7 dicembre Contrasto sarà aperta fino al al 10 febbraio 2018. Rara op18 febbraio 2018. portunità per conoscere l’uoDal 29, e fino al 16 settembre mo che segnò radicalmente il 2018, sarà ricordata la vicenda Neoclassicismo.

2018, at the Museo dei Fori Imperiali Mercati di Traiano, the exhibition Trajan: Building the Empire, Creating Europe commemorates the 1900th anniversary of the emperor’s death by looking at the life and politics of the general, who achieved the Empire’s greatest expansion. DECEMBER From December 7 until February 10, 2018, the Musei Capitolini host The Treasure of Antiquity: Winckelmann and the Capitoline Museum in Rome in the Eighteenth Century in celebration of the double anniversary: the accomplished art historian and archeologist and lover of Roman antiquity was born in 1717 and died in 1768. A rare opportunity to get to know one of the fathers of Neoclassicism.

Ara Pacis

Chiostro del Bramante

Hokusai and

S. del Quirinale

Galleria Borghese

Vittoriano

Roma | the Eternal City 27


save as music & theatre

The Romaeuropa Festival is back until December 2, back-to-back international events of avantgarde, experimentation and a blend of theatre, dance and performance art, in the top locations around the city. NOVEMBRE As part of Romaeuropa Festival, from the 6th to the 9th, Pippo Del Bono presents Adesso voglio musica e basta at Teatro Vittoria, accompanied by Alexander Balanescu, Petra Magoni, Enzo Avitabile and Piero Corso and in dialogue with the highest musicial expressions of all time. On the 8th, in the Sala Accademica of the Pontifical Institute of Sacred Music,

the Benedictine monk and worldrenowned organist Theo Flory will perform Bach, Beethoven and Bertolucci. On the 11th, at the Church of San Luigi dei Francesi, a concert by the Hungarian polyphonic choir In Aeternum Bartòk. From the 14th to 15th, in the Sala Sinopoli at the Auditorium Parco della Musica, Marco Paolini will present his #Antropocene, a performance realized in collaboration with composer Mauro Montalbetti, cellist Mario Brunello and rapper Frankie hi-nrg. DECEMBER On the 2nd, at Palazzo delle Esposizioni, the enthusiasm of Danilo Rea’s piano playing blends with the adrenaline and power of Alex Braga’s electronic music, alongside video projections generated by A.I. (Artifical

Fino al 2 dicembre, torna il Romaeuropa Festival, non-stop di eventi internazionali di riferimento per le avanguardie, sperimentazioni e contaminazioni tra teatro, danza, performing art, nei luoghi più prestigiosi della città. NOVEMBRE Nell’ambito del Romaeuropa Festival, Pippo Delbono presenta, dal 6 al 9, al Teatro Vittoria Adesso voglio musica e basta in compagnia di Alexander Balanescu, Petra Magoni, Enzo Avitabile e Piero Corso, e in dialogo con le più alte espressioni musicali di tutti i tempi. L’8, alla Sala Accademica del Pontificio Istituto di Musica Sacra, il monaco benedettino Theo Flury organista di fama mondiale esegue Bach, Beethoven e Bertolucci. L’11, alla Chiesa San Luigi dei Francesi, concerto del coro polifonico ungherese In Aeter-

videoproiezioni num Bartòk. Dal and perforda un A.I. 14 al 15, all’Aumances, the generate (Artificial Intelliditorium Parco gence) progettata della Musica, Sala must-attend appositamente dalSinopoli, Marco events until la Facoltà di InPaolini presenta January gegneria di Roma il suo #Antropocene, spettacolo realizzato in Tre. L’11, alla Chiesa di Santa collaborazione con il compo- Maria in Portico in Campitelli, sitore Mauro Montalbetti, il concerto della Cappella Musivioloncellista Mario Brunel- cale Santa Maria in Campitelli lo e il rapper Frankie hi-nrg. e Ensemble La Cantoria. Dal Dal 30 novembre al 2 dicem- 14 al 16, all’Auditorium Parco bre, sempre all’Auditorium, della Musica, Antonio Pappano Semyon Bychkov dirge il Coro dirige Bizet e la Sinfonia n. 2 e e L’orchestra di Santa Cecilia le Danze Polovesiane di Borodin. in un programma tutto dedi- GENNAIO cato alla tradizione sinfonica Dall’11 al 13, all’Auditorium, russa dall’Alba sulla Moscova per il primo evento del Festival di Musorgskij alle Campane di Čajkovskij, l’Orchestra e Coro di Santa Cecilia diretti da ValeRachmaninoff. ry Gergiev eseguono la Iolanta DICEMBRE Il 2, al Palazzo delle Esposizio- di Čajkovskij. ni, il calore del piano di Danilo Per molti altri eventi di opera, Rea si fonde con l’adrenalina danza e teatri rimandiamo ane la potenza della musica elet- che alle pp. 108-111 di questo tronica di Alex Braga e delle numero.

Art in action

ARTE IN AZIONE text Teresa Favi

Mario Brunello

Danilo Rea

Antonio Pappano

Pippo Delbono

Theo Flury Museo Alinari

28 Roma | the Eternal City

Intelligence), designed especially for the occasion by the Engineering Department at Roma Tre. On the 11th, at the Church of Santa Maria in Portico in Campitelli, a concert by the Cappella Musicale Santa Maria in Campitelli and Ensemble La Cantoria. From the 14th to 16th, at the Auditorium Parco della Musica, Antonio Pappano will direct Bizet and Borodin’s Symphony no. 2 and Polovtsian Dances. JANUARY From the 11th to 13th, at the Auditorium, the Orchestra and Choir of Santa Cecilia will open the Festival Čajkovskij with a performance of Iolanta by Tchaikovsky, directed by Valery Gergiev. For more opera, dance and theatre events, we suggest you also read page XX of this issue.

Concerts


save as pop

OCTOBER On Thursday the 19th, the new Italian music talents at the Teatro Parioli, accompanied by an original instrumental group, Lucio Corsi. On Saturday the 28th, on stage at the Atlantico, the Scottish post-rock band, Mogwai. NOVEMBER Fabri Fibra arrives in Rome for a live concert: on Friday the 3rd at the Atlantico. On the same stage, on Saturday the 4th, the sensual voice of Nina Zilli. On Sunday the 5th, at the Auditorium Parco della Musica, the jazz fusion piano of Chick Corea. We now come to an event that many have been waiting for: on Wednesday, No-

vember 8th, at the PalaLottomatica, Nick Cave and The Bad Seeds will set the stage ablaze with their music and magic. “He would only be a great entertainer, if he didn’t play the piano so damn well.” The Guardian wrote this comment about Jason Beck, aka Chilly Gonzales, who will be performing live on Saturday the 11th at the Auditorium Parco della Musica. On Sunday the 12th, it’s time for James Blunt at the PalaLottomatica and, the same evening, also for The Musical Box, at the Auditorium Parco della Musica. On Tuesday the 14th, at the PalaLottomatica, Bryan Adams will take the stage. At Auditorium Parco della Musica: Asaf Avidan, performing live on Friday, November 24th. The same evening for one of the most sought-after kings of the dance floor, Ap-

OTTOBRE Giovedì 19 la nuova musica italiana si rivela in città con uno dei suoi volti più interessanti. Al Teatro Parioli, accompagnato da una formazione strumentistica inedita, Lucio Corsi. Sabato 28, on stage all’Atlantico, i Mogwai, fautori del post-rock scozzese. NOVEMBRE Acclamato per il suo stile unico e diretto, creatore di veri tormentoni, in bilico tra rap e canzone d’autore, Fabri Fibra approda a Roma per un live esaltante: venerdì 3 all’Atlantico. Sullo stesso palco, sabato 4, la voce sensuale di Nina Zilli. Domenica 5 all’Auditorium Parco della Musica di Roma, il piano jazz/fusion di Chick Corea. Siamo giunti ad un evento che in molti stavano aspettando: mercoledì 8 novembre, ad infuocare di musica e magia il palco del Palalottomatica, Nick Cave and The Bad Seeds. “Sarebbe soltanto un entertainer di genio, se non

suonasse il piano our super mano Niccolò Fabi, così maledettamendopo venti anni selection is te bene”. Lo scrive di più che onorata il Guardian di Jason just what carriera: appuntaBeck, alias Chilly you’re mento domenica 26 Gonzales live sabato looking for! al Palalottomatica. 11 all’Auditorium Lunedì 27 all’AudiParco della Musica di Roma. Do- torium Parco della Musica largo menica 12 al Palattomatica è la all’energia di Paola Turci. volta di James Blunt e, stessa sera, DICEMBRE anche per l’entusiasmante mu- Sabato 2: un giorno dalle variosical dedicato ai leggendari The pinte proposte live, dalla regina Beatles The Musical Box, all’Au- del rock Made in Italy Gianna ditorium Parco della Musica di Nannini al Palalottomatica, al Roma. Martedì 14 al Palalotto- rock suggestivo dei Cigarettes matica è la volta di Bryan Adams. After Sex al Monk Club, fino a Una delle voci più particolari e all’Orchestra Italiana del Cinema uniche del panorama internazio- all’Auditorium della Concilianale giunge all’Auditorium Par- zione. Quest’ultimo palco ospico della Musica di Roma: è Asaf terà anche il sound travolgente Avidan live venerdì 24 novembre. di Raphael Gualazzi, venerdì 8 e Stessa sera per uno dei re dei dan- Vinicio Capossela, sabato 9. Conce floor più ricercati, negli spazi cludiamo questa prima metà del della Ex Dogana è il momento mese con le atmosfere senza temdi Apparat. Un concerto che po- po di Gino Paoli e Danilo Rea, live trebbe rappresentare l’addio alla venerdì 15 all’Auditorium Parco musica del grande cantautore ro- della Musica di Roma.

Desperately seeking…live

CERCASI LIVE DISPERATAMENTE text Sabrina Bozzoni

Niccolò Fabi

Cigarettes after sex

Fabri Fibra

Lucio Corsi

Nick Cave Museo Alinari

parat, in the spaces of Ex Dogana. After a successful 20-year career: Niccolò Fabi on Sunday the 26th, at the PalaLottomatica. On Monday the 27th, at the Auditorium Parco della Musica, make way for the energy of Paola Turci. DECEMBER Saturday the 2nd: Gianna Nannini, at the PalaLottomatica, to the evocative rock of Cigarettes After Sex at the Monk Club, in addition to the Orchestra Italiana del Cinema at the Auditorium della Conciliazione. This last stage will also host the overwhelming sound of Raphael Gualazzi on Friday the 8th and Vinicio Capossela on Saturday the 9th. We conclude this first half of the month with Gino Paoli and Danilo Rea, live on Friday the 15th at the Auditorium Parco della Musica of Rome.

Don’t worry,


www.angelacaputi.com ph. alessandrobencini.com


it object

Role-plEaLyLEinPAgRTI IL GIOCO BDozzoni text Sabrina

From hidden detail to statement piece. Prada’s iconic blue tag, usually hidden from view, comes out into the open on this bag of the Etiquette line. Role-playing between brand and products, which further proves the fashion house’s deeply unconventional nature Da dettaglio nascosto a protagonista. La mitica etichetta azzurra di Prada, solitamente nascosta all’interno dei capi, esce allo scoperto in questa borsa della linea Etiquette. In un gioco delle parti tra brand e prodotti che conferma la natura profondamente anticonformista della Maison. Roma | the Eternal City 31


it object

VeryCHsICtylish TRÈS

vi text Teresa Fa

One of Salvatore Ferragamo’s best-known patented inventions: the wedge heel shaped like a ship’s stern, called “F heel” because Salvatore drew inspiration from the “F” with which he signed his name. It is back more glamourous than even for winter 2018 . Uno dei più noti brevetti di Salvatore Ferragamo: tacco a zeppa sagomato come la poppa di una nave, chiamato tacco a F perché Salvatore trasse ispirazione dalla F con la quale era solito firmarsi. La Maison lo ripropone più glamour che mai per questo inverno 2018. Roma | the Eternal City 33


it object

ul

RebelliEoLLuEs so ANIMA RIB ozzoni text Sabrina B

The traditional men’s laced ankle boot with pointed toe and cut-work details, in a surprising multicolored tartan wool fabric and with jeweled buckle. Fun and unconventional, British-style with a rebellious soul. By Gucci, and a winner for sure! La tradizione del polacchino maschile con punta e finiture traforate, la sorpresa della lana tartan multicolor, l’irriverenza di una fibbia gioiello. Ironiche e un po’ trasgressive, British con l’anima ribelle. Le firma Gucci, e saranno un successo. Roma | the Eternal City 35


Harry’s Bar ROMA

Il leggendario Harry’s Bar è l’unico posto che evoca la “Dolce Vita”, come se si trattasse di una clip di un film, creando un ritorno di fiamma viva per l’epoca d’oro della Via Veneto, quando Frank Sinatra suonava il pianoforte e tutte le Star facevano la loro comparsa in questo bar / ristorante pieno di glamour e stile. Come negli anni Sessanta ruggenti, è ancora possibile sorseggiare un aperitivo e ascoltare ogni sera il piano bar dal vivo. La cucina raffinata ricorda la freschezza dei sapori mediterranei a base di ingredienti di prima qualità. Tradizione e fantasia ispirano gli eleganti piatti, accompagnati dalle etichette più prestigiose ed un servizio di alta classe. Legendary Harry’s Bar is the unique place that evokes the “Dolce Vita” as if it were a clip from the film, creating a vivid flashback to the golden era of the Via Veneto, when Frank Sinatra sang the piano and all the stars made their appearance in this bar/restaurant full of glamour and style. As in the roaring sixties, you can still sip an aperitif, enjoy the live piano bar every evening and dive into the magic of the Via Veneto from the exclusive and fascinating Harry’s Bar. The refined cuisine recalls the freshness of Mediterranean flavours based on prime ingredients. Tradition and fantasy inspire the elegant dishes, accompanied by the most prestigious labels and a high class service.

Via Vittorio Veneto 150, 00187 Roma | Tel. 06/484643 www.harrysbar.it - info@harrysbar.it Orari di apertura: dalle 10,00 AM alle 02,00 AM


it object

The womane of theNAfDuEtLuFUrTURO LA DON Bozzoni text Sabrina

A slim, sleek and smooth design: the pink and white gold bracelets with diamonds of the Sauvage PrivĂŠ line, for the launching of the fall-winter 2018 collection by the high-jewelry Roberto Coin brand. Designed for the woman of the future. Design affilato, incisivo, pulito e diretto. Sono i bracciali in oro rosa o bianco con diamenti della collezione Sauvage PrivĂŠ, per il lancio autunno inverno 2018 del brand di alta gioielleria Roberto Coin, che con questa collezione racconta la donna del futuro. Roma | the Eternal City 37


it object

ialogue Forms DoIAfLd OGO FORME INBozzoni text Sabrina

A fifties-style design for this bronze coffee table-sculpture with staggered planes in emerald-green onyx. It is entirely made by hand and the tops come in a variety of elegant marble stones. Available at Blend, on Via Margutta. Allure anni ‘50 per il tavolino-scultura in bronzo con piani sfalsati in onice color smeraldo. È realizzato interamente a mano e la pietra dei ripiani può essera scelta tra diverse e raffinate tipologie di marmo. Si trova in vendita da Blend, in via Margutta. Roma | the Eternal City 39


shotonsite

Claudio and Sabrina Cataldi, Maurizio Cappellini

Gina Wang, Elisabetta and Beatrice Ferraresi

Alessia Di Paola, Rosella Santoro

Emanuele Cataldi, Sharon Ricciotti

Cristina Rurgo, Lavinia Marchetti Dori

Gianluca and Vanina Sonnino

Cristina Bilardo, Paolo Perrone

Massimo De Blasis, Giuseppe Cincioni

Rita and Mario Arcidiacono 40 Roma | the Eternal City

Franco and Laura Malatesta

At Palazzo delle Esposizioni, the opening of ‘The DayDate Exhibition’ curated by jeweller’s boutique Diego Cataldi and Rolex

Annalisa Lauteri, Silvia Terzoli

Grigoryan Anaida, Afanasieva Irina


shotonsite

Giulio Cesarini, Giovanna Romanzi

Valentina Barbadoro, Laura Pastesini, Veronica Sgaravatti

Anna Rita di Gregorio, Andrea Garigliano, Simona Giannini

Matteo Parigi Bini, Elisa Sciuto

Antonio Girardi, Alex V. Lana

Laura Ciarallo, Paola Paciotti, Beatrice Provantini

At Palazzo Dama, the exclusive cocktail party for the new Roma the Eternal City issue. Food selection by Pacifico, wines by Apulian winery Tormaresca

Mirko Cantagallo, Beatrice Provantini

Claudia Giraldi, Paolo Pavone

Saverio Ferragina, Virginia Zurlo, Marco Rossi, Eva Kampfer

Marco Micheli, Andrea Butti, Maria Garlan

Gaetano and Elif Sallorenzo Venezia Roma | |the made Eternal in Veneto City 41


shotonsite

Giampaolo Ottazzi,Vanja Dumond,Antonello de’ Medici

Paolo Galasso, Alex Lana, Pascal Bicedomini, Matteo Parigi Bini

Jessica Vio, Enrica Pasqual

Vianello Eleonora, Dino Zampieron

Roberta Gianmarco, Giulia Bevilacqua

Lara Rambone, Isabella Puglisi

Giacomo Marchesini, Michela and Carmine Scarano, Luca Regazzo, Marco Rigo

Paola Mencarelli, Paolo Galasso

Laura Di Bert, Luana Mazzega 42 Roma | the Eternal City

Monica Cacco, Angelo Bussandri

On the occasion of the Venice Film Festival, the Venezia made in Veneto party at Granai della Repubblica of Belmond Hotel Cipriani with Diamond Ice Noble Vodka

Soncin Stefania, Nicoletta Martorana Fedeli


shotonsite

Paul Feakes, Olivier de Molina, Brad Brubaker

Nicola Mondaini, Ornella Zini, Jerry Ruffilli

Pier Ettore and Ginevra Olivetti Rason

Laura Piccini, Enrico Frascione

Carlo Orsi, Francesca Cantore

Piero Chiambretti, Fabrizio Moretti

Miriam Fusaro, Maria F. Miracco

Niccolò and Angelica Becagli

Aldo Godi, Francesca and Andrea Cavicchi

Firenze made in Tuscany, Fratelli Piccini Gioiellieri, Fabrizio Moretti, Enrico Frascione present the Biennale dell’Antiquariato party with Rosé A by Fattoria Aldobrandesca, Vodka VKA, dishes by Le Cirque Firenze

Rosa Comi, Leonardo Tempesti

Nicola Verrini, Lavinia Rinaldi

Alexandra Hoffer, Maria Paola Pedetta, Monica Offidani, Simona Diomedi Roma | the Eternal City 43


shotonsite

Barbara Vitetti Martini, Lorena Tabanella, Elena Bonelli

Paolo Arangio, Alessandra and Silvia Leonardi, Domenico Scopelliti

Roberto Ciufoli,Chiara Giannotti

Francesca D’Alessandro, Puccio Natale

Jimmy Ghione, Alessandra Corrìas

Flaminia Cuturi Elser, Paola Quaquarelli, Federica Calò,GeorgiaV. Martini,Cristiana Capuano, Alessia Antonelli

Rosalba and Gianfranco Giugni

Paola Del Tosto

Silvia Piazza, Roberto Ciufoli 44 Roma | the Eternal City

Angela Rezzonico, Cristina Chiavari

The stars and best moments of the 5th Il polo del sorriso, the charity event for the Operation Smile Italia Foundation

Santiago Schinoni, Stefano Ottaviani, Puccio Natale, Pulli Grillini, Elettra Marconi

Irene Bertucci, Barbara Vitetti Martini


shotonsite

Barbara Mandatori, Sabrina Alfonsi

Alessandrojacopo Boncompagni Ludovisi, Carola Penna

Angelo Frasca, Barbara Terrinoni

Olivier Durbano, Marina Alberghini

Barbara Terrinoni, Massimo Peroso

Anna Giammusso

Barbara Mandatori, Alfredo Parisi

Via Sistina and Via Crispi, two important streets in the heart of Rome, as the location for an event devoted to artistic, artisan and food-and-wine excellence

Dario Mandatori

Valerio Terebinto, Antonella Lo Bianco

Roberto Salvucci, Barbara Mandatori, Carola Penna, Giulio Anticoli Roma | the Eternal City 45


A stroll through the Empire PASSEGGIATA NELL’IMPERO text Matteo Parigi Bini photo Andrea Rossi


district itineraries

In the opening and these pages, the imposing Forum of Trajan, built to celebrate the victory over Dacia, after two very hard-fought military campaigns (101-102, 105-106 A.C.) 48 Roma | the Eternal City


city itineraries

We are in the heart of ancient Rome, where the past and present meet. The present of the many excavations recently made to bring this amazing treasure to light. Excavations which continue to this day and make this archaeologic site constantly in progress, an ongoing discovery. We have two special guides on this tour: Superintendent Claudio Parisi Presicce and the archaeologist from Rome’s Cultural Heritage Office Beatrice Pinna Caboni. With their help our stroll through history turned out to be a three-dimensional flashback, with fragments of capitals becoming columns and columns becoming temples rising around monuments and piazzas. Most of the charm of the forums lies in their grandeur and the best way to perceive it is to walk along the ancient streets brought back to light. The oldest signs of human presence, found in the forums’ section which would become the Forum of Caesar, date back to the second half of the 2nd millennium B.C. In recent times, between 1998 and 2008, a protohistoric necropolis was unearthed in the southern area of the piazza of the Forum of Caesar. Just a few meters away from the tombs, archaeologists found the remains of the built-up area which developed here during the 8th and 7th centuries B.C. FORUM OF CAESAR Our tour, however, starts with the first expansion of the Roman Forum, that is, the forum dating back to the Proto-Imperial and Republican period, the Forum of Caesar. This piazza, which Julius Caesar decided to construct for propaganda reasons, was inaugurated in 46 B.C. and features two porticos on the eastern and western side and a temple dedicated to Venus Genetrix, the mythical ancestress of the Julian family from whom the Emperor descended. Caesar did not live to see the completion of the construction works: the piazza was completed by Emperor Octavian Augustus, Caesar’s adopted son. During the completion of the works, Augustus also built the Curia Julia, where the Roman Senate gathered. Beatrice Pinna Caboni, who is guiding us through the Forums and providing important technical and cultural information, emphasizes the stratification of epochs which the Imperial Forums offer to visitors and lingers over the monuments which Augustus describes in the Res Geste: “Augustus uses the word perfeci- explains Beatrice Pinna Caboni- to underline both the ideological Siamo nel cuore della Roma antica, dove si incontrano davvero passato e presente. Il passato della Roma Protostorica, Arcaica e Repubblicana prima, Imperiale poi. Il presente dei tanti scavi eseguiti in questi anni per portare alla luce questo tesoro immenso. Scavi che continuano ancora oggi e rendono questo sito un luogo in divenire, una continua scoperta. Abbiamo due ciceroni d’eccezione in questo viaggio: il Sovrintendente Claudio Parisi Presicce e l’archeologa della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali Beatrice Pinna Caboni. Con la loro guida la nostra passeggiata nella storia si è trasformata in un flashback tridimensionale, dove i frammenti di capitelli diventano colonne, le colonne templi che si innalzano intorno a monumenti e piazze. Perché il fascino della scoperta dei Fori passa necessariamente dalla loro maestosità, e il modo migliore per averne la percezione è camminare lungo le antiche strade tornate alla luce. Risalgono alla seconda metà del II millennio a.C. le più antiche tracce della presenza umana individuate dagli scavi recenti nell’area dei Fori, corrispondente al futuro Foro di Cesare. Sempre in epoca recente, nel 1998-2002, è stata riportata alla luce nell’area meridionale della piazza del Foro di Cesare una necropoli protostorica. A pochi metri dalle tombe sono stati ritrovati resti dell’abitato che, nel corso dell’VIII e del VII secolo a.C., si era impiantato nella zona. FORO DI CESARE Ma il percorso vero e proprio inizia con la prima appendice al Foro Romano – cioè al foro dell’Epoca proto Imperiale e Repubblicana - e che è appunto il Foro di Cesare. Questa piazza, voluta da Giulio Cesare per motivi propagandistici, fu inaugurata nel 46 a.C. e presenta due portici sul lato est e ovest mentre in fondo troneggia il tempio dedicato a Venere Genitrice, antenata storica della famiglia Giulia a cui apparteneva il dittatore. Cesare non vide la fine dei lavori del foro: la piazza fu terminata dall’imperatore Ottaviano Augusto,   figlio adottivo di Cesare. Durante il completamento dei lavori, Ottaviano realizzò anche la Cura Julia, dove si riuniva il Senato Romano. Beatrice Pinna Caboni, che ci ha seguito nel percorso archeologico con importanti precisazioni tecniche e culturali, dopo aver posto l’accento appunto sulle stratificazioni di epoche diverse che offrono allo spettatore i Fori Imperiali, si sofferma sui monumenti di cui Augusto parla nelle Res Geste: “ Augusto cita proprio il temine perfeci – spiega la dottoressa – per sottolineare il completamento ideologico e non solo architettonico del Foro di Cesare”.

Roma | the Eternal City 49


cover story

The construction of the Forum was overseen by Apollodorus of Damascus, the famous architect who had helped A detail Trajan of the through Column the campaigns of Marcus against Aurelius Dacia 50 Roma | the Eternal City


1

2

3 1. 4. 6. The tour of the Imperial Forums starts with the first expansion of the Roman Forum, the Forum of Caesar. This piazza, which Julius Caesar decided to construct for propaganda reasons and was completed in 46 B.C. , features a temple dedicated to Venus Genetrix, the mythical ancestress of the Julian Family from whom the Emperor descended 2. the passage between Forum of Trajan and Forum of Augustus 3. Superintendent Claudio Parisi Presicce 5. Forum of Trajan

4

5

6


city itineraries

and architectural importance of the completion of the Forum of Caesar”. FORUM OF AUGUSTUS As soon as the Forum of Caesar was completed, right before engaging in the battle against Caesar’s assassins, the young Augustus vowed to build a temple to Mars Ultor- honoring Mars the Roman God of War having a strong symbolic value-, in case of victory. The Forum of Augustus was not only a huge space for legal proceedings but also a rich gallery of sculptures portraying the major mythological and historical figures of the history of Rome: these figures reinforced the importance of the prestigious lineage that Augustus himself held. The Forum was the Empire’s military, administrative and political center. Built perpendicularly to the Forum of Caesar and the Roman Forum, near a densely populated neighborhood which could easily catch fire, the Forum of Augustus featured a massive wall made of peperino, a volcanic and fire-resistant stone which protected it from fire. From the architectural point of view, the Forum consisted of a rectangular piazza with the Temple of Mars Ultor standing in the middle of the short eastern side, while the long sides were lined with open porticos which housed the civil and penal courts and the so-called scole, school buildings. The short eastern side of the northern portico ended with a decorated hall known today as the Hall of the Colossus, because of the remains of a colossal statue which probably represented the Genius of Augustus. “The marble plan of part of the Forum of Augustus- explains the Superintendentwhich was recently brought to light, provides interesting information on the whole Forum, while the excavations made in 2004-2006 have further enlarged the monument’s visible surface”. And he continues by sharing the famous words pronounced by Augustus related to the latest discoveries: “I came to Rome when it was a city of stone and left it a city of marble”. TEMPLE OF PEACE To the south of the Forum of Augustus, the third forum in chronological order is the Temple of Peace, built under Emperor Vespasian in 71 A.C. after the sacking of Jerusalem during the JewishRoman wars. The Forum was completed in 75 A.C. and consisted of a big piazza with porticos. The area FORO DI AUGUSTO Subito dopo la fine del Foro di Cesare, alla vigilia della battaglia contro i cesaricidi, il giovane Ottaviano fece voto solenne di edificare in caso di vittoria, un tempio a Marte Ultore, Marte vendicatore dal forte valore simbolico. Il Foro di Augusto non conteneva solo un immenso tribunale, ma costituiva anche una ricchissima galleria di immagini scultoree dei personaggi mitologici e storici della storia di Roma: un filo ininterrotto che legava gli antenati troiani ad Augusto e che esaltava e legittimava la figura del principe.Il Foro era una sorta di centro militare, amministrativo e politico dell’impero. Costruito con andamento perpendicolare al Foro di Cesare e al Foro Romano, a ridosso di un quartiere molto popoloso e pericoloso dal punto di vista degli incendi, alla sua estremità il Foro di Augusto presentava un muraglione costruito in peperino, una pietra vulcanica ignifuga che lo proteggeva dagli incendi.  Dal punto di vista architettonico, si articolava attorno a una piazza rettangolare al cui centro del lato corto orientale era inserito il tempio di Marte Ultore mentre i lati lunghi erano occupati da profondi portici aperti nei quali si trovavano tribunali civili e penali, e scholae, edifici adibiti all’istruzione. Il lato breve orientale del portico nord era concluso da un’aula decorata, detta oggi Aula del Colosso, per la presenza di resti di una statua di dimensioni gigantesche che forse rappresentava il Genio di Augusto. “La pianta marmorea di parte del Foro di Augusto – ci spiega il Sovrintendente - recentemente portata alla luce, ha fornito interessanti dati sul complesso mentre gli ultimi scavi realizzati nel 20042006 hanno permesso di ampliare ulteriormente la superficie visibile del monumento”. E continua con un aneddoto legato alla celebre frase di Augusto, confermata appunto dalle recenti scoperte: “Ho trovato una città di pietra e l’ho lasciata di marmo”. TEMPLUM PACIS A sud del Foro di Augusto, procedendo in ordine cronologico, il terzo Foro è il Templum Pacis voluto dall’imperatore Vespasiano nel 71 d.C. dopo la vittoriosa repressione della rivolta di Gerusalemme. Il foro fu terminato nel 75 ed era costituito da una grande piazza con portici. Al centro del portico meridionale si innalzava l’aula di culto dedicata alla Dea della Pace. Il Templus Pacis si differenziava però profondamente dagli altri complessi per le sue funzioni: i Fori Imperiali erano, infatti,

52 Roma | the Eternal City


cover story

A detail of the Temple dedicated to Venus Genetrix, ancestress of the Julian Family Roma | the Eternal City 53


district itineraries

Above: Forum of Nerva Below: Temple of Peace 54 Roma | the Eternal City


city itinerary

Above: Temple of Peace Below: a view of Forum of Above: the Caesar, Forum Sallustiano of Nervaobelisk and Below: Trajan’s Temple of PeaceColum Roma | the Eternal City 55


Forum of Augustus


district itineraries

The Forum of Augustus revolved around the temple dedicated to Mars Ultor, built after the battle against Caesar’s assassins. The Forum was not only a huge space for legal proceedings, but also a rich gallery of sculptures portraying the major mythological and historical figures of the history of Rome: these figures reinforced the importance of the prestigious lineage that Augustus himself held


city itineraries

devoted to the cult of the Goddess of Peace stood in the middle of the southern portico. The Temple of Peace, however, differed from the other forums in terms of function. The Imperial Forums, in fact, served a political and justice administration function, whereas the Temple of Peace featured, in addition to the Temple, a rich collection of Hellenic statues which testify to the Romans’ skill in restoring and cataloguing ancient art and made Vespasian’s Forum a sort of cultural center, along with a famous literary and scientific library (Bibliotheca Pacis). The library houses the famous Forma Urbis, a massive marble map of ancient Rome created under the emperor Septimius Severus, thus dating back to a later period as compared with Vespasian’s time.   FORUM OF TRAJAN The fourth Forum was built under Domitian, Emperor from 81 to 96 A.C., but it was completed by the new Emperor Nerva (96-98), the name by which it is still known today. It was the smallest of the five Imperial Forums and served as an introduction to the imposing Forum of Trajan. The fifth Forum consisted of a big rectangular piazza where the colossal equestrian statue of the Emperor stood (Equus Traiani), flanked with porticos with hemicycles along the two long sides, with a giant colored marble colonnade to the south and the Ulpia Basilica to the north. The Forum was built to celebrate the victory over Dacia, after two very hard-fought military campaigns (101-102, 105-106 A.C.), but probably also because of the need for more and larger spaces to administer justice. The construction of the Forum was overseen by Apollodorus of Damascus, the famous architect who had helped Trajan through the campaigns against Dacia by providing technical and strategic solutions and designed Trajan’s Column, still perfectly preserved. As underlined by Claudio Parisi Presicce: “The excavations for the reconstruction of the Imperial Forums have brought back to light important fragments which- although not showcased along the monumental forums- have been studied and catalogued and can be seen at Trajan’s Market, a large complex of Roman buildings in the city of Rome, at the foot of the Quirinal Hill. The Trajan’s Market has been housing the Museum of the Imperial Forums since 2007. principalmente luoghi di amministrazione della giustizia, il Foro della Pace era invece caratterizzato, oltre che dal Tempio, dalla presenza di una ricca collezione di sculture di provenienza ellenica, che testimoniano la capacità dei romani di recuperare e catalogare l’arte antica  e che, insieme a una famosa biblioteca letteraria e scientifica (la Bibliotheca Pacis), rendevano il Foro di Vespasiano una sorta di polo culturale della memoria. E’ all’interno della Biblioteca che si trova la famosa Forma Urbis, pianta marmorea di origine catastale che delineava l’assetto urbano di Roma all’epoca di Settimio Severo, quindi risalente a un’epoca successiva rispetto a Vespasiano, ma che non esclude una analoga planimetria antecedente. FORO DI TRAIANO La costruzione del quarto Foro avvenne ad opera di Domiziano, imperatore dall’81 al 96 d.C. ma fu inaugurato dal nuovo imperatore Nerva (96-98), con il nome del quale è tuttora conosciuto. E’ il più ristretto dei cinque Fori imperiali, preludio al grandioso Foro di Traiano. Il quinto complesso consisteva in una grande piazza rettangolare, nella quale sorgeva la statua equestre colossale dell’imperatore (Equus Traiani), fiancheggiata da profondi portici con emicicli sui due lati lunghi, chiusa a sud da un gigantesco colonnato di marmi colorati e a nord dalla Basilica Ulpia. Il Foro fu realizzato per celebrare la vittoria sul popolo dei Daci, sconfitti in due successive durissime campagne militari (101-102, 105-106 d.C), ma fu probabilmente motivato, oltre che da intenti celebrativi, dalla necessità di un massiccio ampliamento degli spazi disponibili per l’amministrazione della giustizia. Per la costruzione del Foro, Traiano si servì dell’opera di Apollodoro di Damasco, il celebre architetto che lo aveva affiancato con soluzioni tecniche e strategiche nella campagna contro la Dacia e al quale forse dobbiamo la Colonna Traiana, ancora oggi perfettamente conservata. Come sottolinea Claudio Parisi Presicce: “Gli scavi per la ricostruzione dei Fori hanno portato alla luce frammenti importanti che – se non hanno trovato posto nel percorso monumentale – sono stati ampliamente studiati e catalogati e hanno trovato posto nei Mercati di Traiano, un  esteso complesso di edifici di epoca romana nella città, sulle pendici del Colle del Quirinale. Dal 2007 i mercati ospitano il Museo dei Fori Imperiali. 

Roma | the Eternal City 59


cover story

A Roman a citizen of the world UNA ROMANA CITTADINA DEL MONDO text Teresa Favi Anna Galiena. Returns to Rome and debuts a new performance at Teatro Parioli Torna nella sua Roma e debutta con un nuovo spettacolo al Teatro Parioli

A sensual and Mediterranean beauty with that mysterious French charm. Not to mention a last name that melts in your mouth like olive oil: Galiena. Anna Galiena, whose beauty makes sixty seem like the new thirty, is “Roman from Rome,” even if she’s a citizen of the world and has lived in Paris for years. When she was quite young, she moved to New York, where she made her theatre debut with Romeo & Juliet. In 1980, she became a member of the Actor’s Studio and went on to pursue a theatre career marked by classics, musical comedies and contemporary works, including The Chain, written and directed by Elia Kazan. But it was in Europe where she began to work in cinema as well. Mauro Bolognini offered her a part in Farewell Moscow (1986). In France, she worked with Boisset, Chabrol, Ruffio and Molinaro. In 1990, she reached international fame with the film The Hairdresser’s Husband by Patrice Leconte, followed by Jamón Jamón by Bigas Luna, and Being Human by Bill Forsythe, starring Robin Williams. In Italy, she worked, among others, with Francesca Archibugi in The Great Pumpkin, Daniele Luchetti in La scuola and But Forever in My Mind by Gabriele Muccino. In 1994, she received a Globo d’Oro from the Italian Foreign Press Association and the Grolla d’Oro for her role in No Skin by Alessandro D’Alatri. She recently starred in many successful Italian films, including You Can’t Save Yourself Alone by Sergio Castellitto and Like Crazy, directed by Paolo Virzì. In theatre, she was the first woman to perform in a Japanese Noh theatre company, starring in Susanô in 1994 at the Festival d’Avignon, directed by Iroshi Teshigahara. Now, she’s about to make her big return to the stage with Notte di Follia, starring Corrado Tedeschi and directed by Antonio Zavatteri. The brilliant and entertaining play by Frenchwoman Josiane Balasko will have its world debut at Teatro Parioli in Rome from January 23 to February 4. You live in Paris and you’ve travelled the world. What has remained of your Roman-ness? I love the way Romans speak, the way the words just glide. The irony of Romans… a true Roman knows it all. I also like to improvise stornelli, a lively way, popular way of talking to each other and making 60 Roma | the Eternal City

Bellezza conturbante, mediterranea con quel non so che di misterioso fascino francese. E quel cognome che si scioglie in bocca come l’olio d’oliva, Galiena. Anna Galiena, bella a sessant’anni passati come a trenta, è ‘romana de’ Roma’ anche se è una cittadina del mondo e da anni vive a Parigi. Giovanissima si trasferisce a New York dove debutta a teatro con Romeo&Juliet. Nel 1980 diventa membro dell’Actors Studio, proseguendo la carriera teatrale con pièce classiche, commedie musicali e testi contemporanei, fra cui The Chain scritta e diretta da Elia Kazan. Ma è in Europa che inizia ad affiancare il cinema al teatro. Mauro Bolognini le propone una parte in Mosca addio (1986). In Francia lavora con Boisset, Chabrol, Ruffio e Molinaro. Nel 1990 arriva la consacrazione internazionale con il film Il marito della parrucchiera di Patrice Leconte, confermata poi da Prosciutto, prosciutto di Bigas Luna e Being Human di Bill Forsythe con Robin Williams. In Italia lavora, tra gli altri, con Francesca Archibugi ne Il grande cocomero, Daniele Luchetti ne La scuola e in Come te nessuno mai diretta da Gabriele Muccino. Nel ‘94 riceve un Globo d’Oro dalla Stampa Estera Italiana e la Grolla d’Oro per l’interpretazione in Senza pelle di Alessandro D’Alatri. Di recente ha collaborato a diverse pellicole italiane di successo tra cui Nessuno si salva da solo di Sergio Castellitto e La Pazza Gioia diretta da Paolo Virzì. In teatro è stata la prima donna ammessa a recitare in una Compagnia del Teatro Nô giapponese, diretta nel 1994 da Iroshi Teshigahara in Susanô al Festival di Avignone. Adesso sta per fare un grande ritorno sul palcoscenico con Notte di Follia, con Corrado Tedeschi, diretta da Antonio Zavatteri. Pièce intelligente e divertente della francese Josiane Balasko, che debutta in prima assoluta al Teatro Parioli di Roma dal 23 gennaio al 4 febbraio. Vive a Parigi, ha girato il mondo, cosa le è rimasto della sua romanità? Amo la ‘scivolata’ della parlata romana. L’ironia dei romani… Il vero romano è uno che la sa lunga. E poi mi piace stornellare, un modo fresco, popolare di parlarsi e di farsi battute ironiche in rima. Una soddisfazione riuscirci.


cover story

Anna Galiena, Roman, popular figure in Italian and internationl theatre and cinema (ph. Marco Rossi, make up & hair Mariano Sabatelli, dresses Antonio Grimaldi, location Atelier Antonio Grimaldi at Palazzo Besso) Roma | the Eternal City 61


ph.Carlo Mogiani

cover story

Anna Galiena returns to the stage with ‘Notte di Follia’, starring Corrado Tedeschi (left below). The new theatre piece debuts at Teatro Parioli on January 23 62 Roma | the Eternal City


cover story

From left: The Hairdresser’s Husband by Patrice Leconte, 1990; Black Angel by Tinto Brass, 2002; La scuola by Daniele Luchetti, 1995 ironic quips in rhyme. It’s really a pleasure when you can do it well. Does your love for performing come from your family? Not even a little bit. Actually, that was a problem. I loved to perform, sing and dance when I was a child. I studied dance in the school at the Teatro dell’Opera, but my father, who encouraged us to love art but who didn’t want artists in the house, brutally forced me to give it up when I was about eleven and it was quite the ordeal. I went from being a lively child who attracted attention to becoming introverted and troubled. I lost myself in books. And as soon as possible, you left to become an actress as far away as possible, in New York… My American education was serious and intense. It went really well. I won my first role after my very first audition and I began to work off Broadway. After two years, I was a card-carrying professional actor. To work on Broadway, you need to be on an official register and it’s incredibly difficult to get on that register. Difficult, like being admitted to the Actors Studio? At the time, it was very difficult. But we’re talking about the former, real Actors Studio, where anyone could present themselves, though few were admitted. And, once you were in, you would perform with the other members and share opinions of one another. It was normal to watch Shelley Winters at work or to ask Arthur Penn, Ellen Burstyn or Dustin Hoffman for suggestions. What attracted an actor to New York in those days? The first comment was either credible or not. And if you got one that wasn’t, you were dead. Tell us something about Rome… When I arrive from the airport and I see the Baths of Caracalla, the Circus Maximus, Palatine Hill, it’s deeply emotional. I love Rome’s layers, from Antiquity to the Middle Ages to the Renaissance, Baroque era, the age of Umberto I, and so on until today. I love this magical and unique mix that blends the Ara Coeli, the Vittoriano and the Renaissance Capitoline Hill. A must-visit restaurant? Sanacafè in the Prati neighbourhood, a landmark of organic cooking. A must-eat Roman dish? My mother was an extraordinary cook. I remember her coda alla vaccinara, an oxtail stew, and minestra all’arzilla, a soup with Romanesco broccoli, skate, garlic and tomato. Not to mention pagliata, tripe, sweetbread and offal-based dishes… Romans have always eaten scraps. But they made them so well that these “poor” dishes were even liked by aristocrats. And fortunately, we still eat them today.

L’amore per la recitazione viene da un background familiare? Neanche un po’. Anzi, quello è stato un problema. Amavo recitare, cantare e ballare fin da piccola. Studiavo danza nella scuola del Teatro dell’Opera, ma mio padre, che ci incoraggiava ad amare l’arte ma non voleva artisti in casa, me la fece lasciare brutalmente verso gli undici anni e fu un dramma. Da ragazzina vivace che trascinava gli altri sono diventata introversa e complessata. Mi sono buttata sui libri. E appena possibile è andata a fare l’attrice il più lontano possibile, a New York… La formazione americana è tra le più serie e severe. A me è andata bene. Al primo provino ho vinto il ruolo, ho iniziato a lavorare nell’off-off Broadway e dopo due anni avevo la tessera di attore professionista. Per lavorare a Broadway devi appartenere a un albo ed è molto difficile entrarci. Difficile, come essere ammessi all’Actors Studio? A quello di allora, difficilissimo. Ma stiamo parlando del vecchio, del vero Actors Studio dove chiunque poteva presentarsi, ma in pochissimi erano ammessi. E, una volta dentro, si recitava per gli altri membri e ci si esponeva al loro giudizio. Ed era normale osservare una Shelley Winters al lavoro, o farsi dare suggerimenti da un Arthur Penn, una Ellen Burstyn o un Dustin Hoffman. Cosa attraeva di un attore nella New York di quegli anni? Il primo commento era credibile o non credibile. Non credibile, ed eri morto. Ci racconti invece qualcosa della sua Roma… Quando vengo dall’aeroporto e mi vedo venire incontro Caracalla, il Circo Massimo, il Palatino, provo un’emozione profonda. Adoro gli strati di Roma, la città antica, la romanica, la rinascimentale, la barocca, l’umbertina e così via fino a oggi. Amo questa miscela magica e unica che si tratti dell’Aracoeli, del Vittoriano o del rinascimentale Campidoglio. Un ristorante da non perdere? Il Sanacafè nel quartiere Prati, pietra miliare della cucina bio a Roma. Piatto romano da non perdere? Mia madre era una cuoca straordinaria. Ricordo la sua coda alla vaccinara e la minestra all’arzilla, una zuppa con broccolo romanesco, razza, aglio e pomodoro. E poi la pagliata, la trippa, le animelle, piatti a base di frattaglie, perché - nota sociologica - il popolo romano ha sempre mangiato gli scarti. Ma l’ha fatto così bene che quei piatti poveri se li godevano anche i nobili. E per fortuna, ancor oggi, anche noi. Roma | the Eternal City 63


music interview

Renzo Arbore Show

IL SUO POSSIBILE RITORNO IN TELEVISIONE text Virginia Zullo The Italian showman who brought Neapolitan music across the world Lo showman italiano che ha portato la canzone napoletana nel mondo

An outstanding figure in the history of Italian entertainment, a true natural at it, Renzo Arbore is the author of unforgettable television shows. Two above all: Quelli della notte and Indietro tutta, comedy shows which parodied commercial television’s bad taste in the form of musical entr’actes, such as Cacao Meravigliao. Producer, singer, the first Italian DJ and a very popular radio host, today Renzo Arbore tells Roma The Eternal City that he is ready to go back to television, on his terms though... What is your favorite part of Rome? The Testaccio neighborhood, the Monte dei Cocci area where the Macro Museum is located. I am particularly fond of the mysterious Rome of the 70s and 80s, the “movida” years. Now the city is in decline but still a fascinating place. What is luxury for you? Having enough free time to practice the creative idleness described by sociologist De Masi. That, and a good supply of friends to laugh with. A fun fact about your professional life? I started working at RAI (the Italian national television network) thanks to a young lady, a secretary who pressed me to fill in an application form for a job at RAI. With that form I was able to take an exam, which I passed without connections. This young lady’s name was Vittoria and it is the most bizarre episode of my life, because had that young lady and I not crossed paths, I would have become a lawyer. How was the wonderful Quelli della notte show born? I had just hosted a TV show devoted to the 60th anniversary of radio broadcasting. Feeling the need to shake off the label of “nostalgic person”, I put together 40 new faces, except me, and I invented Quelli della notte, which was broadcast in the late evening hours because considered to be an experimental show. What comedian, among those you launched, are you particularly fond of? Certainly De Crescenzo, whom I did not launch but I helped become a writer and film director. However, the figure I think back to with special affection is Mario Marenco, for his extraordinarily comic quality. 64 Roma | the Eternal City

Fuoriclasse assoluto della storia dello spettacolo italiano, generoso, talento innato, Renzo Arbore è stato autore di programmi TV indimenticabili. Due tra tutti: Quelli della notte, e Indietro tutta, parodie perfette a suon di siparietti musicali nei cuori tutti – basta citare Cacao Meravigliao - della tv commerciale imperante in quegli anni. Produttore, cantante, primo dj italiano e conduttore radiofonico di grande successo, oggi confessa a Roma The Eternal City che sarebbe pronto per un ritorno in tv ma solo alle sue condizioni… La Roma che ama di più? La Roma del quartiere Testaccio, il Monte dei Cocci, dove c’è il Museo Macro. Mi piace quella Roma misteriosa di una certa movida degli anni ‘70 e ‘80. Adesso è decadente ma resta un posto affascinante. Cosa è il lusso per Arbore? Avere tempo libero per poter praticare l’ozio creativo di cui parla il sociologo De Masi. E avere una buona riserva di amici con cui ridere. Un aneddoto curioso della sua vita professionale? Il mio ingresso in Rai del quale devo ringraziare una certa signorina, una segretaria che d’urgenza mi fece compilare un modulo per entrare in Rai. Con questo modulo feci un normale esame e senza nessuna raccomandazione superai l’esame. Questa signorina si chiama Vittoria è l’episodio più curioso della mia vita perché se non avessi incontrato quella signorina forse avrei fatto l’avvocato. Come è nato il programma Quelli della notte? Avevo appena dedicato un programma ai sessant’anni della radio. Sentii l’esigenza di riscattarmi per non essere etichettato come nostalgico e allora convocai 40 facce nuove, tranne la mia, e inventai Quelli della notte, collocato in seconda serata perché sperimentale Qual è il personaggio che ha creato che le è rimasto nel cuore? Certamente De Crescenzo, che non ho creato io ma che ho aiutato a diventare scrittore e regista. Ma il personaggio a cui sono legato anche sentimentalmente è Mario Marenco per la sua straordinaria inedita forma di comicità. I cantanti con cui ha amato cantare? Lucio Dalla, Tony Benett… sono tanti! Voglio ricordare Gabriella


cover story

Renzo Arbore was born in 1937 in Foggia. Jazz musician, word artist and entertainer, he’s one of the fathers of contemporary television and radio Roma | the Eternal City 65


cover story

Above: Arbore leading the late-night crew of “Quelli della notte�. Below: Together with Gianni Boncampagni during the years at Radio Rai 66 Roma | the Eternal City


music interview

Some of the cast of “Quelli della notte”

The singers with whom you enjoyed singing? Lucio Dalla, Tony Bennett… there are so many! I would also like to mention Gabriella Ferri: there are very few records of our performances together. I taught her all the Neapolitan songs and she taught me the Roman ones. If you were to become the general manager of RAI, what you change? I would immediately introduce the popularity rating of a TV program, like it used to be, allowing us to make quality television shows. As a public service, RAI should bring the “quality” audience back. Why are your shows remembered no matter how many years pass, whereas most TV programs sink into oblivion? Because I’ve never done current affairs shows, based on satirical comments on current events or impersonations of famous people, not even with Boncompagni. We invented our own characters. What characters intrigue you? I’m intrigued by the people who have talent but are unable to translate it into success. What do you like about today’s radio broadcasting? I like the fact that it’s not domineering, that it keeps you company all the time and it offers a variety of choices, something television is not totally able to do yet: political shows, football shows, debates. I like its immediateness and mobility. So would say that the generalist television doesn’t work anymore? It’s works only when it comes to big events, whether sports or entertainment, but generalist channels run the risk of chasing audience share, sliding rapidly towards mediocre programming, producing cultural impoverishment rather than enrichment. Who are your favorite journalists? Francesco Merlo and Travaglio, who are rivals, Massimo Giannini from Repubblica, Gian Antonio Stella, a great journalist, Stefano di Segni, Italy’s greatest cartoonist and humorist. I also like some television critics who usually “hit the nail on the head”… What television hosts do you like ? Formigli, Floris, Lilli Gruber, the showman Fiorello … Is there a TV show that you would love to host? I would enjoy hosting my own show, the Renzo Arbore Show. Would you go back to television to do this Renzo Arbore Show? If I were invited to do it with great respect for my past, realizing that that past has a future, yes, I definitely would. That is to say? Tall buildings rest on deep foundations, you have to know the past to innovate, every innovation is grounded in the past.

Ferri ma delle esibizioni con lei esistono pochi documenti: io le ho insegnato tutte le canzoni napoletane e lei quelle romane. Se improvvisamente potesse diventare il direttore generale della Rai cosa cambieresti ? Cambierei subito le regole dell’auditel introducendo le regole del gradimento, come era una volta, che ci permettevano di fare programmi d’autore. Come servizio pubblico la Rai dovrebbe riconquistare il pubblico di qualità compreso quello dei giovani. Perché la sua televisione non invecchia mai e invece la maggior parte dei programmi finisce nel dimenticatoio? Perché non ho fatto programmi di attualità, evitando la satira del contingente, evitando le imitazioni, evitando, anche con Boncompagni, i personaggi famosi. I personaggi li inventavamo noi. Personaggi che la incuriosiscono ? Mi incuriosiscono le persone che hanno del talento nascosto ma che non riescono a tradurre in successo. Cosa le piace della radio oggi? La sua non prepotenza, la sua compagnia costante e la sua molteplicità di aspetti perché la radio ha fatto la scelta che la televisione ancora non fa completamente, cioè la scelta tematica precisa : la radio politica, la radio di calcio, polemica. Mi piace la sua immediatezza e mobilità. Quindi il vecchio modello della TV generalista non funziona più? Funziona solo per i grandi eventi, sportivi di spettacolo ma la televisione generalista corre il pericolo di inseguire l’auditel, di tendere verso il basso non verso l’alto producendo non l’ arricchimento culturale ma l’impoverimento. Quali sono le sue firme preferite nel giornalismo ? Francesco Merlo e Travaglio che sono due rivali, Massimo Giannini di Repubblica, Gian Antonio Stella, grande giornalista, Stefano di Segni il più grande vignettista ed umorista d’Italia. Anche quelli che fanno critica televisiva e che spesso ci “azzeccano”… ma non voglio elencarli. In televisione chi le piace ? Formigli, Floris, Lilli Gruber, nell’intrattenimento Fiorello … C’è un programma che sognerebbe di fare? Farei un programma secondo i miei gusti, un Renzo Arbore Show. Ritornerebbe in televisione a fare questo Renzo Arbore Show? Se mi chiamassero con molto rispetto per il mio passato capendo che quel passato ha certamente anche un futuro, allora sì. In che senso? I grattacieli si costruiscono con fondamenta profonde, per innovare devi conoscere il passato, le basi di ogni innovazione sono nel passato. Roma | the Eternal City 67


cover story

Silvia Busuioc was born in Chisinau, Moldova. Her passion for the arts was first stirred at the early age of seven, when she began to study dance (ph . Alessandro Rabboni) 68 Roma | the Eternal City


movie interview

Like a dream QUASI UN SOGNO

text Veronica Sgaravatti Silvia Busuioc on screen with an international production Silvia Busuioc al cinema con una produzione internazionale

Beautiful, dark-haired and with intense brown eyes, we will soon be seeing her in The Snowman, directed by the Swedish film-director Tomas Alfredson, and with Michael Fassbender, Rebecca Ferguson and JK Simmons. We meet the Moldavian actress and model Silvia Busuioc in the heart of Rome. She is even more charming in person. What was it like to act alongside Fassbender? Like a dream. It was amazing to be able to act in a film with actors who have so much experience and in an environment completely covered by snow. It was like being in a winter fairy-tale. We shot in Norway in -10 °C. The story is based on a thriller by the same name, a bestseller by Jo Nesbo. What is your background? At 7 I began studying modern and Latin dance in Moldavia. Then, ten years ago, I moved to Italy. I was living in a small town near Padua and initially I had some problems adjusting, but this was due to my shyness. I managed to overcome it by joining a drama group. How did your career develop? I later decided to move to Milan to study Humanities at university. Then in 2012 I attended the Actor Studio in Hollywood. I studied acting there for a few years and still attend courses now and again. What do you like most about acting? I have learned so much from my work. I love learning about people through the stories of their life, and all the women I play are braver than me. I’m always learning from the characters I act the part of. I enjoy studying ever new scripts. It’s an ongoing research. What do you like and dislike about Italy? There are a lot of things I like. The history, culture and beauty. Italy seems like an outdoor film set. It’s beauty is indescribable and each corner has a story to tell. What I don’t like is the lack of opportunities for the younger generation. There should be greater acknowledgment of young people’s talents. But this means no one would ever leave Italy.

Bellissima, mora, occhi marroni e uno sguardo penetrante che arriva ora nelle sale cinematografiche nel film L’uomo di neve diretta dal regista svedese Tomas Alfredson, accanto a Michael Fassbender, Rebecca Ferguson e JK Simmons. Incontriamo Silvia Busuioc nel cuore di Roma. Dal vivo è ancora più affascinante Come è stato girare accanto a Fassbender? Mi sembrava un sogno. È stata un’esperienza stupenda poter girare accanto ad attori con così tanta esperienza, in un ambiente completamente ricoperto di neve. Era come stare all’interno di una fiaba invernale. Abbiamo girato in Norvegia a -10 °C e la storia è un thriller tratto dall’omonimo best seller di Jo Nesbo. Quando ha iniziato a fare questo lavoro? A 7 anni ho iniziato a studiare danza moderna e balli latino americano in Moldavia; poi, circa dieci anni fa mi sono trasferita in Italia. Sono arrivata in un paesino in provincia di Padova e qui ho inizialmente avuto un po’ di problemi di integrazione, anche a causa della mia timidezza. È stato grazie al mio gruppo di teatro che mi sono sbloccata ed ho trovato la mia strada. Come è evoluta la sua carriera? Ho poi deciso di andare a Milano a studiare all’Università Scienze Umanistiche e poi nel 2012 sono stata scelta come ospite straniero all’Actor Studio a Hollywood dove ho continuato a studiare anche negli anni successivi e dove appena posso vado a fare qualche corso. Cosa le piace di più della recitazione? Questo lavoro mi ha insegnato tanto. Amo scoprire le storie di persone nuove e trovo tutte le donne che devo interpretare, più coraggiose di me. Imparo dai miei personaggi. È un lavoro continuo e senza pause Un pregio e un difetto dell’Italia? I pregi sono tantissimi: la storia, la cultura, la sua bellezza; sembra un set cinematografico a cielo aperto. È una bellezza che non si può descrivere e ogni angolo racconta qualcosa. Il difetto è che non ci sono molte opportunità per i giovani; sarebbe bello che si sviluppasse più meritocrazia verso i giovani ma, in questo modo, il rischio sarebbe che nessuno lascerebbe più l’Italia. Roma | the Eternal City 69


fashion interview

Sense and sensibility RAGIONE E SENTIMENTO

text Marta Innocenti Ciulli

She designs for free women, seductive and seduced by life. Kristina Ti, Cristina Tardito’s alter ego Disegna abiti per donne libere, seducenti e sedotte dalla vita. Kristina Ti alter ego di Cristina Tardito

It was born in 1987 out of a great passion for fashion. Actually the springboard to success was the Tardito family’s company, Tamigi, which produced swimwear. The children, however, wanted to fly with their own wings. Cristina, in particular, had a facility for drawing, she was imaginative and creative. She started off with a childrenswear line, Kristina Ti, which met with great success at the Pitti Bimbo show in the nineties because of the simple and clean design, at a time when the trend was to dress children like adults. And it was a short step from there to lingerie. Same style: borders trimmed with little ruches, culottes that not even high heels could make naughty-looking, lingerie that could be worn as a dress. And dresses were ready to jump right off her sketchbook. Kristina Ti soon became a clothing brand. The collections, synonymous with minimalist-style and very feminine womenswear, were made from pure and often delicate fabrics and represented a way of being rather than dressing which immediately made it on the runways and in the streets. That happened about fifteen years ago. Now the flagship stores are four across Italy, with the addition of the re70 Roma | the Eternal City

cently-opened shop in Rome, Nasce nel 1987 da una granstrategically located on Via de passione per la moda. A Vittoria, near the city’s main dire il vero il trampolino di shopping streets. A space full lancio è l’azienda della faof light filled with accesso- miglia Tardito, la Tamigi, ries and touches of gold and produttrice di costumi da white that brilliantly alter- bagno. I figli però vogliono volare con le proprie ali, Crinate with lace. You found yourself manag- stina in particolare ha prediing your own company with- sposizione per il disegno, ha in a very short time. What fantasia e tanta creatività. Si was it like to go from cre- avventura con una linea per ative director to entrepre- bambini, Kristina Ti, che al Pitti Bimbo, neur? siamo negli My role as enanni Novanta, trepreneur is furoreggia per relatively new. la semplicità e In the beginThe collections la pulizia delle ning, I was quite scared, are synonymous forme, quanbut I have to il trend è of minimalist do admit that the orientato a style and very vestire i bamjob appeals to feminine bini da adulti. me as much as the creative womenswear Da lì a creare work does. I womenswear una collezione have this doudi lingerie il ble nature inside. I’ve always passo è breve. Stessa sensibeen an extremely meticu- bilità: piccole ruches posilous and accurate creative zionate agli orli, culotte che person. Now these two roles neanche i tacchi rendono peacefully coexist. ammiccanti, una lingeriePlease tell us something involucro che diventa quasi about the creative process. un abito. Appunto, è l’abito Where do you start to create che vuole uscire da quella a collection? matita. E Kristina Ti diventa I start by tidying up my of- un brand di abbigliamento. fice, I throw away whatever Le collezioni, sinonimo di I don’t need any more and I una moda minimal molto catalogue the things I plan to femminile, utilizzano tessuti keep (embroideries, stitching, puri spesso delicati, di sicufabrics…), I close the door, I ro propongono più un modo

di essere che un modo di vestire, conquistando subito le passerelle e i cuori delle donne più di tendenza. Ormai da una quindicina di anni. Quattro le boutique monomarca in Italia a cui si è aggiunto da poco lo store di Roma in via Vittoria strategicamente posizionato nelle vie dello shopping. Uno spazio molto luminoso condiviso con la stanza degli accessori dove si alternano tocchi di color oro, bianco e pizzi spatolati sapientemente mixati. Nel giro di poco tempo si è ritrovata anche a gestire la sua azienda. Cosa ha significato diventare da direttore creativo amministratore unico? Il ruolo di imprenditore è cosa recente. All’inizio mi ha spaventato ma devo dire che mi affascina almeno quanto il lavoro creativo. In me c’era naturalmente questa doppia anima. Sono sempre stata una creativa estremamente precisa e attenta. I ruoli ora convivono serenamente. Ci racconti qualcosa del processo creativo. Da dove inizia per costruire una collezione? Metto in ordine il mio ufficio, butto tutto ciò che non mi serve più, e catalogo le cose che voglio custodire (ricami, punti, tessuti…) chiu-


cover story

Cristina Tardito, born in Turin is the head designer of Kristina Ti, the brand which she founded herself Roma | the Eternal City 71


fashion craft

put some music on and it all begins. What do you think about the fast pace you creative directors work at? I’ve never been worried about speed, it compels you to question yourself all the time, I don’t think it’s a negative thing in itself. What matters is how long your creations last. What is your definition of luxury and exclusivity? My idea of luxury is associated with whatever I wish for but I can hardly get. In particular, leisure time, but also a cult object, a work of art, a piece of jewelry or a dress. What is the value of the pro-

become what you wanted to be? I think back to my early days with a smile, there was nothing I really wanted to do, I didn’t have fashion or any other thing in mind. Then “fashion” came looking for me, or rather, my father invited me back to Turin to join the family company (I was studying in Florence at the time). He offered me the chance to design my own swimwear and lingerie collection bearing my name. Now Kristina Ti is my alter ego. Yes, I am what I wanted to be. Could you please spell a Kristina Ti garment?

do le porte del mio ufficio, metto la musica e si inizia. Come giudica la velocità cui siete sottoposti voi direttori creativi? Non mi ha mai preoccupato la velocità, ti costringe a rimetterti in discussione di continuo, non credo sia una cosa in assoluto negativa. L’importante è che poi siano le creazioni a rimanere. Definizione di lusso e di esclusività. Se penso al lusso penso a tutto quello che desidero ma che difficilmente posso ottenere. Soprattutto penso al tempo libero, ma anche a un oggetto cult, un’opera d’arte, un gioiello o un abi-

no con noi per garantire la massima qualità dei nostri prodotti. Per lei la moda è stata un mezzo per diventare quello che voleva? Ricordo i miei inizi con un sorriso, non volevo fare niente, non pensavo alla moda e a nessuna altra cosa. Poi ‘la moda’ è venuta a cercarmi, o meglio mio padre mi ha invitato a tornare a Torino, nell’azienda di famiglia (studiavo a Firenze). Mi ha proposto di creare una collezione di costumi da bagno e lingerie che portava il mio nome. Ora Kristina Ti è il mio alterego. Sì, è quello che volevo diventare.

Four flagship stores in Italy and the recentlyopened shop in Rome cessing stages that lead to the end-product? Made in Italy, Made in Piedmont? Every time I’m asked about it, I’m proud to say that my collections are 100% made in Piedmont. The creative part is completely designed and developed by myself and my closest assistants. All prototypes are made in-house, whereas the production is carried out by a number of small or medium-sized companies, even tiny workshops, which have been collaborating with us for years and ensure the highest product quality. Has fashion allowed you to 72 Roma | the Eternal City

S silhouette P precious E eclectic C charismatic I innovative A attractive L light E expressive. “Romantic” is a word that is often used to describe your style. Instead, the woman you design for is… I don’t agree with this definition, my collections might even be romantic, but I would rather not label them as so. The women I design for are free, independent, fighting their battles, but also exhausted, complex and frivolous, in heels and barefoot, seductive and seduced by life. What is the distinguishing feature of every collection?

to. Il valore della lavorazione per arrivare al prodotto finito. Made in Italia, made in Piemonte? Con un certo orgoglio dico, ogni volta che mi viene chiesto, che le mie collezioni sono completamente Made in Piemonte. La parte creativa viene completamente disegnata e sviluppata da me e dai miei più stretti collaboratori. I prototipi vengono realizzati interamente in azienda mentre la produzione è affidata a una serie di medie, piccole imprese, talvolta piccolissimi laboratori, che da anni collabora-

Mi faccia lo spelling di un capo Kristina Ti S silhouette P prezioso E eclettico C carismatico I innovativo A attraente L leggero E espressivo. ‘Romantico’ è una etichetta che spesso viene accostata al suo stile. La sua donna invece è… Non amo tanto questa definizione, forse le mie collezioni lo sono senza dichiararlo, le etichette sono sempre noiose. Le mie donne le immagino libere, indipendenti, che portano avanti le proprie battaglie, anche stanche, complesse e frivole, in punta di tacco e


Cristina in her studio

No two collections are the same, but they all respect the Kristina Ti DNA and stay true to themselves. What would you change about today’s fashion system? I would appreciate the country’s representatives doing more for those designers and entrepreneurs like me who do their job in an ethical way and hand down knowhow and culture with great respect for the land and the people they work with. Your greatest achievement. I don’t know if it’s an achievement, but the fact that I’ve never given up. The most important person in your life. My daughter Lola. What makes you happy? Lola, my friends, travelling, the adrenalin I get from sports. How did you develop a pas-

scalze, seducenti e sedotte sion for beauty? I think I got it from my dalla vita. grandmother Lena, an ex- Qual è il tocco che contradtremely elegant woman. And distingue ogni collezione? Non essere omologate, riquality is full of beauty. spettano semTurin and pre il dna KriRome, the two stina Ti, semcities that reppre fedeli a se resent your stesse. present. In Cosa camRome: how, bierebbe nel where and “Rome has fashion sywhy? I love Rome, many hidden stem di oggi? che I have a lot of and intimate Vorrei le istituzioni friends and I spaces aiutassero di always enjoy worth più gli stilisti/ going there. It discovering” imprenditori seems a very “loud” city, but it actually has come me che fanno questo many hidden and intimate mestiere con un’etica, che portano avanti un sapere, spaces worth discovering. A location in Rome that you una cultura, nel rispetto del would choose for a fashion proprio territorio e delle persone con cui lavorano. event. The terrace of a friend’s Il suo maggior successo house, in the Parioli area, I Non so se è un successo. Non avere mollato mai. love intimate places.

La persona più importante. Mia figlia Lola. Cosa le dà gioia? Lola, gli amici, i viaggi e l’adrenalina dello sport. Come nasce la passione per la bellezza? Credo da mia nonna Lena, era una donna estremamente elegante. E poi nella qualità c’è tanta bellezza. Torino e Roma, un connubio che rappresenta il suo presente. A Roma: come, dove e perché? È una città che mi piace molto, dove ho molti amici e ci torno sempre volentieri. È una città che sembra sempre urlare, ma poi trovo che abbia molti spazi nascosti e intimi da scoprireUna location a Roma che sceglierebbe per un evento moda? La terrazza di un amico, zona Parioli, adoro l’intimità. Roma | the Eternal City 73


FREE AS A BIRD

F/W 2017-18. Fragments of mirrors as appliqués. An explosion of embroidery. Lace-like flowers. Dresses as a premier performance and sweet therapy Marta Innocenti Ciulli - Photo Federica Fiori - Make up and hair Paolo Baroncelli

ND S. SA LIQUÉ ARN ALS M

APP

NZA

MARN

I EMB

GA D OR OSSE

PENC

IL

CY F FAN ULL O F S S DRE I


MIU S MIU

SHOE .

EATS ED PL

RESS TIER D I BUS FEND

WITH

LACED

S

ON ITH IR IRT W S, SK E V E E L


ANA

ABB E&G

ANA

ABB E&G DOLC

D SK AN DAMA

W PATCH

L JA ORK X

DOLC IPPERS TS. SL N A P AND CKET


TS D PAN

TE -WAIS

HIGH T.

ITH VER W

ENZO

VINC O DE MARC

PULLO LUREX

EM

OWN ERY D BROID

RON THE F


CLER

N S MO

E D SHO Y AN OSIER

H LING

MO

AT R CO NCLE

WITH

FUR C

AND OLLAR

LACED

MIN

K . SPAR ISKIRT

APP

S. LIQUÉ


NES.

ESTO

SS K DRE IU SIL MIU M

ED

TRIMM

RHIN WITH

O

ITH OAT W VERC

E

LARG

D AR AN COLL

ELT.

HALF-B

MIU. S MIU SHOE

IU MIU BELT M


NETTA

P. FUR

NCES

GUCC

A TR I LIKE

OU ITH FL UIT W S K C A

AND

ANTS ERY. P

OID EMBR

-STRA FOOT WITH

SIMO COAT

ZA

RAVIZ


A

RAD OTS P A. BO

ER.

D L BOR

P

SS K DRE W SIL A R A RAD

FRIN

WOO AND H JET IT W GED

D F PRA SCAR


TIAN

. SA

NCES

ED T. LAC T SKIR

ELVE FULL V WITH TIAN

CHRIS

DIOR

DRESS

OU ITH FL ES W SLEEV

RIS S CH NDAL

DIOR


KERS

D Y AN OIDER

TINO

VALEN

SILK

BR ITH EM SE W BLOU

SNEA SKIRT. LARED F . S E RUFFL

TINO

VALEN


The girl with the earring LA RAGAZZA

CHINO

CON L’OREC

Precious flashes of light that you can wear, romantic stars that light up your face. A pair of earrings is all you need to brighten your winter with magical splendor. Maxi in keeping with the latest trends or mini for those who believe that less is more. Bet you’ll fall in love with them! Preziosi lampi di luce da indossare, romantiche stelle che illumineranno i vostri volti. Basta un paio di orecchini per vestire di splendente magia il vostro inverno. Maxi come dettano le ultime tendenze o mini per le adpete del “less is more”. Scommettiamo che vi innamorerete?

1

2

3

4

5

1. Cartier 2. Diego Cataldi - Roma 3. Chanel Fine Jeweller 4. Bulgari 5. Pomellato 6. Vhernier 84 Roma | the Eternal City


fashion jewels

6 Roma | the Eternal City 85


Via di Monte D’Oro, 30 - Roma - Tel +39 06982634 Fax +39 0698263499 info@jkroma.com - www.jkroma.com


must have trend

2 1

3

Strictly ecofriendly, colorful and flamboyant: she’s the queen of winter. Over dresses and accessories, when you least expect it 6

5

7

8

4 6

Fur, fur, fur

OSSESSIONE PELLICCIA

by Sabrina Bozzoni 1. Marni - via Bocca di Leone, 8 - Roma 2. Fendi - largo Carlo Goldoni, 420 - Roma 3. Gucci - via dei Condotti, 8 - Roma 4. CĂŠline - via dei Condotti, 20a - Roma 5. Kristina Ti - via Vittoria, 16a - Roma 6. Miu Miu - via del Babuino, 91 - Roma 7. Moncler - piazza di Spagna, 77 - Roma 8. Prada - via dei Condotti, 88 - Roma Roma | the Eternal City 87


Ultimate Luxury Lifestyle

Via Labicana, 125, Roma Tel. +39 06 77591380 - Email: info@palazzomanfredi.it www.palazzomanfredi.com


must have shoes

2 1

Good-bye to caramel pink full of tenderness and smiles: today the symbolic color of women reflects their sass. No doubt about it, these are the shoes of winter 6 7

3

5 8

4 6

Pink is Punk

IL LATO PUNK DI OGNI DONNA

by Sabrina Bozzoni 1. Balenciaga - via Borgognona, 7 - Roma 2. Chanel - piazza di Spagna, 85 - Roma 3. Common Project - at Nia Roma - Roma 4. Marni - via Bocca di Leone, 8 - Roma 5. Gucci - via dei Condotti, 8 - Roma 6. Acne Studios - acnestudios.com 7. Fendi - largo Carlo Goldoni, 420 - Roma 8. Valentino - via dei Condotti, 65 - Roma Roma | the Eternal City 89


DORMIRE È IL PIACERE PIÙ IMPORTANTE.

DORMIRE È IL PIACERE PIÙ IMPORTANTE.


must have man

2 1

3

Stylistic miracles for him which speak of back-to-the-80’s science fiction. Visions of street style that are resistant to falling in love 6

5

7

8

4 6

Stangers Things ISPIRAZIONE ‘80

by Sabrina Bozzoni 1. Prada - via dei Condotti, 88/90 - Roma 2. Super by Retrosuperfuture - at Monocle - Roma 3. Nike Air Mag - nike.com 4. Supreme x The North Face - thenorthface.it 5. Louis Vuitton - via dei Condotti, 13 6. Faliero Sarti - via Vittoria, 62 - Roma 6. Hermès - via Bocca di Leone, 23/27 - Roma 8. Gucci - via dei Condotti, 8 - Roma Roma | the Eternal City 91


art exhibition

Autumn exhibitions MOSTRE D’AUTUNNO text Mila Montagni Great events in Rome describe complex, unique and differently fascinating worlds Appuntamenti unici che raccontano universi complessi e affascinanti

Autumn reveals itself as one of the richest and most fascinating seasons for what regards art in all its various facets. If Impressionism and Monet’s sensual water lilies keep attention alive at the Complesso del Vittoriano, the 350 Leica photographs in its Ala Brasini are not to be missed: two unforgettable exhibitions you can immerse yourself in to again capture their various forms of beauty. And then… ZAHA HADID IN ITALY (MAXXI, until 14 January 2018) The “architecture made of art” of this remarkable Anglo-Iraqi woman once again shows how beauty has no borders and how in regions such as Europe this is revealed thanks to the accumulation of profound experiences and reflections. The extensive exhibition curated by Margherita Guccione (Director of MAXXI) and Woody Yao tells the story of the relationship between this prematurely deceased architect - the creator of the almost oneiric structure of this Roman museum - and Italy as a space in which to build and again embed beauty through projects and thoughts that do not accept the boundaries of form and are freed thanks to a plastic use of cement as a tool for research, not only structural. An indispensable tribute that assumes the characteristics of a relationship made of visions and deep coherence with the reality in which they are introduced. BERNINI (Galleria Borghese, from 1 November 2017 to 4 February 2018) He was one of the greatest architects of the Baroque Rome made of marbles and optical illusions, but in the vast exhibition reinterpreting this artist’s work, attention is focused on the sculptor, of whom the Villa retains the most impressive and spectacular nucleus. The occasion is the 20th anniversary of the reopening of the Gallery, and the context is that of an examination of the relationship between two of the major arts (painting and sculpture) that was to create the iconic and dom92 Roma | the Eternal City

L’autunno si svela come una delle stagioni più ricche e affascinanti per quanto riguarda l’arte nelle sue diverse sfaccettature. Se l’Impressionismo e le sensuali ninfee di Monet tengono viva l’attenzione al Complesso del Vittoriano, da non perdere sono i 350 scatti firmati Leica nella sua Ala Brasini: due imperdibili mostre nelle quali immergersi per riappropriarsi delle varie forme della bellezza. E poi… L’ITALIA DI ZAHA HADID (MAXXI, fino al 14 gennaio 2018) L’architettura fatta d’arte di questa mirabile donna anglo-irachena dimostra una volta di più come la bellezza non abbia confini e come in regioni come quelle d’Europa ciò si riveli grazie al sommarsi di esperienze e riflessioni profonde. La ricca rassegna curata da Margherita Guccione (direttrice del MAXXI) e Woody Yao narra proprio la storia della relazione tra l’architetto prematuramente scomparsa - creatrice della quasi onirica struttura del Museo romano - e l’Italia come spazio nel quale poter costruire e ancora radicare bellezza attraverso progetti e pensieri che non accettano i limiti della forma e si librano grazie a un uso plastico del cemento, strumento di ricerca non soltanto strutturale. Un omaggio imprescindibile che assume i caratteri di riconoscimento di una relazione fatta di visioni e profonda coerenza con la realtà nella quale vengono inserite. BERNINI (Galleria Borghese, dal I novembre al 4 febbraio 2018) È stato uno dei grandiosi architetti della Roma barocca, fatta di marmi e illusioni ottiche, ma nella grande mostra che rilegge l’opera dell’artista lo sguardo si focalizza sullo scultore, di cui la Villa conserva il nucleo più imponente e spettacolare. L’occasione sono i vent’anni dalla riapertura della Galleria e il contesto è quello della disamina del rapporto tra due delle arti maggiori (ovvero pittura e scultura) che genererà quel linguaggio iconico e dominante nel suo


Some of the cast of “Quelli della notte�. (Complesso del Vittoriano, Ala Brasini) Roma | the Eternal City 93


art exhibition

The exhibition is sponsored by FENDI Bernini (Galleria Borghese) 94 Roma | the Eternal City


Zaha Hadid in Italy (MAXXI)

inant language of the period known as Baroque. The various tempo che prende il nome di Barocco. Le stesse sezioni delsections of the exhibition are entrusted to scholars who for la mostra sono affidate a studiosi che da anni sono impeyears have been involved in the study of the many aspects of gnati nello studio dei molteplici caratteri di questo genio: this genius: Andrea Bacchi, Maria Giulia Barberini, Anna Co- Andrea Bacchi, Maria Giulia Barberini, Anna Coliva, Anneliva, Anne-Lise Desmas, Luigi Ficacci and Stefano Pierguidi. Lise Desmas, Luigi Ficacci e Stefano Pierguidi. PICASSO. BETWEEN CUBISM AND CLASSICISM 1915- PICASSO. TRA CUBISMO E CLASSICISMO 1915-1925 1925 (Scuderie del Quirinale, until 21 January 2018) One (Scuderie del Quirinale, fino al 21 gennaio 2018) Cento anni fa un uomo di 36 anni, durante un conflitto hundred years ago, a 36-year-old man, during sanguinoso, arriva a Roma preceduto dalla sua a bloody conflict, came to Rome preceded by fama di autore cubista. La sua natura di artista his fame as a Cubist artist. His nature as an alla tutto tondo è confermata in questa mostra round artist is confirmed in this exhibition, curated by Olivier Berggruen in collaboration with curata da Olivier Berggruen in collaborazione Anunciata von Liechtestein, for which small and con Anunciata von Liechtestein, per la quaPhotography, large masterpieces have arrived from collections le sono arrivati piccoli e grandi capolavori da sculpture, collezioni quali quelle dal Musée Picasso e dal such as those of the Musée Picasso and the Pompainting, Centre Pompidou di Parigi alla Tate di Lonpidou Center in Paris to the Tate of London, from MoMa and the Metropolitan Museum of architecture: dra, dal MoMa e dal Metropolitan Museum di New York to Berlin’s Berggruen Museum, from none of the New York al Museum Berggruen di Berlino, Fundació Museu Picasso di Barcellona the Fundació Museu Picasso in Barcelona to the arts has been dalla al Guggenheim di New York. Lo sguardo del Guggenheim of New York. The curator’s eye has left behind curatore ha scelto di posarsi sul metodo del chosen to rest on the pastiche method as an instrument of modernity and experimentation; this is confirmed pastiche quale strumento funzionale al modernismo e alla by the wonderful display at Palazzo Barberini of Parade, the sperimentazione; a conferma la meravigliosa esposizione stage curtain for the ballet conceived by Jean Cocteau, and the a Palazzo Barberini di Parade, sipario per il balletto idearesult of the fruitful collaboration with the ingenious Russian to da Jean Cocteau e frutto della feconda collaborazione ballet impresario Sergei Diaghilev, the bohemian musician con il geniale impresario russo Sergej Djagilev, il musiciErik Satie and the sublime choreographer Léonide Massine. sta bohémienne Erik Satie e il sublime coreografo Léonide HOKUSAI. SULLE ORME DEL MAESTRO (Ara Pacis Mu- Massine. Roma | the Eternal City 95


district itinerary

Hokusai. Sulle orme del Maestro (ARA PACIS Museum)

seum, until 14 January 2018) Five sections of refined elegance HOKUSAI. SULLE ORME DEL MAESTRO (Museo dell’Aand delicate symbolisms relate - through a rotation made nec- RA PACIS, fino al 14 gennaio 2018) Cinque sezioni di rafessary by the fragility of the 200 woodblock prints - the art of finata eleganza e dai delicatissimi simbolismi raccontano the master par excellence of ancient Japan and of his most re- - attraverso una rotazione obbligata dalla fragilità delle 200 spected and worthy followers. His Great Wave, from the series silografie - l’arte del maestro per eccellenza del Giappone of Thirty-six Views of Mount Fuji, profoundly influenced artists antico e dei suoi seguaci più quotati e validi. La sua Gransuch as Manet, Van Gogh, Monet and Tolouse-Lautrec, fasci- de Onda legata alle Trentasei vedute del monte Fuji influenzò profondamente autori come Manet, Van Gogh, nated by the ukiyo-e (“Pictures of the Floating Monet, Tolouse Lautrec, affascinati dall’ukiyoe World”); the works displayed are on loan from (immagini del Mondo Fluttuante) e le opere the Chiba City Museum of Art and from Japaprovengono dal Chiba City Museum of Art e nese collections such as the Uragami Mitsuru da collezioni giapponesi come Uragami Mitsuru Collection and Kawasaki Isago no Sato Museum, Museums as well as the Edoardo Chiossone Museum of and art Collection e Kawasaki Isago no Sato Museum, Oriental Art in Genoa. A unique and unforgetta- galleries are oltre che dal Museo d’Arte Orientale Edoardo Chiossone di Genova. Una raccolta unica e indible collection, that accompanies visitors along a the precious path of the purest models and inspirations. menticabile, che accompagna lungo un percorso background ARCIMBOLDO (National Gallery of Ancient Art fatto di modelli e ispirazioni purissime. at Palazzo Barberini, from 19 October 2017 to 11 to treasures ARCIMBOLDO (Galleria Nazionale d’Arte AntiFebruary 2018) His fame is undoubtedly linked of history and ca di Palazzo Barberini, dal 19 ottobre all’11 febto his “Composite Heads” - which enrich some beauty braio 2018) La sua fama è indubbiamente legata of the most important museums in the world, alle Teste Composte - che arricchiscono alcuni and to his “Reversible Still Lifes” with their troubled and dis- dei musei più importanti del mondo e alle sue Nature morturbing suggestions. His art is realized in the search for the te reversibili dalle suggestioni inquiete e inquietanti. La sua enigmatic, and in the forms of the mystery structured in Re- arte si costruisce nella ricerca dell’enigmatico e nelle forme del naissance magic, always bordering on alchemy, when not ac- mistero che si struttura nella magia rinascimentale sempre sul tually madness. This exhibition promises to make him known limite dell’alchimia, quando non addirittura della follia. Questa and recognized as one of the fathers of a contemporary, and at mostra promette di farlo scoprire e riconoscere tra i padri di un immaginario contemporaneo e perturbante insieme. the same time perturbing, imagery. 96 Roma | the Eternal City


Above: Picasso. Between Cubism and Classicism 1915-1925 (Scuderie del Quirinale) Below: Arcimboldo (National Gallery of Ancient Art at Palazzo Barberini) Roma | the Eternal City 97


food itinerary

Prototypology, An Index of Process and Mutation 14 January - 2 April, 2016 98 Roma | the Eternal City


gallery anniversary

Ten years of Gagosian DIECI ANNI DI GAGOSIAN text Mila Montagni

An exhibition by Davide Balula to talk about the present and the future of art Una mostra di Davide Balula per raccontare il presente e il futuro dell’arte It is with an exhibition devoted to forces and their daily equilibriums, physical but always mysterious, that Gagosian marks its first ten years of activity in Rome. A show bearing the signature of the Franco-Portuguese artist Davide Balula, which places the interdependence between spheres of abstract knowledge such as philosophy, phenomenology and physics at the center of the exhibition. The space - But the new Balula exhibition is not only this, because once again the Gagosian space at Via Crispi 16, designed by Firouz Galdo in collaboration with the Caruso St. John architectural firm of London, has allowed the creation and installation of an experiential path strongly connected with the architecture. And thus the entrance to the Gallery, with the unexpected metal detector, becomes the portal that leads visitors into another world, more profound than the one faced each day. The current exhibition - Iron Levels, the work that Balula has installed in the Roman Gallery, is not presented with a single form and formula of art, but expands and dilates according to different opportunities for expression, offering visitors the experience of the stainless-steel ball, but also the involvement of a video and the vision of the now iconic Burnt Paintings, devoted to the transformation of burnt wood into charcoal. Balula signifies and therefore evokes, once again, the intrusion of contemporary style into that almost sacred place of art and archeology that Rome has represented for thousands of years. And, as has been the case for ten years, this occasion is offered by Gagosian to the city as a kind of tribute to its profound value and its eternal nature. Rome - In fact, for Larry Gagosian, the American gallerist of Armenian origin, who in 1985, in New York, began his adventure in the world of art declined according to the perturbing vocabulary of Abstract Expressionism and the post-ludic vocabulary of Pop Art, without ever forgetting the necessary schisms of the New York School, Rome represents a place that is different in respect to the choices that motivated him elsewhere. Which is precisely what happened in London, Paris, Athens, San Francisco, Geneva and Hong Kong. Gal-

È con una rassegna dedicata alle forze e ai loro equilibri quotidiani, fisici ma sempre misteriosi, che Gagosian sigla i primi dieci anni di attività a Roma. Una mostra, quella che porta la firma dell’artista franco-portoghese Davide Balula, che pone al centro dell’esposizione l’interdipendenza tra sfere del sapere astratto come la filosofia, la fenomenologia e la fisica. Lo spazio - Ma non soltanto questo la nuova mostra di Balula, perché una volta ancora lo spazio Gagosian di via Crispi 16, progettato da Firouz Galdo in collaborazione con lo studio Caruso St. John di Londra, ha consentito la creazione e l’allestimento di un percorso esperienziale fortemente connesso all’architettura. E già l’ingresso nella Galleria, con l’inatteso metal detector, diventa il portale che conduce il visitatore in un mondo altro e più profondo di quello affrontato quotidianamente, nel quale le prove cui ognuno viene sottoposto si rivelano essere occasione di passaggi di conoscenza altra di sé e delle regole del mondo nel quale si è immersi e condizionati. La mostra attuale - Iron Levels, il lavoro che Balula ha nella Galleria romana, non si presenta con una sola forma e formula d’arte, ma si amplia e dilata secondo diverse occasioni d’espressione, offrendo al visitatore l’esperienzialità della sfera d’acciaio ma anche il coinvolgimento di un video e la visione degli ormai iconici Burnt Paintings, dedicati alla trasformazione del legno bruciato in carbone. Balula significa ed evoca quindi, una volta di più, l’irruzione dello stile contemporaneo in quel luogo quasi sacro dell’arte e dell’archeologia che Roma rappresenta da millenni. E, come accade da dieci anni, l’occasione è offerta da Gagosian alla città quale sorta di tributo al suo profondo valore e alla sua natura di eternità. L’Urbe - Roma, infatti, per Larry Gagosian, il gallerista statunitense di origini armene, che nel 1985 comincia a New York la sua avventura nel mondo dell’arte declinato secondo il vocabolario perturbante dell’Espressionismo Astratto e post-ludico della Pop Art, senza mai dimenticare le necessarie fratture della New York School, rappresenta un luogo diverso rispetto alle scelte che l’hanno mosso altrove. Come appunto è accaduto a Londra, Parigi, Atene, San Francisco, Ginevra Roma | the Eternal City 99


gallery anniversary

1

3

2

1. 4. Davide Balula - Iron Levels 21 September - 18 November, 2017 2. Anselm Kiefer, hortus philosophorum 3 April - 23 May 2009 3. Richard Wright 29 September 10 November, 2015 5. Adriana Varejao: Azulejao 1 October - 14 January, 2016 6. Pepi Marchetti Franchi 4

5

leries in which the artists of his personal parterre de roi reveal their works and masterpieces to the world, artists who narrate and define the present day, such as Jeff Koons, Damien Hirst, Giuseppe Penone and Richard Serra. The concept - The Roman Gagosian, on the other hand, is intentionally different from its sisters established in the rest of the world, because according to the wishes of the American gallerist it would have (and has) had as its main focal point the artist, which is the reason why its exhibition spaces are conceived as a place for creation and work, and in the end, for sharing the series of works with the public. Gagosian is, therefore, not just an art gallery in the traditional sense, but it is above all a choice in line with tradition, in a new and broader perspective, as shown by the works of Cy Twombly that were displayed here for the inaugural exhibition as the starting point of a path with the long-lasting function of disseminating contemporary art. Pepi Marchetti Franchi - The choice of the director of the Gallery is a direct and natural emanation of the entrepreneur Gagosian, who always keeps a tight hold on the reins of what appears as his “diffused museum” with the abstract form of the ephemeral, and who has staked everything on a young Italian scholar who manages the entire Roman complex, Pepi Marchetti Franchi. Her titles begin at the Sapienza University of Rome, continuing at New York University and then at the Museum of Fine Arts in Boston, and finally at the American Academy in Rome. In 1997 the Guggenheim Museum was co-opted, where for several years she was a member of the executive in the strategic direction of the Foundation, until 2007 when she began her work as director of the Gagosian in Rome, leading it forward, in accordance with the original project, as a place for art and for the dissemination of contemporary art in a capital city historically devoted to the preservation of an immense heritage of prestige. 100 Roma | the Eternal City

6

e Hong Kong. Gallerie nelle quali gli artisti che fanno parte del suo personale parterre de roi rivelano al mondo le loro opere e i loro capolavori, artisti che raccontano e definiscono l’oggi quali Jeff Koons, Damien Hirst, Giuseppe Penone e Richard Serra. Il concept - La Gagosian romana è invece intenzionalmente diversa dalle sorelle che s’inanellano nel resto del mondo, perché secondo la volontà del gallerista americano avrebbe avuto (e ha) come referente principale l’artista, motivo per cui i suoi spazi espositivi sono pensati quale luogo di creazione e lavoro e infine condivisione con il pubblico della serie di opere. Gagosian non è perciò soltanto una galleria d’arte nel senso tradizionale ma è soprattutto una scelta nel solco della tradizione, in un’ottica più nuova e ampia, come hanno mostrato le opere di Cy Twombly che furono qui esposte per la mostra inaugurale quale viatico di un percorso dalla duratura funzione di diffusione del contemporaneo. Pepi Marchetti Franchi - La stessa scelta della direttrice della Galleria è un’emanazione diretta e naturale dell’imprenditore Gagosian, che sempre tiene salde le redini di quello che appare il suo “museo diffuso” con l’astratta forma dell’effimero, ha puntato tutto su una giovane studiosa italiana che gestisce l’intero complesso romano, Pepi Marchetti Franchi. I suoi titoli s’iniziano alla Sapienza di Roma per dipanarsi alla New York University prima e al Museum of Fine Arts di Boston poi e infine all’American Academy in Roma di matrice newyorkese. Nel 1997 fu cooptata la Guggenheim Museum, dove per diversi anni è stata membro dell’esecutivo nella direzione strategica della Fondazione, fino appunto al 2007 quando ha iniziato il suo impegno di direttrice della Gagosian di Roma, portandolo avanti secondo il progetto iniziale di luogo d’arte e diffusione del contemporaneo in una capitale storicamente votata alla conservazione di un patrimonio comunque immenso e di pregio incommensurabile.


Above: Giuseppe Penone, Spazio di Luce, 2 May - 6 June, 2015 Below: Prototypology, An Index of Process and Mutation 14 January - 2 April, 2016 Roma | the Eternal City 101


movie history

10 films to get excited about 10 FILM PER EMOZIONARSI text Teresa Favi

A selection of the best films to see or see again, presented at the Rome Film Festival from 2006 to today Una selezione dei film più belli da vedere o rivedere, presentati alla Festa del Cinema dal 2006 a oggi

“A celebration and not just a festival” is the philosophy behind the cinema showcase that brings Italian and international film stars to Rome every autumn. The event, which started in 2006, has always had the hallmark of searching out contact with the public while still caring about quality. A competitive vernissage until the eighth edition (2013), the public has decided the winner in each section since 2014, as is the case at the famous Toronto International Film Festival. It’s one way to close the gap between the wider public and a certain type of filmmaking. To follow this leitmotiv, here’s a selection of the best films from past editions for all those looking to get emotional before the big screen. Presented as a preview at the first edition in 2006, Napoleon and Me, directed by Paolo Virzì in his debut tackling a costume film, was somewhat unfairly judged by the critics. Now, a few years later, it’s worth another watch for the refined and cultured way in which Virzì, without relinquishing his grip on comedy, reconstructs the days of Napoleon’s exile on Elba through the eyes of his librarian. A film in which all the actors, including Daniel Auteuil, Elio Germano, Valerio Mastrandrea and Monica Bellucci, were expertly directed. In 2007, the prize for Best Film went to Juno directed by Jason Reitman, starring Ellen Page. The fragile yet ironic movie tells the life of a teenager who tackles an unplanned pregnancy with unusual courage and strength of spirit. For those who haven’t seen it, Le Concert by Romanian-French director Radu Mihăileanu, is a deeply 102 Roma | the Eternal City

Una festa e non un festival, è la filosofia dell’evento cinematografico che ogni autunno porta a Roma le grandi star del cinema italiano e internazionale. La Festa del cinema, nata nel 2006, ha sempre avuto il merito di cercare il contatto con pubblico senza rinunciare alla qualità. Competitiva fino all’ottava edizione (2013), dal 2014 è il pubblico che decreta il vincitore in ognuna sezione come avviene per il celebre Toronto International Film Festival. Un modo per accorciare la distanza che troppo spesso intercorre tra il grande pubblico e un certo modo di fare cinema. E, sul filo rosso di questo leit motiv, ecco una selezione dei migliori titoli delle passate edizioni per chi ha voglia di emozionarsi davanti a un film. Presentato in anteprima alla prima edizione del 2006 N (Io e Napoleone) diretto da Paolo Virzì che per la prima volta affronta un film in costume, forse troppo ingiustamente non è stato un film amato dalla critica. Dunque a distanza di anni, vale la pena rivederlo per il modo garbato e raffinato con cui Virzì, senza mai allontanarsi dalla commedia, ricostruisce i giorni dell’esilio di Napoleone sull’Isola d’Elba attraverso gli occhi del suo bibliotecario. Un film nel quale tutti gli attori, tra cui Daniel Auteuil, Elio Germano, Valerio Mastrandrea e Monica Bellucci, sono stati magistralmente diretti. Nel 2007, il premio al miglior film va a Juno diretto da Jason Reitman, con protagonista Ellen Page. La pellicola, delicata e ironica, racconta la vita di un’adolescente che affronta con coraggio e una forza d’animo insoliti per una ragazzina della sua età una gravidanza inattesa. Per chi non lo ha visto Il concerto del regista rumenofrancese Radu Mihăileanu, è un’esperienza di profondo


Above: ‘American Pastoral’ by Ewan McGregor (2016) Below: ‘Song ‘e Napule’ by Manetti Bross (2013) Venezia | made in Veneto 103


1

2

3

4

5

6

104 Venezia | made in Veneto

1. 4. N (Io e Napoleone) by Paolo Virzì (2006) 2. Una vita tranquilla by Claudio Cupellini (2010) 3. American Pastoral by Ewan McGregor (2016) 5. Juno by Jason Reitman (2007) 6. Le concert by Radu Mihăileanu (2009)


‘Truth’ by James Vanderbilt (2015)

spellbinding production, a rarity in the world of cine- incanto, come capita di rado al cinema. Presentato fuori ma. Presented as a non-competitive entry in 2009, the concorso nel 2009, racconta le disavventure di un gruppo plot follows the misadventures of a group of former di ex musicisti del Bolshoi, epurati ai tempi di Breznev, Bolshoi musicians, ousted during the Brezhnev era, che per uno scherzo del destino si trovano a suonare a who due to a twist in fortune find themselves play- Parigi. Un vortice di strumenti, di volti e di suoni che si ing for Paris. A whirlwind of instruments, faces and trasfigurano nella passione di creare, tutti insieme, quella sounds that transform into a passion for che il protagonista chiama “l’armonia suprecreating altogether what the star calls “suma”. Una vita tranquilla di Claudio Cupellini preme harmony”. A Quiet Life by Claudio Cupellini is a è un torbido noir in cui il passato, sotto le murky noir in which the past, in the imsembianze di un figlio dimenticato e ora image of a son who was forgotten and now provvisamente riapparso, rischia di mettere Rome Film a soqquadro un’esistenza famigliare ordinasuddenly reappears, risks turning upside Festival has ta e prospera. Protagonista uno straordinario down a wealthy and normal family life. It stars Toni Servillo at his most extraordi- always had the Toni Servillo, Marc’Aurelio della Giuria di nary, who in 2010 won Best Actor in Rome hallmark Roma come miglior attore nel 2010. nel 2011, La kryptonite nella for his Marcus Aurelius. of searching Presentato borsa è l’esordio alla regia di Ivan Cotroneo, Presented in 2011, Kryptonite! was Ivan out contact sceneggiatore e scrittore di successo. Un picCotroneo’s directing debut, now a successful screenwriter and author. A jewel with the public colo dono della narrazione cinematografica in Italian storytelling, the plot is psycheitaliana La storia è psichedelica come la Nadelic as 1970s Naples, told with gentleness, poetry and poli degli anni ’70 raccontata con delicatezza, poesia e una just the right amount of sarcasm. giusta dose di sarcasmo. Song’e Napule, written and directed by the Manet- Song ‘e Napule dei Manetti Bros - un film molto applauti Bros, was much applauded in Rome, shown out of dito a Roma, presentato fuori concorso nel 2013 - è una contest in 2013. It’s a stunning movie, rewriting the bellissima pellicola di genere, in grado però di ampliare police genre with intelligence and irony. e riscrivere con intelligenza e ironia il filone del poliziotA year later, in 2014, another prize, the Farfalla d’Oro tesco. Agiscuola, went to Gone Girl, a cross between a thrill- L’anno dopo, nel 2014 un premio collaterale, la Farfalla Venezia | made in Veneto 105


Above: Song ‘e Napule by Manetti Bross Below: ‘La kryptonite nella borsa’ (Kryptonite!) by Ivan Cotroneo 106 Venezia | made in Veneto


‘La kryptonite nella borsa’ (Kryptonite!) by Ivan Cotroneo (2011)

er and psychological noir, directed by Davis Fincher d’Oro Agiscuola, va a L’amore Bugiardo, a metà tra il and starring Ben Affleck and Rosamund Pike. It offers thriller e il noir psicologico, diretto Davis Fincher con an extraordinary look into the dark side of marriage, protagonisti Ben Affleck e Rosamund Pike. Una straordideveloped around a sequence of breathtaking plot naria incursione nel lato oscuro del matrimonio, costruita twists. su una sequenza di colpi di scena mozzafiato. In 2015, Cate Blanchett and Robert Radford flew Cate Blanchett, e Robert Radford nel 2015 atterrano a to Rome to present Truth, a fascinating Roma per presentare Truth, un interessante docudrama that opened the Internationfilm d’inchiesta, che ha aperto la Festa del al Rome Film Festival. Directed by James Cinema. Diretto dall’esordiente James VanVanderbilt, this is a film about the reladerbilt, è un film sul rapporto tra una protionship between a TV producer and an duttrice televisiva e un anchorman in mezzo anchorman amid the Rathergate scandal al fattaccio del caso Rathergate su George Not only a W. Bush, una storia mai confermata e che ha centering George W. Bush, a story that has festival, but portato tutta la CBS News ad un passo dal never been confirmed and which brought CBS News to the brink of collapse. During rather a party, collasso. Durante la stessa edizione viene the same edition Paul Thomas Anderson’s huge event for presentatoanche Junun  di Paul Thomas AnJunun was also presented, a sort of docuuna sorta di docu-film girato in Inall of those derson,  film shot in India with a cast of incredible dia con un cast di musicisti incredibili tra cui who love Nigel Godrich e Jonny Greenwood dei  Ramusicians, including Radiohead’s Nigel Godrich and Jonny Greenwood. Absocinema diohead. Assolutamente da vedere. lutely worth seeing. Infine, nel 2016 è stato scelto come primo dei Lastly, in 2016, chosen as one of the four pre-opening quattro eventi di preapertura dell’undicesima  Festa del events of the 11th International Rome Film Festival, Cinema di Roma l’esordio intimistico di Ewan McGreEwan McGregor’s intimate directing debut, American gor alla regia, American Pastoral una storia tutt’altro che Pastoral, tells a complicated story about the broken semplice che racconta di un sogno infranto, quello ameriAmerican dream and the scars and victims it leaves cano, e delle ferite e delle vittime che questo si è lasciato behind. The private world of a small middle-class alle spalle. Il mondo privato di una piccola famiglia della family in the 1950s is described in all the silent power media borghesia degli anni ’50  è descritto in tutta la siof emotions. lenziosa potenza delle emozioni. Venezia | made in Veneto 107


theatre season

A new season UNA NUOVA STAGIONE text Teresa Favi

The cult events in Rome’s theatres, beginning in autumn Gli appuntamenti cult nei teatri della capitale, a partire dall’autunno

After a summer break, the capital’s theatres reopen with a rich program of performances, concerts and evenings dedicated to dance and Opera. These are the titles and dates not to be missed, theatre by theatre, beginning in autumn. COSTANZI - OPERA DI ROMA Major productions of opera, classical dance and symphonic concerts. The must-see performances: La damnation de Faust by Berlioz, directed by Damiano Michieletto (December 12 - 23); I masnadieri by Verdi (January 21 - February 4); La sonnambula by Bellini (February 18 - March 3); La Traviata, directed by Sofia Coppola and costumes by Valentino (February 24 - March 4); Cavalleria rusticana / Pagliacci, directed by Pippo Delbono (April 5 - 15); Billy Bud by Benjamin Britten, directed by James Conlon (May 8 - 15). For ballet: the world premiere of Don Quixote, with living legend Mikhail Baryshnikov (November 15 - 23); The Nutcracker (December 31 - January 7); Manon with Prima Ballerina Eleonora Abbagnato (May 25 - 31). Symphony: Maxime Pascal (December 22); Dennis Russell Davies (January 11); Lothar Koenigs (May 17). ARGENTINA The program of productions at the Argentina, under the auspices of the Teatro di Roma, is wide and varied: Richard II, directed by Peter Stein (December 12 - 17); The Name of the Rose, adapted by Stefano Massini and directed by Leo Muscato (January 24 - February 4); Crime and Punishment, a reinterpretation by Moscow-born Konstantin Bogomolov (April 3 - 15); Il Sindaco del Rione Sanità, adapted by Mario Martone (April 17 - 29); Democracy in America by Romeo Castellucci (May 11 - 13); Servant of Two Masters, by Giorgio Strehler (May 15 - 20). ELISEO Classic, major literary operas with the prominence of renowned performers: The Penitent, the last opera by Pulitzer Prize win108 Roma | the Eternal City

Dopo la pausa estiva riaprono i teatri della capitale con un ricco programma di spettacoli, concerti e serate dedicate alla danza e alla lirica. Ecco i titoli e gli eventi da non perdere, teatro per teatro, a partire dall’autunno. COSTANZI - OPERA DI ROMA Grandi allestimenti d’opera lirica, danza classica e concerti sinfonici. I titoli d’opera imperdibili: La damnation de Faust di Berlioz, regia di Damiano Michieletto (12 - 23 dicembre); I masnadieri di Verdi (21 gennaio - 4 febbraio); La sonnambula di Bellini (18 febbraio - 3 marzo); La traviata regia di Sofia Coppola e costumi di Valentino (24 febbraio - 4 marzo); Cavalleria rusticana / Pagliacci regia di Pippo Delbono (5 - 15 aprile); Billy Budd di Benjamin Britten diretto da James Conlon (8 - 15 maggio). Per il balletto: Don Chisciotte in prima mondiale, con il mito vivente Mikhail Baryshnikov (15 - 23 novembre). Lo schiaccianoci (31 dicembre - 7 gennaio); Manon con l’étoile Eleonora Abbagnato (25 - 31 maggio). La sinfonica: Maxime Pascal (22 dicembre); Dennis Russell Davies (11 gennaio); Lothar Koenigs (17 maggio). ARGENTINA Ampia e trasversale l’offerta di titoli all’Argentina sotto l’egida del Teatro di Roma: Richard II diretto da Peter Stein (12 - 17 dicembre); Il Nome della rosa di Stefano Massini e regia di Leo Muscato (24 gennaio - 4 febbraio); Delitto e castigo nella rilettura del moscovita Konstantin Bogomolov (3 - 15 aprile); Il Sindaco del Rione Sanità secondo Mario Martone (17 - 29 aprile); Democracy in America di Romeo Castellucci (11 - 13 maggio); Arlecchino servitore di due padroni di Giorgio Strehler (15 - 20 maggio). ELISEO Classici, grandi opere letterarie con la statura di interpreti illustri: Il penitente, l’ultima opera del Premio Pulitzer David Mamet, traduzione e regia di Luca Barbareschi (7 - 26


2

3

4

1. Michail Baryšnikov 2. ‘Democracy in America’ 3. ‘Viva Momix Forever’ 4. ‘Van Gogh’ 5. Maxime Pascal 6. ‘La traviata’

5

6 Roma | the Eternal City 109


‘La traviata’ ner David Mamet, translation and direction by Luca Barbare- novembre); Il malato immaginario di Molière con Gioele schi (November 7 - 26); The Imaginary Invalid by Molière, with Dix diretto da Andrée Ruth Shammah (28 novembre - 17 Gioele Dix, directed by Andrée Ruth Shammah (November dicembre); Vincent Van Gogh thriller psicologico di Stefano 28 - December 17); Vincent Van Gogh, a psychological thriller Massini con Alessandro Preziosi (13 febbraio - 14 marzo). by Stefano Massini, with Alessandro Preziosi (February 13 - QUIRINO March 14). Grandi mattatori consacrati del teatro classico e dalla QUIRINO commedia: Medea regia di Franco Branciaroli (24 ottobre The star performers of classical and comedic theatre: Medea, - 5 novembre); Sorelle Materassi con Lucia Poli e Milena directed by Franco Branciaroli (October 24 Vukotic (21 novembre - 3 dicembre); Malìa November 5); Sorelle Materassi, with Lucia Poli con Massimo Ranieri e un’orchestra dal vivo and Milena Vukotic (November 21 - December con musicisti di calibro come Enrico Rava e 3); Malià, with Massimo Ranieri and a live orRita Marcotulli (18 - 31 dicembre); Il padre chestra with musicians such as Enrico Rava di Strindberg di e con Gabriele Lavia (23 and Rita Marcotulli (December 18 - 31); The gennaio - 4 febbraio); Il piacere dell’onestà di Father, by Strindberg, adapted and performed diretto da Liliana Cavani (3 - 22 Classic, major Pirandello by Gabriele Lavia (January 23 - February 4); Il aprile). literary operas AMBRA JOVINELLI piacere dell’onestà by Pirandello, directed by Liliana Cavani (April 3 - 22). with the Grandi storie e, in scena, grandi attori del ciAMBRA JOVINELLI prominence nema: Il padre di Zeller, regia di Pietro MacGreat stories and, on stage, the best actors in con Alessandro Haber e Lucrezia of renowned carinelli film: The Father by Zeller, directed by Pietro Lante (2 - 19 novembre); A ruota libera con performers Giovanni Veronesi, Alessandro Haber, Rocco Maccarinelli, with Alessandro Haber and Lucrezia Lante (November 2 - 19); A ruota libera, with Giovan- Papaleo e Sergio Rubinisono (27 dicembre - 7 gennaio); ni Veronesi, Alessandro Haber, Rocco Papaleo and Sergio La notte poco prima della foresta di Koltès con PierfranceRubinisono (December 27 - January 7); Night Just Before the sco Favino (11 - 28 gennaio); Come stelle nel buio black coForest by Koltès, with Pierfrancesco Favino (January 11 - 28); medy con Isabella Ferrari e Iaia Forte dirette da Valerio Come stelle nel buio, a black comedy with Isabella Ferrari and Binasco (1 - 11 febbraio); Favola del principe che non sapeva Iaia Forte, directed by Valerio Binasco (February 1 - 11); Favo- amare ispirato a Lo Cunto de li cunti di Gianbattista Bala del principe che non sapeva amare, inspired by Gianbattista sile con Stefano Accorsi diretto da Marco Baliani; Delitto Basile’s Lo Cunto de li cunti, with Stefano Accorsi and directed e Castigo diretto da Sergio Rubini, con Luigi Lo Cascio 110 Roma | the Eternal City


‘Richard II’ by Marco Baliani; Crime and Punishment, directed by Sergio (5 - 15 aprile). PARIOLI Rubini, with Luigi Lo Cascio (April 5 - 15). Una stagione di rinnovamento e cambiamento: L’Avaro PARIOLI di Molière, regia di Ugo Chiti con Alessandro BenvenuA season of innovation and change: The Miser by Molière, ti e gli attori di Arca Azzurra Teatro (7 - 19 novembre). directed by Ugo Chiti, with Alessandro Benvenuti and acNotte di follia con Anna Galiena e Corrado Tedeschi  (23 tors from Arca Azzurra Teatro (November 7 - 19); Notte di follia, with Anna Galiena and Corrado Tedeschi (January 23 gennaio - 4 febbraio); La duchessa di Chicago, operetta con - February 4); The Duchess of Chicago, an operetta with a flair il gusto del musical americano e musiche firmate da Gershwin (13 - 18 febbraio). of the American musical style and music by SISTINA Gershwin (February 13 - 18). La Broadway romana, affronta la stagione a SISTINA suon di musical: Grease (13 - 19 novembre); The Broadway of Rome takes on the season The Bodyguard - Guardia del Corpo (17 nowith musicals: Grease (November 13 - 19); The vembre - 3 dicembre); Mamma Mia! (6 diBodyguard (November 17 - December 3); Mamcembre - 7 gennaio); Billy Helliot (6 - 22 aprima Mia! (December 6 - January 7); Billy Elliot le). (April 6 - 22). BRANCACCIO BRANCACCIO Musicals and great leads: Madagascar (DecemGreat stories Ancora musical e grandi protagonisti: Maber 12 - 17); La Regina di Ghiaccio, with Lorella and, on stage, dagascar (12 - 17 dicembre); La Regina di con Lorella Cuccarini (20 dicembre Cuccarini (December 20 - January 7); Monty Pya lot of best Ghiaccio - 7 gennaio); Monty Pyhton’s Spamalot con hton’s Spalmalot, with Elio (February 6 - 18); Elactors in film Elio (6 - 18 febbraio); Elivis Il Musical (6 - 11 vis. The Musical (March 6 - 11); Robin Hood (April marzo); Robin Hood (26 aprile - 13 maggio) 26 - May 13). OLIMPICO OLIMPICO Musical theatre, dance performances and comedy: Viva Mo- Teatro musicale, danza-spettacolo e commedia brillante: mix Forever (October 17 - November 5); Don Giovanni in- Viva Momix Forever (17 ottobre - 5 novembre); Don Giovanterpreted by the Orchestra di Piazza Vittorio (November 9 ni secondo l’Orchestra di Piazza Vittorio (9 - 26 novem- 26); Supermagic. Miraggi, the most magical event of the year bre); Supermagic. Miraggi, l’evento più magico dell’anno (January 25 - February 4); W Le donne, with Riccardo Rossi (25 gennaio - 4 febbraio); W Le donne con Riccardo Rossi (6 - 18 febbraio). (Febraury 6 - 18). Roma | the Eternal City 111


Prati mood

TRA CASTEL SANT’ANGELO E PIAZZA CAVOUR text Veronica Sgaravatti photo Valentina Stefanelli


Church of the Sacro Cuore del Suffragio, on Lungotevere Prati 114 Roma | the Eternal City


city itineraries

Prati is without a doubt one of Rome’s most popular quarters when it comes to restaurants and opportunities to socialize. Besides the famous shopping street, Via Cola di Rienzo, dotted with all sorts of shops, from Piazza della Libertà all the way to Piazza Risorgimento, there are also a host of restaurants and takeaways, as well as places where you can listen to live music. Many of its piazzas and streets are named after historical figures of the Risorgimento: Cavour, Garibaldi, Mazzini. Prati is the 22nd district of Rome. It was developed in 1921 as the quarter in which the administrative buildings of the Kingdom of Italy would be built. Today it is a lovely residential district only a short walk away from the city center and where teenagers meet and sped their leisure time, attracted by the Adriano cinema theater and a multitude of shops. The layout of its wide streets was designed so that none would have afforded views over the dome of St. Peter’s Basilica, bearing witness to the tense relationship between the new Italian state and the Vatican prior to the Lateran Treaty. The development of this quarter, located on the right side of the Tiber River, began in 1883. The first building to be constructed was the Palazzo di Giustizia, commonly called the Palazzaccio. Not so long ago there was only farmland, meadows and marshes here, extending all the way to Monte Mario. The name of the district actually derives from the characteristics of the land in more remote times, as Prati means lawns or meadows. Finished in the early 20th century, the Palazzo di Giustizia nowadays houses the Corte Suprema di Cassazione. Its style draws from Renaissance and Baroque architecture and it is completely clad with Travertine limestone. The facade facing the river is surmounted by a large bronze quadriga (a chariot drawn by four horses), one of the symbols of Prati. Located behind this palace is the elegant Piazza Cavour, named after Camillo Benso of Cavour, whose central garden houses the bronze statue of Count Il quartiere Prati è senza dubbio uno dei centri nevralgici della città, sia per quanto riguarda l’intrattenimento che per la vita culinaria e sociale. Oltre a zona di shopping nella rinomata via Cola di Rienzo, con una moltitudine di negozi di tutti i generi tra piazza della Libertà fino a piazza Risorgimento, ci sono anche tantissimi ristoranti e luoghi dove poter prendere ottimi take away o ascoltare musica live. Le sue piazze e le strade hanno spesso il nome di personaggi storici del Risorgimento: Cavour, Garibaldi, Mazzini. Rione Prati è il ventiduesimo della Capitale. È stato costituito nel 1921 come il quartiere che potesse accogliere le strutture amministrative del Regno d’Italia. Oggi è un bellissimo quartiere residenziale a due passi dal centro, luogo d’incontro per i teen ager romani anche grazie al cinema Adriano e alla moltitudine di esercizi commerciali. L’impianto urbanistico delle strade del rione è caratterizzato da vie ampie e regolari studiato in modo tale che nessuna delle nuove vie avesse come sfondo la cupola della basilica di San Pietro, a testimonianza dei rapporti tesi tra il nuovo stato italiano e la Santa Sede, prima della firma dei Patti Lateranensi. Il quartiere, che si trova sul lato destro del fiume Tevere nel 1883 cominciò ad essere sede di edificazioni con la costruzione del Palazzo di Giustizia, chiamato più comunemente Palazzaccio, e fino a non moltissimo tempo fa il rione non era altro che una distesa di campi, prati e paludi, che si estendevano fino a Monte Mario, è da qui deriva il nome del quartiere Prati. Il Palazzo di Giustizia, dei primi del 900, è oggi la sede della Corte Suprema di Cassazione. È caratterizzato da uno stile neorinascimentale e barocco ed è completamente rivestito in travertino. La facciata principale è sormontata da una grande quadriga in bronzo, uno dei simboli del quartiere. Alle sue spalle c’è piazza Cavour, elegante piazza, che come dice il suo nome, è dedicata a Camillo Benso. Nel giardino centrale sorge

Roma | the Eternal City 115


Castel Sant’Angelo


district itineraries

Cavour, dating from 1895. The piazza is well-known for the Adriano cinema theater, the most famous and largest in the center of Rome. The most popular places to eat here include Panino Giusto for gourmet sandwiches and Camillo B., a coffee bar, restaurant and pizzeria with a comfy parlor where you can sip a smoothie or cocktail and enjoy a savory snack after seeing a film. Standing next to the Palazzaccio, on Lungotevere Prati, is one of the few Gothic churches in Rome: the Church of the Sacro Cuore del Suffragio, locally known as ‘il piccolo Duomo di Milano’. It is the only church in city in Gothic Revival style. Dating from the early 20th century, it has a very bright-white concrete facade and is adorned with niches that hold 19 statues of saints, from which 6 spires shoot up towards the sky. The lavishly decorated rose window recalls the cathedrals of northern Europe. An interesting fact regards its interior, which houses the Museo delle Anime del Purgatorio (the museum of the souls of the purgatory). Following the appearance of the soul of a deceased, during a fire that broke out in one of the small chapels, the founder of the church decided to gather all the accounts of similar events, which are today preserved in the Museum. Prati is home to many great restaurants where you can stop for lunch or dinner after a stroll. La Zanzara in Via Crescenzio is an Italian-style bistro with an industrial decor. The ambiance is lively here from breakfast to dinner time and it is the perfect place for a quick lunch or aperitif. Located on Via Settembrini, Settembrini is a well-known coffee bar and restaurant. Snacks, light lunches and aperitifs are served at the former, while more elaborate dishes can be enjoyed at the latter. Madeleine in Via Monte Santo is another bistro, but French-inspired, charming like the Parisien brasseries and open from 8 to 2 a.m.. Il Toscano in Via dei Gracchi is the typical old-style restaurant. Its delectable Tuscan dishes include those made with prime cuts of meat, such as the la statua in bronzo del conte di Cavour, risalente al 1895. La piazza è famosa anche per il cinema Adriano, il più conosciuto e più grande nel centro della capitale. Tra i tanti ritrovi i più gettonati sono: Panino Giusto, per un ricco sandwich con ottime farciture e Camillo B. un bar, ristorante e pizzeria con un comodissimo salotto dove si possono gustare frullati, spuntini salati e drink dalla mattina fino a dopo cinema. Accanto al Palazzaccio, sul Lungotevere Prati, c’è una delle poche chiese gotiche di Roma. La Chiesa del Sacro Cuore del Suffragio, conosciuta a Roma come ‘il piccolo Duomo di Milano’. Per il suo stile neogotico, è un esempio praticamente unico nella capitale. La chiesa, che risale ai primi del 900, presenta una facciata in cemento armato che appare bianchissima ed è decorata con nicchie che racchiudono 19 statue di santi, da cui partono 6 guglie che si stagliano altissime nel cielo. Al centro spicca un rosone riccamente decorato che ci fa sentire al cospetto di una cattedrale del Nord Europa. Una curiosità della chiesa riguarda il suo interno. Nella sacrestia c’è infatti il Museo delle Anime del Purgatorio. In seguito all’apparizione, durante un incendio in una delle cappelline, dell’anima di un defunto, il fondatore della chiesa decise di raccogliere tutte le testimonianze sulle manifestazioni provenienti dall’aldilà, che sono oggi conservate nella sacrestia. Nel Rione Prati ci sono tantissimi ristoranti e dopo una passeggiata, sia all’ora di pranzo che all’ora di cena, tantissimi sono i locali in cui vale la pena fermarsi. La Zanzara in via Crescenzio è un bistrot all’italiana di stile industriale, dal clima vivace da colazione a cena, con pranzo veloce e aperitivo. Settembrini nell’omonima via è un rinomato bar, nella porta accanto c’è un ottimo ristorante: spuntini veloci, pranzi leggeri e aperitivi sono serviti nel bar mentre nel ristornate si possono scegliere piatti più creativi. Madeleine in via Monte Santo è un bistrot d’ispirazione francese affascinante come le brasserie parigine, aperto dalle 8 alle 2 a.m. Il Toscano in via dei 118 Roma | the Eternal City


city itinerary

1

2

3

4

1. Palazzo di Giustizia 2. Tempio Valdese 3. 4. Church of the Sacro Cuore del Suffragio: a details of the façade and the interior 5. Ponte Sant’Angelo

5 Roma | the Eternal City 119


Above: Via Cola di Rienzo Below: Piazza Risorgimento 120 Roma | the Eternal City


Prati is one of Rome’s most popular quarters when it comes to restaurants and opportunities to socialize. Besides the famous shopping street, Via Cola di Rienzo, dotted with all sorts of shops, there are also a host of restaurants and takeaways, as well as places where you can listen to live music Roma | the Eternal City 121


The park of Castel Sant’Angelo 122 Roma Roma| |the theEternal EternalCity City


city itineraries

Florentine steak. You could continue exploring this quarter by extending your walk to the towering, drum-shaped Castel Sant’Angelo. The cylindrical mausoleum was built for and probably designed by Roman Emperor Hadrian as his personal sepulcher and to house the tombs of his successors. Begun by the architect Demetrian around AD 123, it was initially an imperial mausoleum and later a fortified castle, meant to defend nobles and popes during sieges. Its name was given by Pope Gregory the Great. After praying for the epidemic of the plague to end in 590, an angel resheathing his sword appeared to him. The epidemic ended that same night. From that moment on, Hadrian’s mausoleum was called by its new name and an angel was installed on its highest level, becoming one of the symbols of the Eternal City. In 1277 a narrow tunnel was created to connect the castle to the Vatican palaces, the socalled Passetto, used by the popes in case of danger to escape from the Vatican and find protection in the fortress. There are three itineraries to visit the Castle. The first takes you through the lower floor, where the remains of Hadrian’s Mausoleum can be seen. The second leads you through the various levels of the fortified castle to see the alterations carried out during the Renaissance period. The third is devoted to the Pope’s apartments on the upper floor. Also worthy of a visit is the Terrazza dell’Angelo, which affords lovely views over the Tiber and where you can admire the bronze statue of St. Michael and see the bell which once tolled to announce a death penalty. Spanning the Tiber from the city center to the Castle, Ponte Sant’Angelo is a marvelous site too. It was first built in AD 134 by Hadrian and modified in 1669 by Bernini, who restyled the balustrades. The bridge is famous for the statues of the angles which adorn it. They hold the instruments of the passion of Christ and were sculpted by Bernini’s pupils under his supervision. Two of the angels are works of Bernini himself. Gracchi, è il tipico ristorante vecchia maniera che serve il meglio della cucina toscana con meravigliosi tagli di carne per gustare la vera bistecca alla fiorentina. La gita nel quartiere può continuare con l’imponente costruzione a forma di tamburo del maestoso Castel Sant’Angelo. Il Mausoleo circolare, voluto e probabilmente ideato da Adriano come sepolcro personale e dei suoi successori, fu realizzato inizialmente dall’architetto Demetriano intorno al 123 ed è stato negli anni, oltre che mausoleo imperiale, anche castello fortificato. Avrebbe dovuto difendere nobili e papi dagli attacchi dei nemici. Il nome fu dato da papa Gregorio Magno che aveva supplicato la fine della peste e a cui, nel 590, apparve un angelo che rinfoderava la spada, la sera stessa l’epidemia cessò. Da quel momento, il mausoleo di Adriano cambiò nome, e sulla sua sommità venne innalzato l’angelo che è uno dei simboli della Città Eterna. Nel 1277 il castello fu collegato ai palazzi Vaticani attraverso uno stretto cunicolo, il cosiddetto Passetto, che serviva ai papi, in caso di pericolo, per scappare dal Vaticano e rifugiarsi nella fortezza. Durante la visita è possibile vedere le tre vite del Castello: le vestigia del Mausoleo di Adriano al piano inferiore, il Castello fortificato che sale a spirale consentendo di vedere le modifiche apportate nel periodo Rinascimentale e gli appartamenti papali al piano superiore. Inoltre merita una visita la Terrazza dell’Angelo dalla quale si può ammirare una bella vista del Tevere, la statua bronzea di San Michele e accanto la campana dei condannati che suonava per annunciare le esecuzioni capitali. Meraviglioso è anche Ponte Sant’Angelo che oltrepassa il Tevere e collega la riva sinistra con il castello. Fu dapprima costruito nel 134 dall’imperatore Adriano e poi modificato dal Bernini nel 1669 che ne ridisegnò il parapetto. Il ponte è famoso per le sue dieci statue raffiguranti gli angeli con gli strumenti della passione di Cristo scolpiti dagli allievi di Bernini sotto la sua direzione, due angeli sono dal Bernini stesso.

Roma | the Eternal City 123


art exhibition

Breathtaking view of St. Peter’s dome from the gardens of Villa Magistrale of the Knights of Malta on the Aventine 124 Roma | the Eternal City


green itinerary

Secret gardens GIARDINI SEGRETI

text Gabrielle Bolzoni In Rome, when the season changes the colors of the foliage, oases of nature for enjoying the fall A Roma nella stagione del Foliage, oasi di natura dove godere l’autunno

When you think of Rome, you imagine the traffic, the chaos, the crowds of tourists, and ignore the fact that it hides secret gardens, little known magic places that conceal wonderful stories. These are oases of peace and reinvigoration, fairy-tale places where time seems to have stopped.  In ancient times, Rome had a wealth of private gardens and every historic building had its own. Over the centuries many of these green corners have been built over or abandoned. We have found you a selection of gardens that conceal rose bushes, tree-lined avenues, pergolas and fabulous mazes, and that represent the other face of the Eternal City, the most secretive, romantic and poetic one. The Institute of Japanese Culture, which was stablished in 1962 to promote Japanese culture in Italy, was founded at the behest of Yoshida Shigeru, Japan’s ambassador to Italy in the 1930s. It houses a magnificent garden that is located adjacent to the institute building, and is an example of modern Japanese architecture in wood. The 2900 square meter garden, meticulously cared for, has a pond, waterfalls, rocks, small islands, a bridge and a stone lamp. It was the first of its kind to be made in Italy, and was designed by the famous architect Nakajima Ken, who also created the Japanese area of the ​​ Botanical Garden in Rome. From the veranda overlooking the pond visitors can enjoy a splendid view of the garden, where cherry trees, wisteria, iris and dwarf pines all grow. Guided tours can be arranged for visitors to take in the colors and scents of the Rising Sun. Via A. Gramsci 74, www.jfroma.it In the heart of the historic center is the splendid Palazzo Firenze, built in the first half of the 1500’s, and elected to be a Roman residence by the Medici family and sumptuously decorated by Jacopo Zucchi and Prospero Fontana. Between the end of 1500 and the beginning of 1600, it was one of the

Quando si pensa a Roma  ci si immagina il traffico, il caos, le folle di turisti e si ignora che essa custodisce alcuni giardini segreti, luoghi magici poco conosciuti con storie meravigliose da svelarci. Si tratta di oasi di pace e ristoro, luoghi fiabeschi in cui il tempo sembra essersi fermato.  Nell’antichità Roma era ricchissima di giardini privati ed ogni palazzo aveva il proprio.  Nei secoli molti di questi angoli di verde sono stati edificati oppure abbandonati. Noi abbiamo trovato alcuni giardini che custodiscono roseti, viali alberati, pergolati e labirinti mozzafiato,  e  che  rappresentano l’altra faccia della Città Eterna, quella più segreta, romantica e poetica. L’Istituto di Cultura Giapponese, realizzato nel 1962 per la promozione della cultura nipponica in Italia, fu istituito per volontà di Yoshida Shigeru, ambasciatore del Giappone in Italia negli anni Trenta. Ospita un magnifico giardino adiacente al palazzo dell’istituto, un esempio di architettura giapponese moderna in legno. Il giardino di 2900 mq, curato meticolosamente, è comprensivo di laghetto, cascate, rocce, piccole isole, un ponticello ed una lampada di pietra. È stato il primo di questo genere realizzato in Italia, disegnato dal famoso architetto Nakajima Ken, che ha anche curato l’area giapponese dell’Orto Botanico di Roma. Dalla veranda che si affaccia sul laghetto si gode di una splendida vista del giardino, che ospita tra gli altri ciliegi, glicini, iris e pini nani. Vi si possono effettuare delle visite guidate, che riportano i visitatori ai colori ed ai profumi del Sol Levante.Via A. Gramsci 74, www.jfroma.it Nel cuore del centro storico troviamo lo splendido Palazzo Firenze, costruito nella prima metà del 1500, eletto a dimora romana della famiglia Medici e decorato con grande fasto da Jacopo Zucchi e Prospero Fontana. Tra la fine del 1500 e l’iniRoma | the Eternal City 125


Palazzo Colonna’s garden, a secreted away in the heart of the city


The romantic garden of Palazzo Firenze


art exhibition

Palazzo Firenze’s garden 128 Roma | the Eternal City


Japanese garden at the Cultural Institute of Japan

centers of the city’s social life, and Cardinal Ferdinando I zio del 1600 esso rappresentò uno dei poli della vita mondana de’ Medici organized parties and banquets there. Today it is cittadina ed il cardinale Ferdinando I de’ Medici vi organizzò home to the Dante Alighieri Italian school and a sixteenth- feste e banchetti. Oggi ospita la sede della scuola di italiacentury garden, restored to its original splendor in 2016 by no Dante Alighieri e custodisce un giardino cinquecentesco, Filippo and Daniela Cosmelli of the company IF, a company riportato al suo splendore originario nel 2016 da Filippo e that promotes the restoration and enhancement of some of Daniela Cosmelli della Società IF, che promuove il recupero e the lesser known artistic heritage in Rome. Their funding, la valorizzazione del patrimonio artistico meno conosciuto di aimed at reinstating the poetics of the garden as Roma. I loro finanziamenti, mirati a reinserire a founding culture in Rome’s history, has made la poetica del verde come cultura fondante delit possible to fully restore the garden, today la storia di Roma, hanno consentito il recupero offering a reinvigorating corner for students integrale del giardino, che offre oggi un anand passersby. Piazza di Firenze, info@iflm.it Rome’s golo di ristoro agli studenti della scuola ed ai On the Quirinal hill, we find the magnificent di passaggio. Piazza di Firenze, info@ gardens are visitatori Colonna Garden, the first glimpse of which iflm.it fragrant oasis Sul colle del Quirinale troviamo il magnifico can be seen by leaving the Gallery Bridge with ancient Giardino Colonna, che si presenta al visitatore that connects the palace to the garden. Three statues celebrate Marcantonio Colonna, winner statuary, uscendo dal ponte della Galleria che collega il at the Battle of Lepanto (1571), and Fabrizio fountains, palazzo al giardino. Tre statue celebrano Marand Prospero Colonna. Magnolia trees, small Colonna, vincitore alla Battaglia di and all shades cantonio boxwood hedges, large Italian-style hedges, Lepanto (1571), e Fabrizio e Prospero Colonof green na. Alberi di magnolie, piccole siepi di bosso, laurel plants, pitosphors, Holm oaks, bushes and cacti border the paths. grandi siepi all’italiana, con piante di lauro, pitosfori, lecci, Cardinal Ascanio Colonna (1560-1608) sponsored the creation bossi e piante grasse che delimitano il percorso. of the terraces on the hill and the nymphaeum with water  Il Cardinale Ascanio Colonna (1560-1608) promosse la sidisplay by the architect Girolamo Rainaldi. On the upper level stemazione dei terrazzamenti della collina e la creazione del visitors can admire three Roman sarcophagi (3rd century ninfeo con la mostra d’acqua su progetto dell’Architetto GiBC) and from the terrace, there is a wonderful view onto the rolamo Rainaldi. Al piano superiore si possono ammirare tre center of Rome. Over the centuries, the Colonna garden was sarcofagi romani (III sec. d.C.) e dalla terrazza si gode una Roma | the Eternal City 129


district itinerary

Palazzo Colonna’s garden

visited by illustrious figures like Petrarch, Michelangelo, and splendida veduta sul centro di Roma. Nel corso dei secoli il Bernini. www.galleriacolonna.it giardino Colonna fu frequentato da personaggi illustri come On the Aventine hill, the Order of Malta, since the 1400s, Petrarca, Michelangelo, Bernini. www.galleriacolonna.it has owned this wonderful Villa Magistrale which is Sul colle Aventino l’Ordine di Malta possiede dal 1400 questa annexed to the palace of the same name, on the summit of meravigliosa Villa Magistrale annessa all’omonimo Palazzo, a the Tiber Emporium. It hosts the seat of the Grand Priory picco sull’Emporio del Tevere. Essa ospita la sede del Gran of Rome and the Embassy of the Sovereign Order at the Priorato di Roma e dell’Ambasciata del Sovrano Ordine presso la Repubblica italiana, dove ci celebrano alItalian Republic, where important elections are cune importanti elezioni oltre alla festa annuale celebrated, in addition to the annual festival di San Giovanni Battista, patrono dell’Ordine of St. John the Baptist, patron of the Order, che si festeggia il 24 giugno. La Villa Magicelebrated on June 24th. Villa Magistrale’s Oases strale ospita al centro la chiesa di Santa Macenter houses the church of Santa Maria in of peace ria in Aventino, restaurata insieme al giardino Aventino, restored along with the garden by and dall’artista Giovanni Battista Piranesi. Da tutto the artist Giovanni Battista Piranesi. Visitors from all over the world are curious to peek reinvigoration, il mondo accorrono visitatori curiosi di sbirciathrough its famous “bolt hole”, the bolt at the fairy-tale re dal suo famoso Buco della Serratura, il chiavistello del portone d’ingresso, da cui è possibientrance, from which there is a perfect view places where le osservare in perfetta prospettiva il Cupolone of St. Peter’s Cupola framed by the avenue of time seems di San Pietro incorniciato dal “viale dei lauri” laurels. Halfway down, in Piazza del Cedro, is to have o allori. A metà percorso, nella piazza del Cea late 18th-century Coffee House. In the past it was a popular meeting place for painters, stopped dro, una Coffee House tardo settecentesca, nel writers and philosophers. The path that connects the passato punto di ritrovo di pittori, scrittori e filosofi. Lungo il church to the Villa is overlooked by the busts of Agrippa, vialetto che collega la chiesa alla Villa si affacciano i busti di Socrates and Diogenes, as well as a fine example of cedar of Agrippa, Socrate e Diogene oltre ad un bell’esemplare di ceLebanon, imported from the East by Louis I of Bavaria. It dro del Libano, importato dall’Oriente da Luigi I di Baviera. È is possible to visit the Villa Magistrale on Fridays and one possibile visitare la Villa Magistrale il venerdì ed un sabato del Saturday a month with groups of at least ten people. Piazza mese con gruppi di minimo dieci persone. Piazza dei Cavalieri dei Cavalieri di Malta 4, visitorscentre@orderofmalta.int di Malta 4, visitorscentre@orderofmalta.int 130 Roma | the Eternal City


Villa Magistrale’s garden (above and left below), Palazzo Firenze’s garden Roma | the Eternal City 131


Above: the study with bookcase that greets guests of the Nijinsky Suite Below: one of the bedrooms of the suite


hospitality events

A new look with timeless charm

NUOVO LOOK CON UNO CHARME SENZA TEMPO text Virginia Mammoli A tour inside the Hotel de Russie’s Nijinsky Suite Un tour all’interno della Suite Nijinsky dell’Hotel de Russie

Here it is more splendid than ever. As previously announced, the restyling that has involved one of the most prestigious hotels in Rome, the Hotel de Russie, has also interested its presidential suite, which is now presented to its guests with a new look and an exclusive service aimed at offering a unique experience in the heart of the capital city, in what at the time of ancient Rome was considered the navel of the world, the immobile point from which all distances were calculated. This is the Nijinsky Suite, located on the top floor of the hotel, even more seductive and contemporary than ever. For the most prestigious and spacious suite of the Hotel de Russie, Olga Polizzi, Director of Design of Rocco Forte Hotels, the designer of the entire renovation project, has been inspired by the constant search for beauty, elegance and harmony that marked the whole life of Russian ballet dancer Vaslav Fomich Nijinsky. The furniture, a mix of contemporary and traditional elements, and the light green, yellow and brown tones of the details recall the colors of the breathtaking views provided by the spectacular terrace overlooking the hotel’s own Secret Garden, the neighboring Villa Borghese gardens, the Pincio, the bells of the Church of the Trinità dei Monti and the entire Eternal City. An elegant Roman residence covering 172 square meters, with rooms that can be connected according to the needs of guests, who are greeted by a bright, spacious entrance with a study and library. Adjacent to the dining room, an elegant living room, a tribute to Italian savoir faire, furnished with Meridiani sofas, B&B Italia chairs and Carlo Moretti vases. The bathroom is a true work of art with precious marbles, mosaics and a Turkish bath, a special space reminiscent of the atmospheres of ancient Roman thermal baths. Inside the suite, there is a bar area with a counter where you can prepare your own favorite cocktails, as well as a small kitchen for hosting private luncheons and din-

Eccola qua più splendente che mai. Come annunciato il restyling che ha coinvolto uno dei più prestigiosi alberghi di Roma, l’Hotel de Russie, ha interessato anche la suite presidenziale, che si presenta ai suoi ospiti con un nuovo look e un servizio esclusivo volto a offrire un’esperienza unica nel cuore della capitale, in quello che, ai tempi dell’antica Roma, era considerato l’ombelico del mondo, il punto immobile dal quale si calcolavano tutte le distanze. È la Suite Nijinsky, all’ultimo piano dell’hotel, ancora più seducente e contemporanea. Per la suite più prestigiosa e spaziosa dell’Hotel de Russie Olga Polizzi, director of Design della Rocco Forte Hotels, firma dell’intero intervento di rinnovamento, si è fatta ispirare dalla continua ricerca della bellezza, dell’eleganza e dell’armonia che ha segnato l’intera vita del ballerino russo Vaclav Fomič Nijinsky. I mobili, mix di elementi contemporanei e tradizionali, e i toni luminosi verdi, gialli e marroni dei dettagli richiamano i colori dei panorami mozzafiato regalati dalla spettacolare terrazza che si affaccia sul giardino segreto dell’hotel, sui vicini giardini di Villa Borghese, il Pincio, i campanili di Chiesa della Trinità dei Monti e tutta la città eterna. Un’elegante residenza romana di 172 metri quadrati, con camere che possono essere collegate secondo le esigenze degli ospiti, accolti da un luminoso e ampio ingresso con studio e libreria. Adiacente alla sala da pranzo, un raffinato soggiorno omaggio al saper fare tutto italiano, arredato con divani Meridiani, sedie B&B Italia e vasi di Carlo Moretti. Il bagno è una vera e propria opera d’arte, con preziosi marmi, mosaici e bagno turco. Uno spazio speciale che ricorda le atmosfere delle antiche terme romane. All’interno della suite, una zona bar con tanto di bancone dove preparare i propri cocktail preferiti e una piccola cucina per imbandire pranzi e cene privati insieme Roma | the Eternal City 133


The marble and mosaics of the bathroom are reminiscent of ancient Roman baths

ners together with the impeccable service offered by the hotel. a un impeccabile servizio offerto dall’hotel. La sorpresa più The biggest surprise is found, however, when you step throu- grande si ha però quando si varca una delle finestre che dà gh one of the windows opening onto the terrace. An elegant, sulla terrazza. Un elegante salotto en plein air di quasi 250 nearly 250-square-meter open-air sitting room with neatly metri quadrati con fiori e piante ordinatamente posizionate, positioned flowers and plants, furnished with chaises longues, arredato con sdraio e sedie e dal design vivace e accattivante, sunbeds and chairs with a lively and captivating design, and e grandi tavoli in teak che invitano a suggestive cene a lume di candela. A completare il quadro, una serie large teak tables that invite you to enjoy chardi servizi esclusivi che coccolano gli ospiti ming candlelight dinners. To complete the picFor the most dall’arrivo fino alla partenza. A cominciare dal ture, a series of exclusive services that pamper servizio Meet & Greet VIP, in aeroporto o in guests from arrival to departure. Starting with prestigious and stazione, con una persona dedicata che assiste the VIP Meet & Greet service, at the airport or spacious suite e facilita le procedure di arrivo e partenza e la at the station, with specialized personnel assi- of the hotel, the gestione dei bagagli, al servizio di trasferimento sting and facilitating the arrival and departure designer Olga andata e ritorno con Mercedes Classe S, fino procedures and the handling of luggage, to the all’esclusivo servizio di limousine della durata return Mercedes S Class airport transfer, to the Polizzi has been di tre ore. Ad attenderli nella suite, una exclusive 3-hour limousine service. Awaiting inspired by the bottiglia di bollicine Franciacorta e un cesto di guests in the suite, a welcome bottle of Fran- elegance of frutta stagionale da gustare mentre il personale ciacorta sparkling wine and a basket of seaso- Russian ballet a riordinare i bagagli. A disposizione nal fruit to be enjoyed while the staff unpacks dancer Nijinsky pensa anche il progetto Avenue of style, il programma their luggage. Also available is the Avenue of Style project, a program that allows guests to enter the world che permette di entrare nel mondo della moda, dell’haute of fashion, haute couture and design, created in collaboration couture e del design, realizzato in collaborazione con undici with eleven internationally renowned brands: Acqua di Par- brand italiani di fama internazionale: Acqua di Parma, ma, Giorgio Armani, Bottega Veneta, Brioni , Bulgari, Damiani, Giorgio Armani, Bottega Veneta, Brioni, Bulgari, Damiani, Fendi, Pomellato, Valentino, Vhernier and Ermenegildo Zegna. Fendi, Pomellato, Valentino, Vhernier e Ermenegildo Zegna. But also experiences centered around taste, such as gourmet Ma anche esperienze legate al gusto, come tour gastronomici tours and cooking classes, or wellness… and much, much more. e cooking class, al benessere e non solo. In una parola, indimenticabile. In a word, unforgettable. 134 Roma | the Eternal City


Above: the elegant living area Below: the terrace covers about 250 square meters and offers a breathtaking view of the beauty of Rome


hospitality events

Like a treasure trove COME UNO SCRIGNO After 17 mo nths the ico Hotel Eden nic sparkles on ce m o re Dopo 17 m esi l’iconic Hotel Eden o torna a brill are

It is not easy to redesign an enduring symbol of Roman hospitality such as the Hotel Eden. It is none other than the palace which appears in the picture of the wedding between Princess Maria of Bourbon and Juan Prince of Asturias. A hotel that boasts a guest book with signatures of the most famous people in show business and the fields of science, literature and art. But a group of hotels comprising some of the most exclusive luxury properties in the world, the Dorchester Collection, has succeeded in this challenging task. The result is a contemporary hotel which blends in perfectly with the city’s historical context. The lobby immediately reveals the concept conceived by Bruno Moinard and Claire Bétaille of 4BI & Associés, the two world-famous architects and interior designers who designed the rooms and meeting facilities. A well-tuned balance between antique and modern has been achieved by combining furniture from diverse epochs and in different styles. The delicate contrast between the gilded ceiling and the walls frescoed by Gio Bressana, and the Pakistani marble tiles made by Carrara craftsmen, create a warm atmosphere. Inside the reception hall, two stone slabs serve as the desk, recalling the authentic Roman style. The rooms and suites have been reduced from 121 to 98 to ensure more spacious quarters and greater comfort. Precious fabrics, artworks and bespoke furnishings show beautifully here. The icing on the cake are the stunning views over Rome through the wide windows. Non è semplice riprogettare un’icona dell’ospitalità romana come l’Hotel Eden. Niente di meno che il palazzo immortalato in un ritratto della principessa Maria di Borbone nel giorno delle sue nozze con il principe Giovanni delle Asturie. Un albergo che vanta un Libro d’Oro con le firme più illustri dello spettacolo e del mondo scientifico, letterario e artistico. Ma Dorchester Collection, una collezione di hotel che include alcune tra le più esclusive proprietà di lusso al mondo, è riuscita in questo delicato compito con un risultato che pur nella sua estrema contemporaneità si inserisce perfettamente nel ricco contesto storico della città. La lobby rivela subito il concept di Bruno Moinard e Claire Bétaille di 4BI & Associés, i due architetti e interior designer di fama mondiale che si sono occupati anche delle camere e delle sale meeting. Un armonioso equilibrio tra antico e moderno ottenuto grazie a arredi e dettagli appartenenti a diverse epoche e stili. L’atmosfera è resa calda e accogliente da un soffitto dorato in delicato contrasto con le pareti affrescate da Gio Bressana e il pavimento in marmo del Pakistan lavorato dagli artigiani di Carrara, mentre la reception, con due larghe stele in pietra a fare da banco, riporta alla mente l’autentico gusto romano. Le camere e le suite da 121 sono passate a 98 per garantire spazi più ampi e maggiore comfort. Qui fanno bella mostra tessuti pregiati, opere d’arte e complementi d’arredo su misura, il tutto incorniciato da un’impagabile vista su Roma che passa attraverso ampie finestre. Lo stesso panorama che 136 Roma | the Eternal City


Above: the ‘secret bar’ La Libreria aaaaa the elegant lobby Below: Roma | the Eternal City 137


The restoration effort took 17 months and was carried out by the world famous architects and interior designers Bruno Moinard and Claire BĂŠtaille of 4BI & AssociĂŠs (lobby, guest rooms, suites and meeting rooms), together with Patrick Jouin and Sanjit Manku of Jouin Manku Studio (restaurants and spa)


The view from the hotel has enchanted such celebrities as John F. Kennedy, Ingrid Bergman and Federico Fellini The same panorama which charmed D’Annunzio, John F. Kennedy Jr and Ingrid Bergman. This is where the interviews with Fellini took place. A private elevator serves the 202-square-meter Bellavista Penthouse Suite, where Louis Vuitton and Bulgari used to meet. Architects Patrick Jouin and Sanjit Manku of Jouin Manku Studio worked on the restaurants located on the rooftop and on the hotel’s brand new spa. For La Terrazza, another pearl of the Hotel Eden, they created an ambiance recalling theater interiors, where soft lights and painted glass panes set the mood for the dishes prepared by Michelin-starred chef Fabio Ciervo. Dishes that draw from Mediterranean traditions but with a personal twist, fruit of his cosmopolitan experiences. He also runs the show at Il Giardino Ristorante & Bar, where healthy dishes prepared by the Chef are served and guests can sip a creative cocktail while marveling at the spectacular views over the city. La Libreria, the its ‘secret bar’ on the ground floor, is ideal for an Italian breakfast and enjoying a cocktail before or after dinner. Lastly The Eden Spa, with vaulted ceilings reminiscent of ancient Roman baths, a blow-dry bar for quick and flawless hair stylings, and three suites where guests can be pampered with beauty treatments created by Sonya Dakar, the guru in Hollywood for stars as DiCaprio and Gwyneth Paltrow, and by Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella, one of the oldest pharmacies in the world, founded in Florence in 1612.

A perfect balance between classical and contemporary, thanks to the blending of elements from different eras and styles

ha affascinato Gabriele D’Annunzio, John F. Kennedy Jr e Ingrid Bergman. Celebre sfondo delle interviste di Federico Fellini. Si raggiunge attraverso un ascensore privato la Penthouse Suite Bellavista, di 202 metri quadrati, un tempo luogo di incontro tra Louis Vuitton e Bulgari. Ai ristoranti situati sull’iconico rooftop e alla spa, new entry dell’hotel, si sono dedicati gli architetti Patrick Jouin e Sanjit Manku dello studio Jouin Manku, che per La Terrazza, altra perla dell’Hotel Eden, hanno pensato a un’atmosfera teatrale dove luci soffuse e vetri affrescati fanno da scenografia alle proposte dello chef stellato Fabio Ciervo. Piatti che attingono alla tradizione mediterranea con un twist tutto personale, frutto delle sue esperienze cosmopolite. Sempre sotto la sua direzione, Il Giardino, un all-dining restaurant & bar dove degustare piatti healthy proposti dallo Chef e sorseggiare cocktail creativi godendo della spettacolare vista panoramica sulla città. La Libreria, al piano terra con il secret bar, è perfetta per una colazione all’italiana e per gustare cocktail classici e innovativi all’ora dell’aperitivo e dopo cena. Infine The Eden Spa, con soffitti a volta che ricordano gli antichi bagni romani, blow-dry bar, per una rapida ma impeccabile messa in piega, e tre suite in cui farsi coccolare con i trattamenti firmati da Sonya Dakar, guru hollywoodiana di celebrity come Leonardo DiCaprio e Gwyneth Paltrow, e da Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella, una delle più antiche farmacie al mondo, fondata nel 1612 a Firenze. Roma | the Eternal City 139


food experience

Teamwork LAVORO DI SQUADRA text Gabrielle Bolzoni

Interview with Alex Bellafronte, the manager of Zuma Rome Intervista ad Alex Bellafronte, direttore di Zuma Rome

We have had the pleasure of interviewing Alex Bellafronte, the thirty-three-year-old manager of Zuma Rome, the revolutionary and glamourous Japanese restaurant, started in 2016 in the spectacular setting of Palazzo Fendi on Piazza Goldoni. The brand, established in 2002 in London, met with immediate international success, soon becoming a symbol of quality, creativity and innovation. Bellafronte, who has been working in the hospitality field for years, has had many experiences abroad- Gordon Ramsay and other high-end restaurants- before landing at Zuma Rome in August 2016. What is the philosophy and secret behind Zuma’s success? Zuma is not the classic Japanese restaurant all sushi and sashimi. It is a blend of three different cuisines. We have an internationally-oriented style on the Roman and Italian restaurant scene: everything is taken care of down to the smallest detail, but without being too formal. Your customers: type, age, style….. We have a mixed clientele: self-employed professionals, sportsmen, movie stars, students, entrepreneurs and artists. We are open to everyone for a drink on the terrace or a dinner at the restaurant. We describe ourselves as a melting pot of different styles, cultures and nationalities. The three moments when you achieve the highest standard: lunch, aperitivo time and dinner. How do you do it? We work hard every day to train our staff in a healthy and pleasant environment, because “happy staff happy guests”. We strive to provide our guests with a unique and unforgettable experience. Besides the food and drinks, the Zuma experience is given by the lights, music, recep140 Roma | the Eternal City

Abbiamo avuto il piacere di intervistare Alex Bellafronte, direttore trentatrenne di Zuma Rome, il rivoluzionario ristorante giapponese glamour, inaugurato nel 2016 nella spettacolare cornice di Palazzo Fendi in piazza Goldoni. Il brand, nato nel 2002 a Londra, ha ottenuto in brevissimo tempo uno strepitoso successo internazionale, divenendo simbolo di qualità, creatività ed innovazione. Bellafronte, da anni nel settore dell’hospitality, ha avuto esperienze significative soprattutto all’estero, da Gordon Ramsay ad altre realtà blasonate, prima di approdare da Zuma Rome nell’agosto del 2016. Quali sono la filosofia e il segreto del successo di Zuma? Zuma non è il classic Japanese tutto sushi e sashimi, convivono tre cucine diverse. Abbiamo portato un respiro internazionale nel panorama romano ed italiano: tutto è curato nei minimi dettagli senza formalità, siamo cool. Il vostro pubblico: tipologia, età, stile… È un pubblico eterogeneo: liberi professionisti, sportivi, star del cinema, studenti, imprenditori ed artisti. Siamo aperti a tutti per un drink in terrazza o una cena al ristorante. Amiamo essere un melting pot di stili, culture e nazionalita’ diverse. Tre momenti in cui raggiungete standard altissimi: pranzo, aperitivo e cena. Come ci riuscite? Lavoriamo ogni giorno sul training del nostro personale in un ambiente sano e piacevole, perché happy staff happy guests. Desideriamo creare un’esperienza unica ed indelebile per i nostri ospiti. Oltre a cibo e drinks, l’esperienza Zuma è creata dalle luci, la musica, l’acco-


Zuma Rome is the revolutionary restaurant that opened in 2016 in the spectacular setting of Palazzo Fendi


Above: Alex Bellafronte, manager of Zuma Rome Below: the restaurant staff 142 Roma | the Eternal City


The restaurant is the work of Japanese designer Noriyoshi Muramatsu

tion and service, because guests should feel happy and glienza ed il servizio perché i nostri ospiti devono sentirsi pleased. felici e soddisfatti. There is a good and efficient team behind such hard Dietro tanto lavoro quindi un team affiatato e efficiente: work: how do you choose the staff members? come sceglie i suoi ragazzi? We started off with 50 people, now there are 120 staff Siamo partiti con 50 persone, ora superiamo i 120 grazie ai members who give 110% to create a unique and match- ragazzi che danno il 110% per creare qualcosa di unico ed less atmosphere. They are all young people, polite, eager inimitabile. Tutto lo staff, giovane, educato, voglioso di imto learn, motivated and proud to work for parare, deve essere motivato e fiero di lavorare a world-leading brand like Zuma. I choose per un leader mondiale come Zuma. Scelgo The ragazzi che parlino almeno due lingue, appasyoung people who speak at least two languagglamorous sionati di cibo e pronti al sacrificio. Da parte es, passionate about food and willing to sacrifice themselves. As far as I’m concerned, I’m atmosphere, mia seleziono, organizzo, dirigo, ma la passione in charge of staff selection, organization and haute cuisine, è la vera molla. management, but passion is my motivation. per il futuro? captivating Progetti Any plans for the future? Desidero continuare il buon lavoro svolto finodesign and ra a Zuma Rome. Ho un progetto molto ambiI wish to go on doing a good job at Zuma Rome. I have a very ambitious project for efficient staff zioso per il bar che spero di portare a termine the bar, which I hope to carry out soon. The make for an presto. Il ristorante, il lounge bar e la terrazza restaurant, lounge bar and terrace can develancora crescere, ma step by step. Per unforgettable possono op further, but step by step. As for my career, il mio percorso personale amo le nuove sfide e experience spero di tornare all’estero con Zuma, in Asia o I love new challenges and I’m anxious to go abroad again with Zuma, in Asia or in the US. negli States. Could you share an anecdote about your experience at Ci parli di qualche aneddoto che ha segnato la sua espeZuma? rienza da Zuma. The day I went to see the Zuma London restaurant, I fell Il giorno che andai a Zuma Londra a vedere il ristorante, in love with it in about 20 seconds. Everything was amaz- ci ho messo circa 20 secondi ad innamorarmi, tutto è stato ing: the reception, the music, the colors, the scents, the incredibile: l’accoglienza, la musica, i colori, i profumi, l’atelectric atmosphere, everything was simply perfect. mosfera elettrica, tutto curato alla perfezione. Roma | the Eternal City 143


food itinerary

Historically preceded by the ‘gricia’, made without tomatoes, the amatriciana was invented in the 19th century 144 Roma | the Eternal City


food itinerary

Roman flavors SAPORI ROMANI text Gabrielle Bolzoni

Amatriciana. An iconic pasta dish and where they make it best Una pasta simbolo e i luoghi migliori dove mangiarla

The Town of Amatrice (in the Rieti province), from which its name derives, has recently protected the matriciana with a brand name of origin. Although imported, it is one of the most popular dishes in Roman cuisine. The amatriciana is listed among the agroindustrial products of the Lazio region. Its many variations (with bucatini and rigatoni) can be modified and adjusted, although the original recipe specifies spaghetti with a creamy sauce (strictly without onions or garlic) made with fried jowl bacon, dry white wine, tomatoes and pecorino cheese. Historically preceded by the gricia, made without tomatoes, the amatriciana was invented in the 19th century, as Francesco Leopardi wrote in his cooking manual L’Apicio Moderno. Between the 19th and 20th century many tavern owners from Amatrice moved to Rome and the term Matriciano eventually came to refer to an inn with a kitchen. Back then, Romans were close-minded and not open to change. People would whisper, “è rivato un tipo strano che pareva un matriciano” (a strange guy has arrived, he seems like a matriciano), to brand those who aspired to open a tavern in the Capital. But the matriciani ended up winning the match. Recently the amatriciana has become the symbol of the reconstruction of Amatrice, destroyed in August 2016 by a violent earthquake. Today it represents a basic dish in the regional cuisine, but also a traditional Italian dish, served in most restaurants in Rome. Here are a few that make it according to tradition, to the delight of their customers’ taste buds. Armando Gargioli opened his small trattoria, Da Armando al Pantheon, in 1961 near Piazza Navona. Today his children and grandchildren continue the tradition of express dishes and flawless service. Chef Claudio Gargioli prepares time-

Recentemente tutelata dal Comune di Amatrice in provincia di Rieti, da cui prende il nome, con un marchio di origine, la “matriciana” impera nella cucina romana, nonostante sia un piatto di importazione. Inserita nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali laziali, esiste in innumerevoli varianti (bucatini e rigatoni), soggette a costanti adattamenti ed accomodamenti, anche se nella ricetta originale si tratta di spaghetti conditi con un sugo cremoso (rigorosamente senza cipolla né aglio) a base di guanciale fritto e sfumato con vino bianco secco, pomodoro e formaggio pecorino. Preceduta storicamente dalla gricia senza pomodoro, l’amatriciana fu inventata alla fine del diciottesimo secolo, come descritto dal cuoco romano Francesco Leopardi nel suo manuale di cucina L’Apicio Moderno. Tra il 1800 ed il 1900 arrivarono a Roma molti osti e trattori di Amatrice ed il termine Matriciano finì per indicare una locanda con cucina. Allora a Roma, città chiusa e poco consona ai cambiamenti, si mormorava “è rivato un tipo strano che pareva un matriciano” per bollare quelli sconosciuti che pretendevano di aprire un’osteria romana nella Capitale, ma i matriciani hanno finito per vincere la partita. Di recente l’amatriciana è divenuta il simbolo della ricostruzione di Amatrice, distrutta nell’agosto 2016 in seguito ad un violentissimo terremoto. Essa rappresenta oggi un caposaldo della cucina regionale, ma anche di quella italiana, e si può gustare nella maggior parte dei ristoranti romani. Abbiamo pensato di suggerirvene alcuni, che la preparano fedeli alla tradizione, garantendo ai vostri palati un’esperienza sublime. Dal 1961 Armando Gargioli ha aperto questa piccola trattoria, Da Armando al Pantheon, a due passi da Piazza NaRoma | the Eternal City 145


Vecchia Roma

less classics made with Martelli pasta, artisanally produced vona. Oggi i figli ed i nipoti garantiscono piatti espressi ed near Pisa and bronze-drawn, ideal for capturing the flavors un servizio impeccabile. Lo chef Claudio Gargioli prepara of the sauces. Salita de’ Crescenzi 31, tel. 06 68803034, www. i classici primi, preparati con la pasta artigianale Martelli, armandoalpantheon.it. originaria di Pisa e raffinata in bronzo, che garantisce un Brother and sister, Giacomo and Grazia Lo Bianco have been ottimo assorbimento dei condimenti. Salita de’ Crescenzi 31, running Matricianella, a short walk away from Via del Cor- tel. 06 68803034, www.armandoalpantheon.it. so, for over twenty years. They have gained the trust of their Da oltre vent’anni i fratelli Giacomo e Grazia Lo Bianco customers with their high-quality local dishes conducono Matricianella a due passi da via – without ever giving into trends and exoticism. del Corso. Con piatti tipici espressi di alta The qualità, senza cedere a mode ed esotismi, si Three chefs cook the quinto quarto (a traditionamatriciana sono garantiti la fiducia dei clienti. Tre chef al dish made with offal) on Wednesday, gnocchi on Thursday, baccalà (cod) on Friday and tripe and its many preparano mercoledì il quinto quarto, giovedi gnocchi, venerdì baccalà e sabato trippa, on Saturday. But amatriciana is on the menu variations gli every day. Their well-supplied wine cellar ofma tutti i giorni l’amatriciana a volontà. Una are listed splendida cantina dispone oltre 700 etichetfers over 700 labels, only Italian. Via del Leone 4, among the te solo italiane. Via del Leone 4, tel. 06 6832100, tel. 06 6832100, www.matricianella.it. Located in the Esquilino quarter, the Vecchia agroindustrial www.matricianella.it. Roma celebrates 100 years of tradition in a vinproducts of Nel quartiere Esquilino la Vecchia Roma celetage ambiance. It has been run by the Colangeli 100 anni di tradizione in un’atmosfera che the Lazio bra family since 1938. It began as a cantina where rievoca il passato. Originariamente una cantiregion na “vini e olii”, dal 1938 in mano alla famiglia wines and oils were sold and is now known for its home-style dishes. In the 1980s they invented their own Colangeli, dedita ad una cucina tipica casareccia. Negli anni version of the amatriciana flambè, where the pasta is tossed Ottanta hanno inventato una loro versione originale dell’ain a pecorino cheese wheel. Via Ferruccio 12 b, tel. 06 4467143, matriciana flambè, in cui la pasta viene finita di cuocere in una forma di pecorino a cui danno fuoco, squagliando il www.trattoriavecchiaroma.it. In the heart of Trastevere since 1935, Da Checco er Carret- pecorino. Via Ferruccio 12 b, tel. 06 4467143, www.trattoriavectiere is both a traditional osteria and a modern restaurant chiaroma.it. with old photographs covering the walls. The cart in the Nel cuore di Trastevere dal 1935 Da Checco er Carrettiere 146 Roma | the Eternal City


Above: Matricianella Below: Da Armando al Pantheon Roma | the Eternal City 147


food itinerary

1

3

2

1. 6. Da Armando al Pantheon 2. 5. Matricianella 3. Vecchia Roma aaaaaa 4. Da Bucatino 4

5

6

entry is the one Checco used to transport wine from the ospita sia l’antica osteria che un moderno ristorante, tapCastelli region to the city. His three granddaughters now pezzato di vecchie foto. Con il suo carretto, esposto all’inrun the business. Inside the osteria you can still see the gresso, Checco trasportava il vino dai Castelli in città. Oggi old beamed ceiling and original frescoed walls. The atmo- in mano alle tre nipoti, l’osteria mantiene travi antiche, afsphere here is informal and the menu of the day shorter. freschi d’epoca, tovaglie di carta paglia, un servizio inforUnder the restaurant, a magnificent open cellar with over male ed un menu giornaliero espresso più contenuto. Una 350 labels. Via Benedetta 10, tel. 06 5817018, www.checcoer- spendida cantina a vista con ca. 350 etichette si snoda nel carrettiere.it. sottoterra dell’antico locale. Via Benedetta 10, Located in the Testaccio quarter, Da Bucatitel. 06 5817018, www.checcoercarrettiere.it. The original Nel cuore del rione Testaccio Da Bucatino no serves the authentic flavors of Rome. An recipe specifies regna la romanità dei sapori. Trattoria inforinformal restaurant with paintings and photos on the walls that celebrate the history of spaghetti with male con quadri e foto che celebrano la storia Rome. Traditional dishes are served in a cozy a creamy sauce di Roma. Si assaporano gli antichi sapori dei piatti tipici della tradizione in un ambiente ambiance. Customers are given large bibs to caldo ed accogliente. Per mangiare i bucatini made with fried keep their shirts clean while eating bucatini. i clienti vengono forniti di un grande bavajowl bacon, dry They have served over 12,000 customers since glio per evitare di sporcarsi mangiando. Ha they opened. Via Luca della Robbia 84, tel. 06 white wine, ospitato ad oggi oltre dodici mila clienti. Via 5746886, www.dabucatino.it. tomatoes Luca della Robbia 84, tel. 06 5746886, www.daRun by the Trivelloni family for decades, Feand pecorino bucatino.it. lice in the Testaccio quarter has been feeding Dal 1936 Felice a Testaccio, da decenni in cheese mano alla famiglia Trivelloni, propone una its customers old-school Roman dishes since 1936. The first owner, Felice, is a legend in Rome, as reg- cucina fedele al passato. Il primo oste Felice è diventato ular customer Roberto Benigni confirms. The interior has una leggenda a Roma, come narrato dallo storico cliente undergone some restyling, but the cuisine is authentically Roberto Benigni. L’arredamento del locale è stato moderRoman, which means there is a specific traditional dish nizzato, ma la cucina è quella romana autentica, in cui ogni prepared on each day of the week. Broad choice of wines giorno della settimana corrisponde ad un piatto tradiziofrom their wine list of over 200 labels. Via Mastro Giorgio nale con una cantina di oltre duecento etichette italiane. 29, tel. 06 574 6800, www.feliceatestaccio.it. Via Mastro Giorgio 29, tel. 06 574 6800,www.feliceatestaccio.it. 148 Roma | the Eternal City


1

2

3

4

1. Da Bucatino, in the heart of Testaccio 2. 5. Da Checco er Carrettiere, located in Trastevere 3. Vecchia Roma, in the Esquilino district 4. Felice, in the Testaccio district since 1936

5 Roma | the Eternal City 149


ROMA Aldovrandi Villa Borghese - Via Ulisse Aldrovandi 15 - Roma - ph +39 06 3223993 - www.aldrovandi.com Bernini Bristol - P.zza Barberini - Roma - ph +39 06 488931 - www.stregisflorence.com Boscolo Aleph - Via di San Basilio 15 - Roma - ph +39 06 422901 - www.aleph-roma.boscolohotels.com Boscolo Exedra - Piazza della Repubblica, 47 Termini Station Area - Roma - ph +39 06 489381 - www.exedra-roma.boscolohotels.com Boscolo Palace - Via Vittorio Veneto 70 - Roma - ph +39 06 478719 - www.palace-roma.boscolohotels.com De Russie - Via del Babuino, 9 - Roma - ph +39 06 3288881 - www.roccofortehotels.com Gran Hotel De La Minerve - P.zza della Minerva, 69 - Roma - ph +39 06 695201 - www.grandhoteldelaminerve.com Grand Hotel Plaza - Via Del Corso,126 - Roma - ph +39 06 69921111 - www.grandhotelplaza.com Gran Melià - Via del Gianicolo, 3 - Roma - ph +39 06 925901 - www.melia.com Hotel Majestic - Via V.Veneto, 50 - Roma - ph +39 06 421441 - www.hotelmajestic.com Hotel Ambasciatori - Via Vittorio Veneto, 62 - Roma - ph +39 06 47493 - www.royalgroup.it Hotel Art by the spanish steps - Via Margutta 56 - Roma ph +39 06 328711 - www.hotelart.it Hotel d’Inghilterra - Via Bocca di Leone, 14 - Roma - ph +39 06 699811 - www. hoteldinghilterrarome.com Hotel Dom - Via Giulia, 131 - Roma - ph +39 06 6832144 - www.domhotelroma.com Hotel Eden - Via Ludovisi,49 - Roma - ph +39 06 478121 - www.edenroma.com Hotel Hassler - Piazza Trinita dei Monti 6 - Roma - ph +39 06 699340 - www.hotelhasslerroma.com Hotel Parco dei Principi - Via G. Frescobaldi, 5 - Roma - ph +39 06 854421 - www.parcodeiprincipi.com Hotel Raphael - Largo Febo 2 - Piazza Navona - Roma - ph +39 06 682831 - www.raphaelhotel.com Hotel San Anselmo - Piazza San Anselmo 2 - Roma - ph +39 06 570057 - www.aventinohotels.com Hotel Splendide Royal - Via Di Porta Pinciana 14 - Roma - ph +39 06 421689 - www.splendideroyal.com

HOTEL PARTNERS IN ROMA InterContinental de la Ville - Via Sistina 69 - Roma - ph +39 06 67331 - www.intercontinental.com JK - Via di Monte d’Oro, 30 - Roma - Roma - ph +39 06 982634  - www.jkroma.com Jumeirah Grand Hotel Via Veneto  - Via Vittorio Veneto, 155 - Roma - ph +39 06 487881 - www.jumeirah.com La Griffe Roma MGallery Collection - Via Nazionale 13 - Roma - ph +39 06 47829885 - www.lagriffeluxuryhotel.com Leon’s Place Hotel in Rome - Via XX Settembre 90/94 - Roma - ph +39 06 890871 - www.leonsplacehotel.it Lord Byron Hotel - Via Giuseppe de Notaris, 5 - Roma - ph +39 06 3220404 - www.lordbyronhotel.com Navona Palace Residenze Di Charme - Via Della Pace 36-36/a - Roma - ph +39 06 6841051 - www.navonapalace.it Palazzo Manfredi - Via Labicana,125 - Roma - ph +39 06 77591380 - www. palazzomanfredi.com Palazzo Montemartini - Largo Giovanni Montemartini 20 - Roma - ph +39 06 45661 - www. palazzomontemartini.com Portrait Roma - Lungarno Collection - Via Bocca Di Leone 23 - Roma - ph +39 06 69380742 - www.lungarnocollection.com Radisson Blu - Via Filippo Turati 171 - Roma - ph +39 06 444841 - www.radissonblu.com Regina Hotel Baglioni - Via V.Veneto, 72 - Roma - ph +39 06 421111 - www.baglionihotels.com Residenza di Ripetta - Via di ripetta 231 - Roma - ph +39 06 3231144 - www.royaldemeure.com Rome Cavalieri, Waldorf Astoria Hotels & Resorts - Via Alberto Cadlolo 101 - Roma - ph +39 06 35091 - www.placeshilton.com Sofitel Roma Villa Borghese Via Lombardia 47 - Roma - ph +39 06 478021 - www.sofitel.com St. George - Via Giulia, 62 - Roma - ph +39 06 686611 - www.hotelindigorome.com St. Regis - Via V.Emanuele Orlando,3 - Roma - ph +39 06 47091 - www.stregisrome.com The First Luxury Art Hotel - Via del Vantaggio 14 - Roma - ph +39 06 45617070 - www.thefirsthotel.com The Inn At The Spanish Steps- Small Luxury Hotel - Via Dei Condotti 85 - Roma - ph +39 06 69925657 - www.atspanishsteps. com The Westing Excelsior - Via Vittorio Veneto 125 - Roma - ph +39 06 47081 - www.westinrome.com 150 Roma | the Eternal City


Acquolina Hostaria Via del Vantaggio, 14 ph +39 06 45617070 www.acquolinahostaria.it On the ground floor of The First Luxury Art Hotel, the restaurant of starred chef Alessandro Narducci is already betrayed by the name, which plays on the double meaning recalling the aquatic environment and the flavour and scent of “acquolina” in the mouth, the vocation for fish and seafood products. A lit staircase leads to the garden and reveals a spacious terrace. On the panoramic terrace, Acquaroof, hotel’s roofgarden, with restaurant & lounge service from May to October. Al piano terra del The First Luxury Art Hotel, il ristorante dello chef stellato Alessandro Narducci tradisce già dal nome, giocato sul doppio senso che ricorda l’ambiente acquatico e le sensazioni gusto-olfattive dell’acquolina in bocca, la vocazione per il Pesce e i prodotti del Mare. Una scalinata illuminata conduce al giardino e apre alla vista di una spaziosa terrazza. Sulla terrazza panoramica, Acquaroof, il roofgarden dell’hotel, con servizio ristorante & lounge da maggio ad ottobre. Ai Piani Via Francesco Denza, 35 ph +39 06 8079704 www.aipiani.it A landmark restaurant for great seafood in Rome. The cozy and elegant ambience and the courtesy and precision of the staff are combined with the careful selection of basic ingredients. The “Pino” room is very special, and has become a symbol of the restaurant, with its large windows and bouserie in cherrywood that make the room bright and elegant. Punto di riferimento per mangiare ottimo pesce a Roma. L’ambiente accogliente ed elegante e la cortesia di un servizio accurato, si accostano alla attenta scelta delle materie prime. Particolare la sala che ospita “il pino” diventato ormai simbolo del ristorante, caratterizzata da ampie vetrate e bouserie in ciliegio che rendono l’ambiente luminoso ed elegante. Al Ceppo Via Panama, 2 ph +39 06 8419696 www.ristorantealceppo.it Cristina & Caterina run the Restaurant located in the residential area Parioli. Recently renewed it kept its historic classic well known ambient. The Menu, overseen by

Cristina and made with enthusiasm by a team of young chefs is printed daily based on the fresh delights of the market. Cristina e Caterina gestiscono questo ristorante situato della zona residenziale dei Parioli. Recentemente ristrutturato, ha mantenuto un ambiente tradizionale e classico. Il menu, supervisionato da Cristina e preparato con entusiasmo da un team di giovani chef, cambia giornalmente in base alle delizie fresche di mercato. All’Oro Via Giuseppe Pisanelli, 25 ph. +39 06 97996907 www.ristorantealloro.it Chef Riccardo Di Giacinto is back, this time with a unique formula: his All’Oro restaurant is also a 5-star hotel. Di Giacinto has bought The H’All Tailor Suite, just a stone’s throw from the centrally located Piazza del Popolo, and continues to amaze with his perfect combination of tradition and innovation. Lo chef Riccardo Di Giacinto è tornato e con una formula davvero unica: il ristorante All’Oro è anche un hotel 5 stelle. Lo chef ha infatti acquistato il The H’All Tailor Suite, a pochi passi dalla centralissima piazza del Popolo, e continua a stupire con il suo perfetto connubio di tradizione e innovazione. Antica Pesa Via Garibaldi, 18 ph +39 06 5809236 www.anticapesa.it In the heart of Trastevere, this family run restaurant conceives their dishes following two main guidelines: the renewing of Roman traditional cuisine and the elaboration of typical products of the Lazio region. The setting is one of the most charming, lit fireplace during the winter in their artistic main room, and inside garden for the summer months. Their wine list is among the most rich between Roman restaurants. Nel cuore di Trastevere, questo ristorante a conduzione familiare crea i suoi piatti seguendo due linee guida: la rivisitazione della tradizionale cucina romana e l’utilizzo e elaborazione dei prodotti tipici del Lazio. L’ambiente è piacevolissimo, con il caminetto acceso in inverno nella sala principale e giardino interno per i mesi estivi. La lista dei vini è tra le più ricche di Roma. Antico Arco Piazzale Aurelio, 7 ph +39 06 5815274 www.anticoarco.it Named after one of the gates of early medieval Rome (Arco

di San Pancrazio), which rises nearby, Antico Arco is on Gianicolo Hill not far from Trastevere and the American Academy. It’s a hip trendy restaurant with a young, stylish clientele. Their professional staff makes sure that food and service flow smoothly. Dishes served are mainly traditional plates revised with a touch of creativity by their young and attentive kitchen brigade. Chiamato con il nome di una delle porte della Roma medievale (Arco di San Pancrazio), che sorge lì vicino, Antico Arco si trova sul Gianicolo, non lontano da Trastevere e dall’Accademia Americana. E’ un ristorante alla moda con una clientela giovane e sofisticata. Il personale è professionale e molto attento al cibo e al servizio. La cucina è tradizionale con un tocco di creatività della giovane ma esperta brigata di cucina. Ar’ Galletto Piazza Farnese, 102 ph +39 06 6861714 www.ristoranteargallettoroma. com Located on the beautiful square Piazza Farnese Ar Galletto is a typical family run Trattoria that has been recently, completely renewed. This is the best place to eat roman dishes and pasta. The new Sicilian woman chef has also introduced very good fish dishes. Outdoor dining in summer on the beautiful square, where the atmosphere is enriched by the lighted frescoes of the French Embassy. Situato nella bellissima Piazza Farnese, Ar’ Galletto è una tipica trattoria a conduzione familiare che è stata recentemente e completamente ristrutturata. E’ il posto migliore per gustare specialità romane e pasta. La nuova chef siciliana prepara anche ottimi piatti di pesce. Si mangia fuori d’estate nella bella piazza, dove l’atmosfera è arricchita dagli affreschi illuminati dell’ambasciata francese. Aroma Via Labicana, 125 ph +39 06 77591380 www.aromarestaurant.it Magnificently set on the terrace of Palazzo Manfredi with a unique view of the Coliseum of Imperial Rome! Chef Giuseppe di Iorio will lead you through an unforgettable culinary experience, where he combines perfectly modern and traditional cuisine. Before dinner, enjoy a cocktail in the lounge Bar, overlooking Colle Oppio.

Magnificamente ubicato sulla terrazza di Palazzo Manfredi con vista impareggiabile del Colosseo. Chef Giuseppe di Iorio vi farà vivere un’esperienza culinaria indimenticabile, la perfetta combinazione di cucina moderna e tradizionale. Prima di cena, prendete un cocktail al Lounge Bar che si affaccia sul Colle Oppio. Aroma Osteria Via Antonio Serra, 15 ph. +39 06 33218763 In the heart of Fleming, a place where the menu focuses on quality and seasonal products and an extraordinary protagonist: salted codfish. The many meat and fish options will leave you spoilt for choice. Nel cuore del Fleming, un locale dove il menu punta sulla qualità e la stagionalità dei suoi prodotti e su un protagonista d’eccellenza: il baccalà. Le numerose proposte di carne e pesce mettono l’imbarazzo della scelta. Assaje Restaurant Aldrovandi Villa Borghese Via Ulisse Aldrovandi, 15 ph +39 06 321 6126 www.aldrovandi.com In the elegant dining room facing the internal garden of Aldrovandi Villa Borghese, Assaje Restaurant proposes extraordinary culinary experiences inspired by the Mediterranean cuisine, as interpreted by Executive Chef Andrea Migliaccio. Michelin one-star. Nell’elegante sala affacciata sul giardino interno di Aldrovandi Villa Borghese, il ristorante Assaje propone straordinarie esperienze culinarie ispirate alla cucina mediterranea, opera dell’Executive Chef Andrea Migliaccio. Una stella Michelin. Bistrot 64 Via Guglielmo Calderini, 64 ph. +39 06 3235531 www.bistrot64.it As relaxed as a bistro, as refined as a starred gourmet kitchen, the proposal of young Japanese chef Kotaro Noda unites Mediterranean flavors with Oriental techniques. Dishes that stem from the tradition, but never fail to amaze. Michelin one-star. Il relax di un bistrot e la raffinatezza di una cucina gourmet stellata, opera del giovane Chef giapponese Kotaro Noda, che unisce sapori mediterranei e tecniche orientali. Piatti legati alla tradizione, ma che non mancano di stupire. Una stella Michelin. Roma | the Eternal City 151

IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

by Sebastiano Lombardi, Head Concierge Hotel de Russie, Roma


IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

Casa Coppelle Piazza delle Coppelle, 49 ph +39 06 68891707 www.casacoppelle.com The Casa Coppelle kitchen has a multifaceted and multicultural soul. On the menu, alongside traditional recipes, in some cases enhanced with a more contemporary twist, there are some more creative dishes and a chapter dedicated to the flavours and scents of the French cuisine, in keeping with the origins of the hostess, who was born in Lorraine. The owners of Casa Coppelle, Omar and Rachelle Capparuccini, wanted to redesign their cuisine with intelligence, without distorting its identity and strong position within the city. L’offerta di cucina di Casa Coppelle ha un’anima sfaccettata e multiculturale. Nel menù, accanto a proposte classiche della tradizione capitolina, in alcuni casi impreziosite da twist più contemporanei, trovano spazio alcuni piatti di calibrata creatività e un capitolo dedicato ai sapori e profumi della cucina francese,coerente con le origini della padrona di casa, nata in Lorena. I proprietari di Casa Coppelle, Omar e Rachelle Capparuccini, hanno voluto ripensare l’offerta gastronomica con intelligenza, senza stravolgere l’identità e la forte collocazione nel panorama cittadino. Clotilde Piazza Cardelli, 5/A ph. +39 06 68805145 www.ristoranteclotilde.com New York-style dining room with tables in glass and iron, cobalt blue furnishings, and optical wallpaper. The food is traditional, mainly made with produce from Lazio, but is lightened up with special cooking techniques. Un salotto in stile newyorchese, con tavoli in cristallo e ferro, arredi blu cobalto e carta da parati optical. La cucina è quella tradizionale, fatta principalmente con prodotti di origine laziale, ma alleggerita grazie a particolari tecniche di cottura. Collegio Piazza Capranica, 98 ph. +39 06 97996907 www.collegioroma.com Situated between the Pantheon and Montecitorio, close to the Trevi Fountain, an original eatery where diners can sample a select range of wines, cocktails of the house, and dishes inspired by locally grown ingre152 Roma | the Eternal City

dients. Alessandro Cecere is in the kitchen, Emanuele Broccatelli wields the shaker. Tra il Pantheon e Montecitorio, a pochi passi dalla fontana di Trevi, un originale locale dove gustare vini selezionati, cocktail d’autore e piatti ispirati alle materie prime del territorio. In cucina Alessandro Cecere, allo shaker Emanuele Broccatelli. Emma Via Monte della Farina, 28/29 ph. +39 06 64760475 www.emmapizzeria.com An amazing pizzeria in the heart of Rome. It has a few outdoor tables and a beautiful interior space with a skylight. The pizza is thin and crunchy, with the highest quality flour and basic ingredients. The most refined and freshest ingredients. Strepitosa pizzeria nel cuore di Roma. Pochi tavoli fuori e uno stupendo spazio interno con un lucernario Pizza bassa e croccante, farine e materie prime di altissima qualità. Ingredienti ricercati e freschissimi. Enoteca Achilli al Parlamento Via Prefetti, 15 ph. +39 06 6873446 www.enotecalparlamento.com An Old England-style club in the heart of Rome, whose dishes are made by the stellar Chef Massimo Viglietti. Its strength lies in its extraordinary wine cellar, with over 6,000 labels, some of which simply cannot be found elsewhere. It is also famous for its Cognac and Armagnac collection with vintages from 1800. Un club stile Old England trapiantato nel cuore di Roma, la cui cucina è firmata dallo Chef stellato Massimo Viglietti. Il punto di forza risiede nella straordinaria cantina, che conta oltre 6.000 etichette, alcune semplicemente introvabili. Famoso anche per la sua collezione di Cognac e Armagnac con annate a partire dal 1800. Ercoli Viale dei Parioli, 184 ph. +39 06 8080084 www.ercoli1928.com Delicatessen shop where customers can sample a range of fine and sometimes little-known foods, all absolute musts. Excellent cold cuts and cheeses, smoked fish, caviar, and dips. Surrounding the tables are shelves showcasing conserves, delicacies in oil, and wines. Un negozio di delicatessen dove gustare prodotti ricercati, a volte poco conosciuti, ma sempre imperdibili. Salumi e formaggi di

ottima qualità, affumicati di pesce, caviale, salse, e tutto intorno ai tavoli scaffali che fanno da vetrina a conserve, sott’oli e vini. Finger’s Via Carrara, 12/15 ph. +39 06 3234453 www.fingersrestaurants.com Just a short stroll away from Piazza del Popolo, this Japanese-Brazilian restaurant is owned by ex-footballer Clarence Seedorf and chef Roberto Okabe, who, after Milan, Porto Cervo and Megève, has made his grand debut in the capital. The standout feature on the menu is the super-fresh fish. A due passi da piazza del Popolo, il ristorante nippo brasiliano dell’ex calciatore Clarence Seedorf e dello chef Roberto Okabe, che dopo Milano, Porto Cervo e Megève ha fatto il suo grande debutto anche nella Capitale. Re del menu, pesce freschissimo. Gallura Via G. Antonelli, 2 ph. +39 06 8072971 www.ristorantegallura.it A sophisticated venue in the Parioli district, is a must for lovers of fresh seafood and Mediterranean cuisine with a strong Sardinian influence. The interior of the restaurant has three rooms in a minimalist style; outside, there is a beautiful roof garden for outdoor dining. Raffinato locale del quartiere Parioli, è la meta obbligata per gli amanti del pesce fresco e della cucina mediterranea connotata una forte impronta sarda. All’interno, il locale ha tre sale in stile minimalista; all’esterno, uno splendido giardino pensile per le cene all’aperto. Hostaria Da Pietro Via Gesù e Maria, 18 ph +39 06 3208816 www.hostariadapietro.com An excellent family run, traditional Trattoria, just a few minutes walking from the Hotel de Russie, with very friendly service in a warm and casual ambience. Un’ottima trattoria tipica a conduzione familiare, a pochi minuti dall’ Hotel de Russie, con un servizio molto cordiale in un ambiente caldo e informale. Il Giardino Via Ludovisi, 49 Ph- +39 06 478121 It one of is the restaurants of Hotel Eden. A quiet retreat from the city’s bustling streets, it serves seasonal Italian delicacies with an innovative touch by Executive chef Fabio Ciervo.

È uno dei ristoranti dell’Hotel Eden. Un’oasi di tranquillità, lontana dalla frenesia delle strade cittadine, dove assaporare specialità stagionali con un tocco di innovazione preparate dallo chef Fabio Ciervo. Il Matriciano Via dei Gracchi, 55 ph +39 06 3212327 www.ilmatriciano.it The restaurant is ideally located near the Vatican and is only a stone’s throw from the Vatican city. Il Matriciano offers a warm atmosphere and is popular with many locals. Il ristorante si trova a pochi passi dal Vaticano. Il Matriciano offre un ambiente caloroso ed è ben frequentato dai romani. Il Pagliaccio Via dei Banchi Vecchi, 129/a ph +39 06 68809595 www.ristoranteilpagliaccio.com A peaceful oasis placed in the heart of Rome, in the characteristic roman frame of via dei Banchi Vecchi, just next to via Giulia. Tastes and colours enhance the capacities of Chef Antony Genovese, always trying to express the best of culinary art. The environments are cosy and elegant, the daily brightness makes it perfect for business-lunch, while the soft lights in the evening makes it an ideal place for romantic dinner. Un’oasi di tranquillità nel cuore di Roma, nella pittoresca Via dei Banchi Vecchi, a pochi passi da Via Giulia. I sapori e colori esaltano il talento di Chef Antony Genovese, che esprime il meglio dell’arte culinaria. L’atmosfera è confortevole ed elegante, l’ambiente luminoso lo rende perfetto per pranzi d’affari, mentre le luci soffuse di sera creano lo scenario ideale per una cena romantica. Imàgo - Hotel Hassler Piazza Trinità dei Monti, 6 ph +39 06 699340 www.hotelhasslerrome.com When you cross the threshold of Imàgo the view of Rome seems like a mirage, a dream world like out of a fairy-tale. The soft music, marble floors with wood inserts and play of lights which change throughout the day and night and reflect off the mirror-like tables create a unique ambiance. Immense effort has gone into every detail which can be seen in the furnishings and the kitchen, satisfying that need to combine vision, taste, smell and sound, to create a unique and unparalleled experience for the senses.


vourite of locals. Swift, courteous service. There are open-air tables. Situato vicino a Piazza Navona, il ristorante offra pizza e vino in un ambiente divertente e animato. Molto frequentato dai romani. Servizio veloce e cortese. Ci sono tavoli all’aperto. La Pergola Via Alberto Cadlolo, 101 ph +39 06 35091 www.romecavalieri.com Perched upon Monte Mario, within the Rome Cavalieri Waldorf Astoria Hotel, la Pergola offers, by far, the best views of the Eternal City. Heinz Beck, the celebrated German Chef, creates perfect “Alta cucina” dishes while using only fresh and local ingredients. Reservations are required well in advance. Appollaiato su Monte Mario, il ristorante del Rome Cavalieri Waldorf Astoria Hotel, La Pergola, offre la più bella vista della città eterna. Heinz Beck, il famoso Chef tedesco, crea piatti perfetti d’alta cucina usando solo ingredienti freschi e locali. E’ richiesta la prenotazione con largo anticipo. La Terrazza Via Ludovisi, 49 ph. +39 06 478121 On the top floor of the Hotel Eden, it offers a seasonal Mediterranean cuisine, creative and innovative, accompanied by breathtaking views of Rome. Heading the kitchen crew, Michelin-starred chef Fabio Ciervo. All’ultimo piano dell’Hotel Eden, offre una cucina mediterranea stagionale, creativa ed innovativa, accompagnata da una vista mozzafiato su Roma. A capo della brigata di cucina, lo Chef Stellato Fabio Ciervo. Le Asiatique Largo della Fontanella di Borghese, 86/A ph. +39 06 69330441 www.leasiatique.it Top-quality fusion restaurant. A touch of the East with a contemporary atmosphere, where the gastronomic cultures of the Far East and the Mediterranean blend together. The cocktails are delicious too, made with a perfect balance of spices, liquors, and Eastern ingredients. Ristorante fusion di ottima qualità. Un angolo di oriente dall’atmosfera contemporanea, dove la cultura gastronomica del Sol Levante si fonde con quella mediterranea. Deliziosi anche i cocktail, creati con spezie, liquori e ingredienti orientali perfettamente armonizzati.

Madre Roma Largo Angelicum, 1/A ph. +39 06 6789046 www.madreroma.com It is the restaurant of Roma Luxus Hotel. An elegant salon surrounded by a park, open from morn until late at night. In the kitchen, star chef Riccardo Di Giacinto unites South American and Spanish flavors with Italian tradition. È il ristorante del Roma Luxus Hotel. Un elegante salotto immerso nel verde, aperto dalla colazione alla tarda notteIn cucina lo Chef stellato Riccardo Di Giacinto unisce sapori sudamericani, spagnoli e tradizione italiana. Molto Viale dei Parioli, 122 ph +39 06 8082900 www.moltoitaliano.it Located in the residential area of Parioli, this modern style restaurant, is always very frequented by many locals. The typical rotisserie set in the middle of the restaurant, makes this place appetizing especially for meat lovers. Their menu is an excellent representation of original Italian flavours. At the entrance a nice bar where you can start the evening enjoying a good drink. Situato nella zona residenziale dei Parioli, questo ristorante moderno è sempre molto frequentato dai romani. Il girarrosto piazzato nel bel mezzo del ristorante rende questo locale molto invitante per gli amanti della carne. Il menu è un eccellente compendio di tutti i sapori italiani. All’ingresso, c’è un bel bar dove si può iniziare la serata con un buon aperitivo. Osteria la Gensola Piazza della Gensola, 15 ph +39 06 5816312 www.osterialagensola.it Located in one of the most characteristic art district of the city, Trastevere, this restaurant offers traditional roman flavours as well as various fish dishes. Run by two young brothers, this restaurant is mostly frequented by locals. The atmosphere is fun and lively. Situato in uno dei quartieri più caratteristici della città, Trastevere, questo ristorante offre tipici piatti romani e varie specialità di pesce. Gestito da due giovani fratelli, il ristorante è molto frequentato dai romani. L’atmosfera è divertente e vivace.

Pastificio San Lorenzo Via Tiburtina, 196 ph +39 06 97273519 www.pastificiosanlorenzo.it Pastificio San Lorenzo wears two hats – fashion and bistro. The restaurant was inaugurated four years ago in the former Cerere pasta factory, now a Foundation which forms a bridge between the world of art and the San Lorenzo Group of the 1980s. The imprinting is the work of Roberto Liorni who designed many of the gourmet settings featuring wood, glass, marble and a vintage ambiance. I caratteri del Pastificio San Lorenzo sono quelli della moda e del bistrot, il ristorante nato quattro anni fa nel complesso dell’ex pastificio Cerere, oggi Fondazione che annoda il filo con il mondo dell’arte e il Gruppo di San Lorenzo degli anni Ottanta. L’imprinting è quello di Roberto Liorni che ha firmato molte delle ambientazioni gastronomiche della a suon di legno, vetro, marmo e un’impostazione vintage. Per Me Vicolo del Malpasso no. 9 ph. +39 06 6877365 www.giulioterrinoni.it This is the new adventure of the young Roman chef, Giulio Terrinoni (Michelin one-star), who left Acquolina in 2015 to open his own restaurant. “I Tappi” [The Corks] is an original proposal of tasting-size portions to try different specialties at the same time. È la nuova avventura del giovane Chef romano, Giulio Terrinoni (una stella Michelin), che nel 2015 lascia Acquolina per aprire il proprio ristorante. Originale la proposta “I Tappi”, con porzioni degustazioni per provare più specialità in una volta. Pianostrada Via delle Zoccolette, 22 ph. +39 06 89572296 Interesting and never obvious cuisine that will amaze even the most refined palates. Besides the first and second courses, there are also excellent fried delicacies and street food too. Delightful internal courtyard. Cucina mai banale, in grado di stupire anche i palati più raffinati. Oltre ai primi e ai secondi, in menu anche ottime fritture e una lista di proposte street food. Incantevole il cortile interno. Roma | the Eternal City 153

IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

Varcando la soglia di Imàgo, la vista di Roma avvolge quasi fosse un’apparizione, un sogno che conduce il pensiero e il ricordo in un mondo da favola. Una musica soft, pavimenti di marmo con inserti in legno e i giochi di luce diversi per ogni ora del giorno e della sera che si riflettono sui tavoli di specchio creano un’atmosfera unica.
 La cura dei dettagli e dei particolari si riflette nell’arredo come nella cucina, rispecchiando l’esigenza di far sposare fra loro la vista, il gusto, l’olfatto e l’udito, per creare un’esperienza sensoriale unica e ineguagliabile. Jardin de Russie Via del Babuino, 9 ph +39 06 32888870 www.hotelderussie.it Located within the Hotel de Russie, this restaurant is an essential part of our secret garden, where the charming history of old times meets the genie of our two famous Chefs, Fulvio Pierangelini and Nazareno Menghini. This creates a perfect combination where to experience excellent Mediterranean tastes, enjoy the peaceful garden and do some celebrities spotting. Il ristorante dell’ Hotel de Russie è una parte essenziale del nostro giardino segreto, laddove il fascino della storia incontra il genio dei nostri due famosi Chef, Fulvio Pierangelini e Nazareno Menghini. Ciò crea l’ambiente perfetto per gustare eccellenti sapori mediterranei, godere della quiete del giardino e andare a caccia di volti noti. J.K. Cafè – J.K. Place Roma Via di Monte d’Oro, 30 ph +39 06 982634 www.jkroma.com Located in the heart of Rome, just steps from Piazza di Spagna, Via Condotti and all the main sights, J.K. Cafe Lounge, Bar & Restaurant, at JK Place Rome, offers Italian and international specialities. The bar and roof garden are the favourite spots for relaxing in “J.K.” style. Situato nel cuore di Roma, a pochi minuti a piedi da Piazza di Spagna e da Via Condotti e da tutte le principali attrazioni, il J.K. Cafe Lounge, Bar & Restaurant, del JK Place Rome, offre specialità italiane e internazionali. Qui il bar e il roof garden sono i luoghi perfetti per rilassarsi in stile “J.K.”. La Montecarlo Vicolo Savelli, 13 ph +39 06 6861877 www.lamontecarlo.it Located near the Piazza Navona, it offers pizza and wine in a fun and noisy atmosphere. A fa-


IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

Pierluigi Piazza Dè Ricci, 144 ph +39 06 6868717 www.pierluigi.it A stone’s throw from Campo de’ Fiori, recently renewed, this traditional restaurant has always kept its quality at the highest standards. Pierluigi’s menu is a unique combination between earth and sea, however, the owner Roberto enjoys mixing these two sides of Italian cuisine. With the amazing little piazza just for them during the summer, this restaurant ensures an extraordinary culinary experience. A pochi passi da Campo de’ Fiori, recentemente ristrutturato, questo ristorante tradizionale ha sempre mantenuto alto lo standard di qualità. Il menù di Pierluigi è una ricca proposta di piatti mare e terra, anche se il proprietario Roberto ama mescolare questi due aspetti della cucina italiana. Con una deliziosa piazzetta riservata al ristorante in estate, Pierluigi rappresenta una straordinaria esperienza gastronomica. Renato e Luisa Quelli della Taverna Via dei Barbieri, 25 ph +39 06 6869660 www.renatoeluisa.it A cosy restaurant which loves to adapt traditional Roman cuisine making it lighter and tastier. At Renato e Luisa they use seasonal products and it is always possible to try a new dish accompanied by homemade bread, breadsticks or desserts. Un ristorante accogliente che ama rivisitare i piatti della tradizione romana rendendoli più leggeri e gustosi. Attraverso la scelta di prodotti stagionali, da Renato e Luisa è possibile gustare sempre un nuovo piatto accompagnato da pane, grissini o dolci fatti in casa. Ristorante Girarrosto Fiorentino Via Sicilia, 46 ph. +39 06 42880660 www.girarrostofiorentino.it The giant grill on view in the fireplace is the throbbing heart of the restaurant. It is a warm and welcoming place, but also somewhat exclusive. Plates are freshly prepared under the gaze of the guests. The steak tartare is excellent. La grande griglia a vista del camino è il cuore pulsante del locale. Un luogo conviviale e accogliente, ma al tempo stesso ricercato. Piatti espressi preparati davanti agli occhi degli ospiti. Ottima la steak-tartare. 154 Roma | the Eternal City

Roscioli Via dei Giubbonari, 21/22 ph +39 06 6875287 www.salumeriaroscioli.it Roscioli is a restaurant, gourmet shop, deli and wine bar all rolled into one. A multipurpose gourmet shop, an unusual restaurant where the quality of the raw material is the key factor. An ideal spot for gourmet food fans from around the world. Roscioli è insieme ristorante, una gastronomia, una salumeria e un wine bar. Una gastronomia polifunzionale, un ristorante atipico, dove la qualità delle materie prime è la parola d’ordine. Il luogo ideale per gli appassionati di gastronomia di tutto il mondo. Sangallo ai Coronari Via dei Coronari, 180 ph +39 06 68134055 www.ristorantesangallo.it Located in one of the most picturesque areas of the city, it serves very high quality Mediterranean cuisine and boasts a cellar with more than 350 labels. The rooms on the first floor can accommodate banquets and receptions. Situato in una delle zone più pittoresche della città, propone cucina mediterranea di alto livello e vanta una cantina con più di 350 etichette. Le sale al primo piano possono ospitare banchetti e ricevimenti. Tartufi and Friends Via Borgognona, 4/E ph +39 06 6794980 www.tartufiandfriends.it A unique venue with the dual aim of presenting truffles in combination with excellent Italian food either at the table in a quest for something exquisite, or a quick ‘take away’ meal in the form of gourmet sandwiches, all wrapped in old-world refined charm and affordable for everyone. Un locale unico nel suo genere, che si pone il duplice obiettivo di presentare il pregiato tartufo in abbinamento alle eccellenze alimentari italiane sia attraverso un pasto seduto alla ricerca di qualcosa di squisito sia con un pasto veloce ‘take away’ sotto forma di panini gourmet, il tutto avvolto in un’atmosfera dal sapore antico e raffinato alla portata di tutti. Taverna Trilussa Via del Politeama, 23/25 ph +39 06 5818918 A family-run, typically Roman trattoria with a pleasant, informal atmosphere, situated right in the heart of Trastevere. Rome’s most famous dish are

the “Bucatini all’ Amatriciana”, thick spaghetti with tomato sauce, bacon and Pecorino cheese but once there you should not miss to try the “Ravioli Mimosa” which taste will enchant you! The recipe is still secret… Una tipica trattoria romana a conduzione familiare con un’atmosfera piacevole e informale, situata nel cuore di Trastevere.. Il piatto romano più famoso è bucatini all’ amatriciana, spaghetti grossi con salsa di pomodoro, pancetta e pecorino, ma assaggiate i ravioli mimosa, il sapore vi conquisterà! La ricetta è ancora segreta... Terrazza Borromini Via di Santa Maria dell’Anima, 30 ph. +39 06 68215459 www.terrazzaborromini.com On the 4th floor of the historic Palazzo Pamphilj, in elegant dining rooms overlooking Piazza Navona and a magnificent terrace, a restaurant inspired by Roman cuisine creates harmonious combinations of seasonal flavors. Al quarto piano dello storico Palazzo Pamphilj, in eleganti sale affacciate su piazza Navona e su una magnifica terrazza, un ristorante che ispirandosi alla cucina romana crea armoniose combinazioni di sapori stagionali. Tullio Via di S. Nicola da Tolentino, 26 ph +39 06 4745560 www.tullioristorante.it This traditional family run restaurant is centrally located downtown area, just off the Piazza Barberini. The best in town for the typical “bistecca Fiorentina” , their menu also offers a variety of Italian seasonal specialities and fresh fish. Large “collectors” selection of Italian and imported wines. Questo tradizionale ristorante a conduzione familiare è situato in pieno centro, vicino a Piazza Barberini. E’ il migliore ristorante della città per la bistecca alla fiorentina e il menù offre vari piatti tipici italiani e stagionali. Una ricca carta di vini da “collezionisti”, italiani e stranieri. Vivendo - The St. Regis Rome Via Orlando V. Emanuele, 3 ph +39 06 47092736 www.ristorantevivendo.it A sophisticated environment set in a contemporary atmosphere. The furniture is in 1930s/1940s style, in an ambiance that is in-

formal yet refined, ideal for a romantic evening or a family dinner. The culinary art of chef Francesco Donatelli proposes local dishes in a combination of aromas and intense fragrances. Un ambiente sofisticato immerso in un’atmosfera contemporanea. L’arredamento presenta uno stile anni ‘30 e ‘40, in un ambiente informale e al contempo raffinato, ideale per una serata romantica e una cena in famiglia. L’arte culinaria dello Chef Francesco Donatelli propone sapori locali. Yugo Largo Angelicum, 2 ph. +39 06 6794549 www.yugofusionbar.com Eclectic fusion restaurant of the two-star Michelin chef Anthony Genovese, who has chosen Andrea Massari as his resident chef. Excellent Italian raw ingredients and Asian preparation techniques. In the summer he ups the ante with the Terrazza San Pancrazio, featuring a raw bar and sushi combined with cocktails of the house. L’eclettico ristorante fusion dello chef due stelle Michelin Anthony Genovese, che ha scelto come resident Chef Andrea Massari. Grandi materie prime italiane e tecniche di preparazione asiatiche. In estate raddoppia con la Terrazza San Pancrazio, con raw bar e sushi uniti ai cocktail d’autore. Zuma Palazzo Fendi Via della Fontanella di Borghese, 48 ph. +39 06 99266622 www.zumarestaurant.com World famous chef Rainer Becker has made his debut in Italy, opening his new restaurant in the beautiful setting of Palazzo Fendi. Impeccable service, izakaya cooking and breathtaking views. Lo Chef di fama mondiale Rainer Becker ha debuttato in Italia aprendo il suo nuovo ristorante nella bellissima cornice di Palazzo Fendi. Servizio impeccabile, cucina izakaya e vista mozzafiato.


Profile for Gruppo Editoriale srl

Roma The Eternal City n.14  

Roma The Eternal City n.14  

Advertisement