Page 1

Gruppo Editoriale

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

5,00 free copy

n.25 winter 2013 y n a c s u t n i e d a m

Gruppo Editoriale

cover story Filippo Timi Fashion s/s 2013 | More is less INTERVIEWS Carlo verdone | Kerry Kennedy | Gabriele Corcos Fashion Ermanno Scervino | Chanel | Fashion Streets art un anno ad arte | cindy sherman | Tuscany monasteries


Gruppo Editoriale

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

5,00 free copy

n.25 winter 2013 y n a c s u t n i e d a m

Gruppo Editoriale

cover story Filippo Timi Fashion s/s 2013 | More is less INTERVIEWS Carlo verdone | Kerry Kennedy | Gabriele Corcos Fashion Ermanno Scervino | Chanel | Fashion Streets art un anno ad arte | cindy sherman | Tuscany monasteries


www.royrogers.it


FOTO DI CLAUDIO MINENTI

FIRENZE - ROMA - MILANO - FORTE DEI MARMI - PORTO ROTONDO - CORTINA D’AMPEZZO www.falierosarti.com


Collezione Villeret

Quantième Annuel GMT Calendario annuale Doppio fuso orario Correttori sotto le anse Rif. 6670-3642-55B

www.blancpain.com


104

94

74

25

Winter in this issue

COVER STORY Filippo Timi Quando tutto ebbe inizio When it all began by Teresa Favi

82

save as Flo Exhibition Tuscan Exhibition Pop Music & Theatre Food Book

36 38 40 42 44 46

people 24 Dinamitri Jazz Folklore Con il fuoco dentro With Fire Inside 26 Francesca Romana Correale Cuore di donna The Heart of a Woman 28 Leone Pecchioli Ceramica per passione For the Love of Ceramics 30 Andrea Mati Il compositore vivaista The Composing Nurseryman 32 Alessandro Filomena Classico con... sorpresa Classic with... surpise

movie, theatre & music

Le mie Radici My roots by Giovanni Bogani

86 carlo verdone

49 94 98 100 104 114 118 122 132

Fashion It object Ermanno Scervino Cuore fiorentino Florentine heart by Teresa Favi Eduardo Wongvalle Lusso sussurrato Whispered elegance by Marta Innocenti Ciulli Chanel La petite veste noire The Little Black Jacket by Marta Innocenti Ciulli Shooting More is less by Marta Innocenti Ciulli Shopping Le vie della moda The streets of fashion by Alessandra Lucarelli Young designer Style-Ă -porter by Alessandra Lucarelli Future Story Building by Felice Limosani Jewels Reazione a catena Chain reaction

Must Have Shoes 127 Bags 128 Bijoux 129 Trends 131 Man 125


118

146

150

25

Winter in this issue

art, design & culture

74

Reportage

Five emotionts by Cristina Acidini 90

Kerry Kennedy

In prima linea

At the front line by Teresa Favi 134

Palazzo Strozzi

Vederli insieme

Seeing them together by Francesca Lombardi 138

Un anno d’arte

Una stagione dolcissima

A very sweet season by Francesca Lombardi 142

Cindy Sherman

Nei panni di una bionda

In the shoes of a blonde by Francesca Lombardi 146

To look, love and dream by Francesca Lombardi

Monasteri

Silenzio...

Silence... by Guido Parigi Bini 156

158

Antinori

Terza dimensione

Third Dimension

162 Gabriele Corcos

Toscani nel mondo

Tuscans in the world by Agnese Pellucci

166

Taste

Indirizzi da gourmet

Gourmet addresses by Teresa Favi

172

Itinerary

Eclettico tortello

Eclectic ‘tortello’ by Paolo Pellegrini

shot on site

tuscany Guide

Photography

Guardare, amare e sognare

150

wine & food

Discendent

Il Rinascimento Fiorentino

Florentine Renaissance by Domenico Savini

61, 177

188

Hotels

189

Guide

194 Best of


tuscany.com

adein www.firenzem

m

a

d

e

i

n

t

u

sc

a

n

y

QUARTERLY fashion, art, event and lifestyle magazine publisher

FM publishing srl Gianluca Fontani, Luca Gori, Ori Kafri, Alex Vittorio Lana, Matteo Parigi Bini t

h

e

d

i

v

i

n

e co

a

st

m

a

d

e

i

n

t

u

sc

a

n

y

m

a

d

e

i

n

ve

n

eto

editor in chief

Matteo Parigi Bini fashion director

Marta Innocenti Ciulli co-editor Guido Parigi Bini managing editor

Teresa Favi, Francesca Lombardi editor

Sabrina Bozzoni, Matteo Grazzini, Alessandra Lucarelli contributors

Cristina Acidini, Mauro Agnoletti, Giovanni Bogani, Ilaria Ciuti, Cesare Maria Cunaccia, Giovanni Gentile, Felice Limosani, Linda Loppa, Gianni Mercatali, Mila Montagni, Elena Moretti, Paolo Pellegrini, Agnese Pellucci Domenico Savini, Elisabetta Vagaggini, Monica Zanfini photographers

Archivio Alinari, Lucia Baldini, Carlotta Bertelli, Lorenzo Cotrozzi, Francesco Escalar (cover), Gildardo Gallo, Dario Garofalo, Carlo Gianni, Massimo Listri, Ruggero Lupo Mengoni, Alessandro Moggi, Luca Moggi, Marco Mori, New Press Photo, Officine Fotografiche art editors

Chiara Bini, Alessandro Patrizi translations

Tessa Conticelli, Caroline Elo, Ernest Vaudry, Annalisa Villoresi advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

Elisabetta Capecchi, Ilaria Marini, Alessandra Nardelli, Monica Offidani editorial office

via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 fax +39.0574.730204 - redazione@gruppoeditoriale.com branch

N. Bayshore Dr. #1101 - FL 33137 - Miami 2000 - Usa ph +1.305.213-9397 fax +1.305.573-3020 società editrice

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - fax +39.0574.730204 www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Registrazione Tribunale di Prato - n° 9/2006 del 15.12.2006 Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, lettera b – legge 662/96 – Filiale di Firenze - Contiene IP stampa

Baroni & Gori - Prato (Symbol Freelife Gloss Premium White) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl


contributors

Cristina Acidini. Dal 1981 è Funzionario storico dell’arte del Ministero per i Beni Culturali. Dal 1 Ottobre 2006 è Soprintendente del Polo Museale Fiorentino e, ad interim, dell’Opificio delle Pietre Dure. Ha diretto restauri di grande importanza e ha pubblicato numerosi studi attinenti il Rinascimento. Cristina Acidini. She has been serving as Art Historian for the Ministry of National Heritage and Culture since 1981. Superintendent of Florence’s State Museums and temporary Superintendent of the Opificio delle Pietre Dure on October 1st 2006. She supervised restororation works and she published many studies on Italian Renaissance. Giovanni Bogani, giornalista, scrive dai festival di Berlino, Cannes, Venezia e Roma per il quotidiano La Nazione e per i siti web www.affaritaliani.it e www.cinecitta.it. Ha collaborato con le riviste italo/americane Us Italia e ItalyAmerica. Giovanni Bogani, a journalist, he writes about the cinema festivals of Berlin, Cannes, Venice and Rome for the newspaper La Nazione and for websites www.affaritaliani.it and www.cinecitta.it. He has collaborated with the Italian-American magazines “US Italia” and “ItalyAmerica”americane Us Italia e ItalyAmerica. Ilaria Ciuti, scrive su Repubblica dal 1988 (redazione di Firenze). Si occupa dai temi dell’ambiente a quelli del traffico, economia, cultura, fenomeni sociali e moda. Viaggia in bicicletta, ha una figlia di ventidue anni, ha sempre vissuto a Firenze. Ilaria Ciuti has been writing for Repubblica (Florentine staff). She deals with matters ranging from environment to traffic, economy, culture, social phenomena and fashion. She travels by bike, has a twenty-two year old daughter and has always been living in Florence. Cesare Maria Cunaccia, giornalista, critico, docente e curatore si occupa prevalentemente di arte, antiquariato e costume. Collabora regolarmente con prestigiosi magazines italiani e stranieri quali Vogue Italia, AD, Style e quotidiani come Libero e Milano Finanza. Cesare Maria Cunaccia. Journalist, critic, teacher and curator, he mostly deals with art, antiques and social issues. He collaborates with prestigious Italian and foreign magazines such as Vogue Italia, AD Italia, and newspapers like Libero and Milano Finanza. Eva Desiderio, romana ma ormai fiorentinissima, caporedattore di Quotidiano Nazionale - La Nazione, Il Resto del Carlino, Il Giorno - da venti anni inviato di costume e moda nel mondo. Conosce molto bene Firenze e i suoi protagonisti. Eva Desiderio. Born in Rome, but now totally Florentine, is managing editor of Quotidiano Nazionale - La Nazione, Il Resto del Carlino, Il Giorno - she has been a fashion correspondent for the last twenty years. She knows Florence and its protagonists very well. Marta Innocenti Ciulli, 38 anni di moda, di cui 20 passati come direttore di testate internazionali con un unico soggetto: moda e tendenze. Un lavoro-passione che le ha corrisposto profondamente. Ama i suoi figli, la casa e il lavoro, la fotografia, il cinema. Marta Innocenti Ciulli, 38 four years in the fashion business, of which twenty spent as editor in chief of international magazines specialized in fashion and trends. A job and a passion just right for her. She loves her children, home, job, photography and movies.


contributors

Felice Limosani. Creative director. Artista con installazioni per l’Unesco, Triennale di Milano, Mies Van der Rohe Pavilion di Barcellona, Sketch Gallery, Accademia di Francia. Video Artista premiato al 63° Festival del Cinema di Cannes. Digital Storyteller per il Future Concept Lab del sociologo Francesco Morace. Felice Limosani. Creative director. The artist with installations for UNESCO, Triennale di Milano, Mies Van der Rohe Pavilion, Sketch Gallery, Accademia di Francia, Artist Video awarded at the 63rd Cannes Film Festival, Digital Storyteller for the Future Concept Lab of sociologist Francesco Morace.

Massimo Listri, fotografo, vive a Firenze, collabora con continuità alle riviste AD e Fmr e con frequenza a molti periodici stranieri, tra cui Connaissance des Arts e L’Eœil. Ha pubblicato oltre 60 libri di arte e alta architettura. Massimo Listri, photographer, lives in Florence and collaborates with the magazines AD and FMR and frequently with many international magazines such as Connaissance des Arts and L’Eoeil. He has written over thirty art and architecture books. Linda Loppa, belga, 40 anni di moda, figura chiave all’Accademia di Anversa e fondatrice del Flanders Fashion Institute e del Fashion Museum MoMu. Un lavoro-passione che la porta oggi in Italia alla direzione del noto istituto Polimoda. Linda Loppa, from Belgium, 40 years spent in the fashion world, a key figure of the Academy of Antwerp and founder of the Flanders Fashion Institute and Fashion Museum MoMu. A job-passion which led her to Italy as the current director of the well-known Polimoda Institute. Gianni Mercatali, esperto di comunicazione, giornalista pubblicista, bon vivant, appassionato di enogastronomia. Osservatore dei comportamenti sociali, coltiva un amore tenace per la cultura nazionalpopolare, in particolare dei mitici anni ‘60. Gianni Mercatali, communication expert, journalist, “bon vivant”, food-and-wine lover. As a social behaviour observer, he cultivates a strong passion for national-popular culture, in particular for the legendary sixties. Paolo Pellegrini lavora a La Nazione, dove si occupa di cultura, spettacoli ed enogastronomia. E’ nato e vive nel Chianti, e certamente deve al fascino di questa meravigliosa terra, l’amore per il bello, il buono e tutto quello che racconta la storia dell’uomo legato al proprio territorio. Paolo Pellegrini works for La Nazione where he writes about culture, shows, food and wine. He was born and lives in the Chianti area and he certainly owes to this wonderful land the passion for beauty, goodness. Domenico Savini, storico delle famiglie fiorentine, esperto di araldica e genealogia, collabora con importanti istituti e con riviste specializzate sulla materia. Tiene periodicamente conferenze sull’argomento. Vive e lavora a Firenze. Domenico Savini, historian and expert in heraldry and genealogy, collaborates with important institutes and specialized magazines. Domenico periodically holds conferences on the subject. He lives and works in Florence.


Boutique Via della Vigna Nuova 15r Firenze


flo people

ntro e d o c o u f l i n Co e Inside With Fir

text Sabrina Bozzoni

“La società delle maschere”, un viaggio intorno all’essenza del suono. in breve come, dove e quando? Come: attenzione alle sfumature e alle profondita’, dove: da Livorno all’africa fino al cosmo, quando: fino a quando ci sarà modo di divertirci suonando. Sette musicisti capaci di generare suggestioni senza frontiere. che cosa vi accomuna? A parte il fatto che ci lega grande amicizia, la voglia di condividere musica insieme Dinamitri Jazz Folklore, tutti toscani. I vostri luoghi del cuore? indubbiamente Livorno e poi Firenze e il su crocevia di culture, luoghi, persone L’orgoglio più grande? 13 anni ricchi di soddisfazioni, grandi sacrifici, gran voglia di fare musica, e incontri incredibili come Tony Scott o Amiri Baraka 3 brani della storia della musica che vi mettono tutti d’accordo “Congo” di Duke Ellington, “Expensive shit” di Fela Kuti e “Ansari” dell’Ensemble Tartit Uno strumento musicale per accompagnare ognuno di questi elementi: terra, acqua, fuoco, aria. Chitarra, violino, sax baritono e sax sopranino e organo hammond Dove possiamo vedervi nei prossimi tre mesi? Sicuramente a Firenze, tra febbraio e marzo, all’Auditorium Flog.

Dinamitri Jazz Folklore. Da poco usciti con il loro ultimo lavoro “La società delle maschere”, una delle realtà più originali del jazz italiano. Dinamitri Jazz Folklore recently came out with their latest work “La società delle maschere”. One of the most original groups of Italian jazz. 24 Firenze | Tuscany

“La società delle maschere”, a journey into the essence of sound. Briefly, how, where and when? How: attention to nuances and to depth, where: from Livorno to Africa and beyond-the universe, when: until it is possbile for us to still enjoy playing together Seven musicians capable of hypnotizing an audience without limits. What unites you? Aside from the fact that we are great friends, the desire to share music together, Dinamitri Jazz Folklore, all Tuscan. Your favorite places? Undoubtedly Livorno and then Florence with its crossroads of culture, places, and people Your greatest source of pride? 13 satisfying years, great sacrifices, a strong desire to make music, and incredible encounters with the likes of Tony Scott and Amiri Baraka 3 songs from the history of music that you all agree on? “Congo” by Duke Ellington, “Expensive shit” by Fela Kuti and “Ansari” by Ensemble Tartit A musical instrument to accompany each of these elements: earth, water, fire, and air? Guitar, violin, baritone and sopranino sax and hammond organ Where can we see you in the next three months? Definitely in Florence at the Flog Auditorium, between February and March.


PATRIZIAPEPE.COM

VIA STROZZI 11/19 R 路 PIAZZA SAN GIOVANNI 12 R


flo people

i doWnonmaan CuoHeraerd t of a The

text Sabrina Bozzoni

Il primo pensiero di questa mattina? L’inaugurazione del mio studio a Stoccolma a metà gennaio Le sue borse sono disegnate e pensate da lei. In che cosa le assomigliano di più? Nell’amore per la purezza delle linee eleganti senza fronzoli. La citazione che ha fatto sua? La moda High-end ha come dovere creare oggetti che hanno un ciclo naturale di vita all’interno delle famiglie, viaggiando da una generazione a un’altra. Moda: mai senza? Non esiste il concetto del “mai senza”. Moda è stile, è personalità e Dna. A chi disegnerebbe un accessorio nei suoi sogni? A Yoko Ono Il valore dell’artigianato in Toscana? È tutto. È’ il valore assoluto. La tradizione che continua. È la ragion d’essere della parola lusso Che cosa le andrebbe da mangiare oggi? Pici e bistecca fiorentina Un esempio di stile attraverso un film? Nuovo Cinema Paradiso Progetti per il futuro e l’orgoglio più grande del suo passato? Una Romana Correale completamente e totalmente in concia vegetale. Aver disegnato e concepito una shopper nel 2008 che ancora detta stile.

Francesca Romana Correale, suo l’omonimo brand di pelletteria interamente realizzato in toscana artigianalmente. Passione, amore e femminilità le chiavi vincenti Francesca Romana Correale, a brand of leather goods named after its creator and handmade entirely in Tuscany. Passion, love and femininity, a winning combination Your first thought this morning?

The inauguration of my new studio in Stockholm this January Your purses are conceived and designed by you. How do they most resemble you? In their love for the purity of elegant lines without frippery A quote that you live by? High end fashion’s duty is to create objects that have a natural life cycle within the family, traveling from one generation to the next. Fashion: never without? The concept “never without” does not exist in my book. Fashion is style; it is personality and DNA. In your dreams for whom would you like to design an accessory? For Yoko Ono What is the value of craftsmanship in Tuscany? It is everything. It is an absolute value. A tradition that continues. It is the reason the word “luxury” still exists. What would you like to eat today? Pici pasta and and steak alla Fiorentina An example of style through film? New Cinema Paradiso Future projects and what you are most proud of? A Romana Correale completely and totally vegetable tanned. Having conceived and designed a shopping bag in 2008 that is still considered stylish.

26 Firenze | Tuscany


firenze

.

ViA MOnALDA 8

W W W. b O n p O i n t. c O M


flo people

ne o i s s a p r e p a c Cerami Ceramics ove of For the L

text Sabrina Bozzoni

Il fil rouge che lega la storia con la realtà della Pecchioli? Determinazione, amore per le cose belle e un pizzico di fortuna! L’insegnamento più grande di suo nonno Franco, fondatore dell’azienda? Lasciare a fine giornata la scrivania perfettamente vuota e pronta per l’indomani. Una ceramica dove risiede il suo ricordo più bello della sua infanzia? I decori floreali del bagno della casa al mare progettata dall’architetto Gamberini per i miei nonni Leone e il suo tempo libero? Le mie due figlie di 1 e 3 anni sono il mio tempo libero! Una giornata a Firenze, che cosa ha da consigliarci? Ho sempre amato e consiglio il Forte Belvedere e il giardino di Boboli Oggi è uno degli eredi a capo della Pecchioli, progetti per un futuro prossimo? Portare il Made in Tuscany sempre più lontano e sempre grazie a rapporti personali La sua personale idea di lusso? Qualcosa di cui non possiamo assolutamente fare a meno, come insegna Oscar Wilde Con quale parola vorrebbe finire questa intervista? Ogni fine è un nuovo inizio.

Leone Pecchioli. Nipote di quel Franco Pecchioli che nel 1939 aprì il primo negozio di piastrelle a Firenze, oggi erede della Pecchioli e Chini Leone Pecchioli. Grandson of Franco Pecchioli, who opened the first store to sell tiles in Florence in 1939; today heir to the Pecchioli and Chini 28 Firenze | Tuscany

The recurring theme that connects history to the reality of the Pecchioli family? Determination, love for beautiful things and a little bit of luck! The greatest teaching of Signor Franco, your grandfather and founder of the business? It may sound banal, but it isn’t: leaving his desk perfectly clean at the end of the day, and always ready for the next day A ceramic that holds your dearest childhood memory? The floral decorations designed by the architect Gamberini for my grandparents, for the bathroom of their beach house Leone and his pastimes? My 1 and 3 year old daughters are my pastimes! YA day in Florence, what would you recommend to us? I have always loved and recommend Forte Belvedere and the Boboli Gardens Today you are one of the heirs and the head of Pecchioli, plans for the near future? To take Made in Tuscany as far abroad as possible and thanks to personal relations Your personal idea of luxury? Something that we absolutely cannot do without, according to Oscar Wilde’s teaching From where do your greatest inspirations come? Always from the reality that surrounds us With what closing words would you like to end this interview? Every ending is a new beginning


flo people

sta i a v i v e r o t i s o an Il comp Nurserym g

sin The Compo

text Teresa Favi

Come fa a fare tante cose così diverse e tutte al top? Con tanta volontà e passione, svegliandomi ogni mattina alle 6, andando a dormire molto presto, niente televisione, solo radio. La matrice della sua passione per la musica? Una straordinaria professoressa di musica alle medie. Il primo pensiero di questa mattina? Il nuovo disco che ho realizzato con venticinque musicisti nel teatro della Villa di Celle a Montale, vicino Pistoia, proprietà di Giuliano Gori, tra i più grandi collezionisti d’arte contemporanea, ma soprattutto grande amico. L’opera d’arte che più la rappresenta? L’Annunciazione di Leonardo da Vinci che si trova agli Uffizi. Una fusione mistica di geometria e genio. L’incontro più emozionante? Con Luciano Berio. Mi chiamò nel ’99 per il giardino a Radicondoli, dov’era il suo buen retiro. Lui amava parlare solo di verde, io solo di musica. Il prossimo progetto musicale? Uno spettacolo che mettarà in connessione l’arte musicale e l’arte dei giardini. La più bella fusione di musica e natura in Toscana? Il lago di Massacciuccoli a Torre del Lago vicino a Viareggio, luogo icona del grande compositore Giacomo Puccini. Il più bel giardino? Le cito quello della Villa Medicea di Castello, a pochi km dal centro di Firenze, perché bellissimo e sconosciuto.

Andrea Mati, 52 anni. Segni particolari: progettare giardini dal suo vivaio di Pistoia, comporre splendida musica, aiutare chi è in difficoltà Andrea Mati, 52 years old. Distinguishing characteristics: designing gardens at his nursery in Pistoia, composing wonderful music, and helping those in need 30 Firenze | Tuscany

How can you do all these different things and still be at the top? With willpower and passion, waking up at 6 am every morning, and going to bed early, no TV, only radio The origin of your passion for music? A great music teacher that I had in middle school. Your first thought this morning? The new cd that I have recorded with 25 musicians at the theater of Villa di Celle in Montale, near Pistoia, owned by Giuliano Gori, a great art collector, but above all a great friend The work of art that best represents you? Leonardo da Vinci’s Annunciazione at theUffizi Gallery. A mystic fusion of geometry and genius Your most thrilling encounter? With Luciano Berio. He called me in ’99 for the garden in Radicondoli, the location of his quiet retreat. He loved talking about nature, and I about music. Your next musical project? A performance that connects the musical arts with the gardening arts The most beautiful fusion of music and nature in Tuscany? The lake of Massacciuccoli in Torre del Lago near Viareggio, an iconic place connected with Giacomo Puccini, the great composer The most beautiful garden? I would say the Villa Medicea in Castello, just a few kilometers outside the center of Florence, because it is beautiful and not so well known


Boutique Gianfranco Lotti : Firenze, Via della Vigna Nuova 45r - tel.+39 55 211301 www.gianfrancolotti.com


flo people

resa p r o s . . . n o c o Classic . surpise ith.. Classic w

text Teresa Favi

Il suo piatto preferito a dodici anni? Gli gnocchi di patate al pomodoro di mia nonna Cornelia. Non entra mai nella sua cucina? Il dado. Passioni lontano dai fornelli. Amo il mare, soprattutto la vela. Il suo mito in cucina? Auguste Escoffier, il padre della moderna ristorazione. Il banco di prova di uno chef? Saper cucinare le uova. Una curiosità della sua professione che in pochi conoscono? L’origine della foggia del cappello degli chef. Nell’Ottocento, in Francia, il numero di becchi del cappello, corrispondeva al numero dei modi con cui uno chef riusciva a cucinare le uova. C’era chi aveva raggiunto addirittura i 100 becchi. Cibo per l’anima? I miei viaggi in Asia fatti di assaggi di ogni tipo di cibo di strada. L’eleganza ai fornelli? L’equilibrio armonico di sapori e consistenze. Un cliente le dice, mi porti il suo piatto migliore? Fegatello toscano, risotto con cicale e pistilli di zafferano, maialino al forno, nuvola di formaggio leggero ai cantuccini e vin santo. Alessandro Filomena, appassionato chef del ristorante Un grazie a? Il Barretto di Firenze (un angolo di Versilia in città) Quel maestro che mi ha fatto studiare le basi della cucina classica.

Alessandro Filomena, spirited chef of the restaurtant Il Barretto in Florence (a little piece of Versilia in the city) Your favorite food when you were 12 years old?

Potato Gnocchi with my grandmother Cornelia’s tomato sauce What would you never use in your kitchen? A stock cube Your passion away from the kitchen range? I love the sea, especially sailing Whom do you consider a legend in the kitchen? Auguste Escoffier, the father of modern catering A chef’s test bench? Knowing how to cook eggs A quirk of your profession that few know about? The origin of the shape of a chef’s hat. In nineteenth-century France, the number of pleats in a hat signified the number of ways a chef knew how to cook an egg. There were even chefs who had as many as one hundred pleats in their hat. Soul food? My trips to Asia, tasting all sorts of food sold by street vendors Elegance at the kitchen range? A harmonic equilibrium between flavours and textures A client asks you, could you bring me your favorite dish? Tuscan liver pâté, risotto with mantis shrimp and safron, oven roasted piglet, a cloud of light cheese in cantuccini and vin santo Thanks to? That teacher who had me study the basics of classic cuisine.

32 Firenze | Tuscany


ph. alessandrobencini.com

Firenze, Forte dei Marmi, Milano, Parigi www.angelacaputi.com


save as flo exhibition

Arte arte arte art, art, art text Alessandra Lucarelli

Aria Art Gallery

Libreria Brac

Museo degli Argenti

M. Nazionale Alinari

Galleria degli Uffizi Museo Alinari

36 Firenze | Tuscany

GENNAIO Quattro le grandi opening, in contemporanea con Pitti Uomo. Al Museo Nazionale Alinari della Fotografia A message for you, mostra dedicata a Guy Bourdin uno degli autori più interessanti del panorama artistico e fotografico del XX secolo (dal 10 gennaio al 10 marzo). Al Gucci Museo, Early Works, una personale di Cindy Sherman, artista, fotografa e regista statunitense, conosciuta per i suoi self-portrait. Alla Aria Art Gallery, Itinere: viaggio di tre artisti - Mustafa Sabbagh, Drusilla Foer e Sara Bencini nei rispettivi ruoli di fotografo, musa e jewelry maker - verso l’inconscio. Un’opera a sei mani scandita dall’importante contributo dello stylist Simone Valsecchi. Fino January Four openings during the Pitti Uomo. At the Museo Nazionale Alinari of Photography A message for you, dedicated to Guy Bourdin, one of the most interesting artist of the art photography of the XX century (from January 10 through March 10). At the Gucci Museum, Early Works, a solo exhibition dedicated to Cindy Sherman, the American artist, photographer and director known for her selfportraits. At the Aria Art Gallery, , Itinere: the journey of three artists towards the unconscious Mustafa Sabbagh, Drusilla Foer and Sara Bencini respectively the photographer, the muse and the jewelry maker. A work enriched by the precious contribution of the stylist Simone Valsecchi. At the Galleria Moretti Stolen legs, the seduction which is fixed and made eternal, the glimpse of the photographer Giores on the femminine universe, until January 18.

al 17 marzo. Alla Galleria Moretti a fuoco l’intenso scambio artistico Stolen legs, la seduzione fissata e resa tra i grandi pittori e scultori spagnoeterna, lo sguardo del fotografo Gio- li e gli artisti fiorentini e italiani del res sull’universo femminile, fino al Rinascimento inoltrato. Al Museo 18 gennaio. In tempo fino al 27 del degli Argenti Lusso ed eleganza. La mese per Anni Trenta. Arti in Italia porcellana francese a corte e la manioltre il fascismo a Palazzo Strozzi e fattura Ginori (1800 – 1830), dedicata Francis Bacon e la condizione esisten- al primo trentennio di attività della ziale nell’arte contemporanea al CCC manifattura Ginori di Doccia, dal 19 Strozzina. marzo al 23 giugno. Con Nello splenFEBBRAIO dore mediceo. Papa Leone X e Firenze Brac’s Art on table, la mostra orizzon- (26 marzo - 6 ottobre), il Museo delle tale della Libreria Brac, è dedicata Cappelle Medicee ricorda l’incoroalle foto di Paola Neri, artista che la- nazione del primo pontefice di casa vora con molti mezzi espressivi che Medici, Giovanni figlio di Lorenzo il affida adesso alla fotografia lo scor- Magnifico. A Palazzo Strozzi, La prirere del tempo e il sentimento dello mavera del Rinascimento. La Scultura e spazio. Fino al 2. le arti a Firenze 1400-1460: la mostra MARZO illustra la genesi di quello che ancora Inaugurano le grandi mostre di Un oggi si definisce il “miracolo” del Rianno ad arte. Alla Galnascimento a Firenze, leria degli Uffizi, Norsoprattutto attraverso ma e capriccio. Spagnocapolavori di scultura, li in Italia agli esordi l’arte che per prima se della maniera moderna ne è fatta interprete. (dal 5 marzo al 26 Dal 23 del mese al 18 maggio), che metterà Le imperdibili agosto 2013. the late Renaissance. Until January 27 the di questo At the Museo degli ‘30s. The arts in Italy inverno Argenti Luxury and beyond Fascism in Elegance. The French Palazzo Strozzi and What you porcelain and the GiFrancis Bacon and the cannot miss nori manufacturing existential condition this winter company (1800 – 1830) of contemporary art at dedicated to the first 30 years of the CCC Strozzina. activity of Ginori di Doccia, from FEBRUARY Brac’s Art on table, at the Brac Li- March 19 through June 23. The brary is dedicated to the pictures show The Medici’s splendor, the Pope of Paola Nieri. The artist, that uses Leon X and Florence (from March various means as espressive forms, 26 through October 6) in the this time is working with photog- Medici’s Chapels Museum is celraphy to express the passing of ebrating the enthronement of the time and the sensation of space. first Medici pope, Giovanni the son of Lorenzo the Magnificent. On show through February 2. In Palazzo Strozzi, the Spring of MARCH At the Uffizi Gallery the big shows the Renaissance. Sculpture and arts of One Year of Art. Norm and tan- in Florence 1400-1460. The show trum. The Spanish artists in Italy and illustrates the birth of what it is the beginning of the modern manner- still defined as the “miracle” of the ism (from march 5 to may 26). The Renaissance in Florence, expecialshow will focus on the big artistic ly through the scuplture, that was exchange between the great Span- the art that first interpreted the ish painters and sculptors and the Renaissance spirit. From march Florentine and Italian artists of 23 to August 18. C


Rrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr8. Nuova Audi R8 con tecnologia di costruzione leggera Audi ultra. Ancora più avanzata, ancora più performante. Un primato raggiunto combinando principi progettuali intelligenti, materiali leggeri innovativi e un nuovo tipo di telaio evoluto: Audi Space Frame, una scocca di soli 210 kg per R8 Coupé e 216 kg per R8 Spyder. Dotata di cambio S tronic a doppia frizione e a 7 rapporti per una guida agile, scattante, sportiva. Potenziata nelle prestazioni e contenuta nel peso. Così la nuova Audi R8 imprime al progresso un’accelerazione improvvisa. www.audi.it Consumo di carburante circuito combinato (l/100km) 12.4 – 14.9; emissioni CO2 (g/km) 289 – 349.

Audi Firenze Via Pratese, 135 Firenze - Tel. 055 46 50 351


save as tuscan exhibition

Aspettando la primavera

Waiting for spring text Francesca Lombardi

Centro Pecci

Galleria Continua

Lu.C.C.A

Palazzo Blu

Museo Tessuto Museodel Alinari

38 Firenze | Tuscany

Gennaio Fino a marzo 2013 il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato presenta la mostra Tryggering Reality. Nuove condizioni per l’arte e l’architettura in Olanda. Atelier Van Lieshout, Boundary Unlimited, DUS architects, Haas & Hahn, Nicoline Van Harskamp, Anne Holtrop / Bas Princen, Wouter Klein Velderman, Krijn de Koning, NIO Architects, ONIX sono gli architetti e gli artisti autori delle opere e delle installazioni che raccontano una condizione percepita e allo stesso tempo affrontata da entrambe le categorie. La mostra riflette sulla capacità di tracciare un orizzonte di proJanuary Showing until March 2013 at Prato’s Luigi Pecci Center for Contemporary Art is the exhibition Triggering Reality. New conditions for art and architecture in the Netherlands. Atelier Van Lieshout, Boundary Unlimited, DUS architects, Haas & Hahn, Nicoline Van Harskamp, Anne Holtrop / Bas Princen, Wouter Klein Velderman, Krijn de Koning, NIO Architects, ONIX are the architects and artists who have created the works and installations exploring a condition that they have all felt and dealt with. The exhibition reflects upon the capability of creating unseen and original works to react to the international crisis. Until May 30, Prato’s Textile Museum goes on an original journey through the history and evolution of contemporary fashion’s most fashion-

duzione inedito e originale come reazione alla crisi internazionale. Fino al 30 maggio il Museo del Tessuto di Prato compie un originale viaggio nella storia e nell’evoluzione della più attuale tendenza della moda contemporanea e allo stesso tempo un omaggio al potere evocativo dello stile di ieri. Questa l’idea innovativa di Vintage. L’irresistibile fascino del vissuto mostra organizzata dalla Fondazione Museo del Tessuto di Prato dedicata al tema del Fashion Vintage. Sempre in provincia di Prato, a Poggio a Caiano Ardengo Soffici. L’Europa in Toscana, fino al 27 gennaio. Esposte 111 opere tra dipinti, disegni e sculture – provenienti da collezioni pubbliche e private – ed eccezionali documenti originali come prime edizioni di libri e riviste. Fino al 27

la mostra Osservatorio di Francesco Pignatelli, organizzata e promossa dall’Associazione San Cristoforo. Proseguono fino a fine gennaio negli espositivi di Galleria Continua di San Gimignano le mostre personali di Ai Weiwei e Giovanni Ozzola. Febbraio Fino al 3 febbraio 2013 le opere di Wassily Kandinsky saranno in esposizione al Palazzo Blu di Pisa in una mostra dal titolo Wassily Kandinsky. Dalla Russia all’Europa. La rassegna ripercorre, attraverso circa cinquanta opere del maestro russo, padre dell’astrattismo, provenienti dal Museo di Stato di San Pietroburgo e da altri importanti musei russi. Sempre fino al 3 febbraio, Vincenzo Balsamo al Lu.C.C.A Center Of Contemporary Art. con la mostra Riscrivere La Natura.

able trend, which Le mostre On show until is also a tribute late January, at the in Toscana to the evocative Continua Gallery power of the styles Art in San Gimignano, of the past. This exhibitions the solo exhibiis the innovative tions by Ai Weiwei in Tuscany idea behind Vinand Giovanni Oztage. The irresistible charm of zola. the past, the exhibition organized by Prato’s Textile Museum February Foundation and devoted to The works by Wassily Kandvintage fashion. insky will be on view at Pisa’s Near Prato, in Poggio a Caiano, Palazzo Blu in the exhibit the exhibition Ardengo Soffici. Wassily Kandinsky. From RusEurope in Tuscany will be show- sia to Europe until February 3, ing until January 27. On view 2013. The exhibition explores are 111 works, including paint- the career of the master of ings, drawings and sculptures Russian painting and father from private and public collec- of abstractionism through tions and extraordinary docu- about fifty works from St. Pements such as the first editions tersburg’s State Museum and of books and magazines. other major Russian museums. Until January 27, the exhibi- Showing until February 3 is tion Osservatorio by Francesco also Vincenzo Balsamo’s exhiPignatelli, organized and pro- bition, Rewriting Nature, at the moted by the San Cristoforo Lu.C.C.A Center Of ContemAssociation. porary Art.


Una nuova era prende forma. Nuova CLS Shooting Brake. La più sportiva tra le coupé è una station wagon. Agilità di guida e linee slanciate alle quali si ispira una nuova idea di design. Spazi esclusivi, dettagli raffinati e materiali pregiati offrono piacere assoluto ad ognuno dei 5 passeggeri. Motore 250 CDI, 2100 Biturbo da 204 CV, per il massimo delle prestazioni senza gli oneri delle auto di lusso. Consumi ciclo combinato (km/l): 9,9 (Classe CLS 63 AMG Performance SB) e 18,9 (Classe CLS 250 CDI SB con cerchi da 18”). Emissioni CO2 (g/km): 235 (Classe CLS 63 AMG Performance SB) e 140 (Classe CLS 250 CDI SB con cerchi da 18”).

La Rotonda S.p.A.

Concessionaria Ufficiale di Vendita Mercedes-Benz AMG Performance Center - Via Curzio Malaparte 10 - Firenze - Tel. 055 30461 Via Giotto 28 - Firenze sud - Tel. 055 6812993 - Via Antonio Caponnetto 21/int, Calenzano - Tel. 055 3980448 www.larotonda.mercedes-benz.it


save as music & theatre

Scelti per voi

Selected for you text Teresa Favi

Alessandro Gassmann

Carlo Cecchi

Die Walküre

Europa Galante

Filippo - Amleto 02 MuseoTimi Alinari

40 Firenze | Tuscany

Gennaio Dall’8 al 13 gennaio, Teatro della Pergola, Firenze, Filippo Timi è Amleto 02. Martedì 15, ore 19, inaugura la stagione 2013 del Maggio Musicale Fiorentino al Teatro Comunale di Firenze, con Die Walküre di Wagner diretta da Zubin Mehta (repliche il 17, 20, 22 gennaio). Venerdì 26, ore 21, Teatro Goldoni, Firenze, La Piccola Arlecchinata di Salieri e La Serva Padrona di Pergolesi, con l’Orchestra da Camera Fiorentina. Dal 29 gennaio al 3 febbario, Pergola di Firenze, Luca Zingaretti è in scena con La Torre d’avorio. January From January 8th to 13th , Teatro della Pergola, Florence, Filippo Timi is Hamlet 02. Tuesday 15, at 7 p.m., the 2013 season of the Maggio Musicale Fiorentino at the Teatro Comunale in Florence, will open with Wagner’s Die Walküre conducted by Zubin Mehta (performances on 17, 20, 22 January). Friday 26, at 9 p.m., Teatro Goldoni, Florence, La Piccola Arlecchinata di Salieri and La Serva Padrona di Pergolesi, with the Orchestra da Camera Fiorentina. From 29 January to 3 February, at the Pergola in Florence, Luca Zingaretti is on stage with La Torre d’avorio. FEBRUARY Sunday 3 at 8:30 p.m. (with repeats on 5, 7, 10), at the Teatro Comunale in Florence, premiers Mozart’s Don Giovanni, directed by Zubin Mehta.The 21, Teatro

di Shakespeare, di e con AlesFEBBRAIO Domenica 3 alle 20.30 (con repli- sandro Gassmann. Domenica che il 5, 7, 10), Teatro Comunale 24, ore 21, Teatro della Pergodi Firenze, prima del Don Giovan- la, Firenze, l’ensamble Europa ni di Mozart, dirige Zubin Mehta. Galante diretta da Fabio Biondi Il 21, Teatro Goldoni di Firenze esegue musiche di Telemann per Short Time II (10 nuove creazio- gli Amici della Musica. Il 27 e 28, ni di 10 giovani coreografi), nel ore 20.30, Chiesa di S. Stefano nuovo allestimento di Maggio- al Ponte (Firenze) Concerto di Danza (anche il 23, 24 e 26). Il 23 Pasqua del Coro del Maggio Mue 24, Teatro del Giglio (Lucca), sicale Fiorentino (Dvorák , Stabat dramma lirico, Napoli Milionaria, Mater). Dal 19 al 24, al Teatro ispirato all’opera di De Filippo, della Pergola, Firenze, Serata a Colono di Elsa Morante con Carlo musiche di Nino Rota. Cecchi, regia di Mario Marone. MARZO Il 2 e 3, al Teatro del Giglio APRILE (Lucca), nuova produzione dei Al Comunale di Firenze, il 3 Momix. Mercoledì 6, ore 21, Te- (repliche il 4, 5, 6, 7) va in scena atro Goldoni, Firenze, Livietta e la danza con La Silphide, allestiTracollo di Pergolesi e il Maestro mento MaggioDanza. Sabato 6, ore 16, alla Pergola di Cappella di Cimadi Firenze, il Coro rosa, dirige Giusepdella Radio Svedese pe Lanzetta, regia di Rolando Panerai. Appuntamenti diretto da Peter Dijsktra esegue brani Dal 19 al 21, Teacon musica di Brahms, Martin e tro dei Rinnovati, Poulanc. Siena, Riccardo III e teatro the ensemble EuGoldoni in Flor- in Toscana ence Short Time II Appointments ropa Galante conducted by Fabio (10 new creations Biondi performs by 10 young cho- with music music by Telemann reographers), in a and theatre for the Amici della new production of in Tuscany Musica.27 and 28, MaggioDanza (also 23, 24 and 26).The 23 and 24, at 8:30 p.m. Church of St. SteTeatro del Giglio (Lucca), lyric fano al Ponte (Florence) Easter drama, Napoli Milionaria, in- Concert Choir of the Maggio spired by the work of De Filippo, Musicale Fiorentino (Dvorak, Stabat Mater).From 19 to 24 at music by Nino Rota. the Teatro della Pergola, Florence, Serata a Colono by Elsa March the 2 and 3, at the Teatro del Morante by Carlo Cecchi, diGiglio (Lucca), a new produc- rected by Mario Marone. tion of Momix. Wednesday 6, at 9 p.m. Teatro Goldoni, Flor- April ence, Livietta e Tracollo di Pergo- The City of Florence, 3 (perlesi and il Maestro di Cappella di formances on 4, 5, 6, 7) will be on Cimarosa, managed by Giuseppe the dance stage with La Silphide, Lanzetta, directed by Rolando staging by MaggioDanza. SaturPanerai. From 19 to 21, Theatre day 6, at 4 p.m., at the Pergola Rinnovati, Siena, Richard III by in Florence, the Swedish Radio Shakespeare, and with Alessan- Choir directed by Peter Dijsktra dro Gassman. Sunday 24, at 21, plays pieces by Brahms, Poulenc Teatro della Pergola, Florence, and Martin.


save as pop

Primavera vien cantando Spring singing text Sabrina Bozzoni

Baustelle

Niccolò Fabi

Max Gazzè

Mumford & Sons

Franco MuseoBattiato Alinari

42 Firenze | Tuscany

GENNAIO Venerdì 25 al Teatro Puccini, Niccolò Fabi, con il suo nuovo Ecco Tour 2012, dopo il successo dell’omonimo nuovo lavoro, ricco di suggestioni intime e delicate. Sabato 26 sul piccolo palco della bellissima Sala Vanni di piazza del Carmine, il cantautore Alessandro Fiori, ex leader dei Mariposa, con i brani del suo nuovo album Questo dolce museo. FEBBRAIO Venerdì 15 sul palco del Teatro Verdi, Ludovico Einaudi e il suo piano ci presentano un tour fatto di visioni e momenti sospesi: In a time lapse tour. Venerdì 22 echi dal nord al January Friday 25 at the Teatro Puccini, Niccolò Fabi, with his new “Ecco Tour 2012” which follows the success of his collection full of intimate and sweet hints. Saturday 26 on the small stage of the beautiful Sala Vanni of Piazza del Carmine the writer and singer Alessandro Fiori, former leader of Mariposa, performs his new collection “Questo dolce museo”. February Friday 15 on the stage of Teatro Verdi, Ludovico Einaudi and his piano present his tour made up of suspended visions and moments, “In a time lapse tour”. Friday 22 echoes from the north at the Viper Theatre. Glen Hansard comes to Italy to present his first much awaited solo

Viper Theatre. Glen Hansard, vivi. Domenica 3 e lunedì 4 arriverà infatti in Italia per doppia data al Teatro Verdi presentare il suo primo atte- per monsieur Franco Battiato sissimo album solista Rhythm con il suo nuovo Apriti Sesaand Repose. Sabato 23 al Te- mo Tour. Mercoledì 6 al Teaatro Comunale la rock band tro Verdi con la sua formasenese Baustelle ritorna a zione al completo il concerto calcare i palchi della peniso- del “poeta delle note” Franco la presentando il suo nuovo Califano. Giovedì 7 on stage disco, onirico e suggestivo, all’Obihall i Negrita, con i Fantasma. Domenica 24 arri- loro “Unplugged Tour 2013”. va al Viper Theatre di Firenze Domenica 10, uno dei volti la band di Seattle degli anni della musica d’autore italia‘90 in cui militano Stone Gos- na, il romano Roberto Angelini, sard dei Pearl Jam e Shawn per un concerto in Sala VanSmith di Pigeonhead/Satchel, ni. Giovedì 14 arriva la voce inconfondibile di Max Gazzè, i Brad. al Viper Theatre. Infine veMARZO Sabato 2 nella Sala Vanni di nerdì 15, sulla cresta del suo piazza del Carmine, unico nel incredibile successo mondiale l’ensamble lonpanorama musidinese Mumford cale italiano, Stefano “Edda” Ram& Sons arriva al Mandela Forum poldi, ex cantante di Firenze, insiedei grandi Ritmo Tribale, ritorna me al nuovo album Babel. con il suo Odio i Firenze album “Rhythm balla the Teatro Verdi and Repose”. a tempo monsieur Franco Saturday 23 Battiato presents at the Teatro di musica! his new “Apriti Comunale the Florence Sesamo Tour”. rock band from dances! Wednesday 6 at Siena Baustelle the Teatro Veris coming back on stage to di Franco Califano and his present “Fantasma”, their band in the concert of the new oniric and suggestive poet of the notes. Thursalbum. Sunday 24 the Brad day 7 on stage at the Obicomes back to the Viper hall the Negrita with their Theatre of Florence. The “Unplugged Tour 2013”. band was founded in the Sunday 10 Roberto Ange‘90s Seattle and is com- lini, one of the new faces posed of Stone Gossard of of the Italian music, in a the Pearl Jam and Shawn concert at the Sala Vanni. Smith of the Pigeonhead/ Thursday 14 the unmistakSatchel. able voice of Max Gazzè at March the Viper Theatre. Friday Saturday 2 in the Sala Van- 15, following the incredini of Piazza del Carmine bile worldwide success, the Stefano “Edda” Rampol- London esemble Mumford di, a former singer of the & Sons arrives the Mangreat Ritmo Tribale, comes dela Forum of Florence to back with his “Odio I Vivi”. present their new album Sunday 3 and Monday 4 at “Babel”.


www.officinegullo.com

kitchen & more by RESTART

via della Torricella 29, Antella, Firenze - Tel. +39 055 6560324 / 621807 www.officinegullo.com - www.restart.it - info@officinegullo.com


save as food

GENNAIO Dutch touch, a fashion and food experience: all’Hotel Savoy di Firenze il 9 gennaio, in occasione di Pitti Uomo, incontro con lo chef Albert Kooy e la sua cucina biologica basata sulla tradizione culinaria olandese (evento su invito). FEBBRAIO Dal 4 al 6, Sagra del Tortello e del maiale al Foro Boario di Borgo San Lorenzo (FI). Dal 4 al 7, a Firenze, in piazza della Repubblica, Fiera del Cioccolato Artigianale con la presenza dei migliori maestri cioccolatieri italiani

bicchiere è in vendita a 5 Euro e consente l’accesso alla cena. Dal 15 al 17 a Villa Bottini, Lucca, Extra Lucca, una tre giorni per conoscere 50 produttori italiani di oli di grande qualità (www.extralucca. it). Nella prima domenica di Quaresima (quest’anno cade il 17 febbraio), la Società della Miseria di Vernio (Prato) organizza la tradizionale Festa della Polenta, distribuendo gratuitamente polenta dolce,

Esperienze di sapori Food experiences text Teresa Favi

Albert Kooy

(symbolically transformed into cod and therefore permissible also during Lent) instructions: it is recommended to bring the metal cutlery and crock pot from home, the glass is on sale at 5 Euro and allows access to the dinner. From the 15th to the 17th at Villa Bottini, Lucca, Extra Lucca, on of the three days to know 50 Italian producers of highquality olive oils ( www. extralucca.it ).On the first Sunday of Lent (this year it falls on February 17th), the Società della Miseria di Vernio (Prato) is organizes the traditional Festa della Polenta, distributing free

Taste

Fiera del Cioccolato Festa della miseria

e stranieri. Choccolandia dall’8 al 10 a Livorno dà appuntamento al cioccolato d’autore per scoprire la cultura del cioccolato in Toscana. La notte dei rivolti il primo giorno di quaresima (il 13 febbraio) a Cinigiano (GR), piazzale Capitano Bruchi, alle 18 inizia la preparazione e alle 19 c’è il “battesimo del maiale a baccalà”, a seguire cena con maiale alla brace (simbolicamente trasformato in baccalà e quindi lecito anche in quaresima), istruzioni: si consiglia di portare le posate di metallo e il piatto di coccio da casa, il 44 Firenze | Tuscany

JANUARY Dutch touch a fashion and food experience: At the Hotel Savoy in Florence on January the 9th, on the occasion at Pitti Uomo, a meeting with the chef Albert Kooy and his organic cuisine based on the Dutch culinary tradition (event only on invitation). FEBRUARY From the 4th to the 6th, Sagra del Tortello e del maiale (Festival of the Tortello and pork) at the Foro Boario in Borgo San Lorenzo (FI).

aringhe e baccalà. MARZO Dal 9 all’11 alla Stazione Leopolda, Firenze, Pitti Immagine presenta la VIII edizione di Taste, il salone-evento dedicato alle eccellenze del gusto alla Stazione Leopolda di Firenze, oltre 250 aziende selezionate tra le migliori produzioni da tutta l’Italia in un originale percorso alla scoperta delle ricchezze gastronomiche del Made in Italy e uno spazio speciale Taste Shop, dove acquistare i prodotti in esposizione, www.pittimmagine.com.

Sagra del Tortello e maiale From the 4th to the 7th, in Florence, in Piazza della Repubblica, Fiera del Cioccolato Artigianale (Artisan Chocolate Fair) with the presence of the best Italian and foreign master chocolatiers. Choccolandia from the 8th to the 10th in Livorno making an appointment with a signature chocolate to discover the culture of chocolate in Tuscany. La notte dei rivolti on the first day of Lent (February 13th) in Cinigiano (GR), piazzale Capitano Bruchi, at 18h starts the preparation and 19h there is the “baptism of pork at cod”, followed by dinner with grilled pork

sweet polenta, herring and cod. March From the 9th to the 11th at the Stazione Leopolda, Florence, Pitti Immagine presents the eighth edition of Taste, the fair-event dedicated to the excellence of taste at the Stazione Leopolda in Florence, more than 250 companies selected amongst the best productions from all over Italy in a original path to discover the gastronomic treasures of the Made in Italy and a special space “Taste Shop”, where to buy the products in the exhibition, www.pittimmagine.com.


shop online ilbisonte.com Concept: Studart ph: Giovanni Corti


save as book

Marco Malvaldi abbandona temporaneamente il barista Massimo e le avventure del BarLume - diventate nel frattempo anche una serie televisiva per Sky interpretata da Filippo Timi - e inaugura una nuova serie di gialli con Milioni di Milioni, ambientato nel paesino dell’entroterra toscano di Montesodi Marittimo. Selleria Editore Palermo. I provinciali è il secondo romanzo della giornalista toscana Ilaria Giannini: a Bozzano, nell’entroterra della Versilia, una storia che gira intorno ad un lut-

americana, ma residente a Firenze negli ultimi 20 anni, Lynn Rodolico. Eccolo Editions. E poi due romanzi d’esordio da non lasciarsi scappare questo inverno. Who the fuck is Alice? Un matrimonio da impedire condurrà il protagonista lungo un viaggio fisico - da Amsterdam attraverso la bellezza della capitale mesoamericana - e spirituale verso la conoscenza di sé, scardinando ruoli, sogni e desideri.

to da elaborare, un passato da affrontare, i sogni di chi ha scelto di andarsene e quelli di chi è rimasto in un’Italia a confronto con un un passato che non esiste più, spazzata via dal precariato e dalla crisi. Gaffi Editore. Firmamento Viola, edito da Romano Editore, è un’antologia di pensieri, ricordi, aneddoti di alcuni dei più grandi nomi della storia della Fiorentina attraverso le testimonianze raccolte dal giornalista Enrico Zoi. Two Seas è un itinerario del nostro paese firmato dalla scrittrice

Dell’autore, che si firma AJ, sappiamo solo che è un avvocato bohemien e che vive in Oltrarno. Nella vasca dei terribili piranha di Alessandro Raveggi è la storia di un enigmatico ragazzo anfibio che, attraversando identità e lavori disumani, si diffonderà come una leggenda urbana: un romanzo picaresco che ripercorre l’avventura europea di questo Colapesce straniero. Edizioni Effigie.

46 Firenze | Tuscany

Marco Malvaldi temporarily abandons the bartender Massimo and the adventures of BarLume - in the meantime they also become a television series for Sky played by Filippo Timi - and ushers in a new crime series with Milioni di Milioni. Set in the Tuscan village of Montesodi Marittimo. Selleria Palermo Publisher.

Anteprime Previews

text Alessandra Lucarelli

I provinciali is the second novel of the Tuscan journalist Ilaria Giannini: in Bozzano, in the hinterland of Versilia, a story that revolves around a mourning process, a past to deal with, the dreams of those who chose to leave and those who remained in Italy compared with the past that no longer exists, swept away by the crisis and insecurity. Gaffi Publisher. FirmaSi ringrazia per la genti- mento Viola, edited by le collaborazione Monica Romano Editore, is an Zanfini. anthology of thoughts,

memories, anecdotes of some of the greatest names in the history of Fiorentina through the testimonies gathered by journalist Henry Zoi. Two Seas is an itinerary of our country penned by the American writer, Lynn Rodolico who has been living in Florence for 20 years. Eccolo Editions. And then two novels not to pass up this winter. Who the fuck is Alice? A wedding to prevent will lead the protagonist along a physical

journey - from Amsterdam through the beauty of Mesoamerican capital - and to spiritual self-knowledge and unhinged roles, dreams and desires. We don’t know a lot about the Author who signed up as AJ. The only thing we know is that he is a lawyer and lives in Oltrarno. Effigy editions. Thank you for your kind cooperation Monica Zanfini.


bartolini firenze

cellezione “BOLLE� Tapio Wirkkala

bartolini via dei servi 72r tel. 055 291 497 www.bartolinifirenze.it


www.fratellicoppini.com


it object

arlene DediactaiotnotoaMaM rlene A dedic

zoni

oz text Sabrina B

Un pettinino madreperlato racchiuso in chiome voluttuose potrebbe illuminare le notti pi첫 misteriose, una creazione di Chanel, a Firenze in piazza della Signoria. A small mother of pearl hair slide in a voluptuous head of hair to enlighten the most mysterious nights. A creation by Chanel, Piazza della Signoria Florence. Firenze | Tuscany 49


Regalati il lusso di spendeRe meno luxuRy shopping foR less

Abbigliamento, scarpe, accessori uomo-donna delle migliori firme Finest name brands - men’s/women’s clothing, shoes, accessories

fiRenZe

Bologna

WWW.SOTTOSOTTO.IT


it object

hirie ModeVranlkeyrVieas lc Modern

vi text Teresa Fa

Le Valchirie sono le nove figlie di Odino: fanciulle dai lunghi capelli biondi, indossano elmo, lancia, alti calzari di cuoio (come questo, firmato Savaltore Ferrragamo). Attraversono il cielo su cavalli alati per raccogliere gli eroi caduti in battaglia. The Valkyries are the nine daugthers of Odin: girls with long fair hair, wearing a helmet, a lance, high leather shoes (like these by Salvatore Ferragamo), and flying through the sky on winged horses to pick up the heroes who died in battle. Firenze | Tuscany 51


it object

ognare s r e p h c o p a Un tch u A dream cl

Una maiolica di Vietri, una ceramica di Caltagirone, uno smalto Olandese, o un azulejos di Lisbona? No, è la mini-pochette firmata Roberto Cavalli, da sfoggiare in estate, accarezzate dalla brezza, sfiorate da una palma, avvolte da un tramonto. A majolica object from Vietri, a piece of pottery from Sicily, a Dutch enamel or a Portuguese azulejos? No, it’s the mini-clutch bag by Roberto Cavalli, to be paraded in summer, as you are caressed by the sea breeze, grazed by a palm tree, wrapped in the sunset glow. Firenze | Tuscany 53


it object

turo Ritornthoe Faultufrue Back to a Lombardi text Francesc

Con Forever Now Gucci evoca le tradizioni e l’identità del marchio attraverso vellutate note di cuore di cuoio, camoscio e Iris Toscano,. Il profumo sarà disponibile esclusivamente al Gucci Museo, nelle boutique Gucci di tutto il mondo, e su Gucci.com. With Forever Now Gucci evokes he tradition and the identity of the brand through velvet notes of leathers, suedes and tuscan iris. The perfume will be available only at the Gucci Musuem, in the Gucci boutiques all over the world and on Gucci.com. Firenze | Tuscany 55


it object

a chi? Finohciocnha,iwohnoadoes like it? Finocc

ni

Bozzo text Sabrina

Tipicamante toscanaccia, se potesse parlare avrebbe anche la C aspirata. Due belle fette di finocchiona in mezzo al nostro pane toscano e il paradiso potrebbe avvicinarsi... It’s a typical Tuscan delicacy. Two generous slices of finocchiona between two slices of Tuscan bread and paradise seems to be very close. Firenze | Tuscany 57


Eat, drink and shop LUNGARNO DETAILS homeware & gifts

C’è qualcosa che fa di Firenze la capitale delle capitali del life style. Sono luoghi di forte identità con un’accoglienza e servizi unici al mondo. Questo sottile winning dining affacciato sull’Arno. Ad accogliervi, a pranzo e cena, i menù speciali di Beatrice Segoni, ad accompagnarvi nel tempo, il ricordo di una irripetiRestaurant, è un viaggio nei profumi del mondo, dal Mediterraneo all’Oriente, nel cuore di Firenze, ispirati dall’unicità del Gallery Hotel Art, che lo ospita. Un nuovo salotto vista Arno e Ponte Vecchio ha aperto da poco le sue porte. Si chiama Picteau Lounge e offre la possibilità di trascorrere pomeriggi indimentigliori cioccolatieri italiani, magistralmente abbinato ad una selezione di champagne internazionali. All’ingresso delle Lungarno Suites, su Lungarno Acciaiuoli, si apre uno store per acquisti, Lungarno Dein pelle lavorata a mano alle lampade in plissé di seta

There is something that makes of Florence the capital of the capitals of life style. These are places with a strong personality, where reception and service are unique. This subtle red thread brings us to Borgo San Iacopo, elegant award winning dining lounge on the Arno River. To welcome you at lunch and dinner the special menus of Beatrice Segoni for an unforgettable Florentine experience which you will treasure for years. Only a stroll away the Fusion Bar & Restaurant, a journey sea to the Far East, in the heart of Florence inspired by the uniqueness of Gallery Art Hotel where it is located. A new salotto with a view on the Arno and Ponte Vecchio has just opened its gates. It’s Picteau Lounge and offers the possibility to spend unforgettable afternoons tasting chocolate delicatessen from the best Italian producers masterly matched with a selection of international champagnes. At the entrance of the Lungarno Suites in Lungarno Acciuaiouli a new store nement. From the leather handmade writing trunk to the pleated silk lamps by Michele Bonan, to the blown hourglass to the beautiful pictures of Florence in the

anni ’50. Lungarno Details Lungarno Acciaiuoli 2P - 4D, Firenze - Tel. +39 055 2726 4095 - details@lungarnocollection.com


GALLERY HOTEL ART

Sky Lounge dell’hotel Continentale

Ristorante Borgo San Jacopo Borgo San Iacopo, 14 50125 Firenze Tel. 055 281661 - bsj@lungarnocollection.com lungarnocollection.com

The Fusion Bar & Restaurant Vicolo dell’Oro, 5/r Firenze Tel. 055 27266987 - tf@lungarnocollection.com lungarnocollection.com

Bottom left Borgo San Jacopo Restaurant, middle and right Fusion Bar & Restaurant Ristorante Borgo San Jacopo

Art Brunch al The Fusion Bar & Restaurant

Mostre d’arte al The Fusion Bar & Restaurant


PAS SIO NE Il ballo pi霉 appassionato nella porcellana pi霉 espressiva. Equilibrio, movimento e precisione con tutta la forza dei sorprendenti colori della gamma Lladr贸. Una porcellana fatta a mano negli atelier di Lladr贸 a Valencia - Spagna.

Tango appassionato 37 x 37 cm Serie limitata

In esclusiva da Armando Poggi Via Calzaiuoli 103/r - Firenze Tel. 055.211719 www.apoggi.com info@apoggi.com


shotonsite

Charlene and Alberto II di Monaco, Alessandro and Elisa Giusti

Mario and Anna Moretti Polegato

Paola Manfredi, Corrado Fratini

Giovanni and Nicoletta Gentile

James and Louise Ferragamo

Paolo Rossi, Federica Cappeletti

Luigi Varratta

Like in a story tale, the Iris Ball, il Ballo del Giglio, hosted the honor guests, the prince Albert II of Monaco and his wife Charlene, in the beautiful White Hall

Alessandro and Elisa Giusti

Carla Fracci

Susanna Finardi, Patrizia Panaro Firenze | Tuscany 61


shotonsite

Loretta and Lucia Caponi.

Patrizio Cipollini, Matteo Parigi, Cristiana Giachi

Marinella and Elga Fani.

Presentazione della nuova guida Firenze su misura, fashion shopping guide al Four Seasons Hotel Firenze, con il patrocinio del Comune di Firenze

Monica Vacirca and Alessandra Megli

Vezio Manneschi and Alex Lana

Elena Farinelli and Leonardo Romanelli

laria Marini and Marinella Fani.

Jiudit Otto and Giampaolo Ugolini

62 Firenze | Tuscany

Ugo Poggi

Firenze su misura, fashion shopping guide lanch event at Four Seasons Hotel Firenze sponsor by Rolex Fani and Cassetti, Banca Federico del Vecchio

Fabio Lugana and Jessica Euclidi

Vezio Manneschi, Patrizio Cipollini.


shotonsite

Valentina Grazzini, Paola Pace, Paola Amantini

Alex Lana, Cristiana Toccafondi, Elisa Tozzi, Alessandra Nardelli

Kim Son Ayoune, Giada Barra

Natali Kriz, Ori Kafri

Sandra Masoni

Andrea and Barbara Cecchi

Solaria Ancillotti, Cristina Benedettini

Patrizia Panaro

Dinner party at Teatro della Pergola for Firenze Made in Tuscany magazine. Cooking show by Guido Guidi. Main sponsor Fratelli Piccini Jewels

Manuela Guerini, Vincenzo Marseo

Lorenzo Cerulli, Elena Vichi, Andrea Parasecoli, Iuri Favilli

Matteo Parigi Bini, Matteo Guidi, Riccardo Ventrella, Alex Lana

Giulia de Razza, Riccardo Ventrella

Nadia Dorigo, Lucia Donato Firenze | Tuscany 63


shotonsite

Federico Moro, Kerry Kennedy

Francesca Colombo

Marina Pisklakova

Fabrizio Moretti

Harry Benson, Zubin Mehta

Aminatou Haidar

Cristina Giachi

64 Firenze | Tuscany

Marco Gualtieri , Kerry Kennedy and Marialina Marcucci

Music for human rights in an event which connects the Maggio Musicale Fiorentino Theatre and the Robert F. Kennedy Center for donation auction with many special guests

Francesca Colombo, Geraldina Fiechter

Arianna Bergamaschi


055 COMMUNICATION | PH. FRANCESCO BEDINI

Gianna,Gherardo e Giovanni Peruzzi Firenze, Inverno 2013

Argentieri dal 1860 fratelliperuzzi.com


shotonsite

Giampiero Ponciachi, Stefy Ponciachi, Elena Pierotti

Ilaria Calamandrei, Francesco Nocentini, Karin Matscher

Alessandro Del Dotto, Antonio Lupone

Irene Luvisi, Luca Lemucchi

Diego Bertuzzi, Maddalena Rocchi, Maurizio Lavetti, Elena Vannucchi, Emanuele Mazzoni

Ilaria Ielvi and Marco Matteini

Isacco Bacci, Giulia Vettori

Fabio Rorandelli, Silvia Panicucci

At the Versilia UNA Hotel the opening of the new exclusive wellness center. The privĂŠ suite of Cassetti jewelry in collaboration with Porsche Auto In. Wine Borgo la Torre

Gianluca Tartarini, Sara Gennaro, Fabio Nerbosi

66 Firenze | Tuscany

Samantha Pilevic, Lorenzo Ceruti

Francesca Paglialunga, Luca Citraro


shotonsite

Francesco Nocentini, Ilaria Calamandrei, Karinn Matscher, Filippo Formichini

Simone Storai, Alessandro Bellini, Sofia and Melissa

Roberto Cafaggini, Beba Trincherini

Sara Palladino, Laura Becheri

Cristiana Palandri

Giovanni Ciulli, Lorenzo Adami

Daniela Bacherini, Lorenzo Morosi

Check-in party by firenzemadeintuscany.com at the Peretola Airport in collaboration with City Car Smart. On flight f&b by Galateo and Cavalli Vodka. Audio by Deklab video by GoOne

Biagio Marinò, Guido Vitali

Rubina Riccio, Edoardo Toti, Luca Gori and Caterina Ruggeri

Barbara Diani, Ilaria Marini

Maria Paola Righetti, Franca Pezzoli Firenze | Tuscany 67


Lusso nel cuore di Firenze

L’ Hotel Savoy, nel cuore di Firenze. La base ideale per visitare la città, i suoi musei e fare shopping nei negozi più esclusivi. L’ Incontro Bar and Restaurant con la sua atmosfera unica renderà il vostro soggiorno una indimenticabile esperienza. Piazza della Repubblica 7 50123 Firenze T 055 27 35 1 F 055 27 35 888 reservations.savoy@roccofortehotels.com roccofortehotels.com Luxury Hotels and Resorts

Abu Dhabi, Berlino, Bruxelles, Edinburgo, Firenze, Francoforte, Londra, Manchester, Monaco, Praga, Roma, San Pietroburgo, Sicilia. Prossime aperture: Cairo, Jeddah, Luxor, Marrakech.


shotonsite

Guido and Niccolò Biondi

Neri Torrigiani, Fanny Morbidelli, Cristina Ferrari

Suria and Luigi Cipriani

Jennifer Green, Indu Ganesh

Monica Berti, Michelangelo D’Elia

Opening of the Roy Roger’s flagship store in via Calimala. Guests and friensa to welcome the king of the made in Italy jeans

Massimo Bertelli, Barbara Crimella

Niccolò Biondi

Luca Pasquarelli, Eleonora Menghini,

Claudia Amadori, Claudia Sguanci, Cristina Falchi

Nicola Melis, Ludovica Piras

Eleonora Guidoni, Luca Burgalassi Firenze | Tuscany 69


shotonsite

Lorenzo Marini

Giacomo Moyoli

Marti Guixe and Inga Knolke

Doris Kovacs, Felice Limosani

Stefano Giovannelli

Domenico Savino, Rossella Sacco

Lorenzo Marini, Gianni Salvadori

The launch of ITuscany Taste, the new wine brand thought for the international market and promoted by the Regione Toscana and Toscana Promozione

Valeria Falleroni, Simona Errico, Eva Mosconi, Lilit Boninsegni

70 Firenze | Tuscany

Julia Markert, Gianni Santi, Khoji Hhosropana


shotonsite

Cinzia Melchioni, Paola Barcalli, Donatella Ardovini, Sylvie Bonas

Zaira De Biasio, Claudio Delli, Lorenzo Pisanelli

Federica Biagioni, Anna Falabella

Aldo Fiordelli, Laura Peri

Federico Vannini

Paolo Pellegrini, Laura Peri

Letizia Cini, Marcello Fratini

Annamaria Tussani, Cristina Richter

Dinner of “pollo di razza valdarnese bianca� prepared by chef Federico Vannini Villa Cora La Piaggia wines and special guest

Silvia Vannucci, Antonella Fratini

Carlo Cammelli, Francesca Fiorentini

Ernesto Gentili, Emiliano Falsini, Mauro Vannucci, Paolo Baracchino

Giulia Risalliti, Stefano Guarducci Firenze | Tuscany 71


shotonsite

Helga and Marinella Fani

Francesca Cambiaghi, Francesca Biondi Santi, Cristina Fineschi

Gianna Alberi and Maurizio Stoli

Andrea Cecchi, Giovanna Neri

Elisa Tramini, Mauro Marotta

Fabrizio de Falco, Vincenzo Federico

Federico Minghi, Elisabetta Borghetti

Jodi Menchetti, Cinzia Civici

Claudia Marzio, Monia Tonioni

A cocktail party in Siena’s Fani jewel shop to present the new line Pomellato 67 and Chanel watches

Bernardo Mongini, Jacopo Grassi, Paolo Calonego

72 Firenze | Tuscany

Helga Fani, Maria Pia Corbelli

Lucia Ferretti, Rosa Mansi


www.whythebesthotels.com


art reportage

Un percorso speciale sul filo delle emozioni alla ricerca di cinque capolavori speciali, forse meno conosciuti e per questo capaci di suscitare suggestioni inedite, non filtrate dalla sovraesposizione mediatica o della critica meno raffinata. E’ questo il regalo che Cristina Acidini* ha fatto a Firenze Made in Tuscany per l’anno appena iniziato. A lei abbiamo chiesto i capolavori da non perdere fuori da quel tempio maestoso dedicato all’arte che sono gli Uffizi. E lei ha fatto molto di più: ci ha raccontato cinque luoghi, intrecciando musei meno conosciuti alle grandi mete del turismo mondiale. Indicando per ognuno di questi l’opera di fronte alla quale sostare qualche secondo in più. Eccoli per voi. Il Museo Davanzati si trova in via Porta Rossa e rappresenta un ottimo esempio di architettura residenziale fiorentina del ‘300. Da non perdere nel salone al primo piano, sopra una cassapanca nuziale il desco da parto dello Scheggia intitolato Il gioco del Civettino. Alla Galleria di Arte Moderna di Palazzo Pitti, tra i numerosi capolavori di Giovanni Fattori presenti, osservate con per qualche secondo in più La Libecciata Alla Galleria Palatina, La Bella, uno dei dipinti più celebri di Tiziano, è il ritratto di una giovane sontuosamente vestita e adorna di gioie. Alla Galleria dell’Accademia il San Matteo di Michelagelo. Opera incompiuta che raffigura l’apostolo colto in una vigorosa torsione, piena di pathos. Infine i 60 cm di grazia della Dama con il Mazzolino con il mazzolino del Verrocchio conservata al Bargello. *Soprintendente per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze

5 emozioni Five emotions

by Cristina Acidini* photo Lucia Baldini A special journey through emotions in search of five masterpieces of art, less known but nonetheless capable of arousing strong feelings and not influenced by media coverage and by the stream of less prestigious reviews. This is the gift that Cristina Acidini has given to Firenze Magazine for the New Year. We asked for the not-to-be-missed masterpieces of art not found in the magnificent temple of art, the Uffizi Gallery. And she went even further by describing five places, five museums unknown to most tourists and, for each of them, the work of art worthy of a few more minutes of our attention. Here they are. The Davanzati Museum is located in Via Porta Rossa and represents the typical Florentine fourteenth-century building. Not to be missed is, in the great hall on the first floor, the tondo by Scheggia titled Il gioco del Civettino hanging above the wedding chest. On view at Palazzo Pitti’s Modern Art Gallery, among the other masterpieces by Giovanni Fattori, is La Libecciata. Viewable at the Palatina Gallery is La Bella, one of Tiziano’s best known paintings, the portrait of a young girl sumptuously dressed and adorned with jewellery. Kept at the Academy Gallery is the St. Matthew by Michelangelo. It is an unfinished work representing the Apostle caught turning his body vigorously, a figure full of pathos. Last but not least, the 60-cm marble sculpture Lady with Bouquet by Verrocchio kept at the Bargello Museum. *Head of the Office for the Historical, Artistic and Ethnoanthropological Heritage and Public Museums of the city of Florence

74 Firenze | Tuscany


Museo Nazionale del Bargello Firenze | Tuscany 75


Galleria dell’Accademia 76 Firenze | Tuscany


cover story

Palazzo Pitti Galleria Palatina Firenze | Tuscany 77


cover story

Museo Davanzati 78 Firenze | Tuscany


Palazzo Pitti Galleria d’Arte Moderna Firenze | Tuscany 79


cover story

From above, clockwise: Galleria dell’Accademia, Palazzo Pitti Galleria Palatina, Palazzo Davanzati, Accasemia, Palazzo Pitti Palatina Galleria , Davanzati Palatina 80 Firenze | Tuscany


cover story

aaa a a a Museo Nazionale del Bargello aa Firenze | Tuscany 81


cover story

Quando tutto ebbe inizio When it all began

text Alessandra Lucarelli photo Francesco Escalar Con il teatro, a Pontedera. Per poi tornare a Firenze con i set di questo inverno With the theatre in Pontedera. To then return to Florence with this winter’s sets

L’incontro con Filippo Timi è arrivato in una giornata particolare. Uno di quei timidi pomeriggi invernali, piovosi, dove una serie di strane avventure inducono a pensare all’inevitabilità degli eventi e al potere del destino. Difficile non farsi influenzare, soprattutto se dall’altra parte del telefono - voce alta, gentile e rassicurante - si cela la mente pensante di uno degli attori più versatili del nostro cinema che ha fatto delle proprie esperienze personali, dubbi e vittorie un tourbillon di successi che spaziano da pièce teatrali a romanzi, oltre ai numerosi set che l’hanno visto protagonista assoluto negli ultimi mesi. Cambiamento, evoluzione, capacità di adattamento: la specie umana ne è la prova più grande. Lei crede nel destino o nel potere del singolo? In entrambi. Credo che sia l’uomo a creare il proprio destino e che tutti gli uomini, facendolo, diano vita a qualcosa di un pochino più grande. Di un movimento. L’importante è tenere presente che ogni scelta, anche la più piccola, coinvolge anche gli altri. Alcuni suoi spettacoli teatrali, e romanzi, sono molto personali. Autobiografia come scoperta di sé? Cura? Perdono? Chiunque, quando fa uno spettacolo e incarna un ruolo, deve parlare di sé. Deve creare un connubio: è questa la base. Quando scrivo una drammaturgia, creo dei monologhi prendendo spunto dai miei attori. Ciò che metto in evidenza dipende dal ruolo. E nel caso di Amleto2, lo spettacolo che lo porta a Firenze dal 8 gennaio al Teatro della Pergola? Nell’Amleto la domanda chiave è essere o non essere, con tutto quello che riguarda. Sul ruolo che uno si è costruito, sullo scardinare quel ruolo, su quanto c’è di vero in quello che una persona è convinta che sia vero. È uno spettacolo classico in senso contemporaneo. Il filosofo francese Gilles Deleuze disse: ‘Per essere storici bisogna essere contemporanei.’ Shakespeare quando scriveva era contemporaneo, lo stesso vale adesso, dobbiamo pensare ad Amleto oggi. Il mio Amleto non annoia, fa riflettere ma divertendosi. Non è uno spettacolo morto, ma suscettibile a tutto quel bagaglio di emozioni che la vita comporta. E’ uno degli attori italiani che riesce a portare più persone a teatro. 82 Firenze | Tuscany

The meeting with Filippo Timi occurred on a special day. One of those timid rainy winter afternoons, where a series of strange adventures lead us to think about the inevitability of events and the power of fate. It is difficult not to be influenced, especially if at the other end of the phone - a firm, gentle and reassuring voice - of the thoughts of one of the most versatile actors of our cinema who has converted personal experiences, doubts and victories into a whirlwind of successes ranging from the theatre to novels, as well as numerous sets where he has been the protagonist in recent months. Change, evolution and adaptability: the human species is the greatest proof. Do you believe in fate or the power of the individual? In both. I think it’s man who creates his own destiny and that all men, in doing so, give life to something a little larger. Of a movement. It is important to keep in mind that every choice, even the smallest, involves others. Some of your plays, and novels are very personal. Autobiography as self-discovery? Care? Forgiveness. Any person who, when in a show or embodying a role, necessarily speaks of himself. A union must be created: this is the basis. When I write a drama, I create monologues inspired by my actors. What I highlight depends on the role. And in the case of Hamlet2, the show that brought him to Florence from January 8 at the Teatro della Pergola? In Hamlet, the key question is to be or not to be, with everything that is related. The role that one has built, hinges on that role, being true in that a person believes it to be true. It is a classic performance in the contemporary sense. The French philosopher Gilles Deleuze said: ‘To be a historian one must be contemporary.’ Shakespeare when he wrote was contemporary, the same is true now, we have to think of Hamlet today. My Hamlet isn’t boring, but thought-provoking and entertaining. It is not a dead show, but susceptible to all that baggage of emotions that life brings. You are one of the Italian actors who can bring more people to


FIlippo Timi, born in Perugia 38 years ago, is a writer, actor and film and theatre director. He worked at the Center for Theatre Experimentation and Research of Pontedera


cover story

Filippo Timi in Amleto 02

Lei come ha scoperto il palcoscenico? the theatre. How did you discover the stage? E’ stato il mio primo amore, ho cominciato con il teatro. Per 15 anni ho It was my first love, I started with the theatre. For 15 years that’s the fatto solo questo, ed è cominciato tutto per caso grazie agli spettacoli only thing I did, and it all started by accident thanks to the performdel gruppo parrocchiale in piazza. Ho scoperto che le stesse cose che ances of the parish group in the square. I discovered that the same facevo a casa, e per cui mia madre si arrabbiava, se fatte davanti ad un things I was doing at home, and make my mother angry if done for pubblico venivo applaudito. Ecco, ho scoperto quella che potrei defi- an audience was applauded. Here, I discovered what I might call the nire la spettacolarizzazione di me stesso. spectacle of myself. Quanti anni aveva? How old were you? Quindici. Erano gli spettacoli organizzati per le sagre di paese. A venti Fifteen. The shows were organized for festivals in the country. At sono entrato in una compagnia a Firenze, anzi il primo corso serio l’ho twenty I joined a company in Florence, indeed the first serious seguito a Pontedera. course I followed was in Pontedera. Quindi possiamo dire che è cominciato tutto in Toscana? Anche i So we can say that it all started in Tuscany? Even his last set, Like suoi ultimi set, Come il vento di Marco Simon Puccioni e la serie Sky the wind by Marco Simon Puccioni and the Sky series The Crimes I Delitti del BarLume sono ambientati qui… of BarLume are set here ... La Toscana è una regione fondamentale per il teatro: Tuscany is a key region for the theatre: I think the penso alla città di Prato legata ad autori che amo come city of Prato linked to authors who I love such as Luca Ronconi e Carmelo Bene. Quella che ho vissuto Luca Ronconi and Carmelo Bene. What I experiio è una Toscana di periferia. Pontedera e Buti, con gli enced is a peripheral Tuscany. Pontedera and Buti, spettacoli di Dario Marconcini. Volterra, l’isola d’Elba with performances by Dario Marconcini. Volterra, e Grosseto…cosa dire? E’ bella. E il fascino di Firenze island of Elba and Grosseto ... what can I say? It “My Hamlet the è inevitabile: si respira il Rinascimento. Ci passo spesso ‘s beautiful. And the charm of Florence is inevitable: isn’t boring, you can breathe the Renaissance. I pass by often for per teatro o per le presentazioni dei miei libri alla Feltrinelli: è una libreria con un’ottima programmazione. but thought- the theatre or for presentations of my books at FelRecitazione, doppiaggio, scrittura…sarà mica un a library with excellent programming. provoking trinelli, workaholic? Acting, dubbing, writing ... Are you a workaholic? and I work a lot, I like it. Lavoro molto, mi piace. entertaining” Theatre and Film, where do you feel most at home? Teatro e cinema: dove si sente più a casa? Ovunque riesca a fare un buon lavoro. Wherever I can do a good job. Cosa sogna Filippo Timi e che valore dà all’inconscio? What does Filippo Timi dream and gives value to the unconscious? Il valore più importante. Credo che la vera esistenza sia inconscia. The most important value. I think the real existence is unconscious. Quello che viviamo coscientemente è solo la punta di un iceberg di un Those who live consciously are just the tip of the iceberg of somequalcosa molto più profondo e interessante. thing much deeper and more interesting. Se le chiedessi il suo limite più grande? If I asked your greatest extent? Una perenne e disperata fame d’amore. A perpetual and desperate hunger for love. La sua personale definizione di amore. Your own definition of love. Rispondo citando Céline: ‘l’amore non è altro che l’infinito abbassato I reply with a quote of Céline: ‘love is nothing but infinity down to al livello dei barboncini’. the level of poodles’. Progetti di questo 2013? Projects for 2013? Un solo grande progetto: Don Giovanni, il nuovo spettacolo che mi ac- One large project: Don Giovanni, the new show that takes me to compagna fino alla fine di aprile. Debutteremo il 27 febbraio al Teatro the end of April.Will debut on February 27th at the Teatro Franco Franco Parenti di Milano, dove resteremo per un mese prima di partire Parenti in Milan, where we will stay for a month before leaving for per la Libia. E’ la prima parte della tournée. Libya. This is the first part of the tour. 84 Firenze | Tuscany


aaa aa aa aaa aaa aaa

Filippo Timi wearing the costumes of his Amleto 02, which will be premiering at the Pergola Theatre in January, the only performance held in Tuscany


Carlo Verdone, 63 years old, is an actor, writer and director In Tuscany these days for a charity event in favor of the cystic fibrosis 86 Firenze | Tuscany


movie interview

Le mie radici My roots

text Giovanni Bogani Carlo Verdone torna in Toscana per una importante iniziativa benefica a favore della fibrosi cistica Carlo Verdone is back in Tuscany for an important charity event for cystic fibrosis “No, non mi disturba affatto…”. Comincia così, come una delle sue gag più famose. Come uno dei personaggi che ha portato al successo, quello del professionista preciso, pedante, estenuante, pignolo fino all’ossessione. In questo caso, è un medico. “Sì… Ma questa tosse secca compare la mattina? Benissimo. Allora io le darei il Simatron 300, Mantra 20 milligrammi, e non mi prenda alcolici, se no annulliamo l’azione!”. Carlo Verdone è il numero uno della comicità in Italia, uno dei pochi che riesce a far ridere da trent’anni il pubblico del cinema. E con questa breve scenetta, in cui interpreta un medico zelante e ossessivo, conferma il suo talento. Stavolta non si tratta di cinema, ma di una breve scena per uno scopo molto importante: promuovere la ricerca su una malattia gravissima e rara, la fibrosi cistica. Carlo Verdone si è prestato gratuitamente per uno spot realizzato a cura del Rotary club fiorentino Brunelleschi per sensibilizzare la ricerca su questa malattia, che ancora oggi crea un’aspettativa di vita che non supera i quarant’anni. Verdone, un vero esperto di medicina con laurea honoris causa in scienze mediche, si è prestato volentieri come testimonial. Un granello in più nel rapporto sempre intenso che Verdone ha intessuto con la Toscana. E’ in Toscana che Verdone ha le sue radici: suo padre, il professor Mario Verdone, esperto di Espressionismo e di avanguardie artistiche del Novecento, era nato a Siena, e conservava l’accento senese. Lui stesso è stato battezzato nella contrada della Selva, e segue il Palio da appassionato. E a Siena, Verdone ha diretto un festival cinematografico che ha avuto alcune edizioni splendenti. A Firenze torna spesso? Sì. Amo in particolare un hotel, con le stanze che guardano i Lungarni. E’ l’Excelsior di piazza Ognissanti, che ha una caratteristica che apprezzo più di ogni altra: il silenzio e la tranquillità. Quali sono i suoi luoghi preferiti della città di Firenze? I Lungarni, Santo Spirito, piazza del Carmine, e certi ristoranti

“No, I'm not disturbed at all". This is the incipit of one of his most famous gags of one of his most famous characters, the precise professional nitpicking, enervating, fussy professional, the doctor. “Yes… this dry cough comes only in the morning, doesn't it? Well then I would prescribe you the Simatron 300, do not drink, otherwise the effect is null!" Carlo Verdone is the most popular comic actor in Italy, people has been laughing for thirty years watching his movies. In this famous scene he plays the role of the obsessive and zealous doctor and he confirms his talent. This time the scene is not shot for a movie: it is to promote the research for a very serious and rare disease, namely the cystic fibrosis. He played for free in a commercial realized by the Brunelleschi Florence Rotary Club to make people aware about this disease whose life expectancy is only forty years. Verdone lent himself as a testimonial, thus renewing the bond he has always had with Tuscany. His roots are in Tuscany. His father, the professor Mario Verdone, an expert of expressionism and artistic avant-guardes of the twentieth century, was born in Siena and he still has his Siena accent. Carlo was baptized in the Contrada della Selva and he follows the Palio passionately. In Siena Carlo directed a cinema festival which counted some brilliant editions. Do you come ofter to Florence? Yes, I love the Excelsior hotel in piazza Ognissanti with its rooms on the Lungarno. It boasts two qualities which I appreciate more than everything, the silence and the tranquility. Which places do you love more in Florence? The Lungarni, Santo Spirito, piazza del Carmine, and some restaurants like the Coco Lezzone, simple and genuine. When did you start loving our region? When I was little, I used to play the Palio with the wooden balls. I was fascinated by the race. In Siena I shot my first movie, a documentary about the Chigiana Musical Academy. A Firenze | Tuscany 87


movie interview

Some frames from the movies “Italians” and “Posti in piedi in paradiso”. The spot for cystic fibrosis

come il Coco Lezzone, semplice e genuino. very important work for me: on that occasion I could interview Quando ha iniziato ad amare la nostra regione? some of the Italian classical music myths, the flautist Severino Da piccolo giocavo al Palio con delle bilie di legno. Ero affascinato Gazzelloni, the violinist Abbada, the violoncellist Navarra, some dalla corsa. A Siena ho girato il mio primo film, un documentario of the greatest world musicians. I was only 24. My cinema career sull’Accademia musicale Chigiana. Un lavoro importantissimo per started there. me: in quella occasione potei intervistare dei miti della musica Did Tuscany play a part in your sentimental life? come il flautista Severino Gazzelloni, il violinista Accardo, il Yes, when I got married in 1980, we spent our honeymoon in violoncellista Navarra, i più grandi maestri della musica mondiale. Tuscany and Umbria. We stayed in the first agritourisms, they Avevo 24 anni. Il mio futuro di cinema iniziò lì. were very few at that time , they were not fashionable. Tuscany La Toscana è entrata anche nella sua vita sentimentale? was also the absolute protagonists of one of my movies, It’s Sì: quando mi sono sposato, nel 1980, abbiamo fatto il viaggio di one of the movies I’m most fond of, it’s very autobiographical. nozze in Toscana e in Umbria. Trovando i primissimi agriturismi: The most important places in Tuscany play a major role in the ancora non ce n’erano quasi, non erano di moda. Poi la Toscana movie. diventa protagonista assoluta in un mio film dal titolo Al lupo al Many of your screenwriters were tuscan. What’s their extra lupo. Uno di quelli a cui tengo di più, un film molto autobiografico. oomph? E tra gli ‘attori’ di quel film, ci sono le zone per me I wrote many films with Leo Benvenuti and Piero più importanti della Toscana. Bernardi, one is from Florence and the other ‘I love the Val De Spesso le persone con cui ha scritto i suoi film from Prato. They taught me many things. The d’Orcia for Tuscan man is naturally ironic, he has a quick sono toscani. Che cosa hanno di più? Ho scritto tanti film con Leo Benvenuti e Piero its deep and come back. This feature perfectly matches the De Bernardi, l’uno di Firenze e l’altro di Prato. Mi I represent the world and society. Tuscan unique colors. way hanno insegnato moltissimo. Chi è toscano ha un people have always that bit of meanness which is I think it is one good in comedy. occhio ironico e una battuta tagliente che si sposa perfettamente con il mio sguardo verso la società of the most Are there other places which you like in che racconto. Poi i toscani mettono quel pizzico di poetic places in Tuscany? cattiveria che in una commedia non guasta mai. I love the Val d’Orcia for its deep and unique Europe together colors. I think it is one of the most poetic places Ci sono altri luoghi che ama della Toscana? with Cornwall’ in Europe together with Cornwall. Per i suoi colori forti ed unici, la Val d’Orcia. La ritengo insieme alla Cornovaglia uno dei luoghi più poetici in Europa. The Florentine Vittorio Cecchi Gori was your producer for Fiorentino è stato anche il suo produttore per vent’anni, Vittorio twenty years. Cecchi Gori. I spent more than twenty years with the Cecchi Gori family. Ho passato più di vent’anni della mia vita legato ai Cecchi Gori. Mario Cecchi Gori was a like a father for me. He was the Mario Cecchi Gori è stato come un padre per me. Produsse producer of Borotalco and he won seven David Awards with that Borotalco, e vinse sette David di Donatello per quel film. Da quel movie. Since then we always signed our contracts by shaking momento, abbiamo sempre siglato i nostri contratti con una hands. We never deceived each other, we always respected the stretta di mano. E nessuno dei due ha mai tradito l’altro, ognuno other’s word promise. ha rispettato sempre la parola. In Viaggi di nozze, Ivano, il coatto, In Viaggio di Nozze (Honeymoon), the lout is in Florence with si ritrova a Firenze con Gessica e dice, guardando il panorama: Gessica. By looking the Florence landscape he says “I cannot “Non riesco a indiviua’ ‘o stadio…”. pinpoint the stadium…” Beh, sì, tra il campanile di Giotto e lo stadio lui preferiva lo stadio, Well, yes, he prefers the stadium to the Giotto tower and he e cercava quello nel panorama! Certo, lo stadio ormai fa parte della was trying to see that in the landscape! The stadium is a part skyline di Firenze. Niente a che vedere con i monumenti che stanno of Florence skyline. But it has nothing to do with the most lì dal Rinascimento, e che la rendono la città più bella del mondo. beautiful monuments of the town. 88 Firenze | Tuscany


Per pensare le cose in grande

è necessario avere attenzione ai

particolari,

perché è in questi che risiede

la perfetta riuscita di un evento

alateo G

®

RICEVIMENTI FIRENZE - MILANO

Firenze: Via Reginaldo Giuliani 73/75r - Tel. 055 4476066 r.a. Milano: Via Pancaldo 11 - Tel. 02 20520792 info@galateoricevimenti.com - www.galateoricevimenti.com


culture interview

In prima linea at the front line Il centro di ricerca per i diritti umani presieduto da Kerry Kennedy ha sede ha Firenze The research center for human rights, presided over by Kerry Kennedy, Robert’s daughter, is based in Florence Il Robert F. Kennedy Center for Justice and Human Rights, dal 2011 ha sede a Firenze, unica in Italia, negli spazi delle Murate. Il centro, fulcro di discussione e laboratorio per i diritti umani, è presieduto da Kerry Kennedy, 52 anni, figlia di Robert F. Kennedy, attivista di lungo corso, che lo ha fondato nel 1988. Signora Kennedy qual è il suo sentimento quando pensa a Firenze e alla Toscana? Firenze è stata una città che la mia famiglia ha eletto come propria seconda casa ormai da generazioni. Mia nonna solitamente veniva qui, moltissimi anni fa, e ci parlava molto di Firenze. Mio zio, il senatore Edward Kennedy venne nel 1966 subito dopo l’alluvione, gli fu chiesto da Gianni Agnelli: fu un’esperienza che lo cambiò molto. Gli piaceva raccontarci dei posti e delle persone che lo avevano colpito. Ho tre figlie – metà italiane, metà irlandesi - credo siano state a Firenze una dozzina di volte. Quindi non consideriamo Firenze come un luogo per il turismo ma come una casa. Sono stata profondamente entusiasta quando il sindaco Matteo Renzi ha invitato il RFK Center Europe a trasferirsi a Firenze e stabilire qui la propria sede, in un posto bellissimo come le Murate, che è il centro di tutte le nostre attività.  Nel rapporto tra la famiglia Kennedy e Firenze c’è anche l’appello che suo padre Robert fece, ripreso da Franco Zeffirelli, per salvare la città dopo l’alluvione. Era un segno che la Fondazione a lui intitolata dovesse avere sede qua? Tutto il mondo fu colpito quando vide il cuore della cultura ricoperto da acqua e fango. Fece questo appello così che più persone possibili potessero dare una mano alla gente di Firenze, salvare il patrimonio artistico della città, che è un qualcosa che lega tutti noi. Credo si sentisse molto vicino a chi soffriva per quella situazione e che volesse riportare allo splendore questa città. Oggi la sede del RFK Center è proprio qui nel centro di Firenze e lavoriamo per togliere un altro tipo di fango, quello della 90 Firenze | Tuscany

From 2011 the Robert F. Kennedy Center for Justice and Human Rights is headquartered in Florence, in the rooms of the Murate, being the only headquarters in Italy. The center, hub of discussions and workshops for human rights, is chaired by Kerry Kennedy (52) - daughter of Robert F. Kennedy, longtime activist, who founded it in 1988. Mrs. Kennedy what are Your feelings when You think about Florence and Tuscany? Florence is the city that my family has chosen to be our second home for generations. Many years ago my grandmother used to come here and she used to tell us a lot about Florence. My uncle, Senator Edward Kennedy came here in 1966 right after the flood, being asked by Gianni Agnelli and it was an experience that changed him a lot. He liked to talk about the places and people who had struck him. I have three daughters - half Italian, half Irish - they have been in Florence a dozen of times I think. So we do not consider Florence as a touristic place, but as our home. I was deeply thrilled when Mayor Matteo Renzi invited the RFK Center Europe to move to Florence and establish their headquarters here, in a beautiful place like the Murate, which is the center of all our activities.   In the relationship between the Kennedy family and Florence there was also this appeal that Your father took from Robert Franco Zeffirelli to save the city after the flood. Was it a sign that the Foundation named after him should be located here? The whole world was shocked when it saw the centre of the culture covered with water and mud. He made this appeal so that it would be for more people to help the people of Florence save the heritage of the town, which is something that binds us all. I think he felt very close to those who suffered from this situation and wanted to return to the splendour of this city. Today the headquarters of the RFK Center is right here in


Mary Kerry Kennedy (born September 8, 1959), human rights activist and writer. She is the seventh of the eleven children of Robert F. Kennedy and Ethel Skakel Kennedy


culture interview

The former Murate prison, the Center’s current headquarters, before restructuring works (ph. Domenico Juliano) the center of Florence and we are working to remove another violazione dei diritti umani. type of mud - the violation of human rights. Lei in questi giorni ha visitato Firenze, che realtà ha visto? Firenze è il cuore del mondo occidentale in un certo senso, You have visited Florence these days, what kind of reality perché si vedono così tante persone da ogni parte del mondo did You see? che vengono qua per camminare per le strade della città, visita- Florence is the heart of the Western world in a way, because re posti di bellezza straordinaria come Palazzo Pitti, il Duomo, you see so many people from all over the world who come Ponte Vecchio. Ma non è solo per il passato: Firenze è una città here to walk on the streets of the city, visiting places of exche guarda al passato, che respira la propria storia ma ha una traordinary beauty as the Pitti Palace, the Duomo, Ponte Vecforte spinta verso il futuro. Qualche sera fa siamo stati ad una chio. But it isn’t only because of the history: Florence is a city mensa della Caritas per i senza tetto: si sentiva la difficoltà di that looks at the past breathing its history, but has a strong queste persone che sono senza lavoro, che sono colpiti dalla motivation towards the future. A few nights ago we were at crisi che ha interessato l’Europa – l’Italia in particolare. Ma a Caritas soup kitchen for the homeless: we felt the needs c’era anche un grande senso di speranza: c’erano molti volon- of the people who are unemployed, who are affected by the crisis that struck Europe and Italy in particular. But there tari, persone che si impegnano per la propria comunità. was also a great sense of hope: there were many I fiorentini sono famosi per essere spesso volunteers, people who are committed to their scontenti della propria città. C’è qualcosa che community.   si sente di dire da “fiorentina di adozione”? ‘Each of The Florentines are known to often be unhapIo amo questa città: è una città con tante chiese e tanti richiami a Dio. Ogni volta che a Firenze us has py with their city. Is there anything that You an “adopted Florentine” would like to say? vedo un’opera che porta la testimonianza del something as I love this city: it’s a city with many churches Signore, di Maria, degli angeli dico una prespecial, a and many references to the God. Whenever I ghiera per ringraziare di tutto ciò. Rimango senza parole quando mi ritrovo in questi luospecial gift see a work that bears a proof of the Lord, of of the angels I say a prayer to thank for all ghi circondata da persone che hanno così tanto to make Mary, of this. I remain speechless when I find myself amore da dare. Sono riconoscente a tutti coloro this world a in this place surrounded by people who have che nel passato hanno pensato alle generazioni better place’ so much love to give. I am grateful to all those future e si sono impegnati nel creare le bellezze di questa città. E tutti dovrebbero essere riconoscenti per people who in the past have thought of the future generations and committed themselves to the creation of the beauty of questo.  Per alcuni studiosi i Kennedy negli Usa sono stati ciò che this city. And everyone should be grateful for that.   According to some academics Kennedy for the U.S. was the sono stati i Medici a Firenze. Sarebbe stato bello essere i nuovi Medici... Uno dei valori same that the Medici were for Florence. della mia famiglia è quello di cercare di essere impegnati It would have been nice to be one of the new Medici ... One nella vita delle varie comunità, un valore condiviso da tante of the values ​​of my family is to try to be involved in the life persone a Firenze. In ogni posto dove sono stata ci sono per- of the various communities, a value that is shared by many sone che si sacrificano per il bene della propria comunità. people in Florence. In every place where I’ve been, there are Ognuno di noi ha qualcosa di speciale, un dono particola- people who make sacrifices for the good of their community. re per rendere migliore questo mondo, basta scoprire cos’è: Each of us has something special, a special gift to make this può essere il saper dipingere o la spinta ad aiutare gli altri world a better place. Just find out what it is: maybe it’s the o qualcosa che cambia davvero il mondo come hanno fatto skill to paint or the urge to help others or something that rei Medici. Tutti noi dobbiamo trovare quel dono e vivere la ally changes the world as did the Medici. All of us have to find that gift and live their lives focusing on that. propria vita puntando su quello. 92 Firenze | Tuscany


aaa aa aaThe courtyard of today’s aaa Robert F. Kennedy Center aaa for Justice and Human Rights aaa


fashion interview

Cuore fiorentino Florentine heart

text Teresa Favi

Ermanno Scervino. La sua Firenze, l’amore per il genius loci, senza dimenticare il mondo e il contemporaneo His Florence, the love of the local genius loci, not to mention the worldly and the contemporary

La sua casa-studio sorge vicino a piazzale Michelangelo, circondata da un grande prato e da alberi di limone centenari, camelie, rose antiche e gardenie. Ogni mattina, se il programma non prevede un viaggio all’estero o a Milano - del resto con una maison che fattura oltre 90 milioni di euro l’anno e più di 40 monomarca distri-

di Ermanno Scervino si può davvero dire: più fiorentino di così si muore! E Firenze ricambia la sua passione e soprattutto quel suo aver voluto e saputo valorizzarne il genius loci nelle sue collezioni uomo, donna e bambino - con una sfilata che lo vede protagonista dell’83esima edizione di Pitti Uomo, niente di meno che

His home and studio is located near Piazzale Michelangelo, surrounded by a large lawn and trees, ancient lemon trees, camellias, old roses and gardenias. Every morning, if the program does not include a trip abroad or to Milan with a maison with a turnover of over 9 0 million euros per year and more than 40

In short, even though his origins are not of Florence, we can say of Ermanno Scervino: no-one is more Florentine than him! And Florence returns his passion - and especially his capacity and his will to enhance the genius loci in his collections for men, women and children - with a parade where he is the protagonist

The company on the hills overlooking Florence buiti in ogni parte del mondo, quel breve tratto di strada che lo separa dall’aeroporto di Peretola lo farebbe ormai a occhi chiusi – salta in macchina e in 20 minuti eccolo entrare nel mondo fatato della sua azienda a Bagno a Ripoli, sulle colline che sovrastano Firenze a sud-est, fatto di verde, vetro, legno e metallo. Qui lavorano per lui e per il socio e amico di sempre, Toni, 236 persone che salgono a 1400 se consideriamo l’indotto, tanto da raddoppiare a breve la sede. Insomma anche se le sue origini non sono a Firenze, 94 Firenze | Tuscany

nel Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio, un evento fortemente voluto anche dal sindaco di Firenze Matteo Renzi, che, non è un mistero, è un fan dei suoi abiti. Quando le chiedono di descrivere l’essenza del suo prodotto, lei parla spesso di made in Florence rivestito di design contemporaneo, quanto è importante? Il “Made in Florence” è stato e sarà sempre la forza del nostro successo. Quando con Toni abbiamo rilevato qui in zona un piccolo maglificio di 15 operaie esperte nelle lavorazioni più delicate, ci hanno criticato in mol-

brands distributed in every part of the world he could drive blindfolded over that short stretch of road that separates him from Peretola - he jumps in the car and in 20 minutes he enters the enchanted world of his company in Bagno a Ripoli, on the hills overlooking Florence from the southeast, made ​​of green, glass, wood and metal. Here his partner and lifelong friend, Toni, works for him as well as 236 people rising to 1400 if we consider the network of suppliers, so that they will double the head office soon.

of the 83rd edition of Pitti Uomo, no less than in the Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio, an event also strongly supported by the mayor of Florence, Matteo Renzi, who and this is not a mystery, is a fan of his clothes. When asked to describe the essence of your product, you speak often of made in Florence covered with contemporary design, how important is it? The “Made in Florence” has been and always will be the strength of our success. When me and Toni took over here in this area a knit-


Ermanno Scervino lives in Florence in a home-studio close to the Lungarni Firenze | Tuscany 95


Above, Ermanno and Toni Scervino Belove, the designer at the end of his show 96 Firenze | Tuscany


fashion interview

ti, ma noi, nel fatto a mano di qualità ci abbiamo sempre creduto e continueremo a crederci. Quali sono le cose di Firenze che hanno ispirato la sua moda? Il suo cielo azzurro, la qualità della vita e ogni angolo, ricco di arte e storia. Che cosa significa Firenze per lei? Firenze è come una donna bellissima. Misteriosa e solare, seducente e altezzosa.
Da molti anni vivo in riva all’Arno e non posso immaginare un altro luogo tanto magico. E’ una città d’arte tra le più belle al mondo, con la particolarità che la

internazionale ma a misura d’uomo. Firenze è piena di prospettive incantevoli, di angoli meravigliosi, di persone amiche, di negozi, di botteghe artigiane e di luoghi che mi sono cari.
 Cosa ha provato quando le hanno proposto di far sfilare la sua collezione nel Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio? Palazzo Vecchio, simbolo di Firenze, è la cornice perfetta per accogliere quei valori di eccellenza e tradizione che sono il vero Made in Italy. Per me rappresenta un momento importante della mia carriera. Un indirizzo ‘molto fioren-

wear factory of ​​15 workers specialized in fine manufacturing, we were criticized by many people, but we have always believed in handmade quality and we continue to believe in it. What are the things in Florence that inspire your fashion? Its blue sky, the quality of life and every corner, rich in art and history. What does Florence mean for you? Florence is like a beautiful woman. Mysterious and solar, seductive and haughty.
For many years I have been living on the banks of the Arno and I cannot imag-

abuoni, until Piazza Antinori, where there is also my boutique that I love, it is international but on a human scale, too. Florence is full of delightful perspectives, wonderful places, friendly people, shops, craft shops and places that are dear to me.
 How did you feel when it was proposed to do a fashion show of your collection in the Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio? Palazzo Vecchio, the symbol of Florence, is the perfect setting to accommodate the values ​​of tradition and excellence which are the real Made in Italy. For me this is an important moment of my

His boutique in Florence is in piazza Antinori,10r close to via de’ Tornabuoni campagna è a ridosso della città. Non è un caso che proprio le colline che sovrastano Firenze ospitino la sede della sua azienda… Un ambiente di lavoro piacevole contribuisce a fidelizzare chi vi lavora; non dimentichiamo mai che le aziende sono fatte dalle persone.
 Come trascorre il suo tempo libero a Firenze? Percorrendo a piedi le sue strade antiche. Via Maggio, ponte Santa Trinita, via de’ Tornabuoni, fino a piazzetta Antinori, dove c’è anche la mia boutique che adoro,

tino’ per la cena del doposfilata? Alla trattoria Cammillo, in Borgo San Jacopo. Qualche anticipazione sul mood della sfilata? Sarà sicuramente un grande impegno perchè ho deciso di far sfilare l’uomo e la donna a coppie sulla passerella. Dovranno essere due collezioni in grande armonia. Per lui, che dal 1997 fa dell’armonia tra l’alto artigianato locale e una grande creatività il sigillo che ha conquistato il mondo, non sarà poi un’impresa tanto ardua.

ine another place so magical as it is. It is one of the most beautiful city of art in the world, with the peculiar feature that the campaign is close to the city. It is no coincidence that the hills above Florence house the headquarters of his company ... A pleasant working environment helps to retain those who work there, never forget that companies are made by people.
 How do you spend your free time in Florence? Walking along its ancient streets. Via Maggio, Ponte Santa Trinita, Via de’ ‘Torn-

career. A ‘very Florentine’ address for the after-dinner show? Cammillo restaurant, in Borgo San Jacopo. A preview of the mood of the fashion show? It will certainly be a big commitment because I decided to pull the man and woman in pair on the catwalk. The two collections must be in great harmony. For him since 1997 harmony between the high local crafts and a great creativity is the seal that has conquered the world, so this will not be a difficult undertaking. Firenze | Tuscany 97


fashion interview

Lusso sussurrato Whispered Elegance

text Marta Innocenti Ciulli

Eduardo Wongvalle. “La definizione di eleganza?. Cercare ciò che è nascosto” What does elegance mean? It means to look for what it is concealed Conoscere e amare il passato è la chiave per aprire le porte sul nostro futuro. Così Eduardo Wongvalle, dopo anni di consulenza nel mondo del luxury, ha deciso di intraprendere la carriera da solista. Già direttore creativo per la pelletteria di maison come Bottega Veneta e Christian Dior, consulente di marchi per molte case europee, era naturale in lui la voglia di comunicare il proprio stile. La

prima collezione di borse, una ventina di modelli fra hobo, bauletti, messenger, shopper e shoulder bag, è stata presentata a Milano lo scorso febbraio. Il vero debutto è al Pitti Uomo di gennaio a Firenze, con la presentazione di una collezione di sei borse dai volumi importanti, tali da ospitare anche un cambio per il week-end. Il concetto di Wongvalle è creare una perfetta sintonia fra materia, sempre molto pregiata, linee e volumi, privilegiando i particolari quasi nascosti. Ideate e disegnate da lei. A cosa pensa quando disegna? Quando disegno una borsa mi vengono in mente le architetture di Wright o di Tadao Ando, 98 Firenze | Tuscany

perché penso alla pura perfezione delle linee, alle forme essenziali. Per la realizzazione di ogni singolo pezzo ho scelto il distretto di Firenze, per la grande specializzazione nella lavorazione artigianale della pelle. Niente di industriale, ogni borsa è seguita personalmente, dal taglio alla cucitura fino al confezionamento. Quindi quello che lei vuole esprimere attraverso il suo la-

voro è un concetto quasi geometrico? Sì amo una estetica pura, lineare dove ciò che è nascosto e non esibito rappresenta la vera distinzione e la definizione di eleganza. Vorrei che le mie borse durassero nel tempo e passassero da una generazione all’altra, rivelando l’allure del presente. Cosa la lega a Firenze? Per Firenze ho un amore grande nato venti anni fa. Vivo in questa città che mi ha dato l’imput di continuare sulla mia strada e realizzare i miei sogni. E poi mi piace organizzare cene per i miei amici, e cucino e reinterpreto vecchie ricette fiorentine insieme al buon vino che qui davvero non manca.

To know and love the past. This is t he key to open the doors of our future. After many years as a consultant in the world of luxury, Edoardo Wongvalle decided to start a career on his own. He worked as artistic director for the leather ware department of various masons such as Bottega Veneta and Christian Dior, and many other European brands, it was natural for him to feel the need to

tecture of Wright and of Todao Ando comes to my mind. Because I think about the perfection of the lines and the essentiality of the forms. To produce all my styles I chose the district of Florence because it is highly specialized in the leather handicraft. Nothing comes from the industry, every single bag is produced by hand, from the cutting to the sewing. You like to express a geometric

Some bags of the Eduardo Wongvalle’s collection and the creative director

express his own style. The first collection of bags, about twenty styles ranging from hobo, handbags, messengers, shoppers and shoulder bags, was presented in Milan last February. His real debut will be at Pitti Uomo in January with the presentation of a collection of six bags which are thought to be ideal for the weekend trip. Wongvalle's concept is to create a perfect harmony of the materials, which are always very precious, the lines and the volumes, with a special care for almost hidden details. You created and designed the bags? What do you think of when you design? When I design a bag, the archi-

concept through your styles. Yes, I love a pure, linear aesthetic where what it is hidden and not shown is the real distinctive feature and the definition of the elegance. I would like that my bags last in time and they would be passed from one generation to the other thus revealing our present allure. What does it tie you to Florence? My love for Florence started almost twenty years ago. I live in this town that gave me the strength to follow my dream and realize it. I like organizing dinners with friends. I cook some old Florentine recipes which I accompany with some good Tuscan wine.


Eduardo Wongvalle SS 2013


fashion exhibition

La petite veste noire The Little Black Jacket

text Marta Innocenti Ciulli

La mostra racconta la atemporalità di un cult della moda. Con l’obiettivo di Karl Lagerfeld Karl Lagerfeld’s photographic exhibition explores the timelessness of an iconic piece of fashion Una mostra itinerante nelle capitali di tutto il mondo per celebrare Mademoiselle Chanel e una sua fortunata e intramontabile creazione: la petite veste, ovvero il sogno, lo struggimento di qualsiasi donna. Aveva settanta anni suonati Coco quando decise di rientrare in scena. La collezione presentata il 5 febbraio 1954 in rue Cambon, venne però definita dai giornalisti “una melanconica retrospettiva”. Eppure avevano visto il futuro e l’avevano scambiato per dejà vu. Fu la stampa americana a parteggiare per lei, e nel giro di due stagioni il tailleur Chanel sedusse la clientela e il fashion system e ad oggi, sarà il capo base di parecchi guardaroba. Se c’è un indumento al quale Mademoiselle ha saputo associare indissolubilmente il suo nome, è certamente la famosa piccola giacca di quel tailleur dalla gonna, all’ora, appena sotto il ginocchio. Dritta, collo rotondo, leggermente sciancrata, ornata di tasche (mettere le mani in tasca a quei tempi era un gesto tipicamente maschile), chiusa da bottoni dorati, e rifinita di passamaneria tono su tono. La fodera di jersey o di crepe in seta, per appagare l’esigenza di comodità. Ma rivoluzione fu anche l’uso di un tessuto tipicamente maschile: il tweed, quello più meravigliosamente leggero. E questa icona non è mai scesa dalla passerella. Karl Lagerfeld, che ha assunto la direzione creativa della Maison Chanel dal 1983, in ogni colle100 Firenze | Tuscany

zione di ogni stagione inserisce una uscita, nelle sue sfilate, dedicata alla reinterpretazione della Petite Veste, meglio se noire. L’abbiamo vista in nuovi tessuti non sempre di tweed, in stoffe più modeste come la spugna, in pelliccia sintetica, o in tessuti high tech come il neoprene lucido. Monsieur Karl l’ha abbinata al jeans, ad un abito, al costume da bagno, ai pantaloni di ogni genere, agli shorts. E col tempo l’la resa più affusolata, più aderente al corpo, le maniche sono diventate più sottili e le spalle più strette. La Petite Veste Noire, un classique revisité par Karl Lagerfeld et Carine Roitfeld, è uno shooting lungo 113 immagini, scattate durante un anno intero, con la collaborazione di un team di grandi professionisti della moda. Il bianco e nero senza ombra di difetti è di Lagerfeld fotografo, che ha fermato modelli e celebrity con indosso la protagonista-piccola giacca straordinariamente chic e versatile, trasformandola in 113 stili differenti. Sofia Coppola, Uma Turman, Charlotte Casiraghi, Anna Mouglalis, Claudia Schiffer, Riccardo Tisci, Olivier Theyskens, Yoko Ono, Tilda Swinton, Roberto Bolle sono solo alcuni dei nomi del cast di personaggi che si sono prestati al gioco delle trasformazioni. In copertina Carine Roitfeld versione Coco. “Il est des habits qui au lieu de s’user se font toujours plus neufs” (Roberto Juarroz – Poésie Verticale). Niente di più vero.

An itinerant exhibition throughout the world’s fashion capitals to celebrate Mademoiselle Chanel and one of her most successful and timeless creations: the so-called petite veste, that is to say, any woman’s dream. Coco was well over seventy when she decided to make her comeback. Her haute couture show held on February 5, 1954 at the Rue Cambon salon was described by the French press as a “melancholy retrospective” . They had seen the future and had mistaken it for the past. On the contrary, the American press supported her and, in the course of two seasons, the Chanel suit captivated the clientele and fashion system alike and is, to this day, one of the essentials of many wardrobes. If we were to choose one piece with which her name is indissolubly connected, it would certainly be Chanel’s little jacket matched with the skirt falling, at the time, just slightly below the knee. Formfitting, with a round neck and pockets (hands in pockets were not considered feminine at all), golden buttons and ton-sur-ton trimming on the edging. The lining was made of jersey or silk crepe to make it more comfortable. However, her most revolutionary move would be to use a typical men’s fabric: tweed, the wonderfully light-weight kind. And this iconic piece of fashion has never stopped coming down the runway. Karl Lagerfeld, who

stepped in as creative director of the label in 1983, has kept the look alive by reinventing the Little Black Jacket every season. We’ve seen in all versions and fabrics, not always tweed, but even in cheaper materials such as sponge cloth, fake fur and hightech fabrics like glossy neoprene. Monsieur Karl has paired it with almost everything from jeans to dresses, from bathing suits to pants of all kinds, shorts included. He has made it tighter, more close-fitting, the sleeves thinner and the shoulders much more tapered. La Petite Veste Noire, un classique revisité par Karl Lagerfeld et Carine Roitfeld is a 113 pictures-long shooting, taken over a year, with the help of a team of great fashion professionals. The beautiful black and white pictures are by Lagerfeld the photographer, who captured models and celebrities wearing the little black jacket and demonstrating how extraordinarily chic and versatile it is, in 113 different versions. Sofia Coppola, Uma Turman, Charlotte Casiraghi, Anna Mouglalis, Claudia Schiffer, Riccardo Tisci, Olivier Theyskens, Yoko Ono, Tilda Swinton, Roberto Bolle are only some of the well-known faces who agreed to “play the game”. The book’s cover page features Carine Roitfeld in the Coco version. “There are clothes that keep rejuvenating themselves instead of getting worn out” ( Roberto Juarroz – Poésie Verticale). Nothing could be truer.


Saskia De Brauw


fashion exhibition

Tao Okamatothe 102 Firenze | Tuscany


1

2

4

1. Edgar Ramirez 2. Charlotte Casiraghi 3. Daphne Groeneveld 4. Astrid Berges Frisbey 5.7. The exhibition at Garnd Palais in Paris 6. Mademoiselle Chanel 7. Entrance to the exhibition

3

5

6

7 Firenze | Tuscany 103


Errata Corrige In the shooting Black Royalty in Firenze made in Tuscany 24 credits are wrong. The photo is by Alessandro Bencini, the makeup is by Rossana Luzzi. We apologise for the mistake.

More Less is

I volumi si gonfiano e le spalle ritornano importanti. Ma non solo Inflated volumes and shoulders make a comeback. And not only that

Marta Innocenti Ciulli photo Ruggero Lupo Mengoni make up and hair Paolo Baroncelli


Viktor & Rolf Abito in chiffon sulla gonna asimmetrie di volumi Chiffon halter dress. Asymmetries of volumes on the skirt Cappotto/coat: CĂŠline at Luisaviaroma


Gabriele Colangelo Come un’armatura la camicia-mantella in voile con orli rigidi Just like armour the voile shirt-cape with hard hems Pantaloni/pants: MSGM at Luisaviaroma Scarpe/shoes: Prada 106 Firenze | Tuscany


Prada Spalle importanti sul tubino slim con collo in contrasto Important shoulders on the sheath dress with contrasting collar Scarpe/shoes: Prada


Antonio Marras Pull leggero molto ampio con scollo a barca Pull with light very wide boat neck


Fornarina Ampiezza totale per la blusa in jersey con coulisse in vita Total width for the jersey blouse with round neck and drawstring waist Giacca/jacket: Maison Martin Margiela Pantaloni/pants: MSGM at Luisaviaroma

Firenze | Tuscany 109


Albino Gonna pantalone oversize con bustino e volant. Oversized divided skirt with bodice and volant waist. Casacca/tunic: Marni at Luisaviaroma Scarpe/shoes: Salvatore Ferragamo at Luisaviaroma Calzettoni/Socks: Gallo 110 Firenze | Tuscany


Marni Gilet XL con coulisse alla vita che enfatizza il dietro. Gonna godet con orli rigidi Vest XL with drawstring at the waist that emphasizes the back. Godet skirt with rigid hems Scarpe/shoes: Marni Calzettoni/socks: Gallo


Bottega Veneta Ampia blusa dalla linea geometrica con spalle evidenti. Gonna abbinata Wide blouse with geometric line with evident shoulders. Matched skirt. Scarpe/shoes: Bottega Veneta Borsa/handbag: Bottega Veneta 112 Firenze | Tuscany


Miu Miu Casacca dai volumi ampi increspata sul davanti. Gonna longuette Large volumes tunic, rippled on the front. Straight longuette skirt Scarpe, bijoux, guanti/ shoes, jewellery, gloves: Miu Miu


Via de’ Tornabuoni 114 Firenze | Tuscany


shopping itineraries

Le vie della moda the streets of fashion

text Alessandra Lucarelli photo Dario Garofalo

fiorentina. , avanguardia Boutique, stile Ecco dove ntine yle and Flore Boutiques, st re his is whe avant-garde. T La consacrazione ufficiale di Firenze come capitale della moda italiana arriva il 12 febbraio del 1951, quando Giovan Battista Giorgini, che allora acquistava prodotti dell’artigianato italiano per i grandi negozi americani, invitò alcuni tra i suoi clienti più importanti ad assistere alla prima sfilata di Alta Moda italiana. Le sartorie presenti - tra cui Antonelli, Schubert, Simonetta, Sorelle Fontana, Emilio Pucci, tra le più famose - furono accolte nel salone settecentesco della sua casa in via dei Serragli. Da qui un susseguirsi di eventi: l’apertura della Sala Bianca di Palazzo Pitti, la nascita del Centro di Firenze per la Moda Italiana, con le sfilate prima a Palazzo Pitti poi a Palazzo Strozzi, fino all’arrivo, nel 1972, di Pitti Uomo. Quest’anno, la kermesse internazionale di Pitti Immagine festeggia la sua 83 edizione e la città - patria di alcune tra le

più grandi maison simbolo del made in Italy in tutto il mondo, da Gucci a Salvatore Ferragamo, da Emilio Pucci a Gherardini, o ancora realtà più recenti come Roberto Cavalli, Stefano Ricci, Enrico Coveri e Ermanno Scervino - rafforza ancora di più la sua importanza nel panorama della moda italiana. Terminati i lavori di pavimentazione delle strade del centro storico, voluti dal Comune di Firenze, la città si riappropria di quell’atmosfera intima ed elegante di ‘salotto buono’ che era un tempo. Ma quali sono le strade della moda? Cuore pulsante dello shopping fiorentino è via de’ Tornabuoni, che dal ponte Santa Trinita giunge fino a Piazza Antinori. Nell’imponente Palazzo Spini Feroni si trova il negozio di Salvatore Ferragamo e il suo museo, che vanta una grande collezione di scarpe realizzate dalla maison e opere di alto artigianato.

Florence is the hometown of the most important Italian fashion brands

The official nomination of Florence as the capital of the Italian fashion dates back to February 12 1951, when Giovan Battista Giorgini, who was the buyer of Italian handicrafts products for some big american shops, invide some of his most important customers to look at the first Italian Haute Couture fashion show. The high fashion companies that participated at the show, among which Schubert, Simonetta, Sorelle Fontana, Emilio Pucci just to name the more famous, were hosted in the eighteen century hall of his house in via die Serragli. After then a series of events followed: the opening of the White Hall in Palazzo Pitti, the foundation of the Italian Center for the Italian Fashion, the shows in Palazzo Pitti and in Palazzo Strozzi, until 1972 when the first edition of PItti Uomo took place. This year the international kermess of the Pitti Immagine celebrates its 83 edition. Florence is the hometown

of the most important Italian fashion brands as Gucci, Salvatore Ferragamo, Emilio Pucci, Gherardini, and more recently Roberto Cavalli, Stefano Ricci, Enrico Coveri, and Ermanno Scervino and it is strengthening its presence in the Italian fashion panorama. The new flooring of the streets in the historical center of the town, which were decided by the Comune di Firenze, are almost completed. The town is taking back the intimate and elegante atmosphere which it used to have in the past. Which are the streets of Fashion? The heart of the shopping in Florence is Via de’ Tornabuoni which goes from the Santa Trinita bridge to Piazza Antinori. In the imposing Palazzo Spini Feroni Salvatore Ferragamo boutique and museum are located. The latter boasts a great collection of shoes created by the mason and works of state of the art craftsmanship. To follow Ermenegildo Zegna, Céline, Hogan, Pomellato, Firenze | Tuscany 115


Firenze su misura fa s h i o n s h o p p i n g g u i d e

ISBN 978-8864820057

â‚Ź 9,90

9 788864 820057

fashion jewel design beauty

3 5

rivenditori autorizzati

1

Gruppo Editoriale

2

4

6

7

10

1. Ermanno Scervino 2. Firenze su misura Fashion Shopping Guide edited by Gruppo Editoriale 3. Hogan 4 Salvatore Ferragamo 5. Stefano Ricci 6. Emilio Pucci 7. Gucci 8. Ermenegildo Zegna 9. Etro 11. Armani Junior 12. Dolce & Gabbana 13. Bulgari 14. LuisaViaRoma 15. Miu Miu

8

9

11

12

13 14

15


From above clockwise: Ermenegildo Zegna, Faliero Sarti, Louis Vuitton, Tiffany Proseguendo Ermenegildo Zegna, Céline, Montblanc, Armani, Christian Dior, Prada, Gucci, Bulgari, Roberto Cavalli, Tod’s, Hogan, Pomellato, Ermanno Scervino. Perpendicolare a via de’ Tornabuoni si trova via della Vigna Nuova, che ospita brand come La Perla, Lacoste, Etro, Loropiana. Sull’altro lato di via de’ Tornabuoni, via della Vigna Nuova diventa via degli Strozzi, dove hanno sede Bottega Veneta, Louis Vuitton, Dolce & Gabbana, Cartier, Patrizia Pepe, e molti altri. In piazza Signoria trovate l’universo di Chanel, mentre via Roma è una tappa obbligata, oltre che per il flagship store di Miu Miu, per Luisaviaroma, boutique multimarca che è un punto di riferimento per la moda in città. In tutta la città è ancora viva l’antica tradizione dell’artigianato, che si respira soprattutto in Oltrarno grazie alle botteghe che tramandano la propria attività di generazione in generazione. Ed è proprio per rendere omaggio a queste due realtà, complementari, che rendono Fi-

renze una città unica al mondo che è nata la collana Firenze su misura edita da Gruppo Editoriale. La prima pubblicazione, Craft shopping guide, uscita lo scorso dicembre e dedicata alle botteghe artigiane, e Fashion Shopping Guide, ultima nata e dedicata a ben centocinquanta boutique nel cuore della città. Firenze su misura nasce dalle fotografie che sono state realizzate, in esclusiva, fuori e dentro le boutique. Suddivisa in quattro macro-categorie (moda, beauty, gioielli, home design), la guida è dotata di tutte le informazioni pratiche necessarie per visitare e contattare questi preziosi spazi dello shopping con una filosofia prêt-à-porter per un approccio pratico, snello e maneggevole. In vendita nelle principali librerie della Toscana e sul portale dedicato a Firenze: firenzemadeintuscany.com.

Ermanno Scervino. At right angle of via de’ Tornabuoni you find via della Vigna Nuova with the stores La Perla, Lacoste, Etro and Loropiana. On the other side of via de’ Tornabuoni there is via degli Strozzi where Bottega Veneta, Louis Vuitton, Dolce & Gabbana, Cartier, Patrizia Pepe and many other luxury boutiques are located. In Piazza della Signoria you find the Chanel universe, while Via Roma is a landmark for the shopping in town because of the flagship store of Miu Miu and Luisaviaroma, the multi branded store which is a reference point for the town’s fashion. In the town the ancient tradition of handicrafts is always alive: the craftsmen’s shops are above all located on the other side of the Arno, where

On ‘Firenze su misura Fashion Shopping Guide’ more than 150 store in the center of Florence

the activity is passed from one generation to the other. To pay homage to these two complementary realities, which makes Florence unique in the world, a magazine was created, namely Firenze su Misura edited by Gruppo Editoriale. The first publication, Craft Shopping Guide, was published last December and it was dedicated to the Florentine craftsmen’s shops. The new born, Fashion Shopping Guide, is dedicated to more than one hundred fifty boutiques in the heart of the town. Firenze su misura publishes the pictures which are realized exclusively inside and outside the shops. It is divided into four categories (fashion, beauty, jewelry, home design) and it can supply all the information to visit and contact the stores following a prêt-àporter philosophy. This easy guide is sold in the most important bookshops in Tuscany and on the web site: Firenze: firenzemadeintuscany.com. Firenze | Tuscany 117


fashion itineraries

Style-à-porter ready-to-style

text Alessandra Lucarelli photo Dario Garofalo

Designer fiorentini under 35. Volti, creazioni, atelier The under-35 Florentine designers. Faces, creations, ateliers Creativi, giovani e impegnati. Oltre alla tradizione artigiana e alle grandi maison, Firenze dovrebbe essere conosciuta per quella rete di designer che sta prendendo sempre più campo e porta il nome della nostra città a fiere e showroom internazionali. Firenze made in Tuscany ha selezionato i cinque under 35 più interessanti, andando a fotografarli nei loro atelier per scoprire chi sono e dove li vedremo prossimamente. Matteo Pecchioli, cresciuto nella sartoria di famiglia - la Flora Lastraioli, azienda di lingerie di lusso fondata nel 1932 dalla bisnonna, ricamatrice ufficiale presso la corte di Leopoldo II Granduca di Toscana - dopo aver collaborato con alcuni importanti brand del made in Italy ha fondato, nel 2010, una sua linea pret-à-porter ideata insieme a Romina Musta, oggi direttore commerciale del brand. Azienda giovane e moderna ma attenta alle rigide regole della sartoria, la Matteo Pecchioli realizza abiti e completi per una clientela di nicchia che ama un prodotto ricercato e sartoriale. Il giovane stilista è direttore creativo del suo marchio e di Flora Lastraioli luxury lingerie (matteopecchioli.com). A due passi da Santa Croce, l’atelier di Michele Chiocciolini: una ex scuderia con giardino storico, pareti vestite di intonaci centenari dove il giovane designer produce collezione di abbigliamento donna. Passione per la moda nata nella merceria della nonna, a Castagno d’Andrea, paese di origine della famiglia, e concretizzata a New York, città d’ispirazione di Michele che per il prossimo autunno/inverno propone una collezione con ispirazioni in chiavi pop, tagli molto rigidi, bustini, tute e mini dress con richiami anni ’80 dalle tinte accese ma sobrie, dalle forme architettoniche ma al tempo stesso comode (www.michelechiocciolini.it). Studiopretzel è il brand di Emiliano Laszlo. Debutto importante in occasione di Pitti Uomo gennaio 2012 con una capsule collection di T-shirt e camicie, tagli realizzati secondo una tradizione artigianale a km zero, la cui produzione si dirama sull’asse Prato, Firenze e Pontassieve, la nuova collezione si ispira ai miti e alle leggende dell’antico Giappone. Una sovrapposizione di materiali e colori 118 Firenze | Tuscany

Creative, young and committed. In addition to its artisan and haute couture tradition, Florence should be known for the young designers who are making a name for themselves at the fairs and showrooms throughout the world. Firenze made in Tuscany has chosen the five most interesting under-35 designers and met them in their ateliers to learn all about them and where we will be seeing them next. Matteo Pecchioli, born and raised in the family-run dressmaking company, Flora Lastraioli, a luxury lingerie house founded in 1932 by his great-grandmother, appointed as the official embroiderer to the Grand Duke Leopold II of Tuscany- after having worked for several well-known Italian fashion brands, started in 2010 his own pret-à-porter line alongside Romina Musta, the brand’s current sales manager. A young and modern company but attentive to the rules of tailoring, Matteo Pecchioli produces suits and outfits for a niche clientele looking for refined and handmade garments. The young designer is the creative director of the brand and of Flora Lastraioli luxury lingerie (matteopecchioli.com). Just steps from the Santa Croce square is the atelier of Michele Chiocciolini: a former stable with historic garden, walls covered with age-old plaster, where the young designer produces womenswear collections. A passion for fashion born in his grandmother’s haberdasher’s shop, in Castagno d’Andrea, his family’s hometown, and developed in New York, Michele’s source of inspiration. For the coming fall/winter season, he presents a pop-style collection featuring very stiff cuts, corsets, eighties-style overalls and mini-dresses in bright but understated colors, with architectural-like shapes and yet very comfortable ( www.michelechiocciolini.it). Studiopretzel is the brand by Emiliano Laszlo. It made its debut at the January 2012 Pitti Uomo fair with a capsule collection of t-shirts and shirts, cut according to a local tailoring tradition and produced between Prato, Florence and Pontassieve. The new col-


Above: Caterina Mariani Below. Matteo Pecchioli Firenze | Tuscany 119


fashion itineraries

1

3

2

4

1.- 7. Michele Chiocciolini 2. Matteo Pecchioli 3.- 4. Benedetta Maracchi 5. Caterina Mariani 6. Emiliano Laszlo

5

6

resa attuale grazie all’utilizzo di tessuti come il velour, denim, bouclè, cotone e lane impunturate in tinte accese. Emiliano Laszlo sarà il protagonista di uno degli eventi alternative set alla prossima edizione di Pitti Uomo (www.studiopretzel.com). Per gli accessori, scegliete le collezioni iper-femminili di Caterina Mariani. Nata nel 2004 con l’idea di proporre pezzi unici, reinventati e rielaborati da oggetti di una volta, i suoi pezzi unici sono diventati creazioni contemporanee richieste da un pubblico sempre più numeroso che ne apprezza l’ironia, la versatilità e l’artigianalità: ogni pezzo è interamente fatto a mano, dal disegno alla smaltatura, dall’assemblaggio alla confezione. Quest’anno Caterina Mariani Bijoux sarà presente per la prima volta a Pitti W con le collezioni primavera/estate 2013 ispirata alle forme e ai colori della natura: must di stagione la ciliegia, interpretata come ciondolo in bronzo verniciato in versione maxi o come spilla e orecchino portafortuna in formato mini (www.caterinamariani.it). Marakita è il brand creato dal 2009 dalla designer fiorentina Benedetta Maracchi. Borse made in Italy e eco-friendly che si suddividono in tre linee: Marakita, caratterizzata dal pattern di rosella, tipico della tessitura toscana diventato l’icona del brand, M by Marakita, linea fashion riproposta in due collezioni annuali, autunno/inverno e primavera/estate e Limited Edition Marakita, pezzi in edizione limitata realizzati con tessuti vintage. Il brand ha partecipato a fiere internazionali come la Bread & Butter di Berlino e Maison & Object di Parigi ed è venduto in diverse boutique della città come Flo e Atelier Essère (www.marakita.com)

7 lection is inspired by the myths and legends of ancient Japan. Overlapping of materials and colors and the use of current fabrics such as velour, denim, bouclè, cotton and quilted wool in bright colors. Emiliano Laszlo is the star of one of the alternative set events of the coming Pitti Uomo fair (www.studiopretzel.com). As for accessories, choose the ultra-feminine collections by Caterina Mariani. Started in 2004 and based on the idea of offering one-of-a-kind pieces, re-invented and re-created by using old objects, her unique pieces are contemporary creations increasingly popular for their sense of humour, versatility and craftsmanship: each piece is entirely made by hand, from the drawing to the enameling, from the assemblage to the packaging. This year, Caterina Mariani Bijoux will be attending Pitti W for the first time with the spring/summer 2013 collections inspired by the shapes and colors of nature: the must-have of the season is the cherry-shaped bronze-painted pendant in the maxi version or in the small-sized lucky charm brooch and earring version. (www.caterinamariani.it). Marakita is the brand created in 2009 by Florentine designer Benedetta Maracchi. Made in Italy and eco-friendly bags divided into three lines: Marakita, which features the rosella pattern, typical of Tuscan weaving and the brand’s logo, M by Marakita, a fashionable line that comes in two annual collections, fall/winter and spring/summer, and Limited Edition Marakita, limited edition pieces made from vintage fabrics. The brand has taken part in several international fairs such as Bread & Butter in Berlin and Maison & Object in Paris and is sold in Florence’s boutiques like Flo and Atelier Essère (www.marakita.com).

Florence should be known for the young designers who are making a name for themselves at the fairs and showrooms world

120 Firenze | Tuscany


Above: Benedetta Maracchi and Michele Chiocciolini Below: Emiliano Laszlo


text Felice Limosani In una mia recente intervista pubblicata su Slowear Journal in apertura, il giornalista introduce così l’argomento: “Ha fatto dello storytelling un mantra. Ha trasformato una tecnica di persuasione politica e industriale nata negli anni ’50 in un atto di coinvolgimento artistico e culturale. Racconta i top brand con progetti non convenzionali carichi di pensieri, metafore e poetiche”. Specifico che il mantra è una linea condizionata, una storia (al contrario) è una linea incondizionata. Chi l’ascolta non la subisce ma la vive con la propria immaginazione, ne è partecipe e artefice attraverso la condivisione on line! Quindi il punto è aver trasformato lo strumento subdolo di convincimento di massa in un atto di coinvolgimento del pubblico attraverso la magia del racconto. Se fino a qualche tempo fa questo era incomprensibile o addirittura fraintendibile, oggi “creare storie” è una tendenza imprescindibile. Nella vecchia formula il committente deteneva il pieno controllo sia del messaggio insito nel racconto, sia 122 Firenze | Tuscany

del linguaggio narrativo dei propri valori. Oggi, il lavoro che ho svolto negli ultimi 10 anni, conferma che non è più così. Non è più possibile fare diversamente! I nuovi mercati, i nuovi media e le nuove logiche comunicazionali necessitano di essere innovate non rinnovate. Ora che queste tematiche culturali e non commerciali, iniziano ad avere una loro valenza, si inizia a teorizzare che i brand debbano sostituire il concetto di story telling con quello dello story building. Pensate, non è ancora chiaro il primo concetto che già si vuole sostituirlo col secondo! Una specie di usa e getta delle visioni, dei mondi. Ma così non è! Mi viene in mente la lumaca e la sua casa. Raggiunta la massima grandezza del guscio la lumaca inizia il lavoro di perfezionamento. “La casa” non cresce a dismisura, è sano, è logico, è spontaneo, che a un certo punto si fermi la crescita e inizi il lavoro che migliora il suo interno. Quindi lo story building è una

In a recent interview edited by the Slowear Journal the journalist introduces: “Storytelling is a mantra for him. He transformed the politics’ persuasion technique - which was first used in the ‘50s - into an artistic and cultural happening. He tells about the top brands through unconventional projects rich of thoughts, metaphors and poetic sensations”. I would like to specify that the mantra in this case stands for a conditioned line, while the story is an unconditioned line. Who listens to it, does not suffer it, he rather lives it with his imagination. He can participate and be a protagonist on line. The point is that he can transform a subtle persuasion instrument into a magic persuasion. If some time ago what I am saying was completely nonsense or misconceived, today it is essential. You must create stories to be told. In the old formula the client controlled fully both the message in the story and the language used. The job I’ve been doing in

the last ten years confirms that things have changed. You cannot do otherwise. The new markets, the new communication logics need to be innovated. Now that these theme values - non commercial values - are important, it has become clear to everybody that the brands must replace the concept of the story telling with the story building. The first concept is still not clear and it’s already time to replace it with a second one. A kind of disposable vision of the world. It’s not like that! It’s like a snail with its shell. When the shell stops growing, the snail starts to perfect its inside. The shell is not growing in excess, it’s healthy, logic, natural that, at a certain time, it stops growing. At that time the snail makes it better inside. The story building is an audio visual narration with a precise name, the “shoppable” video. It does not consists of finished stories; it’s a series of images whose plots and characters do not describe a life style, they let


the future

narrazione audio visiva che ha già un nome: shoppable video. Non sono storie compiute, piuttosto rappresentano un susseguirsi d’immagini, in cui plot e personaggi non descrivono uno stile di vita ma lasciano aperte le possibilità all’interpretazione e all’immaginazione di chi li vede. La differenza è nell’utilizzo di immagini meno descrittive e più passibili a una lettura soggettiva da parte del fruitore. Il punto è far vivere (e non più raccontare allo spettatore) il proprio mondo, in una dimensione onirica e fiabesca. l primi li ho realizzati per Alexander McQeen e Lacoste (l’ultimo per Yoox.com con olte 8 milioni di spettatori). Di cosa si tratta? Mentre le scene del video scorrono, delle pop up visualizzano nella home page informazioni sui capi e accessori. Tutto quello che appare, può essere acquistato con un click di mouse. Una sorta di brand experience channel abbinata allo shopping. Gli shoppable video non sono degli spot. Raccontano, non spiegano! Non rappresen-

tano prodotti con l’intenzione di convincere all’acquisto, divertono o ispirano e eventualmente chi volesse può acquistare! Parlare di comunicazione è un’esemplificazione che schematizza un atto complesso dell’immaginario collettivo. Comunicazione e storytelling, non si assomigliano. Story telling e story builiding viaggiano sulla stessa onda e non su mari diversi! I brand non sempre comprendono il mondo della narrazione in alternativa a quello della comunicazione. La prima è spiegazione, ripetizione di se stessa, iconograficamente imbrigliata ai codici del momento. La seconda è racconto libero, riconfigurabile dall’immaginazione delle persone. La comunicazione è un’attesa che allontana, lo story telling è una sorpresa che avvicina. Lo story building è il saper fare degli artigiani digitali, che sono le figure chiave delle company, piccole e grandi. Quindi “costruire storie” non è una novità, è una necessità! Un perfezionamento che ci impone di fare il massimo e subito dopo perfezionare il massimo. Come le lumache!

the viewers’ imagination free to choose among a series of interpretations. The difference of the story building is to use a lesser amount of descriptive images; it is more suitable for a subjective interpretation by the viewer. The point is to let the viewer live his/ her own world in an dream and fairy-like dimension. The viewer is no longer told a story; he lives it. I produced the first videos for Alexander McQueen and Lacoste, while my last one was for yoox.com with more than 8 million viewers. What is it like? While the video runs, some pop ups in the home page picture information about the garments and the accessories. Everything can be purchased by clicking the mouse. A sort of brand experience channel combined to the shopping. The shoppable videos are no commercials. They tell, they do not explain. They represent the products with the intention to convince people to buy; they are fun for the viewer,

they are inspiring and finally they can even convince you to buy. To talk about communication is to epitomize a very complex act which is the people’s imagination. Communication and story telling are not alike. Storytelling and story building are going alongside. International brands companies do not always understand the world of telling stories as an alternative to communication. The first means to explain again and again through fixed codes. The second is a free telling which is inspired by the people’s imagination. The communication is a waiting that repels people , the story telling is a surprise which makes people come nearer. The story building consists in forming some new digital craftsmen who become a key figure of the company, either big or small. To build a story is not a novelty, it’s a necessity. It’s a continuous improvement which forces you to do the best you can and then to make it even better. Like the snails! Firenze | Tuscany 123


L’incantesimo delle sciarpe L3 The enchantment of L3 scarves Collezione Accessori A/I 2013/2014 Accessories Collection A/W 2013/2014 8/11 Gennaio/January 2013 83° PITTI IMMAGINE UOMO POP UP STORES

Padiglione centrale, piano inferiore, W/7 Central pavillion, lower floor, W/7 Fortezza da Basso - Firenze/Florence

www.lanificiolamberto.com/L3


must have shoes

2 1

3

To look from top to bottom with your head a little more in the clouds 6

5

7

8

4 6

Tre metri sotto al cielo Three feet below the sky

by Teresa Favi 1. Salvatore Ferragamo - via de’ Tornabuoni, 2r - Firenze 2. Jil Sander - www.jilsander.com 3. Louis Vuitton - piazza degli Strozzi, 1 - Firenze 4. Chanel - piazza della Signoria, 10 - Firenze 5. De Siena - www.desienashoes.com 6. Miu Miu - via Roma, 8 - Firenze 7. Dolce & Gabbana - via degli Strozzi, 12/18 - Firenze 8. Prada - via de’ Tornabuoni, 53r/67r - Firenze Firenze | Tuscany 125


126 Firenze | Tuscany


must have bags

2 1

3

Protagonists of next summer, the fringes. Long, soft, colorful. The countrychic style is fashionable in this season 6

5

7

8

4 6

Ancora più lunghe! Even longer!

by Sabrina Bozzoni 1. Nylo - at Luisa Via Roma - Firenze 2. Fendi - via de’ Tornabuoni, 40r - Firenze 3. Ralph Lauren Collection - at Eredi Chiarini, via Roma 16 - Firenze 4. Salvatore Ferragamo - via de’ Tornabuoni, 16 - Firenze 5. H&M - via Por Santa Maria 1r - Firenze 6. Braccialini - via della Vigna Nuova, 30 - Firenze 7. Car Shoe - at Principe - via delle Belle Donne, 15r - Firenze 8. Dolce & Gabbana - via degli Strozzi, 1 - Firenze Firenze | Tuscany 127


must have bijoux

2 1

3

This summer’s costume jewellery highlights the female body’s most elegant and harmonious part, the neck. 6

5

7

8

4 6

Brillano, scintillano They glow, they sparkle

by Teresa Favi 1. Miu Miu - via Roma, 8 - Firenze 2. Louis Vuitton - piazza degli Strozzi, 1 - Firenze 3. Angela Caputi Giuggiù - via S. Spirito, 58r - Firenze 4. Marni - at Space - via de’ Tornabuoni, 17 5. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73 - Firenze 6. Viktor & Rolf - at Luisa Via Roma - via Roma, 19 -Firenze 7. Roberto Cavalli - via de’ Tornabuoni, 83r - Firenze 8. Etro - Palazzo Rucellai, via della Vigna Nuova, 50r - Firenze 128 Firenze | Tuscany


must have trends

2 1

3

Close your eyes and you are fired into Harlen in the ‘70s. Now open them up, what do you see? 6

5

7

8

4 6

Funkadelic by Sabrina Bozzoni

1. H & M - via Por Santa Maria - Firenze 2. Diane Von Furstenberg - www.dvf.com 3. Etro - via della Vigna Nuova 50r - Firenze 4. Gucci - via de’ Tornabuoni 73r-81r- Firenze 5. Ermanno Scervino - piazza Antinori 10r - Firenze 6. Marni - at Space - via de’ Tornabuoni 17 - Firenze 7. Salvatore Ferragamo - via de’Tornabuoni 2 - Firenze 8. Roberto. Cavalli - via de’ Tornabuoni 83r - Firenze Firenze | Tuscany 129


il tuo evento al Teatro la Pergola

Guido Guidi Firenze Teatro della Pergola • Via della Pergola Firenze • ph. 055 362059 info@guidoguidi.it - www.guidoguidi.it


must have man

2 1

3

Big, bags in soft leather, sometimes in fabrics; they remind the ‘30s atmosphere of Death on the Nile 6

5

7

8

4 6

Prendila e scappa take it and run

by Francesca Lombardi 1. Santoni - at Luisa Via Roma – Firenze 2. Gherardini - via della Vigna Nuova, 57/r – Firenze3. Church- at A.Ugolinie F. – via Calzaiuli, 65/r - Firenze 4. Crash Baggage - http://www.crashbaggage.com/ 5.Hugo Boss - p.zza della Repubblica, 46/r – Firenze 6. Hogan - - via de’ Tornabuoni, 97r – Firenze. 7.Gucci - via de’ Tornabuoni, 73 - Firenze 8. Il Bisonte - via del Parione, 11 – Firenze Firenze | Tuscany 131


tena

Reazione a ca tion Chain reac

La catena, gioeillo-icona dei Seventies, torna a grande richiesta The chain, the iconic jewellery of the seventies, is back by popular demand

1

3

2

4

5

6

7

1. Fratelli Coppini 2. Chanel 3. Dodo 4. Bulgari 5. Damiani 6. Mi첫 Mi첫 7. Pomellato 8. Roberto Cavalli 132 Firenze | Tuscany


fashion what’s jewels cool

8 Firenze | Tuscany 133


art exhibition

Vederli insieme Seeing them together text Francesca Lombardi

A un anno dalla mostra di Palazzo Strozzi, Pontormo e Rosso Fiorentino attraverso le parole dei curatori A year before the exhibition at Palazzo Strozzi , Pontormo and Rosso Fiorentino in the words of the two curators In occasione dei restauri e delle prime scoperte fatte per la mostra che Palazzo Strozzi sta preparando per il 2014 su Pontormo e Rosso Fiorentino, abbiamo chiesto ai due curatori Antonio Natali, direttore degli Uffizi, e Carlo Falciani, docente di storia dell’arte, di raccontarci il progetto. Ne è uscito un bellissimo affresco su due uomini e artisti straordinari, coevi in un periodo unico. A cui non vogliamo rubare un rigo in più. Nel 1956 Palazzo Strozzi ospitò la Mostra del Pontormo e del primo manierismo fiorentino. Quanto è cambiata la visione dei due artisti e del manierismo fiorentino da allora ad oggi? A.N. Sono passati tanti anni, ma gli storici dell’arte sono sostanzialmente conservatori, a meno che non intervenga un forte elemento nuovo. Già con il Bronzino Carlo Falciani e io cercammo di dare una connotazione diversa sia della ‘maniera’ che del Bronzino. Questa mostra ci dà di nuovo l’opportunità di precisare il concetto, retrocedendo nel tempo. La ‘maniera moderna’ di Vasari corrisponde per lui e per la sua epoca a un modo nuovo d’intendere l’arte, ma non è tutta inquadrabile in un contesto uguale. C.F. Con questa mostra proponiamo un percorso filologico diverso rispetto al ’56. In tutti questi anni si è capito che erano artisti molto ben inseriti nel loro tempo. Pontormo rimane per tutta la sua vita l’artista preferito dei Medici. Rosso è legato ai savonaroliani anti- medicei, tant’è che quando questa fazione cadrà in disgrazia egli si allontanerà dall’Italia alla volta della Francia e non tornerà mai più indietro. Il loro era un percorso espressivo preciso, che non era il frutto di una esistenza bizzarra e bohème L’irrequieta simmetria della Pala Pucci, che vedremo per la prima volta nel suo splendore originale.. A.N. È uno degli attestati più precoci dell’attenzione del Pontormo a Leonardo. Se si osservano l’agitazione delle figure, gli squilibri, gli scompensi apparenti, la rottura di schemi piramidali classici – che poi magari si ricompongono in maniera inusitata – ci si avvedrà di quanto pesi l’ascendente della vinciana Adorazione dei Magi incompiuta degli Uffizi. Dove, per l’appunto, si scorge un’analoga convulsa ridondanza. Come nell’Epifania leonardesca, anche la pala di Jacopo si trovano molte posture de134 Firenze | Tuscany

On the occasion of the restoration works and discoveries made for the exhibition on Pontormo and Rosso Fiorentino that Palazzo Strozzi is planning for 2014, we asked the two curators- Antonio Natali, director of the Uffizi Gallery, and Carlo Falciani, art history professor, to tell us all about it. They actually provided us with a fascinating portrait of two extraordinary men and artists, which needs no further introduction. In 1956, Palazzo Strozzi housed the exhibition on Pontormo and the early Florentine mannerism. How has the vision of the two artists and of Florentine mannerism changed since then? A.N. Many years have gone by, but art historians are fundamentally conservative, unless a new, powerful element is discovered.. With Bronzino, Carlo Falciani and I tried to give a different connotation to both the “manner” and Bronzino. This exhibition give us another chance to clarify the concept, by going back in time. Vasari’s “modern manner” brought a totally new meaning to art, but it cannot be all set in the same context. C.F. This exhibition offers a philological analysis quite different from the 1956 exhibit. After all these years, we have realized that the two artists were fully integrated into the society of their time. Pontormo would be the Medici family’s favorite artist his whole life; Rosso was tied to the antiMedicean supporters of Savonarola, and when his party fell into disgrace, he left Italy and moved to France and never came back. They both had a specific expressive language, which was not the result of a bizarre and Bohemian life. The restless symmetry of the Pala Pucci, which will be shown for the first time, in all its original splendor… A.N. It is one of the earliest proofs of Pontormo’s attention to Leonardo. If you observe the figures’ restlessness, the apparent lack of balance, the breaking of the classical pyramid scheme- which is perhaps reassembled in an unusual way-, you will realize how much it was influenced by Leonardo’s Adoration of the Magi, left unfinished and kept at the Uffizi Gallery, which features the same frenzied superabundance. As with Leonardo’s Adoration of the Magi, Pontormo’s painting shows many postures inspired by Hellenistic sculptures: a composition full of pathos, with eyes slightly open and looking heavenward, the heads bending and recalling a marble


Pontormo Sacra Conversazione con la Vergine, il Bambino e i santi (Pala Pucci) (1518) Firenze Chiesa di San Michele Visdomini


From above, clockwise: Pontormo, Visitazione (1528-1529) Carmignano, Pieve di San Michele Rosso Fiorentino, Pala Ginori (1523) Firenze, Basilica di San Lorenzo Rosso Fiorentino Deposizione dalla croce (1527-152) Sansepolcro, Chiesa di San Lorenzo Rosso Fiorentino, Pala di Santa Maria Nuova (Pala dello spedalingo - 1518) Firenze, Galleria degli Uffizi 136 Firenze | Tuscany


art exhibition

sunte dalla scultura ellenistica: una composizione fortemente patetica, head that was very much studied in the early 1500s, the Dying Alexander. con occhi dischiusi, teste inclinate, occhi rivolti al cielo. Teste che sovente All this reflects Vasari’s vision of the “modern manner”. rimandano a un marmo studiatissimo già all’inizio del ‘500, l’Alessandro Today, when speaking about Pontormo and Rosso Fiorentino, Mannermorente. Tutto riflette la visione vasariana della ‘maniera moderna’. ism is referred to in the terms used by Vasari, the “modern manner”. Più che di Manierismo oggi, si preferisce parlare – proprio mutuando Could you explain the meaning of these words? Vasari - di “ maniera moderna” per Pontormo e Rosso.. C.F. Mannerism is the modern definition of a movement, as opposed to C.F Maniera moderna è un linguaggio che ha tante sfaccettature. Pon- Classicism, because anti-naturalistic, bizarre, abstract. Modern manner is tormo e Rosso sono infatti artisti diversi quasi opposti nella Firenze di a term that has many facets. Pontormo and Rosso Fiorentino were differquegli anni. ent, if not opposite, artists in the Florence of those years. In cosa sono diversi Rosso e Pontormo? In what do Rosso and Pontormo differ? A.N. Rosso e Pontormo nascono da una costola di Andrea del Sarto e A.N. Rosso and Pontormo trained at the school of Andrea del Sarto, but con lui si formano, dimostrando subito però tutta la loro indipendenza, they demonstrated their independence, their freedom from the very bela loro libertà. Uno legatissimo alla tradizione, Rosso Fiorentino, pur con ginning. Rosso Fiorentino was deeply tied to tradition, though there was aneliti di spregiudicatezza e anticonformismo. L’altro disponibile a un a certain open-mindedness and unconventionality to him. He drew inforte eclettismo linguistico, assumendo ora dai tedeschi , ora dalle ultime spiration from Donatello and Masaccio, he felt and expressed in his work istanze del ‘400 fiorentino. all the power of tradition. Pontormo was open to eclecticism of language, Come avete concepito il percorso della mostra e quali opere potremmo drawing inspiration sometimes from the Germans, sometimes from the vedere dei due artisti? late fifteenth-century Florentine artists. C.F. La mostra è pensata come due monografiche contrapposte. Le opere How is the exhibition arranged ? di Rosso e Pontormo verranno messe in sequenza cronologica fatta ec- C.F. The exhibition is conceived as two solo exhibitions set in opposicezione che per la ritrattistica, come due linee che si divaricano sempre tion. The works by Rosso and Pontormo are arranged in chronological di più partendo da un unico punto fermo. Quindi un punto di partenza order, exception made for the portraits, like two lines spreading apart - costituito appunto da quattro opere, di Pontormo, Rosso Andrea Del from a common starting point. The starting point consists of four works Sarto e Fra Bartolomeo - e da lì una sequenza di dipinti coevi dei due -by Pontormo, Rosso, Andrea Del Sarto and Fra Bartolomeo-, and from protagonisti messi a confronto. Al di là delle singole opere, emergerà then on the paintings of the same period by the two artists are placed in chiaramente un dato che è la grande differenza dei due: l’attitudine comparison to one another. The exhibition will clearly show the big difference between the two artists: Pontormo’s naturalistic and naturalistica e leonardesca di Pontormo, che non si Leonardesque approach and the influence of Michelanriscontra in Rosso, più attento alle indicazioni ricevute dal cartone di Michelangelo della Battaglia di Cascina. What Mari Luzi gelo’s Battle of Cascina on Rosso. strength lies in his sadness, in the loneliLa forza di Pontormo è stata la sua tristezza, quel called Pontormo’s Pontormo’s ness he had felt since childhood. From what does Rosso vuoto di solitudine che gli veniva dall’infanzia. Da “troubled Fiorentino’s painting draw strength? dove attinge la sua forza invece la pittura di Rosso Fiorentino? happiness” is not A.N. What Mari Luzi called Pontormo’s “troubled happiA.N. Quella che Mario Luzi definì la felicità turbata the motive behind ness” is not the motive behind his painting, so powerful vibrant. His psychological state certainly influenced del Pontormo non è il movente della sua espressione, his painting, so and his works, but his greatness cannot be reduced to a weak così forte e vibrante. Rosso è, lui pure, un uomo sempowerful and psyche. Rosso was very restless too, but also very bold. pre inquieto, ma con una natura molto fiera. Ciò che racconta Vasari è fondamentale per farsi un’idea del vibrant Vasari’s description of Rosso is essential to the understanding of his nature: he was well-versed in philosophy, Rosso: aveva ottimi termini di filosofia, gagliardo nella maniera, sapeva di musica e d’architettura, era ‘grave’ nelle sue azio- had vigorous manners, was knowledgeable about music and architecture, ni e nel suo parlare. A contatto con la spregiudicatezza intellettuale he had a solemn way of talking and moving about. He achieved his fullest della corte di Francia, trova la sua piena espressione ed è qui che la expression at the French court, where he rose to his highest poetry, like sua poesia alta finalmente si realizza Questo aspetto del Rosso sfugge never before. This aspect of him is still ignored. Which of the two is more touching and why? ancora oggi. A.N. They’re like my children to me. I can’t choose a favorite. I’m enQuale dei due è più emozionante e perché? A.N. Sono per me come due figli. Non so dirlo. Dell’uno e dell’altro chanted by works by both of them: Pontormo’s Deposition, kept in the ci sono opere che mi incantano: la Deposizione di Santa Felicita, per Church of Santa Felicita, Rosso’s Dead Christ in Boston or his Deposition Pontormo. Per Rosso, il Cristo morto di Boston o la Deposizione di Vol- in Volterra. As far as temperament is concerned, I feel closer to Rosso’s passionate nature. terra. Come temperamento passionale sono più vicino a Rosso … C.F. Sono grandi per cose diverse. Sono legato a Rosso perché ha un C.F. They were both great artists but for different reasons. I’m fond of aspetto concettuale e formale fortissimo. Pontormo è un pittore epi- Rosso because of his very strong conceptual and formal aspect. Pontormo dermico, con una sensibilità straordinaria nella pittura; i suoi sono is a “skin-deep” painter, he was blessed with an extraordinary sensitivity dipinti potenti, ma le forme da lui dipinte continuamente mutano in painting, his works are powerful, but they change as quickly as clouds. They make sense if seen all together. come le nuvole. Ha un suo senso vederli insieme. Firenze | Tuscany 137


art exhibition

Una stagione dolcissima A very sweet season text Francesca Lombardi

In esclusiva tutto il programma di ‘Un anno ad arte’ Exclusive news on the complete program of ‘Un anno ad arte’

Un bellissimo Grand Tour, senza muoversi da Firenze. Lo straordinario sforzo della Soprintendenza del Polo Museale Fiorentino per la primavera 2013 ha prodotto frutti succosi, che assaporeremo nei musei più illustri della città a partire da marzo e che ci permetterà di viaggiare in tutta Europa e attraverso i secoli. Un impegno che risulta ancora maggiore se si considera il periodo che stiamo vivendo, di grande crisi anche per il settore della cultura. Come sottolinea Cristina Acidini, Soprintendente per il Polo Museale, ma soprattutto testa e cuore di questa macchina che non conosce stanchezza: “Questo enorme impegno corrisponde, da parte di tutti i direttori e i collaboratori coinvolti, alla volontà di integrare e rinnovare la già straordinaria offerta dei musei d’arte di Firenze”. Liason di questa stagione la bellezza dei materiali esposti, pur nella loro varietà ed eterogenea provenienza, che sottintende anche un monito per il presente, di salvaguardia e tutela dell’ingegno umano e dalla natura in un’ottica di memoria futura. Inizierà quindi la Galleria degli Uffizi, con Norma e capriccio. Spagnoli in Italia agli esordi della maniera moderna (5 marzo - 26 maggio), che metterà a fuoco l’intenso scambio artistico fra grandi pittori e scultori spagnoli - a partire da Alonso Berruguete - e artisti fiorentini e italiani del Rinascimento inoltrato, entro i codici espressivi della prima maniera. Poco dopo il Museo degli Argenti aprirà Lusso ed eleganza. La porcellana francese a corte e la manifattura Ginori (1800 - 1830), (19 marzo - 23 giugno), dedicata al primo trentennio di attività della manifattura Ginori di Doccia, un fenomeno di portata europea anche grazie all’intenso scambio che caratterizzò il primo trentennio del XIX secolo con le manifatture francesi, in particolare con Sèvres. Nello splendore mediceo. Papa Leone X e Firenze (26 138 Firenze | Tuscany

A wonderful Grand Tour without leaving Florence. The extraordinary effort put forth by the Florentine State Museums Office for spring 2013 has borne fruit in the form of exhibitions on show in the city’s major museums starting from March, which will allow us to travel throughout Europe and the centuries. And the current economic crisis affecting all sectors, including cultural institutions, makes the effort all the more impressive. As pointed out by Cristina Acidini, at the head of Florence’s State Museums Office and the indefatigable driving force behind it: “The great effort made by all directors and staff aims at integrating and expanding the already extraordinary offerings of Florence’s art museums”. The thread running through all exhibitions is the preciousness and beauty of materials shown, whatever the origin or style, which is also a lesson from the past serving as warning for the future: we must value and protect our intellectual work. Let’s start with the Uffizi Gallery showing Norma e capriccio. Spagnoli in Italia agli esordi della maniera moderna (March 5- May 26), which focuses on the intense artistic exchange between great Spanish painters and sculptors- starting with Alonso Berruguete- and Italian and Florentine artists of the late Renaissance period, the so-called Mannerists. The Silver Museum houses the exhibition Lusso ed eleganza. La porcellana francese a corte e la manifattura Ginori (1800 – 1830), (March 19-June 23), devoted to the first thirty years of activity of the Ginori china and porcelain factory marked by the intense exchange, during the 1830s, with French manufacturers, in particular, Sèvres. With the exhibition Nello splendore mediceo. Papa Leone X e Firenze (March 26 - October 6), the


Correggio, Venere ed Amore addormentati e spiati da un satiro, Parigi Museo del Louvre Firenze | Tuscany 139


Manifattura di Sèvres, Napoleone Bonaparte, (1811) Firenze, Museo delle Porcellane 140 Firenze | Tuscany


art exhibition

Some images from exhibitions to be held by Spring marzo - 6 ottobre), il Museo delle Cappelle Medicee ri- Medicean Chapels Museum celebrates the first member corda l’incoronazione del primo pontefice di casa Medi- of the Medici family who ascended to the papal throne, ci, Giovanni figlio di Lorenzo il Magnifico, La rassegna Giovanni, son of Lorenzo the Magnificent. della Galleria dell’Accademia, Dal Giglio al David. Arte Showing at the Academy Gallery is Dal Giglio al David. civica a Firenze in età comunale (14 maggio - 8 dicem- Arte civica a Firenze in età comunale (May 14 – Debre) presenterà, con un taglio originale e mai sperimen- cember 8), which features works of art that, since the tato, opere d’arte che fin dal Trecento furono destinate fourteenth century, served the purpose of furnishing ad arricchire i palazzi pubblici di Firenze, che ospita- and decorating Florence’s public buildings housing vano le magistrature amministrative, le antiche corpo- civic and administrative offices and the guilds’ headrazioni o arti, nonché gli uffici preposti alla cura della quarters. cerchia muraria. Palazzo Pitti’s Palatina Gallery presents Il sogno nel Nella Galleria Palatina a Palazzo Pitti, Il sogno nel Rina- Rinascimento (May 21 - September 15), an exhibition scimento (21 maggio - 15 settembre) rappresenta un’ini- held with the partnership of Paris’ Museé du Luxemziativa espositiva internazionale avente per partner il bourg and exploring, for the first time, the multifaceted Museé du Luxembourg a Parigi, dove per la prima volta theme of the dream, which was of great importance in si propone al pubblico lo sfaccettato tema ancient mythology and in the Renaissance del sogno, che ebbe un rilievo particolare culture. nella mitologia antica e nella cultura del Opening in June at the Uffizi Gallery is Un viaggio in Il Gran Principe. Ferdinando de’ MediRinascimento. A giugno la Galleria degli Uffizi celebra Il Gran Principe. Ferdinantutta Europa e ci (1663-1713) collezionista e mecenate do de’ Medici (1663-1713) collezionista e 25 – November 3). Probably the less attraverso (June mecenate (25 giugno - 3 novembre). Meno known among the Medicean grand dukes, i secoli Ferdinando de’Medici never ascended to noto dei granduchi, questo principe ereditario che non salì mai al trono espresse ad A travel the throne but was a great patron of the alto livello il mecenatismo tipico della famiarts as much as the rest of the Medici famthroughout glia, dimostrando per le forme creative del ily, demonstrating, in particular, deep interBarocco viva curiosità e gusto raffinato. La Europe and the est in the Baroque style and refined taste. centuries Major architectural changes and artistic vita in città e la vita in villa della sua corte diedero origine a importanti trasformazioni architetto- enhancements took place during the years of his life in niche e abbellimenti artistici. Florence and in his countryside villa. Torna alla ribalta il Museo degli Argenti, con la mostra Opening in July at the Silver Museum is Diafane pasDiafane passioni. Avori barocchi dalle corti europee sioni. Avori barocchi dalle corti (July 16 - November 3). (16 luglio - 3 novembre). Bassorilievi, vasi, coppe e fan- Bas-reliefs, vases, cups and fanciful centerpieces prove tasiosi trionfi dimostrano inesauribile capacità di inven- the artists’ inexhaustible creativity and skills in the Bazione e di tecnica. roque period. Infine, nell’anno dedicato agli scambi culturali fra Italia Last but not least, in the year dedicated to the cultural e Ungheria si tiene nel Museo di San Marco la mostra exchange between Italy and Hungary, the San Marco Mattia Corvino e Firenze. Arte e umanesimo alla corte Museum hosts the exhibition Mattia Corvino e Firenze. del re di Ungheria (10 ottobre 2013 - 5 gennaio 2014). Arte e umanesimo alla corte del re di Ungheria (OctoPer ogni mostra un catalogo scientificamente concepito ber10, 2013 – January 5, 2014). e redatto, reso al tempo stesso attraente dal piglio narra- Accompanying each exhibition is a catalog featuring tivo e dalle immagini d’alta qualità, fornisce il filo con- high-quality images and interesting information on the duttore e serba la memoria. show’s underlying theme, and helping us remember. Firenze | Tuscany 141


Images from Cindy Sherman Untitled (Bus Riders I), 1976-2000 and Cindy Sherman Untitled (Murder Mystery People), 1976-2000 142 Firenze | Tuscany


art exhibitions

Nei panni di una bionda

In the shoes of a blonde text Sabrina Bozzoni

bianco in una foto in La denuncia rman he S dy a di Cin e nero. L’oper ci al Museo Guc ack comes in a bl n io at ci un en D by Cindy ks or w oto. The and white ph m e Gucci Museu Sherman at th In mostra al Museo Gucci un gigante dell’arte contemporanea: l’eclettismo e la personalità camaleontica di Cindy Sherman. Fotografa o come si definisce lei performer, mette in scena performance congelate ( citando il critico Verena Lueken ndr) che affrontano le problematiche connesse all’identità personale nell’era dei mass-media. Le sue immagini hanno la potenza dirompente e persuasiva della comunicazione di massa e allo stesso tempo criticano aspramente gli stereotipi che questa crea. Contro senza essere contro, femminista senza essere portavoce di un messaggio femminista, la Sherman prima incanta e poi colpisce. E quel retrogusto amaro che ti rimane in bocca dopo aver osservato questa umanità cosi familiare e allo stesso tempo così alienata e alienante, è sicuramente il momento più efficace della sua opera. Al Museo Gucci, a partire da gennaio fino a giugno, molto più di un assaggio di tutto questo ma una vera e propria full immertion in una galleria di personaggi che fanno parte di due serie di lavori. Murder Mystery People (1976-2000) è una storia raccontata attraverso personaggi stereotipati ispirati ad un immaginario film poliziesco. Il racconto è incentrato su un’attrice degli anni Trenta che si innamora del regista del film. L’immediatezza della fotografia ci restituisce i personaggi con un mix di gioia, crudeltà e umorismo. Il primo lavoro era stato sceneggiato On show at the Gucci Museum is a giant of contemporary art: the eclecticism and chamaleonic personality of Cindy Sherman. Photographer or, as she puts it, performer, she stages “frozen performances” (in the words of critic Verena Lueken) dealing with issues associated with personal identity in the mass-media era. Her images have the explosive and persuasive power of mass-communication and, at the same time, they criticize severely the clichés it creates. An anti without being anti, a feminist without being a spokeswoman for the feminist movement, Sherman lures you into her world and then strikes you down. And the bitter aftertaste that lingers in your mouth after having seen such a familiar and yet so alienated and alienating humanity is, no doubt, the most effective part of her works. The Gucci Museum, from January to June 2013, will allow you to enjoy much more of a taste of all this, it’s a true full immersion in a photo gallery of characters from two series of works. Murder Mystery People (1976-2000) is a story told through cliché characters inspired by an imaginary detective film. The main character is an actress of the thirties who falls in love with the film director. The images paint a picture of characters with a mix of joy, cruelty and sense of humour. The first work was written like a film and the characters Firenze | Tuscany 143


art exhibitions

Gucci Museum in Florence

On show at the Gucci Museum is a giant of contemporary art: the eclecticism and chamaleonic personality of Cindy Sherman come fosse un film e i personaggi erano mostrati come delle silhouette: 82 scene erano appese nello spazio espositivo, in una sorta di mini film. Nel 2000, la Sherman ha ristampato su carta fotografica in bianco e nero 17 dei personaggi che aveva creato ed interpretato. Bus Riders (1976-2000) è una serie creata originariamente per la prima mostra Photo Bus allestita sul Metro Bus 535 di Buffalo. Interpretando le classiche tipologie di persone che si spostano con questo mezzo, la Sherman ci persuade, con il ricorso al dettaglio e al particolare, a confrontare e assorbire la sua narrativa. Trasformando se stessa grazie alle sempre diverse pose ed espressioni del viso, l’artista crea una differenza immediata tra un personaggio e l’altro. Il legame tra il cinema (che la Sherman ha studiato al college) e la performance non va sottovalutato: è cruciale per lo sviluppo del suo metodo narrativo. Infine a pellicola animata Doll Clothes, del 1975 (realizzata quando l’artista frequentava ancora il college) è incentrata sulla Sherman che interpreta una figura vestita solo con la propria biancheria intima, intenta a provare vari abiti. Una mano gigante appare nel fotogramma, afferra la silhouette, la sposta e la colloca nella custodia di plastica del libro. In una delle rarissime interviste rilasciate alla vigilia dell’ampia retrospettiva che le ha dedicato il Museum of Modern Art di New York la Sherman racconta : “Ogni volta che ho tentato di assumere persone o di usare amici o familiari, anche pagandoli, mi sentivo in dovere di intrattenerli. Quando lavoro da sola, invece, posso spingermi oltre il limite. E non mi lamento mai”. Una frase che getta una luce garbata su questa bionda americana che ti fa soffrire raccontando cosa siamo, cosa vorremmo essere o come ci vedono gli uomini. Senza indugi, senza reticenze. Le opere in mostra fanno parte della collezione M. François Pinault. appeared as silhouettes: 82 scenes hanging in the exhibition space, like a sort of mini film. In 2000, Sherman re-printed 17 characters that she had created and played on black and white photographic paper. Bus Riders (1976-2000) is a series created for the first Photo Bus exhibition held on Buffalo’s Metro Bus 535. By interpreting the role of the people who usually ride a bus, Sherman persuades us, through a wealth of details, to take in her story. By transforming herself through different poses and expressions of the face, the artist makes the difference between one character and the other immediately perceivable. The connection between cinema (which Sherman studied in college) and the performance should not be undersestimated: it is crucial to the development of her narrative method. The 1975 animated film Doll Clothes (shot when the artist was still in college) revolves around Sherman who plays the role of a woman wearing only lingerie and busy trying clothes on. A giant hand appears, grabs the silhouette and places it in the book’s plastic cover. In one of her rare interviews on the eve of the retrospective exhibition held at the Museum of Modern Art of New York, Sherman says: “Every time I tried to hire people or use friends and family to help out, even against payment, I felt bound to entertain them. Instead, when I work all alone, I can push myself much harder, and I never complain”. Her words cast a light on this fair-haired American who makes us suffer by telling us what we are, what we would like to be and how men see us. Without hesitation, without reserve. The works on show belong to the M. François Pinault collection.

144 Firenze | Tuscany


LA VERA BELLEZZA E’ LA TUA SALUTE. PROTEGGILA CON L’OLIO SANTA TEA. ANTIOSSIDANTE NATURALE.

www.gonnelli1585.it

NATURA, SENZ’ALTRO.


Guy Bourdin, Charles Jourdan, Spring 1979 Below: Guy Bourdin, Charles Jourdan, Spring 1978 146 Firenze | Tuscany


art exhibition

Guardare amare e sognare To look, love and dream text Francesca Lombardi

la mostra afia a Firenze: gr to fo e nd ra G al Mnaf Guy Bourdin del fotografo Art Gallery oriane di Aria e le visioni vitt ce: the en bition in Flor The great exhi the Mnaf at n di Guy Bour photographer Aria Art Gallery n visions of the and the Victoria A message for you è la mostra che la Fratelli Alinari Fondazione per la Storia della Fotografia dedica fino a marzo a Guy Bourdin, uno dei fotografi più innovativi e provocatori del XX secolo, realizzata in collaborazione con Samuel Bourdin, Nicolle Meyer, la musa del fotografo e Shelly Verthime, la curatrice del progetto. Ispirato da Man Ray, da Edward Weston e dai pittori surrealisti René Magritte e Balthus, Bourdin ha trascorso gli anni della sua formazione nella Francia reazionaria del dopo guerra, culturalmente intrisa di censure. Influenzato dalla libertà di espressione tipica del movimento surrealista, e con un certo gusto per la provocazione e la stilizzazione, ha esplorato con grande passione il concetto di desiderio come espressione autentica dell’essere e registrato i cambiamenti sociali di quel periodo: la libertà sessuale, il capitalismo, gli eccessi del consumismo e la presenza crescente dei media. Le 75 stampe moderne esposte in mostra sono una raccolta di alcune immagini pubblicate su Vogue France, di diverse campagne pubblicitarie come quella di Charles Jourdan, i calendari Pentax e Versace, oltre a una collezione di immagini mai pubblicate provenienti dall’archivio di Guy Bourdin. Completa l’esposizione una proiezione che raccoglie 150 immagini presentando A message for you is the exhbition that the Fratelli Alinari Foundation for the History of Photography dedicates to Guy Bourdin until March. Bourdin is one of the most innovative and provocative photographers of the XX century. The show is realized with the collaboration of Samuel Bourdin, Nicolle Meyer, the photographer’s muse, and Shelly Verthime, who curated the project. Inspired by Man Ray, by Edward Weston and the surrealist painters such a René Magritte and Balthus, Bourdin spent the last years of his formation in the reactionary France after the war which was culturally torn apart by censorship. He was influenced by the freedom of expression typical of the surrealist movement and he liked to provoke and to stylize. He explored the concept of desire as the authentic expression of the self and he registered the social changes of the time: the sexual freedom, the capitalism, the excesses of consumism and the growing presence of the media. The 75 prints shown are a collection of some pictures he published on Vogue France and of advertising campaigns for Charles Jourda, the Pentax calendari and Versace, together with a collection of never published pictures from Guy Bourdin archive. The exhibition is completed by the projection of 150 slides which are a sort of journey through Firenze | Tuscany 147


Two pictures of Mustafa, Sabbagh - Aria Art Gallery una sorta di viaggio attraverso i paesaggi visivi di Guy Bourdin. Si tratta di una selezione che raccoglie polaroid, testi, annotazioni, negativi, ritratti di Bourdin, che anticipano le fotografie future. Al di là delle spiegazioni la mostra si risolve soprattutto in un “progetto estetico“, come si evince dalle parole di Shelly Verthime, curatrice del progetto, e Alber Elbaz che ha scritto una introduzione al catalogo: “…guardare, sentire, pensare, amare e sognare. Il trasporto e l’emozione appartengono ad ogni immagine di Bourdin e non hanno bisogno di essere descritte a parole.” Ancora grande fotografia all’ Aria Art Gallery con la mostra Itinere: tre artisti uniti in un unico viaggio verso l’inconscio. Mustafa Sabbagh, Drusilla Foer (alias Gianluca Gori), e Sara Bencini nei rispettivi ruoli di fotografo, musa e jewellery maker, si compenetrano in un’opera a sei mani. L’eccellenza fotografica di Mustafa Sabbagh, si confronta con il mondo dell’unicità scenica, non convenzionale. Drusilla Foer, alter ego di Gianluca Gori interpreta con solenne totalità, le creazioni di Sara Bencini. In mostra ad Aria Art Gallery dieci opere fotografiche di cui due dittici. Un viaggio quello di Itinere attraverso scatti dark di ispirazione neo vittoriana, affiancati ad altri clinici dai toni cipria, talora in congiunzione ad eterei paesaggi. Guy Bourdin’s visual landscapes. It’s a selection which gathers polaroids, textes, notes, negatives, portraits by Bourdin. All these anticipated his future pictures. Beyond conceptual explanations the exhition is first of all a “aesthetic project”, as it is clear from the words of Shelly Verthime, the curator of the project, and Alber Elbax who wrote the catalogue introduction. .”To look, feel, think, love and dream. Transportation and emotion are inside each image by Bourdin. They don’t need to be described by words”. Another great photography exhibition at the Aria art gallery which presents the show “Itinere”: three artists in a journey towards the unconscious. Mustafa Sabbagh, Drusilla Foer (alias Gianluca Gori), and Sara Bencini are respectively the photographer, the muse and the jewelry maker and work together to produce this show. The photographic excellence of Mustafa Sabbagh confronts with the world of the unconventional, unique scenography; Drusilla Foer, alter ego of Gianluca Gori, interprets with absolute totality Sara Bencini’s creations. On show at the Aria art gallery ten photographic works in a journey through dark neovictorian inspirations placed side by side with powdered tones works and ethereal landscapes. 148 Firenze | Tuscany


Above: Guy Bourdin, Charles Jourdan, Summer 1978 Below: Guy Bourdin, portrait


soul itinerary

Silenzio... silence...

text Guido Parigi Bini photo Carlotta Bertelli

non solo: r l’anima ma ità. Tre luoghi pe oria, spiritual qui c’è arte, st sè di ’ po un e Per ritrovar h uc m d for the soul, an in ga Three places re to , ory, spirituality more: art, hist one’s identity La Toscana è ricca di centri di spiritualità: luoghi di riflessione e preghiera punteggiano il territorio. Molti sono a contatto con il pulsare della vita, altri sono quasi sperduti sui monti, quasi a ricercare un contatto più vicino all’infinito. Ne abbiamo scelti alcuni, esempi da visitare non solo per la spiritualità, la storia, l’arte e la cultura, ma anche da poter vivere per coglierne gli aspetti più intimi e profondi. E non solo i monasteri quelli legati alla tradizione cattolica ma anche quei centri che ospitano altre religioni che in Toscana hanno radicato la loro fede e la loro cultura. L’Abbazia benedettina di Vallombrosa, fondata da san Giovanni Gualberto nel 1036, si erge alle pendici del Pratomagno, tra il Casentino e il Valdarno, a 37 km da Firenze. Il monastero è imponente, ricchissimo delle opere d’arte che si sono accumulate nei secoli ed è caratterizzato dalla chiesa romanica, dal chiostro centrale, dalla biblioteca e dai tanti ambienti di lavoro e di riposo. I monaci hanno attivato un centro di spiritualità e di cultura religiosa aperto a tutti. A pochi chilometri dal Mare Tirreno, alle spalle di Castiglioncello, a Pomaia sulle colline di Santa Luce, è in piena attività un centro di buddhismo tibetano di tradizione mahayana: l’Istituto Lama Tzong Khapa. L’attività si svolge in una villa in campagna dove alla fine degli anni ’70 maestri tibetani e monaci occidentali iniziarono a tenere brevi corsi di Dharma (insegnamenti del BudTuscany is rich in centers of spirituality: the region is dotted with places of prayer and worship. Some of them are close to the hustle and bustle of life, while others are secluded in the mountains and hard to reach, as if trying to get closer to infinity. Here is a selection of places of spirituality worth visiting for the history, art and culture, but also for their more intimate and deeper aspects, and both Catholic institutions and the Tuscan centers of other faiths and cultures. The Benedictine Abbey of Vallombrosa, founded by St. Giovanni Gualberto in 1036, stands at the foot of the Pratomagno mountain, between the Casentino and Valdarno areas, at 37 kilometers from Florence. The monastery is imposing and houses a rich collection of works of art accumulated over the centuries. It consists of the Romanesque-style church, the central cloister, the library and many areas for work and rest. The monks have created a center of spirituality and religious culture open to everybody. Based a few kilometers for the Tyrrhenian sea, behind Castiglioncello, in Pomaia, nestled in the hills of Santa Luce, is the Tibetan Buddhist Center for the preservation of the Mahayana tradition: the Lama Tzong Khapa Institute. It is housed in a countryside villa where, in the late seventies, Tibetan teachers and Western monks began teaching 150 Firenze | Tuscany


The Benedictine Abbey of Vallombrosa, founded by St. Giovanni Gualberto in 1036, stands at the foot of the Pratomagno mountain, between the Casentino and Valdarno Firenze | Tuscany 151


music interview

In this page Abbey of Monte Oliveto Maggiore, erected upon the initiative of Bernardo Tolomei (1272-1348) as the spiritual center of the Olivetan Family. 152 Firenze | Tuscany


interview movie

Above: Abbey of Monte Oliveto Maggiore Below: The Benedictine Abbey of Vallombrosa Firenze | Tuscany 153


music interview

The Lama Tzong Khapa Institute, a center of Tibetan Buddhism in the Mahayana tradition in Pomaia in the hills of Santa Luce 154 Firenze | Tuscany


interview movie

dha). Divenuto scuola internazionale per gli studi e la pratica del buddhismo, fin dal 1983 l’Istituto ha attratto persone di ogni età e nazionalità, desiderose di approfondire la conoscenza della propria totalità interiore. Oggi l’Istituto accoglie ospiti per seguire corsi di filosofia, psicologia e mediazione, o semplicemente per trascorrere un periodo di tranquillità per favorire la ricerca interiore. Nella spettacolarità delle crete senesi in comune di Asciano, eterea fra gli strapiombi di tufo, si erge l’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore, nata per iniziativa di Bernardo Tolomei (1272-1348), quale centro spirituale della famiglia Olivetana. Un complesso monastico di grande spessore architettonico, fra i quali notevoli sono la chiesa con pianta a croce latina a un’unica navata, il museo che raccoglie le testimonianze artistiche dell’archicenobio e delle chiese della diocesi olivetana.
Il Chiostro Grande è la meraviglia di Monte Oliveto Maggiore, con i 35 grandi affreschi raffiguranti la vita di San Benedetto e dipinti prima da Luca Signorelli (nel 1495) e poi da Antonio Bazzi detto il Sodoma (nel 1505). L’abbazia è aperta all’ospitalità secondo la tradizione benedettina per offrire un ristoro fisico e spirituale. La foresteria dispone di 40 stanze.

Not only Catholic institutions but also the Tuscan centers of other faiths and cultures

Dharma (the Buddha’s precepts). Converted into an international school for the study and practice of Buddhism in 1983, the Institute has attracted, over the years, people of all ages and nationality, eager to cultivate greater knowledge of their inner world. Today, the Institute welcomes guests who wish to attend philosophy, psychology and meditation classes or simply spend time in a peaceful place to pursue inner understanding and growth. Set among the spectacular Crete Senesi, near the town of Asciano, rising on tuff cliffs is the Abbey of Monte Oliveto Maggiore, erected upon the initiative of Bernardo Tolomei (1272-1348) as the spiritual center of the Olivetan Family. A monastery of great architectural value, it includes the Latin-cross church with one nave, the museum showing the works of art of the abbey and of other Olivetan churches and the Big Cloister, considered to be the wonder of Monte Oliveto Maggiore, with its 35 big frescoes representing the life of St. Benedict and painted by Luca Signorelli (in 1495) and then by Antonio Bazzi known as the Sodom (in 1505). The abbey welcomes all visitors, according to the Benedictine tradition of offering physical and spiritual relief. The guest quarters include 40 rooms. Firenze | Tuscany 155


interview descendants

Il Rinascimento Fiorentino Florentine Renaissance text Domenico Savini photo Andrea Ruggeri

Firenze. A due passi dal ponte a Santa Trinita. Via Maggio, l’elegante strada di Firenze, non prende il nome dal quinto mese dell’anno, ma dalla contrazione dell’antica denominazione, Via Maggiore, per essere stata, e lo è ancora, la più ampia e sontuosa delle strade di Oltrarno. Ai due lati di questo rettilineo si ammirano storici edifici, suggestive architetture, eleganti negozi. All’interno di uno di questi ambienti, incontriamo Olivia Toscani Rucellai. La sua galleria, Otto - Luogo dell’Arte, è punto di riferimento per i collezionisti, per i personaggi illustri, per visitatori puntualmente presenti a ogni inaugurazione. Recentemente ha presentato la cosiddetta Poltrona di Proust del designer Alessandro Mendini. Perché questo spazio si chiama Otto? Sono nata l’8 maggio. Inoltre questo numero è il simbolo dell’infinito. L’otto mi appartiene perché O.T.T.O. significa Olivia Toscani - Toscani Olivia. Ne viene fuori un acronimo e una parola palindroma: leggendola da sinistra a destra e viceversa, il significato non cambia. Un esempio? Questa frase palindroma interpreta adeguatamente l’attività della mia galleria: “Lavoro è onere sereno e oro val”. Il lettore, sillabando la frase anche da destra verso sinistra, si accorgerà che il messaggio è lo stesso. Olivia Rucellai è figlia d’arte: di Oliviero Toscani, il famoso fotografo, e di Agneta Holst, ideatrice dello studio/atelier Megalopoli aperto nel centro di Milano nel 1978 per progettare e produrre oggetti e mobili per l’uso quotidiano creati da artisti italiani quali Ettore Sottsass, Enrico Castellani, Pietro Consagra, Alik Cavaliere, Carla Accardi, Giò Pomodoro, Mauro Lovi, Michelangelo Pistoletto, Piero Dorazio e Mimmo Paladino, che saranno esposti al Salone del Mobile a Milano per oltre 10 anni. Oggi spartisce il suo tempo dedicandolo anche alla conduzione di un agriturismo prossimo a Poggibonsi. La galleria Otto - Luogo dell’Arte si ispira al progetto della madre di Olivia, la direzione artistica è di Mauro Lovi, architetto, artista, designer e scrittore. Insieme progettano e realizzano oggetti e mobili eseguiti poi dai nostri migliori artigiani. Olivia Toscani è anche madre di tre figli maschi e moglie di Corso Rucellai, la cui storica famiglia produsse e protesse filosofi, scrittori e artisti nella Signoria di Firenze. Raggiunse 85 volte il Priorato e 14 volte il Gonfalonierato di Giustizia, al Granducato conferì 6 senatori. Cosimo de’ Medici – il Vecchio – dette in sposa sua nipote Nannina (sorella del più famoso Lorenzo) a Bernardo Rucellai, figlio di Giovanni, cui si deve la costruzione del palazzo di famiglia e della loggia in via della Vigna Nuova, della facciata di Santa Maria Novella e del Santo Sepolcro in San Pancrazio, tutto secondo il progetto di Leon Battista Alberti. 156 Firenze | Tuscany

The elegant street does not take its name from May, the month, but from the contraction of the ancient name “Via Maggiore”, the greater street. It was and it still is the wider and more elegant street on the other side of the Arno. The street is 341 meter long and is sided by many historical buildings, suggestive architectures, and elegant shops. One of these is the gallery “Otto – a place for the art” run by Olivia Toscani Rucellai. Recently Olivia presented his prestigious customers the so called “Proust’s armchair” by the designer Alessandro Mendini. Why is the gallery called “Otto”? «I was born on May 8 and this number symbolizes the infinite”. It is also the acronomym and the palindrome O.T.T.O. of Olivia Toscani – Toscani Olivia. Olivia Rucellai is the daugher of Oliviero Toscani the famous artist and photographer and Agnata Holst who was the creator of the studio atelier “Megalopoli” which was opened in Milan in 1978 to design and produce eveyday objects and pieces of furniture created by Italian artists such as Ettore Sottsass, Enrico Castellani, Pietro Consagra, Alik Cavaliere, Carla Accardi, Giò Pomodoro, Mauro Lovi, Michelangelo Pistoletto, Piero Dorazio and Mimmo Paladino. The works have been exhibited at the Salone del Mobile in Milan for more than 10 years. Now Olivia’s mother also run an agritourism activity near Poggibonsi. Otto, the gallery, takes inspiration from the project of her mother and it is artistically curated by Mauro Lovi. Lovi is an architect, an artist, a designer and a writer. Together with Olivia he designs objects and pieces of furniture which are manufactured by skilled craftsmen, the masters of every art. Olivia Toscani is also the mother of three sons and the wife of Corso Rucellai whose family produced and protected philosophers, writers and artists throughout the centuries. During the Signoria of Florence the family counted 85 priors, 14 Gonfalonieres of Justice, and 6 Senators in Cosimo de’ Medici’s Grand Duchy. Cosimo de’ Medici, the Elder, give her nephew Nannina’s hanad (the sister of the more famous Lorenzo) in marriage to Bernardo Rucellai, Giovanni’s son, who started the building of the family palazzo and of the loggia in Via della Vigna Nuova, of Santa Maria Novella’s facade and the Santo Sepolcro in San Pancrazio, all buildings designed by Leon Battista Alberti.


From left: Oliviero Toscani, Mauro Lovi, Daniele Boralevi, Franco Raggi. In the middle: Olivia Toscani Rucellai


wine itinerary

Terza Dimensione Third Dimension text Francesca Lombardi

Marchesi antinori nel Chianti Classico: una cattedrale solenne e discreta per il vino The Antinori marquis in the Chianti Classico: a solemn a discreet cathedral for the wine Dentro la terra, Atlantide. Ma non siamo nell’Oceano bensì sulla superstrada che costeggia le colline di Siena. Nasce a Bargino questa opera di architettura straordinaria che è diventata il quartier generale di una delle nostre eccellenze del vino, Antinori. Fuori, solo un taglio, un sorriso in queste colline festose a cui la nuova cantina rende doveroso omaggio. Dentro un mondo perfetto dove passato e futuro si intrecciano in un labirinto di volte e volumi sinuosi, di tini d’acciaio tecnologici accanto a un torchio arcaico e denso, come la storia di questa terra. Di rapide discese, a cui non manca mai la luce, costantemente attinta dallo spazio interno attraverso grandi finestre e ampie vetrate che raccontano di una ossatura di cristallo sì, ma solida come la pietra. Solida come questa azienda che da 26 generazioni racconta e raccoglie in sé il meglio che la Toscana offre. “La linea familiare nella conduzione e nel continuo miglioramento delle nostre vigne e delle nostre cantine non è una scelta sentimentale, il ripetersi forzato di una tradizione, ma il modo più idoneo, forse l’unico con il quale si possa fare al meglio, nel tempo, il proprio lavoro” ha scritto Piero Antinori nel suo libro ‘Il Profumo del Chianti’. Lo stesso si può dire di questo luogo, quello più idoneo dove poter fare al meglio il lavoro. Ma Antinori nel Chianti Classico va respirata in ogni mq di cantina (e sono circa 50.000) per essere capita al meglio, per poter cogliere la grandezza sussurrata dei suoi spazi, del rapido rincorrersi delle fasi di vinificazioni, in un unicum che sembra obbedire a leggi naturali e incontrovertibili. Il progetto, del 2005, è fin dal suo esordio quello di un edificio intimamente legato alla natura, per questo ha scelto materiali naturali e toscani, la terracotta di Impruneta, la pietra, il ferro Corten. Parola d’ordine circolarità, morbida leggerezza delle strutture e degli spazi. La facciata, per usare una categoria propria degli edifici, è distesa orizzontal158 Firenze | Tuscany

Inside the earth: Atlantis. We are not in the ocean but on the freeway which sides Siena's hills. In Bargino this extraordinary architectural work became the headquarter of one the most important wine producers in Italy, namely Antinori. Outside the smile of the merry hills to which the new wine cellar pays homage. Inside a perfect world where past and present intertwine in a labyrinth of vaults and technological barriques. Steep slides where light is never missing, as it is constantly passing through wide windows to the inside. This company is gathering the best of what Tuscany can offers for 26 generations. "The fact that the company is still run by the family members is not a sentimental choice, the forced repetition of a tradition, it is rather the most suitable method, probably the only one, to keep on doing a good job" Piero Antinori wrote in his book "the Chianti's perfume". The same thing can be said when referred to this place: the most suitable place where you can do a good job. The Antinori estate in the Chianti Classico region must be visited in each square meter (and it is about 50.000 square meters) to be fully understood, to sense the whispered width of the spaces where the various stages of wine making are performed. It is something that altogether seems to obey some natural and indisputable laws. Since its project in 2005 the building was conceived to be intimately linked with nature. That's why the choice of using natural materials from Tuscany such as the terra cotta of Impruneta, the stone, the Corten iron. The key words were circularity, lightness of the structures and of the spaces. The facade stretches horizontally on the natural slope of the hill which is marked by the grape rows. The heart of the cel-


A view of the Winehouse from the outsider and Piero Antinori with his daughters


Some pictures of the Winehouse with its barrique room, the ancient press and the library. The covered surface is of 50.000 sq mt.The space distribution in circle terraces allows to follow all the stages of the wine making 160 Firenze | Tuscany


wine itinerary

Albiera and Piero Antinori in the cellar mente sul pendio naturale scandito dai filari delle viti che lar, where the wine ripens in the barriques, is prone costituiscono, con la terra, il sistema di “rivestimento”. tected by the huge terra cotta vaults which amplify Il cuore della cantina, dove il vino matura nelle barriques, the sacral dimension of the space which was created è protetto dalle grandi volte in terracotta che amplificano to keep the perfect heat and humidity during the la dimensione sacrale di uno spazio nato per conservare wine making. In this scenographic distribution of le ottimali condizioni termo-igrometriche del processo di space you can attend every stage of the wine creavinificazione. In questa distribuzione scenografica dello tion almost like in a theatre. From a technical point spazio si assiste a ogni fase di creazione del vino come a of view the structure was planned to allow a gravity uno spettacolo teatrale. A livello tecnico la struttura è stata run wine making where there is no intervention of ideata per consentire la vinificazione ‘per gravità’, in totale any mechanical pump. This allows a big energy savassenza di pompe meccaniche: questo consente un impor- ing and a perfect use of the space underneath the tante risparmio energetico e un utilizzo funzionale dello tanks for a more dynamic and efficient work and an spazio sottostante i serbatoi, per un lavoro più dinamico absolute respect for the product. ed efficiente, oltre ad un grande rispetto per il prodotto. This method allows a less violent processing of the La vinificazione a caduta è infatti un metodo che permette grapes for a result that you can taste in the glass. The una lavorazione delle uve meno traumatica, wine is more balanced, elegant and the per un risultato che si ritrova nel bicchiere: il are more delicate. On the upThe structure tannins vino è più equilibrato, elegante e con tannini per floor the grapes are stored after the was planned to picking and here expert hands select the più morbidi. Tutto parte dal piano più alto, quello dell’arrivo delle uve, dove mani esperallow a gravity best ones to produce the great Antinori te procedono alla selezione degli acini: solo i run wine wines. migliori sono scelti per dar vita ai grandi vini The pressing is very soft. There is the making where outmost care for the environment with della cantina. La pigiatura avviene con un sistema dolce di rottura degli acini. Massima there is no a very low environmental impact and a è stata l’attenzione all’ambiente: bassissimo low energy consumption. The right intervention of very l’impatto ambientale e bassissimo il consutemperatures to perfect the wine are mo energetico. Le temperature necessarie any mechanical produced by the earth and not by repump frigeration plants. Marchesi Antinori in per affinare il vino in barrique sono frutto della terra e non di impianti di refrigerazione. Marchesi the Chianti Classico was inspired by this principle: to Antinori nel Chianti Classico è stata progettata ispirando- keep the ideal temperature for production and to si anche a questo principio: mantenere la temperatura store the wine in an absolutely natural way. Inside ideale per la produzione e la conservazione del vino in the cellar there is the museum which shows a part of modo assolutamente naturale. All’interno della cantina, il Palazzo Antinori’s historical collection in Florence museo, che presenta una parte della collezione storica di together with some site specific interventions of inPalazzo Antinori a Firenze unita a interventi site-specific ternational contemporary artists. There are an audi artisti internazionali del panorama contemporaneo; un ditorium, whose walls are completely covered with auditorium interamente rivestito in legno di rovere, luogo oakwood, the ideal location for meetings, workshops ideale per incontri, workshop, convention; una libreria, and conventions, a library, a food store and a restauuna Bottega Dei Sapori e un ristorante, in cui degustare rant where you can taste the Tuscan food and wines. vino e cibi toscani. A Piero Antinori, a cui abbiamo il suo When Piero Antinori is asked what he thinks of this pensiero su questa cantina a lavori terminati, ci ha rispo- building now that it is finished, he answers: “It is a sto “Un grande impegno, fatto per durare molte genera- great work made to last for many generations”. We zioni”. Impossibile non dargli ragione. can do nothing but agree with him. Firenze | Tuscany 161


Gabriele Corcos, Florentine, with his American wife, Debi Mazar, are stars of the Cooking Channel’s 162 Firenze | Tuscany


food interview

Toscani nel mondo

Tuscans in the world text Agnese Pellucci

s: Gabriele Corco mia vita la to “Vi raccon t e fornelli” tra Red Carpe cos: Gabriele Cor d carpets re e “My life, th ers” and the cook L’amico della porta accanto. Quello che conosci da una vita, che amava suonare la batteria e fare baldoria, poi ad un certo punto lo ritrovi in televisione in qualità di chef. “Accipicchia – pensi ne ha fatta di strada il ragazzo!”.Gabriele Corcos, classe 1972, fiesolano di nascita e cittadino del mondo, si schermisce e abbozza un sorriso divertito. Lui star insieme alla moglie Debi Mazar, attrice statunitense, lui che ha vissuto dieci anni a Los Angeles e che si è appena trasferito nella Grande Mela. Fiesole però l’ha nel cuore, come lui stesso racconta. “Fiesole la porto sempre con me. Quando ne ho bisogno chiudo gli occhi e immagino la vista dalla camera in cui sono cresciuto, in mezzo alla campagna. Le ricette della mia terra sono il modo per mantenere viva la Toscana nel cuore e nello stomaco!” Gabriele, come sei passato dal rock alla cucina? Per puro caso. Sono arrivato a Los Angeles da musicista, registravo dischi, colonne sonore, suonavo dal vivo. Un giorno io e mia moglie Debi, abbiamo pensato di filmare alcune ricette di famiglia e di condividerle su internet. Dopo circa 5 o 6 episodi abbiamo cominciato a ricevere email da tutto il mondo e le prime proposte dal piccolo schermo. Cooking Channel ci ha chiesto di sviluppare uno show che avesse le stesse premesse della nostra serie sul web (Under the Tuscan Gun, ndr). The friend who lives next door, the friend you have known for years. The one who liked playing drums and revelling. Then, all of a sudden, you see him on tv, the vip chef as a honor guest in Gordon Ramsey’s show. Gabriele Colcos was born in 1972 in Fiesole but he is a citizen of the world. Now he is a star. He is married with Debi Mazar, the famous USA actress of the tv show “Extra Virgin”. He lived ten years in Los Angeles and he has just moved to the New York City. Fiesole is still in his heart. “To be a tuscan is a real religion. I always bring with me Fiesole’s history, its colors and its scents. I keep Tuscany alive in my heart thanks to the traditional and historical dishes of my homeland”. Gabriele, tell us who you changed from the rock music to the kitchen. “It was a chance. I moved to Los Angeles and I was a professional drum player. I worked for some time in the show business. One day my wife Debi and I decided to film the preparation of some traditional recipes and share it on the internet. After 5 or 6 episodes we started receiving emails from all over the world and we were invited to partecipate as guests in tv shows. Then Cooking Channel asked us to develop a tv show based on the same idea of our web series (Under the Tuscan Gun, ndr). We accepted immediately and the show was a success. Now we are at our third


theatre interview

The whole family Corcos at work in the kitchen

I spend my time cooking, writing recipes and filming for the tv show. I teach the Tuscan recipes to anybody interested

Non ci siamo lasciati sfuggire l’occasione, e ora siamo in onda per la terza stagione. Il nostro è uno dei programmi di punta del canale e sta riscuotendo un enorme successo. Stiamo poi scrivendo il nostro primo libro di ricette che sarà pubblicato nella primavera del 2014. Com’è cambiata la tua vita? Molto. Passo le mie giornate a cucinare, scrivere ricette, registrare per la televisione ed insegnare le ricette tradizionali toscane a chiunque sia interessato. Viaggio per gli Stati Uniti, tra festival culinari, ristoranti o alberghi. La cosa importante è che mi sento realizzato professionalmente. Grazie a sua moglie e al suo nuovo lavoro è entrato di diritto nell’Olimpo delle star hollywoodiane. So che Madonna è una vostra amica. Si sente a suo agio tra le celebriy? Macché Olimpo, è un purgatorio! Lavorare nell’industria dell’intrattenimento negli US e’ incredibilmente difficile, non esiste un momento di relax, non è possibile mollare un attimo. Ho conosciuto tutti, e cucinato per molti, inclusa Madonna... Ma resto fedele a me stesso. Prossimo obiettivo? Tornare a Fiesole per girare altri episodi per lo show, e acquistre una proprietà per aprire un ristorante e una scuola di cucina. season. We are also writing a recipe book which will be published in the spring of 2014”. How did success change your life? My life changed completely. I spend my time cooking, writing recipes and filming for the tv show. I teach the Tuscan recipes to anybody interested. I travel extensively in the USA to partecipate at fairs and to work in the hotels and restaurants that want to use my recipes and my menus. I feel fulfilled from a professional point of view. I can express my creativity and the romantic side of my character in the kitchen. Now you belong to the Hollywood star system. Do you feel at ease among the celebrities? It’s not the Olympus, it’s the purgatory. To work in the show business in the States is very difficult. You can never relax. My wife and I haven’t taken one vacation in three years. I met with a lot of celebrities and cooked for a lot of them including Madonna. But I’m still myself, I am not dazzled by the fame and the wealth of the stars. I’m fine with my family, my wife, my girls and my dog. You have a splendid wife, two beautiful daughters and the success…. Which is your next goal? My family comes first. Next goal is to go back to Fiesole and film other episodes for the show. I would like to buy an estate there to open a restaurant and a cooking school. I feel positive for the future, I work a lot and I’m sure that I will realize this dream, sooner or later.

164 Firenze | Tuscany


Debi is an American actress, she knows Madonna very well and appeared in her five music videos


food itineraries

Indirizzi da gourmet Gourmet addresses photo Dario Garofalo

Fare la spesa nelle botteghe di Firenze. Dove andare, cosa cercare Shopping in Florence. Where to go and what to look for

Piacere, cultura, tradizioni, identità, e uno stile di vita, oltre che alimentare, rispettoso del territorio e delle tradizioni locali. La passione per i prodotti agroalimentari di qualità, a Firenze si esprime ogni mattina quando le botteghe del centro aprono i battenti. Questo è il momento migliore per fare la spesa, per trovare specialità freschissime, nostrali e non, e la più totale disponibilità dei venditori non ancora storditi dal turbinio dei turisti, dai ragazzi che frullano veloci per andare a scuola, dagli impiegati che corrono per accaparrarsi un pranzo leggero a tempo di lampo. La cultura del prodotto è la cultura del fornitore, qui da noi sono tutti a portata di mano soprattutto quando parliamo di prodotti locali. Carne, pesce, verdura e formaggi. Vediamo dove andare a scovare alcuni tra i migliori forzieri della città. Per la carne sono molto apprezzati dalla borghesia fiorentina i beccai di Sant’Ambrogio, validi oltre che per le bistecche anche per le frattaglie oggi tornate di moda. Si resta in piazza Ghiberti anche alla ricerca del pollo e dei colli ripieni resi famosi da Fabio Picchi del Cibrèo. In via Orsini Saccardi e Panichi hanno un ottimo carré di vitello da latte del mantovano e manzo di provenienza francese o chianina. Una sicuramente vera Chianina è quella del ragù di Simone Fracassi in vendita da Ino in via de’ Georgofili dove si trovano anche il prosciutto del macellaio e norcino casentinese. Chi ama il gusto più dolce del San Daniele deve andare da Galanti in piazza della Libertà provare il Dok dall’Ava. In fatto di pesce, il mercato di San Lorenzo vanta una vera eccellenza, si chiama Massimiliano Ciani e il suo pesce appena pescato viene sempre accompagnato da consigli e aneddoti, cliente dopo cliente. Da assaggiare le sue orate, al forno con purea di melanzane e pomodorini pachino acquistati al vicino banco di verdure di Elisabetta e Gianni Boni. 166 Firenze | Tuscany

Pleasure, culture, traditions, identity and lifestyle, as well as food, but respectful of the territory and local traditions. Passion for quality food products, in Florence is expressed every morning when the shops open their doors in the city centre. This is the best time to go shopping to find the freshest specialities, ours or others, and the total availability of the vendors who have not yet been overcome by the swirl of tourists, from kids going to school or employees running to grab a quick light lunch. The culture of the product and producer, are here on hand, especially when it comes to local products. Meat, fish, vegetables and cheese. Let’s see where to go to find some of the best treasures of the city. To taste meat which is highly appreciated by the Florentine bourgeoisie there is Beccai di Sant’Ambrogio, good not only for the steaks but for offal, now back in fashion. Remain in Piazza Ghiberti to look also for stuffed chicken and the hills made famous by Fabio Picchi of Cibrèo. In via Orsini Saccardi e Panichi have a great rack of milk-fed veal and beef from Mantua of French or Chianina origin. A Chianina is certainly in the sauce Simone Fracassi for sale from ‘Ino in Via de’ Georgofili where also butcher’s ham and the Casentino norcino. Those who love the taste of sweet San Daniele have to go to Galanti in Piazza della Libertà to try Dok dall’Ava. When it comes to fish, The San Lorenzo market has a true master, called Massimiliano Ciani and his freshly caught fish is always accompanied by advice and anecdotes, client after client. Taste his bream, baked with aubergine purée and cherry tomatoes purchased at the nearby vegetable stand of Elisabetta and Gianni Boni. About plants, let’s look at some other addresses. The gardener Filippo Vettori in Borgo San Jacopo is exalted in the


Dall’alto in basso: cavolo nero, ricotta di pecora, bistecca di Chianina From above to belowe: Black cabbage, cottage cheese, steak of Chianina Firenze | Tuscany 167


Above, Bistecca alla fiorentina at Sant’Ambrogio market. Belowe, Vettori in Borgo San Jacopo 168 Firenze | Tuscany


1

2

3

4

1. Bastianelli in via Romana 2. Fratelli Conti, at Mercato di San Lorenzo 3. Giorgio Casilli at Mercato di Sant’Ambrogio 4. l’Antica Macelleria Falorni, Greve in Chianti 5. Convivium, in via Santo Spirtito 6. Saccardi e Panichi in via Orsini

5

6


cover story

Elisabetta e Gianni Boni at Mercato di San Lorenzo

A proposito di vegetali vediamo altri indirizzi. L’ortolano Fi- challenge of finding what the chef on duty or simply a lippo Vettori in Borgo San Jacopo si esalta nella sfida di trova- client needs. re ciò di cui il cuoco di turno o semplicemente un cliente ha The first fruits of the brothers Conti are excellent and also bisogno. Ottime le primizie dei fratelli Conti, anche lui dentro in the market of San Lorenzo. If you are looking instead al Mercato di San Lorenzo. Se si cercano invece i contadi- for farmers, you need to go in the stands of Sant’Ambrogio ni bisogna andare tra i banchi di Sant’Ambrogio (le uova, (eggs, unpasteurized fruit juices and jams of Gianfranco i succhi di frutta non pastorizzati e le confetture di Visani, and Cure where products often come from Mugello, Chianti, Florence and the Florentine Gianfranco Visani, e le verdure a km zero plain from the countryside around Florence. di Giorgio Casili) o delle Cure dove i proFlorence does not have a prominent Cheese dotti arrivano spesso dal Mugello, dal Chianti, La passione tradition. The game make them experts in the dalla Piana fiorentina e dalle campagne intorno a Firenze. per i prodotti selection. Paestum, the buffalo Rivabianca arSui formaggi Firenze non ha una tradizione agroalimentari From rives by courier at Convivium Firenze (Vicasearia di spicco. I giochi li fanno i negozianti di qualità ale Europa, 4/6 and Via Santo Spirito, 4) nella selezione. Da Paestum, via corriere, arriva a Firenze Chic shopping instead for mozzarella, even a Convivium Firenze (viale Europa, 4/6 e via di Santo Spirito, 4) la bufala campana di RiPassion for smoked, at Mo Mò (Via Maggio 69r), a shop vabianca. Shopping chic invece la mozzarella, quality food that sells among others provolone, and cheese. anche affumicata, di Mo Mò (via Maggio 69r), products, in ricotta Let’s talk about Parmigiano: Divine Golosità una bottega che vende tra gli altri provola, riFlorence Toscane (Divine Delicacies in Tuscany) (avcotta e caciocavallo. Parliamo di Parmigiano: a Divine Golosità Toscane (viale Giuliani, 132) è in vendita il enue Giuliani 132) the “Red Cows”, a production of an “Vacche rosse”, una produzione ancora più pregiata di Par- even more valuable Parmigiano is on sale. Some of the migiano. Si trovano da Bastianelli in via Romana o da Baroni most delicious pecorino are found at Bastianelli in Via dentro al mercato di San Lorenzo alcuni tra i più buoni pe- Romana or Baroni inside the San Lorenzo market. Of corini sensi. Da segnalare, infine, l’Olandese volante in via San note, finally, the Flying Dutchman in Via San Gallo for Gallo per l’ottimo gouda, il tipico formaggio olandese, ideale the excellent gouda, a typical Dutch cheese, ideal as an aperitif with Champagne or beer. da degustarsi in aperitivo con birra o Champagne. 170 Firenze | Tuscany


cover story

Above: Sant’Ambrogio market, belowe, Convivium in viale Europa Firenze | Tuscany 171


food itinerary

Eclettico tortello eclectic ‘tortello’ text Paolo Pellegrini

Dal nord al sud della Toscana gli indirizzi ad hoc per gustare questa specialità locale From North to South of Tuscany the right place where to taste this local specialty La bistecca, dirà sicuramente la maggioranza. E invece no: il piattobandiera della Toscana sono i tortelli. E dunque: tortelli sì, ma guai ad azzardarsi a dire che “sono tutti uguali”, si rischia di trovarsi a cuocere nel pentolone del brodo. Proprio dove, uguali o differenti, i nostri saporiti amici devono per forza passare prima di finire nel piatto. Ma non senza aver prima ricordato che sono diversi: per forma, o comunque per dimensioni, sicuramente per il ripieno. In un caso proprio per tipologia di piatto, e infine anche per... il nome. I più diffusi per area geografica sono forse i tortelli di patate. Ci sono ben due vallate a contendersene l'origine. E nella contesa ne è spuntata addirittura una terza: oltre al Mugello e al Casentino, fa la voce grossa anche la Val di Bisenzio. La pasta si fa sempre allo stesso modo – farina, acqua e sale – ma è il ripieno che cambia. In Mugello, la ricetta canonica prevederebbe: patate lesse, aglio, prezzemolo, sale, pepe e un pizzico di noce moscata; condizionale d'obbligo, però, perché nel tempo è invalso l'uso di arricchire con il concentrato di pomodoro, quando non addirittura il ragù, meglio se di papero. Anche sulle misure i pareri discordano, chi li vuole piccoli, chi belli grandi. Dove mangiarli? Qualche indirizzo: la Casa del Prosciutto a Ponte a Vicchio (tel. 055 844031); l’Antica Osteria di Novoli sulla via Bolognese tra Vaglia e San Piero a Sieve (solo a pranzo, tel. 055 8486833); la Locanda degli Artisti in piazza Romagnoli a Borgo San Lorenzo (tel. 055 8455359); lo splendido scenario di Villa Campestri, alle pendici del Monte Giovi nel comune di Vicchio (tel. 055 8490107, chiuso da novembre a marzo); infine, le varianti della Locanda Senio a Palazzuolo sul Senio (tel. 055 8046019). In Val di Bisenzio il ripieno punta solo su patate, noce moscata e sale però aggiunge il parmigiano. A Montepiano, i tortelli si mangiano al ristorante albergo Ca’ del Setta, tel. 0574 959829; a Vernio, al ristorante dell’Hotel Stefanacci di Costozze, tel. 0574 950146. Terza opzione, da Beatrice a Luicciana di Cantagallo (tel. 0574 933125). In Casentino la ricetta è più ricca e saporita. Solita sfoglia, ma dentro la conserva di pomodoro ci va di diritto, con aglio, prezzemolo, sale e pepe, ma anche salsiccia e pancetta. Qui si distingue il piccolo centro di Corezzo, in Vallesanta vicino alla Verna, dove enormi di tortelli vengono riempiti di sugo vegetale, pecorino, parmigiano, uova, burro e noce mo172 Firenze | Tuscany

The majority of people would guess that it is steak, but they are wrong: the flagship dish of Tuscany is in fact “tortelli” pasta. Yes, tortelli is the correct answer, but be careful that you are not caught saying that “all tortelli are the same”, or you yourself risk being cooked in the pot! In the pot, where same or different, our tasty friends end up before they find their way to our plate. But not before reminding us that they are diverse: in shape, in size; and surely in how they are stuffed; for the variety of the dishes, and finally….even in the names they are given. Perhaps the most widespread geographically are potato filled tortelli. There are two valleys whose claim to fame is that tortelli were invented there, and even a third has cropped up in this dispute: In addition to Mugello and Casentino, Val di Bisenzio also has a serious claim. The pasta is always prepared the same way-using flour, water and saltbut it is the filling that changes; The classic recipe in Mugello uses boiled potatoes, garlic, parsley, salt, pepper, and a pinch of nutmeg; however it has become common practice to spice this dish up with tomato concentrate, or even better with ragù, still better with duck ragù. Opinions even clash on the preferred size, some like them small, others nice and big. Where should you eat them? Some suggestions: la Casa del Prosciutto in Ponte a Vicchio (tel. 055 844031); l’Antica Osteria di Novoli on via Bolognese between Vaglia and San Piero a Sieve (lunch only, tel. 055 8486833); la Locanda degli Artisti in piazza Romagnoli in Borgo San Lorenzo (tel. 055 8455359); The beautiful backdrop to Villa Campestri, at the slopes of Mount Giovi in the municipality of Vicchio (tel. 055 8490107, closed from November to March); finally, the different versions of the dish at the Locanda Senio in Palazzuolo sul Senio (tel. 055 8046019). In Val di Bisenzio they are strictly filled with potato, nutmeg and salt and topped with parmesan cheese. In Montepiano, one can eat tortelli at the hotel restaurant Ca’ del Setta, tel. 0574 959829; in Vernio, at the restaurant of the Hotel Stefanacci di Costozze, tel. 0574 950146. Third option, da Betrice in Luicciana di Cantagallo (tel. 0574 933125). In Casentino the recipe is richer and more savoury. The pasta is the same, but tomato sauce is a must, with garlic, parsley, salt and pepper, and even sausage and bacon. Here the small town of Corezzo is worth noting, in Vallesanta near Verna, where giant tortelli are filled with vegetable sauces, pecorino cheese, parmesan cheese, eggs, butter and nutmeg. They are cooked on a red hot slab


The pasta is always prepared the same way -using flour, water and salt but it is the filling that changes Firenze | Tuscany 173


food itinerary

1

3

2

4

1. Il Poveromo

5

1. Locanda Senio 3. Cà del Setta 4. Loris 5. Casa del prosciutto 6. La Filanda 7. Villa Campestri

6

scata, e si cuociono sulla “lastra” di pietra serena arroventata. Provateli da Loris, ristorante a Papiano di Stia (tel. 0575 583680). Sempre in montagna, ma verso ovest, eccoci a Cutigliano, sull’Appennino Pistoiese: patria del Tortello del Melo, dal nome della piccola e graziosa frazione dove viene preparato e servito ripieno di bietola, pecorino, pangrattato, noce moscata, prezzemolo, sale e pepe al Rifugio della Saida (tel. 0573 68355) e da Fagiolino (tel. 0573 68014). Verso il mare, il piatto cambia il nome oltre che l’impasto. Da “tortello” diventa “tordello”, in Lucchesia e in Versilia. L’impasto interno è più carnivoro. Lucca ci mette manzo, maiale e vitella con olio, uova, sale e pepe, noce moscata e poi timo, aglio, prezzemolo e parmigiano più la mollica di pane, la Versilia si limita alla mortadella nostrale, bietola, borragine e pecorino. Per provare entrambe le versioni: a Lucca l’Antica Locanda di Sesto (tel. 0583 406303); in Versilia a Pruno di Stazzema Il Poveromo (tel. 0584 777021); da Luciano a La Culla, sopra Camaiore (tel. 0584 989091) e Da Demè a Vallecchia di Pietrasanta (tel. 0584 757011). Nella bella gara al tortello più saporito non poteva mancare la Maremma. Ricetta ancora diversa per il ripieno: spinaci, ricotta, sale, noce moscata, uovo, formaggio grattugiato. I ristoranti: alla cucina del Lucherino a Monticello Amniata, comune di Cinigiano (tel. 0564 992014) replicano due big con le loro variazioni: Barbara Cannarsa alla Filanda di Manciano (tel. 0564 625156) che punta a un ripieno di pecorino di Pienza con petto di piccione rosolato al Porto e coscetta farcita di foie gras, e poi Valeria Piccini di Caino, a Montemerano (tel. 0564 602817), con splendide varianti: cacio e pere con salsa di barbe rosse, fricassea di agnello, caprino e ruchetta oppure cinta senese, brodetto di gallina e castagne. Ma la Maremma non finisce di stupire, perché dal cilindro tira fuori anche un tortello... dolce. Che nasce a Pitigliano, ricordo delle usanze della comunità ebraica: e infatti, si riempie con zucchero, ricotta e rosolio di cannella. 174 Firenze | Tuscany

7 of pietra serena stone. Try them da Loris, a restaurant in Papiano di Stia (tel. 0575 583680). Still in the mountains, but more West, we are in Cutigliano, in the Apennines of Pistoia: home of the “Tortello del Melo”, named after the small, lovely hamlet, where they are prepared and served. Here they are stuffed with Swiss chard, pecorino cheese, bread crumbs, nutmeg, parsley, salt and pepper; try them at the Rifugio della Saida (tel. 0573 68355) and daFagiolino (tel. 0573 68014). Towards the sea, both the dish as well as its name changes. It changes from “tortello” to “tordello” in Lucchesia and in Versilia. The filling is more meat based: in Lucca they use beef, pork and veal with oil, eggs, salt and pepper, nutmeg, as well as thyme, garlic, parsley, parmesan, and bread. In Versilia they use home grown mortadella cured meat, Swiss chard, borage and pecorino cheese. To try both versions: in Lucca at l’Antica Locanda di Sesto (tel. 0583 406303); in Versilia in Pruno di Stazzema at Il Poveromo (tel. 0584777021); at da Luciano in La Culla, above Camaiore (tel. 0584 989091) and Da Demè in Vallecchia di Pietrasanta (tel. 0584 757011). Also in the running for offering the tastiest tortello is Maremma. The recipes here are very different for their fillings: spinach, ricotta, salt, nutmeg, egg, and shredded cheese. The restaurants: alla cucina del Lucherino in Monticello Amniata, in the municipality of Cinigiano (tel. 0564 992014) Two important chefs offer their own recipes: Barbara Cannarsa at alla Filanda di Manciano (tel. 0564 625156), who creates a filling with pecorino cheese from Pienza, pigeon breast browned in Port wine and thigh stuffed with foie gras; and, Valeria Piccini from Caino, in Montemerano (tel. 0564 602817), with other splendid varieties: cheese and pears with beets, lamb fricassee, goat and rocket or Cinta senese pork and chicken broth with chestnuts. But Maremma never ceases to surprise us; it always manages to pull something new out of its hat, in this case a sweet…..tortello. This dish originates from Pitigliano, a memento from the community’s Jewish past: and in fact, it is filled with sugar, ricotta, and cinnamon flavored “rosolio”. Tortelli: so many delicacies, all in one name.


Some are strictly filled with potato, nutmeg and salt and topped with parmesan cheesea, some other with spinach, ricotta, salt, nutmeg, egg, and shredded cheese


MAGNIFLEX TODAY_ParisseDuo_297x420 TR.indd 1

06/04/12 18.02


shotonsite

Marcello Fratini

Sandro Binelli, Patrizio Cipollini, Bill Clinton

Lilli Bertone

Antonio Ghini

In the centennial della Gherardesca’s garden the Unique Special One event with its exclusive cars and precious handiworks

Ion Tiriac

Filippo, Stefano and Niccolò Ricci

Marie-Hèlène Deiss, Reinhard Lowenstein

James Vincent Strabo, Monica Solange Andzilewko

Vito Mollica, the head chef of the Four Season Hotel, and the special Savini truffle for a special dinner

Patrizio Cipollini, Axelle Brown Videau

Vito Mollica

Mauro Torre, Maria Lisa Domeniconi Firenze | Tuscany 177


shotonsite

Donatella Bartolozzi, Laura Piccini, Anna Mitrano

Carlo Achilli, Luca Bortone, Marco Mauri

Silvia Desii, Giulietti Sandra

Christmas party in the Fratelli Piccini jewelry shop inside the enchanted forest of the Four Season Hotel

Loretta Caponi, Elisa Piccini

Patrizia Poggi, Carlo Riccci

Laura Bartolozzi, Veronica Passerin D’Antreves

Andrea Cavicchi, Antonio Gori, Annunziata Girelli, Francesca Affortunati

Lucrezia and Camilla Carrega

Beatrice Cartei , Gianni Novantini

Domitilla SImeoni, Leonardo De Pinto

178 Firenze | Tuscany

The Ermenegildo Zegna boutique presents its Couture White Cotton Collection during a cocktail party for friends and loyal customers

Giandomenico Schellino, Laura Basso, Diletta Frescobaldi, Neri Torrigiani

Giandomenico Schellino

Ornella Ciapetti, Piercesare Bozzalla Canaletto


shotonsite

Cesare Cecchi, Natascia Santandrea, Luciano Zazzeri

Beatrice Segoni

Neri Quagli and Marcello Astolfi

Andrea Cecchi, Franca Franceschini

Leonardo Cambi

Enrico Paradisi, GaetanoTrovato and Luca Stortolani

Stefano and Maria Puliti

Giuseppe Valentino

Some moments of the Coevo Tour from Milan to Rome with the partecipation of the greatest master chefs

Francesco Gozzini

Gianpiero Puddu

Vito Mollica, Marco Baldesi, Andrea Cecchi, Leonardo Romanelli, Michele Dicataldo, Luca Stortolani, Sergio Bianchini

Chiara Masiero

Massimiliano Zetti, Francesca Ganocci Firenze | Tuscany 179


shotonsite

Bruno Pecchioli, Stefano Franchi, Luca Bedin

Ilaria Ruffino, Marika Tardio, Laura Gallorini

Valentina Sinibaldi, Marzio Puviani, Irene Thaon

Opening of the new Volkswagen Firenze retail

Lisa Lorenzini, Paolo Pinelli

Cristina Eckstein, Costantino Roberto

Nicola Bitossi, Elena Galli

Mattia Morelli, Silvia Biagiotti

Mauro Fanfani, Iosi Karinian, Donatella Celesti

180 Firenze | Tuscany

Alessandra Signori, Elena Galli

Audi temporary shop in the central via de’ Tornabuoni. Special guest the new Audi A3

Moreschina Fabbricotti, Zelal Elbistan

Luigi Lampieri, Silvia Ossi

Alberto Silvestrino, Alessandra Arezzi


- Event Piazza Strozzi 5 r – Firenze - Tel +39 055 283156 - cafecollebereto@gmail.com - www.colleberetocafe.it


shotonsite

Antonella Fiori, Paola Rizzi, Lavinia Rinaldi

Luigi Varratta, Anna Maria Cancellieri, Cristina Giachi

Massimo Becagli, Eleonora Ciardi

In the Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio Matteo Renzi awards Nkosazana Dlamini-Zuma with the Reinassance Woman Of The Year

Nkosazana Dlamini-Zuma, Matteo Renzi

Marco Mazzoni, Lisa Nocentini

Jeremy Burdrel, Erick Oliemolen

Massimo Iannucci, Leonardo Ferragamo, James Bradburne

Chiara Bicchielli, Alessandro Bartolini

Roberto Benelli, Gino Bettini

Vanessa Gavioli, Alessandra la Forgi

182 Firenze | Tuscany

Luxury Lounge is the new exclusive club by Bettini Automobili

Katia Gennusa , Lorenzo Grandis

Renata Quercioli, David Baldi


shotonsite

Olimpia Marmoross, Elisabetta Princi, Karin Matscher

Francesco and Maria Giovanna Boncompagni

Stefano and Claudio Guidi

Nicola Bolla

Eleonora Faggi, Caterina Anichini

Sarah and Irio Bergamaschi

At Porsche Center of Florence the preview of the new Porsche Cayman. In Patrizia Pepe Sanctuary, an exhibition of contemporary art

Kenji Kaga, Tomoko Shiraishi

Claudio Orrea, Nicola Bolla

Costanza Bucci, Mariaelena Pini

Chiara Biagiotti, Youmna Raad, Teiji Yoshimura Firenze | Tuscany 183


shotonsite

Marco Taddei, Francesco Buzzoni, Federico Ciraldo

Beatrice Pianigiani, Simone Taddei, Cinzia Luconi

Emiliano Viviano and Sandra Deplano

Guia Pozzi, Moreschina Fabbricotti

Alessia Del Conte, Betta Raspanti

Massimo Materassi, Cinzia Peroni

Andrea and Nicola Mazzei

An universe of wellness and relax inside the town’s walls is Lungarno Spa. A cocktail party to celebrate the new fx diesel infinity

The design signature Inside presents its new collection. A toast to beauty and innovation

Alessandro Bressan, Giorgio Winspeare

Marco Ambrosetti, Roberto Lobascio

Roberto Dell’ Avanzato, Marianna Comotto and Andrea Bottaro

Chiara Moretti, Paola Migliorini, Leila Bezzi Firenze | Tuscany 185


shotonsite

Alberto Pieragnoli, Pierluigi Picerno, Alessandro Staderini, Roberto Franceschi

Piero D’avorio, Luca Landini

Paolo Baracchino, Michele Srammiello

The Cavalieri di Sant’Appiano Association hosts the wine of Isole and Olena. At Orsanmichele Museum a charity dinner for the ANT

Manuel Pasqual, Graziella Gori

Roberto Ripa

Teresa Guicciardini and Ilaria Raveggi

Manuel Pasqual, Daniele Pradè, Gianni Gori, Luca Toni

Francesco Giuliani, Maria Serena Santangelo

Massimo Macchi, Massimo Citernesi

Umberto De Luca, Cristina Casamassimi

186 Firenze | Tuscany

Graziella Gioielli, the luxury boutique in Lungarno Acciaioli, opens its door to customers and friends to present its new collection

Paola Maria Fabianelli, Simona Conti, Velia Boscolo Contadin

Veronica and Eleonora Gori

Bernardo Bongini, Marinella Fani


RistoRante, Cantina, BaR, CameRe, Colazione, PisCina, Wellness, ChiosCo, animali Via Vecchia Fiorentina II tr.204 - 51039 Catena Quarrata (PT) - Ph./Fax +39 0573 743198 info@lacasadirodo.it - www.lacasadirodo.it


Firenze Antica Torre di via Tornabuoni n.1 - Via de’ Tornabuoni, 1r - Firenze ph. 055 265 8161 www.tornabuoni1.com B&B In Piazza della Signoria - Via dei Magazzini, 2 - Firenze ph. 055 2399546 www.inpiazzadellasignoria.com Four Seasons Hotel Firenze - Borgo Pinti 99, 99 - Firenze ph. 055 26261 www.fourseasons.com Gallery Hotel Art Vicolo dell’ Oro, 5 - Firenze ph. 055 27263 www.lungarnocollection.com Golf Club Poggio dei Medici - Via San Gavino, 27 - Scarperia ph. 055 8435562 www.golfpoggiodeimedici.com Grand Hotel Minerva - Piazza Santa Maria Novella , 16 Firenze ph. 055 27230 www.grandhotelminerva.com Grand Hotel Villa Cora - Viale Machiavelli 18, 18 - Firenze ph. 055 228790 www.villacora.it Grand Hotel Villa Medici - Via Il Prato, 42 - Firenze ph. 055 277171 www.villamedicihotel.com Hotel Albani - Via Fiume, 12 - Firenze ph. 055 26030 www.albanihotels.com Hotel Albergotto - Via de’ Tornabuoni, 13 - Firenze ph. 055 239 6464 www.albergotto.com Hotel Bernini Palace - Piazza San Firenze, 29 - Firenze ph. 055 288621 www.hotelbernini.duetorrihotels.com Hotel Continentale - Vicolo dell’Oro, 6r - Firenze ph. 055 27262 www.lungarnocollection.com Hotel Helvetia & Bristol - Via de’ Pescioni, 2 - Firenze ph. 055 26651 www.royaldemeure. com Hotel Il Salviatino - Via del Salviatino, 21 - Firenze ph. 055 9041111 www.salviatino.com Hotel Loggiato dei Serviti - Piazza SS. Annunziata, 3 - Firenze ph. 055 289592 www.loggiatodeiservitihotel.it Hotel Montebello Splendid - Via G. Garibaldi, 14 - Firenze ph. 055 27471 www.montebellosplendid.com Hotel Orto de’ Medici - Via San Gallo, 30 - Firenze ph. 055 483427 www.ortodeimedici.it Hotel Regency - Piazza Massimo D’Azeglio, 3 - Firenze ph. 055 245247 www.regencyhotel.com Hotel Santa Maria Novella - Piazza Santa Maria Novella, 1 - Firenze ph. 055 271840 www.hotelsantamarianovella.it Hotel Savoy - Piazza della Repubblica, 7 - Firenze ph. 055 27351 www.hotelsavoy.it Hotel Villa Fiesole - Via Beato Angelico, 35 - Fiesole ph. 055 597252 www.villafiesole.it J & J Historic House Hotel Florence - Via di Mezzo, 20 - Firenze ph. 055 26312 www.jandjhotel.net J.K. Place - Piazza Santa Maria Novella, 7 - Firenze ph. 055 2645181 www.jkplace.com L’O Hotel L’Orologio - Piazza Santa Maria Novella, 24 - Firenze ph. 055 277380 www.hotelorologioflorence.com Lungarno Hotel - Borgo San Jacopo, 14 - Firenze ph. 055 27261  www.lungarnocollection.com Lungarno Suites - Lungarno degli Acciaiuoli, 4 - Firenze ph. 055 27268000  www.lungarnocollection.com Palazzo Magnani Feroni All Suites Florence Borgo San Frediano, 5 - Firenze ph. 055 2399544 www.palazzomagnaniferoni.com Palazzo Niccolini al Duomo - Via de’ Servi, 2 - Firenze ph. 055 282412 www.niccolinidomepalace.com Palazzo Vecchietti - Via degli Strozzi, 4 - Firenze ph. 055 230 2802 www.palazzovecchietti.com Relais S. Croce - Via Ghibellina, 87 - Firenze ph. 055 2342230 www. relaisantacroce.com Residenza del Moro - Via del Moro, 15 - Firenze ph. 055 290884 www.residenzadelmoro.com

Hotel partners in tuscany The St. Regis Florence - Piazza Ognissanti, 1 - Firenze ph. 055 27161 www.stregisflorence.com The Westin Excelsior Piazza Ognissanti, 3 - Firenze ph. 055 27151 www.westinflorence.com Tornabuoni Suites Florence - Via Tornabuoni, 9 - Firenze ph. 055 234 6865 www.tornabuonisuites.com Villa Gamberaia - Via del Rossellino, 72 - Settignano ph. 055 697205 www.villagamberaia.com Villa la Massa - Via della Massa, 24 - Candeli ph. 055 62611 www.villalamassa.com Villa la Vedetta - Viale Michelangelo, 78 - Firenze ph. 055 681631 www.villalavedettahotel.com Villa Mangiacane Via Faltignano, 4 - San Casciano in Val di Pesa ph. 055 829 0123 www.mangiacane.com Villa Olmi Resort - Via degli Olmi, 4/8 - Bagno a Ripoli ph. 055 637710 www.villaolmiresort.com Villa San Michele - Via Doccia, 4 - Fiesole Firenze Arezzo Il Borro - Loc. Borro , 1 - San Giustino Valdarno ph. 055 ph. 055 567 8250 www.villasanmichele.com 9772921 www.ilborro.it Grosseto Gallia Palace Hotel - Via delle Sughere - Localita’ Punta Ala, - Punta Ala ph. 0564 922022 www.galliapalace.it Hotel Cala Del Porto - Via del Pozzo, - Punta Ala ph. 0564 922455 www.hotelcaladelporto.com Hotel Residence Roccamare - Via Rocchette, - Castiglione della Pescaia ph. 0564 941124 www.roccamare.it Il Pellicano Hotel - Loc. Sbarcatello, - Porto Ercole ph. 0564 858111 www.pellicanohotel.com L’Andana - Tenuta la Badiola Castiglione della Pescaia ph. 0564 944800 www.andana.it Lucca Albergo Pietrasanta - Via Garibaldi, 35 - Pietrasanta ph. 0584 793727 www.albergopietrasanta.com Augustus Hotel & Resort - V.le E. Morin, 169 - Forte dei Marmi ph. 0584 787200 www.augustus-hotel.it Byron - Viale A. Morin, 46 - Forte dei Marmi ph. 0584 787052 www.hotelbyron.net Grand Hotel Imperiale - Via Mazzini, 20 - Forte dei Marmi ph. 0584 78271 www.grandhotelimperiale.it Grand Hotel Principe di Piemonte - Piazza Puccini, 1 - Viareggio ph. 0584 4011 www.principedipiemonte.com Hotel Villa Roma Imperiale Via Corsica, 9 - Forte dei Marmi ph. 0584 78830 www.villaromaimperiale.com PISA Bagni di Pisa - Largo P. Shelley, 18 - Pisa ph. 050 88501 www.bagnidipisa.com Pistoia Grand Hotel & La Pace - Via della Torretta, 1 - Montecatini ph. 0572 9240 www.grandhotellapace.it Grotta Giusti - Via Grotta Giusti, 1411 - Monsummano Terme ph. 0572 90771 www.grottagiustispa.com Siena Borgo La Bagnaia - S.S. 223 Siena-Grosseto km 56, - Località Bagnaia ph. 0577 813000 www.labagnaiaresort.com Fonteverde Natural Spa Resort - Località Terme, 1 - San Casciano dei Bagni ph. 0578 57241 www.fonteverdespa.com Grand Hotel Continentale - Banchi di Sopra, 85 - Siena ph. 0577 56011 www.royaldemeure.com La Collegiata - Località Strada, 27 - San Gimignano ph. 0577 943201 www.lacollegiata.it Relais La Suvera - Via della Suvera, 70 - Casole D’Elsa ph. 0577 960300 www.lasuvera.it Terme di Saturnia Spa & Golf Resort, , Saturnia ph. 0564 6000111 www.termedisaturnia.it


RESTAURANT FIRENZE Acqua al 2 via della Vigna Vecchia 40r ph 055.284170 Frequentatissimo dagli studenti americani. Piccolo ristorante con atmosfere cosmopolite ed ottime pietanze mai scontate. Much frequented by American students. Small restaurant with an international atmosphere and good food. Alle Murate Via del Proconsolo, 16 ph 055.240618 Nell’antico palazzo dell’arte dei giudici e notai, dove storia e design si fondono per creare un’atmosfera magica, Alle Murate è un ristorante contemporaneo che offre una selezione di ottime ricette italiane ed un’ampia carta di vini pregiati. Durante il giorno è un museo aperto al pubblico con i suoi preziosi affreschi. Housed in the age-old building of the judges’ and notaries’ guild, where history and design combine to create a magic atmosphere, Alle Murate is a contemporary restaurant offering a selection of excellent Italian dishes and an extensive quality wine list. During the day, it is a museum featuring precious frescoes and open to the public. Angiolino via S. Spirito, 36r, ph. 055.2398976 Trattoria tipica fiorentina dove gustare la tradizione al 100%. Cucina a vista, musica anni ‘60 in sottofondo e ambiente rustico ed accogliente. Typical Florentine trattoria where you can enjoy pure traditional dishes. Fully visible kitchen, background music of the sixties and rustic and friendly atmosphere. Antica Porta via Senese 23r, ph 055.220527 Pizzeria sempre affollatissima di fiorentini. Ottimi anche i primi piatti. A pizzeria always packed with locals. Excellent pasta dishes. Associazione La Raccolta via Giacomo Leopardi 2, ph 055.2479068 Ristorante vegetariano aperto solo a pranzo dal lunedì al sabato, nel retro di una bottega bio molto fornita. Ottimi dolci senza zucchero. Vegetarian restaurant, open only at lunch from Monday to Saturday, at the back of a bio-food shop. Excellent sugar-free cakes. Bistrot Torre 69 Lungarno Benvenuto Cellini 69r ph 055.6580433 Ottime proposte di carne e di pesce e una vasta carta dei vini in questo nuovo locale sul Lungarno. Per una cena più veloce da non perdere l’hamburger. Excellent meat and fish-based dishes and an extensive wine list at this new restaurant on the Lungarno. Don’t miss the hamburger for a quick dinner. Boccanegra via Ghibellina 124r, ph 055.2001098 Tre spazi distinti: ristorante, enoteca, pizzeria. Da provare tutti. Ristorante perfetto anche dopo il teatro. Three places in one: restaurant, wine bar and pizzeria. They are all worth a visit. Ideal after-theatre dining. Borgo San Jacopo borgo San Jacopo 14, ph 055.27261 Quattro tavoli in un terrazzino con vista ineguagliabile sul Ponte Vecchio. Cucina per palati moderni. Four tables on a small terrace overlooking the Ponte Vecchio. Contemporary cuisine. Buca dell’Orafo Via de’ Girolami 28r, ph 055.213619 A due passi dal Ponte Vecchio, uno dei ristoranti più storici di Firenze dove gustare un’ottima cucina Toscana, preparata secondo tradizione accompagnata da una eccellente carta di vini. Ottime torte fatte in casa. Just steps from the Ponte Vecchio, you’ll find one of Florence’s most historical restaurants, where you can enjoy excellent Tuscan cuisine, prepared according to age-old traditions. Expect a top-notch wine list and exceptional home-made cakes.

Buca Lapi via Trebbio 1r, ph 055.213768 Tradizionale ristorante fiorentino tra i più antichi, nelle ex-cantine di Palazzo Antinori. Piatti tipici toscani abilmente proposti da Luciano il padrone di casa. Traditional Florentine restaurant, one of the oldest in town, built in the Palazzo Antinori’s wine cellars. Typical Tuscan dishes prepared by the patron Luciano. Buca Mario piazza degli Ottaviani 16/r, ph 214179 Uno dei locali più caratteristici di Firenze dove gustare i piatti della vera cucina Toscana dalla Ribollita alla Pappa al Pomodoro alla Bistecca alla Fiorentina. One of the most characteristic restaurants in Florence where one can taste typical traditional Tuscan dishes such as Ribollita, Pappa al Pomodoro, Florentine steak. Caffè Gilli via Roma 1/r angolo piazza della Repubblica, 3/r ph 055.213896 Fascino e tradizione dal 1733. Rinomato per la pasticceria, interessante carta dei vini, aperitivi e servizio di ristorazione impeccabile. Since 1733 renowned for its tradition and fascinating atmosphere. Known for its patisserie, its wine list, aperitives and impeccable service. Caffè Paszowski piazza della Repubblica 6r ph 055.210236 Caffè letterario per eccellenza è anche un ottimo ristorante. Cucina Toscana ed internazionale, aperitivi e gelateria anche all’aperto nel dehor in piazza. State of the Art Literary Caffè, also an excellent restaurant. Tuscan and international cooking, aperatives and ice-cream parlour, seating outside in the piazza. Cantinetta Antinori piazza degli Antinori, 3, ph 055.292234 Nella cornice di Palazzo Antinori in via Tornabuoni un classico della ristorazione di qualità. Vini eccellenti. Located in Palazzo Antinori in Via Tornabuoni, it is a classic of top-quality dining. Excellent wine list. Cestello ristoclub piazza di Cestello 8, ph. 055.2645364, Ambiente elegante, cucina essenzialmente di mare. Il pesce, sempre freschissimo, può essere scelto direttamente dal bancone. Da non perdere. Elegant surroundings, mainly seafood cuisine. The fish, always the freshest, can be chosen directly from the counter. A must-visit. Cibreo via Andrea del Verrocchio, 8r, ph 055.2341100 Fantasia e cura in cucina. Ormai un classico in città. Da provare, sempre della famiglia, Cibreino e Teatro del Sale nella stessa strada. Creativity and attention to details. A “classic” in town. Worth trying are also the Cibreino and Teatro del Sale run by the same family and in the same street. Cupoli via Leonardo da Vinci, 32 ph 055.8721028 Sulle colline di Firenze una cucina tradizionale e un’atmosfera familiare. Traditional cuisine and friendly atmosphere in the hills of Florence Da Que’ Ganzi via Ghibellina 70r, ph 055.2638940 Nuovo ristorante con cucina a base sia di carne che pesce. Ottimi i vini selezionati dalla simpaticissima Mary. New restaurant serving both meat and fish-based dishes. Excellent wine list prepared by a very nice lady named Mary. Eito via de’ Neri 72r, ph 055.210940 Primo ristorante giapponese a Firenze. Ottima qualità. Locale moderno e minimalista. Efficiente staff interamente giapponese. Best Japanese restaurant in Florence. Modern and minimalist ambience. Very professional Japanese staff.

Enoteca Pinchiorri via Ghibellina 87, ph 055.242777 Fra i primi 10 ristoranti nel mondo. Cantina con collezione di vini prestigiosissimi. Ambiente elegante, servizio perfetto. Tre stelle Michelin. One among the ten best restaurants in the world. Wine cellar containing a rare wine collection. Elegant ambience, impeccable service. It has achieved the highest culinary distinction: three Michelin stars. Fuor d’Acqua via Pisana 37, ph 055.222299 Pesce freschissimo. Antipasti di crudo di elevatissima qualità. Very fresh fish. Topquality raw fish entrees. Garga via del Moro, 48 ph 055.2398898 Trattoria con pareti affrescate da artisti contemporanei. Carne e pesce elaborati dall’estroso chef. Trattoria with walls frescoed by contemporary artists. Fish and meat prepared by the creative chef. Gastone via Matteo Palmieri 26r, ph 055.2638763 Wine restaurant bar in un ambiente dai colori marini azzurro e bianco. Federica, cortese padrona di casa, offre una cucina mediterranea ricca di piacevoli piatti di pesce e carne accompagnati da ottimi vini. Aperto tutto il giorno per degustazioni. Restaurant wine-bar in the tones of sea blue and white. Federica, the kind hostess, offers Mediterranean fish and meat dishes matched with excellent wine. Open all day long for wine tasting. Gilda Bistrot Piazza Lorenzo Ghiberti 40-41/r ph 055 2343885 Vi sentirete davvero come a casa nel grazioso Bistrot di Gilda: tovagliette colorate, fiori freschi al bancone, luce soffusa e soprattutto tavoli “con vista” sulla vera Firenze di tutti i giorni e sulla sua grande tradizione culinaria You will feel as if you where at home in the pretty Bistrot di Gilda: coloured table mats, fresh flowers on the counter, dim lights and moreover tables “with a view” on the real everyday’s Florence and on the great cooking tradition H&B Hostaria Bibendum via dei Pescioni, 8 ph 055 2665620 Atmosfera lounge, rilassante per il ristorante e bar dell’Hotel Helvetia & Bristol. A due passi da via Tornabuoni per un aperitivo comodamente seduti nel dehors che guarda Palazzo Strozzi o per una cena romantica. Lounge and relaxing atmosphere at the Hotel Helvetia & Bristol’s restaurant and bar. Just a few steps from Via Tornabuoni for a drink comfortably seated at the bar overlooking Palazzo Strozzi or for a romantic dinner. Harry’s Bar lungarno A. Vespucci, 22r ph 055.2396700 Restyling per uno dei locali cult della tradizione fiorentina. Il ristorante raddoppia il volume ma mantiene intatti charme e qualità. Restyling for one of the top Florentine restaurants. Double the seating but keeps its charme and quality. Il Baretto via del Parione, 50r ph 055.294122 Delizioso e storico locale fiorentino, specialità: il pesce fresco direttamente dalla Versilia. Atmosfera elegante accompagnata dal musica live. A pleasant, historic Florentine haunt. It’s specialty? Fresh fish directly from Versilia. An elegant atmosphere matched with live music. Ino via dei Georgofili, 3r-7r ph 055.219208 Bottega gourmet nel cuore di Firenze. Il piccolo laboratorio enogastronomico di Alessandro Frassica propone delicatezze e panini prêt-à-manger. Aperto fino alle ore 17. Bottega gourmet nel cuore di Firenze. Il piccolo laboratorio enogastronomico di Alessandro Frassica propone delicatezze e panini prêt-àmanger. Open until 5pm. Alessandro Frassica’s small, eno-gastronomy offers delicatessan and prêt-à-manger rolls and sandwiches.

Il Palagio Borgo Pinti 99, ph. 055.26261 E’ il ristorante principale dello splendido Four Seasons Hotel Firenze, di cui eredita la splendida atmosfera e il servizio ricercato. Ottime le creazioni dello chef Vito Mollica, che hanno valso l’alto riconoscimento nella eccellenza della ristorazione: la stella Michelin. It is the main restaurant of the splendid Four Seasons Hotel Firenze, with which it shares the charming atmosphere and refined service. Excellent creations by chef Vito Mollica, for which it was awarded the highest restaurant recognition: the Michelin star. Il Parione Via del Parione 74-76/r ph 055 214005 Per gustare i piatti tipici della cucina Toscana preparati con passione e fantasia. Marco vi accoglierà come un vero padrone di casa. A place where one can taste typical traditional Tuscan dishes prepared with passion and imagination. Marco will welcome you like a true master of the house. Io Osteria Personale Borgo S.Frediano, 187/r ph 055.9331341 Nello storico quartiere di S.Frediano, cuore dell’antica Firenze, nasce dal tocco originale di Matteo Fantini questa osteria che saprà conquistarvi con sapori genuini della tradizione, raccontati in modo del tutto “personale”. In the historic district of S. Frediano, the heart of ancient Florence, you’ll find Matteo Fantini’s original flair at this home-style Osteria that’ll tempt you with genuine flavors inspired by local tradition, served up in an entirely ‘personal’ way. J.K. Lounge piazza Santa Maria Novella, 7 ph 055.2645181 Al J.K Place: lounge bar, salotto con caminetto, isola felice nel centro storico per light lunch, aperitivi. Pink room per eventi e feste private. Brunch ogni domenica. Meravigliosa terrazza su Piazza S.M. Novella per cocktails, deliziose specialità Toscane e selezione di proposte biologiche. At the J.K. Place Hotel: lounge bar, sitting room with fireplace, an oasis of peace in the city’s centre for a light lunch or a drink. Pink room for events and private parties. Brunch every Sunday. Wonderful terrace overlooking Piazza S.M. Novella for cocktails, delicious Tuscan specialties and a selection of organic offerings. Koko Piazza F. Ferrucci 4/5 R ph 055.6587428 Ambiente sofisticato e avvolgente, dove la tradizione giapponese si fonde al design, tra giochi di luce e bagliori d’oro. Sushi freschissimo,ampia scelta di eccellenti Maki, servizio ottimo. The Japanese tradition combines with design in this sophisticated but welcoming setting, thanks to creative lighting that provides a special glow. Expect super-fresh sushi and a wide selection of excellent Maki. Service is superb. Kome via dei Benci 41r ph 055.2008009 Primo autentico Kaiten Suhi a due passi da S. Croce. Al piano superiore interessante e divertente barbeque restaurant dove poter apprezzare la cucina Yakiniku. First authentic Kaiten Suhi a few steps from Piazza S.Croce. On the upper floor, an interesting and fun barbecue restaurant where one can enjoy Yakiniku cooking. L’Incontro piazza della Repubblica 7, ph 055.27351 Servizio elegante, ambiente confortevole e ricco di atmosfera. Ottimi vini accompagnano piatti di tradizione Toscana preparati con abilità dallo Chef. Elegant service, comfort and atmosphere. Excellent wines accompany Tuscan dishes prepared by the skilful chef. La Casalinga via dei Michelozzi, 9r ph 055.218624 Vicino alla meravigliosa chiesa di Santo Spirito. Trattoria popolare con rapporto qualità prezzo ottimo. Close to the beautiful Church of Santo Spirito. A trattoria with excellent price/quality ratio.

Firenze | Tuscany 189

guide flo guide lo guide flo guide flo guide flo guide flo guide flo guide flo guide flo guide flo guide

by concierge JK Place Firenze


guide flo guide lo guide flo guide flo guide flo guide flo guide flo guide flo guide flo guide flo guide

La Giostra borgo Pinti, 10r ph 055.241341 Locale in voga tra i turisti che si mescolano con una clientela fiorentina affezionata. Ottimi piatti mediterranei con contaminazioni di cucina nord-europea. Eccellente carta dei vini. Soldano, il padron di casa, valore aggiunto alla già speciale atmosfera. Much frequented by tourists and local clientele. Good mediterranean food with a touch of north European cuisine. Excellent wine list. Soldano, the owner, is a plus value to the very special atmosphere La Martinicca via del Sole, 27r ph 055.218928 A due passi dal cuore dello shopping. Ristorante con menù molto variegato e ottimi vini. Ottimo rapporto qualità prezzo. Located downtown. It offers a wide variety of food and excellent wine. Good value for money. Latini via dei Palchetti, 6r ph 055.210916 Antica trattoria con tavoli da dividere con gli altri commensali. Mitica Bistecca alla Fiorentina. Cantina per cene private con eccezionale collezione di vini. Old trattoria with tables shared with other people. Excellent Florentine steak. Wine cellar available for private dinners and great wine collection . La Sosta del Convivium viale Europa 4/6, ph 055.6802482 Ambiente tipico della tradizione toscana, ideale per un aperitivo elegante o una cena a base delle specialità firmate dal marchio storico Convivium. Quando? Giovedì, venerdì e sabato. Typical Tuscan atmosphere, the ideal place for a stylish aperitivo or a dinner based on specialties by the well-known Convivium brand. When? On Thursdays, Fridays and Saturdays. La via dell’acqua via dell’Acqua 2, ph 055.290748 Sull’onda del successo dell’Acqua al 2, nasce questo piccolo intimo locale dove degustare ottimi piatti rigorosamente a base di pesce fresco. A small, intimate restaurant where you can taste excellent fresh fish. Following the success of Acqua al 2. La Piazza del Vino via della Torretta 18/r, ph 055671404 Ricavato da un vecchio magazzino, con pareti a mattone, scaffalature fatte con tavole da muratore e dove le bottiglie fanno parte integrante dell’arredamento trendy minimalista. Cucina come a casa. Obtained from an old warehouse, with brick walls, shelving made with builders planks and where the bottles are an integral part of the trendy minimalistic furnishings and fittings. Cooking just like ‘home cooking’. Le Barrique via del Leone 40r, ph 055.224192 In San Frediano. Alessandro, il proprietario, cura il servizio come in una casa privata. Ottimi vini. Materie prime direttamente dal mercato Centrale. Located in the San Frediano area. Alessandro, the owner, makes his guests feel at home. Excellent wines. Fresh products coming directly from the central market. Lungarno 23 lungarno Torrigiani 23 ph 055 2345957 Nel cuore di Firenze a due passi dal Ponte Vecchio, un locale nuovo dove gustare ottimi hamburgers di autentica carne Chianina accompagnati da un’ottima selezione di vini locali in un’atmosfera decisamente vivace e trendy. In the heart of Florence, two steps from the Ponte Vecchio, a new place in which to have a taste of excellent hamburgers made with Chianina meat accompanied by an optimum selection of local wines in a decidedly lively and trendy atmosphere.

190 Firenze | Tuscany

Mario via Rosina 2, ph. 055.218550 Tipica trattoria fiorentina, aperta solo a mezzogiorno, meta dei fiorentini che lavorano nei pressi del Mercato Centrale. Bistecca alla fiorentina gustata gomito a gomito con i numerosi frequentatori. Typical Florentine “trattoria”, open only at lunchtime, the favourite place of the Florentines who work near the Central Market. Enjoy the famous Florentine steak seated side by side with the many frequent customers. Muna O’Munaciello via Maffia 31r, ph 055.287198 Stravagante pizzeria tipica napoletana dove poter gustare i prodotti partenopei per antonomasia. Vicino a S. Spirito. Estravagant pizzeria with Neapolitan products par excellence. Near S. Spirito. Niwa via Ponte alle Mosse, 16/r, ph 055 355736 Primo ristorante Giapponese Thailandese a Firenze. Ottimi sushi e sashimi serviti su “Ponte e Barca”. The first Japanese Thai restaurant in Florence. Excellent sushi and sashimi served on “Bridge and Boat”. Obikà via Tornabuoni, 16 ph 055.2773526 All’interno di Palazzo Tornabuoni, il primo Mozzarella bar. Una iper-selezione dei prodotti gastronomici italiani, da gustare nel bel cortile. Da provare la nuova proposta di pizze artigianali. Inside Palazzo Tornabuoni, don’t miss the city’s first Mozzarella bar, where you can enjoy a super selection of Italian food products in a lovely court yard. Make sure to try its new hand-crafted pizzas. Oibò borgo dei Greci, 1/1A, ph. 055.2638611 Dalle 8 del mattino alle 2 di notte, un punto di riferimento per i fiorentini e non solo. Uno dei pochi che propone la colazione continentale, oltre alla classica. Poi lightlunch e aperitivo e dj-set a partire dalle 18. Valore aggiunto, la cucina a vista. From 8 am to 2 am, a point of reference for Florentines and tourists. One of the few places offering both continental and classic breakfast. Lightlunch, aperitivo and dj-set starting from 6 pm. Added value, the viewable kitchen. Olio & Convivium Via S. Spirito, 4 ph 055.2658198 Nel cuore dell’antico e suggestivo quartiere d’Oltrarno, innovativo e raffinato “luogo-bottega” dove è possibile gustare ed acquistare prodotti eno-gastronimici di altissima qualità. Ottima cantina e possibilità di degustazione olearia. In the heart of the old and picturesque Oltrarno area, an innovative and sophisticated “spot-shop” where one can enjoy and purchase top-quality wine and food. Wide selection of wines and olive oil tasting is available. Oliviero via delle Terme, 51r ph 055.287643 Ambiente raffinato e cucina tipica. Sophisticated atmosphere and local cuisine Omero via del Pian dei Giullari, 11 ph 055220053 Da più di 60 anni al servizio di chi vuole gustare i sapori toscani immersi nella verde cornice dei colli fiorentini. Ambiente curato nei dettagli ma che non perde la rusticità del carattere fiorentino. For over 60 years, it’s been at the service of those wishing to sample Tuscan flavors while immersed in the greenery of the Florentine hills. Onice viale Michelangiolo, 78 ph 055.681631 Sonorità Lounge si diffondono nell’ambiente rilassante dove gustare prelibati piatti all’insegna di spezie e accostamenti fantasiosi. Stella Michelin. Il tutto nel contesto della villa neoclassica dov’è ubicato il prestigioso Hotel Villa La Vedetta. Lounge music spreads through a relaxing ambience where one can taste delicious and creative dishes. One Michelin star. It is the restaurant of the Hotel La Vedetta located in a neoclassical villa.

Ora d’aria via dei Georgofili 11/r ph 055.2001699 Ambiente molto elegante e moderno nel cuore di Firenze propone una cucina di altissimo livello dal tocco creativo, sapientemente coniugata alla migliore tradizione del territorio. Da Dicembre 2011 si fregia del più alto riconoscimento nel campo della ristorazione di qualità: la stella Michelin. A super-elegant, modern setting in the heart of Florence. It proposes top-notch cuisine with a creative touch that’s wisely matched with the territory’s best traditions. In December 2011 it was awarded the highest restaurant recognition: the Michelin star. Orvm Hotel Excelsior piazza Ognissanti, 3 ph 055.27152785 Ristorante con proposte culinarie di stampo mediterraneo scaturite dalle mani dello Chef Giuseppe Dalla Rosa. Marmi black and white, atmosfera understated elegant. Restaurant offering Mediterranean dishes prepared by the chef Giuseppe Dalla Rosa. Black and white marble, understated elegant atmosphere. Ossi di Seppia via S. Niccolò, 48/r ph 055.2343336 Nel cuore di S.Niccolò, quartiere storico di Firenze, nuovo bistrot dai toni minimal chic ma dall’atmosfera avvolgente, che fanno da cornice ad una cucina creativa dagli ingredienti selezionatissimi, per un originale e seducente viaggio nel gusto. In the heart of S.Niccolò, one of Florence’s historic districts, don’t miss this new bistro in a setting that’s both minimalist chic and welcoming. Expect creative cuisine made with ultra-select ingredients for an original, seductive journey spotlighting flavor. Osteria dei Benci via dei Benci, 13r ph 055.2344923 Trattoria frequentata da molti giovani fiorentini e non. Per una cena casual tra amici a base di ottima carne cotta sui carboni. Carbonata di Chianina un must! Trattoria much frequented by Florentine youngers. For a casual dinner with friends cooking over charcoal. CarbonOpen oata di Chianina a must! Osteria del Cinghiale Bianco borgo San Jacopo, 43r ph 055.215706 Locale caratteristico. Tavolino per innamorati sul terrazzino interno. Trattoria divertente, gestita con professionalità da più di venti anni da Massimo Masselli. Typical Florentine restaurant. A romantic table for two on the indoor terrace. A trattoria that has been professionally run by Massimo Masselli for over twenty years. Elegant atmosphere and top-level cooking. Very popular. Outside Bistrot lungarno del Tempio 52 ph. +39 055 23 43 693 Novità a Firenze. Piatti originali, ricerca e cura nell’arredamento. Da provare assolutamente. A novelty in Florence. Original dishes in a refined atmosphere with carefully selected décor. An absolute must-try. Pantarei via Vittorio Emanuele, 21r ph. 055.474191 Pizzeria di grande successo, sempre affollatissima di fiorentini. Sale con arredamenti differenti. Pane Arabo. Di ottima qualità. A popular pizzeria, always crowded with Florentines. Differently furnished rooms. Delicious “pane arabo”. Pasha (Grand Hotel Villa Cora) Richiami orientali, atmosfera elegante, tre i menu degustazione proposti. La cucina si muove tra piatti della tradizione ed altri più innovativi, con grande attenzione agli ingredienti del territorio e alla carta dei vini. Enjoy the feel of the Orient in an elegant atmosphere and experience three sampling menus worth trying. Pasha presents traditional dishes alongside more innovative cuisine, using rigorously selected ingredients from the territory. Its wine list was created with noteworthy attention to detail.

Pitti Gola e Cantina piazza Pitti 16, ph. 055.212704 Propone piatti della tradizione toscana rivisitati, oltre ad una bella selezione di salumi e formaggi, da gustare al bancone. Expect typically Tuscan dishes re-visited, in addition to a fine selection of cold-cuts and cheeses to enjoy at the counter. Portofino viale Mazzini, 25/27r, ph. 055.244140 Solo pesce freschissimo per i migliori piatti della tradizione italiana, leggermente rivisitati. Ambiente delicato e piacevole. Only the freshest fish for the best traditional Italian dishes with a touch of modernity. Delicate, pleasant environment. Rose’s via del Parione, 26/r – ph. 055.287090 Ambiente curato e dinamico per uno dei sushi bar più famosi della città. Locale molto frequentato anche per il pranzo o per il tè del po meriggio. Ottimi i dolci. One of the most famous sushi-bar in Florence. Very full at lunch times and for afternoon the. Excellent cakes. Sant’Agostino 23 via Sant’Agostino, 23/r, ph. 055.210208 Protagonista la cucina toscana, in tutte le sue forme. Solo le migliori materie prime locali, utilizzate con un tocco gustoso d’attualità. Un must, la tartare di manzo.Tuscan cooking, Only the best local ingredients, used with a modern, tasteful interpretation. A must is the tartar of beef. Santo Bevitore via Santo Spirito, 64r 055.211264 Vivace ristorante in Oltrarno. Tavoli in legno sempre animati nella sala più grande, caratterizzata da soffitti a volte e lungo bancone. Atmosfera più intima e raccolta nella saletta di recente ristrutturazione. Accurata selezione di vini e menu ampio con piatti della tradizione, vegetariani e di alta cucina. Si cena a lume di candela e il servizio è informale, ma attento. Try a dynamic restaurant in the Oltrarno district. Its larger room is filled with wooden tables where good friends gather. It’s characterized by a vaulted ceiling and long counter. You’ll find a cozier, more intimate space in its recently restored smaller room. Expect a fine selection of wines and a wide-ranging menu with traditional dishes, vegetarian options and high level cuisine. The ambience is candle-lit; the service is informal but attentive. Sostanza Troia via Del Porcellana,25/r, ph. 055.212691 Fondata nel 1869 come osteria, mescita e rivendita di generi alimentari. Il ristorante, rimasto sostanzialmente inalterato, offre ai propri clienti i piatti della più tipica cucina fiorentina. Founded in 1869 as an inn, selling food and wine. The restaurant, basically the same as it has always been, offers clients typical Florentine cooking. Targa Bistrot lungarno Colombo 7, ph 055677377 Magico chalet sospeso sulle acque dell’Arno, con atmosfera eclettica con menù secondo le stagioni. A magic chalet suspended above the Arno, an eclectic atmosphere and seasonal menu. An important wine cellar with a distinctive collection of distilled wines. Taverna del Bronzino via delle Ruote, 27r, ph 055.495220 Atmosfera rilassante. Sia carne che pesce soddisferanno gli amanti della buona tavola. Servizio sempre attento ed elegante. Relaxing ambience. Both fish and meat should satisfy gourmands. The Fusion Restaurant Bar vicolo dell’Oro, 3, ph 055.27263 All’interno del Gallery Hotel, cucina mediterranea e giapponese si fondono sinuosamente. Pranzo sostituito dal brunch il fine settimana. A due passi dal Ponte Vecchio. Inside the Gallery Hoph. Japanese and Mediterranean cuisine combined perfectly. Brunch replaces lunch on weekends. Just a few steps from the Ponte Vecchio.


OUTSIDE FIRENZE

Antica Osteria di Novoli via Case Nuove Taiuti, 8 San Piero a Sieve, ph 0558486833 Nel Mugello, indirizzo cult per il sabato o la domenica. Tortelli da gara preparati in piccolissimo alimentari/trattoria grande come il salotto di una casa privata. In the Mugello area, ideal for a Saturday and Sunday lunch or dinner. Award-winning tortelli prepared in a tiny delicatessen/trattoria the size of a living room. Antica Sosta Osteria Enoteca vino e olio Via della Croce 4 Impruneta, ph 055 2312249 Ricavato da un vecchio negozio di alimentari nella storica piazza Buondelmonti all’Impruneta, l’Antica Sosta ha mantenuto intatta l’atmosfera originale del tempo, offrendo un’ottima cucina casalinga accompagnata da un grande assortimento di vini al bicchiere direttamente dalla propria Enoteca. Set in an old small food shop in the historical piazzza Buondelmonti in Impruneta, ‘Antica Sosta’ has maintained intact the original atmosphere of once upon a time, excellent home made dishes with a wide range of wines sold by the glass, from their wine-tasting bar. Da Simone piazza Bartolomeo Scala n. 11 Colle di Val d’Elsa (Si), ph. 0577.926701 Tipico ambiente toscano con le volte in cotto. Cucina tradizionale, pesce sempre fresco e notevole carta dei vini. Typical Tuscan ambient with terracotta archways. Traditional dishes, fish is always fresh and excellent wine menu. Donnini via di Rimaggio 22 (Bagno a Ripoli) ph 055.630076 Appena fuori città, offre una cucina fiorentina davvero ben fatta. Just outside town, it offers good Florentine dishes.

F.lli Giusti Località Prulli (Reggello), ph. 055.863.255 Stategica posizione non lontana da outlet The Mall. Ottimi pici al cinghiale. Carne chianina di qualità. Pizze strepitose. Terrazza con musica. A strategic location, not far from The Mall outlet. Great the pici al cinghiale. Quality carne chianina. Excellent pizza. Terrace with music. La Cantinetta Località Spedaluzzo (Greve in Chianti) ph. 055.8572000 Trattoria di campagna. Servizio molto friendly. Eccellenti piatti toscani. Possibilità di cenare in veranda con caminetto. A country trattoria. Very friendly service. Excellent Tuscan dishes. There is also a veranda with fireplace. La Cantinetta di Rignana Località Rignana (Greve in Chianti) ph. 055.852601 Genuina trattoria isolata nella meravigliosa campagna. Gran piatto della cantinetta: un must. A genuine trattoria in the countryside. The “Cantinetta” dish: a must-have La Casa di Caccia Località Farneto Roti (Vicchio di Mugello) ph. 055.8407629 Immersa in una verdeggiante riserva di caccia nel cuore del Mugello. Cacciagione e piatti tipici dai sapori autentici. Immersed in a verdant game preserve in the heart of the Mugello area. Game meat and tasty local dishes. La Martellina via di Pancole,1 (Strada in Chianti), ph. 055.858348 Ottimi piatti di carne e non solo. Dopo cena divertitevi a giocare con i rompicapo che Franco vi proporrà. Excellent meat and not only that. After dinner, have fun with the brain teasers proposed by Franco. La Reggia degli Etruschi via San Francesco, 18 (Fiesole) ph 055.59385 Vista mozzafiato sulla città. Trattoria condotta con passione da Leonardo ed il padre Mario. Piacevolissima terrazza estiva. A breathtaking view of the town. A trattoria passionately run by Leonardo and his father Mario. In the summer, a lovely terrace. La Tenda Rossa piazza del Monumento, 9/14 ph 055.826132 Gestito da generazioni dalla famiglia Salcuni, celebre e pluripremiato caposaldo della ristorazione. Run by generations of the Salcuni family, celebrated stronghold of the restaurant tradition. Mangiando mangiando piazza Giacomo Matteotti 80 (Greve in Chianti), ph. 055.8546372 Nella piazza principale di Greve, una trattoria dall’ambiente familiare e accurato dove gustare ottimi piatti della cucina toscana. In Greve’s main square, a trattoria offering a friendly atmosphere, accurate service and excellent traditional Tuscan dishes. Oltre il giardino piazza Bucciarelli 42 (Panzano in Chianti), ph. 055.852828 Terrazza mozzafiato sulle colline del Chianti. Proposte toscane (imperdibili il peposo e la bistecca), pasta fatta in casa e notevole carta dei vini. Breathtaking terrace overlooking the Chianti hills. Tuscan dishes (the peposo and T-bone steak are musttries), homemade pasta and impressive wine list. Osteria di Passignano Badia a Passignano (Tavarnelle Val di Pesa) ph 055.8071278 Osteria raffinata proprietà della famiglia Antinori. Possibile visita alle cantine e scuola di cucina. Vini e cibo ad alti livelli. A sophisticated “osteria” owned by the Antinori family. It is possibile to visit the wine cellars and take cooking lessons. Top-quality food and wine.

Ostrica Blu via Vittorio Veneto 6 (Campi Bisenzio) Locale tutto pesce, fra i primi a lanciare la moda del crudo. Only fish and well-known for its raw fish dishes. Perseus Fiesole piazza Mino 9r (Fiesole), ph 05559143 Assaporare carni di elevatissima qualità e piatti appetitosi, chiaramente di impronta toscana, in sale che ricordano quelle di una casa privata di campagna. Meat of the highest quality and mouth-watering Tuscan dishes. Rooms recalling the atmosphere of a private home in the countryside. Podere Torricella via San Vincenzo 35 (Montagnana Val di Pesa), ph. 0571.659189 Ristorante specializzato in carne. Ottimi i vini della Fattoria Il Turco. Splendida vista panoramica dalla terrazza. Restaurant specialising in meat. Excellent wines from the Fattoria Il Turco winery. Breathtaking view from the terrace. Ristoro l’Antica Scuderia via di Passignano, 17 (Tavarnelle Val di Pesa), ph. 055.8071623 I piatti della migliore tradizione toscana in un luogo elegante e curato, nel dolce scenario delle colline del Chianti classico. Non solo ristorante ma anche wine-bar, locale per degustazioni e aperitivi. The dishes of the best Tuscan tradition in an elegant setting, in the sweet Chianti Classico scenario. Not only restaurant, but also wine-bar for tastings and drinks. Solociccia Panzano in Chianti, ph. 055.852020 Il ristorante di Dario Cecchini, punto di riferimento per la carne toscana. Ottimi prodotti e rapporto qualità prezzo nella cornice del Chianti. Le altre due proposte sono: Officina della Bistecca e Mac Dario (a pranzo), entrambe da non perdere. This restaurant, owned by Dario Cecchini, is a point of reference when it comes to enjoying Tuscan meat. It serves optimal products, guaranteeing top quality at reasonable prices, immersed in the Chianti area. Two other great options are Officina della Bistecca and Mac Dario (for lunch); make sure not to miss either. Villa Borromeo via Borromeo, 110 ph. 055.8290118 Vi soggiornò il Granduca Leopoldo II nel 1848. Villa di campagna con bel parco. Cibi toscani bagnati da buon vino. The Gran-duke Leopoldo II stayed there in 1848. Countryside villa with a lovely park. Tuscan food matched with good wine. Villa San Michele via Doccia, 4 (Fiesole) ph 055.5678200 Ristorante dello scenografico Orient Express Hotel a Fiesole. Loggia con vista su Firenze e piccolo terrazzino ambitissimo per la cena a lume di candela. The restaurant of the Orient Express Hotel in Fiesole. A loggia with view over Florence and small terrace for a romantic candlelight dinner.

AREZZO

Antica Fonte via Porta Buia 18, ph. 0575.28038 Piatti della tradizione e prodotti del territorio. Due must? Tortello di papate di celtica con lardo, pomodorini e rosmarino e il peposo alla fornacina. Expect traditional dishes and products from the territory. Two musts? Their Celtic-style potato tortelli topped with lard, cherry tomatoes and rosemary and their Peposo alla fornacina stew. Belvedere Località Bano 223, Monte San Savino ph. 0575.849588 Due ampie sale collegate da un camino aperto e una splendida terrazza con vista su tutta la valle. Piatti della tradizione. Selezionato nelle migliori guide. The restaurant features two wide rooms connected by an open walkway and a splendid terrace where you can view the entire valley. Expect traditional dishes. Selected by all the best guides.

La Tagliatella via Giotto 45, ph. 0575.21931 Nato nel 1932 con la prima delle quattro generazioni che si sono susseguite alla guida del ristorante. Dal ‘90, la gestione della cucina è affidata a Cristina Raffaelli e quella della sala a Cristiano Cini, pluripremiato sommelier Ais. Established in 1932, this restaurant and its owners have witnessed four generations of family management. Since 1990, the kitchen has been managed by Cristina Raffaelli; prize-winning Ais Sommelier Cristiano Cini is maître D. Le chiavi d’oro piazza San Francesco 7 ph. 0575.403313 In un ambiente intimo ed elegante, i sapori della tradizione aretina proposti in chiave rivisitata. Nella splendida cornice di Piazza San Francesco. Expect traditional fare from Arezzo, re-visited with original flair. An intimate elegant setting in the splendid Piazza San Francesco. Osteria da Giovanna Via Anconetana 164, ph. 0575.36015 Il ristorante di Luca Martini, miglior sommelier d’Italia 2009. Inutile dire che la carta dei vini è top. Aperto pranzo e cena, propone piatti della cucina tipica dei colli aretini. This restaurant is owned by Luca Martini, Italy’s best sommelier 2009. It goes without saying that the wine list is top notch. Open for lunch and dinner, it offers dishes typical of Arezzo’s hill country. Osteria del Teatro via Maffei 2, Cortona, ph. 0575.630556 Nel cuore dell’Etrusca Cortona, all’interno di un palazzo del 1500 restaurato, lo Chef e proprietario Emiliano Rossi vi farà accomodare in una delle sue calde e accoglienti sale da pranzo. Piatti del territorio rivisitati. Located in the heart of Etruscan Cortona, inside a restored sixteenth-century palace. Chef and owner Emiliano Rossi will welcome you to one of his warm, welcoming dining rooms. Expect re-visited traditional dishes spotlighting the territory’s treasures. Osteria Locanda Canto del Maggio Fraz. Penna 30/D, Terranuova Bracciolini, ph. 055.9705147 Cucina tipica del territorio, prodotti dell’orto coltivati per tutto l’anno. Non mancano i piatti di carne. Due must: il Peposo alla Fornacina e il cinghiale all’uso delle Maremme con olive nere e peperoni arrostiti. Expect typical cuisine from the territory made from fresh garden products grown year-round. They’re a perfect match for its ample selection of meat dishes. Two musts: Peposo alla Fornacina stew and Maremma-style wild boar topped with black olives and roasted peppers. Ristorante Logge Vasari piazza Grande, ph. 0575.295894 Insieme alla Trattoria La Lancia d’oro (ph. 0575.21033), due punti di riferimento per la ristorazione della città dal 1980. Gestiti da due fratelli. Nel cuore di Piazza Grande. Together with the Trattoria La Lancia d’oro (ph. 0575.21033), it has been a point of reference for city diners since 1980. Managed by two brothers, it’s located in the heart of Piazza Grande. Ristorante Relais Il Falconiere Località San Martino 370, Cortona, ph. 0575.612679 1 stella Michelin. Un ambiente luminoso e raffinato all’interno, la terrazza dal panorama mozzafiato per romantiche cene estive, una cucina solare con piatti della tradizione toscana. Da non perdere. 1 Michelin star. Its interior boasts a bright refined setting and its terrace offers breathtaking views for romantic summer dinners. Expect solar cuisine with typically Tuscan dishes. Not to be missed.

Firenze | Tuscany 191

guide flo guide lo guide flo guide flo guide flo guide flo guide flo guide flo guide flo guide flo guide

Trattoria Baldovino via San Giuseppe 22r, ph 055.241773 Cucina stagionale italiana ed ottima piazza sia a pranzo che a cena, dietro la splendida Piazza Santa Croce. Formaggi, salumi, focacce e dolci fatti in casa. Seasonal Italian cooking and an excellent place for lunches and suppers. Situated behind the splendid Piazza Santa Croce. Cheeses, salame, homemade ‘focacce’ and desserts. Tredici Gobbi via Porcellana 9r, ph 055.285015 Atmosfera dove la “fiorentinità” trionfa. Vecchie pubblicità e locandine cinematografiche alle pareti. Corte interna presa d’assalto nella bella stagione. Florentine atmosphere. Old advertising and cinematographic posters on the wall. Internal courtyard much frequented in the good weather. Not to be missed, rigatoni nella zuppiera. Tre Panche via Pacinotti, 32r ph 055.583724 Piccolissimo ristorante. Cucina tradizionale rivisitata. Arredamento in legno, collezione vini antichi. Tortelli con formaggio di fossa al tartufo: un must. Very small restaurant. Traditional revisited cuisine. Wooden furnishing, old wine collection. Tortelli with truffled pecorino cheese: a must-have. Zeb gastronomia via San Miniato 2r, ph 055.2342864 Deliziosa gastronomia a conduzione familiare. Ambiente moderno, in contrasto con i prodotti più classici della tradizione toscana. Originale carta dei vini e delle birre. Fabulous family-run delicatessen. Its modern interiors contrast with the most classic of traditional Tuscan products. Original wine and beer list. Wabi Sabi viale dei Mille, 53r ph 055587779 Cucina giapponese in ambiente informalchic. All’ingresso bancone del sushi preparato davanti a voi. Japanese cuisine and informal-chic ambience.There’s a sushi bar at the entrance.


guide flo guide lo guide flo guide flo guide flo guide flo guide flo guide flo guide flo guide flo guide

GROSSETO

Buca San Lorenzo via Manetti, 1 ph 0564.25142 Specialità di pesce e locali in ambiente ricavato nelle mura medicee. Pietanze proposte a voce. Medicean walls made into a restaurant offering fish specialities and no written menu. Canapone piazza Dante, 3 ph 0564.24546 Ristorante elegante e raffinato nel cuore del centro storico. Enoteca Canapino a pranzo con piatti tipici a prezzo contenuto. Elegant and refined restaurant in the town center. Enoteca Canapino for lunch: local dishes at a fair price. Da Caino località Montemerano (Manciano), ph 0564.602817 Uno dei locali più celebrati, dove è tuttavia ancora viva la tradizione culinaria della Maremma. Tre forchette del Gambero Rosso. One of the most famous Italian restaurants, where one can enjoy the traditional cooking of the Maremma area. It has been awarded “Three Forks” by the Gambero Rosso guide. Il Fiore del Tesoro località Valpiana (Massa Marittima), ph 056692971 In campagna, in un ambiente delizioso, lo chef Heros De Agostinis propone piatti che spaziano fra mare e terra. In the countryside, in a lovely place, the chef Heros De Agostinis prepares both fish and meat dishes. Il Frantoio piazza della Provvidenza, 11 (Capalbio) ph 0564896484 Cucina creativa pur ispirandosi alla tradizione della Maremma. Al piano superiore una sala per la vendita di prodotti etnici. Creative cuisine inspired by the traditional cooking of the Maremma area. Upstairs, ethnic products on sale. Il Gambero Rosso lungomare Andrea Doria, 62 (Porto Ercole), ph. 0564.832650 Punto di riferimento per gli appassionati delle specialità di mare a Porto Ercole. In estate terrazza all’aperto. The favorite place of fish lovers in Porto Ercole. Terrace in the summer. Il Ristoro di Lamole via di Lamole, Greve in Chanti ph. 055 8547050 Situato in uno dei punti più panoramici del Chianti, contornato da cipressi e vigneti, offre una cucina genuina con pasta fatta in casa, affettati tradizionali e ottimi secondi piatti a base di carni locali. Cantina molto fornita. Situated in one of the Chianti area’s most scenic points, this restaurant is surrounded by cypress trees and vineyards. It offers genuine cuisine, including home-made pasta, traditional cold-cuts and excellent second courses make with local meats. Its cellar boasts prestigious labels. Il Tufo Allegro vicolo Costituzione, 5 (Pitigliano) ph 0564.616192 Intricato nelle splendide viuzze del paese. Locale di grande fascino con proposte toscane. Salette ricavate nel tufo. Located in one of the many alleys of the town. Very fascinating place offering Tuscan dishes. Trattoria Toscana Località Badiola (Castiglione della Pescaia) ph 0564.944800 Parte del prestigioso complesso ricettivo dell’hotel L’Andana, cucina paesana proposta da Alain Ducasse rispettando i sapori della Maremma. Eccellente lista vini. The trattoria of the hotel L’Andana, local cooking revisited by Alain Ducasse. Excellent wine list.

192 Firenze | Tuscany

LIVORNO

Cala Nova Strada Malpasso-Capoliveri (Isola d’Elba) ph. 0565.968958 In una insenatura immersa nel verde dal mare cristallino, un ristorante di grande qualità, pesce sempre fresco. raggiungibile in macchina o via tender, grazie ad un molo destinato all’ormeggio. Located in an cove amidst lush greenery and the crystalline sea, this high-quality restaurant always offers fresh fish. It can be reached by car or boat, thanks to its pier made for docking. Capo Nord La Fenicia 69, Marciana Marina (Isola d’Elba) ph. 0565.996983 Bellissima posizione sul mare, l’ambiente è curato ed elegante e il servizio eccellente. Pesce sempre fresco e carta dei vini notevole. Fabulous location by the sea, a fine, elegant setting and excellent service. Fresh fish at all times and an impressive wine list. Da “11” via Bassa, 8 ph 0586.880304 Trattoria familiare. Cucina genuina, cacciucco e zuppe cucinate come tradizione vuole. Atmosfera colorata dai simpatici frequentatori del quartiere. A family-run trattoria. Genuine cooking, “cacciucco” and soups made according to tradition. Friendly atmosphere. Da Galileo via della Campana, 20 ph 0586.889009 Piatti tipici livornesi a prezzi interessanti. Typical Leghorn dishes and fair prices. Osteria del Mare borgo dei Cappuccini, 5 ph 0586.881027 In zona portuale una semplice trattoria con buona scelta di piatti di cucina marinara a costi contenuti. A simple trattoria in the port area with good fish dishes and reasonable prices. Il Cantuccio largo Garibaldi, 6 (Marina di Campo Isola d’Elba) ph 0565.976775 Notevole soprattutto la cucina di mare, con il pesce appena pescato. Vasta la cantina. Great fish dishes made with fish caught and cooked. Many wines. Il Garibaldi Innamorato via Garibaldi, 5 (Piombino) ph 0565.49410 Delizioso ristorante di pesce nel centro storico. Da provare soprattutto i priatti ottenuti con il pesce “povero”. Lovely fish restaurant in the town center. Try the dishes made with the so-called “poor” fish. La Baracchina Punta Righini Castiglioncello (Livorno) ph 0586.752003 Incantevole location sugli scogli. Pesce freschissimo servito con gusto. Dal 1946 un punto di riferimento a Castiglioncello. Enchanting location on the rocks. The freshest of fish served with style. An institution in Castiglioncello since 1946. La Pineta via dei Cavalleggeri Nord 27 (Marina di Bibbona), ph. 0586.600016 Dal ’96, un punto di riferimento della ristorazione italiana grazie alle creazioni dello chef Luciano Zazzeri. A benchmark in Italian catering since ’96, thanks to the creations of its chef Luciano Zazzeri. Osteria di Suvereto da I’ Ciocio Località Colombaia, 31 (Suvereto) ph. 0565.829947 Lo chef Fabrizio Caponi vi condurrà in un viaggio culinario di sapori legati al territorio. Bel terrazzo. Antipasti e primi di pesce consigliati. The chef Fabrizio Caponi will take you on journey through local tastes. Nice terrace. We recommend starters and pasta with fish.

Osteria del Noce via della Madonna, 18 (Marciana Isola d’Elba) ph 0565.901284 A mezza costa del Monte Capanne, d’estate si mangia sotto un pergolato con una vista indimenticabile del mare. Buoni i piatti di pesce, ma intrigante anche l’offerta di piatti di terra. Halfway up the Capanne mountain. When the weather is good, one can enjoy the food under the pergola overlooking the sea. Good fish and meat dishes. Scacciapensieri via Verdi, 22 (Cecina) ph 0586.680900 Locale moderno. Specialità di mare di grande qualità. Moglie in cucina e marito in sala per un connubio vincente. A modern restaurant. Top-quality fish prepared and served by a winning couple. Stella Marina via Vittorio Emanuele II, 1 (Portoferraio Isola d’Elba) ph 0565.915983 Accanto allo scalo dei traghetti, propone una cucina di mare molto curata nella qualità. Buona la lista dei vini. Near the ferry port, it makes use of quality products. Good wine list.

LUCCA

All’olivo piazza S. Quirico, 1 ph 0583.496264 Piccolo ristorante situato in una delle caratteristiche piazzette del centro. Cucina di mare e terra. Piacevole veranda. Small restaurant in one of the picturesque small piazzas of the town. Fish and meat dishes. Nice veranda. Al Porto via Coppino, 118 (Viareggio) ph 0584.388293 Pesce fresco di giornata in questo classico ristorante ubicato proprio accanto ai cantieri Perini. Piatti tradizionali viareggini. Daily-caught fish in this classic restaurant located near Perini shipyard. Buca di Sant’Antonio via della Cervia, 3 ph 0583.55881 In palazzo di origini settecentesche. Prosciutti e pentole alle pareti. Piatti tradizionali e tipici. In an 18th century building. Prosciuttos and pots hanging from the walls. Traditional and local dishes Da Giorgio via Zanardelli ,71 (Viareggio) ph 0584.44493 Ristorante familiare con piacevole atmosfera. Curata proposta di antipasti e vasta scelta di crostacei. Informal restaurant, friendly atmosphere. Many entrees and wide choice of shellfish. Enoteca Marcucci via Garibaldi, 40 (Pietrasanta) ph 0584.791962 Locale molto in auge tra i giovani. Carta dei vini molto ampia. Cucina semplice e appetitosa. Very popular restaurant among young people. Extensive wine list. Simple and tasty cooking. Henri via Fratti, 370, ph. 0584.49877 Enoteca avant-garde, che propone una notevole carta di vini e piatti molto ricercati. Pochi tavoli, per un ambiente intimo e molto richiesto. Avant-garde wine bar which offers an extensive wine list and sought after dishes. Only a few tables for an intimate, very exclusive atmo Gazebo Hotel Locanda l’Elisa via Elisa, 25 ph 0583.494539 Raffinatezza in questo ristorante situato all’interno di un originale gazebo circondato da un rigoglioso parco. Refined restaurant placed under a gazebo and surrounded by a luxuriant park. Creative cuisine.

Franco Mare Restaurant Lungomare di Marina Di Pietrasanta, ph. 0584 20187 Stabilimento balneare con un ristorante di qualità. Pesce fresco e specialità versiliesi in un’atmosfera elegante sulla spiaggia. A beach-side resort featuring a top quality restaurant. Expect fresh fish and specialties from Versilia in an elegant setting on the beach. Il lunedì dello studio piazza Matteotti 39 (Pietrasanta), ph. 0584.793930 Locale particolarissimo, nascosto nel cuore di Pietrasanta. Arredi vintage e ricercati, atmosfera intima e menu basato su prodotti naturali e hand-made. Fatevi consigliare da Tommaso, il proprietario. A highly unusual eatery tucked away in the heart of Pietrasanta. Sophisticated, vintage furnishings, intimate ambience and natural, handmade fare. Be sure to get a recommendation from Tommaso, its owner. Il Piccolo Principe Grand Hotel Principe di Piemonte Piazza Puccini, 1 55049 Viareggio ph 0584 4011 Ambienti intimi ed accoglienti, per il ristorante gourmet del Grand Hotel Principe di Piemonte. Cucina raffinata accompagnata da una selezione invidiabile di vini italiani ed esteri. Familiar and welcoming ambient for the gourmet restaurant of Grand Hotel Principe di Piemonte. Rewfined dishes accompanied by an enviable selection of Italian and foreign wines. La Magnolia viale A. Morin, 46 (Forte dei Marmi) ph. 0584.787052 Ristorante del lussuoso Hotel Byron. In estate anche a bordo piscina per gustare ottima cucina regionale ed internazionale. Andrea Mattei il giovane Chef alla guida del locale. Restaurant of the luxury Byron Hoph. In summertime, on the pull deck, to enjoy excellent international and regional cuisine. Andrea the young chef at the head of the restaurant Lorenzo via Carducci, 61 (Forte dei Marmi) ph 0584.874030 Gli amanti del mare non possono mancarlo. Punto di riferimento signorile in Versilia. Proprio nel centro cittadino. Perfect place for fish lovers. A famous exclusive restaurant of the Versilia area. Downtown. L’Orsa Maggiore via Arenile, 29 (Forte dei Marmi) ph. 0584.82219 Ristorante all white con spiaggia attrezzata. Tavoli sulla sabbia in estate. Tramonti mozzafiato e candele che rendono magica l’ambientazione. Ottimo pesce. All-white restaurant on the beach. Breathtaking sunsets and candles that add to the magic atmosphere. Excellent fish. Maitò via Arenile 28 (Forte dei Marmi) ph 0584. 80940 Sul lungomare. Raffinato locale con ottime proposte di cucina marinara. Lista dei vini curata. On the promenade. Elegant restaurant with excellent fish dishes. Carefully selected wine list. Marechiaro via Franceschi 19, Forte dei Marmi, ph. 0584.80271 Ristorante sulla spiaggia legato all’esclusivo hotel Principe Forte dei Marmi. Atmosfera elegante, pesce freschissimo, ottima carta dei vini. This restaurant on the beach is linked to Forte dei Marmi’s exclusive Hotel Principe. Expect an elegant atmosphere, ultra-fresh fish and an excellent wine list.


MASSA CARRARA

Caveau del Teatro piazza Santa Cristina (Pontremoli) ph 0187.833328 Ripropone in chiave moderna piatti locali tradizionali, ma anche piatti di impronta mediterranea. Local cooking in a modern version, but also Meditteranean dishes. Da Riccà lungomare di Ponente (Marina di Massa) ph 0585.41070 Piccolo ristorantino che dagli anni Sessanta con la stessa gestione propone ottime specialità di mare. Small restaurant run by the same family since the sixties. Excellent fish. Il Trillo via Bergiola Vecchia 30 loc. Castagnetola - Massa ph 0585 46755 www.iltrillo.net Un ristorante di charme, con le sue sale eleganti, dove dominano i colori della terra e la cultura del cibo è di casa. Dalla stessa passione per i prodotti genuini, nasce la Cantina Bertazzoli. An attractive restaurant, with its elegant halls, where the colours of the earth dominate and food culture is well timehonoured. From the passion for genuine products ‘Cantina Bertazzoli’ which produces every year a selection of wines that derive from local quality grapes. La Peniche lungobrugiano (Marina di Massa) ph 0585.240117 Location molto particolare su di una palafitta. Ambiente con arredamento che riporta alla Francia. Specialità marinare ed anche ottime pizze. Built on piles, French-style interiors. Fish specialities and also very good pizzas. Ninan via L. Bartolini, 3 (Carrara) ph 0585.74741 Classica signorilità in questo locale con proposte della tradizione rivisitate dall’abile mano del giovane chef. A classic and refined restaurant offering traditional dishes revisited by the skilful young chef.

PISA

Osteria dei Cavalieri via San Frediano, 16 ph 050.580858 Ambiente caloroso. Nei pressi dell’Università. Cucina genuina a prezzi molto interessanti. Warm atmosphere. Near the university. Genuine cooking at reasonable prices.

Osteria del Porton Rosso vicolo del Porton Rosso, 1 ph 050.580566 Fratello e sorella in cucina. Solo cucina marinara. In una delle zone più caratteristiche di Pisa. Ambiente rustico. Brother and sister in the kitchen. Only fish. In one of Pisa’s most characteristic areas. Dante e Ivana viale del Tirreno, 207c (Tirrenia) ph 050.32549 Pregevole offerta di vini per una cantina a vista in locale elegante e intimo. Cucina marinara fantasiosa. Good wines and elegant and intimate place. Creative fish cooking. Dal Duca via di Casphlo, 2 (Volterra) ph 0588.81510 Nel centro storico, wine bar e ristorante. Si può optare per uno spuntino veloce, oppure sedersi a gustare la ribollita con colombaccio e tartufo locale. In the historic center, wine bar and restaurant. For a quick snack or to enjoy “ribollita” or truffle dishes. Foresta via Litoranea, 36 (Marina di Pisa) ph 050.35082 Molti piatti di pesce di ottima fattura. Piccolo ristorante affacciato sul mare. Excellent fish dishes. Small restaurant overlooking the sea. Pepenero via IV Novembre, 13 (San Miniato) ph 0571.419523 Locale trendy-chic nel centro di San Miniato. Tartufo un must da settembre a dicembre. Ampia terrazza con suggestiva vista. Local trendy-chic in the center of San Miniato. Truffle is a must from September to December. Large terrace with an extraordinary view. Peperino via IV Novembre, 1 (San Miniato) ph 0571.419523 Ristorante solo per 2. Un unico tavolo. Prenotare con anticipo per concordare ogni singolo particolare, dal menu ai fiori, alla musica preferita. Restaurant only for two. A unique table. Reserve ahead to arrange every single detail, from the menu to the flowers, to preferred music. Perbacco viale Vittorio Veneto, 30 (Montescudaio) ph 0586.650324 Cucina di buon livello che valorizza i prodotti locali. Specialità i risotti, i tortelli, la bistecca di Chianina. High quality restaurant and local dishes. The chef’s specialities are risotto, tortelli and Chianina steak.

PISTOIA

Baldovino piazza San Lorenzo, 5 ph 0573.21591 Enoteca molto fornita. Piacevoli piatti presentati in modo raffinato. Tavolo d’ingresso immerso in piccola libreria colma di testi di enologia. Well-stocked wine bar. Good dishes and elegant presentation. The table at the entrance is buried in wine books. Manzoni corso Gramsci, 112 ph 0573.28101 Materie prime di qualità in questo locale per appassionati di pesce. Rapporto qualità prezzo eccellente. Pietanze offerte a voce. For fish lovers. Excellent quality/price ratio. No written menu. Enoteca Da Giovanni via Garibaldi, 25 (Montecatini Terme) ph 0572.71695 Ottimi vini, carne e pesce da assaporare in due sale una più elegante l’altra più casual. La sera d’estate servizio nel dehors. Very good wines, fish, meat. Two dining rooms: one elegant, the other more casual. In summer one can eat outside.

Gourmet via Amendola, 6 (Montecatini Terme) ph 0572.771012 Elegante locale dall’ampia scelta di piatti sia di carne che di pesce con una predilezione per quest’ultimi. Elegant restaurant with a wide choice of both fish and meat dishes

PRATO

Il Piraña via Valentini, 110 ph 0574.25746 Vero indirizzo di riferimento per cultori del pesce. Da anni sulla cresta dell’onda. The favorite spot of fish fans. It has been riding high for years. Logli via di Carteano, 1 (località Filettole) ph 0574.23010 Trattoria tipica situata sui colli. Carne alla griglia. Accoglienza molto calorosa. Typical trattoria set on the hills. Grilled meat.Very friendly reception. Da Delfina via della Chiesa, 1 (Artimino) ph 055.8718074 Antica trattoria. Oggi locale raffinato ed accogliente. In estate servizio in terrazza con splendida vista sulle circostanti colline. Old trattoria. wIn summer, meals are served on the terrace with view of the surrounding hills.

SIENA

Antica Osteria da Divo via Franciosa, 25 ph 0577.284381 Trattoria con piatti tipici senesi presentati in modo originale. Atmosfera di classe con sala principale di stampo medioevale. Trattoria offering typical Sienese dishes presented in a very original way. Sophisticated atmosphere with a medieval main dining room. The other rooms and basement were once Etruscan tombs. Bottega Nuova strada Chiantigiana, 29 ph 0577.284230 Tre menù degustazione: pesce, carne, misto. Nessuno tradisce. Three tasting menus: fish, meat or mixed. They are all fantastic. Fornace di Meleto Loc. Meleto Gaiole in Chianti, ph. 0577.738461 A pochi passi dall’imponente Castello di Meleto, immerso nella quiete della natura toscana, questo ristorante/ bistrot propone piatti tipici rivisitati dal giovane chef Diego Babboni. Pane, pasta e dolci sono fatti in casa. Steps from the imposing Castle of Meleto, nestled in the quiet Tuscan countryside, this restaurant/bistrot offers traditional dishes in the young chef Diego Babboni’s creative version. Homemade bread, pasta and desserts. Il Canto dell’Hotel Certosa di Maggiano strada di Certosa, 86 ph 0577.288180 L’estro di Paolo Lopriore profonde tecnica e mano sapiente nell’equilibrio dei sapori per stuzzicare l’appetito. Cantina importante. Creative dishes prepared by the chef Paolo Lopriore and fine wines. I Terzi Via dei Termini 7, ph. 0577.44329 Una delle migliori enoteche nel centro di Siena. Fatevi consigliare da Michele, il proprietario, le specialità della giornata. One of the best restaurant in the center of the city. Ask for Michele, the owner: he will suggest you the specialities of the day Osteria Le Logge via del Porrione, 33 ph 0577.48013 A pochi passi da piazza del Campo, un laboratorio di nuove e interessanti proposte della cucina tipica senese. Just a short walk from Piazza del Campo, typical Senese cooking with new and interesting ideas.

Osteria Le Panzanelle Località Lucarelli, 29 (Radda in Chianti), ph. 0577.733511 Graziosa osteria gestita da due giovani coppie. Ambiente ricercato, proposte della tradizione toscana che variano ogni mese. A lovely osteria run by two young couples. An elegant atmosphere, traditional Tuscan menu that changes every month. Arnolfo via XX Settembre, 50 (Colle di val D’Elsa) ph 0577.920549 In un palazzo del ‘500, due salette intime e una terrazza per l’estate. Cucina raffinata e fantasiosa. Due stelle Michelin. Located in a 16th century building, two intimate rooms and a terrace in summer. Creative and refined cuisine. Two Michelin stars. Badia a Coltibuono sulla strada Chiantigiana Gaiole in Chianti) ph 0577.749479 Spettacolare monastero oggi proprietà privata, chiesa visitabile soltanto durante le messe. Accanto il ristorante con corsi di cucina e vini di qualità. Once a monastery, today a private property. The church is open only during mass. Cooking lessons and good wines. Banfi Località Sant’Angelo Scalo (Montalcino) ph 0577.816054 Piatti creativi e moderni, fra terra e mare, in un contesto unico, quello del Castello Banfi. E ovviamente la cantina promette tutti i profumi di cui sono capaci i settecento ettari di vigneti. Creative and modern dishes, both fish and meat, served in the most beautiful setting: the Banfi Castle. Of course, wine for all tastes. Il Colombaio Località Colombaio (Casole) ph 0577949002 Vincenzo Di Grande ne ha saputo fare un ottimo ristorante, dove si possono gustare mix di pesce e prodotti locali. Cantina all’altezza. Vincenzo Di Grande transformed it into an excellent restaurant where one can enjoy fish and local products. Good wine list. Il Pozzo Monteriggioni piazza Roma, 2 (Monteriggioni) ph 0577.304127 Tradizioni culinarie locali in ambiente familiare. Proprio sulla deliziosa piazza del borgo. Local cuisine and a family atmosphere. Located in the main piazza. La Frateria di Padre Eligio convento San Francesco (Cetona) ph 0578.238261 In un luogo straordinario, la cucina offre un menù unico di otto portate che spaziano dalla norcineria casalinga a piatti di grande inventiva. Located in a beautiful place. The restaurant has only one menu consisting of eight dishes combining tradition and creativity. La Leggenda dei Frati piazza Garfonda, 7 (Abbadia Isola Monteriggioni) ph 0577.301222 Antico complesso abbaziale. Intimo ristorante condotto con passione da una coppia di fratelli divisi tra cucina e sala. An ancient abbey. A small restaurant passionately run by two brothers, one is the chef and the other the maïtre. Private vegetable garden with all kinds of herbs. Osteria di Fonterutoli Località Fonterutoli (Castellina in Chianti) ph 0577.741125 Nuova Osteria dove gustare ottime materie prime del territorio toscano abbinandole con i grandi vini della famiglia Mazzei. A new osteria offering the finest ingredients from Tuscany matched with the Mazzei family’s great wines.

Firenze | Tuscany 193

guide flo guide lo guide flo guide flo guide flo guide flo guide flo guide flo guide flo guide flo guide

Osteria del mare viale Franceschi 4, Forte dei Marmi, ph. 0584.83661 Ristorante sulla spiaggia, atmosfera informale, propone ottime specialità di pesce. This restaurant on the beach offers excellent fish specialties in an informal atmosphere. Pinocchio vicolo San Biagio, 5 (Pietrasanta) ph. 348 4444225 Piccolo scrigno nel cuore di Pietrasanta. Un ristorante dove la creatività degli chef regala piatti di pesce sorprendenti. A small ‘treasure chest’ in Pietrasanta. A restaurant where the creativity of the chefs produces surprising fish dishes. Romano via Mazzini 120 (Viareggio) ph 0584.31382 Stella Michelin per questo ristorante che da 35 anni riscuote ottimo successo per le sue proposte culinarie. Recentemente rinnovato. One Michelin star for this restaurant that has been at the top of the list for thirty five years thanks to its excellent cuisine. Recently renovated.


best of

e m i t f i t i r e p It’s A uscany.com

eint www.firenzemad

Caffè Giacosa, via della Spada, 10 | Caffè Sant’Ambrogio, piazza Sant’Ambrogio, 7r Colle Bereto, piazza degli Strozzi, 5r | Dolcevita, piazza del Carmine, 5 | Flet, piazza de Nerli, 1 Metropolitan, Four Seasons Hotel Firenze, Borgo Pinti, 99 Negroni, via dei Renai, 17r | Odeon Bistrò, piazza Strozzi Plaz, via Pietrapiana, 36 | Rifrullo, via di San Niccolò, 55r | Rivalta, Lungarno Corsini, 21 Slowly, via Porta Rossa, 63 | Volume, piazza Santo Spirito, 5r

194 Firenze | Tuscany


Firenze Made in Tuscany Magazine n. 25  

Quarterly fashion, art, event and lifestyle magazine

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you