Issuu on Google+

SERRAMENTI & PORTONCINI Claudio Bruna

Direttore: LUCA MERCANTI

Consulente tecnico commerciale cell. 346 6245983 claudio.bruna@alpifenster.it - www.alpifenster.it

ANNO XII - N° 50

lunedì 18 novembre 2013

www.gazzettamatin.com www.newsvda.it

Poste italiane. Spedizione in A.P.D. L.353/2003 (conv.in L.27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1. DCB Aosta

Tel. 0165 231711 centralino segreteria@gazzettamatin.com

SETTIMANALE INDIPENDENTE DI INFORMAZIONE, POLITICA, CULTURA, SPORT

EURO 1.50

COMPI UN GESTO

DI SOLIDARIETÀ

DIVENTA DONATORE DI SANGUE

VIA XAVIER DE MAISTRE 19 AOSTA TEL: 0165 552196 CELL: 366 6067082 WEB: www.fidas.it MAIL: fidasvda@gmail.com

VDA news: vieni a visitare il nuovo quotidiano online www.newsvda.it

■ POLITICA / In Procura, la corposa relazione della guardia di finanza

GRUPPI CONSILIARI, INDAGINE CHIUSA

Spese dei partiti sotto accusa: peculato e finanziamento illecito le ipotesi di reato AOSTA - L’aliquota di polizia giudiziaria della guardia di finanza ha concluso le indagini sulle spese dei gruppi consiliari della scorsa legislatura. Un lavoro lungo, più del previsto, che ha valutato le spese dei partiti presenti in Consiglio regionale dal 2009 al 2012. Nei prossimi giorni le fiamme gialle consegneranno una corposa relazione finale al procuratore capo di Aosta, Marilinda Mineccia, la quale, dopo averla analizzata, deciderà di inviare gli avvisi di garanzia a quei consiglieri le cui spese sono rimaste a tutt’oggi ingiustificate. Le ipotesi di reato sono finanziamento illecito dei partiti e peculato.

■ OSPEDALE PARINI/Aosta

Verrès, ladri senza MORTE SOSPETTA INDAGINE APERTA rispetto: svaligiato L’assesore Fosson: «non è il reparto sotto la lente, ma i professionisti»

il cimitero a pagina 30

■ a pagina 9

RIFIUTI

CALCIO

A UN ANNO DAL REFERENDUM VALLE VIRTUOSA: «ABBIAMO PERSO SOLO UN GRAN TEMPO»

VdA, Aygre, Charva e P.D.H.A. vincenti ■ da pagina 46

-

TEL:

■ a pagina 6

■ AOSTA / Musicisti e talenti di casa per la notte di San Silvestro

CAPODANNO IN PIAZZA SENZA BIG Non ci saranno vip o nomi di grido del panorama musicale nazionale, ma artisti valdostani

■ alle pagine 3-4 e 5

PER LA PUBBLICITÀ LG PRESSE

AOSTA - Un’indagine interna dell’assessorato alla Sanità per far luce su eventuali responsabilità per la morte di Giorgio Peloso, avvenuta l’11 dicembre del 2005 all’ospedale Parini di Aosta, a tre settimane dal suo ricovero. Per i parenti, Giorgio Peloso fu «abbandonato a se stesso nel reparto di medicina generale». Da qui l’esposto del loro legale, l’avvocato Orlando Navarra di Aosta, per vederci chiaro.

AOSTA - Sobrietà. Se lo scorso anno furono il verace cantautore Gigi D’Alessio e la show girl Valeria Marini a scatenare le polemiche, quest’anno, non ci saranno vip o nomi di grido ad accogliere il nuovo anno in piazza Chanoux ma solo talenti locali. ■ a pagina 18

0165.1845110 CELL: 366.6174591 - EMAIL: M.HENRY@LGPRESSE.COM


2

lunedĂŹ 18 novembre 2013


1P

P R I M° O PIANO

lunedì 18 novembre 2013

3

■ REFERENDUM / Il 18 novembre 2012, i valdostani hanno detto no al trattamento a caldo dei rifiuti

«Un anno buttato, nessun risultato» Nei prossimi giorni, la Valeco presenterà uno studio di pre fattibilità per individuare un sistema integrato di gestione AOSTA - 48,92%, «sì» al quorum. Il 18 novembre di un anno fa, Gazzetta Matin titolava così dopo lo storico risultato referendario che ha detto no alla costruzione di un impianto per il trattamento a caldo dei rifiuti nella nostra regione. Oggi, un anno dopo, la modalità di gestione sono tutt’altro che delineate. Il voto dei valdostani ha tracciato la strada, ma nonostante il lavoro della Commissione Bertin, nonostante le occasioni di confronto, incontro e scontro, audizioni e studio, dopo 365 giorni non c’è stato nessun atto concreto post referendum che abbia dato ‘seguito’ al voto dei valdostani.

so corrispondenti a tre volte le necessità della nostra regione ed eseguono prevalentemente selezioni grossolane. Solo pochi impianti presentano linee e macchinari idonei a una selezione-raffinazione finalizzata all’estrazione di frazioni da avviare a valorizzazione, ad esempio carta, plastica e metalli». Valeco SpA

L’assessore all’Ambiente Luca Bianchi

365 giorni dopo «Un anno perso dopo un inutile temporeggiare della maggioranza» - secondo il consigliere Alberto Bertin; «una responsabilità del decisore politico» - secondo il presidente del comitato Valle Virtuosa Jeanne Cheillon. A dire la verità, un primo atto amministrativo concreto, giunto proprio nei giorni del primo compleanno del referendum è arrivato dal comune capoluogo che ha votato un ordine del giorno «coraggioso» - secondo Legambiente Valle d’Aosta – che dà l’avvìo alle procedure per raccogliere la frazione organica dei rifiuti. Lo studio di pre fattibilità Giovedì scorso, la ‘sorpresa’; intervenendo nel dibattito sulla mozione per l’attuazione del piano regionale di gestione dei rifiuti presentata da Alpe, UVP e M5S, l’assessore all’Ambiente Luca Bianchi ha annunciato l’esistenza di «uno studio di pre-fattibilità che sarà consegnato a fine novembre, commissionato alla società Valeco, concessionaria della gestione del Centro di Brissogne e che ha l’obiettivo di individuare un sistema integrato che sia coerente con gli indirizzi europei e allo stesso tempo calibrato sulla specificità della realtà valdostana e che dovrà anche fornire le valutazioni di carattere tecnico, impiantistico, economico-finanziario e tariffarie, insieme ai tempi di realizzazione, gli oneri di investimento e quelli gestionali». L’amministrazione regionale

La prima pagina di Gazzetta Matin del 19 novembre 2012

deciderà la soluzione da attuare sulla base dello studio consegnato dalla Valeco, naturalmente in coerenza con le disposizioni ministeriali e la normativa europea che impongono un sistema integrato di impianti di trattamento che consentano al di là delle raccolte differenziate, di includere nella gestione del rifiuto indifferenziato, una «adeguata selezione delle diverse frazioni dei rifiuti e una qualche forma di stabilizzazione della frazione organica dei rifiuti stessi». L’assessore Bianchi ha precisato «che potrebbe essere utile organizzare una visita a impianti in esercizio che, oltre alla separazione della frazione secco-leggera dalla frazione umida, effettuino anche fasi suc-

IL COMMENTO 2

cessive di selezione o raffinazione, finalizzate al massimo recupero di frazioni che possono essere valorizzate. Tuttavia – ha commentato l’assessore – bisogna tenere presente che nella maggior parte di casi, gli impianti di trattamento e selezione della frazione indifferenziata presenti in Italia sono di grandi dimensioni, spes-

IL COMMENTO 1

Valle Responsabile: «ha RESISTITO la tesi del complotto a tutti i costi» Dottor Sudano, Valle Responsabile era il comitato nato «per dire basta alle bugie sul pirogassificatore». Oggi, a un anno dal voto referendario, che fine ha fatto il Comitato? «Il Comitato era nato in funzione di quel referendum – spiega il dottor Luigi Sudano (foto), referente del Comitato Valle Responsabile insieme ad Aldo Bennani e Valeria Casali – e ha ritirato i remi in barca dopo l’esito del referendum. La nostra funzione si è esaurita con la scelta dei valdostani. Non siamo stati certo un comitato di battaglia ma abbiamo cercato di essere un movimento di opinione, nato con l’obiettivo di mettere a tacere un sacco di bugie raccontate sul trattamento a caldo dei rifiuti. Vede, sono convinto ancora oggi che dietro i comitati di lotta che cercano di celare certi colori politici ci sia il malcostume tipico italiano - esasperato dall’idiozia umana e favorito dal ‘luogo piccolo’ - che vuole per forza cercare il complotto, trovare il marcio anche dove c’è assoluta limpidezza. Io mi sono messo dalla parte di chi ha cercato di dire la verità, di chi non ha usato l’immagine di un bambino in chemioterapia o di una donna con il pancione davanti a delle ciminiere». Ha seguito le vicende del pirolizzatore di Borgofranco contro il quale si sono schierati diversi comuni della bassa Valle? «Non ho seguito in prima persona le ragioni del Comitato di Borgofranco ma mi auguro che il comune nostro vicino farà la sua scelta, che i cittadini non si facciano prendere in giro e non credano da un sacco di idiozie che vengono raccontate, soprattutto sul tema della salute».

LEGAMBIENTE: mini corso per la differenziata

ove si getta la siringa D usata? E la bustina che conteneva il cibo per il gat-

In Salita

Commissione Rifiuti: «MAGGIORANZA che ha temporeggiato senza decidere» AOSTA - «Una tattica da temporeggiatori che non ha portato a nulla se non a perdere un anno di tempo. Di questo si tratta, un anno buttato via senza alcun risultato». Il consigliere di Alpe Alberto Bertin non usa mezzi termini e boccia la condotta politica della maggioranza, «che ha preferito prendere tempo, prima delle elezioni di maggio e anche dopo, rimandando una decisione fondamentale per il futuro della nostra regione». Bertin è stato il presidente della Commissione speciale per la rideterminazione degli indirizzi programmatici del sistema di gestione dei rifiuti, costituitasi giusto dopo l’esito del voto del 18 novembre dello scorso anno. Sei mesi impegnativi di studio e di lavoro, di audizioni che hanno portato a un documento finale di 250 pagine «che conteneva le indicazioni necessarie per arrivare a una decisione, per dare un indirizzo preciso in tema di gestione dei rifiuti. E’ mancata la volontà politica di appoggiare questo documento – commenta Bertin – temporeggiando, con la scusa del voto di maggio e di fatto non facendo nulla per capire una possibile strada da intraprendere. E adesso, un anno dopo, siamo qui a interrogarci su uno studio di pre fattibilità commissionato alla società Valeco che promette un sistema integrato di gestione dei rifiuti sul quale non sappiamo assolutamente nulla».

Bocche cucite alla Valeco; «naturalmente lo studio sarà presentato all’assessore Bianchi nei prossimi giorni – commenta l’ingegner Alessandro Carena – sarà il decisore politico a dare le risposte, sulla base della possibile soluzione prospettata dallo studio. Al di là della vita residua della discarica di Brissogne, la gestione dei rifiuti di casa nostra deve fare i conti con la variazione della normativa già intervenuta e con le novità radicali che saranno in vigore dal nuovo anno. Il primo compleanno del voto referendario cade proprio nella settimana europea per la riduzione dei rifiuti; dalle trasmissioni tv agli accordi per il riuso e la riparazione, sono tante le iniziative pensate per ribadire l’impegno sul tema di una gestione che valorizza il rifiuto come risorsa e azzera gli sprechi. Settimana nella quale cadono anche gli appuntamenti pensati da Valle Virtuosa per celebrare lo speciale anniversario: un momento di confronto con le realtà che stanno adottando la Strategia Rifiuti Zero, ma anche una giornata virtuosa all’insegna del baratto e del riuso e un momento di festa con cibo e musica. ■ Cinzia Timpano

DELIO DONZEL

Assessore all’Ambiente Comune di Aosta

SVEVA CONTINI

Studentessa

ELWIS CHENTRE

Pilota rally

In Discesa A un anno dal referendum sul trattamento a caldo dei rifiuti, l’unico atto amministrativo concreto è quello della città di Aosta, che tra l’altro ha raccolto il plauso pure di Valle Virtuosa e Legambiente. La studentessa dell’Ipra di Châtillon ha vinto vicino a Massa Carrara, in Toscana, il concorso “Il miele in cucina”, riservato agli studenti delel scuole alberghiere di tutta Italia. Complimenti. Il pilota di Roisan si è aggiudicato, coronando un’ottima stagione, l’edizione del 2013 di Coppa Italia di rally, vincendo a Verona il prestigioso Rally Due Valli alla guida di una Abarth Grande Punto.

STEFANO FERRERO

Consigliere regionale Movimento 5 Stelle

ANDREA PARON

Assessore Cultura Comune di Aosta

IVAN CLERINO

Giocatore calcio

In tempi come questi, in cui le spese correnti sono un macigno per le amministrazioni, chiedere l’aumento degli stipendi oper i dipendenti regionali non poteva che raccogliere dure critiche anche dagli alleati. Delusione per l’esclusione del capoluogo regionale dalla corsa per “Aosta Capitale europea della Cultura 2019”. Restano l’impegno e l’esperienza fatta. Ma pochi erano quelli che credevano in un successo. Il bomber, nonché direttore sportivo, fallisce il tiro di rigore del possibile successo contro il San Grato. Alla fine è un pareggio che impedisce allo Champdepraz di spiccare il volo come era nelel attese d’inizio anno.

to? E la carta che però pare plastificata dei biscotti al cioccolato? La confezione di simil plastica che conteneva la macchinina del pargolo? I cosmetici? Differenziare certo, ma quanti dubbi! A maggior ragione nei prossimi giorni, quando ci saranno da differenziare carte da regalo, nastro, sacchetti-dono, conseguenti alle strenne natalizie e agli acquisti spesso compulsivi tipici del periodo. Prende il via quest’oggi al CSV, in via Xavier de Maistre, dalle 20.30 alle 22, un mini corso dedicato alla raccolta differenziata organizzato da Legambiente Valle d’Aosta. E’ articolato in cinque incontri (martedì 26 novembre, martedì 3 dicembre, lunedì 9 dicembre e lunedì 16) con l’obiettivo di insegnare una corretta raccolta differenziata ma anche ‘come’ limitare la produzione dei rifiuti. Il percorso sarà tenuto da alcuni corsisti che la scorsa primavera hanno frequentato il corso finanziato dal FSE, Fondo Sociale Europeo ‘Insegnare un mo(n)do diverso’. Chi è interessato può contattare Maria Pia Simonetti al 340 5358863.


1P °

primo piano

4

lunedì 18 novembre 2013

Strategia RIFIUTI ZERO

I dieci passi verso Rifiuti Zero: separazione alla sorgente, raccolta porta a porta, compostaggio, riciclaggio, iniziative per la riduzione dei rifiuti, riutilizzo e riparazione, incentivi economici, separazione del residuo e centro di ricerca e miglior design industriale. Nella cartina a sinistra, i 194 comuni italiani (oltre 4 milioni 170 mila residenti) che hanno adottato la Strategia Rifiuti Zero; un po’ a sorpresa forse, troviamo Napoli, città metropolitana con oltre 959.500 abitanti anche grossi centri come La Spezia (95641 abitanti), Lucca (84939), ma anche minuscole realtà come Crova, in provincia di Vercelli - 423 residenti - o Santomenna, provincia di Salerno, dove gli abitanti sono soltanto 465.

■ l’intervista / Il presidente dell’associazione Valle Virtuosa Jeanne Cheillon racconta un anno di lavoro dal voto

«Un immobilismo che ci rammarica» Il Comitato insiste sulla Strategia Rifiuti Zero, «con la collaborazione dei cittadini e degli amministratori» aosta - «E’ stato un anno di lavoro, abbiamo un po’ rallentato i ritmi rispetto ai mesi ‘caldi’ del referendum, ma non ci siamo fermati. Abbiamo continuato a lavorare, a informarci, ad aggiornare il nostro blog. Certo rimane il rammarico, grande, di non aver visto concretizzarsi il ‘passo’ che ci aspettavamo e che avrebbe potuto instradare la nostra regione tra le virtuose promotrici della Strategia Rifiuti Zero». Jeanne Cheillon è il presidente del comitato Valle Virtuosa e commenta così, la situazione in tema di gestione dei rifiuti, a un anno esatto dal referendum del 18 novembre 2012. «Avviare immediatamente la raccolta della frazione organica su tutto il territorio regionale sarebbe stato il primo passo – commenta Cheillon – una dimostrazione del decisore politico di aver recepito la volontà degli elettori. E invece niente. E’ trascorso un anno intero e siamo ancora qui a interrogarci su quale strada intraprendere. Il documento di 250 pagine prodotto dalla Commissione Rifiuti è stato ignorato, così come era stata ignorata la richiesta di Valle Virtuosa di un confronto serio tra due ipotetici scenari, 11 mila firme non considerate. Ma l’associazione non ha pestato i piedi e inscenato la protesta, ha avanzato delle proposte, ha lavorato sul territorio per informare i cittadini. Poi, i cittadini hanno scelto». Adesso, a un anno di distanza, qual è il futuro di Valle Virtuosa? «Abbiamo continuato e continueremo a impegnarci per migliorare l’informazione sui temi ambientali – spiega – a sottolineare ancora che i rifiuti sono una risorsa e che una gestione senza rischi, sostenibile e che anzi porta dei benefici è assolutamente possibile. Continuiamo a insistere sulla strategia Rifiuti Zero, l’unica in grado di garantire il rispetto per l’ambiente, il lavoro e l’abbassamento delle tariffe che pesano sul bilancio delle famiglie. Ci piacerebbe cominciare a diffondere l’educazione ambientale nelle scuole, sempre in modo volontario. Nel convegno che abbiamo organizzato per venerdì prossimo, ad esempio, sarà spiegato, com’è stato possibile, nella provincia di Treviso, attraverso la tariffa puntuale, passare da una tassa rifiuti media di 250 euro annui a circa 60 euro. E ancora come nella stessa zona sia

stato possibile creare un centro di compostaggio che restituisce compost di qualità utilizzato nelle agricolture biologiche e biodinamiche». Valle Virtuosa ha recentemente ospitato uno tra gli ideatori della Strategia Rifiuti Zero, Paul Connett... siete ancora convinti che sia la soluzione anche in una regione piccola e ‘speciale’ come la nostra? «Certo, l’impegno di tutti deve andare nel senso dei dieci passi verso Rifiuti Zero (separazione alla sorgente, raccolta porta a porta, compostaggio, riciclaggio, iniziative per la riduzione dei rifiuti, riutilizzo e riparazione, incentivi economici, separazione del residuo e centro di ricerca e miglior design industriale) – lo ha ribadito anche il professore Connett, la strada non è incenerire i rifiuti e

Jeanne Cheillon ha raccolto il testimone alla guida dell’Associazione Valle Virtuosa da Fabrizio Roscio; nella foto, il presidente con il professor Paul Connett e Luca Collalti all’Espace Populaire

ritrovarseli come nanoparticelle bensì separare il rifiuto e studiarne il residuo, poi ri progettare, cercando di correggere quegli errori che non consentono ai beni di essere recuperati e riusati». C’è chi parla di TMB e di fabbrica dei materiali; eppure c’è ancora qualcuno che snobba la differenziata, «perchè tanto poi va a finire tutto insieme mescolato»... «La questione è senza dubbio culturale – spiega Cheillon – ma come ha ribadito il professor Paul Connett, Rifiuti Zero è possibile, con una classe politica onesta, una comunità convinta e una industria collaborativa. E’ fondamentale la collaborazione tra cittadini e amministrazione, la classe politica deve lavorare insieme e per i cittadini, rassicurandoli». ■ Cinzia Timpano

■ evento / Un convegno, il baratto, un’apericena e musica live

Se il SABATO diventa virtuoso aosta - Un convegno, una giornata all’insegna del baratto e del riuso, un momento di festa, con musica e apericena. 18 novembre, un anno dopo. Il Comitato Valle Virtuosa ha scelto tre modi per celebrare, un anno dopo, l’esito del referendum che ha detto no ai trattamenti a caldo per la gestione dei rifiuti. «In realtà all’indomani del referendum non abbiamo mai festeggiato per davvero il grande risultato ottenuto – commenta Jeanne Cheillon, un po’ per gli immediati impegni successivi, un po’ perchè non abbiamo trovato una adeguata sede. Ci rifaremo il prossimo fine settimana, con un momento pensato per i cittadini ma anche occasione di confronto e dibattito per gli amministratori, una giornata virtuosa in piazza Chanoux e infine con una parentesi di divertimento, con l’apericena e la musica dal vivo». Venerdì 22 novembre, il salone di palazzo regionale ospiterà il convegno introdotto dalla presidente di Valle Virtuosa Jeanne Cheillon sul tema ‘18 novembre, un anno dopo, come una corretta gestione valorizza i rifiuti e azzera gli sprechi’ (ore 15) , occasione per confrontarsi con le esperienze di comuni come Treviso e Capannori che hanno adottato la strategia Rifiuti Zero. A confronto, sistemi di gestione che attuano la raccolta differenziata spinta e la tariffazione pun-

Baratto di articoli per l’infanzia organizzato allo spazio famiglia A Petits Pas dal Movimento per la Decrescita Felice; in piazza Chanoux, sabato prossimo, 23 novembre, andrà in scena una analoga iniziativa dove si potranno scambiare anche oggetti, indumenti e prodotti alimentari freschi, non lavorati, a km zero

tuale, ma anche la gestione dei rifiuti in un territorio di montagna a vocazione turistica, con l’esempio della Val di Fiemme che tratta in loco la frazione umida. «Anche il concetto di Rifiuti Zero si evolve – commenta Cheillon e infatti l’assessore provinciale all’Ambiente di Reggio Emilia Mirko Tutino illustrerà il nuovo piano di gestione dei rifiuti di Reggio Emilia e la novità della fabbrica dei materiali per recuperare i materiali residui». Moderata da Manuela Bergamasco, seguirà la tavola rotonda durante la quale il pubblico e gli amministratori potranno confrontarsi con i relatori del convegno (ore 18). Sabato 23 novembre, i portici

del municipio, in piazza Chanoux, ospiteranno la Giornata virtuosa del baratto e del riuso (14.30-18.30), occasione per scambiarsi liberamente oggetti, libri, giocattoli puliti e in buono stato ma anche prodotti alimentari agricoli freschi a km zero. Non si tratta di prodotti lavorati e conservati, ma esclusivamente freschi, ad esempio frutta e ortaggi. Dalle 20, la festa per il primo anniversario del referendum si sposterà all’Espace Populaire, con l’apericena (15 euro) e la musica live dei Rebel Nova e dei Nandha Blues (è necessaria la prenotazione entro il 21 novembre, 333 6339636 oppure vallevirtuosa@gmail.com). ■ c.t.

il ricorso pendente

«INDIETRO non si torna, al di là di ciò che deciderà la CORTE Costituzionale» Aosta - «Ci spiacerebbe fosse vanificato il lavoro volontario prestato dagli avvocati, ma dal punto di vista concreto non cambierebbe nulla: i valdostani si sono espressi chiaramente, non temiamo eventuali passi del gambero. Su questa decisione non si torna indietro; tutti i partiti della maggioranza di governo si sono impegnati a rispettare la volontà degli elettori cittadini; se questo impegno è sincero, indietro non si torna, indipendentemente dalla sentenza della Corte». eanne Cheillon commenta così la pronuncia della Corte Costituzionale che, in via preliminare, ha dichiarato inammissibile l’intervento del Comitato e di una delle società interessate all’appalto per la realizzazione del pirogassificatore, dopo l’udienza di discussione del ricorso presentato dal Governo contro la Regione Valle d’Aosta per la dichiarazione di incostituzionalità della Legge regionale 33/2012 ‘figlia’ del referendum. Nel ricorso, il Comitato promotore del referendum era intervenuto a sostegno delle ragioni mosse dalla Regione a favore della costituzionalità della legge. Secondo Valle Virtuosa - «la Corte si è attenuta rigidamente a una costante e univoca giurisprudenza della stessa Corte, per la quale nei giudizi relativi ai conflitti di competenza tra Stato e Regione non sono ammessi interventi di terzi soggetti che non siano titolari di potere legislativo». Il Comitato promotore aveva valutato l’opportunità di intervenire sia per sostenere le ragioni della Regione a favore della costituzionalità della legge, sia perchè la sua particolare posizione di promotore di un referendum legislativo poteva differenziare la sua posizione da quella di tutti gli altri soggetti per i quali era stata dichiarata l’inammissibilità dell’intervento. Tra Regione e Avvocatura di Stato si è tenuta anche la discussione sul merito del ricorso; la Corte si è riservata di decidere nelle prossime settimane. Secondo il Comitato, «vi sono buone ragioni perchè venga riconosciuta la costituzionalità della legge». ■ c.t.


1P °

PRIMO PIANO

lunedì 18 novembre 2013

5

■ RACCOLTA DELL’UMIDO / A Villeneuve, apparecchiatura in funzione all’inizio del 2014; raccoglierà gli scarti della mensa, della scuola e della micro

L’ira di Etroubles che aspetta la compostiera da due anni AOSTA - L’aumento della percentuale della raccolta differenziata passa obbligatoriamente attraverso la raccolta dell’umido. Pressoché tutti l’hanno capito, a partire da quegli esperti che, prima di altri, già prima dell’infuocata campagna referendaria di un anno fa, lo ripetevano quasi fosse un mantra. A distanza di un anno dal risultato referendario, però, in realtà sono pochi gli enti locali che, con i fatti, hanno provato a spingersi verso quella direzione. Chi sembra obiettivamente più

avanti degli altri sembra essere la Comunità montana Grand Paradis, la cui compostiera meccanica da installare accanto alle cucine delle scuole medie di Villeneuve dovrebbe entrare in funzione già all’inizio del 2014. Questo, almeno, è l’auspicio del presidente della Comunità montana, Bruno Domaine. «Abbiamo già perfezionato l’appalto per l’acquisto della compostiera, in cui verranno conferiti sia gli scarti della cucina delle scuole medie, sia gli avanzi della cucina centralizzata delle microcomunità» - spiega, anticipando poi qualche

problema in più per quanto riguarda l’attivazione di altre due compostiere meccaniche, questa volta a servizio di ristoranti e alberghi di Cogne. «In questo caso la situazione a livello autorizzativo è più complesso, perché mentre per la compostiera di Villeneuve gli enti locali si sono impegnati a riutilizzare il compost prodotto, per quando concerne le due compostiere di Cogne c’è qualche problema in più» - commenta Domaine. Chi in assoluto si era mosso prima degli altri in Valle d’Aosta per riuscire a dotare il proprio territorio di una compo-

stiera meccanica, è sembrato senz’altro essere il sindaco di Etroubles, Massimo Tamone, nonostante il progetto promosso in collaborazione col comune di Roisan non abbia ancora passato la fase autorizzativa in Regione. «Purtroppo, nonostante tutti gli sforzi profusi, il risultato non è ancora stato centrato - afferma Tamone. A ogni invio di documentazione agli uffici regionali competenti, ci sono sempre state richieste delle integrazioni, a cui abbiamo prontamente adempiuto. A oggi, però, nonostante il possesso del progetto con la relativa scheda tecnica della

compostiera meccanica da installare, della relazione acustica, dell’atto di conformità dell’impianto elettrico deputato ad alimentare il macchinario e della relazione di conformità della zona di installazione della struttura al piano regolatore vigente, nulla ancora si è mosso. Un’assurdità - sbotta il primo cittadino di Etroubles - considerato che in Piemonte ci sono stati progetti autorizzati nell’arco di 4/5 mesi. Noi è da quasi due anni che stiamo lavorando». ■ Patrick Barmasse

■ SETTIMANA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI / Tra le iniziative, la spesa a imballaggio ridotto

Il riciclo può diventare CREATIVO In tema di riuso, è pronto un elenco di artigiani e commercianti che riparano o vendono l’usato AOSTA - La Valle d’Aosta aderisce, per il quinto anno consecutivo, con l’assessorato Territorio e ambiente alla settimana europea per la riduzione dei rifiuti. Fino al 24 novembre sono molteplici le iniziative organizzate dall’assessorato; sono previsti infatti eventi e laboratori in piazza a Morgex (giovedì 21 al mercato), Pont Saint Martin (sabato 23 al mercato) e ad Aosta in piazza Chanoux (il 21-22 e 23), in cui oltre ai laboratori di riciclo creativo per i bambini, si daranno consigli sulla spesa a imballaggio ridotto e si potrà partecipare anche a dei giochi test sulla raccolta differenziata, verranno distribuiti anche dei gadget tematici. Sono previsti inoltre approfondimenti televisivi; alle ore 20 di domani, martedì 19 novembre con i quali grazie alla Struttura Programmi Rai sarà possibile vedere un riassunto di quanto realizzato nei tre anni del piano per la riduzioni dei rifiuti. Mercoledì 20 invece ci sarà la premiazione del concorso delle scuole ‘Moins d’ordures pour les générations futures’ e in tv sarà trasmessa una puntata di ‘Io composto e tu? «Ritengo l’attenzione e l’educazione ambientale per i più piccoli molto importante - spiega Bianchi - sono le future generazioni quelle sulle quali veicolare il messaggio per il nostro e il loro domani. I bambini si abituano in fretta - continua Bianchi - me ne accorgo con il mio piccolo di cinque anni e mezzo che già sa che ci sono più cestini dove buttare le singole cose e di volta in volta chiede dove va smaltito un rifiuto piuttosto cheun altro». Riuso e riciclo Sempre in occasione della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti, sarà pubblicato sul sito istituzionale della Regione il primo elenco delle imprese e degli artigiani che hanno aderito alla rete del riuso; «tutto ciò che può essere riutilizzato non diventa rifiuto e può essere un aiuto in questo periodo di difficoltà economica» - conclude l’assessore. La convenzione firmata ha come obiettivo l’allungamento della vita dei beni durevoli o semi durevoli come piccoli e grandi elettrodomestici, mobili e oggetto d’arredo ma anche biancheria per la casa, giocattoli, biciclette, libri, vestiti e molto altro ancora. Commercianti e artigiani che riparano o vendono beni usati o offrono servizi di noleggio inseriti in questo elenco saranno individuabili da una vetrofania da applicare nella propria sede. Riuso e riciclo sembrano essere le parole d’ordine anche rispetto ad altre iniziative legate agli agriturismo e alle ecceden-

Lezione di compostaggio in piazza Chanoux

ze alimentari. «Per quello che riguarda l’accordo firmato con l’associazione di categoria abbiamo trovato un terreno già fertile rispetto alle iniziative di contrasto allo spreco - spiega l’assessore Bianchi - abbiamo trovato una grande collaborazione per quello che concerne il compostaggio e la riduzione dei rifiuti in generale, il rispetto dell’ambiente anche messaggio turistico».

Rispetto al progetto delle eccedenze alimentari - che ha una rilevanza sia culturale che ambientale, in quanto si andranno a intercettare tutta una serie di materiali e di prodotti che altrimenti diventerebbero rifiuti - sono stati coinvolti sia l’assessorato alla Sanità che quello all’Istruzione. Pannolini riciclabili Un progetto che vede coinvol-

to anche l’assessorato alla Sanità è quello inerente all’utilizzo dei pannolini lavabili, che permetterebbero di produrre decisamente meno rifiuti rispetto ai pannolini usa e getta. Il primo obiettivo è quello di coinvolgere le strutture ospedaliere di competenza e nel suo insieme il mondo pediatrico. Se ne parlerà anche nei corsi pre parto e nelle famiglie. ■ Simonetta Padalino

■ QUI AOSTA / L’assessore Donzel: «una sfida interessante, parliamo della raccolta dell’umido sin dal 2010»

Il capoluogo CAMBIA, «ma monitoriamo i costi»

AOSTA - «Già nel 2010, in sede di predisposizione per il bando di gara per l’igiene urbana – quando neanche si parlava di pirogassificatore o di trattamento a freddo – avevamo inserito come servizio opzionale la possibilità di raccogliere e smaltire l’umido. Poi, i valdostani si sono espressi e naturalmente non si può non tenere conto della volontà popolare, al di là di quella che sa-

rà la sentenza definitiva della Corte». L’assessore all’Ambiente del comune di Aosta Delio Donzel commenta l’ordine del giorno votato all’unanimità qualche settimana addietro che di fatto ‘apre le porte’ alla raccolta dell’umido in città. «L’ordine del giorno che abbiamo approvato è certamente un primo passo – spiega Donzel – per il momen-

to l’ipotesi è di portare fuori i rifiuti, che per carità sono una risorsa; ma noi abbiamo una valutazione di natura economica da affrontare, altrimenti il progetto non è sostenibile. Naturalmente è possibile in una prima fase portare fuori la frazione organica, poi magari sarà possibile ‘trattarla’ e traL’assessore all’Ambiente del comune di Aosta Delio Donzel

BARATTA s.r.l. IMPIANTI ELETTRICI, FOTOVOLTAICI E DI SICUREZZA

di ROUGIER GABRIELE & DESSIMONE MAURIZIO

MO

I A RIAR

TTOR INTERRU

TICO A M O T AU I INFORMAZIONI CHIED NTIVO! E PREVE

Antonio! è saltata la corrente! Vai giù a vedere...

E’ tornata l’elettricità! INCREDIBILE!

Ci pensa RESTART!

Che ti dicevo?

Fraz. Ponte Suaz 83, CHARVENSOD (AO) T: 0165 548080 F: 0165 548080 C: 340 7914286 M: info@barattasrl.it

sformarla qui. Vedremo. Si tratta di una sfida importante, siamo certi che così come successe con il ‘porta a porta’ nel 2005, faremo da apripista; attenzione, non siamo integralisti, ci rendiamo conto che in alcuni comuni la raccolta dell’umido così come il porta a porta possono rappresentare degli ostacoli insormontabili – penso a realtà piccole e geograficamente complesse, ad esempio Chamois e Valgrisenche – ma la normativa europea ci impone il rispetto di parametri altrimenti irraggiungibili». La decisione di abbandonare il porta a porta nel centro storico pedonale è un altro segnale forte di cambiamento... «E’ un passo avanti nella qualità del servizio, con un sistema che responsabilizza gli utenti e che risolverà il problema dei cassonetti e sacchetti di rifiuti esposti alla sera per il ritiro, al passaggio dei mezzi – spiega. Saranno infatti posizionati sette centri di raccolta ecologici e tecnologici lungo l’asse centrale del centro storico, da piazza della Repubblica all’Arco d’Augusto. Certo la raccolta dell’umido sarebbe l’ideale attraverso il porta a porta, per una questione di qualità della raccolta. Ma contiamo sulla collaborazione degli aostani». In Aosta si è parlato anche delle compostiere di prossimità... «Abbiamo pensato a una compostiera da installare all’isola ecologica di regione Monfleury in primavera che eventualmente potrà essere spostata ad Entrebin, per un’utenza selezionata rappresentata dalle mense scolastiche – commenta Donzel – abbiamo ipotizzato che in un anno potremo trasformare in compost 60 tonnellate annue di frazione umida».


c ro n ac a

6

lunedì 18 novembre 2013

■ il caso / Una «verifica straordinaria» è stata disposta dall’assessore Fosson in relazione alla SC Medicina Interna dell’Usl

INDAGINE su una morte «sospetta» al Parini

L’attività «di approfondimento» prevista dopo un esposto dell’avvocato Navarra in merito al decesso di Giorgio Peloso di Patrick BARMASSE

ne è nata a seguito della presa visione della relazione prodotta dai consulenti tecnici d’ufficio nominati dalla IV sezione civile della Corte d’Appello di Torino (i medici legali Bruno Magliona di Torino e Paolo Spirito di Genova, ndr), in cui si evince con chiarezza che alla base della morte del signor Giorgio Peloso c’è stata una condotta colpevolmente omissiva dei sanitari dell’Azienda Usl della Valle d’Aosta che l’hanno trattato». Giorgio Peloso, come anticipato, fece il suo ingresso in ospedale il 18 novembre del 2005, in preda a una grave insufficienza cardio-respiratoria. Ricoverato nel reparto di Medicina Generale del

aosta - Una «verifica straordinaria per accertare il mantenimento dei requisiti organizzativi» previsti in materia di accreditamento, «in relazione alla Struttura Complessa di Medicina Interna (ex Medicina Generale, ndr) e, in caso di necessità, alla Direzione Medica Ospedaliera». E’ quanto riportato (nero su bianco) in una nota protocollata il 24 settembre scor- Nei riquadri, da sinistra, l’assessore Fosson e l’avvocato Navarra so, a firma dell’assessore regionale alla sanità, Antonio sì i professionisti in servizio vute all’eventuale disorgaFosson, che ha quindi deci- all’epoca dei fatti». nizzazione dell’Usl», spieso di dare corso all’esposto Un esposto «promosso con ga l’avvocato Navarra, preinoltratogli a fine luglio dal- l’intento di portare alla lu- sidente regionale della Cal’avvocato Orlando Navarra ce i reali livelli organizzati- sa del Consumatore, che agdi Aosta, legale della fami- vi interni alla struttura, co- giunge: «La decisione di preglia di Giorgio Peloso, mor- sì da poter evitare morti do- sentare un esposto in Regioto «in circostanze sospette» l’11 dicembre del 2005 - all’età di 68 anni - all’ospedale regionale Umberto Parini di Aosta, struttura in cui si trovava ricoverato dal 18 aosta - E’ in programma venerdì 22 novembre l’udien- e gli ingegneri napoletani Biagio De Risi e Matteo novembre dello stesso anno za preliminare - slittata per alcuni problemi di notifi- Gregorini del raggruppamento temporaneo aggiuper una grave insufficienza ca il 23 ottobre scorso - dell’inchiesta ‘Usque Tandem’ dicatario dell’appalto per i servizi di ingegneria e arcardio-respiratoria. sull’acquisizione del parcheggio pluripiano dell’ospe- chitettura per l’ampliamento dell’ospedale. «L’attività di approfondimen- dale Umberto Parini da parte della Regione e sui la- L’inchiesta si è articolata in due filoni: uno relativo to è stata disposta su un caso vori di ampliamento del polo ospedaliero. all’abuso d’ufficio aggravato (Rollandin, Tropiano e specifico, che mi è stato sotto- Chiamati a comparire dinanzi al gup del Tribuna- Pallù) contestato nell’ambito dei lavori e dell’acquisiposto qualche mese fa attra- le di Aosta, Giuseppe Colazingari, saranno le sette zione del parcheggio pluripiano tramite la procedura verso un esposto firmato dal persone per le quali la Procura di Aosta (pm Danie- «dell’acquisto di cosa futura», l’altro relativo all’abulegale della famiglia di una la Isaia) ha chiesto il rinvio a giudizio: il so d’ufficio (Tropiano, Giunti, Pallù e De persona deceduta nel 2005 - presidente della Regione, Augusto RolChecchi) e alla turbativa d’asta (Pallù, De spiega l’assessore regionale landin, l’ex amministratore unico della Checchi, Gregorini e De Risi) per le proalla sanità, salute e politiche St-Bernard Srl nonché titolare della Edilcedure di affidamento adottate rispettisociali, Antonio Fosson -. Det- sud Srl, Giuseppe Tropiano, l’amministravamente per la realizzazione del tunnel to questo, le indagini sono in tore unico della società di scopo Coup di collegamento sotto via Roma e per i corso, aspettiamo di vederne Srl, Paolo Giunti, il progettista nonché diservizi di ingegneria e architettura utili gli esiti, anche se ci tengo a rettore dei lavori, Serafino Pallù (foto), all’ampliamento dell’ospedale. precisare è il reparto ilLe responsabile del procedimento 123x198che Lenon Matin:123x198 Matin unico 30-10-2013 11:06 Pagina 1 a essere sotto indagine, ben- per la Coup Srl, Alessandro De Checchi, ■ p.b.

INCHIESTA USQUE TANDEM: venerdì l’udienza preliminare

Sicurezza Tunnel TUNNEL DU MONT BLANC

TRAFORO DEL MONTE BIANCO

TRAFORO DEL MONTE BIANCO: PREVISIONE DI INTERRUZIONE DELLA CIRCOLAZIONE La circolazione sarà totalmente interrotta nel Traforo del Monte Bianco: - durante la notte tra lunedì 25 e martedì 26 novembre, dalle ore 22 alle ore 6 (8 ore), per effettuare dei lavori di manutenzione; - durante la notte tra lunedì 9 e martedì 10 dicembre, dalle ore 19 alle ore 6 (11 ore), per permettere lo svolgimento dell’esercitazione trimestrale di sicurezza. Si raccomanda agli utenti di informarsi sulle condizioni di agibilità del traforo: Radio FM 103.3 ISO RADIO www.tunnelmb.com tel. 0165 890411

Parini, «reparto in cui venne letteralmente abbandonato a se stesso», hanno sempre sostenuto i suoi familiari, il 28 novembre venne trasferito d’urgenza nel reparto di Rianimazione a seguito di un arresto cardiocircolatorio, «quando il suo quadro clinico era ormai irreversibile», sostengono ancora il fratello Sergio Peloso e la cognata Fabrizia Fughetta. Nella consulenza tecnica d’ufficio disposta nell’ambito del processo d’appello a Torino (che dovrebbe andare a sentenza attorno alla metà di gennaio del 2014, ndr), in cui la famiglia Peloso ha chiamato in causa l’Azienda Usl della Valle d’Aosta, dopo che in primo grado ad Aosta gli stessi ricorrenti vennero condannati al pagamento delle spese processuali, i medici legali Magliona e Spirito scrivono: «Le prestazioni professionali poste in essere in favore del signor Peloso in occasione del ricovero presso il reparto di Medicina Generale dell’ospedale di Aosta sono connotate da imperizia e negligenza». E ancora: «La molteplicità e la gravità delle omissioni che hanno caratterizzato la condotta dei sanitari dell’Azienda convenuta, inducono a ritenere gravi gli elementi di colpa precedentemente delineati». Da qui l’esposto dell’avvocato Orlando Navarra e la recente indagine disposta dall’assessore Antonio Fosson.

Cronaca

Flash

Scomparsa Mauro Brunet: ricerche senza esito in Dora Dopo la tre giorni di ricerche in Dora di martedì, mercoledì e giovedì, con le attività di perlustrazione da parte dei Vigili del Fuoco che hanno interessato il tratto di fiume compreso tra St-Marcel e Pont-St-Martin, la Protezione Civile ha diposto la fine ricerche in relazione alla scomparsa di Mauro Brunet (foto), il cinquantunenne di Gignod di cui non si hanno più notizie dalla sera del 14 giugno scorso. L’automobile del dipendente della Spf Scott (ex Maxell) di Gignod, che per gli inquirenti si sarebbe suicidato gettandosi nelle acque della Dora Baltea, venne ritrovata nel pomeriggio del 15 giugno a StMarcel, nei pressi del ponte sul fiume, con telefono cellulare e portafogli appoggiati sul sedile lato passeggero, e con le chiavi ancora inserite nel quadro. Di Mauro Brunet, o meglio del suo corpo, però, a oggi non c’è traccia.

■ inail / L’annuncio nella presentazione del Rapporto annuale; numeri in calo per la crisi

Infortuni sul lavoro, nel ricordo di Patrick Mortara sarà operativo un punto d’ascolto per le famiglie aosta - Un punto d’ascolto rivolto a tutte quelle «persone che, a causa di infortuni sul lavoro o malattie professionali, hanno avuto la vita sconvolta, così da poter supportare sia psicologicamente, sia operativamente lavoratori e loro familiari nel difficile percorso di ritorno alla realtà». Una novità, quella svelata dalla direttrice della sede regionale Inail, Maria Valeria Fiorillo, all’atto della presentazione del Rapporto annuale regionale per l’anno 2012, giunta proprio nella settimana che ha visto la Valle d’Aosta stravolta dall’atroce morte di Patrick Mortara, il falegname di 33 anni di Valtournenche deceduto mentre stava tagliando della legna nell’area esterna alla sua azienda, la Mortara Legnami di Chambave. Ed è proprio rivolgendo un pensiero alla famiglia del giovane, che la dottoressa Fiorillo ha voluto introdurre la novità del punto d’ascolto, servizio che verrà attivato «a breve» in collaborazione con l’Anmil (Associazione nazionale lavoratori mutilati e invalidi del lavoro) all’interno della stessa sede regionale Inail. Il punto d’ascolto, insieme alla convenzione attuativa stipulata l’11 settembre scorso con anno 2011

Infortuni sul lavoro in Valle d’Aosta

2.322

La direttrice della sede Inail di Aosta, Maria Valeria Fiorillo, e il presidente della Regione, Augusto Rollandin

la Regione, «con la finalità di garantire prestazioni integrative in materia di riabilitazione in favore degli infortunati sul lavoro e dei tecnopatici», rappresentano per la sede regionale Inail di Aosta quei «nuovi orizzonti» e quelle «nuove sfide» evocati in apertura di presentazione dalla stessa direttrice Fiorillo. Per quanto riguarda gli aspetti prettamente numerici contenuti nel Rapporto 2012, nella nostra regione gli infortuni sul lavoro sono calati, vuoi per il perdurare della crisi economico-finanziaria (con lavoratori meno occupati rispetto al passato), vuoi per la costante «attività di informazione e prevenzione contenuta nel piano operativo», ha ricordato il presidente della Regione, Augusto Rollandin. Più nel dettaglio, gli infortuni sul lavoro sono passati da 2.322 del 2011 a 2.071 del 2012, con una diminuzione di 251 episodi, pari al 10,81%, una flessione maggiore rispetto a quella media fatta registrare a livello nazionale (-8,89%). In un simile contesto, i settori maggiormente sensibili al fenomeno sono risultati la pubblica am-

ministrazione (362), le costruzioni (262), la metallurgia (115), la sanità e l’assistenza sociale (113) e le attività servizi di alloggio e di ristorazione (102). A livello di macrosettori, il comparto industriale ‘pesa’ per 522 infortuni, di cui 239 rientranti nel computo delle attività manifatturiere, mentre ben 949 sono i casi registrati nel comparto dei servizi. Concludendo con le morti bianche, dopo i zero casi del 2010 e i 3 del 2011, l’anno scorso sono stati 2 i lavoratori valdostani a perdere la vita sul posto di lavoro. Complessivamente sono dati che segnano un trend in diminuzione, così come su scala nazionale, dove si è passati dai 900 morti del 2011 agli 824 del 2012. ■ pa.ba. anno 2012

Infortuni sul lavoro in Valle d’Aosta

2.071


lunedĂŹ 18 novembre 2013

7


8

lunedĂŹ 18 novembre 2013


C RO N AC A

lunedì 18 novembre 2013

9

■ SPESE DEI GRUPPI / Attesa in settimana la consegna di una «corposa relazione finale» al procuratore capo di Aosta

La FINANZA chiude l’indagine sui costi della politica

Una volta analizzati gli accertamenti, dalla Procura partiranno gli avvisi di garanzia verso quei consiglieri le cui spese sono rimaste non giustificate AOSTA - L’aliquota della Guardia di Finanza di Polizia Giudiziaria ha concluso l’indagine a lei delegata relativa alle spese effettuate dai sei gruppi consiliari della XIII legislatura (Union Valdôtaine, Stella Alpina, Fédération Autonomiste, Pdl, Alpe e Pd) negli anni 2009, 2010, 2011 e 2012. Gli accertamenti svolti dalle Fiamme Gialle, che in settimana - a meno di clamorosi intoppi dell’ultima ora - dovrebbero essere consegnati al procuratore capo di Aosta, Marilinda Mineccia, attraverso una «corposa relazione finale», hanno a vario titolo coinvolto tutti e sei i gruppi consiliari in carica nella passata legislatura, con le ipotesi di reato formulate dalla Procura della Repubblica di Aosta che vanno dal finanziamento illecito dei partiti al peculato. Una volta depositata la «corposa relazione finale» negli uffici

al secondo piano del palazzo di giustizia, questa dovrà essere letta e analizzata dal procuratore capo, così da poter chiedere conto di quelle spese rimaste non giustificate al termine dell’attività di indagine portata a compimento nei giorni scorsi dall’aliquota della Guardia di Finanza. Un’azione, quella di chiedere ulteriormente conto di quelle

spese non ancora giustificate da diversi consiglieri, che si dovrebbe sostanziare attraverso l’invio di avvisi di garanzia, considerato che negli uffici delle Fiamme Gialle - a inizio luglio - erano già stati convocati i sei capigruppo della XIII legislatura, chiamati a produrre - in qualità di legali rappresentanti pro tempore delle rispettive formazioni politiche

consiliari - documentazione utile alla giustificazione delle spese effettuate negli anni 2009, 2010 e 2011 (negli ultimi mesi l’attività di indagine della Finanza si è quindi ‘allungata’ anche al 2012). Quello che al momento si ipotizza, è che ci sarebbero stati gruppi consiliari che avrebbero finanziato occultamente il proprio partito attraverso l’acquisto a prezzi superiori a quelli di mercato di spazi per la resocontazione delle iniziative promosse in Consiglio sugli organi di informazione di partito, soldi utilizzati (in parte) per pagare segretarie assunte nella sede di partito, soldi dirottati su conti correnti personali di singoli consiglieri, contributi previdenziali pagati con gli stanziamenti provenienti dalla Presidenza del Consiglio e gruppi consiliari editori del giornale di partito. ■ Patrick Barmasse

■ PROTEZIONE CIVILE / I volontari hanno completato un corso base di 44 ore, i cinque capisquadra un corso di 54 ore

DICIOTTO nuovi tecnici abilitati per il soccorso fluviale AOSTA - La Protezione Civile valdostana può contare su 18 nuovi tecnici del soccorso in fiume e cinque capisquadra, che grazie al corso Rescue River - promosso dal CSV e cofinanziato dal FSE - hanno ottenuto il brevetto internazionale Rescue 3 international. I neo tecnici abilitati provengono dalle associazioni di volontariato di Protezione Civile, e potranno intervenire nelle attività di soccorso in ambiente fluviale, recuperare persone cadute in acqua, essere impegnati nella ricerca di persone scomparse in fiumi o torrenti o ancora rimuovere barriere nei corsi d’acqua in condizioni di rischio idrogeologico ed esondazioni. I volontari hanno frequentato un corso base di 44 ore, mentre i cinque capisquadra hanno ottenuto la qualifica grazie a un corso avanzato di 54 ore. I percorsi formativi hanno affiancato lezioni teoriche a esercitazioni pratiche in acqua con l’uso del raft e dei sistemi di carrucole. Sempre grazie al contributo del FSE, il CSV ha organizzato anche un corso sulla sicurezza riservata a 16 volonta-

Morte Gabriele Tondat

Le precisazioni della famiglia

In merito all’articolo pubblicato su Gazzetta Matin del 4 novembre scorso, dal titolo «L’ombra dell’E.coli sulla morte del piccolo Gabriele», la famiglia Tondat ritiene oltremodo scorretto l’aver pubblicato un articolo non solo senza autorizzazione e senza alcuna evidenza pubblica o meglio senza alcun pubblico interesse, come dimostrato dal fatto che le stesse autorità sanitarie non hanno ritenuto di dare evidenza all’infezione. Quindi più che evidenza pubblica riteniamo si sia avviato un processo speculativo su una iniziale notizia che non è passata sotto silenzio proprio a causa dell’improvviso decesso di un bambino. La nostra maggiore preoccupazione è rivolta all’immagine della famiglia, tenendo presente che di questo nucleo fa parte una bambina di soli sei anni. E’ umano che chiunque sentendo parlare di infezioni da batteri si ponga in allarme e a ben poco vale spiegare che esistono centinaia di ceppi del batterio e che per la maggior parte sono inoffensivi. Quello che rimane nella memoria non è la casistica della percentuale di imprevedibilità, ma il fatto che l’infezione possa essere causata dal non essersi sincerati dalla salubrità dell’acqua, per aver mangiato cozze e/o per non essersi lavati le mani prima di mangiare. Il giornalista dovrebbe sapere che le dichiarazioni del dottor Arioni sono una grave violazione al segreto professionale imposto a ogni medico. Non è assolutamente vero che l’ospedale pediatrico Regina Margherita abbia reso noto l’esito dell’autopsia del piccolo Gabriele, pertanto non vi è alcuna certezza sulla causa che ne ha provocato il decesso. Il medico non è certamente bene informato, infatti nel rilevare la sindrome emolitico-uremica deve sapere che la sua comparsa produce un’anemia emolitica, ma forse non sa che in Gabriele questa non era presente, così come erano intatti i globuli rossi. E queste sono le informazioni dateci telefonicamente dal Regina Margherita. Non si vuole assolutamente entrare in polemica, ma è doveroso precisare che neppure a seguito del secondo ricovero il quadro clinico di Gabriele è parso così drammatico, tanto che ai genitori era stata ipotizzata solamente una reidratazione del bimbo e che in serata sarebbe stato rimandato a casa. Solo alle 22, con il cambio del medico, è stata evidenziata la gravità del caso ed è stato disposto il trasferimento al Pronto soccorso del Parini. Ed è in quella sede che è stata eseguita la laparoscopia, a seguito della quale è stata decisa l’appendicectomia e l’estrazione del liquido formatosi nel ventre. Per quanto ne sappiamo, è solo grazie al prudente e oculato consiglio dei medici del Parini che abbiamo accettato il trasferimento del piccolo a Torino. Motivo: in caso di bisogno né il Parini, né il Beauregard hanno una sala di rianimazione pediatrica! Forse questa è la notizia di evidenza pubblica! ■ Fabio Tondat, Gignod RISPOSTA

I neo tecnici del soccorso in fiume durante un’esercitazione pratica in acqua

ri delle associazioni di Protezione Civile, adempiendo così alla nuova normativa. I partecipanti CORSO SICUREZZA: Francesco Agostino, Silvano Bassi, Andrea Belli, Corrado Bologna, Massimo Cestaro, Augusto Daniele Chevrère, Michel Giachino, Maurizio Lanivi, Liliana Bordet, Roberto Mastella, Franco Pagliaro, Emanuele Peron, Patrizia Petey, Ro-

sario Scandale, Fabio Scuttari e Corrado Zambelli. MODULO BASE RESCUE RIVER: Simone Gottardelli, Riccardo Deregibus, Massimiliano Torraco, Luca Fasulo, Andrea Bertone, Emanuele Peron, Fabio Scuttari, Marco Maria Lucci, Andrea Belli, Roberto Mastella, Andrea Manfrin, Donatello Anello, Corrado Zambelli, Maurizio Lanivi e Augusto Daniele Chevrère.

MODULO ADVANCED: Maurizio Lanivi, Augusto Daniele Chevrère, Patrizia Petey, Franco Pagliaro, Riccardo Deregibus, Daniel Pinet, Federico Modafferi, Roberto Fosson, Emanuele Peron, Fabio Scuttari, Marco Maria Lucci, Andrea Belli, Mauro Tessitore, Giuseppe Balistrieri, Roberto Mastella, Andrea Manfrin, Donatello Anello e Corrado Zambelli. ■ r.g.

Signor Tondat, nessuna volontà di speculare su una simile tragedia, che ha colpito, oltre a voi, anche chiunque ne sia venuto a conoscenza, compreso il sottoscritto. L’articolo in questione risponde esclusivamente al diritto/dovere di cronaca insiti nella professione giornalistica. La notizia aveva evidenza pubblica in quanto era stata resa pubblica l’effettuazione dell’autopsia per conoscere le cause del decesso di Gabriele, quindi il nostro tornare sull’argomento è stato un doveroso completamento della notizia stessa. Detto questo, in merito all’esito dell’esame autoptico, il sottoscritto si è affidato a una fonte ufficiale dell’ospedale pediatrico Regina Margherita di Torino, che nel rilasciarci le informazioni - evidentemente - ha ritenuto a sua volta che la notizia fosse di pubblico interesse (così come l’ha ritenuto anche il dottor Cesare Arioni dietro autorizzazione dell’Azienda Usl della Valle d’Aosta). ■ Patrick Barmasse


e c o n o m i a & l avo ro

10

lunedì 18 novembre 2013

I ragazzi della IV dell’Istituto tecnico informatico alla Dora Spa

■ iniziativa / Lezioni “live” per gli studenti di quarta del Manzetti e del Corrado Gex

PMI day le scuole studiano le imprese Simonetta PADALINO inviata nelle imprese Aosta - Le aziende valdostane aprono le porte agli studenti delle scuole medie superiori, per il quarto anno per la giornata dedicato all’incontro tra scuola e mondo del lavoro, organizzato da Piccola industria in collaborazione con Confindustria. A livello nazionale venerdì 15 novembre hanno aderito al PMI Day 80 associazioni di Confindustria, oltre 600 aziende e più di 27.000 studenti. Con l’edizione 2013 si conta che nei quattro anni di vita siano stati oltre 100.000 i partecipanti. Per la Valle d’Aosta le aziende prescelte erano cinque ma a causa dello sciopero generale solo tre hanno confermato l’iniziativa, per gli alunni dell’Istituto Don Bosco di Châtillon che dovevano visitare la Cogne Acciai Speciali di Aosta e la Hône Stamp di PontSaint-Martin, l’appuntamento è solo rinviato, così come per gli studenti della quinta dell’Istituto tecnico professionale “Corrado Gex” ad indirizzo tecnico delle industrie elettriche e dei sistemi energetici designati alla CAS. Mentre per gli studenti delle classi quarte dell’Istituto Manzetti è stata una mattinata molto interessante perché hanno potuto visitare le aziende, parlare con i responsabili e con le persone che quotidianamente operano nelle diverse mansioni, dando concretezza a concetti imparati a scuola che altrimenti resterebbero puramente teorici. Studenti in visita alla Heineken... La Heineken SpA, colosso olandese della birra nella sua sede di Pollein ha ospitato i venti studenti della quarta A con indirizzo tecnico amministrativo, e sono stati accompa-

La IV A dell’Itc alla Heineken

le e dove la ricerca deve essere un punto fondamentale». I ragazzi, molto attenti e curiosi, hanno potuto assistere in diretta alla distillazione, ma anche alla presentazione in anteprima di due nuovi prodotti che usciranno entro Natale, un diffusore e uno spray per ambiente al genépy. «La visita mi è piaciuta molto, l’ho trovata davvero interessante sia per la tipologia di azienda sia perché lo studio è diventato reale - racconta Silvia Cristiani - si è parlato anche di beni durevoli, accise, tasse e qualità totale».

gnati dal direttore dello stabilimento Franco Zurru che ha mostrato loro le varie fasi della produzione della birra, non prima però di averli informati sulle norme di sicurezza che vigono in azienda. ...alla Dora Spa... Attenzioni ai giovani e alla loro formazione anche per la Dora SpA «Siamo sempre felici di avere le scolaresche in azienda - spiega Roberto Gariboldi Site Manager della sede di Aosta fa parte del nostro DNA, ospitiamo spesso anche stageurs, borsisti e laureandi che fanno ricerca insieme a noi, anche in collaborazione con il politecnico di Verrès». Gli alunni della quarta dell’istituto tecnico ad indirizzo informatico hanno potuto approfondire le tematiche relative alla ricerca e allo sviluppo nel campo dei semiconduttori (microchip), cosa vuol dire innovazione, studio, ma anche capire come funziona un’azienda così complessa. «I ragazzi sono sempre contenti quando ci sono iniziative di questo genere - sottolinea il professor Salussolia che li ha accompagnati uscire dalla scuola e toccare con mano quello che il mondo del lavoro è e fa è molto importante, inoltre credo che farlo al

La IV B dell’Itc alla Saint Roch

quarto anno sia l’ideale, i ragazzi sono consapevoli e maturi oltre che interessati». ...e alla Saint Roch Concorda la collega Luciana Frassy che invece ha accompagnato la quarta B sempre del Manzetti alle Distillerie Saint Roch di Quart «Queste iniziative vanno promosse perché bisogna far conoscere alle nuove generazioni le realtà imprenditoriali valdostane - sottolinea Nicola Rosset titolare dell’azienda e guida d’eccezione per gli studenti - aziende che sono legate al territorio con un cordone ombelica-

BCC Valdostana, in 1.100 alla giornata del socio aosta - Quattro ristoranti per un totale di oltre 1.100 persone. Sono i numeri della Giornata del socio Bcc 2013. Per la prima volta la festa è stata disgiunta dall’assemblea e divisa su diverse sedi «nell’ottica di favorire l’economia locale e di favorire una più ampia partecipazione» ha detto il presidente Marco Linty. Nel corso della giornata sono state premiate Giulia Adrien di SaintMarcel che, a 99 anni, è il socio più anziano di tutto il gruppo, e Michela Parise (in foto con Marco Linty, Roberto Domaine e Maurizio Barnabé), 18 anni di Aosta, la più giovane.


e c o n o m i a & l avo ro

lunedì 18 novembre 2013

11

■ evento / Quando tavola, bicchiere e terra fanno turismo e economia

Cervim, uniti si può aymavilles - Tutti gli attori che contano si sono riuniti allo stesso tavolo per discutere di “Paesaggio, vino e turismo in Valle d’Aosta”, viticoltori, amministrazione pubblica, albergatori, commercianti e imprenditori, grazie al Cervim, centro di ricerca studi e salvaguardia della viticoltura di montagna e al suo presidente Roberto Gaudio, sabato scorso ad Aymavilles nella sede della Cave des onze Communes. La tavola rotonda, moderata da Andrea Barmaz direttore della sperimentazione dell’Institut Agricole Régional, è stata la degna conclusione di una giornata dedicata alla viticoltura a cui hanno partecipato relatori da tutta Europa. Ma tornando alle questioni di casa nostra, tutti sono stati d’accordo che la parola chiave sia “fare sistema” anche nel settore vitivinicolo che gode di buona salute. «Abbiamo tutto, il paesaggio, le storie vere, bisogna solo raccontarle» commenta Nicola Rosset presidente della Chambre valdôtaine. Storie vere di viticoltori, molti i giovani, che hanno dato al settore vitivinicolo un grande slancio, a rappresentare tutto il comparto Stefano Celi presidente della Vival «si è assistito a una grande evoluzione negli ultimi decenni, in termini di qualità ma anche di mantenimento del territorio, sono convinto che senza il nostro lavoro molte aree sarebbero abbandonate. Finalmente siamo riusciti a unirci produttori privati e cooperative, abbiamo molti progetti in essere tra

cui un docufilm sul paesaggio e sul vino che contiamo di presentare l’anno prossimo». Parla di qualità anche Piero Roullet già presidente dell’associazione albergatori, primo presidente della Chambre, e f titolare dell’albergo Bellevue di Cogne, «Riconosco al comparto vitivinicolo una marcia in più rispetto ad altri settori del-

l’agricoltura, ma li invito a tenere alta la qualità, a noi ristoratori e albergatori spetta l’obbligo di essere profondi conoscitori di cosa offre il mercato e di cosa vuole il turista, i clienti chiedono qualità, e non c’è qualità senza armonia e bellezza, nel bicchiere come nel piatto». «L’enogastronomia è indispensabile per lo sviluppo del turismo

nella nostra regione - gli fa eco Pierantonio Genestrone Presidente Ascom - ci sono meno risorse, per cui dobbiamo trovare più idee e più progetti». L’amministrazione pubblica per lo sviluppo, così come l’Institut agricole per la ricerca e l’innovazione sono stati importanti per la vitivinicoltura, oggi alla vigilia della programmazio-

Genestrone, Roullet, Rosset, Barmaz, Testolin, Gaudio, Celi

ne 2014/20 Piano di sviluppo rurale, è necessario pensare alle strategie da adottare per il settore «Dobbiamo permettere alle aziende di camminare con le proprie gambe, un sistema concreto è quello di farle incontrare, come accadrà l’11 dicembre

■ immobiliare / Dal 2014 il Registro fa lo sconto sulle imposte per le prime case

Casa: in crescita gli appuntamenti di vendita Aosta - Nonostante i segnali di ripresa dalla crisi tardino a farsi vedere il settore immobiliare, secondo Tecnocasa, guarda al futuro con «moderato ottimismo». In occasione dell’assemblea annuale di giovedì 14 novembre, il gruppo immobiliare ha messo in evidenza una serie di dati che lasciano ben sperare, come ha sottolineato Emiliano Morani, consulente Tecnocasa per la Valle d’Aosta e Novara e provincia: aumentano gli appuntamenti di vendita, il crollo dei prezzi e delle compravendite che ha investito l’Italia qui ha avuto ripercussioni minori e anzi, la zona del centro città ha registrato, nell’ultimo trimestre, un aumento delle compravendite del 6% e dei prezzi del 6,8%. Più penalizzato il settore delle seconde case sulle quali ha pesato tantissimo l’Imu, prima , e ora l’incertezza della

Da sinistra Marco Spadoni, Emiliano Morani e Agostino Nicotera

futura tassazione. Il trilocale rimane l’immobile più richiesto (55%), ma le richieste non trovano sufficienti offerte (47,4%). I prezzi, per la città di Aosta, variano da 1.700 euro a 3.200 euro a metro quadro. Cala il volume di erogazione dei mutui, -7,9% nel secndo semestre, l’importo medio richiesto è di 71.400 euro per una durata media di 24,1 anni. «Negli ultimi due anni si

era perso quasi il 90% di erogazione mutui - dice Marco Spadoni di Kirion-, ma negli ultimi mesi registriamo una riduzione più contenuta dovuta a banche più attente, alla pubblicità delle agevolazioni per chi intende chiedere un prestito, tutte cose che aiutano le persone a chiedere». A favorire il mercato immobiliare potrebbero concorrere anche le novità sulle im-

poste di registro e catastali in programma dal 1° gennaio 2014. Per l’acquisto della prima casa da un privato l’imposta dal s% del 2013 scenderà al 2%, imposta ipotecaria fissa e l’imposta catastale fissa dai 168 euro ciascuna scenderanno a 50 euro entrambe. Discorso a parte per le case di lusso (A/1, A/8, A/9) sulle quali l’imposta di registro è al 7% fimo al 31 dicembre 2013 e poi salirà al 9%. Per l’acquisto da un’impresa le imposte passano da 168 euro 200. Diverso il discorso per le seconde case acquistate dopo i 4 anni dalla fine lavori per le quali l’imposta di registro sale dal 7 al 9%, l’ipotecaria e la catastale dal 2 e l’1% passano a 50 euro, mentre se l’acquisto è fatto entro i 4 anni le imposte aumentano dagli attuali 168 euro a 200 euro. ■ Erika David

■ sindacato / Il Savt ha riunito a Montjovet i suoi associati per fare il punto sulle principali problematiche

Due giorni di congresso per Industrie, Retraités e pubblico Montjovet - Tempo di congressi per il Savt che tra venerdì e sabato ha riunito i lavoratori dei settori Industrie, Funzione pubblica e i pensionati. All’hôtel Castello si sono ritrovati i lavoratori metalmeccanici, gli alimentaristi, i lavoratori del settore gomma e plastica, la lavanderia industriale e della panificazione; al Nigra gli impiegati pubblici, mentre il giorno seguente al Napoleon è toccato al Savt Retraités. Ai giovani lavoratori e quelli precari il segretario Giorgio Rollandin, ha parlato delle attività socio-turistico-culturali, dell’attività degli organi istituzionali dei pensionati dei problemi inerenti le pensioni per i quali si chiede a gran voce la rivalutazione, il fisco e la lotta all’evasione, la crisi politica in Italia e in Valle d’Ao-

con De la terre à la table-Bourse des produits valdôtains, prima edizione della Borsa delle produzioni agricole e delle loro trasformazioni» annuncia l’assessore all’agricoltura, Renzo Testolin. ■ Simonetta Padalino

Economia

Flash

Vivenda, per fine anno nuovo incontro con le OoSs Incontro interlocutorio quello di mercoledì scorso tra le organizzazioni sindacali e la Vivenda Spa di Arnad, società che prepara i pasti per numerose mense scolastiche. I sindacati incontreranno i lavoratori pe rmetterli al corrente e nel frattempo attendono alcune verifiche, soprattutto sui numeri, da parte della società, prima di siglare un accordo entro la fine dell’anno. Confindustria e il futuro del manifatturiero É in programma per martedì 19 novembre alle 18, alla Cittadella dei Giovani di Aosta, la tavola rotonda “Il futuro dell’impresa manifatturiera - Due realtà alpine a confronto: Valle d’Aosta e provincia autonoma di Bolzano”. Interverranno la presidente Confindustria VdA, Monica Pirovano, il presidente Assoimprenditori Alto Adige, Stefano Pan, l’assessore alle attività produttive, Pierluigi Marquis e Federico Visconti, docente di economia aziendale all’Università della Valle d’Aosta. Agenti d’affari immobiliari, iscrizioni per l’esame Scadono oggi, lunedì 18 novembre i termini per iscriversi all’esame per gli aspiranti agenti d’affari in mediazione, per il settore immobiliare in possesso dell’attestato di frequenza del corso preparatorio. L’esame si terrà il 2 e 3 dicembre. Le domende vanno presentate entro le 14 agli uffici della Chambre Valdôtaine. Opportunità di finanziamento, un workshop

sta. Rollandin ha inoltre ricordato come l’8 settembre scorso il sindacato Savt ha compiuto i 60 anni di impregno. La due giorni è stata anche l’occasione per ricordare lo sciopero generale unitario andato in scena venerdì 15 novembre. ■ l.v.

In alto da sinistra il Savt Industrie, a destra la funzione pubblica e a fianco la platea dei pensionati

La Chambre Valdôtaine organizza per oggi, lunedì 18 novembre, alle 14.30 alla Pépinière d’Entreprises il workshop tecnico “Strumenti e opportunità di finanziamento offerti dalla nuova programmazione comunitaria”.

IL TROVA LAVORO

Fonte: Dipartimento Politiche del Lavoro e della Formazione: CENTRO PER L’IMPIEGO DI AOSTA Tel. 0165 271311 - 32374 - CENTRO PER L’IMPIEGO DI MORGEX Tel. 0165 809681 CENTRO PER L’IMPIEGO DI VERRES Tel. 0125 929443 OFFERTE DI LAVORO PRIVATE COURMAYEUR

INART SERVICE: 1 supporto al responsabile della produzione con la laurea in ingegneria gestionale o similari, esperienza nel coordinamento di gruppi di lavoro e buone conoscenze informatiche. Contratto a tempo determinato di apprendistato. Inviare C.V. all’indirizzo email info@inart.it

C.S.V. SAS: 3 agenti di commercio e procacciatore di affari (il consulente della sicurezza e vigilanza è la figura professionale in possesso di specifico know how in tema di servizi e sistemi di sicurezza e vigilanza che

AOSTA CHARVENSOD

ascolta i bisogni del cliente e individua la soluzione piu’ adatta per le sue esigenze) automunito, con conoscenza sull’ utilizzo e possesso della tecnologia mobile (tablet e smartphone), con esperienza nell’ambito delle vendite, ed essere in possesso entro 30 gg di partita iva e iscrizione alla camera di commercio. E’ prevista formazione in azienda, si offrono portafoglio clienti, piano di formazione continua e programmata, CRM e sistemi informatizzati online per la gestione e organizzazione del lavoro. Sistema di retribuzione e di crescita professionale premiante della qualità del lavoro svolto in grado anche di soddisfare le candidature piu’ esigenti. Si offrono provvigioni, premi e supporto marketing. Inviare C.V. all’indirizzo email job@csvtalia.com oppure compilare il format dedicato “collabora con noi” sul sito: wwwcsvtalia.com

BAR / DISCOTECA: 1 barista con buona conoscenza della lingua italiana, conoscenza base del francese ed è richiesta esperienza lavorativa nel settore. Contratto a tempo determinato con orario part-time dalle ore 17 alle ore 19 con disponibilità a un orario notturno nelle giornate di venerdì e sabato. Tel. 329-6911980

LA SALLE

BAR GELATERIA PASTICCERIA: 1 pasticciere qualificato con esperienza nella mansione. Contratto a tempo indeterminato con orario presumibile dalle ore 8.30 alle ore 14. Tel. 327-0813847

MORGEX

NEGOZIO DI ARTICOLI SPORTIVI: 1 addetto al noleggio sci con ottima conoscenza della lingua italiana. Contratto a chiamata per la stagione invernale. Inviare C.V. all’indirizzo renato62@tiscali.it


politica

12

lunedì 18 novembre 2013

■ il caso / Il presidente di Alpe, Piero Floris, duro con i grillini in Consiglio

«Siamo a chi la spara più grossa» di Bruno FRACASSO Aosta - Sta delineandosi sempre con maggiore chiarezza la strategia della minoranza consigliare regionale: uniti quando si può, ma senza snaturare la propria collocazione. Per questo il M5S sta prendendosi degli spazi di intervento senza concordarli preventivamente con i compagni di minoranza, una minoranza che inizia a essere 15+2 piuttosto che 17. I mugugni non mancano e il primo ad esplicitarli era stato Raimondo Donzel (Pd), il quale non aveva gradito la posizione dei 5 Stelle sulla riduzione degli stipendi dei consiglieri (meno 2.000 euro al mese per tutti), quando proprio il Pd da tempo era capofila di un’altra proposta. Ora la polemica è scoppiata tra 5 Stelle e Alpe, che non ha gradito la proposta di aumento lo stipendio per i dipendenti regionali, bollandola immediatamente come inattuabile e demagogica. La polemica non è di quelle dirompenti, ma si colloca in un momento in cui ogni distinguo diventa essenziale per la sopravvivenza di questa o quella coalizione. La

Piero Floris (Alpe)

Stefano Ferrero (M5S)

minoranza non è un’alleanza di partiti e quindi i suoi componenti non hanno nessun obbligo o bisogno di mettersi d’accordo prima di fare dichiarazioni, ma certo un po’ più di coordinamento darebbe un’altra impressione. Quindi se la maggioranza è alle prese con il caso La Torre, che a più riprese sembra un battitore libero (vedasi la sua posizione nell’ultima seduta del Consiglio Valle sulla trasparenza degli affidamenti dei lavori e sull’elezione del presidente del Corecom), la minoranza è alle prese con attacchi incrociati di varia natura.

Piero Floris, con il quale stigmatizza, ma sarebbe più preciso dire attacca pesantemente, il capogruppo in Consiglio Valle del Movimento 5 Stelle, Stefano Ferrero, rispetto alla sua proposta di aumento dello stipendio ai dipendenti regionali, a suo dire sottopagati rispetto a quelli delle altre regioni. In realtà, la proposta di Ferrero era più articolata e mirava a «…sapere, in relazione anche alla congiuntura economica sfavorevole e ad un costo della vita ai massimi livelli italiani, se la Giunta intendesse adeguare al livello medio nazionale le retribuzioni, anche con forme di incentivazione legate ad effettivi parametri di produttività e se ritenga istituire nuove modalità di finanzia-

Piero Floris bacchetta i grillini Questa volta il la è stato dato da un comunicato del presidente di Alpe,

mento legate all’anticipo sulle indennità di fine rapporto». Al di là dello strascico polemico tra Ferrero e il presidente della Regione, Augusto Rollandin, sulle tabelle da consultare dato che il secondo sosteneva che questo non corrisponde alla realtà, quella che non si è fatta attendere è la risposta di Piero Floris ed è stata sferzante: «… la proposta del consigliere Stefano Ferrero del M5S di aumentare lo stipendio ai dipendenti regionali in questo momento mi pare surreale se non demagogica… Nel pieno della crisi si viene a reclamare l’aumento degli stipendi pubblici regionali». E il neo presidente di Alpe, anch’egli un dipendente regionale, chiude con un pesante giudizio, un’accusa rivolta a coloro che sono in minoranza in Consiglio: «Queste trovate fanno male alla politica tanto come il malgoverno, perché la delegittimano dalle sue fondamenta. Ormai siamo arrivati a “chi la spara più grossa” pur di avere visibilità sui giornali e sulle televisioni, pensando in questo modo di ingannare l’opinione pubblica», sostiene.

bagarre

Lite in Consiglio regionale sul bilancio di previsione aosta - Il bilancio di previsione 2014 del Consiglio regionale viene ridotto di un 19,26% rispetto all’anno precedente, passando da 17 milioni 128 mila euro a 13 milioni 828 mila 600 euro. Molte le voci con il segno meno del risparmio rispetto al passato, ma a scatenare la bagarre è stata una con segno più: il +6,53% (da 1.201.540 euro a 1.280.000). La minoranza ha presentato un emendamento (bocciato 18-17 per ridurre di 250 mila lo stanziamento per le iniziative istituzionali e culturali. Molto dure le critiche, con toni accesi come non mai. Andrea Rosset (UVP) ha imputato alla presidente Emily Rini di «autoincensarsi e di volersi appuntare sul petto medaglie personali, quando invece le scelte dell’Ufficio di presidenza sono da sempre il frutto di decisioni collegiali». Critico anche Fabrizio Roscio (Alpe), componente dell’Ufficio di presidenza, il quale ha detto che «l’aumento delle spese discrezionali rappresenta una macchia nel bilancio». Ma la bagarre si è letteralmente scatenata dopo l’intervento a difesa dell’operato della presidente Rini e la spiegazione sui motivi che hanno portato a incrementare del 6,53% la voce “iniziative culturali e promozionali” da parte del vice presidente del Consiglio, André Lanièce (Sa, foto). Lanièce, uno dei più longevi in Consiglio (cinque legislature), ha fatto andare su tutte le furie Albert Chatrian (Alpe), il quale lo ha letteralmente aggredito verbalmente, come forse non si era mai visto di recente in aula. In un clima tanto teso, Lanièce ha ammonito: «a forza di fare muro contro muro rischiamo di essere murati».Ma ormai l’assist era servito, così a ruota di Chatrian ci è andato Raimondo Donzel (Pd) e gli altri, tanto che ci sono volute oltre due ore per arrivare alla votazione. ■ (l.m.)

■ italia dei valori / Annuncio

■ ricorrenza/ Dieci anni fa moriva Giulio Dolchi, uomo di spicco della politica valdostana

Aosta - Marco Belardi, segretario regionale dell’Idv mette in chiaro la strategia del suo partito in vista delle elezioni europee sbattendo la porta in faccia alla proposta di candidato unico: «Alle europee ogni partito si presenta con il proprio simbolo. Noi ci presenteremo con il nostro anche perché si tratterebbe della prima volta per il simbolo nuovo del partito e per il suo nuovo corso». Si tratta dei primi distinguo rispetto all’ipotesi di grande coalizione che pareva aver preso una qualche credibilità durante il congresso unionista, malgrado lo scetticismo dimostrato dal presidente della giunta regionale. Dunque, le grandi intese non appaiono possibili o almeno non integralmente attuabili: «No, assolutamente chiarisce Belardi - . Non rinneghiamo di certo la nostra alleanza di centro sinistra, ma a queste elezioni noi partecipiamo come Idv anche perché il nostro obiettivo a lungo termine è di sciogliere l’abbraccio soffocante del Pdl sul Pd. Ma non parteciperemmo comunque ad una grande intesa e non capiamo come la si possa auspicare tra forze che si combattono aspramente in Regio-

Aosta - Dieci anni fa si spegneva Giulio Dolchi, Dudo il suo nome da partigiano, una delle personalità di spicco della politica valdostana. Sindaco di Aosta, presidente del Consiglio regionale, era un comunista convinto, come lo dipingono tutti coloro che lo hanno conosciuto, ma aperto al dialogo con gli altri partiti tanto da essere voluto da Mario Andrione, Uv, alla guida del Consiglio regionale pur essendo in minoranza. Sabato 23 novembre a palazzo regionale (ore 17) è in programma un pomeriggio di iniziative dedicate alla memoria di Giulio Dolchi, con video, letture e interventi.

«Scendiamo in campo DUDO, comunista convinto che amava il rispetto per le elezioni europee» Sabato 23 a palazzo regionale video, letture e interventi in ricordo

Marco Berlardi, segretario Idv

ne. Per noi è contraddittorio, sarebbe assolutamente una forzatura. Come si potrebbe mai ipotizzare una collaborazione chiara e serena? Del resto ritengo assurdo pensare ad una réunion delle forze autonomiste poiché se non si sono separati per calcolo di poltrone, ma per motivi politici non possono pensare di riabbracciarsi». Intanto l’Idv sta raccogliendo le firme per la proposta di legge di iniziativa popolare per l’abrogazione del gioco d’azzardo. Dopo il banchetto di sabato 16, il secondo e ultimo appuntamento è previsto sabato 23 ad Aosta in Piazza des Franchises dalle 14 alle 19. Sarà anche possibile firmare per fermare il progetto del pirogassificatore di Borgofranco d’Ivrea. ■ br.fra.

Alder Tonino, amico e allievo di Dolchi «Credo - racconta Alder Tonino, suo amico e allievo - che il suo futuro politico lo avesse costruito quando aveva fatto il sindaco della città di Aosta. Era uno che motivava il gruppo indipendentemente dall’appartenenza politica, anzi diffidava un po’ delle scelte di partito. La gente lo conosceva e lui amava stare in mezzo alla gente tanto che girava la leggenda che alcuni cittadini telefonavano al sindaco per sapere se il pullman partiva». Non era un uomo grigio il cui tempo trascorreva solo dietro i tavoli della

Due immagini di epoche politiche differenti di Giulio Dolchi a sinistra, Alder Tonino, amico e allievo di Giulio Dolchi

A fianco,Giulio Fiou, ex sindaco di Aosta

politica. Gli amici lo ricordano come una persona capace di godere di un pranzo insieme o di una giornata spensierata. «Era un uomo che amava il rispetto e rispettare - conclude Tonino - e che riteneva che fosse l’unico modo per rapportarsi con gli avversari, anzi sosteneva che più uno è lontano dalle tue idee e più va rispettato. Ed era una persona che non parlava mai per se stesso, ma che si immedesima-

con le sue iniziative aveva capito che si stava preparando uno spazio internazionale dove infilarsi per non rimanere schiacciati dal meccanismo politico europeo che non c’era. Lui aveva creduto alle potenzialità del territorio, delle città e alla loro capacità di fare una politica parallela. Ricordo sempre che sosteneva che i poteri forti esistono e sono forti dove non esiste il governo e dove le istituzioni si sottomettono». Elio Riccarand: Dolchi ha portato nella politica una signorilità inusuale

Sopra, Elio Riccarand, storico e politico al tempo stesso

va nel partito che stimava pur non condividendone tutte le scelte, tanto che lottò accanitamente contro il cambio del nome del partito». Giulio Fiou: Dolchi era un sostenitore dell’autonomia «Era l’uomo che girava il mondo. Amava profondamente la Valle d’Aosta e era un sostenitore a spada tratta dell’autonomia - spiega Giulio Fiou, ex sindaco di Aosta -, ma

Elio Riccarand, politico e storico, ha fatto politica in un periodo in cui anche Dolchi era presente e ne traccia un ritratto di moderazione: «Era uno che ha sempre coniugato la sua posizione progressista con la sua estrazione borghese portando nella politica una signorilità di tratto e di linguaggio non sempre usuale. Era una persona impegnatissima sotto il profilo istituzionale e meno nella mobilitazione. E non si può dimenticare che aveva dei contatti importanti sia in Italia che fuori Italia. Questa sua apertura lo rendeva anche estremamente attento alle dinamiche culturali», ricorda. ■ Bruno Fracasso


REGIONE

lunedì 18 novembre 2013

13

■ 25 NOVEMBRE / Le iniziative dello Zonta Club e dell’Institut de danse du Val d’Aoste per la giornata mondiale

Un flash mob per dire NO alla violenza sulle donne AOSTA - Uomini e donne insieme contro il femminicidio, contro ogni forma di violenza sulla donna. E’ la strategia dello Zonta Club per contrastare l’emergenza che ogni due giorni, in Italia, uccide una donna. La violenza sulle donne non è un problema di genere al quale dare una risposta di genere. Lo Zonta Club di Aosta aderisce anche quest’anno alla campagna di sensibilizzazione ‘Zonta says no’, contro la violenza sulle donne che lo Zonta International lancia in occasione del 25 novembre, giornata contro la violenza sulle donne. Sui campi da gio-

co delle società che vorranno aderire, sarà osservato un minuto di silenzio, in ricordo delle vittime del femminicidio. A livello nazionale, l’iniziativa ha raccolto il sostegno della Federazione Italiana Rugby e così nelle partite dei campionati di serie A, B e C del fine settimana appena archiviato, è stato osservato un minuto di silenzio; lo stesso è accaduto ieri chez nous, allo stadio di Corso Lancieri, durante la partita dello Stade Valdotaine. Lo Zonta Club Aosta sarà impegnato nella campagna di sensibilizzazione anche domenica 24 novembre, quando all’ipermercato Gros Cidac, sarà allestito

un punto informativo. Lo Zonta Club Aosta, in Valle guidato dalla dottoressa Silvana De Riccardis è componente dello Zonta International, l’associazione mondia-

le che dal 1919 è impegnata nel miglioramento delle condizioni della donna in campo legale, politico, economico, sanitario, dell’istruzione e professionale. Oltre allo Zonta, anche l’institut de danse du Val d’Aoste ha pensato a un modo speciale per celebrare la giornata: Cambio di marcia, un flash mob per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Lo organizza l’Institut de danse du Val d’Aoste per venerdì prossimo, 22 novembre, in

■ DOSSIER / In Valle d’Aosta sono lo 0,2% della popolazione, circa 9mila stranieri

La crisi fa scappare gli IMMIGRATI «Rientri assistiti anche qui da noi» AOSTA - La Valle d’Aosta continua ad attrarre immigrati per un insediamento stabile: il 1° gennaio 2013 erano circa 9 mila gli stranieri residenti (0,2% su base nazionale), collocando la nostra regione al 10° posto nella graduatoria nazionale. Dal 2001 la loro presenza si è più che triplicata. Nel 2012 l’incremento è stato però dell’8%, segnando una contrazione rispetto al tasso di crescita media del 14%. Negli anni di decreti flussi - le ‘finestre’ che permettevano ai datori di lavoro italiani di chiamare lavoratori stranieri - il valore si attestava sul 30%. Lo dice il Dossier Statistico Immigrazione 2013 ‘Dalle discriminazioni ai diritti’, presentato mercoledì scorso all’Hôtel des Etats di Aosta, in contemporanea a tutte le regioni italiane. In generale, nel 2013 la crisi economica ha rallentato, ma non ha rallentato le migrazioni internazionali. Ha detto William Bonapace, curatore della sezione dedicata alla Valle d’Aosta nel dossier: «Nel mondo ci sono 232 milioni di immigrati. In Italia sono 4,4 milioni gli stranieri residenti, pari al 7,4% della popolazione

La presentazione del dossier; al tavolo, William Bonapace, Miguelina Santana Baldera e Diego Baiocco,

totale. Ma l’Italia è un Paese da dove gli immigrati vanno via: questo è un fenomeno preoccupante dello stato di salute dell’economia nazionale». La presenza degli immigrati in un Paese è indice di economia forte, mentre una contrazione dei flussi non è mai un buon segnale. In Italia èdiminuito il tasso complessivo di occupazione: dal 67,7% del 2008 al 66,4% del 2013, e la disoccupazione è passata dal 3,3% al 7,1%: numeri che picchiano anche in Valle d’Aosta. Pur mancando dei riferimenti diretti al tasso di occupazione degli stranieri, Diego Baiocco, coordinato-

re del Servizio Migranti regionale, ha evidenziato il caso dei rientri volontari assistiti in Patria: «fino al 2009 non era stato segnalato alcun caso, mentre nel 2012 invece le domande sono state 5; quest’anno sono circa 50 le persone si sono informate su questa possibilità e 3 hanno avviato le procedure di rimpatrio». Numeri piccoli, ma da leggere sia nella nostra piccola realtà che in termini di tendenza. La crisi economica quindi colpisce duro, ma fa più male agli immigrati che agli italiani. Con riferimento alla distribuzione territoriale, nel comune

di Aosta risiedono circa 3 mila stranieri, pari a un terzo del totale regionale. I paesi di cittadinanza più frequente tra i non comunitari sono il Marocco (2.500 soggiornanti, il 356,8% del totale regionale), l’Albania (oltre 1000, il 15,4%) e la Tunisia (con circa 600, l’8,9%). Fra i punti positivi, con un indice di 70,4 su una scala da 1 a 100, la Valle d’Aosta conosce il 2° grado più alto di inserimento sociale degli italiani dopo il Trentino Alto Adige. Soddisfacente anche l’accesso al mercato immobiliare da parte dei residenti stranieri. ■ Francesca Jaccod

■ FIDAS / Sabato 23, all’auditorium del Villair di Quart, lo spettacolo ‘Lo Gramo Beurt e bon’

ROSA e GIOVANI, ecco le nuove scommesse

AOSTA - Rosa e giovane, i nuovi orizzonti della Fidas Valle d’Aosta, Giovedì scorso, il sodalizio ha presentato il gruppo della Fidas Donne VdA guidato da Irene Pagano e sostenuto da un esecutivo formato da Valentina Rosio e Corinna Curighetti. «La nascita del nuovo gruppo ha esordito il Presidente Fidas Rosario Mele - è importante per mantenere viva la cultura della donazione soprattutto tra i giovani. La nostra associazione è nata nel 2006, vede ad oggi 1127 iscritti e 697 donatori effettivi ossia l’11% del parco donatori in Valle d’Aosta. Perseguiamo gli Il presidente Fidas Rosario Mele con i nuovi rappresentanti dei gruppi Donne e Giovani stessi obiettivi dell’Avis ma con modalità e approcci sul territorio diversi. Abbiamo,tra l’altro, sostenu- – ha sottolineato Irene Pagano referente quello di organizzare incontri nelle scuoto caldamente la donazione del cordone Fidas Donne VdA - tutti i giovani compiu- le per diffondere e sviluppare la cultura ombelicale per aiutare la cura delle pato- to il 18° anno di età devono avvertire for- della donazione». Nel corso della serata logie tumorali. Oggi presentiamo il grup- te l’importanza di donare il sangue qua- sono stati presentati: il video promoziopo Fidas Donne VdA e la referente Irene le gesto di grande sensibilità e altruismo. nale della campagna nazionale della doPagano e il gruppo Fidas Giovani condot- Un gesto di interessamento verso la so- nazione realizzato dalla classe VB del Lito da Valentina Soluri. Una serata impor- cietà che ci circonda, quale miglior mo- ceo Artistico di Aosta e il profilo facebook tante, dal profilo rosa e giovane, anima- do per sottolineare il nostro essere comu- della FIDAS Donne e Giovani. ta da spirito di solidarietà che vuole arri- nità. Sappiamo, infatti, che il sangue non Sabato prossimo, 23 novembre, l’auditovare dritto al cuore dei giovani, per inco- è riproducibile in laboratorio ma è indi- rium comunale di Sarre ospiterà lo spetraggiarli a donare il sangue al fine di dif- spensabile nei servizi di pronto soccorso, tacolo teatrale ‘Lo Gramo Beurt e bon’, fondere una seria cultura della donazio- di chirurgia e per la cura di alcune ma- portato in scena dalla compagnia teatrane nelle fasce giovanili, proponendo stili lattie gravi. Ed è per questo che la dona- le Passe Partout. L’ingresso è libero, apdi vita e di comportamenti sani». zione del sangue è un aspetto che riguar- puntamento alle ore 21. «Donare il sangue è un atto di maturità da tutti. Il nostro intento, quindi è anche ■ Elettra Crocetti

piazza Chanoux (ore 17). «Non occorre essere ballerini per partecipare e l’obiettivo non è neppure presentare uno spettacolo di danza» – precisano gli organizzatori – quanto invitare donne, bambini, ragazzi e uomini a comunicare una precisa volontà di cambiare direzione in tema di violenza sulle donne». Domani, martedì 19 e gioved’ 21, dalle 21 alle 22, alla sede dell’Institut de danse, in località Borettaz a Gressan, si terranno le prove. Poi, venerdì, alle 17, flash mob per dire no alla violenza sulle donne. ■ c.t.

NOTIZIE IN BREVE Croce Rossa: raccolta fondi per le Filippine Dopo la raccolta di offerte e collette ieri, domenica, organizzata dalla Diocesi di Aosta, prosegue nella nostra regione, la raccolta fondi per aiutare le popolazioni delle Filippine messe in ginocchio dal tifone Haiyan La Croce Rossa Italiana si è unita alla onlus Agire (Agenzia italiana per la risposta alle emergenze) per organizzare una raccolta fondi congiunta. Anche il comitato regionale della Croce Rossa si associa all’appello lanciato dai vertici nazionali; spiega il presidente del comitato regionale Gianluca Tripodi: «il comitato regionale è in costante contatto con la sala operativa nazionale che segue attentamente l’evolversi dell situazione; la struttura è pronta a intervenire sulla base di quanto sarà richiesto a livello nazionale e regionale». E’ possibile sostenere il lavoro di Croce Rossa Italiana e onlus Agire attraverso il numero verde 800 132 870 oppure effettuando una donazione on line con carta di credito o paypal collegandosi sul sito www.agire.it oppure www.cri.it; con bonifico bancario sul conto IT79 J 03359 01600 100000060696 intestato ad Agire onlus, presso BancaProssima, Causale: ‘Emergenza Filippine’. O ancora effettuando un versamento attraverso il bollettino postale sul conto corrente postale n. 85593614 o bonifico postale al seguente IBAN IT 79 U 07601 03200 000085593614, intestato ad Agire onlus, Via Aniene 26/A - 00198 Roma, causale: ‘Emergenza Filippine’. Il cuore avvelenato: incontro con il dottor Mariani Le malattie cardiovascolari rappresentano il più importante problema di salute del mondo occidentale. L’Erboristeria Al Castello di Verrès organizza per venerdì prossimo, 22 novembre, al salone della biblioteca di Châtillon, un incontro sul tema ‘Il cuore avvelenato, il metodo 3EMME, il mio stile di vita. Rimedi e prevenzione alla sindrome metabolico. Interverrà il dottor Mauro Mario Mariani, medico chirurgo, specialista in Angiologia e ideatore del metodo 3EMME, mantenimento massa magra, conosciuto anche per la sua partecipazione settimanale in qualità di esperto nutrizionista a ‘Unomattina verde’ ogni martedì su Rai Uno. L’incontro è a ingresso libero, appuntamento alle 21. 157: cresce ancora la disponibilità di defibrillatori Nel 2002, la nostra regione vantava complessivamente 20 DAE, defibrillatori semiautomatici; oggi i dispositivi salvavita sono ben 157, sulle autoambulanze, ma anche nei poliambulatori, al supermercato e nelle scuole. Buona parte del merito di questa crescita importante nella dotazione di DAE è dell’associazione Les Amis du Coeur, l’associazione che attraverso la maratona Cardiothon e altre iniziative sul territorio, si impegna per diffondere capillarmente la presenza dei defibrillatori. Nei giorni scorsi, l’azienda Usl ha consegnato due nuovi defibrillatori alla Federazione regionale delle Associazioni dei volontari del scorso che arricchiranno la dotazione delle ambulanze. Martedì, un terzo defibrillatore semi automatico è stato consegnato alla residenza sanitaria assistenziale di Antey Saint-André. Gli strumenti salvavita sono dei Powerhearth G5 AED, costruiti dalla Cardiac Science e acquistati dall’azienda Usl nell’ambito di un progetto che prevede il finanziamento da parte del ministero della Salute. Il defibrillatore automastico esterno è un disposizitivo in grado di rilevare la fibrillazione ventricolare, ovvero una frequente causa di arresto cardiaco e di defibrillare il cuore attraverso una scarica elettrica che può ristabilire il battito regolare, grazie alla ‘manovra’ di un operatore adeguatamente formato.

PANATHLON CLUB VDA

Il premio 2013 alle PENNE NERE AOSTA - E’ prevista per sabato 23 novembre la consegna del prestigioso Premio Panathlon 2013 assegnato dal club della Valle d’Aosta all’Associazione Nazionale Alpini rossonera in occasione del 90° anniversario di fondazione quale «esempio di coscienza civica e generosa solidarietà, custode silenziosa e leale dei valori che esaltano l’amicizia, lo sport e l’impegno sociale». La cerimonia, alla presenza del presidente nazionale dell’Ana Sebastiano Favero, è prevista per le 16.30 a Villa Brezzi (sede regionale dell’associazione, sul cui muro verrà scoperta una targa in marmo per celebrare il 90esimo compleanno) in via StMartin-de-Corléans ad Aosta. Dopo il saluto di benvenuto da parte del presidente Ana valdostano, Carlo Bionaz, prenderà la parola il vice presidente regionale del Panathlon, Carlo Gobbo, quindi ci saranno l’alzabandiera, l’inno nazionale, la preghiera dell’alpino che precederanno il momento clou nel quale la targa verrà mostrata agli intervenuti e il presidente del Panathlon Club VdA Cesare Balbis consegnerà al presidente regionale dell’Ana Bionaz la statua che rappresenta il premio 2013.


regione

14

lunedì 18 novembre 2013

■ calabria in festa / Ieri, a tavola, all’Ancien Bracconier di Sarre, 400 golosi della carne di capra

Tra amicizia e buona cucina Angelo e Franco, addetti agli antipasti

sarre - 200 kg di carne di capra, 35 kg di pastella per i ‘crispiddi’, 10 kg di acciughe per farcire le deliziose ‘zeppole’ fritte in abbondante olio, 80 kg di maccheroni, da condire con il robusto sugo di capra. A tavola, circa 400 persone. Sono i ‘numeri’ della sesta edizione di ‘Calabria in festa’, la kermesse abbinata alla sagra della capra ideata dalla consigliera regionale del PD Sinistra VdA Carmela Fontana e organizzata da un comitato presieduto da Antonio Crea e composto dalla stessa Fontana, da Valentino Cataldo, Francesco ‘Ciccio’ Panetta, Fortunato Romeo e Giovanni Aloisi. Ieri, al ristorante Ancien Braconnier di Sarre, si è ripetuto il rito di un pranzo in buona compagnia: antipasto con salumi, formaggio, verdure sott’olio e olive, maccheroni al sugo, carne di capra, crispiddi (le ‘zippole’, frittelle di pastella lievitata arricchite con l’acciuga) e come des-

I pentoloni con la carne di capra e dietro, Franco, Giuseppe - titolare dell’Ancien Braconnier e la consigliera regionale Carmela Fontana

sert, i ghiotti petrali, dolci ipercalorici con la frutta secca. In cucina e tra i tavoli, anche gli attori della Compagnia Annà in scena che onorano con impegno e passione l’appuntamento d’autunno con

Vittoria ‘Tota’ e Giannino friggono i ‘crispeddi’

gli amici valdostani. Sabato sera, al Giacosa, gli attori della compagnia che prende il nome dalla frazione Annà del comune di Melito di Porto Salvo si sono esibiti nalla commedida in tre atti ‘San Giovan-

ni Decollato’, strappando applausi a ripetizione. «Alla fine anche questa sesta edizione è andata in porto - commenta la consigliera Fontana - grazie a tutti coloro che hanno partecipato e co-

loro che hanno lavorato e contribuito alla riuscita di questa bella giornata di allegria e amicizia». Nel pomeriggio, per smaltire l’abbondanza calorica, il giusto mix tra tarantella e ballo liscio.

■ personaggio / Père Jean-Marie, vice parroco di Valpelline si laurea oggi all’Università della Valle d’Aosta, poi tornerà in Africa

Libri e latte in polvere per aiutare gli amici della Guinea Miriam BEGLIUOMINI inviata alla Cittadella aosta - 35 scatoloni di materiale scolastico, 80 di libri in francese, 30 carrozzine per bambini, 400 litri di latte in polvere: sono solo alcuni dei materiali raccolti per accompagnare, a gennaio 2014, il ritorno di Père Jean-Marie Guemou in Guinea. Sabato scorso alla Cittadella dei Giovani la serata ‘Dalla Valle d’Aosta alla Guinea’, nata dalla collaborazione con le due associazioni Universum Aosta e Quartiere Possibile, è stata l’occasione per raccogliere fondi per la spedizione, grazie ai preziosi costumi de La Bottega dei Sogni, al duetto chitarra e flauto di Giorgio Pilon e Giovanni Navarra, alle astuzie del rumorista Alessandro Favre e alla voce di Ranzie Mensah.

Père Jean Marie con gli amici che lo hanno sostenuto, sabato sera alla cittadella dei giovani

«Il container è pieno - spiega Fiorella Venturella, presidente di Universum Valle d’Aosta - ed è stato riempito solo gra-

zie al passaparola. Per i costi di spedizione, viste le frequenti collaborazioni con l’Associazione presieduta da Leti-

zia Patrizi, abbiamo pensato a questa serata». «Oggi è il sedicesimo anniversario del mio sacerdozio,

ma non fosse per Fiorella me ne sarei dimenticato - scherza Père Jean-Marie. Classe 1969, dopo studi in filosofia e teologia, è ordinato sacerdote il 16 novembre 1997. viceparroco di Valpelline dal 2009, già laureato in Scienze giuridiche nel 2004 in Guinea, oggi alle 9 discute la sua tesi di laurea in Scienze della Formazione all’Università della Valle d’Aosta: «L’idéal universel de l’enfance et les cultures traditionnelles en Afrique: les droits universels de l’enfant dans la culture “Kpellé». «In tutti questi anni sono stati donati e investiti un sacco di soldi; sul suolo africano sono presenti tantissime associazioni, solo nella mia diocesi ce ne sono cinque. E nonostante tutti i discorsi sui diritti dell’infanzia la situazione è rimasta sempre uguale. Il mio

studio si concentra sulla componente culturale locale della cultura Kpellé, quella della mia etnia, perché bisogna partire da quella base se si vuole cambiare qualcosa». Da gennaio padre Jean-Marie sarà direttore diocesano dell’insegnamento nella regione N’Zérékoré, area distante 1000 km dalla capitale e isolata dalla foresta, ma, come spiega il sacerdote, con grandi possibilità di sviluppo; lì si troverà a coordinare 5000 allievi e 188 insegnanti, distribuiti sui vari gradi del sistema scolastico. «Per tornare bisogna prima partire - dice a metà fra serio e scherzoso Père Jean-Marie - io di certo tornerò a raccontarvi cosa succederà dei materiali che porterò con me; ma saremo contenti di accogliervi se sarete voi a partire per vedere coi vostri occhi».


lunedì 18 novembre 2013

REGIONE

15

■ IL CASO / E’ nato su Facebook il gruppo ‘Studenti valdostani contro i tagli’; prima riunione per ‘contarsi’

«No» ai tagli a biglietti e borse di studio AOSTA - Rimodulazione dei criteri per le borse di studio e agevolazioni sui biglietti di pullman e treno per gli studenti universitari fuori sede: c’è preoccupazione per i tagli annunciati dal disegno di Finanziaria regionale 2014/2016. Sabato scorso al Caffè Quotidiano di piazza Chanoux l’incontro di un gruppo di studenti universitari è stato l’occasione per discutere dei tagli annunciati ed elaborare possibili alternative. «Una rimodulazione dei criteri è sensata, soprattutto quelli relativi al merito - spiega Elisa - per il primo anno di iscrizio-

ne, oltre al reddito, sono previsti 20 crediti per ottenere la borsa, cioè niente, l’equivalente di due esami in tutto l’anno. Una revisione in questo senso è giusta ma a preoccupare sono i tagli legati a reddito e patrimonio» - spiega Elisa. «Senza tener conto che ci sono famiglie sicuramente in difficoltà economiche ma i cui figli, con risultati discutibili, ottengono la borsa, mentre studenti meritevoli, in tempo con gli esami e con una media alta non possono aspirare a nessun sussidio sostiene Giulia. «Anche per i biglietti del treno: ci sarà pur una via di mezzo fra

La riunione dei giovani, sabato scorso al Caffè Quotidiano

tutto e niente - dice Eleonora c’è chi, per anni, ha mangiato sopra la questione dei biglietti del treno, chiedendo rimborsi a sproposito e adesso di colpo viene tolto tutto; un’alternativa sarebbe concedere un minor numero di biglietti all’anno per ciascuno». Ad aumentare la preoccupazione l’incertezza sulla data d’inizio dei tagli - dall’anno solare 2014 o dall’anno accademico 2014/2015; la mancata pubblicazione dei bandi per le borse del 2014 - per ora sono presenti solo quelle per gli studenti dell’Università della Valle d’Aosta- che proprio in questi giorni dovreb-

bero comparire sul sito della regione non fa ben sperare. Qualcuno polemizza: «Però la ristrutturazione del Billia quando non ci sono turisti per la crisi serviva proprio vero? Per non parlare dell’aereoporto…». Un incontro con gli assessori competenti, il coinvolgimento delle altre categorie a rischio (anziani, disabili e invalidi, ma anche ragazzi delle scuole), l’allargamento al Comitato Pendolari Stanchi sono fra le proposte nell’aria; intanto nasce su facebook il gruppo ‘Studenti Valdostani Contro i Tagli’, per informazioni, proposte e prossimi appuntamenti. ■ Miriam Begliuomini

■ SOLIDARIETÀ 1 / L’associazione Ana Moise ha aiutato un bimbo kosovaro ■ SOLIDARIETÀ 2 / Les Amis du Coeur aiuteranno le popolazioni filippine

Prime buone notizie per Fatbardh Dalle noci, l’aiuto va oltreoceano AOSTA - Quattromila euro, al netto di tutte le spese, per aiutare un bambino bisognoso di cure. E’ la bella cifra raccolta grazie alla generosità dei 250 commensali che la scorsa settimana si sono seduti a tavola con Ana Moise, l’associazione onlus che da ormai dieci anni aiuta bambini bisognosi di cure, proprio come fece agli esordi, aiutando la rumena Ana Moise – oggi giovane donna guarita da una forma rara di leucemia – e dalla quale ha preso il nome. Questa volta, la cena della solidarietà andata in scena al ristorante AnIl direttivo dell’associazione Ana Moise; Fatbardh è in braccio cien Braconnier ha aiutato ad Alessandro Gal e accanto alla sua giovane mamma Fatbardh Bega, un bambino kosovaro di tre anni affetto da una grave cardiopatia congenita che suoi ‘amici’ valdostani che hanno contribuito proprio nei giorni scorsi ha cominciato il suo ad aiutarlo. «Continuiamo a occuparci di allungo percorso di cure all’ospedale Gaslini. tri bambini – spiega il presidente della onlus Lunedì, il piccolo è stato preso in carico dal- Ana Moise Alessandro Gal – ce ne sono tanti, l’équipe dell’ospedale Gaslini e giovedì scor- tantissimi, che hanno bisogno di cure e assiso è stato dimesso dopo alcuni accertamen- stenza che non potrebbero avere in alcun moti che hanno dato esito incoraggiante, ren- do. Grazie a chi ci ha aiutato e a chi continuedendo felice la sua giovane mamma e tutti i rà a sostenere la nostra attività».

AOSTA - Se si rompe una noce a metà si nota subito la sua forma a cuore. Le noci sono amiche del cuore e non solo per la caratteristica forma. Contengono infatti sostanze nutrienti, comprese proteine e fibre alimentari, contengono anche acido folico, niacina, vitamine E e B6 oltre che minerali come magnesio, rame, zinco, selenio, fosforo e potassio. Contengono anche grassi (sono infatti piuttosto caloriche) ma si tratta di grassi insaturi che possono contribuire ad abbassare il tasso di lipoproteina (cioè le lipoproteine a bassa densità, definite colesterolo cattivo). Naturalmente, visto anche l’importante apporto calorico, bisogna assumerne con moderazione, due o tre noci al giorno. Le noci fanno anche ‘del’ bene. Sabato scorso, al Gros Cidac di Aosta, i volontari des Amis du Coeur erano in prima linea e hanno distribuito sacchetti di noci. Come spiega

■ GIUNTA / L’amministrazione regionale ha destinato 50 mila euro al progetto Giovani in M.o.t.o.

Griffe regionale sugli sportivi della neve AOSTA - Arrivano proprio insieme ai primi fiocchi di neve sulla città di Aosta i provvedimenti della giunta regionale sulle sponsorizzazioni di atleti valdostani (27.700 euro) per le discipline invernali, su contributi ad associazioni per l’organizzazione di manifestazioni sportive per l’ultimo trimestre (47.300 euro) e l’approvazione del nuovo quadro economico per l’impianto di innevamento artificiale per la pista di fondo di Coppa del Mondo di Cogne. Sono undici gli atleti che saranno griffati Vallée d’Aoste: Raffaella Brutto (3.200 euro), Luca Matteotti (3.100), Tom-

Il presidente Augusto Rollandin

maso Leoni (2.800) e Fabio Cordi (2.500) per lo snowboard; Matteo Eydallin (3.000) e Denis Trento (2.900) per lo sci alpinismo; Simone Origone (3.000)

e Ivan Origone (2.100) per lo sci di velocità; Nicole Gontier (2.700) per il biathlon; Stephan Miribung (1.600) per freestyle/ skicross e Giuseppe Lamastra (800 euro) per il winter triathlon. Grazie a un risparmio sui lavori per l’impianto di innevamento artificiale della pista di Cogne (vedi servizio a pagina 22) si potranno acquistare altri quattro cannoni da neve, oltre i quattro già previsti, e avere una riduzione delle spese di 63.500 euro. Presidenza Regione La giunta ha deciso di ricorrere dinanzi al Tar del Lazio e alla

Corte costituzionale contro il decreto del ministero dell’economia e delle finanze del settembre 2013 sul riparto del contributo alla finanza pubblica da parte delle autonomie speciali, sproporzionato per la Valle d’Aosta e ritenuto comunque «illegittimo e lesivo delle attribuzioni costituzionalmente spettante alla Regione». Politiche sociali Con un finanziamento di 50 mila euro è stato approvato il piano di intervento per l’attuazione dei progetti a favore dei giovani per il 2013, Giovani in M.o.t.o. ■ e.d.

CRER: le sezioni Pesca e Bocce in gita in Valchiusella

I volontari al lavoro sabato all’ipermercato Gros Cidac

Renato Bizzotto, «quest’anno non acquisteremo i defibrillatori salva vita come nelle precedenti edizioni, la tragedia attuale che ha colpito le Filippine ci ha fatto cambiare ‘rotta’. I soldi raccolti contribuiranno così all’acquisto di ‘shelter box’; si tratta di un box che assicura autosufficienza e riparo per un mese

a un nucleo di massimo dieci persone, ed è un’attrezzatura essenziale in favore delle popolazioni colpite da calamità e disastri naturali, contiene una tenda, coperte termiche, un set per potabilizzare l’acqua per sei mesi, stoviglie e materiale scolastico per bambini». ■ Valeria Luberto

FONDAZIONE COMUNITARIA

50mila euro per l’occupazione AOSTA - Solidarietà e lavoro. E’ il tema del bando a favore di progetti che sostengano iniziative a favore di cittadini in situazioni di disagio economico lanciato dalla Fondazione Comunitaria della Valle d’Aosta e finanzato attraverso 50 mila euro messi a disposizione dalla Compagnia di San Paolo di Torino. Al bando possono partecipare onlus, parrocchie, cooperative, associazioni di promozione sociale che presentano progetti in grado di fornire una risposta alla disoccupazione nella nostra regione, favorendo la formazione e l’inserimento professionale di persone in situazione di disagio, promuovendo un mercato del lavoro maggiormente inclusivo con minori barriere sociali, culturale e geografiche. Le domande possono essere consegnate entro il 24 gennaio 2014 e gli stessi progetti dovranno essere realizzati entro il 31 dicembre 2014. Bando, formulario e informazioni sono disponibili sul sito della Fondazione, www. fondazionevda.it.

Le sezioni Pesca e Bocce del Crer, l’ente ricreativo della amministrazione regionale e degli enti locali, a conclusione dell’attività 2013, si sono ritrovate a Traversella, in Val Chiusella per una giornata all’insegna dell’amicizia e per un buon pranzo in compagnia


AO S TA

16

lunedì 18 novembre 2013

■ CONSIGLIO COMUNALE / L’assemblea civica del capoluogo si riunisce domani, martedì 19 novembre

Quanto ci costa la Cittadella dei giovani?

La minoranza giudica «mediocre» la manutenzione delle aree verdi e contesta i pasti freddi alle mense scolastiche AOSTA - Si riunisce domani, martedì 19 novembre, l’assemblea civica del capoluogo. All’attenzione degli amministratori, l’atto di indirizzo attraverso il quale il comune capoluogo cede una parte delle proprie azione della società In.Va a favore degli enti locali valdostano che ne delibereranno lì adesione. Azioni In.Va «Un provvedimento propedeutico alla creazione della Centrale Unica di Committenza che entrerà ian vigore nel nuovo anno – ha commentato il sindaco Bruno Giordano, ricordando l’obbligo ad adeguarsi al dettato del decreto Salva italia che prevede la creazione della piattaforma attraverso la quale transiteranno tutti gli acquisti di forniture per la pubblica amministrazione. Per aderire alla CUC, ogni comune e comunità montana dovrà impegnarsi ad acquistare dal comune 500 azioni In.Va al valore nominale di 1 euro; le azioni cedute saranno al massimo 41 mila, con una riduzione dell0 0,8% della quota di capitale sociale in possesso del comune di Aosta e cioè del 15%; a oggi sono una cinquantina gli enti locali che hanno aderito, una decina ha manifestato per iscritto l’intenzione di farlo. «Al di là del mero adeguamento a un obbligo di legge – ha spiegato il sindaco – per gli enti locali valdostani è un’opportunità per provare a realizzare insieme economie di scala». Novità IMU In sede di consiglio si parlerà anche delle modifiche al regolamento Imu. Buone notizie per i proprietari di seconda casa concessa in comodato d’uso gratuito a un parente entro il primo grado in linea retta che verrà equiparata all’abitazione principale e perciò esentata dal pagamen-

Il consiglio comunale e nel riquadro l’assessore Carlo Marzi

to dell’imposto. «Un provvedimento a tutela delle classi medie e medio-basse – ha commentato l’assessore ai Servizi Finanziari Carlo Marzi – che non si applicherà alle case di lusso, per il quale sarà utilizzato l’indicatore Isee. Saranno esclusi dal pagamento dell’Imu, secondo le proposte di modifiche all’attenzione del consiglio, i cosiddetti ‘immobili merce’ cioè i fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendi-

ta, fino a quando gli stessi immobili non siano stati venduti o locati». Seduta programmatica Dalla Costituzione della Repubblica italiana alla macroregione alpina, passando per il sito Aosta life, allo stato di agitazione Vivenda, fino alla gestione della procedura per il prestito sociale d’onore e il sottopasso di via Roma. Tanti argomenti all’ordine del giorno per la seduta programmatica

che si aprirà con l’ordine del giorno presentato dai gruppi Alpe e Sinistra per la città contro la procedura straordinaria per la revisione della Costituzione italiana. I consiglieri Momigliano Levi, Curtaz, Fedi, Morandi, Sartore, Vietti e Viberti esprimono preoccupazione che l’ipotesi di riforma dell’articolo 138 della Costituzione che «rischia di affievolire la rigidità costituzionale, rendendo l’impianto costituzionale più vulnerabi-

■ CITTÀ DIGITALE / Da qualche giorno è on line la piattaforma turistico-culturale www.aostalife.it

«Uno spazio di promozione tutto nostro» AOSTA - Aosta on web, città digitale. Da qualche giorno è on line, insieme al portale di informazione dell’amministrazione comunale del capoluogo aostainforma.it, Aostalife.it, il portale turistico e culturale dell’amministrazione comunale. «Aosta ha fatto una precisa scelta – spiega l’assessore all’Innovazione Tecnologica Andrea Edoardo Paron – e cioè quella di avere uno spazio di promozione proprio al di là dell’ambito di promozione turistica integrata offerta dall’amministrazione regionale. Il sito è interamente dedicato a turismo e cultura e non soppianterà il sito istituzionale, ma si affiancherà anche come canale turistico». Curato dalla 3 Bite, costato circa 14 mila euro, Aostalife ha una struttura artico-

lata in sezioni, con tante fotografie del fotoreporter Ugo Borga. Le sezioni dedicate alla fiere e mercati, musei e mostre, monumenti, eventi, sport e tempo libero sono arricchite da schede informative e fotografiche, tradizionali e ‘in movimento’ che mostrano un capoluogo vivace e divertente. A disposizione di chi naviga anche una mappa georeferenziata, il ‘trova dove’ che permette di scoprire l’offerta di ristoranti, strutture ricettive della città e del circondario. C’è anche il link alla piattaforma del booking regionale che consente di prenotare on line i soggiorni. I testi sono disponibili in italiano, francese, inglese, russo e cinese. Giusto il tempo di andare on line e i contenuti di Aostalife sono già nel mirino della minoranza (vedi testo qui sopra).

■ LIONS CLUB AOSTA HOST / Quattro istituzioni scolastiche al consueto concorso dei poster

Carosello di colori e tecniche per la PACE AOSTA - Un mondo pacifico, visto con la freschezza intellettuale dei giovani studenti. Sono stati ancora gli alunni di quattro scuole secondarie di primo grado valdostane a essere coinvolti nel concorso internazionale ‘Un poster per la pace’ indetto come ogni anno dal Lions Club Aosta Host. Si tratta delle Istituzioni Scolastiche ‘E. Martinet’ e ‘StRoch’ di Aosta, ‘Villeneuve-Grand Paradis B’ e ‘Mont Blanc –Valdigne’. La rassegna dei disegni realizzati dai ragazzi si è conclusa nei giorni scorsi (dal 13 al 15 novembre) e l’obiettivo indicato ai giovani artisti era l’immagine di un mondo pacifico visto nella singola ottica di ciascuno. Un carosello di colori e tecniche diverse ha animato i locali scolastici, visitati per l’occasione da molteplici di allievi e genitori curiosi di ammirare le produzioni artistiche dei ragazzi ma anche trepidanti nell’attesa di conoscere i tre vincitori premiati in ognuna delle quattro Istituzioni scolastiche. Oltre alle simbologie sul tema della pace è sta-

le» e chiedono che il Comune di Aosta renda partecipi i nostri Parlamentari di tale preoccupazione. I consiglieri di Alpe presentano una mozione che ha per oggetto «il mediocre stato di manutenzione delle aree verdi» che giudicano «non all’altezza della qualità e del decoro urbano di una cittadina a vocazione turistica quale è Aosta». Sinistra per la città si interroga sul progetto della macro regione alpina sul quale il mese prossimo si pronuncerà il Consiglio europeo dei capi di stato e di governo. Appena pubblicato il sito Aosta life, il portale di informazione e promozione culturale e turistica del comune di Aosta e voilà, ecco la prima mozione firmata da Alpe che contesta i contenuti del sito e invita «a curare con maggiore impegno l’originalità delle informazioni e a lavorare sodo per una più efficace presentazione». I consiglieri del gruppo PD PSI chiedono informazioni a proposito di una dozzina di posti auto non a pagamento che da qualche tempo sono stati tran-

Le ragazze della istituzione scolastica Saint-Roch premiate: Jasmine Nazam, Giulia Macello Violetta e Giulia Coco

ta apprezzata l’originalità di molte immagini che rispecchiavano espressioni di particolare freschezza intellettuale. La commissione giudicante della vasta serie di opere, composta da soci del sodalizio e capeggiata da Bruno Freydoz, presidente del Lions Club Aosta Host, dopo accurata e dettagliata analisi, ha dichiarato vincitori i seguenti giovani pittori, nell’ambito di cerimonie svoltasi ognuna nella sede di

appartenenza delle singole Istituzioni. Istituzione scolastica ‘Eugenia Martinet’: 1ª classificato Lia D’Alessandri; 2ª classificata Asia Mileto; 3ª classificata Sara Franco . Istituzione scolastica ‘St-Roch’: 1ª classificato Giulia Macello Violetta; 2ª classificata Giulia Coco; 3ª classificato Jasmine Nazam. Istituzione scolastica ‘Villeneuve Grand Paradis B’: 1º classificato Mikail Faa classe;

2ª classificato Martina Zanchi; 3° classificato Federico Ramolivaz. ‘Istituzione scolastica MontBlanc-Valdigne’: 1° classificato Massimiliano Liporace; 2ª classificata Francesca Franco classe; 3ª classificata Gaia Grange. Ognuno, fra gli applausi del pubblico presente, ha ricevuto anche un buono per acquisto di testi da spendere in una libreria cittadina. Ora si passa alla fase suc-

sennati e sono quindi inutilizzabili nella zona tra via Guido Rey e via Antica Zecca. Alpe si interroga sullo stato di agitazione dei lavoratori della Vivenda e interroga l’assessore per sapere se «è al corrente delle continue lamentele sui pasti freddi che arrivano nelle mense scolastiche con continui ritardi». Aosta Capitale europea della Cultura 2019 Cade ahinoi di attualità l’interrogazione del consigliere Paolo Momigliano Levi che aveva per oggetto l’iter per l’assegnazione ad Aosta a ‘Capitale Europea della Cultura 2019’. E’ notizia di venerdì infatti accolta «con delusione» dall’amministrazione comunale, la bocciatura in fase di preselezione della candidatura di Aosta; tra le 21 candidate la giuria ha infatti scelto Cagliari, Lecce, Matera, Perugia-Assisi, Ravenna e Siena. I consiglieri del gruppo Alpe chiedono chiarimenti sulla gestione della procedura del ‘prestito sociale d’onore’; sotto la lente di ingradimento di Alpe, anche i costi di gestione, i corrispettivi e i servizi della cittadella dei giovani; per il 2013, il corrispettivo annuo è stato riportato a 535 mila euro a fronte degli oltre 540 mila risultanti dalla rivalutazione Istat applicata sino al 2012. Tra i motivi della riparametrazione vi sarebbe la mancata apertura del centro di incontro in via Volontari del Sangue. Chiuderà la seduta deliberativa l’interpellanza di Alpe per capire i motivi che impediscono l’apertura del sottopasso ciclopedonale di via Roma, all’altezza di via Plan de Rives, che mette in comunicazione con la strada per Porossan e regione Saumont. Nella primavera 2012, gli stessi consiglieri si interrogavano sull’apertura, ostacolata da un problema con un privato, proprietario del punto di ‘sbocco’ del tunnel. ■ c.t.

PRECISAZIONE

Via Bréan: il Pensiero non ha chiuso AOSTA - «Siamo rimasti pochi e facciamo fatica». Così la scorsa settimana ha titolato Gazzetta Matin, a pagina 19, dove si parlava della chiusura di alcune attività commerciali di via Bréan, termometro neanche troppo a sorpresa, di una contrazione dei consumi molto forte. Nella foto a corredo del testo, quella di alcune vetrine vuote con i cartelli ‘affittasi o vendesi’; si precisa che il negozio di bomboniere ‘Il Pensiero’, non è chiuso come suggerirebbe la foto (il negozio è sfitto ma è rimasta la grande insegna sulla doppia vetrina), ma si è trasferito. «Ci siamo trasferiti in locali più grandi in via Chambéry angolo via Lys – precisa lo stesso titolare Valentino Cataldo – abbiamo investito e ampliato la nostra offerta, tanto che oltre alle bomboniere, abbiamo anche abiti e acccessori da sposa e da cerimonia». Dopo otto anni circa trascorsi nei locali di via Bréan, l’esercizio si è trasferito nell’attuale sede nel mese di luglio 2012.

cessiva nella quale le quattro opere vincitrici approderanno al Lions Club Aosta Host di Torino per la selezione interregionale del Nord-Ovest. Il disegno che ne uscirà vincitore verrà trasmesso a Roma per la selezione definitiva dove, a giudizio insindacabile della giuria, l’opera ritenuta in assoluto la migliore, parteciperà al concorso internazionale. Sarà pertanto un solo giovane disegnatore a ricevere un premio in contanti di US$ 5000 o l’equivalente nella propria valuta. Va ricordato che il Lions Clubs

International è la più vasta organizzazione di clubs di service al mondo con oltre 46.000 clubs che operano in 206 Paesi ed aree geografiche differenti e le iniziative benefiche sono molteplici. Ed in tale ottica menzioniamo doverosamente che, in questi anni di grave crisi economica e sociale, le azioni del Lions Club Aosta Host sono finalizzate, oltre che alla realizzazione di Services nazionali e internazionali, anche ad interventi di sostegno nel tessuto sociale della comunità regionale. ■ Luigi Perosino


lunedì 18 novembre 2013

AO S TA

17

■ EVENTO / Domenica 24 novembre, in piazza Chanoux, le sculture record di un gruppo di pasticcieri del capoluogo

250 kg di cioccolato e bontà per un gesto di solidarietà AOSTA - Un Monte Cervino e un grande cuore. Di ciccolato. Da fare a pezzi, naturalmente per una buona causa. Torna domenica prossima in piazza Chanoux, ‘Un cuore tutto valdostano, il dolce ricordo di un gesto d’amore’, l’iniziativa di solidarietà ideata e coordinata dal pasticciere Luciano Piga e resa possibile grazie al lavoro delle pasticcerie di Aosta Dodaro, Chenal e De Santis e di alcuni sponsor privati che la sostengono, Gros Cidac, Tipografia Pesando, Arca Assicurazioni, Esse Zeta Algida Quart e Ideal Car Peugeot. In piazza Chanoux, sin dal mattino, sarà possibile acquistare, a offerta libera, un pezzo di buon cioccolato, barrette, cuori di cioccolato al latte, fondente, bianco, con uvette e con granella di noccio-

le che soddisferà tutti i gusti. «A disposizione dei golosi ci saranno cioccolato e delizie per oltre 250 kg – commenta Luciano Piga. Quest’anno abbiamo deciso di aiutare il canile gattile regionale e l’associazione ‘riempi la vita di amicizia e solidarietà’, Forum per i diritti dei bambini di Chernobyl perchè possano portare avanti le loro attività. Nel pomeriggio, ci onorerà della sua presenza la nostra amica e campionessa olimpionica di freestyle Silvia Marciandi e allieterà il pomeriggio il cantautore Davide Dugros (dalle 15 alle 17 circa)». Nella foto, una montagna di cioccolato e un dolce cuore di solidarietà in una passata edizione dell’iniziativa; terzo da sinistra è il pasticciere Luciano Piga.

■ GIUNTA / 600 ore annuali in più di attività alla sala di ginnastica di via Volontari del Sangue

Boom di ore in palestra AOSTA - Aumenta di oltre 600 ore il monte ore di utilizzo della sala comunale di ginnastica artistica di via volontari del Sangue, passando da 1200 ore di ‘funzionamento’ a 1800. La giunta del capoluogo riunitasi venerdì ha approvato la delibera che dice sì alla sub concessione della sala comunale di ginnastica artistica del plesso sportivo di via Volontari del sangue, all’associazione sportivo dilettantistica Olimpia Ginnastica Aosta, tramite la Federazione Ginnastica Italia e nel solco della convenzione approvata per regolare i rapporti tra il comune capoluogo e la federazione sportiva. La delibera approva altresì le tariffe (aumentate di

due euro all’ora per gli utenti esterni, rispetto alle tariffe in vigore dal 2009) e il piano orario che prevede una più ampia disponibilità nella fruizione dell’impianto, dalle ore 15 e fino alle 11 e arrivando a 1800 ore di funzionamento nell’anno. La Giunta sostiene anche quest’anno la rassegna di teatro per bambini e ragazzi ‘Enfanthéatre’, edizione numero 21, che dal 30 novembre 2013 al 5 aprile 2014 proporrà 14 spettacoli, al sabato pomeriggio, al teatro Giacosa. Nei prossimi giorni la rassegna numero 21 – la diciottesima abbinata al Festival Internazionale di teatro per ragazzi ‘città di Aosta’ – sarà presentata

Giovani ginnaste alla palestra di via Volontari del Sangue

nei prossimi giorni e sarà anche l’occasione per premiare

le compagnie più votate dal giovane pubblico che hanno

presentato le pièces lo scorso anno. A partire da quest’oggi, lunedì 18 novembre, sarà ancora il teatro Giacosa ad accogliere l’edizione numero 45 della rassegna di teatro popolare Lo Charaban che storicamente va in scena in via Xavier de Maistre. Proprio per questo motivo, il primo cittadino ha accolto la richiesta della compagnia, mettendo a disposizione della compagnia il teatro di proprietà comunale e compartecipando alla realizzazione dello spettacolo, assumendosi gli oneri relativi alle attività di assistenza, accoglienza, assistenza tecnica. ■ c.t.

Garderie Ape Luna un POMERIGGIO con il sale colorato opo i laboratori di cuD cina duranti i quali sono stati preparati i tar-

tufini al cioccolato e una ghiotta torta al cioccolato, spazio alla fantasia con le creazioni di sale colorato per realizzare forme e disegni di incredibile precisione, prima di tuffarsi, nelle prossime settimane, tra i decori natalizi. Quest’oggi, lunedì 18 novembre, appuntamento alla garderie comunale Ape Luna in via Valli Valdostane (vicino alla chiesa del quartiere Dora) per l’iniziativa ‘tempo per le famiglie’, pensata come occasione di scambio, di gioco e socialità in un contesto diverso da quello domestico e rivolta a tutte le famiglie, compresi nonni, zii e fratelli. La partecipazione è libera e gratuita. Appuntamento alle 16.30.


18

ao s ta

lunedì 18 novembre 2013

■ in piazza Chanoux / Festa sobria e allegria con le band e i talenti di casa

Sarà un Capodanno senza BIG aosta - Mentre al Teatro Romano continuano i lavori per l’allestimento del giardino alpino nel quale saranno dislocati gli chalet del Marché Vert Noël (saranno 46 le suggestive casette di legno, 14 in più rispetto allo scorso anno, con due postazioni riservate alla promozione delle eccellenze DOP della nostra regione, ndr), la cui inaugurazione è prevista tra poco più di 10 giorni, il 29 novembre prossimo - cominciano i primi pour parler relativi al Capodanno in piazza. Pare che non ci sarà un nome ‘vip’ nell’animazione che ormai da tanti anni il comune capoluogo offre nel salotto buono della città; lo scorso anno fu il verace Gigi d’Alessio a dividere gli animi, tra detrattori e sostenitori e in ogni caso, la piazza rispose con un’ottima presenza di pubblico e alcune finestre di collegamento con il Capodanno Rai di Coumayeur che hanno contribuito a far entrare nelle case degli italiani i filmati promozionali sulla nostra regione. Il palco di piazza Chanoux dovrebbe essere territorio di conquista di gruppi e band locali, compresa la conduzione della serata. «Stiamo ancora perfezionando i dettagli – spiega l’assessore al Turismo Patrizia Carradore - ma sarà come già annunciato tempo addietro, un intrattenimento molto sobrio, calato in un contesto socio-economico tutt’altro che roseo ma che ha anche l’obiet-

tivo di valorizzare i talenti locali che nulla hanno da invidiare a gruppi o solisti certamente più noti. La decisione di offrire un intrattenimento di piazza post cena di San Silvestro fa anche i conti con un cambiamento nei costumi della società che ogni anno si nota sempre di più. Vuoi per la crisi e per la mutata esigenza di divertimento, sono in netto calo cenoni o grandi feste organizzate, mentre vanno per la maggiore le cene casa-

linghe, tra gruppi di amici o parenti che si ritrovano per condividere una serata di festa. Ecco che dopo cena, l’idea è quella di continuare la serata insieme, magari facendo un giro in piazza, per ascoltare musica dal vivo e divertirsi, con molta semplicità e con una spesa certamente più contenuta». Nella foto, piazza Chanoux lo scorso anno; sul palco la show girl Valeria Marini e il cantautore napoletano Gigi D’Alessio; nel riquadro, l’assessore al Turismo Patrizia Carradore. ■ c.t.

Servizio civile: un anno dedicato agli altri Aosta - Lorenzo Allera, Naiara Aspesi, Alice Borney, Jasmine Elia, Nicholas Frison, Veronica Gencarelli, Mariele Lanza, Francesca Mallamaci, Alice Mantovani, Valeria Mariani, Sara Marogna, Maria Concetta Muraca, Eleonora Oberto, Frederic Raso e Paola Tramonti sono i sedici ragazzi che, lunedì 11 novembre, hanno iniziato la loro esperienza di servizio civile regionale che li impegnerà per un anno negli enti, associazioni e cooperative che hanno dato la disponibilità. Otto le sedi lavorative dei ragazzi: con l’associazione Alzheimer Valle d’Aosta; le Acli regionali della Valle d’Aosta; la cooperativa La Sorgente; la cooperativa La Libellula; la cooperativa Mont Fallère e l’associazione Enaip; il consorzio Trait d’Union e L’Esprit à L’Envers. Alla presentazione del servizio, martedì 12 alla Cittadella dei Giovani, erano presenti anche i ragazzi del Movimento universitario valdostano intenzionati, in occasione del prossimo bando per il servizio civile, a promuoverlo tra gli studenti, illustrandone caratteristiche e opportunità.


lunedì 18 novembre 2013

ao s ta

19

■ appalto / Il servizio di asporto dei cumuli non è compreso nel bando aggiudicato a nove aziende

NEVE, sgombero da 700 mila euro

Primi fiocchi venerdì in città e prima uscita delle lame nella zona di Arpuilles dove si sono depositati 15 cm aosta - La ‘macchina-neve’ del comune di Aosta è pronta, dopo il primo test positivo di venerdì scorso. Mentre in città cadevano i primi fiocchi, nella zona di Arpuilles, i 15 centimetri accumulati hanno infatti reso necessario il passaggio dei mezzi spartineve. «I mezzi dotati di lame sono intervenuti nelle frazioni al di sopra di quota mille metri per rimuovere dalle strade i primi accumuli nevosi senza alcuna criticità – ha commentato il vice sindaco Alberto Follien. Il servizio di sgombero neve è frutto del rinnovo di un appalto triennale che interessa la stagione in corsa e quella 2014/2015 e 2015/2016 – commenta – garantito dal primo novembre al 30 aprile. Il territorio comunale è diviso in dodici zone (Zona A, Arpuilles-Excenex; Zona B, Signayes-Vignoles; Zona C, collinare Pléod; Zona D, collinare Porossan; Zona E, quartiere Cogne; Zona F, Saint-Martin-de Corléans e impianti sportivi; Zona G, quartiere Dora; Zona H, circonvallazione nord e sud; Zona I, centro storico-Croix de Ville; Zona L, centro storico sud; Zona M, centro città e Zona N, vie principali) alle quali lavorano nove imprese (Due strade srl, Edil Alex, Futura Costruzione in associazione temporanea di im-

Neve in città lo scorso anno e nel riquadro Alberto Follien

presa con Giovinazzo, Rosalia Charbonnier & figli, Val Pavé in ATI con Levit, impresa Russo, Micron, Agrindustria e Mochettaz); «alle aziende sono affiancate squadre comunali di operai – una dozzina circa – che si occupano del centro storico – spiega il pro sindaco. Il ‘solito’ avvertimento è valido anche per la stagione invernale in corso: è perfettamente inutile tempestare di chiamate il centralino del comune o della polizia locale;

■ verso natale / Sono iniziati i lavori di posa dei decori in 31 vie e piazze e in otto rotonde

Sobrietà, ma le luminarie si accenderanno aosta - Sono iniziati giovedì gli interventi di posa delle luminarie natalizie che abbelliranno le vie e piazze nel periodo natalizio. Le operazione di installazione e montaggio delle collane luminose avverrà in orario notturno dagli operatori della ditta Centro Luminarie Metal Lux srl di Cumiana, la stessa che lo scorso anno e quello precedente si è occupata delle decorazioni delle oltre 30 vie interessate e della facciata della casa comunale. «Il momento di difficoltà socio-economica permane ed sotto gli occhi di tutti – commenta il pro sindaco Alberto Follien – la Giunta ha ritenuto dare un segnale in questo senso, investendo perchè la città si presenti viva e attraente, nell’ottica di promozione e valorizzazione turistica del capoluogo, pur con sobrietà». Saranno 31 le vie e piazze abbellite,

mento di tre alberi di Natale, in piazza Chanoux, piazza Salvadori e piazza Roncas. Le luminarie impiegate sono a led, a luce bianca, «semplici, eleganti e con appalto complessivo di 80 mila euro». L’intervento interesserà le vie Aubert, De Tillier, Croce di Città, Porta Praetoria, sant’Anselmo, Martinet, Angioletti e renne alla rotonda dell’ospedale Parini Ponte Romano, Sant’Orso, Xavier de Maistre, Chamoltre alle otto rotonde (corso Batta- béry, Festaz, Vevey, Ribitel, Conseil des glione, viale Partigiani, strada Para- Commis, Gramsci, Losanna, Trottevera, viale Ginevra, strada della Con- chien, Challand, De Sales, Lexert, Consolata, Arco d’Augusto, via Clavalité e te Crotti, Ex Prato Fiera, Torino, Lys, via Monte Grivola) decorate con cor- Chabod, Hotel des Etats, corso Ivrea, pi luminosi a forma di renne, angio- Saint-Martin de Corléans, Battaglione letti, fiocchi e pacchi dono. Nell’appal- e le piazze Chanoux, Roncas, Battaglioto rientrano anche la posa e l’abbelli- ne Cervino e piazza Salvadori.

«le imprese che si sono aggiudicate i lavori hanno l’obbligo di intervenire entro 30 minuti dalla chiamata dei responsabili del comune e comunque in presenza di un accumulo di neve di almeno 10 centimetri – per quantità inferiori le lame non possono operare». Compito delle aziende sarà anche quello di pulire le fermate dei bus e le aree mercatali e, nel caso di precipitazioni nevose straordinarie, anche delle aree pubbliche e di pertinenza di edifici comunali. La pulizia dei percorsi pedonali e dei marciapiede e lo spargimento del sale antigelo sono affidate alla Quendoz Services Ecologiques che si occupa del servizio di igiene urbana nel comune capoluogo (tranne nelle zone A e B della città). «I mezzi dotati di lama si occupano dello sgombero neve – commenta Follien – altra questione è l’asporto dei cumuli di neve – servizio questo non oggetto dell’appalto e che, com’è noto, assorbe risorse economiche importanti e ha una gestione complessa, visto che è effettuato in orario notturno e che non tutte le tipologie di mezzi possono entrare nel centro storico». Per ogni stagione invernale, il comune capoluogo ha impegnato la somma di 700 mila euro. ■ c.t.


20

lunedì 18 novembre 2013

PERCHÉ SOSTITUIRE

I SERRAMENTI É UN INVESTIMENTO?

TE LO SPIEGHIAMO NOI! INTERVENTO CIVILE ABITAZIONE: Anno di costruzione fabbricato 1978, superficie riscaldata 137 m², combustibile utilizzato GPL, m² infissi 28,63, m² cassonetti 11,76

DOPO

PRIMA

Infissi in legno senza guarnizioni con vetro semplice Uw: 5 W/m²K Cassonetto in legno non isolato Uc: 4,22 W/m²K

Infissi in PVC 3 guarnizioni con triplo vetro Uw: 0,9 W/m²K Cassonetto riqualificato con sistema RENOVA® Uc: 1,09 W/m²K

RISPARMIO ANNUO COMBUSTIBILE: € 2.063,00 RIMBORSO ANNUO IRPEF: € 813,00 SPESE INTERVENTO: € 12.517,00 TOTALE RISPARMIO + RIMBORSO: € 2.876,00

FABIO CENTO © 2013

RIENTRO INVESTIMENTO: 4,3 ANNI RESA INVESTIMENTO DOPO 10 ANNI: € 25.351,00

porte e finestre per la tua casa

Via Roma 7 Aosta (AO) TEL_0165.31011 MAIL_fabrizio.cerise@me.com


lunedì 18 novembre 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

VA L D I G N E

mont b lanc

21

■ la salle / Tanta gente, ma domande rimaste senza risposta all’incontro di venerdì sera

Folla per il Piano regolatore Giacomo MANGANO inviato a La Salle LA SALLE - A una settimana dall’approvazione del nuovo piano regolatore, i sallereins scoprono le novità edilizie di La Salle. A informare la popolazione ci ha pensato il gruppo dell’Union Valdôtaine Progressiste di La Salle che, venerdì 15, nella sala consiliare del comune ha organizzato un dibattito sulla nuova pianificazione territoriale comunale. Il piano, approvato definitivamente in consiglio comunale il 7 novembre non senza critiche, è stato adeguato alle disposizioni della legge regionale 11 del 1998 e ha recepito le modifiche apportate dagli uffici tecnici della Regione. «Ho votato contro l’approvazione di questo piano regolatore - spiega Corrado Beneyton, consigliere del comune di La Salle - è una questione politica, il documento inviato in regione conteneva un indirizzo politico di gestione del territorio e, malgrado l’impegno del sindaco - riconosce Beneyton , è tornato completamente stravolto». È stata, però, proprio l’assenza del primo cittadino e dei tecnici comunali, che avevano redatto

la versione proposta all’assessorato del Territorio e Ambiente, che non ha soddisfatto alcune domande dei cittadini che chiedevano le motivazioni tecniche su alcune scelte del piano regolatore appena approvato. Numerosi, infatti, i partecipanti alla serata, tra i quali anche l’assessore Franco Ottoz e il consigliere Margaux Bello-

ne, con parte dell’uditorio che ha dovuto seguire la serata anche in piedi, fatto che, tra la soddisfazione degli organizzatori, ha dimostrato l’interesse della popolazione per l’argomento. Critiche sia sui mancati obiettivi prefissati dal piano originario sia dal punto di vista politico sono state espresse da Laurent Viérin, consigliere

Una parte del pubblico intervenuta venerdì sera

■ pré-saint-didier / I cartelli indicatori indicano i posteggi liberi guidando l’automobilista

In cerca di parcheggio con i pannelli Tasmac Pré-Saint-Didier – Sono funzionanti dal mese di ottobre i pannelli indicatori installati nei tre ingressi principali al paese, nell’ambito del progetto Tasmac sulla mobilità urbana. I cartelli installati ai bivi con le strade per La Thuile, Courmayeur e Morgex, indicano i posteggi liberi disponibili guidando l’automobilista vero il parcheggio. «I posti auto a Pré-SaintDidier sono 472 – spiega il sindaco Alessandra Uva – 280 di questi, in quattro parcheggi diversi (posteggio coperto delle Terme, Cuffion coperto, piscina e Cordero Lanza) sono monitorati. Sempre nel-

I pannelli all’ingresso del paese

l’ambito dello stesso progetto abbiamo posizionato anche due “Info città” che daranno informazioni sulla viabilità e informazioni utili agli auto-

mobilisti e ai pedoni». Nel mese di dicembre, inoltre, partirà la sperimentazione post-operam sull’azione congiunta del sistema di infomo-

bilità (pannelli a messaggio variabile) e del sistema di navetta. «Saranno nuovamente monitorati i parametri ambientali di qualità dell’aria e rumore connessi ai flussi di traffico transitanti nel centro paese – spiega il sindaco -. Si potranno quindi confrontare i dati acquisiti prima del modello Tasmac e verificare la bontà delle azioni messe in campo». Sarà inoltre possibile prenotare il proprio parcheggio on line dal sito internet del Comune e da quello delle terme grazie a un software creato ad hoc per il progetto. ■ e.d.

regionale, che si chiede quale sia «il limite tra la discrezionalità tecnica della pianificazione territoriale regionale e l’indirizzo politico che l’amministrazione comunale vuole dare al proprio territorio. Sembra una forma di ingerenza - chiosa l’ex assessore - che va oltre il parere tecnico e che spesso non è suffragata da motivazioni tecniche».

Valdigne Mont-Blanc Flash

La Thuile, senso unico per asfaltatura

Proseguirà fino a mercoledì 27 novembre il senso unico alternato istituito sulla statatle 26 tra i km 144,168 e 146,500 per consentire lavori urgenti di manutenzione straordinaria sulla pavimentazione stradale. La limitazione sarà in vigore solo nei giorni feriali. Pré-Saint-Didier, Capodanno alle Terme Anche quest’anno le Terme di Pré-Saint-Didier organizzano un Capodanno speciale tra i vapori delle acqua termali. La quota di partecipazione è di 190 euro. Dress code: costume da bagno. Sarà invece necessario l’abito da sera per il Cpaodanno al Qc Terme Resort (150 euro). Prenotazione anticipata.

■ courmayeur / Respinta la mozione della minoranza sulla sentenza del Tar

Nelle mani del Consiglio di Stato

Un momento del Cosniglio comunale di giovedì 14

Courmayeur - É arrivata fuori tempo massimo la mozione della minoranza che impegna il sindaco e l’amministrazione comunale di Courmayeur a chiedere l’immediata sospensione della sentenza del Tar -che contesta due deliberazioni sulle norme tecniche di attuazione-, ad annullare i provvedimen-

ti contestati, valutare l’eventuale decadenza dell’attuale piano regolatore, riavviare la procedura seguendo l’iter corretto e di rinunciare al ricorso al Consiglio di Stato. Ricorso che il sindaco, Fabrizia Derriard, ha presentato il 21 ottobre. A onor del vero una prima

istanza della minoranza era già stata presentata ma non ammessa perché non corretta nelal forma, «bastava una telefonata per dirci cosa mancava e avremmo integrato» è l’osservazione di Raffaella Roveyaz, ma i consiglieri di minoranza hanno ritenuto comunque importante presentarla in Consiglio comu-

■ courmayeur / Prosegue la rassegna dedicata ai Jeunes d’Antan del paese, sabato 23 la festa dei coscritti con i nonni

Le Montagne si tingono d’Argento anche nel 2014 courmayeur - Giunge al quinto anno Montagne d’Argento, il ciclo di appuntamenti che l’assessorato alle Politiche sociali dedica a chi ha ormai i capelli d’argento. Un’iniziativa di successo con un nutrito numero di anziani che segue attivamente i vari appuntamenti in calendario. Il via all’edizione 2013/2014 lo aveva dato la castagnata di ottobre con i bambini dell’asilo nido, il primo degli appuntamenti di “Nonni al Nido”. Sabato prossimo è in programma la Festa dei Coscritti con i Nonni con la cerimonia in municipio alle 17 e l’aperitivo al circolo ricreativo. A seguire sono in calendario gite al mercatino di Natale di Annecy (1° dicembre), il pranzo di Natale organizzato dai commercianti di Courmayeur (18 dicembre), la tombolata della Befana (6 gennaio), la visita al Castello Gamba nel mese di marzo, una gita di tre giorni in Maremma, in Fran-

ciacorta, all’Acquario di Genova e al Mercatone dell’antiquariato a Milano. A inframezzare le uscite gli appuntamenti con i bimbi dell’asilo nido con i quali porteranno avanti un laborato-

rio di recupero dei materiali per concludere nel mese di luglio con la realizzazione dell’orto e il pranzo con i prodotti coltivati. Le iniziative sono rivolte a tutti gli ultresessantacinquenni,

con priorità per i residenti di Courmayeur e della Valdigne. Sempre dedicati agli anziani sono i pomeriggi al centro ricreativo, da novembre a maggio, che prevede al martedì

un pomeriggio in cucina, il mercoledì ricamo, cucito e bricolage, il giovedì giochi di società, il venerdì incontri culturali e il sabato pomeriggio per le attività libere. ■ r.g.

Pré-St-Didier, bimbi delle elementari a lezione in stalla

I bambini di 1ª, 2ª e 3ª elementare in visita all’azienda agricola cooperativa Palver di Pré-Saint-Didier; Maura Mochet e Cyrille Chevalier hanno illustrato loro la stalla e le varie operazioni di cura degli animali. Tutti i bimbi hanno avuto in dono uan bottiglia di latte appena munto

nale, riunitosi giovedì scorso, perché «questo è il luogo deputato per discuterne. Il Consiglio ha delle competenze, in particolare sul piano regolatore, ed è giusto rispettarle». «Ci tengo a precisare che non sono state violate le competenze del Consiglio – ha replicato il sindaco Fabrizia Derriard -, abbiamo individuato più che validi motivi per appellarci al Consiglio di stato, legittimamente il sindaco ha dato mandato a un avvocato e abbiamo già presentato il ricorso con richiesta di sospensiva. Al momento si sta percorrendo questa strada». Sospensiva che potrebbe arrivare entro un mese, mentre il Consiglio di stato per pronunciarsi, ha ricordato il consigliere, e avvocato, Alessandro Quagliolo, potrebbe anche metterci un paio di anni. Qualora, invece, la sospensiva non venga accolta, i tempi si allungherebbero ulteriormente fino a circa 7 anni per arrivare a una sentenza. Derriard e Quagliolo respingono al mittente la mozione anche per il fatto che «è fuorviante. Non ci sono normative illegittime, stiamo operando seconda la normativa vigente (adesso il piano regolatore precedente il 2007, ndr) e le concessioni rilasciate sono perfettamente legittime». «Il nostro interesse – conclude il capogruppo di minoranza, Raffaella Roveyaz – è che di questo tema si parlasse attorno a questo tavolo». ■ Erika David


22

C O M U N I TÀ M O N TA NA

G R A N D PA R A D I S

lunedì 18 novembre 2013

■ il caso / La linea adottata per la stagione sciistica 2013/2014 dalla società che a maggio ha incorporato per fusione la Funivie Gran Paradiso

Trasferimento di lavoratori da Pila a Cogne Il presidente Remo Grange: «Bisogna ottimizzare»; intanto altri quattro cannoni da neve sono in arrivo per il fondo cogne - Parola d’ordine: ottimizzare. Sembra essere questa la missione a cui è chiamata la Pila Spa, società che nel mese di maggio ha incorporato per fusione la Funivie Gran Paradiso Spa, nell’ambito della gestione dei diversi impianti invernali che, da qui a breve, inaugureranno le rispettive attività ai piedi del Gran Paradiso. A confermare questa linea d’azione, d’altra parte, è lo stesso presidente della Pila Spa, Remo Grange: «L’obiettivo è riuscire a esportare a Cogne, così come a Crévacol, il modello Pila, che consiste sostanzialmente nel valorizzare al massimo le risorse a disposizione, sia quelle umane sia quelle prettamente economiche, non per questo prestando meno attenzione alla qualità del servizio, anzi». Il messaggio appare quanto mai chiaro: ottimizzare fa rima con risparmiare. «Guardi, il discorso è abbastanza semplice - continua Grange -: la Pila Spa è stata chiamata a inglobare vecchie società di gestione che, nonostante l’impegno profuso negli anni dai rispettivi amministratori, non riuscivano più a mantenere i conti in attivo, o comunque in un passivo accettabile. Ciò premesso, è chiaro che il nostro intervento dovrà sostanziarsi nel razionalizzare la gestione del comprensorio di Cogne, senza per questo andare a intaccare la qualità del servizio erogato». Razionalizzare, ma come? «Ci sono molti modi per produrre risparmi - replica Remo Gran-

Un cannone da neve sulle piste di Cogne; nel riquadro Remo Grange

ge -, a partire dall’accentramento degli acquisti, per poi continuare con il trasferimento di nostri lavoratori, anche stagionali, da Pila a Cogne per la stagione invernale. Questo non vuol necessariamente dire stravolgere i livelli occupazionali,

visto che si possono produrre risultati anche soltanto andando a rivedere qualche dettaglio a livello contrattuale». In un simile contesto, che prevede l’apertura degli impianti di risalita nelle giornate del 6, 7, 8, 14 e 15 dicembre, con il via

ininterrotto alla stagione della discesa previsto dal 21 dicembre, la Giunta regionale - nella seduta di venerdì - ha provveduto ad approvare il «nuovo quadro economico del progetto (da oltre un milione di euro, ndr) per la realizzazione di un impianto di innevamento artificiale a bassa pressione a servizio delle piste di fondo» sul Prato di Sant’Orso. Un nuovo quadro economico la cui parte residua la Pila Spa intende utilizzare per l’acquisto di quattro cannoni da neve, che andranno così a sommarsi ai quattro già presenti sul comprensorio del fondo. «In questo modo raddoppieremo il potenziale a nostra disposizione», conclude il presidente della Pila Spa, Remo Grange. ■ Patrick Barmasse

GAL: presentati gli itinerari tra NATURA e GUSTO arvier - ���������� Si chiama «Promenades du goût», il nuovo progetto promosso nell’ambito del Gruppo di Azione Locale (GAL) dell’Alta Valle, presentato mercoledì 13 ad Arvier dai referenti Enrica Quattrocchio e Luigi Cortese (foto). Il progetto, dal costo complessivo di circa 320.000 euro a valere su fondi europei, avrà come obiettivo principale la valorizzazione del territorio rurale, ponendo particolare attenzione alle aziende agricole che vi operano al suo interno e al loro savoir faire. L’azione, di fatto, mira a incentivare il turismo rurale, un turismo sostenibile all’insegna del cosiddetto «slow food» e dei prodotti a chilometri zero, accentuando l’integrazione tra le risorse natu-

rali, ambientali e culturali in un’ottica di tutela e sviluppo compatibile. Nel corso del 2014, quindi, saranno promossi sedici diversi itinerari del gusto - da percorrere a piedi o in sella a una bicicletta tra le comunità montane Grand Paradis e Valdigne, ognuno caratterizzato da punti di interesse storico-culturale, naturalistico e agroalimentare. Al richiamo del progetto, hanno fatto sapere gli animatori del GAL Alta Valle all’atto della presentazione dell’iniziativa, hanno risposto «presente» una cinquantina di imprenditori agricoli, che da qui a qualche mese diventeranno i veri protagonisti di questi itinerari sospesi tra natura e gusto. ■ p.b.

aymavilles

Nuovo gestore per il complesso polivalente della Comunità montana aymavilles - Cambio di gestione nella struttura polivalente di proprietà della Comunità montana Grand Paradis, ad Aymavilles, che da fine settembre è stata assegnata ad Alessandro Acca (foto nel riquadro in basso) con un contratto di gestione quadriennale. Il complesso, al cui interno si trovano una palestra, l’auditorium, uno snack bar e un angolo gioco per bambini, si rivolge sia a società sportive che ad associazioni culturali, così come conferma il neo gestore. «Sono stato spinto ad accettare questa sfida da un gruppo di amici, ora l’obiettivo è di promuovere questa struttura al meglio, considerate le sue altissime potenzialità - afferma Alessandro Acca (foto)-. Non nascondo il fatto che, con la mia gestione, l’ASD Valdostana sia finalmente riuscita a trovare una sua sede stabile, quindi spero di poter instaurare con questa una fattiva collaborazione. Ciò premesso, posso anticipare di avere parecchie idee in merito a possibili iniziative da organizzare all’interno della palestra e dell’auditorium, come per esempio tornei di calcetto (attualmente la palestra è impegnata per 36 ore a settimana tra sci club e altre società sportive, ndr) e altre manifestazioni di richiamo (nel mese di gennaio è in programma un torneo di Texas hold’em il cui ricavato verrà devoluto in beneficenza per la costruzione di un centro per bambini a Malindi, in Kenia, ndr)». ■ pa.ba.

■ aymavilles / Tre giorni di festeggiamenti nel fine settimana al campo sportivo, nell’anno in cui la Pro loco spegne 20 candeline Grand Paradis

Un concerto di beneficenza apre l’edizione 2013 di CRISTO RE aymavilles - Fervono gli ultimi preparativi in vista dell’atteso appuntamento con la Festa patronale di Cristo Re, a Aymavilles, tre giorni di festeggiamenti che avranno quale quartier generale il padiglione allestito nell’area del campo sportivo. Un’edizione, quella in programma da venerdì 22 a domenica 24 novembre, che potrà contare su un’interessante novità. «Quest’anno, su iniziativa della cantoria di Aymavilles, abbiamo inserito nel palinsesto degli appuntamenti anche un concerto di beneficenza in favore dell’associazione ‘Casa dei Giovani’, che vedrà protagonisti, oltre alla locale cantoria, il Coro di Verrès», spiega Simon Tazzara, presidente della Pro loco castellana, che poi aggiunge: «Per il resto abbiamo cercato di mantenere intatto il programma, visti i consensi ricevuti nelle edizioni passate, anche se mi piace ricordare che

Il nutrito staff della Pro loco di Aymavilles che organizzò l’edizione 2012 della Festa patronale di Cristo Re

quest’anno ricorre il ventennale della fondazione della Pro loco di Aymavilles». Il programma VENERDI: ore 19.30, cena a base di fritto misto di pesce; ore 21, concerto di beneficenza a favo-

re di ‘Casa dei Giovani’ presso la chiesa parrocchiale di Aymavilles; ore 22, serata revival anni ‘70, ‘80, ‘90 con Discoevoluzione, con a seguire elezione di Miss e Mister Patron 2013. SABATO: ore 15, gare di belote e pinnacola articolate in tre par-

tite a baraonda; ore 19.30, cena a base di bollito misto; ore 21.30, serata danzante sulle note della Marco & Simon Band. DOMENICA: ore 10.30, santa messa; ore 12.30, pranzo del patrono (prenotazioni entro domani, martedì 19, al 345

8399210); ore 15.30, animazioni per bambini e pomeriggio danzante in compagnia della Marco & Simon Band; ore 19, cena; ore 20.30, teatro popolare con il gruppo La Bétise di Aymavilles. ■ pa.ba.

RHEMES-NOTRE-DAME: la prima giornata sulla nuova seggiovia sarà... GRATIS rhemes-notre-dame��- Una nuova seggiovia quadriposto ad agganciamento fisso e con tappeto d’imbarco (foto). E’ l’impianto - nuovo di zecca che entrerà in funzione dal prossimo 6 dicembre a Rhêmes-Notre-Dame, giornata di inaugurazione della stagione invernale 2013/2014 in occasione della quale sarà possibile sciare gratis. Inoltre, fanno sapere in una nota congiunta il sindaco Fulvio Centoz e l’amministratore delegato della società di gestione SnowMET Srl, Matteo Colombo, venerdì 6 dicembre - condizioni meteo permettendo - «la Scuola di sci della Val di Rhêmes si renderà disponibile ad accompagnare gratuitamente la clientela presente sulle piste». La nuova seggiovia, la Chanavey-Philippein, segue una linea diversa rispetto al tracciato della

vecchia sciovia, aumentandone così sia la lunghezza che il dislivello percorsi, ampliando di fatto il domaine skiable della stazione (il punto di arrivo dell’impianto di risalita è passato dai 1990 metri di quota agli attuali 2107). Sempre in località Chanavey, è stato anche ripensato il campo scuola grazie a un nuovo tapis roulant e a una nuova area situata alla partenza della seggiovia. Il campo, «con pendenze ideali per principianti e bambini», fanno sapere dalla SnowMET, «permetterà alla locale Scuola di sci di offrire ai propri clienti uno spazio più adatto all’apprendimento». In località Bruil, infine, il parco giochi del Gipeto presenterà nuovi tracciati per gommoni e slittini, «con un percorso più adatto ai bambini». ■ pa.ba.

Flash

Sarre, conferenza sulla famiglia La biblioteca comunale di Sarre, giovedì a partire dalle 20.45 nel salone del Consiglio comunale, organizza una conferenza dal titolo ‘La crisi della famiglia. Gestire il cambiamento cercando nuovi equilibri’. A parlarne al pubblico saranno le psicologhe Maria Nicoletta Gallucci, Carla Buzzelli e Cinzia Zanini, la pedagogista Silvia Rebaudengo e l’avvocato Anna Ventriglia. Sarre, Santa Cecilia Fervono gli ultimi preparativi in vista dei festeggiamenti di Santa Cecilia a Sarre, festa dei musicisti. Venerdì, all’interno della palestra della scuola Cirillo Blanc di Sarre, si terrà il tradizionale concerto animato dal coro Les Notes Fleuries du Grand Paradis, dal corps philharmonique La Meusecca e dalla cantoria di Sarre. Domenica, invece, appuntamento con l’ormai immancabile sveglia di Santa Cecilia, in programma all’alba, con a seguire la santa messa delle 10.30 presso la chiesa di StMaurice. St-Pierre, spettacolo/ denuncia contro la violenza sulle donne Sabato 23 novembre, alle 20.45 nel salone polivalente della scuola dell’infanzia di St-Pierre, andrà in scena lo spettacolo/denuncia contro la violenza sulle donne dal titolo ‘Mai devi dire’. Attori Maria Antonietta Centoducati e Gianni Binelli, al pianoforte il maestro Ovidio Bigi. Al termine dello spettacolo sarà offerto un rinfresco.


lunedì 18 novembre 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

GRAND COMBIN

23

Saint-Oyen, weekend di amicizia e preghiera per quaranta ragazzi Ilaria CAVALET GIORSA cesani. Come già si era scelInviata a St-Oyen to ad agosto, per poter permettere ai ragazzi di vivere st-oyen - Per rinfrescare la al meglio quest’esperienza, memoria dei campi, per rav- sono stati pensati due pervivare corpo e spirito dopo corsi: uno per i ragazzi che i primi mesi di scuola, per hanno iniziato quest’anno la ritrovare vecchi amici e in- scuola superiore, l’altro invecontrarne di nuovi, ma so- ce per i ragazzi dal secondo prattutto per confrontarsi e al quinto anno. «I temi scelcrescere insieme, mettendo ti sono stati due, proprio per le proprie vite nelle mani del venire incontro alle diverse Signore. È questo lo spirito esigenze», ci spiega Tiziana con cui quaranta ragazzi del- Petey, una delle organizzale scuole superiori (foto) si trici del campo scuola, che sono recati nel fine settima- prosegue: «Il tema proposto na a St-Oyen, presso la casa ai ragazzi più piccoli è stadi Château Verdun. Si trat- to quello del cambiamento: ta di una buona parte di ra- il loro ingresso nella scuola gazzi che hanno vissuto in- superiore li ha sicuramente sieme, quest’estate, l’espe- messi di fronte a molte nuorienza dei campi scuola dio- ve realtà con cui devono ini-

Gli studenti che hanno dato vita a Château Verdun a una due giorni di riflessione e preghiera in amicizia

ziare a fare i conti. Il fatto di non sentirsi soli in questo nuovo mondo e di potersi confrontare con chi, come loro, sta vivendo un grande cambiamento, rappresenta una possibilità di dialogo e di crescita». L’argomento che ha accompagnato gli altri ra-

gazzi delle superiori, invece, è stato quello della fedeltà. Fedeltà nell’amicizia, nello studio, in un impegno, nell’amore. «Abbiamo pensato che, avendo già affrontato il cambiamento della nuova scuola negli anni precedenti, quello della fedeltà

agli impegni presi nei vari ambiti della loro vita potesse essere un bello spunto su cui riflettere», commenta ancora Tiziana Petey. Le due giornate sono state strutturate tra attività, giochi, preghiere e momenti di condivisione. «La mia speranza, e

quella degli altri educatori, è senz’altro quella di ritrovare altrettanti giovani alle prossime iniziative, anche se desideriamo soprattutto che queste esperienze possano permettere loro di vivere al meglio la vita di tutti i giorni», conclude Petey.

G.COMBIN: in festa i coscritti classe 1968 della Coumba OLLOMONT: nuovo tentativo, vendesi edifici per 343.000 euro

Trasferta in terra canavesana, quella organizzata sabato sera dai coscritti classe 1968 della Coumba Frèide, che dal bar Chiribiri sono partiti alla volta del ristorante Il Mago di Caluso per una serata trascorsa in allegria

Ollomont - L’amministrazione comunale del sindaco Joel Creton (foto) ci riprova. Dopo la prima asta pubblica andata deserta a metà settembre, il Comune di Ollomont ha indetto un secondo tentativo utile all’alienazione di alcune sue proprietà, per le quali il prossimo 2 dicembre è previsto lo svolgimento di una seconda asta pubblica per la messa in vendita dell’ex biblioteca in frazione Le Bas (prezzo a base d’asta 205.000 euro), l’alpeggio Berovard (57.000 euro) e l’alpeggio Lecondzau (81.000 euro). L’asta pubblica - si legge nello specifico bando di alienazione predisposto per il secondo esperimento - «sarà tenuta con il sistema delle offerte segrete al rialzo rispetto al prezzo a base d’asta fissato dall’amministrazione comunale (prezzi a base d’asta rimasti

invariati rispetto al primo esperimento andato deserto, ndr); l’aggiudicazione verrà assegnata all’offerta economicamente più alta, considerando separatamente i tre lotti posti in vendita». L’amministrazione comunale di Ollomont, quindi, non demorde, e - nonostante il periodo di stallo del mercato immobiliare - cerca nuovamente di concretizzare il piano straordinario di alienazioni approvato dal Consiglio comunale il 27 febbraio scorso. Chiaro, d’altra parte, il motivo di tale azione. «Le risorse eventualmente in entrata da tale operazione, verranno destinate all’abbattimento dell’indebitamento dell’amministrazione, così come da direttiva della Corte dei Conti», aveva spiegato all’epoca del primo esperimento, il sindaco Creton.


24

C O M U N I TÀ M O N TA NA

GRAND COMBIN

lunedì 18 novembre 2013

■ cpel / All’atto dell’ok al bilancio di previsione 2014, sono stati ben 6 su 11 gli amministratori del Grand Combin a votare contro o ad astenersi

La Coumba roccaforte del malcontento dei sindaci

Manes: «Nessuna spaccatura nella Comunità montana»; Tamone: «Noi chiamati a ratificare decisioni calate dall’alto» gignod - Coumba Frèide roccaforte del malcontento degli enti locali valdostani? Numeri alla mano, sembrerebbe proprio di sì, visto che all’atto del via libera concesso a maggioranza al bilancio di previsione della Regione per l’anno 2014, all’interno dell’assemblea del Consiglio permanente degli enti locali sono stati ben sei gli amministratori comunali del Grand Combin a non fornire il loro parere favorevole al documento economico-finanziario presentato dal presidente della Regione, Augusto Rollandin, e dall’assessore regionale al bilancio, Mauro Baccega. Insomma, all’interno della Comunità montana Grand Combin sono stati più i sindaci a non fornire il loro parere favorevole al bilancio di previsione (Massimo Tamone di Etroubles, Riccardo Farcoz di Gignod, Natalino Proment di St-Oyen, Corrado Jordan di St-Rhémy-en-Bosses, Gabriel Diémoz di Roisan ed Ermanno Riva Rivot di Valpelline) rispetto a quelli che hanno invece optato per il via libera (Erik Patrocle di Allein, Armando Chentre di Bionaz, Franco Manes di Doues, Joël Creton di Ollomont e Remo Domaine di Oyace). Una Comunità montana spaccata a metà, 6 a 5, quella del Grand Combin, numeri alla mano. Interpellato in merito all’esito della votazione in seno al Cpel, il sindaco di Doues, Franco Manes, uno dei cinque a fornire il parere favorevole al bilancio di previsione regionale, parla

Franco Manes

Massimo Tamone

di «astensioni o voto contrario che, tranne qualche caso dovuto all’appartenenza politica dell’amministratore locale, penso siano riconducibili alla complessità della materia, nessuna spaccatura all’interno della Comunità montana - commenta -, anche perché, stando all’analisi dei costi standard e allo studio di rior-

ganizzazione del comparto socio-assistenziale, la nostra realtà non dovrebbe in alcun modo essere toccata, rientrando in maniera ottimale nei parametri legati alla gestione della spesa pubblica». Passando agli amministratori che non hanno fornito il loro via libera al documento economico-finanziario di previsio-

ne, dopo aver più volte provato a contattare (ma senza esito) il sindaco di Gignod nonché presidente della Comunità montana, Riccardo Farcoz, che si è astenuto, abbiamo sentito Massimo Tamone di Etroubles, uno dei tre primi cittadini - insieme a Sandro Pepellin di Jovençan e Roberto Brunod di Antey - a votare contro. «Nell’ambito della finanza locale, c’è sempre più un’invasione di campo da parte della Regione, con le decisioni che vengono presentate al Cpel soltanto per essere ratificate. Se in più aggiungiamo che ben pochi amministratori locali si stanno rendendo conto della gravità dei tagli che ci sono stati imposti, ecco che il panorama futuro non può che assumere contorni molto problematici», anticipa Tamone. ��� Patrick Barmasse

GC: coscritti 1956 in festa ricordando Déleonard e Piassot

notizie in breve Gignod, premiazione L’écrivain de la Tour

La biblioteca comunale di Gignod, nell’ambito della XI giornata di promozione della scrittura, organizza la premiazione del XVIII concorso letterario ‘L’écrivain de la Tour’. La kermesse finale del concorso è in programma domenica 24 novembre, a partire dalle 15, nel salone polivalente della scuola primaria di Gignod capoluogo. Ollomont, campionato di arrampicata

Si terrà domenica 24 novembre, alla Maison Grimpe di Ollomont, il campionato di arrampicata sportiva amatoriale, VI Trofeo Giulio Dannaz. La manifestazione prenderà il via alle 10 nella struttura al coperto di frazione Rey, con le iscrizioni che si raccoglieranno in loco (7 euro fino a 19 anni, 10 euro dalla categoria Senior). Info: 335 6658579, 347 7294661, 339 6298900. Bionaz, 11° Mercatino di Natale

Sabato 30 novembre e domenica primo dicembre, all’interno dei saloni comunali in località Capoluogo di Bionaz, è in programma l’11ª edizione del Mercatino di Natale. Tra i diversi oggetti in esposizione (e naturalmente in vendita) ci saranno decorazioni natalizie, decorazioni per la casa, oggetti artigianali in legno e ferro battuto, articoli regalo, uncinetto, cucito e lavori a maglia, articoli dipinti a mano e tanto altro ancora. Per info e adesioni: 0165 730959, biblioteca@comune.bionaz.ao.it. Gignod, preparare il pane nero

Il gruppo coscritti del 1956 del Grand Combin si è ritrovato per la consueta cena annuale, organizzata dopo la messa in ricordo degli amici Mauro Deléonard e Silvana Piassot - al ristorante Bonplan di St-Marcel

La biblioteca comunale di Gignod, sabato 30 novembre, alle 10.30 al forno di Vefan, al Planet, organizza un incontro per preparare il pane nero. Sono invitati a partecipare sia adulti che bambini, ognuno potrà portarsi a casa qualche pane. Le spese di legna e farina saranno divise tra i partecipanti all’iniziativa. Le iscrizioni dovranno pervenire in biblioteca (0165 56449) entro mercoledì 27 novembre. Alle 14.30 di sabato 30, poi, l’oratorio di Gignod invita bimbi e genitori a preparare i pani che verranno venduti il primo dicembre davanti alla chiesa parrocchiale, il cui ricavato servirà per organizzare le attività dell’oratorio.

■ flassin / Divergenze economiche dietro al tira e molla sul contratto di gestione dei tracciati di sci nordico e slittino

Pista di fondo: trattativa SERRATA tra comuni e Pila Spa La firma è attesa a giorni, ma sui lavoratori assunti - anche per Crévacol - la società fa sapere: «Occorre razionalizzare» st-oyen - Trattativa serrata, quella in atto da qualche settimana tra le amministrazione comunali di St-Oyen, Etroubles e St-Rhémy-enBosses, e la Pila Spa, società che dalla stagione invernale ormai alle porte, oltre al comprensorio sciistico di Crévacol, gestirà la pista di sci nordico intercomunale dell’alta valle del Gran San Bernardo, la pista di slittino e lo snowpark di Flassin. La firma sul contratto di gestione delle piste di fondo e di slittino sembra ormai imminente, «è questione di giorni», conferma il direttore generale della Pila Spa, Fabio Junod, anche se a oggi le pretese economiche della società del presidente Remo Grange non hanno incontrato l’approvazione delle tre amministrazioni comunali coinvolte nella trattativa. «L’aspetto economico è stato senz’altro quello che ci ha visti inizialmente più distanti spiega il sindaco di St-Oyen, Natalino Proment, primo cittadino dell’ente capofila nel procedimento -. Detto questo, la volontà di entrambe le parti è quella di arrivare all’apertura della stagione dello sci a Flassin con la situazione definita, quindi reputo che entro la fine di questa settimana ci siano ottime probabilità che si chiuda l’operazione». Sui dettagli economici al centro della trattativa, però, Proment preferisce ri-

Il sindaco Natalino Proment Una panoramica della pista di Flassin, vista dalla zona del Foyer

manere abbottonato. L’unica indiscrezione che ci conferma è che «le pretese economiche iniziali, che noi abbiamo reputato un po’ troppo alte, sono state riviste». La pista intercomunale di sci nordico, un tracciato di 18 km di proprietà dei tre co-

muni dell’alta valle del Gran San Bernardo, neve permettendo, dovrebbe aprire per il ponte di Sant’Ambrogio, così come confermato dal direttore generale della Pila Spa, Fabio Junod. «L’intenzione è sicuramente quella di poter aprire la pi-

sta di fondo non appena le condizioni di innevamento ce lo permetteranno - afferma -. Ovviamente ci sono ancora dei dettagli da definire col Comune di St-Oyen, ente locale col quale cercheremo di confrontarci anche in merito alle modalità di gestione dell’impianto dedicato allo sci nordico».

BELOTE: Reginato balza al comando della generale Gignod - Cambio al vertice della classifica generale della quarta edizione del torneo degli undici comuni di belote, kermesse organizzata dalla sezione intercomunale Avis del Grand Combin. Dopo la seconda delle undici tappe in programma, andata in scena giovedì sera al ristorante pizzeria La Maison de Pierre di Gignod, alla presenza di 75 concorrenti, Fernando Reginato (foto) ha scavalcato al comando della graduatoria Sebastiano Navarretta, che aveva primeggiato nella prova inaugurale al bar Miravalle di Allein. A Gignod, nella speciale classifica riservata ai soci Avis, a imporsi è

stato Silvano Petitjacques davanti a Gemma Ronc, Walter Faustinelli, Edy Vermillon e Stefano Belli, mentre nella graduatoria dedicata ai simpatizzanti Remo Juglair si è imposto su Corrado Avantey, Franco Torgneur, Fernando Reginato e Franco Petitjacques. Tornando alla classifica generale, quindi, a comandare provvisoriamente la situazione troviamo Reginato davanti a Faustinelli, Gemma Ronc, Torgneur, Navarretta, Angelo Vaudan, Franco Petitjacques, Juglair e Bruno Ronc. Terza tappa in programma giovedì al ristorante pizzeria La Meule di Roisan. ■ p.b.

E per quanto riguarda lo snowpark, struttura che nella stagione passata, a causa di un guasto al tapis roulant, provocò non pochi grattacapi a chi vi precedette nella gestione, ovvero la GrandSt-Bernard Spa? «Tutto a posto, il tapis roulant è stato sostituito e quindi ci presenteremo pronti all’inaugurazione della stagione (che per quanto riguarda l’area giochi invernale è fissata per il 21 dicembre, ndr)», replica Junod della Pila Spa, che poi annuncia: «Il comprensorio sciistico di Crévacol contiamo di aprirlo sabato 7 dicembre». Un aspetto a cui la Grand-St-Bernard Spa ha sempre prestato molta attenzione, era il fatto di poter assumere personale del posto, anche a livello stagionale, per poter gestire il domaine skiable. E’ vostra intenzione fare altrettanto? «Guardi, in questo momento stiamo ancora definendo le piante organiche da impegnare nel comprensorio, quindi a questa domanda preferisco non rispondere in maniera troppo precisa, anche perché non vorrei poi essere smentito - afferma ancora Fabio Junod -. Diciamo che è nostra intenzione andare a riorganizzare un po’ tutta la gestione, ottimizzando le risorse a disposizione così da poter abbattere i costi. Occorre razionalizzare». ■ pa.ba.

St-Oyen

Flash

La Foire Marché de Noël du Grand Combin L’amministrazione comunale di St-Oyen comunica che anche quest’anno si terrà la Foire Marché de Noël du Grand Combin, manifestazione in programma al centro espositivo adiacente al Bar Tennis di Etroubles nei giorni 7, 8, 14, 15, 21, 22, 23 e 24 dicembre, con il seguente orario: tutti i giorni dalle 14 alle 19, a esclusione della giornata del 24 dicembre, in cui verrà disposta la chiusura anticipata alle 18. Alla mostra mercato possono partecipare tutti gli artigiani residenti in Valle d’Aosta, con priorità a quelli residenti nei comuni di St-Oyen, St-Rhémy-en-Bosses ed Etroubles, con a seguire - in caso di disponibilità di posti - quelli residenti nel comprensorio della Comunità montana Grand Combin, anche non iscritti all’albo regionale. Per qualsiasi dettaglio, sul sito del Comune di St-Oyen è pubblicata copia del regolamento per la partecipazione alla manifestazione, le cui adesioni si raccolgono entro oggi, lunedì 18 novembre, compilando la domanda e spedendola al Comune di St-Oyen, rue GrandSt-Bernard 52, oppure inviandola via fax al 0165 78478 o consegnandola a mano. Info: 348 2491302, 340 2497114.


25

lunedĂŹ 18 novembre 2013

       

:::)/753+2/7

  @  "&  ""

   ""           

                        

?    

Consumo su percorso misto: Nuova CitroĂŤn C3 1.4 VTi 95 GPL/Benzina (uso a GPL, con Cerchi in lega) 8,2 l/100 Km - (uso Benzina, con Cerchi in lega) 5,9 l/100 Km. Emissioni di CO2 su percorso misto: Nuova CitroĂŤn C3 1.4 VTi 95 GPL Airdream (uso Benzina, con Cerchi in lega) 136 g/Km - (uso a GPL, con Cerchi in lega) 129 g/Km. Offerta promozionale esclusi IPT, Kit Sicurezza +

contributo PFU e bollo su dichiarazione di conformitĂ , al netto dell’ “Incentivo Concessionarie CitroĂŤnâ€?. Offerta delle Concessionarie CitroĂŤn che aderiscono all’iniziativa, riservata ai clienti privati, valida per vetture in pronta consegna con immatricolazione entro il 30/11/2013 e su tutte le vetture disponibili in rete fino ad esaurimento scorte non cumulabile con altre iniziative in corso. Esempio di finanziamento su Nuova CitroĂŤn C3 1.0 VTi 68 Attraction. Prezzo di vendita promozionato per vetture in pronta consegna (con immatricolazione entro il 30/11/2013) â‚Ź 9.490 chiavi in mano, IVA e messa su strada incluse (IPT esclusa). Anticipo â‚Ź 3.525. Imposta sostitutiva sul contratto in misura di legge. Spese di incasso mensili â‚Ź 3,50. Importo totale del credito â‚Ź 6.315. Spese pratica pari a â‚Ź 350. Importo totale dovuto â‚Ź 6.784 . 23 rate mensili da â‚Ź 99 e una rata finale denominata Valore Futuro Garantito da â‚Ź 5.471. TAN (fisso) 3,99%, TAEG 8,39%. La rata mensile comprende i servizi facoltativi IdealDrive (Manutenzione Ordinaria Programmata 24 mesi/20.000 Km, importo mensile del servizio â‚Ź 22,64) e Azzurro Classic (Antifurto con polizza furto e incendio – Prov VA, importo mensile del servizio 14 ). Offerte promozionali riservate a Clienti non Business. Informazioni europee di base sul credito ai consumatori presso le Concessionarie. Salvo approvazione Banque PSA Finance - Succursale d’Italia. Offerta valida fino al 30/11/2013. La foto è inserita a titolo informativo.

LOC. GRAND CHEMIN - SAINT CHRISTOPHE - (AO) 0165 23 64 79 www.automontblanc.it - automontblanc@citroen.it


26

lunedĂŹ 18 novembre 2013


lunedì 18 novembre 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

MONT EMILIUS

27

■ POLLEIN / E’ stato inaugurato ieri, domenica, il centro diurno per anziani

Un po’ casa e un po’ ritrovo Pollein - Esattamente due anni fa (nel mese di novembre 2011) veniva aperta al pubblico la nuova biblioteca di Pollein; spazi nuovi, e soprattutto più ampi, che prendevano il posto di quello ubicato al primo piano del municipio. Oggi, questo locale, a seguito di lavori di adeguamento, è stato trasformato in un centro di ritrovo diurno per anziani, la cui cerimonia inaugurale è avvenuta domenica 17 novembre. «E’ con grande emozione e onore che ho il privilegio di aprire le porte di questa splendida struttura - sono le parole del sindaco Angelo Filippini prima del taglio del nastro. Nel programma elettorale si riportava che pensavamo di destinare i locali dell’ex biblioteca a uso sociale, per momenti di incontro di anziani, dei volontari che si ritrovano per la realizzazione delle pouettes o altro. Ebbene, oggi questa amministrazione ha mantenuto l’impegno assunto, certa di aver interpretato concretamente il bisogno di una categoria sociale che compone la nostra comunità». Il nuovo centro di ritrovo, con un costo di circa 20 mila euro (finanziati dal comune) in cui sono stati rifatti gli impianti, adeguati i servizi anche per i disabili e realizzato un angolo cottura, offre una zona relax (con divani e tv), tavolini con 32 posti a sedere e una funzionale cucina. «Il centro deve avere funzioni aggregative, creative e in-

terattive proprio perché destinato alla persona che lo deve utilizzare come luogo da abitare. E’ stato destinato prevalentemente agli anziani, ma può essere anche utilizzato da altri soggetti, pure da anziani dei comuni limitrofi purché inseriti in attività organizzate dal centro stesso; l’utilizzo ad altre fasce sociali, avverrà attraverso una regolamentazione» - continua il sindaco, il quale conclude con un augurio ai fruitori della struttura, «affinché possano ar-

A sinistra il taglio del nastro; qui sopra la benedizione di don Ottobon

ricchire e sviluppare le relazioni interpersonali in piena serenità e familiarità» nonché ringraziando tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione del progetto. La cerimonia di inaugurazione è proseguita con il

■ brissogne / La cunetta di Pacou fa storcere il naso agli automobilisti, in dubbio l’altezza Mont Emilius

La moda dei dossi arriva anche in paese brissogne - Dopo l’ondata di nuovi rialzi nelle zone del centro Aosta, la tendenza a costruire rallentatori di traffico si è allargata nei vari comuni della Valle. Da quasi un mese il nuovo dosso di Brissogne, a Pacou, ha destato le lamentele di residenti e persone di passaggio. I lavori sono iniziati velocemente e, a detta di molti, senza una vera motivazione per costruirlo. «La costruzione di questo dosso – afferma Francesco, residente a Brissogne – è stata veramente veloce. Da un giorno all’altro abbiamo visto il nuovo ostacolo prendere forma. Naturalmente se è fatto per un giusta causa è bene farlo, però potevano pensare almeno all’altezza. Infatti, mol-

Il dosso realizzato a Pacou in prossimità del centro servizi

te auto toccano, come succede anche nei dossi in località Grand Chemin a Saint-Christophe. Secondo me ci saranno problemi soprattutto in inverno, con la neve e con difficoltà nel ripartire in salita dopo essersi quasi fermati per su-

■ jovençan / Un libro ricorda la guaritrice di St-Christophe

Geppina, omaggio al dono Jovencan – «Madame Gerbelle était un cadeau du ciel,avec ses mains pleines d’expérience...» «Tu, riprendi». Due semplici parole hanno regalato a Manu Monmariage, documentarista belga, a tutti i valdostani che l’hanno conosciuta, e a chi vorrà conoscerla, l’occasione di poterla rivedere e di vedere il suo secret. La presentazione del libro collettivo su ‘Madame Gerbelle’, Giuseppina Pallais, conosciuta da tutti come Geppina, è stata aperta, venerdì pomeriggio, proprio dalla visione di questo documento straordinario, girato da un gruppo di ragazzi che partecipava a uno stage di formazione sul documentario condotto dal filmaker belga. Si vede la signora Gerbelle, nella sua casa di La Plaine a Saint-Christophe, mèta di pellegrinaggi di migliaia di persone in cerca di sollievo e aiuto, che con il suo tocco leggiadro accarezza una bambina e sua madre recitando le sue formule, le preghiere, le litanie un po’ in francese e un po’ in italiano che erano, assieme alle sue mani, l’essenza del suo secret. ‘Madame Gerbelle – Storia di un dono’ è un omaggio, a dieci anni dalla sua scomparsa, alla figura di questa piccola grande donna che come hanno ricordato anche il presidente della Regione Augusto Rollandin e l’assessore Joël Farcoz, intervenuti alla presentazione,

taglio del nastro e la benedizione da parte del parroco don Luigino Ottobon, quindi i volontari della pro loco hanno offerto l’aperitivo ai numerosi pollèntchón presenti. ■ Renato Ducly

Le antopologhe Chiara Piaggio e Nora Demarchi e Riccardo Piaggio

ha dato tanto alla comunità valdostana, «andandosene, purtroppo, senza tramandare a nessuno il suo dono». Nato da un’idea di Davide Mancini, insegnante e cantautore, che frequentò casa Gerbelle dall’età di 10 anni

Mont Emilus

Flash

Nus, il Medioevo in Valle d’Aosta a Giovediamoci

‘La vita quotidiana nella Valle d’Aosta medievale’ è il titolo della conferenza in programma giovedì 21 novembre alle 21 nella sala consiliare. Interverrà Ezio Gerbore. Charvensod, il Tor des Géants secondo noi Mercoledì 20 novembre alle 20.30 nella sala del Consiglio comunale i tsarvensolens che hanno partecipato al Tor des Géants racconteranno la loro esperienza.

e instaurando un rapporto privilegiato con Madame (alla quale ha dedicato l’omonima canzone), il volume ha come ambizioso obiettivo portare Geppina e il suo dono fuori dalla Valle d’Aosta. Edito da squi[libri] di Roma, il libro raccoglie interventi di Michela Murgia (l’autrice sarda, stregata dall’incontro con secret e conoscitori di erbe spontanee e piante officinali sta scrivendo il suo nuovo romanzo, ambientato in Valle d’Aosta, proprio attorno a questi temi), delle antropologhe Chiara Piaggio e Nora Demarchi, del medico Paolo Greco e le interviste a medici, vescovi, insegnanti, giornalisiti, psicoterapeuti, guaritori che raccontano la loro esperienza personale con Geppina Gerbelle. ‘Madame Gerbelle – Storia di un dono’, in libreria dalla prossima settimana a 30 euro. ■ Erika David

perare il dosso, oppure, in discesa per fermarsi in tempo se la starda sarà ghiacciata o coperta di neve». Come affermato, il problema di questo metodo di rallentamento non è solamente il fatto che è stato posizionato in una stra-

da in salita, ma è anche la sua altezza in quanto molte vetture sono costrette a passare attraverso il parcheggio adiacente per non correre il rischio di toccare il paraurti. «Per costruire il dosso abbiamo fatto richiesta al servizio viabilità e successivamente lo abbiamo realizzato secondo le direttive regionali – spiega il sindaco di Brissogne Bruno Menabreaz – stando in regola con le norme regionali sulle dimensioni . Inoltre, secondo la normativa i dossi possono essere costruiti in prossimità di edifici pubblici. Di fatto a Pacou è presente una scuola dell’infanzia e primaria, oltre che al centro servizi, ed è quindi giusto proporre progetti che tutelino questi luoghi». ■ Frédy Pascal

Flash

Nus, stelle in carta velina Questa sera, lunedì 18 novembre, dalle 20.45 alle 23.15 l’ex area Cpn ospiterà un corso per realizzare stelle in carta velina. Quota, materiale compreso, 18 euro. Fénis, corso di disostruzione pediatrica La Croce Rossa Italiana organizza un corso di disostruzione pediatrica gratuito. Gli incontro sono in programma al salone polivalente di Tsanté di Bouva a Fénis, dalle 8.30 alle 12.30, sabato 23 novembre, 14 dicembre 2013 e 25 gennaio e 22 febbraio 2014. Per iscriversi contattare Nadia Piccot al 349-7113519.


28

C O M U N I TÀ M O N TA NA

MONT EMILIUS

lunedì 18 novembre 2013

■ nus / Prima ‘uscita’ della nuova stagione sportiva per il fans club di Pellegrino Simone NIGRISOLI inviato a Petit Fenis nus - Si definisce campione un atleta predisposto a vincere le competizioni della disciplina di cui è protagonista; lui, Federico detto ‘Chicco’, anche se di gare ne ha già vinte molte, è molto di più di questo. Un ragazzo umile, dolce e simpatico, capace, grazie alla sua personalità, di unire attorno a se centinaia di fans pronti a seguirlo e a sostenerlo, a riempirlo di affetto e incoraggiamento. In occasione del suo ritorno in coppa del mondo, alla Trattoria Favre di Saint Barthelemy, sabato sera, il ‘Chicco Pellegrino Offical fans club’ e il suo direttivo, hanno organizzato una serata interamente dedicata all’atleta, in cui sono state proiettate immagini e video delle imprese della scorsa stagione, come l’oro ai Mondiali Under 23 nella specialità Sprint e i due podi di coppa del mondo conquistati in Svizzera in Val Mustair e a Davos. Una sala gremita di amici e ammiratori, che hanno seguito con interesse le riprese e il discorso finale di Federico nel quale ha promesso che cercherà di riconfermarsi anche per la prossima stagione e non nasconde il sogno di voler portare a casa una medaglia dalle Olimpiadi in programma il prossimo febbraio in Russia. «Le Olimpiadi non sono come una gara di coppa del mondo, ci sono dei fattori che possono giocare a mio sfavore come per esempio l’inesperienza - afferma lo sciatore - dovrò fare molta attenzione e non sottovalutare nulla se voglio portare a casa un risultato». Poi, rivolto ai suoi fan aggiunge, «sono molto contento di avere un fan club così agguerrito, voi per me siete tut-

Il popolo giallo per CHICCO I fans più giovani chiedono un autografo

Chicco Pellegrino tra i suoi amici e componenti del suo Official Fans Club

to e un tifo così è davvero invidiabile». Un vero e proprio gruppo di supporters, nato in occasione dei mondiali di Oslo del 2011, dove Chicco è arrivato dodicesimo e che con il passare del tempo si è organizzato sempre meglio con un vero è proprio direttivo, una segreteria addetta ai tesseramenti, creazione di gadget, magliette e una mascotte formato gigante, un Falco Pellegrino, che rappresenta la vittoria. Il direttivo è composto da sei giovani ragazzi: Federico Bottani, Francesco Pellegrino, Manuela Mortara, René Baravex, Thierry Baravex e Xavier Chevrier che oltre ad essere i fondatori sono anche gli amici di sempre dell’atleta. «Noi siamo il popolo giallo - spiega Francesco Pellegrino, fratello di Chicco e anche portavo-

I ‘trucchi del mestiere’ di Coralie per valorizzare la propria bellezza con un perfetto make up nus - 13 giovani donne hanno aderito con entusiasmo al corso base di trucco organizzato dal comune di Nus e tenuto dalla make up artist Coralie Gaspard. Insieme al sindaco Elida Baravex e all’assessore alla cultura Margaretha Milliery, hanno partecipato al corso Vanda Oddo, Emilie Contoz,

Elisa Ducourtil, Viviana Mastella, Francesca Garella, Ilenia Vial, Letizia Blanc, Erika Damarino, Fanny Aguettaz, Adele Gangemi, Allison Casella, Deborah e Chantal Baravex. Nella foto le corsiste; in primo piano a sinistra il sindaco e in fondo Coralie Gaspard e l’assessore Milliery.

ce del fan club, e aggiunge abbiamo scelto questo colore perché è quello con cui Federico ha iniziato a gareggiare in Coppa del Mondo e quando alla televisione durante una gara ti capita di vedere una massa di gente vestita di giallo che salta, canta e urla: Quelli siamo noi»! Ragazzi determinati, pieni di grinta, passione e sempre con la voglia di sostenere il loro idolo. In programma per il prossimo anno, le gare di coppa del mondo in Svizzera e Olimpiadi di Sochi, in Russia, nel mese di febbraio. «Le trasferte in Russia hanno costi proibitivi - ma non faremo di tutto per esserci, ci siamo già interessati con alcune agenzie di viaggio per spuntare dei pacchetti favorevoli e sostenere Chicco nella sua straordinaria avventura olimpica».

UN SERVIZIO

COMPLETO dal progetto realizziamo i tuoi sogni...

Show Room News

Loc. Grande Charriére 64 - 11020 Saint-Christophe (AO) 328 3244571 - 0165 231026 - dgarredi@gmail.com


lunedì 18 novembre 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

M O N T E C E RV I N O

29

■ CHAMBAVE / Cittadini scettici per il progetto finanziato dal FOSPI: «La gente non usa già gli altri; era meglio mettere lì il parco»

Restyling del Borgo: il nuovo parcheggio non convince Soddisfatto dell’andamento Elio Chatrian: «Per settembre 2014 speriamo nella consegna; il nuovo posteggio? Per decongestionare la piazza» Alessandro BIANCHET Inviato a Chambave CHAMBAVE - Settembre 2014, a meno di ritardi e disguidi. Sembra essere questa la data di conclusione dei lavori di riqualificazione del borgo di Chambave, inseriti in un finanziamento FOSPI da circa 5 milioni di euro che prevede la ristrutturazione dell’ex municipio, la realizzazione di un parcheggio alle spalle dello stesso, la riqualificazione di piazza Felix Orsières, l’allargamento della strada che conduce al cimitero, la sistemazione di alcune vie del centro e la realizzazione di un’area verde nella parte sud est del paese. Il progetto «I lavori proseguono secondo il cronoprogramma previsto spiega il sindaco di Chambave Elio Chatrian -. E’ uno degli ultimi FOSPI di un certo livello che sono stati concessi, per cui siamo felici di poterlo sfruttare». Chatrian entra poi nei dettagli. «In inverno verranno completati gli interni dell’ex municipio - chiosa il primo cittadino -, mentre la strada del cimitero è stata praticamente ultimata, manca solo l’illuminazione pubblica. Per la primavera saranno conclusi i lavori del parcheggio, che sarà collegato a piazza Felix Orsières da un ascensore, e collegheremo le strade interne del borgo a via Chanoux. Il tutto si concluderà con la realizzazione dell’area verde per settembre 2014». I cittadini Ma cosa ne pensano i cittadini, visto che interventi del genere generano, come sempre un po’ di malcontento? «Da quando sono iniziati i lavori stiamo subendo notevoli disagi - spiega Elisa del Bar Custoza e per ora il bilancio è negativo. Certo, aspettiamo la fine, ma non è piaciuto il fatto che il progetto sia stato presentato solamente

su Les Nouvelles de Chambave. E poi, così tanti soldi avrebbero potuto essere spesi in altro modo; è inutile creare strade anche di cristallo e continuare a realizzare parcheggi se poi lungo il borgo è pieno di case disastrate. Credo che ci vogliano altre iniziative per far arrivare la gente, non certo quella di spostare la Festa dell’Uva, nonostante i lavori non intralciassero più di tanto lo svolgimento». I lavori non sembrano convincere, visto che tanti nel bar provano a dire la loro, anche se a mi-

A lato, Ildo ed Elisa; sopra, uno scorcio del tanto discusso parcheggio e, a destra, la zona che ospiterà l’area verde

crofoni spenti. Ci prova Ildo che, almeno in parte, difende l’operato del comu-

ne. «I lavori ci stanno, ma bisogna evitare lo sperpero di soldi - esclama -. La cosa indecente è

L’EVENTO

Domenica ritorna il suggestivo Tsalende a Tsambava CHAMBAVE - Si avvicina il decimo anno di vita e Tsalende a Tsambava cresce ancora. Saranno infatti più di cento gli espositori che prenderanno parte, domenica 24 novembre, al mercatino di Natale organizzato dalla Pro loco e dall’amministrazione comunale di Chambave. Insomma, c’è ottimisimo tra gli organizzatori per l’ormai tradizionale appuntamento nel borgo, che comincerà alle 9 per concludersi alle 18 col calare delle tenebre. «Siamo contenti - esclama Simone Massimino, presidente della Pro loco -. Quest’anno abbiamo già superato le cento iscrizioni di espositori e prevediamo un buon afflusso. Il mercatino, ovviamente, sarà allestito nella via centrale, anche se ci sarà qualche

problemino per i lavori di riqualificazione del borgo, ma non credo che avremo grossi disagi». La giornata, però, non sarà solo mercatino. «All’ora di pranzo distribuiremo il minestrone, soprattutto agli espositori - continua Massimino -, poi somministreremo té caldo e vin brulé per tutta la giornata per far scaldare la gente». Non mancheranno, poi, le manifestazioni collaterali, per completare il quadretto natalizio. L’ex Prato fiera, dalle 15, ospiterà “Proviamo a ballare”, un assaggio di tango proposto in collaborazione con l’associazione SpazioTango. Il Centre Culturel, invece, aprirà i battenti alle 8.30 ospitando la mostra dei dipinti de “La Lydia” e un tuffo nel passato con “l’Amarcord” di Gianni.

che un asfalto come quello della strada che conduce al cimitero è già praticamente da raschiare di nuovo e rifare. Ovviamente, al contrario di Elisa, non mi sento di dire che il comune debba dare dei soldi ai privati per recuperare le case, magari degli incentivi, ma per anni la gente se ne è approfittata e ora i risultati sono questi. La cosa che non convince è il parcheggio dietro l’ex Municipio. Posteggi ce n’è in abbondanza e sono mezzi vuoti, con la gente che continua a parcheggiare nel borgo nonostante il divieto di sosta. Il problema è che sono tutti abituati ad avere l’auto sotto “i ciapet”, per cui credo che anche col nuovo parcheggio le cose non cambieranno. Vedremo come modificheranno la circolazione nel borgo, anche se poi il rischio è che ne risentano bar, tabacchino e attività vicine». Attendono a dare giudizi i proprietari del tabacchino. «I lavori vanno fatti, ma noi abbiamo perso tanto in questo periodo fano notare -. Ora vediamo come finiscono prima di dare un giudizio definitivo, anche se il nuovo parcheggio dietro l’ex municipio sembra davvero inutile, anche se siamo contenti che la piazza riacquisti una sua dignità. Per ora, l’unico grande appunto è relativo ai disagi: forse si poteva evitare di fare tutti

questi lavori insieme». Se la prende con il bistrattato futuro posteggio anche Marianna dell’alimentari. «Perché realizzarlo che gli automobilisti non utilizzano già quelli esistenti? si chiede -. Forse sarebbe stato meglio realizzare lì l’area verde, in un luogo più riparato, in centro e sicuro per i bambini, e fare eventualmente un piazzale sotto. Tuttavia, in ottica della Festa dell’Uva un posteggio in più non è male, visto che si decongestiona il borgo, ma non si può pensare solo in vista di una giornata. Bisogna pensare che qui la popolazione è anziana ed è abituata a servirsi dell’auto per raggiungere i posti di cui necessita. I lavori è giusto che si facciano, ma bisogna evitare di penalizzare le persone; sono curiosa di vedere cosa faranno visto che l’accesso al futuro parcheggio avviene da una stradina stretta». Difende il progetto il primo cittadino. «Il parcheggio è stato pensato per decongestionare la piazza - chiosa Chatrian -, visto che con un ascensore il centro è raggiungibile in un minuto. Poi, ovviamente, è difficile mettere tutti d’accordo, ma ci proveremo. Terminiamo i lavori, poi ci confronteremo ancora con i nostri concittadini per capire come organizzare al meglio la viabilità e la sosta su via Chanoux».

■ CHATILLON / Sveva Contini, alunna dell’IPRA, ha sbaragliato la concorrenza al concorso “Il Miele in cucina”

Una regina del miele con la passione per l’arco CHATILLON - Primo posto assoluto con 35 concorrenti sbaragliati. Centra il colpaccio Sveva Contini, classe 1996 e alunna della classe IV A dell’Istituto professionale regionale alberghiero di Châtillon, che venerdì 8 novembre si è imposta nella terza edizione del Concorso nazionale “Il Miele in cucina”, andato in scena nel teatro Quartieri di Bagnone (MS). Un risultato prestigioso, già di per sé, ma che acquista valore se si considera la cerchia già d’élite di partecipanti, tutti facenti parte, come la cittadina castiglionese, del “Circuito del Miele”. Per convincere la giuria e regalarsi un set di coltelli professionali, condito da 1.500 euro destinati all’istituto, Sveva Contini ha sfornato una suprema di fagiano farcita al miele di melata della Valle d’Aosta, lardo DOP e castagne, che ha letteralmente conquistato i giudici per la capacità di far risaltare il miele in unione con prodotti tipici della nostra regione. E’ al settimo cielo Sveva Contini: «Non me l’aspettavo assolutamente - esclama Sveva -; i cinque avversari dell’ultima fase erano molto bravi, altrimenti non sarebbero arrivati lì. L’idea della ricetta è nata mettendo insieme varie ricette che abbiamo realizzato a scuola; ho preso spunto da ognuna per arrivare a realizzare il mio piatto». La vita

di Sveva non è fatta di sola cucina, anche se il futuro sembra “segnato”. «Mi piace tanto tirare con l’arco - sorride -, anche se a causa dell’impegno scolastico riesco a esercitarmi sempre meno, ma non mollerò mai questa passione. Il futuro? Mi piacerebbe girare il mondo con la mia professione, magari diventando pasticcera. Devo solo decidere se, dopo la scuola, iscrivermi all’università o buttarmi immediatamente nel mondo del lavoro». Ogni grande successo non può non avere una dedica. «Ovvia-

mente la dedica va ai miei genitori, che mi hanno permesso di arrivare fin qui - conclude Sve-

va -. Ringrazio anche la professoressa Sorace, è anche grazie a lei se ho ottenuto questo prestigioso riconoscimento». «La ricetta è assolutamente un’idea di Sveva - spiega proprio l’insegnante Emanuela Sorace, che ha accompagnato la ragazza in questa bella avventura -. Io le ho dato solamente qualche consiglio per far quadrare il tutto, ma finalmente siamo riusciti a vincere in questa rassegna partita tre anni fa nella nostra struttura. Eravamo già contenti quando siamo entra-

Sveva Contini posa con il piatto vincente vicino al secondo classificato; a lato la professoressa Emanuela Sorace

ti nei primi cinque, ma questo successo è davvero qualcosa di emozionante. In più, permetterà anche alla scuola di compra-

re ben 1500 euro di attrezzature che, di questi tempi, non fanno mai male». ■ al.bi.

Per le feste spunta “Emozioni Natalizie a St-Vincent” SAINT-VINCENT - Un taglio rispetto allo scorso anno, anche se non ancora quantificabile, ma saranno comunque festività “attive” per Saint-Vincent. La novità sarà rappresentata da “Emozioni Natalizie a Saint-Vincent”, come spiega l’assessore al Turismo Maura Susanna. «L’evento ricalcherà in qualche modo quanto fatto quest’estate - spiega Susanna -. Allestiremo un mercatino per le vie del centro che, invece, di presentare dei gazebo, sarà caratterizzato da tanti chalet che offriranno prodotti di tutti i tipi, dall’enogastronomia all’artigianato. Il mercatino, organizzato in collaborazione con la società E20, aprirà i battenti il 26 dicembre e si protrarrà fino al 6 gennaio; non sappiamo ancora quanti espositori ci saranno, ma pensiamo a un buon numero». Le iniziative del comune non si fermeranno qui. «Infatti stiamo pensando a qualcosa per la notte di Capodanno in piazza, anche se stiamo ancora definendo i dettagli, e offriremo un concerto gospel in chiesa. Poi speria-

mo di non fermarci qui, anche se dovremo fare i conti con i fondi a disposizione, tagliati rispetto allo scorso anno, ma cercheremo di sfruttare fino in fondo ogni centesimo». Maura Susanna volge poi l’attenzione ad altre attrattive termali. «Per metà dicembre dovrebbe aprire anche il Resort dell’Hotel Billia - continua l’assessore al Turismo -, per cui aspettiamo di capire quali saranno gli eventi organizzati dalla Saint-Vincent Resort & Casinò in collaborazione con InSaintVincent». Maura Susanna si concede infine un sospiro di sollievo. «Fortunatamente, nell’accordo per l’allestimento del mercato siamo riusciti a ottenere una sorta di “cambio merce” - conclude l’assessore -; concediamo lo spazio occupato dalle bancarelle, in cambio dell’allestimento di alcuni spettacoli, andando così a risparmiare fondi preziosi». Cenacolo Italo Mus Dopo la presentazione del libro “Doni di Madre

Terra”, con il relatore Marco Leone e dopo la serata musical-letteraria, in cui il protagonista è stato Sergio Brussolo con il suo “Turin Jazz Pixel”, si prospettanno altri due mesi intensi per i giovedì del Cenacolo Italo Organizzatori e ospiti della presentazione di “Doni di Madre Terra” Mus di Saint-Vincent. Giovedì 21 novembre, infatti, toccherà ai re- dario fotografico 2014 “Emozioni e colori lunlatori Emanuele Spanò e Davide Ferreri presentare go le stagioni”. L’anno si concluderà in bellezza il volume “Poesia in Piemonte e Valle d’Aosta”, il 19 dicembre, quando Mauro Morandin e Slow tirando la volata ad Andrea Leonardi, che apri- Food V.d.A. proporranno la serata in compagnia rà il mese il 5 dicembre con “Una valigia piena del “Panettone più buono d’Italia e altri dolci cadi versi”. Appuntamento da segnare sul calen- ratteristici della Valle d’Aosta”. Alla serata partedario è quello di giovedì 12, quando il cenacolo ciperanno anche Les amis de la micola. ospiterà la premiazione del concorso del calen■ r.g.


30

C O M U N I TÀ M O N TA NA

M O N T E C E RV I N O

lunedì 18 novembre 2013

■ valtournenche / Minoranza scettica sulle risposte alla mozione: «Nessun fatto concreto» valtournenche - Un intenso minuto di silenzio dedicato a Patrick Mortara e Fabrizio Faccio ha aperto l’ultima seduta del consiglio comunale di Valtournenche che, come al solito, ha riservato motivi di interesse, a partire dalla discussione sul project financing per la realizzazione del metanodotto, ancora senza una precisa data di partenza. «Per la nostra comunità è un momento drammatico - ha introdotto la seduta il sindaco Domenico Chatillard -; negli anni non siamo stati abitutati a grandi tragedie, ma questo periodo è piuttosto duro». Teleriscaldamento Smaltita la commozione, comincia il dibattito, con la minoranza consigliare a presentare un’interpellanza, appunto, relativa al progetto di realizzazione dell’impianto di teleriscaldamento, che dovrebbe portare un metanodotto costituito da una dorsale che parte da Châtillon per raggiungere il Breuil. «Abbiamo chiesto delucidazioni su un project financing assegnato già nel 2009 alla Metanalpi Energia srl. - spiega Roberto Avetrani (foto a destra) -, ma come al solito abbiamo ottenuto le più ampie rassicurazioni, ma senza nulla di concreto. Le cose sembra vadano avanti, ma non ci sono state date rassicurazioni sull’esistenza di un piano operativo per giungere in breve tempo alla realizzazione dell’opera: non ci sono dati sulle future utenze e adesioni e non è stato comunicato nulla sui possibili disagi che l’opera comporterà. Insomma, le solite rassicurazioni, come fatto per altre opere che sono ancora lì nel cassetto». Risponde a stretto giro di posta il vice sindaco Deborah Camaschella (foto a sinistra).

Metanodotto: si spera nella primavera Restituiti 900 mila euro di maggior gettito IMU; Camaschella: «Ridaremo dignità a molte zone» «Questa è una buona operazione, perché il comune non spende niente e, in cambio, avrà anche altri vantaggi oltre al teleriscaldamento - spiega -. Dopo l’ok dell’ultima conferenza dei servizi a settembre, è arrivato però l’alt al progetto dalla Viabilità, visto che necessariamente il metanodotto dovrà attraversare parte della strada regionale. L’impresa ha già rifatto i proget-

ti, di modo che il metanodotto interessi il meno possibile la strada regionale, ma è difficile dare delle tempistiche. Attenderemo il responso della Viabilità, ma credo che non ci saranno problemi e entro la primavera potremo partire con i lavori». Variazione di bilancio Una variazione di bilancio da circa 900 mila euro ha chiuso

l’assemblea. «Siamo uno dei pochi comuni a poter contare su una così sostanziosa restituzione per il maggior gettito IMU chiosa Deborah Camaschella -. L’unica controindicazione è che non possiamo utilizzare questi fondi per spese di investimento. Per questo, abbiamo pensato alla qualità del paese, programmando circa 700 mila euro per asfalti e piccole manutenzioni, al

fine di rimettere in sesto zone che finora siamo solo riusciti a tacconare negli anni. 20 mila euro, invece, saranno destinati per organizzare la Cervino Sprint Champions, mentre con 15 mila euro completeremo il fontanile nella piazzetta della chiesa, realizzando la tettoia». A proposito di Cervino Sprint Champions, la manifestazione andrà in scena giovedì 2 gennaio e

prevede la disputa di una gara di fondo a eliminazione diretta su un tracciato di 200 metri nel cuore di Cervinia. Alla rassegna dovrebbero essere presenti nomi illustri del calibro di Federico Pellegrino, Cristian Zorzi e Fulvio Scola. La variazione al bilancio non ha soddisfatto completamente la maggioranza. «Ci va bene che questa inaspettata manna dal cielo venga spesa in manutenzioni - chiosa Roberto Avetrani -, ma speravamo un’indicazione puntuale sugli interventi da attuare. Non firmiamo in bianco; sarebbe bastato presentare un elenco di priorità per avere come sempre il nostro appoggio. Il rischio è che le spese vengano fatte seguendo le esigenze del momento, senza un effettivo criterio». ■ Alessandro Bianchet

Pontey: la Patronale fa il pieno di consensi con i suoi coscritti

La messa, lo staff della pro loco e i coscritti del 1995

pontey - Bilancio positivo per la Patronale di Pontey, andata in scena venerdì e sabato sotto l’attenta regia della Pro loco guidata da Jean Marc Epiney. «Siamo molto soddisfatti - esclama il presidente -. La popolazione ha risposto al-

la grande e alla cena sono venute oltre duecento persone. Anche la serata di discoteca mobile ci ha soddisfatti, nonostante qualche contrattempo che, però, non ha comportato conseguenze». Alla due giorni non è mancato l’apporto dei

C O M U N I TÀ M O N TA NA

mitici coscritti del ‘95, che hanno colorato un po’ il patrono con i loro canti e la loro voglia di far festa. I coscritti sono: Alessia Fiorano, Patrick Le Pera, Anaïs Crétier, Sara Servidio, Fabio Alfeo, Martina Rossero, Carlotta Frutaz.

E VA N Ç O N

■ verres / Presi di mira i tetti delle tombe; Mello Sartor: «Hanno agito col buio, neanche le telecamere aiutano»

Furti di rame: svaligiato il cimitero verres - Oro rosso, o più comunemente rame. In qualunque modo lo si voglia definire, un materiale che fa gola a molti. Ne sa qualcosa Verrès, che nelle scorse settimane ha visto il proprio cimitero al centro dell’attenzione di ladri che hanno svaligiato il rame dei tetti delle tombe. Conferma l’accaduto anche il primo cittadino Luigi Mello Sartor: «E’ la prima volta che capita al nostro comune - spiega -, anche se in Valle ci sono stati parecchi episodi del genere. C’è un commercio parallelo non indifferente di rame. Noi ci siamo mossi denunciando immediata-

mente la cosa ai Carabinieri. Abbiamo delle telecamere esterne al cimitero e abbiamo notato dei movimenti di uomini incappucciati, ma non si riesce a capire molto, visto che era di notte, quindi nel buio si distinguevano solo i movimenti. Ora ogni singolo privato sta provvedendo a mettere a posto il tetto della propria tomba». In premessa parlavamo di oro rosso. Effettivamente, al pari del suo parente di maggior valore, è al centro di un mercato clandestino non da poco, fenomeno che sta diventando sempre più preoccupante, sia in Italia

Il cimitero di Verrès preso di mira dai ladri di rame; sopra il sindaco Luigi Mello Sartor

■ champdepraz / L’opera da 3,6 milioni andrebbe a captare due sorgenti per aiutare il comune di Arnad

Primi passi per il potenziamento dell’acquedotto champdepraz - Muove i primi passi il progetto di potenziamento della rete idrica di Champdepraz che, andando a captare le sorgenti di Capiron e La Servaz, situate nel cuore del Parco del Mont Avic, e attraversando il comune di Issogne, andrebbe a risolvere le problematiche connesse alla potabilità delle acque immesse nel comune di Arnad. All’inizio di questo mese, infatti, il comune di

Champdepraz è riuscito ad approvare l’assegnazione della progettazione definitiva ed esecutiva di un’opera il cui costo complessivo, a carico della Regione, si aggirerebbe sull’ingente cifra di 3.6 milioni di euro. «Al momento l’amministrazione regionale ha finanziato solamente 200 mila euro per la fase progettuale - spiega l’assessore alle Opere Pubbliche del comune di Champdepraz Torquato Erriquez -

. Per questo motivo ci siamo mossi in questo senso, ottenendo almeno la progettazione esecutiva dell’opera, di modo da aver ben chiaro quantomeno il costo globale dell’intero intervento». Fatto il primo passo, Erriquez non vuole sbilanciarsi, però, sul futuro di un’opera importante. «Noi siamo il comune capofila e ci impegneremo per la buona riuscita del progetto - conclude Torquato Erriquez -, ma sinceramente non me la

sento di sbilanciarmi sulle tempistiche. Il periodo è quello che è ed è inutile creare delle aspettative che poi magari verrebbero deluse». Il progetto, inserito inizialmente nel piano dei lavori pubblici 2011-2013 della Regione, prevede anche la creazione di una allacciamento alla rete idrica per il comune di Issogne, da utilizzare solamente in caso di emergenza. ■ al.bi.

Torquato Erriquez

che all’estero, vista la continua ascesa della sua valutazione. Oggi, una tonnellata di rame può arrivare a costare anche 8 mila euro. Il rame, metallo di base utilizzato nell’edilizia, nei trasporti, nell’elettrotecnica e nell’industria ,è considerato il miglior conduttore elettrico, dopo l’argento. Inoltre è resistente alla corrosione, robusto e flessibile e può essere riciclato al 100% senza perdere le sue capacità. Diventa quindi ambitissimo sul mercato clandestino, dove un chilo di oro rosso può arrivare a costare fino a 10 euro e comunque non meno di 7.  La febbre da rame, che ha contagiato anche il nostro Paese, è salita in virtù del fatto che il metallo ha ormai un mercato internazionale. La Polonia, ad esempio, sembra essere il paese dove il furto dioro rosso è maggiormente diffuso. A seguirla è la Germania e da pochi anni anche l’Austria. Dalla relazione al Parlamento sull’attività delle forze di polizia, si evince che negli ultimi due anni si è registrato un incremento dei furti di rame del 59,6% anche nella nostra penisola. Le regioni maggiormente colpite sono la Lombardia e la Puglia; tra le meno interessate la Valle d’Aosta , il Trentino Alto Adige e il Molise. ■ Teresa Marchese


lunedì 18 novembre 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

31

E VA N Ç O N

■ ayas / Consiglio infuocato; il voto per l’adesione a INVA divide la maggioranza; in sei esprimono parere contrario

Ambulatorio di Antagnod a rischio chiusura; la minoranza insorge ayas - INVA divide il consiglio comunale di Ayas. Compatta la minoranza di Roberto Obert a favore dell’adesione alla centrale di committenza, un po’ meno la maggioranza, dove gli assessori Federico Favre, Ivana Gaillard, Fulvio Blanc e i consiglieri Alfredo Favre, Luca Sarteur e Giulio Caprilli hanno dato il loro voto contrario. Sul sei a sei della maggioranza, è stato determinante il voto a favore del primo cittadino Giorgio Munari (che ad agosto al Celva era stato tra gli undici sindaci che avevano votato contro alla mozione della Cen-

trale unica di committenza, «perché il Comitato non è rappresentativo»): «La legge ce lo impone e ne prendiamo atto. L’adesione doveva passare, perché se no venivano bloccate varie procedure e non possiamo permettercelo. Io però comprendo le motivazioni di coloro che hanno votato contro» il parere del primo cittadino. Ci tiene a sottolineare il sindaco: «Il clima è tranquillo, non si deve pensare a una maggioranza divisa, perché io non ho dato alcuna indicazione ai miei su come votare, ognuno deve agire seguendo la sua coscienza, sono

consiglieri non schiavi». L’assessore Federico Favre, in merito al voto contrario, sostiene: «Non ho nulla contro quello che ha detto il Sindaco, ma speravo che come Consiglio comunale prendessimo una decisione unica. La questione non sono i 500 euro, ma il fatto che andremo a vincolare chi si siederà in futuro al nostro posto. Si va a fare uno “spezzatino” delle piccole imprese e si iscriveranno solo le ditte più strutturate. Il prezzo migliore sarà offerto dalle grandi ditte. Per come vedo io la cosa, oggi in Valle non vi è l’obbligo della Centrale Uni-

ca di Committenza. Per quanto concerne gli appalti di lavori e servizi bisognerà fare molta attenzione. Innanzitutto, perché a oggi non vi è l’obbligo di adesione alla C.U.C., poi per una questione di merito e perché non si creerà nessun risparmio. Inoltre, per un motivo politico: ci hanno già tolto l’autonomia finanziaria e se svendiamo la gestione degli appalti di servizi non ci resta più molto. In questo periodo è rischioso “mettersi un laccio” senza certezze. Infine la delibera di Giunta Regionale in materia di C.U.C. prevede unità di personale e im-

porti che non portano certo a dei risparmi». Per il consigliere di minoranza, Silvio Rollandin, è un atto dovuto quello di aderire a Inva: «Era una necessità, altrimenti si rischia che da gennaio 2014 tutto si blocchi. Un senso di responsabilità nei confronti dei cittadini e del Comune». Chiusura ambulatorio Tra le comunicazioni del primo cittadino, emerge la prospettiva di chiusura dell’ambulatorio comunale di Antagnod, per mantenere un unico polo sanitario a Champoluc, nel palazzetto dello

sport: «Visto che vogliamo creare un unico polo scolastico pensiamo di creare anche un unico polo sanitario». La proposta va di traverso alla minoranza che è categorica per voce di Silvio Rollandin: «La chiusura dell’ambulatorio di Antagnod creerebbe problematiche agli anziani del paese. Non si può sostenere che andando in ambulatorio a Champoluc ci si potrebbe recare comodamente anche in farmacia. Per noi non è una questione di campanilismo ma di ordine sociale». ■ Teresa Marchese

■ montjovet / A vuoto il primo tentativo di assegnazione dell’edificio comunale del ‘500 dotato di bar, ristorante e sala conferenze

La casa che frena il rilancio del Bourg

Interrotta bruscamente la precedente gestione, ma il sindaco non fa drammi: «Troveremo a breve i gestori» montjovet - Molti ne ignorano persino l’esistenza, nascosto com’è dalla mole imponente della Mongiovetta, ma a Montjovet un antico borgo c’è davvero, ed è a detta degli esperti uno dei meglio conservati della Valle d’Aosta: una manciata di case, alcune architettonicamente pregiate, affacciate su una via lastricata in pavé che conduce direttamente alla vecchia chiesa parrocchiale del paese. Un villaggio dal passato glorioso, testimoniato proprio dall’eleganza delle costruzioni che ancora si può intravedere passeggiando nella strada centrale, che ha rischiato anche il completo abbandono, dopo che la ferrovia prima e l’autostrada poi ne hanno completamente sfigurato i contorni. Eppure, negli ultimi anni, le amministrazioni comunali hanno creduto e investito nelle potenzialità turistiche del Bourg, cercando, con una serie di importanti lavori, la strada giusta per farne un polo d’attrazione nel piccolo comune della bassa Valle. Mentre si metteva mano alla viabilità, rifacendo la via principale e costruendo una nuova

A sinistra, l’edificio del ‘500 di proprietà comunale; sopra, il sindaco RInaldo Ghirardi

strada esterna alla frazione, la vecchia chiesa quattrocentesca tornava a splendere grazie ai finanziamenti del Giubileo del 2000. Come piatto forte della campagna di investimenti, il Comune acquistava e restaurava con i fondi europei

una casa del ‘500, con l’intento di farne una struttura polivalente, dotata di bar, ristorante, sala per conferenze e punto vendita di prodotti tipici. Ma è proprio sui locali della casa cinquecentesca che ora il rilancio del Bourg sembra esser-

si arenato: dopo una prima gestione privata, durata cinque anni e che si è interrotta bruscamente, la struttura è chiusa da alcuni mesi e l’amministrazione fatica a trovare altri gestori. La prima procedura di concessione, lanciata quest’estate,

è andata deserta, così la situazione resta bloccata e il Comune si ritrova, in tempi resi difficili dalla crisi, con un immobile sfitto e un rilancio del suo borgo strozzato ancora sul nascere. Il sindaco Rinaldo Ghirardi guarda avanti: «Faremo un nuovo bando, e alla fine credo che troveremo i gestori; del resto, anche nel 2007 ci vollero tre gare per assegnare la struttura, per cui non ci stupisce non avercela fatta al primo tentativo. Certo, spiace avere lì l’edificio e non averlo a disposizione anche per le nostre associazioni e la vita culturale del paese». Per le casse comunali, c’è ovviamente un mancato introito – il bando prevedeva un canone di 6000 euro per il primo anno destinati poi a salire – che si aggiunge alla consapevolezza che, con la struttura chiusa, ogni discorso sul Bourg rimane monco, mancando spazi e supporti logistici per organizzare manifestazioni ed eventi nel villaggio. Ci proverà ancora la Pro Loco, che il 7 dicembre riporterà ancora nel borgo il suo Mercatino di Natale. ■ Julien D’Herin

Issogne: il baratto sbarca prepotentemente su Facebook issogne - Il baratto era la forma di commercio usata nell’antichità prima dell’introduzione del denaro. C’è chi ai giorni nostri ha pensato bene di farlo tornare di moda, per farne una sorta di filosofia di vita. Si può pensare che in questo momento di crisi niente si butta e tutto si utilizza, ma non è solo questo il leitmotiv che ha spinto Anna Cama di Aosta a creare la pagina di facebook “Barattiamoci in Valle d’Aosta”. «Mia figlia Debora e io lo pratichiamo praticamente da sempre - spiega Anna Cama -. Certo che con Facebook gli orizzonti si allargano a dismisura». Ed ecco barattare vestiti, bottoni, libri, giocattoli, elettrodomestici e utensili vari; della serie «baratto un vestito e in cambio mi dai del latte e dei biscotti». Non deve per forza essere uno scambio paritario. Ad esempio se l’oggetto che si intende barattare vale 15 euro non si deve per forza contraccambiare con un oggetto di pari valore: «Può succedere che uno ci guadagni di più dell’altro - chiosa anco-

ra Anna Cama - non ci sono obblighi di nessun genere». Ed ecco che a un mese dalla sua nascita, il gruppo sfiora già le 1348 adesioni. «Non riesco a stabilire quanti baratti compio in un giorno prosegue Cama -. Si inizia con uno e si conclude con tre a volte. Si arriva anche a quindici scambi al giorno; è una cosa che sta davvero prendendo piede». Ma il baratto non è una sorta di rac-

Anna Cama con la nipote Isolde Duclair

Arnad: castagnata in ludoteca con i mitici Alpini

colta dell’indifferenziato, dove tutto va bene; ci sono delle regole, come conferma ancora la diretta interessata: «Sto attenta a quello che inserisco nella pagina. Gli oggetti devono essere in buone condizioni e funzionanti. Bisogna comprendere che se una cosa non è buona per noi, non lo è neanche per gli altri». Parti attive di questa lodevole iniziativa sono anche la figlia di Anna

Champdepraz

Cama, Debora Marchesini di Issogne, e la nipote Isolde Duclair. Una generazione dedita al baratto, ma il progetto si fa più ambizioso come ci svela Anna: «L’obiettivo è di creare una banca del tempo. In cambio, per esempio, di un’ora di pulizie della casa si possono eseguire lavori di cucito». Insomma, aguzzare l’ingegno per non arrendersi mai. ■ te.ma.

Flash

Istituzione Evançon 2: la corretta educazione alimentare spiegata a grandi e piccoli

Un bel pomeriggio di festa e tanto divertimento alla ludoteca di Arnad in occasione della castagnata. Le ludotecarie Stefania e Alessia hanno organizzato diversi giochi per allietare il pomeriggio dei piccoli partecipanti. Dulcis in fundo, le castagne preparate ad hoc dal gruppo locale degli Alpini

Un incontro sull’educazione alimentare, l’attività fisica e la bellezza autentica. Questa l’iniziativa messa in piedi dall’istituzione scolastica CM Evançon 2, con la partecipazione del dottor Andrea Perruquet (Psicologo – Servizio di Dietologia e nutrizione clinica dell’U.S.L. della Valle d’Aosta; responsabile del progetto “A scuola di salute passo dopo passo”). L’appuntamento è per giovedì 21 novembre alle 20.30 nel salone polivalente del comune di Champdepraz ed è rivolto a tutta la popolazione, con particolare riferimento ad alunni e genitori delle scuole d’infanzia e primaria dei comuni di Arnad, Champdepraz, Issogne, Montjovet e Verrès. La serata servirà anche per presentare il progetto “A scuola di salute passo dopo passo”, che ha l’obiettivo di sviluppare l’autostima nel bambino, promuovendo un corretto rapporto con il proprio corpo e l’alimentazione. Ai genitori saranno forniti gli strumenti adatti per supportare il lavoro fatto a scuola, a cominciare dall’iniziativa “Più salute con una merenda sana a scuola”, che prevede il consumo di frutta e yogurt durante le pause scolastiche al posto di merendine dolci e salate.


32

lunedĂŹ 18 novembre 2013


lunedì 18 novembre 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

M O N T RO S E

33

■ fontainemore / Lo spazio costruito a pochi passi dalla scuola con lo scopo di instillare nei più giovani l’amore per la terra

Nasce l’orto didattico: piccoli coltivatori crescono fontainemore - «Saper lavorare la terra è sempre stato un atout, che purtroppo si è andato perdendo un po’ negli anni. In questi momenti di crisi, però, recuperare il rapporto con la natura o, addirittura, costruirlo da zero, è una cosa che può dare un’importante mano». Con queste parole il sindaco di Fontainemore, Speranza Girod, commenta la nascita dell’orto didattico comunale, costruito in collaborazione con la Riserva Naturale del Mont Mars, con l’obiettivo di stimolare fin dalla più tenera età i cittadini a instaurare un rapporto positivo con la terra e le attività connesse. «Vogliamo stimolare nei ragazzi lo sviluppo di una ruralità legata al turismo - spiega Federico Chierico, responsabile del Centro visitatori del Mont Mars -, ma vogliamo svolgere con loro anche attività che vanno oltre l’agricoltura: geometria, logica e affrontare il tema del-

Piccoli e grandi protagonisti del progetto con il sindaco Speranza Girod

l’orticoltura nell’arte, nella letteratura e nelle scienze». Insomma, un progetto a tutto tondo, in un orto realizzato a pochi passi dalle scuole. «Abbiamo iniziato il 28 ottobre - chiosa ancora Federico Chierico -, procedendo con la vangatura e la preparazione del terreno; poi abbiamo seminato la segale, l’aglio e i bulbi da fiore. In inverno, poi, semineremo nei cassoni le piante orticole che andremo a trapiantare in primavera, quando metteremo anche erbe officinali, mirtilli, lamponi e piccoli frutti». A fianco di Chierico agirà Monica Molino, laureanda in Scienze della Formazione che svilupperà proprio una tesi sull’orto didattico nello sviluppo della pedagogia, sperando sempre che l’avventura non si chiuda a scuola, ma riesca a sensibilizzare anche le famiglie. ■ al.bi.

■ hone / Alex Micheletto e Stefano Borettaz, sindaco e vice, protagonisti di Santa Cecilia «in onore dei nonni»

Due priori...e una fusciacca hone - Svestire la fusciacca (nonché la “vice-fusciacca”) per indossare i panni di priori di Santa Cecilia. E’ quanto accaduto ad Alex Micheletto e Stefano Borettaz, sindaco e vice sindaco di Hône che lo scorso weekend hanno tirato le redini dell’edizione 2013 di Santa Cecilia, offrendo aperitivo e colazione, regalando come tradizione qualcosa di utile alla banda e al Coro La Manda e inventandosi, persino, un’etichetta celebrativa per il vino che ha accompagnato l’intenso fine settimana. «Una bella esperienza esclama Alex Micheletto -, ma voglio sottolineare che ci eravamo impegnati a ricoprire questo ruolo in tempi non sospetti, non vogliamo monopolizzare la vita del paese». Micheletto sorride e racconta l’andeddoto che ha spinto lui e Borettaz a “candidarsi”. «Ci tenevamo tanto in quanto quest’anno ricorre il 50° anniversario della festa in cui i nostri nonni hanno ricoperto il ruolo di priori - continua il primo cittadino -. Volevamo onorarli in questo modo e spero che ci sia-

I priori di Santa Cecilia Alex Micheletto e Stefano Borettaz con le future priore; più a destra la Filarmonica Alpina di Hône (foto Fabrizio LEONARDUZZI)

Lillianes: la domenica è dedicata agli anziani Festa degli anziani, domenica 17 novembre a Lillianes. Guidati dai più “attempati” del gruppo, Don Cesare Verthuy e Lea Silvia Squinabol, gli oltre trenta partecipanti si sono goduti un goloso pranzo nel salone polivalente, per poi dedicarsi a un pomeriggio in allegria all’insegna della tombola. Il tutto, sotto gli occhi attenti dell’assessore alle Politiche Sociali Piera Longis.

mo riusciti». Dopo il tour de force, fatto di serata in allegria sabato e condito dalla levata di domenica e dalla giornata di festa, anche Stefano Borettaz è soddisfatto. «Ci piaceva l’idea di fare qualcosa per il paese - chiosa Stefano -. Prima o poi sarebbe stata una tappa obbligata, per cui abbiamo scelto un anno speciale per fare i priori. Sono tre bei giorni di festa per stare con i nostri compaesani in altre vesti che, peraltro, sono poi quelle con cui ci conoscono meglio». ■ Alessandro Bianchet

Donnas capitale delle Reines; festa grande per Piero Busso donnas - Un intero paese riunito per festeggiare una mezza impresa. Il festeggiato è Piero Busso, l’allevatore di Donnas che nell’ultimo Combat Final ha portato a casa ben due titoli, con Malice a primeggiare in Prima categoria (sconfitta Sambaion de Lo Tsantì) e Melodie a sbaragliare la concorrenza in Seconda (ko Zara sempre de Lo Tsantì). Il teatro è quello del salone Bec Renon, dove amministratori e amici si sono riuniti per dire un grazie al dominatore delle Batailles 2013. «Non possiamo che essere contenti per questo incredibile risultato - esclama il primo cittadino Amedeo Follioley -. Piero merita tutte queste soddisfazioni che, in qualche modo, lo ripagano di tutti i sacrifici e del grande lavoro di selezione che ha fatto nel corso degli anni. Inoltre, questo exploit dà un po’ di lustro anche alla zootecnia della bassa Valle e di Donnas in particolare; ora non siamo più famosi solo per il vino e per le capre, ma anche per le Reines. Non possiamo che dirgli grazie e fargli tantissimi complimenti». ■ al.bi.

A sinistra, Busso festeggiato dall’amministrazione comunale, a destra, dagli amici e sotto la famiglia al gran completo

fotoservizio JANS PHOTO

Mont Rose

Flash

Pont-St-Martin: ‘Quattro chiacchiere’ su giovani e abuso di alcol

‘Giovani e Alcol; la realtà così com’è e non come si vorrebbe fosse’. E’ il tema che verrà affrontato venerdì 22 novembre alle 21 nel Centre Culturel di Villa Michetti, nell’ambito della rassegna “Quattro chiacchiere in biblioteca”. L’incontro, dedicato a genitori, educatori e ragazzi, proverà ad affrontare le varie tematiche legate all’abuso di alcol tra i giovani. All’appuntamento prenderanno parte la sociologa Franca Beccaria e la giovane autrice Giulia Gino, che nei libri “Fragile come un sogno” e “Ritornerà settembre” descrive il mondo giovanile affrontando il rapporto dei suoi giovani protagonisti con l’alcol.


34

C O M U N I TÀ M O N TA NA

M O N T RO S E

lunedì 18 novembre 2013

■ DONNAS / Il progetto promosso dai volontari di Donnas aprirà i battenti dopo il Natale

Demetra va in soccorso dei piccoli più sfortunati DONNAS - «Un servizio voluto dalle donne delle associazione per le donne». Con questo pensiero di Sandra Bagatella, presidente dei volontari del soccorso di Donnas, si apre la presentazione del progetto Demetra (dea della terra feconda e delle coltivazioni), avvenuta martedì scorso nella sala della biblioteca comunale.Così l’associazione dei volontari del soccorso ha deciso di volgere un occhio di riguardo ai più piccoli: «Quando diminuiscono i mezzi si cerca di far fronte tagliando le spese e, quasi sempre, chi ne paga le conseguenze maggiori sono i bam-

CHAMPORCHER - Da una parte ancora errori “contabili”, con un nuovo debito fuori bilancio, una variazione di bilancio dovuta a una dimenticanza e la verifica degli equilibri rimandata per la possibile presenza di un altro debito fuori bilancio. Dall’altra, una mozione della minoranza per dire «no» all’impianto di pirogassificazione di Borgofranco, che trova due elementi della maggioranza, Pasqualino Costabloz (contrario) e Roberto Minet (astenuto), in dissenso con il resto del Consiglio. Insomma, non è un momento felicissimo per lo schieramento del sindaco di Champorcher, Mauro Gontier, e per la segretaria comunale, Laura David. Ma andiamo con ordine, con l’assemblea che si apre con una variazione di bilancio da 40 mila euro dovuta a «una dimenticanza - spiega il primo cittadino -; dopo la stesura del documento, ci siamo ac-

bini. I piccoli sono indifesi, ma hanno il diritto di vivere una vita al meglio e non con svantaggi rispetto ai coetanei più abbienti». Ma in che cosa consiste il servizio? «Offriremo un servizio di sostegno della prima infanzia e riguarderà la distribuzione di generi per l’ igiene come pannolini e salviettine, alimenti quali pastine, biscotti e latte in polvere. La cosa certa è che non è un supermercato gratuito, ma un luogo dove la mamma si può rivolgere e ricevere anche appoggio. I beni che saranno distribuiti saranno acquistati con i fondi del 5x1000 dell’Associazione Volon-

tari del Soccorso di Donnas, quindi anche per rispetto delle liberalità ricevute, l’accesso al servizio sarà garantito dopo una prima valutazione dello Sportello Sociale di Pont-SaintMartin. In questo modo inizierà un percorso virtuoso per risollevare una famiglia e permettere una vita decorosa ai bambini». Il servizio aprirà i battenti alla fine delle festività natalizie, indicativamente nel mese di gennaio 2014. «Saremo aperti due mezze giornate, il sabato mattina e un pomeriggio infrasettimanale ancora da stabilire» conclude Bagatella. ■ te.ma.

Un momento della serata di Donnas

■ CHAMPORCHER/ La minoranza stigmatizza gli ulteriori errori “contabili” dell’amministrazione

«Basta finanza creativa»

La maggioranza “perde” due pezzi sul pirogassificatore di Borgofranco; Gontier: «Libertà di coscienza» corti di avere a disposizione 40 mila euro in più e siamo andati ad aggiungerli destinandoli, almeno in parte, per coprire la maggiorazione IVA sui progetti del GAL». Il debito fuori bilancio, invece, riguarda il noleggio dei ponteggi per la messa in sicurezza della Casa del telaio. «Abbiamo calcolato il prezzo del noleggio solamente per il primo anno chiosa ancora Gontier -, dimenticando di calcolarlo per il periodo restante». L’ultima svista ha portato alla mancata verifica degli equilibri. «Potrebbe emergere un altro debito fuori bilan-

Mauro Gontier

Celestino Savin

cio in merito a una parcella tecnica - anticipa il sindaco -; il segretario pensava fosse compre-

sa nell’incarico a monte, mentre forse non è così. Per questo la verifica è stata rimandata

C O M U N I TÀ M O N TA NA

dal revisore dei conti». Non ci sta la minoranza e denuncia l’ennesima svista. «Non è normale che con un sindaco a tempo pieno e una segretaria quasi a tempo pieno ci siano questi errori - esclama Celestino Savin -. Qui si parla praticamente di finanza creativa; si dimenticano davvero troppe cose, poi si prendono anche multe come nel caso del ritardo per la presentazione dei dati ISTAT, che ci costerà 1.041 euro». Prova a giustificarsi Mauro Gontier: «La respopnsabililtà è tanto nostra, quanto della segretaria e della ragioniera. Purtrop-

po nonostante i controlli ci sono sfuggite queste cose». Approvata l’adesione a INVA come centrale unica di committenza, ma con tanto di adozione della mozione presentata dalla minoranza «che consentirà al comune di avere comunque voce in capitolo» spiega Savin, la palla è poi passata al tema torrido dell’impianto di pirogassificazione di Borgofranco. Qui, la maggioranza ha “perso”, appunto, Roberto Minet e Pasqualino Costabloz. «E’ un argomento particolare, sentito e ci tenevamo molto - conclude Mauro Gontier -. Per questo una larga maggioranza ha recepito la mozione della minoranza. Tuttavia, è anche una cosa delicata, per cui abbiamo deciso di lasciare libertà di coscienza: non è una divisione dello schieramento, perché su argomenti simili ognuno deve ragionare con la propria testa». ■ Alessandro Bianchet

WA L S E R

■ GABY / Il Ropele-bis dovrebbe contare sugli stessi assessori, risultati i più votati nelle consultazioni di domenica 10 novembre

La Giunta si prepara alla conferma GABY - Un piccolo calo di affluenza (76.15% contro il 78.14%, uguale a venti votanti in meno), compensato però da un crollo di schede bianche e nulle. Insomma, sembra aver risposto la popolazione di Gaby in occasione delle elezioni di domenica 10 novembre che hanno consegnato a Pierluigi Ropele le chiavi del secondo mandato alla guida del paese, il primo completo. Non stupisce neanche la distribuzione dei voti. Se si eccettua l’exploit fatto registrare da Etty De La Pierre con 70 preferenze, a dominare sono stati gli assessori uscenti, con Silvia Bastrenta ad avere la meglio con 114 voti, davanti ad Alessandro Jaccond (113) e Gilbert François Lavoyer con 104. Il bottino è completato da Maurizio Fresc con 59, Flavio Lazier 52, Mario Lazier 48, Maurizio Cesaro 38, Roberto

Lazier ed Emilio Stevenin 35 e Stefania Bonin 18. Alla luce dei risultati, il destino del Ropele-bis sembra già scritto, con i posti in Giunta che torneranno molto probabilmente nelle mani degli assessori uscenti Silvia Bastrenta, Alessandro Jaccond e Gilbert Lavoyer che, a meno di “rivoluzioni”, manterranno anche gli stessi incarichi (Francesco Valerio, il vice sindaco, ai Lavori Pubblici e Servizi Tecnici di manutenzione; Gilbert Lavoyer al Turismo, Ambiente e Territorio; Silvia Bastrenta allo Sport, Istruzione e Cultura; Alessandro Jaccond Agricoltura, Artigianato, Commercio, Industria, Sanità e Servizi Sociali). La mezza conferma arriva direttamente da Silvia Bastrenta, risultata la preferita dagli elettori gabinçois. «Per quanto riguarda la com-

Alessandro Jaccond

Gilbert Lavoyer

posizione della Giunta è abbastanza normale che si segua il criterio del maggior numero di consensi - spiega -. In merito agli assessorati, invece, dovremo aspettare il primo consiglio, anche se credo che le cose rimarranno come nella legislatura appena portata termine: sarebbe un buon modo per dare un se-

gnale di continuità e sfruttare i miglioramenti e maggiori conoscenze che abbiamo acquisito in questi anni». Silvia Bastrenta analizza il fresco risultato elettorale. «Sono davvero contenta - esclama l’assessore - e sinceramente non mi aspettavo di essere la più votata. Ovvio che uno ci spera, ma fa sempre piacere. Un ca-

GRESSONEY-LA-TRINITÉ

Dopo 13 anni la Regionale 44 torna alle “origini” GRESSONEY-LA-TRINITÉ - Sta per finire un’attesa lunga 13 anni. Da quella notte dell’ottobre del 2000 in cui l’alluvione lasciò alle sue spalle distruzione e detriti in tutta la valle del Lys e non solo. Quella notte in cui una colata detritica invase la strada regionale, comportando l’isolamento di Gressoney-La-Trintié e costringendo le autorità a intervenire in fretta e furia per realizzare un tracciato provvisorio sulla sinistra orografica del torrente. Martedì 19 novembre, con il taglio del nastro, verrà finalmente riaperto al traffico l’originario tracciato della Regionale 44 della Valle del Lys, al confine tra Gressoney-La-Trinité e GressoneySt-Jean, in località Lysbalma. I lavori, iniziati nell’aprile 2011 per un costo

totale di 7 milioni di euro, hanno interessato un tratto di strada di circa 700 metri, che ha visto la realizzazione di una galleria artificiale (lunga 180 metri e larga 11) e un sistema di valli paramassi (completamente inerbiti) che permetteranno una sostanziale riduzione del rischio di danni alla sede stradale e alle infrastrutture della zona. «Con quest’opera abbiamo aggiunto un tassello importante dell’obiettivo di generale miglioramento della viabilità dell’intera Valle del Lys chiosa l’assessore alle Opere Pubbliche Marco Viérin -. La strada regionale, infatti, interessa ben otto comuni e la sua messa in sicurezza è fondamentale per utenti, residenti e turisti». ■ r.g.

lo di affluenza? C’è stato, ma limitato e in un paese come il nostro basta qualche persona ammalata e il gioco è fatto. Credo invece che si possa essere soddisfatti». Silvia Bastrenta getta poi uno sguardo sul futuro. «In questo mandato vorremmo riuscire a instaurare un rapporto più stretto con la popolazione, programmando una serie di incontri - immagina Silvia Bastrenta -. Per un motivo o per l’altro finora non ci siamo riusciti, ma ci impegneremo. Le opere? Sicuramente io punterei sulla sistemazione della palestra comunale, anche se dovremo reperire i fondi. Inoltre, speriamo di portare a termine il più presto possibile la ristrutturazione della casa di Monsignor Jean Jocond Stevenin, un vero atout turistico, e l’allargamento della regionale

Silvia Bastrenta

in località Palatz. Abbiamo già acquistato un edificio per permettere i lavori e cercheremo di risolvere al più presto quel problema di viabilità». I dati Elettori 413, Votanti 316 (76,51%), voti validi 291; schede bianche 13 (4.11%), schede nulle 12 (3.80%). VOTI: Silvia Bastrenta 114, Alessandro Jaccond 113, Gilbert François Lavoyer 104, Etty De La Pierre 70, Maurizio Fresc 59, Flavio Lazier 52, Mario Lazier 48, Maurizio Cesaro 38, Roberto Lazier ed Emilio Stevenin 35, Stefania Bonin 18. ■ Alessandro Bianchet

GRESSONEY-ST-JEAN

Il Consiglio approva l’adesione a INVA GRESSONEY-ST-JEAN - E’ innegabile che di questi tempi, con le entrate locali che sono legate ai vari provvedimenti governativi in continua evoluzione, la vita per gli amministratori non sia rosea. «Per questo - confida il sindaco di Gressoney-St-Jean, Luigi Chiavenuto, a margine del Consiglio comunale di giovedì 14 novembre ferme restando più o meno le retrocessioni regionali, siamo legati alle tasse locali. Provvederemo alla stesura del bilancio previsionale in tempi brevi, ma, cammin facendo, dovremo per forza approvare diverse variazioni». Poche le emozioni della seduta consigliare, con il Comu-

ne che ha aderito INVA in qualità di centrle di committenza unica, sborsando 500 euro per l’acquisto delle quote societarie. E’ stato approvato il regolamento comunale per l’organizzazione del distaccamento locale dei Vigili del fuoco, che hanno la loro sede, magazzino e ricovero mezzi, nella zona sottostante il parcheggio di Weissmatten. Infine, Giulia Marchi, rappresentante del Comune in seno alla Biblioteca intercomunale e specializzata Walser, ha presentato le dimissioni in occasione della seconda maternità ed è stata sostituita da Luca Bieler. ■ fr.or.


35

lunedì 18 novembre 2013

A+ Il fotovoltaico conviene ancora? Si! DE FI TRA NO Z AL ION 31 I IR DI PE CE F 5 M 0% BR E

Ecco alcune cose da sapere sugli incentivi

Detrazioni Irpef al 50% fino al 31 dicembre Puoi anche aggiungere lo “scambio sul posto” che ti permette di ridurre o addirittura azzerare la tua bolletta


36

lunedĂŹ 18 novembre 2013


37

lunedì 18 novembre 2013

Lo Charaban orfano di Mile punta tutto sui giovani La compagnia durante le prove

Renato DUCLY inviato alle prove

S

arà un’edizione storica quella de Lo Charaban n° 45 che prenderà il via stasera, lunedì 18 novembre, al Teatro Giacosa. Sul palco, dopo 54 anni (in pratica dal secondo anno di vita della compagnia teatrale), non ci sarà uno dei pilastri de la benda, ovvero Mile Danna, che ha preso la decisione (sicuramente sofferta visto che un anno fa di questi tempi diceva: «Rimarrò finché non mi manderanno via; la recitazione e la fisarmonica sono per me una sana malattia e non vado di certo a cercare un medico per curarla») di appendere il copione (e la fisa, ma questa, c’è da giurarci, solo in ambito Charaban) al chiodo. «É per tutti noi un grande dispiacere - afferma il direttore Sergio Jovial -, ma capiamo pure che dopo così tanti anni sia comprensibile voler smettere». «Ha detto che a una certa età è giusto lascia-

re spazio ai giovani - spiega invece la figlia Rosanna, che fa parte del gruppo dal 1991 -. Questa, vista la sua assenza, sarà sicuramente un’edizione particolare e per me ancora di più». Spazio ai giovani quindi e di volti nuovi ce ne sono più di uno, a partire dalla recitazione dove farà il suo debut-

to (con una parte in tutte e tre le pièces) Christian Brunod, scuola Le Beurt et Boun di Pollein («Christian l’avevamo contattato ancor prima di sapere della decisione di Mile - precisa Jovial e questo già in ottica di ringiovanimento del gruppo»). «É un onore far parte di questa compagnì e recitare con

persone che da piccolo vedevo in televisione; spero di essere all’altezza - commenta Brunod, figlio d’arte visto che papà Alviro, oggi tramamoublo, indossò i panni di attore de Lo Charaban negli anni ’70 -. Un po’ di tensione c’è, sono già salito sul palco del Giacosa al Printemps Théâtral, ma davanti a meno gente e

soprattutto non per sei giorni consecutivi; per fortuna ci sono gli auricolari, spero di non averne troppo bisogno ma aiutano. Il gruppo è fantastico, sono tutti bravi e si vede che amano il teatro e recitano con passione». Nel primo intermezzo musicale allieteranno il pubblico cinque giovanissimi, vale a dire, con la fisarmonica, Matteo Lovisari e Roger Deffeyes insieme a un trio di musicisti provenienti dal vivaio Danna, ovvero i nipoti di Mile: Pierre André (per lui anche una piccola parte come attore) e Frédéric Avoyer, con il sax, e Noela Danna, con il clarinetto. «In origine dovevo solo suonare, poi mi hanno chiesto se volevo fare pure una parte nella prima pièce e ho accettato, nonostante subito non avessi tutta sta voglia; sono stati nonno e mamma a incoraggiarmi - racconta Pierre André, figlio sedicenne di Rosanna Danna -. La passio-

ne per la musica invece me l’ha trasmessa proprio il nonno e sul palco cercherò insieme agli altri di fare il meglio, avvicinandoci a lui e ai suoi amici che hanno suonato in passato; non di certo prendendo il loro posto perché quello non si può toccare». Nell’altro spazio musicale si esibiranno i Trouveur Valdotèn, mentre le commedie saranno tre. «La prima, Lo frustapot, è ambientata nel dehors di un bar ed è divisa in due tempi per mettere in risalto le differenze di comportamento tra le persone degli anni ’60 e quelle di oggi - illustra Jovial -. L’affëre de la bouëte de cartoun, ruota invece attorno a una scatola il cui contenuto fa dubitare un padre e una madre sul comportamento del figlio; Le sèison, infine, tratta di un contrasto tra due vicini per questioni di confini». Quindi, da stasera, la parola passa anche agli spettatori e come ricorda sempre Jovial a inizio spettacolo, saranno gli applausi a decretare la bravura degli interpreti.


c u lt u r a & s p e t tac o l i

38

lunedì 18 novembre 2013

SCULTURA - La mostra allestita all’Hôtel des Etats rimarrà aperta fino al 28 febbraio

Priod, quando arte si fonde con natura Roberto Priod, a destra “Organiche geometrie”

aosta - Arte e natura, binomio vincente per Roberto Priod che da oltre 15 anni lavora con i materiali più diversi per dare forma ed espressione al mondo. È stata inaugurata venerdì sera nelle salette dell’Hôtel des Etats, in Piazza Chanoux, la sua mostra dal titolo “La

Priod, che si divide tra Aosta e Milano dove svolge attività di ricerca e didattica come docente di scultura all’Accademia di belle arti di Brera. Si parte infatti dalla raccolta chiamata “Mimesi”, realizzata nel 1998, costituita da cinque teche in legno con esposti oggetti di origine naturale (una pigna, una pietra) e si passa alle foto di documentazione dell’installazione nel parco di Via Conseil des Commis, “Semi di Cayu”, del 2001 in legno combusto e ceramica cruda, fino all’ope-

forma del senso” visitabile fino al 28 febbraio, organizzata e dal Consiglio Regionale e dall’Assessorato regionale dell’istruzione e cultura, un percorso museale «che raccoglie opere di scultura che risalgono agli inizi della mia attività, fino a quelle più recenti» come spiega lo stesso

ESPOSIZIONE: all’Atelier Noliparquet, in via De Tillier, l’arte di Patrick Passuello

Grandi tele e tavole per la ‘prima’ di One Day Event aosta - Una piccola isola d’arte riparata dal via vai di persone e luci del centro per esposizioni di un solo giorno. Ha preso il via sabato scorso la serie di ‘One day event’ di artisti valdostani emergenti nell’atelier Noliparquet al primo piano di via De Tillier 23, in collaborazione con l’associazione dei commercianti del centro storico Aosta 2.0. Le tele di Patrick Passuello hanno inaugurato la rassegna; classe 1972, Passuello si è avvicinato alla pittura e alla fotografia grazie al padre Gianilo; dopo il diploma all’Istituto d’Arte nel 1992, ha studiato a Parigi e dal suo ritorno in Valle è rilevatore archeologi-

Patrick Passuello davanti a un dettaglio di ‘The Great Cosmic Acquarium’

co. «L’idea dell’esposizione è nata grazie a una conoscenza in comune con Marco Noli, proprietario di questo spazio. Si tratta di tele in larga parte

già presentate in mostre precedenti, in particolare in Angelomakìa al Castello di Bosses nel 2012. Alcune invece sono nate di recente, l’ultima pro-

prio l’altro ieri». Non mancano poi le rivisitazioni di opere passate, come la preferita dell’artista, The Great Cosmic Aquarium, su una tavo-

la di 185x252 cm. «Mi piace lavorare sulle grandi dimensioni, anche se non sempre è possibile, dopo un po’ non si sa più dove metterle in casa… Con questa tela c’è un rapporto particolare; ora la sento completa, finita, grazie all’aggiunta dei tre pannelli nella parte inferiore. Nate come opere a parte, dopo averle sistemate lì ho capito che erano esattamente ciò che mancava per darle compiutezza». Lo spazio di Noli Parquet è messo gratuitamente a disposizione degli artisti; gli interessati potranno contattare il responsabile alla mail noliparquet@gmail.com. ■ Miriam Begliuomini

ra più enigmatica e scenografica, “Aura”, realizzata in alabastro, legno e cera, posta in un ambiente buio con elementi luminosi e fonici in sottofondo che intendono rievocare la lenta germinazione dei semi, invisibile e misteriosa. Forme, colori e materiali poliedrici, ma anche tecniche realizzative diverse: «ceramica e pasta di legno sono lavorate con tecniche particolari, per rendere i colori più intensi e opachi al tempo stesso. Ho voluto che questa mostra potesse permettere un avvicinamento all’arte contemporanea anche per i non esperti, o per chi ne è digiuno da un po’ di tempo» prosegue Priod. La mostra contiene anche le opere più recenti: grande attenzione è stata riservata all’installazione a forma di stella realizzata in encausto, ferro, ceramica e gommalacca intitolata “Organiche geometrie” realizzata nel 2011 e a cui è stato dedicato lo spazio espositivo più grande, al centro della prima sala, per poi proseguire con “Fior di Polline”, in giallo fluorescente e “Velluto di petali blu”. Nomi evocativi ed eterei, per rafforzare il legame con la natura, tutti presenti nel catalogo monografico curato da Laura Cherubini che accompagna la mostra e che ripercorre e approfondisce l’opera dell’artista valdostano. ■ Cristina Compagnoni


c u lt u r a & s p e t tac o l i

lunedì 18 novembre 2013

39

SAISON - Giovedì 21 appuntamento con l’Orchestra Sinfonica diretta da Massimo Quarta

Arie di Rossini allo Splendor aosta - Appuntamento per tutti gli appassionati di musica classica quello di giovedì sera 21 novembre al Teatro Splendor: la Saison Culturelle propone infatti il concerto dedicato alle opere di Mendelssohn eseguite dall’Orchestra Sinfonica Rossini (ore 21, biglietto intero 20 euro, 15 il ridotto). L’Orchestra delle province di Pesaro e Urbino e diretta dal Maestro e violinista Massimo Quarta vanta un prestigioso curriculum: specializzata nell’esecuzione del periodo classico, è una presenza fissa al Rossini Opera Festival, festival musicale e lirico che si tiene annualmente a Pesaro da 33 anni e che nel ’93 si è visto riconoscere dal Parlamento il supporto da parte del Ministero dei Beni Culturali e la qualifica di ente preposto alla tutela e al recupero delle opere di Rossini. Sono circa 90 le esecuzioni annuali che l’Orchestra presenta nei teatri di tutto il territorio nazionale, senza contare il grande successo all’estero, con tournée in tutta Europa oltre che nella Corea del Sud e Turchia, e collaborazioni con grandi artisti tra cui il grande Andrea Bocelli. Da qualche mese ne ha assunto la guida come Direttore musicale Massimo Quarta: violinista sin dall’età di 11 anni, diplomatosi al Conservatorio Santa Cecilia di Roma, nel 1991 vinse il primo

premio al Concorso Internazionale di violino di Genova intitolato a Pagagnini, riportando la vittoria all’Italia dopo 38 anni. Presto considerato uno dei più talentuosi violinisti della sua generazione, è stato ospite di alcuni importantissimi festival nazionali ed internazionali; negli ultimi anni

ha affiancato alla sua intensa attività di solista quella di direttore d’orchestra, collaborando con ensambles come la Royal Philarmonic Orchestra, l’Orchestra Filarmonica di Malaga, i Berliner Symphoniker, la Netherland Symphony Orchestra, l’Orchestra Sinfonica di Sønderborg (Danimarca), solo per citar-

ne alcune. Il suo repertorio vanta grandi della musica classica come Pagagnini, Mozart, Vivaldi, incisi in diversi cd, e una critica entusiasta, sia italiana che straniera, che lo ha definito “la personificazione dell’eleganza” (American Record Guide). ■ Cristina Compagnoni

L’Orchestra Sinfonica Rossini di Massimo Quarta

LIBRI - Ogni secondo giovedì del mese appuntamento in biblioteca regionale per condividere le suggestioni della lettura

Gruppo di lettura, si parte con la narrativa aosta - Approda anche in Valle d’Aosta il primo GdL. Di cosa si tratta? Lo abbiamo scoperto nel tardo pomeriggio di giovedì alla biblioteca regionale. Un cerchio di sedie, un tavolo centrale, tre bibliotecarie e amanti della lettura in fase di arrivo... il gioco è fatto, il gruppo di lettura procede così. Nato dall’ “interno”, dalla voglia di portare un’esperienza ancora assente all’appello delle attività in programma alla biblioteca regionale. Anna, portavoce del terzetto-guida, spiega che si tratta di un gruppo libero, sia per quanto riguarda la partecipazione (si può entrare e uscire quando si vuole), sia dal punto di vista degli scambi e degli spunti. «Il GdL si presenta come un gruppo assolutamente informale, senza struttura definita né gerarchie e metodi prefissati di lavoro; ci si incontrerà ogni secondo giovedì del mese e condivideremo impressioni, opinioni e spunti del libro

Il Gruppo di Lettura della biblioteca regionale al suo primo appuntamento

scelto il mese precedente. In effetti - aggiunge la bibliotecaria - bisogna precisare come non si tratta di incontri in cui si legge assieme il testo, la fase di lettura è assolutamente privata, l’incontro invece è finalizzato alla condivisio-

ne e all’approfondimento. Abbiamo deciso di tenerci, almeno per ora, sul genere della narrativa ed abbiamo selezionato tre grandi filoni all’interno dei quali scegliere il romanzo: letteratura sudamericana, voci di donna e affresco sociale.

Si tratta di testi accessibili al grande pubblico, non difficili dal punto di vista linguistico e narrativo e i partecipanti, una volta scelto il romanzo corrispondente potranno, il giorno stesso, chiederlo in prestito e iniziare l’avventura. Oggi, essendo alla prima puntata non sappiamo bene quante adesioni avremo, in ogni caso, diciamo che per una buona riuscita e gestibilità del gruppo il tetto massimo non dovrebbe superare i 15/20 partecipanti, comunque non si faranno preclusioni e gli interessati saranno sempre bene accetti! Comprendiamo anche come questo momento, oltre ad essere uno spazio culturale, può e vorrebbe essere un ritaglio di tempo in cui favorire l’incontro e le relazioni interpersonali». La voglia è dunque quella di arricchimento reciproco tra i lettori, per portare a casa nuove esperienze e moltiplicare il bagaglio delle conoscenze. ■ Valeria Luberto

EDITORIA - Vincenzo Costanza ha presentato il suo nuovo romanzo black-humor

Fatality show, anche la morte diventa reality Vincenzo Costanza con il suo ultimo libro Fatality Show

aosta - Non capita a tutti di intraprendere una strada e poi con il tempo capire di essere totalmente più adatti a fare altro. Questo è quello che è successo a Vincenzo Costanza, scrittore valdostano classe 1966, che dopo aver iniziato la sua carriera come autore di storie horror, prendendo spunto dal famosissimo Ed-

gar Allan Poe, si è accorto di essere molto più a sua agio e di sentirsi più credibile nell’ avere a che fare con lo humor è la comicità. «Un cambiamento che ho scoperto per caso» dice l’autore e che lo ha poi portato a scrivere il suo secondo libro dal titolo “Fatality Show”, un romanzo dal genere black humor, pre-

sentato lo scorso venerdì 15 novembre al Café Librairie di Piazza Roncas. Vincenzo ha iniziato la sua carriera 5 anni fa, proponendo storie horror e partecipando a vari concorsi letterari locali. Racconti che sono poi stati raccolti nel suo primo libro dal titolo “Sottopelle”, uscito nel 2011 per la 0111 Edi-

CINEMA - I filmaker valdostani protagonisti della seconda Soirée Cinéma con le loro produzioni

Apa VdA, fermenti cinematografici in mostra aosta - La realtà cinematografica locale è in fermento, a dimostrarlo non solo la grande produzione presentata giovedì 14 novembre al Théâtre de la Ville, ma anche la nuova associazione che vede riuniti sotto la stessa sigla i professionisti dell’audiovisivo valdostano. L’ Apa VdA ha visto la luce nel luglio 2013 e continua a raccogliere consensi non solo fra gli addetti ai lavori, ma in generale fra gli appassionati del settore. «L’Apa è un gruppo giovane, pieno di idee – spiega Albino Impérial, uno degli aderenti all’associazione -, lavorare a contatto con molti professionisti dell’audiovisivo è una fonte continua di ispirazione e un modo perfetto per scambiarsi consigli e condividere idee». Ospite d’onore al Théâtre de la Ville Carlo Chatrian,

A sinistra Gian Luca Rossi, a destra Patrick Nicotera e Daniele Mantione

direttore del Festival del Film Locarno, che ha avuto l’occasione di incontrare i professionisti valdostania e di dialogare con loro a proposito del momento delicato che sta vivendo il mondo cinematografico: «Sono felice per la nascita di questo gruppo, sono per-

sone competenti, che hanno idee e visioni diverse sul cinema, ma si ritrovano in un territorio comune, il che può portare solo ricchezza nel panorama locale». In occasione della seconda Soirée Cinéma, organizzata dalla Film Commission Valle d’Aosta e dall’asses-

sorato alla cultura sono stati presentati 13 spezzoni di produzioni valdostane di aderenti all’Apa. Fra queste produzioni la più attesa dal pubblico accorso era senza dubbio il cortometraggio America, di Alessandro Stevanon, ma ci sono state non po-

che sorprese. Luca Benedet ha presentato la messa in video del blog del Tor des Géants, da lui curato nel 2012, e che ha trasformato in produzione cinematografica grazie all’aiuto di Andrea Carlotto che ne ha curato il montaggio e le musiche, create ad hoc. Ben due produzioni hanno come soggetto le miniere di Cogne e La Thuile: Minatori della coppia lavorativa Giometto Pierino e Quello che resta, di Valeria Allevi, corto già presentato nella prestigiosa sede del Festival di Venezia. Le tematiche delle produzioni sono varie e diverse fra loro, ma alla base c’è una qualità altissima concentrata in un terriotorio molto piccolo come la nostra regione; le premesse sono dunque delle migliori. ■ Alessandra Borre

zioni di Varese. Nell’ultimo anno invece, si è dedicato alla creazione di questo nuovo romanzo, riuscendo a unire situazioni macabre, che restano sempre nel suo marchio di fabbrica, a uno humor divertente e tragicomico. Il libro, ambientato nella Bologna di oggi, racconta la storia di un tal Marcello Montin, un ragazzo sfigato, pieno di problemi ma senza la minima voglia di risolverli, che ricevendo la sera di Halloween la visita della Morte, viene a conoscenza di essere il milionesimo morto dell’anno e che quindi ha diritto di scegliere come morire e di partecipare a un reality show dove saranno spettatori tutte le anime dell’aldilà e lui unico protagonista. . Vincenzo con questo romanzo, ha voluto descrivere come la nostra società sia talmente assuefatta dai reality, che saremmo disposti anche a morire pur di avere un momento di gloria sotto gli occhi di tutti. Un messaggio chiaro, una storia tragica ma allo stesso tempo divertente, che apre gli occhi su quello che è diventato il mondo di oggi e la società del grande fratello. Da quanto oggi si preferisce sempre più la strada facile, a quella del duro lavoro e del sacrificio e infine che di fronte alla popolarità, anche quella che dura poco, saremmo tutti disposti a venderci l’anima. ■ Simone Nigrisoli


C U LT U R A & S P E T TAC O L I

40

lunedì 18 novembre 2013

MUSICA - La band valdostana racconta la tournée americana e i progetti per il futuro

Nandha, back to the USA I Nandha nel prestigioso Ohio Club di Hot Springs in Arkansas

AOSTA - In confronto ai progetti futuri dei Nandha, il loro tour di due settimane negli States sembrerebbe una pas-

seggiata, e in effetti lo è stata se si pensa che, in Arkansas, nel tempio del Southern Blues ‘’i nostri’’ non solo si so-

no fatti valere e hanno ricevuto complimenti, ma hanno suonato con musicisti del calibro della Joe Pitts Band e della Beckham Band, quest’ultima formata da due mostri del Blues americano di soli 15 e 12 anni. «Negli Stati Uniti hanno uno schema mentale molto più semplice del nostro e fanno molta fatica a cimentarsi con

qualcosa che non fa parte della loro cultura, noi siamo molto trasformisti e questo tende a spiazzarli – racconta Max Arrigo, frontman della band -, non si capacitavano, per esempio, di come una band italiana potesse fare del Southern Blues così “americano’’». Gli Stati Uniti dei Nandha sono quelli della grande provincia americana, della mu-

sica popolare, non certo delle grandi megalopoli: «Stavamo in un motel in mezzo al nulla, intorno a noi solo foreste e una gas station, eppure quando suonavamo nei club per i concerti o per le tradizionali Jam sessions intorno a noi c’era tantissima gente, una folla che chiedeva il nostro album e voleva autografi e fotografie con noi; tutto que-

MUSICA - “Silenziosamente” disponibile online e da Musica e Ricordi

Debutto solista per Tosello AOSTA - Un percorso che dura da più di dieci anni, un progetto che esiste solo da uno, una passione che vale una vita intera. Il giovane cantautore valdostano Davide Tosello, classe 1982, dopo numerose esperienze artistiche, ha finalmente deciso di dedicarsi a un suo progetto solista e insieme al gruppo “I Kedivè”, ha registrato il suo primo album dal titolo “Silenziosamente”. Il disco, insieme al singolo “Dublino” in rotazione musicale su tutte le radio locali, è uscito venerdì 15 novembre ed è disponibile in tutti i negozi digitali online e in versione cd da “Musica e Ricordi” (via Porta Praetoria, Aosta). Sono passati molti anni da quando l’ex cantante degli “Yolk” e dei “Dalton”, con uno stile molto più alternativo e giovanile, cantava nelle varie feste studentesche e nel famigerato ex macello civico conosciuto da tutti come “Centro Anita”. Fin da allora Davide aveva già chiaro in testa che non si sarebbe mai separato dalla musica, e ora, con un sound

più maturo e un genere che ricorda i cantautori italiani e altre pop rock band del nostro paese, ritorna sulla scena con un progetto ideato, studiato ed elaborato assieme ai musicisti Simone Pellicanò, Enrico Laganà e Luca Consonni. L’album, completamente autoprodotto, è stato registrato e mixato da Raffaele “Nedagroove” D’Anello nel suo “MeatBeat” Studio. Tosello è autore delle musiche e dei testi: «Scrivo per un mio bisogno personale più che per voler lanciare un messaggio spiega - per me la musica è come una valvola di sfogo con la quale riesco a descrivere e

buttare fuori le sensazioni che provo dentro di me nel vivere i problemi di ogni giorno». Un disco che arriva dopo un anno di lavoro e sacrificio, che vuole dedicare alla sua famiglia, agli amici, a tutte le persone che lo supportano e in particolare a sua figlia Elisa di 6 anni, che si sente nella prima traccia dal titolo “Open” mentre introduce l’album raccontando una favola. Non mancano poi ospiti d’eccezione nelle nove tracce, tra cui la violinista Sylvie Blanc nella canzone “Oceano” e la cantante Giada Cognein come seconda voce in “Non avere più tempo” “L’ultimo bacio dell’alba”.

Il cantautore Davide Tosello

Quest’ultima poi, rappresenta una delle canzoni più significative per Davide, dove l’artista si immedesima in una ragazza che, durante l’attentato dell’undici settembre a New

York, si trova in una delle due torri e, pur sapendo che tra qualche istante crollerà descrive le sue sensazioni e ciò che gli sta intorno. ■ Simone Nigrisoli

...Pillole di cultura...Pillole di cultura...

Figure con paesaggi, la green economy sul grande schermo

Si conclude con la serata di oggi, lunedì 18 novembre alle 21 il laboratorio cinematografico organizzato da Fim Commission VdA in collaborazione con la Chambre che ha impegnato sette giovani filmaker a girare un cortometraggio sulla green economy valdostana. La biblioteca di Saint-Christophe ospita la proiezione del documentario e il dibattito. Alle 18 proiezione del film Milano Mafia di Bruno Oliviero, regista che

CINEMA ST. CHRISTOPHE

AOSTA

CINELANDIA

CINEMA DE LA VILLE

sala 1 digitale: lunedì 18, martedì 19 e mercoledì 20 novembre alle ore 20.15 e alle ore 22.35 Stai lontana da ma sala 2 digitale: lunedì 18 novembre alle ore 20.10 Planes sala 2 digitale - 3D: martedì 19 novembre alle ore 21.30 (in anteprima) e mercoledì 20 novembre alle ore 20.15 e alle ore 22.45 Thor: the dark world sala 2 digitale: lunedì 18 novembre alle ore 22.20 Prisoners sala 3 digitale - open sky: lunedì 18, martedì 19 e mercoledì 20 novembre alle ore 20.10 e alle ore 22.40 L’ultima ruota del carro sala 4 digitale: lunedì 18, martedì 19 e mercoledì 20 novembre alle ore 20.30 e alle ore 22.40 Sole a catinelle sala 5 digitale: lunedì 18 e martedì 19 novembre alle ore 20.20 e alle ore 22.35 Sole a catinelle sala 5 digitale: mercoledì 20 novembre allr ore 20.10 e alle ore 22.40 Thor: the dark world

lunedì 18 novembre alle ore 21 Una canzone per Marion martedì 19 novembre per la rassegna “Giro del mondo in 50 film - Saison Culturelle Cinema” alle ore 16 e alle ore 20 Stoker alle ore 18 e alle ore 22 La variabile umana mercoledì 20 novembre per la rassegna “Giro del mondo in 50 film - Saison Culturelle Cinema” alle ore 16 e alle ore 20 La variabile umana alle ore 18 e alle ore 22 Stoker

ABCINEMA ROSSE TORRI lunedì 18 novembre alle ore 20.15 e alle ore 22.30 e martedì 19 novembre alle ore 21.15 Venere in pelliccia

COURMAYEUR CINEMA PALANOIR mercoledì 20 novembre alle ore 21 Thor: the dark world

Autunno, tempo di Beaujolais Giovedì 21 novembre il Café Librairie di piazza Rincas ospiterà il tradizionale appuntamento dell’Alliance Française con il Beaujolais Nouveau, il famoso vino francese. L’appuntamento è a partire dalle 18.30, la serata sarà accompagnata da canzoni di Georges Brassens interpretate da Francesco Lucat. Quota di partecipazione 10 euro.

MUSICA - La band di Alberto Neri venerdì all’Espace Indie Friday

Autoscatto, debutto live all’Eif

AOSTA CINEMA-TEATRO GIACOSA da lunedì 18 a giovedì 21 novembre alle ore 21.15 Lo Charaban 45

SAINT-VINCENT AUDITORIUM

IVREA

ha seguito i ragazzi durante il laboratorio.

sto calore è stato incredibile, non sono per nulla snob nei confronti dei nuovi gruppi, anzi, siamo noi europei moslto più snob ». Max Arrigo è alla sua seconda esperienza oltreoceano, mentre per i suoi compagni di avventura, il batterista Giuliano Danieli e il bassista Paolo Barbero, questa era la prima volta: «Si sono ambientati subito, hanno subito colto l’essenza degli States, tant’è che una sera sono stato obbligato al riposo vista una febbre potentissima e loro si sono esibiti da soli in jam session riscuotendo grande successo». Una delle sedi più famose e prestigiose nelle quali si sono esibiti i tre valdostani è stata l’Ohio Club di Hot Springs in Arkansas, club nel quale fu catturato il capo della malavita Al Capone e che è la sede dell’Arkansas River Blues Society di cui ora i Nandha fanno parte dopo essere stati attentamente ascoltati dalla delegazione in visita al Club la sera della loro performance. Gli States però sono già il passato perché i Nandha non si fermano e non si riposano: sono stati contattati da Gianni Zuretti, per la rivista on-line Mescalina, e saranno inseriti nella loro compilation natalizia; inoltre il loro video To Hell and back for Children, clip realizzato a sostegno dell’associazione B.A.C.A (Bikers against child abuse) - gruppo nato negli Stati Uniti che ha una costola valdostana- è stato scelto per essere proiettato al congresso mondiale dell’associazione in Louisiana. Nel futuro del gruppo anche un tour in Germania, insomma, non c’è spazio né per il riposo né per la noia nel mondo dei Nandha! ■ Alessandra Borre

lunedì 18, martedì 19 e mercoledì 20 novembre alle ore 21 Sole a catinelle

VERRÈS CINEMA IDEAL lunedì 18 novembre alle ore 20 Stai lontana da me e alle ore 21.40 Cose nostre - Malavita martedì 19 e mercoledì 20 novembre alle ore 21 Thor: the dark world

AOSTA - Dietro la parola Autoscatto si cela un mondo, a differenza del gesto, banalizzato dalla contemporaneità, che nasconde una solitudine esistenziale, la solitudine del ritrovarsi dietro all’obiettivo e scattare. Autoscatto era una rubrica settimanale della rivista Le ore, rivista porno degli anni ‘70, nata con ambizioni alternative e subito caduta nella Gli Autoscatto sono Alberto Neri, Vincenzo Di Leo, Cristiano Cara e Josy Brazzale volgarità hard. Dal 22 novembre i valdostani sono di Aosta, mentre Vincen- se non cerchiamo l’originalitroveranno un altro significa- zo Di Leo proviene da Saler- tà perché secondo noi tutto è to dietro la parola Autoscatto, no e Cristiano Cara è di An- già stato fatto e sentito, certo ovvero una nuova band locale zio, questo favorisce l’incon- ancora molto può essere fatche promette grandi cose. tro di diverse sonorità che fuo- to e noi nel nostro piccolo ci «Siamo entusiasti di debutta- riescono involontariamente proviamo». re live ad Aosta – racconta Al- dalla musica di ogni singolo Il gruppo si riunisce alla fine berto Neri, compositore del- esponente. del 2011, partendo come trio, la band -; le difficoltà per una I componenti del gruppo New senza batteria, a cui poi si agband come la nostra sono so- Wave arrivano da esperienze giunge un componente che si prattutto anagrafiche e legate diverse come spiega lo stes- esprime con la battera elettroal fatto che il nostro materia- so Alberto: «Io ho avuto di- nica, scelta che però snatura le è totalmente autoprodotto, verse esperienze in fatto di l’essenza delle loro composima ci piace essere inediti, ci cover, per anni ho suonato e zioni, fino ad arrivare alla scelpiace fare pezzi nostri». cantato cover, da Lou Reed a ta di Cristiano e dunque di un Il nome del gruppo e i testi so- un interno album dei Marle- equilibrio perfetto, di una forno rigorosamente in italiano ne Kuntz, Catartica, oltretut- mazione base ma dalle noteperché «vogliamo dare risalto to il mio bagaglio è prevalen- voli possibiltà. alle parole, dunque l’italiano è temente crossover e rock in- La musica della band aostana una scelta automatica». die; Vincenzo si è mosso per sarà protagonista della seraUna delle particolarità degli molto nel mondo dark, mentre ta dell’Espace Indie Friday del Autoscatto è data dalla va- Cristiano alla base è un bat- 22 novembre all’Espace Popurietà etnografica e geografi- terista reggae. Siamo un mi- laire a partire dalle 22 e proca di cui si compone la band: sto che si ritrova nella muscia mette grandi cose. Alberto Neri e Josy Brazzale New Wave di una volta, anche ■ al.bo.


AG E N DA

lunedì 18 novembre 2013

Un messaggio per... Didier Luca Gianfranca Franco Enrica Leonardo Shanty Emily Didier Fabienne Claudio Ursula Michelangelo Andrea Giuseppe Rocco Mirko Franco Stefano Angela Consuelo Enrica Maurizio Fabio Stefano Renato Simone Luca Enrico Jessica Rossella

Alleyson Antonacci Bartaccioli Boggio Marzet Brunier Buffa Cipolli Danza De Antoni Diemoz Edifizi Ferrari Fittante Frigiolini Galzerano Garbini Grlj Lovignana Massari Mattaraggia Minuzzo Nex Niosi Ottonelli Pession Ramires Ricciardello Spalla Tibaldi Valente Zanchetta

22 Novembre 24 Novembre 22 Novembre 18 Novembre 24 Novembre 23 Novembre 18 Novembre 24 Novembre 24 Novembre 21 Novembre 24 Novembre 19 Novembre 19 Novembre 24 Novembre 23 Novembre 24 Novembre 23 Novembre 22 Novembre 21 Novembre 22 Novembre 22 Novembre 23 Novembre 19 Novembre 24 Novembre 22 Novembre 21 Novembre 18 Novembre 20 Novembre 18 Novembre 18 Novembre 19 Novembre

41

Un messaggio per...

Gli amici del Cenacolo Italo Mus ringraziano Marco Leone per la splendida serata

Sei da RECORD!! I tuoi nipoti

Un messaggio speciale per...

Congratulazioni! Un ringraziamento a tutti coloro che sabato 9 hanno partecipato alla festa annuale degli alpini, è stata veramente una bella giornata da ripetere. Gruppo A.N.A. Quart

Doppi auguri!!

Fiocco azzurro

Tanti auguri ad Alessia che il 1° novembre ha compiuto 9 anni e a Luca che l’11 novembre ne ha compiuti 14. Vi vogliamo bene! La Band

Nonostante il ginocchio gigio, il ‘nostro’ Angelino si è riscoperto un bomber di razza e, con la fondamentale collaborazione della sua Fabiana, ha segnato il gol più bello, che si chiama Riccardo. Congratulazioni, di cuore, da tutta la redazione di Gazzetta Matin

Grazie, per avermi dato la possibilità di gioire per questo momento e per avermi reso così orgogliosa di te. Congratulazioni a Giulia, neo laureata tecnico di Radiologia medica e per immagini e Radioterapia mamma

Auguroni a...

Tanti auguri!

Tanti auguri papà, da Joara, Fabio, Michael e Donatella

Un messaggio speciale per...

Anche per te sono arrivati i tanti temuti “ANTA”. Eh si cosa puoi farci... Tantissimi auguri da chi ti ama tanto, Fely e Liliana

Il 20 ottobre al ristorante La Serra di Odalengo abbiamo festeggiato in compagnia la classe 1943! Un ringraziamento va a tutti i partecipanti ma soprattutto agli organizzatori che hanno permesso la buona riuscita di questa bella festa


AG E N DA

42

L’

Oroscopo di Gazzetta Ariete

Leone

Settimana dal 18 al 24 novembre 2013: la prima parte della settimana sarà improntate a un approccio riflessivo e solitario: autonomi e focalizzati sulle priorità, filerete spediti per la vostra strada. Da mercoledì pomeriggio a tutto venerdì, sperimenterete un’eccellente sensazione di padronanza dei vostri mezzi, con la vostra leadership che rifulgerà più che mai. Nel week-end, potrete dare via libera a qualche momento di ozio: sensi e pigrizia chiederanno spazio.

Sagittario

Settimana dal 18 al 24 novembre 2013: vivrete i primi tre giorni insolitamente defilati, o desiderosi di tranquillità e concentrazione: l’ideale per lavorare su progetti creativi e per aggiustare il tiro di certi atteggiamenti psicologici eccessivamente compatti. Da mercoledì pomeriggio a tutto venerdì, però, avrete tutto il sacrosanto diritto di rivendicare spazi e nuovi obiettivi, che vi restituiscano motivazione. Sabato e domenica, l’energia assumerà coloriture pragmatiche e terrestri: assaporrerete ritmi più lenti, magari dedicandovi alla gastronomia o alla natura.

Vergine

Toro Settimana dal 18 al 24 novembre 2013: l’inizio settimana è promettente per le relazioni affettive e lavorative: oltre a essere sempre solidamente presenti per chi avrà bisogno di voi, sarete dotati di un’allure di magica empatia. Giovedì e venerdì, dietro a un atteggiamento più riservato, si nasconderà una motivazione inaspettata: pronti a dare il massimo per i vostri progetti. Sabato e domenica, vi verranno concessi due giorni liberi: di fare ciò che più vi piace, dal bricolage alla manutenzione di un amore.

Gemelli Settimana dal 18 al 24 novembre 2013: la Luna, in aspetto di quadratura nel segno dei Pesci, genererà un clima altamente emotivo, col quale solitamente non andate troppo d’accordo: cercate di far fluire gli eventi almeno per i primi giorni della settimana. Le giornate da mercoledì pomeriggio a venerdì saranno quelle più luminose e propositive in assoluto: la socialità vi riserverà oasi piacevolissime. Nel week-end, potrete dar sfogo alla vena più creativa.

Cancro Settimana dal 18 al 24 novembre 2013: complice una magica Luna nel segno dei Pesci, potrete contare su un inizio settimana a prova di emozioni, le più avventurose e trascinanti. Favoritissimi saranno anche i viaggi e le collaborazioni. Giovedì e venerdì, forse sul lavoro vi sentirete pressati: non mettetela sul personale e sfoderate la proverbiale tenacia. Nel fine settimana, riprenderà vita la vita sociale. Anche il profilo sentimentale si farà interessante.

Settimana dal 18 al 24 novembre 2013: a differenza della scorsa settimana, questa inizierà all’insegna del caos, da voi più che mai esecrato: provate a lasciare qualcosa in disordine, magari troverete nuove ispirazioni. Giovedì e venerdì, saranno favoriti i più audaci: spirito battagliero e potere di osservazione e di immaginazione saranno le vostre armi vincenti. Nel fine settimana, ci penserà la Luna in Toro a riportare ogni cosa nella giusta prospettiva. Favoriti i viaggi e gli spostamenti.

Bilancia Settimana dal 18 al 24 novembre 2013: l’inizio di questa settimana sarà caratterizzato da un’attitudine al basso profilo (scelta o imposta dalle circostanze) che, tuttavia, vi regalerà risultati formidabili sia in termini di operosità che di intuito. Giovedì’ e venerdì, la Luna opposta non sarà il massimo per negoziati diplomatici: o sarete voi a essere insolitamente sopra le righe, o incapperete in una controparte decisamente ostica. Nel week-end, vi godrete qualche ozio, ma potrete anche contare su un tasso erotico di prim’ordine.

Scorpione Settimana dal 18 al 24 novembre 2013: l’unico problema, che avrete (fino a mercoledì mattina), sarà come impiegare al meglio la traboccante energia e la creatività che sentirete girare in circolo: sarete i migliori sponsor di voi stessi. Giovedì e venerdì si candidano a essere giornate in cui la carica vitale, pur sempre intensa, sarà canalizzata in maniera più metodica e controllata. Per dribblare possibili tensioni causate da una Luna dispettosa, impiegate il week-end in maniera costruttiva, anche assecondando i bisogni del partner.

Settimana dal 18 al 24 novembre 2013:l’inizio settimana sarà forse poco idilliaco: una delicata Luna nei Pesci tenderà a smorzare gli ardori: proibito essere eccessivamente spavaldi, soprattutto in campo affettivo e familiare. Giovedì e venerdì, per contro, sarete ancor più motivati ad azioni rapide e incisive e a prendervi carico di responsabilità e di nuove iniziative. Nel week-end, sarà meglio lasciare fluire gli eventi: una lenta decantazione (e uno spazio di riflessione) permetterà ai progetti più meritevoli di maturare con le giuste tempistiche.

Capricorno Settimana dal 18 al 24 novembre 2013: le prime due giornate saranno improntate alle relazioni, che scorreranno fluide e armoniose, grazie all’influsso espansivo della Luna nei Pesci. Giovedì e venerdì saranno giornate più faticose in ambito familiare, a causa di prese di posizione troppo decise (vostre o di un vostro caro). Molto bello, invece, sarà il week-end, dal sapore vagamente bucolico: apprezzerete particolarmente i piaceri dei sensi, ma anche le atmosfere da autunno inoltrato, che saranno per voi fonte di ispirazione.

Acquario Settimana dal 18 al 24 novembre 2013: empatici, ma determinati, trascorrerete la prima parte della settimana a occuparvi efficacemente di una questione patrimoniale, senza escludere un interessante recupero di passionalità. Giovedì e venerdì il Fuoco lo metterete nelle relazioni, nel commercio, negli studi, grazie a una dose extra di intraprendenza. Gli ultimi due giorni della settimana saranno da gestire con attenzione: la Luna disarmonica, nel settore relativo alla famiglia, potrà creare tensioni o un carico maggiore di incombenze.

Pesci Settimana dal 18 al 24 novembre 2013: l’inizio della settimana sarà tagliato su misura per i vostri progetti e le vostre priorità: concedetevi un pizzico di follia, sapete bene come improvvisare felicemente. Giovedì e venerdì, vi verrà, invece, richiesta la massima aderenza alla realtà: cosa non vedete proprio lì, sotto la punta del vostro naso? Avete voglia di impegnarvi per far funzionare al meglio i rapporti con chi vi sta vicino? Sono dubbi amletici che scompariranno totalmente dai vostri pensieri nel fine settimana: grazie a una placida Luna terrestre, ogni cosa troverà la collocazione migliore.

0165 279111 0165 279300 0165 279515 0165 890811 0165 787811 0165 238222 0165 238238 0165 44444 0165 2331 0165 842225 0125 929010 0125 807054 0165 767934 0165 809412 0165 78229 0165 904124 0166 92022 0125 355304 0165 74026 0166 569300 0166 949073 0125 300123 0165 713508 0165 40308 0165 5431

MERCATI

LUNEDÌ: Châtillon, La Salle e Verrès. MARTEDÌ: Aosta. MERCOLEDÌ: Courmayeur, Fontainemore, Pont-Saint-Martin. GIOVEDÌ: Hône, Gressoney-St-Jean, Brusson, St-Vincent e Morgex. VENERDÌ: Ayas, Gaby, Issogne, Valtournenche, Etroubles, Donnas.

SABATO:

Bard, Pont-Saint-Martin, La Thuile, Antey.

DOMENICA:

Gressoney La Trinité, Cogne, Aymavilles.

EDITRICE GAZZETTA MATIN S.R.L. A SOCIO UNICO Regione Borgnalle, 12 - 11100 Aosta P.IVA E C.F.: 00475000071 CAP. SOCIALE € 25.000 - Iscr. REA: 43679 Amministratore unico: Arianna Gori Chisari REDAZIONE Centro Direzionale “I Prismi” Regione Borgnalle, 12 Tel. 0165 231711 (centralino) E-mail: segreteria@gazzettamatin.com Iscrizione al Tribunale di Aosta n. 9/02 del 20/05/02 Direttore responsabile: l.mercanti@gazzettamatin.com

Luca Mercanti

Patrick Barmasse Alessandro Bianchet Danila Chenal Erika David Davide Pellegrino Cinzia Timpano Fabio Cento Roberta Prodoti

Redazione: p.barmasse@gazzettamatin.com a.bianchet@gazzettamatin.com d.chenal@gazzettamatin.com e.david@gazzettamatin.com d.pellegrino@gazzettamatin.com c.timpano@gazzettamatin.com Grafico: grafico@gazzettamatin.com Segretaria: segreteria@gazzettamatin.com

COLLABORATORI: Massimo Altini, Samir Bastajib, Serena Bazzocchi, Miriam Begliuomini, Angela Bellin, Michelle Berard, Marta Bonarelli, Riccardo Bortolotti, Simona Bosonin, Alessandra Borre, Emanuele Burzio, Nadia Camposaragna, Michelangelo Carrupt Belfiore, Ilaria Cavalet Giorsa, Andrea Chiericato, Cristina Compagnoni, Elettra Crocetti, Andrea Cura Curà, Camilla Di Tommaso, Renato Ducly, Christian Evaspasiano, Giuseppe Farinella, Ursula Ferrari, Enrico Formento, Bruno Fracasso, Giulio Gasperini, Francesca Jaccod, Luca Lavit, Sonia Locatelli, Valeria Luberto, Joelle Lucianaz, Stefania Manenti, Andrea Manfrin, Giacomo Mangano, Teresa Marchese, Umberto Martelli, Federico Mecca, Jean-Claude Mochet, Claudia Olivotto, Franco Ormea, Simonetta Padalino, Matteo Paolini, Giulia Pasi, Gabriele Peloso, Luigi Perosino, Antonella Perriello, Maurizio Pitti, Loris Ponsetto, Thierry Pronesti, Raffaele Romano, Luca Rosati, Alessandro Rossi, Erica Rudda, Riccardo Savoye, Rossella Scalise, Stefano Spandonari, Piera Squillia, Albert Tamietto, Laura Vinaj, Sophie Tavernese, Andrea Trovato, Caterina Venchi, Wilma Zanelli. Abbonamento: 70 euro all’anno (+ online 85 euro) - c/c postale: 000059269571 - bonifico bancario: Banca Sella, Succursale 56 IBAN: IT 06 P 03268 01200 052886002500 (intestato a: Editrice Gazzetta Matin S.r.l. a socio unico Regione Borgnalle, 12 - 11100 Aosta) Concessionaria di pubblicità LG PRESSE S.R.L. Regione Borgnalle, 12 - 11100 AOSTA Tel: 0165 231711 - 0165 1845110 Fax: 0165 1820141 Michel Henry (resp. commerciale) m.henry@lgpresse.com Arianna Gori Chisari (commerciale) a.chisari@lgpresse.com Vasco Cannatà (commerciale) v.cannata@lgpresse.com

NUMERI UTILI

Questura Polizia Stradale Polizia di Frontiera Polizia Monte Bianco Polizia Gran San Bernardo Protezione Civile Polizia Locale Vigili del Fuoco Carabinieri Aosta Carabinieri Courmayeur Carabinieri Verrès Carabinieri Donnas Carabinieri Nus Carabinieri Morgex Carabinieri Etroubles Carabinieri Saint-Pierre Carabinieri Valtournenche Carabinieri Gressoney Carabinieri Cogne Carabinieri Châtillon Carabinirei Cervinia Carabinieri Brusson Carabinieri Valpelline Guardia di Finanza centralino ospedale

lunedì 18 novembre 2013

FARMACIE DI TURNO LUNEDÌ 18 NOVEMBRE Aosta: farmacia Centrale dott. Detragiache, Piazza Chanoux 35 Arnad: Bramato Dr. Pasquale visualizza Ayas: farmacia Costa di Simonetta Costa Charvensod: farmacia Envers s.r.l. Cogne: farmacia di Cogne dott.sse Frisone & Ruffier S.n.c. Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Daniela Vietti La Salle: farmacia S. Vittoria dott.ssa Cinzia Serravalle St-Vincent: farmacia dottor Lorenzo Repetto Valpelline: farmacia di Valpelline Valtournenche: farmacia dottor Luca Varvello Villeneuve: farmacia dottor Cesare Saroglia MARTEDÌ 19 NOVEMBRE Aosta: farmacia comunale di Via St-Martin de Corléans Arnad: farmacia dottor Pasquale Bramato Arvier: farmacia di Arvier dott.ssa Simona Mazzola Ayas: farmacia Costa di Simonetta Costa Charvensod: farmacia Envers s.r.l. Cogne: farmacia di Cogne dott.sse Frisone & Ruffier S.n.c. Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Daniela Vietti Morgex: farmacia di Morgex S.n.c. St-Vincent: farmacia dottor Lorenzo Repetto Valpelline: farmacia di Valpelline Valtournenche: farmacia dottor Luca Varvello MERCOLEDÌ 20 NOVEMBRE Aosta: Croix de Ville Dr. A. Chenal Arnad: farmacia dottor Pasquale Bramato Ayas: farmacia Costa di Simonetta Costa Aymavilles: farmacia dottoressa Milena Cuc Charvensod: farmacia Envers s.r.l. Cogne: farmacia di Cogne dott.sse Frisone & Ruffier S.n.c. Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Daniela Vietti Pré-St-Didier: farmacia del Verrand dott.ssa Caterina Tubère St-Vincent: farmacia dottor Lorenzo Repetto Valpelline: farmacia di Valpelline Valtournenche: farmacia dottor Luca Varvello GIOVEDÌ 21 NOVEMBRE Aosta: farmacia dottor Corrado Papone Arnad: farmacia dottor Pasquale Bramato Brusson: farmacia San Giuseppe dott.ssa Michela Murdocco Charvensod: farmacia Envers s.r.l.

Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Daniela Vietti Pré-St-Didier: farmacia del Verrand dott.ssa Caterina Tubère St-Pierre: farmacia di Vittore Caprani St-Vincent: farmacia dottor Lorenzo Repetto Valpelline: farmacia di Valpelline Valtournenche: farmacia dottor Luca Varvello VENERDÌ 22 NOVEMBRE Aosta: farmacia dott. Nicola, Viale Federico Chabod 22 Arnad: farmacia dottor Pasquale Bramato Brusson: farmacia San Giuseppe dott.ssa Michela Murdocco Charvensod: farmacia Envers s.r.l. Cogne: farmacia di Cogne dott.sse Frisone & Ruffier S.n.c. Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Daniela Vietti La Salle: farmacia S. Vittoria dott.ssa Cinzia Serravalle St-Pierre: farmacia di Vittore Caprani St-Vincent: farmacia dottor Lorenzo Repetto Valpelline: farmacia di Valpelline Valtournenche: farmacia dottor Luca Varvello SABATO 23 NOVEMBRE Aosta: farmacia comunale di Corso Ivrea Arnad: farmacia dottor Pasquale Bramato Brusson: farmacia San Giuseppe dott.ssa Michela Murdocco Charvensod: farmacia Envers s.r.l. Cogne: farmacia di Cogne dott.sse Frisone & Ruffier S.n.c. Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Daniela Vietti Morgex: farmacia di Morgex S.n.c. St-Pierre: farmacia di Vittore Caprani St-Vincent: farmacia dottor Lorenzo Repetto Valpelline: farmacia di Valpelline Valtournenche: farmacia dottor Luca Varvello 24 NOVEMBRE Aosta: farmacia Centrale dott. Detragiache, Piazza Chanoux 35 Arnad: Bramato Dr. Pasquale visualizza Brusson: farmacia San Giuseppe dott.ssa Michela Murdocco Charvensod: farmacia Envers s.r.l. Courmayeur: farmacia Monte Bianco S.n.c. Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Daniela Vietti St-Pierre: farmacia di Vittore Caprani St-Vincent: farmacia dottor Lorenzo Repetto Valpelline: farmacia di Valpelline Valtournenche: farmacia dottor Luca Varvello DOMENICA

Prezzi per pubblicità a modulo (IVA esclusa): Commerciali euro 28,00 - Occasionali euro 30,00 Finanziari, Legali, Concorsi, Aste euro 30,00 Economici euro 20,00, max 20 parole (modulo 38x38 mm) Necrologie: euro 37,00 (senza foto), 50 (con foto) Posizione di rigore: +20% Il giornale si riserva di rifiutare qualsiasi inserzione Stampa: I.T.S. Sarnub SpA Cavaglià (Bi) Via Abate Bertone, 14 - 13881 Tel. 0161/996411 - Fax 0161/996400 P.Iva 01805240023 Distribuzione: Altrimedia e Taramino E’ vietata qualsiasi riproduzione, anche parziale, di tutto quanto pubblicato su questo giornale. Ogni violazione è perseguibile per legge.

Concessionaria per la vostra

PUBBLICITÀ

Regione Borgnalle, 12 AOSTA PER INFORMAZIONI: 0165/231711 (Segreteria) 0165/1820141 (Fax) m.henry@lgpresse.com a.chisari@lgpresse.com segreteria@gazzettamatin.com


VENDITA

LEGNA DA ARDERE

CONSEGNA A DOMICILIO ZONA INDUSTRIALE SAINT-MARCEL

info@aostalegna.it - www.aostalegna.it

DANIELE & ORESTE MORTARA

lunedì 18 novembre 2013

335/1384180

PODISMO

INTRAMONTABILE

a pagina 57

SPORT POPOLARI

Foto Mathieu Courthoud

a pagina 66-67

a pagina 65 Oggi lo zoom sui calendari degli sport invernali a pag. 59

Il lungo e doloroso addio al Rally della Valle d’Aosta AOSTA - Il Rally della Valle d’Aosta, edizione 2014, non si farà. La notizia era nell’aria, ma ora è giunta l’ufficialità. La crisi economica falcidia anche un pezzo significativo dello sport automobilistico, a livello locale, nazionale e internazionale. E’ stato un lungo addio. Già l’edizione 2012, orfana del patron Giorgio Caputo, aveva visto la luce in extremis, quest’anno la gara era stata iscritta nel Trofeo Asfalto, ma non si disputerà. Se ne riparlerà, forse, in tempi migliori, anche se sul futuro si addensano più ombre che luci. Addio, quindi, a un rally che ha regalato emozioni e gioie, a una manifestazione che trascendeva l’ambito degli appassionati di motori, richiamando sulle sue mitiche prove speciali, San Pantaleone, San Carlo,

Col Zuccore, e tante altre, tutte bellissime, impegnative e apprezzate dai piloti, tanto pubblico. Una festa, una carovana, questo era il rally, soprattutto nel decennio d’oro a cavallo degli anni settanta e ottanta. Rimarrà impressa nella memoria la presenza del gruppo Fiat con le vetture ufficiali. Sandro Munari, fresco vincitore per la quarta volta del “Montecarlo”, che si aggiudica l’edizione 1977 con la Lancia Stratos. Il compianto Attilio Bettega, che legò per sempre il suo nome prestigioso al Rally della Valle, vincendolo per tre volte consecutivamente, a bordo della Fiat 131 Abarth, che all’epoca dominava nel campionato del mondo. Poi, l’Audi Quattro di Michele Cinotto, il nuovo mostro a trazione integrale che rivoluzio-

nerà per sempre il concetto delle corse su strada, che nel 1981 vinse proprio davanti a Bettega distanziandolo di quasi ventuno minuti. Intanto, era arrivata la validità per l’Europeo. Infine, le Lancia 037 e Delta, nelle varie versioni, con piloti del calibro di Biasion, Tabaton, Cerrato, Cunico. Senza dimenticare i valdostani. Remo Celesia, due volte vincitore, nel 1985 e nel 1988, Elwis Chentre, ancora sul gradino più alto del podio nel 2009, Roberto Bettanin, due volte secondo nel 1989 e nel 1992, Alberto Zoso, ottimo terzo nella stagione pionieristica (era il 1978) con la piccola Opel Kadett. E, nei tempi moderni, Renato Travaglia, Piergiorgio Deila, Felice Re. Pragmatico il commento del Presidente del-

l’ACI Valle d’Aosta Ettore Viérin, che aveva vinto da navigatore di Celesia il rally 1985: «Il problema è economico: carenza di risorse, difficoltà di reperire sponsor, diminuzione degli iscritti. In questo momento, l’ACI deve concentrarsi sulla propria attività istituzionale. Il marchio ‘Rally Neige’ è stato ceduto e il 14 dicembre si terrà un raduno a Courmayeur di auto d’epoca, prodromo di una gara ad esse riservate nel 2014». Anche Ettore Bettega, responsabile ACVA, la sezione sportiva dell’ACI, è sulla stessa lunghezza d’onda: «Abbiamo fatto i conti: mancavano 35.000/40.000 euro per completare il budget, troppi. La buona volontà non ci manca, ma non basta. In futuro si vedrà». ■ Alain Muller

QUOTE SOCIALI 2014

GOLF LES ILES

SOCIO EFFETTIVO SOCIO CONIUGE / FRATELLO DI EFFETTIVO SOCIO EFFETTIVO SENIORES SOCIO EFFETTIVO FERIALE SOCIO DI CAMPO PRATICA GIOVANI DAI 16 AI 26 ANNI NUCLEO FAMILIARE EFFETTIVI (padre, madre e due figli under 16) NUCLEO FAMILIARE SOCI CAMPO PRATICA (padre, madre e due figli under 16)

€ 900,00 € 450,00 € 550,00 € 625,00 € 300,00 € 250,00 € 1.200,00 € 580,00

PER ALTRE QUOTE,TARIFFE , AGEVOLAZIONI E INFO WEBSITE: WWW.GOLFLESILES.IT EMAIL: GOLFLESILES.VDA@GMAIL.COM TWITTER: @GOLFLESILES


CALCIO

44

SERIE D

12ª giornata - Andata Albese - Sestri Levante . . . . . . . . . .1 - 4 Caronnese - Vado . . . . . . . . . . . . . .1 - 1 Chiavari Ca. - Derthona . . . . . . . . . .2 - 1 Caratese - Borgosesia . . . . . . . . . . .0 - 4 Giana Erminio - Asti . . . . . . . . . . . .2 - 1 Novese - Chieri. . . . . . . . . . . . . . . .0 - 1 Pro Dronero - Vallée d’Aoste . . . .1 - 2 Rap.Bogliasco - Lavagnese . . . . . . .1 - 1 Santhià - Verbania . . . . . . . . . . . . .0 - 0

Prossimo turno Asti - Pro Dronero . . . . . . . . . . . . . . . . Borgosesia - Santhià. . . . . . . . . . . . . . . Chieri - Rap.Bogliasco. . . . . . . . . . . . . . Derthona - Giana Erminio . . . . . . . . . . . Lavagnese - Caratese . . . . . . . . . . . . . . Sestri Levante - Novese. . . . . . . . . . . . . Vado - Chiavari Ca. . . . . . . . . . . . . . . . . Vallée d’Aoste - Albese . . . . . . . . . . . Verbania - Caronnese . . . . . . . . . . . . . .

P.ti

Giana Erminio Caronnese Vado Borgosesia Rap.Bogliasco Chieri Novese Chiavari Ca. Lavagnese Vallée d’Aoste Asti Derthona Sestri Levante Albese Santhià Verbania Pro Dronero Caratese

26 25 25 22 20 20 19 19 15 14 13 12 11 11 11 8 7 7

PRIMA CATEGORIA 12ª giornata - Andata A.S.Francesco - Real Sarre . . . . .0 - 2 Bosconerese - Colleretto G.P. . . . .sospesa Fenusma - Esperanza . . . . . . . . .2 - 1 La Chivasso - Real Leinì . . . . . . . . .2 - 1 P.V.F. - St.V.Châ. . . . . . . . . . . . . .2 - 0 Quart - Castellamonte. . . . . . . . .4 - 2 San Maurizio - Verrès . . . . . . . . .1 - 2 Vallorco - Banchette . . . . . . . . . . . .2 - 1

Prossimo turno Banchette - San Maurizio . . . . . . . . . . . Castellamonte - A.S.Francesco . . . . . . . . Colleretto G.P. - Vallorco . . . . . . . . . . . . Esperanza - P.V.F. . . . . . . . . . . . . . . . . . Real Leinì - Quart . . . . . . . . . . . . . . . Real Sarre - Bosconerese . . . . . . . . . St.V.Châ. - La Chivasso . . . . . . . . . . . Verrès - Fenusma . . . . . . . . . . . . . . .

Borgosesia - Chiavari C. . . . . . . . . .2 - 3 Chieri - Novese. . . . . . . . . . . . . . . .5 - 0 Lavagnese - Rapallo B. . . . . . . . . . .3 - 1 Sestri L. - Albese . . . . . . . . . . . . . .1 - 7 Vado - Pro Dronero . . . . . . . . . . . . .2 - 2 Vallée d’Aoste - Santhià . . . . . . .0 - 1 Verbania - Asti . . . . . . . . . . . . . . . .3 - 1 Derthona riposa . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Prossimo turno Albese - Chieri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Asti - Vado . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Chiavari C. - Verbania . . . . . . . . . . . . . . Novese - Lavagnese . . . . . . . . . . . . . . . Pro Dronero - Derthona. . . . . . . . . . . . . Rapallo B. - Vallée d’Aoste . . . . . . . . Santhià - Borgosesia. . . . . . . . . . . . . . . Sestri L. riposa . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

G 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12

Partite V N 7 5 7 4 7 4 6 4 5 5 6 2 5 4 5 4 3 6 3 5 3 4 3 3 3 2 2 5 1 8 1 5 1 4 1 4

P 0 1 1 2 2 4 3 3 3 4 5 6 7 5 3 6 7 7

Reti F S 21 10 22 8 21 14 25 15 21 16 16 14 18 13 14 11 15 14 12 15 13 14 17 18 15 21 11 20 7 11 9 17 19 31 7 21

14ª giornata - Andata

Squadra

Aygreville - Omegna . . . . . . . . . .5 - 0 Caselle - Borgaro . . . . . . . . . . . . . .1 - 0 Ce.Ver.Sa.Ma. - Jr Biellese . . . . . . . .2 - 1 Città di Baveno - Ivrea . . . . . . . . . .3 - 0 Gattinara - Charvensod . . . . . . . .1 - 3 Lascaris - Atletico Torino . . . . . . . . .1 - 0 Osmon Suno - Gassino S.R. . . . . . . .2 - 0 Settimo - Orizzonti U. . . . . . . . . . . .0 - 2 Sp.Bellinzago - Pro Settimo. . . . . . .1 - 1

Prossimo turno Atletico Torino - Settimo . . . . . . . . . . . . Borgaro - Ce.Ver.Sa.Ma. . . . . . . . . . . . . Ivrea - Aygreville . . . . . . . . . . . . . . . Gassino S.R. - Gattinara . . . . . . . . . . . . Jr Biellese - Osmon Suno. . . . . . . . . . . . Omegna - Caselle . . . . . . . . . . . . . . . . . Orizzonti U. - Sp.Bellinzago . . . . . . . . . . Pro Settimo - Città di Baveno . . . . . . . . Charvensod - Lascaris. . . . . . . . . . . .

P.ti

Pro Settimo Sp.Bellinzago Città di Baveno Osmon Suno Orizzonti U. Aygreville Jr Biellese Ivrea Omegna Gassino S.R. Borgaro Charvensod Ce.Ver.Sa.Ma. Caselle Lascaris Atletico Torino Settimo Gattinara

38 35 35 26 26 20 18 18 16 15 14 14 14 14 13 11 10 9

GIRONE C SECONDA ERIE B DCONNE ATEGORIA

Squadra

P.ti

La Chivasso Real Sarre Banchette Fenusma Bosconerese P.V.F. Colleretto G.P. Real Leinì Verrès Vallorco San Maurizio St.V.Châ. Quart Castellamonte Esperanza A.S.Francesco

34 31 25 22 22 21 21 16 13 13 12 12 11 4 3 2

G 12 12 12 12 11 12 11 12 12 12 12 12 12 12 12 12

Partite V N 11 1 10 1 8 1 6 4 7 1 6 3 6 3 4 4 3 4 2 7 3 3 3 3 3 2 0 4 0 3 0 2

P 0 1 3 2 3 3 2 4 5 3 6 6 7 8 9 10

Reti F S 33 10 29 8 31 12 27 21 24 12 19 14 16 7 18 20 18 25 16 22 14 20 13 23 16 22 10 28 14 32 9 31

10ª giornata - Andata

Squadra

Agliè - Corrado Gex . . . . . . . . . .2 - 1 Bajo Dora - Azeglio. . . . . . . . . . . . .1 - 2 Grand Combin - Aosta Calcio 511 . .4 - 3 Aosta GLV - Fiorano . . . . . . . . . .2 - 1 Red Devils - CG Sanson. . . . . . . .2 - 1 Val d’Ayas - La Romanese . . rinviata per neve Valchiusella - Introd . . . . . . . . . .2 - 3

Prossimo turno Aosta Calcio 511 - Val d’Ayas . . . . . . Azeglio - Red Devils . . . . . . . . . . . . . CG Sanson - Valchiusella . . . . . . . . . . Corrado Gex - Grand Combin . . . . . . . Fiorano - Bajo Dora . . . . . . . . . . . . . . . Introd - Agliè . . . . . . . . . . . . . . . . . . La Romanese - Aosta GLV . . . . . . . . .

Squadra

P.ti

Chieri Rapallo B. Santhià Verbania Chiavari C. Albese Derthona Vado Vallée d’Aoste Borgosesia Lavagnese Asti Novese Pro Dronero Sestri L.

25 22 22 21 21 18 17 15 15 10 10 9 8 5 3

Partite G V N 11 8 1 10 7 1 10 7 1 10 6 3 10 7 0 10 5 3 10 5 2 10 4 3 10 5 0 10 3 1 10 3 1 11 3 0 10 2 2 11 1 2 11 1 0

P 2 2 2 1 3 2 3 3 5 6 6 8 6 8 10

Reti F S 31 9 29 14 24 8 33 15 24 12 24 15 22 16 29 15 16 19 23 22 19 19 21 26 11 35 16 41 10 66

9ª giornata - Andata

P.ti

Partite V N 12 2 11 2 11 2 7 5 8 2 5 5 5 3 5 3 5 1 4 3 4 2 3 5 3 5 3 5 2 7 3 2 2 4 1 6

Reti F S 29 10 39 9 36 12 27 15 20 13 25 16 22 18 22 28 18 30 19 24 18 20 15 28 15 21 14 23 12 26 12 23 12 30 21 30

P 0 1 1 2 4 4 6 6 8 7 8 6 6 6 5 9 8 7

Partite Reti G V N P F S

Azeglio

25 10 8 1 1 27 8

CG Sanson

25 10 8 1 1 25 8

Valchiusella

21 10 7 0 3 29 20

Introd

18 10 5 3 2 20 15

Red Devils

16 10 4 4 2 18 12

Aosta GLV

16 10 5 1 4 15 18

Agliè

14 10 4 2 4 19 17

Aosta Calcio 511 12 10 3 3 4 23 21

Jr Salassa - Châtillon . . . . . . . . .3 - 2 Montjovet - Forno . . . . . . . . . . . .1 - 3

P.ti

Forno

22 9 7 1 1 25 9

Chambave

19 9 6 1 2 20 14

Champdepraz 16 8 4 4 0 23 11

Rivarese - Atletico 1912 . . . . . . . . .0 - 1 Jr Salassa Sporting Issogne - Bellavista . . . .0 - 1 Bellavista

Prossimo turno

Partite Reti G V N P F S

15 9 4 3 2 18 14 14 9 4 2 3 16 15

San Grato

14 9 4 2 3 14 11

Atletico 1912

12 8 3 3 2 13 11

Montjovet

12 9 3 3 3 13 15

Bajo Dora

6 10 1 3 6 8 14

Chambave - Sporting Issogne . . . . . .

Rivarese

6 9 2 0 7 10 22

Val d’Ayas

4 9 1 1 7 4 19

Forno - Rivarese . . . . . . . . . . . . . . . . . .

CGC Aosta

4 9 1 1 7 12 25

La Romanese

2 9 0 2 7 11 25

San Grato - Montjovet. . . . . . . . . . . .

Châtillon

4 9 1 1 7 11 23

Sporting Issogne 8 9 1 5 3 11 16

GIRONE A C JSUNIORES ERIE B DPONNE ROVINCIALE P.ti

Partite Reti G V N P F S

18 9 5 3 1 20 19 16 9 5 1 3 23 15

Orizzonti United 15 9 5 0 4 20 12 P.D.H.A.

14 9 4 2 3 23 17

Ivrea

10 9 2 4 3 18 17

Charvensod

8 9 2 2 5 22 23

Real Canavese

7 9 2 1 6 17 38

Sp.Nolese - Aygreville . . . . . . . . . . . .

Pro Candelo S.

3 9 1 0 8 8 30

Charvensod - Rivarolese . . . . . . . . . .

Mathi Lanzese

0 9 0 0 9 9 35

Real Canavese - Mathi Lanzese . . . . . . .

Champdepraz - San Grato . . . . . .0 - 0

Squadra

CGC Aosta - Châtillon . . . . . . . . . . . .

Rivarolese - Aygreville . . . . . . . .2 - 1 Sp.Nolese Charvensod - Brandizzo . . . . . . .2 - 4 Brandizzo

Pro Candelo S. - Ivrea . . . . . . . . . . . . . .

CGC Aosta - Chambave . . . . . . . .0 - 3

GIRONE A

9 10 2 3 5 7 17

19 9 6 1 2 30 11

Orizzonti United - Jr Biellese . . . . . . . . .

9ª giornata - Andata

Reti F S 27 9 25 8 21 10 24 12 18 16 21 22 13 17 22 19 20 25 10 17 13 20 13 16 15 21 12 19 9 12 9 15 13 27

P 0 0 3 3 5 5 6 4 5 5 7 7 6 5 5 5 9

Fiorano

Jr Biellese

Brandizzo - P.D.H.A. . . . . . . . . . . . . .

32 30 27 23 19 18 17 16 15 15 14 13 12 12 11 9 5

Partite V N 10 2 9 3 9 0 7 2 6 1 5 3 5 2 4 4 4 3 4 3 4 2 4 1 3 3 2 6 2 5 1 6 1 2

Bellavista - Champdepraz . . . . . . . . .

22 9 7 1 1 17 7

Prossimo turno

Volpiano Casale P.D.H.A. Quinci.Tava. Alicese Rivarolese Venaria LG Trino Bollengo A. Leinì Mathi L. Sp.Nolese San Carlo Real Canavese Brandizzo Pavarolo Crescentinese

G 12 12 12 12 12 13 13 12 12 12 13 12 12 13 12 12 12

Atletico 1912 - Jr Salassa . . . . . . . . . . .

Aygreville

P.D.H.A. - Orizzonti United. . . . . .2 - 1

Bollengo A. - Leinì . . . . . . . . . . . . . . . . Brandizzo - Sp.Nolese . . . . . . . . . . . . . . Casale - Rivarolese . . . . . . . . . . . . . . . . Crescentinese - Alicese . . . . . . . . . . . . . LG Trino - Quinci.Tava. . . . . . . . . . . . . . Pavarolo - San Carlo . . . . . . . . . . . . . . . P.D.H.A. - Volpiano . . . . . . . . . . . . . . Real Canavese - Venaria. . . . . . . . . . . . . Mathi L. riposa . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

P.ti

12 10 3 3 4 11 16

22 9 7 1 1 29 12

Mathi Lanzese - Pro Candelo S. . . . .2 - 3

Prossimo turno

Squadra

Corrado Gex

Rivarolese

Jr Biellese - Real Canavese . . . . . .10 - 2

Alicese - Venaria . . . . . . . . . . . . . . .3 - 1 Crescentinese - Pavarolo . . . . . . . . .1 - 3 Leinì - P.D.H.A. . . . . . . . . . . . . . .0 - 1 Mathi L. - Casale . . . . . . . . . . . . . .0 - 1 Rivarolese - Real Canavese . . . . . . .1 - 1 San Carlo - Bollengo A. . . . . . . . . . .2 - 2 Sp.Nolese - LG Trino . . . . . . . . . . . .0 - 1 Volpiano - Brandizzo . . . . . . . . . . . .2 - 1 Quinci.Tava. riposa . . . . . . . . . . . . . . . .

GIRONE B

Grand Combin 12 10 3 3 4 18 25

Squadra

Ivrea - Sp.Nolese . . . . . . . . . . . . . .2 - 2

G 14 14 14 14 14 14 14 14 14 14 14 14 14 14 14 14 14 14

13ª giornata - Andata

GIRONE A E TSERZA ERIE B CATEGORIA DONNE

ERIE B DRONNE EGIONALE GIRONE A JSUNIORES

JSUNIORES ERIE B DNONNE AZIONALE 11ª giornata - Andata

GIRONE A PROMOZIONE

GIRONE A ECCELLENZA Squadra

lunedì 18 novembre 2013

9ª giornata - Andata Banchette - Montanaro . . . . . . . . . .4 - 0

Squadra

GIRONE A P.ti

Partite Reti G V N P F S

P.V.F.

25 9 8 1 0 30 11

Castellamonte

20 9 6 2 1 20 10

Chiavazzese

17 9 5 2 2 26 15

Quinci.Tava. - St.V.Châ.. . . . . . . .1 - 1 Banchette Red Devils - Chiavazzese . . . . . . .0 - 1 Montaltese

17 9 5 2 2 22 9

Montaltese - Castellamonte . . . . . . .1 - 2 CGC Aosta - Bollengo A. . . . . . . .1 - 1 La Romanese - P.V.F. . . . . . . . . . . . .1 - 2

15 9 4 3 2 20 13

Quinci.Tava.

14 9 4 2 3 11 11

St.V.Châ.

13 9 3 4 2 19 14

Bollengo A.

10 9 3 1 5 10 13

CGC Aosta

7 9 2 1 6 16 32

Red Devils

6 9 2 0 7 12 23

Quinci.Tava. - CGC Aosta . . . . . . . . . .

Montanaro

6 9 2 0 7 7 24

St.V.Châ. - Montaltese . . . . . . . . . . .

La Romanese

3 9 1 0 8 9 27

Prossimo turno Castellamonte - La Romanese . . . . . . . . Chiavazzese - Bollengo A. . . . . . . . . . . . Montanaro - Red Devils . . . . . . . . . . P.V.F. - Banchette . . . . . . . . . . . . . . . . .

■ VETERANI / L’Issogne batte anche il Fenusma

Il Quart affonda il Sarre AOSTA - Prosegue la dittatura dell’Issogne nel campionato valdostano Veterani organizzato da US Acli e VdA Châtillon. I campioni in carica hanno spazzato via 3-0 il Fenusma con i gol di Oscar Dalbard, Marco Piovesan e Roberto Pramotton. Nella sfida tra gli inseguitori, il Quart ha riservato il medesimo trattamento al Sarre, battuto senza complimenti 3-0 grazie a una tripletta di Didier De Antoni. Sul terzo gradino del podio c’è l’Aymavilles, che è passato 3-1 a St-Christophe: per i castellani reti di Fabrizio Bosetto, Lorenzo Gorraz e Domenico Imbimbo, per i locali a segno Dimitri Calcagnile. Successi di misura per il Casinò sul St-Pierre (gol di Carlo Borra) e del St-Vincent sul Verrès (rete di Simone Moioli); Riccardo Framarin e Stefano Fughetta hanno firmato l’11 tra Olimpia Gressan e VdA Châtillon. In classifica marcatori Oscar Dalbard mantiene saldamente la prima posizione con 11 centri; a quota 6 lo inseguono Fabrizio Bosetto, Didier Dégioz e Didier De Antoni. ■ r.g.

ALLIEVI F/B REG.

1ª giornata - Andata

1ª giornata - Andata

Parlamento - Union VdS . . . . . . .3 - 0

Aygreville - Piemonte Sport . . 4 - 0

Evançon - Orione Vallette . . . . 4 - 1

Alpignano - Trecate . . . . . . . . . . .2 - 1

Cenisia - Montaltese . . . . . . . . . .4 - 2

J. Stars - Sparta Novara. . . . . . . .3 - 0

Squadra

P.ti

Issogne Quart Aymavilles Sarre Olimpia Gressan Casinò St-Vincent Fenusma Verrès St-Pierre VdA Châtillon Grand Combin St-Christophe

25 20 19 14 12 12 11 10 9 8 8 6 3

G 9 9 9 8 9 8 10 9 9 9 9 9 9

Partite V N 8 1 6 2 5 4 4 2 2 6 4 0 3 2 2 4 2 3 2 2 2 2 1 3 0 3

P 0 1 0 2 1 4 5 3 4 5 5 5 6

Lascaris - Sparta Novara . . . . . . .1 - 1

Collegno Pa. - Real Canavese . . . .3 - 0

Pro Settimo - Fenusma . . . . . . 3 - 2

Volpiano - Borgomanero . . . . . . .4 - 3

Ramatese Omegna - Varzese . . . .3 - 0

Parlamento - Lascaris . . . . . . . . .1 - 3

Santhià - Arona . . . . . . . . . . . . .0 - 0

Aygreville riposa . . . . . . . . . . . . . Squadra P.ti Partite G V N P Volpiano 3 1 1 0 0

Vallée d’Aoste - Volpiano . . . . 0 - 0 Squadra P.ti Partite G V N P Aygreville 3 1 1 0 0

Alicese riposa. . . . . . . . . . . . . . . . . . Squadra P.ti Partite G V N P J. Stars 3 1 1 0 0

Lucento

3

1

1

0

0

Ramatese Om.

Parlamento

3

1

1

0

0

Sparta Novara

3

1

1

0

0

Borgomanero

0

1

0

0

1

Charvensod

0

1

0

0

1

Mathi Lanzese

0

1

0

0

Pertusa Biglieri - Rapid Torino . . .0 - 0 Squadra P.ti Partite G V N P Cenisia 3 1 1 0 0 Evançon 3 1 1 0 0 Lascaris 3 1 1 0 0 Collegno Pa. 3 1 1 0 0 Rapid Torino 1 1 0 1 0 Pertusa Biglieri 1 1 0 1 0 Montaltese 0 1 0 0 1 Parlamento 0 1 0 0 1 Orione Vallette 0 1 0 0 1 Real Canavese 0 1 0 0 1

2ª Giornata

2ª Giornata

Montaltese - Evançon . . . . . . . . . .

Alicese - Pro Settimo . . . . . . . . . . . .

Lascaris - Pertusa Biglieri . . . . . . . . .

Arona - Alpignano . . . . . . . . . . . . . .

Orione Vallette - Parlamento . . . . . . .

Fenusma - Santhià . . . . . . . . . . . .

Charvensod - Lucento . . . . . . . 3 - 4

VETERANI

GIOVANISSIMI F/B REG. B

1ª giornata - Andata

Sparta Novara - Mathi Lanzese . .2 - 1

Carlo Borra (Casinò)

GIOVANISSIMI F/B REG. A

GIOVANISSIMI REG. A

1ª giornata - Andata

3

1

0

0

Lascaris

1

1

0

1

0

Sparta Novara

1

1

0

1

0

Volpiano

1

1

0

1

0

1

Vallée d’Aoste 1

1

0

1

0

0

1

0

0

1

1

0

0

1

Union VdS

0

1

0

0

1

Varzese

Aygreville

0

0

0

0

0

Piemonte Sport 0

Prossimo turno

1

2ª Giornata Borgomanero - Parlamento . . . . . . . . Lucento - Volpiano . . . . . . . . . . . . . . Mathi Lanzese - Aygreville . . . . . .

Prossimo turno 2ª Giornata

Piemonte Sport - Vallée d’Aoste . . Sparta Novara - Ramatese Omegna . .

Prossimo turno

Pro Settimo

3

1

1

0

Alpignano

3

1

1

0

0 0

Santhià

1

1

0

1

0

Arona

1

1

0

1

0

Fenusma

0

1

0

0

1

Trecate

0

1

0

0

1

Alicese

0

0

0

0

0

Sparta Novara

0

1

0

0

1

Prossimo turno

Union VdS - Sparta Novara . . . . . . . .

Varzese - Aygreville . . . . . . . . . . .

Rapid Torino - Collegno Pa. . . . . . . . .

Trecate - J. Stars . . . . . . . . . . . . . . . .

Charvensod riposa . . . . . . . . . . . .

Volpiano - Lascaris . . . . . . . . . . . . . .

Real Canavese - Cenisia . . . . . . . . . .

Sparta Novara riposa . . . . . . . . . . . .


45

lunedĂŹ 18 novembre 2013

UnicoFordPartnerPeila s.p.a. Peila Concessionaria Ford da sempre

www.peilaspa.com www.fordpeila.it

Loc. Grand Chemin 48 Saint Christophe (AO) tel. 0165 261440 Via Circonvallazione (dopo centro commerciale) Pavone Canavese (TO) tel. 0125 51090


CALCIO

46

lunedì 18 novembre 2013

■ SERIE D / I granata conquistano sul campo della Pro Dronero tre punti d’oro

Artaria affonda la Pro Dronero Andrea BARALIS Inviato al Baretti DRONERO - Una vittoria fondamentale quella conquistata dal Vallée d’Aoste in casa del fanalino di coda Pro Dronero. Al Filippo Drago finisce 2-1 per i granata, che tornano così al successo dopo oltre un mese (i tre punti mancavano dal 13 ottobre contro la Folgore Caratese) e allontanano la zona calda della classifica. Mister Alexandro Dossena, che in settimana ha perso definitivamente Andrea Gentile (l’intervista al giocatore è stata pubblicata venerdì sul sito www.newsvda.it) parte con il 4-4-2, con Dinaro tra i pali, Boi e Rega centrali con D’Errico e Losi sulle fasce, Mazzei e Furfaro in mezzo al campo, Noro a destra e Pascale a sinistra; davanti il tandem Artaria-Di Maira. I locali rispondono con un 4-2-3-1, con l’estroso De Peralta come terminale offensivo. La partita si fa subito in discesa per gli ospiti che, dopo appena due minuti, passano in vantaggio con Boi, il più lesto di tutti ad arrivare sul pallone sugli sviluppi di un calcio d’angolo e a battere il portiere avversario. La rete galvanizza i valligiani che vanno subito vicini al raddoppio: Artaria scappa a Tortone e calcia a botta sicuro appena entrato in area, ma trova l’ottima risposta di Rosano. Gli ospiti sono scatenati: su una punizione dalla trequarti, D’Errico è lasciato incredibilmente libero di colpire, ma non riesce a trovare lo specchio della porta, graziando i cuneesi. Ma non è finita qui: Pascale riparte subito e si invola sulla sinistra e calcia, ma Rosano è bravissimo ad intercettare il suo diagonale. Sulla ribattuta, Madrigrano si immola a ribattere il tap in a botta sicura di Di Maira. Poi, nel mo-

PRO DRONERO VALLEE D’AOSTE

1 (1) 2 (2)

MARCATORI: 2’ pt Boi; 27’ pt Giraudo; 35’ pt Artaria. PRO DRONERO (4-2-3-1): Rosano, Nicolino, Porcaro, Tortone, Madrigano, Giraudo, Brondino, Dutto (45’ st Cappellino), De Peralta, Garavelli, Isoardi (38’ st Nicolino). All.: Caridi. VALLEE D’AOSTE (4-4-2): Dinaro, Losi, D’Errico (34’ st Raso), Boi, Mazzei, Rega, Noro (10’ st Podvorica), Furfaro, Di Maira (21’ st Lionetti), Artaria, Pascale. All.: Dossena. ARBITRO: Borriello di Torre del Greco. ESPULSO: 38’ st Nicolino. AMMONITI: Losi, Artaria, Dinaro, Lionetti, Porcaro. NOTE: giornata nuvolosa, terreno in discrete condizioni, recupero 0+4. Alexandro Dossena: «Nelle ultime sei partite abbiamo perso una volta sola, giocandocela a viso aperto contro qualsiasi avversario. Questa vittoria di oggi è strameritata: abbiamo dimostrato di essere all’altezza della categoria, raccogliendo quello che abbiamo meritato e non portato a casa in altre partite».

mento migliore dei granata, arriva la doccia fredda: Dinaro esce maluccio su un pallone spiovente e respinge appena fuori area sui piedi di Giraudo, che di prima intenzione insacca a porta vuota con un bel pallonetto per l’11. Le emozioni, però, non sono ancora finite; passano po-

chi minuti e il Vallée d’Aoste passa di nuovo in vantaggio: Artaria fugge alla marcatura di Nicolino e batte Rosano, colpevolmente uscito in ritardo dai pali. A inizio ripresa, gli ospiti avrebbero persino l’occasione per chiudere l’incontro, ma il portiere della Pro

LE PAGELLE DEL NOSTRO INVIATO

Artaria migliore in campo, Pascale è un gladiatore Dinaro 6: colpevole sul gol del pareggio della Pro Dronero, ma si riscatta nella ripresa salvando il risultato. Losi 6.5: non si limita soltanto a difendere, ma veste anche i panni di uomo assist. D’Errico 6.5: lotta su ogni pallone e sfiora persino il gol. Esce stremato dopo aver dato tutto. Dal 34’ st Raso s.v. Boi 6.5: suo il gol che apre le danze dopo neppure due minuti di gioco. Mazzei 6: meglio in fase di copertura che in quella di impostazione. Rega 6.5: un vero e proprio muro invalicabile, non sbaglia quasi nulla. Noro 6: guizza poco, ma comunque tiene

Dronero compie un vero e proprio miracolo sul colpo di testa a botta sicura di Artaria. I cuneesi alzano il baricentro alla ricerca del gol del pari: al quarto d’ora Isoardi serve dalla destra Garavelli, che penetra in area centralmente e calcia, ma Dinaro è bravissimo a respin-

bene la posizione. Dal 10’ st Podvorica 6.5: appena entrato sfiora addirittura il tris. Furfaro 6.5: il solito motorino in mezzo al campo, tenta la via del gol alla mezz’ora, ma è impreciso. Di Maira 6.5: pericoloso in più di un’occasione, gli manca soltanto il gol. Dal 21’ st Lionetti s.v. Artaria 7.5: il migliore dei suoi, realizza la rete che vale la vittoria ed è sempre uno spauracchio per gli avversari. Pascale 7: un pomeriggio da vero gladiatore. Impegna severamente il portiere avversario in avvio di partita, è una spina nel fianco per i difensori della Pro.

gere in angolo il suo sinistro, facendosi perdonare l’errore del primo tempo. Il brivido maggiore arriva a pochi istanti dalla fine, quando Dutto si invola sulla destra e serve un pallone d’oro a De Peralta, che a qualche centimetro dalla porta sguarnita, calcia il pallone incredi-

■ 1ª CATEGORIA / Catania fa felice il P.V.F.

Foto www.ideawebtv.it

Termali a mani vuote P.V.F. ST.V.CHA.

La difesa valdostana nel finale ha tenuto botta di fronte al forcing finale dei cuneesi

2 (1) 0 (0)

MARCATORI: 35’ pt e 37’ st Catania. PERTUSIO VICTOR FAVRIA (44-2): Antonucci, Pavani, Genisio, Blanchietti, Oberto, Gisolo, Brillante (36’ st Trabucco),Torchia, Catania, Brunetta, Stecchini (44’ st Arcesto). All.: Perardi. SAINT-VINCENT CHATILLON (45-1): Saccavino, Bonin, Pangallo, Lavoyer, Belloro, Bocca (8’ st Morelli), Giovanardi (25’ st Duce), Arena, Venturino (1’ st Pouken), Vac-

■ 1ª CATEGORIA / L’undici di Girelli fatica a casa del fanalino di coda, ma segna due reti nella ripresa

Ceccato e Bouamer tengono in alto il Real ARDOR SAN FRANCESCO REAL SARRE

Omar Bouamer

bilmente fuori. Una bella iniezione di fiducia in vista dello scontro salvezza di domenica 24 al Puchoz contro l’Albese, sconfitta 4-1 in casa dal Sestri Levante. Una partita da non sbagliare per provare ad allontanare, ancora di più, i bassifondi della classifica.

0 (0) 2 (0)

MARCATORI: 17’ st rig. Ceccato; 41’ st Bouamer. ARDOR SAN FRANCESCO (4-42): Massa Bova,Virzì, Ingenito, Pierobon, Chiadò Cutin, Carraro (30’ st Ruscone), Caruso, Ossola, Altobello, Stani, Giuseppe Comentale. All. Leo. REAL SARRE (4-3-3): Erba, Culotta, Gagliardi, Bouamer, Bregoli, Andrea Raco, Berthod, Marco Dia-

no, Ceccato (40’ st Luigi Raco II), Matteo Diano (13’ st Rao), Riente (42’ st Pepellin). All. Girelli. ARBITRO: Lo Chiatto di Nichelino. ESPULSO: 5’ st Andrea Raco. AMMONITI: Gagliardi, Matteo Diano, Pierobon, Ruscone. SAN FRANCESCO AL CAMPO - Il Real Sarre fatica più del previsto in casa dell’ultima della classe. I valligiani, rimasti in inferiorità numerica in avvio di ripresa per l’espulsione

di Andrea Raco, rischiano addirittura di passare in svantaggio nel finale del primo tempo, con Erba superlativo su Giuseppe Comentale e sulla ribattuta di Ossola, poi salgono in cattedra nella ripresa, conquistando una vittoria importante ai fini della classifica. Ci pensa quindi il numero uno ospite a tenere a galla i suoi, poi l’ingresso di Rao nella ripresa cambia le sorti della gara: è il

neo entrato, infatti, a conquistare il rigore - messo poi a segno da Ceccato che sblocca l’incontro. A tempo quasi scaduto, con i canavesani tutti in avanti, è Bouamer a chiudere definitivamente i conti in contropiede. La vetta, vista la contemporanea vittoria del Chivasso contro il Real Leinì, rimane distante tre punti: e domenica 24 arriva la temibile Bosconerese. ■ an.tro.

caro, Ara. All.: Grenier. ARBITRO: Bonaudo di Pinerolo. ESPULSI: 10’ st Belloro; 44’ st Gisolo. AMMONITI: Bonin, Vaccaro, Catania. FAVRIA CANAVESE - La doppietta di Catania condanna il Saint-Vincent Châtillon alla sconfitta sul campo del Pertusio Victor Favria. La partita inizia a ritmi piuttosto blandi e le due squadre faticano a regalare emozioni al pubblico. In chiusura di primo tempo da dimenticare, però, i canavesani trovano la zampata giusta per passare in vantaggio: cross di Brillante e colpo di testa del bomber canavesano che non lascia scampo a Saccavino. Nella ripresa, nonostante l’espulsione di Belloro per somma di ammonizioni dopo dieci minuti, i valligiani crescono e vanno più volte vicini al pareggio, ma senza fortuna. Poi, a tempo quasi scaduto, arriva il bis che chiude definitivamente i conti: calcio di punizione di Brunetta e ancora un’incornata del numero nove di casa che fissa così il risultato sul definitivo 2-0. ■ r.g.


CALCIO

lunedì 18 novembre 2013

47

■ ECCELLENZA / Con un pokerissimo le Aquile stendono i piemontesi; torna al gol Lopez

L’Aygreville straripa nella ripresa Alessandro ROSSI Inviato al Rini VILLENEUVE - Si scatena nella ripresa l’Aygreville che, dopo un primo tempo giocato a ritmi blandi, sotterra il malcapitato Omegna con cinque reti. Un risultato, come detto, maturato e meritato solamente nella ripresa. Nella prima parte, infatti, i piemontesi erano riusciti, con il loro 3-5-2, a imbrigliare le trame di un Aygreville che puntava spesso sui lanci lunghi per l’ariete Lopez, con Sogno troppo fuori dal gioco in fascia e con Caputo a predicare spesso nel deserto. Rischi zero, ma anche occasioni ridotte all’osso, con il solo Turato in grado di concludere verso la porta di Fovanna. Tutt’altra musica nella ripresa, con la partita che si mette in discesa nel giro di 10’, grazie ai tre gol che in pratica chiudono il match. A cavallo della mezz’ora, poi, altre due segnature, con l’Omegna, ridotto in dieci, ad attendere con ansia il triplice fischio finale. Oltre al largo successo, da sottolineare il ritorno al gol di Lopez, che dopo nove mesi può nuovamente esultare, e questo non può che essere un buon segno per il prosieguo del torneo. Il match. Mister Benedetti non può contare su Luca Marchetto e soprattutto su Damiano Furfori; la formazione iniziale vede sia Sogno che Lopez, ci si attende il 4-3-1-2, ma Santiago Sogno si posiziona largo a sinistra nei quattro di centrocampo con Caputo alle spalle di Lopez. In difesa spazio sia a Milani che a Spinardi, con Marchesano in mezzo al campo insieme a Pramotton. L’Omegna

Challancin gira in rete di testa la marcatura del vantaggio dell’Aygreville

sceglie il 3-5-2, con Tizzano da una parte e Iob dall’altra che, in fase difensiva, rientrano a formare la catena

difensiva a cinque. Il primo tempo è davvero avaro di occasioni, due in tutto: al 5’ Bogani per Di Iorio

AYGREVILLE OMEGNA

5 (0) 0 (0)

MARCATORI: 3’ st Challancin; 10’ st Turato; 13’ st Lopez; 29’ st Pramotton; 36’ st Sogno. AYGREVILLE (4-2-3-1): Gini, Milani, Vitale, Challancin, Marchesano (36’ st Xavier Vuillermoz), Spinardi, Turato (40’ st Ursachi), Pramotton, Lopez (43’ st Thomain), Caputo, Sogno. All.: Benedetti. OMEGNA (3-5-2): Fovanna, Tizzano (15’ st Penariol), Bainotti, Cassani, Iob (1’ st Valsesia), Guidetti, Cantoni, Perini (23’ st Scavazza), Bogani, Brunetti, Di Iorio. All.: Tabozzi. ARBITRO: Gandolfo di Bra. AMMONITO: Pramotton. NOTE: recupero 0+3, terreno in discrete condizioni. Javier Lopez: «Finalmente sono tornato al gol, dopo ben nove mesi dall’infortunio. Non sono ancora al 100%, ma lavoro tutta la settimana per crescere in condizione. La squadra è umile, dobbiamo abbassare la testa e continuare su questa strada»

che conclude a lato, al 24’ risposta locale con Turato che, in diagonale, chiama all’intervento Favanna. La

LE PAGELLE DEL NOSTRO INVIATO

Gini 6: sarebbe da senza voto, se non fosse per un tiraccio di Cassani che deve alzare in corner; fa da spettatore. Milani 6.5: attento in fase difensiva, nella ripresa si fa più propositivo sul fondo. Vitale 7: inizia maluccio, un paio di cross sbilenchi ed errori in uscita; nella ripresa però mette due palloni con il contagiri per Turato e Lopez. Assist-man. Challancin 7: è suo il gol che spacca la gara, con uno stacco imperioso su azione di corner; dietro è un muro. Marchesano 6: tanta legna a metà campo, qualche errorino di troppo. Dal 36’ st Xavier Vuillermoz s.v.

Furia Charva: tris al Gattinara con pensiero speciale GATTINARA - Dodici reti in tredici turni e poi tre in un colpo solo. Questo il verdetto del Comunale di Gattinara, che ha visto uno Charvensod sicuro nel dominio della gara, capace di recuperare la vittoria dopo essere stato raggiunto al primo della ripresa. Rossoneri doppiamente meritevoli, perché la vittoria è stata conquistata nei confronti di una diretta concorrente e perché a fine gara è partito il coro dedicato a mister Fermanelli, assente per seri problemi di famiglia; segno evidente di un attaccamento all’allenatore e alla causa. Gattinara, invece, ben poca cosa, anche se al di là dei demeriti dei bianchi c’è tutto il merito degli ospiti, più sicuri in ogni reparto, con una freccia in piu’ in avanti. Ben poco, infatti, i padroni di casa hanno potuto contro un Rovira in grande spolvero. Amato detta il ritmo, capitan Menegazzi è abile nel destreggiarsi; in avanti il già citato Rovira e Sterrantino impegnano oltre modo il diretto avversario. Trascorrono appena 10’ e lo Charva è già al tiro con Garbini: respinge l’estremo locale, ma su azione susseguente Rovira semina un paio di avversari, si accentra dalla de-

Tutta dedicata a mister Ferma l’esultanza dello Charva

stra, mette al centro, ma Antonacci , da ottima posizione, spara alle stelle. Al 20’ la rete: il solito Amato si disimpegna, lancia in profondità e Sterrantino gira sul secondo palo infilando Dedin. Al 23’ valligiani vicinissimi al raddoppio: il solito Rovira mette una splendida palla sul secondo palo, ma Sterrantino e Garbini sono leggermente in ritardo per il tapin. Mister Mellano corre ai ripari, togliendo un inconsistente Pellerei; dentro Porcelli che va sulla fascia mentre retrocede Tramarin. Porcelli crea più spazi; è veloce, ha buon possesso di palla e “buca” in qualche caso la difesa avversaria che, però, subisce la rete solo al 1’ della ripresa su calcio piazzato con colpo di testa di Pllumbay.

Coppa Italia

Flash

L’Aygre deve vincere Servirà una vittoria all’Aygreville per accedere alla semifinale della Coppa Italia di Eccellenza. La vittoria 3-2 della Pro Settimo sul Borgaro, costringe le Aquile a piegare la Pro nel match interno di mercoledì 27 novembre (ore 16 al Rini di Villeneuve). Nella classifica del triangolare, infatti, le due squadre sono prime con tre punti e +1 di differenza reti, ma i torinesi hanno segnato due gol in più dei valligiani.

Vitale assist-man, Lopez in gol dopo 9 mesi, la difesa regge

■ ECCELLENZA / I rossoneri sbancano il comunale e dedicano il successo a mister Fermanelli

Franco ORMEA Inviato al Comunale

ripresa, dopo il té caldo, è spumeggiante da parte dei padroni di casa, con la cronaca che sta tutta nei cin-

que gol. Al 3’ Pramotton da fuori costringe in corner Favanna; dalla bandierina Caputo trova la testa di Challancin che gira in fondo al sacco. La rete galvanizza l’Aygreville che raddoppia al 10’: Vitale da sinistra mette al centro una palla deliziosa, sul secondo palo arriva di gran carriera capitan Turato che batte Favanna. Nemmeno il tempo di esultare che Vitale si ripete: cross al bacio per la testa di Lopez che torna a esultare dopo nove mesi di astinenza e sofferenza, visto il grave infortunio patito lo scorso anno. Il match finisce qui. Cassani ci prova al 22’, ma Gini è attento, quindi il bottino aumenta nel finale. In superiorità numerica per l’infortunio a Scavazza con cambi esauriti, per i locali vanno in gol prima Pramotton, al 29’, con un pallonetto di sinistro spalle alla porta dal limite, e quindi Sogno che, su assist di Milani, vince un tackle e batte in diagonale l’estremo ospite.

Reazione di Menegazzi e compagni che al, 10’, passano nuovamente in vantaggio ad opera di Carlotto, lasciato solo in mezzo all’area: su la deviazione di testa su angolo di Amato. Al 29’ la super rete di Rovira chiude i conti, anche se ci vuole l’uscita a valanga di Celesia su Pllumbay lanciato a rete per mettere il sigillo. Insomma, successo meritato per uno Charva determinato, che ha avuto la meglio su un Gattinara balbettante, con un punteggio che avrebbe potuto essere anche più pesante.

Spinardi 6.5: gli avanti ospiti sono rapidi, ma li limita alla grande. Turato 7: nel primo tempo è l’unico a calciare in porta, nella ripresa va in gol facendosi trovare nel posto giusto al momento giusto. Dal 40’ st Ursachi s.v. Pramotton 7: un gol tanto spettacolare quanto casuale; tanta sostanza. Lopez 8: torna al gol dopo nove mesi, si sbatte per 85’, tanta roba là davanti. Dal 43’ st Thomain s.v. Caputo 6.5: ispirato, tocca tantissimi palloni, gli manca solo il gol; assist per Challa. Sogno 7: si sacrifica da quarto di centrocampo, ma la sua zampata non manca.

GATTINARA CHARVENSOD

1 (0) 3 (1)

MARCATORI: 20’ pt Sterrantino; 1’ st Pllumbay; 10’ st Carlotto; 29’ st Rovira. GATTINARA (4-4-2): Dedin,Danini, Tramarin (25’ st Isabelli), Pellerei (33’ pt Porcelli), Cianciolo, Pllumbay, Russo, Fodero, Mangolini, Ravetto. All.: Mellano. CHARVENSOD (4-4-2): Celesia, Ierace, Condò, Amato, Berger (25’ st Alessi), Carlotto, Antonacci, Menegazzi, Sterrantino, Garbini (44’ st Joly), Rovira (36’ st Timpano). All.: Bravi. ARBITRO: Prior di Ivrea. AMMONITI: Pllumbay, Fodero e Antonacci. NOTE: calci d’angolo 5-4; recupero 1+3.

LE PAGELLE DEL NOSTRO INVIATO

Andrea Amato: «Abbiamo fatto una buona prestazione e soprattutto abbbiamo dimostrato di essere una squadra che non si smarrisce alla prima difficoltà. Dopo il pari ci siamo rialzati e siamo andati a vincere. Dedichiamo questo successo al mister».

Amato illumina il centrocampo; Celesia salva il risultato Celesia 6.5: quasi inoperoso per l’intero arco della gara, si supera al 36’ della ripresa uscendo a valanga sui piedi di Pllumbay. Ierace 6: sulla sinistra della difesa a quattro assolve al suo compito con diligenza. Condò 6: è il più giovane del quartetto difensivo, ma non sembra tanta è la tranquillità. Amato 7: illumina, fronteggia, distribuisce palle pesanti, si permette anche colpi di tacco a centrocampo; dai suoi piedi partono due delle tre reti. Berger 6: difensore di spessore, dalle sue parti non si passa; esce per una ferita, probabilmente causa di una gomitata. Dal 25’ st Alessi 6: fa il suo.

Carlotto 6.5: mezzo punto in più per la rete, ma in qualche caso è preda di amnesie pericolose. Antonacci 6: esterno destro; indietreggia quando è il caso, avanza con prudenza. Menegazzi 6.5: da buon capitano è presente in ogni dove; incoraggia e dà sicurezza ai compagni. Sterrantino 6.5: spina nel fianco della difesa avversaria, buon realizzatore. Garbini 6: soffre qualche calo di tensione, ma si riprende. Dal 44’ st Joly s.v. Rovira 6.5: freccia in più nell’arco della squadra di Bravi, esce sul finire, ma merita un supplemento di riposo. Dal 36’ st Timpano s.v.


CALCIO

48

lunedì 18 novembre 2013

■ PROMOZIONE / Quinta vittoria consecutiva di Umeroski e soci, cha passano a Leinì

Il pokerissimo del P.D.H.A. Andrea TROVATO Inviato al Cittadella dello Sport LEINI’ - Quinta vittoria consecutiva del Pont Donnaz Hône Arnad, che espugna 1-0 il campo del Leinì. Ci pensa il solito Umeroski a sbloccare la partita dopo neppure dieci minuti, regalando ai suoi un successo pesantissimo in vista del big match di domenica 24 novembre contro la capolista Volpiano, reduce dalla vittoria casalinga per 21 contro il Brandizzo. Una partita dai due volti quella contro i canavesani: un ottimo primo tempo, con numerose palle gol sprecate per chiudere i conti, mentre una ripresa dai ritmi decisamente più bassi dove soltanto un ottimo Peirano ha evitato la beffa in almeno un paio di occasioni. Milani parte con il tradizionale 4-4-2, dando fiducia al giovane Sirigu sulla sinistra e a Moretto sulla destra, con Bergonzi e Barbiero al centro; in mezzo al campo giostrano Ollier e Della Rosa, Scala e Menchini si occupano delle fasce e Canalini si piazza alle spalle del bomber macedone. Stesso modulo per i padroni di casa, che faticano a rendersi pericolosi nei primi quarantacinque minuti, nonostante due giocatori di esperienza in avanti come Raso e Aniello. Alla prima occasione, gli ospiti vanno in gol: gran palla di Ollier per Menchini sulla sinistra, tocco per Umeroski, che mette alle spalle di Calabrese. I gialloblù provano subito a reagire, ma la punizione dal limite di Raso è centrale. Nel finale del primo tempo la gara si accende: l’estremo difensore leinicese atterra

Capitan Menchini porta lo scompiglio nell’area leinicese nel finale di match

appena fuori area Umeroski lanciato ormai verso la porta, servito in profondità da Della Rosa, ma l’arbi-

tro estrae solo il cartellino giallo e non il rosso, tra le proteste dei valligiani. E sul calcio piazzato seguente, il

LEINI’ P.D.H.A.

0 (0) 1 (1)

MARCATORE: 7’ pt Umeroski. LEINI’ (4-4-2): Calabrese, Beltempo, Brusa (10’ st Cristiano), Camosso (26’ st Fabio Petrone), Dalla Chiusa, Calzolaro, Bochicchio, Casari (3’ st Matrella), Aniello, Raso, Terrano. All.: Antonio Petrone. PONT DONNAZ HONE ARNAD (4-4-2): Peirano, Moretto, Sirigu, Della Rosa, Bergonzi, Barbiero, Ollier, Scala, Umeroski, Menchini, Canalini (29’ st Dotelli). All.: Milani. ARBITRO: Paralovo di Torino. AMMONITI: Casari, Camosso, Calabrese, Dalla Chiusa, Barbiero, Umeroski. NOTE: giornata nuvolosa, terreno in discrete condizioni, spettatori 50 circa; recupero 1+3. Barjan Umeroski: «Abbiamo sofferto un po’ più del dovuto, ma sapevamo che sarebbe stata una partita difficile. Avremmo dovuto chiudere il match nel primo tempo, ma alla fine è importante tornare a casa con i tre punti e non perdere contatto da chi ci precede».

numero uno compie un vero e proprio miracolo sulla conclusione di Menchini. L’ultimo sussulto prima

LE PAGELLE DEL NOSTRO INVIATO

Peirano 7.5: ci mette una pezza in almeno un paio di occasioni. Moretto 6: non sfigura, si limita più a controllare che non a spingere. Sirigu 6.5: è soltanto un ‘96, ma ha già classe da vendere. Non si intimorisce mai, neppure di fronte ad avversari più esperti di lui. Della Rosa 7: non sbaglia un pallone in mezzo al campo, sempre determinante sulle palle alte. Bergonzi 6: perfetto per quasi tutta la partita, rischia la frittata in avvìo di ripresa. Barbiero 6.5: concede poco o nulla agli attaccanti leinicesi, soprattutto nel pri-

Gariano marchia a fuoco lo scontro salvezza SAN MAURIZIO - Vittoria preziosa del Verrès nello scontro salvezza. I rossoneri scendono in campo determinati dimostrando di avere tutte le carte in regola per rimanere nella categoria dominando un San Maurizio avanti in classifica. Oltre alla classifica, questo successo è una grande iniezione di fiducia per i valligiani in vista dei prossimi impegni. Il tecnico Marcellan prova a scardinare il fortino eretto dai canavesani con il collaudato albero di Natale, 4-3-2-1, dove Bonjean è la punta centrale con Gariano e Sirigu a supporto; i padroni di casa rispondono con un classico 4-4-2, schierando la coppia offensiva composta da Vayr e Grapoli. I primi minuti di gara non riservano molte emozioni con il Verrès a tenere in mano le redini dell’incontro, mentre il San Maurizio si limita a colpire in contropiede, senza risultati. Il primo brivido arriva al 21’ quando nel momento migliore degli ospiti, una punizione di Alestra libera Ghilleri a due passi da Orrù, ma il tiro al volo dell’esterno sanmauriziese finisce alto sulla traversa. Gol sbagliato-gol subito e sul capovolgimen-

toto di fronte Bonjean prende palla ai trenta metri lasciando partire un rasoterra, che il portiere Avataneo si fa sfuggire dalle mani. Gli ospiti sembrano controllare il vantaggio senza troppi patemi, ma al 35’ perdono palla in mezzo al campo lanciando il contropiede dei rivali, Vayr è bravo a servire Grapoli, che tutto solo infila Orrù. A inizio ripresa il Verrès si getta in avanti alla ricerca del vantaggio, ma sono i sanmauriziesi a sfiorare il vantaggio con Ghilleri, che, scattato in

posizione dubbia, chiama al grande intervento Orru. All’8’ si rivedono i locali con una punizione di Alestra, che impegna il guardiano ospite. Scampato il pericolo, gli ospiti si rimettono a macinare gioco e al 20’ falliscono una ghiotta pallagol con Sirigu, che colpisce di testa a porta vuota su assist di Bonjean, ma ci pensa Ossati a salvare sulla linea. A questo punto Callegari, allenatore del San Maurizio si gioca la carta Dauria per Vayr, ma sono gli ospiti a sfiorare il gol con Bonjean, tapin ravvicinato

sbagliato. Dopo la mezz’ora il San Maurizio rimane in dieci per l’espulsione di Dauria, allora Marcellan tenta il tutto per tutto inserendo Gaiche per Guiat, la mossa si rivela azzeccata, perchè l’ariete rossonero al 36’ fa sponda per Gariano che dal limite lascia partire un destro imprendibile per Avataneo. Nei minuti finali i locali si gettano in avanti alla ricerca del pareggio, ma ci pensa Orrù a salvare il risultato con due splendidi interventi su Grapoli e il neoentrato Montanari.

PONT-ST-MARTIN - Una sola squadra in vetta a punteggio pieno della Free Time Cup in corso di svolgimento al palasport di Pont-St-Martin. Dopo la terza giornata, complice il turno di riposo del Dalailama Village Bistrot (che come il Fiat Cesaro - Bar Lys ha vinto le due gare finora giocate), a guardare tutti dall’alto è il Bar Comola, che ha sconfitto 3-1 il F.C. Walser nel big match della settimana. A quota sei sono saliti anche il Fiat Cesaro - Bar Lys, che ha superato 6-2 il Psm 2013, e il Conad, che non ha lasciato scampo 11-5 l’M10 Sport. Successo di misura, infine, per il Treves Football Club, che ha battuto 5-4 la Carrozzeria Di Marco e Pinet. CLASSIFICA: Bar Comola p.ti 9; Dalailama Village Bistrot, Fiat Cesaro - Bar Lys, F.C. Walser e Conad 6; Treves Football Club 3; Carrozzeria Di Marco e Pinet, M10 Sport e Psm 2013 0. ■ r.g.

mo tempo. Ollier 6.5: gioca una gran palla in occasione del gol, ma sbaglia qualche passaggio di troppo. Scala 6.5: ha i piedi buoni e si vede. Disputa una partita di sacrificio, nella quale dà una mano alla difesa quando serve. Umeroski 8: sua la rete che vale i tre punti. Ormai non si ferma più e trascina i compagni di squadra verso le zone nobili della classifica. Menchini 7: ottimo l’assist in occasione dell’1-0, poi si sacrifica per i compagni. Canalini 6: fatica a trovare lo specchio della porta. Dal 29’ st Dotelli s.v.

SAN MAURIZIO VERRES

1 (1) 2 (1)

MARCATORI: 22’ pt Bonjean; 35’ pt Grapoli; 35’ st Gariano. SAN MAURIZIO (4-4-2): Avataneo, Capogna (36’ st Franciolo), Levra, Ossati, Alestra, Massa, Ghilleri, Lo Buono,Vayr (21’ st Dauria), Grapoli, Ballarin (30’ st Montanari). All. Callegari. VERRES (4-3-2-1): Orrù,Voyat (34’ st Gaiche), Raffaele, Giovanzana, Noro, Dattolo, Gariano, Furfaro, Bonjean (37’ st Bionaz), Sirigu (22’ st Giovenzi), Bardhoku. All.: Marcellan. ARBITRO: Parola di Cuneo. ESPULSO: 32’ st Dauria. AMMONITI: Ballarin, Massa, Raffaele e Furfaro. NOTE: giornata nuvolosa e fredda; spettatori paganti 53; recupero 1+4; tiri in porta 5-4; tiri fuori 4-4; angoli 2-2; fuorigioco 6-3; falli commessi 23-15.

FREE TIME CUP

Il Bar Comola piega il F.C. Walser

Il bomber macedone non si ferma più, Peirano decisivo

■ 1ª CATEGORIA / Botta e risposta Bonjean-Grapoli, ma il Verrès trova il gol-partita nel finale

Federico MECCA Inviato al Comunale

dell’intervallo è dei locali, con la conclusione da fuori di Calzolaro che si spegne di un soffio a lato.

Nella ripresa il Leinì passa alla difesa a tre e scende in campo con maggior piglio. Dopo pochi secondi l’undici di casa sfiora il pari con Raso, che approfitta di un retropassaggio errato di Bergonzi, ma Peirano ci mette il piedone. Il Pont Donnaz Hône Arnad prova a chiudere la partita, prima con Menchini e poi con Canalini, ma entrambi non trovano di un soffio lo specchio della porta. Nel finale, invece, il protagonista è Peirano che compie un vero e proprio miracolo su Aniello e si ripete subito dopo sul neo entrato Matrella, regalando ai suoi tre punti fondamentali nella rincorsa alla vetta della classifica. Ora la mente è già rivolta alla sfida con il Volpiano, lontano cinque punti: un successo riaprirebbe il campionato, mentre una sconfitta potrebbe compromettere la rincorsa dei ragazzi di Milani verso quel sogno chiamato Eccellenza.

LE PAGELLE DEL NOSTRO INVIATO

Roberto Gariano: «E’ una vittoria importantissima per la classifica e il morale, visto che stavamo giocando bene, ma i risultati non arrivavano. Sono felice per il gol, ma di pù per i tre punti. Adesso possiamo guardare con fiducia ai prossimi impegni».

Bonjean bomber di razza, Furfaro lotta come un leone Orrù 6.5: incolpevole in occasione del gol, nella ripresa salva il risultato con grandi interventi. Voyat 6.5: difende con ordine sulla destra e si propone in sovrapposizione sulla fascia. Dal 34’ st Gaiche s.v. Raffaele 6: meglio nella fase di contenimento sulle ripartenze avversarie, che in fase offensiva. Giovanzana 6.5: usa tutta la sua esperienza per marcare il colosso Vayr. Noro 5.5: sulla fascia sinistra patisce le folate offensive di Ballarin. Dattolo 6: gioca d’anticipo con grande determinazione, peccato si perda Grapoli in

occasione del pareggio. Gariano 7.5: con la sua velocità mette sottosopra la difesa avversaria, sigla la rete della vittoria. Furfaro 6.5: lotta come un leone davanti alla difesa recuperando palloni in continuità. Bonjean 7: si conerma bomber di spessore trovando il vantaggio con un rasoterra velenoso. Dal 37’ st Bionaz s.v. Sirigu 6: mezzo voto in meno per il gol mancato a porta vuota nella ripresa. Dal 22’ st Giovenzi 6.5: dà vivacità all’attacco rossonero. Bardhoku 5.5: si propone poco al tiro prediligendo la copertura.


CALCIO

lunedì 18 novembre 2013

49

■ 1ª CATEGORIA / I ciriacesi fanno soffrire il Fenusma, che si aggrappa a portiere e bomber

Corniolo impallina l’Esperanza Renato DUCLY Inviato al Comunale NUS - Continua la bella marcia del Fenusma che conquista la quinta vittoria nelle ultime sei partite e si porta al quarto posto in classifica (in attesa di conoscere l’esito del match sospeso tra Bosconerese e Colleretto per le intemperanza dei padroni di casa, sotto 3-2). Il successo, ottenuto contro l’Esperanza (penultima in classifica), ha però poco da essere festeggiato; la Riboni band è apparsa tremendamente in difficoltà nel costruire una manovra collettiva, in affanno dal centrocampo in su (di conseguenza mettendo la difesa in costante apprensione) e alla fine deve sì ringraziare Corniolo (meno cecchino sotto porta di altre volte) per la doppietta, ma soprattutto accendere un cero a San Fabio Favre, autore di almeno tre interventi prodigiosi. I blucerchiati, privi degli infortunati Cortesogno, Statti e Droz, sono scesi in campo con Favre in porta, Pession e Voyat centrali di difesa e Alessio Perruquet e Rey terzini, quindi Grange e Dalla Zanna larghi in mediana con Comé e Alessandro Perruquet in mezzo; in avanti il duo Corniolo-Money. Nel primo tempo parte meglio l’Esperanza (tiro alto di Cagliostro), mentre i castellani si fanno sentire con una punizione di Corniolo (facile per Fregolent) e un colpo di testa di Voyat (nuovamente controllato dal portiere). Si arriva così all’azione che porta avanti i locali e finalizzata da Corniolo, il quale, defilato sulla destra, fa partire una conclusione sul quale Frego-

FENUSMA ESPERANZA

2 (1) 1 (0)

MARCATORI: 21’ pt e 34’ st Corniolo; 13’ st Cigna. FENUSMA (4-4-2): Favre, Alessio Perruquet, Rey (8’ st Lugon), Comé, Pession, Voyat, Grange (1’ st Dufour), Alessandro Perruquet, Corniolo, Money, Dalla Zanna. All.: Riboni. ESPERANZA (4-5-1): Fregolent, Correndo, Spiga, Umoretto, Massa, Balzano, Cigna, Manino, Cagliostro, Colombatto (47’ st Casagrande), Salmaso (27’ st Arjan). All.: Ragusa. ARBITRO: Lazar di Biella. AMMONITI: Alessio Perruquet, Voyat, Comé e Balzano. NOTE: pomeriggio gradevole, terreno in discrete condizioni, recupero 2+5. Luca Pession: «E’ stata una partita difficile contro una squadra che si deve salvare e che ha lottato mettendoci in difficoltà. Non li abbiamo presi sotto gamba, ma dopo il vantaggio abbiamo mollato un pochino e ci hanno punito pareggiando; siamo comunque poi stati bravi a vincere».

lent ci arriva, ma non per impedire che questa si insacchi. Il buon momento continua (assist di Alessio Perruquet per Dalla Zanna, che di testa impegna il

portiere), ma prima del riposo ecco Favre volare all’incrocio dei pali per sventare una punizione di Cagliostro e successivamente dire no pure a Colombatto

LE PAGELLE DEL NOSTRO INVIATO

Favre monumentale, Pession dà sicurezza alla difesa Favre 8.5: sventa una punizione all’angolino; ferma Cagliostro che già esultva; esce al limite dell’area sui piedi di Cigna. Potevano essere tranquillamente tre reti subìte. Alessio Perruquet 6: fin da subito deciso, controlla bene la sua zona di competenza. Rey 5.5: dalle sue parti bazzica Cigna e fatica a contenerlo. Dall’8’ st Lugon 6: entra per dar peso in avanti, ma alla fine verrà ricordato due chiusure difensive. Comé 6: tanta corsa e impegno, cala nella ripresa quando si sposta sulla fascia. Pession 6.5: molto lavoro e almeno due interventi provvidenziali. Voyat 6: un buon primo tempo, poi va in diffi-

da buona posizione. La ripresa si apre con un’incursione di Money (tiro parato), mentre Riboni sostituisce Rey (per Lugon) passando alla difesa a tre. As-

Il Quart batte il Castellamonte e scaccia la crisi BRISSOGNE - Il Quart risorge, cogliendo sul campo di casa un successo rotondo contro il Castellamonte. Una vittoria maturata già nei primi 45’, con i valdostani che vanno al riposo con tre gol di vantaggio e possono dedicare la ripresa a gestire il risultato. Già dall’avvìo i biancoviola hanno imposto un ritmo alto alla sfida salvezza, pressando alto nel tentativo di imbrigliare l’impostazione del gioco dell’undici canavesano. E puntualmente arrivano gli errori da sfruttare: al 16’ un’incursione in area di un ispiratissimo Lévèque mette in affanno la difesa ospite e il portiere Dagasso regala gentilmente il gol centrando in pieno Tarizzo con la sua respinta di piede. Passano solo due minuti e il Quart raddoppia grazie a Destrotti, freddo nel concludere dopo essere stato liberato da un fuorigioco sbagliato dalla linea arretrata del Castellamonte. I piemontesi hanno un sussulto al 20’, quando Salto accorcia le distanze con un bel tiro dal limite sugli sviluppi di un corner, ma restano costantemente minacciati dal-

coltà quando si passa alla difesa a tre. Grange 5.5: pomeriggio difficile per un classe ’97 a cui va dato il tempo di crescere. Dal 1’ st Dufour 5: imprecisioni e giocate difficili per i compagni. Poco concentrato. Alessandro Perruquet 5.5: impegno fine a se stesso; nel finale arretra a difendere il fortino. Corniolo 7: altre due reti (e si porta a quota 11) che valgono oro, ma pure un paio di conclusioni fallite davanti al portiere. Money 5.5: tanto movimento, ma anche troppa imprecisione. Dalla Zanna 5.5: nel primo tempo pressa e aggredisce, poi deve badare di più a controllare Cigna e spesso si fa saltare.

setto per sfruttare meglio, col gigante di Pollein, i continui lanci lunghi, ma che finisce per dare ancora più campo a Cigna, il migliore degli ospiti; e non a caso sa-

La conclusione di Corniolo non lascia scampo a Fregolent e porta in vantaggio il Fenusma

■ 1ª CATEGORIA / Occhiello in chiaro per titolo sdue righe con una di titolo Oc

Julien D’HERIN Inviato al Comunale

le folate dei padroni di casa, orchestrate dal trio Salvemini-Lévèque-Destrotti, e moltiplicano gli strafalcioni difensivi. Dopo un’occasione fallita da Bianchi, prima della pausa i valdostani passano ancora due volte: al 36’ Atfane trova la deviazione di testa vincente al termine di una prolungata azione offensiva; al 45’ è Salvemini a firmare un gol capolavoro, trasformando un assist al bacio di Lévèque in un sontuoso pallonetto di prima intenzione.

Nella ripresa il Castellamonte prova, com’è logico, a scuotersi, alzando molto la linea difensiva, mettendo più decisione nei contrasti e aumentando la corsa. Gli ospiti prendono in mano il gioco nel tentativo disperato di rientrare in partita, ma inevitabilmente rischiano qualcosa sui ribaltamenti di fronte. Le opportunità migliori le ha infatti ancora il Quart, dalla traversa colpita da Salvemini con una punizione quasi perfetta, alle due occasioni

sprecate prima da Destrotti e poi da Lévèque, liberi di scorrazzare nelle praterie liberate dagli avversari. La generosa pressione dei canavesani li porta al gol al 42’, grazie a un colpo di testa in torsione di Barretta dopo l’ennesima discesa di un infaticabile Frolla, ma è tardi per pensare al riaggancio. I titoli di coda scorrono sulla partita consegnando al Quart tre punti d’oro, che interrompono la serie negativa e danno ossigeno alla classifica.

QUART CASTELLAMONTE

rà proprio lui a gettare nel panico la difesa di casa, andandosene sulla fascia sinistra ed entrando in area per battere Favre (1-1). L’occasione più ghiotta per riportarsi avanti capita sui piedi di Corniolo, il quale incredibilmente spara alto a pochi passi dalla porta. E’ quindi ancora bravo Favre a uscire sui piedi di Cigna (nuovamente lanciato in rete), mentre il 2-1 arriva da azione d’angolo: palla spizzicata da Money per Corniolo, che di testa insacca. Prima del triplice fischio c’è ancora tempo per un’occasione a firma Uccio (parata), ma soprattutto per altre due respinte di Favre: prima su Cagliostro, che colpisce a botta sicura dal centro dell’area, e in pieno recupero su Umoretto. Arrivano così tre punti d’oro, ma per il Fenusma da domenica prossima non si può più scherzare; dopo il derby col Verrès, dovrà infatti vedersela, prima della sosta, con Banchette, Colleretto e Real Sarre.

4 (4) 2 (1)

MARCATORI: 16’ pt autogol Tarizzo; 18’ pt Destrotti; 20’ pt Salto; 36’ pt Aftane; 45’ pt Salvemini; 42’ st Barretta. QUART (4-3-1-2): Minuzzo, Mammoliti (21’ pt Barrel), Badarello, Allegri, Pont, Borrello, Bianchi (26’ st Mammolito), Aftane, Salvemini, Lévèque (23’ st Chierici), Destrotti. All.: Brigantino. CASTELLAMONTE (4-2-3-1): Dagasso, Leone (Crivellaro, 28’ st Laboroi), Tarizzo, Straullo, Iadicicco, Zoccali, Frolla, Selli, Guglielmetti, Salto, Celeste (Barretta). All.: Bellino. ARBITRO: Lo Torto di Novara. AMMONITI: Zoccali, Straullo, Selli, Borrello, Barrel. NOTE: pomeriggio freddo, recupero 2+4.

LE PAGELLE DEL NOSTRO INVIATO

Luca Salvemini: «Il gol? Lo provi, ma ti viene una volta ogni cinque anni; ho visto il portiere leggermente avanti e ho pensato al pallonetto, la palla è rimbalzata giusta e l’ho presa come dovevo. Il risultato forse è un po’ largo, ma oggi abbiamo giocato bene e dovevamo proprio vincere, dopo cinque sconfitte di fila».

Lévèque è ispiratissimo, Salvemini si inventa un eurogol

Michel Lévèque ha giocato una grande partita

Minuzzo 6: ingannato da una deviazione sul tiro di Salto; una bella parata con i piedi nella ripresa. Stefano Mammoliti s.v.: ko al primo contrasto. Dal 21’ pt Barrel 6: qualche patema con Frolla nel primo tempo, ma se la cava. Badarello 6: concentrato sulla fase difensiva, sbaglia poco o nulla. Allegri 6: sbriga il suo lavoro senza badare allo stile. Pont 6.5: guida la difesa con sicurezza e senza commettere errori. Borrello 6.5: vertice basso della mediana di casa, sempre presente e ben piazzato.

Bianchi 7: con la sua corsa mette spesso in difficoltà il centrocampo ospite. Dal 26’ st Giorgio Mammoliti s.v. Aftane 7: corsa e sostanza, arriva puntuale all’appuntamento con il gol. Salvemini 8: trequartista pungente negli inserimenti, segna una gran rete e ne sfiora un altro paio. Lévèque 8: salta quasi sempre l’uomo e mette il piede in tutte le azioni importanti; gli manca solo il gol. Dal 23’ st Chierici s.v. Destrotti 7.5: firma con freddezza il punto del 2-0; con i suoi movimenti detta passaggi sempre interessanti.


calcio

50

lunedì 18 novembre 2013

■ 2ª categoria / La capolista cade nel derby e viene raggiunta dall’Azeglio

I Red Devils sgambettano il Sanson RED DEVILS CG SANSON

2 (2) 1 (1)

MARCATORI: 3’ pt Dalle; 35’ pt Giorgi; 39’ pt rig. Lorenzo Bonin. RED DEVILS (4-4-2): Roberto Peila 6.5,Vairos 6.5, Lorenzo Bonin 7, Andreo 6.5, Arioli 7, Rotundo 6.5, Dalle 6.5, Alessandro Peila 7.5, Ardesi 6 (1’ st Cojocariu 6.5), Fraschetto 6.5, Kevin Bonin 6. All,: Blanc. CG SANSON (4-4-2): Montefiori 6.5, Scali 6.5, Adriano 6, Giorgi 6.5, Manenti 6 (10’ st Peaquin 6), Pozzolini 6.5, Haddouche 6.5 (25’ st Soldano), Guedoz 6,Vittoni 6, Cappellari 6.5, Cetara 6.5. All.: Barzagli. ARBITRO: Forza di Collegno. AMMONITI: Dalle, Cetara, Vairos, Kevin Bonin e Fraschetto.

L’undici dei Red Devils

NOTE: recupero 1+1.

Maurizio PITTI Inviato a Settimo Vittone settimo vittone - Si interrompe la serie positiva del CG Sanson, che torna dalla trasferta con i Red Devils a mani vuote e con tanta amarezza. Morale alle stelle, invece, per i rossi, che oltre a conquistare una meritata vittoria, convincono macinando gioco e tenendo in pugno per novanta minuti la capolista. Pronti via e i Red Devils vanno in rete. È il 3’: un cross dalla destra arriva al centro, dove Dalle insacca alle spalle di Montefiori per l’1-0. Gli ospiti accusano

il colpo e non sembrano reagire. La partita continua con i padroni di casa che creano occasioni, prima al 12’ con una punizione dal limite che Alessandro Peila spara di poco alto, poi al 20’ con un bel tiro di Kevin Bonin che esce di poco. Per vedere il Sanson bisogna aspettare il 35’, quando Guedoz tira in porta con Peila che devia in angolo. Sull’angolo, la retroguardia di casa dorme lasciando solo Giorgi che di testa impatta. Passano pochi minuti, quando al 39’ un erroraccio del Sanson a centrocampo lascia via libera ad Ardesi che salta il portiere e calcia in porta. Provvidenziale è il re-

cupero della difesa ospite, che respinge sui piedi dello stesso Ardesi che questa volta viene atterrato in area. Rigore, batte Lorenzo Bonin che fa 2-1 con una bella palla piazzata all’angolino. Nella ripresa, le due squadre cercano di non fare errori, con i padroni di casa forti del risultato e con gli ospiti che non riescono a prendere in mano le redini dell’incontro. Bisogna aspettare il 25’ per vedere qualche occasione degna di tal nome. Prima Montefiore para bene su tiro del solito Peila, poi si ripete in uscita a terra. Al 27’ la grande chance per il Sanson: errore a centrocam-

po degli uomini di Blanc, gli ospiti ne approfittano, ma al momento del gol l’arbitro annulla per fuorigioco. C’è ancora il tempo per un paio di note di cronaca. Al 34’, Dalle tira bene, ma la palla viene respinta; al 36’ è la volta di Kevin Bonin che, tutto solo in contropiede, si fa recuperare sprecando un’ottima occasione. La partita finisce dopo un minuto di recupero con il risultato finale di 2-1 per i Red Devils che hanno avuto il merito di crederci senza concedere mai nulla a uno spento Sanson che, da parte sua, ha da recriminare una scarsa condizione fisica non riuscendo mai ad entrare realmente

in partita. A fine gara Alessandro Peila dei Red Devils commenta così: «E’ stata una bella partita, combattuta. Speravamo di fare risultato soprattutto perché siamo contati dopo i numerosi infortuni. Ci abbiamo creduto sin da subito e alla fine il gruppo ha fatto la differenza». In casa Sanson, Adriano si fa portavoce della delusione generale: «Speravamo di proseguire la serie positiva, non ce l’abbiamo fatta, peccato. Sicuramente ha inciso un po’ di calo fisico da parte nostra e alcune decisioni arbitrali a dir poco dubbie che ci hanno penalizzato oltremisura. Pazienza, ci rifaremo».

La formazione del CG Sanson

■ 2ª categoria / Sotto 2-1, Jean Pierre Perrier è decisivo per la rimonta

L’Introd ferma la corsa del Valchiusella VLACHIUSELLA INTROD

2 (1) 3 (1)

MARCATORI: 5’ pt Peano; 25’ st e 35’ st Jean Pierre Perrier; 43’ pt Arnodo; 5’ st Pastore; VALCHIUSELLA (4-4-2): Zucca, Gechele (Fortis), Angeli, Oldin, Scantamburlo, Zanchetta, Bettarello, Simone Baldi, Pastore, Arnodo (Corso), Matteo Baldi. All.: Scapino. INTROD (3-4-3): Pietro Perrier, Gontel, Alessi (Fusinaz), Hervé Vallet, Jocollé, Franchino (Blanc), Nicolas Vallet, Jocallaz, Jean Pellissier, Jean Pierre Perrier, Peano. All.: Panont. ARBITRO: Virzì di Collegno. AMMONITI: Gontel, Zanchetta. VISTRORIO - Grande impresa dell’Introd, che continua a rivelarsi come la mina vagante di questo campionato di Seconda categoria. La squadra di Devis Panont ha espugnato il terreno del Valchiusella, terza della classe, recuperando il passivo di 2-1 e realizzando il gol vittoria a 10’ dalla fine. «E’ andata bene - spiega il presidente Gabriele Dayné. L’arbitro non era in giornata, ma

Jean Pierre Perrier

ha scontentato entrambe le squadre. Una bella vittoria, considerando che i due gol del Valchiusella sono sembrati irregolari». In vantaggio al 5’ grazie a Peano, i valligiani si sono fatti raggiungere in chiusura di tempo da Arnodo prima che Pastore, in apertura di ripresa, realizzasse il gol del momentaneo 2-1. Un doppio colpo da tramortire chiunque, ma non l’Introd di questa stagio-

ne che con Jean Pierre Perrier prima pareggia e quindi trova la rete del definitivo 2-3. Ovvia la delusione in casa piemontese: «Abbiamo fatto la partita - racconta il dirigente Andrea Ferraro - ma non siamo stati abbastanza cinici sottoporta. L’Introd, comunque una bella squadra, ha concluso tre volte in porta ed ha fatto altrettanti gol». ■ ale.ro

■ 2ª categoria / Corrado Gex sconfitto

Aglié, operazione sorpasso AGLIE’ CORRADO GEX

2 (2) 1 (0)

MARCATORI: 11’ pt Violante; 37’ pt Grimaldi; 17’ st Chiudinelli. AGLIE’ (4-4-2): Mautino, Zubani, Arcuri, Guglielmetti, Graziano, Giolitto,Visone, Grosso, Sassi (Ferraro), Violante, Grimaldi (Scaglione). All.: Succo. CORRADO GEX (4-4-2): Farcoz, Enrietti, Vaccari, Romeo, Barmaverain (D’Amico), Marino, Donato, Chasseur (Lancellotta), Furfaro, Zefilippo, Dell’Innocenti (Chiudinelli). All.: Vigon. ARBITRO: Goy di Chivasso. AMMONITI: Graziano, Violante, Grimaldi, Romeo, D’Amico, Lancellotta. AGLIE’ - Cade in trasferta il Corrado Gex, con i padroni di casa dell’Aglié che trovano i tre punti e superano in classifica proprio i ragazzi di mister Vigon. Una partita

Andrea Chasseur

non bella quella in terra piemontese, con i locali che hanno saputo approfittare di un paio di amnesie difensive ospiti per andare al riposo sul doppio vantaggio grazie alle reti di Violante e Grimaldi. Nella ripresa i valligiani hanno provato la reazione, ma sono riusciti solamente ad accorciare le distanze con la rete al 17’ di Chiudinelli.


CALCIO

lunedì 18 novembre 2013

51

■ 2ª CATEGORIA / Un autogol piega l’Aosta 511, alla quale non basta la tripletta di Tibaldi

Il GC fa FESTA nel derby GRAND COMBIN AOSTA CALCIO 511

4 (1) 3 (2)

MARCATORI: 25’ pt Pellissier; 30’ pt, 44’ pt e 4’ st Tibaldo; 2’ st Accattono; 25’ st Fazari; 36’ st autogol Andrea Paonessa. GRAND COMBIN (4-4-2): Glarey 6, Abram 6.5, Barrel 6.5 (25’ st Sangineto s.v.), Prisant 7, Viglino 6.5, Guglielmetti 6.5, Bal 6.5, Pellissier 7, Accattino 7.5, Farcoz 6.5 (20’st Gullone 6.5), Giuseppe Fazari 7 (32’ st Sangineto s.v.). All.: Drudi. AOSTA 511 (3-5-2): Faustinelli 6, Traverso 5, Andrea Paonessa 5.5, Angiulli 6, Stan 5.5 (37’ st Traglia s.v.), Bazzani 6, Calienno 6, Gullone 6 (41’ st Mazzotta s.v.), Luca Paonessa 6.5, Tibaldi 7, Bertolino Prado. All.: Lumicisi. ARBITRO: Vaccaro di Aosta. AMMONITI: Traverso, Stan,Tibaldo, Luca Paonessa, Gullone.

Cosimo CREA Inviato a Rhins ROISAN - Il GC vince nel finale il derby con l’Aosta 511 molto equilibrato e agonisticamente. Nei primi dieci minuti del primo parziale ci sono molti capovolgimenti di fronte, ma nessuno dei due portieri viene impensierito. Sono gli ospiti a tirare in porta più spesso,

Il Grand Combin e l’Aosta Calcio 511 prima del derby di ieri pomeriggio sul sintetico di Rhins

ma non trovano mai lo specchio. La prima vera occasione ce l’ha l’Aosta 511 (priva dei giocatori impegnati nel match di A2 con il Cagliari), quando su azione d’angolo Luca Paonessa impatta di testa, ma non riesce a indirizzare in rete. La rete di Faustinelli viene violata subito dopo, quando da un lancio dalla sinistra i difensori ospiti commettono uno svarione, non riuscendo a intercettare la palla, che finisce quindi sui piedi di Pellissier, il quale non sbaglia. I ragazzi di Lumicisi non si

arrendono e alla mezz’ora Tibaldi inventa una grandissima conclusione dai trenta metri che tocca la traversa e si infila in rete. Al 38’, a seguito di un contrasto fortuito tra Abram e Guglielmetti, quest’ultimo esce per qualche minuto a causa di un capogiro e la sua squadra, in inferiorità numerica., va sotto: cross della destra e Tibaldo dai diciotto metri fa doppietta. Al rientro dagli spogliatoi, i locali partono subito alla ricerca del pareggio e lo ottengono quasi subito grazie

a una punizione dal limite dell’area calciata da Accattono. Tibaldi, però sembra avere un conto aperto con Glarey e pochi minuti dopo riporta la sua squadra in vantaggio sempre con un tiro da lontano, regalandosi una tripletta. Il Grand Combin comunque non si rassegna e potrebbe trovare il 33, ma Bal al 17’ non riesce a indirizzare in porta. Poco male, perché successivamente, da una punizione, Accattino spizza di testa una palla in area, che viene calciata da Fazari e

mandata in rete. I locali a questo punto cercano il gol della vittoria, che non arriva in varie occasioni, ma li premia con un colpo di fortuna quando Andrea Paonessa cerca di ribattere un cross in area arrivato dalla destra e, colpendo male la palla, la manda alle spalle del suo stesso portiere. L’Aosta 511 si butta in avanti, ma non trova il goal del pareggio e se ne va negli spogliatoi molto arrabbiata di alcuni presunti torti arbitrali subiti (uno dei più contrariati è Luca

Paonessa). Soddisfatto il capitano di casa, Jean Paul Farcoz: «Meritavamo la vittoria, soprattutto per come abbiamo giocato nel secondo tempo. Sono contento della prestazione della squadra, ma commettiamo sempre molti errori difensivi». Rammarico nelle parole di Paolo Gullone: «Potevamo ottenere molto di più, anche la vittoria, per come abbiamo giocato per 70 minuti. Abbiamo però regalato due gol gettando così via la partita».

AMATORI

2ª CATEGORIA

La Bottega dei Sogni sul trono di inverno del Trofeo Algida

Costenaro regala un successo pesante all’Aosta GLV

AOSTA - La Bottega dei Sogni - Young Boys è campione d’inverno del Trofeo Algida riservato agli Amatori. Nell’ultima giornata di andata gli aostani hanno battuto 3-1 la capolista Brusson, prendendo così la vetta della graduatoria: a decidere la sfida sono stati i gol di Vittorio Guarino (doppietta) e Andrea Montemezzo, che hanno vanificato il centro di Roberto Giovannelli. In seconda posizione si trova l’Aurora Team, che ha sconfitto 3-1 l’Ad Forum grazie alla doppietta di Alessandro Rinaldi e al centro di Simone Saba (Davide Granito ha segnato per i baristi). Paolo Vietto e Mirco Volget hanno griffa-

to l’1-1 tra Villesarre e Phebo Stufe - Ristorante Sottosopra, mentre il Bar San Rocco ha piegato 2-1 l’Asd Valdostana (Gregorio Tomis e un’autorete per i vincitori, Cladio Vona - foto - per i battuti). Lo Scarpe Diem, infine, ha vinto 3-0 a tavolino sul Bar Croix Noire che ha fatto giocare un giocatore squalificato. CLASSIFICA: La Bottega dei Sogni Young Boys p.ti 19; Aurora Team 18; Brusson 17; Villsarre 14; Scarpe Diem e Ad Forum 13; Bar Croix Noire 12; Ristorante Sottosopra - Phebo Stufe 11; Bar San Rocco - Osteria La Vache Folle e Asd Valdostana 4. ■ r.g.

■ 3ª CATEGORIA / D’Agostino para due rigori

Chambave padrone CGC AOSTA CHAMBAVE

0 (0) 3 (3)

MARCATORI: 24’ pt Castiglione; 35’ Carlo Vidiri; 40’ pt Capano. CGC AOSTA (4-4-2): D’Agostino, Tarea, Podio (Addario), Fisanotti (Riccardo Nigra), Trocino, Bellissimo, Martina, Pellegrino (Mancheddu), De Ceglie, Raco, Aceto (Carena). All.: Alì. CHAMBAVE (4-4-2): Palma, Cominelli, Capano, Amoroso (Albanese), Matteo Elos, Pivot, Papale, Castiglione, Voce (Contardo), Carta (Théodule), Carlo Vidiri (Ferreira Coutinho). All.: Tosetto. ARBITRO: Stevanoni di Aosta.

Simone D’Agostino

ESPULSI: D’Agostino e Cominelli. AOSTA - Allo Chambave basta un tempo, il primo, per archiviare la pratica CGC Aosta. Biancoverdi subito avanti con Castiglione, poi, prima del riposo arrivano i gol di Carlo Vidiri e Capano, che mandano al riposo gli ospiti sul rassicurante vantaggio di 3-0. Nella ripresa il CGC Aosta timbra una traversa con Podio, ma sono ancora i ragazzi di Tosetto a rendersi molto pericolosi conquistando due rigori, con D’Agostino, però, che in entrambe le occasioni ipnotizza Carta. ■ r.g.

2 (1) 1 (1)

MARCATORI: 6’ pt e 6’ st Costenaro; 12’ pt Nocco. AOSTAGLV (4-4-2): Lucà, Fazari, Gjini, Piotto,Vigna, Jorrioz (Laghfoud), Diano, Di Fresco, Monteleone, Fanan (Bouazza), Costenaro. All.: Vigna. FIORANO (4-4-2): Bonfatti, Salaro, Grosso, Boulam, Corrente, Tessari, Gardellin, Salvato, Brunero, Nocco, Bonello (Colaioccco). All.: Vitaliano Giaquinto. ARBITRO: Ranghino di Biella. AMMONITO: Lucà.

CHARVENSOD - Preziosa vittoria interna dell’Aosta GLV che, con questi tre punti, si pone in una posizione di alta classifica rifacendosi immediatamente dal ko di sette giorni or sono. Il Fiorano, per contro, rimane nella palude dei bassifondi dopo i tre punti della scorsa settimana. Locali in vantaggio in apertura con Costenaro (foto) di testa, ma al 12’ Nocco pareggia su punizione. Nella ripresa a regalare il successo ai padroni di casa è ancora Costenaro con un bel diagonale che non lascia scampo a Bonfatti. ■ ale.ro.

3ª CATEGORIA

3ª CATEGORIA

3ª CATEGORIA

3ª CATEGORIA

Lo Champdepraz fermato in casa

Un gol di Silvi premia gli ospiti

Lo Châtillon cade a Salassa

Il Forno passa a Montjovet

SPORTING ISSOGNE BELLAVISTA

JR SALASSA CHATILLON

CHAMPDEPRAZ SAN GRATO

Salvatore Castiglione

AOSTA GLV FIORANO

0 0

CHAMPDEPRAZ (4-4-2): Brunet, Balme (Mercurio), Cignetti (Treu), Ugonino, Cuoghi, Santangelo (Zola), Borrettaz,Yoccoz, Clerino, Erik Miassot, Ceseracciu (Calvi). All.: Frassy. SAN GRATO (3-5-2): Longo, Cardona, De Colle, Steccanella, Pizzino, Oberti (Perrone), Rotella,Vinciguerra,Vecchini, Chiarella, Stefano Serafin. All.: Brun. ARBITRO: Barzetti di Ivrea. AMMONITI: Rotella, Vecchini, Cuoghi, Zola e Calvi. CHAMPDERPAZ - Pari interno dello Champdepraz, che non riesce a piegare un buon San Grato. In apertura i locali conquistano un rigore, ma Clerino calcia fuori. Nella ripresa la pressione di Santangelo (foto) e soci non produce effetti e Chiarella, solo davanti a Brunet, calcia a lato.

0 (0) 1 (1)

MARCATORE: 9’ pt Silvi. SPORTING ISSOGNE (3-5-2): Brusa, Mangaretto, Simone Rossi, Marchesi,Tessaur, Solari (Patrick Rossi), Fichera, Giansetto (Cheraz), Godio, Roveyaz, Borettaz. All.: Ferrari. BELLAVISTA (3-5-2): Orlandin, Menaldino, Roberto Natale, Benetti, Madiotto, Said (Ocleppo), Pavan, Silvi (Orciuoli), Ab, Piredda, Garetto. All.: Vassoney. ARBITRO: Moi di Collegno. AMMONITI: Benetti, Marchesi, Tessaur e Patrick Rossi. ISSOGNE - La partita si sblocca al 9’ con Silvi, imbeccato da un lancio lungo: palla al vertice destro dell’area, controllo e tiro che fa secco Brusa. Giansetto (foto) e compagni provano a reagire, ma trovano sulla loro strada Orlandin; dall’altra parte palo di Ab.

3 (1) 2 (1)

MARCATORI: 16’ pt Zecca; 40’ pt Gatto; 3’ st e 18’ st Ferrara; 45’ st Mabchour. JR SALASSA (3-5-2): Trione, Bietto, Larval (Macrì), Gatto, Ciancio (Ottino), Marotta (Ferrara),Verdoliva (Giovannini), Sapia, Gagliardi (Masini), Bartolini, Peradotto. All.: Mariconda. CHATILLON (3-5-2): Soni, Ribera, Vout, Gianotti, Lancerotto, Zecca, Boushaj, Mabchour, Giovannelli, Oliveira, Di Palo. All.: Natalino. ARBITRO: Cavallero di Ivrea. ESPULSO: Bietto. SALASSA - Non riesce fino in fondo la rimonta a Bushaj (foto) & C. che perdono a Salassa. I biancoblu aprono con Zecca, vengono raggiunti da Gatto e vanno sotto con la doppietta di Ferrara. A nulla serve la rete di Mabchour.

MONTJOVET FORNO

1 (1) 3 (2)

MARCATORI: 5’ pt De Palma; 21’ pt Lo Piccolo; 30’ pt rig. Picco; 15’ st Fassero. MONTJOVET (4-4-2): Cerquetti, Luca Spalla, Marco Gamba (Portè), Priod, Lo Piccolo, De Muro, Cestari, Matteo Spalla, D’Amico (Nardone), Nordera (Lantermo), Pession (Memoli). All.: Bozzetti. FORNO (4-2-3-1): Stella, De Palma (Bisacca), Algieri (Bertot), Nicolino, Magliocco, Botto (Genisio), Ballario, Pullici (Mettifogo), Ierardi (Cesiano), Fassero, Picco. All.: Bima. ARBITRO: Maiorano di Aosta. AMMONITI: Priod, Matteo Spalla, Picco, Pullici, Ballario, Magliocco, Nicolino e Mettifogo. MONTJOVET - La capolista passa al Milliery e allunga in classifica. In apertura botta e risposta tra De Palma e Lo Piccolo (foto), ma poi Picco su rigore e Fassero premiano gli ospiti.


S P E C I A L E C L AU D E S P O RT

52

lunedì 18 novembre 2013

■ SERIE A / Il CB Costruzioni perde di misura contro il Piaggio Giachino; in A2 comanda sempre il G7 Team

I campioni in carica fanno paura ai ‘concessionari’ AOSTA - Ottavo turno del torneo di calcio a 5 Claudesport, che in serie A1 sorride sempre più alla Concessionaria Piaggio Giachino, che si porta a +9 dai primi inseguitori grazie alla vittoria, seppur sofferta, ottenuta contro i campioni in carica del CB Costruzioni per 5-4. Decisivi per i capoclassifica le doppiette di Vona e Chatrian e il gol di Davì. Al secondo posto un trio di squadre composto dal CS Aymavilles ASD Valdostana, Aldente e Institut Agricole Régional. Partiamo proprio dai finalisti della scorsa edizione, che non lasciano scampo al fanalino di coda del Bar Carlo Courmayeur, battuto con un perentorio 9-5 nel quale a fare la voce grossa ci han-

Ariel Mendez

Massimo Fanny

no pensato Pont e Filippetto, autori rispettivamente di un poker e una doppietta. Ottimo il torneo giocato finora anche da parte del CS Aymavilles, che nel turno appena disputato si porta a casa lo scalpo del Nipponly al quale non basta il vantaggio iniziale di Zorzi; l’eurogol di Gorraz e le se-

gnature di Paillex, Mendez e Gaetano, infatti, decretano il 4-1 finale. A completare il plotone delle seconde c’è la TRattoria Aldente, che incappa nella classica serata storta e finisce ko di fronte al Solarspot, che ottiene la seconda vittoria consecutiva, uscendo così dalle zone pericolose. Unico pareggio

di giornata quello fra Technos Medica e Gelati Algida, che impattano 4-4. In A2 a volare è il G7 Team Café St-Anselme, che rifila un secco 6-1 al Pellissier Helicopter grazie soprattutto alla tripletta di Porcu e alla doppietta di Treves; mantiene un ottimo passo anche l’Impresa edile Bredy-Devoix, che regola un Erbavoglio sempre più in crisi di risultati per 5-4. Sale al terzo posto il Decorart Kruder,i che sorprende per 6-3 il Pub Beautiful grazie alle doppiette di Mammoliti, Carere e Fazari. Infine da segnalare la prima vittoria stagionale del Valser, che batte per 3-2 il VTV Viaggi con i gol di Zoppo, Matteotti e Vigna. ■ c.r.

■ SERIE C / In C2 stessa situazione, con l’Alpistrutture che allunga e tenta la prima fuga della stagione

L’Mda Edil ne fa 8 e rimane da solo in vetta AOSTA - Classifica sempre intrigante in C1, dove, complice anche il turno di riposo dell’Impresa edile Giovinazzo St-Nicolas, si issa al comanda il Mda

Andres Tomas

Edil, che disintegra le velleità della Buvette Courmayeur con un eloquente 8-0 griffato dalle triplettone di Ciobanu e Tomas e dalla doppietta di Ezznadi. Sale al secondo posto anche il Calia FC, che soffre non poco per avere al meglio sul Peretto, che cede per 5-4: i gol per i vincitori portano la firma di Susanna, Caliano (2), Gerard e Borinatto. Grande bagarre anche nelle zone calde della classifica, dove ottengono importantissime vittorie sia il Corso ortofrutticoli-Leone Rosso che il Bar osteria Lo Peyo, vincitori rispettivamente per 3-2 sulla Banca Carige-Fides e per 6-5 sul Break House,

con questi ultimi sempre ancorati a quota 0. Infine la C2, dove a comandare questa settimana è l’Alpistrutture, che sconfigge con la doppietta di Rudda la Locanda Lac Place Moulin, mentre al secondo posto sale il Vama Antincendio che si aggiudica la sfida con il Lumar per 1-0 con il gol di Scalese. Mezzi passi falsi, invece, per l’Aia Sas, che regala il primo punto della stagione al Nex impianti elettrici, e per il Legno arredo-Centro Viman, che si divide la posta in palio con L’Artigiana idraulica Nus per 33. Nell’ultima gara di giornata, infine, vittoria dello Slot

Café sul Camelliti costruzioni per 3-1 grazie alle reti messe a segno da Ceccon, Donato e Masuccio. ■ r.b.

SERIE A2

SERIE B1

SERIE B2

SERIE A1 Squadra

P.ti

CONC. PIAGGIO GIACHINO 22 ALDENTE TRATTORIA 13 C.S. AYMAVILLES ASD VALDOSTANA 13 I.A.R. 13 NIPPONLY 12 TECHNOS MEDICA 10 SOLARSPOT 9 CALDARELLI ASS. 8 CB COSTRUZIONI 7 GELATI ALGIDA 3 BAR CARLO COURMAYEUR 1

G 8 7 7 8 7 7 7 7 8 7 7

Partite V N 7 1 4 1 4 1 4 1 3 3 2 4 3 0 2 2 2 1 0 3 0 1

Squadra

P 0 2 2 3 1 1 4 3 5 4 6

G7 TEAM CAFE’ ST-ANSELME 19 IMPRESA EDILE BREDY-DEVOIX 17 DECORART - KRUDER 15 PIZZERIA LE VIEUX BOURG 13 PELLISSIER HELICOPTER 11 VTV VIAGGI 7 BAR AGIP - ANGELINI COSTRUZIONI 7 PUB BEAUTIFUL 7 ERBAVOGLIO 7 ORIENTAL BAMBU’ 7 VALSER SERRAMENTI 4

SERIE A1 Gelati Algida

C.S. Aymavilles ASD Valdostana 4 Nipponly 1 Marcatori: Gorraz, Mendez, Paillex, Gaetano (C); Zorzi (N). 1

Solarspot 3 Marcatori: Canestrelli (A); Nania, Perrin, Bagnod (S). Ammoniti: Gal (S). Espulsi: Cairo (A). Institut Agricole Régional

G 7 7 8 7 7 7 8 8 7 7 7

Partite V N 6 1 5 2 5 0 4 1 3 2 2 1 2 1 2 1 2 1 2 1 1 1

P 0 0 3 2 2 4 5 5 4 4 5

SERIE A2 4

Technos Medica 4 Marcatori: 2 Jacquin, 2 Brunetti (G); Felicetti, Bravi, Verde, aut. Nicoletta (T). Ammoniti: Mordenti (G); Felicetti, Estedadishad (T).

Aldente Trattoria Italiana

P.ti

9

Bar Carlo Courmayeur 5 Marcatori: 4 Pont, 2 Filippetto, Passerat, Pesciarelli, Gorraz (I); 2 Chiodo R., 2 Mura, Levi (B). Concessionaria Piaggio Giachino 5 CB Costruzioni 4 Marcatori: 2 Vona, 2 Chatrian, Davì (Co); Sterrantino, Rainero, Collura D., Mangiardi (Cb). Ammoniti: Vona, Da Canal D. (Co). Espulsi: Bardhoku (Cb).

G7 Team Café St-Anselme

6

Bar Agip - Angelini costruzioni 4 Marcatori: 3 Dosso, 2 Viviano, Fanny (P); 2 Lucanto, Marchese, Fabbri (B). Ammoniti: De Zanche (P); Marchese (B). Impresa edile Bredy-Devoix

5

Erbavoglio 4 Marcatori: 3 Betemps M., Clusaz, Noussan (I); 2 Fea, Madaschi, Cadin (E). Ammoniti: Vuillermoz, Betemps M. (I). Pub Beautiful

3

Decorart - Kruder 6 Marcatori: 2 Amato, Cairo (P); 2 Fazari A., 2 Carere, 2 Mammoliti (D). Ammoniti: Tripepi (P); Carere (D). Valser Serramenti

P.ti

VINOSTERIA ANTIROUILLE B.E IMPIANTI - NETPHONE COBOLA SERRAMENTI OPEN ANTINFORTUNISTICA MOTOR CAFE’ IMPRESA EDILE F.LLI MACRI’ IMPRESA LIGATO CAFFE’ QUOTIDIANO - TECNOCASA QUERIO PAOLO - PAPAGRAND PEPE E SALE PIZZERIA RIST. IL TRIPOLI

21 19 17 11 11 10 9 7 7 3 0

G 7 8 7 7 7 7 7 7 8 7 8

Partite V N 7 0 6 1 5 2 3 2 3 2 3 1 3 0 2 1 2 1 1 0 0 0

P 0 1 0 2 2 3 4 4 5 6 8

SERIE B1 6

Pellissier Helicopter 1 Marcatori: 3 Purcu, 2 Treves, Cela (G); Benvenuto (P). Ammoniti: Grimod (G); Benvenuto, Ienaro (P). Pizzeria Le Vieux Bourg

Squadra

3

VTV Viaggi 2 Marcatori: Vigna, Matteotti, Zoppo (Va); 2 Tripodi (Vt). Ammoniti: Petitjacques (Va).

Pizzeria ristorante Il Tripoli

5

Impresa Ligato 3 Marcatori: 2 Kowalski, 2 Nigrisoli, Tagliaferro (M); Ligato D., Macrì Gia., Ligato G. (I). Ammoniti: Russo, Kowalski (M); Macrì Gio., Ligato G. (I). Cobola Serramenti

2

Caffé Quotidiano - Tecnocasa 2 Marcatori: Airaudi S., Condò L. (Co); 2 Vevey (Ca). Ammoniti: Viviani, Chabloz (Co); Bionaz Longo (Ca). Querio Paolo - Papagrand

2

B.E Impianti - Netphone 5 Marcatori: 2 Cullet (Q); 3 Aprea, Giovannetti, Jorrioz (B). Ammoniti: Garino M., Giovannetti (B). Pepe e Sale

Squadra

P.ti

VALCOLOR 16 CHEZ DRINK BIRRA MENABREA 16 SERDOZ ASCENSORI OLD DIST. 13 PIZZERIA IL CAPRICCIO - BAR RUITOR 13 AVIS DONATORI ST-PIERRE 11 AGRICENTER JACQUEMOD 9 LA THUILE CARTER & BENSON 9 CARROZZERIA ALPINA - GLI INUSUALI 7 CANNATA’ DISCOUNT - ZAZY’S PUB 6 SUPERMERCATI CHATRIAN 6 F.IM.EL. IMPIANTI ELETTRICI 5

G 7 8 7 8 7 8 7 7 7 7 7

Partite V N 5 1 5 1 4 1 4 1 3 2 2 3 3 0 2 1 1 3 1 3 1 2

Vinosteria, B.E Impianti e Cobola Serramenti in fuga AOSTA - In B1 resta a punteggio pieno la Vinosteria Antirouille, che vincendo la sfida contro il Pepe e Sale per 40, grazie alle reti di Cabraz, Tagite Millet, Berlier e Ligato, mantiene il vantaggio sul B.E Impianti Netphone, vincitore a sua volta della propria sfida. Il tris di Aprea e i gol di Giovannetti e Jorrioz, infatti, hanno determinato il 5-2 finale sul Querio-Ristorante Papagrand; al terzo posto resta il Cobola, che però si stacca leggermente dalla vetta a causa del pareggio conseguito contro il Caffé QuotidianoTecnocasa per 2-2. Nelle restanti due partite di giornata, vittorie e classifica che si attesta a quota 11 sia per il Motor Café che per l’Open Antinfortunistica: i primi piegano per 5-3 l’Impresa Ligato, grazie soprattutto alle doppiette siglate da Kowalski e Nigrisoli, mentre Guarino & C. hanno la meglio sul fanalino di coda ristorante pizzeria Il Tripoli per 5-1. In B2, pur non giocando, a fare festa è il Valcolor: lo Chez Drink Birra Menabrea, infatti, manca l’operazione sorpasso impattando per 2-2 contro il sempre ostico Serdoz Ascensori, che coglie così un prezioso punto grazie a un gol realizzato a pochissimi secondi dal termine della sfida. Torna in lizza per le primissime posizioni anche la pizzeria Il Capriccio, che si rende pro-

0

Vinosteria Antirouille 4 Marcatori: Cabraz, Tagite Millet, Berlier, Ligato (V).

Avis donatori St-Pierre

P 1 2 2 3 2 3 4 4 3 3 4

1

F.im.el. Impianti elettrici 2 Marcatori: Mugione (C); Girasole, Vierin (F). Agricenter Jacquemod

3

Supermercati Chatrian 3 Marcatori: Andriolo, Dilallo, Donato (A); Serradura, Mainetti, Marchetto (S). Ammoniti: Jacquemod M. (A); Mainetti, Aillon (S). Chez Drink - Birra Menabrea

tagonista della rimonta della giornata. Infatti sotto per 4-0 di fronte al La Thuile, De Lorenzis e soci cambiano marcia nella ripresa e mettono a segno un clamoroso parziale di 7-0 che consente loro di vincere il match e portarsi a soli due punti dalla vetta. Da registare, infine, i primi tre punti messi in saccoccia da parte del F.im.el, che batte per 2-1 il Cannatà discount con i gol di Girasole e Vierin. ■ r.b.

Umberto Fosson

Squadra

P.ti

MDA EDIL 19 F.C. CALIA 16 IMPRESA EDILE GIOVINAZZO - ST-NICOLAS 16 LA BUVETTE COURMAYEUR 12 MAISON VIVE 11 AVALANCHE GUARD 10 FERRAMENTA PERETTO 10 BANCA CARIGE - FIDES 9 BAR OSTERIA LO PEYO 7 CORSI ORTOFRUTTICOLI - LEONE ROSSO 6 BREAK HOUSE 0

G 7 8 7 7 7 7 7 8 7 7 8

Partite V N 6 1 5 1 5 1 4 0 3 2 3 1 3 1 3 0 2 1 2 0 0 0

SERIE C2 Squadra

P 0 2 1 3 2 3 3 5 4 5 8

2

Serdoz Ascensori - Old distillery 2 Marcatori: Berard, Massarenti (C); Gjini, Scarpa (S). Espulsi: Bussi (S). Pizzeria Il Capriccio - Bar Ruitor 7 La Thuile Carter & Benson 4 Marcatori: 2 Chetreanu, 2 De Lorenzis, Sorace Do., Sorace S., Gagliardi (P); 3 Praz, Martinet K. (L). Ammoniti: Sorace Di. (P); Praz (L).

La Buvette Courmayeur

5

Ferramenta Peretto 4 Marcatori: 2 Caliano, Susanna, Gerard, Borinatto M. (Fc); Trieste A., Lemma, Liporace A., D’Amico (Fe). Ammoniti: Mazzola, D’Amico, Liporace A. (Fe). Banca Carige - Fides

2

Corsi ortofrutticoli - Leone Rosso 3 Marcatori: Cortivo, Gallo (B); Minniti, Cantelli, Houssam (C). Ammoniti: Stranges (C). Bar osteria Lo Peyo

6

Break House 5 Marcatori: 2 Tucci, 2 Gorizia, Duval, Ferrulli (Ba); 2 Nasso, 2 Sorbara, Mazzone, Condello (Br). Ammoniti: Rizzi, Duval (Ba); Condello (Br). Maison Vive

G 7 8 7 8 7 7 8 7 7 7 7

Partite V N 5 1 4 2 4 1 3 4 4 1 4 0 4 0 3 0 2 2 0 2 0 1

P 1 2 2 1 2 3 4 4 3 5 6

SERIE C2 0

Mda Edil 8 Marcatori: 3 Tomas, 3 Ciobanu Pe., 2 Ezznadi (M). Ammoniti: Scordamaglia (M). F.C. Calia

P.ti

ALPISTRUTTURE 16 VAMA ANTINCENDIO AOSTA 14 PESA CARPENTERIE 13 AIA S.A.S. 13 LEGNO ARREDO - CENTRO VIMAN 13 CAMELLITI COSTRUZIONI 12 LOCANDA LAC PLACE MOULIN 12 SLOT CAFE’ 9 L’ARTIGIANA IDRAULICA NUS 8 LUMAR MACCHINE PER CAFFE’ 2 NEX IMPIANTI ELETTRICI 1

SERIE C1 7

Carrozzeria Alpina - Gli iNUSuali 3 Marcatori: 2 Fosson, 2 Mammoliti, 2 Castelnuovo, Maulu (A); 2 Lillaz, Fazari (C). Cannatà discount - Zazy’s pub

Maciej Kowalski

SERIE C1

SERIE B2 1

Open Antinfortunistica 5 Marcatori: Dellarole (P); 2 Valenti, Sorace, Guarino V., Guarino F. (O). Ammoniti: Dellarole (P). Motor Café

Andrea Ceccon

■ SERIE B / In B2 una coppia al comando

2

Avalanche Guard 1 Marcatori: 2 Civiero (M); Valle (A). Ammoniti: Valle (A).

Nex Impianti elettrici

2

Aia s.a.s. 2 Marcatori: 2 Tutel (N); Arecco A., Amato (A). Ammoniti: Letey (N); Comè (A). Slot Café

3

Camelliti costruzioni 1 Marcatori: Ceccon, Donato, Masuzzo (S); Ursida (C). Ammoniti: Ursida (C). L’Artigiana Idraulica Nus

3

Legno arredo - Centro Viman 3 Marcatori: Bredy, Gontier L., Macori (La); 2 Casone, Cilione (Le). Locanda Lac Place Moulin

0

Alpistrutture 2 Marcatori: 2 Rudda (A). Ammoniti: Lucci (A). Lumar macchine per caffé

0

Vama antincendio Aosta 1 Marcatori: Scalese (V). Ammoniti: Rosso, Vanelli (L); Auddino (V).


CALCIO A 5

lunedì 18 novembre 2013

53

■ SERIE A2 / I padroni di casa sbagliano troppi gol e i sardi sbancano il Montfleuri

Il Cagliari punisce l’Aosta 511 AOSTA CALCIO 511 CAGLIARI

2 (0) 4 (1)

MARCATORI: 7’55” pt Cavalli; 5’03” st Rosa; 9’07” st Barcellos; 16’52” st Alves Carneiro; 18’27” st e 19’54” st Lanziotti. AOSTA CALCIO 511: Monteleone, Birochi,Turelo, Fabio Iurmanò, Barcellos, Rosa, Lucianaz, Luca Iurmanò, Diurdjevic, De Lima, Ruiz Fernandez, Boche. All.: Rosa (in panchina Fea). CAGLIARI: Murru, Mura, Alves Carneiro, Sanna, De Oliveira, Barbarossa, Santos Araujo, Cavalli, Acquas, Lanziotti, Ruggiu, Piaz. All.: Podda ARBITRI: Quarti di Imperia e Sessa di Foggia. ESPULSO: 18’57” st Ruiz Fernandez. AMMONITI: Rosa, De Oliveira, Barbarossa, Lanziotti.

Christian EVASPASIANO Inviato al Montfleuri AOSTA - Non porta bene il posticipo domenicale all’Aosta 511, che deve cedere il passo al Cagliari, al termine di una partita tirata, terminata con il punteggio di 4-2 per la compagine sarda. L’incontro ha vissuto su due tempi differenti, durante i quali la formazione valligiana ha mostrato due facce della stessa medaglia. A una prima

frazione ricca di errori e di scarsa intensità, ha fatto seguito una ripresa decisamente più in palla, con ritmi elevati e occasioni a grappoli; purtroppo la scarsa vena realizzativa dei padroni di casa ha fatto la differenza in negativo. La cronaca. Dopo una prima fase di studio, al 7’55”, uno schema su calcio d’angolo porta alla conclusione Cavalli che infila tra le gambe un non del tutto incolpevole Monteleone (foto), titolare a causa dell’infortunio di Gozi. Reazione locale con Ruiz Fernandez, che si divora il pari su assist di Birochi. Ci vuole un grande Murru, all’11’25”,

per negare la gioia del gol a Turelo. Si passa alla ripresa e al 5’03” un super Fernandez conquista palla in difesa, lancia il contropiede e serve un assist al bacio a Rosa, che impatta. Non passa neanche un minuto e lo stesso spagnola spreca una ghiotta occasione calciando a lato da posizione favorevole. Gialloblu sugli scudi con Barcellos che coglie l’esterno del palo, prima di portare in vantaggio i suoi, al 9’07”, dopo uno scambio con il player-manager Rosa. Un ennesimo errore sotto misura di Ruiz Fernandez mantiene a galla gli ospiti che, al 16’52”, tro-

LE PAGELLE DEL NOSTRO INVIATO

Birochi continuo, Turelo sbaglia

Monteleone 5.5: senza gravi colpe, anche se non riesce a dare sicurezza. Birochi 6.5: forse l’unico a mettercela tutta in tutte e due le frazioni di gioco. Turelo 5: non riesce a rendersi pericoloso ed è il più colpevole sulla terza rete sarda. Barcelos 6.5: primo tempo da rivedere, nella ripresa migliora decisamente. Rosa 6.5: autentico protagonista di un inizio di secondo tempo da incorniciare. Diurjevic s.v.: gioca gli ultimi scampoli di partita. De Lima 5.5: grave infortunio il suo nel momento migliore della partita, ma prima non aveva incantato. Ruiz Fernandez 6.5: meriterebbe certamente di più per la caparbietà e per l’impegno profuso da migliore in campo, ma ha la colpa di non aver chiuso la gara.

■ GIOVANILE / In casa Aosta 511 vincono U21 e Jr, deludono i Giovanissimi

Gli Allievi pareggiano ad Asti AOSTA - Due vittorie e due pareggi per le quattro squadre dell’Aosta 511 impegnate nei rispettivi campionati. Under 21 Venerdì a casa dello Sportiamo dove non c’è stata praticamente partita, stante il totale dominio degli ospiti: 4 reti nel primo tempo e 6 nella ripresa. Serata di grande spolvero per Luca Iurmanò a segno sei volte, due centri per Sinopoli, poi Djurdjevic e Gullone per il 10-0 definitivo.

Per quanto riguarda la Coppa Italia, infine, archiviata la maratona con il Castellamonte, l’Aosta 511 nei trentaduesimi di finale affronterà il Carmagnola in gara di sola andata prevista al Montfleuri per 27 novembre alle 19. AOSTA 511: Monteleone, Gullone, Fabio Iurmanò, Luca Iurmanò, Lucianaz, Estedadishad, Sinopoli, Djurdjevic, Boche. All.: Rodrigo Rosa. Juniores

Pro Casalborgone 12 4

4

0

Regis

12 5

4

0

1

Valtournenche 10 5

3

1

1

Tanu Team

9

4

3

0

1

Ceres

6

5

2

0

3

Pro Vercelli

5

4

1

2

1

Sabato la trasferta a Castellamonte, in un temuto ambiente, non ha costituito grosso ostacolo per i valdostani, autori di una prestazione molto positiva. Due reti nel primo tempo - apriva Iurmanò che segnerà in tutto quattro volte -, mentre i canavesani accorciavano prima del riposo. Ma la rete restava l’unica per i padroni di casa mentre gli ospiti, oltre al ‘poker’ di Iurmanò, segnavano con Djurdjevic, Pellegrino, Estedadishad e Charrier. AOSTA 511: Luberto, Pellegrino, Estedadishad, Charrier, Luca Carvelli, Djurdjevic, Fabio Iurmanò, Garau. All.: Rodrigo De Lima.

Smilte

3

5

1

0

4

Allievi

Cafasse B.

1

4

0

1

3

Grosso

0

4

0

0

4

Dopo il turno di riposo, venerdì i gialloblu sono tornati in campo al Palasanquirico contro la ‘bestia nera’ Asti e le streghe sono state per metà cacciate, grazie ad un bel pareggio per 4-4 molto vicino alla vittoria. Nel primo tempo a segno Pellegrino, l’Asti rimonta 2-1, pareggia Donato, ma i padroni di casa chiudono 3-2. Gran

SERIE D GIRONE A 5ª giornata - Andata Cafasse B. - Regis . . . . . . . . . . . .3 - 5 Ceres - Grosso . . . . . . . . . . . . . .6 - 5 Pro Casalborgone - Smilte . . . . . .9 - 1 Valtournenche - Tanu Team . . . 5 - 3 Pro Vercelli riposa . . . . . . . . . . . . . . . Squadra P.ti Partite G V N P 0

Prossimo turno 6ª Giornata Grosso - Valtournenche . . . . . . . . . Regis - Pro Vercelli . . . . . . . . . . . . . . Smilte - Cafasse B. . . . . . . . . . . . . . . Tanu Team - Pro Casalborgone . . . . . . Ceres riposa . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

bella ripresa per gli ospiti con pareggio di Charrier e i galletti ancora in vantaggio ma un sacrosanto rigore ai danni di Pellegrino veniva trsformato dal medesimo. Bravo Pagano a mettere la museruola al giovane nazionale Vitellaro. Astigiani in affanno e ospiti che sfiorano davvero il colpaccio. AOSTA 511: Luberto, Donato, Pellegrino, Charrier, Pagano, Mazzi, Belmonte, Goss, Veronesi. All.: Rodrigo De Lima. Giovanissimi Scialbo pareggio casalingo per 1-1, sabato, fra gli aostani e il modesto Sportiamo. Primo tempo in bianco, con i locali irriconoscibii. Nella ripresa segnava Mocanu ma, errore dopo errore, si complicavano la vita a meno 20” dalla fine commettendo un inutile sesto fallo che consentiva ai torinesi di pareggiare. Ora il mister darà loro una giusta raddrizzata. AOSTA 511: Bogoni, Di Maio, Veronesi, Fea, Pajusco, Horr, Gos, Mocanu, Siciliano, Belmonte. All.: Rodrigo De Lima. ■ l.p.

Marcello Pagano

vano il pareggio con Alves Carneiro, bravo a sfruttare nel miglior modo possibile il vantaggio generato dal portiere di movimento. Ultima grande occasione per Turelo che, però, non trova lo specchio della porta. Fatali per i padroni di casa gli ultimi due giri dell’orologio. Al 18’27” Turelo non controlla la sfera che termina fuori, il Cagliari batte la rimessa in maniera rapida e manda alla facile conclusione Lanziotti, che ribalta il risultato. Epilogo di gara amaro con la coppia arbitrale che si erge a protagonista in negativo non fischiando un fallo agli ospiti (sarebbe stato il

sesto), decretando, invece, la punizione a loro favore e ammonendo Ruiz Fernandez che viene così espulso. In inferiorità numerica e con il portiere di movimento, i padroni di casa subiscono la quarta marcatura ancora a opera di Lanziotti. Il commento conclusivo è affidato a Rodrigo Rosa: «Nel primo tempo abbiamo sbagliato troppo per eccessiva fretta. meglio nella ripresa quando abbiamo avuto in mano la partita, ma abbiamo fallito troppi gol non riuscendo a chiudere la partita. Alla fine, poi, abbiamo pagato anche qualche errore arbitrale».

SERIE A2 B DONNE 7ª giornata - Andata Aosta Calcio 511 - Cagliari . . . . .2 - 4 Forlì - Gruppo Fassina . . . . . . . . . . .3 - 1 Tridentina - Carmagnola . . . . . . . . .0 - 1 Kiwi Belluno - PesaroFano . . . . . . . .2 - 3 Lecco - New Team . . . . . . . . . . . . . .1 - 5 Reggiana - Comelt Toniolo . . . . . . . .3 - 3 Città di Sestu riposa . . . . . . . . . . . . . . .

Prossimo turno Carmagnola - Forlì . . . . . . . . . . . . . . . . Comelt Toniolo - Tridentina . . . . . . . . . . Città di Sestu - Lecco . . . . . . . . . . . . . . Gruppo Fassina - Aosta Calcio 511 . . New Team - Reggiana . . . . . . . . . . . . . . PesaroFano - Cagliari . . . . . . . . . . . . . . Kiwi Belluno riposa. . . . . . . . . . . . . . . .

GIRONE A Squadra New Team

P.ti

Partite Reti G V N P F S

18 6 6 0 0 30 18

Aosta Calcio 511 15 7 5 0 2 38 22 Cagliari

15 7 5 0 2 37 22

PesaroFano

13 6 4 1 1 22 13

Forlì

12 7 4 0 3 26 22

Città di Sestu

12 6 4 0 2 23 17

Reggiana

10 7 3 1 3 22 24

Carmagnola

8 6 2 2 2 15 12

Gruppo Fassina

7 6 2 1 3 24 20

Lecco

6 6 2 0 4 19 25

Comelt Toniolo

4 7 1 1 5 18 40

Kiwi Belluno

1 7 0 1 6 14 43

Tridentina

1 6 0 1 5 12 22

SERIE D

Il Valtournenche batte la prima VALTOURNENCHE - Lunedì positivo per il Valtournenche, che nella quinta di andata di serie D ha sconfitto 5-3 sul parquet di casa la capolista Tanu Team, salita in Valle a punteggio pieno. Pur privi di Davide Vallet (out fino alla fine del 2013), i padroni di casa hanno meritato la vittoria, giocando in maniera intensa e intelligente, limitando al minimo gli errori e concedendo pochissimo ai ciriacesi. Il Valtournenche è andato sotto per due volte nel primo tempo, ma ha rimontato con Bertucci e Vuillermoz. Nella ripresa Brunet e soci sono diventati padroni del campo, portandosi sul doppio vantaggio grazie a Pession e Perron (foto). Nei minuti conclusivi il Tanu Team ha ridotto le distanze, ma Brunodet ha chiuso i conti. Questa sera trasferta sul sintetico all’aperto del fanalino di coda Grosso. VALTOURNENCHE: Pellegrino, Brunet, Vuillermoz, Pession, Perron, Bertucci, Page, Brunodet, Christian Vallet, De Guio. All.: Pellegrino. ■ r.g.


C A L C I O G I OVA N I L E

54

lunedì 18 novembre 2013

■ giovanissimi / I rossoneri travolgono il Piemonte Sport, i granata pareggiano col Volpiano

Aygre e VdA: buona la prima aosta - Inizio positivo per le due squadre valdostane che prendono parte al campionato regionale Giovanissimi. L’Aygreville ha travolto con un secco

AYGREVILLE PIEMONTE SPORT

4 (3) 0 (0)

MARCATORI: 5’ pt Spataro; 8’ pt e 15’ pt Gullone; 1’ st Linty Blanchet. AYGREVILLE (4-4-2): Shkreli, Grappein, Cotrone, La Marra, Moret (Mazzei), Contu (Marchese), Vassoney (Raso), Spataro (Boch), Linty Blanchet (Bersano), Gullone, Melchiorre. All.: Vallet. ARBITRO: Sara Lucia di Aosta. AMMONITI: Spataro e Moret.

4-0 il Piemonte Sport, mentre il Vallée d’Aoste ha fatto soffrire il quotato Volpiano, pareggiando 0-0. Cominciamo dalle Aquile, che meglio non potevano prendere il volo. La formazione di Emilio Vallet è entrata in campo con la giusta determinazione e ha trovato il gol del vantaggio dopo appena 5’: punizione laterale di Gullone, Spataro all’altezza del primo palo anticipa tutti e insacca. L’Aygre continua a premere, costruisce occasioni in serie (alla fine i legni saranno tre, due di Linty Blanchet, uno di Gullone) e scappa via con la doppietta di uno scatenato Gullone. L’ex bomber del Grand Combin raddoppia all’8’ partendo da sinistra e concludendo con un diago-

nale imprendibile, quindi cala il tris al quarto d’ora inserendosi tra i due centrali vercellesi per poi battere il portiere in uscita. In apertura di ripresa il punto esclamativo lo mette Linty Blanchet, che al 1’ appoggia in fondo al sacco

Andrea Spataro

una punizione di Melchiorre respinta dal portiere. «E’ stato un buon esordio - ammette mister Emilio Cerise -. Abbiamo giocato un grande primo tempo nel quale potevamo segnare almeno il doppio dei gol. In apertura di ripresa abbiamo

Alessandro Juglair

subito segnato il quarto gol, poi c’è stato spazio per tutti e non abbiamo rischiato nulla». Bella partita al Comunale di StChristophe (nuova casa dei ‘99 granata), dove il Vallée d’Aoste ha pareggiato 0-0 contro il Volpiano. I valligiani sono partiti un po’ contratti, ma poi si sono sciolti e almeno in sette occasioni hanno sfiorato il gol (due pali di Martini, tre chances per Bosonin, due per Mazzocchi). Nella ripresa, nel momento di maggior forcing dei locali, il Volpiano si è presentato un paio di volte in contropiede dalle parti di Juglair (sempre preciso nelle uscite alte), che però è stato bravo a dire di no con interventi tempestivi. «Ci è mancato solo il gol - spiega il vice allenatore Fa-

brizio Martini -. Siamo comunque soddisfatti, perché i ragazzi hanno giocato con l’atteggiamento giusto». ■ d.p.

VALLEE D’AOSTE VOLPIANO

0 0

VALLEE D’AOSTE (4-3-3): Juglair, Podio, Marco Paolini, Brunod, Uda, Martini, Grimaldi, Bosonin (Magro), Ramires, Mazzocchi, Errati (Pastore). All.: Vincenzi. ARBITRO: Stefano Vignolo di Aosta. AMMONITI: Muraca, Errati e Podio. NOTE: partita giocata al Comunale di St-Christophe.

■ giovanissimi FASCIA B / Fenusma ko

L’Evancon cala il poker AOSTA - Parte in chiaroscuro l’avventura nel campionato regionale delle valdostane. Bella vittoria dell’Evançon, che regola con un poker l’Orione Vallette. I ragazzi di mister Cramarossa mettono in pratica quanto provato in settimana e passano già al 15’, con Mazzarello che salta due uomini al limite e trova il diagonale vincente. In chiusura di primo tempo i torinesi pareggiano nell’unica azione pericolosa, sfruttando con Ghilleri una mischia e un probabile fuorigioco. Nella ripresa la partita torna definitivamente nelle mani degli ospiti. Al 5’ Mazzarello batte un corner, si vede tornare la palla sui piedi dopo una respinta e pennella un perfetto cross che Caridi insacca di testa. Il tris è firmato da Roveyaz, bravo a ribadire in rete la respinta dell’estremo ospite su tiro di Tozzi. Il poker è degno di nota: uno-due tra Mazzarello e Tozzi al limite e ancora il bomber

di giornata che trova il diagonale vincente. Partita dai due volti, invece, quella giocata in anticipo dal Fenusma sul terreno della Pro Settimo & Eureka. I castellani hanno disputato un grande primo tempo, nel corso del quale hanno schiacciato i torinesi nella propria metà campo, passando in vantaggio al 16’ al termine di una bella azione corale finalizzata da Baudin. Palla al centro e i locali hanno trovato il pareggio con Ma-

Valentin Mazzarello

Il Fenusma saluta il pubblico prima dell’inizio del match con la Pro Settimo Eureka

lin, lesto a sfruttare un’amnesia della difesa valligiana. Il Fenusma, però, continuava a comandare il gioco, sfiorando a

Riccardo Caridi

ripetizione il nuovo vantaggio, che arrivava al 2’ della ripresa per merito di Arieta. Beccato il secondo ceffone, la Pro ha reagito con orgoglio, mettendo sotto un Fenusma che forse ha pensato troppo presto di aver conquistato i tre punti. A punire Giuramento e compagni è stata la doppietta del neo entrato Villani, che ha così ripagato al meglio la fiducia di mister Isaia. Nel finale, poi, sono arrivate le espulsioni di Barmasse (doppia ammonizione) e Jacobucci Forgione (eccessive proteste dopo il triplice fischio finale). ■ r.g.

EVANCON ORIONE VALLETTE

4 (1) 1 (1)

MARCATORI: 15’ pt Mazzarello; 30’ pt Palazzolo; 5’ st Caridi; 10’ st Roveyaz; 20’ st Mazzarello. EVANCON (4-4-2): Cuoghi, Thuegaz (Barthy), Emile Borettaz, D’Agosto, Gramazio, Girodo, Paris (Mazzei), D’Herin (Tozzi), Caridi, Roveyaz (Troilo), Mazzarello (Coscino). All.: Cramarossa. ARBITRO: Badiluzzo di Aosta.

PRO SETTIMO FENUSMA

3 (1) 1 (1)

MARCATORI: 16’ pt Baudin; 17’ pt Malin; 2’ st Arieta; 22’ st e 33’ st Villani. FENUSMA (4-4-2): Leone, Racchio, Labidi, (Jacobucci Forgione), Quispe Gomez, Barmasse, Giuramento, Meggiolaro,Triglia, Arieta, Cardella, (Neyvoz), Baudin (Martinet). All.: Statti. ARBITRO: Verdone di Chivasso. ESPULSI: 34’ st Barmasse e, a partita finita, Jacobucci.

■ allievi FASCIA B / Sacchet, Carere e Macrì spaventano i campioni regionali dei ‘98 in carica ■ provinciali / Ufficializzati i calendari

La traversa salva il Lucento al Guido Saba Sabato si comincia CHARVENSOD LUCENTO

3 (1) 4 (3)

MARCATORI: 2’ pt Lucia; 20’ pt Sacchet; 28’ pt Gianinetto; 29’ pt De Bonis; 2’ st rig. Macrì; 9’ st Miceli; 36’ st Carere. CHARVENSOD (4-3-1-2):Vescio, Subet, Corradino (Addario), Manfredi, Sztraka, Agentini (Luca Fazari), Rodà (Boche), Sacchet, Juri Fazari (Puglisi),

Carere, Macrì. All.: Anania. ARBITRO: Nguepi di Aosta. AMMONITI: Fiorenza, Zanaria e Manfredi. CHARVENSOD - Lo Charva si inchina ai campioni regionali in carica del Lucento (vincitori del titolo Giovanissimi lo scorso giugno) ed esce dal campo con l’amaro in bocca di chi ha sfiorato un’impresa che poteva essere completata. I torine-

si, infatti, si sono imposti 4-3 al Guido Saba, rischiando moltissimo e venendo salvati da un legno in pieno recupero. Per il debutto sul palcoscenico regionale degli Allievi fascia B Massimo Anania si affida al collaudato 4-3-1-2, ma a partire meglio sono gli ospiti, che dopo appena due giri di lancette passano in vantaggio con Lucia, bravo a finalizzare un centro dal fon-

Gli Allievi fascia B dello Charvensod hanno sfiorato l’impresa nel match d’esordio dei regionali

do di un compagno che trova impreparata tutta la retroguardia di casa. Lo Charva non si scompone e al 20’ trova il pareggio con un siluro di Sacchet dai venti metri che si infila all’incrocio dei pali. Rimessa la gara in equilibrio, i locali abbassano l’attenzione e vengono puniti in maniera cinica dal Lucento, che tra il 28’ e il 29’ bussa per due volte alla porta di Vescio e vola sul 3-1. Rodà e compagni, però, non si sgretolano e in apertura di ripresa tornano sotto grazie a Macrì, che si conquista un rigore e lo trasforma con freddezza. La partita continua a regolare emozioni e al 9’ è Miceli a riportare a distanza di sicurezza la compagine rossoblu. Anania mette mano alla panchina, i suoi ragazzi continuano a crederci e al 36’ si rimettono in carreggiata con una punizionebomba di Carere. Il recupero è palpitante, con lo Charva che spinge e il Lucento che si difende con i denti. I torinesi rischiano l’osso del collo quando Manfredi su punizione trova la respinta corta di Molfese, sulla sfera arriva Macrì, che però centra clamorosamente la traversa. ■ d.p.

aosta - Fine settimana senza impegni ufficiali per le squadre valdostane che prenderanno parte ai campionati provinciali. Sia la delegazione di Aosta che quella di Ivrea hanno infatti deciso di far cominciare i tornei di loro competenza nel penultimo week end di novembre. Ad alzare il sipario sulla seconda fase della stagione a livello locale saranno gli Allievi fascia B, che giocheranno sabato 23. Il girone comprende soltanto tre valdostane e la grande favorita per la vittoria (che in tutte le categoria garantisce la partecipazione alla Coppa Piemonte Valle d’Aosta, al termine della quale sarà assegnato il titolo provinciale) è la Montaltese, terza della prima fase alle spalle delle corazzate Aygreville e Charvensod. Sempre sabato, decollerà il campionato Allievi con l’anticipo di Issogne tra l’Evançon e il Vallée d’Aoste, con i ragazzi di Telesforo, esclusi in extremis dai regionali, che vogliono consolarsi con una fase provinciale da protagonisti.

Doppio anticipo anche tra i Giovanissimi, con il derby Grand Combin-Charvensod e la trasferta della C.M. Grand Paradis a Bollengo. Tutte domenica, invece, le gare dei Giovanissimi fascia B, con la sola sfida San Grato-C.M. Grand Paradis in programma in mattinata. La prima giornata ALLIEVI: Evançon-Vallée d’Aoste, La ChivassoPVF, Pool Ciriè-Brandizzo, Quinci.Tava.-Livorno Ferraris, Rivarolese-C.M. Grand Paradis. ALLIEVI FASCIA B: Banchette-La Romanese, Montaltese-Evançon, CGC Aosta-St-Vincent Châtillon, Settimo Vittone-Ivrea. GIOVANISSIMI: Bollengo Albiano-C.M. Grand Paradis, Evançon-Aosta Calcio 511, Ivrea-Pont Donnaz Hône Arnad, Grand Combin-Charvensod. GIOVANISSIMI FASCIA B: Aygreville-Vallée d’Aoste, C.M. Grand ParadisBollengo Albiano, Grand Combin-Aosta Calcio 511, San Grato-CGC Aosta. ■ r.g.


c a l c i o g i ova n i l e

lunedì 18 novembre 2013

55

■ jr regionale / La Rivarolese si impone 2-1; il Pont-Donnaz vince in rimonta; cade lo Charva

Aygre, primo Ko e aggancio in vetta aosta - Si spezza alla nona giornata di andata l’imbattibilità dell’Aygreville. Le Aquile sono state sconfitte di misura 2-1 nello scontro al vertice di Rivarolo e hanno subìto l’aggancio in vetta proprio da parte dei granata canavesani. Bella, combattuta e giocata a ritmi alti la partita di Rivarolo, con le Aquile che cadono proprio nel giorno della loro migliore prestazione stagionale. Nel primo tempo sono le difese ad avere la me-

glio, poi in avvio di ripresa il vantaggio valdostano al 4’: spizzata di testa di Hafidi per Scalise, volata in fascia destra e diagonale vincente. Sei minuti dopo Aygre sfortunato: calcio d’angolo di Puglisi, colpo di testa di Luboz che s’ingrange sul palo. E sull’azione che segue gran gol di Bergamini, che con un tanto potente quanto preciso sinistro fulmina l’incolpevole Imperial. Quando la partita sembra indirizzarsi verso il pareggio, la doccia fred-

da. Corre il 37’ quando un lancio lungo proveniente dall’area granata coglie impreparata la difesa valligiana, così è Castagnotti a ringraziare, mettendo alle spalle di Imperial il pallone che vale l’aggancio in vetta. Una vittoria e una sconfitta per le squadre rossonere nelle altre sfide del girone. Il Pont Donnaz Hône Arnad, grazie a una bella prova di carattere dei ragazzi, è riuscito a conquistare i tre punti nella sfida interna

Federico Scalise (Aygreville)

Joel Vuillermoz (Charvensod)

Francesco Ficarra (Pont-Donnaz)

con i vercellesi dell’Orizzonti United. Le cose, per la truppa di mister Pierangelo Giraudo, si erano messe male, con gli ospiti che erano passati in vantaggio al 17’ per merito di Baucero. I padroni di casa, però, sono stati bravi a non disunirsi e al 37’ hanno trovato il pareggio con D’Aprile.Nella ripresa la gara ha svoltato con decisio-

RIVAROLESE AYGREVILLE

2 (0) 1 (0)

MARCATORI: 4’ st Scalise (A), 10’ st Bergamini (R), 37’ st Castagnotti (R). AYGREVILLE (4-2-3-1): Imperial, Gritti (37’ st D’Anello), Puglisi, Del Col (19’ st Ferrarese), Gorraz, Luboz, Carpentieri (30’ st Zerbo),Thomain, Hafidi (11’ st Arlian), Stevenin, Scalise. All.: Mercanti. ARBITRO: Martini di Chivasso. AMMONITI: Bergamini, Castagnotti, Zinfollino, Carpentieri, D’Anello.

ne nella direzione dei valdostani, che hanno colpito una traversa con Ficarra, che altro non è stata che la prova generale del gol partita arrivato al 22’ grazie al ‘solito’ Chiavenuto, sempre più bomber della squadra della bassa Valle. Sconfitta interna, invece, per lo Charvensod, superato 4-2 al Guido Saba dal Brandizzo. Fran-

P.D.H.A. ORIZZONTI UNITED

2 (1) 1 (1)

MARCATORI: 17’ pt Baucero, 37’ pt D’Aprile, 22’ st Chiavenuto. PONT DONNAZ HONE ARNAD (4-4-2): Trocino, Oliviero (Rolland), Barti, D’Imperio, Careglio, D’Aprile, Chiavenuto, Stanganello, Bevilacqua (Ruggeri), Ficarra, Longis. All.: Giraudo. ARBITRO: Mattiotti di Ivrea. AMMONITI: Bevilacqua, Ferrino, Mangone.

ceschelli e compagni, nonostante per ben due volte siano riusciti a riagganciare il treno avversario con la doppietta di Vuillermoz, non sono riusciti a gestire il risultato e, una volta incassato il 3-2 ospite sul finire della prima frazione, non hanno saputo reagire e a 3’ dal 90’ hanno subìto anche il punto esclamativo firmato da Ceruti.

CHARVENSOD BRANDIZZO

2 (2) 4 (3)

MARCATORI: 12’ pt Guglio, 22’ e 35’ pt Vuillermoz, 32’ pt Ceasov, 39’ pt Bogino, 42’ st Ceruti. CHARVENSOD (4-4-2): Fornaro, Sangineto, Rollandin, Franceschelli,Valenti,Vuillermoz (Crestani), Chiono (Lucianaz), Cordì (Fonte), Laabid El Bagari (Zuccolotto), Framarin, Di Clemente. All.: Montrosset (in panchina Zola). ARBITRO: La Piana di Aosta. AMMONITI: Rollandin, Chiono, Sellitri, Sarro.

■ JR PROVINCIALE / Il club termale non ha ancora trovato il successore del dimissionario Pirana ■ JR nazionale / Il VdA cede alla distanza

Solo un punto per il St-Vincent a caccia di un mister Il Santhià sbanca il Comunale QUINCI.TAVA. ST.V.CHA.

1 (0) 1 (0)

MARCATORI: 14’ st Vaccaro; 46’ st Aimoboot. QUINCITAVA. (4-4-2): Bove, D’Agosto (Natale), Passini, Leone Pasero, Amedeo Pasero, Ferretto, Mordenti (Bosonin), Aimoboot, Simone Franchino (Fabrizio Franchino), Mazzei (Soncin), Guennani. All.: Bonacci. ST-VINCENT CHATILLON (4-5-1): Lucchetti,Théodule, Bocca (Porliod), Cerise, Picciariello, Duce, Vaccaro (Page), Cramarossa, Olivari (Lucia), Badiluzzo (Semia), Romeo (Oggiani). All.: Grenier. ARBITRO: Curreli di Ivrea. AMMONITI: Vaccaro, Ferretto, Simone Franchino, Mazzei, Leone Pasero, Passini, Guennani. QUINCINETTO - Termina con un pareggio, 1-1, l’atteso “quasi derby” fra Quinci. Tava. e St-Vincent Châtillon. Amaro in bocca fra i valdostani per il gol subìto nel recupero della ripresa. E’ Vaccaro a portare in vantaggio i termali con una punizione al quarto d’ora del secondo tempo, quindi Cramarossa fallisce il raddoppio alla mezz’ora e al 46’, con un potente tiro dalla distanza, Aimoboot agguanta il pari. Nella squadra terma-

VALLEE D’AOSTE SANTHIA’

Marco Vaccaro

Giulio Scopacasa

Alexandre Bertolin

le la novità principale sta in panchina, dove da due settimane siede Dominique Grenier, tecnico della prima squadra. «Circa dieci giorni fa - spiega Guido Lucchetti, sto-

rico dirigente della squadra - Andrea Pirana ha rassegnato le proprie dimissioni. Per il momento la squadra è affidata a Grenier, ma nelle prossime settimane decidere-

mo il da farsi. Non è escluso un ritorno dello stesso Pirana che comunque, a nome di tutta la società, ringrazio per l’ottimo lavoro svolto in questo anno e mezzo con noi. Ha sempre dimostrato grande professionalità e competenza». Nelle altre gare pareggio interno del CGC contro il Bollengo Albiano del nuovo mister Roberto De Paola. I valligiani sono passati in vantaggio con Palermo, ma nella ripresa Antonazzo ha acciuffato il pareggio. Infine sconfitta interna per i Red Devils che subiscono gol al 24’ del primo tempo da Losito e non riescono più a raddrizzare il risultato contro la Chiavazzese. ■ ale.ro.

RED DEVILS CHIAVAZZESE

0 (0) 1 (1)

CGC AOSTA 1 (1) BOLLENGO ALBIANO 1 (0)

MARCATORI: 24’ pt Losito. RED DEVILS (4-4-2): Bertolin, Trentaz, Scali, Gaioni, Colliard, Enrico (Jaccod), Donanzan, Rotundo, Favre, Chenal, Ramadani. All.: Nicchia. ARBITRO: Giovanni Vona di Aosta. ESPULSO: 35’ st Panzeri. AMMONITI: Trentaz, Scali, Rotundo, Canessa e Rihane.

MARCATORI: 17’ pt Palermo; 17’ st Antonazzo. CGC AOSTA (3-5-2): Panetti, Mangeruga, Marco Scopacasa, Avoyer, Lupi (Belkhaoua), Monteleone, Palermo (Trombatore), Rossi, Boccia, Vinzio, Giulio Scopacasa (Constantin). All.: Jans. ARBITRO: Diego Fiori di Aosta. AMMONITO: Monteleone.

0 (0) 1 (0)

MARCATORI: 29’ st Iannaci. VALLEE D’AOSTE (4-4-2): Passino, Paganin,Tridente, Fonte, Collé, Gamba (Angiulli), Apparenza, Caccamo, Gagliano, Bisi (Belardo), Boussik (Rossitto). All.: Giovetti. SANTHIA’ (4-4-2): Cerruti, Carazza, Pella, Augimeri (Iannaci), Gallo Marchiando, Boscatelli, Comotto, Bellinghieri, La Cava (Siragusa), Dell’Olmo, Sicismondi (Bacchin). All.: Marciando. ARBITRO: Barca di Torino. AMMONITI: Siragusa. st-christophe - Sconfitta casalinga per il Vallée d’Aoste di mister Giovetti, costretto a cedere al cospetto del Santhià al termine di una partita dai due volti: molto equilibrata nella prima ora, più sbilanciata in favore degli ospiti nell’ultima mezz’ora. Pronti via, e la prima occasione da gol capita sui piedi di Gagliano, che al 19’ - su imbeccata di Bisi - spedisce a lato di poco. Al 40’ replica del Santhià con Sicismondi, che a sua volta scaglia sul fondo un pallone che avrebbe potuto gestire meglio. Prima frazione che si chiude quindi con Apparenza, che al 43’ calcia un pallone sul quale ci arriva Cerruti, che devia

in corner. Nella ripresa non cambia l’inerzia del match, con i padroni di casa che tengono bene il campo, almeno fino al 15’, quando il Santhià è sembrato reggere meglio alla distanza. A inizio ripresa protagonisti i due portieri, prima Passino su Bacchin al 3’, poi Cerruti su Rossitto al 20’, anche se il match ball è capitato al 29’ sui piedi di Iannaci, capace di spedire in rete un pallone calciato non benissimo, la cui traiettoria ha però sorpreso l’estremo difensore granata. Nel finale di gara, nonostante un Santhià che è sembrato controllare senza troppi patemi l’esiguo vantaggio. il Vallée d’Aoste ha provato comunque a reagire, ma vanamente. ■ r.g.

Mathias Passino


c a l c i o g i ova n i l e

56

lunedì 18 novembre 2013

■ tabellini / Il dettaglio delle partite giocate questa settimana da Esordienti e Pulcini

Francesco Yoccoz cala il poker PULCINI A 6 MERCOLEDI’

CGC AOSTA COURMAYEUR

MARCATORI: 4 Etienne Boniface, Girotti; 2 Bozzetto, Scaletta; 1 Coquillard, Béthaz e Adorni. AYGREVILLE: Emile Boniface, Etienne Boniface, Alessandro, Berthod, Coquillard, Raffa, Béthaz, Mugione, Bozzetto, Girotti, Adorni, Montrosset,Viérin, Scaletta, Cotrone, Moro. All.: Nieroz. ACF AOSTA - LE VIOLETTE: Marcoz, Pajak, Longo, Coletta, Sabrina Serra, Aprico, Sgarbossa, Cozza, Casella, Incani. All.: Giorgio Serra.

0 3

PARZIALI: 0-1, 1-2, 0-4. MARCATORI: 3 Zanini e Belfrond; 1 Pisani e Bertolotti. CGC AOSTA: Dessimone, Dovigo, Pisani, Mosca, Nola, Bulat, Dascalu, Dal Follo, Rarinca. All.: Medici. COURMAYEUR: Cedric Nobile, Dalla Valle, Bradi, Bertolotti, Broglio, Belfrond,Thierry Nobile, Zanini, Gazzera, Buggio, Casalenuovo, Cavallo. All.: Argese.

QUART GRAND COMBIN

PULCINI A 7 MERCOLEDI’ 2 3

PARZIALI: 0-1, 1-1, 1-1. MARCATORI: 2 Florio e Macinato; 1 Casadei. C.M. GRAND PARADIS: Berengan, Lodi, Bullio, Piccolo, Serhan, Bianco, Gianchini, Florio, Fazio,Veronesi. All.: Gobbo. VERRES: Cortese, Alvarez, Belkhiri, Joly Emiliano, Jeantet, Christipher Pinet, Muratore, Manca, Casadei, Macinato, Machmachi. All.: Marino Pinet.

PULCINI A 5 SABATO AYGREVILLE C.M. GRAND PARADIS B

2 2

PARZIALI: 5-1, 1-1, 1-2. MARCATORI: 3 Cuc; 2 Villano, Chianese e Nastasi; 1 Di Francescantonio e Boussik. AYGREVILLE: Borre, Rossi, Cuc, Chianese, Nastasi, Chiattone, Mendez, Palmas, Franceschini, El Khayat. All.: Marchesano e Bastia. C.M. GRAND PARADIS B: Francesco Distrotti, Benaim, Gastaldo, Luboz, Saudin, Boussik, Di Francescantonio, Rey,Villano, Giangrasso. All.: Riccardo Distrotti.

C.M. GRAND PARADIS A CHARVENSOD

3 1

PARZIALI: 2-1, 2-1, 1-1. MARCATORI: 2 Corselli,Tommaso Gobbo e Verna; 1 Carretta e Lucianaz. C.M. GRAND PARADIS A:ThomasTestolin, Garofalo, Romania,Tommaso Gobbo,Verna, Sirianni, HermanTestolin, El Ouatassi, Carretta, Fico. All.: Robert Gobbo. CHARVENSOD: Maruca, Anania, Denic, Salvi, Corselli, Lucianaz, Cossu. All.: Manfrin.

GRAND COMBIN CGC AOSTA A

2 3

PARZIALI: 2-2, 0-1, 1-1. MARCATORI: 2 Silarbi e Narciso; 1 Riva Rivot, Bionaz e Tesoro. GRAND COMBIN: Cerise, Riva Rivot,Tesoro, Rao, Carvalho, Scapin, Bionaz. All.: Macori. CGC AOSTA A: Schiavone, PaicoVargas, Auletta, Narciso, Di Francesco,Vaccaro, Sabatino, Silarbi. All.: Rarhai.

EVANCON CGC AOSTA B

3 0

PARZIALI: 7-1, 4-0, 4-2. MARCATORI: 8 Grizzi; 3 Alessio Ciottariello; 2 Ruggeri; 1 Carrel, Melis, Cakaj, Cintori e Bich. EVANCON: Nicholas Ciottariello, Ruggeri, Challancin, Alessio Ciottariello, Melchionda, Konosur, Grizzi, Melis, Iachi, Carrel. All.: Tonino. CGC AOSTA B: Cakaj, Cintori, Bich, Presti, Mantione, Armenghi, Fosson. All.: Monti.

FENUSMA P.D.H.A.

1 3

PARZIALI: 0-3, 0-2, 2-2. MARCATORI: 5 Magro; 1 Del Frate, Esquisito, Crivellaro e Alessio Bordet. FENUSMA: Pandolfi,Thedy, Del Frate, Pieiller, Esquisito,Tercinod, Calia. All.: Favre. PONT DONNAZ HONE ARNAD: Lazzarin, Cristina Follioley, Criverllaro, Alessio Bordet, Girod, Magro, Pramotton, Savin. All.: Mauro Bordet.

2 3

PARZIALI: 1-1, 0-0, 0-1. MARCATORI: 1 Perrone, Piccolo e Bosonin. EVANCON: Sarteur, Lombardi, Lombard, Lefhal, Melis, Perrone, Fadda, Falbo, Lombardini,Vuillermin, Christille, Cindy Pinet. All.: Ardito. AOSTA 511: Berthod, Soriani, Battilani, Borracino, Podio, Piccolo, Ribeiro, Bosonin, Ciavorella, Giovinazzo, Sirianni. All.: Mazzotta.

3 2

PARZIALI: 2-2, 2-2, 1-0. MARCATORI: 2 Borin, Money e Rollet; 1 Mecugni,Verducci e Moro. QUART: Blua, Rollet, Desandré, Money, Chentre, Rey, Ronco, Moro, Sinigaglia, Bionaz, Budroni, Rebecca Cheli. All.: Savasta. GRAND COMBIN: Nex,Valentina Carozza, Fussambri, Picciau, Colombino, Mecugni, Betemps,Verducci, Borin, Cecchellero. All.: Viglino.

C.M. GRAND PARADIS VERRES

EVANCON AOSTA 511

La formazione del Verrès che prende parte al campionato dei Pulcini a 5

VERRES ST.V.CHA.

3 2

PARZIALI: 3-3, 2-0, 0-0. MARCATORI: 2 Ricchiello e Broglia; 1 Bosonin, Rollandin,Verrone e Porceillon. VERRES: Vuillermoz, Pinet, Borettaz, Ricchiello, Janin, Di Bene, Ben Youssef, Broglia, Bosonin. All.: Memoli. ST-VINCENT CHATILLON: Corsi,Tasri, Lavevaz,Verrone, Perrin, Juglair, Porceillon, Rollandin, Doldo, Fey Besenval. All.: Fusero e Pignataro.

PULCINI A 6 SABATO AYGREVILLE AOSTA CALCIO 511

3 0

PARZIALI: 3-1, 5-0, 4-0. MARCATORI: 5 Mammoliti; 3 Foriglio; 2 Nicolò Zoppo; 1 Laino, Cotrone e Najoui. AYGREVILLE: Ceriolo,Vallet, Raffa, Nicolò Zoppo, Cotrone, Laino, Genna, Borney, Foriglio, Mammoliti, Cao, Adamo, Bosonin. All.: Samuele Zoppo. AOSTA CALCIO 511: Rossero, Nicotera, Ciarmoli, Lanaro, Durra, Najoui, Piccolo. All.: Spanò.

C.M. GRAND PARADIS A CHARVENSOD

2 1

PARZIALI: 1-0, 1-0, 1-3. MARCATORI: 1 Scordamaglia, Barletta, Boche, Pellissier, Jacopo Fimiano e Nicolò Fimiano. C.M. GRAND PARADIS A: Latini, Lorenzo Bidese, Pellissier, Nicolò Fimiano, Jacopo Fimiano, D’Angelo, Sedda, Rostagno, Perrier. All.: Roberto Bidese. CHARVENSOD: Giacomo Rinato, Grande, Bonazzi, Mathiou, Scordamaglia, Barletta, Balestre, Boche, Cutano. All.: Zenti.

VALLEE D’AOSTE CGC AOSTA

2 1

PARZIALI: 2-0, 1-0, 1-2. MARCATORI: 1 Pisani e Dal Follo; marcatori VdA non pervenuti. VALLEE D’AOSTE: Agostino, Chamonin, Bionaz, Didier Jotaz, Collé, Meloni,Tibone, Michelini, Boch. All.: Gustavo Jotaz. CGC AOSTA: Dessimone, Dovigo, Pisani, Mosca, Bulat, Dascalu, Dal Follo. All.: Medici.

EVANCON A EVANCON B

2 2

PARZIALI: 1-2, 2-0, 2-2. MARCATORI: 2 Bianco e La Pica; 1 Frachey, Dalle, Calliera, Nicod e Mattioli. EVANCON A: Mortara, Péaquin, Camosso, Mattioni, Jellouli, Nicod, Mattioli, Bianco. All.: Vinante. EVANCON B: Cout, Lo Porto, Di Vile Grazioli, Frachey, Dalle, Calliera, La Pica, Joly. All.: Melis.

FENUSMA P.D.H.A.

1 2

PARZIALI: 0-2, 1-0, 0-2. MARCATORI: 4Yoccoz; 1 Dalla Palma. FENUSMA: Guichardaz, Chuc, Dalla Palma, Attak, Ravasenga, Pisano, Choukairi, Fazari, Sveica. All.: Bottani. PONT DONNAZ HONE ARNAD: Belkhiri, Bosonin, Boulkhoukh, Busmachiu, Correia, Dirmi, Ferrari, Kriki, Rolfini,Yoccoz, Zola. All.: Morgani.

ST.V.CHA. C.M. GRAND PARADIS B

3 0

PARZIALI: 2-0, 3-0, 4-1. MARCATORI: 2 Neyvoz e Stevanoni; 1 Collin,Triglia, Silvestro, Gaglione, Hérin e Billotti. ST-VINCENT CHATILLON:Treves, Muraca,Viérin,Triglia, Chatillard, Silvestro, Collin, Stevanoni, Neyvoz, Gaglione, Hérin. All.: Romano. C.M. GRAND PARADIS B: Chabloz, Loka, Ronc, Manzone, Florio, Puppi, Billotti, Anglesio, Lucien Perrier. All.: Spiga.

PULCINI A 7 SABATO AYGREVILLE EVANCON

3 2

PARZIALI: 0-0, 3-1, 3-2. MARCATORI: 3 Cannatà e Quaranta; 2 Valleise; 1 Vergano.. AYGREVILLE: Dattola, Benvenuto, Zanat, Boffetti, Lesto, Panetta, Mammoliti, Cannatà, Quaranta, Rao, Perrin. All.: Neu e Verde. EVANCON: Azzaz, Grizzi, Chiumello, LucaVigna Lasina, Scali, Bottoni, Ruggeri,Valleise, Christille,Vergano. All.: Paolo Vigna Lasina.

CGC AOSTA CHARVENSOD

3 1

PARZIALI: 1-2, 2-0, 2-0, 2-1. MARCATORI: 3 Canonico; 2 El Khayat e Milani; 1 Haddad, Fazari e Catalano. CGC AOSTA: Polignone, Gorziglia, Delpero, El Gouzi, El Khayat, Pession, Savioz,Tamone, Usel, Zorzato, Corbinian, Canonico, Milani,Viscariello. All.: Ayassi. CHARVENSOD: Hassani, Fazari, Giordano, Lanzo, Mammoliti, Brunet, Corselli, Catalano, Pozza, Haddad, Monteleone, Giannattasio, Maruca, Figliuzzi, Bonatti, Laino, Diaconu. All.: Framarin.

FENUSMA VERRES

1 2

PARZIALI: 0-2, 0-1, 2-1. MARCATORI: 1 Visinoni, Orru, Muratore, Casadei, Macinato e Machmachi. FENUSMA: Perron, Regazzoni,Visinoni, Ottolenghi, Ottomanelli, Pieillier, Racchio, Orru, Agostino, Giancotta, Cassone. All.: Rudda e Nirta. VERRES: Droghese, Bevilacqua, Benincasa, Machmachi, Alvarez, Joly Emiliano, Francisco, Manca, Casadei, Macinato, Muratore. All.: Pinet.

GRAND COMBIN AOSTA CALCIO 511

3 1

PARZIALI: 0-0, 1-0, 1-0. MARCATORI: 2 Loic Proment. GRAND COMBIN: Ricci, Bianquin, Cedric Proment, Bin, Cerva, Asero, Loic Proment, Davisod, Bredy, Cottin. All.: Danna. AOSTA CALCIO 511: Chabod, Lanièce, Xaferi,Tarchoun, Clermont, Iamonte, Bisson, Campagnolo, Martinod. All.: Volpone.

ST.V.CHA. P.D.H.A.

3 2

PARZIALI: 2-0, 1-1, 1-1. MARCATORI: 3 Donato; 1 Pitti, Zani e autogol. ST-VINCENT CHATILLON: Artaz, Ciurca, Dimitrov, Doci, Donato, Grivon, Mino Laurids, Mune, Roncali, André Vallet, Daniel Vallet, Zani. All.: Pisani. PONT DONNAZ HONE ARNAD: Rampin, Ammoni, Arvat, Bastrentaz, Bede, Bottan, Cresto, Faga, Gamba, Alessandro Niosi, Pitti, Romei. All. Maurizio Niosi.

ESORDIENTI A 9 AYGREVILLE ACF AOSTA PARZIALI: 4-0, 6-0, 5-0.

3 0

QUART CGC AOSTA

0 3

PARZIALI: 1-2, 0-2, 0-3. MARCATORI: 3 Distasi, Amato; 1 Rovere e Tomis. QUART: Riga, Giada Bionaz, Andrea Bionaz, Désandré, Rossi, Ricca, Chellini, Petitjacques, Cerise, Rovere, Pegorotto. All.: Rezzaro. CGC AOSTA: Autelitano, Cadei, Baldanzi, Ienaro, Distasi, Leca Regis, Sterrantino, Amato,Tomis, Sabatino, Giuliano, Grasso, Evaspasiano, Mammoliti. All.: Gaglietto.

ST.V.CHA. C.M. GRAND PARADIS

3 0

PARZIALI: 5-0, 2-0, 3-0. MARCATORI: 6 Lombardini; 3 Petey e 1 Todaro. ST-VINCENT CHATILLON: Juglair, Barone, Stevanoni, Casella, Silvestro, Iacono, Joieusaz, Petey, Lombardini,Todaro, Stabile, Lunardi, Gaspard, Cerise, Lombard. All.: Iacobucci. C.M. GRAND PARADIS: Jocallaz, Melidone, Lika, Ronc, Mariano, Blanc, Larussi, Iannino,Vagneur, Perrier,Vitale. All.: Morabito.

ESORDIENTI A 11 EVANCON AYGREVILLE

3 1

PARZIALI: 1-0, 2-1, 1-1. MARCATORI: 1 Gentili, Conforto, Sirigu, Brunod, Jellouli e Carlo Ventrice. EVANCON: Ganis, Da Ros, Foy, Edoardo Ventrice, Pinet,Teani, Brunod, Jellouli, Sirigu, Edoardo D’Hérin, Gal, Glarey, Devid D’Hérin, Saladino, Nassiri, Comparetto, Carlo Ventrice, Girodo, Pietropalo. All.: Pernice. AYGREVILLE: Mammoliti, Cardo, Raso, Ierace, Ferrari, Gentili, Jeantet, Laffranc, Di Francescantonio, Conforto, Buschino, Alamia, Cavallero, Antonin, Panizzi, Mantega, Saluard, Mascaro. All.: Milani.

FENUSMA AOSTA CALCIO 511

2 3

PARZIALI: 0-0, 0-1, 0-0. MARCATORE: 1 Viot. FENUSMA: Nicholas Bencardino, Ortu, Margherita Brscic, Mathias Bencardino, Simone Pascarella, Esquisito, Brancazi, Cecchi, Sorcelli, Ed Dauche, Contu, Spalla, Giglio, Henriod, Donato. All.: Marco Pascarella. AOSTA CALCIO 511: Fachin, Pettinari, Cordì, Munier, Bisi, Grange, Belley, Ignoti, Zanetti, Tesauro, Gagliardi, Viot, Saracino, Chabod. All.: Volpone.

QUART CGC AOSTA

0 3

PARZIALI: 0-4, 0-4, 1-1. MARCATORI: 3 Scattolin; 2Tedesco, Camelliti; 1 Curtaz e Aloisi; marcatore Quart non pervenuto. QUART: Merivot, Barone, Baratta, Charrier, Bianquin, Marzo, Cheli, Norbiato, Addario, Fanan, Marguerettraz, Rossi. All.: Maietti. CGC AOSTA: Frassy, Dovigo,Tripodi, Presti, Rarhai, Milleret, Medici, Scattolin,Tedesco,Vighetti, Aloisi, Camelliti, Curtaz, Giovinazzo, Colomba, Cozariuc. All.: Carere.

VERRES CHARVENSOD

0 3

PARZIALI: 0-3, 0-4, 1-4. MARCATORI: 3 Berger; 2 Ceriani, Salvatore Fazari; 1 Francisco, Caminiti, Romeo, Gerard e Zerbi. VERRES: Francisco, cominelli,Vitello, Mancuso, Said, Cristina, Benali, Giovenzi,Thiebat, Singh, Perotti, Marchesi, Howlader, Ricchiello, Servillo, Quey. All.: Mercurio. CHARVENSOD: Simone Antonin, Padula, Davide Fazari, Canova, De Fazio, Lorenzo Antonin, Rollet, Ceriani, Caminiti, Salvatore Fazari, Romeo, Sorrioz, Benami, Gerard, Ciammaichella, Berger, Zerbi, Catalano. All.: Bravi.


S P O RT VA R I

lunedì 18 novembre 2013

57

■ PODISMO / A Sapinet e Jocallaz i titoli assoluti del circuito delle Martze a Pià

La corona a Davide e Marlène Luigi PEROSINO Inviato a Gressan

Fotoservizio Alexis Courthoud

GRESSAN - Dopo tanta fatica, serata di gala per i podisti valdostani. Sabato sera in un salone delle conferenze della Banca di Credito Cooperativo Valdostana pressoché al completo, si è tenuta l’ormai abituale cerimonia delle premiazioni della stagione podistica 2013. All’appuntamento non hanno voltuol mancare numerose autorità politiche e sportive che hanno concretamente partecipato alla consegna dei premi. Indetta dall’A.V.M.A.P., la serata è stata molto viva e intensa, tanti essendo i riconoscimenti da distribuire, esposti in gran bella mostra sul palco. All’inizio sono stati consegnati per il nono anno dalla Fidal i Trofei ‘Mauro & Giuseppe Fogu’ alla memoria dei due grandi sportivi fondatori della Monterosa prematuramente scomparsi. A vincere sono stati Davide Sapinet e Maura Voulaz (in foto a pagina 43), quest’ultima proprio tesserata per la Monterosa. Soddisfatta e commossa Maura: «E’ stato il più bel premio che ho ricevuto. Appartenere alla società fondata da questi due grandissimi personaggi e aver vinto un riconoscimento alla loro memoria è stato davvero il massimo». E’ stato poi offerto un premio specia-

I podi assoluti del campionato dell’Associazione Valdostana Martze a Pià

le ai due atleti con il maggior numero di gare in stagione, entrambi della Sant’Orso: Veronica Zonin (24 presenze) e Diego Merivot (26). Sono quindi sfilati i campioni regionali di corsa in montagna, premiati da Jean Dondeynaz (presidente del comitato Fidal della Valle d’Aosta) con maglietta Fidal: Pietro Perego, Rudy Veronesi, Giorgio Courthoud e Mario Casu sono gli atleti che bisseranno il titolo anche nelle categorie A.V.M.A.P. Ha poi fatto seguito la consegna delle grolle alle undici società valdostane presenti nel campionato, con l’egemonia ormai storica della Sant’Orso. Ed è infine arrivato il momento più importante, la chiamata per gli occupanti dei due podi ‘Assoluti’ sui qua-

li sono saliti i tre atleti e le tre atlete che hanno acquisito i maggiori punteggi nell’arco della stagione. Sono stati Davide Sapinet (S.Orso), Matteo Savin (P.S.Martin) e Savino Quendoz (S.Orso) e, per il gentil sesso, Marlène Jocallaz (Zerbion), Chantal Vallet (Fiamme Gialle) e Valeria Poli (Zerbion). Molto modesto. come, il sindaco di Saint-Nicolas: «Al di la dei meriti personali, la stagione mi è stata propizia a seguito di alcune circostanze, a partire dalla presenza piuttosto saltuaria dell’amico Christian Joux e degli infortuni che hanno fermato altri atleti vincenti. Mi fa piacere il premio, ma in me prevale sempre la passione nel correre». Soddisfatta la mammina volante Marlène di La Salle: «Era il mio

obbiettivo stagionale e l’ho centrato. Con due bimbi non è facile gestire lavoro ed allenamenti; sono riuscita grazie alla collaborazione di mio marito (Laurent Cunéaz ndr) e dei nonni. Sono andata bene in tutte le specialità anche quelle a me meno congeniali. Ora qualche sgambata con gli sci da fondo e ci riproverò un altr’anno, anche se sarà dura». La parte finale della serata è stata la premiazione delle categorie maschili e femminili, dagli Esordienti alle Master ‘B’ ed ai Superpionieri, esaurendo prima le categorie giovanili. Ben diciassette le categorie (mancavano le Allieve per carenza di presenze minime), per ognuna delle quali sono stati chiamati i primi cinque classificati. Inoltre, a coloro che hanno concluso il numero minimo di gare previste dal regolamento, spettava un premio di partecipazione, consegnato ai rispettivi presidenti per curarne la consegna. E’ così calato il sipario anche sul 38° Campionato Valdostano delle Martze a pià individuale, di categoria e di Società, con le sue 34 gare in calendario. Buona la presenza media per ogni manifestazione, pari a 135 atleti per ogni appuntamento. Un centinaio le presenze all’allegra cena dello ‘Zoccolo duro’ che è andata in scena alla conclusione della premiazione nel vicino Ristorante Pezzoli.

Campionato A.V.M.A.P.: i podi Esordienti

Campionato A.V.M.A.P.: i podi Juniores

Campionato A.V.M.A.P.: i podi Seniores

Campionato A.V.M.A.P.: i podi Ragazze e Cadetti-Allievi

Campionato A.V.M.A.P.: i premiati della classifica per società

Campionato A.V.M.A.P.: i podi Master B femminile e Veterani

TUTTI I PREMIATI Campionato A.V.M.A.P. ASSOLUTI MASCHILE: 1° Davide Sapinet, 2° Matteo Savin, 3° Savino Quendoz. ASSOLUTI FEMMINILE: 1ª Marlène Jocallaz, 2ª Chantal Vallet, 3ª Valeria Poli. SOCIETA’: 1ª S.Orso, 2ª Pont-St-Martin, 3ª Zerbion. ESORDIENTI FEMMINILI: 1ª Elena Perego, 2ª Michelle Quendoz, 3ª Martina Trabucchi. RAGAZZE: 1ª Chiara Lorenzi, 2ª Chantal Girod, 2ª Ambra Fosson. CADETTE: 1ª Noemi Betemps, 2ª Caterina Perego. JUNIORES FEMMINILE: 1ª Michela Co-

mola, 2ª Valèrie Desandré. SENIORES FEMMINILE: 1ª Valeria Poli, 2ª Federica Barailler, 3ª Moira Montanelli. MASTER “A” FEMMINILE: 1ª Marlène Jocallaz, 2ª Chantal Vallet, 3ª Catherine Bertone. MASTER “B” FEMMINILE: 1ª Rosalba Lana, 2ª Anna Maria Savin, 3ª Savin Grazielle. ESORDIENTI MASCHILI: 1° Federico Bonino, 2° Etienne Boniface, 3° Emile Boniface. RAGAZZI: 1° Pietro Perego, 2° Mathieu Turcotti Bonin, 3° Ivan Baravex. CADETTI: 1° Alberto Rabellino, 2° Christian Quendoz. ALLIEVI: 1° Luca Benvenuto, 2° Mathieru Brunod.

JUNIORES MASCHILE: 1° Mathieu Courthoud, 2° Marco Ranfone. SENIORES MASCHILE: 1° Matteo Savin, 2° Laurent Chuc, 3° Marco Moretti. AMATORI MASCHILE: 1° Davide Sapinet, 2° Klaus Mariotti, 3° Luca Casali. VETERANI MASCHILE: 1° Rudy Veronesi, 2° Mauro Buvet, 3° Italo Arlian. PIONIERI: 1° Giorgio Courthoud, 2° Angelo Nicco, 3° Carlo Chabod. S. PIONIERI: 1° Mario Casu, 2° Vincenzo Perret, 3° Egidio Marquis. Corsa in montagna RAGAZZE: Federica Cassol.

CADETTE: Martina Cassol. ALLIEVE: Irene Glarey. JUNIORES FEMMINILE: Isabella Contu. SENIORES FEMMINILE: Federica Barailler. MF35: Nadia Perruquet. MF40: Chantal Vallet. MF45: Paola Marciandi. RAGAZZI: Pietro Perego. CADETTI: Sebastien Guichardaz. ALLIEVI: Davide Bajo. JUNIORES MASCHILE: Jean Paul Perret. SENIORES MASCHILE: Ivo Aimone.

MM35: Joel Fusinaz. MM40: Luca Alladio. MM45: Rudi Veronesi. MM50: Mauro Buvet. MM55: Giorgio Courthoud. MM60: Alberto Collavo. MM65: Francesco Fornoni. MM70: Mario Casu. MM75: Vincenzo Perret. Trofeo Mauro e Giuseppe Fogu FEMMINILE: Maura Voulaz. MASCHILE: Davide Sapinet.


S P O RT VA R I

58

lunedì 18 novembre 2013

PATTINAGGIO

GOLF

I fratelli Indelicato padroni di Celje; Bozzuto ok a Varsavia

Arsanières e Les Iles si concedono gli ultimi colpi

AOSTA - Continuano i successi per il pattinaggio artistico valdostano. Questa volta arrivano da due gare internazionali a cui hanno partecipato tre atleti dell’Artistique HIL. A Celje si è svolta lo Skate Celje, una delle sei prove del circuito di Coppa Europa che hanno visto scendere sul ghiaccio Valentina ed Emanuele Indelicato, protagonisti con la rappresentativa UISP Italia in un contest che ha visto al via atleti di livello, provenienti da nazioni come Croazia, Slovenia e Austria. Non hanno deluso le aspettative i due pattinatori di Sarre, già campioni uscenti del circuito nella scorsa stagione, che hanno centrato la vittoria nelle cate-

AOSTA - Ultime giornate per il golf rossonero. L’Arsanières, sabato, ha ospitato il Monoferro 2013, competizione vinta nel netto da Mathieu Cerisey e Ivo Letey che hanno avuto la meglio su Renato Rollet ed Elsa Clusaz e su Fabrizio Jacquin e Diego Brunetti. Nel lordo vincono Domenico Pellicone e Domenico Scopacasa. Domenica è si è giocata la Coppa direttivo, che ha visto la Hole in one di Alessio Pressendo. In Prima, successo per Loris Farinet, seguito da Michel Gal ed Ennio Abram. Ivo Letey si prende il lordo, Giancarlo Grange sbaraglia la concorrenza in Seconda, davanti a Giampaolo Aluigi e Luciano Ronchietto. Elsa Clusaz è prima Lady, Domenico Pellicone vince tra i Seniores. E’ calato il sipario, invece, al Golf Club Les

gorie di appartenenza. Valentina si è imposta nella Basic Novice A1, piazzandosi al primo posto con 35,67 punti. Emanuele, invece, ha dominato nella Basic Novice A Boys con 35,21 punti. L’altra trasferta ha visto Marco Bozzuto scendere in pista a Varsavia, dove si è svolta la Warsaw Cup, gara ISU su convocazione della FISG. Marco Bozzuto, nella categoria Novice advanced, si è piazzato al terzo posto con lo short programme e ha concluso in 5ª posizione finale dopo l’esercizio libero totalizzando 81,69 punti. Russia, Bielorussia, Polonia, Francia, Lettonia, Lituania, Svizzera, Svezia e Germania alcune delle nazioni in gara.

Iles, con cena dei soci e gara finale. Durante la cena sono stati consegnati diversi premi: Roberto Vilbrant, Richard Gaetano, Giuseppe Carpentieri e Giulia Macello-Violetta (Vincitori Torneo Les Iles); Roberto Vilbrant e Lea Blanc (Score d’oro); Luca Pressendo e Paolo Turati (Campionato sociale Match Play); Alessio Demiri, Jacopo Nitri, Sakina Ait Belabbess (Most Improved); Roberto Vilbrant Yvonne Abram (più gare giocate); Mario Bartaccioli, René Rosset, Ivo Chatillard (Hole in one); Fabio Perini (personaggio dell’anno). Nell’ultima gara dell’anno, poi, Paolo Jammaron si è imposto nel netto, Ivo Rasia nel lordo, Teresio Enria tra i Seniores, Giulia Macello-Violetta tra le Ladies, Edoardo Bonazzi tra gli Junior.

■ HOCKEY / Domenica ad Aosta supersfida con la Valpe; Gladiators protagonisti anche nei tornei U10 e 8

L’Under 12 è sempre più forte AOSTA - E sono sette. Non sembra volersi fermare la marcia trionfale dei ragazzi dell’Under 12 degli Aosta Gladiators, che ieri - domenica 17 novembre - alla Patinoire di regione Tzamberlet, ne hanno rifilati 11 ai pari età del Real Torino. Risultato finale di 11-3 in favore dei rossoneri padroni di casa (parziali 6-1; 3-0; 2-2), che se da una parte hanno portato a 93 le marcature realizzate in questo inizio di stagione, dall’altra hanno visto infranta l’imbattibilità della loro porta alla settima partita del girone di andata. Le reti dei Gladiators sono state messe a segno da Edoardo Tappella (3), Tommaso De Luca, Kevin Paillex (2), Nicolò Pellegrini, Pietro Della Spoletina, David Cicchetti e Filippo Musa. Nemmeno il tempo di festeggiare l’ennesimo successo stagionale, che è già tempo di pensare alla super sfida di domenica, a partire dalle 12.30 sul ghiaccio di regione Tzamberlet, con la formazione di Luca Giovinazzo che ospiterà la corazzata Valpellice Bulldogs, unica squadra imbattuta del torneo al pari degli aostani. Un duello che, finora, si è sempre tenuto a distanza: i portacolori di Torre Pellice si erano affermati 6-4 contro il Milano Rossoblu e 11-4 contro il Real Torino, i Gladiators 110 contro i milanesi e 11-3, per l’appunto, contro i torinesi. Domenica la sfida decisiva, assolutamente vietata ai deboli di cuore. Per quanto riguarda i cugini di Courmayeur, questi sono stati costretti a cedere 2-3 al cospetto dei Torino Bulls. Serie C Terza vittoria stagionale, quella conquistata ieri sera - domenica 17 - dalla prima squadra degli Aosta Gladiators, che si sono prontamente

Under 10

Quarantacinque reti fatte, soltanto una subita. E tutto in soli sei incontri. E’ questo il ruolino di marcia fatto registrare dall’organico Under 10 nel corso del primo raggruppamento interregionale della stagione, organizzato sabato ad Aosta. I ragazzi di coach Paolo De Luca non hanno lasciato scampo ai loro avversari, inanellando ben sei vittorie in altrettante partite: 13-1 contro Milano, 1-0 contro ValpAosta, 11-0 contro i Diavoli, 7-0 contro l’Ambrosiana, 7-0 contro Como e 6-0 contro Varese. A iscrivere i loro nomi nei diversi referti di gara sono stati Dennis Perino e Nicolò Fanelli (12 reti), Owen Rean (9), Tommaso De Luca (6), Nicolò Borio (2), Nicolò Masoni, Alessandro Minniti e Tommaso Madaschi. Under 8

Foto di gruppo per le tre squadre valdostane al via del quadrangolare Under 8 di Courmayeur

riscattati della brutta sconfitta patita il 10 novembre scorso contro Pinerolo (2-5), riuscendo ad avere la meglio per 6-3 sull’Ambrosiana Milano. Che fatica, però, per sbarazzarsi di un avversario non certo trascendentale, complice anche le assenze sul ghiaccio di due elementi di peso del calibro di Paolo De Luca, Fabrizio Berti e Maurizio Bortolussi. I marcatori dell’incontro, per quanto riguarda gli aostani, sono stati Fabio Lombardo (2), Stefano Sozzi, Davide Ba-

raldi, Diego Giacchè e Michael Lattanzi. Under 14 Pareggio interno per l’Under 14 degli Aosta Gladiators, capace di impattare 2-2 contro i Diavoli rossoneri, dopo essersi portata avanti per 2-0 nel primo drittel grazie alle reti di Nicolò Pellegrini e Nicolò Napoli. Un gol per tempo, nel secondo e nel terzo, ha regalato il punto esterno ai pari età di Sesto San Giovanni.

E’ finito con un derby per squadra, il quadrangolare Under 8 andato in scena sabato al Forum Sport Center di Courmayeur, raggruppamento animato da due formazioni dell’Hockey Club Gladiators, da una dell’Hockey club Courmayeur e da una quarta dei Torino Bulls. Nel corso dei due round di partite, in cui i padroni di casa del Courmayeur hanno battuto 1-0 i Bulls per poi cedere 0-1, non è mai stata messa realmente in discussione la supremazia dei due organici aostani, che al termine delle due tornate di incontri, si sono affrontati in due derby. Nel primo a vincere sono stati i ragazzini dei Gladiators bianchi per 3-1, nel secondo sono stati invece i Gladiators neri a festeggiare per 3-2 (gli incontri si sono disputati secondo la formula del 3 contro 3). ■ Patrick Barmasse

■ PESISTICA / Thierry Almici, talento dell’Olimpia, si racconta e svela i suoi prossimi obiettivi

Da Emarèse alla conquista della ribalta internazionale AOSTA - «Il mio mito sportivo? Si chiama Zyzz, o meglio questo era il suo pseudonimo. E’ stato un grande bodybuilder russo, nonostante sia morto nel 2011, quando aveva soltanto 22 anni (Aziz Sergeyevich Shavershian è deceduto a causa di un difetto cardiaco congenito non diagnosticato in precedenza, ndr)». E’ a lui che sembra ispirarsi Thierry Almici, 15 anni da Emarèse, l’astro nascente del mo-

vimento della pesistica valdostana, che il prossimo 28 novembre, alla Cittadella dei Giovani di Aosta, verrà premiato nell’ambito della Giornata Olimpica promossa dalla Giunta regionale del Coni Valle d’Aosta. Un amore a prima vista, quello tra Almici e il sollevamento pesi, che il 26 ottobre scorso ha portato il giovane tesserato dell’Olimpia a conquistare la medaglia d’argento, se-

condo soltanto a un pari età tedesco, in una prestigiosa manifestazione internazionale andata in scena a Tramelan, in Svizzera. Animata da atleti provenienti da sei nazioni diverse, tra le quali Francia, Germania e Svizzera, per l’appunto, Thierry Almici è riuscito a fare un figurone nella categoria fino a 56 kg. «Diciamo che speravo di fare bella figura - spiega il giovane di

PESISTICA

Sophie Pellu e Simone Scarpante secondi al Trofeo Prime Alzate

Sophie Pellu e Simone Scarpante

AOSTA - Bella sorpresa in casa Olimpia Pesistica Aosta. Il club rossonero ha ottenuto due medaglie nazionali nel Trofeo Prime Alzate di strappo, competizione riservata ai soli atleti tredicenni e organizzata in modo da collegare le attività dei Giochi Sportivi Studenteschi al debutto alla fase agonistica. Sophie Pellu e Simone Scarpante (entrambi della categoria 66 kg) si sono piazzati al secondo posto nella classifica nazionale stilata in base alle fasi interregionali andate in scena in tutta Italia a ottobre 2013. A Biella, nell’ambito del raggruppamento Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta, Sophie Pellu ha sollevato 28 kg, Simone Scarpante ha alzato 34 kg. ■ r.g.

Emarèse, che siamo andati a trovare nella sua palestra di allenamento, in via Volontari del Sangue ad Aosta -, certo non pensavo di riuscire a salire sul podio in una gara di quel livello. Evidentemente gli allenamenti e i consigli del mio tecnico Alda Dal Santo stanno dando i loro frutti». In un simile contesto, qual è l’esercizio che più si addice, almeno per il momento, alle sue caratteristiche? «Al momento l’esercizio in cui più mi trovo bene è lo slancio, dove riesco a sollevare anche 80 kg, riuscendo a sfruttare al meglio la mia forza esplosiva». Sport ad alto livello o scuola, questo sembra essere l’eterno dilemma. Come si può riuscire a conciliare le due cose? «Basta organizzarsi per tempo - risponde deciso Almici, iscritto al 2° anno di Geometri a Châtillon -. Mi alleno tre giorni a settimana, per circa due ore a seduta, dopodiché il resto del tempo lo passo sui libri, soprattutto nel fine settimana, quando non ho impegni agonistici. Diciamo che finora non ho incontrato particolari difficoltà a conciliare le due cose, spero di poter

Il giovane talento dell’Olimpia Thierry Almici durante una gara

proseguire così». Due medaglie di bronzo, nel 2011 e 2012, ai Campionati studenteschi in Emilia Romagna e ai Campionati italiani Esordienti, oltre a una piazza d’onore conquistata nella Coppa Italia della medesima categoria, e ora anche un prestigioso argento in una gara internazionale. Eppure è da relativamente poco tempo che pratichi la pesistica. «Mi sono appassionato alla pesistica nel 2011, quando ce l’hanno fatta provare a scuola - afferma -. Da quel momento in poi mi sono appassionato alla disciplina e ho deciso di iscrivermi

all’Olimpia. Sì, diciamo che l’impegno che ci ho messo e che ci sto mettendo tuttora negli allenamenti sta dando i suoi frutti». A questo punto, quali saranno i prossimi appuntamenti di rilievo? «Il 2 febbraio 2014, in Piemonte, ci sarà la prova di qualificazione ai Campionati italiani, quindi l’obiettivo è di arrivarci in forma». E per il futuro un po’ più lontano? «Il sogno sarebbe riuscire ad arrivare a gareggiare in manifestazioni importanti, confrontandomi con il gotha della pesistica internazionale». ■ pa.ba.


S P O RT VA R I

lunedì 18 novembre 2013

SCI ALPINO

59

FONDO

DATA LUOGO

GARA

DATA

10/12 PILA

GIGANTE FIS G.P. ITALIA

11/12 VALGRISENCHE

LUOGO

BIATHLON

GARA

DATA

LUOGO

GARA

21/12 GRESSONEY

INDIVIDUALE OPA CUP

04/01 BIONAZ

SPRINT COPPA ITALIA

SLALOM FIS G.P. ITALIA

22/12 GRESSONEY

PURSUIT OPA CUP

05/01 BIONAZ

INSEGUIMENTO COPPA ITALIA

18/02 COURMAYEUR

GIGANTE FIS G.P. ITALIA

26/12 ARPY

ARPYSSIMA

19/02 COURMAYEUR

SLALOM FIS G.P. ITALIA

12/01 GRESSONEY

MONTEROSALAUF

08/02 BRUSSON

SPRINT CAMPIONATI ITALIANI ALLIEVI E RAGAZZI

02/03 CHAMPOLUC

G.P. GIOVANISSIMI VDA

10/03 GRESSONEY

GIGANTE FIS G.P. ITALIA

24/04 COGNE

FINALE REGIONALE GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI

09/02 BRUSSON

INSEGUIMENTO CAMPIONATI ITALIANI ALLIEVI E RAGAZZI

11/03 GRESSONEY

SLALOM FIS G.P. ITALIA

01/02 COGNE

MINI MARCIAGRANPARADISO

15/02 BIONAZ

COPPA ITALIA

11-13 COURMAYEUR APRILE

FINALE NAZIONALE G.P. GIOVANISSIMI

02/02 COGNE

MARCIAGRANPARADISO

30/03 ARPY

FESTA REGIONALE

16/02 BIONAZ

CAMPIONATI ITALIANI STAFFETTA JUNIORES, GIOVANI E ASPIRANTI

■ SPORT INVERNALI / Presentate le 137 gare organizzate in Valle d’Aosta: si parte sabato 8 dicembre con il fondo a Valsavarenche

Un calendario più FORTE della crisi Il presidente Asiva, Riccardo Borbey: «Anche quest’anno siamo riusciti a proporre eventi e novità» Massimo ALTINI Inviato a Pré-St-Didier PRE-ST-DIDIER - Su il sipario. Per il secondo anno consecutivo il mondo degli sport invernali valdostano è stato ospite dell’amministrazione comunale di Pré-StDidier per la presentazione del calendario agonistico ASIVA. Come di consuetudine, sala gremitissima di dirigenti degli sport bianchi, di atleti e di simpatizzanti per ascoltare le novità di questo inverno rossonero. Nonostante i tagli economici il calendario si presenta ricco di competizioni, quasi 140 gare, di cui 60 nazionali e internazionali (il via sabato 8 dicembre a Pont di Valsavarenche con un gara regionale di fondo). Sul palco, oltre al presidente Asiva, Riccardo Borbey, al presidente regionale del Coni, Piero Marchiando, al Tenente Colonnello Remo Armeno del Centro Sportivo Esercito, al sindaco del paese fiorito, Alessandra Uva, anche il consigliere federale Dante Berthod, che ha illustrato il pubblico sul possibile cambiamento di programma della presunta tappa di Coppa del Mondo in rosa in Valle d’Aosta, dopo il “ni” della Federazione internazionale. «Il capo della Coppa femminile, Atle Skardal - ha detto Berthod -, sta pensando di far disputare sulla Dante Berthod una libera, anziché un superG come si era sempre detto. Dopo il sopralluogo di quest’autunno, il norvegese tornerà a La Thuile in febbraio per prendere una decisione che mi auguro sia definitiva per l’evento, che dovrebbe disputarsi nel febbraio 2016». Ma torniamo ai calendari valdostani. Per lo sci alpino, com’è ormai consuetudine, tantissime gare FIS a cui si aggiungono le competizioni del gruppo FuturFisi e quelle della ex Coppa Italia, chiamata Grand Prix e previste a Pila, Valgrisenche, Courmayeur e Gressoney-Saint-Jean. Ma l’inverno valdostano per lo sci alpino, come ormai avviene da ben quattro anni, si aprirà con il Trofeo dedicato alla memoria di Pietro Fosson, con teatro di gara, neve permettendo, il comprensorio di Pila. Organizzata dallo Sci club Aosta, con una classifica a squadre, la gara andrà in scena dal 15 al 17 dicembre e vedrà al via 56 club iscritti per un totale di quasi 500 atleti. La Valle d’Aosta quest’anno ospiterà anche la finale del Gran Premio Giovanissimi e dei Maestri di Sci, curata dalla scuola di Courmayeur. Da non

I responsabili di settore dell’Asiva con il Tenente Colonnello Remo Armeno, Piero Marchiando, Riccardo Borbey e Dante Berthod

dimenticare i Campionati regionali Allievi-Ragazzi, attesissimi dal settore dopo tante competizioni, che si svolgeranno tra Gressoney e Champorcher. Per gli sci stretti, l’evento più importante è la Continental Cup (la Coppa Europa), con tappa a Gressoney-St-Jean il 21 e 22 dicembre. Previsti per queste giornate 500 atleti che si confronteranno nel primo giorno in tecnica classica, mentre la giornata conclusiva è dedicata all’inseguimento skating. Per il fondo ricordiamo le classiche Monterosalauf il 12 gennaio e la Marciagranparadiso, il 2 febbraio. Ma per questo sport, quest’anno c’è la novità di Cervinia del 2 gennaio, la Cervino Ski Championship, sfida uno contro uno nel cuore del paese e se ne vedranno veramente delle belle con Federico Pellegrino che si confronterà con la medaglia d’argento olimpica a Torino 2006, Cristian Zorzi e atri campioni di questo sport. Passando al biathlon, spiccano i Campionati Italiani Allievi e Ragazzi, programmati a Brusson, assieme a quelli Juniores e Giovani di Bionaz in cui è stata inserita una gara di massa di Coppa Italia. Passando allo sci alpinismo, i campionati italiani sono le competizioni di punta del settore che aprono con la Torgnon Ski Race (14-15 dicembre), prova valida per la staffetta tricolore e di vertical, per proseguire il 6 aprile a Rhêmes-NotreDame con il Trofeo Rollandoz.

SCIALPINISMO

Alessandra Cazzanelli trionfa nel Trofeo Crazy Idea PASSO DEL TONALE - Inizia nel segno dei colori rossoneri la stagione internazionale dello scialpinismo. Alessandra Cazzanelli (foto) ha vinto sabato sul ghiacciao Presena sopra il Passo del Tonale il Trofeo Crazy Idea organizzato dell’Adamello Ski Team. La portacolori del team La Sportiva ha dominato la prova femminile (prima sia a livello assoluto che tra le Under 23), prendendo subito il comando della gara e amministrando il vantaggio senza mai lasciar avvicinare Raffaella Rossi e Marialucia Maraschinelli, prime due Senior al traguardo. In campo maschile si è imposto l’alpino del CSE di Courmayeur Ro-

bert Antonioli, che al termine di un duello mozzafiato ha prevalso sul compagno di club Michele Boscacci e sul francese Matheo Jacquemod. Tra gli Espoir successo di Anton Palzer, quarto assoluto, che si è tenuto alle spalle i valdostani Nadir Maguet e Stefano Stradelli; tra i Master, invece, affermazione di Dino Sala su Omar Oprandi e a Roberto Maguet. «Non mi aspettavo di vincere - ha dichiarato Alessandra Cazzanelli -, considerando che sono ancora della categoria Espoir. Ho fatto la mia gara, tenendo un ritmo elevato ed è bastato per ottenere questa bella soddisfazione». ■ r.g.

Al termine della seduta, abbiamo incontrato il presidente Riccardo Borbey, a cui abbiamo rivolto la domanda di come siano riusciti, nonostante la crisi ad organizzare ben 137 competizioni. «La crisi è chiaramente un gran peso anche per il comitato - ha risposto la massima carica ASIVA -, ma grazie a tutti quelli che lavorano nell’ambiente degli sport della neve, anche quest’anno siamo riusciti a costruire un calendario pieno di competizioni e di novità. Adesso attendiamo l’approvazione del bilancio da parte della Regione e i tagli annunciati. Certamente ci riorganizzeremo in tutti gli aspetti e già dal prossimo direttivo ci metteremo al lavoro. Ci fa piacere la piena approvazione della FISI della nostra capacità organizzativa; non a caso la Federazione è al nostro fianco per far ritornare la Coppa del Mondo in Valle d’Aosta. Per ora rimane un sogno, ma mi auguro che presto si avveri».


s p o rt va r i

60

lunedì 18 novembre 2013

■ rugby / I gialloneri vanno al riposo sullo 0-0, poi subiscono 43 punti; bene i giovani leoncini e le Vichinghe

Lo Stade regge l’urto della capolista per un tempo STADE VALDOTAIN SAN MAURO

Due vittorie, 5-0 contro Saluzzo e 4-0 contro Tortona, e altrettante sconfitte, 2-4 contro il Cus Savona e 1-3 contro Imperia. E’ questo il ruolino di marcia con il quale la formazione femminile delle Vichinghe è tornata da San Mauro, sede del concentramento nell’ambito del quale la squadra in rosa aostana ha chiuso al 4° posto finale.

0 (0) 43 (0)

STADE VALDOTAIN: Caponetti, Rossi, Nato, Anselmet, Mathiou, Carlino,Turato, Duc, Coquillard, Cumino, Boeris, Cimino, Andreacchio, Santilli, Frazzetta. A disposizione: Curighetti,Vuillermoz, Lacombe, Solenne,Vichy, Sandri, Di Marco. All.: Padovano, Conchou, Démange. Aosta - E’ durato un tempo il sogno dello Stade Valdôtain di riuscire in qualche modo a fermare la corsa della ca-

polista San Mauro, nell’ambito del girone 2 del Campionato di serie C del Piemonte. La prima frazione, caratterizzata da un buon avvio dei padroni di casa, si è chiuso infatti sullo 0-0, punteggio che però è rapidamente cambiato nel corso della ripresa, con i leoni dello Stade che hanno pagato a caro prezzo gli alti ritmi tenuti a inizio partita. E’ così che alla distanza gli ospiti hanno letteralmente straripato, attaccando

tutti gli spazi lasciati indifesi da un organico di casa sfiancato, costretto a uscire dal campo con un passivo di 0-43. «La squadra si è prodotta in alcuni sprazzi di bel gioco, il problema è che non ci può essere continuità senza un costante e rigoroso impegno negli allenamenti», sottolinea a fine match coach Padovano. Giovanile Fine settimana positivo per i colori gialloneri. Sabato

l’Under 14 dello Stade Valdôtain ha travolto 46-10 Volpiano sul prato dello Tzamberlet, dimostrando un superiorità schiacciante. Ieri mattina, invece, è stato il settore Propaganda a mettersi in mostra. L’Under 12 ha infatti vinto il triangolare di casa battendo Biella e Ivrea, mentre Under 8 e Under 10 si sono piazzate seconde, superando in entrambi i casi i rivali lanieri. ■ r.g.

■ ginnastica / A Omegna test di valutazione per quattro talentine rossonere

Olimpia e Gym bene ad Arcore aosta - Prova interregionale Nord-Ovest del Campionato di serie C femminile a squadre di ginnastica artistica, quella andata in scena nel fine settimana ad Arcore. L’Olimpia, costretta a fare a meno delle infortunate Nicole Sammartino (rottura del quinto metacarpo della mano destra) e Isabel Giarrusso (frattura delle quattro dita del piede sinistro), sabato a scendere in pedana per prima è stata la squadra B formata dalle atlete Aurora Vidi, Emily Mombelli, Deasy e Roberta Macrì, e da Chiara Addario, capace di totalizzare il punteggio finale di 162,65 (da segnalare i 15,725 punti al volteggio di Emily Mombelli e Roberta Macrì, il 15,300 - sempre nella stessa specialità - di Aurora Vidi e il 14,100 al corpo libero di Deasy Macrì). L’indomani, ovvero ieri - domenica 17 - sempre per l’Olimpia, è scesa in pedana la squadra A composta da Lara Dematteis, Eleonora Munari (che ha gareggiato nonostante un fastidio al tallone del piede sinistro), Sofia Chiumello ed Elisabetta Munari, protagonista di un’otti-

ma giornata culminata col punteggio di 182,325 (anche qui da segnalare il buon 17,625 al volteggio e il 16,300 al corpo libero di Lara Dematteis, il 15,350 alla trave di Eleonora Munari, il 16,615 di Elisabetta Munari e il 16,225 di Sofia Chiumello al volteggio). Passando alla Gym, presente al-

l’appuntamento di Arcore con una propria formazione, Carola Alleyson, Fabiana Caria, Lucrezia Mammoliti, Fatima Rosset e Claire Trossello hanno ottenuto il risultato complessivo di 180,600 punti (in evidenza il 16,575 di Carola Alleyson al volteggio, il 14,700 di Fabiana Caria alla trave, il 15,750 di

Lucrezia Mammoliti al corpo libero e il 16,075 di Fatima Rosset al volteggio). Per entrambe le società, ora, si dovrà attendere la conclusione della competizione su scala nazionale per conoscere se le rispettive squadresaranno qualificate alla fase nazionale di Jesolo.

Ritmica

Ieri, domenica 17 novembre, a Omegna, nella provincia del Verbano Cusio Ossola, Giada Antonacci, Giulia Bellodi, Greta Di Carlo e Sofia Sistilli della Gym sono scese in pedana per prendere parte al test di valutazione di ginnastica ritmica per ginnaste della categoria Giova-

■ rally / Il driver aostano domina l’ultima prova della stagione e si aggiudica il prestigioso trofeo Sport

Chentre vince il Due Valli e brinda in Coppa Aosta - Vittoria di tappa e conseguente Coppa Italia messa in bacheca. E’ quanto centrato dal pilota di Roisan, Elwis Chentre, che venerdì e sabato, sui sedili della Abarth Grande Punto Super2000 del team D’Ambra, navigato dal codriver savonese Fulvio Florean, è riuscito a conquistare il successo nel XXXI Rally Due Valli, regalando così alla scuderia Happy Racer la Coppa Italia 2013. Chentre e Florean hanno letteralmente dominato la due giorni di gara veronese, aggiudicandosi tutte e sette le prove speciali in programma. Un en plein completato nel tempo finale

di 58’54”8, con i loro più immediati inseguitori, i binomi Andrea Dal PonteEnrico Tessaro e Giancarlo Cunegatti-Matteo Carli, entrambi su Peugeot 207 S2000, relegati rispettivamente a 1’16”8 e 1’35”4. Insomma, una cavalcata trionfale, quella messa a segno dal pilota valdostano. «Un risultato che ci ripaga di tutti gli sforzi profusi nell’arco della stagione - ha commentato Elwis Chentre nel parco chiuso -. In quest’ultimo rally abbiamo condotto un ottimo primo giro di speciali, cercando di lavorare al meglio sulla gestione del setup del differenziale posteriore. Poi, nella secon-

da tornata, abbiamo continuato sulla strada tracciata dall’inizio, facendo registrare tempi di tutto rispetto, soprattutto se rapportati a quelli siglati dai protagonisti del Trofeo Rally Asfalto (in tre prove speciali Chentre-Florean sono riusciti a regolare il pluricampione italiano Paolo Andreucci, ndr)». Un cammino, quello portato a compimento dal pilota di Roisan e dal suo codriver savonese, contraddistinto dagli ottimi risultati conseguiti alla Ronde di Canelli, al Rally Valli del Bormida, al Città di Torino, al Rally del Moscato e al Rally del Tartufo. ■ pa.ba.

■ volley giovanile / Il CCS Cogne continua a stupire in Piemonte

Il CSI Blu infligge il primo ko al Bruno Tex aosta - Domina su tutto il panorama l’Under 14 del CCS cogne, che continua a mietere vittime sia in campo regionale che piemontese. In Under 14, tra l’altro, arriva la prima sorpresa stagionale, con i machi del Bruno Tex messi al tappeto dal CSI BLU. Under 14 regionale Continua senza grosse sorprese il campionato regionaleUnder 14. Tre gli incontri disputati in settimana. I ragazzi dell’Olimpia Bruno Tex sono stati chiamati al doppio impegno settimanale. Primo incontro contro il Conad Pont-St-Martin, match che è terminato con il punteggio di 3-0 in favore dei ragazzi di Katia Tamone con i parziali di 25/14, 25/22, 25/16, nonostante una buona prova delle giovanissime del Conad allenate da Francesca Costa. Secondo impegno del Bruno Tex a casa del CSI blu. Al termine di una bella gara, nella quale le ragazze di coach Treves sono state tecnicamente superiori e sono riuscite ad arginare con buone difese e ricezioni la maggiore fisicità maschile, le castiglionesi hanno “regalato” la prima sconfitta stagionale ai ragazzi. Il terzo incontro, tra Conad Pont-St-Martin e CSI Red, ha visto il successo del CSI con il punteggio di 30 (25/18, 25/22, 25/17). CSI RED: Berga, Buffa, Christil-

nissime, in vista della formazione del Team Top Piemonte/Valle d’Aosta. Le quattro atlete classe 2005, secondo le prime indiscrezioni, avrebbero superato egregiamente il test, anche se i risultati ufficiali della prova si sapranno solo nei prossimi giorni. ■ r.g.

lin, Frutaz, Joly A., Joly S., Olivieri, Placenti, Montanari, Rossi, Bordet, Savoini, Vallet. Coach: Vittone. BRUNO TEX: Bargero, Cassone, Croatto, Maggio, Mangaretto, Martinet, Nadalin, Olivari, Vuillermoz. Coach: Tamone. CSI BLU: Cavallo, Joly, Zen, Treves, Farys, Giovanzana, Moise J. Moise E. Coach: Roger Treves. CONAD PONT-ST-MARTIN: Accurso, Bonin, Bottan, Clemente, Fabiole, Mangaretto, Mazzarello, Ratto, Bonaddio, Ruatto. Coach: Costa. Under 18 regionale Terza giornata per l’Under 18 Regionale, con il CSI Bianco che in casa ha affrontato il Conad Pont-St-Martin in un incontro dominato dalle ragazze di coach Costa e terminato 3/0 (25/20, 25/10, 25/10). Castiglionesi che si riscattano con la compagine del CSI Blu che, nell’incontro contro il Grand Combin Arancione, non regala nulla all’avversario e siaggiudica i tre punti in palio con il punteggio di 3/0 (25/7, 25/6, 25/14). Stesso schiacciante punteggio nell’ultimo incontro della giornata, che ha visto il CCS Cogne di coach Bajo affrontare in casa le giovani del Fenusma Volley allenate da Myriam Chapellu, che non sono riuscite a contrastare la superiorità tecnica e fisica delle aostane. Il

match termina con il punteggio di 3/0 (25/15, 25/10, 25/12), con la Cogne che mantiene imbattuta la vetta. CONAD PONT-ST-MARTIN: Andreoli, Balzarotti, Bonin, Bottan, Camizzi, Gloria Gamba, Gaia Gamba, Gnorra, Trompetto. Coach: Costa. FENUSMA: Favre, Gremmo, Monticciolo, Genna I., Genna G., Brunod, Bettio, Pianezzola, Porliod, Fiorini, Gianotti, Lexert. Coach: Chapellu. CCS COGNE: Agostinelli , Ceccarelli, Danna, Henry, Liporace, Frison, Giovinazzo, Grange, Segalina, Saccani, Presti, Ricciardello. Coach: Bajo. CSI CHATILLON BLU: Cout, Cretier, Fosson, Perruquet, Termine, Torreano, Cavallo, Joly. Coach: Vittone. GRAND COMBIN ARANCIONE: Bonetti, Bouamer, Caccamo, Capra, D’Agostino, Gianfrate, Mazzon, Moniotto, ‘Ndoja, Vaccari, Altini. Coach: Gorresi. CSI CHATILLON BIANCO: Nassiri, Dondeynaz, Montanari, Mamertino, Placenti, Anselmi, Gorelli, Farys, Treves. Coach: Venturini. Under 14 piemontese Continua indisturbata la marcia del CCS Cogne. Le ragazze allenate da coach Tevisa, sono prime sia nel campionato regionale che in quello piemontese. Le aostane crescono tecni-

Flash

Tennis: Châtillon ok Pronto riscatto delle ragazze dello Châtillon St-Vincent nel Trofeo Luciano Carolemo (lim. 4.2). Monica Cantele (in campo nel doppio), Francesca e Valeria Campigotto hanno travolto 3-0 Le Pleiadi sui campi di casa. Nella stessa competizione maschile, nuovo successo dei castiglionesi, che hanno battuto 2-1 il Nuovo Tennis Paradiso Valenza grazie ai punti di Davide Zorzi in singolare e del doppio Davide Zorzi-Alessandro Finelli. Nel Trofeo Silvio Passera (lim. 4.1 maschile) lo Châtillon St-Vincent A ha sconfitto 3-0 il Pernate andando a segno con Pier Paolo Pace, Pier Giacomo Martinet e Gianluca Ferro (in doppio con Pace); la formazione B ha piegato 2-1 il Sandigliano per merito di Ludwig Berruquier e Davide Floris; disco rosso, invece, per la squadra C, battuta 2-1 a Borgaro (punto di Claudio Scandone). Nel Trofeo Silvia Roberti (lim. 4.1 femminile) successo delle castiglionesi 2-1 sul Sale con i punti di Valeria Zardo e del doppio Sara Dosio-Monica Vespa. Nuoto: aostani bravi

La formazione Under 18 del Fenusma

camente settimana dopo settimana e, anche a livello piemontese, impongono il loro gioco e i loro schemi. contro Borgofranco arriva un facile 3-0 con i parziali di 25/11, 25/8, 25/6. CCS COGNE: Boccato, Bonetti, Christillin, Ceca, Truffa, Rosset, Zuccolotto, Rao, Serravalle, Casemi, Pallais. Coach: Trevisan. Under 16 piemontese Vince con il Borgofranco anche il CCS Cogne Under 16. Nella quarta giornata del campionato, le aostane partono sotto tono, perdendo il primo set più a causa di errori propri che per effettivo merito delle avversarie. Le aostane ritrovano la giusta concentrazione a partire dal secondo set, imponendo il loro gioco grazie alla buona regia di Danna prima e Segalina dopo.

Bene in attacco anche la giovanissima Zuccolotto. Il match si conclude 3-1 con i parziali di 19/25, 25/12, 25/16, 25/21. CCS COGNE: Danna, Battaglia, Segalina, Saccani, Presti, Ledda, Giovinazzo, Frison, Agostinelli. Coach: Bajo. Altra sconfitta pesante per il CSi Châtillon, che cade 0-3 col Calton Volley (10/25, 11/25, 15/25). Le castiglionesi, allenate da mister Treves, in questo campionato non sono ancora riuscite a scendere in campo con la giusta determinazione e con il giusto atteggiamento, che possa consentire loro di dimostrare l’effettivo valore. CSI CHATILLON: Cavallo, Cout, Neyroz, Lichota, Philippot, Treves, Zen, Joly, Ferraro, Lucia, Moise, Servidio. Coach: Treves. ■ Antonella Perriello

Trasferta torinese per gli atleti dell’Aosta Nuoto (assenti Alessia Lombardo, Valeria Foletto e Matteo Raco), che hanno preso parte a Torino alla Coppa Rio Winter Edition, nella quale hanno esordito tra i “grandi” Francesco Loche, Alessandro Zenti, Daniel Iamonte (bravo nei 200 rana, chiusi in 2’59”), Alberto Gontier, Carlotta Finello, Martina Fontanive, Asia Andriolo e Martina Boniface, rompendo positivamente il ghiaccio al pari di Teresa Cirri, Michelle Goyet, Matilde Quaglia, Edith Piffari, Edoardo Russo, Annie Foretier, Samuele Buffa, Nicholas Diemoz, al loro debutto stagionale. Per quanto riguarda i risultati, molto bene ha fatto Alessandro Adorni, 2’46” nei 200 rana chiuso in 2’46”; positive le prestazioni anche di Vincent Vuillermoz (31”5 sui 50 rana), Giada Dellea (2’19” sui 200 stile) e Davide Coppes (2’04” sui 200 stile e 4’24” sui 400). Il prossimo appuntamento con la Coppa Winter Edition è previsto per il 23 e 24 novembre. Sci: bene Vietti Esordio positivo nella categoria Giovani per Federico Vietti. Il talento del Pila si è piazzato decimo nello slalom Fis di giovedì a Zinal. Sulle nevi elvetiche Vietti ha chiuso in 1’32”42 (primo Aspiranti) nella gara vinta dallo svizzero Anthony Bonvin in 1’28”40.


PA L L AVO L O

lunedì 18 novembre 2013

61

■ C FEMMINILE / Le aziendali faticano a entrare del match, hanno due sussulti, ma fanno strada alle biellesi

La Sprintvirtus riporta la Cogne sulla terra SPRINTVIRTUS COGNE ACCIAI SPECIALI

3 0

PARZIALI: 25/16, 25/14, 25/18. SPRINTVIRTUS: Berra (L), Brocas, Callegari, Carravieri, Fileppo, Gaido (L2), Guiotto, Mbachu, Mo, Olivieri, Novara, Rocci, Zecchini. Coach: Colombo. COGNE ACCIAI SPECIALI: Michela Bajo, Giulia Zanin,Valeria Zanin, Henry, Albarello, Pilia, Ricciardello, Buson, Danna, Mussone (L). Coa-

ch: Leo Bajo. BIELLA - Brusco stop esterno per la Cogne Acciai Speciali, che interrompe la sua marcia sul campo di una sorprendente Sprinvirtus. Partono bene le ragazze di coach Vittone. Albarello dà manforte alle centrali e il primo allungo è servito. E’ un’illusione, perché le nerofucsia biellesi stringono le maglie in difesa e a muro e ribaltano la situazione. Sul 14-10, Bajo

prova a cambiare il destino del set, ma l’inerzia è ormai nelle mani delle padroni di casa, che chiudono senza ulteriori patemi. Nel secondo set per le aostane cala la nebbia. la Sprintvirtus fa male in battuta e prende subito il largo, decollando fino all’11-5. La Cogne, però, ha un sussulto di orgoglio e rientra fino al -4. E’ l’unico lampo, perché le veterane laniere tornano a macinare gioco e chiudono con un deva-

stante 25/14. Le aziendali si rialzano in apertura di terzo parziale. Il 4-0 iniziale sembra il preludio a una facile passeggiata verso il quarto set, ma sul 9-13 cinque errori filati di Zanin e compagne spegnono i sogni di gloria aostani. La Sprintvirtus torna con le mani sul match e rende vano anche il timeout di coach Bajo, andando a chiudere in scioltezza set e partita. ■ al.bi.

Non è bastato l’inizio sprint propiziato da Giorgia Albarello per continuare il magic moment

■ C MASCHILE / Lo Sporting Parella non molla mai, ma Arba e soci vincono e volano in vetta

E’ un Bruno Tex da battaglia BRUNO TEX SPORTING PARELLA

3 1

PARZIALI: 25/19, 24/26, 25/23, 27/25. BRUNO TEX OLIMPIA: Grumolato, Arbaney, Bertoni, Blanchet, Genola, Giovinazzo, Grosjacques, Mammoliti, Mascotto, Valentino, Vercellone Coach: Arbaney e Baldon (in panchina Moro). SPORTING PARELLA: Cipolla,Talluto, Dallalano, Sammadossi, Campisi, Cresto, Mori, Brignone, Pitetto, Carnevalis, Bramante. Coach: Carnevalis. ARBITRI: Frisoni e Fontanelli.

Cosimo CREA Inviato alla Peila-Pressendo AOSTA - Vittoria casalinga sudata per l’Olimpia Bruno Tex con uno Sporting Parella mai completamente domo. E soprattutto vittoria importante, visto che si trattava di uno scontro diretto, con i piemontesi appaiati in clas-

sifica. In un colpo solo, insomma, Blanchet e soci si portano a casa match, sorpasso e una cospicua iniezione di fiducia. Nel primo set, quello meno combattuto, le due squadre lottano punto a punto fino al 15-14, poi Arbaney sale in cattedra, sforna la specialità della casa e, con un paio di schiacciate micidiali, fa prendere il volo ai locali. Anche l’inizio del secondo parziale è in equilibrio, ma sul 7-9 gli ospiti riescono a incrementare il loro vantaggio fino a portarsi sul 7-13, con qualche errore di troppo degli aostani a fare da contorno. Il Bruno Tex, comunque,

non perde la testa e riesce a rimontare fino al 15-16, trascinato sempre dal solito Arbaney che, quando si tratta di mettere a terra palloni nella parte avversaria del campo, si fa trovare sempre pronto. A questo punto, le due contendenti riprendono a battagliare palla su palla, con gli ospiti che mantengono comunque un piccolo margine e arrivano al 22-24 con la possibilità di sfruttare due palle set, entrambe disinnescate dai locali. Sul 2425, però, Grosjacques non riesce a superare il muro avversario e gli ospiti impattano. Nel terzo parziale, partenza sprint dei val-

dostani che, guidati da un scatenato Arbaney, decollano fino all’11-2. Arriva, però, un inaspettato calo di concentrazione del Bruno Tex, che imbarca una serie di errori che, uniti alla bravura degli ospiti, rilanciano le azioni dello Sporting Parella, che supera sul 19-20. Lo svantaggio sveglia i locali, che riacquistano la cattiveria e la determinazione necessarie per vincere il set. Nel quarto e ultimo parziale, lo Sporting Parella si porta subito avanti di tre lunghezze e mantiene il vantaggio per quasi tutto il tempo, almeno fino a quando il Bruno Tex non

cambia marcia e rientra fino al 21-21. A quel punto, la squadra di casa, spinta dal suo caloroso pubblico, riesce a trovare le forze necessarie per dare la zampata vincente e a strappare set e partita agli avversari, evitando di concludere la partita al tie break, che sembrava ormai scontato. Soddisfatto, ma non troppo, Michele Grumolato a fine partita: «La squadra è sempre combattiva, ma manifestiamo sempre i nostri soliti problemi, che proviamo a risolvere con il lavoro in allenamento. La cosa positiva è che stiamo migliorando, anche se poco alla volta».

D FEMMINILE

Il CSI Châtillon cancella il derby e si sfoga con Gravellona CSI CHATILLON GRAVELLONA

3 1

PARZIALI: 25/10, 25/23, 24/26, 25/22. CSI CHATILLON: Torreano, Bertocco, Cornaz, Fosson, Ploner, Treves, Cout, Leonova, Martello (L1), Cretier (L2), Perruquet, Di Giuseppe. Coach: Vittone. CHATILLON - Tre punti e aggancio in classifica. Missione compiuta per il CSI Châtillon,

che si rialza subito dopo la sconfitta nel derby e si prende lo scontro diretto con Gravellona. Non lascia contraccolpi la caduta con il Conad, tanto che le ragazze di coach Vittone partono subito alla grande, mettendo in chiaro le cose sin dalle prime battu-

te. L’allenatore biancoblu mescola le carte rispetto alle ultime uscite, con Fosson in sestetto all’ala e Ploner ad alternarsi con Perruquet (foto) nello spot di opposto. Le mosse danno gli effetti sperati e il primo set scorre via liscio. Dal secondo parziale, però,

la tensione e ci vuole tutta la grinta del coach valligiano per far restare in gara Torreano e compagne. Le giovani castiglionesi, però, rispondo presente e portano a casa un match fondamentale, che permette di cancellare immediatamente la delusione derby e di agganciare una tranquilla posizione a metà classifica. ■ al.bi.

Michel Grumolato

D MASCHILE

Il Bruno Tex cade e manca l’aggancio MENEGHETTI BRUNO TEX

3 1

PARZIALI: 20-25, 25-15, 2521, 25-19. BRUNO TEX: Matteotti, Carvallo, Trucco, Cremascoli, Pagani, D’Amico (foto), Boi, Henry Bianchi,Vuillermoz, Marchegiano, Macrobio, Sordi (L). Coach: Matteotti. TORINO - Mancato aggancio. Spreca una grande occasione il Bruno Tex, che cade sul campo del Meneghetti e perde il treno per i quartieri alti. Eppure parte bene il sestetto di coach Matteotti, che prova Sordi nel ruolo di libero, spostando D’Amico. Chiuso il primo parziale, però, la luce si spegne in casa aostana. A peggiorare la situazione ci si mette anche un arbitraggio strano, che dopo aver lasciato correre tutto, inizia a impuntarsi sui falli in palleggio e spezza il ritmo di Trucco e soci. Il Meneghetti ne approfitta e chiude la pratica in quattro set.

5ª giornata - Andata

5ª giornata - Andata

5ª giornata - Andata

Il Framavetri patisce il mal di trasferta

Il Conad si spegne con il Rosaltiora

S.Parella - Lilliput. . . . . . . 3 - 1 Oleggio - Ascot . . . . . . . . 3 - 0 Sprintvirtus - Cogne A.S. . 3 - 0 Bellinzago - Lingotto . . . . 2 - 3 Reale Mutua - Angelico . . . 1 - 3 Trecate - Pavic . . . . . . . . . 0 - 3 Calton - Asti. . . . . . . . . . . 3 - 0 Squadra P.ti Partite G V P Angelico 15 5 5 0 Calton 15 5 5 0 Oleggio 12 5 4 1 Lingotto 11 5 4 1 Cogne A.S. 9 5 3 2 Pavic 9 5 3 2 Ascot 8 5 3 2 Bellinzago 7 5 2 3 Sprintvirtus 6 5 2 3 Asti 6 5 2 3 S.Parella 3 5 1 4 Trecate 3 5 1 4 Reale Mutua 1 5 0 5 Lilliput 0 5 0 5

San Benigno - Galup . . . . . 0 - 3 Novara - Ascot . . . . . . . . . 3 - 1 Pavic - Altiora . . . . . . . . . 2 - 3 Bruno Tex - S.Parella . . 3 - 1 Pivielle - Valsusa . . . . . . . . 3 - 2 Montanaro - Domodossola 0 - 3 Negrini Acqui riposa . . . . . . . .

Borgomanero - Fortitudo. . 3 - 0 Montalto - Trecate. . . . . . . 3 - 0 Botalla - Framavetri . . . 3 - 0 Red Volley - Cusio S.O. . . . 3 - 0 Team Volley - Cacciati . . . . 1 - 3 CSI Châtillon - Gravellona . 3 - 1 Altiora - Conad. . . . . . . 3 - 1 Squadra P.ti Partite G V P Red Volley 15 5 5 0 Botalla 15 5 5 0 Montalto 11 5 4 1 Fortitudo 10 5 3 2 Borgomanero 9 5 3 2 Trecate 9 5 3 2 Gravellona 8 5 3 2 CSI Châtillon 8 5 2 3 Altiora 6 5 2 3 Cacciati 5 5 2 3 Team Volley 3 5 1 4 Conad 3 5 1 4 Framavetri 2 5 1 4 Cusio S.O. 1 5 0 5

San Paolo - Hasta Volley . . .n.p. Meneghetti - Bruno Tex . 3 - 1 Alba - Vercelli . . . . . . . . . . 3 - 0 Alessandria - Foglizzo . . . . 0 - 3 Alto Canavese - S.Pinerolo 3 - 0 Pivielle - S.Parella . . . . . . 3 - 2 Savigliano - Arti e Mestieri 3 - 0

3 0

PARZIALI: 25/19, 25/15, 25/18. FRAMAVETRI: Marcati, Scandariato, Cabrio, Pegorotto, Chira,Varvello, Sciacca, Di Marco, Gianninoto, Ciurca, Forte. Coach: Quarello. LESSONA - Nulla da fare per il Framavetri, che cede per 3-0 sul campo della prima della classe Botalla. Le ragazze di coach Quarello ce la mettono tutta per provare a fare il colpaccio, ma sbagliano troppo e non riescono a scalfire la sicurezza e la maggiore esperienza delle piemontesi. Botalla incassa il primo parziale, poi chiude in scioltezza il secondo e, con un minimo di sofferenza in più, chiude i conti nel terzo, sfruttando il mal di trasferta ospite.

ALTIORA CONAD

3 1

PARZIALI: 31/33, 25/18, 25/19, 25/17. CONAD PONT-ST-MARTIN: Andreoli, Balzarotti, Bordet, Chenuil, Costa, Gamba, Guglia, Manservigi, Pavani, Vietti, Gnorra, Borettaz (L1). Coach: Blanchet. VERBANIA - Strana sconfitta esterna per il Conad Pont-St-Martin, reduce dall’exploit del derby. Le ragazze di Blanchet, infatti, portano a casa un primo set miracoloso, dopo essere state sotto anche di 4-5 lunghezze. Invece di caricarsi, però, Costa e compagne si spengono ed escono dalla partita. Non basta qualche sprazzo di lucidità; Altiora non si fa impietosire e affonda i colpi letali che chiudono in fretta il match.

SERIE C FEMMINILE GIRONE A

BOTALLA FRAMAVETRI

Prossimo turno 6ª Giornata S.Parella - Oleggio . . . . . . . . . Ascot - Sprintvirtus . . . . . . . . Lingotto - Reale Mutua . . . . . . Pavic - Bellinzago . . . . . . . . . . Lilliput - Asti . . . . . . . . . . . . . Angelico - Trecate . . . . . . . . . . Cogne A.S. - Calton . . . . . . .

Squadra

P.ti

Domodossola Bruno Tex Galup Pivielle Valsusa S.Parella Novara Altiora Ascot Pavic Negrini Acqui San Benigno Montanaro

12 12 12 11 11 9 7 5 5 4 2 0 0

Partite G V P 5 4 1 5 4 1 5 4 1 5 5 0 5 3 2 5 3 2 4 2 2 4 1 3 4 2 2 5 1 4 4 1 3 4 0 4 5 0 5

SERIE D MASCHILE GIRONE A

5ª giornata - Andata

SERIE D FEMMINILE GIRONE A

D FEMMINILE

SERIE C MASCHILE GIRONE A

D MASCHILE

Squadra

P.ti

Alto Canavese Foglizzo Meneghetti S.Parella Alessandria Bruno Tex Alba Pivielle Hasta Volley Savigliano San Paolo Arti e Mestieri Vercelli S.Pinerolo

14 14 13 11 10 9 9 6 6 5 3 2 0 0

Partite G V P 5 5 0 5 5 0 5 4 1 5 3 2 5 3 2 5 3 2 5 3 2 5 2 3 4 2 2 5 2 3 4 1 3 5 1 4 5 0 5 5 0 5

Prossimo turno

Prossimo turno

Prossimo turno

6ª Giornata

6ª Giornata

6ª Giornata

Altiora - San Benigno . . . . . . . Galup - Pivielle. . . . . . . . . . . . Ascot - Pavic . . . . . . . . . . . . . Domodossola - Negrini Acqui. . Valsusa - Novara. . . . . . . . . . . S.Parella - Montanaro . . . . . . . Bruno Tex riposa . . . . . . . . .

Borgomanero - Montalto . . . . . Trecate - Botalla . . . . . . . . . . . Cusio S.O. - Team Volley . . . . . . Gravellona - Red Volley . . . . . . Fortitudo - Conad . . . . . . . . . Cacciati - CSI Châtillon . . . . . Framavetri - Altiora . . . . . . .

San Paolo - Meneghetti . . . . . . Bruno Tex - Alba . . . . . . . . . . Foglizzo - Alto Canavese . . . . . S.Parella - Alessandria . . . . . . Hasta Volley - Arti e Mestieri . . S.Pinerolo - Pivielle . . . . . . . . Vercelli - Savigliano . . . . . . . .


pa l l ac a n e s t ro

62

lunedì 18 novembre 2013

■ giovanile / Il Monte Emilius U19 vince ancora; Falleti Decorazioni e Di Gel inarrestabili

La Savda U15 rompe il ghiaccio nonostante alcune importanti assenze, a dimostrazione della costante crescita della squadra. Grande protagonista dell’incontro è stato il talentuoso Davide Artuso, non solo per i 35 punti realizzati, ma per i rimbalzi, i recuperi e soprattutto le giuste scelte di gioco che hanno messo in luce i primi importanti accenni di leadership. Buone le prestazioni anche di Edoardo Silvestri e di Alessandro Borrione. Domenica prossima alle 15 a Grugliasco, per i ragazzi di Enrico Pronesti è in programma lo scontro al vertice contro la compagine locale.

aosta - Arrivano da quattro realtà gli squilli della settimana per il basket giovanile rossonero. Nell’Under 19 Regionale, il Monte Emilius conferma di centrare poco con il campionato e continua a vincere. Sorride anche la Falleti Decorazioni, che centra il poker nell’Under 15. Buone notizie arrivano anche dalla Savda Under 14, che rompe finalmente il ghiaccio, mentre la Di Gel ormai non fa più notizia, centrando un bel successo esterno anche sul parquet di San Mauro. Non ce la fanno, invece, il Ristorante La Brace (U19 Elite), la Savda (U17 Elite) e lo Fore del Brigante (U17 femminile.) UNDER 19 ELITE

USAC RIVAROLO LA BRACE

75 (33) 65 (21)

RISTORANTE LA BRACE: Capriglione 4; Ceca 4; De Leo J. 4; Plati F.; Massone Fr. 8; Seminara 21; Massone Fe. 16; Parolo 2; Alixei 4. Coach Padovani. Niente da fare per La Brace a Rivarolo. Seminara e compagni, che sono sempre alla ricerca della prima vittoria esterna stagionale, giocano una buona gara, soprattutto se si tiene conto delle importanti assenze dell’infortunato Umberto Pietrini e dello squalificato Mathieu Figus. I ragazzi di Roberto Padovani hanno patito nei primi due quarti (13-6 al 10’) l’aggressività dei locali, favorita dalle misure ridotte della palestra piemontese, ma poi hanno tenuto testa ai padroni di casa nella ripresa, con una buona distribuzione di punti fra tutti i giocatori, con i play Michele Seminara e Federico Massone, grandi protagonisti. Mercoledì La Brace sarà alle 21 nuovamente in trasferta a Trino. UNDER 19 REGIONALE

MONTE EMILIUS UISP 81 (46) SETTIMO A 41 (18) MONTE EMILIUS UISP: Charles 8; Capitoni 6; Gianotti 6; Aiello 10; Catalfamo 6; Botteon 4; Bassi 8; Testa 9; Al-

TORNEO TUTTAUTO Gli Esordienti 2002 del Sarre Tuttauto posano con i 2003 della Virtus Bologna

banese 13; Vinci L.; Ferrarese 4; Ricci 7. Coach Romano. Quinto successo consecutivo del Monte Emilius UISP che con un terrificante parziale di 30-6 nel primo quarto ha chiuso ben presto la pratica Settimo A, con i ragazzi di Raffaele Romano che hanno corso come degli indemoniati con, in evidenza, Enrico Albanese e Andrea Testa. Infine bisogna segnalare il ritorno in campo, dopo tre anni di inattività, di Federico Capitoni. Domenica prossima alle 11.45 il Monte Emilius UISP sarà in campo a Venaria. UNDER 17 ELITE

SAVDA LETTERA 22 IVREA

64 (37) 78 (42)

SAVDA:Villella; Parolo 4; Benzo 10; Garofalo A. 8; Massone Fe. 18; Minissale L. 2; Melliti 12; Visetti; Obino 4; Rucsanda; Croatto 4; Minissale G. 2. Coach Ferina. Sconfitta contenuta per la Savda che, nei primi due quarti, ha lottato alla pari dei forti eporediesi, mettendoli in crisi con una bella zona press e, soprattutto, con tanti contropiedi confezionati dal duo play-guardia Federico Benzo, ragazzo dotato di buoni fondamentali, ben coadiuvato dal volitivo Nizar Melliti. Nella ripresa gli ospiti hanno preso il largo sfruttando

a piene mani la profondità della loro panchina e la prestanza fisica dell’incontenibile lungo Saccomani. Domenica prossima alle 10.30, altro impegno proibitivo per Garofalo e compagni sul campo del Settimo, terzo in classifica. UNDER 17 REGIONALE Dopo il turno di riposo di questa settimana, Monte Emilius UISP e Valcolor riprenderanno il loro cammino. I ragazzi di Mino Conte ospiteranno domenica alle 16 al PalaMiozzi il Victoria B Torino, mentre De Leo e compagni, sabato alle 16, scenderanno in campo a Rivarolo. UNDER 17 FEMMINILE

AZZURRA VCO FORE DEL BRIGANTE

76 (36) 60 (36)

FORE DEL BRIGANTE: Garofalo M. 2; Guarienti 30; Feder P. 10; Noviero; Bartaloni 7; Sergi 8; Serpone 2; Sangiorgio 1; Favre. Coach Rosset E. Terzo risultato negativo per il Fore del Brigante, che pur giocando un buon incontro, è uscito sconfitto dal campo di Omegna. Dopo due splendidi primi quarti, con una Marta Guarienti superlativa e ben coadiuvata da Rossella Bartaloni e da Paola Feder, le ragazze di Elis Rosset hanno dovuto rinunciare al-

l’apporto del play Maria Garofalo, uscita anzitempo per falli, subendo un pesante parziale di 24-10 nel terzo periodo di gioco, che ha compromesso l’esito del match. Sabato prossimo alle 16, il Fore del Brigante ritornerà fra le mura amiche del PalaMiozzi affrontando il Rivarolo. UNDER 15 REGIONALE

FALLETI DECORAZIONI 71 (38) GALLIATE 55 (31) FALLETI DECORAZIONI: Fazari;Vaudan A. 19; Casarotto 4; Lotto 16; Cossard 5; Macrì 8;Vinci A. 12; Franzoso A. 3;Vaudan M.; Giannattasio 4; Marjolet; Raffa. Coach Catalfamo. La Falleti Decorazioni ha mantenuto la vetta della classifica vincendo meritatamente lo scontro al vertice contro il Galliate. I ragazzi di Pietro Catalfamo hanno preso una decina di lunghezze di vantaggio nel primo quarto, grazie alle belle iniziative della guardia Patrick Macrì e dell’ala Andrea Vinci e poi hanno ben gestito i tentativi di rimonta degli ospiti, allungando poi inesorabilmente nel finale con i canestri di Leonardo Lotto e l’ottimo contributo dei rincalzi. Sabato 23 novembre alle 18, altro impegno casalingo per la Falleti Decorazioni che riceverà la visita della temibile Cestistica Biella, altra aspiran-

te al passaggio del turno. UNDER 14 REGIONALE

SAVDA GRUGLIASCO

117 (55) 26 (14)

SAVDA: Restagno 4; Tarhia 12; Neyroz 6; Collalto 16; Carlin 8; Yeuillaz 19; Pajusco 10; Coppo 19; Lai 23. Coach Rosset S. Finalmente la Savda ha rotto il ghiaccio, travolgendo il modesto Grugliasco in una partita dominata dai ragazzi di Silvia Rosset, che hanno sfruttato la loro maggiore prestanza fisica agendo spesso con ficcanti contropiedi. Nella Savda si sono distinti l’ala Davide Collalto e il possente lungo Samuele Lai. Domenica prossima alle 17.30 insidiosa trasferta della Savda a Cirié. UNDER 13 ELITE

SAN MAURO DI GEL

52 (25) 73 (33)

DI GEL: Artuso 35; Betral; Borrione 15; Chasseur; Fiori; Pardini; Pezzoli 4; Rollandin; Scattolin 4; Silvestri 13; Sulis 2. Coach Pronesti. Continua senza problemi la marcia trionfale della Di Gel, che è riuscita a passare con un buona seconda parte dell’incontro sul campo del San Mauro,

Il Sarre Chesallet ha organizzato nella palestra di via Volontari del Sangue il primo torneo Tuttauto, riservato alle squadre delle categorie Esordienti e Aquilotti, con la partecipazione negli Aquilotti della Virtus Bologna, del Cinisello Balsamo e del Sarre Chesallet, mentre negli Esordienti erano presenti la Lettera 22 Ivrea e il Sarre Chesallet. Il torneo ha avuto un carattere amichevole senza classifiche finali ed è stato un buon banco di prova per le due compagini valdostane in vista dell’inizio dei due trofei, previsto nel prossimo fine settimana. SARRE CHESALLET: De Luca; Domanico; Farina; Morandi; Pugliese; Cuneaz; Manganiello;Trabbia A.;Trabbia L.; Piola; Deramo; Gritti; Lallinaj; Olivieri; Amail; Merivot; Glarey; Borney; Andriolo;Territo; Pacchiodi; Regruto Tomaglino; Faye. Istr. Frison e Rosset E. AQUILOTTI Il Settore Minibasket del Comitato Piemonte FIP ha comunicato la composizione dei gironi eliminatori e il calendario del trofeo Aquilotti, con il Sarre Chesallet che è stato inserito nel girone Beta assieme alla Lettera 22 Ivrea B e C, Usac Rivarolo, Settimo e Cirié. I ragazzini di Elis Rosset esordiranno in trasferta domenica 24 novembre alle 15, a Ivrea per il derby della Dora contro la Lettera 22 B. ■ Gabriele Peloso

■ una squadra alla volta / La compagine Under 15 Regionale è guidata da Pietro Catalfamo aosta - In questo scorcio d’inizio stagione, il ruolo gradito di sorpresa spetta senza ombra di dubbio alla formazione dell’Eteila che milita nel campionato Under 15 Regionale, sponsorizzata dalla ditta Falleti Decorazioni. La squadra, quest’anno, è stata affidata alle amorevoli cure del coach Pietro Catalfamo, dopo l’abbandono di Ubi Colombini che ha deciso di dedicarsi solo al settore Minibasket. Catalfamo, da buon padre di famiglia, ha dato sicurezza a tutti i giocatori e ha saputo creare, in poco tempo, un ambiente sano, nel quale tutti i giocatori portano il loro buon contributo in base alle loro qualità, dando sempre il massimo e sputando sangue in difesa. I risultati, chiaramente, non hanno tardato in casa Falleti, con tre incoraggianti successi ottenuti nelle prime tre partite. Sicuramente il play Leonardo Lotto, la guardia Andrea Vinci e il promettente lungo Alex Vaudan sono i pilastri della formazione della presidentessa Stella Lippolis, ma a turno anche altri giocatori hanno saputo ergersi a protagonisti (Cossard, Vaudan, Macrì) e la Falleti ora ha a disposizione un roster abbastanza completo, in grado di puntare senza mezzi termini alla fase finale. A que-

Una bella sorpresa chiamata Falleti Decorazioni sta accederanno le prime due squadre dei 4 gironi eliminatori, anche se la concorrenza di Galliate e Cestistica Biella sarà fortissima. Dopo aver creato il gruppo, al coach Pietro Catalfamo, coadiuvato da Giovanni Artuso, spetta anche il compito non facile di far progredire tecnicamente i giocatori più futuribili; impresa non facile perché purtroppo negli allenamenti questi prospetti, soprattutto Alex Vaudan, trovano pochi compagni in grado di impensierirli fisicamente. Abbiamo chiesto al coach Pietro Catalfamo e ai giocatori Leonardo Lotto e Alex Vaudan quali sono gli obiettivi per la stagione in corso. «Questo gruppo, più di ogni altra squadra delle società Monte Emilius UISP ed Eteila, ha beneficiato dell’accordo, poiché questi ragazzi avrebbero trovato pochissimo spazio nelle squadre più grandi - spiega Catalfamo -. Quest’anno stiamo cercando di proseguire il lavoro iniziato da Umberto Colombini, con cui l’anno scorso ho potuto collaborare e che ha formato questo gruppo che, quest’anno, ha

La compagine della Falleti Decorazioni prima del match di domenica

visto il ritorno di Andrea Franzoso e l’arrivo di Alfredo Paga. L’anno scorso siamo arrivati alla finale delle squadre classificate dal 5° all’8° posto nella regular season; quest’anno sarebbe bello arrivare nella parte alta del tabellone, ma con il mio assistente stiamo cercando di lavorare per formare una squadra sfruttando alcune individualità importanti, anche per togliere pressione a quei ragazzi che l’anno scorso facevano la differenza, ma a volte sembravano soli. Parallelamente vogliamo

far crescere gli altri, che hanno potenzialità, ma che spesso hanno difficoltà e poca serenità per esprimersi nel gioco. Devo dire che l’esperienza del coach Raffaele Romano e il costante confronto con il DS dell’Eteila, Enrico Pronesti, mi saranno utili nella ricerca degli obiettivi fissati; ovviamente insieme alla disponibilità e alla passione di Giovanni Artuso». E’ ottimista Leonardo Lotto: «Sinceramente mi aspetto molto dal campionato di quest’anno; certamente l’obiettivo è sempre

quello della prima posizione. Il comportamento della squadra in queste prime partite mi ha già stupito positivamente. Siamo cresciuti molto durante l’estate, sia fisicamente che di testa e stiamo diventando un gruppo sempre più affiatato. Perciò l’obiettivo di tutta la squadra sarà di riuscire a stare nelle prime quattro posizioni del girone e quindi migliorare il piazzamento dello scorso anno. Io non sono uno di quei ragazzi che fin da bambini sognano di arrivare nell’NBA. Dal

basket, adesso, mi aspetto tanto divertimento, tante amicizie e il fatto di potermi scaricare. Sicuramente proverò ad arrivare ad alti livelli, ma so quanto sia difficile e come anche solo un piccolo infortunio nel momento sbagliato possa compromettere una carriera intera; perciò non baserò il mio futuro sul basket ma piuttosto sugli studi, che anche a un cestista non fanno mai male». «Gli obiettivi della nostra squadra sono di cercare di dare il massimo in tutte le partite e di mettere in pratica quello che facciamo durante gli allenamenti - esclama Alex Vaudan -. Cercheremo di fare un buon campionato e di diventare un gruppo sempre più omogeneo in modo da riuscire a capirci anche senza parole. Le mie aspettative future sono di migliorarmi sempre di più e di continuare a giocare a basket dando il massimo». La rosa Lorenzo Casarotto, Francesco Cossard, Davide Fazari, Andrea Franzoso, Yves Giannattasio, Gabriele Guerrisi, Leonardo Lotto, Patrick Macrì, Davide Marjolet, Alfredo Paba, Giacomo Raffa, Alex Vaudan, Mattia Vaudan, Andrea Vinci. ■ g.p.


lunedì 18 novembre 2013

PA L L AC A N E S T RO

63

■ C REGIONALE / Gialloneri inarrestabili anche con Cirié; il calo di concentrazione non fa danni

La Moretti ci prende gusto 71 (42) 61 (24)

PARZIALI: 22-9, 20-15, 14-17, 15-20. MORETTI ZERO: De Riccardis 7, Franzoso, Gasperin 8, Frassy 11, Chenal 18, Cosentino, Cardenas 18, Padovani 2, Marsilio 7, Pietrini. Coach: Renna. CIRIE’: Martin 1, Cosic 4, Apruzzi 9, Piatti 2, Fiore 22, Corrado 7, Perino, Autelli, Gilé 2, Tursi 4, Martoglio 4. Coach: Rubino. ARBITRI: Bobbato di Arona e Mei di Oleggio.

Altra prova di grande sostanza per Fabio Frassy (foto Paolo Tacchella)

Alain MULLER Inviato al PalaMiozzi AOSTA - Prova di autorità della Moretti Zero contro Ciriè, squadra, fino a sabato sera, di pari classifica. Primi due quarti sontuosi, che hanno sostanzialmente deciso la gara, poi un po’ di deconcentrazione. Deconcentrazione comprensibile, per il +18 all’intervallo lungo e per la poca resistenza offerta da Ciriè, che ha, nel primo tempo, decisamente stonato in tutti i suoi protagonisti: passaggi sbagliati, tiri improbabili anche da sotto, palle perse. Deconcentrazione, pe-

rò, non giustificabile, perché alzare il piede a metà tempo può risultare pericoloso, contro compagini più strutturate. Va detto che, comunque, gli aostani non hanno mai dato l’impressione di perdere il controllo. Chenal e Cardenas hanno ancora una volta, e così sarà presumibilmente da qui alla fine della stagione, la parte di attori protagonisti, completandosi a vicenda, l’uno dando

peso specifico in area, l’altro attivo sul perimetro, giocando anche da playmaker. Marsilio è rientrato con la generosità di sempre e si sta confermando come buon tiratore da tre (due le conclusioni nel secondo quarto che hanno prodotto il divario decisivo), ottima la prova di Federico De Riccardis che, seppure non ancora al meglio, ha brillato in transizione e come col-

lante di squadra. Fabio Frassy è stato preziosissimo in difesa, con una prova attenta, e anche in attacco, dove ha dimostrato calma e chirurgia nelle conclusioni. Il primo quarto è un monologo della Moretti (22-9 il parziale) che si conclude simbolicamente con uno schiaccione di Chenal che esalta il pubblico, più nutrito del solito, del PalaMiozzi. Il secondo quarto si apre con una tri-

pla di Marsilio, seguita da una spettacolare transizione Cardenas-De Riccardis e ancora dalla seconda tripla sempre di Marsilio, che portano la Moretti a +20 (32-12). Poi, colpisce Cardenas da tre con un libero supplementare e i gialloneri volano letteralmente a +24, doppiando gli avversari (42-18). Al rientro, Cirié si riprende, aiutata anche dal calo di concentrazione degli aostani, che, evidentemente, ritengono la partita già archiviata. Si fa vedere Fiore, marcatore principale della serata, con precise conclusioni da tre punti, ma la Moretti mantiene le distanze e cede il terzo quarto di sole tre lunghezze. Ultima frazione. Ci pensa De Riccardis a spegnere le già fievoli velleità di Cirié, siglando il 63-49 a meno 5’ dalla sirena. Gli ospiti si convertono a un pressing, peraltro disordinato, e sempre De Riccardis ruba palla e punisce. Fabio Frassy è il nostro personale mvp. «Abbiamo giocato due primi parziali quasi perfetti, poi abbiamo un po’ mollato in difesa. Adesso è importante vincere in casa e scalare la classifica. La squadra c’è, con Chenal e Cardenas valori aggiunti».

9ª giornata - Andata Arona - Il Canestro...........63 - 62 College Borgo. - Biella......66 - 47 Saluzzo - Chivasso .................n.p. Carmagnola - Lettera 22..73 - 57 Serravalle - Kolbe ............64 - 49 Fossano - Trecate .............71 - 70 Moretti Zero - Ciriè ...... 71 - 61 Torino - Cuneo .......................n.p. Squadra P.ti Partite G V P

SERIE C GIRONE A

MORETTI ZERO CIRIE’

Serravalle Fossano Cuneo Trecate Biella Torino Kolbe Carmagnola Moretti Zero Chivasso College Borgo. Lettera 22 Ciriè Saluzzo Il Canestro Arona

16 14 14 12 12 12 10 8 8 6 6 6 6 6 2 2

9 9 8 9 9 8 9 9 9 8 9 9 9 8 9 9

8 7 7 6 6 6 5 4 4 3 3 3 3 3 1 1

1 2 1 3 3 2 4 5 5 5 6 6 6 5 8 8

Prossimo turno 10ª Giornata

Ciriè - Fossano............................ Il Canestro - Carmagnola............. Biella - Serravalle ....................... Chivasso - College Borgo. ............ Trecate - Saluzzo ........................ Kolbe - Arona ............................. Lettera 22 - Torino ...................... Cuneo - Moretti Zero...............

■ PROMOZIONE / Primo tempo anonimo, poi i biancoblu allungano nella ripresa e passano fuori casa ■ 1ª DIVISIONE / Vincono i Teneroni Asti

Lo Chez Drink si rialza con la Beinaschese Paolo Preti ko in casa BEINASCHESE CHEZ DRINK

63 (30) 72 (27)

za e bagna un po’ le polveri di Blanc e soci. Gli aostani provano comunque a fa-

re un piccolo break, ma i padroni di casa non ci stanno e chiudono il tempo col naso

PARZIALI: 13-14, 17-13, 11-22, 22-23. CHEZ DRINK: Bassi 4, Blanc 24, Catalfamo 10, Citti 6, Gianotti 4, Catona, Charles 8, Fracellio, Aiello 4,Treves 7,Torino 5, Albanese. Coach: Fristachi. ARBITRI: D’Errico e Marando di Torino. BEINASCO - Torna subito al successo lo Chez Drink, che dopo il capitombolo col Michelin si rialza e passa sul campo della Beinaschese. Nonostante lo zero in classifica, i torinesi non sono un cliente facile per i ragazzi di coach Fristachi, che scendono sul parquet forse un po’ molli. La Beinaschese si affida alla difesa a zona a oltran-

Gradito ritorno per il basket valdostano; Fabio Gyppaz, l’indimenticato “Manzo”, è tornato in campo a Châtillon per dare una mano al centro minibasket targato Eteila

avanti. Nella ripresa, i biancoblu nostrani stringono un po’ le maglie in difesa alzano il ritmo, impedendo spesso e volentieri ai padroni di casa di piazzarsi. Arriva il primo break, che regala la doppia cifra, ma la Beinaschese non alza bandiera bianca e, anzi, rientra in gioco come in altre due occasioni. Al solito, ci vuole un’invenzione di Blanc, tradotta in bomba, a rilanciare le azioni dei valdostani. Al banchetto si iscrive anche Charles che inizia a spezzare la retroguardia di casa con ficcanti penetrazioni che regalano tanti buoni tiri a Treves e compagni. I torinesi non riescono più a rientrare e lo Chez Drink può chiudere con un tranquillo +9. ■ r.g.

PONT-ST-MARTIN - Seconda sconfitta in altrettante partite per il Paolo Preti Pont Donnas nel campionato di Prima Divisione. Nel debutto casalingo i valdostani sono stati sconfitti 58-42 dai Teneroni Asti. La gara è stata pesantemente condizionata da un primo quarto disastroso dei padroni di casa, che sono rimasti con la testa negli spogliatoi e sono stati superati 14-3 dagli ospiti. Il Paolo Preti, che deve migliorare parecchio in difesa, ha poi giocato un buon secondo quarto, chiuso con il parziale di 20-14 e nel terzo ha tenuto botta, arrendendosi 13-11, ma nella volata finale sono stati gli astigiani ad avere l’ultima parola e, con il risultato di 16-8 hanno chiuso i conti. Il Paolo Preti ora osserverà il turno di ri-

Nicolò Bonora

poso e il 28 novembre recupererà la prima di andata contro il Biella. PAOLO PRETI PONT DONNAS: Girelli 9, Chieno 14, Catenazzi 4, Marchiando 2, Bonora 2, Bertino 9, Colosio 2, Perozzi, Marquis, Glesaz, Bellardone. ■ r.g.


S P O RT VA R I

64

lunedì 18 novembre 2013

■ EVENTO / Premiati gli atleti e i sodalizi del ciclismo rossonero che più si sono distinti nel corso della stagione

La meritata sfilata della Valle a due ruote Andrea MANFRIN Inviato al PalaIndoor AOSTA - Applausi a scena aperta per i talenti rossoneri delle due ruote. Al Palaindoor va in scena l’ultimo appuntamento della stagione ciclistica valdostana, con una grande cerimonia per la consegna di oltre 70 premi per atleti e società sportive. Tra i riconoscimenti, troviamo gli atleti dei Campionati del Mondo di cross country, delle gare nazionali e della Coppa Italia, nonché i medagliati italiani. «Questo è il primo anno del mio nuovo incarico come presidente della federazione valdostana - ci dice Carlo Franco -. E’ un ruolo in cui ho cercato di dare il massimo, per provare a dare una certa continuità e appoggio agli atleti, alle attività e, perché no, ai buoni risultati. Nei giovanissimi stiamo cercando di abbassare il livello di agonismo, puntando più sul divertimento. A livello di rappresentativa abbiamo investito sul gruppo e meno sul risultato, mentre per l’anno prossimo organizzeremo una prova di campionato italiano

Emilie Collomb con l’assessore Aurelio Marguerettaz

di Downhill, poi una gara di Super Enduro World Series, a Pila la XX Cup e a Courmayeur una gara nazionale di cross country». I numerosi atleti presenti alla premiazione hanno voluto tracciare un bilancio della loro stagione. «La mia stagione è andata bene - dice Fabio Signorino -. Ho raccolto parecchi podi con la rappresentativa valdostana, ma per il prossimo anno vorrei arrivare a un podio agli italiani e, magari, diventare campione regionale». «Sono contenta dell’annata agonistica - gli fa eco Eleo-

Il Cicli Lucchini.com impegnato nel Campionato Italiano a staffetta Team Relay

Edoardo Franco premiato da Patrizia Carradore

sono rotto il braccio, il prossimo anno non potrà che essere migliore». Raggiante, a ragion veduta, Emilie Collomb: «Questa stagione è iniziata in maniera dura. Nelle prime gare internazionali sono arrivata sempre seconda, dopodiché nella Coppa del Mondo in Val di Sole ho cominciato a crescere sempre di più fino ad arrivare a raggiungere la medaglia d’argento al mondiale». Gongola anche Alessandro Saravalle: «E’ stata un’ottima stagione; ho cominciato bene classificandomi secondo nel campionato d’inverno, poi la convocazione per la Coppa del Mondo, in seguito ho continuato a gareggiare per prepararmi al meglio gli italiani dove sono arrivato secondo». «Non posso che essere contento dei risultati ottenuti conclude Federico Martinet, presidente del GS Aquile -; abbiamo partecipato a tutte le manifestazioni sul territorio regionale e a tutte le Gran Fondo nazionali. Contiamo 150 iscritti e abbiamo ragazzi molto in gamba che hanno raggiunto diversi obiettivi prestigiosi».

Il podio delle società che hanno primeggiato nel fondo e medio fondo

nore Barmaverain -; ho fatto gare in Coppa Italia che mi hanno dato grandi soddisfazioni e per il prossimo anno sono molto motivata, non vedo l’ora di cominciare». Bilancio negativo, invece, per Dominique Sitta: «Sono partito male - spiega -. Nelle prime gare mi sono ritirato per problemi meccanici, poi la bronchite; per fortuna ho raggiunto un piccolo riscatto agli italiani, dove sono arrivato terzo. Speravo in una convocazione all’Europeo ma così non è stato. Ho puntato tutto su La Roque, dove però sono caduto e mi

La premiazione di Alessandro Saravalle

I giovani talenti del bike trial valdostano

TUTTI I PREMIATI CROSS COUNTRY MEDAGLIE ESORDIENTI & ALLIEVI: Marco Liporace (Pila Bike), Federico Piccolo (Pila Bike), Dominique Sitta (Velo Club Courmayeur Mont Blanc), Davide Aresca (Cicli Lucchini.com), Francesca Liporace (Pila Bike), Martina Zappa (Velo Club Courmayeur). CROSS COUNTRY INTERNAZIONALE: Alessandro Saravalle (Cicli Lucchini.com), Emilie Collomb (Pila Bike). RAPPRESENTATIVA REGIONALE COPPA ITALIA: Eleonore Barmaverain (Lupi Valle d’Aosta), Mathieu Vicquery (Velo Club Courmayeur), Jessica Balbo (Cicli Lucchini.com), Luca Garino (Cicli Lucchini.com), Simone Masoni (Lupi VdA), Roberto Vassoney (Lupi VdA), Fabio Signorino (Orange Bike Team),

Thierry Bionaz (Cicli Lucchini.com), Agnese Balbis (Lupi VdA). PARTECIPAZIONE GARE NAZIONALI ESORDIENTI & ALLIEVI: Federico Fiori (Pila Bike), Luca Piellier (Orange BikeTeam), Matilda Cosentino (Orange Bike Team), Martina Stirano (Pila Bike), Xavier Donzel (Velo Club Courmayeur Mont Blanc), Alice Martinet (Lupi VdA), DavideTrossello (LupiVdA), Gioele Bravo (Orange Bike Team), Andrea Dell’Amico (Velo Club Courmayeur Mont Blanc), Alberto Cosentino (Cicli Lucchini.com), Francesco Grange (Velo Club Courmayeur Mont Blanc), Alessandro Martinet (Pila Bike), Sofia Fiori (Pila Bike), Alex Agostinacchio (Pila Bike). CAMPIONATO ITALIANO STAFFETTA TEAM RELAY: Cicli Lucchini.com (Davide Aresca,

I campioni regionali della montagna di ciclismo

Thierry Bionaz, Jessica Balbo e Luca Garino). CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETA’: Pila Bike (medaglia di bronzo giovanile), Lorenzo Suding (medaglia d’oro downhill elite), Michel Angelini (medaglia d’oro downhill elite sport), Edoardo Franco (1° classificato gara nazionale a Sestriere e 2° gara regionale Gressoney). BIKE TRIAL: Elisa Neve Lini (Orange Bike Team), Nathan Pavese (Velo Club Courmayeur Mont Blanc), Laurent Peaquin (Vtt Arnad), Kevin Janin (Vtt Arnad). CAMPIONI REGIONALI CROSS COUNTRY: Martina Zappa (Velo Club Courmayeur Mont Blanc), Roberto Vassoney (Lupi VdA), Francesca Liporace (Pila Bike), Simone Masoni (G.s.

LupiValle d’Aosta), Eleonore Barmaverain (Lupi VdA), Federico Piccolo (Pila Bike), Dominique Sitta (Velo Club Courmayeur Mont Blanc), Nehuen Truc (Cicli Lucchini.com). PREMIAZIONE SPECIALE: Società Ciclistica Valdostana (50° giro dellaValle d’Aosta Haute Savoie), Simone Roveyaz (miglior piazzamento di sempre di un Valdostano nel Giro Valle d’Aosta). CAMPIONI REGIONALI DELLA MONTAGNA: Silvia Degiovanni (Master Woman G.S. Aquile), Edoardo Buscaglione (Elite Master Sport), Mattia Luboz (Master 1 Cicli Benato), Fabio Cianciana (Master 2 Aquile), Francesco Antonio Macrì (Master 3 Cicli Benato), Paolo Guerrino Libertino (Master 4 Aquile), Roberto Canonico (Master 5 Cicli Benato),

I campioni regionali di cross country

Giorgio Charruaz (Master 6 Aquile), Carlo Champvillair (Master 7 Velo Club Courmayeur Mont Blanc). SOCIETA’ FONDO E MEDIO FONDO STRADA: 1ª Aquile, 2ª Benato, 3ª Progetto Bici. CAMPIONI REGIONALI FONDO E MEDIO FONDO STRADA:Alessandra Plat (Aquile), Mattia Luboz Mattia (Cicli Benato), Francesco Macrì (Cicli Benato). SCUOLA DI CICLISMO: Mountain Bike Ciclyng La Thuile. ATLETI VALDOSTANI TESSERATI FUORI VALLE: Cindy Casadei (Racing Mtbbike), Giuseppe Lamastra (L’arcobaleno Carraro Team), Thierry Moret (Progetto Ciclismo Evo Team), Michel Piccot (Società Ciclistica Galliatese).


lunedì 18 novembre 2013

s p o rt va r i

65

■ ciclocross / Rossoneri protagonisti nella tappa valdostana del Trofeo Michelin

Gippaz esulta a St-Marcel Mathieu COURTHOUD Inviato a St-Marcel st-marcel - «La nostra gara, aihmè, è l’unica di questa specialità sul territorio valdostano racconta Ercole Droz, veterano e leggenda del ciclocross rossonero, con 22 titoli italiani in quasi 50 anni di gare -. Noi del gruppo sportivo St-Marcel cercheremo di non mollare mai, perché è importante mantenere vivo uno sport che tanto ha dato nel passato ai valdostani. Ci tengo pertanto a ringraziare l’amministrazione comunale di St-Marcel, che da sempre ci aiuta nell’organizzazione, e Franco Vagneur, il quale mi ha messo sulla bicicletta e ha saputo creare un movimento ciclocrossista in Valle d’Aosta». Ed è grazie all’impegno e agli sforzi di questi amanti del ciclocross che domenica mattina è andata in scena la decima edizione del Gran Premio Ciclocross BCC Valdostana, gara inserita nel Trofeo Michelin 2013-2014. I 75 concorrenti iscritti, suddivisi in due partenze in base alle categorie, si sono dati battaglia su un tracciato impegnativo e tecnico, grazie ai diversi tratti da percorrere a piedi e ai numerosi cambi di ritmo. La competizione si è così dimostrata spettacolare sin dalle prime tornate, divertendo il numeroso pubblico dislocato lungo il percorso. La prima partenza ha visto impegnate le categorie Esordienti, Allievi, Gentlemen, Super-

I valdostani protagonisti della gara di ieri mattina a St-Marcel

gentlemen, Master, Supermaster, Donne1 e Donne3 su una gara di 40 minuti più un giro. La gara è stata vinta da Mauro Sedici della Body New in 46’50”, il quale è partito in testa, ampliando giro per giro il suo vantaggio su un gruppetto di inseguitori guidato dal valdostano Corrado Cottin (Cicli Benato), che malgrado un dritto a metà gara ha saputo lottare fino alla conclusione, chiudendo in 47’14”, 13” in meno di Giancarlo Pagani (ASD Gattobigio). «Sono felicissimo del risultato che ho ottenuto, perché non mi aspettavo di chiudere la gara al secondo posto - ci confida il polivalente Cor-

Fabio Gippaz e Matteo Thiebat in azione

rado Cottin -. Mi sono divertito tantissimo, perché il ciclocross non è solo pedalare, ma ci vuole tecnica e forma fisica, dal momento che bisogna spesso scendere dalla bici e correre. Spero che in Valle d’Aosta si organizzino altre gare di ciclocross, visto che è una disciplina bella da praticare ma anche da vedere». Nella categoria Esordienti la vittoria è andata ad Alberto Cosentino in 47’50” (una giovane promessa del Cicli Lucchini che ha saputo difendersi tra i grandi chiudendo al quinto posto assoluto), precedendo Stefano Miserendino e Cristian Miserendino entrambi dell’ASD

Giaveno’s Bike Boys; tra gli Allievi la vittoria va a Francesco Fagiano del Team Santysiak. Tra i Master è l’intramontabile padrone di casa Ercole Droz a imporsi in 48’47” su Domenico Lotito (Pedale Pazzo) e Matteo Petrucci (Team Oliva). A prendersi la gloria tra i Supergentlem è Oto Batilde del Ciclo Polonghera in 48’20”, anticipando sul traguardo Domenico Cosentino (Cicli Malù) e Roberto Fagiano (Team Santysiak). Al femminile la prima a concludere le fatiche è Tiziana Actis del Gattobigio in 49’20”. Alle 11 è partita la gara assoluta, impegnati sul tracciato per 40’ più un giro. Il primo a tagliare il traguardo è stato il valdostano Fabio Gyppaz dei Vigili del Fuoco Godioz, che dopo 6 giri passati sulla ruota di Massimo Salone (La Bicicletteria), ha deciso di rompere gli indugi presentandosi sul traguardo da solo dopo 45’34” precedendo l’avversario di 23”, primo tra i Veterani, e Matteo Thiebat (Cicli Lucchini) di 29”, primo tra gli Juniores. Tra i Veterani il podio è stato completato da Daniele Pozzo (Rachetech Team) e Paolo Antonio Rochietti (Slimax Cannondale), tra i Seniores da Ambrogio Grillo (Sassi) e Eddy Perrin (St-Marcel), mentre tra gli Juniores hanno chiuso rispettivamente al secondo e al terzo posto Daniele Gavazza (Cusati Bike) e Ivan Ruffinati (Val Sangone). Tra i Cadetti, infine, la vittoria è andata a Francesco Suppo (Cicli Giorgio) in 46’13”.


s p o rt p o p o l a r i

66

Juniores: il Gressan e il Doues

lunedì 18 novembre 2013

Quarta Categoria: il Valpelline e lo Gignod

■ rebatta / Stagione d’oro per il Gressan; Ezio Cottino: «Un’annata da incorniciare»

Applausi per i CANARINI Riccardo SAVOYE Inviato alla Grand Place

so Rita Cuaz (Doues).

pollein - Una premiazione a forti tinte giallonere. Sull’attività 2013 è calato il sipario: l’ultimo atto, quello relativo alla premiazione, che ha riguardato l’intera stagione agonistica, si è svolto sabato pomeriggio alla Grand Place di Pollein con la partecipazione di molti di coloro che hanno onorato questo sport, che, stando alle cifre del 2013, è in crescita, visto l’aumento del numero di squadre iscritte al campionato primaverile, che resta la competizione “clou” della stagione agonistica. Dopo l’intervento del sindaco di Pollein, Angelo Filippini, che si è complimentato con i responsasabili per aver scelto il suo comune per la premiazione, è intervenuto il presidente dell’associazione Fabrizio Viérin, più che soddisfatto per come si è svolta la stagione agonistica. «E’ stato un anno pieno di soddisfazioni - ha sottolineato tra -, sia per il numero delle squadre scese in campo nel campionato primaverile (ben 50, numero che non è mai stato cosi elevato in questi ultimi dieci-quindici anni), sia per come si è svolto, e, soprattutto per il fatto che il numero delle giovani leve (oltre ottanta) è cresciuto parecchio, aumento beneaugurante per il futuro della disciplina». La premiazione ha riguardato sia l’attività primaverile (Trofeo delle Età, Campionato a squadre e Campionato Individuale), sia quella autunnale (Torneo a squadre e Champion d’Auton).

Per il 38° torneo a squadre (43 squadre al via) ne sono state premiate quattordici (due per categoria). Per la Prima Gressan e Doues, per la Seconda Aymavilles e Doues, per la Terza Doues e Valpelline, per la Quarta Charvensod e Valpelline, per la Quinta Bionaz e Chevrot, per gli Juniores Gressan e Doues e per il gentil sesso Doues e Gignod. Il 22° Champion d’Auton ha visto la premiazione di 28 atleti (tre per ogni categoria, eccezion fatta per gli Juniores A che hanno portato sul palco quattro giovani talenti). Il titolo è andato a Terence Tessarin (Jovençan), Jean Pierre Blanc (Valpelline), Fulvio Chabloz (Doues), Maicol Chiarello (Bionaz), Hervé Botteon (Gressan), Davide Quendoz (Gressan), Henry Martinet (Gressan), Mathieu Quendoz (Jovençan) e Rita Cuaz (Doues).

Attività autunnale

Prima Categoria: il Gressan e il Doues

Attività primaverile Per il 57° Campionato primaverile (50 squadre in 7 categorie) sono state premiate 14 squadre, due per categoria: Gressan e Doues per la Prima, Doues e Valpelline per la Seconda, Ollomont e Doues per la Terza, Gignod e Valpelline

per la Quarta, Bionaz e Jovençan per la Quinta, Gressan e Doues per per gli Juniores e Jovençan e Doues per il gentil sesso. Per il 42° Trofeo delle Età (Memorial Renzo Curtaz), 15 squadre al via composte ognuna da sei giocatori di età diversa gli uni dagli altri, sono state pre-

miate le prime tre classificate (Gressan, Jovençan e Doues) e ben 18 giocatori (i migliori tre di ciascuna delle sei fasce di età nelle quali erano suddivisi i partecipanti). Ventotto i giocatori premiati per il 57° Campionato Individuale (tre categoria con un pari merito

al terzo posto). A vincere il titolo erano stati: Terence Tessarin (Jovençan), Fabio Cottin (Doues), Paolo Créton (Doues), Edoardo Mezzaro (Cogne), Edy Glarey (Doues), Davide Quendoz (Gressan), Samuel Salvoldi (Valpelline), Mathieu Quendoz (Jovençan) e per il gentil ses-

Le interviste

Le squadre femminili che hanno animato la stagione

Rudy Brun, Terence Tessarin e David Nex

Quinta Categoria: il Bionaz

«Mi sembra di poter affermare che per i nostri colori sia stata una stagione da incorniciare ci ha detto il presidente del Gressan, Ezio Cotino -, visto che, oltre al Trofeo delle Età, abbiamo vinto sia in primavera che in autunno, i due titoli più prestigiosi: quello della massima categoria e quello Juniores. Quello di Prima è arrivato grazie a una squadra affiatata, che può ripetersi; quello Juniores, invece, è più che mai beneaugurante per il futuro della sezione. Un grazie particolare, a questo proposito, va al responsabile-allenatore Aldo Quendoz, che a titolo personale può festeggiare, come papà, la bellezza di ben sei titoli in famiglia». Il microfono passa inevitabilmente al protagonista a livello individuale. «Meglio di così il 2013 non poteva andare - ci ha detto il campione della Valle, Terence Tessarin dello Jovençan, che poi si è ripetuto in autunno -. Dopo aver vinto l’Ommo e sfiorato il Champion d’Eté, ho vinto anche lo Champion d’Auton, exploit da sempre difficile. La mia soddisfazione sarebbe stata ancora maggiore se la squadra nella quale gioco fosse riuscita ad andare in finale per lo scudetto».


S P O RT P O P O L A R I

lunedì 18 novembre 2013

67

A sinistra le quattro semifinaliste del campionato di categoria A/B e, a destra, quelle di C/D

■ PALET / I castiglionesi trionfano in A/B; nella categoria C/D esulta il Marmore

Châtillon: una dozzina d’oro Riccardo SAVOYE Inviato al PalaFent

ge-Remy Dujany).

BRISSOGNE - Con il successo dei colori di Châtillon (squadra A: Carlo Personettaz-Cristian Dujany ed Erik Orsières-Mauro Crétier) e del Marmore (Flavio Mathamel-Mirko Aymonod e Franco Machet-Pietro Meynet) è calato il sipario sul 30° Campionato per Società (27° per la C/D). Alla manifestazione, che per un mese ha tenuto banco al PalaFent, hanno preso parte complessivamente 58 formazioni composte ciascuna da due coppie. L’ultimo atto della grande kermesse si è svolto sabato pomeriggio all’impianto coperto di Brissogne (vera culla degli sport popolari) con la disputa delle semifinali e finali di entrambe le categorie.

Nella sfida per il titolo più pregiato lo Châtillon ha vinto il derby per 3-1 (16/15,16/9 10/16 e 16/15). Con quessto successo Châtillon ha portato a 12 i suoi sigilli (più di tutti) in questa prestigiosa competizione. Stesso punteggio, ma parzali diversi (16/6, 16/13, 16/10 e 11/16), per il Marmore A, che ha conquistato il titolo di C/D relegando il St-Vincent sul secondo gradino del podio. Per il Mamore dovrebbe trattarsi del primo sigillo. La premiazione del campionato per società, come per le altre competizioni (Campionati a coppie, campionato Juniores, Campionato Individuale, torneo estivo e gara individuale Juniores) avrà luogo nel tardo pomeriggio di sabato 30 novembre al termine della tradizionale gara di chiusura sulle tre partite a tempo.

Le semifinali In lizza per la categoria A/B erano rimaste due squadre di Châtillon, una di St-Denis ed una di Isso-

Le finali

Categoria A/B: lo Champdepraz A

Categoria A/B: l’Aymavilles A

Categoria A/B: l’Arnad A

Categoria A/B: il Gressan/Cogne

gne (la C nella quale giocava anche una rappresentante del gentil sesso, Ivana Danna). Ad accedere alla finalissima sono state le due castiglionesi. La formazione A ha piegato per 3-1 (16/6, 16/5, 5/8 e 16/7) l’Issogne C (Bruno Pinet-Matteo Pinet e Alex Pinet-Ivana

Danna) e la formazione B (Marco Neyroz-Giorgio Favre e Maurizio GorretEddy Laurencet) che ha superato ai punti (2-2 con minima differenza di +1: 7/16,16/4, 16/11 e 9/16) il St-Denis (Mario Théodule-Alex Mongnod e Mirko Farys/Paolo Farys). Nella categoria C/D alle

semifinali erano approdate quattro squadre della Comunità Montana Monte Cervino: il Valtournenche A, il Marmore A, lo Châtillon A e il St-Vincent A.Il pass per l’atto conclusivo l’hanno staccato il Marmore, che ha piegato ai punti (11/16, 16/4, 16/8 14/16) il Val-

tournenche (Alex Perrron-Luca Perron Thomas Pession-Matteo Perron), e il St-Vincent (Roberto Malcuit-Andrea Zanivan e Rudy PorceillonFabien Pellissier), che ha superato 3-1 (5/16,16/14, 16/6 e 16/10) lo Châtillon A (Mauro Varaia-Daniel Neyroz e Ignazio Gran-

Categoria A/B: il St-Vincent A

Categoria A/B: il Marmore A

Categoria C/D: il Pontey A

Categoria C/D: il Donnas B

Categoria C/D: il Doues A

Categoria C/D: il Montjovet A

MORRA

Categoria C/D: il Quart A

L’ultima gara è di Jeantet-Borettaz Categoria C/D: lo Champdepraz B

Sul primo campionato valdostano di Morra è calato il sipario. L’ultimo atto si è avuto ieri con la premiazione preceduta da una gara a baraonda, vinta da Lugino JeantetTiziano Borettaz su Davide Casassa-Franco Carlin; terzi Marcello DalbardGuido Théodule e Giorgio Collé-Marcello Philippot. Per il campionato sono stati premiati i primi otto: Franco Carlin, Luigino Jeantet, Tiziano Borettaz, Umberto Lavévaz, Guido Théodule, Sergio Jovial, Davide Casassa Rinaldo Bal.


Annunci Economici •INDICE RUBRICHE

➜ Lavoro 01 - lavoro offerta 02 - lavoro domanda 03 - prestazioni professionali 04 - lezioni e traduzioni 05 - artigiani

âžœ Immobiliari 06 - aziende e negozi 07 - abitazioni vendita 08 - abitazioni acquisto 09 - abitazioni afďŹ tto 10 - terreni e locali industr./comm.

➜ Varie

lavapiatti e pulizie. Tel. 324 1270910 CERCO LAVORO COME BADANTE baby sitter, colf, governante, assistenza ospedaliera, preparazione pasti, pulizie primaverili o giornaliere. Sono italiana ho 46 anni e sono di Châtillon. Disponibile a ore, giorni, settimane o anche ďŹ ssa con vitto e alloggio. Tel. 3394746573 DIPLOMATA VALDOSTANA offresi per aiuto compiti per bambini dopo scuola o per stirare e lavare. zona Villeneuve/Saint-Pierre. Tel. 349 0723911 FISIOKINESITERAPEUTA ďŹ sioterapista, massaggiatore, con lunga esperienza cerca occupazione in centri, case di riposo, cliniche, alberghi o SPA. Tel. 339

11 - sentimentali 12 - auto e accessori 13 - moto cicli e accessori 14 - macchinari e attrezzature 15 - animali vendita e acquisto 16 - animali, oggetti smarriti e regalo 17 - scambi e baratti 18 - abbigliamento 19 - articoli sportivi 20 - audio, video, foto e computer 21 - varie

Sub-concessionaria per la pubblicitĂ  su

CERCHIAMO LAVORO come cuoca, aiuto cuoca, sala bar, piani, anche a chiamata extra e festivi. Tel. 339 5975997 CERCO LAVORO come badante 24 ore su 24,

Paline, bacheche, locandine, totem e pensiline autobus

BELLISSIMA OLANDESE 26 anni, alta, magra, capelli rossi, 4ÂŞ misura naturale. Un vulcano di piacere per passare momenti indimenticabili

re 2013

4 n.

. Spediz

(conv.in

L.27/0

pol

a,

Discoun

t solo

P

rt

spo

re: LUCA

com arso

agno

scomp

il comp

è fer n si eta atl sa no la cor rte di un perchÊ la mo Ecco dopo mata

ri istrato

ammin

in Sono

arr

LIN N DA I NECE LARIÂť GO SSU ÂŤNE AZIONNTI RE @ PRESTGAME PA .

are arred

la tua

a la cost Oggi

dei

vi

nuo

Chemin

ivi incent

casa

16 /11020

Saint-C

hristop

asapiu

arreda

menti.

it / Tel.

a visitare 293-23

6795

46) art.

GAZZ

ica 21

www.g

1 comma

ETTA

1. DCB

azzet

ottobr e 2012

segrete tamat ria@gaz in.com Tel. 0165 zettamatin.com 231711 centralin o COPIA OMAG GIO

Aosta

MATIN

CATT OLICA&A GRICOLTU IA GENER ALE

AGENZ

Via Monte

Emilius

PER LA

23, 11100

VALLE

Aosta

RA

D’AOS

Sai Sar nt Pon re Chr t SaiLoc isto .Co phe nt nde Loc Ma rtin min .Gr Ap Str. e 20 and ert e Cha Naz i An . per rriè che re Car La 66 em Do me a 27 nic a

TA

(AO)

Assistenz assembla a a domicilio ggio

di Stefano personal | Riparazio Carli izzato ne Via Colonne | Vendita Pc e Noteboo llo Alessi | Creazion k 10/A e siti 11100 web www.reseTel: 0165.555 Aosta tcompute 321 Cell: (AO) 348.6092 rs.net Mail: info@rese111 tcompute rs.net

ISMATIC A zione MetallCAR

SE

TTI

MA

RA’

i Prezio si Spa

o

NA

10 12

ª La Non Fiera qu c’è di ali il Sant’ tà pi è in en Orso cres one cit a

O MENT O PAGA DIAT ANTI IMME AO CONT IN

ORO E MONET - Acquist E DA INVEST o e vendita Professiona IMENTO le -

Operatore

VEND

191 regine PER

LA PUBBL ICITĂ€

in campo

E LLEBI LG PRES SE -

TEL

0165

.184

5110

ma e qu o nto LE &te colwww.a en rteeARCEL il menic an i nu att ), de e(ne pitha fat ostaleg moOREST te dÏ,31 me rez for na.it ge a do 335/1 de lti ve Eo MORTA to in RA za cal e nn e la ri Me sis 38418 po e sop 0 ratanch o. l’affluaiolunedFierarecord pe no tito tenghiac tut e na rch , en cad Ï. Qu era an ria Ê sec dal zia cio to il za on eDi ch si gli on me li vis an il ma è o di me pe e pr ap do tte ita che vic lte ine po nte zzi dal og pa me rsi tor a ino mp Tor Pie o so, ’ piÚ ne pu ramssi , ha in i ch ino mo ch atm pe , no sonnto on via ma ati fat gg e ha ), n- e an rò, vu no nim ni osfera noote sta o stadi vis no de to io. nncon rip Me o n ch nte pe lla la vit noam rop . Qu è e in le ti venta eco r Micri fat en si, tem Ing ale tas lo org vis te, one,ella ta dipassa ch du no polleti mi mo ne hi,per itatoril suo CELL senche aff to. e sia ug co. , 366. i sol sto le ua 6174 re , è e via iti inf an i sig fas za da ari, Sant’no latt tic nif cin pe mi be un 591 le l’ec po - EMAIL Qu val cel ssi Po imbui, ce he ica o. rd lle nsÏ Or: M.HE las est do bil rta ti ne vie piÚ erl e piÚdi o il cia ’an stalenNRY@ e Pr di mi ne vis a no na te fer ae via son della sp tor ESSE la re ita bo , . pro maLGPR o az sta cit io du rsi ia; Sa ter qu ug tor cca for tà. zio ad pen’A ti.COM pe ior ali ua e da apse, ne am r ns sono r e tà lm l ert ma semmi bra cre de en pa a nc art miil re-ellle te lat a . vur pre E’ a sci op sod o finil vis il pe igian raan ta, agra ch non tanere dis o itatorzzo si nd e il son to esp fatto, pu e. ch e e rin o sol ch ost 222! la no pe ò riteMa '/-+#* Mi vamo e a e è rch PE piÚ stu in '/ lle RPE na en i gra pir ul- Ê LAR ria to e LA PU . a nd far i BB PU LIC BB LIC ITÀ ITÀ LG

dal 20

.+('4

4%)

44,#

CIT

-4!&'4 0-" !&#4% )4(#4

4 

IL SETTIMANALE DEL LUNEDĂŹ Con piĂš di 50.000 lettori ogni settimana in tutta la Valle

Ă‹N

Post

Dir

DE e italia AN ett NT ne. NO ore Spe E XI : LU dizi DI - N° CA IN one in 5 ME FO A.P. RC RM D. L.35 AN AZ TI 3/2 IO 003 NE , PO (conv.in L.27 LIT /02 ICA /20

, CU

OOM al Be R PR OO la n ve M nu ill en ti ar ia 04

n.

LTU

46)

RA

C

ea

art.

1

com

ma NU , SPOR 1. DCB ma Aos rte M T ta dÏ IS EU La 31 seg vo M RO ge rete Tel. raz AT 1.5 nn ria@ 0165 ion IC 0 gaz 231711 aio (CO e Me A PIA zettam cen 2012 tal C OM li A atin tralino Pr R .co AG to ezi R GIO m osi A’

rg en

ce - 012

rizza

IM

Sp

a

)

di EN 5-80Citt to Banc TO PAGAMENTO 907a 57 a IMMEDIATO d’Ita 6 - P. E IN CONTANTI - ww lia S. w.c MA om RTI pro N: oro Via aos Rom ta.it a 5

OZ

N LOOEVER KB ACK

RO

41* -*/'.! ,-#./ /'4!+ #4#)'. 3'+*'4# ,-'-'4



DIP

OR - AcqO E MO atore uis NE AO Profe to TE STA ssione ven DA 016 ale : 5-40Via in dit INV Oro a EST 434 Cro Auto -

ottoIONE CO bre al 10 N SC nove ONTI mbre St. Chr

IN

Oper

PROM

Tend aggi Tape zzerie Tend e Pens da sole iline pioggia per www.elleb e neve itend 4  aggi.info  ∙ elleb   4 i2@live.it  

vis nte qu pe si i are , co ion . ell r qu fez in circa L’in a la ell nd i

LEGN qu ind cogdi pr o ti ion 109 ITA ier im de ti de 3, mi alc izi ica CONSEG A DAdeARD Im a do ll’e e de malle he on no nit i, il a l me sp ll’u c’èart pr i ch nea è cie gio eri iga NA Ast’aa cavll’aponnssibilverERE e ve pe lo re. en ltim sta inioblem po r è ZONA DOM all o e za o ta (er a, tre a ba oglun nn info@a INDUSTRIALE o sco rip , si mo qu vit bb sostaleg Mo ab edÏ o il tra ICIL rso ete IO son me alcano anch eSAINT-M e 30 do , re ha lto ilm DANIE na.it he att

LE

EN

Eteo STA AOSTA: in Oro Via CroceAutorizzato na , 0165-404 Banca di Citta sta tad ma- Il tim d’Italia 34 0125-809 57 gi: to i alm P. S. 076 MARTIN: - www.com ore sa le cle Fo Via Roma pre meire en era ro qu prooroao , o sta.it 5 se cre ota



TEL. 328 6578119

004 n.

ANALE

Lavora

'-#4"4

TEL. 389 9136482

domen L.27/02/2

Web:

: vieni

016540

NTI

3 (conv.in

NUM



trans con 24 motivi per non dimenticarmi, a/p, molto divertente, completissima, senza tabĂš e non mi stanco mai

MERCA

43

L.353/200

TO AL SETTIM

COM ORPRO O e arg ent

44,-/

per prima volta in cittĂ , trans senza tabĂš, bionda magra e alta 1.80 m. Esaudisco ogni tuo desiderio, a/p e bravissima

XI - N°

in A.P.D.

EMEN

LES JOURS

ne

azio

ruttur a rist

li sull

he / www.c

Spedizione

TOUS

Ă 

met

fisca

ANNO

italiane.

- SUPPL

TTA MATIN

.

 aa me n t i ar  e d  a r

rofitta

App

GAZZE

USL DELL’ E, ESA ARIAL E DI DIF O ER SSARIE EA NN

LA

DE REINE S

TI AN RC ME

SA A CA / Aosta, ENZ tica i nzA ERgE LIE S rammallae locazion O Em AMIG e è d ntributi 91 F situazimiolaneuro per i co 30 La ivo e degli

upazion

preocc sale la



CATRINA AOSTA

Diretto

Poste

LLES

Loc. Grand

AOSTA-MICAELLA

Banco

Salumi Formaggi

55ÂŞ Bata de Reineilles s LE BATAI

taz ueret Marg ssore L’asse

gna onta La m nde gioia è gra erenza e soff

per

Orto Frutta

SPECIA

/ nTs gEA

ne e iazio piang prem ts. al Tor alla ttaz GÊan e cineseNZI) uere des azion ROMA -6 Marg 4° Tor e 3-4-5 La delegEnrico relio e del pagin (FOTO e del-- final O alle Stell esta o- richi ro sulla i - idente la morta mon ANTI Rusc MERC dopola nostr . CosÏ e persi in ci chiaarlo e pres Maurizio coÊ ata realemo, Au- Pierc qual o di a -, di luca ferme, perch ma in rosso le man azien Alpinerto soale, Turis si è onti con iasi bbe pina al post ine non ta cinesè virtu nale al erre la Inva in - Stella nale quals se scop te nom per meri l’atle a non regio o. Per si tratt e cas- Mart aves ques non enil vero di- tagn ssore manprivata zionbbero zia- me se cheiche e a pres o trato situa da mos a, fatto e di l’asse here licen en- lo oggipolit ) senzalternativ mianch ne, nam di una iamomontagn tati tiche o e fiocc , ma la gara razio ensio cosa av-- sono a qual tocra un pian, risul mo.i ca- Abb gioiato che a a apri integ nostr di prep a tare ionene avre sa ti e la stess lico, sola: piÚ, aost della enti ques men se pubbche l’Altrsta di gest una tirano la volto di mom. E’ per i non per àè ti. Mae nel cosÏ la che la glior , non vuoi del- gran renza vien . E’- quel e - alzadel- La verit ata ci soffe oggi crisi, spiet non ti cieloica izion eri pun- sinò, per la nza ocheona, al-la - vuoi Polit ppos140 esubrt e - concorre. Credpers ha all’o sui & Resol’ammini legit sola , chein graro voce nò do lo Stato cont o. Tutto Italia ica sorti si sia una VdA la Casi dito o in mag re le mato quan IO Ma ta il ore unic attut ano. ica, men hetta leva ggi per rva CALC la di strat , sopr torn a Polit ha bacc risol da gioco pare Cha quel timo i non , l’Altr anni ero do di casacome ha punSolo eville e a 51 che eri ini cont ntica a negli num i e di unantica Aygr da pagin cent,di num amic dimelei stess stodot-Vin in gran staO ite. o ad i. Purche ibuito ori Sain sui gran all’Êl i valdosulla i amicelett distr i di lavor tato rati tandegl li i vece che a che postamici ro fede attes folgo , rifiu aiuti dent ano asco gli a ad fosse di voti. dipen nu- Nell’ chÊ atoriento ità, un per- ni vengDam ente posto a far dove e port ottoc norm ato di al via di ralm cultu i per one meri Oltre un’e stificpiazzate com poli- do i amic stagi la che misono ingiu piÚ dal tem- degl nuovasarebberesta ne se 30 vo inguaci lusio res e, una fare mero perloal Billia nel a 11 trinon uttu lgp In arri sone nò e o, che sizion pagin trion zia, la conc certa a - per rimp i patti ry Oa di ristr CaCasi di turn a dispo Aos è o, una al tocra dereetto cio del il ri- aost o perper tiva ticoha avuto men in base poi zerà la euro attenprog rilan m hen ce il: - re il fond Ma abitacres po piÚ chi posti he del ne e rt. Se retiz rali. nza che fami ifico. a di Reso conc reste chi - ema spec i di vacc scan i razio & non si Gioco di cui late ergelema 91 le . 91 ta quot sinò o ne po- l’emprob no: allo ann peso da casa 745 ti osuo i, in temp che ozzo lanci un gior a una grida Casacarr ma men .61 Ogg re, si in ques verg e la no, vera le- ogni senz a 22 o : 366 che mag . Ma si è mai ca- rà quelparla pagin scon piÚ e chie- glie cell nte ri- molti dalo uno . Oa do, conoa saràpugni essadella 110 ness o, anzi so- chi . Aven nainter re i 845 gnat bbe fronte della nel- te, allor alter batte e teste 5.1 ta etto Sare se, a zione latu- cito moltprog . : 016 pire ttura nò avvia legis cer- dere , un - tel stru Casi te una ona- però credibile sse cietà eden ocò pers nque tivo prov del pre la prec finchezione comu lg ra, state i. Ma ità ta ridu siano nzion blic le, ci e assu pub la nuov

C

nel prezzo

Dal LunedĂŹ Al Domen SabatoVenerdĂŹ ica 08,3008,30 08,30 20,00 13,0019,30 Pane -15,30 Fresco 19,00 Banco Carni

zio

om nco.c tebia nco.com .mon www montebia 2013 RE per info@

EMB 20,00 A/R i euro tto 3 NOV iale il biglie gusta AL BRE zo spec per i buon del TEM o prez d’Aosta ra per ristorante 9 SET e Bianc Valle e ancozo al DAL ie Montenti dellaTorino pran sul Funiv i resid ugio d-Rifdel 10% tutti Palu La to di scon on. Pavill

ere difend ta di oro contizara ten di lava Politicadaliz la pio ra scan politic“postiâ€?chĂŠ l’Altr esem Ă  solo per di vede di Se la i suoi nuer asi del Pdnomina a Aldi si (ved .it

tur

, cul

rma

info

Es RD O TO

LE ORIA EDIT

46)

2/200

itica

matin.

nal

ima sett

ne,

azzetta

di

ipen

e ind

2003

L.353/

www.g

te

in A.P.D.

no online

italiane

den

ione

quotidia

Poste

ANTI MERC

XII

il nuovo

Anno

Saint Sarre Pont Christophe Saint Martin

1994

emb alino sett m 1 centr tin.co 23171 0165 ttama Tel. gazze O 1.50 teria@ EUR segre

dĂŹ 16

lune om tin.c .it ama svda Aosta zett 1. DCB .gaz www.new www 1 comma art.

LUCA tore: - n° 40

Diret

ca Lu

TEL. 388 5742634

Concessionaria esclusiva per la pubblicitĂ  su

di

affascinante, tranquilla e disponibile a tutto, per la prima volta ad Aosta. Pochi giorni per incontri indimenticabili

svda

BELLA BIONDA

.new e www

JESSICA

o onlin

TEL. 328 8627041

idian

TEL. 334 9871845

Concessionaria esclusiva per la pubblicitĂ  su

o quot nuov

appena arrivata, splendida bambolina completissima e disponibile per ogni tuo desiderio. Per pochi giorni

re il

PAOLA

Aosta, affascinante spagnola sexy e piacevole, bel fisico, 6ÂŞ naturale, fantasiosa, giocherellona e molto disponibile. Anche massaggi

a visita

MARZIA

MARKETING EVENTI

GRAFICA CREATIVITĂ€

s: vieni

TEL. 327 2409126

TEL. 329 7992986

TEL. 333 6192124

5.000 lettori ogni giorno VisibilitĂ  internazionale

• LAVORO 2. LAVORO DOMANDA

TEL. 324 6160896

bellissima spagnola, bambolina di 24 anni, molto coccolona, sexy, piacente e dolcissima. Tutta da gustare. Ti aspetto

acquisto Aosta e dintorni, in piano (possibilmente prato irriguo). Minimo 3.000 mq

QUOTIDIANO ONLINE

new

VANESSA

bellissima bambolina greca di 26 anni, dolce, sexy ed elegante. Magra, fisico mozzafiato e fondoschiena da sballo, per incontri indimenticabili e divertenti

TERRENO AGRICOLO

Concessionaria esclusiva per la pubblicitĂ  su

VDA

ragazza 35 enne ti aspetta ad Aosta per momenti di svago TEL. 339 8382273

sponibile da subito. Tel. 346 7149904 RAGAZZA DI 35 ANNI

LA TUA PUBBLICITÀ IN VALLE D’AOSTA A 360°

(le rubriche non sottolineate sono a pagamento) 02-16-17

CRISTINA

RAGAZZA AUTOMUNITA cerca lavoro come cameriera ai piani e badante. Di-

1568989 GIOVANE 20ENNE cerca lavoro come cameriere, lavapiatti e muratore disponibile a lavorare anche sabato e domenica. Tel. 327 7107288 PERSONA SERIA cerca lavoro nel settore alberghiero, badante, compagnia ad anziani, baby sitter, estetista, massaggiatrice e tutto fare. Conoscenza di quattro lingue (italiano, inglese, francese e arabo). Tel. 389 4248383 PERSONA SERIA CERCA LAVORO COME badante, assistenza invalidi, anziani, ammalati, colf in famiglia, pulizie e sostituzioni. Tel. 339 5975997 RAGAZZA cerca lavoro come badante, pulizie, cameriera ai piani e lavapiatti. Tel. 320 2827294

isto

loc. Gran phe (AO ) MPRd Chem EDES Tel/Fax in, 64 IA 0165 SE .4432 SE - TERV 8 L:IZ

DS

Citro 1046 (#1/#   .'+*'4" '/-+9* ĂŤn /146 '4 4 4*0) DS3 4 44,-/ 2+3)1 #-+.#4 1.6 4(0/+  '-#4"4 )+/+341/ THP 4!&#4%  .+('4 '333'+ -451% 155 '74+%%  /-53180 *' 4:4*+ 4%) '4$$-+* 1.6  VTi 44

 44,# /4(#4.  120  -4!&'4 4!1(( :4"#4"' c.a. -$ )4(#4 '4"'4,+ 4"+) consu   ,-#./ /#*3 *'4+ mo  3'+*'4# 4'/-+ )#4'(4su perco (#1/# '.,#//+  6rso 4*0) 41' 4,#-4(  misto #-+.#4  # 4  ) )+/+- '#*/#4  : 6.7.  '333'+ !+*4'(4 77  l/100  /   *' 4:4*+*0+1+ 7'  Km./-44 4 44,-/ 44 4)+/+ 651  Emiss -10-* /10  ioni- '-#4"4 4!1((-#4)'! di -+5' 462+  .+('4 '4"'4,+ -'"+4#5 5(.'  CO 2 4%) /#*3 '4" 0)-  su3)1341 perco  44,# 4'/-+9 +//+4 5'   /-451 rso  -4!&'4 *4 "'4.'./# %-531 651  misto )4(#4 4 */'4 )4/ /10  :80 155 ,-#./ #/-+4 +, g/Km 5(.'  ! 3'+*'4# '74*#(4 /-/4"' . 4$+/+4 0)&  - (#1/# $0/0-+ 40(/') 84'*.#-' )-531 ! )' 4*0) 4 4%#*# #-+.#4 +0-  /44/'/+ ,

3'+*# )+/+/ 5 ! (+4'*$+-) 4

3

ANTI RE

"$

   /'1+

01I - TEL 65 .101 84 65 51 .1 10 84 CE 51 LL

: 10 36

6.EM 61 AIL 74 :M 59 1.H

- EN EM

AI RY L:@G

TRO

M

.HE AZ

NR ZE YTT @AM LG PRAT ESIN SE

'333'+

  

*' 4:4*+

 

.IT .CO

44

    

4!1((

M

'4"'4,+ 6 

/#*3 4

4'/-+ 

ES

Ga CL zze US tta IV Ma op tinO A pu re , Re SO all tel gio LI o efo ne 10 01 na ,00 65 in Borgn 23 red allâ‚Ź PR 17 azi e ES 11 on 12 e Ao SO sta : ,

PUBBLICAZIONE TRIMESTRALE 12.000 copie l’anno

LG PRESSE srl - regione borgnalle 12 - 11100 aosta - tel 0165 1845110 cell 366 6174591 mail m.henry@lgpresse.com


Annunci Economici

lunedì 18 novembre 2013 cerca lavoro come barista o parrucchiera con esperienza, zona bassa valle e dintorni. Tel. 0125 811295 ore pasti oppure lasciare un messaggio al numero 347 3033935 RAGAZZO ITALIANO DI 28 ANNI serio e con diverse esperienze sia al mare che in montagna, cerca lavoro come aiuto cucina o lavapiatti. Disponibile da subito. Tel. 333 7341291 SIGNORA CERCA LAVORO come badante, anche orario serale o notturno, anche sabato e domenica. Tel. 329 3834913 solo se interessati SIGNORA CERCA LAVORO come badante 24 ore su 24, lavapiatti, pulizie e tutto fare. Tel. 327 7623865 SIGNORA DA 11 ANNI IN ITALIA e altrettanti di esperienza, cerca lavoro come badante 24 ore su 24. Tel. 329 8946656 SIGNORA DI 31 ANNI automunita, come assistenza anziani, colf, baby sitter, lavapiatti, pasticceria e panetteria. Tel. 329 4321451 SIGNORA MOLDAVA DI 47 ANNI diplomata e con esperienza, cerca lavoro, come badante (con attestato) solo diurno, tutto fare, colf, pulizie, baby sitter e lavapiatti. Tel. 380 7829024 SIGNORA UCRAINA DA 11 ANNI IN ITALIA cerca lavoro come badante 24 ore su 24, assistenza ammalati e pulizie. Tel. 329 896656

• VARIE 12. AUTO E ACCESSORI VENDESI BMW X3 2000 D, del luglio 2005, colore nero, interni in pelle, cambio manuale a 6 marce, km 120.000. Per info se interessati tel. 340 2748927

14. MACCHINARI E ATTREZZATURE VENDO ASPIRATORE per truccioli e segatura, motore 380 per impianto fisso e

AFFITTASI

mobile. Prezzo da concordare. Tel. 349 8733579 VENDO CAUSA INUTILIZZO motosega Jonsered 670, barra da 60 cm, perfettamente funzionante a € 400,00. Tel. 338 3525823

21. VARIE PER CAMBIO SISTEMA RISCALDAMENTO vendesi 5 termoconvettori a gas "Robur 3000" e 1 boiler a gas "Vaillant". Tutto a € 700. Tel. 380 2120364 PER CESSATA ATTIVITA' svendo mobili vari nuovi, cucine, sale e tantissimi complementi sottocosto. Tel. 338 1398091 STUFA A LEGNA ROYAL in ottime condizioni, usata poco, compreso tubi, canne e accessori vari, piano in ghisa, adatta per cucina e riscaldare, altezza 85 cm e

CHATILLON - FRAZIONE ISSORIE, 1 - LOTTO 1) FABBRICATO: a tre piani fuori terra più uno interrato con corte antistante. Alloggio al piano terra con annessa cantina al piano interrato, composto da cucina, due camere e bagno. Occupato senza titolo. Dati catastali Fg. 23 n. 157 sub. 1, cat A/4, classe 1, vani 3,5. Valore di perizia Euro 79.000,00. Prezzo base Euro 20.000,00. LOTTO 2) FABBRICATO A TRE PIANI FUORI TERRA PIÙ UNO INTERRATO: alloggio al piano primo composto da ingresso/corridoio, cucina, soggiorno, una camera e bagno con annessa cantina al piano interrato. Alloggio al piano secondo (mansarda) composto da cucina, due camere e bagno. Si accede all’alloggio tramite scala interna in legno grezzo situata nel disimpegno dell’alloggio del piano primo. Occupato senza titolo. Dati catastali Fg. 23 n. 157 sub. 2, cat. A/4, classe 1, vani 4 e Fg. 23 n. 157 sub. 3, cat. A/4, classe 1, vani 3. Valore di perizia Euro 155.000,00. Prezzo base Euro 40.000,00. Vendita senza incanto 14/01/14 ore 12:20. Eventuale vendita con incanto in data 20/01/14 ore 12:20. G.E. Dott. Paladino. Professionista Delegato alla vendita Avv. Fabio Fantini tel. 0184261844. Custode Giudiziario Istituto Vendite Giudiziarie Aosta tel. 0165061070. Rif. RGE 120/10 AA184352 VERRES - VIA DUCA D’AOSTA, 28 - FABBRICATO DI CIVILE ABITAZIONE: composto da piano sotterraneo: cantina priva di impianto elettrico (mq 38,50); a piano terra locale di produzione e vendita (pizzeria mq 22,50); al primo piano due locali di deposito, disimpegno e bagno (mq 58); al piano secondo alloggio di tipo popolare, soggiorno, disimpegno, camera, latrina esterna e balcone (mq 63,50), il tutto in cattivo stato di manutenzione. Libero. Dati catastali Fg. 5 n. 336 sub. 6 P2, cat. A/4, classe 2, vani 2,5. Valore di perizia Euro 84.500,00. Prezzo base Euro 32.000,00. Vendita senza incanto 14/01/14 ore 12:30. Eventuale vendita con incanto in data 20/01/14 ore 12:30. G.E. Dott. Paladino. Professionista Delegato alla vendita Avv. Fabio Fantini tel. 0184261844. Custode Giudiziario Istituto Vendite Giudiziarie Aosta tel. 0165061070. Rif. RGE 54/11 AA184350

VENDO DUE PORTE IN LEGNO di Larice in ottime condizioni con telaio e bordi, altezza 171 cm e larghezza 84 cm, vendo inoltre ante in legno per fi nestre a € 150. Tel. 349 3255067 VENDO MOBILE da soggiorno, larghezza 3.15 m, altezza 2,45 m, profondità 56 cm. Stile classico, legno robusto, vetrina per liquori, cassetti, ante e ripiani per libri e ampio vano TV. Tel. 328 7394682 oppure 340 7551771 VENDO MOBILI PER SALA in arte povera, legno massiccio, base + vetrina, tavolo e 6 sedie a € 600 trattabili.

Tel. 329 1925944 VENDO OROLOGIO super elegante Jema Paris, numerato con cinturino blu a € 250,00. Orologio di alta classe numerato, per veri intenditori Movado - The Museum Watch, esposto in museo, introvabile e nuovo vendo a € 750,00. Tel. 349 6929437 Francesco VENDO PER CAMBIO CASA bellissima arte povera massiccia, mobile a 4 cassetti da 3 m con vetrina sovrastante in vetro scuro e tavolo allungabile con 6 sedie. Tutto a 550 € un vero affare! Tel. 329 1925944 VENDO TAVOLO in noce nostrano, 80x180 cm. Tel. 339 3091907.

VALTOURNENCHE - FRAZIONE BREUIL, STRADA ORIONDE’, 17 - UNITA’ COMMERCIALE: di mq 116, posta al piano terra del più ampio fabbricato adibito sia ad abitazione sia ad attività commerciale (ristorante) composta da cinque locali principali (una sala, due salette, un bar, una cucina) e da undici locali accessori (un deposito privato, un deposito dell’unità commerciale, cinque disimpegni, due servizi igienici, un locale lavaggio stoviglie ed una centrale termica); TERRENI in quota 824/1000, censiti al CT FG. 7 n. 941, n. 943, n. 944; autorimessa attigua al ristorante censita al CF Fg. 7 n. 439 sub. 3, mq. 38. Valore di perizia Euro 2.032.600,00. Prezzo base Euro 1.000.000,00. Vendita senza incanto 14/01/14 ore 12:00. Eventuale vendita con incanto in data 20/01/14 ore 12:00. G.E. Dott. Paladino. Professionista Delegato alla vendita Dott. Giovanni Favre tel. 0165261844. Per info Dott. Giovanni Favre tel. 0165261844. Rif. RGE 8/08 AA184356

PRIMARIA CONCESSIONARIA AUTO

393 37 92 279 328 46 78 772 VENDESI MAGAZZINO ARTIGIANALE

VENDESI alloggi in villa oppure villa singola Per info telefonare ai numeri:

393 37 92 279 347 35 15 433

SITRASB S.P.A. SOCIETA’ ITALIANA TRAFORO GRAN SAN BERNARDO Via Chambéry 51 – 11100 AOSTA tel. 0165/363641 – fax 0165/363628 ESITO DI GARA Appalto pubblico servizio di sgombero neve dal raccordo autostradale di accesso al Traforo del Gran San Bernardo Importo complessivo appalto: € 280.000,00 Offerte ricevute: n. 6 Aggiudicazione: lettera in data 14 novembre 2013 Soggetto aggiudicatario: MICRON SAS di Pagani Lero Rosanna & C. Loc. La Remise n. 9 – 11010 SARRE (AO) Ribasso offerto: 31,37 % Organo competente per le procedure di ricorso: Tribunale Amministrativo Regionale della Valle d’Aosta entro il termine di 30 giorni dalla notifica del provvedimento di aggiudicazione Data di invio del presente avviso per la pubblicazione sulla GUCE: 14 novembre 2013 Aosta, 14 novembre 2013

TEL. 3492112753

IMMOBILI INDUSTRIALI E COMMERCIALI, STRUTTURE TURISTICHE

Inviare curriculun a : info9703@gmail.com

Telefonare ore ufficio al n. 3332115102

Specchio Arte e mestieri in foglia d'oro SPECCHIO A SOLE € 150

ABITAZIONI E BOX

ricerca per apertura nuova sede venditori sia con che senza esperienza

mq. 350 – h. 7 mt con piazzale antistante in localita’ tzamberlet

VENDO CAUSA INUTILIZZO

VENDITE GIUDIZIARIE DEL TRIBUNALE DI AOSTA Per dettagli sulle vendite, consultazione dell’ordinanza/avviso di vendita e della perizia visionare i siti www.asteimmobili.it e www.portaleaste.com oppure 848.800.583

bilocale completamente ammobiliato con ampio balcone a 480 euro. Trilocale non ammobiliato 500 euro, in Viale Conte Crotti

Per info tel. ai numeri:

larghezza 45 cm. Vendo a € 200,00. Tel. 349 3255067 SVENDO PIATTAIA antica valdostana in larice (l 134-P 40-H 197) e carico agricolo d'epoca 1800 restaurato. Tel. 338 1398091 VENDESI LIBRERIA in noce, tutta massiccia, anta in cristallo molato, ante in legno + cassetti (L 236-H 241-P55).Prezzo speciale. Tel. 338 1398091 VENDO BATTITAPPETO Vorwerk Folletto ultimo modello, nuovo completo a metà prezzo. Tel. 331 6510146 VENDO CUCINA AD ANGOLO cm 100x220x220, lavandino a 2 vasche inox, più 3 pensili sotto i 2 angoli, 7 pensili sopra, gas a 4 fuochi, cappa e cassettiera in formica nocciola. Vendo a € 900,00 in ottimo stato. Tel. 347 3088026

69

Il Responsabile del procedimento SITRASB S.p.A. IL DIRETTORE (Claudio Réal)

COMUNE DI ETROUBLES AVVISO DI DEPOSITO IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO EDILIZIO-URBANISTICO Ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 16, comma 1, della Legge Regionale n° 11 del 06/04/1998; RENDE NOTO Che presso la segreteria Comunale si trova depositata la Deliberazione di Consiglio Comunale n° 35/2013 del 28.10.2013, all’oggetto: Adozione di variante non sostanziale al PRGC per soppressione del parcheggio di sottozona pa38 a servizio della sottozona Ca1 e sospensione temporanea dell’efficacia della propria deliberazione n. 23 del 24 giugno 2013.; Chiunque possa esserne interessato può prendere visione della documentazione allegata alla deliberazione anzidetta presentando eventualmente le proprie osservazioni scritte e depositandole presso la Segreteria di questo Comune nel termine massimo di 45 giorni decorrenti dalla data di inserzione del presente avviso presso l’albo pretorio del Comune di Etroubles. Etroubles,

29.10.2013 Il responsabile del servizio edilizio-urbanistico (dott.ssa Sabina ROLLET)

VENDO NUOVO FORNO SIEMENS

multifunzione in acciaio inox per errato acquisto, imballato e ancora presso rivenditore ufficiale (vedi scheda tecnica e caratteristiche in base al codice dell'articolo in foto!). Richiesta euro 600

TEL. 3492112753

IL TAGLIANDO PER I VOSTRI ANNUNCI

➜ Massimo 20 parole ➜ Scrivere in stampantello ➜ Indicare nel riquadro a fianco il numero della rubrica prescelta

IMPORTANTE AZIENDA DELLA BASSA VALLE cerca responsabile per reparto macelleria

Telefonare allo 0125-921083

Dati per la segreteria (che non saranno pubblicati): NOME INDIRIZZO TEL


LETTERE

70

lunedì 18 novembre 2013

INVIATE LE VOSTRE LETTERE A: l.mercanti@gazzettamatin.com

Corecom, le motivazioni del ritiro della disponibilità di Massimo Boccarella Dopo quanto emerso dal dibattito in Consiglio regionale ho deciso di ritirare la disponibilità richiestami per l’elezione nel Corecom della Valle d’Aosta. Mi corre l’obbligo però di dover fare alcune puntualizzazioni, visto che nel dibattito che è seguito alle nostre dimissioni ho ascoltato ricostruzioni fantasiose e affermazioni generiche frutto, credo, di scarsa informazione. In Consiglio è stato affermato che le dimissioni dei componenti del Corecom erano dovute ad una manovra politica. Niente di più lontano dalla verità. Le dimissioni dei consiglieri del Corecom si sono materializzate il 4 luglio dopo che il comitato al completo aveva preso posizione contro un comunicato stampa emesso dalla presidente Manuela Ghillino che, per tutti gli altri componenti, aveva rappresentato la classica goccia che fa traboccare il vaso. Il disagio del comitato risaliva a mesi prima, ma era stato contenuto visto che, da novembre 2012 a giugno 2013, vi erano ben tre appuntamenti elettorali: referendum, politiche e regionali e si rischiava di creare un black out nelle funzioni del Corecom. Nessuno ha poi evidenziato che non sono stati i cosiddetti componenti di maggioranza a dare le di-

missioni, ma tutto il comitato, compreso il rappresentante dell’opposizione che non si capisce che interesse avrebbe avuto a favorire una cosiddetta manovra di palazzo. Al contrario di quanto affermato, invece, la politica è intervenuta per fermare le dimissioni, tanto che uno dei componenti è stato forzato a ritirarle dal consigliere Leonardo La Torre come comunicato agli altri componenti del Corecom con una email dallo stesso dimissionario. Fa strano che in un paese dove nessuno si dimette siano stati messi alla berlina coloro che lo hanno fatto, senza analizzare le reali motivazioni che erano all’origine della decisione ma facendone esclusivamente un terreno di scontro politico. Per quanto concerne poi l’attività svolta dal Corecom emerge con chiarezza la scarsa conoscenza delle sue competenze da parte di alcuni consiglieri regionali che attribuiscono all’organismo compiti che esulano dal suo campo di intervento, come la definizione degli orari di messa in onda dei dibattiti elettorali che rientrano nella esclusiva prerogativa della Rai. Il Corecom poi per quando riguarda i monitoraggi elettorali ha voluto che fossero effettuati dall’Osservatorio di Pavia, sia per l’esiguità del personale disponibile, sia per non incorrere in alcun dubbio di parzialità nella lettura dei dati. Infine per quanto con-

cerne la tutela di ogni forza politica presente in Consiglio, mi piace ricordare che tutte le segnalazioni pervenute sono state attentamente esaminate nell’ambito di quanto previsto dalla legge, senza alcuna preclusione. Oggi a gran voce sono stati richiesti al Corecom monitoraggi costanti, dimenticando che la legge impone regolamentazione dei tempi tra le varie forze politiche solo in periodo elettorale e che i telegiornali e radiogiornali, compresa la tgr, nel restante periodo hanno piena autonomia giornalistica ed editoriale nella scelta dei servizi come è stato risposto dalla Rai all’Onorevole Brunetta. Mi corre poi l’obbligo di ringraziare i colleghi che mi hanno affiancato in questo periodo e in particolare il rappresentante delle forze di opposizione Daniele Amedeo che ha svolto con serietà e imparzialità e indipendenza il suo compito. In chiusura una considerazione: è perlomeno strano che dopo 4 mesi dalle dimissioni nessun rappresentante delle forze politiche che ha preso posizione in Consiglio regionale sulla vicenda del Corecom si sia sentito in dovere di ascoltare le motivazioni dei dimissionari al fine di avere un quadro completo della situazione, ma forse era meglio la polemica per la polemica piuttosto che un’ analisi onesta e approfondita sul-

REGALATI

UN ANNO DI

ABBONATI! 52 NUMERI A 70 €

E SE VUOI ANCHE LA VERSIONE

SFOGLIABILE ONLINE UN FANTASTICO

OMAGGIO*PER TE!

+ =

85 € In collaborazione con: BRUNELLO

1994

Discount solo nel prezzo

CENTRO

AOSTA & SARRE

INFO: REGIONE BORGNALLE 12 - AOSTA (AO) TEL: +39 0165 231711 MAIL: SEGRETERIA@GAZZETTAMATIN.COM

*Fino ad esaurimento scorte - immagine puramente indicativa

“SOFT SHELL” DI

Corecom Valle d’Aosta, situazione sconcertante La situazione che vede da molti mesi un vuoto nella gestione del CO.RE.COM della nostra regione è sconcertante! I Comitati regionali per le comunicazioni (CO.RE.COM) sonoorgani previsti dalla Legge Maccanico, istituiti dall’ AGCOM e disciplinati da leggi delle singole regioni con funzioni di organo di governo, garanzia e controllo sul sistema delle comunicazioni in ambito regionale e svolgono anche funzioni a loro delegate dall’AGCOM, Autorità per la garanzia nelle Telecomunicazioni oltre a compiti istruttori per conto del Ministero delle Comunicazioni. Tale impianto giuridico li pone al centro di procedimenti amministrativi con una moltitudine di soggetti portatori di diritti soggettivi e anche di interessi legittimi. Ricordiamo inoltre che un ulteriore compito dei CO.RE. COM è quello di gestire le conciliazioni delle controversie tra operatori di comunicazione e utenti e che gli utenti sono vari e di diversa natura. Ai CO.RE.COM si recano cittadini, sia in qualità di consumatori che di operatori economici, che intendono avvalersi dei servizi che i CO.RE. COM offrono per affrontare il complesso mondo delle telecomunicazioni. Questo continuo rimandare la nomina del nuovo Comitato di gestione non aiuta assolutamente le persone che operano con professionalità all’interno della struttura del CO.RE. COM della nostra regione come questi continui rinvii nella nomina non portano assolutamente credito alla struttura stessa da parte della cittadinanza valdostana che vede anche in questa vicenda un negativo aspetto della vita politica, facendo passare in secondo piano quella che dovrebbe essere la tutela dei cittadini e la crescita della nostra regine in un corretto e vitale pluralismo a più voci. ■ Federconsumatori Valle d’Aosta Il copiancollismo privo di analisi giornalistica

GIACCA

LA

la vicenda. ■ Massimo Boccarella, consigliere Corecom dimissionario

Egregio direttore, il giornalismo è tale se rispetta i fatti e di conseguenza i lettori; irride queste due entità il copiaincollismo privo di analisi giornalistica. Riferimento critico verso l’articolo a pagina 4 della Gazzetta dell’11 novembre: un comunicato a mia firma afferma che residenti in Valle, in sintonia con personalità e costituzionalisti nazionali, stanno operando a Roma per modifiche allo Statuto regionale valdostano funzionali al suo adeguamento ad articoli della Costituzione oggi calpestati in Valle, contrapponendosi alle esigenze meramente partitiche del senatore eletto in questa regione, confortato dal deputato militante in una formazione il cui presupposto esistenziale è il fare da spalla al movimento di maggioranza relativa. Chi ha preso in mano il mio comunicato, importante per la tematica e controcorrente

in questa Valle di persone remissive su fondamentali aspetti culturali e che si inalberano generalmente solo se i privilegi statali si riducono o se la propria mucca si piazza male in una competizione, non lo ha professionalmente sintetizzato ma ha compiuto un insensato copia/incolla della sua parte iniziale, soddisfacendo così la fretta o la volontà di non informare i lettori (se copia/incolla doveva esserci, allora la parte non copiaincollata era quella più importante, anche se urticante il Palazzo). Il copiaincollista ha ignorato i tre obiettivi di Valle d’Aosta Tricolore, chiarissimamente evidenziati e succo del comunicato assieme alla critica (pure ignorata) al cosiddetto principio dell’intesa StatoValle per le modifiche statutarie e alle ragioni (ignorate nell’articolo anche loro) del non ritenere i due parlamentari eletti in Valle persone atte a trattare tale tematica per la loro partigianeria che difende integralismi, anacronismi e illiberalità necessarie a una nota bottega politica. Lo spazio riservato all’articolo era sufficiente per una notizia completa, ma è stato invece riempito acriticamente dello spazio senza assolutamente fornire quell’informazione chiara e articolata che il mio comunicato forniva. Ci sarebbe stato più rispetto per i lettori se il copiaincollista mi avesse informato che sulla Gazzetta c’erano tot battute disponibili per illustrare l’iniziativa in questione e io, in dieci minuti via smartphone, avrei spedito una sintesi seria e puntuale di tale comunicato rispettando lo spazio disponibile. Il comunicato era manifestamente confezionato anche per testate e persone lontane dalla Valle, poco o per nulla addentro alle insensatezze valdostane, ma preparate e disposte a leggere per capire. Ma era doveroso dare notizia anche in Valle di tale iniziativa strategica e importante, ma evidentemente era ostica, sia per il contenuto che localmente più che informare “formava” su tematiche lontane mille anni luce dal mortorio culturale valdostano, sia per le critiche ai due parlamentari qui eletti che si ritengono presuntuosamente titolati a decidere per altri nel solco di esigenze partitiche e non del rispetto di articoli costituzionali, fatto questo grave per qualcuno visto che è giornalistico sport de notra tera ritenere tali parlamentari non criticabili pubblicamente. Fossi il direttore della Gazzetta riparerei pubblicando integralmente nel prossimo numero raggiungibile il comunicato in questione. Cordiali saluti. ■ Giancarlo Borluzzi, Aosta Gentile Borluzzi: ha ragione. Mi invii nuovamente il comunicato (non lo abbiamo archiviato) e glielo pubblicherò. Nessuna ombra a Gazzetta Matin, mi creda. La saluto Quei treni c’erano Buongiorno, premesso che solo con materiale ad assetto variabile (pendolini) indipendentemente dal tipo di propulsione (termicaelettrica-ibrida) si arriverebbe verosimilmente ad una traccia di un’ora e trenta minuti, preciso quanto segue:

-La percorrenza attuale tra Chivasso e Torino non è di 20’ come da lei affermato ma compresa tra i 25 ‘ e i 27’ con impostazione della velocità attuale di 160 Kmh e non di punta. - I tempi di sosta a Ivrea sono dovuti per attendere “anche” i treni incrocianti e non solo per la rottura di carico di conseguenza il recupero sarà limitato e non completo. - Ribadisco che esisteva la relazione diretta Roma T.ni-PréSt- Didier e viceversa treno n°1822 in partenza da Pré alle ore 19.20 con arrivo nella Capitale al primo mattino e viceversa. - Aggiungo che non esisteva solo la relazione diretta sulla Capitale ma anche una tra Pré-St-Didier e Milano P.G. e vv. treni 1827/26 e ancora ben quattro relazioni dirette tra Pré-St-Didier e Torino PN e vv. in estate e tre nella stagione invernale. Ci si preoccupa solo sulla rottura di carico di Ivrea senza considerare quella di Aosta per i viaggiatori provenienti/ diretti dell’Alta Valle soppressa nei primi anni Ottanta come se questi fossero viaggiatori di serie B. Infine, preme ricordare che l’Aosta - Pré-St-Didier è stata costruita ed elettrificata a 3000 Vcc in soli due anni di lavoro e con la tecnologia degli anni Venti! La saluto. ■ Livio Soldà, Aosta Gentile lettore, la ringrazio. per le sue precisazioni. Degli anni Ottanta trascorsi in treno per motivi di studio, ricordavo solo le coincidenze perse a Chivasso e i vagoni affollati il venerdì al rientro in Valle. Vedremo un po’ come andrà a finire. Una cosa è certa: questa è una situazione pesante sia per i pendolari che per chi il treno lo prende anche solo poche volte. Recarsi a Torino La saluto. «Mi batterò per avere giustizia» Gentilissimo signor direttore, il noto giornalista ormai mancato da qualche anno Igor Man definiva l’islam con tre sostantivi: fede, violenza, spontaneismo. Come ebbi modo già di dirle tempo fa la violenza islamica l’ho conosciuta il 7 marzo 2013 in quel di Saint-Marcel in quanto aggredito del tutto gratuitamente e senza motivo da un signore che poi si è scoperto essere un marocchino nato a Khouribga all’epoca ospitato in una stuttura di accoglienza per famiglie sfrattate gestita da una cooperativa per conto dell’assessorato regionale alla Sanità e politiche Sociali. Mi consenta di comunicare a tutti i suoi lettori con soddisfazione che a seguito della mia denuncia, questo individuo dovrà rispondere dei fatti a lui ascritti davanti ad un giudice del Tribunale di Aosta in data 17/03/2014; è ovvio che mi batterò come un leone affinchè venga inflitta a costui una giusta condanna e sarà mia premura informare il suo giornale dell’esito del processo. ■ Giovanni Faggionato, Aosta Che giustizia sia fatta! Attendo notizie.


lunedĂŹ 18 novembre 2013

71


72

lunedì 18 novembre 2013

CIELO

VENTO SOLE

Oggi in Valle d’Aosta

D

a molto nuvoloso a coperto con qualche debole precipitazione sparsa, specialmente in bassa valle. Limite neve circa 1100 metri. Temperature: senza variazioni di rilievo. Venti: a 3.000 metri moderati, a tratti forti da SE; deboli da SE nelel valli.

Tendenza successiva Martedì19 operto con precipitazioC ni sparse, nevose oltre circa 1000 m, localmente a

quote inferiori, soprattutto in bassa valle, dove i fenomeni risulteranno essere più intensi, con valori localmente forti. Temperature: in calo, specialmente dal pomeriggio.

Da mercoledì

D

a mercoledì e fino a venerdì tempo perturbato, con qualche precipitazione, in attenuazione sabato.

Accadde oggi 1307 - Guglielmo Tell rifiuta di omaggiare il governatore austriaco che tirraneggia la Svizzera e per punizione dovrà colpire una mela posta sulla testa del figlio Gualtiero. Rifiuto o errore intenzionale costerebbero la vita di entrambi. 1626 - Con il rito di consacrazione, Papa Urbano VIII inaugura la basilica di San Pietro a Roma. 1820 - Durante una battuta di caccia alle foche il capitano americano Nathaniel Palmer scopre il continente antartico. 1926 - Il drammaturgo inglese George Bernard Shaw rifiuta il premio Nobèl. Motiva la decisisione dicendo: posso perdonare Alfred Nobèl per aver inventato la dinamite, ma solo un demone con le sembianze umane può aver inventato il Premio Nobèl. 1999 - Con un lungo applauso la Camera dei Deputati saluta Nilde Iotti, dimissionaria per gravi problemi di salute, dopo 53 anni di vita politica.

VARIABILE

NUVOLO

NEVE

PIOGGIA

NEBBIA

TEMPORALE

Il sole

sorge oggi alle 7.30 e tramonta alle 17.02

VENTO

VENTO FORTE

La luna

sorge oggi alle 17.45 e tramonta alle 9.04

Situazione generale

U

n minimo depressionario proveniente dalla Spagna si unisce con una saccatura in discesa da nord. Questa situazione favorirà qualche precipitazione per buona parte della settimana, soprattutto martedì, quando un fronte freddo lambirà le Alpi, in concomitanza con l’arrivo di una massa d’aria più fredda, foriera di un ulteriore calo delle temperature.


Gazzetta Matin del 18 novembre 2013