Page 1

Poste Italiane S.p.A. - Sped. in Abb. Postale - D.L. 353/2003 (conv. in. L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, LO/MI Alimentazione naturale con Magri con i cibi a basso indice glicemico € 14,10

Periodico mensile - Dicembre 2018 Numero 39 - ITALIA € 4,20 - P.I. 3/12/2018

RIZA

Alimentazione Naturale DIVENTA IL NUTRIZIONISTA DI TE STESSO

Prodigiosa Melagrana ti difende dal cancro È ricca di vitamine che proteggono il Dna e spazza via le tossine più pericolose

RADICCHIO ROSSO: sgonfia la pancia e ripulisce il colon MAGNESIO: aggiungilo alle minestre e il metabolismo vola SCUOLA DI ALIMENTAZIONE Le regole d’oro per preparare una cena dimagrante e che concilia il sonno

RISO: LA SCELTA GIUSTA Così eviti i chicchi contaminati dai pesticidi

SCOPRI I CIBI-VACCINO Vincono raffreddore, cistite da freddo e dolori

PANETTONE Quello di qualità non pesa sulla linea


Sommario Dicembre 2018 In questo numero News dal Mondo

6

Le nuove ricerche su...

• Nella crosta scura del pane c’è una sostanza che fa invecchiare le cellule

• La dieta mediterranea salva l’udito • La dipendenza dal cibo si eredita

Le foglie croccanti del radicchio hanno azione detox.

10

La vostra Posta Parliamo di...

• Panettone ogni giorno senza rischi per la dieta

13

Vero o Falso?

Facciamo chiarezza su...

• Il succo di limone non disinfetta la carne cruda

• Non tutte le pentole sono adatte alla cottura

• Il malto non è come lo zucchero bianco • I gamberetti contengono solfiti

La melagrana è un potente scudo dallo stress ossidativo.

16 20

Cibi e Salute

La tua tavola di Dicembre • Il Radicchio rosso, il più potente depurativo dell’inverno

28

• La Melagrana: il frutto dell’eterna giovinezza

34 38

• La Cannella: l’aroma caldo che non ti fa ammalare

• L’obiettivo di Dicembre Digerire bene è il segreto del benessere

L’aroma dolce della cannella spegne la fame emotiva.

4

Alimentazione Naturale - Dicembre 2018


Prova il cacao crudo: distende i nervi, è antistress e ti sazia subito.

43

I mandarini cinesi sono agrumi in miniatura: deliziosi bocconcini di vitamina C!

Cibi e Ricette

Da oggi mai più pesantezza dopo i pasti

44 • Il menu che rigenera le mucose gastriche 46 • Tre ricette che donano leggerezza

51

Scuola di Alimentazione

59

Cibo è Medicina

Impara le regole della cena perfetta

Ritrova vigore e serenità con la dolcezza della Natura

60 • Cacao crudo, bontà antistress 62 • Stevia, piacere naturale che evita l’iperglicemia

Speciale antiage 64 • Con un tocco di peperoncino la tua dieta è più antiage

La cucina che cura 68 • L’inverno ti fa ammalare? La cura è servita in tavola

Centro Riza

Psicoterapia e medicina naturale Incontri di gruppo Tutti i giovedì con Raffaele Morelli SCOPRIAMO LE NOSTRE RISORSE INTERIORI

75

Attenzione al torrone industriale: il miele è sostituito con zuccheri di bassa qualità.

Terra e Natura

La pianta del mese

76 • Mandarini cinesi, gocce dorate per anticorpi forti

La spesa bio 78 • Riso bio: chicchi puliti dentro e fuori

81 87 93

Etichette a Confronto

Torrone: quello buono segue sempre la tradizione

La tua Dieta Veg

Sgrassa così gli antipasti delle feste • Il succo del mese L’aperitivo diventa... rilassante!

97

Il Carrello della Spesa

I disagi esistenziali e i disturbi psicosomatici a volte ci travolgono. E così ricorriamo agli psicofarmaci con la speranza di salvezza. Ma non è fuggendo dal sintomo, o cercando di metterlo a tacere con le medicine, che possiamo risolvere il problema. Questi disagi racchiudono una gemma preziosa: è il grande sapere dell’anima che preme per farci realizzare la nostra vera natura, cioè il nostro essere diversi da tutti gli altri. Perché ognuno possiede Immagini soltanto sue. Gli incontri terapeutici del giovedì sono workshop pratici dove vengono insegnate le tecniche fondamentali per ritrovare il benessere interiore.

Tutti i giovedì alle ore 17.00 Per informazioni e prenotazioni: 02/5820793 - centro@riza.it

Centro Riza di Medicina Naturale Via L. Anelli, 4 20122 Milano Sito web: www.centro.riza.it

Alimentazione Naturale - Dicembre 2018

5


Cibi e Salute

La tua tavola di Dicembre NELL’ORTO I PROTAGONISTI SONO GLI ORTAGGI DETOX COME RADICCHI E VERZE. MA È ANCHE IL MOMENTO DI ARANCE, CLEMENTINE E MELAGRANE, DA ABBINARE A CANNELLA E ZENZERO, LE SPEZIE CHE SCALDANO E TI ALLEGGERISCONO

CAVOLO ROSSO

Le foglie-medicina che battono anemia e stanchezza Tra la miriade di cavoli e verze che occupa i banchi del mercato in questa stagione, spicca il cavolo rosso: non solo per il colore acceso, ma anche per le proprietà. Rispetto ai “cugini” verdi, contiene il doppio del ferro e fino a 10 volte la vitamina A. Ha anche buone quantità di potassio che, insieme agli antiossidanti e alla vitamina C, rende questo vegetale un ottimo alleato contro anemia e stanchezza. Provalo crudo, affettato finemente con un’arancia e una manciata di semi di girasole.

16

Alimentazione Naturale - Dicembre 2018


DATTERI

Irresistibile dolcezza che risana il colon Per la tradizione islamica sono il frutto del paradiso, il primo cibo da mangiare dopo il digiuno del Ramadan. Deliziosamente dolci, i datteri sono ricchi di sali minerali rinvigorenti e zuccheri energizzanti. Contengono anche vitamina B, magnesio e aminoacidi come fenilalanina, tirosina e triptofano, un mix portentoso per distendere i nervi e sollevare l’umore. È la ricchezza di fibre a renderli eccezionali per riattivare l’intestino pigro e proteggere la mucosa del colon. Lascia 2 datteri in un bicchiere d’acqua tutta la notte: al mattino mangia i frutti e bevi il liquido a colazione.

FIORI DI IBISCO

Nell’infuso vermiglio che spegne le infiammazioni Approfitta della quiete invernale per rigenerare a fondo l’organismo. Bevi ogni giorno una tazza di infuso di fiori rossi di ibisco, noto anche come carcadè: è antinfiammatorio, diuretico e lenitivo. Amplifica l’effetto benefico abbinando l’ibisco a malva e calendula. Fatti preparare il mix in erboristeria e lasciane un cucchiaino in infusione in acqua bollente per 10 minuti. Filtra e bevi.

Alimentazione Naturale - Dicembre 2018

17


Cibi e Salute

Il Radicchio rosso, è il più potente depurativo dell’inverno ALLEGGERISCE IL COLON, STIMOLA IL FEGATO E IN PIÙ RIPULISCE IL SANGUE DAI TROPPI GRASSI

A

mico del fegato e depurativo: così Plinio il Vecchio descriveva il radicchio nella sua Naturalis Historia. Più di venti secoli dopo, questo ortaggio è ancora il miglior rimedio digestivo e disintossicante della stagione fredda. Il radicchio rosso è effettivamente un potente alimento detox, ricco anche di antiossidanti che contrastano l’invecchiamento cellulare. In questa stagione trovi i cespi più croccanti, perfetti per prevenire diabete, eccesso di colesterolo e stipsi.

Foglie croccanti a effetto detox Il radicchio è un vero superfood dei mesi freddi: ti regala minerali (soprattutto potassio), vitamine B, C e K e antocianine ad azione antiage. Il tutto con solo 13-15 kcal per etto. Nelle foglie croccanti trovi anche buone quote di fibre e di inulina, fondamentali per ripulire il colon, sgonfiare la pancia e favorire la sazietà. L’inulina, poi, migliora e nutre la flora batterica, quindi previene gli squilibri intestinali e contribuisce a rinforzare il sistema immunitario, che ha sede anche nel microbiota.

Piace a tutti gli organi filtro

■ L’AIUTO EXTRA IN CASO DI ARTRITE RIDUCE DOLORE E RIGIDITÀ I composti fenolici del radicchio, come l’acido cicorico, secondo alcuni studi, hanno azione antinfiammatoria e antitrombotica. Come sottolineato da Eliana Liotta nel famoso libro La Dieta Smartfood (Rizzoli), «una sperimentazione americana (2010) su 40 pazienti affetti da artrite trattati con una dose crescente di radice di radicchio in capsule aveva mostrato un miglioramento: meno dolore, meno rigidità».

20

Alimentazione Naturale - Dicembre 2018

La particolarità del radicchio è la presenza di acido cicorico, la sostanza che conferisce all’ortaggio il caratteristico sapore amarognolo e alla quale vengono attribuite le più interessanti virtù detox. Il gusto amaro potenzia l’attività del pancreas e stimola la secrezione biliare. Così facendo contribuisce a mantenere efficiente il fegato e migliora la digestione, in particolare dei grassi. Sebbene il radicchio sia benefico per lo stomaco, è bene non mangiarne quantità eccessive se si soffre già di gastrite: favorendo la secrezione di succhi gastrici, infatti, l’ortaggio rischierebbe di peggiorare il disturbo in corso.


■ VITAMINA K SUPERSTAR Disinfiamma i vasi e regola la pressione Nel radicchio rosso trovi una combinazione di nutrienti preziosissima per ringiovanire le arterie e mantenere il cuore in salute. L’acido cicorico previene i coaguli nel sangue, mentre i fitosteroli e le fibre aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo. La vera star è però la vitamina K: in 100 g di radicchio ne trovi 102 mg, cioè il 128% della quota di assunzione giornaliera raccomandata. Questa vitamina aiuta a prevenire la calcificazione delle arterie, riduce l’infi ammazione dei vasi, contribuisce a mantenere ottimale la pressione e riduce il rischio di infarto. Alla regolazione della pressione contribuisce anche il potassio, che nel radicchio abbonda. Non possiamo dimenticare le straordinarie antocianine, i pigmenti che colorano le foglie: prevengono l’ossidazione del colesterolo e l’aterosclerosi.

■ CONCILIA IL SONNO Lo spuntino rilassante della buona notte

■ UTILE DOPO I 50 ANNI Ti dà i “mattoni” per costruire ossa più forti

Ai tempi degli antichi Greci e Romani, le foglie delle varietà selvatiche di radicchio venivano consumate crude come rimedio per l’insonnia. Questo ortaggio contiene piccole quote di triptofano, precursore della serotonina, considerato utile per migliorare l’umore e attenuare i disturbi del sonno. A cena prova una zuppa di radicchio, riso integrale e fave, con scaglie di mandorle e un filo d’olio a crudo.

La vitamina K non porta benefici solo al cuore: grazie a lei, il corpo può mantenere le ossa forti. Tale azione è amplificata dal calcio, che le foglie di radicchio contengono in quantità interessanti (36 mg ogni 100 g) e che grazie alla vitamina K viene assimilato più facilmente. Questa coppia di nutrienti migliora il metabolismo osseo e rende il radicchio un alimento utile in menopausa o in età avanzata.

Alimentazione Naturale - Dicembre 2018

21


Cibi e Salute

La Cannella L’aroma caldo che non ti fa ammalare

IL SUO POTERE RISCALDANTE E ANTIMICROBICO TI METTE AL RIPARO DAI SINTOMI DELL’INFLUENZA

C

alda, dolce e confortante, la cannella è la spezia invernale per eccellenza. Il suo profumo dà un tocco in più ai dolci e alle bevande delle feste (pensa al vin brulé!) e la sua azione riscaldante è una vera coccola nelle sere più fredde di dicembre. I classici cilindri bruni (così si presenta la spezia nella sua versione più pregiata) custodiscono anche molte virtù benefiche. Consumare la cannella ogni giorno significa migliorare il benessere del cuore, favorire la digestione e persino mantenersi in forma. La spezia ha proprietà antivirali, antisettiche, espettoranti ed energizzanti. Ne hai bisogno soprattutto in queste settimane, per evitare che le temperature sempre più rigide ti privino di salute e vitalità.

■ LE NUOVE RICERCHE AUMENTA LE CONNESSIONI TRA LE CELLULE CEREBRALI Secondo gli studi condotti del neuroscienziato Kalipada Pahan negli Stati Uniti, i topi alimentati con cannella mostrano un aumento delle connessioni cerebrali e una memoria migliore. Ciò accade perché il metabolismo converte alcuni componenti della cannella in sostanze (usate anche nel trattamento dei danni al cervello) che migliorano la plasticità cerebrale.

34

Alimentazione Naturale - Dicembre 2018

È la medicina dolce per le vie respiratorie La cannella si ricava dalla corteccia dei piccoli rami di cinnamomo. In Sri Lanka, luogo d’origine della spezia, esistono interi, profumatissimi boschi di queste piante! La medicina ayurvedica e quella tradizionale cinese considerano da sempre la cannella una valida alleata contro le malattie da raffreddamento e la febbre: merito del suo potere riscaldante, che alza la temperatura interna favorendo la sudorazione e l’espulsione delle tossine. Una tisana alla cannella è il modo migliore per godere di questo effetto. Inoltre la spezia contiene un olio essenziale che ha attività antimicotica e antimicrobica.

Cancella anche la spossatezza L’aroma della cannella, che contiene anche quote di vitamine e minerali, come il magnesio, stimola corpo e cervello: alza i livelli di energia, è cardiotonico e, secondo diverse ricerche, migliora l’efficienza dei neuroni, favorendo l’attenzione, l’apprendimento e la memoria. Proprio quello che ci vuole per contrastare la sonnolenza e la lentezza che in questo periodo dell’anno, complici il buio e il freddo, ci avvolgono.


■ GLICEMIA A NORMA I vantaggi si vedono su cuore e girovita La cannella aiuta a tenere a bada la glicemia, che quando è troppo alta può generare situazioni di pre-diabete, peggiorare la salute cardiovascolare e favorire l’accumulo di grasso. Le sue virtù ipoglicemizzanti sono state confermate da diversi studi,, anche se in genere sono stati testati gli effetti di quantità considerevoli (da 1 a 6 g), perlopiù in forma di estratto.

■ PANCIA FELICE Placa i dolori addominali La cannella limita l’accumulo di gas nell’intestino e placa i dolori addominali. Merito della sua azione digestiva, dovuta al fatto che è in grado di stimolare l’enzima tripsina.. Se ti senti appesantito dopo il pasto, bevi questa tisana: metti in una tazza di acqua calda una stecca di cannella e un cucchiaino di zenzero grattugiato. Dopo 5-10 minuti, filtra e bevi subito.

■ UNA VERA REGINA È una delle spezie della longevità Gli antichi si erano accorti che aggiungere la cannella ai cibi ne allungava la conservazione. Oggi sappiamo che ciò accade grazie alla presenza di antiossidanti. Come ha sostenuto uno studio comparativo della University of Hong Kong, la cannella è una delle spezie più ricche di polifenoli, che contrastano infiammazioni e radicali liberi.

Alimentazione Naturale - Dicembre 2018

35


Cibo è Medicina

Cacao crudo, bontà antistress

SOLTANTO LE FAVE NON TORREFATTE NÉ TOSTATE MANTENGONO INTATTA LA LORO STRAORDINARIA RICCHEZZA DI NUTRIENTI. SONO LO SPUNTINO PERFETTO PER DISTENDERE I NERVI E ALZARE IL TONO DELL’UMORE

D

a secoli il cacao crudo è considerato un alimento prodigioso, un vero cibo-medicina per corpo e mente. Basti pensare al fatto che una delle pratiche più diffuse nella cultura Maya e Azteca era la cosiddetta cerimonia del cacao, dove l’assunzione di chocolatl, bevanda a base di pura polvere di cacao crudo, aiutava a lasciare andare le emozioni negative e a curare l’organismo dalle malattie croniche. Oggi spesso rinunciamo senza saperlo a gran parte del potenziale benefico di questo antico alimento, che si ottiene dal seme dell’albero amazzonico di Theobroma. Il cacao che troviamo in commercio o che viene usato per produrre il cioccolato, infatti, è stato essiccato e fatto fermentare: cioè è stato privato del rivestimento esterno, ma anche

FUNZIONA (A SORPRESA) A

Alimento

Nutraceutico

60

Alimentazione Naturale - Dicembre 2018

Le proprietà più nascoste e meno note di questo alimento favoloso sono quelle antitussiva e broncodilatatoria. I due alcaloidi del cacao crudo theobromina e teofillina, come dimostrato in diverse ricerche, riescono rispettivamente a sedare la tosse, bloccando i nervi sensoriali che stimolano la tosse, e a liberare il respiro. Se la stagione fredda ti regala spesso disturbi alle vie respiratorie, fai prevenzione aggiungendo un cucchiaino di cacao crudo in polvere bio al


FONTE DI MAGNESIO E TRIPTOFANO Ecco perché placa i disturbi del ciclo «La ricchezza di magnesio e di triptofano, che è un precursore della serotonina, rende il cacao crudo un analgesico naturale durante la sindrome premestruale, dove spesso si verifica una carenza di magnesio che comincia con l’ovulazione» afferma il dottor Nemi. In caso di crampi mestruali, gonfiore o perdita di energia nei giorni precedenti al ciclo, prova questo frullato dolce e confortevole: frulla 150 ml di latte di cocco bio scremato, mezzo cucchiaio di polvere di cacao crudo, mezzo cucchiaio di polvere di maca, un pizzico di sale himalaiano e una pera. La maca stabilizza le fluttuazioni ormonali e il cacao crudo, grazie a magnesio e triptofano, migliora l’umore e ti aiuta ad attenuare i crampi, perché ha azione rilassante sulla muscolatura liscia.

della stragrande maggioranza dei suoi an(Edizioni CESI, 2018) - Lo conferma tiossidanti! Il cacao crudo o grezzo inveuna ricerca pub blicata sul UN EFFICACE ce non è stato tostato né torrefatto e Journal of Agricultural and SPEZZA-FAME mantiene intatta la sua ricchezza di Food Chemistry, che ha nutrienti salvavita. evidenziato il forte poteLe fave di cacao crude si trovano re antiossidante delle intere, in granella o in polvere. due principali molecoSe resta grezzo Le prime sono perfette da sgranocchiare le del cacao: le catechiagli spuntini (non più di 30-40 g al ha più antiossidanti ne e le procianidine. giorno): placano la fame, anche quella «Il cacao crudo è una straordiQuesti polifenoli pronaria fonte di antiossidanti emotiva. Altrimenti aggiungi allo teggono le cellule umaspiega il professor Loreto Nemi, yogurt 30 g della versione ne dallo stress ossidatidietista, specialista in Scienze in polvere. Esistono anche vo, rafforzano il sistema della nutrizione umana e autore le barrette di cioccolato immunitario e giocano un con la dottoressa Stefania Moramardi cacao crudo. ruolo importante nella preco del libro “Cioccol’amati - Ritrova la venzione di patologie e infiamsalute a tavola con il “vero” cioccolato” mazioni croniche croniche, come le malattie cardiovascolari, la sindrome metabolica ed alcuni tipi di tumore».

NCHE CONTRO LA TOSSE

caffè del mattino. Se la tosse ha già colpito, prepara questo “sciroppo”: mescola un vasetto di miele grezzo di grano saraceno, un cucchiaio di cannella in polvere, 1/4 di bicchiere di polvere di cacao grezzo e la punta di un cucchiaino di peperoncino in polvere. Questi ingredienti svolgono tutti azione antimicrobica e antivirale: prendine un cucchiaino al giorno.

Sali minerali in abbondanza

Le fave di cacao crude, poi, sono straricche di minerali benefici: ci sono il magnesio, che distende i nervi e vince lo stress;; il potassio, che riequilibra la pressione arteriosa; il ferro, indispensabile per la corretta respirazione cellulare; e infine il rame e il selenio, essenziali per il funzionamento della tiroide. «Il cacao è anche una fonte di pigmenti carotenoidi - conclude il dottor Nemi - che hanno azione protettiva a livello della retina formando i cosiddetti pigmenti maculari, un filtro che impedisce alle radiazioni nocive di raggiungere e danneggiare la retina». Alimentazione Naturale - Dicembre 2018

61

Alimentazzione Naturale  

Dicembre 2018

Alimentazzione Naturale  

Dicembre 2018