Issuu on Google+

FRANCESCO TREMOLADA

FREERIDE in DOLOMITI

175 itinerari e varianti + Freeride Skisafari

Marmolada – Arabba – Colac-Sassolungo/ Langkofel – Sella – Alta Badia – LagazuoiCinque Torri – Tofane-Faloria – Cristallo

EDIZIONI VERSANTE SUD | COLLANA LUOGHI VERTICALI | SKI


Prima edizione. Dicembre 2004 Seconda edizione. Dicembre 2009 Terza edizione. Dicembre 2016 ISBN 978-88-98609-78-9 Copyright © 2016 VERSANTE SUD S.r.l. Milano via Longhi, 10, tel. 027490163 www.versantesud.it I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento, totale o parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Copertina

La partenza del Joel, un'immagine simbolo dello sci ripido in Dolomiti. (© Francesco Tremolada)

Testi

Francesco Tremolada

Fotografie

Francesco Tremolada. Risvolto © Karin Pizzinini

Cartine

Tommaso Bacciocchi

Simbologia

Tommaso Bacciocchi

Impaginazione

Bruno Quaresima

Stampa

Monotipia Cremonese (CR)

Nota Il freeride è uno sport potenzialmente pericoloso, chi lo pratica lo fa a suo rischio e pericolo. Tutte le notizie riportate in quest’opera sono state aggiornate in base alle informazioni disponibili al momento, ma vanno verificate e valutate sul posto e di volta in volta, da persone esperte prima di intraprendere qualsiasi escursione.


Francesco Tremolada

FREERIDE in DOLOMITI 175 itinerari e varianti + Freeride Skisafari

Marmolada – Arabba – Sella – Alta Badia Colac –Sassolungo/Langkofel – Lagazuoi 5 Torri – Tofane – Faloria – Cristallo

EDIZIONI VERSANTE SUD


Sommario Cartina dei capitoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6 Introduzione tecnica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Scala difficoltà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 Scala europea pericolo valanghe . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 Simbologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16 I MARMOLADA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18 1. Vallone d’Antermoia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22 2. Bellunese Vecchia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26 3. Vecchia Pista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30 4. Intra i Sass destra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 5. Intra i Sass sinistra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36 6. Lydia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40 7. Canyon . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44 8. Pian Trevisan . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48 9. Punta Penia - spallone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54 10. Punta Penia - parete Nord . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58 11. Punta Penia - parete Nord Ovest . . . . . . . . . . . . . . 60 12. Forcella Marmolada . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .62 13. Piccolo Vernel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66 14. Canalone Gran Vernel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70 II ARABBA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74 15. Valle Ornella . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78 16. Cima Padon Sud . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80 17. Cima Padon Nord . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84 18. Pizangol de Ornella . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86 19. La Galleria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90 20. Sas Mesdì . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92 21. Fedaia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96 22. Forfesc . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98 23. Col de Cuch . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102 24. Fredarola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106

4

III COLAC - SASSOLUNGO/LANGKOFEL . 110 25. Forcia Neigra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114 26. Forcella Sassolungo Sud . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116 27. Forcella Sassolungo Nord . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118 28. Forcella Cinque Dita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120 29. Canale Nord forcella Sasso Levante . . . . . . . . 122 30. Forcella del Dente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126 31. Canale Nord del Sassopiatto . . . . . . . . . . . . . . . . . 128 IV SELLA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130 32. Ossario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134 33. Forcella Pordoi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138 34. Canale delle Torrette . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142 35. Canale Holzer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144 36. Val Lasties . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148 37. Canale Joel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152 38. Canale Sass de Forcia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156 39. Canale Larséi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160 40. Canale Col Alton . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164 41. Val Mesdì . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166 42. Canale del Ghiacciaio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172 43. Val de le Fontane . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176 44. Vallon . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180 45. La Colonna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184 46. Canale del Sentiero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 188 47. Canale del rifugio Kostner . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190 48. Col de Stagn . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192 49. Val de Litres . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198 50. Piz da Lech . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .200 51. Rissa del Daint . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204 52. Val Setus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 206 53. Val de Bosli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 210 54. Val Ciadin - Val Culea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212 55. Val Largia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216 56. Piz Miara - Valon de Meisules . . . . . . . . . . . . . . . . 218 57. Val de Siela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 220


V ALTA BADIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222 58. Val Chedul . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226 59. Canale Col Toronn . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230 60. Forcella de Ciampei . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234 61. Canale Sas Ciampei . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 238 62. Valscura - Sassongher . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240 63. Prati di Camera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 246 64. Pralongià . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248 65. Setsas . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 250 66. Cherz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 254

VIII CRISTALLO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 352 93. Creste Bianche - Prà del Vecio . . . . . . . . . . . . . . . 356 94. Creste Bianche Forcella Col Verde . . . . . . . . . 360 95. Forcella Padeon . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 362 96. Diretta del Forame . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 364 97. Canale 1 di Creste Bianche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 368 98. Canali 2 e 3 di Creste Bianche . . . . . . . . . . . . . . . . 370 99. Costabella . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 372 100. Canale Staunies Nord . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 376 101. Canale del Prete - Vallençant . . . . . . . . . . . . . . . 380

VI LAGAZUOI - CINQUE TORRI . . . . . . . . . 258 67. Canale Strobel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 262 68. Canale della Nonna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266 69. Col dei Bos . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 270 70. Cadin di Fanis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 274 71. Forcella Grande . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 278 72. Diretta austriaca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 282 73. Canale Forte tre sassi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 284 74. Diretta Valparola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 288 75. Forcella Salares . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 292 76. Armentarola Nord . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 294 77. Cinque Torri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 296 78. La frana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 300 79. Monte Nuvolao . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 302 80. Nuvolao Sud . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 304 81. Monte Pore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 306 82. Croda Negra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 308

FREERIDE SKI SAFARI . . . . . . . . . . . . . . . . 384 Day 1 - San Martino di Castrozza – Passo San Pellegrino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 390 Day 2 - Passo San Pellegrino – Val di Fassa . . . . . 394 Day 3 - Val di Fassa - Marmolada . . . . . . . . . . . . . . . . . 398 Day 4 - Marmolada – Lagazuoi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 402 Day 5 - Lagazuoi - Tofane . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 406 Day 6 - Tofane - Cortina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 410 Tabella degli itinerari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 414

VII TOFANE - FALORIA . . . . . . . . . . . . . . . . . 312 83. Bus de Tofana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 316 84. Tofana di Rozes . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 320 85. Tofana di Mezzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324 86. Traversata Formenton . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 328 87. Vallon de Raola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 332 88. Canale della Colonna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 336 89. Comate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 340 90. Sci 18 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 344 91. Val Orita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 346 92. Canale Marcoira . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 348

5


3

dia Val Ba

Piza dal

La Villa

Selva di Val Gardena

Sassongher  2665 Sass da Ciampac  2667 Grosse Cirspitze  2592

 2284

Cima Pissadu 2985  Boèseekofel

Sassolungo

 2958

Störes  2185

 2913

 3181

Piz Selva

IV - SELLA

 2940

V - ALTA BADIA p.so Campolongo

Piz Boé

p.so Sella

 3152

Col di Lana

Sass Pordoi

2452 

Ante rmo nt

 2950

Arabba

p.so Pordoi

Val d e l di Va

Campitello Canazei di Fassa a s s Fa

San Cassiano

Piz la Ila

 2078

Colfosco Corvara

p.so Gardena

Piz Sella

Sassopiatto

Val Bad ia

Val Gar den a

II - ARABBA Alba

III - COLAC-SASSOLUNGO LANGKOFEL

Col Toròn 1932 

Penia p.so di Fedaia

M.Colac

gh.i o de lla Marmolada  3343

 2715

Pozza di Fassa

Marmolada (p. Penia)

Vigo di Fassa

Cima dell’Uomo

Malga Ciapela

I - MARMOLADA

 3010

Moena

p.so di San Pellegrino

Falcade

Viezzena  2491

Predazzo

Cima della Vezzana  3192

Monte Agner

2872 

San Martino di Castrozza

6

Pala di San Martino  2982


3026

les Diesc

n izo Fel Val

VIII - CRISTALLO

VII - TOFANE-FALORIA

Cresta Bianca  2932 M. Cristallo

Piz dles Conturines

 3221

 3064

Misurina

Tofana di Dentro  3238

p.so Tre Croci

Tofana di Mezzo 3244  Tofana de Pomedes  2750 Tofana di Rozes  3225

Lagazuòi

p.so di Valparola

 2778

Cortina d’Ampezzo

 2559

Col dei Bos

Pocol

p.so Falzarego

Punta Nera  2847 Punta Sorapiss

a an te os la C V

M. Averau  2648

Cimon del Froppa

 3205

2932 

e òit lB Va

VI - LAGAZUOI-5 TORRI Cima Ambrizzola  2715  2657

P.ta Lastoi de Formin San Vito di Cadore

Selva di Cadore

Caprile

Antelao 3264 

Pescul

Cima dei Viai

M. Pelmo

2101 

 3172

Cima di Coldai

Alleghe

 2403

M. Civetta  3220

2337 

Cima della Busazza

Torre Venezia

 2894

Forno di Zoldo

Cencenighe Agordino

Spiz de San Piero

Sassolungo di Cibiana  2413

 2084

Sasso di Bosconero 2469 

Agordo

7


IV. SELLA Nel capitolo IV viene descritto il gruppo più importante per lo sci in Dolomiti, quello del Sella, che si trova al centro del più famoso circuito di sci in pista, il Sellaronda, che ogni giorno attrae migliaia di sciatori sui suoi quattro passi e nelle quattro vallate che circondano questa montagna. Con i suoi canali stretti tra le rocce il Sella è l’icona stessa dello scifuoripista in Dolomiti e con il suo terreno articolato permette “infinite” varianti e possibilità di discesa, sempre ricollegandosi facilmente agli impianti. La Val Mesdì, la Val Lasties e la Forcella Pordoi sono le discese più famose e vengono percorse da numerosi sciatori, al punto da essere spesso “pistate”. Negli ultimi anni anche la val Setus viene “tracciata” sempre più spesso, ma per fortuna vi sono molti altri itinerari ancora avventurosi e solitari, dove non capita spesso di incontrare qualcuno. ITINERARI: 32. Ossario 33. Forcella Pordoi 34. Canale delle Torrette 35. Canale Holzer 36. Val Lasties 37. Canale Joel 38. Canale Sass de Forcia 39. Canale Larséi 40. Canale Col Alton 41. Val Mesdì 42. Canale del Ghiacciaio 43. Val de le Fontane 44. Vallon 45. La Colonna 46. Canale del Sentiero 47. Canale del rifugio Kostner 48. Col de Stagn 49. Val de Litres 50. Piz da Lech 51. Rissa del Daint 52. Val Setus 53. Val de Bosli 54. Val Ciadin - Val Culea 55. Val Largia 56. Piz Miara - Valon de Meisules 57. Val de Siela

130


131

Campitello di Fassa

Canazei

 2831

57

 2964

Piz Miara

 2613

Camp.li del Mur Freit

Pecol

ie

s

Sass Pordoi

35

st

55

54

ea

2534 

Sass Bebè

p.so Pordoi

33 37  2356

38 Ossario del Pordoi

39

P.ta de Joel

43

 2557

2379

Pont de Vaduz

45

Colfosco

 2239

49

é

p.so Campolongo

til

Porta Belvedere Vescovo

2585 

B

os

Bo

Viza ella

an

d co

Pl

2187 

es de F

Bec de Roces

le Forbici

46

Col de Stagn

Plan

48

Col de Cedla

Rif. F. Kostner 2536  2517

La Colonna

 2555

2781

n

47

Sasso Cappello

32

 2952

P.ta de Larjei

 3152

44

 3009

50  2911

Piz da Lech

Piz dal Lec Dlacè

Piz Boé

 2945

 2882

Col Alton

42

 2907

Rif. Boé 2871

40

41

l Va l d e B o s e

L’Antersass

2970 

Sass de Mezdì

51

2985 

53

Cima Pisciadu

2423 Rif. Sass Becè 2563  2400 Col de Cuch Rif. Baita Fredarola

34

2692 

Picol Pordoi

52

Rif. Cavazza 2587

V

M. Forcia

36

Rif. Maria  2950

V

La al

del Piz Selva T.re Siela  2940 2831  Piz de Ciavazes

56

ul

gia

2180 Rif. Passo Sella

p.so Sella

Plan

p.so Gardena

tus

Se al

Selva di Val Gardena

Val de Anter mont

de

Va l sta

ar l L Cre

sdì

Me ta

en

Br

de l

llo

Il V a

res

Lit de

C

Va l

Val

Va

Varda

 2213

Pizac

Alfàuro

a

 2244

ron

Col Torónd

d ’A u

del Col di L ana Bosco

Livinallongo

Arabba

Corvara


Il versante Nord del Sella visto dal Sassongher.

132


133


32

Sella

OSSARIO NORD EST 2230 m

Un itinerario semplice alla base del versante meridionale del Sella, adatto per le giornate di vento, per verificare le condizioni dei canali su questo lato del massiccio o solo per cercare l’ultima neve polverosa dopo giorni dall’ultima nevicata.

30-400 m

LOCALITÀ DI PARTENZA Il punto di partenza è il Passo Pordoi.

20 min

ACCESSO Il passo è raggiungibile con gli impianti del Sella Ronda oppure in auto dal paese di Arabba o di Canazei (Val di Fassa).

orientamento

quota massima dislivello salita-discesa tempo di salita

sect. 30° pendio

2.1

difficoltà discesa

E

difficoltà alpinistica

E1

esposizione

74,157 fotografie

SALITA Dal Passo, subito a monte delle seggiovie, si imbocca la strada che porta all’ossario, che si percorre prima in discesa e poi più faticosamente spingendo in piano. Dalla costruzione prima del monumento si sale a piedi seguendo sempre la strada (pali) fino a raggiungerlo. DISCESA La discesa avviene sul lato opposto e in genere conviene alzarsi ancora verso le pareti del Sella per imboccare il pendio migliore che porta a un tabià diroccato in prossimità del successivo cambio di pendenza. Si imbocca quindi l’impluvio a sinistra della costruzione fino a un tratto pianeggiante; si torna poi a scendere lungo un pendio compreso tra i grandi massi a sinistra e gli alberi a destra. Si traversa alla base di questi verso destra e si continua tenendosi alti sulla destra rispetto al torrente Ru de Vauz, superando alcune dorsali fino a raggiungere un tabià. Sotto questo si imbocca un sentierino, che a destra del torrente, raggiunge la statale del Pordoi presso Pont de Vauz. Con pochi metri a piedi lungo la statale, subito dopo il ponte della pista, si raggiunge la seggiovia per rientrare al Passo Pordoi (o la seggiovia che sale in direzione di Arabba). MATERIALE Con neve fonda utili le pelli di foca. INFO UTILI Tutti i ripidi cambi di pendenza delle dorsali che caratterizzano l’itinerario possono essere pericolosi con neve non assestata, soprattutto dopo periodi di forte vento. ALTRE POSSIBILITÀ Molte le varianti possibili, soprattutto sul lato destro della valle, attenzione invece a non scendere troppo bassi sulla sinistra, nell’alveo del torrente. Nei pressi dell'Ossario del Pordoi.

134


39 43

32

135


32 Sella Ossario

Al riparo dal vento sui pendii dell'Ossario del Pordoi.

136


137


38

Sella

CANALE SASS DA FORCIA SUD

orientamento

2950 m

quota massima

50-650 m

dislivello salita-discesa

25 min

tempo di salita

45-50°, 40°/100 pendio

4.3

difficoltà discesa

F+

difficoltà alpinistica

E2

esposizione

145

fotografie

Un altro ripido e impegnativo canale che solca il versante meridionale del Sella e che si nota stretto e rettilineo più a est del canale Joel. In effetti rispetto a quest’ultimo è più impegnativo e solo con ottime condizioni di innevamento si riesce a superare la strettoia finale senza togliere gli sci. LOCALITÀ DI PARTENZA Il punto di partenza è Passo Pordoi - funivia del Sass Pordoi. ACCESSO Il passo è raggiungibile con gli impianti del Sella Ronda oppure in auto dal paese di Arabba o di Canazei (Val di Fassa). SALITA Si raggiunge in discesa la Forcella Pordoi (itinerario n. 33 “Forcella Pordoi”), da dove, lasciando a destra il canalone sud della Forcella e a sinistra la discesa per la Val Lasties, si inizia il traverso per la Val Mesdì. Ci si alza di qualche metro e poi, aggirata la prima dorsale, si procede in leggera discesa oltrepassando dapprima il valloncello che sale al canale Joel e poi una seconda dorsale oltre la quale si scende in diagonale fino a un pianoro. Da qui inizia la prima salita con diagonali per la Val Mesdì ed é qui che si devia verso destra salendo (normalmente a piedi, sci sullo zaino) fino a un ampia ed evidente sella. DISCESA L’imbocco del canale si trova sul lato destro (ovest) dell’ampia sella sommitale e affacciandosi nel suo punto più alto si può vederne tutto il rettilineo sviluppo. La discesa è ripida e molto stretta e obbliga a procedere con curve saltate molto controllate. A circa tre quarti del canale un sasso affiorante restringe ulteriormente il passaggio e occorre togliere quasi sempre gli sci ed eventualmente calarsi con la corda (ancoraggio sul lato sinistro del canale, fix con anello + clessidra; corda da 20/30 m) per alcuni metri. Più sotto si continua fino a uscire su terreno più aperto dove è necessario deviare verso sinistra per raggiungere un ampio imbuto; questo converge in un facile canale che costituisce il passaggio migliore per superare la fascia rocciosa sottostante. Alla base di quest’ultima si continua direttamente verso valle su facili pendii aperti, superando la strada per l’Ossario del Pordoi e raggiungendo in breve le seggiovie nei pressi del rifugio Fodom. MATERIALE Corda e materiale alpinistico.

Nel canale di discesa.

156


INFO UTILI Il canale può essere osservato dalle piste (binocolo); é fondamentale la scelta del momento migliore per la discesa: in primavera la neve è ghiacciata di primo mattino e occorre aspettare che il sole la ammorbidisca al punto giusto. ALTRE POSSIBILITÀ Altri canali più stretti e impegnativi, con salti e strettoie rocciose, si notano in questo settore, ma sono percorribili solo con ottimo innevamento. 38.a: (ski 3.1) Sceso il canale Sass da Forcia si può traversare in quota più lungamente verso sinistra per raggiungere un altro canale, parallelo a quello descritto, che permette di superare la sottostante fascia rocciosa.

34

33

37

38

32

157


38 Sella  Canale Sass de Forcia

Gli ampi pendii all'uscita del canale.

158


159


48

Sella

COL DE STAGN SUD EST orientamento

2530 m

quota massima

0-650 m

dislivello salita-discesa

-

tempo di salita

sect. 40° pendio

3.1

difficoltà discesa

F

difficoltà alpinistica

E2

esposizione

Un itinerario interessante che percorre una bella valle dove é facile incontrare numerosi camosci. Da non sottovalutare il canale che dà accesso al vallone di discesa: non é facile individuare il passaggio giusto e sono indispensabili condizioni di neve sicura. LOCALITÀ DI PARTENZA Il punto di partenza è la seggiovia Vallon che si raggiunge con la cabinovia Boè da Corvara. ACCESSO Con gli impianti del Sella Ronda, oppure in auto, fino al paese di Corvara da dove parte la cabinovia Boé. DISCESA Dalla seggiovia si scende qualche metro lungo la pista uscendone quasi subito verso destra (sud est); si traversa in diagonale sulla sinistra fino a una forcellina che permette di raggiungere una serie di facili dossi in direzione del Col de Stagn. Alla base della parete rocciosa di quest’ultimo si sviluppa il vallone di discesa che è sbarrato però, nella parte alta, da una fascia rocciosa non sempre percorribile (roccia e ghiaccio affioranti). Si può evitare quest’ultima tenendosi alti sulla sinistra, lungo l’ampia dorsale, e immettendosi nel vallone verso destra alla base dello sbarramento. Occorre individuare (non facile) il passaggio migliore lungo uno dei ripidi canali presenti; in genere il migliore è quello più basso, dove passa anche il sentiero estivo 636. Si segue poi la valle superando sulla sinistra un dosso più ripido oltre il quale ci si immette nella vegetazione. Si continua a scendere con possibilità di diverse varianti, fino a superare una contropendenza e immettendosi in un’ampia zona pianeggiante (Plan Festil). Si oltrepassa la malga e, seguendo la strada forestale, si attraversa il bosco raggiungendo in breve le piste da sci in prossimità del Passo Campolongo. INFO UTILI Controllare le condizioni di innevamento della parte alta del percorso prima di intraprendere la discesa; in caso di difficoltà nell’individuazione del passaggio di accesso al vallone si può deviare verso sinistra (nord) in direzione dell’impianto del Vallon dove un fuoripista spesso tracciato riporta alle piste da sci. ALTRE POSSIBILITÀ Molte le possibilità di accesso alla parte alta del vallone, ma anche nella parte bassa si possono seguire delle linee di discesa più dirette sul lato destro della valle.

192


48

193


48 Sella  Col de Stagn

In azione sotto il Col de Stagn.

194


195


70

Lagazuoi - Cinque Torri

CADIN DI FANIS SUD+NORD orientamento

2850 m

quota massima

350+350-900+500 m dislivello salita-discesa

2+1 h

tempo di salita

sect. 35° pendio

2.2

difficoltà discesa

F+

difficoltà alpinistica

E1

esposizione

Un bell’anello di scialpinismo con due salite e discese distinte; una prima salita collega due ripide forcelle per raggiungere una bella discesa nascosta tra le pareti, la seconda risale invece la parte finale della Val Travenanzes per scendere poi il versante meridionale della forcella Col dei Bos (itinerario n. 69). LOCALITÀ DI PARTENZA Passo Falzarego – funivia Lagazuoi. ACCESSO Il passo Falzarego si raggiunge in auto dall’Agordino, dall’Alta Badia o da Cortina. Con gli sci si può arrivare dagli impianti Cinque Torri-Giau o dall’Alta Badia con il servizio skibus dall’Armentarola. PRIMA SALITA Dall’arrivo della funivia si imbocca la pista, si tiene la destra al primo bivio (a sinistra scende la pista Armentarola) e si raggiunge la curva sucessiva. Qui si sale verso sinistra procedendo a piedi lungo una facile crestina nevosa con qualche roccetta nella parte alta. Perso qualche metro di quota sul successivo pendio, ci si alza ancora (scaletta) per impostare un traverso in leggera discesa appena sopra il primo paravalanghe. Raggiunta la dorsale sucessiva ci si affaccia sul versante sud dei Lagazuoi, che si attraversa alti in quota puntando all’evidente forcella Gasser Depot 2633 m. Messe le pelli la si raggiunge in breve e si entra sul versante opposto nel Cadin di Lagazuoi dove si procede traversando alti sulla sinistra in direzione di Cima Fanis sud 2980 m. Alla destra di quest’ultima si nota il ripido canale che con numerose svolte, e un eventuale ultimo tratto a piedi, porta alla forcella de Quaire 2850 m. PRIMA DISCESA La discesa è orientata a nord nord/est ed è protetta dalle alte pareti laterali regalando spesso una neve di ottima qualità. Si scende sul lato destro per poi portarsi progressivamente verso sinistra dove il pendio diventa più dolce e gira verso la Val Travenanzes. Nell’ultima parte si tiene la sinistra imboccando un canale che si abbandona solo alla fine per traversare verso destra in direzione del Cason di Travenanzes 1970 m. SECONDA SALITA Dal piano del Cason di Travenanzes si rimettono le pelli e si segue in salita tutta la prima facile parte della valle (conviene tenersi al centro della stessa) che porta alla forcella Col dei Bos. SECONDA DISCESA Si segue ora in discesa l’itinerario n. 69.

274


MATERIALE Pelli di foca. INFO UTILI Partire con la prima corsa della funivia per evitare il caldo, soprattutto nella prima salita. ALTRE POSSIBILITÀ Dal Cason di Travenanzes si può scendere tutta la valle fino ad arrivare a Fiames (69.b); in alternativa si può risalire alla forcella Travenanzes per scendere in pista al passo Falzarego. Meno interessante invece la discesa nel Cadin di Lagazuoi.

70

71

275


70 Lagazuoi - Cinque Torri  Cadin di Fanis

Durante la salita. Sosta alla forcella de Quaire prima della discesa. Curve telemark con le Tofane di sfondo.

276


277


84

Tofane - Faloria

TOFANA DI ROZES SUD+NORDEST 80+700-400+1200 m

La Tofana di Rozes è una delle più belle cime per lo scialpinismo in Dolomiti e una delle poche, tra quelle che superano i tremila metri di quota, ed essere percorribile interamente sci ai piedi. Di solito viene salita soprattutto in primavera avanzata, quando è possibile raggiungere in auto il rifugio Dibona, ma con buone condizioni di neve può essere abbinata alla discesa del Bus de Tofana, riducendo notevolmente il dislivello in salita.

25min+2h30min

LOCALITÀ DI PARTENZA Ra Valles – Seggiovia bus di Tofana.

orientamento

3225 m

quota massima dislivello salita-discesa tempo di salita

sect. 40°, 35°/350 pendio

3.3

difficoltà discesa

F+

difficoltà alpinistica

E2

esposizione

273,317,319,337 fotografie

ACCESSO Da Cortina (o anche dagli impianti a piè Tofana) si sale a Ra Valles con la funivia Freccia nel Cielo e si prende la seggiovia Bus de Tofana. SALITA Seguendo l’itinerario 83 si scende dal Bus de Tofana nel ripido tratto iniziale; prima di raggiungere il Tridente, le tre torri visibili sulla sinistra, si contorna alla base uno sperone roccioso iniziando a traversare alti verso destra (si nota una stele scura all’altezza giusta). Superata in salita una dorsale si continua in quota in direzione del rifugio Cantore, fino al momento di mettere le pelli. Si cerca ora il passaggio migliore per superare una zona di grandi massi e raggiungere il successivo grande pendio che caratterizza l’itinerario; si sale lungo questo attraversandolo completamente verso destra con un lungo diagonale ascendente su terreno ripido (rampanti spesso utili). Raggiunta la spalla ci si porta verso sinistra fino a montare sulla cresta finale; questa è inizialmente comoda, poi diviene ripida e stretta costringendo a procedere sull’esposto lato destro. A seconda delle condizioni della neve si procede a piedi (ramponi) o con gli sci fino alla croce di vetta. DISCESA Si torna lungo le tracce di salita, ripercorrendo la cresta finale con particolare attenzione, soprattutto con neve dura; ci si immette poi a destra sul grande pendio nord est dove si procede più rilassati, portandosi gradualmente verso destra. In basso si traversa in direzione del rifugio Cantore, passando a monte dei grandi massi, fino a imboccare il canale sotto il rifugio che scende nel vallon de Tofana ricollegandosi all’itinerario n. 83. Ci si tiene a sinistra della linea della teleferica del Rifugio Giussani, entrando, oltre una dorsale, nella valletta che porta al rifugio Dibona. Si segue ora il tracciato della strada del rifugio fino a immettersi a sinistra nella pista da sci che consente di rientrare agli impianti a piè Tofana. Il versante nord est della Tofana di Rozes.

320


MATERIALE Pelli di foca, corda, ramponi, piccozza. INFO UTILI Fondamentale la qualitĂ  della neve: non deve essere ghiacciata al mattino nella discesa del Bus de Tofana, ma al tempo stesso deve essere ben assestata. ALTRE POSSIBILITĂ€ 84.a (ski 4.2): la discesa diretta dalla cima lungo la parete Est richiede un buon innevamento e la giusta scelta del percorso, studiare bene la disposizione delle fasce rocciose durante la salita o salire direttamente la parete (ramponi).

321


84 Tofane - Faloria  Tofana di Rozes

Dalla cresta sommitale, si passa sul grande pendio del versante nord est.

322


323


100

Cristallo

CANALE STAUNIES NORD NORD

orientamento

2925 m

quota massima

770-1500 m

dislivello salita-discesa

2 h 10 min tempo di salita

sect. 50°, 45°/200 pendio

5.1

difficoltà discesa

F+

difficoltà alpinistica

E2

esposizione

354,358 fotografie

Il canale Staunies nord, chiamato anche canale Adriana, è una delle discese ripide più conosciute delle Dolomiti e scenderlo con una buona condizione di neve è in effetti super… ma come per la maggior parte delle discese impegnative occorre saper aspettare ed essere pronti al momento giusto. LOCALITÀ DI PARTENZA Rio Gere – impianti Cristallo. ACCESSO Da Cortina in auto o skibus fino a Rio Gere, sulla strada per il passo Tre Croci, oppure con gli sci seguendo la pista dalla funivia del Faloria. Da Rio Gere si sale in seggiovia al rifugio Son Forca 2215 m. SALITA Dal rifugio ci si abbassa fino alla linea del vecchio impianto da dove si inizia la salita direttamente sotto i piloni. Dopo il primo dosso si prosegue sulla sinistra dell’impianto portandosi al centro del grande pendio. Superata la vecchia stazione intermedia il terreno si fa più ripido; si lascia a sinistra il canale che sale a forcella Grande, e si continua lungo la linea dell’impianto fino a forcella Staunies. DISCESA Il canale di discesa si trova sul lato nord della terrazza e la prima volta che ci si affaccia per guardarlo, oltre la ringhiera, la vista è abbastanza impressionante. Scavalcata la ringhiera si percorrono con attenzione i primi metri spesso delicati (assicurati eventualmente con la corda) e si raggiunge in breve il punto più ripido dell’itinerario. In questo tratto a volte la neve si accumula ai lati facendo assumere al pendio una forma ad “V” che costringe a sciare sui più ripidi fianchi laterali. La pendenza via via diminuisce e il canale curva decisamente a sinistra, per tornare poi a destra con una strettoia sotto una parete strapiombante (spesso ghiaccio sul lato sinistro). Un tratto più facile, e quasi sempre con bella neve, porta infine in val Fonda dove si segue l’ampia valle fino a raggiungere l’inizio di un caratteristico canyon formato dal torrente. Con super-innevamento lo si può percorrere, ma di solito conviene salire brevemente sul lato destro della valle e traversare in quota lungo la traccia del sentiero estivo. Un ultimo tratto ripido e stretto permette di scendere nella parte finale della gola dove, attraversando il torrente, si esce dalle rocce. Si piega ora a sinistra, rimontando la sponda del torrente, e raggiungendo la pista da fondo lungo la quale si arriva a Carbonin (strada Dobbiaco-Cortina). Il canale visto dall'alto.

376


Con pullman di linea si rientra a Cortina e con gli impianti del Faloria a Rio Gere. MATERIALE Corda. INFO UTILI Se il canale è molto tracciato e scalinato, diventa anche molto più difficile da sciare, oltre che poco divertente. Optare in questo caso per uno degli altri itinerari descritti. ALTRE POSSIBILITÀ Una piccola forcella sulla destra, a circa metà canale, consente di raggiungere un ramo parallelo, ma i primi ripidi metri sotto la forcella hanno spesso rocce scoperte.

377


100 Cristallo  Canale Staunies Nord

All'uscita del canale. Il caratteristico passaggio dopo la curva a destra del canale. Nella parte piĂš ripida della discesa.

378


379


FREERIDE SKI SAFARI Negli ultimi anni lo ski safari, ovvero lo sci itinerante in cui ci si sposta di valle in valle con pernottamento in rifugio, ha sempre più successo. In Dolomiti abbiamo la fortuna di avere il terreno perfetto per percorrere traversate di più giorni concatenando tra loro diversi itinerari fuoripista. Questo, grazie alla estesa rete di impianti e ai confortevoli rifugi presenti sul territorio. Le possibilità sono molte e si possono creare programmi di diversa durata e difficoltà, con alloggio in rifugio o in valle, ma anche decidendo se trasportare tutto il materiale con sé od organizzando il transfer dei bagagli per sciare con lo zaino più leggero. La traversata qui proposta è una rivisitazione in chiave freeride della classica traversata scialpinistica da San Martino di Castrozza a Cortina d’Ampezzo; una settimana itinerante, da rifugio a rifugio, con poca salita e tante discese affascinanti. FREERIDE SKI SAFARI: Day 1. San Martino di Castrozza – Passo San Pellegrino Day 2. Passo San Pellegrino – Val di Fassa Day 3. Val di Fassa - Marmolada Day 4. Marmolada – Lagazuoi Day 5. Lagazuoi - Tofane Day 6. Tofane - Cortina

384

Alba sulla terrazza del rifugio Lagazuoi (Day 5). Sulla cresta del Col Margherita (Day 2).


385


Traversando lungo l'altipiano delle Pale di San Martino (Day 1)..

388


389


412 Freeride Ski safari  Tofane - Cortina

D6 Panorama dalla Tofana di Mezzo.


413


FREERIDE in DOLOMITI - 175 itinerari e varianti + Freeride Skisafari