Page 1

EUGENIO PESCI – PIETRO BUZZONI

LARIO ROCK falesie Lecco, Como, Valsassina

EDIZIONI VERSANTE SUD | COLLANA LUOGHI VERTICALI | CLIMBING


Prima edizione. 1997. Seconda edizione. 2001. Terza edizione. 2006. Quarta edizione. 2011. Quinta edizione. Luglio 2018 ISBN 978 88 85475 014 Copyright © 2018 VERSANTE SUD S.r.l. Milano via Longhi, 10, tel. 027490163 www.versantesud.it I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento, totale o parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Copertina

Alessandra Galeazzi su Simpaty, 6b+, Masone (© E. Pesci)

Testi

Eugenio Pesci e Pietro Buzzoni

Disegni Carolina Quaresima Mappe Tommaso Bacciocchi © Mapbox, © Open Street Map Simbologia Tommaso Bacciocchi Impaginazione Bruno Quaresima Stampa Tipolitografia Pagani (BS) Ringraziamenti Stefano Alippi, Cristina Alvazzi, Teresa Amoriello, Marco Anghileri, Giulio Arman, Daniela Artusi, Marco Ballerini, Giacomo Barberis, Lorenzo Baronio, Giuseppe Bonfanti “Ciusse”, Luca Bozzi, Sonja Brambati, Marco Brambilla, Simone Bressan, Don Agostino Butturini e il gruppo Condor, Carlo Caccia, Andrea Campioli, Stefano Canali, Andrea Cari, Adriano Carnati, Stefano Carnati, Valerio Casari, Daniele Cazzamalli, Andrea Cazzaniga, Piero Cendali, Daniela Ceriani, Silvia Cesana, Giovanni Chiaffarelli, Eleonora Chiappa, Domenico Chindamo, Elisabetta Colombo, Elena Congiu, Pietro Corti, Valerio Corti, Andrea Crippa, Chiara D’ambrosio, Matteo Della Bordella, Klaus Dall’Orto, Elisabetta De Berti, Annalisa De Marco, Flavio De Stefani, Matteo Dezaiacomo, Raffaele Dinoia, Massimo Disarò, Chiara Donati, Riky Felderer, Francesco Ferrari, Ivo Ferrari, Delfino Formenti, Rosy Forte, Stéphanie Frigiere, Martina Frigerio, Luca Gabaglio, Alessandra Galeazzi, Paolo Nacio Galeazzi, Giovanni Galli, Marco Galli, Tommaso Garota, Michele Gatti, Roberta Geddo, Cristina Gerelli, Mario Giacherio, Tita Gianola, gruppo Asen park Lecco, Simone Invernizzi, Lele Gerli, Roberto Lainati, Ilaria Lanfranconi, Giovanna Lanzavecchia, Fabio Lenti, Alessandro Longoni, Luca Lozza, Mauro Lunardi, Cristina Luzi, Marco Maggioni, Michele Mandelli, Anna Viola Marabini, Filippo Margary, Marino Marzorati, Matteo Maternini, Oscar Meloni, Federica Mingolla, Fabio Molteni, Alessandro Monti, Maddalena Monti, Giovanni Nicoli, Marco Nicolodi, Enzo Nogara, Gino Notari, Ursula Oberrauch, Adam Ondra, Marco Paredi, Elia Parenti, Luca Passini, Alessandro Passoni, Simone Pedeferri, Eleonora Pesci, Fabrizio Pina, Marta Pirovano, Bruno Quaresima, Mona Ramsenthaler, Norberto Riva, Giovanni Rivolta, Giuseppe Rocchi, Alessandro Ronchi, Gianni Ronchi, Gianmarco Rovagnati, Aldo Rovelli, Andrea Savonitto, Luca Schiera, Adriano Selva, Andrea Spandri, Nicoletta Soldà, Giorgio Sormani, Mauro Sormani, Giacomo Tagliabue, Gianfranco Tantardini, Silvana Tantardini, Gabriele Tocchetti, Silvia Toso, Simone Totaro, Federico Tresoldi, Marco Vago, Fabio Valseschini, Matteo Vita, Paolo Vitali, Ivano Zanetti, Anna Zardi. Nota L’arrampicata è uno sport potenzialmente pericoloso, chi lo pratica lo fa a suo rischio e pericolo. Tutte le notizie riportate in quest’opera sono state aggiornate in base alle informazioni disponibili al momento, ma vanno verificate e valutate sul posto e di volta in volta, da persone esperte prima di intraprendere qualsiasi scalata.


FOR CLIMBING

BOOKS FORBOLTS

Km ZERO

Guida fatta da autori che vivono e sviluppano l’arrampicata sul territorio

Il 2% del ricavato di questa guida viene reinvestito in materiale per attrezzare vie e falesie

Eugenio Pesci Pietro Buzzoni

LARIO ROCK FALESIE

Resegone San Martino - Medale Sponda Orientale Lago Valsassina Grigne Triangolo Lariano Sponda occidentale Lago

EDIZIONI VERSANTE SUD


Sommario Mappa generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6 Prefazione alla quinta edizione . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Introduzione tecnica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 Breve storia dell’arrampicata nelle falesie attorno al Lario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 I tiri più duri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 Esposizione delle falesie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22 Simbologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25

18. 19. 20. 21. 22. 23. 24. 25. 26.

Scivolo striato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182 Realba . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 188 Strapiombo di Mandello . . . . . . . . . . . . . . . . 192 Grotta di Mandello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196 Lagoland . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200 Fiumelatte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204 Varenna - Placca del Ghez . . . . . . . . . . . . . 208 Costiera Morgana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 210 Sass Negher . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214

RESEGONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26 01. Erna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28 Storia di Erna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40 02. Versasio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42 03. Pala del Cammello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54 Intervista a Delfino Formenti . . . . . . . . . 55 04. Parete Stoppani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58 05. Falesia del Bacc . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70

27. 28. 29. 30. 31. 32. 33.

BASSA VALSASSINA . . . . . . . . . . . . . . . . 222

SAN MARTINO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74 06. Pala del San Martino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76 07. Placchette del San Martino . . . . . . . . . . . . . 84 08. Antimedale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88 Storia dell’Antimedale . . . . . . . . . . . . . . . . 98

GRIGNETTA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 272 34. Campiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 274 35. Nibbio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 278 Storia del Nibbio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 298 36. Il Terramatta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 304 37. Torrione Ratti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 308 38. Campelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 312

SPONDA ORIENTALE LAGO . . . . . . . 102 09. Solarium . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106 10. Lariosauro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110 11. Bastionata del Lago . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124 Ambarabà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138 12. Pilastro Rosso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140 13. Discoteca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144 14. Promesse nel sole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150 15. Pungitopo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156 16. Pradello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160 17. Pradello alta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 174 4

Le Torrette . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226 Falesia dell’Eco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .238 Muro di Halloween . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242 Sasso Alippi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 250 Scudi di Valgrande . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 252 Vaccarese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 256 Falesia del Brigante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 270

ALTA VALSASSINA . . . . . . . . . . . . . . . . . . 326 Angelone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 328 39. Placca del Triangolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 334 40. Placche di Sherwood . . . . . . . . . . . . . . . . . . 336 41. Placca del Pistolino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 340 42. Muro del Pianto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 344 43. Trittico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 350 44. Nicchia degli Oranghi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 356 45. Pietracalma - Sperone Frigidus . . . . . . . 360


46. Rugabella - Zinco - Massacro . . . . . . . . . . 362 47. Rocce basse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 366 48. Sperone dell’Astinenza-Magutti . . . . . . 374 49. Bastionata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 378 50. Quarto Sperone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 384 51. Muro Shakespeare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 392 52. Terzo Sperone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 396 53. Specchio del Grifone . . . . . . . . . . . . . . . . . . 400 54. Mescal - Tennis - Tien an men . . . . . . . . . 406 55. Secondo Sperone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 408 56. Primo Sperone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 412 57. Bikkù, Prugna, Placca delle Guide, Le Mura di Cartagine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 418 58. Rocca di Baiedo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 424 59. Sasso di Introbio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 434 Valsassina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 440 60. Pala di Introbio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 448 61. Muro di Introbio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 454 62. Pilastrini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 458 63. Placca Condor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 462 64. Barzio-Novelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 466 65. Masone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 470 La falesia del Masone . . . . . . . . . . . . . . . . 476 66. Era Glaciale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 482 67. Falesia delle Marmotte . . . . . . . . . . . . . . . . . 494 GRIGNONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 498 68. Amore e Psiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 500 69. Falesia dei Lares . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 508 70. Sasso Carlano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 514 71. Esino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 516 72. Animal House . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 522 TRIANGOLO LARIANO . . . . . . . . . . . . . 530 73. Galbiate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 532 74. Corna Rossa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 558 75. Valle dell’Oro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 562

76. Falesia di San Tomaso . . . . . . . . . . . . . . . . . . 568 77. Torre Marina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 572 78. Corno Rat . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 574 79. Monte Rai . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 582 80. Parete Fasana - Corni di Canzo . . . . . . . . 586 81. Torrione Andrea Casati . . . . . . . . . . . . . . . . 590 82. Civate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 592 83. Laghetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 598 84. Pala dell’Eretico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .600 85. Sasso d’Erba . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 604 86. Falesia del Tramonto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 608 87. Sasso Giallo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 612 88. Sass Tavarac . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 626 89. Scarenna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 630 90. Capre al Sole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 640 91. Gajum . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 644 92. Il Gavatoio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 654 93. Occhiolo e Occhiolino . . . . . . . . . . . . . . . . . 656 94. Valbrona . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 664 95. Valbrona bassa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .674 96. Falesia Visentini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 676 97. Candalino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 688 98. Sasso del tornante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 692 99. Falesia del Leves . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 696 100. Lo sprofondo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 700 101. Falesia del Monte San Primo . . . . . . . . . . 704 SPONDA OCC. LAGO . . . . . . . . . . . 710 102. Carate Urio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 712 103. Mezzegra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 724 104. Grotta di Viano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 736 105. Menaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 738 106. Nobiallo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 744 107. Il Diamante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 750 108. Sasso Pelo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 754 ALTRE FALESIE . . . . . . . . . . . . . . . . 768 5


Mappa generale

107

San Mamete

PORLEZZA

L. di Piano

Cima

Lago di Lugano Osteno

Laino

Lanzo d’Intelvi

San Fedele Intelvi Castiglione d’Intelvi

Argegno

Brienno

Lag

i o d

Nesso

Zelbio Torriggia 102

Laglio

Carate Urio

Moltrasio Rovenna Cernobbio

CHIASSO

6

COMO


Livo

Dosso del Liro

Peglio

108

Arbosto

Naro

GRAVEDONA COLICO

Garzeno Dongo

26

Olgiasca Musso Bellera Calozzo

 2609

Monte Legnone Cremia

Sueglio

DERVIO

di C omo

Rezzonico

Pezzo

BELLANO

go

106

Vendrogno

La

Nobiallo 105

Parlasco

Cortenova

23

Esino Lario

Pino Tremezzo

103

Azzano Mezzegra Lenno

22

BELLAGIO

Cimone di Margno

72

Fiumelatte

Griante

 1805

TACENO

24

VARENNA

104

Margno

25

MENAGGIO

Premana

 1799

M. Muggio

Primaluna

70 71

INTROBIO

68

San Giovanni

66

69

o o m Lezzeno i C

Limonta

Lierna

2410 

Grigna Settentrionale

Lago

101

Vassena

MAGREGLIO

o ecc di L

Civenna 96

99

Barni

93

o

21

MANDELLO DEL LARIO

37

Abbadia Lariana 95 94

Valbrona 97 100

81

Asso 90

CANZO

88 85 87

80

78

91

79

84 86

ERBA

67

Barzio

38

36

 2184

31 Pian dei 30 32 Resinelli 35

17 19 16 15 14 18 13 12 11 10 0708 09 06 92

77

33 34

-Sup.

Ballabio-inf.

27 28 29 02

LECCO

76 75

03

01 04

Valmadrera

83

74 82

Crevenna

65

20

Onno

Caglio

Pasturo

Grigna Meridionale

98

89

58 59-62 Baiedo 63 39-57 64

Civate

73

05

7


Prefazione alla quinta edizione Sono già passati sette anni dalla pubblicazione dell’ultima guida di arrampicate sportive in falesia fra Lecco, Como e Valsassina. Nell’edizione del giugno 2011 di Lariorock Falesie già venivano descritte 99 strutture rocciose, ubicate in un’area geografica ad altissima frequentazione sportiva. Dopo sette anni, il panorama verticale lecchese ha visto numerose variazioni e novità, con un incremento di nuove strutture e con la risistemazione, per interventi a finanziamento pubblico, di molte falesie classiche. La presenza di quasi venticinque nuove falesie, di diversa grandezza e bellezza, e la risistemazione con materiali sicuri e imponenti lavori basali e di accesso, di diverse pareti locali, rende oggi necessaria e utile la redazione di una nuova guida che riunisca in un unico volume, programmaticamente esaustivo nell’anno 2018, tutto il patrimonio verticale delle falesie lariane. Da quasi cento anni le montagne e le rocce comprese fra Lecco e Como rappresentano uno dei principali territori di scalata nelle Alpi: le quote abbastanza modeste, l’assenza di strutture glaciali o prevalentemente nevose, e l’incredibile ricchezza di pareti calcaree ha, nel corso dei decenni, orientato i frequentatori verso l’arrampicata su roccia, che ha avuto qui, indubbiamente, una delle sue culle alpine. La tradizione secolare dei “rocciatori” ha iniziato a svilupparsi sin dai primissimi anni del ventesimo secolo, sulle guglie della Grignetta, con Eugenio Fasana, Arturo Andreoletti, Erminio Dones, Giuseppe Dorn, primi audaci pionieri di una successiva ricerca verticale che non ha fino a oggi mai avuto soluzione di continuità. La grande scuola lecchese di Cassin, Ratti, Panzeri, Vitali, Dell’Oro, Gandin, Esposito ha lasciato, come noto, un segno profondo non solo nella storia alpinistica delle Grigne e del Resegone ma delle Alpi stesse, dove questi personaggi si sono resi protagonisti di salite da subito inserite fra quelle fondamentali nella storia dell’alpinismo su roccia. 8

I successivi decenni, consacrati spesso all’arrampicata mista, libera e artificiale, talora lungo linee molto estetiche e repulsive, hanno fruttato, sulle rocce lecchesi, moltissimi itinerari difficili e non di rado difficilmente chiodabili. Spesso non ripetuti. La fine degli anni sessanta e gli anni settanta videro per contro un ritorno alla ricerca di belle vie in arrampicata libera, nel tentativo di superare, stando al passo con i tempi, il fatidico limite del VI+, messo in dubbio nella teoria e nella pratica da Messner e dai più importanti arrampicatori anglosassoni e americani. La fine degli anni settanta vide nel lecchese l’importazione delle prime metodiche di chiodatura con protezioni fisse, spit, che alcuni arrampicatori locali di punta avevano apprezzato nelle gole del Verdon, tempio e luogo di nascita dell’arrampicata sportiva moderna. La nascita dei primi monotiri a spit segnò un momento cruciale nella evoluzione della cultura alpinistica lombarda: ciò avvenne a Introbio, alla Bastionata del Lago, al Nibbio. Poco dopo, nel 1984, all’Antimedale e a Realba. Nacque così anche nel lecchese, come stava accadendo in varie altre zone italiane (ad esempio, Arco, Finale, Sperlonga), un movimento, inizialmente assai ristretto, di climbers tesi alla ricerca della difficoltà pura e della bellezza del gesto tecnico. Una delle caratteristiche essenziali di questa evoluzione è sempre stata, sin da allora, nel lecchese, l’assenza o quasi, di noiose e tendenziose dispute di finta etica della vetta, fenomeno altrove spesso presente, e ciò ha permesso una tranquilla e armonica crescita parallela sia della dimensione sportiva che di quella più legata all’alpinismo classico su roccia. Nel corso degli ultimi trent’anni il numero delle falesie dedicate all’arrampicata sportiva si è via via moltiplicato, raddoppiandosi negli ultimi quindici, tanto che oggi la zona lecchese presenta una inusuale densità di strutture rocciose brevi con migliaia di monotiri ben attrezzati a fix o resinati. Già frequentata, per la zona della Grignetta, dagli stranieri, sin dagli anni ’30,


l’area lecchese è spesso visitata anche oggi da un pubblico internazionale, di lingua tedesca soprattutto, benché non si registri ancora un affollamento eccessivo come accade in altri santuari dell’arrampicata sportiva italiana. La possibilità di abbinare, nelle diverse stagioni, arrampicata sportiva, arrampicata classica e su vie di più tiri, escursionismo, escursionismo invernale e sci, caratterizza l’area, aggiungendosi alla sua estrema comodità di accesso rispetto alle grandi vie di comunicazione del nord e dalla città di Milano. Non è dunque un caso che queste zone siano state, in un secolo, oggetto di un numero incredibile di pubblicazioni, e che siano unanimemente considerate, sotto la generale dizione “Grigne”, l’area di attività sportiva all’aria aperta più frequentata delle Alpi. Allo stesso modo, anche le moltissime falesie hanno avuto in quasi quarant’anni una grande quantità di descrizioni tecniche, in numerose topoguide, articoli su riviste, siti, congressi e meeting. Il presente volume continua dunque la ormai consolidata tradizione di presentazione, descrizione ed analisi delle falesie lariane iniziato con la prima edizione entro questa collana nel 1997. Le settecentocinquante abbondanti pagine del volume – mole non indifferente per un libro di questo tipo – sono testimonianza evidente di un fenomeno che va oltre gli aspetti meramente sportivi e che assume una notevole importanza sotto diversi ed altri profili, come quello dell’indotto economico legato al turismo sportivo, come quello della frequentazione del paesaggio lariano e dell’affetto per questi luoghi. Arrivando infine anche all’attenzione verso le tradizioni alpinistiche centenarie proprie delle città di Lecco e Milano, tradizioni inscindibili dalle Grigne e dal Resegone, al di là delle differenze fra arrampicata sportiva e alpinismo classico. Come il lettore attento non mancherà di notare, gli autori hanno cercato di raccogliere

il maggior numero di informazioni possibili e hanno volutamente dato ampio spazio agli aspetti iconografici, partendo dalla condivisa idea che delle belle e numerose immagini siano un eccellente stimolo per la frequentazione delle zone rocciose, indipendentemente dal livello tecnico dei praticanti. È necessario, come sempre, infine ricordare qui che questo lavoro è stato possibile solo grazie alla stretta e partecipe collaborazione di numerosissimi arrampicatori ed esperti delle falesie lariane, che si sono dimostrati senza distinzioni di sorta tutti estremamente disponibili e altamente collaborativi. Allo stesso modo essenziale è stata la collaborazione degli attrezzatori delle nuove falesie che, insieme a quelli che nei decenni precedenti hanno chiodato le strutture già esistenti, rappresentano il vero cuore dell’arrampicata in quest’area geografica. Eugenio Pesci, Pietro Buzzoni, 2018

9


Introduzione tecnica Informazioni generali L’area rocciosa compresa fra Lecco e Como presenta una grande densità di strutture rocciose brevi, in genere di altezza compresa tra i 20 e i 70 metri e di pareti di differente aspetto, e di altezza variabile tra i 100 e i 600 metri. La qualità della roccia calcarea è in genere ottima, e in qualche caso eccezionale, con una netta prevalenza di placche grigie verticali, ove è stata sviluppata soprattutto l’arte dell’arrampicata tecnica e di movimento. Anche se gli strapiombi non sono certo la caratteristica essenziale dell’arrampicata nel lecchese, negli ultimi quidici anni sono stati sviluppati diversi settori oltre la verticale, che risultano tra i più interessanti dell’area lombarda e che hanno richiamato anche celebri arrampicatori stranieri. L’esposizione delle falesie è varia ma con una netta predominanza a ovest e a sud, in modo che tutta la zona risulta molto frequentabile e godibile in inverno e soprattutto nelle mezze stagioni, mentre in estate sono poche le strutture ombreggiate e poste a quote superiori ai 700/800 metri. Il tratto caratteristico di queste aree, sotto il profilo sportivo, è tuttavia proprio la contiguità, in pochi chilometri, di pareti di natura alpina, come il Sasso Cavallo e i torrioni della Grignetta, di altre di fondovalle o vicine al lago, come la Medale, il Pilastro Rosso o la stesso Forcellino, e di falesie per ogni capacità. Gli accessi alle falesie non di rado richiedono mezz’ora o più di avvicinamento, anche se numerose sono le strutture a cui si arriva in cinque minuti dall’automobile. Un motivo di ulteriore pregio tecnico della zona è inoltre la vicinanza (1 ora di auto da Lecco) della Val di Mello, mecca europea dell’arrampicata su granito. Note tecniche fondamentali La maggior parte della falesie della zona propone vie per tutti i gusti e di ogni difficoltà. Per quanto sia difficile e poco significativo tentare una classificazione, possiamo comunque proporre la seguente, che ha valore puramente orientativo: - falesie severe, per lo stile, per le difficoltà e/o per le chiodature: Specchio del Grifone (muri strapiombanti, presenza di tiri estremi), Gajum, Valbrona, (strapiombi o muri pesanti, vari tiri di livello 8), Nibbio (sempre grande continuità, anche su gradi

10

medi), Masone (strapiombi estremi e placche molto cattive), Occhiolo (placche ipertecniche di livello 7), Antimedale (placche di difficile lettura, aderenze precarie, spit piuttosto lontani anche sul 6c-7a), Muro Giallo di Galbiate (tiri intensi di livello 7), Sasso Giallo (strapiombi selettivi), Sasso Pelo (muri tecnici che esigono anche forza, molti tiri di 7 e 8). Grotta di Mezzegra, Strapiombo di Mandello, Grotta di Mandello, Sasso Alippi (strapiombi estremi e atleticissimi), Torrette (molti tiri fisici di livello 7), Lago (vie sempre cattive e ostiche, passaggi obbligati). Appartengono a questa categoria anche le recenti falesie dello Sprofondo, di Valbrona Nuova, di Esino Lario, del Sasso del Tornante, severo nel livello 7, e del Candalino, per la sua parte sinistra. - falesie di livello medio, ma che presentano anche tiri difficili, di livello 7 o 8: Lariosauro, Pradello, Versasio, Vaccarese, Scudi di Valgrande, Angelone, Introbio, Campelli, Erna (comunque uno stile di dita che, dal 6c in su, richiede apprendistato), Parete Stoppani, Galbiate, Valle dell’oro, Scarenna, Mezzegra, Pala del San Martino, Fiumelatte, Carate Urio (stile spesso fisico), sino alla bella falesia di Campiano. Fra le falesie degli ultimi anni spiccano in questa categoria Lagoland, il rinnovato settore delle Rocce Basse all’Angelone, la falesia “in quota”di Amore e Psiche, la falesia del Leves, quella di Promesse nel Sole, la Pala dell’Eretico e, parzialmente, e nonostante lo stile muscolare, la Falesia del Monte San Primo, come pure infine la lontana Falesia del Bacc. - falesie consigliabili a chi arrampica sino al 6a, o per principianti e scuole di roccia. Fra queste rientrano anche alcune della sezione precedente: Angelone (aderenza, tecnica di piedi, vari tiri sotto il 5c), Pilastrini di Introbio, Pala Condor, Laghetti, Vaccarese e Scudi di Valgrande, Galbiate (molto unto), Placche del San Martino (ideali per i primi passi), Civate (unto). A queste si aggiunge la divertente Falesia del Tramonto, che ha però anche molti tiri di 6b in placca. - falesie con accesso brevissimo e comodo: Introbio e satelliti, Valbrona, Pradello (Placca del Domenico), Angelone settori bassi (Trittico-Rocce basse), Scarenna, Valle dell’oro, Placca di Varenna, Nibbio,Torrette.


- falesie ideali per fare arrampicare i bambini: Angelone (Placca del Pistolino, Primo Sperone, vie di sinistra, sempre consigliabile il casco); Placche del San Martino, Pilastrini di Introbio, Pala Condor (consigliabile casco), Falesia delle Marmotte, alcuni settori di Galbiate, Barzio-Novelli. La situazione delle chiodature è, ormai quasi ovunque, eccellente, a resinati o fix da 10 mm., spesso recenti. Le soste sono sempre con catena, in genere dunque perfette, ma in qualche caso è consigliabile verificare bene i moschettoni di calata, soprattutto se di aspetto vetusto, o in falesie poco frequentate. Nel dubbio, sempre meglio lasciare un moschettone in più. Allo stesso modo non si può evitare di ricordare sempre di porre attenzione alla posizione, peraltro di rado irrazionale, dei primi tre spit di ogni via, quando è possibile una caduta potenzialmente pericolosa. Nel corso del 2017 ha preso il via la fase operativa di un importante progetto di riqualificazione di alcune falesie lecchesi, voluto e finanziato da Regione Lombardia, Assessorato allo Sport ed alle Politiche Giovanili e realizzato dalla Comunità Montana Lario Orientale Valle S.Martino e dalla Comunità Montana della Valsassina, con la partecipazione del Collegio Guide Alpine Lombardia, il comune di Lecco, la Camera di Commercio di Lecco, la Provincia di Lecco. Questa imponente operazione è stata di fatto concepita ed elaborata attraverso un percorso piuttosto complesso e lungo (partito nel 2013), dove un gruppo di lavoro ha predisposto un piano operativo e attuato delle scelte per la riqualificazione di alcune falesie e dei loro accessi. A far parte del gruppo erano: guide alpine, geologi, i tecnici di regione Lombardia e delle Comunità Montane, ed alcuni dei primi chiodatori delle falesie interessate (aspetto nuovo e non scontato nell’ambito di un progetto così complesso), con Pietro Corti e Pietro Buzzoni a collaborare con le Comunità Montane relativamente agli aspetti tecnico/storici ed a quelli più prettamente operativi delle vie e delle falesie. Per rientrare nel progetto di Regione Lombardia le falesie dovevano avere dei requisiti specifici e determinanti per la loro sistemazione, ovvero: l’interesse e la frequentazione della parete, l’accordo con i proprietari dei fondi dove si trovano le pareti, passare una perizia geologica e far parte di un “sistema” di fruibilità sportiva, turistica, culturale ecc. (ovvero essere una parete vicina a piste ciclabili o impianti sportivi o a luoghi di interesse storico turistico).

Dopo diversi incontri, rilievi e verifiche le falesie scelte sono state individuate in: Galbiate, Civate, Versasio (escluso il settore Silverado), Vaccarese, Masone, Rocca di Baiedo, Angelone (settore Pistolino, Rocce Basse, Primo Sperone e Bikku) Introbio (Sasso, Pala, Muro e Pilastrini) e Era Glaciale ai Piani di Bobbio. Le falesie hanno avuto così un intervento di disgaggio che in alcuni casi si è rilevato decisamente pesante (ma necessario) e di richiodatura (con dei parametri scelti dal collegio regionale delle guide alpine), cercando nel contempo di migliorare le vie correggendo eventuali problematiche (ancoraggi mobili, rinviaggi sbagliati, prime protezioni alte, ecc.), ma senza snaturare le originarie caratteristiche di scalata. Come già detto, nel lecchese e nel comasco sono presenti tutti gli stili di arrampicata, ma ci pare bello ricordare che le vere falesie storiche, dove si sono formati i climber locali, quasi sempre ottimi placchisti, restano quelle, molto “formative”, dell’Antimedale, di Erna, di Introbio, del Lago e del Nibbio. Durante un tour di più giorni in zona, almeno una di esse non dovrebbe mai mancare! In genere i tiri non superano i 30 m., ma una corda da 80m. è altamente consigliata. Accessi e viabilità locale La zona di Lecco e di Como è facilmente raggiungibile sia da sud, ossia da Milano, lungo la Superstrada 36, che si imbocca al termine di Viale F.Testi, o dalla bretella della tangenziale est. Da nord si può giungere a Lecco sempre dalla SS 36, proveniente da Colico. Diverso il discorso relativo ai tempi di percorrenza della SS 36 da Lecco a Milano: nei pomeriggi festivi spesso è facile trovare code all’altezza di Civate. Il traforo del Monte Barro ha migliorato ma non risolto la difficile viabilità della zona lecchese. Da Lecco città tutte le falesie sono facilmente raggiungibili, come indicato nelle singoli descrizioni. Per tutta l’area della Valsassina e anche per quella delle falesie di Erna e di Versasio la situazione viabilistica è molto migliorata da quando è stato aperto il tratto di strada che da Lecco sale a Ballabio attraverso una notevole serie di tunnel. Ciò permette una maggior comodità e soprattutto un rientro molto più rapido anche di domenica o nei festivi, tenendo comunque conto che non è raro incontrare ancora code di automobili all’ingresso del traforo del Monte Barro in direzione sud, o nell’ultima parte del tunnel della nuova strada, ancora in direzione sud, sempre nei festivi, dopo le 5 del pomeriggio.

11


Meteo La zona del lago di Lecco presenta clima ben definito, con inverni spesso mitigati dal calore lacustre, e giornate o periodi secchi e temperati. Spesso, in inverno, mentre nelle vie di Milano si cammina in sciarpa e cappotto fra smog e nebbie, in Medale, al Lago o a Galbiate si arrampica al sole in maglietta. Particolarmente soleggiate sono, in inverno, oltre alle predette strutture, anche il Vaccarese, l’Angelone, la Pala del San Martino, la Parete Stoppani, lo Specchio del Grifone e Campiano. Fresche in estate Parete Fasana dei Corni di Canzo, Valle dell’oro, Nibbio, Valbrona (pomeriggio), Erna, al mattino (ideale, anche se un po’ umido). In inverno spesso la neve copre i dintorni di Lecco, e magnifiche sono le giornate in cui, dopo un bell’avvicinamento nella neve, si

Bibliografia

arrampica, al sole, quasi si fosse in estate, come capita spesso alla Parete Stoppani. Sempre in inverno anche l’Antimedale è spesso molto soleggiata, ma solo fino alle 2 del pomeriggio. Infometeo Fra i siti di riferimento consigliamo: www.arpalombardia.it www.3bmeteo.com www.ilmeteo.it Internet http://larioclimb.paolo-sonja.net (sito di riferimento per il lecchese) www.danzaverticale.it (sito di alpinismo e arrampicata).

* guida escursionistica

Edmondo Brusoni, Guida delle prealpi di Lecco*, 1903 Gianni Barberi, Grigna - Arrampicate Grigna Meridionale, 1925 Silvio Saglio, Le Grigne, CAI/TCI, 1937 Silvio Saglio, Prealpi lombarde da rifugio a rifugio*, CAI/TCI, 1957 Claudio Cima, Le Grigne, Tamari Editori, Bologna 1971 Walter Pause, 100 scalate classiche, Gorlich Editore, Milano 1974 Claudio Cima, Scalate nelle Grigne, Tamari Editori, Bologna 1975 Giancarlo Mauri, Escursioni nelle Grigne*, Tamari Editori, Bologna 1976 Giorgio Tessari, Gian Maria Mandelli, Valmadrera, montagne e it. alpinistici, P. Cattaneo, Oggiono 1979 Alessandro Gogna, 100 nuovi mattini, Zanichelli, Bologna 1981 Andrea Savonitto, La chiusa della Valsassina, Ed. Agielle, Lecco 1981 Gruppo Condor Lecco, Le placche, Studio EmmeBi, Lecco 1982 Sandro Gandola, Sentieri e ferrate lecchesi*, Ed. Il Gabbiano, 1984 Valerio Casari, Lele Dinoia, Arrampicate scelte nel lecchese, Melograno Edizioni, 1985 L. Buzzetti, M. e L. Caenazzo, S. Coradeschi, Valli delle Grigne e del Resegone*, CAI/TCI, 1986 Ivo Mozzanica, Zuccone Campelli, Tipolito Spinelli, Milano 1986 AA. VV., Luoghi della libera. Vol. 1, CDA & Vivalda Editori, Torino 1987 Gian Carlo Grassi, 90 scalate su guglie e monoliti, Ist. Geografico De Agostini, Novara 1987 Eugenio Pesci, “Medale, arrampicare sopra il lago” in ALP, Vivalda Editori, Torino febbraio 1987 Eugenio Pesci: “Il lecchese e la bergamasca” in Luoghi della libera. Vol. 1, Vivalda Editori, Torino 1987 Angelo De Battista, Annibale Rota, Alta Via delle Grigne*, 2a edizione, A.P.T. Lecco, C.M. Lario Or., 1988 Pietro Corti, Paolo Galli, Zucco Angelone e Placche di Introbio, Ed. G. Stefanoni, Lecco 1988 Eugenio Pesci, “Tutti al lago. Novità dalle falesie lecchesi” in ALP, Vivalda Editori, Torino ottobre 1988 Marco Galli, Free climbing a Lecco e dintorni, Ed. Il Gabbiano, 1988 Mario Castiglioni, Arrampicare in Brianza, Ed. Il Gabbiano, 1988

12


Enrico Marcandalli, Giochi di roccia, Ed. Albatros, Valmadrera 1989 Dante Porta, Bruno Morandin, Arrampicare in Grignetta, Ed. Albatros, Valmadrera 1990 Eugenio Pesci, “Arcobaleni di gravità” in Rivista Mensile dei C.A.I., giugno 1990 Dante Porta, Tutto il Resegone, Ed. Albatros, Valmadrera 1990 Annibale Rota, Le Grigne*, 5a edizione, A.P.T. Lecco, C.M. Lario Or., 1991 Valerio Casari, Le perle del lago, Ed. Albatros, Valmadrera 1991 Maurizio Orsi, Val Menaggio e dintorni, Ed. Albatros, Valmadrera 1991 Lorenzo Meciani, Eugenio Pesci, Arrampicate moderne nel lecchese, Melograno Edizioni, 1992 Eugenio Pesci, “Sasso Cavallo. Gigante di calcare” in ALP, Vivalda Editori, Torino maggio 1992 Flaviano Bessone, Falesie. Vol. 1, CDA & Vivalda Editori, Torino 1994 Eugenio Pesci, “C’era una volta in Grigna” in ALP, Vivalda Editori, Torino 1994 Eugen E. Husler, Intorno al Lago di Como*, Rother Editori, Bolzano 1995 Jürg von Känel, Schweiz plaisir OST, Edition Filidor, 1996 Pietro Corti, Grignetta e Valgrande, Grafiche Cola, Lecco 1996 Ruggero Dell’Oro, Valmadrera, escursioni e it. alpinistici, P. Cattaneo, Oggiono 1996 Eugenio Pesci, Bruno Tassi, Bruno Quaresima, Roberto Capucciati, Arrampicate sportive e moderne fra Bergamo e Brescia, Versante Sud, Milano 1996 Enrico Fumagalli, Itinerari nei monti lecchesi*, Elemond Editori, Milano 1996 Eugenio Pesci, “La febbre dell’inox” in Rivista della Montagna, Centro Documentazione Alpina, Torino 1996 Pietro Corti, Bruno Quaresima, Roberto Capucciati, Edgardo Quadri, Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como, Versante Sud, Milano, 1997 Ivo Mozzanica, Itinerari in Valsassina e Valvarrone*, Elemond Editori, Milano, 1997 Jürg von Känel, Schweiz plaisir SUD, Edition Filidor, 1998 e 2000 Eugenio Pesci, Le Grigne. Guida dei monti d’Italia, CAI/TCI, 1998 Ivo Mozzanica, Itinerari nel triangolo lariano*, Elemond Editori, Milano, 1998 Ornella Gnecchi, Rifugi lecchesi, Vol. 1, 2, 3*, Casa Ed. Stefanoni, Lecco, 1999/2000 Pietro Corti, Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como, Versante Sud, Milano 2001 Jürg von Känel, Schweiz extrem Band 2, Edition Filidor, 2001 AA. VV., Le Grigne, monografia in ALP – Grandi Montagne, Vivalda Editori, Torino novembre 2001 Pietro Corti, Marco Anghileri, Grignetta un secolo di arrampicate, Comunità Montana Lario Occidentale, Lecco 2003 Pietro Corti, Grignetta e Medale, Comunità Montana Lario Occidentale, Lecco 2005 Eugenio Pesci, Arrampicate sportive tra Lecco e Como, Versante Sud, Milano 2006 (2a ed. 2007) Piermauro Soregaroli, Grigne. Guida escursionistica e alpinistica della Grigna Settentrionale, della Grigna Meridionale e del Coltignone, Nord Press, Chiari (Bs) 2006 Pietro Buzzoni, Andrea Spandri, Giuseppe Carì, Calcare d’autore. Arrampicare nella Grigna dimenticata e sconosciuta - Bellavite, Missaglia (Lc) 2007 Eugenio Pesci, Grigne Forever in ALP – Arrampicata, n.247, Vivalda Editori, Torino novembre 2007 Pietro Corti, Arrampicare intorno al Lario Orientale, Novantiqua Multimedia, Lecco 2008 AA. VV., Riccardo Cassin, monografia in ALP – Ritratti, Vivalda Editori, Torino settembre 2008 Pietro Buzzoni, Il gruppo dei Campelli, Cattaneo Paolo grafiche, Oggiono (Lc) luglio 2009 Eugenio Pesci, “100 falesie per tutte le stagioni. Novità dall’area lecchese” in ALP 285, Vivalda Editori, Torino 2012 Eugenio Pesci, “Lario multipitch. Breve viaggio tecnico storico sulle pareti lecchesi” in ALP 284, Vivalda Editori, Torino 2012 Eugenio Pesci, Pietro Buzzoni, “Lecco multipitch. Nuove vie fra Grigne, Campelli, Resegone” in Montagne 360, La Rivista del Club Alpino Italiano, giugno 2016, pagg. 30-38 Matteo Bertolotti, Prealpi lombarde, Alpine Studio, Lecco 2017 Bruno Quaresima, “Pungitopo” in SPIT Il giornale dell’arrampicata, n. 5, Barbero Editori, Torino 2018 Bruno Quaresima, “Era Glaciale” in SPIT Il giornale dell’arrampicata, n. 7, Barbero Editori, Torino 2018

13


Breve storia dell’arrampicata sportiva nelle falesie attorno al Lario a cura di Eugenio Pesci

È difficile sapere con certezza quando iniziò l’arrampicata sportiva in Lombardia: in effetti, già negli anni settanta erano stati fatti numerosi tentativi di arrampicata in libera su vie ove in alcuni punti si usavano le staffe o si tiravano i chiodi. Benché si tratti di un fenomeno storico diverso dall’arrampicata sportiva odierna su monotiri protetti a spit, questa pratica ha costituito sicuramente l’antefatto e per certi versi la matrice di quanto è accaduto poi nelle falesie. In realtà, l’arrampicata in libera su strutture brevi, come pure il sassismo, era già ampiamente praticata sia in Europa che oltreoceano, fin da epoche lontane: i passaggi superati al Nibbio da Comici a metà degli anni trenta ne sono la prova evidente, così come le difficili scalate sulle torri di arenaria in Boemia, ove si sfiorò e si superò il VII già nel dopoguerra. In questo senso, in Lombardia dopo il 1975 vi fu come noto una recezione molto forte del freeclimbing, non solo in relazione all’uso di dadi e friend, ma soprattutto per quanto riguarda l’abolizione dell’artificiale. Ciò che è interessante è che si cercò subito di portare quest’ottica anche su itinerari molto brevi: il protagonista indiscutibile di questa fase fu il milanese Ivan Guerini, che non solo libe-

14

Don Butturini, Marco Ballerini, “Ciusse” Bonfanti, anni ’80

rò varie vie lunghe sulle pareti lecchesi, ma che, forte di una preparazione psicofisica che aveva pochi eguali nel panorama alpinistico italiano dell’epoca, riuscì anche in libera su alcuni tiri difficili del Sasso di Introbio, la prima vera falesia lecchese. Guerini si spinse di sicuro oltre il 6b odierno, con puntate sul 6c, scalando con scarpette da ginnastica risuolate con gomma air-lite, o con le prime scarpette a suola liscia. Fu probabilmente attraverso l’azione di Don Agostino Butturini, lecchese, che alla fine degli anni settanta e nei primi anni ottanta alcuni ragazzi della zona si avvicinarono a un’idea più moderna di scalata, in genere proprio a Introbio, sulla Rocca di Baiedo, e sulla liscia placca d’aderenza posta vicino a Introbio e tutt’oggi frequentata. Al gruppo lecchese di Don Butturini si affiancava quello milanese di Guerini e Savonitto, quello di Paderno Dugnano, a cui facevano riferimento allora Ivano Zanetti, Franco Banal, Tiziano Capitoli, Renato Comin. Praticamente tutti questi giovanissimi arrampicatori furono presto attratti dalle meraviglie verticali delle placche del Verdon, ove si disimpegnarono egregiamente, imparando i trucchi dell’arrampicata libera moderna e salendo nelle difficoltà, fino verso il 7a. Alcuni,

Andrea Savonitto


come Marco Ballerini, Lele Dinoia, già rocciatore navigatissimo, e pochi altri, importarono nel lecchese l’uso dello spit, a Introbio (Oltre Il Tramonto) e quasi subito al Lago e al Nibbio. Intorno al 1983, il caricamento del file francese nella zona di Lecco poteva dirsi concluso, e di lì a poco lo sarebbe stato, attraverso Bruno Tassi “Camos” e Vito Amigoni, anche nella bergamasca con la nascita della falesia di Cornalba. Si aprì allora la prima fase, pionieristica, delle falesie lecchesi: Introbio fu tempestato di vie, spesso molto difficili e ipertecniche. L’Antimedale, nuovo santuario simil-verdoniano con un’antologia di movimenti cerebrali e di lunghi voli per gli spit distanti. Il Nibbio per le prime fresche scalate estive su struttura che allora appariva assai strapiombante e fuori dagli standard ortodossi. Molti furono i nomi che si distinsero in questa fase, spesso figure ancora oggi molto presenti nell’arrampicata lecchese e comasca: Ballerini, Dinoia, Bonfanti, Dallona, Casari, Besana, Villotta, Comin, Stoppa, Sala, Rossetti, Savonitto, Mozzati, Fioravanti, Crotta, Magni, Cogliati, Valsecchi, Massimo Colombo, Dondi e tanti altri che non è ora qui possibile elencare. Quello che è certo è che la loro attività divenne ben presto attività di esplorazione di nuovi settori, come lo Zucco dell’Angelone, Realba, Baiedo, in modo che il panorama verticale delle strutture brevi cominciò anche nel lecchese a diversificarsi, mentre il livello tecnico saliva la china del numero 7, arrivando a qualche raro 8a, intorno al 1984/85. A partire dal 1986/87 ci fu un rapidissimo incremento del numero di falesie lecchesi, coincidente con il boom mediatico dell’arrampicata sportiva che veniva allora pubblicizzata come un’attività per tutti, quasi fosse il ciclismo o la corsa a piedi. Vennero così iniziate delle imponenti chiodature sistematiche, su nuove strutture, e per merito di pochi scelti artefici: il gruppo di Marco Galli, talentuoso e giovanissimo lecchese, con Plumari, Gorla e altri valorizzò le placche di Erna. Alessandro Ronchi sul finire degli anni ottanta passò alla produzione industriale, con materiali offerti da sezioni del C.A.I.: a lui si devono le attrezzature del Vaccarese, degli Scudi di Valgrande, di Civate, di Galbiate, di Pradello. Non contento, qualche anno dopo le richiodò a resinati. Un lavoro titanico sempre ben svolto e con grande umiltà. A Ronchi si affiancò quasi subito in direzione autonoma il lecchese Delfino Formenti, “Delfix”, che riuscì sempre da solo nella chiodatura della Valle dell’Oro, di Versasio, della Corna Rossa di Valmadrera e infine, nei primi anni novanta, del capolavoro assoluto della Parete Stop-

Delfino Formenti

Marco Galli

Mario Giacherio

15


Breve storia dell’arrampicata sportiva nelle falesie attorno al lario 16

Lele Dinoia

Matteo Maternini

pani. Al di là del lago la falesia di Scarenna, storica palestra dei rocciatori di Erba e dintorni, venne tempestata di vie, brevi ma molto intense, diventando presto frequentatissima, molto unta e temuta. Si può dire con certezza che questa seconda fase, che va all’incirca dal 1987 al 1993 ha rappresentato il cuore e lo sviluppo dell’arrampicata sportiva nelle falesie di quest’area che già in questi anni poteva essere considerata la terza forza in Italia, come territorio, per questa disciplina, dopo Finale Ligure e Arco di Trento. Anche la diffusione delle informazioni sull’area lecchese assunse in questi anni un ritmo talora frenetico con pubblicazioni di topoguide e di articoli su riviste specializzate, cosa che portava spesso a Lecco i fuoriclasse dell’arrampicata italiana ed eu-

ropea, soprattutto in considerazione della presenza in zona di molte delle principali aziende e sponsor tecnici del settore. Ciò provocò un aumento del livello tecnico di punta, con la ricerca di strutture molto strapiom- banti da parte di top climber come il giovane Stefano Alippi, di casa al Nibbio ma orientato verso le gare sul sintetico, attività in cui fu ai massimi livelli mondiali per parecchi anni, come Aldo Rovelli, iperspecialista di muri strapiombanti esplosivi, o come Cristian Brenna, forse il più forte arrampicatore lombardo di sempre. Intorno a loro si fortificò un movimento di arrampicatori assai capaci per i quali il livello 8 era pane quotidiano. Da tutto ciò vennero le selettive falesie di Gajum, di Valbrona, del Sasso di Mandello e, nell’alto lago, di

Stefano Alippi

Marco Ballerini


Raffaella Valsecchi

Flavio De Stefani e Alessandro Ronchi

Mezzegra. Terminata questa fase intermedia, verso il 1994, si aprì un periodo di relativa stasi, interrotta solo da richiodature o da chiodature di belle falesie talora però piccole, ad esempio l’Occhiolo, o di non facile avvicinamento, come quella di Fiumelatte. Sul versante comasco, tecnicamente dominato sui gradi dal fortissimo Gino Notari, furono molto attivi in quegli anni Lele Gerli e Matteo Maternini, peraltro molto legati al gruppo di Aldo Rovelli, e in seguito protagonisti della valorizzazione di Carate Urio insieme a Notari stesso. Nella seconda metà degli anni novanta, nelle falesie lecchesi si poteva tangibilimente e finalmente constatare una buona presenza femminile, modesta nel periodo precedente, e in linea non solo con la tendenza francese o tedesca ma

anche con quella rilevabile nelle non lontane Finale o Arco. Già dalla fine degli anni 80 in Lombardia c’erano state alcune rarissime eccezioni, come quelle di Giuliana Scaglioni e Nicoletta Costi, milanesi, che già si muovevano sul 7a, fino al caso più unico che raro di Raffaela Valsecchi, prima donna italiana a riuscire su un 8b (Jedi a Cornalba, nel 1990), garista di livello mondiale e in assoluto la miglior arrampicatrice italiana di sempre insieme a Luisa Jovane. Nelle falesie storiche altri tiri si aggiunsero a quelli vecchi, di solito per opera dei locali che avevano elevato queste strutture a luoghi di culto: così accadde al Lago, al Nibbio, e con una richiodatura di Ronchi e De Stefani, a Erna, che ritornò a nuova vita. Un’ulteriore fase tra il 1998 e il 2003 vide attivi altri gruppi,

Tono Cassin

Paolo Vitali e Sonja Brambati

17


Breve storia dell’arrampicata sportiva nelle falesie attorno al lario 18

Cristian Brenna

Pietro Buzzoni

come quello di Pedeferri, Soldarini, Pizzagalli, Vago e altri, che si dedicarono alla scoperta di nuove falesie (in primo luogo lo splendido Sasso Pelo, vero laboratorio del grado 8 su muro verticale). Ronchi si arrese invece all’immane fatica sostenuta, entrando in una fase di meritato riposo, mentre Delfino Formenti non smise l’attività di esplorazione. Ma solo dopo il 2004 si ebbe una nuova fioritura di falesie con un gran numero di strutture interessanti e di tutti i livelli: Formenti nella zona a destra della Bastionata del Lago: Lariosauro, Isola dei Gabbiani, Lo Cubano, Strippopollo, Branchiosauro. Il suo gigantesco lavoro, unito alla richiodatura fatta a suo tempo da Ronchi a Pradello, alla risistemazione delle vie del settore Pilastro Rosso (Riva-Alippi) e alle vie della Bastionata ha prodotto una costiera unitaria di livello nazionale con centinaia di tiri di corda, che richiama ormai un pubblico molto ampio. Al contempo in Valsassina si è avuta negli ultimi quindici anni una vera moltiplicazione delle falesie, innanzitutto con la richiodatura integrale dello Zucco dell’Angelone da parte delle Guide Alpine locali, cosa che ha prodotto una frequentazione eccezionale del luogo. Inoltre sono nate le splendide falesie di Masone e del Grifone, oggi molto alla moda e capaci di offrire itinerari di alto livello. A esse si sono affiancati nuovi settori all’Angelone, come il Muro del Pianto o il Muro Shakespeare, che rendono il luogo completo. Chiodature queste dovute tutte a Pietro Buzzoni, Andrea Spandri, Adriano Selva, Gianfranco Tantardini, Giovanni Nicoli e alcuni altri amici. Non mancano strutture iper frequentate, come la comodissima falesia della Discoteca, sul

lago, valorizzata ancora da Formenti e già quasi bruciata dall’unto, o caratteristiche come il Solarium, che propone vie intense e allenanti, o come Campiano, che, nei bei panorami dei 1300 metri del Pian dei Resinelli offre tiri interessanti e mai banali, per merito di Paolo Vitali e compagni, tra cui Pietro Corti, che già si erano resi molto attivi gli anni precedenti con le belle falesie della Pala del San Martino e delle Torrette sopra Ballabio. Negli anni intercorsi fra la prima edizione del presente volume e quest’ultima (2011-2018) sono state attrezzate nel lecchese e nel comasco quasi trenta nuove strutture di arrampicata, sono stati aggiunti numerosi monotiri sparsi in strutture più o meno classiche e sono stati svolti imponenti lavori istituzionali, a finanziamento pubblico, per la richiodatura a fix inox, la sistemazione e la messa in sicurezza di diverse falesie della zona. Fra le novità più recenti vanno sicuramente segnalate la Falesia del Monte San Primo, che si propone con i suoi muri verticali a buchi, come la principale novità di questi ultimi anni: il ciclopico lavoro portato a termine con assoluta maestria da Adriano Carnati, coadiuvato da Marco Brambilla ha prodotto una falesia molto interessante e, soprattutto, adatta alle calde giornate estive. A seguire ricordiamo il completo restyling delle Rocce Basse allo Zucco dell’Angelone, con quasi quaranta tiri di corda, tecnici, su roccia eccezionale, perfetti per le soleggiate giornate di inverno. Nella zona del lago le belle placche di Promesse nel Sole e del Pungitopo, comode e fruibili soprattutto nelle mezze stagioni, offrono bei tiri nel livello 6. Allo stesso modo assai interessanti, anche se con avvicinamenti non brevi, risultano la Pala


dell’Eretico e la Falesia del Bacc. Particolare, per la sua posizione sospesa, il Muro di Halloween, sopra Ballabio, attrezzato da Eugenio Pesci, ove si trovano quindici vie di livello 7, piuttosto scontrose e molto lunghe. Fra le nuove falesie di alta difficoltà spiccano quella di Valbrona Nuova, frutto del lavoro di Mauro Sormani, Marco Vago ed altri, con molti tiri di livello 8 e oltre, lo Sprofondo chiodato e valorizzato da Aldo Rovelli, per concludere con il Candalino e il Sasso del Tornante, attrezzate da Gino Notari e Gianmarco Rovagnati. Vi sono poi parecchie altre falesie di dimensioni piccole o medie (meno di 20 tiri circa): fra queste menzioniamo la Falesia dell’Eco in Valsassina, la Falesia del Brigante, la Placca dei Novelli a Barzio, la splendida falesia-roccia perfettadi Amore e Psiche sul Grignone, per concludere con l’Occhiolino e il Gavatoio sulla sponda sinistra del lago. Interessante e nuovissima la Falesia del Leves sopra Onno. Fra le strutture rivisitate dobbiamo qui citare soprattutto lo Scivolo striato (Acapulco), Fiumelatte, il Sass Negher, le Torrette (nuovi tiri di livello 8 a cura di Aldo Rovelli), il Sasso Muschiato e quello dell’Edera sopra Erba, per concludere con la Falesia di Esino che si è arricchita di altri tiri di alto livello. Una menzione particolare merita infine la Falesia dell’Era Glaciale, ove, nell’ambito di un progetto di richiodatura, sono stati aggiunti molti monotiri assai belli, che fanno di questa struttura, posta in estetico ambiente alpestre, un luogo di scalata da non mancare durante l’estate, con tempo caldo. Nel complesso, non potendo qui citare nel dettaglio tutte le novità, si può affermare che l’attività di sviluppo delle strutture verticali lecchesi e comasche negli ultimi sette anni è stata continua, e ha visto protagonisti di questi difficili ed impegnativi lavori che stanno alla base dell’intero movimento arrampicatorio locale, nuove figure di chiodatori, disgaggiatori, pulitori, faticatori, e soprattutto appassionati scopritori. A loro deve andare tutta la riconoscenza di chi scala su queste rocce. Non possiamo dimenticare infine che i due massimi chiodatori storici della zona, Delfino Formenti ed Alessandro Ronchi sono ancora attivi, il primo per la richiodatura di tutta la Parete Stoppani e di altre sue falesie, lavoro gigantesco ed encomiabile, il secondo, ritornato sulle rocce dopo un periodo di riposo, per la risistemazione di parte di Pradello e per la chiodatura di una nuova falesia sempre nella medesima area. Tra le figure che lavorano spesso, nell’interesse di tutti, nella risistemazione di soste o spit vetusti, spicca, fra gli altri, Mario Giacherio, attivo a

Pradello e nei classici settori del lago. Vi sono infine da ricordare pochissime falesie che per vari motivi non è stato possibile inserire in questo già ponderoso volume, come la Falesia dei Corni di Canzo, la zona degli strapiombi del Buco del Piombo. Concludiamo con le stesse parole usate nel 2011 alla fine di questa disamina tecnica: anche se apparentemente le strutture chiodabili appaiono sempre meno, nel lecchese ve ne sono ancora molte, e alcune sono in fase di chiodatura. Si tratta spesso di strutture di medie dimensioni, fra i dieci e i venticinque tiri, che non di rado necessitano di pesanti lavori di pulizia e sistemazione. Di certo il numero globale delle falesie della zona lecchese e comasca, ormai ben superiore alle cento, testimonia, come per altre zone storiche verticali, quali Arco di Trento o Finale Ligure, il definitivo passaggio ad una seconda fase della storia dell’arrampicata sportiva all’aperto: a più di trent’anni dalle prime chiodature il periodo pioneristico si è concluso e ciò appare evidente sia dalla mole delle topoguide di riferimento, sia dalla continua necessità di monitoraggio della sicurezza delle protezioni fisse, sia infine per il massivo aumento del numero dei praticanti, in un periodo in cui l’arrampicata, in procinto di diventare disciplina sportiva olimpica, interessa e coinvolge fasce sempre più ampie di persone di ogni età.

19


I tiri più duri MASONIAMOCI RITI TRIBALI SANISSIMI E BELLISSIMI MAKE A WISH RENEGADE ADRENALIZED IL GRIGIO MISTICA ANARCHIA THE CANNIBAL BAGDAD CAFÈ ACHTUNG BABY ALLUNGATA SANI E BELLI INTO THE WILD SITOS IL PICCOLO PRINCIPE AGARRA L’ONDA PAPIROSKA ALLA RICERCA DELLA VENTURA UN PO’ DI BIANCO, UN PO’ DI NERO ASADO LA RABBIA E L’ORGOGLIO SI, YES, OUI, DA (L2) UN DONO D’ALI (L2) SILKWORTH IL PARASSITA ARCUATORE TRAFFIC JAM HITMAN LAMBRETTA NEMESI IMPACT IL MERCANTE DEL SESSO NONONONO JUMANJI AUDIO DUE ANCHE QUI DI TUTTO UN PO’ SYSTEM TASK REAL TIME THUNDER STRUCK PLAYTEX TURNÈ ACHTUNG BABY BOOMBASTIC

20

8c+/9a 8c+ 8c+ 8c+ 8c 8c 8c 8c 8b+/8c 8b+ 8b+ 8b+ 8b+ 8b+ 8b+ 8b+ 8b+ 8b+ 8b+ 8b+ 8b+ 8b+ 8b+ 8b+ 8b+ 8b+ 8b+ 8b/8b+ 8b/8b+ 8b/8b+ 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b

Masone Specchio del Grifone Valbrona Grotta di Mandello Gajum Diamante Sasso Pelo Le Torrette-3° Piano Sasso d’Introbio Sasso Alippi Masone Gajum Valbrona Grotta di Mandello Grotta di Mandello Gajum Nobiallo Sasso Pelo Sasso Pelo Sasso Pelo Esino Animal House Specchio del Grifone Specchio del Grifone Gajum Alta Valbrona Bassa Valbrona Bassa Grottone di Pradello Esino Valbrona Bassa Grotta di Mezzegra Sasso Pelo Specchio del Grifone Diamante Valbrona Nibbio Strap. di Mandello Grotta di Mandello Grotta di Mandello Sasso Alippi-Galli Scudi di Valgrande Capre al Sole Gajum Severino Gajum

Adam Ondra 2009 Adam Ondra 2009 Aldo Rovelli 2010 Luca Passini Aldo Rovelli 1995 Gino Notari Simone Pedeferri Aldo Rovelli 2017 Aldo Rovelli 2017 Aldo Rovelli 1995 Adam Ondra 2009 Aldo Rovelli Gino Notari Luca Passini Stefano Alippi Stefano Alippi Gino Notari Simone Pedeferri Simone Pedeferri Simone Pedeferri Alessandro Passoni Adam Ondra 2010 Nicola Vonarburg 2012 Nicola Vonarburg 2012 Stefano Carnati 2015 Nicola Vonarburg Mauro Sormani Aldo Rovelli 2017 Alessandro Passoni Daniele Puerari Gino Notari Simone Pedeferri Adam Ondra 2009 Gino Notari Gino Notari Claudio Piscina Stefano Alippi Stefano Alippi Stefano Alippi Stefano Alippi Stefano Alippi Valerio Casari Scassa S. Alippi/Cristian Brenna


ZELIG KAMIKAZE UNDER ATTACK THE JAKAL MILLENNIUM TITANIC PSHYCO KILLER THE LOOP BOUNTY KILLER DIRETTA SLAVASCION CON VAR. CENTRALE MERENGUE TAKE IT EASY MOBY DICK IL SOGNO DI BALDO GREGORIO ATRAZINA-variante alta MEDIO CLIMBER DIRTY DANCING L’UOMO CADUTO SULLA TERRA UN GIORNO DA LEONI LAKOTA LA BANANA MADIDEA LA FATA

8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b 8b

Gajum Mezzegra Grotta di Viano Grotta di Viano Porlezza Campelli Grotta di Mezzegra Grotta di Mezzegra Menaggio Nibbio Esino Esino Esino Animal House Parete Stoppani Le Torrette-Terzo Piano Angelone-Rocce Basse Esino Capre al Sole Capre al Sole Valbrona Bassa Valbrona Bassa Valbrona Bassa Valbrona Bassa

Adriano Carnati Simone Pedeferri Gino Notari Gino Notari Gino Notari Stefano Alippi Matteo Bernasconi Gino Notari Gino Notari Giovanni Bettoschi 2010 Alessandro Passoni Alessandro Passoni Alessandro Passoni Adam Ondra 2010 Emanuele Pomi 2014 Aldo Rovelli 2017 Aldo Rovelli 2018 Alessandro Passoni Simone Pedeferri Simone Pedeferri Giacomo Rusconi 2009 Claudio Arrigoni Mauro Sormani 2009 Mauro Sormani 2014

21


04

Lecco > Resegone

PARETE STOPPANI 1150 m

La Parete Stoppani è un bellissimo specchio di eccellente calcare grigio e giallo posto a poca distanza dal rifugio Stoppani, sul Pizzo d’Erna, in posizione soleggiatissima e panoramica. Delfino Formenti, a partire dal 1992, ha attrezzato, da solo, a fix e catene, circa 50 tiri di corda, monotiri e vie fino a 5 lunghezze, con un lavoro titanico e perfetto. È nato così uno dei più bei siti lecchesi di arrampicata, con innumerevoli possibilità per tutti i gusti, a partire dal 6a e con livello medio 6b/7a. L’arrampicata è varia, di dita e resistenza. Esposizione sud-est, eccellente in inverno, quando si può arrampicare in maglietta mentre le montagne circostanti sono innevate. Si trova spesso, in inverno, neve alla base, e sul sentiero. Falesia comunque interessante anche nelle mezze stagioni. Torrida in estate. La roccia asciuga in genere abbastanza in fretta. Pericolo di caduta sassi in caso di affollamento; casco consigliato sulle vie di più tiri. Vengono qui descritte anche le vie di più tiri (fino a 5) che hanno però carattere strettamente sportivo ed un’attrezzatura sistematica a fix, e sono abbinabili in giornata con eventuali monotiri. Nel 2014-2015 Delfino Formenti ha rinnovato con un grande lavoro i materiali fissi e ha chiodato diverse nuove lunghezze nel settore sinistro e centrale. Il medesimo, nel 2016 e 2017 ha rivisto, sistemato e integrato il settore destro.

altitudine

SUDEST esposizione

ÙÙÙÙ bellezza

ÙÙÙÙ chiodatura

ÙÙÙÙ affollamento

ÙÙÙ comodità

ÙÙÙÙ parcheggio

ÙÙÙ caduta sassi

Pizzo d’Erna

A - Settore principale B - Settore destro

Piani d’Erna

ÙÙÙ roccia unta

50 min

avvicinamento

A

Sì - No

B

Passo del Fo’

principianti

Sì - No

PARETE STOPPANI

si scala con la pioggia

Sì - No

Rif. Stoppani

per famiglie

ferrata

Costa N° 1

65

17 10 11

1 1 2

12

P

funivia

8 1 1

1

<5a 5a 5b 5c 6a 6b 6c 7a 7b 7c 8a 8b 8c 9a ?

58

Versasio

Lecco


ACCESSO Dal piazzale della funivia dei Piani d’Erna (vedi accesso Erna) scendere verso destra lungo una sterrata a un bivio retrostante l’edificio della funivia e prendere un sentierino in discesa che conduce a una strada asfaltata. Seguirla in salita verso destra e al suo termine proseguire poi lungamente per la mulattiera.

A una deviazione continuare a sinistra (n°1) sino alle panoramiche baite di Costa e al successivo rifugio Stoppani; salire in diagonale a sinistra di esso e proseguire nel bosco. Raggiunto un ghiaione si arriva alla base della parete, ben visibile. Per il settore principale costeggiarla a sinistra. Per gli altri salire brevemente verso destra 45 minuti-1 ora. Utili scarponi in inverno.

Pizzo d’Erna

Parete Stoppani

Erna

59


60


Luca Gabaglio, Cherubino, 8a (© R. Felderer)

61


04 Lecco > Resegone  Parete Stoppani

SETTORE PRINCIPALE È composto da una grande parete grigia di roccia eccezionale con una zona con base molto comoda all’estrema sinistra, una zona centrale con vie anche di più tiri e bei monotiri in semiaderenza. Verso destra si trova invece una magnifica fascia verticale o leggermente strapiombante con monotiri di resistenza di livello medio alto. Il settore centrale e quest’ultimo sono i più esposti alla caduta di sassi. 1. IL FANTASMA DI COSTA 6b 20m Tiro vario su gocce e buchi 2. TOTOLO 6b 20m Muro verticale con lame centrali 3. BELLARIP 6c 20m Singolo di dita in entrata 4. PANCIOVILLA 6b+ 22m Boulder in uscita 5. IL CAFFETTINO 5c 16m Tiro sbilenco con tratti fisici 6. LILLI 6a+ 22m Singolo di dita su muretto verticale 7. ERNESTINO 6a 22m Placca con appigli piatti e passo atletico in fessura 8. PRIMIZIA 6c 25m Tiro vario con sezioni su gocce e uscita più fisica, di dita, superabile anche verso destra rientrando poi alla sosta: in questo caso 6b+ 9. EL PAISAN 6c+ 28m Sequenza iniziale molto violenta con singolo di dita, poi bel muro tecnico 10. IL CIUCHINO PARLANTE 6b+ 28m Tiro vario in placca su roccia splendida 11. DESIRÈ L1 7b 25m Fessura obliqua e placca con uscita su microprese L2 6c 15m Placca verticale 12. STRIPPI 7a+ 28m Muro verticale con boulder, poi più semplice 13. ENERGY 6c 26m Pilastro tecnico con un singolo a metà e resistenza più in alto PARETE STOPPANI SETTORE PRINCIPALE

6c

6b

6b

1

62

2

6b+

6c

3 4

5b

5

6b+

6a+

7b

6c+

7a+

6a 6c 6 7 8

9

10

11

6c

13 12


Daniela Ceriani su Desirè, 7b (© S. Fracchia)

63


Lecco

SAN MARTINO

06 07 08

PALA DEL SAN MARTINO PLACCHETTE DEL SAN MARTINO ANTIMEDALE

76 84 88

Antimedale, Fabio Valseschini, Cacauettes, 7a (© E. Pesci)

74


1426 Rif. Porta Rif. Soldanella 1354

PIANI DEI RESINE

LLI Nibbio

C. di Calolden 1455 

BALLABIO SUP.

BALLABIO INF.

M. Coltignone

 1471 1419  Torrione Diaz 1399  Il Coltignoncino

 955

Vetta San Vittore

Dente del Coltignone

1245 

Corno Medale 767 M. San Martino 1046  Rif. Piazza

06

 1029

 914

M. Melma LAORCA Malavedo

08

07 Rancio Versasio Bonacina

La go di

Le cc

Deviscio

o

LECCO

75


06

Lecco > San Martino

PALA DEL SAN MARTINO 400 m

Alla base della Parete Rossa del Monte San Martino, proprio poco a sinistra della grande frana, si trova la bella zona di placche verticali denominata Pala del San Martino. Qui, nel 2004, Paolo Vitali e Sonja Bramati, coadiuvati da Pietro Corti, Vittorio Mantegazza, Franco Vitali, e altri per le opere di sistemazione sentieristica e di pulizia, hanno attrezzato perfettamente, a fix inox, e liberato, una ventina di tiri di corda, di difficoltà varia. L’arrampicata è molto tecnica sulle dita, su un calcare verticale lavorato a reglettes fini e buchetti, che esige a vista una buona lettura dei passaggi e una certa continuità di avambracci. L’esposizione al sole sin dal primo mattino rende il luogo, riparato ma non minacciato dalla parete sovrastante, ideale in inverno e con tempo freddo: il sole cala alle 16 circa. Umido e sconsigliabile in estate.

altitudine

SUDEST esposizione

ÙÙÙÙ bellezza

ÙÙÙÙ chiodatura

ÙÙÙÙ affollamento

ACCESSO Da Lecco salire verso la Valsassina sino a Malavedo, Oltrepassati un supermercato e un’officina per motociclette, che restano a destra salendo, si arriva a una curva: qui scendere a sinistra in via Quarto e, dal successivo piazzale, imboccare la ripidissima strada che sale (sbarra aperta all’inizio) a destra. Dopo circa 150m al bivio prendere a sinistra e proseguire diritti sino a una curva a gomito verso destra, presso una villa posta su un poggio, ove la strada si restringe salendo a destra. Parcheggiare ove possibile, oppure in qualche slargo poco prima senza ostruire la strada e gli ingressi. Scendere 10m per l’asfaltata e prendere a destra, viso a valle, costeggiando la casa (e passando una stanga chiusa), seguendo una strada non asfaltata in discesa. Alla seconda scaletta a destra, senza contare la prima scalinata a sassi che sale a destra subito dopo la villa (indicazioni) salire nel bosco. Seguire la traccia quasi in piano oltrepassando una casetta e raggiungendo il conoide della grande frana. Attraversarlo in obliquo e in due minuti arrivare alla falesia, ore 0.15. In caso di affollamento al parcheggio conviene fermarsi presso la piazzetta posta poco prima della stanga aperta, proseguendo poi a piedi in salita lungo la ripida asfaltata per 300m ca. In questo caso in totale 35 minuti sino alla falesia.

ÙÙÙ comodità

ÙÙÙÙ parcheggio

ÙÙÙ caduta sassi

ÙÙÙ roccia unta

35 min

avvicinamento

Sì - No principianti

Sì - No

si scala con la pioggia

Sì - No per famiglie

6 1

3 2

7

31

9 3

1

<5a 5a 5b 5c 6a 6b 6c 7a 7b 7c 8a 8b 8c 9a ?

76

Eugenio Pesci su, Miròult, 7a (© O. Meloni)


77


78


Corna di Medale

Parete Rossa

Pala del San Martino Rif. Piazza

N° 52

Madonna del Carmine

N° 53 N° 52

Parete rossa

Placche S. Martino Medale

P

PALA

Pizzetti

P

N° 53 P

Valsassina

Valsassina

via S. Stefano

Lecco Rancio Lecco centro

Sondrio

Lecco centro

Milano Nicoletta Soldà su Mushroom, 6c (© P. Buzzoni)

79


61

Lecco > Alta Valsassina

MURO DI INTROBIO 750 m

Il Muro di Introbio è la fascia rocciosa che si trova a monte della più imponente “Pala”; la roccia è buona e le sue vie, anche se brevi, sono molto interessanti e divertenti. In origine la scoperta e la valorizzazione del settore si deve a Don Agostino e ai ragazzi del gruppo Condor che, negli anni 70-80 con un lavoro continuo e tenace, ripulirono e bonificarono l’intera struttura creando un discreto numero di itinerari. Recentemente il Muro è rientrato nel progetto di riqualificazione “Falesie” di Regione Lombardia e quindi ha ricevuto un marcato intervento di pulizia da piante e da massi instabili che, in alcuni casi hanno anche modificato la linea di alcuni percorsi. Viene qui proposta la situazione attuale della parete dopo l’intervento, anche in considerazione del fatto che alcune vie sono state schiodate. Per il comodo accesso e l’ottima chiodatura molti arrampicatori e corsi di arrampicata hanno eletto il “Muro” a meta abituale quindi la falesia risulta spesso affollata. Fa parte del muro anche la placca di “Baby rock” (scritta evidente), che comprende tre brevi vie, caratterizzate dalle modeste difficoltà e dalla roccia ottima.

altitudine

SUD

esposizione

ÙÙÙÙ bellezza

ÙÙÙÙ chiodatura

ÙÙÙÙ affollamento

ÙÙÙ comodità

ÙÙÙÙ parcheggio

ACCESSO Appena più avanti della Pala di Introbio.

ÙÙÙ caduta sassi

ÙÙÙ roccia unta

Introbio

7 min

avvicinamento

Si - No principianti

Rocca di Baiedo

Si - No

si scala con la pioggia

Pala

Pilastrini MURO

Baiedo

Si - No

Angelone P

Sasso Placca Condor

per famiglie

P

Pasturo

21

8 4

6 2

1

<5a 5a 5b 5c 6a 6b 6c 7a 7b 7c 8a 8b 8c 9a ?

454

Barzio

Ballabio - Lecco


1. NINI 3c 20m Muretto verticale atletico 2. CLAUDIA 5c 10m Strapiombo a grosse tasche 3. PEGASO 6b 10m Atletico strapiombo appigliato 4. EXCALIBUR 6a 15m Risalto verticale e traverso sullo strapiombo 5. MATRIX 5c 15m Muretto verticale e strapiombino 6. ODINO 3c 15m Diedrino appigliato 7. JEDI 4c 15m Diedrino e risalti 8. THOR 4c 15m Muretto verticale, e belle lame 9. CAIMAN 4c 15m Diedrino e traverso su belle lame 10. MOLOK 6b+ 15m Muretto verticale appigliato e uscita su placca liscia con singolo di movimento 11. ERILRELUC 6c+ 15m Partenza in comune con la precedente, poi muro verticale molto tecnico e intenso di dita su minime concrezioni 12. SUPERQUINTET 6a 15m Placchetta verticale a buchi 13. QUINTET 5c 16m Muretto a buchi e lame 14. MEFISTO 5c 16m Diedrino con singolo di movimento e placchetta fessurata 15. GIULIO Ă&#x2C6; ANDATO 6a+ 18m Placca tecnica poco intuitiva che sale il lato destro del diedrino 16. SUSY 27 6a+ 18m Placca tecnica con un breve tratto iniziale piĂš fisico 17. ASTAROT 6a 20m Partenza atletica poi bel muro lavorato 18. GIULIA 6a 20m Entrata difficile e placca piuttosto continua. Bella via ma con un tratto iniziale polveroso 19. BABY ROCK 3b 10m Placca adagiata 20. BABY ROCK 4a 10m Come la precedente 21. BABY ROCK 4a 10m Come la precedente

MURO DI INTROBIO

6a

3b

6a 4c 5c 3c

1

4c 6b

5c 6a

2

6b+

3 4

5

5c

4c

6a+

5c

11

3c

6

6c+ 6a

14 7 8

9 10

19

6a+

15

16

17

4a

20

4a

21

18

12 13

455


456


Pala di Introbio, Mauro Lunardi sulla Via del carabiniere, 6a (Š P. Buzzoni) Muro di Introbio, Chiara Donati su Quintet, 5c (Š P. Buzzoni)

457


556 Nome area > settoreâ&#x20AC;&#x192; Nome falesia

Val dellâ&#x20AC;&#x2122;Oro

Civate

00


Corno Rat

Parete Fasana

San Tomaso

Corna Rossa

557


74

Lecco > Triangolo Lariano

CORNA ROSSA 350 m

Piccola e tranquilla falesia, di rilevanza storica, ubicata poco a monte della fraz. Belvedere di Valmadrera. Presenta un bel muro giallastro molto verticale alto 25 m, di ottima roccia a tacchette e non rare prese verticali. Ben frequentata nel tardo pomeriggio delle mezze stagioni e di sabato e domenica, offre una quindicina di tiri,sempre allenanti, che richiedono ottima resistenza di avambracci ma ormai in molti casi estremamente unti. Attrezzatore integrale Delfino Formenti. Chiodatura ottima. Frequentabile tutto l‘anno ma spesso torrida in estate, anche se all’ombra nel pomeriggio. La falesia è su terreno privato. Le vie sono indicate alla base con artistici sassi dipinti.

altitudine

EST

esposizione

ÙÙÙÙ bellezza

ÙÙÙÙ chiodatura

ÙÙÙÙ

ACCESSO Da Valmadrera, abitato posto a 3 km da Lecco, provenendo da Milano (uscita dalla SS36), prendere verso monte Via Leopardi e poi continuare a ds per via S. Carlo Borromeo (indicazioni S.Tommaso). Seguirla sino al piccolo parcheggio della fraz. Belvedere (eventualmente si può parcheggiare lungo la strada qualche curva prima). Proseguire a piedi 50m per una ripida strada sino a una stanga, e qui per un sentierino a sn sin’oltre un ruscello. Proseguire in salita, poi lasciare il sentiero prendendo una traccia a sn nel bosco che, in due minuti, conduce a un saltino con catena e alla placca. 10 minuti. Il sentiero aggira una proprietà privata; non prendere scorciatoie, pericolo, grifone feroce dormiente in loco.

affollamento

ÙÙÙ comodità

ÙÙÙÙ parcheggio

ÙÙÙ caduta sassi

ÙÙÙ roccia unta

San Tomaso

10 min

avvicinamento cappelletta VARS

Si - No principianti

Si - No

P

CORNA ROSSA

si scala con la pioggia

Si - No

fraz. Belvedere

per famiglie

Valmadrera Bellagio via Leopardi

Stazione FS

16 5 1

2

6 1 1

<5a 5a 5b 5c 6a 6b 6c 7a 7b 7c 8a 8b 8c 9a ?

558

Oggiono Milano

Lecco


Marta Pirovano, Il mambruco, 7a+/b (© E. Pesci)

559


LARIO ROCK falesie. Lecco, Como, Valsassina  

’area geografica compresa fra le città di Lecco e di Como, raccolta intorno alle sponde del Lario, vanta da più di un secolo una continua e...

LARIO ROCK falesie. Lecco, Como, Valsassina  

’area geografica compresa fra le città di Lecco e di Como, raccolta intorno alle sponde del Lario, vanta da più di un secolo una continua e...

Advertisement