MOLINI D'ITALIA APRILE 2024

Page 1

ai-lati.com

Sfoglia EFFICIENZA IMBATTIBILE ALLE ALTE VELOCITÀ . SEMPRE PIÙ AVANTI! Tranciatrici veloci, robuste, potenti. www.niccolai.com NUOVA SFOGLIA 1600 980 KG/h 1250 KG/h 750 KG/h NEW!

Molinid’Italia

LA

PROPRIETARIO

Associazione Industriali Mugnai d’Italia Via Lovanio, 6 - 00198 Roma

DIRETTORE EDITORIALE

Andrea Valente Presidente Italmopa

DIRETTORE RESPONSABILE

Claudio Vercellone

DIRETTORE TECNICO

Lorenzo Cavalli Presidente Antim

COMITATO TECNICO EDITORIALE

Carlo Brera

Esperto in sicurezza alimentare

Marina Carcea

Ricercatrice per gli alimenti e la nutrizione, CREA - Roma

Giuseppe Maria Durazzo Avvocato, esperto in diritto dell’alimentazione

Luigi Pelliccia

Responsabile Ufficio Studi e Mercato di Federalimentare

Giovanni Battista Quaglia Tecnologie alimentari

COMITATO DI REDAZIONE

Piero Luigi Pianu

Laura Pierandrei

RELAZIONI INTERNAZIONALI

Alfredo Tesio

REDAZIONE

Lorenzo Bellei Mussini ufficiostampa@avenue-media.eu

Tel. +39 051 6564337

PUBBLICITÀ

Paola Zerbini pizeta@avenue-media.eu

Tel. +39 051 6564348 / +39 339 2381497

EDIZIONE, DIREZIONE, REDAZIONE, PUBBLICITÀ E AMMINISTRAZIONE

Edizioni Avenue media®

Viale Antonio Aldini, 222/4 - 40136 Bologna

Tel. +39 051 6564311

STAMPA: MIG - Moderna Industrie Grafiche

Via dei Fornaciai, 4 - 40129 Bologna

RIVISTA FONDATA NEL 1950

Registrazione Tribunale di Bologna del 31 luglio 1992 n. 6129

Trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Ue 679/2016. L’informativa Privacy è disponibile sul sito di Avenue media www.avenue-media.eu alla pagina “Informativa Privacy Editoria” www.avenue-media.eu/informativa-privacy-editoria

3 APRILE 2024 April d’Italia
Associazione Industriali Mugnai d’Italia
PER
MOLITORIA dal 1950 THE ITALIAN MAGAZINE FOR THE MILLING INDUSTRY since 1950 Editorial EDITORIALE UN CONFRONTO TRA I PROTAGONISTI DELLE FILIERE CEREALI 5 The main players of the cereal supply chain meet and discuss di A.
Features
LA NECESSITÀ
UN COSTANTE DIALOGO TRA GLI ATTORI DELLA FILIERA 36 The need for a constant dialogue between the actors in the supply chain a cura della Redazione Raw materials Materie prime CONSIDERAZIONI SULLA QUALITÀ DEL FRUMENTO DURO. AGGIORNAMENTI 46 Considerations on durum wheat quality. Updates. di L. De Lisio Logistic Logistica FOCUS SUI PORTI COMMERCIALI ITALIANI 56 Focus on Italian commercial ports a cura della Redazione Departements RUBRICHE Facts & News FATTI E NOTIZIE 9 WORLD NEWS 15 Focus on economics FOCUS ECONOMIA 19 Food rules DIRITTO ALIMENTARE 27 Events EVENTI 68 Supplier news LE AZIENDE INFORMANO 75 AGENDA 79 Advertisers list ELENCO INSERZIONISTI 80 Summary SOMMARIO N. 04 April APRILE 2024
RIVISTA ITALIANA
L’INDUSTRIA
Valente
ARTICOLI Italmopa’s pages Spazio Giovani
DI

Un confronto tra i protagonisti delle filiere cereali

The main players of the cereal supply chain meet and discuss

Italmopa, along with AssalzooItalian Association of Livestock Feed Producers - has recently signed a collaboration agreement with CeMI (Commodities Exchange Milan) aimed at promoting the event, now in its fifth edition. CeMI is undoubtedly emerging as a relevant and significant event, which, moreover, takes place strategically close to the

beginning of the marketing campaign for operators working both in the Italian and international cereal supply chain. This opportunity for operators in the cereal supply chains is undoubtedly timely in the light of the current situation, which is characterised by many doubts and fears about the outcome of the next Italian harvests.

ITALMOPA E ASSALZOO AL CeMI PER PARLARE DI MATERIE PRIME CEREALICOLE ITALMOPA AND ASSALZOO AT C eMI TO DISCUSS CEREAL RAW MATERIALS

Italmopa, congiuntamente con Assalzoo - Associazione Nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici, ha recentemente stretto un accordo di collaborazione con il CeMI-Commodities exchange Milano volto alla promozione della manifestazione, giunta ormai alla sua quinta edizione. CeMI si sta indubbiamente affermando come un evento rilevante e un appuntamento di riferimento, che peraltro si svolge strategicamente a ridosso dell’inizio della campagna di commercializzazione, per gli operatori delle filiere cerealicole sia nazionali, sia estere, ma anche per i fornitori di comparti correlati operativi, in particolare, nei settori finanziari e bancari, delle attrezzature

5 APRILE 2024 April d’Italia Editorial EDITORIALE

NON SI VIVE DI SOLO PANE

Componenti essenziali di ogni sistema di trasporto, aspirazione molitoria e industriale creati per garantire performance d’eccellenza.

COMPONENTI PER IL TRASPORTO DELLA SEMOLA E FARINA

Vengono realizzati in:

Acciaio inox aisi 304 BA specchiato negli spessori 10-12-15/10, saldati a TIG con trattamento di lucidatura.

Acciaio al carbonio negli spessori 12-15/10, verniciati a polvere certificata alimentare.

Il tutto nei vari diametri 105-120-150-200-250-300 mm.

COMPONENTI PER L’ASPIRAZIONE MOLITORIA E INDUSTRIALE

Vengono realizzati in acciaio zincato gr.ra Z200 o in acciaio inox aisi 304-316 2B negli spessori 6-8-10-12/10, nei vari diametri e dimensioni sia per prodotti standard Seven che per richieste personalizzate.

COMPONENTI IN ACCIAIO AL CARBONIO

Realizziamo: collettori pneumatici, cicloncini, collettori di linea, tramogge, curve, giunzioni, plenum negli spessori 15-20-30/10, il tutto verniciato a polvere certificata alimentare.

Seven s.r.l. Unipersonale - Via Dell’Industria, 2/C 35012 Camposampiero - PADOVA - ITALY Tel +39 049 8874518 - seven@sevensrl.it - www.sevensrl.it studioverde.it

SINTESI, LA NUOVA LINEA DI MOLINI FAGIOLI

Sichiama Sintesi, la nuova linea di Molini Fagioli, con le due nuove referenze Sintesi e Sintesi con Segale (SinTre), presentate in anteprima al Congresso di cucina Identità Golose andato in scena a Milano dal 9 all’11 marzo scorsi. Prodotti speciali, frutto di macinazione integrata®, con cereali macinati insieme per la prima volta. Una novità Sintesi che unisce grano tenero e grano duro mentre Sintesi con Segale (SinTre), unisce grano tenero, duro e segale. Il molino umbro porta avanti l’importanza di una materia espressione della tutela del territorio, rispetto della tradizione agricola, con l’uso della tecnologia solo per ottenere i migliori risultati.

LE 5 STAGIONI DI AGUGIARO & FIGNA

PROTAGONISTA AL CAMPIONATO MONDIALE DELLA PIZZA

Qualità,

sostenibilità e formazione. Si è aperta all’insegna di queste tre parole chiave il Campionato Mondiale della Pizza per Agugiaro & Figna, la storica azienda molitoria che insieme al suo noto brand di farine “Le 5 Stagioni” è tornata a essere main partner dell’evento internazionale più atteso nel mondo della pizza del 9-11 aprile a Parma. Un legame che oggi si consolida grazie ai valori che l’azienda continua a trasmettere ai pizzaioli e agli operatori del settore attraverso la manifestazione. Anche quest’anno è stata la linea di farine “Le 5 Stagioni” ad affiancare i pizzaioli in gara e a dominare la scena negli spazi della manifestazione e in quelli di una rinnovata Lounge Pizza Stories, l’area dedicata agli iscritti dell’omonima community che unisce tramite passione, conoscenza e condivisione pizzaioli, appassionati, professionisti e distributori del settore pizzeria.

LOMBARDIA, AL VIA I DISTRETTI BIOLOGICI

La Regione ha comunicato le modalità per presentare la domanda di riconoscimento dei distretti biologici, nell’ambito del bando ministeriale aperto il 15 aprile, mettendo a disposizione 15 milioni di euro a livello nazionale. Il nuovo distretto potrà essere riconosciuto a condizione che si sviluppi sul territorio di almeno due Comuni contigui e per una superficie agricola di non meno di 500 ettari o al pari del 3% o più della sau totale del distretto. Inoltre, è richiesta la partecipazione di almeno dieci soggetti, tra singoli imprenditori agricoli biologici, associazioni di produttori, cooperative e consorzi di produzione, preparazione e distribuzione dei prodotti, organizzazioni professionali agricole e associazioni locali di consumatori. Con l’istituzione dei nuovi distretti si punta alla diffusione e all’ulteriore sviluppo delle pratiche agricole biologiche in Lombardia.

9 APRILE 2024 April d’Italia Facts & News FATTI E NOTIZIE

Integrated Automation

Sviluppiamo soluzioni che permettano di ottimizzare i processi produttivi, integrando ogni componente dell’impianto all’interno di un sistema di automazione efficiente e performante.

Applichiamo i principi dell’ Industria 5.0 a tutti i livelli aziendali per rendere il tuo impianto sempre più sostenibile ed innovativo.

A.S.B. AUTOMATION SOFTWARE S.R.L via del Lavoro, 3 – 35010 Vigodarzere (PD) – Ph. +39.049.768180 www.asbautomation.com - info@asbautomation.com

ISMEA: INSEDIATO IL NUOVO CDA, ZAGANELLI CONFERMATA ALLA DIREZIONE GENERALE

Il3 aprile scorso si è tenuta la riunione di insediamento del Consiglio di Amministrazione di Ismea, presieduto dall’avvocato Livio Proietti, nominato presidente dell’Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare con Decreto del Presidente della Repubblica del 22 febbraio 2024. Nella seduta, l’avvocato Gaia Morelli, già membro del precedente CdA, e il Dott. Alessandro Beduschi, Assessore all’agricoltura della Regione Lombardia, nominati consiglieri del Consiglio di Amministrazione Ismea con Decreto ministeriale n. 111261 del 6 marzo 2024, hanno deliberato, su proposta del Presidente, la nomina a Direttore Generale dell’avvocato Maria Chiara Zaganelli, riconfermata nel ruolo, e a vicepresidente di Gaia Morelli.

PANETTIERI D’ITALIA, GAMBERO ROSSO PREMIA LA PUGLIA

Gambero Rosso premia la Puglia e il Salento: sono tredici i panifici di Lecce e provincia che entrano nella nuova edizione della guida Pane & Panettieri d’Italia (la classifica dei migliori panificatori italiani edizione 2024), tre invece le attività in provincia premiate dalla Guida con i Tre Pani, due in provincia di Bari e uno nella Bat. La guida celebra le migliori bakery moderne ma anche i forni tradizionali con tanto di laboratori all’interno e materie di prime di qualità per la realizzazione dei prodotti da forno.

Curve e accessori per il trasporto pneumatico

13 APRILE 2024 April d’Italia Facts & News FATTI E NOTIZIE
...un viaggio
curva dopo curva
straordinario
miozzosrl.com
Nuovo Cda Ismea

Saldatura ad Ultrasuoni della valvola in linea sul nastro trasportatore

Una unica saldatrice per 1000 sacchi/ora

Semplice,
Compatta e Veloce SONSEAL-LIN
Affidabile,
47822 Santarcangelo di Romagna (RN) Italy - Via del Gelso, 12 | T. (39) 0541 624970 - F. (39) 0541 625902 | mail: technipes@technipes.com web: www.technipes.com © 2023G.L. Comunicazione
Stazione d’insacco serie OPTIMA per sacchi a valvola con sigillatura del sacco a ultrasuoni SONSEAL-LIN completo di stazione di paletizzazione RUNNER-A

World News è la rassegna delle notizie dall’Europa e dal mondo sull’agroalimentare. Un punto di vista aggiornato e puntuale su quanto accade in sede comunitaria ed extra-comunitaria, per essere sempre informati sulle dinamiche internazionali in ambito politico, economico e scientifico. Brevi flash che possono risultare di interesse per la filiera - italiana ma non solo - della trasformazione dei cereali.

LE CONDIZIONI DEL GRANO USA MIGLIORANO COMPLESSIVAMENTE

Il 1° aprile il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha ripreso l’aggiornamento settimanale delle condizioni delle colture dopo la pausa invernale della consueta relazione. La valutazione delle condizioni di grano invernale aggregato per i 18 stati di coltivazione del grano (seminato sull’89% di superficie nel 2023) era eccellente per il 7%, per il 49% buono, per il 33% adeguato, per il 7% povero e per il 4% molto povero. Ciò ha segnato un miglioramento rispetto alla relazione finale settimanale del 2023 rilasciata lo scorso 27 novembre, nella quale il Dipartimento aveva valutato il raccolto per il 9% eccellente, per il 41% buono, per il 35% adeguato, per il 9% povero e per il 6% molto povero.

LA PRODUZIONE DI GRANO IN CILE CONTINUA A SCENDERE

Secondo un rapporto del Fas, gli elevati costi di produzione, i prezzi bassi e i margini ristretti per il grano in Cile proseguiranno, provocando così una minore produzione nella campagna 2024/25. Il rapporto, pubblicato il 29 marzo, stima che la superficie coltivata a grano sarà pari a 195.000 ettari, in calo del 2,5% rispetto al 2023/24, spingendo la produzione a 1,17 milioni di tonnellate, a sua volta in calo di 1,2 milioni. Solo il miglioramento delle rese degli ettari coltivati grazie alla maggiore disponibilità di acqua e al miglioramento dell’efficienza degli agricoltori dopo un decennio di siccità mitigherà alcune perdite di produzione.

IL MESSICO NON RINUNCIA AL GLIFOSATO

Per mancanza di alternative migliori, il glifosato continuerà a essere utilizzato nelle coltivazioni messicane. In un comunicato del governo si legge che la data limite per la sostituzione del potente erbicida, accusato da numerose associazioni ambientaliste di avere conseguenze dannose per la salute umana e per l’ambiente, verrà posticipata. “L’esecutivo federale ha deciso di continuare la ricerca di un erbicida ad ampio spettro e a bassa tossicità alternativo al glifosato e in grado di mantenere la produttività”, ha scritto il governo, specificando che “deve prevalere la salvaguardia della sicurezza agroalimentare”. Secondo un decreto presidenziale del 2023, ad aprile l’uso glifosato doveva terminare per essere rimpiazzato da “alternative e pratiche sostenibili e culturalmente adeguate” al territorio del Paese.

15 APRILE 2024 April d’Italia WORLD NEWS
Via Ospedaletto km 1,700C.P. 325 76123, Andria (BT) | Italy Tel. +39 0883 553719/20 | information@ramelettronica.it | ramelettronica.it
RAM ELETTRONICA NEL MONDO

AL RIBASSO LA PRODUZIONE DI MAIS E GRANO IN BRASILE

Acausa delle condizioni meteorologiche avverse legate a El Niño, il Fas ha valutato al ribasso le sue previsioni per la produzione di mais e grano in Brasile nella campagna di commercializzazione 2023/24. Nel suo rapporto Global Agricultural Information Network, pubblicato il 1° aprile, il Fas ha ridotto la sua proiezione di raccolto di mais di 2 milioni di tonnellate rispetto alle previsioni precedenti, portandolo così a 122 milioni, in calo rispetto ai 135,5 milioni del 2022/23. L’agenzia ha anche ridotto le sue proiezioni per le esportazioni di mais del Brasile del 13% a 45 milioni di tonnellate. Per quel che concerne invece il frumento, il rapporto ha osservato che anche la sua produzione dovrebbe diminuire significativamente: da un record di 10,6 milioni di tonnellate a 8,2 milioni.

L’INDIA CHIEDE AI COMMERCIANTI DI EVITARE

L’ACQUISTO DEL GRANO DI QUESTA STAGIONE Reuters

riferisce che l’India sta sollecitando i commercianti nazionali e non di astenersi dall’acquisto del grano di questa nuova stagione da agricoltori locali, poiché sta tentando di ricostituire le sue riserve esaurite. La Food Corporation of India, un ente sostenuto dal governo, ha venduto quantità record di grano negli ultimi due anni per cercare di frenare l’inflazione alimentare, che è salita in parte a causa di colture più piccole negli anni consecutivi a causa del tempo secco. La stessa aveva inoltre vietato le esportazioni di frumento nel 2022, una misura tuttora in vigore. A marzo, le scorte di grano erano a 9,7 milioni di tonnellate, il livello più basso in sette anni. L’India, il più grande paese in termini di popolazione, ha anche il più grande programma di benessere alimentare del mondo, che dà diritto a circa il 60% dei suoi 1,4 miliardi di cittadini di usufruire del grano. Per mantenere il programma funzionante, la FCI deve mantenere grandi riserve di grano.

17 APRILE 2024 April d’Italia WORLD NEWS

Migliora l’e cienza del tuo impianto.

Soluzioni integrate conformi agli standard MOCA

Silos, tubazioni, accessori e un'ampia gamma di macchine realizzate con massima precisione secondo i più alti standard in materia di qualità e sostenibilità.

defino-giancaspro.com
Tubazioni in acciaio inox e aspirazione su coclee farine

2023 “ANNUS HORRIBILIS” PER IL COMMERCIO INTERNAZIONALE

di oltre otto punti in quantità, ha messo inevitabilmente in crisi la spinta produttiva. E questo, anche perché il sostegno dei mercati esteri si è ridotto, riducendo la sua tradizionale forza compensatrice. Va detto in proposito che alcuni osservatori hanno definito il 2023 addirittura come un “annus horribilis” per il commercio internazionale, stante il calo in volume che esso ha accusato, con un -2,2% stimato su base annua. Un segno negativo così marcato si era registrato, da inizio secolo, solo

nel 2009, con la crisi innescata dai mutui subprime, e poi nel 2020, con la pandemia. Hanno faticato quindi le vendite all’estero del Made in Italy, affiancando in questo il trend della Germania, primo esportatore della Comunità, gigante europeo in recessione strisciante. Autorevoli previsioni

pongono comunque alle spalle il punto di svolta, per cui la domanda estera complessiva per l’Italia dovrebbe ritornare a salire nel 2024, con un +2,3% sull’anno precedente, dopo il simbolico +0,1% in valore e il -3,1% in quantità registrati l’anno scorso.

L’export dell’industria alimentare

PRODOTTI

(dinamica indicativa valore unitario)

In questo contesto generale, l’export specifico dell’industria alimentare 2023 ha raggiunto la quota di 52,2 miliardi, con una crescita del +6,6% sull’anno precedente, in netto calo dopo il +18,5% registrato nel 2022 e il +12,4% del 2021. La crescita si è legata tutta all’effetto prezzi, in quanto l’export di settore ha registrato, in quantità, una contrazione del -2,1%, dopo il +3,2% del 2022. Va sottolineato che la forbice 2023 fra i trend dell’export in valuta e quantità è stata nettamente superiore per l’alimentare, con 8,7 punti di differenziale, rispetto a quella complessiva, pari a 3,2 punti. E ciò, a dimostrazione delle specifiche tensioni di costo subite dal settore, accerchiato sul fronte delle commodity agricole e dell’energia. Tuttavia, malgrado questo handicap, il “food and beverage” è riuscito a fare meglio del grande aggregato nazionale. E questo la dice lunga sulla sua capacità competitiva in un anno molto complesso.

L’export del molitorio

All’interno di questo contesto, l’export del comparto molitorio è riuscito a mettere a segno risultati premianti. Esso nel 2023 ha toccato infatti la quota di 619,6 milioni, con un +8,4% sull’anno precedente, cui si è affiancata una quota in quantità di 629mila tonnellate, con un +5,7%. Tutti segni “più”, quindi, migliori del “food and beverage” complessivo, ed una forbice prezzi, esito

21 APRILE 2024 April d’Italia Focus on economics FOCUS ECONOMIA
E
TABELLA 1 EXPORT ALIMENTARE - MONDO - LE DINAMICHE IN VALUTA
QUANTITÀ GENNAIO-DICEMBRE 2023
MONDO Var. % in valuta Gennaio-Dicembre 2023-2022 MONDO Var. % in quantità Gennaio-Dicembre 2023-2022 Differenziale Gennaio-Dicembre 2023-2022
Prodotti vegetali 5,7 -4,3 10,0 Prodotti zootecnici 2,3 -3,8 6,1 Prodotti forestali -8,5 6,2 14,7 Prodotti pesca e caccia 0,1 -4,4 4,5 Tot. Primario 4,6 -4,2 8,8 Riso 17,2 0,8 16,4 Molitorio 8,4 5,7 2,7 Pasta 3,6 -1,9 5,5 Dolciario 9,4 -1,6 11,0 Zucchero 14,7 -16,1 30,8 Carni preparate 8,2 4,6 3,6 Ittico 4,3 -2,9 7,2 Trasfor. Ortaggi 13,3 -4,2 17,5 Trasfor. Frutta 6,3 -2,2 8,5 Lattiero-Caseario 8,7 1,6 7,1 Oli e Grassi 0,1 -8,5 8,6 Alim. Animale -10,9 -8,4 -2,5 Industria enologica -0,3 -0,5 0,2 Birra 17,9 -5,4 23,3 Acquaviti e Liquori 0,6 -8,6 9,2 Alcool etilico 15,9 2,2 13,7 Acque Minerali e gassose 20,9 5,0 15,9 Caffè 6,4 0,0 6,4 Altre Ind. Alimentari 13,9 -1,4 15,3 Tot. Ind. Alimentare 6,6 -2,1 8,7 Tot. Agroalimentare 6,2 -2,6 8,8 Tot. Bil. Commerciale 0,1 -3,1 3,2
Fonte: elaborazione Federalimentare su dati Istat

del confronto tra i delta in valuta e quantità, di soli 2,7 punti, largamente inferiore a quella, pari a 8,7 punti, dello stesso “food and beverage”. Questo fattore è importante, perché è stata proprio la spinta costi-prezzi, assieme alla debolezza della

congiuntura internazionale, a deprimere la domanda estera. Va sottolineato altresì che le importazioni del comparto hanno raggiunto nell’anno la quota di 404,4 milioni, con un +12,0% sul 2022. Ne è derivato un leggero appesantimento del saldo

L’EXPORT

di comparto. Esso ha raggiunto infatti i 215 milioni, con un +2,2% sulla quota dell’anno precedente.

Sfarinati di frumento e altri cereali

Gli “sfarinati di frumento tenero” hanno registrato una quota export pari a 239,6 milioni di euro, con un +5,7%. In quantità, questo segmento ha superato le 295mila tonnellate, con un +4,8%. Gli “sfarinati di frumento duro” hanno segnato una quota export nettamente inferiore, pari a 110,8 milioni di euro, con un esiguo +0,5%. In quantità, essi hanno sfiorato le 147mila tonnellate, con un +12,3%. Infine, il perimetro degli “altri derivati dei cereali” ha toccato la quota maggiore, con 269,2 milioni di euro e un corposo +14,8%. In quantità, esso ha raggiunto le 186mila tonnellate, con un +2,3%.

I paesi destinatari dell’export

Come sbocco leader dell’export aggregato di comparto si è confermata la Germania, con una quota di 184,2 milioni e un

23 APRILE 2024 April d’Italia Focus on economics FOCUS ECONOMIA
2 MOLITORIO - L’IMPORT-EXPORT ANNO 2023 (VALORI, MILIONI DI EURO) IMPORT 2022 IMPORT 2023 VAR. % EXPORT 2022 EXPORT 2023 VAR. % SALDO 2022 SALDO 2023 Sfarinati di frumento tenero 13,9 12,5 -9,8 226,7 239,6 5,7 212,8 227,1 Sfarinati di frumento duro 2,8 8,8 209,3 110,3 110,8 0,5 107,5 102,1 Altri derivati dei cereali 344,3 383,1 11,3 234,6 269,2 14,8 -109,7 -113,9 INDUSTRIA MOLITORIA 361,0 404,4 12,0 571,6 619,6 8,4 210,5 215,2 MOLITORIO - L’IMPORT-EXPORT ANNO 2023 (QUANTITÀ, MIGLIAIA DI TONNELLATE) IMPORT 2022 IMPORT 2023 VAR. % EXPORT 2022 EXPORT 2023 VAR. % SALDO 2022 SALDO 2023 Sfarinati di frumento tenero 19,7 17,7 -10,0 281,9 295,5 4,8 262,2 277,8 Sfarinati di frumento duro 5,1 9,0 77,9 130,6 146,7 12,3 125,5 137,6 Altri derivati dei cereali 254,6 256,8 0,8 182,4 186,7 2,3 -72,2 -70,1 INDUSTRIA MOLITORIA 279,4 283,6 1,5 594,9 628,9 5,7 315,4 345,3
DEL MOLITORIO È RIUSCITO A METTERE A SEGNO RISULTATI PREMIANTI TABELLA
Fonte: Istat
I PRINCIPALI PRODOTTI GENNAIO-DICEMBRE 2023 - MILIONI DI EURO E INC% PRODOTTI Gennaio-Dicembre 2023 Milioni euro Gennaio-Dicembre 2023 Inc% Prodotti vegetali 8.088,2 12,9 Prodotti zootecnici 1.658,3 2,6 Prodotti forestali 208,4 0,3 Prodotti pesca e caccia 437,9 0,7 Riso 939,2 1,5 Molitorio 619,6 1,0 Pasta 4.102,1 6,6 Dolciario 7.050,5 11,3 Zucchero 303,5 0,5 Carni preparate 2.456,5 3,9 Ittico 513,5 0,8 Trasfor. Ortaggi 4.035,7 6,4 Trasfor. Frutta 1.473,3 2,4 Lattiero-Caseario 5.446,3 8,7 Oli e Grassi 3.471,6 5,5 Alim. Animale 1.108,6 1,8 Vini, Mosti, Aceto 8.342,6 13,3 Birra 293,6 0,5 Acquaviti e Liquori 1.829,0 2,9 Alcool etilico 109,2 0,2 Acque minerali e gassose 1.091,1 1,7 Caffè 2.389,7 3,8 Altre Ind. Alimentari 6.622,0 10,6 Totale Ind. Alimentare 52.197,4 Totale Agroalimentare 62.590,2 100,0
TABELLA 3 EXPORT ALIMENTARE - MONDO Fonte: elaborazione Federalimentare su dati Istat

PRECISIONE, SEMPLICITÀ, COMPATIBILITÀ. IN ALTRI TERMINI: THE 6X ®. ORA DISPONIBILE!

Il nuovo sensore di livello radar VEGAPULS 6X è così facile da usare che è un vero piacere. Ciò che ci guida è una tecnologia perfetta e l’obiettivo di rendere la misura a dabile e semplice. Non saremmo VEGA se la tecnologia di misura fosse il nostro unico valore.

VEGA. HOME OF VALUES.

www.vega.com/radar

importazioni siano resi pubblici anche in caso di esiti favorevoli e che lo stesso avvenga per i prodotti nazionali, parimenti controllati. Un nuovo approccio basato non solo sulla comunicazione delle non conformità, ma anche delle conformità potrebbe permettere al consumatore di avvicinarsi all’obiettivo di compiere una scelta consapevole tra gli alimenti sulla base di controlli proporzionali e pubblici.

La questione delle “farine di insetti”

al fine di poterne vantare l’italianità. Quel prodotto, seppure conforme, esattamente come quello importato, risultò non accettato dal consumatore perché decisamente meno attraente, con un guscio fragile, con un aspetto quasi marcescente e altre caratteristiche che non lo facevano preferire a quello proveniente da Paesi extra Ue. Molti consumatori, per continuare a citare quel caso specifico, ipotizzando un difetto qualitativo, si lamentarono e abbandonarono quella merceologia nazionale. La narrazione che separa gli alimenti in “buoni” e “cattivi” - e si potrebbe estendere il tema agli aspetti nutrizionali7 - per categorie rigide è sostanzialmente e logicamente erronea. Un altro effetto che quella narrazione produce nel mondo reale e del diritto è, a mio avviso, nei confronti degli stessi organi di controllo, quindi delle strutture pubbliche, sollecitate a estenuanti attività di vigilanza volte ad accertare eventuali non conformità dell’alimento d’importazione; visto dall’esterno,

verrebbe da ipotizzare che i molti controlli servano anche a dare risposte a una parte del corpo sociale e dei corpi intermedi e in fin dei conti a rafforzare la legittimità di quella funzione pubblica e della stessa attività privata d’importazione. Tutto regolare e normale, seppure talvolta detti controlli non siano coordinati in sede di Paesi Ue (dove ciascuno di essi è portato ad approfondimenti sensibili alle necessità particolari). In tale contesto di controlli, sarebbe auspicabile che fosse accolta la proposta volta a far sì che, con le cautele opportune, gli esiti dei controlli alle

Con la recente approvazione dell’uso alimentare di taluni insetti, nella vulgata la “farina di insetti”8 si è creato un ulteriore elemento di confusione presso il largo pubblico. Vero è che il Legislatore italiano, come pure quello dell’Ue, riferendosi ai quattro insetti alimentari ammessi non usa il termine farina, bensì quello di polvere (certamente meno invogliante per il buongustaio), ma come testimoniano i numerosi articoli giornalistici pubblicati, al momento attuale il termine normalmente associato allo stato degli insetti è quello di “farina”: da cui la nascente preoccupazione da parte dei consumatori che negli sfarinati regolati dal D.P.R. 2001/187 e nei prodotti derivati si trovi, miscelata, la polvere autorizzata d’insetto. Credenza che, se non si farà chiarezza rapidamente, si assommerà a quelle consolidate: si pensi alla vulgata della “farina raffinata” che diffonde un timore di chissà quale trattamento durante la molitura. False informazioni che circolano nonostante

31 APRILE 2024 April d’Italia Food rules DIRITTO ALIMENTARE
IL PENSIERO DEL CONSUMATORE CONDIZIONA IL MONDO DEL DIRITTO

LA NORMA

VIGENTE TUTELA

IL PATRIMONIO

NAZIONALE DI SFARINATI

le tante regole legali che, disciplinando il settore molitorio e più in generale quello della produzione alimentare e dell’informazione al consumatore anche con risvolti sanzionati penalmente, dovrebbero rincuorare il consumatore e quindi determinare la dissoluzione delle notizie false le quali, invece, continuano a trovare tedofori che le diffondono.

Alcuni esempi esteri

Anche se il quadro normativo nazionale che disciplina gli sfarinati non è mutato da anni in Italia, è difficile non osservare come le singole legislazioni nazionali sugli sfarinati valorizzando le produzioni locali talvolta finiscano per penalizzarle, vista l’applicabilità del principio della

libera circolazione tra Paesi Ue. Principio fondante del diritto unionale che permette l’entrata in un territorio statale di prodotto non conforme secondo la norma locale a condizione che però lo sia rispetto a quella dello stabilimento di produzione. La Francia adotta, ad esempio, una specifica definizione di semola di grano

duro di tipo superiore regolata dal Decreto del 27 maggio 1957 (pubblicato il 30/05/1957): quella specifica semola la ritroviamo quale ingrediente obbligatorio in talune paste alimentari vendibili in Francia (si veda il Decreto 55-1175 del 31/08/1955), così costituendo una sorta di barriera alle importazioni visto che

33 APRILE 2024 April d’Italia Food rules DIRITTO ALIMENTARE
AIRFLASH ® ELIMINA PONTI ED IMPACCAMENTI FLUIDIFICA IL MATERIALE PRESERVA LA CAPACITA’ DI STOCCAGGIO DI SILI E TRAMOGGE AZIONE PULENTE RIDUZIONE RISCHIO DI CONTAMINAZIONE Via Lombardia 43 - 24027 Nembro BG - ITALIA Tel. +39 035270820 | barra@barraproint.it www.barraproject.com AIRFLASH® CANNONI AD ARIA COMPRESSA IMPROVING CUSTOMIZED SOLUTIONS FOR MATERIAL HANDLING HALL 8 Stand D51 SAVE THE DATE and VISIT US

se lo sfarinato può circolare la denominazione della pasta non conforme costituisce una limitazione giuridica difficile da superare per i produttori non francesi. Così la norma spagnola del 20169 fissa le caratteristiche degli sfarinati con un’attenzione alla protezione delle farine nazionali. Anche la norma italiana vigente, erede della storica L. 580/67, ha come obiettivo la tutela del patrimonio italiano in tema di sfarinati e alcuni derivati il che potrebbe essere visto come lungimirante atteggiamento ora inquadrabile negli obiettivi della recente legge che contiene “Disposizioni organiche per

(1) Infofarine. Da ultimo si consulti il video della conferenza “Farine: fra verità e mistificazioni. Contrastare le notizie ingannevoli attraverso la conoscenza scientifica”, https://infofarine. it/ consultato il 2 marzo 2024.

(2) Richiamo al mio articolo su “Molini d’Italia” 6/7 del 2020.

(3) D.M. 26/07/2017, successivamente rinnovato più volte e attualmente fino al 31/12/24.

(4) Norme Codex per la farina di grano CODEX STAN 152-198, al punto 3 indica i fattori essenziali di composizione e di qualità e tra essi non vi è alcun riferimento all’origine. Così recita: 3.1 Facteurs de qualité - critères généraux

3.1.1 La farine de blé et tous ingrédients lui étant éventuellement ajoutés doivent être sains et propres à la consommation humaine.

3.1.2 La farine de blé doit être exempte d’odeurs et de goûts anormaux ainsi que d’insectes vivants.

3.1.3 La farine de blé doit être exempte de souillures (impuretés d’origine animale, y compris les insectes morts) en quantités susceptibles de présenter un risque pour la santé.

(5) Vedi tra gli altri l’art. 20, comma 2, del codice consumo; Comunicazione della Commissione dal titolo “Orientamenti sull’interpretazione e sull’applicazione della Direttiva 2005/29/ CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle pratiche commerciali sleali delle imprese nei confronti dei consumatori nel mercato interno” (2021/C 526/01), in Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 29 dicembre 2021, C 526/1; Corte Giustizia C-485/17 e giurisprudenza precedente.

(6) Si segnalano per la puntuale osservazione, i quesiti interpretativi sollevati dinanzi alla Corte di giustizia dell’Unione europea dal Consiglio di Stato, in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) n. 08650/2022 REG.PROV.

COLL. n. 10361/2021 REG.RIC. che pone alla Corte di Giustizia anche il seguente quesito: Se la nozione di consumatore medio di cui alla Direttiva 2005/29/CE inteso come consumatore normalmente informato e ragionevolmente attento e avveduto - per la sua elasticità e indeterminatezza - non debba essere formulata con riferimento alla miglior scienza e esperienza e di conseguenza rimandi non solo alla nozione classica dell’homo oeconomicus ma anche alle acquisizioni delle più recenti teorie sulla razionalità limitata che hanno dimostrato come le persone agiscono spesso riducendo le informazioni necessarie con decisioni “irragionevoli” se parametrate a quelle che sarebbero prese da un soggetto ipoteticamente attento e avveduto

la valorizzazione, la promozione e la tutela del made in Italy”, la 2023/206. Eppure in questo contesto di diritti nazionali abbiamo, ad esempio, la Spagna10 che autorizza l’uso di enzimi il che, fintanto che non verrà adottata dall’Ue una lista comune degli enzimi utilizzabili, porterà a delle differenze sui diversi mercati interni e delle disparità negli effetti della circolazione intra Ue dei prodotti, o come visto sopra, talune paste italiane non potranno essere vendute con una denominazione confacente in Francia. Se poi si volesse estendere lo sguardo al Canada11, osserveremmo che la locale

NOTE

acquisizioni che impongono una esigenza protettiva maggiore dei consumatori nel caso - sempre più ricorrente nelle moderne dinamiche di mercato - di pericolo di condizionamenti cognitivi.

(7) Il Nutri-Score è, per il settore del diritto alimentare, forse la più evidente statalizzazione del concetto di alimento “buono” e “cattivo”. Cfr. il mio Il Nutri-Score bocciato dell’AGCM? in “Molini d’Italia”, 10/2022.

(8) “Le farine d’insetti arrivano anche in Italia” https://www.corriere.it/economia/ consumi/24_gennaio_05/farine-dinsetti-arrivano-anche-italia-pubblicatidecreti-come-saranno-utilizzate-f28fcfe6abdf-11ee-a103-112813160fba.shtml; “Prodotti a base di farina di insetti in vendita anche nei supermercati. Ecco come riconoscerli” https://www.ilgiornale. it/news/cittadini/farina-insetti-ufficialepresto-nei-supermercati-regole-2267969. html; “Farina degli insetti, perché sarà fuori dalle produzioni di pasta e pizza” https:// www.ilsole24ore.com/art/farina-insettiperche-sara-fuori-produzioni-pasta-e-pizzaAEBudq8C; “Farine di insetti negli alimenti” https://www.csqa.it/it-it/press/farine-diinsetti-negli-alimenti, consultati da ultimo il 2 marzo 2024.

(9) Decreto Reale 677/2016. Si veda la denominazione la “Harina acondicionada: es la harina a la cual se le añaden determinados ingredientes, como aditivos, enzimas»”.

(10) Art. 3, 2, Decreto Reale 677/2016: Otros ingredientes: aditivos y enzimas en las condiciones y las dosis autorizadas según la normativa vigente; y lo previsto en el artículo 2, apartado 11 letra a), harina acondicionada, y letra c), harina preparada.

(11) Paese col quale si applica dal 2016 l’accordo economico e commerciale globale (CETA).

(12) Amilasi (da Aspergillus niger var.; Aspergillus oryzae var.; Bacillus amyloliquefaciens var.; Bacillus subtilis var.; Rhizopus oryzae var.; Bacillus licheniformis JS1252, Bacillus subtilis NBA(DS 68703); Bacillus subtilis AR-651), β-Amylase (da Priestia flexa AE-BAF), Maltotétraohydrolase (da Bacillus licheniformis GICC03548), Amylase maltogène (da Bacillus subtilis BRG-1 (pBRG1); Bacillus subtilis DN1413 (pDN1413); Bacillus subtilis LFA 63 (pLFA63); Bacillus subtilis RB-147 (pRB147) ), α-Amylase maltogène (da Bacillus licheniformis HyGe750n6; Bacillus licheniformis HyGe767n2; Bacillus subtilis BS154; Bacillus subtilis RF12029; Bacillus subtilis RF13018; Bacillus subtilis ROM; Saccharomyces cerevisiae M17906, Bacillus

legislazione ammette l’uso di enzimi non solo nei prodotti di seconda trasformazione (come anche la legislazione nazionale italiana), ma direttamente nelle farine12 con un dettaglio scientifico e normativo al momento sconosciuto nell’Ue. Nel rispetto delle norme vigenti e della facoltà dei Legislatori sovrannazionali e nazionale di porre nuove norme o di modificare o abrogare le esistenti, credo che si possa chiedere al mondo del diritto e ai tecnici di restare fedeli ai compiti di essere strumenti di sicurezza e qualità.

licheniformis MDT06-221), Asparaginase (da Aspergillus niger AGN7-41, Aspergillus niger ASP72, Aspergillus oryzae (pCaHj621/ BECh2#10) Bacillus subtilis MOL2940), Broméline, Carboxypeptidase D (da Aspergillus oryzae AT1727), Cellulase (da Rasamsonia emersonii ,Trichoderma reesei A83), Glucoamylase (da Aspergillus niger var.; Aspergillus oryzae var.; Rhizopus oryzae var., Aspergillus niger 126-PE001-32, Aspergillus niger 41SAM2-54), β-Glucanase (da Rasamsonia emersonii), Glucose-oxydase (da Aspergillus niger J39, Aspergillus niger ZGL528-72, Aspergillus niger var.; Aspergillus oryzae Mtl-72 (pHUda107), Trichoderma reesei RF11400), Glutaminase (da Bacillus licheniformis SJ13263), Hexose oxydase (da Ogataea polymorpha B13HOX4-Mut45 ), Lipase (da Aspergillus niger var.; Aspergillus oryzae var.; Rhizopus oryzae var.; Tissus comestibles des préestomacs d’agneaux, de chevreaux ou de veaux; Tissus pancréatiques d’animaux, Aspergillus niger (LFS-54); Saccharomyces cerevisiae LALLLI , Aspergillus oryzae AI-11 (pBo el 960), Aspergillus oryzae BECh2#3 (pCaHj559); Aspergillus oryzae (MStr115) (pMStr20), Candida cylindracea AE-LAYH, Trichoderma reesei RF10625, Ogataea polymorpha B14-CBSsynt); Trichoderma reesei Morph Lip3), Lipoxydase (da Grumeaux ou farine de fine Soja), Pentosanase (da Aspergillus niger var.; Bacillus amyloliquefaciens var.; Bacillus subtilis var., Trichoderma reesei (QM9414) ), Protéase (da Aspergillus niger var.; Aspergillus oryzae var.; Bacillus amyloliquefaciens var.; Bacillus subtilis var., Bacillus subtilis Raa1102), Thermolysine (da Anoxybacillus caldiproteolyticus TP7), Protéine-glutaminase (da Chryseobacterium proteolyticum AE-PG), Pullulanase (da Bacillus acidopullulyticus NCIB 11647; Bacillus licheniformis SE2-Pul-int211 (pUBCDEBR A11DNSI), Bacillus licheniformis BMP 139 (pR11Amp), Bacillus subtilis B1-163 (pEB301) ), Transglutaminase (da Streptomyces mobaraensis M2020197, Streptomyces mobaraensis S-8112), Xylanase (da Aspergillus acidus RF7398, Aspergillus oryzae Fa 1-1 (pA2X1TI), Aspergillus oryzae JaL 339 (pJaL537); Bacillus subtilis DIDK 0115 (pUB110 OIS2), Aspergillus niger (XYL-2)(pXYL3): Bacillus subtilis (XAS); Trichoderma reesei A83, Bacillus licheniformis HyGe329, Bacillus subtilis CF 307 (pJHPaprE-xynAss-BS3xylanase#1), Bacillus subtilis Giza3508, Bacillus subtilis RH 6000, Rasamsonia emersonii,Trichoderma reesei (LOVxlnA#568.4), Trichoderma reesei RF542).

35 APRILE 2024 April d’Italia Food rules DIRITTO ALIMENTARE

COMUNIONE

D’INTENTI

E COORDINAMENTO

STRATEGICO

A SUPPORTO DEL GRUPPO

GIOVANI ITALMOPA

COMMUNION OF INTENT AND STRATEGIC

COORDINATION TO SUPPORT ITALMOPA YOUTH GROUP

Paolo Gallo è membro e vicepresidente del Comitato Direttivo del Gruppo Giovani Italmopa, nonché responsabile commerciale di Molino San Paolo, impianto molitorio di famiglia. In questa intervista a “Molini d’Italia”, illustra in maniera efficace le necessità qualitative dell’industria molitoria, nonché contribuisce a valorizzare il lavoro dei Giovani Italmopa per mantenere elevato il grado di attenzione nei confronti del gruppo e delle sue attività. Questa impostazione, infatti, contribuisce a un progressivo avvicinamento dei mugnai di ultima generazione, elemento di vitale importanza per l’intero gruppo.

La Redazione

Dr. Gallo, recentemente è stato nominato vicepresidente del Gruppo Giovani Italmopa, quali sono le sue proposte da condividere con la presidenza?

«Lo scorso mese di febbraio ho avuto il piacere e l’onore di essere nominato vicepresidente del gruppo Giovani. Con l’occasione di questa intervista vorrei ringraziare il presidente Clelia Loiudice e il past president Giorgio Belotti. La loro amicizia e il loro sostegno sono stati fondamentali per il mio inserimento in

37 APRILE 2024 April d’Italia Italmopa’s pages SPAZIO GIOVANI

• Siamo specializzati nella realizzazione di: Molini da farina - SilosRiserie - Oleifici - Mangimifici - Sementifici - Birrerie - Pastifici

• Studio tecnico

• Utilizziamo solo soluzioni tecnologiche più avanzate anche per l’ammodernamento e l’ampliamento degli impianti

• Assistenza e manutenzione 24/7 in Italia e all’estero

• Fornitura di accessori molitori e componentistica

• Collaboriamo con le più importanti aziende del settore

BAVUSO IMPIANTI SRL Via La Carrera, 140 70022 Altamura (Ba) Tel. +39 080 316 30 32 info@bavusoimpianti.it

I MIGLIORI ESPERTI DEL SETTORE AL VOSTRO SERVIZIO!
BAVUSO
BAVUSO MEUNERIE SPRL Avenue de Vilvoorde 302 1130 Bruxelles - BELGIQUE bavusomeunerie@gmail.com www.bavusoimpianti.com

questo gruppo che ormai mi vede partecipe da diversi anni. Le mie proposte si rifanno alle linee tracciate dal nostro presidente e ampiamente discusse con i nostri colleghi durante il primo direttivo svoltosi qualche settimana fa. Tratteremo e ci soffermeremo su temi molto interessanti ed estremamente attuali. Tematiche che spaziano dall’intelligenza artificiale alle problematiche legate al climate change e green claims. Con grande entusiasmo e massima disponibilità spero di poter dare un valido supporto a tutte le attività del gruppo».

Lo scorso gennaio, a Sigep, si è parlato di disinformazione su grano e farine, nonché di corretta comunicazione. Quali possono essere le ulteriori modalità e gli strumenti per mantenere correttamente informati i consumatori e che apporto possono fornire in particolare i Giovani da questo punto di vista?

«Ancora oggi il nostro settore è in preda a informazioni totalmente fuorvianti. Informazioni che derivano certamente da una scarsa “cultura agro-alimentare” del consumatore finale e che continuano a essere condivise sul “mondo social”. Purtroppo credo che gran parte di

«HO SEMPRE CREDUTO

IN UN DIALOGO FRA LE PARTI»

queste informazioni siano create e condivise ad hoc da parte di personaggi e associazioni il cui unico intento è danneggiare una categoria a favore di interessi di parte. Questa “battaglia” tra attori nella stessa filiera mi crea sinceramente grande

sconforto. Ho sempre creduto in un dialogo fra le parti. Dialogo che, purtroppo, fino a ora non ha prodotto i risultati sperati e che le innovazioni comunicative (vedi social) abbiano definitivamente compromesso. Proprio in Sicilia, fino a qualche settimana fa, nel corso delle operazioni di scarico di una nave di grano, si sono verificati spiacevoli episodi che hanno sicuramente messo in cattiva luce la nostra azienda e l’intero settore. Il tema è preoccupante e nel futuro questi episodi potrebbero sfociare in atti violenti. La nostra

39 APRILE 2024 April d’Italia Italmopa’s pages SPAZIO GIOVANI
Dottor Paolo Gallo

La nostra tecnologia valorizza tutte le qualità della pasta, all’interno di una gamma completa di linee che rispondono a qualsiasi richiesta del settore.  Insieme, per ogni esigenza, la soluzione più avanzata.

ellittica.it
- www.storci.com
www.fava.it
TUTTO IL MEGLIO DELL’INNOVAZIONE

associazione negli ultimi anni ha fatto parecchio in ambito comunicativo ma credo che questo non basti. Credo sia importante il supporto di un organo o di un ente statale che difenda, con dati e prove alla mano, il buon operato e l’assoluta buona fede di chi vuole operare e lavorare sul mercato con la massima serietà».

La Sua Azienda, Molino San Paolo, costituisce un’importante realtà siciliana. Di recente è stato avviato, proprio in Sicilia, il distretto operativo dei cereali. Qual è la sua opinione in merito? Quali sono le iniziative che, come Molino, state portando avanti sul territorio siciliano e quali le tematiche che riterreste opportuno approfondire? «Anche noi siamo stati sottoscrittori del distretto operativo dei cereali. Il distretto si pone l’obiettivo di rafforzare l’aggregazione, la competitività e la crescita del comparto cerealicolo siciliano. Precursore del distretto è stato il Consorzio di ricerca “Gian Pietro Ballatore” a cui va sicuramente il merito, nel corso degli ultimi venti anni, di aver creato sinergie tra il mondo agricolo e il settore molitorio locale. Sinergie, fino a qualche anno fa, lontanamente impensabili, con potenziali prospettive di miglioramento. Come azienda, collaboriamo da diversi anni proprio con il Consorzio, sviluppando progetti di ricerca mirati alla valorizzazione delle qualità e delle varietà di

grano duro, alle analisi tecnico-economica delle diverse fasi della filiera, all’ottimizzazione dei processi di utilizzo della materia prima tramite sistemi di monitoraggio. Siamo stati fra i primi nell’Isola a effettuare lo stoccaggio differenziato della materia prima con l’intento di “educare” agricoltori e stoccatori a differenziare la materia prima in ragione della qualità. Credo

«COME AZIENDA, COLLABORIAMO DA ANNI CON IL CONSORZIO “GIAN PIETRO BALLATORE”»
43 APRILE 2024 April d’Italia Italmopa’s pages SPAZIO GIOVANI
Un dettaglio del Molino San Paolo

Soluzioni efficaci contro i parassiti dei cereali stoccati

L’efficace conservazione dei cereali biologici

BIO

Massima efficacia insetticida grazie alla duplice azione: chimica e meccanica.

L’assenza di residui sulle granaglie garantisce la massima sicurezza per l’intera filiera cerealicola.

Lunga protezione dei cereali biologici e dei relativi ambienti di stoccaggio.

www.newpharm.it

NEW Pygrain ® Reg. 12763 e Silicosec ® Reg. n°15899 sono prodotti fi tosanitari autorizzati dal Ministero della Salute. Usare con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichett a e le informazioni sul prodotto.
SILICOSEC®
PYGRAIN® PROCROP™
«OCCORRE PERSEGUIRE CON L’ORGANIZZAZIONE DI EVENTI COME “MOLINI A PORTE APERTE”»

sia fondamentale, con l’aiuto di enti di ricerca settoriali e con l’aiuto delle Università locali, soffermarsi sugli aspetti qualitativi della granella. Sarebbe importante riunire gli attori della filiera in un tavolo tecnico per studiare e ricercare soluzioni che possano accrescere alcuni deficit qualitativi presenti sulle nostre produzioni agricole, prendendo anche esempio da Paesi leader mondiali in ambito agricolo. Su questi

aspetti abbiamo più volte cercato di coinvolgere anche le istituzioni che, ahimè sino a ora, non hanno mai approfondito seriamente la problematica».

La Vostra Azienda ha aderito lo scorso anno alla Giornata “Molini a porte aperte”. Che riscontro avete avuto nell’occasione e quali suggerimenti si sente di dare in vista della prossima edizione della manifestazione in programma presumibilmente nel 2025? «La nostra azienda ha aderito sia nel 2019 che nel 2023 alla giornata “Molini a porte aperte”. Nel corso della prima edizione abbiamo registrato più di trecento presenze. È stato veramente entusiasmante notare lo stupore e la meraviglia di alcuni visitatori che sconoscevano totalmente il nostro mondo. Raccontare la nostra storia e la nostra azienda è stato motivo di orgoglio. Credo sia importante perseguire con l’organizzazione di questo tipo di eventi. Per il futuro, si potrebbe pensare a un coinvolgimento degli altri protagonisti della filiera, rendendo partecipi all’iniziativa fornitori e clienti completando così un percorso che va dal grano al prodotto finito».

La Redazione

45 APRILE 2024 April d’Italia Italmopa’s pages SPAZIO GIOVANI
Molino San Paolo, panoramica dall’alto “Molini a Porte Aperte” presso Molino San Paolo

Considerazioni sulla qualità del frumento duro.

Aggiornamenti

Considerations on durum wheat quality. Updates.

Luigi De Lisio Dottore in Scienze delle Preparazioni Alimentari già Tecnologo presso il Parco Scientifico e Tecnologico del Molise (PST)

As it is well known, durum wheat is mainly intended for the pasta processing industry, which requires certain quality standards; to meet these requirements it is necessary to intervene in each stage of the supply chain, including storage. Hence, the importance of a commodity classification of durum wheat according to quality classes (i.e. according to a grading) and its differentiated storage according to this grading. In this article, the author looks into the state of the art.

46 APRILE 2024 April d’Italia MATERIE PRIME Raw materials

L’IMPORTANZA

DELLO STOCCAGGIO

NELLE FASI

DELLA FILIERA

THE IMPORTANCE OF STORAGE

IN THE SUPPLY

CHAIN STAGES

Poiché è trascorso del tempo dal periodo di pubblicazione di un mio articolo dal titolo “Considerazioni sulla qualità del frumento” (“Molini d’Italia”, maggio 2022), nel presente documento riporto alcuni aggiornamenti in merito. Storicamente la produzione nazionale di frumento duro (pari a circa 4 milioni di tonnellate) copre circa il 60% del fabbisogno interno, il rimanente 40% (circa 2,6 milioni di tonnellate) è costituito da materie prime di importazione. Tuttavia, i dati di novembre 2023 indicano numeri

in aumento per l’importazione, per cui sono stati già importati circa 2,9 milioni di tonnellate. Come noto, il frumento duro è destinato prevalentemente all’industria di trasformazione della pasta che richiede determinati standard qualitativi e per rispondere a tali esigenze occorre intervenire in tutte le fasi della filiera tra cui quella dello stoccaggio. L’articolo precedente di maggio 2022 evidenziava, tra l’altro, l’importanza di una classificazione merceologica del frumento duro secondo classi di qualità (ossia secondo un grading) e lo stoccaggio differenziato dello stesso in base a tale grading. L’articolo faceva riferimento a un progetto di ricerca svolto presso il Parco Scientifico e Tecnologico del Molise (PST) prima del 2003 ed è ancora attuale in quanto allo stato odierno non esiste a livello nazionale un sistema pienamente operativo con determinate caratteristiche. Il progetto aveva anche lo scopo di fornire uno strumento tecnico utile per la riorganizzazione del comparto cerealicolo molisano e nazionale. Il programma era stato elaborato sulla base dei dati del monitoraggio qualitativo regionale del frumento duro condotto dal PST e di quelli nazionali.

47 APRILE 2024 April d’Italia Raw materials MATERIE PRIME

La nuova generazione degli stoccaggi alimentari*

*Silos per lo stoccaggio di cereali, sfarinati e semilavorati destinati all’uso alimentare prodotti in base alle norme della Dichiarazione di Conformità per i M.O.C.A. (Materiali e Oggetti a Contatto con Alimenti).

La MOCA è una certificazione che garantisce il rispetto di requisiti obbligatori in tema di igiene alimentare dove i prodotti vengono realizzati rispettando il Regolamento (CE) 1935/2004 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 ottobre 2004.

STORAGE FEED SEEDS Campo San Martino PD Italy |Via Palladio, 7 | T. +39 0499638211 | mulmix@mulmix.info MULMIX.IT

Coordinare settore agricolo e industria di trasformazione

A mio avviso uno dei limiti del sistema italiano è stata l’assenza di un unico organismo centrale market oriented avente una funzione di coordinamento tra le due parti, ossia il settore agricolo e quello dell’industria di trasformazione. In altri termini, avendo come riferimento il sistema canadese, sarebbe stato vantaggioso disporre di organizzazioni centrali simili al “Canadian Grain Commission” e al “Grain Research Laboratory” i quali possono svolgere, tra l’altro, non solo attività di ricerca ma anche attività di monitoraggio, controllo ispettivo e coordinamento lungo la filiera cerealicola al fine di assicurare determinati livelli qualitativi. Per rispondere a tali carenze, da alcuni anni numerose aziende italiane hanno adottato un sistema molto funzionale che consiste nel siglare patti di coltivazione e filiera con gli agricoltori locali per disporre di materie prime rispondenti a standard qualitativi prestabiliti.

Una revisione della Pac?

Poiché il settore agricolo è un anello debole della filiera agro-alimentare, a mio avviso, la Politica agricola comune (Pac) va revisionata e dovrebbe fornire maggiori aiuti economici e finanziari agli

operatori agricoli, altrimenti la produzione di frumento italiano (e di altre materie prime) si sposterà in altre nazioni europee, o in quelle extra Ue, con conseguenze economiche, occupazionali, sociali ecc., (un discorso simile vale per gli operatori agricoli europei per il rischio di spostamento verso aree extra Ue). A loro volta, gli operatori nazionali del settore devono concentrarsi e consorziarsi per superare la frammentazione dell’offerta tipicamente italiana (proponendo partite di frumento con massa più critica e di qualità

DA ALCUNI ANNI DIVERSE AZIENDE ITALIANE HANNO ADOTTATO CONTRATTI DI FILIERA

omogenea) e per ridurre soprattutto i costi in quanto il frumento è una commodity inserita in un contesto di mercato libero e

49 APRILE 2024 April d’Italia Raw materials MATERIE PRIME

Bonifica e sanificazione interni

Rivestimenti certificati per contatto alimenti

Rivestimenti anticorrosivi per esterno e

impermeabilizzanti

Strada del Santuario, 44 • FOSSANO (CN) - ITALY • Tel: +39 0172 62548
www.onrope.it info@onrope.it
Disostruzione • Pulizia • Sabbiatura • Ripristino •
Verniciatura
SILOS

BORGHI partner ideale nello stoccaggio orizzontale

Impianti automatizzati per lo stoccaggio e la conservazione dei cereali

Ottimizzazione dello spazio di stoccaggio.

Economicamente vantaggioso per grandi stoccaggi.

Elevata velocità

Ottima conservazione del prodotto stoccato.

Maggiori possibilità di ricevere finanziamenti.

Conservazione del prodotto a basso consumo energetico.

Gestione completamente automatizzata

E N GINEERING -PRODUC T I O N - S E R V I C E BORGHI Srl 45037 Melara (Rovigo) Italy
+39-0425.89689 Fax +39-0425.89636 E-mail: info@borghigroup.it campbelladv.com 26219
Phone

Disinfestazioneconpreventiva il calore degli ambienti e dei macchinari nelle aziende alimentari e mangimistiche.

La

soluzione per ogni problema di infestazione

DISINFESTAZIONE CON CALORE

Trattamento protettivo con atmosferamodificata (MAP) delle derrate vegetali neineimagazzini, depositi e in transito.

TRATTAMENTO DERRATE VEGETALI

Formazione, audit, monitoraggio e controllo per la gestione degli infestanti nelle aziende alimentari.

MONITORAGGIO INFESTANTI

EVOLUZIONE SERVIZI

tel. (+39) 0544.408347

Via Paolo Frisi, 4/A 48124

info@evoluzioneservizi.it

Ravenna (RA)

www.evoluzioneservizi.it

Finanza, la Capitanerie di Porto, l’Ispettorato centrale della tutela della qualità e delle repressioni frodi dei prodotti agroalimentari). I controlli hanno evidenziato la piena rispondenza delle partite di frumento duro ai requisiti igienico-sanitari stabiliti dalle normative vigenti in Europa (https://www.pastaepastai.it/italmopa-stop-alla-disinformazione-il-grano-importato-e-sicuro/). I risultati sono importanti per rassicurare i consumatori che

ricevono continuamente disinformazioni e fake news da canali non ufficiali. A ciò bisogna aggiungere che è attivo il Rasff“Il sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi” della Commissione europea che monitora costantemente prodotti alimentari e mangimi presenti sul territorio comunitario e quelli in arrivo in Europa da nazioni extra-Ue.

In ogni modo i controlli possono impedire la commercializzazione di eventuali lotti

non conformi, tuttavia permangono i problemi irrisolti per cui l’offerta di frumento duro nazionale è inferiore alla domanda dell’industria di trasformazione che richiede materie prime con determinati standard qualitativi. Negli ultimi anni è stato avviato un progetto di stoccaggio differenziato del frumento duro, denominato “Fruclass”, coordinato dall’Università degli Studi della Tuscia. Mi auguro che l’iniziativa possa fornire in futuro un valido contributo al comparto.

BIBLIOGRAFIA

• De Lisio L., Considerazioni sulla qualità del frumento, “Molini d’Italia”, maggio 2022.

• Latella M., Lo stato dei centri di stoccaggio italiano, “Molini d’Italia”, giugno 2023.

• Italmopa, Stop alla disinformazione, Il grano importato è sicuro, “Avenue Media”, marzo 2024

• “L’origine del grano non è sinonimo di qualità”, “Molini d’Italia”, marzo 2024. NOVITÀ!

55 APRILE 2024 April d’Italia Raw materials MATERIE PRIME
TELAI IN ALLUMINIO
OGNI MODELLO DI PLANSICHTER
PER

Focus sui porti commerciali italiani

Focus on Italian commercial ports a cura della Redazione

Italian trade is increasingly dependent on maritime transport. In fact, 37% of our import/export travels by sea and its value reached 254 billion euros in the first nine months of 2023. Over the 20-year period 2003-2023, sea transport increased by 8%, with a parallel decrease in road transport. Along the routes of international freight traffic, Italy can

play a major role thanks to a renewed strategic central position in the Mediterranean, which is today the hub towards the markets of Northern Europe as well as the Middle East and North Africa (MENA) area, the largest GDP and trade area in the world, the main gateway to Africa and a hub for the Atlantic shore of the United States.

56 APRILE 2024 April d’Italia LOGISTICA Logistic

LA SITUAZIONE

DEI PRINCIPALI

POLI MARITTIMI

NAZIONALI

DESTINATARI

DELL’IMPORT

DI CEREALI

THE SITUATION OF THE MAIN

ITALIAN MARITIME

HUBS THAT IMPORT CEREALS

Il commercio italiano dipende sempre più dal trasporto marittimo. Infatti, con un valore pari a 254 miliardi di euro registrato nei primi 9 mesi del 2023, il 37% del nostro import/export viaggia per mare. Nell’arco del ventennio 2003-2023, il trasporto via mare è aumentato dell’8%, con un parallelo decremento di quello su gomma. Nelle rotte del traffico internazionale di merci l’Italia può giocare un ruolo primario grazie a una rinnovata centralità strategica del Mediterraneo, che oggi rappresenta il punto di snodo verso i mercati del Nord Europa e dell’area Middle East and North Africa (MENA), l’area di Pil e di commercio più grande al mondo, la principale porta per l’Africa e un hub per la sponda Atlantica degli Stati Uniti. Inoltre, negli ultimi 15 anni l’import/ export dei principali player mondiali (Usa

e Cina) ed europei (Germania, Francia e Italia) verso i Paesi della sponda Sud del Mediterraneo e del Golfo (area MENA) è in costante crescita.

Il trasporto dei cereali

Per quanto riguarda il commercio dei cereali - nello specifico di grano - i porti italiani svolgono un ruolo molto importante, poiché il frumento (duro e tenero) rappresenta una materia prima fondamentale per l’industria alimentare del nostro Paese. La loro posizione strategica, le moderne infrastrutture e le capacità di movimentazione delle merci contribuiscono a garantire una catena di approvvigionamento affidabile, in grado di sostenere la produzione di prodotti a base di grano che sono parte integrante della

57 APRILE 2024 April d’Italia Logistic LOGISTICA

I CEREALI RIENTRANO

NELLE MERCI

RINFUSE SOLIDE

tradizione culinaria italiana. L’efficiente gestione di questi porti è determinante per assicurare all’Italia una costante e stabile fornitura di grano, indispensabile per mantenere la sua leadership a livello mondiale nella produzione di pasta e di altre eccellenze della nostra industria alimentare. Il mercato del traffico marittimo delle rinfuse solide - e quindi anche del grano - è fortemente legato alle strutture portuali e alla loro dinamica operativa, in quanto la movimentazione di questo tipo di merci richiede terminal con specifiche caratteristiche. Infatti, quelle per le rinfuse solide recitano un ruolo di primo piano nella catena di trasporto perché sono in grado di collegare i produttori con gli end users; la loro efficienza è influenzata da una serie di fattori interni ed esterni, così come dal layout di progetto alla base della costruzione del

terminal. Essi svolgono una funzione essenziale poiché sono i principali responsabili dell’efficienza dell’intera catena logistica, aspetto che ne determina più di ogni altro il costo. I terminal per rinfuse solide operano al servizio di navi dotate di grandi stive, di norma suddivise in compartimenti utilizzabili in maniera selettiva secondo la categoria merceologica. L’ubicazione ottimale di questa tipologia di terminal è determinata da fattori marittimi, quali l’esposizione ai fenomeni meteorologici e la profondità dei fondali, combinati con la facilità del trasporto via terra (strada/ferrovia) e la disponibilità di aree a grande capacità di stoccaggio. Un elemento di forte economia di scala per la gestione di spazi ed equipaggiamenti e per la specializzazione del personale, è rappresentato dalla concentrazione delle movimentazioni per una o poche tipologie di prodotto in quantità elevate. La dinamica generalmente in flessione che si registra per questo segmento di traffico nei porti dell’area mediterranea nell’ultimo decennio, si associa a un indebolimento della quota dei porti ionici, solo parzialmente compensata,

59 APRILE 2024 April d’Italia Logistic LOGISTICA

nell’ultimo triennio, dalla crescita riscontrata nei porti adriatici.

Il porto di Ravenna

Un importante caso di riferimento per l’area Adriatico-Ionica è il terminal portuale di Ravenna, la piattaforma per rinfuse solide più grande del Mediterraneo, che opera con attrezzature e impianti (macinazione, miscelazione, insacco ecc.) distribuiti su 2 km di banchina e 800 mila mq di superficie, oltre a vantare uno scalo ferroviario di proprietà; questo terminal è in grado di movimentare fino a 7 milioni di tonnellate l’anno tra sbarchi e imbarchi. Il porto di Ravenna è leader per l’import di cereali, semi oleosi e materie prime per la produzione di ceramiche. Secondo i dati di Port Infographic 2023, ricerca pubblicata online nell’ambito dell’osservatorio permanente di SRM sull’economia dei trasporti marittimi e della logistica, realizzato grazie al partenariato tra SRM e Assoporti, le sole rinfuse solide movimentate nel periodo gennaio-settembre 2023 al porto di Ravenna sono state pari a 7.906.002 tonnellate, il 9% in meno rispetto allo stesso periodo del 2022. Dal sito web del Porto di Ravenna si evince che i diversi fattori che hanno provocato il brusco rallentamento dell’economia mondiale (crisi energetica, inflazione, aumento dei tassi bancari,

IL PORTO DI RAVENNA È LEADER PER L’IMPORT DI CEREALI

interruzione delle forniture, che ha limitato la circolazione di generi alimentari e provocato un generale aumentato dei prezzi) hanno inevitabilmente influito

sull’andamento del traffico di merci movimentate nei porti nazionali. Inoltre, Ravenna ha dovuto fare i conti anche con i danni provocati dell’alluvione in Romagna del maggio 2023 e con le ripercussioni causate dalla crisi nel Mar Rosso. E così, il comparto alimentare, con 5.206.157 tonnellate di merce movimentata, nel 2023 ha registrato un calo dell’8,8% rispetto al 2022. Analizzando poi l’andamento delle singole merceologie, si registra un segno negativo per quanto riguarda i prodotti agricoli e, in particolare, per

61 APRILE 2024 April d’Italia Logistic LOGISTICA
Porto di Ravenna

• EDILIZIA INDUSTRIALE

• SILOS IN CALCESTRUZZO

• MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DI EDIFICI CIVILI E INDUSTRIALI

• EDILIZIA CIVILE

• PITTURAZIONI AIRLESS

• SABBIATURA ECOLOGICA CERTIFICATA

Via San Tommaso, 61 - Altamura - Bari

+39.080.914 06 13 - info@cegliacostruzioni.it Geom. Giangrazio Ceglia 340/9846919 www.cegliacostruzioni.it

la movimentazione (relativa al solo sbarco) dei cereali, che chiudono il 2023 con un -6,7% rispetto al 2022.

Il porto di Venezia

Un altro importante terminal italiano per il mercato dei cereali è il porto di Venezia. Ubicato all’interno della laguna, si estende

su due aree: la Marittima, in centro storico, che accoglie il traffico passeggeri, e Porto Marghera, dove si concentra il traffico merci (container, rinfuse solide e liquide) e dei traghetti. Grazie a una notevole domanda localizzata nel porto e nel retroterra, all’intermodalità ferroviaria e fluviale, a una buona accessibilità nautica e alle procedure di controllo unificate,

LA FILIERA AGROALIMENTARE È SEMPRE PIÙ STRATEGICA PER IL TERRITORIO

ITALIANO

il porto di Venezia è scalo di riferimento per il traffico delle rinfuse agroalimentari. Il comparto agroalimentare, che per il porto di Venezia rappresenta, in termini di tonnellate movimentate, il 7,7% dei volumi totali, è caratterizzato dalla presenza di due tipologie di industrie: quella molitoria (molini per la produzione di farine per l’alimentazione umana) e quella mangimistica per uso zootecnico (allevamenti avicoli, suinicoli e di bovini). A queste si aggiunge l’industria della spremitura dei semi oleosi per la produzione di olii e farine, quest’ultime destinate, attraverso l’industria dei mangimi, al settore zootecnico. Va tenuto in considerazione che, soprattutto per i cereali, i volumi movimentati dai porti dipendono anche dall’andamento del raccolto nazionale e di quello dei Paesi dell’Europa centrale, che approvvigionano le industrie del settore via gomma e via ferrovia; in particolare,

63 APRILE 2024 April d’Italia Logistic LOGISTICA
Porto Marghera, Venezia

PISA srl

s.p. Andria-Trani km 1,500

Andria (BT)

0883.251661

info@pi-sa.it

www.pi-sa.it

Rivestimenti di celle e silos con resine epossidiche certificate per il contatto con alimenti

Rivestimenti di pavimenti con resine multistrato e autolivellanti

Tinteggiatura superfici interne ed esterne di opifici industriali

Impermeabilizzazione con poliurea

Dal 1830, Sefar è il maggior fornitore per mulini di tutti i prodotti e accessori dedicati ai processi di setacciatura, classificazione e filtrazione delle farine. Sefar garantisce i massimi standard qualitativi fornendo la migliore tecnologia dedicata al tensionamento ed alla guarnitura dei telai per plansifter.

SEFAR ITALIA srl

Via Nazioni Unite n.44

I - 10093 COLLEGNO (TO)

Tel: +39 011 42001

Fax:+39 011 42001 222

info@sefar.it

www.sefar.it

In qualità di fornitore di fiducia di tessuti di precisione, Sefar è orgogliosa di presentare la nostra più recente innovazione: il SEFAR NYTAL® Sieve Cleaners

C.P.S. Srl

Via Monte Cassino 47 40050 Funo di Argelato BO

Tel. 051 6647979

Fax 051 6647978

info@cpscucitrici.it

AGRINOVA srl

Via Togliatti, 52 12038 Savigliano (CN)

Tel: +39 0172 715488

info@agrinova.it

SEFAR NYTAL ® . IL TUO MARCHIO DI FIDUCIA.

Molini Italiani. Al tempo stesso, a stabilire la vocazione di un hub portuale è anche la tradizione del territorio. Dall’altra parte dello Stivale, nella parte ovest della Penisola, partendo da nord si incontra il porto di Genova (comprensivo dello scalo di Savona-Vado), uno dei principali hub marittimi del Mediterraneo. Mentre le sole rinfuse solide movimentate nel periodo gennaio-settembre 2023 sono state pari a 2.643.471 tonnellate (-13% rispetto al 2022, secondo Port Infographic 2023), dalla relazione annuale dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale del 2022, si evince che il grano importato si attesta a 74.480 tonnellate nel solo scalo di Savona-Vado. Una quantità certamente importante, seppur non al livello di Ravenna e Venezia. Anche il porto di Livorno, scalo polivalente dotato di infrastrutture e mezzi che consentono di accogliere ogni tipo di nave e di movimentare qualsiasi categoria merceologica, non presenta numeri significativi in termini di rinfuse solide. Al pari di molti altri scali portuali italiani, anche il porto di Livorno ha risentito della situazione congiunturale negativa caratterizzata dalla frenata dell’economia europea e dalle incertezze legate all’aumento del costo del denaro. Nello specifico, i dati pubblicati dall’Autorità del Sistema Portuale del Mar Tirreno settentrionale, riferiti al periodo gennaio-giugno 2023, attestano i volumi delle rinfuse solide importate a 264.522 tonnellate (-16,5% rispetto allo

stesso periodo del 2022), con i cereali che si attestano a 27.457 tonnellate. In questa rapida rassegna trova posto anche il porto di Napoli, la cui posizione geografica ne fa un nodo cruciale per il trasporto di merci verso le regioni meridionali del nostro Paese. Anche qui si registra un netto calo (-9,6%) delle importazioni di merci rinfuse solide nel periodo gennaiosettembre 2023, che si attesta a 993.813 tonnellate, quando nel 2022 erano state di 1.161.363 tonnellate, con 273.791 tonnellate di cereali.

Conclusioni

L’Italia è al 14° posto nella classifica del Liner Shipping Connectivity Index, che misura la competitività del sistema portuale e logistico mondiale. Il sistema portuale italiano dovrebbe, pertanto, sfruttare meglio la sua strategica posizione geografica e i porti italiani aspirare a diventare punti di transito alternativi a quelli del Nord Africa e del Pireo, in particolare per quanto riguarda il commercio diretto con la Cina. Ma la prossima e fondamentale sfida riguardante i porti è la loro sostenibilità, con la indispensabile riconversione energetica e ambientale. Per raggiungere l’obiettivo europeo della neutralità climatica per le attività antropiche, anche questo settore dovrà dare il proprio contributo in termini di decarbonizzazione. Si tratta di uno degli ambiti su cui, per la natura globale del settore e le sue caratteristiche specifiche, è forse più complesso intervenire. Sostituire, ad esempio, il diesel che fa muovere le navi, richiede non solo interventi sulle flotte ma anche sui porti. Per cui, quali sono le tecnologie da mettere in campo per trovare le soluzioni più adeguate? Quali investimenti richiederanno tali trasformazioni? Come dovranno adeguarsi i porti per ospitare e rifornire navi a impatto zero sull’ambiente, nonché per gestire centri di stoccaggio sempre più ecologici?

La Redazione

67 APRILE 2024 April d’Italia Logistic LOGISTICA

A Milano il 10 maggio la quinta edizione di CeMI: Borsa internazionale dedicata alle commodity agroalimentari

68 APRILE 2024 April d’Italia EVENTI Events

OL’EVENTO VEDRÀ LA PARTECIPAZIONE

DI OLTRE 800 OPERATORI PROVENIENTI DA TUTTA L’EUROPA E SI TERRÀ ALL’INTERNO DELLO STORICO PALAZZO DEL GHIACCIO

rganizzato dall’Associazione Granaria di Milano e Ager Bologna con l’Associazione Granaria di Torino, il 10 maggio si terrà il 5° CeMI - Commodities Exchange Milano, evento internazionale dedicato a produzione, trasformazione, commercializzazione, controllo delle commodity agroalimentari.

Unico evento annuale dedicato al mondo delle agro commodity in Italia, paese fondamentale nel panorama del mercato cerealicolo mondiale. La manifestazione vede coinvolta l’intera filiera: dai produttori, agli importatori ed esportatori di cereali europei ed extraeuropei, dai costruttori di attrezzature industriali e imballaggi, ai

mediatori, i mulini, agli operatori dei servizi connessi, tra i quali logistica, trasporti, servizi bancari, assicurativi e noleggi.

Gli 800 partecipanti della scorsa edizione hanno inserito il CeMI nel calendario dei più importanti appuntamenti internazionali del settore, incontri che si tengono con cadenza annuale in città come Parigi,

69 APRILE 2024 April d’Italia Events EVENTI

OTTIMO RAPPORTO COSTO-RENDIMENTO

PIÙ EFFICIENZA

• Bilanciate singolarmente

• Ridotti tempi di montaggio

• Maggior elasticità, consumo uniforme e quindi risparmio energetico

• Fino a 1% in meno di chicchi rotti

PIÙ DURATA

• Resistenza all’usura tre volte superiore degli abrasivi in commercio

MENO COSTI

• 80% di risparmio rispetto alle mole diamantate in commercio

• Ridotti costi di manutenzione

Progettiamo e costruiamo impianti per la lavorazione di riso, cereali, legumi

LONG LIFE
MOLA ABRASIVA AD ALTE PRESTAZIONI DELLAVALLE S.r.l. Via per Suno, 2 - 28040 Mezzomerico (NO) Italy Tel. +39 0321 97097 - Fax +39 0321 97401 - E-mail dellavalle@cerealmachinery.it www.cerealmachinery.it
NUOVA
SCOPRI DI PIÙ ALTRI PRODUTTORI
CERTIFICAZIONE DI ALIMENTARIETÀ MOLE LONG LIFE

Praga, Sète, Barcellona, Budapest e Vienna. In Italia, infatti, nonostante l’attività settimanale delle singole Borse, mancava un incontro di specifico respiro internazionale per tutti gli operatori del settore. La partecipazione a CeMI garantisce un’occasione unica di incontrare nello stesso luogo i manager delle diverse aziende coinvolte e i rappresentati delle associazioni di categoria principiali del settore delle agro commodity. Il nostro Paese, strutturalmente deficitario di materie prime agricole, è il secondo importatore europeo di cereali, semi oleosi e farine proteiche ed è, con posizioni variabili, sempre tra i primi dieci nel mondo. Questo rende l’appuntamento di Milano un evento appetibile per l’estero. “Con l’organizzazione di CeMI, abbiamo raccolto l’esigenza da parte di tutti gli operatori delle commodity di un incontro in Italia tra persone e imprese”. Commenta Alessandro Alberti presidente dell’Associazione Granaria di Milano - “Il successo di numeri e partecipazione che abbiamo riscontrato sin dal primo giorno dell’organizzazione ci fa capire la vitalità del settore e la necessità di un appuntamento annuale di confronto e scambio”. Il programma prevede una intera giornata di business per tutta la filiera delle agrocommodity con 40 espositori e complessivamente circa 800 operatori che avranno

la possibilità di consolidare rapporti e creare nuove relazioni. Saranno infatti presenti la maggior parte degli operatori del settore.

L’evento è stato ideato dall’associazione Granaria di Milano e si rinnova tutti gli anni grazie alla preziosa collaborazione di Ager Bologna e anche al contributo della Granaria di Torino. Per chi non lo sapesse l’Associazione Granaria di Milano nasce nel lontano gennaio del 1902, e la sua missione è rimasta ancora attuale: organizzare le riunioni di mercato che si svolgono nella sede di Milano tutti i martedì; fissare con la partecipazione delle categorie interessate, le condizioni per

la negoziazione delle merci anche mediante la formulazione di contratti tipo; favorire la conciliazione delle controversie fra soci e fra non soci.

La Borsa Merci di Bologna, il cui mercato si svolge settimanalmente ogni giovedì, costituisce un importante punto di riferimento per chiunque operi nel settore dell’agricoltura e dell’industria di trasformazione dei cereali, semi oleosi e materie prime per l’alimentazione animale.

All’Ager fanno capo più di 700 operatori della filiera cerealicola (del territorio nazionale ed europeo) con attività di: produzione, stoccaggio cooperativo e privato, commercio e trading, servizi logistici,

71 APRILE 2024 April d’Italia Events EVENTI

Defino & Giancaspro S.r.l.: eccellenza Made in Italy

nel settore molitorio

Negli oltre 50 anni di attività, la Defino & Giancaspro S.r.l. si è ritagliata un ruolo di rilievo nel campo molitorio, distinguendosi per la progettazione e la realizzazione di impianti e macchine sempre all’avanguardia. L’azienda ha saputo adattarsi, negli anni, alle mutevoli esigenze del settore, diventando un punto di riferimento per l’efficienza, l’innovazione costante delle soluzioni proposte e la capacità di realizzare prodotti personalizzati. Un impegno verso i propri clienti che si traduce nella ricerca costante di soluzioni integrate atte a soddisfare le più svariate richieste ed esigenze, sia che si tratti di mettere in piedi un nuovo progetto sia che venga richiesto di ampliare e migliorare l’efficienza di un impianto o linee di produzione esistenti. Questa trasversalità d’intervento è possibile grazie a un mix equilibrato di tecnici qualificati e operai specializzati, che quotidianamente lavorano, fianco a fianco, fondendo idee ed esperienze; uffici di progettazione e un’intera

officina con più di 80 fra tecnici e operai messi a servizio del cliente. Strutture metalliche, silos, tubazioni, accessori, e un’ampia gamma di macchine, realizzati con massima precisione e dedizione e conformi ai più alti standard in materia di qualità e sostenibilità, così come la garanzia nell’applicazione degli standard MOCA riguardanti il contatto con gli alimenti, diventano un elemento chiave per il successo delle aziende molitorie.

Ciò che rende unica la Defino & Giancaspro è la capacità di creare prodotti su misura, versatili e in grado di superare la standardizzazione dettata dal mercato e dalla riduzione dei costi di produzione che molte volte sacrificano le necessità del cliente per garantire maggiori profitti. Inoltre, a partire dal 2021, l’azienda ha ulteriormente potenziato le proprie linee di produzione, investendo in maniera significativa in nuove attrezzature. Questa evoluzione non è un semplice adeguamento alla domanda crescente, ma una trasformazione completa verso un’azienda sempre più intelligente e interconnessa. L’integrazione di tecnologie avanzate consente un monitoraggio in tempo reale, manutenzione predittiva e un controllo preciso dei processi, garantendo massima efficienza e sicurezza. Forte della storica esperienza nei montaggi e grazie al rinnovamento messo in atto, l’azienda ha intrapreso nuove sfide e punta a porsi come protagonista sul mercato italiano anche nella fornitura di interi impianti per stoccaggio di cereali e sfarinati, gestendo l’intero iter dalla progettazione e ingegnerizzazione fino al montaggio e messa in marcia. Un’eccellenza italiana che guarda al futuro, senza dimenticare il proprio passato.

75 APRILE 2024 April d’Italia Supplier news LE AZIENDE INFORMANO
Fornitura e montaggio di un impianto completo per il carico silos Progettazione di un impianto di stoccaggio

AXOR lancia due nuovi progetti in Europa

Offrendo tecnologie per la produzione di pasta, con più di 170 referenze in tutto il mondo, AXOR ha recentemente realizzato altri due importanti progetti in Europa: la vendita di una Linea Pasta Corta 2200 kg/h e due Linee Rotaxor

per Pellets/Snacks in Italia. Marco Mistroni, Direttore di AXOR, ha affermato che AXOR sta constantemente migliorando i propri servizi che offre nel campo della produzione di pasta e che sta continuando a implementare le attività del proprio

R&D senza sosta in modo da sostenere la domanda che aumenta ogni anno. Mistroni afferma che lo scopo dell’azienda è quella di fare incontrare i bisogni di oggi con le tecnologie più avanzate. La missione di AXOR è di offrire tecnologie per la produzione di pasta a seconda dei bisogni dei produttori di pasta. Nel reparto R&D, ogni progetto viene studiato ed analizzato nel dettaglio tenendo conto delle necessità dei clienti, passo dopo passo, dalla progettazione all’installazione. AXOR pianifica tutti i processi a seconda delle proprietà delle materie prima che verranno utilizzate nella produzione di pasta, in modo da assicurare massima efficienza di produzione di ogni progetto. La personalizzazione, l’assistenza in ogni passo del processo e la combinazione della tradizione e la modernizzazione delle tecnologie sono la forza di AXOR. La più grande fonte di motivazione è vedere che vengono realizzate in toto le aspettative dei clienti in ogni progetto che viene completato e di aggiungerne dei nuovi nelle differenti aree geografiche del mondo.

76 APRILE 2024 April d’Italia LE AZIENDE INFORMANO Supplier news
Linea pasta corta Rotaxor

L’informazione professionale specializzata per:

✓ gli imprenditori, gli operatori e i tecnici della prima e seconda trasformazione dei cereali

✓ i produttori di farine e semole

✓ gli esperti della panificazione e del dolce

✓ i produttori di pasta

✓ gli esperti della mangimistica

✓ i costruttori di macchine e impianti

✓ i tecnici alimentari

✓ i fornitori di materie prime

✓ i ricercatori

✓ i tecnici di laboratorio

ABBONAMENTO ITALIA € 45,00

ABBONAMENTO ESTERO € 96,00

MODALITÀ DI ACQUISTO:

• Online su www.moliniditalia.it

• Compilando inviando a dir@avenue-media.eu il seguente coupon

Viale Aldini Antonio, 222/4 - 40136 Bologna - Tel. 051 65 64 311

ABBONAMENTO ANNUALE (11 numeri)

Molinid’Italia

Proprietario: Italmopa

Abbonamento Italia € 45,00    Abbonamento estero € 96,00

Versamento con carta di credito (dati criptati) dal sito www.avenuemedia.eu - riviste di settore

Bonifico bancario intestato ad Avenue media srl, Viale Aldini Antonio 222/4, 40136 Bologna.

Banca d’appoggio: Banca Popolare Emilia Romagna Ag. 7 Bologna, IBAN: IT15V0538702406000000437531

Versamento su ccp n. 18182402 intestato ad Avenue media srl, Viale Aldini Antonio 222/4, 40136 Bologna. Si allega il bollettino di ricevuta con specificata la causale di versamento: in busta chiusa spedizione via fax al n. 051.6564332

La rivista va spedita a (scrivere in stampatello):

Nome Cognome Azienda

Codice fiscale/P. Iva (obbligatorio) Via N°

CAP Città Prov. Tel. Fax

E-mail per ottenere la password che consente di accedere alla rivista online (si suggerisce di inserire quella personale)

LEGGE PRIVACY - Tutti i dati rilasciati verranno raccolti e trattati (in modalità manuale ed informatica) nel rispetto del D.lgs 196/03 anche per l’eventuale invio di materiale informativo e/o promozionale. I dati non verranno diffusi a soggetti esterni ad eccezione di istituti bancari, società di recapito corrispondenza, aziende da noi incaricate per la gestione dei servizi. È Suo diritto chiedere l’aggiornamento o la cancellazione dei Suoi dati, od opporsi al loro utilizzo scrivendo al titolare del trattamento: Avenue media srl, Viale Aldini Antonio 222/4, 40136 Bologna. Può trovare il testo integrale della legge con l’enunciazione di tutti i Suoi diritti (titolo II) sul sito www.avenuemedia.eu al link Legge privacy.

RIVISTA ITALIANA PER L’INDUSTRIA MOLITORIA
DATA F I RMA ORGANO UFFICIALE ITALMOPA ASSOCIAZIONE INDUSTRIALI MUGNAI D’ITALIA ASSOCIAZIONE NAZIONALE TECNICI ANTIM
ITALIAN MAGAZINE FOR THE MILLING INDUSTRY ORGANO UFFICIALE ITALMOPA ANTIM
ITALIAN MAGAZINE FOR THE MILLING INDUSTRY ORGANO UFFICIALE
RIVISTA ITALIANA PER L’ INDUSTRIA MOLITORIA Molinid’Italia THE
LA RIVISTA ITALIANA PER L’INDUSTRIA MOLITORIA Molinid’Italia THE

A NN UA R I O

• D ati statistici e andame nto se ttore molitor io;

• E le nco de i M olini a f rume nto te ne ro e f rume nto duro ope ranti in I talia, suddiv isi pe r re gioni;

• E le nco de lle associazioni italiane , comunitar ie ed es te re de l set tore ce re al icolo e mo li to r i o.

Per maggior i infor mazioni sui contenuti del volume: ww w. aven u em e dia . e u ne lla S ez io ne Edi to r ia - Lib r i

M O DA L I TÀ D I ACQ U I S TO:

X EDIZIONE

• Online sul sito w w w.avenuemedia.eu nella Sezione Editoria - Libri.

• Compilando e inviando a dir@avenue -media.eu il seguente coupon.

28,00 €

Cedola di Acquisto "ANNUARIO DI MOLINI D'ITALIA - X Edizione"

❏ Versamento con car ta di credito (dati criptati) dal sito w w w.avenuemedia.eu - libri

❏ intestato ad Avenue media srl, Viale Aldini Antonio 222/4, 40136 Bologna. Banca d’appoggio: Banca Popolare Emilia Romagna Ag. 7 Bologna, IBAN: IT15V0538702406000000437531

❏ Versamento su ccp n. 18182402 intestato ad Avenue media srl, Viale Aldini Antonio 222/4, 40136 Bologna. Si allega il bollettino di ricevuta: ❏ in busta chiusa ❏ con spedizione via fax al n. 051.6564332

Impor to: Euro 30,50 (volume 28,00 Euro + spedizione I talia 2,50 Euro)

Causale: Acquisto e spese di spedizione 1 copia “ANNUARIO DI MOLINI D’ITALIA - X Edizione”

Il libro va spedito a (scrivere in stampatello):

Nome Cognome Azienda (OBBLIGATORIO) Via N°

CAP Città Prov. Tel. Email

LEGGE PRIVACY - Tutti i dati rilasciati verranno raccolti e trattati (in modalità manuale ed informatica) nel rispetto del D.lgs 196/03 anche per l’eventuale invio di materiale informativo ser vizi. È suo diritto chiedere l’aggiornamento o la cancellazione dei Suoi dati, od opporsi al loro utilizzo scrivendo al titolare del trattamento: Avenue media srl, Viale Aldini Antonio 222/4, 40136 Bologna. Può trovare il testo integrale della legge con l’enunciazione di tutti i Suoi diritti (titolo II) sul sito www avenuemedia.eu al link Legge privac y

EDINOVITÀ TORIALE
DATA FIRMA

7/10 maggio 2024

PARMA

CIBUS

Salone dell’alimentazione

www.cibus.it

7/10 maggio 2024

BARCELLONA (SPAGNA)

HISPACK

Salone dell’industria alimentare e dell’imballaggio www.hispack.com

10 maggio 2024

MILANO

C eMI - COMMODITIES EXCANGE MILANO

Quinta edizione dell’evento annuale dedicato al mondo delle agrocommodity in Italia

www.cemi-milano.com

12/14 giugno 2024

NAIROBI (KENIA)

GRAINTECH AFRICA

Salone internazionale del grano

www.graintechafrica.com

19/21 giugno 2024

TORINO

AISTEC

XIII Convegno dell’Associazione Italiana di Scienza e Tecnologia dei cereali www.aistec.it

14/17 luglio 2024

CHICAGO (USA)

IFT EXPO

Mostra-convegno tecnologi alimentari

www.iftevent.org

3/5 settembre 2024

COLONIA (GERMANIA)

ANUGA HORIZON

Salone dell’alimentazione

www.anuga-horizon.com

8/10 settembre 2024

RIMINI

IUFOST

Congresso mondiale d sceinza e tecnologia degli alimenti www.iufost.org

26/29 ottobre 2024

STOCCARDA (GERMANIA)

SÜDBACK

Salone della panificazione

www.messe-stuttgard.de/suedback

6/8 novembre 2024

BOLOGNA

EIMA INTERNATIONAL

Esposizione Internazionale di Macchine per l’Agricoltura e il Giardinaggio www.eima.it

79 APRILE 2024 April d’Italia AGENDA
80 APRILE 2024 April d’Italia GLI INSERZIONISTI Advertisers AERIS www.aerispec.it 6 ASB www.asbautomation.com 12 AXOR www.axor-italia.com 11 BARRA PROJECT www.barraproject.com 34 BAVUSO www.bavusoimpianti.it 38 BECKER www.becker.it 4 BORGHI www.borghigroup.it 52 BSP www.bspengineering.it 18 BÜHLER www.buhlergroup.com II COPERTINA - 1 CEGLIA www.cegliacostruzioni.it 62 CIMAS www.cimasitalia.it COPERTINA CPS www.cpscucitrici.it 72 DEFINO & GIANCASPRO www.defino-giancaspro.com 20 DELLAVALLE www.cerealmachinery.it 70 ELICA ASM www.elica-asm.com 32 EVOLUZIONE SERVIZI www.evoluzioneservizi.it 54 FAVA www.fava.it 40 - 41 GRUPPO PELLICOLA www.gruppopellicola.com 33 IMPAC www.impac.it 60 IST 2000 www.istsort.com 22 ITALPACK www.italpack.net 26 ITALSAVE www.italsave.it III COPERTINA LANDUCCI www.landucci.it IV COPERTINA MARANI www.marani.it 17 MILL SERVICE www.ms-italia.com 24 MIOZZO www.miozzosrl.com 13 MULMIX www.mulmix.it 48 NEWPHARM www.newpharm.it 44 NEW PROJECT www.newproject-italia.it 42 NICCOLAI www.niccolai.com 2 OCRIM www.ocrim.com PATELLA ON ROPE www.onrope.it 50 PISA www.pi-sa.it 64 RAM www.ramelettronica.it 16 RAMBALDO www.rambaldoantonio.com 55 RIMA www.rimapack.it 25 SEFAR www.sefar.com 66 SEVEN www.sevensrl.it 8 SIAT www.siat.it 58 TECHNIPES www.technipes.com 14 TECHNOBINS www.technobins.it 74 VEGA www.vega.com 28 VERDI www.verdispa.com 30
Issuu converts static files into: digital portfolios, online yearbooks, online catalogs, digital photo albums and more. Sign up and create your flipbook.