Page 1

House Organ del Gruppo Autotorino S.p.A. Informazione automobilistica, eventi, lifestyle e tempo libero

Reinhold Messner

Il fascino della sfida

SECONDO SEMESTRE 2018 NUMERO QUINDICI


Editoriale

Autotorino cresce. Nonostante il nostro cammino proceda ininterrottamente da più di vent’anni, il momento in cui abbracciamo una nuova famiglia genera sempre un’emozione che ci porta a guardare con orgoglio e trepidazione a quanto potremo fare insieme. Accade anche oggi, con la Filiale BMW e MINI di Varese, in un territorio che sta diventando importante e ricco di sfide per il nostro Gruppo. Nuove persone, con le loro competenze ed aspirazioni, entrano in campo con la nostra Grande Squadra in un percorso che crea sintonia con il pubblico e genera risposte evolute e distintive alle sue esigenze. E se guardo alla capacità di intercettare con la nostra esperienza nuove forme di servizio e dialogo dedicate al Cliente, sento che Autotorino non si limita a crescere, ma matura ed evolve. Merito della dedizione, dell’intelligenza e della determinazione di tanti Collaboratori, stiamo divenendo noi stessi la ‘start-up’ non solo dell’Autotorino di domani, ma anche dell’Automotive italiano ed europeo, rilasciando processi, prodotti e opportunità interamente sviluppati al nostro interno, in premiere assoluta sul mercato. Lo abbiamo fatto con la formula ‘Soddisfatto o Rimborsato’ e con il processo di digitalizzazione documentale a partire dalla firma grafometrica dei contratti. Molto ancora seguirà. In questo vedo la matrice alpina da cui deriviamo, che ci ha insegnato a dare il massimo con poche risorse a disposizione, traendo il meglio per creare frutti duraturi. Abbiamo seguito questo insegnamento sulla via di un’innovazione al servizio del Cliente, facendolo sentire proprio anche da parte di chi nel tempo si è avvicinato al nostro percorso, sia attraverso un’immediata ed empatica condivisione, sia attraverso la formazione con cui accompagniamo la carriera di ogni Collaboratore. Su questa via continueremo, grazie al valore e alla passione che ogni persona trasmette non solo nel suo lavoro, ma anche già dal primo saluto al Cliente. Autotorino is expanding! Notwithstanding the fact that our march forward has continued uninterrupted for the last 20 years, the moment we embrace and adopt a new family member never fails to generate an emotion that inspires us to look with both pride and anticipation as to what we can achieve together. And it’s happening again today, with the new BMW and MINI Branch at Varese, within a territory which is becoming ever more important and brimming with challenges and potential for our Group. New colleagues, with all their individual skills and ambitions, taking their place within our Team. And when I look at the potential that our experience brings towards anticipating new forms of services and a dialogue dedicated to our Customers, it’s clear that Autotorino does not just grow but genuinely comes of age, whilst still evolving. Thanks to the dedication, aptitude and commitment of our many Collaborators, our “start-up” strategy is becoming not simply that of the Autotorino of tomorrow, but also the Italian and European automotive, establishing processes, products and opportunities developed entirely internally. Excellent examples include the introduction of the innovative formula “Money Back Guarantee” along with the document digitalisation process starting with the graphometric signature on contracts, and with much more in the pipeline. But within all this I can still pick out our Alpine roots, when the generations representing our fathers gave of their very best with the few resources at their disposal, giving their all to create lasting fruits. We have taken on board this “education” along a road towards innovation in Customer services, and by encouraging over the years anyone who has joined our “pilgrimage” to adopt the same philosophy, both through an immediate and natural collaboration. It’s a road along which we are determined to continue, thanks to the distinctiveness and passion that each person imparts not only through their work, but also from that very first greeting to the Customer.

Plinio Vanini Presidente Gruppo Autotorino

1


Editoriale

IO Autotorino compie 10 anni. Era il 2008, avevamo una dimensione aziendale che era un quarto di quella attuale, contavamo 250 colleghi e operavamo su un territorio di sole 4 provincie. La comunicazione via web era già realtà, ma certamente non invasiva come lo è oggi. Pensavamo ad un house organ e lo presentavamo titolando: “Un nuovo magazine per informare, capire e incuriosire”. Già allora i mondi di Autotorino e Fiorida viaggiavano a braccetto verso il consolidamento di un ecosistema che aveva grande attenzione al cliente ed ai suoi bisogni. Operazione riuscita, in dieci anni non siamo mai mancati nelle uscite semestrali, abbiamo accompagnato le nostre aziende nella crescita dimensionale, ma soprattutto abbiamo provato a raccontare le persone e i prodotti. Proprio questo raccontare è stato un tratto distintivo di IO Autotorino: connettere le vicende delle persone e la proposta di nuovi prodotti con il cliente. Ogni progetto ha una sua evoluzione e al compimento del decimo compleanno abbiamo pensato di proporvi un piccolo cambio di impostazione: meno prodotto e più racconti dai territori. Perché pensiamo che le radici sono un elemento importante nel fare azienda e per questo cercare e raccontare le storie dei territori significa provare ad entrare meglio nella dimensione delle comunità in cui lavoriamo. Vogliamo dare il nostro contributo perché proprio la dimensione della comunità possa essere riscoperta per la sua capacità di essere solidale e di supporto a imprese a cittadini, in momenti in cui diventa più leggera l’incidenza del supporto pubblico. Autotorino e Fiorida sono portatori anche di scelte etiche che si esplicitano in attività di supporto a iniziative come Cancro Primo Aiuto o il progetto Terre Alte a sostegno degli agricoltori eroici di Montagna. Il magazine rendiconterà anche di queste intraprese perché possano diventare anch’esse patrimonio di tutti. IO Autotorino is 10 years old. It was in 2008, a time when the company was a mere quarter of its current size employing a staff of around 250 and our working territory spanned just 4 provinces. Web communication was already a reality but by no means as comprehensive as it is today. We were considering a house “organ” and introduced one under the banner: “A new magazine to inform, tease out and intrigue”. Even back then the world of Autotorino and Fiorida were moving along arm in arm towards the consolidation of an ecosystem which paid serious attention to the customer and his every need. A successful operation indeed, and during the 10 years we have never failed in our twice-yearly issues to follow and record the relative growth in the size of both companies, but above all we have strived to give chapter and verse to our personnel and products. These accounts have proved a distinctive feature of IO Autotorino: linking the innovative exploits of the staff with the new products for the Customer. Each project inevitably has its own evolution and on its tenth anniversary we have decided to propose a minor key-change in style and composition: less product and more tales from within our territory. We wholeheartedly believe that our roots are a vital element in the way we do business and that’s why discovering and relating the stories of the places themselves indicates our desire to become an even more significant player within the communities in which we work. It’s a contribution we are determined to fulfil because the community dimension can afford a vital capacity in creating a sympathetic and supportive rapport between company and community, at times when the weight of public support tends perhaps to be somewhat “lightweight”. Autotorino and Fiorida are also heralds of ethical choices which manifest themselves in activities of support such as Cancro Primo Aiuto and the Terre Alte Project in solidarity with our legendary mountain farmers. The magazine will undoubtedly focus too on this type of enterprise so that everyone can appreciate what is clearly an invaluable heritage.

Stefano Martinalli Consigliere Delegato - Direttore Generale Gruppo Autotorino

Stefano Martinalli po Autotorino 2

Direttore Generale Grup-


Sommario 4 BREAKING NEWS Nasce Rent2Go 6 Anticipazioni 14 INNOVAZIONE Autotorino NoPaper

nasce la rivoluzione

18 NUOVE APERTURE A Varese raddoppiano

le insegne BMW MINI 22 NUOVE APERTURE Saronno, il cast

è al completo

FCA

24 DALLA COPERTINA Reinhold Messner:

oltre la sfida 26 TRAGUARDI Un anno

di Soddisfatto o Rimborsato 28 SERVIZI ESCLUSIVI Il piacere di un

all-inclusive

acquisto

30 RECRUITING E FORMAZIONE Crescere con le persone 34 PERSONE La 100

KM di Dario

36 INCONTRI Massimo

Picozzi Le emozioni sul luogo di lavoro House Organ del Gruppo Autotorino S.p.A. Informazione Automobilistica, eventi, life style e tempo libero Numero Quindici - Secondo semestre 2018

38 PER IL SOCIALE Golf Cup e

Santiago in Rosa con Cancro Primo Aiuto 40 CLUB LIFE La grande

passione MINI

A cura di: Ufficio Marketing Autotorino Testi di: Sara Codazzi, Francesco Cortellazzi, Claudia Cornaggia, Michele Della Cagnoletta, Eveline Catelotti, Carlo Fognini, Laura Rabbiosi, Stefano Redaelli, Elvira Tacchini.

In sella sulle Alpi Orobie

Progetto grafico: Matteo Lisignoli Stampa: Tipolitografia Ignizio

43 PARTENRSHIP Safari Park

Tutti i Marchi, i nomi di prodotti e di aziende citati in questa pubblicazione sono utilizzati al solo scopo di identificazione ed appartengono ai rispettivi pro­prietari. Le informazioni riportate sono fornite senza alcuna garanzia (esplicita o implicita) e po­trebbero contenere inesattezze tecniche o errori. Si riserva inoltre i diritto di apportare cambiamenti e/o miglioramenti ai contenuti, anche senza preavviso. Decliniamo pertanto ogni responsabilità per qualsiasi controversia collegata ai contenuti del magazine.

www.autotorino.it

42 CLUB LIFE

Lago Maggiore

44 CULTURA La Storia

della Chiesa di San Martino di Cosio 3


BREAKING NEWS

NASCE RENT2GO Nasce un nuovo player nazionale del noleggio a lungo termine. Un mercato tutto da esplorare ma in cui già sta rivolgendosi il pubblico con crescente attenzione. Dall’unione di tre ‘big’ italiani, con una formazione non del tutto usuale ai più, prende vita Rent2Go, che riassume il know-how dei due top dealer nazionali Gruppo Autotorino e Gruppo Barchetti con il supporto strategico e finanziario di Banca Popolare di Sondrio. Rent2Go può contare sin dalla sua costituzione, avvenuta il 18 maggio 2018, su una rete territoriale di oltre 550 punti di contatto ubicati nelle regioni del nord Italia e a Roma e dintorni: 37 concessionari di Autotorino, 24 del gruppo Barchetti e 500 sportelli di Banca Popolare di Sondrio. L’ambizione è quella di raggiungere entro il 2025 una flotta aziendale di almeno 8.000 autovetture noleggiate a professionisti, aziende di medio-piccole dimensioni e privati.

4

“Il noleggio a medio e lungo termine era nel piano di sviluppo dell’offerta commerciale ai nostri clienti” sottolinea Stefano Martinalli, Direttore Generale del Gruppo Autotorino, Rent2Go si proporrà al mercato con un servizio di elevata qualità forte dell’innovativo connubio fra Banca Popolare di Sondrio e la rete delle nostre Concessionarie. Abbiamo lavorato molto per scrivere un percorso nuovo che ci consentirà di essere ancora un punto di riferimento per la mobilità di aziende e clienti”. Ivo Barchetti, che assieme al fratello Andreas è alla guida del Gruppo Barchetti, è presidente di Rent2Go: “Vogliamo offrire un servizio altamente professionale e allineato alle esigenze dei clienti, grazie alla profonda conoscenza degli stessi maturata in anni di esperienza nel settore. La vicinanza nell’orientamento strategico e di pensiero con Plinio Vanini e Stefano Martinalli


del Gruppo Autotorino, assieme all’importanza del nostro partner finanziario, ci rende veramente entusiasti e convinti che il percorso di Rent2Go sarà un percorso di successo”. Il Consigliere Delegato di Banca Popolare di Sondrio Mario Alberto Pedranzini sottolinea come, attraverso la partenrship con i due dealer, “con Rent2Go Banca Popolare di Sondrio si prefigge di diversificare il proprio core business, in coerenza con l’evoluzione dei bisogni della clientela, attraverso lo sviluppo di sinergie con partner primari, ampliando l’offerta con servizi innovativi. Qualità e competenza professionale costituiscono gli elementi basilari dell’iniziativa a favore di una clientela allargata, sempre con l’obiettivo di supportare la crescita economica dei territori serviti e migliorare la competitività delle nostre aziende”.

RENT2GO A new National long-term rental player takes the stage. A market yet to be explored fully but one to which the public is turning with increasing attention. From the union of three “big” Italians, with a development that is not entirely appreciated by many people, Rent2Go takes shape, combining the know-how of the two top national dealers the Autotorino Group and the Barchetti Group with the strategic and financial support of the Banca Popolare di Sondrio. Since its establishment on the 18 th May 2018, Rent2Go can count on a territorial network of over 550 contact points located throughout northern Italy and at Rome and its environs: 37 Autotorino dealerships, 24 of the Barchetti Group and 500 branches of the Banca Poplare di Sondrio. The ambition, by 2015, is to have a company fleet of at least 8000 vehicles leased to professionals, mediumsmall and private companies. “Medium and long-term rental was always part of the development plan of commercial proposals to our customers” underlines Stefano Martinalli, Managing Director of the Autotorino Group “Rent2Go brings to the market a top quality service thanks to the innovative union between the Banca Popolare di Sondrio and our Dealership network. We have worked extremely hard to create a new route that will allow us to be an even more tangible point of reference for the mobility of companies and individual customers”. 5


Anticipazioni Le novitĂ presto protagoniste negli Showroom Autotorino

6


ANTICIPAZIONI

smart EQ app

Nuova Mercedes-Benz Classe C 2018

Classe C affronta il suo quinto anno di produzione, confermandosi la serie Mercedes-Benz di maggior successo. A livello estetico i punti di forza della nuova proposta sono rappresentati dal moderno frontale di fari e delle luci posteriori. Completamente nuova l’architettura elettronica: rinnovata la “User Experience”, con un display sulla plancia completamente digitale (disponibile a richiesta) e sistemi multimediali che offrono visualizzazioni e informazioni personalizzate. I sistemi di assistenza alla guida sono ora a livello di Classe S. A tutto ciò si aggiungono i nuovi motori diesel e a benzina. Solo nel 2017 sono stati venduti oltre 415.000 esemplari dei modelli berlina e station-wagon in circa 120 mercati internazionali. Uno dei segreti del successo di Classe C è la gamma modelli molto varia.

New Mercedes-Benz Class C 2018

I modelli elettrici a batteria di smart sono i primi veicoli di serie della famiglia EQ di Mercedes-Benz Cars. Si semplifica l’accesso all’elettromobilità: la nuova app smart EQ control è il prolungamento digitale di smart EQ fortwo (consumo di corrente ciclo combinato: 13,0-12,9 kWh/100 km; emissioni di CO2 ciclo combinato: 0 g/km), di smart EQ fortwo cabrio (consumo di corrente ciclo combinato: 13,113,0 kWh/100 km; emissioni di CO2 ciclo combinato: 0 g/km) e di smart EQ forfour (consumo di corrente combinato: 13,2-13,1 kWh/100 km; emissioni di CO2 ciclo combinato: 0 g/km). In questa app sono raccolte e rappresentate in modo personalizzato numerose informazioni riguardanti la vettura, come ad esempio il livello di carica attuale, il comando di funzioni come la preclimatizzazione, e la gestione della ricarica.

smart EQ app The battery-powered electric smart models are the first series vehicles of the EQ family of Mercedes-Benz Cars. Access to electromobility is made simpler: the new smart app EQ control is the digital extension of the smart EQ fortwo (combined cycle current consumption: 13,0-12,9 kWh/100 km; combined cycle CO2 emissions: 0 g/km), of the smart EQ fortwo cabrio (combined cycle current consumption: 13,1-13,0 kWh/100 km; combined cycle CO2 emissions: 0 g/ km) and smart EQ forfour (combined power consumption: 13,2-13,1 kWh/100 km; combined cycle CO2 emissions: 0 g/ km). In this app. A range of car-related information is collected and displayed in a personalised format, for example the current charge level, the control of functions such as preclimatization, and recharging management.

Class C addresses its fifth year of production confirming a highly successful Mercedes-Benz series. On an aesthetic level, the strengths of the new proposition are represented by the ultra-modern front headlights and the rear lights. The electronic “architecture” is completely new: the “User Experience” has been updated, with an entirely digital display on the dashboard (available on request) and multimedia systems which provide personalised visualizations and information. Driver assistance systems are now at a Class S level. Add to this the new diesel and petrol engines. In 2017 alone more than 415,000 models of saloon and station wagons were sold in around 120 international markets. One of the key secrets of the success of the Class C is the extremely diverse range of models.

7


ANTICIPAZIONI

Nuova Jeep Renegade

Nuova Toyota Aygo

L’ultimo ritocco risale al 2014. Da allora sono stati venduti ben 200 modelli. Troppi per non rimettere mano in modo sostanziale a questa straordinaria citycar apprezzata in tutto il mondo. La prima cosa che salta all’occhio è la “X” frontale resa più potente. Modificati anche i gruppi ottici Keen Look, e nella parte posteriore, le nuove Luci Diurne (DRL) a LED. L’abitacolo è compatto: ne emerge una vettura dalla forte stabilità, ben piantata a terra. ll motore VVT-i da 998 cc, 3 cilindri, 12 valvole DOHC si conforma agli standard EURO 6.2 relativi alle emissioni, e sviluppa 53 kW (72 cavalli) a 6.000 giri/ min. con 93 Nm di coppia a 4.400 giri/min. I consumi sono pari a 24,4 km/l, che si traducono in emissioni di CO2 pari a 93 g/km. Gli allestimenti prevedono la versione base x-cool, passando per l’allestimento x-play, fino ad arrivare a quello x-clusiv, quest’ultimo disponibile in Italia da ottobre 2018. Nuova AYGO è già in vendita in tutte le concessionarie a partire da 11.850€ per la versione x-cool 3 porte.

New Toyota Aygo The last refinements date back to 2014. Since then a good 200 models have been sold. Too many therefore to not substantially revisit this extraordinary citycar much appreciated worldwide. The first thing that catches the eye is the frontal “X” made more imposing. The KEEN Look optical units have also been modified, along with the new LED Daytime Running Lights (DRL) at the rear. The interior is compact: what emerges is a car with optimum stability, well planted on the ground. The 998 cc, three-cylinder 12 valve DOHC engine complies with the EURO 6.2 emissions standards, and provides 53 kW (72 hp) at 6.000 rpm. With 93 Nm (Torque) at 4.400 rpm. Consumption is equal to 24,4 km/l, which translates into CO2 emissions equal to 93 g/km. The models to choose from: the basic x-cool version, moving through the x-play set-up, to that of the x-clusiv, the last-named becoming available in Italy from October 2018. The New AYGO is already on sale in all dealerships at prices starting from 11.850 euro for the x-cool 3-door version.

8

Jeep Renegade si rinnova. In arrivo la nuova famiglia di propulsori a benzina turbo a tre e a quattro cilindri, da 1 litro, 120 CV e 190 Nm e 1,3 litri da 150 e 180 CV e 270 Nm. Non mancheranno i diesel MultiJet II aggiornati con SCR (Selective Catalytic Reduction), tutti conformi alla più recente normativa Euro 6/D. Tutti abbinabili a trasmissioni manuali a 6 marce, al cambio automatico DDCT (Dual Dry Clutch Transmission) a 6 marce e al cambio automatico a 9 rapporti. Nella nuova Renegade ricorrono elementi riconoscibili, come i fari rotondi e i passaruota trapezoidali, ma sono evidenti anche i richiami e le influenze con la quarta generazione della Wrangler. In Italia, la nuova Jeep Renegade è commercializzata dalla seconda metà di luglio è distribuita in una gamma completa composta da quattro allestimenti - Sport, Longitude, Limited e Trailhawk.

New Jeep Renegade Jeep Renegade is reborn. The new family of turbo petrol engines with three and four cylinders, from 1 litre, 120 hp and 190 Nm (torque) and 1,3 litre from 150 and 180 hp and 270 Nm will be new entries. Let’s not forget the Multijet diesel updated with SCR (Selective Catalytic Reduction), all in compliance with the latest Euro6/D regulations. Each can be combined with 6 speed manual transmission, 6 speed automatic DDCT (Dual Dry Clutch Transmission) and 9 speed automatic transmission. The new Renegade though retains some recognisable elements, such as the round headlights and the wheel arches in trapezoidal form, but the references and influences with the fourth generation of the Wrangler are also evident. In Italy, the new Jeep Renegade will be marketed in the second half of July and released in a complete range comprising four models - Sport, Longitude, Limited and Trailhawk.


Hyundai Kona Electric e Tucson Hybrid

Giulia Quadrifoglio “NRING” e Stelvio Quadrifoglio “NRING”

Il 24 giugno il brand del Biscione ha compiuto 108 anni. Per celebrare questo traguardo, Alfa Romeo ha presentato Giulia Quadrifoglio “NRING” e Stelvio Quadrifoglio “NRING”. Sono due vetture straordinarie, prodotte per ricordare appunto i 108 anni di Alfa Romeo, che rappresentano l’eccellenza del brand in termini di contenuti tecnici, prestazioni e stile. A questi elementi s’aggiunge una customer experience appagante ed esclusiva, pensata per i collezionisti e per i clienti più affezionati che si metteranno alla guida di questi concentrati di preziosità prestazionali e tecnologiche. Alle caratteristiche delle versioni Quadrifoglio, infatti, le “NRING” aggiungono una dotazione full specs e un “Welcome kit” dedicato.

Giulia Quadrifoglio “NRING” and Stelvio Quadrifoglio “NRING” On the 24th June the Biscione brand turned 108 years old. To celebrate this milestone, Alfa Romeo has introduced the Giulia Quadrifoglio “NRING” and Stelvio Quadrifoglio “NRING”. Two extraordinary cars, produced to recognise fully 108 years of Alfa Romeo, which represent the excellence of the brand in terms of technical content, performance and style. Accompanying these elements is a satisfying and exclusive customer experience, designed for collectors and for the most devoted of customers who take to the road with these powerhouses of magnificent performance and technology. To the features of the Quadrifoglio versions, in fact, the “NRING” has added a full specs accoutrement and a convenient “Welcome kit”.

Il lancio di Hyundai Kona Electric è preceduto da un primo, prestigioso successo ai New Car Awards 2018 di Auto Express, che celebrano le migliori auto nuove disponibili sul mercato, votate dai critici esperti della testata. La debuttante versione completamente elettrica di Kona ha conquistato il titolo di Affordable Electric Car of the Year, facendosi notare dai giudici tra la diretta concorrenza per i suoi 480 chilometri di autonomia con una singola carica e per il prezzo accessibile: le auto elettriche alla portata di tutti sono ora realtà. Tempo di novità anche per il SUV di successo Tucson. Si parte dal restyling che impreziosisce e rinnova l’attrattività delle linee: l’ampia mascherina cromata separa i nuovi proiettori FULL-Led; arrivano anche i tre nuovi colori Stellar Blue, Champion Blue e Olivine Grey. Dal punto di vista della meccanica, più che di novità possiamo parlare di rivoluzione Hybrid: il diesel di 2 litri di cilindrata e 186 Cv di potenza massima verrà abbinato all’impianto con batteria gli ioni di litio da 48 Volt, che lavora a 0.44 kWh, e motorino elettrico che funge da starter e da alternatore. Si abbassano così consumi ed emissioni di CO2: fino al 7%, secondo la Casa.

Hyundai Kona Electric and Tucson Hybrid The launch of the Hyundai Kona Electric was preceded by a first, highly-prestigious success at the New Car Awards 2018 of Auto Express, which celebrates the best new cars available on the market, voted for by expert critics associated with the magazine. Kona’s entirely electric debutante version has won the title of Affordable Electric Car of the Year, no doubt partly thanks to its 480 km of autonomy with a single charge and its favourable price. It’s novelty time too for the successful Tucson SUV. Focusing first on the re-styling which both enhances and updates the charm of its lines: the wide, chromed grille separates the new FULL-Led headlights; and there are three new colours for customers to consider - Stellar Blue, Champion Blue and Olivine Grey. From a mechanical viewpoint, apart from the innovative elements we clearly need to highlight the Hybrid revolution: 2 litre diesel displacement and 186 hp of maximum capacity will be combined with a 48 Volt lithium-ion battery system, which works at 0.44 kWh, and an electric motor which serves as starter and alternator. Thus consumption and CO2 emissions are significantly reduced: as much as 7% according to the Manufacturer.

9


ANTICIPAZIONI

Concept BMW Motorrad 9cento

Al Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2018, sul Lago di Como, BMW Group ha offerto un’anteprima del concept BMW Motorrad 9cento. Un modello che unisce emozione e performance con spirito d’avventura, agilità e piacere alla guida per creare la moto da turismo sportiva ideale. È una motocicletta che fornisce la giusta potenza unita a caratteristiche coerenti per il touring sportivo, ma soprattutto molto piacere alla guida. Nel concept 2018 BMW Motorrad ha voluto dimostrare che tutti questi aspetti razionali possono essere uniti ad un design dinamico per creare qualcosa di veramente eccitante e altamente emotivo.

Concept BMW Motorrad 9cento Nuova KIA Cee’d

Dopo il debutto mondiale a Ginevra a marzo, in occasione del Salone internazionale dell’automobile, Kia Cee’d si presenta anche in Italia. Progettata, sviluppata e costruita in Europa, Cee’d rafforza la presenza di Kia nel segmento C, puntando sull’innovazione delle dotazioni, sulle tecnologie al servizio della sicurezza, sui consumi e costi di gestione ridotti e, soprattutto, su una guida più appagante e coinvolgente. I benzina includono una versione aggiornata del turbo 1.0 a iniezione diretta T-GDi da 120 CV. Il nuovo 4 cilindri T-GDi da 1,4 litri e 140 CV sostituisce il precedente GDI 1.6 e offre il 4% di potenza in più. Particolarmente strategico il nuovissimo common rail a iniezione diretta CRDi da 1.6 litri, disponibile nelle versioni da 115 e 136 CV.

New KIA Cee’d After its world premiere at Geneva in March at the International Motor Show there in March, Kia Cee’d has introduced itself to Italy. Designed, developed and built in Europe, Cee’d strengthens the presence of Kia within Sector C focusing on the innovation of the outfitting, the technology at the disposal of elements of safety, on consumption, reduced operating costs but above all on a more satisfying and engaging drive. Petrol versions include an updated 120 hp T-GDi 1.0 direct injection turbo. The new 1,4 litre and 140 hp 4 cylinder T-GDi replaces the previous GDI 1.6 and guarantees 4% more power. The brand new 1,6 litre CRDi direct injection common rail is particularly noteworthy available in the 115 and 136 hp versions.

10

At the Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2018 on Lake Como, the BMW Group delivered a preview of the concept BMW Motorrad 9cento. A model that combines excitement and performance with a spirit of adventure, agility and driving pleasure to create the perfect sports touring bike. It’s a motorbike which provides the appropriate power combined with features consistent with sports touring, but above all genuine driving pleasure. With the concept 2018 BMW Motorrad they have strived to demonstrate that the many functional aspects can be combined with a dynamic design to produce something genuinely exciting and highly emotive.


Nuovo Mercedes-Benz Sprinter

Nuova Mitsubishi Outlander PHEV La Mitsubishi Outlander PHEV MY 2019 differisce in molti aspetti al modello precedente. Esteticamente cambiano i fari, un piccolo spoiler, la calandra è ridisegnata e ci sono nuovi cerchi. Sotto il cofano Outlander PHEV propone due motori elettrici (uno posteriore e uno anteriore) che garantiscono la trazione integrale, e uno termico aspirato da 2,4 litri che serve sia da rigeneratore per le batterie, sia per trasmettere ulteriore potenza alle ruote anteriori. Il meglio di sé, Mitsubishi Outlander PHEV, lo dà in città, dove riesce ad essere davvero un’auto elettrica a tutti gli effetti: la si può caricare la notte e utilizzare tutti i giorni senza sprecare una goccia di benzina. La Casa dichiara un consumo medio di 2,0 l/100 km considerando anche i 45 km di sola autonomia elettrica.

Design affascinante, dotazioni per la sicurezza a livello d’eccellenza, massima redditività, soluzioni di dettaglio orientate alle esigenze e un’elevata offerta di connettività. La terza generazione dello Sprinter ridefinisce i vertici della classe Large Van in tutti i settori. Attraente prezzo d’attacco, a partire da 23.344 € per i Furgoni e 20.360 per i Telai cabina singola. Sono disponibili più di 1700 differenti varianti dello Sprinter: Furgone, Tourer, Telaio cabinato cassonato, Autotelaio o Testata motrice, tre concept di trazione (per la prima volta è possibile optare per la trazione anteriore oltre una posteriore ed integrale), configurazione della cabina, lunghezze della sovrastruttura, tonnellaggio ed altezze del vano di carico: solo sulla base di questi parametri risulta una molteplicità di varianti dello Sprinter ulteriormente accresciuta.

New Mercedes-Benz Sprinter Captivating design, top-level safety features, maximum yield/value, customer-orientated detailed solutions and high-level connectivity. The third generation of the Sprinter redefines the upper echelons of the class Large Van in every sector. Economically-priced, starting as little as 23.344 euro for the Vans and 20,360 for the single cabin Telai. More than 1700 different variants of the Sprinter are available: Van, Tourer, Chassis Cab Dropside, Chassis or Drive Head, three drive concepts (for the first time it’s possible to opt for front-wheel drive), cab configuration, length of superstructure, tonnage and height of load compartment: the basis of these parameters alone results in an ever-increasing multiplicity of variants of the Sprinter.

New Mitsubishi Outlander PHEV The Mitsubishi Outlander PHEV MY 2019 differs in many respects from the previous model. In an aesthetic sense, the headlights are changing, a small spoiler, the grille has been redesigned and there are new wheels. Under the bonnet Outlander PHEV hosts two electric motors (one rear and one front) that guarantee the four-wheel drive, and a 2.4 litre thermal aspirate serves as both regenerator for the batteries, and to transmit additional power to the front wheels. At its very best, Mitsubishi Outlander PHEV takes to the city, where it turns into a fully-fledged electric car in every respect: you can charge it at night and use it every day without wasting a drop of petrol. The manufacturers state that it has an average consumption of 2,0 l/100 km bearing in mind the 45 km of strictly electric in addition.

11


ANTICIPAZIONI

Nuova MINI

Nuovo Lexus RX L Hybrid 7 posti

Lexus presenta sul mercato italiano il nuovo RX L Hybrid, il primo modello sette posti proposto in Europa. RX L Hybrid è disponibile in due allestimenti al prezzo di 74.150 € per la versione Executive e di 81.150 € per la versione Luxury. Con oltre 14 mila unità vendute in Italia, RX è diventato nel tempo un modello centrale per la strategia Lexus. Il nuovo RX L Hybrid, l’unico SUV 7 posti con tecnologia SelfCharging Hybrid, risponde alle esigenze delle famiglie in cerca di maggiore versatilità, che potranno con questo nuovo modello godere dei benefici di una fila di sedili aggiuntiva e di uno spazio di carico pratico e funzionale, adatto a qualsiasi necessità. Inoltre, il sistema E-Four di Lexus utilizza un motore elettrico ausiliario che fornisce la trazione alle ruote posteriori, mentre quelle anteriori sono alimentate dal motore termico, da quello elettrico oppure dalla combinazione dei due.

New Lexus RX L Hybrid 7-seater

12

Lexus launches onto the Italian market the new RX L Hybrid, the first seven-seater model introduced in Europe. RX L Hybrid is available in two models, at a price of 74,250 euro for the Executive version and of 81,150 euro for the Luxury version. With more than 14 thousand units sold in Italy, RX has become over time a key model for the Lexus strategy. The new RX L Hybrid, the only SUV 7-seater with Self-Charging Hybrid technology¸ meets the needs of families looking for greater versatility, and with this new model will be able to enjoy the benefits of an additional row of seats incorporated within a practical and functional space, suitable for all requirements. Moreover, the Lexus E-Four system uses an auxiliary electric motor that provides traction to the rear wheels, whilst the front ones are powered by the thermal engine, the electric engine or a combination of the two.

Presentata al Salone di Detroit a gennaio 2018, la nuova MINI è un’auto totalmente nuova. Tante le peculiarità di prodotto e gli aggiornamenti: nuovi upgrade di design, novità per le motorizzazioni e nuovi cambi automatici, ulteriori opzioni di personalizzazione ed un ampliamento dei servizi digitali disponibili nell’ambito dell’offerta denominata MINI Connected. Con il suo inconfondibile design ed il puro divertimento di guida, il primo esempio della MINI Classic innescò una rivoluzione nel mercato automobilistico con la sua apparizione nel 1959. Nel 2017, MINI ha raggiunto il suo terzo anno record consecutivo per volume di vendite. In Italia, dal 2001 ad oggi, sono state oltre 330 mila le MINI vendute sul territorio italiano, di cui oltre 220 mila MINI Hatch e Cabrio.

New MINI Introduced at the Detroit Motor Show in January 2018 the new MINI is exactly that – a totally new car. Certainly lots of new product features and updates: a new design upgrade. Innovation for the engines and new automatic transmissions, further customization options and an expansion of the digital services available within the scope of the MINI Connected offer. With its unmistakable design and pure driving enjoyment, the first example of the MINI Classic triggered a revolution in the automative market with its appearance in 1959. In 2017, MINI achieved its third consecutive annual record by volume of sales. In Italy, from 2001 to the present over 333. 000 were sold here alone, including more than 220,000 MINI Hatch and Convertible.


Nuove BMW X4 e BMW X5

La quarta generazione in arrivo a novembre di BMW X5 cambia in profondità, soprattutto per quel che riguarda la tecnologia. La lunghezza raggiunge i 492 cm, la larghezza si attesta a 200 cm e l’altezza passa da 173 a 175 cm. I tecnici hanno rivisto anche il passo, infatti la distanza fra le ruote anteriori e posteriori è ora di 298 cm (4 cm in più). Il benzina a sei cilindri 3.0 della BMW X5 xDrive 40i avrà 340 CV; due i diesel a sei cilindri 3.0, che sviluppano 265 CV sulla X5 xDrive30d e 400 CV sulla X5 M50d. Completamente rinnovata anche la gamma di BMW X4 che si articolerà su 4 allestimenti: Business Advantage, Xline, Msport e Msport X. Per i motori diesel sono previsti questi propulsori: 20d a gasolio da 190 CV, 25d a quota 231 cavalli, 30d da 265 cavalli e la iperperformante M40d da 326 cavalli. Per il benzina sono previsti quattro cilindri della 20i da 184 cavalli, 30i da 252 cavalli, la M40i da 360 cavalli. Per quanto riguarda il prezzo, si parte dai 53.850 € della X4 20i. Con 3000 € in più per la Business Advantage (56.550), e quasi 6000 € per una in allestimento Xline. Stesso prezzo per Msport e Msport X (61.350).

New BMW X4 and New BMW X5 The fourth generation of the BMW X5 due to appear in November sees some profound changes, especially with regard to technology. The length is set to reach 492 cm, the width stands at 200 cm and the height moves from 173 cm to 175 cm. The technicians have also revisited the wheelbase, and the distance between the front and rear wheels is now 298 cm (4 cm more). The six-cylinder 3.0 petrol BMW X5 x Drive 40i will boast 340 hp; there are two six-cylinder 3.0 diesel which produce 265 hp on the X5 xDrive30d and 400 hp on the X5 M50d. The new BMW X4 range will have four versions: Business Advantage, Xline, Msport and Msport X. For the diesel engines the motor options envisaged are: 20d diesel from 190, 25d at 231 hp, 30d from 265 hp and the high performance M40d from 326 hp. For the petrol engines it’s envisaged four cylinders of the 20i from 184 hp, 30i from 252 hp, the M40i from 360 hp. As for the cost, we start at 53.850 euro for the X4 20i. A further 3000 euro for the Business Advantage (56.550), and almost 6000 for an Xline model. The same price for Msport and Msport X (61.350).

13


INNOVAZIONE

AUTOTORINO NOPAPER “Autotorino NOPaper” è il progetto interamente concepito e sviluppato all’interno del Gruppo Autotorino, cui è stato conferito il Premio per l’Innovazione Gestionale 2018. L’annuncio e la premiazione sono avvenuti a Verona, nell’ambito dell’Automotive Dealer Day, evento di riferimento in Europa per gli operatori della distribuzione automobilistica, che richiama oltre 4.000 addetti internazionali del settore, con più di 15 brand auto presenti, oltre 70 aziende della filiera in Area Business e operatori della stampa nazionale ed estera. A ritirare il premio, il Presidente di Autotorino, Plinio Vanini, il Consigliere Delegato Stefano Martinalli e Mattia Vanini, accompagnati dal Team Innovazione e Nuovi Sviluppi: Simone Mazzoleni, Basilio Natoli, Riccardo De Munari e Gian Maria Rizzalli. Una presenza sul palco ben nutrita ma che rappresenta solo la minima parte di quanti hanno contribuito alla sua concretizzazione efficace.

14

“Autotorino NOPaper” nasce da una sfida: trasformare i processi tradizionali ancora legati alla carta in un nuovo modello digitale capace di ottimizzare le numerose attività quotidiane svolte in Autotorino. Il tutto, garantendo al cliente un elevato livello di attenzione. Il team di Sviluppo si è messo all’opera vivendo per mesi la realtà quotidiana di ogni settore del Gruppo, sia osservando il processo di lavoro dei colleghi, sia immedesimandosi con il vissuto del Cliente. L’esperienza acquisita, rivista digitalmente, ha permesso di implementare i nuovi processi in maniera semplice e lineare, senza essere invasivi nelle interazioni richieste, specie da parte del Cliente. Il passo successivo è stato quello di individuare partner, software e device certificati, da integrare con la intelligence aziendale. Con Pentana Solutions e Alias Lab si sono implementate soluzioni innovative quali la firma grafometrica, per giungere infine ad una loro ‘prima europea’ nel settore automotive.


NASCE LA RIVOLUZIONE Prima di un rilascio globale, si è testata l’operatività ed il grado di usabilità dei nuovi processi digitali su singole filiali pilota, allargando poco alla volta il raggio, dopo aver individuato un key user per ogni ambito (reception, postvendita, consegne etc etc). Grande aiuto è venuto dall’interazione di tutti i collaboratori coinvolti ma anche dai primi Clienti ‘sperimentatori’: i suggerimenti, le indicazioni ed anche l’entusiasmo raccolto in questa trasformazione hanno creato una modalità di costruzione davvero partecipata ed in cui ciascuno ha messo un po’ del proprio ‘mestiere’. Il risultato? NOPaper oggi è una spina dorsale delle attività del Gruppo Autotorino: si stima un risparmio annuo di oltre 1.5000.000 di fogli A4, si firmano mediamente 80 contratti digitali al giorno che i Clienti ricevono istantaneamente nella loro casella e-mail, gli addetti al back-office e ai servizi ottengono 100.000 risultati in soli 15” di ricerca e possono così dedicare maggiore attenzione alla qualità del servizio offerto al Cliente. “NOPaper ha raggiunto una massa di attivazione impor-

tante, siamo quasi al 70% - spiega Simone Mazzoleni, a capo del team di Sviluppo -. Abbiamo rilasciato un progetto profondamente funzionale, ma molto ancora dobbiamo affrontare e non è detto che arrivati al 100% si possa dichiarare concluso. È materia viva, come viva è l’azienda. Ci eravamo immaginati un disegno iniziale, con determinati confini e ricadute possibili, ma siamo andati oltre ogni nostra aspettativa. Nel 2016 avevamo un’idea principalmente focalizzata sui processi del Back-Office e dell’Amministrazione, ma ci siamo successivamente resi conto che dalla Vendita e dal Post-Vendita avremmo potuto offrire vantaggi e nuovi servizi al Cliente come ad esempio la firma grafometrica o l’ATCloud, il cassetto cliente che pubblicheremo a breve. Siamo anche arrivati in tempo per essere allineati con i nuovi appuntamenti normativi GDPR e Fatturazione Elettronica, ma sarà con il prossimo rilascio che faremo la differenza. Si tratta della firma remota OTP (One Time Password) con la quale porteremo una sorta di scrivania virtuale direttamente presso il cliente”.

15


INNOVAZIONE

Il Progetto NOPaper ha confermato il Gruppo quale incubatore di innovazione. Un’innovazione che porta occupazione: si è creato e cementato un team di lavoro di cinque persone che oggi cerca nuove risorse da inserire e far crescere, alla luce degli sviluppi che le infrastrutture tecnologiche potranno avere già nel breve periodo. Inoltre è nato un nuovo Ufficio per l’Archiviazione Elettronica, dove non solo ci si dedica all’attività di supporto per l’archiviazione di tutte le funzioni aziendali, ma anche al monitoraggio della correttezza e della qualità del lavoro svolto. Una visione rimarcata anche dal presidente Plinio Vanini: “Autotorino è una Grande Squadra sempre pronta a recepire positivamente il rinnovamento, e questo progetto ne rappresenta sotto molti punti di vista l’essenza. Specialmente nelle sue finalità e nella sua architettura fortemente innovativa, votata a digitalizzare e interamente concepito e sviluppato internamente all’azienda. NOPaper rappresenta una tappa importante di un percorso digital in continua evoluzione, dedicato all’efficienza organizzativa e gestionale rivolta al Cliente. Un aspetto caratteristico in cui da sempre il Gruppo Autotorino crede fermamente e sul quale investe risorse, energie ed intelligenze, raccogliendo risultati riconosciuti anche dagli analisti del settore”.

16


NOPaper wins the Prize for Innovation “Autotorino NOPaper” is a project entirely conceived and developed within the Autotorino Group, and was awarded the 2018 Management Innovation Award. The announcement along with the presentation took place at Verona, within the context of Automotive Dealer Day, a genuine reference point in Europe for car distribution operators, attracting more than 4000 representatives within the sector, with more than 15 motor brands in attendance, over 70 companies in the supply chain Business Area alongside the national and international Press corps. “Autotorino NOPaper” grew out of a challenge: transforming traditional processes still tied to paper into a new digital model capable of optimising the multitude of daily activities undertaken by Autotorino. All this, aimed at guaranteeing to the customer an optimum level of attention. For months now the Development Team has been hard at work, experiencing the daily reality within every sector of the Group, both observing the work processes of colleagues and identifying with Customer experience. The “evidence” acquired, revisited in digital form, has allowed us to implement the new procedures in a simple and linear manner, without being invasive in any form of intercommunication, but especially on the part of the Customer. The next step was that of identifying partners, software and validated devices to be integrated within Company intelligence. With Pentana Solutions and Alias Lab, innovative solutions have been implemented such as the graphometric signature, their very first in Europe within the automotive sector Prior to a global launch, we tested the operation and functionality of the new digital processes on individual pilot branches, gradually widening the scope, after having identified a key user for each area (reception, after-sales, consignment etc etc). The end result? With NOPaper we estimate an annual saving of more than 1.5000.000 sheets of A4, at the moment an average of 80 contracts are signed daily where customers receive instant confirmation in their inbox, back-office staff and representatives obtain 100,000 results in only 15” of research and can thus devote more attention to the quality of service offered to the Customer. “NOPaper has reached an important concretion of implementation, we are almost Grazie al progetto NOPaper, Autotorino stima at 70%” explains Simone Mazzoleni, Head of the Development Team. “We have launun risparmio annuo di oltre 1.5000.000 di fogli A4. ched a decidedly functional project, but there remains plenty to deal with along Ogni giorno è stato calcolato che si potranno the way and it’s not clear if 100% is attaifirmare mediamente 80 contratti digitali. nable. It’s an on-going phenomenon, just like the Company itself. We always imagiI Clienti ricevono in tempo reale nella loro ned an initial draft, with certain boundaries and potential repercussions, but we casella e-mail tutta la documentazione. have gone far beyond our expectations”.

17


NUOVE APERTURE

A VARESE RADDOPPIANO Il pubblico di Varese ha storicamente espresso una significativa preferenza per il piacere di guidare BMW. Il Gruppo Autotorino, dall’11 luglio 2018, raddoppia la propria offerta dei servizi commerciali e di assistenza dedicati alla Casa Bavarese, attraverso la sua seconda sede della provincia, dopo quella di Olgiate Olona, rilevando la storica concessionaria ufficiale di vendita ed assistenza BMW e MINI di Varese. Questo passo porta così sotto le insegne Autotorino lo showroom di viale Aguggiari, il Service di via Giambologna e tutta la Squadra di 34 collaboratori, guidati dal nuovo Responsabile di Filiale Emerson Pezzini. Una novità che si rifletterà immediatamente anche nel modello d’offerta, orientato all’attenzione al cliente, libertà di scelta e personalizzazione del percorso d’acquisto e store digitale che accomuna tutte le sedi, garanzia Soddisfatto o Rimborsato sulle auto nuove e usate, tratti distintivi che hanno decretato l’affermazione del Gruppo a livello italiano ed europeo.

18

Autotorino con questa nuova acquisizione radica ulteriormente la propria presenza commerciale e tecnica al servizio degli automobilisti di Varese e provincia, rafforzando la sua presenza tra i top Dealer Italiani del Marchio BMW. Plinio Vanini, Presidente Gruppo Autotorino S.p.A. sottolinea come tutta la Squadra di Autotorino stia affrontando questa nuova sfida con grande impegno. “Siamo pronti a trasferire qui tutta l’esperienza e l’entusiasmo che accompagna il nostro importante percorso che ci lega al mondo BMW MINI e a BMW Italia. Varese è un territorio importante, qui operiamo con una parte significativa delle nostre filiali, ed oggi riceviamo il testimone da una realtà dalla storia altrettanto importante. Questa è una sfida stimolante, nella quale confido possano esprimere tutta la loro professionalità i 34 collaboratori che accogliamo nella Grande Squadra di Autotorino, aprendo loro prospettive di crescita in competenze e opportunità. Dopo il


LE INSEGNE BMW-MINI passaggio di consegne, siamo pronti a presentarci a tutti Clienti, dai più affezionati a quelli che verranno, con tutta la passione per il nostro lavoro. Metteremo al primo posto la soddisfazione di coloro che scelgono i nostri servizi di vendita e assistenza BMW MINI. Faremo di tutto affinché anche qui il piacere di guidare BMW diventi anche il piacere di condividere esperienze sempre nuove e coinvolgenti. In questo percorso approfitto per ringraziare personalmente i nuovi Collaboratori ed il team di specialisti Autotorino dedicato a questa fase di transizione, che stanno già lavorando con affiatamento, impegno, rapidità e spirito costruttivo”. Per Stefano Martinalli, Direttore Generale del Gruppo Autotorino S.p.A., questo passo non è solo il proseguimento del percorso di crescita dimensionale di Autotorino. “Ad esso si associa un’attenzione costante alla crescita qualitativa dei processi dedicati ai clienti. Siamo stati il primo e fino ad ora l’unico concessiona-

rio italiano a garantire la possibilità di restituire l’auto acquistata, sia nuova che usata. Nel nostro portafoglio brand abbiamo il piacere di ascrivere i migliori costruttori premium e generalisti, con attenzione particolare alle nuove motorizzazioni ibride ed elettriche. Da poco abbiamo costituito una nuova company per il noleggio a medio e lungo termine, Rent2Go, per meglio qualificare la nostra offerta di mobilità alle aziende e ai professionisti. Ci sentiamo molto impegnati nel far evolvere un nuovo concetto di concessionario auto che vada nella direzione di ampi servizi alla mobilità e non si limiti alla sola vendita delle vetture. Con questo passo raggiungiamo i 1.100 Collaboratori impegnati in Autotorino, una grande responsabilità che quotidianamente cerchiamo di assolvere mettendo al centro i valori del rispetto e tutela del cliente, della trasparenza commerciale e della qualità della relazione interna ed esterna all’azienda”.

19


NUOVE APERTURE

Emerson Pezzini Responsabile di Filiale Branch Manager

20


New Opening

Varese inaugurates the new Autotorino BMW MINI Dealership The public of Varese has historically expressed a significant preference for the pleasure of driving a BMW. On the 11th July this year the Autotorino Group doubled its investment in commercial and support services devoted to the Bavarian Company, through its second branch within the Province, after that of Olgiate Olona, taking over the historic official Dealership for sales and service BMW and MINI of Varese. It’s a significant step and brings under the Autotorino insignia the Showroom in via Aguggiari, the Service facility in via Giambologna and the entire Team of 34 staff, headed by the new Branch Manager Emerson Pezzini. Plinio Vanini, President of the Autotorino Group S.p.A. stresses just how the whole Autotorino team are tackling this new challenge with great commitment. “We are ready to bring here all the experience and enthusiasm which always accompanies us along a developing journey that binds us to the world of BMW MINI and BMW Italy. Varese is a hugely important territory, here we operate with a significant section of our branches, and today we take on the baton of a new reality within our remarkable history”. For Stefano Martinalli, Managing Director of the Autotorino Group S.p.A. this step is not just the continuation of the Autotorino dimensional growth path. “It exemplifies the constant attention to the qualitative growth of processes dedicated to our Customers. We feel deeply committed to evolving a new concept of car Dealership that takes us in the direction of expansive mobility services and does not limit itself to simply the sale of cars”.

21


NUOVE APERTURE

SARONNO, IL CAST FCA E AL COMPLETO Luci accese sul polo per l’auto che crea occupazione

“Ci sono voluti ben 53 anni perché al nome di Autotorino si associasse finalmente il nome del marchio torinese per eccellenza, FIAT”. Il Presidente del Gruppo Plinio Vanini ha salutato così, a Saronno, l’inaugurazione ufficiale del primo showroom interamente dedicato a tutti i brand FCA. Questo evento, infatti, porta alle origini del nome “Autotorino”: la prima rivendita di auto aperta nel 1965 a Morbegno (So) da Arrigo Vanini, padre dell’attuale presidente Plinio Vanini, era specializzata nella vendita di vetture a privati, acquistate a Torino, principalmente FIAT, da intermediari locali. Ma c’è di più. “Nel 2015, quando Autotorino ha rilevato questa concessionaria, qui c’era ancora la sola insegna Toyota e già da tempo era accompagnata da voci di chiusura. Noi ne avevamo visto il potenziale, abbiamo voluto scommettere sul rilancio e, con tutti i collaboratori che la animano ogni giorno, oggi rappresenta una delle realtà trainanti all’interno del nostro Gruppo”. Grazie anche alla fiducia che il pubblico di Saronno e dintorni ha voluto dare a questo progetto in modo sempre più consistente, i nove collaboratori di allora sono diventati 40, soprattutto giovani. “Si sono aggiunte le insegne Jeep e Alfa Romeo prima, ed ora anche quelle di tutto il cast FCA, lo showroom commerciale è quadruplicato, così come il service, più che raddoppiato”. Il Presidente del Gruppo Autotorino riassume i tre intensi anni in cui si sono succeduti positivi risultati: “Dimostrazione dell’investimento soprattutto in termini di esperienza, energia e passione, con cui Autotorino affronta la propria missione imprenditoriale”. Lo dice non solo il dato di oltre 1700 vetture vendute qui lo scorso anno, ma soprattutto lo sottolinea la risposta calorosa degli oltre 500 convenuti all’evento inaugurale del 15 marzo 2018.

22


AUTOTORINO SARONNO (FCA) Under the spotlight: focussing on the car that creates work. “It has taken a good 53 years for the name Autotorino to finally become associated with the Turin Brand par excellence, FIAT”, the President of the Group Plinio Vanini thus declared, in Saronno, at the official inauguration of the first showroom dedicated entirely to all FCA brands. In fact the event leads us naturally to the very origin of the name “Autotorino”: the first car sales outlet opened in 1965 at Morbegno by Arrigo Vanini, father of the current President Plinio Vanini, and specialised in the sale of cars privately, purchased at Torino, mainly FIAT, through local intermediaries. But that’s not all. “In 2015, when Autotorino took over this Dealership, there remained only the Toyota insignia and there were regular rumours of imminent closure. But we had seen the potential, and were prepared to bet on its re-launch and, because of all our colleagues who put so much into it on a daily basis, today it represents one of the leading players within our Group. It’s thanks also to the people of Saronno and its environs who have consistently kept faith with our particular project, so much so that the staff of 9 has now grown to 40, for the most part young colleagues. “The insignia of Jeep and Alfa Romeo were the first to be added, and now the entire range of FCA, whilst the commercial showroom had quadrupled in size, and the services more than doubled”. The President of Group Autotorino sums up the three highly intense years in which results turned positive: “A demonstration of investment above all in terms of experience, energy and commitment, with which Autotorino sets about its entrepreneurial objectives”. This is evident not only through the data showing that more than 1700 vehicles were sold here last year alone, but equally the warm and generous response by the 500 participants at the inaugural event on the 15th March this year.

23


DALLA COPERTINA

REINHOLD MESSNER

OLTRE LA SFIDA Un venerdì che non ti aspetti in Autotorino. È stato davvero inatteso ed emozionante il 29 giugno scorso, quando Reinhold Messner ha raggiunto il Lago di Como per parlare di sfide, ospite del CAI di Colico. Prima che salisse sul palco di una intensa e partecipata serata, organizzata dal CAI di Colico anche con il grande impegno del nostro collega Nicola Rossotti – vice presidente della Sezione –, l’abbiamo incontrato nella nostra sede di Cosio: è bastata una piccola battuta sulla montagna per trovare un’istantanea sintonia con il Presidente Plinio Vanini e il Direttore Generale Stefano Martinalli; con loro, una calorosa stretta di mano coronata da un abbraccio entusiastico di tutti i colleghi della sede. “Avete scelto la provincia più lontana di tutte per far nascere la vostra Azienda! E pensate che ve lo dico io, che vengo dall’Alto Adige” ha scherzosamente esordito Reinhold Messner, prima di essere accompagnato in un tour che ha toccato il mondo del nostro Gruppo: dal backoffice centrale, sino all’Azienda Agrituristica “La Fiorida”. In una frase della sua conferenza, incentrata sul tema del fascino della sfida, sentiamo essere racchiusa una comune visione: “Da quando è nato l’Alpinismo, ogni generazione ha cercato di rendere possibile ciò che la generazione precedente riteneva impossibile. Una sfida che si rinnova di generazione in generazione e che prosegue”. Se ciò può essere visto come tensione a migliorarsi e trovare soluzioni non convenzionali ove tutti si accontentano dell’ordinarietà, ecco che la via indicata da Messner è sempre stata vista da Autotorino come fortemente propria. Senza dimenticare la radice di dove siamo nati e dell’importanza delle persone che ci accompagnano nel cammino: “Sono partito per tutte le mie spedizioni come uomo di montagna e sono tornato sempre uomo di montagna. Ma ogni volta portavo con me un arricchimento, perché incontravo persone e culture nuove”. Questa una delle frasi che ci ha più colpito durante il nostro incontro, divenuta ancor più densa di significato nel momento in cui si è sentita pronunciata dal palco, dinnanzi ad una platea rapita dal carisma di Reinhold Messner, simbolo vivente dell’alpinismo.

24


SPECIAL GUEST

Reinhold Messner: the attraction of a challenge

A Friday that you might not have anticipated. The arrival of Reinhold Messner on the 29th June at Autotorino was certainly memorable. The mountaineer was committed as guest of CAI at Como to talk about challenges. But before taking to the stage for an intensive evening on the lake at Colico, he had taken the time to meet the staff of Autotorino at their HQ at Cosio Valtellino. The mere mention of the mountains is quite enough to find an instant rapport with President Plinio Vanini and General Manager Stefano Martinalli. Hence an occasion marked by the warmest of handshakes followed by an enthusiastic embrace by all the colleagues at headquarters. “You have chosen the most far-flung Province of all to establish your Company! And bear in mind that I myself come from the South Tyrol” Messner declared jokingly before setting out on a tour which clearly made a huge impression on the Group at every level. In a phrase he adopted during his lecture¸ which centred on the theme of the fascination of the challenge, he enthused on the idea of a common vision: “From the very birth of mountaineering every generation has striven to make possible that which the previous generation considered impossible. It’s a challenge that is constantly revisited over the generations and that will continue. I set out on all my expeditions as a man of the mountains and I have always returned as a man of the mountains. But every time without fail I brought back with me an enrichment, because I had encountered new people and new cultures”.

25


TRAGUARDI

UN ANNO DI SODDISFATTO O RIM ECCO I RISULTATI

“Soddisfatto o Rimborsato”. Ne parliamo dopo un anno durante il quale quasi 15.000 Clienti hanno acquistato un’auto con questa formula. Lanciata a giugno 2017 su Usato e Chilometri Zero, la garanzia è stata estesa dal 16 aprile 2018 anche sul nuovo (per un periodo sperimentale fissato sino al 30 settembre). L’attenzione verso l’acquirente è all’insegna di una concreta trasparenza, per offrire pura tranquillità. Addio acquisti a scatola chiusa: si hanno 15 giorni per guidare la vettura (fino ad un massimo di 1500 km percorsi) e valutarla a tutto tondo. Se non dovesse rispondere pienamente alle aspettative del proprietario, si può applicare il diritto di recesso e Autotorino rimette a disposizione l’intero importo versato. Al Cliente la scelta: acquistare un’altra vettura o tenere la somma. Ad un anno di distanza qual è il bilancio di questa iniziativa? Un ricorso a tale garanzia 101 volte su auto usate (più della metà concluse con l’acquisto soddisfatto di un’altra vettura ‘Usato Prima Scelta Autotorino’) e solo 2 casi su vetture nuove (il primo per una non piena rispondenza alle necessità della motorizzazione scelta, il secondo per il desiderio di un sistema di infotainment più ricco rispetto a quello del modello acquistato). Ma, soprattutto, una maggior semplicità nell’affrontare i dubbi che spesso nascono all’acquisto dell’auto: con la formula ‘Soddisfatto o Rimborsato’ Autotorino permette e codifica il percorso verso un acquisto davvero a prova di soddisfazione.

Our “Money Back Guarantee” Formula - one year on – here are the results.

“Money Back Guarantee”. It’s worth reporting back after a full year during which almost 15,000 customers purchased a car using this formula. Launched in June 2017 on Used and Kilometre Zero vehicles, the guarantee was extended from the 16th April 2018 to include New (for an experimental period until the 30th September). Attention switching towards the purchaser is characterised by a real transparency to offer genuine peace of mind. It’s farewell to the “closed box” purchase: customers have 15 days to drive the vehicle (up to a maximum distance of 1500 km) to see how it measures up in the round. If it does not fully meet expectations, the right of withdrawal can be invoked and Autotorino will return the full amount paid. The Customer has the choice: select another car for purchase or keep the full sum. So a full year into this new initiative, what’s the evaluation? An absolutely minimal recourse to such a guarantee: 101 occasions on used cars (more than half concluded with the satisfactory purchase of another car “Used First Choice Autotorino”) and only two cases on new cars (the first for a non- correspondence with the requirements of the chosen engine type, the second for a desire for a more exotic system of infotainment with respect to the model acquired). But above all, a much greater clarity in dealing with any doubts that often arise when buying a car: with the formula “Money Back Guaranteed” Autotorino opens up and sanctions the path towards a truly satisfactory purchase.

26


BORSATO LA PAROLA AI CLIENTI

MARCO DI CARPI A Carpi, la famiglia di Marco è di casa da Autotorino. Dopo la Hyundai Tucson acquistata dal fratello, anche lui si è recato in concessionaria per scegliere una Hyundai i20. Ritirata la vettura, si è reso conto che la motorizzazione ordinata non rispondeva appieno alle sue esigenze. È bastato tornare in filiale, segnalare al suo Consulente, Giuseppe, questa perplessità e si è immediatamente attivata la procedura di ‘Soddisfatto o Rimborsato’. È stata rimessa a disposizione del Cliente la somma pagata, riutilizzata poi per ordinare il modello giusto per sé. “Il tutto è stato all’insegna della semplicità, della cortesia e della professionalità - racconta Marco -. In meno di due settimane dalla segnalazione ho riavuto la somma versata, ordinato e ritirato la nuova vettura. Ed ora in casa abbiamo la macchina che ci soddisfa”. La testimonianza di Marco è disponibile integralmente sul canale Youtube del Gruppo Autotorino (www.youtube.com/user/gruppoautotorino)

In the Customer’s own words MARCO FROM CARPI

At Carpi, Marco’s family feel at home with Autotorino. After the Hyundai Tucson purchased by his brother, he too went to the Dealership to choose a Hyundai i20. Having collected the car he realised that the engine-type ordered did not fully meet his needs. It was enough to return to the Branch, and report his concern to Consultant, Giuseppe, who immediately activated the “Money Back Guarantee” procedure. The original sum paid was returned to the Customer and was duly employed to order the more appropriate model for himself. “Everything was characterised by simplicity, courtesy and professionalism” Marco relates “in under two weeks from my report I received the full amount I had paid, ordered and picked up the new car. And now I have a car that I am totally happy with”. Marco’s statement is available in full on the Youtube channel of the Autotorino Group. (www.youtube.com/ user/gruppoautotorino)

27


SERVIZIO

Il piacere di un acquisto all-inclusive

AUTOTORINO MOBILITY Acquistare ‘a pacchetto’ è un comportamento che sperimentiamo quotidianamente, ricorrendovi con piacere soprattutto per l’intuitività all’acquisto e per la successiva comodità di fruizione, che si tratti di un contratto di telefonia, della pay-tv o di una vacanza. Ora è possibile anche per l’automobile. Ci pensa Autotorino Mobility, la proposta che individua e rateizza una formula di tutela a gradi crescenti della vettura acquistata. Una soluzione che permette di rendere immediatamente percepibili al Cliente le opportunità cui si può accedere attraverso un unico interlocutore, il proprio Consulente Autotorino, ed attraverso un unico calcolo, quello della rata preferita o sostenibile. Autotorino Mobility, nato in seno all’Ufficio Servizi Assicurativi e Finanziari del Gruppo, sintetizza in modo nuovo e intuitivo il potenziale dei molteplici servizi ‘su misura’ acquistabili in showroom che caratterizzano da sempre il modello commerciale di Autotorino. Oggi si può dire di aver convogliato questo potenziale e l’esperienza Autotorino in pacchetti dall’elevato appeal, spostando sempre più la prospettiva del cliente dalla richiesta di un prezzo ‘chiavi in mano’, alla comprensione dei vantaggi e della sicurezza di un acquisto ‘all-inclusive’. Un passo, questo, che favorisce anche la comodità del Cliente, che avrà come interlocutore unico il suo Consulente dedicato, per esigenze commerciali, di gestione assicurativa e per la manutenzione.

The delights of an all-inclusive purchase Buying a “package” is something we do pretty much on a daily basis, availing ourselves happily of the intuitive nature of the purchase and the subsequent convenience of use. It might be a telephone contract, pay-tv, or a holiday and now it’s also possible for a car. Leave it to Autotorino Mobility, a proposition which identifies an instalment-based formula of protection to increasing levels whichever the car purchased. It’s a solution which makes the Customer immediately aware of opportunities at hand through a single interlocutor, your own Autotorino consultant and through a single calculation, that of a chosen and sustainable instalment. Autotorino Mobility, created within the Group’s Insurance and Financial Services Office, encapsulates in a new and perfectly natural way the potential of the many “tailor-made” services available in showrooms that have always characterised the commercial Autotorino model. Today it’s clear that it has devised a combination of both potential-led and Autotorino experience in package form giving a genuinely heightened appeal, shifting the customer’s perspective ever more from the desire to have a “key in hand” price to an understanding of the advantages and security of an “all-inclusive” purchase. It’s a move which also facilitates Customer convenience, who has as his sole interlocutor a dedicated Consultant for all business needs, insurance management and maintenance.

28


QUATTRO OPZIONI PER UN ACQUISTO SU MISURA

La scala crescente di servizi offerti da Autotorino Mobility si articola su quattro gradi: Start (che abbina alla rata l’assicurazione ‘credito protetto’), Protezione (che aggiunge anche tutela Kasko, Valore a Nuovo, Furto e Incendio) sino ai pacchetti Comfort e All Inclusive (che estendono i servizi anche alla manutenzione programmata e all’estensione di garanzia).

FOUR OPTIONS FOR A TAILOR-MADE PURCHASE The incremental scale of services offered by Autotorino Mobility is divided into four grades: Start (which combines insurance with “secured credit”), Protection (which then adds Kasko protection, Value as New, Theft and Fire), to the packages Comfort and All Inclusive (which expand the services to include scheduled maintenance and warranty extension).

29


RECRUITING E FORMAZIONE

CRESCERE

CON LE PERSONE AUTOTORINO LANCIA I “JOB•DAY” PORTE APERTE A CHI SOGNA DI LAVORARE NEL MONDO AUTOMOTIVE La crescita del Gruppo Autotorino va oltre i dati di mercato. L’azienda è divenuta nel tempo anche luogo in cui talenti, professionisti e giovani appassionati mettono in gioco con successo le proprie capacità. È a loro che il Gruppo dedica gli appuntamenti con i JOB•DAY Autotorino. Le porte delle sue Filiali si aprono sulle opportunità di carriera nel mondo automotive, con una formula di reciproca conoscenza, interattiva e dinamica. I primi 40 partecipanti hanno apprezzato la formula nei due appuntamenti inaugurali di questo format che si sono tenuti a giugno nelle filiali di Olgiate Olona (VA) e di Curno (BG). In programma ci sono nuovi appuntamenti itineranti, tutti dedicati a chi nutre la passione ed il sogno di lavorare nel settore dell’Automotive, costruendo il proprio percorso professionale nell’Azienda leader tra le concessionarie italiane.

JOB•DAY Autotorino: giorni in cui lasciare il segno

Passione per i motori, orientamento al cliente, capacità organizzative, spirito d’iniziativa e desiderio di impegnarsi in un lavoro dinamico con concrete possibilità di crescita. In ogni appuntamento, che di volta in volta toccherà una sede diversa, ci sarà la possibilità di conoscere l’organizzazione dell’Azienda, scoprire i percorsi di formazione e crescita professionale pensati e attivati dalla Autotorino Academy, oltre che incontrare il team di selezione. Per ciascuna data un programma originale e dinamico, in cui prevalgono i momenti di interazione, di gaming e di approfondimento con il supporto di testimonianze aziendali. Per conoscere le date in calendario, i profili preferenzialmente ricercati in ciascun appuntamento e per iscriversi al più vicino, è possibile consultare il sito: novita.autotorino.it/promo/jobday

30


RECRUITING AND TRAINING GROWING ALONG WITH THE PEOPLE AUTOTORINO LAUNCHES “JOB DAY” WITH DOORS OPEN TO ANYONE WHO DREAMS OF WORKING WITHIN THE AUTOMATIVE WORLD The growth of the Autotorino Group goes well beyond mere market data. Over time the company has become a place where the talented, professionals and young enthusiasts successfully put their skills and capabilities on the line. It’s to them that the Group addresses appointments like Job Day Autorino. The doors of its Branches open up career opportunities within the automotive world, involving a formula of shared knowledge, interactivity and dynamism. The first 40 participants certainly appreciated the formula when the two inaugural events using this format were held in June at the Branches at Olgiate Olona (Va) and Curno (Bg). Further new itinerant appointments are in the pipeline, all dedicated to those who nurture the passion and ambition to work in the Automotive sector, building their professional career within the foremost Company amongst Italian Dealerships.

Job Day Autotorino: days in which you can leave your mark A passion for motor cars, customer orientation/service, organisational skills, a driving spirit and the desire to engage in a dynamic world of work with genuine opportunities to get ahead. Every event, each held at a different Branch, provides the opportunity to get to know the organisation of the Company, to discover the training undertaken and the professional growth plans designed and carried out by the Autotorino Academy, as well as meeting the selection team. Each appointment will deliver a programme both original and dynamic, which will incorporate periods of interaction, gaming and will feature detailed studies with input from Company representatives. To find out future dates, profiles which are particularly being targeted at each appointment and to register with your nearest, consult the site: novita.autotorino.it/promo/jobday

31


RECRUITING E FORMAZIONE

32


Start Me Up accende nuove professionalità

Il Gruppo Autotorino può realizzare i sogni non solo di chi ama guidare auto moderne, efficienti e prestazionali. Apre infatti le porte a chi nutre la passione per i motori e la tecnologia, sentendosi a proprio agio nel relazionarsi con le persone. E non offre semplicemente un’opportunità di lavoro, ma un percorso di crescita e di carriera certificato, grazie all’accompagnamento continuo della Autotorino Sales Academy. Il patrimonio d’esperienza di Autotorino è a disposizione di ogni collaboratore, soprattutto di chi si affaccia per la prima volta al settore, per accompagnarlo al successo come professionista del settore Automotive. Come si misura la professionalità? In Autotorino abbiamo un parametro importante: la soddisfazione del Cliente. Per questo lavorare in Autotorino significa essere parte di una Squadra in cui tutta l’esperienza è sempre condivisa e trasmessa nel proprio team di lavoro ed in particolare dalla Autotorino Sales Academy. Un modello che permette di far emergere le migliori qualità, supportate dalla padronanza dei sistemi più evoluti. Così nascono i professionisti Automotive, in grado di rispondere puntualmente e con pertinenza alle esigenze di ogni Cliente: un supporto formativo permanente che affianca ed arricchisce quanto sperimentato ogni giorno ‘sul campo’, per comprendere al meglio le dinamiche quotidiane e come trasformare le domande dei Clienti in risposte efficaci verso la loro soddisfazione. Voglia di apprendere e mettersi in gioco con anima e cuore fanno la differenza e portano al successo. L’appuntamento con la tua svolta professionale è arrivato grazie al percorso di Start Me Up, tutto da scoprire guardando le testimonianze di chi lo sta già seguendo, raccolte nel portale dedicato attraverso il quale è possibile anche avanzare una candidatura: novita.autotorino.it/promo/start-meup

Start Me Up striking up a new professionalism The Autotorino Group can fulfil the dreams of not only those who love driving modern, efficient and performance-orientated cars. The fact is, it opens its doors to anyone who nurtures a passion for engines and technology, and has a natural ease in relating with people. And it’s not simply a case of offering a job opportunity, much more a clear growth path and certificated career, thanks to the constant support of the Autotorino Sales Academy. Autotorino’s wealth of experience is at the disposal of every participant, and above all for those who are tackling the sector for the first time, accompanying him to success as a true professional within the Automotive world. So how do you measure your professionalism? At Autotorino we have an important parameter: Customer satisfaction. For this alone, working in Autotorino means being part of a Team in which experiences are invariably shared and communicated throughout the work squad and in particular via the Autotorino Sales Academy. It’s a model which sees the emergence of the very best qualities, supported by the technical mastery of state-of-the-art systems: this is how Autotorino professionals are created, capable of responding promptly and appropriately to the needs of each and every Customer: a permanent educational backup which supports and embellishes every experience “in the field”, in order to understand better the daily dynamics and how to convert Clients’ demands into effective responses moving towards their satisfaction. This is how and why the Start Me Up pathway was established, to be unearthed by observing the experiences of those who are already following it, all assembled on the dedicated portal: novita.autotorino.it/promo/start-meup through which it is also possible to submit an application. Want to discover how to apply yourself heart and soul to making all the difference and achieving success? Your professional breakthrough has just arrived.

33


PERSONE

LA 1OO CHILOMETRI DI DARIO Ci sono traguardi che posseggono un fascino particolare, come la “100 km del Passatore�. Dal 1973 questa prova unisce la sfida con una distanza ambiziosa e selettiva con il sapore storico di una rievocazione suggestiva.

34


“Cimentarsi con una 100 chilometri è un obiettivo con cui ogni podista vorrebbe misurarsi. Se poi nasci in Emilia, il Passatore è un mito che senti di dover sfidare almeno una volta nella vita” spiega Dario Cavazza, responsabile della Filiale Autotorino di Carpi, che nel maggio 2017 ha coronato con successo la sua sfida. “Ho sempre nelle gambe l’allenamento per una mezza e almeno un paio di maratone all’anno, ma la preparazione per il Passatore è tutto un altro mondo. Devi darti metodo e iniziare a predisporre la testa insieme al fisico ad uno sforzo immenso, stando attento a non procurarti alcun acciacco. Cento chilometri sono una distanza che non perdona e che deve essere metabolizzata tempestivamente. Già da febbraio, tre mesi prima della gara, ogni domenica coprivo una distanza pari a 35 o 40 chilometri. E intanto maturavo tutto il coraggio e la concentrazione necessari”. Perché il Passatore è una gara che incute un timore reverenziale. Si parte in Toscana di giorno e si sconfina in Emilia di notte, esattamente come doveva fare, negli anni del Risorgimento, il brigante Stefano Pelloni, detto il Passatore, personaggio da cui il percorso prende il nome. “Oggi percorriamo questo tracciato con un desiderio di soddisfazione personale, ma affascina l’idea che le stesse strade fossero percorse secoli or sono da briganti con le guardie alle calcagna, con occhi rivolti alla strada davanti e orecchie protese alle spalle. Forse è proprio un po’ di quello spirito di sopravvivenza ci sospinge al traguardo. Penso allo scollinamento del Passo della Colla di Casaglia (FI), a oltre 900 metri di quota. Hai lasciato Firenze da 48 chilometri e l’arrivo di Faenza dista 52 chilometri; sei nel punto più alto della corsa e nel cuore della notte. È qui che inizia il ‘vero’ Passatore e la testa fa la differenza per domare la fatica fisica, il freddo, l’oscurità. Solo quando sei immerso in questa dimensione, al buio, senza alcuna parvenza di orizzonte, devi essere pulito da ogni pensiero e tenere dritta la rotta che ti Dario’s very own 100 kilometres porterà a veder l’alba e il traguardo. Siamo There are targets that have a special fascination. Like the “100km of partiti in 2900 ed abbiamo tagliato l’arrivo in Il Passatore”. Since 1973 this rather particular event has combined the 2050: un dato significativo della selettività”. challenge of a considerable and demanding distance with the historic piquancy of an evocative commemoration. “To take on fully 100km is a challenge that attracts every competitive athlete. And if you were born in Emilia, Il Passatore is a legend that you feel you really must grapple with at least once in your life” explains Dario Cavazza, Head of the Autotorino Dealership at Carpi, who successfully completed the challenge himself in 2017. “You have to discover your own way and start to prepare both mind and body for an immense effort, being careful not to provoke any injury or ailment. A hundred kilometres is a distance that does not easily forgive and must be metabolised in a timely manner”. Because Il Passatore is an awesome race which demands respect. It starts from Tuscany by day and finishes up in Emilia at night, exactly as it must have been executed during the Risorgimento by the bandit Stefano Pelloni, known as Il Passatore, the character from whom the course takes its name. “The most outstanding point is that which takes in the summit of the Passo della Colla di Casaglia, at more than 900m. Florence is already 48 km behind you and your destination of Faenza a further 52 Km down the road; you are at the highest point of the course and in the dead of night. This is where the “real” Passatore begins and it’s the head that will make all the difference to combat fatigue, the cold, and the darkness. There were 2900 of us at the start and we have been trimmed to 2050 by the time of arrival: a significant figure speaking volumes”.

35


INCONTRI

MASSIMO PICOZZI

LE EMOZIONI SUL LUOGO DI LAVORO Ogni giorno facciamo i conti con le nostre emozioni: cerchiamo di contenerle o le assecondiamo nelle nostre scelte, ma non possiamo non considerarle. Per approfondire questa riflessione, la filiale Autotorino Mercedes-Benz di Luisago ha ospitato Massimo Picozzi, criminologo, scrittore, psichiatra, consulente manageriale, invitato da Confartigianato Como. Nel suo saluto di introduzione all’evento, Cosimina Pugliese, Presidente di Donne Impresa Como (organizzatore della serata), ha sottolineato come “l’evoluzione avvenuta nelle nostre imprese travalica ormai il mero aspetto economico e commerciale, che a volte rischia di perdere efficacia proprio nel momento in cui le relazioni interpersonali all’interno della stessa azienda subiscono momenti di tensione e conflitti che destabilizzano i già delicati equilibri aziendali. Da qui ci siamo poste l’interrogativo: quanto oggi può incidere l’aspetto emotivo e delle relazioni nelle nostre aziende?” “È impossibile smettere di provarle ed è impossibile ignorarle: le emozioni influenzano il nostro corpo, la nostra mente, il nostro comportamento. Ad esempio, la rabbia è un’emozione che ci consente di ponderare ciò che sta accadendo

36


CHARACTER MASSIMO PICOZZI

How much do emotions count in the workplace?

We take account of our emotions on a daily basis: we may try to contain them or indeed we indulge them whilst making choices, but it remains impossible to ignore them. With this in mind for an evening, the Mercedes-Benz Autotorino branch of Luisago hosted Massimo Picozzi, criminologist, author, psychiatrist, managerial consultant, was invited by Confartigianato Como. In her introductory welcome to the event, Cosimina Pugliese, President of Business Women, Como (the evening’s organiser) underlined how “the evolution that took place in our businesses now goes beyond the mere economic and commercial aspect which sometimes risks losing effectiveness, precisely when interpersonal relationships within the company are subject to moments of tension and conflict that threaten to destabilize an already delicate balance. From here we asked ourselves the question: how much today do the emotional aspect and relationships have a bearing on our companies?”. “It’s impossible to stop considering them or simply ignore them: emotions influence our bodies, minds and behaviour. For example, anger is an emotion that allows us to reflect on what is happening around us. To become angry is wrong, but not that wrong. We need to take stock, develop a capacity to “read” this anger and pre-empt the negativity before we run into problems” Professor Picozzi explored in an extract from his speech. “Even in the workplace it’s possible to feel anger, to not manage to hide one’s emotions. The difficulties of control, of management of resentment and frustration are progressively on the increase with inevitable repercussions on the emotional narrative, productivity and on the company’s balance sheet”.

intorno a noi. Arrabbiarsi è sbagliato, ma non troppo. Occorre prenderne le misure, sviluppare una capacità di leggere questa rabbia e prevenire le negatività prima che si trasformino in problemi” ha analizzato in un passaggio del suo intervento il professor Picozzi. “Anche nell’ambiente di lavoro capita di provare rabbia, di non riuscire a nascondere le emozioni. Stanno progressivamente aumentando le difficoltà di controllo, di gestione del risentimento e della frustrazione, con inevitabili ricadute sul tema emotivo, sulla produttività e sul bilancio dell’azienda.” Analogamente, occorre saper cogliere le scintille di entusiasmo, per valorizzare tutte quelle emozioni positive che possono dare slancio ed empatia. Aspetto che nel suo saluto il responsabile della Filiale Tito Monti non ha mancato di trasmettere: “il sorriso con cui accogliamo ogni nostro visitatore nasce dal piacere della nostra professione. È il messaggio che ci nasce spontaneo in ogni saluto e che crea un intenso legame tra tutta la nostra Squadra di Autotorino”.

37


PER IL SOCIALE

GOLF CUP E SANTIAGO IN ROSA CON CANCRO PRIMO AIUTO Saranno le donne dello sci a pedalare per i malati di cancro. L’edizione 2018 di Santiago in rosa, la manifestazione ciclistica promossa da Cancro Primo Aiuto, vedrà, a ottobre, protagoniste cinque donne (accompagnate da tre uomini) che nella vita svolgono attività legate agli sport invernali, da giudici di gara a cronometristi ufficiali. Pedaleranno per oltre 900 km, da Finisterre alla Basilica di Nostra Signora del Pilar a Saragozza, per sostenere le iniziative dell’associazione. L’obiettivo di questa ottava edizione, infatti, è quella di raccogliere fondi per acquistare una tomosintesi mammaria o mammografia tridimensionale per l’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Si tratta di un’apparecchiatura che, grazie alle sue tecnologie di ultima generazione, permette uno studio stratigrafico della mammella che fornisce risultati diagnostici più efficaci rispetto alla mammografia convenzionale: con la tomosintesi mammaria si possono accertare tumori al seno in fase precocissima e cogliere piccole lesioni che potrebbero sfuggire alla mammografia. Gli atleti percorreranno gli oltre 900 km che separano Finisterre da Saragozza in cinque giorni, tra martedì 2 e sabato 6 ottobre in staffetta continua. Ci sarà, però, una prima tappa che porterà i ciclisti dall’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo al santuario della Madonna della Neve e dei Ciclisti del Colle Gallo. Da qui gli atleti si avvieranno alla volta di Finisterre, punto di partenza dell’ottava edizione di Santiago in rosa.

38


Circuito golf

E’ in pieno svolgimento la seconda edizione del Trofeo Autotorino Golf Challenge – Coppa Creval il torneo sul green che permette a Cancro Primo Aiuto di parlare di cancro e raccogliere fondi per le varie iniziative sostenute. Si tratta di una manifestazione ancora più ricca di premi e che sta coinvolgendo molti più campi di Lombardia e non solo. Ha preso il via il 15 aprile 2018 dal Golf Club Vigevano e, dopo 11 gare di qualificazione, si concluderà il 14 ottobre con la finale al Golf Club Castello di Tolcinasco. Sfida nella sfida: mettere a segno un hole in one ed aggiudicarsi una smart. Informazioni e iscrizioni: www.cpaonlus.org

Cosa fa Cancro Primo Aiuto

L’Associazione Cancro Primo Aiuto non ha scopo di lucro e persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale nel campo dell’assistenza sociale e socio-sanitaria a favore prevalentemente degli ammalati di cancro e delle loro famiglie, compresa la prevenzione, la cura, l’assistenza psicologica, medica e domiciliare principalmente nell’ambito territoriale della Regione Lombardia. L’attività consiste nella consulenza totalmente gratuita, nell’aiuto in senso lato realizzato tramite i medici, paramedici, volontari e medici specialisti con particolare riferimento a quelli che partecipano al Comitato Tecnico Scientifico. Dallo scorso giugno, Plinio Vanini è stato eletto presidente della ONLUS per la seconda volta, dopo il precedente mandato 2014-2016.

Autotorino for the Community Santiago in pink Cancer First Aid Initiative Women from the world of skiing will be pedalling this October for cancer patients. The 2018 staging of Santiago in pink, the cycling event promoted by Cancro Primo Aiuto, will involve five women protagonists (accompanied by three men) whose lives usually revolve around winter sports: from race judges to official timekeepers. They will be in their saddles for over 900 km, from Finisterre to the Basilica di Nostra Signora del Pilar at Saragossa, to support the Association’s initiatives. The aim of this - the eighth staging – is to raise funds to purchase a breast tomosynthesis or three-dimensional mammogram machine for the Papa Giovanni XXIII Hospital in Bergamo. It’s an apparatus which, thanks to state-of-the-art technology, allows a stratigraphic study of the breast that provides more effective diagnostic results with respect to conventional mammography: with breast tomosynthesis you can spot breast tumours in the very early phases and identify small lesions which might well escape standard mammography. The athletes will cover the 900 km which separate Finisterre from Saragossa in just five days between Tuesday 2nd and Saturday 7th October in a continuous relay format. There will, however, be a first stage which takes the bicyclists from the Papa Giovanni XXIII Hospital in Bergamo to the Sanctuary of the Madonna della Neve e dei Ciclisti del Colle Gallo. From here the athletes will head off for Finisterre, the setting out point for this 8th staging of Santiago in Pink.

39


CLUB LIFE

LA GRANDE PASSIONE MINI MINI non è solo una moda, ma uno stile di vita che scegli. È il piacere di incontrarsi, condividere immediatamente la stessa frequenza d’onda e far nascere un clima unico, fatto di idee vulcaniche e di passioni che non conoscono confini. Ne sanno qualcosa gli amici del BE MINI Club Como, che hanno contagiato con il loro entusiasmo l’intero mondo MINI Autotorino. E per il loro tredicesimo raduno annuale, hanno pensato di dare un nome al raduno: MiniSvolta. Svolta come Volta, Volta come Como, Como come BE MINI Club. Una svolta al classico raduno per offrire ai partecipanti un’emozione nuova, proprio come la nuova MINI, nuova da sempre: una riunione di famiglia allargata agli specialisti MINI del Gruppo del resto di Lombardia, Piemonte ed Emilia. Il risultato? Una carovana di oltre 60 vetture, ciascuna unica come il suo equipaggio, che dopo aver costeggiato il Lago di Como il 24 giugno ha fatto incontrare in Valtellina oltre 120 appassionati per una speciale domenica d’estate. Manuel Levato, consulente MINI Autotorino di Como e presidente del BE MINI Club Como, ha descritto la ‘MiniSvolta’, primo raduno MINI Autotorino: “Il progetto di questo raduno è nato a gennaio, con il desiderio di allargare i confini dell’evento non più al solo Club di Como, ma a tanti nuovi appassionati MINI amici di Autotorino. Più mettevamo testa e mano ai dettagli del progetto, più cresceva la voglia di vivere questo giorno, pur con il comprensibile timore di affrontare per la prima volta una dimensione così consistente di partecipanti. E alla fine il gran giorno è arrivato: tanta adrenalina, la felicità di veder tante persone soddisfatte, ricevere l’inaspettata ed entusiasta visita di Plinio Vanini”. La chat di Whatsapp creata per condividere in tempo reale le informazioni organizzative dell’evento tra i partecipanti è ancora ‘calda’. A distanza di qualche giorno, continua ad essere un rimbalzare di foto, video e commenti pieni di entusiasmo. Tanto da non veder l’ora di iniziare i preparativi per il prossimo anno.

40


A Great Passion for MINI MINI is not just a fashion, but a life-style choice. It’s the joy of meeting up, immediately adopting the same wave frequency and creating a unique spirit, made up of dynamic ideas and passions that know no boundaries. The friends of the BE MINI CLUB Como know all about this, and have infected the entire MINI Autotorino world with their enthusiasm. And for their 13 th Annual Rally they have come up with a name for it: MiniSvolta, Svolta as in Turn to , Turn to as in Como, Como as in BE MINI Club. A turning point as in a classic occasion to Rally and to offer participants a new thrill, just like the new MINI, forever new: a family reunion extended to MINI specialist Groups in Lombardy, Piedmont and Emilia. And the result? A convoy of more than 60 vehicles, each unique just like its crew, which after having coasted along the banks of Lake Como on the 24 th June, met up with more than 120 “aficionado” in Valtellina for a very special summer Sunday. Manuel Levato, MINI Autotorino consultant at Como and President of the BE MINI Club Como, described the “MiniSvolta”, the first MINI Autotorino Rally: “The blueprint for this gathering was drawn up back in January, with the desire to broaden the boundaries of the event, no longer limited to just the Como Club, but to many new MINI enthusiasts and friends of Autotorino. The more we focused on the details of the Project, the more the desire to really make it a very special day took over, even with the quite understandable concern of coping with such a large group of participants for the first time. And in the end the big day arrived: so much adrenaline, the delight of seeing so many satisfied people, endorsed hugely by the unanticipated visit of a hugely-enthusiastic Plinio Vanini”. The chat on Whatsapp meant that organisational information about the event could be shared among the participants in real time, and remains “hot”. Even days after, there continues to be a “rebounding” of photographs, videos and enthusiastic commentaries. So much so that we can’t wait to start preparations for next year’s celebration. 41


CLUB LIFE

BMW MOTORRAD AUTOTORINO

IN SELLA SULLE ALPI OROBIE Una cavalcata lunghissima, da Cremona e Varese, attraverso Bergamo e le Orobie, sino alla Valtellina. È diventato ormai un classico di grande richiamo il coastto-coast motociclistico della Lombardia firmato Autotorino e BMW Motorrad. Oltre 300 chilometri organizzati e vissuti dal BMW Motorrad Autotorino Club Cremona e dagli amici della Concessionaria BMW Motorrad di Olgiate Olona. Un appuntamento annuale che anche nell’edizione 2018 ha confermato la sua attrattiva, complice una tersa giornata estiva che ha valorizzato l’emozione dei paesaggi attraversati dai 100 centauri, sino a toccare l’apice dei 2000 metri del Passo San Marco. L’entusiasmo è palpabile, sin dalla sua prima edizione del 2013, tanto che l’evento è stato eletto ad istant-classic per i motociclisti BMW lombardi e non solo. Per questo la partecipazione è sempre limitata e a numero chiuso. “La possibilità di percorrere questo itinerario vario, guidato e spettacolare, abbinato alla genuina e naturale ospitalità de “La Fiorida” rappresentano un plus distintivo dell’evento, che unisce ancor di più lo spirito di tutti i partecipanti” dicono le ‘anime’ dell’evento, i consulenti Autotorino Motorrad Alex Rizzi (filiale di Cremona), Roberto Gorla ed Emanuele Trevisin (filiale di Olgiate Olona). Ed è proprio a loro che chi, leggendo queste pagine, già desidera unirsi alla carovana del prossimo anno può rivolgersi per prenotare in anteprima la propria partecipazione.

42

Riding through the Alpi Orobie An extraordinary ride, from Cremona and Varese, taking in Bergamo and the Alpi Orobie, all the way to Valtellina. The “coast-to-coast” motorbike ride in Lombardy has become something of classic nowadays, hugely-popular and endorsed by both Autotorino and BMW Motorrad. A trip of over 300 km organised and overseen by BMW Motorrad Autotorino Club and the friends of the BMW Motorrad Dealership in Olgiate Olona. An annual event whose 2018 staging confirmed its appeal, thanks in part to a fine summer day that enhanced the charms of the landscapes appreciated by 100 riders, right up to the 2000m peak of the San Marco Pass. The enthusiasm is palpable, right back to its first staging in 2013, so much so that the event was selected as an instant-classic by both Lombardy BMW bikers and those from further afield. Precisely why participation is strictly limited. “The possibility to follow this extraordinarily varied route, well-considered and spectacular, combined with the generous hospitality of La Fiorida Holiday Farm Complex are the distinguishing features of the event and which unite the spirit of all concerned”. So say the “heart and souls” of the adventure, the Autotorino Motorrad consultant Alex Rizzi (Cremona Branch) Roberto Gorla and Emanuele Trevisin (Olgiate Olona Branch). And it’s to those quarters that anyone reading this should turn if they feel inspired to join the “troops” next year. Book early.


PARTNERSHIP

SAFARI PARK LAGO MAGGIORE I sogni e la libertà di viverli sono più raggiungibili di quanto si creda. E grazie all’incontro tra il Gruppo Autotorino e il Safari Park Lago Maggiore di Pombia (NO), sono ancor più vicini. Nella primavera 2018 è fiorita una nuova collaborazione tra le Concessionarie Autotorino Toyota di Novara e Gattico e il Parco, meta ogni anno di migliaia di visitatori alla ricerca di emozioni, natura e divertimento. Le Concessionarie Ufficiali Autotorino Toyota di Novara e Gattico sponsorizzano la stagione dell’amato parco a tema sul Lago Maggiore, riservando un benvenuto speciale a tutti i visitatori. I modelli più nuovi e attraenti sono posizionati all’ingresso del parco, dove è possibile guidarli in un test-drive come nessuno aveva mai proposto sino ad ora: testare veicolo Autotorino durante un emozionante safari. Un’esperienza che promette di donare la libertà di sognare la propria nuova auto, emozionandosi per l’unicità del contesto attraversato. Non solo evasione. L’impegno del Safari Park Lago Maggiore è anche nella sensibilizzazione del pubblico verso un turismo più responsabile perché divertendosi è possibile contribuire a conservare l’ambiente e chi lo vive: con le Istituzioni e le Scuole nascono Progetti Didattici volti a migliorare la conoscenza delle specie animali e costruire una relazione con essi fin da piccoli. Safari Park Lago Maggiore svolge inoltre un ruolo primario e attento nei riguardi di specie in via di estinzione quali il rinoceronte di sumatra, gli elefanti pigmei del Borneo e le tigri siberiane.

www.safaripark.it

Dreams and the freedom to live them are more tangible than one might think. And thanks to the combined efforts of the Autotorino Group and the Safari Park Pombia (NO) they are even closer. In Spring 2018 a new collaboration between Autotorino TOYOTA Dealerships in Novara and Gattico has really blossomed and with it the magnificent Park which attracts thousands of visitors every year looking for excitement, Nature and fun. The Autotorino Authorised Toyota Dealerships of Novara and Gattico are seasonal sponsors of the much-loved Theme Park on Lake Maggiore, guaranteeing a very special welcome to visitors large and small. The newest and most seductive models are situated at the very entrance to the Park where it is possible to take them on a test-drive, an opportunity never previously proposed: try out an Autotorino vehicle whilst enjoying an exhilarating Safari! It’s an experience that promises the freedom to dream of your very own new car, enhanced by the originality of the setting and context.

43


CULTURA

LA STORIA DELLA CHIESA DI SAN MARTINO DI COSIO

44


Un particolare sentimento di appartenenza lega il Gruppo Autotorino con il paese di Cosio Valtellino. Per questo è stato sostenuto con entusiasmo il progetto di valorizzazione della Chiesa di San Martino. In quasi cinque anni di lavori di restauro della Parrocchiale di Cosio, conclusi nella primavera 2018, sono emersi elementi densi di significato e curiosità. Dall’intuizione del promotore Renzo Pace, è nato un libro capace di rendere efficacemente leggibile quanto scoperto nel corso dell’ultimo restauro di San Martino. Curato da Rita Pezzola (Biblioteca Ambrosiana di Milano) e da Alessandro Rovetta (docente all’Università Cattolica di Milano) e pubblicato dall’Associazione Culturale Ad Fontes, il volume “La chiesa di San Martino di Cosio Valtellino. Storia, arte, vita religiosa” raccoglie il contributo di 18 professionisti e studiosi che si sono approcciati tanto ai lavori. L’opera è un’immersione in radici e vicende storiche, religiose, artistiche e di comunità del paese di Cosio Valtellino. Ne è testimonianza la significativa partecipazione di pubblico alla presentazione avvenuta il 19 maggio presso lo showroom della Sede del Gruppo Autotorino, che ne ha patrocinato la pubblicazione.

A Cosio la casa di Autotorino

Nel 1991 Autotorino trasferisce la propria sede dall’originaria Morbegno a Cosio Valtellino. Qui, con l’apertura del primo showroom in cui prende forma il concetto di customer journey multimarca pensato da Plinio Vanini, inizia il percorso di sviluppo, espansione ed affermazione nazionale del Gruppo. Cosio – the Home of Autotorino In 1991 Autotorino moved its headquarters from its original base in Morbegno to Cosio Valtellino. It as here, with the opening of the first showroom that the concept of a multi-brand customer “journey”, the brainchild of Plinio Vanini, took its first tentative steps, and whose subsequent development and expansion has led to the national appreciation and success of the Group.

The History of the San Martino Church There’s a rather special sense of belonging that binds the Autotorino Group with the town of Cosio Valtellino. And thus it seems perfectly natural that it should share the abundant enthusiasm for the promotion of the Church of San Martino. During almost five years of restoration work on Cosio’s Parish Church, completed in Spring 2018, all manner of particulars emerged both significant and sometimes somewhat quirky. Sparked by an inspired Renzo Pace, the mobilizer of the work, a book has taken shape clearly setting out all that was revealed during the latest San Martino restoration. Edited by Rita Pezzola (Biblioteca Ambrosiana, Milan) and Alessandro Rovetta (lecturer at the Università Cattolica, Milan), the book is entitled “La chiesa di San Martino di Cosio Valtellino”. History, Art, religious life abounds in a collection of contributions from 18 professionals and scholars who paid serious and studied attention to the work in hand. The volume is of considerable interest and affords a fascinating insight into the historical, religious, artistic and community events in Cosio Valtellino over the years. This was made palpably clear by the significant public participation at the presentation on the 19 th May in the showroom of the headquarters of the Autotorino Group which took pleasure in sponsoring the publication.

www.adfontes.it/biblioteca/scaffale/pubblicazioni/smartinocosio

45


I NOSTRI SHOWROOM PROVINCIA DI BERGAMO

PROVINCIA DI MILANO

CURNO

Via Bergamo 66 – Tel. 035 6228711 Daniele Cornali dcornali@autotorino.it

CORBETTA

Via I. Nievo 5 – Tel. 02 97484711 Garau Maikol mgarau@autotorino.it

CORSICO

PROVINCIA DI COMO

V.le Italia 19/21/25 – Tel. 02 44073411 Gianluca Cavalazzi gcavalazzi@autotorino.it

COMO

Via Asiago 71 – Tel. 031 3443711 Federico Frigerio ffrigerio@autotorino.it

CORSICO

Via A. Meucci 5 – Tel. 02 44075811 Marco Avico mavico@autotorino.it

LUISAGO

Via Risorgimento 13/A – Tel. 031 8820411 Tito Monti tmonti@autotorino.it

MILANO

V.le Ortles 56 – Tel. 02 55218911 Gianluca Gaggero ggaggero@autotorino.it

TAVERNERIO

S.S. Briantea 2 – Tel. 031 4291911 Claudio Alberio calberio@autotorino.it

MILANO

Via L. di Breme 2 / Via Mola 44 – Tel. 02 30081111 Luca Criniti lcriniti@autotorino.it

PROVINCIA DI CREMONA CREMA

Via Milano 77 – Tel. 0373 298211 Alessandro Bonfigliuoli abonfigliuoli@autotorino.it

PROVINCIA DI MODENA CARPI

Via Cattani Sud 79 – Tel. 059 660844 Dario Cavazza dcavazza@autotorino.it

CREMONA

Via Eridano 11 – Tel. 0372 470611 Emanuele Giboli egiboli@autotorino.it

MODENA

Via Emilia Est 1299 – Tel. 059 2863811 Fabrizio Marchi fmarchi@autotorino.it

PROVINCIA DI LECCO OLGINATE

Via IV Novembre – Tel. 0341 609611 Marco Cattaneo mcattaneo@autotorino.it

VALMADRERA

Via Como 84 – Tel. 0341 213511 Mattia Combi mcombi@autotorino.it

46

MODENA

Via Emilia Est 1311 – Tel. 059 411411 Paolo Concari pconcari@autotorino.it


PROVINCIA DI NOVARA

PROVINCIA DI VARESE

GATTICO

BUSTO ARSIZIO

NOVARA

BUSTO ARSIZIO

S.S. 142 Borgomanero - Arona – Tel. 0322 867411 Fabio Pellegrino fpellegrino@autotorino.it

C.so Vercelli 85/F – Tel. 0321 521711 Pietro Milani pmilani@autotorino.it

V.le Pirandello 7 – Tel. 0331 395611 Simone Pellegrini spellegrini@autotorino.it

C.so Sempione 188 – Tel. 0331 372611 Luigi Marotta lmarotta@autotorino.it

CASTELLANZA

PROVINCIA DI PARMA PARMA

Via F. Barbacini 2/A – Tel. 0521 795511 Stefano Saccà ssacca@autotorino.it

PROVINCIA DI PAVIA

Via Don Minzoni 24 – Tel. 0331 482411 Andrea Beppato abeppato@autotorino.it

INDUNO OLONA

Via B. Jamoretti 9/11 – Tel. 0332 204511 Gaspare Mele mele@autotorino.it

OLGIATE OLONA

C.so Sempione 80 – Tel. 0331 372711 Fabio Genoni fgenoni@autotorino.it

CAVA MANARA

Via Turati 65 – Tel. 0382 557811 Giuseppe Gabellotti ggabellotti@autotorino.it

SARONNO

V.le Lombardia 32 (ang. Via Grieg) – Tel. 02 96766611 Christian Arosio carosio@autotorino.it

SAN MARTINO SICCOMARIO Via Turati 35 – Tel. 0382 497311 Fabio De Rosa fderosa@autotorino.it

VARESE

V.le Belforte 2 – Tel. 0332 453611 Leonardo Bevilacqua lbevilacqua@autotorino.it

VIGEVANO

C.so G. di Vittorio 47 – Tel. 0381 908611 Roberto Laverone rlaverone@autotorino.it

VARESE

Viale G. Aguggiari 138 – Tel. 0332 244111 Emerson Pezzini epezzini@autotorino.it

VOGHERA

Via Piacenza 83 – Tel. 0383 644011 Renata Canevari rcanevari@autotorino.it

PROVINCIA DI VERBANO CUSIO OSSOLA PROVINCIA DI SONDRIO CASTIONE ANDEVENNO

VERBANIA

Via Renco 73/bis – Tel. 0323 574611 Marco Pasetti mpasetti@autotorino.it

Via Al Piano 28 – Tel. 0342 359211 Roberto Spini rspini@autotorino.it

COSIO VALTELLINO Via Stazione 4 – Tel. 0342 634211 Paolo Bassi pbassi@autotorino.it

PROVINCIA DI VERCELLI VERCELLI

Via E. Ara 2 – Tel. 0161 300711 Francesco Grossi fgrossi@autotorino.it

47


House Organ dell’Azienda Agrituristica La Fiorida Informazione, eventi, lifestyle e tempo libero

SECONDO SEMESTRE 2018 NUMERO QUINDICI

49


2 RICONOSCIMENTI La Fiorida e le 6 EVENTI The Golden 10 CHEF Stefano

sue Regine

Age Il piacere di un benessere naturale

Piazza

12 LA RICETTA Gli Gnocchi 14 ESCURSIONI La salita al

di Montagna

monte Bassetta

18 BENESSERE Baby Time

La SPA per i più piccoli 20 NOVITÀ La Formaggella 22 BIKE In bicicletta

senza lattosio

a Piuro

26 TRADIZIONI CONTADINE La Mazziglia 28 PROPOSTE DI SOGGIORNO La tua estate Wild 32 DIGITAL Babbel

Badge

33 LEGGENDE I “Tium del

Gag”

House Organ dell'Azienda La Fiorida Informazione, eventi, lifestyle e tempo libero Numero Quindici Secondo semestre 2018

www.lafiorida.com Tel. 0342 680846

Godi del tuo tempo. Prova il piacere di vivere un luogo dove il tempo trascorre secondo i ritmi della natura che lo circonda, in una fattoria autentica che affonda le radici nella terra dei campi e nella cura dei capi allevati nelle sue stalle. Questo luogo è l’Azienda Agrituristica La Fiorida, dove l’estremità settentrionale del Lago di Como incontra le Alpi Lombarde, che apre ad un contesto ricco di opportunità per soggiorni culturali ed attivi, con la vicinanza delle Ski-Area di Madesimo e Pescegallo, o i tanti sentieri in cui percepire il risveglio della primavera nelle valli circostanti. Sarai coccolato da un’area wellness che si fonde con il panorama dai suoi trattamenti e dalle creazioni degli Chef Gianni Tarabini e Franco Aliberti nel ristorante La Présef, Stella Michelin dal 2013, dove trova pieno compimento l’equilibrio tra la filiera corta della fattoria, creatività ed i migliori prodotti del territorio circostante. Apri qui i tuoi sensi, percepirai una dimensione unica, di benessere naturale, in cui ogni attenzione si prenderà cura di te.

The pleasures of natural well-being Enjoy your stay. Experience the joys of living in a place where time has simply adopted the rhythms of nature all around, within a genuine working farm environment which has its roots firmly in the very earth of the fields and in the care of animals reared in its barns. We’re talking about La Fiorida Holiday Farm, where the very northern tip of Lake Como meets the Alpine arc of Lombardy, thus creating a wealth of opportunities for both a cultural and a particularly active sojourn. Nearby are the Skiareas of Madesimo and Pescegallo, and even closer is a veritable network of pathways to tread and enjoy seeing spring re-awakening and delivering all the joys of nature within the surrounding valleys. Allow yourself to be pampered in the wellness centre which combines superbly with magnificent panorama and health therapies, alongside the imaginative creations of Chef Gianni Tarabini and Franco Aliberti in the La Présef restaurant, Michelin-starred since 2013. Here is a rewarding balance between supply from the farm itself, originality and the very best of locally-sourced products. Let your senses take over, open yourself up to new dimensions, learn to appreciate a natural wellbeing. At La Fiorida we promise you will be at the very centre of our thoughts and consideration.


AGRITURISMO

La filosofia produttiva dell’Azienda Agricola è improntata al principio del benessere animale ed al rispetto dell’ambiente. Dall’allevamento delle vacche da latte vengono ricavati i prodotti caseari della tradizione valtellinese a denominazione di origine protetta e dai maiali i salumi di alta qualità. La trasformazione casearia, la macellazione e la lavorazione delle carni avviene direttamente in Azienda, ed in particolare la prima è osservabile direttamente dai visitatori grazie ad un ampio percorso a vista sul caseificio. La possibilità di riscoprire i sapori di un tempo con formaggi, salumi e specialità locali, ha permesso all’Azienda di affiancare all’attività produttiva la vendita diretta e la degustazione dei propri prodotti nel tipico “Calécc” di legno e nello spaccio vendita. Quest’ultimo, oltre all’esposizione dei prodotti, è caratterizzato da una “casera” di stagionatura dei formaggi a vista: un particolare che rievoca la tradizione valtellinese negli alpeggi.

Beauty farm & tempo libero

La Fiorida garantisce un’occasione di svago per tutta la famiglia che può godere, in assoluta tranquillità, dei benefici di un centro benessere all’avanguardia con piscina, sala fitness, idromassaggio, bagno turco, vitarium, solarium, doccia aromatica, doccia emozionale, bagni di fieno, bagni di siero, bagni di latte e trattamenti estetici. Per le signore il nuovissimo trattamento al viso Intraceuticals Oxigen, trattamenti corpo per la cellulite e per il benessere, Bagni di Fieno, Bagni di Siero e di Latte. Non solo, La Fiorida è a cinque minuti di macchina da Morbegno e a dieci minuti da Colico, due graziose cittadine dove godersi shopping di qualità passeggiando in centri storici di rara bellezza.

L’alloggio

A dare il benvenuto ai nostri ospiti ci sono 29 confortevoli camere per una calda accoglienza. Camere standard, living, junior suite, country chalet e family suite tutte rigorosamente in sasso e legno di larice.

I ristoranti

All’interno dell’Azienda La Fiorida potrete scegliere tra due ristoranti. Il Ristorante La Présef - Stella Michelin è il punto più alto della ricerca gastronomica a filiera corta, che eleva ai vertici del gusto le produzioni dell’azienda. È chiuso la domenica ed il lunedì. Il Ristorante Quattro Stagioni propone invece un’interpretazione fantasiosa ed innovativa della cucina tradizionale valtellinese ed esalta le produzioni dell’azienda agricola quali carni, formaggi, ortaggi e piccoli frutti. È sempre aperto. La mezza pensione o la pensione completa, nel caso in cui è prevista nel pacchetto acquistato, viene proposta nel ristorante Quattro Stagioni con un menù dedicato alla piccola carta, bevande escluse.

La fattoria

Offre per i bambini, ma anche per gli adulti, la possibilità di un contatto diretto con gli animali (vacche, maiali, asinelli e caprette), percorsi didattici e laboratori per i bambini, miniclub o babysitting.

The holiday farm Agriturismo La Fiorida is situated in lower Valtellina at Mantello, in a particularly striking Alpine area. Farm philosophy is inherently founded on the concept of animal welfare and respect for the environment. Cattle rearing right here is dedicated to providing high quality dairy products of a typical, traditional Valtellina nature. La Fiorida itself presents leisure opportunities and relaxation for tourists and families who can enjoy all the benefits of a modern health and well-being complex. The centre boasts 29 comfortable room and a genuinely warm Valtellina welcome. It also plays host to the Michelin-starred restaurant La Presef, a veritable landmark in gastronomic excellence. For the youngsters the farm throws up a wide range of opportunities to see animals in their natural environment and learn all about dairy/cheese production.

1


RICONOSCIMENTI

LA FIORIDA E LE SUE REGINE Tra i tanti riconoscimenti che fanno de La Fiorida un riferimento nel suo settore, ci sono anche quelli legati al mondo della zootecnia. America è la Vacca di razza Bruna Alpina che si è imposta a livello provinciale in Valtellina, ottenendo il titolo di campionessa assoluta 2018, dopo essere stata incoronata quale miglior mammella alla Mostra Nazionale del Libro Genealogico della Razza Bruna 2018 di Verona, categoria Giovani. America è più che una semplice espressione d’eccellenza nata nella stalla de La Fiorida, continuando una tradizione tra i capi allevati da Plinio Vanini, patron de La Fiorida e profondo conoscitore del settore. “Questo risultato è la testimonianza di un mondo, quello degli allevatori, che pian piano cambia e apre la strada alle sinergie - spiega Vanini -. La nonna di America è stata campionessa nazionale. Era allevata dall’azienda Kibafarm di Dubino, con cui abbiamo condiviso un programma di lavoro orientato ad un costante miglioramento della qualità del nostro latte, passando attraverso il processo della selezione genetica e volto ad allevare in azienda animali più equilibrati e longevi. Se possiamo festeggiare questi gratificanti successi è grazie al lavoro, all’impegno e l’abnegazione di Josef, Nik e Luca, ragazzi valtellinesi formati e cresciuti in Fiorida, di cui vado orgoglioso per avere contribuito alla loro crescita professionale. Infine un grazie a Viola che ‘per ora’ ci dà sempre una mano da dietro le quinte”.

2


Un settore in crescita

Uno scenario contemporaneo ricco di soddisfazioni per l’allevamento in provincia di Sondrio, che quest’anno ha confermato il primato nazionale con la Coppa del Presidente alla Mostra della Razza Bruna alla Fiera di Verona. Risultati che avvicinano l’attenzione del pubblico a questo comparto, fondamentale quando si pensa ad una filiera alimentare tipica e sana. Ne sono conferma le oltre tremila persone che ad aprile 2018 hanno raggiunto Colorina, in provincia di Sondrio, per partecipare alla Mostra Zootecnica provinciale di Sondrio, e le centinaia che partecipano alle periodiche visite guidate della Fattorie Didattica a La Fiorida. Un altro segnale positivo, questo, che porta ad avvicinare anche i più piccoli ad un messaggio di sensibilizzazione che sta a cuore a chi alleva con passione: conoscere la tradizione di un buono e sano allevamento aiuta a formare con più forza le proprie radici e ad assumere consapevolezza del valore e della qualità dei prodotti che ne derivano.

3


RICONOSCIMENTI

Accolades The Queens of La Fiorida Among the many awards that make La Fiorida a veritable benchmark within its sector, there are some which relate specifically to the world of animal husbandry. America is the race of Bruna Alpina herd which has become established at a provincial level in Valtellina, being awarded the title of absolute Champion, 2018, after having been crowned the Best Udder in the National Breeders Book of the Bruna Race 2018 at Verona, in the Youth category. America is more than a simple expression of excellence born in the La Fiorida cow sheds, more the continuation of a tradition bred by Plinio Vanini, the patron behind La Fiorida and a leading connoisseur of the sector. “This result is a testament to the world of the breeder, a world which changes only very slowly and thus opens the way to synergies” expounds Vanini, “America’s grandmother was a national champion. She was reared by the Kibafarm company at Dubino, with whom we shared a work programme aimed at continually improving the quality of our milk, going through the process of genetic selection with a long-term view to rear animals of a more balanced and longer-living nature on the farm. The fact that we can celebrate these gratifying successes, is down to the work, commitment and dedication of Josef, Nic and Luca, Valtellina boys who learned their trade at La Fiorida and it’s a matter of pride that we have contributed to their professional growth. And finally a big thak you to Viola who “for now” has always made her presence felt behind the scenes”. A Growing sector It’s a current scenario which provides enormous satisfaction for the world of breeding in the Province of Sondrio, which this year confirmed first place with the President’s Cup of the Bruna Breed at the Show in Verona. Results that clearly draw the attention of the public to this very sector, fundamental when one considers a typical and healthy food supply chain. This was duly confirmed by the presence of more than 3000 people in April this year at Colorina, to take part in the Zootechnical Exhibition in the Province of Sondrio, and people in their hundreds flocking to the regular education-orientated guided tours at La Fiorida. Another very positive sign this, bringing even to the smallest amongst us a genuine awareness that is held dear by those who appreciate the tradition of good and healthy breeding programmes, firmly rooted and fostering a value and quality in the products deriving from it.

4


5


EVENTI

THE GOLDEN AGE La Fiorida ha partecipato al suo primo Fuorisalone. Anzi, per la prima volta ha portato il Fuorisalone oltre l’orizzonte urbano milanese, infondendo nel quartiere de La Fabbrica del Vapore l’atmosfera di natura e ospitalità che rende unica ogni esperienza nel nostro agriturismo.

Il progetto ‘The Golden Age’ rispecchia tutti i nostri valori, con la possibilità di divulgarli attraverso esperienze significative, in particolare quelle che coinvolgono i bambini: l’importanza dell’educazione alimentare si riflette in scelte più salutari e più consapevoli nei confronti della qualità dei cibi e delle materie prime, nonché del valore del sistema agroalimentare che li produce. Allevare e coltivare, nel rispetto del benessere degli animali, tutelando il territorio e le sue tradizioni, sviluppando una filiera genuina, sicura e di qualità sino al consumatore. La Fiorida è nata con passione attorno a questi concetti, sviluppandoli modernamente in un contesto interamente votato all’ospitalità. Valore che si sottolinea, infine, nella creatività dei nostri Chef Gianni Tarabini, Stella Michelin, e Franco Aliberti, impegnati ogni giorno in attività di sensibilizzazione su questi temi e che qui si sono riconfermati, coordinando oltre alle attività divulgative anche quelle di ristorazione, accanto a prestigiosi esperti e loro colleghi Chef Stellati. Tutto il progetto “The Golden Age”, andato in scena durante il Fuori Salone del Mobile 2018 ed ospitato in una grande struttura in stile Belle Époque, raccoglieva in sé infatti un fine sociale. Gli or-

6


ganizzatori, guidati da Caterina Crepax, hanno studiato un percorso creativo della durata di un anno in cui i giovani delle scuole elementari e medie verranno spronati a esternare e condividere il loro inesauribile patrimonio di fantasia e immaginazione partendo dalla reinterpretazione dei loro spazi in chiave sostenibile e armonica. Inoltre, all’interno della serra “The Golden Age” non solo laboratori dedicati alla creatività in cucina dei più piccoli. Curiosando tra i grandi spazi si potranno respirare i profumi della tradizione accostati alla frizzante creatività dei giovani designer di Milano Makers capaci di trasformare oggetti antichi, costruiti con tecniche tramandate, in nuovi oggetti di tendenza. Con il calare della sera alla Fabbrica del Vapore, si sono accese le luci e lo scintillio della Belle Époque su cinque serate in cui lo chef Gianni Tarabini ha duettato al fianco di importanti chef stellati del calibro di Edoardo Fumagalli della Locanda del Notaio, Tommaso Arrigoni di Innocenti Evasioni e Claudio Sadler. “Una cucina di gusto, tradizione e talento insieme” come ha sottlineato Enrico Derflingher, che ha partecipato sia in qualità di partner di progetto (come presidente dell’associazione Euro-Toques), sia ponendo la firma alla serata conclusiva dell’evento.

7


EVENTI

8


La location, progettata e realizzata da Privitera Allestimenti, era impreziosita da inedite creazione. In esposizione anche “I Guardiani di Adriana Lohmann” vestiti di luce, sculture luminose in tessuti Sensitive® Fabrics di EUROJERSEY; le nuove progettualità e nuovi prodotti de La Murrina; un inno alla terra e un tributo a Dio per la bellezza donata attraverso la natura nelle tele di Geovana Clea; l’estro dell’architetto e designer Elisabetta Mastrangelo; l’emozione della fiamma interpretata da Ninfea di Italkero e le forme inedite di Kerasan che trasforma elementi del vissuto quotidiano riproponendoli in inedite forme come Moloco, il nuovo lavabo free standing disegnato dall’architetto e designer Fabrizio Batoni. The location, designed and effected by Privitera Allestimenti, was enhanced by highly original creations. Also on display were “I Guardiani by Adriana Lohmann” dressed in light, luminous sculpture in Sensitive® Fabrics by EUROJERSEY; the very latest projects and products from La Murrina; a hymn to the earth and a tribute to God himself for the beauty given through Nature within the paintings of Geovana Clea; the inspiration of architect and designer Elisabetta Mastrangelo; the emotion of the flame interpreted by Ninfea di Italkero and the unprecedented forms of Kerasan that transforms elements of everyday life reintroduced in original fashion like Moloco, the new free-standing washbasin designed by architect and designer Fabrizio Batoni.

EVENTS A Milan Debut at Fuorisalone La Fiorida has played a major role at its first Fuorisalone. In fact for the very first time it has transported Fuorisalone beyond the horizons of Urban Milan, infusing the exhibition space of the Fabbrica del Vapore with a genuine atmosphere and ambience of Nature and hospitality that makes the entire experience of the holiday farm unique. “The Golden Age” project reflects all the values that La Fiorida holds dear, affording the opportunity to popularise them through meaningful experiences, especially those involving children: the importance of dietary education is reflected in healthier and more informed choices in relation to the quality of food and raw materials, as well as the value of the agri-food system that produces them. A value which is ultimately manifested in the creativity of MichelinStarred chef Gianni Tarabini, and Franco Aliberti, both occupied on a daily basis in raising awareness of these very issues. The entire “Golden Age” Project, staged during the Fuorisalone del Mobile 2018 and housed within a extraordinarily atmospheric Belle Époque style structure, incorporated too a quintessentially social purpose. As evening fell at the Fabbrica del Vapore, the lights and the sparkle of La Belle Époque illuminated fully five evenings in which Chef Gianni Tarabini had “dueted” with celebrated starred chefs of the calibre of Edoardo Fumagalli of the Locanda del Notaio, Tommaso Arrigoni of Innocenti Evasioni and Claudio Sadler. “A cuisine of taste, tradition and talent, all coming together” as chef Enrico Derflingher indicated.

9


CHEF

STEFANO PIAZZA Una brigata affiatata e appassionata dona una nota in più ad ogni piatto nelle carte de La Fiorida. Ogni ospite, del ‘Quattro Stagioni’ come dello stellato ‘La Preséf’, viene coccolato da creazioni che nascono da materie prime prodotte e selezionate con attenzione, a pochi passi dal tavolo cui si è seduti, o in una porzione di territorio, d’alpe o di lago, distante al massimo pochi chilometri. Sono l’abilità e l’ispirazione degli Chef ad amalgamarli in ricette che ne valorizzano note caratteristiche di sapore, capaci di raccontarne storia e unicità. Stefano Piazza è uno di questi interpreti: 28 anni è Capopartita ai primi. Diplomato al Centro di Formazione Alberghiero di Casargo (LC), inizia un percorso di esperienze e approfondimento guidato dal forte desiderio per la crescita della sua professionalità. Studia accuratamente le qualità e le proprietà delle materie prime, in particolare delle più caratteristiche frutto di filiere corte. Tre i capisaldi che segnano questo suo percorso: l’esperienza al Ristorante Don Alfonso 1890 di Sant’Agata Sui Due Golfi (NA), specchio di una filosofia che innova rispettando la cultura e le tradizioni alimentari millenarie della Penisola Sorrentina e della Costiera Amalfitana; il Ristorante Mürtarol di Plaun Da Lej, che porta i migliori prodotti ittici nel cuore dei laghi dell’Engadina, ma sempre attento nel presentare prodotti stagionali e freschi locali, tanto dal pescato del lago, quanto alla filiera agricola locale. Infine, l’approdo alla Fiorida: “Sotto la guida di Chef Gianni Tarabini, trovo un punto di sintesi nella ricerca della qualità nella materia prima, che senza essere stravolta viene valorizzata attraverso nuove tecniche di cucina rispettando la tradizione. Una perfetta sintonia con il mio modo di pensare e che cerco di trasmettere in ogni piatto”.

A close-knit and passionate brigade gives an added piquancy to every dish on menus at La Fiorida. Every guest at “Quattro Stagioni” just as in the starred “La Preséf’ find themselves spoiled by creations that originate from raw materials produced and selected with great care just a short stroll from the restaurant tables themselves or from the surrounding territory, Alp or lake, at most just a handful of kilometres away. Then it’s down to the skill and inspiration of Chefs to combine them in recipes that enhance their characteristic flavours, with a capacity to tell their own highly original stories. Stefamo Piazza is just one of these exponents: 28 years old and head station chef for first courses. Having graduated at the Centro di Formazione Alberghiero at Casargo (LC), he began his journey gaining experience and authority guided by a strong desire for the development of his professional artistry. He painstakingly studied the quality and properties of raw materials, and in particular the most characteristic fruits of short supply chains. Three cornerstones feature along his journey: the experience at Ristorante Don Alfonso 1890 di Sant’Agata Sui Due Golfi (NA), which mirrors a philosophy of innovation respecting the culture and age-old food traditions of the Sorrentina Peninsula and the Amalfi Coast; the Ristorante Mürtarol di Plaun Da Lej, which brings the very best fish to the heart of the Engadine lakes, but remains fastidious in presenting the very freshest of local seasonal produce including the local “catch” from the lake and by using the local agricultural supply chain. And finally he turned up at La Fiorida: “Under the guidance of Chef Gianni Tarabini, I find a point of synthesis in the search for quality in raw materials, which without being exactly “revolutionised” is enhanced through new cooking techniques which nevertheless respect tradition. It reflects a perfect harmony with my line of thought and I try to convey it in each and every dish”.

10


11


RICETTA

GLI GNOCCHI PATATE DI MONTAGNA E SPINACI, SPUMA DI LATTERIA DI MELLAROLO, TUORLO D’UOVO DI SELVA E PESTEDA DI GROSIO La ricetta

Stefano Piazza, Capopartita ai primi de La Fiorida, ci presenta gli “Gnocchi di patate di montagna e spinaci, Spuma di latteria di Mellarolo, tuorlo d’Uovo di Selva e Pesteda di Grosio”. Un piatto dalle forti radici nei sapori della terra Valtellinese, inserito nella Carta del ristorante Quattro Stagioni, che rappresenta l’esplosione di sapori della pienezza dell’estate, accompagnando con la loro ricchezza pure i mesi che portano nel cuore dell’autunno pure la tavola di casa.

Le particolarità

Le patate di Sacco, l’Uovo di Selva e il formaggio Latteria di Mellarolo – Terra Alta di Valtellina provengono da piccole e caratteristiche produzioni della Valgerola: eccellenti unicità frutto di un’agricoltura eroica che qui valorizza e mantiene vivi territori, tradizioni ed ambiente. La Pestèda è il condimento aromatico per cibi tipico della tradizione gastronomica di Grosio. È un battuto di aglio, sale, pepe, erbe e foglie aromatiche selvatiche d’alta montagna raccolte in Valgrosina, preparato secondo antiche ricette tramandate di generazione in generazione, con sfumature di gusto differenti frutto dei segreti gelosamente custoditi da ogni famiglia.

Ingredienti PER LA PREPARAZIONE DEGLI GNOCCHI: 500g patate di montagna di Sacco bollite 80 g spinaci cotti asciutti 75 g fecola di patate 75 g farina 00 1 Uovo di Selva Sale un pizzico Burro e salvia (qb) per saltare in padella Pesteda PER LA PREPARAZIONE DELLA SPUMA 4 tuorli 50 g formaggio Latteria di Mellarolo – Terra Alta di Valtellina 50 g panna PREPARAZIONE DEGLI GNOCCHI Impastare tutti gli ingredienti dopo aver bollito le patate. Stendere il composto a listarerelle tonde e tagliare gli gnocchi della dimensione preferita. PREPARAZIONE DELLA SPUMA Portare ad ebollizione la panna, aggiungere il formaggio Latteria di Mellarolo – Terra Alta di Valtellina. Abbassare la temperatura, aggiungere i tuorli e mixare insieme. COTTURA Cuocere gli gnocchi in abbondante acqua salata, una volta scolati, ripassarli in padella con burro e salvia. IMPIATTAMENTO Irrorare gli gnocchi con la spuma e usare spinaci freschi o essiccati come guarnizione. Una volta servito in tavola, spolverarlo a piacimento con un pizzico di Pesteda.

12


INGREDIENTS

GNOCCHI MOUNTAIN POTATO-BASED

GNOCCHI WITH SPINACH, MOUSSE FROM THE MELLAROLO DAIRY¸ YOKE FROM THE NOTED SELVA EGG, PESTEDA FROM GROSIO THE RECIPE Stefano Piazza, head station chef for first courses at La Fiorida, presents his “Mountain potato-based gnocchi with spinach, Mousse from the Mellarolo dairy¸ yoke from the noted Selva egg, Pesteda from Grosio”. A dish with strong roots in the flavours of the Valtellina region, happily incorporated within the menu of the Quattro Stagioni restaurant, and which represents an extraordinary explosion of flavours in full summertime, a veritable abundance to be enjoyed all the way through to Autumn.

FOR THE PREPARATION OF THE GNOCCHI 500 g of boiled Sacco mountain potatoes, 80 g of dry cooked spinach, 75 g potato starch, 75 g flour 00, 1 Selva egg, a pinch of salt, Butter and sage (to taste) to stir fry in a pan Pesteda

FOR THE PREPARATION OF THE MOUSSE 4 egg yolks, 50 g cheese from the Mellarolo dairy– Upper Valtellina, 50 g cream

PREPARATION OF THE GNOCCHI Knead all the ingredients together having boiled the potatoes. Lay out the mixture in round strips and cut the gnocchi into your desired size

PECULIARITIES

PREPARATION OF THE MOUSSE

Mountain potatoes from Sacco, noted Selva eggs, and cheese from the Mellarolo dairy – Upper Valtellina epitomised – modest and typical Valgerola produce, which represent a fantastic originality, the fruits of an heroic agriculture that both enriches and keeps whole territories alive along with their traditions and environment. Pestèda is an aromatic condiment used in foods typical of the gastronomic traditions of Grosio. It’s a mix of garlic, pepper, herbs and wild, fragrant leaves from the upper mountains freely available in Valgrosina, then lovingly prepared according to ancient recipes jealously handed down from generation to generation, with a cornucopia of different nuances derived from secret formulae scrupulously guarded by each individual family.

Bring the cream to boiling, add the cheese from the Mellarolo dairy – Upper Valtellina – to lower the temperature, add the egg yolks and blend together.

COOKING Cook the gnocchi in abundant salted water, once drained, sauté in a pan with butter and sage.

PLATING UP Baste the gnocchi with the mousse and use fresh or dried spinach as a garnish. Once served up at table, sprinkle at will with pinches of Pesteda.

13


ESCURSIONI

14


LA SALITA AL MONTE BASSETTA PROPOSTA DI ESCURSIONE PER GRANDI E PICCINI VERSO UNO DEI PUNTI PANORAMICI PIÙ APPREZZATI DELLA VALTELLINA Foto di Roberto Moiola clickalps.com

L’escursione al Monte Bassetta - circa 700 metri di dislivello, con partenza dall’Alpe Piazza - è adatta a tutti. Chi percorre questo sentiero - dalla difficoltà medio-bassa - rimane molto colpito dalla bellezza dei panorami che offre il punto di arrivo. Dal Monte Bassetta la vista si apre verso la Valtellina e la Valchiavenna, offrendo uno spaccato anche sul Lago di Como. Una meraviglia! Ecco perché, d’estate, suggeriamo sempre ai nostri ospiti di dedicare una parte della loro vacanza alla scoperta di questa parte della Costiera dei Cech, certi che torneranno a casa con un ricordo speciale da condividere con gli amici. Il pass è disponibile al bar nel centro di Cino. Si raggiunge la pista che conduce all’alpe Piazza, salendo a quota 1000 metri. Lasciata l’auto nel posteggio, si comincia a camminare verso i prati dell’alpe, superando il nucleo di baite. I cartelli che incontriamo citano il Sentiero Bonatti che guida verso i Prati dell’O. Si sale ancora e al bivio della fontana volgiamo a destra fino al baitone dell’alpe Bassetta. Da qui alla sommità del monte manca poco.

15


ESCURSIONI

16


Outings The climb up to Monte Bassetta An excursion for young and old up to one of the most celebrated panoramic points of Valtellina. The excursion to Monte Bassetta - involving around 700 metres of height differential – sets out from the Alpe Piazza – and is suitable for everyone. Anyone who takes to the trail - rated medium-low difficulty can’t fail to be impressed by the utter beauty of the panorama that the point of arrival affords. From Monte Bassetta the view opens out towards both Valtellina and Valchiavenna along with a fabulous snapshot of Lake Como. Absolutely astonishing. And that’s exactly why in summer, we always recommend to any visitor to take time out during their holiday to discover this extraordinary part of the Costiera dei Cech, convinced that they will return home with a rather special souvenir to share with friends. Passes are available at the bar in the centre of Cino. Follow the trail which takes you to alpe Piazza, climbing to around 1000m. Park the car and begin the excursion towards the alpine meadows passing the nucleus of mountain huts (baite). The signs indicate the Sentiero Bonatti which leads you to the Prati dell’O. Continue upwards and at the junction by the fountain shift to the right to the baitone of the alpe Bassetta, and you’re almost at the very top itself. Enjoy.

17


BENESSERE

BABY TIME la spa per i piu piccoli

I più piccoli, sempre più protagonisti anche di uno spazio che fino a poco tempo fa era riservato soltanto agli adulti. A La Fiorida abbiamo creato una serie di offerte, pensando soltanto ai piccini, per permettere loro di vivere in modo divertente e piacevole nuove esperienze e - nel contempo - dare modo a mamma e papà di rilassarsi senza preoccupazioni. Ecco la gamma delle nostre offerte.

MANI DI FATA È un trattamento di manicure, rivolto alle signorine, che prevede l’utilizzo di smalto sbrilluccicoso, arricchito da peeling vulcano e crema profumata. Nella versione “Piedini ballerini” il trattamento viene esteso anche ai piedi.

BAGNETTI DOLCETTI Immergiamo­ ci in un caldo bagno – aperto anche a mamma e papà – dove a rendere speciale questa esperienza abbiamo aggiunto tante speciali golosità. Al cioccolato, al latte e miele, agli agrumi e tanto ancora.

MASSAGGIO GOLOSONE

INVITANTE, NON È VERO?

Un tutto in un mare di coccole arricchite da massaggi al gusto di cioccolato o miele: una delizia per la pelle.

18

Se vuoi dedicare un regalo speciale ai tuoi piccoli, verifica prima alla reception la disponibilità del trattamento che ti interessa nei giorni della tua vacanza.


WELLBEING

When the Spa opens to the little ones It could be the new trend in the wellness world. Treatments dedicated to children. who are increasingly becoming key players within a space which was until recently pretty much reserved for adults. At La Fiorida we have created a series of proposals, with the little ones specifically in mind, in order for them to be able to enjoy a completely new experience whilst at the same time allowing mum and dad the freedom to relax knowing that they are in exceptionally good hands. Here are a range of our propositions.

FAIRY HANDS A manicure treatment aimed at the young “mademoiselles” which involves the use of super-sparkling enamel, enriched with dynamic peeling and scented cream. In the “ballerina feet” version. the treatment is also extended to the feet.

SWEET LITTLE BATHS Diving into a

DELICIOUS MASSAGE

INVITING OR NOT?

Enveloped in a sea of pampering enhanced by massages with chocolate or honey, a veritable delight for young skin.

welcoming warm bath, also open to mum and dad of course, and where to make this a truly sensational experience we have added a range of very special delicacies. Chocolate, milk and honey, citrus fruit and more.

If you want to organise a very special gift for your children, check with the reception staff to ascertain the availability of the treatment you are interested in during your stay with us.

19


NOVITÀ

LA FORMAGGELLA SENZA LATTOSIO Perché rinunciare al piacere di assaporare un gustoso formaggio? Nicolò e Sergio “il casaro” hanno voluto dare una risposta a chi è soggetto ad intolleranze e per questo, non può degustare un prodotto genuino fatto con il latte munto ogni giorno nelle stalle a pochi metri dal caseificio. Così è nato il primo formaggio a contenuto di Lattosio inferiore allo 0,001%. Un prodotto fresco, dalla stagionatura di 15-20 giorni, proprio come lo Scimudin. Una variante di una classica formaggella alpina di latte vaccino che mantiene inalterati gusto e proprietà. Il procedimento di produzione è del tutto simile a quello che ogni giorno a La Fiorida guida i gesti tradizionali dei casari nella produzione delle tipiche formaggelle fresche, ma conta su un passaggio ulteriore. In questa fase si aggiungono specifici enzimi che scindono la componente del lattosio in due altri zuccheri, glucosio e galattosio, di cui quest’ultimo è meno soggetto a conflitto con le intolleranze. Una piccola variazione, rispettosa della qualità e genuinità delle materie prime, che rappresenta una grande opportunità per chi si è sempre dovuto negare una degustazione di formaggi a La Fiorida: “Nel Latte munto al mattino e immediatamente lavorato nel caseificio a 69 metri dalla stalla, abbiamo semplicemente aggiunto degli enzimi naturali, secondo un procedimento consolidato, naturale e sicuro” confermano i casari. Il formaggio senza lattosio de La Fiorida è ideale per una gustosa merenda alpina, accompagnata da una genuina slinzega artigianale (carne secca bovina aromatizzata secondo tradizione valtellinese) o a dadi in una croccante insalata fresca.

NUOVO SHOP ON-LINE Il nostro Km zero arriva a casa tua

La qualità e la genuinità dei prodotti a ‘chilometro zero’ de La Fiorida cavalcano il web con il nuovo shop on-line. Qui é possibile acquistare e far giungere a casa propria prelibatezze provenienti dalla nostra autentica fattoria, come formaggi e latticini o salumi e carni lavorate secondo la tradizione valtellinese. Ed ancora, tanti altri prodotti e golosità della montagna di Valtellina, selezionati con cura per un puro piacere all’assaggio, oggi a portata di click.

shop.lafiorida.com

20


INNOVATION Lactose-free Cheese Why deny yourself the joys of savouring a tasty cheese? Nicolo and Sergio our very own “dairymen” wanted to find a solution for those who are subject to intolerances in their dietary intake and cannot enjoy a genuine, natural product made from the milk produced daily in the cattle sheds just a short stroll away. Hence the very first cheese with a lactose content of less than 0.001% was created. A seriously fresh product aged for a mere 15 - 20 days, just like Scimudin. A variation of the classic Alpine cow’s milk cheese which maintains all its unadulterated flavour and properties. The production process is very similar to the one employed every day in the traditional manner by our very own dairymen producing typical Alpine fresh cheeses, but it does then rely on an additional phase. During this further element, specific enzymes are added which then split the lactose component into two sugars, those of glucose and galactose, of which the latter is less prone to create problems with any intolerance. It represents a small variation with respect to the quality and authenticity of the raw materials and yet provides a fantastic opportunity to those who have always had to resist a cheese tasting at La Fiorida. “To the freshly-milked product each morning across the yard, we simply added further natural enzymes according to an established, natural and safe procedure” our cheesemakers duly confirm.

NEW ON-LINE SHOPPING Our Km zero produce right at your door The quality and authenticity of “Km zero” produce from La Fiorida is embracing the web with its new on-line shop. Right here you can purchase and enjoy at home genuine delicacies from the farm itself, such as cheeses and dairy products or cured meats and produce processed according to ancient Valtellina traditions. And there are many further products, all fruits of the generosity of the mountain terrain of Valtellina, meticulously selected for the sheer enjoyment of their flavours. And from today – just a click away. shop.lafiorida.com

21


BIKE

IN BICICLETTA DA LA FIORIDA IN BICICLETTA, ALLA SCOPERTA DI PALAZZO VERTEMATE FRANCHI E DELLA STRAORDINARIA STORIA DEL CONTADO DI PIURO La Fiorida è il punto di partenza ideale per scoprire in sella ad una bicicletta, le tante meraviglie di questo territorio. Una di queste è Palazzo Vertemate Franchi, a Prosto di Piuro, visitabile tutto l’anno con guide qualificate. L’escursione misura 30 chilometri (più altrettanti al ritorno), tutti su percorso pianeggiante tranne gli ultimi due chilometri per raggiungere il palazzo. E’ quindi alla portata di tutti, anche di coloro che non hanno una particolare preparazione (molto utili in questo caso i modelli a pedalata assistita disponibili alla reception).

22


Seguendo l’Adda

Usciti da La Fiorida, la pista ciclabile sull’argine del fiume Adda è a portata di mano. Si segue il corso del fiume per circa 8 chilometri, su percorso leggermente in discesa, fino al ponte della SS36. Qui serve fare un po’ di attenzione mentre si attraversa la Statale per imboccare la strada sterrata al di là della ferrovia.

Dal Pian di Spagna al Lago di Mezzola

La riserva naturale del Pian di Spagna è meta di centinaia di specie di uccelli migratori che fanno tappa nel corso dei loro lunghi viaggi. Attraversare questo angolo verde è un’esperienza indimenticabile. Fate attenzione alla segnaletica: non è sempre facile da trovare. La destinazione ora è Novate Mezzola.

Valchiavenna

A PIURO

Risalito il Pian di Spagna si entra in Valchiavenna. Qui la pista è ben segnalata e i circa 20 chilometri che vi aspettano sono tutti lontano dalle strade, costeggiando il fiume Mera. A Gordona troverete alcuni tratti in lieve salita. Attraversare il centro storico di Chiavenna è un’esperienza che merita un po’ di tempo (le cose da vedere sono moltissime). Andate oltre, fino a Prosto di Piuro dove vi attende il Palazzo.

Il gioiello del ‘500

Il Vertemate è una delle dimore più affascinanti del Cinquecento lombardo. È l’ultima testimonianza del magnifico e ricchissimo Contado di Piuro, cancellato dalla terribile frana che nel 1618 uccise più di duemila persone. Del Palazzo fanno parte il grande castagneto, il vigneto, la peschiera, il giardino all’italiana e una vasta serie di edifici che ne costituiscono le pertinenze. La visita alle sale del Vertemate equivale ad un viaggio nel passato, con opere e capolavori che vi lasceranno senza parole. Ne vale davvero la pena.

PALAZZO VERTEMATE FRANCHI

Via del Palazzo Vertemate, 23020 Prosto di Piuro SO Orari fino al 04/11/2018 aperto tutti i giorni tranne mercoledì non festivi ad agosto aperto tutti i giorni 10/12 - 14:30/17:30 Ticket ingresso 7 € intero - 5 € ridotto Info: Consorzio Turistico Valchiavenna 0343 37485 www.valchiavenna.com

23


BIKE

S

24


GETTING ON YOUR BIKE

Palazzo Vertemate: a 16th Century Gem

PIURO

From La FIorida to Piuro by bicycle, discovering the Palazzo Vertemate Franchi and the extraordinary history of the ancient village of Piuro. La Fiorida is the ideal setting out point to discover the many wonders within this splendid area on a bicycle. One veritable jewel is undoubtedly the Palazzo Vertemate Franchi, at Prosto di Piuro, open throughout the year with qualified guides to accompany your visit. The outing stretches to 30 km (similar on return leg) for the most part on the level except for the final section towards the Stately Home. It’s therefore within everyone’s reach, even those who are not particularly used to excursions of this nature (though pedal-assisted models might be an attractive proposal).

CHIAVENNA

MESE

GORDONA

SORICO

Follow the Adda! Leaving La Fiorida the bicycle path is right in front you on the embankment of the river. Follow its course for around 8 km on a slightly downhill path, until the bridge at the SS36. Here you need to pay some attention as you cross the main road in order to take the dirt track beyond the railway line.

SAMOLACO ERA

Pian di Spagna and Lake Mezzola. From here the magnificent Pian di Spagna natural reserve opens out, the stopping off point for hundreds of species of migratory birds along their extraordinary journey. Moving across this lush green landscape lapped by Lake Mezzola is an unforgettable experience. Do keep an eye on the signposting though as the way is not always obvious. We’re heading for Valchiavenna via the communities of Verceia and Novate Mezzola.

NOVATE MEZZOLA CAMPO VERCEIA

Valchiavenna

NUOVA OLONIO DUBINO

LA FIORIDA

Once within Valchiavenna the route is well-indicated and the 20 km that lie in wait takes you nicely away from the roads and follows the course of the river Mera. Some slightly uphill sections announce your arrival at Gordona. Moving through the historic centre of Chiavenna itself merits at least a short break (so much to see!) Then onwards and up to Prosto di Piuro where the Palazzo bids you an appropriately stately welcome.

A word on the Palazzo The Vertemate is one of the most engaging residences of 16th century Lombardy. It is the only remaining testament to the magnificent and wealthy community of ancient Piuro, completely destroyed by the devastating landslide of 1618 that killed more than 2000 people. The grounds of the Palazzo boast a large chestnut grove, a vineyard, an ornate fishpond along with an Italian garden and a collection of restored outhouses. A visit to the interior is like a trip back in time, the rooms hosting impressive works of art that really take the breath away. Certainly worth all the effort to get there.

PALAZZO VERTEMATE FRANCHI Via del Palazzo Vertemate, 23020 Prosto di Piuro SO Opening times up to 04/11/2018 every day except Wednesdays (open ALL public hols) every day during August 10/12 - 14.30/17.30 Entrance 7 euro full price - 5 euro concessions Info: Consorzio Turistico Valchiavenna 0343 37485 www.valchiavenna.com

25


Tradizioni contadine

la mazziglia Fino a mezzo secolo fa, nei centri rurali della Valtellina, erano ancora molte le famiglie contadine che in casa praticavano l’usanza della mazziglia. Con l’arrivo dell’inverno, chi allevava animali da reddito, si preparava alla macellazione del maiale per la produzione di salumi e insaccati. Una tradizione alimentare che ormai è quasi totalmente scomparsa, complici le nuove abitudini sociali e una normativa sanitaria divenuta più attenta e restrittiva. Dopo aver ingrassato gli animali durante tutta l’estate, con l’arrivo dei primi freddi si procedeva alla macellazione nelle corti. La carne veniva cotta, salmistrata, affumicata, seccata e messa in cantina per l’inverno. Alcune parti, che non potevano essere conservate, venivano cucinate subito. Come il sanguinaccio, un insaccato molto saporito realizzato con le interiora e il sangue del maiale. La mazziglia rappresentava un momento di lavoro che riuniva tutta la famiglia e spesso richiedeva anche l’aiuto di parenti e amici. Del maiale si utilizzavano tutte le parti. La

26


FARMING TRADITIONS LA MAZZIGLIA Up until half a century ago in the rural areas of Valtellina there remained a large number of ordinary rustic families who still held true to the custom of la mazziglia. With the arrival of winter, those raising livestock would prepare to slaughter the pig for the production of meats and sausages. It’s a food-based tradition that has almost completely disappeared thanks to changing social practices and stricter health and hygiene regulations. After having fattened up the animals during the long summer, once the cold began to bite the slaughter would take place in the courtyards. The meat was cooked, salted, smoked, dried and deposited in the cellar for the winter. Some parts, which could not be stored, were cooked immediately. Typically black pudding, a very tasty sausage made with the pig’s innards and blood. La mazziglia represented a point during the work which brought the whole family together and indeed often required the help of relatives and friends. All parts of the pig were used. The processing involved the use of very specific tools, and a meticulously organised delegation of roles. Each had his own. Even the youngest played their part in the annual ritual, turning the crank handle of the grinder or “pricking” the freshly-made sausages with a special tool. Of this ancient tradition just a few traces remain within the social fabric. The ritual which would lead to the production of local cured meats, so delicately flavoured and almost forgotten, will always be associated with an important social connotation: la mazziglia, when everyone would be invited to contribute together to secure the survival of their families, at the same time strengthening family unity. All participants showed great respect for the sacrificed animal which they had taken great care of on a daily basis, and which once transformed into all manner of foodstuffs would guarantee energy and resources in the months to come.

lavorazione prevedeva l’utilizzo di attrezzi specifici, con un’organizzazione dei compiti organizzata scrupolosamente. Ciascuno aveva un ruolo specifico. Anche i più piccoli partecipavano a questo rito antichissimo, facendo girare la manovella del macinato oppure “pizzicando” gli insaccati appena realizzati con il pungisalame. Di questa antica tradizione ormai rimangono poche tracce nel tessuto locale. Al rito che portava alla produzione di salumi nostrani dal sapore ormai dimenticato, si accompagnava anche una importante connotazione sociale: attraverso la mazziglia, le persone erano chiamate a contribuire insieme alla sopravvivenza dei propri nuclei famigliari, rafforzando nel contempo l’unità familiare. Tutti partecipavano con grande rispetto verso il sacrificio dell’animale di cui si erano presi cura quotidianamente, per trasformare la carne in alimenti che avrebbero garantito energia e risorse per i mesi a seguire.

27


PROPOSTE DI SOGGIORNO

VIVI LA TUA ESTATE WILD VUOI VIVERE UN’ESPERIENZA UNICA? ALLORA SEGUI LE STELLE, SVEGLIATI ALL’ALBA E VIVI LA MAGIA DEL BOSCO E DELLA BAITA. RESPIRA… L’esperienza “Estate Wild” ha delle caratteristiche uniche: · una guida esclusiva, lo chef Franco Aliberti · la passeggiata nel bosco in notturna, guidati dalle stelle · il silenzio rotto solo dal fruscio dei passi · la condivisione di un momento indimenticabile Un ricco programma, dove non mancano le sorprese.

28


“Estate Wild” si sviluppa su due notti e comprende:

Primo giorno

• Check in a La Fiorida dalle 13:00 alle 20:30 e utilizzo Spa • Ore 21:00 ritrovo nella hall in abbigliamento da trekking: consegna torce notturne e permessi auto • Ore 21:30 partenza con mezzi propri fino al parcheggio di Erdona (30 minuti) • Ore 22:00 inizio salita a piedi in notturna verso Baitun 1170m - itinerario: Pozza dei Bagni dell’Orso 1206m, Baita Mascarpa e prima masun 1310m, seconda masun 1443m, Casera Vegia 1515m e infine ultima masun 1660m • Pizzoccherata di mezzanotte • Pernottamento in baita (si dorme in letti a castello, in abbigliamento da trekking. È possibile portare il proprio sacco a pelo)

Secondo giorno

• Ore 05:00 sveglia • Ore 05:15 colazione con pane, burro e marmellata, caffè e grappa • Ore 05:30 camminata nel bosco verso l’alpeggio della Famiglia Milesi per l’osservazione della produzione del formaggio Bitto nel tipico calecc di montagna • Ore 12:00 polenta e formaggio • Ore 16:00 rientro a La Fiorida

Terzo giorno

• Pernottamento in una delle camere dell’agriturismo • Ricca prima colazione a buffet con i buoni prodotti della fattoria • Giornata di relax e cena con menù alla piccola carta – bevande escluse - Accesso illimitato al Percorso dei Sensi del Centro Benessere: a vostra disposizione piscina, piscina idromassaggio, sauna, vitaurim, bagno turco, docce aromatiche ed emozionali, area tisane, sala fitness, solarium. Inoltre, biciclette a disposizione per una pedalata sulla pista ciclabile

Note

Il pacchetto è possibile con un minimo di 6 persone e un massimo di 10 persone. È disponibile da mercoledì a venerdì (due notti a scelta) Tariffa pacchetto per due persone Camera Minimal 629 € Camera Living 639 € Camera Junior Suite 659 € Camera Country Chalet 669 €

29


PROPOSTE DI SOGGIORNO

Proposals for a special sojourn Enjoy your very own “Wild Summer” Fancy enjoying a totally unique experience? Then follow the stars, wake up at dawn and experience the magic of forest and mountain hut. Deep breath. The “Wild Summer” experience has some highly original characteristics: - your very own exclusive guide, the celebrated chef Franco Alberti - a night-time wander through woodland, guided by the stars up above - a magnificent silence broken only by the rustling of our own footsteps through leaves - sharing some unforgettable moments A truly engaging programme, not lacking in surprises

“Wild Summer” is spread over two nights, and includes:

First day Check in at La Fiorida between 13.00 and 20.30 and take full advantage of the Spa facilities 21.00 Meet up in the lobby in your hiking gear for distribution of night torches and car permits 21.30 Set off in our own cars as far as the car park at Erdona (30 minutes) 22.00 head off on foot in the dark towards Baitun at 1170m Itinerary: Pozza dei Bagni dell’Orso 1206m, Baita Mascarpa and first masun 1310m, second masun 1443m, Casera Vegia 1515m and finally last masun 1660m A midnight feast of pizzoccheri to follow overnight stay in mountain hut (baita) sleeping in bunk beds, in trekking clothing (You might like to bring a sleeping bag).

30


Second day Five o’clock wake-up call 05.15 Breakfast with bread, butter, jams, coffee and grappa 05.30 An early stroll through woodland towards the upper pastures of the local Mileni family to observe the production of the noted Bitto cheese in the typical itinerant mountain dairies (calecc) 12.00 Polenta and cheese 16.00 Make our way back to La Fiorida

Third day Overnight stay in one of the delightful rooms of the holiday farm Hearty buffet-style breakfast with all the healthy farm-produced ingredients Unlimited access to the Sensory pathway within the Wellness Centre. At your disposal: swimming pool, whirlpool, sauna, vitaurim, Turkish bath, aromatic and hyper-sensory showers, herbal tea area, fitness zone and solarium Bicycles are also available for a spin along the adjacent bike-path

NOTE The package is available for a minimum of 6 people and a maximum of 10 from Wednesday to Friday - two days of your choosing Package pricing for 2 people: Minimal room 629 € Living room 639 € Junior Suite 659 € Country Chalet Room 669 €

31


DIGITAL

Babbel Badge

Esistono tante applicazioni per imparare nuove lingue. Babbel è certamente tra le più note e apprezzate. Di recente l’app ha subito un importante aggiornamento che la rende particolarmente utile per le strutture ricettive di piccole e medie dimensioni che operano nel settore turistico. Da una ricerca condotta da Babbel, infatti, solo il 19% del personale di agriturismi e altre piccole strutture parla fluentemente l’inglese. Per rispondere alle loro esigenze la piattaforma ha pensato a dei corsi ad hoc, utili per spiegare come gestire le prenotazioni telefoniche o come trattare i clienti alla reception. “We speak Babbel” ha come obiettivo quello di migliorare la comunicazione e rispondere meglio alle esigenze degli ospiti. L’offerta è composta dalle classiche lezioni di Babbel e alcuni corsi appositi per ora in inglese, tedesco e russo, a cui si aggiungono francese e spagnolo, che comprendono termini e situazioni tipiche degli hotel. Secondo un sondaggio condotto da Babbel più della metà degli ospiti stranieri in Italia preferisce alloggiare in piccole strutture (55%), ma solo pochi di questi ha potuto comunicare a un livello alto con lo staff in inglese (il 19% contro il 22% del personale dei grandi alberghi). Da qui, Babbel ha lanciato una campagna in Italia rivolta agli operatori turistici. Nell’iniziativa di promozione, Babbel ha chiesto a La Fiorida la possibilità di diventare testimonial della campagna “We speak Babbel” lanciato dalla piattaforma online di formazione. Un esempio di come l’integrazione della tecnologia possa supportare e migliorare la qualità dell’offerta turistica.

Babbel Badge There are any number of applications for learning new languages. Babbel is clearly one of the best known and appreciated. Recently the app has undergone an important update that makes it particularly useful for small and medium-sized hotels operating within the tourist sector. Research undertaken by Babbel had indicated that only 19% of personnel working in the farm holiday and small structure sector spoke fluent English. To respond to their needs, the operators have introduced ad hoc courses, invaluable to explain how to handle telephone reservations or deal with customers at reception. “We speak Babbel” aims to improve communication and improve responses to guests’ needs. The proposition comprises the classic Babbel lessons and further appropriate courses - for the time being in English, German, and Russian, to which will be added French and Spanish, and will incorporate relevant terms and typical experiences within the hotel sector. According to a Babbel-led survey more than half of foreign visitors to Italy prefer to stay in small structures (55%), but only a few had been able to communicate at a sophisticated level with the staff in English (19% as opposed to 22% of personnel in larger hotels). At this point, Babbel launched a campaign in Italy aimed at tour operators. As part of the promotional initiative, Babbel asked La Fiorida to become a deponent for the “We speak Babbel” campaign released on the online training programme. A glowing example of how the integration of technology can support and indeed improve the quality of what the tourist sector has to offer.

32


LEGGENDE

I “TIÙM DAL GAG”

Era il 1620, quando i cattolici Valtellinesi insorsero contro la dominazione protestante dei Grigioni, sospettati di voler favorire la diffusione dell’eresia in Valtellina. La rivolta sorprese i Grigioni, ma la loro reazione non tardò. Loro Manipoli calarono sino alla bassa Valtellina, dove risalirono ai paesi di mezza costa, sino a Cino. Qui le famiglie, temendo l’avanzata, trovarono rifugio su maggenghi ed alpeggi, ma i soldati delle Leghe Grigie, lasciato un piccolo presidio in paese, proseguirono la loro marcia verso il monte, determinati ad estorcere alla popolazione cattolica un pesante risarcimento per la ribellione. Fu allora che accaddero fatti prodigiosi. Minacciati dalle truppe giunte ai Prati dell’O, i contadini corsero al vicino maggengo dei Nestrelli, dove viveva un mago potente e rispettato, il Mago Nestrelli. Il mago accolse i contadini trafelati senza sorpresa: già sapeva tutto e li rassicurò con il suo sguardo profondo, poi scomparve alla loro vista. Riapparve ai Prati dell’O davanti a quei soldati Grigioni che, spavaldi e sguaiati, già pregustavano il terrore dei contadini. Nella penombra della sera improvvisa si stagliò la sua figura ieratica, con occhi come bracieri ardenti. I soldati non ebbero il tempo di dire nulla, né disse parola il mago, che si limitò a sollevare le mani, con le dita protese come rami scuri contro il cielo che imbruniva. Spirava un leggero vento di Breva dal lago, che cessò in un silenzio profondissimo ed irreale, squarciato solo da un improvviso lamento. Sparì anche il mago. Nessuno osò uscire dalle baite prima dell’alba. I primi che si avventurarono non videro alcuna traccia dei soldati. Sollevati, pensarono che la sconcertante apparizione del Mago Nestrelli li avesse messi in fuga. Ma poco dopo si accorsero che sul limite del bosco, “al Gag”, erano comparsi alcuni alberi mai visti prima, alcuni enormi pini (“Tiùm”). Solo in seguito si capì: quando il vento sferzava i loro grandi rami, produceva un suono che gli abitanti del maggengo riconobbero nel lamento udito quella sera di fine luglio. Il lamento dei soldati Grigioni, tramutati proprio in quei pini che, da allora, nessuno osò più toccare. Una vicenda passata alla storia, tanto che 15 anni dopo probabilmente influenzò la scrittura di un dispaccio del celebre Duca di Rohan. Mentre guarnigioni franco-grigione occupavano la bassa Valtellina sotto il suo comando, emanò una ‘Grida’ che ingiungeva agli abitanti della zona di denunciare quanto possedevano per sottostare alle requisizioni necessarie per il sostentamento delle truppe, pena Tales and Legends - I “Tiùm dal Gag” la distruzione delle loro case. Non vi Summer of 1620, when the Catholics of Valtellina rose up against the sono citati i maggenghi di Nestrelli e Protestant domination of the Grisons, who they considered intent on the dei Prati dell’O, evidentemente perché diffusion of heresy in Valtellina. The uprising took the Grisons by surprise contro Cino nessuno ebbe il coraggio di but the backlash was not long in coming. Grisons batteries dropped down sollevar angherie. to lower Valtellina, where they then climbed up the valley sides as far as Oggi questi fatti sono consegnati ai liCino. Local families, fearing the advance, took refuge in the Magghenghi bri di storia, ma i “Tiùm dal Gag” sono and upper pastures. but the soldiers of the Leghe Grigie, having left a ancora lì: qualcuno sente ancora un dismall garrison in the village, continued their march upwards determined sperato, antico lamento quando il vento to wreak a heavy toll on the populace for their rebellion. And it was then si insinua tra i loro rami. that the momentous events occurred. Threatened by the troops who had arrived at the Prati dell’O, the peasants ran to the nearby Maggengo dei Nestrelli, where the magician Nestrelli lived, a powerful and highly respected Mago. The magician welcomed the exhausted peasants apparently unsurprised. Appearing suddenly at the Prati dell’O to confront the Graubünden soldiers, the magician did not say a word but merely raised his hands, his fingers stretched out like dark branches against the sky at dusk. Nobody dared to leave the huts before dawn. The first to venture out could not see any trace of the soldiers. But soon after they realised that at the edge of the wood, “al Gag”, some trees that had never been seen before had sprouted, huge pines (“Tiùm”) in fact. It was only later that it became clear, when the wind whipped through their huge branches, it produced a sound that the inhabitants of the Magghenghi recognised that fateful evening at the end of July. It was the lament of the Grison soldiers, transformed into the vast pines that since that very day no-one has ever dared to touch.

33

Profile for Autotorino

Io Autotorino numero 15  

House Organ del Gruppo Autotorino S.p.A. Informazione automobilistica, eventi, life style e tempo libero

Io Autotorino numero 15  

House Organ del Gruppo Autotorino S.p.A. Informazione automobilistica, eventi, life style e tempo libero

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded