Page 1

S EC O N D O semestre 2016

NUMERO UNDICI

House Organ del Gruppo Autotorino S.p.A. Informazione automobilistica, eventi, life style e tempo libero

House Organ dell’Azienda La Fiorida Informazione, eventi, life style e tempo libero

NUMERO UNDICI S EC O N D O semestre 2016 Copertina.indd 1

24-07-2016 1:49:38


Copertina.indd 2

24-07-2016 1:49:47

Sommario

1 Agriturismo 2 La Fiorida

Italian Chef

2016 Evento Chic a La Fiorida

6

Intervista a Franco aliberti

Giocare e divertirsi in cucina

8 La terra ci nutre 10 Gastronomia

Montagna

Le valli del Bitto

Country chic & flavoury Dove l’estremità settentrionale del Lago di Como incontra le Alpi Lombarde c’è un angolo di Valtellina completamente immerso nella tradizione e nei ritmi della natura. È l’azienda agrituristica La Fiorida, una dimensione di autenticità che affonda le radici nella terra dei campi, nei capi allevati nelle sue stalle, nei sapori delle produzioni del suo salumificio e del suo caseificio. Qui i giorni di vacanza passano nell’armonia di ore trascorse tra trekking e bike, coccolati al rientro dall’area benessere e dai suoi trattamenti, o dalle creazioni degli Chef Gianni Tarabini e Franco Aliberti nel ristorante La Présef, stella Michelin dal 2013, dove trova pieno compimento l’equilibrio tra creatività e migliori prodotti del territorio circostante. Country chic with all the flavours

House Organ dell'agriturismo La Fiorida Informazione, eventi, life style e tempo libero Numero Undici Secondo semestre 2016

www.lafiorida.com

Right where the northern tip of Lake Como meets the Lombardy Alps there’s a little corner of Valtellina which is totally immersed in both the tradition and the rhythmic cycle of nature itself. And it’s precisely here you’ll find the holiday farm Agriturismo La Fiorida, a haven which genuinely represents the very roots of the territory, with its cattle rearing, the full flavours of its cold meats and sausage production, and its wholesome dairy produce. And it’s here too that holidays offer up hours of gentle trekking and biking opportunities, combined with the pampering within the well-being centre with its range of health-inducing treatments, or indeed all the joys of the creative talents of chefs Gianni Tarabini e Franco Aliberti in La Presef restaurant, Michelin-starred since 2013, both masters in discovering an optimum balance between imagination and top quality locally-sourced ingredients.

Tel. 0342 680846


Autotorino

Editoriale

Da anni, attraverso queste righe, condivido con tutti i lettori del magazine ioAutotorino l’emozione e l’orgoglio con cui annuncio l’avverarsi di nuove prospettive per il nostro Gruppo. Questa volta non nascondo una particolare trepidazione, perché il progetto che vedrà, in autunno, nascere la nuova, trentacinquesima filiale Autotorino ha una valenza davvero speciale. Sarà perché parliamo di un nuovo, prestigioso showroom che porterà le insegne Autotorino ad affiancare per l’ottava volta quelle di Mercedes-Benz; o perché dopo quindici anni di vitale rapporto con il territorio lariano e la sua gente, raddoppieremo a Luisago la nostra presenza; o, ancora, perché potremo riportare una risposta di qualità, professionale e di lunga esperienza agli amanti della Stella che oggi necessitano di un riferimento ufficiale per l’assistenza o per l’acquisto. Como, quindici anni fa ormai, rappresentò una delle prime ‘frontiere’ verso le quali Autotorino cominciava ad espandersi, iniziando a presentare anche al di fuori della Valtellina il suo modello, già di carattere sartoriale. Sono passati diversi lustri e la concessionaria di Tavernerio è divenuta oggi un riferimento per centinaia di persone e famiglie ogni anno: grazie a loro abbiamo consolidato la nostra presenza ed affinato ancor più le modalità e le qualità del servizio dedicatogli. L’affetto che ci lega a questa storia ed a questa nostra ‘seconda casa’, ci ha portati a supportare con impegno la nostra candidatura per divenire concessionaria ufficiale Mercedes-Benz per la provincia di Como. Sforzi andati felicemente in porto: il modello Autotorino e la solidità della partnership che già ci lega alla Stella di Stoccarda ci hanno permesso di avere la meglio di un nutrito e qualificato panel di concorrenti internazionali. Ciò che ha fatto la differenza alla nascita di questa nuova avventura è anche la prima e più forte promessa con cui apriremo i battenti alla nuova concessionaria alle porte di Como: il nostro impegno sarà infatti quello di rendere tangibile la passione, la dedizione e la professionalità con cui ci prendiamo cura dei nostri clienti, delle loro esigenze e dei loro desideri. Una costante, questa, che ci ha permesso di crescere mantenendo inalterata tutta la nostra vitalità imprenditoriale. A presto Como, dunque! For some years now through the pages of "ioAutotorino" I’ve been able to share with readers the excitement and genuine pride that accompany new Group initiatives becoming a reality. And this time it’s not without a certain trepidation as the project which will see the light of day this Autumn, representing the 35 th Autotorino branch, has a really rather special significance. We are talking about a prestigious new showroom bearing the Autotorino insignia alongside that of Mercedes-Benz for the eighth time: but also this will be the15th year of our company’s vital relationship with this very special territory and its people, a year in which we will be doubling our presence at Luisago; and naturally this involves extending our combined package of quality, professionalism and a wealth of experience to Stella enthusiasts who find they need an official reference point for support or indeed purchase. Como, fully 15 years ago now, represented one of the very first “frontiers” when Autotorino was pushing to expand, beginning to consider areas outside Valtellina and taking its very stylish and characteristic model to pastures new. Over a considerable period the Tavernerio dealership has become very much a touchstone for hundreds of individuals and families every single year: it’s thanks to them that we have been able to reinforce our presence and to fine-tune our operation and quality of service. There’s an endearment and back-story which binds us to our “second home”, and has consequently encouraged us to commit ourselves totally to becoming the authorised dealership for Mercedes-Benz in the Province of Como. Endeavours which were happily fulfilled: the Autotorino model and the existing stability of the relationship with the Stuttgart “Star” company meant that we could overcome international competition of a substantial and highly specialised nature. What has had the biggest influence on the birth of our new venture is that which also represents our prime and upmost undertaking when we throw open the doors of our new dealership at Como: our commitment to replicate the passion, dedication and professionalism with which we take care of our customers whatever their needs or aspirations. It’s this continuum which has allowed us to flourish whilst always maintaining our intrepreneurial vitality. Here’s to Como!!

Plinio Vanini

IO_Autotorino_n.11.indd 1

Presidente Gruppo Autotorino

24-07-2016 9:50:23


Agenzia Capo

LA TUA AGENZIA ASSICURATIVA DIRETTAMENTE NEGLI SHOWROOM AUTOTORINO Offerte vantaggiose e personalizzate

In caso di sinistro pensiamo a tutto noi

Partnership e convenzione con Autotorino

sara assicurazioni

CONTRASSEGNO DI ASSICURAZ IONE TARGA VEICOLO TIPO DEL VEICOLO SCADENZA PERIODO ASSICURATIVO

Chiedi informazioni al tuo consulente o visita il nostro sito internet

GIORNO MESE ANNO

Partner

www.3assicurazioni.it IO_Autotorino_n.11.indd 2

24-07-2016 9:50:25


Autotorino

Editoriale

Il primo semestre del 2016 si è chiuso con il mercato auto che ha segnato più 20% rispetto all'anno precedente. Non capitava da parecchi anni in queste dimensioni, gli italiani stanno ricominciando ad acquistare le auto con entusiasmo e costanza. Non c'è che da essere contenti per chi fa il nostro lavoro. Da dove viene questo rinnovato successo delle quattro ruote? Nel Paese non c'è una crescita di queste dimensioni, non nel Pil e non nei redditi medi. Il dato che più sta agganciato al mercato dell'auto o meglio quello che più influisce è quello relativo alla disoccupazione che sta calando da ormai un anno e mezzo. Gli sgravi governativi a favore della stabilizzazione dei lavoratori, hanno creato fiducia e qualche certezza in più in una parte significativa dei consumatori. I bassi tassi di interesse per il credito al consumo, hanno fatto la loro parte nello stimolare gli acquisti, ma molto ha potuto e tanto ancora potrá il vasto dibattito che da mesi si svolge intorno all'auto del presente e del futuro. È una pubblicità al prodotto auto che lo riporta al centro dell'interesse della vita di molti. Dalla grande motorizzazione di massa degli anni '60 del secolo scorso fino ad oggi, mai si era tanto discusso intorno all'innovazione tecnologica applicata all'auto. Soprattutto l'auto era un "affare" riservato solo a chi le costruiva. Nel mercato hanno fatto irruzione i player della tecnologia digitale ed il consumatore è affascinato da ciò che a breve potrá avere sulla sua vettura integrata e connessa a tutti i dispositivi digitali che sono parte della sua esistenza quotidiana. Oggi non è ancora ciò che sará fra pochi anni, ma è giá tanto per spingere a cambiare l'auto. C'è molta più sicurezza, consumi più bassi, la tecnologia ibrida sta assumendo dimensioni di massa a prezzi accessibili, la telemetria consente la profilazione di tariffe assicurative e manutentive proporzionali alla quantitá e qualitá di utilizzo della vettura. Tutti elementi che trasformano un'auto nell'auto di qualcuno, fanno evolvere il veicolo da mezzo di trasporto a strumento di vita. Siamo solo agli inizi, vedremo trasformazioni enormi e applicazioni sorprendenti. Autotorino è pronta per questo nuovo mercato? Giudicheranno i nostri clienti, ma già oggi possiamo dire che abbiamo ampliato la nostra attenzione, passando dal prodotto, elemento indispensabile ma non più sufficiente, ai contenuti da proporre insieme all'auto. Non siamo più solo un luogo di acquisto, fisico e/o digitale, di vetture, ma anche un operatore che eroga servizi fatti a misura di cliente e connessi alla mobilità. Ci attendono nuove sfide e grande impegno, le sapremo raccogliere nella misura in cui manterremo integro lo spirito innovativo e anticipatore che ci ha sempre contraddistinto. Buon futuro a tutti.

The first half of 2016 comes to a close with car market sales up 20% in respect to the previous year. Such an increase has not happened for several years and it’s clear that Italians have begun once again to procure cars both enthusiastically and with regularity. Those of us who work within this sector can only celebrate. So where does this rekindling of the success of a 4-wheel nature come from? It is not as though there is a similar increase in the country in GDP or indeed in average incomes. Perhaps the statistic most relevant to car sales is that which indicates a fall in unemployment in the last 18 months. Advertising of the automobile has put it firmly at the very epicentre of life for many. From the great motorisation of the masses in the 60’s of the last century right up to today, never has the technological revolution of the car been so keenly discussed. In the past the car was strictly an “affair” reserved to those who built it. But the market has suddenly burst into the world of digital technology and the consumer is keen to get to grips with what he can expect within this specialised field if he now invests in a new car. How precisely can it become part of his integrated, digital day to day? Well, it might not yet be quite what it will be in years to come, but it’s certainly time to up the ante. Safety has been much-improved, fuel consumption ever lower, hybrid technology is assuming huge dimensions at affordable prices too, telemetry enables the profiling of insurance charges and maintenance fees proportional to the quantity and quality of vehicle usage. All the elements which make a car unique, particular and relevant to a very personal means of transport. We are only at the beginning, we envisage huge transformations and amazing developments. Is Autotorino ready for this new market? We’ll let our public be the judge of that but we can already declare that we have lifted our eyes, expanded our focus from the product itself, a vital element but no longer enough, to incorporate everything that a car should involve. We are no longer merely a company where a purchase Is effected, physical and/or digital, but ever more an operation which delivers personalised services tailored to individual customers and their mobilisation. We thus look forward to future challenges with genuine commitment, safe in the knowledge that we are aware just how to consolidate a progressive resourcefulness which has always characterised us. Happy holidays and good luck to one and all in the future.

Stefano Martinalli

Direttore Generale Gruppo Autotorino

3

IO_Autotorino_n.11.indd 3

24-07-2016 9:50:30


Sommario

Tutti i Marchi, i nomi di prodotti e di aziende citati in questa pubblicazione sono utilizzati al solo scopo di identificazione ed appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni riportate sono fornite senza alcuna garanzia (esplicita o implicita) e potrebbero contenere inesattezze tecniche o errori. Si riserva inoltre i diritto di apportare cambiamenti e/o miglioramenti ai contenuti, anche senza preavviso. Decliniamo pertanto ogni responsabilitĂ per qualsiasi controversia collegata ai contenuti del magazine.

IO_Autotorino_n.11.indd 4

House Organ del Gruppo Autotorino Spa Informazione Automobilistica, eventi, life style e tempo libero Numero Undici - Secondo semestre 2016

A cura di: Ufficio Marketing Autotorino Testi di: Carlo Fognini, Sara Codazzi, Licia Fagetti, Eveline Catelotti, Claudia Cornaggia, Lorenzo Regini. Progetto grafico: Matteo Lisignoli Stampa: Tipolitografia Ignizio

www.autotorino.it

24-07-2016 11:16:40


6 14 20 24 26 32 38 44 50 54 60 64 70 74 78 80 84 86 88 90

autotorino

A Como il Gruppo raddoppia

Mercedes-Benz

Nuovo GLC. Spirito coupé

Nuova Smart fortwo cabrio

Giovani Talenti

Il master dell’automotive

MINI CABRIO Fontanellato BMW i-performance JEEP

La rocca delle meraviglie

Il piacere di guidare sostenibile

75th anniversary

Intervista Luciano Bonetti KIA

L'estate in città

Ingegneria di un successo

Superlativa Optima

Toyota

Debutta il Coupé–High Rider

Nuova Lexus RC300h

Cremona Cultura Hyundai

Il coupé dei Takumi

Janello Torriani

Nuovo Ioniq Tre volte green

BMW Motorrad C650 GT e C650 Sport Fisco

I vantaggi del super-ammortamento

Off-road

Subaru Forester

Nuovo SsangYong Tivoli XLV Assicurazione

Mitsubishi

IO_Autotorino_n.11.indd 5

L’evoluzione della razza

Più spazio al comfort

Furti auto, assicurarsi sempre

Nuova ASX

autotorino

Brevi

24-07-2016 9:51:19


A Como Autotorino raddoppia

6

IO_Autotorino_n.11.indd 6

24-07-2016 9:51:31


Como vede nascere una nuova Stella nel firmamento del Gruppo Autotorino. A marzo, infatti, Mercedes-Benz Italia ha sottoscritto il formale ampliamento della partnership che lega la Casa di Stoccarda con il nostro Gruppo, ora anche sulla provincia di Como. L’estate 2016 segna l’avvio di un nuovo ed importante progetto imprenditoriale per Autotorino, che opera già nella provincia di Como fin dal lontano 2003 con la concessionaria di Tavernerio. Per il Gruppo, quella di Como è la trentacinquesima filiale, settima del Marchio della Stella tedesca.

Autotorino

Como 7

IO_Autotorino_n.11.indd 7

24-07-2016 9:51:41


Forte dell’esperienza comasca di lunga data, il capofiliale della nuova concessionaria Autotorino MercedesBenz Como, che ha sede a Luisago in via Risorgimento 13/A, è Tito Monti. Monti ha al suo attivo una lunga esperienza nel settore auto. Responsabile della filiale di Tavernerio dal 2008, ha assunto la guida del nuovo showroom che offre vendita e assistenza per le vetture Mercedes-Benz, smart e AMG, nonché dei veicoli commerciali Mercedes-Benz VAN. Inizia così un percorso impegnativo ed allo stesso tempo emozionante, come ciascuna delle tante sfide che hanno scritto la storia del Gruppo Autotorino, nel segno della soddisfazione di migliaia di clienti, che qui si tinge di nuovi significati speciali. Como ed il suo Lago sono diventati una meta a vocazione internazionale, in cui i meravigliosi paesaggi costellati di ville patrizie e rinomati giardini si fondono ad un’aura di glamour, jet-set

e bien vivre con un’eco planetaria. Un’atmosfera che si sposa alla perfezione con il carattere di MercedesBenz, facendoci sognare d’esser alla guida di uno dei suoi gioielli lungo le magnifiche strade panoramiche della riviera lariana. Con i suoi 600 mila abitanti, la Provincia di Como è tra le più ricche e fiorenti della Lombardia. Nel capoluogo risiedono circa 85 mila persone. Como è posta in un'area geografica strategicamente straordinaria, stretta a ovest dalla provincia di Varese, a est da quella di Lecco e a sud dalla florida Brianza milanese. Via di accesso preferenziale verso la Svizzera, Como rappresenta un punto di riferimento importante per l'intero sistema economico lombardo. Non a caso il tenore di vita dei suoi abitanti è tra i più alti del Paese: il reddito medio infatti, si aggira intorno ai 29 mila euro e il tasso di disoccupazione della provincia (7,8%) è tra i più bassi.

8

IO_Autotorino_n.11.indd 8

24-07-2016 9:51:48


Autotorino

Como

9

IO_Autotorino_n.11.indd 9

24-07-2016 9:51:56


Plinio Vanini

Presidente del Gruppo Autotorino S.p.A. “Siamo onorati di poter ampliare la collaborazione con MercedesBenz grazie alla concessione ufficiale del Marchio per la provincia di Como. Siamo stati scelti all’interno di una nutrita e qualificata rosa di competitor, anche internazionali. Ciò ribadisce il prestigio e l’importanza della piazza comasca. Metteremo a disposizione dei clienti attuali e futuri tutta quell’esperienza che ci lega dal 2007 alla Casa di Stoccarda. Non a caso oggi siamo uno dei principali dealer italiani. Intendiamo trasferire in questo progetto tutta la nostra tradizionale cura al cliente e la passione per il nostro lavoro, ispirati dall’attenzione sartoriale con cui offriamo ogni anno libertà di movimento a migliaia di persone. Non appena formalizzato l’accordo, ci siamo attivati per essere da subito un riferimento a tutte le esigenze di assistenza e consulenza, appoggiandoci alle vicine concessionarie ufficiali Mercedes-Benz del Gruppo, di Induno Olona e Olginate, in quella logica di rete che Autotorino mette a disposizione dei clienti. Allo stesso tempo, abbiamo proceduto con l’organizzazione della nuova concessionaria, a partire dalla definizione della squadra che la animerà”.

Autotorino

10

L'opera dell’archistar Daniel Libeskind, Life Electric, nei pressi della diga foranea dedicata ad Alessandro Volta.

IO_Autotorino_n.11.indd 10

24-07-2016 9:52:04

C


o

Tito Monti Responsabile della nuova filiale Autotorino Mercedes-Benz Como Tito Monti, comasco di nascita, ha compiuto gli studi dalle scuole elementari sino al diploma presso il Collegio Gallio dei Padri Somaschi. Appassionato sportivo con trascorsi nella Canottieri Lario e amante dei motori, in particolare moto e fuoristrada, è sposato con Laura e padre di due figli. Lavora da 20 anni nel mondo dell’auto, con un percorso connotato da Marchi premium, culminato con l’approdo in Autotorino il 1° dicembre 2008, dove riveste da 7 anni il ruolo di Responsabile della filiale di Tavernerio (CO). “Questa nuova responsabilità si è presentata in un momento particolare della mia vita, in una sorta di parallelo con quella dell’Azienda. Compio cinquant’anni proprio come Autotorino e, grazie alla responsabilità che mi è stata oggi affidata, posso considerare il mio traguardo anagrafico non come un punto di arrivo ma come una nuova partenza. La prospettiva di avere la responsabilità della nuova concessionaria ufficiale Autotorino

Mercedes-Benz Como è una sfida importante che mi motiva particolarmente, perché delle sfide sono un grande amante. Il mio obiettivo: continuare a migliorare l’approccio al mio lavoro, per trasmettere ai clienti di Como la qualità e la cura con cui il Gruppo Autotorino sa rispondere alle esigenze delle persone. Per fare questo ho seguito di persona la nascita della nuova squadra, radicata e inserita nel territorio comasco. Siamo pronti a rappresentare un simbolo dell’eccellenza automobilistica quale è il marchio di Mercedes-Benz, e a dare il nostro meglio sin dal primo giorno. Il successo della nuova concessionaria passa attraverso il gradimento che ci esprimeranno i clienti”.

Como

11

IO_Autotorino_n.11.indd 11

24-07-2016 9:52:07


Molto più di una città In tutto il mondo, l'immagine di Como è legata indissolubilmente a quella del suo lago. Apprezzato dai turisti e dai suoi abitanti, offre una cornice naturalistica di grande fascino che ha attratto nel passato musicisti, letterati e scienziati, da Liszt a Volta, e che ancora oggi è meta di passeggiate, gite in battello, sport nautici e dimora di ville meravigliose come Villa Carlotta a Tremezzo e Villa Balbianello a Lenno. Persino il New York Times, accanto alle celebrazioni mondiali della città lariana, ha tratteggiato le caratteristiche di Como e del suo territorio, testimoniando come ormai siano divenuti a pieno titolo un must per viaggiatori provenienti da tutto il mondo. Così scrive nell’agosto 2014: “Recentemente la città di Como, situata sulla sponda sud-occidentale del lago, è sbocciata, diventando una delle più interessanti destinazioni per ogni tipo di visitatore. Una serie di recenti iniziative ha infuso una nuova vita, trasformando il luogo di passaggio già visto nel nuovo posto da vedere”. La città di Como risale all’epoca romana quando, sotto Giulio Cesare, venne fondata nel 59 a.C. Ancora oggi è circondata da mura medievali che culminano in tre torri, ancora ben conservate, che originariamente segnavano l’ingresso alla città. Intorno al centro storico e agli agglomerati fuori le mura ci sono le colline, da Brunate alla Spina Verde, dove le prime testimonianze di presenza umana risalgono all’età del Bronzo. Qui hanno avuto i propri i natali Plinio il Vecchio e Plinio il Giovane, grandi letterati romani, celebrati sulla faccia-

ta del Duomo cittadino, ed Alessandro Volta, l’inventore della pila, a cui è dedicato un Tempio ai giardini a lago e la recentissima opera dell’archistar Daniel Libeskind, Life Electric, nei pressi della diga foranea. Un continuum all’insegna della cultura e dell’arte, che offre sempre nuovi spunti e motivi per visitare la Città. Como è da secoli la città della seta. Qui sono prodotti tessuti pregiati diffusi in tutto il mondo ed è punto di riferimento di tutte le più importanti case di moda e dei grandi produttori di abbigliamento. Testimonianza ne sono il Museo della Seta e la Fondazione Ratti che ospita iniziative, ricerche e mostre dedicate alla produzione tessile e all’arte contemporanea. Città di architettura, qui è nata e cresciuta la corrente razionalista. Ne sono testimonianza su tutte le opere di Giuseppe Terragni, come la Casa del Fascio e il Novocomum, che danno alla città una propria identità artistica riconosciuta in tutto il mondo. Dopo aver dato lustro agli occhi, Como sa prendersi cura dei piaceri anche degli altri sensi. La cucina lariana offre piatti legati al suo territorio, lago e montagne. Immancabile la polenta gialla, o mischiata a quella di grano saraceno, servita per accompagnare carne, pesce o formaggi; il mondo del vino con il Consorzio Igt Terre Lariane produce vini bianchi e rossi che restituiscono ad ogni degustazione il terroir inconfondibile di questo angolo di Lombardia. Una singolare prelibatezza da segnalare è l’olio extravergine Dop Laghi Lombardi-Lario: un’altra unicità che non ti aspetteresti, con cui Como sa nuovamente stupire.

Concessionaria ufficiale vendita e assistenza Mercedes-Benz - smart - Mercedes-Benz VAN - AMG

Luisago (CO) - Via Risorgimento, 13/A 12

Tel. 031 8820411 - Fax 031 8820460

IO_Autotorino_n.11.indd 12

24-07-2016 9:52:43


Autotorino

Como

Como – and an exciting new Challenge A new star is born in the Autotorino Group firmament, shining brightly this time round above Como. March 2016 saw MercedesBenz Italia signing the formal extension of the partnership which ties the Stuttgart company with our Group, incorporating the province of Como with territories already assigned. Yes, 2016 marks the start of a new and hugely important business venture for Autotorino, which has been active in the province since 2003 with its dealership at Tavernerio already representing Jeep, Hyundai, Mitsubishi, SsangYong brands. Como is actually the Group’s thirty-fifth branch, and represents the seventh of the magnificent German flagship. Tito Monti is the long-time manager with a wealth of experience for the new Como Autotorino dealership for MercedesBenz and its base at Luisago in via Risorgimento 13/A. Monti can boast vast experience in the auto industry having been Manager at Tavernerio since 2008, and is therefore perfectly placed to take on responsibility for the new showroom which will handle sale and customer service for Mercedes-Benz cars, smart and AMG, as well as the commercial vehicles Mercedes-Benz Van. Of course it means setting out along a genuinely demanding and exciting new direction, just like each of the regular challenges that have underscored the history of the Autotorino Group, guaranteeing satisfaction for many thousands of clients, but which this time takes on a really rather special significance. Como and the lake is accepted as having become a truly international port of call, boasting wonderful landscapes dotted with stately villas and celebrated gardens which combine an aura of glamour, jet-set and the high life with a global resonance. It’s an ambience and environment which sits in perfect harmony with the Mercedes-Benz character, placing the Group and one of its finest jewels in pole position, at the very helm along the magnificent scenic byways of Como’s renowned Riviera.

With its 600,000 inhabitants, the province of Como is one of the most prosperous and flourishing in Lombardy. The capital itself hosts 85,000 residents, and the city is situated in a particularly strategic position geographically. Close to the west sits the province of Varese, to the east is Lecco and just south the thriving Brianza/Milan. An hour along the road lies the Swiss border, hence Como represents a vital reference point for the entire economic system within Lombardy. It’s no accident that the standard of living of its residents is among the highest in the entire country: average income hovers around 29 thousand euro a head and unemployment in the province is one of the very lowest (around 7,8%).

13

IO_Autotorino_n.11.indd 13

24-07-2016 9:52:51


Mercedes-Benz

GLC Coupé

Nuovo GLC. Spirito Coupé La promessa diventa realtà. Annunciata da tempo, finalmente l’ultima gemma di casa Mercedes-Benz si prepara per il debutto sul mercato italiano previsto per l’autunno 2016. ll nuovo mid-size SUV della Stella si distingue per gli equipaggiamenti di sicurezza tipici del Marchio, i moderni sistemi di assistenza alla guida e un carattere particolarmente sportivo e dinamico. L’assetto sportivo di serie, lo sterzo sportivo più diretto, il Dynamic Select e la catena cinematica per le vetture a trazione integrale permanente 4MATIC con cambio automatico a nove marce 9G-TRONIC coniugano un comfort di marcia superiore con un decisa sportività. 14

IO_Autotorino_n.11.indd 14

24-07-2016 9:53:43


Hot and cool

Design di sintesi

“GLC Coupé è espressione del design tipico dei Coupé firmati Mercedes-Benz, e simboleggia la bipolarità del nostro marchio: hot and cool - ha spiegato Gorden Wagener, Responsabile design di Daimler AG -. Quest’auto incarna alla perfezione la nostra filosofia di design, evidenziando il concetto di lusso moderno”. Nuovo GLC Coupé racchiude in sé la perfetta miscela di versatilità ed emozione, per un risultato compatto e dinamico allo stesso tempo. Nuovo GLC Coupé si presenta con una lunghezza di 4,73 metri, un’altezza di 1,60 metri e un passo di 2,87 metri.

Il frontale di GLC Coupé si distingue per l’imponente mascherina del radiatore Matrix, con lamella singola e Stella integrata. Un deciso tocco di sportività è dato dalle generose prese d’aria laterali. Con il suo metro e 60 di altezza GLC Coupé rappresenta la perfetta sintesi del design dei Coupé e quello dei SUV. A conferire un taglio atletico alla linea, è la coda alta che spicca sul finale dell’auto. Le spalle pronunciate accentuano poi il look atletico e imponente del Coupé. Una volta a bordo, l’abitacolo riprende la filosofia di design degli esterni e accoglie gli occupanti in un’atmosfera ricercata e dinamica, reinterpretando il lusso in chiave moderna. Ad accentuare ulteriormente l’anima sportiva sono gli interni AMG Line disponibili a richiesta, che comprendono, ad esempio, sedili con rivestimenti in pelle ecologica Artico / microfibra Dinamica e, a richiesta, sedili sportivi con rivestimenti in pelle dall’aspetto bicolore. 15

IO_Autotorino_n.11.indd 15

24-07-2016 9:53:58


Otto versioni, modello di punta firmato Mercedes-AMG

Mercedes-Benz

GLC Coupé

Il nuovo GLC Coupé è disponibile in otto versioni, con quattro motori diesel e quattro a benzina, tra cui un modello ibrido plug-in e uno particolarmente brillante di Mercedes-AMG. I modelli base sono rappresentati dai diesel a quattro cilindri GLC 220 d e GLC 250 d 4MATIC Coupé, con uno spettro di potenza compreso tra 125 kW (170 CV) e 150 kW (204 CV), nonché dal benzina a quattro cilindri GLC 250 4MATIC Coupé da 155 kW (211 CV). Il lancio inizia in autunno con queste motorizzazioni, mentre alla fine del 2016 seguiranno gli altri modelli. Con il GLC 350 e 4MATIC Coupé Mercedes-Benz offre anche un modello ibrido plug-in, che combina l’agile guida a trazione integrale con valori di consumi ed emissioni ridottissimi: il SUV mid-size raggiunge una velocità di 235 km/h, emette soltanto 59-64 g di CO2 per chilometro e vanta una potenza complessiva di 235  kW (320 CV), stabilendo così un nuovo record per la categoria. Questo modello ibrido è in grado di viaggiare in modalità esclusivamente elettrica, quindi priva di emissioni locali, per oltre 30 chilometri e, all’occorrenza, accelera da 0 a 100 km/h in 5,9 secondi grazie alla funzione Boost.

Vieni a scoprire tutto il fascino del nuovo GLC Coupé nelle concessionarie Mercedes-Benz Autotorino. 16

IO_Autotorino_n.11.indd 16

24-07-2016 9:54:34


Carpi Inserita alla perfezione nel contesto cittadino, la sede multibrand di Autotorino si sviluppa su uno spazio espositivo di 1500 metri quadri. Ospita gli ultimi modelli dei marchi Mercedes-Benz e Hyundai. Aperta nel 2011, ha un design elegante e essenziale, reso dinamico dal suo essere concepita su piani sfalsati tra loro. La contraddistingue una particolare pavimentazione in porfido appositamente voluta per darle quell’idea di piazza, o punto di ritrovo tanto caro ai carpigiani. Questa sede è coordinata da una squadra altamente qualificata che fa capo a Dario Cavazza, un carpigiano doc.

Carpi - Via Cattani Sud, 79 Tel. 059 660844 - Fax 059 654468

Induno Olona I clienti Mercedes-Benz e Jeep di Varese e provincia possono contare sulla professionalità e sulla competenza offerte dallo staff di collaboratori che a Induno Olona sono coordinati da Gaspare Mele. Con un'ampia esperienza maturata in campo vendita, lo staff garantisce un servizio vendita di altissimo livello, con finanziamenti su misura e assicurazioni, oltre a proporre un'ampia scelta di vetture usate, aziendali ed a chilometri zero.

é

Induno Olona - V. Jamoretti, 9/11 Tel. 0332 204511 - Fax 0332 204560

San Martino Siccomario Lo showroom è concessionario Mercedes-Benz, Mercedes-Benz VAN, Smart e Jeep. La direzione è affidata a Fabio De Rosa, che coordina il lavoro dell’officina ufficiale.

San Martino Siccomario - Via Turati, 35 Tel. 0382 385711 - Fax 0382 385720

17

IO_Autotorino_n.11.indd 17

24-07-2016 9:55:26


New GLC COUPé

Prospect becomes reality. Proclaimed some time ago, the latest jewel in the MercedesBenz crown is about to make its debut on the Italian market. Autumn 2016 to be precise. The new mid-size Stella SUV stands out a mile for its safety features absolutely typical of the brand, its ultra-modern driver assistance systems and a very fetching sporty and dynamic character. Standard sports suspension, classically efficient sports steering, the Dynamic Select and transmission with permanent all-wheel vehicle drive 4MATIC with automatic nine speed 9G-TRONIC transmission all combine superlative comfort with a decidedly sportive feel.

Hot and cool “The GLC Coupé expresses the typical design of the classic Mercedes-Benz coupé stamp, and epitomises the bipolarity of our Brand: hot and cool” expounds Gorden Wagener, Head of Design Daimler AG. “ The car is a perfect embodiment of our design philosophy, highlighting the concept of luxury and modernity itself”. The new GLC Coupé is a splendid combination of versatility and excitement resulting in a compact and yet extraordinarily dynamic vehicle. The New GLC Coupé has a length of 4,73m, a height of 1,60m and a width of 2,87m.

Design The front end of the GLC Coupé is marked by the striking grille of the Matrix radiator, with its single plate and integrated Stella. A decidedly sporty touch is added by the generous side vents. With its height of 1,60m the GLC Coupé represents the perfect encapsulation of Coupé design and that of SUV. An additional cut to the line is provided by the high-standing tail at the rear. Pronounced shoulders accentuate an imposing athleticism. Once inside the cockpit takes up the design philosophy of the exterior and welcomes the driver within an ambience both dynamic and refined. Luxury combined with modernity itself. To emphasis the sporting nature even more, AMG Line interiors are available on request, incorporating for example seats with Artico ecological leather / Dinamica microfibres, and sporty seats in a two-tone leather finish. Eight versions of the Flagship Model by Mercedes-AMG The new GLC Coupé is available in eight versions, four diesel engines and four petrol. Among which sits a plug-in hybrid model and a particularly exciting Mercedes-AMG. Basic models are represented in the diesels by four cylinder GLC 220 d and GLC 250 d 4MATIC Coupé, with a power range of between 125 kW (170 hp) and 150 kW (204 hp), as well as the four cylinder petrol GLC 250 4MATIC Coupé 155 kW (211 hp). The launch will begin in Autumn with these models whilst others will be revealed at the end of 2016. With the GLC 350 and 4MATIC Coupé Mercedes-Benz also offer a plug-in hybrid model, which combines the agile all-wheel drive with low consumption and seriously reduced emission: the mid-size SUV can reach speeds of 235 km/h, emitting only 59-64 g of CO2 per kilometre and boasts an overall power of 235 kW (320 hp), a new record for the category. The hybrid model is capable of travelling in all-electric mode, thus emission-free, for more than 30km, and if necessary can accelerate from 0 to 100 km/h in 5,9 seconds thanks to the Boost function. Discover the romance of the new GLC Coupé yourself at a local Mercedes-Benz Autotorino showroom.

18

IO_Autotorino_n.11.indd 18

24-07-2016 9:55:49


Mercedes-Benz

GLC CoupĂŠ

19

IO_Autotorino_n.11.indd 19

24-07-2016 9:55:55


L'estate in città

L‘hanno definita la novità più glamour della stagione. Un fatto è certo: nuova smart fortwo cabrio ha tutti i numeri per diventare la rappresentante trendy delle city car. Dopo il suo arrivo in concessionaria a fine marzo, questa due posti scoperta non ha mancato di richiamare su di sé una grande attenzione da parte di quella fetta di pubblico che ama muoversi in libertà, senza rinunciare alla praticità offerta da una vettura unica e maliziosa. 20

IO_Autotorino_n.11.indd 20

24-07-2016 9:56:00


Nuova smart

fortwo cabrio

21

IO_Autotorino_n.11.indd 21

24-07-2016 9:56:01


Nuova smart

fortwo cabrio

I prezzi partono da 17.640 euro per la versione da 71 CV/ 52 kW e il cambio a doppia frizione twinamic. Oltre alle cinque versioni youngster, urban, passion, prime e proxy è disponibile un'ampia gamma di allestimenti per la sicurezza e il comfort, tra cui figura l'integrazione degli smartphone mediante MirrorLink®.

Unica nella sua categoria La nuova smart fortwo cabrio è l'unica autentica cabrio nella sua categoria. Tre auto in una: in appena dodici secondi e a qualsiasi velocità, si trasforma da biposto chiusa in un’auto che vanta un ampio tetto scorrevole pieghevole, per poi divenire una Cabrio con la capote completamente aperta. Guidatore e passeggero possono decidere in tutta libertà, in base alle condizioni atmosferiche e ai loro desideri, se viaggiare a tetto chiuso o se, invece, abbassare la capote e godersi così l’aria fresca. Una simile flessibilità, garantita dalla capote ‘tritop’ e dalle barre amovibili, rappresenta una peculiarità non soltanto per il segmento. Le barre trovano posto in un apposito vano nel portellone.

La città non è mai stata così bella Nuova smart fortwo cabrio rende speciale ogni città, specialmente d‘estate. Prendete una bella giornata di sole e godetevi tutto il fascino di questa straordinaria due posti, per vivere il contesto urbano sotto una prospettiva inconsueta. Nuova smart fortwo cabrio è la combinazione perfetta di funzionalità e stile di vita. Le piazze, il centro, le vie più strette non sembrerano più le stesse se osservate dalla postazione “scoperta“ di questa agile cabrio. Un approccio smart per vivere con un mood romantico e giovane allo stesso tempo, gli spazi urbani nella bella stagione.

22

IO_Autotorino_n.11.indd 22

24-07-2016 9:56:06


New smart fortwo Convertible

Summer in the city

It’s got to be the most glamorous entrée of the season. One thing is clear: the new smart fortwo convertible ticks all the boxes in the trendy city car department. After arriving in dealerships at the end of March, this two-seater has attracted huge attention from that section of the public who like to get about freely, without sacrificing the practicalities offered up by an original and wicked vehicle! Prices start at 17,640 euro for the 71 hp/ 52 kW version and double clutch twinamic transmission. Five versions, youngster, urban, passion, prime and proxy plus a wide range of safety equipment and additional comfort features, including smartphone integration c/o MirrorLink®.

Olginate Presente sul territorio lecchese da oltre 20 anni, il Gruppo Autotorino il 30 marzo 2011 ha raddoppiato la propria forza con l’apertura del nuovo showroom Mercedes-Benz, VAN e smart ad Olginate. Dalle linee moderne ed essenziali, in piena sintonia con lo stile della casa tedesca, la sede gestita da Marco Cattaneo si presenta con 1100 metri quadri di spazio espositivo e altrettanti dedicati al post vendita. Come se non bastasse, a questi se ne aggiungono altri 1800 di piazzale esterno.

Olginate (LC) - Via IV Novembre, snc Tel. 0341 609611 - Fax 0341 609660

Unique of its category The new smart fortwo convertible is the only authentic cabrio in its class. Three cars in one: in just 12 seconds and at any speed it transforms from a closed two-seater into a car which boasts a large folding sliding roof, then becomes a open-roofed fully convertible Cabrio. Driver and passenger decide for themselves depending on climatic conditions; travel with the roof closed or put the top down and enjoy the fresh air. Suit yourself. The flexibility comes about due to the TRITOP hood and removable bars which can be placed in the appropriate tailgate compartment.

The City has never looked better The new smart fortwo convertible makes every city special, particularly in summertime. Get out and about on a fine sunny day and enjoy all the charm of this extraordinary two-seater, whilst getting a new perspective of the city itself. The smart fortwo is the perfect combination of functionality and lifestyle. City squares, the bustling centre, narrow streets all take on a completely different angle when viewed from this sleek, nimble convertible. Perfect for the young and romantic at heart enjoying town life in summer!

Modena

La sede modenese di Autotorino è concessionaria ufficiale Mercedes-Benz, VAN e smart per tutta la provincia. Nel 2012 è stato inaugurato il nuovo showroom, completamente ristrutturato e ampliato, in piena sintonia con gli standard di prestigio ed eleganza della casa tedesca. Lo staff, coordinato da Fabrizio Marchi, garantisce un servizio completo grazie ad un’officina moderna ed efficiente dove opera personale certificato e altamente qualificato. Autotorino Modena offre inoltre la garanzia di un ottimo servizio anche per quanto riguarda l’assistenza programmata, pneumatici, accessori e naturalmente ricambi originali.

Modena - Via Emilia Est, 1299 Tel. 059 2863811 - Fax 059 2863860

Castione Andevenno Lo showroom di Castione Andevenno (So) è stato inaugurato nel 2007 e rappresenta il perfetto connubio di fascino ed eleganza nel cuore della Valtellina. È concessionario ufficiale per i marchi Mercedes-Benz, VAN, smart, Hyundai e Jeep. Al suo interno opera uno staff preparato di consulenti commerciali altamente specializzati, coordinati da Roberto Spini. Con 1600 mq di area dedicata all’officina, Autotorino propone a Castione Andevenno un servizio completo con un elevato standard qualitativo. Qui, come in tutti i nostri showroom, lo staff Autotorino è pronto ad offrirvi le risposte che ancora vi mancano e vi aspetta per potervi rendere felici alla guida dell’auto che desiderate.

Castione Andevenno (So) - Via Al Piano, 28 Tel. 0342 359211 - Fax 0342 359260

23

IO_Autotorino_n.11.indd 23

24-07-2016 11:06:07


Formazione

“Giovani Talenti” il master dell’automotive La crescita del Gruppo Autotorino è stata costante sin dagli anni Novanta, andando anche in controtendenza rispetto al mercato. Oggi si inserisce in un contesto finalmente trainante, cui risponde con prontezza e rafforza la capacità di risposta delle proprie filiali all’accresciuta domanda del pubblico, proponendo anche nuovi progetti di ampliamento. Oltre la metà delle figure oggi ricercate, infatti, si riferisce a consulenti commerciali ed una su cinque a tecnici d’officina; le rimanenti ricerche aperte sono rappresentate da figure di backoffice (il 15%) ed infine da addetti al postvendita. Un programma di assunzioni che, al netto delle necessità legate a creare lo staff del nuovo e trentacinquesimo showroom del Gruppo, quello di Como, risponde all’attenzione con cui Autotorino si rivolge al pubblico, non in una semplice ottica funzionale alla vendita, ma con la volontà di offrire un’appagante customer experience.

Investimento sul capitale umano che genera certezze Questo approccio è testimoniato dal percorso professionalizzante dedicato a tutti gli assunti da Autotorino che, in aggiunta ai programmi di formazione previsti dalle Case automobilistiche rappresentate, ha varato la propria Autotorino Academy: una struttura attiva in permanenza, che attraverso un pool di formatori fornisce padronanza di tutti gli aspetti della relazione con il cliente, tanto ai profili senior già presenti in azienda, quanto ai neo-assunti, principalmente under 30, con o senza esperienza nel settore. Esperienza che, grazie all’Academy interna, non rappresenta più una barriera per i curriculum. Le assunzioni del Gruppo Autotorino rivelano provenienze professionali eterogenee e non necessariamente collegate al mondo com-

24

IO_Autotorino_n.11.indd 24

24-07-2016 9:56:42


“Young Talents” the automotive master

The growth of the Autotorino group has been pretty constant since the nineties, even bucking market trends. Today this can be seen in a genuinely leading context,, reinforcing its capacity to respond promptly to public demands encountered at branch level, whilst also proposing new expansion. A recruitment programme which, whilst although clearly linked to the new (35th) Group showroom at Como, also reflects Autotorino’s ambitions with regard to the public in general, not to be seen as a mere sales outlet, but with the desire to present a valuable customer experience.

Investment in Human Capital It’s an approach which is reflected in the highly-professional entry routes dedicated to all new employees by Autotorino, in addition to the training programmes provided by the car manufacturers represented, exemplified by the Autotorino Academy: here we see a permanently active structure, which by using a pool of instructors ensures a command of every aspect of customer relationship, incorporating senior personnel within the company along with new recruits, mainly under 30, with or without previous experience in the sector. It’s a crucial step forward in the creation of a “custom built” approach to clients which has marked out the Autotorino Group for decades. An experience which, thanks in large to the Academy has a more open-door approach. Recruitment by the Group has a much more heterogeneously professional feel about it, not necessarily tied to the commercial or indeed automotive world. Qualities combining determination, talent, and a desire to become ever more professional are cultivated and fine-tuned through the Academy system. Autotorino launches “Young Talent” Investment in the human

capital of company employees is intensified through the “Young Talent” project and a recruitment programme which through a 12 month period of paid work experience, provides young professionals with a ground-breaking insight into commercial consultancy. An innovative first version of the Automotive master, designed and aimed at a limited number of 10 participants, resulting in the prospect of being included within the sales structure and developing a keen professionalism and a genuinely welcoming attitude towards the general public. Each participant will become “Specialist Auto 2.0”, qualified to assist customers in showrooms in their choice of vehicles and inform on all relevant services, such as guarantees, loans and insurance options. Nominations for the “Young Talent” Project will be accepted between the 15th June and 15th September. 10 participants maximum. Further info. at giovanitalenti.autotorino.it.

merciale o dell’automotive. Fattori accomunanti la determinazione, il talento e voglia di crescere professionalmente, coltivati e portati a maturazione appunto attraverso la formazione dell’Academy. Un passo essenziale nella creazione dell’approccio ‘su misura del cliente’ che contraddistingue il Gruppo Autotorino da decenni.

Autotorino lancia “Giovani Talenti” un master dell’automotive fondato sul talento Questo investimento sul capitale umano e sul talento dei collaboratori viene ulteriormente rilanciato dal Gruppo Autotorino attraverso il progetto “Giovani Talenti” e la sua campagna di recruitment che, attraverso un percorso di 12 mesi in contratto di stage formativo retribuito, formerà giovani professionisti secondo innovativi standard di con-

sulenza commerciale. Una vera e propria prima edizione di un master dell’Automotive, pensato per rivolgersi ad una rosa di 10 partecipanti, che si tradurrà in prospettive di inserimento nella struttura di vendita, sviluppo di una propria professionalità e, soprattutto, in una percepibile qualità dell’accoglienza dedicata al pubblico nei saloni. Ciascun partecipante diventerà “Specialist Auto 2.0” in uno showroom del Gruppo Autotorino, qualificato interlocutore personale dedicato al pubblico per l’accompagnamento nella scelta dei veicoli e dei servizi connessi al loro acquisto, dalle garanzie ai finanziamenti, sino alle opzioni assicurative. Le candidature al progetto “Giovani Talenti” saranno aperte dal 15 giugno al 15 settembre, per un numero massimo previsto di 10 partecipanti, accuratamente selezionati tra i candidati. Informazioni ed adesioni sul portale dedicato al progetto: giovanitalenti.autotorino.it. 25

IO_Autotorino_n.11.indd 25

24-07-2016 9:56:47


TURISMO

La rocca delle meraviglie

26

IO_Autotorino_n.11.indd 26

24-07-2016 9:56:57


MINI CABRIO

Fontanellato

Fontanellato è Cittaslow, Città d’Arte e Cultura, Bandiera Arancione del Touring Club Italiano, tra i Borghi più Belli d'Italia e sede del Circuito dei Castelli del Ducato di Parma e Piacenza. Visita l’antica corte di pianura: ti innamorerai di questo castello rinascimentale. Nel cuore delle Terre Verdiane, lungo il percorso ideale, geografico e storico che unisce i Castelli del Ducato di Parma e Piacenza, Fontanellato riserva preziosi aspetti che rendono questo borgo una piacevole scoperta alla prima visita, ma in grado di offrire tanti motivi per tornarci e provare sempre nuove, piacevoli emozioni: ad esempio le cene in Castello, le visite guidate per famiglie e bambini nella Rocca, i tour del borgo con degustazione di prodotti tipici, le visite by night a lume di candela all’affresco del Parmigianino.

27

IO_Autotorino_n.11.indd 27

24-07-2016 9:57:05


MINI CABRIO

Fontanellato

Al centro del borgo si erge infatti, incantevole, la Rocca Sanvitale, circondata da ampio fossato ancora alimentato e colmo d'acqua, uno degli ultimi esempi in Italia. Ed è proprio la Rocca a racchiudere uno dei capolavori del Manierismo italiano, la saletta dipinta dal Parmigianino nel 1524 con il mito di Diana e Atteone per il Conte Galeazzo Sanvitale e sua moglie Paola Gonzaga, una delle massime espressioni giovanili dell’artista. Un castello magico, non solo per l’atmosfera ma anche per le sorprese con cui è capace di stupire i visitatori: ad esempio la Camera Ottica, celata in una torretta, l'unica in Italia ancora in funzione. Al suo interno, al riparo dagli

sguardi dei passanti, è possibile osservare la piazza antistante attraverso un ingegnoso sistema ottico di prismi. Incuriosisce inoltre lo Stendardo della Beata Vergine del Rosario, il grande drappo in damasco rosso lungo 5 metri e alto 4 metri datato tra il 1654 ed il 1656. E lungo il percorso visitabile con le guide della Rocca, si percepisce la stratificazione delle epoche storiche che permea ogni stanza, legata alle storie dinastiche e personali dei personaggi che qui hanno vissuto sino al 1948. L'edificazione della Rocca Sanvitale può risalire all'anno 1124, quando venne eretta una prima torre di difesa da parte dei Pallavicino. Spicca il mastio porta di ingresso

28

IO_Autotorino_n.11.indd 28

24-07-2016 9:57:07


al maniero dove si entra attraverso un ponte di pietra, ma originariamente lungo un ponte levatoio. Nel 1386 le terre di Fontanellato con la relativa Rocca, vennero cedute ai Sanvitale e nel 1404 il feudo venne trasformato in contea: in tale periodo la Rocca di Fontanellato divenne una residenza signorile di notevole importanza. La Rocca appartenne alla famiglia Sanvitale fino al 1948 anno in cui l’ultimo suo abitante ed ultimo della dinastia, Giovanni Sanvitale, la vendette all'amministrazione comunale. Tutto il borgo è connotato da scorci che rispecchiano lo stretto legame con il castello, emanando un fascino ed un’atmosfera senza tempo, come gli antichi lavatoi, le ex-

Scuderie, In Villa ed il Parco Botanico, fino a giungere al Santuario della Beata Vergine del Rosario, a pochi passi dal centro storico. Basato su un preesistente oratorio del 1397, il primo nucleo del Santuario venne costruito nel 1514. Dopo il saccheggio del 1531 e la demolizione del 1543, il tempio ed il monastero vennero dedicati a San Giuseppe. Solo dopo il Concilio di Trento viene promosso il culto della Madonna con il titolo di “Regina del Santo Rosario” che richiama ancora oggi numerosi pellegrini.

Il celebre affresco del Parmigianino in Rocca Sanvitale.

29

IO_Autotorino_n.11.indd 29

24-07-2016 9:57:08


MINI CABRIO

Fontanellato

Driving to Fontanellato

Fontanellato represents a Cittaslow, City of Art and Culture, flying high the acclaimed Bandiera Arancione of Touring Club Italy, recognised among the most beautiful of Italian villages – and base for the Circuito dei Castelli of the Duchy of Parma and Piacenza. To visit this ancient, historic seat of power is a memorable experience: you’ll surely fall in love with its Renaissance castle. We’re at the heart of Verdi territory here, ideally situated both geographically and historically to understand how amongst the Castles of the Duchy of Parma and Piacenza, Fontanellato displays some priceless aspects which immediately endear the visitor to the village, but also throws up many a good reason for a return visit in order to appreciate a great deal more excitement beneath the surface: dinners within the castle itself, guided tours of the fortress for all ages, itinerant gastronomic tastings of excellent local cuisine, candle-lit encounters with the Parmigianino frescoes within. At the very centre of the village itself sits the mesmerising Sanvitale fortress, encircled by an impressive moat which remains brimming with water, a rare example now here in Italy. And in fact it’s the fortress itself that is home to one of the genuine masterpieces of Italian Mannerism, the sitting room decorated by Parmigianino in 1524 depicting the legend of Diana and Actaeon, commissioned by Count Galeazzo Sanvitale and his wife Paola Gonzaga, and one of the very finest examples of the young artist at work. It’s a magical place, not only for the atmosphere and ambience but also for its capacity to surprise: a camera obscura concealed in a tower represents the last functional example in Italy. A quite ingenious optical prism system, through which you can observe the square op-

posite, whilst protected from the gaze of passers-by. Guaranteed to grab the visitor’s attention too is the insignia of the Beata Vergine del Rosario, a vast red damask drape measuring 5 by 4 metres dated between 1654 and 1656. And all along the way as the guided tour proceeds visitors can note the progressive structure of each historical period that permeates every room, linked to dynasties, characters, personal stories of residents right up to 1948. The Sanvitale fortress can be traced back to the year 1124 with the construction of the first defensive tower by Pallavicino. Entrance to the fortification is identified now via a stone bridge, but originally it would have been along a drawbridge. In 1386 the lands of Fontanelleto along with its fortress were ceded to Sanvitale and in 1404 the estate became a county seat: hence the Fontanellato fortress was to become a stately home of considerable importance. The building was to remain in the hands of the Sanvitale until 1948 when the last resident and dynastic member Giovanni Sanvitale sold it to the local municipality. The entire village is characterised by viewpoints literally and metaphorically reflecting the close links with the castle itself: there’s a charm and a timeless atmosphere epitomised by the ancient wash houses, the former stables, in villas and Botanical gardens, and all along to the Santuario della Beata Vergine del Rosario a short stroll from the historic centre. Located on the site of a pre-existing oratory of 1397, the first nucleus of the sanctuary was built in 1514. Following the ransacking of 1531 and demolition in 1543, the temple and monastery were dedicated to San Giuseppe. It was only after the Concilio di Trento that the form of worship under the title “Regina del Santo Rosario” was adopted and which still beckons vast numbers of pilgrims even today.

30

IO_Autotorino_n.11.indd 30

24-07-2016 9:57:11


Parma Lo showroom BMW-MINI di Parma interpreta al meglio la filosofia del “future-retail” come esperienza di acquisto da parte del cliente. Autotorino ha dato vita ad una sede espositiva di 2200 mq su un’area totale di 6000. Il debutto a Parma per il Gruppo coincide con il ritorno di BMW e MINI, che dopo una parentesi di assenza si riposiziona sul mercato locale con uno showroom di altissimo livello. A Stefano Saccà il compito di coordinare il lavoro dello staff.

Parma - Via F. Barbacini, 2 Tel. 0521 795511 - Fax 0521 795560

Vigevano Andrea Invernizzi coordina il lavoro del polo auto di Vigevano, dove sono disponibili le concessionarie BMW, MINI, Toyota e Hyundai. Ampia la disponibilità di modelli auto – nuovo ed usato – oltre ad un’officina autorizzata per i quattro brand.

Vigevano (PV)- C.so G. di Vittorio, 47 Tel. 0381 908611 - Fax 0381 23368

Crema Alessandro Bonfiglioli coordina il grande showroom di BMW, MINI, Mitsubishi e SsangYong. Una struttura moderna e innovativa, dalle geometrie imponenti nelle quali il cliente può entrare a pieno contatto con il feeling dei brand, per una customer experience perfetta e appagante. I consulenti Autotorino vi attendono per presentarvi tutta la gamma, oltre a proporvi test drive emozionanti e tutte le offerte delle prestigiose case automobilistiche. A corollario, l'ottimo servizio assistenza garantito dai meccanici.

Crema (CR) - Via Milano, 77 Tel. 0373 298211 - Fax 0373 298260 Uno scorcio della Rocca Sanvitale. Archivio Fotografico Castelli del Ducato di Parma e Piacenza www.castellidelducato.it

31

IO_Autotorino_n.11.indd 31

24-07-2016 9:57:26


BMW

iPerformance

Il piacere di guidare sostenibile

32

IO_Autotorino_n.11.indd 32

24-07-2016 9:57:59


La nuova gamma ibrida plug-in BMW rivela una filosofia di sostenibilità ambientale a 360 gradi. Il mondo dell’auto dedica sempre maggiore attenzione ai temi dell’innovazione. Cambia radicalmente l’approccio con cui, un numero crescente di brand concepisce le proprie nuove gamme di veicoli, alla luce di una crescente eco-compatibilità. Un grande salto in questa direzione si percepisce nelle concessionarie BMW del Gruppo, che aprono le porte al futuro della mobilità, interpretato dalla Casa Bavarese in chiave tecnologica ed ecologica con i nuovi modelli “iPerformance”. Tutta l’esperienza di BMW-i ora si trasferisce nel cuore della gamma e propone cinque modelli ibridi plug-in dalla Serie 2 alla Serie 7, passando per il SUV cult X5, dopo aver emozionato ed incantato con il gioiello di design e tecnologia i8, vera e propria icona di questo passaggio epocale. Da oggi c’è l’opportunità concreta di provare ed acquistare la nuova frontiera del piacere di guidare BMW, frutto di una progettazione interamente vocata alla sostenibilità, per un’innovazione a tutto tondo del ciclo di vita dell’automobile. 33

IO_Autotorino_n.11.indd 33

24-07-2016 9:58:08


BMW

iPerformance

iPerformance approccio olistico alla sostenibilità “iPerformance” è la nuova denominazione che dal 2016 contraddistingue tutte le vetture ibride plugin di BMW, ma racchiude in sé un progetto che fa della sostenibilità ambientale un vero punto centrale. A partire dagli stabilimenti di produzione, che traggono l’energia necessaria esclusivamente da fonti rinnovabili e che, grazie ad impianti dell’ultima generazione, raggiungono un consumo energetico dimezzato rispetto al passato. Un risparmio di risorse che diventa ancor più significativo in riferimento 34

IO_Autotorino_n.11.indd 34

24-07-2016 9:58:37


all’utilizzo di acqua, ridotto del 70%. Ed ancora, i rifiuti di produzione vengono trasformati in materiale puro e reintrodotti nel processo produttivo, come nel caso della fibra di carbonio che, per più del 10% dell’impiego, proviene da riciclo. Un’attenzione che BMW estende a tutto il ciclo di vita delle vetture plug-in iPerformance e ad un elemento particolarmente sensibile: per le batterie è prevista una seconda vita come accumulatori di energia, ad esempio, come stoccaggio temporaneo di energia solare o eolica.

Gamma ecologica, piacere di guida La tecnologia ibrida plug-in di BMW mette a disposizione degli automobilisti un insieme di soluzioni moderne e innovative, che offrono un piacere di guidare unico nel-

la massima sostenibilità. La modalità elettrica offre silenziosità, prontezza e fluidità di guida urbana abbattendo le emissioni; quando sono richieste maggiori prestazioni, il passaggio al motore a combustione è lineare e rispecchia le caratteristiche tipicamente BMW. Questo è un nuovo e soddisfacente modo di guidare, sempre all’insegna del massimo piacere, che si inserisce in una visione ampia della responsabilità ambientale di BMW. E che, infine, incontra una serie di importanti benefici fiscali e gestionali garantiti dalle normative regionali e da diverse Amministrazioni Comunali. Nelle concessionarie Autotorino BMW si può provare su strada le qualità della gamma e della tecnologia iPerformance, iniziando così un proprio, nuovo ed importante percorso verso nuove frontiere di una mobilità più eco-friendly. 35

IO_Autotorino_n.11.indd 35

24-07-2016 9:58:48


Vercelli Lo show room propone modelli nuovi ed usati di varie marche. Concessionaria Mercedes-Benz, la filiale è anche officina autorizzata BMW e MINI. Sotto la guida di Francesco Grossi, la filiale è a disposizione della clientela.

Vercelli - Via E. Ara, 2 Tel. 0161 300711 - Fax 0161 294186

Verbania Nella magnifica cornice di Verbania, la concessionaria BMW e MINI propone un’ampia scelta di veicoli, con il supporto di servizi finanziari e assicurativi. Marco Pasetti coordina l’officina autorizzata BMW e Mini che realizza interventi su tutta la gamma.

Verbania - Via Renco, 73 Tel. 0323 574611 - Fax 0323 552777

Milano Responsabile: Luca Criniti Milano - Via L. Da Breme, 2 Tel. 02 300811 - Fax 02 33434590

Corsico Responsabile: Marco Avico Corsico - Via A. Meucci, 5 Tel. 02 44075811 - Fax 02 44075860

BMW iPERFORMANCE

THE JOY OF SUSTAINABLE DRIVING The new hybrid plug-in BMW range enters the scene revealing a philosophy of comprehensive environmental sustainability The automotive world dedicates ever more attention to matters of innovation. We note radical changes to an approach through which a growing number of brands see their new vehicle ranges in the light of increasing eco-compatibility. A significant move in this direction has been taken by the BMW Dealership Group, whose open-door policy to the very future of mobility is exemplified by the Bavarian company in their key technology and ecology in new “iPerformance” models. The entire wealth of experience of BMW-i now focuses at the very heart of the range and unveils five hybrid plug-in models from Series 2 to Series 7, through to the SUV cult X5, having captivated and thrilled with its gem of design and technology i8, a genuine icon representing an historic transition. Today provides a real opportunity to test and procure a car right at the cutting edge ensuring maximum enjoyment of driving a BMW; the result of design dedicated entirely to sustainability and innovation based completely around the car’s life-cycle.

the holistic approach to sustainability “iPerformance” is the new classification which from 2016 onwards differentiates all the hybrid plug-in BMW vehicles, embodying within a project which makes environmental sustainability the key factor. It all originates back at the manufacturing plant itself employing energy exclusively from renewable sources and which thanks to its state-of-the-art-machinery has managed to cut power consumption in half. It represents a saving of resources which becomes even more significant when we consider the use of water: a reduction of 70%. Moreover, the production waste is transformed into material which can be reintroduced into the production process, as in the case of carbon fibre where more than 10% results from re-cycling. It’s this type of focus that BMW extends to the entire life-cycle of plug-in iPerformance cars and incorporates a particularly sensitive element: batteries are provided with a second “existence” as energy accumulators, for example in temporary storage of solar or wind power.

36

IO_Autotorino_n.11.indd 36

24-07-2016 9:59:49


BMW

iPerformance

37

IO_Autotorino_n.11.indd 37

24-07-2016 9:59:57


75th anniversary Tanti auguri Jeep! 38

IO_Autotorino_n.11.indd 38

24-07-2016 10:00:14


ANNIVERSARIO

Jeep

Abbiamo imparato a riconoscerla per i suoi modelli di successo: Renegade, Cherokee o l’appassionante Wrangler. Oggi Jeep è divenuto a tutti gli effetti un marchio sinonimo di avventura, passione e libertà. Un mito che continua inarrestabile e che prese forma 75 anni fa, il 7 aprile del 1941 quando, presso un ufficio brevetti statunitense, venne depositato il progetto per un veicolo militare  che poi sarebbe diventato noto col nome di “Jeep”. 

39

IO_Autotorino_n.11.indd 39

24-07-2016 10:00:27


Jeep

75th anniversary

Tutto ebbe inizio nel luglio 1940, quando le Forze Armate americane informarono le case automobilistiche di essere alla ricerca di un "veicolo leggero da ricognizione" che potesse prendere il posto delle motociclette utilizzate dall’esercito. Willys-Overland e American Bantam Car Manufacturing Company furono le uniche a dimostrarsi interessate al progetto. Ad esse si aggiunse presto anche Ford Motor Company. Nel marzo 1941 le forze armate chiesero a ciascuna delle tre di realizzare 1500 modelli per sottoporli ad un test operativo. I collaudi e le valutazioni portarono l'Esercito a scegliere Willys come principale casa costruttrice.

Inizia la leggenda Con una serie di modifiche e di migliorie, Willys Quad divenne il modello MA e più tardi il modello MB. Per l'Esercito americano e per il mondo intero divenne invece noto come Jeep. Secondo alcuni, questo nome deriva dalla sigla "GP", che nel gergo militare era l'abbreviazione di "General Purpose". Altri sostengono invece che il veicolo prendesse il nome da "Eugene the Jeep", un noto personaggio dei fumetti di Braccio di Ferro. Qualunque sia la sua vera origine, la parola Jeep è entrata prima nel vocabolario americano, e poi in quello internazionale.

I primi impieghi civili Willys-Overland produsse per l'Esercito americano più di 368.000 veicoli, ai quali si aggiunsero i 277.000 prodotti su licenza da Ford. Da quel momento in poi, questo spartano e affidabile veicolo color verde oliva divenne famoso per il suo contribuito alla vittoria nella Seconda Guerra Mondiale. Al

CJ-2A, la prima Jeep a utilizzo civile.

termine del conflitto, Willys registrò il nome "Jeep" e decise di convertirlo in un fuoristrada adatto all'impiego nelle aziende agricole. Nacque così la Universal Jeep per uso civile. All'epoca, una delle campagne pubblicitarie Willys recitava "Il sole non tramonta mai sulla forte Jeep" e l'azienda cominciò a fare in modo che il mondo sapesse che questo veicolo era stato creato da Willys.

Gamma celebrativa "75th Anniversary" Per celebrare questo straordinario traguardo, Jeep ha presentato una serie speciale sui modelli Wrangler, Renegade, Cherokee e Grand Cherokee. Tutte le vetture si caratterizzano per nuova livrea dedicata, badge "75th Anniversary", cerchi di color bronzo, inserti esterni color bronzo/arancio e interni esclusivi contraddistinti dai sedili con il logo "75th Anniversary" a rilievo. Un serie da collezione, che suggella un traguardo ambizioso, al quale – ne siamo certi – ne seguiranno molti altri.

40

IO_Autotorino_n.11.indd 40

24-07-2016 10:00:39


Milestone CJ-2A: la prima Jeep per tutti (1945-1949) Nel 1945 fu prodotto il modello CJ-2A, il primo veicolo Jeep destinato ad un impiego civile. Diverse caratteristiche della CJ-2A, come il motore I-4 da 2.195 cc (134 pollici cubici), il cambio T-90A, il riduttore Spicer 18 e gli assali rigidi anteriori Dana 25 e posteriori Dana 23-2, furono utilizzati su molti altri modelli Jeep negli anni a venire.

Jeep Jeepster (1948-1951) La Jeepster fu l'ultimo veicolo in stile Phaeton con carrozzeria aperta prodotto da una casa automobilistica americana a utilizzare tendine laterali di protezione anziché finestrini. Inizialmente equipaggiata con motore "Go-Devil", fu successivamente dotata di motore "Hurricane" da 2.638 cc (161 pollici cubici) a sei cilindri. Questo modello non fu mai prodotto con la trazione integrale.

agli assali, alla trasmissione e al comfort dei sedili resero il modello CJ-5 il mezzo ideale per un pubblico sempre più interessato ai fuoristrada. Il modello CJ-5 fu prodotto in più di 600.000 esemplari in oltre 30 anni. Al modello CJ-5 venne affiancato un modello a passo lungo (20 pollici/50 cm in più) denominato CJ-6.

Jeep FC 150/170 Pickup (1957-1965) e Jeep Wagoneer (1963-1983) I veicoli della serie Jeep FC (Forward-Control) di Jeep erano sostanzialmente camion da lavoro. Il modello Jeep Wagoneer del 1963 fu il primo veicolo a trazione integrale dotato di trasmissione automatica, ed è considerato il predecessore dei moderni SUV.

Jeep CJ-3A (1949-1953) e CJ-3B (1953-1968) Introdotto nel 1948, il modello CJ-3A era molto simile al suo predecessore, ma il parabrezza era un unico elemento e l'assale posteriore più robusto. Su questo modello era montato il motore originale a quattro cilindri  L-Head. La serie CJ fu aggiornata nel 1953 con l'introduzione del modello CJ-3B. Nel 1953, la società Willys-Overland fu venduta a Henry J. Kaiser per 60 milioni di dollari.

Jeep CJ-5 (1955-1983) e CJ-6 (1956-1975) Nel 1955, la Kaiser presentò il modello CJ-5. Era leggermente più grande del modello CJ-3B. Le migliorie al motore, Spot pubblicitario trasmesso durante il Super Bowl 2016.

IO_Autotorino_n.11.indd 41

41

24-07-2016 10:00:45


Jeep

75th anniversary

Grand Wagoneer 1963-1983

Jeep Gladiator/Pickup serie J (1963-1987) e Jeep Commando (1967-1973)  Come il Wagoneer, il modello Jeep Gladiator debuttò nel 1963 nelle versioni da 304 cm (J-200 da 120 pollici) o da 320 cm (J-300 da 126 pollici), con riduttore Dana 20 e assali anteriori e posteriori  Dana 44. Il nome Gladiator fu abbandonato nel 1972. Jeep Commando divenne così uno dei veicoli Jeep preferiti  e più ricercati dai collezionisti.

Jeep Cherokee SJ (1974-1983) e XJ (1984-2001) Il modello Cherokee a due porte era destinato a un pubblico più giovane rispetto al modello Wagoneer e era stato costruito per il mercato dei veicoli ricreativi che era in continua espansione. La XJ è il primo progetto interamente realizzato da AMC, nonché della prima nuova station wagon Jeep dai tempi della Wagoneer.

Jeep CJ-7 (1976-1986) e CJ-8 Scrambler (1981-1985) Presentato nel 1976 da AMC, il modello CJ-7 rappresentò per Jeep il primo importante cambiamento progettuale degli ultimi 20 anni. Presentava un passo leggermente più lungo di quello del modello CJ-5 adatto per poter accogliere un cambio automatico. Per la prima volta, era disponibile a richiesta un tetto in plastica stampato e portiere in acciaio.

Jeep Grand Wagoneer (1984-1991) Con il modello Grand Wagoneer, Jeep ha introdotto il primo SUV di lusso, offrendo ai clienti una combinazione unica di allestimenti disponibili di serie tra cui, rivestimenti in pelle, climatizzatore, radio stereo AM/FM/CB, isolamento acustico e finiture esterne con effetto legno.

Jeep Comanche MJ (1986-1992) e Grand Cherokee ZJ/WJ (1993-2004) Costruito sulla stessa piattaforma del modello Cherokee, Comanche MJ fu dotato nel 1987 di un pianale lungo sei

piedi (1,83 m). Il lancio della Grand Cherokee entrò negli annali della storia del marchio per l'eclatante ingresso attraverso il vetro del centro congressi del North American International Auto Show a Detroit il 7 gennaio 1992.

Jeep Wrangler YJ (1987-1996) e Wrangler TJ (1997-2006) Nel 1983, per rispondere alla maggiore richiesta di veicoli compatti a trazione integrale, l'AMC interruppe la produzione della CJ e presentò nel 1987 il modello Wrangler (YJ). Dal punto di vista meccanico, la Wrangler aveva più parti in comune con la Cherokee che con il modello CJ-7. Il modello YJ fu costruito in oltre 630.000 esemplari. Il 5 agosto 1987, dopo circa un anno dall'introduzione della Wrangler, la società American Motors Corporation fu venduta a Chrysler Corporation ed il famoso marchio Jeep entrò a fare parte della divisione Jeep/Eagle di Chrysler. La Jeep Wrangler del 1997 (TJ) era molto simile alla CJ-7. La linea era volutamente 'retrò', ma con molte differenze dal punto di vista meccanico. Nel 2003 debutta Jeep Wrangler Rubicon, con il miglior allestimento mai realizzato. Nel 2004 venne introdotto il nuovo Jeep Wrangler Unlimited.

Jeep Grand Cherokee WK (2005-2010) e dal 2011 a oggi Completamente ridisegnato sulla base dei modelli ZJ/WJ, questo modello presentava una migliore tenuta su  strada ed elevata maneggevolezza, motore HEMI® V8 da 5,7 litri e gli allestimenti di classe superiore tipici di  una vettura di lusso. Con più di 4 milioni di esemplari venduti, nel 2011 Jeep ha perfezionato la formula cancellando con la nuova generazione di Grand Cherokee qualsiasi compromesso tra capacità stradali e fuoristradistiche. La nuova Grand Cherokee offre eccezionali prestazioni su strada, leggendarie capacità 4x4 Jeep, consumi ridotti, nuovo design degli esterni ed interni di classe superiore, autentica qualità costruttiva "made in USA", un'ampia dotazione di sistemi di sicurezza ed il comfort di bordo. Attualmente, Jeep Grand Cherokee è il SUV più premiato della storia.

42

IO_Autotorino_n.11.indd 42

24-07-2016 10:00:49


Jeep "75th Anniversary" Happy Birthday Jeep! We have learned to recognise it for its Roll of Honour: models – Renegade, Cherokee or the fantastic Wrangler. Today the Jeep has become a brand synonymous with adventure, excitement and freedom. It gives every impression of being an unstoppable legend. One that actually took shape 75 years ago, on the 7th April 1941 when in a USA patent office a project was filed for a military vehicle which was to become known as “Jeep”. It actually began in July 1940 when the United States Army informed car manufacturers that they were on the lookout for a “light reconnaissance vehicle” which might replace the use of army motorbikes. Willys-Overland and American Bantam Car Manufacturing Company were the only ones who appeared to show any initial interest, though followed shortly by the Ford Motor Company. In March 1941 the Armed Forces asked each of the three to produce 1500 models for them to test. Such testing and evaluation led the Army to side with Willys as the main manufacturer.

Busto Arsizio Simone Pellegrini è il capofiliale della concessionaria Autotorino Jeep di Busto Arsizio. Nella elegante sede di via Pirandello, accoglie i clienti interessati a scoprire tutta la gamma di vetture Jeep, offrendo inoltre tutta l'assistenza originale per il post vendita.

Busto Arsizio (VA) - Viale Pirandello, 7 Tel. 0331 395611 - Fax 0331 395660

A Legend is Born After a number of modifications and improvements, Willys Quad became the MA model and a little later MB model. But for the US Army and the entire world it was invariably Jeep®. According to some sources, the name derives from the abbreviation “GP” which in military jargon is a short form of “General Purpose”. Others argue that the vehicle took its name from “Eugene the Jeep”, a well-known character from the Popeye cartoons. Whatever its true origins the word Jeep was soon to become famous worldwide.

The first civilian usage Willys-Overland produced more than 368,000 vehicles for the USA army, added to which 277,000 were produced under license by Ford. A pretty basic and yet trustworthy olive green vehicle became seriously credited with helping to win the Second World war! At the end of that conflict Willys registered the name “Jeep” deciding to convert it into an off-road vehicle suitable for use on farms. Thus was born the Universal Jeep for civilian use. At the time one of the most memorable advertising campaigns incorporated “The sun never sets on the strong Jeep” and the company determined to make sure that no-one was in any doubt that Willys had been behind its creation.

Tavernerio A due passi da Como, una vetrina dei migliori modelli automobilistici. La filiale di Tavernerio è strutturata in uno spazio espositivo multimarca (Hyundai, Jeep, Mitsubishi e SsangYong) con ben 1600 metri quadri di showroom, 1000 metri quadri di area espositiva esterna e ben 700 metri quadri dedicati all’officina. La sede è guidata da Claudio Alberio ed è caratterizzata da uno spazio luminoso ed accogliente dove poter ammirare e provare il meglio della produzione automobilistica mondiale, dalla piccola utilitaria compatta ai maestosi Sport utility sicuri e performanti.

Tavernerio (CO) - Via Provinciale, 73/a Tel. 031 4291911 - Fax 031 4291960

Commemorative "75th Anniversary" Range To celebrate this remarkable milestone, Jeep has introduced a very special series of models, Wrangler, Renegade, Cherokee and Grand Cherokee. All are characterised by the new livery badge “75th Anniversary”, in bronze and orange and with seating exclusively emblazoned with a logo. It will form a collector’s piece for sure, sealing as it does an ambitious project right from the outset. More to come no doubt.

43

IO_Autotorino_n.11.indd 43

24-07-2016 10:00:56


Intervista

Luciano Bonetti

Ingegneria di un successo

44

IO_Autotorino_n.11.indd 44

24-07-2016 10:01:03


Luciano Bonetti

è la figura storica della società sportiva Foppapedretti, volley femminile A1. La sua è una vita di sfide di successo affrontate portando alto il nome Foppapedretti, dapprima ai vertici dell’Azienda bergamasca, poi del team simbolo del Volley Italiano nel mondo. Come? Metodo, visione lunga, tanto cuore e coraggio, ma soprattutto il desiderio di rimettere sempre in gioco se stesso e i suoi progetti, imprenditoriali e sportivi. Nella concessionaria Autotorino di Curno abbiamo festeggiato il ritorno a Bergamo della Coppa Italia di Volley. Ad alzarla al cielo sono state le atlete della “Foppa” che, dopo otto anni hanno riportato il trofeo in città a coronamento dell’importante stagione 2015/16, in cui il nostro Gruppo ha accompagnato il team. Abbiamo scambiato alcune battute con il presidente del Volley Bergamo Foppapedretti, Luciano Bonetti, per scoprire come il suo nome ed il suo carattere siano stati fondamentali nell’affermazione del nome Foppapedretti nell’industria e nello sport. 45

IO_Autotorino_n.11.indd 45

24-07-2016 10:01:09


Uno dei suoi connotati salienti si rivela ben presto il gusto delle sfide, davanti alle quali anche il giovane Luciano Bonetti non si è mai tirato indietro. “Nel 1960, quando avevo 12 anni, mio padre comprò una Fiat 600 Multipla. Stava perdendo progressivamente la vista e per questo mi permetteva di guidarla nel grande cortile di casa. Facemmo un mese in retromarcia ed un altro mese in marcia normale, con prove tra strisce ed ostacoli. Al termine mi mise un cuscino sul sedile e mi disse di guidare per accompagnarlo nei dintorni”. Da allora si sono accumulate tante nuove esperienze di rilievo, in cui quest’indole ha potuto solo rafforzarsi: “Se si vuole vincere occorre accettare le sfide che si presentano e saper rischiare per cambiare. Una regola che ha segnato momenti importanti sia del mio impegno nell’Azienda Foppapedretti, sia nel Volley Bergamo. Erano gli anni Ottanta e osammo lanciare un’asse da stiro rivoluzionaria di estrema qualità del costo di 250.000 lire, quando sul mercato il medesimo oggetto, ma di fattura decisamente più basica, era comunemente venduto a 20.000 lire, meno di un decimo del prezzo. Il rischio ci ha premiato: questo oggetto divenne immediatamente un’icona ed un irrinunciabile elemento delle liste nozze, allora come oggi. Allo stesso modo abbiamo fatto nello sport, con azzardi che hanno premiato”. E questo si dimostra non appena l’azienda bergamasca della Foppapedretti fa comparire il proprio nome sulle maglie del Volley Bergamo. Era il 1993 e la squadra vince il primo scudetto già dopo due stagioni, quando inizia a scriversi una sequenza di titoli che proietta subito il sodalizio nell’olimpo sportivo mondiale: 4 scudetti consecutivi, 3 Coppe Italia consecutive, 5 Supercoppe Italiane, 1 coppa CEV e 7 volte Campione d’Europa in 12 stagioni, sino al 2010. “Iniziammo per gioco, ma poi crescemmo sul serio. Nel tempo siamo diventati consapevoli del radicamento che il Volley Bergamo ha in primis nelle famiglie bergamasche, fatte di tifosi ma anche di tantissimi praticanti ad ogni livello. Ed altrettanto consapevoli eravamo del fatto che nello sport sia fondamentale vincere, perché solo chi vince emerge e, come azienda il nostro obiettivo era ottenere massima visibilità, nell’interesse del nostro investimento in qualità di sponsor, ma anche per restituire al territorio il giusto riconoscimento per quanto ci dà”. Normalmente si dice “squadra che vince non si cambia” ma, in questo connubio più che ventennale tra Foppapedretti e Volley Bergamo, si è sfatato l’adagio: molti sono stati i cambiamenti, con risultati che non sono mai venuti meno. “Dapprima sponsor, poi proprietari dal 2001, quando decidemmo di ritirare la società, ormai identificata con l’azienda. Questo è stato un punto di svolta, perché abbiamo voluto essere pienamente artefici delle scelte e responsabili per le loro ricadute. Innanzitutto nell’impostazione manageriale della Società, che da allora presiedo: come presidente, infatti, fisso il budget annuale, poi divento immediatamente tifoso e passo la palla al Direttore Generale. Sarà suo il compito di muoversi sul mercato per scegliere giocatrici e tecnici, per creare poi la giusta amalgama che li faccia diventare squadra”. Altro cambiamento intervenne dopo l’ultimo scudetto, nella stagione 2010/11: “Abbiamo ritenuto concluso un ciclo ed abbiamo dato un segnale di discontinuità. Abbiamo puntato

INTERVISTA

46

IO_Autotorino_n.11.indd 46

24-07-2016 10:01:11

L


Luciano Bonetti

su una nuova rosa di giovani emergenti, affiancate a fine mercato da figure d’esperienza. Allo stesso tempo abbiamo deciso un taglio al budget stagionale, cosa che ha dato concretezza ad un nostro convincimento: non si vince con il denaro ma con la forza del progetto. A minori mezzi abbiamo fatto corrispondere maggiore coraggio e fantasia. La Coppa Italia ed i play-off scudetto di quest’anno, rappresentano un primo incoraggiante e premiante segnale del nuovo corso”. Una storia costellata di soddisfazioni e traguardi raggiunti, ma che porta con sé anche un passaggio incompiuto. “La pallavolo a Bergamo è più di uno sport. È un festoso momento di incontro, che coinvolge famiglie e diverse generazioni della società, ha un grande indotto d’immagine, di notorietà ed economico sulla città, grazie al sano richiamo di migliaia di tifosi ogni anno. Per continuare ad esserlo occorrono però due elementi: un rinnovamento continuo che possa assicurare freschezza al progetto ed un palazzetto modernamente concepito che possa essere cornice per questo grande movimento e centro d’aggregazione culturale e sociale per la città. Forse complice la crisi, nel 2013 non siamo riusciti a creare le condizioni per attivare appieno questo passaggio epocale, individuando figure imprenditoriali sul territorio che potessero contribuire alla costruzione del nuovo palazzetto e che prendessero le redini della società con noi per costruire le basi per la proiezione del Volley Bergamo nel futuro. Un passaggio a vuoto, forse, ma non demordiamo, come nel nostro stile, perché abbiamo una certezza: per Bergamo la pallavolo è come una moglie, ti accorgi di quanto sia importante solo quando va via. Questo rischia Bergamo, ma sono sicuro che, come in ogni grande amore, si farà di tutto perché ciò non accada”. 47

IO_Autotorino_n.11.indd 47

24-07-2016 10:01:19


Curno La filiale di Curno, alle porte della città di Bergamo, è tra le più grandi del Gruppo con 9000 metri quadri di spazio espositivo, 6000 di area espositiva esterna e ben 1200 dedicati all’officina e all’assistenza post vendita. Un salone multimarca, quello gestito da Daniele Cornali, dall’architettura e dal design high tech progettato dall’arch. Davide Gelati, dove tra acciaio, luci e trasparenze i clienti possono visionare nella massima tranquillità le diverse offerte, potendo contare su quello che oggi è l’unico e vero marchio di fabbrica Autotorino: un servizio di assoluta qualità.

Curno (BG) - Via Bergamo, 66 Tel. 035 6228711 - Fax 035 6228760

Corsico

Luciano Bonetti, un “ingegnere fuori dagli schemi” L’ingegner Luciano Bonetti, classe 1948, è per sua stessa ammissione un ingegnere anomalo, per aver compiuto dapprima gli studi al Liceo Classico di Domodossola, proseguiti poi al Politecnico di Milano. Una carriera che lo lega indissolubilmente all’azienda Foppapedretti, della quale diventa dapprima Responsabile della Produzione, poi Amministratore Unico ed infine Presidente del CdA. Dal 2001 è anche Presidente della Foppapedretti Volley Bergamo, dove trasferisce sia l’approccio manageriale, sia l’animo sportivo che lo portò nell’adolescenza ad essere Nazionale di Judo e cestista. E naturalmente, la passione per le sfide.

Un salone dove competenza e affidabilità sono di casa. Gianluca Cavalazzi coordina il lavoro dei consulenti operativi nelle concessionarie Kia e Toyota, proponendo un’ampia scelta di modelli, supportati da servizi finanziari, assicurativi e da un’assistenza post vendita di primissimo livello.

Corsico - Viale Italia, 19/21/25 Tel. 02 44073411 - Fax 02 45102420

48

IO_Autotorino_n.11.indd 48

24-07-2016 10:01:36


Intervista

Luciano Bonetti

Volley Bergamo Foppapedretti

Making it Happen Luciano Bonetti is a legend in the Foppapedretti ladies A1 volleyball sports club. His is a life made up of a series of successful challenges: first scaling the heights of the Bergamo business world, then with a team which was to become a symbol of Italian volleyball on the international stage. The Autotorino Dealership in Curno celebrated the Italian Volleyball Trophy coming home to Bergamo, and congratulated all the players of “Foppa” for their crowning glory in 2015/2016 after an absence of eight years. We’ve been right behind them all the way. We were lucky enough to exchange a few words with President Luciano Bonetti a fundamental, long-term personality within the Foppapredetti brand in both business and sport. What surfaces quickly is Bonetti’s taste for a challenge. “In 1960, when I was 12, my father bought a Fiat 600 Multipla. He was gradually losing his sight and I was therefore allowed to drive it around our courtyard. We’d do a month in reverse and another in normal gears, with tests in between obstacles and lines. In the end he put a pillow on the seat for me and I began to drive him about”. Ever since a range of significant experiences have proved characterbuilding. “If you want to win you have to rise to the challenge and risk changing things. It’s a philosophy that I’ve applied both within the Foppapedretti company and to Bergamo Volley. Back in the 80’s we were bold enough to launch a top-quality, revolutionary ironing board which would cost 250,000 lire when the same product, although standard and basic would cost a mere 20,000 lire. Less than a tenth. But the risk paid off: the item became an immediate icon and a “must” on everyone’s wedding present list. It still is. And so we were to tackle sports with the same brazen approach.” With undoubted success. The name of the Bergamo Foppapedretti company was quickly to feature on the shirts of Volley Bergamo. 1993 – and the team was to win its first championship after just 2 seasons,

followed by a partnership which saw a long series of titles and which put the name and team on a world stage: 4 consecutive league titles, 3 Italian Cup victories on the trot, 5 Italian Supercups, 1 CEV Cup and 7 times European Champions in the space of 12 years. “It began just as a game, but then we got serious! Over the years we began to understand what Volley Bergamo really means to the Bergamo community, a family made up of fans yes, but also of huge numbers of players at all levels. And just as were aware of the fact that in sport winning is important, because of the profile created, so as a business our aim was to achieve as big a profile as we could as sponsors, we were also conscious of our responsibility to give back to the region the recognition it quite rightly deserved”. “Don’t change a winning team” is standard practice, but the 20 years that Foppapedretti and Volley Bergamo have combined have seen change a’plenty; but the results have kept on coming just the same. “First as sponsors, then owners since 2001 and then we decided to pull back a little although we remained identified with the team. Yet we still wanted to be closely involved. And my role underwent change too. Managerial structure, as chair: then as President responsible for an annual budget, and then I particularly enjoyed becoming a simple fan and tossed the ball to the Director General. It became his job to have a look at the market and choose players and technical staff to create the right combination.” It’s a story of success bringing satisfaction. “Volleyball in Bergamo is more than a sport. It’s a coming together of families and generations; it’s created an identity, a glamour and a valuable economy in the town. To move forward again we need two elements: continual renewal to provide a vivacity to the project but also a purposely-designed modern building which would naturally become part of the social and cultural life here. Having survived the 2013 crisis I feel sure there are entrepreneurial figures who can come together to make this happen. To ensure the future of Volley Bergamo. Just like a wife – you don’t know how much it means to you until it’s gone. I feel confident that Bergamo – as with any great love - will not let this come to pass”.

49

IO_Autotorino_n.11.indd 49

24-07-2016 10:01:39


KIA

Optima

Superlativa Optima Il biglietto da visita della nuova generazione di Kia Optima è dei piÚ intriganti: stile, qualità e contenuti tecnologici si fondono in un equilibrio sorprendente. Non a caso agli "Red Dot Award" 2016, i prestigiosi riconoscimenti dedicati al design industriale, 41 giurati indipendenti, tra cui spiccavano nomi quali Chris Bangle e Jimmy Choo, hanno assegnato alla Nuova Kia Optima il titolo di "Best of the Best", che identifica il massimo riconoscimento al design innovativo nella propria categoria di prodotti.

50

IO_Autotorino_n.11.indd 50

24-07-2016 10:01:46


Standard elevati La Nuova Kia Optima racchiude doti che migliorano ulteriormente gli elevati standard della precedente serie. Funzionale e allo stesso tempo sportiveggiante, la Nuova Optima cresce leggermente nelle dimensioni e l’abitacolo guadagna in comodità: più spazio in altezza, più larghezza alle spalle e più spazio per le gambe nei posti posteriori. Interni di dimensioni quindi più generose, che prendono ispirazione dall'evoluzione dello stile Kia ma che riservano un ulteriore passo avanti con dettagli e soluzioni più avanzati e raffinati, portandosi ad un livello di classe superiore.

Qualità e sicurezza L'abitacolo è stato progettato con ossessiva attenzione per i dettagli, per ottenere una sensazione mai raggiunta di qualità e funzionalità. La scelta dei materiali è di livello superiore, con largo uso di superfici soft-touch, tessuti e pelli in tinte naturali e cuciture a vista lungo la plancia ed i pannelli porta. L’efficiente insonorizzazione dona infine una silenziosità eccellente all’atmosfera di marcia. Sia la sicurezza passiva sia quella attiva sono notevolmente accresciute con l'adozione di soluzioni e dispositivi che permetteranno di ottenere la classificazione a 5 stelle nei

test EURO NCAP. I riflessi si percepiscono immediatamente al volante, unendo l'agilità e la tenuta di strada, che i clienti si aspetterebbero da una berlina sportiva, ad un mix di stabilità e comfort ai vertici della categoria.

Propulsori Il rinnovato motore diesel 1700 CRDi con turbina a geometria variabile, omologato Euro6, coniuga elasticità ed eccezionali prestazioni complessive con consumi ridotti. La potenza è ora di 141 CV con una coppia massima di 340 Nm , migliorate la risposta e ridotta la rumorosità; le emissioni di CO2 sono state ridotte del 14% fino a 110 gr/km. Accoppiamento ideale per tutte queste caratteristiche è il modernissimo cambio a doppia frizione (DCT) a sette rapporti, sviluppato per gestire la coppia elevata del turbodiesel e messo a punto in modo da offrire un feeling sportivo quando utilizzato in modalità manualesequenziale e la massima fluidità in modalità totalmente automatica. Ultimo fiore all’occhiello, che permetterà alla Casa coreana di estendere la sua competitività al settore delle berline premium di classe medio-alta, è l'esclusiva garanzia estesa Kia 7anni/150.000 km, ed il prezzo competitivo, a partire da un listino di 29.500 Euro. 51

IO_Autotorino_n.11.indd 51

24-07-2016 10:23:25


Valmadrera La filiale di Valmadrera, situata alle porte di Lecco, presenta un’ampia gamma di prestigiosi brand (Jeep, Kia, Hyundai, Mitsubishi, Subaru, SSangYong) con ben 2600 metri quadri di spazio espositivo coperto, 3000 metri quadri di area espositiva esterna e ben 800 dedicati all’officina e all’assistenza post-vendita. Grazie all’efficiente servizio proposto da Oreste Lanza e dal suo staff, il cliente può contare sulla garanzia dell’acquisto di un’autovettura in una concessionaria ufficiale in grado di fornire assistenza negli anni, valorizzando l’acquisto e mantenendo la sua efficienza nel tempo.

Valmadrera (LC) - Via Como, 84 Tel. 0341 213511 - Fax 0341 213525

KIA Superlative Optima The calling card of the new generation of Kia Optima is intriguing at the very least: style, quality and technological features all come together in an extraordinary balance.

Cosio Valtellino

So it was not by chance that the “Red Dot Award” 2016, the prestigious “gong” dedicated to industrial design, with 41 independent jurors (including the likes of Chris Bangle and Jimmy Choo) , bestowing on the New Kia Optima the title “Best of the Best”, representing the highest recognition of innovative design in its product category.

Cosio Valtellino è la sede storica di Autotorino, dove si trovano gli uffici direzionali dell’intero Gruppo. Lo showroom occupa una superficie di 1600 mq, con 3000 mq di area espositiva esterna e circa 400 dedicati al servizio assistenza. Guidato da Paolo Bassi, è concessionario ufficiale per i marchi Subaru, Mitsubishi, Kia e SSangyong. Sempre a Cosio Valtellino ha sede l’agenzia di pratiche auto che cura con attenzione e puntualità tutte le fasi relative all’immatricolazione e ai trasferimenti di proprietà di auto nuove e usate riducendo considerevolmente tempi d’attesa e ritardi.

Cosio Valtellino (So) - Via Stazione, 4 Tel. 0342 634211 - Fax 0342 634260

52

IO_Autotorino_n.11.indd 52

24-07-2016 10:23:36


KIA

Optima

Premium standards The New Kia Optima embodies qualities that further enhance the already exacting standards of the previous series. Practical and sporty at the same time, the new Optima is just slightly larger and with considerably more comfort/ convenience within: more headroom, more shoulder room and leg space in the rear seats. There’s quite simply more room inside, inspired by the ever-evolving Kia design style which continue to seek out the tiniest of details to guarantee sophistication and advancement towards a classy, superior product.

the dashboard and door panelling. Quality sound-proofing finally guarantees a marvellous tranquillity when in motion. Safety at all times has increased markedly with the introduction of problem-solving devices which has meant a 5 star classification awarded by EURO NCAP following testing. Responses of all kinds are picked up immediately on the steering wheel itself, enhancing both agility and road holding, everything one would expect from a sports saloon, a blend of stability and comfort at the very top of its class.

Quality and safety There’s an almost obsessive attention to detail in the interior design in order to achieve that rare feeling of the highest quality and functionality combined. Choice of materials is top-drawer, with extensive use of soft-touch surfaces, fabrics and leather in natural colours and attractive stitching on

Engines The updated 1700 CRDi diesel motor with a turbine of variable geometry, Euro 6 approved, combines flexibility and exceptional overall performance with reduced consumption. The power is now 141 hp with a maximum torque of 340 Nm, improved response and a reduction in noise; CO2 emissions have been reduced by 14% down to 110 gr/km. The perfect combination to go with all these characteristics is the ultra-modern double-clutch transmission (DCT) developed to handle the high torque of the turbo-diesel and tuned appropriately to give that sporty feeling when employed in manual-sequential mode and maximum fluidity in fully automatic. And one final jewel in the crown which certainly allows the Korean team the chance to extend its competitiveness within the upper-middle class sector of premium saloons, is the exclusive warranty extended Kia 7 years/150,000 km, and of course the competitive list price, starting at 29,500 Euro.

53

IO_Autotorino_n.11.indd 53

24-07-2016 10:23:39


Toyota presenta il Coupé–High Rider

54

IO_Autotorino_n.11.indd 54

24-07-2016 10:23:44


Toyota

Nuovo C-HR

Toyota C-HR ha lasciato il segno al suo debutto all’ultimo Salone Ginevra e, siamo certi, quel segno lo lascerà anche non appena la vedremo sulle nostre strade a fine 2016. Toyota Italia ha dedicato a questo suo nuovo crossover compatto un’anteprima di stile, in occasione del “Fuorisalone” a Milano, lo scorso aprile. Non è stato un caso che l’appuntamento fosse nel cuore della Design Week: le sue forme stilistiche ricordano un diamante, evocano un nuovo concetto di dinamismo ed emozione; le sue linee decise, unite agli archi passaruota che ne aumentano l’imponenza su strada, conferiscono alla vettura un aspetto dirompente che coniuga una parte inferiore alta e possente, con la silhouette slanciata tipica di una coupé (da qui il suo nome, acronimo di Coupé–High Rider).

55

IO_Autotorino_n.11.indd 55

24-07-2016 10:23:50


Toyota

Nuovo C-HR

Ma il nuovo Toyota C-HR porta anche una dirompente dote di tecnologia innovativa ed eccellenza tecnica, per coniugare così libertà nel design e creatività ingegneristica. C-HR è innovazione sotto tutti i punti di vista: viene infatti introdotta su questo modello la nuova architettura TNGA (Toyota New Global Architecture) e la tecnologia ibrida di ultima generazione, già apprezzata su Prius ed in grado di offrire piacere di guida rinnovato e consumi mai registrati prima d’ora in questa categoria.

ai vertici del segmento ed inferiori a 90g/Km. La nuova motorizzazione Hybrid, oltre a garantire un’esperienza e un piacere di guida senza precedenti, ha un’efficienza termica del 40%, la migliore al mondo per un motore termico; in alternativa, il C-HR sarà disponibile in Italia con il motore 1.2 turbo da 115 CV/85 kw (già visto su Auris) con un cambio manuale a 6 rapporti o un cambio automatico a variazione continua. L'unità ibrida sarà invece disponibile in versione 4x2.

Hybrid dalla nascita

Dinamica di guida che rivoluziona il concetto di crossover

Parlare di Toyota significa parlare di ibrido. Pioniere nel mondo in questa tecnologia, Toyota è leader di mercato con 8,5 milioni di veicoli ibridi venduti (oltre 1 milione solo in Europa). Dal 2000 a oggi le vetture ibride vendute in Italia, sono oltre 85.000 unità. Il nuovo C-HR nasce nel solco di questo carattere di famiglia e sarà disponibile sin da subito con tecnologia ibrida di ultima generazione. Offrirà così un livello di emissioni

Ogni singolo aspetto della vettura è stato ottimizzato al fine di garantire performance eccellenti, paragonabili a quelle di una berlina del segmento “C”. Sviluppo del telaio e sterzo diretto sono stati studiati per garantire massimo comfort anche su superfici sconnesse e irregolari. Il baricentro è stato abbassato grazie all’introduzione del-

56

IO_Autotorino_n.11.indd 56

24-07-2016 10:23:53


Toyota

Nuovo C-HR

la nuova piattaforma TNGA (Toyota New Global Architecture), che introduce nuovi standard in fatto di progettazione e disposizione dei diversi componenti del veicolo, aumentando nel contempo notevolmente gli standard di sicurezza. Miglioramento di cui beneficeranno progressivamente tutti i futuri modelli Toyota: vetture sempre migliori, sempre più sicure e sempre più piacevoli da guidare, come C-HR. La piattaforma TNGA concorrerà inoltre ad aumentare la riduzione d’impatto ambientale perseguita dalla tecnologia Toyota Hybrid. Sin dalle prime fasi di produzione, attraverso l’utilizzo di macchinari che risulteranno più compatti, si assicurerà infatti un risparmio energetico maggiore. L’arrivo del Nuovo C-HR in salone è previsto per questo autunno. Un debutto che siamo certi, è destinato a riscuotere un enorme successo di pubblico.

57

IO_Autotorino_n.11.indd 57

24-07-2016 10:23:56


Toyota

Nuovo C-HR

New C-HR. Toyota unveils the Coupé–High Rider Toyota C-HR certainly left its mark on its debut at the last Geneva Motor Show, and we’re pretty sure we’ll see the same impression just as soon as it hits the streets at the end of 2016. Toyota Italia adopted this new compact crossover preview style on the occasion of the “Fuorisalone” in Milan last April. It was no accident that it also happened to be Design week: its stylistic form is reminiscent of a diamond, evoking a novel concept of dynamism and excitement; its striking lines, combined with wheel arches which create such a strong impression on the road, bring to the car an explosive element which combines perfectly with a powerful lower structure, and the thrusting silhouette so typical of a coupé (hence its name, an acronym from Coupé–High Rider). But the new Toyota C-HR also brings an explosive element of innovative technology and technical perfection, combining freedom of design with creative engineering. C-HR is innovation

from each and every viewpoint: the model introduces TNGA architecture (Toyota New Global Architecture) and the latest generation of hybrid technology, already much appreciated on the Prius and affords a refreshing driving experience coupled with consumption never previously recorded in this class.

HYBRID FROM BIRTH Toyota means quintessential hybrid. Pioneers in the world of this technology. Market leader with 8,5 million hybrid vehicles sold (more than 1 million in Europe alone). From 2000 up to the present hybrid cars sold in Italy number more than 85,000 unità. The new C-HR is blessed with the usual family tradition and character and from the outset will boast the very latest hybrid technology. Hence it brings a level of emissions that will not exceed 90g/Km. The new Hybrid engine type not only guarantees an unparalleled driving experience, but has a 40% thermal efficiency, a world-best for an internal combustion engine; alternatively the C-HR will be available in Italy with a 1.2 turbo 115 hp/85 kw (already present on Auris) with a manual 6-speed gearbox or continuously variable automatic transmission. The

58

IO_Autotorino_n.11.indd 58

24-07-2016 10:23:59


Milano Nel centro di Milano, lungo viale Ortles, Gianluca Gaggero è il riferimento dello staff di consulenti che offre servizi di vendita e assistenza Toyota. La concessionaria è a disposizione anche per chi cerca veicoli usati, chilometri "zero" e occasioni aziendali. Il tutto supportato da offerte finanziarie e assicurative.

Milano - Viale Ortles, 56 Tel. 02 94434911 - 02 94434999

Cava Manara La concessionaria Hyundai e Toyota di Cava Manara è il punto di riferimento ideale di quanti cercano competenza e serietà nella vendita di veicoli e servizi finanziari, assicurativi e di assistenza post vendita. Roberto Laverone è il capo filiale.

Cava Manara (PV) - Via Turati, 65 Tel. 0382 557811 - Fax 0382 556839

hybrid unità though will be available in 4x2 version.

A DRIVING DYNAMIC WHICH REVOLUTIONISES THE CONCEPT OF CROSSOVER Each and every aspect of the car has been fine-tuned to guarantee a quality performance, comparable to that of a saloon division “C”. The development of the chassis and steering column have been designed to ensure maximum comfort even on rough and uneven surfaces. The centre of gravity has been lowered thanks to the introduction of the new TNGA platform, which sets new standards in terms of the design, layout and range of component parts, whilst improving considerably safety standards. This type of improvement is guaranteed to benefit all future Toyota models: better, safer cars which are always a pleasure to drive, just like C-HR. The TNGA platform will also contribute to the reduction of environmental impact as pursued by Toyota Hybrid technology. Right from the early stages of production, through the use of increasingly compact machinery ensures considerable energy conservation. The new C-HR is expected to hit the showrooms this Autumn. A debut which we feel sure is destined to be a huge success with the public.

Voghera Sotto la direzione di Renata Canevari, la concessionaria Toyota di Voghera propone un’ampia offerta di modelli Toyota, oltre ad una valida scelta di usato. Lo showroom dispone di un’officina per l'assistenza.

Voghera (PV) - Via Piacenza, 83 Tel. 0383 644011 - Fax 0383 213551

59

IO_Autotorino_n.11.indd 59

24-07-2016 10:24:07


Il coupé dei Takumi Lexus strizza l’occhio al pubblico giovane con il coupé dei Takumi Uno dei segreti del successo è differenziarsi rispetto ai propri competitor. Ecco perché diversificare, presidiare ogni spazio del mercato e assecondare le esigenze degli automobilisti sono diventate le leve sulle quali Lexus intende rafforzare il proprio ruolo nel panorama automobilistico. Dopo aver consolidato la propria offerta nella gamma Suv, ora la casa nipponica punta verso la clientela più giovane con la nuova RC Coupé. I Takumi, i rispettati mastri artigiani giapponesi che collaborano con il centro stile Lexus, hanno creato un nuovo pezzo d’arte con il design potente ed elegante della nuova RC Coupé, ora pronta a distinguersi sulle strade. Il forte carattere distintivo tipicamente

60

IO_Autotorino_n.11.indd 60

24-07-2016 10:24:17


Nuova

Lexus colpisce già al primo sguardo, rimarcato una volta accolti dai suoi interni sportivi di qualità premium e, ancor di più, non appena messi in marcia. Il sistema Lexus Hybrid Drive della RC 300h è infatti un’indelebile firma della Casa, nella continua evoluzione della sua filosofia “Hybrid”. Il motore benzina 2,5 litri, 4cilindri a ciclo Atkinson, si combina con un potente motore elettrico e sviluppa una potenza complessiva pari a 223 CV/164 kW, che conferisce alla RC 300h un’accelerazione da 0-100 km/h in 8,6 secondi ed velocità massima di 190 km/h autolimitata, mantenendo allo stesso tempo il consumo medio di carburante a 4.7 l/100 km ed emissioni di CO2 incredibilmente basse pari a 108 g/km. Particolare attenzione, come per tutta la più recente generazione di modelli, è stata riservata alle linee affusolate della carrozzeria, chiamate, come detto, a sedurre

Lexus RC300h

quel pubblico che ancora non ha considerato appieno il potenziale delle qualità e dei valori del marchio di lusso nipponico. A caratterizzarle, la griglia anteriore a clessidra, il design triangolare dei gruppi ottici, tipico delle vetture sportive marchiate Lexus, il muso, particolarmente spiovente, e la coda, rialzata, ad evocare le forme di uno spoiler, oltre alle “pinne” posteriori che fanno il verso a un estrattore. Inoltre, nella versione F SPORT la nuova RC sa mostrare anche i muscoli, grazie a una griglia anteriore ancor più ampia, e per merito dei cerchi da 19 pollici, in sostituzione di quelli da 17 o 18 pollici disponibili sulla versione Executive, oltre ad un’impostazione più prestazionale della vettura. Siamo certi di essere al cospetto di una coupé sportiva che va contro le convenzioni: quale modo migliore per affermare la propria personalità?

61

IO_Autotorino_n.11.indd 61

24-07-2016 10:24:27


Busto Arsizio Sotto la direzione di Luigi Marotta, la concessionaria Toyota Lexus di Busto Arsizio è situata lungo il centralissimo Corso Sempione. In una sede moderna e dalle linee architettoniche innovative, dove dominano l'acciaio e il vetro, il salone propone tutta la gamma dei modelli Toyota e Lexus, con un parco di vetture usate ricco di occasioni. Presso la concessionaria è operativa anche l'officina autorizzata Toyota e Lexus.

Busto Arsizio (VA) C.so Sempione, 188 Tel. 0331 372611 - Fax 0331 608026

Saronno Christian Arosio coordina l'at­tività della elegante concessionaria Toyota di Saronno. Nel salone antistante la grande officina sono disponibili tutti i modelli Toyota, compresa la gamma Hybrid. Oltre all'offerta nuovo e usato, è disponibile anche un'ampia scelta di veicoli aziendali. Dal secondo semestre 2016 il salone è divenuto concessionario ufficale per i brand Jeep e Alfaromeo

Saronno (VA) V.le Lombardia ang. Via Grieg 32 Tel. 02 96766611 - Fax 02 96283724

New Lexus RC300h Lexus is making eyes at a young audience with its Takumi coupé One of the secrets of success is to set yourself apart from your competitors. It’s about diversification, take up your very own space in the market and pander to the needs and desires of every motorist out there. This is the stimulus which drives Lexus towards having a genuinely strong presence within the automotive landscape. Having seriously consolidated its position in the SUV range, the Japanese company are eyeing up some younger clients in the market with the new RC Coupé. Takumi, the respected Japanese master craftsmen who work alongside the Lexus design team, have come up with a new work of art in the powerful and elegant form of the new RC Coupé, now ready to strut its stuff. With its characteristically strong Lexus look, it immediately strikes home and is reinforced by the optimum quality sportive interior, and even more once it get going.

62

IO_Autotorino_n.11.indd 62

24-07-2016 10:24:42


Nuova

Lexus RC300h

The Lexus Hybrid Drive system of the RC 300h has the indelible house “signature” all over it, in the continuing evolution of the “Hybrid” philosophy. The 2,5 litre petrol engine, 4 cylinder Atkinson cycle, combine with a powerful electric motor to provide a total force equal to 223 hp/164kW, which gives the RC 300h an acceleration from 0-100km/h in 8.6 seconds and a maximum speed of 190 km/h auto-controlled, whilst maintaining an average fuel consumption of 4.7 l/100 km alongside incredibly low CO2 emissions of 108 g/km. Special attention as in all the latest generation of models has been reserved for the tapered lines of the body, an invitation to sections of the public who have yet to fully appreciate the quality and values of the Japanese luxury brand. Let’s be specific: the clessidra front grille, the triangular light pattern¸ typical of the Lexus brand of sports cars, the nose, particularly pitched, and the tail, raised

up and evoking a spoiler effect, in addition to the “fins” leading rearwards to an extractor. Additionally in the F Sport version the new RC is really showing off in style thanks to an even more expansive front grille than that boasted by the Executive and a more performance-style set up for the car. No doubt we’re in the excellent company of a sporty coupé which pushes hard against convention: what better way to demonstrate one’s personality?

Nuova

Lexus RC300h 63

IO_Autotorino_n.11.indd 63

24-07-2016 10:24:50


Janello Torriani

Eclettico genio rinascimentale

64

IO_Autotorino_n.11.indd 64

24-07-2016 10:24:55


Cremona

Cultura

Janello Torriani, cremonese di nascita, si dice nell’anno 1500, è un nome oscuro ai più. Incarna in sé il prototipo del genio eclettico tipicamente rinascimentale. A differenza di Leonardo non sapeva dipingere, ma fu abile fabbro ferraio, orologiaio di nomea universale, ingegnere idraulico geniale, matematico di corte e inventore acclamato, conobbe già in vita una fama che andava ben oltre le mura della propria città. Costruì le macchine più complesse del Cinquecento che, dimenticate da secoli, la sua città natale si appresta a svelare in una prestigiosa mostra. Cremona ha il merito di dedicare al suo concittadino Janello Torriani, Genio del Rinascimento, una grande mostra, dal 10 settembre 2016 al 29 gennaio 2017, presso le sale espositive del Museo del Violino.

Ritratto di Janello Torriani - Anonimo XVI secolo rimaneggiato nel XVII secolo – (olio su tela) Museo Civico Ala Ponzone Orologio solare e lunare XVI secolo – Christoph Schissler Museo Civico Ala Ponzone

65

IO_Autotorino_n.11.indd 65

24-07-2016 10:25:01


Cremona Autotorino è presente dal 2013 con i brand BMW, MINI e BMW Motorrad. In una sede prestigiosa ed elegante a ridosso del centro cittadino, lo showroom si avvale della competenza di uno staff altamente qualificato. Autotorino offre un elevato standard qualitativo di servizi a supporto della rete vendita e post vendita. Il tutto gestito con grande competenza, in stretta sinergia con la comunità locale. Sotto la guida di Emanuele Giboli, la filiale e il suo staff costituisco un punto di riferimento importante per l’intera provincia.

Cremona

Cremona - Via Eridano, 11 Tel. 0372 470611 - Fax 0372 470660

Novara Autotorino è a Novara con la concessionaria BMW e Mini di corso Vercelli 85. Lo showroom, guidato da Pietro Milani, propone un'offerta di modelli prodotti dalla casa tedesca, con un'ampia rassegna di Mini. Inoltre, l'area service garantisce il rispetto degli standard per l'assistenza BMW. Dal 2015 la concessionaria è salone autorizzato Toyota e propone tutta la gamma di veicoli compresa linea Hybrid.

Novara - Corso Vercelli. 85/F Tel. 0321 521711 - Fax 0321 457996

Gattico Fabio Pellegrino è il responsabile della concessionaria BMW, MINI e Toyota Autotorino di Gattico. Il suo staff di consulenti è a disposizione per vendita di modelli nuovi ed usati, oltre a vetture aziendali e a chilometri zero. La sede è a disposizione anche per attività di assistenza con meccanici qualificati e pezzi di ricambio oridinali.

Gattico (NO) - S.S. 142 Borgomanero Arona tra Via Boggia e Via Geola Tel. 0322 1950826 - Fax 0322 869971

66

IO_Autotorino_n.11.indd 66

24-07-2016 10:25:14


Cultura

Orologio da tasca ovale, con ripetizione delle ore Anonimo. Manifattura tedesca, 1570 Bronzo dorato, argento, acciaio, 80x58x25 mm Collezione Privata

Il suo nome è quasi sconosciuto, anche se in vita era spesso affiancato a quello di Archimede. Egli riuscì ad affascinare i due più potenti Sovrani del suo tempo, Carlo V e suo figlio Filippo II, che lo vollero al loro fianco, considerandolo un genio come per noi oggi è Leonardo da Vinci. A differenza di Leonardo, Janello Torriani non sapeva dipingere, era uomo rozzo e tutt’altro che nobile, eppure le sue grosse mani da fabbro sapevano creare meraviglie che tutta l’Europa ambiva: meccanismi sofisticatissimi, gestiti da combinazioni meccaniche elaborate che a noi oggi sono garantite dalla tecnologia più avanzata. Dalla sua mente e dalle sue mani uscivano orologi perfetti, nelle loro decine di funzioni, e bellissimi. Meravigliosi automi che suscitavano l’ammirazione e lo stupore delle Corti cinquecentesche. Fu lui a elaborare le applicazioni della sospensione cardanica tutt’ora di uso quotidiano, ma che prese il nome da un altro, il Cardano appunto. Quando sia nato nessuno lo può dire con certezza, si suppone verso il 1500. La leggenda racconta che nel preciso istante in cui Janello veniva alla luce un fulmine squarciò il cielo per scaricarsi sull’orologio del Torrazzo, come a presagire che quel neonato sarebbe stato indissolubilmente collegato al funzionamento degli orologi.

L’automa del XVII secolo Automa: nobil matrona in atto di suonare un timpano Anonimo. probabile Milano - metà del XVII secolo Ferro, h 30 cm Collezione Giorgio Gregato Più volte citato nell’inventario del Museo Settaliano redatto del Tergazo, l’automa vi è descritto come facente parte di una scena allargata, posata su un vassoio assieme ad un altro automa che plaude all’esibizione musicale del nostro. Movimento interamente di ferro alloggiato in una gabbia tonda con colonne rettangolari. Il motore all’interno dell’automa è costituito da due parti distinte allineate: una per il bariletto e il conoide a budello; la seconda per le restanti ruote, leve e camme per attivare le funzioni. L’automa cammina – compiendo una triangolazione – muove i piedi, ruota il capo, rotea gli occhi ed apre la bocca, ruota il polso della mano destra come per percuotere un tamburello.

67

IO_Autotorino_n.11.indd 67

24-07-2016 10:25:27


Cremona

Cultura

A quel tempo era mitico l'Astrario di Giovanni Dondi, ma il Torriani, su commissione di Carlo V, costruì il più complesso orologio planetario della storia, mosso da circa 1800 componenti meccaniche, chiamato Microcosmo. Fu infatti lui ad inventare la prima fresatrice per la costruzione delle ruote dentate. L’impresa richiese più di vent'anni per la progettazione e tre per la costruzione. Non si tirava indietro davanti a nessuna impresa, neppure a ciò che pareva a tutti impossibile, come il sollevare le acque del Tago sino alla sommità dell’Alcazar di Toledo. Costruì infatti per il Re di Spagna la prima macchina ciclopica della storia che elevava acqua per cento metri di altezza (quasi come il Torrazzo di Cremona) portando 18 mila litri di acqua al giorno al castello reale lungo un percorso di 300 metri. La fama di Torriani lo portò a partecipare alla riforma gregoriana del calendario: nessuno come lui conosceva la perfezione del tempo. Altre sue imprese abbracciano i più disparati ambiti: fusione di campane, osservazioni astronomiche, produzione di automi e altre curiose creazioni, come un lucchetto a combinazione, innovative applicazioni della sospensione cardanica e mulini portatili a molla. Solo da questi brevi tratti è facilmente intuibile la complessità della poliedrica figura di Janello Torriani, che rappresenta la vera e principale sfida per la mostra: la storia della sua figura di ingegnere vitruviano, ora meglio comprensibile grazie a nuove scoperte documentarie, sarà utilizzata per svelare ai visitatori un intero periodo. Janello Torriani sarà così la guida attraverso un periodo fondamentale per le origini della Modernità, quella “Età del Nuovo”, posta tra Rinascimento e Rivoluzione Scientifica. Lo spazio geografico dell’azione del cremonese, permetterà di varcare gli attuali confini di Italia, Austria, Germania, Belgio, Olanda e Spagna per guardare allo sviluppo delle matematiche applicate tra ambiente urbano e corte, svelando il rapporto decisivo che intercorse tra innovazione tecnologica e potere. Grazie all’esperienza del Torriani, l’innovativa meccanica del Cinquecento sarà svelata agli occhi del visitatore, dallo sviluppo della micro-orologeria alla diffusione degli automi, dalle novità nell’industria dei mulini alla rivoluzione dei sistemi d’approvvigionamento idrico. La storia di Janello Torriani porterà inoltre ad analizzare la figura dell’ingegnere rinascimentale, la sua elevazione sociale, e l’importantissimo sviluppo di questa professione nel ducato di Milano.

68

IO_Autotorino_n.11.indd 68

24-07-2016 10:25:36


JANELLO TORRIANI, Eclectic genius of the Renaissance Janello Torriani, born in Cremona around 1500 is hardly a wellknown figure. He does however embody qualities of the typically eclectic Renaissance genius. Not a painter like Leonardo but an able blacksmith, skilled watchmaker, ingenious hydraulic engineer, court mathematician and celebrated inventor, he assumed within his lifetime a reputation that went well beyond his home town. He built some of the most complex machinery of his time, was forgotten for centuries and only now is his native city about to unveil a prestigious exhibition which will run from the 10th September until the 29th January 2017 at the Museo del Violino.

Orologio da tavolo con suoneria delle ore. 1560-1575. Ferro, ottone. Diam. 130; H. 115 cm Collezione Privata Orologio a edicola con suoneria in sei Probabile bottega dei Barocci, 1560 Bronzo dorato, ferro e ottone dorato. 20x12x12 cm. Collezione Privata Orologio astronomico ad ostensorio, con ripetizione delle ore e dei quarti. Probabile Nikolaus Schmidt, Augsburg. 1580 – 1590 Bronzo, argento, bronzo dorato, 41x18x19 cm Collezione Privata

Janello Torriani, il Genio del Rinascimento dal 10 settembre 2016 al 29 gennaio 2017 presso le sale espositive del Museo del Violino di Cremona www.mostratorriani.it Promotori: Comune di Cremona, Fundación Juanelo Turriano, Fondazione Arvedi Buschini, Unomedia Curatori: Cristiano Zanetti, ricercatore, e Cinzia Galli, Conservatrice del Museo di Storia Naturale del Comune di Cremona. Progetto di ricerca: Dott. Cristiano Zanetti in collaborazione scientifica con il Centre Alexandre Koyré del EHESS di Parigi, con la Fundación Juanelo Turriano di Madrid, con The Medici Archive Project di Firenze e con HORA, Associazione Italiana Cultori di Orologeria Antica.

Almost unknown yet eventually placed alongside the likes of Archimedes, he managed to charm two of the most powerful monarchs of his time, Charles V and his son Phillip II who regarded him in the same light as we might today Leonardo da Vinci. Torriani, unlike Leonardo, was a coarse fellow, anything other than noble, yet whose huge blacksmith hands would create wonders that the whole of Europe aspired to: highly sophisticated engineering, overseen by complex mechanics that even today appear to represent enormously sophisticated technology. A combination of mental and manual dexterity created perfect, multi-functional and beautiful watches. Wonderfully abstract machines arousing the admiration and amazement of the 16th century courts. It was the time of the legendary Astrarium of Giovanni Dondi but it was Torriani, commissioned by Charles V who constructed the most complex planetary clock in history, moved by some 1,800 mechanical components, and called Microcosm. Indeed it was he too who invented not only the gimbal, but also the first milling machine for the construction of gear wheels. The work required 20 years for the design and three to build. His work never ceased to amaze and often seemed to achieve the impossible: like when he raised the waters of the Tagus to the top of the Alcazar at Toledo. It was built for the King of Spain the first ciclopic machine in history which lifted water up to a height of 100 metres carrying 18,000 litres a day to the royal castle along a distance of 300 metres. His notoriety and expertise led him to become engaged in the reform of the Gregorian calendar, and his work embraced many other diverse areas: the fusion of bells, astronomical observation, the production of automatons: creations such as a combination lock, new applications for the spindle and spring-based portable milling machines. The challenge of representing the complex multi-faceted figure of Janello Torriani is one that will challenge the organisers of this exhibition but he is much better understood today thanks to vital new documentary discoveries which throw light on the entire historical period. The Torriani story will contribute hugely in guiding visitors through the fundamental period of “The New Age” which sits between the Renaissance and the Scientific Revolution. It will be far-reaching too. In geographical terms touching on Italy, Austria, Germany, Belgium, Holland and Spain to understand the development of applied mathematics, revealing the crucial relationship between town and court, technological innovation and power.

69

IO_Autotorino_n.11.indd 69

24-07-2016 10:25:39


IONIQ Tre volte green

70

IO_Autotorino_n.11.indd 70

24-07-2016 10:25:46


Nuova

Hyundai

Uno dei debutti più interessanti e rivoluzionari dell’anno è quello della gamma della nuova Hyundai IONIQ, composta da IONIQ ibrida, IONIQ elettrica e IONIQ Plug-in. IONIQ è infatti la prima auto di serie al mondo che consente di scegliere fra tre differenti motorizzazioni elettriche, rendendo accessibile a chiunque la tecnologia a zero e basse emissioni. Questa nuova, grande novità Hyundai vanta un design ed un piacere di guida senza compromessi, raggiunto mediante l’adozione delle più moderne tecnologie, anche in tema di connettività e sicurezza.

71

IO_Autotorino_n.11.indd 71

24-07-2016 10:25:49


Test drive

Modena

Nuova Hyundai

IONIQ

Varese Nel centro di Varese, la concessionaria Hyundai di via Belforte 2 offre un servizio puntale e competente per vendita di veicoli nuovi ed usati. L'officina garantisce l'utilizzo di pezzi di ricambio originali e di tutte le procedure approvate da Hyundai. Sotto la guida di Federico Frigerio, lo staff Autotorino propone anche servizi finanziari e assicurativi.

Varese - Viale Belforte, 2 Tel. 0332 453611 - Fax 0332 335151

Castellanza Castellanza ospita la concessionaria Autotorino Hyundai. Il salone espone tutti i modelli della gamma coreana, oltre a veicoli usati e a chilometri zero. Lo staff di consulenti è preparato e competente e vi attende per presentarvi nel dettaglio le vetture in salone, oltre a proporvi test drive. Il coordinamento della concessionaria è affidato a Daniele Pistoletti.

Castellanza (VA) - Via Don Minzoni, 24 Tel. 0331 482411 - Fax 0331 426728

Corbetta La concessionaria è a disposizione della clientela per la vendita di tutta la gamma Hyundai. Il coordinamento della concessionaria è affidato a Andrea Beppato.

Corbetta (MI) - Via I. Nievo, 5 Tel. 02 97484711 - Fax 02 97270964

Dopo un lancio mondiale avvenuto a gennaio in Korea, seguito da un’entusiasta accoglienza al Salone dell’Auto di Ginevra ed a quello di New York, che accreditano a Hyundai Motor un importante passo per divenire leader globale della mobilità automobilistica green, si avvicina anche in Italia la premiere di Hyundai IONIQ, prevista per l’autunno. L’attesa per IONIQ si respira intensamente anche negli 11 saloni Hyundai del Gruppo Autotorino, che con l’introduzione di questa inedita gamma vedranno culminare un percorso di incessante rinnovo di tutta la famiglia di modelli, proiettandosi con decisione nella direzione della mobilità del futuro e di un più sentito approccio del pubblico verso il rispetto dell’ambiente e delle sue risorse. Coniugando le mutate attenzioni degli automobilisti verso la mobilità sostenibile, l’unicità della proposta nella triplice scelta di IONIQ in versione ibrida, elettrica o plug-in assume un valore ancor più elevato, perché potrà rispondere non solo alle esigenze di viaggio, ma anche sposerà appieno la sensibilità del pubblico. Già dalla scelta del nome si percepisce la valenza della nuova auto. IONIQ, infatti unisce gli elementi della sua crezione: uno ione, la particella elementare carica elettricamente, che ne sottolinea la motorizzazione elettrica. La seconda parte del nome, invece, richiama il suono “unique”, ad evidenziare l’unicità della portata di un progetto che vuole coniugare al massimo il rispetto dell’ambiente e la libertà di scelta degli automobilisti. Il design della nuova IONIQ, simile per le tre versioni, vanta un coefficiente aerodinamico di 0,24 che la pone ai vertici della categoria, grazie ad una filante aerodinamica composta da superfici morbide ed eleganti. Un’estetica originale, fluida pur in una grintosa configurazione a cinque porte, che richiama il naturale flusso dell'aria. Particolari elementi distintivi di colore blu caratterizzano la IONIQ ibrida e la versione Plug-in, e sono presenti sia esternamente che all’interno dell’abitacolo, per un design coordinato. Nella IONIQ elettrica tali particolari sono realizzati in color rame (conduttore d’elettricità), per richiamare la tradizionale colorazione dei cavi elettrici. All’interno si riconferma l’accoglienza tipicamente Hyundai, dove il comfort dell’ambiente nasce da una miscela di design, ergonomia e dotazioni tecnologiche intelligenti ed innovative. Anche in questo caso, la scelta dei materiali è stata guidata da criteri di rispetto ecologico, con privilegio di materiali riciclati, impiegati per offrire un aspetto pulito, puro ed arioso all’abitacolo. Ultimo, ma non ultimo, aspetto, la sensazione di guida e di viaggio. Per questo dobbiamo attendere l’autunno, quando potremo condividere nei saloni Hyundai Autotorino le prime prove su strada di IONIQ. Sarà una scoperta che ci emoziona sin da oggi, ancor di più pensando che potremo farla insieme.

72

IO_Autotorino_n.11.indd 72

24-07-2016 10:25:55


NEW HYUNDAI IONIQ: GREEN, GREEN AND GREEN AGAIN! One of the most interesting and revolutionary debuts of the year has to be that of the new Hyundai IONIQ range, made up of the IONIQ hybrid, IONIQ electric and IONIQ plug-in. IONIQ is in fact the very first production car in the world which offers a choice between 3 different electric engines, thus making technology offering zero and low emission available to everyone. This represents excellent Hyundai innovation. It boasts a contemporary design which is a genuine pleasure to drive, uses state-of-the-art technology and incorporates both connectivity and safety. After a global launch in Korea in January and an enthusiastic reception at both the Geneva and New York motor shows, it’s clear that Hyundai Motor has taken a huge step forward to becoming the world leader in the green automotive market. And now Italy is set to feature. The premier of Hyundai IONIQ here is scheduled for Autumn. Pulses have been racing too in anticipation of the IONIQ launch within the 11 Hyundai showrooms of the Autotorino Group which with the introduction of this brand new range completes a process of renewal through the entire family of models, investing hugely in the mobility of the future with a heartfelt overture to the public towards respect for both the environment and its resources. Attitudes of drivers towards sustainable mobility have clearly changed, and the distinctiveness of the IONIQ triple-choice proposal, in Hybrid, electric or plug-in versions takes things to a different level, and responds not only to the practicalities of travel, but also satisfies public sensitivities. The choice of name speaks volumes too. IONIQ, combining the elements of its creation: an ion, the electrically charged elementary particle, which underlines its electric motor. The second half however emphasises its “unique” nature, and highlights the distinctiveness of the scope of a project which marries together maximum respect for

the environment with freedom of choice for the motorist. The design of the new IONIQ, for each of the 3 versions, boasts an aerodynamic coefficient of 0,24, placing it at the top of its class, thanks to a streamlined aerodynamic composed of soft, elegant surfaces. A highly original aesthetic, smooth yet with a bold five door arrangement, all of which encourages a natural airflow. Special and singular elements in blue characterise the IONIQ hybrid and Plug-in versions, both externally and internal in a coordinated design. In the electric IONIQ the same specifics are copper-coloured invoking the traditional nuance of electrical cables.

73

IO_Autotorino_n.11.indd 73

24-07-2016 10:26:01


BMW Motorrad

C650 GT e C650 Sport

L’evoluzione della razza

74

IO_Autotorino_n.11.indd 74

24-07-2016 10:26:05


Rispetto alle versioni presentate quattro anni fa, i nuovi maxi-scooter BMW hanno debuttato quest’anno con una verve inaspettata. I nuovi C 650 Sport e C 650 GT sono dinamici compagni di viaggio, adatti per lo sport, il turismo e la guida rilassata nell’ambiente urbano. C 650 Sport nasce pensando ai piloti dall’indole più sportiva, mentre il C 650 GT è stato sviluppato per quei clienti che prediligono il comfort ed un uso turistico della moto. Scopriamoli da vicino.

75

IO_Autotorino_n.11.indd 75

24-07-2016 10:26:11


BMW Motorrad

C650 GT e C650 Sport

76

IO_Autotorino_n.11.indd 76

24-07-2016 10:27:07


Qualche nota tecnica Nei nuovi maxi-scooter il motore bicilindrico in linea dalla cilindrata di 647 cm3 assicura la spinta dinamica, con una potenza nominale di 44 kW (60 CV) a 7 500 g/min. Su entrambi i modelli, ABS e ASC (Automatic Stability Control) sono di serie per garantire la massima sicurezza in frenata e accelerazione. Nuovo optional il Side View Assist (SVA), ordinabile per il C 650 GT, che supporta per esempio il guidatore nei cambi di corsia monitorando l’angolo morto, soprattutto durante la guida nell’ambiente urbano.

Cambia il look Le novità estetiche dei due nuovi modelli balzano subito all’occhio. Design completamente nuovo per il C 650 Sport, mentre per il C 650 GT è stato preferito un accurato perfezionamento delle linee, con nuove carene laterali posteriori e un nuovo gruppo ottico posteriore. In entrambi i modelli sono stati ridisegnati i quadranti della strumentazione e i rivestimenti del manubrio. Ulteriori novità sono il cinematismo perfezionato del cavalletto centrale e la luce diurna automatica.

Le attraenti vernici dei nuovi C 650 Sport e C 650 GT Il C 650 Sport e il C 650 GT vengono offerti in tre distinte varianti cromatiche. Nel C 650 Sport la tinta valenciaorange metallizzato opaco sottolinea lo spirito sportivo e crea, insieme alle superfici di contrasto, un abbinamento che trasmette la sensazione di dinamismo. Lightwhite pastello dona al nuovo C 650 Sport un look tecnico, compatto e leggero. La vernice blackstorm metallizzato del C 650 Sport si rivolge soprattutto alla clientela che ama uno stile classico. Nel C 650 GT il colore blackstorm metallizzato accentua il carattere elegante del veicolo, mentre frozenbronze metallizzato in combinazione con i colori di contrasto forma una composizione cromatica particolarmente armoniosa che esalta il linguaggio formale del C 650 GT. Scopri tutto il fascino dei nuovi maxi-scooter BMW Motorrad nelle concessionarie Autotorino di Olgiate (VA) e Cremona.

Olgiate Olona Autotorino è presente a Olgiate Olona con i brand BMW, MINI e BMW Motorrad. Nella grande sede lungo Corso Sempione il responsabile Fabio Genoni coordina uno staff altamente qualificato. Autotorino propone servizi di vendita e post vendita, gestiti con grande competenza e professionalità.

Olgiate Olona (VA) - C.so Sempione, 80 Tel. 0331 372711 - Fax 0331 372761

autotorino - scooter bmw

BMW C650 GT and C650 Sport The Evolution of the Breed With regard to models presented four years ago, the new maxi-scooter BMW has taken the stage this time round with an unanticipated vitality. The new C 650 Sport and C 650 GT are genuinely dynamic travelling companions, ideal for sport, touring and relaxed driving in an urban environment. The C 650 Sport was created with pilots of a more sporty disposition in mind, whilst the C 650 GT has been developed for owners who lean towards comfort and tourist-style travelling. Have a closer look. Some technical points The new maxi-scooter’s twin cylinder parallel engine of 647 cm3 displacement guarantees a dynamic thrust, with a rated output of 44 kW (60 hp) at 7 500 g/min. On both models, ABS and ASC (Automatic Stability Control) are standard to ensure maximum safety in both braking and acceleration. A further optional is Side View Assist (SVA) available for the C 650 GT, which facilitates lane-changing for example by monitoring the blind spot, especially useful for urban driving.

A Change of look The new style innovations of the two models catch the eye immediately. There’s a completely new design for the C 650 Sport, whilst for the C 650 GT a scrupulous refinement of the lines was preferred, with new rear side body panels and tail light. In both the models the dials on the instrument panels have been re-designed as has the covering for the handlebars. Further innovations are the perfected kinetics of the central kickstand and the automatic daylight.

The seductive veneer of the new C 650 Sport and C 650 GT The C 650 Sport and the C 650 GT are offered in three differing colour variants. In the C 650 Sport the valenciaorange tinted metallic matt underlines the sportive spirit and creates, together with the contrasting surfaces, a combination which engenders a genuine feeling of dynamism. Lightwhite pastel give the new C 650 Sport a practical look, compact and lightweight. The metallic finish blackstorm of the C 650 Sport will be favoured by owners who like a classic style. On the C 650 GT the metallic blackstorm accentuates the elegant character of the vehicle, whilst metallic frozenbronze combine with the contrasting colours to form a particularly harmonious composition that enhances the more formal statement of the C 650 GT. Discover for yourself the enormous appeal of the new maxiscooter Bmw Motorrad at the Autotorino Dealerships at Olgiate (VA) and Cremona.

77

IO_Autotorino_n.11.indd 77

24-07-2016 10:27:15


Autotorino

Vantaggi fiscali

LA

(

Tutti i vantaggi del super ammortamento Con la legge di stabilità 2016, il Governo ha introdotto il meccanismo cosiddetto del “super ammortamento” al 140 per cento, che di fatto amplifica i vantaggi degli investimenti di imprese e professionisti, anche nell’acquisto delle autovetture e dei mezzi commerciali. Ispirato da norme analoghe in vigore in altri Paesi europei, il “super ammortamento” consente di maggiorare del 40% la quota deducibile di un nuovo investimento, riducendone così il carico fiscale. Aziende e titolari di partita IVA possono beneficiare di questi vantaggi sino al 31 dicembre 2016 per contratti di leasing, finanziamento e acquisto, anche su quelli stipulati a partire dallo scorso 15 ottobre 2015. La normativa non include i contratti di noleggio a lungo termine e produce

effetti fiscali, economici e finanziari diversi a seconda della tipologia di contratto e di destinazione del mezzo. La acquista come Azienda e la espone in busta paga per i suoi dipendenti? È un Professionista o la intesta all’Azienda senza fringe benefit? È un Agente di Commercio? Utilizza l’auto come bene strumentale? Con questa tabella riassuntiva proponiamo una panoramica delle principali casistiche. Per conoscere tutte le ulteriori opportunità e studiare una simulazione personalizzata, è possibile rivolgersi ai consulenti delle filiali Autotorino, che sapranno individuare le alternative più rispondenti alle esigenze professionali o aziendali, sia per le vetture come per i veicoli commerciali, massimizzando al contempo i vantaggi fiscali concessi dalla normativa.

78

IO_Autotorino_n.11.indd 78

24-07-2016 10:27:22


LA NORMATIVA FISCALE: DEDUCIBILITÀ - DETRAIBILITÀ 2015/2016 Utilizzo Autovettura

Auto assegnate in uso promiscuo ai dipendenti (esposizione in busta paga

Anno 2015 - 2016 Deducibile il 70% di tutti i costi (senza limiti di costo auto per ammortamenti, leasing, locazione e noleggio full service). Utilizzo per la maggior parte dell’esercizio

Auto ad uso solo aziendale (non strumentali, non esposte in busta paga)

Deducibile il 20% con un tetto di costo auto di euro 18.076 per ammortamenti e leasing ed euro 3.615 annui per locazione e noleggio full service

Auto utilizzate esclusivamente quali beni strumentali nell’attività propria dell’impresa e ad uso pubblico

Deduzione integrale di tutti i costi e spese d’impiego. Secondo C.M. 1/E/2007, si tratta solo delle auto senza le quali l’impresa non può svolgere l’attività: noleggiatori, autoscuole, ecc.

Auto ai professionisti

Deducibile il 20% con un tetto di costo auto di euro 18.076 per ammortamenti e leasing ed euro 3.615 annui per locazione e noleggio full service

Auto ad agenti e rappresentanti

Deducilbile l’80% con un tetto di costo auto di euro 25.823 per ammortamenti e leasing ed euro 3.615 annui per canoni di locazione e noleggio full service

Esempi del Superammortamento (NON applicabile in caso di Noleggio)

Costo auto: imponibile euro 50.000 Superammortamento euro 50.000 + 40% = euro 70.000 Deducibilità euro 70.000 x 70% = euro 49.000

Detraibilità IVA

Deducibilità euro 25.306 x 20% = euro 5.061 per ammortamenti e leasing

Costo auto: imponibile euro 50.000 Superammortamento euro 50.000 + 40% = euro 70.000 Deducibilità euro 70.000 x 100% = euro 70.000

40% 100%

(precisamente devono essere beni oggetto dell’attività propria d’impresa circolare n.25/364695 del 3 agosto 1979)

Costo auto: imponibile euro 50.000 Tetto di costo auto con Superammortamento euro 18.076 + 40% = euro 25.306 Deducibilità euro 25.306 x 20% = euro 5.061 per ammortamenti e leasing

Costo auto: imponibile euro 50.000 Tetto di costo auto euro 25.823 + 40% = euro 36.152 Deducibilità euro 36.152 x 80% = euro 28.921 per ammortamenti e leasing

ALL THE ADVANTAGES OF SUPER DEPRECIATION Within the Stability Act 2016, the Government has introduced what’s known as the “super depreciation” mechanism at 140%, which effectively magnifies the benefits for companies and professionals, including in the purchase of cars and commercial vehicles. Inspired by similar rules in force in other European countries, the “super depreciation” allows you to increase by 40% the deductible portion of any new investment, thus reducing the tax burden. Companies and proprietors who are VAT registered can qualify for such benefits until 31 st December 2016 for leasing contracts, financing and purchase, including any signed up for since 15 th October 2015. The legislation

40%

100%

(a patto del rispetto del principio di inerenza)

Periodo deducibilità Leasing

Deducibilità costi in caso di Leasing

Minimo 24 mesi

40%

Costo auto: imponibile euro 50.000 Tetto di costo auto con Superammortamento euro 18.076 + 40% = euro 25.306

Deducibilità costi in caso di Finanziamento / Acquisto

La quota di ammortamento di un’auto è del 25% (48 mesi)

Minimo 48 mesi

deducibilità, in caso di acquisto tramite o pagamento “in contanti”, per le Aziende verrà effettuato in 5 anni dato che per il primo esercizio esse possono portare in ammortamento solo la metà del

Minimo 24 mesi

Minimo 48 mesi

La deducibilità dei canoni di Leasing NON è più condizionata dalla durata del contratto. Se questa è inferiore o uguale alla durata minima i costi andranno dedotti nella stessa. Se la durata è superiore alla durata minima si dedurranno in un periodo pari alla durata del contratto. Il leasing con durate brevi offre quindi qualche piccolo modalità di acquisto.

quindi il 12,5%.

Minimo 48 mesi

does not include long-term rental contracts and direct fiscal products, differing economic or financial applications apply depending on the type of contract and the purpose of the vehicle. Does the Company acquire and express the purchase as part of the employees’ salary? Is it a professional or a Company agreement without fringe benefits? Is it a Commercial Agent? Is the use of the car a Capital Good? This summary table illustrates an overview of the main categories and relevant phenomena. To get to know all possibilities and have a personalised study undertaken, why not get in touch with consultants at one of the Autotorino branches, who will happily identify a range of alternatives guaranteed to suit your professional or business requirements, whether for car or commercial vehicle, whilst maximising any tax benefits granted by the legislation.

79

IO_Autotorino_n.11.indd 79

24-07-2016 10:27:24


Passione cross-over Tra i subaristi della prima ora, Forester ha sempre rappresentato quel giusto compromesso tra praticità e anima off-road. Per ripensare a come reinterpretare questo mito senza tempo, i designer e i tecnici di Subaru hanno dovuto immaginare nuovi contenuti per una vettura di successo come Forester. L’esito si è tradotto in un minuzioso progetto che ha reso il modello 2016 della fortunata e longeva serie sempre più aderente alle rinnovate aspettative del pubblico.

pagnare i viaggiatori nei lunghi viaggi autostradali con tutta la famiglia al seguito e relativa massiccia dose di bagagli, ben stivati in un vano posteriore da vera station wagon. Un SUV che – grazie al basso baricentro conferito dalla scelta di motori boxer (nelle tre alimentazioni benzina, bi-fuel e diesel) e alla trazione integrale permanente Symmetrical AWD, di raggiungere “quella” baita dove trascorrere un piacevole weekend, percorrendo agilmente anche impervi ed accidentati sentieri di montagna.

E così la nuova Subaru Forester, a cui certo non manca una sua innata “fisicità” esterna, resta una vettura in grado di destreggiarsi bene nel traffico cittadino, di accom-

Il modello 2016 di Subaru Forester si presenta con linee esterne più emozionali e coinvolgenti, abbinate ad interni nei quali la sensazione di qualità e comfort maggiormente

Esterni e interni

80

IO_Autotorino_n.11.indd 80

24-07-2016 10:27:30


SUBARU

percepibile e tangibile. Il design esterno esprime tutto il carattere irresistibile di Forester già al primo sguardo: quello del nuovo gruppo ottico anteriore con a tecnologia LED che conferiscono alla vista frontale le sembianze degli occhi di un falco. Gli interni accolgono in un’atmosfera di estrema qualità: grande comfort, stile e piena sicurezza, donano una sensazione di piacevolezza nel guidare e viaggiare in questo SUV con capacità a 360 gradi. Le migliorie riservate all’abitacolo della nuova Subaru Forester garantiscono un look più lussuoso e confortevole, sia nelle versioni con rivestimenti in tessuto, che per quelle con gli interni in pelle naturale.

Forester

Più spazio alla tecnologia Nel quadro strumenti il display informativo è ora del tipo LCD a colori, con accresciute doti di visibilità e design, mentre il piacere di viaggiare a bordo della nuova Subaru Forester si accompagna ad un sistema di intrattenimento e comunicazione di alto livello. Il sistema Subaru Starlink comandato attraverso il grande schermo a cristalli liquidi da 7” touchscreen è posto nel cuore della consolle centrale. Pilota e passeggero possono interagire con il sistema audio, il navigatore satellitare, il telefono cellulare; si può accedere ad internet tramite connessione protetta, scaricare App, fare e ricevere telefonate con il sistema vivavoce Bluethoot™, riprodurre la propria musica preferita collegando al sistema sorgenti esterne tramite presa USB, Aux-in o utilizzando il lettore CD. 81

IO_Autotorino_n.11.indd 81

24-07-2016 10:27:34


New Subaru Forester Unbounded Quality For faithful subaristi, Forester has always represented the perfect compromise – offering practicality but with an off-road heart. In order to reconsider and reinvent this timeless image, the designers and technicians at Subaru have had to be at their most creative for such a successful car like Forester. What resulted was a project of a highly-meticulous nature which has created a model for 2016 which is splendidly in line with the expectations of an ever-demanding public. Enter the new Subaru Forester, which certainly lacks nothing in physicality, yet remains a car which can manoeuvre well in city traffic, can take whole families and everything they deem necessary on long motorway trips, thanks to the generous rear compartment of a genuine station wagon. An SUV which – again thanks to the low centre of gravity bestowed by the choice of boxer engines (in the 3 fuelling petrol, bi-fuel and diesel) and permanent fourwheel drive with Symmetrical AWD, can get you right to the heart of mountain country along somewhat unpredictable and rough terrain for a joyous get-away weekend.

Inside and Out The 2016 model of the Subaru Forester boasts exterior lines which are more exciting and engaging, and combine well with an interior oozing quality with comfort clearly the order of the day. The external design has the irresistible, unmistakeable character of classic Forester: but now there’s the new headlight unit with LED technology – almost hawk-like in appearance. The interior welcomes you with the open arms of quality itself: comfort, style and reassuring safety, endowing a sensation of pure pleasure for driver and passenger within an SUV with genuinely all-round capabilities. Improvements destined for within the new Subaru Forester ensure a more luxuriant and comfortable look/feel, exemplified by the choice of fabrics, or indeed for those with natural leather upholstery.

Ample room for technology The dashboard instrument display is, naturally enough, the LCD type in colour, in a design giving increased visibility and the enjoyment of travelling on board the new Forester is enhanced by a top quality entertainment and communication system. Subaru Starlink is controlled via an LCD 7” touch-screen placed at the very heart of the central console. Both driver and passenger can operate the audio system, navigation system and mobile phone; can access the internet through a secure connection, download App, make and receive phone calls through Bluethoot™, and of course play your favourite music by connecting external sources via USB, Aux-in or by CD player.

82

IO_Autotorino_n.11.indd 82

24-07-2016 10:27:37


SUBARU

Forester

83

IO_Autotorino_n.11.indd 83

24-07-2016 10:27:42


Nuovo SsangYong

Tivoli XLV

Più spazio al comfort Chi ha avuto modo di ammirarlo al Salone di Ginevra l’ha apprezzato per gli evidenti effetti prodotti dalla cura “ricostituente” a cui i progettisti l’hanno sottoposto. Muscoloso e agile allo stesso tempo, l’inedito SsangYong Tivoli XLV si propone come la versione “a coda lunga” della già nota Tivoli che il mercato italiano ha cominciato ad apprezzare dalla metà del 2015. Con le sue dimensioni “maggiorate”, XLV si candida a inaugurare una nuova gamma di veicoli, proponendosi come SUV “station wagon” originale e versatile.

Spazio e comodità La differenza si vede subito. Rispetto alla sorella minore, XLV misura quasi 24 centimetri in più, per un totale di 4,40 metri. Spazio in abbondanza, che Tivoli mette a disposizione per ospitare comodamente 5 persone, con una capacità di carico maggiore che da 423 litri della versione più piccola raggiunge i 720 litri. Nulla di nuovo sul fronte delle motorizzazioni. Tivoli XLV è disponibile con propulsori 1.6 benzina e diesel da 128 e 115 CV. Per chi lo volesse, la versione allungata della Tivoli è dotata sia di trazione anteriore, che di una inaspettata versione integrale, mentre il cambio può essere manuale o automatico.

84

IO_Autotorino_n.11.indd 84

24-07-2016 10:28:01


New SsangYong Tivoli XLV More space and comfort Anyone who had the chance to inspect it at the Geneva Motor Show can’t have failed to appreciate the improvements producing a well-considered tonic in the new design. At the same time both sinewy and agile, the brand new SsangYong Tivoli XLV resembles the “long tail” version of the Tivoli which was to receive much acclaim on the Italian market mid-2015. With a generous increase in size the XLV is putting itself forward as part of a new range of vehicles, like the SUV “station wagon” both original and versatile.

Space and comfort You can’t fail to spot the difference. Compared to its younger sister¸ XLV is 24cm longer, making a total of 4,40m. More than enough space that Tivoli makes available to happily accommodate 5 people, with a huge difference in capacity, from 423 litres in the smaller version through to 720 in the new one. Nothing new to report regarding the engine type. No need! Trivoli XLV is available with 1,6 petrol and diesel engines from 12 and 115 hp. For those who so wish, the elongated version of the Tivoli has either front wheel drive, or indeed the offer of an integral version, and gears can be either manual or automatic.

Style and character A close look at the SsangYong Tivoli XLV confirms the eye-catching line which goes from the roof and develops right along to the rear column, affording a deal of space to the fixed side window attached to the tailgate. It’s an interesting “cut” which gives the XLV the genuine feel of travelling, immediately transmitting a sense of comfort and convenience, precisely what the designers were aiming for in their modification of the interior space

Fuel economy The improvements have not produced any substantial changes in weight: an empty 2WD weighs in at 1,315kg a slight increase on the 1,270kg of its younger sister. Fuel consumption however does not grow: the petrol 2WD declares a combined consumption of 6,8 1/100 km (against 6,6) and the 1.6 diesel AWD automatic reaches 6,3 1/100 km instead of 5,9 1/100 km.

Stile e carattere Se lo si osserva con attenzione, SsangYong Tivoli XLV si fa notare per quella linea accattivante che dal tetto si sviluppa al di là del montante posteriore, dando spazio ad un finestrino laterale fisso collegato al profilo del portellone. Un “taglio” che dà a XLV un’aria da viaggiatore, trasmettendo subito quel comfort e quella praticità che i progettisti gli hanno conferito.

Consumi contenuti La cura ricostituente non ha prodotto sostanziali variazioni di peso: a vuoto Tivoli XLV 2WD misura 1.315 kg, poco di più rispetto ai 1.270 kg della sorella minore. Nonostante ciò, I consumi non crescono: la 1.6 benzina 2WD dichiara un consumo combinato di 6,8 l/100 km (contro 6,6) e la 1.6 diesel AWD automatica arriva a 6,3 l/100 km anziché 5.9 l/100 km.

85

IO_Autotorino_n.11.indd 85

24-07-2016 10:28:21


Furti auto, assicurarsi sempre Ogni ora prendono il volo 13 vetture tre buoni motivi per assicurarsi sempre.

86

IO_Autotorino_n.11.indd 86

24-07-2016 10:28:29


Autotorino I dati parlano chiaro. Nel 2015, sulle strade italiane sono stati rubati 312 veicoli al giorno, che tradotto significa circa 13 auto rubate ogni ora, uno ogni 5 minuti, per un totale di 114.121 nell’intero anno. A dirlo è il “Dossier annuale sui Furti d’Auto 2016”, elaborato da LoJack Italia, azienda specializzata nel rilevamento e recupero di beni rubati, sulla base dei dati del Ministero dell’Interno. 

Piaga nazionale Quella dei furti d’auto rappresenta una vera e propria piaga, che vede protagoniste organizzazioni criminali specializzate nel riciclaggio di veicoli e pezzi di ricambio, da utilizzare sul mercato italiano ma anche all’estero. Tra le regioni più “gettonate” dai ladri, spicca al primo posto la Campania (circa un quinto dei furti di auto avviene qui), seguita da Lazio, Puglia, Sicilia e Lombardia. La quota di mezzi rubati che torna ai legittimi proprietari si aggira intorno al 45%. Della parte rimanente, invece, si perdono completamente le tracce.

Assicurarsi, sempre. Ecco perché Alla luce di questi dati si comprende bene come sia sempre consigliabile integrare la copertura Furto Incendio alla propria assicurazione di responsabilità civile. Abbiamo sintetizzato qui tre buone ragioni per le quali vale la pena farlo. Ecco quali sono:

1° ampia tutela anche su danni parziali La garanzia Furto Incendio non copre soltanto in caso di sottrazione dell’auto, ma tutela anche verso i danni provocati dal furto vero e proprio della macchina o anche i tentativi di furto e scasso non riusciti. La copertura è prevista anche per il furto di singole parti del veicolo (fanno eccezione gli oggetti lasciati all’interno della vettura). Inoltre, a queste garanzie sono abbinabili altre tutele come la rottura dei cristalli, il recupero stradale in caso di guasto, gli atti vandalici, l’incendio della vettura e altro ancora.

2° costo contenuto Uno degli errori più frequenti in cui incappano molti automobilisti è quello di credere che l’assicurazione Furto Incendio abbia costi elevati. Non è così: bastano poche centinaia di euro per proteggere la propria auto e mettersi al riparo da brutte esperienze. I consulenti assicurativi di Autotorino suggeriscono sempre di integrare la rata dell’assicurazione a quella del finanziamento dell’auto, spalmando l’intero ammontare su un frazionamento mensile, rendendo questa tutela molto più sostenibile.

3° patrimonio tutelato, sonno tranquillo L’acquisto di una vettura coincide sempre con l’assunzione di un impegno economico spesso importante. Per proteggere questo bene da furti e brutte sorprese, ed evitare di dover affrontare oltre al danno anche la beffa di dover rimettere mano al portafoglio, è sufficiente sottoscrivere una polizza Furto Incendio, modulando rata e garanzie a seconda delle proprie esigenze. Rivolgiti con fiducia ai consulenti Autotorino. Sapranno consigliarti al meglio sulla garanzia più adatta a te.

Assicurazione CAR THEFT: 3 good reasons to safeguard yourself The statistics speak for themselves. In 2015, 312 vehicles were stolen every day on Italian roads. That’s 13 cars every hour¸ one every 5 minutes, for a total of 114,121. So documents the “Annual Dossier on Car Theft 2016” prepared by LoJack Italia, a company specialising in the detection and recovery of stolen property, according to data from the Ministry of the Interior. Car theft represents a genuine national scourge featuring criminal organisations specialising in the recycling of vehicles and spare parts, to be used on the Italian market but also abroad. Among the most popular regions for thieves Campania sits at the head (around a fifth of car thefts occur there), followed by Lazio, Puglia, Sicily and Lombardy. The proportion of stolen cars returned to their rightful owners is around 45%. The remainder simply disappear. In the light of these stark statistics it’s considered advisable to incorporate Fire/Theft cover in one’s standard insurance liability. Three good reasons:

1° Safeguard even for partial damage Fire/Theft warranty not

only covers in the case of theft itself, but also any damage caused by theft or attempted removal illegally. Coverage is also provided for individual stolen parts of the vehicle (with the exception of items left within the car). Furthermore, these guarantees can be combined with other protection such as, broken windows, car recovery, acts of vandalism, fire and other matters.

2° Low Cost One of the frequent mi-

sapprehensions of motorists is that Fire/ Theft cover is too expensive. Not so: it costs just a few hundred euro to protect you and your vehicle. Autotorino insurance advisors recommend that you always build the insurance premium into the financing of the car itself, spreading everything over a monthly payment basis. Easily sustainable.

3° Peace of mind The purchase of a car generally involves taking on a considerable financial commitment. Protecting this asset from theft or other mishap, and to avoid having to deal with damage and invoke huge personal expenses, is simply a matter of taking out a Fire/Theft Policy adjusting rates and guarantees depending on your specific needs. You can contact the Autotorino consultants with absolute confidence. They will advise the most appropriate warranty for yourself.

87

IO_Autotorino_n.11.indd 87

24-07-2016 10:28:32


Mitsubishi

Novità

Nuova Mitsubishi ASX L’arrivo in salone è previsto per ottobre 2016. A detta degli esperti che hanno avuto modo di ammirarla al Salone di Ginevra, si tratta della miglior serie proposta sino ad ora di questo modello. A chi si rivolge Nuova ASX? Forme e allestimenti sono pensati per tutti coloro che amano esibire una bella vettura, sicura e potente, con un Dna ispirato al mondo dei SUV, senza però dover sborsare somme esorbitanti.

Differenze di rilievo Cominciamo dai cerchi, che nella nuova versione sono da 18 pollici. La mascherina a trapezio e i fari allungati conferiscono un piglio più elegante e raffinato alla parte anteriore della vettura, senza trascurare quel tocco di sportività che l’ha fatta apprezzare da moltissimi automobilisti. All’interno spiccano gli allestimenti ispirati al mood high-tech e il volante multifunzione. La principale dote di Nuova ASX è la compattezza, anche se non appena ci si siede sui comodi sedili la si apprezza per gli ampi spazi a disposizione delle persone a bordo.

88

IO_Autotorino_n.11.indd 88

24-07-2016 10:28:39


New Mitsubishi ASX

Its arrival in the showroom is predicted for October 2016. According to experts who were lucky enough to enjoy it at the Geneva Motor Show, it’s by far the best series of this model so far. So precisely who is the new ASX aiming at? Shape and trimmings are clearly meant for anyone who enjoys showing off a car of considerable beauty, safe and powerful and with a DNA inspired by the SUV world, without however having to break the bank.

Significant features Let’s begin with the wheels, which in the new version measure 18 inches. The trapezium shaped grille and elongated headlights confer a more elegant and sophisticated look on the front of the car, without abandoning that important sporty angle so appreciated by many motorists. What stands out about the interior is a set-up clearly inspired in a high-tech vein and with a multifunctional steering wheel. One of the key assets of the new ASX is its compactness, although as soon as you make yourself comfortable within you will appreciate the ample space each passenger has. The new model ASX actually measures 4,30 in length. And so to consumption: Stop&Go turns the engine off and on when standing, thus saving valuable fuel, especially when driving around town. Four-wheel drive The off-road spirit ensures the possibility of front-wheel driving as an option. This reduces consumption considerably, getting up to 16 kilometres for a litre. Engines are turbodiesel 1.6 and 2.2 (respectively 114 and 150 hp) all euro 6, with a starting price of less than 20 thousand euro.

Modena

Tradotti in centimetri, nuova ASX misura 4,30 metri di lunghezza. Veniamo ai consumi: lo Stop&Go spegne e riavvia il motore durante le soste, così facendo si può risparmiare carburante, specialmente quando ciu si sposta in città.

Trazione integrale L’anima off-road garantisce la possibilità di viaggiare con la trazione anteriore, oltre che con quella integrale. Questo riduce molto i consumi, arrivando a percorrere 16 chilometri con un litro. Le motorizzazioni sono turbodiesel 1.6 e 2.2 (rispettivamente 114 e 150 CV) tutti euro 6, con un prezzo d ingresso inferiore ai 20 mila euro.

Lo showroom è stato inaugurato nel novembre 2009. È concessionario ufficiale dei marchi Hyundai e Mitsubishi. Strutturato su due piani è ampio, luminoso, posto in un punto strategico della viabilità cittadina. La sua apertura ha segnato un passo importante per il Gruppo Autotorino che dalla Lombardia è sbarcato in Emilia. Punto di riferimento per la comunità locale, la sede è gestita da Paolo Concari e rappresenta l’applicazione, dal punto di vista logistico, di un metodo gestionale originale elaborato e affinato negli anni. Un metodo al cui centro sta il cliente e le sue esigenze.

Modena - Via Emilia Est 1311 Tel. 059 411411 - Fax 059 284640

89

IO_Autotorino_n.11.indd 89

24-07-2016 10:28:45


Autotorino

Brevi

COMO

eventi

Jeep on Tour fa tappa a Curno

Assemblea di Confindustria

Il Gruppo Autotorino ha presentato il progetto della nuova filiale Mercedes-Benz di Como a Villa Erba di Cernobbio, dove martedì 21 giugno si è tenuta l’assemblea annuale di Unindustria Como. Il responsabile della Concessionaria Autotorino Mercedes-Benz di Como, Tito Monti, ha potuto incontrare personalmente gli imprenditori convenuti e presentar loro i tratti salienti del mondo Autotorino, che riporterà ufficialmente il Marchio della Stella sul territorio Comasco, con la prossima apertura del nuovo showroom a Luisago.

Più di 200 persone hanno colto l’occasione di provare a Curno le emozioni dell’off-road Jeep. Proprietari di veicoli Jeep, appassionati o semplici curiosi, si sono ritrovati nel weekend del 21 e 22 maggio nella concessionaria Jeep Autotorino per un test drive della gamma Jeep sui percorsi tecnici allestiti nel piazzale. Il truck ufficiale del “Jeep on Tour” si è trasformato in un ponte alto 6 metri che ha permesso un’adrenalinica prova delle doti di trazioni su pendenze sino a 45 gradi.

presentazione

rassegna stampa

Autotorino e BMW iPerformance al Centro di Ricerca UE di Ispra

La Repubblica approfondisce la ripresa delle vendite auto in Italia

Sabato 28 maggio il centro Comune di Ricerca (JRC) della Commissione Europea di Ispra, sulle sponde del Lago Maggiore, ha aperto le sue porte al pubblico in occasione dell’annuale Open Day, capace di richiamare oltre 10.000 persone. Gruppo Autotorino, rappresentato dalla concessionaria di Olgiate Olona, ha partecipato alla giornata con la massima espressione della tecnologia innovativa ed ecosostenibile di BMW: i modelli della gamma iPerformance di Serie 2 plug-in Hybrid, la compatta i3 e la dream car i8.

L’inserto Affari & Finanza de La Repubblica di lunedì 18 gennaio ha approfondito con il Gruppo Autotorino gli aspetti della ripresa delle vendite auto in Italia. Una riflessione che, anche con la testimonianza del presidente Plinio Vanini, ha sottolineato non solo le dimensioni ed i risultati raggiunti dal Gruppo nel 2015, in occasione dei suoi 50 anni, ma anche dei suoi valori che lo differenziano nel panorama nazionale.

90

IO_Autotorino_n.11.indd 90

24-07-2016 10:28:57


SPORT

EVENTI

Team Stradivari nella top ten del Grand Prix a Roma

Debutta a Art de Vivre la nuova Mercedes-Benz Classe E

Il team Elite Stradivari di Cremona, supportato da Gruppo Autotorino con la concessionaria BMW MINI di Cremona, ha partecipato il 20 maggio alla prima tappa del Grand Prix Italia di triathlon che si è volta a Roma. Piazzamento nella top ten per Verena Steinhauser, che si è classificata al settimo posto con il tempo di 1h03’16”. G

PARTNERSHIP

Autotorino festeggia la promozione di Parma Calcio A fine maggio la società calcistica di Parma ha celebrato il passaggio di categoria dopo la vittoria nel campionato di serie D. Autotorino ha sostenuto con passione la rinascita di questa straordinaria esperienza sportiva, partecipando al progetto di azionariato diffuso che ha richiamato l'attenzione dei media europei.

Domenica 24 aprile Gruppo Autotorino ha presentato a Sondrio la Nuova Mercedes-Benz Classe E. Il contesto scelto è stato quello di Art De Vivre, la manifestazione di tre giorni che ha unito cultura, fashion, musica, arte, spettacolo e gastronomia in un unico format straordinario che ha richiamato in città moltissime persone. Polo attrattivo della manifestazione, Piazza Garibaldi e il Grand Hotel della Posta.

Rassegna stampa

AutoCapital di aprile parla di Autotorino

rassegna stampa

Autotorino Kia al top delle vendite 2015 in Italia

Gruppo Autotorino ha iniziato il 2016 raccogliendo i frutti e le soddisfazioni dell’intenso lavoro svolto lo scorso anno. Il presidente di Kia Italia Dong Won Kang ha consegnato il 13 gennaio ad Autotorino il premio “Best Sales Volumes 2015” durante l’annuale Convention Italiana, tenutasi a Budapest all’interno di quella Europea. Per il Gruppo, ha partecipato Carlo Vaninetti, Responsabile Commerciale Autotorino.

IO_Autotorino_n.11.indd 91

In uno speciale di 4 pagine sul numero di Aprile, AutoCapital parla del “modello Autotorino”. La storica testata automobilistica nazionale, partendo da un’intervista del presidente del Gruppo Autotorino Plinio Vanini, si è soffermato su tre aspetti peculiari dell’identità del Gruppo: una storia di 50 anni scritta partendo da un territorio lontano dai grandi centri urbani (la Valtellina), sino a diventare il top dealer multimarca italiano, l’importanza della condivisione di valori e della formazione, ed una costante offerta di esperienze che arricchiscono la passione per i motori di pubblico e clienti.

91

24-07-2016 10:29:09


EVENTI in filiale

DANZA

Marco De Gasperi si racconta a Valmadrera

Autotorino con Lario Danza

Nello showroom Autotorino di Valmadrera mercoledì 6 aprile si è svolta una serata dedicata interamente alle emozioni che nascono dallo sport di montagna, tra filmati, libri fotografici e testimonianze di un ospite d’eccezione: Marco De Gasperi. L'atleta ha risposto all'invito dello staff OSA Valmadrera, che ogni anno organizza il Trofeo Dario & Willy. Alla serata erano prenti oltre 300 persone.

rassegna stampa

Autotorino su Quattroruote

La XVII Edizione del Concorso Internazionale Lario Danza 2016, che si è svolta il 24 e 25 aprile al Teatro Sociale di Como, ha rappresentato un passo deciso verso la maturità, anche anagrafica, della kermesse. Importante la scelta operata dalla direttrice Liviana Arnoldi e dallo staff del progetto di organizzare nella nuova e prestigiosa location del teatro Sociale di Como. Il Gruppo Autotorino, attraverso la sua Concessionaria Jeep di Tavernerio, ha rinnovato con entusiasmo il supporto al Concorso “Lario Danza”, consolidando un rapporto che lega l’azienda alla manifestazione in una collaborazione molto attiva e particolarmente stretta durante l’ultimo decennio.

NUovo lancio

DJ Albertino per il lancio di Nuovo Kia Sportage a Corsico Gruppo Autotorino su Quattroruote in edicola a febbraio porta, attraverso un’intervista al suo presidente Plinio Vanini, un parere sul panorama del settore dealer e come, a sua volta, il suo abbia saputo ottenere risultati in controtendenza lungo i mesi più difficili per il mercato.

eventi

Successo per gli AWD Day Subaru

Sabato 28 maggio la concessionaria Autotorino di Valmadrera ha ospitato l'evento AWD Days di Subaru. I consigli dei Driver Subaru e le doti tecniche delle vetture a trazione integrale Symmetrical AWD hanno spinto l'esperienza di guida a limiti inattesi. Folta la partecipazione di driver e di pubblico che hanno prova in prima persona le vetture.

92

IO_Autotorino_n.11.indd 92

Il debutto del Nuovo Kia Sportage a Corsico è stato accolto con grande entusiasmo dagli appassionati di motori. La concessionaria Autotorino Kia di Corsico ha saputo ricambiare con un’accoglienza che ha ulteriormente gratificato la grande e viva partecipazione all’evento andato in scena la sera di mercoledì 17 febbraio. Dopo il tramonto, un’atmosfera soffusa con macchie e giochi di luce ha accolto nei saloni della concessionaria di via Italia 19, i tanti partecipanti, per un effetto inaspettato da ritrovare in una concessionaria. Special guest della serata: DJ Albertino. Il suo arrivo ha scatenato l’entusiasmo dei partecipanti che si sono dedicati ad una lunga sessione di immancabili selfie ed autografi, senza distinzione di generazioni.

24-07-2016 10:29:19


SCI

Responsabilità Sociale

A Madesimo Freeride Festival con Autotorino e Subaru

Cancro Primo Aiuto

Da venerdì 18 marzo fino a domenica 20 Marzo 2016 Madesimo ha ospitato il Freeride Festival, riservato agli amanti del fuoripista. Autotorino e Subaru, accomunati dal loro spirito votato alla libertà di viaggiare verso la propria passione senza pensieri, hanno patrocinato l’evento con i modelli della gamma AWD Subaru in esposizione e test-drive.

Santiago in rosa 2016, da Tirano a Czestochowa in bicicletta per aiutare i malati di cancro. Dopo le mete di Roma e Assisi, la manifestazione ciclistica promossa da Cancro Primo Aiuto arriverà quest’anno in Polonia. Il via verrà dato il 25 settembre da un altro santuario, quello della Madonna di Tirano, il più importante della Valtellina, mentre l’arrivo a Czestochowa, dopo circa 1.450 km, è previsto il sabato successivo, 1 ottobre. L’obiettivo principale di questa sesta edizione è sostenere le raccolte fondi che Cancro Primo Aiuto sta portando avanti in alcuni ospedali della Lombardia (Niguarda a Milano, San Gerardo a Monza e Papa Giovanni XXIII a Bergamo) per acquistare degli acceleratori lineari per la cura radioterapica degli ammalati di tumore. Nella serata di presentazione della sesta edizione di “Santiago in rosa” il 14 giugno, la manifestazione ciclistica che permette a Cancro Primo Aiuto di raccogliere fondi per sostenere le sue iniziative, al direttore generale dell’Ospedale Sacco di Milano, Alessandro Visconti, sono state consegnate, da parte di Giulio Gallera, vice presidente onorario vicario di Cancro Primo Aiuto, le chiavi di un’auto che verrà utilizzata per l’assistenza domiciliare ai malati di cancro.

rassegna stampa

Come cambiano i concessionari? Inchiesta de Il Corriere della Sera Il mercato dell’auto è in ripresa mondiale. Le Case automobilistiche stanno così intensificando la spinta a proporre non solo nuovi modelli, ma anche nuove modalità di acquisto. Anche il mondo dei concessionari auto non rimane a guardare. Il Corriere della Sera del 25 gennaio ha analizzato i comportamenti e le evoluzioni del settore, con la testimonianza innovativa del Gruppo Autotorino.

Il sogno si è avverato: inaugurato l’acceleratore lineare di Sondrio. Taglio del nastro ad aprile per il nuovo acceleratore lineare dell’Ospedale di Sondrio. Il progetto lanciato da Cancro Primo Aiuto poco più di due anni fa è giunto a compimento. “Quello che per molti sembrava quasi un sogno impossibile – ha detto il presidente della Onlus, Plinio Vanini – oggi è diventato realtà perché tutti hanno lavorato per il suo raggiungimento”. La macchina sarà operativa dalla fine di aprile e molti ammalati di cancro della Valtellina potranno usufruirne per curarsi”. Oltre 35mila lecchesi hanno sostenuto la raccolta fondi per acquistare un acceleratore lineare per l’Ospedale di Lecco. A marzo la sensibilità dei cittadini lecchesi ha vinto ancora una volta. In oltre 35 mila, infatti, hanno risposto all’appello lanciato poco più di un anno fa dall’associazione Cancro Primo Aiuto per raccogliere i fondi per acquistare un acceleratore lineare per il reparto di Radioterapia, una macchina salvavita per gli ammalati di cancro. A marzo i vertici di Cancro Primo Aiuto, hanno consegnato al direttore generale dell’Ospedale di Lecco, Stefano Manfredi, un assegno di 250mila euro.

93

IO_Autotorino_n.11.indd 93

24-07-2016 10:29:23


S EC O N D O semestre 2016

NUMERO UNDICI

House Organ del Gruppo Autotorino S.p.A. Informazione automobilistica, eventi, life style e tempo libero

House Organ dell’Azienda La Fiorida Informazione, eventi, life style e tempo libero

NUMERO UNDICI S EC O N D O semestre 2016 Copertina.indd 1

24-07-2016 1:49:38


Copertina.indd 2

24-07-2016 1:49:47

Sommario

1 Agriturismo 2 2016 Evento Chic La Fiorida

Italian Chef

a La Fiorida

6 Giocare e divertirsi in cucina 8 La terra ci nutre 10 Le valli del Bitto Intervista a Franco aliberti

Gastronomia

Montagna

Country chic & flavoury Dove l’estremità settentrionale del Lago di Como incontra le Alpi Lombarde c’è un angolo di Valtellina completamente immerso nella tradizione e nei ritmi della natura. È l’azienda agrituristica La Fiorida, una dimensione di autenticità che affonda le radici nella terra dei campi, nei capi allevati nelle sue stalle, nei sapori delle produzioni del suo salumificio e del suo caseificio. Qui i giorni di vacanza passano nell’armonia di ore trascorse tra trekking e bike, coccolati al rientro dall’area benessere e dai suoi trattamenti, o dalle creazioni degli Chef Gianni Tarabini e Franco Aliberti nel ristorante La Présef, stella Michelin dal 2013, dove trova pieno compimento l’equilibrio tra creatività e migliori prodotti del territorio circostante. Country chic with all the flavours

House Organ dell'agriturismo La Fiorida Informazione, eventi, life style e tempo libero Numero Undici Secondo semestre 2016

www.lafiorida.com Tel. 0342 680846

Right where the northern tip of Lake Como meets the Lombardy Alps there’s a little corner of Valtellina which is totally immersed in both the tradition and the rhythmic cycle of nature itself. And it’s precisely here you’ll find the holiday farm Agriturismo La Fiorida, a haven which genuinely represents the very roots of the territory, with its cattle rearing, the full flavours of its cold meats and sausage production, and its wholesome dairy produce. And it’s here too that holidays offer up hours of gentle trekking and biking opportunities, combined with the pampering within the well-being centre with its range of health-inducing treatments, or indeed all the joys of the creative talents of chefs Gianni Tarabini e Franco Aliberti in La Presef restaurant, Michelin-starred since 2013, both masters in discovering an optimum balance between imagination and top quality locally-sourced ingredients.


IO_Autotorino_n.11.indd 104

24-07-2016 10:31:24

Agriturismo

La filosofia produttiva dell’Azienda Agricola è improntata al principio del benessere animale ed al rispetto dell’ambiente. Dall’allevamento delle vacche da latte vengono ricavati i prodotti caseari della tradizione valtellinese a denominazione di origine protetta e dai maiali i salumi di alta qualità. La trasformazione casearia, la macellazione e la lavorazione delle carni avviene direttamente in Azienda, ed in particolare la prima è osservabile direttamente dai visitatori grazie ad un ampio percorso a vista sul caseificio. La possibilità di riscoprire i sapori di un tempo con formaggi, salumi e specialità locali, ha permesso all’Azienda di affiancare all’attività produttiva la vendita diretta e degustazione dei propri prodotti nel tipico “Calech” di legno e nello spaccio vendita. Quest’ultimo, oltre all’esposizione dei prodotti, è caratterizzato da una “casera” di stagionatura dei formaggi a vista: un particolare che rievoca la tradizione valtellinese negli alpeggi.

Beauty farm & tempo libero La Fiorida garantisce un’occasione di svago per tutta la famiglia che può godere, in assoluta tranquillità, dei benefici di un centro benessere all’avanguardia con piscina, sala fitness, idromassaggio, bagno turco, vitarium, solarium, doccia aromatica, doccia emozionale, bagni di fieno, bagni di siero, bagni di latte e trattamenti estetici. Per le signore il nuovissimo trattamento al viso Intraceuticals Oxigen, trattamenti corpo per la cellulite e per il benessere, Bagni di Fieno, Bagni di Siero e di Latte. Non solo, La Fiorida è a cinque minuti di macchina da Morbegno e a dieci minuti da Colico, due graziose cittadine dove godersi shopping di qualità passeggiando in centri storici di rara bellezza.

L’alloggio A dare il benvenuto ai nostri ospiti ci sono 29 confortevoli camere per una calda accoglienza. Camere standard, living, junior suite, country chalet e family suite tutte rigorosamente in sasso e legno di larice.

I ristoranti All’interno dell’Azienda La Fiorida potrete scegliere tra due ristoranti. Il Ristorante La Présef - Stella Michelin è il punto più alto della ricerca gastronomica a filiera corta, che eleva ai vertici del gusto le produzioni dell’azienda. È chiuso la domenica ed il lunedì. Il Ristorante Quattro Stagioni propone invece un’interpretazione fantasiosa ed innovativa della cucina tradizionale valtellinese ed esalta le produzioni dell’agriturismo quali carni, formaggi, ortaggi e piccoli frutti. È sempre aperto. La mezza pensione o la pensione completa, nel caso in cui è prevista nel pacchetto acquistato, viene proposta nel ristorante Quattro Stagioni con un menù dedicato alla piccola carta, bevande escluse.

La fattoria Offre per i bimbi, ma anche per gli adulti, la possibilità di un contatto diretto con gli animali (mucche, maiali, asinelli e caprette), percorsi didattici e laboratori per i bambini, miniclub o babysitting. The holiday farm Agriturismo La Fiorida is situated in lower Valtellina at Mantello, in a particularly striking Alpine area. Farm philosophy is inherently founded on the concept of animal welfare and respect for the environment. Cattle rearing right here is dedicated to providing high quality dairy products of a typical, traditional Valtellina nature. La Fiorida itself presents leisure opportunities and relaxation for tourists and families who can enjoy all the benefits of a modern health and well-being complex. The centre boasts 29 comfortable room and a genuinely warm Valtellina welcome. It also plays host to the Michelin-starred restaurant La Presef, a veritable landmark in gastronomic excellence. For the youngsters the farm throws up a wide range of opportunities to see animals in their natural environment and learn all about dairy/cheese production.

1


2

2016 Evento Chic a La Fiorida IO_Autotorino_n.11.indd 103

24-07-2016 10:31:06


IO_Autotorino_n.11.indd 102

24-07-2016 10:30:55

LA FIORIDA

Italian Chef

Un 2016 chic e sostenibile che inizia da La Fiorida Centoquattro soci e 101 ristoranti, 93 dei quali in Italia, dalla Sicilia all’Alto Adige, e 8 all'Estero. 9 new entry nel 2016, per un totale di 50 stelle Michelin. Sono solo alcuni dei numeri di CHIC, Charming Italian Chef, che lo scorso marzo ha tenuto a La Fiorida il proprio Congresso Nazionale 2016.

3


IO_Autotorino_n.11.indd 101

24-07-2016 10:30:37

LA FIORIDA L’associazione Chic – Charming Italian Chef – è nata nel 2009 e riunisce alcuni tra i migliori esponenti della cucina creativa italiana. Non solo chef, ma anche pizzaioli gourmet, panificatori e gelatieri che hanno fatto del loro mestiere una vera e propria arte, attraverso lo studio e la ricerca continui sui metodi di lavorazione e cottura dei cibi, un'attenzione costante alla cura e alla soddisfazione del cliente, una sensibilità diffusa nei confronti delle tradizioni e delle esperienze delle cucine degli altri Paesi. Sempre all'insegna del rispetto e della valorizzazione delle materie prime e della grande tradizione culinaria italiana. Valori e idee che hanno trovato piena sintonia nell’ospitalità de La Fiorida, che in questo solco ha tracciato la propria storia e la propria proiezione nel futuro, come testimonia anche l’adesione del suo Chef Gianni Tarabini al sodalizio.Con il Congresso del 21 marzo 2016, e raccogliendo l’eredità lasciata da Expo 2015, l’associazione si appresta a iniziare un percorso di studio e di azione sul tema della sostenibilità ambientale. Si tratta di un pro-

4

Evento Chic

getto che riguarda l’intera filiera (produzione, acquisto, lavorazione, consumo energetico, scarto), che si pone l’obiettivo di portare alla ribalta i temi del rispetto delle risorse animali e vegetali del nostro pianeta, e che porterà nel corso del 2016 alla realizzazione di menu dedicati, nei ristoranti che vorranno aderire all’iniziativa. Il rispetto e la salvaguardia dell’ambiente e delle risorse, possono essere un modello di consumo consapevole da proporre al cliente del ristorante. Non si tratta, quindi, di un cambiamento radicale della filosofia di cucina proposta e nemmeno di un investimento economico: lo chef attento alla sostenibilità è colui il quale, continuando a interpretare con maestria la tradizione e il territorio, volge anche uno sguardo al futuro, condividendo la sua visione anche con i clienti. E a La Fiorida i soci ed i tanti giornalisti convenuti hanno avuto modo di valutare in prima persona già un caso consolidato pienamente rispondente a tali principi, la cui qualità è testimoniata innanzitutto da un pubblico sempre più numeroso ed entusiasta di ospiti.


IO_Autotorino_n.11.indd 100

24-07-2016 10:30:08

A CHIC AND SUSTAINABLE 2016 AT LA FIORIDA! A hundred and four members and 101 restaurants, 93 of which are in Italy; from Sicily to the South Tyrol and 8 situated abroad. 9 new entries this year, and a combined total of 50 Michelin stars. These represent just some of the impressive statistics of CHIC, Charming Italian Chef, which last March held its National Convention 2016 at La Fiorida. The association, founded in 2009, brings together some of the finest exponents of creative Italian cuisine, not just chefs, but also pizza gourmet, bakers and ice-cream makers who consider their work to be a genuine art form, and occupy themselves in ongoing research into methods of food preparation and cooking, paying constant attention to customer satisfaction, and with a comprehensive awareness of the values and practices of other countries’ culinary traditions. But naturally always alongside an appreciation of the impressive history of Italian cuisine. Values and creativity which have been fully absorbed within La Fiorida hospitality. A philosophy combining both the past and future projection epitomised succinctly by associate member chef Gianni Tarabini.

Following on from the 2016 Convention and still enjoying the fruits of Expo 2015, the association is in the process of initiating a course of study and action on environmental sustainability. It’s a project which will consider the entire industry (production, purchasing, processing, energy consumption, waste), which aims to bring to the fore themes of a respect for the animal and plant resources of the planet, and which will lead to the creation of very particular menus in restaurants who wish to participate. Respect for, and the protection of, the environment and resources can be a model for informed consumption. At the same time it does not involve a radical change in restaurant kitchen philosophy nor even further economic investment: chef keeps a beady eye on sustainability and uses his considerable creativity alongside local resources, whilst always looking and planning ahead, and sharing his vision with an appreciative clientele. Thus at La Fiorida, the members plus the many journalists in attendance were able to appreciate at first hand the full fruits of a generous interpretation of these principles, which is sure to be taken on board by an increasingly numerous and enthusiastic public.

5


IO_Autotorino_n.11.indd 99

24-07-2016 10:29:43

INTERViSTA

Franco Aliberti

Giocare e divertirsi in cucina La Fiorida scrive nuove pagine della sua storia rara, se non unica, sul panorama d'Italia e d'Europa, iniziata dal sogno di valorizzare ed attualizzare gli aspetti emozionali, di gusto e salute propri della tradizione agricola valtellinese, con l’arrivo di Franco Aliberti, uno degli Chef più giovani e promettenti del panorama italiano. Massimo Spigaroli, Alain Ducasse, Gualtiero Marchesi, Massimo Bottura e Massimiliano Alajmo sono solo alcuni nomi che hanno segnato la sua formazione ed ora il suo eclettico talento approda sul nostro fertile terreno, abbracciandone lo spirito per dare vita a nuovi frutti, come la nuova carta de La Preséf, la prima firmata a quattro mani dalla nuova ‘strana coppia’ dei nostri due Chef Tarabini ed Aliberti. Un nome ed un volto che molti riconosceranno grazie alle sue frequenti presenze televisive, come a “Detto Fatto” su Rai Due, e che cerchiamo di conoscere meglio attraverso queste nostre pagine. Come hai costruito la tua arte: dote innata o merito dell’applicazione? “Tutto nasce in una vocazione che viene dalla mamma. Vengo dal sud e dalla campagna, dove la convivialità a tavola è un rito importante: mia madre ha sempre cucinato tutto in casa, dalla pizza, al pane ai dolci. Mio fratello ed 6

io, sin da bimbi, l’assistevamo sempre e lei ci faceva giocare con gli ingredienti, sfidandoci a che riuscisse a fare il piatto più particolare e divertente. Ad esempio, io impastai una pizza a forma di sole. Questo approccio alla cucina mi ha lasciato un’impronta molto giocosa, ma anche sensibilità verso le materie prime, i prodotti di stagione, le loro qualità ed i ‘segreti contadini’ che li accompagnano. Tutte esperienze vissute da piccolo, che hanno formato un bagaglio che mi accompagnerà per sempre. Per questo sono rimasto quel bimbo in campagna con tanta voglia di giocare, divertirsi e scoprire”. Poi è venuto il tempo di dare forma e metodo agli approcci più istintivi. “A sedici anni mi sono trasferito a Salsomaggiore Terme. Erano i primi anni Duemila, la cucina non aveva ancora assunto un così rilevante peso mediatico e solo la pasticceria mi garantiva di poter dare libero sfogo alla creatività. Per due anni mi dedicai a questa specialità, quindi mi trasferii da Spigaroli dove ebbi modo di cominciare un lungo percorso formativo sulla cucina a tutto tondo, dando libero sfogo a curiosità e voglia di sperimentare, che mi ha portato a viaggiare sino in Francia, Korea, Svizzera, oltre che in Italia”.


IO_Autotorino_n.11.indd 98

24-07-2016 10:29:40

FRANCO ALIBERTI

At work and play in the kitchen La Fiorida is re-writing its own history or at least opening up new chapters, perhaps even in the bigger context of Italy and Europe, following the dream of promoting every particular and property of traditional Valtellina agriculture. Thanks in no small part of course to the arrival of chef Franco Aliberti, one of the youngest and most celebrated on the Italian scene. Massimo Spigaroli, Alain Ducasse, Gualtiero Marchesi, Massimo Bottura and Massimiliano Alajmo are just a few of the influential names who he counts on as mentors and we are now fortunate to have his burgeoning talent on our very own terrain. New ideas, a new menu for La Presef, the very first with the formidable signature of Chef Tarabini and Aliberti.

Un percorso che ti vede ora approdare a La Fiorida. Un ritorno alle radici contadine? “In un certo senso sì. È stato da questo punto di vista un istintivo ritrovarsi in un contesto a me familiare. Immediato ed istintivo come l’intesa che mi ha legato con Gianni Tarabini, quando lo conobbi nelle comuni frequentazioni dell’Osteria Francescana di Massimo Bottura, che ci presentò. Scoprimmo un piacevole ed efficace modo di lavorare insieme, aprendomi un mondo a me sconosciuto, quello dei prodotti tipici valtellinesi de La Fiorida, che mi ha subito conquistato. Iniziò così una sorta di relazione a distanza, con saltuarie collaborazioni comuni. Era il 2012 e, oggi, l’abbiamo coronata con la nuova Carta de La Preséf, firmata a quattro mani. Gualtiero Marchesi, uno dei tuoi maestri, ha chiesto agli Chef di tornare ad essere più in cucina che in televisione. Come vivi questo appello, tu che con frequenza appari sugli schermi? “È indubbio che la TV abbia modificato il nostro lavoro e la nostra esposizione. Ma facciamo attenzione a distinguere ciò che è show da quelle che sono le reali potenzialità positive. Io ho fatto una scelta, abbandonando i percorsi più teatrali, dove si prepara un copione e si è spinti a diventare personaggi, seguendoli. Sono rimasto invece me stesso per non seguire questa deriva. Il cuoco oggi ha un potere mediatico eccezionale; la mia è una battaglia per far passare messaggi di cultura culinaria ed alimentare, non la spettacolarizzazione della professione. Io mi rivolgo a casalinghe ed appassionati di cucina, proponendo idee per divertirsi, cucinare e alimentarsi bene. Ben venga se si potesse addirittura arrivare ad un format scientifico, per comprendere in profondità le scelte che stanno dietro ad ogni ricetta, gli abbinamenti tra ingredienti e quel che accade quando si ‘bolle in pentola’.”

A question to the chef regularly featured on TV over recent years. “Of your special art: natural talent or just plain hard work?” “It all began with my mother. I come from the rural south, where food enjoyment is a veritable ritual: mother cooked everything at home from pizza to dessert. My brother and I would watch and she would encourage us to play with ingredients. I might make a pizza in the shape of the sun and this sort of playful approach clearly left a mark, whilst it also made me aware of raw materials, seasonal produce, quality and the “rustic secrets” that form an integral part. Rural childhood experiences I would carry with me forever. Playing, discovering, enjoying it all”. Then time to put matters into practice. “At 16 I moved to Salsomaggiore Terme. It was the early 2000’s and the kitchen was still pretty much yet to be explored. Only the pastry sector gave me some creative opportunities so I hung around there for a couple of years after which I moved to Spigaroli where I had the chance to educate myself in the kitchen in a more rounded manner, giving free rein to creativity and experimentation. It meant travelling too, to France, Korea, Switzerland and all over Italy”. And now La Fiorida. Back to rural Italy? “In a way, yes. I suppose an instinctive return to familiar surroundings. There was an immediate understanding with Gianni Tarabini. We had a natural rapport at work and he opened up a whole new world to me. Typical La Fiorida Valtellinese products, which I immediately fell for. So began a sort of long-distance relationship with occasional collaborations. That was around 2012. And today we have the end result: our joint fingerprints on the new La Presef Menu!” It was one of his mentors, Gualtiero Marchesi, who implored that he get back in the kitchen rather than on TV. How did that go down? “There’s no question that TV has changed our work with all the exposure. But we are very careful to distinguish between essentially a “show” and genuine creative potential. I made a choice, abandoning scripts and the idea of becoming a personality. I remained faithful to myself. A chef today has enormous media pulling power; mine is more a battle to get across cultural culinary and food information, not to glamorise the profession. I’m talking to housewives and food lovers, proposing ways of having fun, cooking and eating well. There might even come a time when you can arrive at a scientific formula, to understand totally the choices behind every recipe, the perfect coupling between ingredient and “saucepan”. Imagine.”

7


IO_Autotorino_n.11.indd 97

24-07-2016 10:29:35

La terra ci nutre

Pane croccante alla spirulina

La terra ci nutre

560 g farina 00 275 g acqua 10 g lievito di birra 18 g malto 37 g olio extra vergine 56 g strutto 18 g sale 12 g spirulina in polvere

formaggio di Kefir 50 g di granuli di Kefir 500 g di latte fresco

Procedimento - far sciogliere il lievito nell’acqua - aggiungere la farina e il malto, lavorare 2 minuti - unire l’olio e lo strutto - infine il sale e la polvere di spirulina - lasciar riposare l’impasto in frigo - stendere la pasta a forma di un grissino e cuocere a 185 gradi per 10 minuti 8

Procedimento - mescolare i granuli con il latte, assicurandosi che il latte non sia troppo freddo - chiudere in un contenitore in vetro e lasciare in un luogo buio per almeno 12 ore - quando il latte inizierà ad addensarsi, filtrare con l’aiuto di un colino a maglia larga - conservare separatamente in frigorifero il latte filtrato ed i granuli - scolare la restante parte con l'aiuto di un tessuto, sospeso sopra a d una scodella così da non toccare il siero che si drenerà - al termine utilizziamo la parte cremosa che ne rimarrà sul tessuto


IO_Autotorino_n.11.indd 96

24-07-2016 10:29:33

Gastronomia Polvere di piselli

scarto della buccia dei piselli e della crema Procedimento - utilizzando ciò che resta sul setaccio - essicare a 50 gradi e frullare - conservare in un contenitore ermetico

Succo di pomodoro datterino 1300 g datterini rossi freschi

Procedimento - con l’aiuto dell’estrattore ottenerne del succo 1200 g succo 5 g olio extra 1 g sale 05 g Xantana - mescolare e lasciar idratare per un ora quindi mescolare nuovamente e filtrare

Mezza penna di zucchina fusto della zucchina

Procedimento - pulire il fusto eliminando la foglia - con l’iuto di un pela patate eliminare la parte coriacea del fusto - sbollentare in acqua acidulata per due minuti - raffreddare in acqua e ghiaccio - tagliare in modo che sembri una penna rigata - e conservare in frigo - condire nel momento del servizio

il verme spirulina 500 g succo di mela 4 g agar agar 5 g spirulina in polvere

Crema di piselli 1 kg piselli 600 g purea piselli 20 g olio extra vergine 3 g sale 1 g pepe in polvere Procedimento - sbollentare per due minuti i piselli in acqua leggermente acidulata e poi - raffreddare velocemente in acqua e ghiaccio - Sbucciarne una parte e conservarli in frigo - la restante frullare e aggiungere un pizzico di sale e pepe e olio, se risultasse troppo densa autarsi con poca acqua di cottura fredda - setacciare - mescolare tutti gli ingredienti e lasciar congelare - pacossare e utilizzare

Procedimento - unire a freddo tutti gli ingredienti - portare a bollore, e versare negli stampi a forma di verme - raffreddare in frigo, sformare e raffreddare Elementi per completare il piatto - acetosella Montaggio piatto - al centro formaggio di Kefir - succo di pomodoro datterino - crema di piselli sulla superficie del formaggio - piselli interi sopra la crema - sbriciolare il pane croccante alla spirulina su tutta la superficie in modo da coprire i colori - parte esterna adagiare una mezza penna di zucchina - il verme di spurulina che fuoriesce dalla mezza penna - spolverare con polvere di piselli 9


IO_Autotorino_n.11.indd 95

24-07-2016 10:29:28

Montagna

Gli alpeggi del Bitto Ciascuna delizia de La Fiorida racconta una storia. Quella del formaggio Bitto è millenaria, immutata nei riti e nei paesaggi che la rinnovano ogni estate, ma sempre diversa come le sfumature di gusto di ogni forma prodotta rigorosamente in alpeggio, prima di raggiungere la nostra casera a valle per la stagionatura, che può raggiungere anche i 12 anni. Cogliamo quindi l’occasione dei propizi giorni di luglio ed agosto per seguire le tracce dei malgari, custodi della tradizione secolare dell’allevamento e dell’arte casearia alpina valtellinese, ed ammirarne i gesti tramandati sino ad oggi da generazioni all’Alpe Olano, in Valgerola. Equipaggiamoci con calzature robuste ed abbigliamento da escursione (caldo, antivento e antipioggia) e lasciamo con l’automobile La Fiorida in direzione Morbegno, quindi seguiamo le indicazioni per la Valgerola. Qui, alla fine del paese di Rasura, si seguono le segnalazioni per Bar Bianco e Alpe Culino. Ad un bivio segnalato, svoltiamo a destra per Corte, Tagliate, Alpe Olano e Rifugio 10

della Corte, nei pressi del quale, al termine della strada asfaltata, potremo parcheggiare ed iniziare la nostra camminata. Poco prima del parcheggio v’è l’imbocco del sentiero segnalato dal segnavia numero 114, seguendo il quale ci inoltriamo nel bosco e raggiungiamo dopo poco una piana con delle baite, dove incrociamo diversi sentieri. Tralasciamo le indicazioni per le Zocche di Olano e i sentieri che in piano vanno verso destra, noi saliamo diritti per i prati fino alle Tagliate di Mezzo (quota 1.352 metri) e poi, deviando a destra, alle Tagliate di Sopra (quota 1.458 metri). A seconda della stagione e del periodo in cui ci rechiamo sul sentiero, qui potremmo già incontrare le mandrie al pascolo e, in mezzo a loro, i casari al lavoro presso il Calécc, lo spartano ed arcaico caseificio costruito in pietra e legno in cui viene effettuata a caldo la lavorazione del latte, da cui nasce il Bitto. Saliamo a sinistra delle baite e, passata una fontana, deviamo verso destra, rientrando nuovamente nel bosco.


IO_Autotorino_n.11.indd 94

24-07-2016 10:29:26

The Bitto Mountain Pastures Each and every La Fiorida delight tells a story. That of Bitto cheese is age-old, unadulterated in the rites and passages within the resurgent Alpine landscapes every summer, before finding itself in the valley’s dairies for a maturation of anything up to 12 years. Kit yourself out with some decent hiking boots and suitable clothing (warm, wind-and- waterproof) and head off in the car from La Fiorida in the direction of Morbegno then follow the signposts towards Valgerola. Take a right fork along the road for Corte, Tagliate, Alpe Olano and Rifugio della Corte. Park as the paved road ends and off we go on foot. We’re heading straight up through meadows as far as Tagliate di Mezzo (1,352m) and then move right to Tagliate di Sopra (1,458m). Depending on the season, when we’re following the path we might well encounter the herds at pasture, and the dairymen hard at work at Calécc, the austere and ancient dairy constructed in both stone and wood within which the still- warm milk is worked; thus begins the creation of Bitto. Onwards and upwards through the fields until we note some rather ramshackle mountain dwellings, where we cross over to the left and reach the top of Monte Olano (1,702m) An hour and a half’s walk, suitable for all ages, in order to enter the unique world of Bitto, and from now onwards seeing – and tasting – is believing!

THE BITTO VALLEY PACKAGES ACCOMMODATION FOR TWO PEOPLE AT THE HOLIDAY FARM Wholesome buffet-style breakfast with quality home-made farm produce Unlimited access to the “Pathway of the Senses” within the Wellbeing Centre: facilities include, swimming pool, jacuzzi, sauna, vitaurim, Turkish bath, aromatic and sensual showers, herbal tearoom, fitness area, external solarium terrace with lawn. Personal towelling robe Free and unlimited Wi – Fi Bicycles available to move gently along the cycle paths Half-day excursions to the upper pastures to follow the herdsman milking his goats and watch Bitto production Traditional lunch in the pastures PRICE: For two people starting at euro 295, 00

PACCHETTI VALLI DEL BITTO Un’esperienza unica da vivere a La Fiorida, all’insegna della tradizione valtellinese: dalla fattoria sino ai secolari riti degli alpeggi, le meraviglie dei paesaggi sottolineano il gusto inconfondibile del Re dei formaggi, il Bitto.

Ad un radura deviamo verso sinistra in direzione di una fontana e di una baita isolata poco più in alto. Qui potremmo già sentire i campanacci provenienti dal pascolo più alto in cui, a stagione già matura, si trasferiranno infine i casari della famiglia Milesi con i loro capi. Saliamo ancora per il prato fino nei pressi di alcune baite diroccate, dove attraversiamo a sinistra e, dopo esser passati a valle di altre baite, arriviamo alla cima del Monte Olano (quota 1.702 metri). Un’ora e mezza di cammino dal parcheggio, adatta a tutti, che farà comprendere appieno l’unicità di ogni assaggio di formaggio Bitto, che si arricchirà d’ora in poi non solo di sensazioni di gusto, ma anche visive: i sentieri ed i maggenghi attraversati ogni anno dalle transumanze, ai margini dei quali si possono incontrare marmotte e camosci, ed i panorami che spaziano dalla prospiciente Colmen di Dazio, sino al Gruppo del Disgrazia della Valmalenco a oriente ed al Lago di Como ad occidente.

PERNOTTAMENTO PER DUE PERSONE IN UNA CAMERA DELL'AGRITURISMO Ricca prima colazione a buffet con i buoni prodotti della Fattoria Accesso illimitato al Percorso dei Sensi del Centro Benessere: a vostra disposizione piscina, piscina idromassaggio, sauna, vitaurim, bagno turco, docce aromatiche ed emozionali, area tisane, sala fitness, solarium esterno su prato e paddock in legno. Accappatoio in camera Wi –Fi gratuito e illimitato Biciclette a disposizione per una pedalata sulla pista ciclabile

L’Esperienza Escursione di mezza giornata in alpeggio, seguendo il malgaro nella mungitura delle capre e la preparazione del formaggio Bitto. Pranzo in alpeggio con il malgaro Tariffa per due persone, a partire da euro 295. 11

Profile for Autotorino

Io Autotorino numero 11  

House Organ del Gruppo Autotorino S.p.A.

Io Autotorino numero 11  

House Organ del Gruppo Autotorino S.p.A.

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded