Page 1

EDIZIONI ARIMINUM Srl - Via Negroli 51/A - 20133 - Milano

La prima rivista di ottica e occhialeria

Marzo 2014

Speciale MidO

Speciale MIDO

Marzo

1

2014


Speciale MIDO

Speciale MIDO

1

Marzo

La prima rivista di ottica e occhialeria

Tendenze moda, industria, nuovi prodotti, marketing ed economia.

EDIZIONI ARIMINUM Srl - Via Negroli 51/A - 20133 - Milano

Marzo 2014

2014

Sommario Vedere Italia n. 1/2014 - Marzo Direttore responsabile: Isabella Morpurgo

4

Editoriale

6

FIERE

6 MIDO 10 OPTI 12 IOFT

14

OTTICA & OCCHIALERIA ITALIANA

22 Trends 28 Alla ribalta 34 Novità a MIDO 52 Non solo occhiali… 57

Gli ottici “fuori dal coro”

60 Aziende e Personaggi Il responsabile del trattamento dei dati raccolti in banche dati ad uso redazionale è il Direttore Responsabile Isabella Morpurgo a cui ci si può rivolgere per i diritti previsti dal D. Lgs. 196/03 Edizioni Ariminum S.r.l., Via Negroli 51/A, 20133 Milano Tel. +39-02730091 • Fax +39-02717346 welcome@vedere.it

In questo numero parliamo di ... 3weeks later 37 Adlens 60 Alain Mikli 28 Allan Rasmussen 50 Andrea Tellatin 31 Alberto Fusignani 60 Alessandra Nathan 61 Agnona 61 Andrea Crapanzano 37 ANFAO 14 Anna Maria Nicolini 55 Antonio Pistarà 57 Arrigo Cipriani 60 ASAL- Assoallestimenti 8 Astrid Galimberti 8 Assogiocattoli 16 Assottica 20 14 Assocalzaturifici Barbara Cocco 35 Barbie 41 Benjamin Kohler 34 Blackfin 60 Bollé 38 Bushnell Performance Optics Italy 38 Camera di Commercio Mi 8 Carrera 62 CDV Commissione Difesa Vista 16 Cébé 38 CECOP 54 Cirillo Marcolin 14 Convey 14 Coppe&Sid 36 37 David Grandelis Davide Brumana 35 Diamant 50 Dieter Dohr 10 Dolce & Gabbana Eyewear 44-61 Dora Demel 40 ECV 15 41 Elton John Emporio Armani Eyewear 44 Ermenegildo Zegna 61 Enrico Mantico 8 Epos 60 Eric Lefort 61 Ernesto Scotti 35 Essilor 16 49 Eté Lunettes Fabrizio Zeri 20 Federico Riva 37 FIAMP 14 Fondazione Fiera Milano 8 Francesco Giartosio 31 Francesco Pagliariccio 8 Franca Sozzani 41 Franco Sordelli 46 Gianluigi Tregnaghi 31 Giorgio Armani Eyewear 44 GlassUp 31 Google 28 Harry’s Bar 60 Henry Blomqvist 62 Hoya 55 45 Ic! berlin Innovega 31

34 INVU iOptik 31 Italia Independent 60 Instabeat 29 30 Intel Capital Jeanne Moreau 28 J.F.Rey 60 Key Optical Europe 49 Kiss&Kill 61 Lapo Elkan 60 Luisa Delgado 62 Luisa Redaelli 18 Marian Harkin 15 61 Marchon Eyewear Marc Newson 50 Marco De Davide 61 Marcolin 48-61 57 Maria Grazia Alampi Matinèe 37 40 Mark Mender Mathias Bothor 45 Max von Sydow 28 Maurizio Silvestri 62 Melissa Satta 61 Meet the Media Guru 8 Ministero dello Sviluppo Economico 14 Museo Egizio TO 31 Mondottica 60 Museo nazionale della Scienza 8 e della Tecnica Newtech 16 61 Nicola Zotta Nolostand 8 Oakley 30 47 OKO by OKO Paris Opti 60 57 Ottica Pistarà Oxydo 42 Pama Coloranti 53 Persol 61 60 Pierpaolo Ferrari ProDesign Denmark 50 Recon Instruments 30 Regione Lombardia 8 Rokivo Inc. 31 Rodenstock Italia 62 Safilens 52 Safilo Group 51-62 Salone Internazionale del Giocattolo 16 Sandra Bullock 61 Serengeti 38 42 Sigrid Calon Silhouette 40 Simona Fonelli 62 SOI 18 Solveig Dommartin 28 Stefano Livi 20 Swiss Eyewear Group 34 Technogym 29 44 Tiffany Eyewear Tina Maze 62 WEB Eyewear 48 Wim Wenders 28 Zeiss 62

3

Vedere Italia 2014

3


EDITORIALE

Isabella Morpurgo • isabellamorpurgo@vedere.it

Prevenzione, contraffazione, occhiali intelligenti e altri racconti 4

I

In alto, Claudio e Isabella Morpurgo a MIDO nel 1977 Qui sopra, la copertina del n° 1 di VEDERE nel 1953

Vedere Italia 2014

l bello del nostro lavoro di giornalisti di riviste specializzate, in quanto testimoni e curiosi indagatori di un settore specifico, è dover seguire argomenti molto diversi tra loro. Nel nostro caso, per parlare del settore dell’ottica e occhialeria, possiamo spaziare dalla moda alla tecnologia , passando dai problemi della visione alle tecniche di vendita delle collezioni per bambini, per poi cercare di capire come si sta sviluppando la stampa 3D o come stanno evolvendo le fiere del nostro comparto. Succede ancora di stupirsi come quando si viene a sapere che in Italia il 70% dei genitori non ritiene indispensabile sottoporre i propri figli ad una visita oculistica nonostante le numerose campagne divulgative messe in atto dalle varie associazioni o dalle singole aziende. E, parlando di prevenzione, veniamo a sapere da studi sociologici e comportamentali approfonditi, che non basta parlarne in modo univoco ma è indispensabile mettere in atto tecniche di informazione diverse se i nostri interlocutori sono uomini oppure donne. Le donne hanno infatti assimilato da tempo il concetto e lo mettono in atto sottoponendosi in alta percentuale ai vari controlli che la medicina ci offre. Gli uomini pare invece che siano più restii, la paura della


Speciale MIDO

O Speciale MID

patologia si tramuta in paura dell’esame preventivo, meglio non affrontare e non sapere. Con il risultato che in età più avanzata 1 l’intervento per curare diventa più costoso 2014 e rischioso con grandi aggravi anche della spesa sanitaria dei vari paesi. Scrivere di ottica e occhialeria vuol dire anche occuparsi di contraffazione e appurare quanto Internet ha aggravato il problema rendendolo ancor più difficile da controllare. Una nota affascinante ci arriva dalla tecnologia, resto sempre incantata davanti ad una stampante 3D al lavoro. Ma anche qui bisogna cercare di capire. Qual è la differenza tra una macchina che viene posta in vendita a poche centinaia di euro e quella che ne costa molte decine o centinaia di migliaia? Stanno giungendo sul mercato i primi modelli di occhiali realizzati con questa tecnologia, quindi non si può parlare più solo di un modo per migliorare e rendere più veloce la prototipazione. Ci sono anche i primi ottici che propongono modelli personalizzati. È una tecnologia ancora non molto sfruttata nel nostro settore, a parte ovviamente nelle grandi aziende, e sarà interessante vedere i futuri sviluppi che avvengono a velocità esponenziale. Il futuro è già qui invece con gli smart glasses, gli occhiali intelligenti, che ancor prima di essere diffusi hanno scatenato la guerra tra i vari produttori. Gli ottici saranno un canale di vendita per questo genere di prodotti? Per ora i saloni specializzati nell’ottica e occhialeria non hanno ancora dedicato spazio ad essi ma dovranno presto dar loro attenzione. I saloni, croce e delizia di noi giornalisti del settore. Chilometri percorsi alla ricerca della novità, dell’idea diversa, del personaggio interessante, dello spunto per interessare i nostri lettori. Mido, ad oggi la più importante manifestazione del nostro settore a livello mondiale, è alle porte. I padiglioni di Milano tra poco saranno nuovamente un brulicante punto d’incontro di migliaia di professionisti. La situazione economica nella maggior parte del mondo è ancora difficile, molti mercati, un tempo importanti clienti, sono purtroppo chiusi perché sconvolti da venti di guerra. I risultati del salone Opti in Germania lo scorso Gennaio ci hanno dato qualche speranza in più e, mentre scrivo, sta per aver luogo 100% Optical, il primo salone a Londra. Un’incognita che speriamo si riveli positiva. Dopo Milano tutti a New York per Vision Expo. Quando il quadro d’insieme della prima parte di questo 2014 sarà completo potremo osare un primo consuntivo. Incrociamo le dita e buon lavoro! - 20133 - Milano

- Via Negroli 51/A

UM Srl EDIZIONI ARIMIN

ta di ottica e La prima rivis

occhialeria

Marzo 2014

Marzo

Isabella Morpurgo

Vedere Italia 2014

5


Saloni & Fiere

Cosa ci riserva quest’anno MIDO M 6

ido 2014 durerà 3 giorni, da sabato 1 a lunedì 3 Marzo: tre giorni intensi, ricchi di novità e sorprese, garantite dalla creatività e dal genio dei designer e addetti ai lavori che continuano a ideare e progettare oggetti indispensabili. La 44a edizione della Mostra Internazionale di Ottica, Optometria ed Oftalmologia si svolgerà come sempre negli avveniristici padiglioni del nuovo Polo Fieristico di Rho - Pero, alle porte di Milano. Gli organizzatori segnalano che quest’anno vedremo alcuni importanti ritorni tra gli espositori tra i quali Rodenstock, Es-

Vedere Italia 2014

silor e Modo e importanti conferme tra i grandi player del settore. Le principali aziende hanno tutte confermato la loro presenza ed è soprattutto degno di nota il fatto che alcune di esse abbiano deciso di investire su Mido in modo significativo, aumentando il loro spazio o prevedendo aree espressamente dedicate al business. Ci sarà anche il debutto di ben 120 nuove realtà piccole e medie che hanno scelto Mido come piazza privilegiata per farsi conoscere e apprezzare dai buyer provenienti da tutto il mondo.


7 La registrazione online Da questa edizione di Mido i visitatori potranno registrarsi online e stampare direttamente il proprio badge di ingresso per entrare dagli ingressi Fastlane di Fieramilano. Tra tutti coloro che si saranno registrati online verrà estratto il vincitore di un iPad. Tutti i registrati online avranno poi diritto ad uno sconto dell’ordine del 30-40% sui biglietti Trenitalia con destinazione Milano, per viaggi aventi origine da tutte le città d’Italia. Il layout espositivo Un layout espositivo “ripensato” per agevolare e razionalizzare la visita con l’obiettivo di rendere la visita agli operatori del settore sempre più agevole. Collaborazione con l’Università Bocconi Un’altra novità riguarda la collaborazione di Mido con l’Università Bocconi. A seguito di una presentazione di Mido nel contesto del Master in Marketing e Comunicazione della Bocconi, sei studentesse hanno elaborato un progetto da attuare

in fiera, con lo scopo di porre l’accento e l’enfasi sull’esperienzialità del processo di acquisto e di consumo. Il Board di Mido ha apprezzato questa idea e ha deciso che fosse realizzata proprio da coloro che l’hanno proposta. Due grandi novità: premio BESTAND e MIDOUNVOLTO Tutti gli espositori in fiera quest’anno saranno coinvolti in una gara d’eccezione, il :Bestand Award, un’idea che nasce appunto dalla collaborazione tra Mido e l’Università Bocconi. L’esperienza di consumo è diventata un elemento di marketing molto importante e le aziende devono mirare sempre di più a diventare “fornitori” non solo di prodotti, ma anche di emozioni ed esperienze connesse al proprio brand. Da questa premessa è nata l’idea di creare una vera e propria competizione tra gli espositori all’interno della fiera. La partecipazione al concorso è automatica. Verrà premiata l’azienda che riuscirà ad allestire lo stand più attrattivo, originale e comunicativo. Ciascun visitatore, tramite MidoApp e il sito mobile, avrà la possibilità di esprimere la propria preferenza presso ogni padiglione. La gara prevede un unico vincitore finale: lo stand

Vedere Italia 2014


Saloni & Fiere

L’Exhibitionist Award a Mido come miglior allestimento fieristico italiano

8

Lo scorso Novembre, durante il BEA Expo Festival 2013, è stato conferito a MIDO il riconoscimento per il miglior allestimento fieristico italiano 2012. La kermesse - tenutasi al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica di Milano ed ideata da Fondazione Fiera Milano e Asal-Assoallestimenti in partnership con BEA Italia-Best Event Awards ed in collaborazione con Regione Lombardia, Camera di Commercio di Milano e Meet the Media Guru – aveva l’obiettivo di premiare la qualità, l’estetica e la funzionalità di allestimenti di eventi italiani ed europei, oltre a valorizzare la ricerca di nuove soluzioni. Mido si è aggiudicato il primo posto nella categoria Allestimento di Aree Speciali grazie al progetto e all’allestimento della Piazza del Fashion District all’interno del Padiglione 13 realizzato per l’edizione di Mido 2012. Il riconoscimento è stato ritirato da Astrid Galimberti, Direttore Generale di Mido, affiancata dall’Arch. Francesco Pagliariccio che ha curato il progetto e da Enrico Mantica, Amministratore Delegato di NoloStand, che si è occupato della realizzazione dell’allestimento in fiera.

che avrà ottenuto in assoluto il maggior numero di voti. La cerimonia di premiazione avrà luogo domenica 2 marzo alle ore 18.00 all’interno del Fashion District Pavilion. L’espositore più votato riceverà un premio d’eccezione: la possibilità di scegliere il proprio spazio espositivo a Mido 2015. Per la prima volta, inoltre, anche la città di Milano si colorerà di… Mido. L’evento Midounvolto animerà il centro cittadino, con l’intento di avvicinare i consumatori alla più importante kermesse mondiale dedicata al mondo dell’occhialeria. Un evento rivolto al grande pubblico, pensato per un target giovane, ma aperto a tutti coloro che amano gli occhiali. Una serie di “indizi” appariranno in città, accompagnati da alcuni happening reali e virtuali. I dettagli sono ancora top secret, ma sarà coinvolta tutta la città di Milano. Un treno per Mido Dopo il successo riscosso lo scorso anno, sarà ripetuto “Un Treno per Mido”, il servizio di trasporto gratuito dedicato agli ottici che avranno a loro completa disposizione un treno Frecciarossa. In partenza domenica 2 marzo da Roma, il treno speciale farà tappa a Firenze e a Bologna, per arrivare in poco più di 3 ore alla stazione di Rho-Fiera, direttamente all’interno del quartiere fieristico. La sera dello stesso giorno è previsto il rientro su Roma, con le stesse fermate. OUTOFMIDO Mido uscirà ancora una volta poi dai limiti logistici e temporali dell’esposizione a Fiera Milano perché Out of Mido farà il bis. Dopo il debutto dello scorso aprile, è stato nuovamente confermato per il 2014 l’appuntamento con il meglio dell’ eyewear design durante i Saloni del Mobile di Milano.

Vedere Italia 2014


Saloni & Fiere

Un Weekend per il settore dell’ottica anche nel 2015 In seguito al successo registrato dalle date di opti 2014 anche l’anno prossimo il salone tedesco sarà da venerdì a domenica

O 10

pti ha ben sfruttato la sua posizione nel calendario fieristico internazionale. “A Monaco, espositori e visitatori sono partiti davvero in pole position nel nuovo anno” ha affermato Dieter Dohr, presidente del consiglio di amministrazione del GHM Gesellschaft für Handwerksmessen mbH. Il salone, che ha luogo ogni anno in Gennaio, è l’inizio ideale per l’industria, che apprezza l’alta qualità, la gamma di prodotti in offerta, come pure l’atmosfera vivace ed emozionante della fiera. “Concentrato, compatto, efficiente e cordiale”, questo è come Dohr descrive opti. “A Monaco di Baviera espongono

Vedere Italia 2014

le aziende più all’avanguardia di tutti i comparti dell’industria ottica, dalle montature alle lenti e le lenti a contatto alle attrezzature tecniche, l’ipovisione, gli arredi e la progettazione dei negozi.” I successi degli anni passati e la gamma di prodotti hanno attirato l’attenzione e la curiosità di visitatori specializzati provenienti da ben oltre i confini della Germania e dell’Europa. Così, nel 2014, opti è stato in grado di aumentare sia il numero dei visitatori che la sua internazionalità. A Opti 2014 circa 500 espositori provenienti da 34 paesi hanno presentato i loro nuovi prodotti a più di 24.000 visitatori provenienti da più di 80 paesi. Allo stesso tempo, l’indagine effettuata dimostra ancora una volta la soddisfazione per la gamma dei prodotti esposti – il 94% dei visitatori ha giudicato opti da buona a molto buona. Anche l’organizzazione della fiera ha ricevuto il massimo dei voti. Inoltre, la ricerca di novità era una priorità per oltre il 90% dei visitatori - e hanno trovato quello che cercavano. Numerosi espositori hanno approfittato dell’inizio dell’anno per presentare le loro nuove collezioni e le innovazioni di prodotto nelle sezioni dedicate al design e alla tecnologia del salone. Per il direttore della fiera il numero di espositori e di visitatori è una netta dichiarazione a favore di opti e un chiaro voto positivo per la sua data proprio all’inizio dell’anno. Ancora una volta, il sabato è stato il


giorno più visitato, seguito dal venerdì, che ha visto anche un aumento del numero di visitatori. In seguito al successo di questa edizione, anche nel 2015 opti avrà quindi luogo nei padiglioni della Fiera di Monaco di Baviera da venerdì 9 a domenica 11 Gennaio. “Siamo contenti di essere giunti ad un accordo con la Fiera di Monaco”, ha aggiunto Dieter Dohr, “perché per mesi abbiamo discusso sulle date di opti 2015 visto che inizialmente i padiglioni dal C1 al C4 sembravano essere solo disponibili dal giovedì al sabato”. “L’elemento determinante per questa decisione non era solo il fatto che l’intero settore è trainato dal grande successo del salone ma anche il notevole grado di importanza che opti ha raggiunto a livello nazionale e internazionale”, ha spiegato Dohr, “per GHM, è sempre stato basilare ottenere la data più adatta per espositori e visitatori da un lato, e offrire la più vasta scelta possibile agli ottici dall’altro - e tutto ciò proprio all’inizio dell’anno”.

Vedere Italia 2014


Saloni & Fiere

IOFT a Tokyo

La piattaforma annuale ideale per incontrare i compratori giapponesi e asiatici

A

ncora una volta IOFT a Tokyo, lo scorso ottobre, è stato un appuntamento importante per l’incontro tra i brand e i buyer del settore ottico. Nonostante questi tempi difficili per l’industria il salone giapponese ha riunito 245 espositori provenienti da oltre 16 paesi e 13.801 visitatori da tutto il Giappone, l’Asia e il mondo. Gli espositori hanno effettuato vendite medie per JPY 19,18 milioni e un fatturato complessivo di 470 milioni JPY nel periodo di 3 giorni.

12

Le novità di IOFT 2014 La necessità di adattare le condizioni del mercato alle necessità degli espositori, in particolare quelli stranieri, diventa sempre più importante. L’economia giapponese sta vivendo una forte rinascita e il business sembra prendere una piega positiva. Con il nuovo governo la Borsa è in forte ascesa e i beni di lusso come i gioielli, gli orologi, le automobili d’importazione stanno avendo ottime vendite in Giappone. Combinando questo con gli effetti delle Olimpiadi di Tokyo nel 2020, gli organizzatori di IOFT ritengono che i prossimi anni saranno il momento ideale per i marchi del settore, in

Vedere Italia 2014

particolare quelli provenienti dall’estero, per aprire o ampliare le loro attività commerciali in Giappone. Per un business di successo IOFT ritiene basilare la comunicazione e una programmazione regolare. Il salone fornirà quindi un ampio supporto per mettere in contatto le aziende d’oltremare con i compratori giapponesi e asiatici. Verranno organizzati degli incontri con i migliori negozi di ottica giapponesi e asiatici, che verranno direttamente accompagnati negli stand. Anche l’atmosfera nella quale avvengono gli incontri d’affari è importantissima. Dopo gli orari di apertura del salone i padiglioni diventeranno un luogo dove socializzare. Ogni sera, dalle 18:00 alle 20:00, IOFT offrirà bevande e finger food agli stand degli espositori interessati ad utilizzare questo servizio. Le aziende potranno usufruire di questo servizio, che si aggiunge al Reception Party offerto ogni anno, per invitare i loro clienti speciali e gli eventuali acquirenti a conoscersi un po’ meglio in un ambiente amichevole. Come sempre IOFT promuoverà i prodotti esposti presso la stampa e i consumatori giapponesi. Il potere dei social media e la stampa è sempre più riconosciuto e ci sarà un ulteriore impegno per attirare i media a IOFT e incrementare le attività di social media. “Tide” è l’area espositiva a IOFT dedicate alle collezioni internazionali più d’avanguardia dove i compratori possono trovare le collezioni più recenti e di tendenza provenienti da Europa, America e altri paesi leader del settore. Per incrementare gli affari nella zona “tide”, IOFT 2014 fornirà ulteriori privilegi per le aziende interessate a esporre. Tra le altre iniziative, verrà allestita una zona dedicata dove gli espositori potranno ricevere buyer e giornalisti in un’atmosfera particolare, gli incontri organizzati da IOFT con i possibili compratori avranno condizioni particolari così come vi saranno proposte vantaggiose e servizi aggiuntivi per gli stand in quest’area.


Ottica & Occhialeria Italiana

La contraffazione online nei settori calzature e occhiali Lo studio di Assocalzaturifici e ANFAO con il Ministero dello Sviluppo Economico I

14

l Ministero dello Sviluppo Economico, Assocalzaturifici e AN-

del falso oscilla dai 190 e i 240 milioni di euro.

FAO, hanno presentato lo scorso Gennaio presso Unioncamere

È tra i 100 e i 150 milioni di euro di fatturato annuo, invece, la

a Roma, il primo studio articolato sul fenomeno della contraffa-

perdita stimata da ANFAO per le aziende italiane del settore e di

zione online per due tra i più importanti settori del Made-in-Italy:

oltre 500 posti di lavoro. Questo ovviamente senza considerare il

il calzaturiero e l’occhialeria.

danno all’erario in termini di IVA e tasse non riscosse.

Lo studio, finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico, Di-

“L’impegno di ANFAO nella lotta alla contraffazione nasce molti anni

rezione Generale per la Lotta alla Contraffazione – Ufficio Italiano

fa – afferma Cirillo Marcolin, Presidente ANFAO e Past President

Brevetti e Marchi, è stato curato da Convey (azienda specializzata

FIAMP – proprio perché siamo consapevoli dell’entità del pericolo.

nella protezione della proprietà intellettuale).

Inoltre, nel nostro settore tale fenomeno porta con sé effetti ben più

L’analisi ha preso in esame un campione di 54 marchi calzatu-

gravi di quelli puramente economici: il contraffattore diffonde sul

rieri, suddivisi per fasce prezzo e livello di diffusione sui mercati

mercato prodotti di scarso livello qualitativo e per i nostri prodotti

internazionali, e 57 brand di occhiali, clusterizzati per tipologia.

può voler dire danni anche gravi alla salute degli utilizzatori”.

Sono stati esaminati, in particolare, i valori e la frequenza delle

È necessario, quindi, poter contare su una normativa efficace con-

pagine web occupate dai marchi contraffatti e le modalità con

tro la contraffazione online, ridurre la forte visibilità dei siti inter-

cui queste pagine operano. I risultati sono stati poi suddivisi per

net e dei domini che effettuano violazione dei diritti di proprietà

motori di ricerca, ambienti B2B e B2C.

intellettuale, oscurarli e rimuovere in tempi rapidi i contenuti il-

Gli ambiti risultati più pericolosi, dopo l’analisi condotta su oltre 700

leciti, nonché riconoscere la corresponsabilità dei provider, degli

mila documenti catturati dalla Rete, trovano in prima posizione le

intermediari e dei fornitori dei servizi web.

grandi Piattaforme di commercio elettronico, in primis quelle della

Un elemento importante emerso dallo studio è la forte correlazio-

Cina/Far East (contraffazione al 73% nelle Calzature e 54% negli Oc-

ne che evidenzia la presenza di veri e propri network contraffattivi

chiali nel B2C), seguite dal “WEB1.0” (in contesto “neutro” 18,2%

trasversali ai marchi e ai prodotti stessi, che apre anche a livello di

nelle calzature e 21% negli occhiali) e infine i Social Network.

strategie di contrasto possibilità diverse dalla tutela della singola

La contraffazione rappresenta una minaccia per l’intero sistema eco-

azienda o del singolo brand.

nomico e produttivo italiano, intacca direttamente la competitività

L’obiettivo finale dello studio è anche fornire agli attori coinvolti

del sistema Paese nel suo complesso e l’immagine stessa del Made-

alcune possibili linee di politica industriale applicabili a tutti i com-

in-Italy nel mondo. Il fenomeno determina la perdita di quote di mer-

parti del manifatturiero italiano caratterizzati da dinamiche simili.

cato dell’industria nazionale, nonché la perdita di posti di lavoro e

È importante diffondere la conoscenza della peculiarità dei feno-

si è acutizzato con la crisi e con la diffusione massiccia di internet,

meni contraffattivi in Internet, incentivare il supporto di compor-

che rende più appetibili i prodotti contraffatti perché meno costosi.

tamenti innovativi nella lotta alla contraffazione dei marchi da

I due comparti oggetto dello studio sono tra i settori maggior-

parte delle imprese, soprattutto in forma aggregata e, infine, effet-

mente colpiti dalla contraffazione.

tuare azioni dirette e dimostrative del MiSE per la tutela pro-attiva

Secondo le stime di Assocalzaturifici, il fatturato perso a causa

dei marchi in alcune situazioni di valenza nazionale.

Vedere Italia 2014


Una iniziativa a sostegno dei diritti degli ipovedenti Il Parlamento Europeo invitato a dare priorità alla salute oculare e visiva

N

ei primi giorni di Febbraio 2014 la Coalizione Europea per la

tirebbe un notevole risparmio in termini di spese sanitarie negli Stati

Visione (ECV) e il suo manifesto per le elezioni europee sono

Membri dell’Unione europea. Inoltre, una migliore salute visiva e

stati presentati al Parlamento Europeo a Strasburgo. Il manifesto, il-

oculare non solo aumenterebbe notevolmente la qualità della vita

lustrato nel corso di un evento organizzato dall’Europarlamentare

delle persone colpite da questi problemi, ma garantirebbe anche una

Marian Harkin, invita il Parlamento europeo a usare i suoi ampi po-

maggiore produttività in tutti i settori.

teri per migliorare la vita delle persone colpite da ipovisione o che

L’obiettivo è quello di contrastare le sfide sempre maggiori legate

rischiano di perdere la vista.

all’ipovisione sia per i singoli, sia per la società in tutta Europa. Per tra-

L’Europa sta affrontando un’epidemia invisibile. Si contano 25 mil-

durre in realtà questo impegno politico, il manifesto politico dell’ECV

ioni di europei che soffrono di grave disabilità visiva, compresi 2,7

invita il Parlamento europeo ad adottare una risoluzione opportuna.

milioni di ciechi. Poiché si stima che due terzi di questi casi potreb-

«Sia l’incremento attuale dei casi di diabete, sia il rialzo dell’età me-

bero essere trattati o prevenuti, il cospicuo onere a carico dei singo-

dia rischiano di causare un aumento del numero di persone affette

li individui, delle loro famiglie, degli Stati Membri e dell’Unione eu-

da ipovisione e cecità evitabili. È assolutamente necessario colmare

ropea nel suo insieme potrebbe essere diminuito adottando i prov-

le lacune nelle cure oculistiche in Europa e promuovere i diritti dei

vedimenti necessari.

ciechi e degli ipovedenti, in modo tale da garantire loro pari oppor-

Un numero minore di persone affette da ipovisione o cecità consen-

tunità in tutta Europa», sostiene l’Europarlamentare Marian Harkin.


Ottica & Occhialeria Italiana

Effettuati 600 controlli della vista con risultati allarmanti G

16

rande successo dell’iniziativa di Commissione Difesa Vista

Dallo screening effettuato con Plusoptics (auto refrattometro studiato

che prevedeva controlli gratuiti per adulti e bambini all’in-

apposta per bambini) è emerso che ben 26 bambini erano affetti da

terno di G! Come Giocare” – la manifestazione fieristica dedicata

ipermetropia, 44 da astigmatismo e 12 da miopia. Tutte le patologie

ai bambini e alle loro famiglie, organizzata da Assogiocattoli e

risultavano non diagnosticate (ovvero i genitori non ne erano al cor-

Salone Internazionale del Giocattolo nei padiglioni di Fieramila-

rente), perché i bambini non si erano mai sottoposti ad alcun con-

nocity. Un contesto importante, dedicato alle famiglie dove l’o-

trollo. Inoltre a 82 bambini è stato suggerito di effettuare una visita

biettivo principale è proprio quello di diffondere una cultura della

oculistica approfondita, dato che sono stati riscontrati difetti refrattivi

prevenzione tra i genitori, soprattutto verso i propri figli. Purtrop-

(più o meno gravi) nel 27% dei casi. Infine una decina di bambini

po ancora oggi il 70% dei genitori italiani non ritiene indispensa-

ha dichiarato di soffrire spesso di cefalee e un numero simile assume

bile una visita oculistica per i propri figli.

una errata postura che può derivare anche da un difetto visivo.

Durante i 3 giorni della manifestazione 3 oculisti (2 della Clinica

Dai controlli ortottici è emerso che circa il 50% dei bambini non

oculistica del San Raffaele e 1 della Clinica oculistica di Varese) e

ha mai fatto una visita oculistica o ortottica prima di questa oc-

4 ortottisti hanno avuto modo di visitare circa 300 bambini di età

casione. Inoltre 41 bambini (il 13% del campione) sono risultati

compresa tra i 10 mesi (il più piccolo) e i 14 anni (il più grande).

affetti da lieve exoforia (ovvero convergenza difficoltosa degli assi visivi), difficoltà di convergenza e stereopsi (mancanza di visione della profondità). Tra i difetti più gravi emersi dai test, si segnalano due casi di ampia exoforia e uno di deficit muscolare e diplopia (visione doppia). Da sottolineare come un senso stereoscopico ridotto potrebbe essere un campanello d’allarme a partire dal quale è necessario fare indagini più accurate. Il bambino strabico (convergenza difficoltosa degli assi visivi) molto probabilmente è ambliopie (ambliopia, nota anche come “occhio pigro”), per questo i bambini affetti da questo disturbo devono sottoporsi a una visita oculistica approfondita per verificare il rischio ambliopia. L’iniziativa di G! Come giocare si inserisce in un progetto più ampio di CDV di una diffusione capillare della cultura della visione, insieme al progetto I Mesi della Vista, un programma di screening gratuiti che – da ottobre a marzo – tocca una decina di città italiane. L’iniziativa di CDV a G! Come Giocare è stata resa possibile dal supporto di Essilor che ha messo a disposizione degli ottici i suoi strumenti professionali più sofisticati, Newtech che ha fornito la strumentazione per gli oculisti e di Mido, main sponsor e partner di tutte le iniziative CDV.

Vedere Italia 2014


Ottica & Occhialeria Italiana

Il nuovo progetto formativo 2014 SOPTI Numerosi interessanti workshop tra i quali l’approfondimento sullo sviluppo delle abilità comunicative

I

18

l nuovo progetto formativo per il 2014 della Società Optometrica Italiana consiste prevalentemente in “workshop” che si terranno in tutta Italia per offrire agli associati e agli operatori in generale un sistema di aggiornamento professionale sicuro, mirato ed efficace. Non saranno classici “corsi frontali” ma invece intense “esperienze di confronto” dove i partecipanti potranno rapportarsi in piccoli gruppi per discutere costruttivamente ed applicare le tematiche e le procedure proposte dai relatori. Per SOPTI offrire ai propri soci e a tutti gli interessati un aggiornamento professionale continuo di qualità oltre ad essere un obiettivo statutario, rappresenta il motore trainante dell’associazione e l’unica strada per l’accrescimento concreto della professione optometrica. Gli incontri saranno tenuti da relatori qualificati e toccheranno argomentazioni cliniche del campo optometrico, delle lenti a contatto, della semeiotica strumentale e della comunicazione. Ai soci SOPTI sono riservate tariffe particolarmente agevolate. Alcuni incontri sono a numero chiuso e sono riservati al massimo a 10/15 persone in ordine d’iscrizione. Al momento di andare in stampa con questo numero della rivista alcuni corsi avranno già avuto luogo, pubblichiamo quindi solo quelli segnalati da Marzo 2014 in poi: MANTOVA, LUNEDI 10 MARZO 2014 Rilevazione, registrazione e corretta valutazione dell’acuità visiva e della sensibilità al contrasto nella pratica clinica optometrica (Silvio Maffioletti) ROMA, DOMENICA 16 MARZO 2014 Lampada a fessura. Teoria e pratica. (Stefano Lorè) FERRARA, DOMENICA 23 MARZO 2014 La quadratura del cilindro: Consigli per un’applicazione d’eccellenza nei casi di astigmatismo (Alberto Recchioni, Gonzalo Carracedo, Paolo Soragni) IMOLA, LUNEDI 24 MARZO 2014 Lettura e scrittura scientifica: come interpretare un articolo e come rilevare e gestire dei dati clinici. (Cristina Canova) VERONA, LUNEDI 24 MARZO 2014 Riconoscere e gestire clinicamente e legalmente le urgenze in contattologia. Vademecum pratico clinico-legale (Pietro Gheller)

Vedere Italia 2014

VERONA, LUNEDI 31 MARZO 2014 Topografia corneale: aspetti di base per un utilizzo pratico ed efficace. (Mirko Chinellato, Paolo Facchin) VERONA, DOMENICA 6 APRILE 2014 Lenti a contatto e presbiopia: una nuova era per la correzione della presbiopia con lenti a contatto (Marcella Marcianò) In Maggio – Luogo e data non ancora comunicati: Cosa e come sto comunicando? Lo sviluppo delle abilità comunicative (Luisa Redaelli) Studiare e apprendere contenuti, nozioni, conoscenze scientifiche e tecniche è importante. Importante è anche la capacità di trasmettere in modo efficace le competenze acquisite e costruire relazioni interpersonali attive. Comunicare non è solo un atto istintivo, è una sensibilità da sviluppare, una concentrazione da maturare, una competenza da acquisire, un’abilità da perfezionare. Comunicare, dal latino ‘communicare’, derivato ‘communis’ (comune) significa trasmettere, diffondere, propagare. L’arte della comunicazione è un processo che vede coinvolti almeno due attori che si scambiano informazioni. Sembra tutto alquanto naturale, ma quante volte nascono malintesi per una parola mal detta o mal recepita? Quante volte una comunicazione non raggiunge l’obiettivo sperato? Come tutte le arti, anche quella della comunicazione e della relazione interpersonale richiede un percorso formativo avari livelli. Nel primo incontro si prevedono due momenti di analisi, per rendersi conto di quanto e come il proprio approccio comunicativo sia effettivamente capace di generare relazioni autentiche o invece dimentichi delle esigenze altrui o delle proprie necessità: la consapevolezza di come siamo abituati ad agire: le consuetudini comunicative e i “tic” relazionali; l’osservazione di alcune “tecniche del mestiere”. Durante il workshop si proporranno esercizi e sperimentazioni dirette, applicate alla pratica professionale quotidiana del centro di ottica, per sviluppare la sensibilità ad una comunicazione autentica, esplorata attraverso la dimensione emotiva e psicologica dell’essere umano in relazione con l’altro, non secondo gli aspetti tecnici e manualistici.


Ottica & Occhialeria Italiana

“Lenti a contatto: qui si… informa” Presentati i risultati della ricerca al 10° Convegno Assottica

U

20

na persona con un vizio refrattivo decide di utilizzare lenti a contatto (LaC) sulla base di motivazioni personali e di convinzioni, reali o presunte, relative ai benefici e alle barriere che le LaC possono presentare. Il contattologo è parte integrante di questo processo decisionale e può stimolare attivamente l’applicazione delle LaC nell’ametrope (comportamento proattivo) o semplicemente rispondere a una sua richiesta specifica (comportamento reattivo). Qualunque sia l’approccio del contattologo, la relazione con il potenziale portatore sarà caratterizzata dal fatto che il contattologo fornirà una serie di informazioni, sia sui benefici delle LaC che su come affrontare eventuali loro problematiche. Presentati al 10° Convegno Assottica, tenutosi a Roma il 10 e 11 novembre 2013, ecco i risultati dell’indagine “Lenti a contatto: qui si… informa”, rilevati con il questionario specificatamente rivolto ai contattologi, elaborati da Fabrizio Zeri (contattologo e professore a contratto in Ottica e Optometria presso l’Università Roma TRE) e da Stefano Livi (ricercatore presso il Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione dell’Università La Sapienza). Obiettivo Valutare come il contattologo informa il potenziale portatore di LaC in una fase preliminare all’applicazione. Metodo È stata effettuata un’inchiesta campionaria tramite questionario distribuito ai centri ottici aderenti alla campagna educazionale “Lenti a contatto: qui si… informa”. Il questionario ha indagato 4 aree principali: • Variabili Demografiche (sesso, età, provenienza) • Variabili Professionali (anni di attività) • Benefici • Barriere Risultati Il campione Dai centri ottici sono stati raccolti 188 questionari. Variabili Demografiche Il campione dei contattologi risulta essere composto prevalentemente da uomini, pari al 68% degli aderenti. L’età media è risultata di 44,4±9,4 anni. La partecipazione è stata del 22,3% dalle regioni del Nord Ovest, del 22,8% dal Nord Est, del 20,7% dal Centro e del 34,2% da Sud e Isole. Benefici È stato chiesto quali sono i benefici di cui i contattologi parlano più diffusamente con il potenziale portatore. L’89% parla di “Visione ottimale”, l’86% dell’”Uso specifico in

Vedere Italia 2014

determinate occasioni quali sport e lavoro” e il 75% del loro “Comfort”. Solo il 42% parla molto+moltissimo di “Estetica”, il 41% di “Porto per tutta la giornata”, il 37% del “Disagio rappresentato dall’occhiale correttivo”, il 7% dell’”influenza del difetto visivo nelle relazioni interpersonali”. Barriere Ai contattologi è stato chiesto quale aspetto affronta maggiormente per cercare di rimuovere eventuali resistenze verso le LaC. L’88% parla molto+moltissimo di “LaC specifiche per il difetto visivo” e l’80% dell’”Impegno necessario nella loro gestione quotidiana” (il 31% parla anche della “Possibilità che il potenziale portatore non sappia gestirle”). Il 68% discute dei “Possibili danni oculari” e il 50% specificatamente della “Possibilità che possano creare danni irrimediabili”. Più basse le percentuali relative alla “Possibilità che gli occhi siano troppo sensibili o delicati” e alle “Occasioni nelle quali le LaC potrebbero essere percepite come ostacolo” (rispettivamente del 31% e del 30%). Conclusioni Il campione dei contattologi italiani intervistati dichiara di informare in maniera equilibrata sui potenziali benefici delle LaC e di rimuovere le potenziali barriere percepite. La fiducia nel contattologo è correlata al fatto che non venga toccata la sfera personale; aumenta se non parla dell’influenza del difetto visivo nelle relazioni interpersonali e della possibilità che le LaC migliorino l’aspetto estetico. Esistono comunque differenze legate al genere (il contattologo donna trasmette maggiori informazioni), all’età (più aumenta l’esperienza professionale più si parla di rimozione delle barriere), al livello di pratica contattologica (chi ha una percentuale alta di portatori parla maggiormente dei benefici), alla proattività (un approccio proattivo porta maggiormente a parlare di benefici).


Trends

Allegria

Burberry coll Trench

ERMENEGILDO ZEGNA

Area98 Kaos

Face a Face coll Bocca sexy

Voglia di leggerezza anche nell’animo LANVIN

22

Allegria nel gioco di forme, materiali e decori

Kenzo

JUST CAVALLI Opposit by Allison

OGI SERAPHINE Area98 La Matta

VOGUE EYEWEAR

STING

Vedere Italia 2014

X IDE

Il colore per aiutare corpo e psiche a ritrovare il loro naturale equilibrio


Senza Tempo Difficile sbagliare con forme, colori o brand che fanno parte del nostro vissuto e, a volte, anche di quello delle generazioni che ci hanno preceduto

BLUMARINE

DSQUARED2 EYEWEAR

LOZZA

GIVENCHY

POLICE

RAY-BAN

PERSOL

TOM FORD

MONTBLANC

Chiamiamolo pure vintage, classico o revival, in realtà è uno stile che ci rassicura perché sappiamo che non è mai sbagliato Vedere Italia 2014

23


Trends

So Chic

Burberry Trench

Diesel Balmain

Forme ricercate e particolari, pellami pregiati, decorazioni esclusive, marchi storici, tutto concorre a creare modelli dall’allure suadente e affascinante

24

Furla

Op po sit

Giorgio Armani

iel Sonia Ryk

Swarovski

Tod’s

Vedere Italia 2014

Tonalità morbide o linee più aggressive ma sempre con l’eleganza come comune denominatore


Trends

Tech

Greater than Infinity

Timberland

Design essenziale, strutture architettoniche, materiali tecnologici e leggeri come il titanio o antichi come il legno ma piegati alle necessitĂ moderne.

Kenzo Costume National by JPlus

26 Parola d’ordine: minimalismo supportato da flessibilità e leggerezza Glorify

Modo

Ricerca e sperimentazione si sposano in modelli pensati per le future metropoli Vedere Italia 2014

Woodone

Oakley


Alla Ribalta Parola chiave: Wearable Technology Dopo gli smart watch, è iniziata la competizione mondiale e una corsa contro il tempo per presentare gli smart glasses, gli occhiali intelligenti. Con una sfida hi-tech tutta italiana… by Alessandra Albarello

N 28

el film “Fino alla fine del mondo” di Wim Wenders del 1991, un autostoppista registra delle immagini da trasmettere alla madre non vedente (Jeanne Moreau), attraverso uno speciale dispositivo che si rivela poi capace anche di registrare i sogni. In realtà quegli occhiali telecamera, indossati da Max von Sydow, Solveig Dommartin e Jeanne More-

Il Tapis Roulant di Technogym con Google Glass (photo courtesy Technogym)

Google Glass (photo courtesy Google)

au, furono richiesti da Wim Wenders ad Alain Mikli appositamente per quel film. Poco tempo dopo furono commercializzati, esordendo perfino sulle passerelle della moda. Fu uno dei primi esperimenti di wearable technology e Wim Wenders e Alain Mikli dimostrarono così di essere lungimiranti e decisamente all’avanguardia, in tempi ancora non sospetti. Quell’invenzione, che il regista tedesco ambientava in uno scenario fantascientifico e in un ipotetico futuro (pensate che era solo il 1999…) si è trasformata ora in un’importante realtà che attira continuamente nuovi flussi di energia e di investimenti. Una rivoluzione partita naturalmente dall’America, con Google che ha lanciato per prima i suoi Google Glass, trasfor-

Vedere Italia 2014


Recon Jet by Recon Instruments

mati recentemente in accessori quotidiani. L’azienda ha infatti appena proposto anche quattro veri e propri modelli di montature, ai quali applicare il suo dispositivo per consentire di ricevere e visualizzare una miriade di informazioni, grazie a un semplice one-touch sull’astina e a una richiesta vocale. È stato chiaro fin da subito che uno degli ambiti privilegiati di utilizzo di questi occhiali potevano essere lo sport e il fitness, soprattutto per un’evidente questione pratica: permettono di avere le mani libere… Ed è proprio Technogym, azienda-simbolo dell’eccellenza italiana in questo settore, a proporre un tapis roulant

con cui si può interagire avvalendosi dei Google Glass. Grazie all’innovativa tecnologia di UNITY, la nuova consolle di Technogym, è possibile infatti accedere a tutti i programmi e funzioni della macchina, utilizzando solo il comando vocale e ricevendo sui Goggle Glass i feedback relativi al proprio allenamento personalizzato. Alla sua prima apparizione, avvenuta a gennaio alla fiera ISPO, il Tapis Roulant con Google Glass di Technogym ha ricevuto il premio “ISPO Product of the Year 2014”. Ideali per lo sport Rimanendo sempre in tema sportivo, anche nelle piscine è in atto una piccola rivoluzione che si chiama Instabeat, un dispositivo “intelligente” da applicare ai normali occhialini, ideato in Libano dalla campionessa di nuoto Hind Hobeika. Si tratta di uno strumento leggerissimo (pesa solo 30 gr) che attraverso

Google Glass (photo courtesy Google)

Vedere Italia 2014

29


Alla Ribalta Rendering dei GlassUp

30

dei sensori registra una serie di parametri (battito cardiaco, respiro, calorie, vasche effettuate), segnalando in tempo reale con colori differenti di luce il livello di allenamento cui si è arrivati. Tutte queste informazioni possono essere poi scaricate via USB sul computer ed essere quindi analizzate e confrontate con i risultati precedenti, migliorando così le proprie performance. Costa $ 149 e può essere inviato in qualsiasi parte del mondo. Lo sport rappresenta quindi il luogo ideale perché particolarmente recettivo, dove testare e introdurre nuove abitudini, veicolate attraverso occhiali intelligenti. Come i Recon Jet, prodotti

Instabeat (photo courtesy Instabeat)

Vedere Italia 2014

dall’azienda canadese Recon Instruments e ideali per tutti gli sport, soprattutto quelli estremi. Pur avendo per il momento una vocazione solo sportiva, i Recon Jet non sono esclusi da una competizione sempre più accanita anche dal punto di vista estetico. Ne è una prova il recente restyling e la scelta di Intel Capital di investire nella ricerca di una tecnologia sempre più evoluta e “invisibile” che renda i Recon Jet imbattibili. Pesano solo 60 gr. e sono disponibili esclusivamente sul sito dell’azienda al prezzo di $ 599. Da anni continua un suo percorso coerente nell’ambito sportivo anche Oakley, che per prima ha integrato una tecnologia avanzata negli occhiali e nelle maschere. Tra le sue ultime innovazioni Airwave™, un visore a sovrimpressione incorporato che integra GPS, Bluetooth, permettendo anche di connettersi a Facebook, accedere alle proprie Playlist musicali


Instabeat (photo courtesy Instabeat)

ecc. Insomma una vera e propria consolle a portata di sguardo… La sfida italiana Ma la novità assoluta arriva proprio dall’Italia, che per la prima volta si cimenta in una competizione mondiale con i colossi hi-tech: GlassUp è infatti il primo progetto di smart glasses 100% made in Italy, nato dall’intuizione e dalla caparbia del CEO Francesco Giartosio che è riuscito a coinvolgere in questa avventura anche Gianluigi Tregnaghi e Andrea Tellatin. Bisognerà però aspettare ancora un po’ per vederli perché la commercializzazione è prevista per fine estate 2014 e il prezInstabeat (photo courtesy Instabeat) zo sarà di € 299 al pubblico. La particolare ricerca estetica che c’è dietro a questi occhiali è emblematica di una nuova tendenza zano il linguaggio dei segni. C’è quindi un grande verso un utilizzo più diffuso e quotidiano degli smart fermento e si sa per certo che molte altre aziende glasses, pronti a sostituirsi tranquillamente anche alle come Samsung si stanno organizzando anche con montature da vista e agli occhiali da sole. Le appli- alleanze strategiche per lanciare velocemente sul cazioni sono infinite e la particolarità dei GlassUp è mercato i loro smart glasses, accessorio che diventeche le immagini vengono riflesse direttamente sulla rà a breve un must have, dopo il successo degli smart lente destra che rimane quindi trasparente, permet- watch. Avere una supervista è comunque una tentendo di vederle senza distogliere lo sguardo da un tazione alla quale non ha saputo resistere neppure il eventuale interlocutore o dalla scena che si sta osser- settore delle lenti a contatto. In particolare, si sono vando. Particolare anche il metodo scelto per reperi- contraddistinte le iOptik di Innovega, ancora in via re i fondi necessari alla finalizzazione del progetto: di definizione, che hanno qualcosa di davvero fanla presentazione su Indiegogo, sito internazionale di tascientifico. Potenziano le capacità visive, offrendo crowfunding, attraverso il quale GlassUp ha raggiun- anche la possibilità, se si vuole, di interfacciarsi con to quasi il totale della cifra richiesta. In un mondo un occhialino apposito per vivere appieno l’esperienin cui la comunicazione si trasforma velocemente, za multimediale degli smart glasses. Google invece modificando alfabeti e linguaggi che si diffondono esplora un altro campo di applicazione interessante: rapidamente in diversi contesti sostituendo quelli la medicina. Sta infatti studiando la possibilità di reprecedenti, gli smart glasses trovano un’interessante alizzare delle lenti a contatto in grado di leggere i applicazione anche nei musei, dove l’augmented re- livelli di glucosio presenti nelle lacrime. Insomma la ality è ormai una realtà. Al Museo Egizio di Torino, ad sfida è aperta, tanto che il Crédit Suisse ha previsto esempio, è in atto un progetto sviluppato in collabo- che nei prossimi 3-5 anni il mercato della wearable razione con Rokivo Inc. (start-up di italiani con sede technology raggiungerà una cifra di ben 50 miliardi a New York) che permette ai non udenti di visitare il di dollari USA. La realtà ha superato di gran lunga la museo avvalendosi dei Google Glass4Lis che utiliz- fantasia.

Vedere Italia 2014

31


Novità a MIDO Swiss Eyewear Group apre una filiale in Italia Benjamin Kohler , ex CEO globale di Polaroid Eyewear, si unisce al Gruppo come Presidente del CDA

N 34

el settembre 2013, Swiss Eyewear Group (International) AG, un’ innovativa società mondiale dell’occhialeria, ha lanciato il nuovo brand INVU ULTRA POLARIZED tramite una rete di partner commerciali con distribuzione in oltre 40 paesi in tutto il mondo . Swiss Eyewear Group ha ora annunciato la costituzione in Italia di una società interamente controllata dal Gruppo. Benjamin Kohler, ex CEO globale di Polaroid Eyewear , ha assunto l’incarico di Presidente del Consiglio di Amministrazione a partire da fine Febbraio. Benjamin Kohler ha oltre 20 anni di esperienza internazionale nell’industria ottica. La sua esperienza e il suo know -how saranno di sicuro elementi trainanti per lo sviluppo internazionale di Swiss Eyewear Group . “La creazione di una filiale in un mercato di riferimento come quello italiano è una continuazione della nostra strategia di espansione globale” , ha affermato Benjamin Kohler . “La distribuzione diretta con una propria struttura commerciale giocherà un ruolo dominante nello sviluppo delle nostre collezioni ed i volumi generati contribuiranno alleconseguenti maggiori economie di scala” Swiss Eyewear Group (Italia) ha sede a Varese e è guida-

mod linea Activity

Vedere Italia 2014

Benjamin Kohler

mod linea uomo


mod linea donna

mod li

ta da un management di grande esperienza. Ernesto Scotti, ex amministratore delegato di Polaroid Eyewear Italia, con oltre 30 anni di esperienza nel settore ottico, ha una ricchezza di know-how fondamentale per la crescita dell’azienda. Barbara Cocco, con oltre 25 anni di esperienza nel settore, è Sales Manager di Swiss Eyewear Group (Italia) dopo aver ricoperto il ruolo di Key Account Manager per Polaroid Eyewear Italia e la sua conoscenza dei clienti e dei prodotti, unita alla sua competenza nella formazione e nella gestione di organizzazioni di vendita, saranno elementi fondamentali per il successo in Italia. Davide Brumana, con la sua consolidata esperienza nel Finance di Polaroid Eyewear Italia, è Finance Manager del Gruppo. Il Team Italia è coadiuvato da un’organizzazione di comprovata esperienza nella cura del cliente che afferma: “Conosciamo le specifiche esigenze degli ottici italiani ed abbiamo investito in un’organizzazione che soddisfa pienamente e supera le aspettative dei nostri clienti . Qualità del servizio e velocità di esecuzione sono componenti fondamentali della nostra strategia”.

nea do

nna tr end

mod linea bambino

35

È sulla base di questi principi fondamentali che l’azienda ha deciso di avvalersi di un partner come BRT SpA , uno dei più importanti fornitori di servizi logistici di alta qualità in Italia. Swiss Eyewear Group Italia è operativa dal 3 Febbraio 2014 e distribuisce il brand INVU ULTRA POLARIZED con un programma di marketing molto interessante ed esclusivo per gli ottici italiani. Con la nuova stagione 2014/2015 Swiss Eyewear Group (Italia) amplierà il suo portafoglio prodotti con una selezione di nuovi ed stimolanti marchi in licenza .

Vedere Italia 2014


Novità a MIDO Cosmopolitan Eyewear Il giro del mondo in tanti modelli

F

CO ROME – LIS LISBON e ATH ATHENS sono i nuovi modelli delle rotte Europee (Combo) presentati da Coppe Sid. Creazioni in acetato nelle quali si fondono differenti colori sia nel frontale che nelle aste. Per questi modelli è stata realizzata una particolare forma delle aste per aggiungere un tocco glamour e creare proposte sempre più riconoscibili per lo stile, il design e l’artigianalità. Abbinamenti, assemblaggi, frizionamenti, inserti, creatività: originali combinazioni di colori e di lavorazioni ottenute grazie

all’esperienza e alla maestria artigiana Italiana. I modelli sono identificati con i nomi delle Città del Mondo e con il Codice dell’Aeroporto, che conferma l’Anima Cosmopolita della collezione. I prodotti sono handmade in Italy e ogni occhiale ha una pietra di Lapis Lazuli incastonata nell’asta. Vengono consegnati con la garanzia numerata per garantirne l’autenticità.

36

Model ATHENS colour 01

Vedere Italia 2014


3weeks later: arte, colori ed eyewear Il talento di giovani artisti per interpretare le emozioni

D

opo un esordio decisamente positivo, 3weeks later si presenta al suo secondo Mido con un nuovo evento in progress di 3 giorni, confermando la scelta di minimizzare lo stand e investire nel talento di giovani artisti dell’Accademia di Belle Arti di Brera. Attraverso disegni e dipinti, e uno stile street volutamente libero da briglie pubblicitarie, Andrea Crapanzano e Federico “F’Ette” Riva ci daranno il loro punto di vista su emozioni, momenti e movimenti dell’evento e della collezione eyewear. Con una sorpresa finale, non meglio precisata. La performance artistica si svolge al Design Lab, Padiglione 24 M05. Con un mood tutto suo, 3weeks later è un brand che ama costruire la propria storia in piena autonomia. E lo dimostra anche quest’anno, con la sua nuova collezione eyewear, arricchita di 6 inediti modelli, di cui 3 presentati anche in una capsule collection da sole.

mod 22:22 Beatiful Day

37 Il tema stilistico, tra understatement e ironia, gioca col design e le variazioni cromatiche dell’acetato, proponendo un eyewear che “si rivolge a chi già vede in un occhiale esattamente quello che c’è da vedere: un occhiale”. “3weeks later - sintetizza David Grandelis, general manager - esprime 20 anni di evoluzione di Matinèe, nel cuore del distretto bellunese dell’occhiale, con una vision internazionale e l’impegno a integrare progettazione, produzione e un eccellente servizio pre e post vendita”.

mod 25:00 Light Years Ahead

Vedere Italia 2014


Novità a MIDO Sport & Outdoor Tecnologia, design e innovazione per la visione ottimale anche in condizioni difficili

B

ushnell Performance Optics Italy S.r.l. si presenta a Mido con molte nuove proposte.

38

CÉBÉ: Il nuovo occhiale Proguide di Cébé è stato sviluppato in collaborazione con un team di guide alpine e l’associazione francese SNGM (Syndicat National des Guides de Montagnes). Quest’occhiale risponde a tutte le caratteristiche molto tecniche per un utilizzo in alta montagna: anti-appannamento, avvolgente, fit perfetto sotto il casco, aste intercambiabile con fascia elastica, stabilità garantita e soprattutto è dotato della nuova lente Minerale 4000 di

Cébé mod Proguide

Cébé specchiata blu, che garantisce la stessa protezione della storica lente Cébé 4000 (categoria 4 e protezione anti IR) però con un look decisamente più aggressivo. SERENGETI: il modello Palmiro appartiene alla nuova linea GENUS II: si tratta di un occhiale da vista ultra leggero con montatura in Trivex, venduto con una clip di lenti per trasformare in un gesto un occhiale da vista in un occhiale da sole, senza rinunciare a tutto il know how Serengeti. Un’offerta che va a completare il programma correttivo di Serengeti, che rimane sempre attivo sul resto della collezione che sarà presentata nell’AREA RX dello stand Bushnell Performance Optics.

Serengeti mod Palmiro

BOLLÉ: Clint è il nuovo occhiale della linea Lifestyle di Bollé: quando la tecnologia incontra i dettami della moda. Lenti specchiate in policarbonato (particolarmente resistenti) dove la polarizzazione è abbinata a trattamenti antiappannamento e idrofobico. È disponibile anche con lenti graduate. Sulla foto: montatura colore nero matt e interno delle aste in fantasia Burlington. Bollé mod Clint con interno delle aste in fantasia Burlington

Vedere Italia 2014


Novità a MIDO 50 anni di visionaria innovazione Silhouette attraversa il tempo con l’occhiale del futuro: Futura 2014

P 40

er il suo 50° anniversario Silhouette torna alle origini reinterpretando l’occhiale simbolo della visione rivolta al futuro dell’azienda austrica: Futura. Un occhiale cult che si appropria nel suo restyling dei valori che hanno reso celebre Silhouette nel panorama internazionale: leggeri, quasi senza peso, dal design minimale e senza compromessi. Un oggetto fuori dal suo tempo che trova ispirazione da un indeterminato futuro, sospeso tra terra e cielo. Lo spazio temporale e mentale si incontrano in uno stile d’avanguardia, in una sorta di reminiscenza equilibrata tra moderno e retrò. Futura è l’espressione bilanciata tra il top del design e l’alta qualità high tech. L’innovazione dei materiali, della forma, l’interpretazione inusuale dello spazio, fanno di questo occhiale un oggetto senza eguali e a-temporale; un anticipatore di epoche perché non influenzato dal contesto e dalle mode; un valorizzatore dell’identità perché al centro pone la persona e i suoi desideri. Futura nasce nel 1974 per mano di Dora Demel che, grazie a questo modello, divenne in breve tempo, una delle designer più copiate al mondo. E immediatamente Futura sancì la rivoluzione di uno stile. A realizzare gli scatti allora, della campagna Futura, fu il fotografo Mark Mender che sviluppò un nuovo modo di interpretare le immagini, proprio traendo ispirazione dal design futuristico di questo occhiale. Come ha ricordato lui stesso: “Futura nel 1974 era davvero innovativa per il suo design, il che significa che le foto assumevano un nuovo futuristico modo di essere interpretate. Questo mi spinse

Vedere Italia 2014


E così per il suo cinquantesimo anniversario, l’azienda austriaca si racconta partendo da dove tutto ha avuto inizio, realizzando la nuova edizione Futura 2014 che conferma i canoni che hanno reso per l’appunto celebre Silhouette in tanti anni di storia: leggerezza, minimalismo e flessibilità. Ultraleggeri come da tradizione, abbinati a un design già celebre e supportati da una tecnologia orientata all’avanguardia, lenti libere sostenute senza alcuna pressione, comfort impareggiabile, la stessa innovazione di leggerezza che ha trovato la sua perfetta espressione nel rimless Silhouette, l’occhiale senza peso. Un minimalismo dove l’eccesso è sottrazione. a sperimentare tecniche diverse con multiple esposizioni dietro, e non solo, anche lo spazio attorno iniziava ad approcciare una visione innovativa. Una combinazione di questi due motivi fu alla base degli scatti. Un terzo elemento stilistico fu dato dall’uso di proiezioni frontali con un enorme mezzo globo in plexiglass che ricordava il satellite sferico russo Sputnik. Così nacque il tema per la campagna Futura”. Un successo immediato che raccolse molti estimatori, tra i primi Elton John che lo indossò nel ‘74 durante un concerto per la sua amata squadra di calcio, i Watford Hornets, sottolineando che l’aveva selezionato tra ben 5000 paia di occhiali. Perfino Barbie, un’icona per tante generazioni, non riuscì a rinunciare nell’indossare l’icona di stile Futura, appositamente realizzato per lei. Alla base di Futura, oggetto divenuto nel tempo cult fino a essere oggi tra i più popolari occhiali venduti nei negozi vintage, lo stesso irrefrenabile desiderio che spinge tutt’ora l’azienda Silhouette a sperimentare, giocare con materiali e forme che diventano realtà: la volontà di utilizzare il design per esprimere l’unicità dello stile della persona.

Un prodotto per la persona perché racconta della persona. Un oggetto dall’impareggiabile stile Avant-Lite in cui la leggerezza della materia permette, a chi lo indossa, di essere fuori dal tempo, pur rimanendo nel tempo in cui vive, perché come dice Franca Sozzani, direttore Vogue Italia: “Bisogna saper ascoltare ma soprattutto seguire sempre la propria strada, vivendo anche con i rischi. Futura è espressione di indipendenza, libertà e di uno straordinario design.”

Vedere Italia 2014

41


NovitĂ a MIDO Oxydo Collection by Sigrid Calon Giochi di colori e pattern geometrici per la nuova capsule collection SS 2014

S 42

igrid Calon, poliedrica illustratrice e designer olandese, ha applicato agli occhiali Oxydo, linea prodotta e distribuita dal Gruppo Safilo, la sua speciale tecnica, realizzando una serie di illustrazioni geometriche e astratte, create a partire dalla trama di un tessuto. Semplici, vivaci e spesso anche psichedeliche, le grafiche di Sigrid permettono ai colori di mescolarsi e sommarsi, per dare vita a una variopinta collezione di occhiali unconventional e accattivante. Mescolando arti grafiche, design ipnotici, trame di tessuti e rigorose geometrie, e utilizzando contaminazioni croma-

mod OX 1070

Vedere Italia 2014

OX 533

tiche a metĂ strada tra le lavorazioni sartoriali e le trame invisibili dei materiali, Sigrid Calon riveste le montature Oxydo di combinazioni policrome innovative e sorprendenti, creando giochi mimetici ed effetti visivi che richiamano la visual art. La capsule collection si declina in due modelli di occhiali da sole e due da vista, ognuno di essi presentato in quattro diverse combinazioni cromatiche che alternano le grafiche multicolor -a scacchi o a prismi - a vivaci toni in tinta unita sul frontale e sulle aste, creando uno straordinario effetto visivo, quasi tridimensionale.


Novità a MIDO Alcune proposte dal mondo Luxottica Micromosaici, decori floreali, cristalli e colori romantici per esaltare la femminilità

44

Dolce&Gabbana Eyewear Realizzato con un totale di circa mille microtasselli che impreziosiscono frontale e aste, questo occhiale Limited Edition della Mosaico Collection è un vero e proprio pezzo unico tributo al tema floreale tanto amato da Domenico Dolce e Stefano Gabbana. Il disegno in micromosaico riproduce fedelmente diverse tipologie di fiore, dai romantici pansè rossi, ai candidi frangipani bianchi, fino alle delicate sfumature rosa delle gerbere e lilla dei non ti scordar di me. Dolce&Gabbana Eyewear Mosaico Collection

Emporio Armani Eyewear Estremamente femminile, questo modello Water Lilies Collection dalla forma irregolare, è realizzato in metallo e  arricchito su entrambe le aste da un decoro floreale a forma di ninfea, il fiore acquatico leit motiv della collezione Emporio Armani PE 2014. I colori pastello rievocano le stampe degli abiti, fantasie floreali stilizzate ed astratte. Disponibile nelle nuances del lilla con  lenti  verdi degradanti, o rosa con lenti viola degradanti. Giorgio Armani Eyewear Modello molto femminile, dalla forma arrotondata. Il frontale e le aste sono impreziosite da un esclusivo rivestimento in pelle, le cerniere metalliche si ispirano alle iconiche borse della collezione Giorgio Armani. L’interno asta riporta l’incisione “GIORGIO ARMANI MILANO MADE IN ITALY”. Questo modello è disponibile nelle nuances blu majorelle e ciclamino: gli stessi colori degli abiti e degli accessori che hanno sfilato in passerella. Tiffany Eyewear La montatura rettangolare Victoria Collection in acetato è impreziosita da cristalli austriaci disposti a formare un motivo decorativo che sboccia all’apertura della cerniera. Il modello è disponibile in diverse varianti cromatiche, tra le quali nero o avana su blu Tiffany, oltre a tinte più ricercate come ciclamino o blu notte. Il logo Tiffany & Co. compare sul lato esterno delle aste. Disponibile in versione Asian Fit.

Vedere Italia 2014

Emporio Armani Eyewear Water Lilies Collection

Giorgio Armani Eyewear

Tiffany Eyewear Victoria Collection


SS14: Hybrid by ic! Berlin Una favola gotica per una collezione contro corrente

L’

Est incontra l’Ovest. Ciò che era sotto sale in superficie. I mondi si scontrano. Il giorno incontra la notte che incontra il giorno. Berlino è una città ibrida dove tutto è possibile e tutto è permesso. ic! berlin, produttore di fama mondiale degli occhiali in metallo senza viti, presenta la sua prima collezione di occhiali da sole ibridi: cerchi in acetato superfine all’interno di una montatura in acciaio inox infrangibile. Questa micro collezione comprende tre modelli: S2 rummelsburg, una forma classica stile anni ’50 con una finitura ipermoderna, S25 tegel, il modello aviatore (ovviamente) e S42 wedding, un piccolo occhiale tondo dall’aria professorale.

45

ferroviarie veloci e alla metropolitana di Berlino (U & S Bahn).

Ogni modello è disponibile cromato con tre combinazioni di colori: acetato nero ossidiana con lenti black to grey, acetato bianco extra lucido con lenti verdi G15 e acetato blu con lenti grigie. Persino in questa nuova versione in due materiali, ogni occhiale da sole pesa meno di 20 grammi.

Mathias Bothor, amico di ic! berlin, basandosi su questo tema sotterraneo ibrido ha creato un lookbook ispirato al successo ottenuto al Festival del Cinema di Cannes dal film di vampiri Only Lovers Left Alive. Etereo, dark, gotico, il lookbook di Bothor ha come protagonisti amici e parenti di ic! berlin - compreso l’ornamentale eremita Friedrich Liechtenstein - in una storia di mondi che si scontrano e la metropolitana che entra nella corrente.

Questi modelli ibridi fanno parte della collezione U-Bahn primavera/estate 2014 di ic! berlin: occhiali ispirati alle reti

Sia la collezione Hybrid by ic! berlin che il lookbook di Bothor saranno a Mido 2014.

Vedere Italia 2014


Novità a MIDO “New colors, new look, new TOUCH” Un nuovo modo di guardare e vivere il mondo. A colori, con l’occhio di chi ha…quel tocco in più!

D 46

opo quasi 100 anni di esperienza, la Franco Sordelli Srl si ripropone sul mercato con il marchio “Touch” totalmente rinnovato. La linea si veste di nuovi colori e nuove forme, restando fedele alla sua storica tradizione fatta di ricerca, innovazione e cura dei dettagli. Grazie alla qualità da sempre tutta italiana e alla predilezione per le tecnologie più avanzate del settore, la Franco Sordelli Srl fa degli occhiali un accessorio impeccabile, sempre più irrinunciabile, perché praticità e comfort sono per l’azienda la massima espressione del concetto di qualità. La qualità proposta da quest’azienda si arricchisce ora delle lenti in vetro ottico Barberini, leader mondiale del settore. Grazie alle materie prime e alla tecnologia che garantiscono la trasparenza, la precisione delle curve ottiche e la lucentezza, le lenti Barberini rendono gli occhiali Sordelli i partner ideali per tutti i momenti della giornata. Indossare gli occhiali Sordelli sarà così un modo per abbellire ancor di più il proprio mondo: il design e il comfort che l‘uso di questi occhiali regalano, sono il “tocco in più” con cui colorare la propria giornata.

Vedere Italia 2014


La nuova collezione CAC di OKO by OKO Paris Per lei, per lui ... attenzione, è “hot”

D

a OKO by OKO Paris abbiamo già visto occhiali da vista di design con linee pure ed eleganti e davvero particolari firmati dall’ufficio design del brand. Forse non eravamo davvero consapevoli del lato Moda e Glamour di questo marchio che orgogliosamente presenta la sua CAC Collection. Per lei e per lui. Questa collezione delizierà sicuramente gli amanti dei modelli di design con carattere e stile. Design, certo, ma alla portata di tutti. Ultrasottile e ultra leggera, questa collezione sorprende e si svela in due fasi. Al primo sguardo si nota l’aspetto esteriore delle montature, realizzate in lastre di acetato create in esclusiva per OKO by OKO, poi ci si accorge dello sche-

47

letro portante dell’occhiale, visibile in trasparenza e realizzato in acciaio chirurgico con rivetti passanti che donano all’intera montatura un aspetto monoblocco. Questo processo di laminazione ha permesso di realizzare un occhiale in acetato ultra-sottile e anche di usare colori inaspettati per ottenere una finitura di alta qualità. Un risultato ultra sottile ottenibile sino ad ora solo in montature prodotte ad iniezione. La collezione CAC è disponibile in 5 modelli: CAC12 (da uomo) in 4 colori – CAC13 (da uomo) in 4 colori – CAC14 (da donna) in 6 colori – CAC15 (da donna) in 6 colori – CAC16 (da donna) in 4 colori.

Vedere Italia 2014


Novità a MIDO Web Eyewear Il prossimo autunno sarà difficile scegliere tra le proposte di questo brand iconico

N

48

asce come espressione di un gusto vintage interpretato in chiave contemporanea la nuova collezione WEB Eyewear di Marcolin per l’autunno-inverno 2014/15. Innovazione e attenzione ai dettagli si modellano dando vita a forme eleganti e distintive per i nuovi occhiali da sole e da vista. Sinonimo di stile e originalità, WEB Eyewear si impone per il design accattivante dei modelli proposti, un look brillante, colori vivaci e uno spirito sorprendente. Tra i modelli della Collezione Sole alcuni, come i modelli WE0123 e WE0124, richiamano lo stile anni Cinquanta con doppio ponte e colorazioni esclusive. Altri come il modello WE0125 hanno una forma più squadrata dalla personalità decisa. Il modello WE0110, che vediamo in questa pagina in due versioni di colore, è una pura espressione dello stile WEB Eyewear. La montatura tonda in acetato è sottolineata da una linea in leggero metallo lungo il frontale e nasce dalla perfetta

combinazione di innovazione, eleganza senza tempo e originalità. La storica proposta è ora presentata con lenti specchiate dai colori accesi, che ne esaltano lo spirito contemporaneo. Nella Collezione da Vista la proposta spazia da montature unisex come il modello WE5124 a modelli quali il WE5131 dove il frontale in acetato con un elegante nasello a chiave si combina alle aste in metallo, o ancora il modello femminile WE5132 che intriga con un appeal trendy, la forma in acetato ad occhio di gatto e l’uso di colorazioni d’impatto e a contrasto tra frontale ed aste. Troviamo anche un mood sbarazzino nel modello da donna WE5135 con forma ampia e linea morbida che contrasta il look minimal ed essenziale del modello maschile WE5136 dalla montatura rettangolare in metallo, rivestito sul frontale da acetato e che ha anche la possibilità di applicare un leggero clip-on metallico, trasformandolo così in una proposta sole esclusiva.

Web Eyewear mod WE0110 in due versioni di colore

Vedere Italia 2014


Modello KOYO linea Legno

Ogni occhiale Eté è un pezzo unico ed inimitabile La magia del connubio tra nuove forme e materiali, il sapere artigianale e la conoscenza del mondo dell’occhialeria modello

MATRA

me

linea Piu

L

a collezione Eté Lunettes di Key Optical Europe è caratterizzata da tre speciali linee in cui la ricerca di nuovi materiali e l’alta abilità artigianale si uniscono per dare vita a montature sorprendentemente uniche e dal design ricercato. Ogni montatura Eté stupisce per la qualità delle rifiniture e dei dettagli: l’alta tecnologia e l’ormai raro sapere artigianale trovano la giusta espressione nel mondo Eté in cui non vengono posti limiti alla ricerca ed all’intuizione.

49

Le piume: colore, leggerezza, fascino. modello MEDES linea Plexiglass

L’effetto cromatico dell’ occhiale Eté è stato ottenuto utilizzando vere piume naturali selezionate per qualità e raffinatezza. Le piume trattate e colorate, vengono posizionate una ad una, manualmente, con disegno simmetrico, tra due lastre di acetato di cellulosa, per poi essere lavorato e rifinito artigianalmente rendendo l’occhiale unico ed esclusivo. Plexiglass: eleganti incisioni a mano e raffinate forme. Questa collezione Eté è stata ricavata da plexiglass in lastra, materiale acrilico altamente trasparente e cristallino, che esalta maggiormente l’intaglio effettuato interamente a mano mediante l’utilizzo di microsfere, senza uso di stampi ne laser. L’artigiano che incide esprime la sua arte e il suo know-how su ogni montatura in un modo unico come un’ opera d’arte.

Legno: qualità e classe. Nella nuova collezione uomo Eté il legno, materiale antico e pregiato, si unisce in modo inedito al metallo dando vita a montature leggere, moderne e sofisticate. Il frontale dallo spirito contemporaneo è in acciaio inox e le aste in legno sono impreziosite da un inserto metallico. I nuovi occhiali della collezione Eté sono lavorati e rifiniti manualmente. La nostra passione per il modo dell’occhialeria, la qualità dei materiali, l’abilità dell’artigiano e la voglia di sperimentare con il design e la natura sono gli elementi fondanti di questa nuova collezione Eté.

Vedere Italia 2014


Novità a MIDO BMA GOLD: una nuova formula per gli ottici italiani Diamant è l’interlocutore per le collezioni Pro Design

F 50

ondata negli anni ’70 e focalizzata su montature eleganti, ProDesign Denmark nel 2000 ha rinnovato completamente il management aprendosi alla trasformazione continua. Oggi ProDesign è un’azienda ambiziosa, degna rappresentante del design danese, dalla crescita veloce e continua nel mercato mondiale grazie all’abilità nel riconoscere le tendenze e interpretarle in base alla clientela, con un occhio di riguardo agli input diretti degli ottici ai quali sono riservate tre

presentazioni nell’arco dell’anno. Allan Rasmussen, capo del team di designer, ha dato un tocco di personalità importante alle collezioni ponendo l’accento sui colori, in particolare quelli brillanti e vivaci tanto amati nei mercati latini, spesso con abbinamenti contrastanti. Alla ricerca di nuove sfide, ProDesign ha aperto numerose filiali nel mondo ed in Italia, da due anni, ha scelto Diamant come partner distributivo.

Vedere Italia 2014

Per il 2014 Diamant e ProDesign propongono agli ottici un’innovativa forma di collaborazione. Grazie al sistema BMA GOLD l’ottico ha la possibilità di incrementare notevolmente il sell-out e, in parallelo, rendere dinamico il suo magazzino. Imposterà il suo lavoro sulla base di una griglia prodotti che l’azienda si impegna a ruotare periodicamente e gratuitamente, facendo uscire i modelli precedenti per lasciare il posto alle nuove proposte. Azzerato lo stock di magazzino, il punto vendita potrà avere sempre una proposta fresca ed attuale. A MIDO 2014 ProDesign Denmark rilancerà la Collezione 4th Dimension, nella quale l’uso di un materiale particolarmente sottile ha permesso un design dinamico che gioca con i volumi e il mix di materiali. I frontali sono in metallo e le aste confluiscono in terminali di acetato in due tonalità contrastanti, sempre diverse tra loro. Nella collezione Essential le forme classiche sono attualizzate e arricchite dal colore. Ogni modello è costituito da tre strati di acetato e la sequenza degli strati è invertita sulle aste per creare un look unico. Grazie al design particolare la cerniera pare sparire. La collezione è disponibile in due modelli femminili, uno maschile e uno unisex. Tutti adatti per lenti progressive. Anche la collezione Zense presenterà una modellistica innovativa con una nuova cerniera brevettata che permette di chiudere l’asta con un angolo di 27 gradi e che, contemporaneamente, funge da flex.


SAFILO by Marc Newson Safilo celebra il suo 80° anniversario presentando l’esclusiva capsule collection

S

afilo celebra i suoi 80 anni di storia lanciando la speciale capsule collection Safilo by Marc Newson che sarà svelata ad aprile in occasione della 53a edizione del Salone del Mobile di Milano all’interno del Museo de La Triennale di Milano e sarà disponibile sul mercato da fine aprile 2014 . Fondato nel 1934, il brand leader nel segmento eyewear e punta di diamante del Gruppo Safilo, rende omaggio a questo significativo anniversario attraverso la sinergia con Marc Newson, uno tra i più poliedrici e autorevoli designer del mondo. Tra le principali caratteristiche che uniscono Safilo e Marc Newson nella visione portante del progetto, l’utilizzo primario di componenti all’avanguardia, i concetti di trasparenza e trasformazione e, soprattutto, la rilettura del passato in chiave contemporanea attraverso l’equilibrio tra il distintivo approccio del guest-designer e l’altissimo standard produttivo made in Italy garantito da Safilo.

51

Marc Newson

In particolare, la nuova capsule collection nasce dalla rivisitazione di un modello storico di Safilo, scelto personalmente da Newson e declinato in 5 diverse varianti, attraverso 5 materiali e tecnologie specifiche, partendo dalla forma originaria dell’archivio. La collezione sarà composta da cinque montature da vista e 2 occhiali da sole. Nel rispetto di un preciso ordine cronologico che ripercorre le tappe e le conquiste più rilevanti degli 80 anni di storia del brand, i 5 modelli sono infatti caratterizzati dall’utilizzo dell’Optyl ultraleggero (marchio registrato da Safilo) - sia singolarmente che abbinato alla rivoluzionaria cerniera Elasta 80, al suo primissimo debutto - dall’applicazione del concept della storica collezione UFO rivisitata (montature realizzate con un filo di acciaio ultra-sottile), dall’uso dell’alluminio e della lamina di acciaio, anch’essa integrata con la nuova cerniera. I volumi fluidi, essenziali e dal tocco quasi organico, sono inoltre esaltati da cromie sofisticate e luminose, come le sfumature metalliche nei toni chiari e scuri, il blu royal e l’arancione, colore simbolo e cifra stilistica di Marc Newson.

Vedere Italia 2014


Non solo occhiali... Le lenti a contatto per astigmatici Le nuove proposte Safilens

D

52

opo la nascita di Open 30, il reparto Ricerca e Sviluppo di Safilens ha creato Open 30 Toric per astigmatici, nata con il duplice obiettivo di sviluppare il mercato dell’astigmatismo lieve e di “ottimizzare” i tempi di applicazione. La correzione del lieve astigmatismo aumenterà l’acuità visiva dei clienti e la soddisfazione dei professionisti. Con Open 30 Toric “EasyFit” , valutazione, consegna delle lenti ed istruzioni d’uso saranno notevolmente ridotti, paragonabili a quelli di una lente a contatto sferica. Il materiale in Silicone Hydrogel di ultima generazione, con un modulo di elasticità simile a quello di una lente idrogel, la tecnologia “Fusion Technology” a rilascio di sostituti lacrimali naturali, Acido Ialuronico + polisaccaride TSP®, la geometria Dynamic Toric Design, fuori dagli

Vedere Italia 2014

schemi tradizionali, pone Open 30 Toric tra i prodotti più innovativi ed esclusivi di questi ultimi anni. Il sistema “Stability Free”, grazie alla combinazione tra la zona “autofit”, con disegno e dimensione della zona ottica interna appositamente studiata, ed il disegno della superficie esterna, guida il corretto orientamento della lente torica una volta inserita nell’occhio ametrope. In abbinamento con la Soluzione Open Reload , prima ed unica soluzione per lenti a contatto contenente Acido Ialuronico derivato da Bacillus, ed il semplice ma efficace generatore di onde soniche SWG (Sonic Wave Generator), completano un sistema a garanzia di un benessere visivo prolungato, durante l’intero giorno, per tutta la settimana, soggettivamente fino ad un massimo di 30 giorni.


La colorazione delle lenti Una grande esperienza per i migliori risultati

P

ama Coloranti Srl è un’ azienda leader nel settore dei coloranti per lenti da vista e da sole. Presente sul mercato da oltre trentacinque anni, l’azienda svolge l’attività con passione ed entusiasmo, abbracciando tutte le fasi della colorazione: dalla preparazione del colore base alla colorazione finale (anche a campione). L’attività di quest’azienda ha soddisfatto negli anni molti tra i principali produttori di lenti oftalmiche che ancora oggi continuano la collaborazione. I clienti che si riforniscono da Pama Coloranti o che chiedono una consulenza spaziano su tutto il mercato oftalmico: negozi di ottica, grandi e piccoli laboratori, grandi aziende. L’attività si svolge quindi con clienti sia nazionali che internazionali. Tra i clienti più prestigiosi si annoverano anche grosse società che forniscono il settore moda grazie alla colorazione a campione. Le lavorazioni I Coloranti e la colorazione L’attività principale svolta nel laboratorio è concentrata sulla preparazione di coloranti per la colorazione di lenti organiche in CR39 e ad Alto Indice (HI - High Index). Viene realizzata inoltre colorazione su commissione di lenti del cliente, utilizzando uno qualunque dei più di trenta colori disponibili o utilizzando il colore campione fornito dal cliente.

Colore a campione e consulenza Con una gamma di colori di oltre trenta campioni è facile eseguire una colorazione di tonalità a campione su richiesta del cliente. Il personale del laboraIl colorante acquistabile per poter fare le colorazioni delle lenti torio ricerche interno ha più di trentacinque anni di esperienza ed è a disposizione per eventuali consulenze.

53

Filtri UV e Campionari La protezione dai raggi ultravioletti è una delle priorità di una lente o di un filtro colorati. Pama Coloranti ha una vasta gamma di filtri che possono essere colorati e che possono essere trattati con trattamento UV. Al cliente vengono forniti: • filtri neutri (non colorati) • filtri a colore intero • filtri degradanti a colore sfumato singolo • filtri bidegradanti a due colori (75% sopra, 25% sotto) Tutti i filtri possono essere base o spessorati. Grazie alla personalizzazione del prodotto, si possono creare senza problemi campionari su misura adatti ad ogni esigenza.

Colorazione del vetro sotto alto vuoto Grazie alla preparazione di polveri metalliche per lenti minerali e all’utilizzo di macchinari sotto alto vuoto, sono attrezzati per eseguire la particolare colorazione di lenti in vetro tramite l’evaporazione di ossidi metallici o fluoruri di terre rare. Anche in questo caso è possibile raggiungere una adeguata gamma di colorazioni classiche per vetro. Alcuni esempi di colorazioni possibili

Vedere Italia 2014


Non solo occhiali... Un grande gruppo per crescere nella propria professione Le proposte 2014 agli ottici italiani

M 54

IDO è stato scelto per rappresentare anche nel 2014 la vetrina internazionale per CECOP, gruppo di matrice spagnola che riunisce oggi più di 3.000 ottici nel mondo, di cui più di 800 in Italia. A MIDO saranno presentate le novità 2014: nuove proposte che rimangono fedeli alla mission di CECOP: aiutare l’otticooptometrista indipendente a comprare meglio e a vendere di più. La nuova frontiera del Gruppo è l’estrema personalizzazione dei servizi e delle soluzioni, studiati per rispondere alle esigenze di ottici-optometristi diversi tra loro, accomunati da un fattore: la volontà di mantenere la propria libertà. È il Gruppo che, con la varietà della sua offerta, stimola gli Associati ad intraprendere nuove iniziative, come la realizzazione di eventi nel punto vendita, l’ottimizzazione della presenza online e nei social network, la realizzazione di campagne di informazione e sensibilizzazione dei consumatori su temi legati alla visione. MIDO sarà inoltre una vetrina d’eccezione per i prodotti a marchio CECOP, che trovano un chiaro posizionamento nell’assortimento degli Associati, come strumento di differenziazione e fidelizzazione, in grado di garantire all’ottico marginalità elevate. La presenza di CECOP a MIDO è anche un segnale della volontà del Gruppo di

Vedere Italia 2014

essere vicino agli ottici-optometristi non solo quotidianamente, sul territorio, attraverso la rete commerciale, e attraverso i corsi di formazione, ma anche sfruttando tutte le occasioni di incontro e confronto. CECOP è un gruppo d’acquisto e di servizi per ottici indipendenti. Nato in Spagna nel 1996, vanta oggi più di 3.000 ottici affiliati nel mondo, attraverso le sedi di Spagna, Portogallo, Italia, Gran Bretagna, Colombia, Brasile e India.


HOYA Apps. Ancora più nuove, sempre più innovative Nuove funzionalità per supportare i professionisti della visione

H

OYA lavora costantemente per sviluppare e rinnovare i sistemi che supportano l’ottico nel processo di vendita. “Il nostro obiettivo è quello di creare un’esperienza di acquisto unica per il consumatore all’interno del Centro Ottico, per aumentare la soddisfazione del cliente e valorizzare la professionalità dei nostri Partner”, dice Anna Maria Nicolini, Marketing Manager di HOYA Lens. VisuReal Portable Plus – misurazioni più immediate e la precisione di sempre VisuReal Portable Plus, il premiato sistema di centratura Hoya per iPad, presenta nuove interessanti funzionalità che lo rendono ancora più facile e veloce da utilizzare. Questa nuova versione è programmata per rilevare le condizioni ottimali dell’ immagine e scattare automaticamente la foto senza intervento dell’ottico. E con “il software per l’ottimizzazione dell’immagine”, lo scatto e la definizione dell’immagine risultano migliori. Inoltre, vengono aggiunti il calcolo del diametro automatico e METS, il sistema di ottimizzazione dello spessore di Hoya, per semplificare e rendere più veloce il processo di ordinazione. L’aggiornamento di visuReal Portable Plus è utilizzabile anche sul nuovo iPad Air. È lo strumento ottimale per lenti personalizzate.

UV e Blue Light Sensor – per consigliare la miglior protezione degli occhi La Realtà Aumentata di Hoya è stata arricchita per misurare sia i raggi UV che la luce blu. HOYA ha sviluppato un dispositivo di misurazione, il nuovo UV e Blu Light Sensor, che può essere facilmente collegato all’iPad tramite il jack per le cuffie. I risultati vengono immediatamente visualizzati sullo schermo, confrontando la quantità di raggi UV nocivi e di luce blu emessa dai dispositivi digitali con e senza lente che protegge gli occhi. Per gli Ottici-Optometristi, è uno strumento per argomentare maggiormente l’importanza del benessere visivo e valorizzare in modo più immediato la necessità di una protezione adeguata.

Vedere Italia 2014

55


Ottici “fuori dal coro” Orgoglioso di essere un ottico optometrista

Dr. Antonio Pistarà

I

l Dottor Antonio Pistarà, titolare dell’Ottica Pistarà a Piedimonte Etneo in provincia di Catania, non è certo rimasto in balìa della crisi imperante negli ultimi anni e ha reagito dando vita ad un punto vendita che si differenzia dalla maggior parte degli altri oltre undicimila sparsi per la nostra penisola. L’intraprendenza che ha messo in atto e i risultati raggiunti, coadiuvato dalla sua assistente, la signora Maria Grazia Alampi, senza la quale ci dice “non saprei come fare…”, ci sono sembrati davvero interessanti e meritevoli di una particolare attenzione. Gli abbiamo dato quindi direttamente la parola per spiegarci in cosa consiste l’offerta che propone ai suoi clienti. E questo è stato il suo racconto:

57 La vetrina dell’Ottica Pistarà

Il negozio e le attrezzature

La mia avventura da imprenditore di ottica inizia 5 anni orsono in un piccolo paesino della mia zona in Sicilia ed, avendolo rilevato, mi ritrovai con un mutuo di 40.mila euro sulle spalle, 50€ in cassa e tanta preoccupazione. Decisi, sin dall’inizio, che nel mio “store” non sarebbe mai entrata “una firma”, e così fu...

Vedere Italia 2014


58

Premesso che sono un Ortottico ed un Optometrista specializzato con un corso in “Optometria Medica” ad Harvard - ci tengo a precisarlo solo per farvi capire la strategia che ho adottato - decisi, sin da subito, che il mio punto di forza sarebbero stati i servizi offerti all’utente finale ...e non le firme sugli occhiali. Puntai quindi tutto sul mio sapere e sul comparto tecnico. Comprai un Autoref Hutviz 7000 A Wawe Front-aberrometro, un Tonopachimetro Canon Tx 20P. Un Retinografo Topcon Trw 300, una Lampada a Fessura Digitale, un Topografo ed un Campimetro; oltre che il riunito. Decisi di collaborare con cliniche ed ospedali nazionali facendo, da subito, veicolare il mio nome. Comprai l’apparecchio per la pressione arteriosa professionale: la misuro a chiunque ne faccia richiesta senza pagar nulla. Raccolgo tutte le prescrizioni di servizi medici ambulatoriali in richiesta rossa e prenoto gratuitamente io al numero verde per tutti i pazienti che ne fanno richiesta una volta usciti dallo studio del proprio medico curante; risparmiando loro tempo e noia al telefono. Per venire in aiuto da chi viene da lontano mi sono messo d’accordo gratuitamente con un grosso istituto di radiologia per il ritiro dei referti dei loro pazienti nel mio negozio. Offro il servizio di controllo dell’udito. Ospito un neurologo, un endocrinologo ed un otorino per far studio da me. Ho deciso sin da subito che un esame optometrico comple-

Vedere Italia 2014

Alcuni libri e opere del Dr. Pistarà

to, da me, costa 30€ e, vi assicuro, ho tantissimi controlli! Anche da fuori provincia. Quando ci sono “anomalie” mando i miei pazienti dal loro oculista di fiducia. Compro solo montature con un budget vista, massimo € 20, Sole massimo € 25/30! Mai una “lira” in più. Ergo: non dobbiamo farci sottomettere da nessuno dobbiamo offrire servizi, aggiornarci e farlo percepire al nostro cliente/paziente, il resto viene da se. Dobbiamo riprenderci la nostra professione. Il mio fare mi sta premiando e spero che il condividere la mia esperienza possa servire come sprone ai colleghi. Il Dottor Pistarà non ce l’ha scritto ma abbiamo scoperto che non è solo ottico optometrista ma anche poeta, scrittore, fotografo, pittore, musicista, un artista a tutto tondo!


Personaggi&Aziende NUOVI SVILUPPI TRA ADLENS E MONDOTTICA

ITALIA INDEPENDENT & J.F.REY

La joint venture tra Mondottica e Adlens si è tramutata in un accordo di servizio: Adlens tratterà direttamente con i clienti europei e Mondottica, oltre che ricevere e gestire gli ordini di Adlens in determinate aree geografiche , darà all’azienda di Oxford supporto operativo. Mentre nuovi progetti comuni sono in fase di sviluppo, Adlens e Mondottica partecipano insieme e Mido.

J.F.Rey e Italia Independent hanno unito le forze creando una serie di montature vista e sole in edizione limitata dallo stile irresistibilmente audace e colorato. La collezione, ufficialmente svelata in occasione di Opti Munich 2014, è composta da due forme, una ispirata all’anima italiana e una a quella francese. Il design del primo occhiale richiama infatti il modello più iconico di Italia Independent, lo 090, realizzato in metallo; il secondo modello si ispira ad una forma tradizionale per J.F.Rey, rettangolare e lineare. Per entrambi un trattamento superficiale che attraversa orizzontalmente la montatura, creando dei giochi di luce sulla superficie dell’occhiale.

BLACKFIN E ARRIGO CIPRIANI INSIEME

60 Da sinistra: Paolo Doglioni (brand Ambassador “Blackfin-Cipriani”), Nicola Del Din (CEO Pramaor), Arrigo Cipriani, Giancarlo

Blackfin e Arrigo Cipriani, celebre proprietario dell’Harry’s Bar di Venezia, oltre che dei più noti ristoranti italiani di New York, hanno stretto un accordo esclusivo di comarketing per la produzione di una limited luxury edition “Blackfin with Arrigo Cipriani. Questi modelli da sole e da vista, che saranno realizzati in edizione limitata e numerata, rappresenteranno nel mondo due esempi di eccellenza del vero made in Italy autentico e vincente per altissima qualità ed esclusività.

EPOS in tram Epos, gli “occhiali senza tempo” svettano sulle fiancate dei tram di Milano delle linee 1-5-19-23 e 33. Li potremo vedere sino a fine Aprile.

Vedere Italia 2014

NUOVA CAMPAGNA ITALIA INDEPENDENT Italia Independent ha presentato la nuova Campagna di Comunicazione per la collezione Primavera/Estate 2014 che porta la firma del fotografo Pierpaolo Ferrari. I-I propone un rinnovamento radicale, sia in termini concettuali che stilistici, rispetto a quanto proposto finora dal Brand e abbraccia un concept innovativo, moderno, con un focus ancora più marcato sul prodotto e le sue caratteristiche, sempre più protagoniste. La direzione artistica della nuova Campagna di Comunicazione Primavera/ Estate 2014 è stata curata da Independent Ideas, agenzia creativa e di comunicazione, facente parte di Italia Independent Group, fondata da Lapo Elkann e Alberto Fusignani.


Aziende&Personaggi Sandra Bullock in Dolce&Gabbana Eyewear Sandra Bullock ha scelto l’eleganza femminile di un modello dalla forma a gatto firmato Dolce & Gabbana. Il modello, disponibile in più varianti colore, tra cui spiccano le versioni animalier, pizzo nero e grigio opalino, si distingue per la ricercatezza del logo.

Melissa Satta nuovo volto per la campagna P/E 2014 K&K La show girl ha collaborato con il marchio italiano di occhiali dalla linea giovane e grintosa, indossando due modelli vista della nuova collezione Kiss&Kill. Nella foto il modello KK2676 dalla tonalità rosso acceso, caratterizzato da linee morbide ed arrotondate.

Avanzamenti di ruolo nel team per l’area EMEA di Marchon A seguito di una crescita significativa dell’area EMEA, Marchon Eyewear ha annunciato una serie di promozioni di ruolo all’interno del team manageriale guidato da Nicola Zotta, Managing Director EMEA: Marco De Davide è stato nominato Regional Business Director per Germania, Austria, Italia, Nicola Zotta Spagna e Portogallo; Eric Lefort è stato nominato Regional Business Director per Regno Unito, Irlanda, Francia e Benelux e Alessandra Nathan, Director of Export, sarà responsabile per tutta l’attività di export dell’intera area EMEA.

Siglato l’accordo di licenza eyewear tra Marcolin Ermenegildo Zegna e AGNONA I l

PERSOL FILM NOIR EDITION Persol lancia Film Noir Edition, una capsule collection che celebra il patrimonio di stile del marchio riportando sotto i riflettori un’elegante versione anni ’50 della Freccia Persol. La Freccia Phoenix è un elemento ispirato al mito della Fenice e per questo è stata scelta come elemento chiave della reinterpretazione del proprio patrimonio di stile. Ispirandosi all’estetica del “film noir”, con atmosfere misteriose, intriganti e oniriche del cinema, ha reso ancora più evocativo il richiamo alle trame dei celebri film polizieschi rivelando l’ispirazione dei modelli: Persol il Gangster (PO3072S), la Femme Fatale, (PO3070V), il Reporter (PO3073V), il Detective (PO3074S).

Giovanni Zoppas Gruppo Marcolin

Gildo Zegna

Gruppo Marcolin e il Gruppo Ermenegildo Zegna hanno firmato il contratto di licenza in esclusiva per la produzione e distribuzione mondiale di occhiali da sole e montature da vista a marchio Ermenegildo Zegna e AGNONA. Il nuovo accordo per l’eyewear si inserisce nella strategia di sviluppo di tutti i brand in portfolio; in particolar modo segna il debutto ufficiale di AGNONA nel segmento dell’occhialeria di lusso. Entrambi i contratti di licenza hanno durata decennale e il lancio delle prime collezioni è previsto per gennaio 2015.

Vedere Italia 2014

61


Personaggi&Aziende New entry nel team Rodenstock Italia Simona Fonelli, Business Unit Eyewear Manager di Rodenstock Italia, annuncia l’ingresso nel suo team di Maurizio Silvestri, nuovo Area Manager Italia per l’Eyewear, il cui percorso professionale si è formato attraverso Maurizio Silvestri diverse esperienze lavorative di successo nel mondo dell’ottica. Il suo ruolo si focalizzerà nel coordinamento della forza vendita montature e nell’attuazione delle politiche commerciali sul territorio.

62

UN NUOVO GLOBAL COMMERCIAL DIRECTOR IN SAFILO Safilo Group ha nominato Henri Blomqvist, nato in Finlandia e che ha trascorso gli ultimi dieci anni in Procter & Gamble, nel ruolo appena costituito di Global Commercial Director. Henri Blomqvist riporta a Luisa Delgado, Amministratore Delegato del Gruppo Safilo, e ha il presidio delle strategie commerciali wholesales in tutto il mondo.

ORO A SOCHI PER TINA MAZE, ATLETA CARRERA La campionessa di sci alpino Tina Maze, orgogliosamente sponsorizzata da Carrera, ha vinto la sua prima medaglia d’oro nella discesa femminile alle Olimpiadi di Sochi. La talentuosa sciatrice indossava il nuovo casco Fireball in fibra di carbonio e la nuova maschera Kimerik Reload. Con la sua personalità esuberante, audace, competitiva e adrenalinica, Tina Maze incarna pienamente la racing attitude che distingue il DNA e i valori inconfondibili di Carrera.

Vedere Italia 2014

Zeiss e il Gruppo Media Market per parlare ai “digital users” Attraverso la Partnership con MediaMarket, ZEISS ha voluto parlare al maggior numero di potenziali utilizzatori di dispositivi mobili, informandoli della nuova opportunità per prendersi cura del loro benessere visivo. Le nuove lenti ZEISS Digital Lenses sono state ancora una volta protagoniste di un’attività di comunicazione su larga scala che si pone l’obiettivo di raggiungerne il maggior numero. Su Apple Store, sia su Google Play è disponibile la versione consumatore della App STRESS VISIVO, attraverso la quale può avere una prima indicazione sul proprio livello di stress visivo.

ZEISS: efficienza e soddisfazione del cliente ZEISS continua a sostenere il piano di investimenti nella ricerca di miglioramento e volontà di confermarsi come partner affidabile sia in termini di qualità prodotto sia in termini di servizio offerto. Il piano di riorganizzazione e ammodernamento ha portato importanti traguardi che riguardano la disponibilità di lenti stock ZEISS anche nelle filiali locali per poter disporre del prodotto premium in tempi molto brevi ed accessibili. Degno di nota è l’attuale tempo di attesa che i laboratori ZEISS confermano anche sul prodotto 1.74 di ricetta sceso a soli 3-5 giorni lavorativi.


Speciale MIDO

Speciale MIDO

Tendenze moda, industria, nuovi prodotti, marketing ed economia.

1

Marzo

Special MIDO

Testi in italiano Textes en français Articles in English

Srl EDIZIONI ARIMINUM - 20133 - Milano Via Negroli 51A

kin r, w a t c h m a the eyewea agazine for The only m

y ery industr g & jewell

51/A - 20133 - Milano

La prima rivista

Srl - Via Negroli

La più autorevole rivista professionale per l’ottica e l’occhialeria.

di ottica e occhiale ria

Marzo 2014

2014

EDIZIONI ARIMINUM

Oltre 50 anni di esperienza

1 Marzo – mars – March

Abbonamenti

VEDERE

Tech International

2014

Tecnologia, ricerca e sviluppo, materie prime, macchine, attrezzature, componenti, minuterie, finiture e servizi.

La prima per l’industria

Dal 1992 la prima e unica rivista a diffusione mondiale dedicata all’industria dell’occhialeria, gioielleria e orologeria.

Edizioni Ariminum Srl • Via Negroli, 51/A • 20133 Milano • Italy Tel. 02730091 • fax 02717346 • abbonamenti@vedere.it

Sottoscrivo un abbonamento annuale a ❑ Vedere

❑ 20 e

4 numeri

❑ Tech International

❑ 20 e

4 numeri

❑ Vedere + Tech International

❑ 30 e

8 numeri

❑ 30 e

4 numeri

Abbonamento cumulativo

❑ Tech International estero

Ricordiamo che l’abbonamento alle nostre pubblicazioni può decorrerea partire da qualsiasinumero durante l’anno e che la spesa sostenuta è fiscalmente detraibile.

Nome e Azienda…………………………………………………………………………………………………………………............... Indirizzo………………………………………………………………………………………………………………………............……… CAP…………………………………

Città………………………………………......……… Paese……………………….....……

Tel.……………………………………………………………… Fax……………………………………………………..................… www……………………………………………………………… e-mail……………………………………………..................……… Segnalate la categoria che meglio descrive la vostra attività

❑ Ottico ❑ Grossista

❑ Fabbricante ❑ Catena di negozi

❑ Importatore ❑ Gruppo d’acquisto

❑ Distributore ❑ Altro………..

PAGAMENTO ❑ Assegno bancario intestato a EDIZIONI ARIMINUM Srl

❑ Bonifico bancario intestato a EDIZIONI ARIMINUM Srl Banca Popolare Comm. e Industria Ag 2111 C/C 12469 IBAN IT58F0504801632000000012469

❑ Addebitare l’importo di .................................. sulla seguente carta di credito..................................................... ❑ VISA ❑ American express ❑ Mastercard ❑ CARTASI ❑ Eurocard Nr................................................................................................... Scadenza.......................................................... Nome............................................................................................ Data.................................................................... Firma...................................................................................................

Ai sensi del D. Lgs 196 del 30/06/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” autorizzo EDIZIONI ARIMINUM S.r.l. ad inserire i miei dati personali e/o aziendali nei suoi elenchi e a comunicarli ad altre aziende per contatti commerciali

barrare solo ❑ se non si autorizza


Inserzionisti BARTON PERREIRA Baumvision Europe ltd. – Vienna –Austria pag. 27 DIAMANT S.a.s – Caramagna Piemonte TO pag. 25 HOYA LENS ITALIA S.p.A. - Garbagnate Milanese MI pag. 21 LEISURE SOCIETY Baumvision Europe ltd. – Vienna –Austria pag. 1 LUXOTTICA S.r.l. – Agordo BL pag. 9 MIDO – Milano pag. 43 MOSCOT Baumvision Europe ltd. – Vienna –Austria III COPERTINA OPTI- MUNICH 2015 – Monaco - Germania pag. 56 PAMA COLORANTI S.r.l. – Sesto San Giovanni MI pag. 15 POLAROID/SAFILO – Padova PD – Italy pag. 33 SAFILENS S.r.l. – Staranzano GO I COPERTINA SAFILO S.p.A. – Padova PD pag. 13 SICA S.n.c. – Andora SV pag. 11 SILHOUETTE ITALIA S.r.l. – Como CO pag.2 SILMO – Parigi – Francia pag. 32 SORDELLI FRANCO S.r.l. – Venegono Inferiore VA pag. 17 SWISS EYEWEAR GROUP (International) AG – Zurich – Switzerland IV COPERTINA – pag.19 pag. 59 VISION EXPO EAST 2014 – New York – USA VISION-X – DUBAI pag. 39 II COPERTINA WEB EYEWEAR by MARCOLIN – Longarone BL

Abbonamento

Rivista trimestrale di ottica e occhialeria

Editore Edizioni Ariminum Srl Via Negroli 51/A - 20133 Milano Italy Tel.++39/02.73.00.91 Fax. ++39/02.71.73.46 www.vedere.it welcome@vedere.it Direttore Responsabile Isabella Morpurgo isabellamorpurgo@vedere.it ••••••••••••••• Pubblicità Isabella Morpurgo ••••••••••••••• Redazione redazione@vedere.it editorialstaff@vedere.it ••••••••••••••• Ufficio Pubblicità Letizia Santamaria pubblicita@vedere.it advertising@vedere.it ••••••••••••••• Ufficio Abbonamenti Rita Ferraro abbonamenti@vedere.it subscriptions@vedere.it •••••••••••••••

Speciale MIDO

Speciale MIDO

1

Marzo

Abbonamento annuo Italia e 20 (copia singola e 8) I versamenti vanno effettuati a mezzo c.c. postale n. 22088207 intestato a Edizioni Ariminum Srl 20133 Milano via Negroli 51/A o direttamente con assegno bancario o tramite carta di credito.

EDIZIONI ARIMINUM Srl - Via Negroli 51/A - 20133 - Milano

La prima rivista di ottica e occhialeria

Marzo 2014

2014

VEDERE Tendenze moda, industria, nuovi prodotti, marketing ed economia. Oltre 50 anni di esperienza La più autorevole rivista professionale per l’ottica e l’occhialeria. Vedere

(4 numeri) E 20

Gli abbonamenti possono decorrere da qualsiasi numero. • La rivista riporta gli articoli e le segnalazioni che le pervengono sia da singoli autori sia dalle aziende. La pubblicazione di questo materiale non coinvolge né l’opinione né la responsabilità della rivista. Autorizzazione Tribunale di Milano del 23-03-1991 N. 221 Associata a A.N.E.S. Associazione Nazionale Editoria Periodica Specializzata

Stampa: Pinelli Printing Srl - Seggiano di Pioltello (MI, Italy) Impaginazione/Fotolito: Servizi Grafici Milanesi Via A. Bono Cairoli 31 - Milano (Italy)

• La riproduzione di testi e illustrazioni pubblicati sulla rivista è vietata senza espressa autorizzazione della casa editrice. Informativa ex D. Lgs. 196/03 Si rende nota l’esistenza di una banca dati personali di uso redazionale per l’inoltro di proposte commerciali e la gestione dei contratti in essere presso la sede delle Edizioni ARIMINUM S.r.l. - Milano - Via Negroli 51/A. Gli interessati potranno rivolgersi al responsabile del trattamento dei dati, sig.ra Isabella Morpurgo presso la sede di Milano, Via Negroli 51, per esercitare i diritti previsti dalla legge. I dati potranno essere trattati da incaricati preposti agli abbonamenti, al marketing, all’amministrazione e potranno essere comunicati ad altre società per le medesime finalità della raccolta, per la spedizione delle riviste e per l’invio di materiale promozionale.


INVU_Woman_210x290mm_print.pdf 1 11.02.2014 17:14:25

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

ULTRA POLARIZED

Vedere Italia Marzo MIDO2014  

La testata VEDERE è nata nel 1953. Dal 1972 è la prima rivista internazionale dell'ottica e occhialeria. Dal 2010 è nata anche questa ve...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you