Page 1

Prima che un eroe, però, Ottavio Bottecchia fu un uomo che non sfuggì alla Storia. Conobbe la guerra, la povertà, la lontananza da casa. Il fascismo nascente volle farne una bandiera, ma a Botescià non interessava fare proclami e compiacere il regime, bensì tagliare il traguardo…

Giacomo Revelli – Andrea Ferraris

Bottecchia

Giacomo Revelli – Andrea Ferraris

Ottavio Bottecchia fu il primo italiano a vincere, nel 1924, il Tour de France. Uno sforzo estremo, riservato a pochi: tappe di quattrocento chilometri, strade spesso non asfaltate, biciclette senza il cambio e nessuna assistenza in corsa. Botescià, così chiamato dai francesi, per comodità calzava scarpette da ballerina.

Bottecchia ®

|

Euro 12,00

35


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 11:59 Pagina 1

Prospero’s Books

«Noi siamo fatti della materia di cui sono fatti i sogni…» (Prospero, da La Tempesta di William Shakespeare)


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 11:59 Pagina 2


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 07/04/11 15:50 Pagina 3

Giacomo Revelli – Andrea Ferraris

Bottecchia


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 07/04/11 15:50 Pagina 4

con il gratuito patrocinio del

comune

di

colle umberto

Bottecchia collana «prospero’s books» n. 35 i edizione: aprile 2011 Soggetto: giacomo revelli Sceneggiatura, disegni e lettering: andrea Ferraris grafica di copertina e impaginazione: tunué S.r.l. illustrazioni di copertina: andrea Ferraris text and illustrations copyright © 2011 revelli/Ferraris/tunué S.r.l. all rights reserved. direzione editoriale: massimiliano clemente tunué S.r.l. Via dei Volsci 139 – 04100 latina – italy tel. 0773 661760 | fax 0773 1875156 info@tunue.com | www.tunue.com iSbn-13, gS1 978-88-97615-15-6 Finito di stampare nel mese di aprile 2011 presso: Stampa Sud S.p.a. Via paolo borsellino 7 74017 mottola (ta) – italy carta: Hello Silk + 300 g/m2 (copertina) munken print 1,8 115 g/m2 (interni) Bottecchia è stampato su carta «amica delle foreste» certificata FSc


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 11:59 Pagina 5

Giacomo Revelli (Sanremo 1975) ama la bicicletta, vive a Genova e lavora come redattore per i siti web della Regione Liguria. Scrive su mentelocale.it e ha sue rubriche su quotidiani locali. Ha scritto racconti pubblicati in varie antologie, il suo ultimo romanzo, Dell’approvvigionamento idrico della città di Genova, è un noir sul difficile rapporto di Genova con l’acqua. Dal 2005 lavora alle sceneggiature e alle ricerche di ZemiaFilm, unità di video-produzione di documenti etno-antropologici sul territorio ligure. Bottecchia è il primo di una trilogia dedicata al triathlon.

Andrea Ferraris (Genova 1966) disegna da molti anni storie di Paperi e Topi. Dopo aver vissuto qualche anno a Barcellona si trasferisce a Cagliari dove vive, con la sua famiglia, a un passo dal mare. La passione per il ciclismo arriva dal nonno, con il quale, da ragazzino, seguiva alla televisione le tappe del Giro e del Tour.

A Daniela e Sarvari, e alla loro pazienza.


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 11:59 Pagina 6


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 11:59 Pagina 7

Bottecchia


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 11:59 Pagina 8


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:01 Pagina 9

bottecchia

|9


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:01 Pagina 10


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:01 Pagina 11

bottecchia

| 11


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:02 Pagina 12

12 | bottecchia


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:02 Pagina 13

bottecchia

| 13


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:02 Pagina 14

14 | bottecchia


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:02 Pagina 15

bottecchia

| 15


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:02 Pagina 16

16 | bottecchia


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:02 Pagina 17

bottecchia

| 17


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:02 Pagina 18

18 | bottecchia


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:02 Pagina 19

bottecchia

| 19


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:02 Pagina 20

20 | bottecchia


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:02 Pagina 21

bottecchia

| 21


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:02 Pagina 22

22 | bottecchia


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:02 Pagina 23

bottecchia

| 23


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:02 Pagina 24

24 | bottecchia


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:07 Pagina 25

bottecchia

| 25


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:25 Pagina 68


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:25 Pagina 69

bottecchia

| 69


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:25 Pagina 70

70 | bottecchia


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:25 Pagina 71

bottecchia

| 71


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:25 Pagina 72

72 | bottecchia


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:32 Pagina 73


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:32 Pagina 74

Il campione Ottavio Bottecchia (ultimo a destra) davanti alla casa natale, con gli oltre trenta fra nipoti e cugini vestiti a nuovo grazie ai premi delle sue vittorie. La prima a sinistra è la moglie Caterina Tonel. La figlioletta Fortunata Vittoria è al centro, davanti, in abito chiaro. Per gentile concessione di Renato Zarpellon.


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:32 Pagina 75

Allez Botescià! Uneroedituttiitempi di Giacomo Revelli

Quella raccontata in questo libro non è soltanto la storia di un uomo, di un atleta, di un ciclista. È anche la storia dell’Europa, dell’Italia, del ciclismo. L’avventura di Ottavio Bottecchia avviene in un periodo storico fondamentale, in cui il mondo andava strutturandosi e definendosi e in cui le grandi scoperte della scienza e della tecnica, dopo la tragedia del PriPer gentile concessione della Cineteca del Friuli. mo conflitto mondiale, stavano cambiando la vita quotidiana, mentre un nuovo benessere favoriva l’entusiasmo e la fede nel progresso. Da lì a poco si sarebbe formata la modernità che conosciamo oggi. Ma, anche allora, come in ogni altra epoca storica, c’era bisogno di eroi. E i supereroi di quel periodo, se non erano ancora capaci di trasformarsi un una cabina del telefono e salvare il mondo dai progetti del cattivo di turno, sapevano compiere imprese per l’epoca straordinarie: correvano maratone, combattevano incontri di pugilato, correvano in spericolate corse d’automobile o pedalavano per chilometri in bicicletta. I poemi epici che ne narravano le imprese erano le strade delle città, i giornali che ne diffondevano le notizie. Ottavio Bottecchia nacque a San Martino di Colle Umberto il primo agosto 1894 e fu uno di quegli eroi. Ma, prima che un eroe, fu uomo del periodo e come tale non sfuggì alla Storia: partecipò alla Prima guerra mondiale, ottenendo una Medaglia di Bronzo al Valor Militare. Poi emigrò in Francia e trovò lavoro come muratore e carrettiere. Conobbe la guerra, la povertà e la lontananza da casa e cercò fortuna all’estero, come accadde a molti in quegli anni e ancora oggi. Non è però per questo che il suo nome è scritto sui libri di storia: Ottavio Bottecchia, reduce ed emigrato friulano, fu il primo italiano a vincere il Tour de France nel 1924.


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:32 Pagina 76

Per gentile concessione della Cineteca del Friuli.

Il Tour de France, nel 1924 era uno sforzo estremo, riservato a pochi. Tappe di 400 chilometri per volta, su strade spesso non asfaltate e con mezzi poverissimi: le biciclette dell’epoca non avevano nemmeno il cambio e non era prevista alcuna assistenza in corsa. In più, l’organizzatore, henri Desgrange, fondatore de L’Equipe – il giornale il cui colore diede nome alla maglia gialla, simbolo del primato – imponeva regole ferree che rendevano la corsa durissima. Il ciclismo dell’epoca era dunque profondamente diverso da quello di oggi e con la bicicletta era più facile entrare nell’epica che accumulare ricchezze e sponsor. Correre, vincere, era il risultato di fatica e sacrificio, tanto che i ciclisti vennero definiti «i forzati della strada». La tecnologia e la scienza non avevano ancora il peso di oggi; vittorie, sconfitte e primati arrivavano come conseguenze delle qualità vere di un uomo, fortuna compresa. In una cosa soprattutto, il Tour era diverso da oggi: non era un circo, una macchina trita-soldi. attraverso città e campagne, portava un messaggio di libertà e rivincita per tutti: anche i meno fortunati potevano sperare in un futuro migliore, la fatica dei ciclisti aveva un valore catartico per la società intera. Per questo quando passava la corsa le strade erano sempre affollate di spettatori, gli incroci brulicavano di donne, uomini e bambini che incitavano i corridori. Molti nomi sono entrati nella leggenda: Frantz, alancourt, i fratelli Pelissier.

Fino alla vittoria di Bottecchia, il Tour de France o la «Grande Boucle», come viene chiamato in Francia, l’Italia restò piuttosto indifferente alla gara, che, anzi, veniva definita «brutale martirio di uomini». Ma proprio in quegli anni il regime fascista cercava di affermarsi in Europa ed era alla ricerca di eroi che lo sostenessero. Bottecchia forniva al fascismo una grande occasione: venne indetta una sottoscrizione per farlo partecipare al Tour. Ma tutto non andò come previsto. Bottecchia corse il Tour concentrando le proprie energie sulla gara, non gli interessava fare proclami e compiacere Mussolini, ma arrivare al traguardo: dopo aver visto l’inferno della guerra sapeva bene come gestire le proprie energie. Si attirò dunque l’ostilità di gerarchi. Correva poi per una squadra apolide, capitanata da un corridore di indole anarchica e ribelle, henri Pelissier. Per gentile concessione della Cineteca del Friuli. 76 | BOTTECChIa


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:32 Pagina 77

Come atleta, Bottecchia era fortissimo: nessuno era in grado di seguirlo appena la strada cominciava a salire. Dopo il primo Tour de France nel 1924, vinse anche il Tour nel 1925. Poi la fortuna cambiò il suo corso. L’anno successivo dovette ritirarsi. In più, perse suo fratello in un incidente: un’auto pirata lo travolse e uccise proprio mentre era in bicicletta. Il 3 giugno 1927, mentre stava preparandosi per correre il Tour, Ottavio Bottecchia fu trovato agonizzante lungo una strada di campagna, a Peonis, vicino Gemona del Friuli. Ricoverato, morì dopo 12 giorni. Le cause della sua morte non sono state mai chiarite.

Per gentile concessione della Cineteca del Friuli.

È così densa questa storia, così ricca di immagini ed emozioni, che solo con un fumetto poteva essere raccontata. I personaggi dovevano essere vivi e carichi come effettivamente furono, le vicende lasciano spazio alla fantasia, quanto ne lascerebbero i fotogrammi di un film. E Botescià, il Bottecchia disegnato da andrea Ferraris è, certo, un eroe, imbattibile in salita, abile stratega nelle tappe di trasferimento, ma anche un uomo, su cui si abbatte, inesorabile, il destino.

BOTTECChIa

| 77


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:32 Pagina 78

78 | BOTTECChIa


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:32 Pagina 79

BOTTECChIa

| 79


bottecchia_lavoro_MAC:Prospero's Books 21/03/11 12:32 Pagina 80


Prima che un eroe, però, Ottavio Bottecchia fu un uomo che non sfuggì alla Storia. Conobbe la guerra, la povertà, la lontananza da casa. Il fascismo nascente volle farne una bandiera, ma a Botescià non interessava fare proclami e compiacere il regime, bensì tagliare il traguardo…

Giacomo Revelli – Andrea Ferraris

Bottecchia

Giacomo Revelli – Andrea Ferraris

Ottavio Bottecchia fu il primo italiano a vincere, nel 1924, il Tour de France. Uno sforzo estremo, riservato a pochi: tappe di quattrocento chilometri, strade spesso non asfaltate, biciclette senza il cambio e nessuna assistenza in corsa. Botescià, così chiamato dai francesi, per comodità calzava scarpette da ballerina.

Bottecchia ®

|

Euro 12,00

35


Bottecchia  

l'eroe del ciclismo

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you