Page 1


Febbraio Immagini di Rosa Biagi Testi di Attilio Fortini

Temperino rosso edizioni Š 2012


2


1

je T'appelle Dio Diooooooooo! Il buio di un'invocazione è nella notte che esorta

3


4


2 LA VERTIGINE È possibile che la cosa più piccola coincida con quella più grande e che l'infinito sia l'assurdità del finito? È possibile!

5


6


3

Il giallo è un colore che riposa nella luce Il giallo è un colore con una strana luce

7


8


4 Blu è il mare Bianca è la luce Rosso è il sangue Nera la notte E di giallo? Solo alcuni momenti! Il giallo è un colore sfuggevole

9


10


5

Non si guarda mai quello che già si vede mentre quello che si guarda non sempre lo si è visto abbastanza

11


12


6

Ci sono cose talmente consuete ma talmente consuete che forse anche per questo sono un po' insolite

13


14


7

Ero sulla strada e all'improvviso senza saperlo mi sono voltato Infatti non c'era bisogno di sapere qualcosa per farlo

15


16


8 Non si deve pensare alla propria morte non perché è impensabile bensì inconcepibile Ci basti sapere che succede a tutti dunque è la cosa più normale che possa succederci

17


18


9

La parola rilassarsi per essere davvero rilassante andrebbe scritta in modo sbagliato

19


20


10

Per approfittare del cattivo tempo bisogna sperare nel bello

21


22


11

Un uomo non potrĂ mai essere solo la somma delle sue immagini

23


24


12

La veritĂ appare fingendo nel modo piĂš onesto possibile

25


26


13

In un cimitero non si depongono i morti ma la caducitĂ del tempo non si onorano i defunti ma la loro eternitĂ 

27


28


14

Due occhi che guardano un mondo aprono alla vastitĂ dello sguardo

29


30


15

Per divenire liberi bisogna aver fiducia nella libertĂ questa non la si sceglie la si rischia

31


32


16

M'io

33


34


17

Un luogo non è mai né solo lì né solo là un luogo lo s'incontra

35


36


18

Prima d'ogni cosa c'è sempre il nero cosÏ come dopo ma è sul bianco che tutto succede

37


38


19

Vivere rovina la pelle morire le lapidi

39


40


20

La bellezza quando giunge lo fa per una sola volta e non ritorna mai come c'era apparsa

41


42


21

Vorrei scrivere un libro capace di rendere sexi l'anima di chi lo legge

43


44


22

L'arte non crea emozioni le ricorda

45


46


23

Mi piacerebbe imparare il linguaggio del vento per cantare alle foglie brune la bellezza della loro fine

47


48


24

Il trascorrere che preferisco è quello in cui notte e giorno sono infilzati dallo stesso sguardo

49


50


25

La tristezza non si vende bene i pubblicitari lo sanno benissimo

51


52


26

Se è la misura a divenir folle tutte le lunghezze non possono che impazzire

53


54


27

Ăˆ solo quando si è scelto fino in fondo di vivere che si può scegliere anche di morire

55


56


28

Gli uomini uscirono dalle caverne quando iniziarono a dipingerle

57


Rosa Biagi nasce e vive a Bologna. In riguardo a sé, così si esprime: "penso alla fotografia come alla forma più immediata d'arte di strada, vita quotidiana: camminare, guardare, vedere.. Ingredienti: lo sguardo che si sofferma, un obiettivo che registra l’attimo."

Attilio Fortini nasce a Rio de Janeiro e vive a Parigi. Filosofo di formazione la sua attività si è sviluppata principalmente in forma interdisciplinare miscelando la pittura, la performance, l'installazione, la video arte, la scrittura. Ha realizzato diversi progetti coinvolgenti più modalità espressive e collaborazioni, quali ad esempio Artisticman nel 1994 e History now del 1996. Alcune sue pubblicazioni sono i romanzi: Il pelo dell’acqua del 2002, Terra preta del 2009, E Zarathustra parlò col fuoco del 2011; i saggi: Assenze prime del 2007, Il far venire all'essere dell'arte nel 2010, Metafisica del successo del 2010 e Il Fortinelli del 2011. Email: attilio.fortini@libero.it Sito: attilio-fortini.net

temperino-rosso-edizioni.com


Febbraio  
Febbraio  

28 aforismi di Attilio Fortini illustrati da 28 immagini di Rosa Biagi

Advertisement