Issuu on Google+

INTERNATIONAL MAGAZINE

New Zenith Chrono Ultra fast puree extraction and enzymatic deactivation in anaerobic environment.

cgp.it

The new line follows a long stream of patents and research on the themes of enzyme deactivation, anaerobic processing and cold extraction of fruit purees. Our concept is based on merging for the first time ever the advantages of cold and hot extraction. (patent pending)

Proved advantages include:

10 OTTOBRE

2010

Spedizione in abb.to postale -45% Art. 2 comma 20/B Legge 662/96 DCI-TV-Anno 15 N°10 Ottobre 2010

• better colour due to anaerobic process that avoids any browning caused by oxidative enzymes (polyphenol oxidase and peroxidase). • better flavours and aroma retention due to counter current condensation of aromatic vapours through cold raw product entering the machine. • better viscosity due to ultra fast anaerobic deactivation of pectinesterase enzymes and syneresis phenomena reduction. • lower working cost due to drastic L-ascorbic acid reduction, close to zero level. • better shelf-life thanks to high product stability. • perfect for cloudy juices and smoothies production as it delivers a very stable product without separation.

successful applications sold worldwide since January 2008

CFT S.p.A. Via Paradigna, 94/a - 43122 Parma, Italy Ph. +39 0521 277111 - Fax +39 0521 798404 info@cftfoodtechnology.com - www.cftfoodtechnology.com


Un’azienda, dinamica, flessibile, tecnologicamente avanzata

Via Vittorio Veneto, 141 - 36040 Grisignano di Zocco (VI) - Italy Telefono +39 0444 - 414 731/5 - Fax: +39 0444 414 719 Web Site: www.teknostamap.com E-mail: sales@teknostamap.com


DEEP-FREEZING

COOLING

PASTEURIZING

PROOFING

BELT EXCLUSIVE TECHNOLOGY Tecnopool S.p.a - Via M. Buonarrotti, 81 - San Giorgio in Bosco (Padova) Italy - tel. +39.049.9453111 - fax +39.049.9453100 - info@tecnopool.it www.tecnopool.it


FLOUR POWER www.imagination.it

technology for mixing

A complete range: · Spiral Mixers · Planetary Mixers Una gamma completa: · Impastatrici a Spirale · Mescolatori Planetari

ESCHER MIXERS srl 36015 Schio · Vicenza · Italy · Via Lago di Vico, 37 Tel. +39 0445 576.692 · Fax +39 0445 577.280 mail@eschermixers.com

www.eschermixers.com


Machinery & Development Science & Technology

12 36 42 64 68 88

UL e TIFQ: una collaborazione strategica UL and TIFQ: strategic cooperation Innovazione salutare Healthy innovation Cranberries essiccati dolcificati alla frutta Fruit sweetened dried cranberries Puntare più in alto Raising the bar Le biotecnologie agricole forniscono risposte concrete Agricolture biotechnologies provide real answers Film più sottili Thinner films

Marketing & Strategy

24

Un cuore morbido in un guscio croccante A soft heart in a crispy shell

40 118

Export sempre più strategico Increasingly strategic export

130 158 164

Professionisti per passion Professionalist for passion

Packaging Technologies e Packaging Research Packaging Technologies and Packaging Research

L’arte conserviera di eccellenza Excellence in the art of canning Margherita, Napoli o Quattro Stagioni? Margherita, Napoli or Quattro Stagioni?

16 18 26

Referente internazionale International benchmark

30 44 46

Precisione costante Constant accuracy

52 60

Bilancia con software integrato Weigher with integrated software

Soluzioni standard e personalizzate Standard and customized solutions Tradizione, tecnologia ed innovazione Tradition, technology and innovation

Il core business: professionalità Core business: professionalism La semplicità secondo MIA FOOD TECH Simplicity according to MIA FOOD TECH

Massima precisione in ogni dettaglio Maximum precision in every aspect


SOMMARIO/CONTENTS [OTTOBRE/OCTOBER 2010] TECNALIMENTARIA Year XV - n°10 Ottobre 2010 Direttore responsabile F. Da Cortà Fumei Direttore editoriale E. Da Cortà Fumei Segreteria di redazione Sabrina Fattoretto Grafica Carlo Borin Pubblicità Megas srl - Treviso Stampa TrevisoStampa srl

Direzione e Redazione Editrice EDF Trend srl Via Bianchetti 11, 31100 Treviso – Italy Tel. + 39 0422 410076 Fax + 39 0422 574519 redazione@tecnalimentaria.it info@tecnalimentaria.it www.tecnalimentaria.it Autorizzazione Tribunale di Forlì n. 5 del 19.01.1996 In questo numero la pubblicità non supera il 45% Sped. in abbonamento postale - 45% Art. 2 Comma 20/B Legge 662/1996 DCI-TV Publisher Editrice EDF Trend srl Via Bianchetti 11 31100 Treviso - Italy

All right reserved. Reproduction in whole or in part without written permission is prohibited. The Publisher is not responsible for any materials, nor for writers’ nor contributors’ expressed or implied opinions. Informativa ex D.lgs 196/03 Ai sensi dell’art.2 comma 2° del Codice Deontologico dei giornalisti si rende nota l’esistenza di una banca dati di uso redazionale presso la sede di Via Bianchetti 11 Treviso. Responsabile del trattamento dati è il direttore responsabile a cui ci si può rivolgere presso la sede di Treviso Via Bianchetti 11 per i diritti previsti dalla legge 675/1996. Associato a

Packaging & Design

86 92

Trait d’union

94

Avanguardia nel packaging secondario Secondary packaging at the leading edge

100

Riscaldamento del prodotto, etichettatura ed imballaggio Product heating, labeling, packaging

Krones ErgoBloc D Investire in innovazione Investing in innovation Una perfetta sintesi di flessibilità e affidabilità Flexibility and reliability in equally large measures

50 78 110 170

IBATECH 2010, una storia di successo a Istanbul IBATECH 2010: A success story in Istanbul

INTERNATIONAL MAGAZINE

New Zenith Chrono

Tecnologie e ingredienti per la pastificazione artigianale Technologies and ingredients for making artisan pasta

Ultra fast puree extraction and enzymatic deactivation in anaerobic environment.

OTTOBRE 2010

Avanguardia produttiva Production vanguard

About Fairs

N° 10

102 106 108 122

Lastra per termoformatura Sheets for thermoformed packaging

The new line follows a long stream of patents and research on the themes of enzyme deactivation, anaerobic processing and cold extraction of fruit purees. Our concept is based on merging for the first time ever the advantages of cold and hot extraction. (patent pending)

L’industria raggiunge nuovi mercati dal centro packaging dell’Eurasia The industry reached new markets from the packaging center of Eurasia Ad IPA innovazione e ricerca IPA for innovation and research

Proved advantages include:

10 OTTOBRE

2010

• better colour due to anaerobic process that avoids any browning caused by oxidative enzymes (polyphenol oxidase and peroxidase). • better flavours and aroma retention due to counter current condensation of aromatic vapours through cold raw product entering the machine. • better viscosity due to ultra fast anaerobic deactivation of pectinesterase enzymes and syneresis phenomena reduction. • lower working cost due to drastic L-ascorbic acid reduction, close to zero level. • better shelf-life thanks to high product stability. • perfect for cloudy juices and smoothies production as it delivers a very stable product without separation.

successful applications sold worldwide since January 2008

CFT

IN COPERTINA CFT S.p.a. Parma / ITALY www.cftfoodtechnology.com


NEW C series

Simply clever


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

di q Packaging flessibile e

Qualità e flessibilità sono le peculiarità costruttive di Synchroflow, la nuova confezionatrice orizzontale completamente elettronica

SYNCHROFLOW è la nuova confezionatrice orizzontale presentata da Dizma, azienda affermata nel campo del confezionamento flow pack e ora parte del gruppo Pavan. Macchina moderna e flessibile, la Dizma SYNCHROFLOW rappresenta l’evoluzione del modello Dizma Mini venduta in tutto il mondo, indicata per il confezionamento di prodotti non unicamente alimentari. Macchina completamente elettronica, a ciclo continuo con motori Brushless gestiti a PLC, viene montata su telaio a sbalzo per consentire una facile pulizia e manutenzione. Il funzionamento servoassistito consente un’estrema personalizzazione dei prodotti da confezionare che vengono memorizzati e semplicemente richiamati dal pannello operatore Touch Screen all’occorrenza, gestendo con rapidità ogni cambio di formato. SYNCHROFLOW è disponibile in diverse versioni a seconda del livello di personalizzazione richiesto e raggiunge una

SVMA-MIV

SYNCHROFLOW

Quality and flexibility are the peculiarities of Synchroflow, the new horizontal, fully automatic packaging machine

12

SYNCHROFLOW is the new horizontal packaging machine presented by Dizma, well-established company in the flow-pack sector, now belonging to Pavan group. SYNCHROFLOW by Dizma is a modern and flexible machine, representing the evolution of  model MINI sold all over the world, fit to pack both food and non-food products. SYNCHROFLOW is fully electronic and works with a continuous working cycle and PLC controlled brushless motors. It is installed on a cantilever frame for easy cleaning and maintenance. The servo-assisted operation allows for extreme customisation of the product to be packed: each configuration is memorised and can be easily loaded using the touch-screen operator panel. This ensures fast format changeover. SYNCHROFLOW is available in various versions depending on the required degree of customisation and reaches a speed of 400 packs per minute. This machine is proposed at a competitive price as compared with traditional machines of the same market segment, and its construction features ensure best quality and flexibility of use. Packaging machine for bags with four sided seal

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

ualità

produttività di 400 pezzi al minuto. Qualità è flessibilità sono le peculiarità costruttive di questa confezionatrice orizzontale proposta ad un prezzo competitivo rispetto alle macchine tradizionali nel suo segmento di mercato. Confezionatrice per sacchetti con 4 saldature Stiavelli del gruppo Pavan presenta la confezionatrice SVMA-MIV, macchina alternata e gestita da motori Brushless che realizza confezioni a cuscino e a fondo quadro con o senza le 4 saldature. La confezionatrice dispone di saldatrice verticale a barra, traino film e gruppo ganasce motorizzati mediante motori Brushless, sistema specifico per la realizzazione dei sacchetti a fondo quadro, piano di giunzione per cambio bobina facilitato, dispositivo di centratura automatica trasversale del film che movimenta tutta la sezione posteriore della confezionatrice compresa la bobina, sensori di arresto macchina per la rottura del film. La SVMA-MIV è predisposta per essere integrata a specifica pesatrice multiteste. La confezionatrice viene gestita da un PLC industriale tramite un pannello operatore “touch-screen”. La SVMA-MIV è indicata per il confezionamento di prodotti fragili grazie al dispositivo che permette di inclinare la parte anteriore, comprendente i gruppi saldanti e il tubo formatore, fino ad un massimo di 40° evitando così rotture e traumi al prodotto confezionato in uscita dalla macchina. Pavan esporrà a EMBALLAGE 2010, Hall 5a Stand C114.

Packaging with quality and flexibility Stiavelli of Pavan Group presents the SVMA-MIV packaging machine, an alternate motion machine driven by brushless motors to fill and form pillow bags or flat bottom bags either with or without four sided seals. The machine is equipped with a bar-type vertical sealing device, film drive and sealing jaws with brushless motor drive, a specific system to form flat bottom bags and a film junction surface for easier film reel change. A device for the automatic transversal film centering shifts the entire rear machine including the reel. Standard equipment includes sensors for machine-stop in case of film breakage. SVMA-MIV is ready for integration into a specific multi-head weigher. The machine is managed by an industrial PLC and controlled by a touch-screen type operator panel. The front part of the machine SVMA-MIV can be inclined, which makes it ideal for packaging fragile products: the sealing jaws and forming tube can be inclined up to 40 degrees thus avoiding shocks or breakage of the packed product. Pavan will exhibit at EMBALLAGE 2010 - Hall 5a Stand C114.


EMBALLAGE 2010 HALL 59 STAND C114


S C I E N C E & T E C HNO L OG Y

UL & TIFQ:

una collaborazione strategica strategic cooperation …per la certificazione igienica ed elettrica delle macchine per la produzione di paste alimentari fresche e paste ripiene

Foto / Photo: Gruppo Pavan

Le parti delle macchine e degli impianti per la produzione di paste alimentari fresche, e dei loro derivati, che vengono a contatto con gli alimenti devono essere conformi ai requisiti cogenti indicati nel Regolamento CE 1935/2004 al fine di rilasciare la dichiarazione di conformità alimentare per le macchine o attrezzature commercializzate nei paesi europei. La dichiarazione deve essere necessariamente supportata da una raccolta di documentazione, che possa comprovare di avere adeguatamente attuato un piano di controllo, supportato da analisi sui materiali, che comprovi l’idoneità del materiale con lo specifico alimento a contatto. Queste attrezzature dovranno, inoltre, essere corredate dai documenti tecnici necessari per la corretta installazione e da tutte le specifiche istruzioni per la loro manutenzione, sanificazione e pulizia. Per la conformità al Regolamento CE 1935/2004, TIFQ effettua verifiche di corretta applicazione normativa, attuata dall’azienda. La verifica dei componenti impiegati dovrà corrispondere alla lista dei materiali 14

Ottobre 2010

The parts of the machines and plants for fresh pasta and pasta by-product production, which come into contact with food, need complying with the EC Norms 1935/2004 to have a certification of food conformity for machines or equipment traded in European Countries. Not only does such certification need being accompanied with suitable documents stating that a control plan was put into effect and accompanied by the analysis on the materials proving they can come into contact with food. Equipment has to be accompanied by all its necessary technical documents for a correct installation and specific maintenance, sanification and cleaning instructions. TIFQ carries out controls on the correct application of the norms, for having the company complying with the CE 1935/2004 norms. The result of the control over the components used has to be compliant to the list of the materials admitted by Ministerial Decree 21/3/1973, which outlines the characteristics of the materials and the specific limits for their transfer. In addition, TIFQ verifies the suitability of the lab tests on samples of the various material used and provides a support for an applicative evaluation of

TecnAlimentaria Food Industry


S C I E N C E & T E C HNO L OG Y

consentiti indicata dal Decreto Ministeriale 21/3/1973, dove definisce le caratteristiche dei materiali e i limiti specifici di cessione degli stessi. Inoltre TIFQ esamina l’idoneità delle prove di laboratorio eseguite sui campioni rappresentativi dei diversi materiali utilizzati, e fornisce un supporto per una valutazione applicativa dei criteri igienico costruttivi e per le documentazioni tecniche di supporto delle macchine. Queste verifiche serviranno a migliorare e qualificare il prodotto dal punto di vista progettuale “design igienico” e informativo (manuale di corretta installazione e manutenzione), a garanzia dell’impresa alimentare e dell’utente finale. Le attrezzature e i macchinari, per la produzione di paste alimentari fresche e paste ripiene, devono essere progettati e costruiti con il criterio di autopulizia, ovvero devono essere facilmente lavabili e sanificabili. Come peraltro richiesto sia dai principi di igiene generale, ribaditi dai regolamenti comunitari del “pacchetto igiene”, sia dalle indicazione della direttiva macchine. In generale, le parti soggette a pulizia periodica devono essere possibilmente smontabili o estraibili, e sono tenute a presentare delle soluzioni di chiusura e serraggio che non richiedano attrezzature particolari, oppure lunghi tempi per l’effettuazione delle operazioni di smontaggio. TIFQ supporta le aziende costruttrici affinchè possano attuare la piena corrispondenza normativa, e rilasciare a queste ultime l’idoneità, di terza parte, al Regolamento CE 1935/2004. L’attività di TIFQ inizia con un’analisi preliminare del prodotto e con la verifica dei singoli componenti a contatto. Questa fase consentirà di trovare coerenza e indicare le eventuali azioni correttive.

the hygienic/production criteria and for the technical books of the machines. These controls aims to improve and qualify products from a “hygienic design” and information (manual of correct installation and maintenance) points of view, as to give food industry and final consumers top guarantee. Both equipment and machinery for fresh and stuffed pasta production needs being certified and built selfcleaning, meaning that they has to be easily washable and sanitizable. The parts which need ordinary cleaning have to be extractible or dismountable, with special close and seal solutions, and not requiring any particular equipment or long times for dismounting operations. TIFQ supports manufacturers so that they can comply with the CE 1935/2004 norms. TIFQ’s activity begins with a preliminary product analysis and control over every single component that comes into contact with food. This phase will not only enable to find coherence but also show necessary corrective actions to take. Materials’ and suppliers’ traceability course enables to guarantee the dependability of the production process. In addition, some production audits are also possible to control the production in order to guarantee conformity with the norms.

…for the hygiene and electric compliance of the machines for food fresh and stuffed pasta production Foto / Photo: Gruppo Pavan

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

15


S C I E N C E & T E C HNO L OG Y

Un percorso di tracciabilità dei materiali e dei fornitori permetterà poi di garantire la rispondenza del mantenimento produttivo. Sono previsti inoltre audit di verifica in produzione prodotti affinchè sia garantito nel tempo il mantenimento alla conformità. TIFQ stenderà infine un dossier tecnico necessario a dimostrare l’attività svolta. Il documento sarà mantenuto costantemente aggiornato nel tempo, per nuovi modelli o per l’impiego di nuovi materiali. Il dossier dovrà essere a disposizione delle autorità di controllo per le indagini preposte e per il rilascio della dichiarazione di conformità. L’igienicità delle tecnologie e la qualificazione di prodotto La qualificazione sotto il profilo igienico sanitario inizia da una analisi progettuale “design igienico” e si completa con una corretta documentazione informativa dei manuali di installazione e manutenzione, a garanzia dell’impresa alimentare e dell’utente finale. Il marchio di conformità igienica TIFQ Il Marchio di conformità igienica TIFQ garantisce il costruttore della tecnologia di avere attuato tutte le necessarie “regole costruttive”, e lo tutela dall’uso improprio della attrezzatura. Il Marchio TIFQ dà la certezza all’utilizzatore di impiegare un’attrezzatura corrispondente ai criteri normativi e di sicurezza igienico-costruttiva delle parti a contatto della macchina. Infine, la certificazione TIFQ assicura il consumatore finale sull’utilizzo di un prodotto processato con le dovute garanzie di igienicità e salubrità. Underwriters Laboratories (UL), leader mondiale nel campo della certificazione di sicurezza, effettua investigazioni e prove di laboratorio su macchine e attrezzature per la produzione di paste alimentari. Le norme statunitensi che fanno da riferimento per la sicurezza elettrica e meccanica di queste apparecchiature sono il Subject UL 2011 per gli impianti produttivi installati secondo la ANSI/NFPA 79 “Electrical Standard for Industrial Machinery e l’articolo 670 del “National Electric Code”. Le macchine a uso professionale sono valutate secondo la ANSI/UL 763 “Motor-Operated Commercial Food Preparing Machines”; in Europa invece vigono le norme EN60335-1 e EN60335-2- 64 “Commercial Electric Kitchen Machines”.

Furthermore, TIFQ also issues a technical dossier proving the control activity carried out. The document will then be constantly updated, for new models or for new materials to be used. In addition, such dossier will be put at the authorities’ disposal for any inspection and issue of certification of eligibility. Hygienic technology and product qualification From a hygienic/sanitary perspective, the qualification begins from a hygienic design analysis right to an exhaustive information documentation consisting of installation and maintenance manuals. With the TIFQ hygienic certification the technology manufacturer is guaranteed that in addition to performing all the required “construction rules”, he also avoid using wrongly his equipment. TIFQ brand gives the user the utter certainty of using only the equipment corresponding to all the norms and parts that will come into contact with food are complying with the hygiene-construction safety requested. Moreover, TIFQ certification is further guarantee that a processed product has been produced in full respect of all hygiene and salubrity rules. Hygiene compliance brand The result achieved is clear evidence of the full compliance with the norms in force and quality manufacture of the finished product, as a guarantee that all hygiene-sanitary characteristics comply with the norms set by the law. TIFQ brand of hygiene compliance proves that the product is guaranteed and qualified in the food hygiene sector. UL – Underwriters Laboratories is an independent body leader in safety certification solutions; it provides testing and laboratory analysis on machines and equipment for edible pasta production. The US norms ruling specific electric and mechanic safety are Subject UK 2011 for any plant installed according to ANSI/NFPA 79 “Electrical Standard for Industrial Machinery and art. 670 of National Electric Code”. Professional machinery are qualified according to ANSI/UL 763 “Motor-Operated Commercial Food Preparing Machines”; as for Europe, EN603351 e EN60335-2- 64 “Commercial Electric Kitchen Machines” are in force.

Riccardo Giambelli direttore di TIFQ TIFQ managing director

16

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Referente internazionale RONDO conta su una combinazione unica di conoscenze ed esperienza nel campo della laminazione e formatura della pasta Da oltre 60 anni, RONDO sviluppa e realizza macchine ed impianti di altissima qualità per la produzione di prodotti di pasticceria di ogni genere, pane e panini, pizze, croissant, donut e paste sottili. RONDO può quindi contare su una combinazione unica di conoscenze ed esperienza nel campo della laminazione e formatura della pasta. Questo connubio tra conoscenze tecniche ed esperienza decennale viene chiamato “dough-how & more”. Presso la sede principale di Burgdorf, in Svizzera, vengono prodotte prevalentemente macchine per la produzione artigianale e semi-industriale, mentre a Schio, in Italia, vengono realizzati impianti industriali. Una fitta rete di assistenza e di distribuzione ci consente di offrire un’Assistenza Clienti eccellente a livello internazionale.

Migliaia di utenti in tutto il mondo, dalla pasticceria artigianale al produttore industriale, apprezzano RONDO per la sua affidabilità, per la consulenza e il sostegno e per l’eccezionale rapporto. Curl & More Una macchina estremamente versatile, utilizzata per la produzione automatica di croissant vuoti e farciti e di molti prodotti di pasticceria arrotolati come baguette e pretzel: si tratta di Curl & More, proposta dalla Rondo, che può essere utilizzata da sola, alimentata da calibratore o da una linea di alimentazione MLC, o ancora da un formatore di pasta Smartline. In abbinamento a una linea di laminazione, si ottiene una linea di produzione completamente automatizzata per prodotti di pasticceria arrotolati di ogni tipo. È possibile lavorare croissant farciti e vuoti da 2 a 6 file e raggiungere una capacità produttiva compresa tra 4000 e 12000 pezzi/h. Curl & More è una macchina innovativa che alla recente fiera IBA si è aggiudicata due premi: per la sua produttività e per la sua capacità di dosare grandi quantità di farcitura. Rondo sarà presente alla prossima edizione del salone A.B.TECH Expo di Milano allo stand P45 S54, padiglione 7.

International benchmark RONDO has a unique combination of knowledge and experience in sheeting and shaping dough For over 60 years now, RONDO has been developing and producing high-quality machines and installations for the production of pastry of all types, such as bread and rolls, pizzas, croissants, donuts and thin dough products RONDO therefore has a unique combination of knowledge and experience in sheeting and shaping dough. The sum of all the expertise and decades of experience in sheeting and shaping dough is what is called “dough-how & more”. At Rondo’s headquarters in Burgdorf, Switzerland, it is mainly machines for artisanal and semi-industrial production that are produced. Industrial installations are produced in Schio, Italy. A comprehensive service and sales network enables the company to provide excellent customer care worldwide. Thousands of users worldwide, from the artisanal bakery 18

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

to the industrial manufacturer, greatly appreciate RONDO’s reliability, consulting and support and the outstanding price/ performance ratio. Curl & More The Rondo Curl & More is a machine that can be used very flexibly for the automatic production of curled pastries such as filled and unfilled croissants or baguette and soft pretzel sticks. You can use it as a standalone machine with automatic feeding by means of a calibrating unit, a Rondo MLC feeding line or the Smartline dough sheet pre-former. In combination with a laminating line, this creates a fully automatic production line for curled pastries of all types. Depending on the pastry size, you can produce your filled and unfilled croissants in two to six rows, achieving a capacity of 4000 to 12000 units per hour. The unique innovative Rondo Curl & More was awarded two prizes for innovation at recent IBA exhibition: for its capability and feature to enable the processing of very high filling quantity. Rondo will be exhibiting at the forthcoming event A.B.TECH Expo at the stand P45 S54, hall 7.


anutenzione programmata ssistenza 24h – 365 gg/anno

Dough-how & more …

Salone Internazionale delle Tecnologie e Prodotti per Panificazione, Pasticceria e Dolciario

… successo.

NOI ESPORREMO QUI

Milano 23-27 Ottobre 2010

RONDO è sinonimo di perfezione nella lavorazione della pasta. L’ennesima conferma arriva da due importanti riconoscimenti ricevuti durante l’ultima fiera IBA, per l’innovativa linea croissant CURL & MORE. La nostra continua ricerca tecnologica è la garanzia del vostro successo. www.rondo-online.com Manutenzione programmata, assistenza 24h – 365 gg/anno

RONDO S.r.l., Via Lago di Albano, 86, Schio (Vi), telefono 0445/576635, fax 0445/575317, info @ it.rondo-online.com


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Soluzioni standard e personalizzate EVCO è un’azienda Italiana con sede a Sedico (Belluno) leader nella progettazione, produzione e vendita di controllori elettronici per i mercati del Catering, della Refrigerazione e del Condizionamento dell’Aria. EVCO fornisce dal 1991 i principali costruttori del mercato del Catering, sia con prodotti standard che custom (ovvero sviluppati in collaborazione con il cliente). Lo staff EVCO è composto da più di 80 dipendenti, con una percentuale molto importante (25%) dedicata al reparto Ricerca & Sviluppo, grazie al quale l’azienda può offrire sempre prodotti tecnologicamente avanzati e all’avanguardia per i propri settori di impiego. La linea “catering” comprende principalmente control-

Standard and customized solutions EVCO has been providing Catering OEMs with standard and customized products

18

EVCO is an Italian company leader on design, production and sales of electronic controllers for catering equipment; EVCO also works in refrigeration and air-conditioning fields. It furnishes from 1991 main Catering OEMs with standard or custom products, designed according to the customer or on customer specifications. EVCO staff is composed by more than 80 people, with a very large part (25%) dedicated to R&D department, with the goal to have a continuous development of hi-tech controllers for catering, refrigeration and airconditioning OEMs markets. Instruments are mainly used to control blast-chillers machines, retarder-prover cabinets, bread and pizza ovens, convection ovens; EVCO products can manage entirely industrial kitchens, restaurants, etc by the control of all the “food chain”: preparing, cooking and conserving. All these machines and their cycles can also be

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

EVCO fornisce dal 1991 i principali costruttori del mercato del Catering, sia con prodotti standard che custom

lori per la gestione di abbattitori rapidi della temperatura, di celle di lievitazione e fermo-lievitazione, di forni elettrici per panificazione e pizzeria, per forni a convezione; i prodotti EVCO sono quindi in grado di gestire tutti i macchinari presenti in cucine industriali e ristoranti, controllando tutta la “catena del cibo”: preparazione, cottura e conservazione. Grazie all’utilizzo di strumentazione EVCO, tutti i macchinari potranno essere inoltre collegati al sistema di supervisione RICS, che permetterà la registrazione su hard disk di tutti i dati relativi alla cottura e alla conservazione, aiutando quindi l’osservanza dei regolamenti HACCP. La grande esperienza maturata in anni di presenza sul mercato permette, inoltre, a EVCO di progettare prodotti che aiutano a risolvere le esigenze dei

automatically monitored with RICS supervision system that allows to meet HACCP requirements on foods cooking and conserving. EVCO experience allows the design of useful products that will help OEMs into machine design and production and final users with easy to use controllers. That’s why EVCO is catering global supplier. EVCO has got a wide range of available controllers able to meet all customer requirements into Catering sector. • Cooking line is dedicated to bakery and gastronomy ovens control Controllers line EK346/356, EV9 series 300, EVC30, EV7 are able to manage both “top & floor” ovens (with complete steam management, cooking time and delayed starting) and convection ovens (with room and food core temperature management, ventilation, cooking programs, phases and multiple times). The last innovative solution proposed by EVCO is the EVFEEL technology, or being able to develop capacitive user interfaces with “push-buttons” to be positioned entirely rear a glass or a plexiglass, close to the machine. This technology fits to “food equipment” applications


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

costruttori, sempre senza dimenticare la semplicità d’uso per l’utilizzatore finale. Ecco perché EVCO è il fornitore globale del catering con la più completa gamma di prodotti disponibile sul mercato con: • Linea cottura: dedicate alla gestione di forni per panificazione e gastronomia Le linee di prodotto EK346/356, EV9 serie 300, EVC30, EV7 sono in grado di gestire forni “cielo-platea” (con gestione completa della funzione vapore, timer di cottura e accensione differita) e forni a “convezione” (con gestione cottura a tempo o per sonda al cuore, ventilazione, pr ogrammi di cottura a fasi multiple). L’ultima innovativa proposta di EVCO è rappresentata dalla tecnologia EVFEEL, ovvero dalla capacità tecnologica di sviluppare interfacce utente di tipo capacitivo con tasti a sfioramento da posizionare interamente sotto vetro o plexiglass, a bordo macchina. Questa tecnologia si adatta perfettamente alle applicazioni “food equipment” quali forni, armadi di fermalievitazione, vetrine refrigerate, laddove il design e la facilità di pulizia ricoprono un ruolo importante. • Linea abbattimento: dedicata alla gestione di abbattitori rapidi della temperatura

as ovens, retarder-prover cabinets, refrigerated showcases, where the design and the easy of cleaning have got great importance. Blast chillers line is composed by a wide range of products included compact EVK802, EVC80 line, and CT1SA both able to manage chilling (+3°C) and freezing (-18°C) cycles that are controlled by fix time or by the control of food core temperature. Wide display alphanumeric LCD controller CT1SA is the solution proposed by EVCO for ”high level” blast chillers. Selection of hard-soft chilling cycles, 30 chilling/ freezing cycles storing, steryl (U.V. lamp) and door heating functions management, HACCP storing of last executed cycles, integrated RS-485 port for PM 100A printing module or RICS supervisor system connection; these are the main features of CT1SA. Bakery line is developed to control all machines dedicated to bread and pizza preparing EVC25, CT1SA, EVK614 and EVEPLEV controllers are built for the management of prover and retarder-prover machines both with machine integrated controllers

20

Ottobre 2010

Le linee prodotto EVK802, EVC80 e CT1SA permettono il controllo di cicli di abbattimento (+3°C) e surgelazione (-18°C) sia con controllo a tempo che tramite lettura della temperatura al cuore del prodotto. Il modello alto di gamma CT1SA con display LCD alfanumerico permette la gestione di cicli hard/soft, la gestione della lampada U.V. di sterilizzazione, della cornice di riscaldamento porta, del ventilatore del condensatore. Grazie alla possibilità di collegamento del modulo di stampa PM 100A (attraverso una porta di comunicazione RS-485 integrata) e alla memorizzazione delle temperature durante gli ultimi cicli eseguiti, la linea abbattitori EVCO è orientata all’osservanza delle norme HACCP. • Linea panificazione: dedicata alla gestione di maCchine di lievitazione e ferma-lievitazione Le linee prodotto EVC25, CT1SA, EVK614 e EVEPLEV permettono il controllo di celle/armadi di lievitazione e ferma-lievitazione sia con soluzioni da installare a bordo di nuovi macchinari (EVC25 e CT1SA) che con soluzioni per installazione a bordo cella/macchina, per il rimpiazzamento e l’automatizzazione di vecchie celle/armadi di fermo-lievitazione costruiti con componenti elettromeccanici che con soluzioni estremamente compatte (EVK614). • Linea monitoraggio e supervisione di impianti Le soluzioni proposte da EVCO sono principalmente due: l’utilizzo del software per Personal Computer RICS (per la supervisione di impianti) o l’utilizzo del data-logger EVDATA, che permette il download dei dati registrati direttamente su drive USB.

(EVC25 and CT1SA) and with external electrical panels (EVEPLEV) able to replace existing electro-mechanical plants with a new independent controller and with extremely compact solutions (EVK614). Plants monitoring and supervision line The solutions offered by EVCO are mainly two: by using Personal Computer software RICS supervision system or by using independent datalogger EVDATA, able to download recorder data directly on USB drive.

TecnAlimentaria Food Industry


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Particolari esigenze produttive IRTECH ha sviluppato una vasta gamma di prodotti ed una flessibilità in termini di impianti e macchine tale da poter soddisfare particolari esigenze produttive

IRTECH srl è una società di recente costituzione che può però contare su una solida base di esperienza del personale che la compone, che va ben oltre i 15 anni nel settore della refrigerazione applicata all’industria della panificazione e della pasticceria. Attraverso un attenta selezione dei fornitori e della standardizzazione dei componenti per le più svariate applicazioni, la IRTECH ha sviluppato in poco tempo una vasta gamma di prodotti ed una flessibilità in termini di impianti e macchine tale da poter soddisfare le particolari esigenze produttive cha variano dal piccolo laboratorio artigianale fino all’industria. In particolare la gamma di prodotti della IRTECH comprende, • Surgelatori a Tunnel per Carrelli e per teglie mod. BURAN e MISTRAL: caratterizzati da una struttura componibile e smontabile con pannelli autoportanti di mm 100 con isolati con poliuretano espanso di alta densità (41kg/m³); sono corredati da Evaporatori (dettaglio foto 1), Compressori e quadri di comando della migliore qualità e conformi alle normative PED. Queste macchine hanno una capacità di abbattimento che varia dai 50 agli 800kg/h e sono adatti ad abbattere e surgelare rapidamente tutti i prodotti da forno, di qualsiasi pezzatura, sia crudi che pre-cotti. • Celle di Ferma-Lievitazione

Particular production requirements IRTECH has developed such a broad range of products and flexibility in terms of plants and machines as to meet particular production requirements

22

IRTECH srl is a newly established company but with solid base in terms of experience and passion. Many of IRTECH’s staff have over 15 years of experience in the industrial refrigeration applied to the bakery and pastry market and dedicate every necessary effort to reach the best results in both the commercial and technical aspect of this industry. They have put forward the idea of refrigeration equipment built in an industrial way while still being custom-made to meet the customer’s specific requirements, from the smallest bakery to the Industrial environment. Combining the tradition for innovation with the development of perfection, IRTECH has introduced machines that can match any others in terms of quality and price, but can also ensure its dealers the best kind of support in terms of proper back-up and service. IRTECH’s range of equipment lists: • Tunnel Blast Freezers for Racks mod. BURAN and MISTRAL: characterized by a completely dismountable structure composed of prefabicated self-bearing sandwich panels, isolated with injected rigid high density (Kg/m³ 41) expanded polyurethane of mm.100 thickness; these machines are equipped with Evaporators (detail in picture 1), Compressors and control panels of the

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

Programmata mod. ALIZE’, LIBECCIO, VENDAVAL (dettaglio foto 2), QUAS: tanti modelli diversi per tutte le esigenze. Il perfetto risultato del ciclo di ferma-lievitazione programmata è garantita dall’ottimale gestione e bilanciatura del sistema di evaporazione, di umidità e di riscaldamento che garantisce l’uniformità di produzione in qualsiasi condizione di lavoro e con tutti i prodotti da lievitare. La pressione dell’aria all’interno della cella è costante ed equa in tutti i punti, l’umidità è gestita da produttori di vapore ad elettrodi immersi che garantiscono un flusso di vapore costante ed immediato appena il ciclo di lavoro lo richiede. Il quadro di comando può essere digitale, LCD, PLC a seconda delle esigenze del cliente. • Celle Industriali: grande rilievo all’interno della gamma di offerte delle IRTECH sono le celle di tipo industriale, siano esse di lievitazione, di surgelazione, di stagionatura, vengono prodotte “custom” secondo le particolari esigenze del cliente. • Per questo genere di celle (dettaglio foto 3) ci si avvale di strutture con pannelli isolati, Unità Di Trattamento Aria per la gestione del caldo, umidificatori adiabatici, canalizzazione aria in acciaio inox AISI 304 con mandata e ripresa aria realizzata con discese verticali ad omega flangiate con foratura differenziata per uniformare la circolazione dell’aria. highest quality and in compliance with PED regulations. IRTECH’s Blast Freezers have a freezing capacity that varies from 50 to 800kg/h and are adapt to Blast freeze every bakery product, raw or par-baked, regardless of the weight range. • Retarder-Proofers mod. ALIZE’, LIBECCIO, VENDAVAL (detail in picture 2), QUAS: many different models for each and every need. The perfect results of the programmed leavening process is guaranteed by means of a proper balance of the evaporating system, of the humidity and of the heating cycle, the combination of whom lead to a production uniformity regardless of the working conditions and of the kind of product to be leavened. The humidity is managed by an electronic steam producer that guarantees a constant and immediate humidity flow every time the working cycle requires it. The control panel can be digital, LCD or PLC according to the client’s requirements. • Industrial Plants: Great importance within IRTECH’s production range are the Industrial Plants. Either them being leavening plants, freezing plants or for conservation, they are custom made to meet any particular requirement. • For these kind of rooms (detail in picture 3) IRTECH makes use of isolated panel structure ( thickness varies according to requirement ), Air Handling Units in order to manage the heat flow, Adiabatic humidifiers, AISI 304 Stainless steel air ducts with output and recovery air flow carried out by means of round section vertical ducts with different size holes for constant and uniform air circulation.


When Industrial manufacturing meets custom made requirements.

VENDAVAL : High capacity retarder-proofer

LIBECCIO : Tunnel retarder-proofer

BURAN: High capacity Tunnel Balst Freezer

MISTRAL: Single rack Blast freezer

Blast Freezers – Retarder Proofers – Conservation rooms - Industrial Proofers for every particular need; from the smallest bakery to the large industrial environment. Irtech s.r.l. Via Val Lerone, 21/117 – 16011 Arenzano ( GE ) – Italy - Tel. +39 010 0013583 ; Fax +39 010 0013588 E-mail : info@irtechsrl.it ; www.irtechsrl.it


M A R K E T I NG & S T R A T E G Y

Un cuore morbido in un guscio croccante L’arte cioccolatiera italiana racchiusa in ognuna delle sfoglie ripiene Nero Perugina e Latte Perugina Le nuove sfoglie Nero Perugina e Latte Perugina custodiscono un segreto: un cuore di morbido cacao racchiuso in un guscio di croccante cioccolato fondente o di cremoso cioccolato al latte. Dall’esperienza e dalla passione di Perugina per il cioccolato nascono le nuove Sfoglie Ripiene Nero Perugina e Latte Perugina, due ricette caratterizzate da una sottile sfoglia di cioccolato, al fondente o al latte, che racchiude un cuore di morbido cacao. Le Sfoglie Ripiene, la nuova dimensione del piacere, rappresentano la naturale evoluzione delle Sfoglie Nero Perugina e delle Sfoglie Latte Perugina. Al piacere intenso del fondente e alla morbidezza del latte, le nuove Sfoglie Ripiene aggiungono un carattere esclusivo e distintivo, a conferma che Latte Perugina e Nero Perugina racchiudono in se un’essence unica. Grazie all’impegno che l’azienda ha investito nella loro creazione, fondentisti e lattisti possono da oggi lasciarsi andare a un nuovo, irresistibile piacere. Le Sfoglie Ripiene Nero Perugina introducono il consumatore in una nuova dimensione del piacere. Un guscio croccante di cioccolato fondente al 70%, racchiude,

A soft heart in a crispy shell

24

Ottobre 2010

infatti, un cuore di morbido ripieno al cacao, il cui gusto intenso consente di vivere un’esperienza indimenticabile. Il morbido ripieno di cacao delle Sfoglie Ripiene Latte Perugina, invece, è avvolto da un guscio di cremoso cioccolato al latte. L’incontro di queste due diverse morbidezze avvolgerà i sensi in una sensazione di irresistibile piacere. Le confezioni di Sfoglie Ripiene Nero Perugina e Latte Perugina sono impreziosite da una grafica raffinata ed elegante. Dalla sua nascita nel 1907 Perugina inizia a proporre prodotti che diventeranno dei veri e propri cult dell’arte pasticcera. Al mitico Bacio, nato nel 1922, si affianca, nel 1926, la “signora” delle specialità Perugina, Rossana, la caramella dall’incon-

The new Nero Perugina and Latte Perugina sheets of chocolate hide a secret: a soft heart of cocoa held in a crispy shell of dark chocolate or creamy milk chocolate. From Perugina’s know-how and passion for chocolate the creation of the new Sfoglie Ripiene Nero Perugina and Latte Perugina; two special recipes finely characterized by a thin layer of chocolate, dark or milk, around a soft heart of cocoa. The Sfoglie Ripiene are the natural evolution of the classic Sfoglie Nero Perugina and Sfoglie Latte Perugina. The intense pleasure of dark chocolate merges with the delicacy of milk; the new Sfoglie Ripiene has an exclusive and distinctive character, which further prove the unique essence of the thin layers. Thanks to the very commitment of the company to this special creation, the dark-holic and milk-holic can pamper themselves with a new, irresistible pleasure. The Sfoglie Ripiene Nero Perugina introduce consumers into a new dimension of pleasure. A crispy shell of dark chocolate 70% holds a heart of soft cocoa, and the combination of the two gives us an unforgettable experience. The soft cream in the Sfoglie Ripiene Latte Perugina is wrapped in a shell of creamy milk chocolate. This two different delicacies offer the consumer a unique sensation.

TecnAlimentaria Food Industry


M A R K E T I NG & S T R A T E G Y

fondibile farcitura di squisita crema di rhum, mandorle e latte, che deve il suo nome alla dama seicentesca amata da Cyrano de Bergerac. Accanto a questi, la cioccolata fondente Luisa (dal nome della Spagnoli), la pasticceria Ore Liete, i cioccolatini Tre Re, le Banane e il Carrarmato, che, nato agli inizi degli anni ’60, è stato il prodotto prescelto per festeggiare i 100 anni dell’azienda. Se è vero che i prodotti Perugina raccontano l’evoluzione dell’azienda attraverso il gusto e l’innovazione è altrettanto innegabile che il legame e l’amore per la terra d’origine sono i valori che accompagnano tutta la storia e il percorso di crescita di questa importante realtà umbra, che negli anni ha trasformato Perugia nel “Paese del Cioccolato”. E’ qui, infatti, che si può trovare testimonianza della cultura e della passione di Perugina per il cioccolato. Innovazione e gusto sono le parole chiave della tradizione Perugina. Proprio per percorrere la strada dell’innovazione, Perugina presenta nel 2005 Nero Perugina, la nuova linea dedicata al piacere del puro cioccolato

fondente, che soddisfa appieno l’esperienza del gusto e il desiderio di sentire l’intensità del sapore. La linea Nero Perugina nasce quindi con queste premesse ed è stata magistralmente declinata in tante varietà di gusti dall’abilità e dalla passione degli Esperti Cioccolatieri Perugina. Dalle tavolette alle sfoglie, fino alla nascita di Cioccolatino, la linea Nero Perugina abbraccia una varietà di sapori e formati per un’offerta unica. Inaugurata nel 2007, in occasione del Centenario dell’azienda umbra, la Casa del Cioccolato è una meta ambita non solo dagli appassionati di cioccolato ma anche da tutti coloro che riconoscono in Perugina un pezzo della storia imprenditoriale italiana, un testimone dell’evoluzione del costume in termini di tendenze di consumo, abitudini, mode. La Casa del Cioccolato dà l’opportunità ai suoi visitatori di vivere esperienze diverse, saziare appetiti differenti da quelli prettamente della gola, che comunque in questa sede gode di un’attenzione davvero speciale!

The Italian chocolate art at the very heart of each one of Nero Perugina and Latte Perugina filled sheets The package of both Sfoglie Ripiene Nero Perugina and Latte Perugina have a quite fine design. From the outset in 1904, Perugina offered products, which would become real cults in the art of confectionery. Alongside the legendary Baci chocolates [‘chocolate kisses’], created in 1922, came the “grande dame” of Perugina specialities in 1926, Perugina Rossana, a candy with an unmistakable filling of exquisite rum, almond and milk-flavoured cream, owing its name to Cyrano de Bergerac’s seventeenthcentury inamorata. In addition, Perugina is renowned for its dark chocolate, Luisa, (named after Luisa Spagnoli), Ore Liete cookies and Tre Re, Banane and Carrarmato chocolates. The Carrarmato chocolate, created in the early sixties, was the product pre-selected to celebrate 100 years of the company. Whilst it’s true that Perugina’s products tell the tale of the company’s development, it is equally undeniable that its bond with and love for its country of origin are values underpinning the entire history and growth pattern of this major Umbrian concern, which over the years has transformed Perugia into the “Land of Chocolate”. It is here, in fact, that evidence of the culture and passion of Perugina for chocolate can be found Innovation and taste are the key words of the Perugina tradition. To follow the road of innovation, in 2005 Perugina presents Nero Perugina, a new line dedicated to the pleasure of pure dark chocolate that fully satisfies the taste experience and the desire for full flavour intensity. The Nero Perugina line was created with this premise and was masterfully made in many flavour varieties using the skill and passion of Perugina’s Expert Chocolatiers. From bars to thin wafers, to the creation of the Cioccolatino, the Nero Perugina line offers a unique selection embracing a variety of flavours and shapes.

The Casa del Cioccolato opened in 2007, on the occasion of the Umbrian company’s centennial celebration. It is a popular destination not only for chocolate lovers but also for all those who see in Perugina a piece of Italy’s entrepreneurial history, a witness to the country’s ever-evolving customs in consumer trends, habits and fashions. The Casa del Cioccolato gives visitors the opportunity to enjoy different experiences and to satisfy different appetites from those typically related to taste, which of course garners special attention here! Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

25


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Tradizione, tecnologia ed innovazione

Tradition, technology and innovation

Gli elementi che negli anni hanno portato Vitella ad ottenere continui e crescenti consensi di mercato The elements driving Vitella to achieve growing market success

Materiali di qualità, ricerca e sviluppo intelligente, cura e precisione nell’assemblaggio, attenta gestione degli ordini e celeri consegne. Sono questi gli elementi che da sempre contraddistinguono le spezzatrici (quadre, rotonde, esagonali) e spezzatrici arrotondatrici Vitella che negli anni hanno permesso all’azienda di ottenere continui e crescenti consensi nel mondo della panificazione, della pizzeria ed in quello della pasticceria. In occasione della fiera A.B.Tech Expo di Milano verrà inoltre presentato un nuovo modello di spezzatrice: la SQ G. Questo modello possiede analoghe caratteristiche a quelle della spezzatrice oleodinamica quadra (adatta quindi per paste soffici per ciabatte, filoni, baguettes) con in più il vantaggio di poter abbinare diversi tipi di griglie, che permettono di tagliare fino a 11 formati diversi.

[+]

+

+

+ 26

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

Quality materials, intelligent research and development, accurate assembly, accurate management of the orders and timely delivery. These are the elements that have always characterized Vitella dividers (square, round and hexagonal) and bun dividers, which have enabled the company to achieve growing success in the world of bakery, pizza making and confectionery. On occasion of the exhibition A.B.Tech Expo of Milan, the company will present, among other machines, the new model of divider: the SQ G. This model features the same characteristics of the square oil-pressure divider (special for smooth dough for ciabatta, French loaves and baguettes) with the further advantage of combining different kinds of grilles for dividing up to 11 different shapes.


INVESTIRE NELL’INNOVAZIONE RESOURCES TO INNOVATE

Visualizza sul cellulare il nostro catalogo in PDF (è visibile da qualsiasi telefono cellulare o smartphone munito di un apposito programma di lettura QR reader). / View on the cell phone our pdf catalogue (visible by any phone or smartphones equipped with a special program QR reader).

Saremo presenti a MILANO dal 23 al 27 OTTOBRE Pad. 07 Stand b51/c56

VITELLA S.R.L. SCHIO (VI) ITALY +39 0445 575262 info@vitellasrl.com vitellasrl.com


M A R K E T I NG & S T R A T E G Y

DuPont vince la causa in Russia DuPont non permette alcun abuso del marchio Teflon® e continua a perseguire severamente chiunque cerchi di abusarne

Nell’ambito dell’impegno costante di DuPont nell’identificare e bloccare contraffazioni e violazioni del marchio DuPont™ Teflon® in finiture antiaderenti, la società ha vinto la causa contro l’importatore russo OOO Domtek e il suo partner di vendita ZAO Pilot Ltd. Nel verdetto emesso dal Tribunale Arbitrale di Stato di Mosca nell’aprile del 2010, entrambe le società sono state giudicate colpevoli di aver importato illegalmente, messo in vendita e venduto in Russia pentole con il marchio Teflon® senza l’autorizzazione di DuPont. Sono pertanto state condannate a pagare a DuPont una cifra complessiva di 600,00 Rubli (circa 18,000 Euro), come risarcimento e spese legali, ed è stato loro vietato, con decorrenza immediata, di utilizzare il marchio Teflon® su qualsiasi loto utensile da cucina. Il verdetto originale è stato confermato successivamente dal Nono Tribunale Arbitrale di Appello, a seguito di un infruttuoso ricorso in appello presentato delle aziende russe a giugno 2010. Nel verdetto, il tribunale ha riconosciuto che il marchio Teflon® è uno dei più noti tra i consumatori in Russia e che gode di notevole fiducia per la qualità che rappresenta. Il giudice ha quindi dichiarato che l’uso illegale del marchio Teflon® sui prodotti manufatti e distribuiti, da parte di aziende che non avevano la licenza per farlo, non solo ha

avuto un effetto deleterio sulla pubblicità e sui costi di mercato di DuPont, ma, cosa peggiore, ha fuorviato i consumatori in termini di qualità delle prestazioni attese. “DuPont è molto soddisfatta del verdetto emesso dal tribunale,” ha commentato Phil Bardsley, responsabile vendite Europa, Medio Oriente, Africa (EMEA) di DuPont™ Teflon® Finishes. “ DuPont fa molta attenzione a proteggere il marchio Teflon® e assicurare che i consumatori ricevano le qualità e le prestazioni garantite associate al nome del prodotto. Il messaggio ai violatori del marchio e contraffattori di prodotto rimane lo stesso: DuPont non permetterà alcun abuso del marchio Teflon® e continuerà a perseguire severamente chiunque cerchi di abusarne.” DuPont Fluoropolymer Solutions e’ un produttore leader di resine fluoropolimeriche, additivi, film, finiture e dispersioni, PTFE (politetrafluoroetilene), PFA (perfluoroalkoxy), FEP (etilene propilene fluorurati), ETFE (etilene-tetrafluoroetilene) e PVF (polivinilfluoruro), commercializzati con i marchi registrati DuPont(tm) Teflon(R), DuPont(tm) Tefzel(R), DuPont(tm) Tedlar(R) e DuPont(tm) Zonyl(R). I principali mercati per tali prodotti sono: automobili, chimica di processo, semiconduttori, esplorazione petrolifera, chimica, trasmissione dati, aerospaziale, elettronica, elettrodomestici e edilizia. Per maggiori informazioni, visitare il sito www.teflon.com.

DuPont successful in Russian

DuPont will not tolerate any abuse of the Teflon® brand and we will continue to aggressively pursue claims against those who misuse it

28

As part of DuPont’s continuing efforts to identify and stop counterfeiters and infringers of its DuPont™ Teflon® brand in non-stick finishes, the company has been successful in its legal pursuit of the Russian importer OOO Domtek and its retail partner ZAO Pilot Ltd. In a decision made by the Moscow State Arbitration Court in April 2010, both companies were established to have unlawfully imported, offered for sale and sold cookware in Russia bearing the Teflon® trademark without the consent of DuPont. They were ordered to pay a total of RUB 600,000 (approximately EUR18,000) in compensation and legal fees to DuPont and are prohibited with immediate effect from using the Teflon® name on any of their cookware products. The original decision was subsequently confirmed by the Ninth Arbitration Appeal Court following an unsuccessful appeal by the Russian companies in June 2010. In its findings, the court recognised that the Teflon® trademark is one of the most popular brands amongst consumers in

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

Russia, with high levels of trust in the quality it represents. The judge therefore declared that the unlawful use of the Teflon® brand on products manufactured and distributed by unlicensed companies would not only have detrimental effect on DuPont’s advertising and market costs, but – more significantly – mislead consumers in terms of the quality of performance they can expect to receive. “DuPont is very pleased with the court’s decision”, said Phil Bardsley, sales manager Europe, Middle East, Africa (EMEA) at DuPont Teflon® Finishes. “We take great care in protecting the Teflon® brand and ensuring that consumers receive the quality and guaranteed performance they associate with the name. Our message to brand infringers and product counterfeiters continues to be that DuPont will not tolerate any abuse of the Teflon® brand and we will continue to aggressively pursue claims against those who misuse it.” DuPont Fluoropolymer Solutions is a leading producer of fluoropolymer resins, additives, films, finishes and dispersions, PTFE (polytetrafluoroethylene), PFA (perfluoroalkoxy), FEP (fluorinated ethylene propylene), ETFE (ethylene-tetrafluoroethylene) and PVF (polivinylfluoride), marketed under the registered trademarks DuPont™ Teflon®, DuPont™ Tefzel®, DuPont™ Tedlar® and DuPont™ Zonyl®. Major markets for these fluoropolymer products include the automotive, chemical processing, semiconductor, oil exploration, chemical handling, data communication, aerospace, electronics, housewares, building and renewable energy industries. For more information, please visit www.teflon.com.


VISITATECI AD

Milano 23-27 ottobre 2010 Pad. 7 – Stand M45 N54 / N45 P 54 www.logiudiceforni.com


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Precisione costante La creatività e la tecnologia proprie di Tekno Stamap si sono fuse ancora una volta per offrirci le nuove impastatrici planetarie TEKNO

TEKNO 80

Constant accuracy The TEKNO Planetary Mixers are specifically designed for medium-sized production capacities. Particularly notable with these units is the heavy duty design. Not only attractively priced, but the machines require minimal to no maintenance. The versatility of the TEKNO series mixers allows to utilize the machine in both bread and pastry applications which require flexibility and durability. As a testament to its versatility, the TEKNO Series Planetary Mixers are optimally suited to process doughs ranging from dense pastry and breads, to light whipped creams and custards. 30

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

Le Impastatrici Planetarie TEKNO sono utilizzate nelle medie e grandi produzioni. Offrono notevoli doti di robustezza e praticità unite ad un basso costo di esercizio e ad una manutenzione inesistente. L’estrema versatilità ne permette un impiego sia in laboratori di pasticceria sia nell’industria che necessiti di uno strumento flessibile ed affidabile. Infatti la produzione che si può ottenere con l’utilizzo di queste macchine varia dagli impasti montati agli impasti consistenti. Le planetarie permettono di effettuare cicli di lavoro assolutamente precisi e costanti grazie alle impostazioni elettroniche del tempo e alla velocità, inseribili anche con macchina in movimento. L’utilizzo dei numerosi utensili facilmente intercambiabili garantisce un mescolamento delicato, graduale ed omogeneo di miscele con diverse caratteristiche e consistenza (pasta per biscotti, prodotti per farcitura, mousse, creme ed altri prodotti da montare a neve). Le caratteristiche del motore ad elevata potenza e coppia sono: • Trasmissione in acciaio speciale al nichel-cromo molibdeno in bagno d’olio • Protezione termica motore • Pannello controllo a 24 V. • 3 velocità oppure 4 velocità e velocità variabile elettronica • Timer I modelli Tekno 80/100/120 presentano le seguenti caratteristiche: • Vasca montata su ruote con sollevamento motorizzato • Utensili in acciaio inox • Disimpegno totale vasca Le macchine sono dotate di pannello di comando Tekno SP4I, dotato di timer con segnalazione emergenza, pulsanti per sollevamento vasca (optional Tk40-60) e pulsanti di variazione di velocità a mezzo inverter.

The design and features of the TEKNO Series Planetary Mixers allow to carry out very precise work cycles. One of the main features contributing to precise operation is the electronic control panel. The panel allows the operator to control mixing time. Use of the various mixing tools, which are easily and quickly changed, guarantees gentle, gradual and homogenous mixing characteristics with doughs, creams and mousses of diverse consistencies. The features of the high power and torque motors are: • Transmission gears constructed of nickel-chromemolybdenum stainless steel working in oil bath • Thermal overload of motor • Electric control 24 V. • 3 speeds or 4 speeds and electronic variable speed • Timer The models Tekno 80/100/120 features the following characteristics: • Bowl on wheels with motorized power lift • Stainless steel tools • Bowl removal without removing tool These machines are provided with a Control Board Tekno SP4I with timer, emergency status LEDs, inverter speed control and electric bowl lifting (optional TK40-60).


M A C H I N E R Y & D E V E L O PM E N T

Caratteristiche tecniche La struttura e costituita da un corpo in carpenteria d’acciaio, da una griglia protettiva in acciaio inox ed un coperchio della testata in materiale plastico speciale termoformato anti-urto. I vari cinematismi sono realizzati in acciaio speciale, mentre gli ingranaggi di trasmissione sono costruiti in acciaio al nichel-cromo- molibdeno alloggiati in bagno d’olio in una fusione in ghisa meccanica e sono rettificati per sopportare le più elevate sollecitazioni provocate da turni di lavoro prolungati. Tutte queste attenzioni rendono la meccanica robusta, affidabile e silenziosa. Particolare attenzione e stata posta nelle norme di sicurezza. La solida griglia di protezione e dotata di un particolare sistema di sollevamento e bloccaggio in posizione aperta. La macchina e dotata di un sistema di arresto accelerato dell’utensile. Allo spegnimento della macchina la rotazione dell’utensile viene autofrenata entro i parametri previsti dalle norme di sicurezza CE.

TK 80/100/120 Rimozione rapida vasca senza estrazione utensile. Sollevamento vasca elettrico Fast bowl removal without removing tool. Electric bowl lifting

TeknoStamap’s creativity and technology have once again merged to offer us the new TEKNO Planetary Mixers

TEKNO 120

TEKNO SP4I Pannello di comando dotato di: timer con segnalazione emergenza, pulsanti per sollevamento vasca (optional Tk4060), pulsanti di variazione di velocità a mezzo inverter Control panel with: timer, emergency status leds, inverter speed control and electric bowl lifting (optionalTk40-60)

Technical Characteristics The structure is composed of a durable stainless steel carpentry. The safety grid is constructed of stainless steel and the head section is covered by specially thermoformed shatter proof plastic safety cover. The various inner drive components are constructed of a durable and unique stainless steel, while the transmission gears are constructed of stainless steel nickel chrome molybdenum, working in oil bath, and rectified to support heavy and prolonged work cycles. The special attention paid to mechanical fortitude makes this machine exceptionally quite and robust. Particular attention has also been paid to the incorporated safety features. The safety grid itself, when raised, does not allow for function of the machine, at the same time, it is maintained in the up position till the operator releases it. The machine is endowed with a special tool arresting system. Once the machine is turned off, the rotation of the mixing tools immediately cease. Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

31


ORGANIZA / ORGANISED BY

24-28 MARZO MARCH 2011

IFEMA CALL CENTRE www.intersicop-madrid.ifema.es

INTERNATIONAL CALLS (34) 91 722 30 00 intersicop-madrid@ifema.es


www.imagination.it

Semplicità, Affidabilità, Qualità

Simplicity, Reliability and Quality

Italpan sas - 36010 Zanè (VI) - Via Pasubio, 170 - Tel. 0445 314.236 - Fax 0445 314.237 - info@italpan.com

www.italpan.com


S C I E N C E & T E C HNO L OG Y

Innovazione salutare Come creare prodotti più sani che si distinguano sul mercato

I consumatori d’oggigiorno si aspettano che le aziende produttrici offrano scelte più sane, i cosiddetti prodotti ‘betterfor-you’, in tutte le categorie merceologiche. Nonostante le preoccupazioni correnti che gli acquirenti daranno priorità al valore sopra ogni altra cosa, è chiaro che ora nella mentalità del consumatore sono profondamente radicati gli sforzi volti a evidenziare il collegamento fra regime alimentare e salute. Sullo sfondo di tale situazione, i tassi di obesità e di malattie legate al regime alimentare continuano a salire. Si valuta che entro il 2010 in Europa vi saranno 150 milioni di adulti obesi (il 20 per cento della popolazione) e 25 milioni di bambini e adolescenti obesi (il 10 per cento della popolazione). I governi nazionali e l’Unione Europea stanno cercando di incoraggiare i consumatori verso un’alimentazione e uno stile di vita più sani, in modo da affrontare il problema dell’obesità prendendo di mira le sue cause principali. Da parte sua, l’UE ha introdotto le proprie norme in materia di indicazioni nutrizionali e sulla salute. Ciò consentirà ai consumatori di avvalersi di dati più chiari e più accurati sulle etichette alimentari, mettendoli in grado di effettuare scelte informate. Nel Regno Unito, per esempio, la Food Standards Agency (FSA) fornisce raccomandazioni sulla riduzione dei livelli di sale e di grassi saturi nella dieta nazionale. Questo viene integrato dall’attuale programma Change 4 Life del governo britannico, che incoraggia i consumatori a condurre una vita più sana, con messaggi semplici ed efficaci riguardanti regime alimentare ed esercizio fisico. In Spagna, il Proyecto Food raccomanda un’alimentazione sana sul posto di lavoro. E si prevede che, negli anni a venire, altri paesi europei lanceranno iniziative simili. 36

Ottobre 2010

Salute ed innovazione – partner perfetti La salute è ancora chiaramente un elemento prioritario per i consumatori, ma è diventato ora uno fra i molti, anziché il più importante fattore di spinta all’acquisto che era prima della recessione. Le aziende alimentari di maggiore spicco desiderano pertanto seguire linee guida nutrizionali e soddisfare la richiesta dei consumatori per prodotti di sapore, aspetto e sensazione tattile di prim’ordine, pur tenendo conto dell’evoluzione del panorama economico. Alcune aziende produttrici stanno creando nuovi cibi più sani partendo da zero, mentre altre stanno migliorando il profilo nutrizionale di prodotti esistenti rimuovendo o riducendo ingredienti ‘malsani’ come grassi e zuccheri, o aggiungendo alternative più salutari. Tuttavia, alcuni ingredienti salutistici possono creare problematiche formulative e influenzare il sapore, la consistenza o l’aspetto del prodotto finito. Per questo è importante scegliere ingredienti che non abbiano ripercussioni negative. Nutrizione positiva La riformulazione di prodotti esistenti per potenziarne il profilo nutrizionale rappresenta spesso un modo semplice per accrescerne il richiamo. La scelta di un ingrediente ‘better-foryou’ che trovi favore presso i consumatori ed offra vantaggi di marketing costituisce una mossa astuta. La fibra è una sostanza nutriente riconosciuta – i consumatori sono ben consci dei molteplici benefici di un maggior consumo di fibra. Tuttavia, nel Regno Unito, vengono normalmente consumati solo 12-16 g di fibra al giorno rispetto ai 18 g raccomandati. In altri paesi europei i consumi variano ma, complessivamente, sono inferiori a quanto raccomandato, e le donne mostrano

TecnAlimentaria Food Industry


S C I E N C E & T E C HNO L OG Y

una particolare carenza. Hi-maize® di National Starch Food Innovation ha il più elevato contenuto di fibra alimentare di tutti gli amidi resistenti reperibili in commercio sul mercato europeo. Hi-maize consente pertanto ai consumatori di correggere facilmente questo squilibrio, poiché contribuisce a compensare la mancanza di fibra e offre la bontà dell’amido resistente nei cibi di ogni giorno. Hi-maize è una fonte naturale di fibra di cereali, più facile da usare rispetto ad altre fibre, che dà prodotti finiti, arricchiti di fibra, di qualità elevata. La cosa importante è che consente alle aziende produttrici di arricchire e valorizzare cibi di ogni giorno, come pane, prodotti da forno, cereali e pasta. Hi-maize è scientificamente convalidato come prodotto che offre numerosi e importanti benefici dal punto di vista nutrizionale, quando viene consumato nel quadro di uno stile di vita sano. Hi-maize rafforza le difese digestive del corpo favorendo un sistema digestivo sano e svolgendo attività prebiotiche, e può anche contribuire a controllare i ‘picchi’ di zucchero nel sangue migliorando la risposta glicemica. Riduzione dei grassi – meno è meglio Oltre a, o invece di, aggiungere ingredienti nutrizionali a un prodotto, la rimozione di componenti ‘malsani’ può migliorare il richiamo per il consumatore e conformarsi a linee guida nutrizionali, come quelle dell’FSA sulla riduzione del sale e dei grassi saturi. La diminuzione del tenore di grassi nei prodotti da forno può essere particolarmente impegnativa a causa del ruolo funzionale svolto da questi ingredienti. Vari ingredienti speciali possono rimpiazzare i grassi, ma pochi sono in grado di compensare la perdita di funzionalità che ne deriva - e fare questo in un modo economicamente valido. N-Dulge™ FR consente alle aziende di panificazione di creare torte di qualità elevata usando il 75 per cento in meno di margarina, burro o grasso per pasticceria, senza compromettere la soddisfazione del consumatore. I risultanti risparmi sul costo degli ingredienti e le maggiori efficienze di produzione lo rendono ancora più interessante. Questa soluzione a base di amido consente una riduzione calorica del 30% nelle torte ad alto rapporto zucchero/ farina, pur mantenendo la struttura morbida ed elastica caratteristica delle torte di prima qualità. Per un giudizio definitivo occorre, comunque, ‘la prova della forchetta’, e il sapore non deve soffrire in conseguenza a questa notevole riduzione dei grassi. Nei test di assaggio, la maggioranza dei professionisti del settore alimentare ha preferito una torta a ridotto tenore di grassi fatta con N-Dulge FR rispetto ad un “pound cake” che seguiva la normale ricetta. Pure adatto per muffins, cookies, farcie e crema di burro a ridotto tenore di grassi, N-Dulge FR è uno strumento versatile nella ricerca di prodotti innovativi salutari. Ghiottonerie più sane Pure richieste sono alternative a basso tenore calorico e zuccherino dotate di sapore e sensazione tattile ricca e appagante. In qualità di agente testurizzante, lo zucchero conferisce corpo e palatabilità ai prodotti alimentari. La sua eliminazione può portare a un prodotto fluido e ‘acquoso’ di scarso richiamo per il consumatore. Anche se la sua capacità di potenziare il sapore può essere realizzata con l’uso di dolcificanti, pochi altri ingredienti sono in grado di competere con le proprietà testurizzanti dello zucchero. La sostituzione dello

zucchero con un agente dolcificante può avere ripercussioni negative sulla consistenza dei ripieni e dei prodotti di pasticceria. La gamma Dextrin di amidi speciali, che comprende Crystal Tex™, è in grado di compensare gli attributi strutturali dello zucchero perduti nelle ricette a basso tenore di zucchero. Gli ingredienti idrosolubili Dextrin conferiscono palatabilità in modo simile a quanto avviene per lo zucchero, ma ad un dosaggio notevolmente inferiore. In questo modo si può anche ottenere una riduzione calorica. Emulsioni senza uova Un’altra fonte di calorie è rappresentata dalle uova. Questo può incidere sul posizionamento, in termini di salute, di prodotti che si avvalgono della funzionalità conferita dalle uova. I condimenti per insalate e la maionese, ad esempio, richiedono emulsioni di alta qualità che svolgono un ruolo importante per quanto riguarda sapore, consistenza e aspetto. Tradizionalmente, le alternative a basso tenore di grassi hanno dato come risultato un’esperienza gastronomica più scadente. Invece, gli amidi speciali possiedono ottime proprietà emulsionanti e possono sostituire efficacemente le uova in un’ampia gamma di applicazioni. La grandezza delle goccioline di grasso, e quindi le capacità emulsionanti di N-Creamer 46, sono direttamente paragonabili a quelle delle uova. Questo ingrediente può ridurre notevolmente il contenuto di grassi dei condimenti e della maionese senza ridurne il piacere gastronomico. Le fluttuazioni di prezzo delle uova e i costi di trasporto, movimentazione e immagazzinaggio aumentano la pressione sulle moderne aziende produttrici, che stanno rivolgendo l’attenzione su ingredienti come N-Creamer 46 per migliorare i propri margini oltre che il contenuto nutrizionale dei propri prodotti. Nei prodotti da forno, gli emulsionanti contribuiscono a migliorare la manipolazione dell’impasto, la freschezza e la qualità complessiva del prodotto. Gli amidi emulsionanti forniscono una stabilità aggiuntiva all’immagazzinaggio e possono essere facilmente incorporati nelle ricette esistenti. Per prodotti dolci di panificazione come biscotti, torte e muffins, amidi speciali come Purity Gum 25 ER possono sostituire parzialmente le uova per migliorare il profilo nutrizionale. Nell’arena dei cibi sani, l’innovazione continua a prosperare nonostante le difficoltà della recessione. È chiaro che, a lungo termine, la preoccupazione dei consumatori per la salute e il benessere sopravvivrà a questi tempi di flessione economica e continuerà a dar forma al settore alimentare. Al fine di conformarsi alle linee guida nazionali ed europee, soddisfare consumatori sensibili ai problemi della salute e svolgere un ruolo nella lotta contro l’obesità, le aziende di produzione alimentare dovranno continuare ad innovarsi. Includendo nei loro prodotti nutrienti ben riconosciuti come le fibre alimentari, le aziende possono ampliare il proprio richiamo sul mercato. La riduzione o la sostituzione di ingredienti ‘malsani’ con alternative ‘better-for-you’ rappresenta un altro modo dimostrato per avere successo. Il bisogno di innovazione nella categoria dei cibi più sani rimane critico. Il problema è quello di raggiungere questo risultato fornendo prodotti di buon valore a consumatori che non sono più disposti a pagare un prezzo maggiore.

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

37


S C I E N C E & T E C HNO L OG Y

Healthy innovation Making better-for-you products stand out from the crowd Today’s consumers expect manufacturers to provide ‘betterfor-you’ options across all categories. Despite current concerns that shoppers will prioritise value above all else, it is clear that efforts to highlight the link between diet and health are now deeply ingrained in the consumer mindset. In a Which? poll of 2,102 British people carried out earlier this year, 76 per cent said the government should take action to make choosing healthier options easier. In the report, consumers’ demands were for: foods with less fat, sugar and salt; standard labelling of fat, sugar and salt levels; more promotions on healthier foods and a greater range of healthier options. Against this backdrop, rates of obesity and diet-related disease continue to rise. Estimates suggest that there will be 150 million obese adults (20 per cent of the population) and 25 million obese children and adolescents (10 per cent of the population) in Europe by 2010. National governments and the European Union are trying to encourage consumers to eat and live more healthily to tackle the challenge of obesity by targeting its root causes. For its part, the EU has introduced its regulation for nutrition and health claims. This will allow consumers to rely on clearer and more accurate claims on food labels, enabling them to be informed on the food choices they make. In the UK, the Food Standards Agency (FSA) provides recommendations on reducing salt and saturated fat levels in the national diet. This is complemented by the British government’s current Change 4 Life programme which encourages consumers to lead a healthier life, with simple, effective messages about diet and exercise. In Spain, Proyecto Food recommends healthy eating in the workplace. Other European countries are expected to launch similar initiatives in the coming years. Health and innovation – perfect partners Health is still clearly a priority for consumers, but it has now become one of many, rather than the major purchase driver it was before the recession. Leading food manufacturers are therefore keen to follow nutritional guidelines, meet consumer demand for products that taste, feel and look great, while taking into account the changing economic landscape. Some manufacturers are creating new better-for-you foods from scratch, while others are improving the nutritional profile of existing products by removing or reducing ‘unhealthy’ ingredients such as fat and sugar or by adding healthier alternatives. However, some health-enhancing ingredients can cause formulation challenges and affect the end product’s taste, texture or appearance. So it is important to select ingredients that confer no negative impact. Positive nutrition Reformulating existing products to boost their nutritional profile is often a simple way to enhance appeal. Choosing 38

Ottobre 2010

a ‘better-for-you’ ingredient that resonates with consumers and enables marketing advantages is a smart move. Fibre is a well recognised nutrient – consumers are aware of the multiple benefits of an increased fibre intake. However, in the UK, consumers typically only eat 12-16g of fibre per day compared to the recommended 18g. In other European countries intakes vary, but overall they are lower than recommended, with women showing particular deficiencies. National Starch Food Innovation’s Hi-maize® has the highest dietary fibre content of all commercially available resistant starch ingredients on the European market. Hi-maize therefore enables consumers to redress the fibre imbalance easily as it helps fill the fibre gap and provides the goodness of resistant starch in everyday foods. A natural source of cereal fibre, Hi-maize is easier to use than other fibres and results in high quality, fibre-enriched end products. Importantly, it enables manufacturers to fortify and add value in everyday foods, such as bread, baked goods, cereals and pasta. Hi-maize is scientifically substantiated to offer multiple nutritionally important benefits, when eaten as part of a healthy lifestyle. Hi-maize strengthens the body’s digestive defences by promoting a healthy digestive system and delivering prebiotic activities. It can also help to control blood sugar ‘highs’ by improving glycaemic response. Fat reduction – less is more As well as, or instead of, adding nutritional ingredients to a product, removing ‘unhealthy’ components can improve consumer appeal and meet nutritional guidelines, such as those of the FSA on salt and saturated fat reduction. Decreasing the fat content of baked goods can be particularly challenging due to the functional role the ingredient plays. Various speciality ingredients can replace fat, but few can compensate for the resulting loss of functionality – and do so cost-effectively. N-Dulge™ FR allows bakers to create high quality cakes using 75 per cent less margarine, butter or shortening, without compromising consumer satisfaction. The resulting ingredient cost savings and increased production efficiencies add to its appeal.

TecnAlimentaria Food Industry


The starch-based solution also allows a 30 per cent reduction in calories in high ratio cakes, while maintaining the soft, springy texture characteristic of premium cakes. However, the proof must be in the eating and taste cannot suffer as a result of such significant fat reduction. In taste tests, the majority of food industry professionals preferred reduced fat cake made with N-Dulge FR to a standard recipe pound cake. Also suitable for reduced fat muffins, cookies, cake fillings and buttercream, N-Dulge FR is a versatile tool in the quest for healthy innovation. Healthier sweet treats Low sugar and calorie options that taste and feel luxurious are also in demand. As a texturising agent, sugar lends mouthfeel and body to food formulations. Eliminating it can result in a thin and ‘watery’ product with little consumer appeal. While its capacity for delivering enhanced taste can be fulfilled using sweeteners, few other ingredients can equally match the texturising capabilities of sugar. Replacing sugar with a sweetening agent can negatively impact the texture of bakery fillings and confectionery products. The Dextrin range of speciality starches that includes Crystal Tex™ can compensate for the textural attributes of sugar lost in reduced sugar recipes. The water-soluble Dextrin ingredients provide mouthfeel in a similar way to sugar, but at a significantly lower dosage. A calorie reduction can therefore also be achieved. Eggless emulsions Eggs are another source of calories. This can impact the health positioning of products that rely on the functionality eggs confer. Salad dressings and mayonnaise, for example, require high quality emulsions which play an important role in taste, texture and appearance. Low fat options have traditionally resulted in an inferior eating experience. However, speciality starches possess excellent emulsifying properties and can effectively replace egg in a wide range of applications. The fat droplet size and therefore the emulsifying capabilities of N-Creamer 46, is directly comparable with egg. It can significantly reduce the fat content of dressings and mayonnaise without reducing eating enjoyment. The fluctuating price of eggs and the cost of transportation, handling and storage add pressure on modern manufacturers, who are turning to ingredients such as N-Creamer 46 to improve their margins as well as the nutritional content of their products. In baked goods, emulsifiers help improve dough handling, freshness and overall product quality. Emulsifying starches provide additional shelf life stability and can be easily incorporated into existing recipes. For sweet bakery products such as biscuits, cakes and muffins, speciality starches like Purity Gum 25 ER can partially replace egg to improve the nutritional profile. Innovation in the healthy foods arena continues to thrive despite the difficulties of the recession. It is clear that in the long-term, consumer concern for health and wellness will outlive these difficult economic times and continue to shape the food industry. To meet national and European guidelines, cater for health-conscious consumers and play a part in the fight against obesity, food manufacturers must continue to innovate. By including well recognised nutrients such as fibre in their products, manufacturers can widen their appeal. Reducing or replacing ‘unhealthy’ ingredients with better-foryou alternatives is another proven route to success. The need to innovate in the healthier food category remains critical. The challenge is to achieve this while providing good value to consumers who are no longer willing to pay a premium.

Eliminate le “E” nelle etichette senza rinunciare alla qualità e alla praticità dei prodotti. Sappiamo bene che ognuno ha esigenze diverse. Per questo, negli ultimi 13 anni, abbiamo sviluppato più di 20 amidi nativi funzionali Novation® che offrono grandi vantaggi in una vastissima gamma di processi ed applicazioni.

Tutto ciò che ti serve. Nient’altro.

Per saperne di più, visitate www.foodinnovation.com/novationforeveryone


M A R K E T I NG & S T R A T E G Y

Export sempre più strategico Per competere all’estero è necessario offrire un prodotto di qualità in grado di fare emergere il carattere di italianità

Valledoro punta all’export e, nell’ottica di ampliamento della sua presenza nel mercato estero, parteciperà a Sial 2010, una delle manifestazioni fieristiche più importanti per le imprese alimentari che operano all’estero (Parigi, 17-21 ottobre 2010). “La scelta d’internazionalizzare la nostra azienda è stata strategica. Oggi realizziamo il 15% del fatturato esportando i nostri prodotti da forno che all’estero, come in Italia, che si posizionano nell’alta gamma”, così commenta Giorgio Zubani, presidente Valledoro. È proprio la Francia, dove si terrà Sial 2010, a rappresentare il Paese capofila dell’export Valledoro. Seguono Germania, Spagna, Regno Unito, Austria e Benelux. Oltrepassando i

A quality product able to convey the true Italian soul is necessary to help a company compete in foreign markets

Giorgio Zubani, presidente Valledoro Valledoro chairman Giorgio Zubani

40

Valledoro targets exportations and, in view of its expansion in foreign markets, participates in Sial 2010, from 17 to 21 October 2010 in Paris, one of the most important exhibitions for the food industries that operates abroad. Valledoro chairman Giorgio Zubani says “The decision to internationalize our company has been basically strategic. We make 15% of our turnover by exporting our top-class bakery products both abroad and in Italy.” It is just France, where Sial 2010 will be held, to be the first destination to Valledoro products, followed suit by Germany, Spain, United Kingdom, Austria and Benelux. In addition, the States and Japan are the non-European countries where the Brescia-based company exports much of its production. “To compete abroad and built a long term benefit, a quality product able to convey the Italian soul of the products is absolutely necessary to exploit the positive drawing force of the Made in Italy as much as possible. Thanks to consists investments in Research and Development,

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

confini europei, tra i clienti dell’azienda bresciana specializzata nella produzione di grissini e prodotti da forno dal 1954, troviamo Stati Uniti e Giappone. “Per competere all’estero e creare un vantaggio di lungo periodo” continua Zubani “è necessario offrire un prodotto di qualità ed essere in grado di farne emergere il carattere di italianità, in modo da sfruttare il traino positivo del Made in Italy. Grazie ai costanti investimenti in Ricerca & Sviluppo che assorbano oltre il 2 per cento del fatturato annuo, e la rigorosa selezione delle materie prime, all’estero come in Italia abbiamo stretto collaborazioni importanti, soprattutto con catene di ristorazione ed alberghiere di prestigio”. A proposito di R&S, a Sial 2010 Valledoro presenterà la nuova linea alla farina di grano KAMUT per i canali Ho. Re.Ca. e Retail composta dai grissini “Saltelli di Kamut” e dai croccanti panetti “Masai Kamut”. La gamma propone una selezione di prodotti da forno perfetta per quel consumatore informato, che sceglie consapevolmente nei confronti della propria qualità di vita. Inoltre, è ideale per chi segue una dieta equilibrata grazie alle numerose proprietà nutrizionali che sono riconosciute al Kamut, quali l’elevato contenuto di proteine e di sali minerali (specialmente selenio, zinco e magnesio) rispetto al grano tradizionale, oltre che l’elevata digeribilità. Anche per questo i nuovi prodotti fanno seguito alla categoria salutistica che Valledoro ha inaugurato recentemente con il lancio del brand “Valledoro light”. Il presidente Zubani: “Le fiere a carattere internazionale sono l’occasione per confrontarsi con aziende che operano in un contesto mondiale dove è fondamentale essere in grado di anticipare le tendenze. È per questo che abbiamo scelto Sial 2010 per presentare la nuova linea al Kamut, perché i nostri prodotti da forno rispondono al trend in crescita, a livello internazionale, del mangiare bene e sano”.

Increasingly strategic export which absorb over 2 percent of the year’s turnover, and the strict selection of raw materials, we have reached important cooperations in Italy and abroad above all with prestigious catering and hotel chains,” explains Zubbani. As regards R&D, at Sial 2010 Valledoro will be presenting the new line of Kamut products for the Ho.Re.Ca. and Retail channels consisting of stick bread “Saltelli di Kamut” and crisp bread “Masai Kamut”. The line propose a selection of bakery products that is ideal for the consumers who are aware of their lifestyle. Moreover, it is also perfect for balanced diets thanks to the many nutritional properties of Kamut, such as high content of proteins and mineral salts (in particular, selenium, zinc and magnesium), as well as high digestibility. The new products follow the recently launched Valledoro healthy category “Valledoro light”. Chairman Zubani says “International exhibitions are the right moment to meet companies that usually operate in international markets and can anticipate market trends. That is why we have chosen Sial 2010 to present the new Kamut line, because our bakery products meet the growing trend of good and healthy eating, internationally.


Bassanina will be present at:


S C I E N C E & T E C HNO L OG Y

Cranberries

essiccati dolcificati partendo da vera alla frutta Creato frutta, il Cranberry essiccato

trasmette il richiamo della frutta e al tempo stesso fornisce benefici per la salute

Fruit sweetened

Ocean Spray ha ampliato il proprio portafoglio di ingredienti alla frutta con il lancio di un nuovo cranberry essiccato dolcificato, alla frutta. Il nuovo cranberry essiccato dolcificato (SDC) offre gli stessi vantaggi di lavorazione degli SDC soft and moist, fiore all’occhiello di Ocean Spray, senza però dover specificare lo zucchero come uno degli ingredienti. La frutta essiccata dolcificata di Ocean Spray conferisce punti di colore attraenti, ottimo sapore e caratteristiche salutari a prodotti finiti come cereali, mix di frutta secca e prodotti da forno. Dotato di un’elevata tolleranza alla lavorazione e facile da incorporare nel processo produttivo, il cranberry rappresenta un elemento di innovazione in categorie di prodotto ormai “mature”. I cranberries essiccati dolcificati alla frutta vengono prodotti partendo da cranberries di livello qualitativo superiore. Gli SDC vengono essiccati sino ad un livello di umidità ben specifico, che rispecchia le caratteristiche che si desiderano nel prodotto. Creato partendo da vera frutta, questo ingrediente trasmette il richiamo della frutta e al tempo stesso fornisce i benefici caratteristici del cranberry per la salute di tutto il corpo. Marion Burton, marketing manager di Ocean Spray, commenta così: “Quest’ultima aggiunta al nostro ampio portafoglio di prodotti prende spunto dalla richiesta dei clienti che vogliono ingredienti con tutto il richiamo della frutta”. Ocean Spray ITG fa parte di Ocean Spray. Ocean Spray è attualmente classificata negli USA come una delle 50 maggiori società nel campo dei prodotti alimentari e delle bevande. In Europa, le vendite aggregate di prodotti di marca e di ingredienti ITG hanno superato i 100 milioni di dollari. Ocean Spray ITG offre un ampio portafoglio di ingredienti alla frutta, tra cui cranberry essiccati dolcificati, BerryFusions® Fruits, cranberries in polvere, concentrati e sotto forma di purea – tutti disponibili in qualsiasi stagione dell’anno.

dried cranberries Ocean Spray has expanded its fruit ingredient portfolio with the launch of a new fruit sweetened dried cranberry. The new sweetened dried cranberry (SDC) offers the same processing advantages as Ocean Spray’s flagship soft and moist SDC, while removing the need to call out sugar as an ingredient. Ocean Spray’s sweetened dried fruits bring attractive points of colour, great taste and a healthy profile to finished products such as cereals, trail mix and baked goods. Highly process tolerant and easy to incorporate into the production process, the cranberry represents a new way to innovate in mature product categories. Fruit Sweetened Dried Cranberries are produced from superior grade cranberries. The SDCs are dried to a specific moisture specification, depending on the characteristics desired. Made from real fruit, the ingredient lends fruit appeal while delivering the wholebody health benefits associated with the cranberry. Marion Burton, marketing manager, Ocean Spray, comments: “This latest addition to our extensive ingredient portfolio is based on customer demand for ingredients with all fruit appeal.” Ocean Spray ITG is part of Ocean Spray. Ocean Spray in the US currently ranks as one of the top 50 food 42

Ottobre 2010

Made from real fruit, the ingredient lends fruit appeal while delivering the whole-body health benefits associated with the cranberry and beverage companies. In Europe, combined sales of branded products and ITG ingredients have topped $100 million. Ocean Spray ITG offers an extensive portfolio of fruit ingredients including sweetened dried cranberries, BerryFusions® Fruits, cranberry powders and purée – all available year round.

TecnAlimentaria Food Industry


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Il core business: professionalità

Helpan Forni è nata dalla volontà di offrire soluzioni industriali di qualità, sfruttando l’ampia esperienza del suo personale

Core business: professionalism Helpan Forni was born from the desire to offer quality industrial solutions using the vast experience of its staff

44

Giovane e coraggiosa la Helpan Forni si propone di offrire ai propri clienti qualità, semplicità e affidabilità attraverso i forni a convezione che produce. Helpan Forni è nata dalla volontà di offrire soluzioni industriali di qualità, sfruttando l’ampia esperienza del suo personale di vendita e dei suoi progettisti nel settore. Partendo dai forni ventilati per pasticceria l’azienda è cresciuta allargando la sua gamma verso la gastronomia. Adesso Helpan Forni fornisce ai clienti una gamma completa di forni a convezione che parte da quelli di piccole dimensioni con teglie GN 2/3 fino a quelli da 16 teglie per pasticceria/panetteria o 20 teglie per gastronomia. Ciò che aiuta l’azienda a guadagnare il rispetto dei clienti è: la qualità dei prodotti, la flessibilità alle richieste di mercato, la cura ed il rispetto che mostra a tutti i suoi clienti. Helpan Forni vuole crescere come società e come individui rispettando i valori fondamentali: fiducia, rispetto, qualità, efficienza, lavoro di squadra, valore e soluzioni pratiche. Le linee Helpan Forni sono: Vento propone una linea di forni per i grandi laboratori di

Young and bold, Helpan Forni is keen on offering its clients quality, simplicity and reliability through the convection ovens produced. Helpan Forni was born from the desire to offer quality industrial solutions using the vast experience in the sector of its designers and sales people. The company started with the pastry convection ovens and grew broadening its range towards gastronomy. Now, Helpan Forni offers its clients a complete range of convection ovens beginning with small size ovens with Gn 2/3 trays and getting to 16 tray ovens for pastry/bakery or 20 trays for gastronomy. The company’s strong points that helped win its clients’ respect are the quality of its products, the flexibility to market requests, the care and respect it pays to all of its customers. Helpan Forni wants to grow both as a company and as individuals by respecting its core values: trust, respect, quality, efficiency, teamwork, value and practical solutions. The Helpan lines are: Vento proposes a line of ovens especially developed for big pastry laboratories and mini-bakeries. Besides its exceptional baking uniformity, it distinguishes itself through modularity and the introduction of the tray from its smaller side permitting thus the use of narrow production spaces. It is perfect for all types of pastry and bakery products including pre-baked and frozen products. Its flexibility consists both in choosing the type of control panel and the

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

pasticceria e per le mini-panetterie. Oltre all’uniformità di cottura si contraddistingue per la modularità e l’introduzione della teglia dalla parte più stretta rendendo possibile l’utilizzo c/o spazi di produzione ristretti. É flessibile nella scelta della tipologia di comandi e delle teglie: 40x60 o 40x80. Versioni: 4,6,10 o 16 teglie, elettrici o a gas. HF-Red completa la gamma con un forno speciale ideale per prodotti freschi o surgelati destinati a grandi pasticcerie e mini-panetterie. La linea è contraddistinta da una serie di caratteristiche standard disponibili: comandi digitali, triplo vetro, 2 velocità, struttura in acciaio inox 304, 5/8 teglie. PowerSnack: creata appositamente per bar e punti caldi può essere utilizzata anche come forno di supporto in un ristorante grazie alla possibilità di introdurre sia teglie GN 1/1 che 60x40. Viene raccomandato per  la cottura o per il semplice riscaldamento di prodotti da pasticceria e piatti gastronomici. Versioni: 2,3 o 4 teglie. MiniSnack è la linea più recente ed è indirizzata al bar che vuole deliziare i suoi clienti con i prodotti appena sfornati. Si tratta di un forno economico che occupa poco spazio e che aggiunge valore al tuo business. È ideale per la cottura di brioche pre-cotte o surgelate. HF Gastro: i risultati eccezionali, il design, la funzionalità e l’affidabilità raccomandano questo forno come uno dei migliori della sua categoria. La linea presenta diverse versioni: misti, con boiler o vapore diretto, elettrici o a gas. A completare la linea: lavaggio, sonda al cuore e scheda programmi a più fasi.

type of tray used: 40x60 or 40x80. Versions: 4,6,10 or 16 trays, electric or on gas. HF Red completes the range of products addressed to big pastry shops and mini bakeries by presenting its potential clients a premium oven for fresh or frozen products. The line is remarkable through the series of available standard characteristics: digital controls, three-layer glass door, 2 speeds, stainless steel 304 structure, 5/8 trays. Powersnack especially created for bars and hot spots can be equally used as an additional economic oven in a restaurant thanks to its double tray support allowing the introduction of both GN1/1 and 60x40 trays. It is recommend for the baking or just warming of pastry products and gastronomy dishes. Versions: 2,3 or 4 trays. MiniSnack is the newest line addressed to small bar or coffee shop that wants to delight its clients with freshly baked products. It is an economic oven that occupies little space and adds value to your business. It is ideal for the baking of morning pre-baked or frozen brioches. HF Gastro - Its exquisite results and also its design, functionality and reliability recommend these ovens as one of the best of its category. The line presents different versions of combined ovens, with boiler or direct steam, on gas or electrical. Also the various accessories like the washing system, the core probe and the programs card with several phases make the line more complete.


Professional ovens for bakery, pastry and gastronomy

TASTE THE DIFFERENCE!

Helpan Forni srl Via dell’Elettronica 20 - Thiene / Italy Tel: 0039 0445371319

info@helpanforni.com www.helpanforni.com


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

La semplicità secondo MIA FOOD TECH Un vasto catalogo macchine e un servizio clienti d’eccellenza portano MIA FOOD TECH alla leadership dei mercati italiano e internazionale

L’azienda MIA FOOD TECH realizza macchine dedicate al settore alimentare con speciale attenzione a prodotti come: cioccolato, praline, dragées, torrone, croccante, integratori alimentari, snack di cereali e/o muesli frutta secca e marmellate.

L’esperienza e la conoscenza tecnica del prodotto finito hanno portato alla realizzazione di un vasto catalogo di produzione che parte da macchine singole (stand-alone) fino alle linee completamente automatiche. L’innovazione e la continua ricerca della MIA FOOD TECH si basano sulla progettazione e sullo sviluppo della componentistica oltre che l’attenzione per la sicurezza operativa delle sue macchine. I tecnici della MIA FOOD TECH hanno sempre sotto controllo le prestazioni dei propri macchinari e attraverso questo feed-back con l’azienda contribuiscono a migliorare le caratteristiche e la progettazione delle stesse. MIA FOOD TECH offre un servizio di assistenza puntuale ed efficace, pronto a risolvere le richieste e a soddisfare le esigenze dei propri clienti in Italia e all’estero. L’assistenza tecnica comprende la fornitura di pezzi di ricambio, manodopera specializzata per le manutenzioni e /o riparazioni e consulenze per utilizzare al meglio i propri macchinari, sugli articoli già in produzione o per prodotti di nuovo sviluppo sia con personale interno che con l’ausilio dei migliori tecnologi e professionisti. Il punto di forza che contraddistingue la MIA FOOD TECH è l’assistenza tempestiva e completa presso i clienti che le permette di essere leader sul mercato italiano ed internazionale. Scegliere le macchine MIA FOOD TECH significa investire in garanzia di macchinari semplici da utilizzare, ma robusti ed avere a disposizione un background decennale di esperienza tecnica dello staff aziendale.

Simplicity according to MIA FOOD TECH Comprehensive range of machines and excellent customer service drive MIA FOOD TECH to the leadership of Italian and international markets The company MIA FOOD TECH manufactures machines for the food sector with special regard to products such as chocolate, pralines, dragées, nougat, krokant, cereals snacks, muesli snacks and jams. The experience and technical knowledge of finished products have driven to the creation of an extensive production catalogue consisting of stand-alone machines and fully automatic lines. MIA FOOD TECH’s innovation and constant research grounds on the engineering and development of equipment as well as machine safety. MIA FOOD TECH technicians always control the performances of their machinery and thanks to this accurate feedback it is possible to improve both machine characteristics and engineering. MIA FOOD TECH offers timely and sound assistance service to solve any problem and meet any requirement of both Italian and foreign customers. The company’s technical assistance given by both in-house personnel and the best technologists and

46

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

experts includes repairing operations and consultancy on how to use MIA FOOD TECH machinery at the best, on the products being produced and also newly developed ones. Timely and complete assistance on the customers’ premises characterizes MIA FOOD TECH and makes it a true leader on the Italian and international markets. Choosing MIA FOOD TECH means not only investing in simple, user-friendly and sturdy machinery, but also having the company’s team’s decade-long technical experience at disposal.


Via Alba Barolo, 43 Castiglione Falletto (CN) ITALY Phone number : +39(0) 173 231263 Fax number : +39(0) 173 262456 Mail : info@miaft.com Ramo aziendale delle MURIALDO srl N°REA CN-242713

www.miaft.com La MIA FOOD TECH realizza macchine dedicate al settore alimentare con speciale attenzione per prodotti come: Cioccolato,Praline,Dragées,Torrone,Croccante (snack),Cereali e muesli,Frutta secca,Sughi e marmellate Macchine per le materie prime : Tostini per frutta secca, Granellatrici per frutta secca, Torrone, Croccante, biscotti, Presse per Olio di nocciola Macchine per il trattamento delle materie prime : Pralinatrici per frutta secca caramellata, Bassine per frutta secca ricoperta di ciccolato, Cuocitori e Impastatrici per torrone, croccante, cereali,tartufi, marmellate, creme, sughi, amaretti Macchine per il trattamento del prodotto finito : Taglierine (manuali ed automatiche) per cioccolato, torrone, croccante, biscotti, cremini, Taglierina a ultrasuoni per prodotti dolciari, Tavoli per la preparazione del croccante. Optional per cioccolato,croccante e torrone, Macchine ed attrezzature speciali a misura del cliente, Impianti e linee automatiche per torrone, croccante, cereali, intergratori alimentari, Tunnel di raffredamento per cioccolato, torrone, prodotti dolciari. MIA FOOD TECH produce machinery for food application mainly focused in products like : Chocolate, Pralines (coated dried fruits), Dragées, Nougat,Krokant (snack),Cereals and muesli,Dried fruits,Sauces (gravy …) and jams. Machines for raw materials : Roaster for dried fruits, grinder machine for dried fruits, nougat, Krokant, biscuits, Press machine for Nuts oil Processing machines for raw materials : Coating machines for dried fruits with sugar, Coating machines for dried fruits with chocolate, Cookers and kneading for nougat, Krokant, cereals, truffles, jams, sauces … Processing machines for final products : Cutting system (manual and automatic) for chocolate, nougat, crunchy products, biscuits, Ultrasonic cutting for food application in general, Table for Krokant manual process Optional for chocolate, Krokant and nougat Special application from customers request, Automatic line for nougat, Krokant, cereals, energetic bars Cooling tunnel for chocolate, nougat and food application.

P.IVA 02860730049


Approved Event

NQ U

E

DA

CI

R

O

TI

E Y U B P TO C NTINE

N


A B OU T

F A I R S

IBATECH 2010, una storia di successo a Istanbul Da Istanbul le più recenti innovazioni tecnologiche del mondo della panificazione, pasticceria, gelato e cioccolata

IBATECH 2010, il più grande salone sulle tecnologie della pasticceria in Turchia, ha chiuso lo scorso aprile con un notevole incremento di visitatori. I partecipanti hanno potuto fare affari per un valore pari a 500 milioni di Dollari USA. Esponendo le più recenti innovazioni del mondo della panificazione, della pasticceria, del gelato e della cioccolata, il salone ha ospitato 257 azienda, di cui 234 nazionali e 23 internazionali. 44.300 visitatori da tutto il mondo hanno raggiunto il quartiere espositivo per toccare con mano le ultime soluzioni tecnologiche proposte dal settore panificazione. Il settore della panificazione turco è il faro per gli investitori stranieri 23 aziende da 4 continenti e 10 Paesi hanno partecipato al

IBATECH 2010: A success story i n Istanbul

From Istanbul, the most recent technological innovations in the bakery, patisserie, ice-cream and chocolate industries

50

IBATECH 2010, Turkey’s largest bakery and patisserie technologies fair, closed its doors last April, 2010 with a significant increase in exhibitor and visitor numbers. The participants reported over 500 mil. USD of business volume realized during the show. Featuring the most recent innovations in the bakery, patisserie, ice-cream and chocolate industries, the fair hosted 257 companies, of which 234 are local and 23 are international. 44.300 visitors from all over the world came to the fair to see the latest techonogy solutions in the bakery sector. Turkey’s bakery sector in the spotlight of foreing inverstors 23 companies from 4 continents and 10 countries participated in the fair: USA, Germany, Italy, Egypt, France, Greece, Romania, Bulgaria, Belgium and Russia. Despite the bad weather conditions in Europe due to the volcanic ashes the visitor number increased from 41.800 in 2008 to 44.300 in 2010. $6 billion Volume in Bakery Turkey is the leading consumer in bakery products per person, with an annual trade volume that exceeds $6 billion. The sector sees an increase in branding

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

salone: USA, Germania, Italia, Egitto, Francia, Grecia, Romania, Bulgaria, Belgio e Russia. Nonostante le cattive condizioni meteorologiche sull’Europa, dovute all’eruzione del vulcano islandese, il numero dei visitatori è aumentato da 41.800 nel 2008 a 44.300 nel 2010. Panificazione: un volume d’affari da 6 milioni di dollari La Turchia è il maggior consumatore di prodotti da forno pro capita con un volume annuale che supera i 6 milionid dollari USA. Il settore assiste ad un aumento di sistemi di concessione negli ultimi anni che ha fatto lievitare le esportazioni di macchinari, anche grazie ad alcune aziende che hanno creato dei centri di vendita al dettaglio all’estero. La maggior parte di queste esportazioni partono dalla Turchia dirette in Paesi come Russia, Paesi Arabi, repubblche turche e Paesi Balcanici. Non sorprende quindi che il salone più influente per la tecnologia di panificazione, pasticceria, cioccolato e gelato IBATECH sia considerato fondamentale per gli esportatori turchi. La prossima edizione di IBATECH si terrà dal 12 al 15 aprile 2012 sempre presso il Quartiere Espositivo CNR Expo di Istanbul.

and dealership systems in the last few years that has spurred machinery exports, with some firms setting up retail stores abroad. Most of Turkey’s bakery, patisserie, chocolate and ice cream technologies exports go to Russia, Arab countries, Turkic republics and the Balkans. The region’s most efficient marketing event for the industry, the IBATECH 2010 is considered crucial for the Turkish exporter. The next IBATECH will be held from 12 to 15 April 2012 at the same venue, Istanbul Fair Center (CNR Expo)


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Bilancia con software integrato TOUCH-MIX è la nuova bilancia realizzata da ORIPAN con software integrato

Semplicità, affidabilità e precisione sono caratteristiche di TouchMix la nuova bilancia realizzata da ORIPAN con software integrato, per lo svolgimento dinamico delle ricette e pesatura guidata degli ingredienti. Il tutto gestito da un PC touch-screen ermetico per garantire un IP 55, requisito indispensabile per poter lavorare in ambienti con considerevoli quantitativi di polveri di farina. Il monitor touch-screen ha inclinazione regolabile, che permette di accedere con un semplice tocco alle diverse procedure software. Tramite il software “TouchMix Pasticceria” (Fig.1) è possibile mettere a punto un ricettario elettronico, con l’inserimento dei singoli ingredienti, dei tempi d’impasto, dei processi d’esecuzione e delle pause di lavorazione, con suggerimenti visivi, vocali ed immagini. Il software a bordo macchina (Fig.2) è in grado di gestire il ricettario elettronico realizzato, evitando tutte le complicazioni ricorrenti di un ricettario manuale e consentendo una rapida ricerca della ricetta per categoria. La procedura facilita considerevolmente il lavoro dell’utente accordando notevoli aiuti come l’utilizzo di confezioni intere di un ingrediente per pesare soltanto quanto ne viene impiegato, il riutilizzo della pasta di riporto ricalcolando i vari ingredienti

1

per mantenere la ricetta proporzionata, il frazionamento in diverse pesate di quantità rilevanti di un ingrediente, ecc. Le funzioni di AutoTara e AutoOk attivabili in modo semplice e intuitivo velocizzano le fasi di pesatura della ricetta. Impostando le quantità di prodotto da ottenere, provvede a ricalcolare le dosi esatte degli ingredienti da utilizzare, eliminando qualsiasi errore di calcolo. Gli errori di pesatura saranno drasticamente ridotti in quanto il sistema permetterà di pesare l’ingrediente successivo della ricetta solo al raggiungimento del peso impostato dell’ingrediente corrente. Un sistema software (Fig.3) interagisce con la pesata visualizzando con colori diversi il raggiungimento del peso richiesto; in questo modo con l’opzione nascondi peso attivata è possibile realizzare le varie ricette senza evidenziare il peso dei relativi ingredienti. Grazie alla gestione stampe si ottengono schede prodotto complete di tutti i dati necessari - ingredienti in ordine decrescente di quantità, allergeni, valori nutrizionali. Inoltre è possibile stampare la lista ingredienti, le ricette, i consumi, calcolare le giacenze di magazzino (è predisposta per la tracciabilità) e valutare il costo del prodotto mediante il calcolo del costo ingredienti e dei tempi di esecuzione. Il modulo “Agenda” consente la gestione e la programmazione della produzione, in base ai quantitativi giornalieri. www.touchmix.it - www.oripan.it

2

Weigher with integrated software

TOUCH-MIX is the new Oripan weigher with integrated software

3

52

Simplicity, reliability and accuracy are the characteristics of TouchMix, the new weigher with integrated software from Oripan, to perform recipes and ingredients guided weighing. The operations are guaranteed by an hermetic touch screen as to assure IP 55 protection code, which is fundamental in work environments where the amount of flour powder is considerable. The inclination of the touchscreen monitor can be regulated and by a simple touch it is possible to access the diverse software procedures. Through the “TouchMix Pasticceria” (Fig.1) software, an electronic recipe book can be organized, by inserting ingredients, times for dough making, processes and breaks, with visual and sound indications. The software housed (Fig.2) in the machine can control the electronic recipe book, thus avoiding any possible inconvenience that might occur with a manual recipe book, and offering a quick search of recipe by category. This procedure considerably facilitates the user’s work thanks to, for instance, the possibility of using packages whole of the various ingredients and then weigh only the amount necessary for the making of the recipe, the re-use of fill dough by re-calculating the various ingredients as to have a proportioned recipe, the sharing of relevant amount

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

of the same ingredient into different weighing, and more. The AutoTara and AutoOk functions can be activated in a user friendly way for quicker weighing phases. By setting the quantity of product to obtain, it processes the exact doses of the ingredients to be used, to eliminate any miscalculation. Weighing errors are therefore dramatically reduced as the system will start weighing the next ingredient listed on the recipe only when the weight of the running ingredient is obtained. The software interacts (Fig.3) with the weighing and displays the production of the requested weight in different colours. This way, thanks to the hide option on, it is possible to make different recipes without showing the weight of each ingredient used. Thanks to the print management, it is possible to have charts with all the necessary data, such as ingredients in descending order, allergens, nutritional values, and more. In addition to this, it is also possible to print the ingredients list, consumption, stock (arranged for traceability) and estimate the cost of the product by calculating the costs of ingredients and running times. The “Agenda” module enables to manage and programme the production according to daily amounts. www.touchmix.it – www.oripan.it


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Nuova “Serie 4” 8.64 è un forno ergonomico, facile da pulire e di semplice manutenzione, economico senza tuttavia lesinare sulla qualità della cottura Destinato a pasticcerie e panifici, il forno a carrello rotante della nuova “SERIE 4” è un perfetto concentrato di tecnologie: • E’ estremamente compatto: in una congiuntura dove anche un metro quadro costa caro e deve essere utilizzato, i forni della Serie 4 possono essere installati in moduli permettendo di ottimizzare lo spazio assicurando tuttavia la massima superficie di cottura. Il modello 8.64 gas/gasolio, per esempio, con supporti di cottura di 600 per 800 mm, misura 1440 mm di larghezza, 1980 mm di profondità e 2300 mm di altezza, consente la cottura di 144 -152 baguettes da 200 g su carrelli che possono avere ben 19 piani. • Ha un rendimento eccezionale ed è ecologico: una nuova concezione di scambiatore ottimizzato permette, nella versione gasolio/gas, di abbassare considerevolmente la temperatura di uscita dei fumi grazie al miglioramento delle prestazioni di scambio termico e al recupero dell’energia emanata al fine di reintrodurla nel processo di cottura comportando anche una significativa economia di energia. Inoltre, da ciò deriva anche un beneficio ecologico perché l’abbassamento della temperatura dei fumi di combustione riduce la produzione di gas inquinanti e irritanti quali gli ossidi d’azoto. • E’ polivalente e assicura una qualità di cottura impeccabile: adatto a panifici e pasticcerie, grazie alla tecnologia “soft flow” il calore viene diffuso uniformemente per tutta l’altezza e la profondità del carrello assicurando una cottura omogenea. La leggerezza di questo flusso d’aria permette di cuocere quei prodotti di pasticceria leggeri o delicati che non sopportano una ventilazione troppo potente. • Pulizia e manutenzione facilitate: è un forno ergonomico la cui camera di cottura è stata costruita nell’attenzione delle più rigorose norme europee a vantaggio di igiene e semplicità delle operazioni di pulizia.

54

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

New “Serie 4” Ergonomics dedicated to hygiene and designed to facilitate cleaning, the rotating rack oven 8.64 is economic but ensures an outstanding and consistent baking quality Designed for bakeries and confectioneries, the rotary rack oven Series 4, is a real concentration of technology: • Extremely Compact and efficient: in a situation where every square metre is costly and must be used, Series 4 ovens will allow you to optimise space by providing you with the maximum possible baking area. The model 8.64 fuel oil/gas, for instance, with 600 x 800 mm baking trays, is 1440 mm width, 1980 mm depth and 2300 mm height and enables to bake 144 to 152 baguettes of 200 g on racks supporting up to 19 trays. • Efficient and ecological: a new concept of optimized heat exchanger, in the fuel oil/gas model, considerably lowers the temperature of extracted exhaust fume by improving the heat exchange performance and the recovery of released energy for reintroduction into the baking process and this allows a significat energy saving too. Lowering the temperature of the flue gases also reduces the production of polluting gases such as nitrogen oxides producing an obvious benefit for the environment. • Multifunctional with absolutely consistent baking results: designed for confectioners as well as bakers. Thanks to the “soft flow” technology, heat is distributed evenly over the height and depth of the rack, ensuring uniform cooking. Besides, baking light products is no longer a problem: thanks to soft-flow, meringues, toppings, choquettes and icing sugar will remain perfectly in place on the baking pan. • Ergonomics and dedicated to hygiene: The baking chamber of the series 4 ovens was designed to facilitate cleaning and to improve hygiee to comply with the most stringent European standard.


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Produttore integrato Sigma segue sempre la filosofia di produrre macchine e impianti semplici, efficaci, utili e sicuri

Sigma produce macchine per i settori panificazione, pasticceria e pizzeria da 36 anni e la sua “missione” è creare strumenti efficaci ed utili conformi alle vigenti norme igieniche e di sicurezza. Per tradizione Sigma produce mescolatrici a spirale a vasca fissa e removibile, ma anche un’ampia gamma di macchine per tutti i settori collegati all’industria della panificazione, pasticceria e pizzeria. Altro core business dell’azienda sono le mescolatrici planetarie, prodotte in due linee con variatore meccanico o elettronico. Queste soluzioni coprono tutte le richieste provenienti dalle pasticcerie, dai laboratori e dagli hotel.

Sfogliatrici, taglierine, cuocitori di creme, stampi e divisori sono gli altri tipi di macchine che completano la produzione Sigma. Nell’ottica di una rotazione manageriale comune e l’introduzione di diverse figure con un’istruzione culturale e professionale alta è stata creata la “Divisione Industriale”. La filosofia è rimasta la stessa: produrre macchine e impianti semplici, efficaci, utili e sicuri. Sigma ha affrontato e analizzato il sistema semi-industriale della produzione dell’impasto per il pane usando mescolatrici a vasca rimovibile, alcuni carrelli con vasche extra e un elevatore per portare il prodotto a diverse altezze. Quindi gli ASM “Mixing Automatic Systems” sono state creati. Sono composti di una mescolatrice a spirale a vasca removibile di diverse capacità montata su una piattaforma rinforzata e completamente in acciaio inox, capace di estrarre automaticamente la sua vasca alla fine del ciclo e metterla nei diversi elevatori a seconda delle altezze di svuotamento. Ogni azione viene gestita da un PLC che imposta i programmi e i tempi per automatizzare completamente il processo della produzione dell’impasto. L’Automatic Mixing System è particolarmente interessante per la produzione dell’impasto con lieviti naturali. Grazie al doppio rovesciatore, il sistema permette di fare i lieviti prima e dopo un corretto tempo di riposo, metterli nuovamente nella vasca della mescolatrice, dove l’impasto viene fatto con l’aggiunta di acqua e farina. Quando è pronto l’impasto può essere messo nuovamente nelle altre vasche per uso finale. È importante evidenziare che le mescolatrici a doppia spirale risolvono problemi di grandi quantità e possono mescolare 8 volte per ora per una produzione di circa 2500 Kg/h.

Integrated manufacturer Sigma always follows the same philosophy: manufacturing simple, effective, useful and safe machines and plants

58

Sigma has been manufacturing machines for bakery, pastry and pizzeria for 36 years, as a matter of facts its own “mission” is to create effective, useful tools in conformity with the hygienic and safety rules. Traditionally Sigma manufacturers spiral mixers with fixed and removable bowl but also a large range of machines for all the interested sectors: bakeries, pastries, pizzeria. Another core business is the planetary mixers, manufactured in two lines with mechanical and with electronic variator. Such solutions cover the whole requirements of pastries, laboratories, hotels. On completion other types of machines as sheeters, grinders, creamcookers, moulders, dividers and so on are produced. In the perspective of a common managerial rotation and with the introduction of different figures with cultural and professional educations of high level an “Industrial Division “has been created . Its Philosophy is always the same: manufacturing simple, effective, useful and safe machines and plants. Sigma has faced and analysed the semi-industrial system of production of bread dough using mixers with removable

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

bowl, some trolleys with extra bowls and a lifter for taking the product to different heights. Therefore, the ASM “Mixing Automatic Systems” have been born. They are made of a spiral mixer with removable bowl in different capacities mounted on a reinforced platform completely in stainless steel, able to take out automatically its bowl at the end of the cycle and to place it in the different lifters according to the discharge heights. Every action is run by a PLC, that sets the programs, the times in order to automate completely the process of dough production. The Automatic Mixing System is particularly interesting for the production of bread dough with naturals yeasts. Thanks to the double tipper, the system allows to make yeasts before and after a correct relaxing time, to put them again in the bowl of the mixers, where with more water and flour the dough is made; when ready the dough can be put again in the rest bowls for the final utilizations. The mixers with double spirals are to be pointed out because they solve the problems of big quantities, as a matter of fact they are able to mix around 8 times per hour what means productions of about 2500 kg/hour.


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Massima precisione in ogni dettaglio

Oem arricchisce il “Pizza System” con il taglia mozzarella Aurea TV150

Oem, da anni il riferimento per forni e macchine delle migliori pizzerie del mondo, risponde alle esigenze del mercato con “Pizza System”: il programma completamente integrato di attrezzature per la pizzeria che automatizza il processo produttivo, dall’impasto alla pizza pronta. Un sistema unico che garantisce il rispetto rigoroso della tradizione e delle caratteristiche organolettiche degli alimenti: una vera e propria evoluzione tecnologica capace di mantenere intatta la cultura alimentare mediterranea offrendo una soluzione esclusiva che comprende anche la consulenza per la progettazione e per la gestione economica ed amministrativa del punto di vendita o della catena di pizzerie. Oem progetta e produce nei suoi stabilimenti, tutte le attrezzature necessarie per realizzare l’intero processo produttivo della pizza comprendendo impastatrici a spirale, porzionatrici ed arrotondatrici, schiacciapizza, forni per pizza elettrici e a gas con un assortimento completo sia di prezzi che di dimensioni e, grazie alla divisione Aurea, macchine per preparazione alimenti. Forte dell’esperienza Oem nel mondo della pizza, Aurea ha

realizzato il nuovo tagliaverdure - tagliamozzarella TV150 specificatamente concepito per preparare i prodotti di farcitura della pizza. Grazie al potente motore da 750 W a due velocità è ideale, con un apposito kit con griglia e coltello, nella preparazione tradizionale della mozzarella accontentando sia chi vuole lo sfilaccio sia chi preferisce rispettare la freschezza e la fragranza del sapore naturale che solo il taglio a cubetti può dare mantenendo, sempre, un contenuto ridotto di siero per evitare il fastidioso rilascio durante la cottura. Il TV150, inoltre, può tagliare con la massima precisione una vastissima gamma di verdure con ogni varietà di forme ed in estrema rapidità arrivando a produrre sino a 250 kg/h. Ogni dettaglio del prodotto è stato curato pensando all’utilizzo e così sono facilitate la pulizia a termine lavoro e l’accesso ad ogni attività di manutenzione. Non può infine sfuggire la cura e l’armonia del design del TV150 e di tutti i modelli della serie che si presentano con una linea morbida e piacevole caratterizzata dagli innovativi pulsanti a filo macchina con protezione IP67.

Maximum precision in every aspect OEM enriches “Pizza System” with the Aurea TV150 mozzarella cutter

60

For years OEM has been the company for ovens and machines for the best pizzerias in the world. OEM caters to market’s needs with “Pizza System”: a completely integrated system of machines for pizzerias which automates the production process from dough to finished pizza. A one of a kind system which guarantees complete respect for tradition, smell, taste, appearance, and texture of the materials. A true technological evolution able to maintain the Mediterranean food culture, while offering a one of a kind solution which includes consultancy for the design and financial and administrative management of your point of sale of chain of pizzerias. OEM designs and produces in its facilities all the machinery necessary for the entire pizza production process, including spiral mixers, portioners, dough rounder, presses, gas and electric pizza ovens, available in a wide range of prices and sizes, and thanks to the Aurea division food preparation machinery. Thanks to OEM’s experience in the pizza world, Aurea has created the new vegetable cutter / mozzarella cutter TV150 especially designed for the preparation of pizza toppings.

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

Thanks to its powerful two speed 750 watt motor, it is ideal , in combination with the appropriate blade and grid kit, for traditional preparation of mozzarella, pleasing those who wants to shred their cheese, as well as those who prefer to maintain the freshness and fragrance, and natural taste which only a cube cut can do. A cube cut also reduces moisture released during cooking. Obviously the TV150 can cut with maximum precision a wide variety of vegetables into many different shapes, very quickly, up to 250kg and hour. Every aspect of the product has been designed with its use in mind. Allowing for easy cleaning after use, and maintenance. In conclusion one can’t miss the care and harmony in the TV150’s design, just as all the other models of the range, with their soft and pleasing lines, characterized by their innovative flush buttons with IP67 protection.


101%

quality “made in Italy”

Spiral mixers

Dough dividers and rounders

Pressforms

Vegetable slicers and pizza tables

Electric ovens Gas ovens

Innovative concept, ancient excellence The long experience has allowed oem to concretize the concept of “Pizza System”: a completely integrated program of equipment for pizzeria which automates the productive process, from the dough to the pizza baking. A system which guarantees the strict respect of the tradition and of the food organoleptic features: a real technological evolution able to mantain untouched the Mediterranean alimentary culture, turning it easily into profitable business.

La lunga esperienza di oem ha permesso di realizzare il “Pizza System”: un programma di attrezzature per la pizzeria totalmente integrato, espressione diretta di una precisa filosofia mirata a fornire un processo produttivo completamente automatizzato, dagli ingredienti alla pizza pronta per il consumo. Un sistema che garantisce il rispetto rigoroso della tradizione e delle caratteristiche organolettiche degli alimenti: una vera e propria evoluzione tecnologica capace di mantenere intatta la cultura alimentare mediterranea.

oem - ALI Spa V.le Lombardia, 33 46012 Bozzolo, (MN) Italy Tel. +39 0376 910511 www.oemali.com


S C I E N C E & T E C HNO L OG Y

Puntare più in alto Raising the bar

Il crescente appetito dei consumatori nei confronti del cioccolato ha creato un aumento nella domanda globale di semi di cacao. Oggi, i coltivatori di cacao ne producono circa 3,5 milioni di tonnellate all’anno, e il 16% circa dell’intero raccolto viene macinato dalla Archer Daniels Midland Company, azienda globale di trasformazione agricola. I coltivatori dell’Africa Occidentale soddisfano all’incirca il 70% di questa richiesta, ma il loro lavoro è eccezionalmente impegnativo. Si valuta che, ogni anno, un terzo dell’intero raccolto mondiale di cacao venga distrutto da parassiti e malattie. L’accesso alle più moderne tecnologie agricole è limitato, e relativamente pochi coltivatori hanno la formazione professionale necessaria a gestire efficacemente la propria attività. Oltre a ciò, numerose comunità sono tormentate da questioni sociali, che vanno da una povertà e malattie croniche ad un livello di educazione inadeguato e condizioni lavorative disagevoli. ADM, una delle più grosse aziende mondiali produttrici di cacao, è convinta che affrontando queste questioni e favorendo tecniche di coltivazione sostenibili si potrà garantire il futuro a lungo termine del cacao e migliorare la vita dei coltivatori di cacao e delle loro comunità. Per Alain Fredericq, direttore di ADM Cocoa International per lo sviluppo aziendale e la sostenibilità globale, il numero stesso di produttori rende questi problemi ancora più impegnativi: E dice: “Nei quattro principali paesi dell’Africa Occidentale che producono cacao vi sono due milioni di produttori, che operano tutti secondo norme, regolamenti o sistemi di marketing nazionali distinti”. “È difficile e al tempo stesso illogico applicare a tutti quanti uno standard aziendale uniforme. “Ma,” aggiunge, “lavorando con cooperative agricole, ONG, partner industriali e governi, noi di ADM stiamo contribuendo ad affrontare alcune delle questioni sociali e aziendali più pressanti.” Fredericq dice che ADM ha creato e realizzato diverse iniziative per far sì che il cacao di cui si rifornisce dalle aziende agricole dell’Africa Occidentale venga prodotto in modo responsabile – vale a dire in modo tale da garantire sia un raccolto di qualità superiore che una migliore qualità di vita per i coltivatori e le comunità che soddisfano gran parte della 64

Ottobre 2010

Consumers’ growing appetite for chocolate has generated increased global demand for cocoa beans. Today, cocoa farmers produce about 3.5 million tonnes of cocoa each year, with global agricultural processor Archer Daniels Midland Company grinding approximately 16% of the total harvest. West African farmers meet some 70% of this demand, but their work is exceptionally challenging. An estimated one-third of the global cocoa crop is destroyed by pests and disease each year. Access to the latest agricultural technologies is limited, and relatively few farmers have the business training to effectively manage their operations. What’s more, many communities are beset by social issues ranging from poverty and chronic disease to inadequate education and tough working conditions. As one of the world’s largest cocoa manufacturers, ADM believes addressing these issues and encouraging sustainable farming techniques will help ensure the long term future of cocoa and improve the lives of cocoa farmers and their communities For Alain Fredericq, director of global business development and sustainability, ADM Cocoa International, the sheer number of producers makes these issues even more challenging: “There are two million producers in four main cocoa-producing West African countries, all operating under distinct national rules, regulations or marketing systems,” he says. “It is both difficult and illogical to apply a uniform business standard to them all. “But,” he adds, “by working with farming cooperatives, NGOs, industry partners and governments, we at ADM are helping to address some of the most pressing social and business issues.” Fredericq says ADM has created and implemented several initiatives to help ensure the cocoa it sources from West African farms is produced responsibly — that is, in ways that help ensure both a higher-quality crop and a better quality of life for the growers and communities who satisfy much of the world’s demand. The company’s flagship initiative is its Socially and

TecnAlimentaria Food Industry


S C I E N C E & T E C HNO L OG Y

Un’azienda leader nella trasformazione agricola lavora per migliorare la qualità del cacao dell’Africa Occidentale e la vita di quelli che lo coltivano

A leading agricultural processor works to improve the quality of West African cocoa and the lives of those who grow it

richiesta mondiale. Il fiore all’occhiello fra le iniziative della società è il suo Socially and Environmentally Responsible Agricultural Practices Programme, o SERAP, che offre incentivi economici alle cooperative dell’Africa Occidentale che adottano pratiche agricole sostenibili. Sino ad oggi, questo programma ha fornito più di 3,3 milioni di dollari USA in incentivi a cooperative a vantaggio di singoli coltivatori della Costa d’Avorio. “Fornendo incentivi a livello di cooperativa, di cui almeno la metà va direttamente ai singoli coltivatori, il SERAP li incoraggia a lavorare di concerto per affrontare questioni sociali ed ambientali,” dice Fredericq, facendo notare che la partecipazione al programma è raddoppiata, passando da 6.000 coltivatori nel 2005 a 12.000 nel 2009. Inoltre, un’analisi di diversi criteri qualitativi dei semi di cacao — tra cui umidità e contenuto di acidi grassi liberi — ha mostrato che i partecipanti al SERAP hanno ottenuto notevoli risultati in praticamente ogni categoria. Il programma SERAP non solo addestra i coltivatori in metodi di coltivazione sostenibili ma possiede anche una forte componente sociale; fornisce, ad esempio, una guida per aiutare a prevenire il diffondersi di HIV e AIDS. Oltre al SERAP, ADM ha recentemente creato un programma sanitario di vasta portata in partnership con GTZ (Gesellschaft für Technische Zusammenarbeit), un’organizzazione per lo sviluppo sostenibile, presso lo stabilimento di produzione ADM di Kumasi, in Ghana. Questo programma mira a ridurre il diffondersi di tubercolosi, malaria, HIV/AIDS ed altre malattie infettive, e ad incrementare l’accesso a servizi sanitari e sociali governativi. “Appena questo programma è stato istituito, si sono iscritti quasi tutti i nostri dipendenti locali e i loro familiari più stretti. Ora lo stiamo estendendo anche ai nostri vicini e ai fornitori,” dice Fredericq.

Environmentally Responsible Agricultural Practices Programme, or SERAP, which offers financial incentives to West African cooperatives that implement sustainable agricultural practices. To date, the programme has provided more than US$3.3 million in incentives to co-operatives that benefit individual farmers in Côte d’Ivoire. “By providing incentives at the cooperative level, at least half of which go directly to individual famers, SERAP encourages growers to work together to address social and environmental issues,” Fredericq says, noting that participation in the programme had doubled from 6,000 growers in 2005 to 12,000 in 2009. Moreover, an analysis of several cocoa bean quality criteria — including moisture and free fatty acid content — showed that SERAP participants have achieved strong results in virtually every category. The SERAP programme not only trains growers on sustainable farming methods but also has a strong social component that, for example, provides guidance to help prevent the spread of HIV and AIDS. In addition to SERAP, ADM recently developed a comprehensive workplace health programme in partnership with the sustainable development organisation GTZ (Gesellschaft fur Technische Zusammenarbeit) at ADM’s new processing facility in Kumasi, Ghana. The programme aims to reduce the spread of tuberculosis, malaria, HIV/AIDS and other infectious diseases, and to increase access to government health and social services. “When the programme was first established, nearly all of our local employees and their immediate family members enrolled. Now we are reaching out to neighbours and suppliers as well,” Fredericq says.

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

65


S C I E N C E & T E C HNO L OG Y

Al di là dei propri programmi, ADM partecipa a un gran numero di altre iniziative di sostenibilità del cacao in collaborazione con ONG e partner industriali, tra cui: • Il Cocoa Livelihoods Programme è una campagna da 40 milioni di dollari lanciata nel 2009 dalla World Cocoa Foundation, la Bill & Melinda Gates Foundation e vari partecipanti del settore. L’obiettivo è quello di aiutare circa 200.000 famiglie di coltivatori di cacao dell’Africa Occidentale e Centrale a maggiorare il proprio reddito e, di conseguenza, la qualità di vita, migliorando l’efficienza del mercato, aumentando la resa e la qualità a livello di azienda agricola e favorendo la diversificazione delle colture. • Il Sustainable Tree Crops Programme, gestito dall’International Institute of Tropical Agriculture e finanziato dalle industrie del settore e dall’USAID, sta fornendo a migliaia di coltivatori di cacao corsi di formazione aventi per oggetto norme del lavoro, pratiche di gestione aziendale e il miglioramento dei metodi di coltivazione. Per contribuire a far giungere questi importanti messaggi ad un maggior numero di coltivatori, ADM offre ai soci delle cooperative che vi partecipano l’opportunità di frequentare le Train the Trainer Field Schools dell’STCP, che preparano gli studenti a prestare servizio come consulenti tecnici che, una volta tornati a casa, possono diffondere informazioni fra le migliaia di altri soci delle cooperative. Lo School Meals Programme, gestito dai Friends of the World Food Programme in partnership con ADM, fornisce un supporto finanziario diretto agli scolari della Costa d’Avorio. Così commenta Fredericq: “Fornendo pasti nutrienti agli studenti, il programma incoraggia a frequentare la scuola, il che a sua volta rafforza famiglie, comunità ed economie locali”. Dal 2008, il contributo di ADM a questo programma ha procurato pasti a più di 100.000 bambini in età scolare. “La nostra capacità di soddisfare la richiesta mondiale di cacao dipende dalla continua disponibilità di raccolti di qualità elevata,” dice Fredericq. “In ADM riteniamo che puntando l’attenzione sulle esigenze olistiche delle comunità di coltivatori di cacao nelle regioni più importanti, contribuiamo a salvaguardare un prodotto migliore per la nostra clientela, migliorando contemporaneamente il tenore di vita delle persone da cui dipendiamo per i nostri approvvigionamenti”.

Beyond ADM’s own programmes, the company is participating in a host of other cocoa sustainability initiatives in collaboration with NGOs and industry partners, including: • The Cocoa Livelihoods Programme is a $40 million campaign launched in 2009 by the World Cocoa Foundation, the Bill & Melinda Gates Foundation and various industry participants. The aim is to help approximately 200,000 cocoa farming families in west and central Africa boost their incomes and, in turn, their quality of live by improving the market efficiency, increasing yield and quality at the farm level and encouraging crop diversification. • The Sustainable Tree Crops Programme, managed by the International Institute of Tropical Agriculture and funded by industry and USAID, is training thousands of cocoa farmers on labour standards, business practices and improved farming methods. To help reach more farmers with these important messages, ADM provides opportunities for members of participating cooperatives to attend STCP’s Train the Trainer Field Schools, which prepare farmer attendees to serve as technical advisors who can disseminate information among thousands of other cooperative members upon their return home. The School Meals Programme, managed by Friends of the World Food Programme in partnership with ADM, provides direct financial support to schoolchildren in Côte d’Ivoire. “By providing nutritious meals to students, the programme encourages school attendance, which in turn strengthens families, communities and economies,” Fredericq notes. Since 2008, ADM’s contributions to the programme have provided meals for more than 100,000 school children. “Our ability to meet the world’s cocoa demand depends upon the continued availability of high- quality crops,” Fredericq says. “We at ADM believe that by focusing on the holistic needs of cocoa-farming communities in key growing regions, we are helping to secure better product for our customers while improving the lives of the people on whom we depend for our supply.”

Alain Fredericq, direttore di ADM Cocoa International per lo sviluppo aziendale e la sostenibilità globale Alain Fredericq, director of global business development and sustainability, ADM Cocoa International

66

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry


ABBIAMO RAGGIUNTO QUOTA 8000*

* Grazie alla collaborazione di tutti abbiamo venduto 8000 macchine nel mondo * Thanks to everyone’s collaboration we have sold 8000 machines around the world

Via Dell’Artigianato, 10 36034 MALO (Loc. Molina) VI - Italy Tel. +39.0445.637.584 Fax +39.0445.637.592 info@effeduesrl.com www.effeduesrl.com

W E H AV E HIT THE 8000* MARK

Everest 8474mt


S C I E N C E & T E C HNO L OG Y

Le biotecnologie agricole forniscono risposte concrete DuPont ha annunciato di aver superato con successo anche l’ultima fase delle procedure di regolamentazione americana, ottenendo l’autorizzazione, da parte dello United States Department of Agriculture (USDA), alla coltivazione del seme di soia ad alto contenuto oleico Plenish™ negli Stati Uniti. Paul E. Schickler, presidente di Pioneer Hi-Bred, un business di DuPont, dichiara, “Tale risultato è un esempio della crescente attenzione e capacità di Pioneer di veicolare caratteri biotecnologici attraverso sistemi di regolamentazioni globali fino a raggiungere i campi agricoli. Questa autorizzazione rappresenta una pietra miliare per Pioneer, che lavora allo sviluppo di caratteri che forniscano vantaggi diretti ai consumatori e solidi risultati in campo.” I semi di soia a elevato contenuto oleico Plenish™ contengono il più alto contenuto di acido oleico (oltre il 75%) di qualsiasi altro prodotto a base di soia in DuPont announced it has reached a regulatory milestone and the final step of the U.S. regulatory process with confirmation from the United States Department of Agriculture (USDA) that its Plenish™ high oleic soybean trait has been approved for cultivation in the United States. “Obtaining USDA deregulation for Plenish™ high oleic soybeans is an example of Pioneer’s increased focus and capability in moving biotech traits through global regulatory systems and into farmers’ fields,” said Paul E. Schickler, president – Pioneer Hi-Bred, a DuPont business. “This is a significant milestone as we work to develop biotech traits that provide direct consumer benefits and solid results in the fields.” Plenish™ high oleic soybeans from Pioneer contain the highest oleic acid content (more than 75 percent) of any soybean product under commercial development. This significantly increases the stability of the oil and provides greater flexibility in food applications, and yields a product with 0g trans fat. Plenish™ high oleic soybean oil also has 20 percent less saturated fat than commodity soybean oil, making it a more attractive ingredient for consumer food products. “We continue to see solid results and strong interest from food companies looking for a soybean oil with consumer benefits and functionality,” said Craig F. Binetti, president – DuPont Nutrition & Health. “This announcement allows our partners to move to the next phase of product testing and development with PlenishTM high oleic soybean oil.” High oleic soybean oil also presents opportunities for 68

Ottobre 2010

La prossima generazione di caratteri biotecnologici offrirà vantaggi ad agricoltori, consumatori e industrie

fase di sviluppo commerciale. L’acido oleico aumenta notevolmente la stabilità dell’olio, che non va incontro all’idrogenazione nella fase di cottura degli alimenti e previene l’irrancidimento del cibo durante la conservazione, fornisce maggiore flessibilità in applicazioni alimentari e rilascia un prodotto con zero grammi di grassi idrogenati. L’olio di soia ad elevato contenuto oleico Plenish™ possiede il 20% in meno di grassi saturi rispetto agli olii di soia tradizionali, rendendolo un ingrediente più attraente per i prodotti di consumo alimentare; contiene inoltre acidi grassi monosaturi che proteggono il cuore, in una quantità tre volte maggiore rispetto agli oli di soia in commercio. Il logo ovale DuPont, DuPont™ Pioneer® e Plenish™ sono marchi commerciali o marchi commerciali registrati di E. I. du Pont de Nemours and Company o di sue società affiliate.

Agricolture biotechnologies provide real answers

TecnAlimentaria Food Industry


S C I E N C E & T E C HNO L OG Y

Craig F. Binetti, presidente di DuPont Nutrition& Health, ha affermato, “DuPont continua a ottenere ottimi risultati e forte interesse da parte delle aziende alimentari, che richiedono un nuovo tipo di olio con migliori qualità nutrizionali in grado di apportare concreti benefici ai consumatori. Questo annuncio permette ai nostri partner di passare alla fase successiva dei test di prodotto e allo sviluppo dell’olio di soia ad elevato contenuto oleico Plenish™.” L’olio di soia ad elevato contenuto oleico offre inoltre opportunità per applicazioni nel settore industriale non alimentare. L’elevata stabilità al calore di questo olio permette alle industrie di sviluppare alternative rinnovabili e più sostenibili ai prodotti derivati dal petrolio, come ad esempio lubrificanti, schiume e adesivi. Negli ultimi mesi del 2010 e nel 2011, negli Stati Uniti e in Canada continueranno i test dei caratteri in campo e i test dell’olio e, una volta ricevute le approvazioni di conformità alle normative, nel 2012 si potrà avviare la commercializzazione. Procedure per l’approvazione del carattere sono in corso anche in tutti i paesi importatori di soia, compresa l’Unione Europea. Il logo ovale DuPont, DuPont™, Pioneer® e Plenish™ sono marchi commerciali o marchi commerciali registrati di E. I. du Pont de Nemours and Company o di sue società affiliate. Pioneer Hi-Bred, un business di DuPont, è il leader mondiale di soluzioni su misura per agricoltori, allevatori e trasformatori di cereali e oleaginose. Con sede centrale a Des Moines, Iowa, Pioneer fornisce l’accesso alla più avanzata genetica vegetale in circa 70 paesi. DuPont è una società basata sulla scienza. Fondata

industrial applications. The high heat stability of this oil in industrial settings allows companies to develop renewable, environmentally enhanced alternatives to petroleum-based products such as lubricants, foams and adhesives. “Growing Plenish™ high oleic soybeans adds value to the bottom line of my farming operation with comparable yields and demand for the improved oil produced,” said Rob Roettger, a contract Plenish™ high oleic soybean grower from Dysart, Iowa. Pioneer will launch the high oleic soybean trait in its industry-leading line-up of Pioneer® brandY Series soybean varieties, and field testing has confirmed yields on par with elite commercial products. Plenish™ high oleic soybeans will be grown under contract for ongoing field and oil testing in the United States and Canada in 2010 and 2011. Full commercialization of the trait is anticipated in 2012, upon global regulatory approvals and ongoing field testing. Canada and Mexico were the first countries to complete regulatory reviews of the Plenish™ high oleic soybean trait. The U.S. Food and Drug Administration (FDA) completed its review of Plenish™ high oleic soybeans in 2009 and this announcement from the USDA allows Plenish™ high oleic soybeans to be grown under contract for ongoing field testing in the United States and additional oil testing by major oil processors and food companies. Regulatory submissions for the trait also have been submitted to key soybean importing countries around the world. Pioneer Hi-Bred, a DuPont business, is the world’s 70

Ottobre 2010

nel 1802, DuPont utilizza la scienza per sviluppare soluzioni sostenibili essenziali per una vita di migliore qualità, più sicura e salutare in tutto il mondo. Presente in circa 80 paesi, DuPont offre una vasta gamma di prodotti e servizi destinati a una varietà di mercati quali agricoltura e alimentazione, elettronica e comunicazioni, sicurezza e protezione, arredamento e costruzioni, trasporti e abbigliamento.

Next-generation soybean oil trait provides food and industrial benefits leading source of customized solutions for farmers, livestock producers and grain and oilseed processors. With headquarters in Des Moines, Iowa, Pioneer provides access to advanced plant genetics in nearly 70 countries. DuPont is a science-based products and services company. Founded in 1802, DuPont puts science to work by creating sustainable solutions essential to a better, safer, healthier life for people everywhere. Operating in approximately 80 countries, DuPont offers a wide range of innovative products and services for markets including agriculture and food; building and construction; communications; and transportation.

TecnAlimentaria Food Industry


www.acfsrl.com GELIDUS

FCC

LINEA MATRIS

ALGOR

MCC

AQVA

FCS

FC

MULTIPLUS

MCS

MC

MIXTIO

®

FC-FW

Refrigeratori d’acqua e centraline di dosaggio e miscelazione

FA

FT

Abbattitori/surgelatori, conservatori e multifunzione

SERVO

MC-FW

Impianti per la lievitazione programmata

MA

MT

Impianti per la maturazione della biga

Il futuro della tradizione ACF s.r.l. - Via del Lavoro 2/A-2/B - 40015 Galliera (BO) - Tel. 051 814190 - Fax 051 814358 - E-mail: info@acfsrl.com


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Meccanica e design

Mechanics and design

Escher Mixers è un’azienda dinamica, come solo un professionista può essere, impegnata nella ricerca costante di nuove soluzioni di meccanica e di design

Escher Mixers is as dynamic as only a professional company can be and is always committed to constantly searching for new mechanic and design solutions

Escher Mixers è specializzata nella produzione di macchine impastatrici e mescolatrici per l’industria della panificazione e della pasticceria. Escher Mixers vanta una delle più complete gamme di prodotti oggi nel settore, con una produzione annuale che la rende uno dei maggiori produttori specializzati. La gamma di prodotti Escher Mixers comprende: • Linea M1– impastatrici a spirale a vasca fissa con un motore – 30, 40, 60 kg di impasto; • Linea M e M-Premium – impastatrici a spirale con vasca fissa con due motori - 40, 60, 80, 120,160, 200 e 240 Kg di impasto; • Linea MT e MT Premium Line – impastatrici a spirale auto-rovescianti da tavolo e divisore: 80,120,160, 200 e 240 Kg di impasto; • Linea MR – impastatrice a spirale con vasca estraibile – 80, 120, 160, 200, 240 e 300 Kg di impasto; • Linea PM – mescolatori planetari – 20, 40, 60, 80, 120, 140 e 160 litri. Queste macchine si distinguono per la loro robustezza, durevolezza eccezionale e per l’alta qualità dell’impasto prodotto. Macchine con vasca fissa i vasca estraibile sono fornite di trasmissione e due tempi per pasta dura e per uso intenso. Per maggiori informazioni consultare il sito www.eschermixers.com, e scrivere a mail@eschermixers.com, contattando direttamente l’azienda così da studiare la miglior soluzione alle vostre necessità.

72

Ottobre 2010

Escher Mixers specialises in manufacturing mixing and kneading machines for the bread and pastry making industries. The company boasts one of the most complete ranges available in the sector, with a high annual output that makes it one of the major specialist manufacturers. Escher Mixers product range includes: • M1 Line - spiral mixers with fixed bowl with one motor: 30-40-60 kg of dough; • M and M Premium line - spiral mixers with fixed bowl with two motors: 40-60-80-120-160-200-240 kg of dough • MT and MT Premium line - spiral mixers selftipping on table and divider: 80-120-160-200-240 kg of dough • MR line - spiral mixers with removable bowl: 80120-160-200-240-300 kg of dough • PM Line – planetary mixers: 20-40-60-80-120140-160 L The machines are highly renowned for their sturdiness, excellent durability and for producing high-quality dough. Fixed bowl and removable bowl machines are equipped with a two-step transmission for stiff dough and intensive use. Please check the following web-site: www.eschermixers.com - Please write to mail@ eschermixers.com Please contact the company directly in order to study the best solution for your needs.

TecnAlimentaria Food Industry


M A R K E T I NG & S T R A T E G Y

Il nuovo gruppo della filiera dei surgelati The new group of frozen food sector UNAS-UnionAlimentari promuove gli interessi della filiera dei surgelati e mira ad ottenere maggiore rappresentanza Si è costituito a Roma il gruppo Unione Nazionale degli Alimenti Surgelati (UNAS) in seno ad UnionAlimentariCONFAPI, l’Unione che rappresenta a livello nazionale le piccole e medie industrie alimentari italiane. UNASUnionAlimentari ha l’obiettivo di tutelare e promuovere gli interessi della filiera dei surgelati e di tutti gli attori coinvolti, dalle imprese di trasformazione agli operatori logistici. Il gruppo nasce dall’esigenza espressa dagli operatori del “frozen” di ottenere maggiore rappresentanza a livello istituzionale e di mercato a fronte della mancanza d’attenzione che enti ed istituzioni rivolgono al settore. Una delle azioni prioritarie del gruppo sarà quella di giocare un ruolo proattivo nei confronti delle istituzioni, della collettività e dei media per comunicare l’elevata qualità e il forte contenuto di servizio insito negli alimenti surgelati. Molti studi, come il recente lavoro del British Food, dimostrano che i surgelati contengono spesso più ricchezze nutrizionali degli omologhi prodotti freschi che giungono sulle tavole dei consumatori molti giorni

dopo il raccolto o la produzione. Il neo eletto Presidente di UNAS-UnionAlimentari, Romana Tamburini, presidente di Surgital SpA: “Esprimo viva soddisfazione per l’iniziativa sostenuta da UnionAlimentari e sono lieta di presiedere il gruppo. Abbiamo lavorato intensamente per costituire UNAS e sono certa che tuteleremo al meglio l’intera filiera dei surgelati, che in Italia è rappresentata ormai da moltissime aziende, la maggior parte di esse proprio PMI”. Il Presidente nazionale UnionAlimentari-CONFAPI, Renato Bonaglia: “La costituzione di UNASUnionAlimentari segna un ulteriore sviluppo della nostra associazione e testimonia ancora una volta la nostra vicinanza alle esigenze delle piccole e medie imprese alimentari. Le imprese aderenti ad UnionAlimentari che operano nel comparto del frozen potranno da ora contare su un Gruppo specifico, che si occuperà delle loro specificità e darà loro un’identità precisa”.

UNAS-UnionAlimentari promotes the business of the frozen food sector and aims to get better representation The newly established group UNAS – Unione Nazionale degli Alimenti Surgelati (National Union of Frozen Food) within UnionAlimentari-CONFAPI, represents smalland medium-sized Italian enterprises in Italian territory. UNAS-UnionAlimentari wants to safeguard and promote the business of frozen food chain and all its players, from processing companies to logistics operators. The group was settled upon the open need of the operators of the “frozen food” sector to get more representation at institutional and market levels, due to authorities’ lack of attention. One of the most important actions that the group will take is playing a proactive role with authorities, society and the media, as to communicate the high-quality and reliable service that frozen food have. Many studies, such as the recent British Food’s work, prove that frozen food contain more nutritional properties than fresh products, which reach consumers’ tables many

76

Ottobre 2010

days after their harvest-times or production. The newly appointed President of UNAS-UnionAlimentari Romana Tamburini, and Surgital SpA’s president, says “I am very satisfied with this UnionAlimentari’s initiative and I am also glad to chair the new group. We have worked very hard to found UNAS and I am utterly certain that we will support and protect the entire frozen food chain, which represents many Italian companies, most of which are just small and medium sized.” UnionAlimentari-CONFAPI’s president Renato Bonaglia says “The foundation of UNAS-UnionAlimentari marks further development in our association and is evidence of our close bond with the needs of food small- and medium-sized enterprises. UnionAlimentari members operating in the frozen field will be able to count on a specific Group, which takes care of their specificity and precise identity.”

TecnAlimentaria Food Industry


A B OU T

F A I R S

Tecnologie e ingredienti per la pastificazione artigianale

SIGEP presenta una nuova proposta espositiva, TECPA, dedicato alla pasta artigianale

Il 32° SIGEP, Salone internazionale della gelateria, pasticceria e panificazione artigianali, che si svolgerà a Rimini Fiera dal 22 al 26 gennaio 2011 presenterà, all’interno del padiglione D5, una nuova proposta espositiva, che valorizzerà alcuni comparti storicamente presenti al Salone: si chiamerà TECPA, Tecnologie e Ingredienti per la Pastificazione Artigianale. Si tratta di un appuntamento internazionale dedicato alla pasta artigianale e nel quale le aziende incontreranno i titolari di laboratori artigianali in maniera diretta e secondo la formula ben collaudata da Rimini Fiera che è quella dei business meeting, che organizza per le aziende espositrici agende d’incontri programmati già prima della rassegna. “TECPA - spiega  Patrizia Cecchi, direttore di business unit di Rimini Fiera - si inserisce in un contesto fieristico che promuove l’artigianalità della produzione alimentare e segue coerentemente l’orientamento di tanti pubblici esercizi che associano prodotti diversi, dal dolce alla panificazione e fino alla pasta. TECPA completa l’offerta di un quartiere fieristico interamente occupato da un made in Italy straordinario e riferimento per tutto il mondo, con aziende dinamiche e fortemente orientate al mercato estero. Il successo di

Technologies and ingredients for making artisan pasta SIGEP present a new expo proposal, TECPA, dedicated to artisan pasta The 32nd SIGEP International Exhibition of Artisan Gelato, Confectionery and Bakery production), which will be held at Rimini Fiera from 22nd to 26th January 2011, will present a new expo proposal in Hall D5, which will highlight some sectors that have taken part in the Exhibition for a long time: It will be called TECPA, Technologies and Ingredients for making Artisan Pasta. It will be an international appointment dedicated to making artisan pasta, in which companies will meet the owners of artisan workshops in a direct manner and according to the well-proven Rimini Fiera format - business meetings which it organizes for exhibiting companies in agendas scheduled before the expo. Rimini Fiera business manager Patrizia Cecchi explains, “TECPA fits into an expo context that promotes the artisan aspect of food production and coherently follows the orientation of many stores and businesses that combine various products, from confectionery through bread baking to pasta. TECPA completes the offer of an expo centre entirely occupied by extraordinary Italian-made products that are a 78

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

TECPA è garantito dalla grande attenzione che genera l’appuntamento riminese, lo scorso anno capace di attrarre 96.491 operatori professionali dei quali 16.954 stranieri”. In esposizione macchinari, impianti ed attrezzature, materie prime ed ingredienti, arredi ed utensili, tecnologie per il packaging, servizi, editoria ed istituzioni del settore della pasta, tecnologie e ingredienti per la pastificazione artigianale. Rimini Fiera, grazie alla sua rete di agenti e rappresentanze in Italia e all’estero, selezionerà interlocutori fra top buyer importatori e grossisti di semi-lavorati e macchine per il mondo della produzione artigianale dei settori pasta, gelateria, pasticceria e panificazione. La partecipazione sarà arricchita da un accordo siglato con   APPAFRE, Associazione Produttori Pasta Fresca e della  piccola e media impresa. Già in calendario eventi collaterali, a partire dalla collaborazione con PASTARIA, il convegno dedicato a tutti i pastifici artigianali e sviluppato su tre grandi temi: il mercato e l’andamento dei consumi della pasta; artigianalità in etichetta, l’uso del termine artigianale e simili nelle confezioni di pasta alimentare; pasta fresca artigianale e marketing: a che punto siamo? Esperti del settore daranno vita al 1° Sportello Pastaria Informa, a disposizione di tutti gli artigiani e professionisti di settore che vorranno approfondire i temi più in vista sul mercato. reference point for the entire world, with dynamic companies aggressively addressing the foreign market. The success of TECPA is guaranteed by the great attention attracted by the Rimini event, which last year was able to draw 96,491 trade visitors, of whom 16,954 were from abroad.” On show, machinery, plants and equipment, raw material and ingredients, furnishing, fittings and utensils, packaging technology, services, publishers and institutions from the pasta sector, technologies and ingredients for artisan pasta making. Thanks to its network of agents and representatives in Italy and abroad, Rimini Fiera will select people to address among top buyers, importers and wholesalers of semifinished products and machinery for the world of artisan production in the pasta, gelato, confectionery/pastry and bread sectors. Participation will be further enriched by an agreement signed with the APPAFRE, Associazione Produttori Pasta Fresca e Della Piccola e Media Impresa (association of fresh pasta makers and SME). Side events are already planned, starting with the collaboration with PASTARIA, the conference dedicated to all artisan pasta makers and based on three key issues: the pasta market and consumption trends; artisan indications on labels, the use of the term artisan and suchlike on pasta packaging; fresh artisan pasta and marketing: what point are we at? Experts from the sector will be the key players are the 1st Pastaria Informa Desk, at the disposal of all the sector´s artisans and professionals who want in-depth info on the market´s hottest issues.


CAVANNA MARKETING

A world of needs A world of solutions Two customers having the same requirements? Impossible. Each customer has his own preferences. We are convinced that each customer requires a custom-tailored packaging solution suiting his needs. We wanted to build our Company on that basis and we are persuaded to have achieved the goal. SYNCHROSYS complete packaging line for rusks, toast bread, crisp bread. From the process exit to the selling unit.

Via Pescarito, 101/E 10099 San Mauro Torinese (To) Tel. +39 011 223 7562 | Fax +39 011 223 7869 www.synchrosys.com | info@synchrosys.com


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Il massimo grado di igiene “HD”

Più igiene e sicurezza con i nuovi contenitori Rittal Hygienic Design in acciaio inox montati su un impianto lattiero-caseario della CMT di Peveragno (CN)

CMT, dal 1970 al servizio dell’industria lattiero casearia, leader del mercato mondiale nel settore delle macchine per la produzione di formaggi a pasta filata. Producendo una vasta gamma di apparecchiature, linee ed impianti completi, la CMT si pone come interlocutore privilegiato nella soluzione di molte problematiche produttive dell’industria alimentare. Nella quasi totalità dei casi non esistono formule standardizzate di impianti, ma si ricorre a soluzioni ad hoc che vengono studiate per ogni cliente, in funzione delle specifiche richieste. Uno di questi, il cliente australiano Murray Goulburn Co-Operative, aveva l’esigenza di raddoppiare la linea di produzione di una macchina per linea di produzione

formaggi a pasta filata per il settore pizza-cheese e ha commissionato il progetto alla CMT. La particolare esigenza del cliente era il mantenimento degli standard qualitativi che richiedevano l’applicazione di cassette bordo macchina con caratteristiche peculiari sotto l’aspetto della sicurezza e dell’igiene, migliorando le soluzioni tecniche adottate sul precedente impianto. “Rittal si è rivelato il partner ideale che è stato in grado di fornire un prodotto ad alto grado di igiene ad un costo accessibile”, spiega il Signor Gianpaolo Forniglia dell’Ufficio Tecnico CMT. Tra i diversi costruttori di contenitori in acciaio inox vagliati da CMT, Rittal è riuscita a offrire la risposta più valida alle esigenze emerse con i contenitori della serie Hygienic Design (HD). “A portarci verso Rittal – prosegue Forniglia – è stata non solo la qualità del prodotto, ma soprattutto la vasta scelta di soluzioni proposte, senza dubbio la più ampia disponibile sul mercato. Abbiamo anche avuto modo di sperimentare direttamente l’opera di consulenza dei tecnici/specialisti Rittal che ci hanno aiutato nella composizione della configurazione finale”. Rittal S.p.A. (www.rittal.it) è la filiale italiana del Gruppo Internazionale tedesco Rittal, leader mondiale nel settore degli armadi per quadri di comando, della loro climatizzazione, dei sistemi di allestimento per l’elettronica e dei componenti per la distribuzione di corrente elettrica. L’expertise maturata nel settore dell’automazione industriale ha portato Rittal ad affermarsi con successo anche sul mercato della trasmissione dati e delle telecomunicazioni: dai rack per server e networking al power management, dal raffreddamento locale del rack e delle CPU al monitoraggio e alla sicurezza fisica.

Rittal – The System.

ENCLOSURES

POWER DISTRIBUTION

CLIMATE


M A C H I N E R Y & D E V E L O PM E N T

CMT has been working for the dairy industry since 1970 and today holds the leadership of the international market in the sector of producing machines for pasta filata cheese. With an extensive range of equipment, production lines and complete plants, CMT is the best referent for solving the numerous production problems in the food industry. The Technical Office houses a Prototypes Department for the study, development, fore-design and creation of both new machines for the market and the improvement of internal production processes. In nearly all cases there are no standard formula, but ad-hoc solutions studied upon customer’s requirements. The Australian company Murray Gouldurn Co-Operative is one of these customers. It wanted to double the production line of a machine in its pasta filata cheese for the pizzacheese sector and asked CMT to propose a project. The customer’s particular requirement of keeping its qualitative standards unaltered has seen it necessary to install boxes on the machine featuring peculiar safety and hygiene characteristics, improving the technical solutions chosen for the already existing plant. “Rittal has proved to be an ideal partner, able to provide a highly hygienic product at an affordable cost”, explains Gianpaolo Forniglia of CMT Technical Office. Among the various manufacturers of stainless steel containers taken into consideration by CMT, Rittal has been the one to provide the best solution to the requirements of the Hygienic Design (HD) containers. Forniglia goes on saying “We arrived to Rittal not only for the quality of its product, but also for the comprehensive range of solutions offered, which is unquestionably the broader on the market. We have also wanted to test Rittal technicians/experts’ consultancy for the

Utmost HD hygiene creation of the final configuration.” Rittal S.p.A. (www.rittal.it ) is the Italian branch of the international German Group Rittal, world leader in the production of cabinets to house control boards, their conditioning, electronics setting-up systems and components for power supply. The company’s expertise gained in the industrial automation sector has driven Rittal to successfully stand out also on the data transmission and telecommunication markets: from server racks and networking to power management, local cooling of rack and CPU, to monitoring and safety.

More hygiene and safety with the new stainless steel Rittal Hygienic Design containers installed in a dairy plant at CMT of Peveragno, Cuneo

Faster – better – worldwide.

CONTROL

IT INFRASTRUCTURE

SOFTWARE & SERVICES

www.rittal.it


M A R K E T I NG & S T R A T E G Y

Dalter Alimentari entra nel settore dei vegetali conservati Con circa il 20% di quote societarie, Dalter Alimentari diventa partner di Genius Food Ideas e amplia il portfolio prodotti Dalter Alimentari diventa  partner di Genius Food Ideas, azienda con sede a Parma, che opera nel mercato dei prodotti vegetali conservati: acquisendo il 19% delle quote societarie, l’azienda reggiana diventa multibusiness e rafforza il proprio vantaggio competitivo mediante un’azione di diversificazione orizzontale. L’accordo di partnership, siglato nel secondo semestre 2010, si concentrerà nello sviluppo del segmento gastronomico del “Pomodoro” e porterà ad un ampliamento del portfolio prodotti di Dalter Alimentari. L’azienda, infatti, proporrà la gamma a marchio Autentico ai clienti del canale ristorazione e dell’industria alimentare, dove è già leader nel settore dei formaggi grattugiati e porzionati freschi. Ad oggi il portafoglio prodotti di Genius Food Ideas comprende numerose referenze: nel segmento pomodoro troviamo vari formati di  pomodoro semi secco con pelle e senza pelle, intero o a quartini. Ma la vera innovazione è rappresentata da Pomodamore l’esclusivo pomodoro semisecco intero, pelato a fiamma e lavorato da pomodoro fresco 365 giorni all’anno. Privo della pelle ruvida, è un concentrato di sapore e gusto intensi. Molto di più di un semplice antipasto, Pomodamore è un ingrediente ideale e versatile per qualsiasi preparazione gastronomica. Numerosi anche gli antipasti di verdure, ispirati alle ricette regionali, i condimenti per pizza a base di verdure e sughi e salse della tradizione mediterranea. Tutti i prodotti sono commercializzati sotto il marchio Autentico (sinonimo di unicità, genuinità e vero gusto italiano) e sono destinati al mercato italiano ed estero (Europa e Nord America). L’accordo permetterà  a Dalter Alimentari di valorizzare le risorse aziendali esistenti collaborando con Genius Food Ideas, con la quale condivide gli stessi valori aziendali, lo stesso posizionamento qualitativo e lo stesso orientamento al cliente. In particolare entrambe le realtà hanno sviluppato un dipartimento di Controllo Qualità interno e un settore R&S che consentono di ottenere prodotti fortemente innovativi e con un elevato standard qualitativo. Le due aziende, inoltre, hanno realizzato progetti d’integrazione verticale di filiera e sono, quindi, in grado di controllare direttamente all’origine la qualità della materia prima che, per entrambi i casi, rappresenta un ingrediente principe dell’alimentazione mediterranea. Infine l’approccio al mercato è analogo: Dalter e Genius Food si rivolgono ad operatori professionali nel mondo della ristorazione e dell’industria con un approccio consulenziale e sono in grado di realiz82

Ottobre 2010

zare prodotti “su misura”. Questo comune orientamento, alla base della partnership, permetterà un lavoro sinergico di diffusione sul mercato dei nuovi prodotti Genius, con importanti obiettivi di crescita. Per Dalter la partnership con Genius Food Ideas costituisce un passo fondamentale: dopo avere consolidato la posizione di leader nei canali ho.re.ca e industria alimentare grazie ad una strategia basata sulle voci export ed innovazione ed avere chiuso il 2009 con una crescita del 3% dei volumi e di oltre il 12% dei pezzi venduti (fatturato 24 milioni di Euro), l’azienda reggiana spinge ora la leva della diversificazione. Stefano Ricotti, Presidente Dalter Alimentari, commenta così il recente accordo: “ Per Dalter crescere significa rafforzare il vantaggio competitivo ed incrementare la soddisfazione dei propri clienti. La scelta dei partner diventa, quindi, fondamentale perché devono essere in grado di potenziare l’elevato know-how e il posizionamento di “specialisti dell’eccellenza” che abbiamo costruito in trent’anni d’attività. La decisione di diversificare è ricaduta così su Genius Food Ideas, un’azienda giovane e assolutamente dinamica che attraverso valori condivisi ci permetterà di sfruttare diverse sinergie di marketing e di risorse”. Dalter Alimentari S.p.A. opera dal 1978 nel confezionamento dei formaggi grattugiati e porzionati freschi (formaggi italiani - DOP e tipici - ed esteri) per catering, ristoranti, servizi di ristorazione collettiva e industria. Fin dalla sua nascita ha sempre puntato sulla selezione dei migliori formaggi direttamente dal luogo d’origine, da offrire in innumerevoli tagli e da confezionare in modo tradizionale o innovativo. Nei suoi oltre trent’anni di attività, Dalter Alimentari ha sviluppato packaging sempre più funzionali ad una cucina veloce e di qualità, offrendo così prodotti ad alto contenuto di servizio in grado di garantire valore aggiunto ai clienti.

TecnAlimentaria Food Industry


MILK ITALY S.r.l. Via Lago di Vico, 37 - 36015 Schio (VI) Italy

www.milkitaly.com


M A R K E T I NG & S T R A T E G Y

Dalter Alimentari penetrates the preserved vegetables sector Dalter Alimentari becomes partner of Genius Food Ideas, located in Parma, that operated in the preserved vegetables market. After acquiring 19% of the capital share, Dalter Alimentari has become a multi-business enterprise able to reinforce its competitiveness through a cross diversification strategy. The accord signed in the second six-month period of 2010 will focus on the “Tomato” gastronomy segment and will broaden Dalter Alimentari’s product portfolio. The product range will in fact propose the Autentico range to the catering sector and food industry, where it is already a leader in the grated cheese and fresh cheese. Genius Food Ideas’ product portfolio consists of numerous names: in the tomato segment we find various types of semi-dried tomatoes with skin and skinned, whole or square. But the real innovation is Pomodamore, the exclusive whole semi-dried tomato, heat skinned and processed from fresh tomatoes all year round. Without its rough skin, the tomato is a concentration of intense taste. Much more than a simple starter, Pomodamore is an ideal and versatile ingredient to any course. Many vegetables starters inspired by regional recipes, vegetables-based seasoning for pizza, sauces from the Mediterranean tradition. All the products are under the Autentico brand (synonymous with uniqueness, genuineness and real Italian taste) and are for both Italian and foreign (Europe and North America) markets. The accord will allow Dalter Alimentari to enhance its own resources by cooperating with Genius Food Ideas, with which it shares the same values, qualitative position and customer-oriented policy. In particular, both realities have developed their own inhouse Quality Control Departments and R&S sectors, and therefore they can control the origin of quality directly from raw materials, which are of paramount importance for the Mediterranean diet. In addition to this, the two companies have the same approach to the market; in fact, both Dalter and Genius Food address to professional operators in the catering world and food industry through a kind of consultancy approach and can offer tailored products. This common direction, which is also the background of the recently signed partnership, will be leading to a synergic work of market distribution of the new Genius products, for relevant growth targets for either sides.

84

Ottobre 2010

With about 20% capital share, Dalter Alimentari has become partner of Genius Food Ideas widening its product portfolio Dalter is convinced that this partnership with Genius Food Ideas is a fundamental step to take: after cementing its leading position in the Ho.Re.Ca. channels and food industry, thanks to a strategy of export and innovation, and closing 2009 with a growth of 3% in volumes and over 12% in sold products (for 24 million Euro turnover), Dalter Alimentari presses the button of diversification. Dalter Alimentari Chairman Stefano Ricotti comments on the recent accord with “In Dalter growth means strengthening the company’s competitive advantage and raising its customers’ satisfaction. To choose some partners turns fundamental and they need to be able to enhance the high know-how and market place as “excellence specialists”, which we have been creating in our thirty-year activity. The decision to diversify led us to Genius Food Ideas, a young and absolutely dynamic company, which will enable us to exploit the diverse marketing and resource synergies through shared values.” Since 1978 Dalter Alimentari has been in the grated and fresh cheese packaging sector for the catering, restaurants, collective and industrial catering. Since its foundation, the company has always aimed to select the best cheese from its own place of origin, in order to offer many cuts and package in a traditional and innovative way. In over thirty years of activity, Dalter Alimentari has developed increasingly functional packaging solutions for quick albeit qualitative cooking and products with a high-quality added-value customer service.

TecnAlimentaria Food Industry


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Trait d’union I veicoli automatici permettono di collegare le differenti fasi del processo industriale tramite un sistema di trasporto completamente automatizzato Il Gruppo TecnoFerrari SpA da oltre 35 anni progetta e produce macchine per la movimentazione automatica nel settore alimentare, ceramico, farmaceutico, cartiero, ecc. Il 1973 è a l’anno in cui il fondatore Giancarlo Ferrari ha l’idea di costruire una macchina per l’industria della ceramica che raccoglie le piastrelle crude dalle presse e le carica su un carrello per trasferirle in un forno di cottura; è l’inizio dell’automazione. Nel 1993 capisce che i trasporti hanno bisogno di flessibilità e mette in produzione il primo AGV, da allora ne sono stati realizzati più di 1500 per le più differenti esigenze industriali in tutti i continenti del pianeta con una produzione degli ultimi anni superiore alle 150 unità. I veicoli automatici permettono di collegare le differenti fasi del processo industriale tramite un sistema di trasporto completamente automatizzato senza l’ausilio dell’operatore.

The automatic vehicles enable to connect the different phases of the industrial process by means of a fully automated transport system

86

Trait d’union

Gruppo TecnoFerrari SpA has been designing and producing automatic stocking machines for the food, ceramic, pharmaceutical, paper sectors and more, for over 35 years. In 1973 Giancarlo Ferrari had the idea of constructing a machine for the ceramic industry to collect unfired tiles from the presses and load them onto a trolley to transfer them to the firing kilns. That was the beginning of automation. In 1993 understanding that the transport required also flexibility he started producing the first AGV and since then over 1500 vehicles have been produced for the most diverse industrial requirements from all continents, for a production totalling 150 units.

Ottobre 2010

Vantaggi: • Riduzione dei costi di produzione • Aumento della flessibilità dell’impianto produttivo • Controllo qualità e incremento della qualità produttiva • Riduzione del personale • Incremento di produzione • Migliore gestione dei flussi di prodotti • Tracciabilità della produzione tramite software di gestione veicoli automatici • Aumento della sicurezza interna allo stabilimento La tipologia di veicolo e il sistema di guida (laser o magnetica) vengono scelte e personalizzate di volta in volta per seguire al meglio le esigenze di produzione di ogni singolo impianto. Oggi la TecnoFerrari conta 160 dipendenti ed è in una posizione di leader negli impianti di stoccaggio alimentare e ceramico, più in generale leader nella movimentazione all’interno delle industrie di processo. La produzione aziendale si completa con sistemi di fine linea palettizzazione e sistemi di visione, questo le permette di seguire il cliente a 360° proponendo la soluzione più adeguata e completa.

TecnAlimentaria Food Industry

The automatic vehicles enable to connect the different phases of the industrial process by means of a fully automated transport system, and no operator required. The advantages: • Production cost reduction • Increased flexibility of the production plant • Quality control and increased production quality • Less manpower • Increased throughput • Better product flow management • Traceability through automatic vehicle management software • Increased overall warehouse safety The kind of vehicle and driving system (laser or magnetic) are selected and customized each time as to meet the production needs of any plant at the best. Today, TecnoFerrari accounts for 160 employees and is by now a company of reference in the sector of food and ceramic stocking systems, and leader in in-house handling of process companies. The company’s production also consists of end-of-line palletization and vision systems, which enable it to fully serve its customers by proposing the most suitable and complete solutions.


S C I E N C E & T E C HNO L OG Y

Film più sottili Gli imballaggi flessibili, realizzati con pellicole, sono i più richiesti in quanto i costi per il materiale e per la produzione sono contenuti e la gamma di applicazioni è molto vasta Gli imballaggi non hanno ancora il dono della parola e dunque non possono dire al consumatore quando il contenuto ha raggiunto la data di scadenza, dove e a che temperatura va conservata la merce confezionata e come farne uso. Tuttavia, le moderne confezioni sono già in grado di fornire tutte queste indicazioni, anche senza parlare. Gli imballaggi intelligenti che, oltre a riportare le informazioni

necessarie per i consumatori, soddisfano molti altri criteri, stanno conquistando terreno – e non solo nel campo alimentare. Per questo motivo, l’industria dei film plastici ha risentito molto meno della crisi economica del 2009 rispetto ad altri rami del settore delle materie plastiche. Particolarmente richiesti sono soprattutto gli imballaggi flessibili, e dunque quelli realizzati con pellicole, in quanto i costi per il materiale e per la produzione sono contenuti e la gamma di applicazioni è molto vasta. Con il loro peso ridotto, essi contribuiscono a salvaguardare le risorse, offrendo al contempo buone possibilità di riciclaggio. Gli imballaggi in pellicola stanno rapidamente sostituendo le versioni rigide e, grazie alla loro crescente funzionalità, conquistano sempre nuovi segmenti di mercato. Già oggi i film plastici coprono circa tre quarti del fabbisogno mondiale nel campo degli imballaggi flessibili – con tendenza al rialzo e a scapito della carta e dei nastri alluminio.

Thinner films Packages may not be able to speak yet. But if they were, they would tell the consumer when their contents have reached their sell-by date, where and at what temperature the packaged product has to be stored and the applications it is intended for. All the same, modern packages already come with all this information. Packages may not be able to speak yet. But if they were, they would tell the consumer when their contents have reached their sell-by date, where and at what temperature the packaged product has to be stored and the applications it is intended for. All the same, modern packages already come with all this information. Intelligent packages that satisfy many criteria in addition to supplying the necessary consumer information are on the advance – and not only where foods are concerned. The plastic film industry has therefore been hit much less hard by the 2009 economic crisis than other branches of the plastics industry. It’s flexible packages, i.e. film packages, that are in particularly strong demand because of the low cost of materials and production and their broad range of applications. Low in weight, they help to conserve resources while also offering plenty of scope for recycling. Film packages are replacing their rigid counterparts in many applications and conquering new market segments thanks to their constantly growing 88

Ottobre 2010

functionality. Even today, plastic films meet about three quarters of global demand for flexible packages and with a growing trend at the expense of paper and aluminium foil. According to a study by the US Freedonia Group, global demand for flexible packages will rise by an average of about 3.5% per annum in the coming years from a good 16 million tonnes in 2008 to ultimately almost 19.5 million tonnes in 2013. The market researchers are forecasting the fastest growth in the developing regions of Asia, Latin America, Eastern Europe and Africa as well as in the Middle East. The biggest volume growth, Freedonia anticipates, can be expected in China – the country that has meanwhile overtaken Japan and is now, after the USA, the second biggest market for flexible packages. The growth expected in India, Russia and Indonesia is also strong. However, the already saturated markets in the USA, Western Europe and Japan will temper a global boom in film, Freedonia claims. Furthermore, the technical scope for achieving the same applicational properties with increasingly thin films will also check the increase in the processed volume. For instance, a nappy film weighed 30 g/m² a few years ago; today, at 14 g/m², it now weighs less than half. The use of flexible packages in the food and beverages industry and in the pharmaceutical and cosmetics

TecnAlimentaria Food Industry


S C I E N C E & T E C HNO L OG Y

Secondo i risultati di uno studio condotto dalla società statunitense Freedonia Group, nei prossimi anni la domanda globale per gli imballaggi flessibili è destinata a crescere di circa il 3,5% annuo, passando così dai buoni 16 milioni di tonnellate del 2008 a quasi 19,5 milioni di tonnellate del 2013. Le ricerche di mercato pronosticano la crescita più rapida per le regioni in fase di sviluppo dell’Asia, America Latina, Europa Orientale, Africa e Medio Oriente. La crescita più ingente da un punto di vista quantitativo, afferma Freedonia, è prevista per la Cina, il paese che nel frattempo ha superato il Giappone e che ora rappresenta il secondo mercato mondiale dopo gli USA per quanto concerne gli imballaggi flessibili. Considerevole anche la crescita prevista per l’India così come per la Russia e l’Indonesia. Però, aggiunge Freedonia, i mercati già saturi negli USA, Europa Occidentale e Giappone smorzano un boom globale dei film plastici. Inoltre, le possibilità tecniche che consentono di ottenere le stesse caratteristiche applicative con pellicole sempre più sottili frenano l’incremento dei quantitativi trasformati. Se, ad esempio, anni fa la pellicola esterna per pannolini pesava 30 g/m², oggi sono solo 14 g/m² - meno della metà. A favore dell’impiego di imballaggi flessibili nell’industria alimentare e delle bevande, così come nell’industria farmaceutica e dei cosmetici, depongono gli aspetti igienici e la lunga durata di conservazione a magazzino. L’evoluzione in corso per quanto riguarda i film traspiranti, le pellicole idonee alle microonde e ai congelatori e le varianti biodegradabili promuove ulteriormente l’intensificazione del loro utilizzo. Film industriali tristrato Come “film industriali” vengono normalmente definite le pellicole usate per involucri termoretraibili, film estensibili o imballaggi di beni industriali, nonché le categorie vendute

dai produttori allo stato grezzo per poi essere trasformate dall’industria. Per la produzione di questi film industriali vengono solitamente utilizzate poliolefine e qui soprattutto quelle di tipo PE. Mentre per alcuni generi di applicazioni, come ad esempio gli involucri termoretraibili, è tuttora comune l’uso di monofilm – e continuerà ad esserlo – per le pellicole industriali si sono imposte le soluzioni tristrato. Abbinando due o tre tipi diversi di polimeri, molto spesso è possibile incrementare la funzionalità, pur risparmiando materiale. Soprattutto per quanto riguarda la produzione di film soffiati o piani, sono i costi per le materie prime impiegate a decidere del rendimento dell’intero impianto e dunque degli utili del produttore.

Film packages are in particularly strong demand because of the low cost of materials and production and their broad range of applications

of blown and cast films, it is the cost of the raw materials employed that are the key to the cost-effectiveness of the overall production line and thus to the profit made by the producer. Plastics processors specializing in the production of industrial films operate their production lines around the clock. Product changeovers therefore tend to be rare. For such applications, many makers of machines today sell standardized 3-layer installations at attractive investment prices. Consumer packages defy the crisis Unlike companies in the industrial film value chain, who have been affected, though not seriously, by the crisis, manufacturers of consumer packages cannot complain. More and more products are being packaged in flexible and semi-rigid rather than rigid packages and a growing number in plastic rather than paper, cardboard or metal. This applies to both the non-food and the fast-growing food sector. In the industrialized nations, the reasons for the increasing use of flexible food packages made of plastic are not only ecological and economic, but can also be found above all in changing consumer habits. There is constant growth in the consumption of ready-to-serve meals, a trend due not only to the growing number of single-person households, but also to more and more

industry is encouraged by the materials’ hygienic qualities and long shelf life. The further development of breathable films, microwave- and freezer-safe films, and biodegradable films is also spurring their growing use. Industrial films usually 3-layer “Industrial films” is the term usually given to those films that are employed, for example, as shrink film hoods, stretch films or as packaging for industrial goods; and to films sold by the film producer to industry as raw stock for converting. For the production of industrial films, polyolefins are mainly used and chiefly grades of PE. While monofilms are still widely used for certain products such as shrink film hoods – and this is unlikely to change – 3-layer film composites have become established among industrial films. By combining two or three different types of polymer, it is often possible to save on material while enhancing functionality at the same time. Particularly when it comes to the production

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

89


S C I E N C E & T E C HNO L OG Y

women working and a certain aversion to cooking. Convenience is the magic word. The consumer wants a healthy and balanced diet with minimum preparation effort – and without having to make a time commitment. New trends are also resulting from the fast-expanding range of foods. Irrespective of the season and local harvest, fresh vegetables, salads, and domestic and exotic fruits have become daily fare. Finally, there is a growing desire for an appealing exterior with a highly transparent, glossy or also colourfully printed package and an if possible distinctive shape. Obviously these changes are imposing growing demands on the package itself and hence on raw materials producers, machine makers and packaging material manufacturers and call for a maximum of flexibility. Good die technology boosts efficiency Extrusion line manufacturers are attempting to give the processor this flexibility by enabling him to produce as many different products as possible with a single line. Kuhne GmbH in St. Augustin, for example, is marketing a 5-layer coextrusion line with which both conventional 3-layer standard films and 5-layer barrier films can be produced without retooling. This has been made possible by using five extruders, all of which are equipped with a barrier screw suitable for any type of material. In connection with extruders, two decisive innovations 90

Ottobre 2010

impongono vincoli sempre più pressanti al packaging stesso e dunque anche ai produttori di materie prime, ai costruttori meccanici e ai produttori di imballaggi, richiedendo il massimo della flessibilità. I costruttori di linee di estrusione cercano di consentire proprio questa flessibilità al trasformatore, mettendolo in grado di produrre il maggior numero di articoli diversi con un solo impianto. La Kuhne GmbH di St. Augustin (Germania), ad esempio, offre una linea di coestrusione per film soffiati a 5 strati con la quale si possono produrre sia film standard a 3 strati che film barriera a 5 strati, senza bisogno di conversioni. Ciò è possibile grazie all’impiego di cinque estrusori, tutti attrezzati con una vite barriera idonea a qualsiasi tipo di materiale. A proposito di estrusori, vanno menzionati in questa sede due innovazioni di grande rilievo: sia negli impianti per film piani che per quelli soffiati, quasi tutti i costruttori optano oggi per motori AC a basso consumo energetico e senza esigenze di manutenzione, oppure, anche per motivi di spazio, utilizzano motori ad azionamento diretto al posto delle normali versioni con motoriduttore. Specialmente per le linee di produzione di film piani, alcune aziende hanno nel loro portfolio cosiddetti estrusori ad alta velocità che garantiscono alte prestazioni, non in virtù delle loro dimensioni ma dell’elevato regime di rotazione.

Press Office: Messe Düsseldorf

I trasformatori di materie plastiche, specializzati nella produzione di film industriali, fanno funzionare i propri impianti a ciclo continuo. In questi casi un cambio prodotto avviene raramente. Per questo tipo di lavorazione, molti costruttori meccanici propongono oggi macchinari standard per prodotti tristrato ad un prezzo d’investimento attraente. Gli imballaggi per i beni al consumo sfidano la crisi Contrariamente alle aziende attive nella catena del valore dei film industriali, che hanno risentito – per quanto poco – della crisi, i produttori di imballaggi per beni al consumo non possono lamentarsi. Sono, infatti, sempre di più i prodotti confezionati con imballaggi flessibili o semirigidi anziché rigidi, e la plastica va sempre più sostituendo la carta, il cartone o il metallo. E questo sia nel settore non-food che in quello in forte espansione dei prodotti alimentari. Nei paesi industrializzati, i motivi per l’impiego sempre più frequente degli imballaggi flessibili di plastica per i prodotti alimentari vanno ricercati, oltre che negli aspetti ecologici ed economici, anche nel mutato comportamento dei consumatori. Il consumo di piatti pronti è in continuo aumento – un trend riconducibile non solo al numero sempre più grande di single, ma anche a quello crescente delle donne con un’attività lavorativa, nonché ad una certa avversione per la cucina. La parola magica è “convenience”. Evitando di dover fare troppi sforzi, il consumatore vuole nutrirsi nel modo più sano ed equilibrato possibile, senza problemi di tempo. Nuovi sviluppi nascono anche dall’offerta sempre più ampia di prodotti alimentari: indipendentemente dalla stagione e dai raccolti locali, la verdura fresca, l’insalata, la frutta abituale e quella esotica fanno ormai parte del quotidiano. Infine, gioca un ruolo sempre più importante il desiderio di trovare confezioni dall’aspetto accattivante, lucide e trasparenti o anche stampate a colori vivaci, e con forme sempre più originali. È ovvio che questi cambiamenti

ought to be mentioned. In both cast and blown film lines, virtually all machine makers today use energy-saving and maintenance-free AC motors or, in some cases for reasons for space, direct drives instead of conventional motor-gearbox versions. Especially for cast film lines, some companies have in their portfolios so-called highspeed extruders that achieve high throughput by virtue not of their size, but of their elevated speed of rotation.

TecnAlimentaria Food Industry


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Lastra per termoformatura

I colori liquidi REMAP possono essere miscelati con gli additivi REMAP, consentendo così l’utilizzo di un unico prodotto Con i suoi 37 anni di esperienza, REPI offre una gamma completa di colori liquidi per migliorare l’aspetto dell’imballo: toni coprenti, trasparenti, metallici, perlati ed altri effetti speciali. I prodotti REPI consentono un’ottima dispersione del colore, anche a basse percentuali d’impiego, grazie all’utilizzo di pigmenti di alta qualità, resistenti al calore, dispersi in idonei veicoli. I colori liquidi REMAP possono essere miscelati con gli additivi REMAP, consentendo così l’utilizzo di un unico prodotto. Alcuni esempi degli ultimi sviluppi fatti per il mercato dell’estrusione di foglia e lastre in PET sono: • Colorazione foglia multistrato in co-estrusione (inclusi gli effetti metallizzati) • Eliminazione dell’effetto giallognolo presente nel PET riciclato, con l’utilizzo dell’additivo REMAP AntiYellow • Uso dell’additivo REMAP IVE (IV Enhancer), che stabilizza il processo e lo mantiene costante esercitando un’azione di pulizia del rullo L’utilizzo dei colori ed additivi REMAP consente una sensibile riduzione dei costi di produzione e di gestione:

Sheets for thermoformed packaging All REMAP liquid colours can be blended with REMAP additives, providing the customers with a single product solution Its 37-year long experience enables REPI to provide a complete range of shades to enhance the appeal of the packaging: opaque, transparent, metallic, pearlescent, translucent and other special effects. High quality heat-stable pigments are used in suitable carriers giving excellent dispersion at very low addition rates. All REMAP liquid colours can be blended with REMAP additives, providing the customers with a single product solution. Some examples of recent developments done for extrusion of PET foils and sheets are: • Colouration of different colour layers in co-extrusion (metal effects included) • Elimination of the yellow tinge present in r-PET by addition of the REMAP Anti-Yellow additive • Use of the REMAP IVE additive (IV Enhancer), to stabilise the process and reduce the maintenance 92

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

due to significant lower dirtiness on the roll. The use of REMAP liquid colours and additives allow to reduce costs in the extrusion process itself: 1. The liquid is normally dosed directly in the feeding area over the screw so that the whole path to the screw remains clean. This results in reduced time for colour change and maintenance. 2. Liquid colour LDR adjustment during the production process is carried out quickly and efficiently on the REPI U2005 dosing unit, with no waste of time and of pre-coloured material. 3. Quick-change pumps are available in different sizes, allowing for reduced colour change times. 4. Liquid colours eliminate the need to stock precoloured material: customers can stock only clear resin, which they colour when required, in the needed quantity. For the dosing of its products, REPI has developed its own liquid dosing unit, the U2005, which allows very precise metering required by some applications in the packaging industry. The U2005 dosing unit is highly technological, easy to use and simple to install. It is suitable for injection moulding and for extrusion and is proven to


M A C H I N E R Y & D E V E L O PM E N T

1. Il liquido (colore o additivo) viene dosato direttamente nella tramoggia, sopra la vite; in questo modo tutta la zona di caricamento materiale a monte della vite rimane pulita. Il risultato è una sensibile riduzione dei tempi di manutenzione e di pulizia in caso di cambio colore. 2. Con l’utilizzo del dosatore U2005 è possibile modificare, in modo efficiente e veloce, l’intensità di tono durante la fase di produzione, senza interruzioni nel ciclo di lavorazione; anche in questo caso, si otterranno riduzione dei tempi e nessuno stock di materiale pre-colorato non utilizzato. 3. Ulteriore riduzione dei tempi di cambio colore, grazie alle ben note pompe ad innesto rapido. 4. Con i colori liquidi REMAP viene eliminata la necessità di stoccare materiale pre-colorato; il cliente tiene a magazzino solo la materia plastica naturale che verrà poi colorata ed additivata secondo il tono preferito e solo per la quantità necessaria. Per il dosaggio dei suoi prodotti, REPI propone U2005, dosatore appositamente sviluppato per soddisfare le richieste di altissima precisione richiesta nel settore dell’imballaggio. Il dosatore U2005 è altamente tecnologico ed, allo stesso tempo, facile da usare e semplice da installare. E’ adatto sia per stampaggio ad iniezione che per estrusione ed è market leader nel settore dei dosatori per colori ed additivi liquidi. Chi è REPI REPI è uno dei principali produttori di colori e additivi liquidi per materie plastiche e poliuretano e si posiziona tra i primi fornitori per il settore dell’imballaggio.

Oltre all’industria dell’imballaggio, REPI fornisce principalmente le industrie dell’auto, dell’edilizia, della marina, dell’arredamento e della calzatura. Attiva in Nord Italia dal 1973, REPI è certificata ISO 9001:2008 e collabora strettamente con i maggiori produttori di materie prime e di macchinari. I prodotti REPI sono distribuiti dalle proprie sedi in Europa, Russia e Nord America e tramite una rete commerciale globale. Il team di assistenza tecnica supporta i clienti in tutto il mondo per prove ed addestramenti sul posto. REPI presta un supporto completo al cliente, partecipando attivamente allo sviluppo del prodotto finale.

be a market leader in the technology of liquid colour metering. Who is REPI REPI is a major manufacturer of liquid colours and specialty additives for the plastic and polyurethane industries, and a leading supplier to the packaging industry. Besides packaging, REPI mainly supplies the automotive, building and construction, marine, furniture and footwear industries. In operation in Northern Italy since 1973, REPI has ISO 9001:2008 certification and works in close cooperation with a number of global raw material and machinery manufacturers. REPI products are distributed worldwide through own organisations in Europe, North America and Russia, and a global commercial network. The technical service team provides support to customers around the world for trials and training on site.

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

93


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Avanguardia nel packaging secondario Una linea robotizzata di inscatolamento di buste a fondo piatto completa il ventaglio di soluzioni offerte dall’azienda Abrigo

La Abrigo SpA, presente come espositore alla fiera IBIE di Las Vegas, ha recentemente incluso nella sua gamma di prodotti una linea robotizzata di inscatolamento di buste a fondo piatto. Questa va a completare un ventaglio di soluzioni per il packaging secondario che, dal 1979, rappresenta il corebusiness dell’azienda. I sistemi della Abrigo coprono infatti un’ampia gamma di esigenze di confezionamento, con soluzioni che si basano da un lato sull’impiego di robot industriali, dall’altro sulla forte personalizzazione delle mani di presa e dei sistemi di alimentazione in base alle specifiche del singolo caso. A cominciare dalle isole robotizzate per prodotti che arrivano in fila singola ad alta velocità, per esempio in uscita da una incartatrice flowpack; questi vengono prima ricevuti da un ordinatore azionato da due o più motori brushless, per poi essere trattati da un robot di pick and place con mano di presa che varia l’interasse tra i pezzi prima del deposito nella confezione di vendita. Per proseguire con le linee modulari che trattano prodotti in arrivo alla rinfusa, basati su sistemi di visione artificiale che

guidano il ciclo di lavoro dei robot. Queste linee, che possono realizzare direttamente l’inscatolamento, oppure alimentare macchine confezionatrici a valle, hanno trovato ampia applicazione nel settore del cioccolato, nella pasticceria e più recentemente anche nel bakery e nel caseario. Inoltre, la Abrigo ha sviluppato applicazioni dedicate al confezionamento in imballo/espositore, soluzione che abbina le esigenze di trasporto dei prodotti alla presentazione ottimale nei punti vendita. La nuova soluzione per buste a fondo piatto può ricevere il prodotto anche da due linee di insacchettamento in parallelo, ciascuna con cadenza di 55 buste/min, e realizza il ciclo completo inclusa la formatura e la chiusura del cartone di tipo americano. Le buste, su entrambi i flussi, vengono ruotate in modo da appoggiarsi su un lato; successivamente vengono prelevate con una mano di presa a ventose movimentata dal robot e inserite a strati contrapposti nella scatola. La flessibilità della soluzione e la particolare ingegnerizzazione fanno sì che, in automatico, vengano compensate le inevitabili disparità nella cadenza di arrivo delle buste sulle due linee in ingresso. Inoltre, l’isola è dotata di un controllo di completezza delle scatole, e di un sistema che separa immediatamente quelle non conformi dal flusso in uscita. Come tutti i sistemi Abrigo, queste macchine dispongono di teleassistenza, mediante la quale i tecnici possono intervenire a distanza e in tempo reale sul software della macchina in qualsiasi parte del mondo.

Secondary packaging at the leading edge A robotic line for square bottom bags packing completed the broad range of solutions offered by the company Abrigo

94

Abrigo SpA, exhibitor at IBIE trade show – Las Vegas, has recently included in its product range a robotic line for square bottom bags packing. This completes the proposal for secondary packaging solutions, which has been the company core-business since 1979. Abrigo systems, in fact, cover a wide range of packaging demands, with solutions based, on one side, on industrial robot and, on the other side, on a strong customization of the picking tools and the product feeding systems, upon specific requirements case by case. This starting from the robot cells for products arriving at high speed in a single row, for example exiting a flowpack wrapping machine; the units are received by a sorter, driven by two or more brushless motors, and then they are handled by a pick-and-place robot, with the picking tool changing the distance between the pieces before placing them into the shopping package. Another application is dedicated to products arriving randomly; this is based on modular cells, each one including an artificial vision system that drives the robot work cycle. These lines can operate the product boxing directly, or the downstream packaging machine feeding; and they have

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

been successfully applied in chocolate industry, in pastry and, more recently, in bakery and dairy. Besides, Abrigo has also developed customized applications for display-packs; this solution combines two functions, being fit both for product transportation and for its exhibiting in shopping points. In the new solution for square bottom bags, a single cell can receive the product units from two wrapping lines, both with 55 pcs/min speed rate, and it operates the complete cycle including cardboard box erecting and sealing. The bags, on both flows, are rotated and laid down on their side; then they are picked with a vacuum cups tool, handled by the robot and placed into the carton in alternately oriented layers. The application flexibility and the particular engineering make possible to automatically compensate the inevitable disparities between the two entering flows. Furthermore, the cell is equipped with a device detecting the boxes in which one or more bag are lacking, and excluding them from the exiting flow. As every Abrigo system, these machines are equipped with remote assistance, by which the service technicians can operate worldwide and in real-time on the software.


Robotic end-of-line tuRnkey systems

ROBOTIC PALLETISING SYSTEMS

EUROIMPIANTI S.p.A. Via Lago di Vico, 80 (Z.I.) 36015 - SCHIO (Vicenza) – Italy

LGV - LASER GUIDED VEHICLES

Tel: +39 0445 578300 Fax: +39 0445 578399 Skype: eliopasq

sales@skilledrobots.com www.skilledrobots.com


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Rivestito di finissima qualità Masterpack propone film che prevedono l’utilizzo di carta accoppiata a materiali biodegradabili, quali PLA e Mater-bi, per un imballo biodegradabile Masterpack SpA, di Monvalle di Varese, nasce nel 1988 come azienda commerciale e diventa azienda produttiva nel dicembre 2002. Masterpack ha maturato una significativa esperienza circa la commercializzazione di film plastico coestruso e multistrato proponendosi come partner ideale nella fornitura di materiali flessibili per l’imballaggio ad un target di clientela sempre più preparata ed esigente. A livello nazionale Masterpack annovera tra i suoi clienti la maggioranza dei produttori di IV gamma, che rappresenta il core business dell’azienda. Accanto al settore IV gamma crescono altri settori importanti, quali: formaggi, frutta secca, pasta fresca per il settore food, mentre nel segmento non-food ampio spazio viene dato alla produzione di imballi per pet food, concimi, fertilizzanti e terricci, medicale. Quindi l’azienda propone una vasta gamma di prodotti per l’imballo con diversi sistemi di chiusura, come ad esempio, master-label e master-zip.

A livello internazionale l’azienda è presente nei mercati dell’Europa occidentale e la conoscenza approfondita delle problematiche tecnico-pratiche connesse al confezionamento di prodotti e la collaborazione con la clientela più qualificata in Europa è un’ulteriore fonte di garanzia e sintomo di innovazione. A fianco delle proposte già affermate Masterpack sta anche sviluppando materiali per nuove applicazioni utilizzando film anti UV, antibatterici, film degradabili e soprattutto film a permeabilità controllata. Masterpack propone film che prevedono l’utilizzo di carta accoppiata con film plastici e con materiali biodegradabili, quali PLA e Mater-bi, permettendo di ottenere un imballo che garantisca la salvaguardia dell’ambiente ed impatto nullo sull’inquinamento. Il prodotto presentato inoltre risulta essere anche particolarmente accattivante per la clientela in quanto l’alternarsi di bande di carta e bande trasparenti esalta le principali caratteristiche del contenuto, come freschezza, qualità, colori e forme. Questo packaging trova applicazione per il confezionamento di pasta fresca, con barriera all’ossigeno, oppure insalata e vegetali senza barriera all’ossigeno. È infine importante sottolineare le certificazioni di qualità ottenute da Masterpack: Vision 2000, BRC, IOP, UNI EN 15593, 14001/2004 Ambientale.

Coated in fine quality Masterpack proposes films that combine paper with biodegradable materials, namely PLA and Materbi, as to obtain biodegradable packaging Masterpack, located in Monvalle, Varese, was founded in 1988 as a commercial company and became a producer in December 2002. Masterpack has gained a remarkable experience in the commercialization of coextruded plastic films and multilayer films and to propose itself as ideal partner for the supply of flexible packaging materials. On the national market, Masterpack counts many 4th range product producers among its customers. In addition to this special sector, which is the company’s core business, other important sectors where also developed, such as: cheese, dried fruit and fresh pasta in the food industry, while as regards the non-food sector much space is given to the production of packaging for pet food, compost, fertilizer and soil, medical sectors. The company proposes an extensive range of packaging products with different reclosable systems, such as masterlabel and master-zip.

98

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

The company is also present on international markets, especially in Western Europe. Deep knowledge in solving technical-practical problems and close cooperation with the most qualified European customers are further guarantee of reliability and innovation. As well as proposing its well-known solutions, the company is also developing new application using anti UV films, antibacterial and degradable films, and above all controlled permeability films. It is also worth highlighting that Masterpack proposes films that combine paper with plastic films or biodegradable materials, namely PLA and Mater-bi, in such a way as to obtain a packaging for environmental safeguarding and zero impact on the environment. On the other hand, the product is also rather captivating to consumers due to the alternation of paper and transparent bands of packaging, which enhance the main peculiarities of the packed product, such as freshness, quality, colour and shape. This film finds application in fresh pasta packaging, with oxygen barrier, and salads or vegetables without oxygen barrier. In conclusion, worth of special mention are the quality certifications obtained by Masterpack: Vision 2000, BRC, IOP, UNI EN 15593 and 14001/2004.


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Riscaldamento del prodotto, etichettatura ed imballaggio

Fra le novità proposte da Krones AG alla Pack Expo vi è un'unità di presentazione dei nuovi moduli tubolari per i sistemi di scambiatori termici a tubi

Fra le novità proposte da Krones AG alla Pack Expo vi è un’unità di presentazione dei nuovi moduli tubolari per i sistemi di scambiatori termici a tubi. La combinazione di tubi lisci e con alettatura a eliche incrociate offre la massima flessibilità in tema di viscosità e consente di lavorare i prodotti più diversi, da quelli con la viscosità dell’acqua a quelli ad alta viscosità. La combinazione di questi due tipi di tubi, inoltre, offre grande flessibilità anche per quanto riguarda il rendimento: il flusso volumetrico dell’impianto può essere regolato dal 100 percento al 30 percento, in base al prodotto.

Con le etichettatrici modulari Krones di seconda generazione le macchine possono essere equipaggiate in modo ottimale per realizzare diversi tipi d’etichettatura. Krones’ second-generation modularized labelers ensure optimum change-overs to different labeling modes in actual operation.

At the Pack Expo, Krones AG will be exhibiting a demonstration unit featuring new tube modules for shell-and-tube heat exchanger systems

100

At the Pack Expo, Krones AG will be exhibiting a demonstration unit featuring new tube modules for shell-and-tube heat exchanger systems. It’s not least the combination of smooth and cross-corrugated tubes that ensures maximized flexibility in terms of product viscosity. This design feature is crucial for handling products of different viscosities, from water-viscous to highly viscous. The combination of smooth and cross-corrugated tubes, moreover, offers an equally high degree of flexibility in terms of output adjustment: the system’s volume flow can be regulated from 100 to 30 percent to suit the product involved. A second generation of modularized labelers Modularized labelers have more than proved their worth in actual operation. Almost 500 modularized machines sold, with over 2,000 labeling stations, bear eloquent witness. As the company who originally developed the very first modularized machines, Krones has now designenhanced the technology involved, and created its second generation of modularized labelers. With a series of tangible improvements, of course. These second-generation

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

Un’etichettatrice modulare di seconda generazione Le etichettatrici modulari si sono ormai affermate nella pratica, e a dimostrarlo sono le quasi 500 macchine modulari vendute con oltre 2.000 aggregati. Le prime macchine modulari sono state sviluppate dalla Krones che ha sviluppato ulteriormente questa tecnologia e ora propone le etichettatrici modulari di seconda generazione, naturalmente con un’ampia serie di migliorie. Le etichettatrici modulari di seconda generazione possono essere integrate negli impianti già esistenti. Alla Pack Expo verrà presentata come esempio un’etichettatrice modulare con tre stazioni d’aggancio per aggregati per colla a freddo e una resa di 30.000 recipienti l’ora. Questa macchina confeziona bottiglie di salsa in materiale sintetico con un’etichetta di corpo, una controetichetta e un’etichetta mantello sul tappo come sigillo di garanzia. Nested packs con la Krones Variopac I “nested packs” potrebbero essere le confezioni del futuro. La confezionatrice per materiali a perdere confeziona i recipienti in confezioni da trasporto disponendoli non più in formazione lineare, ma spostati gli uni rispetto agli altri di una misura corrispondente alla metà del loro diametro. Questo schema consente di realizzare confezioni più stabili senza richiedere necessariamente l’inserimento di pad o tray, oppure consente di utilizzare film più sottili. In base al tipo di formazione scelto, inoltre, l’ingombro sulla paletta può ridursi anche del 15 percento. Alla Pack Expo Krones espone una Variopac Pro TFS 70 che realizza senza alcun problema anche questo nuovo tipo di confezionamento. Krones AG, padiglione South Hall, stand 2466

Product heating,

labeling, packaging modularized labelers can be retrofitted to existing lines. At the Pack Expo, they are exemplified by a modularized labeler rated at 30,000 containers an hour and featuring three docking stations for cold-glue units. It dresses plastic sauce bottles in body and back labels, plus a deep-cone wrap-around label as a tamper-evident seal. Nested packs with the Krones Variopac Nested Packs may be the packaging option of the future. In the non-returnables packer, the containers are no longer packed in a linear configuration, but are each offset by half a bottle diameter to create the transport packs. The packs created by this nesting are more stable: they do not necessarily require a pad or a tray, or thinner film can be used. The space requirement on the pallet is up to 15 percent smaller, depending on the particular formation involved. Krones will be exhibiting a Variopac Pro TFS 70 at the Pack Expo, a machine that copes effortlessly with this new type of packaging. Krones AG, South Hall, Booth 2466


zelaschi - bg

Progress. La risposta.

Term ofor mat rice Pro gre ss

www.veripack.it

info@veripack.it


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Avanguardia produttiva Le capacità costruttive abbinate alla continua ricerca tecnologica hanno permesso di sviluppare una produzione all’avanguardia

AL.MA. Srl Packing and Packaging Machinery ha iniziato la sua attività nel 1979 in una piccola officina meccanica dove Vito Ferrari ha incominciato a realizzare le prime macchine di processo destinate al settore alimentare. Nel 1989 è iniziata la produzione delle macchine Termoformatrici e Blisteratrici per ogni tipo di mercato che si sono affermate in Italia e nel mondo grazie alla loro grande affidabilità e al loro livello tecnologico. Fin dalla sua fondazione, AL.MA. è sempre stata fedele alla sua missione: “soddisfare le esigenze dei propri clienti con prodotti di alta qualità e affidabilità, abbinate alla creatività e competitività del Made in Italy”. E’ stato grazie a questo impegno, sempre rispettato senza compromessi, che AL.MA. è cresciuta e si è trasferita in una nuova sede che occupa un’area di 7300 mq. di cui 3300 mq. coperti.

La costante attenzione ai problemi e alle esigenze dei clienti ha permesso di sviluppare una produzione all’avanguardia, grazie anche alla grande capacità costruttiva sviluppata e alla continua ricerca tecnologica. L’impegno costante di AL.MA. è creare la massima fidelizzazione della propria clientela. Negli anni AL.MA. ha saputo sviluppare una propria tecnologia esclusiva che le ha permesso di abbinare il suo nome ad un’immagine di azienda altamente qualificata nel settore del Form-Fill-Seal. Linee Termoformatrici per prodotti alimentari Sono macchine destinate a confezionare prodotti alimentari, secchi o cremosi, e devono soddisfare esigenze specifiche legate a questo settore, come l’igiene, l’elevata produttività, l’efficienza e l’affidabilità. Dal punto di vista dell’igiene è stata messa a punto una nuova linea per prodotti alimentari, con struttura e coperture interamente realizzate in acciaio inox. Anche le varie stazioni e le apparecchiature sotto il piano di carico sono protette da protezioni in acciaio inox. La sagomatura delle varie pannellature è studiata in modo da evitare il ristagno di residui di prodotto e dell’acqua usata per la pulizia della macchina. Le macchine sono predisposte per confezionare sottovuoto e in atmosfera modificata. Tutte queste macchine sono realizzate con dimensioni atte a soddisfare le specifiche esigenze di ogni cliente, possono essere equipaggiate con stampanti e accessori di vario tipo e sono previste per lavorare in linea con altri macchinari posizionati a monte, a valle o sulla macchina stessa. AL.MA. fornisce alcune fra le più importanti aziende nel settore della pasta fresca, della panificazione, dei formaggi, dei salumi, della carne e del pesce.

Production vanguard Construction skills combined with constant technological research have enabled to develop production on the very cutting edge AL.MA. Srl Packing and Packaging Machinery started its activity in 1979 in a small mechanical workshop where Vito Ferrari started producing the first process machines for the food industry. In 1989 ALMA started the production of the Thermoforming and Blister Packing Machines for any kind of market. This line of machines has asserted itself in Italy and all over the world thanks to its reliability and to its technical level. Since its foundation, AL.MA. has always honoured its mission: “Satisfy the needs of its customers with high-quality and reliable products, added to the creativeness and the competitiveness typical of the “Made in Italy”. It is thanks to this commitment, always fulfilled without any compromise, that AL.MA. grew and now is housed in modern 3300 square metres premises with a total area of 7300 square metres. The great care to the problems and needs of the customers allowed AL.MA to develop a state-of-the-art production, also thanks to the great skilfulness in manufacturing and to the continuous development program. 102

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

The main objective for AL.MA. is to get the maximum customer satisfaction. Year after year, AL.MA. has developed its own exclusive technology that has allowed to join its name to an image of a highly distinguished company in the market of the Form-Fill-Seal packaging machines. Thermoforming Machines for food products AL.MA. provides a line of machines dedicated to the packing of foodstuffs, dry or creamy, able to meet the specific requirements of this sector, such as hygiene, high productivity, efficiency and reliability. As far as hygiene issue is concerned, a new line for food market has been implemented, with frame and protections made in stainless steel. The critical mechanical parts of the machine and the whole area under the loading area are protected with stainless steel protections. Shape of the panels and design avoid the stagnation of residual of product and water used to clean the machine. Of course, vacuum and modified atmosphere is a standard for many products. All these machines are tailored on the needs of each customer and can be equipped with printing units of any type and with many different accessories. The software of the PLC allows a perfect dialogue with other machines working in the same production line. AL.MA. supplies some of the most important companies in the market of fresh pasta, bread, diary, salami, meat and fish.  


AFFIDATI AD UN PARTNER UNICO E SICURO! RELY ON A SINGLE AND SECURE PARTNER!

Fin dalla sua fondazione AL.MA. è sempre stata fedele alla sua missione: “Soddisfare le esigenze dei propri clienti con prodotti di alta qualità e affidabilità, abbinate alla creatività e competitività del Made in Italy”

INNOVAZONE, QUALITA’ E TECNOLOGIA DAL 1979 AL VOSTRO SERVIZIO INNOVATION, QUALITY AND TECHNOLOGY SINCE 1979 AT YOUR SERVICE

Macchina Termoformatrice per confezionare 1600 Kg./ora di pasta fresca ripiena in ATM in confezioni da 250 gr. Thermoforming Packing Machine for 1600 Kg./hour of stuffed fresh pasta in MAP in packs of 250 grms. each.

Macchina Termoformatrice in acciaio inox per il confezionamento di prodotti alimentari sottovuoto oppure in ATM. Thermoforming Packing Machine in stainless steel for foodstuffs in MAP or vacuum.

AL.MA. Srl - 22071 Cadorago (CO) IT - Via G. Rossini, 3 / Tel. +39 031 904491 - Fax +39 031 904501


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Sfide stimolanti

Sfide impegnative e stimolanti che hanno comportato un serio impegno e diverse prove da parte dei tecnici Pilot Italia Committing and stimulating challenges entailing a great deal of effort by Pilot Italia’s engineers

104

La Pilot Italia, azienda attiva dal 1968 nella produzione di etichette autoadesive di qualità, dedica una parte rilevante della propria produzione ad etichette realizzate con sistemi di stampa combinati, con la possibilità di ottenere stampe di pregio fino a 10 colori in un solo passaggio macchina. Le linee attrezzate per la stampa combinata servono a realizzare etichette su carta o film valorizzandone la grafica attraverso l’utilizzo di stampa offset, serigrafica, flessografica, foil a caldo e/o foil a freddo. In questo modo Pilot Italia è riuscita a soddisfare le richieste che le propongono le industrie più esigenti ed attente all’immagine nei settori della cosmetica, dei vini, dei liquori e prodotti alimentari in genere. Una recente applicazione della stampa combinata è stata ottenuta con le etichette che hanno definito il nuovo look

Stimulating challenges Pilot Italia, a company that was set up back in 1968, makes top quality self-adhesive labels and much of what it manufactures is earmarked for labels that are made using combined-printing systems, with the possibility to create quality prints in up to 10 different colours in a single operation. The lines that are equipped for combined printing are used to create labels on paper or film, whereas the graphics are enhanced using offset printing, serigraphy and flexography as well as hot foil a/o cold foil printing. This has enabled Pilot Italia to meet the requirements of some of the most demanding and image-conscious companies within industries such as cosmetics, wine, liqueurs and foodstuffs in general. It has recently created a combined-printing application using labels that defined the new look of Sagra extra virgin olive oil, a well-known brand on the domestic market that is owned by the Salov Group based in Lucca. This was an innovative and ambitious project in terms of the graphics which, by using transparent plastic film, resulted in a combination of 4 different segments, that look just like four different labels, one depicting the brand-name, one with the name of the products, one with the merchandise image and, finally, the features of each different reference, using metallised foil, transparent offset colours and

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

degli oli di oliva ed extravergine Sagra, marchio storico del mercato nazionale di proprietà del Gruppo Salov di Lucca. Un progetto grafico innovativo e ambizioso che partendo da un film plastico trasparente riunisce, in 4 diversi segmenti, che appaiono come altrettante etichette, lo storico marchio con un effetto di rilievo, la denominazione del prodotto, l’immagine merceologica ed infine le caratteristiche peculiari di ogni diversa referenza, impiegando foil metallizzato, colori offset trasparenti,colori flessografici coprenti. Un’altra realizzazione che pare particolarmente riuscita è l’etichetta del Limoncé, prestigioso brand della Stock SpA, in cui, attraverso una vernice serigrafica, si riesce a rendere una sensazione quasi tattile per la buccia del limone. Si trattava di sfide impegnative che proprio per questo sono apparse a Pilot Italia stimolanti e che hanno comportato un serio impegno e diverse prove da parte dei tecnici aziendali. Sembra che le realizzazioni finale abbiano corrisposto a questo impegno fornendo per il lineare del supermercato delle etichette capaci di rappresentare in pieno la qualità del prodotto contenuto. La società Pilot Italia, leader del settore con un fatturato annuo che supera i 20 milioni di euro, è attiva nei settori farmaceutico, alimentare e cosmetico ed è anche particolarmente specializzata nella realizzazione di etichette promozionali e di sicurezza. La qualità della produzione Pilot Italia è confermata dai numerosi riconoscimenti ricevuti dalle sue etichette in sede di giurie internazionali: Finat Awards, TLMI Awards; World Label Awards. Il marketing Pilot Italia ( www.pilotitalia.com) è a disposizione dei clienti per qualsiasi richiesta o per approfondimenti sulla produzione.

flexographic covering colours. Another highly successful result was the label for Limoncé, a prestigious brand owned by the Stock SpA company, where, using serigraphy paint, Pilot Italia managed to create an almost tactile feel for the lemon peel. They were certainly big and extremely stimulating challenges for the company but ones which entailed a great deal of effort by its engineers and extensive testing. Pilot Italia feels that the outcome fully reflected its efforts resulting in it supplying the labels for the supermarket range that clearly represent the quality of the products. The company, a leader within the industry with an annual turnover in excess of 20 million Euros, is operative within the pharmaceutical, food and cosmetic industries and it also specialises in making promotional and safety labels. Confirmation of the production quality at Pilot Italia can be seen in the numerous awards that the company’s labels have received from international juries: namely the Finat Awards, the TLMI Awards and the World Label Awards. Pilot Italia’s marketing team (www.pilotitalia.com) is always on hand for customers’ any requests or enquires regarding production.


PORTATECI UN’ETICHETTA DIFFICILE

CI PIACCIONO LE SFIDE I NOSTRI CLIENTI APPLICAN0 1,4 MLD DI ETICHETTE ANNO SENZA PROBLEMI

PILOT ITALIA S.p.A. Via Don G. Minzoni /  Usmate Velate (MI)

 World Label Award

 Finat Award

Telefono .. r.a Telefax . E-mail: info@pilotitalia.com www.pilotitalia.com


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Krones ErgoBloc D Un concetto innovativo di bloc per la tecnologia dell'imballaggio

ErgoBloc D L’Ergobloc D combina in serie, l’uno dietro l’altro, Variopac Pro, Accucase, Robobox con Modulpal e sistema di lavorazione delle interfalde The ErgoBloc D combines the following concatenated components: Variopac Pro, Accucase, Robobox with a Modulpal palletiser and layer pad handling

Il collegamento delle macchine in bloc è una procedura ormai ampiamente collaudata nella tecnologia del riempimento che ora può essere applicata anche all’imballaggio: Krones, infatti, ha sviluppato una soluzione di bloc anche per il fine linea. L’ErgoBloc D (Dry) unisce macchine standard ormai ampiamente collaudate ad elementi innovativi formando una linea unitaria per l’imballaggio finale e la palettizzazione. L’ErgoBloc D può essere utilizzato su linee per lattine, vetro a perdere e PET a perdere in ogni campo di rendimento. Questo concetto ha raggiunto pienamente i suoi molteplici obiettivi, in tutti i loro singoli punti. Riducendo le funzioni non correlate al valore aggiunto, come ad esempio i trasportatori con funzione di polmonatura, si riduce anche lo spazio necessario, che ora viene occupato solo dagli aggregati funzionali; i percorsi risultano più brevi anche per gli operatori, che traggono vantaggio anche dall’ergonomia del concetto d’azionamento generale. Il funzionamento di tutte le

macchine si basa su uno stesso concetto unitario di comando ed azionamento. Con il controllo intelligente della linea e la regolazione del bloc si ottiene anche un esercizio continuo costante. Considerate nel loro insieme, tutte queste caratteristiche si traducono in un grado d’efficienza di linea più elevato, un fabbisogno energetico più contenuto grazie al comportamento di marcia dinamico delle macchine ed una gestione dei ricambi ottimizzata. Eseguendo un confronto diretto con il layout dell’impianto di un fine linea convenzionale risulta subito evidente quale sia il risparmio ottenuto in termini di spazio. L’Ergobloc D combina vari componenti inseriti in serie l’uno dietro l’altro, quali la confezionatrice Variopac Pro nelle sue diverse versioni con il tunnel di termoretrazione integrato, un trasportatore corto per imballi Accucase, un’unità di raggruppamento Robobox con palettizzatore Modulpal in varie esecuzioni e l’unità collegata per l’handling delle interfalde.

Krones ErgoBloc D An innovative monobloc concept for packaging applications

D1240_105 Per poter essere integrata nell’ErgoBloc D la Variopac Pro è stata nuovamente ottimizzata nel suo insieme ed offre ora la massima affidabilità. For integration into the ErgoBloc D, the Variopac Pro was once again comprehensively designoptimised, rendering the machine maximally reliable

106

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

The field-proven technology of monobloc machine synchronisation can now be used for packaging functions as well: Krones has also come up with a monobloc solution for the dry end. The ErgoBloc D (for Dry) combines fieldproven standard machines with innovative new designs to create a holistically harmonised system for end-of-theline packaging and palletising. It can be used for canning lines, non-returnable-glass lines and non-returnable-PET lines in all speed categories. The concept’s aims were many and varied, and all of them have been achieved. By reducing non-valuecreative functions like conveyors as buffers, the footprint has been concomitantly downsized, since now it only has to accommodate the truly functional units. This also signifies less legwork for the operators, who additionally benefit from the holistic human-engineering provided. All machines operate with the same harmonised control and drive concepts. In conjunction with the intelligent line control system and the monobloc synchronisation provided, continuously uninterrupted operation is assured. Taken together, all these points mean enhanced line efficiency, reduced energy consumption thanks to dynamic machine response capabilities, and optimised spare parts inventories.


M A C H I N E R Y & D E V E L O PM E N T

Variopac Pro: interamente ottimizzata La Variopac Pro impiegata costituisce una soluzione Krones oltremodo vincente: a dimostrarlo sono gli oltre mille esemplari impiegati nell’esercizio pratico dalla sua introduzione ad oggi. Per poter essere integrata nell’ErgoBloc D la confezionatrice nel suo insieme è stata nuovamente ottimizzata ed offre la massima affidabilità. Numerosi adattamenti, inoltre, ne hanno migliorato ulteriormente la sicurezza d’esercizio e l’ergonomia. L’entrata dei recipienti, ad esempio, è stata riconfigurata per offrire un’accessibilità ottimale e risulta adatta anche al trasporto alla rinfusa di recipienti leggeri. I tempi di cambio formato si riducono anche grazie al calibro di regolazione, che, di conseguenza, consente di aumentare sensibilmente sia la riproducibilità delle impostazioni, sia la flessibilità dell’intera macchina. Per l’alimentazione senza pressione di recipienti “morbidi” è stata integrata una stazione di comando singola, equipaggiata con il sistema d’azionamento SEW-Movigear. La possibilità di impiegare parallelamente due vie, inoltre, garantisce la massima sicurezza di trasporto dei recipienti di grandi dimensioni. Per eseguire il cambio formato per la lavorazione di recipienti diversi non è necessario regolare i sensori in altezza, ma solo in larghezza. Tutte queste caratteristiche consentono di lavorare le bottiglie morbide e leggere con la massima sicurezza. Il modulo d’avvolgimento in film è regolabile in altezza e non è necessario sostituire le aste d’avvolgimento. La sicurezza d’esercizio di questo modulo è stata aumentata, ad esempio, con l’impiego di rulli di presa profilati, che riducono sensibilmente la presenza di sporco dovuta al colore della stampa o a residui di film. Il coltello di taglio, inoltre, è equipaggiato con un servomotore, che consente di utilizzare anche film più sottili (fino a 25 µm per confezioni sixpack da 0,5 litri). La modifica del coltello con servomotori può essere

A direct comparison with the line layout of a conventional dry end immediately reveals very significant space savings. The Ergobloc D combines the following concatenated components: a Variopac Pro packer in one of its variants with a downstream shrink tunnel, a short Accucase pack conveyor, followed by a Robobox pack grouping system with the appropriate palletiser from the Modulpal range complete with a layer pad handling feature. A comprehensively optimised Variopac Pro The Variopac Pro used is an extremely successful machine design from Krones. Since its market launch, it has meanwhile been sold more than one thousand times. For integration into the Ergobloc D, it has been given another comprehensive revamp, designed to maximise its dependability. Operator-friendliness and operating characteristics, for instance, have been further improved by a series of modifications. These include a designenhanced container infeed with optimised accessibility, now also suitable for mass transport of light-weight containers. Change-over times have been cut, thanks not least to setting gauges, with concomitant gains in terms of setting reproducibility. This provides enhanced flexibility. For pressureless infeed of “soft” containers, an individualdrive station has been integrated, featuring SEW-Movigear

eseguita anche a posteriori come upgrade per le Variopac Pro già esistenti. Film con spessori inferiori consentono di ottenere un risparmio eclatante sui costi dei materiali ed aumentano la disponibilità della macchina, in quanto è necessario sostituire un numero minore di bobine di fogli: su un impianto da 43.200 bottiglie l’ora con esercizio a tre turni, ad esempio, è possibile passare da un film di 60 µm ad uno di 27 µm, con un risparmio sui costi che raggiunge ogni anno importi a sei cifre.

D1153_079 Per l’ErgoBloc D Krones ha realizzato anche un nuovo dispositivo per l’inserimento delle interfalde For the ErgoBloc D, Krones has also design-enhanced the layer pad insertion system

technology. In order to assure dependable transport of large-size containers, two lanes can be used in parallel. For changing over to different containers, there is no need for sensor height-adjustment, the only setting that requires re-adjusting is the width. All this provides maximised reliability when handling soft or lightweight bottles. The film wrapping station is height-adjustable, so there is no need to replace the tuck-in bars. In the film-cutting module, operating characteristics have been improved by modifications like using profiled draw-in rollers, which significantly reduces soiling of the rollers with printing ink or film constituents. The cutting blade, too, has been equipped with a servo-drive, so that now, for instance, thinner films can be used, down to 25 µm for 0.5-litre sixpacks. This change-over to servo-blades, by the way, is also possible as a retrofit upgrade for existing Variopac Pro machines. Because thinner films contribute towards very substantial savings in material costs, and also improve machine availability, since fewer rolls of film have to be fed in. Thus a three-shift line, for example, running at 43,200 bottles an hour, can be changed over from 60-µm film to 27-µm film, enabling annual cost savings in the six-figure range to be achieved.

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

107


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Investire in innovazione

Investing in innovation

L’innovazione trova ispirazione in tante fonti, talvolta lontane dallo specifico settore di applicazione

Riccardo e Alessandra Cavanna, CEO del gruppo con Mario Cavanna, Presidente Riccardo and Alessandra Cavanna, CEOs of the group, with Mario Cavanna, President

The sources of inspiration for innovation are many and they sometimes come from places far from the sector of application

108

Cavanna è un gruppo industriale italiano specializzato in sistemi di confezionamento flow pack, un piccolo incarto realizzato avvolgendo singolarmente il prodotto o gruppi di singoli prodotti con un film plastico: i lembi vengono saldati in modo da proteggere e al tempo stesso facilitarne l’apertura al consumatore finale. Attraverso 3 siti produttivi (2 in Italia e 1 in Brasile), 42 agenzie a copertura di 58 nazioni, 1 distributore estero e 284 collaboratori dei quali 65 impegnati in R&D, Cavanna progetta e produce direttamente confezionatrici flow pack, caricatori automatici, sistemi di trasporto, sistemi di polmonatura e soluzioni di confezionamento secondario, quali le confezioni multipack, che contengono più unità di consumo monodose. I settori merceologici dove il flow pack viene ampiamente utilizzato sono il comparto alimentare (pasticceria industriale mono tipo e assortita, biscotti, prodotti per la prima colazione, snack dolci e salati, sostituti del pane, caffè in cialde per macchine automatiche e semiautomatiche, formaggi porzionati) e non alimentari farmaci e presidi medicochirurgici. Cavanna conta più 900 clienti attivi fra aziende di marca italiane e straniere; la quota media export del gruppo supera l’80%. Il principale punto di forza di Cavanna consiste nella capacità di integrare all’interno di linee complete i sistemi di confezionamento flow pack conside-

rando differenti variabili a monte: alta velocità di produzione, temperatura di uscita del prodotto dall’area di cottura e preparazione, fragilità o delicatezza del prodotto, precisione e integrità, movimentazione e orientamento lungo la linea per alimentare le macchine confezionatrici, irregolarità del prodotto stesso, necessità di formare pile o gruppi regolari di prodotto prima del confezionamento flow pack. A queste variabili, si aggiungono quelle relative al confezionamento secondario, che Cavanna affronta con sistemi di fine linea robotizzati. Gli strumenti per garantire queste eccellenze tecnologiche sono: 3% del fatturato destinata a ricerca e sviluppo; 25% dei collaboratori dedicati all’R&D; 90 brevetti registrati a livello mondiale; Material Testing Lab (MIT) interno per prove su materiali d’incarto innovativi; Training School interna permanente per formare o aggiornare ingegneri e tecnici; Gestione del processo industriale Lean Thinking; Controllo diretto in Italia della produzione dei componenti. “L’innovazione trova ispirazione in tante fonti – precisano i fratello Alessandra e Riccardo Cavanna, entrambi CEO del gruppo - talvolta lontane dallo specifico settore di applicazione: quindi, oltre ad utilizzare il nostro know-how per capire come e quanto un’idea sia fattibile, dedichiamo tempo e risorse ad un’intensa attività di ricerca nella quale vengono attentamente considerati anche i consumatori finali e i loro desideri di praticità”.

Cavanna is an Italian industrial group specialising in flowpack packaging systems, a wrapper applied by enveloping each and every product, or group of products, in plastic film wrap in which the edges get joined together to both protect the content and make it easy for the end-user to open. With three operating plants (2 in Italy and 1 in Brazil), 42 agencies covering 58 countries, 1 foreign distributor and 284 collaborators, of which 65 work in the R&D department, Cavanna plans and manufactures flow-pack wrapping machinery, automated loaders, conveyor systems, air insertion systems and secondary packaging solutions such as multi-pack boxes to contain differing numbers of single-dose items. The sectors that make ample use of flow-pack wrapping are the food industry (industrial pastries – both single and assorted – biscuits, breakfast items, sweet and savoury snacks, bread substitutes, coffee pods for automatic and semiautomatic machines, and portioned cheese), the non-food industry, pharmaceutical companies and medical-surgical tool suppliers. Cavanna has some 900 clients – both Italian and foreign – and more than 80% of revenues comes from its export activity. Cavanna’s strong point is its ability to integrate flowpack wrapping systems with diverse variables calculated

into the production lines: high velocity production, exit temperature of the product from the cooking and preparation area, fragility, precision and integrity, movement and direction along the line to feed the wrapping machines, the irregularity of the product itself and the need to drop the product into piles or regular product groups before the flow-pack wrapping. To these variables, add the need for secondary packing, which Cavanna manages with end-ofthe-line robotic systems. The factors guaranteeing technological excellence are: 3% of revenue is re-invested in R&D; 25% of employees work in the R&D department; 90 patents worldwide; An in-house Material Testing Lab (MIT) to test new packaging material; An in-house Training School for training and refresher courses for engineers and technicians; Lean Thinking industrial process management; Component production supervised directly in Italy. “The sources of inspiration for innovation are many,” Alessandra and Riccardo Cavanna, both CEOs of the group, explain, “and sometimes it comes from places far from the sector of application. Beyond using knowhow to understand how and to what point an idea is feasible, we invest time and money for extensive research in which the end-user and his need for practicality are also taken into serious consideration.”

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry


CAVANNA MARKETING

Insieme, intorno Dal 1960, la famiglia Cavanna accoglie i vostri progetti, prodotti e ambizioni insieme ai vostri e ai nostri collaboratori. Da cinquant’anni realizziamo insieme il migliore flow pack possibile: intorno, e insieme, ai vostri clienti.

Together - Insieme, è il valore, il modo con cui affrontiamo il nostro lavoro in Cavanna. Per i nostri primi cinquant’anni di flow pack abbiamo realizzato quest’oggetto per ricordare a ciascuno di noi il senso profondo di quello che anima e motiva l’azienda, il suo dna.

1960-2010: FIFTY YEARS OF FLOW PACK

CAVANNA S.p.A. Sistemi Integrati di Confezionamento Prato Sesia | Novara | ITALY | www.cavanna.com


A B OU T

F A I R S

L’industria raggiunge nuovi mercati dal cuore del packaging dell’Eurasia Crescendo considerevolmente, Packaging Fair Istanbul supera il suo target di visitatori professionisti e soddisfa le aspettative dell’industria Crescendo considerevolmente anno dopo anno, Packaging Fair Istanbul ha superato il suo target di visitatori professionisti e soddisfatto le aspettative dell’industria. Organizzata da TÜYAP Fairs, Inc. e con il supporto di ASD – Associazione degli Industriali del settore confezionamento, la 16 edizione del salone Packaging Fair Istanbul si è svolta dal 16 al 19 settembre 2010 presso il Centro Congressi TÜYAP di Istanbul. Istanbul Packaging 2010 ha dato ai suoi partecipanti e visitatori delle grandi opportunità non solo di accrescere la loro forza e flessibilità nel mercato nazionale ma anche di acquisire clienti nuovi e promettenti all’estero in un periodo in qui la ricerca di nuovi sbocchi di mercato è priorità assoluta e la competizione globale fattore critico. 38.071 visitatori professionisti erano presenti al più grande salone europeo del Packaging

The industry reached new markets from the packaging center of Eurasia Growing consistently, the Istanbul Packaging Fair exceeded its target of professional visitors and met the expectations of the industry Growing consistently year by year, the Istanbul Packaging Fair exceeded its target of professional visitors and met the expectations of the industry.

110

Ottobre 2010

Il salone più atteso dall’industria del confezionamento, Packaging Fair Istanbul ha ospitato 33.966 visitatori provenienti da 68 province della Turchia, speciali delegazioni organizzate dal mondo dell’industria e camere di commercio nelle loro rispettive province. 944 aziende e loro rappresentanti, 4.105 visitatori da 75 Paesi, delegazioni provenienti da Egitto, Macedonia, Russia, Ucraina, Bulgaria, Georgia, Iran, Siria, Israele, Kuwait, Azerbaijan, Armenia, Repubblica Turca di Cipro del Nord, Grecia, Croazia e Moldavia. La più completa e più efficace manifestazione fieristica dell’Eurasia e tra le più importanti a livello europeo, Istanbul Packaging Fair vanta di essere membro UFI – Associazione Mondiale dell’Industria Fieristica e COPE, Confederazione degli Organizzatori di Saloni sul settore confezionamento.

Organized by TÜYAP Fairs, Inc. with the support of the Packaging Industrialists Association (ASD), the 16th International Packaging Industry Fair was held between the 16th and 19th of September, 2010 at the TÜYAP Istanbul Fair and Convention Center, Büyükçekmece. Istanbul Packaging 2010 provided its participants and visitors with great opportunities to increase their strength and flexibility domestically and acquire new and promising customers abroad at a time when the search for new markets is a priority and global competition is critical. A total of 38.071 professional visitors have been met at Europe’s Largest Packaging Fair As the most expected event of the packaging industry, the Istanbul Packaging Fair received 33.966 domestic visitors from 68 provinces of Turkey, including special delegations organized by the industry and trade chambers of their respective provinces. The Istanbul Packaging Fair was attended by 994 companies and representatives, and hosted 4.105 professional visitors from 75 countries, including procurement delegations from Egypt, FYR Macedonia, Russia, Ukraine, Bulgaria, Georgia, Iran, Syria, Israel, Kuwait, Azerbaijan, Armenia, the Turkish Republic of Northern Cyprus, Greece, Croatia and Moldova. As the largest, widest and most effective fair in the Eurasian region and the first among the annual packaging fairs in Europe, the Istanbul Packaging Fair is a member of the Global Association of the Exhibition Industry (UFI) and the Confederation of Organizers of Packaging Exhibitions (COPE). 

TecnAlimentaria Food Industry


YF003N

FD 50 KG

MD 400÷500 KG

P A L L E T T I Z Z A Z I O N E

www.tiesserobot.it

P

A

C

K

A

G

I

N

G

CLERICI & ASSOCIATI - BRESCIA

ZD 130÷250 KG

PALLETTIZZAZIONE & PACKAGING. UN GIOCO DA ROBOT. Soluzioni dedicate alla pallettizzazione ed al packaging. Robot competitivi per costi, flessibilità e affidabilità ed una rete di integratori qualificati, rappresentano la risposta ideale alle vostre esigenze di automazione. Via Isorella, 32 • 25010 VISANO (Brescia) ITALY • tel. + 39 0309958621 • fax + 39 0309958677 • tiesserobot@tiesserobot.it

TH 1÷20 KG

BA 2÷20 KG


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

La ripresa passa anche tramite le nuove tecnologie Tiesse Robot presenta i nuovi Robot Kawasaki Serie RS, YF per le operazioni di packaging veloce

Tiesse Robot presents the new Kawasaki Series RS, YF to fast packaging Controllore E E Controller

In a year in which timid signs of recovery of the robotic and automation sector are beginning to show through, Tiesse Robot of Visano (Brescia) is launching onto the market the new range of medium-capacity Kawasaki robots with Series E controllers, that covers different capacities varying from 3 to 80 kg, with a design targeted to making the robot arm slim so as to take up as little room as possible on the ground and with a very compact robot wrist design so as to also be able to operate in very reduced spaces. (photo Line Up) The medium-capacity range from 6 to 20 kg now also presents 5 models with capacities between 6 to 20 kg and arm extensions from 1550 to 3000 mm. (photo Rs20) Expansion of the range up to 80 kg allows also using these highly dynamic and precise robots for burr removal and machine tool interlocking. (photo Rs80) In particular, the presence in the range of fast robots with 5 kg capacity, in short and long arm versions, (photo Robot Rs5) will enable these to operate in fast packaging cycles 114

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

In un anno in cui si comincia ad intravedere una timida ripresa del settore robotica ed automazione, Tiesse Robot di Visano (Bs) lancia sul mercato la nuova gamma di robot Kawasaki di portata media con il relativo controllore serie E, che copre un range di portata da 3 ad 80 Kg, con un design mirato a rendere il braccio robot snello in modo da occupare uno spazio ristretto a terra e con un disegno del polso robot molto compatto per permettere di poter operare anche in spazi angusti. (foto Line Up) Anche la gamma delle portate medie da 6 a 20 Kg presenta ora 5 modelli con portate da 6 a 20 Kg e sbracci da 1550 a 3000 mm. (foto Rs20). In particolare, la presenza nella gamma di robot veloci con portata di 5 Kg nella versione braccio corto e lungo (foto Robot Rs5), permetterà agli stessi di operare in cicli di packaging veloce ed operazioni di montaggio oltre che asservimento a Macchine Transfer. I nuovi robot rappresentano un’evoluzione della serie FS con un incremento delle caratteristiche di velocità e di dinamica dei singoli assi tale da permettere una riduzione del 15-20% dei tempi ciclo. Per ottenere questi risultati, oltre ad uno studio della fisionomia del braccio (che unisce alla leggerezza una elevata rigidità strutturale), mediante l’ausilio di nuovi riduttori e nuovi motori ad alta dinamica viene potenziata notevolmente la capacità dei carichi dinamici e dei momenti statici. Tramite l’ausilio di encoder a 17 bit, e del nuovo controllore E, si realizzano un controllo delle traiettorie ed una ripetibilità di posizionamento che pongono questo robot al vertice della categoria. Il robot ha una protezione IP 67 sino ai connettori della base che sono IP 65 nella versione standard o IP 67 nella versione per ambienti gravosi. Alla tradizionale configurazione antropomorfa è stato affiancato anche un nuovo modello YF 003N a bracci paralleli (foto YF), che si pone come nuovo riferimento tecnologico sul mercato di settore. Il robot, avente una

The road to recovery also passes through new technologies and assembly operations, as well as for Transfer Machine interlocking. The new robots represent an evolution of the FS series with an increase in the speed and individual-axis dynamism characteristics such as to permit a 15-20% reduction of cycle times. To achieve these results, besides a study of the arm features (which combine light weight and high structural strength), with the aid of new reduction gears and new highly dynamic motors, dynamic load and static moment capacities are also considerably increased. With the aid of a 17-bit encoder and of the new E controller, control of trajectories and a level of positioning repeatability are achieved that place this robot at the top of its category. The robot features IP 67 protection as far as the base connectors, which are IP 65 in standard version or IP 67 in the version for heavy-duty environments. To the traditional anthropomorphic configuration a new model has also been added – the YF 003N with parallel


M A C H I N E R Y & D E V E L O PM E N T

portata di 3 Kg, copre l’area di lavoro massima nella propria categoria e permette di arrivare ad un diametro operativo di 1300 mm, con una corsa in verticale di 500 mm. (foto 3) L’originale configurazione Kawasaki prevede l’azionamento del quarto asse per la rotazione degli organi di presa dei componenti, tramite l’ausilio di un motore localizzato sopra la flangia, che non contempla alberi di trasmissione limitanti la dinamica del robot. La flangia può quindi ruotare di 720° con una coppia di 10 Nm. Come soluzione opzionale è previsto un quinto asse che, sempre controllato dal controllore robot, consente di variare il passo delle ventose di presa dei pezzi per garantire una ancora maggiore flessibilità al robot stesso (foto 2). Il robot è stato progettato con grado di protezione ambientale IP65 e IP67 e può essere lavato con detergenti acidi/alcalini là dove richiesto. Il robot in questione è fortemente atteso da tutti gli integratori che operano nelle linee di packaging. Nuovo controllore Kawasaki serie E Il nuovo controllore gestisce all’interno del suo cabinet i 6 assi standard del robot più 3 assi addizionali, mentre con espansione esterna può arrivare a controllare fino a 14 assi. E’ dotato di due porte ethernet per il collegamento con dispositivi esterni, di due porte seriali RS 232C e di due porte Usb da utilizzarsi sia per la connessione di una tastiera esterna che per una chiave Usb atta al salvataggio dei programmi e dei dati robot (foto 5). Il controllore E è dotato di Multifunction Panel per la programmazione del robot con Lcd Touch-Screen e permette l’esecuzione di comandi non di movimento 15 volte più veloci e con programmi paralleli e robot in movimento 18 volte più veloci rispetto alla serie precedente. Anche la velocità di gestione della logica a contatti tipo Plc è cinque volte più veloce che nel precedente modello.

arms, (photo YF), which sets the technological standards on the specific market. The robot, with a capacity of 3 kg, covers the maximum work area in its category and permits achieving an operative diameter of 1300 mm, with a vertical stroke of 500 mm. (photo 3) The original Kawasaki configuration envisages the operation of the fourth axis for the rotation of the item pick-up elements, with the aid of a motor located above the flange, which does not require drive shafts that limit robot dynamics. The flange can therefore be rotated by 720° with a torque of 10 Nm. As an optional solution, a fifth axis is provided which, always controlled by the robot controller, permits changing the pitch of the item grip suction-cups to ensure an even greater flexibility of the robot itself (photo 2). The robot has been designed with degree of environmental protection IP65 and IP67 and it can be washed with acid/alkaline detergents whenever so required. The robot in question has been long awaited by all the integrators operating on packaging lines. New Kawasaki series E controller Inside its cabinet, the new controller manages the 6 standard axes of the robot plus 3 additional axes, while with an external expansion, it can manage to control up to 14 axes. It features two Ethernet ports for linking up to external devices, two RS 232C serial ports and two USB ports to be used both for connecting with an external

La capacità di memoria standard è di 8 Megabyte per la memorizzazione di 80mila step di programma. Sul MFP le pagine disponibili per l’Interface Panel operatore passano da 4 ad 8 e diventa così possibile memorizzare sulla chiavetta Usb anche le immagini di quanto appare sul video Lcd della pulsantiera di programmazione. Un ulteriore aiuto per l’operatore deriva dal fatto che tutte le funzioni ausiliarie sono supportate da “Help” online che descrivono la logica delle funzioni stesse.

keyboard and for a USB key suitable for saving programs and robot data (photo 5). The E controller features a Multifunction Panel for programming the robot with LCD Touch-Screen and allows performing non-movement controls 15 times faster and, with parallel programs and robot in movement, 18 times faster with respect to the previous series. The control speed of the PLC contact logic is five times faster than that of the previous model. Standard memory capacity is 8 Megabyte for storing 80 thousand program steps. On the MFP, the pages available for the Interface Panel operator go from 4 to 8 and it thus becomes possible to also store the images of what appears on the LCD video of the programming push-button panel on the USB key. A further aid for the operator stems from the fact that all the auxiliary functions are supported by online “Help”, describing the logic of the functions themselves.

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

115


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Una nuova generazione

di sistemi di palettizzazione

Differenti tecnologie si fondono per dare vita ad un nuovo prodotto, flessibile ed efficiente

CLEVERTECH è a livello internazionale sinonimo di eccellenza nella palettizzazione, nella depalettizzazione ed nella realizzazione di linee di movimentazione in genere. Una gamma completa di modelli di pallettizzatori/ depallettizatori studiati per differenti esigenze, differenti tipologie di prodotto e differenti produttività rendono CLEVERTECH il partner ideale per le problematiche di fine linea. L’integrazione di Robot antropomorfi all’interno delle soluzioni CLEVERTECH ha permesso la nascita di sistemi di palettizzazione di nuova generazione, gli HYBRID, in cui le differenti tecnologie si fondono per

Robot Antropomorfo Anthropomorphous robot

A new generation of palletization systems

Sistemi di palletizzazione HYBRID HYBRID palletizing system

Diverse technologies combine to make a new flexible and efficient product

CLEVERTECH is internationally renowned as excellence in palletization, de-palletization and production of handling lines. A complete range of palletizing/de-palletizing models especially designed to meet different requirements, kinds of products and different throughputs, makes CLEVERTECH an ideal partner for end-line solutions. By integrating anthropomorphous robots in the CLEVERTECH solutions has enabled the company to create the HYBRID cutting-edge palletization systems whose diverse technologies combine to make a new flexible and efficient product. Great attention down to the finest details, remarkable production flexibility and the development of a sound partnership with its own customers have always been the CLEVERTECH’s guidelines since its very establishment in 1987.

116

Ottobre 2010

dare vita ad un nuovo prodotto, flessibile ed efficiente. L’attenzione per i dettagli, la grande flessibilità produttiva e lo sviluppo di una forte partnership con i propri clienti sono da sempre state le linee guida di CLEVERTECH sin dalla sua fondazione avvenuta nel 1987. Questa forte missione aziendale, in cui il prodotto ed il supporto del clienti hanno sempre avuto un ruolo centrale, ha fatto si che CLEVERTECH potesse in breve tempo diventare un’azienda leader del mercato. CLEVERTECH è progressivamente diventata un interlocutore di primo piano per numerose multinazionali ed aziende leader nei vari settori di produzione, in particolare nei settori chimici, alimentari, delle bevande e degli scatolifici. Un’esperienza vincente, in cui CLEVERTECH ha compreso immediatamente come la realizzazione di impianti di automazione di alto livello richiedesse lo sviluppo di elevate competenze di controllo dei processi. Da qui la precisa scelta del proprio management di investire in modo significativo nel proprio reparto elettronico e software per poter fornire soluzioni modulari ed integrate. Si è trattato di una tappa obbligata per un’azienda come CLEVERTECH con una forte vocazione internazionale che ha fatto si che attualmente oltre l’ 85% delle vendite sia rivolta al mercato estero. CLEVERTECH ha una oggi presenza attiva in tutti i tradizionali mercati Europei e Nord Americani ed una particolare attenzione è rivolta a tutti i mercati emergenti dell’America Latina, dell’Asia e del Medio Oriente. Una rete di servizi post vendita offre poi la possibilità di rispondere in modo rapido ed efficiente alle esigenze dei suoi clienti.

TecnAlimentaria Food Industry

This strongly felt company mission, dominated by product and customer’s support, has shortly driven CLEVETECH to market leadership. CLEVERTECH has progressively become a forefront referent for many multinationals and leader companies in various production sectors, and in particular chemical, food, beverage and box sectors. Winning experience helped CLEVERTECH to immediately understand how the making of high-level automation plants required great knowledge of process controls. Hence, the company management’s precise choice of investing significantly in its own electronic and software departments as to supply modular and integrated solutions. This was a sort of step to be taken for a company like CLEVERTECH with a strong vocation to internationalization, which sees over 85% of the company’s sales toward foreign markets. Today CLEVERTECH is a thriving presence on all the traditional European and North American markets, while special attention to emerging countries, such as Latin America, Asia and Middle East. An after sales network enables the company to meet promptly its customers’ requirements efficiently.


M A R K E T I NG & S T R A T E G Y

Packaging Technologies and Packaging Research La conferenza tenutasi il 24 settembre a San Lazzaro di Savena (BO) ha voluto fare una panoramica sull’andamento del settore macchine automatiche per il confezionamento e l’imballaggio. Nell’occasione dell’assemblea annuale UCIMA sono state rinnovate le cariche dell’associazione; il nuovo consiglio direttivo UCIMA è oggi così composto: Giuseppe Lesce, Presidente SACMI Imola; Gianmario Ronchi, Vice Presidente Ronchi Mario Spa; Alfredo Aureli, Aetna Group; Luciano Sottile, ILAPAK ITALIA; Maurizio Marchesini, MARCHESINI; Riccardo Cavanna, CAVANNA; Ernesto Gamberini, MG2; Daniele Vacchi, IMA; Luisa Quadalti Senzani, Senzani Brevetti. L’andamento del settore macchine automatiche per

Continuous evolution to meet apparently conflicting requirements, functionality, design, eco-compatibility and economic matters The conference held in San Lazzaro di Savena (Bologna) last 24 September made an overview on the sector of automatic machines for packaging and packing. On occasion of UCIMA’s annual conference the new board of managing directors was appointed and is today composed of: Giuseppe Lesce, SACMI Imola’s President; Gianmario Ronchi, Ronchi Mario SpA’s Vice President; Alfredo Aureli, Aetna Group; Luciano Sottile, ILAPAK ITALIA; Maurizio Marchesini, MARCHESINI; Riccardo Cavanna, CAVANNA; Ernesto Gamberini, MG2; Daniele Vacchi, IMA; Luisa Quadalti Senzani, Senzani Brevetti. The situation of the sector of packaging and packing automatic machines During 2009 a downturn in turnover was recorded, with current values of 15,6% on 2008. On account of this shrinkage, the absolute value of total turnover was 3.229 million euro in 2009. With this value, the 118

Ottobre 2010

il confezionamento e l’imballaggio Nel corso del 2009 si è osservata una flessione del fatturato a valori correnti del 15,6% rispetto al 2008. Per effetto di tale contrazione, il valore assoluto del fatturato complessivo è stato, nel 2009, di 3.229 milioni di Euro. Con questo risultato il settore è tornato approssimativamente sui valori del 2006. Le esportazioni sono state pari a 2.844 milioni e sono diminuite del 16,1% (l’export è pari a quasi il 90% del fatturato di settore). Si tratta della performance migliore tra i costruttori di beni strumentali italiani e superiore a quella dei costruttori tedeschi di macchine per il packaging che, nel 2009, hanno visto le loro esportazioni ridursi del 25%. La raccolta ordini per il settore macchine automatiche ha sector leveled off on the same values of 2006. Export was 2,844 million, with a decrease equal to 16.1% (exportations are usually 90% in that sector). This is the best performance of the packaging and packing machine producers and even better than the German packaging machine producers, whose export shrunk by 25% in 2009. The orders in the automatic machine sector recorded a negative trend up to September 2009. Afterwards, the order books has been positive again since October. In the first 6 months 2010, orders grew by 30% on the same period in 2009, and also July recorded a quite positive trend. Turnover has grown in the second three-month period after shrinkage for 5 three-month periods in a row. In the first six months 2010, Italian export of packaging machines grew by 5,7% on last year’s same period, for overall 1,619,6 million euro. There was an average between the basically stable first six-month period (-1,3%) and a dynamic second six-month period (+12,5%). Upswing in export has been characterized by exportations to China (+121,8% for 153,8 million tot.), turning China our first destination market. Excellent results also in the U.S.A. (+29,2% for 129,7 million tot.) and Brazil (+80,7% for 53,6 million tot.). On the other hand, the importations have also grown thanks to an upswing in domestic market.

TecnAlimentaria Food Industry


M A R K E T I NG & S T R A T E G Y

Un’evoluzione continua per rispondere a esigenze, apparentemente inconciliabili, di funzionalità, estetica, ecocompatibilità ed economicità avuto un trend negativo che si è fatto sentire fino a settembre 2009. Successivamente, a partire da ottobre la raccolta ordini è tornata positiva. Nei primi 6 mesi del 2010 i nuovi ordinatici sono aumentati di quasi il 30% rispetto allo stesso periodo del 2009 e anche nel mese di luglio, la tendenza è stata in linea con il trimestre precedente. Nel secondo trimestre dell’anno anche il fatturato di settore ha ricominciato a crescere dopo 5 trimestri consecutivi di flessione. Nel primo semestre 2010, le esportazioni italiane di macchine per il packaging sono aumentate del 5,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, per un totale di 1.619,6 milioni di euro. Il risultato è la media tra un primo trimestre ancora sostanzialmente stazionario (-1,3%) e un secondo trimestre caratterizzato da una buona dinamica (+12,5%). La ripresa delle esportazioni, è stata trainata dalle vendite in Cina (+121,8% per un totale di 153,8 milioni), divenuto per ora il nostro primo mercato di esportazione. Ottimi i risultati di Stati Uniti (+29,2% per un totale di 129,7 milioni) e Brasile (+80,7% per un totale di 53,6 milioni). Anche l’import è in crescita

The EU is one of the main destination areas, totalling 598,9 million euro and growing by +2,0% after a negative 2009. Asia is the second market outlet and confirms to be a world’s leading economy. Exportations toward Asian Countries in the first six months 2010 grew by 31,7% for overall 398,8 million euro. North America is recovering as well (+34% for 145 million tot.), while other geographic areas are still experiencing a downturn. Improving economic situation and upswing in our sector are unquestionably positive factors, but a long way is ahead to leave the economic crisis behind. In fact, although recent orders enable to fill order books, other companies are still in financial difficulties, and margin of profits on sales have been decreased during the crisis and are hardly recovering. Packaging Technologies: an innovation-oriented sector Packaging research is not often studied in Italy. A few occasions to exchange different knowledge that connect the study of final consumers’ behaviour, their needs and choices, with technologies applied to production process automation bound to meet them. The present complex economic situation of the Western world cannot make us forget that any production chain is slave to a cruel master: final consumer. It is therefore necessary to elaborate a prospective vision of the future, knowing in advance that it will be strongly subject to final demand, which seems to be influenced by consumers who are already spoilt by an ever growing variety of products from any production sector. Packaging industry means a huge turnover and diverse knowledge: design, materials, automation and robotics.

e conferma la presenza di una ripresa anche sul mercato domestico. Tra le principali aree geografiche, l’Unione Europea è il maggior mercato di sbocco con 598,9 milioni e torna alla crescita (+2,0%) dopo un 2009 negativo. La seconda area di sbocco è l’Asia, a riprova del ruolo fondamentale che questo continente ha ormai assunto nell’economia mondiale. Le esportazioni verso i paesi asiatici, nella prima metà del 2010, sono aumentate del 31,7% per un totale di 398,8 milioni. Anche il Nord America è in ripresa (+34,0% per un totale di 145 milioni), mentre le altre aree geografiche sono ancora in flessione. Il miglioramento della situazione economica generale e la ripresa del nostro settore sono certamente elementi positivi, ma resta ancora molta strada da percorrere prima di uscire dalla crisi economica. Infatti, anche se gli ordini di questi mesi hanno permesso di riempire i carnet ordini, molte imprese scontano ancora difficoltà finanziarie, mentre i margini sulle vendite si sono ridotti durante la crisi e stentano a riprendersi. Packaging technologies: un intero settore votato all’innovazione La packaging research non è oggetto, in Italia, di molti studi storici. Poche sono anche le occasioni per incrociare saperi diversi che collegano lo studio del comportamento dei consumatori finali, dei loro bisogni e delle loro scelte, alle tecnologie applicate all’automazione dei processi produttivi che li soddisfano. L’attuale, complesso momento di transizione delle economie Occidentali non

Yet, the system needs integration with market & consumer research, which intends to explore the so far untold needs of final consumers. Today’s real problem and different from the past one, underlines Tirelli, is the fact that consumers have absolutely no idea of what they will need the day after. Offer determines demand and packaging is a crucial part of this offer. It follows that the success of the products already

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

119


M A R K E T I NG & S T R A T E G Y

deve farci dimenticare che ogni filiera produttiva è schiava di un padrone crudele: il consumatore finale. S’impone dunque l’elaborazione di una visione prospettica del futuro, sapendo che questo futuro sarà comunque condizionato dalla domanda finale di consumi. Essa ci appare soggetta peraltro ai mutamenti ed ai capricci di consumatori ormai “viziati” da un’offerta e una varietà crescenti in ogni settore produttivo. L’industria del packaging sottintende un enorme giro d’affari e dunque anche tante competenze diverse: design, materiali, automazione, robotica. Al sistema manca forse l’integrazione con la market & consumer research che punta ad esplorare i bisogni inespressi dei clienti finali. Il vero problema odierno e diverso dal passato – sottolinea Tirelli – è tuttavia costituito dal fatto che i consumatori oggi, in larga misura, non sanno neppure ciò che desiderano domani. L’offerta crea la domanda e il confezionamento è parte basilare di quest’offerta. Ne discende che il successo dei prodotti lanciati sui mercati alimentari, farmaceutici, delle bevande, ecc. dipende da tanti piccoli, frivoli dettagli, da piccoli accorgimenti in apparenza insignificanti della loro confezione. Queste infinite accortezze sono rese possibili solo dagli sforzi dell’ingegneria più avanzata. Se il packaging è il biglietto da visita del prodotto, dalla sua capacità di stupire e farsi notare in un mondo affollatissimo di concorrenti dipende il suo successo di mercato. Le esigenze di

marketing manager e designer diverranno sempre più impegnative e sfidanti. L’industria delle macchine perciò dovrà risolvere missioni impossibili all’interno del triangolo i cui poli sono costituiti dall’estetica raffinata, dalla funzionalità estrema, dall’eco-compatibilità. La riflessione di Tirelli parte dalla ricostruzione delle tappe fondamentali che in 150 anni hanno cambiato l’aspetto e la logica del consumo. Dalla rivoluzione cartotecnica di fine ‘800, alla scoperta dei materiali plastici degli anni 30, ai poliaccoppiati degli anni ’60, sino alle recenti atmosfere controllate furono imposte alle “macchine” sfide drammatiche e rapidi cambiamenti. Uno sguardo ai cosiddetti “segnali deboli” di medio-lungo termine è fondamentale e permetterà agli addetti ai lavori di pesare l’importanza dei vari fattori che motivano il packaging di domani: dal funzionalismo esasperato, subordinato ad un’estetica effimera e raffinata, da conciliare con le nuove esigenze di maneggevolezza, robustezza, minimizzazione, riuso, riciclo, biodegradabilità. Ecco il paradosso di un’alta creatività artistica e dell’applicazione di tecnologie d’avanguardia che dovranno produrre qualcosa di perennemente nuovo che però, dopo aver stupito i propri fruitori, si annichilisca con il minimo disturbo. Se osservato dal giunto punto di vista il futuro del settore sicuramente impegnativo può apparire entusiasmante per chi vive dell’innovazione perpetua.

put on the food, pharmaceutical, beverage and so on markets, strictly depends on minute, often trivial, details, from apparently insignificant details. This great amount of details are possible only thanks to the efforts made by the most advance engineering. If from the one hand packaging is the product’s visiting card, on the other hand its capacity of amazing and emerging in a world crowded with many competitors depends on its market success. Marketing managers’ and designers’ requirements will become all the more demanding and challenging. Therefore, the machine industry will solve impossible missions within a field of fine aesthetics, extreme functionality and eco-friendliness. Tirelli’s insight starts from the fundamental steps that have been changing the shape and logics of consumption in the past 150 years. From cartontechnical revolution at the end of the 19th century, to the discovery of plastic materials in the 30s, to polylaminated packaging in the 60s, right to the recent controlled atmosphere, dramatic challenges and swift changes have been imposed to the machines. A look at the so-called “week signals” on the mediumlong run is fundamental to have experts understand the important of the various factors that motivate the tomorrow’s packaging: from utmost functionalism, subordinate to ephemeral and fine design, to be combined with new handiness, sturdiness, minimization, re-use, recycle and biodegradability requirements. Here is the paradox of top-class artistic creativity and application of leading technologies which will have to produce always something new, to amaze its users and disappear in silence. If observed from the correct point of view, the future of the sector is undoubtedly committing and appear also exciting to the people who live perpetual innovation. 120

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Una perfetta sintesi di flessibilità e affidabilità I clienti confermano che Cryovac® FLOW-VAC®, lanciato in collaborazione con ULMA, è uno dei più efficaci sistemi di packaging disponibili sul mercato europeo. FLOW-VAC è stato progettato per migliorare le operazioni di insaccamento di unità industriali e consumatore contenenti prodotti caseari e carni lavorate o affumicate destinate al confezionamento sottovuoto. Il sistema comprende tutta una gamma di insaccatori che coprono le più ampie necessità dell’industria alimentare. L’automazione resa accessibile Le applicazioni di Cryovac® FLOW-VAC comprendono carni fresche e surgelate, prodotti ittici e caseari. Il sistema può impiegare tutta una gamma di materiali di

Cryovac® FLOW-VAC® si afferma come uno dei più avanzati ed accessibili sistemi di packaging disponibili in Europa

packaging con diversi livelli di barriera all’ossigeno, permeabilità ai gas e resistenza alle sollecitazioni. I film, tutti pastorizzabili, sono disponibili in versione neutra o stampata, trasparente o pigmentata. Il sistema di insaccamento FLOW-VAC e la completa gamma di materiali Cryovac® RS offrono un’alternativa efficace ai processi per termoformatura in tutti casi in cui siano richiesti livelli elevati di automazione e flessibilità. Dopo le esperienze positive nei segmenti dei prodotti caseari e delle carni lavorate, il sistema FLOW-VAC si avvia a diventare una scelta molto diffusa per il confezionamento di carni suine fresche. Vantaggi su tutta la linea Il sistema offre una flessibilità enorme proprio perché permette di selezionare le dimensioni dei prodotti senza sostituire parti dell’equipment. In fase di progettazione, la facilità d’uso e la sicurezza sono state considerate priorità assolute: il sistema abbina una perfetta automazione all’ampia offerta di materiali termoretraibili ed unità sottovuoto Cryovac ®. Si ottengono così processi di packaging su misura ideali

Flexibility and reliability in equally large measures Customer experience confirms that the Cryovac® FLOWVAC® system, launched in cooperation with ULMA, is one of the most successful packaging systems available today on the European market. FLOW-VAC was designed to improve the loading operation of industrial and consumer units of cheese, processed and fresh meat into a vacuum packaging machine. It includes a complete range of loaders covering the widest food industry needs. Accessible automation Applications of the Cryovac® FLOW-VAC include fresh or frozen meat, fish and cheese products. The system incorporates a complete range of packaging materials with different levels of O2 barrier, gas permeability, and abuse resistance. The films are pasteurisable and available plain or printed, clear or pigmented. The FLOW-VAC loading system and the complete range of Cryovac® RS materials offer a solution to replace thermoforming systems where high levels of automation and flexibility are needed. Following the first installations in the cheese and processed meat markets, FLOWVAC has now become a popular option for packaging primal cuts of fresh pork meat.

122

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry


M A C H I N E R Y & D E V E L O PM E N T

per le medie e le grandi imprese che producono carni fresche, carni suine e caseari. Risultati impressionanti Il sistema FLOW-VAC ha riscosso un particolare successo nei paesi dell’Europa centrale e orientale nei quali sono particolarmente apprezzate la facilità d’uso e la riduzione dei costi di manodopera. Tutti i maggiori produttori europei di carni suine stanno vagliando l’opportunità di un passaggio al sistema FLOW-VAC, considerato come la migliore soluzione per garantire la freschezza dei tagli primari. Aldo Galbusera, Cheese & Processed meat market manager Cryovac Food Packaging EMEA, e responsabile del sistema FLOW-VAC, afferma: “FLOW-VAC è una delle più interessanti soluzioni di packaging lanciata negli ultimi anni da Cryovac. Il numero delle linee installate e il fatturato dei materiali RS confermano che il sistema è considerato come una delle scelte migliori per ottenere una vera automazione e una riduzione dei costi operativi. Dopo il lusinghiero inizio delle vendite in Europa centrale e orientale, stiamo installando linee complete anche in Europa occidentale”.

vendono il sistema FLOW-VAC come integrazione della completa gamma delle famose macchine sottovuoto Cryovac®. L’esperienza e il know-how delle due società garantiscono un’efficace risposta alle crescenti esigenze dell’industria alimentare ed offrono soluzioni che permettono una riduzione dei costi complessivi per confezione e un notevole incremento dell’affidabilità.

Un equipment modulare FLOW-VAC è indicato per piccole linee semiautomatiche e per linee interamente automatiche ad alta velocità. Il sistema può essere integrato in linee interamente automatiche già installate o impiegato per automatizzare macchine sottovuoto esistenti. Il livello degli investimenti è ridotto grazie alla concezione modulare dell’equipment. Sealed Air Cryovac e ULMA

All-round benefits This state-of-the-art system offers immense flexibility due to a choice of product sizes and the fact that no tooling changes are required. User-friendliness and safety are top priorities and the solution combines automation with the well known Cryovac® shrink and vacuum equipment and material offer. The resulting tailormade packaging brings flexibility to both medium sized processors and to the large producers of industrial processed meat, fresh pork and cheese. Impressive results The FLOW-VAC system has proved particularly popular with customers in Central Eastern Europe, who appreciate the easiness of the FLOW-VAC system and the strong positive impact on labour cost reduction. Today, all of the key fresh pork processors in the European countries are testing and considering FLOWVAC as the best option to guarantee their fresh pork primal cuts. Aldo Galbusera, Cheese & Processed meat market manager Cryovac Food Packaging EMEA, responsible for the FLOW-VAC system comments, “FLOW-VAC is one of the most successful packaging systems launched

by Cryovac Food Packaging over the last few years. The number of installed lines and the related material sales confirm that the system is increasingly perceived as one of the best options when automation and cost reductions are needed by food processors. After the positive start up in Central East Europe, we are now also selling and installing complete lines in Western Europe.” Modular equipment FLOW-VAC is suitable for both small semi-automated lines and fully automated high speed lines. The system either can be integrated into installed, fully automated packaging lines or used to introduce automation to existing vacuum chamber machines. Investment levels are kept under control thanks to a modular equipment offer. Sealed Air Cryovac and ULMA are selling the FLOW-VAC system in combination with the complete range of the famous Cryovac® vacuum machines. Their huge experience guarantees an effective response to the increasingly demanding packaging needs of the modern food industry by offering a system approach that ensures low total pack costs and high levels of reliability.

Ottobre 2010

The Cryovac® FLOW-VAC® system proves itself as one of Europe’s most modern and accessible packaging systems

TecnAlimentaria Food Industry

123


Design al servizio della corretta informazione Le vaschette della linea Senz’Altro si presentano con una nuova veste per informare il consumatore moderno Oggi i consumatori sono sempre più consapevoli e amano essere informati, perché scegliere la corretta alimentazione è importante, soprattutto per coloro che soffrono delle più diffuse intolleranze alimentari. Per questo lo storico salumificio Franchi, da sempre attento alle mutate esigenze di salute e benessere del consumatore moderno, rinnova con particolare attenzione le vaschette della linea Senz’Altro che garantiscono le seguenti caratteristiche: senza Ogm - senza fonti di glutine - senza l’aggiunta di: caseinati – lattosio - polifosfati glutammato - proteine vegetali. La fascia blu con il marchio e il logo della linea Senz’Altro propone al consumatore anche una breve descrizione del prodotto, le sue caratteristiche, utili suggerimenti d’utilizzo e golosi abbinamenti in cucina, per dare informazioni complete ed esaustive sul prodotto, all’insegna di una sempre maggiore trasparenza, chiarezza e complicità. Il salumificio Francesco Franchi è stato il primo in Italia ad offrire una gamma completa di affettati della tradizione che ha potuto fregiarsi della spiga barrata, il marchio dell’A.I.C. - Associazione Italiana Celiachia.

The design that serves correct information The trays of the Senz’Altro line has now a new design to get modern consumers informed Today consumers are more and more conscious about their diets and want to be informed, because a correct diet is important, especially for the people who suffer from the most common food intolerances. That is why the historic salami factory Franchi, always greatly attentive to health and wellbeing requirements of modern consumers, renews the trays of the Senz’Altro line as to guarantee the following characteristics: no GMO, no gluten ingredients, no casein, lactose, polyphosphates, glutamate and vegetal proteins. The blue ribbon with brand and logo of the Senz’Altro line provide consumers with a short description of the product, its characteristics, useful recommendations and tempting culinary tips, always in the light of transparency, clarity and complicity. Salumificio Francesco Franchi has been the first in Italy to produce a complete range of tradition cold cuts with a crossed ear of wheat, which is the A.I.C. brand, Italian Association of Celiac.


©2010_www.imagination.it

www.cidiesse.com

Bringing to destination, in total safety. Dynamism and flexibility at the service of the Customer, this is the approach adopted by CIDIESSE ENGINEERING, since 1976 designs and realizes systems for the internal handling of loose products in any range.

CIDIESSE ENGINEERING srl 36013 Piovene Rocchette (VI) Italy · Via Dell’Artigianato T +39 0445 550.200 · F +39 0445 550.014 info@cidiesse.com


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

ENTRY LEVEL si…, ma con tanta TECNOLOGIA! KOMPAKT SMALL è la linea Entry Level adatta a confezionare qualsiasi prodotto alla rinfusa come riso, risotti pronti, farine, pasta, biscotti, prodotti da forno, snack, frutta secca e tutti i similari A differenza di molte macchine in commercio, questa nuova linea STANDARD proposta da Techno D racchiude tutte le funzionalità e gli optional disponibili sulle grandi linee di confezionamento. La linea è composta dalla nuova confezionatrice KOMPAKT 2010, corredata di pneumatica SMC con avviamento progressivo, accumulo aria interno e pressostato, PLC Siemens, touch screen a 256 colori da 5,7”, inverter vettoriale per traino film (velocità, accelerazione e decelerazione parametrizzabili da pannello) e dal tubo

formatore creato su misura del cliente. Spalla porta bobina traslante, micro fine film, micro fine foil stampatore, allarme pressostato e tante altre segnalazioni e allarmi completano la parte tecnologica della macchina. La linea viene fornita con il dosatore S1 (pasta, biscotti e similari) o M1 (riso, risotti, farine, spezie e similari) ed è completata dal nastrone di carico con SPONDAFLEX dotato di inverter vettoriale per la variazione della velocità ed inversione di marcia per una facile pulizia, dalla vibrotramoggia di carico da terra e dal nastrino di scarico confezioni. KOMPAK SMALL deve le dimensioni ridotte al dosatore montato direttamente sulla robusta confezionatrice. La qualità costruttiva ed il design made in Italy, fanno di questa macchina, la giusta soluzione ‘per partire...’

Impianto di confezionamento verticale inclinato KOMPAKT SMALL Kompakt Small inclined vertical packaging plant

KOMPAKT SMALL is the entry level packaging line suitable for any bulk products such as rice, flour, pasta, biscuits, baked goods, snacks, dried fruit and similar Respect to the other machines on the market, this new STANDARD line from Techno D contains all functions and options available on the big packaging machines. The line is composed of the new vertical form fill seal machine KOMPAKT 2010, accompanied by SMC Pneumatic, Siemens PLC, 5.7 “ HMI touch screen 256 colour, vectorial inverter for pulling films (speed, acceleration and deceleration parameters) and the forming tube based on customer requirements. Sliding support reel coil film, micro end films, micro end 126

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

ENTRY LEVEL . . . , but how much TECHNOLOGY! foil printer, pressure alarm and many other alerts and alarms complete the technological machine’s part. The line includes the S1 (pasta, biscuits and similars) or M1 (rice, rice, flour, spices and similars) weigher, the load belt conveyor with SPONDAFLEX and vectorial inverter for variable speed and reverse motion for easy cleaning, the vibrating feed hopper and the exit belt. KOMPAK SMALL is the smallest plant thanks to weigher directly mounted on strong structure of the VFFS packaging machine. Construction quality and Italian design make this machine the right solution “to get started …”


M A R K E T I NG & S T R A T E G Y

Professionisti per PASSIONE

PASSIONE

è a sempre, siella d i, r o d a m A Il Gruppo la ricerca costante d i fase distinto per ando il controllo di ogn qualità, attuzione della produ

Amadori è uno dei principali leader del settore agroalimentare italiano, azienda innovativa e punto di riferimento per piatti a base di carne, con un fatturato di oltre 1 miliardo di euro. Fondato a San Vittore di Cesena 40 anni fa, il Gruppo è presente oggi sul territorio nazionale con stabilimenti industriali, filiali e agenzie, contando sulla collaborazione di oltre 6500 lavoratori. Alla base del successo di Amadori c’è la decisione del gruppo di gestire direttamente l’intera filiera integrata. Questa scelta consente un controllo approfondito e certificato di tutte le fasi produttive: selezione delle materie prime, allevamenti, incubatoi, mangimifici, trasformazione, confezionamento e distribuzione. Tradizione e innovazione sono i due elementi che contraddistinguono il gruppo sul mercato: una squadra di professionisti che, con passione ed esperienza, propone soluzioni gastronomiche innovative e lavora per garantire ai consumatori prodotti buoni, freschi e sicuri ogni giorno. Il Gruppo Amadori, da sempre, si è distinto per la ricerca costante della qualità dei propri prodotti, attuando, nel corso del tempo, il controllo di ogni fase della produzione. La filiera integrata è, quindi, uno dei punti di forza dell’azienda che permette di avere sempre un prodotto eccellente. Le fasi della filiera integrata:

130

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

Riproduttori Gli allevamenti dei riproduttori sono situati all’inizio della filiera alimentare del gruppo Amadori. I controlli diretti sullo stato (igienico e sanitario) degli animali sono la regola base per garantire una totale sicurezza fin dall’inizio della catena del ciclo integrato Amadori. L’elevata sicurezza è assicurata dall’alimentazione, in quanto il mangime somministrato agli animali proviene esclusivamente dai mangimifici Amadori ed è composto da grano, mais, soia e sali minerali. Incubatoi La fase di incubazione è particolarmente critica: l’aspetto igienico ha un ruolo di primaria importanza. L’incubazione avviene in un ambiente idoneo ad inibire la nascita di microrganismi. Per lo stesso motivo, il gruppo Amadori ha costruito gli allevamenti in zone “pure”, in collina o in campagna,  lontano da fumi, polveri e possibili fonti di contaminazione di ogni genere. Mangimifici Il gruppo Amadori ha sviluppato una rigida politica di selezione, qualificazione e controllo dei fornitori di materie prime (grano, mais, soia). Sono stati selezionati solo fornitori certificati che possano garantire l’origine, la provenienza, quindi la tracciabilità del lotto di acquisto. Per una precisa scelta etica, l’alimentazione è quindi esclusivamente vegetale. I cereali e la soia utilizzati nell’alimentazione sono OGM-free, ovvero non contengono organismi geneticamente modificati (ancora la scienza non sa dire con certezza quali siano i possibili riflessi sulla salute dell’uomo derivanti dall’utilizzo prolungato di tali sostanze). Non vengono utilizzati antibiotici nell’alimentazione degli


M A R K E T I NG & S T R A T E G Y

animali. Per ogni periodo dell’anno o per ogni età dell’animale, esperti nutrizionisti miscelano grano, mais, soia e sali minerali per diete equilibrate che garantiscano salute e benessere degli animali. Allevamenti Gli allevamenti sono prevalentemente posti su verdi colline. Ognuno di essi costituisce nella filiera uno specifico lotto. Infatti, al fine di poter tracciare tutto il percorso, è possibile risalire all’incubatoio di provenienza e all’allevamento di riproduzione. Tecnici sanitari alimentaristi controllano la salute e il benessere degli animali giorno per giorno. Il benessere dell’animale determina la buona qualità della carne oltre a salvaguardare la nostra salute. Trasformazione Tutti gli stabilimenti di macellazione e trasformazione alimentare da cui provengono i prodotti Amadori sono riconosciuti e autorizzati dal Ministero della Sanità e certificati UN EN ISO 9001. Ogni attività è svolta conformemente a procedure interne certificate. Rigorosi controlli esterni attuati d ai “certificatori” verificano che tali processi siano mantenuti nel tempo. Confezionamento Nella fase di confezionamento, come in tutte le altre fasi del ciclo di trasformazione, viene sempre assicurato il mantenimento della catena del freddo, grazie al costante monitoraggio della Assicurazione Qualità. Queste attenzioni, abbinate a tecnologie di confezionamento che garantiscono la massima igiene e la buona conservazione degli alimenti, permettono di mantenere intatte le caratteristiche di alta qualità e freschezza che contraddistinguono i prodotti Amadori. Distribuzione Amadori presta molta attenzione anche alla distribuzione, per non vanificare gli sforzi di conservazione della freschezza. Infatti la consegna è effettuata sempre in tempi brevi. Nelle forniture dirette al cliente, i prodotti Amadori vengono consegnati normalmente dalle 12 alle 24 ore dopo la macellazione. Nelle forniture alle filiali, ai depositi e alle piattaforme di distribuzione la consegna avviene anche in questo caso normalmente entro le 24 ore. Il Gruppo Amadori è, ancora oggi, contraddistinto dalla presenza nella direzione aziendale della famiglia Amadori, che ha saputo creare e mantenere un legame positivo con le Risorse che vi lavorano.

Per creare una grande azienda negli anni si è sviluppata una solida organizzazione, fondata su persone caratterizzate da specifiche, e sempre più elevate, competenze. L’organizzazione aziendale è formata da collaboratori, non solo cresciuti internamente, ma che provengono anche da altre e diverse esperienze, manager che hanno acquisito professionalità in realtà differenti, nazionali e multinazionali. L’integrazione di nuove conoscenze e culture ha permesso di accrescere ed arricchire il knowhow del Gruppo. Flavio Amadori, Direttore Generale dice “I valori su cui è fondata la nostra azienda costituiscono terreno fertile, anche per lo sviluppo futuro. In Amadori sono oggi presenti e, assolutamente integrati, entrambi gli aspetti: la tradizione e l’innovazione. La prima è riconosciuta dai valori su cui l’azienda è stata fondata e dalle professionalità di coloro che, grazie alla loro esperienza, hanno contribuito alla creazione delle basi su cui oggi poggia il Gruppo. La seconda, invece, è rappresentata da manager e specialisti che contribuiscono a dare la spinta verso lo sviluppo futuro”. In occasione dei mondiali di calcio Amadori ha presentato le birbe mondiali, edizione limitata dei famosi bocconcini di filetti di pollo, in formato snack con salse sudafricane. Le Birbe Mondiali sono pensate per dare una risposta ai nuovi tipi di convivialità: lo scenario dei consumi alimentari degli ultimi anni è cambiato, la abitudini domestiche legate al fuori pasto iniziano a riflettere comportamenti extra domestici. E i mondiali di calcio sono motivo di aggregazione per il 98% degli italiani. “Da sempre Amadori” commenta Elena Aniello, Direttore marketing Strategico, “cerca di interpretare le abitudini e i desideri alimentari dei consumatori, offrendo loro prodotti innovativi e di grande qualità. In questo contesto si inseriscono le Birbe Mondiali, che rispecchiano i trend crescenti di consumo di snack ad alto tasso di gusto e divertimento.” Le Birbe Mondiali fanno parte della linea de “I Fidatissimi”, carne 100% italiana, facile da preparare, creativa e stuzzicante, studiate per le richieste di un consumatore sempre più esigente.

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

131


M A R K E T I NG & S T R A T E G Y

Professionalist for

PASSION

stood out s y a lw a s a h ori Gruppo Amatldy aiming to quality and ny for constan ing direct control over a accomplish stage production

Amadori is one of the major leading companies in the agri-food Italian sector, innovative and reference name of the meat-based meal sector. The group was founded in San Vittore di Cesena some 40 years ago and today it is present all over Italy through its industrial facilities, branches and agencies, and accounts for over 6,500 people employed. The success of Amadori lays on its decision to control directly over the entire integrated chain. This specific choice enables to carry out an accurate control and certify all production stages: selection of raw materials, breeding, incubators, feedstuff factories, processing, packaging and distribution. Tradition and innovation are two elements that characterize the group on the market: a team of professional men who, with passion and experience, proposes innovative gastronomic solutions and works to guarantee consumers good, fresh and safe products, every day. Gruppo Amadori has always stood out thanks to its constant searching for the quality for its products, accomplishing, throughout the years, the direct control of any production stage. The integrated chain is therefore one of the company’s top points of strength which enables to obtain excellent products. The integrated chain consists of the following stages: Breeders Breeders are the first step of the group’s food chain. Controls over the hygienic and sanitary status of the animals are crucial to guarantee full safety right from the beginning of the Amadori integrated cycle. The high level of safety is guaranteed by the fact that feedstuff consists of wheat, maize, soya and mineral salts provided only by the Amadori feedstuff factories. Incubators This stage is crucial since hygiene is a paramount aspect. Incubation is performed in a suitable

132

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

environment to avoid the generation of microorganisms. Likewise, Amadori has built breeding farms in “pure” areas, on the hills or in the countryside, far from smokes, dusts and any possible source of contamination. Feedstuff factories The group Amadori has developed a strict policy of selection, qualification and control of its suppliers of raw materials (wheat, maize and soya). Only certified suppliers are chosen because they can guarantee the origin, provenance and in one word, the traceability of the batch. Upon precise ethical decision, feeding is exclusively vegetable, and cereals and soya are GMPfree (the scientific world cannot say what possible drawbacks on our health the genetically engineered food might have on the long run). Moreover, no antibiotics in feedstuff. For any season and age of the animal, nutrition experts mix wheat, maize, soya and mineral salts as to make well-balanced diets for overall health and wellbeing of the animals. Farming Farms are located mainly on green hills and each of which represents a specific batch within the chain. In fact, in order to trace all the path back, it is possible to go back to the incubators of origin and breeding factory. Sanitary and nutrition technicians check the health and wellbeing of the animals on a day-to-day basis since their wellbeing is fundamental to have good-quality meat and safeguard our own health. Processing All slaughtering and processing factories from which Amadori products come from are authorized by the Ministry of Health and are UNI EN ISO 9001 certified. Any activity is performed as per internal certified procedure, while rigorous outside controls are carried out by “certifiers” who have to check that all processes are maintained in time.


M A R K E T I NG & S T R A T E G Y

Packaging In the packaging stage, like in any other processing stage, the cool chain is assured thanks to the constant control over the quality guarantee. This attention combined with packaging technologies aiming at utmost hygiene and good food preservation, enables to keep high quality and freshness unaltered. Distribution Not to thwart the efforts made to preserve freshness, Amadori pays much attention to distribution as well. That is why delivery is made in very short time. Direct deliveries to clients are made in 12 to 24 hours after the slaughtering. On the other hand, delivery to branches, storehouses and distribution platforms is within 24 hours. Gruppo Amadori is run by the family Amadori, which has been able to create and preserve a positive bond with its employees. To create a great company a sound organization has been developed, founded by people characterized by specific and ever-improving knowledge. Company organization consists of not only cooperators who have grown inside the company but also people from other realities, national and multinational, bringing about their own expertise and professionalism. Thereby, the integration of new knowledge and cultures has enabled the group to grown itself and enrich its knowhow at the same time. Amadori’s managing director, Flavio Amadori says “The

basic values of our company are fertile soil for further development. Today Amadori wraps together both tradition and innovation. The first is represented by the values of both the company and the professionalism of those who thanks to their experience have contributed to creating the basis of today’s group. The second is represented by the company’s managers and experts who contribute to giving the company the impulse toward future development.” On occasion of the football world cup, Amadori has introduced its “birbe mondiali” (world birbe), in limited edition: the famous breaded chicken nudgets, in the snack format accompanied with South African sauces. Birbe Mondiali are thought especially for the new modern kind of conviviality: in fact, the scenario of food consumption has been changed in the past few years. The football world cup is certainly a moment of aggregation for about 98% of Italians. Elena Aniello, Amadori Strategic marketing manager, says “Amadori has always tried to understand the consumers’ food uses and wishes, offering them innovative and high-quality products. Birbe Mondiali meet the growing request of highly tasty and funny snacks.” Birbe Mondiali are part of the “I Fidatissimi” line, 100% Italian meat, easy to cook, creative and appetizing, studied to comply the requests of an ever-demanding consumer.”

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

133


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Sistema di registrazione innovativo, compatto ed economico Da Econorma, il nuovo miniregistratore di temperatura e umidità relativa FT-90/USB% From Econorma, the new temperature and relative humidity mini-reader FT90/USB%

Innovative, compact and inexpensive recording system

Il mini-registratore serie FT-90/USB è un dispositivo con notevole memoria di registrazione ed è particolarmente indicato in applicazioni nella industria alimentare (HACCP), pastorizzazione, farmaceutica, trasporti frigoriferi, agricoltura, ecologia, termotecnica, laboratori di ricerca e metrologia, musei, ecc. Questo logger ha delle caratteristiche tecniche interessanti ed innovative. In particolare la possibilità di programmarlo con un campionamento Trigger. In questa opzione il numero delle registrazioni, in caso di superamento di una soglia di allarme di minima o di massima, viene aumentato in automatico secondo gli intervalli decisi dall’utente. In questa modalità si può seguire un fenomeno in maniera dettagliata. Il registratore FT-90/USB ha un numero di matricola univoco e non cancellabile inserito nel microprocessore. Ha la possibilità di memorizzare complessivamente 245.000 letture. La memorizzazione dei dati può essere selezionata come tipo circolare (i dati più vecchi vengono sovrascritti) oppure stop a memoria satura. In questo ultimo caso non vengono più salvate altre letture ed il sistema si ferma.

The mini-recorder Series FT-90/USB offers remarkable memory capacity and is especially recommended to the food applications (HACCP), pasteurization applications, in pharmaceutics, cooling transports, agriculture, environmental, thermotechnics, research and metrology workshops, museums, and more. This logger features interesting and innovative technical characteristics. In detail, it is possible to programme it by means of a Trigger sampling. Thanks to this option, when the alarm threshold is exceeded, the number of recordings is automatically increased upon the intervals previously set by the user. Each phenomenon is therefore followed accurately down to the finest details. The FT-90/USB has a univocal and indelible serial number housed in the microprocessor. It can store 245,000 readings. The data storing can be selected as circular (old data are rewritten) or stop, when the memory is full. In the latter case, further reading is not stored and the system stops.

ECONORMA S.a.s. Sistemi Wireless

FT-105/RF

Sistemi di monitoraggio e telecontrollo della

TEMPERATURA UMIDITA’ RELATIVA %

FT-1000/GPS

SEGNALI DI PROCESSO

PREZZI COMPETITIVI !!

Celle frigorifere, Trasporti refrigerati, Termostati, congelatori, depositi, forni, Centraline analisi, microclima, ecc.

ECONORMA S.a.s. 31020 SAN VENDEMIANO - TV Via Olivera 52 Tel. 0438.409049 Fax 0438.409036 info@econorma.com www.econorma.com

Allarmi SMS o E-Mail di superamento soglie, anche ritardati. Offset di calibrazione e descrizione per ogni modulo radio. E’ disponibile un Software di sviluppo grafico con stampa, “FT-Graph-2”, che elabora i dati registrati dai logger.


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Lame e Mortadella I titolari della Righi Inox sono fieri di produrre lame adatte per rifornire diversi salumifici locali che esportano poi la mortadella in tutto il mondo Una fetta di mortadella: un’insieme di sensazioni piacevoli che mandano in estasi il palato. Crediamo che non esista un italiano che non abbia mai mangiato un panino imbottito con della profumatissima mortadella. Abbiamo tutti negli occhi l’immagine del salumiere con la penna appoggiata sull’orecchio intento a tagliare nell’affettatrice quell’enorme cilindro roseo per poi raccoglierne la fetta. Ebbene questo è solo l’ultimo passaggio attraverso una lama prima che la mortadella sia assaporata dal fortunato acquirente. La mortadella, come tutte le altre carni lavorate, prima di arrivare sul banco del nostro salumiere subisce numerosi processi

136

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

di lavorazione che comportano necessariamente l’impiego di lame. Nella provincia bolognese, da secoli, la mortadella è quasi una istituzione, infatti non è per caso che in giro per l’Italia, e forse nel mondo, il prodotto è spesso esposto e venduto come “Bologna”. E come i bolognesi sono orgogliosi di questo prodotto, anche i titolari della Righi Inox, azienda produttrice di lame industriali, sono fieri di produrre lame adatte per rifornire diversi salumifici locali che esportano poi la mortadella in tutto il mondo. La Righi Inox, come la mortadella, è ormai una realtà storica per il territorio: certamente meno conosciuta del prelibato salume, ma non per questo meno importante. Questa azienda è da anni ben inserita nella società bolognese e il suo fondatore, Alberto Righi, bolognese DOC, è partito da una piccola officina dentro le mura della città proprio sulla via Emilia, in quella che ora è la via San Felice. Certo, era il 1929, il secolo scorso, e le necessità erano molto diverse. Il signor Righi era impegnato a produrre soprattutto coltelli da cucina e le lame erano costruite su richiesta per i piccoli artigiani della città. Non lo poteva sapere, ma questa sarebbe stata poi la strada che ancora oggi segue la Righi Inox che, abbandonata la produzione di coltelleria negli anni ‘90, si è dedicata esclusivamente alla fabbricazione di lame industriali sia in serie sia su progettazione dedicata. Naturalmente lo sviluppo intrapreso ha richiesto un ampliamento delle strutture e il loro trasferimento al di fuori della città storica, infatti oggi la Righi Inox può contare su due moderni impianti a San Giorgio di Piano, comunque sempre a pochi chilometri dalla vecchia Bologna.


M A C H I N E R Y & D E V E L O PM E N T

A slice of Mortadella: a combination of pleasant sensations that fill the palate with delight. We’re sure there’s not one Italian person who has never eaten a sandwich filled with the amazingly scented Mortadella. We can all imagine the pork butcher with a pen behind his ear concentrated on cutting that enormous pinkish roll of meat on the slicing machine and then picking up the slice. Well then, this is just the last step through a blade before Mortadella is enjoyed by the lucky customer. Mortadella, just like all other processed meat, goes through many processes before it reaches our butcher’s counter and these processes have to use blades. For centuries, in the province of Bologna, Mortadella is almost an institution and it’s indeed not by mere chance that the product is often sold as “Bologna” across Italy and maybe around the world. People from Bologna are proud of this product and so are the owners of Righi Inox, producers of industrial blades, who are indeed proud to produce blades suitable for supplying many local cold meat butchers who then export Mortadella worldwide. Righi Inox, just like Mortadella, is by now a local historic reality: definitely less famous than the delicious cold meat, but not for this reason is it less important. This company has been working actively in the area of Bologna for years and its founder, Alberto Righi, a true man from Bologna, commenced in a small workshop within the walls of the city right on the Via Emilia main road, in what is now the Via San Felice road. It was obviously last century, 1929, and needs were much different then.

Blades and Mortadella

The owners of Righi Inox are proud to produce blades suitable for supplying many local cold meat butchers who then export Mortadella worldwide

Mr. Righi was busy producing kitchen knives above all and blades were just made on request for small local businesses. He was not to know then, but this was the road that Righi Inox was still to follow today, having abandoned the production of cutlery knives in 1990 to focus exclusively on the production of industrial blades, both standard and customised. Developments undertaken naturally required the expansion of the facilities and their transfer outside the old city centre; Righi Inox does indeed currently avail of two modern factories in San Giorgio di Piano, which is still however just outside old Bologna.


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Prodotti innovativi di qualità La qualità e l’affidabilità dei prodotti Soren è dettata dal costante aggiornamento nella tecnologia e all'incessante attenzione verso il prodotto

La Soren nasce negli anni ‘50 come società di rappresentanza di macchine e apparecchiature per l’industria alimentare. A partire dal 1968 sviluppa una propria attività di progettazione e fornitura di impianti completi e di produzione di macchine singole. Oggi ha acquisito esperienza e prestigio grazie alla tenacia di oltre 40 anni di lavoro a fianco delle più importanti aziende alimentari italiane e straniere. La qualità e l’affidabilità dei prodotti Soren è dettata dal costante aggiornamento nella tecnologia e alla incessante attenzione verso il prodotto. La produzione si rivolge al processo produttivo nell’industria alimentare, dal dosaggio degli ingredienti al prodotto finito. Soren progetta e costruisce con semplicità e rigore svariate tipologie di prodotti per la produzione di alimenti con diversi range di viscosità; le tecnologie di applicazione infatti sono molteplici: salse e sughi, sponge e creme, gelato e semifreddi, margarina e plastificati, bevande sterili e prodotti viscosi. Gli impianti e le singole macchine sono progettate per soddisfare le singole esigenze del cliente, dando assistenza in ambito di progettazione, costruzione, installazione e automazione. La gamma di prodotti permette: - la preparazione in serbatoi, dotati di intercapedine per il passaggio di fluidi di servizio, agitatori ed eventualmente impeller per la dispersione di prodotti insolubili o l’emulsione di grassi e oli

- il processo termico di pastorizzazione o sterilizzazione e raffreddamento o congelamento in scambiatori di calore a superficie raschiata, capaci di trattare prodotti ad elevata viscosità, contenenti parti solide o tendenti a depositarsi sulle superfici di scambio - produzione di gelato con freezer continui, per la produzione di diverse tipologie di gelato - movimentazione del prodotto con pompe volumetriche rotative, che assicurano il trasferimento di prodotti molto viscosi e con parti solide in sospensione - sistemi CIP, per la pulizia e disinfezione degli impianti con un sistema chiuso, in grado eliminare i residui organici e la maggior parte dei microrganismi. A disposizione dei clienti c’è anche un laboratorio attrezzato con macchine e impianti pilota, per prove su scala ridotta di vari processi e prodotti. Grazie all’esperienza pluriennale in impianti e all’expertise dei clienti, Soren dà la possibilità di realizzare prodotti innovativi e di qualità.

Innovative quality products

The quality and reliability of Soren products is due to constant technological updating and unstoppable attention to the product

138

Soren was established in the 50s as an agent for equipment and machines for the food industry. Starting from 1968, it has developed its own activity of design and manufacturing and supplying of complete plants as well as single machinery. Over 40 years of close cooperation with important Italian and foreign food companies have honed the company’s experience and increased its success on the market. The quality and reliability of Soren products is due to constant technological updating and unstoppable attention to the product. The company’s production is addressed to the production process of the food industry, from ingredient dosing up to finished products. Soren designs and manufactures, simply but thoroughly, different kinds of production machines for greatly different viscous products; the application technologies involved are various and diversified, such as: sauces and juices, sponge and creams, ice-creams and semifreddi, margarine and fats, sterilized drinks, and viscous products.

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

Both plants and single machines are designed as to meet the customer’s single requirements, providing advice during the design, manufacture, installation and automation stages. The product range enables the following: Tank processing, equipped with air space as to let service fluids pass, agitators and possible impellers for the dispersion of insoluble products or fat, and oil emulsion Pasteurizing or sterilizing thermal process, cooling, deepfreezing in scraped surface heat exchangers able to treat high-viscous products with solids or tending to lay on exchange surface. Ice-cream production with continuous freezers, to produce different kinds of ice-cream Product handling through rotary volumetric pumps which assure the transfer of highly viscous products and products with solids in suspension CIP systems to clean and disinfect the plants with a close system as to eliminate organic remains and most part of microorganisms. Soren laboratory is equipped with pilot machines and plants for various process and product scale tests, and it is at the company’s customers’ disposal. Thanks to the extensive experience shaped in plants design and manufacture, together with the Soren customers’ expertise, the company can realize innovative and quality products.


Scraped

surface heat exchangers

For heating, pasteurizing, sterilizing. For cooling, crystallizing, freezing. Designed and manufactured with the materials suitable to the different products, processes and CIP procedures. Typical applications are for processing Filling creams, ice cream mix, sauces, gravies, baby food, soup, tomato juice, ketchup, margarine, shortenings, processed cheese, ricotta cheese, tomato sauce and paste, ice cream and frozen yogurt.

Models HD and XHD

Soren srl - Via Pacinotti, 29 – 20094 Corsico (MI) Italy Telefono +39 02 45177.1- Fax +39 02 45177.340 soren@soren.it - www.soren.it

Equipment and Food Technologies


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Le radici della leadership Un rapporto di collaborazione fattivo e umano con il cliente La Mingazzini Srl fin dalle sue origini, nel 1929, si è dedicata alla produzione di generatori sempre più potenti, fino alle odierne centrali termiche, per produzioni industriali su larga scala. Nello stabilimento di Parma la Mingazzini Srl produce generatori di vapore saturo e surriscaldato, acqua surriscaldata, acqua calda e calore studiati nei minimi dettagli e progettati su misura per le specifiche esigenze industriali: dalle singole unità alle più complete centrali termiche fornite chiavi in mano. I generatori di vapore Mingazzini della serie PB coprono potenzialità da 2000 a 25000 kg/h. Per le potenzialità più elevate è previsto di serie focolare ondulato Fox (a richiesta anche per le altre potenzialità). I generatori della serie PVR, ad inversione di fiamma, coprono potenzialità da 350 a 5000 kg/h.

Le caratteristiche tecniche principali comprendono: • tre giri di fumo per il raggiungimento di alti rendimenti, • fondo bagnato senza alcun refrattario per eliminare i costi di manutenzione, le perdite di calore per irraggiamento ed il surriscaldamento della piastra tubiera posteriore, • focolare di grande diametro per garantire un elevato rendimento nel rispetto dei livelli di emissioni in atmosfera, • piastre sbordate con assenza di saldature ad angolo, per assorbire uniformemente le dilatazioni del corpo e del fascio tubiero fungendo da veri e propri compensatori, evitando i rischi di “rottura” tipici delle piastre piane saldate ad angolo, • massima accessibilità e manutenibilità a mezzo di sportelli incernierati sia sulla camera a fumo anteriore che su quella posteriore per totale e immediata accessibilità ai tubi da fumo ed alle piastre tubiere (per pulizia, manutenzione e ispezionabilità da parte delle Autorità incaricate delle verifiche periodiche). La Mingazzini Srl produce inoltre generatori d’acqua surriscaldata con potenzialità fino a 14 MW e caldaie a recupero dei fumi a valle degli impianti di cogenerazione o di processo. Per la Mingazzini Srl il valore per il cliente non si limita alla massima qualità del prodotto fornito, ma deve anche necessariamente includere un elevato livello di servizio pre e post vendita, con la creazione di un rapporto di collaborazione fattivo e umano con il cliente.

The roots of the leadership A proactive and one-to-one cooperation relationship with the customer

140

Since its origin in 1929, Mingazzini Srl has always been dedicated to the manufacturing of more and more powerful boilers, up to the realization of thermal plants for industrial productions on a wide scale. In the plant located in Parma Mingazzini Srl produces steam (saturated and superheated) boilers, hot and superheated water boilers and heat generators studied in the minimum details and designed on the measure for the specific needs of industrials: from single units to key-in-your-hands boiler rooms. Mingazzini steam boilers PB series cover ratings from 2000 to 25000 kg/h. For the highest ratings, the boiler comes with a Fox corrugated firetube as a standard (on request for the other ratings). PVR series boilers, reverse flame design, cover ratings from 350 to 5000 kg/h. Main technical features include: • three pass to reach high efficiency; • wet back with reversal chamber totally immersed in water to widen the surface directly exposed to the flame and no refractory material to cut off maintenance costs, the loss of heat through radiation and the overheating of the rear tube plate; • firetube with big diameter, to enhance the efficiency,

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

always observing the most severe environmental standards for flue exhausts; • tube plates with rounded edges to uniformly absorb the expansion of the main body and the tube nest, functioning as real compensators, avoiding the risks of “breakage” typical of corner welded flat plates; • maximum accessibility and maintainability through hinged doors both in the front smoke chamber and the rear one for total and immediate accessibility to the smoke tubes and the tube plates (for cleaning, maintenance and ease of inspection on the part of the Authorities entrusted with periodic inspections). Furthermore, Mingazzini Srl manufactures superheated water boilers with ratings up to 14 MW and heat recovery boilers to be installed downstream cogeneration and process plants. According to Mingazzini Srl attitude, “value for the customer” means not only maximum quality of the supplied equipment, but also a high level of “before and after sale service”, thus creating a proactive and one-to-one cooperation relationship with the customer.


Š www. corradofrignani.com

MINGAZZINI s.r.l.

Via Egidio Pini, 29/A - 43126 Parma - ITALY - Tel. +39 0521 1880611 - +39 0521 983641 - Fax +39 0521 293547 www.mingazzini.it - email: info@mingazzini.it


SKG COOLING TOWER

WITH LOW POWER CONSUMPTION ilmed Group è capace di produrre idee, soluzioni, prodotti e servizi attraverso un sistema di sviluppo completo e integrato, dall’analisi di fattibilità alla realizzazione di progetti specifici. Il gruppo è composto da 6 aziende che lavorano assieme nel settore industriale (sistemi di raffreddamento ad acqua e sistemi di ventilazione) e nel settore dei servizi (settore logistico e immobiliare). All’interno del gruppo le competenze del personale specializzato in progettazione e logistica sono integrate con l’applicazione di tecnologie e materiali che permettono l’ottimizzazione del prodotto e del servizio finale, come da richiesta del cliente. In un mercato che premia i fornitori che offrono un servizio globale, ilmed Group è un partner capace di seguire ogni fase del progetto di sviluppo e di garantire risultati con qualità certificata.

The Ilmed Group is capable of producing ideas, solutions, products and services through a complete and integrated development system, from the feasibility analysis to the realization of a specific project. The group is made of 6 companies which work in the industrial sector (water cooling systems and ventilation systems) and in the services sector (logistics and real estate). Within the group the competences of personnel specialized in designing and logistics are integrated in the application of technologies and materials which enable the optimization of the final product and service, according to the customer needs. In a market which awards the suppliers which are able to offer a global service, the ilmed group is a partner which is able to follow each part of the project development and to guarantee results with certified quality.

Viale dei Mareschi, 15 10051 – Avigliana (TO) Tel. +39 011 9325 555 Fax +39 011 9325 500 e-mail: info@ilmed.it


M A R K E T I NG & S T R A T E G Y

Uniti si vince! United we stand! L’elegantissima imbarcazione di colore blu con il suo imponente albero e l’enorme vela bianca ha appena tagliato il traguardo: l’equipaggio esulta! Ha preceduto di una sola lunghezza l’avversaria in una competizione mozzafiato. Una sola lunghezza… significa una manciata di secondi, ma proprio pochi. Per ottenere quel risultato una squadra di uomini ben preparati ha svolto un lavoro che risale nel tempo fin dal momento in cui un progettista ha iniziato a disegnare lo scafo e poi ha scelto tutti i componenti della barca. Contemporaneamente veniva a formarsi l’equipaggio che dopo un lungo addestramento era pronto e conosceva così a fondo i minimi dettagli della barca da riuscire a vincere… di una sola lunghezza. Occorrono competenza e sensibilità per raggiungere questo obiettivo. Un timoniere dalle dita sensibili in grado di sentire la sua imbarcazione e guidare agevolmente un giocattolino pesante qualche tonnellata nel vento e tra le onde circondato e supportato dai suoi fedeli specialisti. Uno che sa riconoscere un’increspatura e ti suggerisce dove andare a trovare il vento, uno che sembra accarezzarla e fa assumere alla vela quella curvatura lassù, un altro che come un fulmine sostituisce la vela di prua con un coloratissimo pallone che si gonfia e fa sembrare la barca blu una “rossa” a Maranello. Piccolissime manovre che fatte con perizia e al momento giusto portano al successo, il successo di tutta la squadra insieme, anche quella che è rimasta a terra. Questo quadretto suggestivo si ripete in ogni sport in occasione di ogni successo. E’ sempre la squadra a vincere. Dove contano differenze di un millimetro o un millesimo di secondo è l’insieme di diverse competenze magistralmente orchestrate a portare al risultato desiderato. Ci fa pensare che le cose vadano così anche nel mondo dell’industria, quella in cui si producono i beni che giungono sulla nostra tavola, ma anche i farmaci, i cosmetici, le automobili, gli elettrodomestici. Non c’è ormai più un solo settore dove la qualità non sia elemento indispensabile per garantire lunga vita a un prodotto, a un marchio, a un’azienda. Questi risultati si ottengono esattamente nello stesso modo in cui la nostra bella barca blu ha vinto la sua competizione. 144

Ottobre 2010

The very elegant blue boat with its majestic shaft and huge white sail, has just crossed the finishing line: its team is jubilant! After a breathtaking race it has thrown its rival off by a length. By a length…means just a few seconds, very few. To obtain this result a team of well-trained men has worked hard since the engineer started designing the hull and selecting all equipment for the boat. At the same time, a team was being selected and after long training it was ready and knowing the boat down to the finest details to win … by only a length. Expertise and sensibility are required to hit this target. A helmsman with sensible fingers can feel his boat and take easily a few tons’ little toy through the wind and waves, surrounded and supported by his loyal experts. A man able to recognize sea ripples suggests where the wind blows, a man who seems to be caressing the ripple has the sail curved up there, another man promptly replaces the stem sail with a coloured balloon that swelling makes the blue boat resemble the Maranello “red” car. Accurate and timely minute manoeuvres that lead to success, the success of the team in its entirety, also of those men left ashore. This picturesque scenario keeps happening in every sport at every success. The team is always the winner. Where a millimetre or one thousandth of a second count, it is just diverse expertise masterly organized that drives to the long-desired result. We may believe that things like these also happen in the world of industry, where the convenience goods laying on our table are produced, as well as medicines, cosmetics, cars and household appliances. In all sectors, quality is a crucial element to guarantee products, brands and companies long life. These results can be obtained the very same way our nice blue boat has won the race. We start from a distant moment, with long and accurate research activity for the best project possible. Then, competition begins. To be competitive means putting on the market an excellent product complying with the market rules, which on the

TecnAlimentaria Food Industry


M A R K E T I NG & S T R A T E G Y

Questi risultati si ottengono esattamente nello stesso modo in cui la nostra bella barca blu ha vinto la sua competizione. Si parte da lontano, con una lunga e attenta fase di ricerca che porta al miglior progetto possibile. Poi la competizione ha inizio. Essere competitivi significa portare al mercato un prodotto eccellente, ma conforme alle regole stesse del mercato che, ad esempio, determina il prezzo. Come si fa allora ad assicurare un sempre maggior livello qualitativo conservando comunque il giusto margine di guadagno? Diciamo subito che per quanto riguarda l’acquisto delle materie prime e dei prodotti che concorrono al processo produttivo tutto quanto era possibile nei confronti dei fornitori è stato fatto già da tempo: si deve porre l’attenzione altrove e, più precisamente, sull’efficienza lungo la linea di produzione. Bisogna spendere meno per produrre. Un buon modo per risparmiare, per esempio, consiste nel ridurre gli scarti, gli errori di produzione, i fermi macchina non programmati. Un buon modo per ridurre gli scarti, per esempio, è accorgersi tempestivamente di una anomalia nel funzionamento dell’impianto. La confluenza sul campo della produzione industriale di competenze che hanno avuto origine in diversi settori del sapere tecnologico rende oggi possibile migliorare l’efficienza dei processi produttivi. Tutto ha inizio dalla conoscenza dei propri processi produttivi, dal loro comportamento nel tempo. Solo conoscendo i punti deboli di un

L’analogia con il concetto di squadra tipico del mondo dello sport sottolinea l’importanza che assume oggi l’interdisciplinarità nel campo dell’automazione industriale processo si possono determinare le aree di miglioramento e adottare così le misure necessarie a far si che produttività e rese raggiungano i livelli standard tipici di ciascun settore produttivo. L’informatica è scesa in campo e ha assunto nel tempo un ruolo sempre più determinante al fianco dell’automazione per trasformare macchine, magari anche complesse, ma prive di coordinamento in un insieme armonico e magistralmente orchestrato in grado di portarci al traguardo del successo. Oggi un sistema informatico per il controllo della produzione ben strutturato è capace di fornire informazioni in tempo reale preziose per conoscere, controllare e migliorare efficienza e produttività. Il ruolo dell’interdisciplinarità è fondamentale in queste applicazioni. E’ infatti essenziale che la raccolta dei dati di funzionamento dell’impianto avvenga nel modo più automatico possibile: l’attendibilità di un dato è tanto maggiore quanto più risulta indipendente dalla volontà di un operatore. Il sistema sa quando rilevare l’informazione che gli serve e lo fa in modo automatico per mezzo di sonde collegate al sistema centrale attraverso la rete di controllo dell’impianto. I dati raccolti in questo modo sono in grado di fornire ai responsabili e ai singoli operatori informazioni preziose attraverso il calcolo di indici prestazionali come l’OEE (Overall Equipment Effectiveness). L’evidenziazione in forma grafica

other hand determine its price. How can we assure an increasingly better qualitative level and have also a fair margin of profit? As regards the purchase of raw materials and products that contribute to the production process, anything possible towards suppliers was already done long ago: we need to turn our attention somewhere else, and precisely to efficiency throughout the production line. To produce we need to spend less. A good way to save money is, for instance, reducing wastes, production errors, non-programmed downtimes. A good way to reduce wastes is, for instance, promptly understanding any anomaly in the plant working. Technological expertise gained in different industrial production areas and today converging makes it possible to improve the efficiency of production processes. All begun with the knowledge of one’s production processes and their attitude in time. Only by knowing the weakest points of a process, it is possible to determine the areas that can be improved and then adopt the opportune measures as to raise throughput and yield up to the standard levels typical of each production sector. Information technology has taken action and gradually grown increasingly fundamental at the side of automation, to transform machines, even complex machines but lacking of any finely and masterly organized coordination as to drive us to success. Today, a well-organized production control software system can provide information in real time, precious information to know, control and improve efficiency and throughput. The role of interdisciplinarity is crucial in these applications. Operation data-gathering needs to be as automatic as possible: the more operator-free the data is, the more reliable. The system knows when to access the information it needs and operates automatically by means of some probes connected with the central system through the plant control network. The data collected this way can provide important Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

145


M A R K E T I NG & S T R A T E G Y

The analogy to the idea of team typical of the world of sports underlines the importance of interdisciplinarity in industrial automation field

146

dello scostamento dell’OEE dalla curva normale: provoca normalmente nel personale addetto all’impianto una reazione naturale volta a contrastare e compensare le deviazioni. Il completamento dei dati quantitativi con riferimenti di tipo qualitativo e l’interpretazione delle schede qualità così composte permette quindi un’approfondita analisi a posteriori che consente di modificare, dove necessario, il processo in modo da eliminare potenzialmente le cause di errore. L’introduzione in aziende di produzione del settore alimentare, come, per esempio, il settore della lavorazione della carne, dei prosciuttifici e dei salumifici, di sistemi fortemente automatizzati e corredati di un software di controllo della produzione pervasivo, ha permesso di recuperare marginalità. In questi impianti è possibile conoscere nel dettaglio tutto quello che è successo in relazione a un singolo lancio di produzione: le quantità prodotte, il costo effettivo dovuto alle materie prime, ai prodotti sussidiari e a tutte le risorse impiegate, dall’energia alle risorse umane. Viene registrato il lotto di provenienza di ogni singolo componente della produzione e, naturalmente, viene registrata la destinazione di tutte le unità prodotte in modo da poter facilmente risalire la catena logistica in caso di necessità per un richiamo. Viene tenuta traccia di tutti i parametri di funzionamento dell’impianto attraverso schede qualità che permettono di certificare la produzione secondo le norme e i protocolli adottati. Vengono registrati tutti gli eventi anomali, fermi macchina programmati o imprevisti, la loro durata, la diagnosi, gli interventi eseguiti. Con tutto questo patrimonio di informazioni si può determinare lo stato di salute di un impianto produttivo, si possono effettuare tutte quelle piccole correzioni che contribuiscono ad approssimare sempre più la curva ideale del rendimento. Automazione e informatica applicata alla produzione devono lavorare a stretto contatto per fornire all’imprenditore i mezzi adeguati a competere in un mercato che per svariati motivi che vanno dalla crisi economica generale alla competizione di nuovi attori stranieri, risulta sempre più difficile. Per vincere si deve disporre di tutte le risorse e al loro massimo livello. A che gioverebbe avere Il miglior timoniere del mondo se, privo delle preziose informazioni dei suoi compagni di equipaggio, navigasse lontano dalla rotta che porta più efficacemente al traguardo?

information through performance index, such as OEE (Overall Equipment Effectiveness) Index. The displayed graphics of the variances of OEE from normal curve stirs the technicians a normal reaction addressed to contrast and compensate the deviations. The completion of quantity data with some quality reference and the reading of quality charts this way elaborated, enables to make an in-depth analysis in retrospect to modify, where necessary, the process in such a way as to eliminate potential causes of errors. The introduction of highly automated systems equipped with pervasive production control software in the food sector, such as meat processing, ham and salami factories, has enabled to gain more marginality. It is possible to know everything about every single production batch of these plants: amounts produced, the real cost due to raw materials, subsidiary products and all resources employed, from power to manpower. Provenance batch of any single production component and, of course, destination of all units produced are recorded as to easily trace back the logistics chain in case of withdrawal. All operation functioning parameters of the plant are stored in quality charts, which enable to certify the production according to the norms and adopted protocols. All unusual events, programmed and unexpected downtimes and their length, diagnosis and all the interventions performed, are recorded. With all this wealth of information you can check the status of a production plant, and you can also operate all the small corrections that contributes to roughly calculate the ideal yield curve. Automation and applied information technology have to work closely together as to provide entrepreneurs with effective tools to compete on a market which, for various reasons ranging from general economic crisis to the new foreign players’ competitiveness, has turned out to be increasingly difficult. To win we need to have all resources at their utmost level at hand. What would the best helmsman of the world be for if, without the precious information given by his teammates, he would sail far from the route leading to the finishing line most effectively?

Note Biografiche

Biography

L’autore, Marco Arienti, dopo gli studi di ingegneria elettronica ha svolto per diversi anni l’attività di consulente informatico per approdare successivamente al marketing e alla comunicazione. Al termine di una lunga esperienza in primarie aziende di hardware, software e servizi, è attualmente alla guida commerciale di Pulsar Industry, azienda di automazione industriale e informatica di produzione e logistica. Musicista per passione e grande appassionato di mare e, sopratutto di barche a vela.

After electronic engineering studies, the author Marco Arienti worked as a software consultant for several years before approaching marketing and communication. Concluding his long experience in foremost hardware, software and services companies, today he manages the commercial department at Pulsar Industry, company specializing in industrial automation, production software and logistics. He is musician for love and very keen of sea and sailing boats, in particular.

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Valvole a tenuta dinamica “ATS” per l’industria alimentare “ATS” dynamic sealing system valves for food industry

148

Pohling dà particolare importanza all’elemento di tenuta dinamico, il vero “motore” della valvola

Pohling always gives particular attention to the dynamic sealing element, the valve “drive”

Grazie all’elemento di tenuta appositamente studiato e sottoposto a continue innovazioni rese possibili da 36 anni di esperienza costruttiva, le valvole a tenuta dinamica ATS trovano sempre maggiore impiego nell’industria alimentare. Le caratteristiche sono l’elevata durata, la facilità di pulizia e la tenuta stagna anche in presenza di fluidi contenenti corpi solidi. Grazie alla sezione di passaggio completamente libera, la perdita di carico è minima. Nel passaggio non si trovano zone a contatto prodotto che verrebbero escluse da un lavaggio CIP. Il variare della superficie tra valvola aperta e chiusa non permette la creazioni di incrostazioni sull’elemento di tenuta. Una diversa configurazione del comando della valvola permette di ottenere una valvola: - on/off - modulante - sovrapressione Da sempre l’azienda Pohling dà particolare importanza all’elemento di tenuta dinamico, il vero “motore” della valvola. 36 anni di esperienza pratica hanno permesso di sviluppare ben 14 qualità di tenute dinamiche per l’intercettazione del prodotto. Anche piccoli particolari contraddistinguono l’affidabilità e la durata di una valvola ATS. Pohling non ha mai optato per soluzioni costruttive economiche, che spesso sono a discapito della facilità di pulizia e della durata della vita stessa della valvola, ma ha sempre scelto la soluzione migliore. Tutte le parti di fissaggio sono ottimizzate per non interferire con la tenuta dinamica in fase di lavoro laddove non è necessario. Pohling segue la valvola ATS dalla progettazione al collaudo finale e per questo sviluppa anche soluzioni studiate con i clienti. E i suoi clienti le danno ragione.

Thanks to the sealing element specially formulated and submitted to non-stop innovations made possible by a 36 years of experience, ATS dynamic sealing system valves are more and more used in the food industry. The characteristics are long lasting life, easy to clean and the watertightness even in presence of fluids containing solid bodies. Thanks to the full free passage, there are minimum losses of charge. In the passage there are no areas at product contact that would be excluded by a CIP washing. The changes in the surface of the opened and closed valve do not allow encrustations on the sealing element. A different controller configuration allows to have a valve: - on/off - modulating - pressure relief Pohling always gives particular attention to the dynamic sealing element, the valve “drive”. 36 years of experience have allowed the company to develop 14 different qualities of dynamic sealing elements for the product interception. Also little detail are important for the reliability and life span of an ATS valve. Poling has never chosen any economical manufacturing solutions that often are to the detriment of the easy cleaning and the valve life span. It has always searched for the best solution. All fixing parts are well made in order to avoid the interference with the dynamic sealing during working. Pohling follows every step, from the planning to the test drive. For this reason it can also develop different solutions with its customers. And they prove it right!

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry


Panta rei (Eraclito)

Tutto scorre....

Cer 339.2948323

valvole a tenuta dinamica ATS per l’industria alimentare Grazie a una sezione di passaggio completamente libera,

VALVOLA APERTA

che consente il transito senza ostacoli dei vostri prodotti e, con la tenuta dinamica che garantisce la chiusura stagna anche in presenza di corpi estranei come pezzi di frutta e verdura, semi, bucce, le valvole Pohling ATS sono particolarmente adatte all’utilizzo nel settore alimentare.

VALVOLA CHIUSA La pressione dell’aria chiude la valvola

Pohling Srl

• Via Manzoni, 4 23841 Annone di Brianza (LC) Tel +39 0341 260726 • Fax +39 0341 1880209 info@pohling.it • www.pohling.it

Oltre 35 anni di esperienza nel settore hanno la loro importanza. E si vede.


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Nuova riempitrice volumetrica per fagiolini interi Una macchina capace di riempire fagiolini interi e/o tagliati alla francese ad una velocità di almeno 250 c.p.m, con il minor scarto e perdita di prodotto possibili

A machine to fill whole green beans or Frenchstyle cut green beans, at a speed of at least 250 c.p.m., with the least possible waste or loss of product

Sempre pronta a cogliere le richieste del mercato e le necessità della sua clientela, negli ultimi 3 anni, Zacmi ha messo a punto ed installato un nuovo tipo di riempitrice che permette il riempimento volumetrico di fagiolini interi, con velocità superiori a 300 scatole al minuto. Dopo un attento esame del mercato europeo ed americano, è stata verificata la necessità da parte dei clienti, di una macchina che fosse in grado di riempire fagiolini interi e/o tagliati alla francese, ad una velocità di almeno 250 c.p.m, con il minor scarto e perdita di prodotto possibili. Questa riempitrice risulta particolarmente gradita alla clientela, in quanto è in grado di sostituire le linee obsolete che sono composte da 2 riempitrici a tamburo e 2 tamponatori rotativi e lavorano ad una velocità di circa 150 c.p.m, quindi a velocità molto bassa e con danneggiamento e grosse perdite di prodotto. La macchina viene fornita con il suo sistema di alimentazione prodotto controllato elettronicamente, che permette un’alimentazione costante e con un sistema di tamponamento, che mantiene tutto il prodotto al di sotto del bordo della scatola.

New Volumetric Filler for whole green beans Zacmi Company is always open to its customers’ requests and to the market demand, therefore, over the last three years it has developed and installed a new type of filler, suitable for the volumetric filling of whole green beans, with speed over 300 cans/minute. After an accurate research carried out on the European and American markets, it emerged that customers had the need to fill whole green beans or French-style cut green beans, at a speed of at least 250 c.p.m., with the least possible waste or loss of product. This filler has found particular popularity amongst our customers, as it can replace the outdated lines that were composed of two drum fillers and two rotary tampers that ran at a speed of about 150 c.p.m., where this much lower speed gave rise to product damage and waste

150

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

I vantaggi principali di questa nuova riempitrice sono: • Flessibilità: è idonea per lavorare fagiolini interi, tagliati alla francese, baby carrots, cetrioli e tutti i prodotti granulari come piselli, mais e fagioli; • Formati: la macchina è idonea a lavorare dal formato diametro 73 mm, fino al 99 mm. Su richiesta è possibile lavorare anche i formati 3 e 5 chili; • Sanitarietà: la macchina è completamente realizzata in acciaio inox e/o materiali sanitari. E’ di facile accessibilità e pulizia; • Rapido cambio del formato: in meno di un’ora si può passare da un formato all’altro; • Alto rendimento: la macchina può lavorare ad una velocità superiore ai 300 c.p.m. con una precisione di dosaggio di +/- 20 gr (fagiolino intero); • Bassissima perdita di prodotto: grazie al suo sistema di tamponamento non ci sono perdite di prodotto sul pavimento, come avviene nelle normali linee di riempimento ed aggraffatura. • Non è necessario un sistema di tamponamento separato dalla macchina e/o di una seconda riempitrice per raggiungere il peso dichiarato; • Affidabilità: la macchina è di costruzione particolarmente robusta, idonea per resistere alle vibrazioni necessarie per assestare il prodotto all’interno della scatola. La riempitrice volumetrica per fagiolini interi è già stata installata con successo presso importanti clienti europei e statunitensi ed è protetta da diversi brevetti internazionali, regolarmente depositati.

in large quantities. The machine is supplied with its own electronically run product inlet system, that allows for a constant feeding, including a tamping unit that keeps the product below the top edge of the can. The main advantages of this new filler are: • Flexibility: it is suitable to handle whole green beans, French-style cut green beans, baby carrots, cucumbers and all granular products, such as peas, corn and beans; • Container sizes: the filler is suitable to handle container diameters from 73 mm up to 99 mm. Upon request, it is also possible to handle 3 and 5 kg containers; • Hygiene: the filler is entirely constructed in stainless steel and/or foodgrade material. It is easily accessible for cleaning; • Rapid container size changeover time: passing from one container size to another takes just one hour; • High yield: the filler may run at speeds over 300 c.p.m., with dosage accuracy of +/- 20 g (whole green beans); • Reduced product loss: due to its tamping unit, no product drops onto the floor, as occurs in normal filling and seaming lines; • The filler runs without the need for a separate tamping system and/or secondary filler to reach the declared weight; • Reliability: the filler is of a particularly robust construction, suitable to withstand the necessary vibrations for product settlement within the container. The volumetric filler for whole green beans has already been installed with success at various establishments of our European and American customers and is covered by a number of registered international patents.


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

La prima aggraffatrice in assoluto ad essere controllata elettronicamente

CFt Seaming, divisione tecnologica produttiva di CFT Packaging, svela in prima assoluta la sua ultima innovazione nel mondo dell’aggraffatura ed è orgogliosa di presentare la nuova “FLEXYSEAM” durante la fiera Brau Beviale a Norimberga dal 10 al 12 di Novembre in Germania. FLEXYSEAM è la prima aggraffatrice in assoluto ad essere controllata elettronicamente, il che rappresenta una vera e propria rivoluzione in un settore tradizionalmente legato alla meccanica di precisione. Grazie ad un nuovo sistema brevettato, CFT Seaming

FLEXYSEAM

FLEXYSEAM

A preview of the first-ever seamer which can be controlled electronically CFT Seaming, a technical and manufacturing division within CFT Packaging, is proud to present the latest innovation in Seaming Technology through the unveiling of the new “FLEXYSEAM” during the Brau Beviale Trade Show from 10 to 12 November in Nurnberg, Germany. The FLEXYSEAM is the first-ever seamer which can be controlled electronically; representing a major breakthrough in a world which is traditionally reliant on precision mechanics. Due to a new patented system; in particular through the use

152

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

ha progettato e realizzato l’unica aggraffatrice controllata da motori brushless ad elevata precisione, sostituendo la tradizionale camma meccanica. FLEXYSEAM rappresenta una novità assoluta per la qualità e la consistenza dell’aggraffatura, riduzione dei costi di manutenzione e soprattutto flessibilità sia per l’adattabilità della macchina alle diverse condizioni di lavoro sia per la possibilità di utilizzare materiali differenti, più leggeri e più sottili. Il vantaggio principale per l’utilizzatore di FLEXYSEAM è che tutti i parametri possono essere gestiti direttamente dal pannello operatore, il che significa che per esempio i cambi formato, i tipi di contenitore (acciaio o alluminio) sono interamente programmabili impostando semplicemente i dati da PLC, il quale memorizza le “ricette” relative al profilo della camma, al numero di giri/rivoluzione, alla velocità di rotazione delle rolline, ecc. FLEXYSEAM è particolarmente adatta al mondo del beverage, rappresentando una necessaria evoluzione dell’aggraffatrice meccanica tradizionale in termini di efficienza, precisione e controllo elettronico. CFT Packaging, nata dalla fusione di SIMA e COMACO nel 2006, fa parte della Catelli Holding. Già proprietaria di altri due importanti brands, Rossi& Catelli e Manzini, CFT è divenuta sinonimo di leader nell’industria del processo e del confezionamento alimentare. Con la recente acquisizione di SBC Bottling & Cannig, CFT Packaging ha consolidato la propria presenza anche nel mondo del Beverage. SBC Bottling & Canning opera da oltre 40 anni al servizio dell’industria delle bevande.

FLEXYSEAM of highly precise “brushless stepper motors” in place of the traditional mechanical cams, FLEXYSEAM ensures a highlevel and consistent seam quality, lower maintenance costs and flexibility in different working conditions and in using with a varying range of lid, can type and materials. The main attraction behind the FLEXYSEAM is that all the parameters are controlled directly through the operator panel; meaning format changes, material changes (steel or aluminum cans) are all programmed via “recipe” settings which store the parameters of the mechanical cam, number of revolutions, and the clearances of the seaming rolls. Designed especially for the beverage industry, FLEXYSEAM represents the evolution from traditional mechanical seamers, to highly efficient, precise, and electronically controlled equipment. CFT Packaging, part of the Catelli Holding, was created from the merger of SIMA and COMACO in 2006. Owners of recognized brands such as Rossi & Catelli and Manzini, CFT quickly became a leader in the Food Processing and Packaging Industry. Now, with the recent acquisition of SBC Bottling & Canning, CFT Packaging has cemented their presence in the global Beverage Industry. SBC Bottling & Canning provides over 40 years of experience in the beverage industry.


Il fattore benessere Benessere, perchĂŠ ai vostri snack aggiungete benefici ben documentati per la salute Benessere, con succosi cranberries interi essiccati e dolcificati, di ottimo sapore Benessere, perchĂŠ vi aiuteremo in ogni fase del percorso di innovazione Benessere, con una fornitura affidabile e costanza nella qualitĂ  degli ingredienti Benessere, grazie a Rappresentanti locali che comprendono il vostro mercato Benessere, perchĂŠ anche i vostri clienti si sentiranno bene

Benessere, con Ocean Spray Per ispirazioni e informazioni, visitate www.oceansprayitg.com


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

L’eccellenza come scelta vincente GEA Niro Soavi presenta sul mercato due novità assolute nel mondo degli omogeneizzatori

GEA Niro Soavi, leader mondiale nella produzione di omogeneizzatori ad alta pressione, è fiera di presentare sul mercato due novità assolute nel mondo degli omogeneizzatori, che andranno ad ottimizzare la vastissima gamma di omogeneizzatori dell’azienda di Parma anticipando i bisogni dei propri clienti. Panda PLUS - Sperimentare il futuro Panda PLUS è la nuova versione di omogeneizzatore da laboratorio che GEA Niro Soavi offre per lavorazioni a 9 l/h fino a 2000 bar. Il suo design moderno è stato studiato per essere adatto ad ogni applicazione, anche per prodotti abrasivi e viscosi ed è approvato anche dalle aziende farmaceutiche. Panda PLUS ha una configurazione modulare e un numero ridotto di componenti, che permettono un facile utilizzo e una veloce manutenzione della macchina. La valvola omogeneizzante ad alta efficienza Re+VALVE, può essere inserita per ottimizzare l’effet-

PANDA PLUS

Excellence as a winning choice GEA Niro Soavi launch on the market 2 absolute new concept homogenizers

154

The world leader for high pressure homogenizers and pumps, is proud to launch on the market 2 absolute new concept machines, that will optimize the GEA Niro Soavi machine range to meet all customer’s needs. Panda PLUS - Testing the future GEA Niro Soavi’s new PandaPLUS laboratory table top unit is able to work from only 9 l/h up to 2000 bar even with viscous products containing fibers and particles. This is a high efficient test homogenizer in clean modern design approved by pharmaceutical companies able to homogenize abrasive and viscous products. PandaPLUS is designed with modular configuration and reduced number of components and

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

tiva riduzione della dimensione delle particelle e i risultati sul prodotto. La modernissima PandaPLUS, nella sua configurazione standard è dotata di pannello touch screen che permette un interfaccia funzionale per il monitoraggio dell’operatività della macchina e un sistema di sicurezza per la sovrapressione. Ariete NS5355 – un concentrato di tecnologia Ariete NS5355 è l’unico omogeneizzatore a racchiudere tanta potenza nelle dimensioni ridotte di un design compatto ed ergonomico; riesce ad ottenere le più grandi performance produttive mai raggiunte 60.000 l/h at 120 bar o 5.000 l/h a 1.500 bar. Grazie ai materiali speciali dei componenti interni e al progetto assolutamente inedito del sistema di trasmissione, esclusivo e brevettato, i 5 pistoni di Ariete NS5355 riescono ad ottenere performance equiparabili a un omogeneizzatore da 6 o 8 pistoni, per un netto risparmio di energia, olio di lubrificazione e acqua di raffreddamento e manutenzione. Per ottimizzare l’uso della pressione operativa, la macchina, come standard è fornita di valvola ad alta efficienza, NanoVALVE, un brevetto esclusivo GEA Niro Soavi, presto disponibile anche nella nuova versione ad alta pressione. Espressamente studiato per ottimizzare la sicurezza, la facilità di utilizzo e la riduzione dei costi di manutenzione, Ariete NS5355 non solo viene equipaggiato di un pannello touch screen per il monitoraggio dei parametri operativi, ma è anche possibile collegarla ad un sistema diagnostico integrato e tele controllato da remoto. Sempre pronta ad offrire il primato tecnologico e a collaborare coi clienti per trasferire i vantaggi dell’omogeneizzazione su nuovi prodotti, l’azienda invita a visitare il suo sito web e a contattarla.

is therefore prepared for easy maintenance. A reversible Re+VALVE, a highly efficient homogenizing valve can be used and the unit can be supplied with product heat exchangers on outlet. For user friendly interface and ordinary maintenance scheduling, the unit is supplied with a touch screen panel. Ariete NS5355 - a concentrate of technology This homogenizer has the highest capacity available on the market today running at maximum flow-rate up to 60.000 l/h at 120 bar or 5.000 l/h at 1.500 bar. The unit is based on a very strong design with reduced footprint. As standard the Ariete NS5355 is equipped with a touch screen panel for operating parameters control and adjustment. An on-board diagnostic system is integrated and it is prearranged for remote control and process automation integration. This machine is born with planetary gearbox making it service friendly, energy optimized and very stable and reliable. For high efficient homogenization ARIETE NS5355 is supplied with NanoVALVE™, High Pressure NanoVALVE™ . GEA Niro Soavi’ is always ready to take technology one step further and available to transfer the advantages of homogenization to new potential application, please visit its website and contact it.


GEA Niro Soavi homogenizers, a natural choice

The highest dynamic pressure ever achieved Technology leader, through continuous development and customized solutions Internal production cycle, for total quality control, and immediate spare part’s availability International sale network for local support and troubleshooting Certified with ISO 9001:2008 Quality System, and fully compliant with all pharmaceutical requirements and regulations

www.sweetsmiddleeast.com www.sweetsnacktecmiddleeast.com

Sweets & Snacks in Focus

31 October – 2 November 2010 Dubai International Convention and Exhibition Centre, UAE

Liquids to Value GEA Mechanical Equipment

GEA Niro Soavi Via da Erba Edoari, 29 · 43123 Parma (Italy) Phone +39 0521 965411 · Fax +39 0521 242819 Info.GeaNiroSoavi@GeaGroup.com www.niro-soavi.com


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Tecnologia specifica da Ing.A.Rossi Le esigenze sempre più ampie del mercato hanno spinto l’azienda a sviluppare una tecnologia specifica per ogni tipologia di frutta

Fondata nel 1951, l’azienda Ing. A. Rossi diventa da subito punto di riferimento per tecnici e clienti nella progettazione e costruzione di impianti per la lavorazione del pomodoro. Continua ricerca ed innovazione hanno portato le macchine Ing. A. Rossi ad essere modello in tutto il mondo nella produzione di concentrati, succhi e derivati da frutta e pomodoro. La necessità di rispondere nel minor tempo possibile alle sempre più frequenti e puntuali richieste del cliente ha spinto nel tempo alla creazione di 3 unità distinte di ricerca/progettazione, produzione ed assistenza commerciale ed aftersales note con i marchi rispettivamente di Ing. A. Rossi, CTM e Trans-meccAR. La crescente volontà di perfezionamento e la costante assistenza garantita ai clienti in tutte le fasi, dalla progettazione alla conduzione degli impianti, hanno portato ad una forte fidelizzazione dei clienti acquisiti ed alla continua espansione del gruppo. Le esigenze sempre più ampie del mercato hanno spinto l’azienda a sviluppare una tecnologia specifica per ogni tipo-

logia di frutta: da quella mediterranea alla tropicale, dalle mele alle uve fino ai datteri per ottenere puree naturali, concentrati, succhi torbidi e chiarificati. Accanto all’acquisita affidabilità delle linee Cold-Break ed Hot-Break per la lavorazione di pomodoro, forte successo hanno riscosso gli ultimi impianti nati per la lavorazione di frutta mediterranea, mele, uve e datteri ed ormai presenti sui principali mercati mondiali: dalla Cina alla Turchia, dall’Iran alla Spagna, dall’India al Nord Africa. In tali impianti la tradizionale tecnologia degli evaporatori a circolazione forzata, adatti alla lavorazione di puree e cremogenati, è affiancata dalla più recente e sofisticata categoria di evaporatori multistadio a velo, ottimali per il mantenimento della qualità dei succhi e prodotti più delicati. Tali impianti, anche a funzionamento misto, uniti ai gruppi di preriscaldo HBF, di estrazione, di filtrazione ed ai recuperatori aromatici garantiscono un prodotto finale con proprietà organolettiche, di colore ed aromatiche sempre ai massimi degli standard richiesti. Ultima nata nell’ampia gamma di prodotti è la riempitrice asettica rotante ROTOPACK in grado di raggiungere i 7.000 Kg/h con formati da 5 a 20 Lt in film continuo e con precisioni dello 0.3% ed in grado di affiancare le già affermate riempitrici POLIPACK con capacità di 200 e 1000 Lt.

Specific technology by Ing.A.Rossi The wider requests from the market pushed the company to develop specific technology for any kind of fruit

156

Established in 1951, the company Ing. A. Rossi becomes at once an important focus for technicians and customers for the planning and manufacturing of tomato processing lines. The continuous research and innovation brought Ing. A. Rossi machines to become a worldwide model in the production of concentrates, juices and fruits and tomato derivates. The need to answer quickly to the more frequent and punctual demands from customer brought to the creation of 3 separate units for the research/planning, production and commercial assistance and after sales, known with the brands: Ing. A. Rossi, CTM e Trans-meccAR. Thanks to the increasing will of improving and the continuous assistance given to the customers during all the stages, from the plants’ planning to their conduction, customers have been trusting more and more and the group has been expanding constantly. The wider requests from the market pushed the company to develop a specific technology for any kind of fruit: from to the Mediterranean to the tropical one, from apples to grapes till to dates, in order to obtain natural purees, concentrates, cloudy and clarified juices. Besides, the gained reliability of the Cold-Break and Hot-

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

Break lines for the tomato processing, a great success goes also to the latest plants to process Mediterranean fruits, apples, grapes and dates, which are nowadays present on the main international markets: from China to Turkey, from Iran to Spain, from India to Northern Africa. In such plants the technological tradition of Evaporators at forced circulation, suitable for the processing of purees and creamy products, is supported by the most recent and sophisticated category of multistage Evaporators at veil, optimal to maintain the quality of juices and more delicate products. Such plants, even with mixed functioning, joined to the Preheating groups HBF, the extraction group, the filtering groups and the aroma recovery groups can guarantee a final product which has organoleptic, colour and aromatic properties always at the highest requested standard. The last born among a wide range of products is the aseptic rotating filler ROTOPACK that can reach 7.000 Kg/h with capacity of 5 to 20 litres at continuous film, with precision of 0.3% and that can be compared to the already confirmed filing machines POLIPACK which have 200 and 1.000 litres’ capacity.


M A R K E T I NG & S T R A T E G Y

L’arte conserviera d'eccellenza Confezioni elegantemente decorate contenenti i prodotti di punta Valbona per i migliori cadeaux natalizi In vista del prossimo Natale Valbona ha messo a punto una grande novità. A partire da ottobre 2010, infatti, l’azienda veneta specializzata nella produzione di verdure sott’olio lancerà “Bontà di Natale”, confezioni elegantemente decorate con fregi e colori natalizi contenenti i prodotti “di punta” a marchio Valbona. “La scelta di creare delle confezioni per le festività” afferma il marketing Valbona, “ha l’obiettivo di sollecitare l’acquisto dei prodotti in versione cadeaux e di trovare, quindi, nuove opportunità di vendita. Il regalo gastronomico negli ultimi anni risulta essere il preferito dagli italiani, crediamo quindi che queste confezioni potranno avere un buon successo”. Di fatto il regalo con specialità alimentari di grande qualità è un evergreen da portare nelle case di amici e parenti, è sempre apprezzato e risolve ogni indecisione legata alla scelta del dono. Conclude il marketing Valbona: “con la creazione di Bontà di Natale, Valbona ha voluto dare una nuova interpretazione dei sottoli come prodotto da regalo”.

Le “Bontà di Natale” saranno presenti in tre formati. • Cluster Singolo, un prodotto della linea “I Sottoli” nel formato da 1062ml a scelta fra: carciofi tagliati alle erbe aromatiche, funghi misti con porcini, pomodori secchi in olio di semi di girasole. • Cluster Tris, tre prodotti che comprendono la linea “I Sottoli” e “Le Olive” nel formato da 314ml: carciofi tagliati, olive verdi denocciolate e pomodori secchi in olio di semi di girasole. • Confezione Cadeau “I Piaceri”, elegante confezione contenente due prodotti della linea “I Piaceri”: peperoni dolci e yellobell ripieni al formaggio nel formato da 280ml. Chi sceglie le “Bontà di Natale” sceglie qualità e raffinatezza: oltre ad un nuovo packaging elegante e di grande appeal, infatti, il marchio Valbona è garanzia di genuinità e di prodotti di alto livello. Nei vasi Valbona è racchiusa tutta la bontà della tradizione e della cultura gastronomica italiana: i prodotti vengono trattati seguendo i metodi di lavorazione più innovativi e mantengono sempre riconoscibile e inalterato il gusto originale delle verdure. La tradizione conserviera di Valbona affonda le sue origini all’inizio del ‘900 quando i primi soci fondatori rilevano da un

Finely decorated packages for Valbona top products for the best Christmas cadeaux On occasion of the next Christmas season, Valbona has prepared some great news. This company specializing in the production of vegetables in oil is going to launch “Bontà di Natale” next October 2010; finely decorated packages for Valbona top products. Valbona’s marketing manager says “The decision to

158

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

create packages for season events means inviting consumers to buy “cadeaux” versions and create new sales opportunities. Speciality foods have proved to be the most favourite gift to Italians, and we believe that these packages are likely to have remarkable success.” As a matter of fact, top-quality speciality foods is an absolutely evergreen present for friends and relatives, always greatly appreciated. Valbona’s marketing concludes saying “With the creation of Bontà di Natale, VAlbona has wanted to give products in oil a new light, the light of presents.” Bontà di Natale will be on the shelves in three versions: • Single Cluster, 1062 ml, of sliced artichokes with herbs, mushrooms, dried tomatoes in sunflower oil; • Cluster Tris, three products of the “I Sottoli” and “Le Olive” lines consisting of 314 ml’s jars of sliced artichokes, stoned green olives and dried tomatoes in sunflower oil; • Cadeau Package “I Piaceri”. Fine package of two products of the “I Piaceri” line: sweet pepers and yellobell filled with cheese, in 250 ml’s jars.


M A R K E T I NG & S T R A T E G Y

artigiano veneziano, che produceva aceto e sottaceti, pochi strumenti del mestiere ed il marchio “Gallina”. Chi sceglie Valbona può confidare su prodotti garantiti, perché la salute e la sicurezza del cliente-consumatore sono i principali obbiettivi dell’azienda. Oggi, la politica di prodotto Valbona è concentrata sulla ricerca e sullo studio delle aspettative dei consumatori. La vera forza dell’azienda infatti, è sempre stata e continua ad essere l’attenzione posta nei confronti del cliente, delle sue abitudini e delle sue esigenze. Valbona propone così un’ampia gamma di prodotti: dai sottoli ai sottaceti, dalle salse ai grigliati, dai funghi alle olive, dalle creme spalmabili fino ai condimenti. Prodotti che rispondono pienamente al desiderio dei consumatori di trovare sugli scaffali alimenti di qualità, pronti, innovativi e che lasciano comunque spazio alla fantasia dell’acquirente. Prodotti assolutamente tipici della tavola italiana che Valbona ha saputo interpretare ed innovare senza essere mai banale. Prodotti d’eccellenza che hanno permesso all’azienda veneta di assumere un ruolo sempre più importante all’interno del mercato delle verdure conservate. Affidabilità e sicurezza totale in tutti i processi della filiera produttiva sono i due punti di forza della produzione Valbona. Le caratteristiche garantite da un rigorosissimo piano HACCP e controllo qualità, sono non solo motivo d’orgoglio per l’azienda veneta, ma anche certezza per il

consumatore che al momento dell’acquisto saprà di aver scelto un prodotto sicuro. Garanzia data da una serie di rigidi controlli e verifiche che vengono effettuate dalla raccolta delle materie prime, al loro ingresso nel ciclo produttivo, fino allo stoccaggio e alla distribuzione dei prodotti finiti. Passione, lungimiranza e tenacia sono le virtù che fanno delle imprese italiane un modello di qualità nel panorama agroalimentare internazionale e che hanno portato al successo del “made in Italy” nel mondo. Queste stesse caratteristiche hanno permesso a Valbona di “vivere” da protagonista oltre un secolo di arte conserviera di eccellenza.

Excellence in the art of canning People turning to “Bontà di Natale” choose the goodness of tradition and Italian fine gastronomic culture; all products are treated upon the most innovative production methods and maintain the original taste of vegetables recognizable and unaltered. The canning tradition of Valbona dates back to the beginning of the 1900 when the founding partners got a few tools of the trade and the name “Gallina” from a Venetian craftsman who produced vinegar and pickled vegetables. Valbona offers safe products because the clientconsumer’s health and safety are the main objectives of the company. Today, Valbona’s product policy is focused on the study of consumers’ expectations, and its real strength has always been the utmost attention to customers: from products in oil, from sauces to grilled vegetables, from mushrooms to olives, from spread creams right to dressings. These products fully meet the consumers’ expectations to find on the shelves quality, ready and innovative food that can be however personalized at will. This excellent food is typical Italian but with a special Valbona touch,

which has given to this company of Veneto a leading role in the increasingly important canned vegetable home market. Reliability and total safety in all processing throughout the production chain are the two pillars of the Valbona’s production guaranteed by a strict HACCP quality standard. Not only are they a company’s pride, but from the other hand, they also give consumers the certainty that what they have just bought is safe. This guarantee backs on a series of strict controls throughout the entire process, from the collection of raw materials, their entering the production cycle, up to storage and distribution of final products. Passion, farsightedness and commitment are the features that not only set Italian enterprises as an example of quality on the international food market, but they have also given the “made-in-Italy” great success worldwide. These same characteristics have also enabled Valbona to be a player in over a century of excellence in the art of canning.

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

159


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Una scelta sicura

A sound choice

Confezionatrici automatiche ed inscatolatori ad alta tecnologia High-technology automatic packaging and cartoning machines

160

Da oltre 50 anni la Ing. E. VEZZADINI & C. S.r.l. di Reggio Emilia progetta e costruisce macchine per il packaging dei prodotti lattiero-caseari. Azienda dinamica e fortemente orientata all’innovazione, basa il proprio successo sulla diversificazione dei prodotti e sulla costante ricerca di soluzioni tecnologicamente avanzate, che garantiscano risposte flessibili ed efficaci alle esigenze di un mercato in continua evoluzione. Core business dell’impresa sono le confezionatrici automatiche per il dosaggio e l’incarto di burro, formaggi teneri, margarina. Progettate e costruite in diverse linee e modelli, possono confezionare più formati, sono personalizzabili e rispondono alle diverse necessità in fatto di: tipo di incarto, pesi e forme delle confezioni. Alle confezionatrici automatiche, ben conosciute ed apprezzate in tutto il mondo, si affianca la gamma degli inscatolatori automatici e semi-automatici, le vaschettatrici, le riempitrici di barattoli in banda stagnata. Un’ampia gamma di macchine, quindi, tutte “multiformato”, che permette di realizzare linee complete di confezionamento. Con l’acquisizione della ditta Fornaroli, Vezzadini è oggi in grado di proporre anche macchine lineari e rotative per confezionare burro, margarina, yogurt, gelati, mascarpone, ricotta, salse e creme, in coppe, vaschette e coni. In particolare, citiamo la confezionatrice rotativa modello FR1600 1/4, che soddisfa la richiesta medio-alta di confezionamento di ricotta e mascarpone in coppe nei formati 250-500-1.500 grammi. La FR1600 coniuga la capacità produttiva di una confezionatrice lineare ai vantaggi in termini di ingombro, prezzo, flessibilità ed economia di esercizio tipici di una confezionatrice rotativa. L’adozione di particolari soluzioni tecniche rende le operazioni di cambio formato estremamente semplici e rapide. Il prodotto è dosato con precisione assoluta grazie all’impiego di misura-

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

tori di flusso massici abbinati ad un cilindro compensatore con valvola di by-pass. Il sistema di dosaggio è predisposto per il lavaggio in CIP. La confezionatrice è dotata di modem per l’assistenza da remoto ed è abbinabile a selezionatrice ponderale omologata per la regolazione automatica del dosatore, lo scarto delle confezioni di peso non conforme e la creazione delle statistiche di produzione. Vezzadini mette al servizio dei propri clienti tutto il know-how acquisito in decenni di attività, proponendosi come partner affidabile e competente per lo sviluppo di soluzioni anche personalizzate per ogni tipo di richiesta. Ing. E. Vezzadini & C. Srl sarà presente alla fiera IPA 2010, Paris Nord Villepinte, Hall 7, Stand G062.

For over 50 years, the company Ing. E. Vezzadini & C. Srl of Reggio Emilia (Italy) has been engineering and manufacturing packaging machines for dairy products. Dynamic and strongly innovation-oriented company, Ing. E. VEZZADINI & C. Srl grounds its success on product diversification and constant search for technologically advanced solutions able to guarantee flexible and efficient answers to the requirements of an ever evolving market. Automatic dosing and wrapping machine for butter, soft cheese, margarine are the company’s core business. Designed and manufactured in different lines and models, they can package more formats, can be tailored and therefore meet different needs in terms of kind of wrapping, weighs and shapes. In addition to well-known and highly appreciated automatic packaging machines, the company’s production also includes a range of automatic and semi-automatic canning machines, tray filling machines, tinplate filling machines. A broad range of machines, all of them “multi-size”, to create complete packaging lines. With the acquisition of the firm Fornaroli, Vezzadini can today propose also linear and rotary machines to package butter, margarine, yoghurt, ice-creams, mascarpone, ricotta, sauces and creams in cups, trays and cones. In particular, it is worth of special mention the rotary packaging machine FR1600 ¼ for medium-high capacity, to packages cups of ricotta and mascarpone of 250-500-1,500 gr. each. The FR1600 combines the production capacity of a linear packaging machine with the benefits deriving from size, price, flexibility and inexpensive performances, typical of a rotary packaging machine. The application of particular technical solutions makes the changeover extremely simple and quick. The product is dosed with utmost precision thanks to flux mass readers combined with a compensating cylinder with by-pass valve. The dosing system is set for CIP washing. The packaging machine is equipped with a modem for remote assistance and can be combined with a homologated weight sorting machine for the automatic adjusting of the doser, rejection of any package whose weight is not conformed, the creation of production statistical data. Vezzadini puts at its own customers’ disposal its extensive know-how gained in decades of activity, so introducing itself as a sound and competent partner for the development of any solution, also tailored, to meet any kind of requirement. Ing. E. Vezzadini & C. Srl will be present at the exhibition IPA 2010, Paris Nord Villepinte, Hall 7, Stand G062.


Transforming

quality products

into precious

assets

We have been building packaging lines for margarine, butter and dairy products from more than 50 years. Every pack holds the secret of our long-standing experience and modern technology


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Ulteriormente ampliata la gamma IP67 I nuovi motoriduttori MINIMOTOR offrono un elevato rendimento a fronte di consumi ridotti

Migliorare il rendimento e ridurre i consumi energetici: due obiettivi che MiniMotor, con i nuovi mini motoriduttori per il settore food & beverage, ha raggiunto pienamente con il risultato di ottimizzare le linee produttive. La gamma si articola in quattro versioni: due a vite senza fine e due coassiali. Le potenze si estendono dai 35W delle serie ACF e MCF ai 130W dei modelli PAF e PCF, mentre le coppie massime vanno dai 5 ai 20Nm. E’ stato aggiunto su specifica richiesta di un cliente nel settore della lavorazione del tonno, un ulteriore motorizzazione come da foto, che porta la potenza massima a 270W. Inoltre sono in corso studi e test per poter sopperire tramite vernici speciali diverse in base all’ambiente di utilizzo, in questo caso, totalmente al sole e intemperie ed a contatto diretto con acqua salata di mare che sappiamo essere una delle condizioni più gravose. Sia l’albero di uscita che tutta la viteria di chiusura possono essere realizzati in acciaio inox AISI 304 che, oltre ad offrire

The new MiniMotor motor reducers offer higher output for very low consumption

To implement output and reduce energy consumption are the targets that MiniMotor has successfully hit by developing the production lines, thanks to the new gearmotors for the food and beverage sector. The range is composed of four versions, as follows: two coaxial gearmotors and two worm gearmotors. The Series ACM and MCF rated up to 35W, and Models PAF and PCF rated up to 130W, while torque from 5 to 20 Mm max. Upon specific request of a customer from the tuna fish processing sector, the company has added further motorization, as in the picture, as to have 270W power max. In addition to this, studies and tests are underway about to how employ special paints to compensate environmental problems, such as full sun, severe weather conditions and direct contact with sea water, which are known to be the most serious conditions, and as it is the case of this customer. Both outlet shaft and all closing screws can be in stainless steel Aisi 304, which in addition to offering remarkable corrosion strength, they also offers excellent chemical agentresistance, thus making cleaning easier, which are further facilitated by the presence of no cooling flaps. The Viton oil seals, especially moulded for MiniMotor, assure perfect sealing, excellent resistance to high and low temperature, and long lasting.

162

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

un’eccellente resistenza alla corrosione, resiste a gran parte degli aggressivi chimici e rende più facili le operazioni di pulitura. Queste ultime, peraltro, sono ulteriormente agevolate dall’assenza di alette di raffreddamento. I paraoli, stampati appositamente per MiniMotor, sono in Viton ed assicurano prestazioni che con altri materiali non sarebbero ottenibili: tenuta perfetta, elevata resistenza ad alte e basse temperature e maggiore durata nel tempo. L’impiego di speciali vernici anticorrosione permette l’utilizzo dei nuovi motori anche in spazi angusti dove è più difficile rimuovere impurità e residui di lavorazione, così come in atmosfere molto acide tipiche delle fasi di lavaggio e purificazione. Se tali caratteristiche si traducono in immediati ed evidenti vantaggi operativi, i plus tecnici veri e propri hanno consentito ai nuovi motoriduttori Minimotor di raggiungere rendimenti medi molto elevati con consistenti benefici sui consumi energetici. La lunga vita operativa, assicurata dalla protezione standard IP67, è un altro vantaggio che distingue i motoriduttori MiniMotor rispetto ai normali prodotti in commercio. In aggiunta, l’azienda sta studiando la possibilità di produrre tutta la serie food&beverage con il fattore di protezione IP68 certificato da IMQ. I clienti che richiedono configurazioni speciali potranno contare, come nella migliore tradizione MiniMotor, sulla massima disponibilità a livello progettuale così come sul necessario supporto tecnico.

The IP67 range is further broadened The use of special anticorrosion paints enables utilizing the new motors both in difficult environments where removing impurities and process residues is more difficult, and in very acid atmospheres typical of washing and purification phases. If on the one hand, such features turn into immediate and clear operational advantages, on the other hand, technical plusses enable the new MiniMotor gearmotors to reach very high medium outputs on average along with considerable energy savings. IP67 standard protection assures long lasting, so giving MiniMotor gearmotors a further distinguishing mark in comparison with the common products on the market. Furthermore, the company is also studying the possibility to produce all the food & beverage series with the IP68 IMQcertified protection factor. The customers requiring special configurations can count on maximum helpfulness from the engineering and technical assistant points of view, as the best MiniMotor tradition.


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Margherita, Napoli o Quattro Stagioni? Pulsar Industry presenta una soluzione innovativa in cui automazione, robotica e informatica sono fortemente integrate

Pulsar Industry, giovane e dinamica azienda modenese, è presente nel mercato dell’automazione e dell’informatica rivolte principalmente all’industria alimentare da oltre 20 anni. Tra le più recenti realizzazioni, l’impianto automatico per l’impilamento e il confezionamento in cartoni di piadine e pizze sta riscuotendo un interesse davvero degno di nota. Il sistema di Pulsar Industry è in grado di formare pile di pizze o piadine raccogliendo il prodotto all’uscita delle linee di produzione per convogliarlo poi verso la zona di formazione e riempimento dei cartoni. Qui i cartoni vengono riempiti da una coppia di robot antropomorfi gemelli che, lavorando in perfetta armonia, garantiscono

una grande capacità produttiva senza rinunciare alla delicatezza dei movimenti di una mano esperta. E’ la speciale pinza brevettata montata sui robot che svolge il lavoro in modo veloce, ma con la massima delicatezza. Le pile possono essere formate da un numero qualsiasi di piadine o pizze di qualsiasi dimensione. Pulsar Industry ha progettato e realizzato la meccanica, i quadri elettrici di controllo, l’impiantistica di bordo macchina,

l’automazione dell’intero sistema e infine, ma non meno importante, il software di controllo della produzione. Per questa funzione è stato adottato Dynamic, software dipartimentale destinato al controllo di produzione dell’industria alimentare e non solo che è in grado di gestire qualunque tipo di produzione sia a lotti che a commessa. Dynamic consente una gestione completa della problematica relativa alla tracciabilità dei lotti in cui eseguire ricerche di rintracciabilità risulta estremamente semplice ed efficace: a partire da qualunque riferimento, infatti, si risale facilmente al lotto di produzione, quindi a tutti i lotti con i relativi fornitori che hanno concorso alla produzione e a tutti i destinatari di quel lotto. Dynamic, inoltre, gestisce in modo approfondito, accurato e il più possibile automatico, le schede qualità. Completamente disegnabili dall’utente, possono facilmente essere organizzate e collegate agli eventi significativi del processo produttivo. La maggior parte dei campi può essere automaticamente valorizzata raccogliendo direttamente dal “campo” i dati necessari, con le opportune sonde collegate attraverso la rete di controllo dell’impianto. Dynamic, infine, è in grado di rilevare tutti i dati di funzionamento e di correlarli fra loro in modo da fornire in tempo reale grafici di scostamento dai parametri di efficienza e produttività. Attraverso l’evidenziazione dell’indice OEE, i clienti di Pulsar Industry che hanno già adottato Dynamic sono in grado di conoscere le aree di miglioramento dei propri impianti: questo è il primo, indispensabile passo per recuperare marginalità.

Margherita, Napoli or Quattro Stagioni?

Pulsar Industry introduces an innovative solution where automation, robotics and information technology strongly merge

164

For over 20 years Pulsar Industry, a young and dynamic company of Modena, has been present on the automation and information technology marketplace mainly targeting the food industry. Among the company’s latest creations, the automatic plant for stacking and packaging cardboard boxes of “piadina” and pizzas has been having remarkable market success. The Pulsar Industry’s system makes piles of pizzas and “piadina” by picking the products at the end of the production lines to convey them to the cardboard box forming and filling area, where the boxes are loaded by a pair of twin anthropomorphous robots guaranteeing high production capacity without ever giving up the delicacy of an expert hand. Special patented pliers installed on the robots perform their operations quickly and extremely delicately. The piles consist of “piadina” or pizzas of any amount and size. Pulsar Industry has engineered and manufactured the mechanics, the control boards, the equipment and the automation of the whole system and, last but not least, the

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

production control software. This specific function is operated by the departmental software Dynamic for production control in the food and non-food industry, to manage any kind of production, batch and upon customer’s order. Dynamic enables to fully control any problem of batch tracking in a simple and effective way: from any information, it is possible to trace back any production batch, the providers who contribute to its production process and also all the final customers. Most data entries can be automatically filled by gathering the necessary data on the field through special probes interconnected by means of the plant control network. In addition, Dynamic can also read and compare all function data in such a way as to provide graphics of the variances, from efficiency and productivity parameters in real time. Using Dynamic the already Pulsar Industry’s customers are able to line out the improvements areas of their plants thanks to the OEE index. This is the first, crucial step to increase marginality.


Pulsar Industry è attiva da più di 20 anni nell’industria alimentare e in particolare nei settori della lavorazione della carne e del beverage. Dispone di tutte le risorse e le competenze necessarie per la progettazione e la realizzazione di sistemi integrati di produzione e logistica anche dei Clienti più esigenti. La realizzazione di impianti completi, basata su un largo uso delle tecnologie più avanzate, è il frutto della collaborazione tra i nostri esperti di progettazione meccanica e di automazione industriale e i nostri tecnici informatici. Sempre a caccia delle migliori soluzioni, il nostro team di ingegneri meccanici, elettronici e informatici lavora a stretto contatto in un ambiente altamente collaborativo e dinamico. Grazie alle nostre soluzioni, i nostri Clienti sono riusciti a raggiungere i propri obiettivi di razionalizzazione e controllo dei processi produttivi: i nostri Clienti spendono meno per produrre. Possono così migliorare la loro competitività mantenendo invariati i propri margini. Da oltre 20 anni contribuiamo al successo dei nostri Clienti: questo è il nostro obiettivo.

Progettazione e realizzazione di linee complete di produzione e sistemi automatici di stoccaggio e convogliamento Sistemi automatici di confezionamento e incartonamento Sistemi di pallettizzazione robotizzati Sistemi automatici di visione del prodotto e controllo peso Fine linea, etichettatura, peso-prezzatura, codici a barre, RFID Identificazione Automatica e sistemi wireless DYNAMIC - Dipartimentale di Produzione sviluppato da Pulsar Industry per: Controllo della produzione Tracciabilità e rintracciabilità Schede Qualità Controllo dell’efficienza del processo e calcolo dell’indice OEE Controllo dei costi effettivi e delle rese di produzione Gestione operativa dei magazzini Sistemi di Supervisione e acquisizione dati


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Ricerca ed innovazione, la chiave del successo Sgorbati Vegetec si confronta con la ricerca continua di macchine e tecnologie per anticipare i tempi

Ait

Giunta al giro di boa della quarta generazione (alle spalle un’esperienza centenaria) l’azienda Sgorbati Vegetec, da sempre conosciuta per l’innovatività delle sue proposte, si confronta con una vecchia, nuova sfida: la ricerca continua di macchine e tecnologie che consentono di “anticipare” i tempi. “L’impegno – afferma il Presidente, Ing. Alessandro Sgorbati, in un incontro con la rete di vendita - è, per un’azienda commerciale, quello di monitorare ininterrottamente i mercati mondiali: solo così, possiamo soddisfare l’evoluzione delle esigenze dei consumatori in tempo reale, avendo già a portata di mano le tecnologie adatte. “L’azienda che rappresento è pronta a cogliere gli input del mercato; vorrei però avere più fiducia da parte dei nostri interlocutori. L’aggiornamento continuo del catalogo e il mantenimento di un’alta qualità dell’offerta globale rappresentano un servizio per gli utenti con un costo che si riflette nei listini di vendita, spesso oggetto di discussione nella ricerca di un livellamento verso il basso che, se accettato, comporterebbe lo stravolgimento della nostra filosofia aziendale, a scapito del livello dei servizi che siamo in grado di offrire”. Queste le riflessioni registrate nel corso di un incontro con agenti, concessionari e clienti. Occasione per illustrare in

particolare due macchine che hanno riscosso grande interesse presso gli operatori specializzati, superando abbondantemente i budget di vendita attesi per questo anno. L’ultimo grado di evoluzione nel campo delle taglierine: Eillert Slice 30 Eillert ha accompagnato la nascita e lo sviluppo del mercato della quarta gamma; risale al 1929 la prima taglierina di questa azienda, che ha quindi una profonda conoscenza delle esigenze degli operatori; una tecnica progettuale e costruttiva di altissima qualità, ed il continuo aggiornamento tecnico fanno della Eillert uno dei principali player mondiali del settore, fornitore di tutte le principali aziende del settore, delle grandi catene di catering e ristorazione. AIT: Sfiorettatrice per cavolfiori (Polux) e broccoli (Silex) Una macchina “intelligente” che consente di lavorare prodotto non calibrato grazie ad un sistema di ultrasuoni, che rileva le dimensioni del prodotto; trasmette le informazioni al sistema centralizzato che muove il gruppo dei coltelli in base al formato dei fioretti richiesto. La regolazione del taglio è pertanto automatica, possono essere programmati 6 diversi Ø della testa e, per ciascuna di esse, ben 32 differenti altezze di taglio. Il carico di manodopera è pertanto molto ridotto (un risparmio, rispetto alla lavorazione manuale, di 26/29 operatori) con un ritorno dell’investimento molto rapido, ed una drastica riduzione dei costi operativi. Il sistema di “lettura” e di movimentazione dei coltelli ottimizza anche gli scarti, con una resa netta molto simile a quella della lavorazione manuale.

Research and innovation, the key to success

Slice 30

Silex

Sgorbati Vegetec deals with the constant search for machines and technologies to anticipate the times

166

With the fourth generation and with a hundred-year old experience the company Sgorbati Vegetec, renowned for its innovative proposals, has been dealing with an old, albeit new challenge: the constant search for machines and technologies able to anticipate the times. “The commitment – states President Eng. Alessandro Sgorbati during a meeting with the sales department – means monitoring non-stop world’s markets: that is the only way we can meet the consumers’ evolving requirements in real time, since we already have at hand the most suitable technologies.” “The company I am representing is willing to grasp the market inputs; however, I would like to have more trust from our interlocutors. Updating our product catalogues and maintaining the high quality of the global offer have certain costs that affect list prices, often under debate when trying to lower costs, a step that would inevitably distort our company philosophy to the definite detrimental of the services we can offer.”

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

This is the insight expressed during a meeting with agents, dealers and customers. The event also turned out the real occasion to introduce two machines that have been greatly successful among specialist operators, and amply exceeded the sales budget expected for the year. The latest degree of evolution in the field of slicing machines: Eillert Slice 30 Eillert has accompanied the creation and development of the fourth range on the market; the first company’s slicing machine dates back to 1929. Design and manufacture features of top quality, along with constant technical update make Eillert one of the major world players of the sector, supplier of all the most important companies of the sector and big catering chains. AIT: Floret cutters for cauliflowers (Polux) and sprouts (Silex) An “intelligent” machine to treat non-calibrated products thanks to an ultrasound system detecting the size of the products: it transmits the information read to the central system controlling the movements of the unit of knives according to the size of the floret requested. The regulation of the slice is therefore automatic (6 different Ø of the head can be programmed and for each of them, 32 different heights are possible). On account of this, the intervention of an operator is very limited (for an overall saving of 26/29 operators in comparison with manual processing), for quick investment return and sharp reduction of running costs. The “reading” and knife handling system also optimizes wastes, with a yield very close to manual processing.


M A C H I N E R Y & D E V E L OPM E N T

Ingegneria delle vibrazioni La tecnologia moderna richiede sempre maggior precisione nei processi di produzione e Vibrowest realizza le soluzioni più all’avanguardia

Modern technology demands increasingly higher precision in production processes and Vibrowest provides the most advanced solutions

168

Vibrowest, forte della propria esperienza, si colloca sul mercato come uno dei più importanti produttori di vagli nell’industria alimentare, non solo come fornitore, bensì anche come consulente. Le macchine Vibrowest sono in grado di filtrare, depolverare, produrre due o più separazioni granulometriche; sono costruite in acciaio INOX, sia AISI 304L che AISI 316L e possiamo, a richiesta, fornirle con finitura di superficie lucidata a specchio. Vibrowest è in grado di garantire progettazione e costruzione che tengano conto delle esigenze di igiene presenti in un processo produttivo come quello alimentare. Rispetta, inoltre, normative come: EC Official Control of Foodstuffs Directive, Food Safety Act, GMP, FDA.

In cinquant’anni di presenza sul mercato mondiale della vagliatura, la Vibrowest ha ampliato la propria offerta di separatori e vibrovagli circolari, piani, centrifughi e a nutazione in modo da poter soddisfare qualsiasi esigenza di setacciatura e filtrazione di polveri e liquidi. I vagli della Vibrowest sono progettati e certificati per lavorare in atmosfera potenzialmente esplosiva (marcatura ATEX). L’ufficio tecnico aziendale è in grado di studiare le varie necessità dovute a processi tecnologici e di realizzare macchine adatte a vari settori produttivi quali industrie chimiche, farmaceutiche, alimentari, della plastica, della gomma, delle vernici, dell’edilizia e del ricliclo. Le competenze maturare nel campo ingegneristico delle vibrazioni hanno inoltre permesso alla Vibrowest di progettare e realizzare apparati che risolvono complessi problemi produttivi. Un vaglio è parte essenziale di qualsiasi processo di produzione alimentare, in particolare quando qualità e integrità del prodotto sono prerequisiti essenziali. L’uso del vaglio permette di eliminare le particelle grossolane, assicurando la qualità del prodotto sia per la produzione che prima del confezionamento.

Vibrations technology During its 50 years of experience in the sieving field worldwide, Vibrowest has widen its range of circular, rectangular, centrifugal vibrating sieves and tubling sieving machines. The company is ready to satisfy every need of filtration or separation of liquids and powders. Vibrowest sieves are planned and certified to work in a potentially explosive atmosphere (ATEX branded). Its technical department is ready to study every necessity of technological processing and can produce machines for the chemical, pharmaceutical, food, plastic, gum, varnish and recycling industry. The capacity acquired in the field of vibration-engineering has allowed the company to engineer and realize plants which solve complicated manufacturing problems. A sieve or screener is an essential part of every  food production process, particularly as product quality and integrity are so important. The use of a sieve gets rid of

Ottobre 2010

TecnAlimentaria Food Industry

oversized contamination to ensure that ingredients and finished products are quality assured during production and before use or dispatch. For many years now Vibrowest has been one of the most important producers of sieving machines for the food Industry, not just as a supplier, but also as an innovator and advisor. The sieving machines it supplies are used for filtering, fractionating, protective screening, dedusting. Can be made in stainless steel AISI 304, stainless steel AISI 316 and mirror polished on customer request. Vibrowest provides the means for intelligent solutions that focus on hygiene in the food industry, respecting the needs of the following rules: EC Official Control of Foodstuffs Directive, Food Safety Act, GMP requirements, FDA requirements. 


La gamma della VIBROWEST ITALIANA è oggi una delle più complete e collaudate disponibili sul mercato. Vibrowest Italiana S.r.l. Vibrovagli e Separatori

Vibrowest, forte della propria esperienza, si colloca sul mercato come uno dei più importanti produttori di vagli nell’Industria Alimentare, non solo come fornitore, bensì anche come consulente. Vibrowest Italiana srl Via 25 Aprile, 73 20051 - LIMBIATE (MI) tel +39.02.99482788 fax +39.02.99057544 http://www.vibrowest.it/


A B OU T

F A I R S

Ad IPA innovazione e ricerca IPA, SIAL e IN-FOOD concomitanti per un’offerta coerente e completa A IPA nel 2008 circa un espositore su due era internazionale, in provenienza da 29 paesi. Nel 2010, la presenza di espositori internazionali dovrebbe registrare un netto aumento. A sei mesi dall’apertura del salone, gli espositori internazionali rappresentano già il 30% della superficie espositiva globale, facendo registrare un aumento del 35% rispetto all’ultima edizione. Quest’aumento della superficie espositiva è decisamente

dovuto all’arrivo di nuovi espositori, per il 50% costituito da società estere, principalmente tedesche. La top ten dei paesi espositori, dopo la Francia, è la seguente: Italia, Germania, Paesi Bassi, Regno Unito, Belgio, Svezia, Spagna, Taiwan. Ad oggi bisogna sottolineare la progressione costante del Regno Unito, della Germania, di Taiwan e della Spagna e l’ingresso della Svezia fra i principali paesi rappresentati. Gli Stati Uniti sono presenti essenzialmente attraverso le filiali europee, come ad esempio Formax. Nel 2010 alcuni espositori internazionali hanno scelto IPA come l’evento principale dell’anno a cui partecipare e stanno investendo per ottenere l’impatto massimo. E’ il caso di SPX (Regno Unito), FORMAX (filiale Paesi Bassi) o di FBR (Italia), per esempio. Per quanto riguarda i visitatori, IPA non si ferma: nel 2008, il 28% dei visitatori era internazionale, in provenienza da 105 paesi. A IPA 2008, il 58% dei visitatori esteri proveniva dall’Unione Europea. Fra questi, l’Italia rappresentava la più alta percentuale (22%), seguita dal Belgio (20%). I paesi francofoni extraeuropei sono anch’essi ben rappresentati (Maghreb, Medio Oriente, resto dell’Africa e i territori oltremare). Questa specificità di IPA è ampiamente apprezzata dagli espositori francesi e internazionali: «A IPA, incontriamo più clienti provenienti dai paesi francofoni, dall’Africa e dal Medio Oriente», Gert Nilsson, Direttore commerciale, JBT-FoodTech (Svezia). «La differenza fra IPA e i saloni concorrenti è il numero importante di visitatori provenienti dall’Africa francofona», Laura Goretti, Responsabile fiere, FBR-ELPO (Italia). L’obiettivo per la nuova edizione, fissato a 44.000 visitatori, dovrebbe veder aumentare sensibilmente la proporzione di visitatori internazionali (il 35% atteso nel 2010). In effetti, ancor più che il visitatore francese, l’effetto «una visita/tre

IPA for innovation and research In 2008 nearly one out of every two exhibiting companies at IPA was an international exhibitor from one of 29 countries. In 2010, the presence of exhibitors from outside France is expected to be clearly higher. Six months from the opening of the exhibition, international exhibitors already account for 30% of overall exhibiting surface area, up 35% on the previous event. This increase in surface area is particularly due to the arrival of new exhibitors, 50% of them foreign companies, mainly German. The leading exhibiting countries, after France, and at 6 months from opening day, are as follows: Italy, Germany, the Netherlands, the United Kingdom, Belgium, Sweden, Spain, and Taiwan. To date, strong growth from the United Kingdom, Germany, Taiwan and Spain, as well as the arrival of Sweden among the leading countries represented should be noted. The presence of the United States is ensured mainly through European subsidiaries. Some exhibitors have chosen IPA in 2010 as their major event of the year and are investing in their presence like SPX (UK) and FBR (Italy). IPA is not lagging behind on the visitor side: 28% of the visitors welcomed at the exhibition in 2008 were international, from 105 countries. 58% of foreign visitors to IPA 2008 came from the European Union. Among them, Italy accounted for the highest proportion (22%), followed 170

Ottobre 2010

closely by Belgium (20%). French-speaking countries from outside the EU were also well represented (Maghreb, Middle East, rest of Africa, French overseas departments and territories). This characteristic of IPA is widely appreciated by both French and international exhibitors: “At IPA we meet more clients from African and Middle Eastern French-speaking countries,” Gert Nilsson, Sales Director, JBT-FoodTech (Sweden). “The difference between IPA and competing exhibitions is the significant number of visitors from Frenchspeaking Africa,” Laura Goretti, Exhibitions Manager, FBR-ELPO (Italy). The objective for the upcoming exhibition, set at 44,000, should see the proportion of foreign visitors increase noticeably (35% expected in 2010). More so, in fact, than for visitors from France, the “one visit/three exhibitions” effect, synonymous with savings in time and money, is expected to come into full play. “We believe the food industry/equipment combination can be a winner,” Gert Nilsson, Sales Director, JBTFoodTech (Sweden). The Research & Innovation Forum offers a series of European conferences freely open to all visitors. This is a unique opportunity to keep updated with the latest R&D work, technological advancement in Process Engineering, and more generally, with innovation

TecnAlimentaria Food Industry


STURDY•POWERFUL•RELIABLE

A l l I s g e v m oto r s a re e n t i re l y d e s i g n e d , b u i l t a n d a s s e m b l e d i n I t a l y.

www.isgev.com

ISGEV S.p.A. - 36071 Arzignano (Vicenza), Viale Vicenza 62/bis Tel. ++39 0444 451928, Fax ++39 0444 673402, mail: info@isgev.com, www.isgev.com


A B OU T

F A I R S

saloni», sinonimo di risparmio di tempo e di soldi, dovrebbe giocare a favore. «Crediamo che la combinazione agroalimentare/attrezzatura possa essere vincente», Gert Nilsson, Direttore commerciale, JBT-FoodTech (Svezia). Il Forum Innovazione Ricerca (FIR) propone un ciclo di interventi europei aperti liberamente a tutti i visitatori. E’ un’occasione unica per tenersi informati circa gli ultimi lavori nell’ambito della R&D, degli avanzamenti tecnologici in materia di Ingegneria e Procedimenti e in modo generale dell’innovazione applicata specificamente alle industrie agroalimentari. L’edizione 2010 di IPA metterà ancora di più l’accento sulla dimensione internazionale presentando i risultati di una ventina di progetti europei di ricerca all’interno di un meeting internazionale unico, animato dai coordinatori dei progetti stessi, che si svolgerà da martedì 19 ottobre alla mattina di mercoledì 20 ottobre. Gli auditori avranno l’occasione unica in Francia di avere una prospettiva completa dello portata della ricerca sulla trasformazione alimentare in Europa: PathogenCombat, ProSafeBeef, Truefood, Icare, FRISBEE, Novel Q, OPTIM’OILS, Healthgrain, DREAM, CAFE, HIGHQ RTE. Numerose tematiche saranno abbordate : presentazione e sfide della piattaforma europea Food For Life, risultati della

applied to the food processing industries. The 2010 event will be emphasizing even further its international aspect with the unveiling of results of some twenty European research projects, from Tuesday 19 October to Wednesday 20 October morning, thanks to the presence of their coordinators during a unique international meeting. Listeners will have the opportunity, unique in France, of gaining a thorough insight into the extent of research in food processing in Europe: PathogenCombat, ProSafeBeef, Truefood, Icare, FRISBEE, Novel Q, OPTIM’OILS, Healthgrain, DREAM, CAFE, HIGHQ RTE. Several themes will be addressed: presentation and challenges of the European Food For Life platform, results of research in Europe (AgriFoodResults), prevention of food chain contamination by pathogenic microorganisms (PathogenCombat), improvements in the sanitary safety and quality of bovine meat (ProSafeBeef), assessment of risk of chemical contamination by packaging (Truefood), effects of new packaging-related non-thermal conservation technologies on the quality and safety of ready-to-eat products (HIGHQ RTE), design of innovative biodegradable packaging solutions (Novel Q). The joint holding, in the same place and on the same dates, of three major food industry exhibitions – IPA, the World Food Process Exhibition, SIAL, the Global Food Marketplace, and IN-FOOD – provides a consistent and complete offer, from process to finished product. This rational decision has won over IPA exhibitors: the strategic fit between the exhibitions is clear, “SIAL is the exhibition most visited by IPA visitors,” (source: IPA 2008 visitor survey), which means there is definitely potential for targeted and international visitors for IPA. In fact, the 53,000 visitors to SIAL are food industry professionals, with 50% of them from abroad. 172

Ottobre 2010

ricerca in Europa (AgriFoodResults), prevenzione della contaminazione della catena alimentare dai microorganismi patogeni ( PathogenCombat), miglioramento della sicurezza alimentare e della qualità della carne bovina (ProSafeBeef), valutazione del rischio da contaminazione chimica da imballaggio (Truefood), incidenza di nuove tecnologie di preservazione non termica associate all’imballaggio sulla sicurezza dei prodotti pronti all’uso (HIGHQ RTE), concept di imballaggi biodegradibili innovativi (Novel Q). Lo svolgimento congiunto in uno stesso luogo e alle stesse date di tre saloni di riferimento per l’agroalimentare: IPA, il Salone internazionale del process alimentare, SIAL, Salone Internazionale dell’Alimentazione, e IN-FOOD rappresenta un’offerta coerente e completa, dal process al prodotto finito. Questa scelta di razionalità seduce gli espositori di IPA: la complementarietà dei saloni è evidente, «il SIAL è il salone più visitato dai visitatori di IPA» (fonte: sondaggio visitatori IPA 2008), un potenziale sicuro di visitatori di livello e internazionali per IPA. In effetti, i 53.000 di visitatori del SIAL sono costituiti da industriali del comparto agroalimentare ed il 50% di essi è di provenienza internazionale.

IPA, SIAL and IN-FOOD will be held at the same time to provide a coherent and complete offer

TecnAlimentaria Food Industry


Dynamic ideas, integrated solutions

FOR MORE INFO CALL US OR VISIT OUR SITE www.pellacini.com

Processing plants for fruit and vegetable Marmalades, Jams, Juices and Nectars, Sirup Halls, Mixing Plants, Tomato-based as sauces, ketchup and condiments Tomato Processing Lines, Aseptic Installations for semi-finished products as fruits and vegetables

RS OU E H C 24 TAN

ASS

IS

PELLACINI SERGIO & FIGLI S.a.s. Via Provinciale, 38 • 43038 Sala Baganza (Parma) Italy • Tel. +39 0521 83.35.28-31 Fax +39 0521 83.38.59 • e-mail: info@pellacini.com


The companies we have dealt with

10 OTTOBRE

2010

ABRIGO ACF ADM Alimec Alma Packaging ALTECH Amadori ArtInox Bassanina Bulpec Cap It Cartomac Cavanna CFT Rossi & Catelli Cidiesse Engineering Clevertech Colip Colombo Pietro Cryovac – Sealed Air Cusinato Dalter Alimentari DuPont Italia Econorma Effedue Escher Mixers Esmach Euroimpianti Evco Flamic Flexlink FoodIst Foteg GEA-Niro Soavi Helpan Forni Ibatech Ilmed Impianti Ing. A. Rossi Ing. Vezzadini Intersicop IPA Irtech ISGEV Italpan Keller Italy Krones Lita Logiudice Forni Makro Labelling Masterpack Messer Italia MIA Foodtech

Ricca di Diano d’Alba (CN) Galliera (BO) Rolle, CH Torrebelvicino (VI) Cadorago (CO) BAREGGIO (mi) San Vittore di Cesena (FC) Conegliano (TV) Mason Vicentino (VI) Sofia Passirana di Rho (MI) Schio (VI) Prato Sesia (NO) Parma Piovene Rocchette (VI) Casterlbosco Sotto (RE) Galliera (BO) Oggiono (LC) Passirana di Rho (MI) S. Martino di Lupari (PD) Sant’Ilario d’Enza (RE) Milano S. Vendemiano (TV) Malo (VI) Schio (VI) Grisignano (VI) Schio (VI) Sedico (BL) Schio (VI) Cascine Vica Rivoli TO Istanbul Istanbul Parma Thiene (VI) Istanbul Avigliana (TO) Parma Reggio Emilia Madrid Parigi Arenzano (GE) Arzignano (VI) Schio (VI) Milano Garda (VR) Poirino (TO) Volpino di S. Stefano di Zimella (VR) Marmirolo (MN) Monvalle (VA) Settimo Torinese (TO) Castiglione Falletto (CN)

Pagg. 94-95 Pag. 71 Pagg. 64-66 Pag. 2 Pagg. 102-103 Pag. 4 Pagg. 130-133 Pag. 57 Pag. 41 Pag. 112 Pag. 77 Pag. 129 Pagg. 108-109 Pagg. I Cop., 152 Pag. 125 Pagg. 116-117 Pag. 43 Pag. 62 Pagg. 121-123 Pag. 59 Pagg. 82-84 Pagg. 28, 68, 70 Pag. 134 Pag. 67 Pagg. 3, 72 agg. 54-55 Pag. 97 Pagg. 18-21 Pag. 49 Pag. 124 Pag. 74 Pag. 56 Pagg. 154-155 Pagg. 44-45 Pag. 50 Pag. 142 Pagg. 156-157 Pagg. 160-161 Pag. 34 Pag. 170, 172 Pagg. 22-23 Pag. 171 Pag. 35 Pag. 135 Pagg. 100, 106-107 Pag. III di Cop. Pag. 29 Pag. IV Cop. Pagg. 98-99 Pag. 112 Pagg. 46-47


Milk Italy Mingazzini Minimotor Moriondo National Starch F.I. Novapan Ocean Spray OEM ALI Omac Oripan Packaging Fair Istanbul Packlab Partisani Pavan Pellacini PI-MEC Pilot Italia Pohling Pomati Praxair-Smaltiriva Protec Pulsar Re Pietro REPI Righi Inox Rittal Rondo Sgorbati Vegetec Sifel Synchrosys Sigep Sigma Soren Starmix Sweets Middle East Tecalit TECHNO D Technosilos Tecnoferrari Tecnopool TeknoStamap Tiesse Robot Tifq Ucima Valbona Valledoro Veripack Vibrowest Italiana Vitella VOmm Zacmi

Schio (VI) S. Pancrazio (PR) Bagnolo in Piano (RE) Besana (MI) Manchester Cividino di Castelli Calepio (BG) Lakeville, Middleboro-USA Bozzolo (MN) Rubiera (RE) Tione di Trento (TN) Istanbul San Giorgio (MN) ForlĂŹ (FC) Galliera Veneta (PD) Sala Baganza (BG) PARMA Usmate (MB) Annone di Brianza (LC) Codogno (LO) Monte Marenzo (LC) Collecchio (PR) Spilamberto (MO) Gaggiano (MI) Lonate Ceppino (VA) S. Giorgio in Piano (BO) Vignate (MI) Schio (VI) Rezzato (BS) Agadir S. Mauro Torinese (TO) Rimini Torbole Casaglia (BS) Corsico (MI) Schio (VI) Dubai S. Martino Lupari (PD) ViGEVANO (PV) Capocolle (FC) Fiorano Modenese (MO) S. Giorgio in Bosco (PD) Grisignano di Zocco (VI) Visano (BS) Milano Cinisello Balsamo (MI) Lozzo Atesino, (PD) Brescia Cislago (VA) LIMBIATE (MI) Schio (VI) Rozzano (MI) Parma

Pag. 83 Pagg. 140-141 Pagg. 162-163 Pag. 33 Pagg. 36-39 Pag. 51 Pagg. 42, 153 Pagg. 60-61 Pag. 8 Pagg. 52-53 Pagg. 96, 110 Pagg. 111 Pag. 75 Pagg. 10-11 Pag. 173 Pag. 85 Pagg. 104-105 Pagg. 148-149 Pag. 63 Pag. 69 Pag. 143 Pagg. 164-165 Pag. 32 Pagg. 91-93 Pagg. 136-137 Pagg. 80-81 Pagg. 16-17 Pagg. 166-167 Pag. 128 Pag. 79 Pagg. 48, 78 Pagg. 5, 58 Pagg. 138-139 Pag. 9 Pag. 155 Pag. 15 Pagg. 126-127 Pag. 73 Pagg. 86-87 Pag. 1 Pagg. II di Cop., 30-31 Pagg. 113-115 Pagg. 12-14 Pagg. 118-120 Pagg. 158-159 Pag. 40 Pag. 101 Pagg. 168-169 Pagg. 26-27 Pag. 147 Pagg. 150-151


SIGEP

23 - 27

ISM / PROSWEETS

Gennaio

Rimini

Salone internazionale di pasticceria, panificazione e gelateria

31 Gen. - 3 Febbraio

Colonia

Salone internazionale di panificazione e pasticceria

FRUIT LOGISTICA FRESH CONEX

3-5

Febbraio

Berlino

Salone Internazionale dell’industria agroalimentare

MIA

21 - 24 Febbraio

Rimini

Mostra internazionale di tecnologie alimentari

EUROPAIN

6 - 10

Parigi

Salone internazionale di panificazione e pasticceria

FOODEX / BIE Baking Industry Exhibition

21 - 24 Marzo

Birmingham

Salone internazionale per l’industria alimentare e delle bevande / panificazione e pasticceria

ALIMENTARIA BARCELONA

22 - 26

Marzo

Barcellona

Salone Internazionale dell’industria alimentare e delle bevande

BIAS

4-7

Maggio

Rho, Milano

Salone internazionale di automazione e strumentazione

IFFA

8 - 13

Maggio

Francoforte

Salone internazionale dell’industria della carne

BAKERY CHINA

12 - 15 Maggio

Shanghai

Salone internazionale di panificazione e pasticceria

SIAB

22 - 26 Maggio

Verona

Salone internazionale dell’industria della panificazione, pasticceria e pastificazione

TOTAL

25 - 27 Maggio

Birmingham

Salone internazionale del processo e del packaging

PACKOLOGY

8 - 11

Giugno

Rimini

Salone internazionale delle tecnologie del packaging

FISPAL

8 -11

Giugno

S. Paolo - Brasile

Salone internazionale dell’industria alimentare e della panificazione

EXPO PACK

22 - 25 Giugno

Città del Messico

Salone internazionale delle tecnologie del packaging

PROPAK CHINA

14 - 16 Luglio

Shanghai

Salone internazionale delle tecnologie di processo e confezionamento per l’industria alimentare

FIPAN

20 - 23 Luglio

S. Paolo - Brasile

Salone internazionale della panificazione e pasticceria

TIAM

24 - 26

Settembre

Napoli

Mostra Internazionale delle tecnologie alimentari Salone Internazionale del confezionamento

IBIE

26 - 29

Settembre

Las Vegas

Salone Internazionale dell’industria di panificazione, pasticceria e pastificazione

FACHPACK

28 - 30

Settembre

Norimberga

Salone internazionale del confezionamento e dell’imballaggio

INTERMEAT / INTERMOPRO / INTERCOOL

28 Sett. - 1 Ottobre

Düsseldorf

Salone internazionale per la lavorazione e il confezionamento della carne, per l’industria lattiero-casearia e della refrigerazione

MACFRUT

7 - 9

Ottobre

Cesena

Mostra internazionale delle tecnologie per il settore agroalimentare

PA.BO.GEL.

16 - 19

Ottobre

Roma

Salone internazionale tecnologie per la panificazione pasticceria e pasta fresca

IPA / SIAL

17 - 21

Ottobre

Parigi

Salone internazionale dell’alimentazione e delle tecnologie per l’industria alimentare

A.B.TECH EXPO

23 - 27

Ottobre

Milano

Salone internazionale dell’industria della panificazione, pasticceria e pastificazione

PACK EXPO

31 Ott.- 4 Novembre

Chicago

Salone internazionale tecnologie del packaging

EMBALLAGE

22 - 26

Parigi

Salone internazionale tecnologie per il confezionamento e l’imballaggio

Marzo

Novembre

Fairs in Italy & in the world


MODULARITÀ, FLESSIBILITÀ E PRATICITÀ

Macchine etichettatrici da 1.000 a 36.000 bottiglie/ora

Makro Labelling srl Via Don Doride Bertoldi, 91 • 46045 Marmirolo (Mantova) Italy Tel.: + 39 0376 1872203 • Fax: + 39 0376 1872197 • info@makrolabelling.it • www.makrolabelling.it


Tecnalimentaria Food Industry Ottobre 2010