2019 | Bilancio sociale cooperativa

Page 1


2


PREMESSA • OBIETTIVI 1.

2.

3.

Il Bilancio Sociale consente alla Cooperativa Ozanam di rendere conto ai propri stakeholder del grado di perseguimento della missione e, in una prospettiva più generale, delle responsabilità degli impegni assunti, dei comportamenti e soprattutto dei risultati prodotti nel tempo; Costituisce un documento informativo che permette ai terzi di acquisire elementi utili ai fini della valutazione delle strategie, degli impegni e dei risultati generati da Ozanam nel tempo; Favorisce lo sviluppo, all’interno di Ozanam, di processi di rendicontazione e di valutazione e controllo dei risultati, che possano contribuire ad una gestione più efficace e coerente con i valori e la missione.

• CONDIZIONI - La Cooperativa Ozanam considera la pluralità̀ dei propri stakeholder, indica il tipo di relazione esistente con i medesimi e valutare la coerenza tra i risultati raggiunti e i loro bisogni e aspettative; il rispetto di queste condizioni costituisce certamente un obiettivo. - La redazione del Bilancio Sociale è avvenuta con il coinvolgimento degli organi di governo, della struttura amministrativa, degli operatori interni all’organizzazione e delle diverse categorie di stakeholder; - La rilevazione delle informazioni qualitative e quantitative relative alle attività svolte dall’Organizzazione Non Profit contenute nel Bilancio Sociale è puntuale e continuativa (annuale); presupposto essenziale è l’alimentazione di un sistema informativo che entri a far parte degli ordinari strumenti di lavoro dell’organizzazione e che sia idoneo a sistematizzare e aggiornare nel tempo gli indicatori utilizzati per la rendicontazione. • DESTINATARI Il Bilancio Sociale è un racconto destinato a tutti coloro che vogliono entrare nel mondo della Cooperativa e della Cooperazione, di tutti quelli che spinti da motivazioni diverse, percorrendo sentieri, a volte più a volte meno tortuosi, arrivano inspiegabilmente ad incrociare la nostra realtà. È destinato ad un bacino di utenza infinito, ai sostenitori come ai fruitori, ai committenti come agli operatori, ai dipendenti come ai volontari e nello stesso tempo alle istituzioni pubbliche o alle realtà private. Con uno sguardo positivo e ricco di progettualità è la fotografia di quanto realizzato nell’anno precedente (2017), facce, mani, lavoro, bilanci economici, resoconti sociali, tutto quello che con speranza e gioia si decide di condividere con tutti coloro che ci hanno incontrato o che lo faranno. • REDAZIONE Il Bilancio Sociale è un importante strumento di comunicazione, utile nelle relazioni pubbliche, sociali ma anche industriali. Partendo da questa considerazione, si è pensato di considerare l’attività propria della Cooperativa,

3


delineando un quadro che comprenda la situazione presente (punti di forza e di debolezza) e i suoi possibili sviluppi futuri (sotto forma di opportunità da cogliere oppure di minacce da scongiurare). Lo scopo ultimo di un’analisi così fatta è quello di facilitare le politiche di intervento e l’interazione tra gli attori coinvolti nel processo, fornendo una base condivisa all’attività progettuale, sottolineando la presenza di sinergie attivabili negli interventi richiesti in aree differenti ed infine permettendo di effettuare facilmente un monitoraggio dei risultati raggiunti dall’intervento rispetto alla situazione di partenza. È stato scelto un modello partecipativo, mosso dalla necessità di stimolare e realizzare una condivisione collettiva dei problemi che la Cooperativa doveva affrontare e delle linee che doveva perseguire. Una condivisione estesa ai soci, ai lavoratori e a un certo numero di interlocutori esterni (stakeholder) che abbiano potere e interesse ad intervenire sulle scelte che la cooperativa si accingeva a fare. • NORMATIVA Il presente Bilancio Sociale è stato redatto ispirandosi liberamente agli Standard Internazionali del GRI (Global Reporting Initiative). Dal punto di vista normativo i riferimenti sono: • Decreto attuativo del Ministero della Solidarietà Sociale del 24/01/08 contenente le Linee Guida per la redazione del bilancio sociale da parte delle organizzazioni che esercitano l’impresa sociale; • Delibera della giunta regionale della Lombardia n°5536/2007. • PUBBLICIZZAZIONE Il Bilancio Sociale verrà presentato e condiviso in Assemblea dei Soci; successivamente verrà data pubblicità attraverso un comunicato stampa e la pubblicazione sul sito internet della Cooperativa: la pubblicazione sul sito internet consente di raggiungere soprattutto le imprese, mentre la diffusione di un comunicato stampa si rivolge in primo luogo ai cittadini e alle istituzioni. La diffusione del documento avviene anche attraverso il personale e i volontari con i quali si è preventivamente condiviso. Un coinvolgimento diffuso in tutte le fasi del processo di realizzazione del bilancio sociale è stato importante ai fini di una fidelizzazione delle persone che stanno “investendo” sulla Cooperativa. Il Bilancio Sociale sarà utilizzato come strumento per una sistematica condivisione della mission e dei valori che sostengono e muovono la Cooperativa. Sarà continuamente rimodellato da tutti coloro che avranno a cuore la Cooperativa e soprattutto le persone che attraverso il lavoro si incontreranno, durante le assemblee dei soci. • APPROVAZIONE Il Bilancio Sociale è stato approvato all’unanimità in data 24 Luglio 2020

4


AMMINISTRAZIONE

• OGGETTO SOCIALE L’oggetto sociale di Ozanam Cooperativa Sociale di Solidarietà è perseguire l’interesse generale della comunità alla promozione umana ed alla integrazione sociale dei cittadini. In particolare, la Cooperativa si rivolge a chiunque, per motivi diversi, trovi difficoltà di inserimento nella vita sociale, nella convinzione che, attraverso il lavoro inteso come mezzo di sussistenza e sviluppo e le attività educative dell’uomo nel suo insieme, sia possibile il superamento dell’emarginazione. La Cooperativa si propone pertanto, compatibilmente con i mezzi a disposizione, di svolgere in modo organizzato, in uno spirito cristiano e senza fini di lucro, qualsiasi attività inerente alla educazione, alla qualificazione morale, culturale, professionale e materiale, nonché all’inserimento sociale di chiunque, adulto o minore, handicappato sia fisico che psichico, tossicodipendente, alcolista, carcerato, disadattato, ecc., si trovi in uno stato di indigenza e di bisogno o di emarginazione in genere e che liberamente chiede di usufruire dei suoi servizi.

• ORGANIZZAZIONE

Indirizzo sede legale

OZANAM SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE DI SOLIDARIETÀ Via Varese 25/d 21047 SARONNO - VARESE

Indirizzo sedi operative

Via G.Ferraris, 26 21047 Saronno (VA)

Denominazione

Forma giuridica e modello di riferimento Tipologia Data di costituzione CF p.iva N° iscrizione Albo Nazionale società coop. N° iscrizione Albo Regionale coop.sociali Tel Fax Sito internet

Onlus Coop. B - A 09/06/1992 02068460126 02068460126 A133019 238 sez B foglio 119 02 9626681 – 02 96708315 02 96706252 www.ozanam.it

5


Anno di adesione

Appartenenza a reti associative

Codice ateco

SocietĂ di San Vincenzo de Paoli ConfCooperative (Varese) Compagnia delle opere

1992 1997 2000

82.99.99

• AMMINISTRATORI Consiglio di amministrazione

carica

nomina

durata

Socio dal

domiciliato

Laura Telloni

Presidente

29/05/2017

3 esercizi

1999

Saronno

Edoardo Mazzucchelli

Vice Presidente

29/05/2017

3 esercizi

2009

Saronno

Gianluca Assandri

Vice Presidente

19/06/2019

3 esercizi

2005

Limbiate

Matteo Tettamanzi

Consigliere Delegato

19/06/2019

3 esercizi

2017

Saronno

Andrea Padova

Consigliere

29/05/2017

3 esercizi

2014

Varese

Federico Franchi

Consigliere

29/05/2017

3 esercizi

1992

Uboldo

Filippo Reina

Consigliere

29/05/2017

3 esercizi

1992

Uboldo

Laura Scorti

Consigliere

29/05/2017

3 esercizi

1992

Saronno

Soldavini Giuseppe

Consigliere

20/06/2019

3 esercizi

2019

Ferno

Nome e cognome

6


Organo di controllo – Collegio Sindacale

Nome e cognome

carica

nomina

durata

domiciliato

Colombo Franco

Presidente

16/12/2019

3 esercizi

Milano

Zerboni Nicola

Sindaco

16/12/2019

3 esercizi

Milano

Coco Stefano Massimiliano

Sindaco

16/12/2019

3 esercizi

Aci Catena

Marinatto Alberto Filippo Carlo

Sindaco Supplente

16/12/2019

3 esercizi

Milano

Gelmetti Gian Enrico Maria

Sindaco Supplente

16/12/2019

3 esercizi

Milano

• SETTORE DI ATTIVITÀ La Cooperativa non ha scopo di lucro, il suo fine è il perseguimento dell’interesse generale della comunità alla promozione umana ed all’integrazione sociale dei cittadini. La Cooperativa si ispira ai principi che sono alla base del movimento cooperativo mondiale ed in rapporto ad essi agisce. Questi principi sono la mutualità, la solidarietà, la democraticità, l’impegno, l’equilibrio delle responsabilità rispetto ai ruoli, lo spirito comunitario, il legame con il territorio, un equilibrato rapporto con lo Stato e le Istituzioni Pubbliche. La Cooperativa intende operare attraverso attività produttive sia di tipo artigianale, industriale, commerciale o di servizi mediante le quali realizzare l’integrazione lavorativa di persone socialmente svantaggiate, in misura non inferiore al 30% dei lavoratori normodotati dipendenti. Secondo quanto riportato nello statuto, l'oggetto sociale della cooperativa è il seguente: La cooperativa, nel rispetto delle clausole di mutualità di cui all'art. 26 del D.L.C.P.S. n. 157 del 14 dicembre 1947 e successive modificazioni e integrazioni ha per oggetto lo svolgimento, col prevalente lavoro dei propri soci, delle seguenti attività di impresa: A. B. C. D. E. F. G.

Pulizia, cura e custodia di immobili, di giardini, di cimiteri, raccolta differenziata, custodia centri raccolta Rifiuti, attività di orticultura anche a scopi terapeutici, gestione impianti di compostaggio vegetale; Assemblaggio di componenti o di apparecchiature di qualunque tipo; Studio, progettazione e costruzione di componenti e di apparecchiature di qualunque tipo; Servizi informatici od aventi come base l'uso di strumenti informatici; Corsi di formazione specialistica per personale interno ed esterno, e finalizzati all'attività sociale; Produzione e commercializzazione all'ingrosso e al dettaglio di componenti per arredo, di oggettistica in legno ed altri materiali ad esso complementari ed affini, di cornici di ogni tipo e misura; H. Lavorazione in genere di falegnameria e serramentistica; I. Manutenzione, riparazioni e sostituzione di serramenti, infissi, arredi ed altri manufatti presso terzi; J. Distribuzione a domicilio di periodici, stampati, contenitori. K. Noleggio di attrezzature, noleggio biciclette anche per conto terzi e riparazione biciclette; custodia parcheggi. L. Customizzazione abbigliamento, stampe, bandiere e gadgettistica, settore aperto nel 2017 grazie ai contributi concessi da Fondazione Prima Spes, Fondazione Cattolica e Fo.Co.Va)

7


• BASE SOCIALE Di seguito vengono riportate alcune informazioni sulla composizione della base sociale aggiornata al 2019

Tipologia soci Volontari

Ordinari

Volontari numero 52 Ordinari numero 106

8


La base sociale nel tempo 2016 140

116

2017 122

2018

2019

122 106

120 100

59

80 49

48

52

60 40 20 0

Ordinari

Volontari

9


MISSION • FINALITÀ La Cooperativa, la cui MISSION è quella di essere una realtà lavorativa finalizzata a dare occupazione a lavoratori in difficoltà, oltre ad un “imprinting” produttivo, ha dunque anche l’obiettivo di essere educativa e valutativa rispetto alla capacità dell’utenza di essere lavoratori a tutto tondo (saper essere oltre a saper fare), competenza troppo spesso data per scontata ma la cui mancanza ha visto spesso chiudersi percorsi lavorativi potenzialmente interessanti. Ecco il perché del percorso proposto, ma anche la percentuale dei successi raggiunti. • VALORI Seguendo la forte “esperienza cattolica”, che ha ispirato la San Vincenzo di Saronno a fondarla nel 1992 dandogli il nome del proprio fondatore, Federico Ozanam, mette AL CENTRO dei sui interessi L’UOMO con tutte le sue sfaccettature e difficoltà.

• STRATEGIE - All’inizio del 2019 per motivi legati all’ obiettivo di sviluppo e in sostituzione della figura dimissionaria assunta nel 2018, viene introdotta all’interno dell’organico una nuova figura professionale come Responsabile delle Gare e Progetti. La nuova Responsabile ha sviluppato nuovi progetti, creato accordi di partenariato, ampliato la rete di associazioni a sostegno dei progetti della Cooperativa e intrapreso azioni di richiesta di contributi ad Enti e Fondazioni; - La figura del Pedagogista ed Educatore ha collaborato con la Responsabile dell’Area Sociale per creare un nuovo progetto sperimentale sulla figura dei NEET poi proposto sia a livello locale (servizi del territorio) che provinciale e regionale. Grazie a questo innovativo progetto sono stati organizzati incontri sia con la Provincia di Varese che con Regione Lombardia per gettare le basi per la creazione di nuovi protocolli di monitoraggio e di attivazione di iniziative mitigative e preventive del fenomeno NEET; - In un’ottica di sviluppo e di avvicinamento ad una struttura organizzativa capace di rispondere ad una azienda in espansione si è momentaneamente trovata una figura di alto profilo che sta svolgendo, sotto forma di volontariato, alcuni dei compiti generalmente in carico alla figura del Direttore Generale; - Da un punto di vista di formazione interna è stata portata avanti la strategia degli incontri comunicativi tra Responsabili di settore al fine di creare un gruppo coeso capace di lavorare insieme in armonia e supportarsi; - Al fine di migliorare la sostenibilità ambientale, sono stati introdotti nuovi criteri di scelta nei programmi di acquisto delle attrezzature, dei materiali e dei prodotti chimici impiegati sui propri cantieri, nonché metodologie di esecuzione del servizio caratterizzate dalla sostenibilità ambientale; - È stata individuata all’interno dell’organico una figura di Responsabile della Qualità. Grazie a questa scelta si è potuto migliorare sul fronte delle certificazioni della Cooperativa e soprattutto ci si è concentrati sullo sviluppo della formazione sia interna che esterna per creare un gruppo di lavoro sempre più qualificato; - Si è lavorato alla creazione di un progetto specifico per l’inserimento lavorativo tramite Art. 14 poi proposto con esito positivo alla Provincia di Varese. Lo sviluppo di questo progetto permetterà un sempre maggior coinvolgimento delle aziende del territorio grazie a proposte economicamente vantaggiose e che garantiscono un ritorno d’immagine. - Per poter risultare competitivi sul mercato si è provveduto a iniziare a sistemare il sito internet della Cooperativa. È stato anche studiato un piano per pubblicizzare i servizi offerti anche attraverso i social network; -In previsione del 30° anniversario della Cooperativa, che si terrà nel 2022, si è iniziato a studiare un piano di eventi atti a pubblicizzare l’evento e a creare diverse azioni per incentivare donazioni che sostengano lo sviluppo della Cooperativa.

10


• OBIETTIVI - non perdere mai di vista la MISSION SOCIALE; - essere sempre più eco sostenibili sia per scelta etica che per essere concorrenziali nelle gare di appalto; - investire nella formazione per creare personale sempre più qualificato; - incrementare il numero di Art. 14 tramite la creazione di nuovi progetti; - sviluppare ulteriormente i rapporti con i servizi del territorio per creare nuovi protocolli e nuove offerte di collaborazione; - sviluppare nuove progettualità da proporre ai privati in modo da supplire alla prevista diminuzione di contratti con il pubblico dovuta ad una sempre maggiore corsa al ribasso nei bandi di gara. • VALUTAZIONE Nel 2019 l’ufficio Gare e Progetti ha intrapreso diverse azioni volte alla richiesta di contributi ad Enti e Fondazioni sia private che pubbliche. Sono inoltre stati stretti diversi rapporti di collaborazione che ben fanno auspicare per le progettazioni future. Si sta invece evidenziando la difficoltà di riuscire ad aggiudicarsi i bandi di gara pubblici poiché le aziende partecipanti puntano a una guerra al ribasso tale da rendere svantaggiosa una eventuale offerta vincente. L’Area Sociale ha creato progettazioni innovative che hanno permesso la creazione di solide basi per una proficua collaborazione sia con gli enti territoriali che con la Provincia e la regione Lombardia. Prevediamo che nei prossimi anni sarà possibile aumentare il numero di art. 14 presenti in azienda e la stesura di nuovi protocolli per l’inserimento lavorativo dei NEET. Da sempre OZANAM opera nel rispetto dell’ambiente, perseguendo una politica ambientale e di qualità grazie al continuo sviluppo di un sistema di gestione integrato. OZANAM è certificata: Norma UNI EN ISO 9001, Norma UNI EN ISO 14001 e BS OHSAS 18001:2007. Le certificazioni impegnano l’azienda in un continuativo processo di miglioramento strutturale e organizzativo volto ad ottenere un servizio orientato alla qualità del prodotto e alla salvaguardia dell’ambiente. Anche per queste ragioni la politica societaria è fortemente orientata ad adottare misure di gestione e tutela ambientale nell’erogazione dei servizi. • AMBITO TERRITORIALE La Cooperativa, pur lavorando soprattutto nel Saronnese e nelle provincie di Varese, Como, Milano e Monza Brianza, allarga la propria attività a tutta la Lombardia.

11


• STORIA Ozanam è una cooperativa sociale di tipo misto nata nel 1992. Deve il suo nome a Federico Ozanam, fondatore della San Vincenzo de Paoli, alla quale si ispira per le finalità e le attività. La Cooperativa è un’impresa sociale senza scopo di lucro, disposta ad accettare quotidianamente la sfida di essere una realtà produttiva. Sono distinguibili due macro aree, “AREA PRODUTTIVA” (corpo) e “AREA SOCIALE” (anima), due realtà che camminano insieme verso un obiettivo comune. La mission è coniugare l’aspetto lavorativo con il recupero sociale di persone in difficoltà. Per questo Ozanam progetta, gestisce, monitora e valuta percorsi di inserimento lavorativo rivolti a persone con svantaggi riconosciuti (disabilità, devianza, dipendenza) e a tutti coloro che, per vari motivi emarginati dal mondo del lavoro, possano trarre da una occupazione stabile, oltre che una fonte di sostentamento, una ragione di integrazione e uno strumento per ritornare a una vita sociale, autonoma e dignitosa. La Cooperativa, con i mezzi di cui dispone, si propone di svolgere in modo organizzato qualsiasi attività inerente alla educazione, alla qualificazione morale, culturale, professionale e materiale, nonché all’inserimento sociale e lavorativo di chiunque, normodotato o diversamente abile, si trovi in uno stato di indigenza, bisogno o emarginazione. Tale attività viene svolta in relazione con gli enti territoriali, studiando con essi strategie e metodi opportuni ad ogni singolo individuo. Mentre in passato la cooperativa oltre agli introiti derivanti dalle commesse in essere poteva contare su contributi pubblici e finanziatori privati, ad oggi si sostiene “in toto” attraverso le commesse di lavoro. Sono rimasti i contributi pubblici finalizzati a percorsi di inserimento lavorativo attraverso tirocini formativi o lavorativi.

12


13


GOVERNANCE

• ORGANIGRAMMA

14


• STATUTO La Cooperativa è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da un numero di consiglieri variabile da 3 a 15. Gli amministratori restano in carica per tre esercizi. Gli amministratori sono rieleggibili. La maggioranza dei componenti del Consiglio di Amministrazione è scelta tra i soci cooperatori, oppure tra le persone indicate dai soci cooperatori persone giuridiche. Il consiglio di amministrazione elegge fra i suoi membri un presidente. La Cooperativa ha provveduto alla nomina del Collegio Sindacale • NOMINA AMMINISTRATORI Ai sensi dello statuto vigente la nomina degli amministratori avviene con assemblea ordinaria dei soci. Il Consiglio di Amministrazione in carica è stato nominato dall’assemblea dei soci in data 29/05/2017. • COMPENSI Nel 2019 non sono stati corrisposti compensi al Consiglio di Amministrazione

• VITA ASSOCIATIVA Nel corso dell’anno 2019 si sono svolte le seguenti assemblee: • DEI SOCI -

Assemblea deserta del 18/06/2019

-

Assemblea del 20/06/2019: o Approvazione del Bilancio dell’esercizio chiuso al 31/12/2018; o Presentazione bilancio sociale al 31/12/2018; o Rinnovo carica Revisore legale dei conti per il triennio 2019/2021; o Rinnovo CCNL - Aumenti o Varie ed eventuali.

-

Assemblea deserta del 13/12/2019

-

Assemblea del 16/12/2019 o Nomina organo di controllo/revisione legale; o Determinazione compenso all’organo di controllo; o Varie ed eventuali.

-

Assemblea del 20/12/2019 o Aggiornamento delibera assembleare del 30/10/2019; o Progettualità future; o Varie ed eventuali.

RIUNIONI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

15


Riunione del 31/01/2019 Riunione del 20/02/2019

Riunione del 06/03/2019

Riunione del 15/03/2019

Riunione del 21/03/2019

Riunione del 28/03/2019

Riunione del 10/04/2019

Riunione del 16/05/2019

Riunione del 22/05/2019

o o o

Ammissione soci; Recesso soci; Varie ed eventuali.

o o

Andamento anno 2018; Varie ed eventuali.

o o o o

Sfratto e affitto capannone per verde e cimiteri; Programmazione corsi di formazione e visite mediche; Risoluzione licenziamento Miano; Varie ed eventuali.

o o o o

Ammissione soci; Cambio tipologia; Recesso soci; Varie ed eventuali.

o o

Esame bozza di Bilancio al 31/12/2019 convocazione assemblea generale; Varie ed eventuali.

o o o

Ammissione socio; Recesso socio; Varie ed eventuali.

o

Riunione del 13/06/2019

Riunione del 17/06/2019

rinvio

o

Conferimento poteri al Presidente per costituzione ATI con Minerva S.C.arl; Varie ed eventuali.

o o o

Ammissione socio; Recesso socio; Varie ed eventuali.

o o o

Andamento trimestrale; NovitĂ capannone; Varie ed eventuali .

o o o

Approvazione bozza di Bilancio al 31/12/2018 e relative relazioni; Convocazione Assemblea Generale; Varie ed eventuali.

o o

Ammissione soci; Varie ed eventuali .

o o o

Ammissione soci; Recesso soci; Varie ed eventuali .

o o o

Ammissione soci; Recesso soci; Varie ed eventuali .

o o

Nomina VicePresidente, attribuzione poteri e deleghe; Nomina Consigliere delegato Area Sociale, attribuzione poteri e delghe; Ridefinizione poteri al Presidente del Consiglio di Amministrazione; Varie ed eventuali.

Riunione del 05/06/2019

Riunione del 06/06/2019

e

Riunione del 19/06/2019 o o

16


o o

Conferimento poteri; Varie ed eventuali.

o o o

Ammissione soci; Recesso soci; Varie ed eventuali .

o o o

Ammissione soci; Recesso soci; Varie ed eventuali .

o o

Andamento al 30/06/2019; Varie ed eventuali.

o o o

Ammissione soci; Recesso soci; Varie ed eventuali .

o o o

Andamento al 31/07/2019; Incontro con il Sindacato per recupero tredicesime; Varie ed eventuali

o o o

Ammissione soci; Recesso soci; Varie ed eventuali .

o o o

Ammissione soci; Recesso soci; Varie ed eventuali .

o o

Convocazione Assemblea Generale; Varie ed eventuali .

o o o

Ammissione soci; Recesso soci; Varie ed eventuali .

Riunione del 15/10/2019

o o

Conferimento poteri; Varie ed eventuali .

Riunione del 23/10/2019

o o o

Assemblea Soci al 30/10/2019; Aggiornamento Cafaro; Varie ed eventuali .

Riunione del 21/06/2019

Riunione del 05/07/2019

Riunione del 22/07/2019

Riunione del 31/07/2019

Riunione del 06/08/2019

Riunione del 04/09/2019

Riunione del 06/09/2019

Riunione del 30/09/2019

Riunione del 11/10/2019

Riunione del 14/10/2019

Riunione del 29/11/2019

Riunione del 02/12/2019

Riunione del 11/12/2019

Riunione del 31/12/2019

o Ammissione socio; o Recesso soci; o Varie ed eventuali. o o

Recesso soci; Varie ed eventuali.

o Incontro con il Sindacato; o Andamento al 31/10/2019; o Varie ed eventuali. o o o o

Cambio tipologia socio; Recesso soci; Esclusione soci; Varie ed eventuali.

17


18


PORTATORI DI INTERESSI

Base Sociale Organi direzionali

Altro

Risorse Umane

Fruitori

OZANAM

Rete di Sistema

Rete Economica Rete Territoriale

• INTERNI

Organi direzionali

Organo di controllo Base sociale

Risorse umane

• • • • • •

Assemblea dei soci; CdA della cooperativa; Presidente; Vice Presidente Consiglieri Delegati; Collegio Sindacale

• • • • • • • • •

soci lavoratori; soci lavoratori svantaggiati; soci volontari; soci sovventori lavoratori; lavoratori svantaggiati; collaboratori volontari; borse lavoro.

• • • • • • • • • •

committenti/clienti; fornitori; donatori; Comune; Provincia; Regione; ASL; S.I.L Confcooperative; CdO.

• ESTERNI Rete economica

Rete territoriale

Rete di sistema

19


• RELAZIONE CON LA COOPERATIVA La consapevolezza di un cambiamento sostanziale all’interno dell’assetto sociale dei richiedenti aiuto, e l’aumento delle domande di lavoro da parte di personale derivante da ogni tipo di percorso di svantaggio e non, ha portato la Cooperativa ad accrescere in modo esponenziale il rapporto con gli enti pubblici e privati che abbiano l’obiettivo principale di porsi in una modalità di accoglienza verso la persona in difficoltà. Con questo stimolo la Cooperativa ha partecipato ai Piani di Zona del proprio territorio atti ad individuare i punti deboli e forti che il territorio di competenza possiede in ambito sociale e a dare, laddove possibile, risposte significative per la risoluzione dei problemi. Durante l’anno sono stati inseriti diversi percorsi lavorativi che hanno visto la Cooperativa Ozanam continuare ad avere uno stretto contatto con i vari enti invianti per garantire all’utente un percorso monitorato ed attento con l’obiettivo di educare all’identità del lavoratore sia per capacità lavorativa che per accettazione delle regole specifiche dei vari contesti produttivi. Si sono inoltre portati avanti progetti innovativi incentrati sul fenomeno dei NEET che è sempre più presente sul territorio in cui opera la Cooperativa. Il 2019 ha portato avanti progettazioni sviluppate in stretta collaborazione con la Provincia di Varese per creare nuove modalità di collaborazione con le aziende per promuovere l’assunzione di disabili tramite l’Art. 14.

20


RELAZIONE SOCIALE • IL SOCIALE Ozanam nasce nel 1992 con lo scopo di promuovere l’inserimento di persone che faticano ad emergere e trovare un proprio spazio nel mondo del lavoro. La sfida è di coniugare l’aspetto lavorativo e produttivo con il sostegno ed il recupero sociale di persone vantaggiate.

Per Ozanam l’attività lavorativa ha il significato non solo di produzione, ma anche di educazione e rieducazione al lavoro, che significa favorire nella persona l’acquisizione di responsabilità, impegno, autonomia, socialità e professionalità. La cooperativa diventa così luogo di realizzazione, di rafforzamento della fiducia e del rispetto di sé, di scambio e di relazioni sociali, di valorizzazione e apprendimento, di accrescimento personale e professionale, di acquisizione di indipendenza e autonomia. Tale modello di inserimento offre quindi occasioni di lavoro ai soggetti con ogni tipo di difficoltà, svantaggio, fragilità e si propone di offrire risposte concrete a quanti faticano spesso ad esprimere la propria domanda. Ozanam rappresenta un’opportunità per valorizzare la forza lavoro debole grazie all’esistenza di figure specializzate preposte a realizzare e a monitorare progetti personalizzati di inserimento lavorativo.

INSERIMENTI LAVORATIVI Le finalità sociali sono orientate all’attenzione dei bisogni emergenti, all’attivazione delle risorse disponibili e alla valorizzazione delle risorse residue, attraverso la collaborazione attiva nella rete dei servizi territoriali. Si prevedono percorsi di inserimento lavorativo a favore di persone con: • Invalidità e/o fragilità fisica, psichica e psichiatrica • Dipendenza da sostanze psicotrope, alcol, GAP; • Restrizioni detentive in atto o scontate in passato; • A rischio di emarginazione/ esclusione Sociale; • Nuove povertà; disorientamento giovanile; NEET. L’Area Sociale di Ozanam Collabora in rete con: • La Provincia di Varese- Collocamento Mirato Disabili• Regione Lombardia- Sezione Istruzione, Formazione, Lavoro • Servizi & Nuclei di Inserimento Lavorativo Saronno, Desio, Cerro Maggiore, Cantù, Nerviano, Lomazzo, Cesate, Milano, Tradate, Varese • Servizi Sociali e U.E.P.E • Servizi per le Dipendenze (Ser.D, NOA, SMI) • Centri Psico-Sociali; • Istituti Scolastici; • Comunità alloggio Annunciata- Como; • CNOS- FAP -Salesiani di Arese;

21


• • • •

Casa di Marta, Saronno; “Pinocchio”- Società Cooperativa Sociale ONLUS; Altre Associazioni & Cooperative: Caritas, San Vincenzo dè Paoli, Mi Sun Chi, Gruppo Alice, TreB, San Carlo/ Baobab di Tradate; “Il Granello”SaronnoMato Grosso, FederSolidarietà, ConfCooperative

•TIROCINI LAVORATIVI Sono state consolidate le procedure interne all’Area Sociale per la presa in carico di tirocinanti inviati dalla rete territoriale. Per ogni tirocinante sono stati definiti gli obiettivi dei percorsi di tirocinio, gli step per effettuare un’osservazione, un monitoraggio ed una valutazione, attraverso l’incrocio di dati quantitativi e qualitativi, disponibili dal 2017. Nel 2019 si sono intensificati i rapporti con l’ente inviante per un confronto ed un monitoraggio sempre più preciso ed oculato. Oltre a contatti telefonici e alla mail del settore, sono stati effettuati numerosi incontri in presenza con l’intento di trasformare l’incontro di verifica come un momento formativo per il tirocinante che acquisendo maggior consapevolezza circa il proprio operato, ha la possibilità di attuare i correttivi nel corso dell’esperienza. Nel 2019 Ozanam ha assistito all’avvicendarsi di

• •

55 tirocinanti secondo le seguenti tipologie di utenza :

15 tirocini secondo Lg 381/1991, di cui: 4 Condannati ammessi alle misure alternative alla detenzione; 5 soggetti in trattamento psichiatrico; 3 tossicodipendenti/ alcolisti; 3 invalidi fisici, psichici, sensoriali; 33 Tirocini di inclusione sociale di cui: 12 ai fini di inserimento lavorativo;

6 NEET; 1 TRR (tirocinio riabilitativo risocializzante);

Le richieste non accolte per la non compatibilità del profilo del candidato con l’offerta della cooperativa sono state 4. Le rinunce ad intraprendere l’esperienza sono state 10.

TIROCINI-SETTORE ASSEMBLAGGIO-AREA SOCIALE Nel 2019 l’Area Sociale ha proseguito la collaborazione avviata negli anni precedenti con il responsabile del Settore Assemblaggio e che si è rafforzata per la presenza di un alto numero di soggetti svantaggiati (tirocinanti e lavoratori). Si è lavorato così a stretto contatto per monitorare l’andamento del settore in particolare per rilevare quegli aspetti che inficiano il clima lavorativo e di conseguenza la produttività. Durante l’anno si è cercato di studiare una migliore disposizione dello spazio del settore modificando alcuni aspetti ai fini migliorativi. Nello specifico: • Migliorata la disposizione dei tavoli con suddivisione dei lavori e riduzione della dispersione di tempi e spazi tra le fasi di lavoro; • Migliorato il posizionamento dei tavoli per consentire l’individuazione ed il riconoscimento di tutti gli operatori presenti nel settore; • Migliorato il posizionamento delle postazioni di lavoro per garantire la sicurezza e l’accesso alle vie di fuga; • Sperimentati nuovi gruppi di lavoro promuovendo una rotazione delle persone tra i tavoli; (bimestraletrimestrale); • Favorita una maggior conoscenza tra le persone; si è contenuta l’esclusione; si è favorita la distribuzione nei gruppi dei dipendenti con maggior anzianità e capacità produttiva. Per perseguire gli obiettivi all’interno del settore assemblaggio, si è pensato di individuare alcune figure con il ruolo di tutor per supportare l’Area Sociale ed il responsabile di settore nel monitoraggio degli aspetti produttivi e relazionali.

22


CORSO PER TUTOR AZIENDALI In Ozanam ed in particolare nel settore assemblaggio, si è resa necessaria l’individuazione tra i dipendenti di alcune figure capaci di svolgere la funzione di Tutor aziendale. Nel 2019 è stato organizzato da Ozanam in collaborazione con un’Equipe di consulenti esterni, un corso di formazione per Tutors Aziendali. Il corso rivolto a 8 persone è stato organizzato in 4 incontri tra la fine di Febbraio ed il mese di Marzo con un monitoraggio prolungato anche dopo l’estate. ➢

Chi sono i tutor?

Sono quegli operatori che accolgono ed affiancano i nuovi inserimenti (neo assunti o tirocinanti) e che hanno mansioni ben precise: alcuni compiti sono trasversali, altri specifici di alcune fasi, altri ancora più prettamente tecnicoprofessionali. In particolare il Tutor ha il compito di: • • • • •

Accogliere l’apprendista e favorire l’inserimento nel settore; Affiancare l’apprendista e porsi come “guida”, sostegno e facilitatore dell’apprendimento; Osservare le relazioni con i soggetti interni all’azienda; Valutare gli apprendimenti e della crescita professionale dell’apprendista; Collaborare con l’Area Sociale per una sempre maggior puntualizzazione del progetto ed un’attuazione di interventi mirati;

Quali gli obiettivi del corso?

• • • • •

Creare un gruppo di persone capaci di interagire e supportarsi per la gestione di nuovi inserimenti; Comprendere il ruolo di Tutors; Conoscere le proprie potenzialità e i propri limiti personali; Comprendere le modalità di intervento e le situazioni in cui richiedere l’intervento dell’Area Sociale; Conoscere le modalità di approccio con le differenti tipologie di utenza;

Il corso ha avuto un buon riscontro ed ha permesso una conoscenza reciproca tra gli elementi del gruppo; ha permesso a ciascun membro del gruppo di prendere consapevolezza circa le potenzialità e i propri limiti; ha consentito di comprendere come intervenire in alcune situazioni critiche; ha favorito la riflessione sulla figura del Tutor favorendo così anche la rinuncia all’incarico per quelle persone secondo cui l’impegno richiesto è oneroso. Si è consapevoli che 4 incontri non sono sufficienti per la formazione del tutor aziendale ma sono stati la base per un corso che verrà ripetuto sia con il gruppo “pilota” che con altri gruppi di operatori di altri settori.

PROGETTI SPERIMENTALI INTEGRATI Nel 2019 sono stati avviati in forma sperimentale alcuni progetti integrati a doppio modulo. Per alcuni tirocinanti, in collaborazione con il servizio inviante, è stato redatto un progetto a doppio modulo: un modulo con un monte ore all’interno della cooperativa Ozanam ed un modulo con un monte ore all’interno di un servizio territoriale. Per alcuni tirocinanti, dopo un periodo di osservazione in Ozanam, si è constatata la necessità di avviare in parallelo all’esperienza lavorativa interna alla cooperativa un’esperienza con connotazione educativa-sociale-relazionale. Si è potuto notare come in alcuni casi l’esperienza pratico-operativa di Ozanam non permetta di rispondere completamente ai bisogni del tirocinante. Spesso il tirocinante ha necessità di staccarsi da un aspetto prettamente produttivo per dedicarsi a degli aspetti più relazionali e di formazione a tutto tondo. L’attività pratica spesso non consente al tirocinante di riflettere sugli aspetti personologici e di relazione necessari ad una maturazione sia come individuo che come lavoratore. Nel 2019 sono state avviate le seguenti esperienze di collaborazione per progetti integrati: • per un tirocinante si è previsto un progetto in collaborazione con la Comunità Pinocchio di Brescia: tre pomeriggi in Ozanam alternati a due pomeriggi in Comunità; uno dei due pomeriggi dedicati ad attività di gruppo ed un pomeriggio dedicato alla riflessione in gruppo e all’esternazione dei vissuti personali in riferimento a particolari tematiche; • per un tirocinante si è previsto un progetto in collaborazione con la Coop. Il Granello di Saronno: un pomeriggio al Granello con l’idea di intensificare nel tempo la frequenza. Il progetto prevedeva che il lavoro 23


in Ozanam venisse alternato ad attività di riflessione e condivisione in gruppo con la finalità di conoscersi maggiormente e sviluppare un senso critico su svariate tematiche; per un tirocinante si è previsto un progetto in collaborazione con “Casa di Marta” di Saronno: il Sabato Pomeriggio a frequenza bimestrale, il tirocinante frequentava la struttura per adoperarsi a favore di svantaggiati che richiedano alimenti o vestiario.

La progettazione è stata effettuata tenendo conto delle necessità del tirocinante e considerando il particolare stadio evolutivo di maturazione o a supporto di una particolare fase evolutiva del disagio. Al termine del 2019 sono stati effettuati alcuni incontri di progettazione per l’anno 2020, per l’inserimento nel settore Assemblaggio di alcuni utenti provenienti da una comunità psichiatrica del territorio. Il progetto integrato si concretizza quindi nel momento in cui anche Ozanam diventa una risorsa per altre realtà per permettere di esperire l’attività lavorativa.

PROGETTO NEETNEED “…costruire uomini attraverso il lavoro, che se caratterizzato da attività pratica, diventa strumento di educazione integrale dell’uomo che può sviluppare il proprio pensiero con il coinvolgimento del corpo nella sua interezza, dalla dimensione fisica a quella psichica ed emotivo-affettiva”. (Pestalozzi 1808). Nel 2019 ha preso forma il progetto NEETNEED, già nei pensieri al termine del 2018 e concretizzato fin dagli inizi del nuovo anno. I NEET ritenuti tali secondo definizione sono stati 4, anche se poi il numero è da considerarsi maggiore se si considerano altri giovani connotati sotto altro tipo di svantaggio. Il progetto ha previsto l’inserimento dei giovani in un settore della cooperativa affiancando all’attività produttivalavorativa i colloqui individuali e lavori in piccolo gruppo. Gli obiettivi specifici per ciascuna area di intervento sono di seguito delineati: Obiettivi relativi all’attività lavorativa: •

Comprendere e rinforzare il senso della regola attraverso il rispetto delle norme del lavoro: rispetto degli orari di entrata e di uscita; rispetto dei tempi e del numero di pause; rispetto dei colleghi, dei referenti, degli spazi; saper gestire una comunicazione tempestiva in caso di ritardi o assenze; Diventare consapevoli degli aspetti prettamente legati alla produttività: ritmo di lavoro; conoscenza delle fasi lavorative; capacità manuale; capacità di concentrazione; problem-solving; gestione dello stress; interazione col gruppo di lavoro;

Obiettivi inerenti la realtà specifica della cooperativa: • Favorire la conoscenza della cooperativa e delle figure che vi lavorano; • Favorire il senso di appartenenza ad un gruppo e alla cooperativa; Obiettivi per la rielaborazione dell’esperienza in piccolo gruppo: • Favorire la circolarità della comunicazione; • Favorire la riflessione su alcune tematiche inerenti la pratica lavorativa: • Favorire la condivisione dell’esperienza; • Favorire la conoscenza reciproca attraverso il racconto dei propri vissuti e della propria storia; • Gestire il pregiudizio che condiziona i rapporti interpersonali; • Riconoscere il valore della diversità dell’altro; Obiettivi per la rielaborazione dell’esperienza in colloqui individuali: • Favorire la conoscenza di sé, dei propri punti di forza, delle proprie qualità, dei limiti; • Favorire la gestione di problematiche lavorative e relazionali in particolare con la propria famiglia; • Favorire l’espressione dei propri vissuti in relazione alla pratica lavorativa; Nel corso dell’anno si è potuto constatare la validità del progetto NEETNEED e di come la cooperativa Ozanam possa rappresentare per i giovani un “luogo sicuro”, un porto in cui stazionare e da cui ripartire in modo consapevole. Risulta necessario per l’anno 2020 coinvolgere maggiormente gli enti territoriali per la presentazione del progetto e per una sinergia di intenti e di interventi a favore dei giovani.

24


E’ opportuno procedere ad un censimento del numero dei NEET nei territorio di Saronno e nei comuni limitrofi e coinvolgere gli istituti scolastici per la conoscenza del progetto e per un invio alla cooperativa di giovani in cerca di nuove opportunità. DIPENDENTI E STRATEGIE DI WELFARE AZIENDALE Il welfare aziendale è l’insieme di tutte le iniziative e i piani messi in atto dall’azienda al fine di migliorare la vita lavorativa di ogni collaboratore. L’obiettivo deriva dal riconoscimento del valore del capitale umano, nell’azienda, nella famiglia, nella società. L’azienda raggiunge l’obiettivo mettendo a disposizione degli operatori, una serie di servizi volti a migliorare la qualità lavorativa e di vita del lavoratore e della sua famiglia. I servizi attuati rappresentano l’attenzione al benessere dei propri collaboratori con un impatto tangibile sulla loro motivazione e soddisfazione, sulle performance, migliorando di conseguenza il clima lavorativo. Ozanam ha sempre cercato di rispondere al bisogno di supportare e sostenere le persone: i momenti di difficoltà personale, i disagi e le insoddisfazioni influiscono spesso sulle prestazioni lavorative e rallentano il processo di crescita formativa e produttiva della Persona. •

INTERVENTI DI COUNSELLING O COACHING INDIVIDUALE

Il supporto dato dall’Area Sociale con interventi di Counseling o Coaching individuale, si sono rivelati efficaci in una relazione d’aiuto che mira alla promozione del benessere della persona, valorizzando le capacità individuali e indirizzando le energie e le motivazioni dei singoli verso sviluppi coerenti con le esigenze personali e dell’azienda. Gli obiettivi principali degli interventi sono: • Aumentare il benessere nei contesti Lavorativi; • Agevolare la comunicazione con i referenti della cooperativa; • Far crescere la motivazione al lavoro; • Migliorare la qualità del lavoro in termini di efficacia, di efficienza e di produttività; • Offrire sostegno in situazioni conflittuali e di disagio; • Ridurre l’assenteismo; • Coinvolgere dove necessario, i servizi territoriali per una presa in carico globale; Lo spazio messo a disposizione da Ozanam è rivolto a gruppi di lavoro e a singoli lavoratori che si trovino ad affrontare momenti di cambiamento, di riorganizzazione, di difficoltà nella gestione dei processi lavorativi, comunicativi o relazionali. Ad esempio, quando in ambito lavorativo diventa difficile: • • • • • • •

La condivisione di un progetto; La convivenza; La relazione con i colleghi; La motivazione al lavoro; La coesione organizzativa; L’integrazione dei progetti personali con quelli aziendali; La gestione dei conflitti in fasi di Cambiamento;

Sportello CAF

25


Lo sportello CAF è un servizio di assistenza fiscale che la Ozanam ha istituito mettendo a disposizione presso la sede una consulente per una giornata al mese. Le persone si possono rivolgere allo sportello per un qualsiasi problema inerente il fisco non solo per le dichiarazione dei redditi (Mod. 730; UNICO; ICI) ma anche per altri adempimenti come l’ISEE (indicatore della situazione economica), RDC, le richieste di invalidità. Il servizio è gratuito e permette al lavoratore che ne faccia richiesta, di ricevere assistenza in un orario definito, senza l’obbligo di lasciare la sede lavorativa e dover attendere per molto tempo il proprio turno. Il servizio ha lo scopo di agevolare il lavoratore che spesso non sa dove rivolgersi per porre specifici quesiti per sé o per un familiare. • PERSONALE OCCUPATO Al 31 dicembre 2019 il personale occupato è di 135 unità di cui 25 tirocini, così suddiviso:

settore

numero

Ft

Pt

Tirocini

altro

Assemblaggio Pulizie Informatica OZANAMPRINT Verde Cimitero Amministrazione Manutenzione

27 41 1

12 11 1

15 30

23 1

1

16 8 11 6

15 5 6 4

1 3 5 2

1

• FORZA LAVORO La Cooperativa applica il seguente contratto di lavoro: o CCNL Cooperative sociali per 110 dipendenti (nr.56 part time, nr 54 tempo pieno), di cui n. 100 assunti a tempo indeterminato e n. 10 a tempo determinato o Borse Lavoro/ Tirocini: n. 25 o Apprendistato 1

26


• BENEFICIARI La tabella di seguito esposta riporta i dati relativi agli utenti con tipologie di svantaggio riconosciute ufficialmente (disabilità psichica o fisica, dipendenza, detenzione, …) mancano nell’elenco tutti quei disagi sociali definiti “altri” che esistono e partecipano spesso alla difficile gestione di una cooperativa di tipo “B” che oltre ad un obiettivo sociale si trova nella situazione di dover perseguire anche un obiettivo economico sempre più caratterizzato da competitività e qualità. La percentuale dei lavoratori svantaggiati è del 36, 77 sul totale dei dipendenti, del 41, 90 sul totale dei dipendenti normodotati. La L. 381/91, che regolamenta le cooperative sociali, prevede che la percentuale degli svantaggiati sui dipendenti normodotati sia almeno del 30%.

Cooperativa sociale di tipo b Tipologia

Assembl.

Verde

Disabilità

19

3

Dipendenze

1

1

Detenzione Totale

@

Aree di attività Legno Cimiteri/Man. 2

6

Pulizie 12

Amm. 4

2

4

3

46

4

1 20

1 8

12

4

51

27


SITUAZIONE FINANZIARIA

Bilancio al 31/12/2019 Stato Patrimoniale Abbreviato 31/12/2019

31/12/2018

Attivo A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti

1.326

1.275

45.893

63.308

205.930

238.459

4.557

4.557

256.380

306.324

I - Rimanenze

144.763

213.642

II - Crediti

973.034

985.300

esigibili entro l'esercizio successivo

791.791

845.541

esigibili oltre l'esercizio successivo

181.243

139.759

115.950

123.398

1.233.747

1.322.340

124.569

52.238

1.616.022

1.682.177

104.364

112.976

IV - Riserva legale

13.062

12.236

VI - Altre riserve

18.760

16.915

4.298

2.753

140.484

144.880

16.422

17.391

1.444.508

1.501.707

1.193.803

1.217.540

250.705

284.167

14.608

18.199

B) Immobilizzazioni I - Immobilizzazioni immateriali II - Immobilizzazioni materiali III - Immobilizzazioni finanziarie Totale immobilizzazioni (B) C) Attivo circolante

IV - Disponibilita' liquide Totale attivo circolante (C) D) Ratei e risconti Totale attivo Passivo A) Patrimonio netto I - Capitale

IX - Utile (perdita) dell'esercizio Totale patrimonio netto C) Trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato D) Debiti esigibili entro l'esercizio successivo esigibili oltre l'esercizio successivo E) Ratei e risconti

28


31/12/2019 Totale passivo

31/12/2018

1.616.022

1.682.177

Conto Economico Abbreviato 31/12/2019

31/12/2018

A) Valore della produzione 1) ricavi delle vendite e delle prestazioni

2.915.124

2.974.932

(65.700)

(22.448)

(65.700)

(22.448)

-

-

contributi in conto esercizio

90.002

92.674

altri

32.527

76.159

122.529

168.833

2.971.953

3.121.317

6) per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci

183.890

222.002

7) per servizi

660.295

521.026

88.473

82.183

-

-

1.544.454

1.770.819

220.297

259.132

108.751

129.906

108.751

129.741

-

165

1.873.502

2.159.857

-

-

71.319

73.904

a) ammortamento delle immobilizzazioni immateriali

23.051

24.778

b) ammortamento delle immobilizzazioni materiali

48.268

49.126

1.649

-

72.968

73.904

11) variazioni delle rimanenze di materie prime, sussidiarie, di consumo e merci

3.179

(8.859)

12) accantonamenti per rischi

5.000

-

-

9.091

40.890

18.212

2.928.197

3.077.416

43.756

43.901

2/3) variaz. rimanenze prodotti in corso di lavoraz., semilavorati, finiti e lavori in corso su ordinaz. 2) variazioni delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati, finiti 5) altri ricavi e proventi

Totale altri ricavi e proventi Totale valore della produzione B) Costi della produzione

8) per godimento di beni di terzi 9) per il personale a) salari e stipendi b) oneri sociali c/d/e) trattamento di fine rapporto, trattamento di quiescenza, altri costi del personale c) trattamento di fine rapporto e) altri costi Totale costi per il personale 10) ammortamenti e svalutazioni a/b/c) ammortamento delle immobilizz.immateriali e materiali, altre svalutazioni delle immobilizz.

d) svalutazioni dei crediti compresi nell'attivo circolante e delle disponibilita' liquide Totale ammortamenti e svalutazioni

13) altri accantonamenti 14) oneri diversi di gestione Totale costi della produzione Differenza tra valore e costi della produzione (A - B) C) Proventi e oneri finanziari

29


31/12/2019 16) altri proventi finanziari

31/12/2018 -

-

-

-

4

8

4

8

Totale altri proventi finanziari

4

8

17) interessi ed altri oneri finanziari

-

-

39.431

41.136

39.431

41.136

(39.427)

(41.128)

4.329

2.773

31

20

31

20

4.298

2.753

d) proventi diversi dai precedenti altri Totale proventi diversi dai precedenti

altri Totale interessi e altri oneri finanziari Totale proventi e oneri finanziari (15+16-17+-17-bis) Risultato prima delle imposte (A-B+-C+-D) 20) imposte sul reddito dell'esercizio, correnti, differite e anticipate imposte correnti Totale delle imposte sul reddito dell'esercizio, correnti, differite e anticipate 21) Utile (perdita) dell'esercizio

• RACCOLTA FONDI La raccolta fondi si basa sulle seguenti fonti: → → → →

contributi comunali, regionali fondazioni erogazione 5 x 1000 donazioni

30


I valori riferiti all’esercizio 2019 sono riportati di seguito nello schema riassuntivo

CREAZIONE DI VALORE AGGIUNTO

2019

Ricavi delle vendite e delle prestazioni Variazione delle rimanenze Contributo in conto esercizio Altri ricavi e proventi

2.915.124 -65.700 90.002 32.527

Totale valore della produzione

2.971.953

Costi per consumo materie prime, sussid., di consumo e merci Servizi Godimento beni di terzi Ammortamenti e svalutazioni Oneri diversi di gestione

213.915 627.376 88.473 77.968 40.890

Totale oneri dell'attivitĂ caratteristica

1.048.622

Valore aggiunto della gestione caratteristica

1.923.331

Risultato della gestione straordinaria Valore aggiunto globale netto

1.923.331

DISTRIBUZIONE DI VALORE AGGIUNTO Remunerazione del personale Remunerazione della Pubblica Amministrazione Remunerazione della rete (utile) Remunerazione terzi finanziatori

1.873.502

Totale valore aggiunto distribuito

1.923.331

31 4298

45.500

31


Di seguito grafico dell’evoluzione del Valore della produzione riferito agli ultimi cinque esercizi:

VALORE DELLA PRODUZIONE 3.291.447 3.121.317

3.074.349

2.971.953

2019

2018

2017

2016

2.975.333

2015

Come sempre a questo punto ci troviamo a dover

TIRARE LE SOMME di un anno che, partito con grandi slanci e progetti interessanti, si è scontrato durante il cammino contro i muri della sostenibilità economica e della fattibilità. Le progettualità messe in campo alla fine del 2018 hanno trovato spazio in un 2019 fecondo di idee, sono state scritte pagine e presentate richieste di finanziamento a varie fondazioni (ORTICOLIAMO, COLTIVARE VALORE, NEETNEED) per portare avanti le idee maturate e ritenute valide (ORTICOLIAMO, COLTIVARE VALORE, NEETNEED), ma lo scontro con il risultato economico del primo trimestre ci ha subito messi a dura prova frenando lo slancio creativo. Abbiamo capito che sarebbe stato difficile chiudere bene un anno dove da un lato l’aumento dei costi (rinnovo CCNL, 32


Una Tantum,…), dall’altro i mutati protocolli all’interno delle gare di appalto, la “guerra tra poveri” ormai evidente con un gioco al ribasso insostenibile, la velocità di cambiamento imposta dal nuovo “modus operandi” aziendale, e molto altro ancora, avrebbero sicuramente reso sempre più difficile un percorso apparentemente lineare. Il secondo trimestre ancora una volta non ci ha visti vincenti dal punto di vista del fatturato, nonostante l’arrivo di una stagione maggiormente favorevole ad alcuni settori. Non è emerso un boom di crescita economica che ci permettesse di superare le difficoltà iniziali, perfino le aziende ormai consolidate da anni hanno avuto un decisivo calo di lavoro, portandoci a riflessioni dolorose e complesse. Al rientro dalle vacanze, consapevoli delle grosse difficoltà che avremmo affrontato di li a poco, ci si è messi da subito a cercare soluzioni, a proporre nuove strategie di azione per raggiungere un semplice obiettivo: una chiusura onesta per un anno difficile. Molte le idee messe sul tavolo, idee che ci hanno portato a riconsiderare una maggiore apertura di Ozanam al privato, a riconsiderare l’organizzazione interna della Cooperativa, a riflettere su di una ristrutturazione aziendale “pezzo per pezzo” che potesse in breve risolvere la situazione. Nulla di tutto questo è stato accantonato, ma la problematica andava risolta entro Dicembre 2019, i bei progetti messi sul tavolo avrebbero potuto aiutare la Cooperativa negli anni a venire, non nell’immediato, i tempi erano troppo stretti, e quindi anche quest’anno a chi abbiamo potuto rivolgerci per trovare una soluzione, per garantire a questa realtà sociale un 2020 e oltre…..?

AI SOCI LAVORATORI! A noi stessi, che con una importante rinuncia siamo riusciti a tenere in piedi la Nostra Cooperativa, dando ancora una volta prova di essere non solo lavoratori ma soprattutto Soci di una realtà sociale tanto importante e nella quale investiamo di nostro. Così si è concluso il 2019, siamo stati tutti protagonisti indiscussi e discussi in tutti i dodici mesi, ma alla fine, negli ultimi 10 metri prima del traguardo, siamo stati capaci di fare quell’ultimo sforzo che ci fa guardare al futuro……

Grazie GRAZIE ai Soci Lavoratori Uomini e donne, ma soprattutto mani coraggiose, che incuranti delle grosse difficoltà che hanno incontrato e che incontreranno nel percorso della vita, si sono impegnati ed uniti con la convinzione che il “SI PUO’ FARE” esiste davvero.

GRAZIE alla Governance Al CdA perché, seppure a fatica e con divergenze di opinioni ha saputo raggiungere un accordo sempre lavorando su quello che è l’obiettivo comune: la OZANAM e la sua MISSION.

GRAZIE ai Collaboratori 33


Professionisti che ci affiancano e sostengono, che ci aiutano a rimanere con i piedi per terra, a stabilire i confini degli sviluppi e delle progettazioni creative, ci supportano nelle scelte degli investimenti in modo che siano sostenibili, ci controllano con il solo obiettivo di non farci commettere errori aiutandoci a crescere giorno per giorno raggiungendo gli obiettivi … Insomma senza di loro saremmo mancanti di un pezzo fondamentale per completare il puzzle.

GRAZIE agli Istituti di Credito Istituti importanti che continuano a credere in noi permettendoci di continuare nella nostra avventura, perché se è vero che la nostra ”mission” si rivolge soprattutto al “Sociale”, è anche vero che senza la pur semplice “MONETA”, tutto questo non sarebbe possibile. Grazie agli aiuti preziosi nel costruire la sicurezza patrimoniale della Cooperativa e nel fornirci lo strumento per sviluppare il nostro fatturato.

GRAZIE ai soci volontari e a tutti coloro che per un motivo o per un altro sono transitati da Ozanam

34


PROSPETTIVE FUTURE Per il 2020 i nostri obiettivi sono: • 1.

2.

3.

4.

5.

PROGETTAZIONE ampliamento e sviluppo progetto neetneed: coinvolgimento dei servizi territoriali al fine di creare una collaborazione proficua tra cooperativa ed enti: la cooperativa vuole diventare punto di riferimento per un’utenza giovane che necessita di una realtà per sperimentare e sperimentarsi, acquisire soft skills, riflettere sulle proprie modalità di pensare “il lavoro”. progetti di formazione per l'aumento delle professionalità e delle specificità lavorative: con la collaborazione di un ente esterno e delle aziende, verranno attivati percorsi di formazione al lavoro in alcuni settori specifici. rinnovamento e delineazione del settore assemblaggio: verranno attuate azioni organizzative per ridefinire il settore con l’intento di creare un “LaVoratorio” come luogo di osservazione delle competenze lavorative e sperimentazione di nuove abilità. comunicazione e social network: sono previste azioni per una maggiore visibilità della cooperativa: nuovo sito internet; maggiore interazione attraverso i canali social; creazione di networking per una maggiore sinergia tra aziende- cooperativa-enti territoriali. sviluppo dei settori produttivi della cooperativa: sono previste nuove progettualità per lo sviluppo dei settori con l’obiettivo di rispondere a nuove esigenze di una committenza privata: servizi di pulizia a richiesta; cura di loculi su commissione; ingegneria ambientale; mobili di design e arredamento d’interni.

ECOSOSTENIBILITÀ Continua la ricerca di ozanam di essere sempre più attenta alle problematiche ambientali.

FORMAZIONE La Cooperativa vuole investire molto sul Piano Formativo.

CASA OZANAM Continua il sogno di trovare una SEDE adeguata alle necessità di Ozanam, una sede che possa ospitarci tutti e che ci possa rappresentare.

BILANCIO Continuare a credere nella Mission della Cooperativa ed in una buona riuscita in termini di Fatturato e di Personale.

35


Qualora si volessero dare suggerimenti per migliorare questo nostro lavoro, saremmo lieti di essere contattati e di accogliere le segnalazioni. info@ozanam.it

La sottoscritta LAURA TELLONI Presidente del CdA della OZANAM COOP. SOCIALE DI SOLIDARIETÀ dichiara, ai sensi degli artt.47 del DPR 445/2000, che il presente documento informatico è conforme a quello trascritto e sottoscritto sui libri sociali della società.

36