Page 1

di Padova Ovest

LA PIAZZA

www.lapiazzaweb.it

Periodico d’informazione locale. Anno XIX n. 56

È DISTRIBUITA DA

Rubano Alla materna Poppins problemi strutturali pag.

Villafranca Via Aquileia, i sindaci si confrontano

6

pag.

Archeologia Riemersa una necropoli di epoca romana

9

pag.

14

EDITORIALE

La crisi sta nei nomi dei veneti

LO NAZ/19/2010/CT 01 04 2010

PARCO ETNOGRAFICO NUOVI GIOCHI

Un nuovo spazio tutto dedicato al gioco e alle famiglie. Con l’arrivo della bella stagione il Parco Etnografico di Rubano si arricchisce di un nuovo spazio. Giochi in legno realizzati da un falegname tedesco per il divertimento dei bambini e la possibilità alle famiglie di ritrovarsi in compagnia. pag. 6

LIMENA COMUNE VIRTUOSO

Il Comune di Limena è un Comune virtuoso. A dirlo è nientemeno che il Ministero dell’Interno, nella classifica che ha stilato con gli enti locali particolarmente bravi ad amministrare. A livello nazionale sono solo 143 e nel padovano appena 7. pag. 8

di Mauro Gambin

C

L’ospedale si farà nella zona di Padova Ovest

Il pool di esperti ha scelto la collocazione del futuro nosocomio

I

l parere positivo è arrivato dopo anni di discussione dal presidente della Regione Veneto Luca Zaia lo scorso marzo: il nuovo ospedale cittadino si farà nella zona di Padova Ovest. Vicino alla città, quindi, ma anche ai Comuni di Limena, Rubano, Mestrino e Villafranca. Ospiterà circa mille posti letto e sorgerà in un’area vasta quasi 550 mila metri quadrati, con possibilità di ampliarsi, per ospitare strutture collegate come poli di formazione, ricerca, assistenza e riabilitazione.

La localizzazione è stata preferita a Brusegana (che era la proposta avanzata dalla Provincia) dal pool di esperti, presieduto dal segretario regionale alla sanità Domenico Mantoan e comprendenti i direttori generali ed i rappresentanti delle istituzioni coinvolte (Bo, Comune di Padova e Provincia). Per nascere, adesso, il nuovo ospedale pubblico dovrà passare attraverso la procedura di acquisizione dell’area dai 37 proprietari, il più grande dei quali è il presidente del Calcio Padova, Marcello Cestaro.

Un’opera che dovrebbe costare intorno ai 650 milioni di euro, costruita attraverso il project financing con una cordata di imprenditori. E adesso che il nuovo ospedale si è scelto di farlo a Padova Ovest, il consigliere di opposizione Dimitri Rossetto, della lista Il Ponte-Insieme per Limena, torna a riproporre l’idea che aveva proposto mesi fa al consiglio comunale: un polo scientifico al posto del futuro parco commerciale di Limena pagg. 4-5

resce di settimana in settimana la lista dei nomi degli imprenditori, ma sarebbe giusto aggiungere anche quelli dei lavoratori dipendenti, che si sono tolti la vita dall’inizio della crisi per la mancanza di lavoro o per il senso di frustrazione derivante dal non aver trovato mezzi e risorse per continuare a far progredire l’azienda. La Cgia di Mestre parla di più di 50 persone, tra i quali molti sono i veneti. Si tratta di un fenomeno senza precedenti che nasce dalla disperazione e che tuttavia è lontano dall’essere compreso e capito se anche il neo patriarca di Venezia, Francesco Moraglia, ha dichiarato che non sempre la chiesa ha inteso il dramma di chi è senza lavoro. Ma in Veneto prima del “dramma di chi è senza lavoro” andrebbe compreso che cos’è il lavoro. In una regione i cui abitanti si chiamano Marangon, Scarparo, Muraro, Ortolan, Contadin, Fornaro o Lanaro è evidente che il mestiere è una forma di identità. Il lavoro in veneto non è solo la fonte del reddito che permette un’esistenza più o meno decorosa alla quale non si riesce a rinunciare, come in molti hanno sostenuto, è un valore sociale fortemente correlato alla reputazione, all’onore e dunque al valore. continua a pag.

3

direttore@lapiazzaweb.it

L’Intervento

Difesa idraulica, serve prevenzione

di Anna Maria Martuccelli*

“L

a salvaguardia idrogeologica del territorio è un problema, che ha dimensione mondiale ma questa azione, purtroppo, non è ai primi posti delle politiche italiane”. *Direttore Generale dell’Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni

continua a pag.

13

ENTRA IN RETE CON NOI! Troverai il nostro giornale prima che venga distribuito con nuove news che riguardano il tuo territorio


EDITORIALE

segue da pag.

La crisi sta nei nomi dei veneti Rubano, traffico

CHIUSA VIA BELLE PUTTE AI TIR La chiusura al traffico pesante di via Aquileia, da parte del sindaco di Mestrino Marco Valerio Pedron, ha indotto anche il primo cittadino di Rubano, Otorino Gottardo, a prendere le dovute contromisure manifestando l’idea di chiudere il collegamento alla zona industriale di Ronchi di ViIlafranca. “Sono troppi i camion che passano davanti alle case e alle scuole - ha spiegato - Immenso il disagio dei residenti che hanno tardato a protestare. “I sindaci di Villafranca e Mestrino stanno studiando una soluzione ma io non posso aspettare i loro tempi.

1

“Era un gran lavoratore”, infatti è la definizione che per prima esce dal cassetto dei ricordi quando ricorre la commemorazione di un caro estinto, perché in forma speculare dice già tutto, aver dedicato molto tempo al lavoro, infatti, significa averne dedicato poco alle stupidaggini, essere rimasto lontano per fisica stanchezza da tentazioni e vizi e di essersi occupati del proprio lasciando stare la “roba” degli altri. Insomma ligio e probo, significa gran lavoratore. Altrove i crumiri sono stati disprezzati ma per i veneti aver lavorato tanto e in silenzio ha significato formarsi un’identità collettiva nel periodo delle grandi migrazioni verso l’Argentina o lo stato di Rio Grande do Sul. Veneto nel mondo significa, gran lavoratore. Nei film della commedia all’Italiana del dopoguerra i veneti sul set hanno quasi sempre interpretato il ruolo di servi o di contadini. Umili ma indispensabili. Il valore positivo riconosciuto al gran lavoratore è rimasto valido anche dopo l’arcadia felix del Veneto rurale, durante gli anni del boom economico, delle partite Iva, del “magna e desmentega” il “lavoratore” non ha subito attacchi morali nemmeno davanti all’evidenza del puro materialismo, dell’accumulo di ricchezza da esibire se non da ostentare. Il lavoro in Veneto è stato usato anche come salvacondotto per svincolare l’obbligo del rispetto dell’ambiente o più semplicemente delle regole. Chi viene nel nome del lavoro, può molto in una terra come la nostra, esiste un’idolatria dell’impiego che è stata efficace anche nel tempo in cui non esisteva la disoccupazione e oggi che di lavoro non ce n’è tanto nei giovani rimane invalsa la volontà di identificarsi nella propria professione tanto da esibirla in forma di status e per questo, in modo paradossale, non appartieni al sistema produttivo, evitano i lavori più umili anche se più remunerativi. Il lavoro in Veneto invece è ancora una forma di identità e per questo la crisi non è solo economica ma sociale e valorale insieme. Mauro Gambin - direttore@lapiazzaweb.it

Memorial

Vigodarzere, centri estivi

AL VIA LE ADESIONI ALLE ATTIVITÀ

Tra le ipotesi inerenti al futuro si Rubano, c’è anche quella che riguarda l’apertura di una nuova farmacia. Sarebbe la quinta e troverebbe collocazione nella frazione di Villaguattera, nell’area compresa tra via Cavour e via Garibaldi. Malgrado la zona non possa vantare un’elevata densità abitativa le nuove disposizioni del governo, in materia, autorizzano una rivendita di farmaci ogni 3.300 residenti. Da qui la scelta di Villaguattera i cui abitanti scontano una certo disagio nell’approvvigionamento di farmaci trovandosi le altre farmacie a Rubano, a Bosco e a Sarmeola.

MARCO MASINI IN CONCERTO

Padova Ovest ARGOMENTO DEL MESE Troppo cemento. Ogni giorno persi 100 ettari pag. 4-5

ELEMETARE PETRARCA Il Comune di Vigodarzere prevede anche per la prossima estate l’organizzazione dei Centri Estivi Ricreativi per i bambini delle scuole dell’infanzia e per i ragazzi della scuola primaria e secondaria di 1° grado. Per cercare di fornire alle famiglie un servizio più rispondente alle necessità e superare le eventuali criticità l’assessore agli interventi sociali Valerio Scotton ha promosso un incontro con tutti i genitori interessati.

PRESTO UNA FARMACIA

Teatro Geox

ZOCCARATO E PROGETTO HAITI

Ad un anno dal tragico incidente sul lavoro che ha portato alla scomparsa di Michele Zoccarato, i colleghi dello stabilimento dell’Acqua Vera e gli amici lo ha hanno ricordato lo scorso 14 aprile al teatro comunale di San Giorgio in Bosco. L’occasione è stata proficua per dare conto del progetto per Haiti, uno dei progetti di solidarietà avviati dall’operaio nei paesi più poveri del mondo. “Lui voleva che i giovani fossero felici – è stato spiegato durante la cerimonia -”.

Villaguattera

Provincia BILANCIO PROVINCIALE Reinvestiti sul territorio poco più di 41 milioni pag. 16

SPAZI APERTI

Dalle alienazioni la possibilità di riunire le due sedi

Lotta all’illegalità, Padova un modello

8

pag.

pag.

PROVINCIALE 12

Cinque nuove pensiline per la fermata dei bus pag.

9

Regione SANITÀ Piano socio sanitario, ospedali in bilico pag. 24-25

SVILUPPO

Veneto Strade non è ancora fuori dal tunnel

NOI E GLI ALTRI

Dopo i suicidi, a Vigonza nasce l’associazione pag.

17

18

ARTE

pag.

27

Gusmaroli, leggerezza ed invito al sorriso pag. 28

Marco Masini, la voce fuori dal coro della musica italiana, sarà in concerto al Gran Teatro Geox venerdì 18 maggio. Già al lavoro del suo prossimo album di inediti, Masini chiuderà proprio a Padova il suo tour nei teatri, che lo porterà nelle principali città italiane. Niente di Importante Tour 2012 prende il nome dall’omonimo disco “Niente di Importante. Marco Masini sarà accompagnato, oltre che dal suo fedele pianoforte, anche dalla sua band di cinque musicisti: Massimiliano Agati alla batteria, Cesare Chiodo al basso, Stefano Cerisoli alla chitarra elettrica, Riccardo Cherubini alla chitarra elettrica ed acustica e Antonio Iammarino al pianoforte e tastiere. Niente di Importante, il nuovo album di Marco Masini, è uscito il 27 Settembre a tre anni di distanza da “L’Italia…e altre storie”. 12 brani dove si respira una maturità introspettiva e una voglia di raccontarsi senza paure. Un album, che più di altri precedenti, contiene tutta l’essenza umana e artistica di un uomo sempre alla ricerca e in discussione con se stesso; un lavoro che, complice la calda e ruvida voce di Marco Masini, arriva direttamente alle corde dell’anima. Il live di Masini sarà un viaggio attraverso una carriera che lo ha sempre visto come una figura originale nel panorama della musica italiana.

È un periodico formato da 14 edizioni locali mensilmente recapitato a oltre 250.000 famiglie del Veneto. è un marchio registrato di proprietà della PROMOMEDIACOMMUNICATIONS Srl Edito da GIVE EMOTIONS Srl

DIREZIONE - AMMINISTRAZIONE E

CONCESSIONARIA

DI

PUBBLICITÀ LOCALE

Padova, via Svezia 9 Tel. 049 8704884 - Fax 049 6988054 numero verde 800 465040 promomedia@lapiazzaweb.it Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana È distribuito in esclusiva da

Questa edizione raggiunge le zone di Limena, Rubano, Villafranca per un numero complessivo di 12.500 copie. Iscrizione testata al Tribunale di Venezia n. 1142 del 12.04.1994; numero iscrizione ROC 15752

Venezia Padova Rovigo Treviso

REDAZIONE:

Direttore responsabile

MAURO GAMBIN direttore@lapiazzaweb.it ORNELLA JOVANE o.jovane@lapiazzaweb.it Chiuso in redazione il 30 aprile CENTRO STAMPA: ROTOPRESS INTERNATIONAL LORETO, VIA BRECCIA (AN)

Clicca su Scarica giornali, scegli l’edizione che ti interessa e sfogliala con

La Piazza la leggi anche sul web aggiornata con le ultime news!

www.lapiazzaweb.it


56 4 Argomento del mese EDILIZIA Legambiente veneto denuncia il lavoro di ruspe e di betoniere legali, che secondo gli ultimi dati Ispra in Italia sono talmente voraci da divorare ogni giorno qualcosa come 100 ettari di territorio vergine, poco meno di 100 campi da calcio per un impiego di oltre 3 miliardi di metri cubi di calcestruzzo MATTONE SELVAGGIO

Colate di cemento. L’impres

di Germana Urbani

I

l mattone selvaggio non risparmia nessun lembo d’Italia. Facendo la conta dei reati accertati nel ciclo del cemento negli ultimi 5 anni, infatti, anche le regioni del nord registrano perfomance allarmanti: 7.139 infrazioni, 9.421 persone denunciate, 1.198 sequestri, 9 arresti. Il Veneto, grazie all’operazione attenta delle forze di polizia, non evidenzia episodi allarmanti in questo settore.

L’ITALIA DEL CALCESTRUZZO

L

’illegalità che permea il mondo delle costruzioni si cala in un paese che è tra i massimi produttori al mondo di calcestruzzo e con una delle più alte percentuali di consumo del suolo, che ha raggiunto il 7,3% della superficie totale: solo Olanda (13,2%), Belgio (9,8%) e Lussemburgo (7,4%) hanno saputo fare di peggio, secondo i dati dell’Istat.

L

a “corruzione” dell’ambiente passa attraverso la corruzione dell’animo umano, una piaga che in Italia conosciamo bene e che i cittadini pagano caramente ogni giorno attraverso le loro tasse. Ma se a questa si aggiunge il lavoro occulto della criminalità organizzata, il gioco sporco si fa anche pericoloso sia per le imprese venete che per gli stessi veneti. Era il maggio del 1990 quando il giudice Paolo Borsellino, in un incontro pubblico in Veneto, disse: “Per quanto riguarda il rischio mafia, voi, oggi, in questa regione, dovete preoccuparvi soprattutto della corruzione, perché la corruzione è l’anticamera della mafia”. “Il motivo – aveva spiegato – è facile da capire: se un esponente delle organizzazioni mafiose va in cerca di punti di riferimento per riciclare o investire nell’economia legale capitali di origine illecita non può che rivolgersi a politici corrotti, cioè a persone che hanno rivelato una certa inclinazione”. E in moltissimi casi la corruzione pervade il ciclo del cemento, come ha dimostrato l’inchiesta che ha

LEGALITÀ

La mafia e l’edilizia veneta

S

ul fronte della legalità qualcosa si sta muovendo anche tra le istituzioni, tanto che il 9 gennaio di quest’anno è stato sottoscritto il protocollo della legalità nelle grandi opere pubbliche da parte del ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri, del presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, dell’Anci e dell’Upi. In particolare il protocollo definisce una misura molto importante quando estende l’attenzione e la richiesta dei dati ai subappaltatori e subcontraenti l’appalto. Sono molti coloro che valutano troppo alto, però, il tetto di 5 milioni di euro indicato come importo complessivo dei lavori sopra il quale è previsto che chi subappalta debba comunicarlo in Prefettura. Tale cifra molto elevata esclude tutto ciò che avviene per appalti più modesti che però sono quelli territorialmente più impattanti. Inoltre, il Protocollo non è perpetuo ma andrà a scadere tra due anni mentre molti lavori per cui è stato pensato durano tutti molto di più. Va, inoltre, chiarito chi debba controllare che le imprese effettivamente comunichino tempestivamente alla stazione appaltante ogni eventuale variazione dei dati originariamente trasmessi.

coinvolto la provincia di Venezia, che fecero dire al procuratore aggiunto di Venezia Carlo Mastelloni “è la prima volta dai tempi di Tangentopoli che si torna a colpire un sistema radicato, perdurante e organizzato”. Vittorio Rossi presidente vicario della Corte d’appello di Venezia in occasione della recente inaugurazione dell’anno giudiziario ha sottolineato che nella nostra regione “la corruzione è aumentata in maniera notevolissima, c’è uno scadimento del senso della giustizia non si vede il disvalore di questi comportamenti, sono quasi tollerati e accettati”. A conferma di queste affermazioni bastano solo pochi numeri: in Veneto i reati contro la pubblica amministrazione sono aumentati da 3572 a 4403, con un quasi raddoppiamento dei casi di peculato (più 77,1 per cento) e incrementi notevoli di corruzione (più 32,6%) e concussione (più 17,5%). In questo panorama il ciclo illegale del cemento è una delle piaghe più preoccupanti che registra numeri sorprendenti non solo al sud ma in tutto il nord Italia. Negli ultimi cinque anni in Emilia Romagna, Veneto,

Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Lombardia, Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta, le forze dell’ordine hanno accertato ben 7.139 reati, quasi 4 al giorno. Per un tipo di illegalità che coinvolge una selva di soggetti, dai “semplici” cittadini ai funzionari pubblici, dagli imprenditori ai colletti bianchi, passando, spesso, per i clan mafiosi: Il Veneto se la “cava” con 903 infrazioni, ma è da notare che in rapporto alle dimensioni territoriali la nostra regione guadagna un buon terzo posto nella “classifica nera” alla pari con l’Emilia Romagna. La corruzione riguarda il ciclo del cemento in tutte le fasi: appalto, escavazione, gestione delle infrastrutture. L’argomento è di grande attualità se pensiamo che solo il 5 aprile si è tenuta la prima udienza per 51 imprenditori accusati di aver fatto “cartello”, tra il 2006 e il 2007, per pilotare le gare pubbliche per appalti stradali. L’inchiesta delle fiamme gialle, denominata “ap-


Argomento del mese 57 5 Denuncia in Veneto

esa che mangia il territorio paltopoli”, riguardava la gestione drogata di decine di gare pubbli- che ha riguardato l’ordinanza di custodia cautelare (ai domiciliari) che soprattutto nel settore viario e dei lavori stradali mediante la nei confronti dell’Amministratore delegato dell’Autostrada VeneziaPadova, ad opera della Guardia di finanza. L’inchiesta ruota attorno formazione dei “cartelli” per concordare i ribassi. Un altro processo che prende il via in questi giorni il processo a un presunto sistema illegale di aggiudicazione dei lavori pubblici, attraverso un vasto apparato corruttivo. contro Angelo Canalia, funzionario della provincia di Vicenza. L’operazione – precisano gli inquirenti – costituisce la proA seguito delle dichiarazioni dell’imprenditore Pietro Colpo il nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Vicenza, secuzione dell’indagine svolta nei mesi scorsi a carico dei vertici del settore edilizia della Provincia di Venezia, coordinato dal maggiore Paolo Borelli, avestrettamente legati a un gruppo di imprenditori va arrestato in flagranza di reato il dirigente La corruzione locali, che riuscivano perciò a farsi assegnare dell’ufficio cave e miniere, Angelo Canalia, con riguarda tutte la quasi totalità dei lavori pubblici del Settore l’ipotesi d’accusa di concussione aggravata e le fasi: appalto, escavazione, Edilizia, da svolgere nella provincia, senza nepcontinuata. pure dover ricorrere a pubbliche gare d’appalto. Lo si accusa di aver preso tangenti per ri- gestione Il sistema di assegnazione si basava, spielasciare le autorizzazioni. Altre sei persone, tre imprenditori, l’ex sindaco di Tezze e due funzionari della Regione, gano gli inquirenti, sul “cottimo fiduciario”, cioè la vecchia trattativa erano stati iscritti nel registro degli indagati. Un atto dovuto per privata, in cui, per asserite ragioni d’urgenza, per l’importo dei lavopoter chiudere il cerchio su una situazione che metteva in luce la ri da svolgere o per altre motivazioni di comodo, veniva omessa la gara pubblica, facendo ricadere la scelta sistematicamente sull’impossibile esistenza di un “sistema corruzione”. Quanto alla gestione delle infrastrutture, una delle notizie che è prenditore di riferimento. rimbalzata sulle cronache giornalistiche di tutta Italia è stata quella

Le strade dell’illecito

Ombre su Valdastico e Passante L

e grandi infrastrutture che stanno cambiando il Veneto sono tutte interessate da episodi o modalità d’appalto su cui i cittadini dovrebbero riflettere a fondo. I lotti 9 e 14 dell’autostrada Valdastico sud sono stati interessati dal fenomeno dell’uso del cemento depotenziato. A dimostrarlo sono state le indagini sull’utilizzo di rifiuti come sottofondo stradale sequestrati dalla direzione distrettuale antimafia della procura di Caltanissetta nel novembre del 2008. Sequestro, con facoltà d’uso dell’autostrada, che è avvenuto dopo che i periti della Procura, analizzando la documentazione, hanno riscontrato significativi scostamenti tra i dosaggi contrattuali di cemento e quelli effettivamente impiegati. Sul Passante di Mestre, invece, la Corte dei conti ha effettuato, nel 2011, una disanima della gestione dell’opera che mette in luce alcuni aspetti significativi. Sotto il profilo dei costi il progetto ha subìto tre varianti “che hanno comportato un notevole innalzamento dei costi”. Il preventivo del 2004 dichiarò un costo di 864.261.368,00 euro mentre il costo finale è risultato di 1.388.232.323,79 con un aumento finale del 60,62 per cento. Inoltre, il Passante è stato la prima grande opera conclusa con procedura d’”emergenza”, anche se in assenza di cataclismi. Su questo la Corte dei conti ricorda una segnalazione dell’Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici che nel 2009 sottolineava: “Si rappresenta il timore che il sistematico ricorso a provvedimenti di natura emergenziale, celando l’assenza di adeguate strategie di intervento per la soluzione radicale del problema, si risolva in una sistematica ed allarmante disapplicazione delle norme del codice degli appalti”. Con la medesima procedura si sta conducendo la Pedemontana veneta.

FIRMATO UN PROTOCOLLO PER LA LEGALITÀ

E

ra il lontano 1992 quando il boss di Cosa Nostra Giuseppe Madonia fu arrestato a Longare, nel vicentino, mentre era impegnato nell’attività di un’impresa edile attiva nella costruzione di strade, fognature e opere idrauliche. Un avvenimento che dimostra come l’insediamento mafioso nel settore dell’edilizia veneta sia un fenomeno di lunga durata. Più di dieci anni fa, infatti, un’analisi del Comando regionale veneto della Guardia di Finanza, denunciava come “la particolare struttura industriale, caratterizzata da una molteplicità di piccole e medie imprese a ristretta base societaria ed in perenne evoluzione tecnologica, rende il sistema permeabile alla penetrazione di tipo economico delle varie forme di criminalità”. Venendo a tempi più recenti, il rapporto della Direzione investigativa antimafia del primo semestre 2010 sottolinea che “nel Veneto permangono i segnali di interesse delle tradizionali organizzazioni di matrice mafiosa e tra queste la ‘ndrangheta, verso i settori dell’economia locale”. E gli analisti spiegano che la Dia è stata indotta a svolgere controlli maggiormente pervasivi su “soggetti segnalati per tali attività dall’Unità di informazione finanziaria della Banca d’Italia”. Sulla presenza in Veneto di società costituite, in toto o in parte, da esponenti della criminalità organizzata va rilevata la puntualizzazione del magistrato Olga Papasso che nell’ultimo rapporto della Direzione nazionale antimafia, nel capitolo dedicato alle infiltrazioni in Abruzzo relative alla ricostruzione del dopo terremoto, il magistrato dice chiaramente che non è dal sud che arriva il pericolo: “la maggior parte delle imprese infiltrate da interessi mafiosi hanno spesso sede altrove, come si è detto prevalentemente a Roma, in Abruzzo, in Veneto e in Emilia Romagna, almeno per quanto riguarda l’esperienza fin qui maturata”.


6 Rubano Cedimenti alla scuola materna Problemi strutturali per l’Immobile degli anni ‘60

Alla Poppins sistemato il controsoffitto Il sindaco pensa ad un nuovo edificio ma già stata un’impresa recuperare i 35 mila euro necessari al restyling di Cristina Salvato

I

pannelli del controsoffitto della scuola materna Mary Poppins dovranno essere sostituiti: realizzati con materiale molto pesante, con gli anni hanno mostrato segni di cedimento e a fine marzo una porzione è crollata dal soffitto di uno dei corridoi della scuola. “Stiamo procedendo durante i fine settimana a sostituire tutti i pannelli che ricoprono il soffitto – spiega il sindaco Ottorino Gottardo – lo facciamo una stre ad accogliere i loro figli, avevano trovato il porzione alla volta, lavorando nei week end, in sindaco davanti al cancello, ad annunciare loro maniera da non dover tenere chiusa la scuola la chiusura della scuola per quel giorno. Dei rue consentire il regolare svolgimento delle lezio- mori strani erano stati avvertiti il giorno prima, ni”. La scuola materna Mary Poppins ospita per cui il mattino successivo i tecnici erano già al lavoro per i controlli. tre sezioni ed è frequenIl giorno successivo la tata da una settantina di L’impresa scuola aveva ripreso a bambini. A fine marzo era ha lavorato funzionare regolarmenstata chiusa per un giorno, nei week-end te, dopo aver tolto il per consentire ai tecnici di in modo da non controsoffitto pericolante effettuare delle indagini sui intralciare le lezioni e aver ricoperto il soffitto soffitti da cui provenivano rumori sospetti, per controllare lo stato delle con un telone in modo da scongiurare cadute pignatte (i mattoni che compongono il solaio) di materiale. “Nei giorni successivi abbiamo effettuato e verificare l’eventuale presenza di cedimenti. Al mattino i genitori invece di trovare le mae- ulteriori verifiche tecniche, come la termografia

Il prefabbricato che ospita la scuola materna

– replica il sindaco –, che non hanno evidenziato problemi sulla struttura del soffitto. Per evitare però il ripetersi di cedimenti, abbiamo deciso di sostituire tutta la controsoffittatura con del materiale più leggero. La materna Mary Poppins è un prefabbricato, costruito negli anni Sessanta. Il tempo è passato e avrebbe bisogno di un restyling profondo, ma avremmo intenzione di costruire un edificio nuovo, secondo parametri moderni ed ecologicamente avanzati“. Il problema sarà trovare i soldi necessari alla costruzione della nuova scuola. Nel frattempo il Comune ha fatto un notevole sforzo per trovare i 35 mila euro necessari alle analisi e ai pannelli nuovi.

NEWS Giornata ecologica

TANTE LE INIZIATIVE CHE HANNO ANIMATO LA PASQUETTA

H

a riscosso un gran successo l’iniziativa sportiva “Corri per Rubano” organizzata nella giornata di Pasquetta. Evento che l’amministrazione ha inserito nel vasto programma di iniziative in occasione della giornata ecologica. L’eco-Pasquetta ha preso il via alle 7 del mattino con i podisti che si sono I Lions hanno donato riuniti in piazza della Repubblica. Uno più di 200 piante spettacolo che ha tenuto lontano il al parco, la Bni traffico dalla Regionale 11 per alcune nuove fioriere ore. “Grazie al supporto di polizia per piazza King locale, protezione civile e molti volontari, la Regionale è rimasta chiusa per appena 50 minuti – ha spiegato l’assessore all’Ambiente Lorenzo Segato - liberando gli incroci man mano che passavano i partecipanti, mentre in viale Po i bambini giocavano sui gonfiabili messi a disposizione gratuitamente dall’amministrazione”. Poi la giornata ecologica si è spostata al Parco Etnografico. “Siamo soddisfatti dell’iniziativa – ha detto il sindaco Ottorino Gottardo - che ha coniugato strategie di contrasto all’inquinamento atmosferico con eventi e attrazioni “green” per i cittadini che hanno coinvolto molte realtà del territorio”. I Lions hanno donato più di 200 piante al parco, mentre la Bni ha donato le nuove fioriere di piazza Martin Luther King. Nel pomeriggio gruppi musicali locali si sono esibiti, accompagnati dagli strumenti del “batimarso”, mentre i produttori agricoli locali hanno offerto delle degustazioni. Il canile di Rubano, Enpa e gli amici di Camilla hanno organizzato iniziative per gli animali, mentre l’Avis e DiversamenteBio hanno fatto conoscere il territorio a piedi e in bici. Iniziativa che l’amministrazione pensa di riproporre l’anno prossimo. Ba.Tu.

NUOVI GIOCHI AL PARCO ETNOGRAFICO

I nuovi giochi e l’impianto fotovoltaico montato sul tetto del Casone

U

n nuovo spazio tutto dedicato al gioco e alle famiglie. Con l’arrivo della bella stagione il Parco Etnografico di Rubano si arricchisce di un nuovo spazio. Giochi in legno realizzati da un falegname tedesco per il divertimento dei bambini e la possibilità alle famiglie di ritrovarsi in compagnia. Novità che è stata possibile con l’approvazione da parte dell’amministrazione comunale di Rubano del progetto per la nuova area famiglie che l’Associazione Temporanea d’Impresa (Ati), formata dalle cooperative Coislha e Bottega dei Ragazzi e Patavium vivai sas che dal 2010 hanno in gestione l’area del Parco Etnografico di Rubano. Si tratta di un’area di circa 3000 metri quadrati che sta sorgendo all’ingresso del Parco. “Un progetto che sposa lo spirito della gestione - ha spiegato Paolo Raffaeli della cooperativa Coislha -, ossia quello di diversificare le forme di attività. L’area per le famiglie è infatti dedicata ai bambini che avranno un nuovo modo di giocare, ma anche alle famiglie che possono ritrovarsi insieme a mangiare”. “Con il legno

di robinia sono realizzati i giochi – spiega Paolo Turatello della Patavium Vivai progettista della nuova area - attività che permettono ai bambini di sperimentare un nuovo modo di giocare. Fra le novità un’altalena a pendolo, due torrette collegate da un tubo dove i bambini potranno giocare con la propria voce, e un labirinto. Ci saranno poi tre gazebo per gli incontri delle famiglie”. L’area giochi sarà illuminata anche di sera per permettere d’estate di giocare fino all’ora di chiusura del Parco, mentre i gazebo saranno dotati di energia elettrica. Fra i progetti in cantiere anche la riqualificazione dell’ingresso utilizzato ora come parcheggio. Presto sarà una pergola ombreggiata ad accogliere i visitatori. All’ingresso del parco Etnografico si potrà solo arrivare in bicicletta, mentre le auto dovranno utilizzare maggiormente il vicino parcheggio. In programma anche lo sviluppo del Casone come fattoria del ‘900, mentre è stata ultimata anche l’installazione dell’impianto fotovoltaico sopra al tetto. Ba.Tu.


Villafranca Padovana (PD) Via del Donatore, 1 Tel. 049 9051127 info@zanovellocasa.it www.zanovellocasa.it

20 anni

di attività Visitate il no stro

SHOW ROOM di tendaggi!

VENDITA E MONTAGGIO TENDE DA INTERNO ED ESTERNO• TAPPETI • MATERASSI

Zanovello

ABBIGLIAMENTO UOMO - DONNA - BAMBINO • ARREDO CASA E INTIMO

Vi offriamo cortesia e qualità di marchi noti come: PRANI - KELIS VITAMINA GRANCHIO - MALAGRIDA WAMPUM FRAGOLITA TANDEM - CAMPAGNOLO FAZZINI - CALEFFI - FILA LOVABLE - URBAN RING CLARIN SHAVIEN

VESTIAMO TUTTA LA FAMIGLIA

Villafranca Padovana (PD) Via Campodoro, 9 Tel. 049 9050094


8 Limena NEWS

Sanità Il pool di esperti ha scelto la collocazione del futuro nosocomio

L’ospedale si farà nella zona di Padova Ovest

Comune virtuoso

CONTI IN REGOLA, IL MINISTERO PLAUDE

I

di Cristina Salvato

I

Rossetto ripropone l’ipotesi di un polo scientifico al posto del futuro parco commerciale: “Ora c’è un motivo in più”

l parere positivo è arrivato dopo anni di discussione dal presidente della Regione Veneto Luca Zaia lo scorso marzo: il nuovo ospedale cittadino si farà nella zona di Padova Ovest. Vicino alla città, quindi, ma anche ai Comuni di Limena, Rubano, Mestrino e Villafranca. Ospiterà circa mille posti letto e sorgerà in un’area vasta quasi 550 mila metri quadrati, con possibilità di ampliarsi, per ospitare strutture collegate come poli di formazione, ricerca, assistenza e riabilitazione. La localizzazione è stata preferita a Brusegana (che era la proposta avanzata dalla Provincia) dal pool di esperti, presieduto dal segretario regionale alla sanità Domenico Mantoan e comprendenti i direttori generali ed i rappresentanti delle istituzioni coinvolte (Bo, Comune di Padova e Provincia). Per nascere, adesso, il nuovo ospedale pubblico dovrà passare attraverso la procedura di acquisizione dell’area dai 37 proprietari, il più grande dei quali è il presidente del Calcio Padova, Marcello Cestaro. Un’opera che dovrebbe costare intorno ai 650 dichiara Dimitri Rossetto – a causa del forte impatmilioni di euro, costruita attraverso il project financing to che il centro commerciale e le grandi strutture di con una cordata di imprenditori. vendita avrebbero sulla viabilità E adesso che il nuovo ospe- Tra i proprietari del nostro Comune, sulla quadale si è scelto di farlo a Padova da espropriare lità dell’aria e dell’ambiente e Ovest, il consigliere di opposi- il patron sul nostro commercio locale, zione Dimitri Rossetto, della del Padova che rischia di venire schiacciato. lista Il Ponte-Insieme per Lime- Marcello Cestaro Abbiamo sempre chiesto all’amna, torna a riproporre l’idea che ministrazione comunale di valuaveva proposto mesi fa al consiglio comunale: un tare come alternativa la riconversione di quella vasta polo scientifico al posto del futuro parco commerciale area da commerciale a polo di ricerca, collegato di Limena all’università”. D’altronde i terreni su cui dovrebbero “Non abbiamo mai nascosto la nostra contrarie- sorgere le grandi strutture di vendita e il centro comtà al progetto del grande parco commerciale avviato merciale distano pochi chilometri dalla tangenziale e dall’amministrazione del sindaco Giuseppe Costa – dalla zona in cui dove dovrebbe sorgere l’ospedale.

NEWS

“Saremmo ancora in tempo a cambiare la destinazione dell’area – continua Rossetto –, visto che il progetto del parco commerciale stenta a decollare e non si è ancora arrivati alla firma della convenzione coi proprietari delle aree, che non sembrano in grado di offrire le opportune garanzie fideiussorie. Pertanto l’amministrazione potrebbe cambiare la destinazione d’uso dei terreni e prevedere altre soluzioni. Penso ad un polo scientifico, con strutture che ospitino gli studenti e i parenti dei pazienti, un campus universitario con laboratori scientifici, un polo tecnologico e l’inserimento di attività produttive a supporto della struttura ospedaliera. Un’alternativa qualitativamente ed economicamente molto più apprezzabile dell’invasivo centro commerciale”.

Progetti

DALLE ALIENAZIONI LA POSSIBILITÀ DI RIUNIRE LE DUE SEDI DELL’ELEMENTARE PETRARCA

R

iunire le due sedi della scuola elementare Petrarca in un unico edificio: un progetto possibile grazie alla vendita di terreni comunali, compreso quello tra via Salvo d’Acquisto e via Kolbe su cui sarebbe dovuto sorgere la nuova scuola materna. “La base d’asta per la vendita del terreno partirebbe da un milione e 200 mila euro – illustra Marco Selmin, assessore ai lavori pubblici –, mentre contiamo di ricavare circa un milione e mezzo di euro dalla vendita di un lotto in via

• MERCERIA • INTIMO UOMO E DONNA • ABBIGLIAMENTO DONNA

Battisti, destinato ad ospitare un parcheggio, ma rimasto verde, perché posteggi in zona ce ne sono a sufficienza”. Dalla vendita dei due terreni verrebbero attinti i 700 mila euro per ampliare la sede centrale della scuola elementare Petrarca e riunire così tutti gli alunni in un unico edificio. Sei classi, infatti, sono ospitate dentro al plesso centrale, accanto alla chiesa, mentre altre quattro classi si trovano nell’edificio che ospita la scuola media. Ampliando la sede

centrale, si libereranno le aule della succursale, che sarebbero utilizzate quindi dalla scuola media, che ne ha necessità. Il progetto prevede di creare un nuovo corpo nella parte frontale dell’edificio, con quattro aule, l’ascensore e una porzione aggiuntiva dell’atrio dove gli alunni potranno giocare d’inverno. Siccome verrà ridotto il cortile, per non togliere spazio agli alunni dove giocare all’aperto ne sarà realizzato uno nuovo nell’area verde a fianco della scuola. Cr.Sa.

L’Antica Merceria

• TAGLIE FORTI • COPPE DIFFERENZIATE • BORSE

L’area sulla quale dovrebbe sorgere il futuro ospedale e nella foto piccola il consigliere della lista Il Ponte-Insieme per Limena, Dimitri Rossetto

l Comune di Limena è un Comune virtuoso. A dirlo è nientemeno che il Ministero dell’Interno, nella classifica che ha stilato con gli enti locali particolarmente bravi ad amministrare. A livello nazionale sono solo 143 e nel padovano appena 7. Uno di questi è appunto Limena, dove l’amministrazioIl sindaco ne comunale è giunta a metà Giuseppe Costa del suo mandato. “Quando è arrivata la comunicazione, ho accolto la notizia con grande soddisfazione – dichiara il sindaco Giuseppe Costa – e il risultato mostra il lavoro egregio svolto dal mio staff e dagli uffici comunali. Uno dei parametri su cui si è basato il Ministero per assegnarci il titolo di “virtuosi” è l’aver avuto un equilibrio tra le spese e non aver sforato il Patto di stabilità. Risultato raggiunto grazie anche un’analisi attenta delle voci del bilancio comunale”. Tagliando piccole voci di spesa il Comune di Limena è riuscito a risparmiare svariate centinaia di migliaia di euro. “Insieme agli uffici abbiamo spulciato il bilancio voce per voce, andando a sistemare residui sospesi e tagliando I comuni su voci di spesa che insigniti sono abbiamo ritenuto solo 143 in Italia, non necessarie – appena 7 illustra il sindaco nel padovano Costa – come, ad esempio, revocando gli abbonamenti alle riviste cartacee e passando a quelli internet, dove possibile. Oppure rinnovando le convenzioni per i servizi affidandoci alla Consip (la società per azioni del Ministero dell’economia al servizio esclusivo delle pubbliche amministrazioni): grazie a questo abbiamo ottenuto notevoli margini di risparmio, rispetto alle trattative con i privati”. Al di là del titolo di Comune virtuoso e della soddisfazione, l’aspetto più importante dell’aver raggiunto questo risultato è la possibilità di slegare alcune risorse economiche dal patto di stabilità e spendere di più di quanto preventivato, per realizzare Cr.Sa. alcune delle opere pubbliche più urgenti.

di Lanaro Ornella Ghiro

SARMEOLA DI RUBANO (PD) Via della Provvidenza, 112 - tel. 049 8976888


Villafranca 9 Viabilità Incontro tra Salvò e Pedron sul transito dei camion

Via Aquileia, prima del ricorso, riparliamone Il Sindaco di Villafranca non si è ancora rivolto al Tar, intanto ha reso la strada che costeggia la ferrovia accessibile in entrambi i sensi di marcia

Il sindaco Luciano Salvò, sotto MarcoValerio Pedron

di Barbara Turetta

I

l sindaco di Villafranca Padovana, Luciano Salvò, ha momentaneamente accantonato il ricorso al Tar contro il divieto di transito dei camion voluto da Mestrino per la comunale via Aquileia. Ricorso che non è stato firmato ancora da Salvò, che attende di vedere se l’impegno preso dal collega di Mestrino nell’incontro con gli imprenditori della zona industriale di Ronchi di Villafranca verrà rispettato. Non sembra essere ancora stata messa la parola fine sulla questione del divieto dei camion voluto da Mestrino che ha creato diversi disagi

Lungo la Sp 12

alla zona industriale di Ronchi. “All’incontro che si è tenuto in municipio a Mestrino ero stato invitato a partecipare dagli imprenditori - ha spiegato Salvò -, direi che è stato utile anche per affrontare la questione viabilità sotto un aspetto più ampio”. Per quanto riguarda la vicenda del divieto per i camion lungo la comunale via Aquileia, strada che ricade nel territorio del Comune di Mestrino e che rappresenta un importante collegamento fra la zona industriale di Ronchi di Villafranca e la Regionale11, Salvò ha precisato di aver fatto a

nord della zona industriale quanto è nelle sue possibilità in questo momento. “Via Capitello è stata allargata e il senso unico è stato tolto. Ora attendiamo qualche giorno per vedere se Mestrino modifica la sua ordinanza su via Aquileia”, ha precisato il sindaco di Villafranca. Vista l’ordinanza, Villafranca ha cercato di rendere accessibile ai mezzi pesanti i collegamenti fra la zona industriale e il centro di Ronchi di Villafranca. In attesa che vengano ripresi i lavori della bretella di collegamento fra il sottopasso di Ronchi e il cavalcavia autostradale,

CINQUE NUOVE PENSILINE PER LE FERMATE DELL’AUTOBUS

O

ra possono attendere l’autobus riparati dalla pioggia e non più “stretti” fra la banchina e l’asfalto della pericolosa provinciale12. Le cinque nuove pensiline per le fermate dell’autobus lungo la provinciale, realizzate dall’amministrazione comunale di Villafranca Padovana, hanno messo in sicurezza l’attesa dei mezzi pubblici da parte di studenti, lavoratori e anziani. Da alcune settima-

Salvò è stato “costretto” ad allargare il tratto finale di via Capitello per togliere il senso unico per i camion che era stato imposto all’uscita del sottopasso. “Ho reso la strada che costeggia la ferrovia accessibile ai camion in entrambi i sensi di marcia – ha detto Salvò – ho provveduto a rimuovere i cartelli che ai confini del territorio indicavano il divieto per i camion. Altro credo di non poter fare al momento. Ora attendiamo di vedere se verrà modificato il divieto da Mestrino”.

ne gli utenti che utilizzano la corriera che copre la tratta Alta padovana-Padova, possono attendere il passaggio della corsa riparati dalle intemperie e comodamente seduti su una panchina. La sistemazione ha interessato le fermate di maggior utilizzo lungo la provinciale. Le fermate, che sono state “perimetrate” con l’installazione della pensilina, e arretrate rispetto alla sede stradale, recuperando così uno spazio più sicuro, sono state attrezzate con nuove tettoie e nuova pavimentazione. Oltre ad essere dotate anche di cestino per le immondizie, e rastrelliera per le biciclette. Un intervento molto apprez-

Salvò: “Attendo di vedere se l’impegno preso dal collega verrà rispettato

zato dagli utenti, che oltre ad aspettare l’autobus comodamente seduti e riparati dalla pioggia e dal vento, sono più sicuri. “Abbiamo posto in sicurezza le fermate dell’autobus distribuite lungo la provinciale – ha detto il sindaco Luciano Salvò -, intervento che rientra nell’ampio progetto di messa in sicurezza della provinciale che prevede anche la realizzazione della pista ciclabile nei tratti mancanti”. Prosegue infatti l’iter per completare il collegamento ciclopedonale lungo la provinciale12, garantendo ai ciclisti di pedalare in sicurezza dal capoluogo fino a Taggì di Sotto. Ba.Tu.

Viale Rimembranza, 22 Villafranca Padovana (PD) Tel. 049 9050005 www.pegoraroarredamenti.com Orari: dal lunedì al sabato 9.00 -12.00 e 15.00 - 19.00 È gradito l’appuntamento.

ARREDO CLASSICO E MODERNO. VISITATECI!!!


10 Sguardo a Vigodarzere Sanità Presentato in Consiglio Regionale uno specifico ordine del giorno

Ricoveri ospedalieri “Il diritto di scegliere” di Nicoletta Masetto

R

icoveri ospedalieri, finalmente sarà possibile scegliere. Questo grazie a un ordine del giorno presentato in consiglio regionale dai consiglieri padovani Leonardo Padrin e Claudio Sinigaglia. Un ordine del giorno che si prende a cuore al situazione più volte lamentata dai cittadini di Vigodarzere, Vigonza e Villafranca. Gli abitanti di questi tre Comuni, entro breve, infatti, potranno decidere di farsi ricoverare negli ospedali che preferiscono. Sarà dunque a loro discrezione optare per questo o quell’ospedale, se per quello più vicino di Padova oppure se Cittadella e Camposampiero, dove dovrebbero comunque recarsi perché si tratta dell’Usl di appartenenza, ossia l’Usl 15 dell’Alta padovana. Ad assumersi questo impegno nei confronti dei cittadini dei tre Comuni il presidente della commissione regionale sulla Sanità, Leonardo Padrin, che il vice Claudio Sinigaglia, che hanno partecipato al convegno promosso a metà aprile dal Partito democratico a Vigodarzere. L’impegno assunto pubblicamente, al di là dei rispettivi schieramenti politici, è quello di presentare un ordine del giorno al Consiglio regionale per chiedere che “venga accordato ai residenti di questi Comuni periferici alla città di poter scegliere l’ospedale in cui è più comodo farsi ricoverare in occasioni di emergenza, in cui interviene l’ambulanza del “118”, e in caso di gravi patologie”. “Il direttore dell’Usl Alta padovana, Francesco Benazzi, ha riconosciuto i disagi

Luigi Loreggian: “Anche il direttore generale Uls 15 ha riconosciuto alcuni disagi” che i cittadini di Vigodarzere, Vigonza e Villafranca devono affrontare per recarsi negli ospedali di Camposampiero e Cittadella - ha detto Luigi Loreggian, organizzatore del convegno - e si è detto favorevole ad appoggiare la proposta emersa. Possiamo dire di essere riusciti ad avviare un percorso concreto, che adesso seguirà l’iter burocratico necessario. Siamo stati criticati per aver raccolto le firme per passare all’Usl 16, ma senza la forzatura e il successo di quella petizione le sensibilità che si stanno manifestando ora, probabilmente, non sarebbero maturate”. I pazienti che abbiano problemi neurologici, ad esempio, se fanno riferimento all’Usl 15 dovranno recarsi all’ospedale di Cittadella - poiché l’anno scorso è stato chiuso il reparto di Neurologia del più vicino ospedale di Camposampiero, così da incrementare e potenziare alcuni ambulatori. Una distanza, quella rispetto a Padova

Il presidente della commissione sanità Padrin e il consigliere Sinigaglia assumono l’iniziativa

I residenti a Vigodarzere e Vigonza spesso vorrebbero essere ricoverati a Padova anziché a Camposampiero o Cittadella

Emanuela e Michele sono lieti di invitare tutti i gentili clienti all’INAUGURAZIONE del nuovo

e Cittadella, che in molti casi diventa un disagio soprattutto se si utilizzano i mezzi pubblici. I collegamenti con i pullman sono insufficienti. Se il Consiglio regionale approverà l’ordine del giorno, si potranno avviare delle formule di accordo tra l’Usl 15 e l’Usl 16”. Sulla questione il gruppo “La Brentana” aveva chiesto un consiglio comunale urgente che si era, però, risolto con un nulla di fatto. Il tema comunque è molto controverso e ormai dibattuto da mesi nei Comuni a nord di Padova. A cominciare da Vigonza dove si è innescata anche una polemica legata alla campagna elettorale che ha portato allo scontro fra i gruppi politici.

GIOVANI

Sabato 23 Giugno 2012 dalle ore 17.30 serata con HAPPY HOUR MUSICA e tante altre PIACEVOLI SORPRESE

Presenta QUESTO INVITO e avrai uno

SCONTO del 10%

borabora

Vacanze Italiane

Viale Rimembranza a Villafranca Padovana (PD) - vicino Piazza Italia Negozio con parcheggio interno

Ora la sede operativa

CONSULTA AL LAVORO SU NUOVI PROGETTI

S

arà l’organismo consultivo di riferimento per l’amministrazione comunale per quanto riguarda tutte le diverse attività di politica giovanile. È la Consulta per i giovani, guidata alla presidente Sara Mozzo, 24 anni, residente a Tavo, studentessa laureanda in scienze della comunicazione. L’elezione è avvenuta all’unanimità nel corso dell’assemblea dei ragazzi d’età compresa dai 16 ai 30 anni, e ha coronato un lavoro partito anni fa con la nascita di una “platea” di ragazzi interessati alla realizzazione e condivisione di progetti con l’Amministrazione comunale. I passi successivi, proseguiti con la nuova giunta eletta un anno fa, hanno condotto all’approvazione dello Statuto e del Regolamento. “Ora i ragazzi hanno acquisito piena consapevolezza del loro ruolo di proposta e collaborazione, assumendo piena veste istituzionale. – spiega Daniele Giuffrida, consigliere delegato con delega alla Politiche Giovani –. Il nuovo presidente lavorerà per progetti diretti alla promozione delle attività giovanili”. Il prossimo obiettivo della Consulta sarà quello di ottenere una sede operativa per poi avviare subito progetti di autofinanziamento. N.M.


Intimo uomo-donna - Abbigliamento - Profumeria - Pelletteria

Villafranca Padovana (PD) Via Roma, 36 - Tel. e Fax 049 9051423 store@mzmultibrand.com - www.mzmultibrand.com Orari: dal Lunedì al Sabato 9.30-12.30 e 16.00-19.00 . Chiuso il Martedì

HAI GIÀ PENSATO ALLA MODA MARE?

Nuove Collezioni Estate 2012 Fashion e Trendy

SCONTATE del 20%

Promozioni valide dal 01/04/2012 fino al 30/06/2012

SPECIALE Intimo Sposa

NUOVA APERTURA dal 4 GIUGNO NUOVO CENTRO RESIDENZIALE in Viale Rimembranza a Villafranca Padovana (PD) vicino Piazza Italia Negozio con parcheggio interno

OMAG

GIO

Per il tuo giorno indimenticabile la MZ Store & Multibrand propone la NUOVA COLLEZIONE SPOSA all’insegna di una raffinata seduzione che arriva diretta al cuore

R it a g li a questa ste ll a e r ic e v e r a i un S IM PAT IC O O M A G G IO

R


12 Sguardo a Vigonza Amministrative Si vota per la scelta del sindaco e del consiglio comunale

Poker di candidature

Campagna elettorale in sordina e molto “soft” fra i 4 aspiranti alla carica di primo cittadino di Manuel Glauco Matetich

H

a girato come una battuta per tutto il mese di aprile fra i cittadini la domanda se si andrà realmente a votare per le elezioni amministrative. Questa stravagante perplessità, non è frutto di una poca attenzione o di un disinteressamento totale dei cittadini nei confronti della vita politica del paese, ma nasce da un fatto concreto: la campagna elettorale per la “poltrona” da sindaco di Vigonza si è svolta in sordina. Difatti, il clima elettorale che si respira a Vigonza è tutt’altro che vivo ed acceso, risulta invece alquanto sottotono, anche se non sono escluse fiammate nell’ultimo scampolo di campagna elettorale, pochi giorni prima delle aperture delle urne. Ed è per questo motivo che i residenti vigontini hanno nutrito questo simpatico dubbio. In effetti, i quattro candidati sindaci, ovvero il sindaco uscente Nunzio Tacchetto (sostenuto dalla coalizione di Vigonza Viva, Udc, Pdl, e lista civica Frazioni al Centro), Giuseppe Zanon (Pd, Idv, Sel, e lista civica Movimento Cittadini per Vigon-

za), Roberto Caon (Lega Nord), e Giovanni Pasqualotto (Movimento 5 stelle), nella prima parte della campagna elettorale non si sono dati battaglia a suon di riunioni o di comizi accaniti e vivaci per la conquista dei voti, ma si sono tenuti molto quieti e distaccati. Pare quasi che abbiano adottando contemporaneamente la tecnica di combat-

timento del generale romano Quinto Fabio Massimo, passato alla storia come il Temporeggiatore (dal latino Cunctator), che evitava lo scontro diretto con gli avversari, per trovare successivamente un’occasione favorevole alla vittoria. In realtà, il perché di una campagna elettorale con “le quattro frecce” lo si può comprendere molto facilmente. I partiti politici sono oggetto di avversione verso quasi tutti i cittadini italiani in questo momento storico. Dopo gli ultimi scandali nazionali, che “democraticamente” hanno coinvolto sia la sinistra che la destra (caso Lusi della Margherita e caso Lega Nord di Bossi), si è preferito rincorrere la preferenza personale, per ritrovare e rinsaldare un legame di fiducia reale e diretto con i cittadini, ed ovviamente anche con il proprio elettorato. Probabilmente questi ultimi giorni di campagna elettorale potrebbero riservare una fiammata di “vivacità” e riaccendere il dibattito politico sui temi presentati dagli stessi candidati in questa pagina.

Il Municipio di Vigonza

Trattiamo prevalentemente immobili di prestigio in esclusiva Via Campodoro, 16/A - Villafranca Pdovana (PD) www.immobiliaresette.com - info@immobiliaresette.com Tel. e Fax 049 9076026 - Cell. 348 7965590 LIMENA - PONTEROTTO

Il Movimento 5 Stelle con Pasqualotto punta sull’ambiente

CORSA IN SOLITARIA DELLA LEGA CON CAON

L

a Lega Nord di Vigonza con il candidato Roberto Caon vuole tornare a portare avanti i fini principali sanciti in concomitanza alla nascita del proprio partito, nel lontano 1989. Quindi, il programma elettorale verte su: la riqualificazio- Da sinistra Roberto Caon qui a fianco Giovanni Pasqualotto ne e la valorizzazione del territorio di Vigonza; l’attuazione di politiche di tutela e rispetto delle risorse ambientali; il sostegno alle famiglie italiane in difficoltà e alle persone; garantire l’ordine pubblico e combattere la criminalità; la trasparenza nella gestione della cosa pubblica; ascoltare e dialogare con i cittadini per affrontare meglio i diversi problemi esistenti; sostenere la microimprenditorialità che è stata l’artefice dello sviluppo economico del Nordest; creare lavoro mediante l’utilizzo ed i coinvolgimento di partite Iva; risolvere la questione della sanità vigontina e dell’Ulss 15. Il Movimento 5 Stelle di Vigonza ha dato piena fiducia al giovane informatico Giovanni Pasqualotto, tanto da sostenerlo nella sua corsa a sindaco di Vigonza. Il loro programma amministrativo per il comune di Vigonza si basa essenzialmente su 5 punti cardine: ambiente, acqua, sviluppo, connettività e trasporti. Il primo punto verte sulla salvaguardia dell’ambiente per la salute dei cittadini, e contrasta l’inquinamento e il dissesto idrogeologico. Invece, gli altri punti focali del manifesto elettorale prevedono, più dettagliatamente: lo sviluppo delle fonti rinnovabili; lo sviluppo delle piste ciclabili; il recupero delle acque piovane per il loro riutilizzo; la sensibilizzazione al risparmio dell’acqua potabile; l’aumento ed il miglioramento del verde pubblico; l’ottimizzazione della raccolta differenziata; le limitazioni all’edilizia scellerata; l’attenzione al decoro degli edifici esistenti; il miglioramento energetico per gli edifici di nuova costruzione; la connettività gratuita alla rete internet per tutti i residenti del comune. M.G.M.

TACCHETTO LANCIA LA SFIDA A ZANON

Immobiliare Sette

TAGGI DI SOPRA CENTRO

LE LISTE E I PROGRAMMI

BOSCO CENTRO

VENDESI Nuove PORZIONI DI VILLE QUADRIFAMILIARI a croce con sogg., cucina separata, 3 camere (2 matrim.), 2 bagni, mansarda al grezzo di oltre 50 mq, garage, giardino. CLASSE B-67kwh/mq. COSTRUITE CON LE PIÙ AVANZATE TECNOLOGIE E RIFINITE CON MATERIALI DI PREGIO. DA € 265.000. FINITE CHIAVI IN MANO. RIF.V72

Vendesi bellissima VILLA BIFAMILIARE a due passi da Limena e da Ponterotto con salotto da 42 mq cucina separata da 15 mq. 2 bagni, 3 camere (2 matrimoniali), poggioli, garage doppio, giardino privato piantumato di circa 900 mq terrazzo alla veneziana, riscaldamento a pavimento. CLASSE C-103 kwh/mq. FINITURE DI LUSSO. € 380.000 TRATT. RIF. V65

Vendesi ULTIMA PORZIONE DI VILLA TRIFAMILIARE DI TESTA con ampio soggiorno,cucina separata, 2 bagni, 2 camere matrimoniali, 1 camera singola, ripostiglio, poggiolo. Garage, giardino privato. CLASSE B-61kwh/mq. € 270.000 TRATT. FINITA CHIAVI IN MANO. RIF.V48

PONTEROTTO

TAGGI DI SOPRA CENTRO

TAGGI DI SOPRA CENTRO

Vendesi ULTIMA PORZIONE DI VILLA BIFAMILIARE con zona giorno di oltre 40 mq., 3 camere matrimoniali, più studio, 3 bagni finestrati, poggioli. Garage, giardino privato, con riscaldamento a pavimento, e con tutte le predisposizioni. Classe B-67kwh/ mq. SPAZI BEN DISTRIBUITI, FINITURE DI GRAN PREGIO DOTATA DI OGNI COMFORT. RIF.V27 01

VENDESI nuova PORZIONE DI VILLA TRIFAMILIARE DI TESTA con soggiorno, cucina separata, 3 camere (2 matrimoniali), 2 bagni finestrati, garage, giardino privato, con tutte le predisposizioni. CLASSE B-61/kwh/ mq. FINITURE SIGNORILI. AFFARE DA NON PERDERE!! RIF.V60

Vendesi nuove PORZIONI DI TRIFAMILIARI DI TESTA con soggiorno,cucina separata, 3 camere grandi regolari(non mansardate)2 bagni, garage, giardino privato. CLASSE B67kwh/mq. Ideale per chi ama la comodità ai servizi e il vantaggio di una soluzione indipendente. Da EURO 255.00 TRATT. FINITE CHIAVI IN MANO. RIF V40

NEL NOSTRO SITO www.immobiliaresette.com POTETE VISIONARE TUTTI I NOSTRI CANTIERI

I

l sindaco uscente Nunzio Tacchetto, e la coalizione formata dal movimento cittadino Vigonza Viva, Pdl, Udc e Frazioni al Centro, hanno voluto puntare principalmente la loro corsa alle elezioni su un programma elettorale ricco di progetti da realizzare per il futuro del comune di Vigonza, nonostante il difficile periodo economico e la complicata situazione riguardante i bilanci di tutti i comuni italiani. In particolare, gli impegni che verranno presi dalla coalizione capitanata da Tacchetto, saranno i seguenti: la costruzione della casa di riposo; l’ottenimento dell’autobus urbano a Vigonza; la programmazione della viabilità sovra-comunale con delle proposte sostenibili; l’attuazione del piano delle acque con gli interventi volti alla messa in sicurezza idraulica del territorio; la qualificazione dell’argine del Brenta con percorsi attrezzati; la qualificazione del Parco del Tergola con percorsi attrezzati e strutture; l’integrazione e sviluppo della rete fognaria; il miglioramento dell’efficienza e la diminuzione dei costi della struttura amministrativa; lo sviluppo del progetto scuola e del centro sportivo comunale di Peraga; il potenziamento delle attività a sostegno della famiglia e delle situazioni disagiate; il miglioramento dei servizi di asili nido e della scuola per l’infanzia; l’incremento e miglioramento delle aree verdi e dei parchi gioco; il completamento delle piste ciclabili di collegamento tra i centri frazionali; la riqualificazione energetica degli edifici pubblici. Giuseppe Zanon, candidato sindaco

Tacchetto e Zanon di Vigonza e sostenuto dalla coalizione di centro sinistra (Pd, Idv, Sel, e Movimento Cittadini per Vigonza), ha presentato il programma elettorale della sua coalizione in alcuni incontri con la cittadinanza vigontina. Gli obiettivi prefissati sono: garantire ai cittadini la possibilità di scegliere la struttura sanitaria a cui accedere; valorizzare i servizi territoriali; potenziare il distretto sanitario locale; promuovere iniziative e mettere a disposizione risorse pubbliche e private; completare le opere iniziate e/o finanziate; catturare i finanziamenti europei, statali o regionali per alimentare il circuito delle risorse territoriali dando così nuove opportunità di investimento in ambito ambientale, turistico, lavorativo; sostenere il mondo dell’impresa, dei lavoratori, dei comuni per ottimizzare le opportunità di occupazione e ridurre gli sprechi; avviare formule di bilancio partecipativo, dando la possibilità ai cittadini di indirizzare la spesa comunale, M.G.M. tramite assemblee.


Sguardo a Cadoneghe 13 Sociale Nuovo servizio Destinato ai bambini e ragazzi del territorio, aperto dall’inizio di maggio

Centro Famiglie a Villa Ghedini di Nicoletta Masetto

FOCUS Il Comune ne ha ordinati 130

LAMPIONI A LED LUNGO LE VIE DI CADONEGHE PER RISPARMIARE

Svago e momenti di crescita, gioco e laboratori per favorire relazioni e prevenire i fattori di rischio

A

ttività ludiche, laboratori creativi, momenti di svago e di crescita interpersonale, consulenza per genitori e famiglie. In pratica, tutti i servizi tipici della ludoteca più una serie di integrazioni rivolte sia ai ragazzi che alle loro famiglie. Sono solo alcuni esempi di quanto potrà offrire il nuovo Centro per le Famiglie che sta per nascere a Villa Ghedini (piazza de Gasperi), la cui gestione sarà affidata a un concessionario. Il nuovo centro-servizio istituito dal Comune – che aprirà i battenti i primi di maggio – nasce allo scopo di promuovere il benessere dei bambini e delle loro famiglie, favorire una cultura dell’infanzia e sostenere la famiglia nei primi anni di vita del bambino. Tra gli altri scopi, valorizzare le risorse della famiglia e dei suoi membri, prevenendo i fattori di rischio nei percorsi di crescita del sistema familiare, favorire lo sviluppo delle risorse della comunità e la costruzione di reti di relazione tra le persone. Destinatari del Centro sono prioritariamente le famiglie con bambini e ragazzi del territorio di Cadoneghe. “L’idea è quella di mettere a disposizione della comunità un insieme di servizi e consulenze improntate al lavoro di rete, promuovendo la sinergia tra le famiglie e le risorse presenti sul territorio. – spiega il sindaco Mirco Gastaldon – Questo approccio consente di realizzare un processo di “assunzione di responsabilità” che porti i genitori a percepirsi non tanto come “fruitori” di un servizio, ma come “cogestori” di una possibilità”. ducazione/Psicologia/ diploma di psicomotricista). La concessione proposta ora dal Comune avrà la Oltre ai servizi essenziali che in passato venidurata di tre anni (dal 2 magvano garantiti dalla Ludoteca e gio 2012 al 30 aprile 2015), La concessione dal Nido Blu, il concessionario con possibilità di rinnovo, e il durerà tre anni, potrà di sua iniziativa organizvalore a base d’asta della con- le attività saranno zare e offrire all’utenza a prezzi cessione è pari ad euro 48.000 seguite di mercato servizi integrativi al netto dell’Iva. Tutti i servizi da educatori come percorsi di sostegno alla del Centro (spazi gioco, attività genitorialità, consulenza educadi formazione, attività educative, laboratori creativi, tiva, psicopedagogica; percorsi di psicomotricità per i ecc.) saranno seguiti da educatori e da personale con bambini; organizzazione di servizi finalizzati all’imadeguato titolo di studio (Laurea in Scienze dell’E- plementazione delle reti di famiglie. La frequenza

L’Intervento

Difesa idraulica serve prevenzione di Anna Maria Martuccelli* segue da pag.

1

Villa Ghedini in Piazza De Gasperi ospita il nuovo Centro per le famiglie

a tutti i servizi del centro avverrà tramite presentazione di domanda di iscrizione da parte dell’utenza direttamente al concessionario. Per il 2012 le tariffe stabilite per i servizi essenziali (attività per bambini da 0 a 3 anni e attività per bambini da 3 a 10 anni) andranno dai 65 euro per lo Spazio 0-3 anni con sconti per più figli (fino a 30 euro), al 60 euro per più grandi, con la possibilità di scegliere anche un singolo periodo da gennaio a luglio o da settembre a dicembre.

Dal periodo post-bellico si è vieppiù trascurato il fondamentale rapporto tra sviluppo e compatibilità idrauliche ed i Governi hanno continuato a porre poca attenzione a quella che oggi è un’evidente priorità per qualsiasi prospettiva di rilancio dell’economia del Paese. Non mancano certo le conoscenze e i dati sullo stato del territorio (dalle Autorità di Bacino ai Consorzi di bonifica) e, accanto alla giusta riforma della Protezione Civile, serve un Piano Straordinario di Manutenzione del Territorio, cui deve accompagnarsi l’azione quotidiana di adeguamento del reticolo idraulico; in questo, occorre una forte sinergia con gli enti territoriali, in particolare fra Consorzi di bonifica e Comuni. L’Anbi lo evidenzia da tempo e, da ormai tre

È

in via di ultimazione l’opera di riqualificazione degli impianti di illuminazione pubblica. Saranno portati a termine anche lavori e migliorie inizialmente non previsti che andranno ad aumentare sia l’efficienza e l’economicità degli impianti, sia la qualità complessiva della luce prodotta. “Durante l’esecuzione dei lavori si sono verificate economie che abbiamo deciso di destinare all’esecuzione di opere inizialmente non previste. – spiega il sindaco Mirco Gastaldon – Una novità che l’amministrazione comunale accoglie molto positivamente. Le proposte di modifica, concordate con l’appaltatore, tengono conto dell’adeguamento alle disposizioni normative sull’inquinamento luminoso e dell’applicazione di criteri di risparmio energetico. I nuovi apparecchi consentono sia una migliore qualità dell’illuminazione (a luce bianca diffusa) sia risparmio energetico. Inoltre verranno abbattuti anche i costi di manutenzione”. Fra le novità, l’impianto di illuminazione pubblica previsto per il cavalcavia di via Lauro, la cui percorribilità risultava pericolosa per chi utilizzava la pista ciclo-pedonale. Sono invece in corso di ultimazione i lavori di installazione di nuovi corpi illuminanti nella zona delle vie Rigotti e Palladio, che utilizzano le infrastrutture esistenti ma consentono notevoli risparmi. Si tratta di apparecchi più efficienti dal punto di vista energetico, il cui funzionamento potrà essere ottimizzato attraverso l’utilizzo del regolatore di flusso installato nel nuovo insediamento Green Park. Verranno in tutto posizionati 130 nuovi apparecchi per illuminazione urbana a led. Anche per quanto riguarda l’illuminazione di piazza Insurrezione e della piazza antistante la biblioteca in via Pio X, verranno impiegati apparecchi led che permettono il riutilizzo parziale dell’infrastruttura esistente, con un rilevante risparmio economico (che sarà attorno al 40% rispetto agli impianti di illuminazione tradizionali a mercurio e sodio). N.M.

anni, produce un Piano Nazionale per la Riduzione del Rischio Idrogeologico, tuttora disatteso in un Paese, dove si segnalano 500.000 frane ed oltre un milione di edifici a rischio idrogeologico, tra cui centinaia di ospedali e scuole. In questo quadro – conclude - le donne hanno un compito importante non solo nella diffusione della conoscenza, ma ormai anche nella governance dell’equilibrio ambientale del Paese per evitare che, con un’efficace immagine, a novembre l’Italia sia sempre sott’acqua.” *Presidente Federcoopesca-Confcooperative Veneto


14 Cultura locale Archeologia Riemersi reperti dal cantiere aperto dal Consorzio Zip in corso Stati Uniti

La Padova romana che non ti aspetteresti Cinque ulne cinerarie con relativo corredo del I secolo d.C. Forse si tratta della scoperta di una necropoli di Vesna Maria Brocca

U

na scoperta archeologica ha “vivacizzato” il cantiere aperto dal Consorzio Zip per l’esecuzione di nuove opere nell’ex area Cnr, di corso Stati Uniti. Il ritrovamento fortuito di una tomba romana e l’immediata sua segnalazione alla Soprintendenza per i beni archeologici del Veneto, ha indotto immediate verifiche che hanno portato alla scoperta di un piccolo nucleo di sepolture, di grande interesse per la storia di Patavium romana, del suo territorio e della rete di strade e di insediamenti rurali che certamente la circondavano. La prima tomba è emersa a circa un metro e mezzo di profondità in una stretta trincea di scavo, e altre quattro, allineate in senso est-ovest, sono state rinvenute immediatamente accanto alla prima, dopo aver allargato lo scavo di un paio di metri. Le cinque deposizioni, a incinerazione indiretta, si datano alla prima metà del I secolo d.C. Le ossa combuste dei defunti erano riposte entro vasi ossuari fittili, chiusi dai rispettivi coperchi. Le tre tombe meglio conservate erano state protette da anfore segate e deposte capovolte sul fondo delle fosse, a guisa di copertura; in due di queste, le anfore poggiavano

Come si presentavano i reperti durante lo scavo e alcuni elementi dei corredi recuperati su un embrice (grande tegola) utilizzato come rappresentavano gli oboli per Caronte, offerti ai fondo. Gli oggetti di corredo, legati al rituale fu- defunti per consentire loro l’ingresso nel monnebre romano, sono quelli comuni: vasellame do dei morti, o dei talismani, in grado di protegda mensa (piatto, coppe e olpai) per le offerte gere le anime dagli spiriti maligni nel difficile alimentari ai defunti, durante i banchetti allesti- momento del trapasso. In un caso la valva di ti presso le tombe al momento della sepoltura, conchiglia, impiegata come contenitore per coo impiegate per le libagioni che sancivano la smetici, suggerisce la presenza di una donna. conclusione dei riti, all’atto di chiusura delle Al momento il ritrovamento non permette di fosse; e balsamari vitrei, rinvenuti all’interno cogliere la reale consistenza della necropoli, né degli ossuari e in origine contenenti gli oli e la sua ubicazione rispetto a un eventuale asse gli unguenti profumati cosparsi sui resti com- stradale, né il rapporto con possibili strutture busti. Le tre monete, rinvenute negli ossuari di abitative vicine. L’allineamento delle fosse tomtre delle cinque sepolture (una quarta moneta, bali e la loro prossimità reciproca, sia spaziale recuperata dalla terra scavata dagli operai, che cronologica, suggeriscono di vedere nel poteva appartenere a una quarta tomba), nucleo portato alla luce la porzione di un’area

cimiteriale più vasta, probabilmente estesa lungo una via di transito, il cui tracciato e la cui entità rimangono tuttora ignote. Quel che è certo è che il nucleo di tombe si colloca in una fascia territoriale lontana da Patavium, centro politico-amministrativo di riferimento, ma inserita nell’agro di sua pertinenza: qualche altro ritrovamento del passato indica che l’area della zona industriale di Padova sarebbe stata oggetto in età romana di interventi di sistemazione agraria, anche se lontani rispetto agli assi viari di maggior impor-

tanza per il quadro economico complessivo del municipium. Il ritrovamento attuale si aggiunge alle tracce di una strada carrareccia interpoderale, rinvenuta nel 1993 presso via Marina, gettando le premesse per un approfondimento sull’antica strutturazione del territorio. Il soprintendente Vincenzo Tinè ha sottolineato l’importanza di instaurare sinergiche collaborazioni con enti quali il Consorzio Zip e il Cnr che si sono impegnati a proseguire con ulteriori prospezioni basate su tecnologie a microonde.

Ristorante - Pizzeria e Tradizione

Casa Nova “sapori veneti” CASELLE DI SELVAZZANO Via Brentella, 34 - Tel. 049 632357 - Cell. 338 4711537 ristopizzacasanova@gmail.com


15

LO ANZIANI

SPORT in PRIMO PIANO GLI ESPERTI PROMUOVONO LO SPORT PER LA TERZA ETA’

N

el territorio sono presenti diverse associazioni sportive, dislocate in quasi tutte le sue sette frazioni, che propongono svariati corsi sportivi rivolti soprattutto alle persone della cosiddetta “terza età”. A questo proposito abbiamo voluto dare la parola al professor Vincenzo Baldini, geriatra esperto in traumatologia, residente a Perarolo, per avere dei lumi sul rapporto tra attività sportive e persone over 65 anni. Professor Baldini, il praticare attività sportiva in che modo può incidere sulla vita di una persone anziana? “Lo sport è benefico ad ogni età e nell’anziano è fondamentale per mantenere il benessere psicofisico e per prevenire molte patologie, quali ictus ischemico, diabete tipo II, osteoporosi, depressione, ansia, problemi cardiovascolari. Il praticare un’attività sportiva, infatti, provoca una serie di fenomeni che vanno a modificare diversi meccanismi biologici: il cuore accelera i battiti, la circolazione sanguigna migliora, la respirazione si fa più frequente e profonda, la pressione del sangue sale fisiologicamente”. E per le persone affette da osteoporosi, è consigliabile? “Anche l’osteoporosi, che è una degenerazione del tessuto osseo che provoca la fragilità delle ossa stesse, viene contrastata dall’attività sportiva, poiché provoca un aumento del contenuto minerale delle ossa, con riduzione del rischio di fratture. Quindi gli anziani che praticano attività fisica stanno meglio, sono più forti fisicamente e più longevi”. Cosa ne pensa dei corsi sportivi che vengono rivolti a quest’ultimi? “I corsi collettivi di ginnastica per anziani favoriscono la socializzazione con altre persone e danno la possibilità di essere seguiti da insegnanti di educazione fisica qualificati che sono in grado di correggere errori di esecuzione o esigenze esagerate nei confronti delle proprie prestazioni. Se non vi sono patologie in atto tali da sconsigliarli, quindi, è bene effettuare regolarmente esercizi aerobici di leggera intensità. L’invecchiamento sarà così più equilibrato e lento in quanto l’anziano non solo trarrà beneficio fisicamente, ma avrà anche un miglior atteggiamento nei confronti del proprio corpo”. M.G.M.

Perarolo Vigontina. Conquistato il titolo di categoria nel proprio girone

Juniores alla finalissima di Manuel Glauco Matetich

N

onostante la stagione calcistica 20112012 non sia stata tanto rosea per la prima squadra della Vigontina calcio, che milita nella categoria Eccellenza, la squadra della Vigontina di Perarolo, invece, iscritta nella categoria Juniores, ha saputo giocare un’annata che si è rivelata a dir poco esorbitante, ed ha regalato tantissime emozioni e soddisfazioni sia ai tifosi che ai propri dirigenti sportivi. Il risultato mediocre dell’ultima partita di campionato, un pareggio di 3 a 3 con la squadra della Caminese, non ha inciso minimamente al buon operato condotto per l’intera stagione dalla squadra di Vigonza. La Perarolo Vigontina, infatti, è riuscita finalmente a strappare il titolo della categoria del proprio girone, e a conquistarsi in questo modo l’accesso diretto alle fasi finali del campionato Veneto. “Sono molto orgoglioso della mia squadra, – afferma il mister Matteo Cagnin – non riesco ancora a credere che siamo i cam-

La formazione Juniores della Vigontina pioni del nostro girone, e che ora dovremo scontrarci con le prime in classifica degli altri gironi per passare di categoria. Abbiamo lavorato tanto e duramente quest’anno, non ci siamo lasciati influenzare dal risultato alquanto amaro e deludente dell’anno scorso, e per dare nuova vitalità all’organico, abbiamo voluto cambiare tutti i nostri schemi di gioco, le posizioni in campo e le strategie.” Continua l’allenatore Cagnin, spiegandoci come la squadra sia cambiata e cresciuta durante l’anno: “Dal rientro della pausa estiva della scorsa stagione, io e la squadra

abbiamo voluto cogliere una nuova sfida, e non ci saremmo mai immaginati che questa ci avrebbe portato fino a qui, ed ovviamente a questa posizione in classifica. Avevamo bisogno di una nuova ventata di freschezza e l’abbiamo trovata. Ora il nostro obiettivo principale è mantenere la squadra coesa e soprattutto motivata, per vincere le fasi finali del campionato Veneto. Ringraziamo comunque tutto lo staff e tutti i dirigenti della Vigontina calcio per il loro costante aiuto, ed ancor di più tutti i nostri tifosi, per l’immenso sostegno ed il prezioso incoraggiamento che ci hanno saputo dare”.

CALCIO. Alla fine della stagione via gli spogliatoi

POLISPORTIVA E REAL PIONCA CON LE VALIGIE ALLA RICERCA DI UNA NUOVA STRUTTURA

C

on la fine della stagione calcistica 2011-2012 la Polisportiva Pionca e il Real Pionca saranno costretti a fare le valigie, e dovranno, purtroppo, trovarsi un’altra struttura sportiva che li possa accogliere ed ospitare. Questa situazione di radicale cambiamento è frutto del nuovo progetto di costruzione della scuola d’infanzia, cioè l’asilo, previsto nella frazione vigontina di Pionca, che prevede l’eliminazione dei vecchi spogliatoi del campo da calcio, attualmente utilizzati ancora dalle due società calcistiche e dai suoi giocatori. Il progetto di costruzione dell’asilo verrà inaugurato nella giornata di sabato 30 giugno dal vescovo di Padova Antonio Mattiazzo in persona, che parteciperà alla manifestazione indetta per quella data e simbolicamente poserà la prima pietra del nuovo asilo, che verrà realizzato su metà campo da calcio parrocchiale e sugli spogliatoi. “Abbiamo ancora circa due mesi di vita, – ha affermato Fabio Pagini, presidente dell’associazione sportiva Real Pionca – e poi i nostri amati spogliatoi verranno rasi al suolo. Le mie dimissioni sono state obbligate perché ci troviamo in una situazione paradossale. Mi sono sentito tradito e messo in disparte, e quindi non ho potuto far altro che prendere questa infausta decisione”. Le parole che ci rilascia il presidente del Real Pionca sono segnate da una grande amarezza: “Nonostante le tante promesse

La Polisportiva in campo – continua Pagini - fatteci dalla parrocchia di Pionca e dall’amministrazione comunale, siamo stati trattati a pesci in faccia e nel nuovo progetto edilizio non siamo stati compresi. Anche il mio collega Gianni Mazzon ha dovuto rassegnare le sue dimissioni, ma ciò non è servito a niente”. Il problema fondamentale per queste due società calcistiche non risiede più di tanto nella questione del campo di gioco, ma più che altro negli spogliatoi, che costituiscono la vera essenza della struttura sportiva di Pionca. Bruno Meneghello, responsabile del direttivo della Polisportiva Pionca dichiara:“Ad oggi le due società non hanno abbastanza fondi per edificare dei propri spogliatoi, quindi l’unica cosa che possiamo ancora tentare è trovare delle società sportive che siano disposte ad ospitarci, dietro ovviamente un giusto compenso per l’affitto del campo e delle relative strutture. Ma le richieste fatte finora hanno avuto, ahimè, M.G.M. un esito negativo.”

REALIZZIAMO: • Interventi di protezione dal rumore per abitazioni, studi professionali ed attività produttive • Interventi di isolamento termico a cappotto • Protezioni antincendio • Opere di ogni genere in cartongesso e materiali affini

CADONEGHE (PD) Piazzale Castagnara, 17 Tel. 049 0995735 | Fax 049 0995736 | www.vimapadova.it | info@vimapadova.it


16 8

VIAGGIO IN

PROVINCIA PADOVA

I conti di Palazzo Santo Stefano Degani: “Attenti a contenere i costi”

Bilancio della Provincia un quinto per le opere Reinvestiti sul territorio poco più di 41 milioni in testa le strade, le scuole e le piste ciclabili di Manuel Glauco Matetich

La presidente della Provincia Barbara Degani

V

enti milioni di euro per la viabilità e 12 per le scuo- viabilità stradale pubblica, 12,3 per l’edilizia scolastica le: questi i maggiori investimenti previsti dal bilan- e 8,6 per interventi sul patrimonio e per la realizzazione cio di previsione dell’anno 2012 della Provincia di piste ciclabili. Gli obiettivi che la Provincia di Padova ha voluto ragdi Padova e dal piano delle opere pubbliche messo a giungere mediante la nuova mapunto dall’amministrazione Degani. novra finanziaria, sono: sostenere Il Consiglio della Provincia di Padova Vantato un mega la tenuta dell’economia e della ha confermato lo schema, proposto credito di oltre coesione sociale dell’area provindalla Giunta provinciale, che stabilisce 38 milioni ciale di Padova proseguendo ed un piano complessivo di circa 211,9 con il Ministero ampliando l’impegno per le pomilioni di euro, dei quali 41,2 milioni dell’Economia litiche del lavoro, per lo sviluppo di euro sono stati previsti per la sistemazione o attuazione di opere di interesse pubblico. E’ imprenditoriale e il welfare; garantire che la transizione questa la voce principale di spesa che è rientrata nel nuo- istituzionale non incida sulla qualità e la continuità dei servizi e sulla programmazione degli interventi per la vo bilancio provinciale da poco redatto. I risultati del bilancio sono stati presentati dalla riqualificazione del territorio provinciale patavino; migliopresidente della Provincia di Padova, Barbara Degani, e rare l’efficienza della spesa pubblica; la riqualificazione dall’assessore provinciale al Bilancio, Fabio Conte, nel edilizia e la manutenzione delle scuole; la manutenzione corso di una conferenza stampa a cui hanno preso parte ordinaria delle strade con investimenti sostanziosi nella anche il presidente del Consiglio provinciale, Luisa Sera- viabilità. “Nel redigere il bilancio di previsione dell’anno to, e tutti i capigruppo della maggioranza. Nella conferenza stampa sono stati illustrati i set- 2012 – dichiara la presidente della Provincia Barbara tori nei quali verranno destinati alcune parti del bilancio Degani – siamo stati molto attenti al contenimento e redatto per il 2012, in particolare quelle riguardanti lo all’analisi puntuale della spesa, e al rigore dei conti. Abstanziamento di fondi per le opere pubbliche. La Pro- biamo fatto scelte importanti a favore delle imprese, del vincia ha previsto 20, 3 milioni di euro a favore della lavoro e degli enti locali padovani, anche perché siamo

ben consapevoli di essere di fronte ad un periodo non proprio florido per la nostra economia, e quindi abbiamo optato per il sostegno economico verso il mondo del lavoro e verso i lavoratori.” Continua Barbara Degani: “La Provincia ha voluto continuare nell’opera di cofinanziamento di opere infrastrutturali urgenti, che hanno richiesto il deposito, o meglio lo stanziamento, di circa 10 milioni di euro, interventi volti ad assicurare dei lavori per un valore totale di almeno 20 milioni. Inoltre abbiamo previsto 4 milioni di euro di cofinanziamento per le piccole imprese, che si sono prese l’impegno di assicurarci dei piani di investimenti futuri per un totale pari 20 milioni di euro.” “Infine – conclude la Degani – speriamo di rientrare nel breve periodo del credito, più che cospicuo, che anche la provincia di Padova vanta nei confronti del Ministero dell’Economia, in modo tale da poterlo ridistribuire nel territorio e non aggiungere spese che vadano ad incidere sulle tasche dei cittadini padovani, specie in questo periodo di crisi.” Ad oggi la provincia di Padova deve riscuotere i cosiddetti “residui attivi perenti” dal Governo centrale, che sono pari a 38 milioni e 455 mila euro. Un somma tutt’altro che trascurabile, di questi tempi.

L’opposizione è critica

“ANCORA TROPPI DEBITI, 300 EURO A TESTA”

S

onora bocciatura del bilancio della Provincia da parte delle opposizioni. Troppi debiti e una gestione che non taglia gli sprechi, queste le principali accuse mosse alla giunta Degani. Il Partito Democratico osserva che il debito per mutui e prestiti ormai ha superato quota 272 milioni, vale a dire circa 300 euro sulle spalle di ogni padovano. Questo inoltre limita le risorse dell’ente che, per aver superato la soglia del 9% tra interessi e debito precedentemente contratto, non potrà stipulare mutui nel 2012. “Questo è il prodotto di 13 anni di amministrazioni Pdl-Lega Nord” sottolinea Fabio Rocco, capogruppo Pd, che ricorda come gli sprechi siano ancora troppi. Per Antonio Albuzio, capogruppo Idv: “E’ una grave irresponsabilità non intervenire sulla riduzione del debito, viste anche le entrate derivanti dalla vendita delle quote autostradali”.

CRISI DEL LAVORO OLTRE 80 PADOVANI SEGUITI IN MENO DI DUE ANNI

C

on l’incalzare della crisi economica sono sempre di più i lavoratori che trovano difficoltà ad arrivare a fine mese. Per far fronte alla situazione, Camera di Commercio e Provincia dal 2010 hanno attivato un numero verde anticrisi. “Vogliamo dare un aiuto concreto – dichiara l’assessore provinciale al Lavoro, Massimiliano Barison – alle famiglie dei lavoratori che più hanno risentito dell’influsso negativo della crisi.” Sono state attivate anche delle “antenne” di ascolto in diversi comuni della provincia di Padova, per cercare di dare delle risposte strutturate che possano aiutare gli imprenditori e i lavoratori a trovare soluzioni concrete, oltre ai dieci sportelli Informalavoro già presenti. Sono 80 le persone a rischio psico-sociale per la crisi economica seguite dai Centri per l’Impiego della Provincia

di Padova in meno di due anni. Si tratta perlopiù di lavoratori dipendenti, autonomi ed ex autonomi che hanno perso l’occupazione. Degli 80 casi seguiti (40 dei quali segnalati dalla sola Camera di Commercio), per 60 persone è stato valutato un percorso di reinserimento lavorativo e di riqualificazione professionale nel biennio 2010-2012. Finora per il 20% dei casi è stato possibile attivare gli ammortizzatori sociali e altre forme di contribuzione messe a disposizione della Regione del Veneto; per il 32% dei soggetti è stato trovato un rapporto di lavoro. Quindi risulta che più del 50% dei casi è stata data una soluzione idonea, mentre le persone rimaste sono in carico al servizio che le accompagna per la ricerca di una sistemazione nel tessuto aziendale del territorio. M.G.M.

RISTORANTE - PIZZERIA

Zefrido

ROSOLINA MARE (RO) Via Strada Sud, 5 - Tel. 0426 68115

MENÙ DI PESCE da € 12,00 PIZZE SPECIALI con pesce Anche a mezzogiorno


Spazi aperti 17 9 Contraffazione & falsi In due anni e mezzo sequestrati quasi un milione di prodotti, molti dei quali dannosi per la salute

Lotta all’illegalità, Padova è un modello La Regione plaude alla collaborazione tra istituzioni per debellare una piaga economica che alimenta la criminalità

Spesso la gente non si rende conto del danno che provoca il mercato del falso

di Emanuele Masiero

N

on conosce crisi la “holding” del falso e della contraffazione: dall’abbigliamento all’agroalimentare, dalla componentistica per la casa all’elettronica, non c’è settore del “made in Italy” che non sia immune dalla piaga dei prodotti tarocchi e, il più delle volte, pericolosi per la salute. Senza contare che il falso alimentare vorticosi giri di denaro a favore della criminalità organizzata. I numeri illustrati dal colonnello Ivano Maccani, comandante provinciale della Guardia di Finanza al convegno organizzato dal Consiglio Regionale del Veneto al Palazzo della Ragione a Padova sono da brivido. Borse taroccate, rubinetti cancerogeni, pennarelli tossici, falsi Rolex, luminarie killer, formaggio parmigiano proveniente dal Brasile, Barbera ‘made in Romania’: ammontano a oltre 900 milioni i prodotti contraffatti o tossici sequestrati dalle forze dell’ordine nel padovano in 2 anni e mezzo di applicazione del cosiddetto “modello Padova”, strategia integrata di collaborazione tra istituzioni, guardia di finanza, carabinieri, polizia e associazioni di categoria. I risultati del ‘protocollo’ per il contrasto alla contraffazione e la tutela del ‘made in Italy’ siglato a Padova nel 2009 e che vede coinvolti un’ottantina di comuni, la

Camera di Commercio di Padova, Ulss 16, Arpav, Universita’ e associazioni consumatori, sono stati portati come esempio di una forma di collaborazione istituzionale da applicare in Veneto e non Solo. “Una grande operazione a tutela del made in Italy - ha dichiarato il presidente del Consiglio regionale Clodovaldo Ruffato - che vuole rilanciare su scala regionale e nazionale la strategia di ‘tolleranza zero’ e di investigazioni mirate, guidate dalla lettura incrociata delle banche dati di enti locali e associazioni e da operazioni sistematiche di vigilanza e repressione, messa in atto nel Padovano. E’un lavoro che riteniamo fondamentale per salvaguardare fette importanti di prodotto interno lordo che sono messe a rischio dall’importazione indiscriminata di prodotti che oltre ad essere spesso dannosi, sono sempre in concorrenza sleale con le produzioni della nostra economia. Il prossimo passo del Consiglio regionale sarà la proposta di una legge nazionale che consenta di fregiarsi del marchio “Made in Italy” ai prodotti agroalimentari che siano effettivamente prodotti con ingredienti tutti italiani, e non solo lavorati in Italia”. Ad ascoltare le preoccupate relazioni degli addetti ai lavori c’erano anche oltre 60 sindaci, con tanto di fascia

BRUCIARE RIFIUTI ANCHE NEI CEMENTIFICI

A

ltre novità sul fronte cementifici. Questa volta però non riguardano solo la Bassa Padovana, ma tutto il territorio nazionale. Sarebbe infatti in arrivo un provvedimento a firma del ministro dell’ambiente Corrado Clini per far uscire i combustibili solidi secondari dalla gestione dei rifiuti e stabilirne l’impiego nei processi industriali e in particolare nel settore del cemento. Una notizia decisamente rilevante, sopratutto alla luce del recente avallo al Revamping di Italcementi. Tanto più che in Italia ogni anno si butterebbero in discarica circa 2,5 miliardi di euro di potenziali combustibili da utilizzare negli impianti industriali. “Ci voleva un Governo tecnico appoggiato dai maggiori partiti per confezionare una simile nefandezza – ha commentato Francesco Miazzi, consigliere comunale della Nuova Monselice - Nella nostra zona di Este-Monselice, dove sono presenti 3 cementifici e si produce il 60% del cemento veneto, questo provvedimento rischia di generare una sciagura epocale. L’Italcementi ha sempre sostenuto che avrebbe utilizzato il Cdr (combustibile derivato da rifiuti) solo se richiesto, ebbene, ora si troverà con nuove condizioni per farlo”. Miazzi teme che si passi “da Cdr a Css”. “Quando nella convenzione siglata con Comune di Monselice e Parco Colli Euganei, s’impegnava a non utilizzare Cdr affermava il vero – continua Miazzi - Infatti, ora il nuovo combustibile da rifiuti si chiamerà Css (combustibile solido secondario). L’incubo dei cementifici trasformati in veri e

propri inceneritori ormai è sempre più vicino alla realtà, con una differenza sostanziale: i cementifici che bruciano i rifiuti hanno limiti di emissioni fino a 10 volte maggiori di quelli degli inceneritori. E bruciare rifiuti non è la stessa cosa di bruciare combustibili fossili: le emissioni si diversificano in base al contenuto di metalli e plastiche e sono caratterizzate da una forte produzione di diossine. Dobbiamo dire con chiarezza a tutti i cittadini della bassa padovana, che presto potrebbero avere non tre cementifici, ma l’equivalente di decine di inceneritori di rifiuti. In questo modo subiranno un colpo mortale tutte le attività economiche parallele cresciute in questi anni all’interno del Parco Colli, dal turismo ambientale e culturale alle strutture ricettive famigliari, dalle produzioni di qualità e biologiche al circuito E.M. termale”.

Un momento della tavola rotonda organizzata al Palazzo della Ragione a Padova dal Consiglio Regionale del Veneto durante il convegno dedicato alla lotta alla contraffazione tricolore. Con molti di loro la Guardia di Finanza ha stretto degli accordi di collaborazione proprio per contrastare il mercato “inquinato” e stanare anche i tanti “furbetti del fisco”. E sono sempre i sindaci a seguire i controlli sul territorio mirati ad individuare laboratori clandestini nei quali il lavoro viene sfruttato spesso per fini illeciti. Ma c’è anche un problema di carattere culturale, hanno sottolineato i relatori, perché i consumatori, spesso attratti dal prezzo particolarmente conveniente, non si rendono conto che il loro “risparmio” si traduce in un danno collettivo che può avere anche delle ripercussioni sulla salute personale, visto che i prodotti contraffatti sono spesso tossici e dannosi. L’agroalimentare è uno dei settori più colpiti, ha ricordato Sergio Marini, presidente nazionale di Coldiretti:

“Per 20 miliardi di esportazioni di “made in Italy” ci sono almeno 70 miliardi l’anno generati dai prodotti dichiaratamente falsi. Ci troviamo a fare i conti con una zona grigia molto vasta, dove gli interessi si infiltrano anche nelle leggi. E’ giusto ricordare che fino a poco tempo fa bastava aggiungere un po’ di sale e acqua nel pomodoro importato dall’estero per farlo diventare italiano. Poi, finalmente, a smontare questo immaginario collettivo ci ha pensato la sentenza che ha sancito che questa operazione è illegale. Per questo non dobbiamo mai perdere la capacità di indignarci, se non c’è qualcuno che la alimenta questa capacità va nel dimenticatoio. Ovviamente dobbiamo operare anche sul fronte normativo e applicativo ma la battaglia si gioca nella cultura della legalità alla quale non possiamo rinunciare”.


12 Noi e gli altri 18 Dopo i suicidi degli imprenditori Nasce a Vigonza la nuova associazione

“Speranza al lavoro” per sconfiggere la crisi Dopo il dramma della morte del padre, Laura Tamiozzo ha trovato il coraggio di reagire di Laura Organte

A

La presentazione dell’associazione a Vigonza

ntonio Tamiozzo aveva 54 anni quando, il 31 dicembre scorso, si è tolto la vita nel capannone dell’azienda di famiglia, fondata da sua padre quarant’anni fa. Da quel giorno in Italia, secondo i dati dell’associazione artigiani e piccoli imprenditori di Mestre, altri 23 imprenditori, schiacciati dal peso della crisi economica, hanno subito lo stesso destino. Di questi ben 9 (il 40%), nel Veneto. Ed è proprio in questa regione, tanto spesso portata ad esempio di un’economia fondata sulla laboriosità di piccole e medie impresa a gestione familiare, che nasce l’associazione dei familiari degli imprenditori suicidi, iniziativa di Adiconsum e Filca-Cisl pensata per rompere il silenzio e la solitudine in cui sono immersi tanti lavoratori, consumatori, piccoli imprenditori e le loro famiglie a causa della pressione fiscale e della crisi economica.

Per la presentazione di “Speranzal- (via Piave 7), risponde per ora all’indirizzo lavoro”, avvenuta lo scorso 16 aprile, è mail speranzaallavoro@gmail.com, ma ha stato scelto un luogo simbolico: il Centro in programma l’istituzione di un numero verparrocchiale San Sebastiano di Vigonza, la de e la costituzione di un pool di psicologi stessa sala dove Laura Tamiozzo, 29 anni, che possano far fronte alle richieste d’aiuto. figlia dell’imprenditore Una risposta all’urgenvicentino, e oggi presi- “Tutelare te necessità di rifondadente dell’associazio- le nostre imprese zione morale, culturale, ne, aveva letto la let- significa prima politica ed economica tera “da imprenditrice di tutto tutelare di un sistema che non a imprenditrice” scritta le persone” ha saputo rispondere ai bisogni reali e pressanti di suo pugno e indirizzata a Flavia Schiavon, classe 1980, figlia dei suoi componenti, creando e potenziando di Giovanni Schiavon, titolare dell’impresa ulteriori separazioni, conflittualità, ingiuedile Eurostrade 90 di Vigonza, morto suici- stizie, isolamenti: “Tutelare le imprese e i da lo scorso 12 dicembre. La lettura era av- lavoratori - si legge nel Manifesto costituenvenuta il 28 marzo a Vigonza nel corso del te - significa innanzitutto tutelare le persone toccante incontro-confronto organizzato dal- e la struttura sociale che essi esprimono; a la Filca Cisl regionale sull’indifferenza che questo fine riteniamo urgente la creazione uccide. L’associazione, con sede a Mestre di una rete di riferimenti e di opportunità

di sostegno e affiancamento alle situazioni instabili, delle strutture di emergenza (di assistenza legale, psicologica, finanziaria) che possano sostenere e rispondere alle situazioni di pressante necessità”. Azioni concrete che non solo potranno “consentire di riscattare vite e famiglie”, ma permetteranno di “sottrarre la rete di correlazioni in cui la situazione critica è inserita - dipendenti, fornitori - dalla drammaticità della mancanza di risorse economiche; dalla catena di complessità successive causata dal venire meno dei pagamenti di servizi e beni; dalla desertificazione emotiva ed economica in cui le famiglie e le comunità, sommerse dalle difficoltà, sono costrette a sopravvivere”. Un fenomeno dai contorni preoccupanti: più di 50 suicidi negli ultimi tre anni, nove solo negli ultimi quattro mesi: sono i numeri che raccontano il drammatico impatto della

crisi economica nel Veneto. Vittime designate sono gli imprenditori, messi alle strette da debiti, imposte, pagamenti che chissà quando e se arriveranno: “Si tratta di un vero grido di allarme lanciato da chi non ce la fa più – afferma Giuseppe Bortolussi, segretario Cgia Mestre - Le tasse, la burocrazia, la stretta creditizia e i ritardi nei pagamenti hanno creato un clima ostile che penalizza chi fa impresa. Per molti, il suicidio è visto come un gesto di ribellione contro un sistema sordo ed insensibile”. Secondo i dati dell’associazione di categoria mestrina, se nel 2004 le aziende che non superavano i 5 anni di apertura erano il 45,4% del totale; cinque anni dopo la percentuale sale a 49,6%. Tanto basta a immaginare dietro a queste percentuali, altrettanti lavoratori, famiglie, imprenditori lasciati alla solitudine di un destino amaro.

FARMACIA SARMEOLA Sarmeola di Rubano (PD) Via della Provvidenza, 204 - Tel. 049 634970 - Fax 049 8986218 - farmaciasarmeola@aruba.it

MAGGIO

è il mese della prevenzione delle malattie cardiovascolari

OCCHIO E al CUOR

FARMACIA SARMEOLA vi propone MISURAZIONI GRATUITE di: • PRESSIONE • PESO • COLESTEROLO Analisi effettuate con il Refloton Roche

22 MAGGIO - 5 GIUGNO - 21 GIUGNO CONSULENZA RILASTIL DERMOCOSMESI

☛ 1° e 3° MERCOLEDÌ DI OGNI MESE: consulenza gratuita con psicologa in farmacia Per appuntamenti telefonare al 049 634970

Giovedìio agngdiale 17 M ata Mo Giorn

NSIONE IPERTE 0 2 12

CELIACHIA Per coloro che devono seguire una dieta senza glutine, disponiamo di un’ampia gamma di prodotti alimentari, prescrivibili dal medico o dal Servizio Sanitario Nazionale. Nella nostra farmacia, troverete consigli dietetici specifici per i pazienti celiaci e informazioni personalizzate. Potete PRENOTARE I VOSTRI PRODOTTI senza glutine inviando la lista via mail o via fax, indicando nome, cognome, indirizzo e telefono. Vi ricontatteremo per confermare la data del ritiro o della consegna a domicilio. Oppure potete richiederli direttamente in farmacia con i buoni acquisto dell’ASL. Essere celiaci non significa essere malati... riscopri anche tu il gusto della buona tavola!

FARMACIA SARMEOLA

SCONTO 20% Ritaglia questo Buono Sconto e consegnalo direttamente alla cassa


IL PRIMO LUBE STORE DEL VENETO

D R CA

Ti aspettiamo! In regalo per te un buono di 500 euro sull'acquisto delle nostre cucine.

via P.Impastato, 30 30174 Zelarino (VE) Centro Zenit Parco commerciale Auchan Tel e Fax +39 041942706

www.cucinelubevenezia.it


MESTRINO la Guida dei t

Per partecipare anche tu alla guida dei tuoi acquisti chiama il numero verde e chiedi di

Domenico Maisto

800.46.50.40 Via IV Novembre, 57 Mestrino (PD) Tel. 049 9003845

1

OFFERSPAIZ Viale A. De Gasperi, 1 Mestrino (PD) Tel. 049 9000661 Via Padova, 30 Tencarola di Selvazzano (PD) Tel. 049 720428

P

2

3

9

MESTRINO (PD) Via G. Galilei, 40/D (Complesso Commerciale “La Fornace) Tel. 049 9004814 - info@neferbellezzabenessere.com www.neferbellezzabenessere.com Nefer Bellezza e Benessere

8 2

4

1

4

v

NUOVA GESTIONE VIENI A TROVARCI E RISPARMIA NELLA STAMPA DEI TUOI DOCUMENTI SENZA PERDERE QUALITÀ

5

ia

Villa Franca Grisignano (VI)

Limena

• Toner e cartucce compatibili di tutte le marche anche originali • Cancelleria per piccoli e grandi uffici • Tutto per la scuola e articoli da regalo

Ritaglia il presente buono e portalo con te! Se acquisti almeno € 50,00 di consumabili avrai diritto ad uno sconto di € 5,00. I buoni non sono comulabili e sono validi sino al 31/05/2012

La Fornace G.

Gali leo

3

Via IV

Mestrino

Ponterotto PADOVA OVEST

iale

Via

enz

VICENZA

E

e br

€ 5,00

da MI-V

m ve No

BUONO SCONTO

Autostra

Rubano Centro Com. Brentelle

Tan g

Ci trovi a: Mestrino (PD) P.tta Aldo Moro, 9 Tel. 049 7385063 - Fax 049 9002848 - Cell. 348 7181658 info@latecnoufficio.it - www.inkcartucce.it

PADOVA CENTRO

IV

N

o

v

e

m


NO tuoi acquisti...

o

6

7

v

e

m

P b

8

re

7

5

StUDio teCNiCo

6

Bettio Geom. DaviDe

9

Cell. 349 8131323 geom.bettio@studioptg.it

Dalla liBera Geom. tamara Cell. 328 4381514 geom.dallalibera@studioptg.it

Via IV Novembre, 75/B - Mestrino (PD) Tel. e Fax 049 9005128 - www.studioptg.it


22 Mondo scuola

Mondo scuola 11

Il progetto Da un’idea dell’architetto Paola Vecchiato nasce una struttura smontabile e trasportabile a moduli

Enaip crea la scuola “mobile” in Etiopia di Gloria Cesarotto

P

ortare la scuola in territori che per le loro ostili condizioni climatiche e per il difficile contesto socioeconomico in cui si trovano sono molto povere di infrastrutture. Questo l’obiettivo per il quale saranno presto coinvolti attivamente gli allievi di Enaip Veneto, chiamati a costruire una scuola “mobile” energeticamente sostenibile per il villaggio di Wersege in Etiopia. Un progetto contraddistinto insieme da una forte valenza sociale oltre che da un significativo impatto educativo. Il progetto della “Mobile-School” nasce dall’idea di Paola Vecchiato, architetto che negli ultimi anni ha dedicato la propria esperienza e professionalità ai paesi più poveri e ai contesti abitativi più problematici. Un intervento concreto a favore di bambini e ragazzi a cui spesso è negato il diritto allo studio. “Mobile-School” è una struttura facilmente smontabile e trasportabile, costituita da unità mobili espandibili, con elevati standard di qualità abitativa ed energeticamente sostenibile: un’aula che potrà accogliere dai 24 ai 48 giovani studenti, a seconda delle necessità e dunque dell’utilizzo.

Nel concreto, gli studenti dell’Enaip realizzeranno il prototipo a partire dalla progettazione, con l’obiettivo finale di avviarne poi la produzione e installare la prima unità nel villaggio etiope. I ragazzi saranno dunque impegnati nella progettazione tecnica a fianco dei progettisti, nella definizione delle specifiche tecniche e nei test di laboratorio, costruiranno le parti meccaniche ed elettriche, infine si occuperanno anche della logistica: montaggio, smontaggio e imballaggio, organizzazione dei carichi, trasporto per la collocazione in sito. Gli studenti saranno coinvolti in un’“impresa formativa” ovvero una modalità di “formazione in assetto lavorativo” che permetterà ai giovani partecipanti di cimentarsi in attività concrete finalizzate alla produzione, sperimentando così tempi, modalità organizzative e dinamiche di gruppo proprie di un’attività lavorativa ed economica. Maggiormente interessati saranno gli studenti del comparto elettrico e dei settori della meccanica e della termoidraulica. Un’iniziativa ambiziosa, per cui i promotori lanciano fin da ora un appello ad aziende ed enti affinché diventino partner

Gli studenti padovani realizzeranno il prototipo, per farlo verranno coinvolti in una “impresa formativa”

In alto, uno studente dell’Enaip all’opera (© Enaip Veneto / foto: G.De Sandre), in basso il progetto della scuola “mobile”

per la realizzazione del prototipo. Il progetto, che ha per motto “la scuola costruisce la scuola”, è promosso, oltre che da Enaip Veneto ed Enaip nazionale, anche da Enaip Friuli e Acli. Gode inoltre del patrocinio del comune di Padova e del comune di Trieste e della collaborazione dell’ambasciata d’Italia e dell’associazione italiana di Addis Abeba e di S.E. Project.

Pizzeria Trattoria da Iva Antichi sapori, forti emozioni

Ogni giovedì, sabato e domenica

Ogni venerdì

SERATA ALLA GRIGLIA

SERATA FIORENTINA

bigoli, grigliata mista, contorni e dolce tutto compreso

bigoli, fiorentina, contorni e dolce tutto compreso

€ 15,00

€ 24,00

Pizzeria - Trattoria “Da Iva” RONCHI DI VILLAFRANCA (PD) - Via Ronchi, 24 Tel. 049 9819625 - pizzaiva@gmail.com

RITAGLIA LA PAGINA ED IL CAFFÈ TE LO OFFRIAMO NOI


Cultura provinciale 23 Musica elettronica Fino al 23 maggio, nella giornata di mercoledì

Un ciclo di seminari sulla mostra “Visioni del suono”

FOTOGRAFIA

L’ultimo appuntamento si terrà il 23 maggio. Il tema: “ricerca e produzione oggi” Di Giovanni Giovetti

Una foto di Marrozzini

F

ino al 23 maggio, con cadenza settimanale nella giornata di mercoledì, in Aula Emiciclo all’Orto Botanico si tiene un ciclo di seminari che approfondiscono alcuni temi della mostra “Visioni del suono. Musica elettronica all’Università di Padova” aperta fino al 18 luglio negli spazi del CAM (Centro di Ateneo per i Musei) e organizzata dall’Università di Padova in collaborazione col Conservatorio “Cesare Pollini”, col sostegno della Regione Veneto, della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e della Fondazione Antonveneta. La mostra ripercorre il sodalizio nell’ambito della musica elettronica, a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta, tra Conservatorio e il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Padova. Nascono infatti in quegli anni i primi corsi di Musica Elettronica, grazie alle sperimentazioni di Teresa Rampazzi e alle intuizioni del musicista Wolfango Dalla Vecchia, Direttore del Conservatorio di Padova dal 1971 al 1974, che si concretizzarono nella nascita, nel 1976, del Centro di

EVENTI E MOSTRE

Teresa Rampazzi nel suo studio

Giovanni Marrozzini e Daniele Duca

D

Sonologia Computazionale (CSC) di Giovanni Battista Debiasi. I prossimi appuntamenti vedranno Federico Avanzini del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Padova approfondire, il 2 maggio, il legame tra Numero e suono, e Sergio Canazza sempre del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Padova spiegare, il 9 maggio, il rapporto tra Suono e società. Nuria Schoenberg Nono sarà la protagonista dell’appuntamento a cura di Laura Organte

FATIMA ABBADI E LE DONNE Sarà aperta fino al 3 giugno presso la galleria Salmonà la personale della fotografa Fatima Abbadi, una ricerca sulla condizione femminile nel mondo dal titolo “Womens through my lens”. Alla sua indagine regalano in quest’ottica un’originale sensibilità le sue stesse origini, radicate in due mondi differenti ed apparentemente lontani: quello orientale e quello occidentale. Fatima Abbadi è infatti cresciuta in un ambiente e in una famiglia multietnici, che le hanno permesso di maturare vivendo culture e religioni diverse.

L’ARTE DEL RITRATTO MINIATO L’arte del ritratto miniato sarà in mostra fino al 24 giugno a palazzo Zuckermann. Tale tecnica, che si caratterizza per una pittura minuta, descrittiva e analitica, è ben rappresentata nelle civiche collezioni. Le miniature, dovute principalmente ad artisti veneti, lombardi ed emiliani, coprono un arco cronologico che va dalla fine del Cinquecento all’Ottocento, come suggeriscono i dati stilistici e di costume degli effigiati. Si tratta di pezzi di particolare interesse per il loro carattere decorativo, per la cura dei dettagli dell’abbigliamento e dell’acconciatura dei personaggi e per la vivacità fisionomica.

ANGELERI SUONA AGLI EREMITANI Il tradizionale ciclo primaverile di concerti al Museo Eremitani, organizzato dalla Fondazione Musicale Masiero e Centanin in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova giunge nel 2012 alla sua ottava edizione. Nei quattro concerti, dal 23 maggio al 14 giugno, Giovanni Angeleri con i Solisti dell’Orchestra delle Venezie propone interpretazioni di musiche del periodo romantico, classico e barocco con strumenti d’epoca; l’ideale ambientazione nella Sala del Romanino e nel Chiostro Albini contribuisce ad evocare le particolari emozioni suscitate dalle inedite sonorità degli strumenti antichi.

del 16 maggio dal titolo Luigi Nono e la musica elettronica. Il ciclo di incontri si concluderà mercoledì 23 maggio con il seminario tenuto da Nicola Bernardini, Conservatorio “Cesare Pollini” di Padova, e Giovanni De Poli, Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Padova, dal titolo Ricerca e produzione musicale oggi: SaMPL. L’entrata è libera fino a esaurimento posti.

ue mostre parallele, nell’ambito della rassegna “Padova Photo-Graphia”, curata da Maria Beatrice Autizi e Angelo Maggi, sveleranno l’opera di due grandi fotografi. Di grande rilevanza sarà l’esposizione personale di Daniele Duca “Proximity”, affermato artista della fotografia e copywriter: la mostra, ospitata fino al 10 giugno negli spazi della Galleria Cavour, accompagnata da un catalogo a cura di Angelo Maggi, presenterà una ricognizione sorprendente degli oggetti del nostro tempo, cui lo sguardo ravvicinato dell’autore regala una dimensione poetica, ironica, a tratti visionaria. Un’altra sede cittadina prestigiosa, quella dell’Oratorio di San Rocco, accoglierà invece durante il medesimo periodo l’intenso reportage di Giovanni Marrozzini “La nouvelle Semance”, parte di una lunga ricerca, di valore espressivo e documentario, svolta dal fotografo nella Repubblica del Camerun.

Novità L’Archivio di Stato mette on line i documenti della Certosa di S. Bernardo

Le pergamene del XII secolo consultabili dal computer di casa L

’antico archivio delle pergamene custodite nella Certosa di San Bernardo di Padova rinasce sul web. Grazie alla collaborazione tra l’Archivio di Stato, la Provincia e il Lions Club Padova Certosa, un’intera collezione medievale è stata digitalizzata e resa disponibile su un sito dedicato e accessibile da www.aspd.beniculturali.it. “Si tratta di un evento particolarmente rilevante e unico nel Veneto – ha spiegato l’assessore Leandro Comacchio – perché la documentazione potrà essere consultata ovunque, da casa, a scuola o all’università, attraverso un collegamento internet. L’archivio è costituito da 589 pergamene risalenti al XII secolo e il fondo, tutto inedito, non era inventariato. I documenti sono stati restaurati, riordinati, indicizzati e infine digitalizzati per essere consultabili online. È un’occasione preziosa per venire a conoscere i gioielli custoditi dall’Archivio che rappresentano la nostra storia e identità”. In questa occasione a palazzo Santo Stefano è stata allestita un’esposizione, aperta al pubblico fino a giugno, di alcune pergamene originali dell’Archivio della Certosa, in particolare le più antiche del Monastero delle monache benedettine di

Il dettaglio di una delle pergamente digitalizzate San Bernardo e la donazione del terreno sul quale costruire l’omonima chiesa. “La pubblicazione digitale delle pergamene – ha sottolineato la direttrice Francesca Fantini D’Onofrio – fornisce quindi un agile strumento di ricerca per conoscere, indagare e approfondire il patrimonio documentario medievale padovano. L’utilizzo della tecnologia informatica permette infatti una migliore visualizzazione dello scritto, superando le difficoltà della lettura a occhio nudo e consentendo l’ingrandimento delle immagini per agevo-

lare il riconoscimento dei tratti scrittori. Gli originali, inoltre, saranno maggiormente tutelati dal degrado dovuto alla manipolazione, permettendo così una più adeguata conservazione per i secoli futuri”. Il sito dell’Archivio di Stato di Padova sarà rinnovato entro l’autunno per dare il giusto rilievo alla sala di studio virtuale che s’implementerà con la progressiva immissione di fondi documentari digitalizzati. Entro l’anno è previsto l’inserimento della cartografia storica di Padova e provincia. L.O.


24 6

IL VENETO

in PRIMO PIANO Sanità, nuovi tagli in vista Piano socio-sanitario Fissati criteri guida per l’adeguamento ai costi standard 2013

Le aree con una popolazione tra i 200 e i 300 mila abitanti avranno una Ulss di riferimento. I posti letto per acuti saranno 3 ogni mille abitanti di Alessandro Abbadir

P

iano sociosanitario Veneto, è allarme per i tagli in vista. L’allarme è arrivato al punto che in molti fra gli amministratori e forze politiche temono per la chiusura di interi nosocomi. La Regione Veneto infatti, ha stilato nelle scorse settimane il nuovo piano per la riorganizzazione della sanità, che è arrivato all’esame della commissione competente contenendo già dei “criteri guida” ben precisi. Fra questi si è convenuto, per l’adeguamento dei costi standard per il 2013, che la dimensione ottimale di una azienda sanitaria in Veneto debba essere quella di struttura di servizio ad un’area di 200- 300 mila abitanti. Il numero dei posti letto fissati è di 3 per mille abitanti per quanto riguarda gli acuti. Il numero dei posti letto riguardanti le strutture di riabilitazione intensiva è di 0,5 posti letto per ogni mille abitanti (come al centro di riabilitazione “San Camillo” a Venezia per intenderci). Sarà invece di 1,2 posti letto ogni mille abitanti la percentuale riferita alle strutture intermedie, come quelle per malati terminali oncologici, per malati di

Alzheimer, ospedali di comunità in aree come quelle montane e lagunari con grande dispersione della popolazione. I nuovi criteri però, facendo un calcolo, portano ad una stima che prevede un taglio di circa 2000 posti letto a livello regionale. E questo rischia di comportare in alcuni casi tagli delle strutture ritenute non più funzionali lasciando scoperti interi territori e popolazioni che avranno a disposizione, solo l’ospedale del capoluogo di provincia. La “lista della paura” delle dismissioni in Veneto vede “nel mirino” i presìdi ospedalieri di Dolo, Piove di Sacco, Adria o Porto Viro, Noventa Vicentina, Valdagno, Bussolengo e “Borgo Roma” a Verona. A Dolo per cominciare il rischio in questa prospettiva è che vengano cancellati 365 di posti letto, a di Piove di Sacco 290, 230 ad Adria, 124 a Noventa Vicentina, 166 a Valdagno, 170 a Bussolengo e ben 682 all’ospedale veronese “Borgo Roma”. Contro queste fosche prospettive, si sono mobilitati sindaci, associazioni, comitati, sindacati e consiglieri regionali. In quinta commissione in particolar modo: il

presidente Leonardo Padrin (Pdl), e i consiglieri regionali Carlo Alberto Tesserin (Pdl) , Bruno Pigozzo (Pd), Carlo Sernaglia (Pd) e Federico Caner (Lega Nord). A fugare i timori più cupi ci ha pensato il consigliere regionale Bruno Pigozzo. “E’ indubbio – dice Pigozzo che ci possano essere preoccupazioni per i tagli in vista. Come consiglieri regionali cercheremo di salvaguardare in ogni modo il diritto alla salute. L’esame sul merito delle schede tecniche abbinate al Piano socio sanitario partirà in quinta commissione a metà maggio. Sulle schede ospedaliere la commissione avrà parere vincolante e siamo pronti a rimediare se sono state fatte delle forzature proponendo emendamenti anche in accordo con le forze di maggioranza”. Intanto forze politiche, e referenti territoriali in tutte le province, hanno avviato mobilitazioni, raccolte di firme e in qualche caso hanno ottenuto rassicurazioni, che gli ospedali nei territori di loro riferimento non verranno chiusi. Per capire che succederà concretamente però bisognerà aspettare qualche settimana.

Ulss 13 Dolo – Mirano

“NESSUNA CHIUSURA, SIAMO SOTTO FINANZIATI”

L

a paura è grande, l’ipotesi di una possibile chiusura dell’ospedale di Dolo in Riviera del Brenta ha fatto subito intervenire associazioni ed istituzioni che si sono mobilitate in sua difesa. Nelle scorse settimane, è stato chiamato direttamente in causa dalla Conferenza dei sindaci dell’Ulss 13 il direttore generale Arturo Orsini. Orsini ha spiegato che da quanto risulta, non è prevista alcuna chiusura dell’ospedale di Dolo (che insieme con quello di Mirano compone l’azienda sanitaria). Anzi, ha ribadito Orsini ai sindaci: sarà ben difficile chiudere una struttura che con 2700 dipendenti e essendo sempre sotto finanziata, è risultata un esempio di eccellenza a livello regionale. “Se stessimo a valutare il nuovo criterio - sottolinea il presidente della Conferenza dei sindaci dell’Ulss 13 Fabio Livieri - questo è in Riviera e Miranese di 2,7 posti letto ogni mille abitanti, inferiore ai 3 previsti nelle nuove disposizioni. Sono stati stanziati 5 milioni per l’ammodernamento dell’ospedale di Dolo”. Soldi però che per altri sindaci non bastano proprio, visto che il “fabbisogno” richiesto e mai concesso, sarebbe di 40 milioni di euro. Resta poi aperta la questione dei territori “cerniera” e cioè quelli della Riviera Sud con i comuni di Campolongo Maggiore, Camponogara e Campagna Lupia. Questi sono nei guai più di altri perché oltre a Dolo si parla del rischio della chiusura di un altro ospedale per queste popolazioni di riferimento: quello di Piove di Sacco. “Se chiudono gli ospedali di Piove e Dolo - dice sconsolato il sindaco di Campolongo, Alessandro Campalto - non ci resta che Chioggia, Padova o Mestre, tutte località che con il traffico sono ad oltre un’ora di strada”. A.A.

SANITÀ PIOVESE IL CONSIGLIO COMUNALE VIGILA SUL FUTURO DELL’OSPEDALE

S

ono passate alcune settimane da quella sofferta conferenza stampa con la quale il direttore generale dell’Asl 16 Adriano Cestrone e il presidente della quinta commissione sanità regionale Leonardo Padrin si sono affrettati a smentire le notizie che paventavano la chiusura dell’ospedale piovese. Nel frattempo a palazzo Ferro Fini, in seno alla Quinta commissione, si è provveduto ad approvare il piano sanitario regionale con le relative schede ospedaliere. Ma qualcuno non si fida. Tant’è che il pubblico consesso di palazzo Jappelli ha elaborato ed approvato un ordine del giorno in

difesa dell’ospedale Immacolata Concezione. Il documento, presentato dall’opposizione e precisamente dai consiglieri Lino Conte, Stefano Chinaglia e Davide Gianella, è stato approvato all’unanimità e, quindi, anche dalla maggioranza. Nello scritto gli autori si dicono ancora allarmati circa il futuro del nosocomio la cui chiusura “sarebbe di una gravità inaudita, in quanto stiamo parlando una struttura che serve da punto di riferimento sanitario a oltre 70 mila cittadini che faticherebbero molto trovare risposte dall’ospedale S.Antonio. Ricordiamo le promesse fatte da Padrin e Cestrone nel fugare le preoccupazioni sulle sorti del nostro ospe-

dale – si legge sempre nello scritto – e che nei piani della Regione non vi è volontà di chiuderlo, pur nell’ambito del piano di razionalizzazione delle spese sanitarie. Rimangono comunque le nostre preoccupazioni circa il ritardo nel rimuovere le situazioni di sofferenza in cui versano alcuni reparti per la mancanza della figura apicale di Pediatria, Ostetricia e Ginecologia, Rianimazione, Medicina e Geriatria”. Il documento termina annunciando che il consiglio comunale piovese si ritiene in stato di agitazione permanente e ben vigile circa le decisioni regionali. Gianni Patella

OFFERTA SPECIALE DEL PRODUTTORE dal 15 al 23 GIUGNO 2012 • Aperto anche Domenica 17

OUTLET MANIFATTURA CORONA via Roma, 39 - CASALSERUgO (PD) • ORARI: 8.30 - 12.30 • 15.30 - 19.30


Il Veneto in primo piano 25 7 Sanità Padova sarà la prima città veneta a testare il Pronto Soccorso provinciale

Confermate le tre Uls e gli ospedali principali di Nicola Stievano

N

della – Camposampiero nell’Alta Padovana e ne anche per le schede relative alla dotazione il nuovo ospedale di Schiavonia fra Monselice ospedaliera: spetterà alla giunta adeguarle, ed Este nella Bassa. L’”offerta ospedaliera” si sentito il parere obbligatorio e vincolante della chiude con i “nodi di rete”: strutture per acuti quinta commissione. Nella nostra provincia non ci saranno variazioni significative per le tre Uls prevalentemente ad indirizzo riabilitativo. (la 16 cittadina e del Una riorganizzazioPiovese, la 15 del’Alta ne che significherà chiu- Alcuni reparti Padovana e la 17 della sura di reparti (è il caso dovranno chiudere, Bassa), tutte al di sopra ad esempio dei servizi di ora c’è attesa del limite dei 200 mila otorino che troveranno per le schede abitanti e quindi non tocposto solo negli ospedali delle strutture cate dalla riorganizzaziodi riferimento), o riconversione della struttura ospedaliera. Novità ne territoriale. Per quanto riguarda gli ospedali anche per i direttori generali poi dureranno tre a Padova il Sant’Antonio sarà una struttura “inanni e per non più di due mandati. Rivoluzio- tegrata” con Piove di Sacco mentre nell’Alta

ello scacchiere della sanità provinciale il nuovo piano regionale conferma le tre Uls e i principali ospedali, su tutti Padova che avrà un nuovo nosocomio sulla cui ubicazione ormai i giochi sembrano fatti. La struttura sorgerà a Padova Ovest e, insieme a Verona, sarà una struttura di riferimento nazionale, al vertice della rete ospedaliera. Quello di Padova sarà un “hub”, terminologia adottata dalla regione per definire gli ospedali di riferimento che avranno sede nei capoluoghi di provincia e potranno mantenere tutte le specialità. Ulteriore gradino è rappresentato dagli “spoke”, ospedali di rete che avranno un bacino di 200mila abitanti: Citta-

IN POLESINE

Cittadella e Camposampiero dovranno razionalizzare i servizi. Non ci dovrebbero essere sorprese per gli ex ospedali di Montagnana e Conselve, entrambi ad indirizzo riabilitativo. Il centro di riabilitazione funzionale di Conselve, riferimento regionale, passerà sotto la gestione diretta dell’Uls 17 già nei prossimi mesi, come annunciato. Tutto bene dunque? Leonardo Padrin, presidente della Quinta Commissione regionale Sanità, parla di una vera e propria rivoluzione. Per il centrosinistra invece il vero terreno di confronto saranno le schede regionali sulle singole strutture, per le quali c’è molta attesa e qualche preoccupazione. Ma ormai indietro non si torna.

ADRIA SALVA, NON VERRÀ ACCORPATA ALL’ULSS 18 DI ROVIGO

I

l Polesine è salvo sul piano sanitario, dopo la decisione della V commissione regionale di tutelare la provincia di Rovigo per peculiarità e specificità del territorio. L’assessore regionale Pdl Maria Luisa Coppola e il consigliere Mauro Mainardi difendono l’autonomia dei due ospedali di Adria e Rovigo contro l’accorpamento e ribadiscono: “Le Ulss rimarranno due. I continui blitz del Carroccio con Antonello Contiero e di Cristiano Corazzari, sostenitori dell’Ulss unica, sono miseramente falliti. Un territorio come il nostro non può prescindere da una rete ospedaliera vicina anche alle realtà più marginali. Il Polesine, in un’ottica di riforma della sanità, non poteva essere trattato al pari delle altre zone metropolitane della pianura”. Ora la parola passa al consiglio regionale che dovrà discutere e approvare il piano. E ancora, commentano: “la Lega ha tentato di mettere a segno un blitz per accorpare le due Ulss di Adria e Rovigo, ma noi a questo giochetto non ci stiamo e faremo di tutto per

Vi invitiamo ad assaggiare

i Mari del Nord

IMPIANTI SPOTIVI

le nostre specialità:

rivendicare l’autonomia e la piena indipendenza delle due realtà. La partita attorno al piano sociosanitario è aperta e noi la giocheremo fino in fondo”. Secondo i due esponenti del centrodestra “i risparmi minimi derivanti dalla fusione delle due aziende sanitarie non giustificano lo smantellamento di un sistema che funziona e che consente di presidiare il territorio con professionalità e competenza. L’Ulss di Adria, in particolare, ha i conti in ordine e nel tempo è riuscita a costruire un piccolo sistema di eccellenza, accorparla non solo è sbagliato politicamente ma anche economicamente”. Anche Corazzari conferma:” Adria dovrà essere ospedale di rete. Non vogliamo però difendere i posti degli amici degli amici. Qui nessuno ha fatto blitz in commissione sanità, peraltro a guida Pdl. Ci possono essere dei punti di vista diversi che si attenuano con il confronto ma non con gli attacchi. Mainardi peraltro è stato eletto nel listino di Zaia e non dovrebbe parlare male dei suoi alleati!”. Me.Ru.

ertini ndro P Via Sa

Via

o me rro Bo

frittura, grigliate di pesce, risotti anche in forma, tagliata, carne allo spiedo e alla brace

Via Tosc ana

ORgan ORganIzzIamO R Rgan IzzIam I Iam O Su PR PRen OT IOne: OTaz PRenOTazIOne:

NZA

Via d ella P rovvid enza

Borromeo

VICE

Via Carlo

• Banchetti • Feste Feste Private Private • Battesimi • Matrimoni Cerimonie di ogni genere • Cerimonie di ogni genere Serate a Tema • Serate a Tema (Araba, Latino Americana...) (Araba, Latino Americana...) con Ciurrasco, Tartare, con Ciurrasco, Tartare, Baccalà e Cus-Cus Baccalà e Cus-Cus

Viale B renta

CENTRO LE BRENTELLE

MA AnChe... M MA A A AnChe... A An

• Colazioni • Pranzi Pranzi veloci veloci con con cucina casalinga cucina casalinga • happy h happy hour appy hour appy h dalle dalle 17,30 alle 20,00 17,30 alle 20,00 con con ricco Buffet ricco Buffet

PADOV A

Sarmeola di Rubano (Pd) Via Borromeo, 82 a tre minuti dal Centro Brentelle direzione Vicenza

neLLA LoCAnd neLLA LoCAndA Sono CAndA S CAnd ndA Sono PReSenTI PR PRe SenTI STanze ST CoMPLeTAMenTe CoMPLeTAMenTe riSTruTTurATe e CoMPLeTe riSTruTTurAT ur e e CoMPLeTe urAT di BAgno PrivATo di BAgno BA BAgno PrivAT riv o rivAT

Info e Prenotazioni: Tel. 049 630208 Alessandro 348 5232274 Pierantonio 346 4785829

i Mari del Nord BAr riSTorAnTe PizzeriA LoCAndA


26 8 Il Veneto in primo piano Società “Anziani per Padova”, il progetto promosso dal Dipartimento interaziendale ad attività integrata dell’anziano dell’Ulss 16

Il tempo nuovo degli over 65 Per la maggior parte sono attivi, coltivano hobby, in molti lavorano e aiutano i figli. Negli ultimi 10 anni hanno assunto un ruolo centrale di Ornella Jovane

L

a vecchiaia, un tempo nuovo nella società contemporanea. Nel corso dell’ultimo decennio gli anziani, anche in Italia, hanno assunto un ruolo sociale nuovo, diventando in molti casi fulcro e punto di riferimento per intere generazioni. Hanno una vita sociale attiva, sono autonomi, occupati in hobby e attività di volontariato e, in molti casi, sono di supporto ai figli in difficoltà sul piano lavorativo e occupazionale - non di rado come ammortizzatori sociali - e alle loro famiglie, sostegno per la cura e l’educazione dei nipoti. In Italia gli over 65enni che stanno in buona salute e continuano ad essere parte attiva della nostra società sono 11 milioni. E’ dunque evidente, considerato l’importante apporto che gli over 65 offrono alle comunità, la necessità e l’opportunità di riconoscere e restituire valore al ruolo sociale dell’anziano che, ancora oggi, nell’opinione comune continua ad essere visto troppo spesso solo come un paziente da assistere o un

“peso” economico da sostenere. Partendo da questo presupposto - la necessità di restituire valore sociale agli anziani - è maturato il progetto “Anziani per Padova”, che prende il via il 7 maggio e proseguirà fino al 13 del mese. Si tratta di un “contenitore” di inziative dedicate al tema dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra generazioni. Un evento promosso dal Dipartimento interaziendale ad attività integrata dell’anziano dell’Azienda ospedaliera di Padova, l’Ulss 16 e l’Università di Padova, insieme all’Assessorato alle Politiche sociali e per la famiglia del Comune di Padova, all’Ufficio scolastico provinciale e all’Ufficio diocesano per la Pastorale della salute, in collaborazione con CSV-Centro servizi per il volontariato della provincia di Padova, di enti e istituti di cura, e con l’ampio coinvolgimento della rete di associazioni che operano sul territorio. Inserito a pieno titolo nell’ambito delle celebrazioni per l’Anno europeo dell’invecchia-

mento attivo e della solidarietà tra le generazioni, il progetto padovano si configura ad oggi, a livello nazionale, come il più articolato degli eventi dedicati, tanto da aver ricevuto il patrocinio del Segretariato Sociale Rai. E proprio l’invecchiamento attivo, il dialogo e la solidarietà tra le generazioni saranno i temi al centro del ricco calendario: appuntamenti medico-scientifici, a partire dal Congresso nazionale della Società di Chirurgia geriatrica, il 10 e 11 maggio, all’aula Morgagni del Policlinico universitario, e dal convegno sulla carta etica dei servizi alla persona anziana; corsi di perfezionamento per operatori sanitari, ad esempio sugli aspetti etici, giuridici e assistenziali per l’umanizzazione delle cure anche in fase terminale; dibattiti su questioni di stretta attualità, come quelli sul modello solidaristico intergenerazionale, la cura domiciliare, le novità legislative in materia di previdenza; seminari sul rapporto tra terza età e tecnologie informatiche, le truffe agli

Un contenitore di eventi incentrato sui temi dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra generazioni

Gli anziani hanno assunto una funzione fondamentale nell’organizzazione della società attuale

anziani... E ancora laboratori creativi, mostre, spettacoli di teatro e musica. Occasioni di riflessione sugli stili di vita che consentono di restare in salute più a lungo, ma anche di confronto tra generazioni, grazie al coinvolgimento di alcune scuole padovane, alcune delle quali saranno impegnate nel progetto a livello organizzativo. Fra gli ospiti che interverranno nei vari eventi in programma anche il famoso psicologo veronese Vittorino Andreoli che nella lectio dal titolo “La vecchiaia: tempio per un nuovo umanesimo”, affronterà il tema dell’invecchiamento come opportunità e conquista della

società contemporanea. La settimana sarà l’occasione per annunciare ufficialmente la nascita di una Fondazione promossa dal Dipartimento che avrà l’obiettivo di favorire la prevenzione in età adulta e di migliorare le condizioni di vita dei pazienti geriatrici. Per informazioni: ufficio attività creative terza età - Settore Servizi Sociali - Comune di Padova, via Giotto, 34 - 35137 Padova.Tel. 049 651255 fax 049 664814 Orario: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12, martedì dalle 15 alle 16:30. E-mail segreteriaterzaeta@comune. padova.it

PIÙ LONGEVI, PIÙ SPORTIVI E ANCORA LAVORATORI

D

all’elaborazione dei dati Istat 2011 e Auser 2012 risulta che gli over65 in Italia sono 12.301.000 (il 20,3% della popolazione italiana), di cui 16.000 ultracentenari. L’età media della popolazione è passata da 41,7 anni nel 2001 a 43,5 nel 2011. Tra il 1980 e il 2008 la speranza di vita alla nascita è cresciuta di oltre 8 anni. Oggi si attesta a 78,8 anni per gli uomini e a 84,1 per le donne e continuerà a crescere nei prossimi 40 anni, arrivando a quasi 90 anni per le donne e 84 per gli uomini. La non autosufficienza. (dati Istat, 2011) Oltre 2.000.000 di anziani riportano una condizione di totale mancanza di autosufficienza per almeno una delle funzioni essenziali della vita quotidiana. Il 74% degli ospiti delle strutture residenziali presenti in Italia sono anziani con almeno 65 anni (75.868 sono autosufficienti e 225.182 non autosufficienti). Anziani e lavoro. (dati Istat, Auser, 2011) Il lavoro rappresenta il 10% circa del reddito degli anziani in Italia. 375.000 gli occupati. Dal 2004 al 2011 il numero di occupati tra i 55-64enni è aumentato dell’8% su tutto il territorio nazionale, passando dal 30,5% al 38% (dato Isfol, 2012). La regione con il tasso di occupazione più alto è il Trentino Alto Adige. Una vita attiva e impegnata. (dati Auser, 2012) Tra il 2001 e il 2010 la percentuale di anziani tra 65 e 74 anni che fa sport in modo continuativo è passata dal 4,4% al 9,8%.

In 10 anni il numero di anziani che pratica sport in modo continuativo è raddoppiato

Dal 2009 al 2010 è aumentato dell’1% il numero di coloro che si dichiarano in buona salute Nel 2010 gli uomini nella fascia d’età 65-74 che praticano attività fisica sono il 18% contro il 12,7% delle donne. Per gli over 75 si scende al 7,6% per gli uomini e al 4,1% per le donne. Gli over75 che svolgono attività fisica in modo continuativo sono passati da 1,4% a 3,5%, con un aumento del 2,1%. Anziani e salute. (dati Auser, 2012) Tra il 2009 e il 2010 si è registrato un aumento di oltre l’1% di coloro che si dichiarano in buona salute (per la fascia 6574 si passa da 36,9% a 38,8%, per quella over75 da 20,9% a 22,2%).


Voci da palazzo 27 11 Bilancio regionale Alla società sono stati assegnati 55 mila euro in 3 anni

Veneto strade non è ancora fuori dal tunnel P

BOTTA E RISPOSTA Laura Puppato e Renato Chisso

“NON VENDETE ILLUSIONI”

Vernizzi ha parlato di un ridimensionamento delle opere già progettate. Verrà data precedenza alla priorità ma manca un piano che ne stabilisca l’ordine

D

opo l’allarme di default lanciato da Silvano Vernizzi, ormai qualche mese fa, i soccorsi sono arrivati per mettere al sicuro il futuro di Veneto Strade. L’amministratore delegato infatti aveva denunciato che se la Regione avesse confermato l’azzeramento degli stanziamenti per il 2012, come era apparso in un primo momento, per la società, partecipata al 30% dalla Regione, al 50% dalle sette provincie e al 20 dalle società autostradali, sarebbe stato il tracollo. Per gli addetti ai lavori la squilla è suonata più o meno come un “Niente nuovi cantieri, nessuna garanzia d’interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria”. L’outing di Vernizzi ha tuttavia messo in moto una serie di richieste da parte dei consiglieri regionali all’assessore al bilancio, Roberto Ciambetti, che in parte sono state accolte e soddisfatte. Tuttavia a Veneto strade non sono stati destinati i 100 milioni di euro chiesti da Dario Bond, nemmeno i 40 ritenuti una soglia sicura per il proseguo delle attività. Ne sono stati assegnati 55. In tre anni, però. 15 per il 2011, 20 per il 2012 e altri 20 per l’anno successivo. Pochi o tanti, questo è quello IL BILANCIO che Ciambetti ha deciso di scucire. Sforzata DI VENETO STRADE la soddisfazione espressa dell’assessore Renato Chisso, anche se in occasione della eneto Strade chiude con un bilancio in attivo di 32 mila presentazione del bilancio di Veneto Strade euro con un patrimonio netto di 6.699.722 euro, con uno ha cercato di ridimensionare l’entità del stato del patrimonio attivo di 663.932.777. Nel 2011 ha rischio corso in precedenza. “La società destinato il 62,93% delle risorse in opere viarie, il 25,74% al personale (in calo), l’11,32% al funzionamento della società. - ha attaccato Chisso - è stata bistrattata Giovanni Nel 2011 ha realizzato lavori per 29 milioni di euro. da opinioni rese in libertà”. Insomma per Vernizzi l’assessore si sarebbe trattato semplicemente di qualche parola sfuggita o detta in modo incauto. Più di qualcuno, invece, vero la Società può vantare crediti verso la il 2002 anno di inaugurazione di Veneto nel tentativo di chiusura dei rubinetti alla Regione per 117 milioni di euro che in Ve- Strade, comprese le opere complementari società avrebbe ravvisato un avvertimento neto Strade sono convinti di riscuotere entro al Passante di Mestre e all´A28, la società o comunque il tentativo da parte della Lega l’anno ma se così non fosse? Ed è ovvio che ha appaltato al 20 marzo 2012 interventi di ridimensionare l’azione del potente as- così non sarà visto che sul bilancio regionale per 875 milioni di euro: 200 progetti di cui sessore pidiellino. Non è detto, però, che pendono i vincoli imposti dal Patto di sta- 115 già ultimati o in fase di realizzazione. bilità. Il presidente Ver- Ma ci sono altri 800 milioni di progetti che i problemi siano finiti nizzi infatti è sembrato con i chiari di luna degli ultimi tempi rischiaper Veneto strade, per Ci sono altri mettere le mani avanti no alla grande. il Presidente esiste il 800 milioni Al vaglio dell’assessore Chisso c’è anquando ha parlato di un rischio che le risorse di progetti ridimensionamento del- che l’ipotesi di mettere in rete Veneto Strasiano poche per por- che rischiano le opere già progettate. de con l’altra società regionale Cav, Contare avanti le opere alla grande “Per il prossimo triennio cessioni autostradali venete, che controlla progettate. Lo stesso espetto è stato sottolineato anche dalla ca- – ha spiegato - ci sono di fatto sul tavolo il Passante di Mestre e un tratto dell’A4 con pogruppo del Pd, Laura Puppato, sostenen- 55 milioni, per questo stileremo una tabella lo scopo di mettere insieme risorse utili al do che con i 20 milioni di euro stanziati per delle priorità e su queste andremo ad inter- settore e dare fiato alle casse della società l’anno in corso e 120 di debito che pesano venire”. Senza mega piano triennale però con una ventina di milioni all’anno ma ad sulle casse della società, ora ridotti a 32, e quindi non si sa su quali basi verranno oggi si parla di se e ma appesi ai fili del sia fantascienza immaginare un’attività decise queste priorità. Da ricordare che per “forse domani”. che superi il limite dell’ordinario. A dire il i tre piani regionali approvati finora, dopo

NEWS

V

er la capogruppo del partito democratico Laura Puppato è inconcepibile come i vertici di Veneto Strade abbiano il coraggio di continuare a vendere illusioni difendendo la funzionalità dell’ente e promettendo opere ed interventi a iosa. Se questi signori - precisa - ritengono che un utile 2012 di 32 mila euro e le risorse dell’ultima finanziaria regionale (10 milioni per il 2012) possano far fronte al consistente indebitamento che Veneto Strade ha con le banche e assieme assicurare la prosecuzione di vecchi e nuovi lavori, oltre alla manutenzione ordinaria della viabilità, forse non hanno ben capito la situazione in cui ci hanno portato. Davvero - si chiede la capogruppo del Pd - sono convinti che si possa con queste disponibilità andare molto oltre il pagamento degli stipendi dei dipendenti e la gestione di una struttura così imponente? Ritornino con i piedi per terra - aggiunge Puppato - facciano i responsabili e non i venditori di fumo, dicendoci chiaramente come l’ente pensa di realizzare gli interventi ordinari di propria competenza, cosa ne sarà delle opere pubbliche previste dal piano triennale e che destino avranno i cantieri programmati da 10 anni e ancora da aprire per un ammontare di 800 milioni. Ed a proposito di federalismo stradale, tanto caro all’assessore Chisso - conclude la Puppato - vorrei invitarlo ad andare a visitare i cantieri in corso e a spiegarci ad esempio perché sulla Pedemontana non risulta a tutt’oggi impiegato neppure un lavoratore veneto.

LA CAPOGRUPPO NON VENGA A “FARE FUMO”

“U

n vecchio e guerresco film d’epoca fascista raccontava di una battaglia navale tra la marina italiana e quella inglese. Sorpreso dal fuoco nemico, l’ammiraglio comandante faceva avanzare le cacciatorpediniere con un ordine preciso: ‘fare fumo’. Le coraggiose navi si lanciavano velocissimamente contro l’avversario e, virando sul fianco, emettevano una enorme quantità di fumo nerastro per impedire agli inglesi di vedere le navi da battaglia italiane. Gli inglesi però avevano il radar. Ecco, la capogruppo del Pd in Consiglio regionale mi sembra una cacciatorpediniera mandata a fare fumo, non avendo il radar”. L’assessore regionale alle politiche della mobilità prende da lontano le accuse della capogruppo Pd, che lamenta la scarsità di risorse della finanziaria regionale (“secondo lei 10 milioni di euro”) chiedendosi come possa Veneto Strade far fronte al consistente indebitamento con le banche e ai lavori. “Ricordo che quei presunti 10 milioni li ha votati anche lei, ma forse, causa fumo, non sa neppure cosa ha approvato, visto che si tratta di 15 milioni per il 2012, 20 per il 2013 e 20 per il 2014. L’esposizione bancaria è sempre un problema, ma se la capogruppo del PD avesse letto tutte le carte del bilancio di Veneto Strade Spa avrebbe scoperto che questa esposizione un anno fa era di 110 milioni di euro e oggi è calata a 36 milioni. Ci sono però crediti nei confronti della Regione per 117 milioni. In più la società ha anche degli utili, benché questi non rientrino tra gli scopi societari”. “Il vero problema non è l’esposizione della società, ma il fatto che la Regione non possa pagare ciò che le deve a causa del Patto di Stabilità, ma in ogni caso è un credito reale e non illusorio. Questa è la causa dell’indebitamento, rispetto a spese di gestione che sono diminuite e ad una confermata efficienza della struttura di fronte a problemi che sono e stanno diventando enormi a causa del drenaggio governativo di risorse locali. Questo ci porta a tenere i piedi ben per terra, su tutti i fronti infrastrutturali – dice ancora l’assessore – compreso quello della Pedemontana, che si paga da sé e rispetto alla quale abbiamo capito che la capogruppo del Pd lamenta una presenza di lavoratori siciliani, che in altra situazione sono stati ritenuti una sorta di portatori di interessi mafiosi. Mi fa piacere che la signora si sia anche lei convertita a privilegiare i veneti, ma il suo modo di proporre la cosa fuma di razzismo”.

“L’ASSESSORE LA SMETTA CON LE SUE TRAME DI FANTASIA”

“F

accio i complimenti all’assessore Chisso - scrive la capogruppo democratica - per l’approfondita cultura cinematografica d’epoca fascista. La cosa fondamentale è che Chisso non continui a proiettare le sue trame di fantasia. Resti piuttosto sul concreto, prima che quello su Veneto Strade diventi un film drammatico. L’unica cosa che continuiamo a chiedere - precisa la Puppato - è che venga detto con chiarezza cosa faranno operativamente gli oltre 200 dipendenti di Veneto Strade e come procederanno i cantieri ed i progetti. I fondi deliberati con l’ultimo bilancio sono stati stanziati anche grazie al lavoro emendativo del Pd, per cui so benissimo di cosa stiamo parlando. Proprio per questo ribadisco che le risorse attualmente a disposizione non riescono neppure a coprire gli appalti già fatti. La nostra - ribadisce - è una richiesta di chiarimenti tanto legittima quanto doverosa, alla quale la Giunta e i vertici di Veneto Strade devono altrettanto doverosamente rispondere. La cosa più sorprendente - conclude Puppato - è che Chisso e i suoi gridino al miracolo di fronte ad una situazione che in realtà sta pesantemente pregiudicando l’immediato futuro dell’ente. Non mi sembra una cosa normale: a meno che non abbiano la passione per i film dell’orrore...”.


12 Cultura veneta 28 Intervista Il sottile viaggio ironico di Riccardo Gusmaroli

Nei vortici di barchette di carta, l’invito al sorriso L’arte non è fatta per spiegare, ma per essere compresa. E’ un’interpretazione di ciò che vedi di Alain Chivilò

N

egli ultimi sei anni il mondo dell’arte è invaso da vortici di barchette di carta di diversi colori. L’autore è Riccardo Gusmaroli, nativo di Verona dal 1963, che abbiamo incontrato nel corso dell’inaugurazione della mostra personale alla Galleria Orler di Mestre. Capsule farmaceutiche, uova di gallina lavorate con un trapano odontoiatrico, cartine geografiche, francobolli, barchette e aeroplanini di carta sono alcuni materiali usati da Gusmaroli che non sono scherzi artistici tendenti alla provocazione, tema attuale dell’arte contemporanea, ma sono una sottile ironia che non fa quel passo successivo all’irretire l’usufruitore positivamente o negativamente. Oggetti quindi molto semplici ma decontestualizzati dalla visione quotidiana, come le barchette inserite all’interno di un ipotetico viaggio. Com’è nata l’idea delle barchette e degli aeroplanini? “Non mi è nata l’idea, perché a dire il vero c’è l’abbiamo dentro di noi da sempre. L’ho sfruttata in un altro modo, ossia la semplicità utilizzata per l’arte diventa fondamentale per la comunicazione. Ho utilizzato questi mezzi molto semplici per comunicare con l’arte”. La tematica del viaggio e dei relativi vortici. Cosa significano per lei? “Il viaggio mi ha sempre appassionato. E’ un modo per sviare, cambiare e fare una strada diversa da quella di tutti i giorni. Non si può sempre fare nella realtà, ma c’è la possibilità di farlo nel privato grazie all’arte. La mente è predisposta al viaggio e l’arte è il mezzo che ci aiuta in questo”.

Nella foto piccola l’artista veronese Riccardo Gusmaroli e alcune delle sue opere con i vortici fatti di barchette di carta I colori dei vortici hanno una preferenza? “Non ho particolari preferenze e motivazioni. Per esempio nel bianco, un non colore, si vede soltanto l’ombra, mentre negli altri c’è una tonalità che può portare verso altre direzioni. Diciamo che è un effetto sentimentale che l’opera assume sulle persone”. Quale importanza ricopre la fotografia nel suo agire pittorico? “Ho sempre fatto il fotografo, quindi utilizzo la fotografia per coprire, ossia quando dipingo la voglio distruggere. Questo con una sorta di simpatia, nel senso che cerco di cambiare l’aspetto fornendo una nuova vita. Libertà di materiali e superfici da utilizzare, passando per esempio attraverso i francobolli e le campiture monocrome. Ogni materiale è uno spunto per compiere qualsiasi lavoro. L’infinità del materiale a disposizione mi permette di lavorare su vari fronti, in modo da far capire meglio alle persone quello che sto facendo”.

La provocazione nell’arte. Quale personale opinione e quali sviluppi? “La provocazione nell’arte è una cosa inutile perché in fondo siamo capaci tutti a fare. Con le mie opere stimolo chi è di fronte a esse. Non do titoli ai lavori e non pretendo che una persona capisca il mio lavoro, ma che almeno sorrida. Cerco di dare la possibilità agli altri di vedere qualcosa di diverso”. Qual è il suo concetto di Arte? “La mia arte non da messaggi ma stimola le persone a capire qualcosa di se stessi. Tramite il mio lavoro do la possibilità agli altri di vedere in se qualcosa. Spesso non traspare il mio pensiero, non do messaggi ed è la cosa che preferisco. L’arte non è fatta per spiegare, ma per essere compresa. E’ un’interpretazione di ciò che vedi. Non sono concettuale come lavoro perché procedo d’istinto. Nella realizzazione delle opere aspetto che arrivi una stimolazione per sviluppare qualcosa”.

Casa dei Carraresi, Treviso

MANCIÙ ULTIMO ATTO

L

a mostra “Manciù. L’ultimo imperatore”, a Treviso presso la Casa dei Carraresi, continua il successo di visite e critica tanto da prorogare la chiusura al 20 maggio. Un’occasione in più per approfondire, a casa nostra, l’ultima epopea del Celeste impero che conclude un viaggio iniziato nel 2003, chiudendo con questa quarta tappa 2500 anni di storia della Cina. Un percorso sapientemente curato dal sinologo Adriano Màdaro che ha tracciato e proposto contenuti sempre vincenti e accattivanti. Dal 15 febbraio scorso la mostra ha rinnovato dei reperti con un avvicendamento disposto dalla tutela del governo cinese che impone un’esposizione non più lunga di 3 mesi. Cinque vessilli imperiali sostituiti con altrettanti in una versione di nuvole stilizzate a forma di spirale posti all’ingresso della mostra. Lo stesso per gli abiti imperiali come la veste estiva, le calzature di concubina e il set di borsette di seta da appendere alla cintura come da tradizione del popolo Manciù. Due nuovi dipinti del più grande pittore del ‘700 cinese il gesuita milanese Giuseppe Castiglione, tre ritratti imperiali e la seconda parte del rotolo di seta dipinto nel 1751 da Xu Yang che mostra lo svolgersi della vita quotidiana a Shaoxing. Semplicemente un successo avvalorato da una proiezione finale di più di 100 mila visitatori. La macchina organizzativa non si ferma qui, perché dal 26 ottobre prossimo ci sarà la prima mostra al mondo dedicata al Tibet. Il grande lavoro in precedenza svolto di divulgazione della cultura cinese, unito a ottimi rapporti con le massime autorità, del curatore Màdaro, unico membro non cinese del consiglio direttivo permanente dell’Accademia Cinese di Cultura Internazionale, porterà in occidente una mostra unica e irripetibile che musei prestigiosi europei e statunitensi non sono mai riusciti a ottenere. Al.Ch.

TRE MOSTRE DA NON PERDERE Gipsoteca Canova a Possagno

LA “DANZATRICE” RITROVA I SUI CEMBALI

“C

anova e la danza” è la mostra, presso il Museo e Gipsoteca di Antonio Canova a Possagno (Tv) fino al 30 settembre, che sviluppa la poetica del ballo, del volo e della suggestiva leggiadria della danza. Antonio Canova (Possagno 1757 – Venezia 1822) si misura nella scultura con il motivo della figura in volo, traducendo il dinamismo della danza leggero e sinuoso, nel marmo o nel dipinto. La mostra ruota intorno al modello originale in gesso della “Danzatrice con i cembali”, eseguito 200 anni fa nell’atelier romano dell’artista, restaurata grazie alla ditta Fassa Bortolo e al Bode Museum di Berlino che espone l’originale in marmo che fu eseguito per l’ambasciatore russo a Vienna Andrei Razumovskij. Durante la Grande Guerra, l’opera era stata danneggiata da una granata nei cannoneggiamenti che colpirono Possagno a ridosso dal Monte Grappa, troncando braccia e cembali. Oggi a distanza di quasi cento anni, grazie a un processo inverso a quello tradizionale, è stata fatta la scansione cad del marmo di Berlino ricostruendo così le parti mancanti in gesso tramite la tecnica del reverse engineering. A questo la pulizia finale ha completato definitivamente il restauro. Un’esposizione di oltre cinquanta opere di grafica, scultura, disegno, pittura e gessi quali la “Danzatrice con le mani nei fianchi, la “Danzatrice con dito al mento, “Ebe” e “Tersicore”, oltre a opere mai esposte come per esempio i campi neri incisi da Martino de Boni su modello delle tempere di casa Canova. Al.Ch.

Contaminazioni artistiche

“GERMINAZIONI E SINESTESIE”

A

l secondo piano di Casa dei Carraresi di Treviso, durante l’esposizione Manciù, è possibile visitare gratuitamente la mostra “Germinazioni e sinestesie” con opere di cinque artisti: Emilio Casarotto (Arcugnano 1942), Stefano Curto (Segusino 1966), Giuseppe Denti (Cremona 1939), Renate Füerst (Braunschweig 1941), Luciano Tonello (Vicenza 1960), e Carla Villani (Thiene 1948). Il titolo della mostra parte da due considerazioni: la sinergia di pittura e scultura con cinema, musica, danza, fotografia nell’ambito delle sinestesie che l’artista può far proprie attivando nel fruitore dell’opera connessioni che germinano potenzialità per visioni consapevoli e sensorialmente aperte. Facendo una carrellata di queste interpretazioni artistiche diverse, si parte dalla scultura femminile di Casarotto dal richiamo arcaico e enigmatico, ai luccicanti lavori di Curto con Swarovsky, pietre, altri cristalli e presenze coralline, ai colori accesi e gli azzurri monocromatici di Denti, all’astrattismo della Füerst con un’esplosione di tinte ben equilibrato, a Tonello e le sue immagini che si susseguono a ritmo serrato con colti riferimenti, fino alla Villani che con cromie particolari come l’ocra, il verde e il rosso etrusco ridisegna favole e nuove geografie fantastiche. Dopo Eugenio Carmi e Giorgio Celiberti sempre nello stesso luogo, una mostra organizzata dall’Associazione artistica e socioculturale ARTEFICIOlinea da vedere per apprezzare opere d’interessanti autori di diverse generazioni. Al.Ch.

Palazzo Loredan, Venezia

FINO AL 10 GIUGNO, 400 BOMBONIERE D’ARTISTA

L

a confettiera era il nome, fin dal Quattrocento, del contenitore artistico che veniva donato alle spose per i confetti. Invece dal Settecento in Francia viene coniato il nome di bomboniére. Nel 1896 in Italia la regina Margherita, per le nozze del figlio Vittorio Emanuele di Savoia e Elena del Montenegro, da inizio alla tradizione che lega la bomboniera al giorno delle nozze, come ricordo di un giorno di gioia, regalando una scatola d’argento a tutti gli invitati. Il vetro rappresenta un materiale con cui designer e artisti hanno ideato le bomboniere e in quest’ambito la mostra “Miniature di vetro. La bomboniera d’artista” a Venezia, presso l’Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti di Palazzo Loredan, presenta 400 bomboniere provenienti da collezioni private fino al 10 giugno. In scena l’evoluzione delle bomboniere dagli anni ’30 con ciotole di grosso spessore, a quelle bizzarre e provocatorie dei ’50, fino al cambiamento in oggetto decorativo di varia forma non contenente più i confetti in quanto posti ora in un sacchettino separato, sistema tutt’ora utilizzato. Non solo produzione veneziana con Barovier & Toso, Seguso, Venini, Carlo Scarpa ma una buona rappresentanza della produzione mondiale d’artista con i designer nordici degli anni Sessanta da Tapio Wirkkala a Bertil Vallien, lo Studio Glass americano con Dale Chihuly, l’Australia con Clare Belfrage e Jane Bruce infine Yoichi Ohira. E’ stata creata una sezione con artisti italiani che hanno ideato pezzi unici ironici e provocatori sul tema del matrimonio e della bomboniera. Al.Ch.


Associazione CSPDS Centro Servizi Padova Solidale Ente gestore CSV Padova

In Italia una persona su quattro è a rischio povertà* aiuta le associazioni di Padova e provincia a contrastare la diffusione di situazioni di povertà a chi e’ in difficolta’ dona il tuo 5 per mille 2012 con il progetto NON DI SOLO PANE per garantire:

*fonte: rapporto dell’Istituto Europeo di Statistica Eurostat (2010)

* beni di prima necessità * beni relazionali * abitazione nella tua dichiarazione dei redditi o nel CUD sostieni il volontariato padovano e indica il codice fiscale 92161950289 dell’associazione Centro Servizi Padova Solidale per conoscere i dettagli del progetto seguirne la realizzazione e avere maggiori informazioni

www.csvpadova.org

V. Petrarca 11 - Battaglia Terme (PD) Tel. 049 525680 Fax. 049 9101344 termelacontea@virgilio.it www.termelacontea.com

Lo Stabilimento La Contea apre la stagione termale da APRILE a NOVEMBRE. Convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale consente a tutti di fruire di un ciclo convenzionato di terapia termale all’anno presentando la ricetta del Medico di Famiglia o del Pediatra. Il nostro centro termale sito nella bellissima località dei Colli Euganei in provincia di Padova, sfrutta le fonti naturali di acqua ipertermale a 72° supermineralizzata del gruppo salso-bromoiodico, consente a tutti coloro che ne necessitano di sccedervi assistiti da Medici specialisti anche SENZA OBBLIGO DI SOGGIORNO.

Lo Stabilimento termale La Contea è una struttura dotata delle tecnologie più avanzate per tutti i tipi di cure termali. • Cure Fangobalneoterapia • Cure Inalatorie • Percorso Vascolari • Cure per la sordità Rinogena • Cure Fisiokinesiterapiche • Piscine termali immerse nel verde


24 Sì, viaggiare

Sì, viaggiare 31

PUGLIA

Il Salento greco che balla la pizzica OSPITALITÀ SEMPLICE NELLE CASE A Vignacastrisi, piccolo borgo alle porte di Castro, 16 piccole strutture turistiche si sono costituite in associazione offrendo diverse proposte di ospitalità. Denominatore comune il calore dell’accoglienza salentina. Si va dalle dimore di charme, come il Palazzo Guglielmo di piazza Umberto I, alla casa vacanze, all’affittacamere, all’agriturismo al B&B ricavato nelle abitazioni, dove si è a contatto con la gente del posto. Il mare è a due passi. “Il rapporto qualità-prezzo, la genuinità dei nostri prodotti e il calore e la semplicità dell’accoglienza - dicono al B&B Il Melograno - hanno colpito quanti arrivano a Vignacastrisi per la prima volta”. Infine una dritta gastronomica: il ristorante Zio Tom di Santa Maria di Leuca (nella foto), pesce in riva al mare poco lontano dal faro del capo. Gestione familiare e tanta qualità nel piatto.

I

l conto alla rovescia è già iniziato. Il Salento attende con ansia la notte del 25 agosto. E’ la Notte della Taranta, la notte del raduno dei centomila nelle piazze e nelle vie di Melpignano. Il Festival della Notte della Taranta è giunto alla quindicesima edizione, in un crescendo di numeri che fa capire quanto questi eventi di musica, danza e tradizioni popolari arrivino dritti al cuore della gente, mantendendo intatto nel tempo il loro fascino magnetico. Il festival, in due dense settimane di eventi, coinvolge ben 14 comuni della zona. Siamo in un angolo di Puglia dove si parla ancora greco. Sì, greco. Un greco antico che si chiama Griko ma che i greci di oggi capiscono perfettamente. Questo angolo di Puglia è la Grecìa salentina. Sì scrive proprio così, con l’accento sulla i. Nove comuni soltanto, poco a sud di Lecce e vicino ad Otranto: Calimèra, Castrignano dei Greci, Corigliano d’Otranto, Martano, Martignano, Melpignano, Soleto, Sternatia e Zollino. Ma nel XVI secolo il Griko era parlato in gran parte del territorio salentino. In Italia solo nella zona di Bova, in provincia di Reggio Calabria, esiste un’altra comunità ellenofona. Le comunità grike del Salento sono animate dall’attività di tante associazioni culturali, impegnate a valorizzare il patrimonio ancestrale di questa lingua sopravvissuta nel tempo. Come sono sopravvissuti certi riti religiosi, certi canti popolari e certe danze, la più famosa delle quali

IMMAGINI DELLA PIZZICA CHE ANIMA LA NOTTE DELLA TARANTA A MELPIGNANO. SOTTO: TIPICITÀ LOCALI, CASTRIGNANO DEI GRECI, LA MASSERIA CHICCO RIZZO, L’EX TRIBUNALE A NARDÒ E UN FRANTOIO IPOGEO A PRESICCE

è la “pizzica tarantata”, usata per curare dal morso della tarantola (il temuto ragno). Pizzica che è il moto irrefrenabile che anima la lunga notte della Taranta. Ma nella Grecìa salentina, che qualche tempo fa ha ricevuto anche la visita ufficiale del presidente greco Kostis Stefanopoulos, sono sopravvissute anche antiche costumanze gastronomiche. Di natura popolare, naturalmente. Tradizioni che possono essere il filo conduttore di un turismo “slow”, culturalmente motivato. Non può mancare la mussakà a base di patate, pietanza che è parente stretto del piatto simbolo della penisola ellenica. All’insalata grika e alla salsiccia è dedicata persino una sagra, quella di Martignano, che si svolge ai primi di luglio, preambolo alla festa del patrono San Pantaleo di fine luglio e al lungo festival della Notte della Taranta. Un contributo forte al mantenimento di queste tradizioni gastronomiche (ma anche di quelle culturali) lo dà il Parco Turistico Culturale

Palmieri che ha sede nel Palazzo Palmieri di Martignano. Nell’insalata grika esplodono tutti profumi del Mediterraneo: pomodori, “minunceddhe” (cetrioli), peperoni, cipolla bianca, peperoncino piccante, rucola selvatica, olive nere alla “capasa”. E ancora: capperi, origano, cacioricotta. Tutto condito con il profumatissimo olio extravergine d’oliva locale, frutto di quegli ulivi monumentali che adornano il territorio. La salsiccia, la gustosa salsiccia artigianale locale, fa da contorno all’insalata, sovvertendo per una volta i ruoli. Ma l’insalata grika può essere abbinata anche agli ottimi latticini della zona e al pane casereccio, cotto su forni alimentati da legna “profumata”. Un panorama dei sapori locali lo si trova all’agriturismo Masseria Chicco Rizzo di Sternatia, una monumentale, elegante e raffinata masseria di pietra chiara che combina gusto ed eleganza. Per chi voglia approfondire la cultura grika l’associazione Kaliglossa di Calimera ha

un sito sempre aggiornato (www.kaliglossa. it). Ultimamente sta pubblicizzando il Premio Dafne, che è un concorso di poesia, canzone e teatro in lingua grika, e una scuola di lingua grika che inizierà a ottobre. Una vitalità culturale che è garanzia di sopravvivenza per questo straordinario relitto linguistico, miracolosamente conservatosi nei secoli nel Salento. Due escursioni consigliate per chi dalla Grecìa Salentina volessre approfondire la conoscenza del Salento più vero: Nardò e Presicce. Nardò è un trionfo del barocco. Il suo centro storico è una bomboniera ricamata nella pietra, ricca di palazzi e chiese. A lungo la cittadina rivaleggiò con Lecce sul piano artistico e culturale. La cattadrale, il cui primo nucleo risale al 1090, è il punto di partenza ideale per l’escursione nel centro storico, che raggiunge il suo clou di interesse a Piazza Salandra, straordinaria quinta di edifici barocchi. Poco lontano si erge la cosiddetta Osanna, singolare costruzione del 1603 a edicola.

Nelle vicinanze di Nardò sorge il parco naturale di Porto Selvaggio con la sua preziosa oasi naturalistica. Presicce è la città degli ipogei e dell’olio lampante. Da non perdere la città sotterranea, ovvero il sistema di frantoi ipogei, unico in Italia per ampiezza e fascino, disseminato fra piazza del Popolo e le strade del centro storico. In quei frantoi sotterranei si produceva l’olio utilizzato per alimentare l’illuminazione pubblica. Veniva venduto in anche all’estero. Le condizioni di vita in quei frantoi erano terribili. Gli operai salivano in superficie solo in occasione della grandi feste. Le perle di Presicce sono il Palazzo Ducale con il Museo Demoantropologico, il Museo della civiltà contadina e la Chiesa della Madonna degli Angeli che sorge in posizione appartata, vicino ad un B&B di charme, il “Giardino degli angeli”, dove si produce anche un ottimo olio extrarvergine di oliva. Poco lontano sorge la lunga spiaggia delle cosiddette “Maldive del Salento”, dalla sabbia bianchissima.


32

i nostri Esperti PSICOLOGIA DEL LAVORO

Dott. Lara Tasso

Lo stress: principali modelli e risposte dell’organismo

Il termine stress è entrato a far parte a pieno titolo del nostro vocabolario e, purtroppo, anche della nostra vita. Ma sappiamo realmente cosa di cela dietro questo concetto? Tra i vari modelli di ricerca che cercano di spiegare lo stress, vi è quello dello stimolo, secondo cui le cause vanno ricercate nell’ambiente che pone richieste eccessive alla persona. Per esempio, secondo questo modello lo stress lavorativo è causato da un forte carico di lavoro e dalle difficoltà a conciliare vita privata e occupazionale. Secondo il modello della risposta, invece, lo stress non è spiegato partendo dagli stimoli ambientali, bensì dall’esperienza provata dalla persona. Secondo questa prospettiva, lo stress è desunto da sintomi quali, per esempio, insonnia, mal di testa, problemi digestivi, che la persona sviluppa come risposta alle richieste esterne. Un altro modello, oggi dominante, è quello transazionale, che integra lo stimolo e la risposta in uno stesso processo: l’ambiente e

la persona non sono analizzati separatamente ma in reciproca interazione tra loro. Lo stimolo ambientale è percepito e valutato dalla persona, che mette in atto delle risposte fisiche, psichiche, emotive e comportamentali per far fronte alla situazione (coping). Tali risposte influenzano a loro volta l’ambiente esterno. Per esempio, di fronte ad un eccessivo carico di lavoro possiamo percepire la situazione al di fuori della nostra portata e le conseguenti risposte del nostro organismo saranno: aumento del battito cardiaco, sudorazione, dolori intestinali, mal di testa, insonnia etc. Possiamo decidere di non affrontare il compito o di svolgerlo in una situazione psico-fisica non ottimale che comprometterà il buon esito del nostro lavoro. Non tutti reagiamo allo stesso modo di fronte allo stimolo: altri, infatti, possono percepire un eccessivo carico di lavorativo come una sfida e rispondere con modalità psico-fisiche diverse dal caso precedente, che porteranno ad affrontare al meglio il compito anziché scappare da esso.

Non è l’evento in sé, quindi, a causare lo stress, ma l’interazione tra esso e la persona, con tutto il suo bagaglio di esperienze, di caratteristiche fisiche, biologiche, emotive, psicologiche. Il tutto, inoltre, è influenzato dal contesto in cui tale interazione avviene. Dopo aver incontrato i principali modelli sullo stress, vediamo ora come reagisce il nostro organismo davanti ad una situazione percepita come stressante. La prima fase è definita di ALLARME, ed è qui che l’organismo si prepara all’attacco o alla fuga dal compito o dalla situazione. La frequenza cardiaca aumenta, le pupille si dilatano, la digestione si interrompe, i muscoli si tendono. La seconda fase è la RESISTENZA, che si ha quando l’esposizione all’agente stressante è tale da far durare troppo a lungo i livelli di attivazione messi in atto nella fase di allarme. Per far fronte a questa fase il nostro organismo è costretto ad attingere a risorse aggiuntive, che sono sottratte a quelle necessarie al normale funzionamento corporeo, come la digestione o il mantenimento

del sistema immunitario. La terza e ultima fase è l’ESAURIMENTO, che avviene quando l’organismo non riesce più a far fronte a livelli così alti di attivazione e sviluppa seri problemi fisici, psichici e comportamentali. A tutti sarà capitato di provare quanto descritto nella prima fase, e questo è del tutto normale e non comporta rischi per la salute. Provare livelli moderati di stress è, infatti, un fattore positivo, attivante. Il problema sopraggiunge quando si passa dallo stress buono (EUTRESS) e quello definito cattivo (DISTRESS), caratterizzato da un’eccessiva e prolungata attivazione dell’organismo. In questi casi la persona, oltre a sviluppare problemi fisici, può mettere in atto comportamenti a rischio come l’abuso di alcool o sostanze, il gioco d’azzardo, eccessi di aggressività, non curanza delle norme sulla sicurezza. E’ quindi importante individuare i sintomi da stress eccessivo, cercando di staccare la spina e chiedendo aiuto a degli specialisti.

Sarò lieta di rispondere alle vostre domande all’indirizzo e-mail: lara.tasso@libero.it

IMPRESA

A cura di Lorenzo Sartiè

Non tutte le crisi vengono per nuocere Come diceva Einstein, i momenti di crisi sono pregni di grandi sofferenze, ma anche di grande impegno e di opportunità per costruire qualcosa di nuovo e di diverso. Questa recessione, che è una crisi finanziaria cagionata dallo sgonfiamento borsistico; ha causato grosse perdite patrimoniali alle banche, le quali hanno chiuso il credito, in primis alle aziende, e poi al credito più in generale. Queste difficoltà hanno avuto il triste merito di mettere in luce le gravi carenze imprenditoriali del nostro tessuto produttivo. Essere bravi a fare o produrre qualcosa è una cosa molto diversa dall’essere imprenditore. Abbiamo dimostrato di non essere preparati a fronteggiare situazioni emergenziali economiche e commerciali nel medio o lungo periodo, senza l’intervento sostenitore delle banche e del governo. Governo che tratta i suoi cittadini come sudditi con un’oppressione fiscale che non ha uguali, che impone piani economici e finanziari alle amministrazioni locali che, essendo da sempre bacino di clientela per le imprese fornitrici, hanno accumulato verso di queste, grazie ai tagli o ai “patti di stabilità”, un debito spaventoso. Debito che ha messo ulteriormente in crisi le aziende

e le imprese. Il risultato si può chiaramente leggere nelle decine di suicidi di imprenditori onesti, che non hanno retto all’onta morale di aver perso tutto, dopo anni di lavoro e sacrifici. Innovazione poca, sviluppo zero, lungimiranza quasi nulla. Potrebbe essere questo il teorema su cui basa l’analisi del piccolo imprenditore attuale. Non è solo colpa dei cinesi, dei paesi emergenti, del governo o delle banche se la situazione che vive la nostra imprenditoria è così triste e difficoltosa. Queste negatività hanno dimostrato che essere impresa al giorno d’oggi è una cosa ben diversa dal modello che abbiamo sempre perseguito. Ha messo in luce un modello di una micro imprenditoria isolata e isolazionista, polverizzata e dispersa. Incapace di assumere una dimensione, di diventare non solo un gruppo di imprenditori, ma anche una base sociale su cui lavorare, che sia in grado di porsi nel mercato con un modello più moderno e meno aggredibile. Tenutario di quelle tradizioni del lavoro che renderebbero più agevole difendersi in situazioni come questa. Invece si vanno a rincorrere disperatamente tutte le opportunità di lavoro in mercati sconosciuti, decidendo

di competere con aziende o imprese scorrette da essere escluse dal mercato. Invece di essere loro ad essere estromesse dal mercato. Sembra di essere di fronte alla teoria economica “Il mercato dei limoni” di Harkeloff, dove il mercato premia i peggiori e non i migliori. Qui i migliori non riescono a difendersi, anche grazie ad istituzioni assenti nel controllo e la tutela della qualità, all’assenza di normative di tutela per le imprese serie e corrette. Spesso siamo di fronte ad imprese che pur di sopravvivere sono scorrette, proponendosi a basso costo ed escludendo così i migliori, che sono onesti ed in regola. Ed in questo le associazioni di categoria hanno le loro responsabilità, che sono pesantissime. Essere imprenditore al giorno d’oggi è decisamente complicato. Servono istruzione, formazione, capacità interlocutoria e preparazione tecnica, lungimiranza e capacità gestionale. L’imprenditore di un mercato moderno deve avere la capacità di avere una dimensione d’insieme che lo portino ad uscire dal guscio o “dall’orto di casa”. Non basta più essere bravi a fare o produrre qualcosa. Bisogna creare la struttura aziendale, avere una strategia ed una tattica, dei piani marketing,

operativi o di trade marketing, organizzare il supply chain. Tutto questo spesso non c’è. Perché il piccolo imprenditore che costituisce la maggioranza del nostro tessuto sociale, ancora stenta a capire che la struttura è diventata importante tanto quanto saper fare bene una cosa. Molti non hanno la capacità di crearla per mancanza di conoscenza e di tempo o perché ha dei costi. Non c’è perché taluni ritengono che sia inutile “perché tanto mi arrangio io da sempre”. Abbiamo visto purtroppo i risultati. Ai colleghi che hanno deciso nell’oppressione del loro dolore di non essere più tra noi, dico solo “parce sepulta”, riposate in pace, nessuno qui pensa che siate stati dei vigliacchi, ma delle vittime. Ai colleghi che invece sono ancora qui, dico non mollate. Aggiornatevi ai tempi, fate squadra, abbandonate l’egoismo individuale, imprenditoriale e forcaiolo. Uscite dalla mentalità da bottegai. Lo dobbiamo per obbligo e dovere morali nei confronti di coloro che non ci sono più, affinchè non si debba più dire a un collega “parce sepulta”…

Sarò lieto di rispondere alle vostre domande inviate all’indirizzo presidente@consorziovenetocostruttori.it


Un grande contenitore imprenditoriale ma non solo. Oltre 40 aziende a Vostra disposizione per offrirVi un servizio di alta qualità, con un interlocutore serio, preparato ed organizzato. Nuove costruzioni, ristrutturazioni, bonifiche, servizi di manutenzione, riparazioni grandi e piccole, la gestione del patrimonio immobiliare e l’erogazione di servizi non sono più un problema...

ANCHE IN REGIME DI GLOBAL SERVICE… E DI PRONTO INTERVENTO

☎ 049 723866 Pittori e dipintori edili- Isolamenti acustici e termici - Cartongessi Pavimenti e rivestimenti in pietra, ceramiche e legno Realizzazione e manutenzione di parchi e giardini Studio tecnico civile – Tutte le pratiche edilizie, dalla progettazione alla Direzione lavori – Perizie Azienda di servizi tecnico-commerciali – General Contractor – Promozione – Marketing – Sviluppo Servizi ecologici – Espurgo pozzi neri – Bonifiche ambientali – Smaltimento fanghi industriali Impianti elettrici civili ed industriali – Automazioni – Antifurti – Impianti Sat e Cablaggio reti Impianti antincendio e tecnologici Nuove costruzioni – Ristrutturazioni – Risanamenti – Restauri – Ampliamenti – Civili ed industriali Impianti idraulici, riscaldamento e solari termici Carpenteria metallica – Serramenti per esterni – arredo interno in acciaio Serramenti interni in legno e pvc – Mobili su misura Impianti fotovoltaici – Illuminotecnica e innovazione energetica - Impianti di energie alternative

info@consorziovenetocostruttori.it - www.consorziovenetocotruttori.it Consorzio Veneto Costruttori e Servizi S.r.l. Via Istria 55, 35135 - Padova Tel. +39 049 723866 - Fax +39 049 2611817


Illustrazione e progetto grafico di Ferdi Arzenton e Ufficio Grafica e Comunicazione dell’Upa

Maggio Fashion

Fiorisce lo stile artigiano

Sfilate a

ESTE

6 Maggio 2012, ore 20.45 Piazza Maggiore nell’ambito di Este in Fiore

Con il patrocinio e il contributo

In caso di maltempo la manifestazione si terrà la domenica successiva

Provincia di Padova Assessorato per le attività produttive

PADOVA

Con il patrocinio Comune di Padova

27 Maggio 2012, ore 20.45 Piazza dei Signori Organizzate dall’Unione Provinciale Artigiani di Padova Con il contributo

Valorizzazione delle eccellenze e della creatività del territorio padovano

Per Informazioni: Unione Provinciale Artigiani tel. 049 8206154 • www.upa.padova.it

Con il contributo

Comune di Este

In collaborazione

Con la partecipazione

UPAservizi Logistici ed Immobiliari s.r.l.

Regia di Dina Mazzucato per Top Team


I nostri esperti 35 RIVOLGITI ALL’AVVOCATO

Questioni di Giustizia

Michela Nuvoletto, avvocato del Foro di Padova

Buongiorno Avvocato, ho preso in affitto ad uso turistico per alcuni mesi nel periodo estivo un appartamento in una zona di balneazione, precisamente dal 1 maggio 2011 al 1 settembre 2011 da una società immobiliare, il contratto prevedeva il canone di locazione mensile e, a parte e alla fine, il pagamento delle spese relative alle bollette enel, gas e acqua. Premetto che ho pagato regolarmente tutto l’affitto, ma ho lasciato un assegno in deposito cauzionale per il saldo delle spese suddette. Mi si è presentato il proprietario chiedendomi delle somme molto elevate a titolo di spese condominiali e utenze, senza però portarmi alcuna documentazione giustificativa. Sono obbligato a pagarle?Se le pago posso avere la restituzione dell’assegno? Stefano.

Per porre le domande all’avvocato: direttore@lapiazzaweb.it

Caro Stefano, se il contratto di locazione ad uso turistico che Lei aveva stipulato prevedeva che il canone di locazione non fosse onnicomprensivo, ma Lei si impegnava a corrispondere a parte le spese condominiali e le somme relative alle utenze per il periodo in cui Lei ha utilizzato l’appartamento dovrà corrisponderle. Infatti, a seguito dell’entrata in vigore della disciplina sulla locazione degli immobili urbani di cui alla l. 392/1978, l’obbligazione del conduttore, concernente il pagamento degli oneri accessori è divenuta parte integrante della struttura sinallagmatica del contratto, con la conseguenza che il suo inadempimento, solo ove superiore a due mensilità del canone, dà al locatore il diritto di ottenere la risoluzione del contratto, ma in ogni caso ha diritto di pretenderne la rifusione. In questo caso la locazione è cessata, ergo il proprietario ha diritto ad ottenerne la rifusione, il conduttore però ha diritto di ottenere dal locatore l’indicazione precisa e specifica delle spese condominiali, nonché prendere visione dei documenti giustificativi, ciò in base a precisa e concordante giurisprudenza. La documentazione che Lei potrà richiedere è la seguente: il bilancio consuntivo delle spese condominiali, naturalmente scomputando le eventuali voci che riguardano la straordinaria manutenzione, dividendo le somme per i mesi in cui Lei ha avuto possesso dell’immobile; l’esibizione delle bollette integre e non alterate relative ai mesi in cui Lei ha goduto dell’immobile ed eventuali altre fatture. Dopo di che, se tutto è regolare, Lei sarà obbligato a corrispondere le spese, naturalmente se Lei ha consegnato un assegno, può pagare le somme e chiederne la restituzione ovvero autorizzarne l’incasso e, se questo non fosse sufficiente a coprire l’intero debito, aggiungere le somme corrispondenti, ricordandosi di farsi quietanzare per iscritto per le somme inferiori ad € 1000 pagate per contanti. Per info su questo articolo michela. nuvoletto@alice.it

L’ARCHITETTO

Sicurezza sul lavoro e obblighi del committente Dott. Massimo Cavazzana Architetto Tel. 049-9585333

Torino: un operaio muore e due restano feriti dopo la caduta da un ponteggio (altezza di 40 metri!) nel cantiere per la costruzione di un inceneritore. I due feriti sono stati trasportati al Cto. e sul posto oltre il Pronto Soccorso sono subito intervenuti i Vigili del fuoco, Polizia e 118. Già lo scorso 3 marzo, nel medesimo cantiere, un caposquadra, era morto dopo un salto nel vuoto da 30 metri! I vigili del fuoco avevano ipotizzato il cedimento dell’ impalcatura del ponteggio ma secondo i sindacati, che hanno anch’essi effettuato un sopralluogo nel cantiere, la caduta è dovuta al cattivo fissaggio di un cassero. Il cantiere è stato prontamente sospeso per i rilievi, mentre gli organi di vigilanza cercano di fare chiarezza sulle qualifiche dell’impresa, la formazione dei lavoratori, le responsabilità dell’appaltatore ed anche del committente. Il numero delle “morti bianche” in Italia sembra in continua crescita, nonostante le campagne informative e le ispezioni degli Enti di vigilanza per la sicurezza dei lavoratori. Le fatalità esistono ma i numeri parlano d’altro: già nei primi mesi dell’anno scorso, le

morti sui lavoro sono state 460, su cui hanno contribuito le assunzioni a giornata, le violazioni delle norme di sicurezza ed il lavoro sommerso. Lombardia, Emiglia Romagna, Sicilia ai primi posti di questa triste classifica seguite da Veneto e Toscana. Non sono le fabbriche il settore più colpito: il settore agricolo è quello in cui si verificano il numero maggiore di incidenti mortali e subito al secondo posto si trovano le costruzioni. Le fasce d’età più a rischio sono quelle di quarantenni e cinquantenni, il 43.1% delle morti bianche totali. Alto è anche il numero di vittime tra gli ultrasessantenni pari al 30.2%. Tra le cause di morte, principalmente c’è la caduta dall’alto (23.9%), seguita dal ribaltamento di un veicolo o di un mezzo in movimento (22%); dallo schiacciamento dovuto alla caduta di oggetti pesanti sulle vittime (18.3%). Ma oltre alla tragedia per i lavoratori colpiti, vi è pure il dramma per i “responsabili” (o presunti tali)! E se è chiaro a tutti che si va a verificare la prevenzione eseguita dal datore di lavoro dell’impresa edile, forse non tutti sanno che anche per il committente la normativa prevede delle responsabilità! Spesso il committente, per esempio un privato cittadino che intende costruirsi casa, non dispone delle conoscenze tecniche per verificare che tutto sia in piena regola. La normativa principale per la sicurezza nei “cantieri temporanei ed edili” è il D.Lgs. 106 del 2009, che definisce figure e responsabilità. La normativa è complessa e di seguito andremo a riportare solo i punti principali che riguardano il committente. Il primo punto prevede che il committente, nei cantieri in cui vi è la presenza di più imprese esecutrici, anche non contemporanea, contestualmente all’ affidamento dell’incarico di progettazione, DESIGNI IL “COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE”. In secondo luogo, al committente , è chiesto di VERIFICARE L’IDONEITÀ TECNICO-PROFESSIONALE delle imprese affidatarie, esecutrici e dei lavoratori autonomi in relazione ai lavori da affidare, con le modalità riportate nell’ All. XVII presente nel D.Lgs. stesso.Il terzo punto prevede che il committente richieda alle imprese esecutrici una DICHIARAZIONE DELL’ORGANICO MEDIO ANNUO per qualifica, corredata dagli estremi delle denunce dei lavoratori effettuate all’INPS, all’ INAIL e alle casse edili, nonché una DICHIARAZIONE RELATIVA AL CONTRATTO COLLETTIVO STIPULATO DALLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI più rappresentative, applicato ai lavoratori dipendenti. Infine il committente deve trasmette all’ufficio tecnico comunale, prima dell’inizio dei lavori copia della “NOTIFICA PRELIMINARE”, il DURC delle imprese o dei lavoratori autonomi ed anche una dichiarazione che attestanti l’avvenuta verifica della documentazione elencata ai punti due e tre, sopra descritti. La normativa è complessa ed è consigliabile rivolgersi, prima di iniziare i lavori, ad un vostro tecnico di fiducia, geometra, ingegnere o architetto per poter assicurare l’idoneo controllo sulla sicurezza del proprio cantiere. Sarò lieto di rispondere alle vostre domande inerenti gli articoli pubblicati od altri argomenti inerenti l’architettura e l’ urbanistica all’indirizzo mail: cavazzana@tin.it


36 Crucipiazza Azzurra Edizioni S.n.c. - C.P. 93/B - 35028 Piove di Sacco (PD)

>info@azzurraedizioni.com<

I PUNTINI Colora gli spazi contraddistinti dai puntini

SOPRA E SOTTO

Risolvendo entrambi i giochi otterrete, rispettivamente, il nome e il cognome dell’attrice in foto

AMICA - BRAD - BRATT FIGLI - FRATELLO FULL FRONTAL I PROTAGONISTI PITT - PREMI - RUOLI - STUDI Chiave (5) - Il nome............................. Inserite all’interno dello schema inferiore le parole elencate in modo da completare il cruciverba. A schema ultimato, nelle caselle grigie, apparirà il cognome.

AB - ADA - BARE - EL - ELVIO ERO - FE - FE - GERE ITER - IVI - ORARIA - PD PINNA - RE - RUGA - SAN SPIRA - TO - TRII - UOSA USATO - VIP - VISNU THE ANIMALS (gli animali) Impariamo l’inglese

Gli sposi

• “Ieri ho preso un cane per mia moglie” “Ah, sì? E dove fanno questi scambi?” • Fra fidanzati; “Caro, se tu mi amassi!” “Ma no, non aver paura che non ti amasso!” • Un signore dice a sua moglie: “Sai cara, ho pensato che questa sera non potrai venire a teatro con quella tua vecchia pelliccia.” “Oh tesoro!” Esclama tutta felice la donna “E come hai risolto il problema?” “Ho comprato un solo biglietto!” • “Mia moglie ha perso la carta di credito” “E non hai sporto denuncia?” “No, perché ho scoperto che il ladro spende di meno!” • Due pazzi al manicomio: “E se ci sposassimo? L’altro risponde: “Ma sei pazzo!?” • Luigi incontra Mirko: “Ehi Mirko, mia moglie ha letto “I tre porcellini” e ha avuto tre gemelli, poi ha letto “Hansel e Gretel” e sono nati altri due gemelli!” “Luigi, scappo a casa!” “Perché?” “Mia moglie sta leggendo “La carica dei 101!”” • Una donna confida alla sua amica: “Anch’io ho un marito che è pazzo di me! Peccato che non sia il mio.” • Tra amiche: “Sai qual è la differenza tra un fidanzato e un marito?” “No quale?” “30 chili!”

• Una signora di una certa età torna a casa dopo essere stata dal parrucchiere. Trova il marito seduto in poltrona e gli dice: “Caro, non ti sembra che adesso con i capelli così corti, non sembro più una vecchia?” Il marito la guarda un po’: “Hai ragione, adesso sembri un vecchio.” • Un giorno una donna dice al marito: “Caro, sono passati 15 anni di matrimonio e se potessi tornare indietro nel tempo e fossi di nuovo sola, sai con chi mi sposerei?” “No, con chi?” chiede il marito. “Con te, tesoro!” “Questo è quello che credi tu.” • Ho spiegato a mio nipote cos’è il compromesso: se per le vacanze tua madre vuole andare al mare e tuo padre invece in montagna, il compromesso è che si va al mare, ma il papà può portarsi gli sci. • Dialogo tra anziani coniugi: Marito: “Chi comanda in questa casa?” Moglie: “Io!” Marito: “Era solo una verifica!” • Un notaio alla vedova: “Nel testamento di suo marito c’è scritto: ‘Ti lascio’.” “’Ti lascio’ che cosa?” Domanda la donna con impazienza. E il notaio: “Niente. Dice soltanto ‘Ti lascio’.” • Molte mogli sono contrarie al divorzio perché non vogliono dividere i soldi del marito con l’avvocato.

ANT - BEAR BEE - CAT CHEETAH CRAB CROCODILE DEER - DOG DUCK - EAGLE FINCH - FLY FOX - FROG GIRAFFE JELLYFISH LIZARD MALLARD OWL - PIG SHARK SHEEP WHALE WOLF

CHIAVE (4) - Un’animale.......................................................................................................... Aforismi sull’amore

Soluzioni:

• L’amore è qualcosa di così profondo che mai si potrà definire. Chi ama, mai potrà dire quanto ama, è infinito come l’universo. • Amare è breve, dimenticare è lungo. • C’è tutta una vita in un’ora d’amore.

Giochi e tanto Simply... divertimento: li trovate su Simply... Puzzle! Tutti i mesi in edicola!

Puzzle

100 pagine solo € 1,20


DAL 2 AL 14 MAGGIO 2012

50%

-

Buonbiscotto DESPAR 400 G - AL KG € 3,88

invece di

55 , 1 AL PZ.

50%

-

scontati fino a l

5

% 0

Riso Parboiled DESPAR 1 KG

invece di

€ 2,15

07 1, AL PZ.

50%

-

30%

-

Passata di pomodoro despar 400 G AL KG € 0,85

invece di

Mele Golden Passo Dopo Passo DESPAR

€ 0,69

34 , 0

1a Qualità

AL PZ.

50%

invece di

€ 1,39

94 0, al kg

Detersivo lavastoviglie despar limone 36 tabs x 18 G

invece di

€ 4,50

25 , 2 AL PZ.

I PREZZI DI TUTTI GLI ARTICOLI SONO VALIDI FINO AL 14/05/2012 SALVO ESAURIMENTO SCORTE. I PREZZI POSSONO VARIARE NEL CASO DI EVENTUALI ERRORI TIPOGRAFICI, RIBASSI O MODIFICHE ALLE LEGGI FISCALI. DISEGNI E FOTOGRAFIE HANNO VALORE PURAMENTE ILLUSTRATIVO.

€ 3,14


38 Oroscopo ARIETE 21/03 AL 20/04

DAL

FASCINO CON IL VOSTRO LUI FATE PIÙ LA GUERRA CHE L’AMORE. I MOTIVI SONO FUTILI E DI FRONTE AI VERI PROBLEMI SIETE UNA COPPIA DI FERRO · SALUTE IMPONETEVI DI FARE UNA LUNGA PASSEGGIATA OGNI GIORNO PER CARICARE LA TENSIONE E RITROVARE SERENITÀ E GIOIA DI VIVERE

TORO DAL 21/04 AL 20/05

FASCINO VOLA T E ALTO SULLE ALI DELL’AMBIZIONE. MA SE NON SAPETE CONCILIARE ENTUSIASMO E PRAGMATISMO FARETE LA FINE DI ICARO · S ALUTE LA BELLA STAGIONE IN ARRIVO POTREBBE ACUIRE CERTE VOSTRE INTOLLERANZE E PROCURARVI PROBLEMI ALLA CUTE. FATE DEGLI ESAMI

GEMELLI DAL 21/05 AL 21/06

FASCINO UN MESE RICCO DI SVOLTE PER AFFARI E CARRIERA. IN AMORE POTETE RISCHIARE ANCHE L’IMPOSSIBILE, CUPIDO È CON VOI · S ALUTE SIETE IN FORMA MA L’ARRIVO DEL CALDO POTREBBE FARSI SENTIRE. BERE MOLTA ACQUA E SALI MINERALI, VI AIUTERÀ IN OGNI SITUAZIONE

Oroscopo UN MESE IN CUI GIOCARE A MESCOLARE LE FANTASIE MA MAI I COLORI A CONTRASTO: UN SOLO GIOIELLO MA IMPORTANTE È IL SEGRETO PER LA FELICITÀ

BILANCIA DAL 2 3/09 AL 22/10

FASCINO DITE STOP AGLI ERRORI CHE DANNEGGIANO LA VOSTRA COPPIA. SIETE ANCORA IN TEMPO PER RIMEDIARE E RICOSTRUIRE · S ALUTE LA SEDENTARIETÀ E LE RIPETUTE SOSTE AL RISTORANTE PENALIZZANO NON SOLO LA LINEA: ABBIATE MAGGIOR CURA DELL’ALIMENTAZIONE

SCORPIONE DAL 23/10 AL 22/11

FASCINO IL VOSTRO UMORE ALTALENANTE NON VI FACILITA IN AMORE. PROVATE AD USCIRE DI PIÙ CON GLI AMICI E A CONOSCERE GENTE NUOVA· S ALUTE LA FORMA È AL TOP, VA RINFORZATO L’EQUILIBRIO MENTALE CON ESERCIZI DI MEDITAZIONE E DI YOGA. NON SOTTOVALUTATE IL CONSIGLIO

SAGITTARIO DAL 23/11 AL 21/12

DINAMICI E IPERATTIVI NON VI FERMATE UN ATTIMO E RISCHIATE DI PERDERE DI VISTA CIÒ CHE È PIÙ IMPORTANTE NELLA VOSTRA VITA · S ALUTE TROPPO SPESSO ARRIVATE A SERA ESAUSTI. FATEVI CONSIGLIARE DA ESPERTI DEI FIORI DI BEACH CHE POSSANO AIUTARVI FASCINO

CANCRO

CAPRICORNO DAL 22/12 AL 20/01

DAL 22/06 AL 22/07

FASCINO I CONTRASTI NON MANCANO E, A PEGGIORARE LA SITUAZIONE, CONTRIBUISCONO DEI FICCANASO. RISVEGLIATE L’EROS IN LETARGO! · SALUTE UN SANO REGIME DI DEPURAZIONE È QUEL CHE VI SERVE PER STARE MEGLIO. SIETE ARRIVATI A QUESTO PUNTO DELL’ANNO UN PO’ APPESSANTITI

LEONE DAL 23/07 AL 23/08

FASCINO I

PROGETTI AMBIZIOSI AFFONDANO NELLA BUROCRAZIA E TRASCINANO IL BUON UMORE E L’ENERGIA CHE SERVE ANCHE ALLA COPPIA· S ALUTE ABBIATE CURA DI VOI, ULTIMAMENTE NON SIETE ATTENTI AL VOSTRO BENESSERE E IL FISICO NE RISENTE. FATE UN PO’ DI SPORT

FASCINO ABILISSIMI NELLE TRATTATIVE CENTRATE TUTTI GLI OBIETTIVI MA, CONQUISTATO L’INCONQUISTABILE, URGE UN GESTO DISTENSIVO · S ALUTE QUALCHE MALORE ALL’ORIZZONTE. E’ CONSIGLIABILE FARE UN CONTROLLO DAL DENTISTA E ANCHE DALL’OSTEOPATA

ACQUARIO DAL 21/01 AL 19/02

FASCINO CUORE

E SENSI SI FONDONO MAGICAMENTE E VI REGALANO EMOZIONI MOZZAFIATO. IL DIALOGO CON L’AMATO NON È MAI STATO COSÌ PROFONDO · S ALUTE SE STATE PENSANDO DI ISCRIVERVI IN PALESTRA PREFERITE LA PISCINA E IN PARTICOLARE L’ACQUA-GYM, LE CAREZZE DELL’ACQUA VI FARANNO BENE

VERGINE DAL 24/08 AL 22/09

FASCINO SIETE

CARICHI DI ENERGIE CHE SAPETE GESTIRE AL MEGLIO RITAGLIANDOVI DOLCI SPAZI DI RELAX CON IL PATER CHE RINGRAZIA· S ALUTE SE VI APPASSIONA FATICARE SUI PEDALI, QUESTO È IL PERIODO GIUSTO PER RIMONTARE IN SELLA E RITROVARE LA FORMA PERDUTA

FASCINO VI

PESCI DAL 20/02 AL 20/03

SENTITE BELLI E SEDUCENTI COME NON ACCADEVA DA TEMPO. CALAMITATE GLI SGUARDI E SIETE OGGETTO DI AVANCE AUDACI · S ALUTE E’ TEMPO DI DIETE: SIATE COSTANTI E CONVINTI CHE RAGGIUNGERETE GLI OBIETTIVI CHE VI SIETE POSTI. IL TRAGUARDO SPERATO VI ATTENDE


C O R R E D I w w w. ro s an n aco rr edi.it

E D R R I

20% su u

O

le vostre case ci stanno a cuore

SCONTO

C

Da 22 anni

con questo coupon

na tenda da sole

PAGAMENTI 10 MESI SENZA INTERESSI

Mirabello

Roma,60

Via

H O M E C O L L E C T I O N

ROSSITEX 速 VIGODARZERE (PD) Via Roma, 211 - Tel. e Fax 049 8873515 - info@rosannacorredi.it - www.rosannacorredi.it


La Piazza di Padova ovest - 2012apr n56  

La Piazza di Padova ovest - 2012apr n56

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you