Page 1

del Miranese nord

www.lapiazzaweb.it

Periodico d’informazione locale. Anno XIX n.73

NOALE -VEIde ale per fa

APERTO TUTTI I GIORNI 9.30 -19.00 Via De Pol 5 - Tel 041.5800907

www.aquaestate.it

e i l g mi

e

ragazzi

â‚Ź 2,00 Buono Sconto MN2012

Sul biglietto giornaliero. Valido tutti i giorni esclusi Festivi e Settimana di Ferragosto dal 12 al 19 agosto. Non cumulabile con altre riduzioni.


La Piazza Venezia sovracoperta_Layout 1 12/05/12 09:09 Pagina 2

PISCINe e giochi d’acqua 11 PISCINA ELDORADO:

22

1000 mq di acqua per giocare e rinfrescarsi

11

22 SCIVOLI MULTISLIDES: morbide curve per divertirsi e gareggiare in velocità.

33

66

33 CASTELLO

MAGICO:

44

scivoli, cascate, getti d’acqua, percorsi e spruzzi improvvisi.

44 PISCINA IDROSCIVOLI:

ideale per giocare tra una discesa e l'altra.

55 2 TOBOGA per farsi cullare dalla veloce

77

sequenza di curve tra mille spruzzi d'acqua.

66 SCIVOLO KAMIKAZE: una discesa in picchiata per chi ama la velocità.

11 11

12 12

77 MINI TOBOGA:

lo scivolo dedicato ai più piccoli

LAGUNA BABY:

con le sue fontane, i giochi d'acqua e l'idrofungo è adatta per i giochi dei bambini.

88 3 PISCINE INTERNE RISCALDATE: le acque più calde dove nuotare (obbligo di cuffia - l'accesso avviene compatibilmente agli orari di scuola nuoto)

Benvenuti ad


del Miranese nord

STUDIO DENTISTICO

Dental Med Per appuntamento CHIAMA

041 5170295 Via Provinciale Sud, 63/D (1° piano) Fossò - Venezia

www.lapiazzaweb.it

Periodico d’informazione locale. Anno XIX n.73

Noale Troppe fumatrici tra le residenti pag.

Scorzè Bilancio, sindaco contestato dall’opposizione

Martellago Pronto all’apertura il casello sul Passante

10

pag.

12

pag.

14

EDITORIALE

Veneto Sviluppo fra poltrone & idee

LO NAZ/19/2010/CT

01 04 2010

SALZANO, FESTIVAL DEL ROCK AL VIA

di Nicola Stievano

I Una festa tutta rock per Salzano. Da venerdì 20 a domenica 22 luglio si terrà il “Salzano Rock Show”, terza edizione della manifestazione locale organizzata dall’Associazione Tosi De Salsan voluta da Alessio Mazzocco, ex presidente e fondatore dell’Associazione che, da un paio d’anni, promuove attività per i giovani. pag. 16

NUOVO ROMANZO DI CLARA CAVERZAN

Clara Caverzan è ancora in libreria. Stavolta con “Goodbye habibi” (edizioni Anordest), che racconta il turismo sessuale al femminile. Nel 2008, del suo romanzo erotico “Desideria”, se ne parlò in tutta Italia. All’epoca Caverzan stava vivendo gli ultimi scampoli da sindaco del comune di Scorzè, .... pag. 18

Rifiuti, la differenziata vola oltre il 50% Noale a quota 55,40% come Spinea. Martellago mette i cassonetti a calotta

I

n deciso aumento i numeri 2011 della raccolta differenziata nel Miranese. Ora tutti i sette comuni hanno superato la soglia del 50 per cento, con territori che viaggiano meglio rispetto ad altri. Ma in generale, tutti sono avviati sulla buona strada. I cambi sul conferimento dei rifiuti attuati da alcuni sindaci, soprattutto con i cassonetti a calotta, hanno portato lo scorso anno, secondo i dati sul sito di Veritas, a un aumento delle percentuali che fa ben sperare per il futuro. Non dimentichiamoci che legge dell’Unione

Europea fissa per 2012 il raggiungimento del 65 per cento e molti si sono rimboccati le maniche per raggiungere il traguardo. Regina del riciclaggio si conferma ancora una volta Salzano, con il 71 per cento. Va detto che qui da tanti anni si applica il sistema del “porta a porta”. Si usano bidoni personali per i vari tipi di spazzatura, con raccolta a domicilio dell’umido, del secco, della carta-cartone, del multimateriale e del verde-ramaglie. Va bene pure Martellago, che ad aprile 2011 a Maerne ha messo i primi cassonetti a calotta

con apertura con tessera nominale, per poi allargarli, un anno dopo, anche nel capoluogo e Olmo. Così a dicembre scorso, la percentuale raggiunta è stata del 63,2 per cento. In generale, comunque, tutti i sette Comuni del comprensorio differenziano sopra il 50 per cento: un passo avanti rispetto a dodici mesi prima, quando erano cinque. Infatti si sono allineati anche Mirano e Santa Maria di Sala. Nel 2010, il primo aveva 47,33 per cento, il secondo 46,81 per cento. pagg. 4-5

n politica vale di più una poltrona o un’idea concreta? Domanda retorica, purtroppo per noi. Più che chiedersi chi nominare nel consiglio d’amministrazione di Veneto Sviluppo, che “bandierina” piantare su ogni singola poltrona, i partiti veneti, con le relative “correnti”, dovrebbero interrogarsi su cosa vogliono fare della finanziaria regionale. Una struttura complessa e costosa, creata quasi quarant’anni fa, che dall’uomo della strada è vista come uno dei tanti carrozzoni lasciati in piedi per sistemare i politici trombati o gli amici dei potenti di turno. In realtà Veneto Sviluppo è qualcosa di più di una scatola vuota, o almeno lo dovrebbe essere. Il problema è che si trova sempre invischiata nelle pastoie burocratiche e nelle lungaggini amministrative che non hanno lo stesso passo di una crisi che morde il tessuto imprenditoriale e, purtroppo, lascia dietro di sé una sinistra sequenza di suicidi. Per non parlare delle vere e proprie faide politiche che negli ultimi lustri si sono consumate dietro le quinte e che hanno contribuito a rallentare se non a bloccare l’attività della finanziaria. continua a pag. 3

L’Intervento

Non si possono abolire funzioni e servizi senza un confronto democratico di Francesca Zaccariotto*

Costruzione, restauro e manutenzione di immobili residenziali, commerciali ed industriali. Urbanizzazioni.

L

a presidente della Provincia di Venezia Francesca Zaccariotto ha inviato lo scorso 26 giugno al governatore del Veneto Luca Zaia una lettera di protesta circa alcune decisioni deliberate dalla Giunta regionale sulle funzioni delle Province. *Presidente della Provincia di Venezia

continua a pag.

10

ENTRA IN RETE CON NOI! Troverai il nostro giornale prima che venga distribuito con nuove news che riguardano il tuo territorio


EDITORIALE

segue da pag.

Veneto Sviluppo fra poltrone & idee

A Noale

CROCE ROSSA E CARITAS ALL’EX OSPEDALE

Il piano terra del padiglione Ferrante dell’ospedale di Noale ha cominciato a riempirsi nelle scorse settimane con associazioni del territorio. Si sono sistemate infatti Croce Rossa Italiana, Associazione pensionati, e Caritas parrocchiale. Il provvedimento è frutto della vendita di Palazzo Picchini di piazza XX Settembre, avvenuta lo scorso anno. L’Apn avrà una porzione vicino agli uffici Cultura e Pubblica istruzione, Servizi sociali, Sport e Casa di riposo Lutto a Robegano

1

Le associazioni imprenditoriali di categoria, fra i principali interlocutori, non nascondono le difficoltà di un rapporto piuttosto sterile. “Alle nostre imprese Veneto Sviluppo non serve a nulla - sibilano nei corridoi i rappresentanti di industriali, commercianti, artigiani, agricoltori - è più semplice ottenere i finanziamenti direttamente dalle banche, si perde meno tempo e si consuma meno carta. La finanziaria è impantanata nella politica, non tiene certo fede alla missione espressa nel suo nome”. I tecnici osservano però che la finanziaria non può concedere contributi a fondo perduto, come tanti si aspettano, ma si fa carico di assistere e accompagnare le imprese nel non facile percorso di accesso al credito, con strumenti che vanno dai fondi di rotazione alle garanzie sul debito fino alla partecipazione diretta nelle società da “salvare”. Un lavoro che si traduce in un impegno economico di decine e decine di milioni di euro, in cui Veneto Sviluppo si assume parte dei rischi d’impresa. “Non siamo il bancomat delle aziende, men che meno un reparto di rianimazione per le imprese praticamente fallite”, puntualizza sui giornali il presidente uscente Marco Vanoni. Vero. Però c’è la sensazione che in tempi di crisi Veneto Sviluppo dovrebbe fare di più, dovrebbe essere un partner autorevole ma efficiente. Questo impulso, però, lo deve dare la politica. Occupare le poltrone non basta, servono idee coraggiose.

APPROVATO IL PAT IN PROVINCIA

E’ stato approvata dalla giunta provinciale nelle scorse settimane la presa d’atto del termine della fase di concertazione del Pat del comune di Salzano, importante punto all’ordine del giorno in tema di pianificazione territoriale e urbanistica. Per il vicepresidente della Provincia Venezia e assessore all’Urbanistica Mario Dalla Tor, è un passo importante verso l’organizzazione del futuro del comune. Felicitazioni

IL NOSTRO DIRETTORE SI È SPOSATO

Felicitazioni al nostro direttore Mauro Gambin che lo scorso 23 giugno è convolato a nozze con la bella Eloisa. Da tutta la redazione de “La Piazza” auguri agli sposi di un futuro felice insieme.

INIZIATIVE ESTIVE

Nicola Stievano Parte questa estate la prima edizione dei centri estivi “E-state al Villaggio”, organizzati nel “Villaggio Solidale” dalla Fondazione Guido Gini Onlus per bambini di 1°-2°-3° elementare. Gli ampi spazi al chiuso e il bosco secolare del Villaggio Solidale, saranno il teatro di giochi all’aria aperta. “E-state al Villaggio” si svolgerà dal lunedì al venerdì dalle 7,30 alle 17,30 fino a venerdì 27 luglio. Info tel 0415728372. Martellago

E’ MORTO IL PESCIVENDOLO

E’ morto, Luca Campagnaro, pescivendolo di Robegano. Aveva 47 anni. Luca aveva fatto questo mestiere da subito, iniziando seguendo le orme del nonno e poi del papà. Ora lo hanno seguito la moglie, il figlio e il cognato. Campagnaro andava al Tronchetto a Venezia a comprare il pesce, per poi rivenderlo tra Camposampiero, Noale, Conegliano e Zero Branco. A Salzano

A Mirano

DISAGI PER LAVORI IN CENTRO

Miranese APPROFONDIMENTO

VACANZE

Nubifragi, Miranese e Riviera in ginocchio pag. 6

NOALE

Viabilità invariata fino al 2013

Regione REGIONE

Sanità a misura di turista nelle spiagge di Chioggia pag. 20

Avviata la riorganizazzione di Veneto Agricoltura

pag.

pag.

TRASFERITI ANIMALI SELVATICI

CULTURA

A Ca’ Rezzonico e al museo Guggehneim, arte d’estate

CALCIO La Miranese è stata retrocessa

Provincia

Disagi per la circolazione a Martellago. Fino a venerdì 10 agosto, rimarrà chiuso un pezzo di via Roma per permettere il rifacimento di un ponte vicino all’inizio della variante di Robegano. Un intervento previsto e che si spera di chiudere un po’ in anticipo rispetto ai tempi previsti. La Provincia, che gestisce la strada, ha inviato l’ordinanza al Comune, che l’ha recepita pubblicandola. Scorzè

pag.

8

28

CULTURA

19

pag.

25

Intervista a Ketra, al secolo Elena Pizzato pag. 30

2 cinghiali, un daino e 2 cigni verranno trasferiti nei monti veronesi della Lessinia. Si concluderà così l’operazione dalla Polizia Provinciale relativa al dissequestro di animali selvatici in un’ex agriturismo di Peseggia di Scorzè. Gli animali sono considerati “alloctoni”, non adatti per il territorio della provincia di Venezia.

È un periodico formato da 14 edizioni locali mensilmente recapitato a oltre 250.000 famiglie del Veneto.

è un marchio registrato di proprietà della PROMOMEDIACOMMUNICATIONS Srl Edito da GIVE EMOTIONS Srl

DIREZIONE - AMMINISTRAZIONE E

CONCESSIONARIA

DI

PUBBLICITÀ LOCALE

Padova, via Svezia 9 Tel. 049 8704884 - Fax 049 6988054 numero verde 800 465040 promomedia@lapiazzaweb.it Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

Questa edizione raggiunge le zone di Martellago, Noale, Salzano, Scorzè per un numero complessivo di 16.429 copie. Iscrizione testata al Tribunale di Venezia n. 1142 del 12.04.1994; numero iscrizione ROC 15752

Venezia Padova Rovigo Treviso

REDAZIONE: Direttore responsabile

MAURO GAMBIN direttore@lapiazzaweb.it ORNELLA JOVANE o.jovane@lapiazzaweb.it Chiuso in redazione il 28 giugno CENTRO STAMPA: ROTOPRESS INTERNATIONAL LORETO, VIA BRECCIA (AN)

Clicca su Scarica giornali, scegli l’edizione che ti interessa e sfogliala con

La Piazza la leggi anche sul web aggiornata con le ultime news!

www.lapiazzaweb.it


4 Argomento del mese ECOLOGIA Regina del riciclaggio ancora una volta Salzano, con il 71%. Qui da anni si applica il sistema del “porta a porta”. Si usano bidoni personali per i vari tipi di spazzatura, con raccolta a domicilio dell’umido, del secco, della carta-cartone, del multimateriale e del verde-ramaglie. Va bene pure Martellago che, ad aprile 2011 a Maerne, ha messo i cassonetti a calotta

Differenzata, tutti i c

di Alessandro Ragazzo

Cassonetti a calotta anche a Scaltenigo, Ballò, Vetrego e Campocroce

Noale ha raggiunto quota 55,40 per cento come il comune di Spinea

I

n deciso aumento i numeri 2011 della raccolta differenziata nel Miranese. Ora tutti i sette comuni hanno superato la soglia del 50 per cento, con territori che viaggiano meglio rispetto ad altri. Ma in generale, tutti sono avviati sulla buona strada. I cambi sul conferimento dei rifiuti attuati da alcuni sindaci, soprattutto con i cassonetti a calotta, hanno portato lo scorso anno, secondo i dati sul sito di Veritas, a un aumento delle percentuali che fa ben sperare per il futuro. Non dimentichiamoci, che legge dell’Unione Europea fissa per 2012 il raggiungimento del 65 per cento e molti si sono rimboccati le maniche per raggiungere il traguardo. Regina del riciclaggio si conferma ancora una volta Salzano, con il 71 per cento. Va detto che qui da tanti anni, si applica il sistema del “porta a porta”. Si usano bidoni personali per i vari tipi di spazzatura, con raccolta a domicilio dell’umido, del secco, della carta-cartone, del multimateriale e del verderamaglie. Va bene pure Martellago, che ad aprile 2011, a Maerne, ha messo i primi cassonetti a calotta con apertura con tessera nominale, per poi allargarli, un anno dopo, anche a Martellago e Olmo. Così a dicembre scorso, la percentuale

raggiunta è stata del 63,2 per cento. In generale, comunque, tutti i sette Comuni del comprensorio differenziano sopra il 50 per cento: un passo avanti rispetto a dodici mesi prima, quando erano cinque. Infatti si sono allineati anche Mirano e Santa Maria di Sala. Nel 2010, il primo aveva 47,33 per cento, il secondo 46,81 per cento. Ora le cose sono migliorate; Mirano ha scelto di passare ai cassonetti a calotta ancora lo scorso anno nelle frazioni di Scaltenigo, Ballò, Vetrego e Campocroce sud. Questo ha permesso di arrivare al 52 per cento, facendo un bel balzo in avanti e dimostrando la crescita di questi anni: nel 2008, aveva il 41,53 per cento. Per evitare i portoghesi dei rifiuti, Mirano è pronta a installare due telecamere, di cui una troverà posto nell’isola ecologica di via Luneo. Ha cambiato marcia pure Santa Maria di Sala. Nel Miranese è stato il primo a introdurre il sistema di contenitori a calotta e, di seguito, a coprire l’intero territorio. Nel 2011, già con la copertura parziale, si era arrivati a 54,9 per cento ma i primi mesi del 2012, hanno già fatto segnare un significativo miglioramento, arrivando a punte anche vicine al 70 per cento. Bene pure gli altri Comuni. Spinea e Scorzè

sono già passati al sistema con chiave o tessera personale e hanno raggiunto, rispettivamente, il 55,4 per cento e il 54,5 per cento, con numeri in sensibile crescita rispetto agli anni precedenti. Anche Noale sta lavorando per avere l’intero territorio con questo metodo, ma intanto ha raggiunto quota 55,40 per cento. Solo nella zona industriale c’è il “porta a porta”, attivo dal primo gennaio 2011. A livello di provincia, invece, svariati comuni hanno raggiunto e superato quota 70 e 60 per cento, mentre parecchi hanno varcato la soglia del 50 per cento. Unica nota stonata il comune di Venezia, a partire dal centro storico, dalla terraferma e Lido. Sopra il 70 per cento troviamo, in ordine di maggiori risultati, Pianiga, San Donà, Quarto d’Altino, Salzano appunto, ma anche Fossò, Marcon e Stra. In generale, comunque, tutti stanno differenziando con ottimi risultati. Così nel 2011 hanno superato il 60 per cento Martellago, Campagna Lupia, Campolongo Maggiore, Camponogara, Cavallino-Treporti, Cavarzere, Fiesso d’Artico. Sopra il 50 per cento, invece, si sono assestati Mirano, Spinea, Scorzè, Santa Maria di Sala, Noale, Mira, Vigonovo, Chioggia, Dolo e Meolo.

A MAGGIO IMPENNATA DEI DATI

Martellago ha raggiunto il 78,8 %

C

he il cambio di conferimento della spazzatura abbia favorito dati migliori, lo dimostrano i numeri Martellago. Il Comune ha avuto una bella impennata, tanto che a maggio è stata registrata la miglior percentuale di differenziata, raggiungendo il 78,8 per cento di materiali raccolti e poi avviati al recupero o al riciclo. Da aprile, ormai, in tutto il territorio è attivo il sistema delle calotte: su ogni cassonetto, infatti, è stato sistemato un dispositivo che si apre solo con una chiave personale, consegnata a ciascun utente. A maggio 2011, con le calotte che coprivano solo la frazione di Maerne, la percentuale di differenziata era del 65,4 per cento, mentre nel 2010, con il sistema tradizionale, era del 56,9 per cento. Oltre a far crescere questo dato, si è contribuito anche a far diminuire la quantità totale di rifiuti e a migliorare la vivibilità del territorio. Per chi abita fuori comune ed era abituato ad abbandonare i suoi rifiuti a Martellago, ora non può più farlo A.R.

SOTTO L’ALTO PATRONATO DEL P

Garantisci il s


Argomento del mese 5 Area Sud

comuni oltre il 50% La curiosità L’iniziativa dell’associazione “La Semicrona”

Musica dai rifiuti di Filippo de Gaspari

R

iciclo sì, ma dai rifiuti può uscire anche musica. Lo sanno bene quelli di Ubi Jazz, che insieme al circolo culturale 1554, all’associazione musicale “La Semicroma” e ad Achab Group hanno promosso durante l’anno scolastico appena concluso, il progetto “Musica dai rifiuti”. L’iniziativa ha riguardato sei comuni dell’entroterra veneziano attraverso un percorso formativo di quattro mesi ed è servito a insegnare a oltre 500 bambini di scuole primarie e dell’infanzia (tra i 5 e i 10 anni di età) a riciclare e riusare i rifiuti per trasformarli in originali strumenti musicali. Poi, ovviamente, imparare a suonarli. L’iniziativa ha avuto lo scopo di sensibilizzare i ragazzi nei confronti di temi legati all’ecologia, in particolare del riutilizzo dei rifiuti, avvicinandoli contemporaneamente ai concetti di ritmo, suono e melodia, senza tralasciare l’aspetto ludico. Il percorso ha previsto una lezione introduttiva di educazione ambientale a cura di esperti del settore della comunicazione ambientale di Achab Group, seguita da laboratori didattici in classe, condotti dai docenti di musica di “La Semicroma”, per capire come costruire gli strumenti da materiale di scarto, per poi imparare a suonarli. Così scatole di cartone sono diventate tamburi e bongos, coperchi di metallo dei gong, bottigliette di pet e pvc, si sono rivelate in realtà ottime maracas e poi le scatole di latta, quelle dei biscotti, riempite di sassolini o bulloncini di metallo, si sono trasformate in rullanti. Lo scorso 9 giugno, ultimo giorno di scuola, il progetto è terminato con un grande concerto in villa Farsetti a Santa Maria di Sala a cui hanno partecipato tutti i bambini e gli insegnanti coinvolti nell’iniziativa, dando vita a una festa totalmente sostenibile, dove il bambino, l’ambiente e la cultura sono stati i veri protagonisti.

800 943 333

O DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

con il patrocinio di:

il suo diritto all’assistenza, difendi la qualità del suo futuro.

800 943 333

www.parentproject.it

Per sostenerci: ccp 94255007 - IBAN: IT 38 V 08327 03219 000000005775

Dati Veritas

S. M. di Sala, obbiettivi centrati N

ella gara dell’ecologia a tagliare il traguardo per prima è Santa Maria di Sala. Il comune che per primo ha introdotto i cassonetti a calotta, quelli utilizzabili solo dai residenti con la chiave, è anche il primo a centrare l’obiettivo imposto dall’Unione Europea di raggiungere il 65% di differenziata entro il 2012. Santa Maria di Sala non solo taglia il traguardo con 9 mesi d’anticipo, ma addirittura lo supera e si assesta già ad aprile al 70% di riciclabile sul totale di rifiuti prodotti. Un risultato sorprendente, che indica la strada giusta anche agli altri comuni che ancora non si sono avvicinati alla quota imposta dall’Ue. Spinea ad esempio, che l’anno scorso ha introdotto il sistema a calotta e che ora, vedendo i passi da gigante fatti dal Salese, ha dato un’accelerata alla sperimentazione, implementando la copertura sul territorio e introducendo a maggio nuove vie e quartieri per diventare il prossimo comune riciclone. Santa Maria di Sala invece si gode il risultato e lo fa da una posizione di sicurezza che rende difficile un ritorno al passato. Il comune ha raggiunto il prestigioso traguardo a marzo, giusto un mese dopo il completamento Prima dell’avvio della copertura totale del territorio, con della sperimentazione, l’arrivo dei cassonetti a chiave anche la differenziata, negli ultimi quartieri di Veternigo, Calta- non raggiungeva na, Caselle e del capoluogo. Nel primo neppure il 40% mese a totale copertura quindi la quota di differenziata è schizzata in alto, riducendosi quella di secco non riciclabile. Lo scorso anno, a copertura ancora parziale, erano state raccolte 8.587 tonnellate di rifiuti contro le 9.705 del 2009 e la quota di differenziata aveva superato il 55%. Nel 2007, prima dell’avvio della sperimentazione, la differenziata non raggiungeva neppure il 40%. Col raggiungimento del 65% ora a beneficiarne saranno soprattutto i salesi: diminuiranno infatti anche le spese di smaltimento dei rifiuti e questo porterà, oltre che un vantaggio in termini ambientali, anche un risparmio nelle tasche dei cittadini. Almeno si spera. “Il sistema funziona e ora a dimostrarlo ci sono i dati del primo Comune che lo adotta per intero”, spiega il dirigente della divisione ambiente e servizi pubblici locali di Veritas, Renzo Favaretto, “adesso l’obiettivo è raggiungere gli stessi risultati con i prossimi Comuni che stanno allargando la sperimentazione, primi fra tutti Martellago e Spinea”. Chi non riesce ad andarne fuori invece è Mirano, che ha avviato il nuovo sistema di raccolta un anno fa, ma solo in alcuni quartieri a sud. A nord restano vere e proprie zone franche, come a Luneo, dove i salzanesi continuano a scaricare le loro immondizie. Il Comune è così corso ai ripari installando nelle scorse settimane una delle due telecamere mobili in uso alla polizia locale è subito sono fioccate le multe, dimostrando che il fenomeno dei portoghesi è ancora molto esteso. Di questo passo Mirano faticherà a raggiungere la quota limite imposta dall’Europa. Già nei prossimi mesi dunque assieme alle telecamere dovrebbe partire l’implementazione dei contenitori a calotta, con nuovi quartieri coinvolti. F.D.G.


6 Approfondimento Rischio idraulico Allagati paesi e scoperchiati capannoni e palestre

Nubifragi, Miranese e Riviera in ginocchio Le aree colpite: Olmo di Martellago, Santa Maria di Sala, Salzano, Scorzè. In Riviera: Mira, Dolo e Fiesso di Alessandro Abbadir

P

iove, grandina, si alza un forte vento e mezza Riviera e Miranese vanno sott’acqua, subendo danni da milioni di euro. E’ successo a metà giugno e verso le fine del mese. Partiamo dalla Riviera investita massicciamente dal primo evento con danni e disagi per centinaia di famiglie a Mira, Dolo e Fiesso. Il paese più colpito è stato Mira e soprattutto la frazione di Mira Taglio. Sono finite sott’acqua intere strade e garage e seminterrati di tanti condomini. Sono state attivate diverse squadre della protezione civile con la pioggia caduta in modo eccezionale, con una fortissima grandinata (danni a colture e auto in sosta). A Mira la pioggia si è concentrata nelle zone dell’ex “quartiere Lissandrin” cioè quello forse più densamente abitato del comune. Il Comune, ha attivato la protezione civile uscita con una trentina di volontari. Hanno avuto disagi e danni oltre 300 famiglie. Molte persone hanno perso elettrodomesti-

ci, mezzi, oggetti di valore. Nello specifico sono state investite: via Cesare Pavese, via Toti e le strade laterali, via Fratelli Bandiera, via Alfieri, via Gramsci, via Verga. A Oriago la zona di via Lago di Misurina e le laterali. Sono andate sott’acqua anche via Valmarana a Mira Porte e i sottopassi sulla Miranese fra Marano e Mira e quello fra Borbiago e Oriago in via Valdarno. Secondo tanti residenti inviperiti si tratta ancora una volta delle stesse zone andate sott’acqua nel 2007. Zone che ora dovrebbero essere state sicure grazie ai tanti interventi, anche da milioni di euro, finanziati e coordinati con il commissario straordinario Mariano Carraro. La zona più colpita a Dolo è stata quella a nord est cioè via San Pio X, via Saffi, Piazzale Collodi via Tintoretto. Le famiglie coinvolte in allagamenti e disagi sono state una ottantina. Allagamenti anche a Fiesso nell’area di via Milano e via Botte, mentre ci sono state poche segnalazioni a

Fossò e Stra. Una decina di casi di allagamento a Pianiga nella frazione di Cazzago. Risparmiata dal maltempo l’area sud della Riviera: Campolongo Maggiore, Campagna Lupia e Camponogara. Nel miranese grandine e acqua per oltre un’ora e mezza ha messo in crisi la rete idrica minore, con fossati esondati in aperta campagna tra Mirano e S. Maria di Sala, come in via Bollati a Zianigo e nella zona di Campocroce. Interventi dei pompieri in via Pertini, nella zona degli impianti sportivi e in via Matteotti a Mirano, dove diverse sono state le richieste d’intervento per l’allagamento della strada e di alcuni scantinati e anche alla scuola materna Collodi in via Battisti, a causa di infiltrazioni d’acqua. Allagamenti di strade e piste ciclabili anche a Salzano, Scorzè e Martellago, con disagi segnalati in particolare su via Chiesa, via Dosa, via Selvanese, via Sauro e via Baracca oltre che nella zona industriale di Olmo. Strade sott’acqua anche

Le Migliori Proposte Immobiliari N

OALE ENTRA SUBITO nella casa dei tuoi sogni

e RINVIA IL MUTUO FINO A 3 ANNI! Con il “Rent to Buy” acquistare casa è molto più semplice!

Chiedici informazioni!!!! Scopri il “Rent to Buy”

il metodo più moderno per acquistare casa... In questa Agenzia trovi tutte le informazioni ed un Consulente esperto sul “Rent to Buy”.

I PORTICI Noale (VE) Piazza Castello, 43/A - Tel. 041 5826091 info@agenziaimmobiliareiportici.it - www.agenziaimmobiliareiportici.it

nel Salese. Ma il Miranese purtroppo dopo il 13 giugno ha avuto il bis, il 24 giugno. Un nubifragio con fortissimo vento ha colpito il comprensorio nella zona di Mestre. Ha provocato danni alle strutture delle aziende ad esempio a Olmo di Martellago, dove è stato scoperchiato un capannone. Per ripararlo ci vorranno decine di migliaia di euro. Dai 130 ai 150 mila euro è invece il conto per il rifacimento del tetto della palestra di

Sant’Angelo di Santa Maria di Sala. Qui ci si è già da fare e si conta di rendere agibile la palestra entro venti giorni. Tra i comuni più colpiti c’è stato anche Salzano. Il municipio si è allagato, ma gli interventi immediati hanno permesso di renderlo agibile in poche ore, permettendo a una coppia di sposi di convolare a nozze senza problemi. Problemi, nel parco di Villa Jacur, dove diversi alberi sono caduti.

AGRICOLTURA DANNI PER MILIONI DI EURO

L

a grandinate e i nubrifragi che si sono abbattuti a giugno in Riviera e Miranese hanno messo in ginocchio l’agricoltura. L’allarme è stato lanciato da Cia e Coldiretti. Partiamo dalla Cia e con l’evento del 13 giugno. “Le zone più colpite - spiega presidente Venezia, Paolo Quaggio presidente Cia - dal primo evento sono quelle di Dolo, Pianiga e Vetrego di Mirano, con epicentro a Cazzago di Pianiga. Valutiamo una perdita media del 60-70% delle produzioni vegetali. In particolare il frumento, allo stato di maturazione cerosa avanzata, ha subito perdite superiori al 70%. Per il mais si stimano perdite del 50% ma anche superiori laddove è stato piegato dai forti venti. La soia, le cui semine sono state concluse da poche settimane, dovrà in alcune aree essere riseminata”. Quaggio aggiunge che fenomeni di questo genere “sono sempre più frequenti e più estremi, a causa dei cambiamenti climatici. Purtroppo è l’agricoltura a farne le spese per prima. Paradossalmente, è proprio l’agricoltura, nelle politiche UE, ad essere chiamata in prima fila nella lotta ai cambiamenti climatici”. Stessa analisi con sfumature diverse la fanno Paolo Capuzzo e Fabio Livieri referenti di area di Coldiretti in Riviera e Miranese. La Coldiretti fa anche una stima economica dei danni: a causa dei nubifragi e della grandine tre milioni di euro sono stati perduti in coltivazioni e non saranno rimborsabili come calamità naturale. È stata colpita duramente la zona di Dolo, Mira, Fiesso D’Artico, Fossò e nel miranese ad esempio Cappella di Scorzè, l’area di

Martellago e alcune frazioni di Mirano come Vetrego e Campocroce. Le colture più colpite? Con mais e granoturco che hanno avuto danni per il 70% dei raccolti, sono state quasi letteralmente cancellate le produzioni di tabacco che si concentrano a Fiesso D’Artico Pianiga e Mirano. Queste produzioni specifiche hanno avuto danni per l’85% e andrà male anche per i vitigni che erano in fase di fioritura e sviluppo e che sono stati semidistrutti dalle grandinate. Poi c’è stato il bis. A fare danni con le grandinate però il 24 giugno è stato soprattutto il forte vento. Per l’ agricoltura per questo secondo episodio di maltempo si stimano danni che arrivano nei 7 comuni del comprensorio del Miranese a 200 mila euro. A.A.


cad. cad.

cad.


8 Noale Amministrazione Il comandante dei vigili ha firmato l’atto

Viabilità invariata fino al 2013 I dissuasori di transito tra piazza Castello e via Rossi saranno abbassati dalle 7.30 alle 19.30

di Alessandro Ragazzo

E’

stata prorogata fino al 31 gennaio 2013, la viabilità del centro storico di Noale. Il comandante della Polizia locale Michela Bovo ha firmato l’ordinanza di proroga in scadenza, il 31 maggio. Con una differenza rispetto al passato, però: a gestire l’apertura e la chiusura sarà solo l’Associazione pensionati di Noale (Apn) senza la Confcommercio, come era successo finora. In questi mesi, l’associazione di categoria aveva versato 350 euro mensili alla stessa Anp, come stabilito dagli accordi sottoscritti a fine otto-

Proteste

bre scorso. La nuova convenzione, firmata il 24 maggio tra Comune e Anp, prevede che siano i pensionati a rimuovere e a mettere le barriere per consentire o impedire il traffico d’accesso su piazza Castello. Dunque la Confcommercio si chiama fuori dalla partita. Rimane confermato il via libera alla circolazione dalle 7.30 alle 19.30 nei giorni feriali per poi chiudere durante la notte, mentre è interdetto nei giorni festivi per tutte le ventiquattr’ore. Inoltre i veicoli non possono transitare in contrada della Sorgata e in quella Ramo del Gato, ad ecce-

zione dei residenti e degli autorizzati. Nella zona di piazza Castello, sugli Spalti Nord, resta il doppio senso di marcia dalla torre delle Campane fino alla Contrada del Gato e dei dossi per rallentare i veicoli. Durante la chiusura, per accedervi, per chi arriva da via San Dono, deve continuare a percorrere gli Spalti e poi accedere per contrada della Dirondella. Resta confermata anche l’uscita dalla piazza, attraverso la stradina davanti a palazzo della Loggia. I dissuasori di transito installati tra piazza Castello e via G.B. Rossi, all’incrocio con viale Spalti Nord, restano

L’ADICO DIFENDE I RESIDENTI

L

’Associazione difesa dei consumatori (Adico) in aiuto dei residenti di via Cerva. A marzo, gli abitanti della zona avevano raccolto, e poi protocollato, 242 firme per chiedere alla giunta d’intervenire. Imputavano che nella via, complice la nuova viabilità del centro, vi sia stato un aumento della

Via Tempesta, 14 30033 - NOALE (VE) Tel. (041) 5801918 Fax (041) 5800440 www.todo-casa.it noale@todo-bar.it

NOALE AFFITTASI porzione di capannone del 2002, circa 430 mq. distribuito al p. terra con 3 bagni, spogliatoio, altezza 5,00 mt., ampio portone, scoperto esclusivo su 3 lati… € 1.500 + iva mensili! Rif. CA20

NOALE centro storico AFFITTASI negozio con ampia superficie vetrata, open space con bagno + soppalco a vista completamente travato per ulteriore spazio usufruibile, ideale anche per uso ufficio… € 750,00 + iva mensili!; Rif. N00/C

NOALE fraz. Moniego IDEALE PER INVESTIMENTO vendesi mini appartamento arredato del 2000, p. 1°, sogg./ang. cottura, disimpegno, camera matrimoniale, bagno finestrato, poggiolo, posto auto di proprietà e garage al piano terra. (c.e. D, ipe 94,00 kWh/m²a) € 90.000 Rif. A08

NOALE

NOALE

NOALE periferia

Vendesi porzione di bifamigliare di circa 230 mq. disposta su piani sfalsati, giardino su 3 lati, ampio porticato, soggiorno, cucina ab. 2 camere matrimoniali, camera singola, doppi servizi, poggiolo, studio, lavanderia/ c.t., taverna molto grande, cantina/ dispensa e garage. (c.e. F, ipe 221,40 kWh/m²a); Rif. P02/B

abbassati nei feriali dalle 7.30 alle 19.30 e il giovedì, giorno di mercato, dalle 6 alle 19.30. Saranno alzati, invece, nei festivi da mezzanotte a mezzanotte e nei feriali dalle 19.30 alle 7.30, eccetto il giovedì fino alle 6. Nel tratto compreso tra l’incrocio con via degli Spalti Nord fino al varco della torre delle Campane, è prevista la costruzione di un dosso artificiale alto tre centimetri che

circolazione di mezzi, specie pesanti, con ricadute sulla salute e l’incolumità delle persone. Inoltre segnalano come i limiti di velocità, in alcuni punti anche di 40 all’ora, non sono rispettati. Così si sono rivolti all’Adico. “Intimiamo l’amministrazione – si legge – di adottare ogni opportuno provvedimento per porre rimedio alla situazione di via Cerva a Noale, ritenendo, in caso contrario, la stessa amministrazione direttamente responsabile per ogni pregiudizio conseguentemente cagionato agli utenti e

INTERMEDIAZIONI IMMOBILIARI

IDEALE PER STUDIO PROFESSIONISTA… fronte strada di forte passaggio, AFFITTASI ufficio di circa 100 mq., piano terra e 1°, ing. indipendente con scoperto privato, 4 stanze, doppi servizi, archivio e poggiolo… € 750 mensili. Rif. U01

Il centro di Noale

Immersa nel verde su lotto di circa 1.000 mq. vendesi abitazione singola disposta su un unico piano, circa 110 mq. calp., portico, ingresso, soggiorno, cucina molto grande, disimpegno con armadio a muro uso ripostiglio, 2 camere matrimoniali, ampio bagno finestrato, garage con lavanderia… (c.e. F, ipe 221,40 kWh/m²a). € 200.000; Rif. S02

funga da rallentatore. All’ufficio Tecnico, poi, il compito di predisporre la segnaletica stradale verticale. Dunque, fino a inizio del prossimo anno, tutto resterà invariato, dopo le polemiche che si erano avute nei mesi scorsi tra Confcommercio e stesso Comune. I residenti insomma in qualche modo si sono fatti rispettare, facendo capire di non gradire cambiamenti senza essere interpellati.

ai residenti”. Per il sindaco Michele Celeghin, molto è già stato fatto e altro si farà. “Nonostante i minori trasferimenti e i vincoli di bilancio – spiega – abbiamo messo i dissuasori di recente e altri interventi sono previsti sulla strettoia per garantire i ciclisti e i pedoni. Sul rispetto della velocità, serve pure il senso civico degli automobilisti”. A.R.

NOALE

ZELARINO

In piccola palazzina di nuova realizzazione, solo 4 unità, proponiamo in vendita particolare appartamento in duplex, ing., ind., ampio sogg./ang. cottura, disimpegno, 3 camere, doppi servizi, ampia terrazza ab., poggiolo e garage al p. terra, reparto notte travato a vista, finiture moderne e di notevole qualità (c.e. A, ipe in fase di definizione); Rif. B04

In bella posizione… vendesi lotto di 800 mq. edificabile per 800 mc. con progetto approvato per la costruzione di una bifamigliare disposta su due piani con giardino di pertinenza, oneri primari e secondari già versati. Info in agenzia. Rif. 218

MIRANO periferia

NOALE frazione Briana

AFFITTASI porzione di capannone uso artigianale di circa 230 mq. con ufficio, servizi, ripostiglio, altezza 3,15 mt., completo di impianto illuminazione, parcheggio esclusivo… € 950,00 mensili! Rif. CA25

in bella posizione… vendesi lotto edificabile di circa 750 mq. edificabile per 1.760 mc., ideale per la costruzione di una quadrifamigliare. Info in agenzia! Rif. 200/E

NOALE frazione

NOALE

SAN DONO

Vendesi recente porzione di bifamigliare disposta su 2 livelli con ampio giardino, soggiorno, cucina ab., 3 camere, guardaroba, doppi servizi, ripostiglio/lavanderia, 2 poggioli, garage, ampio portico travato a vista, finiture di notevole qualità (c.e. D, ipe 91,06 kWh/m²a) DA VISIONARE SUL POSTO! Rif. P10

DA VEDERE in piccola palazzina di solo 6 unità, vendesi appartamento al 2° e ultimo piano, ingresso, soggiorno con caminetto, cucina ab., 2 camere, bagno, 2 poggioli, rip., magazzino e garage al p. seminterrato. € 149.000 (c.e. G, ipe elevato);; Rif. B09

Vendesi porzione di bifamigliare di nuova costruzione, disposta su 2 piani, circa 120 mq., portico, ampio sogg./cucina, 2 camere matrimoniali, ampia camera singola, guardaroba, doppi servizi, ripostiglio, 2 poggioli, garage e scoperto privato su 3 lati, consegna al grezzo av. € 155.000 tratt.; Rif. P94

SCORZE’ SOLUZIONE INTROVABILE in palazzina di 8 unità, vendesi appartamento in duplex con vista panoramica su parco, sogg./cucina di 38 mq., camera matrimoniale, bagno finestrato, 2 poggioli, più sottotetto travato a vista con 2 camere, bagno finestrato, ripostiglio e loggia, garage al p. interrato e posto auto di proprietà, finiture moderne di notevole qualità e design (c.e. D, ipe da definire); Info in agenzia! Rif. C08/B

NOALE In prossima consegna su nuova e particolare costruzione vendesi fantastico appartamento al piano terra con ing. indip. e giardino privato, sogg./ang. cottura di 31 mq., 2 camere, 1 studio, doppi servizi, ampio pergolato in legno per cenare con gli amici, posto auto e garage molto grande al p. interrato (c.e. A, ipe in fase di definizione); Rif. B06

VETERNIGO

NOALE

Vendesi stupenda abitazione indipendente di recentissima costruzione, disposta su 2 livelli, composta da ing., soggiorno luminoso, cucina molto grande, doppi servizi finestrati, 2 camere spaziose, reparto notte completamente travato a vista, scoperto privato su 3 lati con casetta in legno, disponibilità immediata (c.e. E, ipe 170,90 kWh/m²a) DA VEDERE! Rif. P42

Comodo al centro del paese in palazzina di solo 7 unità del 2002, vendesi appartamento al p. terra con giardino privato, sogg./ang. cottura, 2 camere, bagno finestrato, 2 ampi portici, posto auto e ampio garage al p. interrato, poche spese condominiali. € 175.000 tratt.; (c.e. D, ipe 83,05 kWh/m²a) Rif. B07


Noale 9 Servizi I tagli denunciati da famiglie, alunni e insegnanti nel comprensorio

Scuole, problemi in arrivo per l’autunno di Alessandro Ragazzo

L

’anno scolastico è appena finito ma, inevitabilmente, si pensa già al prossimo, anche perché tre mesi passano in fretta. E i tagli non tranquillizzano genitori e insegnanti. Non a caso c’è già un problema classi in diverse zone del Miranese, perché sono stati gli istituti comprensivi che chiedono di avere più spazi. Per questo c’è da pensare come il dirigente dell’ufficio scolastico provinciale Domenico De Martino, sia subissato da richieste di aumento delle sezioni. L’annoso nodo da risolvere, infatti, è proprio la carenza di spazi, con richieste che superano le aule a disposizione, con le famiglie che premono perché si sciolgano presto i nodi. Molti rischiano di non vedere accolta la domanda d’iscrizione per il loro figlio e chiedono ai Comuni di fare pressione sugli uffici regionali e provinciali. Spinea e Noale hanno già scoperto le carte, mentre a Martellago la materna Malaguzzi è sfruttato al massimo. A Spinea sono molto preoccupati per il futuro, tanto che il rappresentante del comitato genitori del secondo circolo, Gabriele Salviato, punta il dito contro l’aumento demografico del comune, non supportato da adeguati servizi. “Anche quest’anno – osserva Salviato – avremo oltre 30 bimbi che rimarranno fuori dagli asili, comprese i paritari, perché la direzione provinciale non ha intenzione di concedere le due sezioni in più richieste. C’è stato un incontro tra De Martino, il sindaco Silvano Checchin, il suo assessore all’Istruzione Loredana Mainardi

A Noale ci sono tre classi a tempo pieno per 77 bambini, in un plesso che ne conta ben 498

Una classe di scuola media

Un risparmio unico, acquistando in azienda! SHOWROOM AZIENDALE Via Coppadoro, 1 - 30033 Noale (VE) Cell. 331 6709215 - 331 6718000 venezia@ilmagroup.com www.ilmagroup.com

Benessere e convenienza

a casa tua!

NEWS Disagi alle medie

“L’ACQUA CALDA ARRIVERÀ”

“A

A Martellago sono state accolte 29 delle 43 richieste pervenute ma senza esito, e so che a breve ce ne sarà un altro in Regione. Anche l’assessore provinciale Claudio Tessari se ne sta occupando ma temiamo che tutto ciò possa non bastare. Per questo, faccio appello perché si risolva questo annoso problema”. Nella città dei Tempesta non si ride, e anche qui ci sono delle questioni da risolvere. La giunta comunale ha chiesto di aumentare da una a due le classi a tempo pieno dell’elementare del capoluogo, complice le 46 iscrizioni per il 2012-2013. Nello specifico, ora a Noale ci sono tre classi a tempo pieno per 77 bambini, in un plesso che ne conta ben 498. A Briana, invece, gli alunni sono 108, con rientri il lunedì e il martedì, a Moniego 118 studenti, con un rientro pomeridiano per la quinta e Cappelletta, con 86 allievi, che vanno a lezioni dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 13. A questo punto, il governo locale di Michele Celeghin ha chiesto a De

Martino un tempo pieno in più da quaranta ore settimanali, per cercare di andare incontro alle esigenze delle famiglie. Preoccupati anche alla Malaguzzi di Martellago, dopo aver stilato una graduatoria, per settembre 2012 sono state accolte 29 delle 43 richieste pervenute ma i 14 esclusi sono bimbi o da fuori comune o con domande arrivate fuori tempo massimo. Gli anni scorsi, la situazione era ancor più grave. Per il futuro, il Comune punta ad ampliare la struttura, magari attraverso un prefabbricato, che consentirebbe di risparmiare soldi, fare in fretta per dare quanto prima una mensa ai bambini.

RINNOVA IL TUO ANGOLO DOCCIA O VASCA Fino al 15 Giugno 2012 su tutte le cabine multifunzione e vasche idromassaggio promozione “Servizio chiavi in mano”: la rimozione del vostro vecchio piatto o vasca, la predisposizione, il trasporto, montaggio e collaudo sono compresi nel prezzo. Chiamaci per un SOPRALUOGO GRATUITO o per visionare i nostri prodotti nello Showroom di Noale (VE)

rriva l’acqua calda nelle scuole medie di Noale”. Ad assicurarlo è l’assessore comunale alla Manutenzione Andrea Muffato, dopo le proteste avanzate nelle scorse settimane dai genitori. Sinora, infatti, i bambini erano costretti a lavarsi le mani con l’acqua fredda. Nell’edificio c’erano sì gli attacchi ma i bollitori erano fuori uso perché intasati dal calcare. Stesso discorso per l’asilo. Poi è stato fatto un sopralluogo anche nelle altre scuole comunali, accertando che anche a Briana, Cappelletta e Moniego c’è lo stesso problema: ma qui non c’è l’impianto. Insomma, l’acqua calda non esiste e, in qualsiasi stagione, la temperatura era sempre la stessa. Così i genitori hanno fatto valere le loro ragione e il Comune ha fatto delle verifiche. “Dal 2004 – continua Muffato – nel capitolato della gara d’appalto della gestione del calore, non si è mai proceduto a prevedere l’acqua calda nelle scuole. Su questo intervento, non è mai stato speso un soldo. Ora dovrò capire il motivo di questa grave mancanza. E dire che i finanziamenti in bilancio sono sempre stati stanziati. Il disservizio deve essere eliminato, perché non è possibile lavarsi le mani con l’acqua fredda anche in inverno. A.R.


10 Noale L’Intervento

Territorio Salute European health examination survey

Un progetto per monitorare la salute di Alessandro Ragazzo

M

Sono stati esaminati in ogni regione 250 persone. Dipendenze e diete sbilanciate i casi più frequenti

angiare meglio, più attività fisica. Questo il quadro che emerge dalla ricerca dal titolo “Il progetto cuore a Noale”. Si tratta di un’indagine italiana condotta sullo stato di salute della popolazione, partita nel 2008 e che si concluderà nelle prossime settimane. Dallo studio, poi, emerge come i residenti della città dei Tempesta amino un po’ troppo la sigaretta, specie tra le donne. Ora partirà una campagna preventiva, come spiega la direttrice del dipartimento Cardiovascolare dell’Ulss 13 Donatella Noventa. “Si lavorerà con la popolazione – spiega – e sarà creata una rete tra i medici. Sedentarietà significa malattie”. Ma da dove arrivano questi risultati? Il tutto rientra nell’iniziativa continentale European health examination survey, uno studio pilota per raccogliere e analizzare campioni di cittadini e valutarne le condizioni. Sono tredici i Paesi partecipanti e l’Italia aderisce con l’Istituto superiore della sanità. Nelle regioni monitorate, sono stati esaminati duecento persone fra i 25 ai 64 anni, divisi in modo equo fra maschi e femmine. Nel Veneto, sono stati estratti Motta di Livenza (Treviso) e, appunto Noale. I dati raccolti, serviranno a dare informazioni confrontabili sui maggiori fattori di rischio e sulla prevalenza delle malattie croniche. è sedentario, mentre il 13 per cento degli uomini è Questo permetterà di pianificare meglio le politiche obeso, 12 per cento le donne. Per i medici, un’asanitarie e le azioni di prevenlimentazione sana è composta zione a livello europeo. A tutti Uno dei nostri dal 30 per cento totali dai grasgli abitanti interessati, sono sta- maggiori nemici si; quelli saturi, non dovrebbeti misurati il peso, l’altezza, la del cuore è il ro superare il 7-8 per cento, circonferenza, fatto l’esame del consumo mentre i polinsaturi dovrebbero sangue per misurare i lipidi, l’e- esagerato di sale essere meno del 10 per cento. mocromo e la glicemia. Inoltre Poi ci dovrebbero essere il 50 sono stati sottoposti all’elettrocardiogramma, alla per cento di carboidrati e il 20 per cento di proteine. spirometria e alla densitometria ossea, per stabilire Dallo studio si è scoperto che chi fuma è il 18 per la presenza di calcio. E il quadro che ne esce, è, per cento uomo e il 19 per cento donna. Dunque dieta gli esperti, abbastanza preoccupante. Il 30 per cento sbilanciata e fumo sono tutti fattori di rischio per il

NEWS

I

cuore. Se a questo aggiungiamo il consumo di sale, uno dei “nemici” del nostro organo vitale, si capisce come si debba stare attenti per preservarlo a dovere. Nell’indagine è emerso come un uomo ne consumi 11 grammi al giorno e una donna 8, in linea con la media nazionale, mentre l’Organizzazione mondiale sanitaria (Oms) ne consiglia 5. “Il dato – dice Simona Giampaoli dell’Istituto superiore della sanità – si spiega con l’uomo che, in media, mangia più di una donna. A tutti i cittadini interessati, abbiamo consigliato quali stili di vita adottare. Ricordiamo che chi presenta rischi bassi per il cuore, deve continuare a mantenerli tali: la salute è un bene prezioso”.

Non si possono abolire funzioni e servizi senza un confronto democratico di Francesca Zaccariotto* segue da pag.

1

“La sensazione di fronte a queste decisioni è di totale smarrimento. Ritengo che la Giunta regionale abbia agito contravvenendo ad una logica di riforma organica e strategica, oggi più che mai necessaria nella confusione generale in cui ci troviamo; queste decisioni della Regione sembrano piuttosto il risultato di scelte estemporanee, occasionali, prese per singole materie. Un disegno strategico che è invece assolutamente necessario per affrontare, nel suo complesso, il delicato tema della ridistribuzione delle funzioni provinciali, perché fortemente collegato al tema delle risorse finanziarie e del personale. Purtroppo la Giunta regionale ha clamorosamente smentito, con queste decisioni unilaterali, sia le indicazioni della conferenza permanente Regione – Autonomie locali, di affidare ad un confronto diretto con i presidenti delle Province, i rappresentanti dell’Anci e dell’Upi, l’esame delle problematiche sul trasferimento delle funzioni provinciali, ma anche in contraddizione rispetto alla risoluzione della stessa Regione, di difendere dinnanzi alla Corte costituzionale il ruolo e le funzioni delle Province. La Regione avrebbe almeno potuto attendere l’esito del ricorso al Giudice per incostituzionalità dell’articolo 23 del decreto “Salva Italia”, previsto il prossimo 6 novembre. Ritengo che solo attraverso un confronto serio con l’ente Provincia sia possibile riformare assetto e competenze, e che ciascun livello di responsabilità istituzionale debba contribuire ad evitare il rischio di creare, con decisioni affrettate, ulteriori ritardi che finirebbero per tradursi in un aumento dei costi e in una riduzione della qualità dei servizi, finora assicurati dalla Provincia con buoni risultati. Non vorrei mai che i nostri cittadini, già provati da una situazione recessiva e da un clima generale di forte incertezza, si presentassero agli sportelli dei nostri centri per l’impiego trovando un cartello che annuncia che da ora in poi dovranno rivolgersi direttamente in Regione. E’ noto che sta maturando, a livello governativo e parlamentare, una diversa riflessione sulle modalità di ridisegno del sistema delle autonomie locali, come emerge anche dallo schema del nuovo codice sulle autonomie. Per questi motivi, chiediamo al Governatore Zaia un cambiamento d’impostazione nell’immediato con la sospensione delle scelte, nella disponibilità della sola Giunta regionale, sui tirocini estivi di orientamento e sulla proposta di legge in materia di cave”. *Presidente della Provincia di Venezia

Eventi

NOTTE BIANCA, UN SUCCESSO piazze principali, ovvero Castello e Venti Settembre. Poi gli eventi, hanno toccato anche viale Spalti, via Tempesta e la Rocca: insomma, tutto il centro storico. Si è fatto shopping e approfittato dell’apertura prolungata dei negozi, oltre la mezzanotte. Poi in molti angoli, si è assistito a musica dal vivo, dal soul al pianobar, dal rock melodico alla splendida musica italiana, dimostrazioni di ballo, latino-americano e tango, ad animazioni per adulti e bambini con baby dance e giochi. E ancora, lo

sport con le esibizioni dei pattinatori, per concludere con magnifiche poesie, esposizione di quadri e visite guidate per conoscere e scoprire i “segreti degli astri”. Ce n’è stato per tutti i gusti, e non è restato che l’imbarazzo della scelta o meglio, decidere da dove cominciare, visto che il tutto si è protratto fino a tarda ora. Infatti, se la musica ha dovuto per forza smettere a mezzanotte, negozi e bar hanno potuto tirare avanti anche oltre. Le “Notti bianche”, proseguiranno fino a fine luglio con altri

tre appuntamenti, di cui due nel comune di Martellago. Il primo sarà il 7 luglio a Spinea, dove la serata si chiamerà “Notte gialla”, poi pausa il 14 luglio per lasciare spazio alla festa del Redentore. Si riprenderà il 21 luglio a Olmo e si concluderà a Martellago il 28 luglio. A.R.

ODD ASSOCIATI

l quinto appuntamento con “Notti bianche nel Miranese” organizzato dalla Confcommercio è arrivato a Noale sabato 30 giugno ed è stato un successo con migliaia di spettatori. Da qui e Mirano, nel 2008 cominciarono queste iniziative, che oggi coinvolgono sei dei sette comuni del comprensorio. In collaborazione con la città di Noale, Venezia Opportunità e i commercianti, gli organizzatori hanno perfezionato i diversi punti di animazione e di spettacolo distribuiti tra le due

www.aismme • info@aismme.org • Tel. 049 9900700 • N. Verde 800 910 206 www.aismme.org VERONICA PIVETTI Testimonial della campagna di sensibilizzazione ed informazione

Un bambino su 500 nasce affetto da una malattia metabolica ereditaria, solo 1 su 4 viene riconosciuto in tempo. Lo Screening neonatale metabolico allargato permette una diagnosi precoce che


www.lindirizzoimmobiliare.it AGENZIA DI SCORZÈ (VE) Via Cercariolo n. 8/A Tel. 041 5841449 - Fax 041 5849434 SCORZÈ App.to di recente costruzione, al p. terra, inserito in raccolto contesto residenziale; soggiorno con angolo cottura, 2 camere, disimpegno, bagno, piccolo scoperto privato piastrellato, garage e p.auto. BELLISSIMA ZONA RESIDENZIALE!! €138.000,00 tratt. Rif. SC21

ZERO BRANCO Appartamento al piano terra, di recente costruzione, inserito in bellissimo contesto residenziale; soggiorno con cucina a vista, 2 camere, bagno, ripostiglio, ampio scoperto privato e garage. Dotato di ogni confort!! COMPLETAMENTE TRAVATO A VISTA. € 170.000,00 Rif. ZBK6 Cl. “A”

SCORZÈ Centro Bell’app.to al piano terra con giardino privato, in bella zona residenziale, comoda al centro, soggiorno/ pranzo, 2 camere, bagno, garage e posto auto coperto. Cucina compresa nel prezzo. € 135.000,00 Classe “D” IPE 76,6 Rif. SC28

ZERO BRANCO Appartamento al piano terra, di recente costruzione, inserito in bellissimo contesto residenziale; soggiorno con cucina a vista, 2 camere, bagno, ripostiglio, ampio scoperto privato e garage. Dotato di ogni confort!! COMPLETAMENTE TRAVATO A VISTA. € 170.000,00 Rif. ZB295

SCORZÈ centro Bell’appartamento al piano terra con giardino privato, in bella zona residenziale, comoda al centro, soggiorno/pranzo, 2 camere, bagno, garage e posto auto coperto. Cucina compresa nel prezzo. € 150.000,00 Classe “D” IPE 77,54 Rif. SC299

SCORZE’ frazione Intervento in

Info in ufficio Rif. SCK4

ZERO BRANCO S.Alberto Appartamentino in duplex, del 2007 inserito in raccolto contesto residenziale; soggiorno con cucina a vista, doppi servizi, 2 camere matrimoniali, terrazzo e garage al p.t. Finiture moderne!! IDEALE COME PRIMO ACQUISTO!! € 135.000,00 Classe “D” IPE 74,5 Rif. ZB292

SCORZE’ Peseggia Ottimo appartamento in duplex, inserito in raccolto contesto residenziale; soggiorno, cucina, 3 camere, 2 bagno e garage. Belle finiture!! RECENTE COSTRUZIONE!! € 185.000,00 tratt. Rif. SC39

SCORZE’ Appartamento al piano terra con scoperto privato ben piantumato, del 2002, inserito in contesto residenziale di sole 7 unità; soggiorno con cucina a vista, doppi servizi finestrati, 2 camere, garage e p.auto ad uso esclusivo. OTTIMA OPPORTUNITA’!!! € 153.000,00 Rif. SC22

ZERO BRANCO frazione Disponiamo di nuove porzioni di quadrivilla, composte da: soggiorno/ cucina, 3 camere, 2 bagni, garage e scoperto privato. Ottimi isolamenti, cappotto da 15 cm., riscaldamento a pavimento, entrambi i solai travati sbiancati. Consegna chiavi in mano a soli € 220.000,00 tratt. Rif. ZB56 Cl. “A” e “B”

SCORZÈ Miniappartamento al piano terra, con ingresso indipendente, di recente costruzione; soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, studio finestrato, bagno, garage, p.auto e ampio scoperto privato di circa 180mq. OTTIMA OPPORTUNITA’ !!! €128.000,00 Rif. SC10 SCORZÈ Centro Bell’app.to al piano terra con giardino privato, in bella zona residenziale, comoda al centro, soggiorno/ pranzo, 2 camere, bagno, garage e posto auto coperto. Cucina compresa nel prezzo. € 145.000,00 Classe “E” IPE 95 Rif. SC298

classe “A”. Favolose porzioni di casa, di ampie dimensioni e di bellissima architettura. Finiture curate, consegna chiavi in mano.

AGENZIA DI NOALE (VE) Largo S.Giorgio, 6 Tel. 041 5801435 - Cell. 393 9630883 NOALE Appartamento adiacente al centro, comodo a tutto, COMPLETAMENTE RISTRUTTURATO, soggiorno-pranzo con poggiolo, 2 ampie camere, bagno, ripostiglio, stanza soffitta finestrata, magazzino al p. terra !! Ottima opportunità! Cl. “D” € 125.000,00 tratt.li. Rif. N24

NOALE appartamento su piccola palazzina di 6 unità, totalmente ristrutturato, con soggiorno- cucina separabili con finestra, 2 camere, 2 bagni finestrati, poggiolo, garage. Aria condizionata, vasca idro!! Classe “C”. € 160.000,00 Rif. N295

NOALE porzione centrale di schiera con scoperto fronte e retro abitazione , zona giorno con cucina separata, salotto/pranzo, stanza, rip, e bagno fin.,piano superiore 3 stanze letto di cui 2 matrimoniali, 2° bagno, e piano soffitta mansardata finestrata, con altro bagno. ZONA RESIDENZIALE VICINA AL CENTRO Cl. “D”. € 220.000 Rif. N56

NOALE Appartamento in palazzina con bel giardino in zona comoda ai mezzi , miniappartamento di ampia dimensione con spaziosa zona pranzo e cottura separabile, ampia stanza matrimoniale, bagno, bel poggiolo soleggiato, garage. Classe “D”. € 95.000,00 Rif. N14

NOALE Appartamento zona residenziale vicino al centro TOTALMENTE RISTRUTTURATO con ingresso, soggiorno-cucina, bagno, camera matrimoniale e una doppia, garage piano terra. Ben tenuto, come nuovo. € 139.000,00 Rif. N21

NOALE 1 Km recente porzione di villa schiera del 2004 di ottima metratura circa 230 mq. con mansarda, finiture pari al nuovo con pavimento palchetti legno e zone in sasso lavato, riscaldamento autonomo, bagni con sanitari sospesi. Molto bella Classe “C”. € 290.000,00 Tratt.li Rif. N65

NOALE porzione di ampia bivilla, con giardino, ampi spazi abitativi con salone, cucina abitabile, stanza matrimoniale, bagno, piano superiore altre 2 stanze letto e altro bagno, piano inferiore taverna con caminetto e lavanderia, ZONA CENTRALE MA IN POSIZIONE TRANQUILLA Classe “E”. € 295.000 Rif. N59

SALZANO Centro, favolosi appartamenti in costruzione, in una palazzina di pregevole estetica e dalle finiture lussuose, varie tipologie e dimensioni. Disponiamo inoltre di unità al piano terra con scoperto privato o di appartamenti in duplex tutti con doppio garage. OTTIME FINITURE Classe “B” Rif. SAK2

NOALE Meravigliosa villa singola di 260 mq del 2005, su lotto di terreno di c.a 2000 mq con zone spaziose e ben distribuite. Le finiture sono eleganti e moderne, con riscald. pavimento, serramenti laccati bianchi, pavimenti in legno chiari con inserti in terrazzo veneziano. Ideale per chi cerca qualcosa di importante e particolare. Rif. N47

NOALE Nuova costruzione in Classe “A” sul palazzetto di sole 10 unità, app.ti al p. terra con giardino e piano superiore con terrazzone. Tutti con ampio spazio abitativo con 3 stanze letto. Finiture stupende. Pannelli solari, riscald. a pavimento, pavimentI in legno zona giorno/notte, porte/finestre laccate bianche. Rif. NK7

NOALE Su edificio di pregevole estetica appartamento ultimo piano con soggiorno, cucina, doppi servizi, 3 camere, piano mansardato con ampia terrazza. Finiture super con grandi vetrate. Classe energetica “B” Rif. NK6-3

NOALE Disponiamo di appartamento al piano terra con 130 mq di giardino privato, composto da spazioso soggiorno-pranzo, 2 camere, doppi servizi, garage . FINITURE EXTRALUSSO!! CLASSE “A” Rif. NK3-2


12 Martellago Amministrazione Decisione del sindaco e assessori

La giunta taglia i propri compensi

NEWS Edifici

UN PREFABBRICATO PER L’ASILO

Il primo cittadino si è ridotto l’indennità del 5%, del 15% invece il suo vice di Alessandro Ragazzo

U

n risparmio da 13.657,75 euro all’anno. La giunta di Martellago, composta da sindaco e sette assessori, ha deciso di tagliarsi lo stipendio lordo a partire dal primo giugno: quanto avanzato, andrà a finire al sociale. Da Martellago, dunque, arriva un segnale dalla politica in un momento di difficoltà per l’economia globale. A questo punto, la somma avanzata andrà a finanziare i servizi alla persona. Che ci potesse essere una sforbiciata, lo si era capito già dal Consiglio comunale di metà maggio, quando all’ordine del giorno c’era il bilancio di previsione 2012. In quell’occasione, l’assessore al Bilancio Pierangelo Molena aveva detto che scuola e sociale non devono essere toccati e dovranno continuare a essere garantiti. E il governo locale ha deciso di dare il via libera all’unanimità. Così lo stesso Brunello, che sinora percepisce 2788,87 euro al mese lordi, si è ridotto l’indennità del 5 per cento, arrivando a 2649,43 euro. Poi al netto, il compenso arriva a neanche 1650 euro. Per il suo vice, Serenella Vian (Ambiente e Lavori pubblici), la riduzione è del 15 per cento, che portano lo stipendio da 1533,87 a 1303,79 euro. Ci sono, poi i quattro assessori che non sono in aspettativa, hanno mantenuto la loro occupazione e percepiscono la metà dell’indennità prevista

P Il municipio di Martellago (1254,99 euro). Si tratta di Molena, Valerio Favaron (Sociale), Marco Garbin (Giovani, Associazioni e Sport) e Gianni Vian (Attività produttive e Pubblica istruzione), che al mese prendono 627,49 euro. Ebbene, il primo si è decurtato lo stipendio di 200 euro, arrivando a quota 427,49, più un altro 10 per cento che lo fa scendere a 384,54 euro mentre gli altri tre l’hanno tagliato del 10 per cento. A questo punto, Favaron, Garbin e Vian riceveranno 564,74 euro. Ci sono, poi, i due pensionati, Alfonso Gerardi (Protezione civile e Sicurezza) e Cosimo

NEWS Conferenza dei servizi

VIA LIBERA AL CASELLO

Il nuovo svincolo

L

a conferenza dei servizi ha dato il parere positivo al progetto definitivo del casello Cappella-Martellago del Passante, che sarà approvato, con decreto, dal commissario Silvano Vernizzi. Poi in estate, spazio all’esecutivo. Il cantiere dovrebbe iniziare entro la fine dell’anno, per poi aprire il casello al traffico per la metà del 2014. L’incontro arrivava dopo la presentazione di una settantina di osservazioni al progetto. Ci saranno delle modifiche ma nella sostanza il pacchetto d’interventi non cambierà. “Con questo incontro – dice l’assessore veneto alla Mobilità Renato Chisso – abbiamo fatto un altro passo in avanti. La concertazione con gli enti e con i Comuni interessati, fanno sì che tutte le soluzioni siano concordate per il bene dei territori. Con il casello di Martellago-Cappella, completiamo un altro pezzo di quel Passante che tanto ha risolto, in termini di viabilità e non solo, problemi divenuti insostenibili per i cittadini. Vernizzi e la sua squadra hanno fatto un ottimo lavoro: spero che questo sia un segnale per chi vorrebbe

Moretti (Cultura e Biblioteca). Per loro, la paga attuale di 1254,99 scenderà del 15 per cento fino a 1066,74 euro. La riduzione mensile per gli otto componenti del governo locale sarà di oltre 1138 euro, che moltiplicata per i dodici mesi, sarà complessivamente di 13657,75 euro. “In un momento di difficoltà – osserva il sindaco Giovanni Brunello – tutti devono fare sacrifici, e noi dobbiamo dare il buon esempio. Anche se le cifre sono minime rispetto al altri. Qui non ci sono auto blu o telefonini comunali”.

ANAGRAFE NORME PER RESIDENZA

L’opera sarà realizzata a forma di diamante con un viadotto lungo 500 metri annullare queste figure fondamentali per il completamento di opere strategiche per il Paese”. L’opera resterà a forma di diamante rovesciato, a cavallo del fiume Dese, con un viadotto lungo oltre 500 metri per collegare l’entrata e l’uscita, oltre a delle rotatorie per favorire l’innesto della circolazione in autostrada. Per accedervi, ci saranno la bretella da via Boschi, tra Martellago e Scorzè, e la tangenziale a nord di Martellago, lunga cinque chilometri e mezzo, che partirà dalla Kelemata sulla Castellana. Confermata l’assenza di sottopassi ma sorgeranno quattro rotatorie: agli incroci con via Canove e in via Morosini a Martellago, via Ponte Nuovo e via San Paolo a Scorzè. A queste vanno aggiunte altre due che Martellago ha richiesto: una tra via Canove e la Castellana a fianco del municipio, l’altra sempre su via Canove ma all’incrocio con via Volta. La rotonda di via Ponte Nuovo sarà spostata più a est, per tutelare Villa Astori. Via libera pure alla complanarina, che sorgerà sul lato est dell’autostrada, dalla Moglianese al casello. Sarà lunga poco meno di un chilometro, e sfrutterà l’attuale contro-strada di servizio, che sarà allargata da tre a dieci metri. Per quanto riguarda la rotonda davanti alla Kelemata, sarà arretrata a nordovest, fuori dalla proprietà dell’azienda di cosmetica, e saranno abbattute due case. “Siamo preoccupati – dice Renato Anoè di Pro complanare – ed è evidente che il progetto fosse già deciso e le opinioni della gente e dei partiti non sono state neppure considerate: altro che partecipazione attiva. L’obiettivo è andare al Tar e abbiamo già inviato una lettera agli espropriati per chiedere la disponibilità a ricorrere”. Anche a Cappella sono amareggiati. “Chiediamo un terrapieno – spiega il portavoce di Cappella Vive Vittorio Pellizzato – che delimiti una zona di sicurezza idraulica golenale a cento metri a nord del fiume Dese. Serve un argine che contenga le ondate di piena a tutela del paese, distante appena 300 metri, oltre a una fascia boscata di rispetto”. A.R.

otrebbe essere un prefabbricato in acciaio e poliuretano a risolvere il problema spazio all’asilo Malaguzzi di Martellago. Ci sta pensando la giunta il sindaco Giovanni Brunello e il funzionario tecnico Fabio Callegher si sono recati in una fabbrica di Porpetto (Udine) per valutare la fattibilità. Quest’ipotesi permetterebbe, in un colpo solo, di risolvere il problema degli spazi della scuola, liberare l’attuale refettorio per avere una sezione aggiuntiva, e risparmiare molti soldi. Il tutto sarebbe pronto per settembre prossimo. “Vogliamo partire presto – dice Brunello – per poi chiedere all’ufficio scolastico provinciale di avere quella classe in più che soddisferebbe le esigenze delle famiglie”. L’edificio sorgerebbe a fianco dell’asilo e costerebbe dai 350 ai 400 mila, con un esborso inferiore di 250-300 mila euro se si dovesse ampliare in muratura l’attuale complesso. Inoltre il montaggio sarebbe rapido. Questo servirebbe a risolvere i problemi attuali della Malaguzzi, dove i 121 piccoli mangiano in condizioni di fortuna. Dunque il Comune vuole fare presto; serve un progetto esecutiA.R. vo e poi partire con il bando di gara.

Le carte d’identità

E

’ In vigore anche a Martellago le nuove modalità per effettuare il cambio di residenza. Ecco le principali novità: la dichiarazione di residenza può essere presentata, oltre che agli sportelli dell’Ufficio Anagrafe del Comune presso il quale si intende stabilire la dimora abituale. Questo anche in via telematica o a mezzo raccomandata e fax. L’Ufficio Anagrafe registrera’ la dichiarazione nei due giorni lavorativi successivi alla presentazione dell’istanza. “Se non ci si potrà presentare personalmente – spiegano gli uffici illustrando le diverse novità – la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale, l’autore sia identificato dal sistema informatico con l’uso della carta d’identità elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con

strumenti che consentano l’individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione. La dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del dichiarante (P.E.C.), la dichiarazione con firma autografa e la copia del documento d’identità del dichiarante siano acquisite mediante scanner e trasmesse tramite posta elettronica semplice”. Bisogna però stare attenti. Sono previste, infatti, sanzioni civili e penali per le dichiarazioni mendaci (false). Entro 45 giorni dalla dichiarazione resa o inviata, l’ufficiale d’anagrafe effettuerà gli accertamenti sulla veridicità di quanto dichiarato. Insomma bisognerà fare attenzione alle nuove norme, soprattutto per chi fa il cambio di residenza nel centro del miranese. Valentina Moro


14 Scorzè Finanze Approvato lo strumento di gestione dell’ente locale

Bilancio, sindaco contestato

NEWS Risparmio energetico

PANNELLI SOLARI SUGLI EDIFICI COMUNALI

Il Pd: “E’ un massacro: l’addizionale Irpef è raddoppiata. Tasse a quota 450 euro, tagli alle scuole”

di Alessandro Ragazzo

I

l Consiglio comunale di Scorzè dà il via libera al bilancio di previsione del 2012 e alle aliquote dell’Imposta municipale unica (Imu) e Irpef, non senza polemiche da parte della minoranza. E polemiche ci sono state anche sulla scuola pubblica, con Davide Zuin (Misto) che accusa il governo locale di tagliare i finanziamenti. Ma andiamo con ordine. Per quanto riguarda l’Imu sulla prima casa, l’aliquota sarà dello 0,4 per cento, per i fabbricati agricoli lo 0,2 per cento e per tutti gli altri lo 0,76 per cento. Per l’addizionale Irpef, sarà esente chi percepisce un reddito fino a 10 mila euro invece di avere lo 0,3 per cento come accadeva finora, mentre fino ai 55 mila euro, l’aliquota passa dallo 0,3 per cento allo 0,6. Sopra i 55 mila euro, si passerà dallo 0,3 per cento allo 0,7. L’opposizione aveva presentato degli emendamenti, con l’esenzione da alzare fino a 15 mila euro e la proposta di ridurre l’aliquota per i contribuenti tra 15.001 e 28 mila euro. Ma sono stati bocciati. “La maggioranza e il sindaco – polemizza il capogruppo del Pd Gianna Ma-

Il municipio di Scorzè

L nente – non ci hanno ascoltati, dimostrandosi insensibili e respingendo tutte le nostre proposte. Così l’addizionale Irpef sarà raddoppiata e la media di tasse da pagare per contribuente, sarà di quasi 450 euro contro i 413 euro pagati sinora”. Per il sindaco Giovanni Battista Mestriner altro non si poteva fare. “Ci dicano cosa possiamo tagliare – replica – perché abbiamo una riduzione di trasferimenti per 300 mila euro. La minoranza ha presentato degli emendamenti dove non si prevede di lasciare l’aliquota Irpef allo 0,3 per cento. Si mettono le mani in tasca alla gente perché il governo ci trasferisce meno soldi, inutile girarci attorno”.

E polemiche arrivano anche sul fronte scuola. “La giunta – attacca Zuin – continua a tagliare i finanziamenti alla pubblica istruzione. Il disequilibrio tra quello alle paritarie è di circa 130 mila euro, mentre agli istituti comprensivi vanno 29 mila euro. E’ una proporzione inaccettabile”. Ma l’assessore Marcon replica duro. “Zuin – dichiara – dimentica che queste ricevono anche altri finanziamenti. Siamo noi che mettiamo il denaro per i giochi studenteschi, per la mediazione linguistica, per i corsi per gli extracomunitari. Poi il trasporto scolastico, e il teatro, che per qualsiasi evento, spettacolo o premiazione, è sempre gratuito”.

a giunta di Scorzè ha deciso di installare i pannelli solari in quattro edifici comunali. Il governo locale ha dato il suo parere favorevole alla proposta di Veritas di installare gli impianti sui tetti del magazzino, delle palestre di Peseggia, delle scuole medie di Scorzè e di Rio San Martino. L’iniziativa s’inserisce all’interno del progetto del Patto dei sindaci della Provincia, che prevede, entro la fine del decennio, la riduzione del 20 per cento delle emissioni del gas a effetto serra, portare della stessa percentuale il risparmio energetico e aumentare, sempre del 20 per cento, il consumo delle fonti rinnovabili. In totale, saranno posizionati circa 1100 metri quadrati di pannelli, per una potenza pari a 130 kilowattora, mentre l’investimento di Veritas è attorno ai 500 mila euro. Con l’occasione, saranno sistemate anche le coperture, che mostrano i segni del tempo. Il primo a essere installato, sarà quello del magazzino; poi, a ruota, s’interverrà a Peseggia, Scorzè e Rio San Martino. L’energia pulita servirà ad alimentare gli edifici. “A Peseggia di Scorzè – dice l’assessore all’Ambiente Albino Luise – sarà sostituita anche la guaina del tetto, ormai vecchia di oltre trent’anni”. Insomma un bel segnale alla cittadinanza che va nella direzione del risparmio energetico e delle energie sostenibili, il futuro insomma. A.R.

FRAZIONI IDEE PER CAPPELLA

il benessere comincia a tavola! Dimagri mangiando Dimagrire modo sano e gustoso in m

ZE CONSULEN GRATUITE

NOALE

www.naturhouse.it

Via Bregolini 16 041 4433215

I

dee nuove per il centro di Cappella di Scorzè: un piccolo monumento per l’ex parroco di Cappella don Giovanni Battista Mason, e un capannone per la Pro loco. Queste sono le opere che presto potrebbero nascere attorno alla parrocchia della frazione. A partire da un luogo simbolo per ricordare il sacerdote morto nel 2001 e che il paese non ha dimenticato. L’idea era partita dai volontari della Festa del pomodoro, che propongono di rivedere tutta la piazza davanti alla chiesa. Si tratta di un intervento, studiato dall’architetto Federico Burbello, che sarebbe eseguito dalla Pro loco, in collaborazione con la parrocchia e il Comune. Il monumento troverebbe posto all’interno del giardino della canonica; sarebbe demolita l’attuale per costruire una colonna in marmo con leggio, che ospiterà la targa di bronzo e la riproduzione integrale del testamento spirituale del sacerdote. Inoltre sorgerebbe una vasca con la fontanella. Don Giovanni Battista ha dato molto a Cappella, dove vi è stato dal 1975 all’anno della sua morte, avvenuta il 10 marzo. Era nato a Resana (Treviso) il 25 marzo del 1931. Arrivato a Cappella a metà degli anni Ottanta, il sacerdote aveva fatto molto per tutta la comunità che ancora oggi lo ricorda per il suo impegno. L’ex parroco aveva permesso il rifacimento della canonica, la sistemazione del campanile, la ricollocazione delle nuove campane e il restauro dell’organo, che nel 2011 ha festeggiato i 20 anni. L’altro intervento, invece, troverebbe posto sull’area verde di via Dante, dove il paese ospita molte iniziative, la Pro loco sta pensando di mettere in piedi un capannone, dodici metri per sei, dove poter mettere tutte le attrezzature per allestire gli eventi. L’idea è di realizzarlo in ferro, per facilitare l’opera di costruzione, e ignifugo. Insomma tante idee per rilanciare la vita aggregativa e volontaristica della frazione di Scorzè. A.R.


16 Salzano Eventi Al via la terza edizione di “Salzano Rock Show”

Festival del rock, estate in piazza

NEWS Amministrazione

QUARESIMIN ILLUSTRA IL PROGRAMMA

Ci saranno 5 solisti e 15 band emergenti e non, dal veneziano e trevigiano

di Roberta Pasqualetto

U

na festa tutta rock per Salzano. Da venerdì 20 a domenica 22 luglio si terrà il “Salzano Rock Show”, terza edizione della manifestazione locale organizzata dall’Associazione “Tosi De Salsan” voluta da Alessio Mazzocco, ex presidente e fondatore dell’Associazione che, da un paio d’anni, promuove attività per i giovani. La manifestazione sarà un po’ più breve dello scorso anno per problemi logistici, e perché i finanziamenti arrivano solo da parte degli sponsor sempre più difficili da trovare. La prima sera di manifestazione ci sarà sul palco un artista di Scorzè, Alessio Bellato, il quale con la band di alcuni componenti dei Red Moon Shine, farà tutta la cronologia musicale dagli anni Cinquanta ai giorni nostri eseguendo circa trenta brani, durante la serata ci sarà anche Valentino Villanova, noto fumettista della zona il quale farà caricature gratuitamente. Il 21 Luglio ci sarà il Contest - Get out of the garage giunto alla seconda edizione e che vanta l’iscrizione di 5 solisti e di 15 band emergenti e non della zona. “Volevamo ricordare che il 21 Luglio sul palco non potranno accedere tutte le band per problemi tempistici – dice l’ex

gi

x disponibile nelle seguenti soluzioni: n motore + alzapersona, due motori, alzapersona, manuale. nche senza fili con batteria estraibile per 00 nche in versione SLIM nche in versione XL € 350,00

di € 220,00 € 120,00 (-45%). 30,00 anche al piano, escluso isole.

Un’immagine della scorsa edizione

presidente e organizzatore Alessio Mazzocco – infatti, potranno esibirsi solo 3 band e 3 solisti attentamente selezionati attraverso i demo audio che, ogni band/solista ha mandato con l’iscrizione. La giuria è composta da personaggi conosciuti per la loro carriera musicale come: Mario Tiozzo di Radio Coperativa, Mattia Corso componente dei Karma J, e molti altri che non sveliamo per mantenere le sorprese durante la serata”. L’ultima giornata partirà domenica pomeriggio con l’arrivo di alcune moto e auto d’epoca e on stage. Ci sarà una band Salzanese, the Mac Phistos, mentre di sera la manifestazione terminerà con i Turbo Max,

D

a un paio di settimane è stato approvato il nuovo bilancio del comune. L’amministrazione si impegna ad affrontare, assieme ai cittadini di Salzano e Robegano, il progetto del Pass2020, attraverso sette sfide: promozione di una nuova identità culturale; favorire uno sviluppo economico e sociale possibile; valorizzare i servizi che la città offre ai cittadini; aumentare la qualità della coesione sociale; tutelare l’ambiente e gli spazi verdi; curare la bellezza degli spazi comuni e costruire un patto educativo di comunità. I progetti puntano a una Salzano Città di cultura, giovane, accogliente verde e attenta alla famiglia. Il sindaco ha confermato che la manutenzione del territorio è evidentemente l’opera pubblica più importante. Per questo sarà molto importante il lavoro che ogni cittadino potrà mettere a disposizione. Quaresimin ha sottolineato l’importanza del PAT (Piano di Assetto del Territorio) cioè il documento di programmazione che definisce le linee guida per l’edificabilità, la viabilità, la tutela e lo sviluppo del territorio approvato recentemente dalla Giunta Provinciale. I punti salienti sono: preservare l’integrità del paesaggio e le risorse ambientali; per la nuova edificazione nelle aree residenziali sono individuate alcune zone potenzialmente interessabili; la nuova volumetria (stimata in un massimo del 3 % dell’attuale edificato) non è collocata sul territorio, ma rimane a disposizione del comune. R.P.

cover band trevigiana che suona pezzi degli 883 e di Max Pezzali, scelta appunto per il ventennio dalla formazione degli 883. La manifestazione è totalmente autonoma perché i membri dell’associazione si autofinanziano con i loro servizi di service audio e luci, con una professionalità acquisita in oltre 5 anni in questo settore e grazie all’aiuto e alla fiducia dei commercianti presenti a Salzano che ogni anno aiutano per la realizzazione dell’evento. Sono previsti anche dei premi in denaro per i gruppi partecipanti: il primo premio 150 euro, il secondo 80 e i terzi 50. Per maggiori informazioni si può visitare il sito www.itosidesalsan.it

BETTY

HARMONY

motorizzata + massaggio

promo

€ 2170,00

motorizzata€da970,00

€ 890,00

ESTER

Poltrone relax... ...mi faccio un regalo!

€ 1570,00

DALIA

motorizzata da

motorizzata da

€ 1430,00

€ 990,00

manuale da

manuale da

€ 620,00

manuale da € 1170,00

€ 560,00

ORNELA

110

motorizzata da

53

PERLA

SLIM 46

88

85

rizzata da moto 75 161

motorizzata da

€ 940,00

€ 920,00 Mestre (VE) CENTROZENIT zona Auchan via P. Impastato, 8 • Tel. 041 942831

Martellago (VE) via Boschi, 118 • Tel. e fax 041 5401129

manuale da

manuale da

€ 590,00

€ 580,00

07/05/12 17:49


Salzano 17 Territorio L’assessore Lino Manente illustra gli interventi in programma

Lavori pubblici, tutti i cantieri fino al 2013 di Roberta Pasqualetto

L

a difficile situazione economica dei comuni è cosa nota a tutti, ma è interessante capire dove si troveranno le risorse per eseguire i lavori necessari alla manutenzione delle aree pubbliche. L’assessore ai Lavori Pubblici di Salzano, Lino Manente, dice che il momento non è tra i migliori e che le opere principali, per i prossimi anni, consisteranno nella manutenzione del territorio perché con le risorse a disposizione è già difficile fare la normale conservazione. Il primo stralcio di lavori di sistemazione: manto stradale, aree verdi e scuole è stato terminato; per cominciare il secondo si devono trovare le risorse. Al momento, è stata approvata la nuova amministrazione comunale ed è stato presentato il bilancio, ma non si conoscono ancora le cifre che arriveranno nelle casse del comune e si prevede di cominciare i nuovi lavori all’inizio del 2013. La lista di priorità è già stata fatta, tra questi si devono fare dei nuovi loculi per i cimiteri di Salzano e Robegano (lavoro che si lega al bando pubblico che chiuderà a breve). Le cellette mortuarie da realizzare sono 48 per Robegano e altrettante per Salzano. Un finanziamento svincolato dal patto di stabilità arriverà dal Ministero delle Infrastrutture, che dopo il terribile fatto di cronaca della morte del ragazzo di Torino nella scuola, si è messo a disposizione dei comuni per periziare le strutture. Salzano aveva fatto richiesta e, dopo il sopraluogo dei tecnici, ha avuto l’assegnazione di 200 mila euro. L’assessore dice che appena arriveranno i finanziamenti, saranno impiegati per fare migliorie e

Le cellette mortuarie da realizzare sono 48 per Robegano e altrettante per Salzano mettere in sicurezza alcuni edifici scolastici. Per quanto riguarda il complesso settecentesco villa Romanin Jacur, l’amministrazione lancia un appello di project financing per terminare la filanda. Questo progetto in cassetto permetterebbe, attraverso un’operazione di collaborazione pubblico-privato, di rimettere a norma la struttura, oltre che a mettere in uso tutti i locali, e impiegarli per attività culturali o di altro genere. L’amministrazione affiderebbe la gestione della struttura al privato, salvo qualche occasione di utilizzo della sala principale da parte del comune. Per quanto riguarda il palazzetto dello sport, al momento al grezzo, si pensa di fare a breve il fondo del campo e inserire i servizi sanitari per consegnarlo alle associazioni almeno con i servizi basilari. “La crisi c’è, ma bisogna andare avanti – dice l’assessore Lino Manente – ci tenevo a complimentarmi con i commercianti di Salzano per

Per il complesso di villa Romanin Jacur, parte un appello per un project financing

Lavori sulle strada

l’organizzazione delle notti bianche. Sono stati molti bravi e hanno collaborato bene anche con gli esercenti fuori dal centro, che si sono collegati con un caratteristico trenino. Da quest’anno oltre che di lavori pubblici mi occupo della promozione del territorio e con l’iniziativa delle notti bianche abbiamo avuto un buon risultato parchè hanno aderito oltre 30 attività commerciali e l’affluenza di pubblico è stata ottima”.

NEWS Avis - Aido

INIZIATIVE SOLIDARISTICHE

L

e associazioni Avis-Aido di Salzano sono attive nel territorio con iniziative dedicate alle famiglie e alla voglia di stare assieme. All’inizio di giugno hanno organizzato una biciclettata con l’Auser di Salzano, il gruppo Diabetici del Miranese e l’assessorato all’ambiente, la scampagnata si è rivolta alle famiglie e l’adesione è stata ottima perché hanno partecipato un centinaio di persone di età mista. “Cerchiamo sempre delle nuove occasioni per coinvolgere le persone nel progetto del dono di sangue e organi – dice il presidente delle associazioni Enzo Fudio – in agosto saremo presenti alla tradizionale sagra di San Bortolo di Salzano, avremo un gazebo per fare le iscrizioni e regaleremo dei gadget ai bambini”. Il presidente conclude ricordando che l’estate è sempre un periodo critico per le donazioni di sangue e invita tutti i donatori e i cittadini a fare un piccolo sforzo ma un grande regalo per chi ha bisogno. Per maggiori informazioni si può visitare il sito www.avisaidosalzano. it o scrivere a avisaidosalzano@libero. it. Le riunioni delle associazioni sono aperte a tutti e si tengono ogni primo e terzo lunedì del mese, dalle ore 20.30 alle 22.30, nella sede di via Mameli 2 a Salzano. R.P.


18 Cultura Il caso L’ex sindaco racconta il turismo sessuale femminile

“Goodbye habibi”, la nuova opera della Caverzan di Alessandro Ragazzo

Sono già state vendute, in pochi giorni, oltre 3 mila copie del nuovo libro conosce questo giovane, è un colpo di fulmine. La gente e gli amici le dicono di fare attenzione, di stare in guardia ma Virginia è davvero convinta che sia il vero amore, non ci vuole rinunciare. Non ci vuole rinunciare che diventa la sua droga, quell’uomo diventa irrinunciabile. Lui da lei ha soldi in cambio di tutto: sesso, amore e felicità. Quando si accorge di essere presa in giro, capisce davvero chi ha davanti”. Poi l’autrice racconta i viaggi del sesso al femminile, perché ha deciso di metterli nero su bianco. “Negli ultimi anni – prosegue Caverzan – la disponibilità economica è cambiata, ci sono donne che viaggiano di più e da sole. Ma in internet ci sono diversi siti dove raccontano e denunciano le loro esperienze. Qui la religione islamica non c’entra: è il modo di vivere di certi uomini che lavorano a contatto con il turismo”. Nei suoi romanzi, Caverzan parla di sesso, di amore, di

Il romanzo è ambientato in Egitto, ma i problemi dell’Islam centrano poco

27611 Visual 27611 Comunicazione Visual Comunicazione - Venezia - Venezia

C

lara Caverzan è ancora in libreria. Stavolta con “Goodbye habibi” (edizioni Anordest), che racconta il turismo sessuale al femminile. Nel 2008, del suo romanzo erotico “Desideria”, se ne parlò in tutta Italia. All’epoca Caverzan stava vivendo gli ultimi scampoli da sindaco di Scorzè, prima dell’arrivo del commissario. Ora è tornata a fare la maestra delle elementari ma non ha perso la voglia di scrivere. Racconta dell’Egitto, terra che l’autrice conosce bene da almeno quindici anni. Racconta di Virginia, una trevigiana benestante che vuole rifarsi una vita dopo tante delusioni, con un matrimonio ormai in crisi e la violenza gratuita del marito, forte del suo potere economico. Ma la protagonista crede nei sentimenti, nell’amore, che sembra averli trovati in Bahr, un giovane che trasforma i sogni in realtà. Ma non sarà così. E in pochi giorni dall’uscita dell’ultima fatica letteraria di Clara Caverzan, erano già 3 mila le copie vendute. “Mi ci sono voluti tre-quattro anni di lavoro – spiega l’autrice – dove ho deciso di raccontare un fenomeno che mi ha molto colpita. Trovi uomini che ti chiedono di passare la notte per 100 dollari: soldi che per loro equivalgono a una paga mensile. Sono soprattutto le donne nordiche ad andarci: lo fanno per divertirsi. Poi, si rischia di creare un corto circuito in questi Paesi islamici; si può incappare nell’impostore, che ti studia e poi ti sistema”. Chi è Virginia? “E’ una industriale che viaggia – racconta il personaggio principale Caverzan – e si reca spesso in Egitto. A una festa

La copertina del romanzo e l’autrice Clara Caverzan

storie di donne. Argomenti che possono essere tabù ma per lei non è così. “Se fossi un uomo – continua la scrittrice – certe domande non me le farebbero. Quando si affrontano certi discorsi, l’uomo è più materialista Inoltre della prostituzione maschile non si parla mai, così come della violenza domestica: per questo le invito a denunciare. Non si deve portar pazienza ma, alle prime avvisaglie, andare subito dalle forze dell’ordine. E’ stato difficile scrivere questo libro, ho dovuto fare molta introspezione nei personaggi, specie Virginia. Qui c’è un sesso più poetico rispetto a Desideria, dove non mi aspettavo tutta quella grancassa mediatica: forse è successo perché ero sindaco. Ora spero che qualcuno scopra la mia scrittura”.

NEWS Eventi

SCORZÈ SUMMER FESTIVAL

T

VO NUO ROOM W SNHUOOVO OM WRO SHO

SERRAMENTI IN LEGNO O PVC SERRAMENTI IN LEGNO O PVC

AA REGOLA D’ARTE REGOLA D’ARTE VIENI A VISITARCI! TROVERAI UNA SELEZIONE DEI MIGLIORI INFISSI, PORTE, MOBILI E ARREDO SU MISURA CON LA QUALITÀ E LO STILE DI SEMPRE VIENI A VISITARCI! TROVERAI UNA SELEZIONE DEI MIGLIORI INFISSI, PORTE, MOBILI E ARREDO SU MISURA CON LA QUALITÀ E LO STILE DI SEMPRE

MASIERO | Via dell’Artigianato 1, 30030 Robegano di Salzano | VE | Tel 041 5740270 | Fax 041 5744224 | www.masieroennio.com MASIERO | Via dell’Artigianato 1, 30030 Robegano di Salzano | VE | Tel 041 5740270 | Fax 041 5744224 | www.masieroennio.com

SABATO APERTO TUTTO IL GIORNO

Il meglio per la tua casa: Il meglio per la tua casa:

ornano anche quest’anno dal 25 giugno al 27 luglio l’iniziativa “Scorzè summer village”, organizzata dal comitato Libertas Regione Veneto, Comitato di Venezia e associazioni sportive. Un mese di centri estivi, rivolti ai bambini dell’ultimo anno dell’asilo e agli studenti delle elementari. Questi si svolgeranno tra l’elementare “Marconi” e la media “Galilei” di Scorzè e la “Pascoli” di Peseggia. Saranno cinque settimane di divertimento per tutti i gusti Ci saranno due percorsi; quello creativo, con i laboratori “Leggo, invento e creo”, “teatro” e “fumetti”, e quello sportivo: arti marziali, pallacanestro, calcio e danza moderna. Si potranno fare rugby, atletica, pattinaggio, ciclismo, tennis e pallavolo. Ma “Scorzè summer village” è “Educazione alla cittadinanza”, grazie alla partecipazione di enti come la Protezione civile di Scorzè, vigili del fuoco, forze armate. Inoltre non mancheranno le giornate al parco acquatico di Noale, al circolo “I ciliegi” di Zero Branco. Le attività si svolgeranno dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30, con una pre-accoglienza (dalle 8) o post-uscita (fino alle 13), per chi desidera. A.R.


19

LO

SPORT in PRIMO PIANO

In breve

Calcio Brutta notizia per il comprensorio

Ciclismo: Il Giro nel Miranese? Il Giro d’Italia anche nel Miranese, perché no? Il comprensorio sogna di ospitare nei prossimi anni una tappa del Giro. L’idea è stata lanciata dall’imprenditore Bruno Carraro, del Gruppo Sportivo Madonna del Ghisallo. Nei prossimi mesi potrebbe esserci un incontro tra i vari sindaci per tentare di gettare le basi: gli appassionati del pedale sono già in fermento.

Calcio: lo Spinea in prima categoria Lo Spinea sale in prima categoria. La finale Play-Off giocata sul neutro di Zero Branco ha visto i gialloblu imporsi per 6-5 dopo un’infinita serie di calci di rigore (addirittura ventidue) contro il Torreselle: decisivo il rigore messo a segno da Lamanna. A Spinea è festa grande e si stanno già gettando le basi per ben figurare in prima categoria.

Basket, vincono i Black Soul Sono i “Black Soul” i vincitori del “Torneo di Basket Amatori”, esteso a tutta la Provincia. La finale giocata nel palazzetto di via Villafranca a Mirano ha visto i miranesi prevalere nel derby contro gli “Smanazzatori”. La finale è stata giocata nel ricordo di Carlo Mirci, il 56enne farmacista miranese scomparso lo scorso dicembre. In finale i figli Alberto e Massimo sono stati protagonisti di un’affascinante sfida in famiglia.

La Miranese è retrocessa di Gabriele Pipia

U

n finale di stagione ricco di orgoglio e determinazione non è bastato: la Miranese, la società calcistica più blasonata tra quelle del comprensorio, è retrocessa dall’Eccellenza alla Promozione. Scelte sbagliate, infortuni, sfortuna e un organico oggettivamente troppo giovane per provare a raddrizzare una nave che già lo scorso gennaio stava pericolosamente affondando: tante le cause che hanno portato al tracollo del club bianconero. Eppure la stagione era partita sotto i migliori auspici, dopo l’ottimo campionato disputato l’anno scorso, quando la Miranese chiuse la stagione ai piani alti della classifica e con la miglior difesa della stagione. Quest’anno però quello splendido giocattolo si è rotto e la società, evidentemente non abituata a gestire una situazione così complessa, ha accettato con onestà il verdetto del campo iniziando già a programmare la prossima stagione. L’annata calcistica era partita discretamente, con sette punti e il primo posto in classifica dopo

le prime tre partite. Sembrava il preambolo per un’altra stagione positiva, ma le due successive sconfitte contro Lia Piave ed Edo Mestre hanno fatto piombare la Miranese in una crisi senza fine. Non sono bastati i tanti giocatori acquistati nel mercato di riparazione invernale, giunti per rimpiazzare pedine fondamentali come Boscolo, Santagata, Mazzaro e Pavan. Nonostante il mare di difficoltà se la squadra non è affondata immediatamente ed ha lottato con ardore fino alla penultima di campionato grandi meriti vanno a mister Maurizio Rossi. Grande carattere e mentalità da professionista (Rossi ha giocato per molti anni in serie A vestendo tra le tante le maglie di Venezia e Vicenza, con cui ha perfino vinto una Coppa Italia da protagonista), ma pure spirito propositivo e tanta disponibilità nel far crescere i giovani. Per dare il proprio contributo ha perfino indossato nuovamente gli scarpini, scendendo in campo nella fase calda del campionato nonostante i suoi 42 anni. Il suo apporto è

Lo stadio comunale stato positivo e con lui in mezzo al campo la squadra ha ritrovato ordine e compattezza, ma ormai la stagione era già stata compromessa nel periodo invernale. E adesso, cosa succederà? Il presidente Paolo Zamengo garantisce che non vi sarà alcuno smantellamento. Sicuramente la Miranese ripartirà da una squadra giovane cercando di dare spazio a qualche interessante prodotto del settore giovanile, ma la volontà è quella di fare comunque un campionato di vertice per tornare il prima possibile nella categoria che più compete ad una piazza come Mirano.

A Spinea

PATTINAGGIO, LA EUROPEAN INLINE CUP E’ STATA UN SUCCESSO

S

pinea capitale del pattinaggio europeo, almeno per un week-end. Domenica 3 giugno, infatti, l’affascinante cornice del Parco Nuove Gemme ha ospitato la prestigiosa European Inline Cup, il trofeo internazionale di pattinaggio corsa. I riflettori si sono dunque spostati tutti su Spinea, che ha saputo accogliere nel migliore dei modi un gran numero di appassionati e moltissimi atleti provenienti da tutto il continente. Un clima festoso e competitivo, un vero e proprio inno allo sport. E, in questa atmosfera suggestiva, PICCOLA ICCOLA  PPALAZZINA   ALAZZINA       non poteva che essere la la protagonista miranese Erika Zanetti, la pluridecorata DI   DI  SSOLE   OLE  Q QUATTRO   UATTRO   UUNITA'   NITA'   campionessa che in questa rassegna ha AMPIO   AMPIO  GGIARDINO   IARDINO  CCONDOMINIALE   ONDOMINIALE   fatto pure da padrona di casa. L’atleta RISCALDAMENTO   RISCALDAMENTO  AAUTONOMO   UTONOMO   della “Pattinatori Spinea” ha ottenuto un NGRESSO   NGRESSO   buon secondo posto nella gara dei 300 SOGGIORNO   OGGIORNO   metri su pista, e il giorno dopo è salita sul CUCINA   CUCINA  AABITABILE   BITABILE   gradino più alto del podio dopo aver domiDUE   DUE  SSTANZE   TANZE   nato la gara più affascinante, i 500 metri BAGNO   BAGNO   su strada. Ma per lei, abituata a trionfi di MAGAZZINO   MAGAZZINO  questo genere, l’aspetto più bello di questi due giorni è stato l’organizzazione del comune di Spinea: “C’è stata un’organizzazione perfetta, è venuta moltissima gente CL  grande EEN   N  GG     ed è stato tutto fantastico, unaCL   emozione – racconta Erika –, in Italia è proprio difficile trovare così tanti spettatori che accorrono per assistere al nostro sport, più delle vittorie è stata questa la sorpresa più piacevole”. Il pattinodromo del parco, uno degli storici circuiti della nostra

Regione, ha visto campioni nazionali ed internazionali sfidarsi in gare di velocità, di resistenza e corsa contro il tempo, ma una vetrina importante è stata destinata anche ai giovani. In gara c’erano tutti i big del pattinaggio azzurro: da Luca Presti a Patrizio Triberio passando per Andrea Zanetti. In tutto erano ben 630 gli atleti, di cui dieci che si sono consacrati almeno una volta come campioni del mondo. Tra pattinatori, addetti ai lavori e accompagnatori erano oltre in diecimila. Ma non è tutto: per l’occasione, il Comune ha anche deciso di mettere un maxi-schermo in via Roma, con tanti passanti che si sono fermati a guardare incuriositi. “Siamo molto soddisfatti per la riuscita dell’evento, il sistema organizzativo è stato impeccabile – ha commentato l’assessore allo Sport Stefania Busatta. – È venuta davvero tanta gente, in una cornice ideale come quella del parco Nuove Gemme. Erika ha dimostrato, ancora una volta, di essere il nostro elemento di punta”. Grande soddisfazione anche Natalino Bonadonna, presidente dell’Ads Pattinatori Spinea: “Ci sono state tantissime adesioni, con tanti atleti italiani nelle primissime posizioni. E il Miranese si è dimostrato all’altezza per ospitare eventi sportivi di tale portata”. A luglio, a San Giorgio delle Pertiche (Pd) si terranno i Campionati Italiani, e anche le squadre del veneziano puntano a fare bella figura. G.Pip.

TEL. TEL. 041-951879 041-951879 WWW.IMMOBILIARECHINAGLIA.IT WWW.IMMOBILIARECHINAGLIA.IT

INTERO INTERO FABBRICATO FABBRICATO COMPOSTO COMPOSTO DA DA PIU’ PIU’ UNITA’ UNITA’ IMMOBILIARI IMMOBILIARI 550 550 MQ MQ C.A. C.A. COMPLETAMENTE COMPLETAMENTE DA DA RISTRUTTURARE RISTRUTTURARE VENDESI VENDESI

TRA TRA TRADIZIONE TRADIZIONE ED ED INNOVAZIONE INNOVAZIONE ABITAZIONI DI DI VARIA VARIA METRATURA METRATURA IN IN ABITAZIONI FASE DI DI COSTRUZIONE COSTRUZIONE FASE AMPIA POSSIBILITA’ POSSIBILITA’ DI DI AMPIA PERSONALIZZAZIONE PERSONALIZZAZIONE VENDESI VENDESI


20 2

VIAGGIO IN

PROVINCIA

“Vacanze sicure” Il Progetto dell’Ulss 14 insieme con Comune, associazioni di categoria e Regione Veneto

VENEZIA

Sanità a misura di turista nelle spiagge di Chioggia

Tre ambulatori nel litorale per le emergenze, un quoad (in zona Diga) per interventi di primo soccorso, potenziamento dei serivizi e accesso ad hoc in ospedale riservato ai turisti: alcuni dei punti qualificanti del Piano di Ornella Jovane

U

na offerta sanitaria efficace e rapida ai turisti che spiaggia, ambulatori attrezzati per il primo soccorso - in scelgono Chioggia e le sue spiagge per la villeg- zona Diga dotati di un quoad per velocizzare e ottimizgiatura. E’ l’obiettivo che si propone il progetto, zare gli interventi - ma anche per medicazioni e per non a caso battezzato “Vacanze sicure”, messo a punto il controllo della pressione arteriosa, posti in posizioni dall’Ulss 14, grazie al contributo della Regione Veneto strategiche lungo il litorale. Essi si trovano all’altezza e alla stretta collaborazione del Comune di Chioggia e dei Bagni Clodia, Granso Stanco e zona Diga ai quali si aggiunge il presidio di Isola Verde. delle associazioni di categoria. Altro obiettivo del progetto - è sempre il direttore Si tratta di una serie di azioni e servizi - attivati generale ad illustrarne le poa giugno fino al prossimo 15 settenzialità - è quello di fornire tembre - volti a rendere efficiente Attivo uno sportello e consona alle esigenze dei vil- per aiutare i villeggianti al turista un percorso ad hoc di accesso alla struttura ospedalieleggianti la sanità locale. Proprio ad orientarsi e un ra, diversificato da quello dell’unei mesi estivi in cui il bacino servizio di traduzione tenza locale. In questo modo se d’utenza cresce smisuratamente, per gli stranieri ne facilita l’accesso, la fruibilità, passando dalla popolazione residente - circa 53mila abitanti - a oltre 300mila persone. garantendo tempi contenuti e risposte efficienti nell’eroNon solo. In questi mesi si ampliano le necessità e si gazione dei servizi. Il tutto senza ostacolare la normale attività sanitaria destinata alla popolazione del posto. diversificano le richieste. Da qui l’attivazione dell’ambulatorio medico e inIl Piano sviluppa le sue risposte in due direzioni. “Innanzitutto - spiega il direttore generale dell’Ulss 14 fermieristico per il turista - assoluta novità dell’estate Giuseppe Dal Ben - portando la sanità fuori dall’ospe- 2012 - situato accanto al Pronto soccorso, cui si agdale, sul territorio per agevolare gli utenti”. giunge anche la segnaletica orizzontale nelle strutture In questo ambito si collocano i tre “Punti salute” in ospedaliere per indirizzare meglio gli utenti in villeg-

giatura che non conoscono bene le strutture. Risponde a questa esigenza anche lo sportello attivato al piano terra dell’ospedale di Chioggia e al Pronto soccorso nei giorni festivi e prefestivi, proprio allo scopo di aiutare i turisti ad orientarsi con più facilità. Il potenziamento di alcuni servizi ospedalieri come Dialisi, Diabetologia, Laboratorio e Cardiologia, nella fondata previsione di un maggior utilizzo durante l’estate, rappresenta un altro dei punti qualificanti del progetto “Vacanze sicure”. Così come lo è il servizio di interpretariato e traduzione multilingue dedicato prevalentemente all’area Urgenza ed emergenza ma anche per sostenere i turisti stranieri nelle pratiche di tipo amministrativo-contabile. Numerose le professionalità coinvolte nel progetto cui hanno in particolare lavorato il primario del Pronto soccorso Andrea Tiozzo e il responsabile del Dipartimento di prevenzione Massimo Boscolo Nata. Compiaciuto è il commento del sindaco Giusepppe Casson che ha elogiato in particolare lo spirito di collaborazione fra enti e associazioni di categoria grazie al quale è stato possibile realizzare questo ambizioso e valido progetto consentendo a Chioggia di presentarsi sul mercato turistico con un’offerta ancora più allettante.

In alto uno dei Punti salute situati in spiaggia. Sotto simulazione di un intervento di primo soccorso in spiaggia con il quoad Dello stesso tono le osservazioni dei consiglieri regionali “chioggiotti” Lucio Tiozzo e Carlo Alberto Tesserin. Quest’ultimo ha osservato: “Noi abbiamo fatto la nostra parte, ora tocca ai turisti decidere per le nostre spiagge, belle e sicure”. Il riferimento è alla psicosi da terremoto che ha provocato non poche disdette anche in Veneto, senza contare gli effetti della crisi...

PSICOSI DA TERREMOTO L’APPELLO DI ZAIA AI TURISTI STRANIERI: “LE NOSTRE SPIAGGE SONO SICURE”

“S

cegliete ancora le spiagge dell’Alto Adriatico. Sono ospitali e sicure”. E’ l’appello congiunto che i tre governatori di Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia - rispettivamente Luca Zaia, Vasco Errani e Renzo Tondo - hanno rivolto ai turisti stranieri per rassicurarli a seguito della psicosi che si è diffusa a seguito del sisma che ha colpito il nord Italia. Una iniziativa che vuole in qualche modo rispondere alle sollecitazioni degli operatori turistici

dell’Alto Adriatico, molto preoccupati dopo le disdette di prenotazioni di turisti stranieri, per lo più tedeschi e austriaci, svizzeri, olandesi e belgi, persino francesi. Confturismo e Federalberghi hanno, dunque, chiesto anche agli amministratori regionali di rassicurare i turisti provenienti d’oltralpe. Un invito subito colto. Di qui l’iniziativa condivisa volta a garantire la sicurezza di una vacanza serena e la qualità offerta dal sistema turistico delle coste nell’Alto Adriatico.

“Nei mesi scorsi - sono le parole di Vasco Errani alcuni territori italiani sono stati toccati da terribili eventi, ma le nostre coste non sono state coinvolte e sono, come sempre, ben attrezzate e pronte a ospitare tutti coloro che, dall’Italia e dall’estero, vorranno trascorrere qui le loro vacanze”. “Rivolgiamo - ha incalzato il presidente veneto Luca Zaia - un appello ai nostri ospiti stranieri affinché continuino a visitarci per evitare una ingiusta penalizza-

zione, che aggiungerebbe danno a danno. Il turismo è una tra le principali industrie dell’Alto Adriatico e incide per svariati punti sugli indicatori economici. Il modo migliore per aiutare chi oggi soffre è di scegliere le nostre località per le proprie vacanze, certi di trovare qui un ambiente sicuro e ospitale. Come sempre”. O.J.


Spazi aperti 21 3 Eventi Tanti appuntamenti con il divertimento in provincia di Venezia

Musica, feste in piazza, parte l’estate Nel capoluogo il Redentore il 14 luglio, notti bianche nel miranese, sagra del pesce a Chioggia, festival del rock a Salzano, “Estate lungo il Naviglio” a Fiesso di Alessandro Abbadir

P

arte l’estate e la voglia di far festa all’aperto, magari in piazza nei vari locali delle “movide paesane”, o anche nei tanti appuntamenti rappresentati da sagre, eventi culturali manifestazioni musicali, “notti bianche”. A Venezia l’appuntamento tradizionale è per metà luglio (il 14) con la notte del Redentore e i tradizionali “foghi” in laguna. A parte la città lagunare che come ogni anno ospiterà decine di migliaia di turisti per l’occasione, anche da altre parti della provincia le occasioni per divertirsi, occupare una serata in modo originale e divertente non mancheranno. Spinea aderirà all’appuntamento delle “Notti Bianche del Miranese”: negozi aperti, concerti e attrazioni di ogni tipo porteranno un clima di festa il 7 luglio. Notti bianche nel comune di Martellago il 21 luglio a Olmo e si concluderà, come da tradizione, nel capoluogo il 28 luglio. Come sempre negozi aperti fino tarda notte di sabato. A Mirano ci sarà il Summer Festival, organizzato dall’associazione Volare nel piazzale degli impianti sportivi. L’evento quest’anno si svolgerà dal 6 al 23 luglio, allungando così la durata della manifestazione. Ci saranno concerti le migliori tribute band ufficiali italiane dei più importanti artisti di fama nazionale ed internazionale, dai

Negramaro a Vasco Rossi, dai Queen ai Pink Floyd. Ma anche le selezioni di Miss Italia, il concorso Miss e Mister Summer Festival, il cabaret con i beniamini di casa, Carlo e Giorgio. Quest’anno il Mirano Summer Festival ospita anche un concorso musicale, il Coorsal Music Summer Contest, che offre agli artisti emergenti un vero trampolino di lancio per entrare nel mondo della musica, con in palio una produzione discografica curata nei minimi particolari. A Salzano da venerdì 20 a domenica 22 luglio si terrà il “Salzano Rock Show”, terza edizione della manifestazione locale organizzata dall’Associazione Tosi De Salsan voluta da Alessio Mazzocco. Chioggia diventerà “capitale” del jazz con l’arrivo del Summer Jazz Workshop, il seminario internazionale di didattica jazz organizzato da Veneto Jazz per avvicinare sempre più pubblico alla musica jazz, a cominciare dai bambini. E’ in programma dal 15 al 22 luglio, negli spazi della scuola elementare G. Marchetti, si svolgerà secondo una nuova formula di otto giorni di full immersion, con lezioni giornaliere, sabato e domenica inclusi e esibizioni finali. In luglio a Chioggia è prevista da venerdì 13 a domenica 22 la tradizionale “Sagra del pesce” che si svolgerà, lungo Corso del Popolo.

ADOTTAMI Lucky. Maschio. Taglia media, circa 15 kg, solo 7 mesi. Quando è arrivato in rifugio aveva una targhetta al collo con scritto: non posso più rimanere dov’ero. Ora Lucky cerca casa e una famiglia.

Orfeo. Bellissimo maschio di circa 3 -4 mesi; futura taglia media. E’ un cucciolo triste ,tutti i suoi fratellini sono stati adottati. Orfeo trascorre le giornate sdraiato dentro una buca e gioca ogni tanto con il cucciolo di turno che arriva. Ozy e Ody. Due meravigliosi fratelli di 4-5 mesi, maschietti. Belli come il sole, buoni come il pane ed esuberanti come i cuccioli che si rispettino…Incrocio pointer-bracco, portamento elegante. Cerchiamo adozione se possibile in coppia. Astenersi cacciatori. Atene. Femmina drathar, circa 2-3 anni. E’ stata trovata in un bosco che girovagava senza meta. E’ stata trovata da una ragazza e portata in canile. E’ docile e mansueta. Verrà sterilizzata presto. Cerchiamo per lei una famiglia. Astenersi cacciatori. Spagna è una setter femmina bellissima, di 4-5 anni. Trovata assieme a sua sorella in campagna. Spagna è molto remissiva e si sottomette con estrema facilità. Nei suoi occhi il terrore e la tristezza. Astenersi cacciatori. Loretta, associazione protezione animali di Chioggia Onlus 3289620233

Una sagra paesana E’ la 75esima edizione di questa storica festa dedicata ai prodotti del mare Adriatico. Dieci giorni dedicati alla gastronomia locale con un ricco calendario di spettacoli, mostre e appuntamenti culturali. In Riviera musica, danza, teatro sulle sponde del Naviglio con la rassegna “Estate Fiessese sul Naviglio”, che fino al 27 luglio porterà particolarissime occasioni di incontro e di divertimento, proposte artistiche dal teatro di strada alla danza urbana, dal teatro brillante al grande concerto. Nel Veneto orientale a Musile va ricordata il 20 luglio la pedalata ecologica “Notte da Lupi”.

NEWS A Marghera fino al 26 agosto

ECCO IL VILLAGE 2012

E

’ partito il “Village” nel parco Panorama a Marghera: l’evento è organizzato dall’omonima associazione culturale che propone spettacoli fino a domenica 26 agosto. La manifestazione si intitola: “una festa che …è la fine del mondo” ispirata alla profezia dei Maya che prevede la fine del mondo il 21 dicembre 2012 . E’ alla quattordicesima edizione. Non mancheranno le bancarelle etniche e gli stand gastronomici. Gli spettacoli iniziano alle 21 a ingresso libero; le aree ristorante e i mercatini aprono alle ore 19. Giorni di chiusura: lunedì 2 e 30 luglio. Martedì 3 Ska-j Venice Ska Jazz “Cielo! Mio marito! 10 anni con gli Ska-J”; il 4 “Marghera Salsera” e poi il 5 “Balla che ti passa”; il 6 “Country Nights”, il Alex Masi e Hard Revue. Il 9 Herman Medrano e Groovy Monkeys rap nostrano; martedì 10 Joyful Gospel Group Gospel e Spiritual; 11 “Marghera Salsera”. Venerdì 13 “Country Nights”; sabato 14 Redentore in jazz; e lunedì 16 gruppo tributo a Vasco Rossi: Fronte del Vasco. Martedì 17 Magical Mystery Orchestra; il 18 “Marghera Salsera” e giovedì 19 “Serata Swing!”. Il 23 Dusk E-Band. Martedì 24 “L’Italia è uno stivale da ballo” Domo Emigrantes musiche del sud Italia e il 25 “Marghera Salsera”. Il 31, “La mente di Tetsuya” con le sigle dei cartoni animati giapponesi. A.A.


22 Mondo scuola

Scuola 5

La manifestazione raccontata dalla V A della scuola elementare N. Saurio di Maerne Il 27 maggio scorso la 17esima edizione

Una “Passeggiata ecologica” da record Gli alunni della V A della scuola primaria Nazario Sauro di Maerne, quest’anno si sono cimentati con il testo giornalistico nelle sue varie sfaccettature. Alla fine di un percorso hanno prodotto un giornalino e da esso hanno estratto questo articolo di cronaca che ospitiamo volentieri nel nostro giornale.

I

l 27 maggio scorso si è svolta la Passeggiata ecologica al Parco Laghetti di Martellago, promossa dal Comitato Genitori degli istituti comprensivi Goldoni e Matteotti. Verso le 10.45, dopo i discorsi delle autorità, i partecipanti hanno cominciato a camminare, seguendo un percorso di 4,5 chilometri, 2,5 per i più piccoli. Quest’anno era la diciassettesima edizione e hanno partecipato più di 1500 persone, un record per la manifestazione che quest’anno era dedicata ai temi ambientali, in particolar modo alle energie ecosostenibili. Molte le associazioni di volontariato che, con i loro gazebo, erano presenti, tra queste Libera, l’associazione di Don Ciotti contro le mafie. Alle 12.30 ci sono state le premiazioni. Per le scuole più numerose è stata premiata la materna statale e la paritaria Virtus et Labor, entrambe di Martellago, la scuola elementare di Olmo e le medie di Maerne.

Ragazzi premiati con iPhone

I

Oltre 1500 partecipanti alla manifestazione di Martellago, quest’anno dedicata ai temi ambientali Per le classi più numerose invece il premio è stato assegnato alle materne sezione Blu della comunale di Martellago, la terza B delle elementari di Martellago, la prima C delle medie di Maerne.Poi c’è stato il pranzo. Nel pomeriggio ci sono state molte attrazioni: orientiring, i cavalli, spettacoli, laboratori e gara fotografica. Alla fine i partecipanti sono stati entusiasti: un’esperienza divertente - raccontano alcuni - e veramente bella. Il ricavato dall’iniziativa servirà a finanziare alcuni progetti didattici delle scuole del territorio.

Concorsi scolastici

l concorso scolastico? Ora premiano i ragazzi con l’iPhone. E’ giunto alla seconda edizione il concorso artistico-creativo organizzato dalla municipalizzata di Jesolo Jtaca S.r.l dal titolo “Sapere è Potere”. Le opere (pittoriche e scultoree) giunte alla commissione giudicatrice dai ragazzi, di età compresa tra i 9 e i 13 anni, sono state 65 e le vincitrici dei sei iPhone promesse sono tutte alunne della media “Michelangelo” di Jesolo. Le opere vincitrici saranno pubblicizzate sugli scuolabus di Jtaca e pubblicate sul sito www.faceschool.it. La decisione di premiare con un iPhone però è stata ritenuta da qualche insegnante e genitore nel Veneto Orientale non del tutto educativa. Intanto si è concluso con il progetto sperimentale “Il Bello e la Musica” promosso da febbraio a giugno, dall’istituto comprensivo “Dante Alighieri” di Venezia con il Ministero dell’Istruzione, assieme alla Provincia, al Comune e alle associazioni musicali con l’aiuto di insegnanti e volontari. L’iniziativa ha inteso promuovere il benessere dello studente a scuola, attraverso varie attività legate alla musica, anche con il sostegno della musicoterapia didattica, un’idea nuova e non convenzionale. Sono stati coinvolti 750 studenti che hanno realizzato oltre 100 incontri e 10 concerti pubblici. A.A.

La passeggiata ecologica: l’arrivo e la premiazione nel grande prato dei Laghetti

TM

CANALE 674 DIGITALE TERRESTRE

accendi la tua giornata La mattina di 3 CHANNEL accende. Inizia bene la tua giornata e fatti incuriosire da personaggi, storie, eventi ed utili consigli. Diventa protagonista con noi condividendo il tuo punto di vista e goditi il meglio della tv in diretta subito al tuo risveglio.

ti aspettiamo trovaci anche su:


Music Company

Associazione di Promozione Sociale Ricreativa Culturale Cell. +39 333 6506899 - musicompany2012@gmail.com P. IVA 01441290291

con la collaborazione del Comune di Cavarzere Assessorato allo sport e al tempo libero

Music Company

Festival Beer LUGLIO 2012

C. SPORTIVO VIA SPALATO CAVARZERE (VE)

VENERDÌ

SABATO

DOMENICA

APERTURA AL PUBBLICO ORE 18.00

APERTURA AL PUBBLICO ORE 18.00

APERTURA AL PUBBLICO ORE 12.00

13 14 15 AUGUSTO DAY

VENICE’S RING ORE 19,00 LOVERDRIVE ORE 20,00 DEPTFORD SOUND TRIBUTE BAND DIRE STRAITS

ORE 22.00

SPETTACOLO DI DANZA ORIENTALE con LAURA ANDREOTTI

GIORNATA IN MEMORIA DI AUGUSTO E DANTE PRESIEDERÀ LA MANIFESTAZIONE

ROSANNA FANTUZZI

ORE 22.00

VELVET DRESS THE GIFT ELISA TRIBUTE BAND U2 TRIBUTE BAND

www.augustoperlavita.it OSPITE DELL’EVENTO

SALVATORE RANIERI

IL CANTANTE DELLA SOLIDARIETÀ

ORE 17.30 SEGNALI CAOTICI ORE 18.30 MERCANTI E SERVI ORE 19.30 ORADARIA ORE 21.00 AIRONI NERI & STATUS SYMBOL

TUTTE LE SERE STAND GASTRONOMICO - INFO: andrea 333.6506899 Parte dell’incasso della manifestazione sarà devoluto in beneficenza all’Associazione “Augusto per la vita” DOMENICA 15: BIGLIETTO INGRESSO € 7,00 (BAMBINI INGRESSO GRATUITO)


FUORI TUTTO SU TUTTE LE MONTATURE ESPOSTE

SCONTO DEL 50% SU TUTTE LE LENTI

C/C EMISFERO - Via Malcanton, 40 - Trebaseleghe (PD)

Offerta valida dal 07.07.2012 al 31.08.2012

SCONTI DAL 30% AL 70%


Cultura provinciale 25 7 Venezia A Cà Rezzonico dal 22 luglio fino al 14 ottobre “Tiepolo nero”

L’arte in mostra durante l’estate La Fondazione Peggy Guggheneim ospita “Ciclismo cubo-futurismo e la quarta dimensione” e “Una visione interiore: Charles Selinger negli anni ‘40” di Roberta Pasqualetto

N

el mese di luglio l’attività espositiva di Venezia non si ferma, e propone alcune mostre interessanti. A Cà Rezzonico, da domenica 22 luglio a domenica 14 ottobre, una mostra dedicata all’opera grafica e alle matrici incise del grande maestro Tiepolo: “Tiepolo nero”. La mostra, nata dalla collaborazione di tre istituzioni, è curata da Lionello Puppi e Nicoletta Osanna Cavadini. Inaugurata al m.a.x. museo di Chiasso nel tardo inverno di quest’anno e trasferita nel mese di aprile all’Istituto Nazionale della Grafica di Roma, approda a Venezia, nelle sale di Ca’ Rezzonico. Si tratta di un’importante occasione di approfondimento su dei materiali artistici tutto sommato ancora poco noti, eppure di assoluta rilevanza per lo studio della storia dell’arte. Matrici e incisioni, le prime, quelle in rame, tutte di proprietà della Fondazione Civici Musei di Venezia e fatte oggetto di un attento restauro da parte dell’Istituto Nazionale della grafica, saranno messe tra loro a confronto, per permettere di valutare

la qualità dei risultati raggiunti da questo straordinario e raffinato autore. Sempre a Venezia, la fondazione Peggy Guggheneim, ospita due mostre: “Ciclismo, cubo-futurismo e la quarta dimensione” e “Una visione interiore: Charles Seliger negli anni ‘40”. La mostra dedicata al ciclismo cubo-futurista è curata da Erasmus Weddigen ed è costruita intorno al dipinto

Entrambe le mostre ospitate presso la Fondazione Guggheneim termineranno il 16 settembre prossimo di Jean Metzinger Al velodromo del 1912, una delle più importanti opere cubiste della collezione Guggenheim. Per far luce sul soggetto dell’opera, saranno esposti altri due dipinti e un disegno di Metzinger sullo stesso tema, oltre a numerosi dipinti sul tema del ciclismo. Come il quadro di Metzinger, così la mostra unisce la passione per

il ciclismo alla questione sulla natura della quarta dimensione, argomento d’interesse e dibattito nella cerchia di Metzinger. Saranno esposti diversi modelli di biciclette, attuali e del passato, insieme alla bicicletta di Einstein per illustrare la teoria della relatività. Materiale fotografico del velodromo di Roubaix, biciclette da corsa vecchie e nuove e altri oggetti legati al dipinto di Metzinger. In mostra anche una scultura sul tema del tempo dell’artista svizzero contemporaneo Paul Wiedmer. La seconda mostra è dedicata a Charles Seliger ed è curata da Jonathan Stuhlman ed è la prima, in Italia, intitolata agli innovativi dipinti che Charles Seliger (1926 – 2009) realizzati durante il primo decennio della sua carriera, ispirati dal Surrealismo europeo che aveva spostato il suo centro d’interesse da Parigi a New York. L’esposizione riunisce oltre trenta dei migliori lavori degli anni Quaranta, provenienti da collezioni pubbliche e private, per tracciare l’evoluzione artistica di Seliger ed esplorare il percorso che lo portò allo stile più maturo

Dal vivo Teatro, musica, cultura e danza

Il dipinto di Jean Metzinger “Al velodromo” del 1912, acquistato da Peggy Guggheneim nel 1945 su cui s’incentra la mostra a cura di Erasmus Weddigen degli inizi degli anni Cinquanta. Entrambe le mostre termineranno domenica 16 settembre. Il costo del biglietto intero è dodici euro; con il biglietto della mostra sul ciclismo si ha diritto a uno sconto sull’ingresso al Museo del Ciclismo-Madonna del Ghisallo in provincia di Como.

NEWS “Lasciati incantare”: il Festival Show promuove il Veneziano

A

nche la musica con i suoi spettaccoli può essere un efficace veicolo promozionale di cultura e di valorizzazione delle “ricchezze” locali da far conoscere e apprezzare ad ampia scala. Ne è convinto l’assessore provinciale alle Attività produttive Lucio Gianni che ha affidato al “Festival Show”, spettacolo musicale di consolidato successo, giunto quest’anno alla dodicesima edizione, la promozione delle produzioni tipiche locali nell’ambito del progetto “Lasciati incantare”. La Provincia si impegna con un investimento di 10mila e 500 euro per far circolare, assieme agli artisti del panorama musicale nazionale e internazionale in tournèe in Veneto per tutta l’estate, il messaggio che “veneziano è buono e bello”. “E’ nostro interesse - ha commentato l’assessore - sviluppare un’azione di promozione e marketing dell’intero territorio provinciale, non solo delle produzioni tipiche locali, ma anche delle peculiarità storiche, culturali e turistiche che qualificano la nostra provincia al primo posto in Italia per numero di turisti, meta preferita di livello internazionale”. La manifestazione, dopo Treviso e Padova, sarà a Belluno, Vicenza, Piove di Sacco, Bibione, Lignano, Mestre, Castelfranco e il 5 settembre a Verona.

Estate, pioggia di spettacoli in provincia di Venezia

Onomastica, nomignoli e curiosità

H

P

a debuttato a Chioggia con la Città dei ragazzi gli scorsi 21 e 22 giugno e interesserà tutta il territorio provinciale nel corso dell’intera estate - fino al prossimo settembre - la rassegna di eventi dal vivo organizzati dal circuito teatrale regionale Arteven in collaborazione con i Comuni di Camponogara, Cavarzere, Chioggia, Cona, Concordia Sagittaria, Fiesso D’Artico, Fossalta di Portogruaro, Martellago, Mira, Mirano, Noale, San Stino di Livenza, Scorzè, Spinea, Torre di Mosto e Vigonovo. Settanta in tutto gli spettacoli che s’inseriscono nell’ambito della programmazione estiva di Reteventi Cultura, Provincia di Venezia Assessorato alla Cultura per l’Accordo di programma Regione del Veneto-Province del Veneto. Teatro, musica, cultura e danza: è ricca la varietà di proposte che intende compiacere un po’ tutti i gusti, da quelli degli adulti a quelli dei più piccoli. E proprio per questi ultmi è pensato il calendario di “Favole sul Ponte. Siediti e ascolta: c’era una volta...” che iniziato lo scorso 25 giugno sul Ponte di Vigo a Chioggia proseguirà fino a 27 agosto prossimo. Cinque storie, non solo per i più piccoli, raccontate e “interpretate” da il Piccolo Teatro Città di Chioggia. Il prossimo 30 luglio si racconta “Le tre melarance”. Il 13 agosto poi sarà la volta de “Le baruffe chiozzotte”: C’era una volta... e ci sono ancora, due buffi personaggi che raccontano una versione completamente riadattata per il giovane pubblico dalle celebri “Baruffe Chiozzotte” di Carlo Goldoni. Infine il 27 agosto si concluderà con “I mistero della ragnatela” tratto dalla favola dello scrittore chioggiotto Mario Chiereghin. Sono quattro gli spettacoli in cartellone nei giovedì di luglio, con inizio alle 21.15, a Fossalta di Portogruaro presso Villa Mocenigo, tra questi da ricordare il 19 “Orlando in Purgatorio ovvero il terzo luogo” interpretato da Silvio Orlando accompagnato dalle musiche dal vivo di Pejman Tadayon e il 26 chiude la rassegna La Piccionaia/I Carrara Teatro Stabile di Innovazione con “L’Avaro in blues” liberamente tratto da “L’Avaro” di Molière.

La locandina degli eventi che fino a settembre animeranno l’estate dei comuni veneziani

A Noale sarà la Rocca dei tempesta a fare da suggestivo sfondo ai due appuntamenti, tutti da ridere, del circuito. Dopo Natalino Balasso, il 6 luglio, nel suo nuovo spettacolo “Stand up Balasso”, sarà la “Serata del disonore” di Paolo Rossi e della sua autobiografia non autorizzata ad andare in scena il 3 agosto con inizio alle 21.15. Si snoda tra comicità e poesia lo spettacolo che verrà proposto a Cavarzere il prossimo 3 agosto alle 21.15 in Piazza Vittorio Emanuele da Circo Puntino di e con Andrea Castiglia e Elisa Zanlari. S’intitola “Effetto caffeina” e si muove tra il genere teatrale e quello del circo, in un curioso e affascinante connubio. Questi soltanto alcuni accenni di un corposo programma che può essere scaricato da internet alle pagine www.arteven.it o www. culturavenezia.it Giovanni Giovetti

“FAMIGLIE E SOPRANNOMI” A CHIOGGIA acchea, Mesabiga, Ghitarin sono solo tre dei 400 nomignoli personali rilevati da Pier Giorgio Tiozzo nel corso delle sue ricerche sull’onomastica chioggiotta. I risultati del suo lavoro sono stati pubblicati in un corposo repertorio: “Famiglie e soprannomi. Saggio di onomastica chioggiotta dal 1700 al 2010”, che raccoglie stemmi, cognomi, detti e nomignoli del territorio comunale. Chioggia costituisce un caso estremamente interessante e unico a livello nazionale per due motivi: per l’uso dei soprannomi legati alla pesca e per i detti anagrafici di Boscolo e Tiozzo, divenuti dal 2010 parte integrante del cognome. I soprannomi, affibbiati per attinenza col mestiere, per le abitudini o l’aspetto di chi li portava, veniva ereditato di padre in figlio. Riconoscerli, capirne l’origine, catalogarli, diventa un veicolo per conoscere la storia della propria gente, il suo ambiente, le caratteristiche sociali del luogo. Tra i cognomi con più di 500 residenti compaiono al primo posto i Boscolo, con 7755 persone, seguiti dai Tiozzo (2403), dai Penzo, Nordio, Perini, Zennaro, Doria, Bullo, Padoan, Vianello, Bellemo, Scarpa, Ballarin, Voltolina, Pagan, Veronese, Varagnolo. Tra i detti più diffusi per i Boscolo vi sono Cegion (641 abitanti), Meneguolo (591 abitanti), Anzoletti (280) e Con-

Il saggio di Pier Giorgio Tiozzo tadin (276). I detti dei Tiozzo vedono spiccare Brasiola (406 abitanti), Fasiolo (294), Netti (225 abitanti). Tiozzo ha utilizzato fonti storiche ma anche il corrente archivio dell’anagrafe per un’analisi approfondita che ha generato una possente mole di dati, complessivamente quasi 3000 voci, precedute da un saggio che descrive con accuratezza le peculiarità della nostra comunità. Marta Boscolo


26 6

IL VENETO

in PRIMO PIANO

In Veneto debutta la Lega 2.0 nel segno di Flavio Tosi

Il Carroccio vuole voltare pagina dopo gli scandali e le sberle elettorali. Il neo segretario: “Ripartiamo dal territorio” di Nicola Stievano

I

l Carroccio veneto sceglie Tosi e cerca di voltare pagina dopo la batosta degli scandali e quella delle urne. La primavera “horribilis” della Lega si chiude con la consacrazione del sindaco di Verona, Flavio Tosi “l’eretico” di rito maroniano. Per molti è la fine di un’epoca anche l’esito della votazione: il fatto che Tosi abbia vinto con “appena” il 57 per cento delle preferenze contro il 43 per cento dello sfidante, l’ex sindaco di Cittadella Massimo Bitonci, conferma che è finita l’epoca delle investiture plebiscitare e del consenso granitico nei confronti del “capo”. Dopo 15 anni dunque nel Veneto la Lega, guidata dal trevigiano Gian Paolo Gobbo, cambia pelle e trova un nuovo assetto, nella speranza di recuperare rapidamente il terreno perduto in questi mesi segnati per lo più dagli scandali “lombardi” ma anche dalle sconfitte elettorali casalinghe. Non è un caso perciò che i protagonisti di questa nuova stagione siano proprio Tosi e Bitonci: due giovani amministratori di lungo corso, entrambi con un forte carisma personale che va oltre la militanza di partito, entrambi con una personalità e un’identità che catalizza consensi e “fa notizia”.

Accanto a loro Luca Zaia, che da presidente della ta migliore, se si deciderà di presentarci, è quantomeno Regione ha cercato di mantenere una certa equidistanza andare da soli”. istituzionale, anche per non compromettere mosse fuBitonci non può fare a meno di osservare che “ha ture. E proprio il vittorioso Tosi elogia Zaia, “un grande vinto Golia, ma Davide ha tenuto la posizione. Tosi ha governatore”. Il neo segretario del Carroccio Veneto avuto l’appoggio di Maroni, io no. Tosi ha avuto più di promette “meno slogan, meno un mese per preparare la sua canproclami e più lavoro sul territorio. “Dobbiamo essere didatura, io solo una settimana. Oa E’ da qui che dobbiamo ripartire: un po’ meno romani, continuerò a lavorare alla mia idea dobbiamo essere un pò meno ro- visto che dalla di Lega, fortemente autonomista, mani, visto che dal governo abbia- capitale arrivano che rivendichi la sua specificità, mo preso solo fregature, e ripartire solo fregature” all’interno di una confederazione di movimenti. Noi siamo veneti abbiadalla nostra gente e dalla nostra mo una storia e una cultura che i lombardi ci invidiano e terra”. Quanto alla segreteria nazionale della Lega la che merita maggiore riconoscimento”. Maurizio Conte, segretario del Carroccio padovano scelta è scontata: “È normale che ci sia un ricambio negli organi del movimento e ci sia un nuovo segretario nonché assessore regionale, guarda al prossimo futuro. federale. - aggiunge Tosi - Deve essere il migliore, quello “Riscrivere la seconda parte della storia del Carroccio che crea più consenso e ha credibilità. E quindi questa non sarà di certo cosa facile, l’elettorato ed i Veneti figura è Maroni”. Quanto al governo Monti confermata hanno la giusta dose di buon senso per capire che le la linea dell’opposizione: “E’ il governo peggiore della torbide questioni degli ultimi mesi hanno riguardato solo storia, una squadra di burocrati strapagati. Difficile, a poche persone e non il movimento. Da qui la Lega sta questo punto, allearci con chi lo sostiene. Quindi la scel- cominciando un percorso nuovo, certo è che una terza

chance alle urne non verrà concessa. Flavio Tosi coagula attorno a sé la Liga Veneta, qualche mugugno è normale nel post congresso, ma gli iscritti veneti sono certo arriveranno alla condivisione delle linee del nuovo segretario per poter raggiungere l’obiettivo federalista. La credibilità si costruisce sugli uomini e sui programmi. Il Governatore Zaia e lo stesso Tosi, in fatto di gradimento, ne sono la prova, ed è partendo dagli amministratori che lavorano sodo e con abnegazione per il proprio territorio che la sfida per questa “Lega 2.0”, la Lega partecipata e delle scelte collegiali, ha inizio”. La deputata Paola Goisis si sofferma invece sulle conseguenze del voto, che definisce una “vittoria amara”. “Ci troviamo di fronte ad un partito diviso a metà, ben lungi dal riconoscere un plebiscito a Tosi. Considerando che la candidatura di Massimo Bitonci è stata costruita in pochissimo tempo, il risultato del gruppo Bossiano è ottimo. E’ indubbio che i giovani hanno auto una parte importante in questo risultato e che hanno votato Tosi riponendo in un speranze ed aspettative di tanti tipi: il tempo dirà se le promesse fatte per avere l’appoggio dei giovani, poi potranno essere anche mantenute”.

TUTTI CONTRO L’IMU PIPITONE (IDV): TASSA DA RIVEDERE IN CHIAVE “PATRIMONIALE”

P

rima la manifestazione dei sindaci dell’Anci Veneto a Venezia, poi quella della Lega Nord a Verona: tutti contro l’Imu, vista come l’ennesima mazzata sulle tasche delle famiglie e delle imprese. Per la verità i sindaci non sono riusciti a portare in laguna molti colleghi così come il Carroccio mantiene posizioni contrastanti sulla tassazione degli immobili. Eppure l’Imu, pagata la prima rata, continua a tenere banco sulla scena politica ed è destinata a condizionare le scelte degli amministratori locali. Dal consigliere regio-

nale dell’Italia dei Valori, Antonino Pipitone, lancia una proposta. “L’Imu andrebbe rivista in chiave “patrimoniale”, esentando completamente il pagamento per la prima casa e valutando delle soluzioni legate al reddito per la tassazione sulla seconda abitazione: si potrebbe agganciarla alla soglia di reddito per l’esenzione del ticket sanitario. Per quanto riguarda la seconda casa - continua Pipitone - è giusto pagarci una qualche imposta, ma vanno

valutate con più attenzione le variabili. Molto spesso la seconda casa non è affatto indice di lusso, ma soltanto il risultato dei sacrifici di una vita, come può essere il caso di un appartamento acquistato per i figli, oppure di un’eredità lasciata dai genitori a persone che di sicuro ricche non sono, ma che subiscono questa Imu come un balzello iniquo”. “Sommamente spropositato - conclude Pipitone - si rivela infine per chi lavora la campagna. Per terreni agricoli, capannoni e rimesse, l’Imu è una stangata micidiale”.

Antonino Pipitone


Il Veneto in primo piano 27 7 La sorpresa Un partito al 20% e che in Veneto ha già vinto

La ribalta del Movimento 5 Stelle di Alessandro Abbadir

I

n Veneto esplode il fenomeno del Movimento 5 Stelle, guidato a livello nazionale dal comico Beppe Grillo che si autodefinisce il “megafono“ del Movimento. Il movimento dagli ultimi sondaggi di giugno è accreditato in tutta Italia circa al 20%. Nella nostra regione dei risultati li ha già ottenuti nelle recenti amministrative, ha portato a casa la vittoria in due comuni: Sarego in provincia di Vicenza e Mira in provincia di Venezia. Comuni che si aggiungono ai due dell’Emilia Romagna e cioè Parma e Comacchio. In provincia di Venezia la sorpresa per la vittoria a Mira è stata grandissima. Questa cittadina di 40 mila abitanti che si trova nella rinomata zona della Riviera del Brenta, è stata per decenni una

PRIMI ATTI

roccaforte del centrosinistra. L’amministrazio- e cioè a poco più del 43 % che aveva preso ne uscente guidata da Michele Carpinetti (del al primo turno. La scossa che ha colpito Mira Pd e sindacalista della Cgil) forte di un 43 da sempre enclave rossa nel Veneto bianco è % dei consensi pensava di avere vita facile epocale. Qui il centrosinistra ha sempre governato dal dopoguerra e vincere agevolmente in poi con il Pci prima e al secondo turno contro ”Un fatto un giovane come Alvise epocale, i cittadini il Pds, Ds, Pd dopo. La Maniero, 26 anni stu- scaricano i partiti giunta è stata presentata prima del voto dallo dente universitario del e votano stesso Beppe Grillo e Movimento 5 Stelle, che se stessi” dal sindaco Alvise Mapartiva da poco più del 17,5%. Le previsioni invece sono state com- niero e in consiglio comunale con il Movimenpletamente ribaltate dal vento antipartitico e to 5 Stelle, si è assistito anche ad un ricamanti casta che spira forte nel Triveneto. Ma- bio generazionale sono comparsi ragazzi di niero al secondo turno è arrivato al 52,2% 18- 25 anni privi di ogni esperienza politica. con 8102 voti, e ha lasciato Carpinetti al palo Il primo sindaco “grillino d’Italia” era stato

eletto con il sistema del turno unico in Veneto quindici giorni prima a Sarego in provincia di Vicenza. Si tratta di Roberto Castiglion, un ingegnere di 32 anni, eletto nel suo comune con 1.045 voti superando di un soffio, venti voti, il secondo piazzato. Il neo sindaco eletto con il 35,2% dei consensi non ha affrontato il ballottaggio essendo Sarego un comune sotto i 15 mila abitanti. I risultati di Parma , Mira , Comacchio e Sarego sono stati salutati da Beppe Grillo e dal suo staff come “un fatto epocale”. “La gente delle solite facce espressione dei partiti – ha detto il comico genovese – non ne può più. Con questi successi del Movimento 5 Stelle, i cittadini senza soldi si sono autofinanziati e hanno votato se stessi”.

CONSIGLI ON LINE, TAGLI E TASSE

C

onsigli comunali on line, telecamere per riprendere i lavori e tanto tanto risparmio con tagli consistenti a quello che viene considerato uno spreco. Sono queste le caratteristiche delle prime azioni amministrative dei grillini nei comuni in cui governano in Veneto. Il “Movimento 5 Stelle” ha assunto poi anche una posizione fortemente contraria alle grandi opere e allo sviluppo edilizio e delle aree industriali ritenuti nocivi per salute ed ambiente. Alle enunciazioni di principio, però si sono frapposti fin da subito ostacoli reali legati a difficoltà di bilancio. E così ad esempio a Mira è stato varato un bilancio che prevede l’imu per la prima casa al 4,4 per mille, quello per la seconda all’8,2 per mille.

Dalle promesse in campagna elettorale dovevano restare ai minimi almeno per la prima casa e cioè al 4 per mille. E si è assistito anche ad un aumento dell’addizionale Irpef. I nuovi amministratori locali eletti in tutti e 4 i comuni del nord Italia, hanno registrato delle difficoltà a completare le giunte. Tutti però hanno ribadito di agire indipendentemente da eventuali direttive di Beppe Grillo, che rappresenta a loro avviso solo un traino, un megafono e non un soggetto che dà ordini e programmi alle realtà locali, che agiscono in base alle esigenze dei rispettivi territori. A.A.

V. Petrarca 11 - Battaglia Terme (PD) Tel. 049 525680 Fax. 049 9101344 termelacontea@virgilio.it www.termelacontea.com

Lo Stabilimento La Contea apre la stagione termale da APRILE a NOVEMBRE. Convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale consente a tutti di fruire di un ciclo convenzionato di terapia termale all’anno presentando la ricetta del Medico di Famiglia o del Pediatra. Il nostro centro termale sito nella bellissima località dei Colli Euganei in provincia di Padova, sfrutta le fonti naturali di acqua ipertermale a 72° supermineralizzata del gruppo salso-bromoiodico, consente a tutti coloro che ne necessitano di accedervi assistiti da Medici specialisti anche SENZA OBBLIGO DI SOGGIORNO.

Lo Stabilimento termale La Contea è una struttura dotata delle tecnologie più avanzate per tutti i tipi di cure termali. • Cure Fangobalneoterapia • Cure Inalatorie • Percorso Vascolare • Cure per la sordità Rinogena • Cure Fisiokinesiterapiche • PISCINE TERMALI


28 Voci da palazzo

Voci da palazzo 11

Enti strumentali Manzato ha dato il via alla riorganizzazione dell’agenzia

Primo atto del dopo Veneto Agricoltura? La nuova realtà si chiamerà Agenzia Veneta per l’innovazione del settore primario. Dal patrimonio si ricaveranno 15 milioni di euro di Fortunato Marinata

L’opinione Clodovaldo Ruffato, Popolo della Libertà

“SPERO CHE I BENEFICI PREVISTI SI CONCRETIZZINO AL PIÙ PRESTO”

L

a ristrutturazione di Veneto Agricoltura delineata dall’assessore Franco Manzato ha il pieno appoggio del presidente del ConsiClodovaldo glio regionale Clodovaldo Ruffato. Della proposta il presidente Ruffato del Consiglio afferma di condividere in particolare la scelta di mettere in capo al nuovo organismo soprattutto l’attività di ricerca e sperimentazione, abbandonando le incombenze di gestione del patrimonio, e il fatto che la prevista diversa organizzazione consentirà di risparmiare somme ragguardevoli, oltretutto in costante aumento. “Mi auguro - annota Ruffato - che i soldi risparmiati rimangano a disposizione del settore agricolo, asse portante della nostra economia e suscettibile di ulteriore sviluppo, in grado quindi di favorire occupazione, soprattutto giovanile. Ora tocca al Consiglio procedere con rapidità alla valutazione e alla approvazione del disegno di legge - conclude Ruffato - così da consentire che i benefici previsti possano concretizzarsi il più presto possibile”. Bond e Bendinelli, Popolo della Libertà

“OCCORRE SALVAGUARDARE PROFESSIONALITÀ E POSTI DI LAVORO”

“A

Nella foto grande la sede di Veneto Agricoltura e l’assessore regionale Franco Manzato

L

’assessore veneto all’Agricoltura, settore primario. Franco Manzato, lo aveva promesso ‘’Ricordo che la Legge finanziaria - ha qualche anno fa e ora lo ha fatto, ha proseguito nel suo intervento Manzato - predato avvio all’iter di smantellamento di Ve- vede espressamente che la Giunta presenti neto Agricoltura. Come lui stesso ha tenuto un disegno di legge di riordino di questa a precisare si è trattato del primo atto, un azienda regionale che, attraverso intervenpronunciamento in consiglio non c’è anco- ti di razionalizzazione e di miglioramento ra stato a breve invece dovrebbe essere la dell’efficienza delle funzioni e dei servizi, Giunta a votare un disegno di legge con il consenta di conseguire significativi risparmi quale iniziare l’iter e nominare un commis- nelle spese di funzionamento. sario liquidatore che procederà con l’azzeSi tratta peraltro solo di una delle tappe ramento dei vertici dell’ente strumentale. del complessivo processo di rinnovamento “In questo momento – infatti ha preci- del sistema pubblico agricolo del Veneto, sato - c’e’ solo un primo testo che ho con- con il quale vogliamo alleggerire apparati, segnato ai colleghi asburocrazia e la relasessori per una analisi “Nessuno tiva spesa, liberando del suo contenuto. Per dei 170 risorse per gli investiogni approfondimento dipendenti menti finalizzati alla di contenuto voglio occupati perderà competitivita’ delle attendere la formale il posto di lavoro” aziende agricole. Quedecisione di Giunta’’. sto significa – ha agComunque sia le linee si azione con le quali giunto - che il riordino riguarda tutti gli enti si interverrà su Veneto Agricoltura sono già strumentali regionali che operano in ambito definite: la gestione delle aree forestali, il agricolo, in un percorso che ha gia’ coinvolto settore dello sviluppo economico e l’area Avepa e le strutture regionali periferiche, da della formazione torneranno in capo alla ultimo la costituzione dello Sportello Unico Regione, mentre per quanto riguarda le Agricolo che proseguirà con la riforma degli quote e le partecipazioni verranno liquidate Enti parco, secondo criteri di efficienza, di e l’intero patrimonio venduto. contenimento dei costi, di eliminazione di Secondo l’assessore non è soltanto il duplicazioni o sovrapposizioni di compiti, in ridimensionamento di un ente per ricavar- coerenza con quanto ha previsto per gli Enti ne una riduzione di spesa ma una vera e Regionali il nuovo Statuto del Veneto’’. propria rivoluzione che toccherà da vicino il Solo con la cessazione dell’’Agenzia,

la Regione risparmierà qualcosa come sette milioni di euro l’anno mentre dalla vendita del patrimonio immobiliare l’assessore conta di ricavare attorno ai quindici milioni di euro, “Somma – ha precisato – che verrà destinata totalmente agli agricoltori”. Nelle risorse che verranno destinate alle aziende agricole ci sono già i quasi due milioni di euro risparmiati dalla chiusura degli uffici agrari, i quasi tre milioni di euro ottenuti dalla cassa depositi e prestiti sotto forma di finanziamenti a tasso agevolato, i tre milioni di euro ottenuti grazie agli accordi con Ismea e gli investimenti strutturali del ministero. “E’ urgente liberare più risorse possibili”, ha commentato l’assessore. Un grande punto di domanda, invece, è arrivato dalle opposizioni in merito al personale e alle eccellenze che Veneto Agricoltura rappresentava nel settore primario veneto. “La riforma non comporterà alcun taglio di dipendenti – ha spiegato l’assessore - parte dei 170 lavoratori verranno trasferiti in seno alla Regione e l’occupazione di quei lavoratori impiegati in rami d’azienda che verranno ceduti a privati o ad altri enti sarà garantiti da accordi sindacali”. Mentre per il futuro dell’ente strumentale Manzato ne ha già anticipato il nome. “Si chiamerà Agenzia Veneta per l’innovazione del settore primario – ha concluso – sarà più agile, meno costosa e più efficiente”.

pprezziamo l’assessore Manzato per il suo impegno e siamo pronti a discutere la sua proposta di riorganizzazione di Veneto Agricoltura, ma alcune questioni devono essere chiare fin da ora: l’operazione si dovrà con- Dario Bond e Davide Bendinelli ciliare con la salvaguardia dei posti di lavoro ma soprattutto con le grandi professionalità cresciute negli anni e che hanno fatto di Veneto Agricoltura un centro di ricerca e di sviluppo riconosciuto sia a livello nazionale che europeo”. La puntualizzazione viene dal capogruppo del Pdl in Consiglio regionale Dario Bond e dal presidente della commissione Agricoltura Davide Bendinelli. “Bene lo sforzo dell’assessore che vuole liberare risorse a favore delle aziende agricole - precisano i due esponenti del Pdl - ma vogliamo anche ricordargli che sempre di più la politica regionale dovrà tenere conto di quegli agricoltori non professionali che integrano con l’agricoltura il loro reddito”. “Sono proprio questi nuovi profili - aggiungono i due - che si occupano per la maggior parte delle nicchie di mercato senza contare lo sfogo per l’occupazione delle famiglie e dei giovani”. “L’importante a questo punto - concludono - è lavorare per costruire l’agricoltura veneta dei prossimi dieci anni con una visione strategica e senza promuovere azioni di macelleria sociale”. Puppato e Azzalin, Partito Democratico

“NON BUTTIAMO VIA IL BAMBINO CON L’ACQUA SPORCA”

A

ttenzione, la fretta è cattiva consigliera e agendo d’impulso si rischia di buttare via il bambino con l’acqua sporca. Lo precisano, in una nota, il capogruppo del Pd Laura Puppato e il vicepresidente della commissione Agricoltura Laura Puppato e Graziano Azzalin Graziano Azzalin, commentando il disegno di legge dell’assessore Franco Manzato che prevede la trasformazione dell’ente Veneto Agricoltura in agenzia e una radicale riorganizzazione dell’organismo. “Se da un lato - scrivono - salutiamo con favore che l’assessore, superando le logiche di appartenenza, riconosca come per anni questo ente abbia operato secondo criteri non sempre in linea con i principi che avrebbero dovuto guidare la sua azione, dall’altro mettiamo le mani avanti perché non stiamo parlando di un vuoto carrozzone, ma di una struttura che svolge importanti funzioni e con preziose professionalità”. Per gli esponenti democratici “è necessario salvaguardare innanzitutto i lavoratori e le funzioni primarie dell’ente”. “Era ormai improcrastinabile - affermano Puppato e Azzalin - una revisione profonda di Veneto Agricoltura sotto molteplici aspetti, ma non bisogna dimenticare che, grazie anche ai centri sperimentali, l’ente svolge un ruolo prezioso per il mondo agricolo veneto e italiano in generale, ragion per cui, visti i tempi di vacche magre, occorre evitare che si cada nell’errore di considerare la ricerca applicata un onere eccessivo e di disperdere un insostituibile patrimonio di conoscenza”. Quanto al capitolo alienazioni, Puppato e Azzalin ribadiscono che si tratta di operazioni che non possono essere fatte a cuor leggero, per evitare che possa ripetersi la vicenda della foresta del Cansiglio. “Se la riorganizzazione degli enti muove solo da ragioni economiche - avvertono Puppato e Azzalin - si va poco lontano perché se non si considerano ruoli e funzioni degli enti strumentali, ogni riforma, anche se animata dalle migliori intenzioni, rischia di nascere zoppa. Ci auguriamo che la proposta tenga conto di tutti gli aspetti che riteniamo non accantonabili: dare vitalità al mondo agricolo veneto, sostenere la ricerca, tutelare le professionalità maturate nell’ente, evitare sacche di spreco e di rendita politica e, soprattutto, offrire un vero sostegno a chi investe nel settore primario. Il resto è propaganda”.


Residenza Saloni Chioggia Per la tua casa vista mare

MONOLOCALE al piano primo di 35 mq. € 90.000

TRILOCALE al piano primo con 2 letto, ripostiglio e loggia € 185.000

BILOCALE al piano secondo vista laguna con una camera € 110.000 e bagno

QUADRILOCALE al piano primo con 3 letto, 2 bagni, ripostigli e loggia € 300.000

UFFICIO al piano terra accanto uffici comunali di mq. 57 (no pianta) € 160.000

UFFICIO al piano terra accanto uffici comunali di mq. 100 (no pianta) € 280.000

Complesso Edilizio Residenziale situato sull’Isola dei Saloni nella città di Chioggia: ubicazione di pregio in prossimità al Centro della Città e affacciato sul mare e su una nuova piazza pubblica. Vicinissino al porto turistico di Chioggia “Darsena le Saline” MODELLO INNOVATIVO DI RESIDENZA Abitazioni organizzata in quattro edifici a corte, corredate di garage nel piano semi interrato, molteplici tipologie di varie dimensioni, in ampi spazi a verde, aperte all’aria e al sole. Adozione di tecniche dell’abitare sostenibile, criteri per abbassare i consumi energetici, sistemi attivi di captazione dell’energia solare con pannelli fotovoltaici e solari, alto isolamento termico e acustico, riscaldamento radiante a pavimento.

* Possibilità di accedere a finanziamenti per acquisto abitazione con spread agevolati, durate massime fino a 20 anni, spese pratica istruttoria e condizioni agevolate.

www.residenzasalonichioggia.it VENDITA DIRETTA. Per info: 349 2353550 ecohouse@email.it


30 Cultura veneta Intervista a Ketra Al secolo Elena Pizzato, artista fetish bassanese

L’allusione ludica interpretata nell’Arte Usa il Pvc e il plexiglass per dare vita a concetti tridimensionali mentre con le bambole indaga la personalità possibili dell’essere umano di Alain Chivilò

K

etra, al secolo Elena Pizzato, Bassanese del 1979 è un’artista poliedrica dove alla tematica del fetish c’è molto di più. Conosciuta al pubblico per i suoi richiami a corsetti e mise delle mistress, porta avanti anche una ricerca sul medium fotografico e sul plexi. La carta dei tarocchi nr 21è l’origine della sua firma artistica, in una personale interpretazione mai provocatoria ma allusiva. Cosa rappresenta per lei il fetish? “Il fetish rappresenta un’estetica accattivante e originale soprattutto per la cura dei dettagli. Mi affascina molto la perfezione e la cura del dettaglio che cerca di andare oltre. Sono creazioni stilistiche e concettuali con un gusto del gotico e del dark che assieme creano un’armonia. Inizialmente, sin dagli studi accademici, sono partita dall’analisi della chirurgia estetica prendendo in mano materiali quali il silicone, i fili per cucire per arrivare a una seconda pelle che è il pvc. Di conseguenza mi sono avvicinata alla dimensione fetish. Comunque la mia attrazione è puramente estetica”. Che materiale utilizza e c’è un richiamo voluto a Castellani?

“Adoro Castellani perché è geniale e puro nella sua creazione dello spazio. Apprezzo anche Bonalumi con le sue estroflessioni imponenti e forti. Per quanto riguarda i miei lavori ho utilizzato diversi materiali per le mie basi. Essendo attratta dai corpi costretti dentro guaine e dal pvc di queste mise che si utilizzano, ho cercato nell’ambiente delle mistress il materiale più adatto, ossia il pvc elasticizzato. Ha una grande tenuta, è lucido e ha un effetto cromatico e tattile che amo. Considero però maggiormente il concetto d’introflessioni, in quanto la borchia va a incidere la gomma che è all’interno. E’ una sperimentazione opposta a quanto studiato. L’effetto bombato che inserisco nelle opere parte da un amore per le imbottiture, come quelle sale particolari ad insonorizzazione zero. Sono dunque corpi contenuti di gomma morbida che inserisco”. Oltre al mondo fetish eventuali nuovi orizzonti? “Ora mi sto concentrando nello studio di materiali, quali il plexiglass e in tecniche fotografiche cogliendo dettagli per renderli evidenti. Per esempio un pannello anche senza lacci, imbottito e borchiato abbinato

Dogana a San Giuseppe di Treviso

“BIDONI” D’ARTE

P

arlare in piena estate di un evento che si svolge a settembre può dar modo di pensare al famoso motto del duo Righeira degli anni ’80, l’estate sta finendo, ma in realtà non è proprio così. Dal 6 al 9 settembre, nella zona Dogana a San Giuseppe di Treviso, si tiene la III edizione del Home Festival a ingresso gratuito. All’interno dell’evento di musica e intrattenimento, l’eclettico direttore artistico dell’Associazione Art Way, Massimo Zanta, propone un interessante percorso d’arte che si svilupperà successivamente in altre piazze d’Italia, concludendosi con una mostra espositiva finale: “SmartCitySmartBarrel-SmartYoung-SmartFuture”. E proprio dalla Street Art che si colorerà l’atmosfera grazie ad artisti writers. Il primo supporto da “sporcare” è un telone di camion militare che partendo dalla tematica dei Beatles verrà dipinto toccando principalmente tre metafore: basta con i vecchi miti perché i giovani vogliono prendersi e costruirsi il proprio futuro, negazione della guerra e della violenza a tutti i livelli e la testa del giovane il cui pensiero è quasi sempre snobbato dalla società. Il secondo medium invece è costituito da bidoni, figuratamente contenitori di rifiuti tossici, che diventano mezzo di comunicazione per rifiutare un futuro “sporco”. Le tematiche da sviluppare sono per esempio la connettività, l’energia, la sostenibilità aziendale, i trasporti, le reti, i social networks e il turismo. Dunque, gli ingredienti ci sono tutti in cui l’Arte di Strada ritorna ad assumere un ruolo meno decorativo ma di approfondimento e dibattito. Al.Ch.

a una stampa su plexi in bianco e nero. Un elemento figurativo unito al pannello di riferimento che creano giuste sintonie. Invece nelle bambole ho creato degli scatti, delle macro atti a evidenziare un aspetto quasi umano in un gioco tra luce e oscurità. Le bambole sono assemblate o già precostituite? “Le bambole essendo figurative sono più provocatorie, ma le guardo invece come aspetto ludico. Da bambole noiose e tradizionali con pizzi e mise classica passo alle mie aggressive, accattivanti e particolari. Operativamente prendo le bambole tradizionali e le spoglio dandole l’aspetto che preferisco. Cambio il modo di vederle passando da un concetto tradizionale al mio più accattivante. Scatto una foto di com’erano inizialmente e una dopo la mia elaborazione, allegando una carta d’identità

La giovane artista e alcune delle sue opere descrittiva con un ruolo e nuove passioni. Creo il vestito, il trucco e i capelli. In sintesi rappresento due lati che una persona può assumere.

Appuntamenti

Terre del Canova e della Duse

S

tiamo vivendo un periodo di completa trasformazione, in cui tutto è in evoluzione e le certezze di un tempo vengono quotidianamente messe alla prova. Partendo da questa constatazione, la Confartigianato AsoloMontebelluna ha deciso di riempire l’estate trevigiana con numerose iniziative culturali volte sia a promuovere il territorio che a creare delle occasioni per riflettere sul tema dal titolo “La transizione: opportunità per l’uomo e l’impresa”. Dal 24 al 29 luglio torna con questo fil rouge il campus conosciuto con il nome di Vacanze dell’Anima. L’iniziativa si articola in sei giornate di incontri, concerti, laboratori di cucina, spettacoli ed escursioni nei Comuni di Asolo, Caerano di San Marco, Cavaso del Tomba, Maser e Monfumo, terre del Canova e della Duse. Il tema centrale sarà declinato nelle sue molteplici sfaccettature grazie alla presenza di ospiti come Natalino Balasso - che aprirà la manifestazione il 24 luglio riflettendo attorno a “Il cambiamento, antica sfida per l’umanità” - e i sindaci Flavio Tosi e Matteo Renzi, che si confronteranno attorno alle transizioni della politica (27 luglio). “La transizione” sarà argomento di approfondimento anche dal punto di vista scientifico, musicale, medico, filosofico, economico, letterario, storico e sportivo: insieme a Balasso, Renzi e Tosi, i protagonisti saranno i biologi Gianni Tamino e Carlo Maurizio Modonesi; Filippo Faes, pianista e direttore d’orchestra; il saggista Maurizio Pallante; Cinzia

Scaffidi, direttrice del Centro Studi Slow Food; l’Associazione AriaNova, l’astrofisico Massimo Ramella; e la compagnia teatrale Ortoteatro. Le giornate prevedono seminari (la mattina) e incontri ed esibizioni (la sera); nei pomeriggi sono programmati un “Laboratorio del Gusto” sul recupero delle antiche ricette della tradizione popolare veneta, proposto da Slow Food; e le visite guidate e le escursioni a piedi o in bicicletta nei luoghi più interessanti e inconsueti dei colli asolani, della Valcavasia e del Montello. Rimanendo in tema di cibo ma con nuovi “attori”, si segnala l’ultima tappa della rassegna Via Dei Sapori che il 31 luglio giungerà a Gaiarine nel parco della settecentesca villa veneta Riello-Pera servendo a tavola i sapori del Friuli Venezia Giulia

in una cucina che si appropria dei primi prodotti di fine estate. Come spiega il presidente di Via Dei Sapori Walter Filiputti “il Friuli Venezia Giulia – antico melting pot culturale, linguistico ma anche culinario tanto che molta della nostra storia è stata “mantecata” in cucina – può davvero raccontarsi attraverso le sue ricette, testimonianze incancellabili di incontri e scontri tra popolazioni, ma anche di convivenze e contaminazioni pacifiche. In Friuli Venezia Giulia c’è un mondo ancora tutto da scoprire; quella che per secoli fu una maledizione – essere ai margini del mondo per secoli – ha poi prodotto, grazie all’impegno di questo popolo, uno scrigno dove sono gelosamente nascoste eccellenze di prima grandezza”. V.M.B.


I nostri esperti 31 L’OTTICO

L’OCULISTA

Occhio e occhiali da sole DOTT. VALERIO CREPALDI Ospedale S.Antonio Padova v.crepaldi@libero.it

Estate, tempo di vita all’aperto, di sport, di sole. Il consiglio degli esperti è di proteggere gli occhi dai raggi solari. Attenzione però: senza protezione delle lenti si può danneggiare la vista con conseguenze sia immediate, sia a lunga scadenza. In ogni caso usare occhiali di scarsa qualità può provocare danni ancora più gravi. Siamo i maggiori produttori d’occhiali e forse anche i maggiori utilizzatori. Secondo gli esperti per la salute degli occhi in spiaggia le lenti blu non sono adatte; al contrario, per filtrare i raggi nocivi, l’ideale sono lenti che vanno dall’ambra al marrone. Spesso noi oculisti mettiamo in guardia dall’eccessiva invadenza della moda nel settore, a discapito di quella che dovrebbe essere la funzione principale dell’occhiale: proteggere i nostri occhi dai raggi dannosi. Quando ci si avvicina all’acquisto di un paio di occhiali vanno seguite regole precise a partire proprio dal colore delle lenti, per passare poi alle classi di filtro e alla forma. Dobbiamo imparare a capire che le lenti hanno il colore della quota di raggi solari che lasciano passare. Per questo quelle da evitare senza ombra di dubbio sono le lenti azzurre e blu che lasciano filtrare proprio i raggi “blu” che, insieme a quelli ultravioletti, sono quelli più dannosi per la retina (degenerazione maculare senile). Bocciatura totale anche per le lenti specchiate poiché la specchiatura serve solo a ridurre la quantità di raggi senza garantire l’incolumità dell’occhio. Al contrario si devono considerare tra le migliori lenti quelle che vanno dal giallo ambra al marrone perché filtrano proprio i raggi solari pericolosi senza alterare la percezione dei colori e quindi la visione. Tra questi due estremi esiste poi una grandissima varietà, che troviamo in ogni negozio di ottica, di lenti verdi e grigie che danno una buona protezione. Le lenti gialle sono indicate in presenza di nebbia perché aumentano la percezione dei contrasti. Le lenti arancione assorbono bene i raggi dannosi per la retina, ma se un po’ troppo scure rendono difficile la guida dell’auto. Le lenti rosa si possono definire totalmente voluttuarie e cioè con funzione puramente estetica e in nessun caso protettiva. Oltre ai colori va tenuta presente anche la classe di “filtro”. La classificazione del filtro corrisponde alle caratteristiche tecniche dell’occhiale. Gli occhiali in classe 0 e 1 sono riposanti e non proprio da sole, con filtro leggero. E’ passando alle classi 2 e 3 che si ha un vero e proprio occhiale da sole che filtra oltre il 50% dei raggi solari. Ed è la classe 4 che assorbe quasi il 100% dei raggi e che va bene sia per chi va sulla neve sia per chi va in barca in mare aperto. Un aiuto può arrivare dalle lenti polarizzanti che eliminano i riflessi, soprattutto in spiaggia o sulle strade assolate. Altra cosa sono le lenti fotocromatiche che variano da sole il potere filtrante in funzione della quantità di irradiazione solare. Il giusto occhiale da sole assorbe le radiazioni negative e cioè raggi ultravioletti UVA e UVB, radiazioni

violette/blu, senza disturbare la visione. La scelta dell’occhiale deve essere conforme alle disposizioni CE. Bisogna verificare la marcatura CE indelebile sulla montatura, la presenza della nota informativa che contiene le caratteristiche della montatura e delle lenti, le eventuali limitazioni d’uso, l’indicazione del grado di protezione dagli UV. D’estate occhiale da sole anche per i bimbi. I più piccoli ancora in culla e fino ad un anno di vita non devono essere esposti alla luce del sole. Quando iniziano a camminare dovrebbero essere protetti da cappellino e occhiali. Non si deve trattare di occhiali “giocattolo” ma di lenti che rispondono ai requisiti delle norme europee. Vanno evitati acquisti al di fuori dei negozi specializzati (bancarelle, cartoleria, edicole, ecc.) perché trattasi di occhiali non conformi alle prescrizioni di legge, che presentano grossi difetti, tali da provocare danni alla vista. Per cui attenzione a non cadere nella trappola del basso prezzo.

Valentino Micaglio

Retinopatia diabetica

Il diabete è una malattia in cui il valore della glicemia (ossia la concentrazione nel sangue di uno zucchero chiamato glucosio) è superiore alla norma e necessita quotidianamente di essere ridotto con una dieta o speciali terapie. Queste si basano sull’uso di iniezioni di insulina o di sostanze, dette ipoglicemizzanti, in pastiglie. Il diabete causa un’alterazione dei vasi sanguigni in tutto il corpo, con una particolare predilezione per i vasi capillari, vale a dire i vasi più piccoli del nostro sistema arterioso. I vasi capillari sono importanti, in quanto portano il sangue ai tessuti scambiando con essi ossigeno e nutrimenti. Il danno che subiscono con il diabete è determinato dall’interazione fra i costituenti della loro parete e lo zucchero circolante in eccesso nel sangue. La retinopatia diabetica è perciò una manifestazione localizzata,

DAL DENTISTA SENZA PAURA È frequente sentire, da parte dei pazienti, che vi sia molta ansia verso le cure odontoiatriche. Al giorno d’oggi i dentisti, in ogni parte del mondo, sono molto attenti all’aspetto della paura e del dolore. Ogni paziente è diverso e ci sono individui ipersensibili; qualcuno resiste ad infezioni gravi e a dolori acuti oppure resta senza denti per anni pur di evitare il dentista. Noi medici abbiamo sentito quindi una necessità clinica di sopperire a queste difficoltà avvalendoci, tra le terapie del dolore, della sedazione cosciente. Si tratta di una tecnica anestesiologica praticata da uno specialista che collabora con l’odontoiatra riuscendo ad annientare l’ansia, la paura, la fobia del dentista. Si possono eseguire in tranquillità riabilitazioni di intere arcate con estrazioni dentarie ed impianti in poche ore posizionando subito i denti fissi estetici. Dopo aver eseguito una attenta analisi delle strutture ossee e nervose attraverso la Tac Dentale si procede in un’unica seduta a fare l’intervento chirurgico e la parte protesica, dando al paziente il comfort di non restare mai senza denti.

oculare, della malattia diabetica. La retinopatia diabetica è la vasculopatia dei capillari retinici e si sviluppa attraverso varie fasi. Inizialmente nelle pareti dei capillari si creano delle zone di indebolimento, alternate a zone di ispessimento. Quando i vasi capillari hanno la parete indebolita possono dilatarsi localmente, formando dei microaneurismi, possono far trasudare la parte liquida del sangue formando un ispessimento della retina detto edema, oppure possono lasciare fuoriuscire delle sostanze grasse che si accumulano nella retina sotto forma di chiazze giallastre dette essudati duri. In altri casi possono rompersi causando emorragie nella retina o nel corpo vitreo, all’interno del globo oculare. La retinopatia diabetica può essere suddivisa in due tipi principali. 1. Retinopatia diabetica non proliferativa: si verifica quando sono presenti perdite di sostanze dai capillari, anche sufficienti a causare edema maculare, piccole emorragie e zone di capillari occlusi. 2. Retinopatia diabetica proliferativa: è caratterizzata nello stadio iniziale da occlusione dei capillari con macchie retiniche a fiocco di cotone. Nella fase proliferativa vera e propria i capillari anormali si sviluppano, stimolati dalla occlusione dei piccoli vasi retinici. A questo punto si possono verificare emorragie, anche gravi, per rottura dei capillari neoformati, e la formazione di tessuto fibroso che contraendosi può esercitare una trazione sulla retina fino a distaccarla. In questa fase può formarsi un’emorragia vitreale. Altri problemi oculari La cataratta è una opacità del cristallino. Le persone affette da diabete possono sviluppare una cataratta più precocemente rispetto ad altri individui della stessa età. In alcuni casi la presenza di una retinopatia diabetica può richiedere particolari accorgimenti in caso di intervento di cataratta e, purtroppo, la sua presenza può rendere meno efficace questa chirurgia. In altri casi, invece, l’estrazione della cataratta è raccomandabile proprio per poter visualizzare la retina e trattare la retinopatia. Il glaucoma è una malattia del nervo ottico che viene danneggiato dalla pressione oculare troppo elevata. In alcuni casi la retinopatia diabetica può insorgere in pazienti già affetti da glaucoma; in altri, la presenza di una retinopatia diabetica può da sola scatenare forme di glaucoma secondario. Pertanto, il controllo della pressione oculare, è quindi una parte molto importante dell’esame specialistico oculistico a cui i pazienti diabetici devono sottoporsi periodicamente.

Bibliografia: Per gentile concessione del Dr. A.Appiotti OTTICA MICAGLIO NOALE >noale@micagliogroup.it<


Messaggio pubbliredazionale

BEACH&ART l’estate all’alexander museum palace hotel A Pesaro torna la vacanza tra ombrelloni e grandi eventi culturali. Si alloggia nell’Art Hotel dove il mare decora pareti e porte delle stanze

Tra mare, cinema, musica, arte sta per cominciare l’estate 2012 di Pesaro, affascinante città del litorale marchigiano, che anche quest’anno inanella una nutrita serie di eventi di prim’ordine, tra cui spiccano il la Mostra Internazionale del Nuovo Cinema (25 giugno - 2 luglio), il notissimo Rossini Opera Festival (10- 23 agosto). E proprio interpretandone l’anima più autentica, l’Alexander Museum Palace Hotel (noto Art Hotel, annoverato fra le opere d’arte della Biennale di Venezia, sponsor dei maggiori eventi pesaresi) propone soggiorni Beach&Art, ritempranti e tonificanti sia per il corpo che per lo spirito, che permettono di abbinare arte e cultura alla tradizionale vacanza al mare, e di godere a pieno lo spirito cosmopolita che anima i grandi eventi pesaresi. Beach&Art, dunque, godendo della lunga spiaggia di finissima arena su cui si affaccia l’Hotel, delle preziose opere d’arte che contiene e delle rassegne d’arte che, ogni 15 giorni, ruotano nei suoi spazi espositivi. In occasione dei grandi eventi Pacchetti con programmi particolari sono proposti in occasione Quando il mare è anche…in camera Non solo. Gli ospiti hanno la possibilità di dormire fra sculture di sirene e animali marini, o tra enormi conchiglie multicolori. Oppure possono inseguire il sogno del calamaro gigante, immersi nel blu profondo di pareti, pavimento e soffitto; o ancora riposare in una suite tutta marinara, Luci del mare, con mobili liberty e quadri di Oscar Piattella fatti di sabbia e fossili, materiali naturali e antichi, autentici elementi della natura; o tuffarsi allegramente, come nella stanza firmata da Regina Stechow, in un mondo di fantasia tra uomini che nuotano con pinne e maschera. Infatti molte delle 63 stanze - decorate da 75 artisti - hanno come tema il mare. Lo stesso tema è ripreso anche

sulle porte, che anticipano lo stile degli interni e conferiscono ai corridoi un effetto museo: le si può scorrere virtualmente sul sito www.alexandermuseum.it e scegliere la camera preferita. Il mare entra prepotente anche nella living room, con le spumeggianti onde create da Davide Dall’Osso, che incorniciano la vista sul mare, ed è un panorama incomparabile da godere a 180 gradi dalla grande terrazza che occupa l’ultimo piano dell’hotel, ombreggiata da un gazebo, dove gli ospiti fanno colazione o, la sera, gustano dolci in abbinamento a selezionati vini e pregiati liquori. Beach&Art _ Pacchetti weekend e settimanali In maggio e giugno: Weekend a partire da 129€ a persona (2 pernottamenti in doppia, prime colazioni a buffet e cene) e Settimane a partire da 450€ a persona (in doppia per 7 giorni, prime colazioni e cene comprese). In luglio: Weekend a partire 160 € a persona (2 pernottamenti in doppia, prime colazioni a buffet e cene) e Settimane a partire da 560€ a persona (in doppia per 7 giorni, prime colazioni e cene comprese). Dedicato all’Educazione il PREMIO D’ARTE RAFFAELLO 2012 Si può esprimere l’educazione con un’opera d’arte? Certamente sì! Ne è convinto Alessandro Marcucci Pinoli, proprietario dell’ Alexander Museum Palace Hotel di Pesaro, che ha dedicato proprio all’Educazione il PREMIO RAFFAELLO 2012, invitando gli artisti ad esprimere la loro creatività attorno a questo tema. “Educazione in tutte le sue forme – spiega - Dall’educazione civica a quella artistica, dalle più sofisticate forme di bon ton al loro opposto, la maleducazione, l’ineducazione e l’inciviltà pura. In una realtà quale è quella attuale in cui regnano maleducazione e volgarità, si sente la necessità di ritrovare il senso della misura, i comportamenti realmente (e non formalmente) educati, il piacere di conversare civilmente, la vera eleganza che non è il lusso ma è determinata dal senso del gusto e del bello.” Cinque le sezioni in cui è articolato il Premio: Scultura, Pittura, Fotografia, Poesia, Racconti brevi o Pièces teatrali. Le premiazioni si terranno nel primo weekend di luglio. Il fine settimana dal 6 all’8 sarà tutto dedicato al binomio Arte&Educazione, con esposizione delle opere in concorso, premiazione dei vincitori di ciascuna sezione, performance. I vincitori saranno ospiti, mentre a tutti gli artisti partecipanti sarà riservato un pacchetto soggiorno a prezzo particolare.

Alexander Museum

Palace Hotel E’ l’unico albergo italiano nella classifica Top Ten dei migliori Design Hotel d’Europa ed è stato inserito fra le Opere d’arte non trasportabili della Biennale 2011. Una “performance permanente”, come ama definirlo il suo proprietario - il Conte Nani Marcucci Pinoli di Valfesina dove ogni spazio, ogni stanza, ogni dettaglio porta la firma di un autore diverso. Nove piani di arte contemporanea, 63 camere firmate da 75 artisti diversi e le parti comuni decorate da altri 25, per un totale di 100 fra pittori e scultori. Ogni camera è trattata come un’opera d’arte a sé stante, realizzata con diversi materiali (dal ferro, al plexiglass, alla resina) e tecniche (dal dripping, alla semplice matita, dal tradizionale affresco al découpage). Ad essere decorate non sono solo le pareti, ma anche i mobili, i soffitti, i pavimenti e i bagni. Le porte, che anticipano lo stile delle stanze, conferiscono ai corridoi un effetto museo, come se ci si trovasse davanti a ben 18 gallerie (tanti sono infatti i corridoi) di dipinti appesi geometricamente alle pareti, proprio come in un museo. Davanti all’hotel spicca una stele di Enzo Cucchi di 16 metri e al suo interno si trova una grande collezione di sculture e quadri dei principali protagonisti dell’arte contemporanea, quali Sandro Chia, Giò Pomodoro, Enzo Cucchi, Mimmo Paladino, Primo Formenti, Arnaldo Pomodoro, Nanni Valentini, Simon Benetton, Mauro Brattini, Gino Marotta, Loreno Sguanci.

Informazioni Alexander Museum Palace Hotel Viale Trieste 20, Pesaro tel 0721 34.441 e mail: alexander@viphotels.it www.alexandermuseum.it


A tavola 33 CUCINA

VINO

Denis Meneghini

CAKE DOLCE ALLE VERDURE CANADESE

I VINI DELLA LIGURIA

HO UNA CONFESSIONE DA FARE: NON HO ANCORA AVUTO L’OPPORTUNITÀ DI DEGUSTARE I VINI DELLA LIGURIA. REGIONE MOLTO AFFASCINANTE, STRETTA TRA IL MARE E I MONTI, SENZA ALCUNA ZONA DI PIANURA, TOTALMENTE INADATTA ALL’ AGRICOLTURA ESTENSIVA E ALL’ALLEVAMENTO, MA MOLTO PORTATA PER LA COLTIVAZIONE DI ORTI E FIORI, DI ULIVI E DI VITI, GRAZIE ANCHE AI RILIEVI CHE OFFRONO UN VALIDO RIPARO AI VENTI FREDDI DEL NORD. FIN DAI TEMPI ANTICHI I VINI LIGURI GODONO DI UN’OTTIMA FAMA, DECANTATI, IN PARTICOLARE, DA FRANCESCO PETRARCA E DAL PAPA PAOLO III FARNESE, MOLTO ATTRATTI ENTRAMBI DAI VINI DELLE CINQUE TERRE E DELLA RIVIERA DI PONENTE. LA NATURA DEL TERRENO IMPONE UN SISTEMA DI ALLEVAMENTO A TERRAZZAMENTI. SI POTREBBE DIRE TRANQUILLAMENTE CHE IN LIGURIA SI PRATICA UNA VITICOLTURA “EROICA”. DA LEVANTE A PONENTE LA LIGURIA HA SUBITO L’INFLUENZA DELLE REGIONI LIMITROFE, E CIOÈ RISENTE L’INFLUSSO PIEMONTESE E TOSCANO. A PONENTE,CIOÈ VICINO AL PIEMONTE, I VITIGNI A BACCA ROSSA CHE SI POSSONO TROVARE SONO IL” ROSSESE” E L’”ORMEASCO”(VARIANTE LIGURE DEL DOLCETTO), E IL “PIGATO”A BACCA BIANCA. NEL LEVANTE, QUINDI VICINO ALLA TOSCANA, I VITIGNI CHE LA FANNO DA PADRONE SONO IL “SANGIOVESE”, IL “CANAIOLO”, IL “TREBBIANO” E LA “MALVASIA”. IL “VERMENTINO INVECE VIENE COLTIVATO IN TUTTA LA REGIONE. I VINI LIGURI PIÙ CONOSCIUTI NEL MONDO SONO IL ROSSESE DI DOLCEACQUA, MOLTO APPREZZATO TRA L’ALTRO DA NAPOLEONE, IL PIGATO E IL CINQUETERRE SCIACCHETRÀ, VINO LIQUOROSO PREZIOSO E MOLTO RARO. I VINI DELLA LIGURIA QUI DA NOI NON SI TROVANO MOLTISSIMO, E MI DISPIACE DAVVERO MOLTO NON AVERE AVUTO IL PRIVILEGIO DI BERNE ALCUNI SOPRATTUTTO PER CAPIRNE L’ESSENZA E IL DURO LAVORO DELL’UOMO. MA CERCHERÒ DI NON FAR PASSARE MOLTO TEMPO, PERCHÉ SONO DELL’OPINIONE CHE IN OGNI CANTINA CHE SI RISPETTI, SIA ESSA BEN FORNITA O NON MOLTO FORNITA,DEBBANO ESSERE PRESENTI I VINI DELLA LIGURIA.

UNA CAKE DI ORIGINE CANADESE, LA CUI VERSIONE TRADIZIONALE PERÒ È DOLCE: FORSE MOLTO PIÙ ZUCCHERO E MIELE NELL’IMPASTO, ED UNA CREMA MONTATA CON FORMAGGIO E ZUCCHERO A VELO PER SERVIRE. NOI ABBIAMO VOLUTO RIADATTARE LA RICETTA AI NOSTRI GUSTI, TRASFORMANDOLA IN UN ORIGINALE ANTIPASTO O UN CONTORNO DIVERSO. NATURALMENTE ANCHE NEL NOSTRO CASO SI TRATTA DI UNO SFORMATO DAI TONI QUASI DOLCI E RIMANE L’ACCOMPAGNAMENTO CON UNA CREMA AGRUMATA, MA MENO SIMILE AD UNA GLASSA PER GUARNIRE LA SUPERFICIE. UN INGREDIENTE CHE ABBIAMO APPREZZATO PARTICOLARMENTE È STATA LA PUREA DI MELE: SEMPLICE E NATURALE, HA CONFERITO QUELLA CONSISTENZA QUASI BAGNATA, ED ALLO STESSO TEMPO QUELLA NOTA ZUCCHERINA CHE CI HA PORTATO A RIDURRE LA QUANTITÀ DI DOLCIFICANTI. PUÒ ESSERE SERVITO A SPICCHI, ACCOMPAGNANDO CON LA CREMA FRESCA DI FORMAGGIO, OPPURE CON LE FETTE GIÀ SPALMATE DI CREMA.

INGREDIENTI PER 5 PERSONE: 178G ZUCCHINE; 117G CAROTE; 100G PUREA DI MELE; 18G FRUTTA SECCA (MANDORLE SALATE E GHERIGLI DI NOCE); 2 UOVA; 100G FARINA AUTO LIEVITANTE; 80G FARINA 00; 3 CUCCH ZUCCHERO; 1 FIALETTA VANIGLIA; ZENZERO; 55ML OLIO DI SEMI; 6G LIEVITO PER TORTE SALATE PER LA CREMA: 125G FORMAGGIO SPALMABILE; SUCCO E SCORZA DI LIMONE; 3 STELI ERBA CIPOLLINA PROCEDIMENTO

MONDARE E GRATTUGIATE LE VERDURE, MESCOLARLE CON LO ZENZERO, LA VANIGLIA, LA FRUTTA SECCA E LA PUREA DI MELE. SETACCIARE LE FARINE CON IL LIEVITO ED AGGIUNGERLE ALLE VERDURE. SBATTERE LE UOVA CON LO ZUCCHERO E L’OLIO, QUINDI UNIRLE AGLI ALTRI INGREDIENTI. AMALGAMARE BENE E VERSARE NELLO STAMPO IN SILICONE. PREPARARE LA CREMA MESCOLANDO IL FORMAGGIO CON IL SUCCO E LE SCORZETTE DI LIMONE, PROFUMANDO CON L’ERBA CIPOLLINA SMINUZZATA. CUOCERE IL CAKE IN FORNO CON FUNZIONE VENTILATA A 180° PER CIRCA 30 MINUTI, ALZARE LA TEMPERATURA A 200° E CUOCERE PER ALTRI 5 MINUTI. SFORMARE IL CAKE, TAGLIARLO A FETTE E SERVIRE CON LA CREMA.

DENISMENEGHINI@ALICE.IT

MANUELA E SILVIA BIZZO

SPIZZICHI E BOCCONI B

Entra nel Team Promomedia! Se hai voglia di crescere professionalmente, con un lavoro stimolante, diventa Agente Promomedia! Diventare Agente Promomedia significa abbracciare una professione indipendente, un nuovo lavoro con ottime possibilità di guadagno. Offriamo rimborso spese e alte provvigioni, formazione e training, un gruppo di lavoro serio, motivante e mezzi accreditati e di sicuro ritorno. Per informazioni

800.46.50.40

invia il tuo curriculum a: personale@promomedia.it

Un’offerta pubblicitaria unica nel Nord-Est L’informazione locale a casa tua

Il free magazine di moda e tendenza

Il magazine dei grandi eventi

La TV del trasporto pubblico

I nostri mezzi di comunicazione, insieme o singolarmente, permettono di scegliere i destinatari da raggiungere, di mirare le campagne pubblicitarie ad un target ben definito e di differenziare il messaggio.

La Piazza, Look, MobyTV: impossibile passare inosservati!

Via Svezia, 9 Padova - tel. 049 8704884 fax 049 6988828 - www.promomedia.it


34 Oroscopo ARIETE 21/03 AL 20/04

DAL

FASCINO ALCUNE DISPUTE VI RENDONO AGGRESSIVE COME TIGRI: ATTENZIONE ALLE ZAMPATE, POTRESTE FERIRE CHI NON LO MERITA · S ALUTE E’ TEMPO DI VACANZE NON RIMANDATE A LUNGO. AVETE PROPRIO BISOGNO DI UNA PAUSA. MEGLIO LA MONTAGNA RILASSANTE

TORO

DAL 21/04 AL 20/05

F

A S C I N O

L’EROS

È L’ELEMENTO CHE VI INCOLLA AL PARTNER MA LE INCRINATURE CHE CI SONO FRA VOI VANNO AFFRONTATE · S ALUTE L’AFA ESTIVA POTREBBE CAUSARVI LIEVI MALORI. BEVETE MOLTO, MANGIATE FRUTTA E ASSUMETE MOLTI SALI MINERALI

Oroscopo PERCHÉ LA REALTÀ SIA PIÙ

SIMILE AI TUOI SOGNI AFFIDATI

FASCINO PREFERITE I LEGAMI PIÙ CEREBRALI ALLE UNIONI BASATE SU CHIAREZZA E COERENZA ANCHE SE VI ATTRAGGONO PERSONE ECLETTICHE · S ALUTE I PIÙ CORAGGIOSI POTRANNO SENTIRE IL RICHIAMO DI QUALCHE PICCOLO INTERVENTO ESTETICO: QUESTO È IL MOMENTO GIUSTO

ALL’ISTINTO PIÙ CHE AL CUORE www.volkswagenservice.it

SAGITTARIO DAL 23/11 AL 21/12

FASCINO ACCETTATE OGNI SFIDA E SIATE AUDACI. VINCERETE SU TUTTI I CAMPI DA GIOCO IN CUI VI CIMENTERETE AMMALIANDO CHIUNQUE · S ALUTE SIETE PRESI DA UNA STRANA RILASSATEZZA CHE PERÒ NON DOVRÀ SPINGERVI A UNA GESTIONE IRRAZIONALE DELLE ENERGIE

L’AUTOSTIMA VA A PICCO E CIÒ NON VI FAVORISCE IN AMORE. CERCATE DI FREQUENTARE PERSONE DIVERTENTI E LEGGERE · S ALUTE NON BUTTATEVI GIÙ PER QUALCHE DÉFALLIANCE: AVETE SOLO BISOGNO DI RIPOSO. SCEGLIETE UNA BELLA PINETA LUNGO IL MARE FASCINO

CANCRO DAL 22/06 AL 22/07

CAPRICORNO DAL 22/12 AL 20/01

FASCINO SE SIETE AMANTI DELLE SITUAZIONI PASSIONALI E TEMPESTOSE, TROVERETE PANE PER I VOSTRI DENTI. VALUTATE CON ATTENZIONE · SALUTE UNA VISITA A UN CENTRO BENESSERE SARÀ UN TOCCASANA PER EVENTUALI PATOLOGIE O DISTURBI AI BRONCHI O ALLE ARTICOLAZIONI

FASCINO GRANDI

OCCASIONI PER I SINGLE, MA ANCHE PER CHI RIUSCIRÀ A RECUPERARE DIALOGO E INTESA CON IL PARTNER · S ALUTE SARETE CURIOSI DI PROVARE TUTTE LE ULTIME NOVITÀ IN FATTO DI TERAPIE ALTERNATIVE E DI ESERCIZI DI FITNESS

VERGINE DAL 24/08 AL 22/09

FASCINO NON

ATTRIBUITE ALLA FORTUNA UN VALORE DETERMINANTE. ATTENETEVI AI FATTI E SARETE SORPRESI DEI RISULTATI · S ALUTE VOLONTÀ ED ENERGIA NON VI FARANNO DIFETTO. ALTERNATE GLI ESERCIZI DI POTENZIAMENTO A MOMENTI DI ATTIVITÀ PIÙ LEGGERA

FASCINO ARRIVA LA LEGGEREZZA, AVEVATE BISOGNO DI RIPRENDERE A SOGNARE, ANCHE SOLO DI SINTONIZZARVI SU ATMOSFERE DIVERSE · S ALUTE FAVORITE LE DISCIPLINE CHE CREINO UN PONTE TRA IL MOVIMENTO FISICO E L’INTERIORITÀ: TAI-CHI, KARATE, YOGA

SCORPIONE DAL 23/10 AL 22/11

GEMELLI DAL 21/05 AL 21/06

LEONE DAL 23/07 AL 23/08

BILANCIA DAL 2 3/09 AL 22/10

FASCINO LA VITA IN COPPIA È UNA MAGIA FATTA DI PAROLE DOLCI, COCCOLE… OGNI TANTO PERÒ PROVATE A STACCARVI! · S ALUTE NUOVE ENERGIE VI CONSENTONO PERFORMANCE SPORTIVE DA RECORD. PECCATO CHE SIATE MOLTO NERVOSI E DI MALUMORE

Preferiamo ripetervelo: siamo aperti anche ad agosto.

ACQUARIO DAL 21/01 AL 19/02

FASCINO AFFASCINANTI STRANIERI VI INVITERANNO IN QUALCHE LONTANO LUOGO INCONTAMINATO. SEGUITELI CON SLANCIO OCCHIO ALLE SCOTTATURE · SALUTE SEGUITE UN RITMO SONNOVEGLIA IL PIÙ REGOLARE E PREVENITE QUALCHE PROBLEMA RESPIRATORIO CON TERAPIE DOLCI

Perché la tua Volkswagen sia sempre una Volkswagen. Volkswagen Service.

PESCI DAL 20/02 AL 20/03

FASCINO CERTI RAPPORTI SONO ORMAI LOGORI COME UNO STRACCIO USATO. APRITE PORTE E FINESTRE E USCITE, FUORI C’È NUOVA VITA · S ALUTE SIETE TONICI COME MELE COTTE! SMETTETE CON I BAGORDI DELL’WEEKEND E VIVETE DIMENSIONI PIÙ SANE E DISINTOSSICANTI

Scantamburlo Automobili S.r.l. SCORZÈ (VE) Via Venezia, 165 Tel. +39 041 446029 Fax +39 041 5840255 - info@scantamburlo.it

AperturaAgosto12_135_5x196C.indd 1

18/06/12 14:27


Un grande contenitore imprenditoriale ma non solo. Oltre 40 aziende a Vostra disposizione per offrirVi un servizio di alta qualità, con un interlocutore serio, preparato ed organizzato. Nuove costruzioni, ristrutturazioni, bonifiche, servizi di manutenzione, riparazioni grandi e piccole, la gestione del patrimonio immobiliare e l’erogazione di servizi non sono più un problema...

ANCHE IN REGIME DI GLOBAL SERVICE… E DI PRONTO INTERVENTO

☎ 049 723866 Pittori e dipintori edili- Isolamenti acustici e termici - Cartongessi Pavimenti e rivestimenti in pietra, ceramiche e legno Realizzazione e manutenzione di parchi e giardini Studio tecnico civile – Tutte le pratiche edilizie, dalla progettazione alla Direzione lavori – Perizie Azienda di servizi tecnico-commerciali – General Contractor – Promozione – Marketing – Sviluppo Servizi ecologici – Espurgo pozzi neri – Bonifiche ambientali – Smaltimento fanghi industriali Impianti elettrici civili ed industriali – Automazioni – Antifurti – Impianti Sat e Cablaggio reti Impianti antincendio e tecnologici Nuove costruzioni – Ristrutturazioni – Risanamenti – Restauri – Ampliamenti – Civili ed industriali Impianti idraulici, riscaldamento e solari termici Carpenteria metallica – Serramenti per esterni – arredo interno in acciaio Serramenti interni in legno e pvc – Mobili su misura Impianti fotovoltaici – Illuminotecnica e innovazione energetica - Impianti di energie alternative

info@consorziovenetocostruttori.it - www.consorziovenetocotruttori.it Consorzio Veneto Costruttori e Servizi S.r.l. Via Istria 55, 35135 - Padova Tel. +39 049 723866 - Fax +39 049 2611817


Area RELAX con 2 piscine, zona solarium e il bar, è il luogo ideale per abbronzarsi, nuotare o prendere l'aperitivo a bordo vasca in un riposante ambiente acquatico 10 10

99

Area sport CAMPI DA CALCETTO su erba • BEACH-VOLLEY BASKET • FOSSA DEI LEONI • PING PONG

55

10 10

Area GIOCHI GIOCHI GONFIABILI • VASCA CON 15.000 COLORATISSIME PALLINE • RETI ELASTICHE • SCIVOLI E ALTALENE

44 88

Castelli di Sabbia una simpatica area di sabbia dedicata ai bambini con giochi, fontane e spruzzi

77

11 11

12 12

per le Famiglie 99

ad AQuaestate

Zone tranquille e ombreggiate da alberi, con gazebi riservati al pic-nic e ai momenti di relax. Il sabato e la domenica è il posto ideale e comodo per trascorrere una giornata in allegria.

Nei giorni festivi: SPECIALE PROMOZIONE FAMIGLIA!

Servizi • 2 punti Snack Bar e Gelateria • Ombrelloni su prati e aree pic-nic con gazebo disponibili gratuitamente (fino ad esaurimento) • Noleggio ombrelloni con brandine e sdraio • Spogliatoi con docce calde gratuite • Ampio parcheggio gratuito • Servizio di Primo Soccorso con defibrillatore


La Piazza Venezia sovracoperta_Layout 1 12/05/12 09:06 Pagina 1

DIVERTIMENTO E RELAX

800907 5 . 1 4 0 T i o g r i i n t i t 9 u . 3 t 0-19. o t r 0 e 0 p a el

La Piazza del Miranese nord - 2012giu n73  

La Piazza del Miranese nord - 2012giu n73

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you