Page 1

The first international magazine for surface treatments

2011 2nd YEAR Bimonthly N째10-July www.ipcm.it


Coatings by BASF protect surfaces and give them color and luster. For Automotive OEM A passion for coatings coatings, automotive refinish coatings, industrial Coatings by BASF protect surfaces and give coatings and decorative paints our customers them color and luster. For Automotive OEM rely on our ability to provide intelligent solutions coatings, automotive refinish coatings, industrial that will improve their products. Whether it is coatings and decorative paints our customers research and development or production and rely on our ability to provide intelligent solutions service – you can depend on BASF Coatings that will improve their products. Whether it is worldwide. research and development or production and

service – you can depend on BASF Coatings worldwide. BASF Coatings SpA Via Marconato, 8 20811 Cesano Maderno (MB) - Italy +39 0362 5121 www.basf-coatings.com

Coatings Solutions

The Chemical Company

A3

A3 GmbH

A passion for coatings


JULY2011 EDITORIAL ANALYSIS

04

The Dialogue Between the Planners and the Paints World: the Back Selling Stage Il dialogo tra mondo dei creativi e mondo delle vernici: la fase di back selling

BRAND-NEW HIGHLIGHT OF THE MONTH

28

The Language of Finishing: Between Functions and Aesthetics of the Architectural and Product Design Finishes Il linguaggio della finitura: percorsi fra funzionalità ed estetica delle finiture per architettura e design di prodotto

INTERVIEW

30

Renato Chiesa, CEO of BASF Coatings Spa, presents “Coatings Home”, the integrated structure for the Italian market Renato Chiesa, AD di BASF Coatings Spa, presenta “Casa Coatings”, la struttura integrata per il mercato italiano

FOCUS ON TECHNOLOGY

CONTENTS

36

Reliability, Quality and Reduced Pollution in the Shotblasting of Mechanical Parts Affidabilità, qualità e ridotto inquinamento nella granigliatura di carpenteria meccanica

42

Fast, automated colour change in the painting of aluminium sheets and profiles. Cambio colore rapido e automatizzato nella verniciatura di lamiere e profili d’alluminio.


JULY2011 FOCUS ON TECHNOLOGY

48

Capacity and Quality up, Costs Down: the Powder Coating System as Cost-Saving Alternative to Liquid Coating Systems Produttività e qualità in salita, costi in discesa: sistema di verniciatura a polveri come alternativa ai sistemi liquidi

54

The Finishing as an Added Value for the Plastic Control Panels of the Household Appliances La finitura come valore aggiunto nei pannelli di controllo in materiale plastico per elettrodomestici

INNOVATIONS: PRESENT&FUTURE

58

High Anti-Corrosion Protection With Misting Systems Using Nanotechnological Products Elevata protezione anticorrosiva con i sistemi di nebulizzazione di prodotti nanotecnologici

TRADE FAIRS & CONFERENCES PAINTEXPO EURASIA_ PRODUCTS SHOWCASE ZOOM ON EVENTS STANDARDS & LEGISLATION UCIF Informs

86

The New European Standardisation System is on the Home Straight In dirittura di arrivo il nuovo sistema normativo europeo

BUSINESS TRAINING

CONTENTS

88

How to Cope With the Environmental Change: the Environmental Analysis Come fronteggiare il cambiamento ambientale: l’Analisi dell’Ambiente


Metalchem-Dexter Ltd

Metalchem-Dexter CZ Ltd

Dexter Prokim Ltd

Dexter India Ltd

Dexter Rus OOO

NP Dexter South America Ltd

(HUNGARY)

(CZECH REPUBLIC)

(TURKEY)

(India)

(RUSSIA)

(Brazil)


EDITORIAL by Paola Giraldo

T

he corporate image and communication are gaining more and more importance even within companies that have so far paid little or

TITOLO ................ ................ no attentionINGLESE to them. This is a................ direct consequence of two factors: on the one hand, the opening of the global market which created such a climate of competition that strengthening one’s brand and making it recognisable by every possible means has become a survival Titolo italiano

factor; on the other hand, the increase of the media and communication platforms (think at the role of the social media or the mobile technologies in the brand positioning process) which forces the companies to become more innovative and bold in their promotional activities. Nowadays, everything is communication: from the packaging to the events, from the sponsorships to the technical publications. Communication and image are tools to attack the market, win the customers, raise the value of a product and assert a brand. The problem is that these strategic activities are too often delegated to people who lack the necessary skills and professionalism in the field of communication and marketing. That is why the communication and media planning agencies play a key role: they do not only purchase advertising spaces, but also collect data and share them with the client companies, help them to make decisions, monitor the segment of the chain from the information to the results measurement and establish worthwhile relationships with the newspapers, the associations and the university institutions. When viewed in this light, a proficient communications agency can potentially handle the most important item of the budget of a company and enable a real business partnership with it for the achievement of its corporate goals. Moreover, to rely on a communications agency or an experienced consultant also means to equip oneself with all those basic tools which are essential for a company that wants to “communicate well”: an archive of quality photographs, an effective and up-to-date website, a coordinated image which is consistent with the company’s market, the logo usage manual and the production and dissemination of clearly drafted articles and press releases, containing a truly value-added information for the readers and not merely repeating the name of the company as many times as possible. In other words, this should be a “toolbox” helping a company build a lasting capital value through communication.

L’

immagine e la comunicazione aziendale acquisiscono sempre maggior rilievo anche all’interno di aziende che fino ad oggi vi hanno prestato scarsa o nulla attenzione. Questa è una diretta conseguenza di due fattori: da un lato l’apertura del mercato globale che ha creato un clima di competizione tale per cui rafforzare il proprio marchio e renderlo riconoscibile attraverso tutti gli strumenti a propria disposizione è diventato un fattore di sopravvivenza. Dall’altro, la moltiplicazione dei media e delle piattaforme di comunicazione (pensiamo al ruolo dei social media o delle tecnologie mobile dal punto di vista del posizionamento della marca) obbliga le aziende a diventare sempre più innovative e coraggiose in ambito promozionale. Oggi tutto è comunicazione: dal packaging agli eventi, dalle sponsorizzazioni alle pubblicazioni tecniche. La comunicazione e l’immagine diventano in questo modo strumenti per aggredire il mercato, conquistare il cliente, innalzare il valore del proprio prodotto e affermare la propria marca. Il problema è che troppo spesso queste attività strategiche sono demandate al “fai da te”, a persone prive delle necessarie competenze e per cui la comunicazione e il marketing non sono l’occupazione principale. Ecco perché quello delle agenzie di comunicazione e pianificazione media è un ruolo strategico: l’agenzia non si limita ad acquistare spazi pubblicitari ma raccoglie dati e li condivide con l’azienda cliente, la aiuta a prendere decisioni, monitora quel segmento della filiera che va dall’informazione fino alla misurazione del risultato, intesse rapporti proficui con le testate giornalistiche, le associazioni di categoria, gli enti accademici. Se vista in quest’ottica, un’agenzia di comunicazione competente può potenzialmente gestire la voce più importante del budget dell’azienda e attivare con il proprio cliente una vera e propria business partnership volta al raggiungimento degli obiettivi aziendali. Non solo: affidarsi a un’agenzia di comunicazione o a un consulente esperto significa anche dotarsi di tutti quegli strumenti di base imprescindibili per un’azienda che vuole “comunicare bene”: un archivio di fotografie di qualità, un sito web efficace e aggiornato, un’immagine coordinata coerente con il proprio mercato, il manuale di utilizzo del proprio marchio, la produzione e diffusione di articoli e comunicati stampa chiari e ben scritti, contenenti un vero valore aggiunto informativo per il lettore e che non si limitino a ripetere il nome dell’azienda cliente il maggior numero di volte possibile. Insomma, stiamo parlando di una “cassetta degli attrezzi” che aiuti un’azienda a costruire con la comunicazione un valore capitale resistente nel tempo.

Alessia Venturi Editor-in-chief / Direttore Responsabile

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

3


THE DIALOGUE BETWEEN THE PLANNERS AND THE PAINTS WORLD: THE BACK SELLING STAGE Il dialogo tra mondo dei creativi e mondo delle vernici: la fase di back selling Maurizio Dori

I

Maurizio Dori

4

n this third and final article we will deal with what is commonly referred to as back selling. This term broadly refers to all after-sales support activities. In our case, the back selling stage is linked to the whole organisation needed to keep, manage and motivate the contacts generated from the previous stages, i.e. the approach and the involvement of the designers in the culture of paints, seen as suitable for the implementation of the projects and their maximum value. The back selling activities imply the creation of a genuine organisation of people with different tasks, able to keep in contact with the people met on any occasion (company meetings, conferences organised within an event, sector events and so on). Simply stated, the meeting between a designer and a Company causes a spark of common interest. As in real life, usually the spark has a very short life and dies, if not supplied with adequate fuel. The back selling is the straw turning the spark into a stable fire that will continue over time according to precise rules which will be explained later. We have mentioned a genuine organisation of work and people. At this stage, creating a group devoted to a very precise goal is crucial. A Company should assume, at this point, to have to make a real investment, higher than the ones previously mentioned for other activities. As already stated, an investment must always be assessed on the basis of the expectations of return and of the disposable income, usually based on the operating margin that the products ensure. We already know that the field of liquid coatings usually offers higher operating margins and investments, while the field of powder coatings offers fewer opportunities for investment. Therefore, the following content should be evaluated by the reader according to the field in which he operates and to the investment opportunities related to this field. In this treatise, we will focus on the most cost-conscious solutions, assuming that with more resources it is possible to achieve results in less time or with a higher business impact. Let us start from the beginning. We have created an internal structure which roused the interest of designers and architects (as well as companies from the sector, obviously). The meetings have

N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

I

n questa terza ed ultima parte del nostro intervento trattiamo quello che viene comunemente indicato con il nome inglese di back selling. Il termine indica, in modo semplicistico, tutte le attività di supporto successivo alla vendita. Nel nostro caso l’attività di backselling va riferita a tutta l’organizzazione necessaria a mantenere, gestire e motivare proprio quei contatti generati dalla precedente attività, quella cioè di avvicinamento e interessamento dei designer alla cultura del prodotto verniciante, inteso come vestito idoneo alla realizzazione dei progetti e alla loro valorizzazione massima. Fare attività di back selling significa creare una vera organizzazione di persone, con compiti diversi, che sia in grado di mantenere i rapporti nati da un incontro più o meno casuale (il meeting in azienda, la conferenza organizzata a margine di un qualche evento, la partecipazione a manifestazioni settoriali o altro). Per fare un esempio molto semplice, l’incontro tra designer e Azienda provoca una scintilla di interesse comune. Come nella realtà, la scintilla ha di solito una vita brevissima e si estingue, se non alimentata con un adeguato combustibile. Il back selling corrisponde alla paglia che permette alla scintilla di dar vita ad un fuoco stabile che continuerà nel tempo secondo regole ben precise che spiegheremo nel corso della trattazione. Abbiamo accennato ad una vera organizzazione, di lavoro e di persone. In questa fase diventa strategico creare un gruppo dedicato alla realizzazione di un obiettivo molto preciso. Si può quindi presumere di dover, a questo punto, passare ad un vero e proprio investimento, più alto di quanto indicato in precedenza per le altre attività. Come già detto, l’investimento deve essere sempre valutato sulle aspettative di rientro e sulla reale disponibilità economica, di solito misurata sul margine operativo che i prodotti offrono. Come già detto, il settore delle vernici liquide offre, di solito, margini operativi ed investimenti più ampi. Quello delle vernici in polvere invece offre minori possibilità di investimento. Pertanto tutto quello che tratteremo in seguito dovrà essere valutato dal lettore a seconda della realtà in cui si muove e delle possibilità di investimento correlate a tale realtà. Nel corso della trattazione manterremo maggior attenzione a soluzioni più attente al costo, dando per scontato che avendo maggiori risorse si riescono ad ottenere risultati in minor tempo o di maggior impatto aziendale. Procediamo con ordine. Abbiamo creato una struttu-


ANALYSIS motivated this interest and, at best, during the first six/eight months we were able to identify at least 150 people with whom to keep in contact. This number may be even higher if the presentation activity is carried out together with a limited call centre activity (this too can be handled internally: a sales department employee can be charged with making telephone calls with specific questions a couple of times a week for at least one month or two). If we add to this number also the business cards collected at some recent events (trade fairs, trade shows, industry events), we may well come close to 400 contacts. The first goal is thus achieved: we finally have a real database, with a higher quality than the lists which can be bought cheap on the internet. Our database consists of real names and of companies operating in the field in which we are interested (and if it is carefully implemented, we will also already have the privacy permissions that will allow us to carry out the contact activity without legal risks). Moreover, all of them have already expressed interest in our Company and our products. What should we do now? The biggest mistake would be to handle this precious heritage through our sales team. Or, even worse, through the agents working on the field. They all have clear tasks and well defined working mechanisms. No agent in the world will invest a few “precious” hours to visit an architect and offer him some technical solutions for his projects. The time spent is not rewarded with orders (if not in the long term), which is the aim of any agent. We even dare to say that, if an agent ever demonstrated interest in such an activity, a good sales manager should doubt his ability, in the interest of the Company. As for the internal sales structure (area manager, sales manager or product manager) the results would be slightly better but still disappointing. A sales manager has so many commitments that the first meeting (often inevitable) would almost never be followed by other actions. In order to exploit this precious heritage a specific, young and well motivated team must be put in place. As already stated, the choice to hire people dedicated to this activity is commensurate with the investment capacity. After many years and many experiences, I can say that the best solution is still to employ young people with a relevant specialisation, ensuring the mutual flexibility (from

ra interna che ha attivato un meccanismo di interesse da parte di designer e architetti (oltre che di aziende di settore, ovviamente). Le riunioni hanno motivato questo interesse e, nel migliore dei casi, siamo riusciti a raccogliere nel corso dei primi sei/otto mesi almeno 150 nominativi che devono essere seguiti. Tale numero può essere anche più alto se l’attività di presentazione viene assistita da una minima attività di call center (anche questo può essere gestito internamente con l’uso part-time di una impiegata della struttura commerciale che effettui telefonate con domande mirate nel corso di un paio di sedute a settimana per almeno un mese o due). Se aggiungiamo al numero anche i biglietti da visita raccolti durante qualche evento (fiere, saloni, manifestazioni di settore) del recente passato, rischiamo di avere un parco di indirizzi che può sfiorare le 400 unità. Il primo risultato è così realizzato: abbiamo finalmente un vero database, diverso per qualità dalle solite liste acquistabili a basso costo su vari canali informatici. Il nostro database è fatto di nomi reali e di aziende strettamente operanti nel settore che ci interessa (se realizzato con attenzione, inoltre, avremo già anche le autorizzazioni alla privacy che ci permetteranno di proseguire nell’attività di contatto senza rischi legali). In più tutti hanno manifestato interesse ad avere una relazione con la nostra azienda e nostri prodotti. Cosa fare a questo punto? L’errore più grosso è quello di pensare di gestire questo preziosissimo patrimonio affidandolo alle cure del nostro staff commerciale. Peggio ancora pensare di girare i nominativi agli agenti che operano sul campo. Tutte queste persone hanno compiti ben precisi e meccanismi di lavoro altrettanto definiti. Nessun agente al mondo investirà ore del suo prezioso tempo nel visitare un architetto e nel proporgli soluzioni tecniche che risolvano il suo progetto. Il tempo impiegato non viene remunerato con ordini (se non in tempi spesso lunghi) e l’agente vive per una monetizzazione velocissima. Ci permettiamo di aggiungere che se mai un agente dimostrasse interesse a seguire la cosa, un buon direttore commerciale dovrebbe dubitare delle capacità dell’agente stesso, nell’interesse dei risultati commerciali dell’Azienda. Se poi i nominativi venissero affidati in quota tempo alla struttura commerciale interna (area manager, sales manager, product manager che dir si voglia) i risultati sarebbero leggermente migliori ma comunque deludenti. Un manager commerciale ha molti impegni sul campo e la prima visita (spesso obbligata) non sarebbe seguita quasi mai da altri interventi.

international PAINT&COATING magazine m - JULY/luglio 2011 - N. 10

5


The Dialogue Between the Planners and the Paints World: the Back Selling Stage both the employee and the Company) needed to allow both parties to quickly modify the initial working relationship. A simple example: in order to cope with architects and designers, young architects and designers – just graduated or still studying – should be chosen. A fixed term contract should be offered, with a commitment limited to a few days a week or to a given number of contacts and with a lump sum payment per working day, the reimbursement of the expenses incurred and a possible mileage reimbursement in compliance with the commonly applied rates, if the employee uses his own car. We realise that this solution may offend the supporters of a stable and guaranteed employment (and we ourselves are in agreement with this policy) but, on the other hand, the Company’s needs require such tools to be properly managed. Moreover, this approach may imply for the selected people some opportunities that the direct recruitment could not offer. Namely, the Company allows the new graduates (often without any experience in the world of work) to be introduced into the industry in which they are interested, to get in touch with design studios and high level professionals, to acquire experience and often even to receive job offers from the people met. This is why the main risk for a Company lies in losing the selected resources. This risk, anyway, is balanced by the results achieved at controlled costs and by the high flexibility of the contracts, necessary in case of changes in strategy beyond the control of those managing the project. Another priceless advantage of this choice lies in the relationship developed between the “promoters” (as a conventional name) and the potential customers, who will immediately realise that they are speaking with a colleague, and not a sales agent. The barrier of suspicion will thus immediately fall (again – do you remember what we wrote about the rules for managing a meeting?). At this stage, it is fundamental to offer information and operating support, while not dealing with the commercial aspects, which will be discussed only during the operational stage of the project, with data related to the cost per piece or per square metre (not per kilogram!) of the product applied, possibly also with the help of the team leader or even in a meeting at 6

N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

Per seguire questo prezioso patrimonio bisogna mettere in campo un team specifico, giovane e ben motivato. Come già detto, la scelta di assumere persone dedicate a quest’attività è commisurata alla capacità di investimento. Nel corso di anni ed esperienze passate, posso dire che la soluzione migliore è ancora quella di utilizzare persone giovani, con una specializzazione attinente allo scopo e con la necessaria flessibilità reciproca (candidato ed azienda) tale da permettere ad entrambi di modificare velocemente lo status iniziale. Un esempio molto semplice è il seguente: dovendo affrontare architetti e designer, la scelta va fatta selezionando giovani architetti/designer freschi di laurea o all’ultimo anno degli studi universitari. Va proposto un contratto a termine con impegni di lavoro vincolati ad alcuni giorni a settimana o al numero di contatti effettuati nel tempo stabilito offrendo un compenso economico forfettario per ogni giorno di lavoro, il rimborso delle spese vive sostenute nell’attività ed un eventuale rimborso chilometrico secondo tariffe comunemente applicate nel caso di utilizzo di auto personale. Ci rendiamo conto che questa soluzione può scandalizzare i fautori di un rapporto di lavoro stabile e garantito (e noi stessi siamo d’accordo con questo criterio) ma, d’altro canto, alcune esigenze di equilibrio aziendale impongono la corretta gestione di questi strumenti. Aggiungiamo, con altrettanta serietà, che questo tipo di approccio offre alle persone selezionate delle opportunità che un’assunzione diretta non offrirebbe. Infatti l’azienda, così operando, permette a neo laureati (spesso senza esperienza e contatto con il reale mondo del lavoro) di essere introdotti proprio nell’ambiente di loro interesse, entrare in contatto con studi di design e professionisti di ottimo livello, farsi una adeguata esperienza e spesso ricevere offerte di lavoro proprio dagli interlocutori visitati. Infatti per l’Azienda il rischio maggiore di questa scelta sta proprio nel poter perdere le proprie risorse a metà del cammino. È comunque un rischio compensato dai risultati a costo controllato e dalla grande flessibilità di contratto, necessari in caso di cambi di strategie indipendenti dalla volontà di chi gestisce il progetto. Un altro vantaggio impagabile di questa scelta risiede nel rapporto che si instaura tra i “promoter” (chiamiamoli così per convenzione) e gli interlocutori. Il potenziale cliente avrà da subito la sensazione di avere di fronte un interlocutore del suo stesso mondo e non un personaggio commerciale. La barriera di diffidenza anche in questo caso cadrà immediatamente (ricordate quanto dello sulle regole di gestione dei meeting?).


ANALYSIS the Company’s offices, aimed at clarifying the practical aspects of the project. This team, however, will have many different tasks. In addition to what already mentioned, the “promoters” will have to write accurate reports that the Company should publish on the internal network in order to provide the whole sales staff with information which may prove useful in the management and distribution of the products to the end customers (this aspect may vary from company to company and depending on the type of IT system used). The “promoters” will also have to plan a research of new potential customers in their areas. Here we could compare them to a virus (in a good way, of course): if they work well, the visited planners themselves will provide opportunities for new contacts, with a mechanism of “chain contagion” of the territory. This will result in an increase of the corporate database to a number of contacts often unimaginable before giving birth to the project. Another activity that may involve the “promoters” is that of the parallel events for the sector.

Paint and Assembly Systems

Regola fondamentale anche in questa fase è di offrire informazioni e supporto operativo ma di non affrontare l’aspetto commerciale. Quest’ultimo sarà discusso solo in fase operativa del progetto con dati inerenti al costo a pezzo o metro quadro del prodotto applicato (mai di costo al chilo!), se del caso con l’aiuto anche del responsabile del team o addirittura in un incontro in Azienda mirato al chiarimento degli aspetti pratici del progetto. L’attività di questo team dovrà essere molteplice. Oltre a quanto già detto, il “promoter” dovrà compilare dei report precisi che l’azienda dovrà mettere in rete interna per offrire a tutto lo staff commerciale le informazioni che possono poi essere utili nella gestione e distribuzione dei prodotti agli utilizzatori finali (questo aspetto cambia da Azienda ad Azienda e dipende molto dal tipo di sistema informatico utilizzato). Il “promoter” inoltre provvederà a organizzare una vero e proprio percorso di ricerca di nominativi non noti, nella zona a lui affidata. In questa attività possiamo paragonare il “promoter” ad un vero e proprio virus (in senso buono, ovviamente). Se il suo lavoro sarà positivo, gli stessi designer visitati offriranno opportunità di nuo-

Environmental Aircraft and a n d E n e r g y S y s t e m s Te c h n o l o g y S y s t e m s

Cleaning and Filtration Systems

www.olpidurr.it

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

7


The Dialogue Between the Planners and the Paints World: the Back Selling Stage At this point, the question can be: how should we structure and organise this group of “promoters”? The team should be small and very “short” (i.e., a few people with one person in charge who interacts with the others easily and directly). Creating a team of many people is pointless – for many simple reasons: besides the costs (ten employees cost more than three times as much as three employees, obviously), the biggest problem would be the quick and effective management of the information also towards the customer (the real back selling). Moreover, ten “promoters” cannot be effectively followed by a single person, leading to the creation of an internal team to follow an external team. The opposite of a “short” and effective team! The best choice is to identify a few initial areas of interest – there can be many examples: the metropolitan area of a large city so as to address all architects and design studios within it (Milan, Turin, Rome, the triangle between Treviso, Padua and Venice, in Italy); or the areas with the highest number of firms from the field of furniture or technical office furniture (the Brianza area near Milan, to name just one example). Once defined, the areas are then assigned to different “promoters”, who should be supported in the first stages, also ensuring the presence of the project manager during the first visits. This will allow the “promoters” to feel more confident and to hone their communication skills while, at the same time, providing the management with an opportunity to assess them and identify the need for any change or correction. Before any external activity, a specific internal training should be carried out by the manager who also deals with the meetings organisation and who could also be appointed team leader, in view of the similarity of activities and final results). In addition, an adequate internal support should be ensured to cope with the external requests (documentation to be sent very quickly, product samples, application support often supplied by users well known to the Company, etc.). Finally, a Company should make sure, by organising regular meetings and paying attention to the reports and the information gathered, that further meetings are carried out with every contact and, also with the help of the sales staff, that every product sold as a result 8

N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

vi nomi e contatti, in un meccanismo di “contagio” del territorio a catena. Questo porterà un accrescimento del database aziendale a numeri spesso inimmaginabili prima di dar vita al progetto. Altra attività che potrà coinvolgere i “promoter” è quella legata a eventi paralleli, incentrati sul settore specifico. La domanda a questo punto può essere: come strutturiamo e organizziamo questo gruppo di “promoter”? Il team deve essere piccolo e molto “corto” (nel senso di poche persone con un unico responsabile che interagisca facilmente e senza barriere con i promoter). Inutile pensare di creare un team di molte persone. I motivi sono semplici. A parte i costi (dieci promoter costano più del triplo di tre, ovviamente), il problema maggiore è la gestione rapida ed efficace delle informazioni e del ritorno delle stesse al cliente (il vero e proprio back selling). Dieci promoter non possono essere seguiti efficacemente da una sola persona e questo comporta la creazione di un team interno per seguire un team esterno. La negazione del team “corto” ed efficace! Il suggerimento migliore è quello di individuare poche aree iniziali di interesse. Esempi possono essere diversi: l’area metropolitana di una grande città per gestire tutti gli architetti e studi di design presenti (Milano o Torino o Roma o il triangolo Treviso-Padova-Venezia e così via). Oppure l’area di maggior concentrazione di aziende del settore dell’arredamento o del mobile tecnico da ufficio (la Brianza, per citarne solo una). Definite le aree di lavoro, si affida ciascuna di esse ad un “promoter”, gestendo i primi passi e assicurandoci che le prime visite siano fatte insieme al responsabile del programma. Questo servirà al “promoter” a sentirsi più sicuro e affinare le capacità di dialogo (oltre a valutare lo stesso “promoter” per eventuali correzioni o ricollocazioni). Precedentemente ad ogni attività esterna, va organizzato uno specifico training interno (a cura dello stesso manager che segue l’organizzazione dei meeting. Questo stesso manager potrebbe essere anche nominato responsabile operativo del team, vista la affinità di attività e risultati finali). Ci si assicura che ci sia un adeguato supporto interno a quanto viene raccolto all’esterno (richieste di documentazione da spedire in tempi brevissimi, campionature di prodotto, assistenza in applicazione che spesso viene effettuata da applicatori ben conosciuti dall’Azienda ecc.). Inoltre ci si assicura, con riunioni periodiche ed una minima attenzione ai report e alle informazioni raccolte, che i nominativi vengano seguiti con successive visite. Infine, anche con l’aiuto del responsabile del servizio commerciale, ci si assicura che ogni prodotto venduto


ANALYSIS of these activities is reported for a proper measurement of the ROI. Needless to say, these simple actions can be easily carried out only in the presence of a management and company culture that must involve the whole team and the support staff. Again, the sales manager has a strategic responsibility for the training and the support of the project manager and his team. What developments can be expected for these activities? First of all, if the project is well-managed, an area is exploited in about two years. Afterwards, the contacts acquired must be managed internally. It should also be clear that a good “promoter” can hold this position for two or maximum three years – for an obvious reason: if he is skilful, he will easily receive a job offer from a design studio or a company he has visited. After all, these two aspects (area and “promoter”) often go hand in hand. This, however, implies a turnover of people (and therefore of energies and opportunities) which also allows a Company to invest in new areas, and so on. Furthermore, a Company could – a more rare, but always interesting case – benefit from the skills of a “promoter” and include him within its structure as a future manager, already evaluated and field-tested. In these three articles, we have tried to build the project of an operating team able to provide a Company with new economic opportunities and better returns on investment. As already stated, the recipe is composed of very simple and cheap elements. Like for all recipes, however, it takes a good cook to carry it out. The cook, in our case, is none other than a Leader with all the features of a good Leader: the humility to compete and get involved every day, the will to manage often young human resources, the willingness to listen besides giving orders. The experience gained over time proved me that this is a practicable path and that the benefits for the individuals as well as for the Companies are really interesting.

a seguito di queste attività venga segnalato per un adeguata misurazione del ritorno degli investimenti. Inutile dire che queste semplici sequenze sono facilmente realizzabili solo ed esclusivamente se gestite nell’ambito di una cultura manageriale ed aziendale che deve coinvolgere tutto il team e le persone di supporto. Anche in questo caso il direttore commerciale ha una responsabilità strategica nel formare e aiutare il responsabile del progetto e tutto il suo team. Che sviluppi può avere questo tipo di attività? Innanzitutto, se ben gestito il programma, un’area si esaurisce nell’arco di circa di due anni. Dopodiché i contati acquisiti devono venir gestiti internamente. Va anche chiarito che un buon “promoter” ha una vita di due, massimo tre anni. Per ovvi motivi: se è in gamba troverà facilmente uno sbocco sotto forma di offerta di lavoro da parte di qualche studio di design o azienda da lui visita. Questi due aspetti spesso procedono insieme ed un “promoter” si esaurisce insieme alla zona da lui gestita. Questo di contro permette all’azienda di procedere ad un ricambio di persone (e quindi di energie e opportunità) investendo in altre aree e così via. Inoltre l’azienda può - caso più raro ma sempre interessante - beneficiare dell’opportunità di avere tra le mani una valida figura ed in tal caso di poter offrire un posto all’interno della propria struttura ad un futuro manager, già valutato e sperimentato sul campo. In questi tre articoli abbiamo provato insieme a costruire il progetto di un gruppo operativo che offra all’Azienda uno sbocco commerciale diverso e migliori margini operativi. Come detto la ricetta è composta di elementi semplici e di costo estremamente contenuto. Come tutte le ricette ha però bisogno di un buon cuoco, per realizzarsi. Il cuoco, nel nostro caso, altri non è che il Capo che dovrà essere dotato delle caratteristiche principali (se non uniche) che ne fanno sicuramente un buon Capo: l’umiltà di misurarsi ogni giorno e mettersi in gioco, la volontà di gestire risorse umane spesso giovani, la disponibilità a saper ascoltare e non solo a dare ordini. Le esperienze maturate nel tempo mi hanno convinto che la strada è percorribile e i benefici, per i singoli così come per l’Azienda, sono interessantissimi.


L'appuntamento della chimica applicata del Mediterraneo

Partecipate ad EUROSURFAS. Un impulso per il Trattamento delle Superfici. Le migliori proposte e soluzioni nel trattamento industriale delle superfici create per Voi. Contattate fornitori, distributori ed aziende per estendere la Vostra rete di contatti e generare opportunità di affari. Partecipate ai più prestigiosi congressi di settore (EUROCAR, GIORNATE PER L’ AMBIENTE, GIORNATE DEL TRATTAMENTO DELLE SUPERFICI,....) E condividete esperienze in un ambiente unico. Create la Vostra agenda di contatti attraverso la web del salone, utilizzando BUSINESS MATCH, il programma interattivo che Vi Consentirà di ottimizzare i Vostri appuntamenti in fiera.

Accreditatevi gratuitamente su

www.eurosurfas.com utilizzando questo codice:

BNCVLVVD

TUTTE LE NOVITA’ SU

Salone Internazionale della Pittura Industriale e del Trattamento delle Superfici

www.eurosurfas.com Seguici su:

Quartiere Fieristico Gran Via 14-18 Novembre 2011

Linea Aerea Ufficiale:

www.eurosurfas.com

PER INFORMAZIONI: EXPO CONSULTING SRL – Delegazione Italiana Fira de Barcelona Tel. 051 / 64.93.189 Email: info@exposconsulting.it


DUE S.r.l.

DUE S.r.l.


BRAND-NEW

ipcm GROWTHS AT AN INTERNATIONAL LEVEL - NICOLE KRAUS APPOINTED ™

NEW RESPONSIBLE FOR MEDIA SALES IN GERMAN-SPEAKING COUNTRIES. ipcm cresce a livello internazionale - Nicole Kraus nominata responsabile vendite per i mercati di lingua tedesca. ™

esano Maderno (MB, Italy), June 27th 2011 – the team of ipcm™ - International Paint&Coating Magazine welcomes a new member: Nicole Kraus, specialist in media marketing and sales, communication, organization and strategies, coaching and recruiting, has been appointed responsible for media sales and editorials in Germany, Switzerland, Austria, Benelux and Denmark. Nicole Kraus is currently a freelance and owner of Nicole Kraus _ Organisation _ Personal _Vertrieb, a service company based in Groß-Gerau, near Mainz, Germany. After the degree in Politics and History Science and a master in Business Administration, from 1998 to 2008 she had been working at GWV Fachverlage GmbH of the Springer Science + Business Media group – one of the largest publishing house of books, handbooks, magazines on Economy, Technologies and Social Sciences – as a Sales Director print/online of different magazines, among which JOT, adhäsion, ATZ, MTZ, ATZautotechnology and many other. Nicole joins ipcm™ team to develop media sales in German – speaking countries, where the magazine has a wide circulation and is collecting positive feedback among both companies dealing with surface technologies and Research Institutes. “Nicole will be a partner of great importance for us –Francesco Stucchi, ipcm™ sales manager said – her work will help us to strengthen the relationships with the industry players in Germanspeaking countries, which are currently leading the economic recovery in the EU and nearby markets.” Contact: kraus@ipcm.it

C

12 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

esano Maderno (MB), 27 giugno 2011 – Il team di ipcm™ - International Paint&Coating Magazine si arricchisce di un nuovo componente: Nicole Kraus, esperta di marketing e vendite nel settore media, di comunicazione, organizzazione e strategia aziendale, di selezione e formazione del personale, è stata nominata responsabile delle vendite pubblicitarie e referente per la raccolta editoriale in Germania, Svizzera, Austria, Benelux e Danimarca. Nicole Kraus è attualmente titolare della Nicole Kraus _ Organisation _ Personal _Vertrieb, con sede a Groß-Gerau, nei pressi di Magonza, Germania. Dopo la laurea in Scienze Politiche e la specializzazione in Business Administration, ha lavorato dal 1998 al 2008 presso la GWV Fachverlage GmbH - azienda del gruppo Springer Science + Business Media attivo nella pubblicazione di libri, riviste e manuali nei settori dell’Economia, della Tecnologia, delle Scienze Sociali - dove ha ricoperto il ruolo di Direttore Vendite stampa/online di numerose riviste, fra cui JOT, adhäsion, ATZ, MTZ, ATZautotechnology e molte altre. Nicole si è unita al team di di ipcm™ per sviluppare le vendite sui mercati di lingua tedesca, dove la rivista ha un’ampia diffusione e dove ha raccolto numerosi consensi sia presso aziende che si occupano di trattamenti di superficie che presso Enti ed Istituti di Ricerca. “Nicole rappresenta un partner di grandissima importanza per noi – afferma Francesco Stucchi, direttore commerciale di ipcm™ - che ci permetterà di consolidare i rapporti con gli attori dei mercati di lingua tedesca, che oggi stanno guidando la ripresa economica della Comunità Europea e dei mercati limitrofi.” Contatto: kraus@ipcm.it

C


e-mail: info@euromask-shop.com

n° verde 800.029.466

Tel. +39 02 96780055 - 9691001 - Fax +39 02 96782993

RISOLVIAMO OGNI PROBLEMA DI MASCHERATURA

www.euromask-shop.com

i è svolto lo scorso 28 maggio a Stresa sul Lago Maggiore, nella splendida cornice del Grand Hotel des Iles Borromees la festa per il 50° anniversario di attività della OMSG – Officine Meccaniche San Giorgio. L’azienda milanese è attiva nella progettazione e produzione di impianti di granigliatura a turbina, con oltre 5 mila impianti venduti in più di 80 Paesi al mondo. Presenti a questa importante appuntamento della OMSG, oltre al management e ai dipendenti, gli agenti e i più importanti clienti italiani ed esteri che nel corso di questi cinquanta anni hanno decretato in ogni parte del mondo il successo dell’azienda di Villa Cortese (Milano). ( La L giornata ha avuto ili suo momento ufficiale c con i discorsi del d Presidente Enzo Dell’Orto D che ha ripercorso le tappe p fondamentali della f storia dell’OMSG, le s varie fasi che hanno v caratterizzato sia gli c sviluppi tecnici che s l l’internazionalizzazione dell’azienda, i vari momenti che ne hanno caratterizzato le fasi più importanti dalla sua fondazione, con un pensiero sempre rivolto al suo fondatore il Rag. Vincenzo Dell’Orto, che ha abilmente creato e guidato l’azienda per quarant’anni. Dopo il discorso del Presidente hanno preso la parola il Direttore Generale Ing. Arrigucci che ha ripercorso le tappe salienti dell’azienda attraverso il ricordo delle persone che hanno fatto la storia della OMSG. Sono seguiti interventi di clienti che hanno portato interessanti testimonianze di 50 anni di collaborazione fatti di risultati e successi reciproci. La giornata è proseguita con un aperitivo negli splendidi giardini del Grand Hotel des Iles Borromees cui è seguito il pranzo; nel pomeriggio tutti gli invitati hanno potuto trasferirsi alle isole Borromeo per concludere una splendida giornata di festa. Per ulteriori informazioni: www.omsg.it

S

EUROMASK

O

®

n May, 28th the party to celebrate 50 years of activity of OMSG – Officine Meccaniche San Giorgio took place in the wonderful setting of the Grand Hotel des Iles Borromees in Stresa, on the Lake Maggiore, Italy. This Milanese company designs and manufactures turbine shotblasting machines, with more than 5,000 systems sold in over 80 countries. Not only the management and the employees took part in this important event, but also the agents and the most important Italian and foreign customers, that during these last fifty years have made the success of this company, based in Villa Cortese (Milano, Italy), all over the world. During the day there were also a few official speeches. The first one was that of the Chairman Enzo Dell’Orto, who traced the milestones in the history of OMSG and spoke of the various phases that have characterised both the technical development and the internationalisation of this company, the most important moments since its establishment and its founder himself, Mr. Vincenzo Dell’Orto, who has cleverly started and led OMSG for forty years. After the President’s speech, the General Manager, Eng. Arrigucci, took the floor and traced the history of the company by mentioning the most significant people who have worked for it. Also a few customers gave their account of these 50 years of collaboration and success. Afterwards, there was an aperitif in the beautiful gardens of the Grand Hotel des Iles Borromees, followed by the lunch; in the afternoon, all the guests moved to the Borromean Islands to end this wonderful day of celebration. For further information: www.omsg.it

Via B. Cellini, 6 20020 Solaro (MI) - Italia

prodotto da

OMSG CELEBRATES 50 YEARS OMSG festeggia 50 anni

FINISHING GROUP s.r.l.

Azienda con Sistema Qualita’ Certificato

by Paola Giraldo

13


BRAND-NEW COLOUR, THE SKIN OF A BUILDING - DESIGN AND RESISTANCE Il colore, la pelle dell’edificio - design e resistenza ilan, April, 28th 2011. TIGER Drylac launched a new type of high performance powder coating: the anti-microbial coating, able to ensure the total destruction of bacteria, viruses, fungi and mildews on the metal surfaces up to 5 years. Of course, such coatings can be used in a broad range of applications: from the interior of public buildings, hotels, hospitals and sports halls to the interior of cruise ships, trains and undergrounds, not to mention the finishing of the inside of refrigerators. For the launch of this new product, TIGER chose a unique location: the building of Politecnico di Milano in the Bovisa district, seat of the prestigious Faculties of Architecture and Industrial Design. Here, Klaus Karner, CEO of TIGER Coatings Italia and Gianmarino Colnago, TAS-Tiger Architectural Service manager held a course for the teachers and the senior year students of the Faculty of Design, the Faculty of Architecture and the Light and Colour Laboratory, aimed at deepening the evolution of the protective powder coatings for architectural structures, metal objects and interior designs. The course dealt with various aspects of the powder coating systems, from the production to the application systems which have helped to consolidate their leadership among the protective coating systems for both external and internal use and which allow them to last 20 years or more. The undisputed supremacy held by the powder coatings is due, among other things, to their low environmental impact, high surface resistance and affordable handling – benefits that will even increase in the near future. TIGER is ready to seize the opportunities of the future, offering high resistance powder coatings which meet the AAMA 2604 specifications for the exterior of buildings; special powder coatings for MDF which allow the finishing of office and kitchen items, are environmentally friendly and achieve economies of scale; anti-scraping and anti-graffiti coatings with an exceptional resistance; and, of course, the new anti-microbial coatings. “We chose to launch our new product in an academic environment such as Politecnico di Milano - Gianmarino Colnago explains – since TIGER has, among others, the mission of providing architects and designers with correct information about the variety of use of the powder coatings, as well as supporting the teaching staff in the education of the senior year students even on an issue as important as the powder finishing.” “We liked the idea of giving the news of the development of a high-tech product such as the anti-microbial coating – Karner continues – in the setting of Politecnico di Milano Bovisa, where the cutting-edge research and testing are a daily focus also for many foreign students.” For further information www.tiger-coatings.com

M

14 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

ilano, 28 Aprile 2011. TIGER Drylac ha lanciato una nuova tipologia di rivestimenti in polvere ad alte prestazioni: le vernici antimicrobiotiche, in grado di garantire la completa distruzione di batteri, virus, funghi, e muffe sulle superfici metalliche fino a 5 anni. La vastità di impiego di tali vernici è facilmente immaginabile: dagli interni di edifici pubblici, hotel, ospedali, palestre, agli interni di navi da crociera, treni, metropolitane fino alla finitura degli interni di frigoriferi. Per il lancio di questo nuovo prodotto TIGER ha scelto una location singolare: il Politecnico di Milano Bovisa, sede delle prestigiose Facoltà di Architettura e Design Industriale. Qui, Klaus Karner, CEO di TIGER Coatings Italia, e Gianmarino Colnago, responsabile TAS-Tiger Architectural Service hanno tenuto un corso rivolto ai docenti delle Facoltà di Design, Architettura, del Laboratorio del Colore e della Luce, nonché ai laureandi nelle stesse discipline volto ad approfondire le evoluzioni dei nuovi sistemi di rivestimento protettivo con vernici in polvere per strutture architettoniche, manufatti metallici e interior design. Sono stati presentati vari aspetti legati ai sistemi di verniciatura a polveri, dalla produzione ai sistemi applicativi che hanno contribuito a consolidarne la leadership fra i sistemi di rivestimento protettivo sia per esterni che interni, e che ne consentono durate uguali o superiori ai 20 anni. Questo indiscusso primato detenuto dalle vernici in polvere è dovuto, fra le altre cose, al loro basso impatto ambientale, all’elevata resistenza superficiale, all’economicità di gestione, tutti vantaggi destinati ad aumentare nell’immediato futuro. TIGER è già pronta a cogliere le opportunità del futuro proponendo vernici in polvere ad altissima resistenza che rispettano le caratteristiche AMA 2604 previste per gli esterni degli edifici; speciali vernici in polvere per MDF che consentono la finitura di oggetti per ufficio e cucine nel pieno rispetto dell’ambiente e realizzando economie di scala; con vernici antiabrasioni e antigraffiti dalle resistenze eccezionali. E naturalmente con le nuove vernici antimicrobiotiche. “Abbiamo scelto di lanciare questo nuovo prodotto in un ambiente accademico quale è il Politecnico di Milano - spiega Gianmarino Colnago - perché TIGER ha, fra le altre, la mission di fornire una corretta informazione ad architetti e designer sulla varietà d’uso delle vernici in polvere, nonché affiancare il corpo docente nella formazione dei laureandi anche su un tema importante come le finiture in polvere”. “Ci piaceva l’idea di dare la notizia dello sviluppo di un prodotto altamente tecnologico come la vernice antimicrobiotica – prosegue Karner – in un ambiente, quello del Politecnico di Milano Bovisa, dove la ricerca e la sperimentazione d’avanguardia rappresentano il punto di riferimento quotidiano anche per i numerosi studenti stranieri”. Per maggiori informazioni: www.tiger-coatings.com

M


by Paola Giraldo

SURFACE STUDIES WITH THE USB DIGITAL MICROSCOPE Ricerche superficiali con il microscopio USB digitale

W

ith the new high-resolution digital microscope, Model 456-T, ERICHSEN (Hemer, Germany), offers a convenient way for digitally assisted visual detection/collection/ documentation of results within surface testing g matters,, e.g. damage profiles or facts, which are simply remaining hidden for an “unarmed” human eye. Especially within industrial surface inspection, ction, the microscope can es, such as be used for paint be used for general inspection of surfaces, or corrosion damage assessment. The software oftware already contains a measurement function which allows measuring and marking of meters and angles. These distances, multiple distances, radii, diameters e image and can also be data will be inserted directly visible into the stored for documentation purposes. The digital microscope, equipped with a 2 million pixels CMOS image sensor and scalable precision measurement, works orks like a digital camera; the objects will be magnified, photographed hotographed or filmed. For “live” presentation or documentation n on the computer the images will be transferred immediately ely with microscopic precision via USB port to a PC or Laptop. The camera is supplied with an USB cable (USB 2.0), two tube stands, one for 20x magnification and the other one for 40x/200x magnification, a special al swivel stand, software CD and user manual. For digital detection of damage patterns in connection with the ERICHSEN Paint and Lacquer Testing Machine, Model 202 EM, an additional ring adapter with magnetic fixing (by four high-performance magnets) is necessary. For further information: www.erichsen.de

on il nuovo microscopio digitale ad alta risoluzione, Modello 456-T, ERICHSEN (Hemer, Germania), offre uno strumento pratico per la documentazione/raccolta/individuazione visiva digitale dei risultati nell’ambito di test superficiali, ad esempio profili di danneggiamento o dati, che semplicemente se restano nascosti all’occhio umano “disarmato”. Soprattutto nell’ambito ne ell’a delle ispezioni superficiali nell’industria, il microesse utilizzato per l’ispezione generale delle superfici, ad scopio può essere esempio per per la valutazione del rivestimento o dei danni della corrosoftw contiene già una funzione di misurazione che consione.. IlI software nte la rilevazione rilev sente e la marcatura delle distanze, delle distanze m mu multiple, dei radi, di diametri e angoli. Questi dati sono inseriti in modo visibile direttamente nell’immagine e possono essere memorizzati per fini documentali. Il microscopio digitale, provvisto di sensore di immagini CMOS da 2 milioni di pixel e di misura di precisione scalabile, funziona come una macchina fotografica digitale; gli oggetti sono ingranditi, fotografati o filmati. Per presentazioni o documentazioni “in diretta” ta sul computer le immagini sono trasferite immediatamente al PC o al laptop, con precisione microscopica, m attraverso porta USB. La fotocamera è fornita di cavo USB (USB 2.0), due tubi ottici, uno per ingrandimenti a 20x e l’altro per ingrandimenti a 40x/200x, uno speciale perno girevole, CD del software e manuale di utilizzo. Per l’individuazione di modelli di danneggiamento in sinergia con l’apparecchiatura ERICHSEN Paint and Lacquer Testing Machine, Modello 202 EM, è necessario un adattatore aggiuntivo ad anello con fissaggio magnetico (attraverso quattro magneti ad alte prestazioni). Per ulteriori informazioni: www.erichsen.de

C

Eddy Current Technology – the future has arrived – and has it for you? Paint stripping 9 9 9 9 9

Heat treatment

Surface drying

Paint interlacing

Hauptstrasse 23 No chemicals or blasting material will be required. 74679 Weissbach (Germany) No investment for water or sewage water drains. Phone: +49 7947 94 337- 17 Very little energy is used. Fax.: +49 7947 94 337- 11 E-Mail: info@baueranlagen.de The removed paint is dry and can be disposed easily. international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10 15 Internet: www.baueranlagen.de The painting racks are directly available (no costs for external logistic).


BRAND-NEW “ZERO DISCHARGHE” PLANTS FOR TREATMENT OF WASTEWATERS FROM CHROME PLATING LINE Un sistema a “scarico zero” per il trattamento dei reflui da linea galvanica di cromatura

T

ecam, a company leader in production and sale of plants for treatment of industrial wastewaters, has projected and realized “zero discharge” plants for treatment and recycle of wastewaters deriving from chrome plating lines. Chrome plating lines are constituted of three working phases – preparation, nickel plating, chrome plating – each one using water for rinses, producing a different kind of wastewater. The treatment system designed from Tecam is constituted of more sections interacting with each other. The process needs at first a demineralization plant for the osmotization of primary waters, that before being introduced in the working line, have to be opportunely treated in order to remove the saline substances that can damage the output of working (because of the evaporation of a part of water during the productive cycle, it has to be continuously replaced:

16 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

ecam, azienda nata alla fine degli anni Ottanta e oggi leader nel settore dell’impiantistica per il trattamento delle acque di vari processi industriali, ha progettato e realizzato un sistema “a scarico zero” per il trattamento e il riciclo delle acque reflue delle linee galvaniche di cromatura. Le linee di cromatura sono costituite da tre fasi principali di lavorazione – ovvero la fase di preparazione, quella di nichelatura e quella di cromatura – ciascuna delle quali utilizza l’acqua per i lavaggi, producendo una tipologia di refluo differente. Il sistema di trattamento progettato da Tecam è di conseguenza costituito da più sezioni interagenti tra loro. Il processo necessita innanzitutto di un impianto di demineralizzazione a osmosi inversa per l’osmotizzazione delle acque primarie, che prima di essere immesse nella linea di lavorazione devono essere opportunamente desalinizzate per non compromettere il risultato della cromatura (la linea di cromatura richiede un continuo reintegro dell’acqua di processo, a causa dell’evaporazione di parte di essa durante il ciclo produttivo: il trattamento di

T


by Paola Giraldo

the osmotization treatment then must be applied to each amount of water introduced in the working line). Each section of the working line has its own treatment plant using a peculiar technology according to the different properties of wastewaters produced. Rising waters from preparation metal prior to chrome plating, containing cleaning agents and oils, have to be treated in a membrane plant; waters from the nickel plating phase, containing acids, have to be treated in a ionic exchange plant; those from chrome plating phase, containing nickel, chrome, sulphates, chlorides and boron, need two plants: an evaporation plant for the recovery of chromic acid and a ionic exchange one for the recovery of water. This system allows each section to recover and reuse its own process waters. The respective fractions of polluting substances converge to the same plant for a chemical-physical treatment that permits to recover an additional amount of water and to concentrate further pollutants, with a consequent reduction of disposal fees. Before being reintroduced in the working line, the recovered water has to be further purified in an evaporation plant. This “zero discharge” plant permits to recover up to 90/95% of water – that can be completely recycled and reused in the process – and to reduce to 5/10% the amount of concentrated to dispose. For further information: www.tecam.it

by Paola Giraldo

demineralizzazione va dunque effettuato ad ogni introduzione dell’acqua nella linea di lavorazione). Ciascuna sezione della linea di lavorazione ha annesso un proprio impianto di trattamento delle acque di processo che si avvale di tecnologie specifiche in base alle differenti caratteristiche del refluo prodotto. L’acqua di lavaggio della fase di preparazione del metallo per la cromatura (o fase di sgrassaggio), contenente detergenti ed oli, va trattata con un impianto a membrana che consente di depurarla dalla frazione oleosa; quella della fase di nichelatura (o fase di aggrappaggio), contenente acidi, va trattata con un impianto a scambio ionico; quella della fase di cromatura (o fase di riporto del metallo), contenente nichel, cromo, solfati, cloruri e boro, necessita di due impianti di trattamento: uno di evaporazione per il recupero dell’acido cromico e uno a scambio ionico per il recupero dell’acqua. Il sistema permette dunque a ciascuna sezione di recuperare e riutilizzare le proprie acque di processo; le rispettive frazioni di inquinanti confluiscono in uno stesso impianto di trattamento chimico-fisico finale che consente il recupero di un’ulteriore frazione acquosa e un’ulteriore concentrazione (tramite un trattamento di precipitazione chimica) delle sostanze inquinanti, con una conseguente riduzione dei costi di smaltimento delle stesse. Prima di essere reimmessa nel processo di lavorazione, l’acqua recuperata deve essere ulteriormente depurata tramite un impianto di evaporazione sottovuoto, che consente il raggiungimento dell’ebollizione a temperature più basse rispetto a quelle necessarie in condizioni di normale pressione atmosferica. Questo sistema di impianti a “scarico zero” permette di recuperare fino al 90/95% dell’acqua – che viene dunque completamente riciclata e reimpiegata nel processo, risolvendo così il problema del suo scarico – e di ridurre al 5/10% la percentuale di concentrato da smaltire. Per ulteriori informazioni: www.tecam.it

17


BRAND-NEW BASF INAUGURATES THE NEW BUILDING THAT WILL HOUSE BASF COATINGS SPA IN CESANO MADERNO, ITALY BASF inaugura il nuovo edificio che ospiterà la società BASF Coatings Spa a Cesano Maderno

24

th

June 2011 - The Southern European BASF Headquarters in Cesano Maderno (MB, Italy) is enlarging and giving itself a new and remarkable facelift: BASF Coatings Spa, a company in the BASF Group specialised in supplying automotive and industrial coatings. From today in an industrial building completely restructured (fig. 1) to modern standards the 63 BASF Coatings staff will be housed, further reinforcing the importance of the Cesano Maderno site within the industrial panorama of the BASF Group. Extreme satisfaction was expressed by Dr. Erwin Rauhe (fig. 2), Responsible for BASF Group activity in Southern Europe who underlined that in the last 5 years the BASF site in Cesano Maderno has seen a total increase of around 20% in the number of employees. “The future of BASF 1 and Cesano Maderno are strictly linked” declared Erwin Rauhe. “I would like to publicly thank the Mayor of Cesano Maderno, Marina Romanò, who knew how to keep the promises that were made and foster a proactive collaboration between public duties and private activity in the best possible way. Respecting current legislation she was able to speed up the necessary authoritative procedures to renovate the building and 2 allow the creation of the new site within the time limit.” Renato Chiesa (fig. 3), Managing Director off BASF Coatings, also underlined the importance of the new site: “Our new site will house not only sales and management offices

18 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

l Quartier Generale sud europeo BASF di Cesano Maderno (MB) si arricchisce di una nuova e qualificata presenza: BASF Coatings Spa, società del Gruppo BASF specializzata nella fornitura di vernici per automotive ed industria. Da oggi, presso un edificio industriale modernamente ristrutturato (fig. 1), troveranno posto i 63 collaboratori di BASF Coatings rafforzando ulteriormente l’importanza del sito di Cesano Maderno all’interno del panorama industriale del Gruppo BASF. Grande soddisfazione è stata espressa dal dr. Erwin Rauhe (fig. 2), R Responsabile per le atttività del Gruppo BASF iin Sud Europa, che ha ssottolineato come negli ultimi 5 anni il sito BASF u d di Cesano Maderno abbia visto crescere il a numero complessivo di n ccollaboratori di circa il 20%. 2 ““Il futuro di BASF e di Cesano Maderno sono C sstrettamente legati” ha dichiarato Erwin Rauhe. d ringraziare ““Desidero p pubblicamente il Sindaco di d Cesano Maderno, Marina Romanò, R che ha saputo mantenere le p promesse fatte ed interpretare nella maniera migliore possibile una fattim va v collaborazione tra compiti pubblici ed e attività private. Nel pieno rispetto della legislazione vigente, ha infatd ti saputo velocizzare l’iter autorizzativo ti necessario per la ristrutturazione dell’edifi cio e permettere la creazid one o del nuovo insediamento nei tempi previsti.” pr Anche Renato Chiesa (fig. 3), A Amministratore Delegato di BASF Coatings, ha sottolineato l’importanza della nuova sede: “la nostra nuova sede

I


by Paola Giraldo

but also an important and up to the minute, fully equipped colorimetric assistance laboratory for hundreds of our customers located all over Italy.” Renato Chiesa then warmly thanked the company that carried out the renovation work as well as the BASF employees who played a decisive part in this important company success. At the inauguration ceremony together with Erwin Rauhe and Renato Chiesa, Harald Pflanzl (fig. 4), Senior Vice President Refinish Europe also represented the company. The Honourable Alessia Mosca (fig. 5), member of the Works Commission of the Chamber of Deputies, Dario Allevi (fig. 6), President of the Province of Monza and 4 Brianza, Luigi Ponti, Provincial Councillor, and Dante Cattaneo, Mayor of Ceriano Laghetto also took part. BASF is the world leading chemical company: “The Chemical Company”. Its product range includes chemical products, plastics, finishing products, pesticides, fine chemical products as well as petroleum and gas. As a reliable partner BASF contributes to the success of its customers in all sectors of its activity BASF develops intelligent solutions and high quality products, thanks to which it can face the global challenges such as environmental protection, energy efficiency, nutrition and mobility. BASF in 2010 had a turnover of around 63.9 billion € with a staff of 109,000 employees at the end of the year. BASF is listed on the Frankfurt (BAS), London (BFA) and Zurich (AN) Stock Exchanges. Further information on BASF is available at www.basf.com, www. basf.it, web sites or from the Social Media Newsroom web site 6 newsrooom.basf.com.

ospiterà, non solo gli uffici commerciali e la dio rrezione, ma anche un laboratorio importante e m modernamente attrezzato per l’assistenza colorimetrica lo a centinaia di nostri clienti dislocati su tutto il territorio italiano.” Renato Chiesa ha h poi ringraziato con calore sia le imprese responsabili sp della realizzazione delle opere, che i collaboratori BASF, attori decisivi di questo importante im m successo aziendale. A cerimonia di inaugurazione è intervento per Al Alla 3 BA BASF, oltre a Erwin Rauhe e a Renato Chiesa, Ha Harald Pflanzl (fig. 4), Senior Vice President Refi R nish Europe. Hanno, inoltre, partecipato l’onorevole Alessia Mosca M (fig. 5), membro della Comissione Lavoro della Camera dei d Deputati, Dario Allevi (fig. 6), Presidente della Provincia di d Monza e Brianza, Luigi Ponti, Consigliere Provinciale e Dante Cattaneo, Sindaco di D Ceriano C Laghetto. BASF è la società chimica B leader nel mondo: “The l Chemical Company”. La sua C gamma comprende prodotg ti chimici, materie plastiche, prodotti di nobilitazione, agrop fa farmaci, prodotti della chimica c fine nonché petrolio e gas. Quale partner affidabile, BASF Q co contribuisce al successo dei propri pr clienti in tutti i settori di attività. at BASF sviluppa soluzion intelligenti e prodotti di aloni 5 tissima qualità, grazie ai quali tis affronta le sfide globali, quali af tutela ambientale, efficienza energetica, nutrizione e mobilità. BASF ha raggiunto en nel ne 2010 un fatturato di circa 63.9 miliardi di € con un organico, a fine anno, di 109.000 collaboratrici e color laboratori. BASF è quotata alle Borse di Francoforte la (BAS), Londra (BFA) e Zurigo (AN). Ulteriori in(B formazioni su BASF sono disponibili su internet fo agli a indirizzi www.basf.com, www.basf.it, oppure p presso la Social Media Newsroom all’indirizzo newsrooom.basf.com.

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

19


BRAND-NEW A12 – JUST AMAZING! 256 NEW ADVANCED COLOURS A12 – just amazing! 256 nuovi colori all’avanguardia

A

dapta Color launches its new A12 collection within the VIVENDI product range, intended for the architecture. The favourable welcome reserved by both customers and designers to the previous A08 collection, seen as an instrument to achieve the most demanding projects in terms of quality and aesthetics, has fostered the birth of the new A12 collection, which includes the latest colour trends in both the cutting edge architecture and the industrial design. The colours presented have been developed with proven outdoor resistance characteristics and high quality standards, which allow for their further development and customisation. All the products are made without lead and TGIC; the metallic colours are produced through the ADAPTA Bonding System process, which ensures an easier application. A12 consists of 32 collections with a broad colour range, significantly higher than that of A08, in which the gray and the metallic silver prevailed. This collection features innovative golden finishes, white with slight iridescences, various copper shades including even the aged copper, new textured finishes, noble metals and so on. The eight colours of each collection were taken from photographs of different places of the World, which embodies the exporting vocation and the global strategy of Adapta Color: the dunes of the Sahara, the city of Petra, the Grand Canyon, the Antelope Canyon, the Soccer City Stadium, the Rio Tinto, the Wat Phra Kaen, the Great Sphinx, the Mosque

20 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

dapta Color lancia sul mercato la sua nuova collezione A12 all’interno della gamma VIVENDI dedicata all’architettura. L’ottima accoglienza della precedente collezione A08 da parte sia dei clienti che dei progettisti come strumento per la realizzazione dei loro progetti più esigenti a livello qualitativo ed estetico, ha favorito la nascita della nuova collezione A12, che raccoglie le tendenze colore più attuali sia nell’architettura d’avanguardia che nel disegno industriale. I colori presentati sono stati sviluppati con caratteristiche di comprovata resistenza all’esterno e con elevati standard qualitativi, che consentono un loro sviluppo e una loro personalizzazione. Tutte le collezioni sono state formulate senza piombo e TGCI e, nel caso dei colori metallizzati, prodotte secondo il processo ADAPTA Bonding System che garantisce una migliore applicazione. A12 si compone di 32 collezioni con un ampio spettro cromatico, decisamente superiore al precedente catalogo A08 dove predominavano i toni grigi e arge gento metallizzato. La collezione presenta finiture dorate innovative, bianchi con sottili effetti iridescenti, varie tonalità rame, va tra tr le quali anche il rame invecchiato, nuovi effetti testurizzati, m metalli nobili e così via. Gli otto colori di ogni collezione sono stati estratti da fotografie di diversi luoghi del Mondo, aspetto che incarna la vocazione esportatrice e la l strategia globale di Adapta A Color: le dune del Sahara, la città di Petra, S il Gran Canyon, il Canyon dell’Antilope, lo stadio d Soccer City, il Rio Tinto, il S Wat W Phra Kaen, la Grande S nge, la Moschea di Sfi Cordoba, l’Acropoli, le C

A


by Paola Giraldo

of Cordoba, the Acropolis, the spiral galaxies, the Guggenheim Museum, Las Vegas, the Taj Mahal, the Yellowstone Park, the Jiuzhaigou river, the Great Barrier Reef, the Galápagos Islands, the Great Wall, the Black Forest, the city of Tulum, the Moon, the Small Magellanic Cloud, the island of Santorini, the Antarctica, the Torre de Collserola, the mud volcanoes, the Kizhi Church, the Reichstag, the Petronas Towers, the Coliseum and the Eyjafjallajokull Volcano. Many of these colours can be integrated with some of the functions listed in the Adapta’s Smart Coatings catalogue. Its latest edition includes magnetic, selfcleaning and electrical insulation coatings, in addition to the old ones: anti-graffiti, photoluminescent, Bioproof® antimicroorganisms and many more. The A12 catalogue also features in its back cover a QR code which – through the appropriate reading system, such as a mobile phone enabled – leads directly to the company’s web page, where additional information can be found. The design of this publication is protected by copyright D.L.-M-29975-2011. For further information: www.adaptacolor.com

galassie a spirale, il Museo Guggenheim, Las Vegas, il Taj Mahal, il Parco di Yellowstone, il fiume Jiuzhaigou, la Grande Barriera Corallina, C le isole G Galàpagos, la Grande Muraglia, M la Foresta N Nera, la città di Tulum, l Luna, la Piccola Nube la d Magellano, l’isola di di Santorini, S l’Antartide, la Torre T de Collserola, i vulcani di fango, la Chiesa di c Kizhi, il Reichstag, le Torri Petronas, il Colosseo e il Vulcano Eyjafjallajokull. Molte di queste proposte colore possono essere integrate con alcune delle funzionalità diverse raccolte nel catalogo Smart Coatings di Adapta. Nella sua ultima edizione presenta t vernici magnet tiche, autopulentit e ad isolamento elettrico che si age g giungono a quelle già g conosciute come m le antigraffiti, le fo foto-luminescenti, le anti-microorganismi a ® Bioproof B e altrea an ancora. Il catalogo A12 incorpora nella sua quarta di d copertina un codice QR che, attraverso il sistema adeguato a di lettura, per esempio un cellulare abilitato, t conduce direttamente alla pagina web dell’aziend da dove è possibile trovare informazioni aggiuntive. Il progetto di questo catalogo è protetto da Copyright D.L.-M-29975-2011. Per ulteriori informazioni: www.adaptacolor.com

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

21


BRAND-NEW SURFACE PREPARATION FOR THE NEW AIRCRAFT GENERATION – ACTIVATING AND PAINT STRIPPING Preparazione superficiale per la nuova generazione di aeromobili – attivazione e sverniciatura

S

LCR Lasertechnik GmbH offers laser systems for surface treatment such us activating; depainting and decoating with absolute reproducible results also of highly sensitive materials; marking without touching the surface and with high precision on most different materials; wear-free cleaning, even prior to painting. New materials and sensitive surfaces put other requirements on treatment than still some years ago. In many cases the solution can be the laser technology. Today the surface treatment with laser is superior to other numerous procedures and firmly established in innovative production processes. The laser technology is well established in trendsetting areas of the aviation, automobile, electronic and medical technology. The next generation aircraft, for example, requires new

22 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

LCR Lasertechnik GmbH offre sistemi laser per: trattamenti superficiali, quali attivazione, sverniciatura, rimozione dei rivestimenti, con risultati assolutamente riproducibili anche su materiali altamente sensibili; marcatura senza contatto superficiale e di elevata precisione su materiali diversi; pulizia superficiale senza usura, anche pre-verniciatura. I nuovi materiali e le superfici sensibili pongono dei requisiti diversi ai trattamenti superficiali rispetto ad alcuni anni fa. In molti casi la soluzione può essere la tecnologia al laser. Oggi il trattamento superficiale con laser dà risultati superiori nei processi produttivi innovativi rispetto a numerose altre tecnologie già ampiamente consolidate. La tecnologia al laser è ben consolidata in settori all’avanguardia quali aviazione, automotive, elettronica e tecnologie medicali.

S


by Paola Giraldo

materials and new production La nuova generazione di aeromobiprocesses to meet the desired li, ad esempio, richiede nuovi mateperformance levels. One of the riali e nuovi processi produttivi per major changes in new aircraft soddisfare i requisiti prestazionali structures is the intensified use richiesti. Uno dei cambiamenti prinof composite materials. cipali nelle strutture dei nuovi aeroThis requires innovative mobili è l’uso intensivo di materiali solutions to guarantee the compositi. Questo richiede soluzioquality of a new aircraft’s ni innovative che garantiscano la design. For the surface qualità costruttiva dell’aereo. Per il treatments of composites, trattamento superficiale dei compoas preparation of surface siti, ad esempio preparazione della for painting and gluing or superficie per verniciatura o incolthe removal of aged paint laggio oppure rimozione del vecsystems SLCR GmbH offers chio strato di vernice, SLCR GmbH an approved solution to use offre una tecnologia approvata che the real potentials of these consente di sfruttare tutto il potenmaterials. ziale dei nuovi materiali. Selective Laser Coating Selective Laser Coating Removal Removal is the environmentally (rimozione del rivestimento con lafriendly alternative to traditional ser selettivo) è l’alternativa a basso surface preparation and paint impatto ambientale ai metodi tradistripping methods for aircraft zionali di preparazione superficiaand aircraft components. le e sverniciatura per aerei e loro The SLCR process completely componenti. Il processo SLCR elieliminates the need for mina completamente il bisogno di mechanical or chemical preparazione chimica o meccanica surface preparation or follow e di trattamenti supplementari ed è –up treatment and is already già approvato dai principali OEM. approved by major OEM. Basato sulle radiazioni laser CO2, Source: SLCR Based on pulsed CO2 laser questo processo è controllato da radiation, this remarkable un’applicazione PC di semplice utiAutomated surface preparation of carbon fibre composites process is controlled from a lizzo che consente una regolazione user-friendly PC based application that allows the easy adjustment semplice di svariati parametri di processo. of a variety of process parameters. Grazie alla sua struttura modulare, il sistema SLCR offre la masDue to its strict modular layout, the SLCR system offers maximum sima flessibilità. Paragonato alle tecnologie convenzionali, i suoi flexibility. Compared to conventional alternatives, its low operating costi operativi e la manutenzione minima richiesta forniscono forcosts and minimal maintenance requirements provide strong ti vantaggi competitivi per una gamma variegata di applicazioni competitive advantages for a variety of surface applications. superficiali. The SLCR process for paint stripping works on 1- and Il processo SLCR per la sverniciatura funziona su sistemi di verni2-component systems, PUR, epoxy, powder coat or flex coat ciatura mono o bi componenti, PUR, vernici in polvere epossidiche systems; it is tested and qualified according to SAE MA4872. o sistemi flex coat; è testato e qualificato secondo SAE MA4872. For further information: www.slcr.com Per ulteriori informazioni: www.slcr.com

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

23


BRAND-NEW

REVIEWED BY WSCA (WORLD SURFACE COATINGS ABSTRACTS) ipcm™ - International Paint&Coating Magazine has been reviewed

ipcm™ - International Paint&Coating Magazine è stata recensita da

by World Surface Coatings Abstracts, the industry’s premier search tool, created in 1928 and computerised since 1976. WSCA is produced monthly by The PRA’s World Surface Coatings Library. It is the largest independent library in the world dedicated to surface coatings, established over 80 years ago and is a unique resource for coatings and chemicals companies to research into the latest developments and to investigate the prior art of the industry. Each year 8,000 to 9,000 abstracts are added to the database which covers coatings in their broadest sense – paints, inks, adhesives and raw materials. The subject range includes science, technology, commercial information, environment and legislation. The database versions of WSCA hold over 300,000 coatingsrelated abstracts from 1976 onwards. Some of the articles published by IPCM during 2010 and 2011 and reviewed by WSCA are the following:

World Surface Coatings Abstracts, il principale strumento di ricerca dell’industria delle tecnologie di superficie creato nel 1928 e computerizzato dal 1976. WSCA è prodotto mensilmente dalla World Surface Coatings Library del PRA (Paint Research Association). È la più grande biblioteca indipendente al mondo dedicata ai rivestimenti superficiali e costituisce una risorsa unica per le aziende della chimica e dei rivestimenti per fare ricerche sugli ultimi sviluppi tecnologici. Ogni anno si aggiungono dagli 8.000 ai 9.000 estratti al database che copre la tematica dei rivestimenti nel suo senso più ampio – vernici, inchiostri, adesivi e materie prime. Lo spettro degli argomenti include scienza, tecnologia, informazioni commerciali, ambiente e normative. Le versioni database di WSCA contengono oltre 300.000 estratti dal 1976 in poi. Alcuni degli articoli pubblicati su IPCM nel corso del 2010 e del 2011 e fin qui recensiti da WSCA sono i seguenti:

ipcm The first international

magazine for surface

treatments

INTERN A TIONAL PAINT&COAT ING MAGAZINE

2010 1st YEAR Bimonthly thly N°2-March www.eosmarketing.eu

• Schultz, D.: Carbon dioxide snow jet cleaning runs in series at (motor vehicle manufacturer) International Paint and Coating Magazine, 2010 Vol 1, No. 2, pp. 14-20 • Karner, K.: Superdurable powder coating International Paint and Coating Magazine, 2010 Vol 1, No. 4, pp. 32-37

ipcm The first international

magazine for surface

INTERN A TIONAL PAINT&COAT ING MAGAZINE

treatments

sue ing ial is spec m Finish 2010 iu 1 YEAR umin Bimonthly

Al

st

N°4-July www.eosmarketing.eu

• Venturi, A.: Smart coatings for high-quality powder coatings International Paint and Coating Magazine, 2010 Vol 1, No. 4, pp. 64-68 • Pedroni, E.: Infrared-reflective coatings for saving energy: principles and experiences International Paint and Coating Magazine, 2010 Vol 1, No. 4, pp. 50-55

ipcm The first international

magazine for surface

INTERN A TIONAL PAINT&COAT ING MAGAZINE

• Lucchese, G.: Low Temperature powder coating: efficiency and developmental opportunities International Paint and Coating Magazine, 2010 Vol 1, No. 4, pp 68-74

treatments

TM

2010 1st YEAR Bimonthly N°6-November www.eosmarketing.eu

• Riva L. Cataphoretic electrodeposition on components for pulleys International Paint & Coating Mag. 2010, Vol 1 No. 6, pp. 16-22 • Del Fabbro, Campolo M & Soldati A. Evaluation of spray painting efficiency in industrial applications International Paint and Coating Magazine, 2010, Vol 1 No. 6, pp. 40-50

The first international magazine

for surface treatments

2011 2nd YEAR Bimonthly N°7-January www.eosmarketing.eu

• Busato, F.: New legislations and impact on resin system developments International Paint & Coating Magazine, 2011, Vol. 2, No. 7, pp. 4-8 • Gracenea J J, Suay J J & Gimevol M J. Characterisation of organic coating systems by accelerated cyclic electrochemical tests: correlation with spray test International Paint and Coating Magazine, 2011, Vol 2 No. 7, Protective Coatings Supplement No. 5, pp. 8-17

24 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine


by Paola Giraldo

BYK-GARDNER ACCREDITED BY INDEPENDENT EXPERTS - ISO/IEC 17025:2005 BYK-Gardner accreditata da esperti indipendenti - ISO/IEC 17025:2005 eretsried, 12th June 2011 The testing and calibration laboratories of BYK-Gardner – worldwide partner of the automotive, paint and plastic industries for quality control of colour, appearance and physical properties – have been accredited according to ISO/IEC 17025:2005. With the accreditation according to ISO/IEC 17025 independent experts have confirmed that measurements carried out with BYK-Gardner instruments not only comply with international standards, but are also comparable among each other. Being an internationally operating company with locations among others in Germany and the USA, the American company ACLASS was appointed to carry out the accreditation. The scope, the field of application includes the following indicators resp. instruments and standards: - Gloss: all instruments, e.g. micro-gloss - Colour: all instruments, e.g. spectro-guide, BYK-mac and three-angle instruments - Haze: all instruments, e.g. haze-gard - Transmission: all instruments, e.g. haze-gard - Clarity: all instruments, e.g. haze-gard - Wave/DOI: all instruments, e.g. wave-scan With the accreditation, both in the USA and in Germany BYK-Gardner is in the same position as a certified laboratory. Thus BYK-Gardner belongs to the few specialized laboratories worldwide, which are formally on the same level as NIST (National Institute of Standards and Technology in the USA) or NRC (National Research Council in Canada) for gloss measurement and as PTB (PhysikalischTechnische Bundesanstalt in Braunschweig, Germany) or NPL (National Physical Laboratory in UK) for colour measurement. Regarding Wave/DOI measurement with the accreditation – which is unique all over the world – the BYK-Gardner producer standards are now recognized as worldwide standards. BYK Additives & Instruments is one of the world’s leading suppliers in the additives and instruments sector. Approximately 87% of its sales are generated by foreign countries. Our major export markets are Europe, the United States, and the Far East. BYK Instruments can quantify the quality of color and gloss and the physical properties of paint, plastic and paper products. Instruments from BYK are predominantly used for quality control. BYK Additives & Instruments is a member of ALTANA, Wesel, which develops and produces high-quality, innovative products in the sector of specialty chemicals. More information is available at www.byk.com

G

eretsried, Germania, 12 Giugno 2011. I laboratori di prova e calibrazione di BYK-Gardner – partner globale per le industrie dell’auto, delle vernici e delle materie plastiche per il controllo qualità del colore, dell’aspetto e delle proprietà fisiche – sono stati accreditati secondo la normativa ISO/IEC 17025:2005. Con l’accreditamento secondo ISO/IEC 17025 esperti indipendenti hanno confermato che le misurazioni effettuate con gli strumenti BYK-Gardner non solo sono conformi alle normative internazionali, ma sono anche comparabili fra loro. In qualità di azienda operante a livello internazionale con sedi, fra le altre, in Germania e negli Stati Uniti, l’azienda americana ACLASS è stata incaricata di eseguire l’accreditamento. Il campo di applicazione include i seguenti indicatori, rispettivamente strumenti e normative: - Gloss: tutti gli strumenti, es. micro-gloss - Colore: tutti gli strumenti, es. spectro-guide, BYK-mac e strumenti a tre angoli - Velatura: tutti gli strumenti, es. haze-gard - Trasmissione: tutti gli strumenti, es. haze-gard - Chiarezza: tutti gli strumenti, es. haze-gard - Wave/DOI: tutti gli strumenti, es. wave-scan. Con l’accreditamento, BYK-Gardner è diventato un laboratorio certificato sia negli USA che in Germania. Quindi BYK-Gardner appartiene a quel ristretto gruppo di laboratori specializzati a livello mondiale, che sono formalmente sullo stesso livello di NIST (National Institute of Standards and Technology negli USA) o NRC (National Research Council in Canada) per la misurazione del gloss, e di PTB (PhysikalischTechnische Bundesanstalt a Braunschweig, Germania) o NPL (National Physical Laboratory in UK) per la misurazione del colore. Per quanto riguarda le misurazioni Wave/DOI con l’accreditamento – che è unico in tutto il mondo – gli standard del produttore BYK-Gardner sono adesso riconosciuti come standard mondiali. BYK Additives & Instruments è uno dei fornitori leader mondiale nel settore degli additivi e degli strumenti. Circa l’87% delle vendite è generato da Paesi stranieri. I principali mercati di esportazione sono l’Europa, gli USA, e l’Estremo Oriente. Gli strumenti BYK possono qualificare la qualità del colore e della brillantezza e le proprietà fisiche di vernici, materie plastiche, e prodotti cartacei. Gli strumenti BYK sono usati in larga parte per il controllo qualità. BYK Additives & Instruments è membro di ALTANA, Wesel, Germania, che sviluppa e produce prodotti innovativi e di alta qualità nel settore delle specialità chimiche. Maggiori informazioni sono disponibili su www.byk.com

G

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

25


BRAND-NEW FROM JANUARY 1ST TO JUNE 30TH 2011 THE RAW MATERIALS FOR THE WOOD COATING SECTOR HAVE INCREASED BY 15% Dal 1 gennaio al 30 giugno 2011 le materie prime per vernici nel settore legno sono aumentate del 15%

T

he rise of raw materials prices throughout the global chemical industry has continued. The increases in 2011 follow those already huge of 2010 that have accounted for more than 26% on the whole industrial sector. All raw materials categories (solvents, glycols, oils and fatty acids or acrylic monomers ....), have been subject to significant price increases, among which those given below stood out as particularly significant. Throughout 2010 and 2011, coating manufacturers have delayed price increases, depleting their inventories and contracts at the old prices. It is predictable, however, because of the major losses, that there will be great difficulties (or even closedowns) for European and Italian coating manufacturers, and strong increases in the prices of coating products for the adjustment to these unsustainable costs. Source: IVM Chemicals (www.ivmchemicals.com)

continuata la rincorsa dell’aumento dei prezzi delle materie prime in tutta la chimica mondiale. Gli aumenti del 2011 fanno seguito a quelli già enormi del 2010 che, sul mix del settore, hanno pesato per oltre il 26%. Tutte le categorie di materie prime (solventi, glicoli, oli ed acidi grassi o monomeri acrilici….), sono state oggetto di incrementi di prezzo importanti, fra le quali si sono distinte in modo particolarmente significativo. Per tutto il 2010 e 2011 i produttori di vernici hanno ritardato gli aumenti, esaurendo scorte e contratti a vecchi prezzi. E’ però facilmente prevedibile, per le importanti perdite subite, grandissime difficoltà (se non addirittura chiusure) per Aziende di vernici europee ed italiane, e forti rincari dei prezzi dei prodotti vernicianti per l’adeguamento a costi ormai insostenibili. Fonte: IVM Chemicals (www.ivmchemicals.com)

È

RAW MATERIALS

Price delta Jan 2010 - Jun 2011

Price delta Jan - June 2011

Titanium Dioxide

51%

34%

Strong scarcity that will continue until 2014 due to plant closedowns and rising of consumptions in emerging Countries

Nitrocellulose

49%

7,5%

The closedown of a producer has caused an imbalance between supply and demand. In addition, the cellulose, basic raw material, is scarce and ever increasing. Increases planned for the next quarter are by 10%

Acrylic monomers

61%

15%

The shortage of acrylic acid continues, creating poor availability of all its derivatives.

Xylene

53%

22%

The sharp rise in oil and gasoline prices have dragged up the price. Now there are the first signs of downsizing

Toluene

52%

31%

Same as Xylene

Acetone

105%

76%

The closedown of a plant for maintenance has created a strong disturbance in Italy. The price has exceeded that of Northern Europe, historically much higher.

Aliphatic Isocyanates

18%

11%

The scarcity of raw materials (HDI) generated strong increases from the beginning of the year. By September there will be a further increase by 6%

MEK

167%

20%

The destruction of the Japanese plant due to the earthquake has shaken this market already in high tension in Europe after the closure of a producer in 2010. We still expect rises in prices and limited availability

MIBK

110%

64%

Scarce quantities. A large manufacturer has a problem on the production line, which dramatically reduces the availability. The situation is not going to normalize soon.

Castor oil

113%

38%

Strong demand from China, speculation on the part of Indian producers trying to maximize profits.

Vegetable fatty acids

100%

16%

They follow the trend of natural products that are the subject of strong speculations. Slight fall in the next quarter..

Butyl Acetate

68%

25%

Shutdowns for maintenance and increase in basic rm (acetic acid) have generated a progressive price increase that is not expected to decrease for the moment..

CAUSES

26 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine


by Paola Giraldo

MASTER IN COATINGS ENGINEERING Master Universitario in Ingegneria dei Sistemi Vernicianti n July the pre-registration for the 6th edition of the Master in Coatings Engineering will open. First and unique of its kind in Italy, the Master course is held at the Alessandria branch of Politecnico di Torino and has the target to create a professional profile having all the abilities to control, evaluate and handle all the technological aspects related to production, application and innovation in the coatings industry. The issues of environment and sustainability are particularly considered. Contents are designed to transmit to the students competence and skills which are required by the industry and marketplace but not normally provided by the classical academic curricula. The Master course lasts about one year for 60 credits with lessons, seminars, company visits and stage. The Master is supported both financially and organizationally by the Consortium Procoat (www.procoat.it) which, through its industrial members, can offer to the students scholarships and training on the job of high skill-building value.

I

i apriranno a luglio le pre-iscrizioni alla 6^ edizione del Master in Ingegneria dei Sistemi Vernicianti. Primo ed unico nel suo genere in Italia, il Master tiene i suoi corsi presso la sede Alessandrina del Politecnico di Torino, ed ha come obiettivo la creazione di una figura professionale che possegga le capacità tecniche e gestionali necessarie per controllare, valutare ed intervenire te su tutti gli aspetti tecnologici connessi con la produzione, ll’applicazione e l’innovazione nel settore industriale dei Prodotti Vernicianti, tenendo in debito conto le problematiche legate all’amV b biente e allo sviluppo sostenibile. I contenuti sono progettati con lo sc scopo di far acquisire agli allievi competenze e professionalità richieste d a dall’industria e dal mercato che non trovano riscontro nella formazione accademica classica. Il Master dura circa un anno per complessivi 60 crediti con lezioni, seminari, visite in aziende e stage. Il Master è supportato sia finanziariamente che organizzativamente dal Consorzio PROCOAT (www.procoat.it) che attraverso le aziende socie di settore può offrire agli studenti borse studio e percorsi di stage altamente professionalizzanti.

S

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

27


© Fotolia

THE LANGUAGE OF FINISHING: BETWEEN FUNCTIONS AND AESTHETICS OF THE ARCHITECTURAL AND PRODUCT DESIGN FINISHES Il linguaggio della finitura: percorsi fra funzionalità ed estetica delle finiture per architettura e design di prodotto Alessia Venturi

The finish is both form and substance. The finish is one of the variables involved in the development of a product. The finish conciliates the needs of the market and the creativity of the designer with the function of the product.

T

hese are just some of the reasons that explain why designers and architects need both creative and technical skills, as well as a wide knowledge of materials and finishes. Knowing the production technology for a product or an architectural structure is crucial for their job. The surface finishing is a technology which contributes to the creation of a product, to the realisation of an idea, not only aesthetic but also functional, i.e. measurable in terms of performance and correspondence with the specifications and the intended use. The finishing is a multi-faceted concept: it has a tactile, a visual, a formal and a functional component. Each of these components simultaneously fulfils the needs of the consumer/user, embodies the original idea of the planner and influences buying behaviour. Together, all these components constitute a language, the language of finishing, a communication interface between the product and its user. The relationship between the world of planners and the world of industrial finishing has always been difficult. The designers and the architects are at the heart of creativity; the companies, on the other hand, think according to strictly industrial parameters, such as cost/ performance and investment return.

28 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

La finitura è al tempo stesso forma e sostanza. La finitura è una delle variabili coinvolte nello sviluppo di un prodotto La finitura armonizza le esigenze del mercato e la creatività del designer con la funzione del prodotto.

Q

ueste sono solo alcune delle motivazioni che spiegano perché le professioni del designer e dell’architetto necessitano di capacità creative, competenze tecniche e una vasta conoscenza di materiali e finiture. Conoscere le tecnologie produttive a corollario di un prodotto o di una struttura architettonica è un aspetto imprescindibile della loro attività. Le finiture superficiali sono tecnologie che concorrono alla creazione di un prodotto, alla compiutezza di un’idea, non solo estetica ma anche funzionale, ossia misurabile in termini di prestazioni, corrispondenza alle specifiche tecniche e ai contesti d’uso. La finitura è un concetto complesso e multiforme: possiede una componente tattile, una visiva, una formale, una funzionale. Ognuna di queste componenti soddisfa contemporaneamente un’esigenza del consumatore/fruitore, concretizza l’idea originale del creativo e influenza i comportamenti di acquisto. Tutte queste componenti messe insieme rappresentano un linguaggio, il linguaggio della finitura, un’interfaccia di comunicazione fra il prodotto e chi lo usa. Il rapporto tra il mondo progettuale e il mondo delle finiture industriali è sempre stato un rapporto difficile. Designer e architetti sono il fulcro della creatività; le aziende, al contrario, ragionano secondo parametri strettamen-


HIGHLIGHT OF THE MONTH The designers and the architects often lack of technical knowledge about the coatings, their application limits and their features; at the same time, the manufacturers of industrial paints need to be seen as companies able to give solid support to these professionals, in order to gain an advantage in terms of both sales and R&D. ipcm™ organised a conference (<La Simbiosi fra Finitura e Design>, i.e. “The Symbiosis between Finishing and Design”, on October, 20th 2010) and featured several articles on the dialogue between these two parties – both choices that have raised considerable interest in the field of industrial finishing. For this reason, ipcm™ decided to strengthen this dialogue with a useful training event for both companies and planners: a project called <The Language of Finishing>. This is a series of seminars aimed at deepening the relationship between product and finishing: each seminar will focus on the different functions of finishing (sensorial, aesthetic, functional) presenting technologies, innovative products, application techniques and semi-finished products which can fulfil those functions. Programme I Seminar: “The aesthetic, formal and functional aspects of the new architectural finishes: selection criteria, application, limitations, resistance performance, durability, colour stability outdoors, eco-friendliness” Where and when: Politecnico di Milano – September, 28th 2011 II Seminar: “Aesthetics and senses in the product design finishing: chromatic aspects, special effects, metallic and pearl finishes, textured finishes and soft touch, emotional colours” Where and when: Domus Academy – Milan November, 30th 2011 (TBC) III Seminar: “The formal and functional aspects of the new industrial design finishing: criteria for choosing a finish, industrialisation of a finish, “smart” coatings and functional coatings, eco-friendly finishes” Where and when: IED – Milan and IED – Rome - Period: January 2012 IV Seminar: “Aesthetics and senses in the industrial design finishing: chromatic aspects, special effects, metallic and pearl finishes, textured finishes and soft touch, emotional colours” Where and when: IED Milan and IED Rome – Period: February 2012

te industriali, quali costo/resa e investimento/ritorno. Designer e architetti sono spesso a digiuno di nozioni tecniche sulla verniciatura, sui limiti applicativi, sulle caratteristiche dei prodotti vernicianti; allo stesso modo i produttori di vernici industriali hanno bisogno di configurarsi come aziende in grado di dare un supporto solido a questi professionisti, per trarne un vantaggio non solo in termini di vendite ma anche a livello di ricerca e sviluppo. Al tema del dialogo fra queste due entità ipcm™ ha dedicato un convegno - <La Simbiosi fra Finitura e Design>, organizzato lo scorso 20 ottobre - e numerosi articoli, iniziative che hanno entrambe sollevato un notevole interesse nel settore della finitura industriale. Per questo motivo ipcm™ ha deciso di rafforzare il dialogo aperto con un’iniziativa di formazione utile sia per le aziende che per i creativi: il progetto <Il Linguaggio della Finitura>. Si tratta di una serie di seminari che compongono un percorso di aggiornamento e approfondimento sul rapporto fra finitura e prodotto: ogni seminario si focalizzerà sulle diverse funzioni della finitura (sensoriale, estetica, funzionale) presentando tecnologie, prodotti innovativi, tecniche applicative e semilavorati in grado di soddisfare quella data funzione.

Sedi

Sponsor

Programma I Seminario: Gli aspetti estetici, formali e funzionali delle nuove finiture per architettura: criteri di scelta, aspetti applicativi e limiti d’utilizzo, performance di resistenza, durata, stabilità del colore in esterno, eco compatibilità Sede: Politecnico di Milano - 28 Settembre 2011 II Seminario: Estetica e sensorialità delle finiture per Product Design: aspetti cromatici, effetti speciali, finiture metallizzati e perlacee, finiture strutturate e soft touch, colori emozionali Sede: Domus Academy – Milano 30 novembre 2011 (data da confermare)

Patrocinatori

III Seminario: Gli aspetti formali e funzionali delle nuove finiture per Industrial Design: criteri di scelta di una finitura, industrializzazione di una finitura, vernici “intelligenti” e vernici funzionali, finiture ecocompatibili Sedi: IED – Milano e IED – Roma - Periodo: gennaio 2012 IV Seminario: Aspetti estetici e sensoriali delle finiture per industrial design: aspetti cromatici, aspetti tattili, effetti speciali, metallizzati e perlacei, finiture strutturate e soft touch, colori emozionali Sedi: IED Milano e IED Roma – Periodo: febbraio 2012

international PAINT&COATING magazine m - JULY/luglio 2011 - N. 10

29


RENATO CHIESA, CEO OF BASF COATINGS SPA, PRESENTS “COATINGS HOME”, THE INTEGRATED STRUCTURE FOR THE ITALIAN MARKET Renato Chiesa, AD di BASF Coatings Spa, presenta “Casa Coatings”, la struttura integrata per il mercato italiano Alessia Venturi

Opening photo: The new BASF Coatings headquarter in Cesano Maderno, (MB, Italy). La nuova sede BASF Coatings a Cesano Maderno, (MB).

F

or BASF, the European market has established itself as crucial: in 2010, 55% of the turnover of the company came from it, with a double-digit growth of 16%. The headquarters of the Business Center Europe South, which coordinates 23 companies operating in all fields and 33 plants, including 23 production facilities, are located in Italy, in Cesano Maderno, a town near Monza. In Italy, BASF achieved a remarkable result in terms of production in the first quarter of 2011, marking a growth of 30% in the chemical business thanks to an improved climate of trust among the operators. However, this was not the only objective achieved in Italy during the first part of 2011: namely, the Business Center Europe South has completed the moving of BASF Coatings Italia Spa in the facility of Cesano. This new seat was inaugurated on June, 24th (ref. page 18 of this issue). At the moment, this company holds a leading role in Italy in the field of liquid coatings and will continue to strengthen its presence in the business segment of industrial applications. With its products, BASF Coatings offers a know-how which allows it to work with all major companies from the automotive and industrial sectors. With the brands Glasurit® and R-M®, it provides customers

30 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

P

er questa BASF il mercato europeo si conferma fondamentale: ha rappresentato, nel 2010, il 55% del fatturato totale dell’azienda, con una crescita a due cifre, pari al 16%. Sede del Business Center Europe South, che coordina 23 società attive in tutti i settori e 33 siti, di cui 23 produttivi, è l’Italia, a Cesano Maderno, cittadina nei pressi di Monza. In Italia BASF ha raggiunto, nel primo trimestre del 2011, un ragguardevole risultato a livello produttivo, segnando una crescita del 30% nel business chimico grazie al miglioramento del clima di fiducia fra gli operatori del settore. Questa svolta positiva non è però l’unico obiettivo raggiunto in Italia in questa prima parte del 2011: il Business Center Europe South ha infatti terminato il trasferimento presso il sito di Cesano di BASF Coatings Italia Spa, che ha inaugurato la nuova sede (fig. 1) lo scorso 24 giugno (rif. pag. 18 del presente volume). Oggi, l’azienda detiene un ruolo leader in Italia nel campo delle vernici liquide e continuerà a rafforzare la sua presenza nel segmento di business per applicazioni industriali. Con i suoi prodotti, BASF Coatings è in grado di offrire un know-how completo, che le consente di collaborare con tutte le maggiori aziende del settore automobilistico


INTERVIEW with a total assistance, thanks to the full range of coating systems intended for the repair of motor vehicles and of customer services. Furthermore, besides the paints for cars and bodyworks, there are the industrial paints marketed under the brand name Salcomix®. We met Renato Chiesa (fig. 2), CEO of BASF Coatings Spa, who explained the profound meanings of this moving close to the BC: it does not end with the operational aspects, but it also involves the teamwork, the approach to the customers and the services offered to them. “The history of BASF Coatings on the Italian market was marked with ups and downs – Renato Chiesa states. – However, there has always been a common thread: being present with strength and quality in the key markets of the paint industry and reaching a wide range of companies at all levels of the sectors captured. In Italy we have three long-standing branches: bodyworks, OE cars and industry. Since 1998, when BASF Coatings Spa was established, we have succeeded, we have never stopped believing in the market and in our employees and we have achieved a very high degree of professionalism, acknowledged by the industry. Today we open a new page in the history of BASF Coatings Italia”. IPCM: “What is the new organisation of the company in Italy?” RC: “Nowadays, BASF is a unique company, focused on various markets, but more organic than in the past. This gives strength to the whole structure and offers more possibilities to deal with the challenges posed by the market. The moving close to the Business Center gives us the advantage of being closer to the rest of the BASF group and therefore of exploiting the synergy with the colleagues, receiving from them the knowledge of the group, which we lacked, and, at the same time, bringing them a dowry of our proximity to the final customer. With us, the Business Center has acquired the competence and professionalism of 112 people and of an R&D laboratory, the habit of the daily technical assistance to the customers and the efficiency of a call centre for customer service. Moving close the BC also means a more immediate communication, a better exchange of information among us and to and from the market. We have centralised some aspects and some functions which allow us to work in a more organic way

ed industriale. Con i marchi Glasurit® e R-M® garantisce ai clienti un’assistenza totale grazie alla gamma completa di sistemi di verniciatura per le riparazioni di autovetture e servizi dedicati al cliente. 2 Alle vernici per auto e per carrozzeria, si aggiungono le vernici industriali commercializzate con il marchio Salcomix®. Abbiamo incontrato Renato Chiesa (fig. 2) Amministratore Delegato di BASF Coatings Spa che ha spiegato i significati profondi di questo avvicinamento, che non si esaurisce con gli aspetti operativi ma coinvolge il lavoro in team, l’approccio verso i clienti e i servizi ad essi offerti. “La storia di BASF Coatings sul mercato italiano si è sviluppata con vicende alterne – afferma Renato Chiesa – ma comunque legate da un unico filo conduttore: essere presenti con forza e qualità nei mercati più importanti del settore vernici e presso un ampio spettro di aziende operanti a tutti i livelli dei settori raggiunti. In Italia operiamo con tre divisioni di lunga data: carrozzeria, auto primo impianto e industria. Dal 1998, anno di creazione di BASF Coatings Spa, abbiamo raccolto grandi successi, non abbiamo mai smesso di credere in questo mercato e nelle persone che lavorano con noi, abbiamo sviluppato un grado di professionalità molto elevato, riconosciuto dal settore. Oggi apriamo una nuova pagina importante nella storia di BASF Coatings Italia”. IPCM: “Qual è il nuovo assetto operativo dell’azienda in Italia?” RC: “Oggi BASF è un’azienda unica fatta di diverse attenzioni al mercato ma che vive assieme in modo organico più che in passato. Questa nuova organicità conferisce forza a tutta la struttura e offre maggiori possibilità di affrontare le sfide poste dal mercato. L’avvicinamento al Business Center ci dà il vantaggio di accostarci al resto del gruppo BASF e quindi di poter sfruttare le sinergie con i colleghi, ricevere da loro la conoscenza del gruppo, che a noi un po’ mancava, ma anche portare loro in dote la nostra vicinanza al cliente finale. Il Business Center acquisisce con noi la competenza e la professionalità di 112 persone e di un laboratorio di ricerca e sviluppo (fig. 3), l’abitudine all’assistenza tecnica quotidiana ai clienti, l’operatività di un call center per il servizio clienti. Avvicinamento significa anche una comunicazione più immediata, uno scambio migliore di informazioni tra di noi, da e verso il mercato. Abbiamo centralizzato alcuni aspetti e alcune funzioni che ci consentono di lavorare in modo più organico e perseguire la vocazione dell’azienda esclusivamente com-

2

Renato Chiesa, CEO of BASF Coatings Spa. Renato Chiesa, AD di BASF Coatings Spa.

international PAINT&COATING magazine m - JULY/luglio 2011 - N. 10

31


Renato Chiesa, CEO of BASF Coatings Spa, Presents “Coatings Home”, the Integrated Structure for the Italian Market 3

General view of R&D Lab Vista generale del laboratorio R&D. 4

The testing area for quality control of products and technical customer service. L’area di spruzzatura per il controllo qualità dei prodotti e il servizio tecnico al cliente.

3

and to pursue our vocation of purely commercial company, in its positive sense of greater proximity to the customers.” IPCM: “What are the future strategies of BASF Coatings?” RC: “In our three branches we pursue different goals, since we hold different positions on the market. The refinish branch is already well established, but we want to further improve our customer service and orientation and our flexibility in terms of logistics as well as management. The OEM automotive branch has been focused for years on improving its service to the Fiat group, in paying more and more attention to the needs of this multinational company. For this reason, we increased our staff presence within the different Fiat plants, as well as the constant and daily communication with Fiat at all levels. This new organisation will enable us to improve our position as suppliers of Fiat and to follow the future development of the company at best. For BASF Coatings, being present in both the car and the refinish industry means being able to realise the ideas of Fiat by providing it with the appropriate products and then to keep supporting it also with respect to the bodyworks. Finally, as regards our industrial branch, we are and will be a major presence in the Italian market, with both coatings and other types of products.” IPCM: “What role do R&D activities play in Italy?” RC: “Thanks to our R&D laboratory we are always able to meet our customers’ ordinary and extraordinary needs. Our pride, however, is the constant training of our customers in the refinish field. Our “schoollaboratory” in Caronno Pertusella (VA, Italy) trains a dozen of body-makers each week. We believe in the training of the operators and we invest a lot in it. In the future we will try to optimise it by moving the school inside our new premises, so as to provide the market with an integrated solution, from the training to the laboratory and to the final product. That is why I like to call this new BASF Coatings’s facility “Coatings Home”: an integrated structure exploiting all BASF’s know-how – training, technical service, quality control, research 32 N. 10 - 2011 JULY/luglioo - international PAINT&COATING magazine

4

merciale, nella sua accezione positiva di maggiore vicinanza ai cliente”. IPCM: “Quali sono le strategie future di BASF Coatings?” RC: “Nelle tre divisioni perseguiamo obiettivi diversi perché deteniamo posizioni diverse sul mercato. Il settore refinish è già presente in maniera capillare ma vogliamo migliorare ulteriormente il servizio e l’attenzione al cliente, la flessibilità non solo dal punto di vista logistico ma anche da quello della cura agli aspetti gestionali. Il settore auto primo impianto ci vede da anni impegnati nel migliorare il nostro servizio verso il gruppo Fiat, nel porre maggior attenzione alle esigenze di questa multinazionale. Per questo motivo abbiamo intensificato la presenza in termini di organico nei vari siti produttivi di Fiat, nonché la comunicazione costante e quotidiana con Fiat a tutti i livelli. Questo nuovo assetto ci consentirà di migliorare la nostra posizione come fornitori di Fiat e seguire al meglio lo sviluppo dell’azienda nei prossimi anni. Essere presenti sia nel settore auto che nel settore refinish, per BASF Coatings significa realizzare le idee di Fiat fornendo loro i prodotti adeguati, e continuare a farlo intervenendo poi sulle carrozzerie. Nel settore industriale, infine, manteniamo una posizione di rilievo anche tramite collaborazioni locali”. IPCM: “Che ruolo riveste l’attività di Ricerca&Sviluppo in Italia?” RC: “Grazie al nostro laboratorio R&S siamo sempre vicini al nostro cliente nelle sue esigenze ordinarie come in quelle straordinarie. Inoltre, vantiamo un fiore all’occhiello: quello della formazione costante dei nostri clienti nel settore refinish. La nostra “scuola-laboratorio” di Caronno Pertusella (VA) forma ogni settimana una ventina di carrozzieri. La formazione degli operatori è una cosa in cui crediamo, in cui investiamo molto e che in futuro cercheremo di ottimizzare portando la struttura di formazione all’interno di questa nuova sede, in modo da poter offrire al mercato una soluzione integrata dalla formazione al laboratorio al prodotto finale. Ecco perché io amo chiamare questa nuova sede di BASF Coatings “Casa Coatings”: una struttura integrata che racchiude al suo interno tutto il know-how BASF dalla formazio-


INNOVATIONS: INTERVIEW PRESENT&FUTURE and development of new colours and future trends. To us, researching and developing means not only working on the performance and functions of a coating, but also working on the colour trends in order to transfer the sensations we perceive on the market in a coating. IPCM: “Given this strong customer orientation, how do you view the trend of the Italian market in the near future and what opportunities for growth have you identified?” RC: “The market trend is much more positive than what we perceive every day through the media. BASF is experiencing very positive results and the data from all sectors are positive, not only compared with the annus horribilis of 2008, but also with 2010. Unfortunately, the media deal too much with the bad news and too less with the good news from the markets. It is true that the market is increasingly difficult and competitive, but this is the new global market reality. A modern company supplies multiple markets, which, of course, cannot all travel at the same speed; while acknowledging the existence of a single global market, it should be prepared to deal with sectors with very positive trends in some regions of the world and not in others and vice versa. I believe that the Italian entrepreneurs are showing a great attention to the various markets, very quick in terms of reactions, flexibility and mobility. This is an important asset for Italy. BASF Coatings encourages these dynamic companies, cooperating with them to help them meet new challenges. To us, colour matters. We live for the colours and in the colours: let’s add pink to gray!” Thanks to the recent years’ acquisitions, BASF has strengthened and expanded significantly its presence in the Mediterranean area. In contrast with the process of delocalisation of the production towards the emerging Countries, it is increasingly basing its high added value production facilities in Europe, in the Mediterranean area and particularly in Italy, creating local employment. This multinational company is investing especially in skills and professionalism: new highly qualified resources were added to the staff, as well as young people who can help to better interpret this historical and economic moment. Also thanks to this approach and these investments in qualified personnel, BASF is now one of the top chemical producers in Italy in terms of products quantity, innovation and high added value.

ne, al servizio tecnico, al controllo qualità (fig. 4), alla ricerca e sviluppo di nuovi colori e trend del futuro. Per noi fare Ricerca e Sviluppo significa non solo lavorare sulle prestazioni e le funzionalità di una vernice, ma anche lavorare sulle tendenze colore per trasferire le sensazioni che percepiamo sul mercato in un prodotto verniciante. IPCM: “Considerando questo forte orientamento al cliente, come vede l’andamento del mercato italiano nel prossimo futuro e quali opportunità di crescita ha individuato?” RC: “Il mercato sta avendo uno sviluppo molto più positivo di quello che realizziamo tutti i giorni attraverso i media. BASF sta registrando risultati molto positivi e in tutti i settori industriali ci sono dati positivi non solo rispetto all’annus horribilis del 2008, ma anche rispetto al 2010. Il problema è che si parla troppo dei mercati in un’ottica negativa e troppo poco dei successi. Certo, il mercato è sempre più difficile e competitivo, ma questa è la nuova realtà del mercato globale. Oggi un’azienda fornisce più mercati ed è impensabile che viaggino tutti contemporaneamente alla stessa velocità. Aprirsi al mercato mondiale significa recepire un unico mercato globale, significa confrontarsi con settori che registrano andamenti molto positivi in alcune regioni del mondo, meno in altre e viceversa. Ritengo che gli imprenditori italiani stiano dimostrando una grande attenzione ai vari mercati, veloci di reazione, flessibilità, mobilità. Questo è un patrimonio importante per il Sistema Italia e BASF Coatings incentiva queste aziende dinamiche, collaborando con loro per aiutarli ad affrontare le nuove sfide. Per noi il colore è importante, viviamo del colore e nel colore: mettiamoci anche del rosa e non solo del grigio!” BASF, grazie alle acquisizioni degli ultimi anni, ha rafforzato ed esteso in maniera rilevante la presenza produttiva nell’area mediterranea. In controtendenza con il processo di delocalizzazione delle produzioni verso i Paesi emergenti, intensifica le proprie produzioni ad alto valore aggiunto in Europa, nel mediterraneo ed in particolare in Italia, creando occupazione a livello locale. La multinazionale sta investendo in modo particolare in competenze e professionalità: il team operativo ha visto l’ inserimento di nuove risorse altamente qualificate ma anche di giovani che aiutano a meglio interpretare questo momento storico ed economico. Anche grazie a questo approccio e a questi investimenti in personale qualificato, oggi, BASF rappresenta uno dei primi produttori chimici in Italia, sia dal punto di vista quantitativo, che per innovazione ed elevato valore aggiunto.


+


ipcm N°10 - July

... On the road to IPCM™ n. 10... ...Verso IPCM™ n. 10...

One of the leading events of the field. Uno degli eventi nazionali più importanti del settore.

Exchange of views among entrepreneurs of the mechanical industry. Opinioni a confronto fra gli imprenditori della meccanica.

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

35


RELIABILITY, QUALITY AND REDUCED POLLUTION IN THE SHOTBLASTING OF MECHANICAL PARTS Affidabilità, qualità e ridotto inquinamento nella granigliatura di carpenteria meccanica Enzo Dell’Orto OMSG Officine Meccaniche San Giorgio Spa, Villa Cortese (MI), Italy

T

he technological progress has led the most qualified companies on an international level to equip themselves with more and more efficient production systems, environmentally-friendly and able to guarantee the best technical and production performance, especially in terms of pollution and energy consumption. This trend is particularly pronounced with regard to the surface treatment and finishing plants. According to our experience as plant engineers in the field of surface technologies, over the past few years the industry sectors of agricultural and earth-moving machinery are those which have evolved the most from the point of view of technology: in both cases, for the treatment of their parts, the companies opt more and more for full, automatic shotblasting and painting lines.

36 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

L

o sviluppo tecnologico ha portato le aziende più qualificate a livello internazionale ad attrezzarsi con impianti di produzione sempre più performanti che possano garantire la migliore resa tecnica e produttiva e che siano in grado di rispondere alle istanze di eco compatibilità, soprattutto in termini di inquinamento e consumo energetico. Questa tendenza è particolarmente accentuata per quanto concerne gli impianti di trattamento e finitura superficiale. Secondo la nostra esperienza di impiantisti nel settore delle tecnologie di superficie, i settori industriali che nel corso degli ultimi anni si sono maggiormente evoluti dal punto di vista tecnologico sono quelli delle macchine agricole e movimento terra: in entrambi i casi, per il trattamento dei loro manufatti, si ricorre sempre più spesso all’installazione di linee complete ed automatiche di granigliatura e verniciatura.


FOCUS ON TECHNOLOGY

1

3D CAD drawing of the machine. Disegno a CAD 3D della macchina.

1

Shotblasting as surface preparation of steel As for the mechanical components of the agricultural machinery, the shotblasting is used for the descaling, the removal of oxides, the removal of welding burs and the surface preparation for the subsequent painting or machining steps. For the treatment of medium/large components, the tunnel shotblasting is best suited – the parts are treated horizontally and can be handled by double hoist, overhead conveyor or motorised carts. The blasting is carried out simultaneously over the entire surface while the parts go through the tunnel. Downstream of the shotblasting tunnel, there can be manual sandblasting booths for the touch-ups or blowing/suction booths to remove the media from the parts. Quite often, these tunnel systems are integrated in full sandblasting-painting lines. Especially in the field of agricultural machinery, over the years OMSG has produced many shotblasting and sandblasting systems, both at European (Belarus, Romania, Spain, France, etc.) and global level, in collaboration with the most renowned international coating systems manufacturers. One of the last plants built for this sector, at the end of 2010, was a shotblasting machine (Fig. 1) placed inside a full finishing line ordered by Olimac Srl, based in Margarita (CN, Italy), an international leader in the design and production of husking machines and corn harvesting equipment (see opening picture), especially intended for the American, Russian and European markets.

Granigliatura come preparazione superficiale dell’acciaio Per la carpenteria meccanica delle macchine agricole, la granigliatura serve per la decalaminazione, per la rimozione di ossidi, per la rimozione di tracce di saldatura, per la preparazione delle superfici al successivo trattamento di verniciatura o alla successiva lavorazione meccanica. La tipologia di granigliatrice più idonea al trattamento di manufatti di medie/grosse dimensioni è la granigliatrice a tunnel, in cui i pezzi sono manipolati in senso orizzontale e la loro movimentazione può avvenire tramite doppio paranco, trasportatore aereo o carrelli motorizzati a terra. La granigliatura si effettua contemporaneamente su tutta la superficie durante la traslazione del manufatto attraverso il tunnel. A valle del tunnel di granigliatura è possibile installare cabine di sabbiatura manuali per ritocchi o cabine di soffiaggio/aspirazione per rimuovere eventuali accumuli di abrasivo depositati sui pezzi. Molto spesso gli impianti a tunnel sono inseriti in linee complete automatiche di sabbiatura-verniciatura. Soprattutto nel settore delle macchine agricole, OMSG ha realizzato nel corso degli anni numerosi impianti di granigliatura e sabbiatura, sia a livello europeo (Bielorussia, Romania, Spagna, Francia, ecc.) che mondiale, in collaborazione con i più rinomati impiantisti di verniciatura internazionali. Uno degli ultimi impianti realizzati in questo settore, a fine 2010, è una macchina granigliatrice (fig. 1) posizionata all’interno di una linea completa di finitura commissionata dalla Olimac Srl di Margarita (CN), leader internazionale nella progettazione e produzione di spannocchiatrici e macchinari per la raccolta del mais (rif. foto d’apertura), destinate in particolar modo ai mercati americano, russo ed europeo.

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

37


Reliability, Quality and Reduced Pollution in the Shotblasting of Mechanical Parts

2

Parts input. Ingresso pezzi in granigliatrice.

2

The Requests

La richiesta

Olimac needed to include in its production lay-out an automatic finishing system able to ensure a high and consistent coating quality on all types of products treated and, at the same time, a high technical performance and an absolute reliability with the least possible use of labour. Olimac handles metal parts of different shapes, from the large and complex structures to the small components of an agricultural machine. In addition to focusing on the quality of its machines, Olimac is very environmentally sensitive, with an eye on the regulations about health and safety at work, so as to ensure an adequate cleanliness and comfort in all its production departments, regardless of the type of processing taking place inside them. For this reason, one of the primary needs of this customer was to minimise the discharge of shotblasting media from the input and output areas of the tunnel, in order to keep the work environment as clean and comfortable as possible.

L’esigenza di Olimac era quella di inserire nel proprio layout produttivo un impianto automatico di finitura in grado di garantirgli qualità di verniciatura elevata e costante nel tempo su tutte le tipologie di prodotti trattati e, nel contempo, elevate prestazioni tecniche e affidabilità assoluta con il minor impiego possibile di manodopera. Olimac tratta carpenterie metalliche di diverse forme geometriche: dalle carpenterie complesse e di grosse dimensioni ai piccoli elementi che compongono la macchina agricola. Oltre a puntare sulla qualità delle proprie macchine, Olimac è un’azienda molto attenta all’ambiente e alle normative relative alla sicurezza e all’igiene sul lavoro, a tal punto da garantire ai propri operatori pulizia e comfort adeguati in tutti i reparti produttivi, indipendentemente dalla tipologia di lavorazione che in essi si svolge. Per questo motivo una delle esigenze primarie del cliente era ridurre al massimo la fuoriuscita di graniglia dagli ingressi frontali e posteriori del tunnel di granigliatura per mantenere il più possibile pulito e confortevole l’ambiente di lavoro.

The Technology

La tecnologia

An in-line tunnel shotblasting machine was integrated in the Olimac finishing plant. This system, called TUNNELBLAST 1515/8, is equipped with 8 high performance turbines, patented by OMSG, with keyed motor and a power of 7,5 Kw each. It was designed precisely to meet the need of Olimac to reduce to a minimum the discharge of media in the workplace. This request, namely, had resulted in a careful study of the input (Fig. 2) and output chambers (Fig. 3) and of the manual blowing booth, which, at the end, could contain an entire piece carrying jig. Normally, the tunnel shotblasting systems are designed with pre-chambers of sufficient length to avoid, within the limits of the technology used,the discharge of media, also thanks to several rows of pliant straps with a steel core. However, this system alone cannot ensure fully sealed protections.

Sull’impianto di finitura Olimac è stata inserita una macchina granigliatrice a tunnel in linea, denominata TUNNELBLAST 1515/8. Si tratta di un impianto dotato di 8 turbine centrifughe ad alto rendimento, brevettate da OMSG, con motori direttamente calettati, da 7,5 Kw/cad di potenza. L’impianto possiede una struttura costruttiva particolare proprio per soddisfare la precisa esigenza di Olimac di ridurre ai minimi termini la dispersione di abrasivo nell’ambiente di lavoro. Questa richiesta ha implicato uno studio progettuale accurato delle precamere di ingresso (fig. 2) e uscita pezzi e della cabina di soffiaggio manuale (fig. 3), tali per cui potessero contenere la bilancella per la sua intera lunghezza. Normalmente gli impianti di granigliatura a tunnel sono realizzati con precamere di lunghezza sufficienti ad evitare, nel limite fisiologico della tecnologia applicata, la fuoriuscita di graniglia, con il supporto di diverse file di bandelle pieghevoli con anima in acciaio. Questo sistema da solo non

38 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine


3

Parts out of the blowing chamber. Pezzi in uscita dalla camera di soffiaggio. 3

4

As for the Olimac system, the size of the piece carrying jigs to be treated is 9,500 mm x 1,300 mm x 1,500 (Length x Width x Height) and therefore the pre-chambers were designed and built with a 11,000 mm length, bringing the total length of the plant to almost 40 metres. Moreover, to solve the problem of the media discharge, pneumatic doors were installed in both the input and the output area.

può però garantire una tenuta stagna delle protezioni. Nell’impianto Olimac la bilancella da trattare ha dimensioni 9.500 mm x 1.300 mm x 1.500 (Lunghezza x Larghezza x Altezza) quindi le precamere sono state progettate e realizzate con una lunghezza di 11.000 mm, che ha portato la lunghezza complessiva dell’impianto di granigliatura a quasi 40 metri. Per risolvere il problema della fuoriuscita di abrasivo sono state installate delle porte pneumatiche in ingresso ed in uscita.

The Shotblasting Cycle

Il ciclo di granigliatura

The parts are loaded into a special loading zone through the descenders (Fig. 4) of the overhead conveyor (built by Futura Convogliatori Aerei).

I pezzi sono caricati in un’apposita zona di carico (fig. 4) attraverso i discensori del convogliatore aereo (realizzato da Futura Convogliatori Aerei). Inizialmente i pezzi si

4

Parts loading area + blowing chamber downstream of the shotblasting machine. Zona di carico pezzi + camera di soffiaggio post granigliatrice.


Reliability, Quality and Reduced Pollution in the Shotblasting of Mechanical Parts

Initially, the level of oxidation of the parts is low. The ultimate goal is to achieve a degree of finishing of SA 2½ (according to Swedish standard SS055900, implemented at international level with the standard ISO 8501:1), i.e. complete removal of all oxides and surface with the appropriate characteristics of “adhesion” for the coating applied subsequently. The parts go through the shotblasting tunnel in three steps: a) waiting step: inside the pre-chamber, the parts wait for the manual blowing chamber to be free; b) shotblasting step: the parts are shotblasted through metal media casted at high speed by the eight turbines of the machine; c) blowing step: blowing and removal of the media from the parts surface. The manual blowing chamber is equipped with an automatic media recovery system exploiting augers and hoppers and allowing to recycle the media automatically. The media used for the shotblasting is a mixture of spherical and angular steel media. Some parts (especially the carters) are rather thin and subject to deformation: for this reason, the plant was equipped with 2 Inverter Turbines with a power of 30 Kw each, so as to reduce the kinetic energy of the media casted against the parts and therefore to minimise the risk of deformation. Furthermore, in combination with the Inverter Turbines, special metering valves were installed to adjust the flow of media. The plant was equipped with a PLC control system with Profibus communication. A self-cleaning filter type FAC 12/10 N, built in compliance with the current ATEX regulations, was installed to allow the removal of the dust in the shotblasting and blowing chambers. After the shotblasting and blowing steps, the pieces are carried by the dual-rail conveyor to the automatic liquid + powder coating system, in which water-based paints are used. The plant, built by Tecnofirma, consists of: • pressurised spray painting booths with vertical water veil, equipped with a system to remove the sludge from the waste water; • flash-off oven; • primer drying oven; • curing oven; • powder booth with painting robot. 40 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

presentano con un livello di ossidazione basso. Lo scopo finale è di ottenere un grado di finitura SA 2½ (secondo la normativa svedese SS055900, recepita a livello internazionale con la normativa ISO 8501:1), ossia rimozione completa di tutti gli ossidi e conferimento alla superficie delle idonee caratteristiche di “aggrappaggio” per la vernice applicata successivamente. Il pezzo attraversa il tunnel di granigliatura in tre fasi: a) fase di attesa del pezzo in corrispondenza della precamera di granigliatura, in attesa che si liberi la cabina di soffiaggio manuale; b)fase di granigliatura, realizzata per mezzo dell’abrasivo metallico lanciato ad alta velocità dalle otto turbine della macchina; c) Fase di soffiaggio e rimozione dell’abrasivo dalla superficie dei manufatti. La camera di soffiaggio manuale è dotata di un sistema di recupero automatico della graniglia, tramite coclee e tramogge, che permette di riciclare l’abrasivo e di reintrodurlo nel sistema di circolazione abrasivo della macchina in modo automatico. L’abrasivo utilizzato durante la fase di granigliatura è una miscela di graniglia d’acciaio sferica ed angolosa. Alcuni particolari di carpenteria (soprattutto i carter) hanno spessori piuttosto sottili, passibili di deformazione: per questo motivo l’impianto è stato dotato di 2 Inverter Turbine da 30 Kw/cad in modo tale da diminuire l’energia cinetica dell’abrasivo lanciato contro al pezzo e ridurre quindi al minimo l’eventuale deformazione del pezzo. Inoltre, in abbinamento agli Inverter Turbine sono state installate speciali valvole dosatrici che regolano il flusso di abrasivo in uscita. L’impianto è dotato di un sistema di controllo a PLC , con comunicazione di tipo profibus. Per la rimozione delle polveri è stato installato un filtro autopulente modello FAC 12/10 N, realizzato secondo le vigenti normative ATEX, che permette la rimozione delle polveri createsi in camera di granigliatura ed in cabina di soffiaggio. Successivamente al trattamento di granigliatura e soffiaggio, i pezzi sono trasportati dal convogliatore birotaia verso l’impianto di verniciatura automatico liquido + polveri, che utilizza vernici a base acqua. L’impianto, realizzato da Tecnofirma, consiste di: • cabine di verniciatura pressurizzate a velo d’acqua verticale, dotate di un sistema di defangazione delle acque reflue; • forno di appassimento; • forno di essicazione primer; • forno di polimerizzazione; • cabina polveri con robot di verniciatura.


alteregostudio.it

4204/GEOEPOX - PLUS Fondo epossidico al fosfato di zinco all’acqua; a base di resine epossidiche emulsionate in acqua per la verniciatura di macchine utensili, minuteria, carpenteria pesante, macchine movimento terra, etc.

Alcea produce vernici nel rispetto dell’uomo e dell’ambiente azienda certificata: UNI EN ISO 9001:2008 - UNI EN ISO 14001:2004 - OHSAS 18001:2007

www.alcea.com


Source: Metra

FAST, AUTOMATED COLOUR CHANGE IN THE PAINTING OF ALUMINIUM SHEETS AND PROFILES. Cambio colore rapido e automatizzato nella verniciatura di lamiere e profili d’alluminio. Francesco Stucchi

Opening photo: Headquarter of the Lombardy Region, Milan, Italy. Foto d’apertura: Palazzo della Regione Lombardia, Milano.

I

n recent years, the technological and social changes have led the designers to seek more and more versatile materials. Thanks to its characteristics, the aluminium plays an important role for the ecocompatible and sustainable design (ref. opening photo): it is a light and flexible, but resistant material with a good price-quality ratio. However, what makes it attractive in the eyes of designers are the countless colours and surface finishes available for the aluminium profiles, panels and the other elements which allow the creation of architectural structures such as curtain walls, window and door frames, doors and gates, complementary systems, sunscreens, movable walls. The surface appearance of the aluminium, therefore, plays a key role for both the designers and the customers. In the last few years, the development of the aluminium finishing technologies has been faster and faster. Liquid coatings and anodising are still fairly common finishes in this field, but the thermosetting

42 N. 10 - 2011 JULY/luglio Y - international PAINT&COATING magazine

N

egli ultimi anni il cambiamento tecnologico e sociale, ha portato i progettisti a ricercare materiali sempre più versatili. Grazie alle sue caratteristiche, l’alluminio riveste un ruolo importante nella progettazione ecocompatibile e sostenibile (rif. foto d’apertura): è un materiale leggero, flessibile ma resistente e con un buon rapporto qualità - prezzo. Ciò che lo rende appetibile agli occhi dei progettisti, inoltre, è l’innumerevole disponibilità di colori e finiture superficiali per profili, pannelli e altri elementi in alluminio che consentono la realizzazione di strutture architettoniche quali facciate continue, serramenti, porte e portoni, sistemi di completamento dell’involucro, frangisole, pareti mobili. L’aspetto superficiale dell’alluminio gioca quindi un ruolo decisivo sia per il progettista che per il committente. In questi ultimi anni la messa a punto di tecnologie di finitura dell’alluminio ha subito un’accelerata. Se vernici liquide e ossidazione anodica sono ancora finiture abbastanza diffuse nel settore alluminio, il primato va attribuito sicuramente alle vernici in polvere termoindurenti. Gli impianti


FOCUS ON TECHNOLOGY 1

Layout of the system installed by Metra Spa in its facility in Rodengo Saiano (Bs, Italy). Lay-out dell’impianto installato presso la Metra Spa di Rodengo Saiano (Bs).

1

powder coatings are certainly the most widespread choice. The dedicated systems have grown, over the years, both in numbers and in technology – from the large vertical machines able to ensure an impressive production but with some strictness as regards the shape of the parts to be coated to the super-compact horizontal systems with a lower productivity than the vertical ones, but more flexible, as they can also paint panels and parts with different shapes. In other words, not only research and development of coating products able to give always new effects to the surfaces, but also development of systems that can guarantee a good application quality and allow the paints to release all of their appearance and performance characteristics. In Italy, one of the main companies in the field of aluminium processing, which has always been at the forefront in the implementation of innovative production and finishing technologies, is Metra Spa.

dedicati sono cresciuti, negli anni, sia in termini numerici che a livello tecnologico. Dai grandi impianti verticali in grado di garantire produzioni impressionanti ma con un certa rigidità in merito alla conformazione dei manufatti da verniciare, agli impianti supercompatti orizzontali che hanno una produttività certamente inferiore rispetto a quelli verticali, ma sono più flessibili poiché consentono anche la verniciatura di pannelli e manufatti con geometrie diverse. Non solo ricerca e innovazione del prodotto verniciante, quindi, deputato ad attribuire effetti sempre nuovi alle superfici, ma anche sviluppo di soluzioni impiantistiche tali da garantire una qualità applicativa eccellente e consentire alla vernice di sprigionare tutte le proprie caratteristiche estetiche e prestazionali. In Italia, una delle maggiori aziende nel settore della lavorazione dell’alluminio, che si è sempre dimostrata all’avanguardia nell’implementazione di tecnologie produttive e di finitura innovative è Metra Spa.

The Technology

La tecnologia

Metra stands globally for high quality aluminium profiles. This company was founded in 1962 and immediately specialised in the extrusion and the finishing of aluminium, soon becoming an international leader in the production of extruded aluminium and aluminium window and door frames, fixtures and curtain walls for the industry and the building, a qualified partner chosen by the most important customers worldwide. In its premises, located in Italy, Poland and Canada, Metra coats its products using the best technologies available on the market and always proves to be very inclined to implement the application innovations. Recently, this company has installed in the plant of Rodengo Saiano (BS) a new horizontal powder coating system (Fig.1) built by Sef Italia (Carate Brianza, MB, Italy),

Metra è sinonimo nel mondo di profilati in alluminio di altissima qualità. L’azienda nasce nel 1962 e si specializza subito nell’estrusione e nella finitura dell’alluminio, diventando ben presto leader internazionale nella produzione di estrusi, serramenti, infissi, facciate continue in alluminio per applicazioni nell’industria e nell’edilizia, un partner qualificato scelto dai più importanti committenti a livello mondiale. All’interno dei propri stabilimenti, dislocati in Italia, Polonia e Canada, Metra vernicia i propri manufatti utilizzando le migliori tecnologie oggi disponibili sul mercato e mostrandosi sempre molto propensa nell’implementazione di innovazioni applicative. Di recente, l’azienda ha installato nello stabilimento di Rodengo Saiano (BS), un nuovo impianto di verniciatura a polveri orizzontale (fig.1), realizzato da Sef Italia (Carate Brianza, MB),

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

43


Fast, Automated Colour Change in the Painting of Aluminium Sheets and Profiles. 2

The special design of the oven, with a buffer in its inside, which allows a considerable saving of space. La particolare conformazione del forno con all’interno, un polmone d’accumulo, permette un notevole risparmio degli spazi. 3

2

3

4

5

The loading area. La zona di carico. 4

In the foreground, the two self-cleaning booths. In primo piano le due cabine autopulenti. 5

Close-up of a new self-cleaning booth. Primo piano di una delle nuove cabine autopulenti. 6

Scheme of the cleaning cycle of the booth. Schema del ciclo di pulizia della cabina. 7

Both cabins are assembled, together with the cyclones, the powder centres and all their equipment, on mobile platforms. Entrambe le cabine sono montate con i cicloni, i powder center e tutta l’attrezzatura su piattaforme mobili. 8

The powder centre, with modules for the electronic management of the guns. Il Powder Center con i moduli per la gestione elettronica della pistole.

meeting all the requirements in terms of quality, reduction of the energy consumption and dimensions. The strengths of this new system are: - double the productivity compared with the traditional compact systems: up to 18-20 piece carrying jigs per hour; - reduced dimensions thanks to the small size of the curing oven compared with the traditional bell furnaces (Fig.2); - optimised logistics due to the presence of profiles storage areas both inside the oven and at the piece carrying jigs loading and unloading stations (Fig.3); - lower power consumption compared with that of a classic horizontal system. There are many different features allowing to achieve these results – first and foremost, the continuity between the pre-treatment and the powder coating areas. Unlike traditional systems, where the pre-treatment line is separated from the coating line, this new system joins these steps, with the following advantages: - reduction in the number of operators: the profiles do not have to be unloaded from the line after

44 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

che risponde ai requisiti di qualità, riduzione dei consumi energetici e degli ingombri. Questi i punti di forza della nuova installazione: - produttività doppia rispetto ai tradizionali impianti compatti: fino a 18-20 bilancelle/ora; - ingombri ridotti grazie alle dimensioni contenute del forno di polimerizzazione rispetto ai tradizionali forni a campana (fig.2); - logistica ottimizzata grazie alla presenza di zone di accumulo profili sia all’interno del forno che presso le stazione di carico e scarico delle bilancelle (fig.3); - consumo energetico inferiore rispetto a quello di un classico impianto orizzontale. Le caratteristiche impiantistiche che consentono di ottenere questi risultati sono diverse. La prima consiste nella continuità tra la fase di pretrattamento e quella di verniciatura a polveri. A differenza degli impianti tradizionali dove la linea di pretrattamento è separata da quella di verniciatura, questo nuovo impianto dà continuità alle due fasi, con i seguenti vantaggi: - riduzione del personale impiegato sull’impianto: i profili non devono essere scaricati dalla linea dopo la fase di pretrattamento e poi ricaricati all’ingresso


FOCUS ON TECHNOLOGY

7

6

the pre-treatment and then loaded into the coating line input area; - better final result as the profiles do not have to be handled between the pre-treatment and coating steps; - reduced dimensions: one automatic line provides the same productivity that would be achieved through two separate lines – the first one for the immersion pre-treatment and the second one for the horizontal coating. The in-line pre-treatment, namely, is carried out by immersing the piece carrying jigs in tanks with a series of ramps equipped with spray nozzles, which supply the product with a chemical solution. Compared with the classical immersion cycle, this solution saves a lot of the chemical product and water needed at various stages of the pre-treatment, as well as energy, since it is not necessary to heat hundreds of m3 of water. Another strong point of this system is located inside its application area: two new generation self-cleaning painting booths with fast colour change system (Fig.4), which move on the coating line when the handling system places the piece carrying jigs in the application area.

8

dell’area di applicazione; - miglior risultato finale grazie all’assenza di manipolazione dei profilati fra il pretrattamento e la verniciatura; - ingombri ridotti: un’unica linea automatica garantisce la stessa produttività che si otterrebbe con due linee separate, una di pretrattamento a immersione e l’altra di verniciatura orizzontale Il pretrattamento in linea, infatti, è effettuato immergendo le bilancelle in vasche dotate di una serie di rampe con ugelli di spruzzatura che irrorano il manufatto con la soluzione chimica. A differenza del classico ciclo ad immersione, questa soluzione impiantistica consente un notevole risparmio del prodotto chimico e dell’acqua necessari alle varie fasi di pretrattamento, oltre che un risparmio energetico dal momento che non è necessario riscaldare centinaia di m3 d’acqua. Un altro punto di forza dell’impianto è racchiuso nella zona applicativa, costituita da due cabine autopulenti di verniciatura di ultima generazione, dotate di sistema di cambio colore rapido (fig.4) che traslano sulla linea di verniciatura quando il sistema di movimentazione posiziona la bilancella in corrispondenza dell’area applicativa.

©


Fast, Automated Colour Change in the Painting of Aluminium Sheets and Profiles. 9

The pre-treatment tanks with their nozzles in operation. Le vasche di pretrattamento con gli erogatori in funzione. 10

The area in which of one of the booths moves. La zona di traslazione di una delle cabine.

9

10

11

Supply of powder in the booth. Erogazione della polvere in cabina. 12

At the right of the booth, there is the infrared oven, which is movable too. A destra della cabina il forno a infrarossi anch’esso traslabile.

The self-cleaning booths

Le cabine autopulenti

The self-cleaning booth MagicDisc® (Fig.5) is one of the most recent projects of Sef Italia and is receiving a great feedback from the market. This product solves the problem of the need of operators devoted to a burdensome operation in terms of productivity such as the colour change. The heart of the booth – protected by several patents – is the cleaning system which, in order to remove the residual powder, exploits a fully automated suction system. This system eliminates the use of compressed air and, with it, the risk of escape of powder from the booth and the consequent environmental pollution. In a very short period of time (three to five minutes) the booth prepares itself to the colour change. The guns come automatically out of the booths where the cleaning operations are carried out by a software and by a suction disc placed at the bottom of the booth (Fig.6): 1. the disk is located on the bottom of the booth and the fan begins to draw air and powder; 2. the disk moves up and cleans, thanks to this movement, the sides of the booth; 3. the disk maintains its position at the top of the booth to clean its roof; 4. the disk goes down to the bottom, cleaning the sides of the booth for the second time; 5. the disk stays a few seconds on the bottom of the booth in order to clean it. During the cleaning cycle, the powder is removed by the high velocity air passing through the gap between the perimeter of the disc and the booth. There are two booths so that, while one of them is working, the other one can be cleaned and prepared for a new colour. Each cabin is equipped with an air suction and filtration system and a cyclone for the recovery of the powder (Fig.7), which provides

La cabina autopulente MagicDisc® (fig.5) è uno dei progetti più recenti di Sef Italia, un prodotto che sta ricevendo ottimi riscontri dal mercato e che risolve il problema della manodopera da dedicare a un’operazione gravosa dal punto di vista della produttività quale è il cambio colore. Il cuore della cabina – protetta da svariati brevetti - è il sistema di pulizia che, per rimuovere la polvere residua, utilizza un sistema di aspirazione completamente automatizzato. Questo sistema elimina l’uso di aria compressa e, con essa, il rischio di fuoriuscita di polvere dalla cabina e il conseguente inquinamento ambientale. In un lasso di tempo molto breve (dai tre ai cinque minuti) la cabina si prepara autonomamente al cambio colore. Le pistole escono automaticamente dalle cabine dove le operazioni di pulizia sono gestite da un software e operate da un disco di aspirazione posizionato sul fondo della cabina (fig.6): 1. il disco si trova sul fondo della cabina e la ventola inizia ad aspirare aria e polvere; 2. il disco si sposta verso l’alto pulendo, durante il passaggio, le pareti della cabina; 3. il disco mantiene la sua posizione in cima alla cabina per pulirne il tetto; 4. il disco scende fino al fondo della cabina pulendo per la seconda volta le pareti; 5. il disco rimane alcuni secondi sul fondo della cabina per pulirlo. Durante il ciclo di pulizia, la polvere è rimossa dall’alta velocità dell’aria che passa nelle fessure tra il perimetro del disco e la cabina. L’impianto è dotato di due cabine per la verniciatura per cui, mentre una è in lavoro, l’altra può essere pulita e preparata per un nuovo colore. Ciascuna cabina è equipaggiata con un sistema di aspirazione e filtrazione dell’aria e di un ciclone per il recupero della polvere (fig.7) che provvede

46 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine


FOCUS ON TECHNOLOGY

11

12

precisely to recover the excess powder and to send it to the powder centre which feeds the nozzles (Fig.8).

appunto a recuperare la polvere erogata in eccedenza e a inviarla al centro polvere che alimenta gli erogatori (fig.8).

The Production Cycle

Il ciclo produttivo

The aluminium profiles are hooked by the operators on the suspended tray conveyors placed in the loading area, which are then deposited in the buffer preceding the pre-treatment. At this stage, the suspended tray conveyors are picked and placed in the tanks equipped with spraying ramps for the time planned for each step of the pre-treatment cycle (Fig.9). Afterwards, they go through the drying oven and reach the coating area. Here the first spray painting booth comes into play, moving lengthwise (Fig. 10) until it is placed around a suspended tray conveyor so as to apply the first coat of powder coating (Fig. 11). As soon as all the profiles loaded are covered with powder, the booth goes out of the working area releasing the suspended tray conveyor, which at this point has two options: - Going into the second spray painting booth, which is movable too - Or going into the bell curing oven. If a second coat of powder coating is needed, an IR oven is placed between the first and the second booth for the gelation of the first coat, so as to allow a quick application of the second coat and a single polymerisation in the hot air oven (Fig.12). The capacity of the oven is eight suspended tray conveyors per cycle. After the coating cycle, the suspended tray conveyors go into a final buffer, which stores up to seven of them and allows the cooling of the profiles before their manual unloading from the line.

I profili di alluminio sono agganciati dagli operatori sulle bilancelle posizionate nella zona di carico e ogni bilancella è depositata nella zona di accumulo antecedente al pretrattamento. In questa fase il trasportatore preleva la bilancella posizionandola nelle vasche dotate di rampe di spruzzatura per il tempo previsto in ogni fase del ciclo di pretrattamento (fig.9). Successivamente le bilancelle procedono attraverso il forno di asciugatura e raggiungono la zona destinata alla verniciatura. Qui entra in azione la prima cabina di applicazione che si muove longitudinalmente (fig. 10) fino a posizionarsi intorno alla bilancella per applicare la prima mano di vernice in polvere (fig. 11). Non appena tutti i profili caricati sulla bilancella sono rivestiti dalla polvere, la cabina esce dalla zona di lavoro disimpegnando quindi la bilancella stessa, che a questo punto ha due possibilità: - Passare nella seconda cabina di applicazione – anch’essa traslante - oppure procedere verso il forno di polimerizzazione a campana. Ove vi sia la necessità di applicare una seconda mano di vernice in polvere, fra la prima e la seconda cabina si posiziona un forno IR per la gelificazione della prima mano di polveri in modo da permettere l’applicazione rapida di una seconda mano e un’unica polimerizzazione nel forno ad aria calda (fig.12). La capacità del forno è di otto bilancelle per ciclo. Le bilancelle che hanno esaurito il ciclo di verniciatura, procedono verso una polmone finale che accumula sino a sette bilancelle e che consente il raffreddamento dei profili prima dello scarico manuale dalla linea. 47


CAPACITY AND QUALITY UP, COSTS DOWN: THE POWDER COATING SYSTEM AS COST-SAVING ALTERNATIVE TO LIQUID COATING SYSTEMS Produttività e qualità in salita, costi in discesa: sistema di verniciatura a polveri come alternativa ai sistemi liquidi Doris Schulz,

A

much improved performance, excellent Schulz. Presse. Text, Korntal, anti-corrosion properties and better economic Germany value – these were the demands a leading manufacturer of transformer stations placed on a new coating system. They were realised in form of a powder coating system developed by systems, chemicals and powder coatings manufacturers working in close cooperation. Elbag Energietechnik GmbH transformer stations are used for feeding electricity from renewable energy sources such as photovoltaic plants and on and offshore wind farms into the medium voltage net and from there into the grid. At times, these applications place extremely high demands on the anti-corrosion properties of the metal housings of the transformer stations. 48 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

P

restazioni di gran lunga migliorate, eccellenti proprietà anticorrosive, e un valore economico più elevato: questi erano i requisiti posti da un importante costruttore di stazioni di trasformazione al nuovo sistema di verniciatura. Tali requisiti sono stati soddisfatti grazie a un impianto di verniciatura a polveri sviluppato grazie alla stretta collaborazione fra produttore di vernici, di prodotti chimici e costruttore di impianti. Le stazioni di trasformazione Elbag Energietechnik GmbH sono utilizzate per fornire elettricità proveniente da fonti energetiche rinnovabili (come gli impianti fotovoltaici e i parchi eolici sia su terraferma che in mare aperto) alla rete a medio voltaggio e da lì alla rete elettrica. Talvolta, queste applicazioni pongono dei requisiti molto stringenti sulle proprietà anticorrosive degli alloggiamenti metallici delle stazioni di trasformazione.


FOCUS ON TECHNOLOGY

1

The part-automated powder coating system features a flexible transport facility with lifting and lowering stations and a waste water-free two-chamber pretreatment plant.

1

As the existing liquid coating system was no longer able to cope with the number of housing parts to be processed, the company decided to invest in a new coating system in autumn 2008. The criteria for the new system were that the coating process had to be of extremely high quality, achieving anti-corrosion class C5, and at the same time more economical and environmentally friendly. After an intensive period of choosing between different systems, the company decided in favour of a powder coating system from Rippert Anlagentechnik GmbH & Co. KG, pretreatment chemicals from Haug Chemie GmbH, and the Alesta® powder coating system from DuPont CoatingSolutions.

Dal momento che il sistema di verniciatura a liquido esistente non era più in grado di fare fronte al numero di componenti di alloggiamenti da processare, l’azienda ha deciso di investire in un nuovo sistema di verniciatura nell’autunno del 2008. I requisiti stabiliti per il nuovo sistema erano che il ciclo di verniciatura fosse di estrema qualità, che garantisse resistenza alla corrosione in classe C5, e che allo stesso tempo fosse più economico e a basso impatto ambientale. Dopo un intenso periodo di valutazione di sistemi diversi, l’azienda ha deciso in favore di un impianto di verniciatura a polveri di Rippert Anlagentechnik GmbH & Co. KG, con prodotti di pretrattamento di Haug Chemie GmbH, e vernici in polvere Alesta® di DuPont CoatingSolutions.

Optimises Processes through Close Cooperation

Ottimizzazione del processo attraverso una stretta collaborazione

The system is partially automated and features flexible transport facilities, a waste water-free two-chamber pretreatment plant, a retained water dryer, an enclosed manual powder coating cabin and an enamelling furnace with a heat recycling system. Rippert, Haug Chemie and DuPont CoatingSolutions carried out a comprehensive series of tests together to bring the process up to Elba’s required anti-corrosion standards.

L’impianto è parzialmente automatizzato ed è caratterizzato da unità di trasporto flessibili, una linea di pretrattamento a due vasche a scarico zero, un forno di asciugatura dell’umidità residua, una cabina di verniciatura a polveri manuale chiusa, e un forno di polimerizzazione con sistema di recupero del calore. Rippert Haug Chemie and DuPont CoatingSolutions hanno eseguito insieme una serie completa di test per aggiornare il processo agli standard di anticorrosione richiesti

L’impianto di verniciatura parzialmente automatizzato è caratterizzato da un trasportatore flessibile con discensori di carico e da una linea di pretrattamento a due vasche a scarico zero di liquidi.

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

49


2

The two-layer coating consists of an epoxy powder lacquer base coat and a polyester structure powder lacquer top coat and stands up to the toughest anti-corrosion requirements. Il ciclo di verniciatura a due mani consiste di una mano di vernice in polvere epossidica e di una finitura poliestere ed è in grado di soddisfare i più severi requisiti di resistenza alla corrosione. 3

For curing three tie rods are pooled to one load. 2

The result showed that a combination product with multi-metal capabilities, comprising a water-based acidic cleaning agent and iron phosphate solution provides an optimised pretreatment process for galvanised steel, aluminium and black steel substrates. Adhesion and anti-corrosion properties as well as the outdoor properties of the used liquid paints formed the basis for the choice of the new powder coating system. Sample sheets of the substrates used by Elbag were coated in liquid paint and subjected to corresponding tests to obtain exact information about their properties. DuPont CoatingSolutions developed two different powder coating layered structures based on the results: 1) Parts that are being used outdoors under normal conditions are chemically degreased and coated in iron phosphate, undergo a twostep rinsing process with deionised water, then receive one coat of the weather-proof polyester structure powder lacquer Alesta® IP, series IE 0501. 50 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

Per la polimerizzazione tre tiranti sono raggruppati in un unico carico.

da Elbag. I risultati mostrano che un processo combinato con funzionalità adatte a metalli di tipo diverso, che comprenda un lavaggio con detergente acido e una fosfatazione ai sali di ferro, fornisce un pretrattamento ottimizzato per superfici in acciaio zincato, alluminio e acciaio nero. Le proprietà di adesione, anticorrosione, e resistenza in esterno delle vernici liquide utilizzate costituivano la base da cui partire per scegliere il nuovo sistema di vernici in polvere. Lamiere campione dei substrati utilizzati da Elbag sono state verniciate a liquido e sottoposte a test per ottenere informazioni precise sulle loro proprietà. DuPont CoatingSolutions ha sviluppato due diversi cicli di verniciatura a polvere basandosi sui risultati dei test: 1) i pezzi utilizzati in esterno in condizioni normali sono sgrassate chimicamente, pretrattate con fosfatazione ferrosa, sono sottoposti a doppio risciacquo con acqua demineralizzata e successivamente verniciati con una mano unica di vernice in polvere poliestere trasparente resistente all’esterno Alesta® IP, series IE 0501.


LEADER IN EUROPE FOR 30 YEARS TODAY ALSO IN ITALY

THE ALTERNATIVE YOU WERE LOOKING FOR

ALUFINISH 3

2) Components that need to meet the toughest anti-corrosion requirements (C5) are pretreated, then receive a base coat of the epoxy powder lacquer Alesta® E, series EE 7002. The complete top coat is lacquered with the polyester structure powder lacquer Alesta® IP. Both layered structures were tested to see if they met the customer’s criteria. The two-layer coating did not show any signs of creep corrosion even after being sprayed with salt water for 2,160 hours.

Performance up to four times higher, costs lower By using the powder coating that was introduced in mid-2009, Elbag has managed to improve the quality and environmental properties of its products and has also increased its capacities considerably. Throughput times (from hanging to taking down of the parts) for one and two-layer coatings are 51 minutes and 78 minutes respectively. Compared to throughput times

2) i componenti che dovevano soddisfare i requisiti più stringenti in materia di resistenza alla corrosione (C5) sono pretrattati, verniciati con una mano di fondo epossidica a polvere Alesta® E, series EE 7002 e successivamente con mano a finire poliestere Alesta® IP. Entrambi i cicli sono stati testati per verificare la corrispondenza ai requisiti posti dal cliente. Il ciclo a due mani non ha mostrato alcun segno di corrosione penetrante dopo 2.160 ore in nebbia salina.

www.alufinish.it

PRODUCTS FOR PRE-TREATMENT PRIOR TO COATING degreasing

deoxidizing

chromating

etching degraser

chrome-free passivating

PRODUCTS FOR ANODIC OXIDATION

Prestazioni quattro volte più alte, costi più bassi Con l’utilizzo del sistema di verniciatura a polveri, introdotto a metà del 2009, Elbag è riuscita a migliorare la qualità e l’ecocompatibilità dei suoi prodotti, oltre ad aumentare considerevolmente le sue capacità produttive. I tempi di produzione (dal carico allo scarico dei pezzi) per cicli a una e due mani di vernice sono rispettivamente di 51 e 78 minuti. Comparandoli ai tempi di produzione del ciclo di verniciatu-

alkaline etching additives

deoxidizing

degreasing

etching agents

colouring products

chemical and electrochemical polishing without cromium

PRODUCTS FOR CHEMICAL PAINT STRIPPING


Capacity and Quality up, Costs Down: the Powder Coating System as Cost-Saving Alternative to Liquid Coating Systems 4

In order to work as economically as possible the system is not only equipped with a heat recovery system but also with energy-efficient drive mechanism. Al fine di operare nel modo più efficient possible dal punto di vista dei costi l’impianto è fornito di sistema di recupero del calore e con un meccanismo di trasmissione ad alto rendimento energetico.

4

Source: Rippert

for liquid coatings, ranging from 210 to 300 minutes, this means that performance has increased by up to four times while requiring the same number of employees. Elbag also benefits from the powder coating process in terms of costs, providing the company with considerable savings. The integrated heat recycling system, energy-efficient drives and frequency inverter-controlled powder cabin extractors all contribute to the cost-effective operation of the system.

ra liquida, che variavano dai 210 ai 300 minuti, ciò sta a significare che le prestazioni del sistema sono aumentate di ben quattro volte pur richiedendo lo stesso numero di operatori. Elbag trae benefici dal processo di verniciatura a polvere anche in termini di costo, poiché realizza notevoli economie di processo. Il sistema di recupero integrato del calore, le trasmissioni ad alto rendimento e l’impianto di aspirazione della cabina a polveri con frequenza controllata da inverter contribuiscono ad ottenere un’operatività del sistema efficiente dal punto di vista dei costi produttivi.

Similar appearance for liquid coatings

Aspetto superficiale simile alla finitura liquida

Elbag coats around 80 percent of all parts with powder. The remaining components are still being coated in liquid paint if customers have specific requirements such as the use of water-based lacquers or a three-layer coating structure or if housing parts are too large to fit in the powder coating system, which can only accommodate parts up to 3000mm x 1200mm x 2000mm (width, depth, height) in size. In these cases, the liquid coating system PercoTop® from DuPont CoatingSolutions ensures that the optical and technical properties of liquid-coated parts match those of powder-coated components. DuPont™, Alesta® and PercoTop® are trademarks.

Elbag vernicia circa l’80% della sua produzione con le polveri. La parte restante è ancora verniciata a liquido nel caso in cui il cliente abbia delle richieste specifiche come l’utilizzo di smalti all’acqua o di cicli a tre mani o, ancora, se i componenti dell’alloggiamento sono troppo grandi per le dimensioni utili dell’impianto di verniciatura, che può ospitare solamente pezzi di grandezza fino a 3.000mm x 1.200mm x 2.000mm (larghezza, profondità, altezza). In tutti questi casi, il sistema a liquido PercoTop® di DuPont CoatingSolutions assicura che le caratteristiche tecniche ed estetiche dei pezzi verniciati a liquido corrispondano perfettamente ai componenti verniciati a polveri. DuPont™, Alesta® and PercoTop® sono marchi registrati.

52 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine


Milano Architettura Design Edilizia Fiera Milano, Rho 05_08 Ottobre 2011

Segnali di futuro Prodotti, soluzioni e tecnologie per progettare e costruire i nuovi capolavori dell'edilizia. Incontri ed eventi per un'architettura sostenibile e sicura. Un solo grande appuntamento, MADE expo la piĂš importante fiera internazionale dell'edilizia.

www.madeexpo.it

MADE expo è unâ&#x20AC;&#x2122;iniziativa di: MADE eventi srl Federlegno Arredo srl

Organizzata da: MADE eventi srl tel. +39 051 6646624 s +39 02 80604440 info@madeexpo.it s made@madeexpo.it

Promossa da:


THE FINISHING AS AN ADDED VALUE FOR THE PLASTIC CONTROL PANELS OF THE HOUSEHOLD APPLIANCES La finitura come valore aggiunto nei pannelli di controllo in materiale plastico per elettrodomestici Francesco Stucchi

T

he “dress” of the washing machines, the refrigerators, the stereos and of many other objects found in a home or an office is what distinguishes a product made with care from an object of little value. Certainly, when a customer chooses a product to display in a living room, in a kitchen or in an office, one of the elements that will influence his choice is the design of the control panel, with the colour effect of its symbols and its LEDs when the device is operating as well as with its finish (fig. Opening photo). These components are manufactured and decorated by specialised companies, equipped with latest technologies and experienced operators, who normally work only in this field (Fig. 1). La.se.cs. Srl is one of these companies. Established in 1975 in Zenson di Piave (TV, Italy) as a family business, over the years it has gained an extensive experience in the fields of screen printing (Fig. 2), pad printing (Fig. 3), hot printing and coating, which allows it to provide the companies from the fields of household appliances, electronics, automotive, telecommunications and decorative objects (Fig. 4) – using various materials, from plastic (such as polycarbonate, ABS, PMMA) to steel, aluminium and so on – with a wide range of services. After the complete renovation of its machinery, which occurred in 2007, La.se.cs. Srl now has the most modern technologies not only for the finishing but also for the cutting and laser marking, the ultrasonic welding and the hot-stamping processes.

54 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

L’

“abito” di una lavatrice, di un frigorifero, di un impianto stereo e di tantissimi altri oggetti che si trovano in un abitazione o in un ufficio è ciò che distingue un prodotto realizzato con cura da un oggetto di scarso valore. Senza dubbio nel momento in cui l’acquirente sceglie un prodotto che farà mostra di sé in una zona living, in cucina o nel proprio ufficio, uno degli elementi che condizionerà la sua scelta è il design del pannello di controllo con i suoi simboli e i suoi led a comporre un effetto cromatico quando l’apparecchio è in funzione, e la sua finitura (foto apertura). La realizzazione e la decorazione di questi componenti è opera di aziende specializzate, dotate di tecnologie all’avanguardia e operatori di grande esperienza, che normalmente operano solo in questo settore (fig.1). La.se.cs. Srl è una di queste aziende. Nata nel 1975 a Zenson di Piave (TV) come azienda a conduzione famigliare, nel corso degli anni ha sviluppato grande esperienza nei settori della stampa serigrafica (fig.2), tampografica e a caldo (fig.3), e della verniciatura, il che le permette di fornire una vasta gamma di servizi alle aziende nei settori dell’elettrodomestico, dell’elettronica, dell’automotive, delle telecomunicazioni e dell’oggettistica (fig.4), spaziando dai materiali plastici (quali policarbonato, ABS, PMMA) fino ad acciaio, alluminio e così via. Dopo il completo rinnovamento dei macchinari, avvenuto nel 2007, La.se.cs. Srl oggi dispone delle più moderne tecnologie non solo per la finitura ma anche per le lavorazioni di taglio e marcatura laser, per la saldatura a ultrasuoni e per lo stampaggio a caldo (hot-stamping).


FOCUS ON TECHNOLOGY

1

2

The Coating

La verniciatura

The coating is an essential step in the processing of the control panels. The application of a clear finish on products which were previously screen-printed, padprinted or decorated with other technologies is important both to protect the object and to give it the gloss requested by the customer. A significant part of this company’s production concerns the control panels of small and large household appliances and other objects used in harsh environments such as the kitchen and the bathroom, which, therefore, need to resist the more or less aggressive chemicals used for cleaning them. A finishing in which La.se.cs. has specialised is intended for the PMMA front panels of washing machines and dishwashers: the panels are coated on the back with a coloured base and a transparent top coat. After the coating, the panels are decorated by removing the paint with a laser. A second option is the screen printing (or pad printing) of the function icons directly on the back of the panel, followed by the application of two coats of paint. La.se.cs. was among the first companies to introduce this finishing cycle, now widely used by the manufacturers of dishwashers and washing machines. This method provides a very bright, chemical-proof front panel, as the part exposed to the cleaning is manufactured in neutral PMMA. The paints used are exclusively two-component: the right catalysis ratio allows the formation of a film able to withstand the quality test which the finished products undergo. For the application of the two-component coatings, performed manually (Fig.5), La.se.cs. uses both electrostatic and traditional guns, depending on the surface to be coated. The paint booth is dry dust free, pressurised and equipped with a dry overspray collection system. All these measures, together with the high

La verniciatura è una fase essenziale del processo di lavorazione dei pannelli di controllo. L’applicazione della finitura trasparente su manufatti precedentemente serigrafati, tampografati o decorati con altre tecnologie, è importante sia per proteggere il pezzo, sia per conferirgli il grado di brillantezza (gloss) richiesto dal cliente. Una produzione importante di La.se.cs. riguarda i pannelli di controllo di piccoli e grandi elettrodomestici e altri manufatti utilizzati in ambienti aggressivi come la cucina e il bagno, e che per questo motivo devono resistere ai prodotti chimici, più o meno aggressivi, utilizzati per la loro pulizia Una delle tipologie di finitura nella quale La.se.cs. si è specializzata riguarda i frontalini in PMMA di lavatrici e lavastoviglie: i pannelli sono verniciati nella parte posteriore con una base colorata e una mano a finire trasparente. Dopo la verniciatura, i pannelli sono decorati asportando la vernice con il laser Una seconda opzione è la serigrafatura (o tampografatura) delle icone delle funzioni direttamente sulla parte posteriore del frontalino cui segue l’applicazione dei due strati di vernice. La.se.cs. è stata tra le prime aziende ad introdurre questo ciclo di finitura, oggi molto utilizzato dai produttori di lavastoviglie e lavatrici. Con questo sistema si ottiene un frontalino molto lucido e inattaccabile dai prodotti chimici, in quanto la parte esposta alla pulizia è costituita da PMMA neutro. Le vernici utilizzate sono esclusivamente bi-componenti: il corretto rapporto di catalisi consente l’ottenimento di un film in grado di resistere ai test di qualità ai quali sono sottoposti i manufatti finiti. Per l’applicazione delle vernici bi-componenti, eseguita manualmente (fig.5), La.se.cs. dispone sia di pistole elettrostatiche che tradizionali, utilizzate alternativamente a seconda del supporto da verniciare. La cabina di verniciatura è fuori-polvere, pressurizzata e dotata di sistema di captazione a secco dell’overspray. Tutti questi accorgimenti, uniti all’estrema preparazione degli operatori di verni-

1

To decorate these components by screen printing, pad printing and laser technology great expertise and the latest technologies are required. Per la decorazione laser, tampografica, serigrafica ecc. è necessaria grande esperienza e importanti macchinari. 2

A screen printed panel for a kitchen small appliance. Un pannello serigrafato per un piccolo elettrodomestico da cucina.

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

55


The Finishing as an Added Value for the Plastic Control Panels of the Household Appliances 3

The pad printing equipment. La macchina di tampografatura. 4

Decorated glass frames. La montatura di un occhiale decorato. 3

4

5

The parts are painted manually in a dry dust free booth. La verniciatura dei pezzi è effettuata manualmente all’interno di una cabina fuoripolvere.

qualification of the painting operators, provide an accurate, high quality finishing which fully meets the requirements of the household appliances industry. To ensure a perfect and constant catalysis ratio between the two components of the coating, La.se.cs has recently installed a new automatic mixer (supplied by CM Spray of Carbonera, TV), replacing the manual preparation of the paint (Fig. 6). The immediate benefits for the company were: - optimisation of the consumption of paint and catalysts; - significant saving of time for the preparation and planning of the working cycles; - dramatic reduction of waste; - much higher quality finishing.

ciatura, consente di ottenere una finitura estremamente curata e di altissima qualità che soddisfa pienamente i requisiti del settore elettrodomestico. Per garantire un perfetto e costante rapporto di catalisi fra i due componenti della vernice La.se.cs ha recentemente installato una nuova miscelatrice automatica (fornita dalla CM Spray di Carbonera (TV), che ha sostituito la preparazione manuale della vernice (fig.6). Gli immediati vantaggi riscontrati dall’azienda sono: - ottimizzazione dei consumi di vernice e dei catalizzatori; - notevole risparmio di tempo per le fasi di preparazione e programmazione dei cicli di lavoro; - drastica riduzione degli scarti; - qualità di finitura decisamente superiore.

The mixer

La miscelatrice

The system Mixer 2011 was designed for the multicomponent coatings, since it is able to mix most of the epoxy and polyurethane paints. The system is electronic and it is based on the volumetric measurement of each component, achieved through an accurate pulse measurement. The measurement, controlled by the software, determines the correct catalysis ratio in any condition. It is also possible to monitor and record the consumption of material. The system can be fed with both low and high pressure and the potential margin of error in the catalysis is less than 1%. The two components reach the mixing chamber one by one and the paint is mixed only from the mixing coil on. This system, therefore, eliminates all the waste there may be at end of a shift or after a colour change when the traditional systems are used. Furthermore, with Mixer 2011, the handling of different colours and catalysts is very simple and fast. Namely, in order to change them, the operator must simply select the cleaning function, which will act on the pipeline for the colour or the catalyst, and then select the new colour or catalyst, which will reach the gun automatically and

La miscelatrice Mixer 2011 è un sistema realizzato per vernici multicomponenti in grado di miscelare la maggior parte delle vernici epossidiche o poliuretaniche. Il sistema è elettronico ed è basato sulla misurazione volumetrica, tramite misuratori di precisione ad impulsi, di ogni singolo componente. La misurazione, controllata dal software, determina la corretta proporzione della catalisi in qualsiasi condizione. È inoltre possibile controllare e registrare i consumi del materiale. Il sistema può essere alimentato sia in bassa pressione che in alta pressione, il margine di errore potenziale nella catalisi è inferiore all’1%. I due componenti separati arrivano alla camera di miscelazione e la vernice viene mescolata solamente dal miscelatore elicoidale in poi. Con l’utilizzo di questa miscelatrice, quindi, si eliminano tutti gli scarti che si possano verificare a fine turno o in fase di cambio colore utilizzando i sistemi tradizionali. Inoltre con Mixer 2011 la gestione di diversi colori e di diversi catalizzatori è molto semplice e veloce, infatti, quando si deve cambiare il colore o il catalizzatore, è sufficiente selezionare la funzione pulizia che agirà sul condotto del colore o del catalizzatore e quindi selezionare il

56 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine


FOCUS ON TECHNOLOGY 6

The automatic mixer supplied by Cm Spray. La miscelatrice automatica fornita da Cm Spray. 5

7

The tanks containing the different kind of catalysts I serbatoi della miscelatore contenenti i vari tipi di catalizzatore. 6

• PANEL FOR LABORATORY TESTS AND QUALITY CONTROL • SAMPLING AND COLOUR CHARTS • METAL SHEETS ACCORDING TO QUALITAL AND UNICHIM STANDARDS • STEEL • ALUMINIUM

7

• BRASS

quickly (Fig. 7). Different colours and catalysts can be handled; the selection is very simple and userfriendly, thanks to the colour touch screen through which it is possible to control all functions, plan the cleaning operations and set the amount of colour or catalyst to be used. All relevant information for the management and use of Mixer 2011, as well as all the errors, can be seen on the touch screen by selecting one button. The system is reliable and safe and equipped with various alarms that stop it in case of malfunctioning. Moreover, it is always possible to verify the adequacy and accuracy of the catalysis through the function “test”. The advantages brought by this new system have encouraged the La.se.cs. management to invest further in the coating processes and soon this company will equip itself with a new booth with a higher performance than the current one.

nuovo colore o catalizzatore che arriverà alla pistola automaticamente e velocemente (fig.7). Si possono gestire diversi colori e differenti catalizzatori, la selezione è molto semplice ed intuitiva grazie al touch screen a colori, attraverso il quale si possono controllare tutte le funzioni, impostare il tempo per la pulizia del sistema, determinare la quantità di colore o di catalizzatore da utilizzare. Tutte le informazioni utili per la gestione e l’utilizzo di Mixer 2011, come del resto tutti gli errori, sono visibili sul touch screen grazie alla selezione di un tasto. Il sistema è affidabile e sicuro ed incorpora vari allarmi che ne arrestano la funzione in caso di non corretto funzionamento. Inoltre è sempre possibile verificare l’adeguatezza e la precisione della catalisi effettuata grazie alla presenza della funzione “test”. I vantaggi portati da questa nuova macchina hanno indirizzato la dirigenza Lasecs ad investire ulteriormente nella fase di verniciatura e presto l’azienda si doterà di una nuova cabina ancora più performante dell’attuale.

• MULTIPANEL

Conclusion The La.se.cs. engineers, in addition to offering high quality finishes and decorations to their customers, also offer support to the designers of the household appliances companies during the design stage of their components. This is necessary to determine the possibility to achieve a given finishing in compliance with the drawings, so as to avoid ending up with a printed product which is difficult to treat as it was designed without taking into account the technological limits. This shows once again that the cooperation between the planners and finishing engineers is essential to industrialise the production cycles..

Conclusioni I tecnici della La.se.cs., oltre ad offrire finiture e decorazioni di altissima qualità ai propri clienti, offrono anche supporto ai progettisti delle aziende del settore elettrodomestico in fase di progettazione dei pezzi. Questo supporto è necessario per stabilire la possibilità di realizzare le finiture in base ai disegni progettuali, per evitare di trovarsi con un prodotto stampato che presenti difficoltà oggettive di finitura perché il progetto non ha tenuto conto dei limiti tecnologici. Ciò dimostra come, ancora una volta, la collaborazione fra i creativi e i tecnici della finitura sia essenziale per industrializzare i cicli produttivi.

ITALGARD s.r.l. Via Val Sorda snc - 22044 INVERIGO (Co) - Italy Tel. +39 031 879214 - Fax +39 031 879220 www.italgard.it - info@italgard.it


HIGH ANTI-CORROSION PROTECTION WITH MISTING SYSTEMS USING NANOTECHNOLOGICAL PRODUCTS Elevata protezione anticorrosiva con i sistemi di nebulizzazione di prodotti nanotecnologici Andrea Paganelli, Euro Plast, Poggio Berni (RN, Italy)

I

n the field of the pretreatment of metals, in recent years the chemical industry has developed products with a high technological content. Research has focused on chemical products that, in addition to low environmental impact, also provide better quality coating of the supports, greater effectiveness in terms of improved corrosion resistance of the painted substrate and a less expensive process, due to the reduction in operating costs. Recently formulators have been concentrating on the development of so-called “nanotechnological” products, namely products with innovative and improved functionalities deriving from the handling of the material on a scale less than a micron. The technologies for applying pretreatment products, on the other hand, have not undergone any major changes to follow the development of the chemistry, so much so that in recent years the adoption of nanotechnological pretreatment

58 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

N

el campo del pretrattamento dei metalli, negli ultimi anni l’industria chimica ha messo a punto prodotti ad alto contenuto tecnologico. La ricerca si è concentrata su prodotti chimici che, oltre ad avere un minore impatto ambientale, garantissero anche maggior qualità della verniciatura dei supporti, maggior efficacia in termini di resistenza alla corrosione del substrato verniciato ed economicità di processo, grazie alla riduzione dei costi operativi. I formulatori negli ultimi anni si sono concentrati nello sviluppo dei cosiddetti prodotti “nanotecnologici”, ossia prodotti aventi funzionalità innovative e potenziate grazie alla manipolazione della materia su scala dimensionale inferiore al micrometro. Le tecnologie di applicazione dei prodotti di pretrattamento, al contrario, non hanno subito dei sostanziali cambiamenti per seguire lo sviluppo della chimica, a tal punto che, in questi ultimi anni, l’adozione di prodotti di pretrattamento nanotec-


INNOVATIONS: PRESENT&FUTURE products has brought about almost no modifications to the structure of the pretreatment tunnel. Thanks to its close collaboration with Dollmar Spa, one of the leading companies in the production of chemical products for the treatment of metallic surfaces, Euro Plast has been able to develop a technology called Soft Rain that is used for mixing the pretreatment nanotechnological chemical solution and its successive application, and which is capable of fully exploiting the qualitative and environmental benefits of nanotechnological products, lowering product consumption and eliminating the production of any sludge that needs to be disposed of. The equipment can easily be put inside traditional pretreatment tunnels without requiring any major work on the finishing line.

nologici non ha pressoché comportato modifiche nella conformazione del tunnel di pretrattamento. Grazie ad una stretta collaborazione con Dollmar Spa, una delle aziende leader nella produzione di prodotti chimici per il trattamento delle superfici metalliche, Euro Plast è stata in grado di sviluppare una tecnologia denominata Soft Rain utilizzata per la miscelazione della soluzione chimica nanotecnologica di pretrattamento e la sua successiva applicazione, in grado di sfruttare al meglio i vantaggi qualitativi e ambientali dei prodotti nanotecnologici, abbassare i consumi di prodotto ed eliminare la produzione di fanghi da smaltire. L’apparecchiatura si integra facilmente all’interno dei tunnel tradizionali di pretrattamento senza richiedere interventi importanti sulla linea di finitura.

The Technology Soft Rain interacts not only with the process for the mixing and concentration of the pretreatment solution, but also with the application system itself, which is no longer sprayed onto the piece but rather applied in the form of a fine mist. This misting is carried out with very precise criteria, which guarantees uniform quality over the entire piece and a radical reduction in wasted solution. The system has, in fact, very modest consumption when we consider its industrial use; consumption that naturally varies according to the profiles of the plant, the speed of the overhead transporter, the supports that need treating, and so on. The application through micro-nebulisation eliminates problems of entrainment and reduces the excess solution from the treatment to a minimum; moreover, the system recuperates this solution, eventually re-using it. The system is composed of: - a command and control module from where the entire system is managed; - a mixing module where the nanotechnological solution to be delivered is prepared in a fully automated manner: the mixer provides continual control of the main mixing and concentration parameters, with noticeable effects on the use of the product and expanding its functionalities; - an application module that, thanks to micronebulisation, provides the correct and constant passivation of pieces with any kind of shape and size in a uniform manner.

La tecnologia Soft Rain interagisce non solo con il processo di miscelazione e concentrazione della soluzione di pretrattamento, ma anche con il sistema applicativo del trattamento stesso, che non è più spruzzato sul pezzo bensì finemente nebulizzato. La nebulizzazione è eseguita con criteri ben precisi, il che garantisce un trattamento di qualità costante su tutti i supporti, e una drastica riduzione dello scarto della soluzione. Il sistema ha, infatti, consumi molto moderati se ne consideriamo l’uso industriale, consumi che naturalmente variano in funzione delle sagome degli impianti, della velocità del trasportatore aereo, dei supporti da trattare e così via. L’applicazione tramite micro-nebulizzazione elimina i problemi di trascinamento e riduce al minimo la soluzione eccedente proveniente dal trattamento; inoltre il sistema prevede un recupero di questa soluzione, con eventuale riutilizzo della stessa. Il sistema è così composto: - modulo di comando e controllo da dove si gestisce l’intero sistema; - modulo di miscelazione dove si prepara in modo completamente automatico la soluzione nanotecnologica da erogare: la miscelatrice è in grado di offrire un costante controllo nel tempo dei principali parametri di miscelazione e concentrazione, con effetti sensibili sull’impiego del prodotto e amplificandone le potenzialità; - modulo di applicazione che grazie ad una micronebulizzazione, garantisce la corretta e costante passivazione di pezzi di ogni forma e dimensione in modo omogeneo.

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

59


High Anti-Corrosion Protection With Misting Systems Using Nanotechnological Products 1

A close up of the mixing unit of Soft Rain VV version. Primo piano del modulo miscelatore Soft Rain nella versione VV. 2

A pre-treatment tunnel with Soft Rain application module installed inside; note the mixing unit in the VV version. Un tunnel con applicato all’interno il sistema di nebulizzazione Soft Rain, a lato si noti il modulo di miscelazione nella versione VV.

1

2

The system also automatically cleans its own critical parts, in a very short time, which ensures the effectiveness of the misting, reducing maintenance to just the cleaning of a filter. The Soft Rain system comes in various versions depending on the type of application: - Soft Rain VV = a basic system for coating metal parts with the classic pretreatment; - Soft Rain VD = a system that uses purified water with relative equipment; - Soft Rain VZ = a version for hot-dip coating. Euro Plast developed a compact and functional reverse osmosis equipment, that supply from 80 up to 1,500 l/h. With an ideal cycle composed by reverse osmosis equipment, Soft Rain VD and Soft Rain VV, high and consistent performances can be achieved, a kind of result which is not always achievable using a traditional pretreatment cycle.

L’impianto prevede inoltre un sistema di auto-pulizia delle parti critiche, automatica e di brevissima durata, che garantisce l'efficienza della nebulizzazione riducendo, di fatto, la manutenzione a una sola operazione di pulizia di un filtro. Il sistema “Soft Rain” è disponibile in diverse versioni a seconda del tipo di applicazione: - Soft Rain VV = sistema base per la verniciatura di manufatti in metallo con pretrattamento classico; - Soft Rain VD = sistema che utilizza acqua osmotizzata con relativo impianto; - Soft Rain VZ = versione per la zincatura a caldo. Euro Plast ha sviluppato anche impianti ad osmosi inversa molto compatti e funzionali, che erogano da 80 fino a 1.500 litri ora. Con un ciclo ideale, composto da impianto ad osmosi, Soft Rain VD e Soft Rain VV, si ottengono performance elevate e molto costanti, un risultato non sempre possibile fino ad ora con un ciclo tradizionale di pretrattamento.

Soft Rain VV This system, used with Dollcoat sa 115 from Dollmar, is capable of providing treated surfaces with a six-fold increase in resistance to substrata corrosion compared to the pretreatment carried out in a standard tunnel; resistance that remains constant over time and throughout the entire production (Fig. 1).

Soft Rain VV Questo sistema con l’impiego del prodotto Dollcoat sa 115 di Dollmar, è in grado di aumentare la resistenza alla sottocorrosione delle superfici trattate di ben sei volte rispetto a quella garantita dal pretrattamento eseguito in un tunnel tradizionale, resistenza che rimane costante nel tempo e sull’intera produzione (fig. 1).

60 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine


INNOVATIONS: PRESENT&FUTURE 3

The reverse osmosis equipment. Impianto ad osmosi. 4

The Soft Rain, VD version. Il modulo Soft Rain versione VD.

3

The system can be adapted to any existing coating plant without any structural modifications to the pretreatment tunnel (Fig. 2). Dedicated software provides constant control of the nebulised nanotechnological material. The fine misting of the solution on the piece excludes problems of entrainment and provides for, where the required conditions exist, starting up a process for recuperating the excess product. In situations where conditions are not ideal for obtaining these results (for example irregularity in the nanotechnological solution or damage to the equipment), the system sets off an alarm and a dedicated software decides whether to continue with the nebulisation or interrupt it. If needed, a dosing unit able to manage up to three types of nanotechnological products is available: this feature is important for companies that treat various types of substrates (iron or aluminium) and that require a constant level of quality as well as the best results possible for the entire production. The Soft Rain system can be added to any type of painting plant and it is placed near the exit of the pretreatment tunnel. Once the pieces have gone through the application module they go directly to the drying oven.

4

Il sistema può essere adattato a ogni impianto di verniciatura esistente senza apportare modifiche strutturali al tunnel di pretrattamento (fig. 2). Un software dedicato permette un controllo costante della soluzione nanotecnologica nebulizzata. La nebulizzazione finissima della soluzione sul pezzo esclude problematiche di trascinamento e prevede, ove ne sussistano le condizioni necessarie, l’avviamento di un processo di recupero del prodotto nebulizzato eccedente. Nel caso si verifichi una condizione non idonea al raggiungimento di tali risultati (ad esempio un’anomalia della soluzione nanotecnologica o un guasto dell’impianto), il sistema va in allarme e un software dedicato decide se proseguire con la nebulizzazione oppure interromperla. Nel caso vi fosse la necessità, è disponibile una versione di unità dosatrice in grado di gestire fino a tre diversi tipi di prodotti nanotecnologici. Questa caratteristica è importante per le aziende che trattano substrati di varia natura (ferro o alluminio) e che richiedono costanza qualitativa nonché il massimo dei risultati su tutta la produzione. Il sistema Soft Rain può essere inserito su tutti i tipi d’impianto ed è collocato in prossimità dell’uscita del tunnel di pretrattamento. I pezzi, una volta transitati attraverso il modulo applicativo procedono direttamente nel forno di asciugatura.

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

61


High Anti-Corrosion Protection With Misting Systems Using Nanotechnological Products

6

5 6 5

Soft Rain VZ, for hot-zinc coated parts. Il sistema nella versione VZ.

Soft Rain VD It works in the same way as the VV version, with some revisions to the application part and is joined to the reverse osmosis equipment for producing purified water. The development of the VD version has proven to be crucial for satisfying the requirements of those companies with entrainment problems due to poor drainage inside the pretreatment tunnel, or else companies that treat products that because of their shape tend to retain liquids (Fig. 3). Soft Rain VD is supplied with water coming from the reverse osmosis equipment connected to the water mains (tap water or bore water) (Fig. 4). This system reduces the process variables to a minimum, thereby providing a consistent performance over the entire production. The fact that pure purified water (15 μs) can be used to treat pieces means that the support is in an ideal condition before treatment with the nanotechnological product. The advantage of this version of the system is the reduction in the consumption of purified water, which means a small and compact 62 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

Soft Rain VD Il concetto di funzionamento è il medesimo della versione VV, rivista nella parte applicativa e abbinata all’impianto di osmosi inversa per la produzione di acqua osmotizzata. La messa a punto della versione VD si è rivelata fondamentale per soddisfare le esigenze di quelle aziende con problemi di trascinamento dovuti a scarsi drenaggi all’interno del tunnel di pretrattamento, oppure aziende che trattano manufatti che, per la loro conformazione geometrica, tendono a trattenere i liquidi (fig. 3). Soft Rain VD è alimentato con acqua proveniente dall’impianto a osmosi inversa collegato alla rete idrica (acqua di acquedotto o di pozzo) (fig. 4). Questo sistema riduce al minimo le variabili di processo, quindi assicura prestazioni costanti su tutta la produzione. Il fatto di poter utilizzare sui manufatti da trattare acqua osmotizzata pura (15 μs), assicura la condizione ottimale del supporto prima del trattamento con il prodotto nanotecnologico. Il vantaggio di questa versione del sistema è la riduzione dei consumi di acqua osmotizzata, il che consente l’installazione di un impianto per osmosi piccolo e compatto e molto meno problematico di un demineralizzatore nella gestione in quanto non sono necessarie rigenerazioni, non ci sono problematiche


INNOVATIONS: PRESENT&FUTURE osmosis system can be installed, creating a lot fewer problems than the use of a mineraliser.

legate al ph dell’acqua trattata e soprattutto i valori di conducibilità elettrica sono costanti nel tempo.

Soft Rain VZ The knowledge acquired over the years in applications related to coating metals has been transferred also to the hot-dip coating sector, where it is a valid alternative to the existing passivation. The use of the Soft Rain VZ (Figs. 5 and 6) equipment in combination with Dollcoat sa 119, offers excellent passive protection for the zinc plated support with the formation of a nanometric film on the surface that is capable of preventing the formation of that unpleasant layer of white oxide that quickly forms when the zinc plated structure is placed outdoors; in this way the brightness of the galvanised layer is maintained. As far as the operation of the line is concerned, the Soft Rain VZ system provides for the immediate passage of the suspended tray from the hot-dip coating tank (400-450C°) into the passivation module. The passivation cycle can last either 13 or 16 minutes depending on the size of the tank. At the end of the cycle the treated items have a temperature between 80 and 120C° (depending on the thickness): this allows them to be moved immediately. Moreover, it should be pointed out that the supports, once they have been passivated, can be powder coated without requiring any further pretreatment, with optimal adhesion results. This is because the nanometric film is an effective adhesion promoter.

Soft Rain VZ Le conoscenze sviluppate in anni di applicazioni legate alla verniciatura dei metalli, sono state trasferite anche al settore zincatura a caldo, dove costituiscono un’alternativa valida alle passivazioni esistenti. L’impiego dell’impianto Soft Rain VZ (figg.5 e 6)in combinazione con il prodotto Dollcoat sa 119, offre ottimi risultati di protezione passiva del supporto zincato con la formazione di un film nanometrico superficiale in grado di evitare la formazione di quello sgradevole strato di ossido bianco che si crea rapidamente quando la struttura zincata è posta all’esterno, e mantenere in questo modo la brillantezza dello strato di zinco A livello di operatività di linea, il sistema Soft Rain VZ prevede il passaggio immediato della bilancella dalla vasca di zincatura a caldo (400-450C°) nel modulo di passivazione. Il ciclo di passivazione può avere durata variabile tra i 3 e i 6 minuti a seconda delle dimensioni della vasca. Alla fine del ciclo i manufatti trattati hanno una temperatura che oscilla tra gli 80 e i 120C° (a secondo gli spessori): questo consente una movimentazione immediata. Inoltre è da rilevare che i supporti, una volta passivati, possono essere verniciati a polvere senza bisogno di alcun tipo di pretrattamento ulteriore, con ottimi risultati di adesione. Questo perché il film nanometrico nebulizzato dal sistema è un efficace promotore di adesione.

The advantages of the system With a normal pretreatment cycle with phosphatants it is difficult to attain the 200 hours of resistance in salt spray chamber. Repeated tests carried out at accredited labs by companies that have implemented the Soft Rain system with Dollcoat sa 115 demonstrate the possibility of attaining resistance values ranging from 800 up to 1,200 hours in a salt spray chamber, with uniform and consistent results over the entire support. In conclusion, the objective of the system is to get the best possible results in terms of hours or resistance in salt spray from pretreatment nanotechnological products, while at the same time reducing product consumption to the bare minimum, respecting the environment and maintaining the quality of the passivation over time.

I vantaggi del sistema Con un normale ciclo di pretrattamento con fosfatanti, difficilmente si raggiungono le 200 ore di resistenza in camera di nebbia salina. Ripetuti test eseguiti presso laboratori accreditati da aziende che hanno implementato il sistema Soft Rain con il prodotto Dollcoat sa 115 dimostrano la possibilità di raggiungere valori di resistenza che variano dalle 800 fino alle 1.200 ore in camera di nebbia salina, omogenei e costanti su tutto il supporto. In conclusione l’obiettivo del sistema è trarre il massimo dei risultati in termini di ore di resistenza in nebbia salina dai prodotti nanotecnologici di pretrattamento, riducendo al contempo all’essenziale il consumo del prodotto, rispettando l’ambiente e mantenendo costante nel tempo la qualità della passivazione.

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

63


TRADE FAIRS & CONFERENCES Fiere e Convegni

SEPTEMBER 2011 ICSP-11 South Bend, Indiana, USA September 12-16, 2011 www.shotpeening.org/ICSP-11 ASIA PACIFIC COATINGS SHOW Singapore September 14-15, 2011 www.coatings-group.com/show/apcs/2011/ EICMA Bike Rho, Milan, Italy September 16-19, 2011 www.eicma.it

EUROCOAT Paris, France September 27-29, 2011 www.eurocoat-expo.com EUROFINISH Gent, Belgium - September 27-29, 2011 www.eurofinish.be CUMBRE INDUSTRIAL Y TECNOLOGICA Bilbao, Spain - September 27-30, 2011 www.cumbreindustrialytecnologica.com

OCTOBER 2011 MADE EXPO Rho, Milan, Italy - October 5-8, 2011 www.madeexpo.it

CHEM-MED Rho, Milan, Italy - October 5-7, 2011 www.chem-med.eu

PAINTEXPO EURASIA Istanbul, Turkey - October 6-8, 2011 www.paintexpoeurasia.com

BLACH-TECH-EXPO Kracow, Poland - October 19-21, 2011 www.targi.krakow.pl

EGYCOAT Cairo, Egypt - October 16-19, 2011 www.ifg-eg.com

VITRUM Rho, Milan, Italy - October 26-29, 2011 www.vitrum-milano.it

NOVEMBER 2011 EICMA Motorbike Rho, Milan, Italy - November 8-13, 2011 www.eicma.it

EUROSURFAS Barcelona, Spain - November 14-18, 2011 www.eurosurfas.com

WEM EXPO Rho, Milan, Italy - November 16-19, 2011 www.wemexpo.eu

ENERSOLAR - GREENENERGY Rho, Milan, Italy - November 16-19, 2011 www.enersolar.biz

JANUARY 2012 EUROGUSS Nuremberg, Germany January 17-19, 2012 www.euroguss.de

FEBRUARY 2012 FIERAGRICOLA Verona, Italy February 2-5, 2012 www.fieragricola.it WIN - part 1 Istanbul, Turkey February 3-6, 2012 www.win-fair.com

64 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

SAMUMETAL Pordenone, Italy February 8-11, 2012 www.samumetal.it BAUTEC Berlin, Germany February 21-25, 2012 www1.messe-berlin.de


by Paola Giraldo

MARCH 2012 INTERLAKOKRASKA Moscow, Russia March 12-15,2012 www.interlakokraska.ru

INDUSTRIE Paris, France March 26-30, 2012 www.industrie-expo.com

APRIL 2012 PAINTEXPO Karlsruhe, Germany April 17-20, 2012 www.paintexpo.de

SALONE INTERNAZIONALE DEL MOBILE Rho, Milan April 17-22, 2012 www.cosmit.it

MAY 2012 BIEMH Bilbao, Spain May 28-June 2, 2012 www.biehm.com

LAMIERA Bologna, Italy May 9-12, 2012 www.ucimu.it

PLAST Milan, Italy May 8-12, 2012 www.plastonline.org

JUNE 2012 O&S Stuttgart, Germany June 12-14,2012 www.messe-stuttgart.de

SEPTEMBER 2012 Profintech Brno, Czech Republic September 17-21, 2012 www.bvv.cz

OCTOBER 2012 BI-MU Milan, Italy October 2-6, 2012 www.bimu-sfortec.com

ALUMINIUM Dusseldorf, Germany October 9-11, 2012 www.aluminium-messe.com

NOVEMBER 2012 EIMA Bologna, Italy November 7-11, 2012 www.eima.it

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

65


products showcase G2

G1

G3

G6

G4

F12

F11

F10

E14 Trichem E12

E13 SetFil

E15

E11

D13 BS Group

C19 Varnish Tech

D11

D12

C16 Etki Kalite

Oltrogge

Teknik Alet

C18 Koch Membrane

I.L.S. GmbH

C17 Yön Kimya

C15 Nordson

B 11

B 10

Peka Chemie

Mitsuda A14

F9

F8

Plasmatreat

E10

F7

F6

F5

E8 MI SAS Painting Lines

E6 Duston E5 Altinboy

F4 Alfa Teknik F3

E2

D8 E7

E1

D5

Efe Boyahane

Baksan Makina

A12

B9

Sistem Teknik

STR Makina

D6

C9

C8

B7

øba Kimya

Ema Boya

Boymak

Pulver

E4

D5-1 Andreae Team

Muster Schmidt

Rippert

KC Kimya

Botersan

B 9-1 Schierholz C10

C11

Durst Safa

Silkatek

F2

C13 IRIS

C14 Helm Hellas

E9

Promaks

Giriú / Çıkıú Entrance / Exit

C6 B5

DFO

D4

A10 Yantai Powder

C5

Asis, Exel LacTec Rheotest Caldan Conveyor Microdyn-Nadir Mankiewicz

KM Group Tekniker

Dede Kimya Element Boya

A9

B4 A8 Yantai Yuanli

Feidal

F1-1 Railtechniek

D3 C3

D1 F1 Proteus

Altermak Arya Pony

D2 Huelsemann

C2 Colorificio Damiani

C1 Graco

AKM Boya

Mata Makina B1 Mep Teknik

A1

Restaurant

A5

B3

C4 Spraying Systems

A3

A4

Yakut Makina

Hall 9-10 GøDøù

PAINT EXPO EURASIA Hall plan 6 - 8 October 2011 ISTANBUL EXPO CENTER

OPTIMIZATION OF WATER CONSUMPTION AND SAVINGS OF COST WITH TRICHEM CHEMICALS Ottimizzazione delle risorse idriche e contenimento dei costi con i prodotti chimici Trichem

W

hile it is undisputed that water is the main natural resource to be protected, it is equally undisputed that the containment of costs for a company is a necessary element for the achievement of the profit. Trichem srl was born from a joint collaboration of technicians with multi-year experience in painting and dyeing, industry, in water treatment and sludge treatment fields: this expertise allowed Trichem to achieve significant results from the environmental point of view in a wide range of markets: - Pre-treatment: pickling, phophatizing and chromatizing for the painting of plastics or metal supports - Water treatment: products and equipments - Bentonite and inorganic coagulants for waterborne and solvent-based paints - Products for the textile printing industry: innovative detergents for print tables, boards and cylinders, products for the finishing, or preparation for ink-jet printing - Supplying of odorless solvents, detergents, decalcifying and deoxidizers for the proper treatment of metal parts in order to make their surface suitable for the subsequent processing. For further information: www.trichem.it

66 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

e è indiscusso che l’acqua è la risorsa naturale principale da tutelare è altrettanto indiscusso che il contenimento dei costi per un’azienda è un elemento necessario per il conseguimento del profitto. Trichem srl nasce da una collaborazione congiunta di tecnici che hanno raggiunto una pluriennale esperienza nell’ambito della verniciatura, delle cabine a velo d’acqua, della tintoria industriale, della depurazione acque e del trattamento dei fanghi: questa esperienza ha consentito all’azienda di mettere a punto prodotti chimici in grado di ottenere risultati significativi sotto il profilo ambientale in un’ampia gamma di applicazioni: - Pretrattamento: decapanti, fosfatanti, cromatanti - Trattamento acque: prodotti e sistemi impiantistici - Coagulanti bentonitici ed inorganici per vernici all’acqua o a solvente - Prodotti per settore stampa su tessuti: includono detergenti innovativi per tavoli, quadri e cilindri di stampa, prodotti per il finissaggio, di preparazione per stampa ink-jet - Fornitura di solventi inodori, detergenti, decalcificanti e disossidanti per il corretto trattamento di particolari metallici al fine di rendere le loro superfici idonee alle successive lavorazioni. Per ulteriori informazioni: www.trichem.it

S


by Paola Giraldo

EUROMASK® SOLUTIONS FOR MASKING PROBLEMS Euromask® soluzioni per i problemi di mascheratura uromask® is a leader in the production and distribution of professional masking systems for all surface treatments. For over 10 years Euromask® has been distributing its wide range of plugs, caps and painting hooks, tapes and discs, tubing and special moulded products worldwide. Speed, flexibility and professionalism are the key words to Euromask®’s success: - execution of 85% of orders within 24/48 hours - 8 million pieces in stock - fast sampling times: for adhesives 3-4 days with production in about ten days, for moulded items 3 weeks with production in 4 weeks. For further information: www.euromask-shop.com

E

uromask® è leader nella produzione e distribuzione di sistemi professionali di mascheratura per tutti i trattamenti superficiali. Da più di 10 anni, Euromask® distribuisce in tutto il mondo la sua ampia gamma di tappi, cappucci, ganci per la verniciatura, nastri e bollini, tubi e prodotti stampati speciali. Velocità, flessibilità e professionalità sono le parole chiave del successo di Euromask®: - evasione dell’85% degli ordini in 24/48 ore - 8 milioni di pezzi a magazzino - campionatura in tempi brevi: per gli adesivi in 3-4 giorni e produzione in una decina di giorni, per gli stampati in 3 settimane e produzione in 4 settimane. Per ulteriori informazioni: www.euromask-shop.com

E

A NEW WAY TO CONCEIVE A PAINTING PLANT WITH VARNISH-TECH Con Varnish Tech nasce un nuovo modo di concepire l’impianto di verniciatura.

T

he painting plants developed by Varnish Tech take advantage of sistemi di verniciatura progettati da Varnish Tech mettono a frutits over 30 years of expertise in the field to guarantee the greatest to 30 anni di esperienza per offrire la massima soddisfazione e satisfaction and certain results. risultati garantiti ai propri clienti. L’impianto è sempre calibrato su The plant is always custom calibrated: we always and only start from misura: vengono considerate le esigenze qualitative, produttive ed the customer’s qualitative, productive and economic requirements. economiche del cliente. L’obiettivo è l’ottenimento di pezzi verniThe objective is to obtain painted parts ciati alla qualità definita, al minor costo with the required quality and with the possibile. lowest cost possible. Gli impianti di Varnish Tech Varnish Tech painting systems garantiscono: guarantees: - quantità e qualità dei pezzi - the required quantity and quality of the verniciati richiesti, ad un costo painted parts, at a competitive price; competitivo; - very quick return of investment; - rapido ritorno dell’investimento; - transfer of knowledge; - trasferimento del know-how; - extreme compactness of the plant; - compattezza dell’impianto; - complete process automation; - automazione del processo; - personnel training in our centre; - formazione del personale; Render of a plant for bumpers of the new Lancia Y which is currently being installed at PCMP (Magneti Marelli Group), - complete line flexibility in terms of - flessibilità della linea come materiali Sosnowiec, Poland. support to be painted. o cicli. Render di un impianto paraurti per la nuova Lancia Y in For further information: Per ulteriori informazioni: installazione presso PCMP (Gruppo Magneti Marelli), www.varnishtech.com www.varnishtech.com Sosnowiec, Polonia.

I

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

67


products showcase MI SRL: PLANT FOR SURFACE TREATMENTS OF METALS AND PLASTICS MI Srl: impianti per il trattamento superficiale di metalli e materie plastiche

M

I Srl (Calò di Besana Brianza, MB, Italy) is a specialist in the field of design and construction of industrial plants and systems for the surface treatment of metals and plastics. The constant efforts towards technological developments, the experience acquired and the capability to meet the specific requirements of every customer make MI a leading company in Italy and abroad wherever high efficiency and reliability are the main requirements. MI plants range from full powder coatings and liquid painting lines up to systems and machines for industrial cleaning. For further information: www.misas.it

a Mi è una azienda specializzata nella progettazione e realizzazione di impianti industriali per il trattamento superficiale di metalli e materie plastiche. Il costante sforzo di aggiornamento tecnologico, l’esperienza acquisita e la capacità di soddisfare ogni specifica esigenza del cliente, fanno della MI un’azienda all’avanguardia nel settore sia in Italia che a all’estero, dove l’alta efficienza e l’affidab bilità si sono imposte come caratteristicche peculiari dei suoi prodotti. L La produzione della MI spazia dalle linee complete per la verniciatura a polvveri e con vernici liquide fino a macchine e impianti per il lavaggio industriale. Per ulteriori informazioni: www.misas.it

L

1

2 1

2

Painting line for packaging for cosmetics.

Powder coating line.

Impianto per la verniciatura di packaging per il settore cosmetico.

Impianto di verniciatura a polveri.

68 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine


by Paola Giraldo

COLORIFICIO DAMIANI: INDUSTRIAL WATERBORNE AND SOLVENT-BASED PAINTS Colorificio Damiani: vernice all’acqua e al solvente per l’industria

S

ince 1975 the company has focused its activity on the solvent based and water borne industrial paints manufacturing for different industrial fields (agriculture machines, commercial vehicles, tools machines). With over 30 years of experience, Colorificio Damiani is able to supply a wide and deep range of paints suitable for the coating of any metal surfaces (iron, aluminum, steel, light alloys), with any application technique (spray, deep, roller, paint-brush), following specific paint application process able to satisfy any needs in terms of corrosion protection, chemical and weathering resistance. Damiani range is composed by: - 1K (synthetic) and 2K (acrylic, epoxy, polyurethane) primer and rust-proofs - 1k and 2k top coat of different chemical nature (synthetic, polyurethane, epoxy, acrylic) - 1k and 2k top coat in different look (textured, embossed, orange peel) - a comprehensive range of dyes mostly used in the European market (RAL, Iveco, working machines, oil companies, British standard, NCS, Pantone, etc. ), formulated through the use of our solvent and water based colouring pasta. The study and developing of the tinting system (both solvent-based and waterborne) makes Damiani one of the most known company in the national and European market for the industrial coating through a chain of 150 distributors around Italy and Europe. Damiani is present at PaintExpo Eurasia trade fair (Istanbul, October 06-08), hall 11 – stand C2. For further information www.color-damiani.it

al 1975 società specializzata nella produzione di vernici a base solvente ed acqua per l’intero settore industriale (macchine agricole, veicoli commerciali, veicoli industriali, macchine utensili). Nella sua trentennale esperienza, il Colorificio Damiani è in grado di fornire una gamma completa di prodotti vernicianti adatti al rivestimento di qualsiasi supporto metallico (ferro, alluminio, acciaio, leghe leggere), per qualsiasi modalità applicativa (spruzzo,immersione, rullo, pennello), seguendo specifici cicli di verniciatura adatti a soddisfare qualsiasi esigenza in termini di protezione anticorrosiva, agenti chimici ed atmosferici. La gamma Damiani racchiude: - primer e antiruggini monocomponenti (sintetici) e bicomponenti (acrilici, epossidici, poliuretanici) - smalti di finitura 1k e 2k di differente natura chimica (sintetici, poliuretanici, epossidici, acrilici) - smalti di finitura 1k e 2k di differente aspetto (testurizzato, goffrato, bucciato) - gamma completa delle tinte più utilizzate sul mercato europeo (RAL, IVECO, macchine operatrici, società petrolifere, british standard, NCS, Pantone, ecc.) formulate attraverso l’uso delle nostre paste coloranti sia a base solvente che acqua. Lo studio e lo sviluppo del sistema tintometrico (sia a base solvente che acqua) rendono Damiani una delle società più conosciute sul mercato nazionale ed Europeo per il settore industria attraverso una catena di 150 rivenditori distribuiti in tutta Italia e nei principali Paesi Europei. L’azienda è presente alla fiera PaintExpo Eurasia (Istanbul 06-08 ottobre), presso il padiglione 11 – stand C2. Per ulteriori informazioni: www.color-damiani.it

D

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

69


products showcase OLTROGGE & CO KG - PIGGING SYSTEM AND REPLACEMENT LID SYSTEM Oltrogge & Co KG – sistema di cambio colore con Pig e sistema di coperchi di ricambio

O

ltrogge (Bielefeld, Germany) has developed a highly efficient, economical colour change system that enables users to boost the efficiency of their process and achieve economies. Using this system saves paint (up to 95% per colour change), time (up to 90%), solvent/flushing agent (up to 70%). The new system results also in no odour nuisance, no open solvent containers in use, automatic flushing cycle for maximum reliability, VOC analysis. Using a pigging system with a replacement lid system offers huge potential for savings in central paint feeding. Users of this system can make economise on their annual paint and flushing agent consumption and working time input. The investment is worthwhile and it pays for itself in less than a year. The replacement lids are cleaned automatically. That ensures a cleaning time of less than two minutes (according to the paint system in use). The AWR-1200 automatic cleaner is easy to operate with a rugged design and it also has an integral extractor. This is a closed colour change concept that’s far more than a conventional pigging system. The main components are the pigging system, a highly efficient dynamic flushing process, the mobile replacement lids including agitator, the hobbock lifter and a lid cleaning process. The advantages of the replacement lid system are easy to see. Comparing the flushing process using a standard circuit with a circuit incorporating replacement lids, the consumption figures per colour change make the results clear. For further information: www.oltrogge.de

70 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

ltrogge (Bielefeld, Germania) ha sviluppato un sistema di cambio colore altamente efficiente ed economico che consente agli utilizzatori di potenziare l’efficienza dei loro processi e ottenere un risparmio sui costi. L’utilizzo di questo sistema consente di risparmiare vernice (fino al 95%), tempo (circa il 90% per ogni cambio), e agente di risciacquo/solvente (circa il 70%). Il nuovo sistema non prevede l’utilizzo di contenitori aperti di solvente, elimina gli odori sgradevoli, analizza i COV. L’investimento è proficuo e si ripaga in meno di un anno. I coperchi di ricambio sono lavati automaticamente. Ciò assicura una tempistica di pulizia inferiore ai due minuti (a seconda del sistema di verniciatura in uso). Il modulo di pulizia automatico AWR-1200 è facile da usare e possiede anche un aspiratore integrato. È una concezione di cambio colore chiusa che è molto più di un semplice sistema di PIG. I componenti principali sono il sistema di PIG, un circuito di lavaggio dinamico altamente efficiente, i coperchi di ricambio mobili che includono agitatore, sollevatore dei fusti, e sistema di lavaggio dei coperchi. I vantaggi del sistema con coperchi di ricambio sono evidenti. Paragonando un ciclo di lavaggio che utilizza un circuito standard con quello di un circuito che prevede coperchi di ricambio, i dati di consumo per cambio colore sono chiari. Per ulteriori informazioni: www.oltrogge.de

O


by Paola Giraldo

PERFECT COATING SOLUTIONS FROM WAGNER AT PAINTEXPO EURASIA Soluzioni di verniciatura perfette da WAGNER a PaintExpo Eurasia

W

AGNER, one of the leading suppliers of systems and components in industrial surface technology for liquid and powder, is represented by the certified WAGNER dealer Altermak. One of the highlights is the new AirCoat gun GM 4700AC with excellent finishing results due to the new WAGNER AirCoat atomization process. The newly designed Cage Filter (patent pending) has a much longer life time, because of its 53% lager volume to collect the dirt. Beside that it is very easy to flush, the compact design reduces the weight of the gun. Another highlight are the exclusive high pressure double diaphragm pumps Cobra 40-10 and 40-25, suitable for Airless and AirCoat applications up to 250 bar. Cobra® is the first high pressure pneumatic pump without packing. With its minimized internal volumes, the pump is designed to greatly reduce solvent consumption and material waste during flushing and colour-change operations. Within powder, PrimaSprint thrills more and more customers. The easy handling, the fast colour changes as well as the excellent coating quality and the reduced down times are the main advantages that convinces more and more existing and new customers to change to PrimaSprint. The pump Cobra® 40-25 You find Altermak on booth D1. For further information: www.wagner-group.com

AGNER, una delle aziende leader nella fornitura di sistemi e componenti per la verniciatura a liquido e polveri per l’industria delle superfici, è rappresentato dal distributore certificato WAGNER Altermak. Uno dei prodotti in evidenza è la nuova pistola di spruzzatura AirCoat GM 4700AC che assicura risultati di finitura eccellenti grazie al nuovo processo di atomizzazione WAGNER AirCoat. La gabbia per il filtro, recentemente progettata (in attesa di brevetto), possiede una vita utile più lunga, grazie a una capacità di raccolta dello sporco più grande del 53%. Inoltre, è molto semplice da lavare e il design compatto riduce il peso della pistola. Un altro prodotto in evidenza sono le esclusive pompe ad alta pressione a doppia membrana Cobra 40-10 and 40-25, adatte per applicazioni Airless e AirCoat fino a 250 bar. Cobra ® è la prima pompa pneumatica ad alta pressione priva di pacchi guarnizione. Con il volume interno ridotto al minimo, la pompa è progettata per ridurre notevolmente il consumo di solvente e lo spreco di vernice durante le operazioni di lavaggio e cambio colore. Nel settore dell’applicazione polveri, PrimaSprint sta emozionando sempre più clienti. La gestione semplice, il cambio colore rapido nonché l’eccellente qualità di finitura e i ridotti tempi di fermo sono i principali vantaggi che stanno convincendo sia i clienti esistenti che quelli nuovi a convertirsi a PrimaSprint. Altermak è presenta nel padiglione 11, stand D1. Per ulteriori informazioni: www.wagner-group.com

W

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

71


products showcase

by Paola Giraldo

ADVANCED ULTRAFILTRATION MEMBRANES FOR E-COAT APPLICATION Membrane di ultrafiltrazione all’avanguardia per applicazioni E-Coat

T

he use of Ultrafiltration in the E-Coat Industry is a well established technology. Paint chemistry and membrane materials have evolved in order to provide new and more effective products with improved durability and cost benefits. It is with these ever changing requirements from the Industry MICRODYN-NADIR developed more efficient spiral membranes to meet the requirements of the 21st century Electrocoat paint applications. By using PVDF with a very smooth surface as a membrane this results in a significantly reduced fouling and improved the fluid dynamics along the surface of the membrane. The PVDF membrane is made in a flat sheet format - the complete module is a spiral design. Each element is manufactured for the solids loading in the paint bath solutions and also meets the chemical and physical challenges associated with a 24/7 operation where down time or high maintenance is not conducive to the modern paint plant. As a membrane manufacture the E-Coat membrane can be supplied to retrofit nearly any existing system with no process equipment changes. For further information about MICRODYN-NADIR products www.microdyn-nadir.de

SPIRA - CEL, MICRODYN-NADIR

72 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

utilizzo dell’ultrafiltrazione nell’industria dell’E-Coat (verniciatura elettroforetica) è una tecnologia ben consolidata. La chimica delle vernici e i materiali per le membrane si sono evoluti al fine di fornire prodotti nuovi, più efficaci, con una durabilità maggiore e benefici in termini di costo. È a partire questi requisiti in continua evoluzione provenienti dall’industria che MICRODYN-NADIR ha sviluppato membrane a spirale più efficienti per soddisfare le esigenze delle applicazioni di verniciatura elettroforetica del 21° secolo. Con l’utilizzo di PVDF con una superficie molto liscia per la membrana si ottiene un inquinamento significativamente ridotto e un miglioramento della dinamica dei fluidi lungo la superficie della membrana. La membrana in PVDF è una lamina piatta; il modulo completo ha forma a spirale. Ogni elemento è prodotto in modo da captare i residui i solidi del bagno di vernice e affrontare le sfide chimiche e fisiche associate al funzionamento 24 ore su 24, dal momento che i tempi di fermo per guasto o per una manutenzione elevata non giovano alle moderne linee di verniciatura. Le membrane per E-Coat prodotte da MICRODYN possono adattarsi a quasi tutti gli impianti esistenti senza bisogno di alcuna modifica impiantistica. Per ulteriori informazioni sui prodotti MICRODYN-NADIR www.microdyn-nadir.de

L’


ZOOM on events CONTROLLING CLEANING AND BATH QUALITY. RELIABLY CLEAN? Controllo della pulizia e della qualità del bagno. Una pulizia affidabile?

N

euffen – The quality and reliability of components during actual use after the production process depend just as decisively on workpiece cleanliness as the results of downstream processes do. parts2clean informs visitors about various methods of efficiently controlling the cleanliness of cleaned parts and surfaces, as well as the performance of cleaning baths, in a requirements oriented manner. The leading international trade fair for industrial parts and surface cleaning will take place at the Stuttgart Exhibition Centre from the 25th through the 27th of October, 2011. Residues which are deposited on workpiece surfaces during manufacturing and machining processes, for example particles, burrs and dust, as well as oil, emulsions and separating agents, are unavoidable. In order to assure that this contamination neither has a negative impact on the results of subsequent processes such as coating, hardening, welding and bonding, nor impairs the function of components during later use, degrees of cleanliness which are matched to actual requirements have to be achieved by the cleaning process. In many industry sectors, the achieved degree of cleanliness has to be monitored and documented as well. “Continuous monitoring of cleaning and rinsing baths is also becoming more and more important, because this has a significant influence on operating costs for the cleaning process”, reports Hartmut Herdin, managing director of fairXperts GmbH, promoters of parts2clean.

N

Pinpointing and Analysing Particles

Identificazione e analisi delle particelle

With regard to inspection for determining whether or not particulate cleanliness specifications have been complied with, the automotive industry has created a standard reference work, namely VDA volume 19, “Technical Cleanliness Testing – particulate contamination of function-relevant automobile components”, and its international counterpart, i.e. ISO 16232, volumes 1 through 10, “Road vehicles – Cleanliness of components of fluid circuits”. The objective of these directives is to be able to evaluate and compare the technical cleanliness of a part by means of clear-cut, unambiguously described procedures for extracting and analysing particulate contamination from production and the environment. In the meantime, VDA 19 is generating great interest in numerous industries, for example medical technology and precision engineering, as well as the optics and hydraulics industries. Exhibitors at parts2clean will present various systems for conducting cleanliness analyses in accordance with VDA 19 / ISO 16232. Amongst others these include extraction modules which are used for a variety of particle extraction methods. Where subsequent evaluation of particles retained in the filter is concerned, offerings range from laboratory scales for gravimetric determination, particle scanners and optical microscopes, right on up to scanning electron microscopes and

Rispetto alle ispezioni necessarie per determinare se le specifiche di pulizia dal particolato siano state rispettate o meno, l’industria dell’auto ha creato una normative di riferimento, la VDA volume 19, “Technical Cleanliness Testing – particulate contamination of function-relevant automobile components” (Misurazione tecnica della pulizia – contaminazione da particolato di componenti auto con funzioni rilevanti), e la sua controparte internazionale, cioè ISO 16232, volumi dall’1 al 10, “Road vehicles – Cleanliness of components of fluid circuits” (Veicoli stradali – pulizia dei componenti dei circuiti per il fluidi). L’obiettivo di queste direttive è fornire un metodo per valutare e comparare la pulizia tecnica di un pezzo attraverso procedure precise, non ambigue per ricavare e analizzare la contaminazione da particolato proveniente dalla lavorazione e dall’ambiente. Allo stesso tempo, la VDA 19 sta generando grande interesse in numerose industrie, ad esempio quelle dell’ingegneria di precisione e delle tecnologie mediche, ma anche nelle industrie ottiche e dei componenti idraulici. Gli espositori di parts2clean presenteranno vari sistemi per condurre le analisi del grado di pulizia secondo le normative VDA 19 / ISO 16232.Tra gli altri, ci saranno moduli di rilevamento utilizzati in una varietà di metodi di valutazione del particolato. Dove si prevede la successiva valutazione delle particelle trattenute dal filtro, l’offerta degli espositori spazia da bilance da laboratorio per la determinazione gravimetrica, scanner di particelle e microscopia ottica, fino a SEM e

74 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

euffen – La qualità e l’affidabilità dei componenti durante il loro uso effettivo dopo il processo produttivo ma anche i risultati dei processi a valle dipendono in maniera decisiva dalla pulizia del prezzo. parts2clean informa i visitatori sui vari metodi per controllare in modo efficiente la pulizia delle parti e delle superfici lavate e le prestazioni dei bagni di lavaggio. La fiera leader internazionale per il lavaggio di pezzi e superfici si terrà presso il Centro Fiere di Stoccarda dal 25 al 27 ottobre 2011. Il deposito di residui sulla superficie dei pezzi durante i processi produttivi e le lavorazioni meccaniche, ad esempio granuli, bave, e polvere ma anche olio, emulsioni e agenti distaccanti, è inevitabile. Al fine di assicurare che questa contaminazione non abbia né un impatto negativo sui risultati dei processi successivi (come verniciatura, tempra, saldatura e incollaggio), né pregiudichino la funzionalità dei componenti durante il loro uso successivo, il ciclo di lavaggio deve raggiungere il grado di pulizia richiesto. In molti settori industriali, il grado di pulizia ottenuto deve anche essere monitorato e documentato. “Il monitoraggio continuo dei bagni di lavaggio e di risciacquo sta diventando sempre più importante, perché ha un’influenza significativa sui costi operativi di lavaggio”, afferma Hartmut Herdin, direttore generale di fairXperts GmbH, l’ente organizzatore di parts2clean.


by Paola Giraldo

micro-tomographs. Equipment manufacturers offer systems which have been specially designed for the automated analysis of residual contamination filters. As a rule, these can be adapted to individual factory standards. Companies for whom it doesn’t pay to have their own cleanliness inspection equipment, or who do not have the necessary personnel, can take advantage of experienced, certified service providers.

micro-tomografo. I produttori di apparecchiature offrono sistemi appositamente progettati per l’analisi automatica dei filtri di contaminazione residua. Di norma, essi possono essere adattati agli standard dei singoli stabilimenti. Le aziende che non ritengono utile investire in apparecchiature di controllo di proprietà, o che non hanno il personale necessario, possono appoggiarsi a fornitori certificati e competenti di questi servizi.

Tracking Down Film-Like Contamination

Rintracciare la contaminazione

If residues from processing media remain on workpiece surfaces after cleaning, the quality of results obtained from downstream processes such as coating, painting, bonding, hardening and welding may be impaired. Various test methods are I available for tracking these residues down. The simplest H are test inks. Inline systems are available as well. These G function on the basis of various processes, for example relative change in F luminance which results from E thin layers on surfaces, or laser induced, time-resolved D fluorescence spectroscopy. Beyond this, the exhibition C programme includes systems for contact angle B measurement as well, which are also available as portable A instruments.

Se i residui dei processi di lavorazione rimangono sulle superfici dei pezzi dopo il lavaggio, la qualità dei risultati ottenuti dalle lavorazioni a valle, quali rivestimento, verniciatura, incollaggio, tempra, saldatut ra, possono essere compromessi. Vari V metodi di prova sono disponibili per rintracciare questi residui. I più semplici sono gli inchiostri di prova, ma esistono anche sistemi in linea che funzionano su basi s diverse, ad esempio il cambiamento relativo nella luminescenza che c risulta dai film sottili sulle superfici, oppure la spettroscopia a fluorescenza risolta nel tempo indotta dal laser. Oltre a questo, il programma della manifestazione include sistemi per la misurazione dell’angolo di contatto, disponibili anche sottoforma di strumenti portabili.

LAGER BLUEPOOL

VALLON

803

SEMMELROTH

701

807

807-1

WOMA

710

608

610

ZIEGENER

ROLL

506

504

503

505

402

OLYMPUS

404

410

BANDELIN

3

511 513 EVEREST KNOTH

412

INVENTEC

304

HAUG CHEMIE

202

204

201

LOFT

206

208

203

205

INDA MARKERT

PERO

102

104

101

103

HENKEL

1

Monitoring Cleaning and Rinsing Baths

3

LAGER HENKEL

3

WM CONSULT

1

1

3

523

BOOS

525

527

NSW

216

CLEAN FRIES CONTROLLING 222

220

218

217

215 FISA

BGHM

112

430

432

421

423

ICOM

1

Changing the bath too early results in unnecessary costs. If cleaning and rising baths are changed too late, cleaning quality suffers and costly rework results. Bath monitoring and media conditioning are thus important factors in quality and cost-optimised manufacturing processes. Various systems are available for continuous monitoring of cleaning baths. Offerings include manual measuring instruments, as well as fully automated systems. The latter ascertain actually available cleaning power during the running process and automatically add cleaning agent depending upon consumption, or indicate the need for a bath change before it’s too late. Further information at www.parts2clean.de

116

119 RJL 1

320

118

120 121

LDT

234

3

3

236

223 225 TENEPA PROTIERRATECH SA

227

3

128

STRAMA-MPS

JETCLEAN 122

124

123

125

3

126 127

GOLDMANN

JESSBERGER 3

328 331

329

FUHR

SENS ACTION 230 232

REK RIEBESAM

119-1

326

324

327

PETROFER

221

KERRES 3

322

325

323

MEG

3

ENVIRO FALK

KÖGEL W&R SUGINO QING- LUTZ DAO JESCO 224 226 228

HEIN HESO

3

3

AMSONIC

TMS

114-1

114 117

532

531

428

WALTER ULTRASCHALL

219

HAMMELMANN

529

419

318

LEIBLEIN

631

417

PERKUTE

321

319

2

FLÖTER

FAIR RES FAIR ICETECH 528 526

KRUMM

GÜTLING

2

WC Anlagen

LK METALLWAREN 426

415

316

314 317

315

622

3

624

629

EOS

BUSCH

424

413

627

524

ARO

522

ACP

115 113 SÜDSTRAHLBIO CIRCLE

3

WOCKLUM CALPEDA ERDMANN WP-

GEISS

520

719

VLIESSTOFF

HYDAC

620

625 MATTHES AUER MIELE

PILLER

ZELL

ORBEN

EDUR

422

420

MKR METZGER

REINHAUSEN PLASMA

110

HOBART

KLUTHE

623 PETROFERM

728 721

TYCZKA SMP MASCHINENBAU

618

621

KELLER BORER

211

111

109

WIGOL

418 411

VAPIC

108

106 107

105

FLUX

NGL

214

212

209

207 LK MECHANIK

WEIDNER

SOLVADIS

3

OTA

LECHLER

CEMASTIR ALPHA TECHNIEK 210

FRANKE

3

313

OTEC

DST-KEMI

PLASMA TECHNOLOGY

MAFO

ARCOERVIN TEST

312

310

311

309

SURTEC

DHS

BVL

3

308

307

305

PTF

BUPI

521

519

BUTEK

306

303

301

518

517

409

SPRINGER

302

3

ADUNATEC

416

MAFAC

QTS

616

619

COLDJET

SILBERHORN

WOLFTECHNIK

3

717

PROPAGROUP

3

829

726

724

722

715

BODA

834

BLUEPOOL LOUNGE

PHCLEANTEC

720

SAFECHEM

614

617

516

DÜRR UCM

407

827

ELMA

713

GLA-WEL FIRBIMATIC

DITTMANN

514

515

414

405

403

LEICA

512

825

KMU

832-1

REINRAUM

3

401

509

507

BOE- QUALITY NING ANALYSIS 406 408

711 SPRAYING SYSTEMS BAAS

612

615 SENSOTECH

H2O

510

508

BRÄND- ZIMMERLE MANN

FIT ZVO

MAZURCZAK

BANTLEON

DANSOTEC MAURER

VERDER

613

832

POLYGON

502

611

609

607

INTERCEPT

SITA

URACA

HEGA

709

FRAUNHOFER

PFAFF

606

603 605 MTV PEBÖCK

3

830

KLN

707

H

601

823

EVT

718

716

929

GKD

828

821

819 VULCANIC

817

F F F

GLÄSER

604

602

930

927

ABWATEC

METALAS

PALL

826

HÖCKH

714

705

926

925

923

VIA

PALL

WEBER

712

928

3

3

924

921

824

815

813

FACHFORUM

2

501

IPROS

822

820

EMO HÖSEL LPW

1027

DHD

922

920

919

LABOREX

SCHNEE

GARDNER

3

818

811

809

3

2

917

MECASTRÖBEL NOLAV

816

814

BEN- CLEANING EXCELLENCE SELER CENTER

708

703

918

915

KKS

812

BUSE

PNR

706

704

702

916

H

3

805

DIENER

SLE PLASMATREAT

913

FALKENSTEIN

RAPID

810

KRÜSS

801

914

911

KIESOW

3

806

804

JOMESA

MC GMBH

912-1

909

1025

HGH-SAT

WEHRLE WEBER ILSA

LANE-

KYZEN MARK

802

907

1023

MESSELEITUNG PRESSE

ROSINK

3

908

905

TURBO WEBCLEAN BER

PLASMA ELECTRONIC

KIENZLE 910 912

IG

906

903

1021

HEUER

NCH 904

901

1017 1019

1015

F F F

ZEISS

902

1013

1011

EXCOR

3

1009

1005 1007

METALLFORM WÄCHTER

1003

1001

3

3

BRANOPAC BRANGS

3

1

1

3

3

1

Monitoraggio dei bagni di lavaggio e di risciacquo

Cambiare un bagno troppo presto comporta costi inutili. Cambiarlo troppo tardi pregiudica la qualità della pulizia e obbliga a una costosa rilavorazione. Il monitoraggio dei bagni e il condizionamento dei prodotti sono quindi fattori importanti per processi produttivi di qualità e con costi ottimizzati. Vari sistemi sono disponibili per il monitoraggio continuo dei bagni di lavaggio. L’offerta include strumenti di misurazione manuale o completamente automatizzati. Questi ultimi constatano il potere lavante effettivamente disponibile durante il funzionamento del processo e aggiungono automaticamente il prodotto chimico di pulizia a seconda del consumo, o segnalano la necessità di cambiare il bagno prima che sia troppo tardi. Ulteriori informazioni su www.parts2clean.de

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

75


ZOOM on events MATERIAL AND ENERGY EFFICIENCY AS INNOVATION DRIVERS Rendimento energetico e dei materiali quale spinta allâ&#x20AC;&#x2122;innovazione

O

berboihingen â&#x20AC;&#x201C; For companies with in-house painting facilities as berboihingen â&#x20AC;&#x201C; Per le aziende che hanno un impianto di verniciawell as job-shop coaters, increasing material and energy efficiency in tura al proprio interno ma anche per i verniciatori conto terzi, un coating processes has top priority. Appropriate solutions will be presented rendimento energetico e dei materiali sempre maggiore nei processi di at PaintExpo, the leading international trade fair for industrial coating verniciatura è la prioritĂ massima. Soluzioni adeguate allo scopo, satechnology, which will be held at the Karlsruhe Exhibition Centre from 17 ranno presentate a PaintExpo, la principale manifestazione internaziothrough 20 April 2012. nale per le tecnologie di verniciatura industriale, che si terrĂ  presso il Regardless of the industry sector for which metals, plastics, glass, wood, Centro Fiere di Karlsruhe dal 17 al 20 aprile 2012. wooden materials and other materials need to be coated â&#x20AC;&#x201C; strong demand Indipendentemente dal fatto che si tratti di verniciare metalli, plastica, for improved efficiency, enhanced quality, ecology, increased flexibility. vetro, legno o altri materiali, si percepisce in tutti i segmenti di mercaCompanies with in-house painting operations and coating job-shops will to una forte esigenza di maggior efficienza, maggiore qualitĂ  ed ecofind solutions to these challenges at PaintExpo. After all, 240 companies compatibilitĂ , flessibilitĂ . Sia i verniciatori in proprio che conto terzi trofrom 18 countries have already decided to participate at the leading veranno soluzioni a queste sfide a PaintExpo. 240 aziende da 18 Paesi international trade d diversi hanno giĂ  +DOO fair for coating a aderito alla manitechnology ffestazione interna(status as of 22 July zzionale sulla verni2011). cciatura industriale They come ((aggiornamento from the fields al 22 luglio 2011). a of equipment Provengono dai and application ssettori delle aptechnology, paints, parecchiature e p drying and crossssistemi di applilinking systems, ccazione, vernici, ssistemi di asciuconveyor systems, automation gatura e polimeg solutions and rrizzazione, sistemi d painting robots, di trasporto, so&KDQJHVUHVHUYHG pre-treatment, lluzioni per lâ&#x20AC;&#x2122;automeasuring and m mazione e robot test equipment, quality control, environmental engineering, filtration di verniciatura, pretrattamento, apparecchiature di misurazione e contechnology, accessories, consumable materials, services and paint trollo, controllo qualitĂ , ingegneria ambientale, tecnologie di filtrazione, stripping â&#x20AC;&#x201C; and nearly all of the market and technology leaders are accessori, materiali di consumo, servizi, e sverniciatura: la lista degli included in the exhibitor list. espositori include praticamente tutti i leader tecnologici e di mercato.

O

=HKQW QHU













6LYHU







'UHVGQHU /DFNIDEULN QRYDWLF

7,*(5

%HKU 5HVHUYHG



:LOWHF

&LQNDUQD









'XUVW

 6DIHW\ .OHHQ

:,:2;



















/Â FNHUDWK





7$0$

3RZGHU&RDWLQJV















-+0 0ROGRZ 5HVHUYHG

/XW] 3XPSHQ

:DOWKHU









3HOD WHF 0HWD FDS  







 (OFR PHWHU

+DHULQJ



6WXUP

/DQNZLW]HU

+HUDHXV







6FKHXFKO

=HOOHU *PHOLQ

/8752

74&

(LVHQPDQQ

),',



'UHK NRSI 



)UHL/DFNH

/2)7







(XUR WKHUP

 )XVLRQ 89 .HOOHU

+XHOVH PDQQ

,QIUDJDV



$6,6

6FKQLHU











9ROOHUW

,*3

6,0$

3ODVPD WUHDW











,%$ .LP\D

.08 &RQILUPHG







0,3$



6$7$

/XIW WHFKQLN

5RWRYHU 

$%/7HFKQLN



3DQVDQ

3RPWDYD





+DXJ &KHPLH

1RSSHO



$,57(&







0&

6SHFLDO &RDWLQJV

-27



-HVV EHUJHU





UKRED FKHPLH

&DOGDQ

3XOYHU .LP\D



)UDXQKRIHU ,3$



%HUVFK )UDWVFKHU 

*Â WOLQJ



6FKLHUKRO]

 2HUOL EHVVHU NRQ ODFN %DU LHUHQ PDJ

:DJQHU

+HLPHU

9 5 3XOYHUODFN 

3%6



  21 6\VW )RVWHU &KHP



 )XQNWLRQ 'HVLJQ

&:6



*ULPP 3XOYHUODFN 

%7HF

7HNQRV

675

+XJR &ODXV 

:XUVWHU





RN 6WHLQO



06

,QWHF

'ROOPDU







&RDWLQJV



+LOO



+HOP +HOODV





 ,/)







7KHU PR *ROG &OHDQ PDQQ 5HV

 





 7); 5DLO WHFKQLN

527 5HVHUYHG

(XUR ,PSLDQWL &RQILUPHG





,%$5







 4,%

. QGLJ

,GHDO /LQH

SDUWV /HFKOHU 5HV

 FOHDQ  





3XOYHULW



$N]R 1REHO

2SWLRQ ')2









,/$*

2SWLRQ ')2

')2 &RQILUPHG

')2 &RQILUPHG

:|UZDJ









)DFK SUHVVH



 6/9 'XLVEXUJ

,/6 ,QQRYDWLYH /DFNLHU6\VWHPH



  )DFKVFKI *'DLPOHU /DFN 6FKXOH WHFKQLN 6WXWWJDUW 6LQGHOILQJHQ

0lGHU /DFNH





%|KO

:,:$

 +DXJ ,RQLVDWLRQ

,3&0  .8.

1LWWPDQQ





   0XVWHU +HQVHO 3DLQW([SR ,QIRVWDQG 6FKPLGW $UWNLP

 (61





3UHVVHFHQWHU

Optimising Painting and Coating Processes

Ottimizzare i processi di verniciatura e rivestimento

In order to reduce energy and material consumption, efforts are being made to decrease the number of painting steps required when coating parts made of metal and plastic in various industry sectors. One of the solutions to this problem involves primerless liquid painting systems. These make it possible to replace the conventional 3-coat system consisting of primer, base coat and clear coat with a 2-coat finish. This results in more demanding requirements for the surface of the substrate, and thus for pre-treatment as well. Apropos pre-treatment, a

Al fine di ridurre il consumo di energia e di materiali, ci si sforza di diminuire il numero di fasi di processo quando si rivestono pezzi metallici o plastici nei vari settori industriali. Una delle soluzioni a questo problema prevede i sistemi di verniciatura liquida privi di primer. Questi cicli possono sostituire i sistemi tradizionali a tre mani che consistono di primer, fondo e trasparente a finire con un ciclo a 2-mani. Questo sfocia in requisiti sempre piĂš stringenti per la superficie dei supporti, e quindi anche per il pretrattamento. In questo contesto si registra una

76 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine


by Paola Giraldo

certain trend towards CO2 snow-jet technology is apparent in this respect, especially for cleaning plastic parts. This is not least due to savings of as much as 50% for investment costs, 20% for operating costs and up to 80% for floor space requirements in comparison with power washing systems. Where metallic substrates are concerned, a trend away from conventional zinc and iron phosphating and towards nano-based pretreatment systems is taking shape. The reasons for this include, on the one hand, the better environmental compatibility demonstrated by this process. On the other hand, pre-treatment can be carried out lower temperatures, thus resulting in reduced energy consumption. Nano-technology is playing an ever greater role in paint production as well, amongst others the nano sol-gel process. The significance of UV paints +DOO continues to grow as well â&#x20AC;&#x201C; for plastic as well as metal substrates. In the field of solventbased paint systems, the trend is moving towards higher and higher solid content levels in order to reduce &KDQJHVUHVHUYHG the solvent percentage. An optimised application technique which assures greatest possible transfer efficiency is a prerequisite for reduced material consumption. This is made possible by paint guns and high-speed rotary atomizers with a spray jet which is matched to workpiece geometry. The use of painting robots, which are available as standard products in the meantime, contributes to reduced paint consumption thanks to targeted application, reduced scrap rates and generally better quality. Another approach to reducing material consumption and increasing flexibility involves intelligent paint logistics with flexible paint feeding systems. For example, pipe-clearing technology makes it possible to recover unused paint from the feed lines and to dose defined quantities of paint to the application equipment. Further information at www.paintexpo.com % % &RDWLQJ



















8&,) 5HV

'2.

&KHPLH

























 *URSSHU XQG 9LDQGW 5HV

'DQ )XJW

3U2 7H86 5HV

$QHVW ,ZDWD 5HV





UHV

/HKQ DUGW 5HV

,%7

/g0,



([HO

([HO$XWRPRWLYH

6&+087= VRKQ

6SÂ O NÂ FKH 6FXOOHU\

:()$

 (UYLQ $PD VWHHO



5HPEUDQGWLQ (FR3ROLIL[

,:06WUDKOWHFKQLN

5DSLG &RDWLQJV



9HUGHU

















 +HOO PDQQ ,:7 5HV

&RQYH\RU 7HNQLN &RQILUPHG



+HURO 5HV

















*OlV QHU



0RQWD

  &&/ .RFK &KH 'HVLJQ PLFDO 7HFK PWY PHVV )UHL 5HV WHFKQLN



9HQMDNRE

/ 6





6/ %/2 .HPL 5HV

)ULQ 5DDVFK WUXS



6FL7HH[50(



.$%(







206*



*HKROLW:LHPHU 

.LHVV

(00







+HUGLQJ



0DQWLRQ

+DUWHU







)LQHVW )RJ









%ROLQ .83 7HFKQ &$

5(1 5DGDU 1(5  

 FRORXU VSUD\

5HOLXV

(FFR )LQLVKLQJ

:3$52













+DXSW NRUQ 

+DYHU 9XONDQ %RH ,QR[ FNHU

67$

<,7











0RUJHQ VWHUQ

+(/0 )|UGHUWHFKQLN :RHOP 















&0$

0DQNLHZLF]

630$







%HUODF

732

6SULPDJ

%Â FKHOH







(ULFK VHQ

7LPPHU

6)% /XWHUEDFK

/DPEGD

:LOKHOP

6FKÂ W]H

D]R

$DER &RQILUPHG







-2:,

JRWR :LQNOHU

 6XQ NLVV

)UHX GHQ '(7( EHUJ

5LSSHUW $XWRPDWLRQ 6\VWHPV 5HV

 /LVW 0DJQ



315









2[\SODVW

7HOVRQLF















%HU PDUR

2OWURJJH

*DQ]OLQ

0HHK

5HLWHU

$UFRWHF

5LOLW









*H VFKD





6XU 7HF



0.6WDGHOPDLHU





&LWDNX

/HX]H

,.21 &RQILUPHG

3UDQWQHU

:2/)







,7:

/DFWHF





:DOWKHU 7URZDO

1RUGVRQ



SURDTXD





+HXHU



6: &RORU



9RWWHOHU

5LSSHUW

'UHLVRO



(PSWPH\HU

%$6)

/LHELVFK 5HVHUYHG



'DWD SDT



6WlXEOL 5HV

,96 3RZHUFOHDQ

6DQGVWUDKO %D\





certa tendenza verso la tecnologia a neve di CO2 per la pulizia di parti plastiche, che consente un risparmio di quasi il 50% sui costi di investimento, del 20% sui costi operativi e fino allâ&#x20AC;&#x2122;80% sullo spazio richiesto rispetto ai sistemi di lavaggio ad alta pressione. Quando si parla di manufatti metallici, sta prendendo forma una tendenza che allontana dalla tradizionale fosfatazione ai sali di zinco o ferro e porta verso sistemi di pretrattamento nano tecnologico. Le ragioni di questa tendenza sono, da un lato, la miglior eco compatibilitĂ dimostrata da questo processo; dallâ&#x20AC;&#x2122;altro il fatto che questo pretrattamento può essere eseguito a temperature piĂš basse, il che comporta una riduzione del consumo energetico. La nanotecnologia sta giocando un ruolo sempre piĂš importante nella vverniciatura, tra gli altri i processi sol-gel. Allo sstesso modo lâ&#x20AC;&#x2122;importtanza delle vernici UV ccontinua a crescere â&#x20AC;&#x201C; ssia per le superfici plasstiche che metalliche. Nel campo dei sistemi N di verniciatura a base d ssolvente, la tendenza vva verso livelli di residuo solido sempre piĂš d a alti al fine di ridurre la percentuale di solvenp tte contenuta. U Una tecnica applicattiva ottimizzata che a assicuri la piĂš elevata efficienza di trasferimento possibile è un prerequisito essenziale per ridurre il consumo di materiali. Ciò è reso possibile da pistole di spruzzatura e atomizzatori rotanti ad alta velocitĂ  con un ventaglio di spruzzatura che si adatta perfettamente alla geometria del pezzo da verniciare. Lâ&#x20AC;&#x2122;utilizzo di robot di verniciatura, contribuiscono a ridurre il consumo di vernice grazie allâ&#x20AC;&#x2122;applicazione mirata, ai tassi ridotti di scarto e a una qualitĂ  generalmente migliore. Un altro approccio alla riduzione del consumo di materiali e allâ&#x20AC;&#x2122;aumento della flessibilitĂ  include una gestione intelligente e flessibile dellâ&#x20AC;&#x2122;alimentazione della vernice. Ad esempio, la tecnologia di pulizia delle tubazioni consente di recuperare la vernice inutilizzata nelle linee di alimentazione e dosare quantitĂ  definite di vernice per lâ&#x20AC;&#x2122;apparecchiatura di applicazione. Ulteriori informazioni: www.paintexpo.com ,QIUDWHF

+DQJ2Q



 /HXWHQ HJJHU )UHL





)LVFKHU





,QYHU

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

77


ZOOM on events EUROCOAT 2011 IN TUNE WITH THE INTERNATIONAL YEAR OF CHEMISTRY Eurocoat 2011 in sintonia con l’Anno Internazionale della Chimica

F

or 35 years now, Eurocoat has been a showcase for the know-how and innovations of companies that supply coatings, raw materials, and equipment for use in the industries that produce paints, printing inks, varnishes, glues and adhesives. Eurocoat is held alternately in Spain, Italy and France, and is proud of its geographic location n in the countries of Southern Europe, North Africa and the Gulf. In 2010, Eurocoat was held in Genoa and brought together 345 companies from 32 countries, filling 9,000 sqm of exhibition space. The event attracted more than 6,000 visitors and united more than 60 nationalities. Eurocoat 2011 will be held at the Grande Halle de la Villette in Paris. For coating professionals, this means easier access to this hub of business and sharing. Eurocoat is expanding its exhibitor offer this year to include not only suppliers of paint, pigment, printing ink, varnish, glue and adhesive products but also related sectors that are crucial to our visitors’ core business. The latter may thus meet, as well as coating suppliers, their future partners in: - packaging (packaging and containers, packaging machines and primary and secondary conditioning machines; detection/ inspection/vision; printing/marking/coding and labeling); - warehouse equipment (warehouses: equipment and systems; storage; automated systems; supply chain/shipping and logistics). Eurocoat is pulling out all the stops to put forward all the groundbreaking solutions and techniques catering to visitor issues. At the heart of the exhibition, the Euroclips focus on sharing between exhibitors and visitors. Taking an in-depth look at a product, a case study or a technical solution, visitors can gain fresh insights into the latest innovations and find practical solutions to their issues. With an average of 35% of visitors from all five continents, Eurocoat boasts truly international influence in the coating industry.

78 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

er 35 anni Eurocoat è stata la vetrina di know-how e innovazione di società operanti nel settore di materie prime e attrezzature che forniscono le aziende che producono vernici, inchiostri, colle e additivi. Eurocoat si svolge alternativamente in Spagna, Italia e Francia e rive vendica la sua posizione geogr grafica nei Paesi dell’Europa M Meridionale, del Nord Africa e de del Golfo. Nel 2010 Eurocoat si è svolta a Genova ed ha riunito 345 aziende provenienti da 3 32 Paesi, in uno spazio di 9.000 m2. L’evento ha attirato più di 6 6.000 visitatori di 60 nazionalilità diverse. Eurocoat 2011 si ssvolgerà dal 27 al 29 settembre p presso la Grande Halle della V Villette a Parigi. Per i profession nisti del settore questo significca un più facile accesso al fulccro delle attività e degli affari. Q Quest’anno Eurocoat amplierà la sua offerta di espositori includendo non solo i fornitori di vernici, pigmenti, inchiostri, colle e adesivi ma anche settori correlati che sono fondamentali per il core business dei visitatori. Questi ultimi possono così incontrare, oltre ai fornitori di vernici, i loro futuri partner per: - imballaggio (imballaggi e contenitori, macchine per l’imballaggio e macchine primarie e secondarie per il confezionamento; rilevamento e controllo; stampa, marcatura, codifica ed etichettatura) - attrezzature per il magazzino (magazzino: attrezzature e sistemi; sistemi automatici di immagazzinamento; fornitura, spedizione e logistica) Eurocoat si sforza di fornire tutte le soluzioni e le tecniche innovative per affrontare le problematiche dei visitatori. Al centro della mostra, gli Euroclips si focalizzano sulla condivisione tra espositori e visitatori. Con uno sguardo approfondito a un prodotto, a un caso pratico, a una soluzione tecnica i visitatori possono farsi un’idea delle ultime innovazioni e trovare risposte concrete ai loro problemi. I visitatori hanno un profilo internazionale. Con una media del 35% di visitatori provenienti dai 5 continenti, Eurocoat ha un’influenza internazionale nel settore delle vernici. In particolare, la mostra attira

P


by Paola Giraldo

The show attracts an especially high number of professionals from countries in Southern Europe, North Africa and the Gulf. It also welcomes visitors from the countries with the highest consumption of coating products: China and India, for example. 60% of visitors are decision-makers working in R&D, applications, and manufacture of paint and varnish, glue and adhesive, ceramics etc.

un gran numero di professionisti provenienti da Paesi dell’Europa Meridionale, del Nord Africa e del Golfo. Ospita anche visitatori provenienti dai Paesi con il più alto consumo di prodotti di rivestimento: Cina e India, per esempio. Il 60% dei visitatori sono decision-maker nei settori ricerca e sviluppo, applicazione, produzione di vernici e smalti, colle e adesivi, ceramiche e così via.

The Congress

Il congresso

Eurocoat is not just an exhibition:: it’s also a congress bringing scientists, engineers and professionals working in the field together to share information. In this the International Year of Chemistry, the theme of the Congress organized by AFTPVA** will focus on Plant-Based Chemicals. This theme falls in with a bold vision of the future putting forward alternatives to petrolbased raw materials, especially in the formulation industries, and more specifically in the Coatings sector. It is an extension of the Green Chemistryy theme from 2008. The first day of the Congress will kick off with two plenary conferences on the general theme, followed by a Round Table on bio-sourced products in Coatings, with contributions from eminent personalities from the worlds of science and industry (DOW Coating Materials, Clariant, Roquette, Celanese, Cray Valley etc.). The following days have been earmarked for new plant-based formulations as well as developments in European legislation: Ecolabels, French environmental standards and REACH. *The French association of Paint, Printing Ink, Varnish, Glue and Adhesive technicians

Eurocoat non è solo esposizione: è anche un congresso che ospita ingegneri, scienziati e professionisti del settore. Nell’Anno Internazionale della Chimica, il tema del congresso organizzato da AFTPVA* si focalizzerà sui prodotti chimici di derivazione vegetale. Questo tema fa parte di una grande scommessa sul futuro che è quella di fornire una alternativa alle materie prime derivate dal petrolio, specialmente nelle industrie della formulazione e più specificatamente nel settore delle vernici. La prima giornata del congresso inizierà con due conferenze plenarie sul tema generale, seguite da una tavola rotonda sui prodotti bioderivati nelle vernici, con contributi di personalità eminenti dal mondo della scienza e dell’industria (DOW Coating Material, Clariant, Roquette, Celanese, Cray Valley e così via). I giorni successivi saranno dedicati alle nuove formulazioni di derivazione vegetale e agli sviluppi della legislazione europea: Ecolabel, norme ambientali francesi e REACH. *L’associazione Francese di tecnici dei Vernici, Inchiostri da stampa, Smalti, Adesivi e Colle.

Further information: www.eurocoat-expo.com

Per ulteriori informazioni sono disponibili su: www.eurocoat-expo.com

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

79


ZOOM on events MADE EXPO, MORE THAN JUST A FAIR MADE expo, più di una semplice fiera

M

ADE expo is nearing its fourth edition, scheduled to be held from 5th to 8th October at Fiera Milano, Rho, with offers and initiatives dedicated to the whole world of construction and design. MADE expo is the international trade fair which is considered a benchmark for the entire sector, and where the main players are the innovative and high-performance technologies and materials. At MADE expo there will be structures in wood, alongside concrete, iron, steel and brickwork, and also chemical products, curtain walls and windows. There’s more, too; roofing, cladding, doors and windows with accessories and components, solar protection and automation, technical locks, flooring, doors, staircases, interior finishes, plant engineering and renewable energies, software and hardware for design and structural analysis, tools and measuring and checking instruments; all products and solutions for the site and for safety. MADE expo is the leading light in the housing challenges of tomorrow thanks to the large space devoted to the presentation and analysis of trends that will characterise the future construction market. At MADE expo exhibitors and visitors come into contact with one another through events and initiatives, and also thanks to the many proposals and innovations designed to involve entrepreneurs and professionals visiting the show next October. To kick off the show, the Building Technology Forum is returning with a second edition filled with opportunities for discussion and debate surrounding building safety, environmental protection, eco-sustainability and the dynamics and regulations involved in social housing. Huge attention is also paid to the materials and techniques intended for earthquake-proof construction, designed to withstand any natural disaster. The Hamlets & Historical Centres initiative is

80 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

ADE expo si avvicina alla quarta edizione, in calendario dal 5 all’8 ottobre a Fiera Milano, Rho con proposte e iniziative dedicate all’intero mondo delle costruzioni e del progetto. MADE expo è la manifestazione fieristica internazionale considerata punto di riferimento dell’intero settore dove i protagonisti sono le tecnologie e i materiali innovativi e altamente performanti. A MADE expo trovano spazio le strutture in legno accanto al calcestruzzo, il ferro, l’acciaio, i laterizi accanto ai prodotti chimici, alle facciate continue e alle vetrate. E ancora, coperture, rivestimenti, serramenti con accessori e componenti, protezioni solari e automazioni, chiusure tecniche, pavimentazioni, porte, scale, finiture per interni, impiantistica e energie rinnovabili, software e hardware al servizio del progetto e del calcolo strutturale, utensili, strumenti di misura e controllo, tutti i prodotti m e le soluzioni per il cantiere e la sicurezza. s MADE expo è protagonista delM l sfide abitative di domani grale zie all’ampio spazio dedicato z alla presentazione e all’approa fo fondimento delle tendenze che caratterizzano c il mercato delle costruzioni c del futuro. A MADE e expo espositori e visitatori entrano n in contatto, attraverso eventi t e iniziative, e grazie alle tante proposte e novità pensate per p coinvolgere gli imprenditori e i c professionisti p che visiteranno i saloni il prossimo ottobre. Per s iniziare, torna il Forum della Tecnica delle Costruzioni con una seconda edizione ricca di momenti di confronto e di dibattito dedicati alla sicurezza delle opere, alla salvaguardia ambientale, all’ecosostenibilità e alle dinamiche e normative del social housing. Grande attenzione anche per i materiali e le tecniche dedicate alle costruzioni antisismiche e studiate per affrontare

M


by Paola Giraldo

also confirmed. This is where skills and expertise are shared in relation to restoration, design, bio-architecture and new energy sources with the aim of promoting the small historic centres, by merging technology and tradition in a modern and innovative way. In fact, 87% of the Italian territory is made up of centres with less than 10,000 inhabitants. The fourth edition of MADE expo also includes many innovations, among them Components & Contract, the new show dedicated to components, materials, technologies and machinery for design, contracting and interior decoration. Set up to meet the demands of the international market, the show is offered as a meeting point between companies and customers to establish international connections and to identify new sales channels. In the international year of forests, MADE expo also dedicates a large space to the theme of the environment, to the contemporary habitat and to sustainable architecture with AAA Agricoltura, Alimentazione, Architettura (Agriculture, Food, Architecture). This is an initiative entirely devoted to the new “green” architectural trends, presenting proposals for the design of new buildings which combine compliance with the principles of eco-sustainability, technical development and urban progress. Among the planned initiatives are the “Bring the forest into the city” convention and two themed exhibitions: “Vegetecture” and “Agriculture & Food”. Maximum visibility will also be given to one of the main themes of the modern building world: social housing. MADE expo is playing a lead role in contributing to the revival of the construction industry, suggesting, to businesses and professionals in design, the excellent development opportunities to be seized in Italian residential construction. Thanks to the collaboration with My Exhibition, the “Social Home Design 2011” exhibition will be staged in an area of over 1,000 m2: four homes built and furnished by illustrious architects and interior designers which will show that social housing today is synonymous with quality and design. In addition, the winners of the “Instant House Social Club” competition, sponsored by FederlegnoArredo in collaboration with the Milan Polytechnic, will receive their awards during MADE expo. The participants were challenged for the third edition of the competition on the “Social Club” theme, designing “social” spaces in which to share communal services in line with the Social Club impermanence criteria and the need for rapid construction and eco-sustainability.

eventuali calamità naturali. Confermato anche Borghi & Centri Storici, per condividere le competenze tecniche della filiera in materia di restauro, progettazione, bioarchitettura e nuove fonti di energia. L’iniziativa intende valorizzare i piccoli centri storici fondendo tecnologia e tradizione in chiave moderna e innovativa. L’87% del territorio italiano è infatti caratterizzato da centri con meno di 10.000 abitanti. La quarta edizione di MADE expo presenta anche molte novità, tra cui Components & Contract, il nuovo salone dedicato a componenti, materiali, tecnologie e macchine per il design, il contract e la decorazione d’interni. Nato per soddisfare le richieste del mercato internazionale, il salone si propone come punto di incontro tra imprese e clienti per creare connessioni internazionali e ricercare nuovi canali di vendita. Nell’anno internazionale delle foreste, MADE expo dedica ampio spazio anche al tema dell’ambiente, dell’habitat contemporaneo e dell’architettura sostenibile con AAA Agricoltura, Alimentazione, Architettura. Un’iniziativa interamente dedicata alle nuove tendenze dell’architettura green dove verranno presentate le proposte per la progettazione di nuovi edifici che coniugano il rispetto dei principi di ecosostenibilità, sviluppo tecnico e professionale con il progresso urbano. Tra le iniziative in programma il convegno “Bring the forest in the city” e due mostre tematiche: “Vegetecture” e “Agricoltura & Alimentazione”. Massima visibilità anche per uno dei temi prioritari per il mondo dell’edilizia moderna: il social housing. MADE expo contribuisce da protagonista al rilancio del settore delle costruzioni, suggerendo alle imprese e ai professionisti del progetto le ottime opportunità di sviluppo da cogliere nell’edilizia residenziale italiana. Grazie alla collaborazione con My Exhibition verrà allestita, in un’area di oltre 1.000 mq, la mostra “Social Home Design 2011”: quattro case costruite e arredate da noti architetti e interior designer testimonieranno che oggi l’edilizia sociale è sinonimo di qualità e design. Inoltre, a MADE expo verranno premiati i vincitori del concorso “Instant House Social Club”, promosso da FederlegnoArredo in collaborazione con il Politecnico di Milano. I partecipanti si sono sfidati per la terza edizione del concorso sul tema “Social Club” progettando spazi “sociali” dove condividere servizi comuni rispettando i criteri di temporaneità dei Social Club e le esigenze di rapidità di realizzazione ed ecosostenibilità.

For further information: www.madeexpo.it

Per ulteriori informazioni: www.madeexpo.it

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

81


ZOOM on events EUROFINISH 2011 - CONFLICTING DEMANDS REQUIRE INFORMED CHOICES Eurofinish 2011 – Esigenze contrastanti richiedono scelte fondate

M

any companies that specialize in surface treatment techniques have some difficult years behind them. They have managed to stay in business but ended up in an environment that often incurs conflicting demands on them. The market requires an increasingly diverse and sustainable range of products and services at everdecreasing prices. They are forced to make investments, but the financial room for manoeuvre is small. In the run-up to Eurofinish 2011, the VOM – Belgian association for surface finishing techniques - is searching for answers to the many of its members’ questions. Eurofinish 2011 (from 27th through 29th September 2011 at Flanders Expo, Ghent), the European trade fair of surface treatment technologies is heading for its ninth edition. The market drivers are new materials and the integration of diverse functions in coatings. The market has high expectations, and innovative developments are necessary to fulfil these expectations. At Eurofinish you can see how every player in the surface treatment sector is helping to transform the results of scientific research into specific applications. Early July 2011, around 100 companies (2700 m²) have already reserved booth space. This shows that Eurofinish has a respected position in the market and remains a fixture in the surface treatment sector.

Precarious recovery

olte aziende specializzate nelle tecnologie di trattamento delle superfici hanno alle spalle anni difficili. Sono riuscite a continuare nella loro attività ma si sono ritrovate in situazioni spesso contrastanti fra loro. Il mercato richiede una gamma sempre più diversificata e sostenibile di prodotti e servizi a prezzi sempre minori. Sono costrette a fare investimenti, ma il margine finanziario è molto basso. Nel periodo precedente Eurofinish 2011, la VOM – associazione belga per le tecnologie di finitura superficiale – è alla ricerca di risposte ai numerosi quesiti dei suoi membri. Eurofinish 2011 (dal 27 al 29 settembre 2011 presso Flanders Expo a Gand), la fiera europea delle tecnologie di trattamento delle superfici, è alla sua nona edizione. I driver di mercato sono i nuovi materiali e l’integrazione di nuove e diverse funzioni nei rivestimenti. Il mercato ha grandi aspettative e sono necessari sviluppi innovativi per soddisfarle. A Eurofinish si può vedere come ogni attore nel settore trattamento delle superfici sta contribuendo a trasformare i risultati della ricerca scientifica in applicazioni specifiche. All’inizio di luglio 2011, circa 100 aziende (2.700 m2) hanno già riservato uno spazio espositivo. Questo dimostra che Eurofinish detiene una posizione di tutto rispetto nel mercato e rimane un appuntamento fisso nel settore del trattamento delle superfici.

M

“For many of our members business is much better now than in 2009 and 2010, which were generally weak years,” confirms Marc De Bonte, President of the VOM. “But the situation varies greatly from sector to sector and from company to company. In 2008, for example, the Government issued building budget cuts, a measure that even today has adverse effects on the sales figures of VOM members whose focus is on the construction market. In other sectors the projects that were put on hold in 2008 have been reactivated, but that does not offer any real guarantees for the future. System manufacturers, for example, are seeing a surge in demands at the moment. For the next six or nine months – the average duration of their current projects – things look good for them, but what will the situation be after that? The recovery is precarious and our industry is still vulnerable.”

Un recupero precario

Dual situations

Una situazione duplice

For entrepreneurs this is by no means an exceptional situation. After every period of economic recession recovery tends to come in fits and starts. “What makes the current situation so special are the increasingly stringent conditions that entrepreneurs have to meet in this recovery period” continues Marc De Bonte. Because of the high wage costs in our country, the exodus of manufacturing companies to countries with lower wages and more favourable tax regimes continues unabatedly. And the more large manufacturing companies leave, the thinner their suppliers’ order books become – including the order books of many surface treatment companies”. At the same time the suppliers themselves continue being burdened with heavy

Per gli imprenditori questa non è affatto una situazione eccezionale. Dopo ogni periodo di recessione economica, la ripresa tende ad essere a singhiozzo. “Ciò che rende così particolare la situazione attuale sono le condizioni sempre più restrittive che gli imprenditori devono affrontare in questo periodo di ripresa”, continua Marc De Bonte – “A causa dei costi elevati dei salari nel nostro paese, continua senza sosta l’esodo delle imprese manifatturiere in paesi con salari più bassi e regimi fiscali più favorevoli. E più le imprese produttrici lasciano, più si assottiglia il portafoglio ordini dei loro fornitori, inclusi quelli di molte aziende di trattamento delle superfici”. Allo stesso tempo i fornitori stessi continuano ad essere gravati da pesanti costi

82 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

“Per molti dei nostri membri gli affari vanno meglio oggi che negli anni 2009-2010, che sono stati in generale anni deboli” conferma Marc De Bonte, Presidente VOM. “Ma la situazione varia molto da settore a settore e da azienda ad azienda. Nel 2008, ad esempio, il Governo ha emanato tagli di bilancio, una misura che ancora oggi ha effetti negativi sui dati di vendita delle società membre di VOM, il cui focus è il mercato delle costruzioni. In altri settori i progetti sospesi nel 2008 sono stati riattivati, ma ciò non offre alcuna garanzia reale per il futuro. Al momento i produttori di sistemi, per esempio, stanno vedendo un aumento nelle richieste. Per i prossimi sei o nove mesi - la durata media dei loro progetti in corso – la situazione sembra positiva, ma come sarà in futuro? Il recupero è precario e la nostra industria è ancora vulnerabile”.


by Paola Giraldo

wage costs and the need to deal with exceptionally high energy costs. “The government increasingly steers businesses towards energy efficiency and sustainable, environmentally friendly production techniques,” says Marc De Bonte. New production technologies and advanced automation can indeed help keeping down energy bills and wage costs, but they also require new investments and in the current uncertain conditions entrepreneurs are understandably reluctant to do that”. “We’ve ended up in a dual situation,” adds Veerle Fincken, programme manager at VOM. “On the one hand, everyone thinks it is best to start using new technologies for more sustainable and cleaner production. On the other hand, everything always needs to be faster, more varied and cheaper. These two requirements may not be opposites, but they are very difficult to reconcile under the current circumstances.” “That’s right,” nods Marc De Bonte. “The commercial realities are not consistent with the demands for energy efficiency and sustainability. If you want to make production processes energy efficient and environment-friendly, you have to aim for a smaller range of colours in paint shops, for example. Yet on the other hand, the market demands an ever-larger selection of colours. A company that wants to go all out to meet that demand will have to produce smaller and smaller batches and change colour more often. As a result the company will generate more waste and consume more energy. This is a duality that many surface treatment companies are confronted with, too.”

salariali e dalla necessità di affrontare costi energetici eccezionalmente elevati. “Il governo dirige sempre più le aziende verso l’efficienza energetica e sostenibile, e le tecniche di produzione a basso impatto ambientale”, afferma Marc De Bonte. Nuove tecnologie di produzione e di automazione avanzata possono davvero contribuire a mantenere bassi i costi energetici e i costi salariali, ma richiedono anche nuovi investimenti e nelle condizioni attuali di incertezza gli imprenditori sono comprensibilmente riluttanti a farlo”. “Siamo finiti in una “doppia” situazione” aggiunge Veerle Fincken, programme manager di VOM. “Da un lato, tutti pensano che sia meglio iniziare a produrre con le nuove tecnologie più sostenibili e più pulite. D’altra parte, tutto deve essere sempre più veloce, più vario e più economico. Questi due requisiti non possono essere opposti, ma sono molto difficili da conciliare nelle attuali circostanze”. “Proprio così”, annuisce Marc De Bonte “Le realtà commerciali non sono coerenti con le esigenze di efficienza energetica e sostenibilità. Se si vuole rendere i processi di produzione ad alto rendimento energetico e compatibili con l’ambiente, si deve puntare ad una gamma più ridotta di colori nella verniciatura, per esempio. Eppure, d’altro canto, il mercato ne richiede una sempre più ampia selezione. Una società che vuole fare di tutto per soddisfare tale domanda dovrà produrre lotti sempre più piccoli e cambiare colore più spesso. Di conseguenza l’azienda genera più rifiuti e consuma più energia. Questa è una dualità che molte aziende nel settore del trattamento delle superfici si trovano ad affrontare”.

A look at the other side

Uno sguardo dall’altra parte

Today, investing in automation is a necessary but expensive choice for many companies. “As a rule, new technologies mean lower environmental costs, save work and reduce the energy bill. A good place to explore new options, of course, is Eurofinish” claims Veerle Fincken. “Eurofinish is an opportunity to look at the other side of the world of surface treatment techniques,” believes Marc De Bonte. “The exhibition shows what is behind the new processes”. Eurofinish presents value-added themes in 2011: • Corrosion resistance: innovation with an eye to durability • Material technology: attention to functional and smart applicati ons of materials • Commercialisation and sustainability: balancing technology and the environment • Precision and engineering: joint evolution and development • Future orientation: knowledge and skill under the same umbrella. For further information www.eurofinish.be

Oggi per molte aziende investire in automazione è una scelta necessaria ma costosa. “Di regola, l’utilizzo di nuove tecnologie comportano minori costi ambientali, salvano il lavoro e riducono la bolletta energetica. Un’occasione per esplorare nuove opportunità, naturalmente, è Eurofinish”, afferma Veerle Fincken. “Eurofinish è l’appuntamento per guardare dall’altra parte del tecniche di trattamento delle superfici,” crede Marc De Bonte. “La fiera mostra cosa c’è dietro ai nuovi processi”. Eurofinish presenta nell’edizione 2011 dei temi a valore aggiunto: • resistenza alla corrosione: l’innovazione con un occhio alla durata • tecnologia dei materiali: l'attenzione alle applicazioni funzionali e intelligenti dei materiali • commercializzazione e sostenibilità: equilibrio fra tecnologia e ambiente • precisione e ingegneria: l’unione nell’evoluzione e nello sviluppo • orientamento al futuro: conoscenza e abilità sotto lo stesso ombrello. Per ulteriori informazioni www.eurofinish.be

international PAINT&COATING magazine - JULY/luglio 2011 - N. 10

83


ZOOM on events

by Paola Giraldo

SEMINAR ON THE MEASUREMENT AND DEFINITION OF THE SURFACE APPEARANCE OF PLASTICS Seminario Misurazione e definizione dell’aspetto superficiale delle materie plastiche n June, 9th 2011, the seminar “Misurazione e definizione dell’aspetto superficiale delle materie plastiche” (i.e. “Measurement and Definition of the Surface Appearance of Plastics”), organised by Byk Gardner, took place at the Hotel Expo of Verona. This seminar aimed at illustrating the methods and the tools to control colour and appearance (brilliance, transparency, gloss, orange peel), useful to objectively define the surface characteristics of the coated or mass-coloured plastic objects and of the transparent films. The first part of the seminar focused on the control of the pastel colours and of the transparent films. The second one dealt with the methods of measurement of the brightness, stretching, gloss and transparency. The third one focused again on the colour control, this time with respect to the effect and metallic colours. Each topic was developed on both the theoretical and the practical level, also presenting the relevant measuring tools and techniques. Considerable time was devoted to the discussion of the topics covered. The seminar, addressed to quality control engineers, R&D managers and staff already in possession of the colour and appearance basics, was attended by about forty experts from many different companies: from the plastics manufacturer to the printer, from the chemical raw materials manufacturer to the producers of masterbatches, from the subcontractor painter to the OEMs of household appliances, lighting equipment, sports equipment and so on. At the end of the seminar, the participants witnessed a few practical tests carried out with the help of the several tools provided by Byk Gardner.

O

84 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

o scorso 9 giugno 2011, presso l’Hotel Expo di Verona, si è svolto il seminario dal titolo “Misurazione e definizione dell’aspetto superficiale delle materie plastiche” organizzato da Byk Gardner. Il seminario aveva l’obiettivo di illustrare i metodi e gli strumenti per il controllo del colore e dell’apparenza (brillantezza, trasparenza, velatura, l buccia d’arancia) utili per la definizione oggettiva o delle caratteristiche delle superfici di m manufatti plastici verniciati, colorati in massa e dei d film trasparenti. L prima parte del seminario si è focalizzata La s controllo del colore delle tinte pastello e sul d film trasparenti; la seconda sui metodi di dei misura m di brillantezza, distensione, velatura e trasparenza; t infine, la terza parte è tornata ad occuparsi di controllo del colore, questa volta o di d tinte metallizzate o ad effetto. Ogni argomento è stato sviluppato sia a livello O teorico che pratico, con la presentazione sia degli strumenti s che delle tecniche di misurac zione. A conclusione di ogni z argomento è stato dedicato a spazio alla discussione sugli s argomenti trattati. a A seminario, rivolto ai tecniAl ci c di controllo qualità, responsabili ricerca&sviluppo e pers s sonale già in possesso delle nozioni n di base su colore e apparenza, a hanno partecipato c circa quaranta tecnici provenienti da aziende di diversa connotazione inn dustriale: dal produttore di materie plastiche d allo a stampatore, dall’azienda chimica produttrice di materie prime ai produttori di mastert batches, b dal verniciatore conto terzi fino alle OEM produttrici d’elettrodomestici, apparecO chiature d’illuminazione, attrezzature sportive c e così via. A fine lavori i presenti hanno potuto assistere alle a prove pratiche che si sono tenute con l’aus silio dei numerosi strumenti messi a disposizione dalla Byk Gardner. z

L


“Coming together is a beginning, keeping together is a progress, working together is a success” Henry Ford

“Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme è un progresso, lavorare insieme un successo” Henry Ford

eos eos

MKTG & COMMUNICATION MKTG & COMMUNICATION

www.eosmarketing.eu www.eosmarketing.it


THE NEW EUROPEAN STANDARDISATION SYSTEM IS ON THE HOME STRAIGHT In dirittura di arrivo il nuovo sistema normativo europeo Alessandro Maggioni UCIF Administration

O

n June, the 1st 2011 the European Commission completed the first part of the revision of the European standardisation system by providing the so-called “Standardisation Package”. The Package includes a Communication and a proposal for a Regulation: the European Commission’s Communication is addressed to both the Parliament and the Council and it is entitled “A strategic vision for European standards: moving forward to enhance and accelerate the sustainable growth of the European economy by 2020”: from a legal perspective, this Communication is a political statement of intent which presents the vision of the European Commission on this project. The legislative proposal is the draft of the Regulation “on European Standardisation and amending Council Directive 89/686/EEC and 93/15/EEC and Directives 94/9/EC, 94/25/EC, 95/16/EC, 97/23/EC, 98/34/EC, 2004/22/EC, 2007/23/EC, 2009/105/EC and 2009/23/ EC of the European Parliament and of the Council”. The standardisation is still a key tool in the framework of the international competition. For example, the spread of new technologies and newly designed products cannot be achieved if there is not any common European standard. Moreover, the “best practices” that express the so-called rule

86 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

L

o scorso 1 giugno la Commissione Europea ha completato la prima parte del lavoro per la revisione del sistema di normazione europeo, mettendo a disposizione il così detto “Standardisation Package”. Il Pacchetto include una Comunicazione e una proposta di Regolamento: la Comunicazione della Commissione Europea è rivolta a Parlamento e Consiglio e si intitola “A strategic vision for European standards: moving forward to enhance and accelerate the sustainable growth of the European economy by 2020”: dal punto di vista legale, la Comunicazione della Commissione è una dichiarazione politica di intenti che presenta la visione della Commissione Europea in merito a questo progetto. La proposta legislativa è invece costituita dalla bozza di Regolamento “on European Standardisation and amending Council Directive 89/686/EEC and 93/15/EEC and Directives 94/9/EC, 94/25/EC, 95/16/EC, 97/23/EC, 98/34/ EC, 2004/22/EC, 2007/23/EC, 2009/105/EC and 2009/23/ EC of the European Parliament and of the Council”. La standardizzazione è ancora oggi uno strumento decisivo nella competizione internazionale. Solo per fare un esempio, la diffusione di massa delle nuove tecnologie e dei prodotti di nuova concezione non può essere realizzata se non si dispone di norme tecniche europee comuni. Inoltre, da sempre, le “buone norme” che esprimono la cosiddetta regola dell’arte agevolano la vita dei


STANDARDS & LEGISLATION - UCIF Informs

of art have always made life easier for consumers, promoted sustainability and enhanced the European competitiveness and technology leadership in the world markets. The ultimate goal that the European Commission is pursuing is to establish a series of legislative and non legislative measures intended to improve the technical standardisation activity, beginning from the processing time. The main contents of the proposal for a Regulation just presented by the European Commission are: • more transparent procedures for preparing and approving the drafts of the standards within the European standardisation bodies (CENELEC, CEN and ETSI), which, at least once a year, should establish an updated work program regarding both the existing and the planned standards; • greater involvement of the European Commission in planning the activities of the European standardisation bodies: the European Commission may intervene as regards the timing (requiring one or more standardisation bodies to develop a European standard within a given time) and the performance (making the funding to these bodies subject to their performance in achieving the objectives set by the EU, including an acceleration of the standardisation processes); • greater involvement of the organisations representing some particular categories of stakeholders (SMEs, Consumers, Environment, Trade Unions), who should take an active part in the main stages of the standardisation process. The Commission will provide financial support to such organisations; • greater cooperation and coherence between the activities of the European and the International (ISO) standardisation bodies; The European Commission’s proposal will now follow the ordinary legislative procedure: it will be sent to the European Parliament (presumably the IMCO committee, where the Rapporteur responsible for the dossier should be the MP Comi) for examination. The draft report of the Rapporteur-to-be should be available on September, 1st (the first reading at the European Parliament should therefore last the entire summer). As for the first reading at the Council of the Member States, the debate on the Commission’s proposal will occur under the incoming Polish Presidency of the Union.

consumatori, promuovono la sostenibilità, accrescono la competitività europea e la sua leadership tecnologica sui mercati mondiali. L’obiettivo finale del lavoro che la Commissione europea sta portando avanti è realizzare una serie di misure legislative e non legislative per migliorare l’attività di normazione tecnica, a partire dai tempi di elaborazione. Di seguito sono riassunti i principali contenuti della proposta di Regolamento appena presentata dalla Commissione Europea: • maggiore trasparenza nell’iter di preparazione e approvazione dei progetti di norma all’interno degli organismi europei di normazione europei (CENELEC, CEN e ETSI), i quali, almeno una volta all’anno, dovranno definire un programma di lavoro aggiornato sui lavori normativi in essere o in programma; • maggiore coinvolgimento della Commissione Europea all’interno della programmazione delle attività degli organismi di normazione europei: la Commissione Europea potrà intervenire sulle tempistiche (richiedendo ad uno o più organismi normativi di elaborare uno standard europeo entro una determinata scadenza) e anche sulle performance (la Commissione EU renderà il finanziamento agli enti di normazione condizionale alle loro performance nel raggiungere gli obiettivi imposti dall’Unione, tra i quali un acceleramento dei processi stessi di normazione); • maggiore coinvolgimento delle organizzazioni che rappresentano alcune particolari categorie di stakeholder (PMI, Consumatori, Ambiente, Sindacati), le quali dovranno prendere parte attivamente alle principali fasi del processo normativo. La Commissione garantirà il sostegno finanziario a tali organizzazioni; • maggiore cooperazione e coerenza fra le attività degli organismi di normazione europei e quelli internazionali (ISO). La proposta della Commissione Europea seguirà ora il processo legislativo ordinario: essa andrà quindi all’analisi del Parlamento Europeo (presumibilmente Commissione IMCO – dove la probabile Rapporteur responsabile del dossier dovrebbe essere l’Onorevole Comi). Il draft report del futuro Rapporteur dovrebbe essere disponibile prima di settembre (la prima lettura presso il Parlamento Europeo dovrebbe quindi occupare indicativamente tutto il periodo estivo). Per quanto riguarda invece la prima lettura presso il Consiglio degli Stati Membri, il lavoro di discussione della proposta della Commissione sarà sviluppato sotto la futura Presidenza Polacca dell’Unione.

international PAINT&COATING magazine m - JULY/luglio 2011 - N. 10

87


ca ura n a m pert a i d Foto

HOW TO COPE WITH THE ENVIRONMENTAL CHANGE: THE ENVIRONMENTAL ANALYSIS Come fronteggiare il cambiamento ambientale: l’Analisi dell’Ambiente Felice Ambrosino

T

he 7-S model, introduced in the previous article (IPCM n° 9, May 2011, pages 94-98), is a very useful tool to help the companies in the difficult task of renewing their structure, due to new business rules or macro-environmental conditions. In a given historical period, a company can enjoy a structure coherent with the environmental conditions in which it operates. However, these conditions cannot last forever. They are bound to change, with different degrees of speed and violence depending on the level of environmental turbulence.

88 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine

I

l modello delle 7 S, presentato nel precedente articolo (IPCM n° 9, maggio 2011, pagg. 94-98), è un utilissimo strumento per aiutare l’impresa nella difficile opera di rinnovamento del suo assetto in campo, quando il mutare delle regole del business e delle condizioni del macroambiente lo richiedessero. In un certo periodo storico, l’impresa può godere di un assetto felicemente coerente con le condizioni ambientali in cui svolge la sua attività. Ma queste condizioni non possono durare in eterno. Esse sono destinate a cambiare, con maggiore o minore rapidità e violenza in dipendenza del livello di turbolenza ambientale.


BUSINESS TRAINING H. Igor Ansoff, one of the greatest business strategy scholars, identified five levels of environmental turbulence, also suggesting their management models: Levels of turbulence

1

H. Igor Ansoff, uno dei più grandi studiosi della strategia d’impresa, ha individuato cinque livelli di turbolenza ambientale, suggerendo i relativi modelli di gestione: 2

3

4

5

Familiar events

They occur normally

Possible extrapolation from past experiences

Discontinuous, but always in relation to the past

Discontinuous, with a few predictable and a few more complex events

Discontinuous, sudden

Speed of the change

Slow and predictable

Slower than the possible reaction of the company

Equal to the possible reaction of the company

Faster than the possible reaction of the company

Very fast, sudden

Predictions

Highly probable and precise

Extrapolable

Foreseeable future

Uncertain and unpredictable future

Totally unpredictable future

Management model

Budget planning

Long range planning

Strategic planning

“On sight” management

Accidents management

As can be seen, Ansoff takes into account three “environmental” parameters (the events characterising the activity, the speed with which changes occur and their predictability) and develops them into five stages: each stage corresponds to a certain level of turbulence and a management model to be adopted. When a change occurs, or rather when a change is expected, the company should change – partially or totally, depending on its need – its 7-S model. Its survival is at stake. In the last few decades, we have witnessed an impressive number of changes, especially technologic, but also economic, financial and socio-demographic, which affected the nature of many businesses, reversing the scales of values and forcing the companies to quick, significant reorganisations. An example is that of the American car companies, taken off guard by the rapid spread on the U.S. car market of the small utility cars offered by the Japanese manufacturers. The change occurred rapidly, but there had been not quite so weak signs: on the one hand, the increasingly greater ecological awareness among the American users and, on the other one, the looming global economic crisis. However, the leading American manufacturers had remained inert and, when they finally decided to act, the Japanese manufacturers had already achieved significant market shares.

Come si vede, Ansoff prende in considerazione tre parametri “ambientali” (gli avvenimenti che caratterizzano l’attività, la rapidità con cui si verificano eventuali cambiamenti e la loro prevedibilità) e li sviluppa in cinque fasi: ad ogni fase corrisponde un determinato livello di turbolenza e un modello di gestione da adottare. Al verificarsi, anzi al preannunciarsi, di ogni cambiamento, l’impresa farà bene a modificare, parzialmente o totalmente, a seconda delle necessità, il suo modello delle 7 S. Ne va di mezzo la sua sopravvivenza. Negli ultimi lustri abbiamo assistito ad una mole impressionante di cambiamenti, soprattutto tecnologici, ma anche economico-finanziari e social-demografici, che hanno sconvolto la natura di molti business, invertendo le scale di valori, e costringendo le imprese a rapide quanto imponenti ristrutturazioni. Valga per tutte l’esempio delle Case automobilistiche americane, prese in contropiede dalla rapida diffusione sul mercato automobilistico statunitense delle piccole cilindrate proposte dai costruttori giapponesi. Il cambiamento si è verificato rapidamente, ma c’erano segnali non proprio così deboli del suo imminente verificarsi: da un lato, la crescente diffusione tra gli utenti americani di un atteggiamento di maggior consapevolezza ecologica, e dall’altro l’incombere di una crisi economica di proporzioni planetarie. Ma le grandi Case americane sono rimaste inerti, hanno lasciato fare, e, quando alla fine si sono decise ad uscire dal loro torpore, i costruttori giapponesi avevano ormai conquistato quote molto importanti del mercato.

international PAINT&COATING magazine m - JULY/luglio 2011 - N. 10

89


How to Cope With the Environmental Change: the Environmental Analysis

To cope with this situation, the American manufacturers had the following opportunities: • price war: significantly lowering the prices of their minor models to attract price-sensitive customers • quickly and massively investing in the utility cars • entering into agreements with a foreign manufacturer, e.g. offering their network to its products. Crysler, as is well-known, has chosen this option • abandoning the segment of the utility cars

Per fronteggiare la situazione, alle Case americane si prospettavano le seguenti alternative: • guerra dei prezzi. Abbattere i prezzi dei loro modelli minori per attrarre i clienti sensibili al prezzo • investire rapidamente e massicciamente sulle vetture di piccola cilindrata • stipulare accordi con un costruttore straniero, offrendo ad es. i propri canali ai suoi prodotti. La Crysler, come è noto, ha preferito questa strada. • Abbandono del segmento delle piccole vetture

Obviously, each alternative involves a rather significant change in the company’s 7-S organisation. It would have been better to enable a close and nd precognitive monitoring of the ongoing changes, thus gradually revising the company’s strategy. It would have been better, in other words, to adopt a structural flexibility which would have allowed the company to adapt its organisation to the environmental changes in real time. It would have beenn better, finally, being one of those proactive companies es which, instead of focusing on their efficiency, on the returns to scale, onn the methods, on how ow to get things right etc., also consider the effectiveness of their eir actions on the market, rket, that is, what thingss should be done to keep their 7-S model coherent with the market.

Come è facile intuire, ognuna di queste alternative comporta un intervento piuttosto pesante sul proprio schema delle 7 S. Sarebbe stato meglio attivare un monitoraggio attento atten e precognitivo dei cambiamenti che c andavano maturando, andavan procedendo ad una reviprocede del prosione graduale g strategico. prio assetto as Sarebbe stato meglio, Sarebb cioè, ddotarsi di quella flessibilità strutturale flessib che aavrebbe consentito di adattare in temil proprio aspo reale re setto ai cambiamenti ambientali. Sarebbe ambi stato meglio, in altre parole, ritrovarsi nel paro novero delle imprenove se pproattive, che, invece di pensare solo alla propria efficienza, alle economie di produzione, ai mepro todi, al come fare tod bene le cose ecc., be pensano anche e pe soprattutto all’efso ficacia della loro fi aazione sul mercatto, cioè a quali cosse fare per manttenere sempre vviva la corrispondelle 7S ed il denza tra il proprio schema sche mutevole mercato.

90 N. 10 - 2011 JULY/luglio - international PAINT&COATING magazine


BUSINESS TRAINING It is now clear why the environmental analysis has become crucial for a large number of companies. It deals with the identification of the threats and opportunities (technologic, economic, legislative, social, etc.) that may hinder or promote the development of the company and with their classification as a function of their probability of occurrence and of their expected impact on the business. The analysis involves the use of some simple technicalities, such as the following matrices:

Si capisce ora perché l’analisi dell’ambiente abbia assunto presso un gran numero di aziende un’importanza cruciale. Essa si occupa dell’identificazione delle minacce e delle opportunità (tecnologiche, economiche, legislative, sociali, ecc.) che possono ostacolare o favorire il cammino dell’impresa e di classificarle in funzione della probabilità di verificarsi e del presumibile impatto sull’attività dell’impresa. L’analisi prevede l’utilizzo di qualche semplice tecnicality, come le seguenti matrici:

Threats Matrix

Opportunities Matrix

High

High

Impact

Attractivness

Low

Low

Low

High

Probability of occurrence The attractiveness of a marketing opportunity depends on the probability of the company to exploit it, which in turn depends on the correspondence between the key success factors characterising the opportunity and the strengths of the company. If, for example, to exploit an opportunity it was necessary to have a prestigious brand and a distribution network spread throughout the country (key success factors), it is evident that a small business, operating only locally, would have little chance to seize that opportunity. Companies with precognition and flexibility will not stand still while the world is changing and will not wait until the changes are so radical that there is no room for any change in their organisation. They will perceive the imminent changes in advance and will prepare themselves for them.

Low

High

Probability of occurrence L’attrattività di una opportunità di marketing dipende dalle probabilità che l’impresa ha di sfruttarla, e questa a sua volta, dipende dalla corrispondenza tra i fattori chiave di successo che caratterizzano l’opportunità e i punti di forza dell’impresa. Se, ad esempio, per sfruttare una certa opportunità fosse necessario possedere un marchio prestigioso ed una rete distributiva diffusa capillarmente su tutto il territorio nazionale (fattori chiave di successo), è evidente che un’azienda di piccole dimensioni, operante solo a livello locale, avrebbe ben poche probabilità di cogliere quella opportunità. Le imprese dotate di precognizione e flessibilità non resteranno inerti a guardare il mondo che cambia e non aspetteranno che i cambiamenti siano così radicali da non lasciare spazio a nessun intervento sulla propria rotta. Esse percepiranno in anticipo i cambiamenti prossimi venturi e si prepareranno ad affrontarli.

international PAINT&COATING magazine m - JULY/luglio 2011 - N. 10

91


Questo periodico è associato all’Unione Stampa Periodica Italiana

Eos Mktg&Communication srl www.ipcm.it info@ipcm.it

TECHNICAL ADVISORY BOARD

Redazione - Sede Legale: Via Enrico Tazzoli, 15 20031 - Cesano Maderno (MB) - Italy

Adolfo Acquati: Enamelling lines

Dr. Ezio Pedroni: Coil coating

Attilio Bernasconi: Paint stripping technologies and cryogenic processes

Loris Rossi: Surface treatment on aluminium

Ernesto Caldana: Coil coating pretreatment Michele Cattarin: Electrostatic application of powder coatings EDITOR IN CHIEF/ DIRETTORE RESPONSABILE

Enzo Colapinto: UV systems and technologies

The first international magazine for surface treatments

ALESSIA VENTURI venturi@ipcm.it

2011 2 YEAR Bimonthly N°10-July www.ipcm.it nd

Dr. Thomas Schmidt: Powder coatings and inks Giuseppe Tarquini: Liquid coatings Gianfranco Verona: Water treatment Dario Zucchetti: Coating lines

Ivano Pastorelli: Measurement and quality control

EDITORIAL DIRECTOR / DIRETTORE EDITORIALE FRANCESCO STUCCHI stucchi@ipcm.it

EDITORIAL BOARD

EDITORIAL OFFICE / REDAZIONE PAOLA GIRALDO giraldo@ipcm.it

Dr. Felice Ambrosino: Marketing

The first international magazine for surface treatments La prima rivista internazionale sui trattamenti superficiali

Registrazione al Tribunale di Monza N° 1970 del 10 Dicembre 2009 Eos Mktg&Communication srl è iscritta nel Registro degli Operatori di Comunicazione con il numero 19244 POSTE ITALIANE SPA – SPED. IN A.P. 70% LO/MILANO

Prof. Massimiliano Bestetti: Department of Chemistry, Material and Chemical Engineering, Politecnico of Milan – Section of Applied Chemistry and Physics Dr. Franco Busato: European environmental legislation and new technologies Prof. Paolo Gronchi: Department of Chemistry, Material and Chemical Engineering, Politecnico of Milan – Chemical Engineering Section

Prof. Fabrizio Pirri: Department of Material Sciences and Chemical Engineering, Politecnico of Turin, Micro and Nanosystems, Nanomaterials and Surfaces Prof. Stefano Rossi: Material Engineering and Industrial Technologies, University of Trento - Product Design Dr. Antonio Tolotto: Marine and industrial anticorrosive coating cycles Dr. Fulvio Zocco: Environmental and quality

SERVICE SUBSCRIPTION - SERVIZIO ABBONAMENTI: Sale only on subscription - Vendita solo su abbonamento E.mail info@ipcm.it Single copy - Fascicolo singolo: 10,00 euro Back issues - Arretrati: 20,00 euro Subscription Rates 2011 - Tariffe Abbonamento 2011: Italy/Abroad 50,00 € - Italia/Estero 50,00 €

LAYOUT/ IMPAGIN IMPAGINAZIONE LASER GRAFICA 990 www.lasergrafica. www.lasergrafica.it PRINT/ STAMPA L&S SERVIZI GRA GRAFICI e-mail: info@ls-sr info@ls-srl.com

Subscriptions can be made by bank transfer to the following account: Eos Mktg&Communication Srl IBAN IT08X0542832910000000000450. The VAT on subscriptions and sale of single copies is over intestato a eos Mktg&Communication Srl. Gli abbonamenti possono essere sottoscritti versando il relativo importo a mezzo b/b IBAN IT08X0542832910000000000450 intestato a eos Mktg&Communication Srl. L’Iva sugli abbonamenti, nonchè sulla vendita di singole copie è assolta ai sensi dell’art.74 comma 1 lett. C DPR 633/72, DM 29/12/1989. It is forbidden to reproduce articles and illustrations of “IPCM™” without authorization and without mentioning the source. The ideas expressed by the authors do not commit nor magazine nor eos Mktg&Communication S.r.l and responsibility for what is published is the authors themselves. È vietata la riproduzione di articoli e illustrazioni di “IPCM™” senza autorizzazione e senza citarne la fonte. Le idee espresse dagli autori non impegnano nè la rivista nè eos Mktg&Communication S.r.l e la responsabilità di quanto viene pubblicato rimane degli autori stessi.


COMPETENT PAINTSTRIPPING WORLDWIDE SPECIALIZZATA A LIVELLO MONDIALE IN SVERNICIATURA

comprehensive know-how and best solutions in all paintstripping problems La nostra esperienza ci permette di risolvere tutti i problemi di sverniciatura

ABL-TECHNIC Entlackung GmbH Beim Hammerschmied 4-6 路 D 88299 Leutkirch/Allg盲u Tel. +49 (0)7561/8268-0 路 Fax +49 (0)7561/8268-68 e-mail: info@abl-technic.de 路 www.abl-technic.de

ipcm® 2011 n. 10  

In questo numero: - Il linguaggio della finitura: percorsi fra funzionalità ed estetica delle finiture per architettura e design di prodotto...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you