Issuu on Google+

The first international magazine for surface treatments

ÂŽ

Focus on shes inismart F n o s cu al Fomaterials itectur h for Arc g Buildin

ISSN 2280-6083

ipcm digital on www.ipcm.it 2013 4th YEAR Bimonthly N°23-September/October


Powder Coating Moves to the Fast Lane. New superdurable LTC resins.

Speed, endurance—and cool. Turbocharge production with Albecor™ Resin 6190, Momentive’s new low temperature cure, superdurable line of powder coating resins. Superdurability in a flexible powder coating resin that cures in 15’ at 160 °C changes everything. Now you can accelerate your superdurable coating processes, save energy, and apply superdurable coatings to temperature-sensitive or very large objects. Albecor 6190 resins are great for Automotive, Architectural, ACE, Transportation, Earth Moving and Heavy Duty applications. See your competition in the rear-view mirror. For more information contact: 4information.eu@momentive.com or call +800 836 43581

Momentive Specialty Chemicals Inc. is the global leader in thermoset resins. Momentive Specialty Chemicals Inc. serves the global wood and industrial markets through a broad range of thermoset technologies, specialty products and technical support for customers in a diverse range of applications and industries. Momentive Specialty Chemicals Inc. is an indirect wholly owned subsidiary of Momentive Performance Materials Holdings LLC (“Momentive”). With 2012 pro forma sales of $7.1 billion, Momentive is a global leader in specialty chemicals and materials, with a broad range of advanced specialty products that help industrial and consumer companies support and improve everyday life. Its technology portfolio delivers tailored solutions to meet the diverse needs of its customers around the world. © 2013 Momentive Specialty Chemicals Inc. momentive.com ® and ™ denote trademarks owned by or licensed to Momentive Specialty Chemicals Inc.

We’re the science behind what lies ahead.


HT COATINGS S.r.l. Via Luino, 33 - 21037 Lavena Pontetresa (VA) ITALY T. +39 (0)332 523351 F. +39 (0)332 553483 info@htcoatings.com

PERFORMANCE COATINGS


L’innovazione al servizio del Cliente.

La divisione METALLURGY produce p e commercializza specialità p chimiche per il trattamento superficiale dei metalli. In particolare offriamo sgrassanti per l'industria e detergenti, interoperazionali, disossidanti, decapanti, fosfatanti, fosfosgrassanti, prodotti per la conversione dell'alluminio (ossidazione anodica, cromatanti, fosfocromatanti, trattamenti di conversione esente cromo) svernicianti, coagulanti ed ausiliari di lavorazione. La divisione si occupa anche di prodotti per il trattamento di acciaio inox, trafilatura e brillantatura.

Proponiamo inoltre, per la preparazione alla verniciatura, una serie di prodotti innovativi a basso impatto ambientale esenti da cromo, fosfati e metalli pesanti.

Tecnologia e prodotti per il trattamento superficiale dei metalli Per maggiori informazioni: +39.0321789760 · salesmet@macdermid.com · www.macdermid.com Macdermid Italiana Via Vigevano 61 – 28069 San Martino di Trecate (NO)


SEPTEMBER/OCTOBER 2013 EDITORIAL ANALYSIS

4

European Colour and Surface Trends in Architecture Perspectives in Colouring Buildings and More Europa – colori e superfici di tendenza in architettura. Nuove prospettive per la colorazione degli edifici e molto di più

BRAND-NEW HIGHLIGHTS OF THE MONTH

Foto di Bruno Cordioli - www.br1.com

22

New Research Laboratories Opened: Europolveri Looks Ahead Operativi i nuovi laboratori di ricerca: Europolveri guarda avanti

26

YD 852 Antigraffiti Hydro Clearcoat YD 852 Antigraffiti Hydro Clearcoat

30

ANTHERM, the “Coloured” Technical Solution to Reflection of Infrared Light in Surface Treatments ANTHERM, la soluzione tecnica “a colori” per la riflessione dei raggi IR nei trattamenti superficiali

FOCUS ON TECHNOLOGY

34

Criteria for the Selection of Finishes for Architecture: the Experience of Focchi Spa Criteri di scelta delle finiture per architettura: l’esperienza di Focchi Spa

42

MDF Powder Coating: MS Macrolei Celebrates 10 Years of Success La verniciatura a polveri dell’MDF: i 10 anni di esperienza e di successi della MS Macrolei

50

Fast, Clean & Green – UV Powder Coating for MDF Veloce, pulita e sostenibile: verniciatura a polvere UV per MDF

56

Chrome-Free Pretreatment of High-Class Aluminium Profiles Pretrattamento esente cromo per profilati di alluminio di alta gamma

60

Galvanizing Plant Moves to Low-Temperature Powder Un impianto di galvanica passa alle polveri a bassa temperatura

© Focchi Spa

CONTENTS


GLOBAL COATINGS LEADERSHIP

The Valspar (Switzerland) Corporation AG Rosengartenstrasse 25 CH-8608 Bubikon - Switzerland (+41) 55 253 15 15 Inver SpA Via di Corticella 205 I-40128 Bologna - Italy (+39) 051 638 0411 - info@inver.com www.inver.com

A NEW SYNERGY BEGINS Two leading companies combine their resources to deliver outstanding quality performance on hi-tech environmental friendly coatings and unrivalled services. Join us


SEPTEMBER/OCTOBER 2013 INNOVATIONS: PRESENT&FUTURE

66

Experience Deserts: Saturated Colors with Extraordinary Brilliance with Meoxal® Pigments Alla scoperta del deserto: colori intensi e dalla brillantezza straordinaria con i pigmenti Meoxal®

70

Aesthetics and Economic/Environmental Aspects of the Paints for Coil Coating Effetti estetici ed aspetti economico/ambientali nelle vernici per Coil Coating

78

Painting Trends for Automotive Plastic Parts: More than Just Perfect Protection Tendenze nella verniciatura dei componenti plastici nell’automotive: più di una semplice protezione perfetta

84

How to Reduce Costs Without Sacrificing Quality in the Industrial Coating Field Come ridurre i costi mantenendo la qualità nel settore della verniciatura industriale

90

When the Class 1 is no Longer Enough Quando la Classe 1 Qualicoat non è più sufficiente

94

Effective and Sustainable Corrosion Protection Without Zinc: Ideal Protection Against Rust and High Costs Protezione anticorrosiva senza zinco efficace e sostenibile: la protezione ideale contro ruggine e costi elevati

98

Electrostatic Spray Grade Plastic Coating Powders: Corrosion Protection and Damage Proof Polveri termoplastiche a spruzzatura elettrostatica: protezione dalla corrosione e dai danneggiamenti

© Merck

Plating of ABS and ABS-PC Plastics 104 Direct Metallizzazione diretta di plastiche ABS e ABS-PS

TRADE FAIRS & CONFERENCES ZOOM ON EVENTS Fotolia © Ivan Polushkin

STANDARDS & LEGISLATION

CONTENTS

in Training 114 Commitment L’impegno nella formazione


INNOVATIVE PRE-TREATMENT SOLUTIONS Pre-treatment is changing. You need solutions that meet the real demands of the industry: efficiency, savings, and most of all, safety. You need solutions that are reliable and adaptable to your operations – not someone else’s. That’s why you need Npcoil Dexter. Our new heavy metal free solutions can be tailored to your particular requirements to ensure not only excellent corrosion protection but also reliable adhesion to subsequent paint coatings. Because at the heart of the metal surface treatment industry, you’ll find us.

It’s what’s inside that counts.TM

www.npcoildexter.com info@npcoildexter.com


EDITORIAL by Paola Giraldo

T

he construction market is the barometer of a country’s economic performance: its fate involves a great number of different industries and professionals. In the last few years, its trend has reflected the economic health of many European countries. In Spain, the same building boom that had made the economy grow in the 90 has also caused its sudden collapse. In Italy, the construction market is the sign of the economic situation of the families, historically inclined to purchase homes far more than in other European countries. After years of stagnation, the construction market is expected to recover at the European level between the end of 2013 and the beginning of 2014. In Italy, the centrality of the sector in the Government’s program will offer a chance of recovery to the businesses operating in the construction industry. In Great Britain, the domestic economy is returning to growth faster than expected and the Bank of England has already warned about the possible risk of a sharp rise in house prices. In Germany and Belgium the situation is stable, while in Spain the rate of decline seems to be slowing down*. Only France has predicted a decrease by 2% for the current year. The performance of the construction sector strongly affects the field of surface technologies and all its players, from the coating and chemicals manufacturers to the plant engineering companies and the subcontractors. This issue of IPCM – media partner of Made Expo, one of the most important European events in the building and construction field – contains an impressive number of articles on innovations intended for the metal construction industry. The selection of a manufacturer of pigments and coatings is based not only on the increasingly amazing aesthetic effects offered, but especially on the energy conservation aspect and on the growing quality and outdoor durability characteristics. The corrosion resistance is the focus not only of the pretreatment producers striving to eliminate chromium (VI), but also of the manufacturers of powder coatings. Moreover, the authoritative voice of an international leader in the production of curtain walls explains what are the criteria for choosing a finish in architecture. Finally, this issue inaugurates a series of articles on the situation of the MDF powder coating technology: given up for dead by many, it is actually a process able to ensure great results and at centre of the research activities of many important companies worldwide. *Source: www.architetti.it 2013 first quarter report of the European Architectural Barometer research conducted by Arch Vision among 1600 architects in Europe.

I

l mercato delle costruzioni è un barometro dell’andamento economico di un Paese: le sue sorti coinvolgono una moltitudine di industrie e di figure professionali diverse. In questi ultimi anni le sue vicende hanno rispecchiato la salute dell’economia di molti Paesi Europei. In Spagna, quello stesso boom edilizio che negli anni ’90 aveva fatto crescere l’economia, ne ha poi causato un repentino tracollo. In Italia il mercato delle costruzioni è il segno della situazione economica delle famiglie, storicamente propense all’acquisto di case molto più che in altri Paesi Europei. Dopo anni di stagnazione, ci si aspetta che tra la fine del 2013 e l’inizio del 2014 il mercato delle costruzioni si riprenda a livello europeo. In Italia la centralità del settore nell’attività del Governo offre una chance di ripartenza alle imprese che operano nel comparto delle costruzioni. In Gran Bretagna l’economia interna sta tornando a crescere più rapidamente del previsto e la Bank of England ha già avvisato sui possibili rischi di un repentino aumento dei prezzi delle case. In Germania e Belgio la situazione è stabile, mentre in Spagna il declino pare rallentare*. Solo la Francia prevede un calo del 2% per l’anno in corso. L’andamento del settore delle costruzioni impatta fortemente sul settore delle tecnologie di superficie, coinvolgendone tutti gli attori, dai produttori di vernici e prodotti chimici agli impiantisti fino ai terzisti. Questo numero di IPCM, media partner di Made Expo, uno dei più importanti appuntamenti europei del settore dell’edilizia e delle costruzioni, contiene un numero impressionante di articoli su innovazioni rivolte al settore delle costruzioni metalliche. La ricerca dei produttori di pigmenti e di vernici si concentra non solo su effetti estetici sempre più mirabolanti ma soprattutto sul risparmio energetico e sull’innalzamento della qualità e della durabilità in esterno. La resistenza alla corrosione è il focus non solo dei produttori di pretrattamento impegnati nell’eliminazione del cromo (VI) ma anche dei produttori di vernici in polvere. La voce autorevole di un leader internazionale nella produzione di facciate continue, infine, ci spiega quali sono i criteri di scelta delle finiture in architettura. Infine, questo numero inaugura una serie di articoli sulla situazione della tecnologia di verniciatura a polveri dell’MDF: data per morta da più parti, in realtà è oggi una tecnologia in grado di dare grandi risultati e al centro delle ricerca di aziende preminenti in tutto il mondo. * fonte: www.architetti.it Rapporto sul primo trimestre 2013 del Barometro architettonico europeo realizzato da Arch Vision tra 1600 architetti in Europa.

Alessia Venturi Editor-in-chief / Direttore Responsabile international PAINT&COATING magazine - SE SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

3


EUROPEAN COLOUR AND SURFACE TRENDS IN ARCHITECTURE PERSPECTIVES IN COLOURING BUILDINGS AND MORE Europa – colori e superfici di tendenza in architettura. Nuove prospettive per la colorazione degli edifici e molto di più Mercè Berengueras, Axalta Coating Systems, Barcelona, Spain, merce.berengueras@esp.dupont.com

© Axalta Coating Systems

Opening Photo: White – seen as the perfect colour – glamourizes this modern building. Foto d’apertura: Il bianco – il colore perfetto – rende glamour come nel caso di questo edificio moderno.

4

C

olour has become one of the most important design elements leading towards a new architectural understanding for nature and humanity. Colours not only play a key role in the aesthetic impression of a building and its connection to the environment but also signify a building’s function. Colour emphasises or conceals particular features; it influences shapes and volumes, gives identity, adds significance, and expresses quality and value. But which colours are part of this trend? As one of the leading suppliers of architectural powder coatings, Axalta Coating Systems (formerly

N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

I

l colore è diventato uno degli elementi chiave del design, emblema di una rinnovata concezione architettonica che rispetta l’ambiente e l’uomo. I colori non solo rivestono un ruolo fondamentale nell’impatto estetico di un edificio e nel suo inserirsi in un dato contesto, ma ne indicano anche la funzione. Il colore sottolinea o nasconde caratteristiche peculiari di un edificio, influenzandone le forme e i volumi, conferendogli un’identità, aggiungendo significato ed estrinsecandone la qualità e il valore. Ma quali sono i colori di tendenza? Axalta Coating Systems (già DuPont Performance Coatings), uno dei principali fornitori di rivestimenti architettoni-


ANALYSIS DuPont Performance Coatings) has researched the colour trends in Europe based on the quantity of the different colours sold in 2012. It has identified a trend towards colour as well as the most often used shades according to RAL.

ci nel settore di vernice in polvere, ha analizzato i trend del colore in Europa in base alle quantità delle tinte vendute nel 2012. Ha individuato una propensione alla scelta di alcuni colori e delle tonalità RAL più utilizzate.

Europe is getting more colourful in powder coatings

L’Europa è sempre più colorata nel settore delle vernici in polvere

For a very long time, white has been the favourite colour for architectural applications and, with a share of 38%, it still is (Fig. 1). From a physical point of view, white is the sum of all colours and it is seen as the perfect colour. This might be the reason why in most cases when white is used in architectural applications (Opening Photo) it is a pure white (RAL 9010). The different shades of grey also have a long history in colouring buildings, and a share of 36% illustrates that grey – and in particular RAL 7016 – is still one of the most used colours in architecture. It is expected that the metallic shades, which already have a share of more than one third, will increase in the near

Per molto tempo il bianco è stato il colore preferito per le applicazioni architettoniche e, con un valore pari al 38%, lo è tuttora (fig. 1). Da un punto di vista fisico, il bianco è la somma di tutti i colori ed è considerato il colore perfetto. Questo potrebbe essere il motivo per cui nella maggior parte dei casi, quando si sceglie il bianco per applicazioni architettoniche (foto d’apertura), si punta al bianco puro (RAL 9010). Anche le diverse tonalità di grigio vantano una lunga storia nella colorazione degli edifici e, con una percentuale del 36%, è evidente che il grigio – ed in particolare il RAL 7016 – è ancora uno dei colori più apprezzati in architettura. Si prevede che nel prossimo futuro la scelta di tinte metallizzate, che già rappresentano una

1

© Axalta Coating Systems

1

Architecture Colour-Trends: The research into colour trends in architecture points towards more colours. Architettura - Il trend dei colori in Europa nel settore delle vernici in polvere: dalla nostra analisi, le tonalità più trendy in architettura virano sempre di più verso il colore.

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

5


European Colour and Surface Trends in Architecture Perspectives in Colouring Buildings and More

2

© ORCO PROPERTY GROUP, photo Krzysztof Wierzbowski

2

Zlota Tower: Dynamically shaped structures, glass and elements in metallic shades of grey combine to form an impressive whole and constitute a landmark.

3

Brown reminds one of wood, earth, stone and sand. Il marrone ricorda i toni del legno, della terra, della pietra e della sabbia.

6

future together with bionic structures. Compared to the percentage of grey metallic hues, the portion of metallics within other colours is negligibly small (Fig. 2). Black – the achromatic colour – signifies power, individualism, and originality, and is becoming more and more popular in architecture. Last year’s share was 8% and the favourite shade was the jet black RAL9005. Brown reminds one of wood, earth, stone and sand (Fig. 3). Due to these associations, it is also one of the upcoming colours and has increased

© Axalta Coating Systems

Zlota Tower: Strutture dinamiche e flessuose, dove il vetro e gli elementi nei toni metallici del grigio si fondono per creare un insieme di forte impatto e costituire un punto di riferimento.

3

N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

quota di oltre un terzo, aumenterà di pari passo alla realizzazione di strutture bioniche. Se paragonata alla percentuale di toni grigi metallizzati, la quota di tinte metallizzate con riferimento ad altri colori è trascurabile (fig. 2). Il nero – il colore acromatico – significa potere, individualismo e originalità, e sta diventando sempre più diffuso in architettura. La percentuale dello scorso anno era pari all’8% e il colore preferito era il nero intenso (RAL 9005). Il marrone ricorda i toni del legno, della terra, della pietra e della sabbia (fig. 3). In virtù di queste associa-


ANALYSIS its share in architectural applications up to 8%. The shade applied most often is grey-brown (RAL 8019). When thinking about nature, terms like sustainability, resource efficiency and ecological awareness come up. Thus, facades and other elements of buildings are becoming more and more green, which has pushed the share of green colours up to 3% (Fig. 4). The share of blue was 2%, but with its impression of calmness, cleanliness and objectivity on the one hand, and symbolism of the new and unknown on the other, it inspires innovation and is a colour of the future. One of the lighter colours which will be seen more frequently on facades is beige; it also has a share of 2%. Red indicates strong and healthy feelings as well as the drive for activity.

4

zioni, è una delle tinte in forte crescita e il suo utilizzo in applicazioni architettoniche ha raggiunto l’8%. La tonalità applicata più spesso è il marrone grigiastro (RAL 8019). Quando si pensa alla natura, vengono in mente termini come sostenibilità, efficienza delle risorse e coscienza ambientale. Così, facciate e altri elementi strutturali stanno diventando sempre più green, tanto da far salire la percentuale dei toni del verde fino al 3% (fig. 4). La percentuale di blu si attesta al 2%. Tuttavia, l’idea intrinseca di serenità, pulizia e neutralità unita alla rappresentazione del nuovo e dell’ignoto rimandano al concetto di innovazione – ecco a voi il colore del futuro. Uno dei colori più chiari, che vedremo sempre più spesso sulle facciate degli edifici è il beige; anch’esso raggiunge una percentuale del 2%. Il rosso rappresenta sentimenti forti e positivi, nonché il concetto di slancio vitale.

© Axalta Coating Systems

4

Facades and other elements of buildings are increasingly becoming green zones, reflecting a new architectural understanding for nature and humanity. Le facciate e altri elementi strutturali sono sempre più green zone, in linea con una nuova concezione architettonica che rispetta l’ambiente e l’uomo.

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

7


European Colour and Surface Trends in Architecture Perspectives in Colouring Buildings and More

5

© Axalta Coating Systems

5

Architecture Gloss Trend: Glossy surfaces are in style and the share of textured surfaces is increasing. Le superfici architettoniche di tendenza in Europa: sempre di gran moda le superfici lucide, benché quelle texturizzate siano in forte aumento.

8

These associations have increased the share of red in architectural applications up to 2%. Yellow reflects optimism, dynamism and promise. It has become more popular in architecture and accounts for 0.7%. Orange, often used in combination with its complementary colour blue, has a percentage of 0.2%. Another colour which appears in the trend ranking for the first time is violet (0.1%).

Queste associazioni hanno aumentato la scelta del rosso in applicazioni architettoniche fino al 2%. Il giallo è simbolo di ottimismo, vitalità, promesse. È sempre più utilizzato in architettura e rappresenta lo 0,7%. L’arancione, spesso abbinato al suo colore complementare, il blu, raggiunge una percentuale dello 0,2%. Infine, un colore che compare per la prima volta nella classifica dei colori di maggiore tendenza: il viola, con lo 0,1%.

Surface trends in powder coatings

Superfici di tendenza

When it comes to trends in gloss levels and textures (Fig. 5), glossy surfaces are in style for the time being (37.05%), but this trend is decreasing in preference of matt (28.34%) and especially fine textured surfaces (12.39%.), which are increasing in popularity rapidly. Semi-gloss still has a share of 22.21%, which is stable.

Se parliamo di trend in termini di brillantezza e texture (fig. 5), oggi sono le superfici brillanti a farla da padrone (37,05%). Tuttavia, questa tendenza è in diminuzione e trovano sempre più spazio le superfici opache (28,34%) e quelle ruvide a grana molto fine (12,39%.), sempre più apprezzate. Le superfici semilucide si mantengono stabili ad un valore pari al 22,21%.

N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


XXXNFPYBMDPN Merck S.p.A. BF Decorative Materials - Coatings Via XI Febbraio 99 20090 Vimodrone MI tel. 02 332035.203 fax 02 332035.206 infochimica@merck.it

&YQMPSF/FX-JNJUTXJUI .FPYBMn8BIJCB0SBOHFÖ— UIF/FX&GGFDU1JHNFOU*OOPWBUJPO GSPN.FSDL

MeoxalŽ luminous metal effect pigments combine the advantageous characteristics of aluminum substrates with those of pearl effect pigments. MeoxalŽ Wahiba Orange impresses with its excellent color saturation and outstanding performance. Expand your range of high saturated colors – for automotive and plastic coatings, as well as many other high-performance applications. Get inspired by the timeless beauty of the desert – with MeoxalŽ.


BRAND-NEW BINKS ANNOUNCE INTRODUCTION OF NEW DX70 AIR OPERATED 1:1 RATIO DOUBLE DIAPHRAGM PUMPS. Binks introduce la nuova pompa pneumatica DX70 a doppia membrana con rapporto 1:1

B

inks, the Bournemouth based spray equipment manufacturer, has announced the introduction of a completely new range of Air Operated 1:1 Ratio Double Diaphragm Pumps. The Binks DX70 is a high specification, air powered 1:1 ratio double diaphragm pump specifically developed for the direct supply of paint and materials to spray guns. The pump features a unique diaphragm “no-crease” shape for a long and durable life, DX70 also includes a “built in” fluid regulator as standard which ensures a constant and virtually pulse free fluid delivery, for direct feed to spray guns without the expense and complications of an additional fluid regulator or surge chamber. The Binks DX70 pump series features bare pumps, mps, assembled pump packages and complete “ready ad dy to spray” outfits. DX70 is perfect for use with all types off spray gun technologies including, Conventional, Compliant an nt Trans-Tech©, HVLP1, LVLP2 and low pressure Electrostatic guns. Key points: • Acetal pump body with St. St. balls and soft seats for universal paint compatibility including ceramic glaze coatings. • The unique diaphragm design and “built in” fluid regulator provide consistent pressure and readily adjustable paint flow. • Quick release air, fluid inlet and outlet connections for faster maintenance. The Binks DX70 Pumps are suitable for the following applications: • Woodworking and Joinery • Aerospace Industry • Agricultural and Off Road • Potteries and Ceramic Glaze 1 HVLP : High Volume Low Pressure 2 LVLP : Low Volume Low Pressure

© Finishing Brands

inks, il produttore di apparecchiature di verniciatura situato a Bournemouth (Regno Unito), ha annunciato l’introduzione di una nuova gamma completa di pompe pneumatiche a doppia membrana con un rapporto di 1:1. Il modello DX70 è una pompa pneumatica a doppia membrana con rapporto 1:1, di alta qualità, studiata per l’alimentazione diretta di vernici e materiali alla pistola. La pompa DX70 monta un’unica membrana antipiega a garanzia di una lunga durata di vita ed è provvista di un regolatore per fluidi “incorporato” che assicura una portata del fluido costante e praticamente senza impulso con alimentazione diretta delle pistole, risparmiando così il costo e le complicazioni di un regolatore per fluidi supplementare o di una camera compensatrice. La gamma DX70 comprende le versioni pompa nuda, i correL di pompa completamente montati e le dotazioni pronte all’uso d adatte per tutti i tipi di pistole DeVilbiss note a livello internaa zzionale. La pompa DX70 è ideale per tutti i tipi di tecnologia di vverniciatura a spruzzo che utilizzano pistole Convenzionale, T Trans-Tech©, HVLP1, LVLP2 ed elettrostatiche a bassa pressione. p I punti essenziali: • Corpo della pompa in acetale con sfere in acciaio inox e sedi morbide per garantire compatibilità universale con le vernici, compresi i rivestimenti con smalti ceramici. • Il design unico della membrana e il regolatore dei fluidi incorporato assicurano pressione costante e facile regolazione della portata della vernice. • Raccordi d’aria, d’ingresso e di uscita fluido a sgancio rapido per una più facile manutenzione.

B

Le pompe Binks DX70 sono adatte per le seguenti a applicazioni: • Falegnameria e arredi di legno • Industria aerospaziale ae • Macchine agricole da costruzione 1 HVLP: Alto volume bassa pressione 2 LVLP: Basso volume bassa pressione

10 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


e-mail: info@euromask-shop.com

n° verde 800.029.466

Tel. +39 02 96780055 - 9691001 - Fax +39 02 96782993

Via B. Cellini, 6 20020 Solaro (MI) - Italia

prodotto da

FINISHING GROUP s.r.l.

Azienda con Sistema Qualita’ Certificato

by Paola Giraldo

Industria della ceramica Produttori di vernici e terzisti Settore nautico Industrie ferroviario e del trasporto (camion, autobus,...) Molti altri ancora.

The Binks DX70 Pumps are suitable for the following material/coating types: • Solvent and Water Based Paints and Materials • Lacquers, Stains and Varnishes • Adhesives and Fillers • Ceramics and Glaze • Sealers and Undercoats • Plus Many Others.

Le pompe Binks DX70 sono adatte per i seguenti materiali e prodotti vernicianti: • Vernici/materiali a base solvente e idrosolubili • Mordenti e lacche • Adesivi • Smalti per la ceramica • Sigillanti e vernici di fondo • Molti altri ancora.

Binks DX70 is the low cost solution compared to pressure tanks with no expensive annual pressure test certification regulations. All DX pumps are covered by our extended five year “workmanship and materials” warranty. For further information www.finishingbrands.eu

Il modello Binks DX70 rappresenta una soluzione economica rispetto ai serbatoi a pressione e non richiede controlli regolari da parte di società esterne. Tutte le pompe DX sono coperte da una garanzia estesa di cinque anni per “materiali e manodopera”. Per ulteriori informazioni www.finishingbrands.eu

www.euromask-shop.com

• • • • •

RISOLVIAMO OGNI PROBLEMA DI MASCHERATURA

Trade Coaters and Jobbers Marine Industry Truck and Bus Rail and Transport Plus Many Others.

EUROMASK

• • • • •

®

© Finishing Brands


BRAND-NEW DSM OPENS NEW MANUFACTURING PLANT FOR INNOVATIVE ANTI-REFLECTIVE COATING DSM apre un nuovo impianto di produzione per un innovativo rivestimento anti-riflettente

R

oyal DSM, the global Life Sciences and Materials oyal DSM, l’azienda globale di scienze della vita e dei mateSciences company, has opened its newly constructed riali, ha aperto un nuovo impianto di produzione per il rivesti® manufacturing plant for KhepriCoat anti-reflective coating mento anti-riflettente KhepriCoat®, nel sito di Chemelot a Geleen at the Chemelot site in Geleen (Netherlands). The need for (Paesi Bassi). Il bisogno di una maggiore fornitura del rivestimento additional coating supply è il diretto risultato della rapida is a direct result of the fast crescita del mercato dell’energrowing market for solar gia solare. energy. Il rivestimento anti-riflettente KhepriCoat® anti-reflective KhepriCoat® per il vetro è un glass coating is an IP prodotto protetto da proprieprotected product, developed tà intellettuale, sviluppato dal by the DSM Innovation DSM Innovation Center. Il riveCenter. The coating – a thin stimento – uno strato poroso nano porous layer with a nano sottile con uno spessothickness of approximately re di circa 100-150 nm – è ri100 - 150 nm – is primarily volto principalmente alle applitargeted at solar applications, cazioni solari, si applica sulla it’s applied on the cover glass copertura di vetro dei pannelli of solar modules and strongly solari e riduce fortemente il rireduces the reflection of flesso della luce solare. Il risulsunlight. The result is an tato è un aumento fino al 4% increase in the energy output dell’energia erogata da questi of these modules up to 4%. moduli. KhepriCoat® è com® KhepriCoat is marketed mercializzato attraverso DSM Advanced Surfaces, una delle through DSM Advanced Surfaces, one of the new nuove piattaforme sviluppate growth platforms developed all’interno di DSM Innovation within the DSM Innovation Center. Center. L’impianto è stato ufficialmente The plant was officially aperto da Rob van Leen, Chief Innovation Officer di DSM e opened by Rob van Leen, Chief Innovation Officer Ulrich Frei, Managing Director of DSM and Ulrich Frei, di Interfloat Corporation, il priManaging Director of mo licenziatario dei prodotti Interfloat Corporation, the first KhepriCoat® nell’industria solicensee of the KhepriCoat® lare europea. product in the European solar Rob van Leen dichiara: “DSM 1 ©DSM Innovation Center industry. sta contribuendo ampiamenRob van Leen says: “DSM is te alla disponibilità di risorse 1 contributing extensively to the rinnovabili in futuro, con attiUlrich Frei (Interfloat) and Rob van Leen (DSM) toast during the opening of the future availability of renewable new manufacturing line. vità sia nel campo dell’enerenergy sources, with activities Il brindisi di Ulrich Frei (Interfloat) e Rob van Leen (DSM) durante l’apertura della gia a base biologica sia on both bio-based energy as dell’energia solare. La rapida nuova linea di produzione.

R

12 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


by Paola Giraldo

well as solar energy. The market’s accelerated adoption of our KhepriCoat® coating has been the reason for increasing our manufacturing capacity on the Chemelot site”. Ulrich Frei says: “We are happy to have a partnership with DSM. KhepriCoat® is our preferred anti-reflective coating for our solar cover glass. Interfloat, like DSM, believes in high quality products. KhepriCoat® provides us the best in class transmission gain and outstanding durability, which supports Interfloat’s strategy in staying the leading solar glass manufacturer on the European market.” Solar energy is widely recognized as an important alternative and renewable source of energy. Global installed photovoltaic capacity has reached 100GW by the end of 2012 (data from European Photovoltaic Industry Association). This can roughly generate 1% of global electricity demand and compares to 100 large size nuclear power plants. Worldwide growth of the global photovoltaic market is predicted to grow 10-20% annually (EPIA). DSM Advanced Surfaces is one of the three Emerging Business Areas (EBAs) of the DSM Innovation Center. These EBA’s are the growth engines for new business as part of the “DSM in motion: driving focused growth strategy”. DSM’s science-driven innovations help protect and improve the environment by improving energy and resource efficiency and by pioneering the development of alternative and renewable chemicals, materials and energy. Together with the EBA Biobased Products and Services, the EBA Advanced Surfaces focusses on the enabling of sustainable generation of renewable energy sources. For further information: www.dsm.com

adozione da parte del mercato del nostro rivestimento KhepriCoat® è stata la ragione dell’aumento della nostra capacità produttiva nel sito di Chemelot”. Ulrich Frei afferma: “Siamo felici di avere una partnership con DSM. KhepriCoat® è il nostro rivestimento anti-riflettente preferito per il vetro delle coperture solari. Interfloat, come DSM, crede nei prodotti di alta qualità. KhepriCoat® ci offre il migliore aumento della trasmittanza e un’eccezionale durata, a supporto della strategia Interfloat di rimanere il produttore di vetro solare leader nel mercato europeo”. L’energia solare è ampiamente riconosciuta come un’importante alternativa e una fonte di energia rinnovabile. La capacità fotovoltaica installata globalmente ha raggiunto i 100 GW alla fine del 2012 (dati dall’Associazione Europea dell’Industria Fotovoltaica). Questo può generare circa l’1% della domanda di elettricità globale ed è paragonabile a 100 centrali nucleari di grandi dimensioni. Si prevede una crescita del mercato globale fotovoltaico del 10-20% all’anno (EPIA). DSM Advanced Surfaces è una delle tre aree di business emergenti (Emerging Business Areas, EBAs) del DSM Innovation Center. Questi EBA sono i motori di sviluppo per i nuovi business come parte di “DSM in motion: driving focused growth strategy”. Le innovazioni in campo scientifico di DSM aiutano a proteggere e migliorare l’ambiente, aumentando l’efficienza di energia e risorse e influenzando lo sviluppo di sostanze chimiche, materiali ed energie alternative e rinnovabili. Insieme con l’EBA “Prodotti e Servizi Biologici”, l’EBA “Advanced Surfaces” si focalizza sulla possibilità di generare in modo sostenibile fonti di energia rinnovabile. Per maggiori informazioni: www.dsm.com


BRAND-NEW EURO SPEED-UP, NEW CONCEPT OF VERTICAL PAINTING FOR ALUMINUM PROFILES Euro Speed-up, nuovo concept di impianto per la verniciatura dei profili in alluminio

T

uplicazione della produttività oraria con solo 48 ore di montaggio: l’impianto che cresce con il crescere dell’azienda. Grazie alla ricerca e sviluppo di Euroimpianti, anche gli impianti di verniciatura verticale oggi diventano modulari e espandibili nel tempo. Da sempre orientati a fornire ai propri clienti sistemi completi che possano essere adatti ai cambiamenti aziendali in termini di produttività e velocità di consegna, Euroimpianti lancia la nuova serie Euro Speed Up. Euro Speed Up è un impianto di verniciatura verticale per profili di alluminio completamente realizzato con componenti di primaria qualità, standardizzato e modulare: tunnel di pretrattamento con

D

© Euroimpianti

he coating plant which grows together with your company. It’s an opportunity to increase twice productivity per hour and it takes just 48 hours to double it. Thanks to research and development performed by Euroimpianti, nowadays even vertical coating plants become modular and upgradable through time. With the aim to supply to clients systems that are completely installed and adapted to possible future changes of a Company, also to ensure an optimal efficiency of production and a quick delivery of products, Euroimpianti has released the new Euro Speed Up series. Euro Speed Up is a standardized modular vertical coating plant for aluminum profiles, made of the highest quality components:

14 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


by Paola Giraldo

pre-treatment tunnel with a combined washing system with both nozzles and cascades of stainless steel, drying and curing oven of carbon steel, rapid color change booth that ensures high recovery efficiency of overspray. Standardization and modular principles, the two distinctive features in the whole production of the Italian company, allow low start-up costs and also a fast customization of layout to individual needs and future development. Exactly for these reasons, research and development engineers have focused their attention on the possibility to expand the length of overhead conveyor: The new vertical coating plant makes possible to start with a productivity equal to “X” and, if required in future, it is possible to double its speed (m/min) and reach a productivity equal to “X*2” with only 48 hours for adjustment. Such important changes in such a short time are feasible precisely because the whole painting system is designed and already assembled with the necessary predisposition for supplementary amendments without need of expansion of the occupied area. Let us give a context to what we just explain. If your “entry level” plant is designed and installed with a speed of 0.75 m/min, it will be already predisposed to reach a speed of 1.5 mt/min with a structural change practicable in 48 hours. Therefore the hourly productivity of coating plant is doubled. Our purpose is to guarantee our clients, who purchase today an industrial coating plant, to have a complete system that could be classified as a resource of complete return of investment over the time. Euro Speed Up is going to be presented at AluExpo trade fair dedicated to aluminum technologies, machinery and products. The exhibition will take place from 3 till 6 October 2013 in Istanbul (Hall 10 – Booth F170). For further information: www.euroimpianti.com

sistema di lavaggio combinato ugelli e cascate in acciaio inox, forno di asciugatura e di cottura in acciaio al carbonio, cabina a 3 pareti con cambio rapido colore e alta efficienza di recupero overspray. Standardizzazione e modularità, entrambe le peculiarità distintive da oltre 40 anni in tutta la produzione impiantistica della società veronese, consentono un contenimento dei costi di partenza e, allo stesso tempo, una rapida personalizzazione del layout e successivi ampliamenti. Proprio sul concetto di ampliamento dello sviluppo del percorso del trasportatore aereo si sono concentrati gli ingegneri della ricerca e sviluppo: l’impianto di verniciatura verticale rende possibile partire con una capacità produttiva pari a “x” e poter, in sole 48 ore, raddoppiare la velocità dei mt/min percorsi del trasportatore aereo e ottenere quindi una capacità produttiva pari a “x*2”. L’operazione di modifica in così breve tempo è possibile proprio perché l’impianto è progettato e montato già con le dovute predisposizioni per successive integrazioni, senza necessità di ampliamento dello spazio occupato. Proviamo a esemplificare con dei numeri. Se il livello base nasce con una velocità di 0.75 mt/ min sarà già predisposto per raggiungere, con una modifica impiantistica poco invasiva e effettuabile in 48 ore, una velocità di 1.5 mt/min raddoppiando quindi la sua produttività oraria. L’obiettivo è quello di garantire al cliente che acquista oggi un impianto industriale per la verniciatura, di avere un sistema completo che sia classificabile come un asset di investimento rivalutabile nel tempo. Euro Speed Up sarà presentato alla fiera Aluexpo, manifestazione dedicata agli impianti e le nuove tecnologie nel settore dell’alluminio che si terrà dal 3 al 6 Ottobre in Istanbul (Pad.10 – Stand. F170). Per ulteriori informazioni: www.euroimpianti.com


BRAND-NEW WHITFORD’S BEST ONE-COAT INDUSTRIAL RELEASE COATING IS NOW 6 WAYS BETTER Il miglior rivestimento antiaderente mono-strato é ora sei volte meglio or many years, Xylan® 8840 has been Whitford’s best one-coat er molti anni, Xylan® 8840 è stato il miglior rivestimento antiarelease for applications such as moulds, die-cut rolls and wearderente mono-strato per applicazioni su stampi, rulli fustellaand corrosion-resistant parts. But due to changing circumstances in tori e componenti resistenti a corrosione e usura. Ma a causa delle today’s regulatory climate, Whitford R&D set out to improve circostanze mutevoli del clima legislativo, il reparto R&D di Whitford Xylan 8840. ha deciso di migliorare lo Xylan 8840. As is the case with many coatings, Xylan 8840 uses solvents in Come molti altri rivestimenti, per la produzione di Xylan 8840 si utiits manufacture. One of these solvents, lizzano solventi. Uno di questi, N-metil-2-pirrolidone, o NMP, è semidone, or NMP, n-methyl-2-pyrrolidone, pre stato considerato sicuro per il suo alto punto di ebollizione, la has always been considered safe bassa volatilità e la bassa tossicità. Tuttavia, NMP è stato identih boiling because of its high ficato come tospoint, low volatilityy and sico, prima in low toxicity. California e in Nevertheless, seguito dalNMP has been la commissioidentified as ne europea, n a toxicant, first ili che ha porby California, then tato a norme ta by the European più p stringenti in Commission, resulting tutto il mondo. ting tu in stricter regulations Così i chimici di ns C © Whitford worldwide. So Whitford Whitford hanno tford W chemists decided to deciso di eliminare l’uso di NMP. o eliminate the use of NMP. La nuova e migliorata formulazione Whitford’s new, improved formulation di Whitford rappresenta un’autentiis a genuine breakthrough that not ca svolta che non solo elimina l’uso only eliminates the use of NMP, but dell’NMP, ma arricchisce il prodotalso enhances the original product to originale in altri cinque aspetti imin 5 other important ways. With new portanti. Con il nuovo Xylan 88-040 è Xylan 88-040, film builds up to 0.8possibile formare film fino a 0.8-1.0 1.0 mils are achievable with one coat. ml con un unico strato. Inoltre, Xylan In addition, Xylan 88-040 has 88-040 ha migliorato la resistenza improved abrasion resistance, as well all’abrasione, così come una miglior as better release than its high release antiaderenza rispetto al suo predepredecessor. Because it has a faster cessore ad alto rilascio. Grazie a un drying rate, there is less exposure periodo di asciugatura più rapido, c’è to heat, which can degrade colour. meno esposizione al calore, fattoAnd Xylan 88-040 has improved re che può degradare il colore. Xylan 1 dispersion of pigments, fillers and 88-040 ha inoltre migliorato la disperXylan 88-040 provides better release, longer release, for such applications as industrial moulds, shoe moulds, bread pans, tyre lubricants for better hiding power, sione di pigmenti, filler e lubrificanti moulds, etc. Available in Pine Green, Thyme Green and White. more uniform performance and per un potere coprente, aspetto e preXylan 88-040 offre una migliore e più lunga antiaderenza per appearance. stazioni più uniformi. applicazioni come stampi industriali, stampi per scarpe, tegami per For more information: pane, stampi per pneumatici, ecc. È disponibile nei colori Pine Green, Per maggiori informazioni: Thyme Green e bianco. www.whitfordww.com www.whitfordww.com

F

P

16 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


by Paola Giraldo

VALSPAR COMPLETES ACQUISITION OF INVER GROUP Valspar completa l’acquisizione di Inver Group

M

INNEAPOLIS, USA – July 31, 2013 – The Valspar Corporation (NYSE:VAL), a leading global manufacturer of paints and coatings, announced today that it has completed the previously announced acquisition of Inver Holding S.r.l. (Inver Group), a leading industrial coatings manufacturer in Europe. Financial terms of the transaction were not disclosed. With 2012 sales of approximately €160 million, Inver Group specializes in liquid and powder coatings and resin products that are used in a variety of industrial applications including off-road equipment, auto and off-road parts, architectural aluminum windows, railways and trams. Roeland Polet, Valspar’s senior vice president, global industrial, said, “We are pleased to welcome the entire Inver team into the Valspar family and together we look forward to strengthening our position in the large European coatings market. The combination of Valspar’s and Inver’s resources will benefit our customers by providing even greater access to leading technology, outstanding service and global scale.I am pleased that former Inver chief executive Giovanni Domenichini has agreed to lead Valspar’s combined industrial business in Europe and I look forward to working with him to expand our capabilities and presence in the region.”

M

About The Valspar Corporation

Riguardo a Valspar Corporation

The Valspar Corporation (NYSE: VAL) is a global leader in the paint and coatings industry. Since 1806, Valspar has been dedicated to bringing customers the latest innovations, the finest quality and the best customer service in the coatings industry. For more information www.valsparglobal.com

La Valspar Corporation (NYSE: VAL) è un leader globale nelle vernici industriali e consumer. Dal 1806, Valspar ha dedicato il suo tempo a portare ai client le ultime innovazioni, la migliore qualità e il migliore servizio nel mercato delle vernici industriali. Per ulteriori informazioni www.valsparglobal.com

INNEAPOLIS, USA – 31 Luglio 2013 – Valspar Corporation (NYSE:VAL), produttore leader a livello mondiale di vernici industriali e consumer, ha annunciato oggi di aver completato l’acquisizione, annunciata precedentemente, di Inver Holding S.r.l. (Inver Group), produttore leader di vernici industriali in Europa. I termini finanziari della transazione non sono stati comunicati. Con un fatturato nel 2012 di circa 160 milioni di euro, il Gruppo Inver è specializzato nella produzione di vernici liquide e in polvere e nella produzione di resine; le sue vernici sono utilizzate in un’ampia gamma di applicazioni industriali, tra le quali il settore Off-Roads (Agricultural Construction Equipment), infissi in alluminio, settore ferroviario e trasporti su strada. Roeland Polet, senior vice president di Valspar, global industrial, ha detto, “Siamo molto felici di dare il benvenuto all’intero team Inver nella famiglia Valspar e non vediamo l’ora di rafforzare la nostra posizione nell’ampio mercato europeo delle vernici industriali. La combinazione delle risorse di Valspar e di Inver porterà benefici ai nostri clienti, che potranno disporre di tecnologie all’avanguardia, un servizio eccezionale e presenza su scala globale. Sono contento che Giovanni Domenichini, precedente Amministratore Delegato di Inver, abbia accettato di condurre il congiunto business industriale di Valspar in Europa e non vedo l’ora di lavorare con lui per espandere le nostre capacità e la nostra presenza in quell’area.”

MARTIN BAUER LEAVES BAUERANLAGEN OHG Martin Bauer lascia BauerAnlagen OHG

F

rom August 01, 2013, Martin Bauer left BauerAnlagen OHG. His administrator tasks are now conducted by Helmut Bauer, founder of the company, as sales activity is carried out by Daniel Kaus Sales Manager. For information www.baueranlagen.de

al 01-08-2013, Martin Bauer ha lasciato BauerAnlagen OHG. Le sue mansioni di amministratore sono ora svolte da Helmut Bauer, fondatore dell’azienda, mentre la vendita è affidata a Daniel Kaus direttore commerciale. Per informazioni www.baueranlagen.de

D

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

17


BRAND-NEW ALBERDINGK® AC 2025 VP: BRAND-NEW FOR INTERIOR PAINT SYSTEMS ALBERDINGK® AC 2025 VP: nuovo polimero per pitture per interno

W

hether in schools, authorities or shopping malls, where people are around, they leave their marks. Interior paint systems which have to fulfill special requirements were focused by Alberdingk Boley, when developing a new two-phase acrylic dispersion. Specifically created for stain resistant wall coating systems in areas subject to high traffic and high levels of dirt pickup, ALBERDINGK® AC 2025 features excellent abrasion (up to wet abrasion resistance Class 1 according to DIN EN 13 300) and a very good chemical resistance, particularly with disinfectants. Its unique polymer backbone enables solvent-free formulations in combination with superb antiblocking performance. ALBERDINGK® AC 2025 is optimally stabilized allowing superior pigment-binding capacity when compared to other multiphase emulsions. Adhesion promoters copolymerized during production process allow the binder to achieve excellent adhesion properties on traditional difficult to adhere substrates such as weathered paint. In addition to wall coatings in areas subjected to high wear such as schools, offices, department stores or hotels, ALBERDINGK® AC 2025 is also suitable for residential areas subject to soiling and areas of increased hygiene requirements such as hospitals or medical practices. For further information: www.neuvendis.com

he sia nelle scuole, negli uffici pubblici o nei centri commerciali dove ci sono molte persone, queste inevitabilmente lasciano il segno. L’ultima dispersione acrilica multi-fase sviluppata da Alberdingk Boley è pensata per formulare pitture per interno con requisiti speciali. ALBERDINGK® AC 2025 è stata progettata per garantire alta resistenza alle macchie in tutte le aree ad alto traffico e alta presa di sporco. Le principali caratteristiche sono: eccellente resistenza all’abrasione (facile ottenere abrasione a umido Classe 1 secondo la norma DIN 13300) e buone resistenze chimiche, in particolare ai disinfettanti. L’unicità del polimero sviluppato permette di formulare prodotti senza solvente e con ottimo anti-blocking. ALBERDINGK® AC 2025 è ottimamente stabilizzata e presenta una capacità superiore di legare i pigmenti se comparata ad altre emulsioni multi-fase. I promotori di adesione copolimerizzati durante il processo di produzione del polimero permettono di ottenere adesioni dirette eccellenti su superfici tradizionalmente difficili come, ad esempio, le vecchie pitture. Oltre alle pitture in aree a intenso uso come scuole, uffici, negozi e hotel, ALBERDINGK® AC 2025 è indicata anche per aree residenziali soggette allo sporco o luoghi con richiesta di continua pulizia e igiene come ospedali o studi medici. Per maggiori informazioni: www.neuvendis.com

C


A X A LTA C O AT I N G S Y S T E M S

We are on Top. Alesta® powder coatings by Axalta Coating Systems.

Axalta Coating Systems formulates and manufactures high-quality thermoset powder coatings for the decorative and functional coating industries. Axalta Coating Systems offers with Alesta® a complete range of powder products with excellent mechanical and weathering resistance characteristics, making them ideal for both interior and exterior architectural applications. Visit our website to view the many powder solutions offered by Axalta Coating Systems.

Axalta trademarks may not be used in connection with any product or service that is not an Axalta product or service. Picture: © sebastian-julian, Getty Images

The Axalta logo, Axalta™ , Axalta Coating Systems™ and all products denoted with ™ or ® are trademarks or registered trademarks of Axalta Coating Systems, LLC and its affiliates.

www.alestapowder.com


International Exhibition & Congress for the paint, printing ink, varnish, glue and adhesive industries

22 - 24 October PIACENZA - ITALY PiacenzaExpo - Hall 1

THE COATING AND COLOUR SECTORS COME TOGETHER IN ITALY

DIVERSIFY YOUR INVESTMENTS NOT TO RELY ON 1 SINGLE SHOW

COATING - PACKAGING - HANDLING EQUIPMENTS

Participate in Eurocoat 2013 kkkBecause nothing can replace personal contact

www.eurocoat-expo.com

YOUR CONTACTS Cyril LADET - cladet@infopro.fr - Ph.: + 33 (0)1 77 92 96 84 David GARNIER - dgarnier@infopro.fr - Ph.: + 33 (0)1 77 92 94 79 An event co-organised by:


Surface treatment technologies: Eco-friendly processes for sustainable success.

Chrome(VI)-free pretreatment and anodizing technologies for an aesthetic and long-lasting aluminium surface. Excellent adhesion and a reliable corrosion performance can be easily achieved with Chemetall’s advanced aluminium pretreatment and anodizing technologies. As a renowned one-stop supplier to the aluminium finishing industry we have the power to supply you with a complete range of highly efficient processes. Expect more from Chemetall: innovative technologies, environmentally-sound processes, comprehensive technical support, a global network and dedicated people – inspired for your success. www.chemetall.com · surfacetreatment@chemetall.com


© Europolveri

NEW RESEARCH LABORATORIES OPENED: EUROPOLVERI LOOKS AHEAD Operativi i nuovi laboratori di ricerca: Europolveri guarda avanti Europolveri Spa Sandrigo (VI), Italy info@europolveri.it

Opening Photo: A new laboratory and R&D area has been recently inaugurated at the premises of Europolveri. It is a very modern department spread over two floors, with a total area of 870 square metres. Foto d’apertura: è stata recentemente inaugurata la nuova area Laboratori e R&D di Europolveri. Un modernissimo contesto che si sviluppa su due piani con una superficie complessiva di 870 m2.

A

new laboratory and R&D area has been recently inaugurated and become fully operational at the premises of Europolveri. It is a very modern department spread over two floors, with a total area of 870 square metres (Opening Photo). The new laboratory and R&D area has a highly strategic position within the plant, since it is located between the management and sales department and the manufacturing division, which reflects the pivotal role that this department plays by processing the management and market inputs and by supervising every step of the product development process as well as the subsequent production stages. On the ground floor, there is a 300 square metres wide laboratory, while, on the mezzanine and first floor, 200 square metres are intended for the R&D department and 370 square metres are used for the offices and utility rooms. The new laboratory and R&D area has been designed, organised and built in the name of rationality

22 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

È

stata recentemente inaugurata, ed è diventata operativa in tutta la sua funzionalità, la nuova area Laboratori e R&D di Europolveri. Un modernissimo contesto che si sviluppa su due piani con una superficie complessiva di 870 mq (foto d’apertura). La nuova area Laboratori e R&D è stata realizzata all’interno dello stabilimento in una posizione altamente strategica: si trova infatti posizionata tra l’area direzionalecommerciale e il comparto produttivo, una locazione che ben identifica il ruolo nevralgico che il reparto svolge elaborando gli input direzionali e di mercato e controllando tutti gli step di evoluzione del prodotto e le successive fasi di produzione definitiva. Al piano terra si trovano 300 mq destinati al Laboratorio, mentre al primo piano, parzialmente a sbalzo sull’area sottostante, 200 mq sono destinati alla sezione R&D e 370 mq sono distribuiti tra uffici e servizi. La nuova area Laboratori e R&D è stata progettata, strutturata e realizzata all’insegna della razionalità e della massima funzio-


HIGHLIGHT OF THE MONTH and maximum functionality, but without neglecting the aesthetic factor as well as seeking comfortable solutions and liveable environments. The layout has taken into account the needs for connection and communication between the two departments and, at the same time, between the two of them and the rest of the company. The new departments are equipped with the most modern machines and control and test equipment, as well as with up-to-date and sophisticated research tools. The total workforce engaged in the two departments is made up of 22 people distributed among the quality control, prototype preparation and development, research and management functions. The employees working in this new laboratory and R&D area are highly professional and experienced chemistry graduates, chemists, analysts and engineers. The work is carried out in teams and implies a close collaboration between the various departments. In terms of inputs, the R&D department works in close connection with the management, which gives it hints about the market needs and trends as regards products and application techniques; the research objectives and the projects for the medium/ long term are discussed and scheduled regularly with the sales management, as © Europolveri required by ISO standards.

nalità non trascurando però il fattore estetico-formale e ricercando soluzioni confortevoli ed ambienti di massima vivibilità. Il progetto è stato formulato secondo un layout che tenesse in considerazione le esigenze di collegamento e comunicazione tra i due reparti e, al tempo stesso, tra questi ed il resto del contesto aziendale. I nuovi reparti sono corredati delle più moderne macchine e apparecchiature di controllo e test e di un’aggiornata e sofisticata strumentazione finalizzata alla ricerca. L’organico complessivo impegnato nei due reparti è costituito da 22 persone distribuite tra controllo qualità, preparazione ed elaborazione prototipi, ricerca e direzione. Le risorse umane che operano all’interno del nuovo contesto Laboratorio e R&D sono costituite da laureati in chimica, periti chimici, analisti e tecnici di elevata professionalità ed esperienza. Il lavoro nei nuovi ambienti è articolato in team e prevede interscambio ed una stretta collaborazione fra i vari reparti. In termini di input, il reparto R&D opera in stretta connessione con la direzione da cui recepisce esigenze e trend del mercato in termini di prodotto e tecniche d’applicazione; in particolare gli obiettivi di ricerca e i progetti a medio/lungo termine vengono discussi e pianificati periodicamente con la direzione commerciale, come previsto dalla norma ISO.

R&D department

Reparto R&D

The work of the R&D department is wide-ranging and aimed at finding new formulations, solutions and improvements in terms of application and, most of all, of product performance. Once defined a project with the sales management, the R&D department proceeds with the feasibility study and then with the search for raw materials and the analysis of their impact on the production cycle. The subsequent steps are the formulation of a product able to achieve the required performance (specifications), the production of prototypes and the implementation of industrial tests.

Il lavoro del reparto R&D è ad ampio spettro ed è finalizzato alla ricerca di nuove formulazioni, di soluzioni e miglioramenti in termini di applicazione ed in particolare al miglioramento prestazionale dei prodotti. Definito il progetto con la direzione commerciale, il reparto R&D procede con la verifica di fattibilità e quindi con la ricerca delle materie prime e con l’analisi del loro impatto sul ciclo produttivo. L’iter prevede poi la formulazione per raggiungere le performance richieste (capitolati) e prosegue con la produzione di prototipi per concludersi con l’attuazione di test industriali. Il reparto R&D

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

23


New Research Laboratories Opened: Europolveri Looks Ahead

© Europolveri

© Europolveri

The R&D department works with the manufacturing division for the analysis and solution of quality issues, and coordinates the industrialisation stage of the new products.

collabora con la produzione sotto il profilo analitico per la soluzione delle problematiche qualitative, coordina e segue la fase di industrializzazione dei nuovi prodotti.

Laboratory

Laboratorio

The laboratory works in close collaboration with the R&D department and cooperates with the manufacturing division as regards the quality control and with the sales department for the development of prototypes (samples). The laboratory is responsible for the quality control of finished products and raw materials, the prototypes development, and the management of product formulations, coding and quality data. It also gives technical support to the sales department and cooperates from the analytical point of view with the production department for the solution of quality issues, follows the industrialisation projects and controls the process in all its stages, issues operating procedures, monitors the incoming raw materials and validates the inclusion of new ones on the recommendation of the technical direction. It has repeatedly been said that innovation and research are basic components of the DNA of Europolveri: this new step forward is a clear and further proof of the initiative of a company that wants to believe and knows how to constantly look beyond. A further confirmation of this spirit is that the Italian company based in Vicenza is in the process of preparing for the ISO 14001 certification and is considering the possible introduction of biobased raw materials in the future to improve the environmental impact of the products placed on the market (improvement of LCA - Life Cycle Analysis).

Il Laboratorio lavora in stretta collaborazione con il reparto R&D, collabora con la produzione, per quanto concerne il controllo qualità, e con il reparto commerciale per lo sviluppo di prototipi (campioni). Al Laboratorio sono demandate le funzioni di controllo di qualità prodotto finito e materie prime, di sviluppo prototipi, di manutenzione del gestionale per quanto riguarda le formulazioni di prodotto, la codifica e dati di qualità. Inoltre dà il supporto tecnico interno al reparto commerciale e collabora con la produzione dal punto di vista analitico per la soluzione dei problemi qualitativi, segue l’industrializzazione dei progetti e controlla il processo in tutte le sue fasi, emette procedure operative, controlla le materie prime in entrata e valida l’inserimento di quelle nuove su indicazione della direzione tecnica. Più volte è stato detto che innovazione e ricerca sono componenti base del DNA di Europolveri: anche questo nuovo passo avanti è un’evidente ed ulteriore testimonianza dell’intraprendenza di un’azienda che vuole crederci e sa costantemente guardare più in là. Ulteriore conferma di tale spirito aziendale sta nel fatto che l’azienda vicentina è in fase di preparazione per la certificazione ambientale ISO 14001 e sta valutando per il futuro la possibile introduzione di materie prime Bio-Based per migliorare l’impatto ambientale dei prodotti inseriti sul mercato (miglioramento dell’LCA - Life Cycle Analysis).

24 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


N E W

S P E C I A L

E F F E C T S

“effetto originale” “original effect”

Un’ innovativa gamma di vernici in polvere che rappresenta, per tecnologia, applicabilità, specificità e varietà di prodotti,

Zaniolo CdA-12.13

un punto di riferimento nel trattamento delle superfici di oggetti e manufatti metallici. Per risolvere il problema del graffitismo Europolveri ha formulato “Antigraffiti 10” una serie di prodotti specifici la cui natura chimica è un poliuretanico ad elevata reticolazione con delle maglie molto fitte che, grazie a questa loro caratteristica di uniformità, impediscono all’inchiostro dei graffiti di penetrare nella vernice e, quindi, lo rendono facilmente asportabile con l’impiego di solventi specifici per i diversi tipi di sostanza utilizzata (pennarello indelebile, smalti e inchiostri di varia natura). Un’ innovativa gamma di vernici in polvere che rappresenta, per tecnologia, applicabilità, specificità e varietà di prodotti, un punto di riferimento nel trattamento delle superfici di oggetti e manufatti metallici. To solve the problem of graffiti, Europolveri created "Antigraffiti 10" a series of products whose chemical nature is a polyurethane with high crosslinking with very dense mesh, and thanks to this characteristic of uniformity, it prevents graffiti ink to penetrate the coating and therefore, makes it easily removable with the use of specific solvents for the different types of used substances (permanent marker, varnishes and inks of various natures).

info@europolveri.it - www.europolveri.it


YD 852 ANTIGRAFFITI HYDRO CLEARCOAT YD 852 Antigraffiti Hydro Clearcoat Mannik Manoukian Lechler Spa, Como, Italy dircom.ind@lechler.eu

Opening photo: The solution proposed by Lechler is the result of a long and thorough process of research and development carried out by the laboratories of Como. It is a coating system consisting of products with a low environmental impact and involving the application of a transparent coating called YD852 ANTIGRAFFITI HYDRO CLEARCOAT. Foto d’apertura: la soluzione proposta da Lechler è il risultato di un lungo e accurato lavoro di ricerca e sviluppo attuato dai laboratori di Como: un ciclo di verniciatura composto da prodotti a basso impatto ambientale che prevede l’applicazione della vernice trasparente YD852 ANTIGRAFFITI HYDRO CLEARCOAT.

he graffiti phenomenon, spread all over the world, is a creative expression, but above all has become a problem for organisations and companies that need to protect the surfaces of means of transport (buses, train carriages, trams, etc.) and street furniture. Lechler now presents on the market a protective solution with a low environmental impact, because, in order to get everyone respect the environment, one must set a good example.

T

l fenomeno del graffitismo diffuso in ogni parte del mondo, più che un’espressione creativa, diviene un problema per enti e società che devono proteggere le superfici di mezzi di trasporto (bus, carrozze dei treni, tram ecc.) e arredi pubblici. Lechler presenta sul mercato una soluzione protettiva a basso impatto ambientale, perché per far rispettare l’ambiente bisogna saper dare il buon esempio.

A well known issue is the limitation of graffiti to some well-defined areas where the writers are allowed to express their art as a social and cultural phenomenon. In this regard, some municipalities have selected a few depressed areas for the creation of murals as an embellishment element (e.g. the “Frontier” project in Bologna). However, there are few cities around the world in which you will not find street furniture surfaces and structures covered with real acts of vandalism: trains, subways, buses, but also benches, shutters, gates and, of course, walls, be they of public, private (ref. Opening Photo), or even of historical premise. Apart from one’s point of view on the issue, this phenomenon involves considerable costs to bring back surfaces and structures to their original splendour.

Argomento ben noto è il problema dell’arginare il fenomeno del writing, o per dirla all’italiana del “graffitismo”, ad aree limitate in cui i writer/graffitari possano esprimere la loro arte come manifestazione sociale e culturale. A tal proposito alcuni comuni hanno selezionato delle specifiche aree alla realizzazione di murales come elemento di abbellimento di aree depresse (come il progetto “Frontier” di Bologna). Ma sono poche le città di tutto il mondo in cui non s’incontrino superfici e strutture dell’arredo urbano ricoperte da veri e propri atti vandalici: treni, metro, autobus, ma anche panchine, serrande, cancelli e ovviamente muri, che siano indifferentemente di enti pubblici, privati (rif. foto apertura) o addirittura di rilievo storico. Al di là della visione personale che ognuno possa avere su questo tema, il fenomeno implica costi

26 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

I


HIGHLIGHT OF THE MONTH Many proposals are being presented on the considerevoli per riportare superfici e strutture allo market in the attempt to solve the problem, but splendore originario. not all of them are really effective and, above all, Tante sono le proposte che giungono sul mercato in line with the European regulations about the per cercare di risolvere il problema, ma non tutte soemission of solvents into the atmosphere (VOC). no davvero efficaci e, soprattutto, in linea con le norThe solution offered by Lechler is the result of mative europee che regolamentano le emissioni di a long and thorough process of research and solventi in atmosfera (COV). La soluzione proposta development carried out by the laboratories of da Lechler è il risultato di un lungo e accurato lavoro Como. It is a coating system consisting of products di ricerca e sviluppo attuato dai laboratori di Como: with a low environmental impact and involving the un ciclo di verniciatura composto da prodotti a basso application of a transparent coating called YD852 impatto ambientale che prevede l’applicazione delANTIGRAFFITI HYDRO CLEARCOAT (Fig. 1). la vernice trasparente YD852 ANTIGRAFFITI HYDRO Due to its high polymerisation CLEARCOAT (fig. 1). on CLEAR degree polyurethane nature,, Grazie Gra alla sua natura chimica the new Lechler YD852 poliuretanica a elevata poliANTIGRAFFITI HYDRO merizzazione, la nuova verCLEARCOAT prevents the nice trasparente di Lechler n graffiti from penetrating intoo YD852 ANTIGRAFFITI HYDRO YD8 the surface, thus allowing forr CLEARCOAT impedisce ai grafCLE the easy removal of writings fiti t di penetrare nella superfi(Fig. 2), tags and drawings cie, consentendo così una facile made with spray paints, asportazione di scritte (fig. 2), asp permanent markers and tag ag e disegni realizzati con lipsticks, through the use of the bombolette spray, pennarelb bom 00552 LECHLEROID THINNER. li indelebili e rossetti, attraverR. in The anti-graffiti product by so l’impiego del diluente 00552 Lechler is suitable for the LECHLEROID THINNER. Il prodotLEC application on metal substrates to antigraffi ti di Lechler è idoneo ates a in double layer systems with per l’applicazione sui supporti pastel or metallic matte metallici in cicli doppio strato su me basecoats. It is therefore ideal basi al ba opache pastello o metallizfor the protection or restoration zate, tion on 1 zat e quindi risulta ideale per of both metal and plastic la protezione o il ripristino sia di There are few cities around the world in which you will not find street furniture substrates commonly used for supporti metallici che plastici, surfaces and structures covered with public and private structures con cui vengono comunemente real acts of vandalism. and means of transport: realizzati mezzi e luoghi pubblici Sono poche le città di tutto il mondo in trams, trains, subways and cui non s’incontrino superfici e strutture e privati: tram, treni, metropolidell’arredo urbano ricoperte da veri e buses, but also platform roofs, tane e autobus, ma anche penpropri atti vandalici. playgrounds, benches, shutters siline, parchi gioco, panchine, of shops, bathroom doors of saracinesche degli esercizi combars and stations, and so on. merciali, porte dei bagni di locali, stazioni e così via. The YD852 ANTIGRAFFITI HYDRO CLEARCOAT is Il trasparente YD852 ANTIGRAFFITI HYDRO CLEARglossy (90 Gloss) and requires a 2:1 catalysis with COAT è di aspetto lucido (90 Gloss) e necessita una the YD860 Motive WB Hardener from the Lechsys catalisi 2:1 con l’induritore della linea Lechsys Hydro Hydro line. YD860 Motive WB Hardener.

Regulation-proof effectiveness

Efficacia a prova di normativa

The YD852 coating complies with the standard UNI 11246 “Evaluating procedure for permanent

Il prodotto YD852 è conforme alla normativa UNI 11246 “Modalità di valutazione di prodotto per-

s 䡲 Paint spray system ns 䡲 Special spray solutio any 䡲 Material tanks in m sizes and models Meet us in Stuttgart: Hall 7, Stand 7420 Oct. 7th – 10th, 2013

The Coatings Experts

WALTHER Spritz- und Lackiersysteme GmbH Kärntner Str. 18-30, D-42327 Wuppertal Phone +49(0)202 787-0 info@walther-pilot.de

www.walther-pilot.de www.pistolen-scout.de


Yd 852 Antigraffiti Hydro Clearcoat

anti-graffiti products”, which provides for at least 10 cycles of soiling and subsequent cleaning without neither alteration of the brilliance nor modifications in the physical/chemical characteristics of the original film. The standard states that the products specifically intended for this use must pass practical tests of application and removal, about which a test report should be produced, containing specific information and directions. Here under, you may find those relating to the YD852 ANTIGRAFFITI HYDRO CLEARCOAT by Lechler.

SOILING AGENT

CLEANER USED

Bright red lipstick

00552 Lechleroid 00552 Lechleroid 00552 Lechleroid 00552 Lechleroid

Acrylic resin based red spray paint Polystyrene resin based silver spray paint Black permanent marker

NO. OF CLEANING CYCLES CARRIED OUT 10

RESULT ΔE (max 1.0) CIELAB UNI 8741-3 0.3

RESULT GLOSS VARIATION (max 5 Gloss 60°) UNI EN ISO 2813 2 GLOSS

10

0.7

3 GLOSS

10

0.6

3 GLOSS

10

0.2

2 GLOSS

thinner thinner thinner thinner

Many application fields

2

The use of YD852 ANTIGRAFFITI HYDRO CLEARCOAT is ideal for the restoration or creation of public means of transport as well as of the most common plastic and metal substrates. L’impiego di YD852 ANTIGRAFFITI HYDRO CLEARCOAT diviene quindi ideale per il ripristino o la realizzazione dei mezzi di trasporto pubblici come dei più comuni supporti metallici e plastici.

manente antigraffiti” che prevede almeno 10 cicli di imbrattamento e successiva pulizia senza alterazione della brillantezza e modifiche delle caratteristiche chimico/fisiche del film originale. La norma stabilisce che i prodotti specifici per questo utilizzo debbano rispondere a prove pratiche di applicazione e rimozione, dalle quali venga redatto un resoconto di prova, contenente dati e indicazioni specifici: di seguito, quelli relativi a YD852 ANTIGRAFFITI HYDRO CLEARCOAT di Lechler.

Numerous studies have shown that the constant cleaning of the graffiti pushes the writers to look for new places to express themselves with their works of art. The use of YD852 ANTIGRAFFITI HYDRO CLEARCOAT is therefore ideal for the protection or restoration of public means of transport as well as of the most common plastic and metal substrates located in public or easy-toaccess places and frequently used by the writer as “palettes”. The list of surfaces is long and varied, but, as already mentioned, some examples 2 are as follows: public means of transport (trams, trains, subways and buses, both internally and externally), public places (platform roofs, playgrounds, car parks, flyovers), private places (shop shutters, bathroom doors of bars, mailboxes, stations) and street furniture (traffic lights, benches, road signs).

28 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

Molteplici settori d’applicazione Numerosi studi hanno evidenziato come la pulizia costante dei graffiti spinga i graffitari a cercare nuovi posti dove esprimersi senza perpetrare la realizzazione delle loro opere. L’impiego di YD852 ANTIGRAFFITI HYDRO CLEARCOAT diviene quindi ideale per il ripristino o la realizzazione dei mezzi di trasporto pubblici come dei più comuni supporti metallici e plastici che si trovano in luoghi pubblici o di facile accesso e che frequentemente vengono impiegati dai writer in qualità di “tavolozze”. L’elenco delle superfici diventa quindi vasto e svariato, ma come già accennato, a titolo d’esempio, si pensi a: mezzi di trasporto pubblici (tram, treni, metropolitane e autobus sia in interno che esterno), luoghi pubblici (pensiline, parchi gioco, autosilo, cavalcavia), luoghi privati (saracinesche degli esercizi commerciali, porte dei bagni di locali, cassette postali, stazioni) e arredo urbano (semafori, panchine, segnaletica stradale).


Foto di Bruno Cordioli - www.br1.com

ANTHERM, THE “COLOURED” TECHNICAL SOLUTION TO REFLECTION OF INFRARED LIGHT IN SURFACE TREATMENTS ANTHERM, la soluzione tecnica “a colori” per la riflessione dei raggi IR nei trattamenti superficiali Luca Troiani Arsonsisi Spa, Lainate (MI), Italy luca.troiani@arsonsisi.com

A

rsonsisi has developed a new generation of coloured powder coatings, which enhance thermal insulation performances, cut energy costs and improve comfort. The sun is light, energy, heat and an essential source, but its radiation can compromise the quality of our lives. About 50% of the solar energy is absorbed by the earth’s surface. Infrared rays are responsible for the warming of the areas exposed to this invisible light, but the color and the paint applied can mitigate its adverse effects. Each color reflects heat differently. Dark and saturated colors, compared to the light ones, tend to absorb more radiations and contribute significantly to the heating of the surfaces. The use of white shades might seem to be the most obvious solution to reduce temperatures and costs, but it is a strong limit to creativity, especially in the field of architecture. When it comes to solar reflection, the dominant factor is the reference value of TSR - Total Solar Reflectance, the percentage of energy provided by the sun that is rejected from a surface. A standard version of a shade similar to RAL 9005 black, for example, has a TSR value of about 4%, while a close one to white RAL 9010 of 80%. The TSR value increases up to 28.5 % in the ANTHERM black version of Arsonsisi. ANTHERM coloured coatings withstand UV (Ultraviolet light) and weather conditions, protect against infrared, significantly increase the value of TSR up to 20% in dark colors, reduce heat transfer into the metal by 20% and contribute to sustainable development: less heat absorption means less energy costs for the air conditioning of buildings, less pollution emissions and less impact on global warming (Figg. 1 and 2).

30 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

A

rsonsisi ha sviluppato una nuova generazione di prodotti vernicianti atermici colorati, che amplificano le performance d’isolamento termico, abbattono i consumi energetici e migliorano il comfort ambientale. Il sole è luce, energia, calore e fonte indispensabile, ma le sue radiazioni possono compromettere la qualità della nostra vita. Circa il 50% dell’energia solare viene assorbita dalla superficie terrestre. I raggi infrarossi sono responsabili del riscaldamento delle aree esposte a questa luce invisibile, ma il colore e la vernice applicata possono mitigarne gli effetti negativi. Ogni colore riflette il calore in modo diverso. I colori saturi e scuri, rispetto a quelli chiari, tendono ad assorbire maggiormente le radiazioni e contribuiscono sensibilmente al riscaldamento delle superfici. L’impiego dei bianchi potrebbe sembrare la soluzione più scontata per ridurre temperature e costi, ma rappresenta un forte limite alla creatività, in particolare nel settore dell’architettura. Quando si parla di riflessione solare, il fattore preponderante di riferimento è il valore di TSR - Total Solar Reflectance, la percentuale di energia fornita dal sole che viene respinta dalla superficie. Una tinta simile al nero RAL 9005, ad esempio, nella versione standard ha un valore TSR di circa il 4%, mentre una simile al bianco RAL 9010 dell’80%. Nella versione ANTHERM di Arsonsisi, il valore TSR del nero aumenta fino al 28,5%. Le vernici colorate della serie ANTHERM resistono ai raggi UV ed alle intemperie, proteggono dagli infrarossi, aumentano sensibilmente il valore TSR fino al 20% nelle tinte scure, riducono del 20% il trasferimento del calore al metallo e contribuiscono a favorire lo sviluppo sostenibile: meno assorbimento di calore implica meno costi energetici per il condizionamento degli stabili, meno emissioni inquinanti e minor impatto sul surriscaldamento climatico (fig. 1 e 2).


HIGHLIGHT OF THE MONTH 1

RAL 5013 cobalt blue. With a standard coating version the value of TSR is 7%, while it raises up to 34% with the ANTHERM coatings and the temperature decrease is about 20%. 1

The athermic polyesters ANTHERM are certified Qualicoat and GSB, easy to apply like any other powder coating and can be widely used in the fields of architecture and construction, where the lowering of surface temperatures helps to reduce energy consumption for the cooling of buildings interior. They are highly suitable for coating roofs, cladding panels, aluminum windows and shutters, and for outdoor furniture. Besides affecting the insulating performance of doors and windows, excessive heat build-up of surfaces can accelerate the film aging. The application of Arsonsisi’s new powder coatings works on this process and helps to extend the lifetime of the outer coating. The innovative technology of ANTHERM provides added value to the coating product. By reducing the temperature differences within the object, the mechanical stress acting on the metal decreases and consequently improves the stability of color, gloss and mechanical properties of the film. Thanks to their excellent quality properties, as well as being addressed to the architecture (Fig. 3) and construction sectors, the new coloured polyesters are versatile and apply easily to many uses, anywhere a reduction of heat is 3 convenient. In the transport sector, for instance, they are suitable for coating vehicles of animal transport and agricultural machinery. ANTHERM coatings are already available in RAL colors, ranging from dark shades of red, blue, green, gray and brown to black, as well as in all types of finishes from glossy to matt, from smooth to wrinkled. New variants are under development and will soon enrich the range of the series to meet the needs of the most creative market.

2

I poliesteri atermici ANTHERM sono certificati Qualicoat e GSB, si applicano facilmente come qualsiasi altra vernice in polvere e possono trovare largo impiego nei settori dell’architettura e dell’edilizia, dove l’abbassamento delle temperature delle superfici aiuta a ridurre il consumo di energia per raffreddare l’interno dell’edificio. Sono infatti particolarmente indicati nella verniciatura di tetti, pannelli di rivestimento, serramenti e persiane in alluminio, mobili per esterno. L’eccessivo riscaldamento delle superfici, oltre ad inficiare le performance isolanti dei serramenti, può accelerare l’invecchiamento del film. Con l’applicazione delle nuove vernici in polvere di Arsonsisi, s’interviene anche su questo processo e si contribuisce al prolungamento della vita utile del rivestimento esterno. La tecnologia innovativa della serie ANTHERM conferisce alle vernici un valore aggiunto. Diminuendo le differenze di temperatura all’interno dell’oggetto si riduce lo stress meccanico che agisce sul metallo e si migliorano di conseguenza la stabilità del colore, la brillantezza e le proprietà meccaniche del film. Grazie alle ottime caratteristiche qualitative, oltre ai settori dedicati dell’architettura e dell’edilizia (fig. 3), questi nuovi poliesteri atermici sono versatili e si prestano facilmente ad altri impieghi, laddove è utile una riduzione di calore. Nel settore dei trasporti, ad esempio, sono adatti alla verniciatura di veicoli adibiti al trasporto di animali e di macchinari agricoli. Le vernici ANTHERM sono già disponibili in tinte RAL con tonalità scure del rosso, blu, verde, grigio, marrone e nero, in tutti i tipi di finiture dal brillante all’opaco e dal liscio al raggrinzato. Nuove varianti sono in corso di sviluppo e andranno presto ad arricchire la gamma della serie per soddisfare le esigenze più creative del mercato.

RAL 5013 blu cobalto. Nella versione standard il valore di TSR è del 7%, mentre nella versione ANTHERM aumenta fino al 34%, con una riduzione di temperatura di circa il 20%. 2

RAL 8017 chocolate brown. With a standard coating version the value of TSR is 6.5%, while it raises up to 30.5% with the ANTHERM coatings and the temperature decrease is about 20%. RAL 8017 marrone cioccolato. Nella versione standard il valore di TSR è del 6,5%, mentre nella versione ANTHERM aumenta fino al 30,5%, con una riduzione di temperatura di circa il 20%.

3

Metra Color Srl coating plant for aluminium profiles. Impianto di verniciatura Metra Color Srl per profili di alluminio.

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

31


Ucif, Unione Costruttori Impianti di Finitura,

celebra 40 anni di impegno, di passione, di traguardi raggiunti con successo portando all’eccellenza il Made in Italy. La finitura accompagna ogni processo produttivo sin dal suo inizio. Lo sapevi? Se fai prodotti di qualità sicuramente sì!

Apparecchiature, impianti e macchine di: • granigliatura • vibrofinitura • lavaggio • verniciatura • movimentazione e robotica • depurazione aria e acqua

Ucif, finitura per passione.

1973

Un punto di riferimento per tutta l’industria d’eccellenza.

2013 Per maggiori informazioni: Ucif Unione Costruttori Impianti di Finitura | www.ucif.net | info@ucif.net

Federata ANIMA / Confindustria


Pro Xp

ProMix 2KE ®

Pistole a spruzzo elettrostatiche per prestazioni professionali

Dosatore multicomponente compatto di livello base

Non abbiamo fatto altro che prendere le migliori pistole a spruzzo elettrostatiche del nostro marchio e renderle migliori. Sono più piccole, più leggere e progettate per aumentare al massimo i profitti.

Dosaggio semplice e flessibile, miscela le vernici bicomponenti in modo facile e uniforme, mai più costose rilavorazioni, facile manutenzione, risparmio di tempo e denaro.

wwww.graco.com


© Focchi Spa

CRITERIA FOR THE SELECTION OF FINISHES FOR ARCHITECTURE: THE EXPERIENCE OF FOCCHI SPA Criteri di scelta delle finiture per architettura: l’esperienza di Focchi Spa Alessia Venturi

Opening Photo: Focchi Spa headquarters in Poggio Berni (RN), Italy. Foto d’apertura: la sede Focchi Spa a Poggio Berni (RN).

I

n the field of engineering for the envelops of complex architectures, there exist a few Italian companies that, over the years, have been able to position themselves at the highest levels, collaborating with the most important architects in the world for the realisation of large-scale projects. These companies are the link between designer, customer and materials transformer, and translate the architects’ visionary designs and the clients’ ambitions of into something concrete and lasting. In the engineering process of architectural projects, as well as in the production of structures and in their implementation, there is a strong focus on the characteristics of materials and their use, and the finish chosen – ça va sans dire – plays a strategic role. Nowadays, the range of finishes for architecture is so wide, high performing and emotional that only by talking with someone directly involved in this choice process, is it possible to understand criteria, trends and technological features. Focchi, an Italian company based in Poggio Berni (RN) (ref. opening photo), has agreed to reveal what lies behind the implementation of world-renowned architects’ projects.

34 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

N

el settore dell’engineering per l’involucro esterno di architetture complesse esistono in Italia alcune aziende che nel corso degli anni hanno saputo posizionarsi ad altissimi livelli, collaborando con i più importanti studi di architettura a livello mondiale per la realizzazione di progetti di ampio respiro. Queste aziende rappresentano il trait d’union tra progettista, committente e trasformatore dei materiali e traducono in qualcosa di concreto e duraturo i progetti visionari degli architetti e le ambizioni dei committenti. Nel processo di ingegnerizzazione dei progetti architettonici, nella produzione delle strutture e nella loro messa in opera grande attenzione è posta sulle caratteristiche dei materiali e sul loro uso, e la finitura scelta gioca - ça va sans dire - un ruolo strategico. Oggi la scelta delle finiture per architettura è talmente ampia, performante ed emozionale che solo parlando con chi si occupa direttamente di questo processo di scelta è possibile capire quali siano i criteri, le tendenze e i risvolti tecnologici. L’azienda che ha accettato di svelarci cosa si cela dietro alla realizzazione dei progetti di architetti di fama mondiale è la Focchi di Poggio Berni (RN) ) (rif. foto apertura).


FOCUS ON TECHNOLOGY

© IPCM

AND HANDLING

Facciate continue al servizio dell’architettura

Focchi S.p.A. has become a leading company in the Focchi S.p.A. è diventata impresa leader nel settore defield of building enclosures, directly dealing with gli involucri per edifici occupandosi direttamente della the design, production and installation of high-tech progettazione, della produzione e della posa in opera curtain walls and service façades. The Focchi Group di facciate continue ad alto contenuto tecnologico e di was established in 1914, and has retained its original servizio. Il Gruppo Focchi nasce nel 1914, e conserva il name since its foundation by the Focchi family. suo nome originale sin dalla sua fondazione originaria This tradition has ensured continuity in the leadership da parte della famiglia Focchi. Questa tradizione ha gaof the group and a growing prestige in the industry. rantito una continuità nella leadership del gruppo ed un The keys to its success are the know-how, the thirty crescente prestigio nel mondo dell’industria. years’ experience I punti chiave del in the engineering suo successo sono: design of enclosures, Il know-how; l’espeand the overall rienza trentennale di project management progettazione tecniskills. The profiles ca degli involucri; la used for the curtain capacità di gestione walls’ construction globale del progetto. are designed by the I profili utilizzati per la R&D department of costruzione delle facthe company, with ciate continue sono particular attention to concepiti dall’Ufficio 1 the development stage Studi e Ricerche 1 and to the laboratory dell’azienda, dedicantests, so as to always do particolare cura allo Martino Amoroso, Purchasing Director, Focchi Spa obtain the maximum sviluppo ed alle prove performance quality and the most innovative di laboratorio, in modo da ottenere sempre la massima products in the industry. qualità prestazionali ed i prodotti più innovativi del settore. Focchi can now boast a few important achievements, Ad oggi l’azienda Focchi può vantare alcuni importansuch as the construction of the first building in ti primati, ad esempio la costruzione del primo edifiItaly with the structural silicone technology, in cio in Italia con la tecnologia del silicone strutturale, a Bologna, followed by the Lingotto in Turin and, in Bologna, seguito poi dal Lingotto a Torino e, in Europa, Europe, by the Haas Haus in Vienna; the design and dalla Haas Haus a Vienna; la progettazione e costruconstruction of innovative bomb-blast façades, used zione di innovative facciate bomb-blast, utilizzate a in Manchester for the Marks & Spencer building and Manchester nell’edificio Marks & Spencer e a Londra in London for the new headquarters of the London nella nuova sede della Borsa di Londra in PaternoStock Exchange in Paternoster Square; and the ster Square; la progettazione e realizzazione deldesign and construction of the largest “punctual la più grande facciata “puntuale” in Italia per i Pirelli façade” in Italy for the Pirelli Headquarters in Milan. Headquarters Milano. Infine, Focchi è stata la prima Furthermore, Focchi has been the first company azienda ad adottare la tecnologia delle grandi vetrate to adopt the technology of large aluminium and in alluminio e vetro nel settore navale, con la costruglass windows in the shipbuilding industry, with the zione di 23 grandi navi da crociera. construction of 23 large cruise ships. Un’azienda come la Focchi esprime il proprio knowFocchi proves its know-how even at the level of how anche a livello di finiture, interpretando le richiefinishes, interpreting the requirements of architects ste dell’architetto e della committenza e traducendoand clients to translate them into products and le in prodotti e processi industriali che rispondano ad industrial processes meeting very high quality, as well elevatissimi criteri qualitativi, prima ancora che estetias aesthetic standards. The company, therefore, plays ci. L’azienda svolge quindi un ruolo attivo nella scelta an active role also in the selection of the coating. del prodotto verniciante.

INDUSTRIAL AUTOMATION

Curtain walls at the service of architecture

Chain Conveyors Monorail – power&free – skid assisted Designed and manufactured to achieve maximum flexibility and modularity, they are the best solution for any requirements


Criteria for the Selection of Finishes for Architecture: the Experience of Focchi Spa

Project / Progetto: Torre Uffici Europarco Location/ Località: Roma Client/ Cliente: Europarco Srl Construction Manager: Europarco Srl Architect/ Progettista: Studio Transit

Criteri di scelta

“The primary criterion for the selection of the powder coatings to be used for our projects is qualitative,” Martino Amoroso, Focchi’s Purchasing Manager (Fig. 1), says. “The coating has to ensure excellent and durable quality of the finish, and most of all its structural adhesion: since we seal all our buildings with structural silicone, it is essential that the paints pass our stringent adhesion tests. As for all other requirements, all the basic ones are to be found in our specifications: minimum thickness of 60 μm for the coating and of 25 μm for the anodisation, service life of 60 years and 25-year colour degradation warranty. We work only with those suppliers of outdoor powder coatings that ensure the carrying out of stringent quality tests, especially concerning the structural adhesion. At the end of the selection process of each finish, three test cycles will have been carried out: those of the supplier, those of the applicator and finally ours.” Is it not the colour, therefore, that makes a difference in the selection of a coating supplier. “Virtually all paint manufacturers are able to provide the required colour, although there are 2 companies that invest more than others in special and metallic effects,” Martino Amoroso continues, “but only few are able to ensure a quality level adequate to meet the specifications of large-scale architectural projects. We choose powder coatings that are both Qualicoat Class 1 and Class 2 approved, although the performance of some companies’ Class 1 coatings are similar to that of other companies’ Class 2 ones. On the other hand, we realise that it is almost impossible to meet some of the requirements contained in our specifications, such as the 25-year colour change warranty, and that asking for the impossible would be counterproductive, given that even the Qualicoat Class 3 standard does not reach this level. Therefore, we always try to find the best compromise, without forgetting that the price variable is a criterion to be always kept in mind in the choice of the finish, because it heavily affects the costs of realisation.” “As for the pre-treatment, our specifications let the applicator freely chose the best technology,” Amoroso adds. “Nonetheless, we always rely on the same suppliers,

“Il criterio di scelta primario dei prodotti vernicianti in polvere da utilizzare per i nostri progetti è di tipo qualitativo – esordisce Martino Amoroso, Direttore Acquisti Focchi Spa (fig. 1) – la vernice deve garantire una qualità eccellente e duratura della finitura, in primo luogo l’adesione strutturale: sigillando tutte le nostre strutture con silicone strutturale è fondamentale che la vernice superi severi test di adesione. Per tutti gli altri requisiti, già nei capitolati troviamo i riferimenti base: spessore minimo di 60 μm per la verniciatura, e 25 μm per l’anodizzazione, durability life di 60 anni e garanzia di 25 anni del viraggio del colore. Noi collaboriamo solo con quei fornitori di vernici in polvere per esterni che garantiscono l’esecuzione di severi test di qualità, soprattutto relativi all’adesione strutturale. Alla fine del processo di definizione di ogni finitura, si saranno eseguiti ben tre cicli di prove: quelle del fornitore, quelle dell’applicatore e infine le nostre”. Non è quindi il colore a fare la differenza nella scelta di un fornitore di vernici. “Praticamente tutte le aziende produttrici di vernici sono in grado di fornire l’aspetto cromatico desiderato, per quanto ci siano aziende che investono più di altre negli effetti speciali e metallizzati – prosegue Martino Amoroso – ma poche sono quelle in grado di fornire le garanzie di qualità adatte a soddisfare i capitolati di progetti architettonici di grande respiro. Noi scegliamo vernici in polvere che soddisfano i requisiti Qualicoat sia di Classe 1 che di Classe 2, tuttavia le prestazioni Classe 1 delle vernici di alcune aziende si avvicinano alle prestazioni Classe 2 di altre. È pur vero che è quasi impossibile soddisfare alcuni dei requisiti contenuti nei nostri capitolati, ad esempio i 25 anni sul viraggio del colore, ma ci rendiamo conto che chiedere l’impossibile sarebbe controproducente, dal momento che nemmeno la Classe 3 Qualicoat arriva a questo livello. Per cui cerchiamo sempre il miglior compromesso, senza dimenticare che la variabile del prezzo è un criterio da tenere sempre ben presente nella scelta della finitura, perché influisce in maniera pesante sui costi finali di realizzazione”. “In materia di pretrattamento i nostri capitolati lasciano libero l’applicatore sulla scelta della miglior tecnologia – commenta Amoroso - tuttavia ci affidiamo sempre agli stessi

© Focchi Spa

2

Selection criteria

36 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


ovvero: ben oltre le 50

sfumature di grigio RAL 9006 LE PROTAGONISTE:

White Diamond

Pale Blue

Champagne

Terra

Anodized

Corten

REGIA: VOI, VOI, CON CON IL IL VOSTRO VOSTRO STRAORDINARIO STRAORDINARIO PROGETTO PROGETTO REGIA:

COATINGS, ALCUNI ALCUNI LE LE CHIAMANO CHIAMANO „LE „LE MIGLIORI“ MIGLIORI“ COATINGS, IN COLLABORAZIONE COLLABORAZIONE CON: CON: LAB E E VERNICIATORI VERNICIATORI APPROVATI APPROVATI IN IN ITALIA ITALIA IN LAB EFFETTI SPECIALI: SPECIALI: CHIMICI CON CON LUNGHISSIMA LUNGHISSIMA ESPERIENZA ESPERIENZA EFFETTI CHIMICI PRODOTTO DA: DA: PRODOTTO

BASATO SULLE SULLE STORIE STORIE VERE VERE DELLA DELLA GRANDE GRANDE INDUSTRIA INDUSTRIA EUROPEA: EUROPEA: BASATO UV

30*

PROTECTION

Classe II

Premium

Siliconatura strutturale

*3 year Florida

3 anni Florida

PRENOTAZIONE „BIGLIETTI“ (LAMIERINI): TIGER DRYLAC ITALIA srl. - M: office.it@tiger-coatings.com T: 035.4133580 F: 035.270387


Criteria for the Selection of Finishes for Architecture: the Experience of Focchi Spa

3

3

© Focchi Spa

4

Project / Progetto: Park House Location/ Località: Oxford Street, London Client/ Cliente: Land Securities Construction Manager: Mace Ltd Architect/ Progettista: Robin Partington Architects

4

© Focchi Spa

which are applicators certified by the powder coating manufacturers and are also approved by our consultants or by our customers’ ones.” “We interact directly with the designer of the structures,” Maurizio Focchi, the company’s owner, says, “so we already know what we want, when we ask our suppliers for a product. Much also depends on who has drawn the specifications, since the English market poses very different requirements compared to the Italian one, in terms of finishing treatments.”

fornitori i quali sono applicatori certificati dalle aziende che forniscono le polveri e sono omologati anche dai nostri consulenti o da quelli dei nostri clienti”. “Noi ci interfacciamo direttamente con il progettista delle strutture – prosegue Maurizio Focchi, titolare dell’azienda – quindi sappiamo già cosa vogliamo quando chiediamo i prodotti ai nostri fornitori. Molto dipende anche da chi ha fatto il capitolato di gara, se uno studio italiano o uno studio inglese, poiché il mercato inglese pone dei requisiti molto diversi ai trattamenti di finitura”.

Coating vs. anodising

Verniciatura vs anodizzazione

“Today’s profiles market is equally divided between anodising and powder coating, and we believe that this trend will be confirmed in the 2013-2014 period,” Maurizio Focchi explains. “The trend is cyclical: every 4 or 5 years, it is reversed. We are now witnessing a revival of the anodic oxidation process, but until 2012 the market required the powder coating technology for 70-80% of projects, with peaks of 100%. Currently, we are carrying out two projects in the UK involving the use of the anodising technique: an office and retail building in King’s Cross Central and the Moorgate Exchange compound, in London: the finish chosen are, respectively, oxidised black and oxidised bronze. On the other hand, the two projects that we are following in Italy, the Isozaki Citylife Tower in Milan and the Città del Sole compound in Rome, require the powder coating process. It is solely the client and, even before, the architect who chooses the surface treatment, assuming that the anodising world is extremely more complex: first of all, with this treatment there is no room for extrusion defects; secondly, only the silver oxidation is qualitatively superior to the use of paint, because it is a chemical attack and not a coating.

“Oggi il mercato dei profili si divide equamente tra ossidazione anodica e verniciatura a polveri e riteniamo che nel biennio 2013-2014 questa tendenza sia riconfermata - spiega Maurizio Focchi - l’andamento è ciclico: ogni 4 o 5 anni la tendenza si inverte. Oggi assistiamo a un ritorno pesante dell’ossidazione anodica, ma fino al 2012 abbiamo avuto un mercato che mediamente richiedeva la verniciatura a polvere per il 70-80% dei progetti, con picchi del 100%. Attualmente stiamo portando avanti due progetti in Gran Bretagna che prevedono l’impiego dell’anodizzazione: l’Edificio Direzionale di King’s Cross Central e il complesso di Moorgate Exchange di Londra: le finiture scelte sono, rispettivamente, un ossidato nero e un ossidato bronzo. I due progetti che stiamo invece seguendo in Italia, ossia la Torre Isozaki Citylife di Milano e la Città del Sole di Roma, prevedono la verniciatura a polveri. È unicamente la committenza e, ancor prima, l’architetto che sceglie su quale trattamento di superficie orientarsi, posto che il mondo dell’anodizzazione è estremamente più complicato: innanzitutto questo trattamento non “perdona” difetti di estrusione, in secondo luogo solo l’ossidazione argento è qualitativamente superiore alla verniciatura, poiché è un attacco chimico e non un rivestimento”.

38 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


FOCUS ON TECHNOLOGY Profili unici e irripetibili

The façade stretches over the skeleton of the building and “envelops” it. It is anchored to the base by hooking on the bearing stirrups in two points, like a huge Lego model. “The engineering process starts with the design of the extrusion dies of profiles,” Martino Amoroso says. “Our work is project-based, not product-based, and therefore every project is unique and unrepeatable. The dies are stored for a couple of years, used in case of breakage or restoration, and finally eliminated; at any time and in any case, however, we can recreate the original die of a profile. The non-repetitive nature of our profiles is the strong point of our business”. To date, the company has produced about 2000 dies, only 30 of which are reused with continuity: for each project, it can create up to 40-50 new dies. The King’s Cross building has required 63 different profiles. The second stage includes the aluminium extrusion and the coating processes. Many of the suppliers on which Focchi relies (including some of the biggest names in the aluminium industry, such as Metra, Viv Decoral and Pandolfo Alluminio) deal with both these technologies. The company uses about 400 tons/year of coated extruded profiles; it then treats and cuts the aluminium cells, but also assemblies the profiles with glass in-house. “The architectural firm usually asks for a specific RAL colour, which we present to various companies,” Martino Amoroso explains. “In this way, we become an active part of the decision-making process: we already know what companies are able to produce samples that pass the tests required by us. In recent years, we have found a handful of loyal powder coating suppliers that always give us the highest quality results. One of them is the Austrian company Tiger Drylac, which has worked and will work with us for the two tallest towers ever built, that of Europarco (Fig. 2) and

La facciata riveste lo scheletro dell’edificio e rappresenta un involucro completo. Si ancora da soletta a soletta, agganciandosi sulle staffe portanti in due punti, come fosse un enorme Lego. “Il processo di ingegnerizzazione parte dal disegno delle matrici di estrusione dei profili – spiega Martino Amoroso– noi lavoriamo a progetto e non a prodotto, quindi ogni progetto è unico e irripetibile. Le matrici sono conservate per un paio d’anni, utilizzate nel caso di rotture o ripristini, e poi eliminate. In qualsiasi momento e per qualsiasi evenienza possiamo ricreare la matrice originale di un profilo. La non ripetitività dei nostri profili è il punto forte della nostra attività”. L’azienda ha realizzato ad oggi circa 2000 matrici di cui solo 30 sono riutilizzate con continuità: per ogni progetto si possono produrre anche 40-50 nuove matrici. L’edificio di King’s Cross prevede 63 profili diversi. In seconda battuta si procede con l’estrusione e la verniciatura. Molti dei fornitori cui si affida la Focchi (fra cui i grandi nomi del settore dell’alluminio: Metra, Viv Decoral, Pandolfo Alluminio) sono sia estrusori che verniciatori e l’azienda uti5 lizza circa 400 ton/anno di estrusi verniciati. Al proprio interno la Focchi lavora e taglia le cellule di alluminio, e procede all’assemblaggio dei profili con il vetro. “Per la finitura solitamente lo studio di architettura chiede un RAL specifico che noi sottoponiamo a diverse aziende – spiega Martino Amoroso – è qui che diventiamo una componente attiva del processo decisionale: sappiamo già quali aziende sono in grado di produrre campioni che superano i test da noi richiesti. In questi anni abbiamo fidelizzato una manciata di fornitori di polveri in grado di darci la qualità massima. Uno di questi è l’austriaca Tiger Drylac che con noi ha collaborato e collaborerà per le due torri più alte mai realizzate, quella dell’Europarco (fig. 2) e la Isozaki di Milano, pronta per fine 2014. Inoltre, Tiger ha formulato una verni-

© Focchi Spa

Unique and unrepeatable profiles

5

Project / Progetto: Torre Uffici Europarco Location/ Località: Roma Client/ Cliente: Europarco Srl Construction Manager: Europarco Srl Architect/ Progettista: Studio Transit

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

39


Criteria for the Selection of Finishes for Architecture: the Experience of Focchi Spa

the Isozaki Tower of Milan, to be completed by the end of 2014. Moreover, Tiger has formulated an anodised bronze effect powder coating that has convinced the architect who designed the Moorgate compound to coat the profiles and anodise the metal sheets. Using both profiles and aluminium sheets, we need the finish to be the same on these different surfaces, and the powders to be of the highest quality to ensure uniformity of colour”.

ce in polvere ad effetto anodizzato bronzo che ha convinto l’architetto che ha progettato il complesso di Moorgate ad impiegare la verniciatura per i profili e l’anodizzazione per le lamiere. Utilizzando sia profili che lamiere di alluminio, abbiamo bisogno che la finitura sia uguale tra profilo e lamiera, e che le polveri siano di altissima qualità per garantire uniformità di colore”.

Progetti recenti Recent projects Project: Park House, Oxford Street London (Fig. 3). Robin Partington Architects for Land Securities. Construction Manager: Mace Ltd. Focchi Technology • ”Tipo floors” façades: semi-structural units with mechanical retaining system • ”Ground floor” façade: stick wall with structural glass fins • Aluminium vertical blinds • Balustrades Products used: RAL 7024 M4L0370 SYNTHA, RAL PREMIUM 7024 SGL0771 SYNTHA, PLATINUM ICE PREMIUM YW009E AZKO NOBEL, RAL 5004 PREMIUM YJ004E AZKO NOBEL The building, with its distinctive double curved geometry (both on the vertical and the horizontal plane), has been designed based on the development of the evolved form of the prolate spheroid. The connection of the elements in the two planes takes place at the four corners of the building through conical wedges. This elegant geometry is also characterised by transverse ribs created by the juxtaposition of aluminium extrusions (Fig. 4).

Progetto: Park House, Oxford Street London (fig. 3). Robin Partington Architects per Land Securities. Construction Manager: Mace Ltd. Focchi Technology • Facciate “piani Tipo”, cellule semi-strutturali a ritegno meccanico • Facciate”piano Terra” a montanti e traversi con fin strutturali in vetro • Elementi frangisole verticali in alluminio • Balaustre Prodotti utilizzati: RAL 7024 M4L0370 SYNTHA, RAL PREMIUM 7024 SGL0771 SYNTHA, PLATINUM ICE PREMIUM YW009E AZKO NOBEL, RAL 5004 PREMIUM YJ004E AZKO NOBEL L’edificio, dalla peculiare geometria a doppia curvatura (sia sul piano verticale che su quello orizzontale), nasce dallo sviluppo progettuale della forma evoluta dello sferoide prolato. Il raccordo degli elementi sui due piani si congiunge nei quattro vertici dell’edificio mediante spicchi conici. Questa elegante geometria viene caratterizzata, inoltre, da costolature trasversali realizzate mediante la giustapposizione di estrusi in alluminio (fig. 4).

Project: Europarco Office Tower, Roma. Studio Transit for Europarco Srl Focchi Technology • “Tipo floors” façades: semi-structural cells • Ground floor” façade: stick wall • Aluminium “eyelid” cladding • Aluminium vertical blinds • Spandrel units with decorative exterior profile Products used: RAL 9010 SERIE 068 TIGER COD. 068/10086, RAL 7035 SERIE 068 TIGER COD. 068/70185 This is a complex project of 805,000 m3 mostly intended for private offices, but also including commercial, recreational and residential buildings. It is characterised by an image that combines the charm of the “land art” with the high-tech modernity of the buildings’ façades (Fig. 5).

Progetto: Torre Uffici Europarco, Roma. Studio Transit per Europarco Srl Focchi Technology • Facciate “piani tipo” a cellule strutturali • Facciate “piano terra” a montanti e traversi • Rivestimento “copertura palpebra” in lamiera di alluminio • Elementi frangisole verticali in alluminio • Cellule spandrel con profilo decorativo esterno. Prodotti utilizzati: RAL 9010 SERIE 068 TIGER COD. 068/10086, RAL 7035 SERIE 068 TIGER COD. 068/70185 EUROPARCO è un progetto complesso di 805.000 m3 destinati prevalentemente ad uffici privati con spazi commerciali ricreativi ed edifici residenziali, caratterizzato da un’immagine che coniuga le suggestioni della “land-art” con la modernità high-tech dei prospetti degli edifici (fig. 5).

40 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


© IPCM

MDF POWDER COATING: MS MACROLEI CELEBRATES 10 YEARS OF SUCCESS La verniciatura a polveri dell’MDF: i 10 anni di esperienza e di successi della MS Macrolei Francesco Stucchi

Opening Photo: An example of extreme customisation applied to decoration: The whole structure is made up of powder coated and digital printing decorated panels. Foto d’apertura: un esempio di estrema personalizzazione applicato alla decorazione: tutta la struttura è composta da pannelli verniciati a polvere e decorati con stampa digitale.

I

n the furniture industry, MDF (Medium Density Fibreboard) panels have long been considered a viable alternative to chipboard, especially used for economic furniture and accessories, in terms of quality, resistance, flexibility, and coatability. Panels for kitchens, pieces of furniture or accessories should have an optimal finish for their intended use and, therefore, should be “ennobled”. Conventionally, an MDF panel can be ennobled in different ways: - Lamination: the panel is covered with melamine paper; - Veneering: the panel is covered with a thin layer of fine wood; - Coating. Since the early ‘90s, the latter MDF finishing technique has been the subject of an intensive research and marketing campaign aimed at replacing the expensive and polluting solvent-based coating systems with powder coatings, known to be free of solvents and heavy metals, as well as recoverable up to 100%. The use of powder coatings allows to overcome some limitations of this material (e.g. effective coverage of the edges without further

42 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

L’

utilizzo di pannelli in MDF (Medium Density Fibreboard, pannello di fibra a media densità) nel settore dell’arredamento è da anni considerato una valida alternativa al truciolato, utilizzato soprattutto per mobili e complementi più economici, in termini di qualità, robustezza, flessibilità e rivestibilità. Un pannello che comporrà una cucina, un mobile o un qualsiasi complemento d’arredo deve avere una finitura ottimale per la sua destinazione d’uso e quindi deve essere “nobilitato”. Tradizionalmente, il pannello in MDF può essere nobilitato in vari modi: - Laminatura: il pannello è rivestito con carta melamminica; - Impiallacciatura: il pannello viene rivestito con un uno strato sottilissimo di legno pregiato; - Verniciatura. Proprio quest’ultima tecnologia di finitura dell’MDF è stata oggetto, fin dall’inizio degli anni ’90, di un’intensa attività di ricerca e di marketing volta a introdurre le vernici in polvere – notoriamente prive di solventi e metalli pesanti, nonché recuperabili fino al 100% - in sostituzione dei cicli di verniciatura a solvente. L’impiego delle vernici in polvere consente di superare alcuni limiti di questo materiale – come la copertura efficace dei bordi senza l’inserimento di ulteriori fasi di


FOCUS ON TECHNOLOGY processo come la post-bordatura (nel caso del laminato) e apre notevoli possibilità di design e di nuovi utilizzi. Tuttavia la verniciatura a polveri dell’MDF non ha avuto un percorso tecnologico facile e tutt’oggi stenta a ritagliarsi la propria fetta di mercato sebbene presenti degli indubbi vantaggi economici e ambientali e la qualità di finitura sia comparabile a quella dei prodotti liquidi. Ciò che ha inibito l’utilizzo delle polveri sull’MDF erano gli ostacoli di tipo tecnologico, primo fra tutti l’applicazione elettrostatica su un substrato non conduttivo (l’MDF è composto da fibre legnose), e la fase di polimerizzazione, trattandosi di un materiale termosensibile. Inoltre la qualità di finitura percepita era inferiore rispetto a quella garantita dalla verniciatura liquida. Per tutti questi motivi era difficile prevedere un successo di questa tecnologia di finitura. Queste previsioni negative sono state in realtà disattese grazie alle risorse investite in termini di ricerca da parte di alcune aziende, tra le quali la Tiger Drylac, che hanno messo a punto vernici in polvere altamente reattive e ideali per la finitura dell’MDF, e da parte di una manciata di verniciatori conto terzi (una ventina in tutta Europa), fermamente convinti che le vernici in polvere e l’MDF fossero un’accoppiata vincente. Da queste ricerche è emerso non solo che era possibile sormontare tutte le criticità applicative, ma anche che il vero aspetto tecnologico critico era la costanza qualitativa del pannello in MDF. In Italia è stata la MS Macrolei di Osimo (An) a credere per prima, ormai dieci anni fa, nelle potenzialità di questa tecnologia installando un impianto di verniciatura a polveri di MDF e oggi raccoglie i frutti di questa lungimiranza industriale: la richiesta di questo tipo di finitura è in costante crescita al punto che presto sarà necessario trovare soluzioni che permettano all’azienda marchigiana di soddisfare la crescente domanda del mercato sia interno che internazionale. © IPCM

process steps such as post-edging, in the case of laminate) and paves the way for new designs and uses. However, the MDF powder coating technology has not had it easy and is still struggling to carve out its own slice of the market, despite its undoubted economic and environmental benefits and although the finishing quality is comparable to that of liquid products. The use of powder coatings on MDF has been prevented by obstacles of technological nature, such as the electrostatic application process on a nonconductive substrate (MDF is composed of wood fibres) and the polymerisation stage (being it a thermosensitive material). Furthermore, the finish quality perceived was lower than that ensured by liquid coatings. For all these reasons, it was difficult to envisage 1 the success of this finishing technology. Actually, these negative predictions have been disregarded, thanks to the resources invested in research by some companies, such as Tiger Drylac, which have developed highly reactive powder coatings, ideal for finishing MDF, and by a handful of subcontracting coaters (around twenty across Europe), firmly convinced that powder coatings and MDF were a winning combination. These studies showed not only that it was possible to overcome any application problem, but also that the really critical technological aspect was the consistent quality of the MDF panel. In Italy, MS Macrolei, a company based in Osimo (AN), was the first to believe in the potential of this technology. Ten years ago, it installed an MDF powder coating plant, and is now reaping the rewards of its long view. In fact, the demand for this type of finish is growing to the point that it will soon be necessary to find solutions to enable the company to meet the domestic and international market demand.

1

From the left: Sauro Macrolei, Owner of MS Macrolei; Alessia Venturi, IPCM; Vittorio Mancinelli, Sales Manager of MS Macrolei. Da sinistra: Sauro Macrolei, il titolare di MS Macrolei; Alessia Venturi, IPCM; Vittorio Mancinelli, responsabile commerciale di MS Macrolei.

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

43


MDF Powder Coating: MS Macrolei Celebrates 10 Years of Success

2

2

A series of panels with different shapes and sizes coated with thermosetting powder. Una serie di pannelli verniciati di diverse forme e dimensioni verniciati con polveri termoindurenti. 3

Items decorated with digital printing and powder coated. Manufatti decorati con la stampa digitale e verniciati a polvere.

© IPCM

3

© IPCM

The birth of an idea

Nascita di un’idea

Established in 1979 as a woodworking business for custom furniture, MS has successfully grown over the years, gaining the trust of some leading brands in different sectors (Fig. 1). Sauro Macrolei, the founder and general director of the company, is a typical entrepreneur with a flair for new markets, together with the willingness to invest resources in technologies able to meet the future needs of these markets. “Back in 2003, we decided to install a plant exclusively dedicated to the epoxy powder coating of panels and products in MDF,” Sauro Macrolei says, “which allowed us to increase our production capacity. The idea was born after meeting at a trade show Klaus Karner, a manager at Tiger Coating Drylac, an Austrian company also known in Italy for its innovative and high-quality powders. Once understood the characteristics and the potential of this new finish, we sensed that there would have been a gradual but steady demand from our target market in the years to come, as the main features of the related process are, undoubtedly, the considerable resistance of the end product, the possibility to obtain a high quality finish both on the surfaces and on the edges, and the environmental friendliness of the treatment, since the powders used are non-toxic and solvent-free (Fig. 2).” This peculiarity makes the powder coated products particularly suited to public areas, kitchens and bedrooms for children. Always oriented towards innovation, MS recently integrated a brand new machine for digital printing able to print any image on wood (including raw, ennobled and powder coated

Nata nel 1979 come falegnameria artigianale per arredamenti su misura, la MS è cresciuta con successo nel corso degli anni, conquistando la fiducia di alcuni dei marchi più importanti di svariati settori (fig. 1). Sauro Macrolei, fondatore e direttore generale dell’azienda, è il classico imprenditore dotato di un marcato fiuto verso i nuovi mercati, accompagnato dalla propensione ad investire risorse in tecnologie in grado di soddisfare le esigenze future di tali mercati. “Risale all’ormai lontano 2003 la decisione di installare un impianto esclusivamente dedicato alla verniciatura con polveri epossidiche di pannelli e manufatti in MDF – racconta Sauro Macrolei – che ci ha permesso di potenziare la nostra capacità produttiva. L’idea nacque in seguito all’incontro, presso una fiera, con Klaus Karner, responsabile della Tiger Coating Drylac, azienda austriaca nota nel nostro paese per le polveri innovative e di alta qualità. Dopo averci illustrato le caratteristiche e le potenzialità di questa nuova finitura, intuimmo che negli anni a venire ci sarebbe stata una graduale ma costante domanda da parte del nostro mercato di riferimento in quanto le caratteristiche fondamentali di tale lavorazione sono indubbiamente la notevole robustezza del prodotto finito, la possibilità di ottenere un’elevata qualità finale di finitura sia sul piano che sui bordi, nonché l’aspetto ambientale del trattamento, in quanto le polveri utilizzate sono atossiche e prive di solventi (fig. 2)”. Questa peculiarità rende i manufatti verniciati a polvere più che mai adatti ad ambienti pubblici, cucine e camerette per bambini. Sempre orientata verso l’innovazione, la MS ha recentemente incluso al parco macchinari un nuovissimo impianto per la stampa digitale in grado

44 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


FOCUS ON TECHNOLOGY MDF), Plexiglas, glass and other surfaces, so as to create fully customised kitchen doors, tables, doors, and room dividers (Fig. 3). “Our innovative digital printing system, operating since January 2010, has enabled us to increase our production flexibility,” Vittorio Mancinelli, the company’s sales manages, explains, “and therefore to customise our products according to the tastes and needs of our customers (Fig. 4). We are now confidently offering the digital printing technology to the field of contract furniture, in which an original piece of furniture associated with a corporate brand can make a difference in terms of image (Opening Photo).”

The project “After meeting with Karner,” Sauro Macrolei continues, “we decided to create a team able to design a system that was suitable for our needs, took into account the space available, and was easily manageable, reliable, versatile and, most of all, able to adapt to 4 the future market needs (Fig. 5).” The project team included: - Klaus Karner and Stefano Carlorosi (Tiger Drylac Italia) - Gianfranco Carnino (Infragas Nova Impianti) - Giacomo Ricci (Zeus Electrostatic Systems) - Sauro Macrolei and Vittorio Mancinelli (MS). The result was a plant that, in the last 10 years, has given a lot of satisfaction to MS Macrolei. It is composed of a preheating zone with gas IR panels, an automatic application booth (Fig. 6), a manual application booth and an IR curing oven (Fig. 7). In operation since 2004, the plant has undergone some technological changes as a result of the experience acquired with MDF.

di stampare qualsiasi immagine su legno (incluso MDF grezzo, nobilitato e verniciato a polvere), plexiglass, vetro e altri supporti, al fine di realizzare antine, tavoli, porte, separè interamente personalizzati (fig. 3). “Il nostro innovativo impianto per la stampa digitale, attivo da gennaio 2010, ci ha permesso di accrescere la nostra flessibilità produttiva - spiega Vittorio Mancinelli, responsabile commerciale dell’azienda – questo ci consente di personalizzare gli articoli secondo il gusto e le esigenze dei clienti (fig. 4). La stampa digitale degli arredi è una proposta interessante che rivolgiamo con fiducia al settore contract, in cui il componente d’arredo originale associato al marchio aziendale può fare la differenza in termini di immagine (rif. foto d’apertura)”.

Il progetto “Dopo l’incontro con Karner – riprende Sauro Macrolei – decidemmo di creare un team in grado di stendere un progetto per un impianto adatto alle ns. esigenze che © IPCM tenesse conto degli spazi a disposizione e fosse facilmente gestibile, affidabile, versatile e soprattutto in grado di adattarsi alle future esigenze del mercato (fig. 5)”. Il tavolo di lavoro fu così costituito: - Klaus Karner e Stefano Carlorosi (Tiger Drylac Italia) - Gianfranco Carnino (Infragas Nova Impianti) - Giacomo Ricci (Zeus Electrostatic Systems) - Sauro Macrolei e Vittorio Mancinelli (MS). Da questo team è nato l’impianto che in 10 anni ha dato alla MS Macrolei molte soddisfazioni ed è così composto: zona di preriscaldo con pannelli IR a gas, cabina di applicazione automatica (fig. 6), cabina di applicazione manuale e forno di polimerizzazione IR (fig. 7). In funzione dal 2004, l’impianto ha subito delle modifiche tecnologiche a seguito delle esperienze acquisite con l’MDF.

4

Custom accessories. Complementi personalizzati.

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

45


© IPCM

MDF Powder Coating: MS Macrolei Celebrates 10 Years of Success

5

5

A view of the powder coating plant. Vista dell’impianto di verniciatura a polveri. 6

The automatic booth in operation (Zeus Electrostatic). La cabina automatica in funzione (Zeus Electrostatic).

6

© IPCM

The problem posed by MDF

Il problema dell’MDF

“Initially, there was a lot of scepticism from our customers, when we offered to coat their MDF products with epoxy powders,” Vittorio Mancinelli states. “In fact, the problems were manifold, due not so much to the coating technology as to the type of MDF. At the beginning, we used exclusively panels manufactured in Italy by our long-standing supplier, an absolute leader at the national level, which had developed a conductive panel that facilitated the electrostatic painting process. The powder perfectly adhered to the panels, but there were problems of film cracking during the firing. We continued to try and experiment until we achieved very satisfactory results, but we found

“All’inizio, abbiamo trovato molto scetticismo fra i clienti quando proponevamo di verniciare i loro manufatti in MDF con polvere epossidica – riprende Vittorio Mancinelli – ed in effetti i problemi erano molti, dovuti non tanto alla tecnologia di verniciatura quanto alla tipologia dell’MDF. Inizialmente, utilizzavamo esclusivamente pannelli di produzione nazionale che acquistavamo dal nostro abituale fornitore, leader assoluto in Italia, il quale mise a punto un tipo di pannello conduttivo che facilitava la verniciatura elettrostatica. La polvere aggrappava perfettamente sul pannello ma vi erano dei problemi di spaccatura del film durante la cottura. Continuammo a provare e sperimentare fino a raggiun-

7

Items exiting the IR curing oven (Infragas Nova Impianti).

7

46 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

© IPCM

Manufatti in uscita dal forno di polimerizzazione I.R. (Infragas Nova Impianti).


Filtrazione per impianti di verniciatura ourselves facing a big problem: the inconstant characteristics of the panels that, while being perfect for the traditional treatments (Fig. 8), caused signiďŹ cant problems during the coating stage. When, after about a year, our supplier stopped producing the conductive panel, we were forced to seek an alternative in the international market. A Spanish manufacturer had its panels covered with a waterrepellent substance to protect the edges from moisture: in the course of countless tests carried out to ďŹ nd the right material to be coated, we realised that this thin ďŹ lm (Fig. 9) was a good conductor and made that type of MDF ideal for powder coating. In this way, we have made signiďŹ cant progress in the improvement of our products’ quality.â€? “We now have many customers and we have also entered the shop furniture ďŹ eld (Natuzzi, Primigi, etc.),â€? Mancinelli says, “which requires economic as well as strong and resistant surfaces, due to the frequent contact with the public. To meet these customers’ needs at best, we must be always ready and able to deliver within a week: with the liquid coating technology, this would be impossible. The system is therefore giving us a lot of satisfaction. It operates 9 hours a day and it is practically at full capacity,â€? Sauro Macrolei adds.

gere risultati decisamente soddisfacenti, ma ci trovammo ad arontare un grosso problema: le caratteristiche incostanti dei pannelli che, pur essendo perfetti per le lavorazioni classiche (ďŹ g. 8), in fase di verniciatura creavano problemi notevoli. Quando, dopo circa un anno, il nostro fornitore smise di produrre il pannello conduttivo e fummo costretti a ricercare un’alternativa sul mercato internazionale. Un produttore spagnolo consegnava i pannelli ricoperti di una sostanza idrorepellente per proteggere i bordi dall’umiditĂ : nel corso delle innumerevoli prove eettuate per trovare l’MDF giusto da verniciare a polveri ci accorgemmo che questo sottilissimo ďŹ lm (ďŹ g. 9) era un buon conduttore e rendeva quel tipo di MDF l‘ideale per la verniciatura a polveri. In questo modo abbiamo fatto dei notevoli passi avanti nella messa a punto della qualitĂ  ďŹ nale del prodotto.â€? “Oggi lavoriamo moltissimo e siamo entrati, con la verniciatura a polvere, nel mondo dell’arredo per negozi (Natuzzi, Primigi, ecc) – continua Mancinelli - dove le richieste sono di superďŹ ci robuste e resistenti, visto il frequente contatto con il pubblico, ed economiche. Per fornire al meglio questi clienti dobbiamo essere sempre pronti e consegnare nel giro di una settimana: con la ďŹ nitura a liquido sarebbe impossibile. L’impianto quindi ci sta dando molte soddisfazioni, lavora 9 ore al giorno ed è praticamente saturoâ€?, spiega Sauro Macrolei.

5RWROLSDQQHOOLHFHOOHLQӞEUDGLYHWUR &HOOHӞOWUDQWLSHUDOWHWHPSHUDWXUH 5RWROLHSDQQHOOLLQӞEUDVLQWHWLFD $FFXPXODWRUHYHUQLFH´&ROXPEXV¾ )LOWUL´$QGUHDH¾ &DUWXFFHӞOWUDQWL )LOWULDVVROXWL $SSOLFD]LRQLVSHFLDOL

ÓžOWHULQJIRU ÓžQLVKLQJOLQHV

5ROOVSDQHOVDQGFHOOVRIJODVVӞEHU )LOWHULQJFHOOVIRUKLJKWHPSHUDWXUHV 5ROOVDQGSDQHOVRIV\QWKHWLFӞEHU 3DLQWDFFXPXODWRU´&ROXPEXV¾ ´$QGUHDH¾ӞOWHUV )LOWHULQJFDUWULGJHV $EVROXWHӞOWHUV Special application

Via Vincenzo Monti 173 6HVWR6DQ*LRYDQQL 0, ,7$/< 7HO   )D[   HPDLOLQIR#GHÓžOLW ZZZGHÓžOLW


MDF Powder Coating: MS Macrolei Celebrates 10 Years of Success

8

9

© IPCM

8

© IPCM

9

One of the panel processing departments. Uno dei reparti di lavorazione del pannello.

The waterproof film which makes the MDF particularly suitable for the powder coating is visible. È visibile il film di sostanza idrorepellente che rende l’MDF particolarmente adatto alla verniciatura a polvere.

Plans for the future

I programmi futuri

MS is now the leading company in Italy for the supply of powder coated MDF panels and products in any shape and colour. The entrepreneurship and tenacity of Sauro Macrolei and his team have opened a market with a huge potential. The company exports panels even in the United States and will be soon able to significantly increase its production capacity. “We have achieved an excellent surface finishing quality,” Sauro Macrolei states, “but our concern remains the supply of the material. A process variable that had not even been considered as critical, i.e. the constant quality of MDF, has proved to be the weakest point of the system.” At first, we thought that the greatest technological problem would have been either the coating or the plant, while actually it is the consistency of the structural characteristics of MDF in each supply. Unfortunately, the very nature of this material does not allow for this consistency. That is why MS is experimenting with a plant optimisation system that would allow us to paint any kind of MDF with excellent qualitative results.” “The implementation of this innovative system solution,” Macrolei concludes, “will not revolutionise the existing plant, but will integrate it with ad hoc solutions to ensure a production flow significantly higher than the current one and allow it to easily meet the growing demand with the confidence to deliver a high quality product at a very attractive price.”

La MS di Osimo è oggi l’azienda leader in Italia per la fornitura di pannelli e manufatti in MDF verniciato a polveri di qualsiasi forma e colore. L’imprenditorialità e la tenacia di Sauro Macrolei e del suo team, hanno aperto un mercato dalle potenzialità enormi. L’azienda marchigiana esporta i suoi pannelli addirittura negli Stati Uniti e presto sarà in grado di aumentare notevolmente la propria capacità produttiva. “Abbiamo raggiunto un livello della superficie eccellente – dichiara Sauro Macrolei – ma il nostro timore rimane l’approvvigionamento del materiale. Quella che non era nemmeno stata presa in considerazione come variabile critica di processo, ossia la costanza qualitativa dell’MDF, si è rivelata il punto più debole del sistema”. Se inizialmente si pensava fosse la vernice o l’impiantistica il maggior problema tecnologico, la chiave si è rivelata invece la costanza delle caratteristiche strutturali dell’MDF in ogni fornitura. Purtroppo la natura stessa di questo materiale non consente questa costanza, per cui la Macrolei sta sperimentando un sistema di ottimizzazione impiantistica che permetterebbe di verniciare qualsiasi tipo di MDF con risultati qualitativi eccellenti. “La messa a punto di questa innovativa soluzione impiantistica – conclude Macrolei – non stravolgerebbe l’impianto attuale ma lo integrerebbe con soluzioni studiate “ad hoc”, consentendo un flusso di produzione decisamente superiore all’attuale e che permetterebbe d’affrontare la crescente domanda con serenità e certezza di fornire un prodotto d’elevata qualità ad un prezzo molto interessante”.

48 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


SURFACE TREATMENT TECHNOLOGY


© DVUV, LLC

FAST, CLEAN & GREEN – UV POWDER COATING FOR MDF Veloce, pulita e sostenibile: rivestimento a polvere UV per MDF Alessia Venturi

he global population in 2012 was 6 Billion. In 2030 it will grow to 7.4 billion1. There will be 3 billion more middle class consumers by 20301 . China and India will build new homes for 600 million people between 2010 – 20301. In 2012 the global motor vehicle production has reached 51.7 million units2. And in 2030 the estimated global motor vehicle production is 80.6 million units3. The energy demand is expected to increase by 420 quadrillion BTUs in the period 2010 - 20301 so is a convergence of sources and diversity of energy mix fossil – biofuel – renewables – nuclear4. Global coatings market is expected to reach 8.7 billion gallons and $107 billion by 20175. Solvent borne liquid coatings accounts for a 75 – 80% of the market while global powder coating market is around $5.4 billion5. The consumption of UV- curable coatings from 2009-2017 will grow at CAGR (Compound annual growth rate) of 6.65%6. In the US in 2012 the consumption of UV-curable products was 131,175 tons7.

T

a popolazione globale, nel 2012, era di 6 miliardi di persone. Entro il 2030 crescerà fino a 7,4 miliardi1. Ci saranno 3 miliardi in più di consumatori della classe media entro il 20301. Nel 2012 la produzione globale di veicoli ha raggiunto 51,7 milioni di unità2, e nel 2030 la produzione globale di veicoli stimata sarà di 80,6 milioni di unità3. Si prevede che la domanda energetica aumenti di 420 quadrilioni di BTU (British Thermal Unit) nel periodo 2010 - 20301, così come che si verifichi la convergenza di diverse fonti ed energie combinando fossile, biocombustibile, rinnovabili e nucleare4. Il mercato globale dei rivestimenti raggiungerà gli 8,7 miliardi di galloni e 107 miliardi di dollari entro il 2017. I rivestimenti liquidi a base solvente rappresentano il 75-80% del mercato mentre il mercato globale di rivestimenti a polvere è di circa 5,4 miliardi di dollari. Il consumo di rivestimenti a polimerizzazione UV nel periodo 2009-2017 crescerà a un tasso del 6,65%5. Negli Stati Uniti nel 2012 il consumo di prodotti UV è stato di 131.175 tonnellate.

Why all this data?

Perché tutti questi dati?

UV-Curable coating technology is increasingly being seen as a future technology in the area of industrial coatings, represents one of the rapidly growing segments in the coatings industry, and is arguably emerging as the answer to the rising environmental concerns and stringent regulations . Several application related

La tecnologia di verniciatura a polimerizzazione UV è sempre più vista come la tecnologia del futuro nel settore dei rivestimenti industriali, rappresenta uno dei segmenti in rapida crescita nell’industria della verniciatura, e sta probabilmente emergendo come la risposta alle crescenti preoccupazioni ambientali e alle norme stringenti. I vantaggi applicativi di questa tecnologia includono assenza di problemi

1

Opening Photo: DVUV System. Foto d’apertura: L’impianto DVUV.

2. 3. 4. 5. 6.

McKinsey Global Institute : Resource Revolution: Meeting the world’s energy, materials, food and water needs. 2011 Robert W. Baird & Co.: Global Auto & Truck Markets – March 2012 Autelligence: Megatrends in the global auto industry to 2030: 2010 BP Energy Outlook 2030: 2011 Global Industry Analysits, Inc.: March 2012 RadTech Report: 2012

50 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

L

1 2 3 4 5

McKinsey Global Institute : Resource Revolution: Meeting the world’s energy, materials, food and water needs. 2011 Robert W. Baird & Co.: Global Auto & Truck Markets – March 2012 Autelligence: Megatrends in the global auto industry to 2030: 2010 BP Energy Outlook 2030: 2011 Global Industry Analysits, Inc.: March 2012


FOCUS ON TECHNOLOGY advantages include absence of pot life issues, lower energy costs, fast cure speed, and reduced environmental impact. As such, one-component UV-Curable coating ranks among the fastest coating processes available in the present context. Curing of one-component UVCurable coating takes few seconds to minutes, which makes it more ideal for use in applications that require faster turnaround time (Fig. 1). DVUV, Cleveland, OH, is the innovator of UVcured powder coating for MDF (medium density fiberboard) wood. The company specializes in custom powder coated components for the retail, store fixture, POP display, healthcare, educational and office furniture industries, and specialty applications. UV-cured powder coating is 1 environmentally friendly, does not contain VOCs or HAPs (Hazardous Air Pollutants) and ensures efficient process, high performance finishes and affordable sustainability.

di pot-life, costi energetici più bassi, tempo di essicazione rapido e impatto ambientale ridotto. Per questo, i rivestimenti mono-componente a polimerizzazione UV si collocano tra i processi di rivestimento più rapidi disponibili nel contesto attuale. La polimerizzazione di un rivestimento mono-componente a polimerizzazione UV impiega da pochi secondi a pochi minuti, il che lo rende ideale per l’utilizzo in applicazioni che richiedono una realizzazione rapida (fig. 1). DVUV, Cleveland, OH (USA), è l’innovatrice della verniciatura a polvere UV per MDF (Medium Density Fiberboard). L’azienda è specializzata in componenti personalizzati verniciati a polvere per le industrie del settore del mobile dedicate a punti vendita, attrezzature per negozi, display POP, sanità, istruzione, ufficio e applicazioni specializzate. La vernice in polvere UV © DVUV, LLC è eco sostenibile, non contiene COV o HAP (Hazardous Air Pollutants) e assicura un processo efficiente, finiture ad alta prestazione ed ecosostenibilità a portata di mano.

History of UV-Curable Powder Coating

Storia della vernice in polvere UV

The 1st commercial applications of UV-Curable Powder Coatings in U.S. dates back to the years 1998 – 2000’s: they were applied on automotive radiators and industrial motors. In 2001 the company Decorative Veneer built the 1st UV-curable powder coating facility for MDF in Plainwell, MI USA, followed by RADEX in London, Ontario, Canada. In the following years application facilities were built in Europe for MDF and PVC cushion floor. In 2005 Decorative Veneer system moved to Cleveland, OH and DVUV, LLC. was formed. DVUV is manufacturer of finished components and applicator of UV-cured powder coatings on MDF. DVUV’s is the 1st UV powder on MDF system (Ref. Opening Photo) in North America. DVUV provides durable finished components based on the customers drawings. In 2006 Keyland Polymer, Ltd. formed to develop, formulate, and manufacture UV-curable powder coatings for DVUV and other customers; in 2010 DVUV Systems was formed to design, engineer, install, support UV-cured application systems. Today DVUV Holdings, LLC is the U.S. expert in the UVCurable powder coating technology and application.

La prima applicazione di rivestimenti a polvere a polimerizzazione UV negli Stati Uniti risale agli anni 1998-2000: sono stati applicati sui radiatori per auto e sui motori industriali. Nel 2001, l’azienda Decorative Veneer ha costruito il primo impianto di verniciatura a polvere UV per MDF a Plainwell, MI (USA), seguito da RADEX a London, in Ontario (Canada). Negli anni seguenti sono stati costruiti altri impianti di applicazione per pavimenti in MDF e PVC. Nel 2005, l’impianto di Decorative Veneer si è spostato a Cleveland, OH ed è stata formata DVUV, LLC. DVUV è un produttore di componenti finiti e applicatore di rivestimenti a polvere UV su MDF. L’impianto di DVUV (rif. foto d’apertura) è il primo a polvere UV su MDF nel Nord America. DVUV fornisce componenti finiti pronti per l’assemblaggio basati sul disegno dei clienti. Nel 2006, è stata creata Keyland Polymer, Ltd. con lo scopo di sviluppare, formulare e produrre vernici in polvere UV per DVUV e altri clienti; nel 2010, è stata creata DVUV Systems per progettare, costruire, installare e supportare gli impianti di applicazione a polimerizzazione UV. Oggi, DVUV Holdings, LLC è l’esperto negli Stati Uniti nella tecnologia e nell’applicazione di polvere UV.

1

Curing of one-component UV-Curable coating takes few seconds to minutes, which makes it more ideal for use in applications that require faster turnaround time. La polimerizzazione di un rivestimento mono componente a polimerizzazione UV impiega da pochi secondi a pochi minuti, il che lo rende ideale per l’utilizzo in applicazioni che richiedono un realizzazione più veloce.

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

51


Fast, Clean & Green – UV Powder Coating for MDF

La tecnologia di rivestimento a polimerizzazione UV è sempre più vista come la tecnologia del futuro nel settore dei rivestimenti industriali, come la risposta alle crescenti preoccupazioni ambientali e alle norme stringenti.

Verniciatura a polvere eco sostenibile

“At DVUV, we are committed to protecting the environment in every way possible – comments Michael Knoblauch, DVUV President – We create high quality products with an environmentally green powder coating that is safe for the environment and reduces our environmental impact. Our MDF (Medium Density Fiberboard) wood contains 100% pre-consumer recycled content MDF, which would have otherwise been incinerated or ended up in a landfill. All of our MDF is certified by the SFI or Sustainable Forestry Initiative and meets both CARB (California Air Resources Board) phase 2 I and II requirements for the limit of ureaformaldehyde emitted from composite wood products. Phase I limits emitted urea-formaldehyde to <.21 ppm and <.11 for phase II”.

“In DVUV siamo impegnati nella protezione dell’ambiente in ogni modo possibile - commenta Michael Knoblauch, Presidente di DVUV - Creiamo prodotti di alta qualità con un rivestimento a polvere ecosostenibile, sicuro per l’ambiente e che riduce il nostro impatto ambientale. Il nostro MDF (Medium Density Fiberboard) contiene materiale di riciclo pre-consumo che sarebbe altrimenti incenerito o portato in discarica. Tutto il nostro MDF è certificato da SFI (Sustainable Forestry Initiative) ed è conforme ai requisiti CARB (California Air Resources Board), fase 1 e fase 2, per il limite di urea-formaldeide emessa dai prodotti in composito di legno. I limiti di emissione di urea-formaldeide per la fase 1 sono <.21 ppm e per la fase 2 <.11”.

Green Finish

Finitura ecosostenibile

“The UVMax® powder coatings manufactured by Keyland Polymers contain zero solvents and emit zero VOCs, making it an environmentally green powder coating – Michael Knoblauch explains – UV-cured powder coating provides superior wear characteristics with an environmentally friendly, efficient and cost effective process. Our UV powder coating process is fast and extremely efficient, turning a raw part into a finished component in less than 20 minutes. There is no time wasted waiting for parts to dry. The manufacturing plant space is also significantly smaller than other typical finishing systems— resulting in lower labor, operational and energy costs. Our system allows complete design freedom: UVcured powder coating is an excellent finish for bullnose, radiused and waterfall edges, built up components and cutouts and contours. It’s a seamless finish that flows smoothly over complex shapes with 360° coverage for any component, three-dimensional or not and no need for edgebanding”. The cross-linked (Fig. 2) bond created during the UV-curing process is so strong that only 3-5 mils of powder are required. The coating is durable enough to withstand the NEMA impact test at 35” with no

“I rivestimenti a polvere UVMax® prodotti da Keyland Polymers sono privi di solventi e non emettono COV, rendendolo così un rivestimento a polvere ecosostenibile – spiega Michael Knoblauch – Il rivestimento a polvere UV fornisce caratteristiche di durata superiori con un processo ecosostenibile, efficiente ed efficace economicamente. Il nostro processo di verniciatura a polvere è veloce ed estremamente efficiente, poiché trasforma un pezzo grezzo in un componente finito in meno di 20 minuti. Non viene sprecato nemmeno un minuto per l’asciugatura dei pezzi. Lo spazio dell’impianto di produzione è inoltre significativamente più piccolo degli altri tipici sistemi di finitura, con conseguente abbassamento dei costi di lavoro, operativi ed energetici. I nostri sistemi permettono la massima libertà di progettazione: il rivestimento a polvere UV è un’eccellente finitura per bordi arrotondati, smussati e a cascata, componenti assemblati, sagome e profili. È una finitura senza interruzioni che scorre su forme complesse con copertura a 360° per ogni pezzo, sia tridimensionale che bidimensionale e che non ha bisogno di bordatura”. Il legame reticolato (fig. 2) creato durante il processo di polimerizzazione UV è così forte che sono richiesti soltanto 3-5 mil di polvere. Il rivestimento è abbastanza duraturo da resistere al test d’impatto NEMA a 35” senza fratture e al test di

52 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

© DVUV, LLC

2

UV-Curable coating technology is increasingly being seen as a future technology in the area of industrial coatings emerging as the answer to the rising environmental concerns and stringent regulations.

Environmentally Green Powder Coating


© DVUV, LLC

FOCUS ON TECHNOLOGY

3

4

cracking and the ASTM abrasion test with a wear-thru at 3,000 cycles with no effects (Table 1). Ultraviolet (UV) light creates an instantaneous cure through a process called photopolymerization. This creates a cross-linked and bonded molecular finish with superior wear characteristics. The highly durable powder coated finish withstands even the toughest environments— maintaining its original color, gloss and texture even after frequent traffic and cleanings.

abrasione ASTM con un passaggio a 3 mila cicli senza effetti (tabella 1). La luce ultravioletta (UV) crea una polimerizzazione istantanea attraverso un processo chiamato fotopolimerizzazione. Questo crea una finitura molecolare reticolata e legata con caratteristiche di durata superiori. La finitura rivestita a polveri ad alta durabilità resiste anche negli ambienti più severi, mantenendo il suo colore originale, brillantezza e trama anche dopo frequenti manipolazioni e lavaggi.

UV-Cured Powder Coating Process

Processo di verniciatura a polvere a polimerizzazione UV

“We’ve invested millions of dollars and countless hours of research and development to operate the most advanced UV-cured powder coating process and facility – Michael Knoblauch commented - Our state of the art finishing facility at our headquarters in Cleveland, Ohio is extremely accurate, highly efficient and cost effective. The in-house powder formulation and colour matching make it easy to achieve a colour for a specific project (Figs. 3 and 4). A single step innovative coating process allows us to go from raw MDF to a finished part in just 20 minutes. You give us a drawing and we give you a finished part ready for assembly. Maximum product dimensions are

© DVUV, LLC

3

High gloss finish. Finitura lucida. 4

Metallic Finishes. Finiture metallizzate.

“Abbiamo investito milioni di dollari e innumerevoli ore di ricerca e sviluppo per creare il processo e l’impianto di verniciatura a polvere a polimerizzazione UV più avanzato - commenta Michael Knoblauch - Il nostro impianto di finitura allo stato dell’arte della nostra sede principale a Cleveland, Ohio, è estremamente accurato, altamente efficiente ed efficace economicamente. La formulazione e l’abbinamento dei colori al nostro interno facilitano il raggiungimento di un colore per un progetto specifico (figg. 3 e 4). Un processo di rivestimento innovativo a mano unica ci consente di partire dall’MDF grezzo e ottenere un pezzo finito in soli 20 minuti. Partendo da un disegno forniamo un pezzo finito pronto per l’assemblaggio. Le dimensioni

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

53


© DVUV, LLC

Fast, Clean & Green – UV Powder Coating for MDF

5

5

With this technology it is possible to achieve an excellent coverage of cutouts and edges. Con questa tecnologia si ottiene un’eccellente copertura dei bordi. 6

An MDF component finished with UV-curable powder coating for the healthcare industry. Un componente in MDF verniciato a polveri UV per il settore sanitario.

© DVUV, LLC

6

55” X 96” X 4”. Color coverage is available on any exposed surface and in any combination of size, shape, cut, surface or edge finish within these overall dimensions” (Figs. 5 and 6).

massime del prodotto sono 55” X 96” X 4”. La copertura del colore è disponibile su tutte le superfici esposte e in ogni combinazione di misura, forma, taglio, superficie o finitura del bordo all’interno di queste dimensioni generali” (figg. 5 e 6).

Conclusion

Conclusione

A 40-60% energy savings when compared to other finishing systems and higher material utilization makes the UV-cured powder coating either of MDF or metal and plastics materials a streamlined operation that is extremely cost effective than traditional finishing processes.

Risparmio energetico del 40-60%, rispetto ad altri sistemi di finitura e un utilizzo maggiore di materiale, rendono la verniciatura a polvere a polimerizzazione UV, sia per MDF sia per metallo o materie plastiche, un processo semplice ed estremamente efficace rispetto ai processi di finitura tradizionali.

Tab. 1: Technical data. Tests performed by Element (www.element.com, formerly Stork Herron Testing)

Tab. 1: Dati tecnici. Test eseguiti da Element (www.element.com, già Stork Herron Testing)

Test Name Crosshatch Adhesion Impact Thickness Abrasion Resistance Scratch Resistance Cleanability/Stain Resistance 10% citric acid Vegetable oil Coffee Tea Milk Catsup Mustard Vinegar Red lipstick Grape juice Black permanent marker #2 pencil lead

Test Standard ASTM D3359, Method A NEMA LD3-1995, 3.8 224g steel ball ASTM D4138, Method A, Destructive, Tooke Gauge ASTM D4060, CS-17 Wheel, 500g, 500 cycles 500g weight on corrugated cardboard 4” movement, repeated 5 times, same location

Result No loss of adhesion No cracking at 48” 3-4 mils 34.2 mg No effect, no signs of wear or damage

NEMA LD3-2005, 3.4 NEMA LD3-2005, 3.4 NEMA LD3-2005, 3.4 NEMA LD3-2005, 3.4 NEMA LD3-2005, 3.4 NEMA LD3-2005, 3.4 NEMA LD3-2005, 3.4 NEMA LD3-2005, 3.4 NEMA LD3-2005, 3.4 NEMA LD3-2005, 3.4 NEMA LD3-2005, 3.4 NEMA LD3-2005, 3.4

No effect No effect No effect No effect No effect No effect Slight effect No effect No effect No effect Effect No effect

54 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


© Chemetall

CHROME-FREE PRETREATMENT OF HIGH-CLASS ALUMINIUM PROFILES Pretrattamento esente cromo per profilati di alluminio di alta gamma Mike Schirdewahn Technical Sales Manager General Industry Chemetall GmbH, Frankfurt am Main, Germany mike.schirdewahn@chemetall.com

1

The plant looks like new after chemical cleaning of the chromating zone. Thorough cleaning is one of the basic requirements for a successful conversion to chromium-free technologies. L’impianto sembra come nuovo dopo il lavaggio chimico dell’area di cromatazione. Il lavaggio scrupoloso è uno dei requisiti basilari per il successo del passaggio alle tecnologie senza cromo.

K

oenigsdorf Oberflächentechnik changed its pretreatment plant from a chrome(VI)containing process to the eco-friendly Oxsilan technology offered by Chemetall. Thus, the company already meets future REACH requirements and supplies high-quality, chromium-free aluminium profiles to renowned facade construction companies.

K

The core activity of Koenigsdorf Oberflächentechnik GmbH & Co. KG in Wolfhagen, Germany, is the refining of metal surfaces. With anodizing technologies and powder coatings, the company has been actively ensuring since the 1960s that building facades can withstand the most diverse weather conditions for many decades. Besides a long-lasting, decorative surface, the refined aluminium profiles and sheets produced by this company also afford excellent corrosion protection. With a workforce of around 130 employees, the GSB and Qualanod member Koenigsdorf Oberflächentechnik coats around 10,000 square meters per day, mainly 1 aluminium surfaces, on a total of three production lines. The horizontal line – where a yellow chromating process ran – was successfully changed to the silanebased Oxsilan technology in April 2013 (Fig. 1).

L’attività principale di Koenigsdorf Oberflächentechnik GmbH & Co. KG a Wolfhagen, Germania, è la finitura delle superfici metalliche. Con le tecnologie di anodizzazione e verniciatura a polvere, l’azienda assicura, dagli anni ‘60, che le facciate degli edifici possano sopportare le più svariate condizioni atmosferiche per molti decenni. Oltre a superfici decorative e durevoli, i profili di alluminio e le lastre verniciate prodotte da quest’azienda offrono anche un’eccellente protezione dalla corrosione. Con una forza lavoro di circa 130 dipendenti, Koenigsdorf Oberflächentechnik, membro GSB e Qualanod, vernicia circa 10 mila metri quadrati al giorno, principalmente di superfici di alluminio, su un totale di © Chemetall tre linee di produzione. Lo scorso aprile 2013, la linea orizzontale dove si utilizzava un processo di cromatazione gialla - è stata modificata con successo con la tecnologia ai silani Oxsilan (fig. 1).

56 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

oenigsdorf Oberflächentechnik ha cambiato il proprio impianto di pretrattamento passando da un processo contenente cromo(VI) alla tecnologia ecosostenibile Oxsilan, prodotta da Chemetall. Grazie a ciò, l’azienda è già conforme ai futuri requisiti REACH ed è in grado di fornire profilati di alluminio di alta qualità ed esenti cromo a rinomate società che costruiscono facciate.


FOCUS ON TECHNOLOGY Changeover to chromium-free technologies – a necessary evil?

Il passaggio a tecnologie esenti dal cromo: un cambiamento necessario?

Chromium, as a hazardous substance, is on the ECHA candidate list and chrome(VI) processes are scheduled to come under very stringent regulation probably in August 2018. Architects are now increasingly asking for chrome-free materials. Often if the suppliers are not able to produce them, they will simply not be considered in the bidding process. With these new requirements approaching, many companies are now searching for viable, non-chrome alternatives. Just like Koenigsdorf Oberflächentechnik. The first contacts between this company and Chemetall, a global leader in metal pretreatment technologies, were established at the Aluminium 2012 trade fair in Düsseldorf, Germany. In the same year, the planning process started to change the plant to the chrome-free Oxsilan technology. “Thanks to the changeover to Oxsilan we can now process high-class aluminium profiles and galvanized material with 2 one of the most eco-friendly coating technologies available”, says Dieter May, Managing Director of Koenigsdorf Oberflächentechnik. “With the chrome-free Oxsilan technology, we are excellently positioned for the future. The new process offers many benefits in terms of health and environmental protection, production flexibility and also potential process costs savings”.

Il cromo, in quando sostanza pericolosa, é sulla lista dei candidati ECHA e i processi con cromo(VI) saranno normati in modo più severo probabilmente nell’agosto 2018. Perciò gli architetti richiedono sempre più materiali privi di cromo e spesso, se i fornitori non sono in grado di produrli, non vengono nemmeno considerati nel processo di offerta. Con l’arrivo di questi nuovi requisiti, molte aziende sono alla ricerca di valide alternative esenti cromo, proprio come la Koenigsdorf Oberflächentechnik. I primi contatti tra l’azienda e Chemetall, leader globale nelle tecnologie di pretrattamento del metallo, risalgono alla fiera Aluminium 2012 a Düsseldorf, Germania. Nello stesso anno è iniziato il processo di pianificazione per cambiare l’impianto adottando la tecnologia priva di cromo Oxsilan. “Grazie al passaggio a Oxsilan, ora possiamo lavorare profilati di alluminio di alta gamma e materiale galvanizzato con una delle tecno© Chemetall logie di verniciatura più ecosostenibili sul mercato”, dichiara Dieter May, amministratore delegato di Koenigsdorf Oberflächentechnik. “Con la tecnologia esente cromo Oxsilan, siamo pronti per il futuro. Il nuovo processo offre molti benefici in termini di salute e protezione ambientale, flessibilità produttiva e potenzialità di risparmio sui costi di processo”.

Minor plant adaption

Adeguamento minimo dell’impianto

Only minor conversions were required for the changeover from the former yellow chromating plant to the chromefree technology. With regard to the process sequence there is little difference between chromium-free and chromiumcontaining technologies. The metal substrates have to be pre-cleaned and rinsed before a conversion coating can be applied. Even the component line hangers made from steel could still be used. As opposed to most other chromefree processes, the multi-metal Oxsilan technology can cope with the iron dissolution in the bath. And Koenigsdorf

Sono state necessarie solo piccole modifiche per il passaggio dal precedente sistema di cromatazione gialla alla tecnologia priva di cromo. Riguardo alla sequenza di processo, c’è poca differenza tra le tecnologia con o senza cromo. Il substrato di metallo deve essere lavato e risciacquato prima che si possa applicare il rivestimento di conversione. È possibile continuare ad utilizzare anche i ganci in acciaio per appendere i pezzi. Al contrario della maggior parte dei processi privi di cromo, infatti, la tecnologia multi-metal Oxsilan può sopportare la dissoluzione del ferro nel bagno, quindi

2

A huge benefit for job coaters: Steel line hangers and hooks can also be used for the multi-metal Oxsilan® process. Thus there is no need to invest in expensive stainless steel line hangers with this chrome-free technology. Most of the other chromefree processes, however, require stainless steel hangers, as the iron dissolution from the steel hangers causes problems in the conversion stage and consequently on the pretreatment coating. Un grande beneficio per i verniciatori: con il processo multi-metal Oxsilan possono essere usati i ganci di linea in acciaio. In questo modo, non è necessario investire in costosi ganci in acciaio inossidabile, richiesti invece dalla maggior parte degli altri processi senza cromo, ove la dissoluzione del ferro dal gancio causa problemi nella fase di conversione e quindi sul rivestimento di pretrattamento.

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

57


Chrome-Free Pretreatment of High-Class Aluminium Profiles

3

The horizontal line at Koenigsdorf Oberflächentechnik: aluminium profiles are pretreated with Chemetall’s Oxsilan® technology. La linea orizzontale presso Koenigsdorf Oberflächentechnik: i profili di alluminio sono pretrattati con la tecnologia Oxsilan® di Chemetall.

Oberflächentechnik did not need to invest in expensive stainless steel hangers (Fig. 2). For the changeover, only the cascaded rinse was adapted and the rinsing technology optimized. The improved nozzle technology in the four-chamber spray plant ensures better rinsing of the cavities. A glass bowl filter was installed in the Oxsilan bath to remove any particles sized between 10 and 25 μm. During the changeover, Koenigsdorf Oberflächentechnik opted for the installation of a new reverse osmosis plant instead of refilling its existing deionized (DI) water unit. Thus, it was possible to reduce the DI water retention capacity from 6,000 l/h to 1,500 l/h. Further benefits of the fullyautomatic reverse osmosis unit are its low maintenance and low consumption of regeneration chemicals. In addition, the plant is also relatively inexpensive to acquire; a refill of exchanger resins for the existing DI unit would have cost nearly the same amount. The DI unit is now 3 re-used in the anodizing plant.

Koenigsdorf Oberflächentechnik non ha dovuto investire in costosi ganci di acciaio inossidabile (fig. 2). Per convertire l’impianto è stato necessario solo ottimizzare i lavaggi utilizzando il sistema di “risciacquo a cascata”. La migliorata tecnologia a ugelli nell’impianto a spruzzo a quattro vasche ottimizza il risciacquo delle cavità. Un filtro a campana di vetro è stato installato nel bagno Oxsilan per rimuovere ogni particella tra i 10 e 25 μm. Nel corso del cambiamento, Koenigsdorf Oberflächentechnik ha scelto di installare un nuovo impianto di osmosi inversa piuttosto che riempire l’unità di acqua demineralizzata già esistente. In questo modo è stato possibile ridurre la ritenzione di acqua demi da 6.000 l/h a 1.500 l/h. Ulteriori vantaggi portati dall’unità automatica di osmosi inversa sono la ridotta manutenzione e il basso consumo di prodotti chimici di rigenerazione. Inoltre, l’impianto è relativamente poco costoso: la ricarica per lo scambiatore di resine per l’unità preesistente di acqua demi sarebbe costata quasi la stessa cifra. L’unità demi viene ora riutilizzata © Chemetall sull’impianto di anodizzazione.

Plant cleaning

Lavaggio dell’impianto

Plant cleaning was a matter of just a couple of days. While the first three process tanks, the pickling tank and two rinsing tanks, were drained and mechanically cleaned, the chromating zone and the downstream rinsing bath were cleaned using chemicals. In this process, first a cleaner bath containing an alkaline cleaner (Gardoclean R1700F) was prepared in the rinsing tank downstream of the chromating bath. This spray rinsing tank was operated for two hours before pumping the cleaner solution into the chromating zone. The rinsing tank was then filled with tap water and neutralized with sulfuric acid (Gardacid P). The cleaner solution in the chromating zone was left to react overnight at a temperature of 30 °C. The next day, the spray pumps were switched on for two to three hours before draining the tank, filling it with tap water and neutralizing it with Gardacid P until reaching a pH in the range of five to six. After that, the bath was made up using DI water and the single-component Oxsilan Al 0510 product. “For plant cleaning, our estimates regarding the effluent volume roughly follow the formula: number of

Il lavaggio dell’impianto ha richiesto soltanto un paio di giorni. Mentre le prime tre vasche di processo, la vasca di decapaggio e le due vasche di risciacquo venivano asciugate e pulite meccanicamente, la zona di cromatazione e il bagno di risciacquo a valle venivano puliti con sostanze chimiche. In questa fase, è stato dapprima preparato un bagno di lavaggio contenente un agente pulente alcalino (Grandoclean R1700F) nella vasca di risciacquo a valle del bagno di cromatazione. Questa vasca di risciacquo a spruzzo ha funzionato per due ore prima che venisse pompata la soluzione di lavaggio nella zona di cromatazione. La vasca di risciacquo è stata poi riempita con acqua di rete e neutralizzata con acido solforico (Gardacid P). La soluzione di lavaggio nella zona di cromatazione è stata lasciata a reagire per tutta la notte a una temperatura di 30°C. Il giorno successivo, le pompe della spruzzatura sono state accese per 2-3 ore prima di prosciugare il serbatoio, per poi riempirlo con acqua di rete e neutralizzarlo con Gardacid P fino a raggiungere un pH di circa 5-6. Dopodiché, è stato preparato il bagno usando acqua demi e il prodotto mono-componente Oxsilan Al 0510. “Per il lavaggio dell’im-

58 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


bath tanks x tank volume x four”, says Dipl. Ing. Mike Schirdewahn, Technical Field Service, Chemetall, who was responsible for the changeover preparation phase (Fig. 3).

Robust: ten times higher conductivity In terms of rinsing water consumption, significantly less DI water is required downstream of the Oxsilan treatment line than in the case of the chromating process. Given the robustness of the technology, it was possible to raise the conductivity value of the dripping water in the DI rinse upstream of the Oxsilan bath to 200 – 300 μS/cm. This corresponds to a conductivity value which is roughly ten times higher than that of other no-rinse passivating processes. As the new reverse osmosis plant does not allow for a circulation of the water, part of the DI water is discarded directly downstream of the Oxsilan tank. Consequently, the DI water consumption remains on nearly the same level as before.

Analyses confirm superior quality To assess the quality of the pretreatment, a visual check of the components is frequently performed after their leaving the adhesive water dryer. This was certainly the biggest change for the employees of Koenigsdorf Oberflächentechnik who had so far been able to judge the quality of the pretreatment by a uniform,

pianto, le nostre stime riguardanti il volume di acque di scarico seguivano approssimativamente questa formula: numero di vasche di processo X volume della vasca X quattro”, spiega l’Ing. Mike Schirdewahn, Technical Field Service, Chemetall, responsabile della fase di preparazione della conversione dell’impianto (fig. 3).

Conducibilità dieci volte più alta In termini di consumo di acqua di risciacquo, serve molta meno acqua demineralizzata a valle della linea di trattamento Oxsilan rispetto a quanto accade nel processo di cromatazione. Data la solidità della tecnologia, è stato possibile aumentare il valore di conduttività dell’acqua nel risciacquo demi a monte del bagno Oxsilan fino a 200-300 μS/cm. Questo corrisponde a un valore di conduttività circa dieci volte più alto rispetto ad altri processi di passivazione no-rinse. Poiché il nuovo impianto di osmosi inversa non permette la ricircolazione dell’acqua, parte dell’acqua demi viene eliminata direttamente a valle della vasca Oxsilan. Di conseguenza, il consumo di acqua demi resta simile a quello precedente.

Le analisi confermano una qualità superiore Per valutare la qualità del pretrattamento, si esegue spesso un controllo visivo dei pezzi dopo l’uscita dalla zona di asciugatura dell’acqua. Questo è stato sicuramente il più grande cambiamento per i dipendenti di Koenigsdorf Oberflächentechnik che, fino a quel momento, potevano

GARD-PANEL


Chrome-Free Pretreatment of High-Class Aluminium Profiles

yellow iridescent, wipe-proof coating. The assessment of the nearly colorless Oxsilan coating was facilitated by introducing a so-called droplet test that evidences the coating by way of a color reaction. “Our employees feel comfortable working with the bath analysis”, says Mr. Neufeld, Plant Manager at Koenigsdorf Oberflächentechnik. “Thanks to the automatic metering of the single-component Oxsilan and degreasing technologies, we can maintain a stable operation of our baths”. Time expenditure for the bath analyses basically does not differ from that of the former process: degreasing is measured once or twice, the concentration of the Oxsilan bath three times per day. In addition to measuring pH and conductivity, the zirconium content and the coating weight are also determined by means of photometry.

giudicare la qualità del pretrattamento dal rivestimento uniforme, giallo iridescente e a prova di rimozione. La valutazione del rivestimento Oxsilan, quasi privo di colore, è stata facilitata introducendo un droplet-test che evidenzia il rivestimento mediante una reazione di colore. “I nostri dipendenti si trovano bene a lavorare con l’analisi del bagno”, dichiara il Sig. Neufeld, manager d’impianto a Koenigsdorf Oberflächentechnik. “Grazie alla misurazione automatica del mono componente Oxsilan e delle tecnologie di sgrassaggio, possiamo mantenere stabile la funzionalità dei nostri bagni”. Il tempo speso per le analisi del bagno non differisce molto da quello del processo precedente: lo sgrassaggio si misura una o due volte, la concentrazione del bagno Oxsilan tre volte al giorno. Oltre a misurare pH e conducibilità, si determinano con la fotometria anche il contenuto di zirconio e il peso del rivestimento.

Long-term quality confirmed by rapid analysis

Qualità a lungo termine confermata da analisi rapide

A new analysis method provides quick information about the quality and corrosion protection offered by the conversion coating. Whereas results confirming the long-term quality could only be obtained by means of a 500 – 1,000 hour salt spray test so far, the new measuring method now allows assessing the quality within a period of only three to seven hours. “With the new resting potential analysis, we receive confirmation of the quality of our coated components on the same day. That is what I call a truly innovative process control and quality test and it tells me that I have found the right partner”, says Dieter May.

Un nuovo metodo di analisi fornisce rapidamente informazioni che riguardano la qualità e la protezione dalla corrosione offerta dal rivestimento di conversione. Mentre finora i risultati che confermano la qualità a lungo termine si potevano ottenere soltanto con un test di nebbia salina di 500 - 1.000 ore, il nuovo metodo di misura permette ora di valutare la qualità in un periodo di tre-sette ore. “Con l’analisi della differenza di potenziale, il giorno stesso abbiamo la conferma della qualità dei nostri pezzi rivestiti. Questo é ciò che chiamo un test del processo di controllo e della qualità davvero innovativo, elemento che mi conferma di aver trovato il partner giusto”, afferma Dieter May.

Benefits of the new technology

I benefici della nuova tecnologia

A good planning, minor plant modifications and a thorough cleaning of the plant are the prerequisites for a successful changeover to chrome-free technologies. The Oxsilan process has been running smoothly at Koenigsdorf Oberflächentechnik since April this year. In addition to a robust process, simplified effluent treatment as well as improved workers’ safety, also the same-day analysis confirming the excellent long-term quality of the coated components rank among the great benefits of the Oxsilan technology. Precise information regarding the costs cannot be provided as yet given the short operating time. Presently, it is estimated that the changeover is cost-neutral. Further optimization activities, in particular with regard to water consumption, will enable substantial process cost savings and would thus leverage the full potential of the eco-friendly Oxsilan technology.

Una buona pianificazione, modifiche minime all’impianto e un suo meticoloso lavaggio sono il prerequisito per il successo del passaggio alle tecnologie senza cromo. Alla Koenigsdorf Oberflächentechnik il processo Oxsilan sta funzionando senza problemi dallo scorso aprile. Oltre alla solidità del processo, al trattamento semplificato delle acque di scarico e all’aumento della sicurezza dei lavoratori, tra i grandi benefici della tecnologia Oxsilan rientra anche la possibilità di analizzare il giorno stesso la qualità eccellente a lungo termine dei pezzi rivestiti. Dato il breve periodo di operatività del nuovo processo, informazioni precise riguardo i costi non possono ancora essere fornite. Al momento, si stima che la conversione abbia un costo neutrale. Le attività ulteriori di ottimizzazione, in particolare riguardo al consumo di acqua, permetteranno risparmi sostanziali sui costi di processo aumentando così il potenziale della tecnologia ecosostenibile Oxsilan.

60 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


advanced research and development

solutions for any metal surface

modular and customized systems

productivity for each size and quantity

Italian experience worldwide warranty. We believe in continuous improvement. Our customers believe in us. ;^V[OV\ZHUKWHPU[PUNLX\PWTLU[PUZ[HSSLKPU`LHYZ>LHS^H`ZW\[V\YJ\Z[VTLY»ZULLKZÄYZ[[VWYV]PKL[OLSH[LZ[NLULYH[PVU systems to ensure the highest quality thanks to our know-how and expertise.

Energy saving

New generation technologies for ensuring the lowest environmental impact.

Fast assembly

Process standardization for customized painting lines assures fast delivery and assembly.

Local staff

Specialized technicians are constantly trained by us for a prompt assistance in your country.

EUROIMPIANTI SRL Via Cavour 44, 37067 Valeggio sul Mincio - Verona (IT) Tel. +39 045 7950777 Fax +39 045 7950026 - info@euroimpianti.com - www.euroimpianti.com EUROIMPIANTI DO BRASIL - Ind. de máquinas para pintura LTDA Rodovia SC 444, km 18 Pedreiras Içara - SC - Brasil Fone +55 48 3443 2725 Fax +55 48 3443 2725 - info@euroimpianti.com.br - www.euroimpianti.com.br


© Karl Bubenhofer AG

GALVANIZING PLANT MOVES TO LOW-TEMPERATURE POWDER Un impianto di galvanica passa alle polveri a bassa temperatura Matthias Horber Horber Marketing www.horbermarketing.ch

S

urface technology specialists know that galvanizing and powder coating are a difficult combination. Porous or out-gassing surfaces require specific powder formulas to prevent the building of pores and bubbles. New is the low-temperature powder available for this critical application, with which a Swiss plant could optimize the working process and save time and energy sustainably. About two years ago Christoph Schmidt, manager of the Schweizerische Drahtziegelfabrik AG (SDL) in Lotzwil, Switzerland expressed in an interview the wish to be able to use low bake temperature powder on galvanized substrates. After using successfully the DUPLEX-Powder from KARL BUBENHOFER AG, the low-temperature powder for galvanized surfaces from the same manufacturer became also recently available. So, Christoph Schmidt’s wish came true in a short time. He explains the reasons behind the changes at SDL as follows: “The incorporation of a new coating line allowed a massive increase in material flow. As often in powder coating lines, the chamber oven proved to be a bottleneck. On one side this required long curing times and on the other, every time you opened the oven, the temperature dropped to 130

62 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

G

li specialisti delle tecnologie di superficie sanno che combinare trattamento galvanico e verniciatura a polveri è difficile. Le superfici porose o degassanti richiedono polveri formulate specificatamente per prevenire la formazione di pori e bolle. Una novità per questa applicazione critica è la polvere a bassa temperatura con la quale è stato possibile ottimizzare il processo di lavorazione e risparmiare tempo ed energia in modo sostenibile presso un impianto svizzero. Circa due anni fa Christoph Schmidt, manager di Schweizerische Drahtziegelfabrik AG (SDL) a Lotzwil, Svizzera, ha espresso in un’intervista il desiderio di poter usare polveri a bassa temperatura di polimerizzazione su superfici galvanizzate. Dopo aver utilizzato con successo il prodotto DUPLEX-Powder di KARL BUBENHOFER AG, sono diventate recentemente disponibili anche le polveri a bassa temperatura per superfici galvanizzate dello stesso produttore. Così, il desiderio di Christoph Schmidt è diventato realtà in poco tempo. Spiega così le ragioni dietro a questi cambiamenti in SDL: “L’implementazione di una nuova linea di verniciatura ha consentito un aumento massiccio nel flusso del materiale. Come spesso accade nelle linee di verniciatura a polveri, il forno si è rivelato il collo di bottiglia. Da un lato, questo aumento di produzione ha richiesto tempi di cottura più lunghi; dall’altro, ogni volta che il forno veniva aperto, la tem-


FOCUS ON TECHNOLOGY degrees. That created material stowage’s in front of the oven that made an economical work process impossibe.” The chamber oven can rapidly be heated up to 150-160 degrees but from then on, the heating curve flattens significantly. Since standard powders are to bake at 180-190 degrees, the result is high energy consumption and long waiting times until the next batch can be entered. The first solution was to install a new, more efficient oven. “But first that would have been very expensive, and second also a nonsense from an ecological perspective,” says Schmidt So, how would it be to use the new low bake temperature powder instead of the standard powder? Then the oven would have a significantly larger throughout capacity and the material stowage’s could be avoided. The idea was compelling but there was no low-temperature powder available on the market which could be applied of zinc substrates. Was this good idea doomed to fail in the bud?

peratura precipitava a 130°C. Questo creava un accumulo di materiale di fronte al forno che rendeva impossibile un processo produttivo economico”. Il forno si può riscaldare rapidamente fino a 150-160 gradi, ma da quel momento in poi la curva di riscaldamento si appiattisce significativamente. Siccome le polveri convenzionali si devono cuocere a 180-190 gradi, il risultato è un alto consumo energetico e tempi lunghi di attesa prima che il lotto successivo possa essere inserito. La prima soluzione era di installare un nuovo forno più efficiente. “Ma, in primo luogo, sarebbe stato costoso e, secondariamente, senza senso dal punto di vista ecologico”, dichiara Schmidt. Come sarebbe stato, quindi, usare la nuova polvere a bassa temperatura di polimerizzazione invece della polvere standard? Con questa soluzione il forno avrebbe avuto una capacità produttiva molto maggiore evitando al contempo l’accumulo di materiale. L’idea era intrigante ma non esisteva nessuna polvere a bassa temperatura disponibile sul mercato che si potesse applicare sulle superfici zincate. Questa buona idea era quindi destinata a fallire in partenza?

During the long business relationship between SDL and the powder manufacturer KARL BUBENHOFER AG many successful projects could be implemented, including the previously mentioned Duplex process. It was only logical for Christoph Schmidt to also contact the specialists by KARL BUBENHOFER AG with his wish for a low bake temperature powder. “We are innovators by SDL and like to try new things out. We have done that with success before with KARL BUBENHOFER AG as they have the same spirit“ - explains Christoph Schmidt - ”The lowtemperature powder has tradition by KARL BUBENHOFER AG and we could fall back on their know-how”. “We have been around for a long time in the field of low bake temperature powder and have a large experience. A special requirement for the galvanising company SDL is that the powder paint must be out gassing. That made the development challenging and exciting“, said Roger Zeller, powder coating sales and marketing manager by KARL BUBENHOFER AG. The development process took place in close cooperation. That was the only way to reach quickly an optimal result. Since SDL’s serves an exceptional broad customer portfolio, a wide range of metallic and structured powders was also developed in addition to the standard colours.

Durante il lungo rapporto di lavoro tra SDL e il produttore di polveri KARL BUBENHOFER AG, sono stati realizzati molti progetti di successo, incluso il processo Duplex menzionato in precedenza. È stato logico per Christoph Schmidt contattare anche gli specialisti di KARL BUBENHOFER AG per avere una polvere a bassa temperatura di essicazione. “In SDL siamo innovatori e amiamo provare cose nuove. In precedenza l’abbiamo fatto con KARL BUBENHOFER AG poiché condividiamo lo stesso spirito”, spiega Christoph Schmidt, “KARL BUBENHOFER AG ha una lunga tradizione nelle polveri a bassa temperatura e avremmo potuto ricorrere al loro know-how.” “Siamo nel campo delle polveri a bassa temperatura di cottura da molto tempo e possediamo un’ampia esperienza. Un requisito speciale per l’azienda di galvanica SDL é che la vernice a polveri fosse degassante. Questo ha reso lo sviluppo impegnativo ed eccitante”, ha dichiarato Roger Zeller, sales and marketing manager delle vernici a polvere di KARL BUBENHOFER AG. Il processo di sviluppo è avvenuto in stretta collaborazione: era l’unico modo per raggiungere velocemente un risultato ottimale. Poiché SDL serve un portfolio clienti molto ampio, è stata sviluppata una grande varietà di polveri metallizzate e strutturate in aggiunta ai colori standard.

The development process is one story. But how did the powder coater react on the new powder?

Naturalmente il processo di sviluppo é una cosa, ma come hanno reagito i verniciatori a polveri con la nuova polvere?

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

63


Galvanizing Plant Moves to Low-Temperature Powder

Did they have to change their way of working completely? “The powder coater saw the advantages very quickly. The stowage in front of the oven were suddenly gone, because thank to the new powder we work by a 20 degrees lower baking temperature a 30% higher output”, so Schmidt. But it required some getting used to make the temperature settings and the colour choices correspond with the object to be coated. For where previously just any box could be taken out of the storage, the right powder had now to be selected and the oven temperature pre-set. Other experiences were made during the introduction phase. It is important, for example, that the priming powder baking is completed. Otherwise it appears through the powder layer. Even when handling the powder, the job coater SDL had to do some rethinking. Because this low-temperature powder cannot be left in the sun at the entrance of the warehouse, it must immediately be stored in a place protected from heat, otherwise it turns to gel.

Hanno dovuto cambiare completamente il loro modo di lavorare? “Il verniciatore a polveri ha visto i vantaggi molto velocemente. L’accumulo di fronte al forno era improvvisamente sparito, perché grazie alla nuova polvere lavoriamo a una temperatura di essicazione di 20 gradi più bassa e con una produzione più alta del 30%”, ha spiegato Schmidt. Ha richiesto un po’ di pratica far corrispondere i settaggi della temperatura e le scelte dei colori con il pezzo da rivestire. Se in precedenza qualsiasi lotto poteva essere portato fuori dal magazzino per la lavorazione , ora si deve prima scegliere la polvere giusta e si deve pre-settare la temperatura del forno. Durante la fase di introduzione di queste polveri si è fatta esperienza anche su altri aspetti. Ad esempio, che la polimerizzazione del primer a polveri sia completata perfettamente altrimenti resta visibile solo allo strato della polvere di finitura. Anche in materia di gestione della polvere SDL ha dovuto ripensare alcuni aspetti. Siccome questa polvere a bassa temperatura non può essere esposta al sole, all’ingresso del magazzino, deve essere immediatamente stoccata in un posto protetto dal caldo, altrimenti gelifica.

Users have to worry about complications in the transition to low bake temperature powder? “Not at all, but it takes the will to innovate” - said Christoph Schmidt, adding - “The low-temperature powder KARL BUBENHOFER AG represents a very big advantage, especially with the chamber ovens. The performance can be increased and the energy consumption reduced. Thanks to the use of low bake temperature powder at SDL, which reduces the baking time by 10 minutes, the work process could be effectively optimized. This manifested itself in reduced overtime and satisfied employees who no longer need to wait until they are allowed to bring in the next batch in the oven”. KARL BUBENHOFER AG is proud to have brought the low bake temperature powder up to level of mass production in a galvanizing plant and is - with this development step - the only manufacturer able to offer an out-gassing powder coating at low temperatures. “Zinc is indeed a very sensitive substrate. If it works here, it works on all other substrates as well. The throughput increased by 30% at 20 degrees lower baking temperature proves that the low-temperature powder POLYFLEX® PES-125-GU NT is an economical alternative to standard powders”, says Roger Zeller of KARL BUBENHOFER AG.

Ci sono complicazioni delle quali gli utilizzatori devono preoccuparsi nel passaggio verso la polvere a bassa temperatura di polimerizzazione? “Per nulla, ma è necessaria la volontà di innovare” – ha dichiarato Christoph Schmidt, aggiungendo – “La polvere a bassa temperatura di KARL BUBENHOFER AG rappresenta un vantaggio molto grande, specialmente con i forni. Si possono migliorare le prestazioni e ridurre il consumo energetico. In SDL grazie all’utilizzo di polvere a bassa temperatura di essicazione, che riduce il tempo richiesto di 10 minuti, il processo produttivo è stato efficacemente ottimizzato. Questo si è tradotto anche in una riduzione degli straordinari del personale con la soddisfazione i dipendenti, che non devono più aspettare che gli sia consentito di inserire il lotto successivo nel forno”. KARL BUBENHOFER AG è fiera di aver portato la polvere a bassa temperatura di polimerizzazione fino al livello della produzione in serie in un impianto di galvanica ed è, in questa fase di sviluppo, il solo produttore in grado di offrire un rivestimento a polveri degassanti a bassa temperatura. “Lo zinco è una superficie molto sensibile. Se funziona con questo, la nostra polvere funziona anche con tutti gli altri substrati. Il volume produttivo aumentato del 30% a una temperatura di cottura di 20°C più bassa prova che la polvere a bassa temperatura POLYFLEX® PES-125-GU NT rappresenta un’alternativa economica alle polveri standard”, afferma Roger Zeller di KARL BUBENHOFER AG.

64 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


CHEMICALS MAKING SOLUTIONS TRATTAMENTO ACQUE INDUSTRIALI E DI VERNICIATURA industrial and painting processes water treatments NANOTECNOLOGIE PRETRATTAMENTO METALLO nanotechnologies surfaces treatments SVERNICIANTI paint removers

+ affidabilità reliability + sostenibilità sustainability

NOX

SO GR OR LUTI EEN ONS

www. noxorsokem.it www.noxor.it

system certification ISO 9001 - 14001


© Merck

EXPERIENCE DESERTS: SATURATED COLORS WITH EXTRAORDINARY BRILLIANCE WITH MEOXAL® PIGMENTS Alla scoperta del deserto: colori intensi e dalla brillantezza straordinaria con i pigmenti Meoxal® Stefano Corrado, Laura Zanini Merck Spa, BF Decorative Materials/Coatings/Performance Materials Division, Milan, Italy stefano.corrado@merckgroup.com laura.zanini@merckgroup.com

ffect pigments underscore the emotional impact of color and are an important design element when creating surfaces with a special appearance or quality. Application possibilities range from cars to packaging and high-tech products up to building facades. The new effect pigment Merck Meoxal® is combining the properties of an aluminum substrate with those of pearlescent pigments, producing effect pigments with unique effects and very good processing properties.

E

pigmenti ad effetto esaltano l’aspetto emozionale dei colori e sono un importante elemento nella realizzazione di superfici di pregio e di grande effetto. Gli ambiti di impiego spaziano dal settore automobilistico, agli imballaggi, fino ai prodotti high-tech e alle facciate degli edifici. La nuova gamma di pigmenti ad effetto Merck Meoxal® combina le proprietà di un substrato di alluminio con quelle di pigmenti perlescenti. Il risultato sono nuovi effetti unici ed eccellenti proprietà di lavorazione.

Inspired by the timeless beauty of the Deserts

Ispirati dalla bellezza senza tempo del deserto

“Desert Colors” is the first product line in the new family of effect pigments. The first effect pigment within this product line is Meoxal ® Wahiba Orange – named after the famous Wahiba Sands, a one-of-a-kind desert region in the sultanate of Oman (Ramlat al-Wahiba).

“Desert Colors” è la prima linea di prodotti della gamma e ci invita ad un viaggio alla scoperta dei nuovi pigmenti, per esplorarne caratteristiche e peculiarità, lasciandosi ispirare dalla possibilità di superare i limiti esistenti per arrivare ad ammirare nuovi orizzonti di styling.

66 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER EMBER/OCTOBER - iinternational i l PAINT&COATING magazine i

I


INNOVATIONS: PRESENT&FUTURE

© Merck

Inspired by the timeless, fascinating beauty of this desert, it adds saturated red, orange and brown tones to the styling spectrum. Meoxal® Taklamakan Gold has been named after the Chinese Taklamakan desert, the world’s second-largest desert. With its rich, brilliant gold shade, the new Meoxal ® pigment reflects the manifold color play of the shifting sand dunes of this unique region. Meoxal® pigments can be used in combination with different absorption pigments in order to create new attractive stylings showing highly saturated colors, high brightness coupled with strong depth, strong brilliant effect at gloss angle, very pure color at gloss + outstanding flop behavior, elegant sparkle effect of individual particles.

Il primo pigmento ad effetto è Meoxal® Wahiba Orange, che prende il nome dalle note “Wahiba Sands”, una regione desertica del Sultanato dell’Oman (Ramlat al-Wahiba) assolutamente unica nel suo genere. Ispirandosi alla bellezza senza tempo e magnificente di questo deserto, lo spettro di prodotti si amplia con nuove intense tonalità di colore rosso, arancione e marrone. Meoxal® Taklamakan Gold deve il suo nome al deserto cinese del Taklamakan, il secondo deserto al mondo per estensione. Con il suo tono oro ricco e brillante, il pigmento vuole riprodurre le molteplici gradazioni della sabbia di questa regione unica al mondo. I pigmenti Meoxal® possono essere mischiati con qualunque tipo di pigmento per © Merck creare un’infinita gamma di nuovi styling, caratterizzati da elevate caratteristiche di saturazione, notevole flop behaviour, eccezionale brillantezza coniugata ad un marcato effetto di profondità.

For high-performance applications

Per applicazioni ad elevate prestazioni

Like all pigments in the new product series, Meoxal® have a specially treated surface. Thanks to this special CWT (“Carbitol and Weather Treatment”) surface treatment, they are highly

Tutti i pigmenti della nuova serie possiedono un particolare rivestimento: CWT (“Carbitol and Weather Treatment“). Grazie a questo trattamento speciale, i Meoxal® sono particolarmente indicati per innume-

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

67


suitable for innumerable high-performance applications – especially for automotive and plastic coatings as well as for other demanding exterior applications. The CWT surface treatment improves the incorporation into many paint systems, especially in waterborne system. Using the new pigment in waterborne coating systems is particularly straightforward because no additional passivation process is needed.

© Merck

Experience Deserts: Saturated Colors with Extraordinary Brilliance with Meoxal® Pigments

Transmission electron microscopic image of pigment cross section. Immagine al microscopio elettronico della sezione trasversale del pigmento.

revoli impieghi ad elevate prestazioni, soprattutto nel settore automobilistico, delle materie plastiche e in ambienti esterni soggetti a particolari sollecitazioni. Il nuovo pigmento può essere utilizzato con estrema facilità nei sistemi vernicianti a base acqua, poiché non richiede alcuna passivazione aggiuntiva.

Strato intermedio innovativo e brevettato

The effect pigments are a combination of well-known substrate layering with metal oxides, new flake technology and innovative, patented intermediate layering know-how. This structure gives Meoxal® especially striking saturation and brilliance combined with excellent performance.

Meoxal® è il risultato della costante attività di ricerca svolta da Merck nel campo delle tecnologie dei pigmenti. I pigmenti ad effetto sono realizzati grazie ad una combinazione di ossidi di metallo come substrato, una nuova tecnologia basata su platelet e un innovativo strato intermedio brevettato. Questa formulazione dona a Meoxal® particolare intensità cromatica e brillantezza, garantendo al contempo prestazioni eccellenti.

The desert own features, exploring new limits, discovering unlimited possibilities: the luminous desert

Le caratteristiche del deserto, i suoi limiti estremi e i suoi punti di forza, il fascino che ci attrae inesorabilmente: luminosi-

Innovative, patented intermediate layer

© Merck

© Merck

Typical bright field microscopic images (opt. magn. 200x) of pigment particles in a mass tone coating (PMC = 3,68% coating thickness 15 μm on a black substrate). Tipica immagine al microscopio con illuminazione in campo chiaro (opt. magn. 200x) di particelle di pigmenti in una vernice con tonalità di massa (PMC: 3,68% spessore vernice 15 μm su substrato nero).

68 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


INNOVATIONS: PRESENT&FUTURE colors, the extraordinary beauty of high brilliance with outstanding color saturation coupled with extreme performances, which supply high durability and fit for extreme weather conditions and a “waterfriendly” behavior in waterborne coating systems owing to the special passivation layer. Let’s get inspired by “Desert Colors”, which is soon be complemented by an additional color-intensive, brilliant pigment. In cooperation with Toyal.

tà e intensità dei colori, straordinaria brillantezza e saturazione eccezionale, si coniugano ad un’elevata resistenza che rende questi nuovi pigmenti adatti ad utilizzi in applicazioni particolarmente esigenti, quali l’automotive o l’architectural building. Grazie alla facilità di impiego (non è richiesta alcuna passivazione aggiuntiva) garantisce eccellenti prestazioni, in particolare nei sistemi vernicianti a base acqua.

Elegant sparkle effect of individual particles. Elegante effetto luccicante di particelle individuali.

La linea di prodotti “Desert Colors” sarà presto completata con un nuovo pigmento dal colore brillante, in collaborazione con Toyal.

Misure precise - in tutte le posizioni Perfette misure di spessore del rivestimento Il DUALSCOPE® MP0R non è solamente uno dei più piccoli apparecchi elettronici di misura dello spessore, ma è anche il primo con: - due display* LCD retroilluminati - un ampio display frontale e un display superiore - per una lettura delle misure dello spessore di rivestimento sicura e affidabile in tutte le posizioni, - radio trasmettitore integrato standard per il trasferimento delle misure online e offline direttamente a un computer, fino a una distanza di 10-20 metri. Il DUALSCOPE® MP0R misura lo spessore di - vernice, plastica, ossidazione anodica su tutti i materiali non magnetici come alluminio, rame, bronzo o acciai inox secondo il metodo delle correnti parassite secondo la norma DIN EN ISO 2360, - zinco, cromo, rame, vernice, plastica, su substrati ferro magnetici utilizzando il metodo magnetico secondo la norma DIN EN ISO 2178. Lo strumento riconosce automaticamente il materiale di base e seleziona il metodo di misura adeguato. * in attesa di brevetto

Helmut Fischer S.r.l., Tecnica di misura - 20099 Sesto San Giovanni (MI), Italy scher.com

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

69


© Marcegaglia

AESTHETICS AND ECONOMIC/ENVIRONMENTAL ASPECTS OF THE PAINTS FOR COIL COATING Effetti estetici ed aspetti economico/ambientali nelle vernici per Coil Coating Ezio Pedroni

Preliminary remarks

Introduzione

Salchi Metalcoat Srl, Burago Molgora (MB), Italy

One of the most affected fields by the current economic crisis is that of building and its satellite activities. Also the sector of pre-painted products, whose use in the construction industry reaches a share of over 70% of the volume produced, has been strongly affected. One of the ways in which this sector of the coating industry has tried to give a little boost to the market has been offering solutions adding both some interesting aesthetic effects and an appreciable economic and environmental benefit to the chemical/ physical and mechanical characteristics typical of these products.

Uno dei settori più colpiti dalla presente crisi economica è quello dell’edilizia e del suo indotto. A causa di ciò, anche il preverniciato, il cui impiego è previsto in edilizia per una quota di oltre il 70 % del volume prodotto, ne ha fortemente risentito. Uno dei modi nei quali l’industria delle vernici a esso dedicate ha cercato di dare un po’ di impulso a questo mercato, è consistito nel proporre delle soluzioni che unissero alle caratteristiche chimico-fisiche e meccaniche, tipiche di questi prodotti, sia degli interessanti effetti estetici, sia degli apprezzabili vantaggi economici ed ambientali.

Aesthetic effects

Effetti estetici

Research has led to the development of products with particular aesthetic effects with, in many cases, the addition of some performance improvements. In this sense, undulating surface polyester enamels, better known as “wrinkled”, are

La ricerca ha portato alla realizzazione di prodotti di particolare effetto estetico ai quali, in molti casi, si sono aggiunti anche dei miglioramenti prestazionali. Di particolare interesse in tal senso, sono gli smalti poliestere a morfologia superficiale ondulata, meglio cono-

ezio.pedroni@salchirh.it

Opening Photo: A wrinkled brilliant painting system exiting the line at Marcegaglia plant in Ravenna, Italy. Foto d’apertura: Ciclo verniciante wrinkled brilliant in uscita di linea presso lo stabilimento Marcegaglia di Ravenna.

70 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


INNOVATIONS: PRESENT&FUTURE

1 1

2

© Salchi Metalcoat

3

© Salchi Metalcoat

2

3

Coarse grained wrinkled enamel.

Medium grained wrinkled enamel.

Fine grained wrinkled enamel.

Wrinkled a struttura grossa.

Wrinkled a struttura media.

Wrinkled a struttura fine.

particularly interesting. They are characterised by a surface traversed by undulations that may have different and controlled frequencies and depths. The undulating surface can be obtained in the presence or absence of other structural components, such as polyamide powders with different particle sizes. This results in fine, medium or coarse grained wrinkled enamels, mainly characterised by a very low level of gloss (typically ≤5 gloss). These products have already been known for several years, but the continuous progress in the formulation has greatly improved its ease of application on the coating lines as well as its mechanical characteristics, such as scratch resistance and printability, which were critical aspects for the first formulations. This has allowed an increasing use in the production of panels for “faux tile” roofs, as its colour variation in the abrasion points is very limited. On the other hand, the variation of gloss in the stretching and compression points (on the folds simulating the overlapping of the tiles) is brought back to acceptable values and comparable to those of the conventional products. The characterisation of these enamels has also revealed that they have a better resistance to solar radiation than the corresponding products with a plain morphology. This is quite understandable if you think that, thanks to the neatly undulating surface morphology, it takes a much lower quantity of matting silica than that

© Salchi Metalcoat

sciuti come “raggrinziti” o “wrinkled”. Essi sono caratterizzati da una superficie percorsa da ondulazioni che possono avere frequenza e profondità diverse e controllate. L’ondulazione superficiale può essere ottenuta in presenza o meno di altri componenti strutturanti quali polveri poliammidiche di diversa granulometria. Si ottengono così i “wrinkled” a struttura fine, media o grossa, caratterizzati principalmente da un livello di brillantezza molto basso (tipicamente ≤ 5 gloss). Questi prodotti sono noti già da diversi anni ma il continuo sviluppo formulativo ne ha migliorato molto la facilità di applicazione sulle linee di verniciatura e le caratteristiche meccaniche, quali la resistenza al graffio e la stampabilità che, nei primi formulati, risultavano critiche. Ciò ne ha permesso un sempre maggiore impiego nella produzione di pannelli per coperture “finto coppo”, in quanto viene molto limitato lo sbiancamento da graffi, che si evidenziava sotto forma di variazione di colore nei punti di abrasione. Viene inoltre riportata a valori del tutto accettabili e paragonabili a quelli dei prodotti tradizionali la variazione di gloss nei punti di stiramento e di compressione, in corrispondenza delle piegature che simulano la sovrapposizione dei coppi. La caratterizzazione di questi smalti ha anche rivelato che essi possiedono una migliore resistenza alla radiazione solare rispetto ai corrispondenti prodotti a morfologia distesa. Questo fatto risulta del tutto comprensibile se si pensa che, grazie alla morfologia superficiale ordinatamente ondulata, l’ottenimento di valori così ridotti di brillantezza richiede un quantitativo di silice opacizzante molto inferiore a quello necessario per un prodotto a superficie distesa.

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

71


Aesthetics and Economic/Environmental Aspects of the Paints for Coil Coating

4 4

5

© Salchi Metalcoat

6

© Salchi Metalcoat

5

6

Aged tile effect.

Wrinkled brilliant enamel.

Corten steel effect.

Effetto coppo anticato.

Wrinkled Brilliant.

Effetto Cor-Ten.

required for a product with a plain morphology to obtain such low gloss values. Some particularly large structures may sometimes replace the “embossing” of pre-painted sheet metal, thereby helping to reduce or eliminate the critical element typical of the bending points of an embossed surface. In these points, sometimes, the radius of curvature is highly reduced and can induce cracking, where corrosion may start. In the microscopic photographs (Fig. 1, 2 and 3), you can clearly distinguish the different surface morphologies. In some cases, in order to simulate the presence of mould on the wrinkled surfaces (which, on the old brick tiles, causes the formation of irregular bleached areas, or, in any case, changes in colour), suitably engraved ink rollers are used. Shaded areas of different colours are applied on a well stretched layer in a uniform colour; finally, a transparent wrinkled top coat is applied to ensure protection against solar radiation, while providing the desired surface structure (Fig. 4). The wrinkled enamels line has been recently completed with new brilliant products, in which the uniformity of the surface look (until recently, attained without problems only with very low values) reaches levels up to 15 gloss (Fig. 5). Other aesthetic effects of particular interest to architects, achievable with both the plain and the wrinkled morphologies, are the ones simulating the look of Corten steel (Fig. 6) as well as the two-colour effects, more suitable for interiors, e.g., walls, panels, etc. (Fig. 7). 72 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

© Salchi Metalcoat

Alcune strutture particolarmente ampie potrebbero talvolta sostituire “l’embossatura” delle lamiere preverniciate, contribuendo in tal modo a ridurre o eliminare la criticità insita nei punti di piega della superficie embossata. In questi punti, talvolta, il raggio di curvatura è molto ridotto e può indurre delle microfessurazioni che possono rappresentare dei punti d’innesco della corrosione superficiale. Nelle fotografie al microscopio (figg. 1, 2 e 3), si possono vedere ben rappresentate le varie morfologie superficiali. In alcuni casi, per simulare sulle coperture in preverniciato “wrinkled” l’effetto della presenza di muffe che provocano, sui coppi in laterizio vecchi, zone irregolari di sbiancamento o comunque di variazione di colore, si utilizzano rulli inchiostratori opportunamente incisi. Questi applicano, su una base ben distesa di colore uniforme, zone sfumate di colore diverso da questa. Un “wrinkled” trasparente finale ne assicura la protezione contro l’irraggiamento solare, garantendo al contempo la voluta struttura superficiale (fig. 4). La famiglia dei “wrinkled” è stata recentemente completata con i nuovi “wrinkled brilliant“, nei quali l’uniformità dell’aspetto ondulato, fino a ieri ottenuta senza problemi solo a brillantezze molto basse, oggi è possibile ottenerla anche a valori intorno ai 15 gloss. (fig. 5) Altri effetti estetici di particolare interesse per gli architetti, realizzabili sia in versione distesa sia in versione “wrinkled”, sono quelli che simulano l’effetto del Cor-Ten (fig. 6), oppure i bicolori, questi ultimi più indicati per interni quali pareti divisorie, pennellature, ecc. (fig. 7).


INNOVATIONS: PRESENT&FUTURE In the search for special effects, some transparent enamels for interiors (colourless or coloured) have been designed that, applied on properly treated substrates, simulate with remarkable accuracy the look of brushed austenitic or ferritic stainless steel, thus allowing the use of less expensive substrates (Fig. 8). Among the products for exteriors, and especially for the roofing industry, there exist systems for aluminium or galvanised steel that simulate the oxidised copper look, even with irregularly scattered oxidised areas (Fig. 9). These systems are available with different levels of quality, from conventional polyester up to polyvinylidene fluoride (also known as PVdF or PVF2). Among the products that are attracting particular interest, there are the iridescent pre-painted ones. The coating presented in figure 10 has been realised in PVdF/Acrylic with a 70/30 ratio, but there exist different versions, from polyester to polyurethane, with or without polyamide powder. These enamels exploit the properties of special pigments that, being dispersed in the paint film, make the surface show a

Nella ricerca di effetti particolari, alcuni trasparenti per interno, incolori o colorati, applicati su supporti opportunamente trattati, simulano con notevole fedeltà l’aspetto dell’acciaio inox austenitico o ferritico spazzolato, permettendo così l’impiego sostitutivo di supporti meno costosi (fig. 8). Ritornando nell’ambito dei prodotti per esterno, in particolare per coperture, sono disponibili cicli su alluminio o acciaio zincato che simulano l’aspetto del rame ossidato, anche con punti di ossidazione sparsi in modo irregolare (fig. 9). Tali cicli sono disponibili con livelli qualitativi diversi: dai poliesteri tradizionali fino ai fluorurati a base di polivinilidenfluoruro (conosciuto anche come PVdF o PVF2). Tra i prodotti che stanno suscitando particolare interesse, ci sono i preverniciati cangianti. Quello rappresentato in figura 10 è stato realizzato in PVdF/Acrilica 70/30 ma potrebbe essere anche ottenuto in versione diversa, da poliestere a poliuretanico, con o senza la presenza di polvere poliammidica. Questi smalti sfruttano la proprietà di particolari pigmenti che, dispersi nel film di vernice, fanno si che la sua superficie, os-

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

73


Aesthetics and Economic/Environmental Aspects of the Paints for Coil Coating

colour tone and, respectively, its complementary when observed under different angles: for example, a tone that appears bluish when seen under an angle becomes yellowish under a different one, while a reddish tone becomes greenish. This allows to obtain a “flop effect” not only with lights and shades, as the one achieved with aluminium powder based enamels, but also with colours, as is evident in figure 10. The “soft touch” effects are interesting, too. Applied on aluminium, they are particularly suitable to realise, for example, cover plates for switches, casings for mobile phones and other electronics products (iPod, tablet computers, etc.), as well as frames and decorations for indoors (Fig. 11).

Outdoor resistance and energy saving

servata sotto angoli diversi, mostri un tono di colore e, rispettivamente, il suo complementare: ad esempio, un tono che appare bluastro visto sotto un angolo, diventa giallastro sotto un angolo diverso; o un tono rossastro diventa verdastro. Ciò consente di ottenere degli effetti “flop” non solo di chiaro scuro, come si ottengono con smalti a base di polveri di alluminio, ma anche “flop” di colore come appare ben evidente nella figura 10. Sono interessanti anche gli effetti “soft touch” che, applicati su allumino, si prestano particolarmente per realizzare ad esempio piastrine di copertura per interruttori, involucri per telefoni cellulari o altri prodotti dell’elettronica (iPod, tablet, ecc.), cornici e decorazioni di ambienti interni (fig. 11).

Resistenza all’esterno e risparmio energetico

Nowadays, the variety La varietà delle proposte dei of outdoor products, i.e. prodotti per esterno, quindi especially intended for the civil particolarmente rivolte all’ediand industrial construction lizia sia civile sia industriale, è industry, is truly remarkable oggi veramente notevole e in and can meet almost any grado di soddisfare la quasi torequirement. There exist talità delle esigenze: oggi esiproducts with various stono, infatti, prodotti di vario quality/price ratios, usable in rapporto qualità/prezzo, imenvironments ranging from piegabili in ambienti che vanrural to industrial, marine and no dal rurale all’industriale, al industrial marine, operating at marino e al marino industriale, all levels of altitude and with operanti a tutti i livelli di altivarious levels of reliability. tudine s.l.m. con vari livelli di The minimum performance garanzia. Le prestazioni mini7 expectations for these me attese per tali prodotti so© Salchi Metalcoat products are well specified by no ben specificate dalle norme 7 international standards internazionali (EN 10169 per Example of a two-colour paint. (EN 10169 for galvanised steel l’acciaio zincato ed EN 1396 Esempio di verniciatura bicolore. and EN 1396 for aluminium). per l’alluminio). There exist coating systems Sono infatti disponibili cicli ranging from conventional polyester/melamine di verniciatura che spaziano dai poliesteri/melammior high (or very high) durability to polyester/ nici tradizionali o ad alta o altissima durabilità, ai popolyamide, polyurethane, polyurethane polyamide liesteri/poliammidici, ai poliuretanici, ai poliuretanici with various thicknesses of both the primer and poliammidici a vari spessori sia di primer sia di smalto of the enamel layer (up to 30 microns per coat), (fino a 30 micron per mano), ai Plastisol, per giungePlastisol, and polyvinylidene fluoride/acrylic re ai fluorurati a base di polivinilidenfluoruro/acrilica based fluorinated coatings with 70/30 or 80/20 nei rapporti da 70/30 a 80/20 che costituiscono ancoratios, which are still the products with the highest ra oggi i prodotti in assoluto a più elevata resistenza outdoor resistance. all’esterno. The increasing focus on the environment, together La sempre maggiore attenzione all’ambiente, unita74 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


INNOVATIONS: PRESENT&FUTURE

8

9

© Salchi Metalcoat

8

9

Brushed stainless steel effect.

Oxidised copper effect.

Effetto inox spazzolato.

Effetto rame ossidato.

with the need to reduce the energy costs, has prompted the manufacturers of paints for coilcoating to seek solutions allowing to reduce the energy consumption during the cross-linking stage. In particular, for the coating systems intended for the construction of façades and roofs, products with a high solar reflectance and a high thermal emissivity (ability to dissipate the heat accumulated during exposure to the sun) have been designed. In the first case, low cross-linking temperature (low PMT) coating systems have been created, for which it is possible to decrease the conventional PMT (Peak Metal Temperatures) even by approx. 40°C without reducing the physical/chemical and mechanical properties of the coating film. In the second case, products for the so-called “cool roofs” have been developed, with which it is possible to considerably reduce the temperature of the interiors below. Significant savings are thus achieved for airconditioning during hot weather, especially in continental and tropical areas. These savings are much greater than the costs for the winter heating. In both cases, in addition to the cost savings, the lower energy consumption also results in a lower production of CO2, a reduction in air pollution and the containment of the “urban heat island” effect, i.e. a phenomenon that causes a temperature rise by 3-4°C in the cities compared to the surrounding countryside.

© Salchi Metalcoat

mente alla necessità di ridurre i costi energetici, ha spinto i produttori di vernici per coil coating a ricercare soluzioni che permettessero di ridurre i consumi energetici nella fase di reticolazione delle vernici. In particolare, per i cicli di verniciatura destinati alla realizzazione di facciate e coperture, sono stati sviluppati prodotti a elevata riflettanza solare ed elevata emissività termica (capacità di dissipare il calore accumulato durante l’esposizione al sole). Sono nati così, nel primo caso, cicli di verniciatura a bassa temperatura di reticolazione (bassa PMT) per i quali si riescono a ridurre le convenzionali PMT (Peak Metal Temperatures) anche di ca. 40°C, senza ridurre le prestazioni chimico fisiche e meccaniche del film di vernice. Nel secondo caso, sono stati realizzati prodotti per i cosiddetti “Tetti Freddi” (Cool Roofs), con i quali si riescono a ridurre considerevolmente le temperature degli ambienti interni sottostanti. Si realizzano così importanti risparmi per il condizionamento nei periodi caldi, specialmente in zone continentali e tropicali. Questi risparmi sono molto superiori alle maggiori spese per il riscaldamento invernale. In entrambi i casi, oltre al risparmio economico, il minor consumo energetico comporta anche una minore produzione di CO2, una riduzione dell’inquinamento atmosferico e il contenimento dell’effetto “isola di calore” nei centri abitati, cioè del fenomeno che provoca nelle città un aumento di temperatura di 3-4°C rispetto a quella delle campagne circostanti.

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

75


Aesthetics and Economic/Environmental Aspects of the Paints for Coil Coating

10

Iridescent paint effect (PVdF 70/30). Effetto di verniciatura cangiante in PVdF 70-30.

10

In the case of products for cold roofs, the lower heating of the coated surface exposed to sunlight also increases its useful life, since the degradation produced by the solar UV radiation is reduced due to the lower incidence of the thermal component.

Conclusions

11

Examples of soft touch colours. Esempi di colori soft touch.

It is now clear that the technology of painting products for coil coating provides the designers with a variety of aesthetic solutions also able to take account of the now inescapable functional and environmental requirements. The respect for the environment does not only improve the 11 quality of our lives but, with the use of products with significantly lower cross-linking temperatures than the conventional ones and with systems for cool roofs with high solar reflectance and high thermal emissivity, it also allows to obtain substantial economic benefits.

76 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

© Salchi Metalcoat

Nel caso dei prodotti per tetti freddi, il minor riscaldamento della superficie verniciata esposta ai raggi solari ne aumenta la vita utile perché il degrado prodotto dalla radiazione UV solare risulta ridotto per la minore incidenza della componente termica.

Conclusioni Da quanto sopra descritto si comprende come la tecnologia dei prodotti vernicianti per coil coating offra ai progettisti una molteplicità di soluzioni di carattere estetico, in grado anche di tener conto di ormai ineludibili esigenze funzionali e di rispetto dell’ambiente. Il rispetto dell’ambiente non soltanto migliora la qualità © Salchi Metalcoat della nostra vita ma, con l’introduzione dei prodotti reticolanti a temperature sensibilmente inferiori a quelle tradizionali e con i cicli per tetti freddi a elevata riflettanza solare ed elevata emissività termica, permette di realizzare anche consistenti vantaggi economici.


© Coating and Industrial Technologies (CIT)

PAINTING TRENDS FOR AUTOMOTIVE PLASTIC PARTS: MORE THAN JUST PERFECT PROTECTION Tendenze nella verniciatura dei componenti plastici nell’automotive: più di una semplice protezione perfetta Doris Schulz Schulz.Presse.Text, Korntal, Germany doris.schulz@pressetextschulz.de

Opening Photo: The Sigma Colour System, an innovative 2-component paint system, makes it possible to paint components made of polypropylene (PP) and thermoplastic polyolefins (TPO) without the need for pre-treatment or a primer. Foto d’apertura: Sigma Colour System, un’innovativa vernice bicomponente che consente di verniciare componenti in polipropilene (PP) e poliolefine termoplastiche (TPO) senza il bisogno di pretrattamento o primer.

T

oday, plastic parts account for 15 to 20% of a car’s weight. Many of these are exterior and interior parts which are provided with their respective visual, haptic and functional characteristics by means of a paint coating. The painting technology industry is responding to ever stricter demands with regard to quality, economy and the efficient use of resources with new solutions and further developments. In order to compensate for increasing vehicle weight due to electric drives and fuel-efficient engine technology, the proportion of lightweight parts will increase from 30 to roughly 70% by 2030 – this is the prognosis of a current McKinsey study. In addition to high-tenacity steels and light alloys, plastics are also playing an important role in this respect. They often make it possible to manufacture components of minimal weight and/or to produce parts less expensively, or to integrate the functions of several workpieces into a single component. By means of painting, plastic parts are provided with protection against mechanical, chemical and physical influences such as scratches, stone chipping, weathering and UV radiation, as well as ingredients used in cosmetics and cleaning agents. However, paints and coatings are significantly more than just technical utilities: they create surfaces which are appealing to all of the senses, generate an emotional link to the product and increase its worth (Fig. 1). The quality of the coating has to fulfil very strict requirements in order to assure that this alluring effect on

78 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

O

ggi i componenti di plastica rappresentano il 15-20% del peso di un’auto. Molti di questi sono pezzi esterni e interni cui vengono attribuite le rispettive caratteristiche estetiche, aptiche e funzionali mediante la verniciatura. L’industria delle tecnologie di verniciatura soddisfa requisiti sempre più stringenti in termini di qualità, costi e utilizzo efficiente delle risorse con soluzioni innovative e ulteriori sviluppi. Al fine di compensare l’aumento del peso del veicolo dovuto a trasmissioni elettriche e motori con consumi efficienti, la proporzione di pezzi leggeri aumenterà dal 30% a circa il 70% entro il 2030 - in base a una previsione di un recente studio McKinsey. In aggiunta agli acciai ad alta resistenza e alle leghe leggere, anche le materie plastiche giocano un ruolo importante a questo riguardo. Spesso consentono di fabbricare componenti con un peso minimo e/o produrre pezzi in modo meno costoso, o integrare le funzioni di diversi semicomponenti in un singolo pezzo. La verniciatura conferisce ai pezzi in plastica una protezione contro le influenze meccaniche, chimiche e fisiche come graffi, colpi di pietra, invecchiamento atmosferico e radiazioni UV, così come contro gli ingredienti usati nei prodotti di pulizia e cosmetici per auto. In ogni caso, vernici e rivestimenti sono molto più che semplici strumenti tecnici: creano superfici che appagano tutti i sensi, generando un collegamento emozionale al prodotto e aumentandone il valore (fig. 1). La qualità del rivestimento deve soddisfare requisiti molto stringenti per garantire il raggiungimento di questo effetto at-


INNOVATIONS: PRESENT&FUTURE the human senses is properly achieved. At the same time, global competitive pressure necessitates more and more economic, sustainable and flexible painting processes. The painting industry is working continuously on optimising existing solutions and developing new ones to this end.

traente per i sensi umani. Allo stesso tempo, la pressione della concorrenza globale richiede processi di verniciatura sempre più economici, sostenibili e flessibili. L’industria della verniciatura sta lavorando senza sosta sull’ottimizzazione delle soluzioni esistenti e sullo sviluppo di nuove con questi obiettivi.

More Productivity through Fewer Painting Steps

Maggiore produttività attraverso meno fasi di verniciatura

The trend towards fewer steps in the painting process with the help of filler-free painting systems is enjoying more and more popularity – for components included in body styling kits made of plastic as well. With good reason: Eliminating the intermediate drying step reduces energy consumption by 15 to 20%. At the same time, material consumption and solvent emissions are also reduced. Beyond this, less production floor space is required for the painting system. Corresponding painting solutions are available for, amongst other components, high-gloss injection moulded interior parts such as trim moulding made of an ABS-PC blend (ABS: acrylonitrile-butadiene-styrene, PC: polycarbonate). With just a single-coat painting process, the paint provides components with a distinguished, g , high g gloss finish. Even greater ater potential savings are offered by an innovative 2-component paint system which makes it possible to paint components made ade of polypropylene (PP)) and thermoplastic polyolefi efins (TPO) without the need for pre-treatment or a primer. After applying the single coat of paint, the parts demonstrate excellent UV stability, as well as resistance to scratching and chemicals, not to mention sun creams and mosquito repellents. 2-component paint is currently the only paint coating system in the world which fulfils the specifications of the automobile manufacturers for painting interior parts made of PP and TPO without pre-treatment/flaming and primer (only corresponding product in the GM MATSPC list and Toyota’s TSH 3130G – for all classes). It has also been approved for worldwide use by GM in accordance with the new GMW 14867 standard. Toyota has already been using 2-component paints for quite some time for painting interior Aurion parts.

La tendenza verso una diminuzione delle fasi del processo di verniciatura con l’aiuto di sistemi di rivestimento senza filler sta aumentando la sua popolarità - anche per i pezzi di plastica inclusi nei kit carrozzeria. Questo avviene per una buona ragione: eliminare la fase intermedia di asciugatura riduce il consumo di energia del 15-20%. Allo stesso tempo, anche il consumo di materiale e le emissioni di solvente sono ridotte, senza contare che lo spazio occupato dal sistema di verniciatura è minore. Le soluzioni di verniciatura corrispondenti sono disponibili per pezzi interni stampati ad iniezione ad alta brillantezza come le finiture in miscela ABS-PC (ABS: acrilonitrile-butadiene-stirene, PC: Con un policarbonato). o). u processo di verniciatura monostrato, nicia la vernice dona ai pezve zi una finitura distintiva ad alta al brillantezza. Un possibile risparmio po ancora maggiore è a offerto da un sistema ddi verniciatura in1 © Berlac bi-componente che novativo bi cconsente di verniciare pezzi in polipropilene (PP) e poliolefine (TPO) senza necessità di pretrattamento o di un primer. Dopo l’applicazione del singolo strato di vernice, i pezzi mostrano un’eccellente stabilità agli UV, oltre alla resistenza a sostanze chimiche e ai graffi, senza dimenticare le creme solari e gli spray antizanzare. La vernice bi-componente è al momento l’unico sistema di verniciatura al mondo che risponde alle specifiche dei produttori di automobili per la verniciatura dei pezzi interni in PP e TPO, senza pretrattamento/flammatura e primer (il solo prodotto corrispondente nella lista GM MATSPC e TSH 3130G di Toyota – per tutte le classi). È stato inoltre approvato per l’utilizzo a livello mondiale da General Motors in conformità con il nuovo standard GMW 14867. Toyota sta già utilizzando vernici bi-componente per la finitura dei pezzi interni di Aurion.

UV Technology on the Advance

Progresso della tecnologia UV

UV paints cured under ultraviolet radiation combine ecological and economic advantages, for example

Le vernici UV combinano vantaggi ecologici ed economici, come tempi di processo più brevi e sistemi di verniciatu-

1

Chrome plated steering wheel inserts with and without paint: Pigmented clear coats allow for individualised colouring of interior plastic parts, for example the blackchrome look. Inserti cromati di un volante con e senza vernice: trasparenti pigmentati permettono la colorazione personalizzata dei pezzi interni di plastica, conferendo ad esempio un look nero cromato.

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

79


Painting Trends for Automotive Plastic Parts: More than Just Perfect Protection

This three-dimensional interior part made of ABS is painted with a newly developed, solvent-free 100% UV-curing clear coat, and is cross-linked in an inert gas atmosphere. Questo componente tridimensionale interno in ABS è verniciato con un trasparente di recente sviluppo, senza solvente e a polimerizzazione 100% UV, ed è reticolato in un’atmosfera di gas inerte.

3

New developments in the fields of systems technology and liquid enamels are continuously expanding the range of applications for UV-curing paints. Nuovi sviluppi nel campo della tecnologia dei sistemi e degli smalti liquidi stanno continuamente espandendo la gamma di applicazioni per le vernici a polimerizzazione UV.

© Lankwitzer

2

shortened processing times and smaller painting systems, as well as reduced emissions and energy consumption. These benefits are augmented by qualitative aspects for the painted surfaces as well such as higher gloss levels, durability and resistance to scratching. A solvent-free, 100% UV-curing clear coat has recently been made available for coating plastic interior parts made of ABS (acrylonitrile-butadieneie iene2 styrene), which fulfilss the t factory standards of various OEMs (Renault, TL 226 Volkswagen, DBL 7384 Daimler) (Fig. 2). Corresponding tests have revealed that considerably better resistance to scratching is achieved with this 100% monocure system than with the aqueous or solventcontaining systems, as well as the dual-cure systems, which are currently in use. Curing takes place in an atmosphere with reduced oxygen content – so-called inert gas curing – at room temperature in a matter of just a few seconds. The oxygen reduced atmosphere prevents that radicals which are necessary for polymerisation react with the oxygen of the air and thus the occurrence of so-called oxygen inhibition. This allows for enlarging curing distances, and areas which are less exposed to the UV radiation are homogeneously hardened. So far, solvent-based and waterborne paints have been used in most cases for coating plastic parts in the automotive industry (Fig. 3). Solventbased dual-cure UV-systems are also in use for some years. They allow for good delustering and metallic hues. However, it’s not possible to produce all metallic hues with UV-curing paints. 2-coat systems are available for these applications, which are comprised of a waterborne base coat and a UV-curing clear coat. 100%-UV-curing clear coats with piano-lacquer look, as well as 2-component dual-cure systems, have recently

80 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

ra più piccoli, oltre a emissioni e consumi ridotti. A questi benefici si aggiungono vantaggi qualitativi per le superfici verniciate come livelli più alti di brillantezza, durabilità e resistenza ai graffi. Un trasparente senzza solventi, con ppolimerizzazionne 100% UV, è divventato recentemente disponibile me per il rivestimento di pezzi interni in plastica di ABS (acrilonitrile-butadiene-stirene), e rispontadiene-sti standard industriali di de agli stand diverse OEM (Renault, TL 226 Volkswagen, DBL 7384 Daimler) (fig. 2). I test relativi hanno rivelato che viene raggiunto un considerevole miglioramento della resistenza ai graffi con questo sistema 100% monocure rispetto ai sistemi contenenti acqua o solventi, ma anche dei sistemi dual-cure, che sono attualmente in uso. La polimerizzazione ha luogo in un’atmosfera con contenuto di ossigeno ridotto – chiamata polimerizzazione a gas inerte – a temperatura ambiente, in pochi secondi. L’atmosfera a basso ossigeno previene che i radicali, necessari per la polimerizzazione, reagiscano con l’ossigeno dell’aria manifestando così l’inibizione dell’ossigeno. Questo permette di ingrandire le distanze di polimerizzazione e di indurire omoge3 neamente anche le aree meno esposte alla radiazione UV. Finora, per verniciare i pezzi di plastica nell’industria automotive (fig. 3) sono state usate nella maggior parte dei casi vernici base solvente e base acqua. Anche i sistemi UV dual cure a base solvente sono in uso da anni. Permettono una buona opacizzazione e una buona tonalità metallizzata. Tuttavia, © Sprimag non è possibile produrre tutte le tonalità metallizzate con le vernici a polimerizzazione UV. Per queste applicazioni sono disponibili sistemi a due strati, che comprendono una mano di fondo a base acqua e un trasparente UV. Trasparenti 100% UV con finitura ad altissimo gloss e sistemi bicomponente dual-cure, sono stati recentemente utilizzati in modo più ampio per verniciare la plastica, con il primo che ha dimostra-


been used to an ever greater extent for painting plastics, with the former demonstrating significantly greater resistance to chemicals. Good adhesion values are achieved without pre-treatment on many common plastic substrates such as ABS, SAN (styrene acrylonitrile), PS (polystyrene) and ABS/PC (polycarbonate). Otherwise, adhesion characteristics can be optimised as a rule by activating the surface with the help of a flaming process.

Save up to with OptiCenter

In Vogue: Combination Surfaces Plastic surfaces with the chrome-look are still in great demand. Plastic components are chrome plated by means of either conventional electroplating or PVD coating. Conventional pigmented systems and UV-curing paints are available for protecting the metal layer after the coating process, and for providing it with an individualised appearance.

Effective Pre-Treatment Cleaning and pre-treatment of the plastic components is decisive for good painting results. Traditionally, a power washing system with an aqueous cleaning agent and a downstream retained water dryer are used to this end. However, this cost, space and energy intensive variant is being replaced more and more frequently with alternative cleaning processes such as CO2 snow-jet cleaning, plasma processes or a newly developed steam cleaning method.

to una resistenza molto più elevata alle sostanze chimiche. Si raggiungono buoni valori di adesione senza pre-trattamento su molte superfici comuni di plastica come ABS, SAN (stirene acrilonitrile), PS (polistirene) e ABS/PC (policarbonato). Altrimenti, le caratteristiche di adesione possono essere ottimizzate generalmente attivando la superficie con l’aiuto del processo di flammatura.

In voga: superfici combinate Le superfici plastiche con aspetto cromato sono ancora molto richieste. I pezzi in plastica sono cromati mediante galvanizzazione convenzionale o rivestimento PVD. Sono disponibili sistemi pigmentati convenzionali e vernici a polimerizzazione UV per proteggere lo strato di metallo dopo il processo di rivestimento, e per donargli un aspetto personalizzato.

Pre-trattamento efficace Lavaggio e pre-trattamento dei componenti di plastica sono decisivi per ottenere buoni risultati di verniciatura. Tradizionalmente, si utilizza un sistema di lavaggio a pressione con detergenti acquosi e un asciugatura dell’acqua residua. Nonostante ciò, questa variante, impegnativa a livello di costo, spazio ed energia viene sempre più rimpiazzata con processi di lavaggio alternativi con getto di neve CO2, processi al plasma o un metodo di lavaggio a vapore di recente sviluppo.

-

cambi rapidi del colore ambiente di lavoro pulito minor consumo di polvere alimentazione automatica della polvere fresca processo di pulizia automatico nessuna parte in movimento sistema integrato di setacciatura ad Ultrasuoni opzionale

- quick color change - clean working environment - lowest powder consumption - automatic fresh powder supply - automatic cleaning process - no moving parts - optional with ultrasonic sieve insert

Gema Europe Srl Via Goldoni, 29 | 20090 Trezzano s/N | Italy T +39 02 48 400 486 | F +39 02 48 400 874 www.gemapowdercoating.com Your global partner for high quality powder coating


Painting Trends for Automotive Plastic Parts: More than Just Perfect Protection

© Acp

CO2 snow-jet cleaning has established itself in numerous applications in the automotive industry and the automotive supply sector. The non-toxic, inflammable snow made of recycled carbon dioxide removes particulates and film-like contamination from exterior and interior parts made of various plastics and composites, and is gentle on the material. It also makes it possible to reliably remove contamination from very small gaps. A further advantage of the dry process results from increased freedom in designing the respective components because, for example, water retaining geometries no longer carry media over into the painting process (Fig. 4). Plasma processes, which are broken down into lowpressure and atmospheric-pressure plasmas, are used primarily for the removal of thin layers of inorganic contamination. The surface is simultaneously cleaned and activated during plasma treatment. This dual function is based on the physical and chemical characteristics of the process. In addition to a clean surface, increased surface tension is achieved in this way as well, thus assuring ideal conditions for the downstream painting 4 process. Good results obtained with steam cleaning for the removal of many types of contamination such as oil, grease, release agents, dust and fingerprints is based on the interaction of saturated steam with a high-speed air jet. Steam is generated by means of a flow heater: pressurised water flows through a tubing system which is equipped with heater coils, and is heated up to a temperature of between 135 and 280° C, depending on the cleaning task. The amount of liquid contained in the steam can also be matched to the cleaning task, as well as the type of contamination. For example, wet steam is used to remove oil, which changes the viscosity of the oil such that it is atomised into extremely fine droplets. These are then blown off of the surface of the part, along with particulate contamination, by the air jet. The high-speed air jet is also used for drying.

4

As a further advantage in addition to minimal space requirements, CO2 snowjet cleaning can also be executed inline. Come ulteriore vantaggio, in aggiunta al minimo spazio richiesto, il lavaggio a getto di neve CO2 può essere eseguito in linea.

82 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

Il lavaggio a getto di neve CO2 è utilizzato in numerose applicazioni nell’industria automotive e dai suoi fornitori. La neve, non tossica, infiammabile, fatta di anidride carbonica riciclata, rimuove il particolato e la contaminazione filmogena dai pezzi esterni e interni in plastiche e compositi diversi, ed è delicata sul materiale. Consente inoltre di rimuovere in modo affidabile la contaminazione da fessure molto piccole. Un ulteriore vantaggio del processo di asciugatura deriva dalla maggiore libertà nella progettazione dei rispettivi pezzi perchè, per esempio, le geometrie che trattengono l’acqua non portano più materiale all’interno del processo di verniciatura (fig. 4). I processi al plasma, che sono ripartiti in plasma a bassa pressione e a pressione atmosferica, sono usati primariamente per la rimozione di strati sottili di contaminazione inorganica. Durante il trattamento al plasma la superficie viene simultaneamente lavata e attivata. La doppia funzione si basa sulle caratteristiche chimiche e fisiche del processo. Oltre ad avere una superficie pulita, si aumenta anche la tensione superficiale in questo modo, assicurando così le condizioni ideali per il processo di verniciatura seguente. I buoni risultati ottenuti con il lavaggio a vapore per la rimozione di molti tipi di contaminazione come olio, grasso, agenti distaccanti, polvere e impronte digitali sono basati sull’interazione del vapore saturo con un getto d’aria ad alta velocità. Il vapore è generato attraverso un riscaldatore di flusso: l’acqua pressurizzata scorre attraverso un sistema di tubi dotato di bobine riscaldanti, scaldata fino a una temperatura tra i 135 e 280°C, a seconda dell’attività di lavaggio. La quantità di liquido contenuto nel vapore può inoltre essere adattata all’attività di lavaggio, così come al tipo di contaminazione. Per esempio, il vapore acqueo è utilizzato per rimuovere l’olio, fattore che ne cambia la viscosità in modo tale che viene atomizzato in gocce estremamente fini. Queste sono poi soffiate via dalla superficie del pezzo, insieme alla contaminazione di particolato, attraverso il getto d’aria. Il getto d’aria ad alta velocità viene anche usato per l’asciugatura.


DELTA® protects surfaces.

GLOBAL PLAYER

We’re there where we’re needed. Everywhere. Wherever you go: all over the world, Dörken MKS-Systeme represents quality and service. This is partly because of our products based on zinc flake technology, and partly because we are – literally – so close to our customers. We now work with 150 licensed coater in 33 countries, which means we can guarantee consistent, premium quality around the world. For us, being global just means being closer to our customers – no matter how far they are from our home town of Herdecke in Germany. Find out more at www.doerken-mks.com


© Hang On

HOW TO REDUCE COSTS WITHOUT SACRIFICING QUALITY IN THE INDUSTRIAL COATING FIELD Come ridurre i costi mantenendo la qualità nel settore della verniciatura industriale Adriano Antonelli Ibix Srl, Santa Maria in Fabriago (RA), Italy adriano.antonelli@tecnosupply.com

G

iven the economic trend that is affecting the whole Europe and the advance of the BRICS and of the emerging countries on the markets, the national industry should focus on a high quality and high-tech segment, at the same time able to offer competitive prices. This would allow not only to continue to export, but also to increase its share in the European and non-European markets, compensating for the weak domestic demand. In this article, we analyse how to be competitive in one of the industrial processes leading to the end product: The surface treatment. This is a crucial stage, be it carried out in-house or by a subcontracting company, since the coating, as well as to protect the product from external agents, allows to manage and exploit one of the marketing tools available for product positioning. Ensuring a high quality level while trying to reduce the plant costs (or, at least, keeping them constant) is very difficult, given the wide range of colours needed to satisfy the increasingly demanding market. Analysing the costs of the coating process, we can see that most of them are fixed and difficult to reduce: The cost of energy cannot be decreased, the hours worked being equal; the costs of raw materials, although this

84 4 N. N 2 23 3 - 2013 20 013 3 SEPTEMBER/OCTOBER SEPT SE PTEM PT EMBE EM BER/ BE R OC R/ OCTO T BE TO BER R - iint international n er nt erna national PAINT&COATING magazine

D

ata la congiuntura economica che sta affliggendo ormai da qualche tempo l’intera Europa e l’avanzata sullo scenario di mercato dei Paesi BRICS ed emergenti, il tessuto industriale nazionale dovrà collocarsi in una fascia di alta qualità, altamente tecnologica e che possa garantire prezzi concorrenziali. Tutto ciò permetterebbe non solo di continuare a esportare ma di aumentare la quota di riferimento nei mercati europei ed extra europei, colmando la domanda interna ancora debole. In quest’articolo andremo ad analizzare come poter essere competitivi in uno dei processi industriali che formano il prodotto finito: il trattamento superficiale. Questo stadio, sia interno all’azienda sia esterno tramite l’utilizzo di verniciatori conto terzi, è fondamentale dato che la verniciatura, oltre a proteggere il prodotto da agenti esterni, permette di gestire e manovrare una delle leve di marketing disponibili per il posizionamento del prodotto. Garantire un alto tasso qualitativo, cercando di ridurre o mantenere costanti i costi dell’impianto, è una missione molto difficile data la vasta gamma di colori che si utilizzano per soddisfare un mercato sempre più esigente. Analizzando i costi di verniciatura, possiamo verificare come la maggior parte di essi siano fissi e di difficile riduzione: il costo dell’energia non può essere ridotto a parità di ore lavorate; i costi delle materie prime, pur essendo un mer-


© Hang On

1

2

© Hang On

© Hang On

INNOVATIONS: PRESENT&FUTURE

3

is a market in which providers are in competition, are in line with each other; and the cost of labour is homogeneous, due to the national contracts. However, a variable that perhaps, until now, has been little considered is the hanging of parts in the coating plant. This aspect, which is often overlooked, may result in a significant reduction of costs. Frames that are inflexible, are designed for any kind of component, are characterised by heavy handling operations, have high costs of cleaning and, in some cases, are misused may all cause loss of efficiency in production.

cato in cui i fornitori sono in concorrenza, sono allineati. Il costo della manodopera è omogeneo, data la contrattualistica nazionale. Una variabile, invece, che forse fino ad oggi è stata poco considerata è l’appensione dei pezzi sull’impianto di verniciatura. Quest’aspetto, sovente trascurato, può determinare una forte riduzione dei costi nel bilancio finale. L’utilizzo di telai poco flessibili, costruiti per ogni particolare, pesanti nella movimentazioni, con alti costi di pulitura e, in alcuni casi, il loro utilizzo inappropriato sono fattori che fanno perdere percentuali di efficienza nella produzione.

A smart hanging solution

Appensioni: una soluzione intelligente

We would like to present some types of equipment that can dramatically reduce the hanging time, handling and managing of the workpieces to be painted. For example, if it’s necessary to protect the threaded holes of a component against the paint, but these are also the only holes that can be used to hang the part on the conveyor of the coating plant, it is possible to use a silicone cap creating an electrostatic field (Fig. 1). In this way, two requirements are met with one operation: Hanging the component and protecting the threaded holes without margin of error by the operator, without process waste or need to rework the part for further cleaning of the hole. The cap, which contains a metal insert, can be disassembled to be cleaned or to replace the silicone element, which may be consumed in time. The same masking method can be used for screws (Fig. 2). The system, tried and tested by Tecno Supply, a division

Vogliamo porre l’accento su alcune tipologie di attrezzature che possono ridurre drasticamente i tempi di appensione, movimentazione e gestione in generale del pezzo da verniciare. Per esempio, se è necessario proteggere dalla vernice i fori filettati di un pezzo, ma questi sono anche gli unici fori utilizzabili per poterlo appendere al trasportatore dell’impianto di verniciatura, è possibile utilizzare un tappo in silicone che ne garantisca l’elettrostaticità (fig. 1). In questo modo, con un’unica operazione, è possibile soddisfare due esigenze: appendere il pezzo e proteggerne i fori filettati senza margini di errore da parte dell’operatore, senza scarti di lavorazione o necessità di rilavorare il pezzo per un’ulteriore pulizia del foro. Il tappo, che contiene all’interno un inserto metallico, può essere smontato per la pulizia o per cambiare la parte siliconica che, con il tempo, può consumarsi. Lo stesso metodo di mascheratura può essere utilizzato per le viti (fig. 2).

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

85


How to Reduce Costs Without Sacrificing Quality in the Industrial Coating Field

4

of Ibix, can be used with any other type of product by developing different solutions depending on the parts and on the coating conditions. Another frequent issue is the hanging of parts without holes. In this case, the upstream departments are often asked to drill the component, which entails additional processing costs. However, the use of magnets can dramatically reduce this problem. The MH 31 and MH 41 magnets of the Tecno Supply range (Fig. 3) allow to hang the parts while avoiding the problems that may arise from the use of conventional magnets. The magnet is actually covered with a silicone cap preventing contamination; it can be removed and disassembled from the frame, which permits to clean the hanger without damaging the magnet. The magnet has been designed taking account of the loss of strength within the oven. Moreover, in order to prevent the magnet from overheating and causing the polymerisation of the powder before entering the oven (thus yellowing the product), it has been recessed in a magnet holder. Everything is removable, and it is possible to replace only the worn parts. The magnet is removable, too, so as to prevent sudden changes in temperature from damaging it (Fig. 4).

Il sistema ormai collaudato da Tecno Supply, divisione di Ibix, può essere riprodotto su qualsiasi altra tipologia di prodotto, studiando soluzioni a seconda del pezzo e delle condizioni di verniciatura in essere. Un altro caso frequente è quello dell’appensione di pezzi privi di fori. In questo caso, spesso si chiede ai reparti a monte di forare il pezzo, il che comporta costi ulteriori di lavorazione. In questo caso l’utilizzo di magneti può ridurre drasticamente questo problema. I magneti MH 31 e MH 41 della gamma Tecno Supply (fig. 3) permettono di appendere il pezzo evitando i problemi che posso scaturire dall’utilizzo di magneti tradizionali. Il magnete, infatti, è coperto da un cappuccio di silicone che ne previene la contaminazione; è estraibile e smontabile dal telaio, il che consente di pulire la bilancella senza rovinare il magnete. Il magnete è strutturato considerando la perdita di forza che subisce all’interno del forno. Per evitare, infine, che il magnete si surriscaldi e causi la polimerizzazione della polvere prima dell’ingresso in forno, ingiallendo così il manufatto, è incassato all’interno di una porta-magnete. Tutto è smontabile ed è possibile sostituire solamente le parti usurate. Il magnete è inoltre estraibile per evitare che gli sbalzi di temperatura possano danneggiarlo (fig. 4).

The frame called “universal” by Tecno Supply, therefore, provides substantial advantages compared to the conventional one with welded hooks. The main ones are as follows: 1. Coating: The modular frame ensures efficient hanging operations because it takes full advantage of the space

L’utilizzo, dunque, di un telaio che Tecno Supply chiama universale, rispetto al telaio tradizionale con i ganci saldati, permette notevoli vantaggi. Ne tratteggiamo alcuni qui di seguito. 1. Verniciatura: il telaio modulare permette un’appensione efficiente poiché sfrutta appieno lo spazio utile.

© Hang On

5

86 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

© Hang On

6

© Hang On


available. Thanks to the movable bars, it is possible to paint different types of products with different dimensions. The creation of specific hooks allows to use the same bar and the same frame while changing only the hanging hook. Furthermore, the development of customised hooks allows to position the component as desired. The use of appropriate accessories, such as arrows and springs, prevents the parts from oscillating: In this way, the uniformity of the coating is ensured. The quality of the surface treatment is ensured especially with automatic plants, since the workpiece is always in the same position. 2. Stripping: The stripping costs can be significantly reduced with the use of bars (Fig. 5) or hook holders (Fig. 6) that always protects the hook, preserving its conductivity for various production cycles. Moreover, the maximum flexibility of the “mother frame” permits to use only some levels (Fig. 7) depending on the size of the piece to be coated and to protect the unused ones with special silicone caps, thus preserving the efficiency of the equipment in the long term. The modular frame also allows to clean only what needs to be cleaned. In the first stage, only the hooks will be cleaned (or replaced), then the bars (which may be used several times thanks to the silicone protections), and finally the frame. In this way, for example, the plant does not need two lots of the same equipment, which significantly reduces the cleaning operations needed and,

Grazie alle barre movibili è possibile verniciare diverse tipologie di prodotti con dimensioni differenti. Lo studio di ganci specifici permette di utilizzare la stessa barra e lo stesso telaio cambiando solamente il gancio di appensione. Inoltre, lo studio di ganci su misura permette di posizionare il pezzo come più si desidera. L’utilizzo di appropriati accessori - come frecce o molle - permette di evitare le oscillazioni del pezzo: in questo modo, si potrà garantire uniformità di verniciatura. La qualità del trattamento superficiale è garantita soprattutto sugli impianti automatici poiché il pezzo si trova sempre nella stessa posizione. 2. Sverniciatura: i costi di sverniciatura possono essere sensibilmente ridotti con l’utilizzo di barre (fig. 5) o porta ganci (fig. 6) che proteggono sempre il gancio, garantendone la conducibilità per svariati cicli produttivi. Inoltre la massima flessibilità del telaio “mother frame” permette di utilizzare solamente i livelli che si necessitano (fig. 7) a seconda della dimensione del pezzo da verniciare e di proteggere quelli non utilizzati con appositi cappucci siliconici, garantendo l’efficienza dell’attrezzatura nel lungo periodo. Il telaio modulare permette, inoltre, di pulire solamente quello che si necessita. Nella prima fase si puliranno (o si sostituiranno) solamente i ganci, poi le barre che potranno essere utilizzate più volte grazie alle protezioni siliconiche ed infine il telaio. In questo modo, ad esempio, non si necessita di due lotti della medesima attrezzature, riducendo sen-

Sistema di verniciatura a polveri senz’aria DDF Powder coating system Airless DDF

CM SPRAY s.r.l. w w w. c m s p r a y. i t Sistema automatico di miscelazione delle vernici liquide pluri-componenti con metodo proporzionale Automatic mixing of multi-component liquid paints with a proportionate system

Partners:

c m s p r a y @ c m s p r a y. i t


How to Reduce Costs Without Sacrificing Quality in the Industrial Coating Field

88 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

sibilmente le pulizie e di conseguenza i costi di trasporto annessi. Una volta in linea si potrà usufruire di un telaio efficiente al 100% come durante il primo utilizzo, dato che la differenza sostanziale del telaio saldato è nella possibilità di pulire i componenti (telaio, barre e ganci) in modo disgiunto e secondo le necessità. In questo modo non si avranno telai con ganci mancanti o deformati che riducono la produttività e aumentano gli scarti produttivi. 3. Conducibilità elettrica: la conducibilità è sempre garantita grazie al contatto del gancio protetto. 4. Conformazione del gancio: il gancio è ideato per garantire all’operatore una facile manipolazione e il minore peso possibile da sopportare. Per questo motivo, è stato utilizzato meno ferro possibile. La piegatura a macchina dei ganci permette di sostenere i pezzi anche con diametri minori rispetto ai telai prodotti artigianalmente. 5. Struttura del gancio: il telaio modulare sarà comunque sempre più leggero rispetto al telaio tradizionale saldato. La conducibilità sarà sempre garantita grazie alla protezione del porta gancio. La sostituzione degli accessori permette una riduzione del parco telai. I ganci prodotti a macchina permettono di utilizzare diametri più piccoli e perciò garantire più verniciature. Infine, i carrelli per la movimentazione dei pezzi sono di fondamentale importanza per la riduzione dei tempi di manipolazione e il trasporto di telai che garantiscano una facile pre-appensione. Il carrello deve essere il più flessibile possibile, dato che ci potrebbe essere l’esigenza di adottare carrelli di diverse dimensioni e strutture. L’idea che offre Tecno Supply, distributore della gamma produttiva Hang On, è di offrire accessori per la realizzazione di carrelli modulabili che possano essere costruiti secondo ogni particolare esigenza. © Hang On

© Hang On

consequently, the transportation costs. Once integrated in the line, the frame will always be 100% efficient as the first time, since the main difference with a welded frame lies in the possibility to clean the components (frame, bars and hooks) separately and according to the need. Therefore, there will not be frames with missing or deformed hooks, reducing productivity and increasing production waste. 3. Electrical conductivity: Conductivity is always guaranteed thanks to the contact of the protected hook. 4. Hook shape: The hook is designed to ensure easy use and less weight as possible. For this reason, the less iron possible is used. The machine bent hooks permit to carry also parts with smaller diameters compared to the hand-made frames. 5. Hook structure: A modular frame will always be lighter than a conventional welded one. Conductivity will always 7 be ensured thanks to the protection of the hook holder. The replacement of the accessories allows for a reduction of the frames needed. The machine produced hooks allow using smaller diameters and therefore fulfilling more requests. Finally, the trolleys for the parts handling are crucial for the reduction of the processing times and for the transport of frames that ensure easy pre-hanging operations. The trolley should be as flexible as possible, since there might be the need to adopt 8 trolleys of various shapes and sizes. As a solution, Tecno Supply, the distributor of the Hang On product range, offers accessories for the realisation of modular trolleys that can be constructed according to each individual need.


w w w . s t p o w d e r c o a t i n g s . c o m e-mail info@stpowdercoatings.com


© Fotolia Ivan Polushkin

WHEN THE CLASS 1 IS NO LONGER ENOUGH Quando la Classe 1 Qualicoat non è più sufficiente Franco Martinazzo ST Powder Coatings, Montecchio Maggiore (VI), Italy info@stpowdercoatings.com

T

he electromagnetic radiations with which the sun invests the surface of our planet vary significantly according to the latitude and, therefore, also the energy absorbed by the objects exposed to these radiations varies substantially. The absorbed energy alters the physical characteristics of the powder coatings. The brightness of the coating film, for example, decreases more and more as the absorbed energy increases. To ensure adequate weathering resistance, the Qualicoat established some standards, for the coated products used in architecture, which require the standing of several physical and chemical tests. Among these, the socalled “Florida Test” has particular importance and it requires an exposure of one or more years in hothumid environment. The Qualicoat Standards most commonly used are known as “Class 1” and “Class 2”. They mainly differ is the level of the UV radiations’ resistance: the “Class 1” must maintain a gloss retention higher than 50% of the initial value after one year of exposure in Florida, while the “Class 2” must maintain a gloss retention higher than 50% of the initial value after three years of exposure. The class called “Class 1” is certainly the most important for the market, for two main reasons: a) lower production cost; b) UV resistance’s characteristics which were so far considered appropriate to the customers’ requirements. Climatic changes of the last decades have greatly influenced the amount of solar radiations that reaches the earth’s surface, reducing the differences between Southern Europe and Florida. Even the

90 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

L

e radiazioni elettromagnetiche con le quali il Sole inonda la superficie del nostro pianeta variano sensibilmente in funzione della latitudine, di conseguenza varia sensibilmente anche l’energia assorbita dagli oggetti esposti a queste radiazioni. L’energia assorbita ha la proprietà di modificare le caratteristiche fisiche dei rivestimenti in polvere come la brillantezza, che man mano diminuisce facendo diventare la superficie verniciata sempre meno brillante. Per garantire un’adeguata resistenza agli agenti atmosferici, Qualicoat ha istituito, per i manufatti verniciati destinati al settore dell’architettura, degli appositi capitolati che prevedono il superamento di numerosi test, sia di tipo fisico che di tipo chimico. Tra questi, particolare importanza ha il cosiddetto “Florida Test” il quale prevede una esposizione di uno o più anni in ambiente caldo-umido. I capitolati Qualicoat maggiormente in uso sono denominati “Classe 1” e “Classe 2”. Essi si differenziano principalmente per il grado di resistenza alle radiazioni UV: la “Classe 1” deve mantenere una ritenzione di gloss superiore al 50% dopo un anno di esposizione in Florida, mentre la “Classe 2” deve mantenere una ritenzione di gloss superiore al 50% dopo tre anni di esposizione. Tra le due classi, quella denominata “Classe 1” è di gran lunga la più importante in termini di volumi di vendita, principalmente per due motivi: a) minore costo di produzione; b) caratteristiche di resistenza agli UV ritenute, almeno fino ad oggi, adeguate alle esigenze dei clienti. I cambiamenti climatici degli ultimi decenni hanno influenzato notevolmente la quantità di radiazioni solari che giungono sulla superficie terrestre, spianando le differenze che esistevano tra il sud Europa e la Florida. Anche il settore delle vernici in polvere è stato toccato da questi cambiamenti. Nella tabella sottostante vengono riportate le radiazioni solari annue (R.S.A.) in alcu-


INNOVATIONS: PRESENT&FUTURE powder coatings have been affected by these changes: the table below shows the annual solar radiation (RSA) in some Italian cities. As can be seen, these R.S.A. do not differ much from the Florida’s one. It becomes clear that, in these conditions, a Class 1 Qualicoat finishing could be considered no longer appropriate to protect items used in architecture, even at our latitudes.

ne città italiane. Come si può vedere queste R.S.A. non si discostano di molto da quelle che si registrano in Florida, utilizzate per testare le superfici verniciate. Diventa chiaro che, in queste condizioni climatiche, una copertura Qualicoat in Classe 1 potrebbe non essere più ritenuta adeguata alla protezione dei manufatti destinati al settore dell’architettura, neanche alle nostre latitudini.

Tab 1: RSA annual solar radiation in Italian cities. For information only, in Florida, the annual R.S.A. values in the four years between 2007-2011 varied between 6.200 and 6.400 MJ/m² (1.720 – 1.780 KWh/m²)

Tab 1: RSA (radiazione solare annua) nelle città italiane. Solo per informazione, in Florida, i valori R.S.A. annuali nei quattro anni tra il 2007 e il 2011 hanno oscillato tra 6.200 e 6.400 MJ/m² (1.720 – 1.780 KWh/m²)

City Bolzano Milano Bologna Firenze Roma Napoli Taranto Porto Torres Palermo Ragusa

R.S.A. (MJ/m2) 4.829 5.065 5.413 5.147 5.460 5.535 5.549 5.627 5.812 5.901

R.S.A. (KWh/m2) 1.341 1.407 1.504 1.430 1.517 1.538 1.541 1.563 1.614 1.639

Latitude N 46°30’0” 45°27’50” 45°29’7” 43°46’17” 41°53’35” 40°50’0” 40°28’0” 40°50’13” 38°06’56” 36°55’30”

Longitude E 11°21’0” 9°21’25” 11°21’0” 11°15’15” 12°28’58” 14°15’0” 17°14’O” 8°24’5” 13°21’41” 14°43’50”

The Class 2 powder coatings (so-called “Superdurable powder coatings”), could provide a solution to this problem, but their high costs discourage many coaters. For this reason ST Powder Coatings has developed a new range of powder coatings with typical characteristics of the new Qualicoat class called “Class 1.5”. These new coatings, which are high in gloss, are specifically formulated to provide maximum weathering resistance.

I rivestimenti in polvere di Classe 2, i cosiddetti “Superdurabili”, potrebbero fornire una soluzione a questo problema, ma i costi elevati di questo tipo di rivestimento scoraggiano molte aziende dall’utilizzarli per la protezione dei propri manufatti. Per questo ST Powder Coatings ha progettato una nuova gamma di vernici in polvere con caratteristiche che ricadono all’interno della nuova classe Qualicoat denominata “Classe 1.5”. Questi rivestimenti sono in poliestere lucido e sono formulati ad hoc per garantire ottima resistenza all’irraggiamento solare.

Natural weathering test

Test di invecchiamento naturale

Powder coatings must maintain a gloss retention higher 65% of the initial value after one year of exposure in Florida and at least 50% after two years of exposure. Test specifications are listed in the table 2.

Il rivestimento in polvere deve mantenere una ritenzione di gloss pari ad almeno il 65% del valore iniziale dopo un anno di esposizione in Florida ed almeno il 50% dopo due anni di esposizione. Le specifiche del test sono riportate in tabella 2:

Tab 2: The natural weathering test’s specifications

Tab 2: specifiche del test di invecchiamento naturale.

Exposure site: Specimen Sizes: Duration: Type of exposure: Angle: Facing:

Florida 102 x 305 x 0,8 mm 24 months Direct Weathering 5° South

Exposure site: Specimen Sizes: Duration: Type of exposure: Angle: Facing:

Florida 102 x 305 x 0,8 mm 24 months Direct Weathering 5° South

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

91


When the Class 1 is no Longer Enough

In order to continuously improve our products and to meet the customers’ needs, ST Powder Coatings has developed a new line with general characteristics suitable for Class 1.5. Currently, the Florida test is in progress on the following high-gloss finishing: RAL 9010, RAL 3005, RAL 5010 and RAL 9006. At the same time we performed also the accelerated aging test and the results are shown in the following graphs. The test was performed according to the parameters given in Table 3.

Nell’ottica del continuo miglioramento dei nostri prodotti e per dare una risposta alle esigenze dei nostri clienti più interessati all’argomento, ST Powder Coatings ha sviluppato una serie di finiture con caratteristiche generali adeguate alla Classe 1.5. Attualmente il Florida Test è in corso sulle finiture lucide con le seguenti tonalità: RAL 9010, RAL 3005, RAL 5010, RAL 9006. Nel contempo abbiamo eseguito i test di invecchiamento accelerato il cui esito è riportato nei grafici sottostanti. Il test è stato eseguito secondo i parametri riportati in tabella 3.

Tab3: The accelerated ageing test’s specifications

Tab.3: Specifiche del test di invecchiamento accelerato

Instrument Lamps

QUV/se UV-B 313 nm 4 h condensation at 40°C 4 h radiation at 50°C 0,75 W/m2/nm 450 hours

Cycle Emission Test duration 1

Emissione Durata test

QUV-B GSB - Gloss Retention

QUV-B - Gloss Retention PP-858-9010-001 - PP-858-3005-001 - PP-858-5010-001 - PP-858-M906-001 110,0

100,0

100,0

90,0 90,0

80,0

80,0

70,0

70,0

%

Rit. Gloss %

60,0 Gloss retention limit

50,0

Ritenzione del gloss delle quattro formulazioni sottoposte al test di invecchiamento accelerato a confronto con una tipica formulazione di Classe 1 Qualicoat (Standard), di Classe 2 Qualicoat Superdurabile.

Gloss Retention Limit 50,0 40,0 30,0

30,0

20,0 10,0

10,0

2

60,0

40,0

20,0

Gloss retention of the tested formulations in the accelerated ageing test compared with a typical formulation of Class 1 Qualicoat (Standard) and Class 2 Qualicoat (Superdurable)

QUV/se UV-B 313 nm 4 h condensa a 40°C 4 h irraggiamento a 50°C 0,75 W/m2/nm 450 ore

Ciclo

110,0

Gloss retention of the tested formulations during the accelerated ageing test. Ritenzione del gloss delle quattro formulazioni durante il test di invecchiamento accelerato.

Strumento Lampade

Standard

Superdurabile

Class 1,5 (RAL 5010)

Class 1,5 (RAL 9010)

Class 1,5 (RAL 3005)

Class 1,5 (RAL 9006)

0

100

200

300

400

500

600

RAL 5010

RAL 9006

RAL 9010

0,0 0

0,0

1

RAL 3005

700

800

QUV-B hours

This new powder coatings’ line with the Class 1.5 suitable characteristics will be the subject of a future Qualicoat approval’s request.

25

50

75 100 125 150 175 200 225 250 275 300 325 350 375 400 425 450 475 500 525 550 575 600 625 650 675 700

Hours QUV-B

2

Questa nuova serie di prodotti con caratteristiche idonee alla Classe 1.5 sarà oggetto di una futura richiesta di omologazione Qualicoat all’ente omologatore preposto.

We are looking for a DISTRIBUTOR in Netherlands, North Europe, UK and Turkey for our wide range of HIGH QUALITY and SPECIAL products, functional and outstanding coatings, certified UNI EN ISO 9001, UNI EN ISO 14001 and OHSAS 18001, GSB and QUALICOAT approved.

92 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


Da cosa nasce cosa

Neuvendis SpA S.S. Sempione, 270/a - CP 83 20028 San Vittore Olona (MI) Italia p +39 0331 423333 f +39 0331 423303 neuvendis@neuvendis.com www.neuvendis.com

Partners Alberdingk Boley Ashland Basf Cff Clariant Denka Evonik Foskor Zirconia

Grimm Leuna-Harze Lödige Mig mbH Neuflex Perstorp Poraver Röhrig S&B Minerals


EFFECTIVE AND SUSTAINABLE CORROSION PROTECTION WITHOUT ZINC: IDEAL PROTECTION AGAINST RUST AND HIGH COSTS Protezione anticorrosiva senza zinco efficace e sostenibile: la protezione ideale contro ruggine e costi elevati Doris Schulz Schulz.Presse.Text, Korntal, Germany doris.schulz@pressetextschulz.com

Opening photo: Alesta ZeroZinc anticorrosion primers create a completely sealed coating that isolates the substrate from its environment. Foto d’apertura: I primer anticorrosivi Alesta ZeroZinc creano un rivestimento completamente sigillato che isola la superficie dal suo ambiente.

C

orrosion is a natural process which causes enormous damages every year. As a result high costs for maintenance and repair occur. Optimized corrosion protection allows for counteracting this phenomenon. The ideal solution for environmentally friendly and best-in-class corrosion protection is an innovative zinc-free powder primer which is available for different substrates. Whether machines, vehicles, construction equipment or other metal-made products are involved – corrosion is ubiquitous. This phenomenon by which metals and metallic materials tend to oxidise under the action of atmospheric agents causes every year costs, which average out to three percent of the BIP in industry nations, and sometimes more. Generally, no corrosion-resistant materials exist, they rather

94 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

L

a corrosione è un processo naturale che causa danni ingenti ogni anno. Per questo motivo é necessario sopportare alti costi per la manutenzione e le riparazioni. Una protezione dalla corrosione ottimale permette di contrastare questo fenomeno. La soluzione ideale per una protezione anticorrosiva ecosostenibile e di grande efficacia è un innovativo primer in polvere senza zinco disponibile per diverse superfici. Che si tratti di macchinari, veicoli, macchine per la costruzione o altri prodotti di metallo, la corrosione è sempre presente. Questo fenomeno, per il quale i metalli e i materiali metallici tendono a ossidarsi sotto l’azione degli agenti atmosferici, costa ogni anno in media fino al 3% del PIL nelle nazioni industrializzate, e talvolta di più. In generale, non esistono materiali resistenti alla corrosione, ma questi reagiscono in mo-


INNOVATIONS: PRESENT&FUTURE

Premium corrosion protection and sustainability – no longer an antagonism

© Axalta Coating Systems

react differently to atmospheric agents. Therefore corrosion protection plays an important role. It cannot avoid corrosion but it delays it – partially for several centuries. An ideal corrosion protection offers enormous potential to reduce costs across all branches, enhancing operating reliability of products, parts and metal constructions as well as saving resources and last but not least strengthening competitiveness of job-shop coaters and companies with in-house painting operations.

When it comes to powder coating systems for corrosion protection, good protection performance is one of the greatest concerns. At the same time sustainability of the systems becomes more and more important. Frequently traditional technologies are not able to offer both: Many formulations contain zinc and are therefore labelled as harmful to the environment. Others are ecologically harmless but don’t offer required 1 protection properties. With Alesta ZeroZinc Axalta Coating Systems has developed an anticorrosion primer which convinces with best-in-class corrosion protection as well as environmental-friendliness (Fig. 1). The latter results from the formulation without zinc or heavy metals, thus the epoxy anticorrosion primer is exempt from labelling requirements for hazardous substances.

do diverso agli agenti atmosferici. Per questo la protezione dalla corrosione svolge un ruolo importante. Non può evitare il fenomeno, ma può ritardarlo parzialmente per diversi secoli. Una protezione anticorrosiva ideale offre un potenziale enorme per ridurre i costi in tutti i settori, migliorando l’affidabilità operativa di prodotti, componenti e costruzioni di metallo, oltre a far risparmiare risorse e, fattore non secondario, rafforzare la competitività di verniciatori conto terzi e aziende con processi di verniciatura interni.

Sostenibilità e protezione dalla corrosione di qualità superiore: mai più antagonisti Quando si parla di impianti di verniciatura a polveri per l’anticorrosione, la performance della protezione è una delle preoccupazioni più grandi. Allo stesso tempo, la sostenibilità dei sistemi diventa sempre più importante. Spesso le tecnologie tradizionali non sono in grado di offrire entrambi gli elementi: molte formule contengono zinco e sono quindi etichettate come dannose per l’ambiente. Altre non sono dannose a livello ecologico ma non offrono le proprietà di protezione richieste. Con Alesta ZeroZinc, Axalta Coating Systems ha sviluppato un primer anticorrosivo convincente con una protezione dalla corrosione al top nella sua categoria, così come per la sua sostenibilità ambientale (fig. 1). L’ultimo aspetto deriva dalla formula senza zinco o metalli pesanti, così il primer anticorrosivo epossidico è esentato dai requisiti di etichettatura per le sostanze pericolose.

1

The new anticorrosion primer convinces with best-in-class protection properties and environmentalfriendliness. The latter is based on the formulation without zinc or heavy metals. Il nuovo primer anticorrosivo convince con una protezione dalla corrosione al top nella sua categoria, così come per la sua sostenibilità ambientale. L’ultimo aspetto deriva dalla formula senza zinco o metalli pesanti.

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

95


Effective and Sustainable Corrosion Protection without Zinc: I al Protection Against Rust and High Costs

2

The anticorrosion primer especially developed for coating of steel and aluminum substrates with sharp edges is characterized by an exceptional viscosity. Il primer anticorrosivo sviluppato specificatamente per la verniciatura delle superfici di acciaio e alluminio con bordi affilati è caratterizzato da una viscosità eccezionale.

2

© Axalta Coating Systems

An appropriate solution for each need

Una soluzione appropriata per ogni esigenza

Alesta ZeroZinc belongs to the second generation of zinc-free epoxy anticorrosion primers. This product range provides solutions matched to the substrate to be coated. “Steel Prime” is the ideal primer to protect ferrous metals from corrosion. “Edge Prime“ stands for a formulation which has been developed especially for coating steel and aluminum substrates with sharp edges . It is characterised by its exceptional viscosity (Fig. 2). With “Antigassing Prime“ the Alesta ZeroZinc product range offers a tailored solution for degassing substrates, galvanized steel and metallisation.

Alesta ZeroZinc appartiene alla seconda generazione di primer anticorrosivi epossidici senza zinco. Questa gamma di prodotti offre soluzioni appropriate a seconda della superficie da verniciare. “Steel Prime” è il primer ideale per proteggere i metalli ferrosi dalla corrosione. “Edge Prime” è una formulazione sviluppata specificatamente per verniciare superfici d’acciaio e d’alluminio con bordi affilati, ed è caratterizzato da una viscosità eccezionale (fig. 2). Con “Antigassing Prime”, la gamma di prodotto Alesta ZeroZinc offre una soluzione su misura per superfici degassanti, acciaio galvanizzato e metallizzazione.

Excellent corrosions protection under all conditions

Protezione dalla corrosione eccellente in tutte le condizioni

Requirements of corrosion protection vary depending on the environment in which a metalmade product or part is used. Alesta ZeroZinc has proved its outstanding properties regarding corrosion protection and durability according to

I requisiti della protezione anticorrosiva variano a seconda dell’ambiente in cui un pezzo o un prodotto di metallo sono utilizzati. Alesta ZeroZinc ha provato le sue proprietà eccezionali riguardo la protezione dalla corrosione e la durabilità in conformità a DIN ISO 12944-

96 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


INNOVATIONS: PRESENT&FUTURE DIN ISO 12944-6. Even under most severe environment conditions such as aggressive atmosphere, high humidity, and extreme climate the primers provide for durable best-in-class corrosion protection in combination with an adequate pretreatment. Alesta ZeroZinc fulfils the requirements up to class C5-I long. These excellent characteristics result from the formulation of the primers using High Density Crosslinking (HDC) technology. It strengthens the barrier effect: All Alesta ZeroZinc primers create a completely sealed coating that isolates the substrate from its environment (Ref. Opening Photo). In addition the protective layer has excellent adhesion properties with the substrate and the topcoat as well as superb resistance to mechanical and chemical exposure. Typically the primer coated surface is easily overcoatable with powder and liquid topcoats.

6. Anche nelle condizioni ambientali più severe, come atmosfera aggressiva, umidità elevata e clima estremo, i primer, in combinazione con un pretrattamento adeguato, mantengono una protezione anticorrosiva duratura, la migliore nella loro categoria. Alesta ZeroZinc soddisfa i requisiti fino alla classe C5-I. Queste caratteristiche eccellenti derivano dalla formulazione dei primer, realizzati con la tecnologia a reticolazione ad alta densità (HDC, High Density Crosslinking). Questa rafforza l’effetto barriera: tutti i primer Alesta ZeroZinc creano un rivestimento completamente sigillato che isola la superficie dal suo ambiente (rif. foto d’apertura). Inoltre, lo strato protettivo ha proprietà di adesione eccellenti con il substrato e con la finitura, oltre a una resistenza superba all’esposizione a sostanza chimiche e a fattori meccanici. In genere, la superficie rivestita con il primer é facilmente verniciabile con mano a finire a liquido e a polveri.

Economic advantages

Vantaggi economici

Considering the aspect of material and resource efficiency the ZeroZinc anticorrosion primers can score too. The low density leads to easier application and recycling. Additionally the primers enable for higher productivity, which means coating more square meters per kilogram. Thanks to the excellent intercoat adhesion the topcoat can be applied without prior grinding. Primed parts can be stored awaiting to be overcoated with topcoat without further treatment. Zinc-free primers are less abrasive than their zinccontaining counterparts, thus reducing wear on the coating equipment, e. g. electrode, venturi, pistol parts, which results in longer life span.

Anche per quanto riguarda l’efficienza dei materiali e delle risorse, i primer anticorrosivi ZeroZinc offrono dei vantaggi. La bassa densità ne rende più facile l’applicazione e il riciclaggio. Inoltre, i primer permettono una produttività più alta, che significa verniciare più metri quadrati per chilogrammo. Grazie all’eccellente adesione tra gli strati, la mano di finitura può essere applicata senza smerigliatura preventiva. I pezzi con il primer applicato possono essere stoccati in attesa di essere rivestiti con la mano a finire senza ulteriori trattamenti. I primer senza zinco sono meno abrasivi rispetto alle controparti contenenti zinco, riducendo così l’usura sui macchinari di verniciatura, per esempio elettrodi, venturi e componenti delle pistole, permettendo così una durata maggiore.

Applicable from architectural elements to agricultural machines

Applicabile dagli elementi architettonici alle macchine agricole

The optimised characteristics and the matched product range make Alesta ZeroZinc ideal for corrosion protection for all kind of applications. These range from parts and metallic structures used in architecture, outdoor furniture, forge and cast components to chassis, agriculture and construction machines. In case of parts and components from the machinery and plant engineering, as well as transport industry and many other applications Alesta ZeroZinc can also replace all anticorrosion primers with or without zinc.

Le caratteristiche ottimizzate e la gamma di prodotti per ogni esigenza rendono Alesta ZeroZinc ideale per la protezione anticorrosiva per ogni tipo di applicazione. Queste vanno da pezzi e strutture di metallo usate in architettura, arredo per esterni, componenti fusi e forgiati fino a chassis e macchine per il settore costruzione e il settore agrario. Nel caso di pezzi e componenti del settore di ingegneria degli impianti e delle macchine, così come dell’industria dei trasporti e di tante altre applicazioni, Alesta ZeroZinc può anche sostituire tutti i primer anticorrosivi con o senza zinco.

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

97


ELECTROSTATIC SPRAY GRADE PLASTIC COATING POWDERS: CORROSION PROTECTION AND DAMAGE PROOF Polveri termoplastiche a spruzzatura elettrostatica: protezione dalla corrosione e dai danneggiamenti Anuj Gupta Rapid Coat Sahibabad, U.P., India anuj.gupta@rapidcoat.com

H

APA stands for High Adhesion Polymer Alloy. As the name suggests, it is a thermoplastic polyethylene alloy. These thermoplastic powder coatings have been specifically designed to provide a long lasting, chemically and mechanically tough coating for both exterior and interior applications. HAPA coatings are a superior choice when compared to the conventionally used PVC and polyester coatings (Tab. 1). They have excellent adhesion to the metal substrate and are almost impossible to peel off. HAPA powders are available in a variety of grades: 1. HAPA SC (Spray Coating): The powder particle size is very fine and is designed to be sprayed onto the piece using electrostatic spray guns. The air velocity and powder flow should be suitably adjusted so as to prevent overspray or bouncing back of the powder spray. 2. HAPA DC (Dip Coating): This grade of powder is designed for coating by the dip/fluidized bed coating method. In this method, the heated piece is dipped into a fluidized bath containing the powder for 2 to 5 seconds. 3. HAPA Granules: These granules possess the same properties as the other grades but are designed for the extrusion coating method.

98 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

H

APA è l’acronimo di High Adhesion Polymer Alloy (lega polimerica ad alta adesione). Come il nome suggerisce, è una lega di polietilene termoplastico. Queste polveri termoplastiche sono state progettate specificatamente per fornire un rivestimento durevole e resistente a livello meccanico e chimico, sia per applicazioni interne sia esterne. I rivestimenti HAPA rappresentano una scelta di livello superiore in confronto a quelli convenzionalmente usati, come PVC e poliestere (tab. 1). Hanno un’adesione eccellente alle superfici metalliche ed è quasi impossibile che si stacchino. Le polveri HAPA sono disponibili in diversi tipologie: 1. HAPA SC (rivestimento a spruzzo): le particelle di polvere sono molto fini e sono progettate per essere spruzzate sul pezzo utilizzando le pistole a spruzzo elettrostatiche. La velocità dell’aria e il flusso della polvere devono essere regolate in modo appropriato per prevenire l’overspray e il rimbalzo dello spruzzo delle polveri. 2. HAPA DC (rivestimento a immersione): questo grado di polveri è progettato per verniciare attraverso il metodo a letto fluido. In questo modo, il pezzo scaldato viene immerso in un bagno fluido contenente la polvere per 2-5 secondi. 3. Granuli HAPA: questi granuli possiedono le stesse proprietà degli altri gradi ma sono progettati per il metodo di rivestimento a estrusione.


INNOVATIONS: PRESENT&FUTURE Applications

Applicazioni

HAPA powders find application in many industries given the tough and durable coating properties along with the flexibility of different coating methods. Some of the most common applications of HAPA are: - Playground equipment, garden furniture, outdoor benches, welded wire mesh, wire mesh rolls, chain link. - Fences, security fences, fence posts. - Pipelines, automotive clamps, automotive fuel tank filler pipes, fire extinguishers, battery boxes, submersibles, fan guards and lamp posts.

Le polveri HAPA sono utilizzate in molte industrie per le proprietà di resistenza e durata del rivestimento in aggiunta alla flessibilità consentita dai diversi metodi di verniciatura. Alcune delle applicazioni più comuni di HAPA sono: - attrezzature per parchi giochi, arredo per giardini, panchine per esterni, rete metallica saldata, rotoli di rete metallica, reti intrecciate; - recinti, recinzioni di sicurezza, paletti di recinzione; - tubi, morsetti e tubi di riempimento dei serbatoi per il settore automotive, estintori, scatola della batteria, oggetti per uso subacqueo, reti di protezione, pali della luce.

HAPA advantages

I vantaggi delle polveri HAPA

1. No BPA, no TGIC, no halogens, no heavy metals, no VOCs and no phthalates 2. Outstanding corrosion resistance to water, salt and pollution 3. Electrical insulation 4. Sound absorbing 5. Adhesive nature of coatings makes it very difficult to peel off 6. Vandal proof 7. Outdoor durable.

1. Prive di BPA, TGIC e alogeni. Assenza di metalli pesanti, COV e ftalati 2. Resistenza eccellente alla corrosione di acqua, sale e inquinamento 3. Isolamento elettrico 4. Fono assorbente 5. La natura adesiva dei rivestimenti ne rende molto difficile il distacco 6. A prova di vandalismo 7. Resistenti in esterni.

Tab. 1: Comparison of HAPA powder coatings with other alternatives

Tab. 1: Confronto tra i rivestimenti a polvere HAPA e i prodotti alternativi

Properties Corrosion Resistance Against Water & Rain Against Salt & Chemicals Against Air Pollution Abrasion Resistance Against Damage by Animals Against Acts of Vandalism Against Dust & Sand Storms Adhesion to Metal Against Acts of Vandalism Against Temperature Fluctuations Between Hot & Cold Weather Outdoor Durability Against Intense UV Rays & Sunlight Warm to Touch Availibility of Colours Electrically Insulating Ease of Application & Repair VOCs Harmful Effluents Primer Needed

HAPA

PVC

Polyester Powder Coatings

Zinc Galvanized

Excellent

Excellent

Poor

Excellent

Excellent

Fair

Poor

Poor

Excellent

Poor

Good

Fair

Excellent Excellent Excellent Excellent Excellent Excellent Excellent Not Required

Excellent Excellent Excellent Excellent Poor Poor Poor Required

Good Poor Excellent Poor Poor Good Good Not Required

Good Poor Poor Poor Poor Poor Poor Not Required

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

99


Electrostatic Spray Grade Plastic Coating Powders: Corrosion Protection and Damage Proof

1

Layout of HAPA application cycle. Layout del ciclo di applicazione HAPA.

1

© Rapid Coat Powder Coatings

Coating Method

Metodo di verniciatura

The metal substrate is degreased, de-rusted, de-scaled, passivated and cleaned. Thin “wire loops” or hooks should be attached at suitable locations, for ease of handling the piece, so as not to mar the product appearance. These are later cut off or removed after the entire operation is over. The piece article is heated in the oven at 250-300°C (480-570°F) for 5-10 minutes. The heating time and temperature depends on the mass of the piece and the loading of the oven. This factor has to be practically ascertained to provide the desired production rates and coating thickness (Fig. 1). The heated piece can be coated in two ways: 1. Spray Coating: The powder can be sprayed onto the piece using electrostatic spray guns. The air velocity and amount of powder should be suitably adjusted so as to prevent overspray or bouncing back of the powder spray. 2. Dip/Fluidized Bed Coating: The heated piece is dipped in a tray containing the powder and the powder is splashed on it or dipped in a fluidized bed of the powder for 2-5 seconds. The powder will stick to the hot piece.

La superficie di metallo viene sgrassata, privata della ruggine, scrostata, passivata e pulita. Dei ganci dovrebbero essere attaccati nei punti più adatti per maneggiare facilmente il pezzo e non rovinare l’aspetto del prodotto. Questi elementi si rimuovono in seguito, al termine dell’intera operazione. Il pezzo viene scaldato nel forno a 250-300°C, per 5-10 minuti. Il tempo di riscaldamento e la temperatura dipendono dalle dimensioni del pezzo e dal caricamento del forno. Questo fattore deve essere riscontrato a livello pratico per ottenere i tassi di produzione desiderati e lo spessore del rivestimento richiesto (Fig. 1). Il pezzo scaldato può essere verniciato in due modi: 1. Verniciatura a spruzzo: la polvere può essere spruzzata sul pezzo usando pistole a spruzzo elettrostatiche. La velocità dell’aria e la quantità di polvere dovrebbero essere propriamente regolate per prevenire l’overspray e il rimbalzo dello spruzzo di polvere. 2. Verniciatura a letto fluido: il pezzo scaldato viene immerso in un contenitore contenente la polvere, che viene sparsa su di esso, oppure viene immerso in un letto fluido di polvere per 2-5 secondi. La polvere aderisce al pezzo caldo.

Once the piece is coated, care should be taken to ensure it does not rub or come into contact with any surface, to prevent damage to the coating. At this stage, a rough powdery, but uniform coating on the piece is obtained (Tabs. 2 and 3). The excess un-melted powder is shaken off with a slight jerky motion or light tapping. The coating thickness increases with the pre-heating temperature and dipping time. To smoothen out the powder and provide a glossy surface, the piece is re-heated in the oven for 2-3

Una volta che il pezzo è verniciato, bisogna assicurarsi con cura che non sfreghi e che non entri in contatto con qualsiasi superficie, per prevenire il danneggiamento del rivestimento. In questa fase, sul pezzo si ottiene un rivestimento a polvere grezzo ma uniforme (tabb. 2 e 3). La polvere in eccesso non fusa viene scrollata via con un leggero movimento o con dei colpetti. Lo spessore del rivestimento aumenta con la temperatura di preriscaldo e il tempo d’immersione. Per distendere la polvere e ottenere una superficie brillante, il pezzo viene riscaldato nel forno per 2-3 minuti. La tem-

100 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


INNOVATIONS: PRESENT&FUTURE minutes. The suggested temperature varies between 120-140°C. This causes the powder to melt, sinter and flow out. Excessive heating may cause the coating to discolor or sag. The article should be carefully taken out of the oven, without coating coming into contact with any other surface and allowed to cool in a clean dust free atmosphere. Sometimes water quenching is also resorted to, for wire products.

peratura suggerita varia tra 120-140°C. Questo fa si che la polvere si sciolga, sinterizzi e si distenda. Il calore eccessivo può far si che la vernice scolorisca o coli. Il pezzo dovrebbe essere rimosso dal forno con molta attenzione, senza che la vernice entri in contatto con un’altra superficie, ed essere lasciato a raffreddare in un’atmosfera pulita e fuori polvere. Alcune volte si ricorre alla tempra in acqua per i prodotti a filo.

Inspection & Post Finishing

Ispezione e post-finitura

The thin “wire loops” attached earlier for handling the piece are carefully snipped off at the base so as not to mar the appearance. The piece is inspected for pin holes or blemishes. These can be filled or repaired with a little powder with a small soldering iron or hot air gun.

I ganci sottili attaccati in precedenza per la manipolazione del pezzo vengono tagliati alla base in modo che non ne rovinino l’aspetto. Il componente viene ispezionato per trovare bolle o imperfezioni che possono essere riempite o riparate con un po’ di polvere, usando una piccola saldatrice o una pistola ad aria calda.

Fundamental Notes Note fondamentali

The coating thickness increases with: - Increase in temperature of the piece - Thickness of the wire - Duration of dipping in the powder.

Lo spessore del rivestimento aumenta con: - l’aumento della temperatura del pezzo; - lo spessore del filo; - la durata dell’immersione nella polvere.

Tab. 2: HAPA Coverage Length of wire coated by 1 kilogram of HAPA powders Wire Diameter 2 mm 3mm 4mm

Coating Thickness (microns μm) 300 μm 400 μm 480 meters 350 meters 340 meters 240 meters 260 meters 190 meters

Tab. 2: copertura delle polveri HAPA 500 μm 270 meters 190 meters 150 meters

700 μm 165 meters 130 meters 100 meters

Tab. 3: proprietà tecniche

Tab. 3: Technical Properties Properties

600 μm 215 meters 155 meters 120 meters

EquivalentStandard (ASTM)

Unit

Standard

μm g/cm3

Alpine Sieving ISO 60

D 1895

g/cm3 g/10 min

ISO 1183 ISO 1133

D792 D1238

HAPASC:200 HAPADC:300 0.3 - 0.4 Excellent 0.924 24

D571-80

80 <0.03 14.75

Powder Properties Maximum Particle Size Bulk Density Fluidising Characteristics Specific Gravity Melt Flow Index (190°C/2.16 kg) Coating Properties Maximum Working Temperature Water Absorption

°C %

Abrasion Resistance (Taber)

mg loss

ISO 9352

D4060

Salt Spray Resistance

hours

ISO 9227

B117-73

Weathering Resistance QUV

Hours

ISO 4892-3

G154

Observation

<1 mm in 2000 hours salt in water at 35°C 1000 hours No significant change in colour or loss of gloss

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

101


Corrosion Protection and Outdoor Durability: HAPA Powder Coatings

Properties

EquivalentStandard (ASTM) Sahibabad (Near New Delhi) Lat.:28.67 Long.:77.37 Temperature: Average25°C, Low: 1°C, High 47°C Humidity Average:49.2%, Low 25%, High 85% Average Rainfall: 800 mm (31.4 inches) Unit

Weathering Resistance Outdoor Thermal & Mechanical Properties Recommended Coating Thickness Appearance Gloss Melting Point Vicat Softening Point

Standard

μm % °C °C

Impact Strength

kg.cm

Elongation at Break Tensile Strength Chemical Resistance Dilute Acids @ 60°C Dilute Alkali @ 60°C

% Mpa

ISO 3146-C ISO 306

ISO527 ISO527

D523 D3418 D1525 D2794-69 (1.5mm plate) D638 D638

10% solution for 12 hours 25% solution for 12 hours

3

© Rapid Coat Powder Coatings

2

2 years. No signifacant change in colour or loss of gloss

300-700

Rapid Coat Powder Coatings products are manufactured by Rapid Engineering Co. Pvt. Ltd (RECPL). The company started operations in 1974 and its plant is located in the outskirts of New Delhi, India (Figs. 2 and 3). Rapid Coat is one of the few companies in the world manufacturing both thermoplastic and thermosetting powder coatings.

2

Observation

Glossy & Smooth Finish 70-80 118 91 280 31 14 Resistant Resistant

I prodotti Rapid Coat Powder Coatings sono fabbricati da Rapid Engineering Co. Pvt. Ltd (RECPL). L’azienda ha iniziato la sua attività nel 1974 e il suo impianto si trova nella periferia di Nuova Delhi, India (figg. 2 e 3). Rapid Coat è una delle poche aziende al mondo che produce rivestimenti a polvere sia termoplastiche sia termoindurenti.

© Rapid Coat Powder Coatings

3

A dedicated and committed team of highly qualified engineers and workers are able to ensure consistent high quality and deliveries on time leading to a high level of customer satisfaction at Rapid Coat Powder Coatings.

Rapid Coat Powder Coatings R&D laboratory is equipped with QUV Weatherometer, Atlas Xenon-Arc Weatherometer, Laser Particle Size Analyser, Salt Spray Equipment, Conical and Cylindrical Mandrel and Gloss Measurement Instrument.

Presso Rapid Coat Powder Coatings, un team attento e scrupoloso di ingegneri altamente qualificati e operai sono in grado di assicurare un alta qualità costante e consegne nei tempi stabiliti portando a un alto livello di soddisfazione del cliente.

Il laboratorio R&D di Rapid Coat Powder Coatings è attrezzato con QUV Weatherometer, Atlas Xenon-Arc Weatherometer, analizzatore laser della dimensione delle particelle, attrezzature per nebbia salina, mandrino conico e cilindrico e strumento di misurazione della brillantezza.

102 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


DIRECT PLATING OF ABS AND ABS-PC PLASTICS Metallizzazione diretta di plastiche ABS e ABS-PS Dr. Carl Fels R & D Manager Plating on Plastics, Atotech Deutschland GmbH, Atotech.BRLN-GMF-Marketing@atotech.com

F

or approximately 17 years now, direct plating processes are increasingly being used in different industries such as the sanitary or automotive industry for metalizing ABS and ABS-PC plastics. Besides the short process sequence and the better controllability compared to the reductive nickel processes, the possibility to produce with relatively low reject rates are the reasons which make this kind of application particularly interesting. Due to a lower number of process steps and different chemicals that are used, a slight advantage over the conventional method of metalizing plastics also in terms of waste water treatment can be achieved. Figure 1 shows the process sequence of direct metallization using the example NeoLink®.

1. The mechanism of direct metallization

2

Sketch of a colloid according to literature 1. Raffigurazione di un colloide secondo la pubblicazione 1.

D

1

The process sequence of direct metallization using the example NeoLink®. La sequenza di processo della metallizzazione diretta usando come esempio NeoLink®.

The key to success of this technology lies within the implementation of tin-palladium colloids, that are adsorbed after the pre-treatment of the plastic surface in the chromosulphuric acid etch. Figure 2 shows the sketch of a colloid according to literature 1. The outer shell consists of a SnCl3- protective layer, which is charging the colloids’ surface and by this means prevents the agglomeration of the particles. The inside of the colloid consists of metallic tin and palladium [2] . Presumably, adsorbed colloids on plastic surfaces build a conductive layer via several mechanisms in a corresponding alkaline copperbased solution (i.e. NeoLink®).

104 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

a circa 17 anni, i processi di metallizzazione diretta sono usati sempre più spesso in diverse industrie, come quella sanitaria e automotive, per la metallizzazione delle plastiche ABS e ABS-PC. La sequenza di processo breve e un migliore controllo rispetto ai riduttivi processi di nichelatura, insieme alla possibilità di produrre con un tasso di scarto relativamente basso, sono le ragioni che rendono questo tipo di applicazione particolarmente interessante. Grazie a un numero inferiore di fasi del processo e alle differenti sostanze chimiche usate, si può ottenere un buon vantaggio rispetto ai metodi convenzionali di metallizzazione della plastica, anche in materia di trattamento delle acque reflue. La figura 1 mostra la sequenza del processo di metallizzazione diretta usando come esempio NeoLink®.

1. Il meccanismo di metallizzazione diretta

La chiave del successo di questa tecnologia risiede nell’implementazione dei colloidi di palladio-stagno, che sono assorbiti dopo il pretrattamento della superficie plastica nell’intaglio con acido cromo-solforico. La figura 2 mostra la rappresentazione di un colloide secondo la pubblicazione 1. L’involucro esterno consiste in uno strato protettivo di SnCl3-, che carica la superficie dei colloidi e in questo modo previene l’agglomerazione di particelle. L’interno del colloide è formato da stagno metallico e palladio[2]. Possibilmente, i colloidi assorbiti sulle superfici plastiche costituiscono uno strato conduttivo attraverso diversi meccanismi in una soluzione corrispondente a base di rame alcalino (es. 2 NeoLink®).


INNOVATIONS: PRESENT&FUTURE After removing the protective colloid in the alkaline copper-based solution, a direct exchange of the metallic tin inside the colloid for copper seems possible [3] . It is however more likely that the relatively low stability of the Cu2+ complexes within the alkaline process-solutions is responsible for the formation of the conductive layer. As a result, Cu-(I)-oxid can be formed by the reduction of Cu2+ by Sn2+. The Cu-(I)-oxid can in addition to its semi-conductive properties disproportionate within a copper plating bath.

Dopo la rimozione del colloide protettivo nella soluzione alcalina a base di rame, sembra possibile uno scambio diretto di stagno metallico dentro il colloide con il rame [3]. È comunque più probabile che la stabilità relativamente bassa dei complessi Cu2+ dentro le soluzioni di processo alcalino sia responsabile della formazione dello strato conduttivo. Come risultato, l’ossido Cu-(I) può formarsi attraverso la riduzione di Cu2+ da Sn2+. In aggiunta alle sue proprietà semiconduttive, l’ossido Cu-(I) si sproporziona all’interno di un bagno galvanico di rame.

2Cu2+ + Sn2+ Æ 2Cu+ + Sn4+

[Gl. 1]

2Cu2+ + Sn2+ Æ 2Cu+ + Sn4+

[Gl. 1]

2Cu+ + 2OH- Æ Cu2O + H2O

[Gl. 2]

2Cu+ + 2OH- Æ Cu2O + H2O

[Gl. 2]

Cu2O + H2O Æ Cu + Cu2+ + 2OH -

[Gl. 3]

Cu2O + H2O Æ Cu + Cu2+ + 2OH -

[Gl. 3]

In general all partial reactions mentioned can contribute to the formation of a “cross-linked”, thin, conductive layer. This became evident in several studies where Cu0, Cu+ as well as Cu2+ were traced along the surface [2]. The necessity of this layer for the subsequent chemical copper plating can be explained by figure 3 [4]. The formation of the copper layer is built up from the cathode contact in lateral direction. In literature different information on this kind of lateral growth of the copper layer within acid galvanic copper baths can be found [4, 5, 6].

In generale, tutte le reazioni parziali menzionate possono contribuire alla formazione di uno strato “reticolato” conduttivo sottile. Questo diventa evidente in diversi studi in cui Cu0, Cu+ e Cu2+ erano tracciati sulla superficie[2]. Il bisogno di questo strato per il successivo rivestimento galvanico di rame è spiegato nella figura 3[4]. La formazione dello strato di rame si sviluppa dal contatto catodico in direzione laterale. In letteratura si possono trovare diverse informazioni su questo tipo di crescita laterale dello strato di rame all’interno dei bagni galvanici acidi di ramatura[4, 5, 6].

2. Development of direct metallization

2. Sviluppo della metallizzazione diretta

The first years after the introduction of this technology were influenced by relatively low prices for palladium. In the middle of the last decade at the latest, there was a notable increase in palladium prices that made this application become less attractive. One part of the further development of the direct metallization during the last 10 years was therefore dedicated to an optimized use of palladium. This can be illustrated using the Futuron® process as example. The process entered the market in 1995 and achieved a global market penetration. The palladium concentration within the activator baths was about 250 mg/l. Over the next 10 years, the amount of palladium necessary for activation was reduced to 190-200 mg/l due to optimized process sequences within the facilities of the producers’ plants. Due to the introduction of the next generation process – the Futuron® Ultra process – another reduction of

I primi anni dopo l’introduzione di questa tecnologia sono stati influenzati dai prezzi relativamente bassi del palladio. Al più tardi a metà dell’ultimo decennio si è verificato un notevole incremento dei prezzi del palladio che hanno reso quest’applicazione meno attrattiva. Una parte degli ulteriori sviluppi della metallizzazione diretta durante gli ultimi 10 anni è stato quindi dedicato all’ottimizzazione dell’uso del palladio. Come esempio si può portare quello del processo Futuron®. Tale processo entrò nel mercato nel 1995 e raggiunse una penetrazione globale. La concentrazione del palladio all’interno dei bagni di attivazione era di circa 250 mg/l. Durante i successivi 10 anni, l’ammontare del palladio necessario per l’attivazione fu ridotto a 190-200 mg/l grazie a sequenze di processo ottimizzate all’interno degli impianti dei produttori. Grazie all’introduzione del processo di nuova generazione Futuron® Ultra fu possibile ridurre ulteriormen-

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

105


Direct Plating of ABS and ABS-PC Plastics

3

The formation of the copper layer is built up from the cathode contact in lateral direction. La formazione dello strato di rame è costruita dal contatto catodico in direzione laterale.

palladium in the activator baths, has been achieved. On average, 120mg/l of palladium were required to metalize ABS and ABS-PC 3 plastics with this process. This corresponded to a palladium reduction of 1/3, enabled by the enhanced palladium activators and the alkaline copper solution, the so-called Futuron® Ultra Cu-Link. No limitations in terms of quality or functionality were observed. The reasons to promote this kind of development can be illustrated with the following listed rough calculation: With an activator bath containing 250 mg/l palladium, at 0,2 l/m2 drag out, 500 m2 of surface get plated a day. This leads to an amount of 25 g/500m2 palladium being dragged out without activating the surface. The same calculation for an activator concentration of 120 mg/l palladium leads to 12 g/500m2 palladium. The development of direct metallization processes is still focused on saving the expensive material palladium. By this means, latest process methods such as the NeoLink® process can help to reduce the amount of palladium required. However, other process variables which need to be considered come into focus. Besides the above mentioned drag out, the adsorption required for the direct metallization contributes significantly to the consumption. The adsorption of the palladium particles on the plastic surfaces however depends on many different parameters such as the type of plastic, the parameters during the plastic injection, the pickling parameters and the parameters applied to the palladium activator.

te il palladio nei bagni di attivazione. In media questo processo richiedeva 120 mg/l di palladio per metallizzare le plastiche ABS e ABS-PC. Ciò corrispondeva a una riduzione del palladio di 1/3, permessa dal miglioramento degli attivatori di palladio e della soluzione di rame alcalina, conosciuta come Futuron® Ultra Cu-Link. Non sono state osservate limitazioni in termini di qualità o funzionalità. I motivi per promuovere questo tipo di sviluppo possono essere illustrati nei seguenti calcoli abbozzati: con un bagno di attivazione contenente 250 mg/l di palladio, a 0,2 l/m2 di trascinamento, si metallizzano 500 m2 di superficie in un giorno. Questo porta a un trascinamento di 25g/500m2 di palladio senza che sia attivata la superficie. Lo stesso calcolo, per una concentrazione dell’attivatore di 120 mg/l di palladio, porta a 12 g/500 m2 di palladio. Lo sviluppo dei processi di metallizzazione diretta è ancora concentrato sul risparmio del palladio, un materiale costoso. Per questo, i metodi di processo recenti, come il processo NeoLink®, possono aiutare a ridurre la quantità di palladio richiesta. Inoltre, entrano in gioco anche altre variabili di processo che devono essere considerate. Oltre al già menzionato trascinamento, l’assorbimento richiesto per la metallizzazione diretta contribuisce in modo significativo al consumo. L’assorbimento delle particelle di palladio sulle superfici di plastica dipende comunque da numerosi fattori, come il tipo di plastica, i parametri durante l’iniezione della plastica, i parametri di decapaggio e i parametri applicati all’attivatore del palladio.

2.1 The type of plastic respectively parameter during plastic injection represented by different parts (geometries) For the total consumption of palladium via adsorption, the different ABS-plastics and the applied process parameters during the plastic injection are to be considered. Figure 4 shows the amount of palladium [mg/m2] on different ABS polymers, which is being adsorbed under

2.1 I rispettivi parametri del tipo di plastica durante l’iniezione rappresentati da diversi pezzi (geometrie) Per il consumo totale del palladio attraverso l’assorbimento, sono da considerare le differenti tipologie di ABS e i parametri di processo applicati durante l’iniezione della plastica. La figura 4 mostra la quantità di palladio [mg/m2] su diversi polimeri ABS, che viene assorbita da una

106 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


INNOVATIONS: PRESENT&FUTURE equal process conditions respectively parameters on the surfaces of three differently shaped parts from an activator solution. Depending on the available polymer and the injection conditions, differences up to 100% arise during the palladium adsorption. With those facts, the above listed calculation of consumption can be extended:

soluzione di attivazione in condizioni uguali secondo i rispettivi parametri di processo sulle superfici di tre pezzi di forme differenti. A seconda del polimero disponibile e delle condizioni di iniezione, sorgono differenze fino al 100% durante l’assorbimento del palladio. Con questi elementi, i calcoli precedenti possono essere estesi:

Palladium consumption by adsorption Palladium content within the activator bath Daily production Drag out This is equivalent to a total consumption of: The equivalent for a plastic to be electroplated with 50mg/m2 palladium adsorption is:

2.2 Changing one parameter within the activator, for example the palladium concentration When changing a parameter within an activator bath, i.e. by reducing the palladium concentration, less activator particles are likely to be adsorbed on the surface. An example for this is illustrated in figure 5. The different palladium concentrations within the

100 mg/m2 55 mg/l 500 m2 0,2 l/m2 Pd/500m2: 55,5g Pd/500m2: 30,5g

2.2 Cambiamento di un parametro all’interno dell’attivatore (come la concentrazione del palladio) Cambiando un parametro all’interno di un bagno di attivazione, per esempio riducendo la concentrazione di palladio, è possibile ridurre le particelle dell’attivatore che vengono assorbite dalla superficie. Un esempio è illustrato nella figura 5. Le differenti concentrazioni di palladio nel bagno di attivazione porta-

EcoCCore: THE NEW DIMENSION IN SOLVENT CLEANING At parts2clean you can discover what it is all about. 22 - 24 October 2013, Stuttgart, Hall 4, Stand 4216/4315

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23 www.durr-ecoclean.com

107


Direct Plating of ABS and ABS-PC Plastics

4

Amount of palladium [mg/m2] on different ABS polymers. Quantità di palladio [mg/m2] su diversi polimeri ABS.

5

Dependency of the palladium concentration Pd [mg/m2] on 3 different plastic parts, made of the same polymer but with different palladium concentrations (55mg/l and 110mg/l). La dipendenza della concentrazione di palladio Pd [mg/m2] su tre pezzi di plastica differenti, fatti dello stesso polimero ma con diverse concentrazioni di palladio (55mg/l and 110mg/l).

activator bath no a differenze noPolymer 1 150,00 Polymer 2 lead to notable tevoli nel tasso di Polymer 3 differences in the assorbimento del adsorption ratio palladio, se tutti i fat100,00 for palladium, if tori restano uguali. Pd adsorbed [mg/m ] all other factors In entrambi i casi, la remain equal. In superficie può essere 50,00 both cases, the metallizzata nei bagni Polymer 3 surface can be galvanici di ramatura 0,00 Polymer 2 metalized in the acida senza difficoltà. Part 1 Polymer 1 acidic galvanic Questo significa che Part 2 4 Part 3 copper bath la quantità necessawithout difficulties. ria di palladio assorThis means that the bito è raggiunta da 55mg/l Pd 110mg/l Pd necessary amount 55 mg/l di palladio e 200 of adsorbed il surplus, assorbito in palladium is un bagno di attivazio150 achieved by 55mg/l ne di 110 mg/l, viene 100 palladium and the consumato senza un surplus, adsorbed beneficio diretto. 50 in an activator bath La concentrazione 0 of 110mg/l, is being è solo uno dei pa110mg/l Pd Part 1 consumed without rametri dell’attiva55mg/l Pd Part 2 direct benefit. tore di palladio che Part 3 5 The concentration ha un impatto sulla is just one quantità di palladio parameter within assorbito sulla suthe palladium activator that has an impact on the perficie plastica. Ulteriori parametri, rilevanti per l’otadsorbed amount of palladium on the plastic surface. timizzazione dell’assorbimento del palladio, sono temAdditional parameters, relevant for the optimization peratura, tempo di esposizione e concentrazione dello of the palladium adsorption, are temperature, stagno. exposure time and the tin concentration. 2

Pd adsorbed [mg/m2 ]

Conclusioni Summary Summarized it can be said that with the newer direct metallization processes cost savings can be achieved within the area of palladium drag out. To further safe costs, besides the optimized process chemistry, one has to carefully monitor and eventually optimize all parameters involved in the adsorption.

In conclusione, sì può affermare che con i processi più recenti di metallizzazione diretta si possono ottenere risparmi sui costi nell’area di trascinamento del palladio. Per risparmiare ulteriormente, oltre ai processi chimici ottimizzati, è necessario un attento monitoraggio ed eventualmente ottimizzare tutti i parametri coinvolti nell’assorbimento.

BIBLIOGRAPHY [1] R.L. Cohen, K. W. West, J. Electrochem. Soc., 120,50 (1973) [2] O. Holderer, Doktorarbeit, L`Institute national des sciences appliquées des Lyon, 03.2002 [3] K.H. Dietz, Plating and Surface Finishing, 82 (7), 60-63, (1995) [4]: D. Weng, U. Landau, J. Electrochem. Soc., 142, 2598-2604 (1995) [5]: S. Ono, K. Naitoh, Electrochim. Acta, 44, 3697-3705 (1999) [6]: W. Gui-Xiang, L. Ning, Applied Surface Science, 253, 480-484 (2006) [7]: Middeke, H. Galvano-Organo-traitements de Surface, 685, 357-363, (1998) [8]: T.H. Darma, E. Bouquerel, J. Achievements in Materials and Manufacturing Engineering, 24 (1), 172-177 (2007)

108 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


www.sof trainsystem.com

info@sof trainsystem.com


TRADE FAIRS & CONFERENCES Fiere e Convegni

NOVEMBER 2013 EICMA Milan, italy November 5-10, 2013 www.eicma.it

CHINACOAT Shanghai, China November 20-22, 2013 www.chinacoat.net/2013/exh_en.htm

SURFPROTECT Sosnowiec, Poland November 5-6, 2013 www.exposilesia.pl/surfprotect/0/0/uk/

DECEMBER 2013 SURFACE TECHNOLOGY INDIA New Delhi, India December 17-20, 2013 www.win-india.com/events/surface-technology-india

JANUARY 2014 AUTO MĂ&#x201E;SSAN Gothenburg, Sweden January 15-18, 2014 www.svenskamassan.se/en/sites/autotradefair/

SAMUPLAST Pordenone, Italy January 29- February 1, 2014 www.samuplast.it

INTERFARBA Kiev, Ukraine January 21-24, 2014 www.theprimus.com/!/interfarba-2014

ISF 2014 Mumbai, India January 29-31, 2014 www.mfai.org/details.php?ID=3

SAMUMETAL Pordenone, Italy January 29- February 1, 2014 www.samumetal.it

FEBRUARY 2014 FIERAGRICOLA Verona, Italy February 6-9, 2014 www.fieragricola.it

110 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

EXPO COATING Moscow, Russia February 18-20, 2014 expocoating.primexpo.ru/en/


by Paola Giraldo

MARCH 2014 MIDO Milan, Italy March 1-3, 2014 www.mido.it

EXPO SURFACE Kielce, Poland March 26-28, 2014 www.targikielce.pl/index.html?k=expo_surface_en&s=index

PAINT INDIA Mumbai, India March 6-8, 2014 www.paintindia.in/

MECSPE Parma, Italy March 27-29, 2014 www.senaf.it

MIDDLE EAST COATING SHOW Dubai, UAE March 10-12, 2014 www.coatings-group.com/show/mecs/2014

INDUSTRIE Paris, France March 31- April 4, 2014 www.industrie-expo.com/

INTERLAKOKRASKA Moscow, Russia March 11-14, 2014 www.interlak-expo.ru/en/

APRIL 2014 ALUMINIUM BRAZIL Sao Paulo, Brazil April 1-3, 2014 www.aluminium-brazil.com/

PAINTEXPO Karlsruhe, Germany April 8-11, 2014 www.paintexpo.de

WIRE D端sseldorf, Germany April 7-11, 2014 www.wire.de/

SALONE DEL MOBILE Milan, Italy April 8-13, 2014 www.cosmit.it

AMERICAN COATINGS SHOW Atlanta, GA, USA April 8-10, 2014 www.american-coatings-show.com/

COAT EXPO CHINA Guangzhou, China April 23-25, 2014 www.coatexpo.cn/

MAY 2014 TPA ITALIA Milan, Italy May 6-9, 2014 www.tpa-italia.com

INACOATING Jakarta, Indonesia May 15-17,2014 www.inacoating-exhibition.com/index.php

SAMOTER Verona, Italy May 8-11. 2014 www.samoter.com

SURFEX Birmingham, UK May 20-21,2014 www.surfex.co.uk/

LAMIERA Bologna, Italy May 14-17, 2014 www.lamiera.net/ita/index.cfm.html

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

111


ZOOM on events CONTINUING EXPANSION FOR PAINTEXPO Espansione continua per PaintExpo

O

berboihingen - Thanks to its clear-cut focus on industrial coating technology, PaintExpo makes it possible for exhibiting companies from the industry to approach expert visitors in a more targeted fashion than at any other trade fair in the world. And this is certainly the reason why roughly 330 companies have already decided to participate at the leading international trade fair at the Karlsruhe Exhibition Centre from 8 to 11 April 2014 seven months before the event opens. At the moment, exhibitors from 19 countries have booked floor space and 22% come from countries other than Germany. Nearly all international market and technology leaders in the fields of liquid painting, powder coating and coil coating are included in the exhibitor list. A further indicator of continuing growth for PaintExpo is already occupied net floor space, which now amounts to more than 10,400 square metre (112,000 square feet) and has already exceeded levels reached at the event in 2012. “However, we’re not just pleased with the facts and figures, we’re excited about the trade fair presentations and product demonstrations announced by the exhibitors as well. These will make the upcoming PaintExpo even more interesting and attractive for expert visitors from all over the world”, reports Jürgen Haußmann, managing director of event promoter FairFair GmbH. After all, coating job-shops and companies with in-house painting operations around the globe are faced with the challenge of meeting more and more demanding quality requirements with more efficient use of materials and resources, greater flexibility and improved environmental compatibility – regardless of the industrial environment in which they paint or coat metals, plastics, glass, wood, wooden materials or other surfaces.

O

Solutions Ranging from Pre-Treatment right on up to Final Inspection

Gamma di soluzioni dal pretrattamento al controllo finale

Exhibitors from all sectors are offering new products and services, as well as further developments targeted at optimising processes. Where the pre-treatment of metals is concerned, for example,

Gli espositori provenienti da tutti i settori stanno offrendo nuovi prodotti e servizi, così come nuovi sviluppi mirati all’ottimizzazione dei processi. Dove si tratta di pretrattamento dei metalli, ad esempio, la

berboihingen – Grazie al chiaro focus sulla tecnologia di verniciatura industriale, PaintExpo permette alle aziende che espongono di entrare in contatto con visitatori esperti in modo più mirato rispetto a qualsiasi altra fiera nel mondo. Questa è certamente la ragione per cui circa 330 aziende (dato aggiornato al 15 agosto 2013) hanno già deciso di partecipare alla fiera leader presso il Karlsruhe Exhibition Centre (Germania), dall’8 all’11 aprile 2014, a sette mesi dall’apertura. Al momento, espositori da 19 Paesi hanno prenotato lo spazio espositivo, il 22% proveniente da fuori Germania. Quasi tutti i leader nella tecnologia e del mercato nei settori di verniciatura a liquido, polveri e coil sono nella lista degli espositori. Un altro indicatore della crescita continua di PaintExpo è lo spazio netto già occupato, che ora ha raggiunto più di 10.400 metri quadrati, superando i livelli raggiunti dall’evento del 2012. “Non siamo soddisfatti soltanto per questi dati, siamo anche eccitati per le presentazioni e le dimostrazioni dei prodotti annunciate dagli espositori della fiera. Questi elementi renderanno il prossimo PaintExpo ancora più interessante e attraente per i visitatori esperti provenienti da tutto il mondo”, dichiara Jürgen Haußmann, managing director della società promotrice dell’evento, FairFair GmbH. Dopotutto, i verniciatori conto terzi e le aziende di tutto il mondo che gestiscono internamente le operazioni di verniciatura stanno affrontando una sfida per soddisfare i requisiti qualitativi sempre più stringenti utilizzando materiali e risorse in modo più efficiente, con maggiore flessibilità e compatibilità ambientale migliorata - indipendentemente dall’ambiente industriale in cui verniciano o rivestono metalli, plastica, vetro, legno o altri materiali.

112 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine


by Paola Giraldo

the trend towards so-called nano-ceramic systems is gaining momentum. These multi-metal compatible alternatives to conventional iron and zinc phosphating offer economic, ecological and process engineering advantages. The resulting corrosion protection is comparable to that provided by zinc phosphating, or may even surpass it. Furthermore, the products are free of heavy metals, which significantly reduces the costs required for wastewater treatment and disposal, as well as system cleaning and maintenance. In the meantime, products based on renewable raw materials have also been developed for the pre-treatment of components made of steel, iron and aluminium. Ever smaller lot quantities and a continuously increasing variety of colour tones also represent significant challenges for operators of painting and coating systems. System concepts and optimisation solutions which are laid out consistently for flexibility and efficient use of materials are making a significant contribution to streamlined operation, and thus a sharp competitive edge, for companies with in-house painting facilities. In the field of powder coating, lowtemperature powdered enamel systems allow for energy savings, on the one hand because curing takes place at a lower temperature. On the other hand, if curing takes place at the “normal” temperature, efficiency is improved by increasing throughput. Innovative controllers and systems for effective powder conveyance and application also contribute to improved quality and efficiency, as well as reduced energy consumption. PaintExpo’s exhibition programme covers coating equipment, application systems and spray guns, liquid paints and powdered enamels, automation and conveyor technology, cleaning and pre-treatment, drying and curing, environmental technology, pneumatics, compressed air supply and exhaust purification, water treatment, recycling and disposal, accessories, measuring and test technology, quality assurance, paint stripping, job-shop coating, services and technical literature as well as identification, printing and packaging. For further information: www.paintexpo.com

tendenza verso i sistemi nano-ceramici sta guadagnando terreno. Queste alternative compatibili con diversi metalli, rispetto alla convenzionale fosfatazione di zinco e ferro, offrono vantaggi economici, ecologici e d’ingegneria di processo. La conseguente protezione dalla corrosione è comparabile a quella offerta dalla fosfatazione dello zinco, e può addirittura sorpassarla. Inoltre, i prodotti sono privi di metalli pesanti, fattore che riduce significativamente i costi associati richiesti per il trattamento e lo smaltimento delle acque, così come per la pulizia del sistema e la sua manutenzione. Nel frattempo, sono stati sviluppati anche prodotti basati su materie prime rinnovabili per il pretrattamento dei pezzi di acciaio, ferro e alluminio. Anche i lotti di quantità sempre più piccole e un continuo aumento della varietà delle tonalità del colore rappresentano sfide significative per gli operatori dei sistemi di verniciatura e rivestimento. I concept di sistema e le soluzioni di ottimizzazione che sono delineate coerentemente per la flessibilità e l’utilizzo efficiente dei materiali stanno dando un contributo importante per operazioni semplificate, dando così un vantaggio competitivo efficace alle aziende con impianti di verniciatura interni. Nel campo della verniciatura a polveri, i sistemi di smalti in polvere a bassa temperatura permettono di risparmiare energia, da un lato perché l’essicazione avviene a una temperatura più bassa, dall’altro, se l’essicazione ha luogo alla temperatura “normale”, l’efficienza è migliorata dall’aumento del volume di produzione. Controller e sistemi innovativi per il trasporto efficace della polvere e per l’applicazione contribuiscono anche al miglioramento dell’efficienza e della qualità, oltre che alla riduzione dell’energia utilizzata. Il programma di PaintExpo comprende macchinari per la verniciatura, sistemi di applicazione e pistole spray, vernici liquidi e smalti in polvere, tecnologia di automazione e trasporto, lavaggio e pretrattamento, asciugatura ed essicazione, tecnologia ambientale, pneumatica, fornitura di aria compressa e purificazione dell’aria di scarico, trattamento dell’acqua, riciclo e smaltimento, accessori, tecnologia di misurazione e controllo, assicurazione della qualità, sverniciatura, verniciatura conto terzi, servizi e letteratura tecnica così come identificazione, stampaggio e packaging. Per maggiori informazioni: www.paintexpo.com

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

113


COMMITMENT IN TRAINING L’impegno nella formazione Marcello Zinno UCIF – Unione Costruttori Impianti di Finitura, Milan, Italy zinno@ucif.net

I

nnovating and improving imply, first of all, knowing. Today’s surface treatment field is a slippery subject, which requires experience in mechanical engineering, chemistry, processes and materials, as well as the inclination and ability to turn a simple surface into a luxury product. The skills needed are not only those innate but those which are acquired over time, since the level of technological and technical complexity faced changes with time. That is why it is important to invest in the training of the

114 N. 23 - 2013 SEPTEMBER/OCTOBER - international PAINT&COATING magazine

I

nnovare e migliorare significano innanzitutto conoscere. Per muovere dei passi in un terreno complesso quale quello odierno dei trattamenti superficiali, significa essere esperti di meccanica e di chimica, di processi e di materiali e avere emozioni e capacità per poter trasformare una semplice superfice in un prodotto di lusso. Le capacità non sono solo quelle innate ma si maturano con il tempo, perché diverso è il livello tecnologico e tecnico che si affronta con il tempo. Per questo è importante puntare alla formazione


STANDARDS & LEGISLATION personnel, especially if the contents are focused not only on the product but on the process, the standards, the technical documentation and even the resulting commercial opportunities. For this purpose, UCIF has tested a “dual program” for the first time, including both a technical and a management training. The first one, consisting of four training days, is focussed on the reference documentation for a finishing plant. The responsibilities of the manufacturer, the documents that are required to be delivered to the customer and the ones that are not, the way in which the documentation should be drawn and the analyses to be performed in order to foresee any possible situation and protect oneself from any future liability are all aspects concerning not only the technical, but also the legal and commercial departments of a company that manufactures and sells plants and equipment. They are essential elements, which may have an economic impact on the company accounts, especially for problems arising after the sale of the product. The course has been organised in collaboration with ICIM, whose engineers offer not only the expertise developed over decades of work in the field, but also examples of practical cases to illustrate the proper conduct in compliance with the local regulations. On the other hand, for some time there has been talk of internalisation, a very broad topic that would require a thorough preparation. To allow members to have a basic knowledge, useful to understand how to develop some strategies in other countries, UCIF has conceived a training program in three days (non preparatory) allowing any company to investigate issues such as bank guarantees, international contracts and intellectual property protection for a very small fee. Thanks to the professionals of Studio Mondini Rusconi, UCIF is able to offer expertise in a field far too full of pitfalls, which many entrepreneurs would like to cross, but do not know how. The UCIF association and the ANIMA federation, therefore, prove themselves as bodies not only representing and protecting the interests of companies, but also able to give strategic and operational support so as to enable a safe and concrete development of the sector.

del proprio personale, tanto più se i contenuti formativi sono focalizzati non solo sul prodotto ma sul processo, sulle norme, sulla documentazione tecnica e anche sulle opportunità commerciali che ne derivano. A tal fine UCIF ha per la prima volta sperimentato un duplice percorso formativo, uno dedicato alla formazione tecnica, l’altra a quella manageriale. Il primo, composto da quattro giornate di corsi, è orientato all’approfondimento della documentazione di riferimento per un impianto di finitura. Conoscere quali sono le responsabilità del costruttore, i documenti che obbligatoriamente sono da consegnare al cliente e quali invece la cui consegna non è obbligatoria, come redigere i singoli documenti e quali analisi compiere al fine di prescrivere le diverse casistiche e tutelarsi da eventuali future responsabilità: questi sono tutti aspetti che riguardano non solo un ufficio tecnico ma anche l’ufficio legale e commerciale di un’azienda che produce e commercializza impianti e macchinari, elementi fondamentali che possono avere delle ricadute economiche sui conti dell’azienda, soprattutto per problemi successivi alla vendita del prodotto. Il corso è organizzato in collaborazione con ICIM i cui esperti porteranno non solo le competenze sviluppate in decenni di lavoro nel settore ma anche degli esempi di casi pratici per spiegare il corretto operato ai sensi della normativa vigente. Inoltre da tempo si parla di internazionalizzazione, un argomento molto ampio che richiederebbe una preparazione molto approfondita. Per permettere agli associati di avere una cultura di base al fine di conoscere come sviluppare strategie in altri Paesi, UCIF ha sviluppato un percorso formativo concentrato in tre diverse giornate (non propedeutiche) che permette a tutte le aziende, tramite una quota di partecipazione molto esigua, di approfondire tematiche come le garanzie bancarie, i contratti internazionali e la tutela della proprietà intellettuale. Grazie agli esperti dello Studio Mondini Rusconi, UCIF riesce ad offrire competenze in un campo fin troppo pieno di insidie e che molti imprenditori vorrebbero varcare ma non sanno come. L’associazione UCIF e la federazione ANIMA si confermano non solo come organismi di rappresentanza e di tutela delle aziende ma anche di supporto strategico ed operativo in modo da permettere al settore uno sviluppo sicuro e concreto.

international PAINT&COATING magazine - SEPTEMBER/OCTOBER 2013 - N. 23

115


®

Questo periodico è associato all’Unione Stampa Periodica Italiana

Eos Mktg&Communication srl www.ipcm.it info@ipcm.it

TECHNICAL ADVISORY BOARD

Redazione - Sede Legale: Via Giacomo Matteotti, 16 20811 - Cesano Maderno (MB) - Italy

Adolfo Acquati: Enamelling lines

Dr. Ezio Pedroni: Coil coating

Attilio Bernasconi: Paint stripping technologies and cryogenic processes

Loris Rossi: Surface treatment on aluminium

Ernesto Caldana: Coil coating pretreatment Michele Cattarin: Electrostatic application of powder coatings EDITOR IN CHIEF/ DIRETTORE RESPONSABILE

The first international magazine for surface treatments

®

Focus on ish smart es Fin cus on ctural Fomaterials ite for Arch Building

ALESSIA VENTURI venturi@ipcm.it

ISSN 2280-6083

ipcm digital on

2013 4th YEAR Bimonthly N°23-September/October

EDITORIAL DIRECTOR / DIRETTORE EDITORIALE FRANCESCO STUCCHI stucchi@ipcm.it

Dario Zucchetti: Coating lines Lauro Gatti: Air treatment

Ivano Pastorelli: Measurement and quality control

EDITORIAL BOARD Dr. Felice Ambrosino: Marketing

LUCA ANTOLINI redazione@ipcm.it

MEDIA SALES FRANCESCO STUCCHI stucchi@ipcm.it

Gianfranco Verona: Water treatment

Dott. Fabrizio Pitacco: PVD coatings

EDITORIAL OFFICE / REDAZIONE PAOLA GIRALDO giraldo@ipcm.it

NICOLE KRAUS kraus@ipcm.it

Enzo Colapinto: UV systems and technologies

www.ipcm.it

Dr. Thomas Schmidt: Powder coatings and inks

The first international magazine for surface treatments La prima rivista internazionale sui trattamenti superficiali

NICOLE KRAUS kraus@ipcm.it

Registrazione al Tribunale di Monza N° 1970 del 10 Dicembre 2009 Eos Mktg&Communication srl è iscritta nel Registro degli Operatori di Comunicazione con il numero 19244 POSTE ITALIANE SPA – SPED. IN A.P. 70% LO/MILANO

Prof. Massimiliano Bestetti: Department of Chemistry, Material and Chemical Engineering, Politecnico of Milan – Section of Applied Chemistry and Physics Dr. Franco Busato: European environmental legislation and new technologies Prof. Paolo Gronchi: Department of Chemistry, Material and Chemical Engineering, Politecnico of Milan – Chemical Engineering Section

Prof. Fabrizio Pirri: Department of Material Sciences and Chemical Engineering, Politecnico of Turin, Micro and Nanosystems, Nanomaterials and Surfaces Prof. Stefano Rossi: Material Engineering and Industrial Technologies, University of Trento - Product Design Dr. Antonio Tolotto: Marine and industrial anticorrosive coating cycles Dr. Fulvio Zocco: Environmental and quality

Kevin Biller The Powder Coating Research Group

SERVICE SUBSCRIPTION - SERVIZIO ABBONAMENTI: Sale only on subscription - Vendita solo su abbonamento E.mail info@ipcm.it Single copy - Fascicolo singolo: 10,00 euro Back issues - Arretrati: 20,00 euro Subscription Rates 2013 - Tariffe Abbonamento 2013: Italy/Abroad 70,00 € - Italia/Estero 70,00 € Subscription Rates 2013 digital version - Abbonamento 2013 versione digitale: 50,00 € + iva LAYOUT/ IMPAGI IMPAGINAZIONE LASER GRAFICA 90 www.lasergrafica.it www.lasergrafica PRINT/ STAMPA A.G. PRINTING SR SRL www.agf-italia.it

Subscriptions can be made by bank transfer to the following account: Eos Mktg&Communication Srl IBAN IT97F0844033270000000084801. SWIFT CODE CRCBIT22. The VAT on subscriptions and sale of single copies is over Gli abbonamenti possono essere sottoscritti versando il relativo importo a mezzo b/b IBAN IT97F0844033270000000084801 intestato a eos Mktg&Communication Srl. L’Iva sugli abbonamenti, nonchè sulla vendita di singole copie è assolta ai sensi dell’art.74 comma 1 lett. C DPR 633/72, DM 29/12/1989. It is forbidden to reproduce articles and illustrations of “IPCM®” without authorization and without mentioning the source. The ideas expressed by the authors do not commit nor magazine nor eos Mktg&Communication S.r.l and responsibility for what is published is the authors themselves. È vietata la riproduzione di articoli e illustrazioni di “IPCM®” senza autorizzazione e senza citarne la fonte. Le idee espresse dagli autori non impegnano nè la rivista nè eos Mktg&Communication S.r.l e la responsabilità di quanto viene pubblicato rimane degli autori stessi.


A complete and successful team for industrial coatings

Powder coatings

E-coat

Liquid Paints

Industrial tinting system

Epoxy, epoxy-polyesters, polyesters for architecture, special effects, low temperature, UV curing, high resistant, functional for oil&gas pipelines, for sublimation, metallic and bonded, low thickness for white goods, ISO-TS certified for the automotive industry

Anaphoresis-acrylic primers and topcoats

Solvent-based mixed cycles for wheels and light alloys Waterborne and solvent-based painting cycles for plastics Waterborne and solvent-based epoxy finishes Waterborne and solvent-based polyurethane finishes Waterborne and solvent-based primers

The new and revolutionary Gemini

Cataphoresis-epoxy primers Cataphoresis-acrylic topcoat Different types of waterborne immersion paints

Project allows to produce more than 5,000 solvent-based codified colours and more than 5,000 water-based codified colours using the same colour formula

Made in Italy www. .com


ipcm® 2013 n. 23