Issuu on Google+

The new international magazine about corrosion control and prevention

Protective Coatings ÂŽ

ipcm PC digital on www.ipcm.it 2012 1st YEAR Quarterly N°4-December


MAKE IT SIMPLE

Hello Graco XP70TM, the alternative of hand-mixing Why would you use a regular airless sprayer when you are using plural component paints? Do you know that most of the paint used in your coating process is a plural component paint that is manually mixed? Do you know how much money, time or material, you are wasting per year only for that coating process? Go try the ROI calculator at: xp70calculator.graco.eu.com And see how we can help you increase your proďŹ t. You can also contact us via our website: www.graco.com to plan a demonstration.(upon availability in your country)

PROVEN QUALITY. LEADING TECHNOLOGY.


RETRON

protective coatings Soluzioni che

valgono nel tempo

Zaniolo CdA -85.12

Lasting solutions

Tiburtina station, Roma

I cicli di protezione industriale Retron Acrilico presentano facilità di applicazione e rapidità di essicazione. La formulazione garantisce perfetta aderenza, resistenza al deperimento cromatico ed elevata resistenza fisicochimica; valenze che sono la migliore difesa dalle aggressioni esterne anche in ambienti industriali particolarmente difficili. Retron Acrilico industrial protective systems are easy to apply and quick drying. The formulations ensure perfect adhesion, excellent gloss and color retention, high resistance to physical and chemical attacks, features which are the best defense against external factors, even in very aggressive industrial environments.

Cicli Retron Acrilico accreditati presso: ANAS - AUTOSTRADE ENEL - RFI - SAIPEM

Colorificio Zetagì Srl Olmo di Creazzo (VI) Tel. 0444.228300 Fax 0444.228366 info@zetagi.it www.zetagi.it


DECEMBER2012 EDITORIAL

ANALYSIS

04

Maintenance Free Coatings, Durable Materials, Corrosion Control: the Infrastructures Challenge of the New Millennium Rivestimenti “maintenance free”, materiali duraturi e ispezioni di controllo della corrosione: la sfida delle infrastrutture del nuovo millennio

Steel and Corrosion Resistant Steels 08 COR-TEN® Il COR-TEN® e gli acciai resistenti alla corrosione atmosferica

12

AICQ Presents its Guidelines for Corrosion Protection in the Railway Sector AICQ presenta le linee guida per la protezione dalla corrosione nel settore ferroviario

BRAND-NEW

HIGHLIGHT

24

COR-TEN® Steel in Highly Corrosive Environments: Coating Solutions for a Longer Service Life L’acciaio COR-TEN® in ambienti altamente corrosivi: soluzioni di pitturazione per allungarne la vita

Spraying – Made Easy and Affordable 26 Two-Component La spruzzatura bicomponente resa semplice e conveniente COR-TEN®: less suitable environments and maintenance

28 operations COR-TEN®: gli ambienti meno adatti e le fasi di manutenzione

CONTENTS


DECEMBER2012 FOCUS ON TECHNOLOGY ©

COR-TEN Steel: Innovative Solutions 32 Coating La pitturazione del COR-TEN : soluzioni innovative Steel Between History and Modernity 40 COR-TEN® L’acciaio COR-TEN® tra storia e modernità ©

46

“TITANIA FL” Finish: Greater Durability of Steel Structures Finitura “TITANIA FL”: maggior durabilità delle strutture in acciaio

50

Pumping and Applying Underbody Protection with Absolute Reliability Pompaggio e applicazione della protezione sottoscocca con elevata affidabilità

INNOVATIONS

54

Nanotechnologies Increase Long-Life Performance of Protective Coatings up to 40% Le nanotecnologie aumentano le prestazioni di lunga durata dei rivestimenti protettivi fino al 40%

Effect Fluorinated Finishes: More Real than Real 60 COR-TEN Finiture fluorurate effetto COR-TEN : più vero del vero ©

©

ZOOM ON EVENTS

EXHIBITIONS CALENDAR

CONTENTS


PROTECTIVE PROTECTIVE COATINGS COATINGS EDITORIAL EDITORIAL

T

Alessia Venturi, IPCM Marzio Mazzoleni, Gruppo IspAC

his end-of-the-year issue of the magazine contains a series of technical papers about the characteristics of COR-TEN® steel in relation to the atmospheric corrosion phenomena as well as about the coating systems that are able to counteract its degradation and aging – since, contrary to popular belief, even weathering steels may significantly suffer from it. We chose to devote our last two issues to the opportunity to use weathering steels in the infrastructure field, their actual corrosion behaviour and the need to give them additional corrosion protection because this subject arises in addition to other topical issues: the durability of the building materials, the lengthening of the maintenance intervals, the need to compromise between cost of materials and durability of structures and, last but not least, their safe use. When the economic variable (implementation costs and speed, maintenance costs over time) is the main criterion for the choice of materials and processes, misunderstandings are just around the corner: given that there are no indestructible materials, the choice must be preceded by a careful review of the technical requirements and of the guarantees offered by each material. To conclude this information process, ipcm_Protective Coatings – in collaboration with Aniarp and IspAC Group – has organised a major conference to be held on February the 7th, with the aim of shedding light on the characteristics, the mechanical behaviour and the degradation of uncoated COR-TEN© steel as well as of studying its application fields and the maintenance operations required in order to prolong its service life. The conference will be attended by excellent speakers from Italian and international universities and organisations at the forefront of research on corrosion and its prevention. A series of experiments and case studies of use of weathering steel – both coated and uncoated – in various industries will be presented in order to highlight strengths and weaknesses, impact of corrosion, consequences in terms of safety. The afternoon roundtable will be an opportunity for a constructive exchange of ideas between clients (public and private), designers and builders, that is, those who decide whether and how to use weathering steel for their projects. The roundtable will stimulate an open debate between the parties aimed at analysing the problems connected with the use of this material in terms of resistance to corrosion and degradation and investigating the importance of coatings in the light of the findings. The conference is sponsored by important bodies involved in decision making regarding activities of infrastructure construction and maintenance, including Anas, the Italian Department of Economic Development and Public Works, Fondazione Promozione Acciaio and the Italian Institute of Welding. The anti-corrosion coating systems – often regarded as an increase in the implementation costs of a work – are a great value in terms of infrastructure protection and precisely in these cases express their full potential as regards both aesthetics and performance. On the following pages, the leading companies in the sector of anti-corrosion coatings will present the latest innovations in the fields of intumescent paints, solvent-free mineral coatings, fluorocarbon finishes that are highly resistant to light and aggressive atmospheres, and fluorinated finishes that are able to imitate COR-TEN® steel thus solving its problems of tarnishability and durability. Finally, nanotechnology makes its entry into the field of anti-corrosion paints, increasing the durability performance of these coatings by 40%.

2 DECEMBER 2012


Q

uesto numero di fine anno della rivista riporta una serie di interventi tecnici sulla caratterizzazione dell’acciaio COR-TEN® in relazione ai fenomeni di corrosione atmosferica e sui cicli di pitturazione in grado di contrastarne la degradazione e l’invecchiamento dal momento che – contrariamente a quanto si pensi – anche gli acciai patinabili ne possono soffrire in maniera importante. Abbiamo scelto di dedicare due numeri (questo e il precedente di Ottobre) al tema dell’opportunità di impiegare gli acciai patinabili nel settore delle infrastrutture, del loro effettivo comportamento a corrosione e della necessità di dare loro ulteriore protezione anticorrosiva perché esso si interseca con altre tematiche di grande attualità: la durabilità dei materiali da costruzione, l’allungamento dei tempi di manutenzione, il necessario compromesso fra i costi dei materiali e la durata nel tempo delle strutture e, ultimo ma non per importanza, la loro sicurezza d’uso. Quando la variabile economica (costi e rapidità di realizzazione, costi di manutenzione nel tempo) rappresenta il principale criterio di scelta dei materiali e dei processi può accadere di rimanere vittima di equivoci: posto che non esistono materiali eterni, la scelta deve essere preceduta da un’attenta verifica dei presupposti tecnici e delle garanzie offerte da ogni singolo materiale. Per concludere questo percorso di informazione, ipcm_Protective Coatings in collaborazione con Aniarp e Gruppo IspAC, ha organizzato un grande convegno, il prossimo 7 febbraio, allo scopo di fare chiarezza sulle caratteristiche, il comportamento meccanico e il degrado dell’acciaio COR-TEN© non verniciato, nonché di approfondirne i campi applicativi e la manutenzione necessaria per prolungarne la vita utile. Il convegno vedrà la presenza di relatori eccellenti, provenienti da atenei ed enti italiani e internazionali in prima linea nella ricerca sulla corrosione e sulla sua prevenzione. Saranno presentate una serie di esperienze e casi reali di impiego dell’acciaio autopassivante – sia nudo che verniciato – in vari settori industriali, che ne evidenziano pregi e difetti, impatto della corrosione, ricadute in termini di sicurezza. La tavola rotonda pomeridiana costituirà un momento di scambio e di confronto costruttivo fra i committenti (pubblici e privati), i progettisti e i costruttori, ossia coloro che decidono se e come impiegare l’acciaio patinabile per i propri progetti. La tavola rotonda stimolerà un dibattito aperto fra le parti per analizzare le problematiche connesse all’utilizzo di questo materiale in termini di resistenza alla corrosione e al degrado, e per approfondire l’importanza dei cicli di pitturazione alla luce di quanto emerso. Il convegno ha ottenuto il patrocinio di importanti enti coinvolti nei processi decisionali riguardanti attività di costruzione e manutenzione delle infrastrutture, fra cui Anas, Ministero dello Sviluppo Economico e dei Lavori Pubblici, Fondazione Promozione Acciaio e Istituto Italiano della Saldatura. I cicli di pitturazione anticorrosiva – spesso considerati come un aggravio dei costi di realizzazione di un’opera – rappresentano un grande valore aggiunto ai fini della protezione delle infrastrutture ed esprimono su di esse tutto il proprio potenziale sia in termini di estetica che di prestazioni. Nelle prossime pagine troverete i contributi delle aziende leader nel settore dei rivestimenti anticorrosivi che illustrano le ultime innovazioni in materia di pitture intumescenti, rivestimenti minerali senza solventi, finiture fluorocarboniche altamente resistenti alla luce e alle atmosfere aggressive, finiture fluorurate ad imitazione del COR-TEN® rimediando ai problemi di sporcabilità e durabilità di questo acciaio. Infine le nanotecnologie fanno il proprio ingresso nel settore delle pitture anticorrosive, aumentando del 40% le prestazioni di durata dei rivestimenti anticorrosivi.

Alessia Venturi Editor-in-chief / Direttore Responsabile

3 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS ANALYSIS MAINTENANCE FREE COATINGS, DURABLE MATERIALS, CORROSION CONTROL: THE INFRASTRUCTURES CHALLENGE OF THE NEW MILLENNIUM Rivestimenti “maintenance free”, materiali duraturi, e ispezioni di controllo della corrosione: la sfida delle infrastrutture del nuovo millennio

A

nas is the main entity that oversees the Italian road network. The head of the Central Research and New Technologies Unit, headquartered at the CSS (Road Experimental Centre) in Cesano (Rome), is a woman of specific skill and experience, Eng. Eleonora Cesolini, who coordinates a team dedicated to the research and development of new materials and new technological solutions for the construction of new infrastructures and the management of existing ones. Notwithstanding the perpetual reduction of funds earmarked for research, Anas in recent years has recognised the key role played by research for development. The CSS, which is the Italian government’s official laboratory, is the national scientific, technical and support reference point for all activities relating to the construction and maintenance of road infrastructures and is the certifying body for ensuring compliance with technical standards and quality criteria in the implementation of new projects. As I pointed out in my editorial in this magazine (No. 3-October of ipcm_Protective Coatings), the global trend in the infrastructure sector is to implement materials and processes that are safe for users, sustainable and above all maintenance free, i.e. able to ensure that the Eleonora Cesolini first maintenance need not occur until the very long term. In Italy, this trend has been acknowledged and translated into specific regulations applicable under the Ministerial Decree of 14 February 2008, issued by the Ministry of Infrastructures. Italy is one of the few European countries that has made extensive use of uncoated weathering steel (COR-TEN©): COR-TEN©’s renowned non-corrosiveness has earned it the number one spot when choosing construction materials for new buildings. During an interview with ipcm_PC, Eleonora Cesolini provided a summary of Anas’ experience with COR-TEN©, and gave details of some of CSS’s development projects on protective coatings and the adoption of new guidelines for protection against corrosion.

L’

Anas è il gestore principale della rete stradale italiana. A capo della Direzione Centrale Ricerca e Nuove Tecnologie, che ha il proprio quartier generale presso il CSS - Centro Sperimentale Stradale di Cesano (Roma), vi è una donna di specifica competenza ed esperienza, l’ing. Eleonora Cesolini che coordina un team di professionisti impegnati nella ricerca e nella sperimentazione di nuovi materiali e soluzioni tecniche per la realizzazione di nuove infrastrutture e nella gestione di quelle esistenti. A dispetto della costante riduzione di fondi destinati allla ricerca, Anas ha riconosciuto il ruolo prioritario della rricerca ai fini dello sviluppo. Il CSS, laboratorio ufficiale dello Stato Italiano, costituisce il punto di riferimento d sscientifico, tecnico e di supporto a livello nazionale per ttutte le attività concernenti la costruzione e la manutenzzione delle infrastrutture viarie ed è il soggetto certificcatore del rispetto delle norme tecniche e dei criteri di qualità nella realizzazione dei nuovi interventi. q Come avevo già sottolineato nel mio editoriale del nuC mero 3-Ottobre di ipcm_Protective Coatings, la tendenm zza mondiale nel settore delle infrastrutture è quella di implementare materiali e processi sicuri per gli utenti, sostenibili e “maintenance free”, ossia in grado di posticipare nel lunghissimo periodo i primi interventi manutentivi. In Italia, questa tendenza è stata tradotta in norme concrete da applicare alle costruzioni dal DM del 14 febbraio 2008, emanato dal Ministero delle Infrastrutture. L’Italia è anche uno dei pochi Paesi europei dove si è fatto largo uso di acciaio autopassivante (COR-TEN©) non rivestito: la declamata capacità del COR-TEN© di non corrodere ha fatto sì che esso diventasse la prima scelta in fatto di materiali da costruzione. Nel corso di un’intervista rilasciata a ipcm_PC, l’ing. Eleonora Cesolini ha fatto un bilancio dell’esperienza di Anas con il COR-TEN©, ed ha anticipato alcuni progetti di sviluppo del CSS in materia di rivestimenti protettivi nonché l’adozione di nuove linee guida in materia di protezione anticorrosiva.

Ipcm_PC: In recent decades, COR-TEN© has been used extensively as a building material for road infrastructures: how do things stand today? What conclusions have you drawn after years of using this material? Eleonora Cesolini: The first case in Italy where extensive use was made of COR-TEN© dates back to the construction of the Brenner Motorway in the ‘60s-‘70s for guard rails. Faced with a shortage of hot galvanised steel the choice fell on COR-TEN© as it was the best compromise between material costs and expected duration over time. What we were able to observe in those years was the

Ipcm_PC: Negli ultimi decenni il COR-TEN© è stato utilizzato in modo estensivo come materiale da costruzione per le infrastrutture viarie: qual è lo stato dell’arte? A quali conclusioni siete giunti dopo anni di impiego di questo materiale? Eleonora Cesolini: Il primo caso di uso estensivo del COR-TEN© in Italia risale alla costruzione dell’Autobrennero negli anni ’60 – 70 per le barriere stradali (guard rail). In presenza di una penuria di acciaio zincato a caldo si optò per l’acciaio COR-TEN© perché rappresentava il miglior compromesso tra i costi del materiale e la durata attesa nel tempo.

4 DECEMBER 2012


Alessia Venturi

significant stability of the COR-TEN© in Le esperienze realizzate in quegli anni, ci various environments with some telling permisero di osservare la sostanziale tenuprecautions: material degradation ta dell’acciaio COR-TEN© negli svariati ambienti di lavoro con alcune importanti cauin the presence of sulphur dioxide tele: il degrado del materiale in presenza di pollution (typical of industrial/urban inquinamento da anidride solforosa (tipica environments) and attacks by chlorides degli ambienti industriali/urbani) e l’attacused as antifreeze. The occurrence of co da cloruri utilizzati come antigelo. Il festeel corrosion when in the open air nomeno della corrosione dell’acciaio open has long been known: it can be defined Effects of steel corrosion in the presence of water air è noto da tempo: esso può essere defias a process of degradation and reEffetti della corrosione dell’acciaio in presenza di acqua nito come un processo di degradazione e composition with other elements and ricomposizione con altri elementi e si maoccurs when a metal is immersed in nifesta quando un metallo è immerso in un’atmosfera gassosa con o sena gaseous atmosphere regardless of whether it is humid or not. za umidità. Le condizioni esterne e la natura del metallo possono creare External conditions combined with the nature of the metal can una sottile pellicola di ossidi. La ruggine è quindi costituita da uno strato create a thin film of oxides. Rust is therefore composed of a layer of di ossidi che non protegge l’acciaio sottostante dal procedere della corrooxides that do not protect the underlying steel from the onslaught of sione perché tale strato è friabile e non sufficientemente aderente, percorrosion because the layer is brittle and not sufficiently adherent, tanto la pellicola di ossido di ferro non può essere considerata protettiva therefore the film of iron oxide cannot be considered to be protective © salvo nel caso dell’acciaio COR-TEN©, in cui la pellicola per la sua pesanexcept in the case of COR-TEN steel, where because of its heaviness and resistance, the film prevents the further input of oxygen. tezza e per la sua resistenza impedisce l’ingresso ulteriore dell’ossigeno. The widespread use of COR-TEN© in the design of structural L’uso esteso del COR-TEN© nella progettazione di elementi strutturali ed elements and works of large impact such as road bridges dates back opere d’arte di grande impatto quali i ponti stradali, risale alla fine degli to the late eighties. The main projects date back to the last decade anni Ottanta. Le principali realizzazioni risalgono all’ultimo decennio anthough most have not yet been built, so there will be many new che se la maggior parte dei progetti non sono stati ancora realizzati, perdevelopments in the coming years making use of this material. ciò negli anni futuri si assisterà a molte nuove costruzioni in COR-TEN©. © To this day COR-TEN is used extensively especially when speed of L’esteso impiego di COR-TEN© prosegue tuttora ogni qual volta la rapiexecution is a critical factor along with the choice of cross-sections dità nell’esecuzione è elemento critico avvalorato dalla scelta di sezioni of deck that are easier to inspect and check over time. trasversali di impalcato agevoli da ispezionare e verificare nel tempo. In some cases there has been a degradation of structures made In alcuni casi si è assistito ad un degrado delle strutture realizzate in of COR-TEN© where the weathering was not as durable as COR-TEN© dove l’autopassivazione non è risultata durevole come preexpected. This is leading to a re-think of the appropriate use of the visto. Tale accadimento sta portando ad una riflessione sull’uso appromaterial. If, in the past, the priority was cost-reduction and speed priato del materiale. Se nel passato la priorità era la riduzione dei costi e in construction, today the durability of the materials and reducing la rapidità di realizzazione, oggi la durabilità dei materiali e la riduzione environmental impact have become critical factors of success. In this dell’impatto ambientale sono diventati fattori critici di successo. In tale © re-evaluation, the use of COR-TEN will be carefully monitored. revisione, l’utilizzo del COR-TEN© sarà oggetto di accurata verifica. To overcome some of the drawbacks encountered, traditional Per ovviare ad alcuni degli inconvenienti riscontrati si sono eseguite ancoatings where also implemented, which reduced some of the che delle verniciature tradizionali che hanno ridotto le problematiche. issues. Such coatings are less complex than those required for Dette verniciature sono meno complesse di quelle necessarie per gli normal steels, both in terms of preventive sandblasting (preparatory acciai normali, sia in termini di sabbiatura preventiva (preparazione di work - cleaning the surface) and in terms of execution, as this type of pulitura della superficie) sia in termini di esecuzione in quanto l’auto“self-protective” steel makes any potential inaccuracies less serious. protezione di questo tipo di acciaio rende meno gravi le eventuali impreThe coating is sometimes dictated by the environment, because cisioni. La verniciatura a volte è richiesta dall’ambiente in cui si interviene the “rusty” appearance of COR-TEN© can suggest an inadequacy perché l’aspetto “rugginoso” del COR-TEN© può far pensare ad una sua of its structural resistance to corrosion. However in some settings inadeguatezza di resistenza strutturale per corrosione; peraltro in alcuthis “aged” look is pleasant – for example when used as barrier ni ambienti questo aspetto “invecchiato” risulta gradevole, per esempio protections in the vicinity of ancient artefacts. The coatings – le protezioni con barriere in vicinanza di manufatti antichi. Le proteziowhich among other things, also eliminate unsightly rusty drips on ni, che tra l’altro eliminano anche le antiestetiche scolature rugginose sui reinforced concrete – were also used on important works in terms of supporti di cemento armato, sono state fatte anche su opere molto imlight intensity and traffic handling capacity. portanti in termini di luce superata e intensità di traffico sopportata.

5 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

ANALYSIS

Ipcm_PC: The economic situation requires that the design be considered not only in traditional structural terms but also in regards to durability meaning making use of maintenance free materials and protective coatings. How will ANAS respond to these challenges? EC: The prevention and control of corrosion in metal decks is an area that needs to be looked into further in order to respond to specific situations, such as the reduction of maintenance costs, longer lifespan of the facilities and the prevention of sudden structural failure common to many works that are a part of the ANAS heritage. As “bad luck” would have it, there is no such thing as an “eternal” building material. The Technical Regulations on Construction found in Italian Ministerial Decree of 14 February 2008 issued by the Ministry of Infrastructure require that all new, non-temporary buildings, be designed and built with materials that guarantee that a structure nominal lifespan be from 50 to over 100 years, depending on type and size. Therefore maintenance plans become an integral part of the design to ensure that lifespans meet the requirements of the standard. Having maintenance free protective coatings that match these requirements would be the ultimate technical/economical goal wished by the legislators. In recent years, we at the Central Research and New Technologies Direction have launched a thorough review of the technical standards of reference and have reorganised the Guidelines for the design and operation of entire sectors of interest. In the past, priority has been given to issues such as flooring, safety and noise barriers, and concrete. Currently, guidelines on the corrosion protection of metallic surfaces are being perfected. In the latter case, there were outdated Technical Regulations references that had been overtaken by both technological and environmental advances; advances in technology, if properly managed, enable the same things to be done better, at a lower cost and more quickly. For this to happen, better designs are needed along with planning and implementation of a check list before, during and after the construction of a project to enable the goals set by legislators to be achieved. This is of interest because, as managers, we want works to be more durable and require as little maintenance as possible, both to contain costs and limit inconveniences that the community is finding increasingly unsustainable. In other words: an overall cost that is as low as can be throughout the project’s lifespan. In this context, once the above-mentioned issues have been overcome, COR-TEN© steel will have a future. PC: In addition to proper and advanced design, the management of the site determines the actual success of the works: what plans do you have for implementing procedures to verify the quality of the works? EC: The design standards that are adopted are the most advanced, to the point where we lead the world in terms of quality and reliability. The extensive work of reviewing Prices, Specifications and Guidelines provides an updated framework that resolved many of the issues

Ipcm_PC: La congiuntura economica impone di considerare la progettazione non solo nei tradizionali termini strutturali ma anche come durabilità intesa come adozione di materiali e rivestimenti protettivi “maintenance free”: come intende ANAS rispondere a queste sfide? EC: La prevenzione e il controllo della corrosione negli impalcati metallici è un settore che necessita di approfondimenti per rispondere a istanze specifiche, quali la riduzione dei costi di manutenzione, l’allungamento della vita utile delle strutture, l’attenta prevenzione di cedimenti strutturali improvvisi comuni alle svariate opere d’arte che fanno parte del patrimonio ANAS. Certamente, per “sfortuna” non esistono materiali da costruzione eterni. Le Norme Tecniche sulle Costruzioni contenute nel DM del 14 febbraio 2008 emanate dal Ministero delle Infrastrutture impongono che tutte le nuove realizzazioni, non provvisorie, debbano essere progettate e realizzate con materiali che garantiscano una vita nominale della struttura da 50 ad oltre 100 anni, a seconda di tipologia e dimensioni. Perciò i piani di manutenzione diventano parte integrante della progettazione, per garantire le durate previste dalla norma. Poter disporre di rivestimenti protettivi “maintenance free”, della stessa durata, rappresenterebbe l’optimum tecnico/economico a cui ambisce il legislatore. Come Direzione Centrale Ricerca e Nuove Tecnologie in particolare, abbiamo avviato negli ultimi anni una profonda revisione degli standard tecnici di riferimento riorganizzando le Linee Guida per la progettazione e l’esercizio di interi settori merceologici di interesse. In passato la priorità è stata data a temi quali pavimentazioni, barriere di sicurezza e antirumore e calcestruzzo; attualmente sono in fase di ultimazione le linee guida sulla protezione anticorrosiva delle superfici metalliche. In quest’ultimo caso, ci siamo trovati di fronte a Norme Tecniche di riferimento superate sia dall’evoluzione tecnologica che dalle normative ambientali, mentre l’evoluzione tecnologica, se propriamente gestita, consente di fare meglio le stesse cose a costi inferiori ed in maniera più rapida. Per fare ciò è necessario una buona progettazione, prevedere ed implementare una griglia di controlli prima, durante e dopo la costruzione dell’opera d’arte che ci consentano di raggiungere l’obiettivo fissato dal legislatore. Come gestori siamo interessati che le opere d’arte siano più durature possibili, a bassa manutenzione per contenere costi e disagi sempre meno sostenibili dalla comunità, ovvero il minor costo globale dell’opera riferito a tutta la sua vita utile. In questo ambito l’acciaio CORTEN© può avere un futuro una volta superate le problematiche ricordate. PC: Oltre ad una corretta ed avanzata progettazione delle strutture, la gestione del cantiere determina l’effettiva riuscita delle opere: che procedure contate di attivare per verificare la qualità delle realizzazioni? EC: Gli standard progettuali adottati sono i più avanzati, ci consentono di primeggiare nel mondo in termini di qualità ed affidabilità. Infatti, l’ampio lavoro di revisione dei Prezzi, Capitolati e Linee Guida fornisce un quadro di riferimento aggiornato che ha risolto molti degli aspetti trascurati nel passato. È necessario ripensare a ruoli e competenze di tecnici da qualificare come ispettori per la protezione anticorrosiva.

6 DECEMBER 2012


Alessia Venturi

that were overlooked in the past. We need to re-think the roles and responsibilities of technicians that qualify as corrosion protection inspectors. Legislation vests the Works Superintendent with far-reaching powers in regard to controls during construction. In order to ensure the required standards, we are planning to flank the Works Superintendent and Supervisory authority with specially trained personnel to provide on-site support and who will also ensure standardisation of the verification process of the works.

La normativa prevede che la Direzione Lavori sia investita di ampi poteri relativamente ai controlli in corso d’opera. Al fine di garantire gli standard richiesti, alla Direzione Lavori e all’Alta Sorveglianza stiamo pensando di affiancare delle competenze specialistiche appositamente formate che siano di supporto alle figure sul campo e che svolgano parallelamente un ruolo di standardizzazione dei processi di verifica delle opere realizzate.

PC: What impact will the new corrosion protection guidelines have on the design of new works and the maintenance of existing ones? EC: With the guidelines we expect to see an improvement in the quality of works and lessening of costs. Any project that is designed and built to these standards will incur lower maintenance costs. As the new Guidelines are drafted, a number of complementary activities must also be undertaken: 1. Initiate a training programme to identify internal personnel who can work alongside the design offices and Works Superintendents in the area of corrosion protection; these people should be trained according to the latest international standards and should have access to the latest equipment for preliminary tests to be carried out on-site. 2. Set up a specialised unit in the Experimental Road Centre in Cesano charged with controlling materials and ensuring the protective systems are up to standards. 3. Raise awareness so that the level of corrosion and degradation of works can be checked from time to time using the correct procedures. Research is also underway to facilitate controls during construction according to the “high yield” measurement criteria for low-cost evaluation of the reliability of the projects carried out. These measures are still in the experimental stage.

PC: Le nuove linee guida per la protezione anticorrosiva, che impatto avranno sulla progettazione delle nuove opere e sulla manutenzione di quelle esistenti? EC: Da tale strumento ci attendiamo un miglioramento della qualità dell’opera ed una mitigazione dei costi. Un’opera d’arte progettata e realizzata a regola d’arte avrà minori costi di manutenzione. Con la redazione delle nuove Linee Guida è necessario perseguire una serie di attività complementari: 1. Avviare un processo di formazione per individuare professionalità interne che affianchino gli uffici di progettazione e Direzioni Lavori sul tema della protezione anticorrosiva; tali figure dovranno essere formate secondo i più aggiornati standard internazionali e dotate delle apparecchiature per le verifiche preliminari da condurre sul campo. 2. Costituire un settore specialistico presso il Centro Sperimentale Stradale di Cesano con funzione di controllo dei materiali e qualificazione dei cicli protettivi. 3. Avviare un’opera di sensibilizzazione in modo che periodicamente, con apposite procedure, si verifichi lo stato della corrosione e del degrado delle opere d’arte. Sono anche in corso ricerche per facilitare i controlli in opera secondo i criteri della misura “ad alto rendimento” che permette di valutare a basso costo l’affidabilità delle protezioni eseguite. Queste misure sono ancora in fase sperimentale.

PC: How will the introduction of the corrosion protection inspectors affect on-site dynamics? EC: During the various corporate reorganisations, corrosion protection was not always given the attention it merited, nor was there training provided for specialised personnel. The presence of internal inspectors will enable the Works Superintendent to initiate the following specialist checks: • control of the materials used and their compliance with specifications; • compliance with the work conditions: timeliness of the coating and recoating operations; • respect of the environmental parameters (work temperatures, the presence of condensation and humidity), yield, wet and dry thicknesses, and adhesion during the installation of the materials; • disposal management of worn-out materials. Unquestionably the control of these procedures will, over time, increase the quality of works and improve the protections adopted.

PC: L’introduzione della figura dell’ispettore per la protezione anticorrosiva, come influirà sulle dinamiche di cantiere? EC: Al tema della protezione anticorrosiva non sempre è stata data la necessaria attenzione, né competenze specialistiche sono state formate nel corso delle varie riorganizzazioni aziendali. La presenza di ispettori interni dedicati consentirà alla Direzione Lavori di attivare le seguenti verifiche specialistiche: • controllo dei materiali utilizzati e congruenza con i capitolati; • rispetto delle condizioni di lavoro: rispetto dei tempi di applicazione e sovra verniciatura; • rispetto dei parametri ambientali (temperature di lavoro, presenza di condense ed umidità), delle rese, degli spessori umidi e secchi e dell’adesione nella posa in opera dei materiali. • gestione dello smaltimento dei materiali esausti Sicuramente il controllo di tali procedure consentirà di aumentare la qualità dei lavori migliorando le prestazioni nel tempo delle protezioni adottate.

7 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

ANALYSIS

COR-TEN® STEEL AND CORROSION RESISTANT STEELS Il COR-TEN® e gli acciai resistenti alla corrosione atmosferica

I

È

t is known that the term COR-TEN® is a trademark (registered noto che il termine COR-TEN® rappresenta un marchio comby United States Steel Corporation) that over time, as is merciale (registrato dalla United States Steel Corporation) che, often the case for well-managed products, has become the come spesso accade per i prodotti ben riusciti, è divenuto nel temname of a family of atmospheric corrosion resistant carbon po sinonimo di una famiglia di acciai al carbonio resistenti alla corsteels (weathering steels). Other steel producers have created rosione atmosferica (Weathering Steel). Anche altri produttori di and commercialised their acciaio hanno proposto e comweathering steels – ITACOR®, mercializzato i loro acciai “autopatinabili” (come spesRESCO®, PATINAX®, etc. – which, so vengono anche chiamati): at least from the point of view ITACOR®, RESCO®, PATINAX®, of the name, have not met the same success of COR-TEN®. ecc., tutti prodotti che, almeno dal punto di vista del nome, non But what is meant by hanno incontrato lo stesso sucCOR-TEN® steels? Basically, cesso del COR-TEN®. they are high resistance lowalloy steels, mainly intended Ma cosa s’intende per COR-TEN®? for structural use and for the Sostanzialmente sono acciai ad realisation of fume conduits, alta resistenza basso legati, pronot different – in terms of dotti principalmente per uso mechanical characteristics – strutturale e per la realizzazione from the most popular steels di condotte fumi, non dissimili that are widely used in the in termini di caratteristiche mecconstruction of steel structures. caniche dai più noti acciai largaFrom the regulatory point of mente impiegati per la costruzio1 view, at the European and ne di carpenterie metalliche. Areas of the beams subjected to rainwater dripping. Italian level, they are governed Aree delle travi soggette a stillicidio di acque meteoriche. Dal punto di vista normativo si by the standard UNI EN 10025inquadrano, in ambito europeo 5 (last updated in 2005), titled “Hot Rolled Products Of Structural e italiano, nella norma UNI EN 10025-5 (l’ultima versione è del 2005) Steels - Part 5: Technical Delivery Conditions For Structural Steels che recita, nel titolo: “Prodotti laminati a caldo di acciai per impieghi With Improved Atmospheric Corrosion Resistance”. In the USA, strutturali - Parte 5: Condizioni tecniche di fornitura di acciai per impie® COR-TEN steel falls within the families of steels governed by the ghi strutturali con resistenza migliorata alla corrosione atmosferica”; in ambito statunitense, il COR-TEN® rientra all’interno delle famiglie di standards ASTM A242 (COR-TEN® – A) and A588 (COR-TEN® – B). In Europe, COR-TEN® steels are, ultimately, close relatives of acciai che fanno riferimento alle norme ASTM A242 (COR-TEN® – A) e the steels S235 and S355 (UNI EN 10025-2), used to build road A588 (COR-TEN® – B). Rimanendo in Europa, gli acciai COR-TEN®, in defiand rail bridges, buildings, more or less large metal structures; nitiva, sono parenti stretti degli acciai tipo S235, S355 (UNI EN 10025-2) it is precisely with this family of steels that they share part of con i quali si realizzano ponti stradali e ferroviari, edifici, strutture methe code that identifies them: S235J0W, S235J2W, S355J0W, talliche più o meno grandi, e con tale famiglia di acciai condividono, S355J2W, S355K2W (plus the phosphorus COR-TEN steels, appunto, parte della sigla che li contraddistingue: S235J0W, S235J2W, S355J0WP and S355J2WP). S355J0W, S355J2W, S355K2W (e i COR-TEN al Fosforo – S355J0WP e Apparently, therefore, the difference between COR-TEN® S355J2WP). A quanto pare, quindi, sta tutta in quella lettera “W” (Weathering) steels and normal structural steels is all in that letter “W” la differenza degli acciai tipo COR-TEN® dai normali acciai strutturali: (Weathering). This is a significant difference, because it involves small additions and small changes in the percentages of certain questa è una differenza non da poco, poiché implica piccole aggiunalloying elements (mainly P, Cu, Cr, Ni, Mo) that produce totally te e piccole variazioni percentuali di alcuni elementi di lega (princiremarkable effects in terms of “self-protection” ability of the palmente P, Cu, Cr, Ni, Mo) che producono effetti assolutamente no-

8 DECEMBER 2012


Stefano Botta, IIS (Italian Institute of Welding), Genoa, Italy, stefano.botta@iisservice.it

2

3

Areas of the beams subjected to rainwater dripping and stagnation.

Areas of the beams subjected to rainwater stagnation

Aree delle travi soggette a stillicidio e ristagno di acque meteoriche.

Aree delle travi soggette a ristagno di acque meteoriche.

steels against atmospheric corrosion. The mechanism is renown: the surface oxide layer (“rust”) that is created after a certain period of exposure to moisture and weathering is so compact and adherent that it creates a barrier insulating the non-oxidised steel underneath. Normally, the process of formation of the surface oxide takes a few months time – it is not possible to be more precise because the rate of formation of the patina depends on the climatic conditions. Finally, it should be noted that COR-TEN® steels, by virtue of their chemical formulation, which is more complex than that of traditional C-Mn steels, require, compared to them, greater attention during the welding phases. The Carbon Equivalent CE (IIW Formula) increases to a maximum (accepted by the standard UNI EN 10025-5) of 0.52% (compared to the maximum of 0.45% provided by the standard EN 10025-2 for traditional steels) and, with it, the hardenability of the material and the sensitivity to the formation of hydrogen cracking increase, too. Moreover, in some COR-TEN® steels (types S355J0WP and S355J2WP), the presence of higher percentages of phosphorus compared to traditional steels increases the risk of formation of solidification cracks. As a consequence, when it comes to weld COR-TEN® steel, the solutions to be adopted in order to obtain metallurgical defectfree welds are generally more onerous (also from the economic point of view) compared to other structural steels – higher preheating temperatures and, for the phosphorous COR-TEN® steels, basic-type deslagging filler materials and not too high heat inputs. Speaking of filler materials, whatever the welding process adopted, it is necessary to use wires and electrodes compatible to the base material in terms of both mechanical performance and chemical composition. Consequently, apart from a few special applications (single pass welds, “multipass”

tevoli in termini di “autoprotezione” degli acciai nei confronti della corrosione atmosferica. Il meccanismo è noto: lo strato di ossido superficiale (la “ruggine”) che si crea dopo un certo periodo di esposizione all’umidità e alle intemperie è così compatto e aderente da creare una barriera che isola l’acciaio sottostante non ossidato dall’ambiente esterno. Normalmente, il processo di completa formazione dell’ossido superficiale richiede qualche mese di tempo, e non è possibile essere più precisi perché la velocità di formazione della patina dipende dalle condizioni climatiche in cui si trova a operare l’acciaio. Per completare il quadro descrittivo, occorre sottolineare che gli acciai tipo COR-TEN®, in virtù della loro formulazione chimica più complessa rispetto agli acciai C-Mn tradizionali, richiedono, rispetto a essi, maggiore attenzione durante le fasi di saldatura: il Carbonio Equivalente CE (Formula IIW) cresce fino a valori massimi (accettati dalla UNI EN 10025-5) di 0,52% (rispetto ad un massimo di 0,45% previsto dalla EN 10025-2 per gli acciai tradizionali) e con esso cresce la temprabilità del materiale e la sensibilità alla formazione di cricche da idrogeno; inoltre, la presenza in alcuni acciai tipo COR-TEN® (le qualità S355J0WP e S355J2WP) di percentuali di fosforo più elevate rispetto agli acciai tradizionali fa aumentare il rischio di formazione di cricche di solidificazione. Conseguentemente, per saldare gli acciai tipo COR-TEN®, gli accorgimenti da adottare per ottenere saldature esenti da difetti di tipo metallurgico sono generalmente più onerosi (anche dal punto di vista economico) rispetto agli altri acciai di tipo strutturale: maggiori temperature di preriscaldo e, per i COR-TEN® al fosforo, materiali d’apporto scorificanti di tipo basico e apporti termici non troppo elevati. Parlando di materiali d’apporto, quale che sia il processo di saldatura adottato, è necessario impiegare fili ed elettrodi compatibili al materiale base, sia in termini di prestazioni meccaniche sia in termini di composizione chimica; pertanto, tralasciando alcune applicazioni particolari (saldature single pass, passate di riempimento di giunti multipass) in

9 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

ANALYSIS

cui si possono impiegare materiali d’apporto non omologhi, per confefiller passes of joints) in which non-homologous filler materials can rire ai giunti saldati le stesse caratteristiche di autoprotezione dalla corbe used, in order to give the welded joints the same rosione atmosferica tipiche del materiale base occorre scegliere mate“self-protection” characteristics of the base metal it is necessary to ® riali d’apporto espressamente dedicati al COR-TEN®. choose filler materials specifically dedicated to COR-TEN steel. For the bolted joints, too, a few remarks must be made: bolts, Anche per i collegamenti bullonati vanno fatte delle considerazioni: washers and nuts should have the same characteristics of bulloni, rosette e dadi dovrebbero possedere le stesse caratteristiche atmospheric corrosion resistance of metal sheets and butt straps di resistenza alla corrosione atmosferica delle lamiere e dei coprigiun(e.g., material Type 3 in compliance with ASTM A325, choosing the ti (per esempio, materiale Tipo 3 secondo ASTM A325, scegliendo il degree as a function of the chemical composition of the weathering grado in funzione della composizione chimica propria dell’acciaio austeel used). However, it should be noted that the realisation of a topatinabile impiegato). Tuttavia, occorre evidenziare che la realizbolted connection inevitably requires zazione di un collegamento bullonathe overlay of metallic elements to passa inevitabilmente attraverso la (the “sandwich” consisting of plates, sovrapposizione di elementi metallici butt straps, washers, nuts and (il “sandwich” composto da lamiere, bolt heads), and that this overlap coprigiunti, rosette, dadi e teste dei generates gaps that can promote bulloni), e che tale sovrapposizione geinterstitial corrosion. nera meati che possono promuovere The chemical homogeneity that is forme di corrosione di tipo interstiziale. created between the base material L’omogeneità chimica che si viene a creand the welded or bolted joints is are tra materiale base e giunti saldati o as important as their mechanical giunti bullonati è altrettanto importanhomogeneity, since it allows the te dell’omogeneità del comportamento corrosion rates to be substantially meccanico, perché consente di otteneuniform in all areas of a given re ratei di corrosione sostanzialmente structure, thus facilitating the uniformi in tutte le aree di una deter4 management of its maintenance. minata struttura, facilitando la gestione Areas of the beams subjected to rainwater pouring. The conditions for the use of CORdello stato di conservazione dell’opera. Aree delle travi soggette a colatura di acque meteoriche. TEN® steel, however, should be I presupposti all’impiego del COR-TEN®, carefully evaluated, especially in tuttavia, devono essere attentamente relation to the environment in which it will be used. valutati, soprattutto in relazione all’ambiente nel quale tale materiale Again in the standard UNI EN 10025-5, the following clarifications è destinato ad operare. can be found (in the informative Annex C): Ancora nell’UNI EN 10025-5, si trovano (nell’Appendice informativa “The resistance to atmospheric corrosion depends on weather C) le seguenti precisazioni: condition having a succession of dry and wet periods for the “La resistenza alla corrosione atmosferica dipende dalle condizioni atforming of the auto-protective oxide layer of the base metal. mosferiche di periodi secchi e umidi successivi per la formazione dello The protection afforded depends on the environmental and strato auto protettivo di ossido del metallo base. La protezione accorother conditions prevailing at the site of the structure.” ………. data dipende dalle condizioni ambientali e dalle altre condizioni preva“A conventional surface protection is recommended when the lenti nella sede della struttura.” ………. “Si raccomanda una protezione content of particular chemical substances in the air is significant superficiale convenzionale quando il tenore di particolari sostanze chiand absolutely necessary where the structure is in contact with miche nell’aria è considerevole e tale protezione diventa assolutamenwater for long periods, is permanently exposed to moisture, or te necessaria quando la struttura è a contatto con l’acqua per periodi is to be used in a marine atmosphere.” ………. “The surfaces of prolungati, è perennemente esposta all’umidità o deve essere utilizzastructures which are not exposed to the elements but may be ta in atmosfera marina.” ………. “Le superfici delle strutture, che non sosubject to the build-up of condensation should be appropriately no esposte agli elementi, ma che potrebbero essere soggette alla forventilated.” mazione di condensa, dovrebbero essere ventilate in modo adeguato”. The restrictions on the use of COR-TEN® seem therefore clear: high moisture, marine or coastal areas with a strong presence of saltbased chlorine (some manufacturers, as a precaution, suggest a

Pertanto paiono chiare le limitazioni all’uso del COR-TEN®: ambienti molto umidi, ambienti marini o zone costiere in cui vi sia forte presenza di sali a base cloro (alcuni fabbricanti indicano come precauzionale

10 DECEMBER 2012


Stefano Botta, IIS (Italian Institute of Welding), Genoa, Italy, stefano.botta@iisservice.it

minimum distance of the structures in COR-TEN® steel from the sea equal to 2 km) and areas with atmospheres particularly rich in corrosive chemicals and industrial fumes (especially SO2) do not allow the formation of the oxide protective layer to complete and stabilise and therefore protect the underlying material. Nevertheless, it is not always taken into account that, even in areas surely suitable for the use of COR-TEN® steel, there may be localised phenomena of moisture stagnation (e.g. accumulation of dust, sands, icing salts, etc.) or of downright dripping of water. For example, in Figures 1 and 2, showing a viaduct with mixed steel-concrete structures and beams made of COR-TEN® steel, you can see the effects of the inadequate sewage of rainwater, which have led to localised (and therefore very dangerous) corrosion in some areas of the deck. You can clearly see (Fig. 1) the semicircular halo in the core of the beam of the viaduct, in those areas affected by the splashing water from the slab above; the consequences of the stagnation of rainwater in correspondence of the bolted joints of the beams (Fig. 2 e 3) and the formation of thick oxide scales on the extrados of the beams, in the water pouring areas (Fig. 4), are equally evident. Finally, we would like to analyse the issue of the coating of weathering steel. In fact, although the main advantage of using weathering steels is the possibility not to coat the surfaces – thus obtaining (in terms of time and cost) both an initial saving due to the elimination of the coating process and a further saving due to the lack of need for maintenance and paint touch up/re-application operations – in order to counter the effects of the exposition of COR-TEN® steel to environments that are not entirely appropriate or particularly aggressive, or to give the steel particular aesthetic characteristics, coating systems substantially similar to those applicable to traditional structural steels are sometimes used. In terms of how the surface is prepared and coated, COR-TEN® steels are quite similar to the other types of steel: once all critical areas of the surface to be coated have been properly prepared (edge rounding, removal of weld spatter, surface grinding, etc.), the best results are obtained by pickling the areas contaminated by oil and grease with solvent, and then carefully sandblasting the surface (Sa 2.5 / Sa 3). Type and size of the surface profile (roughness) and product application method will depend, as always, on the type of primer and coating that make up the system chosen. With regard to the advantages ensured by the use of coated COR-TEN® steel instead of traditional coated steels, the informative Annex C of the standard EN 10025-5 reads as follows: “Under comparable conditions, the susceptibility to corrosion of steel with improved atmospheric corrosion resistance under painting is less than that for conventional structural steels.”

una distanza minima delle strutture in COR-TEN® dal mare pari a 2 km) e aree con atmosfere particolarmente ricche di agenti chimici corrosivi e fumi industriali (specialmente SO2) non consentono al processo di formazione della patina protettiva di ossido di completarsi e stabilizzarsi e proteggere il materiale sottostante. Tuttavia, non sempre si tiene conto del fatto che, anche in aree sicuramente idonee all’uso del COR-TEN®, vi possono essere fenomeni localizzati di ristagno di umidità (pensiamo all’accumulo di polveri, sabbie, sali antigelo, ecc.) quando non di vero e proprio stillicidio di acqua. Nelle figure 1 e 2, per esempio, che si riferiscono a un viadotto con struttura mista acciaio-calcestruzzo e travi realizzate in acciaio tipo COR-TEN®, si possono notare gli effetti della inadeguata canalizzazione delle acque meteoriche, che hanno comportato forme di corrosione localizzata (e pertanto molto insidiosa) in alcune zone di impalcato. Si può notare chiaramente (fig. 1) l’alone semicircolare presente nell’anima della trave del viadotto in corrispondenza delle aree di proiezione degli schizzi d’acqua provenienti dalla soletta sovrastante; altrettanto evidenti (fig. 2 e 3) sono le conseguenze del ristagno delle acque meteoriche nelle zone dei giunti bullonati delle travi e la formazione di spesse scaglie di ossido all’estradosso delle travi, nelle zone di colatura delle acque (fig. 4). Va infine analizzata la questione inerente la pitturazione degli acciai resistenti alla corrosione atmosferica. Per quanto il vantaggio nell’uso degli acciai autopatinabili stia principalmente nella possibilità di non pitturare le superfici, ottenendo (in termini di tempi e di costi) sia un risparmio iniziale legato all’eliminazione della fase di pitturazione, sia un risparmio successivo legato all’assenza di manutenzione e ritocco/riapplicazione delle pitture, per contrastare gli effetti dell’esposizione del CORTEN® ad ambienti non del tutto idonei o particolarmente aggressivi, oppure per conferire all’acciaio particolari caratteristiche estetiche, si ricorre talvolta all’applicazione di cicli di pitturazione sostanzialmente simili a quelli previsti per gli acciai strutturali tradizionali. Riguardo alle modalità di preparazione superficiale e di pitturazione, l’acciaio tipo COR-TEN® è del tutto assimilabile agli altri tipi di acciaio: una volta preparate adeguatamente tutte le zone critiche degli elementi da pitturare (arrotondamento degli spigoli, eliminazione degli spruzzi di saldatura, molatura di asperità superficiali, ecc.) i risultati migliori si ottengono con un buon decapaggio con solvente delle zone contaminate da olio e grasso, seguito una accurata sabbiatura delle superfici (Sa2,5 / Sa3). Tipo e dimensione del profilo superficiale (rugosità) e modalità applicative dei prodotti dipenderanno, come sempre, dal tipo di primer e dai tipi di pitture che compongono il ciclo prescelto. In merito ai vantaggi ottenibili dall’impiego di COR-TEN® pitturato al posto di acciai tradizionali pitturati, ecco quanto è riportato nell’Appendice informativa C dell’EN 10025-5: “Under comparable conditions, the susceptibility to corrosion of steel with improved atmospheric corrosion resistance under painting is less than that for conventional structural steels” (“In condizioni analoghe, la vulnerabilità alla corrosione dell’acciaio con resistenza migliorata alla corrosione atmosferica sotto verniciatura è inferiore a quella degli acciai strutturali tradizionali”).

11 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

ANALYSIS

PRESENTS ITS GUIDELINES FOR CORROSION PROTECTION IN THE RAILWAY SECTOR presenta le linee guida per la protezione dalla corrosione nel settore ferroviario

T

he “Guidelines for corrosion protection in the railway sector” were officially presented in Florence on October, 18th 2012, on the occasion of the day of study and reflections organised by AICQ Railway Sector. In the field of corrosion protection of tramway and metro rolling stock, there were no guidelines and there are no specialised publications and standards. That is why there was the need for reference regulations for all producers/applicators of anti-corrosion processes for rolling stock. The reasons for the absence of guidelines and specific regulations in this field are very simple. The corrosion protection has always been considered a marginal, unimportant activity; for example, the coating operation has often been defined as the “…application of one coat of colour for aesthetic reasons... ”, without realising that, as a matter of fact, an anti-corrosion system has the task of protecting a product (often high-tech) against the aggression of the environment for which it is intended. The corrosion protection of rolling stock also has an important economic impact, given the costs that could result from downtime for non-performance. Only an effective protection process can guarantee the reliability of the railway system, in terms both of quality and continuity of service and of direct and/or indirect costs resulting from unscheduled maintenance, with consequent unavailability of the material. The anti-corrosion processes are special processes, whose qualitative result cannot be fully ascertained by tests, but rather by the overall management of the process. These processes, unlike

I

l 18 Ottobre 2012 sono state ufficialmente presentate a Firenze, in occasione della “Giornata di studio e dibattito” organizzata dall’AICQ Settore Trasporto su Rotaia, le “Linee Guida – Protezione dalla Corrosione nel Settore Ferroviario”. Nel settore della protezione dalla corrosione dei rotabili ferrotranviari e metropolitani non esistevano linee guida e non esistono pubblicazioni e norme specializzate. Per questo c’era la necessità di disporre di una normativa specifica di riferimento per tutti i produttori/applicatori di processi anticorrosivi per materiale rotabile. Le ragioni dell’assenza di LG e di norme specifiche sul tema sono molto semplici. La protezione dalla corrosione è da sempre ritenuta un’attività marginale, poco importante, e spesso si definiva per esempio la verniciatura come “… applicazione di una mano di colore per motivi estetici... ”, senza rendersi conto che, in realtà, un ciclo anticorrosivo ha il compito di proteggere un prodotto, spesso ad alto contenuto tecnologico, dall’aggressione dell’ambiente in cui opera. Inoltre, la protezione dalla corrosione di un rotabile ha un importante risvolto economico per i costi che potrebbero derivare dal fermo macchina per mancato servizio. Soltanto un efficace processo di protezione può garantire l’affidabilità del sistema ferroviario, in termini sia di qualità e continuità del servizio che dei costi diretti e/o indiretti derivanti da interventi di manutenzione non programmata, con conseguente indisponibilità del materiale. I processi anticorrosivi sono processi speciali, per i quali il risultato qualitativo non può essere accertato completamente da collaudi e prove, ma dalla totale gestione del processo stesso. Questi processi,

12 DECEMBER 2012


Paolo Rami, Advisor, Pistoia, Italy paolorami@hotmail.it

others such as welding or gluing, are not governed by national or international regulations, but they are managed “subjectively” – with all the quality issues, the costs and risks that affect the finished product. Precisely the lack of reference standards in the field of corrosion has highlighted the need to establish a Working Group that, in approximately one year, has managed to issue specific guidelines for the sector of tramway and metro rolling stock, which can be used at the national and international level and are preparatory for the creation of UNI standards. This document defines the design, approval and control methods of the anti-corrosion processes, with specific instructions also for the training, certification and qualification of the personnel in charge for the coordination and control of specific activities, the classification of companies using and manufacturing anti-corrosion products intended for four anti-corrosion processes specific to the railway industry and applicable on various media (carbon steel, stainless steel, aluminium alloys and GFRP), prepared by chemical or mechanical processes: • Coating systems with SB e WB liquid products. • Coating systems with thermosetting powders. • Anodic oxidation. • Electrolytic galvanising and lamellar zinc coating.

al contrario di altri come la saldatura o l’incollaggio, non sono inquadrati in un contesto normativo nazionale o internazionale, ma gestiti in modo “soggettivo” con tutte le problematiche qualitative, i costi e i rischi che ricadono sul prodotto finito. Proprio la mancanza di una normativa specifica di riferimento in materia di anticorrosione ha evidenziato la necessità di istituire un Gruppo di Lavoro che è riuscito, nell’arco di circa un anno, a emettere linee guida specifiche per il settore dei rotabili ferrotranviari e metropolitani, utilizzabili in ambito nazionale e internazionale, propedeutiche per una futura emissione di norme UNI EN. Il documento definisce le modalità di progettazione, omologazione e controllo dei processi anticorrosivi, con specifiche indicazioni anche per le attività di formazione, certificazione e qualifica del personale addetto al coordinamento e al controllo delle attività specifiche, alla qualifica delle aziende che utilizzano e delle aziende che producono prodotti anticorrosivi, per quattro processi anticorrosivi specifici del settore ferroviario, applicabili su vari supporti (acciaio al carbonio, acciaio inox, leghe di alluminio e PRFV) preparati con processi chimici o meccanici: • Cicli di verniciatura con prodotti liquidi SB e WB. • Cicli di verniciatura con polveri termoindurenti. • Ossidazione anodica. • Zincatura elettrolitica o lamellare.

The guidelines consist of four parts (besides the attachments): • Part 1 - Design • Part 2 - Process management and control (requirements) • Part 3 - In-process tests/series tests • Part 4 - Training, qualification and certification of personnel

Le linee guida sono costituite da quattro parti (più gli allegati): • Parte 1 - Progettazione • Parte 2 - Gestione e controllo del processo (requisiti) • Parte 3 - Controlli in processo/prove di serie • Parte 4 - Formazione, qualificazione e certificazione del personale

Part 1 – Design: It highlights the main issues concerning a proper design that is aimed at avoiding corrosion damages and allowing the surfaces to withstand corrosion throughout the life cycle of the rolling stock/component, with specific guidelines for the approval of anti-corrosion systems in terms of chemical and physical laboratory tests and of acceptance criteria to certify compliance with the design requirements.

Parte 1 - Progettazione: evidenzia le principali problematiche riguardanti la corretta progettazione per evitare danneggiamenti da corrosione e per resistere alle sollecitazioni corrosive per tutto il ciclo di vita del rotabile/componente, con specifiche indicazioni per l’omologazione del ciclo anticorrosivo in termini di prove chimico fisiche di laboratorio e dei criteri di accettabilità per attestare la conformità ai requisiti progettuali attesi.

13 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

ANALYSIS

Paolo Rami, Advisor, Pistoia, Italy paolorami@hotmail.it by Paola Giraldo

Part 2 – Process management and control (requirements): This part specifies the criteria for the definition of the minimum technical and organisational requirements that the applicator companies, which perform or subcontract corrosion protection activities on new construction or in maintenance operations, should meet in order to prove their ability to control the corrosion protection process. It also specifies the criteria that should be taken as a reference for the assessment of the compliance of the supplier with the requirements specified above by recognised third parties. Part 3 – In-process tests/series tests: The purpose is to define the controls and inspections required to ensure compliance with the requirements. This part defines: • the inspections and checks to be performed on the rolling stock/component; • the destructive and non-destructive tests to be carried out; • the documentation to be issued to certify the compliance of the anti-corrosion system with the quality requirements. Part 4 – Training, qualification and certification of personnel: It defines the duties and responsibilities of the professionals working in a body operating in the corrosion protection field, and defines both the training and the qualification and certification methods.

Parte 2 - Gestione e controllo del processo (requisiti): questa parte specifica i criteri per la definizione dei requisiti minimi, di carattere tecnico-organizzativi, cui le aziende applicatrici, che eseguono o subappaltano lavori di protezione dalla corrosione nelle nuove costruzioni o nella manutenzione, devono fare riferimento per provare la propria capacità di tenere sotto controllo il processo di protezione dalla corrosione. Sono altresì indicati i criteri che devono essere presi come riferimento per la valutazione della conformità del fornitore ai requisiti specificati sopra, da parte di enti terzi riconosciuti. Parte 3 – Controlli in processo/prove di serie: la finalità è definire i controlli e le ispezioni necessarie per assicurare l’attestamento della conformità con i requisiti attesi. Questa parte definisce: • le ispezioni e i controlli da eseguire sul rotabile/componente; • le prove distruttive e non distruttive da effettuare; • la necessaria documentazione da emettere per attestare la conformità del ciclo anticorrosivo ai requisiti di qualità attesi. Parte 4 - Formazione, qualificazione e certificazione del personale: definisce i compiti e le responsabilità delle figure professionali previste in un’organizzazione che opera in attività di protezione dalla corrosione, e ne specifica sia i percorsi formativi che i relativi metodi di qualifica e certificazione.

These guidelines are the result of work done by experienced professionals from large companies manufacturing rolling stock and coating products and specialised institutions operating in the fields of research, certification, training, and personnel and processes qualification in the railway sector. The document will be revised or updated with a view to continuous improvement based on any suggestions and additions after a first experimentation and application stage, with the final objective to turn it into a UNI standard. The guidelines, which are part of the “Technical Initiatives” program of “AICQ – Railway Sector”, have been elaborated by the following Working Group: Project Coordinator: Paolo Rami Working Group: Gianfranco Saccione (AICQ), Mirco Bianucci (Trenitalia), Stefano Morra (IIS Cert), Emanuele Gandolfo (IIS Cert), Stefano Botta (IIS Service), Franco Vivalda (Alstom), Federica Lenta (Alstom), Ezio Fissore (Bombardier), Riccardo Gallo (Lucchini RS), Nello Berti (R.I.NA.) Corrosion experts: ISVA MADER (SB and WB anti-corrosion products), Paolo Decker, Luciano Cassetta, Luigi Silvestri; MADER (SB and WB anti-corrosion products), Frédéric Merger; QUALITAL (thermosetting powders and anodic oxidation), Riccardo Boi; AKZO NOBEL POWDER (thermosetting powders ), Roberto Paganica The “Guidelines for corrosion protection in the railway sector”, together with the relevant Conference proceedings, are available on the website of “AICQ – Railway Sector” since November 2012.

Queste linee guida sono il risultato del lavoro svolto da professionisti esperti che operano presso grandi aziende di materiale rotabile, prodotti vernicianti o enti specialistici presenti nel settore ferroviario con attività di ricerca, certificazione, formazione, qualificazione del personale e dei processi. Il documento, in base a eventuali suggerimenti e integrazioni, dopo una prima fase operativa di sperimentazione e applicazione, sarà sottoposto a revisione o aggiornamenti nell’ottica di un miglioramento continuo, con l’obiettivo finale di proporre la trasformazione del documento in norma UNI–EN. Le linee guida, che fanno parte del programma “Iniziative Tecnico Specialistiche” di “AICQ - Settore Trasporto su Rotaia”, sono state elaborate dal seguente gruppo di lavoro: Coordinatore del progetto: Paolo Rami Gruppo di Lavoro: Gianfranco Saccione (AICQ), Mirco Bianucci (Trenitalia), Stefano Morra (IIS Cert), Emanuele Gandolfo (IIS Cert), Stefano Botta (IIS Service), Franco Vivalda (Alstom), Federica Lenta (Alstom), Ezio Fissore (Bombardier), Riccardo Gallo (Lucchini RS), Nello Berti (R.I.NA.) Specialisti cicli anticorrosivi: ISVA MADER (Prodotti Anticorrosivi SB e WB), Paolo Decker, Luciano Cassetta, Luigi Silvestri; MADER (Prodotti Anticorrosivi SB e WB), Frédéric Merger; QUALITAL (Polveri termoindurenti e Ossidazione anodica), Riccardo Boi; AKZO NOBEL POWDER (Polveri termoindurenti), Roberto Paganica Le “Linee Guida - Protezione dalla Corrosione nel Settore Ferroviario”, con i relativi atti del Convegno, sono consultabili nel sito di “AICQ – Settore Trasporto su Rotaia” da Novembre 2012.

14 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS BRAND - NEW

SUBSEA APPLICATION OF STOPAQ AGAINST CORROSION IN TRIESTE, ITALY Applicazione sottomarina di STOPAQ contro la corrosione a Trieste

S

TOPAQ, leading supplier of a wide range of green visco-elastic solutions to protect assets from corrosion and water ingress, was asked to assist the SIOT/Loperfido project in Trieste (Italy) in order to recover two piles which were previously coated, pre-installation, with an undefined epoxy coating still demonstrating good adhesion in dry areas above the water line. The splash zone area, Client however, had been maintained Location over the years with various Object epoxy coatings and the piles Object dimensions suffered from severe corrosion Existing coating in some areas. The impressed Reason current cathodic protection Applied system subsea system had caused premature Applied system dry area failure right after application Surface preparation (within 1 to 6 weeks) on the piles and additional failures due to salt entrapment and cracking of the existing protection system developed over a service period of 2 to 5 years. In order to solve the pre-existing situation, STOPAQ used its fully flexible corrosion prevention materials, which do not require tensioned application and are compatible with impressed current cathodic protection. The materials do not harden or cure and keep their unique characteristics throughout the lifetime of the coated object. The materials are impermeable to water and oxygen, two ingredients that cause corrosion, and adhere to any surface - steel, concrete, PVC, etc. - including pre-existing coatings. For further info: www.stopaq.com

S

TOPAQ, leader nella fornitura di una vasta gamma di soluzioni visco-elastiche ecologiche per proteggere le opere dalla corrosione e dall’infiltrazione dell’acqua, è stata chiamata per assistere il progetto SIOT/Loperfido a Trieste al fine di recuperare due piloni che erano stati in precedenza rivestiti, prima della loro installazione, con una resina epossidica imprecisata, che dimostrava ancora una buona adesione nelle zone asciutte sopra la linea di galleggiamento. L’area SIOT della splash zone, invece, era staTrieste, Italy ta mantenuta nel corso degli anJetty Piles ni con vari rivestimenti epossidici Pillars 1000 mm diameter e i piloni soffrivano in alcune zoEpoxy/Impressed Current ne di corrosione grave. Il sistema Severe corrosion due to failure of existing coating di protezione catodica a corrente STOPAQ Subsea Compound/PVC yellow/OGS XT24 impressa aveva causato un guaSTOPAQ CZH/PVC sto prematuro subito dopo l’apHigh pressure waterjetting, 400 bar plicazione (da 1 a 6 settimane) sui piloni e ulteriori danneggiamenti, dovuti all’assorbimento di sale e aalla rottura del sistema di protezione, si erano sviluppati lungo un periodo di servizio da n 2 a 5 anni.

Al fine di risolvere la situazione preesistente, A SSTOPAQ ha utilizzato i suoi materiali complettamente flessibili di prevenzione della corrossione, che non richiedono l’applicazione sotto ttensione e sono compatibili con la protezione ccatodica a corrente impressa. I materiali non si induriscono né reticolano e mantengono le loSmit Subsea Divers trained by Stopaq Instructor Bas Huizing. All men got certified after an extensive dry and ro caratteristiche uniche per tutta la vita utile underwater training at the Dubai Subsea Diving Centre. dell’oggetto rivestito. I materiali sono imperThe divers are about to repair subsea oil pipelines from construction defects against the risks of corrosion. meabili all’acqua e all’ossigeno, due componenti che causano la corrosione, e aderiscono I subaquei della Smith Subsea istruiti da Bas Huizing, istruttore Stopaq. Tutti gli uomini hanno ottenuto la a qualsiasi superficie - acciaio, cemento, PVC, certificazione dopo una lunga formazione, subaquea e non, presso il Dubai Subsea Diving Center. I subaquei ripareranno ecc - compresi i rivestimenti preesistenti. Per informazioni: www.stopaq.com gli oleodotti sottomarini contro il rischio di corrosione.

15 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS BRAND - NEW HEMPEL’S NEW INTUMESCENT PRODUCTS GIVE CUSTOMERS FULL PROTECTIVE PACKAGE I nuovi prodotti intumescenti di Hempel offrono ai clienti un pacchetto di protezione completo

L

eading coatings manufacturer Hempel can now offer its many customers the complete range of protective coatings, with the recent launch of a new range of intumescent coatings for passive fire protection of steel structures in cellulosic fires including industrial halls, public buildings, stadiums, airports and supermarkets. At present, Hempel’s intumescent range includes two one-component solvent-borne acrylic coatings: HEMPACORE ONE for on-site applications and HEMPACORE ONE FD for off-site applications, which have the following advantages in the market: - Durability and Reliability - Efficiency - Flexibility. Intumescent coatings are normally used in low corrosivity environments and/or protected by a topcoat. The durability and reliability of the coatings is however of great importance as the products are expected to have a long lifetime, yet still perform to their design life, in case of fire, so that lives are saved. The excellent durability of HEMPACORE ONE 43600 and HEMPACORE ONE FD 43601 was confirmed in a set of tests carried out according to ETAG18-2 and compared to commercially available intumescent coating products on the market. The testing included accelerated exposure to UV and extreme temperature changes and was designed to simulate resistance to outdoor exposure and carried out on panels with non-topcoated intumescent over a standard compatible primer as a preceding coat. After the complete testing, the HEMPACORE ONE 43600 product had no degradation and no film defects whereas the alternative commercial products either displayed

H

empel, il produttore di pitture leader nel mondo, è ora in grado di offrire ai propri clienti una gamma completa di rrivestimenti protettivi grazie al recente lancio di una nuova serie di prodotti intumescenti, per la protezione passiva dagli incendi cellulosici di strutture di acciaio, inclusi capannoni industriali, edifici pubblici, stadi, aeroporti e supermercati. Attualmente la gamma intumescente di Hempel include due pitture acriliche monocomponente, a base solvvente: HEMPACORE ONE per le applicazioni on-site, ed HEMPACORE ONE FD per le applicazioni off-site, che offroHE vantaggi: no i seguenti s - Durabilità e affidabilità - Efficienza - Flessibilità. I rivestimenti intumescenti sono in genere utilizzati in ambienti a bassa corrosività e/o protetti da un topcoat. La resistenza e l’affidabilità dei rivestimenti é tuttavia di grande importanza se i prodotti devono avere una lunga durata, offrendo sempre le medesime caratteristiche di progettazione in grado di assicurare la sicurezza delle persone in caso di incendio. L’eccellente durabilità di HEMPACORE ONE 43600 ed HEMPACORE ONE FD 43601 è stata confermata in una serie di test eseguiti conformemente a ETAG18-2, con un raffronto con gli altri prodotti di rivestimento intumescenti attualmente disponibili sul mercato. I test, che hanno previsto un’esposizione accelerata a UV e variazioni di temperatura estreme, sviluppati per simulare la resistenza all’esposizione all’aperto, sono stati eseguiti su pannelli con intumescente privo di topcoat su un primer standard compatibile come mano precedente. Al termine del test, HEMPACORE ONE 43600 non ha presentato alcun degrado o difetti nel film, mentre i prodotti alternativi commerciali hanno

16 DECEMBER 2012


by Paola Giraldo

pinholes and cracking or microcracking. This study concluded that HEMPACORE ONE 43600 has superior durability performance compared to other commercially available intumescent products in case they are exposed to outdoor conditions. In terms of efficiency, either for on-site application with HEMPACORE ONE 4300, or off-site application with HEMPACORE ONE FD 43601, greater than 1,000 μm/coat can be easily applied with surface dry times of 15 minutes off-site or 30 minutes on-site application, saving valuable time. In addition, both coatings provide up to 120 minutes of fire protection in cellulosic fires as determined by official thirdparty fire tests. The products are compatible with a wide range of topcoats, so fewer choices are needed to meet all challenges. Although, Hempel recommends applying a topcoat for outdoor conditions, as real life exposure and scenarios may be different to the conditions in the accelerated exposure tests, the testing showed that the risk if exposed is minimised. These two products are just the first offerings in Hempel’s new intumescent range, and both HEMPACORE ONE and HEMPACORE ONE FD, approved to the European standard EN13381-8, are already available in Denmark, Sweden, Italy, Spain, Portugal, the UK, Greece, Turkey, the Netherlands, and Belgium. Other countries will soon benefit from this product range. For further information: www.hempel.com

evidenziato fori a punta di spillo e fessurazioni o microfessurazioni. Questo studio ha concluso che HEMPACORE ONE 43600 offre prestazioni di durabilità superiori rispetto ad altri prodotti intumescenti disponibili sul mercato nel caso di un’esposizione a condizioni esterne. In termini di efficienza, sia per l’applicazione on-site con HEMPACORE ONE 4300, sia per quella off-site con HEMPACORE ONE FD 43601, un film superiore a 1.000 μm può essere facilmente applicato con tempi di essiccazione di 15 minuti off-site o di 30 minuti on-site, facendo risparmiare tempo prezioso. Inoltre, entrambi i prodotti offrono fino a 120 minuti di protezione dalle fiamme in caso d’incendi cellulosici, come determinato da prove antincendio ufficiali condotte da terze parti. La flessibilità della gamma HEMPACORE facilita l’individuazione della soluzione corretta. I prodotti sono compatibili con una vasta gamma di finiture che soddisferanno qualunque esigenza. Sebbene Hempel consigli di utilizzare una mano di finitura nelle applicazioni all’aperto, poiché l’esposizione e gli scenari della vita reale possono differire dalle condizioni nei test di esposizione accelerata, le prove hanno dimostrato che il rischio in caso di esposizione è ridotto al minimo. Questi due prodotti sono solo le prime offerte nella gamma d’intumescenti di Hempel, e sia HEMPACORE ONE sia HEMPACORE ONE FD, approvati secondo lo standard europeo EN13381-8, sono già disponibili in Danimarca, Svezia, Italia, Spagna, Portogallo, Regno Unito, Grecia, Turchia, Paesi Bassi e Belgio. La gamma sarà presto introdotta anche in altri paesi. Per maggiori informazioni: www.hempel.it

17 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS BRAND - NEW MINERAL COATING SYSTEM FOR TANKS AND PIPELINES Sistema di rivestimento minerale per serbatoi e tubazioni

C

L

orrosion of metallic structures and products causes immense a corrosione di strutture e manufatti metallici provoca ogni aneconomic damages each year in many industry sectors. The no immensi danni economici in molti settori industriali. L’azienda company Octopus Coating offers long-term corrosion protection Octopus Coating offre prodotti per la protezione dalla corrosione a and surface sealing products based on knowledge gained lungo termine e per l’impermeabilizzazione della superficie sulla bathrough 30 years of development and experience. se delle conoscenze acquisite nei 30 anni di sviluppo e di esperienza. CORROPIPE® CEM 50 black is a mineral-based two-component CORROPIPE® CEM 50 nero è un sistema bi-componente a base minerale per la protezione dalla corrosione di impianti, serbatoi e tusystem for corrosion protection of installations, tanks and bazioni fino a 150°C. CORROPIPE® è privo di solventi e può essere pipelines up to 150°C. CORROPIPE® corrosion protection is utilizzato senza problemi in ambienti ristretti senza la necessità di disolvent-free and can be used without hesitation in enclosed spositivi di protezione respiratoria. spaces without the need for La sua efficacia e durata nel temany breathing protection po come sistema di protezione a equipment. Its effectiveness and base minerale contro la corrosiodurability as a mineral corrosion ne è stata testata e certificata da protection system has been numerosi enti indipendenti tedetested and certified by numerous schi e internazionali, come SMF independent German and Salzgitter Mannesmann, OMV international bodies, e.g. SMF Exploration & Production e Salzgitter Mannesmann, OMV Analytik Berkhöpen. Exploration & Production and L’ambiente altamente alcalino della Analytik Berkhöpen. miscela CORROPIPE® innesca una The high-alkaline environment of ® reazione chimica tra il rivestimenthe CORROPIPE mixture triggers to e la ruggine solida. Si verifica a chemical reaction between 1 una conversione (passivazione) con the coating and the solid rust. le superfici in acciaio arrugginite. A conversion (passivation) 1 La ruggine solida viene catturata takes place with the rusty steel Spray application of CORROPIPE® mineral coating system. e assorbita dal rivestimento, consurfaces. Spruzzatura del sistema di rivestimento minerale CORROPIPE®. sentendo alla rimanente superficie The solid rust is taken and in acciaio puro di legarsi in modo absorbed by the coating, leaving omogeneo e solido con il rivestimento. the remaining pure steel surface to a homogeneous and solid bond CORROPIPE® aumenta notevolmente la vita di servizio dei serbawith the coating. ® toi e migliora l’efficienza economica degli impianti di produzione; CORROPIPE considerably increases the service life of tanks and inoltre, è una valida alternativa alle nuove attrezzature fatte in improves the economic efficiency of production facilities and is an effective alternative to new equipment made of stainless steel. It can acciaio inox. Può essere applicato con un pennello o con un rullo, a spruzzo o forza centrifuga (fig. 1). be applied by brush or roller, spraying or centrifugal force (Fig. 1). I motivi per scegliere la soluzione CORROPIPE® sono vari: Reasons for the use of CORROPIPE® as a solution: - Nessuna infiltrazione della ruggine; - No infiltration by rust; - Permeabilità al vapore; - Vapour permeability; - Protezione attiva dalla corrosione tramite un alto valore di pH - Active corrosion protection through high pH-value; - Elevata resistenza a petrolio greggio, solventi e acidi da pH 3,5 - High resistance to crude oil, solvents and acids from pH 3,5 to a pH 14; pH 14; - Temperature stability of -40°C to +150°C in the humid environment; - Stabilità di temperatura da -40° C a +150° C in ambiente umido; - Elevata forza di adesione all’acciaio, che non diminuisce nem- High adhesion force to steel that does not diminish even with meno con diverse variazioni di carico; multiple load changes;

18 DECEMBER 2012


by Paola Giraldo

2 2

3 3

The painting robot for internal coating of pipelines.

The painting robot in action.

Il robot di verniciatura per il rivestimento interno delle tubazioni.

Il robot di verniciatura in azione.

- The expansion coefficient of the material is the same as that of steel; - Improvement in static loading by integrated fiberglass mats into the coating; - Mineral, environmentally-friendly and solvent-free. Even subsequent coating of weld seams in pipelines from DN 600 is no problem. Furthermore in spring 2013 Octopus Coating will launch a painting robot for internal coating of pipelines from DN 300 up to DN 600 that is especially innovative for the coating of weld seams and fittings (Figs. 2 and 3).

- Il coefficiente di dilatazione del materiale è lo stesso di quello dell’acciaio; - Miglioramento del carico statico grazie a materassini in fibra di vetro integrati nel rivestimento; - Minerale, ecologico e senza solventi. Anche il successivo rivestimento delle giunzioni saldate negli oleodotti DN 600 non provoca problemi. Inoltre, nella primavera del 2013 Octopus Coating lancerà un robot di verniciatura per il rivestimento interno delle tubazioni da DN 300 fino a DN 600, particolarmente innovativo per il rivestimento di giunzioni saldate e raccordi (figg. 2 e 3).

Other products and areas of application

Altri prodotti e le aree di applicazione

CEMCOR® is a sealing system for tank farm surfaces and oil production facilities. The system was specifically developed for old, damaged tank storage areas, where the basic fabric no longer guarantees the required liquid impermeability. THUECON® CEM 40 F is a mineral coating system for hot water pipelines and district heating pipes. It can stand temperatures up to 180°C and can easily accommodate longitudinal expansions of the pipe. CORROPIPE® CEM 40 A is especially suitable for protecting large sewage pipes, as well as accessible sewage ducts and collection systems against corrosion. Thanks to unique product coordination and decades of experience Octopus Coating is able to offer CORROPIPE® CEM 40 grey as a practical, robust and economic anti-corrosive coating that can be used in various areas of application and is suitable for use on rusty steel surfaces. For further information: www.octopus-coating.com

CEMCOR® é un sistema d’impermeabilizzazione per le superfici del parco generale serbatoi e per gli impianti petroliferi. Il sistema è stato specificatamente sviluppato per le aree vecchie e danneggiate dei serbatoi di stoccaggio, in cui la struttura di base non garantisce più l’impermeabilità al liquido richiesta. THUECON® CEM 40 F è un sistema di rivestimento minerale per tubazioni di acqua calda e tubi per il teleriscaldamento. Può resistere a temperature fino a 180° C e può facilmente ospitare espansioni longitudinali del tubo. CORROPIPE® CEM 40 A è particolarmente adatto per proteggere dalla corrosione le tubazioni di scarico di grandi dimensioni, così come i sistemi dei condotti fognari accessibili e di raccolta. Grazie al coordinamento unico di prodotto e decenni di esperienza, Octopus Coating è in grado di offrire CORROPIPE® CEM 40 grigio come un rivestimento anticorrosivo pratico, robusto ed economico, che può essere utilizzato in vari campi di applicazione, adatto per l’uso su superfici di acciaio arrugginite. Per maggiori informazioni: www.octopus-coating.com

19 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS BRAND - NEW PRO XP™: ELECTROSTATIC SPRAY GUNS THAT DELIVER EXPERT PERFORMANCE Pro Xp™: pistole a spruzzo elettrostatiche per prestazioni professionali

1 1

The Pro Xp™ range of spray guns. La gamma di pistole Pro Xp™.

T

he new Pro Xp™ by Graco is a complete line of air spray and air-assist electrostatic manual spray guns that are smaller, lighter and designed to maximize your profits (Fig. 1). Highlights of the Pro Xp™ gun line include a wide variety of gun models with new models to fit changing production needs, as: - 40 kV Booster gun gives you the transfer efficiency of a 60 kV gun in a compact size; - 60 kV Air-Assist gun is a very small & light electrostatic air assist gun; - High Conductivity guns in all kV gun models for spraying low resistivity material.

L

a nuova Pro Xp™ di Graco è una linea completa di pistole a spruzzo manuali elettrostatiche e misto aria più piccole, più leggere e progettate per aumentare al massimo i profitti (fig. 1). Tra le caratteristiche della linea di pistole Pro Xp™, un’ampia gamma di nuovi modelli per soddisfare le esigenze di produzione in continua evoluzione, come: - la pistola 40 kV Booster, che offre l’efficacia di trasferimento di una pistola 60 kV con dimensioni compatte; - la pistola misto aria elettrostatica 60 kV, piccola e leggera; - pistole a elevata conduttività in tutti i modelli di pistole kV, per spruzzare materiali a bassa resistività.

20 DECEMBER 2012


by Paola Giraldo

Other highlights of the new gun line include: - Operator Friendly with a smaller, lighter gun, no heavy power cord and an ergonomic handle; - State-of-the-Art-Technology with Smart Controls for analyzing performance, adapting voltage needs and troubleshooting; - Superior Spray Performance with new Air-Assist tip lines and air cap designed to deliver high quality finish; - Built-in Dependability with durable components supported by a 3 year warranty; - Maximize Profits with high transfer efficiency and reduced material usage. For further information: www.graco.com

Inoltre, le pistole della nuova linea: - sono facili da usare grazie alle dimensione ridotte e al peso inferiore, senza pesanti cavi di alimentazione e con impugnatura ergonomica; - sono dotate di tecnologia avanzata con smart control per analizzare i risultati, modificare i requisiti di tensione e la funzione d’individuazione dei guasti in base alle esigenze; - hanno prestazioni di spruzzatura eccezionali con le nuove linee di ugelli misto aria e il cappello aria progettato per garantire una finitura di alta qualità; - hanno affidabilità integrata grazie a componenti estremamente resistenti e con 3 anni di garanzia; - offrono massimi profitti grazie a un’elevata efficacia di trasferimento e a un impiego ridotto di materiale. Per maggiori informazioni: www.graco.com

Misure precise - in tutte le posizioni Perfette misure di spessore del rivestimento Il DUALSCOPE® MP0R non è solamente uno dei più piccoli apparecchi elettronici di misura dello spessore, ma è anche il primo con: - due display* LCD retroilluminati - un ampio display frontale e un display superiore - per una lettura delle misure dello spessore di rivestimento sicura e affidabile in tutte le posizioni, - radio trasmettitore integrato standard per il trasferimento delle misure online e offline direttamente a un computer, fino a una distanza di 10-20 metri. Il DUALSCOPE® MP0R misura lo spessore di - vernice, plastica, ossidazione anodica su tutti i materiali non magnetici come alluminio, rame, bronzo o acciai inox secondo il metodo delle correnti parassite secondo la norma DIN EN ISO 2360, - zinco, cromo, rame, vernice, plastica, su substrati ferro magnetici utilizzando il metodo magnetico secondo la norma DIN EN ISO 2178. Lo strumento riconosce automaticamente il materiale di base e seleziona il metodo di misura adeguato. * in attesa di brevetto

Helmut Fischer S.r.l., Tecnica di misura - 20128 Milano, Italy Tel. (+39) 02 255 26 26 - Fax (+39) 02 257 00 39 - E-Mail: italy@helmutfischer.com 21 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS BRAND - NEW BIOBASED MULTIMETAL PROTECTION IN A SIMPLE ECONOMICAL APPLICATION Protezione multi-metallo a base biologica in un’applicazione semplice ed economica

C

ortec®’s VpCI®-148 paper is a new, environmentally friendly, grease resistant, corrosion inhibiting paper, comprised of biobased materials. In addition to its excellent corrosion inhibiting properties, VpCI®-148 also provides strong resistance to greases, oils and solvents. Cortec® Vapor phase Corrosion Inhibitors (VpCI®) fight corrosion at the molecular level and provide protection with corrosion inhibiting vapors that condense onto the surface of the products and form a thin, uniform, economical, and effective corrosion inhibiting layer. Unlike wax or polycoated papers, which contribute to

L

a carta VpCI®-148 di Cortec è una nuova carta che inibisce la corrosione: ecologica, resistente al grasso e a basso impatto ambientale, comprende materiali provenienti da fonti rinnovabili. Oltre alle sue eccellenti proprietà d’inibizione della corrosione, VpCI®-148 fornisce anche una forte resistenza a grassi, oli e solventi. Gli inibitori della corrosione di Cortec, i VpCI® (Vapor phase Corrosion Inhibitors), combattono contro la corrosione a livello molecolare e forniscono protezione con i vapori d’inibizione della corrosione che si condensano sulla superficie dei prodotti, formando uno strato inibitore della corrosione sottile, uniforme, economico ed efficace.

22 DECEMBER 2012


by Paola Giraldo

environmental problems, this paper contains a biobased coating and is fully recyclable and repulpable. VpCI®-148 paper is made from highest quality natural Kraft paper, produced in Cortec’s state-of-the-art coating plant under controlled conditions, with full time quality control and research ISO/IEC 17025 accredited laboratory. The product is also fluorochemical free, making it a much safer alternative to traditional grease resistant papers. VpCI®-148 grease resistance, as tested according to TAPPI T-454 and UM 557, is the same or better than for commercial polycoated papers. VpCI®-148 eliminates the need to inventory a variety of papers for each of the metals that need protection as well as prevents package contamination by utilizing only the highest quality materials. It is very simple to use: There are no chemical concentrations to calculate or application systems to maintain and the products can be used immediately – no surface preparation or cleaning is required. VpCI®-148 paper protects ferrous and non-ferrous metals, dry or oiled, such as carbon, stainless and galvanized steel, cast iron, copper, solder, aluminum alloys and brass. Typical applications are protection of products for storage and shipment that require lubrication (such as bearing and metal parts) in a variety of ways: - Single item packaging or interleaving - Sheet liners or separators between products - Metalworking: stamping, sheet metal work, springs, bearings, fasteners, tube, pipe, ect. - Finished products: engines, machinery, equipment, tools, hardware, appliances, instruments, motors, etc. - Metal forging and die casting: raw and machined forgings and castings VpCI®-148 paper is free of nitrites, phosphates, silicones, chromates, and other heavy metals. The product conforms to NACE Standards TM0208-2008, RP0487-2000, military specification MIL-P-3420, TAPPI-410 Standard and is RoHS compliant. For further information: www.cortecvci.com

A differenza delle carte politenata o cerata, che contribuiscono ai problemi ambientali, questa carta contiene un rivestimento proveniente da fonti rinnovabili ed è completamente riciclabile e reimpastabile. La carta VpCI®-148 è realizzata con la carta naturale Kraft di più alta qualità, prodotta dall’impianto di rivestimento all’avanguardia Cortec in condizioni controllate, con il laboratorio di ricerca accreditato ISO/IEC 17025 e controllo di qualità continuo. Il prodotto è privo di sostanze chimiche contenenti fluoro, il che lo rende un’alternativa molto più sicura alla tradizionale carta resistente al grasso. La resistenza al grasso di VpCI®-148, testata mediante TAPPI T-454 e UM 557, è uguale o superiore a quella delle carta politenata in commercio. VpCI®-148 elimina la necessità di inventariare diversi tipi di carta per ogni metallo che necessita protezione e previene la contaminazione del pacco utilizzando solo materiali di qualità. È molto semplice da usare: non ci sono concentrazioni di sostanze chimiche da calcolare o sistemi di applicazione da mantenere, e i prodotti possono essere utilizzati immediatamente – non è necessaria nessuna preparazione della superficie o pulizia. La carta VpCI®-148 protegge i metalli ferrosi e non ferrosi, a secco o lubrificati, come carbonio, acciaio inox e zincato, ghisa, rame, lega per saldatura, leghe di alluminio e ottone. Applicazioni tipiche sono la protezione dei prodotti per lo stoccaggio e la spedizione che richiedono la lubrificazione (come bronzine e parti metalliche) in diversi modi: - imballaggio singolo o interfogliato di un oggetto; - foglio di rivestimento o di separazione tra i prodotti; - lavorazione dei metalli: stampaggio, lastre di metallo, molle, cuscinetti, elementi di fissaggio, tubi, ecc.; - prodotti finiti: motori, macchine, attrezzature, utensili, hardware, apparecchi, strumenti, ecc.; - forgiatura del metallo e pressofusione: fucinati e pressofusi grezzi e lavorati. La carta VpCI®-148 è priva di nitriti, fosfati, siliconi, cromati e altri metalli pesanti. Il prodotto è conforme agli standard NACE TM0208-2008, RP0487-2000, specifiche militari MIL-P-3420, standard TAPPI-410 ed è conforme alla direttiva RoHS. Per maggiori informazioni: www.dozio.com

23 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

HIGHLIGHT

COR-TEN® STEEL IN HIGHLY CORROSIVE ENVIRONMENTS: COATING SOLUTIONS FOR A LONGER SERVICE LIFE L’acciaio COR-TEN® in ambienti altamente corrosivi: soluzioni di pitturazione per allungarne la vita

H

empel, a multinational company active in the corrosion (protective), maritime, yacht, construction and container fields, presents itself as an internationally recognised leader for the quality of its coatings as well as for its technical assistance service, which makes it a point of reference for a varied and demanding customer base, from engineering companies to applicators. With almost a century of experience in the corrosion field, Hempel is present in almost all of the international specifications of the oil & gas, energy and infrastructure sectors. The stated objective of the company is total customer satisfaction, which involves the long-term protection of his assets. The 1995 data show a loss of US GDP by 4.2% per year due to phenomena related to corrosion. Even stainless steel, under certain conditions, such as high chloride atmospheres (coastal and offshore environments classified as C5-M), may experience a corrosive degradation and must therefore be protected by an anti-corrosion coating. COR-TEN® steel makes no exception to this. In the United States, between 1960 and 1980, about 2,000 bridges were built in weathering steel. Over time, they have shown obvious problems related to corrosion: Without any intervention, their life expectancy would have been considerably reduced (source: Frosio Corrosion Protection Book, 2003). As a consequence, it is increasingly frequent that a customer requires to protect COR-TEN® steel objects by means of a coating system with the aim of further prolong their service life. For the purposes of anti-corrosion coating, COR-TEN® steel is similar to carbon steel: it is therefore possible to think

H

empel, multinazionale attiva nei settori Anticorrosione (Protective), Marina, Yacht, Edilizia e Container, si presenta come una società leader riconosciuta a livello internazionale, oltre che per la qualità delle proprie pitture, anche per l’assistenza tecnica che ne fa un punto di riferimento per una clientela estremamente varia ed esigente che parte dalle società di engineering sino agli applicatori. Con un’esperienza quasi centenaria nel settore Protective, Hempel è presente nella quasi totalità delle specifiche internazionali dei segmenti Oil&Gas, Energia e Infrastrutture. L’obiettivo dichiarato dell’azienda è la soddisfazione totale del cliente, che passa per la protezione a lungo termine dei suoi investimenti. I dati del 1995 parlano, infatti, di una perdita del 4,2% annuo del PIL statunitense per fenomeni legati alla corrosione. Anche l’acciaio inossidabile, alla presenza di determinate condizioni, quale ad esempio il servizio in atmosfere a elevato tasso di cloruri - ambienti costieri e off-shore classificabili come C5-M - può subire una degradazione corrosiva che ne richiede la protezione mediante pitture anticorrosive. Non sfugge a questa logica anche l’acciaio COR-TEN®. Negli Stati Uniti, tra il 1960 ed il 1980, sono stati costruiti circa 2.000 ponti in acciaio autopassivante che nel tempo hanno mostrato evidenti problemi legati alla corrosione: senza alcun intervento, la loro aspettativa di vita si sarebbe considerevolmente ridotta (Fonte: Frosio Corrosion Protection Book, 2003). Sono dunque sempre più frequenti le committenze che richiedono di proteggere i manufatti in COR-TEN® mediante un sistema di pitturazione con l’obiettivo di prolungarne ulteriormente la vita. Ai fini della pitturazione anticorrosiva, l’acciaio COR-TEN® è assimilabile a un acciaio al carbonio: è possibile dunque ragionare in termini di aggressività ambientale e durabilità secondo le indica-

24 DECEMBER 2012


Mattia Tomasini, Hempel Italy, Genoa, Italy MTO@hempel.com

in terms of environmental aggressiveness and durability in compliance with the international standard ISO12944. Most of the Italian urbanised territory has a class C3 or C4 environmental aggressiveness. Aiming at a system that is able to ensure a durability H (high), i.e. a life expectancy of more than 15 years, and can be used on both new structures and structures to be subjected to maintenance, Hempel suggests the use of a system composed of HEMPADUR MASTIC 45880 + HEMPATHANE HS 55610 with a total dry thickness of 200-280 μm, respectively for C3 and C4 environments. HEMPADUR MASTIC 45880 is a widely used product at the international level thanks to the excellent waterproofing properties, which make it also suitable for immersion in sea water. Thanks to strong surface tolerant properties, it shows excellent adhesion even on poorly prepared surfaces and/ or on old paint. It is also applicable in one coat with a dry thickness of up to 200 μm and has no maximum recoating interval. HEMPATHANE HS 55610 is an acrylic modified polyurethane finish, pigmented with zinc phosphate and applicable in one coat with a dry thickness of up to 120 μm, widely used in off-shore environments thanks to the excellent anti-corrosion and colour retention qualities even in harsh environments. Hempel also offers many custom solutions including, for example, zinc-based epoxy primers, such as HEMPADUR ZINC 17360, or extremely high performance finishes compared to polyurethane finishes, such as HEMPAXANE CLASSIC 55000, an isocyanate-free high gloss polysiloxane finish, with a solids content of 85% by volume and therefore an incredibly high yield and a low emission of volatile solvents. HEMPAXANE CLASSIC 55000, a high flexibility and adhesion third generation siloxane coating, is characterised by excellent stability over time with limited permeability (resulting in a long-lasting barrier effect) and by superior stability of hue and gloss combined with high abrasion and impact resistance. These are only a few examples of the possible ways to address any issue related to COR-TEN® infrastructure. Hempel, with 23 factories around the world, 6 research centres, 47 sales offices, more than 130 stores and about 5,000 employees, is a partner at your service in order to tackle, prevent and solve your corrosion-related problems.

zioni della norma internazionale ISO12944. La maggior parte del territorio italiano urbanizzato è riconducibile a un’aggressività ambientale C3 o C4. Mirando a un ciclo che consenta una durabilità H (elevata), che si traduce in un’aspettativa di vita superiore a 15 anni, utilizzabile sia per strutture nuove che da sottoporre a manutenzione, Hempel suggerisce l’utilizzo di un ciclo composto da HEMPADUR MASTIC 45880 + HEMPATHANE HS 55610 a uno spessore totale secco di 200-280 μm, rispettivamente per ambiente C3 e C4. HEMPADUR MASTIC 45880 è un prodotto largamente utilizzato e specificato in ambito internazionale grazie alle ottime proprietà impermeabilizzanti che lo rendono idoneo anche per il servizio in immersione in acqua di mare. Grazie a spiccate proprietà surface tolerant, mostra un’eccellente adesione anche su superfici scarsamente preparate e/o su vecchie pitture. È inoltre applicabile in unico strato sino a 200 μm secchi e non ha intervallo massimo di ricopertura. HEMPATHANE HS 55610 è una finitura poliuretanica modificata acrilica, pigmentata con fosfati di zinco e applicabile in unico strato sino a 120 μm secchi, ampiamente specificata in ambienti off-shore grazie alle ottime doti anticorrosive e all’eccellente ritenzione di tinta anche in ambienti gravosi. Hempel dispone di altre numerose soluzioni personalizzate che prevedono, per esempio, primer a base di zincante epossidico, come HEMPADUR ZINC 17360, oppure finiture a prestazioni estremamente elevate se comparate con le poliuretaniche. Parliamo di HEMPAXANE CLASSIC 55000, finitura polisilossanica esente da isocianati a elevata brillantezza, con un contenuto di solidi in volume dell’85% e, dunque, una resa estremamente elevata e bassa emissione di solventi volatili. HEMPAXANE CLASSIC 55000, silossanica di terza generazione ad alta flessibilità e adesione, si caratterizza per l’eccellente stabilità nel tempo con il mantenimento di una limitata permeabilità, dunque un prolungato effetto barriera, e per la superiore stabilità di tinta e brillantezza coniugata con un’alta resistenza all’abrasione e all’impatto. Quanto sopra riportato rappresenta unicamente un esempio delle possibili modalità di affrontare eventuali problematiche legate alle infrastrutture in COR-TEN®. Hempel, infatti, con 23 fabbriche in tutto il mondo, 6 centri di ricerca, 47 uffici vendita, oltre 130 depositi e circa 5.000 dipendenti, resta al servizio del cliente proponendosi come partner per affrontare, prevenire e risolvere le problematiche connesse alla corrosione.

25 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

HIGHLIGHT

TWO-COMPONENT SPRAYING – MADE EASY AND AFFORDABLE La spruzzatura bicomponente resa semplice e conveniente

T

he trend for the coatings industry is toward high solids coatings. Formulated with less solvent, these coatings reduce VOC emissions and speed production with faster cure times. When we apply protective coatings one of the main challenges is ratio assurance: spraying on ratio will not only result in a professional application but it will also have a key role in cost management. It is widely known that two component applications are normally done with a single lower pump: in this case the operator will hand-mix components A and B, adding a thinner to lower the viscosity, then spray. While this scenario may be producing a good result, it’s generating a large amount of cost: thinner (both for dilution and pump flushing), wasted mix material, pail disposal costs. The Graco XP70™ Plural-Component Sprayer is designed to pump, mix and atomize high-viscosity, materials with superior results. Graco XP70 will let you spray on ratio, only what you need. The two lowers will dispense the right amount of A and B required. Thinner will not be needed anymore because the gravity feed system will generate enough suction to pump highly viscous materials.

a tendenza nel settore dei rivestimenti è incentrata sui rivestimenti ad alto contenuto di solidi. Formulati con una quantità ridotta di solvente, questi rivestimenti riducono le emissioni COV e velocizzano la produzione con tempi di solidificazione più rapidi. Quando si applicano i rivestimenti protettivi una delle sfide principali è garantire il rapporto: spruzzare con il rapporto corretto significa eseguire un’applicazione professionale ma gioca anche un ruolo fondamentale nella gestione dei costi. È risaputo che l’applicazione dei bicomponenti viene normalmente effettuata con una singola pompa: in questo caso l’operatore miscela manualmente il componente A e B, aggiungendo diluente per abbassare la viscosità, successivamente spruzza. Sebbene questo scenario possa produrre buoni risultati, genera anche una grossa quantità di costi: diluente (sia per la diluizione per il lavaggio della pompa), perdita di materiale miscelato, costi di smaltimento dei fusti. Lo spruzzatore pluricomponente XP70™ di Graco è stato progettato per pompare, miscelare e atomizzare materiali ad alta viscosità con risultati superiori. Graco XP70 consente di spruzzare con il giusto rapporto solo ciò che è necessario. I due pompanti dispensano la corretta quantità di A e B richiesta. Il diluente non è più necessario poiché il sistema di alimentazione a gravità genera una aspirazione sufficiente a pompare materiali altamente viscosi.

Engineered specifically for Two-Component Coatings

Progettato specificatamente per i rivestimenti bicomponente Lo spruzzatore pluricomponente XP70™ offre le prestazioni ad alta pressione necessarie per spruzzare rivestimenti ad alta viscosità e ad elevato contenuto di solidi. Inoltre, l’unità è studiata per massimizzare l’alimentazione a gravità (ciò potrebbe eliminare il bisogno delle pompe di alimentazione, consentendo di risparmiare sui costi). Viene miscelata solo la quantità di materiale necessaria: non vengono più lasciati residui in piccoli secchi o contenitori, ed è possibile anche acquistare materiale sfuso. I materiali vengono dosati per

The Graco XP70™ Plural-Component Sprayer provides the highpressure performance you need to spray high-viscosity, high-solids coatings. In addition, the unit is designed to maximize gravity feed - which may eliminate the need for feed pumps, in this way saving costs. Only the amount of material needed is mixed: no more throwing away unused material and no more residue left over in smaller pails or cans. It’s possible to buy material in bulk as well. Materials are

L

26 DECEMBER 2012


by Paola Giraldo

proportioned by precision positive displacement pumps and mixed accurately and on-ratio at the mix manifold. Only the parts that come in contact with mixed material must be cleaned. Instead of flushing out an entire pump system that contains mixed material, you only need to flush the static mix tube and hose to the gun. Operators are up and running in just minutes, with a minimum amount of training time. Its applications fields are various: tanks, pipes, marine/shipbuilding, g, bridges, wind towers, railcars, cars, water towers, wastewaterr treatment, manhole and sewer reconditioning, secondary containment, structural steel, refineries, roof coatings. The spray system handles: - Environmentally-friendlyy high solids coatings, with little or no solvent - Hybrid polyurethanes - Epoxies - Very high solids coatingss – up to 100% solids content - Materials requiring heatt (requires optional heaters) rs)) - Fast-curing materials. For these reasons XP70™ ™ can be the right solution when there is the need to spray several different materials each week. It’s possible to change the ratio by simply changing one or two pump lowers. Six fixed mix ratios are available: 1:1, 1.5:1. 2:1, 2.5:1, 3:1 and 4:1.

mezzo di precise pompe di dislocamento positive e miscelati accuratamente nel collettore di miscelazione secondo il rapporto corretto. È necessario pulire solo le parti che possono venire in contatto con il materiale miscelato. Anziché svuotare l’intero impianto della pompa contenente materiale miscelato, è sufficiente lavare solo il tubo e il flessibile di miscelazione statica collegati alla pistola. Gli operatori ne apprendono l’utilizzo in pochi minuti, è sufficiente una formazione minima. applicazione sono ampi: serI suoi campi di app marina/costruzioni navali, ponti, batoi, tubi, marina vagoni ferroviari, acquedotti, torri eoliche, vago trattamento acque di scarico, manutenzione stradali e fognature, contedi tombini st secondari, acciaio strutturale, nimenti seco rivestimenti per tetti. raffinerie, riv Il sistema di spruzzatura gestisce: Rivestimenti ad alto contenuto - Rives esti solidi rispettosi dell’ambiendi solid senza te, sen n solvente o con ridotte quantità quant ntit di solvente - Poliuretani Poliu uret ibridi Resine - Re esine epossidiche Rivestimenti ad altissimo - Rive contenuto di solidi (fino al co 100%) 1 - Materiali che necessitano di calore (riscaldatori opzionali richiesti) - Materiali a solidificazione rapida. Per questo XP7 XP70 70 può eessere la soluzione adatta quando c’è la necessità di spruzzare diversi tipi di materiali ogni settimana. È possibile cambiare il rapporto sostituendo semplicemente uno o due pompanti. I rapporti fissi di miscelazione disponibili sono: 1:1, 1.5:1. 2:1, 2.5:1, 3:1 e 4:1.

Reduces maintenance costs

Riduce i costi di manutenzione Progettato per dosare con due pompanti anziché tre, l’XP70™ di Graco riduce di almeno un terzo la manutenzione preventiva. Costruito con componenti standard, pompanti Xtreme a disinnesto rapido e motori pneumatici NXT, consente l’utilizzo di pezzi di ricambio e kit di riparazione standard che sono facilmente reperibili presso la rete mondiale di distributori Graco.

Engineered to proportion with two pumps instead of three, the Graco XP70™ cuts preventive maintenance by at least one-third. Built with standard components, quick knockdown Xtreme lowers and NXT Air Motors, you use standard spare parts and repair kits that are readily available from Graco’s global network of distributors.

Protective coating with nanoparticle increases long-life performance up to 40% and reduces the cost of corrosion

Nanto Protective Coating Srl www.nantopaint.com

27 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

HIGHLIGHT

COR-TEN®: LESS SUITABLE ENVIRONMENTS AND MAINTENANCE OPERATIONS COR-TEN®: gli ambienti meno adatti e le fasi di manutenzione

W

eathering steels are able to protect themselves because they become covered – under certain conditions of use and over periods ranging from 1 to 4 years – with a dark brown oxide film. This film has a raw and porous outer layer and an amorphous inner layer bestowing corrosion resistance to it. This inner layer is rich in copper, chromium and phosphorus, and its formation is facilitated by the presence in the environment of sulphates and chlorides in percentages below a critical limit. The behaviour of these steels may vary depending on geographical position, distance from the sea, orientation and position of the structure, shape of the structure and other factors. It is particularly important to avoid the presence of layouts that may favour the formation of stagnant water, dirt and corrosive materials in general. On the parts that remain wet for a long time, the protective layer is not formed and corrosion takes place as with carbon steels. In the presence of high levels of chlorides, for example in marine environments or in areas where antifreeze salts are used, the protective patina is not formed. Also in this case, a corrosion phenomenon similar to what happens on carbon steels occurs. Even the pollution caused by high quantities of SO2, together with high levels of humidity, hinders the formation of the protective layer. If the COR-TEN® steel surface is already rusted or corroded, it will need to be treated in order to achieve the finish degree required by the coating system. The pre-treatment and coating systems are the same as those applied on carbon steel.

G

li acciai patinabili (weathering steel) sono in grado di autoproteggersi perché si ricoprono - in alcune condizioni di utilizzo e in periodi che vanno da 1 a 4 anni circa - di una pellicola di ossido marrone scuro. Questa pellicola ha uno strato esterno poroso e grossolano e uno strato interno amorfo che conferisce resistenza alla corrosione. Quest’ultimo strato è ricco di rame, cromo e fosforo, e la sua formazione è facilitata dalla presenza nell’ambiente di solfati e cloruri in percentuali non superiori a un limite critico. Il comportamento di questi acciai può variare secondo la posizione geografica, distanza dal mare, orientamento e posizione della struttura, la forma di quest’ultima e altri fattori. Particolarmente importante è evitare la presenza di geometrie che possano favorire la permanenza di ristagni d’acqua, sporcizia e prodotti corrosivi in genere. Sulle parti che rimangono bagnate a lungo, la patina protettiva non si forma e la corrosione procede come negli acciai al carbonio. Alla presenza di cloruri in tenori elevati, per esempio in ambienti marini o in zone dove s’impiegano sali antigelo, la patina protettiva non si forma. Anche in questo caso, si avrà una corrosione simile a quanto avviene sugli acciai al carbonio. Anche l’inquinamento causato da SO2 in quantità elevate, associato ad alti tassi di umidità, ostacolano la formazione della patina protettiva. Se l’acciaio COR-TEN® è già arrugginito o corroso, si dovranno eseguire dei trattamenti superficiali per portare il metallo al grado di finitura richiesta dal ciclo di verniciatura. I pretrattamenti e i cicli di verniciatura sono gli stessi di quelli applicati su acciaio al carbonio.

28 DECEMBER 2012


Camerini & C. Industria Vernici, Sesto ed Uniti (CR), Italy, info@camerini.it

From these considerations, it is clear that the most unsuitable environments for the use of COR-TEN® steel are those classified as follows according to the standard ISO 12944-2:

Da queste considerazioni si evince che gli ambienti più inadatti all’utilizzo del COR-TEN® sono quelli classificati secondo normativa ISO 12944-2 come segue:

Class

Outdoors

Indoors

C4, high

Industrial and coastal areas with moderate salinity.

Chemical plants, swimming pools, coastal ship and boat yards.

C5-I, very high, industrial

Industrial areas with high humidity and aggressive atmosphere.

Buildings or areas with almost permanent condensation and high pollution.

C5-M, very high, marine

Coastal and offshore areas with high salinity.

Buildings or areas with almost permanent condensation and high pollution.

Coating systems suggested for the maintenance Surface preparation

Coating system n°. 1 Epoxy primer Epoxy intermediate coat Aliphatic polyurethane finish Coating system n°. 2 Surface tolerant primer/epoxy intermediate coat Aliphatic polyurethane finish

Sandblasting to near white metal grade Sa 2,5 i.e. at least 95% of each area or element free from any visible residue. Sandblasting recommended for environments with high humidity, air polluted by chemicals, marine areas or in any case corrosive. DFT 100 µm DFT 100 µm DFT 50 µm DFT 150-200 µm DFT 50 µm

Quality and experience: critical aspects in the anti-corrosion field The company Camerini & C., started in 1922, operates in the field of corrosion and is highly quality oriented, in compliance with the standard UNI EN ISO 9001:2008. Its extensive experience in the corrosion field makes it one of the experts in the maintenance of both new and old structures, able to solve many issues related not only to COR-TEN®. In particular, the company supplies – directly or in collaboration with applicator companies – coatings for the protection of the plant assets owned by ENEL, ANAS, RFI, public authorities and private companies operating in different fields, such as chemical, petrochemical, water treatment, paper, metal carpentry, etc.

Qualità ed esperienza: aspetti fondamentali nell’anticorrosione La società Camerini & C., fondata nel 1922, opera nel settore dell’anticorrosione e pone la qualità come primo obiettivo, secondo le norme UNI EN ISO 9001:2008. La grande esperienza nel campo anticorrosivo la pone tra gli esperti sia nella manutenzione di opere nuove sia in quella di opere preesistenti, per risolvere problematiche legate non solamente al COR-TEN®. In particolare, l’azienda è impegnata nella fornitura diretta, o in collaborazione con imprese di applicazione, di prodotti vernicianti per la salvaguardia del patrimonio impiantistico di ENEL, ANAS, RFI, enti pubblici e società private del settore chimico, petrolchimico, trattamento acque, cartiere, carpenterie metalliche, ecc.

29 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

HIGHLIGHT

The company holds the certification of the entire range of products contained in the technical specifications of Enel, Enel Gem, Terna Rete Italia, Enel Power and many other (including Anas, Edison, Snam Rete Gas and Rai), and is certified by RFI with products for the maintenance of the existing structures and for the protection of the new ones. ENEL and RFI have also approved the paints produced by Camerini & C. for the projects involving the construction of new plants (penstocks, desulphurisation plants, denitrification systems, electrostatic precipitators, gas turbine power plants, combined cycle power plants, road and railway bridges, etc.). The high quality of the coatings and the experience gained with the protection of over fifty million of m2 of metal structures qualify the company as one of the largest suppliers of specialised products for the anti-corrosion coating treatment.

La società detiene la certificazione dell’intera gamma dei prodotti presenti nel capitolato tecnico Enel, Enel Gem, Terna Rete Italia, Enel Power (e molti altri, tra cui Anas, Edison, Snam Rete Gas e Rai), ed è certificata da RFI con cicli per la manutenzione di strutture preesistenti e per la protezione di opere nuove. ENEL e RFI hanno inoltre abilitato Camerini & C. come produttore omologato di pitture per le commesse riguardanti la costruzione di nuovi impianti (condotte forzate, impianti desolforazione, impianti denitrificazione, elettrofiltri, centrali turbogas, centrali ciclo combinato, ponti e campate ferroviarie, ecc.). L’elevata qualità dei rivestimenti e l’esperienza maturata sul campo con la protezione di oltre cinquanta milioni di m2 di strutture metalliche, qualifica la società tra i maggiori fornitori di prodotti specialistici per il trattamento di pitturazione anticorrosiva.

Prodotti con certificato per applicazioni particolari: Certified products for special applications: TINSIL XET: temporary coating for Eternit. TINSIL XE: elastomeric coating for the encapsulation of Eternit. EPOGRIFOS ASA/ST3: epoxy paint characterised by a high dielectric strength. ISOTONE P20/HB: aliphatic polyurethane top coat characterised by an energy reflection factor greater than 70%. Compliant with the Ministerial Decree 107 of January, 21st 2000.

TINSIL XET: rivestimento temporaneo per Eternit. TINSIL XE: rivestimento elastomerico per l’incapsulamento dell’Eternit. EPOGRIFOS ASA/ST3: pittura epossidica caratterizzata da un’elevata rigidità dielettrica. ISOTONE P20/HB: smalto poliuretanico alifatico caratterizzato da un fattore di riflessione energetico superiore al 70%. Conforme al DM 107 del 21/01/2000.

Production:

Produzione:

- Solvent-based products: alkyd; chlorinated rubber; high temperature; epoxy (surface tolerant, high solids, epoxy tar); polyurethane; zinc primers - Water-based products: acrylic; high temperature; epoxy; polyurethane

- Prodotti a solvente: alchidici; clorocaucciù; alte temperature; epossidici (surface tolerant, alto solido, epossicatrame); poliuretanici; primer zincanti - Prodotti base acqua: acrilici; alte temperature; epossidici; poliuretanici

30 DECEMBER 2012


Camerini & C. Industria Vernici, Sesto ed Uniti (CR), Italy, info@camerini.it

Rfi – certified coating systems System: Camerini no. 9/V Coating system for new metal structures in a mixed environment Surface preparation Sandblasting to grade Sa2,5 Composition Inorganic zinc primer Rustop MP 400 75 µm Epoxy intermediate coat Epogrifos I40 hb/f 60 µm Aliphatic polyurethane finish Isotone hb/f 50 µm System: Camerini no. 10/V Coating system for the maintenance of existing metal structures in a mixed environment Surface preparation Manual and/or mechanical brushing to grade St1 Composition Epoxy primer Epogrifos ST/f touch-ups 50 µm Epoxy intermediate coat Epogrifos ST/f 125 µm Aliphatic polyurethane finish Isotone hb/f 50 µm System: Camerini no. 56/V Coating system for new, hot-dip galvanised metal structures in industrial marine environment Surface preparation Roughening of the surface with a light sandblasting with non-metallic abrasive, or disking of the surface Composition Two component epoxy intermediate coat Epogrifos 465/f 60 µm Aliphatic polyurethane finish Isotone 855/f 40 µm System: Camerini no. 57/V Coating system for new metal structures in a mixed environment Surface preparation Sandblasting to grade Sa2,5 Composition Two component epoxy intermediate coat Epogrifos 465/f 100 µm Aliphatic polyurethane finish Isotone 855/f 50 µm System: Camerini no. 58/V Coating system for new metal structures in a mixed environment Surface preparation Sandblasting to grade Sa2,5 Composition Two component epoxy intermediate coat Epogrifos 465/f 140 µm Aliphatic polyurethane finish Isotone 855/f 60 µm System: Camerini no. 59/V Coating system for new metal structures in a mixed environment Surface preparation Sandblasting to grade Sa2,5 Composition Two component zinc epoxy primer Epogrifos Zn/f 80 µm Two component epoxy intermediate coat Epogrifos hb/f 100 µm Aliphatic polyurethane finish Isotone 855/f 60 µm

31 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS FOCUS ON TECHNOLOGY COATING COR-TEN© STEEL: INNOVATIVE SOLUTIONS La pitturazione del COR-TEN©: soluzioni innovative

1 1

The Pegognaga flyover on the A22 motorway. Implementation: Mattioli Spa; paint application: Eurosabbiature Srl. Il cavalcavia di Pegognaga sull’Autostrada A22. Realizzazione: Mattioli Spa; applicazione pitture Eurosabbiature Srl.

1. Preliminary remarks

1. Premessa

©

The acronym COR-TEN refers to a specific type of steel alloy with a superior corrosion resistance than normal carbonbased steel1. The addition of small amounts of copper (Cu), chrome (Cr) and nickel (Ni), totaling less than 1% of the alloy, confers the material with the property of forming a relatively stable layer of oxides. Adding these compounds dramatically slows down the formation and dissolution processes of iron oxides thereby prolonging the material’s average lifespan. Corrosion is strongly influenced by weather conditions, especially by those parameters contributing to the formation of the above-mentioned oxides. The key parameters that

Con l’acronimo COR-TEN© si definisce un tipo particolare di lega d’acciaio avente come caratteristica peculiare una superiore resistenza alla corrosione rispetto ai normali acciai al carbonio1. Piccole aggiunte di rame (Cu), cromo (Cr) e Nichel (Ni), per una quantità complessiva inferiore all’1% della lega, conferiscono al materiale la proprietà di formare uno strato di ossidi relativamente stabili. Il processo di formazione e dissoluzione degli ossidi di ferro è fortemente rallentato dall’aggiunta degli ingredienti perciò la vita media del materiale è prolungata. Il fenomeno corrosivo è fortemente influenzato dalle condizioni ambientali, in particolare da quei parametri che contribuisco-

1 Deflorian, Rossi, - Engineering Failure Analisys, vol. 9, pag. 541-551 (2002), Pergamon Press (NL)

1 Deflorian, Rossi, - Engineering Failure Analisys, vol. 9, pag. 541-551 (2002), Pergamon Press (NL)

32 DECEMBER 2012


Angelo Locaspi, Innoventions Srl, Cinisello Balsamo (MI), angelo.locaspi@innoventions.eu

influence the lifespan of the material are: type, kinetics of formation and dissolution of the oxides. Normally, the lifespan of COR-TEN© steel is impacted by the presence of water, sulfur dioxide or gaseous compounds of sulfur in general, chlorides, etc. This article will describe the painting of an overpass on the A22 motorway in Pegognaga (MN), Italy, between 20082009. Subsequently, in 2012, adhesion tests were carried out to gage the level of corrosion of the frame in the areas most exposed to chloride and water due to both weather and traffic.

2. The design decisions

no alla formazione degli ossidi di cui sopra. Tipologia, cinetiche di formazione e dissoluzione degli ossidi sono il parametro chiave della durata del materiale. Di solito la presenza di acqua, vapori di anidride solforosa o composti gassosi dello zolfo in generale, cloruri, ecc., ha un effetto determinate sulla vita del COR-TEN©. Scopo del presente articolo è descrivere le esperienze condotte nella pitturazione di un cavalcavia sull’Autostrada A22 a Pegognaga (MN) nel periodo 2008-2009. Successivamente, nel 2012 si è condotta una campagna di prove per verificare lo stato della corrosione del supporto mediante prove di adesione nelle zone maggiormente esposte all’attacco di cloruri ed acque dilavanti sia di origine meteorica che dal traffico.

The project involved building an overpass to replace an old reinforced concrete one on the A22 motorway over the Pegognaga toll booth in view of the planned widening of the motorway – from 2 to 3 lanes in each direction. The project takes its inspiration from similar bridges built in the 2004-2012 period along the 2 entire stretch of the motorway (about 2 400 km) which Launch of the bridge. cuts across various Varo del ponte. climatic zones: from the Brenner Pass in the Alps – at an altitude of more than 2000 meters – to the Modena junction with the A1 motorway, with its urban/industrial corrosive environment. Although the motorway is far from the sea, there is a heavy load of corrosive chlorides. This ranges from spills 2 of sodium chloride on the asphalt of 2.2 kg/m2/p.a. in the alpine section to 0.5 kg/m2/p.a. in the planes stretch making the corrosive environment equal – if not greater – to that found in a marine environment. Photo 1 shows the Pegognaga overpass when works were completed. Photo 2 shows the overpass at the time of its

Il progetto prevedeva il superamento dell’autostrada A22 sul casello di Pegognaga in sostituzione di un vecchio cavalcavia in calcestruzzo in vista di un ampliamento della sede stradale da 2 a 3 corsie per senso di marcia. Il progetto riprende analoghi ponti realizzati nel periodo 2004 – 2012 sull’intero tratto dell’autostrada lunga circa 400 km che attraversa vari ambienti climatici, da quello alpino del passo del Brennero ad una quota superiore a 2.000 metri al raccordo di Modena con l’Autostrada A1 inserito in un ambiente corrosivo di tipo urbano/industriale. Sebbene l’autostrada sia molto distante dal mare, il carico corrosivo da cloruri è molto pesante. Si passa da uno spandimento2 di cloruro di sodio sull’asfalto di 2,2 kg/m2/anno nel tratto alpino a 0,5 kg/m2/anno nel tratto in pianura, rendendo l’ambiente corrosivo analogo se non superiore a quello marino. Il cavalcavia di Pegognaga, come visibile a fine lavori, è mostrato nella foto 1; la foto 2 mostra il cavalcavia al momento

2 Comunicazione diretta dalla Direzione Tecnica Autostrada del Brennero

2 Comunicazione diretta dalla Direzione Tecnica Autostrada del Brennero

2. Le scelte progettuali

33 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS FOCUS ON TECHNOLOGY inauguration in August 2009. The material used3 for the project was COR-TEN© steel and a summary of the coating system is given in Table 1. For the base coat, Hempadur® 4588 by Hempel was used, and the finishing paints employed were Fluorcoat™ S.101 (RAL 7016 and RAL 7047) manufactured by Innoventions.

del varo nell’agosto 2009. Il materiale di progetto è stato l’acciaio COR-TEN©, il ciclo di pitturazione adottato3 è riassunto in tabella 1. Come pittura di fondo è stato utilizzato Hempadur® 4588 della Hempel, come pitture di finitura il Fluorcoat™ S.101 della Innoventions nelle colorazioni RAL 7016 e RAL 7047.

Table 1: Pegognaga flyover finishing cycle

Tabella 1: ciclo di finitura del cavalcavia di Pegognaga

At the factory Sand blasting

Product type Sa 2,5

Thickness Profile 30 micron

Base coat

Spray coat of surface tolerant, two component zinc phosphate epoxy coating

120 micron

Finishing coat at the factory

Application of a coat of fluorinated polyurethane paint with a high content of fluorine

25 micron

On site Sand blasting

Welding with localised sand blasting

On the welds

Localised coat of surface tolerant, two component zinc phosphate epoxy coating

(120 micron)

Top coat

Application of a general coat of two component fluorinated polyurethane paint with a high content of fluorine

30 micron

Total thickness of the finishing cycle

175 micron

2. 1 Choosing the protective cycle

2. 1 La scelta del ciclo protettivo

The choice of the coating cycle was made on the basis of a number of considerations that are still a matter of both academic and technical debate. The first issue centres on the use of zinc as a sacrificial metal over steel; the second consideration relates to the application of the finishing coat – and whether to apply it at the factory or on site.

L’adozione del ciclo di pitturazione è avvenuta sulla base di alcune considerazioni tuttora oggetto di discussione sia in ambito accademico che tecnologico. La prima questione era relativa all’uso dello zinco come metallo di sacrificio rispetto all’acciaio; la seconda questione era relativa ala gestione dello strato di finitura se cioè applicare la finitura in stabilimento o in cantiere.

2.1.1. Zinc as a sacrificial metal?

2.1.1. Lo zinco come metallo di sacrificio?

Different researchers4 argue that if weathering steels are coated with an organic layer, the corrosion is the same as that of common carbon steel and that, therefore, the normal procedures, such as those described in UNI EN ISO 12944, must be followed. According to this standard, a longer duration protective cycle in the most severe environments calls for the interposition of a sacrificial metal, such as zinc, or theoretically, aluminium alloys, magnesium or other, between the steel and the organic protective layer. Some technologists believe that the protective cycle described

Vari ricercatori4 sostengono che per gli acciai autopatinanti, se rivestiti con coating organici, il comportamento anticorrosivo è equivalente a quello di comuni acciai al carbonio pertanto si devono seguire le procedure solite ad esempio quelle descritte nella norma UNI EN ISO 12944. Secondo la norma suddetta il ciclo protettivo di più alta durata nell’ambiente aggressivo più severo prevede l’interposizione l’acciaio ed i protettivi organici uno strato di un metallo di sacrificio quali lo zinco oppure, in via teorica, leghe di alluminio, magnesio o altro ancora. Alcuni tecnologi sostengono che il ciclo protettivo appena de-

3 The A22 Motorway engineers have used COR-TEN© steel since the late 60’s for the

3 I tecnici dell’Autostrada A22 utilizzano il COR-TEN© dalla fine degli anni ’60 per le

road barriers and have over 40 years of experience in evaluating the advantages and limitations of this type of material. The new painting specification which came into force in 2012 list COR-TEN© as a construction material for bridges and viaducts, and state that such material must all be painted as specified by UNI ISO EN 12944-5 class for corrosive environments C5 I/M; as an additional protection element, the standard specifies that finishes should be fluorinated polyurethanes based. 4 Pietro Pedeferri: Corrosione e protezione dei Materiali Metallici – 2009 Polipress

barriere stradali ed hanno maturato un’esperienza di oltre 40 anni valutando vantaggi e limiti di questo tipo di materiale. Le nuove specifiche di pitturazione entrate in vigore dal 2012 prevedono l’acciaio COR-TEN© come materiale da costruzione per ponti e viadotti e che tale materiale debba essere tutto pitturato secondo le procedure previste dalla norme UNI ISO EN 12944-5 per ambienti corrosivi classe C5 I/M; come ulteriore elemento di protezione la specifica prevede le finiture a base di poliuretani fluorurati. 4 Pietro Pedeferri: Corrosione e protezione dei Materiali Metallici – 2009 Polipress

34 DECEMBER 2012


© 2012 Angelo Locaspi

may be affected by the unpredictable interaction between the sacrificial metal (i.e. zinc) and the small amounts of copper5 found in the COR-TEN© alloy. In the case of a damaged protective film – whether by ageing or hardening by wear, the presence of damp would trigger the electrochemical reaction between copper and zinc, which would accelerate the erosion of the less noble metal – in this case the zinc – in turn speeding up the corrosion process. In this particular case it was decided not to apply the protective layer of organic zinc.

2.1.2 When should the finishing be applied? The established practice in the steel construction industry is to apply the layers of basecoat at the factory and then, on site, after welding and touch-ups, apply the layers of finishing. The reasons for this are due to poor logistics management and mountings, where the protective coatings are badly damaged6. It has been established both

scritto possa essere inficiato dall’interazione non sempre prevedibile tra il metallo di sacrificio cioè lo zinco e le piccole quantità di rame5 presenti nella lega del COR-TEN©. Nel caso di un film protettivo danneggiato sia dal normale invecchiamento che da tormento meccanico, in presenza di umidità partirebbe la reazione elettrochimica tra rame e zinco che accelererebbe il consumo del metallo meno nobile in questo caso lo zinco, accelerando a sua volta il fenomeno corrosivo. Nel caso in esame si decise di non applicare lo strato protettivo di zinco orgnaico.

BEAUTIFUL, DURABLE, EASY TO CLEAN

Innoventions srl | via Alberto da Giussano 3C/1, 20092 Cinisello Balsamo MI, Italy | T +39 02 6428117

2.1.2 Quando applicare la finitura? La pratica consolidata nel modo delle costruzioni in acciaio, prevede di applicare in stabilimento gli strati di pittura di fondo e sul campo, dopo saldature e ritocchi, gli strati di finitura. Le motivazioni di tale scelta sono da ascrivere alla cattiva gestione della logistica e dei montaggi dove i rivestimenti protettivi sono pesantemente danneggiati6. È stato verificato, nella petrolchimica in generale e nell’industria 5 According to UNI EN 10025-5 on the classification of steels, the copper content in

A-type COR-TEN© is 0.35% and may vary up to a maximum of 0.6% 6 If the use of chains were prohibited during the handling of the painted components,

damages caused by handling and assembly would be drastically reduced 5 Secondo la norma UNI EN 10025-5 sulla classificazione degli acciai, nel COR-TEN©

A il contenuto di rame è dello 0,35% e può variare fino ad un massimo dello 0,6 6 Se si vietasse l’utilizzo della catene nella manipolazione dei componenti di carpen-

www.innoventions.eu

© 2012 Dario Moretti

teria pitturata, si avrebbe una fortissima riduzione dei danni da movimentazione e montaggio


PROTECTIVE COATINGS FOCUS ON TECHNOLOGY

3 3

4 4

Sections assembled at the factory.

Section finished at the factory with welding zones to be sandblasted on site.

Conci assemblati in stabilimento.

Concio finito in stabilimento con zone di saldatura da riprendere in cantiere.

5 5

6 6

Adhesion tests on the arch of the Pegognaga bridge.

Adhesion tests on the base of the Pegognaga bridge.

Test di adesione sull’arco del ponte Pegognaga.

Test di adesione sulla base del ponte di Pegognaga.

in the petrochemical industry and in industrial contexts that are especially attentive to quality (such as Japan) that the ideal solution for durable corrosion protection is that offered by supplying structural components on site, already painted with the completed protective cycle. The reasons for this preference are attributable to the modest resistance that the basecoats provide against light and dirt. Both the zinc-based primer layer and the intermediate layers of epoxy coatings are systems that

delle costruzioni in contesti industriali particolarmente impegnati sul versante della qualità quali il Giappone, che la migliore soluzione per la durabilità della protezione anticorrosiva è quella di poter disporre in cantiere dei componenti strutturali già pitturati con il ciclo protettivo completo. La motivazione di tale scelta è da ascrivere alla modesta resistenza alla luce ed alla presa di sporco dei rivestimenti di fondo. Sia l’eventuale strato di primer a base di zinco che gli strati intermedi a base di pitture epossidiche sono sistemi studiati

36 DECEMBER 2012


Angelo Locaspi, Innoventions srl, Cinisello Balsamo (MI), angelo.locaspi@innoventions.eu

have been designed to be used as fillers and are inherently porous. During handling and storage these components are left for months in dusty and polluted environments – sometimes even in proximity to the sea. If not properly removed during the washing process, the ions in the surface dirt remain trapped in the protective film and act as micropumps increasing the flow of external water to the metal support accelerating the corrosive process. For this reason, based on the Japanese experiences where fluorinated paints are mainly used on large infrastructures facing the sea, it was decided to apply two layers of fluorinated paint – the first (25 micron DFT) in the factory, and the second (30 microns DFT) on-site after the welding and the finishing touches were carried out.

come riempitivi ed intrinsecamente porosi. Durante la fase di movimentazione e stoccaggio, tali componenti sono lasciati per mesi alle intemperie in ambienti polverosi, inquinati e talvolta anche di fronte al mare. Se non propriamente rimossi dall’idrolavaggio, gli ioni presenti nello sporco della superficie, restano intrappolati nel film protettivo comportandosi come delle micro pompe che aumentano il flusso d’acqua dall’esterno verso il supporto metallico accelerando il fenomeno corrosivo. Per tale ragione, sulla base delle esperienze giapponesi dove si utilizzano le pitture fluorurate principalmente sulle grandi infrastrutture fronte mare, si optò per applicare due strati di pittura fluorurata, di cui la prima in stabilimento per uno spessore di 25 micron secchi e la seconda sul campo per uno spessore di 30 micron secchi, dopo le saldature ed i ritocchi.

3. The construction site

3. Il cantiere

Photos 3 and 4 show segments – pre-assembled and painted between January and May 2009 – in the state they were delivered to the work site. An edge about 15-20 cm per side was left uncovered to prevent the heat created during welding from leading to the degradation of the fluorinated paint with the consequent release of toxic fumes7. The controls carried out showed that high temperatures were never reached around the welding areas. The second coat of finishing was applied at the end of August 2009. The results of the adhesion tests, conducted by third party laboratories on behalf of the client, returned very high adhesion values with the pull-off method as per ISO 4624.

I conci preassemblati e pitturati nel periodo gennaio – maggio 2009, vennero consegnati in cantiere nelle stato di alle foto 3 e 4. Si lasciava un bordo scoperto di circa 15 – 20 cm per lato per evitare che in fase di saldatura il calore sviluppato portasse al degrado della pittura fluorurata con conseguente rilascio di fumi tossici7. I controlli eseguiti hanno mostrato che nell’intorno della zona di saldatura non sono mai stati raggiunti elevati valori di temperatura. La seconda mano di finitura è stata applicato a fine agosto 2009. I risultati dei test di adesione, condotti da laboratori terzi per conto della committenza, hanno dati valori di adesione molto elevati con il metodo del pull-off secondo ISO 4624.

4. Adhesion test after 36 months

4. La verifica dell’adesione dopo 36 mesi

In August 2012, two areas of the bridge exposed to UV radiation and waters – both weather and traffic-related and therefore rich in chlorides – were subject to multiple tests according to the ASTM D45418 standards. The test results are shown in Photos 5 and 6 and were strongly influenced by the thickness of the coating film due to touch-ups during construction caused by onsite operations and from some localised drippings.

Nell’agosto 2012, su due zone del ponte esposte a radiazione UV ed all’azione delle acque sia meteoriche che provenienti dalla strada perciò ricche di cloruri, sono stati ripetuti test di adesione secondo ASTM D45418. I dati dei test sono riportati nelle foto 5 e 6 e sono fortemente influenzati dallo spessore del film di pittura dovuti ai rifacimenti in corso d’opera causati dalle operazioni di cantiere e da qualche colatura localizzata.

5. Conclusions

5. Conclusioni

After the bridge has been operational for 40 months the following conclusions can be made: 1. when works were completed, the paint supplier and applier jointly agreed that in the first 60 months of operation, the structure would not undergo any

Dopo 40 mesi di esercizio è possibile trarre le seguenti conclusioni: 1. alla fine dei lavori, il fornitore di pitture e l’applicatore in solido avevano garantito, con apposita dichiarazione congiunta, che nei primi 60 mesi di esercizio della struttura non ci sareb-

7 Some corrosion technologists and inspectors hold that the ASTM D4541 standard is

7 Il legnate utilizzato per le pitture fluorurate inizia a degradare per T > 240°C; il rilascio

stricter than the ISO 4624 standard

di fumi tossici diventa significativo per T > 350 – 400°C

8 According to some technologists and corrosion inspectors, the ASTM D4541 method is

more severe than the standard ISO 4624

8 Secondo alcuni tecnologi ed ispettori dell’anticorrosione, il metodo ASTM D4541 è più

severo della norma ISO 4624

37 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS FOCUS ON TECHNOLOGY detachment9, localised rusting, blistering etc. pledging to repair any damage that might take place; after 40 months the goal has been partially achieved and there are no signs that might affect the outcome. 2. The detachment of the pull-off tests always occurred between the finishing layers, indirectly highlighting the importance of applying the last layers on-site. 3. The absence of zinc on the COR-TEN© steel did not cause a drop in its anti-corrosive performance, notwithstanding aggressive attacks by chlorides. 4. The surface preparation of COR-TEN© by sandblasting to level Sa 2.5, is, in our opinion, a key factor of success because the complete removal of the mill scale not only ensures excellent adhesion of the bottom layer to the well-prepared steel but eliminates the risk of delamination of the slag due to the freeze-thaw10 cycle; underestimating or neglecting this aspect leads to the failure of the protective cycle.

bero stati fenomeni di distacco9, ruggine localizzata, blistering ecc. impegnandosi a riparare gli eventuali danni intervenuti; dopo 40 mesi l’obiettivo è parzialmente raggiunto ma non si intravedono fenomeni che possano inficiare il risultato. 2. Il distacco dei test di pull-off è sempre avvenuto tra gli strati di finitura evidenziando, in maniera indiretta, la criticità dell’applicazione degli ultimi strati sul campo. 3. L’assenza dello zinco sul COR-TEN© non ha causato caduta di prestazioni anticorrosive anche se si è in presenza di importante aggressione da cloruri. 4. La preparazione delle superfici del COR-TEN© mediante sabbiatura al livello Sa 2,5 è, a nostro giudizio, un fattore critico di successo perché la totale rimozione della calamina garantisce non solo l’ottima adesione del fondo sull’acciaio ben preparato ma annulla il rischio della delaminazione della scoria dovuta al ciclo gelo-disgelo10; sottovalutare o trascurare questo aspetto comporta il fallimento del ciclo protettivo.

The case described shows that for COR-TEN© steel it is possible to make use of innovative and easy-to-use protection systems. The increased protection and effect of the finishing barrier formed by the fluorine and the decision to apply two coats of finish at different times, lends itself to a significant revision of the design criteria of protective coatings. Already in 1993 Deflorian and others11 had reported that with the same thickness a film consisting of fluorinated polymers showed an increase in the impedance capacity of 4 orders of magnitude thereby significantly increasing the effectiveness of the protective coating. In the case of COR-TEN© steel it is reasonable to assume that the protective cycle chosen with a theoretical thickness of only 175 microns could have an expected life of over 15-20 years without needing any maintenance.

L’esperienza descritta mostra che nel caso del COR-TEN© è possibile operare con cicli di protezione innovativi e di facile gestione. L’aumento della protezione e dell’effetto barriera costituito dalla finitura fluorurata e la scelta di operare con due mani di finitura applicate in momenti diversi, apre le porte ad una significativa revisione dei criteri di progettazione dei rivestimenti protettivi. Già nel 1993 Deflorian ed altri11 avevano riportato che a parità di spessore un film costituito da polimeri fluorurati mostrava un aumento dell’impedenza capacitiva di 4 ordini di grandezza aumentando perciò in maniera molto significativa l’efficacia protettiva del coating. Nel caso dell’acciaio COR-TEN© è ragionevole ipotizzare che il ciclo protettivo scelto avente uno spessore teorico di soli 175 micron possa avere una vita attesa di oltre 15-20 anni senza nessun intervento di manutenzione.

9 Zero defects

9 Zero difetti

10 It should be remembered that calamine, or blast furnace slag, is like a ceramic

10 È utile ricordare che la calamina, o scoria d’altoforno, è assimilabile ad un materiale

material, therefore, when dynamic loads are present – whether thermal (i.e. freezethaw) or mechanical fatigue or wear – the response is significantly different than that of steel, which is elastic and therefore results in less adhesion between the two materials. Where no calamine is present, steel corrosion takes hold and, in the case of COR-TEN© steel, the formation of the protective coat, i.e. the formation of oxides with an increase in volume and detachment of overlying paints. 11 Deflorian et al. “Impedance study of the corrosion protection properties of

fluoropolymer coatings” in PROGRESS IN ORGANIC COATINGS, v. 23, n. 1 (1993), pag. 73-88.

ceramico, perciò in presenza di carichi dinamici, siano essi di natura termica cioè gelodisgelo, che da tormento meccanico o fatica, ha una risposta profondamente diversa dall’acciaio che ha comportamento elastico. Pertanto viene meno l’adesione tra i due materiali; Dove salta la calamina parte la corrosione dell’acciaio e nel caso del COR-TEN© parte la formazione della patina protettiva, cioè formazione di ossidi con aumento di volume e distacco delle pitture sovrastanti. 11 Deflorian et al. “Impedance study of the corrosion protection properties of

fluoropolymer coatings” in PROGRESS IN ORGANIC COATINGS, v. 23, n. 1 (1993), pag. 73-88.

38 DECEMBER 2012


eos eos

MKTG & COMMUNICATION MKTG & COMMUNICATION

Ministero dello Sviluppo Economico

I NNOVENTIONS

39 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS FOCUS ON TECHNOLOGY COR-TEN® STEEL BETWEEN HISTORY AND MODERNITY L’acciaio COR-TEN® tra storia e modernità

1

D

© Boni & Tancredi

eciding which materials to use on a construction project is based on several factors. The first considerations to be made are related to the design, the purpose of the building, the limitations deriving from the location where the building will be erected (such as environmental conditions) as well, of course, as the cost-effectiveness and technical performance of the materials employed. Sometimes, though, other factors come into play. The design, for example, can be focused on achieving a specific goal – for example, representing a given meaning or value – concepts that must perforce be reflected in the selection of the materials from which their strength might descend provided the materials reach perfect harmony. This article details two cases where COR-TEN® steel was used following this philosophy and maintaining a common thread and, in so doing, merging past and present into a single project. In the first case, weathering steel was exploited to recoup an old structure and transform it into a museum with a contemporary design – the Museo del Tabacco di Pontecorvo (the Tobacco Museum of Pontecorvo), where the brown colouring taken on by the COR-TEN® steel after oxidisation evokes the colours of the dried tobacco leaves, thereby bonding the structure to its contents while respecting the collective identity of the inhabitants of Pontecorvo. In the second case, COR-TEN® was used to rebuild “Pont Trencat” – a Roman-era bridge in Sant Celoni, Catalonia (Spain): COR-TEN® steel embodied the ideal solution for making the bridge accessible

L

a scelta dei materiali da utilizzare in un’opera edile è il risultato di diversi fattori. I primi da tenere in considerazione sono legati alla progettazione, allo scopo della costruzione, alle limitazioni poste dal territorio in cui sorgerà l’opera (come le condizioni ambientali) e naturalmente all’efficienza dei costi e alle prestazioni tecniche dei materiali. Ci sono casi, però, in cui intervengono anche altri elementi. Il design, per esempio, può essere legato al raggiungimento di un particolare obiettivo, come la rappresentazione di un significato preciso o di un valore, concetto che deve passare per forza dalla scelta dei materiali dai quali può trarre la sua forza se questi raggiungono tra loro una perfetta armonia. In quest’articolo sono descritti due casi in cui l’acciaio COR-TEN® è stato utilizzato seguendo questa filosofia e mantenendo un aspetto in comune, riuscendo a fondere in una sola opera storia e modernità. Nella prima storia, infatti, l’acciaio patinabile è stato sfruttato per recuperare una vecchia struttura e trasformarla in un museo dal disegno contemporaneo, il Museo del Tabacco di Pontecorvo, in cui il cromatismo bruno che il COR-TEN® ottiene dopo il processo di ossidazione ricorda il colore delle foglie di tabacco essiccate, legando così la struttura a ciò che contiene rispettando l’identità collettiva dei pontecorvesi. Nel secondo caso, invece, il COR-TEN® è stato utilizzato per ricostruire un ponte di età romana, il “Pont Trencat” a Sant Celoni, Catalogna (Spagna), dove quest’acciaio ha rappresentato la so-

40 DECEMBER 2012


by Luca Antolini, ipcm_Protective Coatings, Editorial staff

2

© Boni & Tancredi

3

© Boni & Tancredi

again while preserving the ancient stones from those parts of the bridge that were not in ruins and, in so doing, creating a work that represents the harmony that can be achieved between the past and the present, between history and modernity.

luzione ideale per renderlo di nuovo agibile pur conservando la pietra antica della parte del ponte non in rovina, creando così un’opera simbolo della possibile armonia tra passato e presente, tra storia e modernità.

The brown cladding of the Pontecorvo tobacco museum

La veste bruna del museo del tabacco di Pontecorvo

Valentina Valente, Fondazione Promozione Acciao (Steel Promotion Foundation), Milan, Italy, info@promozioneacciaio.it

Valentina Valente, Fondazione Promozione Acciao, Milano, Italia, info@promozioneacciaio.it

The old reinforced steel skeleton of a never-completed school building (Fig. 1) was the starting point for the construction of the Museo del Tabacco di Pontecorvo. The project aimed to encapsulate the spirit of the local popular culture in an area where for centuries tobacco harvesting had been the backbone of the town’s economy. The project features the construction of the first part of the visitor’s centre of the Parco dei Monti Aurunci, which will also see the building of an environmental school next to the museum for the study and dissemination of the park’s activities. An undertaking of reclamation, by the Roman architects Sebastiano Boni and Romolo Tancredi, which has breathed new life into an abandoned building and bestowed it with a new, highly contemporary look (Fig. 2). From the outside, the museum stands like a single unit defined by inclined façades on the vertical plane punctuated by large openings for the interior lighting (Fig. 3). Other volumes protrude orthogonally, both vertically and horizontally. The choice of tilting the façades originated from the pre-existing structural shape of the frame, characterised by the different covering and balcony slab projections. Such differences in projections became the starting point for the idea of connecting them with a façade plane tangent with the point of their maximum overhang, thereby obtaining a 6° angle on the vertical plane. On the short sides with no balconies of the base rectangle, the façade plane is inclined by 6° in the

Il vecchio scheletro in calcestruzzo armato di un edificio scolastico mai ultimato (fig. 1) è stato il punto di partenza per la realizzazione del Museo del Tabacco di Pontecorvo. L’intervento è finalizzato a raccogliere la testimonianza della cultura popolare locale: la coltivazione del tabacco, infatti, ha rappresentato per secoli l’asse portante di tutta l’economia cittadina. Il progetto costituisce la realizzazione del primo lotto del centro visitatori del Parco dei Monti Aurunci che prevede, affiancata al museo, la costruzione di una scuola sull’ambiente per lo studio e la divulgazione delle attività del parco. Un intervento di recupero, quello degli architetti romani Sebastiano Boni e Romolo Tancredi, che ha dato nuova vita a un edificio abbandonato, connotandolo di una nuova veste dai caratteri fortemente contemporanei (fig. 2). Dall’esterno, il museo si configura come un volume unitario definito da piani di facciata inclinati sulla verticale, scanditi da ampie forature per l’illuminazione interna (fig. 3). Dal volume principale fuoriescono altri volumi in modo ortogonale nelle due dimensioni, verticale e orizzontale. La scelta di inclinare i piani di facciata deriva dalla conformazione strutturale del telaio preesistente, caratterizzato dalle diverse sporgenze della copertura e delle solette dei balconi. Queste discontinuità diventano spunto per l’idea progettuale di raccordare le sporgenze esistenti con un piano di facciata tangente al punto di loro massimo aggetto, ottenendo così una inclinazione di 6 gradi sulla verticale; sui lati corti del rettangolo di base, che risultano privi di balconi, il piano che contiene la facciata viene inclinato di

41 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS FOCUS ON TECHNOLOGY

4

© Boni & Tancredi

opposite direction, joining the overhang of the covering to the edge beam. The result is a double position of the façade planes that instills dynamism to elevations and volume, which, characterised by unconventional angles, appears continuous but not immediately linkable to known geometries to the observer (Fig. 4). To emphasise this 6 compositional principle, cladding with a strong expressive character and high technical performances was chosen: the slanted planes are made of sheets of type-A weathering steel anchored to the concrete structures by means of a substructure in galvanised steel sections. The chemical composition of type-A weathering steel, commonly known as “phosphorous steel”, bestows this type of steel with increased resistance to atmospheric corrosion, making it ideal for use on façades: it is the best ferrous material to be used in its natural state and, thanks to its pleasing appearance, is particularly suited to meet the needs of contemporary architectural styles. In the Pontecorvo museum, the use of this type of steel was decided on because of technical considerations as well as the designers’ aesthetic-expressiveness. The unique brown colouring, which the weathering steel takes on at the end of the oxidation process, perfectly replicates the look of dried tobacco leaves. This colouring confers a certain “weight” to the visual composition of the building and juxtaposes the lightness of the adjacent U-Glass coated units, which protrude orthogonally in their transparency (Fig. 5). The theme of the inclined planes and the steel-glass

5

© Boni & Tancredi

6 gradi in senso opposto, raccordando l’aggetto della copertura alla trave di bordo. Il risultato è una doppia giacitura dei piani di facciata che conferisce dinamicità ai prospetti e al volume che, caratterizzato da angoli non convenzionali, all’occhio di chi lo osserva, risulta continuo ma non immediatamente riconducibile a geometrie certe (fig. 4). Per sottolineare questo princi© Boni & Tancredi pio compositivo si è scelto un rivestimento dal forte carattere espressivo e dalle elevate prestazioni tecniche: i piani inclinati sono infatti realizzati con pannelli in lamiera di acciaio autopatinabile di tipo A, ancorati alle strutture in calcestruzzo mediante una sottostruttura in profilati di acciaio zincato. La composizione chimica dell’acciaio autopatinabile di tipo A, comunemente denominata “al fosforo”, conferisce a questo tipo di acciaio un’elevata resistenza all’attacco degli agenti atmosferici, rendendolo quindi molto adatto alle applicazioni in facciata: è il materiale ferroso che più si presta a essere impiegato allo stato naturale e, per il suo gradevole aspetto, si rivela particolarmente idoneo a rispondere alle esigenze dei linguaggi architettonici contemporanei. Nel museo di Pontecorvo, la scelta di utilizzare questa qualità di acciaio per il rivestimento dell’edificio nasce, dunque, sia da riflessioni di carattere tecnico, sia da volontà estetico-espressive dei progettisti. Il particolare cromatismo bruno, che assume l’acciaio autopatinabile al termine del processo di ossidazione, sembra, infatti, riprodurre esattamente quello delle foglie di tabacco essiccate. Questa colorazione, infine, conferisce un certo “peso” visivo alla composizione dell’edificio e si contrappone alla leggerezza dei volumi adiacenti che, rivestiti di U-Glass, fuoriescono ortogonalmente con la loro trasparenza (fig. 5). Il linguaggio progettuale dei piani inclinati e della contrapposizione

42 DECEMBER 2012


by Luca Antolini, ipcm_Protective Coatings, Editorial staff

juxtaposition is the guiding thread that also links the interior spaces (Fig. 6). The museum offers a double display system: The first, consisting of light elements, crystal “showcases” fixed to the pillars of the rigorous structural frame of the building; the second consists of more “visually heavy” elements – weathering steel “bands”, rotated 6° clockwise and built with plates also leaning 6° vertically. The darker colours of these sculptural elements stand out against the predominantly white background and clearly mark out the route of the exhibition. And so the steel becomes the common thread that binds the interior and exterior of this contemporary building. The material reflects the philosophy which drives its conception: in the words of Professor Marcella Delle Donne, head of the cultural project, the museum is “a place of living memory, the collective identity of Pontecorvo, a dynamic entity able to connect the past to the present, a bridge to the preservation of a priceless heritage”.

acciaio-vetro è il filo conduttore che regola anche gli spazi interni (fig. 6). Il museo prevede, infatti, un doppio sistema espositivo: il primo, costituito da elementi leggeri, delle “teche” di cristallo fissate ai pilastri della rigorosa maglia strutturale dell’edificio; il secondo costituito da elementi di maggior “peso visivo”, ovvero “nastri” continui di acciaio autopatinabile, posti con una giacitura ruotata di 6 gradi in senso orario e realizzati con lamiere inclinate, anch’esse di 6 gradi sulla verticale. Questi elementi scultorei spiccano per il loro colore scuro rispetto all’ambiente in cui sono inseriti, in cui predomina il bianco, e segnano in modo evidente il percorso all’interno dell’esposizione. L’acciaio diviene così il fil rouge compositivo che lega esterno e interno di questo edificio contemporaneo. La materia riflette la filosofia con cui l’edificio è stato concepito: secondo le parole della professoressa Marcella Delle Donne, responsabile del progetto culturale, il museo è “un luogo della memoria vivente, dell’identità collettiva dei pontecorvesi, un organismo dinamico capace di connettere il passato al presente, un ponte per la conservazione di un patrimonio inestimabile”.

Italy, 2007, Pontecorvo (FR), Museo del Tabacco, Polo museale Client Municipality of Pontecorvo (FR) Project MDT – Sebastiano Boni, Romolo Tancredi Project collaborators Linda Aquaro, Gianluigi Freda, Federica Ranalli, Tamara Tancorre, Lucio Turretta (Safety Coordinator), Fabrizio Vittoni (installations), Stefano Dentamaro (duct installation) Structural metalwork Metalstrutture Srl Firm Tarquinia Maurizio Raffaele, Design Glass Cieffe Snc

Italia, 2007, Pontecorvo (FR), Museo del Tabacco, Polo museale Committente Comune di Pontecorvo (FR) Progetto MDT – Sebastiano Boni, Romolo Tancredi Collaboratori al progetto Linda Aquaro, Gianluigi Freda, Federica Ranalli, Tamara Tancorre, Lucio Turretta (coord. Sicurezza), Fabrizio Vittoni (progetto impianti), Stefano Dentamaro (progetto impianti areaulici) Carpenteria metallica Metalstrutture Srl Impresa Tarquinia Maurizio Raffaele, Design Glass Cieffe Snc

“Broken Bridge”

“Ponte rotto”

Emilio García The “Pont Trencat” (“broken bridge” in Catalan) is considered to be from the Roman era, although its present shape with an ogival arch probably dates back to the 15th century. Destroyed in 1811 during the Napoleonic

Emilio García Il “Pont Trencat” (“ponte rotto” in lingua catalana) è considerato un ponte di età romana, sebbene la sua forma attuale con arco a ogiva risalga probabilmente al XV secolo. Distrutto nel 1811 durante le campagne napoleoniche

43 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS FOCUS ON TECHNOLOGY

7 7

8 8

Old photograph of the bridge before the restoration.

Old photograph of the bridge before the restoration.

Antica immagine del ponte prima del restauro.

Il ponte dopo il restauro.

campaigns (Fig. 7), it was rebuilt (fig. 7), fu ricostruito a inizio secoat the beginning of the century lo (2000-2004) grazie all’impegno (2000-2004) thanks to the efforts degli abitanti dei due comuni che of the inhabitants of the two towns il ponte collega, Sant Celoni e Santhat are connected by the bridge ta María de Palautordera, promo– Sant Celoni and Santa María de tori di un’associazione per raccoPalautordera – the promoters of an gliere fondi (1.200.000 euro) per association set up to raise funds for la sua ristrutturazione (fig. 8). Con its renovation un’estensione complessiva di 72 m, (€ 1,200,000) (Fig. 8). With a il ponte è costituito da due archi di total length of 72 m, the bridge 20 m e 24 m, dei quali solo il primo consists of two arches of 20 m si è conservato. Per intraprendere il and 24 m, of which only the first suo restauro, innanzitutto sono staremains. Before restoration could ti condotti studi archeologici nella begin, archaeological studies were zona che non hanno chiarito quale carried out in the area, which, fosse l’aspetto originario della parte however, did not shed light on distrutta. Non avendo tale informawhat the destroyed part might zione, decidere come ultimare la rioriginally have looked like. Without strutturazione è stato determinanthis information, deciding how to te per il futuro del progetto. Dopo 9 proceed with the restructuring was aver considerato dapprima l’ipotesi crucial for the future of the project. di un semplice consolidamento del9 After first considering the possibility View of the new structure with ogival arch, and two span box le rovine e, in seguito, quella di una of simply consolidating the ruins ricostruzione della parte distrutgirder deck. and rebuilding the destroyed part to Vista della nuova struttura con arco ogivale, impalcato e trave a ta in modo mimetico a quella concassone. match the existing remains, it was servata, si è infine optato per l’idea finally decided to opt for the idea of having the new part stand di distinguere la parte nuova dai resti esistenti, utilizzando dei out from the remaining ruins by making use of contemporary materiali e delle tecniche costruttive contemporanee che non materials and building techniques that had nothing to do avessero nulla a che fare con le parti originali del ponte. È stata with the original parts of the bridge. A modern, welded steel quindi scelta una moderna struttura saldata in acciaio del tipo structure was settled on, preferring weathering or COR-TEN® COR-TEN® o autopatinabile, che permette di ottenere quel consteel, which would have highlighted the contrast between trasto tra i materiali e la pietra antica in grado di indicare chiara-

44 DECEMBER 2012


by Luca Antolini, ipcm_Protective Coatings, Editorial staff

10

11

10

11

View of the stone side with the COR-TEN® steel side in the background.

The wooden flooring above the deck.

Vista del lato in pietra antica con sullo sfondo il lato in acciaio COR-TEN®.

Il pavimento di legno sopra l’impalcato.

the modern materials and the ancient stones and clearly delineated the parts that had been restored (Fig. 9). The new structure, which required 80 tons of steel, is composed of a two-span box girder deck, 3 m in height, supported at the ends and on the crown of the new ogival arch (Fig. 10). The top line of the deck extends along the remains of the ancient structure, behind the archaic parapets and thereby regaining in its entirety the bridge’s original silhouette (Fig. 11). Works were carried out in three stages. The first consisted in the consolidation and repair of the existing structure with a noninvasive approach. In the second stage the supports of the new structure were made whilst, at the same time, the steel structure was assembled 70 km away to then be transported in five parts (three for the deck and two for the arch). The installation of the arch was done by raising the two parts and welding them on to the crown and then placing the deck in its final position. The third stage saw the laying of the flooring, lighting and remaining finishes. After almost 200 years, the image of the ruins of the bridge belonged to the collective memory of the area, but as stated by the bridge’s designer, Xavier Font, “With our project we believe we have been able to recover the use of the bridge, although in a certain sense, it remains the broken bridge”.

mente quale sia la parte ristrutturata (fig. 9). La nuova struttura, per la quale sono state impiegate 80 tonnellate d’acciaio, è composta da un impalcato a due campate, formato da una trave a cassone in acciaio di 3 m d’altezza, appoggiata alle estremità e sulla chiave del nuovo arco ogivale (fig. 10). La linea superiore dell’impalcato si estende lungo i resti dell’antica struttura, affacciandosi dietro i primitivi parapetti e recuperando così la sagoma del ponte originale nella sua integrità (fig. 11). L’opera è stata realizzata in tre fasi. La prima è consistita nel consolidamento e nella riparazione della struttura esistente, mantenendo un’attitudine non interventista. Nella seconda fase sono state realizzate le spalle del nuovo impalcato, mentre contemporaneamente veniva assemblata la struttura metallica a 70 km dal cantiere, per essere trasportata successivamente in cinque parti (tre per l’impalcato e due per l’arco). L’installazione dell’arco è stata attuata alzando le due parti costituenti e saldandole in seguito sulla chiave, collocando infine l’impalcato nella sua posizione definitiva. Nella terza fase sono stati posati i pavimenti, l’illuminazione e le restanti finiture. Dopo ormai 200 anni, l’immagine delle rovine del ponte apparteneva alla memoria collettiva del posto, ma come afferma proprio il suo progettista, Xavier Font, “crediamo di essere riusciti, con la nostra proposta, a recuperare l’uso del ponte, sebbene in un certo senso il ponte continui a essere il ponte rotto”.

Spain, 2004, Sant Celoni, Catalonia. Restoration of a destroyed bridge. Promoter: Associazione Pont Romà 2000 Designer: Xavier Font Solá Engineering: Alfa Polares S.L. Builder: SAPIC Steel structure: TAMANSA

Spagna, 2004, Sant Celoni, Catalogna. Restauro di un ponte distrutto. Promotore: Associazione Pont Romà 2000 Progettista: Xavier Font Solá Ingegneria: Alfa Polares S.L. Costruttore: SAPIC Struttura metallica: TAMANSA

45 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS FOCUS ON TECHNOLOGY “TITANIA FL” FLUORINATED FINISH: GREATER DURABILITY OF STEEL STRUCTURES Finitura fluorurata “TITANIA FL”: maggior durabilità delle strutture in acciaio © F. Cavinato Zetagi 1 1

Overview of the “record bridge” on the river Po. Panoramica del “ponte dei record” sul fiume Po.

B

etween the towns of Piacenza and San Rocco al Porto (Lodi), Italy, the Po river is crossed by what has been defined “the record bridge”, a linear and ultra-modern bridge that has restored the connection between Emilia Romagna and Lombardy, abruptly interrupted after the old bridge had collapsed following an exceptional flood (Fig. 1). This imposing structure has been defined “the record bridge” for the planning and implementation time: three months to complete the design work, twenty days for the call for competitive bids and, finally, a few months for the building and testing. The bridge is a very linear structure consisting of

I

l fiume Po, tra le località di Piacenza e di San Rocco al Porto (Lodi), è attraversato da quello che è stato definito “il ponte dei record”, un ponte lineare ed estremamente moderno che ha ripristinato il collegamento tra Emilia Romagna e Lombardia, bruscamente interrotto dopo che il vecchio ponte era crollato in seguito a una eccezionale piena del Po (fig. 1). Questa imponente struttura è stata definita “il ponte dei record” per le tempistiche di progettazione ed esecuzione: tre mesi di tempo per la progettazione completa dell’opera, venti giorni per bandire la gara e infine pochi mesi per la costruzione e il collaudo. L’opera si presenta come un’infrastruttura estremamente lineare, ed è costituita da due

46 DECEMBER 2012


Francesco Cavinato, Colorificio Zetagì Srl, Olmo di Creazzo (Vi), Italy f.cavinato@zetagi.it

© F. Cavinato Zetagi

two parts: the main component is the bridge over the Po River, parti: la componente principale è rappresentata dal ponte sul fiume while the second part is the viaduct for the city of Piacenza Po, mentre la seconda parte è il viadotto di adduzione alla città di Pia(Figs. 2 and 3). The basic concepts on which on the project has cenza (figg. 2 e 3). I concetti basilari su cui si è imperniato il progetto been focused are the durability of the structure – times have sono stati, innanzitutto, la durabilità dell’opera - i tempi sono triplicatripled, with an expected maintenance interval of 50 years – and, ti, con una previsione di manutenzione straordinaria ogni 50 anni – e, secondly, its environmental sustainability, limiting the emission in secondo luogo, la sostenibilità ambientale, limitando l’emissione di of greenhouse gases and gas serra e andando quindi ben therefore going far beyond oltre la classica impostazione the classical approach fondata sui criteri di architettubased on the criteria of ra, sicurezza statica e funzionaarchitecture, static safety lità. and functionality. Il ponte di attraversamento The bridge crossing the Po del Po ha una lunghezza comhas a total length of 1.1 km plessiva di 1,1 km ed è costiand is constituted by eleven tuito da undici campate di luspans of minimum 61.72 ce minima pari a 61,72 metri, metres and maximum 76.40 e massima pari a 76,40 metri, metres, for a total of about per un totale di circa 815 metri. 815 metres. These eleven La struttura completa di unmetal spans structure has a dici campate metalliche ha total weight of about 7,000 un peso complessivo di circa tons. The deck of the new 7.000 tonnellate. bridge has a total width of L’impalcato del nuovo ponte ha 14.50 metres and includes, in una larghezza totale di 14,50 addition to the side barriers, metri e comprende, oltre alle the 9.50 metres wide barriere laterali, la carreggiaroadway, the 1 metre wide ta stradale, larga 9,50 metri, service sidewalk and the il marciapiede di servizio delbicycle path, which is wide la larghezza di 1 metro e ben 3 as many as 3 meters. The metri di pista ciclabile. Le conenvironmental conditions dizioni ambientali in cui è stata are attributable to a high costruita l’opera sono riconducorrosion class, i.e. C4 cibili a una classe di corrosivi(industrial and coastal areas tà elevata, identificabile come 2 with moderate salinity) C4 secondo lo standard ISO according to the standard 12944-2, categoria che identifi2 ISO 12944-2. ca aree con presenza di conteThe main component of the river Po bridge: the deck crossing the river. The environment sti industriali e località costiere characteristics and the focus La componente principale del ponte sul fiume Po: l’impalcato che attraversa il fiume. con salinità moderata. on durability as a primary Le caratteristiche del contesto objective have been key elements in the choice of the antiambientale e l’obiettivo primario di durabilità dell’opera sono stati corrosion surface treatment (fig. 4). The solution proposed, and elementi cardine nella scelta del trattamento superficiale anticorrothereafter incorporated in the specification, is composed of four sivo (fig. 4). La soluzione anticorrosiva proposta, e in seguito inserita different layers of “Veneziani” paint from the protective coatings a capitolato, si è articolata in quattro differenti strati di pittura “Venerange offered by Zetagì, for a total of 320 μm. ziani”, linea protective coatings della Zetagì, per complessivi 320 μm; The treatment carried out makes the structure suitable even i cicli di trattamento attuati rendono la struttura idonea ad affrontare for more aggressive environments (Table 1), i.e. C5-I and C5-M, ambienti ben più aggressivi (Tabella 1), identificabili come C5-I e C5-M described as industrial areas with high humidity and aggressive e descrivibili come aree industriali con umidità elevata e atmosfera atmosphere and coastal and offshore areas with high salinity. aggressiva, oppure aree costiere e off-shore con alta salinità.

47 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS FOCUS ON TECHNOLOGY This structure has been therefore given a durability H Per la struttura in oggetto è prevista dunque una durabilità H (ele(high) that should result, according to ISO 12944-1, in a life vata) traducibile, secondo ISO 12944-1, in un’aspettativa di vita expectancy longer than 15 years, further extended thanks superiore a 15 anni, ulteriormente estendibile grazie alle peculiato the characteristics described below. rità di seguito descritte. The anti-corrosion treatment has been implemented Il trattamento anticorrosivo è stato attuato secondo la seguente with the following application sequence. For the first sequenza di applicazione. Il primo strato è consistito nel trattalayer, a high zinc content epoxy primer called TITANIA mento con un primer epossidico ad altissimo contenuto di zinco, EP ZINC, with a dry thickness of 60 μm, has been chosen denominato TITANIA EP ZINC, allo spessore secco di 60 μm per for the carbon steel surfaces, while the galvanised or le superfici in acciaio al carbonio, mentre le superfici galvanizzametal surfaces have been coated with FONKOR 1411, te o metallizzate sono state rivestite con FONKOR 1411, primer an epoxy primer applied with the same thickness and epossidico applicato al medesimo spessore e appositamente respecially designed to ensure optimal adhesion even alizzato per garantire un’adesione ottimale anche su superfici crion critical surfaces. tiche. I tre strati successivi The three successive sono comuni e prevedolayers are common and no una seconda mano di see a second coat of TITANIA EP HV, intermeTITANIA EP HV, an epoxy dio epossidico caricato intermediate coating con pigmenti a effetto containing pigments barriera e inibitori, appliwith a barrier and cato allo spessore secco di inhibitor effect, with 110 μm, e una terza mano a dry thickness of 110 di EPONEX 1425, prodotto μm, and a third coat of epossidico a elevata resiEPONEX 1425, a high stenza chimica e imperchemical resistance and meabilità, idoneo anche impermeability epoxy per servizio in immersiocoating, also suitable ne, a sigillare la precedenfor immersion, again te e sempre a 110 μm secwith a dry thickness of chi. Per il quarto strato del 110 μm; for the fourth ciclo si è rivelata vincenlayer, TITANIA FL, a te la finitura TITANIA FL, 3 © F. Cavinato Zetagi fluorocarbon finish una finitura di tipo fluo(instead of the traditional 3 rocarbonico allo spessore polyurethane finishes) secco di 40 μm, in sostiThe second component of the river Po bridge: the viaduct for the city of Piacenza. with a dry thickness of 40 Il secondo componente del ponte sul fiume Po: il viadotto di adduzione alla città di Piacenza. tuzione delle tradizionali um has proved successful. poliuretaniche. TITANIA FL, thanks to the TITANIA FL, grazie alla prepresence of fluorine, which participates in the formation senza del fluoro che partecipa alla formazione di un polimero dai of a higly stable polymer, is a finish characterised by a very legami molto stabili, rappresenta una finitura caratterizzata da un compact and waterproof film, with very low permeability to film estremamente chiuso e impermeabile, con una permeabilioxygen and exceptional resistance to fogging and chalking tà molto bassa all’ossigeno, un’eccezionale resistenza alla velatufor long periods. TITANIA FL is used when high resistance ra e allo sfarinamento per lunghi periodi. TITANIA FL trova utilizzo to light, long-term preservation of the original surface quando è richiesta un’elevata resistenza alla luce, la duratura conand resistance in particularly aggressive atmospheres servazione dell’aspetto originario della superficie e la resistenza in are needed. Please consider that a polyurethane finish atmosfere particolarmente aggressive. È necessario considerare exposed to UV light has a thickness loss due to chalking che una finitura poliuretanica esposta ai raggi UV ha una perdita equal to 2.0 to 5.0 μm/year (depending on the quality of the di spessore per sfarinamento da 2,0 a 5,0 μm/anno, in relazione product used), while a fluorinated polymer has a thickness alla qualità del prodotto utilizzato, mentre un polimero fluoruloss of approximately 0.40 μm/year. It is therefore clear rato ha una perdita di spessore riducibile a circa 0,40 μm/anno.

48 DECEMBER 2012


Francesco Cavinato, Colorificio Zetagì Srl, Olmo di Creazzo (Vi), Italy f.cavinato@zetagi.it

how this type of finish degrades very slowly over time, thus maintaining its impermeability, colour tone and gloss characteristics and increasing the performance of the coating system and the life expectancy of the structure. The TITANIA FL finish, due to its chemical and physical characteristics, has proved crucial in the treatment of various structures, not only in carbon steel, but also in COR-TEN® steel, with a significant contribution in terms of resistance to weathering, low maintenance and high durability, as well as in terms of aesthetic value.

4

© F. Cavinato Zetagi

4

The coating system used comprised four layers, including a different primer for carbon steel and hot dip galvanized steel, and a fluorocarbon finish. Il sistema di rivestimento utilizzato comprende 4 mani, incluso un primer diverso per acciaio al carbonio o acciaio zincato, e una finitura fluorocarbonica.

Table 1 – Atmospheric corrosion classes and examples of typical environments (from ISO12944-2)

Tabella 1 – Categorie di corrosività atmosferica ed esempi di ambienti tipici (da ISO12944-2)

Loss of mass per unit area/Reduction in thickness (after one year of exposure) Corrosion classes

C4 high

C5 I very high (industrial)

C5 M very high (marine)

Low carbon steel

È dunque chiaro come questo tipo di finitura si degradi molto lentamente nel tempo, conservando a lungo le proprie caratteristiche d’impermeabilità, tonalità cromatica e lucentezza, incrementando dunque le prestazioni del ciclo e l’aspettativa di vita. La finitura TITANIA FL, per le sue caratteristiche fisico-chimiche, si è rivelata determinante anche nel trattamento di opere e strutture, non soltanto in acciaio al carbonio, ma anche in acciao COR-TEN®, con un notevole contributo in termini di resistenza nei confronti degli agenti atmosferici, ridotta manutenzione e alta durabilità, oltre che in termini di scelta e valenza estetica.

Examples of typical environments in a temperate climate (information only)

Zinc Outdoors

Indoors

Loss of mass g/ m2

Reduction in thickness µm

Loss of mass g/ m2

Reduction in thickness µm

> 400 to 650

> 50 to 80

> 15 to 30

> 2.1 to 4.2

Chemical plants, swimming Industrial and coastal areas pools, coastal ship and boat with moderate salinity yards

> 4.2 to 8.4

Industrial areas with high humidity and aggressive atmosphere

Buildings or areas with almost permanent condensation and high pollution

> 4.2 to 8.4

Coastal and offshore areas with high salinity

Buildings or areas with almost permanent condensation and high pollution

> 650 to 1,500

> 650 to 1,500

> 80 to 200

> 80 to 200

> da 30 to 60

> 30 to 60

Note 1 The loss values used for the corrosion classes are the same as those given in the standard ISO 9223. 2 In hot coastal areas and wetlands, the loss of mass or thickness may exceed the limits of the C5 M class. Special precautions should therefore be taken when choosing a protective coating system for structures in such areas.

49 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS FOCUS ON TECHNOLOGY PUMPING AND APPLYING UNDERBODY PROTECTION WITH ABSOLUTE RELIABILITY Pompaggio e applicazione della protezione sottoscocca con elevata affidabilità

© Walther Pilot

Opening photo: The application equipment was installed over one weekend. Production commenced as scheduled on Monday. Foto d’apertura: L’attrezzatura per l’applicazione è stata installata in un fine settimana. La produzione è iniziata come da programma il lunedì successivo.

The right combination of material and application technology ensures outstanding corrosion prevention and flawless application

La giusta combinazione di tecnologia dei materiali e di applicazione assicura un’eccezionale prevenzione della corrosione e una perfetta applicazione

Providing corrosion protection for buses, streetcars and other utility vehicles is a tough job since standards requirements are high. It’s possible to see that at MAN’s Starachowice plant in Poland, where ten to twelve buses are equipped each day with a specially compounded undercoating (Fig.1). Working in close cooperation with the Gross & Perthun company in Mannheim (Germany), which manufactures the material, Walther Pilot engineered a highly effective and, at the same time, economical system for this purpose (ref. opening photo).

La protezione contro la corrosione per autobus, tram e altri veicoli è un lavoro complesso in quanto gli standard richiesti sono elevati. Questo si può vedere nello stabilimento MAN di Starachowice, in Polonia, dove ogni giorno viene applicata a 10/12 autobus una mano di un fondo composto in modo speciale (fig. 1). Lavorando in stretta cooperazione con l’azienda Gross & Perthun di Mannheim (Germania), che produce il materiale, Walther Pilot ha progettato un sistema allo stesso tempo economico e altamente efficace per questo scopo (rif. foto d’apertura).

50 DECEMBER 2012


Werner Denig, Walther Spritz- und Lackiersysteme GmbH, Wuppertal, Germany, w.denig@walther-pilot.de; Artur Kubas, MAN Bus Sp. z o.o., Starachowice, Poland, artur.kubas@man.eu

The prime task here was to render Il primo compito era rendere fluido un a high-viscosity, two-component PU materiale bi-componente PU altamenmaterial flowable and to move it for te viscoso e spostarlo per 20 metri fino 20 meters to the applicator. all’applicatore. L’utilizzo di solventi per Using solvents to thin the compound diluire il composto era fuori questione. was out of the question. “In selecting “Nella scelta della nostra tecnologia di our applications technology, we had applicazione, abbiamo dovuto prestato pay particular attention to the re particolare attenzione alle specifispecifications set down by Gross & che definite da Gross & Perthun, poiPerthun, since working that material ché trattare quel materiale è piuttosto is quite complex”, notes Werner complesso”, osserva Werner Denig, ReDenig, Sales Manager and specialist sponsabile Vendite e specialista in sistefor multi-component systems at mi multi-componente a Walther Pilot. Walther Pilot. “What’s more, the “Inoltre, la tecnologia delle attrezzature equipment technology has to be fully deve essere pienamente in linea con le aligned with the needs of practice. esigenze pratiche. Questo assicura che That ensures that both the transition sia il passaggio alla nuova procedura sia to the new procedure and operator l’addestramento dell’operatore possa training can be realized within a essere realizzato in un periodo di temjustifiable period. It also enables po ragionevole. Consente inoltre ope1 © Walther Pilot ongoing, trouble-free operations.” razioni continue senza problemi”. The especially viscous “A” component Il componente “A”, particolarmente vi1 is delivered in so-called “fluid scoso, viene fornito nelle cosiddette The underbody sealant is applied after masking Thanks to carefully controlled heating, the material is kept at the bags”. Other types of containers “borse del fluido”. Altri tipi di conteniperfect viscosity, exactly as required for application. are unsuitable since it would be tori non sono adatti, poiché sarebbe Il sigillante sottoscocca viene applicato dopo la impossible to empty them entirely. impossibile svuotarli completamente. mascheratura. Grazie al riscaldamento attentamente The fluid bags used here, however, Le sacche di fluido utilizzate qui, tuttacontrollato, il materiale viene mantenuto al livello perfetto are kept under tension and drained via, sono tenute sotto tensione e svuodi viscosità, esattamente come richiesto per l’applicazione. almost completely. While the costs tate quasi completamente. Mentre i cofor shipping rigid containers back to the filling point are sti per spedire i contenitori rigidi indietro al punto di riempimento high, these bags can easily be folded up and returned to sono elevati, i sacchi per i fluidi possono essere facilmente ripiegati the source. e rimandati alla fonte.

Controlled heating of the material

Riscaldamento controllato del materiale

The material passes from the fluid bag, via diaphragm pumps, to the Walther Pilot processing tank. The material is made flowable in a very simple way. Warm water heating and a temperature control are integrated into the tank. A conscious decision was made to do away with a heating jacket and a mixer. Consequently, only the amount of material that is immediately needed is heated, keeping energy investments low. Special diaphragm pumps with a pressure ratio of 4:1 are sufficient to move the material to the multi-component metering station. These models are less susceptible to wear than piston pumps. When the system is not in use, the material in the lines will cool down and become more viscous. Since it is necessary to bring the material

Il materiale passa dalla sacca del fluido, tramite pompe a membrana, al serbatoio di processo Walther Pilot. Il materiale è reso fluido in modo molto semplice. Il riscaldamento dell’acqua calda e il controllo della temperatura sono integrati nel serbatoio. Una decisione consapevole è stata fatta per eliminare la camicia di riscaldamento e un mixer. Di conseguenza, viene riscaldata solo la quantità di materiale che è immediatamente necessaria, mantenendo gli investimenti energetici bassi. Pompe a membrana speciali, con un rapporto di pressione di 4:1, sono sufficienti per spostare il materiale alla stazione di misurazione del multicomponente. Questi modelli sono meno soggetti a usura rispetto alle pompe a pistoni. Quando il sistema non è in uso, il materiale nelle linee si raffredda e diventa più viscoso. Siccome è necessario portare il materiale fino alla temperatura di lavorazione prima di iniziare il processo, è necessario rimettere in circolo il compo-

51 DECEMBER 2012


© Walther Pilot

PROTECTIVE COATINGS FOCUS ON TECHNOLOGY

2

The underbody sealant is applied after masking Thanks to carefully controlled heating, the material is kept at the perfect viscosity, exactly as required for application. Il sigillante sottoscocca viene applicato dopo la mascheratura. Grazie al riscaldamento attentamente controllato, il materiale viene mantenuto al livello perfetto di viscosità, esattamente come richiesto per l’applicazione.

2

up to working temperature before starting work, it is necessary to recirculate the “A” component for a while before commencing undercoating procedures. Insulated, electrically heated hoses are used for this purpose (Fig. 2). Tank heaters and heating hoses are used for the “B” component, too. The high-pressure pumps in the Wagner “Twin” two-component dosing and mixing system are fitted with heaters for the material as well. To minimize losses when spray operations are started and resulting from flushing, the external mixing element is inside the painting zone. This unit is specially designed to make sure that the underbody sealant will never be contaminated by the solvent used to purge the lines. Achieving complete coating, even in hard-to-reach places, is difficult. That is why airless spray guns are joined by hooked nozzles developed especially for this purpose. The system is designed so that a second workplace can readily be added. The technology, which has been tested many times at smaller scale and continuously optimized over the course of time, will also be adopted in the near future for a plant in the town of Plauen, Germany. Reprint from besser lackieren No. 13, Page 4, August 3, 2012

nente “A” per un po’ di tempo prima di iniziare le procedure per la mano di fondo. Tubi coibentati e riscaldati elettricamente vengono utilizzati per questo scopo (fig. 2). Radiatori per i serbatoi e tubi di riscaldamento sono usati anche per il componente “B”. Le pompe ad alta pressione del sistema di dosaggio e mescolamento a due componenti “Twin” Wagner sono dotate anche di radiatori per il materiale. Per ridurre al minimo le perdite che risultano dal risciaquo quando le operazioni di spruzzo sono avviate, l’elemento esterno di miscelazione è all’interno della zona di verniciatura. Quest’unità è appositamente progettata per assicurarsi che il sigillante sottoscocca non sia mai contaminato dal solvente utilizzato per pulire le linee. Il raggiungimento del rivestimento completo, anche nei punti difficili da raggiungere, è critico. Questo è il motivo per cui le pistole a spruzzo airless sono collegate da ugelli a uncino specificatamente sviluppati per questo scopo. Il sistema è progettato in modo che una seconda postazione di lavoro possa essere facilmente aggiunta. La tecnologia, testata molte volte su scala più piccola e costantemente ottimizzata nel corso del tempo, sarà adottata nel prossimo futuro anche in un impianto a Plauen, in Germania. Ristampato da besser lackieren n. 13, pagina 4, 3 agosto 2012

52 DECEMBER 2012


Event co-hosted by

24-27 FEBRUARY 2013 路 ABU DHABI WHAT IS CORROSION UAE?

200+ ATTENDEES 40+ SPEAKERS 4 DAYS 2 TECHNICAL PROGRAMMES 1 PLACE

NEW FOR 2013 Co-located with Oil and Gas Pipelines Middle East (MEPIPES)

WHY CORROSION UAE? The only NACE endorsed regional event of the year Four days of informal and formal learning, networking and knowledge sharing The entire technical value chain under one roof, from corrosionists to pipeliners Comprising the 2nd edition of the Corrosion UAE awards

Discover more at

www.theenergyexchange.co.uk/corrosionuae 53 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

INNOVATIONS

NANOTECHNOLOGIES INCREASES LONG-LIFE PERFORMANCE OF PROTECTIVE COATINGS UP TO 40% Le nanotecnologie aumentano le prestazioni di lunga durata dei rivestimenti protettivi fino al 40%

I

n 2012 the total cost of corrosion in the US exceeded $1 trillion annually for the first time; this has been a significant step in the effect of corrosion on the U.S. Instead, in 2011, as mentioned in a widely-cited study by the National Association of Corrosion Engineers, NACE, the direct cost of corrosion was 3.1% of the 15.1 Trillion U.S. GDP, which in 2011 was equal to $ 468.1 Billion and estimated more than € 200 billion in Europe. These data show the increasing need for more effective and less costly protective coatings. At the same time EU and government regulations are driving demand for lower content of chemicals in coatings. Nanotechnology offers great potential for creating materials and systems with properties and functions not currently available. Polymer nanocomposites possess superior physical characteristics and mechanical performance. They have found extensive applications in aerospace, defence, aviation, transportation, marine and sports and recreation industries. Novel additives, nano-sized resins and coating formulations incorporating one or both of these technologies are now commercially available. Nanotechnology is already being applied in specific cases such as nanomaterials that enable the controlled release of corrosion inhibitors. However, very few paint and coatings containing nanoparticles have reached the market and found wide application. The result of this need for innovation and for cost efficiency in the corrosion protection field is a nanostructured protective coating which combines the traditional know-how of coating formulation with nanotechnology. The extensive research & development brought to the formulation of nanocoatings after 3 years and was held by Nanto team under the direction of Roberto Cafagna and prof. Samuel Kenig in cooperation with the Shenkar College of Engineering and Design in Tel Aviv and the University of Trento for products testing. Nanto Protective Coating Srl is the company - founded in 2010 - which is proprietary of the patented nanoclay formulations designed to improve viscosity and barrier properties of coatings and polymer by increasing the barrier effect to oxygen, humidity and chemical agents. This technology has also a positive impact in terms of delamination resistance, impact resistance, colour and gloss retention (UV resistance). In 2008, after more than six years of scientific research, NPC’s Technical Director for nanoclay functionalization and new production plant – Prof. Samuel Kenig, (Shenkar University of

N

el 2012 il costo totale della corrosione negli USA ha superato per la prima volta il triliardo di dollari l’anno; si tratta di un passo significativo negli effetti della corrosione sugli Stati Uniti. Al contrario, nel 2011, come accennato in uno studio ampiamente citato della NACE (National Association of Corrosion Engineers) il costo diretto della corrosione era stato del 3,1% del PIL totale USA di 15,1 trilioni di dollari, che nel 2011 corrispondeva a $ 468,1 miliardi. In Europa è stimato essere di 200 miliardi di euro. Questi dati mostrano la crescente necessità di rivestimenti protettivi più efficaci e meno costosi. Allo stesso tempo, le norme dell’Unione Europea stanno stimolando la domanda di rivestimenti con basso contenuto di sostanze chimiche. Le nanotecnoIogie offrono grande potenzialità per la creazione di materiali e sistemi con proprietà e funzioni attualmente non disponibili. I nano-compositi polimerici possiedono caratteristiche fisiche e resistenze meccaniche superiori. Hanno trovato ampia applicazione nei settori aerospaziale, della difesa, dell’aviazione, dei trasporti, della nautica e nell’industria dello sport e ricreativa. Nuovi nano-additivi, resine nanometriche e formulazioni di vernici che incorporano una o entrambe le tecnologie sono oggi disponibili in commercio. Le nanotecnologie sono già applicate in alcuni casi specifici come nano-materiali che consentono il rilascio controllato di inibitori della corrosione. Tuttavia, pochissime vernici contenenti nano particelle hanno raggiunto il mercato o trovato vasta applicazione. ll risultato di questo bisogno d’innovazione è un rivestimento protettivo nano-strutturato, che unisce il tradizionale know-how formulativo con la nanotecnologia. L’estesa attività di ricerca e sviluppo ha portato alla formulazione delle nano-coating dopo tre anni ed è stata condotta dal team Nanto sotto la direzione di Roberto Cafagna e del prof. Samuel Kenig in collaborazione con lo Shenkar College of Engineering and Design di Tel Aviv e dell’Università di Trento per i testing dei prodotti. Nanto Protective Coating Srl è l’azienda, fondata nel 2010, che detiene il brevetto della formulazione dei nanoclay progettati per migliorare la viscosità e le proprietà di barriera di vernici e polimeri, in grado di aumentare l’effetto protettivo nei confronti di ossigeno, umidità e agenti chimici. Questa tecnologia ha anche una ricaduta positiva in termini di resistenza alla delaminazione, all’impatto, ritenzione del colore e della brillantezza (resistenza agli UV). Nel 2008, dopo oltre sei anni di ricerca scientifica, Il direttore tecnico di NPC per la funzionalizzazione delle nanoclay e del nuovo impianto produttivo – Prof. Samuel Kenig (Shenkar University di Tel Aviv) – condusse i test iniziali insieme al team italiano di Nanto. Nelle fasi

54 DECEMBER 2012


Roberto Cafagna, Nanto Protective Coating Srl, Trieste, Italy np@nantopaint.com

Tel Aviv) - run the initial tests together with the Italian Nanto team. During the following stages, the team was totally focused on the technological optimization and chemical characterization of the epoxy matrix formulation. The new product portfolio has been chemically characterized by Prof. Pierluigi Bonora – Full Professor at Material Science & Engineering Department at University of Trento, and International expert in corrosion. Today, thanks to a manufacturing and product development agreement with the Italian paint producer Franchi & Kim Spa, Nanto Protective Coating Srl provides innovative nanocoatings which are cost effective, green and have unique anticorrosion properties which ensure a 40% improvement of the long life performance.

successive, il team si è focalizzato totalmente sull’ottimizzazione tecnologica e sulla caratterizzazione chimica della formulazione della matrice epossidica. Il nuovo portafoglio prodotti è stato caratterizzato chimicamente dal Prof. Pierluigi Bonora – professore ordinario di Scienza e Ingegneria dei Materiali presso l’Università di Trento ed esperto internazionale di corrosione. Oggi, grazie alla sottoscrizione di un accordo di produzione e sviluppo prodotto con il produttore italiano di vernici Franchi & Kim Spa, Nanto Protective Coating Srl fornisce nanorivestimenti innovativi “verdi”, efficienti dal punto di vista dei costi, e con proprietà anticorrosive uniche che assicurano un miglioramento del 40% delle performance di durata.

The Technology: Introduction to Nanoclays

La tecnologia: introduzione ai nanoclay

Nanoclays (montmorillonite) are composed of layered aluminosilicates bound together by Na+ ions (Fig. 1). In nature they form a closed structure that, to be useful, has to be delaminated (exfoliated). When effectively exfoliated the single layer is 1 nm thick and has a surface area of (0.5-1μm) x (0.5-1μm). The surface area of exfoliated Nanoclays is 700 m2/gr.

I nanoclay (montmorillonite) sono composti alluminio-silicati stratificati legati insieme da ioni Na+ (fig. 1). In natura essi formano una struttura chiusa che, per essere utile, deve essere delaminata (esfoliata). Quando viene esfoliata in modo efficace, il singolo strato ha uno spessore di 1 nm e ha una superficie di (0,5-1 μm) x (0,5-1 μm). La superficie dei nanoclay esfoliati è di 700 m2/gr.

The Technology: The principle

1 1

Structure and composition of nanoclays. Struttura e composizione dei nanoclay.

Proper exfoliation and orientation of the nanoclay (Fig. 2) platelets reduce permeability in the paint system. Reduction of permeability is attributed to the tortuous path available for diffusion of gases (oxygen) and liquids (water). The reduction of permeability results in corrosion inhibition of metal structures (Fig. 3).

La tecnologia: il principio L’esfoliazione e l’orientamento corretto delle piastrine dei nanoclay (fig. 2) riducono la permeabilità del sistema di pitturazione. Questa riduzione è attribuibile al percorso tortuoso disponibile per la diffusione dei gas (ossigeno) e dei liquidi (acqua). La riduzione della permeabilità ha come risultato l’inibizione della corrosione nelle strutture metalliche (fig. 3).

2

The Technology: Advantages

Comparison between a NPC treated nanoclay (left) and an untreated nanoclay (right). Comparazione tra una nanoclay trattata da NPC (sinistra) e una

The patented NPC technology nanoclay non trattata (destra). develops the effectiveness of nanoclays as barrier elements to corrosion, in order to obtain anticorrosion coatings, and as fire retardant elements in polymers. Nanto Protective Coating products are unique in that they combine the features of high end anticorrosion coatings with the additional benefits of innovative nanoparticles as barrier elements.

La tecnologia: vantaggi

La tecnologia brevettata di NPC sviluppa l’efficacia dei nanoclay come elementi di barriera contro la corrosione, al fine di ottenere rivestimenti anti-corrosivi ed elementi ignifughi nei polimeri. I prodotti NPC sono unici in quanto combinano le caratteristiche dei rivestimenti anticorrosivi di alto livello e i benefici aggiuntivi delle nano particelle come elementi barriera.

55 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

INNOVATIONS

Questi prodotti anticorrosivi nanoThese nanostructured anti-corrosion strutturati sono stati sviluppati per products are developed to create creare sistemi durevoli e efficienti dal durable and cost effective systems punto di vista dei costi per sconfiggeto defeat corrosion even in the most re la corrosione anche negli ambienchallenging environments. Thanks to ti più severi. Grazie alla presenza delthe presence of treated nanoparticles, le nano-particelle trattate, i prodotti products display a high barrier effect mostrano un effetto barriera tale da which improve the coating resistance migliorare la resistenza delle vernici e and reduce the permeability to water. ridurre la permeabilità dell’acqua. The advantages of NPC 3 I vantaggi dei rivestimenti NPC nanonanostructured coatings are: strutturati sono: - increased barrier effect; 3 - aumento dell’effetto barriera; - reduced permeability; The anticorrosion effect is enhanced by nanoparticles orientation. - permeabilità ridotta; - improved crack bridging L’effetto anticorrosivo è potenziato dall’orientamento delle nanoparticelle. - proprietà di crack bridging miglioproperties; rate; - enhancement of both modulus - potenziamento del modulo e della forza; and strength; - miglior bagnabilità superficiale; - better surface wettability; - riduzione dello spessore della vernice rispetto a una vernice equi- reduction of coating thickness in comparison of equivalent valente; coating; - efficienza dal punto di vista dei costi; - cost efficiency; - assenza di influenze negative su altre proprietà delle vernici (ad es. - absence of negative influence on other coating properties proprietà fisiche, condizioni applicative, requisiti di preparazione such as physical properties, application conditions, surface superficiale, e tempi di essiccazione); preparation requirements or drying time; - customizzazione del prodotto; - product customization; - miglioramento delle prestazioni a fronte della riduzione di sostan- improvement of the level of performance reducing the use ze chimiche nocive (tecnologia ecosostenibile). of chemicals (greener technology). NPC anticorrosive paint intellectual property, is protected by three patents: • US2002/0173559: High Barrier Paints • IT2009/000550: Vernici e Rivestimenti anticorrrosivi, contenenti nanoparticelle • WO2010/064274: Anticorrosive paintings & coatings containing nanoparticles.

La proprietà intellettuale delle vernici anticorrosive NPC è coperta da tre brevetti: • US2002/0173559: High Barrier Paints • IT2009/000550: Vernici e rivestimenti anticorrosivi contenenti nanoparticelle • WO2010/064274: Anticorrosive paintings & coatings containing nanoparticles.

Health and Safety

Salute e Sicurezza

In recent years, a lot of concerns has been expressed relatively to nanomaterials and nanotoxicity. The nanoparticles incorporated in Nanto Protective Coating’s products are absolutely safe compounds. They are treated with non-toxic biocompatible chemicals currently used in manufacturing of biodegradable polymer-based nanocomposite and in food packaging. Nanoclays are based on silicates which are materials widely spread in the environment. Nanotoxicity: Bentonite and montmorillonite are not classified as dangerous substances according to Directive 67/548/EEC; Solvent content: NPC products are certified UNI EN ISO 90012000 and UNI EN ISO 14001 in accordance to the quality and

Negli ultimi anni è stata espressa molta preoccupazione relativamente ai nano-materiali e alla loro tossicità. Le nano-particelle incorporate nei prodotti NPC sono composti assolutamente sicuri. Sono trattati con prodotti chimici non tossici e biocompatibili utilizzati correntemente nella produzione di nano-compositi polimerici biodegradabili e nel packaging alimentare. Le nanoclay si basano su silicati, ossia materiali ampiamente presenti in natura. Nanotossicità: bentonite e montmorillonite non sono classificate come sostanze pericolose ai sensi della Direttiva 67/548/CEE. Contenuto del solvente: i prodotti di NPC sono certificati UNI EN ISO 9001-2000 e UNI EN ISO 14001, in conformità alle di-

56 DECEMBER 2012


Roberto Cafagna, Nanto Protective Coating Srl, Trieste, Italy np@nantopaint.com

environmental provisions of the EU directives; NPC products are VOC (Volatile Organic Compound) compliant. Testing and manufacturing of NPC products have been certified by Franchi & Kim Spa, NPC’s partner, at its Brescia facilities

sposizioni di qualità e ambientali delle direttive UE; i prodotti NPC sono conformi alle norme che regolano i COV (Composti Volatili Organici). Produzione e collaudo dei prodotti NPC sono stati certificati da Franchi & Kim Spa, partner NPC, presso i propri stabilimenti di Brescia.

The first set of NPC products ready to market The N.P.C.-100 Series is a cluster of high efficiency anticorrosion coatings for the heavy, marine and construction industry. High-performance anticorrosion coatings are applied to steel and concrete structures to provide protection within corrosive environments, following the ISO 12944-2 Environment Classification.

La prima serie di prodotti NPC pronta per il mercato

Table 1: Technical characteristics and related benefits of NPC100 Series painting products

Tabella 1: Caratteristiche tecniche e benefici relativi alla serie di prodotti vernicianti NPC-100

La serie NPC-100 è un gruppo di rivestimenti anticorrosione ad alta efficienza per l’industria pesante, edile e navale. I rivestimenti anticorrosione ad alte prestazioni sono applicati a strutture in acciaio e calcestruzzo per fornire protezione negli ambienti corrosivi, secondo la classificazione fornita dalla ISO 12944-2.

Product

Description

Benefits

NPC 101

High solid epoxy-polyamide primer with high anticorrosive properties due to the active pigments content. Suitable for new painting systems and maintenance works according to its excellent adhesion both to manually prepared supports, old paints, hot galvanized steel plates and light alloys. Primer in paint systems for C4 High atmospheric-corrosivity.

Blister resistant Excellent adhesion High elasticity

NPC 102

High solid epoxy intermediate. Applicable up to 200 pm in one single coat. Due to its high barrier properties, it is excellent for new painting systems and maintenance works, according to its very good adhesion both to epoxy primer, old well preserved paints, hot galvanized steel plates and light alloys. Overcoatable with several top-coats (N.PC. 103). Intermediate in paint systems for C4 High atmospheric-corrosivity. Polyurethane finishing paint with aliphatic isocyanate hardener, medium — high thickness. Wide compatibility range with pure or modified epoxy primers and intermediates coats, as well as with other specific products. Very good lasting gloss and colour retention, good resistance properties outdoor, in marine and industrial environment, good lasting flexibility. Not yellowing, re-coatable for long time. Two pack epoxy-polyamide primer. Suitable for new painting systems and maintenance works according to its excellent adhesion both to steel and hot galvanized steel plates. Primer in paint systems for C3 medium atmospheric-corrosivity.

Improved wettability High barrier properties Extreme crack bridging

NPC 105

High solid epoxy intermediate. Provides a high barrier protection due to micaceous iron oxide content. Suitable for new painting systems and maintenance works, for shop and on-site applications. It can be overcoated even after a long period of time. Intermediate in paint systems for C4 High atmospheric-corrosivity.

High barrier properties Improved wettability Extreme crack bridging

NPC 106

Two component epoxy air-dried coating. Low solid content. Zinc powder as active pigment. Characterized by fast drying and possible application in thin layers in thickness of 10-15 µm. Used as basic anticorrosive coating for protection of sanded steel tanks, technological equipment, containers and other metal surfaces. Low solid content intermediate. Characterized by fast drying and possible application in thin layers in thickness of 10.15 µm. Used as basic anticorrosive coating for protection of sanded steel tanks, technological equipment, containers and other metal surfaces. Intermediate in pant systems for C3 Medium atmospheric-corrosivity Epoxy top-coat. Fast drying, good stability of shades, as well as resistance to water chemicals, different oils and oil products. Used as final coating in systems with adequate epoxy primer for protection of technological equipment and steel constructions in chemical petrochemical industry for protection of steel and concrete tanks for industrial water, solvents of aggressive chemicals.

Easy to apply Dries quickly

NPC 103

NPC 104

NPC 107

NPC 108

57 DECEMBER 2012

High gloss finish UV protection Excellent durability Blister resistant Excellent adhesion High elasticity

Resists to abrasion Easy to apply

Durable finish Wear-resistant Excellent durability


PROTECTIVE COATINGS

INNOVATIONS

Table 2: Overview of the painting systems based on NPC100 Series products and related applications and durability according to ISO 12944 standard SYSTEM ID SYSTEM 1

SYSTEM 2

SYSTEM 3 SYSTEM 4

SYSTEM 5

Product Name NPC-101 NPC-102 NPC-103 NPC-102

Suggested Film thickness (µm) 80 180 60 150

NPC-103

60

NPC-104

80

NPC-105 NPC-104 NPC-102 NPC-103 NPC-106 NPC-107 NPC-108

120 60 120 60 30 80 60

Tabella 2: Panoramica dei sistemi di verniciatura basati sui prodotti della Serie NPC-100 e relative applicazioni e durata secondo la norma ISO 12944. Industrial Applications Steel infrastructures Lifting and industrial equipment Marine sector

Environments classification by ISO 12944-2 C5-I High durability. Aggressive corrosive environments C3 High durability. Low to medium corrosive environments C3 High durability. Low to medium corrosive environments

Energy and Oil&Gas sector Transport systems Energy and Oil&Gas sector Transport systems Lifting and industrial equipment Marine sector Steel infrastructures

C4 High durability. Medium corrosive environments

Transport systems Industrial equipment

C4 Medium durability. Medium corrosive environments

The Technology: Laboratory Testing Certification

La tecnologia: prove di laboratorio certificate

NPC patented nanoclay formulation has been extensively tested at the following research facilities: - Shenkar College of Engineering and Design (Tel Aviv, Israel) Faculty of Engineering and Plastic Engineering (prof. Samuel Kenig) - Trento University (Italy), Materials Science and Technology dept. (prof. Pierluigi Bonora, prof. Flavio Deflorian) - Franchi & Kim Spa industrial manufacturing facilities, Brescia, (Italy). The products formulated with the nanoclays has been tested first according to the following standards: - ISO 2812 – 1: Chemical resistance - ISO 6270: Resistance to humidity - ISO 7253: Salt spray - ASTM 02794: Impact resistance - ASTM 4060-90: Abrasion resistance - ASTM 4541 Pull-Off Strength - Electrochemical Impedance Spectroscopy (EIS) (Fig. 4)

La formulazione brevettata NPC è stata testata in modo estensivo presso i seguenti istituti di ricerca: - Shenkar College of Engineering and Design (Tel Aviv, Israele), facoltà di Ingegneria dei Materiali Plastici (prof. Samuel Kenig) - Università di Trento, dip. Scienza e Tecnologia dei Materiali (prof. Pierluigi Bonora, prof. Flavio Deflorian) - Impianti di fabbricazione Franchi & Kim Spa (Brescia). I prodotti formulati con le nanoclay sono stati testati dapprima secondo le seguenti normative: - ISO 2812-1: resistenza chimica - ISO 6270: resistenza all’umidità - ISO 7253: nebbia salina - ASTM 02794: resistenza agli urti - ASTM 4060-90: resistenza all’abrasione - ASTM 4541: pull-off - Spettroscopia d’impedenza elettrochimica (EIS) (fig. 4).

Standard NanoInter09 EP HS

Standard NanoInter09 EP HS

1014

Coating Resistance [F2/cm]

Coating Capacitance [F2/cm]

1X10-9

1X10-10

10-11

10-12

4

-100

1013 1012 1011 1010 109 108 107

0

100

200

300

400

500

600

700

800

106 -100

Time [Hours]

0

100

200

300

400

Time [Hours]

4

NPC - SERIES 100: EIS analysis

58 DECEMBER 2012

500

600

700

800


Roberto Cafagna, Nanto Protective Coating Srl, Trieste, Italy np@nantopaint.com

For example, industrial tests for product certification run by Franchi & Kim in 2011-2012 reveal on NPC products reveal that the product identified for instance as Primer Epox NPC-01 is suited to be classified accordingly to UNI EN ISO 12944-6 with corrosiveness class C4 H. Comparative industrial tests have been run on the same product with and without Nanto nanotechnology additive (NPC NP-02 ) with the solid content constant in weight and volume, as well as the pvc, the ratio binder/powders and the catalysis report. Tests highlighted an equivalent trend up to around 600 hours of exposure in salt spray according to ISO 9227, while later, as reported in the table below, the product with the nanotechnology additive showed a performance increase up to 40%, beyond 1,000 hours.

Ad esempio, test industriali di certificazione prodotto condotti da Franchi & Kim nel 2011-2012 sui prodotti NPC rivelano che il prodotto identificato ad esempio Primer Epox NPC-01, è adatto a essere classificato secondo la UNI EN ISO 12944-6 con la classe di corrosività C4 H. Test industriali comparativi sono stati condotti sullo stesso prodotto NPC con e senza l’aggiunta dell’additivo nanotecnologico di Nanto (NPC NP-02) con contenuto di solido costante in peso e in volume, così come il pvc, il rapporto legante/ polvere e il rapporto di catalisi. Come riporta la tabella sottostante, i test industriali hanno evidenziato una tendenza equivalente fra i due prodotti a resistere intorno alle 700 ore in nebbia salina secondo ISO 9227, mentre il prodotto con l’additivo nanotecnologico ha mostrato un incremento delle prestazioni fino al 40%, oltre le 1.000 ore.

Table 3: Results of Salt Spray testing of NPC epoxy primer with and without the nano-additive.

Tabella 3: Risultati delle prove di nebbia salina del primer epossidico NPC con e senza l’additivo nano tecnologico. Test of salt spray According to ISO 9227

700 hours

1,000 hours

Performance enhancement

Primer Epox NPC-01 with additive NPC NP-02

no blistering

no blistering

+42%

Primer Epox NPC-01 without additive NPC NP-02

no blistering

Generalized blistering and presence of rust around the cutting point. Test not passed

5

Applications of NPC Nanostructured Protective Coatings. Applicazioni dei rivestimenti protettivi nanostrutturati NPC.

59 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

INNOVATIONS

COR-TEN© EFFECT FLUORINATED FINISHES: MORE REAL THAN REAL Finiture fluorurate effetto COR-TEN©: piu’ vero del vero

1 1

Concrete abutment of a bridge in COR-TEN© after a few years. Spalla in calcestruzzo che supporta ponte in acciaio COR-TEN© dopo alcuni anni.

Preliminary remarks

Premessa

COR-TEN© steel has been used as a both structural and decorative element for almost a century. Many architects who made the history of architecture have ventured in the use of this material, which allows to obtain very clean solutions from the point of view of design, characterised by a strong emphasis on the materiality of surface. The use of béton brut, rough stone and steel, with its changes in the oxidation level resulting in different colours over time, conveys the idea of an evolving matter, which so fascinates often visionary, but cost-conscious designers. Raw materials have in fact lower cost than the highly processed ones. Once placed, these materials give great

La scelta di utilizzare l’acciaio COR-TEN© come elemento strutturale e decorativo al tempo stesso è applicazione consolidata da quasi un secolo. Architetti che hanno fatto la storia dell’architettura, si sono cimentati nell’utilizzo di questo materiale che rimanda a soluzioni molto pulite dal punto di vista del design e connotate da una spiccata accentuazione sulla matericità delle superfici. L’utilizzo del calcestruzzo faccia a vista, della pietra grezza e dell’acciaio nel suo mutare del livello di ossidazione che comporta colorazioni diverse del tempo, rende l’idea di una materia in evoluzione che tanto affascina progettisti spesso visionari ed attenti ai costi. I materiali grezzi hanno infatti costi inferiori rispetto a quelli molto lavorati. Appena posi-

60 DECEMBER 2012


Angelo Locaspi, Innoventions srl, Cinisello Balsamo (MI), Italy angelo.locaspi@innoventions.eu

satisfaction to both designers and clients, because it is not easy to carry out projects with high aesthetic quality and relatively low costs. The various natural or artificial substrates such as unprotected concrete, stone or steel, however, age – often badly. Most of the architectural works built around 1960s-1970s using inadequately protected béton brut and applying meagre layers of concrete cover have been a classic mistake of technological forecast, i.e. the adoption of solutions whose life span is far below expectations.

2 2

Concrete abutment of a bridge in COR-TEN© steel. Spalla in calcestruzzo che supporta ponte in acciaio COR-TEN©.

Side effects of the use of unprotected COR-TEN© steel

zionati, questi materiali danno grandi soddisfazioni a progettisti e committenti perché non è impresa agevole realizzare progetti di elevata qualità estetica con costi di realizzazione relativamente bassi. I vari supporti naturali o artificiali quali il calcestruzzo, la pietra o l’acciaio non protetti, però, invecchiano e, spesso, invecchiano molto male. La maggior parte degli interventi architettonici realizzati negli anni ‘60 – ‘70 utilizzando calcestruzzi faccia a vista non adeguatamente protetti e con spessori esigui di copriferro hanno rappresentato un classico errore di technological forecast, cioè di adozione di soluzioni la cui durata è risultata nettamente inferiore alle previsioni.

Fortunately, in the history of the use of COR-TEN© steel in Effetti collaterali dell’impiego di COR-TEN© architecture, there have not non protetto been situations of obvious degradation and danger La storia dell’uso del COR-TEN©. as in the case of concrete. nel settore architettonico non Usually, the metal structures ha fortunatamente evidenziaare subject to more stringent to situazioni di degrado così 3 controls compared to the evidenti e fonte di pericoli co3 cement ones; in this way, me nel caso del calcestruzzo. Steel distribution centre, firm Strada (Brescia, Italy), concrete surfaces it is possible to detect any Di solito le strutture metallitreated with a COR-TEN© effect coating; project Jorrit Tornquist. variation of thickness – che sono soggette a maggiori Centro distribuzione acciai, ditta Strada, Brescia, superfi ci in calcestruzzo indicator of degradation – controlli di quelle cementizie trattate effetto COR-TEN©; progetto Jorrit Tornquist. and therefore activate the perciò le variazioni di spesrecovery procedures. sore indicatrici del degrado © In the case of the use of COR-TEN steel, the side effects vengono identificate imponendo l’attivazione delle procedure di recupero. of the formation of the protective film are visible in a very Nel caso dell’utilizzo dell’acciaio COR-TEN©, gli effetti collashort time, after only a few months after the installation and for a period ranging from 1 to 4 years. The most terali della formazione della patina protettiva sono visibili in unpleasant effect is the dripping rust that, by leaking brevissimo tempo, dopo soli pochi mesi dalla messa in opeout on floors and façades, often in stone or concrete, ra e per un periodo variabile da 1 a 4 anni. L’effetto più sgracause permanent stains that disfigure the facades in devole sono le colature di ruggine che spandendosi su paan irremediable way, if not through expensive cleaning vimenti e facciate, spesso in pietra o calcestruzzo generano operations, which do not, however, solve the problem, delle macchie indelebili che deturpano le facciate in maniesince the protective layer of COR-TEN© steel continues to ra irrimediabile se non attraverso costosi interventi di pulizia

61 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

INNOVATIONS

4 4

Flower boxes in galvanised steel, Milan, Sanofi offices, company HW Style, project arch. Chiara Cannito Fioriere acciaio in zincato, Milano, Sede Sanofi, azienda HW Style, progetto arch. Chiara Cannito.

regenerate and requires a long time to stabilise. Figures 1 and 2 show an example of the fouling effects due to the release of oxides from COR-TEN© steel plates. The sacrificial thickness of a COR-TEN© plate is usually equal to approximately 1.0 mm; therefore, the weight variation of a plate is of about 7.8 kg/m2, which is equivalent to a release of about 12-13 kg/m2 of pulverulent oxides and hydroxides , i.e. rust.

che non risolvono il problema perché la patina protettiva del COR-TEN© continua a rigenerarsi e necessita di molto tempo per stabilizzarsi. In figura 1 e 2 si riporta un esempio degli effetti di sporcamento dovuti al rilascio di ossidi da lastre di COR-TEN©. Lo spessore di sacrificio di una lastra di COR-TEN© è di solito pari a circa 1,0 mm, pertanto la variazione di peso di una lastra è di circa 7,8 kg/m2 che equivale ad un rilascio di circa 12 – 13 kg/m2 di ossidi ed idrossidi pulverulenti, cioè ruggine.

The solution: COR-TEN© effect finishes A palette of coatings able to imitate with very simple techniques the morphology of COR-TEN© steel has been developed within the Fluorcoat™ range in order to solve the fouling and durability problems of COR-TEN© steel without compromising the architectural and/or infrastructure projects. The use of fluoropolymer-based finishing paints ensures the following benefits:

La soluzione: finiture effetto COR-TEN© Nell’ambito della linea Fluorcoat™ è stata sviluppata una palette di colori in grado di replicare con tecniche molto semplici la morfologia del COR-TEN© mediante verniciatura, rimediando a tutti i problemi di sporcamento e durabilità del COR-TEN© senza penalizzare il progetto architettonico e/o infrastrutturale. Utilizzando pitture di finitura a base di fluoropolimeri, si ottengo i seguenti vantaggi:

62 DECEMBER 2012


Angelo Locaspi, Innoventions srl, Cinisello Balsamo (MI), Italy angelo.locaspi@innoventions.eu

5

6

5 6

Pools and showers of a wellness centre in Blevio (CO), Italy, material Alucobond®, project arch. Paolo Bodega, carrying out SAVOGI srl Piscine e docce Spa di Blevio (CO), supporto Alucobond®, progetto arch. Paolo Bodega, realizzazione SAVOGI srl.

1. The metal, cement or plastic surfaces treated 1. I supporti metallici, cementizi o plastici, trattati con with Fluorcoat™ 161 have the same life Fluorcoat™ 161 hanno la stessa vita attesa del COR-TEN© expectancy of the original COR-TEN© steel, i.e. originale, cioè 30 – 50 anni. 2. Non c’è rilascio di ossidi ed idrossidi perciò viene meno la 30-50 years. causa principale di sporcamento per le opere di particolare 2. There is no release of oxides and hydroxides, pregio architettonico. which eliminates the main cause of fouling 3. I rivestimenti hanno caratterifor the particularly high quality stiche antigraffiti, spiccata rearchitectural works. sistenza a cloruri ed acque di 3. The coatings have anti-graffiti ruscellamento con conseguenproperties, excellent resistance te invarianza degli spessori del to chlorides and runoff water, metallo e costanza delle caratwith consequent invariance of the teristiche meccaniche nel temthicknesses of metal and constancy po. of the mechanical characteristics Nel caso di progetti infrastrutturali over time. con elementi metallici, l’utilizzo di In the case of infrastructure projects acciaio al carbonio pitturato al powith metal elements, the use of painted sto del COR-TEN© consente, già in facarbon steel instead of COR-TEN© steel allows to save about 8 kg/m2 of weight se progettuale, di risparmiare circa 8 already in the design phase. kg/m2 di peso; ad esempio una pasFor example, for a pedestrian and serella ciclo-pedonale avente una sucycle walkway with an exposed perficie esposta di circa 2.000 m2 con 2 surface of about 2,000 m and un peso stimato di acciaio dell’ordine di 100 – 110 tonnellate se realizapproximately zata in acciaio al carbonio anziché in 100-110 tons of steel, the choice of COR-TEN© consente di risparmiare carbon steel instead of COR-TEN© saves about 16 tons of weight. circa 16 tonnellate di peso. 7 The figures 3 to 7 show a few Le figure da 3 a 7 riportano alcune reLighting poles, Potenza, Italy, material carbon steel, arch. structures whose invariance of alizzazioni effettuate negli anni, la cui Maroscia-Aulenti. performance over time is the best invarianza prestazionale nel tempo è Pali illuminazione, Potenza, supporto acciaio al carbonio, guarantee of durability. la migliore garanzia di durata. arch. Maroscia-Aulenti.

63 DECEMBER 2012


eos eos

MKTG & COMMUNICATION MKTG & COMMUNICATION

Ministero dello Sviluppo Economico

I NNOVENTIONS


PROTECTIVE COATINGS

ZOOM ON EVENTS

CHARTING A COURSE IN A CHANGING SEA Tracciare una rotta in un mare turbolento: il tema centrale dell’evento OMC 2013

O

MC 2013 Conference & Exhibition focuses on providing a forum for information and technology exchange, to those people interested in the Mediterranean Offshore Industry. Started as a regional event in 1993, OMC has now achieved international status and is recognized as a key event within the Oil & Gas sector, with a particular focus on the Mediterranean Region. The figures of the last edition in March 2011 witnessed the presence of 1,203 delegates, 240 papers received from 22 countries, 12 official delegations (Algeria, Angola, Australia, Azerbaijan, China, Egypt, Kazakhstan, Mali, Norway, Qatar, Turkey and Turkmenistan), 10,483 visitors from 38 countries, 18,320 square meters of exhibiting area and 469 exhibiting companies from 25 countries. These figures show that OMC is offering oil & gas professionals an ideal arena for discussion on research studies, new development processes, recent

I

l settore energetico in questi ultimi anni è stato fortemente condizionato da diversi fattori: la crisi finanziaria mondiale, tuttora in essere, la persistente instabilità geopolitica nel Nord Africa (e non solo) e la volatilità dei prezzi, in particolare del mercato del gas. Nonostante questo permane l’impegno di assicurare l’energia necessaria al progresso economico, che richiede significativi investimenti, lo sviluppo di tecnologie sempre più sofisticate, ma anche e soprattutto il dovere di assicurare la tutela delle persone e la protezione dell’ambiente in cui si opera. Partendo da queste considerazioni è nato il tema che caratterizzerà la prossima edizione di OMC (Offshore Mediterranean Conference & Exhibition) che, con 470 aziende espositrici, 1.200 delegati e oltre 10.000 visitatori nell’edizione del 2011 si é confermato come l’evento internazionale più importante del panorama energetico italiano. Il contesto in cui l’industria oil&gas opera (contesto che abbiamo

66 DECEMBER 2012


by Paola Giraldo

technological achievements and future challenges in the energy sector, providing unique networking opportunities. For OMC 2013 growth expectations have already been surpassed. With a relevant increase in terms of exhibit space and number of attending companies, the exhibition promises to be the largest ever in the series: some of the most important E&P companies from worldwide already confirmed their presence, next to Eni, which is the host sponsor: Sonatrach from Algeria, the Egyptian Ministry of Petroleum, Total from France, Shell from The Netherlands, NOC from Libya, Crosco and Ina from Croatia, to name a few. For the Opening Plenary Session, a panel of internationally-renowned speakers has been invited to offer global insights in the industry. The prestigious list of invited speakers will include Ministers of Petroleum of producing countries and CEOs of African countries. The organizers expect delegations from all African producing countries, including Mozambique where significant offshore discoveries have opened new basins and new plays for hydrocarbon exploration, and from Eastern Mediterranean. The potential of the Mediterranean Area versus new rules and regulations being implemented by the European Union, the growing relevance of the social responsibility of the industry, the impact of the new technologies on the energy market evolution, will be among the issues discussed at the next OMC 2013, scheduled in Ravenna on March 20-22, 2013. In the Special Sessions, executives and specialists of the mayor oil Companies, representatives of Governmental and Energy Authorities will be contributing with case histories, lessons learned and future development approaches. The Scientific Committee has received a relevant number of papers and it is now at work to offer OMC delegates technical sessions to cover the state of the art of technologies and procedures. Recently OMC has entered an agreement with OnePetro – SPE International. All the papers presented at the Conference will be from now on available on the data base of OnePetro and accessible to the public (www.onepetro.org). This will give worldwide visibility to the authors. For further information: www.omc.it/2013

immaginato come un mare turbolento) impone a essa stessa di tracciare o individuare nuove rotte in questo “mare” caratterizzato da continui cambiamenti. Naturalmente l’attenzione sarà focalizzata sul bacino che ci riguarda più da vicino: il bacino del Mediterraneo. OMC, infatti, ha sempre fatto del Mediterraneo il suo punto di forza, e mai come in tempi recenti i cambiamenti geo-politici e le nuove scoperte hanno richiamato l’interesse di tutti gli operatori del mondo energetico sulla regione. Dopo anni di relativa calma in ambito esplorativo, recentemente il Mediterraneo ha portato “a galMe la” incredibili scoperte: i giacimenti me giganti nell’area orientale del de bacino sono destinati a trasformare la regione in una nuosfo va frontiera dell’esplorazione. Le nuove interpretazioni sismiche, i dati riguardanti i pozc zi z esplorati al largo del Libano, Cipro e Israele, le stime delle C riserve al largo di Creta, l’avvio r della nuova asta per le concesd sioni nelle acque algerine e le s riserve importanti al largo di Libia, Tunisia ed Italia ridefiniranno il potenziale di idrocarburi della regione Mediterranea in un futuro molto prossimo. Recenti stime m sostengono che queste fonti possano soddisfare il fabbisogno di gas dell’Unione Europea almeno per i prossimi 50 anni. Oltre agli argomenti squisitamente tecnici e tecnologici che verranno affrontati nella prossima edizione della rassegna, una sessione speciale sarà dedicata alla “Social Responsibility”, all’impegno dell’industria petrolifera a operare rispettando l’ambiente e tenendo conto delle istanze e preoccupazioni del territorio. Si affronterà anche il tema controverso dello sviluppo dello Shale Gas e Shale Oil, oggetto di un vero boom negli USA, che promette di modificare il mercato energetico - non solo statunitense. Alla manifestazione è prevista la partecipazione di delegazioni ministeriali e di operatori dal Nord Africa, dall’Africa subsahariana, del Medioriente, Mediterraneo Orientale e Mozambico, aree strategiche da cui provengono i grandi flussi di energia. Per l’Italia, che con il nuovo Piano Energetico Nazionale mira a diventare lo snodo europeo dell’approvvigionamento di gas dai mercati extra Unione Europea, sarà un’occasione importante per evidenziare le grandi competenze e professionalità della sua industria energetica. La prossima edizione della manifestazione OMC si terrà a Ravenna, 20 – 22 marzo 2013. Per maggiori informazioni: www.omc.it/2013

67 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

ZOOM ON EVENTS

CORROSION UAE TO TAKE PLACE IN UNITED ARAB EMIRATES IN 2013 Il Corrosion UAE si terrà negli Emirati Arabi Uniti nel 2013

C

orrosion UAE, the conference offering participants a unique opportunity to discuss and debate new technologies and research to mitigate the financial and environmental loss of corroding pipelines, will take place in Abu Dhabi, UAE (United Arab Emirates), 24 – 27 February 2013. Discussions and presentations will focus on: strategies regarding the financials and development of the pipeline industry; technical focus on material selection; corrosion inspection and detection; cathodic protection solutions for pipelines and more. Organised by The Energy Exchange and co-hosted by NACE Abu Dhabi, the UAE section of the corrosion society, the four-day conference will be co-located with the thirteenth edition of MEPIPES - the Middle East Oil and Gas Pipelines Meeting. Arianna Neri, Event Director Corrosion UAE, said: “We are pleased to have the support of NACE Abu Dhabi. There is no other regional event in 2013 that is endorsed by the leading association for corrosion prevention. Corrosion UAE and MEPIPES 2013 will gather technical experts, R&D specialists and technologists from across the region to discuss the entire pipeline value chain.”

C

orrosion UAE, conferenza che offre ai partecipanti un’occasione unica per discutere di nuove tecnologie e ricerca per mitigare il danno economico e ambientale provocato dagli oleodotti corrosi, si terrà ad Abu Dhabi, Emirati Arabi Uniti, dal 24 al 27 febbraio 2013. Le discussioni e le presentazioni saranno incentrate su: strategie riguardanti i dati finanziari e di sviluppo dell’industria degli oleodotti; selezione dei materiali; ispezione e rilevamento della corrosione; soluzioni di protezione catodica dei tubi e molto altro. Organizzato da The Energy Exchange e co-ospitato da NACE Abu Dhabi - la sezione UAE della società che si occupa di corrosione - la conferenza di quattro giorni si terrà nello stesso luogo e in concomitanza con la tredicesima edizione di MEPIPES (Middle East Oil & Gas Pipelines Meeting). Arianna Neri, direttore dell’evento Corrosion UAE, ha dichiarato: “Siamo lieti di avere il sostegno di NACE Abu Dhabi. Non vi è nessun altro evento regionale nel 2013 sostenuto dall’associazione leader per la prevenzione della corrosione. Corrosion UAE e MEPIPES 2013 riuniranno tecnici esperti, specialisti di Ricerca e Sviluppo e tecnologici provenienti da tutta la regione per discutere dell’intera catena di valore degli oleodotti”.

68 DECEMBER 2012


by Paola Giraldo

A recent report by Visiongain calculates that the global oil and gas corrosion prevention market is worth US$ 18.72 billion in 2012. NACE International reports that the annual cost of corrosion in the oil & gas production industry is estimated to be US$ 1.372 billion. Norwegian oil group Statoil suspended operations, cutting national daily oil output by 8 per cent on the Troll C platform on 15 November 2012 after a routine inspection found corrosion in the tank of a gas treatment system. David Vickers, Chairman of NACE Abu Dhabi, UAE Section, said: “Corrosion is an occurrence which impacts so many areas, in all of our lives day to day, not only in our professional or business field, but even in our homes. It influences important decisions relating to almost every item we come into contact with, from the largest and most prestigious project, worth billions of dollars, to the humble kitchen sink. It is an area which is still as relevant today as it was in times past, and we are still learning more and more how to combat and control these effects.” Experts are confirmed to attend from UAE, Saudi Arabia, Oman, Qatar and the UK. Speakers confirmed to participate at Corrosion UAE 2013 include: Dr. Iftikhar Ahmad, Consultant, AGOCO; Nasser Behlani, Head Material Integrity Consultancy, PDO; Yves Gunaltun, Corrosion Expert, TOTAL; Husain Mahrous, Cathodic Protection Specialist, Saudi Aramco; Dr. Mabrouk Issa Suleiman, Deputy Research Centre Manager, TAKREER; and many more. For further information: www.theenergyexchange.co.uk/event/corrosion-uae

Un rapporto recente di Visiongain ha calcolato che il mercato globale per la prevenzione della corrosione nel settore oil&gas è valso 18,72 miliardi di dollari nel 2012. NACE International riporta che il costo annuo della corrosione nell’industria di produzione oil&gas è stimato in 1,372 miliardi di dollari. Il gruppo petrolifero norvegese Statoil ha sospeso le operazioni, tagliando la produzione nazionale giornaliera di petrolio dell’8%, sulla piattaforma Troll C il 15 novembre 2012, dopo un controllo di routine che ha rilevato la corrosione nel serbatoio di un sistema di trattamento del gas. David Vickers, Presidente di NACE Abu Dhabi, Sezione Emirati Arabi Uniti, ha detto: “La corrosione è un evento che ha un impatto su molte aree della vita quotidiana, non solo nel nostro campo professionale o aziendale ma anche nelle nostre case. Essa influenza le decisioni importanti riguardanti quasi ogni manufatto con cui entriamo in contatto, dal progetto più grande e prestigioso, del valore di miliardi di dollari, al più umile lavandino. È un’area oggi ancora rilevante tanto quanto lo era in passato, e stiamo ancora imparando come combattere e controllare questi effetti”. Gli esperti che hanno confermato la partecipazione vengono da Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Oman, Qatar e Regno Unito. Tra i relatori che parteciperanno a Corrosion UAE 2013 sono presenti: Dott. Iftikhar Ahmad, Consulente, AGOCO; Nasser Behlani, Capo del settore Consulenza Integrità dei Materiali, PDO; Yves Gunaltun, esperto di corrosione, TOTAL; Husain Mahrous, specialista della protezione catodica, Saudi Aramco; Dott. Mabrouk Issa Suleiman, vice direttore del centro di ricerca, TAKREER; e molti altri. Per maggiori informazioni: www.theenergyexchange.co.uk/event/corrosion-uae

69 DECEMBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

INNOVATIONS EXHIBITIONS CALENDAR

FEBRUARY 2013 SEATEC 2013 Carrara, Italy February 6-8, 2013 www.sea-tec.it PIPELINE COATING 2013 Vienna, Austria February 18-20, 2013 www.amiplastics.com CORROSION UAE Abu Dhabi, UAE February 24-27, 2013 www.theenergyexchange.co.uk OIL & GAS DUMAI Dumai, Indonesia February 26-28, 2013 www.clocate.com

MARCH 2013 3rd HASSI MESSAOUD EXPO 2013 Ouargia, Algeria March 5-8, 2013 www.expo-hassi-messaoud.com CORROSION 2013 Orlando, USA March 17-21, 2013 http://events.nace.org/conference/c2013/authors.asp 8th PIPELINE TECHNOLOGY CONFERENCE Hannover, Germany March 18-20, 2013 www.pipeline-conference.com STOCEXPO Antwerp, Belgium March 19-21, 2013 www.stocexpo.com OMC 2013 Ravenna, Italy March 20-22, 2013 www.omc.it

APRIL 2013 SMM INDIA 2013 Mumbai, India April 4-6, 2013 www.smm-india.com ADVANCED MATERIAL FOR MARINE AND OFFSHORE London, UK April 16-17, 2013 http://www.rina.org.uk/Marine-Coatings-Conference.html

70 DECEMBER 2012


OUR ACCOMPLICES TO IPCM_PROTECTIVE COATINGS

WERNER DENIG, PAOLO RAMI, Appointed Master of Wo rk, Advisor

r Denig has For three decades, Werne engineering in been actively employed His expert s. tem material transfer sys it comes en wh me lco knowledge is we ing olv inv nts me ign to complex ass on of uti sol the r Fo . dia me e.g. special rat pe es with technical problems, he coo al, Germany. WALTHER PILOT, Wuppert

ROBERTO CA FAGNA, CEO and fou nder of Nanto Protective Co ating Srl, Degree in Eco nomics and C orporate Managemen t. 1 Stage and sta 2 years of experience in Ea rt u rly Technology tr ps, Corporate finance, ansfer and d evelopment emerging Tech in nologies and cleantech. Si 2 0 0 9 he has been of Nanto Pro nce Found tective Coati ng with inno er and General Manager and smart co vative atin 2011 Head o g. Winner 1° Prize Nanoch nanocoating f Research, In novation and allenge 2009 , since Italian Young Techno Entrepreneu r Association logy Transfer of Confindustria Committee , Winner for A WARD 2012 Choice Corro “MP’ reader sion Innovati on of the yea Internationa r “NACE l 2012”- USA , Salt Lake Cit y.

Graduated as Industrial Exp ert in 1973, he gained experience in small, medium and large companies facing tasks of growing responsibility as workman, technical des igner, times and methods technical analyst, specialized technician in special processes, multidepartments manager, production mana ger, responsible for specifi c projects as productive activities coordi nator between different com panies. From 1988 to 2010 he wo rked for AnsaldoBreda cov ering all roles in the production process, in particular the activities of corrosion protection for tramway rol ling stock. Afterward he too k responsibility for facilities and infrastru ctures, and in recent years worked at the Quality division as Non-Stru ctural Special Processes exp ert (painting, gluing, sealing and FRP - Fib er Reinforced Polymers - ma nufactures). Rami also participated in the drafting of the “Guidelin es - Corrosion protection in the Railway Sector” issued by “AICQ Ra il Transport Sector”, as coordinator of the “Working Group”. In 20 08 he won the “Innovation Award of Gro up AnsaldoBreda” presen ting a series of rolling paint cycle “wet on wet”. In 2010, he was award ed by the President of the Republic Giorgio Napolitano with the decoration “Star of Merit for Labour” - Master of Work, patent n. 50056. He is currently ly interested in the design and approval of anticorro processes for tramw sion m ay rolling stock, evalua tion of production sites and both t destructive and non-dest ructive testing of manufactured products , problems analysis and sp cific flaws in coating pro spe cesses and training activities.

ANGELO LOCASPI, Owner of Innoventions Srl ineer in After getting a degree as Chemical Eng CNR an 1984, he worked as scholar at the Itali the ng duri ) (Consiglio Nazionale delle Ricerche king wor been same year. Afterwards he had 2000 at Ausimont (now Solvay) from 1985 to c tegi Stra 88), 5-19 (198 as Process engineer uct Prod 90), 9-19 (198 t Marketing and Business Developmen East, Coatings Project Management (1991) for Europe and Far coatings, fluoropolyethers, sed F-ba PVD Responsible (1992-2000) for founded Innoventions Srl for FEVE, fluoroelastomers, etc. In 2011 he ane coatings with high the manufacture of fluorinated and silox nts and a number durability. He is the author of four pate of scientific publications.

STEFANO BOTTA, no della Saldatura IIS SERVICE - Istituto Italia (Italian Welding Institute) ineering at the Degree in Mechanical Eng currently working is University of Genoa. He of on-site technical ble at IIS SERVICE, Responsi metallic carpentry, assistance for structures of g activities and the both as regards the weldin onal Welding . He possesses the Internati surface protection activities lding We B S Welding Inspector, CW Engineer certification, AW , as well as tor pec Ins III Certified Coating Inspector and NACE Level thods VT, me the in 3 ing to EN 47 Level 2 certification accord PT, MT, RT and UT.

71 DECEMBER 2012


Protective Coatings ®

Eos Mktg&Communication srl www.ipcm.it info@ipcm.it

Questo periodico è associato all’Unione Stampa Periodica Italiana

TECHNICAL ADVISORY BOARD

Redazione - Sede Legale: Via Enrico Tazzoli, 15 20811 - Cesano Maderno (MB) - Italy

Antonio Amati: Tank lining and special coatings Enzo Dell’Orto: Shot-blasting technologies Vittorio Grassi: Thermal treatment Ing. Angelo Locaspi: Fluorinated Coatings

EDITOR IN CHIEF/ DIRETTORE RESPONSABILE ALESSIA VENTURI venturi@ipcm.it

The new international magazine about corrosion control and prevention

Protective Coatings ®

ipcm PC digital on www.ipcm.it 2012 1st YEAR Quarterly N°4-December

EDITORIAL DIRECTOR / DIRETTORE EDITORIALE MASSIMO CORNAGO massimo.cornago@gmail.com

EDITORIAL BOARD Prof. Massimiliano Bestetti: Department of Chemistry, Material and Chemical Engineering, Politecnico of Milan – Section of Applied Chemistry and Physics

EDITORIAL OFFICE / REDAZIONE PAOLA GIRALDO giraldo@ipcm.it

Prof. Paolo Gronchi: Department of Chemistry, Material and Chemical Engineering, Politecnico of Milan – Chemical Engineering Section

MEDIA SALES FRANCESCO STUCCHI stucchi@ipcm.it NICOLE KRAUS kraus@ipcm.it

Ing. Ilario Maconi: Materials Engineer, Nace inspector lev.2 quality inspections of coatings

The new international magazine about corrosion control and prevention La nuova rivista internazionale sul controllo e la prevenzione della corrosione

Registrazione al Tribunale di Monza N° 4 del 26 Marzo 2012 Eos Mktg&Communication srl è iscritta nel Registro degli Operatori di Comunicazione con il numero 19244 POSTE ITALIANE SPA – SPED. IN A.P. 70% LO/MILANO

Ing. Luca Valentinelli: Materials Engineer, PhD, Nace inspector lev.3 M.d.L. Paolo Rami: Rail and Tram Dr. Antonio Tolotto: Marine and industrial anticorrosive coating cycles

Ivano Pastorelli: Measurement and quality control Prof. Fabrizio Pirri: Department of Material Sciences and Chemical Engineering, Politecnico of Turin, Micro and Nanosystems, Nanomaterials and Surfaces

SERVICE SUBSCRIPTION - SERVIZIO ABBONAMENTI: Sale only on subscription - Vendita solo su abbonamento E.mail info@ipcm.it Single copy - Fascicolo singolo: 15,00 euro Back issues - Arretrati: 30,00 euro Subscription Rates 2013 - Tariffe Abbonamento 2013: Italy/Abroad 50,00 € - Italia/Estero 50,00 € Subscription Rates 2013 digital version - Abbonamento 2013 versione digitale: 335,00 35 35,0 5 ,00 0 € + iv iva va

Gli abbonamenti possono essere sottoscritti versando il relativo importo a mezzo b/b IBAN IT97F0844033270000000084801 intestato a eos Mktg&Communication Srl. L’Iva sugli abbonamenti, nonchè sulla vendita di singole copie è assolta ai sensi dell’art.74 comma 1 lett. C DPR 633/72, DM 29/12/1989.

LAYOUT/ IMPAG IMPAGINAZIONE LASER GRAFICA 90 www.lasergrafic www.lasergrafica.it PRINT/ STAMPA L&S SERVIZI GR GRAFICI www.ls-srl.com

Subscriptions can be made by bank transfer to the following account: Eos Mktg&Communication Srl IBAN IT97F0844033270000000084801. SWIFT CODE CRCBIT22. The VAT on subscriptions and sale of single copies is over

It is forbidden to reproduce articles and illustrations of “IPCM® Protective Coatings” without authorization and without mentioning the source. The ideas expressed by the authors do not commit nor magazine nor eos Mktg&Communication S.r.l and responsibility for what is published is the authors themselves. C018290

È vietata la riproduzione di articoli e illustrazioni di “IPCM® Protective Coatings” senza autorizzazione e senza citarne la fonte. Le idee espresse dagli autori non impegnano nè la rivista nè eos Mktg&Communication S.r.l e la responsabilità di quanto viene pubblicato rimane degli autori stessi.


lifeguards Let’s extend pipeline lifetime

Seal For Life OfďŹ ce: Gasselterstraat 20, 9503 JB, Stadskanaal, The Netherlands Manufacturing sites: Houston - USA, Tijuana - Mexico, Westerlo - Belgium, Baroda - India, Stadskanaal - Netherlands, Dammam - Saudi Arabia



ipcm® Protective Coatings 2012 n. 4