Issuu on Google+

The new international magazine about corrosion control and prevention

Protective Coatings ®

Milano verso l’Expo 2015: rivestimenti protettivi senza manutenzione per progetti importanti

ipcm PC digital on www.ipcm.it 2012 1st YEAR Quarterly N°3-October

Milan towards Expo 2015: maintenance free coatings for valuable projects

www.innoventions.eu

I NNOVENTIONS Coatings for life


VENEZIANI

finitura fluorurata fluorinated top coat Soluzioni

che valgono nel tempo

Lasting solutions

Zaniolo CdA -85.12

Nomi bridge, Trento

Cicli Retron Acrilico accreditati presso: ANAS - AUTOSTRADE - ENEL - RFI SAIPEM

Il brand Veneziani protective coatings comprende una gamma di vernici, rivestimenti e prodotti intumescenti con elevate prestazioni in termini di protezione anticorrosiva e finitura estetica, resistenza agli agenti chimici, all’abrasione ed al fuoco, per manufatti da destinarsi a: infrastrutture ed edilizia industriale, impianti chimici e petrolchimici, strutture off-shore, impianti per la generazione d’energia, trattamento acque e industria della difesa. Veneziani protective coatings includes a wide range of paints, linings and intumescent coatings featuring high performances in terms of anticorrosive protection and cosmetic finish, chemical, abrasion and fire resistance for steel structures meant for: infrastructures and industrial buildings, chemical and petrochemical plants, offshore structures, power generation plants, water treatment and defense industry.

Colorificio ZetagĂŹ Srl Olmo di Creazzo (VI) Tel. 0444.228300 Fax 0444.228366 info@zetagi.it www.zetagi.it


RETRON

protective coatings Soluzioni che

valgono nel tempo

Zaniolo CdA -85.12

Lasting solutions

Tiburtina station, Roma

I cicli di protezione industriale Retron Acrilico presentano facilità di applicazione e rapidità di essicazione. La formulazione garantisce perfetta aderenza, resistenza al deperimento cromatico ed elevata resistenza fisicochimica; valenze che sono la migliore difesa dalle aggressioni esterne anche in ambienti industriali particolarmente difficili. Retron Acrilico industrial protective systems are easy to apply and quick drying. The formulations ensure perfect adhesion, excellent gloss and color retention, high resistance to physical and chemical attacks, features which are the best defense against external factors, even in very aggressive industrial environments.

Cicli Retron Acrilico accreditati presso: ANAS - AUTOSTRADE ENEL - RFI - SAIPEM

Colorificio Zetagì Srl Olmo di Creazzo (VI) Tel. 0444.228300 Fax 0444.228366 info@zetagi.it www.zetagi.it


More details on Per maggiori informazioni, visitate

www.newfromgraco.com READ WHAT PROFESSIONALS THINK ABOUT IT: Dennis van Ginkel, Straalbedrijf Petersen, The Netherlands :

“The unit is super. We can spray almost anything. Its small size is really convenient. Now, I can finally go to work with the sprayer on my bicycle.” A Belgian user said:

” Normally a touch up takes about 2 hours. With the XForce we can do it in almost half the time. Please don’t mention my name, I don’t want to bring ideas to my competitors.” Brandon Dobrinska, Champion Coating, USA:

“Now my touch-up matches my original spray finish, and not to mention that it’s a lot cleaner and faster than my roller.”

ECCO CHE COSA NE PENSANO I PROFESSIONISTI: Dennis van Ginkel, Straalbedrijf Petersen, Paesi Bassi:

www.graco.com

“La macchina è fantastica. È possibile utilizzarla quasi su ogni superficie. Le dimensioni ridotte la rendono davvero pratica. Finalmente ora posso andare al lavoro in bicicletta e portare lo spruzzatore con me.” Un utilizzatore belga dice:

“In genere un ritocco richiede circa 2 ore. Con XForce è sufficiente la metà del tempo. Per favore non pubblicate il mio nome, non voglio dare suggerimenti alla concorrenza.” Brandon Dobrinska, Champion Coating, Stati Uniti:

“Ora non ci sono più differenze tra il ritocco e la finitura originale, e rispetto al rullo si guadagna in pulizia e rapidità.”

SCAN IT GUARDA


OCTOBER2012 EDITORIAL

ANALYSIS

04

COR-TEN© – One Material for Many Applications, from Architecture to Furniture COR-TEN©, un materiale per tante soluzioni, dall’architettura agli elementi d’arredo

10

Atmospheric Corrosion Behaviour of Weathering Steel (COR-TEN© steel) Comportamento alla corrosione atmosferica degli acciai patinabili (COR-TEN©)

14

COR-TEN© Steel VS Anti Corrosion Coatings: What is the Truth? Acciaio COR-TEN© VS protezione anticorrosiva con prodotti vernicianti: quale verità?

BRAND-NEW

HIGHLIGHT

30

Where STOPAQ® Starts, Corrosion Stops: The Experience and Test Center for the Visco-Elastic Technology Dove inizia STOPAQ®, la corrosione si ferma: il centro di esperienza e di collaudo per la tecnologia visco-elastica

Wind 38 Prevailing La forza del vento

42

CONTENTS

Gruppo IspAC Società Cooperativa: Quality and Competence Against Corrosion Nasce il Gruppo IspAC Società Cooperativa: qualità e competenza contro la corrosione


MAKE IT SIMPLE

Hello Graco XP70TM, the alternative of hand-mixing Why would you use a regular airless sprayer when you are using plural component paints? Do you know that most of the paint used in your coating process is a plural component paint that is manually mixed? Do you know how much money, time or material, you are wasting per year only for that coating process? Go try the ROI calculator at: xp70calculator.graco.eu.com And see how we can help you increase your proďŹ t. You can also contact us via our website: www.graco.com to plan a demonstration.(upon availability in your country)

PROVEN QUALITY. LEADING TECHNOLOGY.


OCTOBER2012 FOCUS ON TECHNOLOGY

44

Architectural Design and Use of High Durability, Maintenance-free Protective Coatings Progetti architettonici ed uso di rivestimenti protettivi ad alta durabilità e privi di manutenzione

48

Fluorinated Top Coat to Protect and Improve the Resistance of COR-TEN© Steel and to Enhance its Appearance La resistenza dell’acciaio COR-TEN© protetta ed esteticamente più valida con trattamenti di finitura fluorurata

INNOVATIONS

52

RPR 1650: Electromagnetic Induction for Removing Paint and Coatings from Steel Surfaces RPR 1650: l’uso dell’induzione elettromagnetica per la rimozione della vernice e dei rivestimenti dalle superfici in acciaio

ZOOM ON EVENTS

EXHIBITIONS CALENDAR

In copertina: Milano (2012). a di viale Renato Serra a la passerella ciclopedonale p. Progetto d’architettura: Aru colore: Jorrit Tornquist. Progetto del co o Brunetti. Fotografia: © 2012 Federic

CONTENTS


CICLI DI VERNICIATURA PER IL SETTORE ANTICORROSIONE

INVER 猫 omologata RFI per i seguenti cicli: 42/V e 43/V per la verniciatura di strutture metalliche nuove in ambiente industriale o marino 44/V per la manutenzione di strutture metalliche in ambiente industriale o marino 45/V per la verniciatura di strutture metalliche nuove zincate a caldo in ambiente industriale o marino

INVER SPA Via di Corticella, 205 路 40128 Bologna 路 ITALY

www.inver.com 路 info@inver.com


PROTECTIVE COATINGS

EDITORIAL

N

owadays, costs are an essential parameter in the design stage of an industrial, infrastructure or civil building. The ones to be taken into account are not as much those of realisation of the work of art, but rather those associated with its maintenance and its proper management over the years. These costs are sometimes difficult to predict in the design stage; furthermore, they must be faced several times during the service life of the building. Maintenance is strongly related to corrosion: as we have repeatedly stressed, corrosion has a devastating impact on the industrialised countries’ GDP in terms of costs (on average, between 4 and 5%) due to repairs to restore the damaged structures. Maintenance – understood as the set of activities performed to preserve the functionality, quality, efficiency and value of a work of art – is therefore of significant economic value in the properties management and should be carefully considered during the design stage. The maintenance system must be able to withstand the degradation and obsolescence process of a structure leading to a decrease in quality and safety of use. The key to reducing the maintenance costs is choosing construction and coating materials able to postpone the first maintenance operation for as long as possible. Given that there are no indestructible materials (for example, the concrete was considered so in 1960s; stainless steel has its – few – limits, too; and so on), some of them, however, can rightly be defined as “maintenance free” materials, for which it is assumed that the first maintenance operation takes place after a very long time, i.e. about 40-60 years, and is therefore carried out by the generation after the one that has built the structure. This and the next issue of ipcm_Protective Coatings focus on the use of two materials, weathering steel (COR-TEN©) and high performance protective coatings, which, used alone or in combination, can be “maintenance free” for a very long period of time and ensure great savings during the service life of a structure. The purpose of this extensive information, through technical and scientific articles, as well as actual cases of use, is paving the way to the big conference that ipcm_PC has organised for February, 7th on the topic “COR-TEN© and anti corrosion coatings: comparing experiences” in order to shed light on the real performance of weathering steel and on the importance of protective coatings to prolong its service life.

L

a variabile dei costi è oggi il principale parametro di valutazione nella fase di progettazione di un’opera di edilizia industriale, infrastrutturale o civile. I costi da tenere in considerazione non sono tanto quelli di realizzazione dell’opera, quanto quelli connessi alla sua manutenzione e corretta gestione negli anni, costi talvolta difficilmente prevedibili in fase progettuale e che si susseguiranno più volte nell’arco della vita utile del bene. La manutenzione è fortemente connessa alla corrosione: abbiamo più volte sottolineato che la corrosione ha un impatto devastante in termini di costo sul PIL dei paesi industrializzati (mediamente compreso fra il 4 e 5%), costi imputabili alle riparazioni per il ripristino delle strutture degradate. La manutenzione, intesa come quell’insieme di attività complesse atte a mantenere nel tempo la funzionalità, le caratteristiche di qualità, l’efficienza ed il valore economico di un’opera d’arte, assume quindi una valenza economica primaria nella gestione dei beni e deve essere attentamente valutata in sede progettuale. Il sistema di manutenzione deve essere in grado di contrastare il processo di degradamento e di obsolescenza di un bene, processo che conduce a una diminuzione della qualità e della sicurezza d’uso. La chiave per abbattere i costi di manutenzione è la scelta di materiali da costruzione e di rivestimento in grado di posticipare il più a lungo possibile il primo intervento manutentivo. Posto che non esistono materiali eterni (negli anni ‘60 lo si pensava erroneamente del calcestruzzo, l’acciaio inox ha i suoi, pochi, limiti), ne esistono però alcuni che possono essere definiti come materiali “senza manutenzione”: quelli per i quali si assume che il primo intervento di manutenzione avvenga in tempi lunghissimi, nell’ordine di 40 - 60 anni, sostenibili cioè dalla generazione successiva a quella che ha realizzato l’opera. Questo e il prossimo numero di ipcm_Protective Coatings si concentrano sull’impiego di due materiali, l’acciaio patinabile (COR-TEN©) e i rivestimenti protettivi super-performanti che, utilizzati da soli o in combinazione, possono garantire risultati “senza manutenzione” e la realizzazione di economie consistenti nell’arco della vita utile di una struttura. Lo scopo di questa informazione estesa, attraverso articoli tecnici, scientifici e casi reali di utilizzo, è quello di preparare il terreno al grande convegno che ipcm_PC organizza il prossimo 7 febbraio sul tema “COR-TEN© e Protezione Anticorrosiva con Prodotti Vernicianti: esperienze a confronto” per fare chiarezza sulle reali prestazioni degli acciai patinabili e sull’importanza del rivestimento protettivo per prolungarne la vita utile.

Alessia Venturi Editor-in-chief / Direttore Responsabile

3 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

ANALYSIS

COR-TEN© – ONE MATERIAL FOR MANY APPLICATIONS, FROM ARCHITECTURE TO FURNITURE COR-TEN©, un materiale per tante soluzioni, dall’architettura agli elementi d’arredo

© Stahlbau Pichler

Opening photo: The elegance of COR-TEN© steel characterises the Casalgrande Hotel’s façade in Salvaterra (RE), Italy. Foto d’apertura: il COR-TEN© connota elegantemente la facciata dell’hotel Casalgrande a Salvaterra (RE).

H

igh strength and self-passivating low-alloy steel, called “weathering steel”, was patented in 1933 by the United States Steel Corporation. Highly tactile, high performance and with a characteristic colouring, weathering steel is one of the most used materials by contemporary architects. Its success is due to its two main features: high resistance, both mechanical and against corrosion, and peculiar look given by the controlled oxidation. The name COR-TEN© precisely reflects these properties: CORrosion resistance + TENsile strength.

L’

acciaio basso legato altoresistenziale e autopassivante, definito “patinabile” (weathering steel) è stato brevettato nel 1933 dall’americana United States Steel Corporation. Con la sua forte matericità, il suo caratteristico cromatismo e le sue elevate prestazioni l’acciaio patinabile è oggi uno dei materiali più usati dagli architetti contemporanei. Il suo successo lo si deve proprio alle due principali caratteristiche che lo contraddistinguono: l’elevata resistenza, sia meccanica che alla corrosione e le peculiari qualità estetiche date dall’ossidazione controllata. Il nome COR-TEN© nasce dall’inglese CORrosion resistance + TENsile strength.

4 OCTOBER 2012


Valentina Valente, Fondazione Promozione Acciaio, Milano | Italia, info@promozioneacciaio.it

1

© Boni&Tancredi

1

The Tobacco Museum in Pontecorvo (FR), Italy, whose brown coating refers to the colour of tobacco leaves. Il Museo del Tabacco a Pontecorvo (FR), il cui rivestimento bruno rimanda ai colori delle foglie di tabacco. 2

Residential building “Parma #33”, designed in Turin, Italy, by BSA and Giacosa Palitto. Edificio residenziale Parma #33 progettato a Torino dagli studi BSA e Giacosa Palitto.

Its first architectural application occurred in 1964 at the John Deere World Headquarters, in Illinois, thanks to the architect Eero Saarinen. The main characteristic of COR-TEN© steel is the ability to protect itself against electrochemical corrosion through the formation of a compact passivating patina consisting of the oxides of its alloying elements, able to prevent the progressive spread of corrosion. The film varies in hue over time, but usually has a brown colour. COR-TEN© steel is a “living” and “self-protecting” material. If the surface patina is dented or scratched, it becomes oxidised again to build a new protection layer. This regeneration phenomenon can be repeated several times, thus ensuring continuous protection. The material surface is opaque and rather uniform. Typically, the slabs used are pre-oxidised, but sometimes they are installed when the oxidation is in the initial phase; in these cases, the range of tones may vary. There are three types of COR-TEN© steel, with different characteristics. It is therefore necessary to choose the most suitable one to the project needs: − grade A, or “phosphorus steel”, particularly suitable for architectural applications; − grades B and C, more appropriate in the case of highly stressed structures. The characteristics of this type of steel are defined by UNI EN 10025-5 “Technical Delivery Conditions for Structural Steels with Improved Atmospheric Corrosion Resistance”.

2

© Beppe Giardino

Il primo uso per applicazioni architettoniche arriva nel 1964 per merito dell’architetto Eero Saarinen con la John Deere World Headquarters in Illinois. La principale caratteristica dell’acciaio COR-TEN© è quella di autoproteggersi dalla corrosione elettrochimica, mediante la formazione di una patina superficiale compatta passivante, costituita dagli ossidi dei suoi elementi di lega, tale da impedire il progressivo estendersi della corrosione; tale film varia di tonalità col passare del tempo e solitamente ha una colorazione bruna. Il COR-TEN© è un materiale che “vive” e si autoprotegge: se, infatti, la patina superficiale viene intaccata o scalfita, si ossida di nuovo per costruire una nuova protezione. Questo fenomeno di rigenerazione si può ripetere più volte, mantenendo così una protezione continua. La superficie del materiale è opaca e piuttosto uniforme; in genere le lastre vengono installate preossidate ma vi sono casi in cui gli elementi vengono montati quando lo stato di ossidazione è nella fase iniziale, casi in cui la gamma di toni presenti può variare. Esistono tre tipi di COR-TEN© che presentano differenti caratteristiche ed è quindi necessario scegliere il tipo di acciaio più idoneo alle esigenze progettuali: − il tipo A, denominato “al fosforo”, è particolarmente adatto per applicazioni architettoniche; − i tipi B e C meglio si prestano nel caso di strutture fortemente sollecitate. In ambito strutturale le caratteristiche di questa tipologia d’acciaio sono definite dalla UNI EN 10025-5, “Condizioni tecniche di fornitura di acciai per impieghi strutturali con resistenza migliorata alla corrosione atmosferica”.

5 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

ANALYSIS

COR-TEN© steel is highly appreciated by contemporary Il COR-TEN© è molto amato dagli architetti contemporanei per il suo architects for its great “expressiveness” and because it blends forte carattere espressivo e perché si sposa armoniosamente con gli harmoniously with other materials – concrete, stone, wood – altri materiali: calcestruzzo, materiali lapidei, legno, prestandosi ad thus proving suitable for different project requirements and esigenze progettuali e a linguaggi differenti grazie agli svariati tipi di sectors, also thanks to the high number of processes to which lavorazione a cui può essere sottoposto: forgiatura, curvatura, trafiit may be subjected: forging, bending, drawing, machining, latura, lavorazione a macchina, a taglio, saldatura. cutting, welding. Una delle principali applicazioni è sicuramente quella dei rivestiOne of its main applications is certainly the façade cladding. menti di facciata. In questo campo si è assistito negli ultimi anni ad In this field, in the last few years we have witnessed an un incremento dell’uso di questo materiale divenuto ormai parte increase in the use of this material, which has now become dell’immagine delle città contemporanee. part of the contemporary city. “[…] oggi il COR-TEN© viene impiegato e trattato come è proprio © “[…] COR-TEN steel is now used and treated, as happens to every dei rivestimenti,” scrive Francesco Dal Co, direttore di Casabella, nel numero 807 della rivista, “quasi coating”, Francesco Dal Co, fosse un tessuto, ritagliabile, pieDirector of Casabella, wrote in gabile, ornabile con intarsi e inthe issue 807 of the magazine, cisioni che ne esaltano le qualità “almost like a fabric – cut, folded meramente superficiali.” and decorated with inlays and Viene sottolineata, dunque, la carvings that enhance its surface predilezione degli architetti conqualities.” temporanei per questa applicaAs is emphasised, contemporary zione dell’acciaio COR-TEN©, che architects like to use COR-TEN© steel for this application, to the costituisce, a tutti gli effetti, una point that it has become almost a nuova pelle per gli edifici connew “skin” for modern buildings. temporanei. In the outdoor applications, it is Nelle applicazioni per esterni è soespecially the colour that makes prattutto la variazione cromatica a this material so interesting for rendere questo materiale così inthe designers. However, the teressante agli occhi dei progettitechnical aspects, as well as the sti. Non secondari anche gli aspetweathering resistance, play a ti più tecnici, oltre alla dichiarata 3 key role, too: COR-TEN© steel resistenza agli agenti atmosferici: con il COR-TEN© è possibile otteallows to achieve significant 3 reductions in thickness and nere notevoli riduzioni di spessore A detail of the façade of the Casalgrande Hotel, where you can see the therefore in weight, giving the e conseguenti diminuzioni di peso, surface patina, with its typical brown colour. façades resistance, isolation conferendo alla pelle degli edifici Dettaglio della facciata dell’hotel Casalgrande: si nota la patina superficiale dal tipico colore bruno. and durability, compared to the resistenza, isolamento e durabilità traditional ones. If painted, it andando così a modificare la conalso reduces the maintenance operations needed. This is a design suetudine costruttiva delle facciate. Se pitturato, riduce inoltre le periosolution bound to be more and more implemented, also thanks to diche operazioni di manutenzione. È una soluzione progettuale destithe growing use of dry construction methods. nata ad essere implementata sempre di più, anche grazie al crescente There are many examples of COR-TEN© steel façades, designed by sviluppo dell’utilizzo di metodi di costruzione a secco. Sono ormai moltissimi gli esempi di utilizzo del COR-TEN© in facciata, the most famous architects in the world. Unlike ten years ago, there are now many significant buildings made of this material in Italy, too. firmati dai più noti studi di architettura in tutto il mondo e se, fino a un A few examples are the Tobacco Museum in Pontecorvo, decennio anno fa, gli esempi nel nostro Paese erano meno comuni, ogdesigned by the Roman architects Sebastiano Boni and Romolo gi esistono diversi edifici realizzati con questo materiale degni di nota. Tancredi (Fig. 1), a case of renovation in which the COR-TEN© Ricordiamo, ad esempio, il “Museo del Tabacco” a Pontecorvo, progettato dagli architetti romani Sebastiano Boni e Romolo Tancredi has given a new identity to an old building; the extension (fig. 1), caso di recupero edilizio in cui il COR-TEN© ha dato nuova of the Paresa offices in Cesena; but also some residential buildings, such as “Parma #33” (Fig. 2), designed in Turin by identità ad un vecchio edificio; l’ampliamento della sede “Paresa” a

6 OCTOBER 2012


Valentina Valente, Fondazione Promozione Acciaio, Milano | Italia, info@promozioneacciaio.it

Cesena, ma anche edithe architectural fici residenziali, come firms BSA and il “Parma #33” (fig. 2) Giacosa Palitto, or progettato a Torino the Casalgrande dagli studi BSA e Hotel in Salvaterra Giacosa Palitto, o l’ho(RE, Italy) (Fig. 3). tel “Casalgrande” a The new Salvaterra (RE) (fig. 3). generations of Le nuove generazioarchitects like to ni di architetti amaexperiment with no sperimentare con this material, also questo materiale, anmixing architecture che in forme progetand sculpture. tuali ibride tra l’archiTwo examples of tettura e la scultura. this are the recent Ne è un esempio il “Deportation recente “Memoriale Memorial” in Borgo della Deportazione” a San Dalmazzo, near 4 Borgo san Dalmazzo, Cuneo, designed by presso Cuneo, prothe architectural 4 gettato dallo studio firm Kuadra, The COR-TEN© steel wall in the lobby of the Unindustria headquarters in Treviso, Italy, designed by the Kuadra, dove il with its threearchitect Paolo Bornello. dimensional letters La quinta in acciaio COR-TEN© nella hall della sede Unindustria a Treviso, progettata dall’arch. Paolo Bornello. COR-TEN© si presta ad and decorations in un gioco scultoreo di COR-TEN©, lettere tridimensionali e decorazioni che riportano incisioni indelebili, nel segno della memocharacterised by a series of carvings as a symbol of the ria dell’Olocausto, ma anche il progetto di recupero di Piazza Garibaldi Holocaust, and the restoration project of the square Piazza nel centro storico di Lastra Signa, firmato da Neostudio, in cui l’uso del Garibaldi in the centre of Lastra Signa (Italy), realised by © COR-TEN© è ampiamente utilizzato per creare fontane, sedute, aiuole Neostudio, in which COR-TEN steel has been widely used to create fountains, seats, flower beds and even a large e un grande totem polifunzionale, dalle forme scultoree. Queste somultipurpose totems, similar to a sculpture. luzioni caratterizzano i luoghi nei centri storici instaurando, grazie alla These elements characterise their sites in the town centres, colorazione calda del materiale, un dialogo armonioso con il contesto. while harmoniously fitting in the environment thanks to the Dalla scala architettonica a quella più di dettaglio, il COR-TEN© si prewarm colour of the material used. sta a giochi di superficie anche per interpretare in modo contempo© COR-TEN steel is also suitable for contemporary interiors, raneo ambienti interni, in special modo nel settore del contract e del terziario, dove gli architetti possono sperimentare forme e texture especially in the contract and the tertiary sector, where più ardite, ma non soltanto. architects can experiment with bold shapes and textures, Così, ad esempio, la hall dei nuovi uffici di Unindustria, a Treviso, accobut not only. glie gli associati e i visitatori con una quinta interamente realizzata in For example, the lobby of the new headquarters of COR-TEN© (fig. 4), che viene riproposta dal progettista Paolo Bornello Unindustria, in Treviso (Italy), welcomes members and visitors © with a wall entirely made in COR-TEN (Fig. 4), which the anche nella grande sala del Consiglio. In questo caso, il materiale viene scelto come simbolo di concretezza, forza ed eleganza, adatto ad designer Paolo Bornello has used also in the large board un ambiente istituzionale come quello di un’associazione industriaroom. In this case, this material has been chosen as a symbol le. Scendendo ancora più di scala, questo materiale è diventato negli of concreteness, strength and elegance, but also because it is ultimi anni una delle tendenze più ricercate nel settore dell’outdoor suitable for an institutional environment such as an industrial sia inteso come arredo urbano che come spazi esterni privati o di association. Recently, COR-TEN© steel has become one of rappresentanza. Sono molti i designer che, per diverse aziende del the most popular trends also in the outdoor sector, both settore, con particolare riferimento al mercato italiano, hanno disefor urban furniture pieces and for private or public spaces. gnato intere collezioni di elementi per l’arredo urbano in COR-TEN©: Many designers have conceived entire urban furniture sets

7 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

ANALYSIS

5

Valentina Valente, Fondazione Promozione Acciaio, Milano | Italia, info@promozioneacciaio.it

© Boni&Tancredi

5

Design and furniture pieces in COR-TEN© steel in the Tobacco Museum. Elementi di design e arredo in acciaio COR-TEN© all’interno del Museo del Tabacco.

in COR-TEN© for different companies, especially for the Italian market – benches, paper bins, tree grilles and bicycle racks with more or less innovative and bold shapes, but always extremely elegant, like the COR-TEN© itself, in order to meet the contemporary need for functional (i.e. with resistant and durable materials) as well as beautiful public spaces. In the past few years, a great variety of objects in COR-TEN© has been designed – often by well-known designers, who offer original solutions that are meeting the favour of a wider and wider audience – for the private outdoor spaces, too, especially for terraces and gardens: Flower boxes, pots, jars, etc. Research and experimentation with this material are now involving also the furniture industry (Fig. 5): Tables, chairs, bookcases in COR-TEN© are being designed for modern homes, in line with that “industrial style” started a few years ago with the renovation of old industrial areas to make lofts, houses and rooms. There is no doubt that, in these last few years, COR-TEN© steel has been a real trend in all fields of architecture and design, as has been proven during the last editions of the worldwide Milan Furniture Fair and of the other key trade fairs in the industry. However, thanks to the great flexibility and versatility of this material, there still much to discover and experience.

panchine, cestini porta carta, salvapiante, portabiciclette, con forme più o meno innovative e ardite, ma caratterizzati tutti da una estrema eleganza, innata nell’estetica stessa del materiale, per rispondere all’esigenza contemporanea di caratterizzare gli spazi pubblici in modo funzionale (quindi con oggetti resistenti e durevoli) ma al tempo stesso con soluzioni di grande valore estetico. Nel settore dell’outdoor per gli spazi privati si è assistito negli ultimi anni ad una grande produzione di oggetti in COR-TEN© funzionali a terrazze e giardini, come fioriere, vasi, contenitori, spesso firmati dalla matita di designer conosciuti, che propongono soluzioni originali che incontrano ormai il favore di un pubblico sempre più ampio. La ricerca e la sperimentazione formale con questo materiale continua e sconfina anche negli elementi di arredo (fig. 5): tavoli, sedie, librerie in COR-TEN© vengono proposte per abitazioni moderne, riproponendo quell’“industrial style” che ha visto, negli ultimi anni, la rinascita di loft, abitazioni e locali ricavati in spazi una volta adibiti ad uso produttivo. Non vi è dubbio dunque che il COR-TEN© rappresenti, in questi ultimi anni, una vera e propria tendenza in ogni settore dell’architettura e del design, testimoniata anche dalle proposte esposte alle più recenti edizioni del Salone Del Mobile di Milano, che da sempre fa tendenza nel mondo, e delle principali fiere dedicate al settore, con risvolti in parte ancora da scoprire e sperimentare grazie alla grande flessibilità e versatilità del materiale.

8 OCTOBER 2012


Rösler Italiana

GRANIGLIATURA...

2>1 Rösler: non solo vibrofinitura Un impianto Rösler di granigliatura o di vibrofinitura viene progettato e prodotto con l’obiettivo di ottenere la migliore qualità combinata con la massima riduzione dei costi di lavorazione.

Granigliatrice RMBC 2.1 HD

www.rosler.it

Da sempre leader nel campo della vibrofinitura, oggi Rösler rinforza la sua presenza nel mercato italiano della granigliatura, offrendo una vasta gamma di soluzioni specifiche per produzioni di uso standard, traducendo in efficienza e qualità la propria esperienza acquisita negli impianti progettati su misura.

Macchine e impianti di granigliatura: U macchine a tappeto ribaltante U macchine a flusso continuo U macchine con convogliatore aereo e pezzi sospesi U macchine con piano di scorrimento a rulli U impianti di sabbiatura e verniciatura lamierati U macchine a tavola rotante/satelliti U granigliatrici a tamburo U macchine con tappeto a maglie metalliche o tappeto in gomma U granigliatrici per tubi U roboblaster U macchine di granigliatura ad aria compressa U cabinette di granigliatura U shot peening U macchine per la pulizia degli stampi U sbavatrici della plastica termoindurente

Rösler Italiana srl - Via Vittorini 10/12 - 20863 Concorezzo MB - telefono 039 611 521

9 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

ANALYSIS

ATMOSPHERIC CORROSION BEHAVIOUR OF WEATHERING STEEL (COR-TEN© STEEL) Comportamento alla corrosione atmosferica degli acciai patinabili (COR-TEN©) Taken from: Pietro Pedeferri “Corrosione e protezione dei materiali metallici”, Volumes 1 and 2, Polipress, 2007. Tratto da: Pietro Pedeferri “Corrosione e protezione dei materiali metallici”, volume 1 e 2, Polipress, 2007.

W

G

eathering steels are ferrous li acciai patinabili sono leghe ferrose alloys containing traces of contenenti tracce di rame, cromo e copper, chromium and phosphorus, fosforo che conferiscono alla lega la prowhich give the alloys “self-protecting” prietà di auto-proteggersi. properties. Già nei primi decenni del secolo scorso Already in the early decades of the si era notato che l’aggiunta all’acciaio al last century, it was noticed that the carbonio di rame in tenore 0,2-0,3% poraddition of a copper content of 0.2-0.3% tava a un dimezzamento della velocità di to carbon steel halved its atmospheric corrosione atmosferica. Nel 1933 la U.S. corrosion rate. In 1933, U.S. Steel Steel lanciò un acciaio basso legato con launched a low-alloy steel with a 0.20,2-0,5% di rame, 0,5-1,5% di cromo e 0.5% copper, 0.5-1.5% chromium and 0,1-0,2% di fosforo che presentava a sua 0.1-0.2% phosphorus content; it had at volta una resistenza alla corrosione atmoleast double the atmospheric corrosion sferica almeno doppia di quella dell’acresistance as copper steel, as well as a ciaio al rame, e una buona resistenza algood yield strength. This steel is called lo snervamento. Questo acciaio è detto COR-TEN© because it is resistant to COR-TEN© perché è resistente a corrosiocorrosion and has good mechanical ne e ha buone proprietà meccaniche (corproperties (Cor-Ten: Cor = corrosion, ten, cor = corrosione, ten = tensione). Ten = tension). La composizione negli anni successivi subì The composition underwent some qualche aggiustamento. Fu introdotto lo adjustment in the following years. A 0.4% 0,4% di nichel per minimizzare il dannegnickel content was added to minimise giamento che l’acciaio subiva durante la 1 damage to steel during hot working. In lavorazione a caldo. Negli acciai da utiliz© Pietro Pedeferri the steels intended for welded structures, zare per strutture saldate, il fosforo fu ri1 phosphorus was reduced to less than dotto a meno dello 0,04%, così da evitaThe Picasso (Chicago, IL, USA), 1960s. 0.04%, so as to avoid the formation of re la formazione di cricche da saldatura. Scultura di Picasso (Chicago, IL, USA), ’60. welding cracks. Small quantities of other Furono pure aggiunti piccoli tenori di altri elements (V, Zr, Mo) were also added, elementi (V, Zr, Mo) soprattutto per miespecially in order to improve the mechanical strength. The yield gliorare la resistenza meccanica, per cui il carico di snervamento passò strength changed from 350 MPa to 420 MPa, up to 490 MPa. da 350 MPa a 420 MPa, fino a 490 MPa. At the beginning, weathering steels were used with protective Inizialmente gli acciai patinabili furono impiegati con rivestimenti procoatings. In applications such as freight cars, articulated lorries, tettivi. Applicazioni quali carrozze-merci, autotreni, attrezzi agricoli, agricultural tools and beams for bridges, they increased the surface travi per ponti, mostrarono durate da 1,5 a 4 volte superiori rispetto a durability by 1.5 to 4 times compared to carbon steels used with quelle che utilizzavano acciai al carbonio con gli stessi rivestimenti prothe same protective coatings. The first important application in the tettivi. La prima applicazione importante nell’edilizia è del 1964 e apre construction sector occurred in 1964 and opened the way for many la strada a numerose altre, tra cui il Chicago Civic Center nella piazza others, such as the Chicago Civic Centre in the central square of the centrale della città, con davanti la scultura di Picasso senza titolo conocity, with the “Chicago Picasso” (Fig. 1), a sculpture made in both sciuta come “Chicago Picasso” (fig. 1), parte in COR-TEN© e parte in ac© COR-TEN and stainless steel, or the Metallurgical Research Centre ciaio inossidabile, e in Italia il Centro Sperimentale Metallurgico vicino a near Rome, in Italy, made in COR-TEN© and stainless steel, too. Roma, anche questo in COR-TEN© e acciaio inossidabile. L’applicazione

10 OCTOBER 2012


Edited by F. Bolzoni, M. Ormellese, PoliLaPP - Corrosion Laboratory “Pietro Pedeferri”, Department of Chemistry, Materials and Chemical Engineering “G. Natta” Politecnico di Milano

In the following years, più importante negli the most important anni successivi è certaapplication has mente quella per travi certainly been on the e impalcati di ponti aubeams and decks of tostradali. highway bridges. Gli acciai patinabili si Weathering steels autoproteggono perare “self-protecting” ché riescono in molbecause, in many te condizioni di espoexposure conditions, sizione a ricoprirsi nel in 1 to 4 years they periodo di 1-4 anni di become covered with una pellicola compoa good-looking film of sta da ruggine di colore dark brown rust. This marrone scuro e di piafilm is made up of a cevole aspetto. Queporous and coarse sta pellicola è caratteouter layer and a rizzata da uno strato thin, amorphous and esterno poroso e gros2 © Fabio Bolzoni waterproof inner solano e da un sottile layer, which is what strato interno amorfo 2 gives the corrosion e impermeabile, che è Conference Centre and Concert Hall (Bilbao, Spain), 1999 . resistance properties Palazzo dei congressi e della musica (Bilbao, Spagna), 1999 . quello che conferisce to the surface, resistenza alla corrosince it is rich in copper, chromium and phosphorus (the elements that sione, ricco di rame, cromo e fosforo (gli elementi che più contribuiscocontribute to the formation of the protective layer). no alla formazione dello strato protettivo). The formation of the amorphous layer is facilitated by the presence La formazione dello strato amorfo è facilitata dalla presenza nell’amin the environment of species such as sulphates and chlorides, biente di specie come i solfati e i cloruri, purché in tenori non superioprovided that they do not exceed a critical limit. During the ri a un limite critico. Nel periodo di formazione dello strato protettivo formation of the protective layer, a few factors are very important: sono molto importanti alcuni fattori: l’alternanza bagnato-asciutto, le wet-dry alternation, conditions of exposure to sunlight (which condizioni di esposizione alla luce solare (che probabilmente esercita probably exerts a photocatalytic effect on the formation of the un’azione fotocatalitica sulla formazione dello strato), il grado e il tipo layer), degree and type of pollution. The behaviour of these steels di inquinamento. Il comportamento di questi acciai può quindi variacan therefore vary depending on geographic location, distance re con la posizione geografica, la distanza dal mare, l’orientamento, la from the sea, orientation, arrangement, sunlight exposure, position giacitura, l’esposizione rispetto ai raggi solari, la posizione della struttuof the structure, shape of the structure and so on. The factors ra, la forma di quest’ultima e altro ancora. Particolarmente importan(geometric, but not only) that facilitate the stagnation of water play te è la presenza di fattori geometrici (ma non solo) che favoriscono il an especially important role: on the areas that remain wet for a ristagno di acqua: sulle parti che rimangono a lungo bagnate, la patina long time, the protective layer is not formed and corrosion occurs as protettiva non si forma e la corrosione procede come nei comuni acciai with the common carbon steels. Such critical conditions can arise on al carbonio. Condizioni critiche di questo tipo si possono formare prethe surfaces facing the ground, in the lower parts of the structures, feribilmente sulla superficie rivolta verso terra, nella parte bassa delle in the parts where the steel surface is in contact with leaves or grass, strutture, nelle zone in cui l’acciaio opera a contatto con foglie o erba e and in all those areas where the water stagnation is facilitated. in tutte quelle parti che favoriscono il ristagno d’acqua. In the presence of high levels of chlorides, as can happen in marine In presenza di cloruri in tenori elevati, come può accadere in ambiente environments or in areas where de-icing salts are used, the marino o in zone dove si impiegano sali antigelo, la patina protettiva non protective layer is not formed or may form incorrectly. Even high si forma o può formarsi in modo non corretto. Anche tenori elevati di SO2 levels of SO2 together with high humidity – as happened in the associati a umidità elevate, condizioni come quelle che si potevano incontrare negli anni ’60-’70 in zone industriali o peggio marino-industriali, industrial or, even worse, the marine industrial areas in the 1960s ostacolano la formazione della patina: probabilmente è stata questa la and 1970s – hinder the formation of the patina. This was probably causa principale di diversi insuccessi che si sono avuti negli anni ’70. the main cause of many failures occurred in the 1970s.

11 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

ANALYSIS

Case study: COR-TEN© steel corrosion at the Politecnico di Milano premises

Caso di corrosione su acciaio patinabile COR-TEN© al Politecnico di Milano

The perimeter of the Giuriati Campus and of the canteen of Politecnico di Milano was built in the 1970s in COR-TEN© steel, with H profiles. Afterwards, the lower part of the enclosure – where the poles supporting the fence were fixed in the ground through a cube of concrete, which facilitated the water stagnation – corroded. In a few years, the corrosion resulted in the destruction of the core of almost all profiles for about 10 cm; the rest of the surface, on the other hand, remained perfect. When this was to compromise even the mechanical stability of the structure, it was decided to lay some new concrete over the old one to strengthen the structure and passivate the corroded areas again (having an alkaline pH, concrete promotes passivation of iron alloys). After about 30 years, the fence has not had any further corrosion problem.

Il recinto del Campus Giuriati e della mensa del Politecnico di Milano sono stati realizzati in acciaio COR-TEN©, con profili ad H, negli anni ’70. La corrosione si è localizzata nella parte bassa della recinzione, dove i pali che sostengono l’inferriata erano fissati nel terreno attraverso un cubo in calcestruzzo, che favoriva il ristagno dell’acqua. La corrosione ha portato in pochi anni alla distruzione dell’anima di quasi tutti i profilati per un’altezza di circa 10 cm; la restante parte della superficie era invece perfetta. Quando l’attacco corrosivo stava per compromettere anche la stabilità dal punto di vista meccanico della struttura, si è deciso di realizzare un ulteriore getto di calcestruzzo sovrapposto a quello esistente per consolidare la struttura e ripassivare le zone corrose (il calcestruzzo infatti, avendo un pH alcalino, favorisce la passivazione delle leghe di ferro). A circa 30 anni dall’intervento il recinto non ha presentato ulteriori problemi di corrosione.

3

4

5

3 4 5 6

Corrosion phenomenon at Politecnico di Milano, fence of the Giuriati Campus and of the canteen. Fenomeno di corrosione presso il Politecnico di Milano, recinto del campus Giuriati e della mensa. 7

Situation after the restoration. Situazione dopo l’intervento di ripristino.

7

12 OCTOBER 2012

6


13 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

ANALYSIS

COR-TEN© STEEL VS ANTI CORROSION COATINGS: WHAT IS THE TRUTH? Acciaio COR-TEN© VS Protezione Anticorrosiva Con Prodotti Vernicianti: quale verità?

S

teel is becoming more and more widespread as a building material alternative to cement and concrete, for both the residential and the industrial and infrastructure architecture. This trend is partially due to the Northern European tendency to favour the dry construction methods, e.g. the use of prepainted metal (steel or aluminium), which ensure a quicker carrying out of the works, a more precise assessment of the costs, a greater flexibility and innovation in design and a lower environmental impact of the buildings. In Italy, especially in the field of road infrastructure (bridges, viaducts, footbridges, motorway barriers and equipment, and so on), in the last few years there has been an increasing use of uncoated weathering steel, or COR-TEN© steel. Its supporters (especially its producers) state that this self-passivating material is not subject to corrosion (even if it is not protected by any coating) and does not require any maintenance (or, if painted, it requires low maintenance). These features provide therefore a great potential advantage in terms of reducing the construction and maintenance costs, as well as of durability. On the contrary, its detractors (including, of course, the coatings manufacturers and applicators), say that uncoated COR-TEN© steel (which, obviously, has a higher cost than carbon steel) does not show any corrosion resistance and that the consequent possible structural flaws are dangerous for the users of the structures made with it. The COR-TEN© was patented in 1933 by the United States Steel Corporation (U.S.S.). When used uncoated and exposed to the atmosphere, it becomes covered with a compact patina consisting of the oxides of its alloying elements, which prevents the progressive spread of corrosion. But is this protective oxidation formed in any case or does it have limitations related to the environment and the conditions of use? In the rest of Europe, the spread of COR-TEN© steel is not occurring as widely as in Italy. Actually, it is very difficult to obtain data on the use of this material in most European countries, even in those where the aggressive environmental conditions in terms of corrosion (for example, the Scandinavian states, on the North Sea) would leave one to assume that weathering steel is extensively used. In the United States, where, at first, it was used on a large scale, the COR-TEN© seems to have been phased out in the last few years. These imbalances raise a few questions. Is it true that COR-TEN© steel does not corrode in any environment? And

L’

acciaio si sta diffondendo sempre di più come materiale da costruzione alternativo al cemento e al calcestruzzo, sia per l’architettura residenziale che industriale e infrastrutturale. Questa diffusione segue, in parte, la tendenza Nord Europea a favorire le costruzioni “a secco”, ad esempio con l’impiego di metallo pre-verniciato (acciaio o alluminio), grazie a una maggior velocità di realizzazione delle opere, a una più precisa valutazione dei costi, alla maggior flessibilità e innovazione nel design progettuale, nonché al basso impatto ambientale della costruzione stessa. In Italia, soprattutto nel settore delle infrastrutture viarie (ponti, viadotti, passerelle, barriere e complementi autostradali, e così via), negli ultimi anni si è registrato un impiego sempre più diffuso dell’acciaio patinabile, o acciaio COR-TEN©, non verniciato, grazie al fatto che i sostenitori (i produttori in primis) dichiarano che questo materiale autopassivante non è soggetto alla corrosione (anche se non protetto da rivestimento alcuno) e non richiede alcuna manutenzione (oppure, se pitturato, una manutenzione ridotta). Queste caratteristiche offrono quindi un grande vantaggio potenziale in termini di riduzione dei costi di costruzione e di manutenzione, nonché di durabilità. I suoi detrattori (fra cui, naturalmente, i produttori e gli applicatori di pitture), dichiarano al contrario che il COR-TEN© (che naturalmente ha un costo di vendita maggiore dell’acciaio al carbonio) non pitturato non mostra alcuna performance di resistenza alla corrosione e che le conseguenti possibili falle strutturali rappresentano un pericolo per gli utenti delle strutture realizzate con esso. Brevettato nel lontano 1933 dalla United States Steel Corporation (U.S.S.), l’acciaio COR-TEN© esposto, non pitturato, in atmosfera si riveste di una patina uniforme costituita dagli ossidi dei suoi elementi di lega, che impedisce il progressivo estendersi della corrosione. Ma questa ossidazione protettiva si forma a prescindere o presenta dei limiti legati all’ambiente e alle condizioni d’uso? La diffusione del COR-TEN© a livello progettuale pare non verificarsi nel resto dell’Europa in modo così marcato come in Italia. È infatti molto difficile reperire dati di impiego di questo materiale nei principali Paesi Europei, anche in quelli dove condizioni ambientali particolarmente aggressive dal punto di vista corrosivo (pensiamo ai Paesi Scandinavi affacciati sul Mare del Nord) lascerebbero presumere un largo impiego dell’acciaio patinabile. Negli Stati Uniti, dove il COR-TEN© è nato ed è stato inizialmente impiegato su larga scala, sembra essere stato progressivamente abbandonato negli ultimi anni.

14 OCTOBER 2012


Alessia Venturi

most of all, has an analysis of the corrosion level of the existing structures in this material been carried out? The two articles preceding mine offer a first, quick examination of the state of the art of COR-TEN© steel, while the article of the late Prof. Pedeferri, an international corrosion expert of Politecnico di Milano, clarifies that it is important to make some distinctions as to the claimed absolute corrosion resistance of COR-TEN© steel. Although the COR-TEN© has some structural advantages (it allows for a reduction in thickness and therefore in weight, compared to carbon steel), there is no doubt that its subsequent coating with suitable corrosion protection products is a guarantee not only of durability but also of safety of use of the road infrastructure. In order to shed light on this issue, and to determine in which environments, if any, COR-TEN© steel self-passivates at its best, ipcm_Protective Coatings has organised the conference “COR-TEN© e Protezione Anticorrosiva Con Prodotti Vernicianti. Comparazione in termini di affidabilità e resistenza alla corrosione fra costruzioni/opere civili realizzate in acciaio COR-TEN© e acciaio al carbonio protetto con pitture anticorrosive” (i.e. “COR-TEN© and anti corrosion coatings. Comparison in terms of reliability and corrosion resistance between construction/civil works made in COR-TEN© steel and in carbon steel protected with anti corrosion coatings”) in collaboration with ANIARP (the Italian National Association of Coating Application Companies) and IspAC Group, under the patronage of Fondazione Promozione Acciaio, ANAS and the Ministry of Economic Development. The conference aims at shedding light on the characteristics, the mechanical behaviour and the degradation of uncoated COR-TEN© steel, but also at examining its application fields and the maintenance required in order to prolong its service life and ensure its safe use. A series of stories and actual cases of use of this material – both coated and uncoated – in different sectors will be presented, highlighting strengths and weaknesses. In the next pages of ipcm_Protective Coatings, you will find some case histories of use of coated COR-TEN© steel for the implementation of infrastructure projects in Italy, together with the reasons that led the customers to choose to combine weathering steel even with high performance coating systems. On the next issue of this magazine, we will further discuss this topic and present the opinion of a steel plant producing COR-TEN©, as well as studies on the performance of this material. Our goal is not to support a lobby or another, but to promote precise and accurate information in order to help the clients choose the best materials to ensure durability of their structures and, above all, safety of their users.

Questi squilibri obbligano quantomeno a porsi delle domande, una su tutte se, davvero, l’acciaio COR-TEN© non corrode in qualsiasi ambiente esso venga impiegato, e soprattutto se sono state condotte ricerche e analisi relative al livello di corrosione delle strutture in COR-TEN© esistenti. I due articoli che precedono questo mio rappresentano una prima, veloce incursione nello stato dell’arte dell’acciaio COR-TEN© e l’articolo del compianto prof. Pedeferri, esperto mondiale di corrosione del Politecnico di Milano, chiarisce come sia doveroso fare delle distinzioni in merito alla professata resistenza “tout court” alla corrosione dell’acciaio COR-TEN©. Sebbene il COR-TEN© presenti dei vantaggi dal punto di vista strutturale (è possibile realizzare riduzioni di spessore e conseguenti diminuzioni di peso rispetto all’acciaio al carbonio), è indubbio che il suo successivo rivestimento con adeguati sistemi di protezione dalla corrosione sia una garanzia non solo di durata ma anche di sicurezza di impiego delle infrastrutture viarie. Per fare chiarezza su questo tema e determinare in quali ambienti, se ne esistono, il COR-TEN© esplicita al meglio la sua funzione auto passivante, ipcm_Protective Coatings organizza, in collaborazione con ANIARP (Associazione Nazionale Imprese Applicazione Rivestimenti Protettivi), Gruppo IspAC, e con il patrocinio di Fondazione Promozione Acciaio, ANAS, e Ministero dello Sviluppo Economico il convegno “COR-TEN© e Protezione Anticorrosiva Con Prodotti Vernicianti. Comparazione in termini di affidabilità e resistenza alla corrosione fra costruzioni/opere civili realizzate in acciaio COR-TEN© e acciaio al carbonio protetto con pitture anticorrosive”. Il convegno ha lo scopo di fare chiarezza sulle caratteristiche, il comportamento meccanico e il degrado dell’acciaio COR-TEN© non verniciato, nonché di approfondirne i campi applicativi e la manutenzione necessaria al fine di prolungarne la vita utile e garantire sicurezza d’uso. Saranno presentate una serie di esperienze e casi reali di impiego di questo materiale – sia nudo che verniciato – in vari settori industriali, evidenziandone pregi e difetti. Nelle prossime pagine di ipcm_Protective Coatings trovate alcune case-history di utilizzo del COR-TEN© verniciato per la realizzazione di opere infrastrutturali in Italia, e le motivazioni che hanno spinto i committenti a scegliere di abbinare all’acciaio patinabile anche cicli di pitturazione altamente performanti. Sul prossimo numero della rivista proseguirà il dibattito in materia e presenteremo l’opinione di un’acciaieria che produce COR-TEN© nonché studi sulle effettive prestazioni di questo materiale. Il nostro scopo non è quello di sostenere a priori una lobby piuttosto che un’altra, ma di promuovere un’informazione corretta, precisa e puntuale per aiutare la committenza a scegliere i materiali migliori per garantire durabilità alle proprie strutture e soprattutto piena sicurezza d’uso ai loro utenti.

15 OCTOBER 2012


eos eos

MKTG & COMMUNICATION MKTG & COMMUNICATION

Ministero dello Sviluppo Economico


PROTECTIVE COATINGS BRAND - NEW XFORCE™ HD: MAX POWER IN MINI SIZE. HEAVY DUTY CORDLESS AIRLESS SPRAYER XForce™ HD: massima potenza in piccole dimensioni. Spruzzatore airless cordless Heavy Duty

1

G

raco is proud to introduce the new XForce™ HD, another revolutionary technology that will rapidly change the way touch-up is done in the protective coatings business, like spray small surfaces, touch-up scratches, nuts, bolts, flanges, pipes, valves, electrical boxes, doors, frames, ladders, rails, holidays, structural steel components, or repair surfaces parts, punch-list items and much more (Fig. 1). With the capability to quickly deliver a highly desired, onecoat airless finish, the XForce HD™ eliminates the need for multiple coats often required with messy brushes and rollers. It also eliminates the need to wet larger airless equipment just to spray small areas.

G

raco è fiera di presentare il nuovo XForce™ HD, un’altra tecnologia rivoluzionaria che modificherà rapidamente le modalità di esecuzione dei ritocchi nell’industria dei rivestimenti protettivi, come spruzzare piccole superfici, ritoccare graffi, dadi, bulloni, flange, tubi, valvole, scatole elettriche, porte, telai, scale, binari, componenti strutturali in acciaio, oppure riparare parti di superfici, componenti danneggiate o incomplete e molto altro ancora (fig.1). Grazie alla capacità di fornire rapidamente una finitura airless monostrato, oggetto del desiderio di ogni cliente, XForce HD™ elimina la necessità di rivestimenti multistrato spesso indispensabili con rulli e spazzole. In questo modo, non è più necessario bagnare attrezzature airless più grandi solo per spruzzare piccole aree.

18 OCTOBER 2012


by Paola Giraldo

2

3

XForce™ HD professional airless sprayer advantages (Figs. 2, 3):

Vantaggi dello spruzzatore professionale airless XForce™ HD (figg. 2, 3):

- A perfect finish, matches original spray finish, saving material and solvent. - Ultimate portability, totally changes the way you do your jobs. Small projects that used to take hours, now take minutes. - Ready to spray paint in seconds; sprays most common protective coatings in one coat coverage.

- Una finitura perfetta che si adatta alla finitura a spruzzo originale, consentendo di risparmiare materiale e solvente. - L’estrema portabilità modifica completamente le modalità di esecuzione dei lavori. Piccoli progetti che richiedevano ore, adesso si eseguono in pochi minuti. - Pronto a spruzzare in pochi secondi. Spruzza i rivestimenti protettivi più comuni con una copertura monostrato.

XForce™ HD features:

Caratteristiche di XForce™ HD:

- ProConnect pump removal and installation system, which allows you to remove and replace the pump in seconds. - The Spray-N-Throw cup system virtually eliminates clean-up and allows you to spray at any angle – even upside down. - A fully adjustable FullFlo Pressure Control to achieve the finish you need.

- Sistema d’installazione e rimozione della pompa ProConnect che consente di rimuovere e sostituire la pompa in pochi secondi. - Il sistema a tazza monouso Spray-N-Throw rende superflua ogni operazione di pulizia e consente di spruzzare da qualsiasi angolazione, persino sottosopra. - Il controllo della pressione FullFlo offre la massima flessibilità per ottenere la finitura desiderata.

Whether you’re doing touch-ups, performing spot repair or simply have a small area or part to paint, the job just gets easier (Fig. 4). The new XForce™ HD is designed to spray the toughest protective coatings and corrosion control materials, including solvent and waterbased coatings, high solids polyurethane top coatings, fire-retardant coatings, plural-component coatings, elastomerics and much more. For more information: www.graco.com.

4

19 OCTOBER 2012

Eseguire ritocchi, riparazioni veloci o anche solo verniciare una piccola zona diventa molto più semplice (fig. 4). Il nuovo XForce™ HD è studiato per spruzzare i rivestimenti protettivi più difficili e i materiali per il controllo della corrosione, inclusi solventi e rivestimenti a base d’acqua, rivestimenti finali in poliuretano ad alto contenuto di solidi, rivestimenti anti-incendio e multicomponente, elastomeri e molto altro ancora. Per ulteriori informazioni: www.graco.com.


PROTECTIVE COATINGS BRAND - NEW NEW ENVIRONMENTALLY SAFE CORROSION CONTROL LINE-UP FOR COLD WEATHER Nuova linea di prodotti a basso impatto ambientale per il controllo della corrosione nella stagione fredda

E

nvironmental factors such as temperature play a major role in the selection of materials for corrosion resistance. Theoretically, they should always be applied under the best of conditions. But practically, these ideal conditions are seldom available for application, shipping, or storage of material. Successful cold temperature applications can be greatly enhanced with the proper Cortec® product designed for low temperature use, assisted by the technical support from the company’s accredited laboratory. EcoLine® 3690, USDA certified open atmosphere corrosion inhibitor, is a biodegradable, biobased, readyto-use temporary coating. When applied on the surface, this product leaves an oily film, which 1 provides excellent outdoor protection on any metal surface. The film is self-healing and moisture displacing, providing superior protection against aggressive environments. VpCI®-337 Winterized - a cold weather version of VpCI®-377 – has a lower freezing point for the convenience of application and storage in cold temperatures (Figs. 1 e 2 ).

I

fattori ambientali, come la temperatura, giocano un ruolo importante nella selezione dei materiali per la resistenza alla corrosione. In linea teorica, dovrebbero essere sempre applicati nelle migliori condizioni. Nella pratica, raramente si trovano le condizioni ideali per l’applicazione, la spedizione e lo stoccaggio del materiale. Applicazioni efficaci alle basse temperature possono essere potenziate attraverso il prodotto Cortec® adatto e progettato per l’utilizzo in queste situazioni, con il supporto tecnico del laboratorio accreditato dell’azienda. EcoLine® 3690, l’inibitore della corrosione per ambiente all’aperto certificato USDA, è un rivestimento temporaneo biodegradabile, proveniente da fonti rinnovabili e pronto all’uso. Una volta applicato alla superficie, il prodotto lascia una pellicola oleosa che offre un’eccellente protezione in esterno a qualsiasi superficie metallica. La pellicola è autoriparante e allontana l’umidità, offrendo una protezione superiore contro gli ambienti aggressivi. VpCI®-337 Winterized, una versione per la stagione fredda di VpCI®-377, ha un punto di congelamento più basso per facilitarne l’applicazione e lo stoccaggio a temperature fredde (figg. 1 e 2).

20 OCTOBER 2012


by Paola Giraldo

VpCI®-337 is effective on ferrous and non-ferrous metals as well as aluminum, plated steels, and copper. VpCI®-337 is consistently successful in providing protection to the basic metals, metalworking, and packaging industries. It is a corrosion preventative liquid that meets tough antipollution requirements. VpCI®-377’s vapor phase action protects ferrous and non-ferrous metals by forming a clear, dry, hydrophobic film to protect uncoated surfaces and difficult to reach areas. For further information: www.cortecvci.com

VpCI®-337 è efficace sui metalli ferrosi e non ferrosi, su alluminio, acciai zincati e rame, e offre ottime e costanti prestazioni di protezione alle industrie dei metalli di base, metalmeccanica e dell’imballaggio. Si tratta di un liquido di prevenzione della corrosione che risponde ai requisiti antinquinamento più stringenti. L’azione della fase vapore di VpCI® - 377 protegge i metalli ferrosi e non formando una pellicola pulita, asciutta e idrorepellente che protegge le superfici non rivestite e le zone difficili da raggiungere. Per ulteriori informazioni: www.cortecvci.com

2

World Leaders

Have Responsibilities Too!

• Surface Preparation

A

• Concrete Reinforcement Protection

N

C E T R O Preservation • Equipment C à t i c i l b b pu provides environmentally safe corrosion protection solutions. R

L

E

V

C

E

• Water Based Coatings • P ROTECT • PR

Cortec ®

E ES

A QU

LI TY

RE TE SYST EM REGIS

EN

SY ©

Cortec Corporation 2011

D

www.CortecVCI.com

ST

VIRO

NMENT

AL

EM REGISTER

ED

21 OCTOBER 2012

4119 White Bear Parkway St. Paul, MN 55110 651-429-1100 • 800-426-7832 info@cortecvci.com


PROTECTIVE COATINGS BRAND - NEW CORROLOGIC™ SYSTEM – SOLUTION: CUSTOM ENGINEERED TO FIT! Sistemi e soluzioni Corrologic™: progettato per adattarsi

1

Above Ground Storage Tanks. Serbatoi di stoccaggio a terra.

C

ortec® Corrosion Engineering & Field Service (CEFS) developed an engineered system approach utilizing VpCI® chemistry to control corrosion and obtained significant results in the marketplace in 2012. In support of this approach, CEFS is developing its CorroLogic™ family of systems, services, and products especially designed to control corrosion in a variety of applications within the most aggressive corrosive environments.

a divisione Corrosion Engineering & Field Service (CEFS) di Cortec® ha sviluppato un approccio sistematico utilizzando la chimica di VpCI® per controllare la corrosione, ottenendo risultati significativi sul mercato nel 2012. A supporto di questo approccio, CEFS sta sviluppando la famiglia CorroLogic™ di sistemi, servizi e prodotti progettati specificatamente per controllare la corrosione in una varietà di applicazioni all’interno di ambienti altamente corrosivi.

1. CorroLogic™ System for Above Ground Storage Tanks (AST)

1. Sistema CorroLogic™ per serbatoi di stoccaggio fuori terra (AST)

System of filling the interstitial spaces of double bottom above ground storage tanks (Fig. 1). Growing number of Oil & Gas companies are embracing the CorroLogic™ system approach for their ASTs. Data from the real-time corrosion rate monitoring equipment that is installed in each tank along with the VpCI® proves the long term effectiveness of this solution. Cortec® completed a pilot project for a Saudi-Arabian Oil Company, Saudi Aramco, on an AST with an oil-sand tank pad at one of their critical Arabian Gulf oil export terminals, which will be presented at the NACE International Conference in 2013.

L

Sistema di riempimento degli spazi interstiziali del doppio fondo dei serbatoi di stoccaggio fuori terra (fig. 1). Sempre più aziende del settore Oil & Gas stanno usando il sistema di CorroLogic™ per i propri AST (Above ground Storage Tank). I dati in tempo reale sulla corrosione, rilevati dall’attrezzatura di monitoraggio installata in ogni serbatoio insieme ai prodotti VpCI®, dimostrano l’efficacia a lungo termine di questa soluzione. Cortec® ha completato un progetto pilota per un’azienda dell’Arabia Saudita, Saudi Aramco, su un AST con una piattaforma di serbatoi di sabbie bituminose presso uno dei terminali critici di esportazione del petrolio nel Golfo Arabo, che sarà presentato alla NACE International Conference nel 2013.

22 OCTOBER 2012


by Paola Giraldo

2. CorroLogic™ System for Cased Pipeline Casings (CPC)

2. Sistema CorroLogic™ per tubazioni incamiciate (CPC)

Cortec® chemists developed a product that is applied as a liquid into the annular space between the carrier pipe and the casing and quickly sets into a gel, as well as the equipment and process for application of the product (Fig. 2). This CorroLogic™ System consists of two alternatives. Options for corrosion rate monitoring are also available. Cortec® is providing the Oil and Gas industry with unique choices for carrier pipe corrosion control.

I chimici di Cortec® hanno sviluppato un prodotto che si applica come un liquido nello spazio anulare tra la tubazione di trasporto e l’incamiciatura che si trasforma velocemente in un gel, nonché l’attrezzatura e il processo applicativo del prodotto stesso (fig. 2). Questo sistema CorroLogic™ comprende due alternative, e sono disponibili anche opzioni per il monitoraggio del tasso di corrosione. Cortec® sta offrendo all’industria Oil & Gas opportunità uniche per il controllo della corrosione delle tubazioni di trasporto.

3. CorroLogic™ System for Insulated Pipe (CUI)

3. Sistema CorroLogic™ per tubazioni isolate (CUI)

Corrosion under insulation (CUI) is La corrosione sotto isolamento (CUI) a significant worldwide problem è un problema grave in tutto il mon(Fig. 3). CEFS is devoting significant do (fig. 3). Il settore CEFS nel corso del resources in 2012 to refine the 2012 ha investito molte risorse per riVpCI® products used to mitigate CUI finire i prodotti VpCI® usati per mitigain a wide variety of environments. re l’effetto CUI in un’ampia varietà di Cortec® engineers have worked with ambienti. Gli ingegneri Cortec® han2 a major manufacturer of corrosion no lavorato con un importante prorate monitoring systems to develop duttore di sistemi per il monitoraggio 2 equipment capable of producing del tasso di corrosione al fine di sviCased Pipeline Crossings. real-time measurements at the luppare attrezzature in grado di proIncroci di tubazioni incamiciate. surfaces of insulated pipe as well as durre misurazioni in tempo reale della developing special equipment and superficie dei tubi isolati, in aggiunta processes for application of VpCI® allo sviluppo di attrezzature e processi chemistry. In the very near future speciali per l’applicazione dei prodotCortec® will be well prepared to ti chimici VpCI®. Nel prossimo futuro make a huge impact on mitigation Cortec® sarà pronta ad avere un grosof CUI with no service disruption, so impatto sulla mitigazione della CUI no recoating and no insulation senza l’interruzione del servizio, senremoval. za riverniciatura e senza la rimozione Tim Whited, Cortec’s director of dell’isolante. Corrosion Engineering and Field Tim Whited, direttore Cortec® della Services, noted that underground divisione Corrosion Engineering and structures such as pipelines face Field Services, ha rilevato che le strut3 aggressive corrosion attack in many ture sotterranee come gli oleodotareas due to the presence of a high ti affrontano attacchi aggressivi della 3 groundwater table that is very corrosione in molte zone a causa delCorrosion under insulation (CUI). saline. According to Whited: la presenza di falde freatiche molto Corrosione sotto isolamento (Corrosion Under Insulation, CUI). “Most industries including oil saline. Secondo Whited, “la maggior and gas companies such as Saudi parte delle industrie, incluse le azienAramco and the Adnoc Group are benefiting in multiple ways de Oil & Gas come Saudi Aramco e il Gruppo Adnoc, stanno traendo from Cortec’s CorroLogic™ family of systems”. molteplici benefici dai sistemi Cortec® della famiglia CorroLogic™”. CorroLogic™ products are non-toxic, nitrite and phosphate-free I prodotti CorroLogic™ non sono tossici, sono privi di nitrito e fosfaand are made of biodegradable materials. CorroLogic™ family of ti e sono costituiti da materiali biodegradabili. La famiglia di sistemi systems complies to NACE Standard RP 0487-2000. CorroLogic™ è conforme allo standard NACE RP 0487-2000. For further information: www.cortecvci.com Per ulteriori informazioni. www.cortecvci.com

23 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS BRAND - NEW 2C PU ULTRAHIGHSOLID PRIMER - COMBINATION OF EXCELLENT ANTI-CORROSIVE PROPERTIES WITH LOW VOC CONTENT Primer 2C ultra alto solido PU: combinazione di eccellenti proprietà anticorrosive e basso contenuto COV

V

OC content is a major issue when using coating systems. The acronym VOC stands for Volatile Organic Compound and refers to the volatile organic components contained in coating systems. These generally correspond approximately to the levels of organic solvents.

I

l contenuto di COV è uno dei maggiori problemi quando si utilizzano sistemi di verniciatura. L’acronimo fa riferimento ai composti organici volatili contenuti in questi sistemi. Questi corrispondono generalmente ai livelli di solventi organici.

Requisiti COV e contenuto solido VOC requirements and solids content The statutory upper limits for the VOC emissions of paintprocessing plants were established for Germany in the 31st Federal Immission Control Ordinance (Bundesimmisionsschutzverordnung - BImSchV). This means that only coating systems with VOC levels of less than 420 g/l may be used in areas requiring large quantities of paint. So that it is possible to ensure this, any coating systems on the market require a solids content of approx. 80%.

I limiti massimi di legge per le emissioni COV negli impianti di verniciatura sono stati stabiliti per la Germania nella 31a Ordinanza Federale per il Controllo delle Immissioni. Questo significa che solo i sistemi di rivestimento con livelli COV inferiori a 420 g/l possono essere usati in campi in cui sono necessarie grandi quantità di vernice. In modo che sia possibile assicurare questo, ogni sistema di verniciatura sul mercato deve avere un contenuto solido pari a circa l’80%.

24 OCTOBER 2012


by Paola Giraldo

The solids content in primers previously available was approx. 75%, which is a borderline value in terms of VOC requirements. The objective of development efforts was therefore to increase the solids content correspondingly while continuing to meet the high demands of customers. At first glance, increasing the solids content by approx. 4% does not seem all that difficult. However, it is worth considering that the addition of further pigments or fillers in the case of such high solids contents is associated with a significant increase in viscosity. The coating system becomes so thick that it ultimately becomes very difficult, if not impossible, to apply to an adequate coating.

Il contenuto solido dei primer disponibili in precedenza era del 75% circa, un valore al limite in termini di requisiti COV. L’obiettivo degli sforzi nello sviluppo era quindi di incrementare il contenuto solido proporzionalmente e, allo stesso tempo, continuare a soddisfare le elevate esigenze dei clienti. A un primo sguardo, l’incremento del contenuto solido di circa il 4% non sembra così difficoltoso. Invece, è necessario considerare che l’aggiunta di ulteriori pigmenti o filler con un contenuto solido così alto è associato a un incremento significativo della viscosità. Il sistema di rivestimento diventa così sottile che è molto difficile, se non impossibile, applicare un rivestimento adeguato.

UltraHighSolid primer with new raw material components

Primer ultra alto solido con nuove materie prime

Using new raw material components and following intensive development work, the new EFDEDUR UltraHighSolid UR1937 primer with a solids content of 80% has now been developed. With a VOC level of 320 g/l, the coating system not only clearly meets the requirements of the 31st Federal Immission Control Ordinance but is also designed as a platform technology complying with all requirements for high-quality industrial coatings as set in collaboration with the sales department. This is particularly relevant for the vehicle construction industry group.

Il nuovo primer ultra alto solido EFDEDUR UR1937 con un residuo solido dell’80% è stato sviluppato usando nuovi componenti come materie prime e con un intenso lavoro di sviluppo. Con un livello COV di 320 g/l, questo sistema di rivestimento non solo risponde ai requisiti della 31a Ordinanza Federale per il Controllo delle Immissioni, ma è una piattaforma tecnologica progettata per essere conforme a tutte le esigenze di alta qualità dell’industria dei rivestimenti, come previsto in collaborazione con i reparti vendite. Questo è particolarmente importante per il gruppo industriale dei produttori di veicoli.

Properties of UHS platform technology

Proprietà della piattaforma tecnologica UHS

In addition to high anti-corrosive properties, the coating system boasts fast drying characteristics, excellent overspray absorption and rapid recoatability. As a result, the new coating system is also an attractive alternative to water-borne systems when customers need to reduce their VOC emissions without necessitating a costly redesign of the equipment they use when applying waterborne coatings. Unlike epoxy primers, the new coating system is also brilliantly suited to applications where primed components are temporarily stored before applying a top coat. Initial testing with two existing customers has already yielded positive results. In summary, we can now state that it is possible to develop a primer with a higher solids content that meets statutory requirements regarding solvent emissions while matching or even improving upon the properties of previous systems. For further information: www.freilacke.com

Oltre alle proprietà anticorrosive elevate, questo sistema di verniciatura ha caratteristiche che consentono una rapida asciugatura, assorbimento dell’overspray eccellente e la possibilità di riverniciare velocemente. Per questi motivi, il nuovo sistema è un’alternativa interessante anche rispetto ai sistemi a base acqua quando i clienti hanno bisogno di ridurre le emissioni COV senza dover eseguire un costoso aggiornamento dell’attrezzatura utilizzata per l’applicazione di rivestimenti a base acqua. A differenza dei primer epossidici, il nuovo sistema di rivestimento è anche perfettamente adatto ad applicazioni in cui i pezzi primerizzati sono temporaneamente immagazzinati prima di applicare la mano a finire. I primi test con due clienti hanno già dato risultati positivi. In sintesi, si può affermare che è possibile sviluppare un primer con alto contenuto solido che soddisfa i requisiti di legge riguardanti le emissioni di solvente e, allo stesso tempo, raggiungere o migliorare le proprietà dei precedenti sistemi. Per maggiori informazioni: www.freilacke.com

25 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS BRAND - NEW PANGBORN EUROPE: SHOT BLASTING MACHINES FOR DESCALING HOT ROLLED STAINLESS STEEL Pangborn Europe: granigliatrici per descaling di nastri in acciaio inox

C

hina is the world leader in steel production. It produces almost half of the world’s steel, and the trend is still rising. In this dynamic situation, Pangborn Europe, an Italian company operating for 50 years in the field of surface treatment, has recently been awarded a major contract by one of the largest Chinese steel manufacturers, with a production capacity of 10 million tonnes/year (3 million of which of stainless steel). Pangborn Europe has been chosen by the Chinese giant as the supplier of shot blasting equipment for a new hot-rolled stainless steel annealing and pickling line, which will have the highest production capacity ever achieved by a system of this kind, with savings in the operating costs and in compliance with the environmental regulations. The plant will be fully operational by the end of 2013 and will allow to manufacture 1 million tonnes/year of AISI 300 and 400 stainless steel. The production and treatment line includes a first station for the welding of the endless strip, followed by the

L

a produzione mondiale di acciaio vede la Cina capofila con quasi la metà dell’intera produzione e con un trend in crescita. In questa realtà di forte dinamismo Pangborn Europe, azienda italiana attiva da 50 anni nel settore del trattamento delle superfici, ha recentemente ottenuto un’importante commessa da uno dei maggiori produttori cinesi di acciaio con una capacità produttiva di 10 milioni di tonnellate/anno (di cui 3 milioni solo di acciaio inox). Pangborn Europe è stata scelta dal colosso cinese quale fornitore per gli impianti di granigliatura per la nuova linea di ricottura e decapaggio di nastri in acciaio inox laminati a caldo che avrà una capacità produttiva mai raggiunta da un impianto di questo tipo a livello mondiale, con un risparmio dei costi di gestione e un rispetto delle normative in materia ambientale. Il progetto prevede la produzione di 1 milione di tonnellate/ anno di acciaio inox AISI 300 e 400 con l’entrata in produzione dell’impianto per la fine del 2013. La linea di produzione e trattamento prevede una sezione iniziale per la saldatura del na-

26 OCTOBER 2012


by Paola Giraldo

annealing furnace, the scale breaker (to break the scale generated by the annealing process), the shot blasting units to remove the scale and the pickling stations. The Pangborn Europe shot blasting machines are dedicated to the descaling of the steel surface before the pickling step, which is crucial for the quality and the finishing of the product, intended for various industrial fields. The Pangborn Europe technology, successful because of its innovative content, will have to deal with particularly extreme working conditions. Within the line, the steel strips will be moved at a speed of 100 m/min. The shot blasting plant, consisting of 6 units, will allow a production of 100 m/min (with 1650 mm wide steel strips). The design of the new hot-rolled stainless steel annealing and pickling line is the result of a synergy of five companies from complementary sectors that have formed a consortium. For Pangborn Europe, this is an important commitment in terms of both technology and means. The company is not new to this type of orders – the same customer has already installed other Pangborn Europe plants at its facilities in China – but the peculiarity of this system in terms of volume and performance is a strong confirmation of the company’s potential and ability to take on new challenges. Its focus on the technological improvement of its equipment results in a strong commitment in R&D and in the will to cooperate with the customers in order to fully meet their needs.

stro alimentato in continuo (endless) alla sezione di processo che include il forno di ricottura, lo scale breaker (per la rottura della calamina generata dal processo di ricottura), i moduli di granigliatura per eliminare la calamina e le sezioni di decapaggio. Le granigliatrici Pangborn Europe sono dedicate all’eliminazione della calamina dalla superficie del nastro prima del decapaggio, fase determinante per la qualità finale e la finitura del prodotto destinato a svariati settori industriali. La tecnologia Pangborn Europe, vincente per i contenuti innovativi, sarà chiamata a confrontarsi con condizioni di lavoro particolarmente estreme. All’interno dell’intera linea il nastro di acciaio sarà movimentato a una velocità di 100 m/min. L���impianto di granigliatura, costituito da 6 moduli, consentirà una produzione di 100 m/min per nastro con larghezza di 1650 mm. Il progetto della nuova linea di ricottura e decapaggio di nastri in acciaio inox laminati a caldo è il frutto di una sinergia tra cinque aziende di settori complementari che si sono costituite in un consorzio. Per Pangborn Europe si tratta di un importante impegno, sia in termini di tecnologia sia di mezzi. L’azienda non è nuova a questo tipo di commesse - lo stesso cliente ha già installato impianti Pangborn Europe presso i propri siti produttivi in Cina - tuttavia le peculiarità dell’impianto in termini di volumi e di performance sono la conferma evidente delle potenzialità di Pangborn Europe a raccogliere rinnovate sfide. L’attenzione all’avanzamento tecnologico dei propri impianti si concretizza in un costante impegno dell’azienda in Ricerca e Sviluppo e nella collaborazione con il cliente nella ricerca della completa soddisfazione.

About Pangborn

L’azienda

Pangborn Europe is part of the Pangborn Group, a leader in the field of surface treatment based in the United States. Renowned brands in the industry such as Pangborn Corporation (USA), Pangborn Ltd. (UK), Berger Strahltechnik (Germany) and Vogel & Schemmann Maschinen GmbH (Germany) belong to this global Group. For further information: www.pangborneurope.com

Pangborn Europe fa parte del Gruppo Pangborn, leader nel settore dei trattamenti delle superfici con sede negli Stati Uniti. Al Gruppo, presente a livello mondiale, appartengono rinomati brand del settore quali Pangborn Corporation (USA), Pangborn Ltd. (UK), Berger Strahltechnik (Germania) e Vogel & Schemmann Maschinen GmbH (Germania). Per ulteriori informazioni: www.pangborneurope.com

27 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS BRAND - NEW

by Paola Giraldo

A STRONG TEAM WHEN THINGS GET HOT: NANOCOATING AND FLUOROPOLYMERS Una squadra forte per quando le cose si scaldano: nanorivestimenti e fluoropolimeri

A

common phenomenon on in most households: ouseho Thick residue on the heating coils of the washer or electric kettle greatly reduces the output capacity. The substances dissolved in the water create deposit on the heating rods and the heating efficiency decreases noticeably. This annoying occurrence common in households leads to inefficient processes, and in the worst case, to system failure in industrial applications. This is why Impreglon treats the heating coils of circulation evaporators with Nanofinish®. The result: Dramatically less polymer particle residue on the heating elements used in the extraction of crude methanol. Nanofinish® follows the contours and protects from infiltration. It is a nonstick coating resistant to temperatures up to 350°C and it can be applied to most surfaces. Extremely thin layers beginning at 10 nanometers thickness are possible. Because it is so thin, the Nanofinish® coating has virtually no effect on the heating coils. Since the polymer particle deposits adhere not only to the heat exchangers, Impreglon treats the other system components too. This application is SafeCoat®, a thermoplastic fluoropolymer coating known for its excellent nonstick and sliding properties as well as for protecting the substrates from corrosion. SafeCoat® nonstick surfaces prevent deposits and reduce the effort required to clean equipment. Because it reduces frictional resistance, SafeCoat® makes production processes faster and eliminates the need for lubricants. Used as corrosion protection, it extends the serviceable life of machines and components, and it prevents unnecessary machine standstill. For further information: www.impreglon.net

I

l fenomeno che stiamo per descrivere è ben noto in ogni ambiente domestico: lo spesso deposito che si forma sulla resistenza utilizzata per po scaldare l’acqua nella lavatrice o in un bollitore ne risc duce d notevolmente la capacità di sviluppare calore. Le sostanze disciolte nell’acqua si accumulano sugli g elementi della serpentina, diminuendone sensibilmente l’efficienza. Ciò che nella vita di ogni s giorno è un fastidioso inconveniente, in campo g industriale incide negativamente sui processi e nel peggiore dei casi provoca avarie agli impianti. Per questo Impreglon riveste di Nanofinish® le serpentine dei vaporizzatori di circolazione. Così il deposito di particelle di polimero sugli elementi riscaldanti che spesso si verifi v ca durante la produzione del d metanolo grezzo può essere notevolmente ridotto. n Nanofi nish® è un rivestimento N antiaderente a prova di infiltraa zione, zio in grado di seguire i contorni to e di resistere a temperature fino a 350 °C, che può essere apfin plicato plic alla maggior parte dei substrati. Èpossibile ottenerestratisottilissimiapartiredadiecinanomepo tri t di d spessore. In questo modo il rivestimento in Nanofinish® non no esercita praticamente nessun influsso sull’efficienza delle de serpentine. Poiché l’accumulo di particelle di polimero non è limitato agli Po scambiatori di calore, Impreglon provvede a ricoprire anche sca gli gl altri componenti dell’impianto. In questo caso, il prodotto impiegato si chiama SafeCoat®, un rivestimento termoplaim stico st in fluoropolimero noto per le sue ottime doti antiaderenti re e lubrificanti, che per di più protegge efficacemente i substrati dalla corrosione. s I rivestimenti antiaderenti SafeCoat® prevengono i depositi e riducono l’esigenza di pulizia degli impianti. Diminuendo le l resistenze di attrito, SafeCoat® accelera inoltre i processi produttivi e rende superfluo l’uso permanente dei lubrifip canti. Come agente anticorrosione, prolunga la durata delc le macchine e dei componenti ed abbatte i tempi di fermo macchina. Per maggiori informazioni: www.impreglon.it

28 OCTOBER 2012


by Paola Giraldo

PROTECTIVE COATINGS BRAND - NEW

SUPERCORR A: THE PREVENTIVE SOLUTION AGAINST THE CORROSION SuperCORR A: la soluzione preventiva contro la corrosione

O

ne of the most important opportunities for savings today is the prevention of failures caused by corrosion, needing the repair or complete re-placement of failed parts or components, which leads to increased production costs and a decrease in profits. SuperCORR A is the solution prevention that may save a company’s money. It’s a hydrophobic non flammable ultra thin film lubricant with corrosion preventative compounds that displaces water, this solution has been extensively tested on metals and electronics and has demonstrated excellent results in preventing corrosion. SuperCORR A is specialized in preventing corrosion and contamination on all surfaces - in mechanical close tolerance slow moving components, electrical and electronic equipment, in humid conditions or exposed to salt water. It contains formulated and extremely long lasting proprietary anticorrosion inhibitors, which give superior lubrication coefficients and protect components against moisture, wear, general and fretting corrosion, as well as eliminating surface static electricity, corona and other electro migration problems. The product is approved in USA Tri-service corrosion manuals and military, civilian and aircraft manufacturers, railway and transport operators worldwide, to solve electrical contact problems and for extending service intervals for close tolerance moving surface lubrication. SuperCORR A has also industry approval from NASA, Boeing Aircraft, Bombardier, Embraer, Lear, Gulfstream, Hawker-Beechcraft, Cessna, Raytheon, Polish Airforce, NorthropGrumman, Royal Navy and Royal Norwegian Air Force. This solution is provided by the CORR-EX division of Enviro Tech Europe, which supply specialist barrier film corrosion protection products sourced from manufacturers worldwide and are based on synthetic materials to provide safe, effective environmentally friendly solutions to lubrication and corrosion problems. Enviro Tech Europe Limited (ETE) is specialist in all aspects of metal and plastics protection and cleaning, especially for vapour degreasing. A qualified network of distributors throughout Europe ensures high levels of customer attention and technical support. For further information: www.corr-ex.com

O

ggi una delle più grandi opportunità di risparmio sta nella prevenzione dei guasti causati dalla corrosione, che rendono così necessaria la riparazione o la completa sostituzione dei pezzi o dei componenti difettosi portando a un aumento dei costi di produzione e alla diminuzione dei profitti. SuperCORR A è la soluzione per la prevenzione della corrosione che può far risparmiare un’azienda. Si tratta di una pellicola lubrificante ultra sottile, idrorepellente, non infiammabile contenente elementi di prevenzione della corrosione che rimuovono l’acqua. Questa soluzione è stata testata in modo estensivo su metalli e componenti elettronici, mostrando risultati eccellenti nella prevenzione della corrosione. SuperCORR A è specializzata nel prevenire la corrosione e la contaminazione di tutte le superfici – su pezzi meccanici di lento movimento con una tolleranza meccanica minima, attrezzature elettriche ed elettroniche, in condizioni di umidità o di esposizione all’acqua salina. Contiene inibitori della corrosione brevettativi di lunga durata, che offrono coefficienti di lubrificazione superiori e proteggono i pezzi da umidità, usura, corrosione generica e da sfregamento, oltre a eliminare l’elettricità statica di superficie, l’effetto corona e altri problemi di elettromigrazione. Questo prodotto è approvato dai manuali sulla corrosione Tri-service negli Stati Uniti, ed è utilizzato da produttori di aerei militari e civili e da operatori del settore ferroviario e dei trasporti in tutto il mondo per risolvere i problemi di contatto elettrico e per estendere gli intervalli di servizio per la lubrificazione di superfici in movimento con tolleranza minima. SuperCORR A ha inoltre l’approvazione di industrie come NASA, Boeing Aircraft, Bombardier, Embraer, Lear, Gulfstream, Hawker-Beechcraft, Cessna, Raytheon, Polish Airforce, Northrop-Grumman, Royal Navy e Royal Norwegian Air Force. Questa tecnologia è fornita dalla divisione CORR-EX di Enviro Tech Europe, che fornisce pellicole specializzate nella protezione dalla corrosione provenienti dai produttori di tutto il mondo, basate su materiali sintetici per offrire soluzioni sicure, efficaci ed ecocompatibili ai problemi di corrosione e lubrificazione. Enviro Tech Europe Limited (ETE) è specializzata in tutti gli aspetti di protezione e lavaggio di metalli e plastiche, specialmente per lo sgrassaggio a vapore. Un network qualificato di distributori in tutta Europa assicurano alti livelli di attenzione al cliente e supporto tecnico. Per maggiori informazioni: www.corr-ex.com

29 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

HIGHLIGHT

WHERE STOPAQ® STARTS, CORROSION STOPS: THE EXPERIENCE AND TEST CENTER FOR THE VISCO-ELASTIC TECHNOLOGY Dove inizia STOPAQ®, la corrosione si ferma: il centro di esperienza e di collaudo per la tecnologia visco-elastica

Opening photo: STOPAQ® entrance hall at the Headquarters in Staadskanal resembles a gas pipeline. Foto d’apertura: la hall d’ingresso di STOPAQ® del quartier generale a Staadskanal ricorda un gasdotto.

C

orrosion is one of those occurrences that will affect the safe and efficient running of plants and pipelines in the petrochemical, water and other industries, with the high costs connected to plant shut down, loss of production, environmental contamination and loss of customer confidence. The green visco-elastic solution to protect assets from corrosion and water ingress was marketed by STOPAQ® for the first time in 1996 and it is one of the most important corrosion protection systems available today to a wide range of industries in any kind of environmental and application conditions. STOPAQ® B.V., headquartered in Staadskanal, The Netherlands (Fig. 1), is a worldwide leader in the production and selling of visco-elastic product systems. Its patented solutions are used in many versatile applications ranging from pipelines to subsea piles, from rail to cable joint protection, both onshore & offshore, field & factory, subsea & above ground applied in the most extreme climates (Fig. 2). The visco-elastic coatings

L

a corrosione è un di quei fenomeni in grado influenzare la sicurezza e l’operatività efficiente di impianti e tubazioni nelle industrie petrolchimiche, idriche e in molti altri settori, con i conseguenti costi elevati connessi alla chiusura dell’impianto, alle perdite di produzione, alla contaminazione dell’ambiente e alla perdita di fiducia del cliente. La tecnologia green visco-elastica per la protezione dalla corrosione e dall’ingresso di acqua fu commercializzata per la prima volta da STOPAQ® nel 1996 e rappresenta uno dei sistemi più importanti di protezione dalla corrosione disponibili oggi per un’ampia gamma di industrie in qualsiasi condizione ambientale e di applicazione. STOPAQ® B.V., con sede a Staadskanal, Olanda (fig. 1), è leader mondiale nella produzione e vendita di sistemi visco-elastici. Le sue soluzioni brevettate sono impiegate in molte applicazioni versatili che spaziano dalla protezione di condutture, pali sottomarini, rotaie e raccordi, sia onshore che offshore, sia in cantiere che in stabilimento, sia in applicazioni sottomarine che fuori terra nelle condizioni climatiche più estreme (fig. 2). I rivestimenti e i sigillanti visco-elastici

30 OCTOBER 2012


Alessia Venturi

1

2

1

2

STOPAQ® Headquarters in Staadskanal, The Netherlands.

STOPAQ® open air testing center which simulates some of the typical environments (desert, subsea...) in which STOPAQ® is applied and the different range of applications (tanks, pipelines, field joints…).

La sede centrale di STOPAQ® a Staadskanal, Paesi Bassi.

Il centro collaudi all’aperto di STOPAQ® che simula alcuni ambienti applicativi tipici (deserto, sottomarino...) e diverse tipologie di applicazioni (serbatoi, pipeline, raccordi…).

& sealants of the STOPAQ®’s range are produced in two different plants, one in Staadskanal, the second in Damman, Saudi Arabia.

della gamma STOPAQ® sono prodotti in due impianti diversi, uno a Staadskanal, il secondo a Damman, Arabia Saudita

A little bit of history

Un po’ di storia

STOPAQ® was founded in 1988 but its story begins in the 1970’s, when the founder Frans Nooren founded the Frans Nooren Waterproofing Contracting company in Staadskanal, near Assen, to solve the typical civil construction water problems of this country. He soon realised that the best way forward was to manufacture his own products. He set out to improve the sealing technology of fixing water leaks at house-inlets: The result was the innovative FN2100 Sealing Compound. This products proved vital to the success of a new generation of coatings & sealants and set the company on the path to a bright future in the anti-corrosion technology. “When we realized the impact and potential that our visco-elastic technology could have on the corrosion prevention market, we focused on writing our own patents – told Sander Hofstee, STOPAQ® Vice President and Sales Director (Fig. 3) – Today we hold various patents for our range of anti-corrosion and sealing materials. Defending our patents made us realize the value of our R&D and helped us understanding better our product”. Accompanied by Sander Hofstee, we first visited old testing facility of the company, where in the late Eighties the visco-elastic technology was born (Fig. 4). “We started as a contractor. Holland is below the water level and suffers from the constant pressure of water. Frans Nooren, with his original company, tried to solve the problem of water leaks at

STOPAQ® fu fondata nel 1988 ma la sua storia inizia negli Anni 70, quando il fondatore Frans Nooren fondò l’azienda Frans Nooren Waterproofing Contracting a Staadskanal, vicino ad Assen, per risolvere i tipici problemi dell’edilizia civile di questo paese legati alla presenza dell’acqua. Ben presto realizzò che la miglior innovazione era prodursi un proprio prodotto e partì con il migliorare la tecnologia sigillante per eliminare le perdite d’acqua nelle fondamenta delle case: il risultato fu l’innovativo composto sigillante FN2100. Questo prodotto si rivelò vitale per il successo della nuova generazione di rivestimenti e sigillanti e instradò l’azienda verso un luminoso futuro nel settore delle tecnologie anticorrosive. “Quando abbiamo realizzato l’impatto e il potenziale che la nostra tecnologia visco-elastica avrebbe potuto avere sul mercato della prevenzione dalla corrosione, ci siamo focalizzati sulla stesura dei nostri brevetti – ha raccontato Sander Hofstee, Vice Presidente e Direttore Vendite STOPAQ® (fig. 3) – Oggi deteniamo vari brevetti per la nostra gamma di materiali anticorrosivi e sigillanti. La difesa dei nostri stessi brevetti ci ha fatto realizzare il valore del nostro lavoro di R&S e ci ha aiutato a capire ancora meglio il nostro prodotto”. Accompagnati da Sander Hofstee, abbiamo dapprima visitato la vecchia struttura di collaudo dell’azienda, dove la tecnologia visco-elastica ebbe inizio alla fine degli Anni 80 (fig. 4). “Iniziammo come appaltatori. L’Olanda è al di sotto del livello del mare e soffre per la costante pressione dell’acqua. Frans Nooren,

31 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

HIGHLIGHT

3

4

3

4

Sander Hofstee shows patents, qualifications and memberships STOPAQ® attained in the last years.

The oldest part of STOPAQ® facility where everything started. La parte più vecchia dello stabilimento STOPAQ® dove ogni cosa ebbe inizio.

Sander Hofstee mostra i brevetti, le qualifiche e le associazioni che STOPAQ® ha ottenuto in questi anni.

building basements due to the pressure of water against the ground. To improve the existing sealing technologies, he focused on the development of a new product able to stop water leakage in any condition and application. The first product he developed was purified silicon, more stable and durable than conventional silicon, but subject to cracking caused by the movements of the ground. Then he developed a new products based on a PIB (Polyisobutene) polymer supplied by BASF: the Oppanol®. This was the beginning of the STOPAQ® visco-elastic sealing solutions that was further developed as a corrosion prevention technology (Fig. 5)”. Today STOPAQ® manufactures the compound with different packages: rolls, tubes, putties, fillers to fit different kind of applications and different kind of climate in which the product has to be applied. “The only thing that changes in the different versions of the product is the amount of PIB in the formulation – Sander Hofstee explains – our product has to withstand very different environmental conditions and it needs to change its viscosity – lower in cold climates, higher in hot climates. We are currently developing new systems, such as subsea system, flooring and roofing systems and also a sprayable version”.

5 5

The very first application of STOPAQ® corrosion prevention system: a subsea application, in salt water under pressure. The coating systems is subject to a yearly inspection to analyse viscosity or changes in the chemical structure. No changes have occurred in 16 years and there is no sign of undercreep corrosion. In the water tanks there are also a few piranhas: these fishes are omnivorous but they cannot damage the STOPAQ®. La primissima applicazione del sistema anticorrosiva STOPAQ®: un’applicazione sottomarina, in acqua salata e sotto pressione. Il sistema di rivestimento è sottoposto a controlli annuali per analizzarne viscosità o cambiamenti strutturali chimici. In 16 anni di immersione nulla è cambiato e non vi è segno di corrosione strisciante. Nella vasca d’acqua vi sono anche alcuni piranhas: questi pesci sono onnivori ma non riescono a danneggiare lo STOPAQ®.

32 OCTOBER 2012

con la sua azienda originaria, cercò di risolvere i problemi delle infiltrazioni d’acqua nei basamenti degli edifici causati dalla costante pressione dell’acqua contro il suolo. Per migliorare la tecnologia sigillante esistente, si focalizzò sullo sviluppo di un nuovo prodotto in grado di fermare le infiltrazioni d’acqua in qualsiasi ambiente e applicazione. Il primo prodotto che egli sviluppò fu silicone purificato per renderlo più stabile e duraturo del silicone convenzionale; tuttavia era sempre soggetto alle crepe causate dai movimenti del suolo. Successivamente sviluppò un nuovo prodotto basato sul polimero PIB (Poli-isobutene) fornito da BASF: l’Oppanol®. Questo fu l’inizio delle soluzioni sigillanti visco-elastiche STOPAQ® che furono poi ulteriormente sviluppate come tecnologie di prevenzione della corrosione (fig. 5)”. Oggi STOPAQ® produce il composto in formati differenti: rotoli, tubi, paste, filler per adattarsi alle diverse tipologie di applicazioni e alle diverse condizioni climatiche in cui il prodotto deve essere applicato. “L’unica cosa che cambia nelle diverse versioni del prodotto è la quantità di PIB in formulazione – spiega Sander Hofstee – il nostro prodotto deve resistere in condizioni ambientali molto diverse e ha bisogno di cambiare la propria viscosità – più bassa nei climi freddi, più alta in quelli caldi. Attualmente stiamo sviluppando nuovi sistemi: sottomarini, per pavimentazioni e coperture e anche versioni spruzzabili.”


Alessia Venturi 6

A visual reconstruction of Oppanol® loose molecules. The chemical structure is not crosslinked and remains always the same. Una ricostruzione visiva delle molecole libere dell’Oppanol®. La struttura chimica non è reticolata e rimane sempre uguale. 7 7

Representation of the core values of STOPAQ®. Rappresentazione delle proprietà chiave dello STOPAQ®. 8

A steel panel after 40 cycles of salt spray: underneath the STOPAQ® patch there is no sign of undercreep corrosion. Un pannello in acciaio dopo 40 cicli di nebbia salina: sotto allo STOPAQ® non vi è segno di corrosione strisciante. 6

8

High Performances, ease of application

Prestazioni elevate, facilità di applicazione

STOPAQ® is based on a pure polymer: pure because it has no free radicals, it cannot change its structure, it cannot react by itself, it is always the same. The chemical structure of the product is made by loose molecules (Fig. 6), connected only one by one but not crosslinked. Because of these properties, STOPAQ® exhibits visco-elastic and non-curing properties. The material is fully amorphous and therefore forms no crystalline regions, it is not crosslinkable. That’s why the product does not degrade and does not age, instead keeps its characteristics forever (Fig. 7). The material has a liquid-like behaviour and a glass transition temperature lower than -50°C: the material will not tear, break, or build up internal stresses. Due to its cold flow1 characteristics, it will adhere in cold climates of -20°C. As a result of its very low surface tension, STOPAQ® shows an excellent wetting of the steel surface, but also of polymers like PE, PP, FBE etc. This combination of low surface tension and the liquid-like behaviour of the polymer, causes impregnation of the steel surfaces, which favours corrosion protection. The diffusion of the visco-elastic polymer into the finest pores of the steel surface, results in an intensive corrosion protection and ensures no undercreep corrosion (Fig. 8). Due to this cohesive fracture mechanism, the steel surface is not exposed to moisture or oxygen in case defects are inflicted. Furthermore, STOPAQ® has self healing properties, that is the ability to repair defects thanks to its flowing properties.

STOPAQ® si basa su un polimero puro: puro perché è privo di radicali liberi, non può cambiare la propria struttura, non può reagire da sé, rimane sempre uguale. La struttura chimica del prodotto è costituita da molecole libere (fig. 6), connesse solo a due a due ma non reticolate. Grazie a queste proprietà, STOPAQ® mostra caratteristiche visco-elastiche e non è polimerizzabile. Il materiale è completamente amorfo e quindi non forma regioni cristalline, in una parola non è reticolabile. Ecco perché il prodotto non degrada e non invecchia, al contrario mantiene le proprie caratteristiche per sempre (fig. 7). Il materiale ha un comportamento simile ai liquidi e una temperatura di transizione vetrosa inferiore a -50°C: il materiale non si strappa, non si rompe, e non crea tensioni interne. Grazie alle sue caratteristiche di scorrimento a freddo1, aderisce anche in climi freddi a -20°C. Come conseguenza della sua tensione superficiale molto bassa, STOPAQ® mostra un’eccellente bagnabilità della superficie in acciaio, ma anche di polimeri quali PE, PP, FBE e così via. Questa combinazione di bassa tensione superficiale e comportamento simile ai liquidi del polimero, provoca un’impregnazione totale delle superfici di acciaio che favorisce la protezione dalla corrosione. La diffusione del polimero visco-elastico nei pori più sottili della superficie d’acciaio sfocia in un’intensa protezione dalla corrosione e garantisce nessuna comparsa di corrosione strisciante (fig. 8). Grazie a questo meccanismo di coesione, la superficie di acciaio non è esposta a umidità o ossigeno anche in caso di danneggiamento. Inoltre, STOPAQ® ha proprietà auto-riparanti, ossia la capacità di riparare i difetti grazie alle sue proprietà di scorrimento. 1 La distorsione, deformazione o cambiamento dimensionale che avviene nei materiali

1 The distortion, deformation, or dimensional change which takes place in materials under

continuous load at temperatures within the working range (cold flow is not due to heat softening).

costantemente sotto sforzo a temperature nei limiti operativi (lo scorrimento a freddo non è dovuto alla temperatura di rammollimento).

33 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

HIGHLIGHT

9

STOPAQ® cannot be attacked by animals. In field applications there are different animals making their teeth and nails sharp on the hard coatings of pipelines. STOPAQ® is too soft and sticky to be attacked and damaged. Uno dei vantaggi dello STOPAQ® è che non può essere attaccato dagli animali. Nelle applicazioni in cantiere ci sono numerosi animali che affilano unghie e denti sui rivestimenti duri delle tubazioni. STOPAQ® è troppo morbido e appiccicoso per essere attaccato e danneggiato. 10

10

Sander Hofstee (left), Frits Doddema (center), Alessia Venturi (right) during the tour to the open air testing facility. Sander Hofstee (a sinistra), Frits Doddema (al centro), Alessia Venturi (a destra) durante il tour della struttura di collaudo esterna. 11

STOPAQ® is suited for a different pipeline application: transition areas from above to below ground pipelines, bends, tees, flanges etc. STOPAQ® è idealmente adatto per una vasta gamma di applicazioni sulle condutture come: aree di transizione fra condutture interrate e fuori terra; parti speciali come gomiti, raccordi a T, flange ecc.

9

11

“During the development of STOPAQ®, the application conditions were taken into account and special attention has been paid to ease of application. Also extra attention has been paid to efficiency, safety and environmental aspects during and after application. The product can be applied manually, without using heavy or sensitive equipments, during the day also in extremely hot or extremely cold climates, and without any risks”. The product was developed for the first time in the late ‘80s and the very first application on a pipeline in the oil&gas industry was in 1996 . The company boasts 16 years of experience without claims or failures of its systems used all over the world. The reason behind this success was explained us during the visit to the experience & test center.

“Durante lo sviluppo di STOPAQ®, abbiamo tenuto in grande considerazione le condizioni applicative e abbiamo prestato un’attenzione speciale alla facilità di applicazione. Un’attenzione extra fu posta anche sull’efficienza, la sicurezza e gli aspetti ambientali durante e dopo l’applicazione. Il prodotto si può applicare manualmente, senza l’utilizzo di macchinari pesanti o sensibili, durante il giorno anche in condizioni climatiche estremamente calde o fredde, senza alcun rischio”. Il prodotto fu sviluppato per la prima volta alla fine degli anni ‘80 mentre la primissima applicazione su una conduttura nell’industria oil&gas risale al 1996. L’azienda vanta 16 anni di esperienza senza reclami e senza guasti del suo sistema utilizzato in tutto il mondo. Le ragioni di questo successo ci sono state illustrate durante la visita al centro di esperienza e di collaudo.

STOPAQ® experience center

Il centro di esperienza STOPAQ®

Testing and research is carried out in the laboratory and testing centre in Staadskanal. “Our philosophy is to show people what we are doing” – Sander Hofstee said. “The very same name of the company explains what we do: we “Stop AQua”, that is we stop water. We need to explain the reason why using the visco-elastic soft coating is better than using traditional hard coatings”. STOPAQ® Experience & Test center is designed has a long way throughout all the possible applications of the product in order to explain its chemical characteristic and corrosion prevention performances by means of examples, experiments, reconstructions. “At our experience center we show people the threads that can attack a corrosion prevention system, like animals (Fig. 9) roots,

Collaudi e ricerche sono svolti nei laboratori e nel centro di collaudo a Staadskanal. “La nostra filosofia è mostrare alle persone cosa facciamo” – ha affermato Sander Hofstee. “Il nome stesso dell’azienda è una dichiarazione di intenti: “STOP AQua”, fermiamo l’acqua. Abbiamo bisogno di informare l’industria e spiegare la ragione per cui il rivestimento visco-elastico morbido sia preferibile rispetto ai rivestimenti convenzionali duri”. Il Centro di Esperienza e Collaudo STOPAQ® è progettato come un lungo percorso attraverso tutte le possibili applicazioni del prodotto al fine di spiegare le sue caratteristiche chimiche e le prestazioni di protezione dalla corrosione attraverso esempi, esperimenti e ricostruzioni. “Nel nostro centro di esperienza mostriamo alle persone tutti I possibili attacchi che possono danneggiare un sistema di prevenzione della corro-

34 OCTOBER 2012


Alessia Venturi

sione, come gli animali (fig. 9), le radici, la corromicrobiological corrosion – Sander Hofstee sione microbiologica – continua Sander Hofstee continued – When we developed the product – Quando abbiamo sviluppato il prodotto siamo we became experts in corrosion, we studied the diventati esperti di corrosione, abbiamo studiato existing materials and the problems connected i materiali esistenti e i problemi connessi al loro to their use and application: disbonding, utilizzo e alla loro applicazione: distaccamento, cracking, embrittlement, ageing. With criccatura, infragilimento, invecchiamento. Con STOPAQ® we offer a comprehensive solution STOPAQ® offriamo una soluzione globale a tutti to all this possible failures of the coating I possibili cedimenti del sistema di rivestimento. system. The visco-elastic technology does not 12 La tecnologia visco-elastica non subisce degradaallow degradation, blistering, disbonding. zione, blistering, distaccamento. Il petrolato, ad Petrolatum, for example, could be a good 12 esempio, potrebbe essere una buona alternatialternative because it is sticky and greasy but STOPAQ® provides the corrosion prevention va poiché è appiccicoso e oleoso ma è necessayou need to force it in the pores of the steel, basecoat, while the mechanical protection is provided by an outerwrap which provides rio forzarlo all’interno dei pori dell’acciaio, il che causing tension and bridging. Petrolatum in hot supplementary soil stress resistance. causa tensione e fessurazione. Inoltre, il petrolatemperature becomes too soft and fluffy, while STOPAQ® fornisce uno strato di base anticorrosivo, to alle alte temperature diventa troppo soffice, in cold temperature becomes too hard and you mentre la protezione meccanica è fornita da mentre alle basse temperature diventa troppo cannot unroll it. Polyethylene is an excellent un nastro esterno che fornisce una resistenza supplementare alle tensioni del terreno. duro e non è possibile srotolarlo. Il polietilene è coating material but it is not sticky. Thermal un materiale di rivestimento eccellente ma non spray is another excellent coating system but è adesivo. La metallizzazione è un altro sistema it is application sensitive: you need to prepare di rivestimento eccellente ma ha un’applicaziovery carefully the surface to be coated, you ne molto sensibile: è necessario preparare molneed to provide the right angle profile and the to attentamente la superficie da rivestire, avere best application conditions. The same happens un profilo superficiale corretto e le migliori condiwith paints. If you do not take care of all this zioni applicative possibili. Lo stesso accade con le aspects when using traditional corrosion pitture. Se non si tengono in considerazione tutti prevention coatings, you are creating a failure questi aspetti quando si utilizza un sistema di riin the system”. vestimento anticorrosivo, si crea una falla nel si“STOPAQ® on the contrary is not application stema stesso”. sensitive – Sander Hofstee carried on – it can “STOPAQ® al contrario non ha un’applicazione be applied manually without tension thanks sensibile – ha proseguito Sander Hofstee – può to its liquid-like behaviour, in very different essere applicato manualmente, senza tensione, environmental circumstances and requires just grazie al suo comportamento simile ai liquidi, in a clean surface, free of oil, grease and loose circostanze ambientali molto diverse e richiede particles. It does not need an angle profile, solamente una superficie pulita, priva di oli, grasbecause the product is not mechanically 13 si e particelle libere, ma nessun profilo superfifixed to the substrate. Another reason for the ciale, perché il prodotto non è fissato in modo success of STOPAQ® is that it never changes 13 meccanico al substrato. Un’altra ragione del sucover time: no aging, no disbonding, no Approach for the building industry: STOPAQ® + cesso di STOPAQ® è che non cambia mai con il embrittlement.” sprayable polyurea. passare del tempo: non vi è invecchiamento, di“The main problems with the other coating L’approccio all’industria delle costruzioni: STOPAQ® + poliurea spruzzabile. staccamento, infragilimento.” technologies is their application and the “Il problema principale con gli altri rivestimensurface preparation they require” – Frits ti è la preparazione superficiale che essi richiedono e l’applicazione” – Doddema (Fig. 10), President and Managing Director of STOPAQ® ha aggiunto Frits Doddema (fig. 10), Presidente e Direttore Generale di added. “STOPAQ® is not better than other coatings but these ones STOPAQ®. “STOPAQ® non è migliore di altri rivestimenti, ma questi per need a lot of different conditions to be applied that may cause a funzionare necessitano di numerosi presupposti diversi che possono caufailure in the corrosion protection system. That’s why STOPAQ® is sare un cedimento del sistema di protezione anticorrosiva. Ecco perché excellent for difficult applications, like pipelines or chemical plants (Fig. 11). It avoids problems of surface preparation in field which are STOPAQ® è eccellente nelle applicazioni complesse, come le condutture o gli impianti chimici (fig. 11). Evita la preparazione superficiale in cantiealways very difficult. It also avoids problems on the welded joints

35 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

14

HIGHLIGHT

15

Alessia Venturi

16

14

15

16

A mobile phone put inside a block of Oppanol® and then immersed inside water. The phone keeps working!

Testing of STOPAQ® applied to different piles immersed in water. At present the company is carrying out a testing for the protection of basements and piles in the city of Venetia, Italy.

The test facility center is supplied with a water tank to simulate subsea application and show how easy is to apply the product also underwater.

Un cellulare immerso in un blocco di Oppanol® e poi immersi in un acquario. Il cellulare continua a funzionare!

Collaudo di STOPAQ® applicato a piloni di materiali diversi immersi in acqua. Al momento l’azienda sta testando un’applicazione per la protezione dei basamenti e dei piloni nella città di Venezia.

where usually the steel has a different hardness and a different angle profile than the rest of the surface”. “Furthermore with STOPAQ® we separated the corrosion prevention function from the mechanical protection one. We combine different technologies to fit the requirements o different applications and we make both systems works at 100% of their potential. You can put on top of STOPAQ® as mechanical protection whatever you want (paint, polyurea, vinyl ester, polyester…) (Figs. 12, 13). Another characteristic of STOPAQ® is its electric insulation (Fig. 14). It is non conductive so as to avoid straight currents travelling through the coating and reaching the steel to affect the pipeline. If you cause a damage to STOPAQ®, the cathodic protection current will travel to the anode and create an electrical circuit to protect the steel until STOPAQ®, with its self healing effect, flows back to repair the damage. Then the current drops and you do not need it anymore. This is the way in which CP works, it protects the steel until there is exposed steel: STOPAQ® make the CP works, because it does not reach the limit of the CP design” (see ipcm_Protective Coatings, vol. 1, n° 1, April 2012, pags. 32-38). After the visit to the experience center, we continued the visit through the production site and the testing facility. STOPAQ® has an open air testing facility that simulates a lot of different applications of STOPAQ® in different environmental conditions. Here the company carries out some of the long testing required to certificate the product for special application (Fig. 15). Beside the company tests further developments of the visco-elastic technology, like a solvent-based and a water-based sprayable version of the STOPAQ®, and new subsea application (Fig. 16).

Il centro collaudi possiede anche una vasca d’acqua per simulare l’applicazione sottomarina e mostrare quanto sia facile applicare il prodotto anche sott’acqua.

re, che è sempre problematica. Evita anche problemi sulle saldature dove generalmente l’acciaio ha una durezza diversa e un angolo di contatto diverso rispetto al resto della superficie”. “Inoltre con STOPAQ® abbiamo separato la funzione di prevenzione della corrosione da quella di protezione meccanica. Combiniamo tecnologie diverse per adattarci ai requisiti delle varie applicazioni e facciamo funzionare entrambi i sistemi al 100% delle loro potenzialità. È possibile mettere qualsiasi cosa sopra allo STOPAQ® come protezione meccanica (pittura, poliurea, vinilesteri, poliesteri…) (figg. 12, 13). Un’altra caratteristica di STOPAQ® è la sua capacità di isolamento elettrico (fig. 14). Non è conduttivo, quindi evita che la corrente continua viaggi attraverso il rivestimento raggiungendo l’acciaio per danneggiare la tubazione. Se si causa un danno allo STOPAQ®, la corrente di protezione catodica viaggerà fino all’anodo e creerà un circuito elettrico per proteggere l’acciaio finché lo STOPAQ®, con il suo effetto autoriparante, non fluisce per riparare il danno. A quel punto la corrente cadrà e non sarà più necessaria. Questo è il modo in cui lavora la Protezione Catodica, protegge l’acciaio esposto: STOPAQ® non consente di raggiungere il limite della progettazione della PC” (rif. ipcm_Protective Coatings, vol. 1, n° 1, Aprile 2012, pagg. 32-38). Dopo la visita al centro di esperienza, abbiamo proseguito la visita attraverso il sito produttivo e le strutture dedicate alle prove e ai collaudi. STOPAQ® ha un centro collaudo all’aperto che simula numerose applicazioni diverse in condizioni ambientali altrettanto diverse. Qui l’azienda esegue alcuni dei lunghi collaudi richiesti per certificare il prodotto per applicazioni speciali (fig. 15). Inoltre l’azienda sta testando ulteriori sviluppi della tecnologia viscoelastica, ad esempio una versione spruzzabile dello STOPAQ® sia a base solvente che a base acqua, e un nuovo sistema di rivestimento sottomarino (fig. 16).

36 OCTOBER 2012


by Paola Giraldo

37 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

HIGHLIGHT

PREVAILING WIND La forza del vento

F

P

or years now wind energy has been the poster child for er anni l’energia eolica è stata l’insegna della generazione sustainable energy generation. Now Eastern Europe is dell’energia sostenibile. Ora l’Europa dell’Est sta recuperancatching up: in Romania the largest onshore wind park in do terreno: in Romania sta prendendo forma il più grande parco Europe is currently taking shape. The plant installed there del vento a terra in Europa. L’impianto lì installato incorpora eleincorporates fastening elements coated with micro-layer menti di fissaggio rivestiti con sistemi a micro strato di protezione corrosion protection systems. contro la corrosione. In the world of politics the energy transition is a resolved issue. Per il mondo politico la transizione energetica è un problema risolHowever, complete implementation of the ambitious targets set is to. Tuttavia, l’implementazione completa degli obiettivi ambiziosi still a long way off. Offshore wind energy plants will play a major prefissati è ancora lontana. Gli impianti eolici offshore giocheranno role in this - and it is precisely here that high-performance un ruolo prioritario in questa situazione, ed è procorrosion protection systems are required. The coated prio qui che si richiedono sistemi di protezione dalla fasteners installed here are amongst the most safety-relevant corrosione altamente performanti. components of a wind energy unit. As a consequence, they Gli elementi di serraggio rivestiti qui installati sono need to be as maintenance-free as possible in order to achieve tra i componenti più rilevanti per la sicurezza all’inmaximum possible energy efficiency. The fastener elements in terno di un’unità di energia eolica. Di conseguenza, the plants of well-known manufacturers therefore frequently è necessario che essi richiedano la minor manutenutilise a system structure comprising the basecoat zione possibile, al fine di ottenere la massima effiand the topcoat Delta®-Tone cienza energetica. Per questo motivo gli elementi di Delta®-Seal of Dörken fissaggio negli impianti dei maggiori produttori utilizzaMKS-Systeme GmbH & Co. KG, no spesso un sistema Herdecke (Germany) (Fig. 1). di rivestimento The company has alreadyy received che comprende il various specificationss for base coat e il top this system from coat Delta®-Tone well-known Delta®-Seal di Dörken Del manufacturers GmbH & Co. KG, di MKS-Systeme Gm M of wind energy 1). Herdeckee (Germania) (fi H (fig. 1 ). plants. Il sistema dell’azienda è 1 This has also già stato inserito nelle diWith the Germanischer Lloyd-certified system structure comprising the basecoat been confirmed by verse specifiche dei magDelta®-Tone and topcoat Delta®-Seal high-strength fastening elements such as this Germanischer Lloyd, which giori produttori di impianti M48 screw for rotor blade securing acquire multi-functional protection in the field of recently issued the certificate eolici. La sua validità è stamulti-layer coating for wind energy plants. for the use on standard bolts ta confermata anche dalla Con la struttura del sistema certificato Germanischer Lloyd che comprende il base in wind energy plants in the coat Delta®-Tone e il top coat Delta®-Seal, elementi ad alto fissaggio come la vite M48 Germanischer Lloyd, che per assicurare le pale dei rotori acquisiscono protezione multifunzionale nel campo onshore and offshore fields ha recentemente rilasciato del rivestimento multi strato per impianti eolici. (Fig. 2). The high-strength il certificato per il suo imfastening elements coated piego sui bulloni standard with this system, in particular those in the dimension range M24 negli impianti di energia eolica onshore e offshore (fig. 2). Gli eleto M48, have already been successfully employed in gondolas and menti di fissaggio ad alta resistenza rivestiti con questo sistema, rotor blade fastening for many years. in particolare quelli nella gamma dimensionale da M24 a M48, Optimal corrosion protection is also required for fasteners da anni sono usati con successo per il fissaggio di cabine e pale in the onshore field, because the largest wind energy units eoliche. of all are employed onshore. These may reach a height of La protezione ottimale dalla corrosione è richiesta anche per gli up to 125 metres, with a rotor span of some 100 metres. elementi di serraggio nel settore onshore, poiché le unità eoliche

38 OCTOBER 2012


Tobias Schürmann, Dörken MKS-Systeme GmbH & Co. KG, Herdecke, Germany SHilbt@dorken.de

più grandi sono installate a terra. Possono raggiungere un’alThe largest onshore wind park in Europe is currently under tezza fino a 125 metri, con un apertura dei rotori di 100 metri. construction in Fantanele, Romania. The 240 2.5 MW wind energy Il più grande parco eolico in Europa è attualmente in costruzione units incorporated there have a nominal output of 600 MW. August Friedberg GmbH, Gelsenkirchen (Germany), supplies various fastener a Fantanele, in Romania. Le 240 unità da 2,5 MW installate producono 600 MW di energia nominale. August Friedberg GmbH di elements for the wind park, coated with Dörken MKS-Systemen Gelsenkirchen (Germania) fornisce diversi elementi di fissaggio products. per l’impianto, rivestiti con prodotti Dörken MKS-Systeme. Alongside Insieme a nazioni come Lettonia, Croazia e Svizzera, la Romacountries such nia è stata per lunas Latvia, go tempo Croatia and in ritardo Switzerland, nel campo Romania has dell’enerlong been gia eolica a lagging in livello eurothe field of wind peo, ma con la costruzione del energy in Europe. parco eolico di Fantanele With the è balzata in prima fila. construction of 2 La certificazione di Germathe Fantanele To receive the certificate by the Germanischer Lloyd, different test results had to be nischer Lloyd è stata ottenuwind park the country has presented. Therefore a coated bolt was literally “taken apart”. ta grazie alla presentazione advanced amongst the front Per ricevere la certificazione Germanischer Lloyd sono stati presentati i risultati di diverse prove. Per questo motivo un bullone rivestito è stato letteralmente delle misurazioni necessarunners. “smontato”. rie registrate dall’Institut Certification by für Lackprüfung Andreas Germanischer Lloyd was Keiner GmbH di Wettenberg (Germania), e da Schatz AG di accomplished via the presentation of the necessary measurement Remscheid (Germania), sulla base della corrispondente certificafindings recorded by the Institut für Lackprüfung Andreas Keiner zione. Per esempio, lo spessore medio del rivestimento dell’inteGmbH, Wettenberg (Germany), and the company Schatz AG, ro elemento è stato misurato a circa 30 μm usando vari metodi Remscheid (Germany), on the basis of corresponding accreditation. di misurazione. La resistenza alla corrosione dei bulloni di prova For example, the average coat thickness of the entire structure was è stata testata per un minimo di 1.500 ore con la prova di nebbia measured at approximately 30 μm, using various measurement salina in conformità con la norma DIN EN ISO 9227. Anche il comethods. The corrosion durability of the test bolts was tested for a efficiente di attrito è stato testato in varie condizioni su un pezzo minimum of 1,500 hours in salt spray testing in accordance with DIN EN ISO 9227. The coefficient of friction was also tested on a reference di riferimento prelevato dalla verniciatura in serie. Il sistema di rivestimento con base coat e top coat con lubrificante integrato part from series coating under various conditions. The system of ha dimostrato nel complesso dei coefficienti di attrito μtot costanti basecoat and topcoat with integrated lubricant demonstrated consistent overall coefficients of friction μtot in a window between compresi tra 0,08 e 0,14. La regolazione del precarico a dispersio0.08 and 0.14. Adjustability in tight spreads - for example via ne ristretta è possibile, per esempio attraverso i lubrificanti. lubricants - is possible.

Per requisiti più elevati For increased requirements The Delta®-Tone basecoat offers active cathodic protection, thereby fulfilling the increased requirements of wind energy plants in offshore operation. Application of the coating is via spin coating or spraying for larger fastening elements, such as bolts for the securing of rotor blades. As no hydrogen is involved in the coating process, the risk of hydrogen embrittlement of the high-strength component as a result of the coating procedure can be safely excluded. In the subsequent stage the coating is cured at 180 - 220 °C for 30 - 60 minutes. The organic topcoat

Il base coat Delta® - Tone offre una protezione catodica attiva, raggiungendo in questo modo i requisiti elevati degli impianti eolici nelle operazioni offshore. L’applicazione del rivestimento avviene attraverso spruzzatura o con spin coating per gli elementi di fissaggio più grandi, come i bulloni che assicurano le pale dei rotori. Siccome l’idrogeno non si genera nel processo di rivestimento, il rischio di infragilimento da idrogeno dei componenti ad alta resistenza come conseguenza della procedura di rivestimento è escluso. Nella fase successiva il rivestimento è polimerizzato a 180 – 220° per 30 – 60 minuti. Il top coat organico Delta® - Seal

39 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

HIGHLIGHT

in the form of Delta®-Seal serves to further increase corrosion protection. However, the main advantage of this topcoat for use with wind energy plants is that slide and friction properties are satisfied, with the consequence that optimal connectability is provided in all assembly processes. Additional benefits with topcoating include the fulfilment of requirements such as colour, temperature and UV resistance or resistance to chemicals.

serve a incrementare ulteriormente la protezione dalla corrosione. Il principale vantaggio del top coat utilizzato in un impianto eolico, comunque, è che si possono soddisfare le proprietà di attrito e scorrimento: di conseguenza in tutto il processo di assemblaggio viene offerta la massima montabilità. Benefici aggiuntivi che derivano dal top coat sono il raggiungimento dei requisiti in merito a colore, temperatura e resistenza agli UV o agli agenti chimici.

The alternative to conventional systems

L’alternativa ai sistemi convenzionali

Husum Wind Energy 2012

Foto: Dörken MKS-Systeme GmbH & Co. KG

The system is now in use worldwide with almost all well-known manufacturers of wind energy plants, as it offers a safe and economical alternative to the conventional surface protection systems often used in wind energy plants. The low curing temperature means that it is also highly energy efficient and damage to the high-strength steel components caused by excessively high temperatures can be avoided. The low coat thickness means that it is sometimes possible to avoid the cost-intensive repeat cutting of the nut threads, enabling full-surface corrosion protection to also be achieved in the area of the thread. High-performance corrosion protection for high-strength fastening elements makes a key contribution to largely enabling freedom from maintenance for the entire plant particularly in safety-relevant areas.

3

Il sistema è ora in uso nel mondo presso quasi tutti i maggiori produttori di impianti eolici, poiché offre un’alternativa sicura ed economica ai sistemi convenzionali di protezione delle superfici generalmente usati in questo campo. La bassa temperatura di polimerizzazione indica che il sistema ha un’efficienza energetica elevata e che si possono evitare danni ai componenti in acciaio ad alta resistenza causati da temperature eccessive. Il basso spessore del rivestimento permette di evitare talvolta la costosa ripassatura della filettatura dei dadi, consentendo la protezione dalla corrosione dell’intera superficie anche nell’area del filetto. Una protezione dalla corrosione altamente performante per gli elementi di fissaggio ad alta resistenza è un elemento chiave che permette di evitare la manutenzione in tutto l’impianto – specialmente in aree critiche per la sicurezza.

3

The certified coating system was the focus Husum Wind Energy 2012 NRW environment minister Johannes Remmel (left) of the presentation of Dörken Il sistema di rivestimento certificato covisited the stand of Dörken MKS-Systeme at the HUSUM WindEnergy 2012, where he was warmly MKS-Systeme GmbH & Co. KG at the stituiva il fulcro della presentazione di welcomed by Managing Director Dr. Martin Welp. HUSUM WindEnergy 2012. Here the Dörken MKS-Systeme GmbH & Co. KG Il Ministro dell’Ambiente della regione tedesca NRW company welcomed numerous trade visitors Johannes Remmel (a sinistra) ha visitato lo stand all’HUSUM WindEnergy 2012. Qui l’azienfrom Germany and abroad, including many Dörken MKS-Systeme alla fiera HUSUM WindEnergy da ha dato il benvenuto a numerosi visita2012, dove è sato calorosamente accolto dal representatives of the fastener industry. tori dalla Germania e da altri Paesi, includirettore generale Dr. Martin Welp. One highlight was the meeting with NRW si molti rappresentanti dell’industria degli environment minister Johannes Remmel elementi di serraggio. Uno dei punti prin(Fig. 3), who was impressed with the innovative energy of the cipali è stato l’incontro con il ministro dell’ambiente della regione Herdecke-based company. tedesca NRW (Nordrhein-Westfalen) Johannes Remmel (fig. 3), The state of North Rhine-Westphalia was represented at the fair impressionato dalla spinta innovativa dell’azienda di Herdecke. by 150 companies. The state thereby had by far the most stands Lo stato tedesco NRW è stato rappresentato in fiera da 150 azienamongst the approximately 1,200 German and international de, risultando essere quello con più stand tra i circa 1.200 espoexhibitors, presenting itself as the core state of the German sitori internazionali, presentandosi così come lo stato principale subcontracting industry for wind energy. dell’industria eolica esternalizzata.

40 OCTOBER 2012


by P Pao Paola aola G Giraldo i al ir a do d

41 OCT 41 OCTOBER O OC CTO TOBER TOBE BEER 2012 B 2012 20 12


PROTECTIVE COATINGS

HIGHLIGHT

GRUPPO ISPAC SOCIETÀ COOPERATIVA: QUALITY AND COMPETENCE AGAINST CORROSION Nasce il Gruppo IspAC Società Cooperativa: qualità e competenza contro la corrosione

G

ruppo IspAC (Gruppo Ispettori AntiCorrosione, i.e. “Coating Inspectors Group”) is an association of more than 20 inspectors specialising in corrosion, founded for non-commercial and non-profit purposes. Membership is individual and not based on company representation. Founded in 1997, the Group aims at supporting its Italian and foreign customers in the resolution of any technical issue relating to the protection of steel and concrete with liquid coatings, both on site and in the workshop. The Group’s activities are: - organisation of training and specialisation courses about corrosion at the request of companies and customers; - organisation of refresher courses for its coating inspectors on topics of general and specific interest; - organisation of study days, conferences and meetings on issues of national importance; - organisation of Coating Inspector training, qualification and certification courses (levels 1 , 2 and 3) on behalf of Frosio, an internationally recognised Norwegian institution, and in compliance with its Standard NS 476 (sole agency in Italy since 2009). The Faculty of Chemistry of the University of Genoa (Department of Chemical Engineering and Process, “DIcheP”) collaborates with Gruppo IspAC for the carrying out of some theoretical and practical activities for its courses. IspAC organises qualifying examinations all over Italy and certifies the results of the tests taken by the coating inspectors in accordance with and in compliance with the requirements of the Standard NS 476; - publication of specialised books, such as “Elementi di corrosione e anticorrosione” (“Elements of corrosion and anti-corrosion”), 2008 edition and February 2009 updated edition. The new Gruppo IspAC Società Cooperativa, with operational purposes, was started in July 2012. It deals with some of the activities of Gruppo IspAC, such as inspections and specific tasks and projects. On behalf of its customers, Gruppo IspAC Società Cooperativa carries out inspection and quality control activities – both in Italy and abroad, both on site and in the workshop – such as:

I

l Gruppo IspAC (Gruppo Ispettori AntiCorrosione) è un’associazione di oltre 20 ispettori specializzati in anticorrosione (Coating Inspector), nata a scopo non commerciale e che non persegue fini di lucro. L’adesione è per scelta individuale e ne sono escluse le società di appartenenza. Fondato nel 1997, il Gruppo ha l’obiettivo di supportare la committenza italiana ed estera nella risoluzione delle problematiche tecniche inerenti alla protezione dell’acciaio e del calcestruzzo con vernici liquide, sia in officina sia in cantiere. Le attività del Gruppo sono: - organizzazione di corsi di formazione e specializzazione del personale, su richiesta di aziende e committenti, inerenti ai temi dell’anticorrosione; - organizzazione di corsi di aggiornamento per i propri ispettori anticorrosione su argomenti di interesse generale e specifico; - organizzazione di giornate di studio, convegni e meeting su argomenti di rilevanza nazionale per il settore; - organizzazione su incarico di Frosio, ente Norvegese riconosciuto a livello internazionale, in esclusiva per il territorio italiano dal 2009, dei corsi di formazione, qualificazione e certificazione dei Coating Inspector (livelli 1, 2 e 3) in conformità alla loro NORMA NS 476. La facoltà di Chimica dell’Università di Genova (DIcheP, “Dipartimento di Ingegneria Chimica e di Processo”) collabora con il Gruppo IspAC per lo svolgimento delle attività didattiche teoriche e pratiche del corso. IspAC organizza gli esami di qualificazione sul territorio nazionale e certifica l’esito dell’esame sostenuto dagli ispettori anticorrosione in conformità e nel rispetto dei requisiti previsti dalla Norma NS 476; - pubblicazione di testi propri su argomenti di settore, per esempio: “Elementi di corrosione e anticorrosione”, edizione 2008 e riedizione aggiornata del Febbraio 2009. A luglio 2012 è stato creato il nuovo Gruppo IspAC Società Cooperativa con finalità operativa, che si occupa di alcune delle attività del Gruppo IspAC, ad esempio quelle inerenti alle attività d’ispezione, all’elaborazione di incarichi a progetto e a commessa. Il Gruppo IspAC Società Cooperativa, quindi, svolge su incarico della committenza attività di ispezione e controllo qualità, sia in Italia che all’estero, in cantiere e in officina, come: - verifica del grado di preparazione delle superfici; - misure e controlli (preliminari, durante la lavorazione e finali) sul ciclo di verniciatura; - verifica e approfondimento di eventuali difettosità su cicli di

42 OCTOBER 2012


Michele Camerini Gruppo IspAC, Ispettori anticorrosione, Muggiò (MB), Italy mail@gruppoispac.org

- verification of the degree of surface preparation; - measures and controls (before, during and after the processing) on coating systems; - verification and analysis of defects on painting systems and coatings in general; - in-situ and/or laboratory tests with evaluation and certification of the results obtained; - coating systems and operators qualification in compliance with the international standards (NORSOK NS M501, etc.) and/or with the specifications of the engineering companies, with certification of the results obtained; - studies on the durability of various coating and painting systems; - development and optimisation of pre-treatment and painting processes based on the customers’ requests; - optimisation of coating processes as a function of the most suitable paints, the type of plant and/or product and the various needs. Gruppo IspAC Società Cooperativa is equipped with the full range of certified tools needed for any type of control normally required for the inspection activities and also rents them out to other certified inspectors. The list of tools and references (from its main Italian and foreign clients) is available upon request. Gruppo IspAC and its experts have gained significant experience in the field of corrosion protection in the chemical, petrochemical, energy, design & engineering, iron metallurgy, oil & gas, steelwork, naval, civil and infrastructure industries. Its members have attended several courses and obtained various certifications at the national and international level, e.g. “Carlo Banfo” school, Frosio (levels 2 and 3) and NACE (levels 2 and 3) certifications. They support the customers, both in Italy and abroad, with a great professionalism.

verniciatura e su rivestimenti in genere; - test e prove in loco e/o in laboratorio con valutazione e certificazione dei risultati ottenuti; - qualificazione dei cicli di verniciatura e degli operatori in conformità alle norme internazionali (NORSOK NS M501, ecc.) e/o in base alle specifiche delle società d’ingegneria, con certificazione dei risultati ottenuti; - studi di durabilità sui cicli di verniciatura e su rivestimenti vari; - elaborazione e ottimizzazione dei cicli di processo di pretrattamento e di verniciatura su specifiche richieste della committenza; - ottimizzazione dei cicli di verniciatura e di rivestimento in funzione delle pitture più idonee, del tipo di impianto e/o di manufatto e delle varie necessità. Il Gruppo IspAC Società Cooperativa è dotato della gamma completa di strumentazione certificata idonea a svolgere qualsiasi tipo di controllo normalmente richiesto nei lavori d’ispezione ed è disponibile anche al suo eventuale noleggio ad ispettori esterni certificati. La lista degli strumenti e delle referenze (i principali committenti italiani ed esteri) sono disponibili su richiesta. Il Gruppo IspAC e i suoi esperti hanno maturato importanti esperienze sulla protezione anticorrosiva nel settore chimico, petrolchimico, energia, progettazione ed engineering, siderurgia, oil & gas, carpenteria metallica, navale, civile e infrastrutturale. Gli associati hanno frequentato corsi e conseguito diverse certificazioni a livello nazionale e internazionale, come Coating Inspector certificati dalla scuola “Carlo Banfo”, a livello internazionale Frosio (livelli 2 e 3) e NACE (livelli 2 e 3), e sono in grado di supportare i propri committenti con una professionalità a 360 gradi sulle varie tematiche industriali, operando sia in Italia che all’estero.

43 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS FOCUS ON TECHNOLOGY ARCHITECTURAL DESIGN AND USE OF HIGH DURABILITY, MAINTENANCE-FREE PROTECTIVE COATINGS Progetti architettonici ed uso di rivestimenti protettivi ad alta durabilità e privi di manutenzione

Opening photo: Milan, Italy, August 10th 2012, laying of the bridge. Foto d’apertura: Milano, 10 agosto 2012, il trasferimento del ponte per il posizionamento.

Preliminary remarks

Premessa

In the building permission field, it is increasingly frequent that a contractor carries out public works as a deduction of the infrastructure costs. In these cases, the objectives are twofold: on the one hand, reducing the direct costs that the public authorities must face to operate in the territory and, on the other hand, carrying out urbanisation projects simultaneously with the construction projects. This paper describes the building of a pedestrian and cycle

Nei contratti di concessione edilizia è sempre più frequente la realizzazione, a cura del contraente, di opere di pubblica utilità a scomputo degli oneri di urbanizzazione. Tali opere hanno il duplice obiettivo di ridurre i costi diretti che la pubblica amministrazione deve sostenere per interventi sul territorio e di realizzare interventi di urbanizzazione nello stesso arco di tempo in cui si realizzano gli interventi edilizi previsti. Di seguito si descrive l’intervento realizzato nella zona del Portello a Milano, nell’area dello storico stabilimento dell’Alfa Romeo, di realiz-

44 OCTOBER 2012


Angelo Locaspi, Innoventions srl, Cinisello Balsamo (MI), Italy angelo.locaspi@innoventions.eu

direzione del percorso della scala cromatica dal nero al grigio chiaro direzione del percorso della scala cromatica dal rosso alfa al grigio medio la divisione da un campo di colore al successivo deve essere perpendicolare alla tangente dell’arco

1

2

A colour sequence on the Viale Serra footbridge as per the design of Jorrit Tornquist.

Colour sequences designed by Jorrit Tornquist.

Schema esemplificativo della sequenza colore sulla Passerella di Viale Serra come da progetto di Jorrit Torqnuist.

Traccia delle sequenze colore, progetto di Jorrit Tornquist.

bridge carried out in Milan, Italy, in the Portello area, where the old Alfa Romeo plant stood. The bridge, built between June and October 2012, joins two new residential areas.

zazione di una passerella ciclo-pedonale. L’intervento realizzato tra giugno ed ottobre 2012 consente il collegamento tra due nuove zone residenziali e di recente urbanizzazione.

The architectural project

Il progetto architettonico

The footbridge – on the cover of this issue of ipcm_Protective Coatings – is a 120 metres long overhead structure built to cross the Viale Serra avenue, a high traffic road. The project had to ensure a level of design innovation such as to reduce the impact of the structure on the landscape of the district – characterised by high population density and traffic volumes exceeding 50,000 vehicles/day – thus making it acceptable to the people and the local authorities. The client company, Iper Montebello Spa, entrusted a team of international designers (see Table 1) with the project. They set as a priority the definition of a new design standard to be applied to other similar infrastructure projects in the Milan area. The design stage was fast, but the authorisation process took several years, as often happens in such cases. In the last stage of the project, the client decided to integrate the architectural project with a colour project aimed at further enhancing the integration of the footbridge into the environment (Fig. 1). Actually, it had already used the colour design strategy in its architectural projects as a tool for integrating massive structures such as shopping centres into heavily populated areas. The construction of the Iper Portello supermarket in Milan according to these criteria, for example, had been a successful case because, compared to similar structures, it has a very low impact on its area, densely populated.

Il progetto prevedeva il superamento del viale Serra, strada ad altissimo livello di traffico, con una struttura sopraelevata. La passerella – pubblicata sulla copertina di questo numero di ipcm_Protective Coatings – è lunga circa 120 metri. L’intervento avrebbe dovuto garantire un contenuto di innovazione tale da ridurre l’impatto sul paesaggio del quartiere caratterizzato da alta densità abitativa e da volumi di traffico superiori a 50.000 veicoli/ giorno, rendendolo così accettato dalla popolazione e dall’Ente Locale. La società committente, la Iper Montebello Spa, affidò il progetto ad uno staff di progettisti di assoluto valore a livello internazionale (vedi tabella 1), i quali impostarono l’attività avendo come priorità quella di definire un nuovo standard progettuale da applicare a altri interventi infrastrutturali analoghi per l’area milanese. La fase di progettazione, in sé veloce, si è protratta per molti anni fortemente influenzata dall’iter di autorizzazione, come spesso accade per interventi di questo tipo. Nell’ultima fase del progetto il committente decise di integrare il progetto architettonico con uno specifico progetto colore per migliorare ulteriormente l’integrazione della passerella nel quartiere (fig. 1). Il committente aveva già utilizzato la progettazione del colore ad integrazione della progettazione architettonica come strumento di inserimento di grandi strutture quali i centri commerciali all’interno di aree densamente popolate. La realizzazione secondo tali criteri del supermercato Iper Portello a Milano è infatti risultata di grande qualità perché rispetto a strutture similari presenta un bassissimo livello di invasività in un quartiere sovraffollato.

45 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS FOCUS ON TECHNOLOGY Initially, the project of the Milan branch of ARUP did not involve the use of colour: the shape of the footbridge was considered functional enough. However, the use of colour has met the need to integrate the structure into the environment of the Portello area in Milan. This working-class district is historically linked to the Alfa Romeo factory; hence the choice of the Rosso Alfa red and of the grey colours (light grey on the deck and both light and dark grey on the arch) to evoke a never ended identity (Fig. 2).

Il progetto architettonico della sezione milanese della ARUP non prevedeva l’uso del colore in quanto la forma dell’opera era ritenuta auto esplicativa delle funzioni che la passerella avrebbe svolto. Tuttavia l’utilizzo del colore ha soddisfatto l’esigenza di contestualizzare l’opera nella realtà del quartiere Portello a Milano. Infatti, il quartiere operaio in cui l’opera è inserita è storicamente legato allo stabilimento dell’Alfa Romeo: da qui la volontà di evidenziare l’intera opera con il colore Rosso Alfa e con due sequenze di grigi, siano essi chiari (sull’impalcato) o degradanti dal chiaro allo scuro (sull’arco), indicatori di un collegamento con una identità che non è stata smarrita (fig. 2).

3

Colour sequence validation test. Test di validazione sequenza colore.

The technical solution The design objective has been achieved by using protective coatings whose durability characteristics are similar to those of the substrate on which they are applied. It has been decided to use protective coatings based on fluorinated polymers, the only ones with a 40 to 50 year duration without maintenance. There was also an economic reason for this choice: the particular location of the footbridge, i.e. above a high traffic road, makes any maintenance activity, even a colour touch-up, very inconvenient and expensive. The colour project included two sequences of 10 colours each, used as follows (Fig. 3): 1. the sequence on the arch consists of 10 fields of different size ranging from the NCS1 1500-N light grey to the NCS 9000-N dark grey colour; 2. the sequence on the deck ranges from the NCS 5000-N medium grey to the NCS S 2070-R red colour (Fig. 4).

La soluzione tecnica L’obiettivo progettuale è stato raggiunto utilizzando rivestimenti protettivi le cui caratteristiche di durata sono simili a quella dei supporti sui quali sono applicati. Si è deciso di utilizzare rivestimenti protettivi a base di fluoro polimeri, gli unici in grado di offrire una durata di 40 – 50 anni senza manutenzione. La motivazione della scelta è stata anche di tipo economico, in quanto la particolare posizione nella quale la passerella è inserita – l’attraversamento di un viale ad altissimo livello di traffico – rende assolutamente disagevole e costoso condur4 re qualsiasi attività di manutenzione, sia Colour sequence from red to grey applied to the essa di solo ritocco del colore. Il progetbridge. to colore comprende due sequenze da Sequenza dal rosso al grigio applicata al ponte. 10 tinte ognuno così suddivise (fig. 3): 1. sull’arco la sequenza è costituita da 10 campi di diversa estensione, i cui estremi cromatici sono costituiti dal grigio chiaro NCS1 1500-N al grigio scuro NCS 9000-N; 2. sull’impalcato la sequenza è anch’essa composta da 10 tinte che partono dal grigio medio NCS 5000-N per finire al rosso NCS S 2070-R (fig. 4).

1 NCS: Natural Color System, a colour standard developed by the Scandinavian Colour Institute AB of Stockholm.

1 NCS: Natural Color System, uno standard colorimetrico sviluppato dallo Scandinavian Colour Institute AB di Stoccolma.

46 OCTOBER 2012


Angelo Locaspi, Innoventions srl, Cinisello Balsamo (MI), Italy angelo.locaspi@innoventions.eu

The coating system applied

Il ciclo protettivo applicato

Carbon steel has been chosen as the base material; a protective coating system of the highest quality has been applied on it. Despite the urban and partially industrial environment (corrosion class C42), it has been decided to use a protective system able to withstand even a marine environment (class C5). Actually, the structure will be subject for at least 4 months a year to frequent salt spreading operations, which will make the environment far more aggressive than the one that can be found near the sea. After the sandblasting process, the following protective system has been applied in the factory: • First layer: two-component organic zinc primer based on epoxy resins, with a minimum DFT of 60 microns, metallic zinc content> 80% and epoxy resin-based binder. • Second layer: two-component epoxy polyamide intermediate coat with a minimum DFT of 120 microns and solid content by volume> 60%. The onsite operations were carried out as follows: • After the localised sandblasting of the welds, application of a surface tolerant, two-component epoxy polyamide coating, DFT 190 micron, solid content> 80%. • Application of a two-component epoxy putty to cover surface irregularities. • Application of a urea-urethane and fluorinated top coat named Fluorcoat s.051, minimum DFT 40 microns, solid content of about 60%, binder based on fluorinated resins with a fluorine content of at least 25% and a chlorine content of at least 15%. An equivalent system, specifically intended for concrete protection, has been applied on the two pillars. The protective system described is covered by a 5 year insurance policy (whose duration is extendable up to 15 years) against the risks of corrosion, such as paint detachment, loss of gloss and/or colour change, blistering, etc. The policy, subscribed under the supervision of an independent corrosion expert, covers the restoration costs of the protective coating under the terms of the contract.

Come materiale di partenza è stato scelto l’acciaio al carbonio sul quale è stato applicato un ciclo protettivo di assoluta qualità. Anche se in presenza di un ambiente urbano e marginalmente industriale, identificabile con una classe di corrosione C42, si è scelto di adottare un ciclo protettivo idoneo a resistere in classe C5, cioè ambiente marino, in quanto per almeno 4 mesi l’anno la struttura sarà oggetto di frequenti ed intensi interventi di spargimento sale che rendono l’ambiente ben più aggressivo di quello che si realizza in prossimità del mare. Dopo la sabbiatura, in stabilimento è stato applicato il seguente ciclo protettivo: • Primo strato: primer zincante organico bi-componente a base di resine epossidiche, avente spessore minimo di 60 micron DFT, avente contenuto zinco metallico > 80% e legante a base di resina epossidica. • Secondo strato: Intermedio epossipoliammidico bi-componente avente spessore minimo di 120 micron secchi, contenuto di solido in volume > 60%. Successivamente in cantiere si è operato nella maniera seguente: • Dopo la sabbiatura localizzata delle saldature, applicazione di pittura epossipoliammidica bi-componente del tipo surface tolerant, spessore 190 micron secchi, contenuto di solido > 80%. • Stuccatura a base di stucco epossidico bi-componente delle irregolarità superficiali. • Applicazione di finitura ureico-uretanica fluorurata denominata Fluorcoat s.051, spessore minimo 40 micron DFT, contenuto solido del 60% circa con sistema legante a base di resine fluorurate aventi contenuto di fluoro minimo del 25% e di cloro del 15%. Un equivalente ciclo protettivo, specifico per calcestruzzi, è stato applicato sui due pilastri. Il sistema protettivo appena descritto è supportato da una polizza assicurativa di durata quinquennale, estendibile fino a 15 anni, per i rischi connessi alla corrosione quali distacco della pittura, perdita di brillantezza e/o viraggio colore, blistering ecc. La polizza, per la cui attivazione è richiesta la supervisione e validazione da parte un professionista indipendente esperto del settore anticorrosione, copre i costi di rifacimento del rivestimento protettivo alle condizioni previste dal contratto.

Table 1: Designers and companies who took part in the works:

Tabella 1: Progettisti ed aziende che hanno partecipato alla realizzazione:

Client: Architectural design: Colour project: Structural design: Project validation: Tester: Works supervision: Building company: Metal structures manufacturer: Coating application: 2 Corrosion class according to UNI EN ISO 12944-3

Iper Montebello Spa ARUP Italia Srl, arch. Matteo Codignola prof. Jorrit Tornquist SEICO Srl, ing. Viviani BCV Srl, ing. Alberto Vintani, ing. Franco Spinelli prof. ing. Giulio Ballio SCE Project Srl ing. De Cerchio, Assistente operativo DL, ing. Francesco Michelon CGG Spa - Torino Cordioli & C. Spa Impresa Farinon Srl 2 Classe di corrosività secondo UNI EN ISO 12944-3

47 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS FOCUS ON TECHNOLOGY FLUORINATED TOP COAT TO PROTECT AND IMPROVE THE RESISTANCE OF COR-TEN© STEEL AND TO ENHANCE ITS APPEARANCE La resistenza dell’acciaio COR-TEN© protetta ed esteticamente più valida con trattamenti di finitura fluorurata

© F. Cavinato Zetagi

Opening photo: A glimpse of the cycle and pedestrian bridge crossing the Adige river in the village of Nomi (TN, Italy). Foto d’apertura: scorcio del ponte ciclopedonale di attraversamento dell’Adige in località Nomi (TN).

T

he goal of promoting and encouraging the use of alternative means of transport other than cars is gaining more and more importance. Several projects, aimed in particular to the use of the bicycle, are being developed. Among them, the cycle bridge crossing the River Adige (ref. opening picture) in the village of Nomi (TN, Italy) has a very special meaning, as it completes the “Val di Sole” cycle path, a charming route popular with the locals as well as with the Italian and foreign tourists. The bridge of Nomi finally joins the northern stretch to Trento of the cycle path, on the right bank of the Adige, with the southern one to Rovereto, Italy, on the opposite bank (Fig. 1). This work has been commissioned by the Environmental Protection and Enhancement Board of the Autonomous Province of Trento, which entrusted eng. Giorgio Raia of T&D Ingegneri Associati di Trento both with the preliminary and executive design and with the direction of the project. The work has been carried out by C.M.M. F.lli Rizzi Srl, Vezza d’Oglio (BS, Italy).

L’

obiettivo di favorire e incentivare forme di mobilità diverse e alternative all’auto sta trovando sempre più riscontri e progetti finalizzati in particolare all’uso della bicicletta. Tra i tanti progetti formulati in quest’ottica, la realizzazione del ponte ciclabile di attraversamento dell’Adige (rif. foto d’apertura) a Nomi (TN) ha un significato del tutto particolare, poiché rappresenta il definitivo completamento della ciclopista del Sole, un itinerario ricco di fascino frequentato dai residenti trentini ma anche da turisti italiani e stranieri. Il ponte ciclabile di Nomi rappresenta, di fatto, la definitiva unione del tratto nord verso Trento posizionato alla destra orografica dell’Adige con quello a sud verso Rovereto posto dal lato opposto, della pista ciclabile della Valle dell’Adige (fig. 1). Committente della realizzazione dell’opera è stata la Provincia Autonoma di Trento, Servizio Conservazione della Natura e Valorizzazione Ambientale, che ha dato incarico della progettazione preliminare ed esecutiva e direzione lavori all’ing. Giorgio Raia dello studio di progettazione T&D Ingegneri Associati di Trento. L’opera è stata realizzata dalla C.M.M. F.lli Rizzi Srl di Vezza d’Oglio (BS).

48 OCTOBER 2012


Francesco Cavinato, Colorificio Zetagì, Olmo di Creazzo (VI), Italy f.cavinato@zetagi.it

The project

Il progetto

The cycle bridge across the Adige is an arched bridge, exclusively made of steel, with a total length of 120.75 m and with a maximum distance between piers of 102.25 m. The choice of structure was dictated by the type of construction site and, in particular, by the need to comply with the limits imposed by the Mountain Basins Board of the Autonomous Province of Trento, which prevents any support element from being built in the riverbed and in the floodplains and requires a specific distance between the design flood level and the bridge soffit. For these reasons, a tied arch bridge characterised by a static scheme has been designed (Fig. 2). In a tied arch bridge, the horizontal tensions are borne by the bottom chord, thus eliminating them at the abutments. In the light of the design conditions, which did not allow to build any intermediate piers, such a solution has been considered the most convenient as well as the one that best met, from the architectural point of view, the landscape and visibility needs of the site (Fig. 3).

L’attraversamento del fiume Adige è stato realizzato con un ponte ad arco a sezione, esclusivamente in acciaio, della lunghezza complessiva di 120,75 m con una luce massima tra gli appoggi di 102,25 m. La scelta di questa tipologia d’impalcato è stata dettata dalla tipologia del sito d’intervento e, in particolare, dalla necessità di ottemperare ai limiti imposti dal Servizio Bacini Montani della Provincia Autonoma di Trento, che esclude categoricamente la presenza in alveo e nelle zone golenali di elementi di sostegno ed ha imposto un franco netto tra il pelo libero dell’evento di massima piena e l’intradosso dell’impalcato. Per questi motivi in sede progettuale è stata realizzata un’opera di attraversamento caratterizzata da uno schema statico costituito da un arco a spinta eliminata (fig. 2). Nella struttura prevista, la spinta dovuta alla messa in esercizio dell’arco attraverso gli stralli viene eliminata attraverso la contemporanea messa in trazione dell’impalcato metallico che, essendo ad esso solidamente collegato, svolge anche la funzione di catena. Alla luce delle condizioni progettuali, che non hanno permesso per ragioni di criticità idraulica la realizzazione di pile intermedie, tale soluzione è stata ritenuta complessivamente la più conveniente e quella che riesce a soddisfare maggiormente, dal punto di vista architettonico, le esigenze paesaggistiche e di visibilità del sito (fig. 3).

Particular attention has been paid to the choice of materials and to the size of the building elements, also with the aim of streamlining and downsizing as much as possible this imposing structure while, at the same time, broadening the visual field. That is why this bridge is so unique. Besides the merely engineering purposes, the aesthetic and architectural aspects of the bridge have been taken into account during the design work, while an attempt to harmonise the new structures with the existing ones has been made. The whole bridge, except abutments and deep foundations, is made in

1 1

The plan of the Nomi bridge. La planimetria di progetto del ponte Nomi.

2 2

Render of the tied arch bridge structure. Render della struttura dell’arco a spinta eliminata.

49 OCTOBER 2012

Particolare attenzione è stata posta alla scelta dei materiali e delle dimensioni degli elementi costruttivi, con l’obiettivo di snellire e minimizzare il più possibile l’imponenza della struttura e contemporaneamente allargare la percezione d’orizzonte dello spazio visivo: per questo motivo la struttura proposta risulta unica nel suo genere. La progettazione, oltre alle finalità prettamente ingegneristiche, ha tenuto in grande considerazione la valenza estetica e ar-


PROTECTIVE COATINGS FOCUS ON TECHNOLOGY chitettonica dell’opera e, nello studio delle architetture, si è cercato di armonizzare le nuove opere con quelle esistenti, mirando ad una continuità dei temi architettonici. La struttura del ponte, a sola esclusione delle spalle e delle fondazioni profonde, è stata realizzata in acciaio COR-TEN© secondo UNI EN 10025-1:2005, UNI EN 10025-5:2005 e nei tipi S355J0W per spessori t<=20 mm; S355J2W per spessori t>20 mm e t<= 40 mm; S355K2W per spessori t>40 mm e t<= 60 mm. Tale scelta è stata determinata dalla necessità di avere un materiale leggero ad alta resistenza e, data la condizione di posa, di grande durabilità. La scelta architettonica operata in sede costruttiva ha previsto la verniciatura delle parti del ponte emergenti come l’arco e la sezione a cassone in vista comprensiva del profilo aerodinamico posizionato sul ciglio nord dell’impalcato (fig. 4), lasciando in vista l’ossidazione del COR-TEN© sulle rimanenti superfici (fig. 5). La scelta del ciclo di verniciatura è stata effettuata con lo stesso criterio utilizzato per il materiale della struttura, per cui grande attenzione è stata posta alla resistenza nei confronti degli agenti atmosferici, alla limitata manutenzione e alla alta durabilità. Per il trattamento superficiale di arco e impalcato del ponte sono stati scelti cicli “Veneziani”, linea protective coating della Zetagi.

© F. Cavinato Zetagi

COR-TEN© steel, in compliance with the UNI EN 100251:2005 and UNI EN 10025-5:2005 standards. The types of steel used are: S355J0W for thicknesses t<=20 mm; S355J2W for thicknesses t>20 mm and t<= 40 mm; S355K2W for thicknesses t>40 mm and t<= 60 mm. This choice was dictated by the need for a lightweight, highly resistant and, given the laying conditions, highly durable material. The emerging parts of the bridge, such as the arch and the box beams, including the airfoil on the northern side, have been coated (Fig. 4), while the oxidation of the other COR-TEN© surfaces will be left in view (Fig. 5). The coating system has been chosen with the same criteria as the material. Great attention has been paid to its resistance to atmospheric agents, limited maintenance and high durability. For the surface treatment of the arch and the bridge deck, the “Veneziani” protective coatings by Zetagi have been chosen. The coating operations have been carried out in two stages, the first one performed at the plant upon completion of the cutting and assembly stage of the

3 3

The bridged has been designed in a way that ensures full visibility of the landscape. Il ponte è stato progettato in modo che la strutture interferisse il meno possibile con le belle paesaggistiche del luogo.

50 OCTOBER 2012


© F. Cavinato Zetagi

Francesco Cavinato, Colorificio Zetagì, Olmo di Creazzo (VI), Italy f.cavinato@zetagi.it

4

5

© F. Cavinato Zetagi

4

5

To build this bridge the design engineers chose a lightweight, flexible and high durable material as weathering steel (COR-TEN©). The emerging parts of the bridge has been coated with a three-coat epoxy coating system and a fluorinated top coat, which ensures further durability and weather resistance to the structure.

A detail of the structural combination of “naked” and painted COR-TEN© steel provided by the project of the bridge.

Per la realizzazione del ponte i progettisti hanno scelto un materiale ad alta durabilità, leggero e flessibile quale l’acciaio patinabile (COR-TEN©). Le parti emerse sono state poi verniciate con un ciclo epossidico a tre mani e una finitura fluorpolimerica, rimarcando ulteriormente le esigenze di durabilità e resistenza della struttura.

Dettaglio della commistione strutturale fra COR-TEN© “nudo” e COR-TEN© verniciato prevista dal progetto del ponte.

sheets: The arch and the deck have been treated with TITANIA EP ZINC, zinc-epoxy with a thickness of 60 micron, with one first layer of TITANIA EP HV, epoxy intermediate with a thickness of 100 micron. The second stage of the treatment for the arch and the bridge’s deck was performed on site upon completion of the assembly stage with the application of further 100 micron of TITANIA EP HV epoxy intermediate and of the top coat Titania FL fluoropolymer finish (50 microns thickness). The final treatment with a fluoropolymer top coat has given the COR-TEN© steel not only a further effective protection ensuring another effective barrier, but also an architectural aesthetic value to the artefact that fits the environment. During the coating stages, great attention has been paid to the thickness of the different layers. The overall thickness of the coating is 310 microns for the sheets and 330 micron for the welded joints. The choice to use wood, which is the first ever building material used by man, for the flooring, the south airfoil and the handrail of such a futuristic steel structure finds its justification in the search for the right mix of innovation and tradition – with the shape of bridge, seen as a significant reference point in its surroundings, as a constant.

La verniciatura è avvenuta in due fasi, la prima in stabilimento a completamento della fase di taglio e assemblaggio delle lamiere nei conci previsti dal progetto: l’arco e l’impalcato sono stati trattati con TITANIA EP ZINC, zincante epossidico con spessore di 60 micron, e con un primo strato di TITANIA EP HV intermedio epossidico con spessore di 100 micron. La seconda fase di trattamento, per arco e impalcato del ponte, è avvenuta presso il cantiere a completamento della fase di montaggio; sono stati applicati ulteriori 100 micron di TITANIA EP HV intermedio epossidico e la mano finale di finitura fluoropolimerica TITANIA FL con spessore di 50 micron. Il ciclo finale di trattamento dell’acciaio COR-TEN© con finitura fluoropolimerica ha significato non solo potenziare la protezione dell’opera garantendo un’ulteriore barriera protettiva efficace, ma anche conferire al manufatto valenze estetico-architettoniche in aderenza con il contesto ambientale. Nelle diverse fasi di verniciatura delle superfici interessate è stata posta grande attenzione agli spessori dei diversi strati. Lo spessore complessivo della verniciatura effettuata è di 310 micron per lamiere e 330 micron per i giunti saldati con applicazione in cantiere. La scelta di associare all’avveniristica struttura in acciaio il legno, che è in assoluto il primo materiale da costruzione utilizzato dall’uomo, per la pavimentazione, per il terminale aerodinamico del ciglio sud e del corrimano trova la sua giustificazione nella ricerca di quel giusto mix tra innovazione e tradizione, sempre immaginando la forma del ponte come un punto di riferimento indelebile nel territorio.

51 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

INNOVATIONS

RPR 1650: ELECTROMAGNETIC INDUCTION FOR REMOVING PAINT AND COATINGS FROM STEEL SURFACES RPR 1650: l’uso dell’induzione elettromagnetica per la rimozione della vernice e dei rivestimenti dalle superfici in acciaio

R

PR is an innovative induction machine for the safe, clean and eco-friendly removal of difficult to strip coatings. It is a new, rapid, convenient and efficient system for removing coatings from steel surfaces. The patented technology behind this small machine is based on the induction heating, a proven and reliable technique further developed by RPR Technologies AS, a young Norwegian company based in Porsgrunn, represented in Italy by 2A Engineering of Bergamo. The RPR concept was developed by chance in 2000 when, on a ship in Malaysia, it was realised that a particular bacterium, sneaked between the hull and the paint layer, had

R

PR è un’innovativa macchina a induzione per la rimozione di rivestimenti problematici, all’insegna di sicurezza, pulizia ed ecocompatibilità. Si tratta di un nuovo sistema rapido, conveniente ed efficiente per rimuovere i rivestimenti dalle superfici in acciaio. Questo metodo brevettato, racchiuso in una piccola macchina, si basa sul riscaldamento per induzione, una tecnologia testata e affidabile, ulteriormente sviluppata da RPR Technologies AS, giovane azienda norvegese con sede a Porsgrunn, che in Italia è rappresentata da 2A Engineering di Bergamo. RPR nasce per caso nel 2000 quando, su una nave in Malesia, ci si accorse che un particolare batterio insinuatosi tra lo scafo e lo strato di vernice aveva dato inizio a un processo di degrado del rivestimento.

52 OCTOBER 2012


Beatrice Pazi, Maurizio Todeschini, 2A Engineering, Brembate (BG), Italy maurizio.todeschini@2aengineering.it

started a process of degradation of the coating. In order to eradicate the bacterium, a Norwegian crew member invented a rudimentary machine that, due to the heat produced by the steel surface treated, annihilated the unwelcome guest while, at the same time, causing an unexpected peeling of the paint. This method, therefore, could prove useful also for removing any type of coating from steel surfaces. The innovation content of RPR does not lie in the induction technology itself, but rather in the discovery of a new application for this technology, and therefore of a method 1 for controlling the energy 1 released as well as the 15 mm of reinforced bitumen. temperature reached by 15 mm di bitume rinforzato. the steel surface.

Per debellare il batterio, un membro norvegese dell’equipaggio inventò una macchina rudimentale che, grazie al calore prodotto direttamente dal supporto in acciaio, annientava lo sgradito ospite e provocava al contempo un involontario distacco della vernice. Questo metodo dunque poteva rivelarsi utile anche per staccare dai supporti in acciaio qualsiasi tipologia di rivestimento. Il contenuto di innovazione di RPR non risiede nella tecnologia a induzione in sé, bensì nell’aver scoperto un’applicazione di questa tecnologia e quindi un metodo per controllare l’energia emessa in induzione, nonché la temperatura creata sul supporto in acciaio.

How does the RPR system work?

Com’è nello specifico RPR?

The machine consists of four elements: - a cubic block of about 220 kg and rather small size (800x600x800 mm), which is the main induction unit. It is equipped with front and rear wheels so it can be easily moved (it can also be used with a forklift truck or a crane); - the extension cable, that in the standard version supplied with the machine is 20 m long, with the aid of 4 extensions can reach 100 m to cover large areas; - the connector housing (transformer); - the induction unit, available in various models to give the machine different power levels. The screwable head comes in different shapes (angular, flat, curved, tubular, etc.) and sizes to adhere perfectly to the surface to be treated.

La macchina si compone di quattro elementi: - un blocco cubico di 220 kg circa e di dimensioni piuttosto ridotte (800x600x800 mm) che costituisce l’unità principale di induzione ed è dotato di rotelle anteriori e posteriori per agevolarne lo spostamenti (può essere utilizzato anche con elevatore forcale o con gru); - il cavo di estensione, che nella versione standard in dotazione alla macchina ha una lunghezza di 20 m, può raggiungere i 100 m con l’ausilio di quattro prolunghe, per coprire vaste aree; - la scatola del connettore (trasformatore); - l’unità di induzione, disponibile in varie tipologie per conferire alla macchina una potenza diversa; la testa avvitabile disponibile in diverse forme (angolari, piane, curve, tubolari, ecc.) e dimensioni per ben aderire alla superficie su cui si lavora.

The electrical rating of RPR is such as to require a specific cooling system for the electrical cables and for the inductor head: the electrical cables within the cable extension are placed inside a sheath in which water flows (10 litres per minute at a pressure of 4 bars), cooling them down and allowing their continuous use. The electrical system is three-phase, 380 volt (but it can reach 500 volt), 125 amps, and 50 or 60 Hz frequency. The machine requires very little maintenance.

La potenza elettrica della RPR è tale da richiedere uno specifico sistema di raffreddamento per i cavi elettrici e per la testa dell’induttore: i cavi elettrici all’interno del cavo di estensione sono posti all’interno di una guaina in cui scorre acqua (10 litri al minuto a una pressione di 4 bar) per raffreddarli costantemente e consentire un utilizzo continuo. La parte elettrica è trifase a 380 volt (ma può arrivare fino a 500 volt), 125 ampere, e 50 o 60 hertz di frequenza. La macchina richiede un livello molto basso di manutenzione.

53 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

INNOVATIONS

The use of the RPR machine is not limited to the paint removal L’utilizzo di RPR non è limitato alla rimozione delle sole vernici (fig. 1), (Fig. 1), but can also be extended to other coatings (Fig. 2), ma può essere esteso anche ad altri rivestimenti (fig. 2), dimostranwhich makes it versatile and useful in a wide variety of sectors. do così di essere versatile e utile in svariati settori. Il funzionamento It is also simple and convenient, because it only requires the è semplice e pratico, poiché richiede solo la presenza di supporti in steel surface to be thick enough to withstand the power of the acciaio con spessori abbastanza consistenti per resistere alla potenmachine: a 5 mm thickness is sufficient to obtain an optimal za della macchina: uno spessore di 5 mm è sufficiente per ottenere result. un risultato ottimale. The RPR 1650 system can be used in the maintenance of ships, RPR 1650 può essere impiegato nella manutenzione delle navi, in the offshore industry, on land structures, but also on bridges, nell’industria offshore, sulle strutture di terra, ma anche su ponti, cranes, pipelines, storage tanks, power gru, tubature, serbatoi di deposito, censtations, refineries, petrochemical trali elettriche, raffinerie, impianti peplants, gas installations, oil platforms, trolchimici, installazioni di gas, piattaforetc. me petrolifere, ecc. It can remove several different materials, Numerosi anche i materiali che può which makes this technology highly asportare, caratteristica che rende queappreciated on those construction sites sta tecnologia molto apprezzata nei where renovations are underway. This cantieri edili in cui sono in corso ristrutmachine can remove thick layers of turazioni. La macchina può rimuovere paint and rust, various types of rubber, strati spessi di vernice e ruggine, vari tipi fireproof and epoxy materials, Teflon, di gomme, materiali ignifughi, epossidici, Kevlar, glass fibres, polyethylene, teflon, kevlar, fibre di vetro, polietilene, graphite, ebonite, anti-algae and nongrafite, ebanite, materiali antialghe e anslip materials, bacterial corrosion and tiscivolo, corrosioni batteriche e residui oil and lubricant residues from surfaces di oli e lubrificanti dalle superfici con cawith electrical cables (in steel, etc.), but vi elettrici (in acciaio, ecc.), ma anche coalso from cement, bitumen and terrazzo perture in cemento, bitume e graniglia. tiles. Un esempio di applicazione efficiente del An example of efficient application sistema è la rimozione dei rivestimenti of this technology is the removal of su ponti ferroviari e autostradali in acciacoatings from steel railway and highway io: essendo non invasiva ed ecocompatibridges: being non-invasive and bile, RPR consente di lavorare in piena sienvironmentally friendly, the RPR system curezza senza spargimento di polveri ed allows to work safely and without emissioni di sostanze inquinanti nell’amreleasing dust and pollutants into the biente, evitando la chiusura delle corsie air, thus making the closure of the lanes e consentendo quindi l’accesso ai veicoli. unnecessary. Dai supporti in acciaio vengono rimosAny layer of paint, tar and bitumen si tutti gli strati di vernice, catrame e bi2 (provided that the latter is not too fresh, tume (a patto che quest’ultimo non sia so as to avoid its dissolution), but also of troppo recente, per evitare lo sciogli2 grit and cement, can be removed from mento), ma anche strati di graniglia e ceEbonite from cooling water pipes of a nuclear power plant. steel surfaces (Fig. 3). mento (fig. 3). Ebanite rimossa dall’interno di un tubo di raffreddamento This technology has been successfully Questa tecnologia ha dato ottimi risultati di un impianto nucleare. applied also in the airport and heliport anche in applicazioni in ambito di aerosector. For example, when the steel porti ed eliporti. Ad esempio, nell’ambito structure of the Stockholm airport had to be reinforced in order di un rinforzo alla struttura in acciaio dell’aeroporto di Stoccolma to make the roof able to withstand the weight of the wet snow necessario per consentire alle coperture di sopportare molto più a longer, with the RPR technology all the materials applied on it lungo il peso della neve bagnata, con la tecnologie RPR sono stati could be removed before making new welds and laying new rimossi i materiali applicati sull’acciaio prima di realizzare nuove salmetal bars. During the work, thanks to the absence of noise, dature e applicare nuove barre metalliche. Durante i lavori, grazie

54 OCTOBER 2012


Beatrice Pazi, Maurizio Todeschini, 2A Engineering, Brembate (BG), Italy maurizio.todeschini@2aengineering.it

dust and fumes, the airport activities could be held regularly. The productivity of an RPR unit is approximately 5-100 m2/h, depending on the conditions of use. With a productivity rate that exceeds 5 to 20 times the traditional methods (such as sandblasting), RPR is a rapid, efficient and economical alternative.

The advantages RPR 1650 offers many advantages: it is non-invasive, it does not produce dust or noise, it quickly removes even the toughest coatings and it does not use abrasives or water. The steel surface does not require any prior treatment; the machine can also treat corroded and unpolished steel because, thanks to induction technology, it is possible to reach any area of the surface. The induction heating process does not produce harmful emissions, smoke, noise or heat to be dispersed and does not cause a negative impact on the surrounding environment. The operator can use the standard personal protective equipment used for working in confined spaces (mask and gloves), even though he must avoid wearing metallic objects, which would overheat, acting as a second pole.

all’assenza di rumori, fumi e polvere, le attività dell’aeroporto si sono svolte regolarmente. La produttività di un’unità RPR è di circa 5-100 m2/h, a seconda delle condizioni d’impiego. Con un tasso di produttività che supera dalle 5 alle 20 volte i metodi tradizionali (come la sabbiatura), RPR rappresenta un’alternativa rapida, efficiente ed economica.

I vantaggi Diversi i plus di RPR 1650: non è invasiva, non genera polveri né rumori per chi sta vicino all’area di lavoro, rimuove rapidamente i rivestimenti più difficili, non utilizza sostanze abrasive o acqua. L’acciaio su cui è applicata non richiede alcun trattamento preventivo e può intervenire anche su acciai molto corrosi e non levigati perché, grazie all’induzione, è possibile raggiungere anche gli interstizi più remoti. Il riscaldamento per induzione di per sé non produce emissioni nocive, fumo, rumore o calore da disperdere e non provoca un impatto negativo sull’ambiente circostante. L’operatore può usare la strumentazione di protezione personale standard utilizzata per il lavoro meccanico negli spazi limitati (mascherina e guanti protettivi) e deve evitare di indossare elementi metallici che, facendo da secondo polo, si surriscalderebbero.

LUKOIL RAFFINERIA

DURATA: 2006-2010 SPECIFICA DI PITTURAZIONE: HEMPADUR MASTIC 45880 HEMPATHANE HS 55610

PROTEGGIAMO I VOSTRI INVESTIMENTI RIVESTIMENTI ANTICORROSIVI PER

Oil & Gas Impianti chimici Torri eoliche Infrastrutture Ponti Centrali energetiche La Hempel fornisce consulenza tecnica professionale, assistenza tecnica qualificata e cicli di pitturazione su misura per le vostre esigenze.

www.hempel.it


PROTECTIVE COATINGS

INNOVATIONS

3 3

An example of application in a construction site for the removal of the cement. Un esempio di applicazione in cantiere per la rimozione di cemento.

Some application examples

Alcuni casi applicativi

The RPR system has already been used in different situations. Here are a few examples: - Removal of the anti skid flooring from the deck of the Cavour aircraft carrier, the largest Italian military ship, at the shipyard Fincantieri in Muggiano (SP, Italy). Previously, the coating was removed manually, in a slow and wearing, as well as expensive way. The RPR 1650 machine has offered a cost-effective solution and a better quality of work for operators. - Removal of the Helideck flooring on an Eni oil platform located in the Adriatic Sea. Being it an extremely hard coating, pneumatic hammers were used for removing it, with a consequent noise emission at the expense of the teams of operators spending their day off. With the RPR technology, it has been possible to perform this operation in the absence of noise and in less time. For this reason, there is an ongoing procedure to make the induction technique become part of the standard maintenance specification for the Helideck platforms. - Removal of the epoxy coating inside a 100,000 tonnes tank of the company SIOT Societá Italiana per l’Oleodotto Transalpino S.p.A., based in Trieste (Italy). Previously, it was removed through a shot peening process, in extreme operating conditions. With the RPR 1650 system, the coating has been removed in the absence of noise and danger.

Ad oggi, RPR è stato utilizzato in diverse situazioni, ecco alcuni esempi: - Rimozione pavimentazione antiskid su ponte nave Portaerei Cavour, la più grande nave militare italiana, presso il cantiere Fincantieri di Muggiano, La Spezia. In precedenza, il rivestimento veniva rimosso manualmente, in modo lento e faticoso per gli operatori, nonché costoso per il committente. RPR 1650 ha offerto una soluzione economicamente più vantaggiosa, e una migliore qualità di lavoro per gli operatori. - Rimozione pavimentazione Helideck su piattaforma petrolifera Eni, posizionata nel mare Adriatico. Trattandosi di rivestimento estremamente duro, si utilizzavano martelli pneumatici per rimuovere il materiale con una conseguente rumorosità elevata a discapito delle squadre di operatori in turno di riposo. Con la tecnologia RPR è stato possibile effettuare questo tipo di rimozione in totale assenza di rumore e in tempi ridotti; per questo motivo la tecnica a induzione sta seguendo la procedura per entrare a far parte delle specifiche standard di manutenzione Helideck piattaforme. - Rimozione rivestimento epossidico all’interno di un serbatoio di 100.000 tonnellate dell’azienda SIOT Societá Italiana per l’Oleodotto Transalpino S.p.A., Trieste. Precedentemente, il rivestimento era rimosso attraverso un processo di pallinatura, con condizioni operative estreme per l’operatore. Con RPR1650 il rivestimento è stato rimosso in totale assenza di rumore e pericolo.

56 OCTOBER 2012


by Paola Giraldo

57 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

ZOOM ON EVENTS

DAY OF LECTURES AND DEBATE OF THE DEPARTMENT OF RAIL TRANSPORTATION Giornata di studio e dibattito del Settore Trasporto su Rotaia

A

day of lectures and debate offered by the Department of Rail Transportation of Aicq was held on Thursday, October 18th 2012 in Florence (Italy). Founded in Milan on May 11th 1955, Aicq is a non profit organisation aiming to spread the culture of quality in Italy, together with the methods for planning, building, verifying and certifying the quality of products, services, organisations and related disciplines. The main objective of the event was to inform and facilitate a debate on issues of current interest for the railway sector. The edition of 2012 has taken on a special significance because of the topics dealt with, which have confirmed and consolidated, after 20 years of activity of the Department, the professional and representative approach of all those involved in both the technical and the managerial activities. The two main topics have been:

G

iovedì 18 ottobre 2012 si è svolta a Firenze la giornata di studio e dibattito, proposta dal Settore Trasporto su Rotaia di Aicq. Costituita a Milano l’11 Maggio 1955, Aicq è un’associazione senza fini di lucro che si propone di diffondere in Italia la cultura della qualità e i metodi per pianificare, costruire, controllare e certificare la qualità dei prodotti, dei servizi, delle organizzazioni e delle discipline connesse. La giornata ha avuto come obiettivo prioritario quello di informare e favorire un dibattito sui temi di attualità ed interesse per il settore ferroviario. L’edizione del 2012 ha assunto una valenza speciale per gli argomenti trattati che confermano e consolidano, nel “20° anno” di attività del Settore Trasporto su Rotaia, l’approccio professionale e rappresentativo di tutti i soggetti coinvolti nelle problematiche, sia tecniche che gestionali. Due importanti argomenti hanno caratterizzato la giornata:

58 OCTOBER 2012


by Paola Giraldo

− Maintenance and service in the railway sector: opportunities and constraints The current expectations arising from the need for new technically and professionally appropriate structures, on the one hand, have led the railway companies to involve the rolling stock manufacturers and, on the other hand, have urged the companies operating in the service and operational maintenance field to develop a range of offerings able to meet the needs of all operators. This topic has been discussed by representatives of the most important companies in the sector: Trenitalia, Trenord, Ansaldo Breda, Alstom, Bombardier, Faiveley Transport, Lucchini RS and Assifer. − Guidelines: corrosion protection in the railway sector The lack of technical regulations or specifications that are appropriate to the performance characteristics of the modern coating systems has been the reason for the creation of a specific project and of a related working group with the aim of dealing with this issue on the basis of the members’ experience. Particular emphasis has been given to the analysis of the technological evolution of processes/products, in order to develop some “guidelines” for the Railway Sector, tor, in line lin with the he new demands of the Customers/Operators both nationally and internationally. These “guidelines” have been developed by experienced professionals who work in large companies manufacturing rolling stock and coatings or in institutions carrying out research, certification, training or personnel and process qualification activities. The project has been presented by the representatives of Trenitalia, Alstom, Ansaldo Breda, Istituto Italiano di Saldatura and Bombardier. The fact that the meeting has been well-attended has confirmed the importance of such an event for the Department of Rail Transportation. This Department was created in 1992 and its primary mission has always been the promotion, spread, development and application of the quality methodologies for a continuous improvement of the processes, products and services of the companies and institutions operating in the railway sector. For further information: www.aicqna.com

− Manutenzione e service nel settore ferroviario: opportunità e vincoli Le attuali aspettative derivanti dalla necessità di avere nuove strutture tecnicamente e professionalmente adeguate ha, da un lato, indotto le imprese ferroviarie a coinvolgere i costruttori di rotabili, e dall’altro sollecitato le società presenti nelle varie attività di service e manutenzione operativa ad elaborare un portafoglio di offerte con proposte in grado di soddisfare le esigenze di tutti gli operatori. Hanno trattato l’argomento i rappresentanti delle società più importanti del settore: Trenitalia, Trenord, Ansaldo Breda, Alstom, Bombardier, Faiveley Transport, Lucchini RS e Assifer. − Linee guida: protezione dalla corrosione nel settore ferroviario La carenzaa di normative nor tecniche o specifiche di riferimento in materia di anticorrosione adeguate alle caratteristiche presstazionali dei moderni ccicli di verniciatura sono sstate le motivazioni inizziali per l’avvio di un proggetto specifico e del relativo Gruppo di Lavoro, la con l’obiettivo di analizco zare le varie problematiza che sulla base di esperiench ze consolidate nel tempo. Particolare enfasi è stata Par posta nell’analisi dell’evopos luzioni tecnologiche dei luzi processi/prodotti, allo scopro po di elaborare “Linee Guida” finalizzate al Settore Ferroviario, in sintonia con le nuove esigenze dei Committenti/Operatori, sia in campo nazionale che internazionale. Queste “Linee Guida” sono il risultato del lavoro svolto da esperti professionisti che operano presso grandi aziende di materiale rotabile, prodotti vernicianti o enti specialistici presenti nel settore ferroviario con attività di ricerca, certificazione, formazione, qualificazione del personale e dei processi. Hanno presentato il progetto i rappresentati di Trenitalia, Alstom, Ansaldo Breda, Istituto Italiano di Saldatura e Bombardier. La partecipazione numerosa alla giornata ha confermato l’importanza dell’iniziativa per il Settore Trasporto su Rotaia, operativo dal 1992, che ha come missione prioritaria la promozione, la diffusione, lo sviluppo e l’applicazione operativa delle metodologie per la qualità, nell’ottica del miglioramento continuo dei processi, dei prodotti e dei servizi delle aziende e degli enti che operano nel mondo ferroviario. Per ulteriori informazioni: www.aicqna.com

59 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

ZOOM ON EVENTS

THE 50TH ANNIVERSARY OF PANGBORN EUROPE Pangborn Europe, 50° anniversario

T

he company located in Caronno Pertusella (VA), Italy, celebrated its first 50 years: half a century full of achievements in the worldwide markets. In the last two years the turnover has more than doubled. Renzo Boarino, Pangborn Europe General Manager: “In these years we have been working with passion and innovative spirit placed at the service of the future”. Passion and innovation at the service of the future: A slogan for fifty years of story celebrated by Pangborn Europe, designer, manufacturer and installation company for machines dedicated to foundries and for metal surface treatment, in its facilities in Caronno Pertusella. “It’s absolutely necessary to work hard without lose heart because we have the key factors: Our employees, the love for what we have been doing, the innovation and the ideas”, said Renzo Boarino addressing the human resources, the business associations of which is member, the authorities and guests who attended the celebration. Half a century of business in which the company has strengthened his position, even with some recent successes. While the markets are dominated by the worldwide economic crisis, the Caronnno Pertusella’s Pangborn Europe is growing. The year 2012 will close with a turnover higher of 110% in comparison to the year 2010. In the last period the number of employees has raised of 10%. These positive boosts are the results of, for example, the supply in the 2011 for Chinese and Polish Brembo facilities, firm that in those countries has the biggest continuous plants in the world for the production of brakes – disc. Another important success: this year, in China, a contract has been signed for the biggest coil treatment production line (plates wrapped in a cylinder) for stainless steel in the world. These are examples of the evolution lived even recently by Pangborn Europe that, up to 2009, was poorly present in the Chinese market where instead this year will register deliveries for 8 million Euro of turnover.

L’

azienda di Caronno Pertusella (VA) ha festeggiato i suoi primi 50 anni di vita: mezzo secolo di successi sui mercati di tutto il mondo. In due anni fatturato è più che raddoppiato. Il Direttore Generale di Pangborn Europe Renzo Boarino: “In questi anni siamo stati mossi da passione e spirito innovativo, messi al servizio del futuro”. Passione e innovazione al servizio del futuro: uno slogan per 50 anni di storia, quelli che la Pangborn Europe, impresa di progettazione, costruzione ed installazione di macchine per la fonderia e per il trattamento di superfici metalliche, ha celebrato nei propri stabilimenti di Caronno Pertusella. “Occorre lavorare, lavorare duro senza scoraggiarsi perché le leve ci sono: i nostri dipendenti, la voglia di fare, l’innovazione, le idee”, così si è rivolto Renzo Boarino, alle risorse umane dell’azienda, alle associazioni imprenditoriali di cui fa parte, alle autorità e agli ospiti che hanno partecipato ai festeggiamenti. Mezzo secolo di attività cui la Pangborn Europe approda forte di alcuni recenti successi. Mentre sui mercati domina la crisi economica generale, l’impresa di Caronno Pertusella, infatti, cresce. Il 2012 si chiuderà con un fatturato superiore del 110% rispetto a quello del 2010. Nell’ultimo periodo il personale è aumentato del 10%. Incrementi positivi frutto, per esempio, della fornitura nel 2011 per gli stabilimenti polacchi e cinesi della Brembo, che in quei Paesi ha i più grandi impianti continui al mondo per la produzione di dischi freno. Altro importante successo: la firma, quest’anno, in Cina, del contratto per la più grande linea di trattamento dei coil (lamiere avvolte in un cilindro) di acciaio inossidabile al mondo. Esempi dell’evoluzione vissuta anche di recente dalla Pangborn Europe che, fino al 2009, era scarsamente presente sul mercato cinese, dove invece, quest’anno registrerà consegne per un valore di 8 milioni di euro di fatturato. Queste le ultime tappe di una storia partita nel 1962 quando a Caronno Pertusella nacque, con un capitale sociale di 15 milioni di lire e nella stessa area dove sorge ora, la Società Fondermatica, ri-

60 OCTOBER 2012


by Paola Giraldo

These are the last stages of a history started in the 1962, when in battezzata nel 1965 Pangborn Europe. A partire dagli anni Settanta Caronno Pertusella, with a corporation stock of 15 million lire (prel’azienda ha sempre fatto parte di gruppi multinazionali americani, Euro currency of Italy) and located in the same area where now come il Gruppo Pangborn, la controllante dal 2009. stands, the Fondermatica Society was born and renamed Pangborn “Grazie ai propri impianti tecnologicamente innovativi e sviEurope in 1965. Starting from the 70s, the company has always been luppati su richiesta dei clienti, Pangborn Europe - ha dichiarato part of multinational American groups, like the Pangborn Group, the Henrik Jensen, CEO del Gruppo Pangborn - è parte vitale del GrupParent Company since 2009. po Pangborn. Recentemente Pangborn Europe ha sviluppato “Thanks to its own technologically innovative plants developed on un’ampia piattaforma di impianti innovativi che sono stati introcustomer’s request, Pangborn Europe – said Henrik Jensen, CEO dotti con successo su scala mondiale. Negli ultimi anni, l’azienda ha of the Pangborn Group – is a vital part of the Pangborn Group. ottenuto una crescita significativa nell’area BRIC, in particolare in Pangborn Europe has recently developed a wide range of innovative Cina, e risulta essere tra i partner preferenziali quando le aziende plants, introduced with success worldwide. In the last years Pangborn più importanti e maggiormente avanzate scelgono i loro fornitori. Europe obtained a significant growth in the BRIC area, particularly in Come conseguenza della nuova eccellente piattaforma di impianti China, and is among the favorite partners when the most important e dell’attenzione particolare al cliente, contiamo di vedere una creand advanced companies choose their suppliers. As scita continua dell’azienda negli anni a venire. result of the new excellent range of plants and Vorrei ringraziare tutti i dipendenti di Pangborn V Vo the particular attention dedicated to customers, Europe per la loro dedizione e per il lavoro svolEu we hope to see the company growing constantly to, to e complimentarmi con loro per il cinquantein the years to come. I would like to thank all simo anniversario di attività. I miei migliori ausi the Pangborn Europe’s employees for their guri g per il futuro”. commitment and their work, and give them Tra T i clienti che può vantare nella sua storia th my compliments for the 50 anniversary of the Pangborn Europe, ci sono il Gruppo Fiat, le acciaP ierie activity. My best wishes for the future”. ie Italsider, i cantieri navali Fincantieri, grandi Among the customers which Pangborn Europe d fonderie come la Breda di Bari e la Necchi di Pavia. Pangborn Europe, infatti, progetta e forcan boast in its history, there are Fiat Group, P nisce linee complete, incluso ogni tipo di sisteItalsider steel mills, Fincantieri ships, great n ma per la movimentazione dei pezzi da trattare, foundries like the Breda in Bari (Italy) and the per qualsiasi processo produttivo che richieda Necchi in Pavia (Italy). Pangborn Europe, indeed, operazioni di granigliatura e pallinatura, rifordesigns and supplies complete lines, including nendo in tutto il mondo le principali industrie every kind of handling parts system to be treated, dei settori delle fonderie e forge, delle acciaiefor any kind of production process that requires Renzo Boarino rie, dell’automotive, dell’energia, dell’aerospashot blasting and shot peening, supplying the zio, della smaltatura, della pallinatura, della carpenteria, dell’indumain industries in the sectors of foundries and forges, steel mills, stria ferroviaria, della cantieristica navale, dell’alluminio, della difesa. automotive, energy, aerospace, enamelling, shot peening, carpentry, Oggi il 20% delle vendite viene effettuato in Italia, mentre l’80% è railway industry, shipbuilding, aluminum and defence worldwide. frutto di esportazioni in 42 diversi Paesi. At the moment, 20 % of sales are made in Italy, whereas the 80 % is “Le aziende sono fatte di persone e questo è particolarmente vero the result of export in 42 countries. qui da noi. La Pangborn Europe sarebbe una scatola vuota se non “Companies are made of people and this is particularly true in our firm. fosse riempita dalle persone che ci lavorano, nel rispetto dei ruoPangborn Europe would be an empty box if it wouldn’t be filled by the li e delle rispettive responsabilità. Persone che sono state fedeli people who work in it, in respect of the functions and of the respective all’azienda per anni, anzi decenni, e le testimonianze sono tantissiresponsibilities. These people have been faithful to the company for years me”, ha ricordato il Direttore Generale Renzo Boarino di fronte agli or decades, and the attestations are many”, recalled Renzo Boarino, intervenuti alla celebrazione. Tra loro c’erano anche Luigi Galdabini, General Manager, in front of the people occurred to the celebration, Presidente di Ucimu e Presidente del Gruppo merceologico “Mecincluding Luigi Galdabini, President of Ucimu and President of the product caniche” dell’Unione degli Industriali della Provincia di Varese, e group “Mechanics” of the “Unione degli Industriali della Provincia di Antonio Calamello, Rappresentante delle maestranze Pangborn Varese”, and Antonio Calamello, Workers Representative of Pangborn Europe, che insieme a Renzo Boarino e Henrik Jensen hanno parteEurope, who, together with Renzo Boarino and Henrik Jensen, attended cipato alla tavola rotonda moderata dal giornalista Luciano Landoni. the panel discussion moderated by Luciano Landoni, journalist. Per ulteriori informazioni: www.pangborneurope.com For further information: www.pangborneurope.com

61 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

ZOOM ON EVENTS

HELMUT FISCHER S.R.L. HAS OPENED NEW OFFICES Helmut Fischer S.r.l. apre le porte dei nuovi uffici

O

3

ctober 30th 2012, Sesto San Giovanni (MI), Italy 0 ottobre 2012, Sesto San Giovanni (MI) - Helmut Fischer - Helmut Fischer S.r.l. has opened new offices in S.r.l. ha aperto i nuovi uffici a Sesto San Giovanni (Mi), inSesto San Giovanni (Mi), with additional space for the crementando lo spazio dedicato all’assistenza tecnica e alla technical assistance vendita e dotandosi di and sales staff and a una sala dimostrazione demonstration room che mette a disposizioproviding the customers ne dei clienti tutti i prowith all the company’s dotti dell’azienda per products for testing and prove e controlli. L’inaucontrols. gurazione è avvenuta The inauguration took martedì 30 ottobre, alplace on Tuesday, la presenza di Adriano October 30th, in the Colombo, Amministratore Delegato di Helmut presence of Adriano Fischer S.r.l. e di Walter Colombo, CEO of Helmut Mittelholzer, CEO di Fischer S.r.l., and of Helmut Fischer AG. Walter Mittelholzer, CEO “Questo è un grande soof Helmut Fischer AG. gno che si avvera, e vo“This is a dream come glio ringraziare tutti i notrue. I want to thank Adriano Colombo (left), Walter Mittelholzer (right) stri collaboratori per il all our employees for loro impegno, che ci ha permesso di raggiungere questo tratheir commitment, which has enabled us to reach this goal”, guardo”, ha dichiarato Adriano Colombo all’apertura dell’evenAdriano Colombo stated at the opening of the event. to. “Vorrei inoltre ringraziare Walter Mittelholzer che ha reso “I would also like to thank Walter Mittelholzer, who made all possibile questo risultato”, ha of this possible”, continuato. he continued. “Questa nuova bellissima sede “These beautiful new offices rispecchia la qualità dei nostri reflect the quality of our prodotti, dei nostri servizi e products, of our services and delle persone che ci lavorano”, of our personnel”, Mittelholzer ha affermato Mittelholzer. said. “The Italian subsidiary is “La filiale italiana non solo è not only a great family, una grande famiglia, ma è anbut also a successful business. che di grande successo, e queThis new base clearly shows sta nuova sede dimostra chiathat Helmut Fisher wants to ramente che Helmut Fisher remain in Italy for a long time.” vuole restare in Italia per mol2011 was an exceptional year to tempo”. for the Italian branch, which Il 2011 è stato un anno eccerecorded a 37% increase in zionale per la filiale italiana, orders, demonstrating that it che ha registrato un aumento degli ordinativi del 37% dimois possible to respond to the crisis with investment, products strando come sia possibile rispondere alla crisi con investiand quality services. menti e prodotto accompagnati da servizi di qualità. ”Non “I think that our success is not based solely on our penso che il nostro successo sia basato soltanto sulla nostra technology, although it is clearly a fundamental aspect, but

62 OCTOBER 2012


by Paola Giraldo

mainly on the quality of our services and on the timely and consistent support that we offer to our customers”, Colombo stated. “Several companies have become our clients because they have decided to adapt to the market by investing in reliable products, understanding what our added value is.” Helmut Fischer is a leader in solutions for coating thickness measurement, materials analysis, microhardness and material testing. The company was founded in 1953 by Helmut Fischer and is owned by the Helmut Fischer Foundations in Sindelfingen, Germany and Hünenberg, Switzerland since 2008. At its headquarters in Sindelfingen, the company has about 160 employees. They are responsible for research and development, production, technical support, service as well as sales for the markets in Germany, Central Europe, Eastern Europe and North America. The second base, located in Hünenberg, has the responsibility for sales, marketing, technical support and service for the markets in Southern and Northern Europe, Asia, India and Middle East, North Africa and South America. It employs 150 people distributed among different subsidiaries. The company also has a service network offering a wide range of services, from installation to maintenance, training, calibration and so on. For further information: www.helmut-fischer.com

tecnologia, sebbene sia chiaramente un aspetto fondamentale, ma si basa soprattutto sulla qualità dei servizi e sul supporto tempestivo e costante che offriamo ai clienti”, ha dichiarato Colombo, ”Ci sono aziende che sono diventate nostre clienti perché hanno deciso di adattarsi al mercato investendo in prodotti affidabili, comprendendo il nostro valore aggiunto”. Helmut Fischer è un’azienda leader nelle soluzioni per la misurazione degli spessori di rivestimento, l’analisi dei materiali, la microdurezza e la prova dei materiali. Fondata nel 1953 da Helmut Fischer, l’azienda dal 2008 è di proprietà delle Fondazioni Fischer di Sindelfingen in Germania e di Hünenberg in Svizzera. Nella sede principale tedesca di Sindelfingen lavorano circa 160 collaboratori che si occupano della ricerca e dello sviluppo, della produzione, della consulenza, dell’assistenza e della commercializzazione in Germania, Europa centrale, orientale e Nord America. La seconda sede del gruppo si trova a Hünenberg, in Svizzera, ed è dedicata alla commercializzazione, al marketing, alla consulenza e all’assistenza per l’Europa settentrionale e meridionale, l’Asia, l’India e il Medio Oriente, il Nord Africa e il Sud America. La sede si avvale di 150 collaboratori ripartiti nelle svariate filiali. L’azienda è dotata di una rete di assistenza, con una vasta gamma di servizi che va dalla prima installazione passando per la manutenzione, la formazione, la taratura e altro. Per ulteriori informazioni: www.helmut-fischer.com

63 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

ZOOM ON EVENTS

2A ENGINEERING PRESENTS RPR 1650 2A Engineering presenta RPR 1650

O

ctober 29th 2012, Lallio (BG), Italy – 2A Engineering (Brembate, BG, Italy), a company operating in various sectors, including energy, professional shipbuilding, technicalenvironmental advice and certification, inspection and expediting advice, held the workshop “Using electromagnetic induction to remove paints and coatings from steel surfaces” in order to present its RPR 1650 induction machine for the removal of paint, rust, corrosion and coatings from steel surfaces (see article, page 52-56). In Italy, 2A Engineering has exclusive distribution rights for this machine, produced by the Norwegian company RPR Technologies. In the morning, Maurizio Todeschini, Sales Manager for Italy, and Dag Rune Witsken of the Norwegian company, presented the technology. The working principle is based on the use of the patented induction heating method, which can break the link between the material to be removed and the substrate with low energy consumption. The RPR induction generator sends alternating current through a heating coil, thus generating an electromagnetic field. This induces eddy currents on the area to be treated, giving precisely controlled amounts of heat without any physical contact between the inductor head and the workpiece surface. The induction heating is highly directional: It is possible to heat a small area, limited to the position of the inductor stripping head, without affecting the surrounding areas. The power input is controlled automatically to achieve the temperature required slowly or quickly, depending on the requirements and the material to be removed. The material removal process operated by RPR 1650 has a low environmental impact and can be used to remove coatings from bridges, oil platforms, ship hulls, ground pipes and tanks. The operation does not produce noise or dust and does not use abrasives. Like the high pressure water jet technique, the RPR method does not result in a new surface profile, but rather brings the

2

9 ottobre 2012, Lallio (BG) – 2A Engineering (Brembate, BG), società attiva in diversi settori tra i quali energia, cantieristica professionale, consulenza tecnico-ambientale e per la certificazione, ispezione ed expediting, ha organizzato il workshop “L’uso dell’induzione elettromagnetica per la rimozione di vernici e rivestimenti dalle superfici in acciaio” a Lallio (BG), durante il quale ha presentato la macchina a induzione RPR 1650 per la rimozione di vernice, ruggine, parti corrose e di ogni rivestimento dalle superfici in acciaio (vedi articolo pag. 52-56). La macchina è distribuita in Italia in esclusiva da 2A Engineering ed è prodotta dall’azienda norvegese RPR Technologies. Nel corso della mattinata si è svolta la presentazione della tecnologia a cura di Maurizio Todeschini, responsabile vendite del sistema RPR in Italia, e da Dag Rune Witsken dell’azienda norvegese. Il principio d’azione è basato sull’utilizzo del metodo brevettato del riscaldamento per induzione che, con un basso consumo di energia, è in grado di rompere il collegamento interfacciale tra il materiale da rimuovere e il substrato. Il generatore di induzione PRP manda corrente alternata attraverso una bobina a induzione che genera così un campo elettromagnetico. Questo campo conduce il vortice di correnti nell’area da trattare, portando quantità controllate e precise di calore senza alcun contatto fisico tra l’induttore e l’area da trattare. Il riscaldamento per induzione è direzionale: è possibile riscaldare una piccola area, limitata alla posizione del fascio di induzione, senza che ne vengano colpite altre. L’input della corrente è controllato automaticamente per raggiungere la temperatura richiesta in modo lento o più rapido, a seconda delle esigenze e del materiale da rimuovere. Il processo di rimozione dei materiali operato da RPR 1650 ha un basso impatto ambientale e può essere utilizzato per rimuovere i rivestimenti dei ponti, delle piattaforme petrolifere, degli scafi delle navi, dei tubi su terra e dei serbatoi. L’operazione è silenziosa, priva di polveri e non vengono impiegate sostanze abrasive. Come il getto d’acqua ad alta pressione, il metodo RPR non produce un nuovo profilo della superficie, ma riporta il profilo di

64 OCTOBER 2012


by Paola Giraldo

surface back in the condition it was before being coated. In the afternoon, removal tests were carried out with materials of different thickness and coatings of different types on the samples provided by Lena Anticorrosione, Proda Italiana, River S.r.l. and CSV S.r.l. The coatings effectively removed by the RPR 1650 machine include: − Solvent-free polyurethane, PROTEGOL UR 32-55 rm system, surface preparation SA 2 ½, average thickness 2000 μm − Vinylester reinforced with glass fibres, surface preparation SA 2 ½, average thickness 1790 μm − Polyurethane, three coat system (75 μm Interzinc 52, 175 μm Intergar 475 HS, 75 μm Interthane 990), surface preparation SA 2 ½ medium G, average thickness 308 μm − Epoxy phenolic coating, three coat system (three 100 μm coats of Hempadur 85671), surface preparation SA 2 ½ medium G, average thickness 362 μm. For further information: www.2aengineering.it

quest’ultima nelle condizioni in cui era prima del rivestimento. Nel pomeriggio si sono svolti i test di rimozione con materiali di diverso spessore e con rivestimenti di diverse tipologie, sui campioni offerti da Lena Anticorrosione, Proda Italiana, River S.r.l. e CSV S.r.l. Fra i rivestimenti rimossi efficacemente dalla macchina RPR 1650 citiamo: − Poliuretano senza solvente, ciclo PROTEGOL UR 32-55 rm, preparazione superficiale SA 2 ½, spessore medio 2000 μm − Vinilestere rinforzato con scaglie di vetro, preparazione SA 2 ½, spessore medio 1790 μm − Poliuretanico, con ciclo a tre mani (75 μm Interzinc 52, 175 μm Intergar 475 HS, 75 μm Interthane 990), preparazione superficiale SA 2 ½ medium G, spessore medio 308 μm − Epossifenolico, con ciclo a tre mani (tre mani da 100 μm di Hempadur 85671), preparazione superficiale SA 2 ½ medium G, spessore medio 362 μm. Per ulteriori informazioni: www.2aengineering.it

65 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

ZOOM ON EVENTS

OMSG OPENS ITS DOORS OMSG apre le porte al pubblico

V

illa Cortese, Milan (Italy), September 22nd 2012 - In honour of its 50th anniversary, Officine Meccaniche San Giorgio S.p.a. opened its doors to employees, family members, providers, friends and all the people who had the desire to get to know this well-established company, also through guided visits. OMSG was started in 1961. Over the years, it has established itself as a leader in the design and manufacturing of shot blasting, sandblasting and shot peening machines. Its headquarters in Villa Cortese, on the outskirts of Milan, cover an area of approximately 21,000 m2, 8,000 m2 of which are used as offices, workshop and storage, as well as for the testing, coating and shipping departments. The plant of Dairago (Milan), of about 20,000 m2, is for the storage of steel structures and for the maintenance and exhibition of used machinery. The OMSG shot blasting plants are successfully used in several fields, such as ferrous and nonferrous metal foundry, hot and cold metal moulding, aluminium die-casting, heat treatments, sheet metal and commercial profiles processing, metal structures (industrial and railway vehicles, agricultural and earth-moving machinery, building and road machines, door and window frames, tanks, pipes, etc), liquid and compressed gas cylinders, wire and metal bars, marble and cement products, glass and thermoset deburring. A sales network spread all over the world has allowed the company to install plants in more than 84 Countries, while a large stock of spare parts allows it to deliver the spares of shot blasting and sandblasting machines anywhere in a very short time. Its qualified technical assistance is available both in Italy and abroad. The internal work processes are governed by the standard UNI EN ISO 9001, recently updated with the review ISO 9001:2008 (Quality Management Certification). Moreover, all the OMSG shot blasting plants comply with the Machinery Directive 2006/42/CE of May 17th 2006. For further information www.omsg.it

V

illa Cortese, Milano, 22 settembre 2012 - Nell’ambito dei festeggiamenti per il 50° anniversario della sua nascita, Officine Meccaniche San Giorgio S.p.a. ha aperto le porte, sabato 22 settembre, a dipendenti, familiari, fornitori, amici e a tutte le persone che hanno avuto il desiderio di conoscere questa storica azienda, anche attraverso visitate guidate. OMSG è stata fondata nel 1961 e, nel corso degli anni, si è affermata come azienda leader nella progettazione e costruzione di granigliatrici, impianti di sabbiatura e di pallinatura. La sede di Villa Cortese, alla periferia di Milano, copre un’area di circa 21.000 m2, 8.000 m2 dei quali adibiti a uffici, officina, magazzini, reparto collaudo e prove, verniciatura e spedizione. Lo stabilimento di Dairago (Milano), di circa 20.000 m2, è invece dedicato allo stoccaggio di carpenterie e alla revisione ed esposizione di sio impianti usati. im LLe granigliatrici OMSG vvengono usate con successo in diversi camc pi, p come le fonderie di metalli ferrosi e non ferrosi, lo stampaggio di metalli a caldo e a freddo, pressofusioni d’alluminio, d’alluminio trattamenti termici, trattamento di lamiere e profilati commerciali, carpenterie metalliche (veicoli industriali e ferroviari,macchine agricole e movimento terra, macchine edili e stradali, serramenti, serbatoi, tubazioni, ecc), bombole di gas liquido e compresso, filo e barre metalliche, manufatti in marmi e cemento, vetro e sbavatura di termoindurenti. Una rete commerciale capillare diffusa in tutto il mondo ha permesso all’azienda di installare impianti in più di 84 Paesi, mentre un magazzino ricambi capiente le permette di consegnare i pezzi di ricambio di granigliatrici e impianti di sabbiatura ovunque in tempi rapidissimi. La competenza dell’assistenza tecnica è disponibile sia in Italia sia all’estero. I processi di lavoro interni sono regolati dalla normativa UNI EN ISO 9001, recentemente rinnovata con la revisione ISO 9001:2008 (Certificazione di Qualità Aziendale). Inoltre, tutte le granigliatrici OMSG sono conformi alla Direttiva Macchine 2006/42/CE del 17 Maggio 2006. For further information www.omsg.it

66 OCTOBER 2012


PROTECTIVE COATINGS

EXHIBITIONS CALENDAR

DECEMBER 2012 EGYCORR 2012 Hurghada, Egypt December 10-13, 2012 www.egy-corr.org

FEBRUARY 2013 SEATEC 2013 Carrara, Italy February 6-8, 2013 www.sea-tec.it PIPELINE COATING 2013 Vienna, Austria February 18-20, 2013 www.amiplastics.com OIL & GAS DUMAI Dumai, Indonesia February 26-28, 2013 www.clocate.com

MARCH 2013 CORROSION UAE Abu Dhabi, UAE March 3-6, 2013 www.theenergyexchange.co.uk 3rd HASSI MESSAOUD EXPO 2013 Ouargia, Algeria March 5-8, 2013 www.expo-hassi-messaoud.com CORROSION 2013 Orlando, USA March 17-21, 2013 http://events.nace.org/conference/c2013/authors.asp 8th PIPELINE TECHNOLOGY CONFERENCE Hannover, Germany March 18-20, 2013 www.pipeline-conference.com STOCEXPO Antwerp, Belgium March 19-21, 2013 www.stocexpo.com OMC 2013 Ravenna, Italy March 20-22, 2013 www.omc.it


Protective Coatings ®

Eos Mktg&Communication srl www.ipcm.it info@ipcm.it

Questo periodico è associato all’Unione Stampa Periodica Italiana

TECHNICAL ADVISORY BOARD

Redazione - Sede Legale: Via Enrico Tazzoli, 15 20811 - Cesano Maderno (MB) - Italy

Antonio Amati: Tank lining and special coatings Enzo Dell’Orto: Shot-blasting technologies Vittorio Grassi: Thermal treatment Ing. Angelo Locaspi: Fluorinated Coatings

EDITOR IN CHIEF/ DIRETTORE RESPONSABILE ALESSIA VENTURI venturi@ipcm.it EDITORIAL DIRECTOR / DIRETTORE EDITORIALE MASSIMO CORNAGO massimo.cornago@gmail.com EDITORIAL OFFICE / REDAZIONE PAOLA GIRALDO giraldo@ipcm.it MEDIA SALES FRANCESCO STUCCHI stucchi@ipcm.it NICOLE KRAUS kraus@ipcm.it

The new international magazine about corrosion control and prevention

Protective Coatings ®

Milano verso l’Expo 2015: rivestimenti protettivi senza manutenzione per progetti importanti

ipcm PC digital on www.ipcm.it

Ing. Ilario Maconi: Materials Engineer, Nace inspector lev.2 quality inspections of coatings

2012 1st YEAR Quarterly N°3-October

Milan towards Expo 2015: maintenance free coatings for valuable projects

EDITORIAL BOARD Prof. Massimiliano Bestetti: Department of Chemistry, Material and Chemical Engineering, Politecnico of Milan – Section of Applied Chemistry and Physics

www.innoventions.eu

I NNOVENTIONS Coatings for life

The new international magazine about corrosion control and prevention La nuova rivista internazionale sul controllo e la prevenzione della corrosione

Registrazione al Tribunale di Monza N° 4 del 26 Marzo 2012 Eos Mktg&Communication srl è iscritta nel Registro degli Operatori di Comunicazione con il numero 19244 POSTE ITALIANE SPA – SPED. IN A.P. 70% LO/MILANO

Prof. Paolo Gronchi: Department of Chemistry, Material and Chemical Engineering, Politecnico of Milan – Chemical Engineering Section

Ing. Luca Valentinelli: Materials Engineer, PhD, Nace inspector lev.3 M.d.L. Paolo Rami: Rail and Tram Dr. Antonio Tolotto: Marine and industrial anticorrosive coating cycles

Ivano Pastorelli: Measurement and quality control Prof. Fabrizio Pirri: Department of Material Sciences and Chemical Engineering, Politecnico of Turin, Micro and Nanosystems, Nanomaterials and Surfaces

SERVICE SUBSCRIPTION - SERVIZIO ABBONAMENTI: Sale only on subscription - Vendita solo su abbonamento E.mail info@ipcm.it Single copy - Fascicolo singolo: 15,00 euro Back issues - Arretrati: 30,00 euro Subscription Rates 2013 - Tariffe Abbonamento 2013: Italy/Abroad 50,00 € - Italia/Estero 50,00 € Subscription Rates 2013 digital version - Abbonamento 2013 versione digitale: 335,00 35 35,0 5 ,00 0 € + iv iva va

Gli abbonamenti possono essere sottoscritti versando il relativo importo a mezzo b/b IBAN IT97F0844033270000000084801 intestato a eos Mktg&Communication Srl. L’Iva sugli abbonamenti, nonchè sulla vendita di singole copie è assolta ai sensi dell’art.74 comma 1 lett. C DPR 633/72, DM 29/12/1989.

LAYOUT/ IMPAG IMPAGINAZIONE LASER GRAFICA 90 www.lasergrafic www.lasergrafica.it PRINT/ STAMPA L&S SERVIZI GR GRAFICI www.ls-srl.com

Subscriptions can be made by bank transfer to the following account: Eos Mktg&Communication Srl IBAN IT97F0844033270000000084801. SWIFT CODE CRCBIT22. The VAT on subscriptions and sale of single copies is over

It is forbidden to reproduce articles and illustrations of “IPCM® Protective Coatings” without authorization and without mentioning the source. The ideas expressed by the authors do not commit nor magazine nor eos Mktg&Communication S.r.l and responsibility for what is published is the authors themselves. C018290

È vietata la riproduzione di articoli e illustrazioni di “IPCM® Protective Coatings” senza autorizzazione e senza citarne la fonte. Le idee espresse dagli autori non impegnano nè la rivista nè eos Mktg&Communication S.r.l e la responsabilità di quanto viene pubblicato rimane degli autori stessi.


lifeguards Letâ&#x20AC;&#x2122;s extend pipeline lifetime

Seal For Life OfďŹ ce: Gasselterstraat 20, 9503 JB, Stadskanaal, The Netherlands Manufacturing sites: Houston - USA, Tijuana - Mexico, Westerlo - Belgium, Baroda - India, Stadskanaal - Netherlands, Dammam - Saudi Arabia


ipcm® Protective Coatings 2012 n. 3