__MAIN_TEXT__

Page 1

ANNO 5 NUMERO 38 - 3 Novembre 2016 - Editrice Il Gazzettino di Sesto San Giovanni srl Piazza F. Caltagirone, 75 - Sesto San Giovanni (Mi) - email: redazionegazzettino@gmail.com :::::: DISTRIBUITO a SESTO, CINISELLO, BRESSO e CUSANO :::::

Editoriale

Scaricabarile: il gioco che blocca l’Italia

Per i tanti milanesi che amano le gite fuoriporta e che abitualmente percorrono la Statale 36 che collega il capoluogo a Lecco e alla Valtellina, la notizia di questi giorni è il crollo del ponte ad Annone. Le immagini circolate sui social hanno reso ancora più impressionante quella tragedia assurda che è costata la vita a un uomo, un automobilista, e il ferimento di altre 4 persone. Alla magistratura spetta il compito di stabilire le responsabilità a tutti i livelli per un ‘incidente’, che non può essere considerato accettabile nemmeno in un Paese del ‘terzo mondo’. Tuttavia ci è parso altrettanto stucchevole e inaccettabile quel gioco allo scaricabarile che le istituzioni hanno intrapreso già pochi minuti dopo la tragedia. Tra Provincia di Lecco e Anas è cominciata una assurda corsa a dimostrare che le competenze, nel momento in cui è accaduto l’incidente, erano dell’altro.

continua a pagina 2

LA BICI TORNA DI MODA COME MEZZO URBANO

Pedalare rende tutti più felici Ma se Milano diventa bike friendly nell’hinterland mancano i servizi Sfida per Siria Trezzi, consigliera metropolitana alla Mobilità Milano detta la linea e si scopre sempre più amica delle due ruote. Perché pedalare, lo dice anche la scienza, fa bene, al corpo come allo spirito. Così sono sempre di più coloro che stanno lasciando l’auto nel box e si mettono in sella per andare a scuola o in ufficio. E la politica cerca di disegnare una città sempre più a misura di biciclette, aumentando le zone a traffico limitato e facendo crescere il servizio di bike sharing. Tutto questo mentre i Comuni del Nordmilano arrancano: le piste ciclabili sono poche, pericolose e mal tenute; non esiste un servizio di bike sharing e mancano strutture come posteggi e bicistazioni. Nel frattempo il sindaco di Cinisello, Siria Trezzi, riceve la delega alla Mobilità in Città Metropolitana. che sia un segno? Servizi alle pagine 2, 3, 4 e 5

CINISELLO

Allarme a Balsamo: troppi veicoli contromano dopo il cambio di senso di via Limonta A pagina 19

CUSANO

L’assessore Roversi lascia: al suo posto il sindaco nomina Caterina Lamanna A pagina 25

SPORT

Il Parco Nord si conferma paradiso dei runner con Parkrun e le lezioni di Runsmile A pagina 30


2

|

Attualità

3 novembre 2016

Dillo con un click

I ragazzi della 5G del Casiraghi Gita di classe 40 anni dopo Si sono ritrovati a 40 anni di distanza dalla loro maturità e hanno fatto una nuova gita di classe. Sono i ‘ragazzi e le ragazze’ della 5G del Liceo Scientifico Casiraghi del 1976. Allora il liceo, che oggi si trova nel maxi complesso del Parco Nord, si trovava in viale Marelli. I compagni di classe della 5G sono stati insieme a Venezia: alla gita hanno preso parte anche alcuni professori: Giovanni Bacchini, professore di storia e filosofia, Gioia Sosi, docente di matematica e don Carmelo Timpano, professore di religione che ha svolto il suo servizio sia a Cinisello che a Sesto e Cusano.

Editoriale

Scaricabarile: il gioco che blocca l’Italia dalla prima pagina

Davvero una brutta pagina. Ma attenzione non si tratta di un caso isolato. Anzi, chi è abituato ad avere a che fare con la pubblica amministrazione nella quotidianità, potrà sicuramente convenire che quello dello ‘scaricabarile’ rappresenta una consuetudine preoccupante. Quasi una procedura codificata che molti funzionari utilizzano arbitrariamente per allontanare da loro problemi, impicci e pesanti fardelli amministrativi e legali. Se il problema si fa complicato, per qualcuno è più facile scaricarlo su un collega, su un altro ufficio, o su un’altra istituzione. Un male tutto italiano che sta diventando una distorsione culturale per chi lavora nel Pubblico. A farne le spese sono i cittadini. Non siamo esperti di pubblica amministrazione, né vogliamo spingerci in analisi troppo scientifiche. Ma in più di un caso il problema è la mancanza di figure incaricate di giungere rapidamente e in modo determinato alla soluzione dei procedimenti. Manca la spinta dai vertici, ma manca anche la spinta della politica che, troppo spesso soggiogata dagli equilibri sindacali e dei partiti, non ha la forza di pretendere una gestione basata su efficienza e tempestività.

POLITICA :: IL SINDACO DI CINISELLO DELEGATA ALLA CITTÀ METROPOLITANA

Mobilità, la sfida della Trezzi I cittadini le chiedono subito la revisione delle tariffe dei trasporti di Stefano Bini Sono anni, forse più di una decina, che quando si parla dei temi della mobilità nel Nordmilano, l’attenzione ricade immediatamente sui trasporti, quasi sempre di Serie B, e sulle tariffe che invece sono da sempre sproporzionate e completamente squilibrate rispetto a quelle pagate dai milanesi. Si è sempre data la colpa alle leggi regionali, a quanto pare impossibili da modificare, e alle politiche milanesi. Oggi che la Città Metropolitana è una realtà, anche sul tema della Mobilità i cittadini si attendono un cambio di marcia. Una politica più incisiva e meno ‘classista’. Per il Nordmilano l’aspettativa si è fatta ancora più forte dopo che nei giorni scorsi il sindaco di Cinisello Balsamo Siria Trezzi è stata nominata al fianco di Beppe Sala nella ‘giunta’ della Città Metropolitana. Siria Trezzi è stata delegata a occuparsi dei temi di Mobilità e Trasporti. Il primo

pensiero di tutti i cittadini del Nordmilano è andato proprio alla scarsa qualità dei trasporti pubblici nei Comuni dell’hinterlad e alle tariffe che rispetto a Milano sono davvero esorbitanti. Un esempio per tutti, lo abbiamo pubblicato solamente un paio di settimane fa, riportando la testimonianza di un cittadino sestese che per un abbonamento annuale ad Atm paga il 250 per cento in più rispetto a un milanese. «Quella dell’integrazione tariffaria è la sfida più difficile - ha spiegato Siria Trezzi - ma anche la più importante. Non a caso, il primo incontro è stato con l’assessore milanese Marco Granelli e al primo posto della nostra agenda abbiamo messo questo tema». Trezzi invita a non farsi illusioni, perché per giungere a un risultato occorre mettere d’accordo diverse istituzioni e enti. «Per arrivarci - dice - occorre far partire la nuova gara per la gestione del trasporto di Milano e

dare vita all’Agenzia Tpl che sarà l’interlocutore unico per il trasporto. Un ruolo importante spetta alla Regione che deve sciogliere le incertezze sull’organizzazione delle tariffe». Siria Trezzi si è data un metodo di lavoro. «Si deve tenere conto che la Città Metropolitana non è ciò che è stata la Provincia. Ha meno capacità operative, ma anche minori costi. Stiamo individuando progetti strategici che servano a ricucire i diversi Comuni in un unico tessuto urbano - spiega Trezzi -. Il trasporto locale è uno di questi, ma c’è anche il lavoro, la semplificazione amministrativa e la raccolta di fondi europei».

Lettere alla redazione

Raccontateci il vostro punto di vista, i vostri dubbi sul futuro della città e i ricordi della Sesto che fu. Scrivete messaggi brevi a: redazionegazzettino@gmail.com Oppure all’indirizzo: piazza F. Caltagirone 75.

Abbiamo letto con piacere il titolo dell’articolo di prima pagina sul vostro ultimo numero: ‘Sesto si scopre ecologista’. Abbiamo pensato quindi di portare alla vostra attenzione un fatto che da tempo (qualche anno) sottoponiamo in questa stagione al Comune ma senza alcun tipo di riscontro. Siamo un gruppo di iscritte ai corsi Libertas di ginnastica presso la scuola Galli. Nelle stagioni di mezzo, quando il riscaldamento funziona ma le temperature esterne sono miti, non esiste alcun sistema

di ‘taratura’ dell’impianto che regoli il calore erogato in modo che sia adeguato alle reali temperature esterne: in sostanza i caloriferi vanno al massimo anche quando fuori, come oggi, ci sono quasi 20 gradi. Ieri sera, quindi, in palestra la temperatura era altissima e si sudava: abbiamo dovuto tenere le finestre aperte con evidente spreco. Siamo quindi lieti che il Comune si scopra ecologista perché forse troverà il tempo per intervenire a risolvere il problema, tempo finora non

trovato nonostante le numerose mail inviate al Comune negli anni passati (assessori competenti, scuola e ambiente e da ultimo anche al sindaco). Un intervento eviterebbe ulteriori sprechi di soldi pubblici e conterrebbe l’inquinamento. Fra l’altro, secondo notizie raccolte presso operatori del settore, un sistema di controllo della temperatura esterna (la cosiddetta sonda) comporterebbe costi assolutamente contenuti. lettera firmata


Attualità

3 novembre 2016

|

3

INTERVISTA :: PARLA MARCO GRANELLI, ASSESSORE ALLA MOBILITÀ DEL CAPOLUOGO MENEGHINO

Milano viaggia su due ruote Il commento

di Andrea Guerra

Sharing Mobility: questa sconosciuta

Successo BikeMi: la city seconda solo a Parigi «Il bike sharing deve crescere in provincia» «Milano intende proseguire un percorso verso un sistema di mobilità dove i cittadini milanesi e i cityuser possano scegliere fra diversi e numerosi modi di muoversi in città, diminuendo l’utilizzo dell’auto privata e integrando il più possibile modalità e mezzi più sostenibili: il trasporto pubblico su gomma e su ferro e in metropolitana, la bicicletta, lo sharing, il trasporto pubblico non di linea, la pedonalità». Parola di Marco Granelli, neo assessore alla Mobilità del Comune di Milano. Che pare avere le idee chiare: meno auto, meno posti auto, più bici e più Ztl. Senza se e senza ma. Il bike sharing è ormai un servizio di successo. Come migliorarlo ancora? «Secondo l’Osservatorio nazionale della sharing mobility del Ministero dell’Ambiente, Milano è seconda fra le città europee dopo Parigi per densità di veicoli sulla superficie urbana e incidenza per popolazione. A Milano abbiamo 26 bici dello sharing per chilometro quadrato (a Parigi 30). A proposito di BikeMi, abbiamo 280 stazioni, 4.650 biciclette, di cui 1.000 elettriche, 52.800 abbonati e una media di prelievi giornalieri che si attesta a quota 20mila al giorno. Una delle proposte per migliorare la situazione è l’ampliamento degli stalli delle stazioni del centro. Stiamo pensando di ridurre del 30 per cento la striscia blu per le auto in centro, vorremmo incentivare l’uso dei garage sotterranei e rendere disponibili ai cittadini più spazi per le bici, per i motorini, per gli stalli dedicati al bike sharing». In ottica Città Metropolitana, non pensa sia

arrivata l’ora di aprire stazioni anche nelle città della cintura metropolitana toccate dai mezzi pubblici? Sesto, Cinisello e il Parco Nord non sono territori su cui investire? «Siamo molto felici che il successo di Milano diventi materia di riflessione per altri Comuni e ci auguriamo che vogliano seguirci e anche loro attivare un servizio di bike sharing. Certamente è compito di ogni singola amministrazione fare proprie valutazioni e decidere come e con chi attivare il servizio. Ma l’idea di ampliare anche oltre i confini comunali c’è ed è valida». Sempre a proposito di due ruote, il Comune di Milano sta investendo nelle piste ciclabili? «Rispondo con un dato: nel 2011 c’erano 113 km di piste ciclabili, nel 2016 ce ne sono 220. Quindi oltre 100 km in più in 5 anni, quasi raddoppio della rete in 5 anni, il triplo rispetto a 10 anni fa. Ma le piste ciclabili non sono l’unica risposta: stiamo lavorando allo sviluppo delle zone 30, pezzi di città dove la velocità è a prova di vivibilità, per i pedoni e le biciclette. Oggi l’estensione delle Zone a traffico moderato è pari a 879.000 ma proseguiremo con questo lavoro. In crescita anche le aree pedonali sono passate in 5 anni da 334.560 mq a 612.840». E ci sono progetti che toccano il Nordmilano? «Il Comune ha approvato il progetto dell’Ente Parco Nord per la realizzazione di un percorso ciclopedonale che colleghi l’ingresso del parco lungo viale Fulvio Testi, fino al capolinea della M5 a Bignami. L’intervento, a carico di Parco Nord, si prefigge di indirizzare i flussi ciclopedonali e migliorare la fruibilità del percorso tra il Parco Nord e la fermata della metropolitana».

Milano sta vivendo un periodo decisamente felice e florido: la città della Madonnina si sta affermando, non solo a livello europeo, come una città viva, in crescita, capace di attrarre flussi turistici internazionali. Non è tutto oro quel che luccica, certamente, ma senza andare a pescare troppo lontano da noi, il capoluogo lombardo ha molto da insegnare ai Comuni del Nordmilano. Dove fino a qui, a proposito di mobilità dolce, le parole dei sindaci e degli assessori hanno prevalso sulle scelte politiche, sulle decisioni concrete. Importare il bike sharing è davvero così impossibile? Se fosse realmente al centro dei programmi politici delle giunte che ci amministrano ci ritroveremmo sindaci pronti a far sentire la propria voce nei confronti tanto del Comune di Milano, quanto di Atm che è gestore del servizio BikeMi. Crediamo che i flussi di pendolari del Nordmilano disposti quotidianamente a utilizzare il servizio di ‘noleggio e condivisione’ di biciclette, sarebbero numeri interessanti per qualsiasi azienda. Eppure nel Nordmilano parlare di bike sharing sembra quasi assurdo, avveniristico e quindi fuori luogo. I politici si riempiono la bocca di promesse ma il territorio vanta un’arretratezza che lo colloca molto più lotano da Milano di quanto non lo sia dal punto di vista geografico.

LA SITUAZIONE :: NEI NOSTRI COMUNI MANCANO LE PISTE PER LE BICI, QUELLE PRESENTI SONO PERICOLOSE

Nordmilano: poche ciclabili, meno parcheggi A Cinisello la velostazione fallì, da allora non esistono strutture Qualche anno fa, al Parco Nord partì un esperimento che fallì nel giro di pochissime settimane. E così il territorio del Nordmilano, nonostante la presenza delle fermate della metropolitana, non offre ai suoi cittadini un vero e proprio servizio di bike sharing: più in generale si può dire che i servizi per incentivare l’utilizzo della bicicletta, anche nel tragitto casa-lavoro, non sono proprio all’ultimo grido. Mancano le piste ciclabili e le poche che ci sono nei Comuni del Nordmilano, esclusi i parchi, sono pericolose e realmente scomode per gli amanti delle due ruote. Mancano anche gli stalli e i parcheggi: a Sesto c’è una bicistazione che offre un discreto servizio, ma lo stesso non si può dire di Cinisello dove manca completamente una struttura di questo tipo, al servizio della tranvia 31 e delle sue fermate (in

particolare al capolinea). A dire il vero una bicistazione c’era, ma nessuno ha creduto realmente nel progetto, a cominciare dalle amministrazioni che hanno governato la città. La nuova stazione unificata di Cormano e Cusano vanta un tristissimo e pesantissimo record, ovviamente negativo, di furti di biciclette: un fatto che disincentiva, e non poco, l’utilizzo dei propri mezzi privati per spostarsi da casa e poi prendere un pezzo pubblico, sotterraneo o di superficie. Pochi stalli anche al capolinea della M5, a due passi dal Parco Nord: una fermata che potrebbe crescere come vero e proprio hub di interscambio per migliaia di ciclisti urbani disposti a pedalare ogni giorno per raggiungere il proprio posto di lavoro nel capoluogo meneghino. A.G.


4

|

3 novembre 2016

Attualità

Si pedala nel Nordmilano Servizio a cura di Andrea Guerra

1/5

IN SELLA :: LA BICI È TORNATA A ESSERE A TUTTI GLI EFFETTI UN MEZZO DI

I milanesi che negli ultimi 4 anni hanno scelto la bicicletta per andare al lavoro

TRASPORTO QUOTIDIANO

Tutti pazzi per la bicicletta Che rende felici Pedalare per un’ora favorisce il rilascio dei cosiddetti ‘ormoni della felicità’

Il 2011 è stato l’anno della svolta: nello Stivale sono state vendute più biciclette che automobili. Non succedeva dal Dopoguerra: sono state immatricolate 1.748.143 auto e invece vendute 1.750.000 bici. Un sorpasso storico per il nostro Belpaese che ha segnato un mutamento nelle abitudini e un ritorno all’utilizzo delle due ruote, non più esclusivamente come veicolo sportivo, per altro di nicchia o comunque per appassionati, ma come mezzo di trasporto urbano, strumento per spostarsi in città, tra casa e lavoro, o per il tempo libero. Effettivamente le biciclette stanno tornando di moda e il fenomeno è sotto gli occhi di tutti. Milano si sta riempiendo di persone che pedalano e che si spostano in sella, come moderni cavalieri, sfidando

LA GARA :: SECONDA EDIZIONE DEL CONTEST A MILANO

Al lavoro senza auto Ecco ‘Bike to work’ Il 31 ottobre si è chiusa l’edizione 2016 di ‘Bike To Work’, il contest importato in Italia dalla Fiab (Federazione italiana amici della bicicletta) per incentivare l’uso delle due ruote nel tragitto casa-lavoro. La ‘bike challenge’ meneghina è una vera e propria sfida che ha coinvolto le aziende della città che si sono misurate e battute su diversi livelli: sul numero di lavoratori coinvolti nell’iniziativa e sul numero di km totali ‘pedalati’ dai propri dipendenti. Quest’anno a Milano (e dintorni) hanno partecipato 202 organizzazioni e 2.800 persone. A livello italiano (per il primo anno infatti la sfida ha coinvolto altre città della Penisola) si sono invece battute a colpi di pedale 625 imprese (o enti) e più di 9mila dipendenti. Nella classifica per organizzazioni, curiosando

nella sezione riservata a quelle con oltre 500 dipendenti, la medaglia d’oro è andata alla Città Metropolitana di Milano (contando solo i negozi di Milano, Monza e provincia). Al secondo posto Decathlon e sul terzo gradino del podio il Gruppo Cap, impresa che gestisce il servizio idrico. Secondo una recente indagine della Camera di Commercio di Milano, realizzata per il Corriere della Sera, un milanese su 5 negli ultimi quattro anni ha rinunciato all’auto per salire in bicicletta da casa fino al posto di lavoro, impiegando in media 20 minuti. Il 49 per cento dei residenti meneghini utilizza una bici da passeggio e un decimo delle ore pedalate è nel fine settimana. A Milano sono in circolazione 1.500 e-bike (12mila in tutta la Lombardia).

il traffico e le difficoltà di tutti i giorni. E anche il Nordmilano non è esente da questo mutamento: non solo si vedono più ciclisti ma allo stesso tempo sta crescendo la sensibilità verso le due ruote e in generale verso la mobilità dolce. Uno di questi segnali riguarda la continua discussione sulla sicurezza delle piste ciclabili cittadine (si pensi al recente dibattito a Sesto San Giovanni

o quello mai sopito a Cinisello). Si pedala per muoversi in città, per andare al lavoro, per accompagnare i figli a scuola, oppure si pedala per fare movimento, mantenere la linea e buttare giù un po’ di pancia. Lo dice anche ‘la scienza’: è provato infatti che andare in bicicletta favorisce la produzione di endorfine, ribattezzate anche ‘ormoni della felicità’.


Attualità

E-Bike

STORIE ::

+9,8

La percentuale di crescita nelle vendite di e-bike nel 2015 rispetto al 2014

CHI PEDALA VERSO UFFICI E SCUOLE

Fenomeno elettriche all’Eicma

In sella al mattino per scelta di vita

Non chiamatele ‘ motorini’: le e-bike sono il fenomeno del momento e non sono affatto dei ‘finti scooter’ perché il motore elettrico assiste la pedalata e la aiuta, ma non la sostituisce. Il mercato delle e-bike va veloce: Confindustria Ancma, l’Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori, ha diffuso i dati del 2015 che certificano che la produzione è raddoppiata rispetto all’anno precedente (16.600 unità) e che le vendite sono cresciute del 9,8 per cento (in totale gli italiani hanno acquistato 56.189 bici elettriche). Le fiere sono un’altra cartina tornasole: all’Eicma (Fiera Milano dal 10 al 13 novembre) ci sarà un’area totalmente dedicata alle ebike dove sarà anche possibile testarle.

Il Parco Nord è già un’autostrada per le bici C’è chi ha iniziato a pedalare per passione e sensibilità ambientale. Chi lo ha fatto per necessità, perché i trasporti pubblici sono scarsi. Sta di fatto che i casi di chi ha scelto la bici per andare a scuola e al lavoro sono in continua crescita. Storie completamente diverse tra loro, ma accomunate da un denominatore unico: la due ruote che diventa mezzo di trasporto e compagna di vita. La storia più curiosa è quella di Giovanni, 14 anni, cinisellese, da pochi mesi iscritto ad una scuola superiore del centro di Milano. Ogni mattina, quando è ancora buio Giovanni parte da casa e percorrere tutto il Parco Nord per raggiungere il capolinea del metrò di Bignami, dove abbandona la bici e sale sui mezzi. «Non c’era altra soluzione, perché ogni altro mezzo mi avrebbe costretto a un viaggio lungo ore - racconta . In compenso ho scoperto un mondo nuovo. Il Parco Nord di mattina è una vera autostrada per ciclisti. La

frequentano in tantissimi per andare al lavoro e a scuola». Felice e soddisfatto della sua scelta è Mauro, un altro cinisellese che ogni mattina parcheggia la sua bici a Sesto Fs. «Tra Cinisello e Sesto le piste ciclabili sono solo virtuali - racconta -. Si è spesso costretti a viaggiare nel traffico o a fare il saliscendi tra i marciapiedi. Il vero problema è l’ansia per il rischio di furti. Servirebbero sistemi di sosta efficienti e sicuri».

OK!

|

5

Anche nel Nordmilano è in costante crescita il numero dei cosiddetti ‘ciclisti urbani’

A POCHI PASSI DA SESTO IL TEMPIO DELLO SPORT “l inaugurazione”

95

Il numero delle aziende lombarde attive nella fabbricazione di biciclette. Nel Nordmilano c’è l’illustre esempio di De Rosa, storico marchio di caratura mondiale di Milanino

3 novembre 2016

Biciclette, ma non solo. E’ un vero tempio dello sport quello che sarà aperto al pubblico da giovedì 10 novembre in via Adriano 85 a Milano, a pochi passi da Sesto. Bicimania e Df SportSpecialist hanno unito le forze per offrire un nuovo format di negozio che privilegia il ciclismo, il running e il calcio. In un centro vendita di grandi dimensioni, è stata dedicata una superficie di 1.500 metri quadri al ciclismo, con una ricca esposizione di bici da corsa, mountain bike, urban bike e bici elettriche. Sono previsti anche servizi evoluti di bike fitting, per personalizzare la bici. Inoltre sono disponibili l’officina e il reparto test. Anche per il running è stato previsto un format innovativo realizzato in collaborazione con i principali brand. E’ a disposizione uno spazio test con tapis roulant, affiancato da uno spogliatoio con docce gratuite per chi esegue i test.


6

|

3 novembre 2016

PubblicitĂ


3 novembre 2016

MADE

ILANO M in N ORD

Tumori, occhio allo stile di vita Ancora troppo bassi i livelli di prevenzione di Gaia Caracciolo

uasi 8 italiani su 10 seguono almeno un comportamento a rischio, tra fumo, alimentazione sbagliata, sedentarietà e eccessivo consumo di alcol. E’ uno dei dati emersi nel XVIII Congresso nazionale dell'Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom) che si è tenuto a Roma. Molti studi hanno dimostrato che il 40% dei tumori può essere evitato con uno stile di vita sano, ma con solo il 4,2% della spesa sanitaria desinata alla prevenzione, l’Italia si colloca negli ultimi posti per gli investimenti in questo settore. La conseguenza è che il 22% degli italiani fuma, il 45% della popolazione

Q

è in eccesso di peso, quasi il 16% consuma alcol in modo eccessivo e oltre 23 milioni (40% della popolazione di 3 anni e più) non praticano attività fisica. Oltre agli stili di vita, prevenire significa anche migliorare l'adesione ai programmi di screening: in Italia nel periodo 20112012 solo il 60% delle donne (nella fascia d'età 50-69 anni) ha eseguito la mammografia per la diagnosi precoce del tumore del seno.

|

7

SALUTE

Il pubbliredazionale

Da A&R nasce Ametista, materasso che rigenera dormendo

L’azienda A&R snc di Giudici Roberto commercializza prodotti per il riposo principalmente materassi, avvalendosi di specialisti di settore con il compito di formare venditori e il cliente finale, al fine di consigliare sempre il prodotto più adatto alle esigenze di mercato e personali. Da anni collaboriamo con aziende produttrici anche per quanto riguarda l’arredo casa (cucine, letti, armadi, zone giorno), questo ci permette, grazie anche ai nostri 3 showroom, di dare un servizio completo a seconda delle necessità. In parallelo ci occupiamo anche di Contract, provvediamo quindi alla fornitura ad Hotel, palestre, centri posturali, cliniche ed affini, con prodotti a norma e certificati adatti ad ogni attività di sorta. Negli ultimi anni abbiamo cercato di produrre e commercializzare prodotti che seguissero una precisa linea di benessere e salute, i nostri materassi sono concepiti non solo per dare comfort durante il riposo ma anche per aiutare ad alleviare alcuni disturbi o vere e proprie patologie. Utilizziamo quindi prodotti come aloe, soya, oli vegetali, argento e carbonio. Il nostro prodotto di punta in tal senso è il materasso Ametista, prodotto con vera polvere di ametista, in grado di generare ed emanare costantemente ioni negativi nell'aria, riequilibrandola eliminando di fatto anidride carbonica. Adatto per chi soffre di problemi neuro-degenerativi, stati d’ansia, sonno leggero ecc... donando una sensazione di benessere oltre che igienizzare il materasso stesso rendendolo antibatterico e antistatico. Siamo un’azienda in espansione, a breve apriremo un quarto showroom a Milano oltre a quelli già esistenti di Cinisello Balsamo, Sesto San Giovanni e Como per la vendita diretta al privato,siamo presenti sulle reti locali (Telelombadia, Antenna3, Rete 55, Canale 6) con degli spot per pubblicizzare appunto i nostri punti vendita a partire dal 8 Dicembre. Vi aspettiamo numerosi nei nostri punti vendita dove troverete anche degli artici per i vostri regali natalizi.


8

|

3 novembre 2016

MADE

ILANO M in N ORD

Intolleranze alimentari Impariamo a scoprirle Sono spesso causa di malesseri anche gravi, ma diagnosticarle non è sempre facile di Noemi Tediosi

atte e cereali sono tra gli alimenti che più di ogni altro sono reputati responsabili delle più comuni intolleranze alimentari. In gergo medico vengono definite ‘reazioni avverse al cibo’: orticaria, problemi respiratori e malesseri gastrointestinali possono essere causati da allergie o intolleranze alimentari. Mentre per le prime sono ormai comprovati i test per riconoscere i cibi colpevoli, le intolleranze sono un campo relativamente nuovo e inesplorato. Di certo c’è solo il fatto che le allergie vengono provocate dal sistema immunitario e le intolleranze sono per la maggior parte ‘enzimatiche’. Ciò che provoca mal di pancia, gonfiore, diarrea - tipici

L

sintomi dovuti all’intolleranza - è l’incapacità, per difetti congeniti, di metabolizzare sostanze presenti nell’organismo. Gli alimenti che provocano le intolleranze più diffuse sono il lattosio e il grano. Se pochi riescono a fare colazione con una tazza di latte per tutta la vita, alcuni devono completamente eliminare pane, pasta, biscotti, birra. I celiaci infatti possono avere disturbi molto seri se non seguono uno stretto regime alimentare. Altre intolleranze sono il favismo e quelle causate dagli additivi presenti in svariati alimenti. La diagnosi di un’intolleranza alimentare si compie per esclusione, eliminando gli alimenti sospetti per due o tre

settimane e reintegrandoli poi per lo stesso periodo di tempo. Si può così osservare il manifestarsi del sintomo a seconda di ciò che si mangia. Tutti i test alternativi, come quello citotossico, sono per ora privi di attendibilità scientifica. Nel caso dell’intolleranza al lattosio, generalmente ereditaria e diffusa in Asia, America ed Europa mediterranea, non è sempre necessaria l’eliminazione completa del latte e dei suoi derivati secondo l’Istituto Superiore di Sanità. La scarsa produzione dell’enzima lattasi, che serve per digerire lo zucchero contenuto in latte e formaggi, può essere trattata introducendo piccole quantità di cibi sensibili durante i pasti.


3 novembre 2016

|

9

SALUTE il pubbliredazionale

Fit Active, il centro fitness di qualità al giusto costo

Centri sparsi in tutto il territorio offrono corsi di gruppo e lezioni con trainer esperti Un centro fitness di qualità a piccoli prezzi: questa è la filosofia adottata dalle palestre Fit Active, che contano ben otto strutture in funzione sul territorio milanese. Tra queste ci sono Monza, Seregno e Paderno Dugnano. «Ho iniziato con la prima palestra a Seveso nel 2007 e oggi siamo un franchising che opera su diversi territori e che offre un servizio di fitness a tutto campo - ha raccontato il fondatore Eduardo Montefusco -. Con il passare del tempo abbiamo capito che il mondo del commercio oggi tende al low cost e abbiamo cercato di conciliare qualità con tariffe contenute». Il mondo delle palestre attrae sempre più persone desiderose di migliore il proprio aspetto estetico, ma anche intenzionate a conservare il benessere del proprio corpo per una vita più sana.

Per questo le proposte di Fit Active si sono ampliate e offrono ai clienti la possibilità di allenarsi illimitatamente grazie a pacchetti economici tutto compreso: con soli 19,90 euro si potrà accedere a tutti i centri sparsi sul territorio e allenarsi senza limiti, sempre seguiti da trainers esperti e qualificati. «Abbiamo anche pacchetti aggiuntivi come i corsi di gruppo a 6,90 euro, sempre aggiornati con i trend del momento, le bevande energetiche illimitate a 4,90 o le lampade abbronzanti a 6,90. In alcuni periodi offriamo anche pacchetti comprensivi di tutto questo sempre a 19,90», ha aggiunto Montefusco. L’obiettivo di Fit Active è quello di fornire al cliente una vasta gamma di servizi per il fitness per una vita sempre attiva e ispirata al benessere.


10 |

3 novembre 2016

PubblicitĂ


Attualità

3 novembre 2016

|

11

ECONOMIA :: L’USCITA DALL’EUROPA POTREBBE ALLONTANARE GLI ALLIEVI DAGLI ATENEI INGLESI

Brexit, ‘tegola’ per gli studenti In bilico il progetto Erasmus e i fondi destinati agli italiani per lo studio di Francesco De Vito Italiano-italiano, italiano-napoletano, o italiano-siciliano? Questa è una delle domande cui i giovani italiani sono stati tenuti a rispondere per compilare la domanda di iscrizione alle università inglesi. Provocazione o peccato veniale? Il Governo britannico si è prontamente scusato e ha immediatamente corretto, ma restano ancora tante perplessità soprattutto dopo l’ondata di nazionalismi scaturita dalla nota Brexit. Ma effettivamente cosa cambierà per i circa ventimila studenti italiani oltremanica? I cambiamenti saranno molteplici sia a livello burocratico sia a livello economico. Prima di tutto, sarà necessario ottenere un visto studente per vivere in Inghilterra, in quanto la Gran Bretagna tratterà i cittadini europei come extracomunitari. In secondo luogo, le agevolazioni economiche per i nostri studenti cesseranno. Fino a oggi, gli studenti italiani che si recavano nel Regno Unito, come gli studenti degli altri Stati membri, potevano usufruire di un prestito statale di novemila sterline, concesso dallo Stato inglese per coprire la retta universitaria, da restituire gradualmente solo dopo la fine degli studi e solo nel caso in cui si fosse trovato un lavoro con uno stipendio

che superasse un certo limite minimo prestabilito. Quando gli studenti italiani non potranno più godere dello status di studenti comunitari, il prestito non verrà più garantito e quindi la retta universitaria verrà conformata nella misura pari a quella prevista per gli studenti internazionali, e quindi il doppio circa. E ancora: è possibile che sarà archiviato anche il tanto amato progetto Erasmus che ha sempre permesso a i nostri studenti di fare una esperienza di studio Gran Bretagna, così come gli studenti inglesi hanno potuto spostarsi liberamente tra i Paesi del Vecchio Continente; con la Brexit potrebbe non essere più così poiché per i ragazzi europei non sarà più possibile scegliere l’Inghilterra come metà Erasmus così come gli inglesi non potranno usufruire dei fondi per questo progetto per venire a studiare nell’Europa continentale. Chi invece è già in loco potrà terminare senza problemi l’Erasmus. Non è sicuramente un caso se migliaia di studenti Italiani decidono annualmente di trasferirsi nel Regno Unito, specialmente a Londra. La capitale inglese sicuramente rappresenta una della realtà, a livello universitario, più solide e affermate nel panorama internazionale. Solo a Londra hanno sede cinque dei migliori cento

atenei mondiali. Quale il motivo della solidità del sistema formativo universitario anglosassone? Innanzitutto, tutte le facoltà sono a numero chiuso, quindi se sei uno studente europeo e vuoi essere ammesso a un corso, devi essere indubbiamente uno studente meritevole. Ogni facoltà, poi, è composta da massimo 50 studenti, che sono a loro volta suddivisi in classi di 15 persone, in modo tale da avere un apprendimento più diretto e sviluppare un rapporto personale con ogni professore del corso. Infine non esiste la possibilità di ripetere

gli esami: le relative sessioni devono essere affrontate da ogni studente nei giorni prestabiliti e gli esami devono essere superati al primo tentativo; ciò consente di premiare solo gli studenti seri e determinati negli studi, con conseguente risparmio di costi che altrimenti andrebbero ad essere investiti su studenti meno diligenti. Nonostante le rassicurazioni dei rettori delle singole università, che temono un calo degli iscritti europei nel dopo Brexit, la love story tra Londra, la Gran Bretagna e gli studenti italiani potrebbe essere destinata al tramonto.


12

Sesto San Giovanni | 3 novembre 2016 SOCIALE :: AMPLIATE LE CLASSI PER LE LEZIONI DI CARITAS SALESIANI

Corsi di italiano: boom di iscrizioni Raggiunte le 150 adesioni di Margherita Abis Impennata di iscrizioni alla Caritas Salesiani di Sesto, per le lezioni di italiano rivolte agli stranieri. L’associazione di volontariato, impegnata nell’integrazione dei bisognosi, ormai dal 2002 propone anche corsi di italiano. Nove docenti, guidate dalla responsabile Giancarla Meani, con l’obiettivo di insegnare a leggere, scrivere e ascoltare. I corsi sono suddivisi in due sezioni: quella diurna, rivolta principalmente alle madri, e quella serale per gli uomini adulti. A partire da questa stagione, le classi si sono ampliate. Hanno toccato quota 100 le iscrizioni

alle lezioni diurne, mentre sono arrivate addirittura a 150 le iscrizioni ai corsi serali. È in programma anche un evento informativo organizzato dall’associazione. Il 6 novembre, in occasione della giornata Caritas, gli stand saranno posizionati sul sagrato della chiesa sestese di Santa Maria Ausiliatrice per informare e divulgare il progetto tra i cittadini sestesi. Si parlerà delle iniziative di Caritas, delle testimonianze dei volontari e, visto l’incedere della stagione autunnale, si mangeranno insieme le caldar roste. Info: www.volcaritassal.it.

C’e tanta apprensione per le sorti di Giovanni, il sestese di 59 anni che la scorsa settimana è rimasto coinvolto in un tremendo incidente all’incrocio tra via Monte Grappa e viale Gramsci. L’uomo, che si è scontrato con un furgone, è in condizioni giudicate delicatissime. E’ ricoverato all’ospedale San Raffaele di Milano in coma farmacologico dopo essere stato operato per le lesioni riportate nello scontro. Solamente tra qualche tempo si conosceranno le sue reali condizioni. Giovanni era conosciuto a Sesto perché di lavoro faceva il portinaio in un condominio del quartiere Boccaccio. Tutti i condomini sono in apprensione per le sue condizioni. Non è ancora stata chiarita la dinamica dello scontro. Gli agenti della polizia locale stanno lavorando sulle immagini delle telecamere per stabilire cosa sia accaduto.

Sia, il contributo per le famiglie in condizioni economiche disagiate

Il progetto

La Città della Salute in mostra alla Triennale Il via al progetto ‘Città della Salute della Ricerca’, in mostra alla Triennale di Milano. L’esposizione parte dal 17 novembre a proseguirà fino al 18 dicembre, all’interno della mostra ‘Empatia Creativa. Milano metropolitana: cinque cantieri di Mario Cucinella Architects’. Appuntamento alla galleria milanese Gae Aulenti. Al centro della mostra, i progetti milanesi dello studio internazionale di architettura Mario

Apprensione per Giovanni, vittima di un incidente gravissimo

Arriva un aiuto per le famiglie in condizioni economiche disagiate. Sia, il Sostegno per l’inclusione attiva, è un contributo del ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. È previsto sia un contributo economico, che l’adesione a un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa. Il contributo è disponibile per donne incinte da almeno 4 mesi; nuclei familiari con una persona disabile con almeno un genitore; famiglie con almeno un figlio minorenne. Necessario inoltre avere un Isee uguale o inferiore a 3.000 euro; essere residente in Italia da almeno 2 anni; avere la cittadinanza italiana o comunitaria, oppure il permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo.

Cucinella: la sede UnipolSai e la nuova sede Coima in costruzione nell’area Porta Nuova, un museo allestito in un palazzo in Corso Venezia, un polo chirurgico e delle urgenze per l’ospedale San Raffaele e, appunto, il progetto della Città della Salute e della Ricerca. «L’esposizione alla Triennale è un riconoscimento alla sua qualità e un orgoglio per la città di Sesto», il commento del sindaco Monica Chittò.

IL GIORNALE PIÙ LETTO DEL NORDMILANO DA OGGI E’ IN DISTRIBUZIONE GRATUITA ANCHE NEI NEGOZI DELLA TUA CITTÀ

PUNTI A SESTO • Il pane di Christian Due - Via Monte Grappa 259 • Hair Ripoli Candida - Via Vincenzo Monti 12 • Milano senza glutine - Viale Gramsci 538 • Distributore Q8 - Via Grandi • Biblioteca civica Sesto S. G. - Via Dante • I love Shopping - Via Cesare da Sesto 134 • Palestra spazio fitness - Via Pisa 134 • Paninoteca Bass - Piazza Trento Trieste 32 • Shell - Viale dei Partigiani 83 • Bar tabacchi Maria - Viale Italia 1010 • Total Erg - Viale Fulvio Testi 196 • Palestra Fit - Galleria Dante 49 • Bonta' più - Via Picardi 4/16 • Mezzo di' - Piazza Don Mapelli 22 • Baby Bazar - Viale Marelli angolo 24 Maggio 1 • Centro sportivo il Cigno - Via Domenico Fiorani 74 • Centro Olistico - Via Marsala 69 • G&G - Via fratelli Picardi 28 • Panificio pasticceria San Mina - Via Giovanna d'Arco 176 • Buon pane di S. Giorgio - Via per Crescenzago 176 • Bar Chez Toi - Via Grandi 31 • Bar latteria Rogliano Salvatore - Via Pisa 190 • Distributore Q8 - Viale Matteotti 104 • Agip - Viale Antonio Gramsci angolo via Montenero • Spaccio dolciario Dolce Bonta' - Via Rovani 199 • Dolce Gelato - Via Rovani 291 • Bar Break Point di Lamboglia

Giuseppe & C. - Via Pisacane 1 • Kebab Magdy 2 - Via Rovani 102 • Studio Foto Express - Via Roma 23 • Gina - Via fratelli Picardi 78 • Piccolo Bar - Via XX Settembre 93 • Mi-wheels - Via Rovani 6 • Splash - Via Firenze 52 • Piadina Insalatina - Piazza Don Mapelli 4 • Affare fatto - Mercatino dell'usato - Via Livorno 47/49 • Ristorante Gastone - Via Alberto Falck 15 • Ospedale di Sesto San Giovanni Istituti Clinici di Perfezionamento - Via Matteotti 83 • Parrucchiera Vanità di Genchi Donatella - Via Migliorini 22 • Palasesto - Piazza 1° Maggio • Bottega del Caffè - Via General Cantore 206 • Pasticceria artigianale Croissant D'Or - Viale Rimembranze 93 • Centro Carni Sestese - Via Boccaccio 192 • Bar Metropolis - Via Oslavia 6 • Trattoria Pizzeria Villa Gualdina - Via Ernesto Breda 196 • Edison Caffè di Rizzelli Matteo & C. - Viale Edison 71 • Vestri Dolce Risparmio - Via Montegrappa 32 • Il Forno di Arianna di Vento Arianna - Via Rovani 234 • Anna Abbigliamento - Via Don Minzoni 100 • C'era una volta il pane - Viale Casiraghi 223 • Immobiliare Stella - Via Cesare da Sesto 13

• Copy & Print di Tura De Marco Valentino - Via C. Battisti 16 • Sestocopy Snc - Via Giuseppe di Vittorio 167 • Farmacia Lamiranda - Via F. Petrarca 111 • Associazione AVIS - Via Giardini 32 • Piscina Olimpia - Via Marzabotto 179 • Ortopedia Roll Star Italia (S. R. L.) Ausili Ortopedici - Via Carlo Marx 593 • Bar 77 Sas di Maciel Dias Telma & C. - Via Saint Denis 77 • Piscina Comunale De Gregorio - Via Saint Denis 101 • Panetteria Pasticceria Enzo E Daniela Snc - Via Saint Denis 185 • Remember Bar - Viale Matteotti 168 • Bar Civico 44 - Via Padre Ravasi 44 • Mio Cafe' - Via Puricelli Guerra 14 • Farmacia Comunale - Via Saint Denis 85 • Farmacia Comunale n° 10 Marx - Via C. Marx 495 • Eurospin - Via C. Marx 495 • Il giardino dei tigli - Via Risorgimento angolo F.lli Bandiera • Tabaccheria riv. 15 di Recalcati Enrico - Via Risorgimento 39/41 • Esso di Gobbi Paolo - V.le Rimembranze angolo via F.lli Di Dio • Farmacia Padre Pio - Via Fratelli Di Dio 79 • Bar Mela Verde di Carluccio Domenico - Via Fratelli Di Dio 77 • M.D.B. sas di A. Mura & C. - Viale Rimembranze 175 • Biglietteria e tabaccheria Sergio

- Via Cesare Battisti 47 • Bar Marzini - Viale Gramsci 42 • Percin Ayasofya Doner Kebab - Piazza IV Novembre 37 • Cartofollia di Brambilla Orietta - Via F.lli Bandiera 65 • Ristorante Pentola d'oro - Via F.lli Bandiera 25 • Bar Decio Snc di Agati Davide e Fontanini Matteo - Via F.lli Bandiera 8 • Bar dello Sport di Molinari Luca - Via Padre Ravasi 108 • CAF - UCI - Centro Assistenza Fiscale - Via Puricelli Guerra 21 • Lu Rong - Via Puccini 60 • Farmacia 777 - Viale Marelli 79 • Tabaccheria De Palma Margherita - Viale Marelli 22 • Bread And Coffee - Viale Marelli 138 • Marelli 79 Bar Ristorante - Viale Marelli 138 • Bar Barico di Borsa Alessio - Viale Marelli 79 • Farmacia Giannice snc - Viale Matteotti 382 • Paradise Cafe' - Via Corridoni 159 • Cartoleria il Pellicano - Viale Matteotti 302 • Star Flex fabbrica materassi - Via Carducci 221 • Dolci - Sapori di Sicilia - Via La Fratta 46 • Non solo pane - Via Cavallotti 127 • Bar tabacchi True Blood - Via Cavallotti 297 • L'isola dei bimbi - Via Cavallotti 242 • Torti Pasticceria - Via XX Settembre 45 • Bar Farina - Via Oslavia 29 • Sesto Fitnees - Via Po 26


Sesto San Giovanni

3 novembre 2016

| 13

TASSE :: FINITA L’ERA EQUITALIA, L’AMMINISTRAZIONE È DECISA A RECUPERARE TUTTI I CREDITI ARRETRATI

Morosi, la stangata del Comune Spedita una prima tranche di 5.000 lettere di sollecito per i cittadini ‘infedeli’ di Stefano Bini Nessuna cartella esattoriale o minaccia di pignoramento. La lettera inviata in questi giorni da uno studio legale per conto del Comune di Sesto San Giovanni è un po’ la versione cartacea dell’sms promesso da Renzi per rendere più umani i rapporti tra Stato e contribuenti. Sesto, nei giorni scorsi ha dato il via a una maxi operazione di recupero delle sanzioni, delle tasse e delle tariffe mai pagate dagli utenti sestesi. In cima alla lista ci sono le contravvenzioni al Codice della Strada. Circa 5mila appunto, con un credito che il Comune vanta nei confronti dei cittadini di circa un milione di euro. Si va dal banale divieto di Sesto alle sanzioni per violazioni alle norme del Codice della Strada in occasione di incidenti. Soldi che vanno recuperati seguendo una rigida procedura imposta dallo stesso Codice della Strada, pena la perdita del credito da parte del Comune. «Potrebbero apparire molte 5.000 lettere - afferma l’assessore ai Tributi Virginia Montrasio -, ma in realtà si tratta di persone sanzionate dal 2013 in avanti. Nonostante si tratti di crediti vantati da molto tempo e rimasti impagati, abbiamo scelto di non procedere con recuperi forzosi, ma chiediamo ai cittadini di ottemperare. Altrimenti la legge ci impone di procedere in altro modo». Appena sarà esaurita

Case comunali, buco nero da 4 milioni

Il punto Recupero soft Nessuna cartella esattoriale o recupero forzoso,almeno questa prima ondata di spedizioni, per il momento. L’amministrazione comunale di Sesto si passerà ai debitori per le tariffe già da qualche tempo ha abbandonato i servizi di Equitalia dei servizi comunali. Dalle mense per abbracciare in via sperimentale la collaborazione con scolastiche ai canoni dei nidi. Nessuno un’agenzia di recupero crediti certificata. Nelle prossime è stato privato dei servizi, ma ora settimane sarà completata la gara per l’assegnazione occorre procedere a pagare. Non è definitiva del servizio. A quanto riferiscono dal stata chiarita l’entità del debito, ma Comune, i primi feedback sulla sperimentazione pare che all’appello manchino molti soldi sono positivi. Non si sono avute lamentele, e che solamente pochi cittadini abbiano al contrario di quanto avveniva manifestato difficoltà a pagare per motivi prima.

di crisi.

La prima tornata di solleciti di pagamento riguarda le sole multe, ma non c’è dubbio che il debito più significativo per il Comune è quello relativo agli inquilini delle case comunali. Si parla di almeno 4 milioni di euro, i più pessimisti dicono addirittura 5. Il consigliere comunale di Forza Italia Roberto Di Stefano denunciava che la situazione è fuori controllo. Ma dal Comune chiariscono: «La situazione è sotto controllo. Molti inquilini hanno già firmato piani di rientro concordati». Già nei mesi scorsi si sono avuti i primi casi di decadimento , ossia gli inquilini con morosità ingiustificate sono stati sfrattati. A questi ultimi verrà comunque richiesto di pagare il debito accumulato. Nelle prossime settimane anche per loro arriveranno le lettere di sollecito.


14

|

Sesto San Giovanni

3 novembre 2016

Notizie

SOCIALE ::

PARTITE LE PROCEDURE DI VERIFICA DA PARTE DEI COMUNI pubblico, che già nei mesi scorsi aveva presentato una petizione per la gestione diretta dei Cdd, raccogliendo oltre 2mila firme. Dal comitato, presieduto da Gabriele Visco Gilardi, arriva un vero atto di accusa nei confronti dell’amministrazione: «Inaffidabilità del giuramento e delle promesse fatte dal sindaco nel programma presentato nel suo insediamento e, di conseguenza, di tutta la maggioranza. Non è bastato il fallimento dei due tentativi di gara: l’amministrazione persevera, cercando nuove strade per disfarsi delle strutture». Non solo, accusa il comitato. «Sono passati due anni in cui i cdd hanno subìto una strisciante forma di mobbing collettivo. Stanno ancora in piedi grazie alla serietà del personale». Laura Lana

FLASH Il voto a domicilio

:: Fino a lunedì 14 novembre è possibile presentare la richiesta di voto a domicilio per il referendum del 4 dicembre. Può fare richiesta chi non è in grado di muoversi da casa per una grave infermità, o perché dipendente da apparecchiature elettromedicali. Via mail serv_elettorale@sestosg.net; via fax allo 02.2496516; via pec a comune.sestosg.net@legalmail.it. Per informazioni consultare il sito comunale.

::

Un aiuto ai terremotati

È ancora attivo il progetto ‘Sesto per il terremoto’, per aiutare le popolazioni colpite dal sisma di Accumoli. Ecco i dati per effettuare donazioni sul conto corrente aperto: Iban IT29 G030 6920 7081 0000 0009 206. Causale: Terremoto Centro Italia.

Cdd, si va verso l’esternalizzazione

Cos’è Ipis Consorzio di Comuni

L’Ipis, cui passerebbe la gestione dei Cdd di Sesto è una società pubblica il cui nome completo è ‘Insieme per il Sociale’, creata dai Comuni di Cinisello, Cusano, Cormano e Bresso. Gestisce già i Cdd di quel territorio, con sede a Cusano. I Cdd sono affidati a una cooperativa di una cooprivata che si occupa dei servizi. Il personale è in perativa per parte privato e in parte pubblico. Già 2 anni fa si conto del conera parlato della possibilità di associare Sesto sorzio. A punall’Ipis, ma la proposta era stata politicamente tare il dito contro rifiutata forse per motivi camquesta scelta è inpanilistici. vece il Comitato cit-

Reazione positiva dei sindacati Le procedure, per affidare i centri diurni disabili a ‘Insieme per il sociale’, sono in fase già avanzata. I soci dell’azienda speciale consortile (i Comuni di Cinisello, Bresso, Cormano e Cusano) stanno facendo le loro verifiche insieme al Comune

di Sesto per estendere la convenzione, che dovrà poi essere approvata da tutti i consigli comunali. Dopo due anni, anche i sindacati sembrano accogliere positivamente questo tipo di esternalizzazione, attraverso la gestione del servizio da parte

tadino per il servizio


Sesto San Giovanni

Notizie FLASH Democratici si rinnovano

:: I Democratici per il Cambia-

:: Venerdì 4 novembre è in programma un nuovo sciopero generale nazionale dei lavoratori pubblici. Saranno interessati anche i lavoratori privati. Lo sciopero è indetto dalla Confederazione unitaria di base - Cub, dall'Usi-Ait. Dopo una settimana caratterizzata dal ponte, alcuni uffici comunali potrebbero rimanere chiusi.

::

Austriaci in visita Una delegazione del Comune austriaco di Langenstein, legato a Sesto San Giovanni da un patto di amicizia sottoscritto nel 1999, è stata ricevuta nei giorni scorsi a Sesto dall’assessore Roberta Perego e da una delegazione cittadina dell’Aned. L’amicizia tra i due Comuni è nata sulla base di un impegno comune a non dimenticare il passato (Langenstein sorge a pochi chilometri dal campo di concentramento di Gusen, sottocampo di Mauthausen. Qui, durante l’ultimo conflitto mondiale sono stati deportati molti lavoratori sestesi in seguito agli scioperi del marzo 1944). La delegazione, formata dal sindaco e da consiglieri, ha deposto una corona di fiori ai piedi del Monumento alla Resistenza sotto il Comune.

|

15

CRONACA :: OLTRAGGI E ATTI VANDALICI, SI SURRISCALDA IL CLIMA IN CITTÀ

La politica dell’insulto Affissi alcuni adesivi offensivi contro la lista Sesto nel Cuore

mento rinnovano le cariche al proprio interno. Eleggono all’unanimità Massimo Catania, Morena Moneta e Laura Tamborini rispettivamente segretario, presidente e vice presidente dell’associazione. Massimo, sestese dalla nascita, è un manager di una grande multinazionale. Morena è un’insegnante di scuola primaria, da molto tempo impegnata nella vita politica cittadina. Laura, sestese da una vita, studi classici e una grande passione per i viaggi, la cucina e la comunicazione, è alla prima esperienza politica.

Venerdì sciopero

3 novembre 2016

Si fa rovente la campagna elettorale sul suolo di Sesto San Giovanni. Sia quella in vista delle elezioni amministrative della prossima primavera, sia quella nazionale per il referendum alle modifiche costituzionali che a Sesto sta trovando una mobilitazione particolarmente energica. Tra locandine piene di insulti, adesivi oltraggiosi e manifesti strappati, si sono consumati momenti di alta tensione in questi ultimi giorni a Sesto. I primi a subire l’attacco vandalico sono stati i membri della lista civica Sesto nel

Cuore, che hanno trovato attaccati per la città alcuni adesivi di insulto che riproducevano il loro logo. Insulti appiccicati ai pali della luce e sui muri. «A queste stupidaggini rispondiamo con azioni concrete e con una risata», il commento del capogruppo della civica Gianpaolo Caponi che ha catalogato come ‘idioti’ gli autori del gesto. Nella notte tra sabato e domenica alcuni sconosciuti hanno invece colpito il circolo di Rifondazione con «un grave atto intimidatorio», come hanno denunciato gli

LAVORI :: AVVIATO IL CANTIERE

Nuovo tetto sulla caserma dei carabinieri

Dopo anni di attesa e tante promesse, sono partiti i lavori di risistemazione del tetto della caserma dei carabinieri di via Pirandello a Sesto. Lavori solamente parziali rispetto a un edificio che avrebbe bisogno di ben altri interventi sia strutturali che di abbellimento. I lavori, per un importo di 137mila euro, sono stati affidati a una società di Assisi che ha vinto la gara del Comune di Sesto con un ribasso di quasi il 9 per cento. L’edificio che ospita la sede della Compagnia dei carabinieri di Sesto oltre che la caserma della stazione locale, attende da anni un energico piano di riqualificazione.

esponenti del partito. Il gruppo di vandali ha tolto dalla bacheca, situata sulla strada, alcuni manifesti che invitavano a votare ‘No’ al referendum sulle modifiche costituzionali. I manifesti rimossi sono stati poi infilzati al contrario, a testa in giù, nelle inferriate del condominio che ospita la sede del partito. «L’accuratezza del gesto non fa pensare a una ragazzata, ma a un atto intimidatorio», hanno concluso i membri del circolo cittadino. A poche settimane dal voto referendario e a pochi mesi dalle elezioni per la nuova amministrazione il clima a Sesto si fa sempre più teso, senza esclusione di colpi. E la cosa sorprendete è che l’obiettivo non è solamente l’amministrazione comunale, da sempre sotto il fuoco incrociato dei gruppi politici di opposizione.


16 |

3 novembre 2016

PubblicitĂ


Cinisello Balsamo

3 novembre 2016

| 17

INCHIESTA :: VIAGGIO TRA LE STRADE DEL RIONE CHE RISCHIA DI DIVENTARE LA BANLIEUE DI MILANO

Crocetta, la ricerca di un’identità Nel quartiere non esiste un cinema o una biblioteca. La vita si svolge nei bar di Noemi Tediosi E’ antico quanto la città di Cinisello Balsamo stessa, il quartiere Crocetta. E nel corso degli anni, fin da quando era un ‘quartiere dormitorio per gli operai’, come lo ha definito Pasquale Totaro, presidente del centro anziani di via Friuli, l’agglomerato di case e viuzze si è sviluppato come una città all’interno della città. Dove le storie di tanti lavoratori onesti, arrivati da tutta Italia, si è mescolata a quella di criminali vissuti ai margini. Una lunga storia di spaccio e criminalità alle spalle, è ora la meta di centinaia di migranti che trovano nel basso costo degli affitti un’alternativa alla strada. A questo punto però, il sovraffollamento è diventato la norma nel quartiere. «I problemi più gravi sono il baccano di giorno e di notte sostiene Giorgio, abitante di Crocetta da quarant’anni - e i gruppetti che fanno uso di alcol a tutte le ore e in tutti gli angoli del quartiere. E poi, i box. Lo sanno tutti che nei box ci vivono intere famiglie». «Sui box non posso dire nulla perché non ho visto coi miei occhi - replica Totaro - ma è di sicuro frequente scorgere persone che dormono sui balconi degli appartamenti». In Crocetta non esiste un cinema, un teatro, una biblioteca o una sala giochi. Di contro, ci sono bar molto frequentati e negozietti in cui si vende di tutto. I punti di riferimento del quartiere sono il centro anziani, appunto, in cui le donne cuciono e gli uomini giocano a carte, e il centro di aggregazione giovanile Icaro, che

Parlano i giovani: «Icaro è la nostra salvezza»

come nel caso del condominio di via Sardegna, a staccare il riscaldamento, lasciando intere famiglie, morose e non, al freddo di gennaio. «Oltre al verde, che manca, ci vorrebbe una sinergia fra le diverse realtà sostiene Pierpaolo Forello, direttore del Cag Icaro - ricostruire dei tavoli di rete fra gli abitanti di vecchia guardia e le varie comunità di migranti che fanno ormai parte del tessuto sociale». si rivolge ai ragazzi dagli undici ai ventuno anni. Gli educatori seguono i piccoli con i compiti e propongono a tutti gite, cene e momenti di discussione e svago. Ai piccolissimi e agli adulti, invece, il quartiere offre poco. In autunno, però, è ancora presto perché istituzioni e stampa si occupino di Crocetta, cosa che accade invece durante i mesi invernali. Le altissime morosità dei condomini, infatti, portano i titolari degli appartamenti,

«Il Centro di aggregazione giovanile è un luogo di tregua, dove deporre le armi ed essere semplicemente se stessi». Così il coordinatore del centro di viale Abruzzi, Pierpaolo Forello, definisce lo spazio che le cooperative Torpedone e La Grande Casa gestiscono da ormai sei anni. Con i suoi ampi locali, la cucina e i campi da gioco esterni, il Cag accoglie decine di ragazzi dagli 11 ai 21 anni. «Alcuni arrivano da famiglie già segnalate ai servizi sociali da generazioni, circa una decina hanno piccoli processi penali in corso, e ultimamente molti rappresentano le seconde generazioni dei migranti, nati o cresciuti qui da famiglie arrivate in Italia qualche decennio fa». Icaro è un micromondo all’interno del quartiere, e i ragazzi sono l’esempio di un’integrazione possibile che al di fuori della cancellata del centro manca del tutto. «Il problema di Crocetta sono gli immigrati, ma non i ragazzi, ovviamente, gli immigrati adulti», spiega Elena, 15 anni. Secondo Marco invece «gli immigrati non c’entrano nulla, è una questione di singoli individui». Discutono fra loro sulla questione migranti, i ragazzi del centro, ma su una cosa sono tutti d’accordo: «Il secondo posto più bello di Crocetta, dopo Icaro, è il Bar Pace». Non un parco, né una scuola, nemmeno la parrocchia, né una piazza. «Icaro è la nostra salvezza - sostiene Marica - altrimenti saremmo tutti a casa o in strada, come i bambini piccoli, che non hanno nemmeno un posto decente dove giocare». Paola, che di anni ne ha 17, non circola mai nel quartiere da sola: «Nessuna di noi lo fa, soprattutto la sera, lo sappiamo tutti che dove c’è l'ex bowling hanno stuprato molte ragazze». Nonostante l’insicurezza e la microcriminalità, hanno tutti un fortissimo senso di appartenenza al quartiere, che vivono come una grande famiglia, una comunità: «Quando mi sono trasferito a Campo dei Fiori - racconta Mattia - la prima notte non riuscivo a dormire. Non si sentivano le sirene delle ambulanze, né quelle della polizia, né quelle dei pompieri. Era tutto troppo tranquillo. Alla fine torno tutti qui i giorni, dove mi sento davvero a casa». ( N. T).

IL GIORNALE PIÙ LETTO DEL NORDMILANO DA OGGI E’ IN DISTRIBUZIONE

Se vuoi ospitare un punto PUNTI A distribuzione CINISELLO de Il Gazzettino telefonaci allo

02.83.41.32.90

GRATUITA

ANCHE NEI NEGOZI DELLA TUA CITTÀ

• Oil one - Via San Denis 1 • Pasticceria Pan Bar Andrea - Via XX Settembre • Sala Assicurazioni - Piazza Gramsci 31 • Tabaccheria De' Tre Pozzi - Piazza Costa 43 • Pasticceria Costa - Piazza Costa 20 • Bar Gelateria Crema & Cioccolato - Via Frova 34 • Panificio Colombo - Via Libertà 13 • Caffè I Portici - Piazza Gramsci 19 • Bar Dolce Amaro - Piazza Gramsci 58/A • Colors Solarium Estetica Tatoo - Via Dante 40 • Independent Smoke - Via Garibaldi 79 • Parrucchiera Nadia e Lorena - Via Baracca 11 • Nuovo Mercatino - Viale Matteotti 27 • Studio Musto Caf e Amministrazioni condominiali - Via 4 Novembre, 24 • Bar Milanino - Via I° Maggio, 25 • Think Independent per la tua casa - Via Liberta' 68 ang. Via Dante • Sara Assicurazioni - Via Aurora 9 • Tigella Bella - Via Manzoni 42 • Bar Tabacchi Ribot - Via Risorgimento 6 • Bar Garibaldi - Via Garibaldi 39 • Bar Tabacchi - Via Garibaldi 20 • Colo's Cafè - Via XXV Aprile 20

• Bottega del Gelato - Via XXV Aprile 38 • Da Vito - Via Risorgimento 90 • Nuovo Forno sas - Via Risorgimento 6 • Farmacia Risorgimento - Via Risorgimento 90 • Bar Marilyn - Via Risorgimento 51 • Automobile Club D'Italia - Via Appiani 2 angolo Via Risorgimento • Farmacia - Via Libertà 71 • Bar Gioia sas - Via Libertà 45 • Panificio Colombo - Via Libertà 13 • Tropical Cafe' - Via Libertà 86 • Il Caffè della Piazza - Piazza Gramsci 42 • Nevada snc - Via Frova 24 • 45 Studio Arch. Daniele Digiuni - Via Frova 5 • Cooperativa la Nostra Casa - Via Garibaldi 21 • RM Gomme - Via Abramo Lincoln 129 • AMF Farmacia Comunale 4 - Via Gran Sasso 30 • Planet Bar Pizzeria - Via Gran Sasso 21 • AMF Farmacia Comunale 3 - Via Guglielmo Marconi 121 • Bar Tre Stelle - Via per Robecco 94 • Airone 2 Bar e Caffe - Viale Fulvio Testi 140 • Cafè Carducci Virzi Salvatore - Via Carducci 2 • Bar Freddi - Via Beato Carino 5


Cinisello Balsamo 18 | 3 novembre 2016 ATTUALITÀ :: IL COMUNE METTE IN VENDITA UTILITARIE, MOTORINI E ANCHE UNA BICI ELETTRICA

Auto e scooter all’asta per ‘far cassa’ I veicoli sono visionabili al comando dei ghisa. Offerte entro il 28 novembre di Niccolò Villa Ci sono le cosiddette ‘auto blu’ come altri veicoli di servizio, scooter e anche una bicicletta elettrica. Per ‘far cassa’, il Comune di Cinisello Balsamo è pronto a organizzare un’asta pubblica nella quale saranno messi in vendita una lunga serie di veicoli di proprietà del Municipio. Per l’esattezza si tratta di 27 veicoli, a due e quattro ruote, e una bicicletta elettrica: per le Alfa Romeo 159 la base d’asta è di 2.480 euro, mentre per la bici a pedalata assistita si dovranno sborsare almeno 300 euro. La cifra di partenza per una Fiat Panda si aggira attorno ai 500 euro, mentre 800 per chi si vuole aggiudicare uno scooter Kymko da 300 cc. L’elenco completo dei veicoli in vendita è pubblicato sul sito comunale mentre le domande di partecipazione devono essere consegnate entro il 28 novembre. L’apertura delle offerte avrà luogo alle 14.30 di mercoledì 30

Sfera vince il Disco d’Oro della Fimi

novembre nella sede del Comune. I cittadini interessati possono anche visionare i beni all’asta: basta presentarsi, anche senza appuntamento, al comando della polizia locale in via Gozzano al civico 6, dal 14 al 18 novembre. Ulteriori informazioni si possono richiedere scrivendo alla casella e-mail provveditorato@comune.cinisellobalsamo.mi.it.

Lavoro

Bando Leva Civica: 3 stage Ancora un’occasione lavorativa presso il Municipio. Il Comune di Cinisello Balsamo ha aderito al nuovo bando di Leva Civica Regionale 2016/2017 che è indirizzato a giovani inoccupati e disoccupati di età compresa tra i 18 e i 29 anni (non compiuti). Leva Civica prevede un compenso di 433,80 euro mensile per 30 ore a settimana. Il tirocinio avrà durata di 9 mesi a partire dal primo dicembre 2016. Tre le posizioni aperte: le domande vanno consegnate all’Ufficio Protocollo (in Via XXV Aprile 4) entro e non oltre il 9 novembre 2016 alle 18.

Non si ferma il successo di Sfera Ebbasta, rapper italiano cresciuto a Cinisello. Dopo essere stato per diversi giorni in cima al ‘ranking’ dei dischi più venduti, Sfera si è aggiudicato un riconoscimento davvero speciale: la Fimi gli ha tributato il Disco d’Oro per il suo ‘Figli di Papà’. Insieme a lui sono stati premiati anche Emis Killa, Alvaro Soler, Emma Marrone e Raphael Gualazzi. «Oggi è un giorno molto importante. Grazie a chi ci ha creduto e anche a chi non ci credeva, tutta Italia ora sa il nostro nome», ha postato il rapper sulla sua pagina Facebook.


Cinisello Balsamo

CRONACA ::

AUTO CONTROMANO DOPO IL CAMBIO VIABILITÀ

Via Limonta Pericolo ‘inciviltà’

3 novembre 2016

|

19

Giardino di via Libertà, via ai lavori di riqualificazione Dopo gli appelli dei residenti tramite la stampa, sono iniziati i lavori di riqualificazione del giardino di via Libertà all’angolo con via Brambilla. Il Comune ha fatto pressione sui proprietari dell’area: si tratta infatti di suolo privato a uso pubblico. E ora gli operai sono al lavoro per sistemare l’impianto di illuminazione e rimettere a nuovo i vialetti e le aiuole. Al Comune spetterà sostituire invece le panchine che sono diventate inutilizzabili.

Taglio del nastro alla Costa con la nuova vasca per neonati

Lettere al Comune, nessuna risposta ai residenti di Nicolò Gelao Scatta l’allarme rosso per la sicurezza stradale in via Oliviero Limonta: i residenti della zona sono seriamente preoccupati per un fenomeno di inciviltà che ha preso piede nell’ultimo anno. Nell’agosto del 2015 il Comune di Cinisello Balsamo ha deciso di cambiare il senso di marcia della via in questione, creando diversi cambiamenti alla circolazione in tutto il quartiere. Nonostante questo provvedimento, però, diversi automobilisti infrangono quotidianamente il codice della strada entrando in via Limonta in contromano, come se il cambiamento

non fosse mai stato applicato. Ma cosa c’è esattamente alla base di questa violazione? Sempre tenendo in considerazione la possibilità di distrazione o errore umano (che in questo incrocio raggiunge in ogni caso percentuali altissime), c’è anche un secondo fattore con cui fare i conti. I pochi metri di senso unico di via Oliviero Limonta consentono a chi intenzionalmente decide di infrangere il divieto di evitare il lungo giro per accedere alla vicina via Robecco, una delle arterie principali della città. I residenti della zona, maggiori frequentatori delle strade interessate, sono quindi in stato di allarme per

via dell’altissimo rischio che causa questa manovra all’incolumità dei pedoni e delle automobili che regolarmente transitano: il rischio di un frontale è altissimo, in un incrocio che già di per sé mostra diverse problematiche aggiuntive. Il cambio di senso dello scorso anno ha avuto come effetto quello di portare le macchine a parcheggiare sul passaggio pedonale nelle vie Paravisi, Remigi, Oggioni e Galbiati. Si sa che in questi casi prevenire è meglio che curare, eppure il Comune non ha ancora risposto alle segnalazioni dei residenti, che da oltre un anno continuano a convivere con questa situazione di pericolo e a scrivere agli uffici.

La scorsa settimana il sindaco Siria Trezzi e il vice sindaco e assessore allo Sport, Luca Ghezzi, insieme al presidente della Gsl Paolo Varisco, hanno tagliato il nastro della nuova piscina Costa. L’impianto natatorio cittadino, rimesso a nuovo dalla Gsl, offre ora agli utenti una nuova vasca riservata ai neonati ma anche alle attività di riabilitazione in acqua. Nella ristrutturazione sono stati rinnovati anche gli spogliatoi e l’area di accoglienza.

Monumento ai Caduti in piazza Terminato il restyling Dopo oltre un mese di lavori, il Monumento ai Caduti di piazza Gramsci è stato ‘restituito’ alla città. Terminati gli interventi degli addetti delle Belle Arti, sono stati tolti i teli e i ponteggi. L’intervento è costato al Comune circa 40mila euro ed era stato chiesto da cittadini, commercianti e associazioni, stanchi di vedere il monumento distrutto e completamente degradato.


Cinisello Balsamo 20 | 3 novembre 2016 EVENTI :: MOSTRE, CONVEGNI E SPETTACOLI IN CITTÀ PER COMMEMORARE IL PRETE DEGLI ALPINI

Cinisello ricorda il beato Gnocchi Il 5 novembre si inaugura una esposizione a lui dedicata in Villa Ghirlanda di Andrea Guerra Il legame tra Cinisello e don Carlo Gnocchi è forte e vivo, ed è per questo che in questi giorni, in occasione del 65esimo anniversario della sua morte, in città vengono organizzati una serie di eventi dedicati proprio a conoscere la vita del beato e la sua testimonianza. La ‘rassegna’ è organizzata dal Comune di Cinisello grazie alla preziosa collaborazione dell’Associazione Nazionale Alpini, del Centro Culturale Cara Beltà, della Fondazione Don Carlo Gnocchi e del Decanato di Cinisello Balsamo. Prima con i suoi studenti, poi con gli Alpini durante la ritirata di Russia e infine al fianco di orfani e ‘mutilatini’. Questa passione per l’uomo lo spinse a diventare un ‘imprenditore della misericordia’ e a creare un’opera che ancora oggi si occupa compagnia dei rappresentanti della con professionalità e competenza della associazione nazionale e della Fondazione Martedì 15 novembre, nella sala convegni della Fondazione cura e dell’assistenza dei più fragili. Don Carlo Gnocchi. Martinelli di via Martinelli 23, si terrà un incontro aperto al Il legame con la città di Cinisello è Il 10 novembre, Silvio Colagrande, pubblico sulle novità della Riforma sanitaria in Lombardia. vivo anche perché le cornee del beato testimone della carità di don Carlo L’evento (che inizia alle 21) è organizzato dall’Associazione culturale Gnocchi furono donate ad Amabile (anche a lui furono donate le cornee Il Ponte insieme a Energie in Comune e Università della Terza Età Battistello, che da anni vive in città. di don Gnocchi), parteciperà all’incontro di Cinisello. Saranno presenti Vera Cocucci di Energie in Comune, Il cartellone degli eventi prevede una che si svolgerà alle 21 nella chiesa Ricarda Penitenti dell’Università Terza Età e Stefano Gandini de mostra, dal titolo ‘Con avida e insistente di San Martino (Piazza Soncino). Il Ponte. Interverranno al convegno Giulio Gallera, assessore speranza’, allestita nelle Sale delle Le iniziative su don Gnocchi si chiualla Sanità di Regione Lombardia e Fulvio Odinolfi, direttore Quadrerie di Villa Ghirlanda fino al 13 deranno il 12 novembre al CineTeatro Generale dell’Asst (ex Asl) Nord Milano. L’obiettivo novembre (da martedì a domenica dalle Pax: alle 21 andrà in scena lo spettacolo dell’evento è quello di entrare nel dettaglio 14 alle 19). L’8 novembre invece alle 20, ‘Ritorneranno’. Posto unico: 10 euro. della riforma e capire come toccherà presso la sede degli Alpini (via De Ponti, Prevendita presso il Centro Culturale Il le abitudini dei cittadini. 38) è stata organizzata una serata in Pertini.

La Riforma sanitaria lombarda

Corsa delle Donne Lo sport continua anche d’inverno Sono tornate a correre le donne di Cinisello, grazie alla ‘Corsa delle Donne’. Con l’arrivo dell’inverno è tornata l’iniziativa che ogni venerdì offre alle donne sportive la possibilità di ritrovarsi e correre (o camminare) in gruppo nei parchi cittadini. La Corsa delle Donne è organizzata dalla Cba Atletica di Cinisello, che mette a disposizione gli istruttori, in collaborazione con Fondazione Comunitaria Nordmilano, Bcc Sesto San Giovanni e Comune di Cinisello. Per chi intende partecipare, è sufficiente presentarsi ogni venerdì qualche minuto prima delle ore 18 alla pista di via Cilea. Per informazioni telefonare al 347.0898068 oppure via mail alll’indirizzo info@cinisellobalsamoatletica.it


PubblicitĂ

3 novembre 2016

| 21


22 |

Bresso

3 novembre 2016

CRONACA ::

IL COMITATO PAPA GIOVANNI SERRA LE FILA CONTRO LA VASCA DI LAMINAZIONE

La passerella della discordia OCCUPAZIONE

di Marzia Napoli

Ponte previsto dal 2001 Ma i cittadini si allarmano Dopo le scintille con il Parco Nord, si serrano le fila dell’esercito degli oppositori alla vasca di laminazione del Seveso. Durante una riunione della scorsa settimana, a cui hanno partecipato una ventina tra i più attivi e impegnati condòmini di via Papa Giovanni, il Comitato locale ha stabilito le ‘regole di ingaggio’ per affrontare questa battaglia che pare solo agli inizi. «Il 5 novembre non affiancheremo gli Amici del Parco Nord nella simbolica occupazione della porzione di Parco che verrà distrutta per far posto alla indesiderata e inutile vasca di laminazione, sia perché non siamo stati coinvolti nella decisione di questa manifestazione, sia perché la modalità della stessa non ci sembra del giusto tono: noi siamo tutt’altro che allegri e tendenzialmente siamo più portati per battere forte su tamburi di guerra». L’avvio della riqualificazione del fiume Seveso ha cominciato a dare

SIMBOLICA CONTRO I CANTIERI Manifestazione al Parco Nord sull’area interessata dai lavori

segni visibili di sé con l’apertura del cantiere per la posa di una passerella a cavallo del fiume, tra il Parco Nord e il parchetto di via Papa Giovanni suscitando i dubbi e le ire del Comitato sia per il presunto taglio di alberi a riva, ma il Comune nega di aver autorizzato alcun taglio. In realtà la passerella ciclopedonale, ma anche carrabile a uso esclusivo dei mezzi delle Gev e del Parco Nord, era già prevista nell’Accordo quadro di sviluppo territoriale -. Contratto di Fiume che risale al 2001, quindi sarebbe stata realizzata comunque. La stesura del progetto della Vasca

Manovre pediatriche salvavita: le lezioni della Croce Rossa Una interessante iniziativa messa in atto dalla Cri di Bresso permetterà ad adulti e genitori di apprendere alcune manovre pediatriche salvavita per la sicurezza dei bambini. Giovedì 10 novembre alle 20.30 negli spazi del centro Aquiloni Park, in via Carolina Romani, gli istruttori della Cri locale terranno una lezione gratuita dimostrativa incentrata su queste manovre, con l’obiettivo di permettere il sonno sicuro dei più piccoli. L’accesso è libero, senza prenotazione.

di Laminazione del Comune di Milano ha solo preso atto del pregresso progetto della passerella includendola nel proprio, così come la posa dei massi ciclopici sulle sponde a Nord. La presenza di tronchi tagliati all’interno del recinto del cantiere che aveva allarmato il Comitato non è invece in relazione a questo lavoro. Si tratta di legname derivato da tagli effettuati a Cusano Milanino dalla stessa ditta che sta lavorando alla passerella. Sono lì solo in deposito temporaneo. La passerella è quasi pronta, manca il collaudo per il quale sono necessari circa 2 mesi.

Pranzo solidale per finanziare la Residenza per disabili

La manifestazione ‘avversata’ dal Comitato di via Papa Giovanni è quella organizzata dall’Associazione Amici del Parco e dal Comitato Acque Pulite per sabato 5 novembre. Nel pomeriggio i gruppi di cittadini, attivi da mesi in opposizione ai lavori per la vasca di laminazione del fiume Seveso all’interno del Parco Nord, occuperanno in modo simbolico l’area dove sono previsti i lavori. «Lo facciamo per ribadire il nostro no alla costruzione della vasca di laminazione del fiume Seveso all’interno del Parco Nord Milano», spiegano gli organizzatori della manifestazione in una nota, estendendo l’invito a tutti i cittadini che sono interessati a sostenere questa battaglia. «Una manifestazione che servirà a illustrare l’inutilità di uno scempio che prevede la distruzione di circa 4 ettari di bosco in un’area protetta. La vasca può essere invece sostituita da tecnologie più civili e avanzate e che prevedono semplicemente la pulizia delle acque del Seveso con la chiusura di 1.500 scarichi abusivi attualmente in uso, come accertato dall’indagine della procura di Milano e vicino ormai alla conclusione e il raddoppio del Canale Scolmatore di Nord Ovest», dicono ancora i comitati. Al grido «Impediamo uno scempio inutile», i cittadini si riuniranno alle 14.45 sul ponte di via Ornato.

La tavola è ancora una volta uno strumento per fare solidarietà a Bresso. Sabato 5 novembre alla Fabbrica dei Sapori, tutti i cittadini sono invitati a pranzare insieme all’amministrazione comunale e agli operatori della residenza sanitaria per disabili della città. I fondi che saranno raccolti durante il pranzo verranno devoluti alla residenza per la realizzazione di un progetto di musicoterapia recettiva per gli ospiti. Il pranzo, del costo di 20 euro, si terrà alle 12.30 nel ristorante di via Vittorio Veneto 109. Per prenotazioni si può contattare la farmacia di viale Piave o la residenza stessa entro il 3 novembre. Il 7 novembre si potrà sapere quanti fondi saranno stati raccolti.

IL GIORNALE PIÙ LETTO DEL NORDMILANO DA OGGI E’ IN DISTRIBUZIONE GRATUITA ANCHE NEI NEGOZI DELLA TUA CITTÀ

Se vuoi ospitare un punto distribuzione de Il Gazzettino telefonaci allo

02.83.41.32.90

PUNTI A BRESSO

• Pescheria Catanese - Via Roma 55 • Piscina Paolo Foglia - Via Luigi Strada • Cafe' Portici - Via XXV Aprile 41 • Lavanderia Non Solo Bolle - Via Marconi 24 (c/o City Center) • Antigua Caffe' - Via A. Villa 10 • Bar Madama cafe' di Roda snc - Via dalla Chiesa 1 angolo V. Veneto • Fioraio Signorelli - Via Cavour 7 • Panificio pasticceria caffetteria Mana - Via Vittorio Veneto 24 • Bar pizzeria Eden - Via Centurelli 18/a • Lav@sciuga - Via Manzoni 17

• Il pane per tradizione - Via Manzoni 19 • Aquiloni Park - Parco giochi al coperto - Via Carolina Romani, 1 • Fratelli Li - La fabbrica dei sapori - Via Vittorio Veneto,109 • Panificio Villoresi di Turturro Francesco - Via Villoresi • Panetteria Mariani - Via De Amicis 8 • Associazione Funny Time - Via Marconi 44 • Supercarni - Via Roma 16 (Fronte Comune) • Il Tabaccaio di Bisi Luigi - Via Papa Giovanni XXIII, 14 • Wang bar ristorante italo cinese - Via Ambrogio Strada, 56 • Lavanderia Dacor - Via L. Da Vinci, 21


Bresso

3 novembre 2016

EVENTO :: DOPO ANNI DI ATTESA È STATA INAUGURATA IN VIA CENTURELLI

FLASH

Vecchiarelli: «Mi auguro che le associazioni la tengano viva»

Bibliomerini, BiblioFo, Biblioteca Walter Tobagi, Biblioteca Nelson Mandela, Biblioteca Artemisia Gentileschi, Biblioteca Ghandi: questi i nomi scelti dai ragazzi per la nuova biblioteca. I cittadini potranno votare il nome preferito fino al 10 dicembre, in biblioteca o online. Il titolo scelto verrà comunicato durante le celebrazioni per la giornata di Memoria Civile il 17 dicembre e finalmente questa biblioteca avrà un nome.

Un’attesa lunghissima e una grande festa di apertura: finalmente la nuova biblioteca di via Centurelli è pronta. La cerimonia di inaugurazione si è tenuta sabato 22 ottobre alla presenza del Prefetto di Milano Alessandro Marangoni, della giunta al completo e delle associazioni cittadine. E’ stata una giornata all’insegna del divertimento e della cultura, iniziata con l’esibizione di alcuni attori: dalle finestre dell’edificio i personaggi Pinocchio, Giulietta e il capitano Achab hanno intrattenuto i partecipanti mischiando le loro storie. «Questo progetto è stato portato avanti dalle giunte precedenti e oggi è fi-

nalmente pronto - ha commentato il sindaco Ugo Vecchiarelli -. E’ un luogo di memoria e vorremmo che diventasse un polo culturale e di aggregazione, grazie alla posizione centrale». Il desiderio dell’amministrazione è a mantenere viva la struttura, in cui si organizzeranno mostre e incontri, saranno soprattutto le associazioni del territorio, vecchie e nuove. «Ringrazio i cittadini che hanno atteso e i ragazzi delle scuole, che hanno pensato ai nomi per la struttura» ha concluso Vecchiarelli. L’edificio interno, come ha raccontato l’architetto Ferrè, ricorda le cattedrali cristiane ma anche i teatri shakespeariani

FORMAZIONE :: IL DESTINO DEL NIDO ARCOBALENO

Una scuola dopo la scuola A un mese e mezzo dalla chiusura del nido Arcobaleno, è tempo di fare il punto su ciò che è stato e soprattutto su ciò che sarà. Mantenere quel nido ancora aperto, secondo l’amministrazione, sarebbe stato inutile e antieconomico, a causa del calo delle iscrizioni. I 14 bambini che lo frequentavano sono stati ricollocati negli altri due asili della città. Ma adesso cosa ne sarà della struttura di via Mattei? L’idea è di creare una sorta di ‘scuola dopo la scuola’, dedicata ai ragazzi con disturbi dell’apprendimento (i cosiddetti Dsa - Disturbi Specifici dell’Apprendimento, come dislessia o disgrafia; o Bes - Bisogni Educativi Speciali). Un ‘laboratorio di studio’ dove i bambini, a piccoli gruppi, possono essere seguiti da personale specializzato nel loro percorso extrascolastico. «La scelta dell’amministrazione è quella di non cambiare la sua destinazione d’uso e renderla fruibile a bambini e ragazzini in età scolare», ha dichiarato l’assessore ai Servizi Prima Infanzia, Patrizia Manni. Chi soffre di Dsa o Bes non ha l’esigenza di avere un insegnante di sostegno ma, secondo quanto previsto dalla legge 53/2003, ha diritto ad avere un piano scolastico personalizzato. «Per alcuni studenti

può accadere che affrontare il percorso di apprendimento scolastico sia più complesso e più difficoltoso rispetto ai compagni - ha continuato Patrizia Manni -. Grazie al riconoscimento dei Bisogni Educativi Speciali viene esteso a tutti gli studenti in difficoltà il diritto alla personalizzazione dell’apprendimento». Nelle scuole di Bresso, su un totale di 1.900 alunni, sono 255 quelli con una diagnosi di Dsa o Bes: circa il 14 per cento. L’obiettivo è dare ai ragazzi gli strumenti per essere autonomi nello studio. «Stiamo valutando la possibilità di inserire negli spazi un’equipe con logopedisti, che possa erogare prestazioni affiancando quelle dell’Azienda sanitaria». Margherita Abis

per le balconate. Dopo l’emozionante taglio del nastro sulle note dell’Inno d’Italia, i cittadini hanno potuto visitarla. «E’ interessante l’idea della cattedrale della cultura. La trovo molto ampia e luminosa e l’auto prestito permetterà di guadagnare tempo», è il commento di Silvia Valentini, studentessa che frequentava la vecchia biblioteca, riferendosi alle novità del sistema bibliotecario. La giornata è poi continuata con esibizioni artistiche e il trasloco dei libri da parte dei bambini. Gaia Caracciolo

23

Notizie

Biblioteca, finalmente realtà Il nome lo scegliete voi

|

::

Prevenzione melanomi Il Comitato Locale della Croce Rossa organizza alcuni appuntamenti per il controllo dei nei. Le visite, in via De Gatti a Bresso, sono aperte a donne e uomini. Permetteranno di controllare e prevenire i melanomi. Le date fissate sono i venerdì 11, 18, 25 novembre ed eventualmente il 2 dicembre, dalle 14 alle 17.30. Il costo è di 25 euro. Per informazioni telefonare dopo le 20 al numero 02.6107368.

A lezione di arabo

:: L’associazione bressese Centro Incontro offre ai cittadini l’opportunità di imparare la lingua araba. Dieci lezioni di due ore si terranno il mercoledì o il giovedì. Il Centro Incontro, situato in via Villoresi 43, offre un nuovo strumento per fare integrazione. Per informazioni info@centroincontro.org.


24 |

3 novembre 2016

Cusano Milanino

IL CASO :: NON SI FERMA LA PROTESTA DEI LAVORATORI COMUNALI

Notizie

Dipendenti ‘agitati’ Bloccato il consiglio

FLASH Orari ridotti al cimitero

di sicurezza e di Ancora inascoltate le richieste economiche :: Perigiene,motivi dal 14 novembre fino

di Nicolò Gelao Nessuna tregua nella battaglia tra i dipendenti del Comune e l’amministrazione di Cusano Milanino: l’ultimo atto dello scontro è andato in scena giovedì scorso. Per il 27 ottobre era previsto un consiglio comunale che è stato però rinviato all'ultimo momento al prossimo 17 novembre. Il motivo? Un blocco degli straordinari annunciato dai dipendenti comunali, in stato di agitazione dallo scorso 18 ottobre. La protesta che va avanti quasi ininterrottamente da oltre un anno, è motivata dai lavoratori dal per-

noscenza da molto tempo del nostro stato di agitazione e del blocco degli straordinari», ha commentato Luisa Cassani della Rsu dei dipendenti. Per questo consiglio comunale i dipendenti avevano annunciato la loro forte presenza: non era stata, infatti, gradita la scelta di convocare ugualmente l’incontro nonostante il dichiarato blocco degli straordinari. «Non mi era mai successo di vedere rinviato un consiglio comunale in questo modo. Se lo hanno fatto per rispetto del nostro blocco potevano non convocarlo direttamente, essendo a conoscenza di tutto», ha concluso Cassani.

sistente immobilismo nei loro confronti da parte dell’amministrazione comunale. Da oltre un anno ancora nessuna risposta alle loro richieste e nessuna convocazione è arrivata per discutere dei problemi. A cominciare dal mancato pagamento dei fondi incentivanti 2015, per proseguire con la mancata trattativa per gli incentivi 2016. Senza contare le numerose difficoltà registrate nell’organizzazione degli organici comunali, dove ormai mancano diverse posizioni anche di rilievo. «L’amministrazione comunale ha convocato questo consiglio il 19 ottobre, ma erano già a co-

IL PUNTO :: IL SINDACO INCONTRA UNA DELEGAZIONE DELLA RSU

Difficile il cambio di passo

Dopo l’ennesima assemblea, che si è tenuta venerdì scorso, il sindaco ha accettato di incontrare una delegazione dei lavoratori. Un incontro distensivo, dopo mesi di scontri. Ma non ancora risolutivo. Il sindaco si è impegnato a sbloccare i 250 euro di fondi incentivanti del 2015. Questa settimana sarà dato incarico a una società specializzata per risolvere i problemi burocratici. saranno assunti due nuovi dipendenti, un geometra e un addetto al Personale. Tuttavia ha dovuto ammettere che fino a quando non sarà approvato il Bilancio Preventivo 2017 non si riuscirà a risolvere i molti problemi.

al 20 dicembre il cimitero comunale di Cusano Milanino resterà chiuso tutte le mattine (dal lunedì al venerdì) per consentire il proseguimento dei lavori di estumulazione delle salme in 163 colombari e nelle tombe dei giardinetti singoli o doppi. Nel periodo indicato resterà invece regolare l’orario di apertura nei pomeriggi dal lunedì alla domenica dalle 14 alle 17 e nelle mattine di sabato e domenica dalle 8.30 alle 12. Le date e gli orari delle estumulazioni sono indicate nel cronoprogramma presente sul sito del Comune.

::

Maltempo: alberi caduti

Il maltempo dei mesi scorsi ha lasciato diverse ferite sulla Città Giardino e i suoi numerosi alberi. Diverse le piante del Comune di Cusano cadute sotto il forte vento che ha soffiato su tutto il Nordmilano: tra i parchi maggiormente colpiti il Matteotti e il Chico Mendes. Il Comune ha stanziato quasi 20 mila euro per porre rimedio all’emergenza: gli alberi pericolanti verranno abbattuti, quelli in condizioni migliori verranno invece potati per eliminare i rami a forte rischio di caduta.

SICUREZZA

Criminali truffano un’anziana di 85 anni Una truffa architettata ad arte è stata portata a termine la settimana scorsa da due malviventi ai danni di un’anziana di 85 anni residente a Cusano Milanino. I due truffatori hanno convinto la donna ad aprire loro la porta di casa: una volta entrati nell’abitazione sono riusciti a portar via tutti i gioielli e i soldi contanti presenti all’interno dell’appartamento. I due criminali hanno truffato l’anziana di 85 anni facendole credere che fossero lì per proteggere tutti i suoi averi da una contaminazione che avrebbe potuto rovinarli per sempre: la donna è stata portata a credere che a casa sua vi fossero alcuni problemi con l’acqua potabile. Alla vittima è stato proposto quindi di eseguire un trattamento che avrebbe risolto tali problemi, ma prima di farlo avrebbe dovuto mettere da parte gli oggetti di valore per non rovinarli con il trattamento. La donna, spaventata, ha così consegnato quanto le veniva richiesto ai ladri, che si sono immediatamente dati alla fuga, facendo perdere le loro tracce. Le truffe non sono una novità a Cusano Milanino: già negli scorsi mesi finti tecnici si erano presentati nelle abitazioni chiedendo vecchie bollette della luce, senza alcun tesserino di riconoscimento. Nelle scorse settimane, invece, la stessa truffa dell’acqua è stata portata a termine anche a Milano: la vittima, anche in questo caso, è una donna di 80 anni.

IL GIORNALE PIÙ LETTO DEL NORDMILANO DA OGGI E’ IN DISTRIBUZIONE GRATUITA ANCHE NEI NEGOZI DELLA TUA CITTÀ • Bar Cristallo - Via Matteotti 7/B Size Cafe' - Viale Matteotti 43 Mondo Gelato - Via D'azeglio 4 Bar 28 - Via Cooperazione 2 Ristorante Il Gabbiano - Via M. D'Azeglio 4 Senza Fondo Cafe' - Via Sormani 57 Elettrodomestici Maino - V.le Cooperazione 9 Civico 41 - Via Alessandrina 41 Barissimo - Via Mazzini 17 Sale e Zucchero - V.le Matteotti, 39/C • Prestige - V.le Matteotti 18

• Se vuoi ospitare • un punto distribuzione • PUNTI • de Il Gazzettino A CUSANO •• telefonaci • • • allo 02.83.41.32.90

• Bar Caffetteria Hu - Via Sormani 24 • Foto Digital Discount Cusano - Via Sormani 24 • Gran Cafe' Gi.L.Gi.Sas - Via Mazzini 11 • Di..Vino Bar - Via Monte Cervino 1 • Punto Simply - Viale Buffoli, 35 • Q8 - Via Seveso • Co.Mat.Ed Srl - Via Zucchi 39/G • Locanda Caffe' - Via Zucchi, 20 • Milu' Caffe' - V.Le Marconi, 2 • Tintoria Arcadi Giuseppe - V.le Cooperazione, 43 • Panificio Oliva - Via Matteotti, 27/D


Cusano Milanino

3 novembre 2016

Notizie

Apre Esselunga, lavori conclusi Tutto pronto a Esselunga. Il grande supermercato ha aperto giovedì 3 novembre, a partire dalle 7.30 (orari: lunedì-sabato dalle 7.30 alle 22, domenica dalle 9 alle 20). Nessuna cerimonia di inaugurazione ad accompagnare l’apertura. I lavori sono stati conclusi a tempi record. Le

prime voci davano l’inaugurazione addirittura entro la fine del mese di ottobre, ma poi si è slittato di qualche giorno. Sono ancora tanti i dubbi e le preoccupazioni dei cittadini. Prima fra tutte, quella relativa al traffico e la viabilità, in particolare nelle zone di via Unione e via dei Fiori.

FLASH In festa per l’armistizio

:: Anche quest’anno l’anniversario dell'armistizio del 4 novembre 1918 sarà ricordato con una cerimonia ufficiale che si terrà domenica 6 novembre. Alle 10 in Piazza XXV Aprile le autorità locali deporranno una corona al Monumento ai Caduti, mentre alle 10.30 è prevista la partenza del corteo verso il cimitero per la deposizione di una seconda corona di alloro nella cappella centrale.

POLITICA :: DIMISSIONARIO L’ASSESSORE CHE DOVEVA STUDIARE DA SINDACO

Roversi ha mollato Nominata Caterina Lamanna di Nicolò Gelao Cambio della guardia tra le fila dell’amministrazione comunale di Cusano Milanino: Matteo Roversi, assessore alla Cultura, Sport, Commercio e Comunicazione, ha abbandonato la giunta del sindaco Lorenzo Gaiani. Alla base della sua scelta, almeno secondo quanto hanno dichiarato ufficialmente in Comune, il crescere degli impegni professionali e familiari. Al suo posto il sindaco Lorenzo Gaiani ha scelto di affidare le deleghe alla consigliera comunale Caterina Lamanna che ha subito rassegnato le sue dimissioni dall’assemblea per

poter accedere al nuovo incarico. «Con molta riluttanza ho infine accolto le sue dimissioni, ringraziandolo per lo sforzo profuso in questi due anni al servizio del Comune e dei cittadini di Cusano Milanino - ha dichiarato il sindaco aproposito di Roversi -. Il consigliere comunale Lamanna in questi anni ha lavorato con grande dedizione sul versante delle politiche associative e sportive. Sono sicuro che darà alla giunta un valido contributo per la realizzazione del programma». Roversi era considerato l’astro nascente della Sinistra cusanese. Non a caso a lui erano state affidate le deleghe più spinose e innovative.

| 25

::

Al via i gruppi di cammino

E’ attivo anche a Cusano il gruppo di cammino, un’opportunità promossa dalla Ats (ex Asl) di Milano per fare attività fisica. Il ritrovo è al parco Matteotti, il martedì e il venerdì dalle 10 alle 11 . Info all’Ufficio Relazioni con il pubblico (te.l 02.61903287/288).


26 |

3 novembre 2016

MADE

ILANO M in N ORD

L’inverno si avvicina Occhio alle finestre Sono tantissime le nuove tecnologie e cambiando gli infissi si risparmia il 10% di Margherita Abis

egli ultimi anni, sono moltissime le nuove tecnologie per i serramenti. Nuove tecniche di costruzione, nuovi materiali e accessori, per garantire ottimi risultati anche sul piano del risparmio energetico. I materiali più performanti, in questo senso, sono il pvc, l’alluminio e il legno. In particolare, i profilati per serramenti vengono realizzati in materiale di origine metallica, ma non solo. Leghe di alluminio a taglio termico, pvc, legno (massiccio o lamellare), profilati misti alluminiolegno, alluminio-pvc: sono veramente tantissime le combinazioni. Cruciale la questione del risparmio energetico sulle spese del riscaldamento. La

N

scelta di infissi di qualità è fondamentale da questo punto di vista. Sono l’ideale le strutture termoisolanti, che utilizzano vetri basso-emissivi. La sostituzione degli infissi comporta un risparmio del 10 per cento di energia. Inoltre, un altro aspetto da considerare è il comfort. Diventa importante orientarsi per esempio su meccanismi fonoisolanti. I materiali che consentono l’isolamento acustico sono il legno e il pvc, oltre a particolari vetri. Questi materiali devono essere disposti secondo strutture che prevedono l’utilizzo di camere d’aria. Pvc e alluminio sono materiali estremamente versatili, che possono anche essere associati ad

altri, come il legno o altre leghe, creando particolari combinazioni tecnologiche. La funzionalità del prodotto è indispensabile: i serramenti devono servire a isolare dalle condizioni atmosferiche più disparate: freddo, ghiaccio, neve, caldo. Ma anche l’occhio vuole la sua parte, e, oltre a guardare la funzionalità, ci si può sbizzarrire anche dal punto di vista del design. Materiali come il pvc e l’alluminio si prestano anche a soddisfare l’aspetto estetico, scegliendo tra diverse forme, colori e accessori. Gli infissi, in questo modo, oltre a garantire il risparmio energetico, possono diventare veri e propri oggetti di arredo.


3 novembre 2016

| 27

RISPARMIO ENERGETICO le dritte

Cinque consigli utili per scegliere ed evitare di disperdere energia Attenzione ai materiali, non tutti sono isolanti Può servire aggiungere le guarnizioni paraspifferi

La tecnologia in fatto di infissi e serramenti ha fatto passi da gigante. Ecco alcune dritte e accorgimenti per scegliere gli infissi migliori e per garantire il maggior risparmio energetico. 1) Scegliere infissi di ultima generazione, realizzati in materiali isolanti come il pvc, il legno o l’alluminio 2) Per garantire la coibentazione, si possono aggiungere guarnizioni in gomma, che possano fungere da paraspifferi ed evitare le infiltrazioni di aria fredda o acqua. 3) Per i vetri delle finestre è meglio scegliere la vetrocamera: i doppi vetri con all’interno un meccanismo di camera d’aria, che può essere riempita con gas nobili come l’argon o il kripton 4) Verificare che i cassonetti delle tapparelle siano in buone condizioni e che non ci siano spifferi. Se sono presenti, è possibile sigillarli finestre aperte troppo a lungo. Per far cambiare con stucchi o materiali siliconici oppure applicando l’aria sono sufficienti pochi minuti. Esagerare pannelli flessibili in materiale isolante vorrebbe dire rischiare di disperdere energia 5) Ultimo consiglio è di evitare di tenere le M.A.


28 |

3 novembre 2016 EVENTI

IN PRIMO PIANO DOMANI PROIEZIONE SPECIALE Regia: Cyril Dion, Mélanie Laurent - ORE: 19.00 - PREZZI: biglietto unico euro 5,50

Cinema Rondinella Viale Matteotti 425 - Sesto San Giovanni (MI) tel 02.22.47.81.83 - fax 02.24.41.07.09 info@cinemarondinella.it www.cinemarondinella.it

GIOVEDÌ 3 NOVEMBRE THE CROW'S EGG - UOVO DI CORVO SGUARDI ALTROVE Regia: M. Manikandan con Aishwarya Rajesh, Ramesh Thilaganathan ORE: 21.15 - PREZZI: biglietto unico euro 4,00

VENERDÌ 4 NOVEMBRE

SABATO 5 NOVEMBRE ROBINSON CRUSOE UN CINEMA PER AMICO Regia:Vincent Kesteloot, Ben Stassen. Età consigliata dai 7 anni - ORE: 15.30 - PREZZI: intero euro 4,00 - ridotto euro 3,50 euro (fino a 14 anni) QUALCOSA DI NUOVO PRIMA VISIONE Regia: Cristina Comencini con Paola Cortellesi, Micaela Ramazzotti - ORE: 17.30 - PREZZI: intero euro 7,50 - ridotto euro 5,50

LA RAGAZZA SENZA NOME PRIMA VISIONE Regia: Jean-Pierre e Luc Dardenne con Adele Haenel, Jérémie Renier - ORE: 15.30* - 21.15 - PREZZI: *alle 15.30 prezzo speciale euro 5,00 - intero euro 7,50 - ridotto euro 5,50 QUALCOSA DI NUOVO PRIMA VISIONE Regia: Cristina Comencini con Paola Cortellesi, Micaela Ramazzotti - ORE: 17.20 - PREZZI: intero euro 7,50 - ridotto euro 5,50

LA RAGAZZA SENZA NOME PRIMA VISIONE Regia: Jean-Pierre e Luc Dardenne con Adele Haenel, Jérémie Renier - ORE: 20.00 - 22.00 - PREZZI: intero euro 7,50 - ridotto euro 5,50

Cosa si nasconde veramente dietro all’Inferno disegnato da Botticelli? - ORE: 15.30 - 21.15 - PREZZI: intero euro 10,00 - ridotto euro 8,00

DOMENICA 6 NOVEMBRE QUALCOSA DI NUOVO PRIMA VISIONE Regia: Cristina Comencini con Paola Cortellesi, Micaela Ramazzotti ORE: 15.30 - 19.50 - PREZZI: intero euro 7,50 - ridotto euro 5,50 LA RAGAZZA SENZA NOME PRIMA VISIONE Regia: Jean-Pierre e Luc Dardenne con Adele Haenel, Jérémie Renier - ORE: 17.30 - 21.30 - PREZZI: intero euro 7,50 - ridotto euro 5,50

LUNEDÌ 7 NOVEMBRE

MERCOLEDÌ 9 NOVEMBRE

UN PADRE UNA FIGLIA CINEFESTIVAL RONDINELLA Regia: Cristian Mungiu con Adrian Titieni, Maria-Victoria Dragus ORE: ORE: 21.15 - PREZZI: x 1 film euro 4,00 - Abbonamenti: x 4 film euro 12; x 10 film euro 25; x 20 film euro 40

IL PIANO DI MAGGIE POMERIGGI AL CINEMA Regia: Rebecca Miller con Greta Gerwig, Ethan Hawke - ORE: 15.30 - PREZZI: biglietto unico euro 3,00

MARTEDÌ 8 NOVEMBRE BOTTICELLI. INFERNO LA GRANDE ARTE AL CINEMA

QUALCOSA DI NUOVO PRIMA VISIONE Regia: Cristina Comencini con Paola Cortellesi, Micaela Ramazzotti - ORE: 21.15 - PREZZI: euro 2,00 (prezzo speciale Cinema2Days)

Prezzi aggiornati a mercoledì 02/11/2016. I gestori di stazioni di servizio e i lettori possono comunicarci i prezzi più convenienti scrivendo a redazione@ilgazzettinodisesto.it

Q8

Q8

Q8

Oilone

Te

viale Gramsci

v.le Matteotti

via Grandi

via Saint Denis

v.le F. Testi

Q8

ex Tamoil

Q8

8 NOVEMBRE CONCERTO PER AMATRICE Il gruppo Guappecartò è protagonista di un concerto di beneficenza a favore delle popolazioni colpite dal terremoto del 23 agosto ad Amatrice e nei comuni vicini. Una nuova iniziativa di solidarietà organizzata alla «Salumeria della Musica», che devolve l’incasso del live. La band Guappecartò è formata da Dr. Zingarone all’accordéon, Frank Cosentini alla chitarra, Mr. Braga al contrabbasso, ‘O Malamente al violino e ‘O Brigante alle percussioni. Orario: 21 - Ingresso: interro 12 euro ridotto 10 euro Milano - La Salumeria della Musica - Via Antonio Pasinetti 4

FINA AL 29 GENNAIO 2017 HOKUSAI HIROSHIGE UTAMARO Una straordinaria selezione di 200 xilografie policrome e libri

FESTE/SAGRE

illustrati, tra cui l’iconica Grande onda e la serie delle Trentasei vedute del monte Fuji di Hokusai, provenienti della prestigiosa collezione della Honolulu Museum of Art, mostra l’abilità e l’eccentricità dei tre grandi maestri dell’ukiyoe, ed evidenzia come il mercato dell’immagine richiedesse loro di trattare soggetti simili, luoghi e volti ben noti al pubblico, temi e personaggi alla moda. Una domanda intorno alla quale crescevano inevitabilmente rivalità, prima ancora che tra gli stessi artisti, incisori e stampatori per dar vita a serie di stampe sempre diverse, verticali, orizzontali, in forma di ventaglio, in formato di libro per soddisfare un mercato dell’editoria sempre più esigente e ampio. Per informazioni: www.hokusaimilano.it. Orario: lunedì chiuso - martedì, mercoledì dalle 09.30 alle 19.30 - giovedì dalle 09.30 alle 22.30 - venerdì, sabato, domenica dalle 09.30 alle 19.30 - Ingresso: interro 12 euro - ridotto 10 euro

La Compagnia del Borgo di Cinisello Balsamo torna in scena in città. Gli attori, i cantanti e le ballerine della compagnia teatrale di Borgomisto, sotto la regia di Raffaele Moschella, calcheranno di nuovo il palcoscenico del CineTeatro Pax (via Fiume) con una delle loro ultime fatiche: si tratta di ‘Don Bosco’, musical che racconta la vita del santo degli oratori. L’appuntamento è fissato per venerdì 4 e sabato 5 novembre. Il biglietto intero costa 10 euro, 7 il ridotto. Per informazioni e prenotazioni info@compagniadelborgo.it oppure 391.4289776. Andrea Guerra

via Partigiani v.le F. Testi (Cinisello) v.le Matteotti (Bresso)

BENZINA 1.449 1.449 1.519 1.439 1.449 1.519 1.439 1.499 DIESEL 1.319 1.319 1.369 1.299 1.309 1.369 1.299 1.369

CULTURA/MOSTRE

Il Borgo canta Don Bosco al Pax

CONCERTI/SPETTACOLI

Milano - Palazzo Reale - Piazza Duomo, 12

FINA AL 29 GENNAIO 2017 THE ART OF THE BRICK - NATHAN SAWAYA “I sogni si realizzano…un mattoncino alla volta!” Nathan Sawaya L’avete sempre sognato, Nathan l’ha realizzato! The Art of The Brick è una mostra davvero per tutti e per tutte le età. Allestita nel cuore di Milano su un’area di 1.600 mq, The Art of the Brick immerge il visitatore nel mondo di Nathan Sawaya: un mondo allegro e colorato per quanto spiazzante. L’artista ha utilizzato più di un milione di mattoncini per questa mostra, creando opere d’arte in grado di far sorridere e riflettere sia gli adulti che i bambini. La mostra offre al visitatore una grande varietà di sculture: da “Il pensatore” di Rodin allo scheletro di dinosauro lungo 6 m e costruito con 80.020

TEMPO LIBERO

mattoncini LEGO. The Art of the Brick è stata dichiarata dalla CNN una tra le 10 mostre da non perdere al mondo ed ha già attirato milioni di visitatori da New York a Los Angeles da Melbourne a Shanghai, da Singapore a Londra, da Parigi a Roma! Nell’area gioco, situata alla fine della mostra, i visitatori potranno inoltre dare libero sfogo alla propria creatività divertendosi con i mattoncini LEGO ed i videogiochi della DM Comics messi a loro disposizione. - Orario: da lunedì a mercoledì dalle 10.00 alle 20.00 - giovedì dalle 10.00 alle 23.00 - venerdì dalle 10.00 alle 20.00 - sabato dalle 10.00 alle 23.00 - domenica dalle 10.00 alle 21.00 - Ingresso: intero 16 euro - ridotto over 65, studenti (14-26 anni), disabili 14 euro bambini (dai 4 ai 13 anni) 12 euro - bambini sotto i 4 anni ingresso gratuito Milano - Fabbrica del Vapore - Via Giulio Procaccini, 4

Al cinema di Paderno ‘Che cos’è l’amore’ Va in scena al cinema Metropolis 2.0 di Paderno Dugnano ‘Che cos’è l’amore’, il film documentario del regista Fabio Martina. La trama racconta la storia d’amore tra due artisti milanesi: Vanna, una pittrice di 93 anni, e Danilo, drammaturgo e attore teatrale, di 50 anni. Appuntamento l’8 novembre alle 21, nella sala Pasolini del cinema Area Metropolis 2.0. Il regista Fabio Martina, autore di documentari e di film di fiction, ha in programma un’altra uscita nel 2017. Il suo secondo film di fiction dal titolo ‘L’assoluto Presente’.


3 novembre 2016

| 29

In scena ‘Tredici a tavola’

Cultura &

La Compagnia Ca’Nostra ha in programma una serie di appuntamenti al teatro San Giovanni Bosco in via Lauro a Cusano Milanino. Gli attori porteranno in scena la commedia ‘Tredici a Tavola’. Gli appuntamenti fissati sono tutti a dicembre: il 3, il 4, 16, 17 e 31.

Tempo libero

APPUNTAMENTI :: SI APRE IL SIPARIO SUL TEATRO CONTEMPORANEO IN PIAZZA CONFALONIERI

‘Unplugged’ La stagione al Pertini

Il 4 novembre ‘Shakespeare the great rapper’ Il via alla seconda stagione del teatro contemporaneo del Pertini, con la direzione artistica di Massimiliano Cividati. Il 4 novembre a Cinisello parte ‘Unplugged 2.0’. Appuntamento in piazza Confalonieri 3 alle 21, con ‘Shakespeare, the great rapper’. Il progetto è nato da un’idea di Michela Marelli ed è prodotto da Teatro in-folio, con il sostegno di Fondazione Cariplo. Lo spettacolo propone una moderna rivisitazione dei testi di Shakespeare, in una chiave del tutto particolare. Si fa un parallelo tra le opere del drammaturgo inglese e i testi delle canzoni di famosi rapper contemporanei, italiani e internazionali, come 50 Cent, Puff Daddy, Eminem, Fabri Fibra, Caparezza e Jay-Z. Per scoprire che si usa, in entrambi i casi, lo stesso criterio di ritmo e metrica e che anche i concetti e i sentimenti raccontati nelle opere sono spesso gli stessi. L’obiettivo è rendere Shakespeare popolare anche tra i giovani studenti italiani. Collabora al progetto David Remondini, attore madrelingua inglese e diplomato alla scuola del Piccolo Teatro, che si è poi specializzato al Globe Theatre. Il costo del biglietto intero è di 12 euro; 10 euro con la tessera +Teca. I prossimi appuntamenti in programma per la stagione di teatro contemporaneo saranno da gennaio. Il 15 gennaio con ‘Il coraggio di dire no, la storia di Giorgio Perlasca’, la proposta di Teatro Overlord. Il 17 febbraio va in scena invece ‘Esodo Pentateuco #2’ del gruppo La confraternita del Chianti. Si passa poi al 10 marzo, con ‘Nel mare ci sono i coccodrilli’ di Christian Di Domenico’, mentre giovedì 27 aprile il sipario si apre per l’ultimo appuntamento: ‘Banvard’s Legacy’ di Aia Taumastica. Per info e prenotazioni: 02.89071170 oppure www.ilpertini.it.

di Margherita Abis

Lo spettacolo

Fotografia

Arriva il teatro famiglia con ‘Il piccolo principe’

Al Manzoni gli scatti di Adriana Soldà

Anche quest’anno i teatri bressesi offrono ai cittadini una bella iniziativa culturale e divertente: il teatro famiglia. I vari teatri cittadini ospiteranno uno spettacolo diverso per una domenica al mese e, dopo lo spettacolo su Mary Poppins che si è tenuto a ottobre, novembre vedrà la messa in scena di un’opera classica e famosa come ‘Il Piccolo Principe’. L’appuntamento è domenica 20 novembre alle 16 al centro civico Sandro Pertini e sarà seguito da una merenda per tutti coloro che avranno preso parte alla rassegna.

A Bresso una nuova interessante mostra verrà inaugurata sabato 5 novembre al centro culturale Manzoni. Adriana Soldà esporrà le sue opere fotografiche nella mostra dal titolo ‘Nell’anima dell’isola’. L’inaugurazione della mostra fotografica, che poi sarà visitabile tutti i giorni fino al 20 novembre, si terrà alle 18 nella Sala Conti in via Roma 16 a Bresso. Per ulteriori informazioni sugli orari e sugli ingressi è possibile visitare il sito internet del centro Manzoni www.ccmanzoni.it.

IN MOSTRA :: L’ESPOSIZIONE VERRÀ INAUGURATA L’8 NOVEMBRE

Incontro con la robotica Ci sarà anche un workshop per gli studenti A Sesto parte la mostra dedicata al mondo della robotica e della tecnologia. ‘Nexus. L’incontro tra macchina e umano nell’immaginario, nella tecnica e nella scienza contemporanei’ sarà allo Spazio Mil di via Granelli dall’8 novembre. Il progetto è ideato dalla scuola superiore Sant’Anna di Pisa, dal Museo Galileo di Firenze e dall’Università di Siena. La mostra racconta i risultati della biorobotica contemporanea. L’esposizione continuerà fino al 20 novembre e insieme partiranno anche laboratori didattici e incontri di approfondimento.

In particolare, il 12 novembre è in programma una giornata divulgativa dedicata agli studenti (sia liceali che universitari) e ai ricercatori. Il tema della giornata sarà ‘la robotica in campo medico’. Il workshop sarà diviso in due sezioni (la mattina per gli studenti dei licei e il pomeriggio per gli studenti e i ricercatori universitari). Per informazioni: 02.24968800. Margherita Abis

Da Cusano per il musical ‘Jersey boys’ Uno spettacolo per raccontare l’ascesa tra le celebrità dei Jersey Boys, una delle band più di successo della storia, con oltre 100 milioni di dischi venduti. L’associazione di promozione sociale I Tigli di Cusano Milanino organizza la partecipazione, con servizio di trasporto in autobus, al musical ‘Jersey Boys’, lo spettacolo che si svolgerà a Milano, al Teatro Nuovo piazza San Babila 3. Appuntamento domenica 6 novembre alle 14.30. Lo spettacolo inizierà alle 15.30. I costi, comprensivi di trasporto e spettacolo in platea settore blu, sono di 33 euro per i soci dell’associazione I Tigli e di 34 per i non soci. Iscrizioni il martedì, mercoledì e venerdì all’ufficio di via Marconi (ingresso Parco Matteotti). Tel 02.61359364 dalle 9.30 alle ore 11.30. Per comunicazioni urgenti invece contattare il numero 347.4276208.


30 |

3 novembre 2016

Il Giro passa da Sesto

A tutto

Il prossimo 28 maggio 2017 il Giro d’Italia passerà ancora dal Nordmilano. Quel giorno si correrà l’ultima tappa dell’edizione numero 100, una crono che parte da Monza, passa da Sesto e si chiude in piazza Duomo a Milano.

Sport

L’EVENTO ::

OGNI SABATO MATTINA

La Parkrun conquista il Parco Nord Gara su 5 km, cronometrata e completamente gratuita di Andrea Guerra Poter gareggiare, potersi misurare con degli avversari, ogni settimana, sullo stesso percorso. E’ il sogno di molti anzi moltissimi runner, amanti della corsa all’aria aperta. Che ora hanno ‘pane per i loro denti’ anche nel Nordmilano. Al Parco Nord infatti è arrivata Parkrun, appuntamento dedicato proprio agli amatori con cuore da agonisti. Parkrun è una corsa competitiva, cronometrata e gratuita nata come appuntamento fisso, settimanale, all’interno di un parco. Fenomeno mondiale, nato in Inghilterra e sbarcato ormai nei parci di mezzo mondo, la ParkRun è

arrivata in Italia, o meglio in Sicilia, nel 2014. Oggi in tutto lo Stivale si contano 4 appuntamenti organizzati e quella del Parco Nord è la prima Parkrun di Milano. O meglio, del Nordmilano dato che si corre nel Parco Nord, il grande polmone verde che si estende tra Bresso, Sesto e Cinisello. Si corre tutti i sabati mattina, alle 9: il ritrovo è fissato 15 minuti prima del via alla ‘run station’ La42, al civico 283 di viale Suzzani. Da lì i runner si muovono all’interno del polmone verde. «Per partecipare è sufficiente registrarsi

prima della prima corsa sul sito Parkrun, dove è possibile anche vedere i partecipanti, le statistiche, i tempi migliori realizzati», si legge sul sito del parco. Un modo per correre e divertirsi, ma anche per ‘fare del bene’: «La gara del sabato mattina è gratuita, ma prevediamo un momento comune per sostenere concretamente entro Natale il progetto della creazione del Lago Niguarda nel Parco Nord», spiegano gli organizzatori, anticipando una raccolta fondi da devolvere proprio al parco sul sito retedeldono.it.

BASKET :: ROSSONERE VINCENTI NEL DERBY E PRIME IN SOLITARIA IN SERIE A2

Sanga ko, ma il Geas resta in crisi La raccolta fondi ha reso meno di 2mila euro

Calcio

La Pro Sesto pareggia a Borgosesia La Pro Sesto si ferma sull’1-1 contro il Borgosesia e guadagna un solo punto nella classifica del girone A di Serie D. Poche emozioni nel match, pochi tiri in porta con i sestesi decisamente poco ispirati e per nulla aggressivi. Il gol sestese porta la firma di Cristofoli che sigla la marcatura dagli 11 metri nel primo tempo, poi i ragazzi di mister Delpiano si fanno recuperare. Domenica 6 al Breda arriva Cuneo.

Come si legge anche sul quotidiano sportivo per eccellenza, La Gazzetta dello Sport, il Geas Basket sta vivendo un momento dai due volti: da un lato il club di Sesto San Giovanni vince in campo e nonostante un mercato estivo parsimonioso, domina la classifica del campionato di Serie A2. In solitaria, perché sabato sera le rossonere si sono disfate, in rimonta e non senza fatica, delle rivali del Sanga Milano, aggiudicandosi il derby e allungando in classifica proprio sulle milanesi che restano ora al secondo posto. Un Geas bello e vincente, capace di reagire in campo, che ha però un controaltare: sul lato societario il club resta in piena crisi, senza un main sponsor e senza sostegno del territorio. Anche la campagna fondi su Eppela, piattaforma on line di crowdfunding, non ha portato i frutti sperati: sono stati raccolti meno di 2mila euro che sono praticamente niente di fronte alle spese che deve affrontare una società di questo tipo. Mazzoleni non molla: «La campagna su Eppela si chiude tra una settimana. Mi piacerebbe essere sorpreso, sarebbe bello, improvvisamente, trovare un appoggio da parte di chi dovrebbe sostenere il nostro progetto. Un progetto di valore, diverso, bello. Cosa posso dire di più», ha dichiarato il presidente Mazzoleni alla rosea. (A. G.)

E la domenica ci sono le lezioni di Runsmile Il sabato la ‘gara’ di Parkrun, la domenica le lezioni di Runsmile. Insomma, il Parco Nord Milano sta assumendo sempre più le sembianze di una palestra a cielo aperto dedicata al running. Anche di inverno, stagione durante la quale molti lasciano l’attività fisica all’aperto per le difficili condizioni meteo. E invece no, con Runsmile ci si prepara al meglio alla primavera e alla Milano Marathon. «Insegniamo a correre, a chi già lo fa da tempo e vuole migliorare le sue performance, ma anche a chi si sta approcciando a questa disciplina e vuole imparare un po’ di tecnica», spiegano da Runsmile che organizza corsi tutte le domeniche mattina, con appuntamento alle 9.30 davanti alla Cascina Centro Parco. I runner che si iscrivono ai corsi vengono divisi in gruppi in base alla preparazione e poi accompagnati, tra i viali del Parco Nord, dagli istruttori di Runsmile. Il costo di partecipazione è in qualche modo simbolico: 1 euro a domenica. «Chiediamo 20 euro per 20 lezioni. Lo scopo è sostenere la Onlus World Friends per cui correremo anche la Milano Marathon». Informazioni aggiuntive su runsmile.it. (A. G.)

Direttore responsabile: Rosario Palazzolo Società Editrice: Il Gazzettino di Sesto San Giovanni s.r.l. R.E.A. 1980638 Redazione: Piazza F. Caltagirone, 75 20099 Sesto San Giovanni Tel. 02.83413290 fax. 02.83413292 e-mail: redazionegazzettino@gmail.com Registrazione n° 6 del 26.03.2012 al Tribunale di Monza Stampa: Monza Stampa s.r.l. via Buonarroti, 153 - 20052 Monza


Sport

MOTORI ::

3 novembre 2016

TRIONFO NELLA POLINI ITALIAN CUP

Spettacolo in piazza Gramsci Anche quest’anno piazza Gramsci si è trasformata per un pomeriggio in uno stadio di atletica. La scorsa settimana si è corsa la seconda edizione del ‘Trofeo Città di Cinisello Balsamo’, gara per bambini e ragazzi organizzata dall’Atletica Cinisello. Decine e decine di giovanissimi atleti si sono date battaglia all’ombra del campanile di Sant’Ambrogio: la competizione era inserita nel calendario provinciale della Fidal. Hanno gareggiato atleti e atlete dai 6 ai 13 anni: 229 bambini partecipanti (139 maschi e 90 femmine) provenienti dalle società di tutta la provincia su diverse lunghezze (percorso più breve 400 metri, percorso più lungo 2.000 metri).

«Emozioni uniche, come da bambino» di Andrea Guerra Balsamo, si è da poco laureato campione italiano nella Polini Italian Cup. Matteo ha corso, e ha vinto, nella categoria riservata alle Piaggio Vespa 171 cc. «E’ uno dei principali trofei di scooter in Italia: si articola su sei gare su tutto il territorio nazionale, con concorrenti che arrivano da tutta Europa. Un campionato bello tosto», ammette Matteo che da piccolo correva sulle mini moto e poi era stato costretto a lasciare questa grande passione. Che ha riabbracciato negli ultimi anni. «Ho fatto tantissimi sport, ma pochi ti danno così tante emozioni come questo: la velocità, la pista, i sorpassi, mi mancava tutto questo e l’adrenalina che si prova ti regala sensazioni uniche». La categoria Vespa 171cc è riservata alle Vespa 4 tempi che vengono portate a 171cc, per ottenere una

31

ATLETICA

Matteo, campione in Vespa

E’ tornato a correre in pista dopo anni e ha subito lasciato il segno, imponendosi in uno dei più importanti campionati a livello italiano. Matteo Tortosa, giovane nel Nordmilano che vive tra Paderno Dugnano e Cinisello

|

potenza di circa 14 cavalli. «È una categoria molto importante per lo sviluppo di prodotti commerciali in quanto la Vespa, nel mondo, è molto utilizzata sia come mezzo di trasporto che come mezzo per le competizioni», chiude Matteo che ha vinto il titolo italiano riuscendo a imporsi in 4 gare nel corso della stagione. Sul secondo gradino del podio a fine anno è salito, per restare nel Nordmilano, il cusanese Ivan Calce.


32 |

3 novembre 2016

PubblicitĂ

Profile for Il Gazzettino di Sesto San Giovanni

38 gazzettino 3 11 16  

Settimanale del Nordmilano

38 gazzettino 3 11 16  

Settimanale del Nordmilano

Advertisement