Issuu on Google+

Poste Italiane SpA – Spedizione in a.p. – D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, CNS BOLZANO · Anno LXII · 7-8/2014 · IR

unione magazine #7-8/14

il ione 14 z i d i 20 ta e ues serviz q n I etto - - - - - oro h c c pa - - - l lav a su z z re Sicu

Rivista dell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige www.unione-bz.it

Giornata dei prestatori di servizi

Il

Cldoivuendta

m a i n s t r ea m


Südtirol • Alto Adige


editoriale

Il servizio personalizzato al primo posto Nel 2013 tutta l’attenzione è stata puntata su Google: il 7 luglio prossimo, in occasione della Giornata dei prestatori di servizi, si parlerà invece soprattutto di Amazon. No, non intendiamo pubblicizzare il gigante dell’e-commerce e il commercio online, vorremmo piuttosto soffermarci su un aspetto meno conosciuto di Amazon (vedi articolo di copertina).

copertina La Giornata dei prestatori di servizi 2014

4

attualità Il SWR conta su un nuovo presidente

9

Torniamo al commercio online. In Alto Adige, solo il cinque per cento circa del fatturato del commercio al dettaglio si realizza in internet. Si tratta di una quota esigua che, tuttavia, sta crescendo. Grazie alle nuove forme di comunicazione adottate anche dalle imprese altoatesine, oltre al commercio tradizionale e ai servizi tradizionali, si stanno delineando diverse nuove opportunità nella distribuzione. Le nuove forme commerciali non stanno però soppiantando quelle vecchie. La qualità della consulenza personalizzata, la fiducia e la vicinanza resteranno in primo piano anche in futuro – il commercio tradizionale continua dunque ad avere un futuro. Lo vorrei sottolineare in modo chiaro ed inequivocabile.

trend Richiesti più investimenti per i centri urbani

15

mandamenti Otto argomenti circa il futuro di Bolzano

16

categorie Costituita una nuova categoria

19

formazione La professione di droghiere

22

le aziende informano Peer.tv per i turisti

23

consulenza legale Quali diritti hanno i passeggeri?

24

info lavoro Info sui lavori estivi in Alto Adige

28

È nostro compito mettere in luce e valorizzare le caratteristiche positive del commercio tradizionale. Non dimentichiamo che il 73 per cento del fatturato realizzato nel commercio al dettaglio rimane in Alto Adige – si tratta di una percentuale notevole. La consulenza personalizzata, il contatto umano, la capacità di immedesimarsi nelle richieste dei consumatori e la professionalità sono qualità apprezzate dai nostri clienti. Sono queste le peculiarità inconfondibili, davvero uniche, particolari del nostro commercio. E sono proprio questi gli aspetti che dobbiamo promuovere. Dobbiamo evidenziarli, valorizzarli e commercializzarli meglio. L’Alto Adige non è solo agricoltura e turismo, l’Alto Adige è molto di più e l’Alto Adige si contraddistingue soprattutto per le sue imprese a conduzione familiare che altrove sono diventate alquanto rare. Nel contempo dobbiamo aumentare l’accettazione e il grado di utilizzo degli strumenti online di cui le nostre imprese si potrebbero avvalere. Occorre creare un collegamento tra il commercio in sede fissa, che attrae con il suo servizio professionale e sensibile, e le nuove opportunità online: sarà questa la sfida del futuro. L’Unione offre un servizio di consulenza e affiancherà le imprese associate in questo cammino.

Walter Amort, presidente Unione

al luglio Dal 14 , i nostri s to 2 2 ag o anno rimarr 8.00 i c ffi u re 0 dalle o 0. i t r e p a e 13.0 alle or

Redazione, amministrazione e pubblicità: 39100 Bolzano, via di Mezzo ai Piani 5, T 0471 310 308/ 309, F 0471 310 396, pr@unione-bz.it, www.unione-bz.it Responsabile ai fini della legge sulla stampa E Direttore responsabile: Dott. Mauro Stoffella (capoarea comunicazione) Redazione: Dott. Sergio Colombi, Dott. Martina Reinstadler, Manuela Seebacher Concetto grafico: Gruppe Gut, www.gruppegut.it Copertina: Stefano Hochkofler Grafica: Stefano Hochkofler Fotografie: freeimages, LPA/Angelika Schrott, Helmuth Rier, Shutterstock Tipografia: Athesia Stampe srl – via del Vigneto 7 – 39100 Bolzano Spedito il 27 Giugno 2014 La redazione si riserva il diritto di non pubblicare annunci pubblicitari. L’opinione espressa da articolisti esterni alla redazione dell’unione magazine può discordare da quella della redazione. Editore: Unione commercio turismo servizi Alto Adige Cooperativa – Bolzano, spedizione in a.p. – 45% - art. 2, comma 20/b, legge 662/96, Filiale di Bolzano, registrazione Tribunale Bolzano n° 50/51 – Rep. 27256. Associato all’USPI Unione Stampa Periodica Italiana

unionemagazine #7-8/14


Il

Cldoivuendta

m a i n s t r ea m

4

All’insegna dei servizi web la Giornata dei prestatori di servizi il 7 luglio

unionemagazine #7-8/14

Amazon viene di norma correlata con le vendite online. E tuttavia l’azienda non si occupa solo di e-commerce, ma negli scorsi anni ha sviluppato e offerto anche un’importante infrastruttura cloud. Martin Geier, amministratore di Amazon Web Services Deutschland, è quest’anno relatore ospite alla Giornata dei prestatori di servizi a Bolzano.

sistema IT interno e le relative interfacce. Tramite Amazon Web Services (AWS), Amazon noleggia ora una grande quantità di risorse IT, che possono essere utilizzate in maniera flessibile dalle aziende. Dropbox, Foursquare o HootSuite sono applicazioni assai popolari che ricorrono ai servizi di AWS. Amazon Web Services non va qui confusa con il gigante dell’ecommerce Amazon: in realtà essa è una Quando si parla di cloud computing (“nuvola consociata di Amazon.com, ma opera in informatica”), nessuno pensa ad Amazon. uno scomparto economico del tutto diverGestore del più importante portale di e- so, servendo un segmento di clientela ben commerce del mondo, Amazon deve già distinto. Sbaglia quindi chi pensa che dieaffrontare l’enorme sforzo richiesto all’in- tro la Giornata dei prestatori di servizi ci frastruttura. E proprio per far fronte a sia quest’anno l’e-commerce (vedi anche questa sfida, l’azienda ha sviluppato un l’editoriale a pag. 3).


L’universo della “nuvola informatica”

Martin Geier è l’amministratore di Amazon Web Services (AWS) Deutschland, e il prossimo 7 luglio presenterà a Bolzano l’altra faccia di Amazon, parlando nel suo intervento del cloud computing e dell’offerta di risorse IT. “Il concetto di cloud computing si riferisce alla messa a disposizione via internet di risorse IT funzionali alla domanda e a prezzi funzionali al tipo di utilizzo”, afferma Geier. Quando non dispongono di sufficienti risorse IT o di sviluppo, le aziende possono in tal modo dedicarsi a progetti che promuovono la loro crescita piuttosto che concentrarsi sull’infrastruttura IT. “Amazon Web Services propone un’ampia scelta di servizi globali di computing, memorizzazione, banche dati, analisi, applicazioni ecc. che rendono le aziende più agili, riducono i costi IT ed espandono gli impieghi. Molte grandi aziende e start-up di buone prospettive ricorrono a questi servizi per affrontare i più diversi carichi di lavoro, come ad esempio applicazioni per il web e per dispositivi mobili, elaborazione dati e data-warehousing, memorizzazione, archiviazione e tante altre cose ancora”, precisa Geier.

Il cloud computing ... ... è un modello che, attraverso una rete, consente in qualsiasi momento e dappertutto di collegarsi al bisogno ad un pool condiviso di risorse informatiche configurabili (per esempio reti, server, sistemi di memorizzazione, applicazioni e servizi), disponibili rapidamente e con un minimo impegno gestionale o con una limitata interazione col provider del servizio. Con l’aiuto del cloud computing, le risorse e le capacità IT possono venir rese disponibili come servizi dinamici, slegati dal territorio e dedicati. In questo modo non si pongono più limiti all’azione imprenditoriale.

5

continua a pagina 6

Buon divertimento! Oltre 200 serate dedicate allo shopping con un ricco programma di contorno in 37 località, da Ora a Selva Gardena, in tutti i cinque mandamenti, da giovedì 5 giugno a giovedì 4 settembre: le città e i paesi dell’Alto Adige non chiudono per l’estate. Dell’organizzazione di questo ricchissimo programma che vivacizzerà le serate estive sono in primo luogo responsabili i commercianti e prestatori di servizi in collaborazione con diverse altre associazioni, enti e operatori economici del territorio. Con queste iniziative i commercianti contribuiscono in primo luogo a che i nostri centri storici, quartieri e paesi, con le rispettive e varie offerte commerciali, diventino un vero e proprio punto di attrazione per residenti e ospiti – un fondamentale contributo alla valorizzazione e all’attrattività dei nostri

centri commerciali naturali proprio là dove è necessario mantenere e sviluppare ulteriormente la qualità della vita. Tutti gli appuntamenti con le serate lunghe dello shopping in Alto Adige sono elencati a pagina 13 di questo numero de unionemagazine o all’indirizzo www.unione-bz.it/eventi. Buon divertimento!

Mauro Stoffella, capoarea comunicazione

unionemagazine #7-8/14


copertina Viaggio attraverso il Cloud: l’utilizzo del cloud computing nel mondo Enterprise

6

1 Martin Geier è amministratore di Amazon Web Services (AWS) Germania. La sua competenza è indicare le strategie di AWS per la Germania e di gestire il team che consente a clienti e partner tedeschi di qualsiasi dimensione di utilizzare le applicazioni del cloud e di trasferire i propri servizi al cloud. Prima di passare ad AWS, Martin Geier ha lavorato per oltre 19 anni in varie aziende dello scomparto tecnologico, con funzioni di vendita e general management e specializzazione nel settore del software aziendale e del cloud computing. Tra i suoi compiti c’era anche il supporto alle aziende europee nel migliore utilizzo degli investimenti IT. Martin Geier si è laureato in ingegneria elettronica alla FH di Monaco e si è diplomato anche in gestione aziendale presso la AFW di Bad Harzburg. 2 Nicola Previati è Territory Manager di Amazon Web Services Italia. Anche egli interverrà alla Giornata dei prestatori di servizi, dove parlerà in particolare del mercato italiano del cloud computing. Dal 2011 Previati coordina la strategia di Amazon Web Services in Italia, dopo avere lavorato per dieci anni come analista economico e aver svolto varie mansioni di vendita e IT, con particolare riferimento al cloud computing per le aziende. Previati ha studiato economia e commercio all’Università Ca’ Foscari di Venezia e ha fatto il ricercatore pressa il TeDIS (Center for Studies on Technologies in Distributed Intelligence Systems) della Venice International University.

1

2

Nel frattempo AWS può contare su centinaia di migliaia di clienti in 190 Paesi. “La gamma è assai ampia. Start-up, piccole aziende, imprese a conduzione familiare ma anche istituzioni statali o accademiche ricorrono al cloud di AWS”, afferma Geier. Il cloud computing non è più un semplice trend. “Per tanti anni si è ritenuto che il cloud venisse utilizzato solo dalle aziende di nuova costituzione, ma nel frattempo esso è diventato parte integrante dell’infrastruttura IT di molte realtà aziendali”, prosegue. Sicurezza e flessibilità

Visti nell’ottica di Amazon Web Services, i vantaggi sono evidenti: sicurezza, flessibilità, prezzi convenienti e il fatto che Amazon Web Services dia ai suoi clienti la possibilità di concentrarsi sul loro lavoro. Con queste argomentazioni AWS si propone anche alla clientela industriale classica. “AWS è una società di piena proprietà di Amazon, e conta oltre 100.000 clienti in più di 190 Paesi. La stessa Amazon.com è qui solo uno dei tanti clienti. Sono l’aspetto dei costi e l’agilità che spingono gli utenti verso il cloud”, afferma Geier. Realizzare un’infrastruttura locale può essere assai dispendioso in termini di tempo e denaro. “Si tratta di ordinare, pagare, installare e configurare software assai costosi, il tutto ben prima del momento in cui essi saranno effettivamente necessari. Col cloud computing tutta questa spesa viene a mancare”, prosegue l’amministratore di AWS. Quando le aziende si trovano a confronto con una decisione riguardante la capacità informatica, spesso il risultato è un eccesso di risorse non utilizzate o una carenza di capacità. Con la nuvola informatica questi problemi non esistono. “AWS mette a disposizione la quantità di risorse di cui l’azienda ha bisogno. Se ne servono ancora, il potenziamento non è difficile. Se invece non ce n’è più bisogno, le risorse in eccesso si possono disattivare, e non è più necessario pagare per utilizzarle”.

continua a pagina 8

unionemagazine #7-8/14


L’altro volto di Amazon

Giornata dei prestatori di servizi Lunedì

07.07.2014 Inizio ore 18.00, Bolzano, sede centrale dell’Unione, via di Mezzo ai Piani 5

PROGRAMMA Saluto Walter Amort, presidente Unione; Christoph Rainer, presidente dei prestatori di servizi nell’Unione; Peter Werth, direttore RUN Costruire ponti: il mondo dei servizi web di Amazon e l’Alto Adige goinfo.it: Christian Beikircher, direttore Rosengarten SPA – Broadcasting Media L’altro volto di Amazon Web Services: Cloud Computing – la predisposizione di risorse IT Martin Geier, Director Germany Amazon Web Services Viaggio attraverso il Cloud: l’utilizzo del Cloud Computing nel mondo Enterprise Nicola Previati, Territory Manager Italy Amazon Web Services Discussione Buffet Moderazione: Magdalena Steiner Traduzione simultanea Necessaria l’iscrizione entro il 2 luglio 2014: categorie@unione-bz.it, T 0471 310 508.

Mainsponsor

www.unione-bz.it/prestatoriservizi


copertina

Un vantaggio anche per le medie imprese

8

Amazon Web Services può trovare un valido impiego non soltanto nelle grandi aziende, ma anche in quelle medie. “Le aziende altoatesine, per fare un esempio, si muovono in maniera eccellente a questo riguardo. Noi possiamo sostenerle occupandoci della loro infrastruttura informatica e dando quindi loro la possibilità di occuparsi del loro core business”, dice Geier. Un esempio locale può essere qui Rosengarten Spa (vedi riquadro qui a fianco). AWS collabora anche spesso con piccole aziende IT. “Ai nostri clienti offriamo quelle tecnologie di memorizzazione e capacità di calcolo di cui hanno bisogno. Le aziende IT locali hanno esperienza di questo mercato, conoscono la loro clientela e grazie ad AWS possono concentrarsi sulle loro competenze. In questo modo non hanno più bisogno di investire in hardware costosi e possono approfittare anche delle innovazioni che quotidianamente vengono proposte da noi e dai nostri clienti. In questa maniera finisce per venir avvantaggiato anche l’utente finale”, dichiara Geier. Democratizzazione dell’IT e tecnologia

Con i suoi numerosi servizi cloud, Amazon Web Services pone nuovi standard, e li amplia anno per anno. Con l’introduzione dei cloud services viene a modificarsi sostanzialmente il potenziale di molte aziende. Pur non disponendo di un proprio reparto IT e della relativa infrastruttura, esse possono utilizzare tecnologie finora riservate solo alle grandi aziende. Secondo Martin Geier, l’IT in futuro diventerà più democratica: “Il cloud computing potrà venir offerto a prezzi ancora più convenienti, e le piccole imprese potranno utilizzare risorse IT gigantesche e quindi sviluppare nuove idee che consentiranno loro di crescere più in fretta”.

mreinstadler@unione-bz.it

unionemagazine #7-8/14

Esperienze positive col Web Service di Amazon Rosengarten SpA utilizza già da due anni per il noto portale italiano di informazioni goinfo.it il cloud di AWS. Christian Beikircher (nella foto), direttore dell’azienda, si dice convinto dal cloud: “AWS offre una grande flessibilità di risorse. I lettori di una piattaforma di informazioni si aspettano infatti notizie rapide ed una pagina web raggiungibile in ogni momento. Può succedere cioè che nel medesimo secondo siano 100 oppure 1.000 gli accessi alla pagina e ad uno specifico contenuto. AWS offre la possibilità di disporre con pochi comandi di un numero illimitato di ulteriori risorse server. Inoltre i conteggi vengono effettuati sulle sole prestazioni fruite. Si paga cioè in funzione dei server utilizzati, quindi senza dispersioni. Amazon dispone di una grandissima esperienza nel suo settore, e propone esclusivamente modelli cloud perfettamente collaudati e testati. In questo modo la sicurezza dei dati è sempre garantita. Amazon dispone di infiniti punti nodali sparsi per il mondo, nei quali tutti i dati sono disponibili in forma ridondante. La Rosengarten Spa ha fatto solo esperienze positive con i Web Services di Amazon”.


attualità

Philipp Moser è il nuovo presidente dell’SWR In carica da inizio giugno. Philipp Moser è il nuovo presidente del Südtiroler Wirtschaftsring (SWR). Secondo il principio di rotazione tra le associazioni economiche iscritte, l’Unione ha assunto la guida dell’ente. Philipp Moser, presidente mandamentale dell’Unione in val Pusteria, è un prestatore di servizi attivo nel settore dell’IT. Il passaggio di consegne da parte del predecessore Hansi Pichler è avvenuto a inizio giugno in occasione dell’Assemblea generale dell’SWR. “Sono convinto – afferma il presidente dell’Unione Walter Amort – che Moser saprà rappresentare al meglio la grande varietà dei temi cari all’economia altoatesina. Con la sua vasta gamma di categorie rappresentate l’Unione sarà garante del fatto che tutti i settori economici saranno curati con uguale equità e sensibilità.”

Affrontare le sfide insieme. La realizzazione della rete a banda larga in tutta la provincia, una discussione aperta in merito all’orientamento strategico della politica economica, il sostegno del commercio di vicinato nelle zone rurali e la creazione di posti di lavoro attrattivi sono le sfide dei prossimi anni e i temi fondamentali sui quali intende concentrarsi Philipp Moser. “Per poter affrontare e superare le sfide è necessaria la collaborazione a tutti i livelli. Il nostro obiettivo dovrebbe essere far parlare l’economia con una voce unica”, sottolinea il nuovo presidente dell’SWR.

Hansi Pichler (sin.) passa le consegne a Philipp Moser

1

9

2

Premiate le aziende ricche di storia Le congratulazioni dell’Unione. Anche in questo 2014, per il 62° anno, la Camera di commercio di Bolzano ha premiato le aziende con oltre 50 anni di attività e i collaboratori con 36 e più anni di servizio. I risultati ottenuti da 19 aziende e 64 collaboratori sono particolarmente degni di considerazione anche alla luce del fatto che, nella nostra società, moderna e votata alla velocità, impegno e costanza non sono più doti da dare per scontate. Con i suoi 154 anni di attività, il Gasthaus Rauscher di Egna è l’azienda premiata quest’anno per la storia più lunga. Tra i premiati anche due aziende associate all’Unione: Lanz Metall Srl (Dobbiaco) per 50 anni 1 e Günther Mall (Bolzano) per 55 anni 2 .

unionemagazine #7-8/14


attualità

ULTIME NOTIZIE DALL’EUROPA POINT NELL’UNIONE

Nuovi strumenti per le PMI 10

Con “SMEs” più sostegno all’innovazione. Nell’ambito del nuovo programma europeo “Horizon 2020” è attiva la misura “SMEs Instrument”, un importante strumento a disposizione delle PMI. Esso prevede un supporto specifico per le piccole e medie imprese che abbiano idee innovative e da concretizzare in prodotti o servizi da lanciare sul mercato nel breve periodo.

Il percorso è articolato in tre fasi, ovvero lo studio di fattibilità, lo sviluppo del prodotto e la commercializzazione del prodotto. Nella prima fase, l’impresa riceve un finanziamento forfettario (50.000 euro) per predisporre un’analisi di fattibilità tecnico-scientifica del progetto. Se il progetto dimostra di avere potenziale tecnologico e commerciale, l’impresa può passare alla seconda fase e ricevere un ulteriore finanziamento (tra 0,5 e 2,5 milioni di euro) per realizzare concretamente il prodotto. Il sostegno alla terza fase, cioè la commercializzazione, avviene invece tramite l’accesso agevolato a strumenti finanziari e misure di gestione e sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale. Se un’impresa è già in possesso di valide analisi di fattibilità, può saltare la prima fase e subentrare direttamente nella seconda. I bandi sono sempre aperti e le PMI possono partecipare sia singolarmente sia in partenariato con altri soggetti.

Carla Vedovelli, responsabile Europa Point, T 0471 310 322, cvedovelli@unione-bz.it, www.unione-bz.it/europa-point

unionemagazine #7-8/14

Da sin. Harald Gohm (direttore Agenzia di promozione territoriale del Tirolo), Stefanie Höllinger (Agenzia di promozione territoriale del Tirolo), Ben Hodgson, Judith Denkmayr, Michaela Egebrecht (TIS innovation park), Wolfgang Fliri e Hubert Hofer (direttore TIS innovation park)

Senza contenuti la presenza sui social media è inutile Si è concluso il progetto SMART. Rafforzare la competitività delle piccole e medie imprese in regione per mezzo dei social media è stato l’obiettivo del progetto SMART. Al Plessi Museum di Brennero si è recentemente tenuta la manifestazione conclusiva del progetto triennale. Scegliere i canali adatti, nutrirli di contenuti e curarli con efficienza e diligenza: questo è il messaggio trasmesso dai relatori presenti all’evento. Un estratto dalle relazioni “Oggi – spiega Judith Denkmayr, direttrice dell’agenzia media di Vienna Digital Affairs – una presenza sui social media priva di contenuti è inutile. Bisogna comunicare attraverso tutti i canali in maniera costante, perché al giorno d’oggi quello che non succede su Facebook è come se non succedesse per nulla”. Ben Hodgson, senior marketing manager dell’azienda di Innsbruck Med-el, ha mostrato come sia possibile servirsi dei social media anche con risorse limitate. In primo luogo è necessario definire il giusto numero di canali; quindi bisogna scegliere di utilizzare solo quelli dove i nostri gruppi target sono più presenti. Il terzo e ultimo relatore, Wolfgang Fliri, ideatore del portale online barfuss.it ha quindi mostrato come il sito sfrutti i social media. “Noi abbiamo un’intera redazione dedicata ai social media, perché la maggior parte dei nostri lettori ci raggiungono attraverso Facebook e Twitter.” Dati e fatti Cinque partner, oltre 40 aziende coinvolte in Alto Adige e Tirolo, due concorsi, quattro coaching personali e 80 virtuali. Questi sono i dati riassuntivi del progetto SMART, che sarà ora portato avanti attraverso gli “SMART Social Media Parties”. A ospitare saranno le stesse aziende interessate che, con manifestazione di tipo innovativo apriranno le proprie porte per presentare le proprie competenze sotto forma di una relazione specialistica.


Accordo di cooperazione con BTB Condizioni vantaggiose per gli associati all’Unione. Unione e Banca di Trento e

Bolzano hanno recentemente sottoscritto un accordo concentrato sulla consulenza tecnica per le piccole e medie imprese. L’accordo prevede un rapporto di stretta collaborazione sul piano tecnico e riguarderà l’assistenza in materia bancaria alle imprese associate all’Unione e, in particolare, la consulenza gratuita sulle questioni di tecnica finanziaria. A questo scopo in tutti gli uffici mandamentali dell’Unione si terranno udienze periodiche mirate (vedi box). Grazie a questo accordo l’offerta di servizi dell’Unione risulta ora migliore e, soprattutto, più ampia. “Data la crescente domanda, l’Unione integra sin da ora la consulenza aziendale con un’assistenza finanziaria professionale. In questo modo gli associati, in un periodo economico così difficile, possono fru-

Remigio Servadio è il nuovo presidente EbK Interessanti servizi per i collaboratori del settore commercio e servizi. Remigio Servadio (UIL/Tucs) è stato recentemente eletto quale nuovo presidente dell’Ente bilaterale del terziario (EbK). Karl Untertrifaller

ire di utili consigli e suggerimenti, nonché approfittare di consulenze generali e dettagliate su questioni di tecnica finanziaria”, spiega il presidente Walter Amort. L’attuale lista delle convenzioni su www.unione-bz.it/ convenzioni. -

Colloqui con gli esperti BTB

I colloqui di consulenza, gratuiti per gli associati all’Unione si terranno presso la sede Centrale dell’Unione a Bolzano sempre di martedì dalle 09.30 alle 12.30. Di seguito gli appuntamenti per il 2014: 24 giugno, 22 luglio, 2 settembre e 4 novembre. Iscrizione obbligatoria almeno tre giorni prima della data prescelta: Valentina Maggio, T 0471 310 420, consulenza@unione-bz.it.

(a sin.) dell’Unione ha invece assunto la funzione di vicepresidente per i prossimi due anni. Del Consiglio di amministrazione fanno inoltre parte Dado Duzzi, Raimund Schifferegger e Alberto Petrera per l’Unione, Dieter Mayr, Alex Piras e Maurizio Surian per i sindacati. L’Ente bilaterale per il settore commercio e servizi è stato istituito nel 2000 come previsto dal contratto collettivo nazionale. L’EbK sostiene gli interessi comuni di datori di lavoro e di dipendenti e offre una serie di servizi in diversi ambiti. Tra essi, ad esempio, il finanziamento di corsi di formazione e aggiornamento professionale, il rimborso del 75 per cento delle spese di assistenza ai bambini, i contributi straordinari nel caso di lunga malattia dei dipendenti e i premi alle aziende che concedono contratti a tempo parziale alle donne al rientro dalla maternità. Ulteriori informazioni su www.ebk.bz.it.

Manifestazioni pubbliche e aperture domenicali L’Unione discute alcuni importanti temi con l’assessore provinciale Schuler. Quali

saranno gli effetti della modifica di legge per il gruppo dei prestatori di servizi per eventi costituitosi due anni fa e quale quello delle aperture domenicali dei negozi: questi i temi discussi nel corso della visita di presentazione effettuata dal presidente dell’Unione Walter Amort all’assessore provinciale Arnold Schuler. Entrambi si sono occupati in maniera approfondita sia della commissione provinciale per le manifestazioni che della nuova legge provinciale in merito. La modifica di legge trasferisce la competenza ai Comuni. “Ciò conduce a un sovraccarico per questi ultimi”, ha obiettato Walter Amort. Il nuovo regolamento ha generato una tale incertezza da mettere a rischio addirittura lo svolgimento di alcune tradizionali manifestazioni. “Per superare tale incertezza il Consorzio dei comuni ha elaborato delle linee guida che possono offrire un concreto aiuto ai Comuni”, ha assicurato l’assessore Schuler. Gli orari di apertura domenicale dei negozi, hanno quindi concordato entrambi, potrebbero rappresentare un problema per le piccole e medie imprese del commercio al dettaglio. Di conseguenza l’assessore provinciale Schuler e il presidente dell’Unione Amort si sono trovati d’accordo nel ritenere necessario un ritorno a una regolamentazione degli orari di apertura dei negozi compresi quelli domenicali.

Si è parlato di abbattimento della burocrazia e orari di apertura domenicali: l’assessore provinciale Schuler (sin.) e Walter Amort

unionemagazine #7-8/14


attualità Internet E I nuovi media

Pagamenti, addio al pin? Arriva la rivoluzione del “contactless”. A dire per prima addio al pin è stata

12

Tesco, la principale catena di supermercati in Gran Bretagna, che ha da poco dotato i suoi 500 negozi distribuiti nell’area metropolitana di Londra di casse cosiddette “contactless”, cioè in grado di far pagare la spesa con carta di credito o bancomat senza bisogno rispettivamente della firma del titolare o dell’inserimento del pin. La Tesco calcola che in questo modo risparmierà 6 secondi per ogni pagamento, che moltiplicati per tutte le sue casse di tutti i suoi supermercati in tutti i giorni dell’anno rappresentano un enorme risparmio totale di tempo. Lo scopo, comunque, oltre che rendere più veloce e dunque conveniente l’operazione di pagamento per i consumatori, è anche quello di avere meno code alla cassa e, non da ultimo, impiegare meno cassieri. L’addio a firma e pin apre insomma le porte a un futuro fatto di spese automatizzate e senza contante anche per gli acquisti che attualmente siamo abituati a pagare con gli spiccioli, come il caffè, uno snack , il giornale o il biglietto del bus. Per ora i lettori contactless operano soltanto per transazioni fino a 20 sterline (22 euro) di valore, ma in futuro potrebbero non esserci più limiti, anche perché gli esperti assicurano che acquisti di questo tipo sono sicuri tanto quanto quelli in cui è necessario inserire firma o codice. Nel marzo 2014 le spese con carte di questo genere in Inghilterra hanno subito un aumento del 200 per cento rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

unionemagazine #7-8/14

Nuovo tentativo di integrazione tra web e carta “Noi abbiamo molti clienti che loro non hanno e loro hanno molti clienti che noi non abbiamo.” Così Diego Piacentini, vicepresidente di Amazon, ha commentato l’accordo con le librerie Giunti che prevede una più intensa collaborazione tra ebook e libro tradizionale. L’intesa tra il colosso dell’elettronica e quello dell’editoria prevede in un primo momento che nelle 170 librerie Giunti si possa acquistare il Kindle, il lettore di ebook di casa Amazon, e che Giunti possa realizzare un sito di e-commerce con tecnologia Amazon. Le sinergie, però, dovrebbero aumentare in un futuro nemmeno troppo lontano. “Lo scopo – chiarisce Martino Montanarini, amministratore delegato di Giunti – è quello di aumentare il mercato di tutti senza timori reciproci. Le librerie tradizionali, del resto, sono in piena crisi di identità e dovranno cambiare completa-

mente pelle, trasformandosi da luogo di vendita a punto di accesso ai servizi.” L’intesa sulla vendita del Kindle ha un precedente nella catena di librerie inglesi Waterstones, ma la nascita del sito Giunti con tecnologia Amazon è una prima assoluta. Una bella dimostrazione di lungimiranza da parte di una casa editrice, come Giunti, che pubblica libri dal 1497, a soli 41 anni dall’invenzione della stampa mobile di Gutenberg.


attualità

Shopping serale … … nelle città e nei paesi dell’Alto Adige. Aperture prolungate dei negozi nelle ore serali e programmi di cornice animano d'estate numerosi centri urbani in tutto l'Alto Adige. Sono frutto dell'impegno di commercianti e prestatori di servizio in collaborazione con diverse associazioni e altri operatori economici. Alla chiusura di redazione erano state annunciate le seguenti date:

Val venosta Lasa Festa culturale “Marmo e albicocche”, sabato dalle 8 alle 20 e la domenica dalle 11 alle 19, quando: 2 e 3 agosto Malles Venerdì lungo fino alle 22 con programma di contorno, quando: 27 giugno all’8 agosto, 22 e 29 agosto Silandro Venerdì lungo fino alle 22 con programma di contorno, quando: 11 luglio all’8 agosto e 22 agosto. Merano/Burgraviato Lana Giovedì lungo dalle 19 alle 23 con programma di contorno, quando: 26 giugno al 14 agosto Merano Martedì lungo dalle 20 alle 22 con programma di contorno, quando: 8 luglio al 19 agosto Naturno Mercoledì lungo fino alle 22 e “Notte delle luci”, quando: 9 al 30 luglio San Leonardo i.P. Venerdì lungo “Psairer Fraitige” dalle 20 alle 22 con programma di contorno, quando: 11 luglio al 15 agosto Scena Mercoledì lungo con programma di contorno fino alle 22, quando: 4 giugno al 3 settembre Tirolo Lunedì lungo fino alle 22 con programma di contorno, quando: 30 giugno al 1° settembre. Bolzano e circondario Appiano Mercoledì lungo fino alle 22 con programma di contorno, quando: 2 luglio al 3 settembre Bolzano Shopping serale fino alle 23 “Late night shopping”, quando: 4 luglio Caldaro Giovedì lungo fino alle 22 con programma di contorno, quando: 3 luglio al 28 agosto Castelrotto Martedì lungo “Notti delle streghe” dalle 20.30 alle 22.30 con programma di contorno, quando: 15 luglio al 26 agosto Laives Giovedì lungo fino alle 22 con programma di contorno, quando: 5 giugno, 3 luglio, 7 agosto e 4 settembre Laives/Pineta Giovedì lungo fino alle 22 con programma di contorno, quando: 10 luglio e 14 agosto Laives/San Giacomo Giovedì lungo fino alle 22 con programma di contorno, quando: 17 luglio e 21 agosto Nova Levante Mercoledì lungo “Notti di Laurino” (15ª edizione) dalle 19.30 alle 24 con programma di contorno, quando: 23 luglio, 6 e 20 agosto Nova Ponente “Serate d’estate” - giovedì lungo dalle 19.30 alle 24, quando: 31 luglio Ora Martedì lungo fino alle 23 con programma di contorno, quando: 8 luglio al 5 agosto Ortisei Mercoledì e venerdì lunghi dalle

21 alle 22.30; 1° e 29 agosto fino alle 24 con programma di contorno, quando: 16 luglio al 29 agosto Santa Cristina Martedì e giovedì lunghi fino alle 22.30, quando: 1° luglio al 2 settembre (martedì), 17 luglio al 28 agosto (giovedì) Sarentino Mercoledì lungo “Virwitz-Mitte” fino alle 22 con programma di contorno fino alle 23, quando: 23 luglio al 20 agosto (eccetto il 13 agosto) Selva Gardena Martedì e venerdì lunghi dalle 21 alle 22.30, quando: 21 luglio al 22 agosto Siusi Mercoledì lungo “Notti delle streghe” dalle 20.30 alle 22.30, quando: 16 luglio al 27 agosto Termeno “Vita in paese” con mercoledì lungo dalle 20 con programma di contorno, quando: 16 luglio al 3 settembre.

13

Val d’Isarco Chiusa Giovedì lungo fino alle 22 con programma di contorno, quando: 10 luglio al 21 agosto Laion Martedì lungo fino alle 22 con programma di contorno, quando: 12 agosto. Val Pusteria Anterselva di Mezzo Mercato serale di venerdì dalle 17.30 alle 22, quando: 4 e 18 luglio, 1° e 22 agosto Brunico “Sogno di una notte d’estate” fino alle 22.30 con programma di contorno, quando: 1°, 8, 14 e 22 agosto Campo Tures “La cucina in strada”, martedì lungo dalle 20 alle 22, quando: 8 luglio al 19 agosto Corvara Giovedì lungo dalle 17 alle 22, quando: 17 luglio al 28 agosto Dobbiaco “Dobbiaco sotto la tenda delle stelle”, mercoledì lungo fino alle 22.30 con programma di contorno e specialità culinarie, quando: 30 luglio, 13 e 27 agosto Luttago Shopping serale dalle 20.30 alle 22, quando: 25 luglio Marebbe Mercoledì lungo dalle 21 alle 22.30, quando: 23 luglio al 27 agosto San Candido “Gioie di paese”, giovedì lungo dalle 20.30 fino alle 22.30, quando: 10 luglio al 28 agosto San Cassiano (Badia) Shopping serale da lunedì a sabato dalle 21 alle 22, quando: 1° al 31 agosto Villabassa Venerdì lungo fino alle 22, “Cucina del paese” con specialità culinarie, quando: 25 luglio, 8 e 22 agosto.

ww

ale è a at tu L a lis t ibile su disp on z .i t /e v e n t i. ne -b .u w nio unionemagazine #7-8/14


Calendario

L’att delle uale calen man dario s i t r o i fe s t a z i o n v i a su -www - - - - - .unio ne event -bz.it/ i.

04.07.

L’Unione in provincia

• 50+: Visita all’Osservatorio di S. Valentino Campo/Collepietra

Ortisei ogni lunedì dalle 14.30 alle 17 presso il Municipio. Lana ogni giovedì dalle 11 alle 13, presso il Municipio, via Madonna del Suffragio 5. San Leonardo in Passiria ogni 2° e 4° mercoledì del mese dalle 8 alle 10 presso la Comunità comprensoriale Burgraviato, via Passiria 3. Chiusa ogni giovedì dalle 8.30 alle 12.30 presso il caffè Nussbaumer, Città Bassa 4, H 331 5714 456. Rio Pusteria ogni martedì dalle 8 alle 9.30 presso l’albergo “Zur Linde”. Malles ogni lunedì dalle 8 alle 10 presso il Municipio, via Stazione 19. Prato allo Stelvio ogni lunedì dalle 10.30 alle 12.30 presso la Cassa Rurale. Solda il 9 luglio, 13 agosto e 10 settembre dalle 10 alle 12 presso la Cassa Rurale.

07.07. • Giornata dei prestatori di servizi Bolzano, sede Centrale dell’Unione, ore 18.00 18.07. • Convincere all’interno del punto vendita – cosa conta veramente nel commercio Bolzano, TIS innovation park, ore 08.30 23.08. • 50+: Visita della Festa del centro storico, Bressanone 10 – 14.09.

14

Orario di ricevimento

• 50+: Viaggio culturale, Repubblica ceca, Praga e dintorni Consulenza sulle pensioni Merano il 2 e 9 luglio nonché il 3, 10 e 17 settembre dalle 8 alle 12 presso l’Unione. Vipiteno il 3 luglio nonché il 4 e 18 settembre dalle 8.30 alle 9.30 presso l’Unione. Bressanone il 3 e 10 luglio nonché il 4, l’11 e il 18 settembre dalle 14.30 alle 16.30 presso l’Unione. Brunico il 3 luglio nonché il 4 e 18 settembre dalle 11 alle 12.30 presso l’Unione. Silandro il 9 luglio nonché il 10 settembre dalle 14 alle 16 presso l’Unione. • Infopoint PensPlan nell’Unione (su appuntamento) Consulenza gratuita in tutta la provincia in materia di previdenza per dipendenti e autonomi. Fissate il vostro appuntamento presso l’ufficio dell’Unione più vicino a voi oppure chiamate il numero 0471 978 032. Consulenza legale (su appuntamento)

Elsa, l’Unione ti ringrazia! Elsa, un nome, una donna – ma chi ci si nasconde dietro? Elsa Oberhofer è, già da molti anni, una fedele collaboratrice dell’Unione di Bressanone. Il 22 settembre 1975 è la data che segna l’inizio della sua carriera nell’allora Associazione dei commercianti. Allora si trattava dell’unica collaboratrice del caposede Arthur Unteregger. Negli anni l’Unione è cresciuta molto. A Bressanone e Vipiteno lavorano ora circa 28 persone. Elsa Oberhofer è ancora oggi a Bressanone, dopo quasi 40 anni, il primo punto di riferimento per gli associati dell’Unione in materia di paghe. Recentemente è stata premiata per il suo lungo servizio presso l’Unione. La cerimonia è avvenuta nell’ambito della Camera di commercio di Bolzano e ha rallegrato sia lei che il caposede Michael Kerschbaumer (nella foto a des.). Insieme a quest’ultimo anche il presidente dell’Unione Walter Amort e il vicepresidente Dado Duzzi (nella foto a sin.) esprimono il proprio ringraziamento ad Elsa per la fedeltà all’Unione.

unionemagazine #7-8/14

Bolzano di lunedì dalle 11 alle 12.30, dal 14 luglio al 22 agosto dalle 11 alle 12, di mercoledì dalle 15 alle 16.30, dal 14 luglio al 22 agosto dalle 11 alle 12 presso l’Unione (T 0471 310 458). Merano il 1° e 3° lunedì del mese dalle 14.30 alle 15.30, dal 14 luglio al 22 agosto solo nei giorni lunedì 21 luglio, venerdì 1° agosto e lunedì 18 agosto dalle 12 alle 13 presso l’Unione (T 0473 272 511). Bressanone di martedì dalle 14 alle 15, dal 14 luglio al 22 agosto di lunedì dalle 9 alle 10 presso l’Unione (T 0472 271 411). Vipiteno Unione (T 0472 766 070). Silandro di giovedì alle 14, dal 14 luglio al 22 agosto alle 12 presso l’Unione (T 0473 730 397). Sicurezza sul lavoro, rifiuti e igiene degli alimentari (su appuntamento) Le consulenze si tengono in tutte le sedi mandamentali dell’Unione. Per fissare l’appuntamento individuale in base alle vostre esigenze chiamate la sede più vicina a voi. Consulenza in questioni condominiali (su appuntamento) Bolzano ogni 3° martedì del mese presso l’Unione (T 0471 310 505/508).


trend

Richiesti più investimenti nello spazio pubblico L’Associazione tedesca del commercio (HDE) esorta le città e i comuni a realizzare maggiori investimenti per rendere attraenti i centri storici. Il successo del commercio online contribuisce a ridurre la frequentazione dei negozi del centro. Le città e i comuni dovranno quindi rendere più attraenti i loro centri - precisa l’HDE. Un sondaggio dell’Istituto di ricerca commerciale IFH evidenzia che poco meno del 50 per cento degli operatori commerciali chiede maggiori investimenti nello spazio pubblico per mantenere o migliorare la capacità d’attrazione dei centri. Si tratta, in particolare, di rendere più attraenti le piazze, gli spazi verdi e gli edifici. Il commercio stesso investe ogni anno 50 milioni di euro in progetti di marketing urbano e contribuisce con due miliardi di euro alla conservazione del patrimonio edilizio. Sono inoltre di fondamentale importanza la pulizia e la sicurezza.

Commercio multichannel: nuovo profilo professionale Alla luce del numero crescente di commercianti multichannel, a partire dal 2015 sarà introdotto in Germania il nuovo profilo professionale di “Tecnico per la distribuzione nel commercio al dettaglio”. L’attenzione è focalizzata sulle competenze in materia di e-commerce in collegamento con il commercio in sede fissa. I futuri operatori commerciali impareranno a gestire i vari punti di convergenza nel commercio multichannel tra l’informatica, la logistica comprensiva dell’approvvigionamento, l’ambito commerciale e la gestione dell’assortimento.

15

Nuovo corso di formazione per l’e-commerce management In settembre sarà avviato il nuovo corso bisemestrale di e-commerce management presso l’Accademia per la pubblicità austriaca a Vienna. Il corso di formazione permette di acquisire il know how necessario per una gestione di successo di uno shop online. Vista la carenza di collaboratori competenti in questo settore si stanno cercando persone interessate al corso. Gli esperti di commercio online sono rari e pertanto sono molto richiesti dal mondo economico. Si cercano e-commerce manager che dispongano del know how tecnico richiesto e siano dotati di una particolare sensibilità per il marketing online e la clientela. Il corso, realizzato per la prima volta, si rivolge innanzitutto a chi lavora nel commercio o alle persone che vorrebbero riqualificarsi ed attivarsi nel settore commerciale. Nei due semestri si cureranno in particolare la creatività, la scelta e l’applicazione di diversi strumenti d’ausilio e l’acquisizione di informazioni sui processi logistici a supporto dell’e-commerce.

unionemagazine #7-8/14


mandamenti

Hanno gustato ottimi vini e gioito del riconoscimento: da sin. Pietro Perez, Anton Zublasing e i vincitori del concorso Sandro Pellegrini, Hannes Hafner e Norbert Dellantonio con i rispettivi collaboratori

sÌ AllA RIQUAlIFICAZIONe Vogliamo la valorizzazione dell’area della stazione autocorriere! 1. sÌ alla valorizzazione della stazione autocorriere. Auspichiamo e sosteniamo l’investimento per la riorganizzazione e la riqualificazione di questa parte della città, per mezzo di un buon mix urbanistico e nell’interesse pubblico, in una visione d’insieme con l’reale ferroviario e con il Comune quale regista della pianificazione.

2. sÌ al mantenimento del parco pubblico. Il Comune deve mantenere il parco pubblico nella sua forma attuale preservandone il patrimonio arboreo protetto. Il parco deve essere rinnovato per tornare un’area di relax. Non può diventare vittima della speculazione. No al verde di facciata!

3. sÌ all’equilibrio delle superfici commerciali. La nuovo superficie commerciale pianificata da un grande investitore internazionale avrebbe come risultato un più che raddoppiamento delle superfici commerciali attualmente esistenti nel centro storico di Bolzano. Secondo l’istituto di ricerca CIMA (aprile 2014) ciò avrebbe come conseguenza un eccesso di offerta insopportabile per il mercato, negozi vuoti e danni di enorme entità. Vogliamo un moderno sviluppo del commercio per mezzo di una nuova offerta che vada a completare l’esistente. Non vogliamo perdere il nostro commercio di vicinato.

4. sÌ a posti di lavoro sicuri e qualificati. In Italia, nei passati due anni, 36.000 negozi sono stati vittima della liberalizzazione del commercio e 90.000 lavoratori hanno perso il proprio impiego. Un posto di lavoro nella grande distribuzione fa perdere almeno due posti di lavoro qualificati.

5. sÌ al gettito fiscale nei bilanci locali. Le multinazionali versano le imposte nel paese in cui è più conveniente farlo. Nell’areale della stazione della autocorriere vogliamo soprattutto imprenditori che versino quanto dovuto qui in Provincia a vantaggio della nostra popolazione.

6. sÌ alla diffusione della proprietà. Il controllo di enormi superfici del commercio al dettaglio da parte di un unico proprietario condurrebbe ad un monopolio.

7. sÌ al nuovo centro congressi. È un‘infrastruttura di cui si sente molto la mancanza e che quindi deve trovare spazio nel progetto.

8. sÌ al city marketing e alla valorizzazione dei quartieri. Abbiamo bisogno di un city marketing efficiente e del convinto sostegno dei “centri commerciali naturali” già esistenti nei diversi quartieri, valorizzando anche le attività artigianali di servizio ai cittadini. per p. 2

16

Bolzano

Premiate le vetrine più belle Il tema assegnato è stato il vino. Tre commercianti bolzanini hanno di recente potuto godere di una visita guidata e di una degustazione presso la cantina Merano Burggräfler di Marlengo. Durante la Mostra vini di Bolzano di quest’anno Hannes Hafner (negozio di scarpe Change), Norbert Dellantonio (corniceria Ritz) e Sandro Pellegrini (panificio Lemayr) hanno dedicato le proprie vetrine al tema del vino. Nella nota cantina vinicola altoatesina i commercianti e i rispettivi collaboratori, il responsabile dell’Unione

per la città di Bolzano Pietro Perez e il presidente del Consorzio vini Alto Adige Anton Zublasing sono stati accolti dal presidente della cantina Kaspar Platzer. In occasione della Mostra vini di Bolzano i negozi partecipanti non hanno solo decorato le proprie vetrine secondo il tema del vino, ma anche organizzato degustazioni e offerto biglietti ingresso per le singole manifestazioni tenutesi nell’ambito della Mostra vini. Le migliori foto della premiazione su www.unione-bz.it/marketing-urbano.

sociali. L’areale della stazione delle autocor-

Bolzano

riere di Bolzano è una delle zone più qualificate e sensibili della città. Le parti sociali sostengono gli sforzi tesi alla sua riqualificazione e prendono attivamente parte alla discussione difendendo il principio di una valorizzazione dell’areale della stazione delle autocorriere a tutto vantaggio della popolazione. La loro posizione: sì alla riqualificazione dell’areale dell’autostazione, sì al mantenimento del parco pubblico, sì all’equilibrio nelle superfici commerciali. La posizione condivisa delle parti sociali in merito al futuro dell’areale della stazione delle autocorriere è stata riassunta e sintetizzata negli otto punti contenuti in un volantino. Obiettivo delle undici associazioni ed enti è sensibilizzare la popolazione e di contribuire a raggiungere una decisione che sia nell’interesse della città e dei suoi cittadini. I volantini saranno distribuiti nei negozi e nei bar della città.

I giovani mettono in mostra le proprie capacità

Premiate le migliori vetrine di corso Libertà. Applicare nella pratica quanto imparato in teoria e mettere alla prova le proprie conoscenze è quanto hanno potuto fare di recente gli studenti della prima e seconda classe della scuola provinciale professionale italiana per il commercio, turismo e servizi “Luigi Einaudi” di Bolzano. Nell’ambito dell’iniziativa per la valorizzazione dell’importante arteria cittadina i ragazzi hanno ricevuto l’incarico di adattare le vetrine alla stagione. A ricevere il riconoscimento e un piccolo premio sono stati i seguenti studenti: Kanval Shahzadi e Leila Malik che hanno allestito la vetrina del negozio “Non solo porcellana”, Federica Cari, Daniela Tataru, Nicol Zancanaro e Valentina Sivieri che hanno allestito quelle del negozio di articoli da ufficio “Stefani” e Aida Dizdari, Brigitte Schmid e Denise De Fazi che hanno decorato la vetrina della profumeria “Donatella”.

Bolzano

Stazione autocorriere: SÌ alla riqualificazione La posizione condivisa delle parti

unionemagazine #7-8/14

Gli studenti e i commercianti con i rappresentanti dell’associazione In Corso e dell’Unione


mandamenti ini mag le im dirizzo l e b ù in Le p i r n a t a a l l ’ 3 . 9H gio K a 9 l l m e d /1 bit.ly

Laives

Grazie dei vostri acquisti Grande successo per la prima giornata dei gerani. Anche in seguito all’apertura della circonvallazione in galleria, il commercio di Laives si trova in un periodo di grandi cambiamenti. In occasione della festa “JFK Spring Party“, tenutasi a metà dello scorso mese di maggio, il neoeletto Direttivo comunale dell’Unione ha organizzato una speciale iniziativa. Tutti i clienti che hanno effettuato i propri acquisti durante la giornata, hanno ricevuto in omaggio una piantina di gerani – un segno della primavera sbocciata e allo stesso momento un ringraziamento alla clientela che compie i propri acquisti in paese. La Giornata dei gerani si è svolta all’insegna del motto “Qualità della vita con la regionalità”. “L’iniziativa – spiega Pietro Perez, responsabile dell’Unione per la città di Laives – è stata un grande successo. In totale sono stati regalati oltre 1.000 gerani e 44 aziende hanno aderito al progetto.” L’iniziativa è stata organizzata in collaborazione con la Cassa Rurale della Bassa Atesina.

17

Marlengo

Dal progetto al prodotto Il gruppo degli operatori economici discute della centrale idrica.

La realizzazione della centrale idrica sulla condotta di ritorno della centrale elettrica di Marlengo è stata scelta come tema per la riunione degli operatori economici da Franz Inderst, fiduciario comunale dell’Unione nonché presidente del comitato economico, Roland Strimmer, fiduciario degli artigiani, e dal delegato comunale Felix Lanpacher. Alla discussione hanno partecipato attivamente più di trenta operatori. Nel corso di un sopralluogo Corrado Lucarelli e Walter Gostner dello Studio Patscheider e Partner hanno illustrato la localizzazione delle turbine previste, hanno spiegato il principio di produzione della corrente e hanno presentato i dati principali del progetto. “Ora si tratta di definire i tempi del progetto affinché la centrale possa essere messa in funzione entro il 2015. Entro tale termine il comune dovrà infatti allacciarsi alla rete elettrica per non perdere i contributi da Roma”, ha spiegato il sindaco Walter Mairhofer.

Brunico

Critiche per un’apertura sull’anello nord Gli stessi diritti per tutti. L’apertura di un discount alimentare nella zona produttiva presso l’anello nord di Brunico non ha alcun valido titolo giuridico. “Il commercio al dettaglio nelle zone produttive – con poche e regolamentate eccezioni – è fondamentalmente vietato, anche in questo caso, almeno fino al termine del procedimento in corso presso il Consiglio di Stato”, sottolineano il presidente dell’Unione Walter Amort e il presidente del Mandamento Philipp Moser. Il Comune di Brunico ha già avviato un procedimento contro la costruzione annunciando che farà ricorso a ogni mezzo giuridico per ottenere l’immediata chiusura dell’attività commerciale non autorizzata. Il titolare dell’attività avrebbe inoltre ricevuto parere negativo da parte del Comune e non disporrebbe per questo di alcuna licenza valida. “Gli stessi diritti – concludono Amort e Moser – devono valere per tutti.”

unionemagazine #7-8/14


categorie www.unione-bz.it/agenti

Agenti e rappresentanti di commercio

Il Direttivo FNAARC Bolzano: da sin. Adolfo Ziller, Mirko Gandolfi, Günther Grossmann, Bernadette Unterfrauner, Vito De Filippi e Maurizio Degasperi

Convenzioni per la categoria Assicurazioni e sconti tra le offerte disponibili. Per favorire i propri associati,

18

Agenti e rappresentanti di commercio

Nuove commissioni d’esame Tre consiglieri tra i membri giudicanti.

Sono state recentemente rinnovate le nomine per le commissioni d’esame di fine apprendistato per tecnico vendite e per l’abilitazione alla professione di agenti e rappresentanti di commercio organizzate dalla Scuola professionale provinciale per il commercio, il turismo e i servizi “Luigi Einaudi” a Bolzano. I consiglieri della FNAARC Bolzano Maurizio De Gasperi, Vito De Filippi e Adolfo Ziller sono stati designati quali nuovi membri nelle commissioni d’esame che sono chiamate a giudicare gli aspiranti agenti e rappresentanti di commercio a conclusione di un corso abilitante alla professione.

Impegno a favore dei giovani. “Siamo onorati – spiegano i consiglieri FNAARC designati – di mettere a disposizione il nostro tempo e la nostra esperienza professionale per giudicare il grado di formazione degli aspiranti agenti e rappresentanti di commercio. È un contributo importante che possiamo dare a chi si avvicina a questa professione fornendo non solo un giudizio alla preparazione dei ragazzi all’interno della funzione che siamo chiamati a ricoprire, ma portando a conoscenza delle nuove leve la nostra personale e longeva esperienza nei più variati settori commerciali e che va dalla conoscenza del territorio, anche estero, fino all’approccio con la clientela e alla contrattazione con le diverse aziende preponenti. Speriamo in questo modo – concludono De Gasperi, De Filippi e Ziller – di fornire una visione a 360° di questa poliedrica attività, che ha regalato a noi ‘veterani’ grandi soddisfazioni sia sul piano personale che professionale.”

lsala@unione-bz.it

Impianti di refrigerazione Ungerer, la migliore soluzione per il settore fresche leccornie. Col know-how più moderno, specializzati e affidabili.

I-39020 Parcines/Tel

unionemagazine #7-8/14

Tel. 0473 968311

www.ungerer.it

info@ungerer.it

l’Unione è costantemente alla ricerca di nuovi interessanti partner in grado di offrire esclusivi prodotti o servizi a condizioni vantaggiose. Anche per la categoria professionale degli agenti e rappresentanti di commercio sono state siglate quest’anno interessanti convenzioni che riguardano, tra l’altro, l’assicurazione sul ritiro patente, assicurazione infortuni e vita, la locazione di uffici e showroom così come interessanti sconti per l’acquisto di autovetture. Su www.unione-bz.it/convenzioni è possibile visualizzare l’elenco completo di tutti i vantaggi riservati agli associati. Il materiale informativo è reperibile anche presso la sede FNAARC a Bolzano.

lsala@unione-bz.it


ne: Unio nell’ ser, o t t a u Co n t z N e u h a ria, t e go Hein di ca 6, io r a t 0 segre 47 1 310 5 e-bz.it T0 union @ r e haus hneu

categorie www.unione-bz.it/servizi www.unione-bz.it/mediatori

Mediatori immobiliari Consulenti aziendali

Costituito un nuovo gruppo Lavoro in rete e cooperazione danno chiari vantaggi. La categoria dei consulenti aziendali ha recentemente costituito un nuovo gruppo organizzato in seno all’Unione. “Associarci – afferma la prima presidente Barbara Jäger – ha l’obiettivo di rafforzare la categoria professionale e valorizzare l’immagine dei consulenti aziendali altoatesini”. Tra le priorità anche un’efficace rappresentanza degli interessi di tutti gli associati nei confronti degli interlocutori nella società e nella pubblica amministrazione. Molti ambiti sotto lo stesso tetto I consulenti dei settori gestione aziendale e controlling, sviluppo umano e del personale, ricerche di mercato, gastronomia e alberghiero, spedizioni e trasporti, commercio all’ingrosso e al dettaglio ed edilizia si sono incontrati per un primo incontro presso la sede centrale dell’Unione a Bolzano per dare ufficialmente vita alla categoria professionale. Lavoro in rete e cooperazione, scambio interno di informazioni e conoscenze e una chiara definizione delle mansioni sono solo alcuni degli obiettivi che si è posta la nuova associazione dei consulenti aziendali. Per mezzo della prevista collaborazione ciascun consulente aziendale potrà lavorare nel proprio ambito di competenza ma offrire un nuovo valore aggiunto ai propri clienti. Di conseguenza è stato assicurato che siano presenti esperti in ciascuna area tematica.

Il Direttivo dei consulenti aziendali nell’Unione: da sin. il presidente dei prestatori di servizi Christoph Rainer, Barbara Jäger, Thomas Pohl, Maria Gufler, il vicepresidente Harald Stauder e Tullio Nicoli

Il settore richiede molta esperienza Assemblea generale con elezioni. “I mediatori immobiliari esperti, che conoscono il mercato e sanno analizzarlo, sono più richiesti che mai. L’Associazione provinciale dei mediatori immobiliari punta sulla continuità particolarmente in un periodo delicato come quello che stiamo attraversando”, ha affermato Karlheinz Ausserhofer, presidente dell’Associazione in occasione della recente Assemblea generale della categoria tenutasi a Bolzano. “La crisi che ha gravemente colpito il mercato italiano qui non è ancora arrivata. In provincia di Bolzano il mercato ha sempre seguito un percorso tutto suo”, aggiunge Ausserhofer. Tuttavia, le lunghe permanenze e verifiche cui sono soggetti gli immobili proposti sono ormai la regola. Di conseguenza per piazzare un immobile è necessario un tempo più lungo rispetto al passato. Nell’ambito dell’Assemblea generale sono anche avvenute le elezioni per rinnovare i vertici per i prossimi due anni: alla presidenza dell’Associazione provinciale dei mediatori è stato confermato Karlheinz Ausserhofer, il vicepresidente è il mediatore ortofrutticolo Hugo Kofler, il segretario è Herbert Arquin e il cassiere Thomas Agostini. Del Direttivo fanno quindi parte anche Alex Benedetti, Thomas Oberrauch, Andrè-Benedict Niederkofler, Alexandra Schenk e Sigmar Tschenett.

19

Volti soddisfatti: da sin. Karlheinz Ausserhofer, Thomas Agostini, Hugo Kofler, Alex Benedetti, Herbert Arquin, Alexandra Schenk, Thomas Oberrauch, Andrè-Benedict Niederkofler e Sigmar Tschenett

unionemagazine #7-8/14


categorie www.unione-bz.it/pasticceri www.unione-bz.it/50piu

Il programma 2014

50+ nell’Unione

Un inizio di stagione a tutto gusto Incontro di primavera nel Burgraviato. Una passeggiata alla scoperta della varietà della Cantina vinicola Merano Burggräfler è quanto si è recentemente concesso il gruppo 50+ nell’Unione. Durante la prima uscita della stagione i partecipanti hanno potuto apprendere tutte le informazioni circa la filosofia che anima la cantina, le varie strutture che la compongono e, naturalmente, la produzione dei rinomati vini locali. Il gruppo ha quindi proseguito verso il campo da Minigolf di Lana, dove è stato accolto. Dopo un avvincente e stimolante torneo, disputato in un clima ideale, i partecipanti si sono rilassati durante la cena conviviale a base di asparagi e condita da un buon bicchiere di vino. Le foto della prima gita del gruppo 50+ sono disponibili online.

20

Pasticceri

Pioggia di medaglie per gli apprendisti

Una nuova dimostrazione di capacità. Tre medaglie d’oro e due d’argento sono il bottino dei giovani altoatesini all’edizione 2014 del Concorso internazionale per gli apprendisti pasticceri tenutosi di recente presso la scuola professionale Gertrud Luckner di Friburgo. Per la dodicesima volta i migliori apprendisti pasticceri di Tirolo, Baviera e

unionemagazine #7-8/14

Alto Adige si sono incontrati per sottoporre al giudizio di una giuria specializzata tutta una serie di dolci prelibatezze. I pasticceri nell’Unione si congratulano per l’eccezionale risultato. “Ciò – commentano soddisfatti il presidente dei pasticceri Renzo Zanolini e il maestro pasticcere Michael Profanter, accompagnatore della delegazione altoatesina – non

Anche quest’anno il gruppo 50+ nell’Unione ha organizzato alcune istruttive e interessanti escursioni sia in Alto Adige che all’estero. Di seguito il programma completo aperto a tutti gli iscritti dell’associazione nonché ai relativi familiari e amici. • 4 luglio: visita all’osservatorio di S. Valentino in Campo/Collepietra • 23 agosto: visita della Festa del centro storico di Bressanone • Dal 10 al 14 settembre: viaggio culturale in Repubblica Ceca, Praga e dintorni • Ottobre: visita guidata del “Tesoro di Loreto” presso il Museo civico di Chiusa, al termine Törggelen conviviale

fa che dimostrare ancora una volta la qualità e le capacità delle nostre nuove generazioni”. Il docente Markus Prinoth (a des.) con nella foto da sin. Benjamin Sellemond della pasticceria Pupp di Bressanone, Florian Goller della pasticceria Gasser di Luson e Sandra Lösch della pasticceria Alexandra di Merano. Gli apprendisti hanno impressionato la giuria che ha premiato le rispettive creazioni con una medaglia d’oro ciascuno. Lisa Lemayr (2a da des.) della pasticceria Mein Beck di Andriano ha vinto una medaglia d’argento. Nel concorso generale, infine, Benjamin Sellemond si è piazzato al primo posto e Florian Goller al secondo. Tutti i pasticceri si trovano davanti all’esame finale presso la scuola professionale provinciale “Emma Hellenstainer” di Bressanone.

D mestie i più sul re di p ast su my jobmy iccere life.it


categorie www.unione-bz.it/gelatieri www.unione-bz.it/ottici

Munaretto mangia un gelato quasi tutti i giorni. I suoi gusti preferiti sono limone, fragola, cioccolato e vaniglia

Gelatieri

Il gelatiere più esperto d’Italia Qualità come obiettivo principale. Come pochi altri, Antonio Munaretto ha lasciato la sua impronta nel settore della gelateria. Per più di 40 anni è stato presidente dell’Associazione provinciale dei gelatieri. Si è impegnato soprattutto per il miglioramento della qualità del prodotto e per la formazione. Da poco esiste il corso di maestro gelatiere e gli standard di qualità delle gelaterie sono stati fissati per iscritto nell’Ordinamento provinciale dell’artigianato.

Antonio Munaretto ha sviluppato la sua passione per il mestiere di gelatiere in giovane età. Figlio di una famiglia di gelatieri provenienti dalla val di Cadore nel Bellunese, Munaretto si trasferì a Merano per necessità economiche. Prima, però, aveva trascorso l’infanzia in Germania, dove il nonno gli insegnò l’arte della produzione di gelato artigianale. “Erano tempi difficili, fare il gelato era un lavoro duro. Non avevamo corrente e dovevamo mescolare il gelato a mano in una grande marmitta. In cantina lavoravamo con i piedi in acqua”, racconta Munaretto. A trent’anni è tornato a Merano e, insieme alla moglie, ha gestito per 35 anni una gelateria a Tirolo, aprendo poi la gelateria Sabine nel cuore di Merano. Di qualche anno fa l’aggiunta di una jogurteria. A quasi 80 anni, Munaretto è il più vecchio gelatiere attivo in Italia. I mesi invernali Munaretto li trascorre prevalentemente all’estero. In Sudamerica, Vietnam e in Cambogia. In questi Paesi tiene seminari e insegna l’arte del gelatiere. “L’ultimo seminario l’ho tenuto in Cina con 70 alunni. La cosa più difficile all’estero è procurarsi gli ingredienti giusti che si trovano a fatica al mercato. Bisogna essere creativi e aver voglia di provare cose nuove”, dice. Per i suoi seminari non ha mai chiesto nulla. Nemmeno dal cuoco stellato Alfons Schubeck. Munaretto lo ha incontrato

in una trasmissione televisiva. Trasmettere le proprie conoscenze è la seconda passione di Munaretto: “Solo in Alto Adige ho insegnato a fare il gelato a più di 50 persone.” Soraya di Persia, Sebastian Vettel, Fidel e Raúl Castro. Tutti loro hanno potuto apprendere l’arte del gelatiere. Si può dire che il gelato di Munaretto è famoso. All’Avana ci sono tre gelaterie che portano il nome Sabine, a Tenerife Munaretto ne possiede una. Il gelatiere, noto per il suo umorismo, non ha ricette segrete. La cosa più importante - dice - è usare ingredienti buoni e freschi. “Nella nostra gelateria produciamo giornalmente fino a 500 kg di gelato e utilizziamo esclusivamente prodotti freschi di stagione. Con i prodotti pronti all’uso non si garantisce la qualità”, aggiunge Munaretto. Dalla qualità - dice - dipende il successo di una gelateria. Come gelatiere occorre essere soprattutto onesti. Questo gliel’ha insegnato suo nonno: “Se mi manca il limone non posso fare il gelato al limone. Se le fragole non sono rosse o abbastanza dolci non faccio il gelato alla fragola”. Come in tutti i mestieri anche nel mestiere del gelatiere ci vuole molta pazienza e costanza. “Se la stagione non è ottimale, non ne deve soffrire la qualità”, sottolinea il gelatiere.

21

Intervista: Martina Reinstadler

Ottici-optometristi

Creare una piattaforma di dialogo

Collaborare con i primari. La categoria professionale nell’Unione e i primari di oculistica intendono in futuro incontrarsi con regolarità per dialogare in merito ai temi di interesse comune. Ciò è quanto è stato deciso a Bolzano a inizio giugno in occasione di un colloquio con l’assessore provinciale alla sanità Martha Stocker. Durante tali incontri bisognerebbe in primo luogo trovare nuove strade per migliorare la collaborazione tra gli specialisti di oculistica e gli ottici. In questo modo sarebbe possibile aumentare l’efficienza delle prestazioni e delle competenze di entrambe le categorie a tutto vantaggio della cittadinanza. Nella foto la promotrice Martha Stocker con i rappresentanti degli ottici e dei primari di oculistica.

unionemagazine #7-8/14


formazione www.unione-bz.it/corsi 

In set

temb re la n u b fo r m a r o c h u r e d i o v a zione dell’U nione .

Usare la rete come un’efficace piattaforma di marketing e vendita

22

Grande successo per il seminario dell’Unione. Un’efficace marketing online può far crescere in maniera sensibile i ricavi di un’azienda. Chi, oggi, non è presente in rete, perde clienti, mentre una grande visibilità su motori di ricerca quali Google, garantisce ottime chance di successo. Questa è la conclusione alla quale sono giunti i dodici partecipanti di un seminario riproposto a metà maggio dall’Unione dietro grande richiesta. Gli entusiasti partecipanti, soprattutto imprenditori nel settore del marketing e della vendita nonché responsabili internet di piccole e medie imprese, hanno ricevuto dall’esperto Stefan Plaschke una panoramica completa del mondo dell’e-commerce. I temi centrali sono stati i modelli aziendali, la definizione di strategie, i diversi sistemi di vendita e le relative strategie di marketing per la commercializzazione online. Di chiarire le condizioni giuridiche nelle quali operare ha dato notizia l’avvocato Christoph Perathoner.

Corso avanzato il 15 settembre I trucchi e i suggerimenti per un efficace ingresso nel commercio elettronico sono al centro di un corso avanzato dedicato alla pratica dell’e-commerce che si terrà il 15 settembre, dalle 14.30 alle 18.00, presso la sede centrale dell’Unione a Bolzano. Assicuratevi fin d’ora un posto. Info e iscrizioni: Patrizia Anhof e Verena Kasal, T 0471 310 324/323, formazione@unione-bz.it. L’iscrizione può avvenire anche online.

Droghiere: consigliare meglio i clienti I vantaggi di una buona formazione. Chi lavora in una drogheria, profumeria, erboristeria o farmacia deve avere una formazione specifica. In Alto Adige la scuola professionale Johannes Gutenberg offre un corso triennale per droghieri. Contrariamente all’apprendistato tradizionale di commesso, il corso professionale offre una formazione specifica in materia di alimentazione, salute, cosmesi e chimica. “In fin dei conti a beneficiarne è il cliente”,

unionemagazine #7-8/14

L’e-commerce e il servizio di consulenza dell’Unione

L’e-commerce ha ormai preso piede come canale aggiuntivo di vendita rispetto al commercio tradizionale. Tale forma di distribuzione offre la possibilità anche alle piccole e medie imprese di fare il proprio ingresso con successo nel mercato globale. L’Unione aiuta e sostiene durante l’elaborazione di un nuovo progetto commerciale che integri il commercio tradizionale con quello online. In ciascun mandamento gli esperti dell’Unione sono a disposizione per rispondere a tutti i quesiti amministrativi, fiscali e giuridici. Inoltre, l’Unione ha siglato un accordo con noti esperti del settore. Sulla realizzazione di un negozio elettronico da parte dei partner dell’Unione gli associati potranno godere di uno sconto del 15 per cento. Per loro la prima consulenza è gratuita. Ulteriori informazioni su www.unione-bz.it/consulenza.

dice Birgit Gramm (nella foto), che lavora in una farmacia in val Sarentino e che ha concluso la formazione nel 2011. A esortarla a frequentare il corso era stato il suo datore di lavoro. “Oltre ad una buona formazione di base, ho acquisito conoscenze specifiche e grazie al sistema di formazione duale ho potuto mettere in pratica ed approfondire subito il sapere acquisito”, aggiunge Gramm con entusiasmo. Il corso viene tenuto a blocchi di cinque settimane a semestre. Per avere ancora più possibilità sul mercato del lavoro si può proseguire la formazione con il corso per diventare Maestro del commercio. Per ulteriori informazioni gli interessati possono rivolgersi a Gerlinde Ploner della Scuola professionale Gutenberg: T 0471 201 930, gerlinde.ploner2@schule.suedtirol.it. Per ulteriori dettagli sul mestiere di droghista consultare myjobmylife.it/droghiere.


aziende informano

Un nuovo canale TV per i turisti in Alto Adige Peer.tv conquista con la qualità. Il turista entra nella propria camera, accende il televisore e viene accolto da un programma TV che gli presenta la provincia e i suoi abitanti. Il canale finanziato privatamente “Peer.tv Südtirol” è a disposizione gratuitamente sul canale del digitale terrestre 603 e viene trasmesso in Bassa Atesina, Oltradige, Bolzano e dintorni, Merano e dintorni, val Passiria, valle Isarco, comprensorio dello Sciliar e val Gardena. Al di fuori di tali zone può invece essere ricevuto grazie a soluzioni basate su internet. I programmi in lingua tedesca vengono rinnovati quotidianamente e sono suddivisi in una striscia giornaliera di durata compresa tra 30 e 60 minuti. Dopo sette giorni viene in gran parte ripetuto. Ulteriori informazioni su www.peer.tv.

23 50 anni per la drogheria Staudacher L’Unione si congratula per l’importante anniversario. Il 14 febbraio 1964 è una data fondamentale per la storia dell’edificio al numero 21 della via Centrale di Brunico. Nello storico albergo “Kreuzwirt”, circa 50 anni fa, Antonia Staudacher aprì quella che sarebbe negli anni diventata la rinomata drogheria Staudacher. Già un anno e mezzo dopo ha assunto una commessa e preso la rappresentanza esclusiva di diversi marchi. Il negozio si è quindi sviluppato senza soste

e ha subito importanti ampliamenti tra il 1969 e il 1971. Dal 1991 l’azienda di famiglia è gestita dalla nipote Johanna Bergmeister e dal marito di quest’ultima Paul Casanova. L’Unione si congratula per l’anniversario d’oro. A sin. nella foto Johanna Bergmeister insieme alla fondatrice dell’azienda, nata nel 1921, e ad un cliente affezionato.

Lo speck Moser vince il Salumi & Consumi Award Migliore presentazione del prodotto negli scaffali self service. Lo speck Moser ha vinto il Salumi & Consumi Award per la migliore presentazione del prodotto negli scaffali self service. Il premio viene conferito annualmente da Tespi Mediagroup. Oggetto del concorso sono le migliori strategie di marketing e comunicazione nonché le migliori presentazioni di prodotti alimentari nel settore carni e salumi, formaggi e dolci/prodotti da forno. “Dopo due ori assegnati dall’ente di valutazione alimentare DLG siamo assai orgogliosi e felici di avere conquistato anche il Salumi & Consumi Award”, spiega l’imprenditore Andreas Moser di Naturno.

unionemagazine #7-8/14


consulenza legale www.unione-bz.it/legge

24

Overbooking, cancellazione o ritardo Quali diritti hanno i passeggeri? Il regolamento CE n. alternativo, in condizioni di trasporto comparabili. 261/2004 prevede una serie di diritti dei passeggeri aerei in caso Laddove, però, il numero dei volontari non sia sufficiente, ragion per cui la compagnia aerea deve negare l’imbarco ad alcuni pasdi negato imbarco, cancellazione o ritardo prolungato del volo. Tale regolamento si applica a tutti i voli (di linea e non di linea) seggeri senza il loro consenso, questi hanno i seguenti diritti: in partenza da un qualsiasi aeroporto dell’UE, oppure in par- - la scelta tra il rimborso del prezzo del biglietto o l’imbarco su un volo alternativo verso la destinazione finale non appena postenza da un aeroporto extracomunitario con destinazione un aeroporto situato sul territorio dell’UE, nel caso in cui la compa- sibile o ad una data successiva di loro gradimento, - una compensazione pecuniaria in relazione alla tratta aerea e gnia aerea che effettua il volo sia comunitaria. alla distanza in km, Per poter beneficiare dei diritti previsti dal regolamento CE, il passeggero chiaramente deve essere in possesso di un biglietto - assistenza da parte della compagnia aerea. valido e deve essersi presentato puntualmente al check-in per il volo in questione. Precisamente, la compensazione pecuniaria in questi casi è di 250 euro per i voli intracomunitari e internazionali inferiori o pari a 1.500 km, di 400 euro per i voli intracomunitari superiori Diritti in caso di negato imbarco per overbooking. Come noto, nella prassi capita spesso che le compagnie aeree accettino prenota- a 1.500 km e i voli internazionali tra 1.500 e 3.500 km, ed infine di 600 euro per i voli internazionali superiori a 3.500 km. zioni in numero maggiore rispetto ai posti in aereo. Ebbene, nel caso di eccesso di prenotazioni rispetto ai posti di- La compensazione pecuniaria può essere ridotta del 50 per censponibili, la compagnia aerea deve, innanzitutto, fare appello to qualora al passeggero venga offerto un volo alternativo con ai volontari, ossia trovare passeggeri che rinuncino volontaria- il quale possa raggiungere la destinazione finale con un ritardo mente all’imbarco in cambio di benefici da concordare. Oltre ai non superiore, sulla base delle succitate distanze chilometriche, benefici da concordare, i passeggeri disposti a rinunciare alla alle 2, 3 o 4 ore rispetto all’orario del volo originariamente prepropria prenotazione hanno diritto anche alla scelta tra il rim- notato. borso del prezzo del biglietto non usato o all’imbarco su un volo Per quanto riguarda l’assistenza, il passeggero ha diritto di ricevere gratuitamente pasti e bevande in relazione alla durata dell’attesa, eventuale adeguata sistemazione in albergo, se necessario, e relativo trasporto e due chiamate telefoniche o messaggi via telex, fax o e-mail.

unionemagazine #7-8/14


consulenza legale Cancellazione del volo. Anche in caso di cancellazione del volo il passeggero ha diritto alla scelta tra il rimborso del prezzo del biglietto o l’imbarco su un volo alternativo e all’assistenza sopra descritta. Se la cancellazione del volo non è causata da circostanze eccezionali, il passeggero ha anche diritto alla compensazione pecuniaria di cui sopra. La compensazione pecuniaria non è invece dovuta quando il passeggero sia stato avvisato della cancellazione con almeno due settimane di preavviso, o qualora, nonostante un preavviso inferiore, il volo alternativo eventualmente offerto non si discosti oltre determinati limiti dal volo originariamente prenotato.

tuazione del passeggero di un volo con ritardo prolungato è paragonabile a quella del passeggero del volo cancellato, il passeggero, in caso di ritardo del volo all’arrivo superiore alle 3 ore, potrebbe avere diritto anche alla sopra descritta compensazione pecuniaria. Appare infine opportuno ricordare anche che la compagnia aerea ha l’obbligo di informare il passeggero dei suoi diritti in caso di negato imbarco, cancellazione o ritardo prolungato del volo.

Avv. Sabine Mayr, consulenza legale, T 0471 310 559, smayr@unione-bz.it

25

sxc

Ritardo prolungato. Se il ritardo in partenza supera, sempre sulla base della distanza delle tratte aeree di cui sopra, rispettivamente le 2, 3 o 4 ore, il passeggero ha diritto all’assistenza. Nel caso in cui il volo subisca un ritardo in partenza di almeno 5 ore, il passeggero oltre al diritto all’assistenza ha diritto alla rinuncia del volo e a chiedere il rimborso del biglietto non usato. Perlopiù, alla luce di una sentenza della Corte di Giustizia europea (C-402/07 e C-432/07 del 19 novembre 2009), che afferma che la si-

la gestione Dei tuoi contratti Di locazione ti fa iMpazzire? rilassati – l’unione ha isura per te. creato un servizio su m

Rivolgetevi ai consulenti aziendali dell’Unione nella sede più vicina a voi e scoprite i dettagli del servizio offerto. Bolzano: consulenza@unione-bz.it, Merano: merano@unione-bz.it, Bressanone: bressanone@unione-bz.it, Brunico: brunico@unione-bz.it, Silandro: silandro@unione-bz.it, Vipiteno: vipiteno@unione-bz.it. www.unione-bz.it/consulenza unione commercio turismo servizi Alto Adige

unionemagazine #7-8/14


consulenza aziendale www.unione-bz.it/consulenza

26

Un solo indirizzo PEC per azienda L’indirizzo PEC può essere utilizzato unicamente da un singolo imprenditore o libero professionista. Se lo stesso indirizzo PEC viene utilizzato da più imprenditori, esso deve essere in qualche maniera modificato. La relativa comunicazione avviene tramite il Registro delle imprese. Quale termine valgono 3 mesi per le società e 45 giorni per le aziende individuali. Nel caso in cui la variazione non avvenga entro i termini, l’indirizzo PEC sarà cancellato dall’ente. L’infrazione sarà inoltre punita con una sanzione. Ulteriori informazioni sul tema e sul relativo servizio dell’Unione: Alessandra Mezzanato, T 0471 310 408, amezzanato@unione-bz.it.

unionemagazine #7-8/14

Cedolare secca Confermata l’aliquota del 10 per cento. Con la legge di conversione del “De-

creto Casa” è stata di recente confermata la riduzione della cedolare secca dal 15 al 10 per cento per i contratti di locazione a canone concordato stipulati in comuni ad alta densità abitativa. La medesima possibilità è ammessa anche per le locazioni stipulate nei comuni che, nei cinque anni precedenti all’entrata in vigore della legge di conversione del decreto casa, sono stati inclusi negli elenchi degli enti colpiti da eventi calamitosi. Cedolare secca al 10 per cento possibile anche in Alto Adige. Facendo un’analisi per gli immobili abitativi dati in locazione e siti in Alto Adige i proprietari possono quindi usufruire per il quadriennio 2014-2017 della cedolare secca al 10 per cento al ricorrere delle seguenti due condizioni: - deve trattarsi di un contratto di locazione a canone concordato. La legge sulla locazione ad uso abitativo prevede la possibilità per le parti di stipulare contratti di locazione definendo il valore del canone, la durata del contratto e altre condizioni contrattuali sulla base di quanto stabilito in appositi accordi definiti in sede locale fra le organizzazioni della proprietà edilizia e le organizzazioni dei conduttori maggiormente rappresentative, cosiddetti contratti a canone concordato, - l’immobile oggetto del contratto di locazione deve essere situato in un comune ad alta densità abitativa. Alla data del 4 giugno 2014 i Comuni altoatesini definiti ad alta densità abitativa sono: Bolzano, Laives, Appiano, Lana, Merano e Lagundo. La lista dei Comu-

ni ad alta densità abitativa dovrebbe essere aggiornata fra breve a livello nazionale dal CIPE (Comitato interministeriale per la programmazione economica). Ogni proprietario di un immobile abitativo dato in locazione e sito nel Comune di Bolzano, Laives, Appiano, Lana, Merano ovvero Lagundo potrà quindi valutare l’opportunità di convertire, dove possibile, i contratti in corso in contratti a canone concordato. Cedolare secca anche per cooperative edilizie ed enti senza scopo di lucro. Si comunica infine che la legge di conversione del decreto casa ha altresì confermato l’estensione della possibilità di optare per la cedolare secca anche per contratti di locazione abitativi stipulati con cooperative edilizie per la locazione o enti senza scopo di lucro, purché gli immobili siano locati a studenti ovvero messi a diposizione dei Comuni.

Valentina Maggio, capoarea consulenza aziendale, T 0471 310 420, vmaggio@unione-bz.it


sxc

la gestione Dei tuoi contratti Di locazione ti fa iMpazzire? rilassati – l’unione ha isura per te. creato un servizio su m

Rivolgetevi ai consulenti aziendali dell’Unione nella sede più vicina a voi e scoprite i dettagli del servizio offerto. Bolzano: consulenza@unione-bz.it, Merano: merano@unione-bz.it, Bressanone: bressanone@unione-bz.it, Brunico: brunico@unione-bz.it, Silandro: silandro@unione-bz.it, Vipiteno: vipiteno@unione-bz.it. www.unione-bz.it/consulenza unione commercio turismo servizi Alto Adige


info lavoro www.unione-bz.it/personale

Siglato l’accordo per i lavori estivi 28

Integrare la teoria con la pratica. Le aziende che applichino il contratto collettivo del settore commercio e servizi e siano associate all’Unione possono, anche per quest’estate, assumere giovani studenti con contratti a termine della durata minima di 6 e massima di 14 settimane. Ciò è quanto prevede l’accordo provinciale per i contratti estivi a termine recentemente firmato da Unione e sindacati. Grazie a tale accordo i giovani potranno completare le nozioni teoriche apprese a scuola con le esperienze pratiche sul posto di lavoro. I giovani saranno impiegati in settori attinenti alla rispettiva formazione scolastica. I contratti possono essere stipulati con studenti di tutte le scuole superiori e professionali, con quelli che frequentino corsi di formazione superiore ma anche con i giovani che abbiano già conseguito il diploma e che cominceranno un percorso di formazione superiore l’anno successivo. All’indirizzo www.unione-bz.it/lavoro l’Unione ha allestito una borsa lavoro e per apprendisti nella quale imprese e lavoratori possono inserire gratuitamente le proprie offerte o richieste di impiego.

Tirocinio formativo e di orientamento Introdotte due importanti novità. La Commissione provin-

ciale per l’impiego ha introdotto due importanti variazioni per i tirocinanti per l’anno 2014: anche le aziende (società o ditte individuali) che non occupano dipendenti possono assumere un tirocinante per l’anno 2014. La durata totale del tirocinio è stata elevata a 10 mesi. Anche se il tirocinante o la tirocinante ha già svolto tirocini estivi per una durata complessiva fino a sei mesi può ancora essere assunto/a come tirocinante in orientamento.

unionemagazine #7-8/14

Meno imposte su premi e straordinari Siglato un accordo con i sindacati.

L’Unione ha siglato un accordo con le locali rappresentanze sindacali secondo il quale, fin da subito, le aziende del settore alberghiero, di commercio e servizi e i liberi professionisti avranno nuovamente la possibilità di usufruire di alleggerimenti fiscali su alcune voci retributive relative alla produttività. Negli anni scorsi le aziende avevano ampiamente fatto uso di tale agevolazione fiscale, dato che permette di retribuire le prestazioni dei propri collaboratori con una maggiorazione dello stipendio netto. Secondo l’accordo siglato, il pagamento di straordinari e premi di produttività sarà soggetto a un’aliquota del 10 per cento invece del 23 per cento. Il massimale retributivo (per l’anno 2013) entro il quale è possibile godere dell’agevolazione fiscale è di 40.000 euro. La tassazione alternativa è applicabile solo su un massimo di 3.000 euro lordi di retribuzione legata alla produttività. L’accordo rimarrà in vigore fino a dicembre 2014.

apetrera@unione-bz.it


consulenza fiscale www.unione-bz.it/fiscale

La fatturazione elettronica nei rapporti con la Pubblica

30

Fisco e contabilità Il futuro è ricco di novità e cambiamenti Le nuove regole per i versamenti con il modello F24. Il de-

creto legge 24.04.2014, n. 66, cosiddetto “Decreto Renzi” prevede, a partire dal 1° ottobre 2014, importanti variazioni per i versamenti dei tributi, dei contributi previdenziali e dei premi assicurativi da parte di persone fisiche non titolari di partita Iva tramite mod. F24: - i pagamenti presso gli sportelli delle banche o delle poste restano ammessi soltanto nei casi in cui non vengano effettuate compensazioni con importi a credito e l’ammontare complessivo da pagare sia pari o inferiore a 1.000 euro, - i versamenti con utilizzo dei servizi online delle banche o delle poste rimarranno invece sempre utilizzabili ad eccezione del caso in cui, per effetto delle compensazioni effettuate, il saldo finale del mod. F24 sia uguale a zero. Si sottolinea che il decreto in oggetto potrebbe subire delle variazioni in sede di conversione. Le misure per sostenere la competitività del settore turistico. Il decreto legge 31.05.2014 n. 83 prevede un credito d’imposta in misura del 30 per cento per il periodo 2014-2017 sulle spese relative a: 1) lavori che portino a una maggiore digitalizzazione del settore. A titolo esemplificativo si menzionano le spese riguardo a impianti wi-fi, siti web ottimizzati per il sistema mobile, servizi di consulenza per la comunicazione e il marketing digitale ecc. Il credito d’imposta spetta fino all’importo massimo complessivo di 12.500 euro e verrà ripartito in tre quote annuali di pari importo, 2) i nterventi di ristrutturazione edilizia o interventi di eliminazione delle barriere architettoniche. Il bonus fiscale verrà concesso fino ad un massimo di 200.000 euro. Entrambe le agevolazioni spettano fino all’esaurimento di un plafond annuo previsto a livello nazionale. Si sottolinea che il decreto in oggetto potrebbe subire delle variazioni in sede di conversione.

unionemagazine #7-8/14

Amministrazione (PA). La legge finanziaria 2008 - ha stabilito il principio della fatturazione esclusivamente in via elettronica nei confronti della PA, - ha istituito il Sistema di Interscambio (SdI) come piattaforma per il transito delle fatture PA elettroniche, - ha demandato la regolamentazione delle modalità operative ad appositi decreti interministeriali, di cui per ultimo quello del 3 aprile 2013, n. 55. In base alle disposizioni di cui sopra, la fattura elettronica diventerà obbligatoria: - a partire dal 6 giugno 2014 solo per le operazioni con la Pubblica Amministrazione centrale (ministeri, agenzie fiscali, agenzie fiscali ed enti nazionali di previdenza ed assistenza sociale), - a partire dal 31 marzo 2015 per le operazioni con tutte le altre amministrazioni indicate nell’elenco Istat (vedasi Gazzetta Ufficiale – Serie Generale n. 229 del 30 settembre 2013). Per il corretto utilizzo della fatturazione elettronica nei rapporti tra PA e fornitori occorre rispettare una serie di regole di tipo meramente tecnico. La fase di emissione della fattura elettronica

In questa prima fase del ciclo di fatturazione elettronica il soggetto passivo - fornitore della PA deve porre attenzione soprattutto ai requisiti di forma e contenuto della fattura PA. a) Il contenuto: oltre ai dati richiesti dalla normativa fiscale (vedasi art. 21 e 21-bis del D.P.R. 633/1972) essa deve contenere una serie di informazioni ritenute necessarie per la sua corretta trasmissione, tra cui si menzionano a titolo esemplificativo i codici CIG (Codice Informativo di Gara) e CUP (Codice Unico di Progetto) e il Codice Univoco Ufficio della PA destinataria della fattura. b) La forma: I requisiti formali riguardo alla fattura PA sono molteplici, tra cui si menzionano a titolo esemplificativo il formato elettronico XML (eXtensible Markup Language) e l’apposizione della firma elettronica qualificata o digitale dal soggetto emittente nonché del riferimento temporale (data e ora). Le fasi successive del processo di fatturazione elettronica

Successivamente alla sua emissione la fattura elettronica dovrà essere trasmessa al cosiddetto Sistema di Interscambio (Sdi) e infine verrà archiviata sempre in formato elettronico. La trasmissione può essere effettuata direttamente dal fornitore o prestatore oppure da un intermediario autorizzato.


gior i M ag ni sulla io z a ica m in f or ele t t r on a r u n t u t fa e in onlin to utile. en m u c Do

Tra i possibili canali di trasmissione si segnalano solo le seguenti due, poiché ritenute di maggior rilievo: - PEC o analogo sistema di posta elettronica: utilizzando questo canale il soggetto passivo non dovrà preventivamente registrarsi al SdI, ma deve solo utilizzare un gestore di indirizzi PEC ammesso dall’Agenzia per l’Italia digitale, - WEB: utilizzando questa modalità di trasmissione il soggetto passivo – fornitore della PA dovrà accedere al sito www.fatturapa.gov.it e scegliere la funzione “Inviare la FatturaPA”. Inoltre dovrà essere dotato delle credenziali Entratel o Fisconline oppure disporre della Carta Nazionale dei Servizi (CNS) abilitata ai servizi Agenzia delle entrate.

consulenza fiscale

Moritz Schorn, consulenza fiscale e aziendale, T 0471 310 407, mschorn@unione-bz.it

31

www.unione-bz.it/ sicurezzasullavoro

L’accesso diretto ed esclusivo al suo servizio.

Fatevi furbi e incrementate la sicurezza e la tutela della salute nella vostra azienda. Ulteriori informazioni: Valerio Ursino, T 0471 310 504, vursino@unione-bz.it.

unione commercio turismo servizi Alto Adige

unionemagazine #7-8/14


MODULO

MODULO

MODULO

1/1 pagina ultima, 2a pagina 210 x 297 mm al vivo

1/1 pagina interna 210 x 297 mm al vivo

1/2 pagina verticale 86,25 x 252 mm

A

C

b

800 € 1.600 €

1.350 €

MODULO

MODULO

MODULO

1/2 pagina orizzontale 177 x 135 mm

1/3 pagina orizzontale 177 x 85,5 mm

1/4 pagina orizzontale 177 x 63 mm

d

e

f

800 €

550 €

MODULO

MODULO

1/4 pagina verticale 86,25 x 126 mm

piè di pagina orizzontale 177 x 27 mm

200 x 70 Px

260 €

300 €/mese

G

H

360 €

360 €

www.unione-bz.it Banner pubblicitario

Pubblicità di successo con il 30% di sconto! ione è dell’Un bz.it/ e in z a ioneIl mag w w.un e w : e n li in on magaz

Volete indirizzare il vostro annuncio pubblicitario in maniera mirata alle aziende del settore commercio, servizi e gastronomia? Sia come inserzione pubblicitaria che articolo redazionale oppure come banner pubblicitario: daremo ai vostri messaggi il posto che meritano all’interno di una rivista e di un sito moderni e ricchi di informazioni. Quale associato all’Unione vi sarà garantita una riduzione del 30% su tutti i prezzi sovrastanti. Informatevi anche sulle altre possibilità di risparmio: www.unione-bz.it/ pubblicita. Contatto: T 0471 310 308, pr@unione-bz.it

unione commercio turismo servizi Alto Adige


unione magazine 7-8/14: “Il cloud diventa mainstream”