Page 1

Poste Italiane SpA – Spedizione in a.p. – D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, CNS BOLZANO · Anno LXVI · 6/2018 · IR/IP · mensile

unione magazine

#6/18

Rivista dell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige unione-bz.it facebook.com/hds.unione

L’Unione ha un nuovo duo al vertice


, t i b i h x e d n a k r o net w et me Giornata dei prestatori di servizi il 6 giugno 2018

• location: sede centrale Unione a Bolzano, via di Mezzo ai Piani 5 • time: ore 18.00

unione commercio turismo servizi Alto Adige


editoriale

Il mio primo editoriale Innanzitutto vorrei approfittare anche di questo spazio per ringraziare i membri del direttivo dell’Unione per il grande consenso dimostrato in occasione della mia elezione quale presidente dell’Unione e per la fiducia accordatami. Ringrazio anche il mio predecessore, Walter Amort, che mi ha accompagnato e sostenuto.

copertina Unione, un nuovo vertice alla guida

4

attualità L’intervista con Dado Duzzi

9

Il lavoro fatto dall’Unione è stato davvero imponente, e molti traguardi sono stati raggiunti. Non abbiamo mai ottenuto tante concessioni politiche come negli ultimi cinque anni: dal finanziamento per il commercio di vicinato all’attuale legge sul commercio, dai provvedimenti in materia di urbanistica con i quali limitare il commercio al dettaglio nelle zone produttive, al sostegno politico per resistere e ostacolare le misure di liberalizzazione volute da Monti.

mandamenti Eletti i nuovi presidenti mandamentali

14

categorie Un ricordo di Renzo Zanolini

21

formazione Il For.te Point nell’Unione

29

le aziende informano Una storia di e su Alber Mode

31

consulenza legale Privacy, il nuovo sistema di gestione dati

32

info attualità Saldi estivi: tutte le date

35

Ma i traguardi non sono stati raggiunti solo in ambito politico. Sono stati infatti realizzati anche grandi progetti per rafforzare il nostro commercio locale e i nostri servizi, come i due progetti attualmente in corso, la monni card e la Geoanalisi. Il mio compito non è di rivoluzionare o stravolgere, ma mi è stata data la responsabilità di continuare a guidare l’Unione, una casa sana ed efficiente, con lo scopo di ampliarla e di darle nuovi stimoli. Tre punti mi stanno particolarmente a cuore (approfondimento alle pagg. 4, 5 e 6). Il primo punto riguarda lo sviluppo dei centri urbani. Il secondo è connesso al primo. Per sostenere i centri abitati servono anche mezzi finanziari. E il terzo punto riguarda la digitalizzazione. In quest’ambito la Geoanalisi ha già fatto un grande lavoro preliminare. Vorrei anche sottolineare un’altra cosa: siamo un’associazione di natura politica, rivolta alla politica economica. Facciamo lobbying per i nostri associati. Tuttavia non siamo un’associazione di partito – e manterremo questa linea anche in futuro. Cari associati dell’Unione: forse non farò sempre tutto nella maniera giusta, forse alcuni di voi potrebbero anche arrabbiarsi. Ma vi prometto però che darò sempre il meglio di me stesso.

Redazione, amministrazione e pubblicità: 39100 Bolzano, via di Mezzo ai Piani 5, T 0471 310 308/ 309, F 0471 310 396, pr@unione-bz.it, www.unione-bz.it Responsabile ai fini della legge sulla stampa E Direttore responsabile: Dott. Mauro Stoffella (capoarea comunicazione) Redazione: Dott. Sergio Colombi, Dott. Andreas Obexer, Martina Reinstadler, MA, Manuela Seebacher Concetto grafico: Gruppe Gut, www.gruppegut.it Copertina: Helmuth Rier Grafica: Stefano Hochkofler Fotografie: freeimages, gettyimages, istockphoto, Helmuth Rier, Shutterstock, sxc Tipografia: Athesia Stampe srl – via del Vigneto 7 – 39100 Bolzano Spedito il 28 maggio 2018 La redazione si riserva il diritto di non pubblicare annunci pubblicitari. L’opinione espressa da articolisti esterni alla redazione dell’unione magazine può discordare da quella della redazione. Editore: Unione commercio turismo servizi Alto Adige Cooperativa – Bolzano, spedizione in a.p. – 45% - art. 2, comma 20/b, legge 662/96, Filiale di Bolzano, registrazione Tribunale Bolzano n° 50/51 – Rep. 27256. Associato all’USPI Unione Stampa Periodica Italiana

Philipp Moser, presidente Unione

unionemagazine #6/18


copertina

4

L’Unione ha un nuovo duo al vertice Elezioni nell’Unione: il Consiglio direttivo elegge Philipp Moser quale nuovo presidente e Sandro Pellegrini quale nuovo vicepresidente

hdsmagazin #6/18 unionemagazine #6/18

Philipp Moser di Monguelfo e Sandro Pellegrini di Bolzano sono stati eletti l’8 maggio 2018 rispettivamente presidente (con il 94,28 per cento dei voti) e vicepresidente (98,57 per cento) dell’Unione. In occasione della seduta costitutiva, i 106 membri del Consiglio direttivo dell’Unione, il massimo organismo di rappresentanza dell’associazione, hanno eletto il nuovo presidente e vicepresidente per i prossimi cinque anni.

denti delle associazioni provinciali annesse all’Unione e delle categorie organizzate nonché da altri 40 membri eletti in occasione della parte interna dell’assemblea generale. Come previsto dallo statuto associativo, il vicepresidente deve essere del gruppo linguistico opposto a quello del presidente, con uno dei presidenti che, in ogni caso, deve provenire dal mandamento Bolzano e circondario.

Il Consiglio direttivo dell’Unione è composto da presidente e vicepresidente, dai presidenti e vicepresidenti delle associazioni mandamentali, dai presidenti e vicepresi-

Moser succede così a Walter Amort di Bressanone, che ha deciso di non ricandidarsi. Dal 1994 al 2018 Amort è stato membro del direttivo comunale dell’Unione di Bressa-


copertina

Da sin. Walter Amort, Philipp Moser, Sandro Pellegrini e Dado Duzzi

5 none e dal 1998 al 2018 presidente del mandamento val d’Isarco. Nella primavera del 2000 è stato quindi eletto alla presidenza dell’Unione. Sandro Pellegrini, invece, succede a Dado Duzzi di Bolzano, che ricopriva la carica di vicepresidente dell’Unione dal 2002 (vedi anche intervista a pag. 9). Duzzi rimarrà attivo in seno all’associazione come membro del direttivo comunale di Bolzano e del direttivo mandamentale di Bolzano e circondario.

Presentati i primi temi centrali

Il nuovo presidente e il nuovo vicepresidente, insieme al Consiglio direttivo, hanno ringraziato il presidente e il vicepresidente uscente per il loro lunghissimo e fruttuoso impegno. Negli anni passati il settore commercio e servizi ha raggiunto molti traguardi e dato altrettanti impulsi per il mantenimento della vitalità e dell’attrattività di città e paesi in Alto Adige. Nel suo discorso di insediamento Moser ha parlato soprattutto

di tre progetti che gli stanno particolarmente a cuore. Il primo punto è quello dello sviluppo dei centri urbani. “L’Unione si impegnerà per rafforzare la vitalità dei centri urbani e del commercio di vicinato.

continua a pagina 6

L’outlet batte la cultura Ogni anno in Europa i monumenti culturali e i siti storici attirano milioni di visitatori superando ogni altra attrazione turistica. Lo si potrebbe pensare. In realtà, secondo quanto riporta una delle principali riviste economiche tedesche esiste un luogo frequentato da un numero ben più elevato di persone. Qualcuno parla di pessimismo culturale, altri vi riconoscono semplicemente un (triste) segno dei nostri tempi: l’anno scorso circa 6,6 milioni di persone si sono riversate nelle stradine di un villaggio britannico creato artificialmente, il Bicester Village. Il centro outlet nelle vicinanze di Londra ha attirato più gente delle attrazioni turistiche storiche, ovvero il British Museum o la Tor-

re di Londra, ma anche più della torre Eiffel o di Pompei. Oggigiorno i centri commerciali in tutta Europa rientrano nelle “attrazioni” più visitate. Facciamo in modo che le città e i paesi altoatesini, che si sono sviluppati storicamente (e non artificialmente), continuino ad essere attraenti e vivi.

Mauro Stoffella, capoarea comunicazione mstoffella@unione-bz.it

unionemagazine #6/18


copertina

6

I temi da affrontare sono le frequenze, i visitatori, la forza d’acquisto locale, ma anche il piacere di vivere in un luogo, l’ampiezza dell’offerta di merci e servizi, gli eventi, la gestione dei negozi sfitti, le giuste condizioni politiche e l’attrattività dell’offerta per gli ospiti”, elenca Moser. Sono tutti obiettivi che, però, non riguardano solo le aziende commerciali e i prestatori di servizi nell’Unione, ma sono altrettanto importanti per bar e ristoranti, affittacamere privati, artigiani locali o piccoli alberghi e aziende turistiche che non possono offrire autonomamente servizi a 360°. In sostanza tutti i servizi dei quali c’è l’assoluta necessità al fine di rendere il centro urbano attrattivo sia per la vita dei residenti che per il soggiorno degli ospiti, ma anche, di conseguenza, per l’attività delle aziende che vi si vogliono insediare. L’Unione continuerà a essere l’associazione di riferimento per il commercio e i servizi, ma sarà anche riferimento per tutti coloro che vorranno sviluppare ulteriormente il proprio paese o città. Il secondo punto dipende dal primo. Per sostenere i centri urbani servono anche mezzi finanziari. “Grazie all’ottimo lavoro del nostro direttore Bernhard Hilpold e dei suoi predecessori, l’associazione ha basi assai solide”, riferisce il nuovo presidente. Fino a oggi l’associazione ha sempre offerto sostegno organizzativo, mai finanziario, un aspetto che Moser intende ora cambiare. Sarà infatti stabilito un budget annuale che un apposita commissione amministrerà con l’obiettivo di sostenere una percentuale del costo di progetti particolarmente interessanti. A questo proposito sarà stilato uno specifico regolamento. Il terzo punto riguarda la digitalizzazione. Anche in quest’ambito, soprattutto per mezzo della Geoanalisi, il lavoro fatto è stato molto. “Come associazione conosciamo le nostre aziende e, tramite i diversi servizi dell’Unione Cooperativa, ne conosciamo assai bene anche i numeri. Queste conoscenze, questi dati, saranno elaborati, resi anonimi

unionemagazine #6/18

Philipp Moser, nato nel 1971, è dal 2007 amministratore delegato del provider internet Limitis Srl di Monguelfo e Merano. L’azienda segue giornalmente oltre 5.000 aziende con servizi internet “made in Alto Adige”. Nell’Unione Moser è dal 2002 membro del direttivo comunale di Monguelfo, dal 2010 ricopre la carica di presidente mandamentale della val Pusteria e di membro della Giunta esecutiva. Dal 2014 al 2016 è stato presidente del Südtiroler Wirtschaftsring – Economia Alto Adige (swr–ea). Inoltre, dal 2013, quale rappresentante dei servizi alle aziende, fa parte del direttivo camerale nonché della giunta camerale della Camera di commercio di Bolzano.

Sandro Pellegrini, nato nel 1972, è socio e consigliere delegato della ditta Lemayr Srl di Bolzano. Oggi il panificio conta su circa 130 dipendenti e una dozzina di collaboratori esterni e amministra direttamente oltre 30 punti vendita in Alto Adige, Trentino, Veneto e Lombardia. Nell’Unione Pellegrini è stato presidente mandamentale di Bolzano e circondario e tutt’ora membro della Giunta esecutiva nonché vicepresidente dei panificatori nell’Unione. Oltre a questo, dal 2013, in rappresentanza dell’industria, è membro del direttivo camerale e della giunta camerale della Camera di commercio di Bolzano.

e messi a disposizione delle aziende associate quale benchmark”, spiega Moser, che fa un esempio pratico: “Prendiamo il commercio di calzature. Conosciamo i metri quadri dei singoli negozi, il loro fatturato, il costo degli affitti per metro quadrato, il costo del lavoro per i dipendenti, il valore aggiunto creato, gli investimenti pubblicitari e molto altro. In parole povere questi dati saranno rielaborati in maniera tale che il singolo commerciante di calzature potrà autonomamente confrontare i suoi dati aziendali con il benchmark del settore senza che sia possibile risalire alla singola azienda. Il commerciante di calzature può così rendersi conto di dove la sua attività risulta sotto la media”.

La prima uscita ufficiale di Moser e Pellegrini quali nuovi esponenti della presidenza è stata una settimana dopo, in occasione dell’assemblea generale dell’Unione. Ne riferiremo nel prossimo numero di unionemagazine.


unionemagazine #6/18

venzionati e gli uffici dell’Unione e dell’EbK. Il buono può anche essere scaricato da internet all’indirizzo unione-bz.it/ente-bilaterale. Ulteriori informazioni: T 0471 310 503, ebk@ebk.bz.it, ebk.bz.it. ebk.bz.it ASSiStenzA bAmbini eState: 18 giugno - 4 settembre 2018 inverno: 1° dicembre 2018 - 28 febbraio 2019

Assistenza bambini 65% di rimborso delle spese Uno degli obiettivi dell’EbK è favorire la conciliazione tra lavoro e famiglia. L’EbK sostiene i propri associati durante 2 periodi all’anno con il rimborso delle spese per l’assistenza bimbi, usufruito nelle strutture convenzionate. CHI? Tutte le ditte ed i dipendenti del settore commercio e servizi dell’Alto Adige, che sono in regola con la contribuzione “Ente bilaterale del terziario” e l’Ascom/ Covelco da almeno sei mesi. Sulla propria busta paga devono risultare le trattenute di questi contributi. QUANDO La copertura vale per 2 periodi all’anno. Si devono presentare 2 domande separate. Vale per bimbi fino a 13 anni e 364 giorni. ESTATE: 18 giugno - 4 settembre 2018 Se fa domanda prima del 18 giugno, il rimborso sarà calcolato dal 18 giugno al 4 settembre. Se fa domanda dopo il 18 giugno, il rimborso sarà calcolato dalla data della richiesta fino al 4 settembre (non è retroattivo). Quindi la richiesta deve pervenire all’EbK prima della frequenza del corso. INVERNO: 1° dicembre 2018 - 28 febbraio 2019 Se fa la domanda prima del 1° dicembre, il rimborso sarà calcolato dal 1° dicembre al 28 febbraio. Se fa domanda dopo il 1° dicembre, il rimborso sarà calcolato dalla data della richiesta fino al 28 febbraio (non è retroattivo). Quindi la richiesta deve pervenire all’EbK prima della frequenza del corso.

STRUTTURE CONVENZIONATE

Svolgimento: 1. PrimA lA richieStA

cento, che sarà concessa anche quest’anno nell’ambito di due distinti periodi: estate (dal 18 giugno al 4 settembre 2018) e inverno (dal 1° dicembre al 28 febbraio 2019). Tutti i dettagli sono indicati sul buono, allegato a questa edizione di unionemagazine, nonché disponibile presso tutti gli enti con-

Servono i seguenti documenti: • Il modulo compilato in tutte le sue parti (scaricabile anche dal sito ebk.bz.it) • 6 buste paga degli ultimi 6 mesi o meglio se datore di lavoro i modelli Uniemens (ex modello DM/10) degli ultimi 6 mesi. L’EbK esamina le richieste ed assegna un eventuale numero di autorizzazione. Senza il numero di autorizzazione non si ha diritto al rimborso.

2. Poi il rimborSo Servono i seguenti documenti, da spedire tramite posta: • le fatture/quietanze originali pagate – intestate al richiedente! • una conferma/attestato di frequenza emessa della struttura (p.es. la lista presenze) che contiene i seguenti dati: nome completo del bambino, periodo di frequenza, tariffa (oraria/settimanale) • copia del contratto con la struttura (vale per asili nido e Tagesmütter) Senza questi documenti il rimborso non verrà effettuato. Entro quando devo portare le fatture originali? Periodo “Estate”: entro il 30 novembre 2018 Periodo “Inverno”: entro il 30 aprile 2019 Oltre questa data non si accettano documenti. L’EbK esamina tutti i documenti. L’EbK rimborsa il 65% di max. 6 euro all’ora per gli asili nido, il 65% di max. 240 euro alla settimana per le iniziative estive (incluso IVA ed eventuali pasti), per iniziative svolte in Alto Adige.

KUBA Caldaro: T 0471 964 691 KVW Bildung: T 0471 309 175 Learning Center: T 0471 279 744 GWR Spondigna: T 0473 618 166 Tangram Merano: T 0473 210 430 Urania Merano: T 0473 210 715 VHS Volkshochschule: T 0471 061 444 VKE: T 0471 977 413 Xenia (Baby Puffo): T 0471 409 409

Die Kinderfreunde Südtirol: T 0474 410 402 Die Kinderwelt: T 0473 211 634 Fejdjux: H 338 1459 835 Fondazione UPAD: T 0471 505 324 Haus der Familie Ritten/Renon: T 0471 346 558 Jugenddienst Brunico: T 0474 410 242 JuMa Jugendzentrum Malles: H 327 8352 518 KFS: T 0471 974 778 KiBa Project: T 0471 1925 669 Kinder Babylon - Babel: T 0471 441 874 Montessori coop.: H 320 045 1513 Primi Passi: T 0471 1812 120 Popele: T 0473 492 171 ELKI: H 371 1663 433 Tagesmütter coop.: T 0471 982 821 Waldorf coop. Colle: H 333 7602 570

L’Unione invita tutti gli associati e gli interessati a partecipare a questo evento speciale presso la sede centrale dell’Unione a Bolzano, via di Mezzo ai Piani 5! ESTATE E INVERNO Akademia BZ: T 0471 982 535 Assistenza all’infanzia nel maso: T 0471 999 366 AZB Cooperform: T 0471 970 954 Babycoop: T 0471 409 406 Casa bimbo: T 0471 953 348 Coccinella: T 0471 401 110

Presso l’Istituto per la cultura dirigenziale in epoca digitale (ifidz.de), Francoforte sul Meno, Merke è responsabile del reparto Business Development e sostiene la direzione dell’istituto nelle questioni strategiche e organizzative. Dispone di una formazione quale business coach e consulente nel campo della gestione del cambiamento. Ha lavorato per oltre 15 anni presso l’Istituto F.A.Z. e la casa editrice F.A.Z. (entrambe aziende contatti e conoscere potenziali futuri collaboratori. Potranno esporre, presentare e tenere colloqui di lavoro. La Giornata sarà integrata e completata da una relazione d’impulsi da parte di Patrick Merke sul tema “L’analogico domina, il digitale decide – I risultati della Digital Leadership!” e da food, drinks & music.

ESTATE Abbazia di Novacella: T 0472 835 588 L’Orizzonte Oltrisarco - Aslago: T 0471 400 108 Alpha Beta Piccadilly: T 0473 210 650 Bildungshaus Schloss Goldrain: T 0473 742 433 Caritas Sommer Aktiv Merano: T 0473 270 654 Cedocs: T 0471 930 096 Il Melograno: T 0471 501 601 Jugenddienst Bolzano: T 0471 972 098 Jugenddienst Bozen Land: T 0471 324 753 Jugenddienst Oltradige: T 0471 674 512 Jugenddienst Merano: T 0473 237 783 Jugenddienst Venosta: T 0473 621236 Jugenddienst Bassa Atesina: T 0471 812 717

L’Ente bilaterale per il commercio (EbK) offre ai propri associati tutta una serie di servizi e prestazioni. Una delle prestazioni più importanti è il rimborso delle spese di assistenza ai bambini nella misura del 65 per

Rimborso per l’assistenza ai bambini

65% di riMborSo per gli aSSociati ebk

a er to e ins ne : r o i r Ulte a edizio t ’EbK ques ole dell . v e h o i ni g il pie e pr estaz l l u s

Il programma Come l’anno scorso, varie aziende presenteranno se stesse e i loro servizi. Torneranno a sfruttare la possibilità di stringere nuovi exhibit, network and meet. Dopo la particolarmente innovativa e promettente riproposizione dell’anno scorso, la giornata dei prestatori di servizi torna a presentarsi nel nuovo formato mercoledì, 6 giugno, a partire dalle ore 18.00, per la sua seconda edizione. Al centro dell’attenzione sono posti temi quali lo scambio reciproco, il pensiero in rete e molte altre serie di idee fresche e originali.

del gruppo F.A.Z.) ricoprendo diverse funzioni e incarichi nel contesto di progetti – da ultimo quale capoarea nel campo delle Risorse umane e responsabile del reparto Business Development per il ceto medio, le risorse umane e la produzione.

7

In occasione della Giornata dei prestatori di servizi, il relatore ospite Patrick Merke affronterà il tema “L’analogico domina, il digitale decide – I risultati della Digital Leadership!”.

6 giugno: Giornata dei prestatori di servizi attualità


MODULO

MODULO

MODULO

1/1 pagina ultima, 2a pagina 210 x 297 mm al vivo

1/1 pagina interna 210 x 297 mm al vivo

1/2 pagina verticale 86,25 x 252 mm

a

c

B

820 € 1.620 €

1.370 €

MODULO

MODULO

MODULO

1/2 pagina orizzontale 177 x 135 mm

1/3 pagina orizzontale 177 x 85,5 mm

1/4 pagina orizzontale 177 x 63 mm

820 €

570 €

380 €

MODULO

MODULO

1/4 pagina verticale 86,25 x 126 mm

piè di pagina orizzontale 177 x 27 mm

d

E

G

H

380 €

F

unione-bz.it

Banner pubblicitario 300 x 250 Px (rectangle) 300 €/mese

280 €

Pubblicità di successo con il 30% di sconto! nione e dell’U z.it/ in z a g Il ma n e -b e : un i o è onlin agazine m

Volete indirizzare il vostro annuncio pubblicitario in maniera mirata alle aziende del settore commercio, servizi e gastronomia? Sia come inserzione pubblicitaria che articolo redazionale oppure come banner pubblicitario: daremo ai vostri messaggi il posto che meritano all’interno di una rivista e di un sito moderni e ricchi di informazioni. Quale associato all’Unione vi sarà garantita una riduzione del 30% su tutti i prezzi sovrastanti. Informatevi anche sulle altre possibilità di risparmio: unione-bz.it/ pubblicita. Contatto: T 0471 310 308, pr@unione-bz.it

unione commercio turismo servizi Alto Adige


attualità “L’Unione è diventata una macchina efficiente e in grado di adempiere perfettamente ai compiti richiesti dal proprio ruolo di rappresentanza economica”

9

L’Unione è casa mia Dado Duzzi è stato vicepresidente dell’Unione dal 2002 al 2018. Lo scorso 8 maggio, infatti, sono stati eletti i nuovi vertici dell’Unione, rispettivamente Philipp Moser alla presidenza e Sandro Pellegrini alla vicepresidenza. Abbiamo intervistato Duzzi per ripercorrere insieme un lungo cammino di impegno e risultati. Signor Duzzi, come riassumerebbe il suo lungo rapporto con l’Unione? Con una sola parola: casa. Da sempre, infatti, ho considerato l’Unione come casa mia. E non solo perché mio padre è stato tra i suoi fondatori, insieme ad altri grandi imprenditori quali Schwienbacher, Gozzi, Weis, ma anche perché il mio rapporto con l’Unione non si limita ai 16 anni alla vicepresidenza, ma ai molti di più nei quali sono stato prima un semplice iscritto e poi un suo rappresentante a vari livelli. Ma è chiaro che l’Unione rimarrà casa mia anche in futuro. Ricopro ancora diversi incarichi a livello comunale e mandamentale e sarà un piacere continuare a impegnarmi in questi ambiti. Com’era l’Unione quando lei l’ha conosciuta? E come è cambiata negli anni? Devo ammettere che, tra la fine degli anni ’90 e i primi anni del Duemila l’Unione ha vissuto una fase difficile, di instabilità, caratterizzata anche da molti cambi al vertice. L’elezione di Walter Amort alla presidenza nel 2000, e la mia nomina due anni dopo, hanno invece aperto una fase all’insegna di una maggiore stabilità, durante la quale l’Unione ha lavorato molto per consolidare la struttura interna, puntando sulla crescita dei collaboratori e il conseguente miglioramento delle competenze e dei servizi offerti. Oggi non ho paura di affermare che l’Unione è diventata una macchina efficiente e in possesso di una “cassetta degli attrezzi” che le permette di adempiere perfettamente ai propri compiti.

Ci sono stati anche dei momenti difficili? Ovviamente, è naturale. Sarebbe stato impossibile non averne mai. Abbiamo vissuto diversi scontri, anche aspri, sia a livello interno che esterno, penso per esempio al confronto – direi anzi allo scontro – con la Provincia sul tema della grande distribuzione organizzata, un campo che ha visto molte battaglie, qualcuna persa, ma molte vinte, come del resto dimostrano i risultati raggiunti negli anni. Come giudica il cambio di vertice avvenuto di recente nell’Unione e come valuta i successori suoi e di Walter Amort? Sono molto contento della scelta; Philipp Moser e Sandro Pellegrini sono persone preparate e dotate di tutti gli strumenti necessari a svolgere benissimo il lavoro connesso alle rispettive posizioni. Del resto non stiamo parlando di sconosciuti, ma di persone attive nell’Unione già da anni, per esempio presiedendo categorie o mandamenti, e che quindi conoscono perfettamente l’associazione, il suo funzionamento, i suoi punti di forza e gli ambiti nei quali intervenire per migliorarla ulteriormente negli anni a venire.

Intervista: Sergio Colombi

unionemagazine #6/18


attualità

Anche Günther Sommia, amministratore dell’Unione, nella vita privata guida un’auto elettrica della quale è assolutamente soddisfatto

eTestDays: 10

noi viaggiamo con l’elettrico

Nuova iniziativa per le imprese altoatesine. La mobilità

elettrica fa parlare di sé perché i veicoli elettrici sono silenziosi, non producono emissioni a livello locale e sono molto potenti. Chiunque si sia mai seduto al volante di un veicolo elettrico sarà entusiasta dell’esperienza di guida. Tuttavia, le auto elettriche non si sono ancora completamente diffuse nella vita di tutti i giorni. La situazione è destinata a cambiare grazie alla campagna “eTestDays” che a luglio porterà la mobilità elettrica nelle aziende dell’Alto Adige e che rappresenta una buona occasione per convincersi dell’idoneità, dei vantaggi e del fascino di questa tecnologia per l’uso quotidiano. Possono partecipare tutte le aziende altoatesine che nel periodo dal 1° al 24 giugno manifestino il loro interesse alla campagna attraverso il sito www.greenmobility.bz.it. Tra le aziende interessate saranno poi selezionate quelle alle quali verrà messa a disposizione un’auto elettrica per un totale di quattro giorni nel periodo dal 19 luglio al 3 agosto 2018. La campagna vede la partecipazione di costruttori come Jaguar, Porsche, BMW o Volkswagen, con diversi modelli e tipi di veicoli (auto elettriche con batterie e ibridi plug-in). La partecipazione agli eTestDays è gratuita per le aziende; solo i costi dell’energia elettrica per i processi di ricarica nelle aree

private o aziendali sono a carico dell’azienda stessa. Chi desidera ricaricare il proprio veicolo presso una stazione di ricarica pubblica Alperia riceverà una tessera di ricarica Alperia gratuita per tutta la durata della campagna. La campagna eTestDays è stata lanciata dalla Provincia di Bolzano attraverso l’iniziativa Green Mobility e in collaborazione con Alperia. L’Unione sostiene la campagna. I veicoli elettrici, che si tratti di auto elettriche, biciclette e moto elettriche o veicoli commerciali elettrici, rappresentano una buona alternativa ai motori a combustione tradizionali, soprattutto per le imprese e le aziende. Quanti più chilometri si percorrono, tanto più interessante diventa acquistare un veicolo elettrico. In questo caso, i maggiori costi di acquisizione possono essere compensati dai minori costi per energia e manutenzione. E non da ultimo, un’azienda che guida elettricamente lavora anche sulla propria immagine. Poiché la mobilità elettrica non è solo innovativa, è anche l’inizio di una nuova era di mobilità.

Partecipa e sperimenta la mobilità elettrica • Le candidature sono aperte a tutte le aziende con sede in Alto Adige. • Termine per le candidature: dal 1° giugno al 24 giugno 2018, attraverso il sito www.greenmobility.bz.it (numero limitato di partecipanti). • L’azione di test gratuita per i partecipanti selezionati: tra il 19 luglio e il 3 agosto 2018. • Il luogo di consegna e la durata del test saranno comunicati in tempo utile alle imprese selezionate. I conducenti devono avere almeno 18 anni ed essere in possesso di una patente di guida. Tutte le informazioni: www.greenmobility.bz.it.

unionemagazine #6/18


attualità Cira 200 studenti delle superiori hanno preso parte all’evento inaugurale

Da sin. Edmund Irschara, vicedirettore del WFO Campo Tures, Philipp Moser, Andrea Del Frari, direttore dello Skirama Plan de Corones, Walter Markus Hilber, direttore del WFO Brunico, Barbara Jäger, presidente dei prestatori di servizi nell’Unione, Siegfried Schrott, direttore TFO Brunico, Christian Dapunt, direttore WFO Campo Tures

L’orientamento professionale diverso dal solito Buona affluenza all’evento inaugurale. Con l’obiettivo di trasmettere conoscenze sull’economia dell’Alto Adige, di incentivare il pensiero imprenditoriale e di motivare i giovani verso le professioni del settore commercio e servizi, l’Unione organizza anche quest’anno, per la seconda volta, le Giornate dell’orientamento in val Pusteria, che dovrebbero aiutare gli studenti delle scuole superiori a scegliere il mestiere più adatto a loro fornendo, allo stesso tempo, uno sguardo su diverse aziende del settore commercio e servizi.

“Nell’anno scolastico 2018/19 il progetto sarà articolato in diversi blocchi e gestito in collaborazione con gli esperti della ditta di consulenza Business Pool”, ha spiegato il presidente mandamentale dell’Unione Philipp Moser in occasione della manifestazione di apertura a Brunico. Oltre all’istituto tecnico economico (WFO) di Brunico e San Candido, al progetto partecipano anche la scuola superiore per la tecnologia (TFO) di Brunico e la scuola superiore di Campo Tures. Dopo la manifestazione di apertura con una relazione dedicata alla scelta della professione a cura di Andrea Del Frari, il progetto prevede ora un training delle candidature e un praticantato in una delle 17 aziende associate all’Unione. Una serie di informazioni per mezzo di contributi pratici, visite aziendali e workshop distribuiti su due giorni concluderanno quindi le Giornate dell’orientamento in val Pusteria.

La Provincia sostiene i formatori di apprendisti

11

Consulenza gratuita. A volte, nel rapporto con gli apprendisti, possono verificarsi situazioni nelle quali una semplice consulenza legale non sia sufficiente. Un caso pratico: il formatore aziendale è da qualche tempo occupato a formare un apprendista. Da un momento all’altro, però, il formatore nota dei cambiamenti nel giovane: la comunicazione peggiora, il rendimento e la motivazione calano, si verificano dei ritardi. Il formatore si trova quindi nella necessità di un aiuto specifico, per esempio confrontandosi con una persona estranea alla situazione per discutere dei provvedimenti da adottare per migliorare le cose. In queste situazioni l’Ufficio apprendistato e Maestro artigiano offre alle aziende formatrici una consulenza gratuita: T 0471 416 980, lehrlingswesen@provinz.bz.it.

r ta Offe enze nsul di co tuite gra

sseebacher@unione-bz.it

unionemagazine #6/18


attualità

4

1

12

Vivere le professioni

2

Le Giornate dietro le quinte entusiasmano i giovani. Uno sguar-

do reale e orientato alla pratica in numerosi mestieri del settore commercio e servizi è quanto hanno ricevuto i giovani partecipanti all’iniziativa delle Giornate dietro le quinte. Numerose aziende di tutto l’Alto Adige hanno aperto le proprie porte invitando i giovani a conoscerle meglio. I ragazzi hanno così potuto ricevere informazioni sulla quotidianità del mondo del lavoro e prendere parte attiva ai vari mestieri. Docenti, genitori e studenti sono stati concordi: “Le Giornate dietro le quinte sono un’iniziativa interessante ed estremamente utile per offrire ai giovani numerose impressioni dal mondo del lavoro”. Le Giornate dietro le quinte saranno organizzate anche il prossimo anno scolastico.

Aprite la vostra azienda ai giovani Numerose aziende associate all’Unione in tutto l’Alto Adige aprono le proprie porte ai giovani. Tutte le aziende aderenti sono elencate su myjobmylife.it. Ulteriori informazioni: Sarah Seebacher, T 0471 310 510, sseebacher@unione-bz.it. Su myjobmylife.it sono anche disponibili video delle professioni e un check degli interessi nonché tutte le necessarie informazioni per chi si appresta a terminare la scuola.

5 3

unionemagazine #6/18

1 Gli studenti del WFO hanno visitato la ditta Gramm a Bolzano 2 Grande divertimento per gli studenti in visita alla cooperativa di consumo di Lasa 3 Gli studenti hanno preso attivamente parte al lavoro presso la macelleria Siebenförcher di Merano 4 Presso il Kaufhaus Schäfer di San Candido è stata fatta conoscenza diretta con il mestiere di venditore 5 Uno sguardo dietro le quinte del concessionario Autohaus Hofer di Chiusa


Calendario

Orario di ricevimento

06.06.

L’Unione in provincia

• Giornata dei prestatori di pervizi Bolzano, sede centrale dell’Unione, ore 18.00

Ortisei ogni 2° e 4° lunedì del mese dalle 14.30 alle 15.30 presso il Municipio.

06.06. • Tavola rotonda dell’economia di Brunico Brunico, Raika Forum, ore 19.30

Lana ogni 2° e 4° giovedì del mese dalle 11 alle 13, presso il Municipio, via Madonna del Suffragio 5. San Leonardo in Passiria ogni 2° e 4° mercoledì del mese dalle 8

12.10. • Talento commerciale Alto Adige: finale Brunico, Centro di formazione professionale (Aula)

alle 10 presso la Comunità comprensoriale Burgraviato, via Passiria 3. Chiusa ogni giovedì dalle 8.30 alle 12.30 presso il caffè Nussbaumer, Città Bassa 4, H 331 5714 456.

13.10. • Gruppo 50+: gita d’autunno, Alto Adige

Rio Pusteria ogni martedì dalle 8 alle 9.30 presso l’albergo Zur Linde.

15. - 18.10.

Malles ogni lunedì dalle 8 alle 10 presso il Municipio,

• Fiera Hotel, Bolzano, Fiera, piazza Fiera 1

via Stazione 19. Prato allo Stelvio ogni lunedì dalle 10.30 alle 12.30 presso la Cassa Rurale.

13

Solda l’11 luglio dalle 10 alle 12 presso la Cassa Rurale.

L’att delle uale calen man dario s i t r o i fe s t a z i o n va s u ---i union- - - - - - - e-bz.i --t/even ti

Consulenza sulle pensioni Merano il 6, 13, 20 e 27 giugno nonché il 4 e 11 luglio dalle 8 alle 12 presso l’Unione. Vipiteno il 7 e 21 giugno nonché il 5 luglio dalle 8.30 alle 9.30 presso l’Unione. Bressanone il 7, 14, 21 e 28 giugno nonché il 5 e 12 luglio dalle 14.30 alle 16.30 presso l’Unione. Brunico il 7 e 21 giugno nonché il 5 luglio dalle 11 alle 12.30 presso l’Unione. Silandro il 13 e 27 giugno nonché l’11 luglio dalle 14 alle 16 presso l’Unione. • Infopoint PensPlan nell’Unione (su appuntamento) Consulenza gratuita in tutta la provincia in materia di previdenza per dipendenti e autonomi. Fissate il vostro appuntamento presso l’ufficio dell’Unione più vicino a voi oppure chiamate il numero 0471 978 032.

30%

di sconto per gli associati all’Unione per inserzioni pubblicitarie nell’unionemagazine

Consulenza legale (su appuntamento) Le consulenze si tengono in tutte le sedi mandamentali dell’Unione. Per fissare l’appuntamento individuale in base alle vostre esigenze: T 0471 310 561.

Sicurezza sul lavoro E ambiente (su appuntamento) Le consulenze si tengono in tutte le sedi mandamentali dell’Unione. Per fissare l’appuntamento individuale in base alle vostre esigenze: T 0471 310 519.

Per informazioni: T 0471 310 308, pr@unione-bz.it

unionemagazine #6/18


mandamenti

Alto Adige

14

4

Impegno a titolo onorario Uno sforzo collettivo per il bene comune. Nel corso dei mesi

1

passati, i vari organi onorari dell’Unione hanno sia discusso che programmato il futuro. Ora – nelle rispettive sedute costitutive – i direttivi mandamentali hanno anche eletto i propri presidenti. Ai nuovi team l’Unione augura di adempiere ai propri compiti con successo, impegno e buone idee.

2

I presidenti dei mandamenti 1 Val d’Isarco

5

• Presidente: Hartmut Überbacher (des. in foto) • Vicepresidente: Matthias Knollenberger 2 Bolzano e circondario

• Presidenti: Simone Buratti (in foto al centro) e Christian Giuliani (des.) • Vicepresidente: Markus Rabanser 3 Val Venosta

• Presidente: Dietmar Spechtenhauser • Vicepresidente: Doris Gstrein 4 Val Pusteria

• Presidente: Philipp Moser (des. in foto) • Vicepresidente: Klaus Neuhauser 5 Merano/Burgraviato

• Presidente: Johann Unterthurner (des. in foto) • Vicepresidente: Alberto Malinverno

unionemagazine #6/18

3


mandamenti

1 4

15

I nuovi direttivi mandamentali

5 3

2

1 Val d’Isarco 2 Bolzano e circondario 3 Val Venosta 4 Val Pusteria 5 Merano/Burgraviato

simi s i t n Ta ri! augu

unionemagazine #6/18


mandamenti

MeranO

Curare lo scambio di informazioni

16

Incontro con il sindaco Rösch. La reciproca conoscenza, lo scambio di informazioni e le proposte degli imprenditori sono stati i temi al centro di un recente incontro tra il neoeletto direttivo comunale dell’Unione per la città di Merano con il sindaco Paul Rösch (qui in foto). Il primo cittadino si è fin da subito mostrato assai aperto e predisposto al dialogo, ha fatto riferimento alle sue radici commerciali e ha assicurato che ritiene il benessere del commercio di grande importanza. Il neoeletto fiduciario comunale dell’Unione, Joachim Ellmenreich, ha ringraziato il sindaco per la sua disponibilità ad assicurare un intenso scambio di informazioni. Il fiduciario comunale ha quindi affrontato alcuni dei punti attualmente di maggiore interesse per i commercianti e i prestatori di servizi di Merano. I progetti a venire “La raggiungibilità della città non è più garantita. Prima che si prendano certe misure drastiche bisognerebbe creare le alternative – soprattutto il secondo lotto della circonvallazione a Nordovest incluso il relativo garage in caverna. Deviazioni, chiusure e nuovi flussi di traffico non fanno altro che creare code e rallentamenti. E a soffrirne di più sono i clienti locali”, afferma Ellmenreich. “Il nostro obiettivo non è stravolgere completamente il traffico”, ha rassicurato il sindaco. Ma il perdurante inquinamento atmosferico ha reso necessario ridurre il traffico in città a un livello più salutare. Presso la stazione ferroviaria è previsto un parcheggio di accoglienza per 180 auto e, in futuro, anche un garage interrato. In questo modo si intende far fronte ai pendolari che raggiungono

unionemagazine #6/18

Merano in auto per lavoro. Alla domanda se un simile parcheggio di accoglienza possa essere realizzato anche per coloro che arrivano dalla val Passiria, il sindaco ha ricordato che il terreno appartiene al Comune di Tirolo, e che non si trova quindi a disposizione. “Se tutto andrà bene, in autunno partirà la costruzione della circonvallazione Nordovest e, allo stesso tempo, quella della prevista funivia verso Scena con collegamento a Tirolo, che dovrebbero risolvere il problema delle lunghe code per i residenti e per i turisti”, ha auspicato il sindaco. Molte buone idee In riferimento al progetto della funivia per Scena/Tirolo, il direttivo comunale dell’Unione ha ricordato anche l’importanza di un collegamento tra la stazione a valle in via Galilei e la stazione ferroviaria di Merano. “Il collegamento col treno e gli autobus presso la stazione deve essere garantito”, ha sottolineato Ellmenreich. I commercianti meranesi, quindi, hanno espresso disagio per la mancanza di rastrelliere adatte alle bici nel centro storico. Si vedono spesso parcheggi selvaggi in ogni angolo della città, e ciò non rappresenta certo un buon biglietto da visita per una città di cura. Per quanto invece riguarda l’arredo urbano, l’intenzione è di collaborare concretamente con il Comune di Merano, con un adeguamento del regolamento introdotto cinque anni fa che appare ormai irrinunciabile. Saranno ora raccolte le opinioni dei commercianti di Merano con lo scopo di intavolare un dialogo con l’amministrazione comunale ed elaborare nuovi provvedimenti in materia.


mandamenti

Val Venosta

Gran finale tra vincitori e premi

17 Appiano

Distintivo d’onore a Werner Schmid

Nel centro di Lasa sono stati recentemente consegnati i premi del concorso Più vita per il mio paese. Vivi il tuo paese. Ai vincitori sono andati premi quali un giro panoramico in elicottero, un biglietto famiglia per i Giochi medievali, un tour guidato dell’Ortles, cinque carte regalo e 15 buoni omaggio del valore di 100 euro. L’Unione si congratula con i fortunati vincitori. In foto da sin. il caposede mandamentale dell’Unione Walter Holzeisen, l’assessore comunale Ralf Muther, i vincitori Inge Gamper di Coldrano, Priska Paulmichl di Malles, Heinrich Pinggera di Stelvio e il presidente mandamentale dell’Unione Dietmar Spechtenhauser.

Per il mantenimento del commercio al dettaglio nei centri urbani. A metà aprile, nell’ambito di una festosa cerimonia, è stato consegnato a Werner Schmid, per molti anni presidente mandamentale dell’Unione, il distintivo d’onore del Comune di Appiano. Come si legge nella motivazione, l’ex presidente mandamentale di Bolzano e circondario ha ottenuto il distintivo per i particolari meriti acquistati nel settore dell’economia e della cultura. Si legge inoltre che è stato promotore e forza trainante nell’organizzazione della mostra dei presepi, delle settimane del vino e della cultura e di altre manifestazioni che hanno contribuito ad animare e valorizzare S. Paolo e a far conoscere questo paese anche oltre i confini della regione. Per molti decenni Werner Schmid si è inoltre impegnato a mantenere il commercio al dettaglio nei centri abitati. A lui vanno i più sinceri auguri dell’Unione!

Brunico

Venditori al centro dell’attenzione Grande successo per Tipworld. Con ticolarmente apprezzato è stato il gelato della 240 espositori e circa 19.000 visitatori, per gelateria “Ice Marlù” di Brunico, distribuito quattro giornate di aprile la fiera campiona- gratuitamente ai visitatori della fiera. ria specializzata Tipworld ha rappresentato “Il mestiere di venditore è straordinariamenla vetrina dell’economia della val Pusteria, te vario e colorato. Si è sempre a contatto attirando migliaia di interessati dall’Alto con persone delle quali bisogna intuire e Adige e oltre. soddisfare desideri e richieste. Ecco perché Quest’anno, per la prima volta, è stata pre- non si smette mai di imparare e di evolvere sente anche l’Unione con uno stand condivi- professionalmente”, spiega la responsabile so con il Centro di formazione professionale dell’Unione per i progetti per i giovani Sarah di Brunico (BBZ). Presso lo stand collettivo Seebacher. tutto è stato dedicato al vasto mondo del commercio e del mestiere di venditore. Oltre a una consulenza cromatica e stilistica, lo stand ha ospitato anche dimostrazioni di deeo t/vid -bz.i sulla corazioni di vetrine, presentazioni di prodote n o uni deo al e i vi lato ti e degustazioni di specialità regionali. ParO n l i n n e d i ge u c o, uzio p ro d t o s a m b p a . s u g cana orn e popc

unionemagazine #6/18


sxc

La gestione aziendale passa per il

Business Plan unione-bz.it/consulenza

Con l’Unione la possibilità di redigere un piano personalizzato. Avete costituito da poco un’azienda? Avete bisogno di un business plan da presentare in banca o in Provincia per ottenere un sostegno finanziario o un contributo? O molto semplicemente volete redigere un piano economico finanziario per la vostra impresa? Non c’è problema! Ci pensiamo noi dell’Unione. Rivolgetevi al consulente aziendale dell’Unione di vostra fiducia presso l’ufficio mandamentale dell’Unione più vicino a voi. Per informazioni: T 0471 310 420, vmaggio@unione-bz.it.

unione commercio turismo servizi Alto Adige


categorie

Incontro alla fiera Prowinter: Vito De Filippi e Andrea Kubista

unione-bz.it/agenti

Agenti e rappresentanti di commercio Agenti e rappresentanti di commercio

Migliorare l’immagine della categoria Eletta la nuova presidenza. Nell’ambito della prima seduta del direttivo degli agenti e rappresentanti di commercio (FNAARC) Vito De Filippi è stato eletto quale nuovo presidente. Bernadette Unterfrauner è la nuova vicepresidente. Del direttivo fanno parte inoltre Maurizio Degasperi, Roberto Maffia ed Elena Montagnoli. Insieme al direttivo, il presidente De Filippi ha stabilito gli obiettivi della categoria professionale per i prossimi cinque anni. “Il tema centrale della nostra attività rimane la consulenza e la rappresentanza di interessi a favore dei nostri associati. Inoltre collaboreremo maggiormente con la FNAARC nazionale aumentando il nostro impegno in quella sede”, ha sottolineato il nuovo presidente. Un ulteriore obiettivo è migliorare l’immagine della categoria. Devono essere evidenziate la varietà e le possibilità della professione per indirizzare i giovani verso questo particolare settore economico.

cwalzl@unione-bz.it

Agenti e rappresentanti di commercio

Primo contatto e confronto con l’Austria De Filippi incontra la rappresentante del WKO. In occasione della fiera Prowinter di quest’anno si è tenuto un incontro tra il presidente degli agenti e rappresentanti di commercio (FNAARC) Vito De Filippi e la viceconsole commerciale d’Austria, Andrea Kubista. “La collaborazione e lo scambio con la Camera di commercio austriaca (WKO) fanno parte delle nostre attività istituzionali. Una volta all’anno, a Bolzano, organizziamo il Borsino degli agenti, che crea sinergie e avvicina domanda e offerta. Si tratta di una piattaforma di scambio alle quali partecipano in egual misura aziende austriache e agenti e rappresentanti di commercio altoatesini”, spiega De Filippi. Per l’Austria l’Italia è il secondo partner commerciale per importanza. Particolare attenzione è rivolta al mercato dell’Alto Adige, particolarmente affine anche sul piano culturale.

Nuovo contributo ENASARCO

19

Infortunio, malattia o ricovero. Il consiglio di amministrazione di ENASARCO ha recentemente deliberato l’ampliamento delle prestazioni integrative introducendo il riconoscimento di un nuovo contributo straordinario per infortunio, malattia o ricovero. Tale contributo, pari a 1.000 euro, verrà erogato nei casi di infortunio, malattia o ricovero, regolarmente certificati da strutture sanitarie, a cui segua una forzata sospensione dell’attività lavorativa per convalescenza di almeno 21 giorni consecutivi.

cwalzl@unione-bz.it

cwalzl@unione-bz.it

unionemagazine #6/18


categorie unione-bz.it/servizi unione-bz.it/bevande

Prestatori di servizi

Jäger presidente, Bonsignori vicepresidente

20

Elezioni e importanti stimoli. Da poco i prestatori di servizi nell’Unione hanno un nuovo gruppo di vertice. Del nuovo direttivo della categoria, che rimarrà in carica per i prossimi cinque anni, fanno parte i seguenti associati: Renato Bonsignori (consulenti economici), Barbara Jäger (consulenti aziendali), Arnold Malfertheiner (pubblicità e IT), Martin Pichler (agenzie viaggi), Hermann Gummerer (editori), Alexander Fill (prestatori di servizi IT e internet), Christoph Rainer (consulenza), Heiner Feuer (radio e TV), Mario Viganò (pubblicità) e Oskar Stricker (prestatori di servizi per eventi). In occasione della sua seduta costitutiva, il direttivo ha eletto Barbara Jäger 1 e Renato Bonsignori 2 rispettivamente alle cariche di presidente e vicepresidente.

Ritiro strategico per definire le priorità “Al centro dell’attività degli anni passati sono stati posti temi quali la digitalizzazione, la banda larga e le start-up”, ricorda la presidente dei prestatori di servizi Barbara Jäger. “Specialmente nel campo della rete ad alta velocità siamo stati in grado di dare importanti stimoli e di sensibilizzare i responsabili a livello provinciale e comunale. In un prossimo ritiro strategico saranno stabiliti i temi di intervento per gli anni a venire”. Da poco i prestatori di sevizi hanno anche un nuovo statuto, soprattutto con l’obiettivo di semplificare la struttura organizzativa, di coprire al meglio lo spettro dei prestatori di servizi in Alto Adige e di garantire processi decisionali più rapidi.

Grossisti di bevande

Christian Sartore è il nuovo presidente Le elezioni 2018. Nell’ambito della recente assemblea generale dell’associazione provinciale dei grossisti di bevande nell’Unione (SGR) Christian Sartore di Ortisei è stato eletto alla presidenza. Sartore succede così a Thomas Prünster, recentemente scomparso. L’assemblea generale, coordinata dal vicepresidente Peter Egarter, si è aperta con un minuto di silenzio per commemorare lo storico presidente seguito da un ricordo del suo prezioso lavoro e dei suoi meriti. L’associazione provinciale dei grossisti di bevande è stata fondata nel 2003. Dalla sua nascita l’associazione dei grossisti di bevande è diventata una delle maggiori reti di aziende del settore in Alto Adige. L’assemblea generale, tra le altre cose, ha visto l’ammissione del commerciante di bevande Girardi di Ora quale nuovo iscritto. In questo modo il numero degli associati è salito a 15. Le aziende associate, i produttori, commercianti e prestatori di servizi la considerano un partner competente, leale e affidabile. L’omogenea struttura aziendale dei soci, il grande impegno e l’orientamento strategico dell’attività sociale a tutto vantaggio dei clienti rafforzano la posizione sul mercato degli associati nonché la presenza di produttori e fornitori e dei rispettivi marchi e prodotti.

lsala@unione-bz.it

skuhn@unione-bz.it

1 2

Il team Presidente: Christian Sartore (Ortisei) Vicepresidente: Peter Egarter (Sesto) Direttivo: Peter Paul Schweitzer (Laces), Johann Moser (Sarentino)

unionemagazine #6/18


categorie unione-bz.it/pasticceri unione-bz.it/alimentari

Patrick, Devis e Gerry. Ogni giorno, di buon mattino, si recava in pasticceria per realizzare eccezionali prodotti sulla base di antiche ricette da lui stesso migliorate col tempo. E così ha fatto fino a pochi giorni prima della morte, avvenuta all’età di 75 anni, che lo ha separato dall’amata famiglia, dai molti amici e parenti.

Pasticceri

Una vita per il lavoro e la famiglia Un ricordo di Renzo Zanolini. Per lui lavoro e famiglia erano tanto importanti quanto il colore lilla per la moglie Elda, con la quale è stato sposato per oltre 50 anni e che gli ha dato cinque figli – Luca, Christian,

La lunga era targata Zanolini Due anni fa, insieme ad amici e partenti, Renzo Zanolini aveva festeggiato i 50 anni di attività. È infatti nel lontano 1966, al termine di un decennale tirocinio che l’aveva portato fino a Zurigo, che Zanolini inaugura l’omonima pasticceria, allora sita in viale Trieste a Bolzano. Dopo soli due anni, e con l’insostituibile collaborazione della moglie Elda, Zanolini trasferisce il laboratorio nell’attuale sede di via Dalmazia, dove apre anche un piccolo negozio per la vendita diretta dei prodotti. In breve tempo, grazie anche al ricco assortimento e alle importanti innovazioni, in primis la pasticceria mignon e i salatini, introdotte in città dallo stesso Renzo, la pasticceria Zanolini diventa un vero e proprio punto di riferimento per i bolzanini, e non solo. Nel giro di pochissimi anni il negozietto deve essere ampliato per ben due volte, raggiungendo le attuali dimensioni.

Con gli anni sono cresciute sia la famiglia che l’azienda: nel 1993 apre a Laives un caffè pasticceria gestito da Patrick, uno dei figli di Renzo. Nel 2004, poi, viene nuovamente rinnovato il negozio di Bolzano e lo storico reparto bomboniere lascia il posto a un nuovo accogliente angolo caffè gestito dal primogenito Luca. Da marzo ad ottobre poi c’è spazio anche per i gelati, la cui produzione spetta al figlio Devis. La pasticceria è rinomata per la ricca produzione che ha come elemento predominante la pasticceria fresca, la lavorazione della sfoglia e del lievito naturale, con il quale si producono i famosi panettoni, i pandori e le colombe pasquali.

21

L’impegno nell’Unione Per moltissimi anni Renzo Zanolini è stato la colonna portante dei pasticceri nell’Unione. Solo in occasione dell’ultima seduta del direttivo, infatti, aveva ceduto il timone a un collega più giovane, mantenendo però la vicepresidenza della categoria. In Renzo Zanolini l’Unione ricorda un grande maestro dell’arte dolciaria e storico presidente dell’Associazione pasticceri, inviando alla famiglia tutta la propria solidarietà e vicinanza in un momento di dolore. Nei loro cuori e nell’Unione Zanolini ha lasciato dietro di sé un grande vuoto. RIP

Settore alimentare

Obbligo di informazioni nella vendita online A cosa bisogna prestare attenzione? Molte aziende vendono alimentari tramite internet. Vengono offerti vino, formaggi, olio, alcolici, caffè, tè e prodotti da forno. Alcuni commercianti offrono un assortimento simile a quello di un negozio tradizionale. Bisogna prestare particolare attenzione all’invio di alimentari facenti parte della catena del freddo: in questo caso bisogna badare a non interrompere la refrigerazione durante lo

stoccaggio e l’invio. Se la catena del freddo viene interrotta, i prodotti possono danneggiarsi assai rapidamente. Tutte le informazioni a questo proposito, ma anche circa indicazioni obbligatorie, diritto di recesso e condizioni generali di contratto, sono disponibili online.

skuhn@unione-bz.it

unionemagazine #6/18


categorie unione-bz.it/pasticceri

Pasticceri

Torte, praline e molto altro della giuria sono state molteplici: oltre a una torta per un’occasione di festa, i partecipanti hanno dovuto produrre anche una torta per la vendita a fette, svariate figure di marzapane, diversi petitfours e un assortimento di praline. Tra i criteri di valutazione, oltre all’aspetto e al gusto, sono stati considerati anche la pulizia del lavoro, l’approccio agli ingredienti e il rispetto del tempo stabilito.

22 Raggianti per l’ottimo risultato: da sin. la direttrice Brigitte Gasser Da Rui, Silvia Perger, Artur Widmann, Sabine Berger, Markus Prinoth, Desiree Plaikner, Christian Pupp e Max Mantinger

Il Concorso professionale degli apprendisti. Si è tenuto di

recente alla scuola professionale “Emma Hellenstainer” di Bressanone il concorso internazionale per gli apprendisti nel settore della pasticceria. A confrontarsi con i giovani altoatesini sono stati questa volta gli apprendisti di Friburgo, in Germania. Le richieste

Eccezionali risultati Sabine Berger e Silvia Perger hanno conquistato l’oro per l’Alto Adige, mentre Desiree Plaikner e Max Mantinger hanno conquistato l’argento. Per la Germania si sono aggiudicati l’oro Annica Bergemann e Kira Covini; Karin Bleyer ed Elena Seger hanno vinto una medaglia d’argento.

L’Unione è soddisfattissima degli eccezionali risultati ottenuti e si congratula con i partecipanti – in special modo con i vincitori –, le loro aziende formatrici, gli accompagnatori e i docenti.

skuhn@unione-bz.it

CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BOLZANO IMPRESA CHE CONCILIA LAVORO E FAMIGLIA

unionemagazine #6/18

In einem wirtschaftlich-sozialen Rahmen, wo


categorie unione-bz.it/giovani unione-bz.it/panificatori

Panificatori

Giornata istruttiva In visita ad Amazon alla Lesaffre Giovani nell’Unione

23 Panificatori

Un interessante sguardo dietro le quinte. A metà dello scorso aprile un gruppo di 16 giovani imprenditori altoatesini si è recato in Emilia Romagna per visitare il centro logistico di Amazon. Con i suoi oltre 70.000 metri quadrati, pari a oltre 12 campi da calcio, il centro di smistamento è il cuore del sistema delle consegne di Amazon in Italia. Dall’arrivo della merce fino alla sua uscita, passando per accettazione, stoccaggio, lavorazione e confezionamento, i Giovani nell’Unione sono stati introdotti al mondo di Amazon, rimanendo colpiti soprattutto dal principio che lo regola: dopo il loro ricevimento, i prodotti sono immagazzinati nel luogo più vicino possibile, dal quale vengono poi recuperati con un sistema di codici a barre. Ciò genera un variopinto panorama di scaffali, che permette però all’azienda di risparmiare tempo nella ricerca del luogo di deposito grazie alla riduzione dei percorsi dei dipendenti e dello spreco di spazi in magazzino. Mentre in molti centri logistici in Europa sono usati robot, a Piacenza non sono impiegati per motivi di spazio. In magazzino lavorano tre categorie di collaboratori: stower, picker e packer, che, rispettivamente, depositano, recuperano e confezionano la merce. Ogni giorno il centro logistico di Castel San Giovanni invia in tutto il mondo diversi milioni di prodotti.

Viaggio di gruppo e visita aziendale. Si è rivelata molto istruttiva, ma anche divertente, la visita guidata che, a inizio aprile, i panificatori nell’Unione hanno effettuato a Parma presso Lesaffre, uno dei maggiori produttori di lieviti. Il viaggio studio è stato organizzato in collaborazione con i panificatori del Trentino. I partecipanti hanno potuto visitare il laboratorio di panificazione e assistere in prima persona agli effetti dei diversi tipi di lievito e paste madri sui vari prodotti. Hanno inoltre potuto dare uno sguardo alla produzione degli enzimi che hanno influsso sull’elasticità e la consistenza della pasta per il pane. Dopo la visita, i panificatori si sono rifocillati con un tipico pasto emiliano. Le migliori immagini in una galleria fotografica online.

La grande festa delle Regine La grande rassegna delle sovrane. Tutti gli anni, il 1° maggio, a Naz-Sciaves si tiene la Festa delle Regine, alla quale prendono parte numerose teste coronate che promuovono una lunga lista di prodotti tipici, dalla Regina delle mele alla Regina del papavero fino alla Regina delle cipolle. Tra esse anche la Regina del pane 2018/19, Astrid Trenkwalder (in foto a sin.). Sul “miglio reale” le sovrane hanno fornito informazioni sui rispettivi settori, hanno distribuito cartoline autografate e si sono prestate a numerose foto ricordo. Like us on facebook.com/ hds.unione.

skuhn@unione-bz.it

pblasbichler@unione-bz.it

unionemagazine #6/18


categorie

Giovani nell’Unione

#mybusiness and #myideas

unione-bz.it/alimentari  unione-bz.it/giovani

Settore alimentare

24

Stabiliti i limiti massimi Martina e Gregor Schweitzer Età: 35 e 37 anni Nome dell’impresa/settore: kOmMa5 | braccialetti & accessori

Un team di successo. Due giovani fratelli di Naturno sono riusciti a trasformare la loro passione in una professione. Il loro progetto d’impresa: disegnare e produrre a mano gioielli di bigiotteria. Orgogliosi del loro braccialetto “Ronja”, per il quale hanno ottenuto il German Design Award 2018.

Il nostro consiglio per neoimprenditori: essere convinti dell’idea e della via da percorrere, crederci e non lasciarsi influenzare troppo (soprattutto all’inizio) da chi è scettico. Il motto per chi vuole fondare un’impresa: iniziare è semplice, resistere è un’arte. Siamo soci dell’Unione perché vogliamo essere informati e abbiamo bisogno di interlocutori esperti per espandere la nostra impresa. Come ci è venuta la nostra idea commerciale: abbiamo trasformato la nostra passione in una professione! L’entusiasmo di Martina per la bigiotteria l’ha portata a disegnare e fare un braccialetto con un design protetto. Dopo aver fatto dei test sul mercato ci siamo resi conto del potenziale e ora stiamo sviluppando gradualmente la nostra impresa.

unionemagazine #6/18

Acrilammide negli alimentari. L’acrilammide si sviluppa quale prodotto secondario dell’arrostitura, brasatura, cottura a forno o frittura di chicchi di caffè, cereali o patate, ed è sospettato di essere cancerogeno. Con la direttiva 2017/2158 del 20 novembre 2017, la UE ha per la prima volta stabilito i valori massimi per determinati prodotti. La direttiva è entrata in vigore lo scorso 11 aprile, ma non sono ancora state definite le sanzioni. Le aziende alimentari devono tuttavia verificare l’efficacia dell’applicazione di quanto previsto per mezzo di regolari prove di laboratorio. Ulteriori informazioni online.


categorie unione-bz.it/alimentari

Settore alimentare

Etichettare nel modo giusto Nuove prescrizioni per le indicazioni obbligatorie. Dal 5 aprile 2018 è stato introdotto, per i generi alimentari, l’obbligo di indicazione dello stabilimento di produzione o, se diverso, di confezionamento. A prevederlo è il decreto legislativo n. 145 del 15 settembre 2017.

precedenti alla vendita al consumatore finale l’informazione può essere anche riportata sul documento di accompagnamento. Per il mancato rispetto della norma sono previste sanzioni particolarmente ingenti. La Commissione europea ha messo mano a questa legge e si suppone che non sopravviverà.

La “sede e lo stabilimento” devono essere riportati in etichetta, o se i prodotti sono destinati alle collettività, sui documenti commerciali. L’indicazione della “sede e dello stabilimento” può essere omessa se l’indicazione della località consente l’agevole e immediata identificazione dello stabilimento; se la sede dello stabilimento di produzione o, se diverso, di confezionamento, coincide con la sede già indicata in etichetta; se figura il marchio di identificazione (bollo CE); se il marchio contiene l’indicazione della sede dello stabilimento. La norma non si applica ai prodotti fabbricati negli altri Paesi UE, Turchia, EFTA e SEE. Si applica invece ai prodotti importati direttamente in Italia da Paesi che non appartengono agli accordi appena indicati. Nelle fasi

Ulteriori informazioni: Stefan Kuhn, segretario categoria, T 0471 310 507, skuhn@unione-bz.it

25

Energia verde per il futuro della tua impresa Grazie al nuovo accordo quadro tra Unione e Alperia sai di contare su offerte vantaggiose di energia e su un partner locale, che ti fornisce energia verde prodotta in Alto Adige con la forza dell’acqua. Contattaci! 800 110 055 service@alperiaenergy.eu

www.alperiaenergy.eu

Inserzione HDS Green Energy 177x135+3.indd 2

18/01/18 12:07

unionemagazine #6/18


categorie unione-bz.it/ambulanti

Ambulanti

26

Le concessioni al centro dell’attenzione Assemblea generale ed elezioni. Klaus Baur, Elisabeth Biendl, Oscar Chiericato, Roberta Dall’Ara, Roman Janes, Andreas Jobstreibizer, Anita Sozzi, Günther Tarneller e Davide Vallese sono i membri del nuovo direttivo dei commercianti ambulanti nell’Unione (FIVA) eletto lo scorso aprile in occasione dell’assemblea generale della categoria tenutasi a Bolzano. Il presidente, anche per i prossimi cinque anni, rimane Andreas Jobstreibizer, il vicepresidente è Davide Vallese (in foto da sin.). L’incertezza genera tensione “In seno alla categoria, l’incertezza relativa al rinnovo delle concessioni genera preoccupazione e tensione. Gli investimenti vengono pianificati con molta esitazione. Speriamo che la situazione migliori, perché la stagnazione che ne deriva danneggia l’intero settore”, afferma il presidente Jobstreibizer. Era previsto che il rinnovo delle attuali concessioni avvenisse nel corso del 2018. Attualmente il termine è stato nuovamente spostato al 31 dicembre 2020. “La proroga del termine è un aspetto organizzativo. Il vero problema è che gli attuali criteri per il rinnovo delle concessioni sono stati di fatto cancellati dalla legge nazionale di bilancio”, spiega Jobstreibizer.

Il principale relatore dell’assemblea generale è stato Armando Zelli, segretario generale della FIVA nazionale. Tra le iniziative per il 2018 c’è la stesura di una proposta di legge che dovrebbe rinnovare la regolamentazione del commercio su aree pubbliche. Pochi importanti aspetti dovrebbero rimanere ancorati a livello nazionale; la maggioranza delle regole e delle norme di attuazione dovrebbe invece essere trasferita alle Regioni.

cwalzl@unione-bz.it

Vantaggi riservati ai soci dell’Unione Numerosi risparmi vi attendono. Tutte le attuali convenzioni su unione-bz.it/convenzioni. Maggiori informazioni: T 0471 310 311, convenzioni@unione-bz.it.

unionemagazine #6/18


categorie unione-bz.it/benzinai

27 Distributori di carburante

Commissioni sulle carte di credito/debito Vanificato il credito d’imposta previsto dal Ministero. I gestori di distributori di

carburante hanno richiamato l’attenzione del Ministero dell’economia sul problema delle commissioni pretese dai circuiti Nexi e Bancomat sulle transazioni effettuate. La situazione e l’intervento del Ministero. Rispetto al prezzo al pubblico, il ricavo lordo dei gestori si aggira intorno al 2,5 per cento, ed è quindi difficoltoso, per la categoria, corrispondere le commissioni addebitate. Ad aggravare la situazione è la recente introduzione dello strumento del pagamento tracciabile (cioè con carte di credito/debito) per consentire agli utenti la detraibilità del carburante per uso aziendale. Proprio in virtù di questi oneri aggiuntivi il Ministero ha predisposto un credito di imposta per il 50 per cento delle commissioni corrisposte dai gestori degli impianti stradali sulle transazioni effettuate con carte di credito/debito, riconoscendo, indirettamente, l’insostenibilità del 100 per cento di un prelievo che è composto – per circa il 97 per cento – da accise, IVA e ricavo industriale lordo.

La reazione dei circuiti bancari. A fronte di tale decisione da parte governativa, però, in concomitanza con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del provvedimento di sgravio, i gestori hanno ricevuto una comunicazione di variazione unilaterale delle condizioni che, di fatto, ha quasi raddoppiato l’onere sulle singole transazioni. Un atteggiamento che, di fatto, ha annullato l’impegno del Governo e del Parlamento: raddoppiare le commissioni, infatti, equivale a un trasferimento alla pari del credito d’imposta già definito, al circuito bancario. Limiti alle commissioni come in Europa. La richiesta del settore, già presentata all’attenzione del viceministro, è di introdurre un limite invalicabile oltre il quale sia impraticabile ogni aumento, così come già definito in sede comunitaria: un ricavo lordo del gestore dell’impianto pari al 2,5 per cento del prezzo praticato al pubblico non può infatti consentire il pagamento di commissioni che vadano oltre lo 0,4-0,5 per cento, pena il fallimento dell’impresa. In altre parole, o si innalzano i ricavi dei gestori al 20 per cento o si mettono gli stessi nelle condizioni di pagare commissioni solo sulla quota di prezzo al pubblico rappresentata dal proprio margine pro-litro.

Presto un vertice con le banche. Sulla base delle richieste, le Federazioni nazionali dei gestori di impianti stradali hanno richiesto ai circuiti Nexi e Bancomat un urgente incontro nel corso del quale definire il contesto al cui interno possono essere mantenuti rapporti che non appaiano come “predatori” e frutto della vantaggiosa condizione di monopolio esercitata dai soggetti che intermediano il servizio. L’auspicio è anche che il Ministero promuova una riunione ad hoc e prenda le iniziative necessarie a ripristinare il credito d’imposta previsto da Governo e Parlamento e attualmente vanificato dalle iniziative unilaterali di Nexi e Bancomat. All’Autorità di garanzia AgCom si chiede infine di verificare la sussistenza degli elementi minimi di concorrenza in un settore nel quale una parte monopolista esercita una pressione tale da mettere fortemente in crisi la concorrenzialità di un intero comparto economico.

cwalzl@unione-bz.it

unionemagazine #6/18


formazione Quando ha senso una mediazione? La mediazione è uno strumento che si può impiegare ogni qualvolta sorga un conflitto e le parti vogliano giungere a una soluzione comune. Quali principi vanno rispettati? In via di principio nel primo incontro tra le parti coinvolte nella mediazione si stabiliscono i criteri del dialogo. Nella fattispecie, gli interessati si autoimpongono delle regole per trattare tra di loro. Che ruolo hanno la stima e l’attenzione nella comunicazione? Oltre al rispetto, nella comunicazione sono necessari la stima e l’attenzione per potersi capire.

28

Comunicazione consapevole e oggettiva Come la mediazione può essere utile alla vostra impresa. La mediazione è un ottimo strumento per dirimere o risolvere divergenze, controversie o conflitti. In un interessante corso proposto dall’Unione, Stefania Calabrò (in foto), avvocato e mediatrice, spiega come gestire in modo oggettivo le divergenze e insegna come comunicare in modo consapevole nelle situazioni di conflitto basando il dialogo sulla stima e sull’attenzione. L’abbiamo intervistata in vista del corso di formazione. Cosa significa mediazione? Mediare significa conciliare. La mediazione è uno strumento di elaborazione dei conflitti. È un processo volontario e confidenziale in cui il mediatore assiste le parti coinvolte nella risoluzione del conflitto senza schierarsi da una parte o dall’altra. Qual è l’obiettivo della mediazione? L’obiettivo della mediazione è giungere a una soluzione elaborando i motivi che hanno portato al conflitto. Ciò avviene attraverso domande mirate, ascolto attivo e altri metodi efficaci adottati dal mediatore. A seconda dell’entità della questione il processo di mediazione può essere gestito da uno o più mediatori nell’ambito di un’attività di co-mediazione. Chi necessita della mediazione e perché è importante nel mondo del lavoro? Chiunque, perché tutti prima o poi sono coinvolti in conflitti o divergenze. Le tecniche adottate nel processo di mediazione possono essere utilizzate anche in colloqui o divergenze con i collaboratori, in conflitti tra colleghi o in trattative, ovvero possono essere impiegate in molti modi diversi nel lavoro quotidiano.

unionemagazine #6/18

Quanto costa una mediazione? I costi di una mediazione dipendono da vari fattori di cui parlerò nel mio corso. Cosa si possono aspettare i corsisti e come è strutturato il suo corso? Nel mio corso porterò degli esempi concreti e proporrò dei giochi di ruolo per coinvolgere i corsisti nel processo di mediazione. Nel contempo spiegherò come è strutturata la procedura e mi soffermerò sui costi e sull’utilità della mediazione. Perché può essere utile frequentare il suo corso? In questo corso parlerò dei principi della mediazione, dei relativi vantaggi e spiegherò come introdurre gli elementi della mediazione nella realtà lavorativa di ogni giorno. Parlerò della lingua del cuore secondo Marshall Rosenberg e illustrerò come formulare al meglio i propri interessi e le proprie esigenze e come riconoscere quelle degli altri.

Intervista: Martina Reinstadler

Mediazione – Comunicare con obiettività e consapevolezza Il corso si svolgerà il 9 luglio in lingua italiana e il 7 dicembre in lingua tedesca, sempre nella sede centrale dell’Unione a Bolzano.


formazione unione-bz.it/corsi

della schiena anche al lavoro saranno presentati in un corso che si terrà il 29 agosto presso la sede bolzanina dell’Unione. Il relatore è il preparatore atletico Michele Cattani.

Appuntamenti importanti nel calendario dei corsi Il programma prevede i seguenti seminari

Corsi obbligatori

Conducenti di carrelli elevatori. Si terrà in due date, il 5 e 12 luglio, rispettivamente presso la ditta Unifix di Terlano e la sede centrale dell’Unione a Bolzano, un corso di formazione per mulettisti. Tra i temi proposti sono compresi le basi giuridiche della sicurezza sul lavoro e della tutela della salute, le prescrizioni riguardo gli strumenti di lavoro, le caratteristiche delle diverse tipologie di macchine e le indicazioni generali sull’uso delle macchine per trasporto di carichi sia all’aperto che all’interno.

29

Schiena sana: fare prevenzione sul posto di lavoro

La nostra schiena sopporta quotidianamente sforzi enormi. Ciò avviene particolarmente sul posto di lavoro, dove sedentarietà, errate posture e cattive abitudini rischiano di mettere a repentaglio il nostro benessere fisico. Tutti gli strumenti per mantenere la salute

Info e iscrizioni: T 0471 310 323/325, formazione@unione-bz.it, unione-bz.it/corsi.

Bando per la formazione Le domande entro il 16 luglio. For.te, il fondo nazionale per la formazione di lavoratori e aziende del settore terziario ha emanato un bando per dipendenti di diversi settori (“ASE” nella lista). Il termine per la presentazione delle domande è il 16 luglio 2018. Il bando 2/18 nonché i settori ammessi a parteciparvi sono disponibili su www.fondoforte.it.

Il For.te Point nell’Unione

L’Unione è specializzata nella progettazione e gestione di questo tipo di finanziamenti. Contattate il For.te Point nell’Unione, la responsabile, Patrizia Anhof, vi mostrerà le chance per la vostra azienda e svilupperà insieme a voi offerte formative su misura.

panhof@unione-bz.it

unionemagazine #6/18


UNABHÄNGIG ZWEISPRACHIG UNTERHALTSAM

INDIPENDENTE BILINGUE DIVERTENTE

KONTAKTIERE UNS - CONTATTACI sales@rosengarten-bm.com Tel. 0471 195 55 00


aziende informano

Uno sconosciuto alla porta Alber Mode, una storia di moda e artigianato italiano. È il 1979, siamo tra le vie e le case di Naturno e, precisamente, da Alber Mode, un negozio di abbigliamento nato dalle ceneri della bottega aperta da Franz Alber negli anni ’60, una vera istituzione in paese. Qui le persone trovavano ciò che serviva per cucinare, lavare, cucire, qui che si incontravano per chiacchierare e magari scoprire i segreti nascosti tra le vie e le case

di Naturno. Negli anni ’70 – e fino a oggi – Alber Mode divenne regno indiscusso di Waltraud, figlia di Franz e paladina della moda di alta qualità. In quel giorno del 1979 qualcuno bussa alla porta di Waltraud. È un giovane di 25 anni, sorridente ma timido, con una valigia stretta tra le mani. Si chiama Brunello, e non è certo della zona. Chissà come ha raggiunto Naturno, dalle lontane terre umbre dalle

quali arriva. Eppure è qui ora, con la sua valigia che, però, non contiene il classico bagaglio del viaggiatore, ma cinque preziosi maglioni di cachemire. Waltraud riconosce subito il pregio di quei capi di vestiario, e decide immediatamente di dare una chance al giovane di belle speranze. Sono passati quasi 40 anni da allora. Waltraud è ancora a Naturno, nel suo regno di moda e bellezza in via Stazione 22. Brunello è diventato Brunello Cucinelli, uno dei leader mondiali della moda Made in Italy e quotato anche in Borsa. Dalla fiducia e dal fiuto di Waltraud, sua prima cliente, da una valigia portata dall’Umbria all’Alto Adige, è iniziata questa grande storia di moda e artigianato italiano. Proprio qui, proprio quel giorno, tra vie e le case di Naturno. Info: www.alber-mode.com

, gerazione i r f e r n i Esper ti ar redo! e e n o i z a climatizz FRIGOTECNICA - CONDIZIONAMENTO - ARREDAMENTI Assistenza tecnica entro 4 ore anche il fine settimana

39012 Merano Tel. +39 0473 236 195 www.zorzi.oskar.it e-mail: info@zorzi.oskar.it

31

dal 3 3 9 1

La soluzione ai vostri problemi frigotecnici! Kundendienst

innerhalb 4 Stunden auch am Wochenende unionemagazine #6/18


consulenza legale unione-bz.it/legge

Privacy – come mettersi in regola 32

Importanti adempimenti. Il nuovo sistema di gestione dei dati personali previsto dal Regolamento europeo 679, entrato in vigore il 25 maggio 2018, è basato sul bilanciamento del rischio inerente il trattamento dei dati con l’applicazione di contromisure efficaci. Il non rispetto degli adempimenti comporterà sanzioni. È importante attivarsi. L’Unione è al vostro fianco. 1. Individuare i rischi

Prendete in considerazione l’eventualità di effettuare una seria analisi dei rischi con sistemi di misurazione oggettiva che includano i sistemi informatici, la componente umana e ambientale. 2. Prevedere contromisure

Per i sistemi informatici vanno considerati dei sistemi di protezione adeguati delle informazioni: password complesse e univoche affiancate a sistemi che obblighino al cambio con cadenza frequente. Meglio essere sempre consapevoli di dove vengono archiviate le informazioni o i backup. Se ci si affida a un cloud è preferibile che i server siano nel territorio europeo e che possano fornire chiare indicazioni sulle misure di sicurezza previste. Utilizzare sistemi di protezione aggiornati come antivirus e firewall; se vengono utilizzate reti private con accesso da remoto meglio poter inibire l’accesso in caso di bisogno. Per la componente umana: effettuare formazione precisa e mirata. Per la componente ambientale: realizzare un ambiente che tenga conto della sicurezza dei dati personali che vi possono transitare, evitare di esporre dati personali in luoghi di accesso pubblico; assicurarsi che gli archivi e server siano in luoghi freschi e sicuri.

licenziamento nonché la gestione delle buste paga, il sito internet, le attività di marketing, la produzione di newsletter, l’utilizzo di applicativi per dispositivi mobili, ecc. sono tutte attività interessate dalle normative relative al trattamento dei dati personali. 5. Definire il Registro dei trattamenti

Il Registro dei trattamenti raccoglie le informazioni relative ai trattamenti di dati personali in azienda, definisce i ruoli e l’organizzazione interna alla struttura, indica l’organigramma nel trattamento di dati personali definendo per quali esiste una responsabilità diretta nel trattamento – ovvero laddove si configura la titolarità del trattamento – e quelli per cui invece si opera in aderenza alle direttive di un soggetto altro – ovvero si configura un ruolo di responsabilità esterna nel trattamento di dati personali. Pur non essendo obbligatorio per tutte le organizzazioni è consigliabile predisporlo. 6. Verifiche periodiche

Il corretto processo di gestione dei dati personali è un’attività costante nel tempo ed è pertanto opportuno pianificare delle attività mirate a accrescere il livello di sicurezza, verificare la corretta applicazione delle direttive stabilite e rivalutare l’esposizione al rischio.

legge@unione-bz.it

3. Chiarire i rapporti

Chiunque abbia accesso alle informazioni deve sapere esattamente cosa farne; è necessario definire con un atto giuridico le responsabilità di ciascuno e prevedere corrette modalità di controllo; assicurarsi di aver definito le procedure per la cancellazione dei dati al momento dell’interruzione della collaborazione. 4. Controllare e rispettare

I sistemi di videosorveglianza, l’utilizzo di piattaforme per la geolocalizzazione satellitare, la gestione del personale dall’assunzione al

unionemagazine #6/18

Contattateci, l’Unione è a vostra disposizione

Per aiutare i propri associati a gestire questa complessa materia, l’Unione ha una partnership con la società Reggiani Consulting srl di Bolzano, specializzata in ambito privacy e trattamento dati dal 2007. Contatto per prenotare un primo colloquio gratuito e/o una consulenza a tariffa agevolata: legge@unione-bz.it.


consulenza aziendale unione-bz.it/consulenza

Investimenti aziendali Le domande di accesso agli aiuti per gli investimenti aziendali da parte delle piccole aziende possono essere presentate entro il 30 giugno 2018. Chi riceve quanto per cosa Il finanziamento è concesso esclusivamente alle piccole e microimprese altoatesine fino a 49 collaboratori nei settori commercio, industria, artigianato e servizi. Il contributo prevede una concessione del 20 per cento per gli investimenti in beni mobili finalizzati alla realizzazione di una nuova sede produttiva, all’ampliamento di una sede produttiva già esistente, alla diversificazione della produzione di una sede produttiva per mezzo di nuovi prodotti aggiuntivi oppure a una profonda modifica dell’intero processo produttivo di una sede già esistente. Nel 2018 saranno finanziati gli investimenti in arredamenti, hardware, software funzionale agli investimenti realizzati, macchinari e impianti, veicoli professionali, veicoli speciali, apparecchiature e veicoli per trasporto di persone, che si tratti di agenti o rappresentanti di commercio o di aziende di taxi o di noleggio veicoli. Vengono anche finanziati i veicoli per il trasporto di merci da parte di aziende del commercio su aree pubbliche. Sono ammessi gli investimenti tra 20.000 e 500.000 euro. La richiesta deve essere presentata prima dell’inizio dell’investimento. Le richieste vengono valutate con l’assegnazione di un punteggio. Per il 2018 sono stati elaborati nuovi criteri di valutazione.

Le aziende ricevono punti supplementari se investono in beni tecnologici o nella digitalizzazione o se, negli anni passati, sono state ammesse a un finanziamento per progetti di ricerca o sviluppo. Punti supplementari per le aziende commerciali Sono previsti punti supplementari anche per l’utilizzo di cubature esistente, per l’esercizio di commercio al dettaglio nei quartieri o nelle zone periferiche che non comprendano centri storici o urbani con più di 10.000 abitanti oppure per le aziende commerciali classificate come commercio di vicinato.

Sono inoltre previsti punti supplementari per gli investimenti nelle zone strutturalmente svantaggiate, per cooperazioni, per partecipazione a fiere ammesse, per l’utilizzo di “Export coaches”, per investimenti in aree con elevato tasso di disoccupazione, per aziende femminili, per l’ottenimento di specifiche certificazioni o qualificazioni, per contratti di apprendistato in essere o per l’annessione dell’attività di una nuova azienda. Dopo lo scadere del termine di presentazione sarà stilata una classifica sulla base dei punti assegnati, con un’assegnazione di un milione di euro per le aziende del commercio e dei servizi. Saranno quindi versati i finanziamenti fino all’esaurimento del fondo stanziato.

33 Benchmarking nel settore dell’abbigliamento Evento informativo il 6 giugno a Bolzano. L’Unione è da tempo impegnata a favore del settore abbigliamento, sviluppando una vasta competenza circa dati e grandezze specifiche dei negozi di questo comparto economico. Nel corso dell’evento Benchmarking nel settore dell’abbligliamento, che si terrà il 6 giugno, alle ore 19.00, presso la sede centrale dell’Unione a Bolzano, sarà data una panoramica delle attuali misure di grandezza nel settore dell’abbigliamento e forniti dettagli sull’attività e sui vantaggi di un’analisi aziendale. Gli imprenditori del settore dell’abbigliamento avranno la possibilità di comparare i dati con quelli della propria azienda. La partecipazione all’evento è gratuita; è richiesta l’iscrizione entro giovedì, 31 maggio: pblasbichler@unione-bz.it.

Franz Josef Dorfmann, consulenza aziendale, T 0471 310 424, fdorfmann@unione-bz.it

unionemagazine #6/18


info lavoro unione-bz.it/sindacale  unione-bz.it/lavoro unione-bz.it/panificatori

INFO

Pagamento delle retribuzioni 34

Vietato l’uso del denaro contante. A partire dal 1° luglio 2018, i datori di lavoro o committenti sono tenuti a corrispondere le retribuzioni o i compensi ai lavoratori mediante bonifico bancario (sul c/c identificato dall’IBAN del lavoratore); strumenti di pagamento elettronico; pagamenti in contanti presso lo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente di tesoreria con mandato di pagamento; assegno consegnato direttamente al lavoratore o ad un suo delegato in caso di impedimento. Il delegato può essere il coniuge, il convivente o un familiare, in linea retta o collaterale del lavoratore, di età non inferiore a 16 anni.

I datori di lavoro e committenti, pertanto, non possono più corrispondere la retribuzione ai lavoratori per mezzo di denaro contante, indipendentemente dalla tipologia di rapporto di lavoro instaurato tra le parti. Rientrano nel campo di applicazione della presente novità tutti i rapporti di lavoro di cui all’articolo 2094 c.c., indipendentemente dalle modalità di svolgimento e dalla durata del rapporto, nonché tutti i rapporti originati da contratti di collaborazione coordinata e continuativa e i contratti stipulati dalle cooperative con i propri soci. Inoltre, è previsto che la firma del lavoratore apposta sulla busta paga non costituisce prova dell’avvenuto pagamento della retribuzione. Sono esclusi dalla presente disposizione i rapporti di lavoro costituiti con le pubbliche amministrazioni e i rapporti di lavoro domestico, costituiti in forza al relativo CCNL stipulato dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. Ai datori di lavoro che violano l’obbligo in parola si applica una sanzione amministrativa da 1.000 a 5.000 euro, si ritiene con riferimento a ogni lavoratore.

Josef Kaser, capoarea amministrazione del personale, T 0471 310 450, jkaser@unione-bz.it

unionemagazine #6/18

B Indice Istat dei prezzi al consumo necessario per l’aggiornamento del canone di locazione della legge 392/78. - La variazione nazionale marzo 2017 – 2018 è pari a più 0,7% (75% = +0,525). - La variazione a Bolzano marzo 2017 – 2018 è pari a più 1,6% (75% = +1,2).

B L’indice di rivalutazione del trattamento di fine rapporto maturato in marzo è 0,820104.

Panificatori: online le nuov retributive e tabelle A partire dal 1° maggio 20 18 va lgono le nuove norme per il conteggi o delle retribuzioni nel se ttore della prod uzione e distribuzione di pane. Le nuove tabelle retributive sono disponibili onlin e tra i Downloads.


info attualità unione-bz.it/gestione-rifiuti unione-bz.it/legge unione-bz.it/contributi

pass Arriva il Tele europeo!

Il 6 luglio via ai saldi estivi Partito il conto alla rovescia per la grande corsa. I saldi di fine stagione estive prenderanno il via in Alto Adige venerdì, 6 luglio e dureranno sei settimane fino al 17 agosto 2018. I saldi prenderanno il via il 10 agosto nei comuni di vocazione turistica di Tires, Castelrotto, Renon, Ortisei, Santa Cristina, Selva

Gardena, Sesto Pusteria, Marebbe, San Martino in Badia, La Valle, Badia, Corvara, Stelvio, Maso Corto, Resia e S. Valentino alla Muta e dureranno fino al 21 settembre. Tutte le principali informazioni in merito alle vendite straordinarie e all’indicazione dei prezzi sono disponibili online alla voce Downloads.

o lo scorpeo, introdott Il Telepass euro tivo anat a mion, è or so anno per i ca a un acie az Gr mobili. che per le auto ne in Italia cietà di gestio cordo tra la so a possir europei, è or e diversi partne che le an ss mite Telepa bile pagare tra Pore na ag Sp , Francia autostrade in gi ag unro dovr ebbero togallo. In futu sche e de autostrade te gersi anche le ungher esi.

35

Il commerciante risponde della borsa di plastica Importanti news e una pagina dedicata. Ci sono novità relativamente alle

borse di plastica per l’acquisto di alimentari con uno spessore fino a 50 micrometri. Il Consiglio di Stato, in un parere, ha stabilito che è illegittimo costringere i clienti ad acquistare le borse usa e getta per gli alimenti freschi nel proprio negozio. Il problema per il commerciante, però, è che – secondo il Consiglio di Stato – è lui a dover garantire che le borse portate dal cliente rile attività situate in aree a ridotto svilup- spettino i requisiti in materia di igiene. Per po turistico e il cui fatturato sia inferio- questo motivo l’Unione consiglia ai propri re a 1,5 milioni di euro. L’ammontare associati di non accettare alcuna borsa pormassimo del prestito per la creazione di tata con sé dai clienti. liquidità ammonta ora a 50.000 per tutti A causa dell’attualità di questo tema, per i propri associati l’Unione ha pubblicato una i settori. specifica pagina online sulla quale sono raccolte tutte le informazioni in merito.

Fondo di rotazione, nuovi criteri d’accesso La Giunta provinciale ha approvato i nuovi criteri di accesso al Fondo di rotazione e ai mutui provinciali, in particolare in ambito turistico. Già dal 2017, inoltre, le richieste di finanziamento presentate dalle aziende dei settori industria, artigianato, commercio e servizi, ricevono dei punti supplementari se sono presenti in zone strutturalmente carenti. Dunque, a ricevere sostegno in occasione di investimenti aziendali, saranno anche

consulenza@unione-bz.it

hneuhauser@unione-bz.it

unionemagazine #6/18


Costi ridotti ed esclusive possibilitĂ di utilizzo: diventa anche tu partner di monni! Info: unione-bz.it/monni

Assicuratevi l’apparecchio POS multifunzione a condizioni vantaggiose e indipendenti dalla banca (convenzione Confcommercio) e il buono regalo monni card. I vostri riferimenti diretti per qualsiasi domanda sono i capisede dell’Unione a Bolzano, Merano, Bressanone, Brunico e Silandro.

unione magazine #6/18: L'Unione ha un nuovo duo al vertice  

Rivista dell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige.

unione magazine #6/18: L'Unione ha un nuovo duo al vertice  

Rivista dell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige.