Page 1

Poste italiane SpA - Spedizione in abb. post.- D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/04 N.46) Art. 1 Comma 1, DCB Milano. In caso di mancato recapito, si restituisca al mittente, che si impegna a pagare la relativa tassa. Euro 4,20

01_TDA 02 COPERTINA ok.qxd

27-04-2012

9:16

Pagina 2

d’

TurismoAffari Numero 2

Aprile - Maggio - Giugno 2012

anche online su

www.ediman.it

B u s i n e s s Tr a v e l • A g e n z i e d i V i a g g i o • Tr a n s p o r t a t i o n • O s p i t a l i t à

Oltre i soliti noti

IN ITALIA Le infrastrutture condizionano pesantemente le scelte dei viaggiatori, specie nell’attuale situazione economica. Facciamo il punto su strade, tratte ferroviarie e opere in corso

BEST PRACTICE Al viaggio d’affari partecipa una filiera complessa formata da molti attori, le cui responsabilità spesso si incrociano. Il travel manager deve essere sempre pronto a fronteggiare un disservizio

CAR FLEET L'automobile è, e rimarrà, uno status symbol. Abbiamo scelto per le flotte aziendali quelle che sfuggono al superbollo ma vantano un'immagine consolidata al di sopra delle mode

Al fianco delle tmc più grandi aumentano i network di agenzie che si occupano di business travel. Sfidando la concorrenza dei big del settore e con un obiettivo principe: intercettare la domanda di servizi che proviene in particolare dal mondo delle pmi. Soprattutto di quelle orientate ai rapporti con l’estero e in grado di utilizzare la tecnologia L a

r i v i s t a

d e l

T r a v e l

M a n a g e r

2 Incentive Destinations

FULL CONTACT INCENTIVE DESTINATIONS COLONNA RESORT HOTEL, PORTO CERVO 8- 9 GIUGNO 2012

Appuntamenti Ediman


TDA0181_Vueling_Layout 1 26/04/12giovedĂŹ 14:47 Pagina 1


Poste italiane SpA - Spedizione in abb. post.- D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/04 N.46) Art. 1 Comma 1, DCB Milano. In caso di mancato recapito, si restituisca al mittente, che si impegna a pagare la relativa tassa. Euro 4,20

04_TDA 02 SOMMARIO.qxd

27-04-2012

9:18

Pagina 4

d’ TurismoAffari Numero 2

Aprile - Maggio - Giugno 2012

anche online su

www.ediman.it

B u s i n e s s Tr a v e l • A g e n z i e d i V i a g g i o • Tr a n s p o r t a t i o n • O s p i t a l i t à IN ITALIA

Oltre i soliti noti

Le infrastrutture condizionano pesantemente le scelte dei viaggiatori, specie nell’attuale situazione economica. Facciamo il punto su strade, tratte ferroviarie e opere in corso

BEST PRACTICE Al viaggio d’affari partecipa una filiera complessa formata da molti attori, le cui responsabilità spesso si incrociano. Il travel manager deve essere sempre pronto a fronteggiare un disservizio

CAR FLEET L'automobile è, e rimarrà, uno status symbol. Abbiamo scelto per le flotte aziendali quelle che sfuggono al superbollo ma vantano un'immagine consolidata al di sopra delle mode

Al fianco delle tmc più grandi aumentano i network di agenzie che si occupano di business travel. Sfidando la concorrenza dei big del settore e con un obiettivo principe: intercettare la domanda di servizi che proviene in particolare dal mondo delle pmi. Soprattutto di quelle orientate ai rapporti con l’estero e in grado di utilizzare la tecnologia L a

r i v i s t a

d e l

T r a v e l

M a n a g e r

2 Incentive Destinations

FULL CONTACT INCENTIVE DESTINATIONS COLONNA RESORT HOTEL, PORTO CERVO 8- 9 GIUGNO 2012

Sommario

nº 2 aprile - maggio - giugno ’12

Appuntamenti Ediman

8

COVER STORY

16

OSSERVATORIO BUSINESS TRAVEL 2012

20

CAR FLEET

24

CISALPINA TOURS

26

SENECA

28

CWT

34

BEST PRACTICE

38

CORSO FORMAZIONE

40

CZECH AIRLINES

46

SOLUZIONI BT

48

GHS HOTELS

50

HOTEL MULINO GRANDE

52

AI CAVALIERI HOTEL

54

HOTEL SAN MARTINO

56

HOTEL MEDITERRANEO

58

SAN PAOLO PALACE

60

HOTEL FEDERICO II

66

NON SOLO FERROVIE

70

WORLDWIDE

Oltre i soliti noti

di Giorgio Maggi

Obt, dinamiche future sotto la lente

di Alessandra Boiardi

Ammiraglie anticrisi

di Alessandro Rigatto

Obiettivo total quality

di Giulio Carloni

Conta il fattore umano

di Daria Nardi Bessola

Business in movimento

di Giovanni Fassola

Gestire il disservizio

di Dario Bongiovanni

Professione travel manager

di Alessandra Boiardi

Volano le novità

di Giulia De Stefano

Hrs.com scommette sul business

di Madeleine Rey

A Palermo l’ospitalità è griffata

di Simona Zin

Incontri eco-chic al Mulino

di Madeleine Rey

Accoglienza esclusiva

di Simona Zin

Se business fa rima con comfort

di Giulia De Stefano

Brillanti soggiorni d’affari a Catania

di Michela Rossi

Affacciati sulla dolce Conca d’Oro

di Daria Nardi Bessola

Lo “stupore” delle Marche

di Michela Rossi

Più infrastrutture per il business travel

di Ferdinando Farba

Lo skyline che avanza

di Giulia Di Stefano

30

Net travel

62 Reception

42

Check in

74 Block notes

80

Indirizzi utili

www.ediman.it


TDA0166_SanPaolo_Layout 1 26/01/12giovedĂŹ 12:24 Pagina 1


06_TDA 02 EDITO_okp.qxd

27-04-2012

9:23

Pagina 6

6

Editoriale La recessione non ferma il business travel. Lo dicono il nostro Osser vatorio e i suoi par tner, lo confermano recenti ricerche di società attive nel segmento, lo testimonia il numero crescente di giovani che vedono nel ruolo del travel manager una fra le professioni del futuro e vogliono comprenderne le dinamiche con corsi di formazione

I bt-network sfidano la recessione

specifici. Di tutto questo troverete dimostrazione nelle pagine che seguono. A ulteriore riprova di quanto il business travel costituisca oggi un elemento di sfida a un mercato

poco vitale, vi invito alla lettura della nostra cover stor

y, che evidenzia un

fenomeno, orientato alla crescita del settore, che fa forza sull’aggregazione. I numeri a tal proposito parlano da soli. Oltre settemila delle undicimila agenzie di viaggio presenti nel Belpaese fanno par

te di un network. Cifre

impensabili solo fino a qualche anno fa, quando a dominare il panorama della distribuzione erano pochi grandi raggruppamenti e una miriade di punti vendita indipendenti. Oggi, invece, i network di agenzie di viaggio hanno superato il centinaio e molti di questi, un tempo solo leisure, si sono ora allargati al business travel. Risultato: accanto ai big della gestione dei viaggi d’affari esistono numerosi consorzi di medie dimensioni, non strutturati per competere con le grandi tmc a livello mondiale, ma in grado di of

frire

un'ampia copertura a livello nazionale per i propri clienti “domestici” e una serie di ser vizi indispensabili alle piccole “multinazionali” del made in Italy Proprio quelle che, secondo un recente studio, appartengono a uno dei segmenti con il più alto e rapido tasso di crescita nel compar to dei viaggi d'af fari e che più hanno bisogno di un consolidamento globale dei servizi.

.


Cisalpina cisa fare. “Dovevamo mettere ordine nella gestione della spesa per i viaggi d’affari, sapendo che la nostra azienda non poteva permettersi sprechi o inefficienze. Volevamo fare una scelta di valore puntando sulla qualità dei servizi di business travel rendendo il nostro processo più snello, sicuro e controllato.”

Potevamo gestire tutto in azienda ma ci siamo affidati alla Travel Management Company italiana leader nel business travel scelta da migliaia di aziende. Da oltre quarant’anni punto di riferimento assoluto capace di mettere a disposizione conoscenze e competenze uniche sul piano della gestione dei servizi per i viaggi d’affari, della loro qualità e dei loro costi, in una logica di continua ottimizzazione e risparmio.

CisalpinaTours ci sa fare, proprio come noi.

Per informazioni: Direzione Commerciale, tel. +39 011.95.43.406 email: info@cisalpinatours.it

www.cisalpinatours.it


08_14_TDA 02 COVER STORY ok.qxd

8

27-04-2012

9:20

Pagina 8

COVER STORY

Oltre i soliti noti di Giorgio Maggi

Complici la crisi e le nuove esigenze di chi viaggia per affari i network sembrano essere diventati la formula aggregativa migliore per le agenzie di viaggio che si occupano di business travel. Sfidando spesso la concorrenza delle travel management company pi첫 grandi e assecondando la domanda di servizi che proviene dal mondo delle piccole e medie imprese che guardano all'estero


08_14_TDA 02 COVER STORY ok.qxd

27-04-2012

9:20

Pagina 9

9

P

iù di un centinaio. È vero, il dato sembra esagerato, ma da queste cifre non si scappa. I network di agenzie di viaggio attivi in Italia crescono senza sosta e hanno superato la ragguardevole soglia del cento. Risultato: oltre settemila delle 11.500 adv presenti nel Belpaese fanno parte di un network. E se, fino a poco tempo fa, la maggior parte di queste aggregazioni era specializzata soprattutto nel segmento leisure, i cambiamenti del mercato degli ultimi anni hanno favorito la progressiva estensione delle loro attività anche al business travel. Network è bello Gli ultimi numeri parlano di circa un centinaio presenti sul mercato. Ma dietro la parola magica network, sono molte le differenze che si nascondono. «Oltre una quarantina dei cento sono reti e microreti proprietarie che non affiliano, semmai comprano. Degli altri sessanta brand alcuni sembrano usciti di mercato, ma altri ne nascono, e le reti con oltre trecento affiliate forse superano di poco la decina», dice senza mezzi termini Roberto Gentile, attentissimo osservatore del fenomeno network, prima nel suo ruolo di ex amministratore delegato di Frigerio Viaggi Network e oggi consulente indipendente e animatore del sito www.network-news.it. Ma vediamo qualche definizione. «Per network turistico vero e proprio s’intende qualunque gruppo di agenzie, riunite sotto qualunque vincolo societario (società unica, di persone o di capitali, società consortile, società separate), legate da qualunque tipo di contratto (proprietà, mandato, affiliazione, associazione in partecipazione, collaborazione commerciale ecc.), con sede legale in Italia e almeno cinque punti vendita operativi. Ma se

Questo riportato in tabella è uno spaccato della situazione dei network di adv nel 2011. Rispetto ad allora – e in considerazione del trend che si è evidenziato negli ultimi anni – ci possiamo aspettare una ulteriore e costante evoluzione della situazione.

N ETWORK DI AGEN ZIE IN IT ALIA 2011

Quelle riportate nell’articolo sono le tabelle disponibili al momento dell’andata in stampa, che non necessariamente, in virtù delle continue e rapide evoluzioni del mercato – riflettono l’effettivo stato dell’arte. Preghiamo pertanto i nostri lettori e gli interessati di considerarle indicative più per identificare i trend che non per fotografare l’attualità

alziamo il limite del numero di agenzie a cento, per esempio, le reti che ne hanno tante sono “solo” 18». Ancora diverso il significato di “centrale”. «Si tratta di un network strutturato e organizzato per aree di business (marketing, commerciale, prodotto, finanza e controllo, It, organizzazione e personale ecc.), in grado di acquistare prodotti ed erogare servizi a valore aggiunto non solo alle agenzie aderenti alla propria rete, ma anche ad altri network, costituendo così una rete di reti. Ne abbiamo contate 18, a ciascuna delle quali possono fare riferimento da due network (Pinguino Vacanze e Primarete, per Holding Vacanze) a un massimo di

nove, come nel caso Welcome Travel Group». Risultato: delle 108 reti censite da Gentile l’anno scorso, 72 fanno riferimento alle 18 centrali. Ma quali servizi vengono erogati dalla centrale alle reti? Contratti commerciali, marketing, formazione, piani promopubblicitari, gestione finanziaria, consulenza legale e amministrativa. «Ogni rete deve acquisire tutti i servizi erogati dalla centrale? Ovviamente no, dipende». All’estero meno agenzie, meno network Al di là delle definizioni, dunque, il fenomeno network non conosce battute d’arresto, anche se da quando esiste l’aggregazio-

ne di agenzie, le reti che hanno chiuso, o sono fallite, sono state comunque una cinquantina, di cui 16 solo negli ultimi due anni. Ancora una volta, quindi, l’Italia diventa un caso unico sulla scena europea, dove la frammentarietà del mercato agenziale ha indotto le reti a moltiplicarsi per rispondere a esigenze diversificate. Perché, per esempio, in Francia sono i network – pochi grandi gruppi efficienti e disciplinati – che spuntano commissioni sempre più alte ai tour operator e ai fornitori. Stessa cosa in Germania e nel Regno Unito, dove operano meno agenzie, e meno network. Per il futuro è difficile che il trend si esaurisca. Anzi,


08_14_TDA 02 COVER STORY ok.qxd

10

27-04-2012

9:20

Pagina 10

COVER STORY

18 CEN TRALI E 72 N ETWORK

Oltre settemila delle 11.500 agenzie di viaggio presenti sul territorio nazionale fanno oggi parte di un network

molto probabilmente, il numero di agenzie scenderà, ma non di molto, grazie alle dimensioni familiari di molte di esse, e quindi alla loro flessibilità. E non è tutto: nasceranno anche altri network, ma con una collocazione e un mercato prettamente locale, mentre per tutte le reti ci sarà il problema di predisporre una chiara politica commerciale e una brand-identity riconoscibile. Piacciono i consorzi. Anche nel bt Molti network, molte agenzie. Se il panorama della distribuzione leisure è in evoluzione, le cose nel mondo del business travel sembrano più stazionarie, complice un mercato dove il


08_14_TDA 02 COVER STORY ok.qxd

27-04-2012

9:20

Pagina 11

11

processo di consolidamento è già iniziato da tempo. Lo scenario distributivo dei viaggi d'affari vede dunque, da un lato, la presenza di (pochi) soggetti indipendenti che, forti di un portafoglio clienti strutturato e localizzato in aree geografiche particolari, non trovano necessità alcuna per entrare a far parte di gruppi specializzati ancora più grandi e, dall’altro, un limitato numero di network – una decina in tutto, forse meno – con dimensioni non trascurabili, in grado di sviluppare alti volumi di vendita, soprattutto di biglietteria aerea. All'interno di questi ultimi, naturalmente, troviamo le grandi tmc presenti nel nostro Paese, tutte con una crescente presenza di legami con gruppi

internazionali, e una sempre maggiore focalizzazione sul servizio piuttosto che sul prodotto. Eppure, complice la crisi che ha investito il comparto negli ultimi tempi, anche nel business travel sta prendendo sempre più piede il fenomeno dei consorzi (spesso di derivazione leisure), che diventano sempre più una soluzione strategica per le tmc di medie dimensioni che desiderano offrire un servizio a livello nazionale e paneuropeo destinato soprattutto alle piccole multinazionali. A dirlo è anche uno studio – "Nuove tendenze del Corporate in Europa", pubblicato nel settembre 2010 – che Sabre Travel Network ha commissionato a PhoCusWright con l’obiettivo di sondare la situazione attuale del mercato e mettere a fuoco i fattori di successo delle aziende tmc del midmarket in Europa (Italia, Regno Unito, Francia e Germania), analizzando le tecniche che hanno supportato tali aziende, non solo a sopravvivere durante il periodo di crisi, ma soprattutto ad accrescere il proprio business. «Questi consorzi riescono a offrire un ventaglio più ampio di tariffe negoziate e accordi con i fornitori. Per questo motivo le tmc più piccole ne stanno riconoscendo la forza e le prospettive, anche se fino a ora non sono stati in grado di superare la concorrenza delle grandi tmc su scala globale». Vincono ancora i big? L'indagine di Sabre e PhoCusWright non ha dubbi. Uno dei

SENECA IN UN NETWORK INTERNAZIONALE Risale solo al 2010 la scelta di Er colino Ranieri, amministratore delegato di Seneca, di entrar e in un network a carattere internazionale. «Siamo diventati esclusivisti per l’Italia di GlobalStar Travel Management (www.globalstartravel.com), una rete che comprende più di 75 travel management company di altr ettanti diversi mercati, capaci di arrivare a un giro d’affari di oltre cinque miliardi di dollari. In questo modo, riusciamo a for nire un servizio personalizzato fortemente radicato alla cultura e alle necessità delle aziende italiane, sempr e più vocate all’internazionalizzazione. Allo stesso tempo, però, siamo anche in grado di er ogare tutta una serie di servizi a livello centralizzato e multinazionale».

segmenti con il più alto (e rapido) tasso di crescita nel comparto dei viaggi d'affari è quello delle piccole multinazionali: aziende con piccoli uffici – sotto i cento dipendenti – situati al di fuori dei confini nazionali, in altri Paesi europei o d’Oltreoceano. Ebbene, è proprio per questo tipo di società (in cui rientrano anche le pmi del made in Italy, ndr) che il consolidamento globale dei servizi e delle informazioni risulta difficile da effettuare, così come la gestione delle travel policy. «In questo contesto le precarie condizioni economiche attuali hanno rallentato i piani di acquisizione e di fusione delle tmc, al contrario di quanto era avvenuto a metà degli anni 2000. Oggi, invece, solo poche agenzie stanno prendendo in considerazione l'idea di vendere l’attività e la maggior parte dei mercati registra bassi livelli di consolidamento. Al contempo, sono aumentate le

difficoltà nell’avviare nuove attività, rendendo ormai obsoleto il modello delle agenzie di proprietà. La pressione sulle fee e la concorrenza dei big del travel management hanno reso il segmento dei viaggi d'affari in Europa particolarmente difficile per le agenzie di viaggio», prosegue la ricerca. Risultato: la modalità di aggregazione dei network ha preso piede tra le realtà di medie dimensioni, desiderose di entrare a fare parte di consorzi su base locale. Spesso non strutturate per competere con le grandi tmc a livello mondiale, sono però in grado di offrire un'ampia copertura a livello nazionale per i propri clienti “domestici” e una serie di servizi indispensabili alle aziende di piccole e medie dimensioni con un elevato grado di internazionalizzazione. Ecco spiegato come mai le grandi tmc non sempre detengono la quota maggiore di market share nei principali Paesi


08_14_TDA 02 COVER STORY ok.qxd

12

del Vecchio Continente come Francia, Germania, Italia e Regno Unito. Al contrario, le statistiche in possesso di Sabre/PhoCusWright mostrano chiaramente come un po' ovunque le tmc indipendenti, da sole o riunite in consorzi di medie dimensioni, abbiano una posizione di tutto rispetto; e, nel caso del Belpaese, arrivino addirittura a rappresentare la parte maggioritaria del mercato. Occhio alle commissioni Riunite in reti o ancora indipendenti, quel che è certo è che la crisi ha consolidato il valore delle tmc per le aziende clienti. L’esigenza sempre più forte di essere conformi alle travel policy, ha richiesto alle agenzie di viaggio corporate di monitorare la conformità (e la violazione) alle regole e di avere a disposizione dati di analisi efficaci, offrendo ai propri clienti un quadro completo delle loro spese di trasferta. Senza contare un ulterio-

27-04-2012

9:20

Pagina 12

COVER STORY

re aspetto messo in luce dallo studio di Sabre. «Gli uffici acquisti delle aziende stanno sempre di più maturando la responsabilità della gestione dei viaggi. La crescita e l’influenza degli acquisti aziendali esercitano pressioni sulle service fee delle tmc, a volte spostando l’attenzione dall’obiettivo fondamentale di ridurre i costi dei fornitori». Tuttavia, che cosa accadrà nei prossimi anni nell'ambito della distribuzione legata al business travel dipende ancora una volta da un problema non nuovo, ma tornato di attualità anche in un momento di pieno rilancio per il turismo d'affari: il rapporto tra agenzie e vettori. «La massa dei margini è legata alle emissioni di biglietteria. È questo il vero comparto che tiene vive le nostre aziende», ha detto recentemente Marco Nova, amministratore delegato di B'nT Italia. «Le compagnie aeree non smettono di essere la principale fonte di lavoro ma, non per questo, la prin-

Se, fino a poco tempo fa, la maggior parte delle aggregazioni era specializzata soprattutto nel segmento leisure, i cambiamenti del mercato degli ultimi anni hanno favorito la progressiva estensione delle attività anche al business travel Fonte: Sabre/PhoCusWright

re dunque probabile assistere, nei prossimi anni, a un’ulteriore fase di consolidamento dei network esistenti. Il motivo è semplice: le aziende cercheranno sempre di più un partner affidabile e dotato, inoltre, di un forte potere d'acquisto, in grado di generare risparmi reali sulle trasferte di viaggi. Insomma, esattamente ciò che promettono di saper fare molto bene le reti, soprattutto dopo che avranno effettuato tutti gli investimenti in tecnologia necessari per competere, anche su scala geografica più ridotta, con i big del travel management. Non solo: a dare credito al recente studio "Viaggi d’Affari e Tecnologia”, realizzato dalla società di consulenza t&e consultancy per conto di Amadeus Italia, la domanda di strumenti più sofisticati per gestire il proprio traffico d'affari viene

cipale fonte di guadagno. E per i network che basano la propria attività sul business travel, commissioni prossime allo zero o fee troppo leggere diventano un pericolo». «A fronte di una progressiva riduzione dei margini provenienti dai fornitori – ha ribadito Alfredo Pezzani, direttore generale di Cisalpina Tours –, le fee delle aziende clienti si confermano la nostra principale fonte di remunerazione». Con queste prospettive, appa-

proprio da quel segmento di piccole e medie imprese che costituiscono la maggior parte del tessuto imprenditoriale italiano. «Nel panorama dei viaggi d’affari – ha dichiarato Dario Bongiovanni, socio fondatore di t&e consultancy e autore dello studio –, le pmi da noi intervistate si sono rivelate tendenzialmente mature dal punto di vista dell’approccio al business travel e quindi pronte per un utilizzo di prodotti tecnologi-


08_14_TDA 02 COVER STORY ok.qxd

3-05-2012

14

ci, strumenti evoluti che sono attualmente di solo appannaggio di aziende di grandi dimensioni». Fuori dai soliti nomi? Se si escludono gli assoluti big del settore, che da sempre fanno della gestione dei viaggi d'affari il loro ambito di attività specifico (in rigoroso ordine alfabetico e solo a titolo esemplificativo grandi attori quali Bcd Travel, Cisalpina, Cwt, Hrg, Seneca, Uvet Amex), sono diversi i consorzi che sul territorio italiano si occupano di business travel. Incominciamo con il dire che molti di questi fanno parte delle 17 insegne che aderiscono ad AINeT, l’associazione con sede a Milano, in ambito Unione del Commercio, del Turismo, dei Servizi e delle Professioni. Ai soci fondatori (Bravo Net, Frigerio Viaggi Network, G40 Travel Group, Gattinoni Travel Network, Happy Tour, Holding Vacanze, Marsupio Group e Viaggia con noi) lo scorso anno si sono aggiunti: Bluvacanze, Cisalpina Tours, Cts, Fespit Turismo, Hp Vacanze Travel Network, Le Marmotte e Robintur. Da gennaio 2011, poi, sono entrati a far

10:05

Pagina 14

COVER STORY

parte di AINeT anche Bcd Travel e Welcome Travel Group. L’associazione dei network turistici rappresenta oggi oltre cinquemila agenzie, su un universo complessivo di circa 11mila punti vendita, dei quali il settanta per cento aggregati. Ma vediamo, in concreto, alcuni – senza volere naturalmente avere la pretesa di citarli tutti ma solo offrire delle indicazioni – dei alcuni tra i principali network che, grazie all'integrazione sempre più stretta tra business e leisure, puntano a essere competitivi anche con le grandi tmc dei viaggi d’affari. B’nT Italia, per esempio, ha 11 sedi sparse in tutta la penisola e una recentissima apertura al leisure con l'ingresso nella compagine azionaria di One! Travel Network: una partnership, questa, che risponde alla richiesta di supporto, da parte del Ancora una volta l’Italia è un caso unico sulla scena europea. Nel Belpaese la frammentarietà del mercato agenziale ha indotto le reti a moltiplicarsi per rispondere a esigenze diversificate

business travel, di aziende multichannel e multilevel. L'impegno verso le agenzie dei network, in particolare per quei punti vendita che non dispongono di un crs per la prenotazione aerea o che attualmente non forniscono biglietteria aerea come servizio alla propria clientela, è invece la parola d'ordine per Geo, network nato dalla fusione tra Bravo Net e HpVacanze; la joint-venture ha attivato sul sistema informatico The Box il nuovo Servizio Ticket Web, proposto in forma gratuita agli associati. Con 1.265 agenzie a febbraio 2011, la joint-venture tra i due network rappresenta il polo distributivo leader in Italia. Obiettivo Sud Italia per Frigerio Viaggi Network, una settantina di agenzie radicate nel territorio, da sempre specializzate nella gestione del business travel, che ha nei suoi ultimi progetti quello di allargare la rete degli affiliati a tutta la penisola. Altro storico marchio è Gattinoni Travel Network – 137 agenzie affiliate, più 28 di proprietà in tutta Italia ma concentrate nel Nord Ovest – in grado di offrire ai propri partner un hub di servizi a 360 gradi per il business travel e il mice. Inoltre, il gruppo ha siglato un accordo internazionale con Atpi, com-

pagnia britannico-olandese attiva nel settore del travel management globale. Si chiama, invece, G40 For Tickets il nuovo sistema di emissione biglietteria aerea riservato alle agenzie del network G40 Travel Group, che insieme alla possibilità di acquistare anche servizi non aerei, permette di effettuare le prenotazioni anche agli agenti non abilitati all’utilizzo del sistema crs. Infine, ha visto la luce Uniglobe Travel Italy, la nuova realtà creata dalla canadese Uniglobe Travel International che punta a portare nel Belpaese un innovativo concetto di franchising per le agenzie di business travel, con l'obiettivo di affiliare un centinaio di new entry. Chiude la breve panoramica Welcome Travel, la rete di agenzie del gruppo Alpitour che da tempo ha siglato una jointventure – Global distribution alliance – con Carlson Wagonlit, per la fornitura di servizi sia per quanto riguarda i viaggi d’affari sia il leisure. Cambiamenti in atto, invece, dalle parti di Lufthansa City Center. Dall’inizio del 2012, infatti, Travel Consultants non è più, per volere dell’headquarter tedesco, rappresentanza Lhcc in Italia, con la conseguenza che alcuni soci si sono allontanati dalla compagine societaria. Sullo scacchiere delle aggregazioni, però, Travel Consultants riconferma e rafforza il rapporto con il network Cta. Un’alleanza che offre opportunità commerciali nel campo del leisure, che si sommano al core del business travel. Sul fronte dei viaggi aziendali sta per concretizzarsi, invece, l’accordo con il gruppo Planetario/Robintur.


16_18_TDA 02 OBT ok.qxd

27-04-2012

16

9:24

Pagina 16

OSSERVATORIO BUSINESS TRAVEL 2012

di Alessandra Boiardi

Obt, dinamiche future sotto la lente Sponsor ufficiali

Con il supporto di

Il comparto dei viaggi d’affari può contare sull’autorevolezza di uno strumento unico come l’Osservatorio sul Business Travel, i cui dati sono indispensabili per interpretare le dinamiche a venire del settore

L’

Osservatorio sul Business Travel (Obt) ha di recente concluso la sua undicesima edizione. L’indagine – condotta dal professor Andrea Guizzardi, realizzata con il supporto scientifico e tecnico della Scuola Superiore di Scienze Turistiche e il patrocinio del Dipartimento di Scienze Statistiche dell’Università di Bologna, i cui sponsor ufficiali sono airberlin, Amadeus Italia e Hrg Italia con il supporto di AirPlus International – ha registrato una crescita dello 0,6 per cento dei viaggi d’affari delle imprese italiane rispetto al 2010. Ma il vero dato positivo viene dalla spesa per i viaggi d’affari, che nel 2011 è cresciuta del 4,8 per cento raggiungendo quota 18,1 miliardi di euro. Una positività che è atteso avere degli effetti sui successivi dodici mesi, come aveva già spiegato Andrea Guizzardi durante la presentazione dell’Obt tenutasi in occasione della Borsa internazio-

nale del turismo a Milano lo scorso febbraio. «Non ritengo che il prossimo anno sarà negativo visto che nel complesso dei rispondenti la quota di chi si dichiara ottimista sulle future dinamiche della spesa è del 62 per cento. Tuttavia non si rivedrà la crescita registrata nel 2011. La spesa per trasferte registrerà contrazioni sul mercato nazionale e per le imprese più grandi, dinamiche negative più che compensate dalla crescita sia del mercato internazionale sia dai viaggi delle pmi». Ma al di là dei numeri si conferma appieno l’autorevolezza di una ricerca che da undici anni traccia un quadro preciso del comparto, dando un contributo fondamentale nell’evidenziarne le caratteristiche peculiari. «Solo un’impostazione come quella dell’Obt – specifica Guizzardi – in cui si chiede direttamente alle imprese di quantificare il totale dei costi collegati alle trasferte, permette


16_18_TDA 02 OBT ok.qxd

27-04-2012

9:24

Pagina 17

17

di ottenere una misura complessiva di un mercato così complesso. Sia le statistiche ufficiali sia i bilanci dei principali player di questo mercato restituiscono infatti una sottostima del suo valore. Da un lato la trasversalità del processo di gestione della trasferta e il gran numero di possibili costituenti elementari dell’input viaggio d’affari ne ostacolano la completa quantificazione. Dall’altro una rilevante quota di mercato esce dai bilanci dei principali distributori perché in tante piccole e medie imprese, la spesa per il business travel è spesso percepita o valutata come non-core, e quindi gestita artigianalmente, focalizzando gestione e controllo solo su alcuni costi diretti senza peraltro garantirne la completa tracciabilità». L'autorevolezza dell'Osservatorio sul business travel è confermata anche a livello internazionale dai riscontri con altre ricerche, come la recente sesta edizione dell’AirPlus Travel Management Study, condotta in venti Paesi, che per l’Italia ha ribadito previsioni di spesa in crescita per il 2012. Secondo la ricerca un travel manager italiano su tre ritiene che la propria azienda spenderà di più rispetto all’anno precedente. Ha commentato Diane Laschet, amministratore delegato di AirPlus in Italia: «I dati dell’Osservatorio indicano un certo ottimismo da parte dei travel manager italiani circa le future dinamiche di spesa per i

viaggi d’affari. Un dato questo confermato anche dai risultati del Travel Management Study recentemente pubblicato da AirPlus e in base al quale la maggioranza degli intervistati in Italia non prevede una contrazione della spesa mentre il quaranta per cento degli stessi prevede un aumento sia della spesa sia del numero di trasferte aziendali. Sempre secondo i dati dell’Osservatorio i travel manager sentono fortemente l'esigenza di contenere i costi delle trasferte. Questo sarà possibile, secondo quanto emerso dal Travel Management Study di AirPlus, attraverso una più intensa attività negoziale da parte dei travel manager. Questi ultimi infatti ritengono che vi siano ancora spazi di risparmio conseguibili attraverso la negoziazione con i fornitori di servizi. Molto interessante è, inoltre, il parallelismo che emerge tra la crescita di fatturato e la proporzionale crescita del numero dei Da sinistra il professor Andrea Guizzardi, Claudio Miglio, ad di Hrg Italia e Diane Laschet, ad di AirPlus in Italia


16_18_TDA 02 OBT ok.qxd

27-04-2012

18

9:24

Pagina 18

OSSERVATORIO BUSINESS TRAVEL 2012

viaggi, un dato che si ritrova anche in diversi studi tra cui una recente ricerca di Oxford Economics in cui emerge che esiste una relazione diretta tra i viaggi aziendali e i ricavi/profitti delle aziende. Infatti, secondo questo studio, ogni dollaro speso per i viaggi d’affari porta un ricavo pari a 12,50 dolari e un margine di 3,80 dollari». Business travel a sistema Un certo ottimismo è ribadito da Federico Capello, responsabile commerciale corporate Italia di airberlin: «Anche quest'anno l'Osservatorio sul business travel ha rappresentato un punto di riferimento per gli osservatori e per gli operatori del settore dei viaggi d’affari in Italia. I dati illustrati sono confortanti se teniamo in considerazione che nel 2011 il comparto dei viaggi d'affari è cresciuto del 4,8 per cento, grazie alla forte spinta delle trasferte internazionali (+7,2%). I segnali e le attese per il 2012 sono comunque positivi: il 17 per cento dei travel manager intervistati durante l’Osservatorio prevedono una spesa per le trasferte in aumento, il 55 per cento stazionaria mentre il 28 per cento in calo. Come emerso dallo studio, sono le grandi realtà aziendali

internazionali a mostrarsi maggiormente preoccupate per il 2012. Tuttavia, se verranno riconfermati le performance e i trend positivi dell’export 2011 nei settori di beni intermedi e strumentali, anche il 2012 potrà registrare un segno positivo nel comparto dei viaggi d’affari». Ed è sempre una proiezione futura a far suggerire a Tommaso Vincenzetti, direttore marketing di Amadeus Italia una prospettiva di sviluppo: «Quello del business travel è un comparto strategico per l’Italia, con una spesa che sfiora i 18 miliardi di euro l’anno. Il A sinistra Tommaso Vincenzetti, direttore marketing di Amadeus Italia. Sotto Federico Capello, responsabile commerciale corporate Italia di airberlin

segmento, anticipatore degli umori e dell’andamento dell’intero Paese, ha visto nel 2011 un incremento di trasferte di lavoro verso il mercato europeo e intercontinentale a fronte di una lieve contrazione in ambito nazionale. Per far sì che nel 2012 e negli anni a seguire si assista a una crescita considerevole del turismo d’affari è imprescindibile che ci sia una sempre maggiore penetrazione della tecnologia, soprattutto per quanto riguarda i sistemi self booking tool, la cui adozione oggi è stimata meno del dieci per cento. Nel nostro Paese non vengono ancora percepiti pienamente i vantaggi di tali soluzioni informatiche per la gestione del business travel: gli strumenti di self booking supportano e valorizzano il ruolo dei travel manager, in quanto sono in grado di massimizzare le opportunità di risparmio di tempo e denaro, ottimizzando i processi. Ogni dipendente è libero di effettuare autonomamente la prenotazione del viaggio, rispettando al contempo la travel policy aziendale». Claudio Miglio, amministratore

delegato di Hrg Italia, evidenzia la tendenza delle aziende a un maggiore controllo delle spese di viaggio in un’ottica di riduzione degli investimenti nei mercati tradizionali in favore dei mercati emergenti. «Le aziende sono sempre più orientate al controllo del costo totale del viaggio, reso possibile grazie a sistemi online e mobile in grado di rendere accessibili i dati in modo rapido ed efficiente. Si parte dall’analisi della travel policy e della sua ottimizzazione in funzione degli obiettivi economici e di servizio, per poi passare all’implementazione di sistemi di monitoraggio dei dati pre e post-trip e dei processi autorizzativi, per avere un quadro completo dei costi anche attraverso il consolidamento dei dati provenienti da più fonti. Per aiutare le aziende in questo delicato compito Hrg ha sviluppato servizi tecnologici all’avanguardia in grado di semplificare i processi, velocizzare le transazioni e garantire al travel manager l’accesso costante alle informazioni di cui ha bisogno per raggiungere gli obiettivi aziendali».


Approfitta dei numerosi vantaggi per la tua azienda Iscrivi la tua Azienda al programma Ok Plus Corporate dedicato alle piccole e medie imprese per ottenere biglietti aerei bonus sui voli Czech Airlines Il programma di fedeltà OK Plus Corporate permette alla vostra società di risparmiare sui costi e offre una serie di vantaggi e di premi. Con la partecipazione al programma, sia la vostra società che i vostri dipendenti trarranno dei grandi benefici. Per maggiori informazioni visita il sito www.okpluscorporate.com


20_23_TDA 02 AUTO ok.qxd

20

27-04-2012

9:26

Pagina 20

FLOTTE AUTO

di Alessandro Rigatto

Ammiraglie anticrisi

L'automobile è ancora uno status symbol, soprattutto per i top manager che necessitano di un mezzo di trasporto individuale in grado di trasmettere un'impressione di prestigio nei confronti degli interlocutori professionali. Audi, Infiniti e Mercedes-Benz propongono vetture a basso impatto ambientale e fiscale. Abbiamo scelto per voi quelle che sfuggono al superbollo ma vantano un'immagine al di sopra delle mode

È

l'arma (o l'ancora?) di salvezza della Mercedes-Benz sul mercato italiano. Si chiama 250 CDi ed è il motore quattro cilindri biturbodiesel di soli 2.143 centimetri cubici di cilindrata che equipaggia ormai gran parte delle vetture della Casa di Stoccarda, dalla “piccola” Classe C in su. Ben 204 cavalli e 500 Nm di coppia per offrire un piacere di guida senza compromessi, consentendo agli appassionati della stella a tre punte di continuare a guidare le auto di questa marca

senza dover pagare il superbollo ed esponendosi in misura minore ai controlli fiscali della Guardia di Finanza. Dalla stella a tre punte Vediamo, una a una, le vetture sulle quali è disponibile, a cominciare dalla più compatta e accessibile delle “ammiraglie”, la Classe C berlina, che propone la versione C250 CDi sia nella configurazione classica a trazione posteriore (40.327 euro per l'allestimento base ma già completo Executive)


20_23_TDA 02 AUTO ok.qxd

27-04-2012

9:26

Pagina 21

21

sia in quella integrale 4Matic (da 45.167 euro), che offre margini di sicurezza supplementari sui percorsi scivolosi, non solo d'inverno. La soluzione ideale per scaricare a terra questa potenza è il cambio automatico 7G-Tronic con modalità manuale-sequenziale, un optional indispensabile che vale tutti i 2.181 euro che costa perché migliora di gran lunga il piacere di guida rispetto alla trasmissione manuale a sei marce senza peggiorare più di tanto i consumi, che vanno dai 4,8 litri/100 chilometri in media della C250 CDi ai 5,4 della C250 CDi 4Matic. C'è anche la station wagon (da 41.871 euro), in ambedue le varianti di trazione, con il suo abitacolo altrettanto elegante ma assai più versatile grazie al portellone posteriore e al divano dietro abbattibile in due parti asimmetriche. Per i manager sportivi un'alternativa è rappresentata dalla C250 CDi Coupé (da 43.385 euro), una due porte con quattro posti sagomati singolarmente capace, come la berlina, di una velocità di punta di 240 chilometri orari. Il baule è appena più piccolo di quello della quattro porte (450 dmc contro 475) e l'esclusività è garantita dal marchio Mercedes-Benz.

Design raffinato, interni lussuosi e tecnologia di serie per le vetture destinate alla flotta aziendale proposte da Audi, Infiniti e Mercedes-Benz

La Classe E è la berlina mediosuperiore sulla quale ha debuttato, nel 2008, il motore biturbodiesel da 204 cavalli. Oggi è disponibile in tre allestimenti, Executive, Elegance e Avantgarde, il più sportivo, a un prezzo che parte da 51.122 euro, più 2.249 euro per il cambio automatico 7G-Tronic, ancor più indispensabile su una quattro porte sulla quale non sfigurerebbe l'autista. Quest'auto da autista consuma però solo 4,9 litri di gasolio ogni cento chilometri. Anche la Classe E è declinata nelle varianti berlina, station wagon, coupé e anche nella elegantissima Cabriolet, con tetto in tela a comando elettrico. Berlina e station wagon (da 53.421 euro) possono essere fornite anche nella versione 4Matic a trazione integrale permanente (da 53.814 euro per la berlina), mentre la Coupé e la Cabriolet prevedono la sola trazione posteriore. Abitabilità esuberante, baule sibaritico (540 dmc per la berlina e da 695 a 1.950 per la station wagon), comfort eccel-

lente e dotazioni di sicurezza al top sono alcune delle principali motivazioni d'acquisto della Classe E, la cui linea un po' spigolosa non è stata invece un atout nel definire le preferenze della clientela. La E250 CDi Coupé, che raggiunge i 250 chilometri orari e consuma solo 4,9 litri di gasolio ogni cento chilometri, parte da 53.072 euro, la Cabriolet (che tocca i 245 Km/h con un consumo combinato di 5,1 litri/100 Km) da 58.124 euro. Anche la coupé a quattro porte (o se preferite la berlina sportiva) di Mercedes-Benz ha il quattro cilindri biturbodiesel in gamma: la CLS250 CDi è la quintessenza dello spirito giovane della Casa tedesca e della sua disponibilità a mettersi in gioco alla ricerca di soddisfare bisogni sinora inespressi, come quello di una Executive Sedan che sembra una coupé e consuma come un'utilitaria. Costa 64.018 euro, raggiunge i 242 chilometri orari e consuma solo 5,1 litri/100 chilometri. Peccato non


20_23_TDA 02 AUTO ok.qxd

27-04-2012

22

sia (al momento) prevista la versione a trazione integrale, appannaggio per ora solo della sei cilindri turbodiesel common-rail CLS350 CDi 4Matic e della otto cilindri biturbo a iniezione diretta di benzina CLS500 4Matic, dai prezzi ben superiori. In tutto il mondo Classe S è sinonimo di berlina di prestigio. La S250 CDi è stata la risposta migliore che potesse essere data all'imbarbarimento della tassazione sull'auto attraverso superbollo e accise sui carburanti. Disponibile nelle varianti a passo corto (da cui una lunghezza di 510 cm) e a passo lungo (523 cm), ha un listino che parte da 77.278 euro per la versione Elegance corta e che trova nell'allestimento Grand Edition (da 80.364 euro) la sublimazione dei contenuti estetici e di sicurezza più importanti. Adotta di serie il cambio automatico 7G-Tronic, tocca i 240 chilometri orari, consuma in media 5,7 litri di gasolio ogni cento chilometri e nel ciclo extraurbano è comunque capace di percorrere venti chilometri con un litro. Non male davvero.

9:26

Pagina 22

FLOTTE AUTO

Se ritenevate che una decapottabile a due posti secchi non avrebbe mai potuto ricevere in dote un motore a gasolio, la SLK250 CDi è la risposta che smentisce ogni vostro pregiudizio. Due dati su tutti: 242 chilometri orari e venti chilometri con un litro per la prima roadster-coupé turbodiesel che nasce sulla base della SLK

terza serie. Per inciso la nuova SLK è cambiata radicalmente rispetto alla prima generazione: molto più sportiva e “maschia”, offre grandi soddisfazioni nella guida sul misto e non è troppo scomoda per un utilizzo quotidiano casa-ufficio. Con 43.114 euro la versione d'accesso Sport è vostra (4.840 euro in più per la

La nuova Mercedes SLK è cambiata radicalmente rispetto alla prima generazione: molto più sportiva, offre grandi soddisfazioni nella guida sul misto

Premium che ha in più gli interni in pelle, il navigatore satellitare, i fari allo xenon, i retrovisori esterni a ripiegamento elettrico e i lavafari) e potrebbe entrare senza particolari imbarazzi nella preferred list da sottoporre al fleet manager dell'azienda. Tanto più che la SLK è un modello destinato a deprezzarsi meno di altri e l'affidamento a un manager senza famiglia potrebbe rappresentare non solo un bel benefit, ma anche un modo per garantirsene la fedeltà all'azienda. Anche la SLK250 CDi ha il cambio automatico di serie. Apprezzate tanto dai manager quando dagli stessi titolari d'azienda sono le suv di MercedesBenz: eccellenti sia sull'asfalto sia

sulla neve o sul fango. L'attuale GLK250 CDi è in attesa di restyling, dunque il prezzo di listino di 44.455 euro potrebbe essere oggetto di una trattativa al ribasso. La nuova ML250 Bluetec (la sigla CDi è abbandonata, essendole stata preferita la denominazione che individua in casa Mercedes-Benz i modelli già a norme Euro 6) è invece uno dei modelli più richiesti in assoluto, nonostante il prezzo non proprio popolare (servono 58.977 euro per la versione Sport e 67.084 euro per la Premium). Abitacolo enorme, baule maxi (da 551 a 2050 dmc, più ancora della Classe E SW), cambio automatico a sette marce e una dotazione di sicurezza ai vertici mondiali (Esp, sette air bag, cruise control adattivo, rilevatore di stanchezza solo per citare alcuni equipaggimenti) hanno convinto già tanti clienti della bontà di questa suv a forte vocazione ecologica (6 litri di gasolio ogni 100 Km e 210 Km/h di velocità massima). Dai quattro cerchi In casa Audi la risposta più convincente per chi desidera un'ammiraglia o una suv da status è rappresentata dalle nuove A6 Hybrid e Q5 Hybrid. Ambedue sono mosse da un quattro cilindri due litri turbo a iniezione diretta di benzina abbinato a un'unità elettrica da 40 kW, in grado di sviluppare complessivamente 245 cavalli (quindi sotto la famigerata soglia dei 185 kW-252 Cv) e di esprimere una coppia massima di 350 Nm a 1500 giri/minuto. Il cambio è automatico-sequenziale a otto marce. La A6 Hybrid (da


20_23_TDA 02 AUTO ok.qxd

27-04-2012

9:26

Pagina 23

23

57.350 euro), al momento disponibile solo con carrozzeria berlina a quattro porte e cinque posti, misura ben 492 centimetri ed è offerta con la sola trazione anteriore, anche per limitare il consumo che in effetti si attesta su un valore, nel ciclo combinato, di 6,6 litri/100 Km, pari a una percor- Quanti desiderano effettuare una scelta orientata renza media di 15 km/litro. Cioall'esclusività troveranno nonostante le prestazioni sono nella gamma Infiniti notevoli, con una punta massima – o nell’Audi Q5, a lato – di 240 chilometri orari e uno scatproposte convincenti to da zero a cento chilometri orari che richiede solo 7,5 secondi. La Q5 Hybrid Quattro (da 57.280 euro) conserva la trazione integrale permanente delle versioni dotate del solo propulsore endotermico: grazie alle quattro ruote motrici è più rapida in accelerazione rispetto alla A6 con pari motore (7,1 secondi da 0 a 100 Km/h) e raggiunge i 225 chilometri orari, consumando in media 6,9 litri di benzina ogni cento chilometri. In arrivo anche la limousine A8 Hybrid, a passo corto e lungo: stessa meccanica e un'autonomia di tre chilometri in modalità completamente elettrica a velocità inferiori ai sessanta chilometri orari, con le esigenze di prestazioni elevate, un consumo medio di 6,3 litri di consumi accettabili e costi di gestione accessibili, anche grazie benzina ogni cento chilometri. al fatto che questa unità motrice è La gamma Infiniti esente da superbollo. La M30d ha Quanti desiderano effettuare una un listino che parte da 54.505 scelta orientata all'esclusività e euro (allestimento base) e arriva all'individualismo troveranno nel- a 66.910 euro (S Premium): lunla gamma Infiniti le proposte più ga 495 centimetri, ha una linea convincenti nella fascia superiore molto sportiva ma elegante al del mercato e, grazie alla motoriz- tempo stesso. Adotta il cambio zazione turbodiesel common-rail automatico-sequenziale a sette V6 di tre litri di cilindrata, con marce di serie e ha la trazione 238 Cv, disponibile sulle Sport posteriore. Tocca i 250 chilomeUtility EX30d, FX30d e sulla ber- tri orari e scatta da zero a cento lina M30d, si possono coniugare chilometri orari in soli 6,9 secon-

di, consumando – nel ciclo combinato – 7,5 litri di gasolio ogni cento chilometri. La EX30d (da 51.015 euro) ha la trazione integrale permanente, è lunga “solo” 464 centimetri e, a causa anche degli attriti della soluzione 4x4, consuma in media 8,5 litri ogni cento chilometri, scattando da zero a cento in 7,9 secondi ed essendo accreditata di una velocità massima di 221 chilometri orari. Meno rapida (212 Km/h, 0-100 Km/h in 8,3 secondi) in quanto più pesante e ingombrante (21 quintali circa e 487

cm di lunghezza) è la FX30d (da 61.705 euro per la versione GT a 70.480 euro per la S Premium), che ha una linea assai sportiva, caratterizzata dal lungo muso e dalle grandi prese d'aria, sul frontale e dietro i passaruota anteriori. Consuma in media nove litri di gasolio ogni cento chilometri (pari a una percorrenza media di 11,1 Km/litro) e ha pressoché tutto di serie: unici optional sono la vernice metallizzata o perlata (960 euro) e, sulle versioni GT e S, il navigatore satellitare (3.230 euro).


24_25_TDA 02 CISALPINA TOURS ok.qxd

24

27-04-2012

9:29

Pagina 24

CISALPINA TOURS

di Giulio Carloni

Obiettivo total quality Il contenimento dei costi dei viaggi è fondamentale, ma non può andare a svantaggio della qualità e della sicurezza. Con questo principio ben chiaro Cisalpina Tours continua a crescere e a innovare, tenendo sempre la sicurezza al centro dell’attenzione

“C

aelum, non animum mutant qui trans mare currunt” (Chi passa i mari muta il cielo, non l’anima): così scriveva nelle Epistole Orazio, poeta latino del 1° secolo avanti Cristo. Molti dei viaggiatori d’oggigiorno non sarebbero affatto d’accordo, pronti a giurare che ci sono purtroppo viaggi che ti fanno dannare l’anima nel senso letterale del termine. Chiunque sia rimasto per più d’un giorno bloccato in un aeroporto senza sapere quando ripartirà o persino se riuscirà a ripartire o meno ne sa qualcosa. E quel che preoccupa maggiormente i viaggiatori è il senso d’abbandono che spesso sembra calare sui malcapitati, quando qualcosa comincia ad andare storto: assenza di referenti, uffici chiusi, risposte vaghe, numeri d’assistenza occupati…

«Probabilmente questo è uno dei motivi del nostro continuo sviluppo, anche in anni per altri difficili», afferma con orgoglio Alfredo Pezzani, direttore generale di Cisalpina Tours. «Se siamo diventati una delle travel management company italiana leader del mercato del business travel, se da più di quarant’anni continuiamo a consolidare la nostra presenza in termini di copertura territoriale, di fatturato e di servizi, è perché chi viaggia con noi ha capito che il servizio e l’attenzione al viaggiatore sono una priorità autentica». E la qualità del servizio è indubbiamente una cartina tornasole dell’eccellenza: che conta, e viene apprezzata, anche in questi tempi in cui l’attenzione ai saving si fa strenua. Perché gli obiettivi di risparmio sono condivisibili, ma non se vanno a scapito della tra-

Alfredo Pezzani, direttore generale di Cisalpina Tours

veller experience, e cioè della percezione del viaggio come realtà perfettamente organizzata. «I viaggi d’affari Cisalpina Tours sono appunto così, precisi meccanismi di orologeria in cui ogni dettaglio è studiato per arricchire di servizi i viaggi e circondare d’attenzioni chi parte», prosegue il manager. «Biglietto elettronico e itinerario di viaggio, per esempio, sono sintetizzati in un unico documento, semplice da leggere, con tutti i dati sui voli, gli hotel e l’autonoleggio da cogliere a colpo d’occhio. Si possono visualizzare sul pc o sul palmare, caricare sull’agenda di Outlook, premendo il tasto “Invoice” si ha il dettaglio dei costi, selezionando “Overview” si hanno informazioni sulla meta, la valuta e naturalmente basta un click per avere in automatico la


24_25_TDA 02 CISALPINA TOURS ok.qxd

27-04-2012

9:29

Pagina 25

25

versione in pdf o per fare il check in online». Mentre ne parla, fa vedere sul tablet com’è facile, e come le informazioni sul clima siano anch’esse comprese. Un aiuto in più per decidere che cosa mettere in valigia, insomma. La completezza d’informazioni, per Cisalpina Tours, è un must assoluto. Basti pensare che non hanno più una newsletter per tenere aggiornata l’utenza: dal febbraio di quest’anno, ne hanno addirittura quattro. Good to Know riporta indicazioni sugli scioperi dei trasporti e gli aggiornamenti relativi alle destinazioni da raggiungere; Safety and Alert dà avviso e indicazioni utili imme-

La qualità del servizio è una cartina tornasole dell’eccellenza, apprezzata anche in questi tempi in cui l’attenzione ai saving si fa strenua

SICUREZZA GLOBALE In caso d’emergenza è fondamentale conoscer e dove si trovino i viaggiatori, esser e in grado di comunicar e con loro in tempo reale, disporre degli strumenti e del know how per garantire loro assistenza e un ritor no sicuro e tempestivo. Cisalpina Tours fa parte di un network internazionale – Radius, the Global T ravel Solutions – di cui essa stessa è membro fondatore. La presenza di Radius in più di ottanta nazioni dei cinque continenti, oltr e a garantire una gestione più ef ficace dei viaggi abbinando la centralizzazione degli aspetti strategici e operativi alla massima decentralizzazione del ser vizio, favorisce l’implementazione del Traveler Tracking & Security Suite, il servizio che consente di monitorar e in ogni momento la posizione dei viaggiatori, mappando le ar ee di pericolo effettivo o potenziale.

diate, anche durante la trasferta stessa, in caso di circostanze straordinarie e rischiose, dalla sommossa politica al cataclisma naturale; Fairs and Expo interessa chi programma trasferte in occasione di fiere o eventi speciali; e infine Power to Share, una sorta d’aggiornamento permanente sul mercato, i trend e i servizi offerti. Ciascuno può decidere a quali e a quante newsletter iscriversi – naturalmente senza spese aggiuntive dato che si tratta d’un servizio gratuito riservato ai clienti Cisalpina Tours – mandando una mail a redazione.bt@cisalpinatours.it. Sempre via mail otterrà le informative periodiche che gli servono per organizzare al meglio la trasferta e, nel caso, modificarne gli estremi. «L’attenzione al livello della spe-

sa è connaturata in ogni player del business travel», conclude Pezzani. «Ma il buon partner per le trasferte d’affari deve saper affrontare la materia in maniera globale e scrupolosa, tenendo conto cioè dell’esigenza di una risposta sollecita ed eccellente nel caso in cui sorgesse qualche problema. Tutti o quasi hanno ormai le segreterie H24 in caso d’urgenza, ma se a rispondere al telefono è un call center multicountry o addirittura esterno, che dovrà poi riportare alla travel management company la richiesta ricevuta, la soluzione non potrà giocoforza essere veloce. In Cisalpina Tours, invece, il servizio H24 è concepito come un pronto soccorso vero e proprio, garantito a rotazione da dipendenti diretti operanti presso la sede di Rosta a Torino e da personale particolarmente esperto. In caso di difficoltà, ovunque si trovi e a qualsiasi ora, il viaggiatore potrà contare su tutti i servizi normalmente forniti in orario d’ufficio, compreso il cambio di prenotazione o l’annullamento del viaggio. Chi gli risponde è capace d’intervenire direttamente e di attuare gli interventi di modifica necessari. Chi è magari lontano da casa, e facilmente si preoccupa, non può trovare di meglio». Sarà il tono convincente del manager, sarà l’efficacia o la rapidità delle soluzioni citate ma i servizi offerti da Cisalpina Tours sembrano avere un effetto particolarmente rasserenante. Perché rischiare di dannarsi l’anima per un viaggio, quando c’è chi sa farci viaggiare in tutta sicurezza? Indirizzo a fine rivista


26_27_TDA 02 SENECA ok.qxd

3-05-2012

26

10:13

Pagina 26

SENECA

di Daria Nardi Bessola

Conta il fattore umano S

eneca è da sempre impegnata in una continua azione di valorizzazione della cultura del business travel. In linea con questa filosofia l’azienda realizza una nuova iniziativa, che punta direttamente a uno dei valori più importanti per una realtà di successo: la formazione. L’azienda specializzata in business travel presenta infatti il suo nuovo polo formativo interno, finalizzato alla crescita delle risorse e al continuo miglioramento della capacità organizzativa e dell’efficienza nell’erogazione dei servizi. Con questo progetto viene dunque riconfermata Guardiagrele – la cittadina abruzzese da dove dal 1992 l’azienda opera a livello worldwide nel mercato del business travel – quale headquarter di Seneca. Nuovo polo formativo: i dettagli È stato organizzato un vero e proprio polo formativo permanente, che si avvale anche della cooperazione di istituzioni pubbliche,

Seneca ha inaugurato il suo nuovo polo formativo interno puntando alle risorse umane quale chiave di successo per la crescita e l’efficienza dei suoi servizi. Guardiagrele, in Abruzzo, si conferma headquarter dell’azienda

scuole, università e altri partner pubblici e privati. L’infrastruttura si sviluppa in differenti aree tematiche che hanno l’obiettivo di supportare la formazione professionale specifica per il business travel in tutte le funzioni aziendali. In particolare, sono stati istituiti percorsi formativi per gli operatori di front office e back office. Tutti i moduli ideati sono stati pensati per essere rivolti sia Particolare risalto hanno, nel polo formativo, le sessioni specifiche per l’hôtellerie in cui Seneca, è riconosciuta specialista


26_27_TDA 02 SENECA ok.qxd

27-04-2012

9:31

Pagina 27

27

Ercolino Ranieri, amministratore delegato di Seneca

alle nuove risorse sia a risorse già esperte. Particolare risalto hanno le sessioni specifiche per l’hôtellerie in cui Seneca, da sempre, è riconosciuta specialista. Molte attività sono invece programmate fuori sede e all’estero – un valore aggiunto non indifferente – mentre altre sono previste presso le aule attrezzate che Seneca ha predisposto in nuovi immobili recentemente acquistati proprio a questo scopo. «Attraverso queste attività – spiega Ercolino Ranieri, l’amministratore delegato di Seneca – vogliamo certamente favorire la crescita delle persone». Il modello organizzativo del polo formativo prevede, inoltre, anche un sistema di coaching finalizzato ad aiutare le persone ad applicare i concetti acquisiti nel lavoro quotidiano. Alcuni esempi Di particolare interesse sono i primi moduli attivati nel 2012. Ecco

Il polo formativo permanente di Seneca si avvale anche della cooperazione di istituzioni, scuole e partner pubblici e privati

alcuni esempi di tematiche: attuale scenario dei supplier: air, hôtellerie, rail, car rental; evoluzione del ruolo e dei servizi delle Tmc; specificità della negoziazione nel business travel; gestione di leading firm; formazione specifica attraverso percorsi di action learning, outdoor training, coaching e job rotation; conoscenza dei sistemi gds; competenze tecnicospecialistiche riguardo l’hôtellerie e l’hotel programme, le quotazioni tariffarie di ciascuna tipologia di servizio, le offerte esistenti di caso in caso, l’appropriato utilizzo delle diverse tariffe, gli strumenti operativi di benchmarking; elaborazione dei dati del travel; reportistiche; analisi del mercato sia a livello micro sia a livello macro; sviluppo della capacità di problem solving.

Un notevole investimento «La prima parte dell’investimento in infrastrutture è stata di oltre quattrocentomila euro – continua Ercolino Ranieri – e per i prossimi tre anni abbiamo pianificato di investire ancora in maniera importante. Seneca crede che la crescita delle proprie persone sia la vera chiave di successo». L’azienda abruzzese, infatti, riconferma la propria idea di centralità delle persone, siano esse clienti, dipendenti o portatori di interesse in genere. «Pur riconoscendo la tecnologia e l’organizzazione dei ruoli fondamentali, il fattore umano resta per noi quello decisivo» conclude Ercolino Ranieri. Indirizzo a fine rivista


28_29_TDA 02 CWT.qxd

28

27-04-2012

9:33

Pagina 28

CWT

di Giovanni Fassola

Business in movimento Si chiama CWT To Go la nuova applicazione “mobile” lanciata anche in Italia da Carlson Wagonlit Travel per rendere più semplice la vita dei viaggiatori d’affari. In ogni momento e dappertutto. Disponibile su iPhone, BlackBerry e piattaforme Android

E

ssere sempre connessi. Il nuovo imperativo per i business traveller di tutto il mondo considera ormai tablet e smartphone come appendici indispensabili del proprio pc, tanto che stime recenti parlano di più del 75 per cento dei viaggiatori d’affari che utilizza un mobile device. Il motivo è semplice: governare i nuovi strumenti di comunicazione è fondamentale per tutte quelle aziende che vogliono non solo raggiungere degli obiettivi in termini di comunicazione e informazione, ma anche in tema di sicurezza di chi viaggia. Proprio quello cui ha pensato CWT lanciando a livello mondiale un'applicazione mobile dedicata alla clientela business. Sempre aggiornati Già attiva negli Usa dalla fine dello scorso anno e disponibile

ora anche sul mercato italiano, CWT To Go ha tutte le carte in regola per facilitare ogni aspetto della trasferta dei viaggiatori, accrescendo allo stesso tempo la loro soddisfazione, produttività ed efficienza. La soluzione di CWT – esclusiva per la clientela della tmc – permette infatti a chi viaggia per lavoro di accedere ai propri itinerari di viaggio (voli, hotel e auto) direttamente dai dispositivi mobile grazie a una piattaforma CWT sicura e automatizzata. Risultato: i viaggiatori hanno un accesso semplificato con un solo click a tutti i dettagli di viaggio. Inoltre, possono verificare lo stato dei voli, fare il check in, ricercare voli alternativi, esaminare mappe e selezionare ristoranti all’estero, trovare informazioni meteorologiche sulla destinazione. E non è tutto, perché l’applicazione agisce in modo dina-


28_29_TDA 02 CWT.qxd

27-04-2012

9:33

Pagina 29

29

o modificare il proprio programma di viaggio.

CWT ha lanciato a livello mondiale un'applicazione mobile studiata e dedicata alla clientela business

mico, ricevendo continuamente aggiornamenti e informazioni. In questo modo i manager hanno la possibilità di avere il pieno controllo della propria trasferta, come nel caso in cui si riceva un alert in tempo reale. Da qui a

MOBILE: LE PRIORITÀ DI VIAGGIA TORI E TRAVEL MAN AGER Quali sono le funzionalità richieste in futur o alle “mobile app” da chi viaggia per lavor o? Qual è il grado di maturità tecnologica dei viaggiatori attuali? E ancora: quali sono le dif ficoltà di lanciar e un’applicazione per smar tphone e tablet nel business travel? A queste e altr e domande ha risposto una sur vey indipendente commissionata da CWT a livello globale e che è servita per lo sviluppo di CWT To Go. Sulla base dei risultati ottenuti, le priorità di circa ottocento business traveller riguar dano la necessità di avere a disposizione sui propri device elementi come l’itinerario di viaggio o gli alert relativi ai voli, oltre alla possibilità di ef fettuare il mobile check in.

I VAN TAGGI DI CWT TO GO Funzionalità accessibili in modo facile e intuitivo. Sincronizzazione automatica dell’itinerario sui dispositivi mobile. Maggiore produttività del viaggiatore grazie alla gestione in tempo reale di ogni fase della trasferta (itinerario, mobile check in, flight aler t gratis). Trasmissione sicura dei dati. Compatibilità con pr enotazioni effettuate attraverso qualsiasi online booking tool e gds. Informazioni varie (previsioni del tempo, mappe aer oporto, hotel, autonoleggio, ristoranti in Uk e Usa). Risparmio di costi (applicazione gratuita per i viaggiatori e per l’azienda). Maggiore soddisfazione dei viaggiatori. Migliore compliance (in ter mini di fornitori o canali di prenotazione preferenziali).

cambiare il proprio piano di viaggio in modo veloce ed efficiente, il passo è davvero breve. Un esempio? Quando il volo viene cancellato, è in ritardo o viene cambiato il numero del gate, i viaggiatori ricevono sul proprio dispositivo mobile un alert che li avverte del cambiamento per far sì che possano rapidamente adeguare i propri programmi ed, eventualmente, effettuare il mobile check in. In caso di disguidi, poi, la prossima release in uscita prima dell’estate permetterà con un click di chiamare direttamente un consulente CWT per prenotare

Efficienza e rispetto della policy Tra i suoi plus, CWT To Go ha anche quello di aiutare i travel manager a ottimizzare la gestione dei viaggi aziendali. Come? Incoraggiando i viaggiatori a effettuare le prenotazioni tramite i canali preferenziali per beneficiare dell’itinerario integrato fornito dall’applicazione; ancora, facilitando la localizzazione dei business traveler in situazione di emergenza; e, infine, assicurando non solo che i dati siano inclusi nel sistema di reporting, ma anche che vengano utilizzati per la misurazione delle performance e le negoziazioni con i fornitori. In più, un’applicazione come CWT To Go garantisce una completa sicurezza dei dati, visto che la trasmissione delle informazioni avviene in modo del tutto riservato. L’assenza di link, infatti, impedisce di condividere i dettagli di viaggio, per esempio, sui social media. Nessun problema, poi, per utilizzare CWT To Go: per averlo, è sufficiente scaricare l'applicazione disponibile sugli store di iTunes, BlackBerry e piattaforme Android , senza necessità di particolari configurazioni. Dopo aver scaricato l’applicazione e creato con successo un account mobile, i viaggi vengono automaticamente sincronizzati con l’applicazione. E infine – buona notizia in un contesto in cui vi è una decisa attenzione ai costi –, CWT To Go è gratuito sia per l’azienda sia per i viaggiatori. Indirizzo a fine rivista


30_33_TDA 02 NET TRAVEL ok2.qxd

30

d’ TA

27-04-2012

9:34

Pagina 30

NET TRAVEL

hotel.info cresce con il gds Sabre hotel.info consente di prenotare in tutto il mondo anche tramite il gds Sabre. Gli oltre trecentomila collaboratori di agenzie di viaggi Sabre hanno

in tal modo accesso agli alberghi del portafoglio di hotel.info. «Grazie alla collaborazione con hotel.info – commenta John Carlile, direttore del reparto Hotel Product Marketing Sabre – abbiamo ampliato la lista degli alberghi per i collaboratori delle agenzie di viaggi che utilizzano i sistemi collegati a Sabre, rendendo disponibili per i viaggiatori e le adv ulteriori offerte, che ora possono essere prenota-

te come tutti gli altri alberghi del nostro sistema». Warini Munshi, ad di hotel.info, sottolinea il valore aggiunto per gli alberghi: «La nostra collaborazione con Sabre va a vantaggio dei nostri partner alberghieri, poiché il collegamento con il sistema gds Sabre offre la possibilità di beneficiare di un ulteriore canale di distribuzione, senza alcun costo aggiuntivo».

McLean Tyson Corner’s. «L’obiettivo è fornire ai nostri hotel dei concept eccezionali che propongano menu di appeal per gli ospiti, soprattutto per quelli che soggiornano negli hotel», ha dichiarato Beth Scott, vice president, food and beverage concepts, Hilton Worldwide. «E si tratta, inoltre, di un’opportunità per chi gestisce ristoranti».

Vueling ha sviluppato un’app per Android che consente non solo di acquistare voli, ma offre anche l’accesso ai numerosi servizi Premium della compagnia, estremamente interessanti soprattutto per i passeggeri business. Attraverso un’interfaccia semplice e intuitiva i passeggeri possono acquistare i voli, effettuare il check in online, selezionare il posto a sedere, modificare l’orario e il giorno del volo e utilizzare il proprio cellulare come carta d’imbarco attraverso il codice Qr. L’applicazione consente inoltre di conoscere le ultime offerte, garantisce l’accesso diretto al centro servizi e, grazie al sistema di geolocalizzazione, permette di identificare l’aeroporto più vicino servito dalla compagnia. Inoltre i membri di “myvueling”, potranno consultare la cronologia delle prenotazioni per facilitare il processo di acquisto. Con l’app per Android Vueling ha l’obiettivo di incrementare il successo ottenuto a luglio con il lancio dell’applicazione per iPhone, che in soli sei mesi ha accumulato seicentomila download e si è distinta nella categoria viaggi nella sezione Applicazioni Essenziali Apple.

www.hiltonrestaurantconcepts.com

https://play.google.com/store

www.hotel.info

Il Veneto a disposizione su iPad e iPhone L’applicazione in italiano, inglese e tedesco per avere il Veneto a disposizione su iPad/iPhone si chiama “IloveVeneto” ed è scaricabile gratuitamente dalla pagina web http://appitaliane.it/iphone-ipad/viaggi/ iloveveneto-for-iphonebaldnbc.html#download. Vengono

fornite informazioni dettagliate sulle strutture ricettive, sulle località turistiche, i principali eventi, e sette tipo-

logie di itinerari da percorrere in ogni stagione dell’anno. Attraverso le sezioni: Eventi, Around Me, Dove Andare, Itinerari Guida e Mediacenter, il Veneto si presenta con una veste innovativa e ricca di consigli e suggerimenti per godere delle ottime vacanze. Grazie alla geolocalizzazione, l’app suggerirà i luoghi più interessanti da visitare nelle vicinanze, con eventi più importanti in programma.

Da Hilton Worldwide un nuovo indirizzo Hilton Worldwide prevede l’apertura di cinquecento nuovi ristoranti in tutto il mondo entro i prossimi tre anni, di cui oltre cento in Europa e a sostegno di questo ambizioso obiettivo Hilton Worldwide ha lanciato un sito per facilitare eventuali partnership. Attualmente Hilton Worldwide conta oltre 225 hotel in Europa, che propongono un’ampia

offerta F&B. Dal suo lancio in versione di prova, circa novecento proprietari d’hotel si sono iscritti al sito web, mostrando il proprio interesse nell’individuare nuovi concept di ristoranti per hotel. Tra i primi successi la partnership tra il Washington Hilton e il The Coffee Bean & Tea Leaf, nonché lo sviluppo del premiato e originale concept food and beverage Härth dell’Hilton

Vola il mobile per Vueling


TDA2_31_31_Layout 1 27/04/12venerdì 11:03 Pagina 1

NET TRAVEL

OVUNQUE VICINI A VOI

Un’app per il tgv È disponibile per l’Italia la versione per cellulare e smartphone per prenotare e acquistare i biglietti del treno ad alta velocità tgv per viaggiare ad alta velocità tra Milano, Torino, Parigi, Lione, Chambery e altre destinazioni in 15 Paesi. Le nuove app sono disponibili collegandosi al link http://www.tgv-europe.it/it/mobileprenotazione-biglietti-treno oppure a

www.m.tgv-europe.com. In pochi click è possibile prenotare o annullare i propri biglietti ferroviari per l'Europa,consultare gli orari dei treni, individuare la stazione più vicina, condividere i propri viaggi su Facebook e Twitter. Con questa nuova versione mobile i servizi sono gratuiti e non ci sono spese di prenotazione sull'acquisto dei biglietti. Una volta scelto il giorno, prenotato il posto sul treno e acquistata la tratta, è sufficiente stampare il proprio biglietto e viaggiare in Europa in tutta sicurezza. L’applicazione tgv mobile è già disponibile per Android, Blackberry, Windows Phone, Nokia Symbian e lo sarà a breve per iPhone e Samsung Bada. Così è ancora più semplice viaggiare a bordo del nuovo tgv che permette di collegare Lione e Torino con un’andata e ritorno in giornata. Il nuovo treno è stato completamente rinnovato negli interni, disegnati dallo stilista Christian Lacroix: in prima classe la serenità è l'elemento sovrano con ogni sedile inclinabile e prese elettriche individuali, guanciali e ripiani rialzabili a disposizione di ogni passeggero. In seconda classe i viaggiatori godono invece di maggiore spazio, con il sedile inclinabile e il poggia testa regolabile e un’armonia cromatica ed energica tra viola e rosso studiata ad hoc da Christian Lacroix. Da non sottovalutare infine il prezzo: i biglietti sono, infatti, in vendita a partire da 25 euro.

Circa 500 hotel in Europa. Oltre 6100 hotel in tutto il mondo. Choice Hotels® offre una soluzione per qualsiasi esigenza di viaggio, con tariffe accessibili e numerosi servizi per facilitare le trasferte d’affari in ognuna delle oltre 6100 strutture nel mondo. Choice Hotels EuropeTM è presente con circa 500 strutture in 16 Paesi europei, dalla Scandinavia fino al Mediterraneo. Il programma reward Choice Privileges® ti offre l’opportunità di guadagnare punti in oltre 5500 strutture partecipanti in Europa*, in Medio Oriente, negli Stati Uniti (incluse Hawaii), in Australasia**, in Canada, in Messico, in America Centrale e nei Caraibi. Potrai usare i punti accumulati per soggiorni gratuiti, miglia aeree, voucher-regalo e molto altro. Iscriversi è facile, veloce e gratuito su www.choiceprivileges.it

Per informazioni e prenotazioni:

www.choicehotels.it in agenzia di viaggi con i seguenti codici GDS: EC (Exclusively Choice), CI (Comfort), QI (Quality), CC (Clarion). CHOICE HOTELS ITALIA Via Salandra 18 00187 Roma E-Mail: info@choicehotels.it

* Fatta eccezione per Danimarca, Estonia, Finlandia, Islanda, Lettonia, Lituania, Norvegia e Svezia. ** Inclusa Australia, Nuova Zelanda, Singapore, Papua Nuova Guinea e Fiji. ®

2011 Choice Hotels International. Tutti i diritti riservati.


30_33_TDA 02 NET TRAVEL ok2.qxd

32

27-04-2012

d’ TA

9:34

Pagina 32

NET TRAVEL

Air Partner vola anche su iPhone FareFinder è Star Alliance Air Partner, leader mondiale nel settore del noleggio aereo ha lanciato la prima applicazione multilingua per iPhone che permette di verificare in tempo reale la disponibilità di jet privati. «Fornire un servizio come la nuova app è un modo per Air Partner per confermare il livello di eccellenza offerto. Si tratta di una applicazione in diverse lingue, in linea con le esigenze di chi viaggia e adeguata alla tecnologia digitale», ha dichiarato Alessio

Altamura, country manager per l’Italia. L’applicazione gratuita è disponibile in sette lingue – italiano, inglese, francese, russo, tedesco, spagnolo e portoghese. Il linguaggio è determinato automaticamente secondo l’impostazione iniziale dell’utilizzatore dell’iPhone. Inoltre, è disponibile una scelta di 36 valute. I business traveller possono ora accedere alla flotta Air Partner cercando “Air Partner” o “Private Jet” dall’App Store di Apple.

Star Alliance ha lanciato l’app per iPhone FareFinder. «Con FareFinder abbiamo risposto alle richieste dei nostri clienti per un’applicazione mobile che consenta loro di accedere a tutte le tariffe offerte dalle compagnie aeree membre di Star Alliance. Insieme a Star Alliance Navigator iPhone, la nuova app ci permette di fornire l’accesso mobile alle informazioni essenziali di viaggio», ha dichiarato Christopher Korenke, vice president Commercial di Star Alliance. Con FireFinder i clienti possono ottenere le tariffe per biglietti di sola andata o a/r per i voli fra due aeroporti qualsiasi all’interno del network operato dai vettori Star Alliance. Al fine di ottenere le informazioni che meglio soddisfino le loro richieste, l’applicazione consente criteri di ricerca aggiuntivi quali il numero dei passeggeri, l’ora di partenza e di arrivo, la classe di servizio, il numero di scali, gli aeroporti di trasferimento e i punti vendita. www.staralliance.com/en/services/apps/iphone/

Dynamic Packaging Gattinoni oltre l’aspettativa Oltre settantamila hotel, trecento compagnie aeree di linea e low cost e quattromila stazioni di noleggio auto. Sono questi i numeri del Dynamic Packaging Gattinoni, il sistema di prenotazione in uso dalle agenzie Gattinoni Travel Network da giugno del 2010, e che in breve tempo ha registrato un fatturato oltre l’aspettativa. Un risultato molto soddisfacente e che sta ripagando gli sforzi economici e di risorse impegnati dal Gruppo Gattinoni per lo sviluppo della piattaforma tecnologica. «In un mercato sempre alla ricerca di flessibilità e dinamismo – spiega Franco Gattino-

ni, presidente della società – l’ideazione di questo strumento era il passo inevitabile da fare. Avere un hub di alberghi, voli di linea e low cost e di autonoleggi, che possono essere visualizzati e prenotati in tempo reale, ci permette di soddisfare le esigenze di tutti i clienti che chiedono pacchetti sempre più dinamici e sempre più in linea con i propri desiderata. Il D Pack, come lo chiamiamo in azienda, ci consente, inoltre, di andare a catturare anche con quella fetta di clientela che, da sola, andava a prenotare i propri weekend e le proprie vacanze su internet, in siti magari poco sicuri e senza

garanzie di professionalità». Il Dynamic Packaging, studiato dal gruppo lecchese con la società Siap, è stato messo online per tutte le agenzie Gattinoni Travel Network e da subito ha riscosso successo. Uno strumento strategico per la clientela leisure e per quella business. Eros Candilotti, direttore commerciale della rete, sottolinea: «La tecnologia consente di soddisfare esigenze più specifiche e flessibili per le sempre maggiori e diverse richieste dei clienti. Abbiamo così studiato il D Pack come risposta a questa necessità. Questo sistema consente di combinare diverse tipologie di servizi turistici:

voli, hotel, noleggio auto, transfer ed eventuali servizi opzionali. Inoltre permette di aumentare la competitività, riducendo i costi, ampliando i servizi offerti, riducendo i rischi di eventuali perdite per mancata vendita. E, in più, permette di ottimizzare strumenti e tempi di vendita». Ma un sistema dinamico non si ferma mai e le implementazioni per renderlo più aggiornato sono continue: commenti dei consulenti di viaggio, punti di interesse nelle città, cenni storici e monumenti, mappe si aggiungono in continuazione per avere una piattaforma sempre più utile alle agenzie del network.


30_33_TDA 02 NET TRAVEL ok2.qxd

27-04-2012

9:34

Pagina 33

33

NET TRAVEL

Tap Portugal lancia il mobile check in da cellulare e iPad Tap Portugal ha annunciato il lancio di Mobile Check-in, un servizio gratuito disponibile in Italia attraverso il quale i passeggeri possono effettuare il check in direttamente da cellulare, iPhone e iPad. I viaggiatori ne potranno usufruire collegandosi al portale Tap Mobile, http://mobile.flytap. com/oppure scaricando gra-

tuitamente dall’iTunes Apple Store le applicazioni Tap per iPhone e iPad. Con Mobile Check-in è possibile effettuare il check in ovunque e fino a un’ora e mezza prima dell’orario di partenza del volo e la carta d’imbarco arriverà direttamente sul dispositivo mobile. Gli eventuali bagagli da stivare dovranno però essere depositati al ban-

co drop-off. Per i passeggeri con il solo bagaglio a mano non è previsto un orario limite prestabilito, tuttavia è sempre bene ricordare che i cancelli d’imbarco chiudono in genere circa 15 minuti prima dell’orario di partenza del volo. «Con Tap Mobile Check-in meno code, servizio più efficiente e procedure più snelle grazie all’utilizzo delle tecnologie più avanzate», ha dichiarato in proposito Davide Calicchia, Sales Manager Italia Tap Portugal.

I viaggi ecosostenibili secondo lastminute.com Sensibilità “green” in aumento ma si deve migliorare L’argomentro green tocca sempre di più anche il business travel e trova negli aspetti meno legati ai viaggi di lavoro un terreno solido, presupposto ideale per un connubio sempre più stretto tra la trasferta d’affari tout court e l’abbinamento “intelligente” tra questa e momenti dedicati agli spazi più personali, in sintonia con i sentiment dei viaggiatori. A focalizzare sul “verde” questa volta è un interessante sondaggio di lastminute.com. Gli italiani sono dunque viaggiatori ecoconsapevoli? lastminute.com ha posto questa domanda ai propri utenti per conoscere il pensiero degli italiani in materia di viaggi all’insegna dell’ecosostenibilità. Le donne risultano più sensibili in materia di ecologia: ben tre su quattro (75%) sono infatti a favore di un viaggio green, mentre per gli uomini la percentuale scende al 67 per cento. Le scelte sono diverse: per i quarantenni il desiderio nasce dall’amore per gli sport all’aria aperta (22%) mentre dopo i cinquanta si scelgono più spesso destinazioni a contatto con la

natura (37%). E se i trentenni preferiscono le città attente all’ambiente, sono gli under30 a spostarsi maggiormente verso mete, soprattutto italiane, che offrono prodotti a chilometro zero e cibo sano (22%). Organizzando una vacanza la scelta del 48 per cento degli intervistati va a favore di una struttura integrata nel paesaggio ma c’è anche chi mostra un occhio di riguardo per hotel alimentati da energie sostenibili e rinnovabili (22%). Per favorire le sane abitudini alimentari, oltre all’economia locale, il 15 per cento opta invece per un complesso che garantisca il consumo di prodotti a filiera corta selezionando fornitori locali, mente il dieci per cento sceglie di soggiornare in hotel realizzati con materiali naturali, in totale rispetto con l’ambiente. Purtroppo la stessa attenzione non viene prestata durante gli spostamenti verso la meta: se il sette per cento del campione non è interessato all’argomento, il dieci per cento dichiara che viaggiare in modo ecologico è troppo dispendioso in termini di tempo e denaro. Quasi un

intervistato su due (49%) conosce i rischi dell’inquinamento ma ammette di non fare nulla per prevenire il problema. Tra gli italiani impegnati a combattere lo smog durante gli spostamenti, il 12 per cento viaggia, quando possibile, con il treno o un’auto elettrica, mentre il 21 per cento una volta giunto a destinazione opta per un po’ di movimento utilizzando una bicicletta. Infine, per i viaggi aerei il due per cento degli intervistati sceglie di prenotare unicamente con compagnie che offrono i carbon offset credit per compensare le emissioni di CO2 prodotte dal volo. www.lastminute.com


34_37_TDA 02 BEST PRACTICE ok.qxd

34

27-04-2012

9:36

Pagina 34

BEST PRACTICE

di Dario Bongiovanni

Il viaggio d’affari si basa su una serie complessa di azioni e servizi offerti da molti attori, le cui attività e responsabilità spesso si incrociano. Compito del travel manager è essere pronto a fronteggiare un imprevisto

Gestire il disservizio: esperienza e rapidità la chiave del risultato Q

uante volte nel corso della quotidianità lavorativa sia i viaggiatori (in maniera sicuramente maggiore) sia i travel manager si sono trovati a dover affrontare situazioni di disservizio? Sicuramente molte, se non altro per il fatto che il viaggio d’affari è composto da una filiera complessa formata da molti attori le cui attività e responsabilità spesso si incrociano. Un quadro complesso Infatti, per esempio, se andiamo ad analizzare il dettaglio della sola componente aerea del viaggio d’affari, abbiamo la seguente situazione-tipo: un viaggio d’af-

fari è un insieme di momenti e complessità in cui qualcuno [viaggiatore] esegue un’azione [viaggiare], facendolo a carico di un’entità [azienda], sotto la responsabilità di qualcuno [manager di riferimento] e seguendo regole [travel policy] dettate da un altro reparto aziendale [risorse umane]. Facendo ciò utilizza un fornitore primario [tmc] che vende alla sua azienda qualcosa [biglietti aerei] che non sono di sua proprietà [ma dei vettori] con tariffe spesso non negoziate dal fornitore [corporale aziendali] ma su cui il fornitore percepisce un emolumento [commissioni ordinarie + override]. Spesso questi servizi


34_37_TDA 02 BEST PRACTICE ok.qxd

27-04-2012

9:36

Pagina 35

35

vengono poi pagati attraverso una terza parte [carta di credito]. È indubbio che, all’interno di una situazione di tale complessità (non dimentichiamo che tendenzialmente un viaggio di lavoro oltre alla componente aerea ha, al suo interno, anche quella alberghiera e spesso anche l’autonoleggio), la problematica o disservizio che dir si voglia, è sempre dietro l’angolo. La gestione del disservizio racchiude tutte quelle azioni che un’organizzazione (o un reparto responsabile di un determinato servizio) deve compiere nel momento in cui riceve una segnalazione da parte di clienti o utenti di bassa soddisfazione rispetto al prodotto/servizio erogato. Questa azione attiene, da una parte, alla prevenzione del disservizio, quindi ha a che fare con tutta quella serie di controlli volti a evitare insoddisfazioni da parte dei propri utenti, mentre dall’altra, è legata alla fase di trattamento e gestione dei reclami e suggerimenti una volta che essi sono stati segnalati. Il disservizio, sia patito dal viaggiatore (e questo è sicuramente l’aspetto più grave) sia patito dal travel manager, genera una catena di reazioni sui vari attori coin-

come dice Steiner, le segnalazioni negative siano effettivamente così tante, ma sicuramente il disservizio si diffonde in azienda con la logica della valanga, ovvero, a titolo esemplificativo, se un viaggiatore ha avuto un problema in una determinata struttura alberghiera (atteso il fatto che la responsabilità sia effettivamente della struttura e non di altri), ne parlerà così male che probabilmente altri viaggiatori faranno di tutto pur di non soggiornarvi, così come se un viaggiatore si è trovato in difficoltà per l’applicazione di una determinata tariffa aerea (magari con restrizioni), sicuramente altri viaggiatori cercheranno di non utilizzarla… E qui cominciamo a interfacciarci con un altro aspetto del disservizio, sicuramente proprio dei viaggiatori, ma su cui anche i travel manager dovrebbero poter prendere spunto, ovvero utilizzare il disservizio a proprio vantaggio.

volti. Molto spesso il primo obiettivo della reazione è da un lato (l’azienda) scoprire di chi è la responsabilità primaria della situazione, mentre dall’altro (fornitori) cercare di fare in modo che la responsabilità non sia la propria. Purtroppo spesso solo in un secondo tempo si approccia invece la risoluzione del problema stesso. Cosa che, invece, dovrebbe essere l’obiettivo primario e immediato. Il rapporto è uno a 180 “Ogni segnalazione negativa genera in media 180 segnalazioni negative” afferma G. Steiner. Ovviamente non sappiamo se,

La gestione del disservizio racchiude tutte quelle azioni che un’organizzazione deve compiere nel momento in cui riceve una segnalazione da parte di clienti o utenti di bassa soddisfazione rispetto al prodotto o al servizio erogato

Utilizzare il disservizio a proprio vantaggio Quali possono essere gli strumenti a supporto delle aziende (e dei travel manager) per il monitoraggio (nel continuo) del disservizio? Sicuramente per rispondere a questo interrogativo dobbiamo ricorrere a un vecchio adagio popolare che recita “prevenire è meglio che curare”. Pertanto è sicuramente fondamentale mettere in campo qualsiasi tipologia di strumento che consenta di anticipare il disservizio piuttosto che subirlo. Sicuramente, in quest’ottica è fondamentale il controllo da parte del travel manager, che dovrebbe poter avere a sua disposizione dei tool che consen-


34_37_TDA 02 BEST PRACTICE ok.qxd

36

tano il presidio dell’intera filiera, al fine, sempre a titolo di esempio, di evitare l’applicazione di tariffe restrittive a commerciali o persone che abbiano necessità di massima mobilità ed elasticità, o la prenotazione si strutture alberghiere scomode (magari a vantaggio di un ipotetico risparmio all’origine) rispetto al luogo di svolgimento del lavoro. Soluzioni tecnologiche quali tool che consentano la verifica e l’intervento in ogni singolo momento del processo (soluzioni ti tipo end-to-end), sono sicuramente un grosso supporto a disposizione del travel manager per controllare nel continuo lo stato di avanzamento di ogni singola richiesta in rapporto alla tipologia di viaggio che deve essere effettuata. Anche in quest’ottica risultano quindi di fondamentale importanza per un travel manager la conoscenza del modello di consumo della propria azienda, tanto quanto il modello comportamentale dei viaggiatori. Quanto costa? Ma il disservizio ha un costo? Poiché riduzione di costi operativi, saving ed efficienza sono termini che in modo sempre maggiore sono presenti all’interno delle aziende, e sono diventate il pane quotidiano anche di chi gestisce i viaggi d’affari, è fondamentale porsi questa domanda, e la risposta alla stessa non può che essere positiva e lapidaria. Sì, il disservizio ha un costo. Sia effettivo sia operativo. Un numero sempre maggiore di aziende, anche sotto la spinta di quanto avviene in altri Paesi in cui questo approccio è ormai diventato una mutuata consuetudine, ha finalmente anche nel nostro paese iniziato a valutare il

27-04-2012

9:36

Pagina 36

BEST PRACTICE

Dover affrontare un disservizio provoca l’impegno di tempo da parte sia del viaggiatore sia del travel manager, e di conseguenza di denaro, oltre all’energia dedicata alla bisogna ovvero distratta dalla quotidianità lavorativa

OBIETTIVO CORRETTEZZA Un utente insoddisfatto non è necessariamente un utente arrabbiato (o per lo meno non solo), ma piuttosto un’opportunità per dimostrare il proprio impegno per riconquistarne la fiducia. Che cosa si aspetta un utente quando si lamenta? Correttezza del risultato (risarcimento adeguato); correttezza e adeguamento pr ocedurale (politiche, regole e tempestività del pr ocesso); Correttezza e tempestività nell’interazione (cortesia, attenzione e onestà nei rappor ti). Per gestire correttamente un disservizio è importante: individuare, all'interno del processo, le fasi nelle quali è possibile che si verifichino disser vizi; classificare i tipi di disser vizio prevedibili (per esempio: legati ai tempi; legati alla qualità o alla tipologia di servizio o alla relazione tra utente e personale che er oga il servizio). La classificazione del disservizio dovrebbe partire dalle attese dei clienti nei confronti del servizio (infatti, quanto più i disservizi riguardano le attese prioritarie dei clienti, tanto più sono da considerar e emergenti). Molto spesso l’insoddisfazione potrebbe non essere creata dall’offerta o dall’erogazione del servizio, ma da aspettative troppo alte dell’utente o da car enze di informazione; definire le modalità di gestione dei diversi tipi di disservizi (da chi può essere rilevato il reclamo? A chi deve essere presentato il reclamo? A chi compete di dar e risposta all'utente che reclama? Che cosa viene fatto per limitar e, se possibile, i disservizi futuri?); monitorare il sistema e verificar e in par ticolare se si verificano frequentemente disservizi non previsti nella fase di studio e analisi.

viaggio d’affari in una logica di “total cost of ownership”, ovvero a valutare quanto effettivamente costa un viaggio di lavoro, anche alla luce della produttività delle persone al di fuori della sede lavo-

rativa “canonica”. Alla luce di questo approccio è logico che il viaggiatore in trasferta debba poter essere in grado di svolgere il proprio lavoro nel modo più efficiente possibile. È indubbio

che il dover affrontare ogni disservizio provoca l’impegno di tempo (da parte sia del viaggiatore sia del travel manager), e di conseguenza di denaro, oltre all’energia dedicata alla bisogna ovvero distratta dalla quotidianità lavorativa. Anche questo, in una logica di “total cost of ownership”, deve essere considerato come una delle tante voci di ‘costo nascosto’ che fanno parte della gestione e del presidio dei viaggi d’affari, e che troppo spesso non vengono considerate né molto spesso percepite come effettivamente esistenti. Quale possibile tutela? A questo punto, esistono effettive possibilità di tutela da parte delle aziende? Esistono strumenti di rivalsa a disposizione delle aziende per potersi effettivamente tutelare nei confronti di questo genere di situazioni? Tendenzialmente le associazioni che si occupano di tutela verso i disservizi sono tarate per una tutela del consumatore in quanto persona fisica, e non dell’azienda. È pur vero che la Comunità europea ha redatto la Carta dei diritti del passeggero ma è altrettanto assodato che dette tutele e norme risultano essere (in buona parte dei casi) di più facile applicazione a viaggiatori di tipo turistico che non a viaggiatori d’affari,


34_37_TDA 02 BEST PRACTICE ok.qxd

27-04-2012

9:36

Pagina 37

37

anche perché tendono a ragionare sulla logica dei momenti di picchi di flusso di movimento legati a situazioni di vacanza e di grandi spostamenti. Prevederne la gestione Sicuramente, però, c’è una prima forma di approccio preventivo al disservizio, ovvero quella di prevederne la gestione all’interno del contratto di servizio con la propria agenzia di viaggio, che è sicuramente il primo punto di contatto del travel manager in caso di problemi. Tendenzialmente buona parte dei viaggiatori business viaggiano a seguito di un contratto che regola l’erogazione del servizio tra l’azienda cui appartengono e l’agenzia di viaggio di riferimento. Sono altresì sempre più diffusi all’interno delle aziende del nostro Paese contratti che al loro interno hanno un’appendice che regola e norma il livello del servizio erogato (service level agreement). Uno dei presupposti fondamen-

tali alla base dello sla è il supporto nel continuo da parte dell’agenzia all’azienda, non solo nell’erogazione del servizio, ma anche e soprattutto in caso di problematiche intercorse durante il viaggio d’affari. In una significativa parte delle casistiche di disservizio è dunque l’agenzia stessa che si fa carico dell’inoltro del reclamo presso il fornitore primario di riferimento (vettore aereo, hotel, autonoleggio ecc.) operando al fine di arrivare a una chiusura formale del reclamo, così come all’eventuale indennizzo a favore del cliente. Ricordiamo che, qualora l’agenzia avesse fatto certificare il proprio sistema di qualità, la gestione del complaint è uno dei punti su cui viene posta maggiore attenzione. Potrebbero invece esserci casistiche particolari in cui è l’azienda stessa che gestisce il reclamo direttamente con il fornitore di riferimento, in particolar modo quando risulti in essere un contratto diretto, ma soprattutto un’opera-

tività diretta da parte dell’azienda (per esempio alberghi prenotati direttamente dall’azienda presso il fornitore senza transitare per l’agenzia di viaggio). L’importanza della procedura interna Altra cosa che, in una logica di approccio al disservizio, l’azienda o il travel manager dovrebbe avere ben presente, è una procedura interna di gestione del disservizio che ne tenga opportuna traccia, dall’apertura formale fino alla sua chiusura, passando attraverso i

Spesso è l’agenzia che si fa carico dell’inoltro del reclamo presso il fornitore primario di riferimento – vettore aereo, hotel, autonoleggio – operando al fine di arrivare a una chiusura formale del reclamo, così come all’eventuale indennizzo a favore del cliente

follow up e vari stadi di avanzamento. L’avere una formale procedura di gestione e monitoraggio del complaint è una vera e propria forma di controllo nel continuo, che consente al travel manager di avere sempre sotto gli occhi lo “stato” della pratica e che gli serve nell’approccio e nella gestione dei disservizi futuri. Dunque la gestione del disservizio serve anche a tenere sotto controllo e monitorare le possibili reazioni negative dell'utente di fronte a un disservizio che si è già verificato: talvolta un intervento tempestivo può, addirittura, capovolgere la sensazione dell'utente, trasformando il disservizio in un evento positivo. Una corretta ed efficace gestione può contribuire ad aumentare l’interazione tra utente e fornitore, portando di conseguenza a un aumento della qualità del servizio erogato, fino a una maggiore soddisfazione dell’utente che ne fruisce. Come ultima riflessione del nostro viaggio all’interno del “pianeta disservizio” dobbiamo riscontrare come, alla base di tutte le potenziali azioni, siano esse di controllo, di intervento, di prevenzione o di opportunità di tradurre il disservizio in positivo, ci sia il concetto base irrinunciabile (più o meno velato, e più o meno inconsciamente riconosciuto) del “cliente interno”, ovvero della necessità da parte del travel manager di considerare i viaggiatori della propria azienda come un vero e proprio cliente della propria struttura, con i quali implementare dei veri e propri sla interni (diverse aziende hanno incominciato a farlo anche nel nostro Paese) che regoli l’erogazione del servizio e contribuisca alla valutazione della performance del travel manager stesso.


38_39_TDA 02 CORSO FORMAZIONE ok.qxd

38

27-04-2012

9:38

Pagina 38

CORSO DI FORMAZION E

di Alessandra Boiardi È partito il Corso di formazione in Analisi e gestione dei viaggi d’affari dell’Università di Bologna, che ha come obiettivo lo sviluppo di un profilo professionale di travel manager avanzato, in grado di coniugare elementi statistici alla consapevolezza di come le trasferte incidono nella vita aziendale

Professione travel manager

H

a preso il via il 30 marzo il Corso di formazione “Analisi e gestione dei viaggi d’affari” tenuto dalla Facoltà di Scienze statistiche dell’Università di Bologna in collaborazione con la Scuola superiore di scienze turistiche. Fino a fine maggio i travel manager partecipanti saranno impegnati in questo corso residenziale che a Rimini li riunirà secondo un calendario che prevede quattro incontri in altrettanti finesettimana. Le lezioni sono tenute da docenti universitari con esperienza pluriennale, ai quali si affiancano manager affermati. L’iniziativa, della quale Turismo d’Affari è media partner, è realizzata


38_39_TDA 02 CORSO FORMAZIONE ok.qxd

27-04-2012

9:38

Pagina 39

39

Al Corso collaborano Accor, airberlin, Air Plus International, Carlson Wagonlit Travel, Cisalpina Tours, Sabre e Seneca. La nostra testata è il media partner

con il contributo di player di mercato di altissimo livello: Accor, airberlin, Air Plus International, Carlson Wagonlit Travel, Cisalpina Tours, Sabre e Seneca. Novità di questo corso avanzato, che succede al corso base tenutosi con successo gli scorsi anni, è proprio quello di sviluppare un profilo professionale di travel manager “upgraded”, che si traduce nella pratica in nuovi know how che ampliano il raggio d’azione dei tm partecipanti. Si darà ampio spazio – tratto distintivo del corso – alle potenzialità dell’analisi statistica lungo l’intero processo di gestione delle trasferte, dalla scelta dei

fornitori alle procedure di autorizzazione, prenotazione, rendicontazione e pagamento, ma verranno affrontati nuovi aspetti della gestione delle trasferte. Il business travel che avanza La gestione dei viaggi d'affari sta subendo una rapida evoluzione che porta chi se ne occupa a un riconosciuto ruolo centrale nel miglioramento della produttività e dell'efficienza aziendale: per questo la terza edizione del corso vuole in particolare rispondere all'esigenza di approfondire le possibilità per l'impresa di governare e razionalizzare con successo una

so avanzato è l’approfondimento delle potenzialità delle logiche campionarie sia per il contenimento dei costi di processo dei viaggi d’affari sia per la realizzazione di vere e proprie indagini conoscitive (per esempio sulla soddisfazione dei viaggiatori o per il benchmarking dei fornitori). L’obiettivo è proporre un supporto scientifico all’innovazione che può trasformare quello che è percepito come un costo di produzione in un investimento per l’azienda.

spesa dalle caratteristiche peculiari. Ma soprattutto identifica nuovi obiettivi strategici volti all’efficienza e all’innovazione nelle pratiche di acquisto, nelle relazioni tra il personale e nel marketing. «La trasversalità della funzione business travel rispetto alle risorse umane, agli acquisti e al marketing – specifica Andrea Guizzardi, coordinatore scientifico del Corso di formazione – rende necessario approfondire i trade-off tra contenimento dei costi e ricadute aziendali del processo di gestione dei viaggi d’affari. Una gestione evoluta delle trasferte considera sia il primato del risparmio sia aspetti di hrm come le possibilità di utiliz-

zare il viaggio nel sistema di benefit e rewarding, o nel sostenere la cultura orientata al recruiting attraverso la costruzione di una buona reputazione e immagine esterna. Mi permetto una domanda provocatoria: Chi meglio di un travel manager può essere impegnato nella diffusione di messaggi positivi sulla propria organizzazione, finalizzati a consolidare la buona reputazione dell’azienda?». Un altro elemento innovativo del cor-

Il programma in sintesi Iniziato a marzo presso la Scuola superiore di Scienze turistiche, polo scientifico-didattico di Rimini, il Corso di formazione proseguirà fino al 26 maggio. Tra i primi argomenti affrontati: richiami di indici e modelli statistici per la rendicontazione dei viaggi aziendali; il ruolo della variabilità come metrica di valutazione, la regressione lineare nella decomposizione dei costi di trasferta. Verranno affrontati temi legati sia alla previsione delle grandezze aziendali e alla costruzione di scenari per l’anticipazione degli effetti delle politiche gestionali sia alla valutazione dei costi indiretti di gestione delle trasferte e dell’efficienza nella spesa travel. Uno spazio sarà dedicato sia all’organizzazione di eventi sia ad approfondire l’impatto delle trasferte sulla gestione della vita aziendale.

Previsione e valutazione nel travel management Per informazioni Martina Farina: tel. e fax 0541.434321, polorn.formazionebt@unibo.it


40_41_TDA 02 CZECH AIRLINES p 2.qxd

40

27-04-2012

9:39

Pagina 40

CZECH AIRLIN ES

di Giulia De Stefano

Volano le novità Czech Airlines inaugura la stagione estiva con nuovi programmi corporate e classi tariffarie rinnovate. Cambiamenti di sicuro interesse per il business travel

S

ono tante le novità che Czech Airlines ha in serbo per la stagione estiva. Alcune molto importanti riguardano da vicino il business travel – come il nuovo programma per le aziende – e si aggiungono a quelle che, pur allargate agli altri mercati, miglioreranno sicuramente il servizio offerto ai viaggiatori corporate, come il nuovo

Czech Airlines offre oggi un sistema nel quale ciascun livello di prezzo del biglietto riflette un pacchetto di servizi definiti e diversi tra loro

portale internet del tutto speciale, novità legate al funzionamento dei programmi fedeltà e il passaggio dalle classi tariffarie alle famiglie tariffarie. I nuovi prodotti vengono introdotti gradualmente con l’inaugurazione della stagione estiva, alcuni di essi sono già attivi da aprile. Tutti hanno caratteristiche comuni: chiarezza, semplicità, comprensibilità e omogeneità nell’intera rete del vettore, a prescindere dall’ubicazione del punto vendita del biglietto. Promo, Standard, Plus, Flexi e Business Sono i nomi delle nuove famiglie


40_41_TDA 02 CZECH AIRLINES p 2.qxd

27-04-2012

9:39

Pagina 41

41

tariffarie di Czech Airlines. Sono ben comprensibili a livello internazionale e si collegano logicamente al valore di un prodotto concreto e precisamente definito che può essere dedotto dalla semplicità del nome stesso del prodotto. Con l’adozione delle famiglie tariffarie la società passa dal modello esistente che prevede diversi livelli di prezzo nell’ambito di due prodotti (Economy ed Economy Premium) a un nuovo sistema dove ciascun livello di prezzo del biglietto riflette un dato pacchetto di servizi esattamente definiti e diversi tra loro. Vantaggi rapidi e diretti per il corporate Tra le nuove famiglie tariffarie Czech Airlines figura un’ulteriore novità: il programma per i clienti aziendali. Ovviamente il programma si riferisce all’acquisto di biglietti OK, ovvero linee operate direttamente da Czech Airlines o dai suoi partner sulla base di una collaborazione code-share. Il nuovo sistema è impostato in maniera unificata per tutte le zone e aree geografiche; vale a dire che le stes-

Le aziende con minimo cinquanta tratte Czech Airlines l’anno potranno scegliere il programma Corporate Saver, che propone tariffe scontate

se condizioni sono applicate per la Repubblica Ceca o, per esempio, per l’Italia. Il programma prevede tre categorie di aziende, con suddivisione in base al numero di tratte prenotate e volate oppure in base al budget aziendale. I clienti aziendali potranno inoltre decidere se raccogliere punti per il Frequent Buyer Programme di Czech Airlines o permettere al proprio datore di lavoro di totalizzare miglia nel Frequent Flyer Programme OK Plus. Le aziende con minimo cinquanta tratte Czech Airlines l’anno potranno scegliere il programma Corporate Saver, che propone tariffe scontate. Per le aziende che invece spendono almeno 25mila euro l’anno è previsto il programma Corporate Flexi, che propone sconti su biglietti e servizi. Infine, Corporate Premium, pensato per le grandi aziende che spendono almeno cinquantamila euro l’anno, che garantisce sconti maggiorati.

Pensato per il business Altra implementazione del vettore di bandiera della Repubblica Ceca riguarda l’offerta in classe business. I passeggeri con biglietto OK in classe business su tutte le linee operate da Czech Airlines godono infatti della possibilità di trasporto gratuito di due bagagli registrati (ciascuno del peso massimo di 32 chilogrammi) e di due bagagli a mano (ciascuno fino a 12 chilogrammi). Inoltre, si ha diritto al rimborso del biglietto, modifica della prenotazione gratuita, precedenza al check in, fast track, precedenza in fase di imbarco e sbarco dall’aereo nonché carico/scarico bagagli prioritario. Per ciascun volo in classe Business sarà concesso il doppio delle miglia nel programma fedeltà di Czech Airlines OK Plus. In classe Flexi i passeggeri hanno diritto al rimborso del biglietto, modifica della prenotazione gratuita, check in di un bagaglio registrato e di un bagaglio a mano, carico/scarico bagagli prioritario, rinfresco gratuito a bordo e scelta di piatti speciali. Per i passeggeri di classe Flexi titolari di carta OK plus oro o argento è previsto inoltre l’upgrade prioritario in classe business o comunque la possibilità di acquistare l’upgrade pagando una commissione agevolata. Per i voli in classe Flexi il computo delle miglia totalizzate nel programma fedeltà è moltiplicato per 1,5. Anche per i biglietti Plus è previsto il rimborso o la possibilità di modificare la prenotazione, ma si paga una commissione. Le classi Standard e Promo rappresentano un’alternativa economica per viaggiare, con condizioni più restrittive rispetto alle altre ma con tariffe molto ridotte. Indirizzo a fine rivista


42_45_TDA 02 CHECK IN p 2.qxd

27-04-2012

d’ TA

Pagina 42

CHECK IN

Alitalia fa il bis tra Linate e London City Ufficiale il debutto di Alitalia sull’aeroporto di London City, lo scalo di riferimento della comunità finanziaria londinese. Alitalia vola tra Milano Linate e London City due volte al giorno, dal lunedì al venerdì, in orari ottimali anche per viaggi di andata e ritorno in giornata. La domenica è operativo un unico collegamento. I voli sono operati con i nuovi Embraer E-190 che offrono cento posti distribuiti in file da due poltrone. L’assenza del posto centrale e le poltrone slim in pelle garantiscono il massimo comfort a tutti i passeggeri. Due le classi di viaggio disponibili: Ottima e Classica. Nel 2012 Alitalia conta di trasportare circa cinquantamila passeggeri sulla tratta Milano LinateLondon City ed è già allo studio l'ipotesi di aumentare l'offerta a tre voli al giorno. Il London City Airport, inaugurato il 5 novembre 1987 dalla Regina Elisabetta II, vanta le più rapide procedure di check in, di imbarco e di sbarco, di tutti gli aeroporti londinesi. La zona partenze del London City Airport offre numerosi punti di accesso wifi gratuiti e postazioni di lavoro dotate di prese elettriche e di plug-in per pc portatili.

Livingston torna a volare È stato inaugurato il 31 marzo scorso il primo volo della compagnia aerea Livingston. Partito da Milano Malpensa, base d’armamento per il vettore, il volo ha raggiunto Marsa Alam con a bordo 161 passeggeri e sei membri dell’equipaggio. Il volo JN 2621 è operato con un Airbus

9:41

Da Turkish Airlines voli in tutto il mondo Dopo gli ottimi risultati ottenuti nel 2011 Turkish Airlines ha aumentato il numero di voli settimanali in ben 33 delle 191 destinazioni che copre in tutto il mondo, incrementando i suoi voli anche in Italia negli aeroporti di Bologna, Genova e Torino. Il traffico aereo nelle tre destinazioni italiane è aumentato da sette a dieci per i voli settimanali sulla tratta Bologna-Istanbul,

da 14 a 18 per la tratta Genova-Istanbul e da tre a sette per Torino-Istanbul. Questo importante aumento di frequenze è un chiaro segnale della crescita costante e del dinamismo che la compagnia sta riscontrando sia a livello

locale che globale, i dati parlano chiaro: nel 2011 34,7 milioni di persone hanno volato con la compagnia di bandiera turca, il 17 per cento in più rispetto al 2010 e il doppio rispetto agli ultimi due anni. Oltre alle destinazioni italiane Turkish Airlines ha incrementato i voli sulle seguenti destinazioni nel mondo: Nord America, Asia, Medio Oriente, Asia Centrale ed Europa.

Qatar Airways: nuove poltrone per il 787 Nuove poltrone in business ed economy class dei Boeing 787 Dreamliner di Qatar Airways. Le macchine entreranno nella flotta della compagnia a partire dalla prossima estate e saranno configurate con 22 posti business e 232 economy. Ogni poltrona sarà allestita con un innovativo touch screen a tecnologia Android. I passeggeri potranno utilizzare il proprio dispositivo palmare e guardare un film sullo schermo personale. Saranno sempre connessi tramite sistema wifi e gsm per l’invio di sms e mms. Spaziose e confortevoli le poltrone progettate in esclusiva per la compagnia. L’aereo sarà inizialmente impiegato sulle rotte del Golfo. Sarà esposto al Salone di Farnborough in luglio e poi prenderà servizio sul

A320, vestito con la nuova livrea del “gabbiano”. L’aeromobile è denominato Laveno Mombello, in omaggio alla località turistica sul Lago Maggiore, in provincia di Varese. A regime, Livingston disporrà di una flotta composta da 12 velivoli: nove aeromobili Airbus A320 di corto-medio raggio e tre aeromobili Airbus

lungo raggio. Qatar Airways ha, inoltre, annunciato l’apertura di cinque nuovi voli verso Iraq, Tanzania, Serbia e Birmania, precisamente verso Erbil, Baghdad, Kilimangiaro, Belgrado e Yangon. I nuovi collegamenti si uniscono a quelli precedentemente annunciati che riguardano Kigali, Zagabria, Perth, Mombasa, Zanzibar, Helsinki e Gassim.

A330 di lungo raggio. Iberia Express entra in oneworld Iberia Express, nuova compagnia specializzata in voli a corto e medio raggio del Gruppo Iag, è entrata in oneworld. Il vettore ha come base domestica l’hub di Madrid, da e per il quale

effettuerà servizio su tratte a corto e medio raggio incrementando l’offerta di connessioni con i voli intercontinentali operati da Iberia dallo scalo madrileno. L’ingresso in oneworld consentirà a Iberia Express di offrire loro inoltre l’intera gamma di vantaggi e benefit riservati ai frequent flyer dell’alleanza.


42_45_TDA 02 CHECK IN p 2.qxd

27-04-2012

9:41

Pagina 43

43

CHECK IN

Air-Dynamic prenotazioni nel cuore di Roma Air-Dynamic è atterrata nel cuore di Roma con l’apertura del primo Customer Point, situato a pochi passi da Piazza di Spagna. Si possono ottenere quindi informazioni utili e prenotare direttamente il volo in elicottero o jet privato senza attese e senza dover ricorrere necessariamente alle consuete modalità di prenotazione telefoniche o via web. Air-Dynamic in

questa occasione sceglie di legare il suo nome a quello di Luxury Hotel Nazionale La Griffe di Roma, la cui hall è la sede del nuovo Customer Point operativo in via Nazionale 13. Lo staff della società sarà disponibile 24h per fornire consulenza, la migliore quotazione in tempo reale o semplicemente per poter soddisfare l’esigenza dell’ultimo minuto.

Cambio ai vertici nel management Thai Airways Italia Cambio ai vertici nel management Thai Airways Italia: il vettore di bandiera thailandese dà il benvenuto a Vutichai Kampanartsanyakorn, che entra a far parte dello staff italiano in qualità di general manager Nord Italia. Una carriera ventennale nelle file della Compagnia dell’Orchidea, con sette anni nella sede indiana e i restanti presso l’head office

di Bangkok, e che culmina nell’attuale posizione presso il nostro mercato. «La situazione mondiale ci richiede interventi rapidi, flessibilità e azioni tempestive mirate alle sollecitazioni del mercato internazionale per mantenere il nostro profilo di vettore top class e la competitività. Le nostre operazioni di pricing, l’ottimizzazione di rotte e fre-

quenze, il rinnovamento della totalità della flotta ci riconfermano al vertice per i collegamenti non-stop dall’Italia e il livello di servizio». Positive le stime per l’estate, con un andamento in ascesa del cinque per cento che ha inaugurato il 2012, e il cambio di aeromobile da Malpensa entro maggio.

Quando business è sinonimo di classe ed eleganza Grazie al code-share con Darwin si rafforza la presenza di Swiss in Italia e i nuovi voli da Genova, Firenze e Venezia consentono facili coincidenze. Per esempio, da Genova via Zurigo o Ginevra è ora possibile raggiungere New York, Shanghai, Nairobi oltre ad altre destinazioni. Con l'orario estivo l'hub di Zurigo

Doppio premio per Oman Air Oman Air ha ricevuto due premi di rilievo ai TravelPlus Airline Amenity Bag Awards 2011 che si sono tenuti domenica notte a Londra. La compagnia aerea del Sultanato dell’Oman ha vinto sia nella categoria Best First Class Female Amenity Bag sia nella categoria Best Business

offre sul lungo raggio anche un aumento delle frequenze verso Pechino e Chicago. La combinabilità di tariffe non solo con la rete Swiss, ma anche con Lufthansa offre al passeggero più partenze disponibili, maggiore flessibilità e consente anche di volare su destinazioni in combinazione. Swiss è competitiva anche

Class Unisex Amenity Bag, inoltre ha ricevuto una menzione d’onore per la Best First Class Amenity Bag. Japan Airlines riceve macchine Boeing Boeing e Japan Airlines hanno celebrato la consegna dei suoi primi due 787 Dreamliner. JAL è la prima compagnia

a livello di tariffe pur offrendo un servizio elevato e un prodotto di qualità, innovativo e uniforme. Rimane inoltre l'unico vettore europeo a offrire la First Class per tutte le destinazioni di lungo raggio. Le novità le troviamo anche all'aeroporto di Zurigo. Il nuovo Terminal B e la nuova Arrival Lounge ren-

aerea a ricevere un 787 con motori General Electric Genx a basso consumo di carburante. Martinenghi presidente di Darwin Airline Emilio Martinenghi, membro del consiglio di amministrazione della compagnia aerea regionale svizzera dal 2005, è stato

dono l'hub ancora più semplice e funzionale, basato sulla velocità ed efficienza, a tutto vantaggio dei passeggeri in transito. Una nota per i passeggeri gourmet: nei prossimi mesi il catering di bordo viene curato da Frank Oerthle, chef stellato del Grand Hotel Villa Castagnola di Lugano. L.R.

nominato presidente di Darwin Airline, al posto dell’uscente Sergio Ermotti che ha rinunciato al rinnovo del mandato e a qualsiasi altra funzione in seno al consiglio di amministrazione della compagnia. Il vettore, nel 2011, ha fatturato 55,8 milioni di franchi registrando un +46,9 per cento rispetto al 2010.


42_45_TDA 02 CHECK IN p 2.qxd

27-04-2012

d’ TA

9:41

Pagina 44

CHECK IN

Lufthansa vola su Napoli

Emirates triplica a Roma

Con l’orario estivo, Lufthansa ha introdotto il nuovo collegamento giornaliero tra Napoli e Francoforte. Salgono così a due i voli diretti tra il capoluogo partenopeo e la capitale tedesca del business, da dove i passeggeri avranno la possibilità di raggiungere ben 216 destinazioni in 83 Paesi nel mondo. I collegamenti quotidiani Napoli-Francoforte, operati con Airbus A321 nella configurazione duecento posti di business e economy class, sono stati pensati in modo tale da offrire ai passeggeri coincidenze comode e veloci per le principali destinazioni in tutto il mondo quali, per esempio New York, Miami, San Francisco, Rio de Janeiro, Singapore e in Europa per Londra, Parigi, Barcellona, Mosca e molte altre. Il nuovo volo LH 337 decolla da Napoli alle ore 6.05 e arriva a Francoforte alle ore 8.15. Il volo di ritorno LH 336 parte da Francoforte alle ore 20.45 arrivando a Napoli alle ore 22.40.

Dal prossimo ottobre la capitale avrà un terzo collegamento Emirates. Il volo EK 100, partirà da Roma alle ore 11.20 e arriverà a Dubai alle ore 19.10. Il volo di ritorno EK 099 partirà da Dubai alle ore 3.15 e arriverà a Roma, all’aeroporto Leonardo da Vinci, alle ore 7.35. Il nuovo servizio sarà operato con un Airbus A330-200 da 237 posti configurato in tre classi: con 12 lussuosi posti in prima classe, 42 in business class e un generoso spazio per 183 passeggeri in economy class. L’aereo aggiungerà una capacità di carico di 15 tonnellate a rotta alle attività cargo da Roma.

Roma è attualmente servita da due voli Emirates giornalieri. Se aggiunto al triplo servizio giornaliero per Milano a partire dal 1 giugno e ai due voli giornalieri per Venezia a partire dal 25 Marzo, l’aumento delle frequenze settimanali contribuirà ad una fiorente relazione commerciale tra l’Italia e gli Emirati Arabi Uniti del valore di 4.6 miliardi di dollari.

Di Lecce alla divisione mice di Air Partner La nuova divisione dedicata al Mice di Air Partner è stata affidata a Domenico Di Lecce. Il manager ha operato in diversi settori, come quello alberghiero, ricoprendo il ruolo di revenue manager al Milan Marriott Hotel e di general manager all’Exedra Boscolo di Roma. Dal 2005 è stato senior sales

Tel Aviv: aeroporto da primato Secondo una recente indagine condotta dall’Airports Council International, l’aeroporto internazionale Ben Gurion di Tel Aviv è stato nominato, per il quinto anno consecutivo, uno tra i migliori aeroporti del Medio Oriente. La survey, che si basa su oltre trenta parametri

manager della divisione Dmc del Gruppo Kuoni, con responsabilità del settore Mice nel mercato italiano. «Il mio ingresso in Air Partner rappresenta una sfida importante perché la divisione Mice è un’area in cui la compagnia crede molto ed ha deciso di investire nonostante un momento abbastanza difficile per il settore, penalizzato dalla crisi economica - ha dichiarato Di Lecce - Tuttavia sono molto ottimista perché penso che mai come in questo momento

votati da milioni di viaggiatori, descrive le nuove tecnologie del Ben Gurion International Airport come «infrastrutture assolutamente all’avanguardia per la sicurezza internazionale». Nel 2011 sono stati oltre 12.2 milioni i viaggiatori che sono transitati dal Ben Gurion International Airport.

sia necessario essere presenti e visibili sul mercato con un brand forte ed affidabile. Mi focalizzerò su una strategia suddivisa in breve, medio e lungo termine presentando le tante opportunità e garanzie che Air Partner offre per il trasporto aereo, sia con incontri one2one e che con partecipazioni alle fiere di settore. Conto di ottenere interessanti risultati perché sono convinto che non appena la situazione mondiale si stabilizza, il Mice sarà un’area trainante per la ripresa».

Le news di Air France su iPad Air France ha lanciato due nuove applicazioni per iPad, scaricabili da App Store, che permettono di consultare gratuitamente le due principali pubblicazioni di Air France: Air France Magazine, edita da Gallimard, e Air France Madame, edita da Condé Nast.

United Airlines vola a Istanbul United Airlines ha annunciato voli giornalieri non stop tra il suo hub di New York presso l’aeroporto Newark Liberty International e Istanbul, a partire dal 1° luglio 2012. Il primo volo da Istanbul verso gli Stati Uniti sarà operato il 2 luglio.


42_45_TDA 02 CHECK IN p 2.qxd

27-04-2012

9:41

Pagina 45

45

CHECK IN

Paolo Zocconali a Tap Portugal

Nuova business Cathay Pacific

Paolo Zocconali (nella foto), entrato in Tap nel 2005 con la funzione di promotore alle vendite area Centro Italia, ha ora assunto la carica di marketing manager in Italia e Grecia. «Sono molto orgoglioso di essere stato scelto per questo nuovo incarico e sono certo che le competenze consolidate lavorando per Tap qui in Italia e la visione globale maturata negli ultimi sei mesi che ho trascorso a Lisbona, saranno estremamente utili per operare in questo mercato così competitivo e sfidante. Il mio primo impegno è rivolto al lancio del nuovo collegamento quadri-settimanale Torino-Lisbona che opereremo dal prossimo 3 giugno e su cui Tap crede fortemente» ha dichiarato Zocconali. Vettore membro di Star Alliance Tap serve 75 destinazioni in 36 paesi del mondo ed è la compagnia di riferimento per il Brasile e l’Africa. L’Italia rappresenta il terzo mercato più importante in Europa e il primo per la destinazione Brasile. Con il nuovo collegamento Torino-Lisbona la compagnia portoghese opererà quest’estate dall’Italia 93 frequenze settimanali verso gli hub di Lisbona e Porto.

Cathay Pacific ha presentato la nuova business class che rappresenta al meglio tre valori fondamentali: spazio, servizio e massima attenzione ai dettagli. La nuova classe è infatti la perfetta combinazione di privacy, comodità e efficienza high tech. Le poltrone sono ancora più reclinabili fino a diventare un letto lungo più di due metri per garantire il massimo comfort durante il viaggio. Perfetto equilibrio tra privacy, libertà di movimento e interazione, la nuova business class accoglie un intrattenimento cinque stelle. Tv 15 pollici con audio e video on demand e una selezione di oltre cento film, cinquecento show Tv, 888 cd musicali, 22 frequenze radio e settanta giochi. Dopo le rotte che collegano Hong Kong con i maggiori scali statunitensi, Milano e Londra saranno i primi due hub europei ad avere in anteprima i Boeing 777-300ER configurati con la nuova classe. I voli in partenza da Milano Malpensa saranno bisettimanali (lunedì e sabato) dal 2 luglio e diventeranno giornalieri a partire dal 2 agosto.

Eva Air in Star Alliance Star Alliance ha accolto all’unanimità la richiesta da parte di Eva Air, vettore di Taiwan, di entrare a far parte dell’alleanza. Il network, che comprende circa sessanta destinazioni, aggiungerà Kaohsiung (Taiwan) e Surabaya (Indonesia) come nuovi aeroporti per l’alleanza.

Star Alliance festeggia Heathrow Star Alliance ha festeggiato i lavori di riqualificazione del Terminal 2 di Heathrow che, quando verrà aper to nel 2014, diventerà la nuova base dell’alleanza presso l’aeropor to. Il programma di riqualificazione del Terminal 2 consiste di quattro elementi fondamentali: il nuovo terminal, un satellite, un nuovo parcheggio auto multipiano e un nuovo sviluppo del sistema di viabilità. La progettazione prevede uno spazio moderno, all’avanguardia dal punto di vista tecnologico e dall’impatto ambientale minimo, tanto per i passeggeri quanto per coloro che vi lavorano. «La riqualificazione del Terminal 2 raf forzerà il posizionamento di Heathrow — ha dichiarato Lee Hock Lye, Vice President Products & Services di Star Alliance — e con la nostra nuova area dedicata Star Alliance sarà in grado di competere sullo stesso piano con le altre alleanze».

Treviso-Stoccarda per Germanwings Il vettore low cost tedesco collega Treviso a Stoccarda con tre voli a settimana a cui dal 16 maggio si aggiungerà una quarta frequenza. easyJet punta sul bt La low cost chiude il 2011 con ottimi risultati e annuncia

novità per la clientela business che rappresenta il venti per cento dei passeggeri trasportati da easyJet in Italia. Le Flexi Fares, tariffe flessibili consentono di modificare la data di partenza da una settimana prima a tre settimane dopo quella indicata all'atto d'acquisto, senza costi aggiuntivi.

Adria vola da Pristina a Verona Adria Airways e l’aeroporto Valerio Catullo di Verona hanno collaborato al lancio del nuovo collegamento Pristina-Verona. Il volo ha cadenza bisettimanale, ogni martedì e sabato. Sarà operato con un Airbus A319 da 135 posti.


46_47_TDA 02 HRS p 2.qxd

27-04-2012

46

9:43

Pagina 46

SOLUZION I BT

di Madeleine Rey

Il sito punta sul mercato italiano, nel quale mira a diventare uno dei principali canali per l’organizzazione dei viaggi d’affari

Hrs.com scommette I

l portale www.hrs.com vuole affermarsi anche in Italia come il punto di riferimento per i soggiorni aziendali: leader di mercato in Germania da oltre quarant’anni, e con uffici nelle principali sedi europee, nel nostro Paese è presente dal 2009. «Il nostro obiettivo è quello di raddoppiare il numero di aziende partner entro il 2015» dice Elisabetta Giulietti, direttore commerciale di Hrs Italia. Un partner per le aziende Hrs è una società privata e come tale non divulga dati ufficiali sul proprio andamento economico, tuttavia Elisabetta Giulietti ha dichiarato: «Non possiamo nascondere la nostra soddisfazione per la crescita e il riscontro che abbiamo avuto, e l’obiettivo che ci siamo prefissati è assolutamente realizzabile. Abbiamo veri-

ficato che le aziende italiane hanno realmente bisogno di un prodotto come il nostro. Parlo sia dei grandi gruppi sia delle piccole e medie imprese, che costituiscono il tessuto imprenditoriale italiano. L’esigenza dei travel manager, dei direttori acquisti o direttamente dei titolari è, ora più che mai, quella di ottimizzare le spese per i soggiorni aziendali. Grazie alla nostra piattaforma dedicata offriamo la possibilità di accedere a un network esclusivo di hotel che garantiscono prezzi fino al trenta per cento in meno rispetto alle tariffe pubbliche. Alle aziende più strutturate siamo in grado di offrire l’integrazione degli accordi già effettuati di modo che con un unica piattaforma abbiano l’accesso all’intera offerta di Hrs, 250mila hotel in tutto il mondo. Naturalmente il nostro servizio è completamente gratuito. Garan-


46_47_TDA 02 HRS p 2.qxd

27-04-2012

9:43

Pagina 47

47

L’acquisizione di Hotel.de e l’accordo con Amadeus sono importanti tasselli della strategia Hrs per offrire una soluzione trasversale dedicata al business travel

sul business travel tiamo anche il controlling dei costi attraverso la possibilità di stabilire i limiti di prezzo, le direttive sulle spese di viaggio o trovare gli alberghi più vicini alle sedi aziendali. Leader nell’innovazione, Hrs permette di accedere al proprio prodotto corporate anche tramite smartphone». Un’azienda competitiva La mission aziendale di Hrs è caratterizzata da continue e approfondite attività di ricerca e sviluppo che, negli anni, hanno dato vita a un sistema di business intelligence particolarmente avanzato. L’acquisizione, avvenuta lo scorso novembre, del 61,6 per cento del pacchetto azionario di Hotel.de (Hotel.info in Italia), ha accresciuto il vantaggio competitivo dell’azienda. L’acquisto del pacchetto di maggioranza della compagnia ha consolidato la posizione di Hrs tra i market leader

Elisabetta Giulietti, direttore commerciale di Hrs Italia

in Europa per i soggiorni aziendali e arricchito sensibilmente il database a disposizione dell’utenza. Di recente l’accordo strategico con Amadeus, uno dei sistemi di e-ticketing leader al mondo e tra i principali possessori di transazioni per l’industria globale di viaggi e turismo, ha reso possibile distribuire contenuti alberghieri con maggiore facilità ed efficienza, attraverso un canale gds. «L’acquisizione di Hotel.de e l’accordo con Amadeus sono degli importanti tasselli che si inseriscono nella nostra strategia di offrire una soluzione trasversale per il business travel, dove accanto all’offerta convenzionale delle grandi catene siamo in grado di offrire tutto il mondo degli hotel indipendenti, così radicato soprattutto in Italia. Un importante aspetto è il pacchetto “congresso online”, un’offerta strut-

turata che consente di semplificare e ridurre i costi dell’attività congressuale: un gruppo di specialisti in convegni e viaggi lavorano per gestire richieste di gruppi e convegni, roadshow, soggiorni fieristici e ogni tipo di manifestazione». «L’ultimo aspetto che vorrei sottolineare – conclude Elisabetta Giulietti – è quello relativo all’assistenza che garantiamo grazie alla nostra rete di account manager dedicati. Con Hrs le aziende non sono mai lasciate da sole». Attualmente sono trentamila le aziende internazionali che prenotano tramite Hrs le loro camere per viaggi d’affari e congressi e Hrs conta uffici a Londra, Parigi Mosca, Varsavia, Istanbul e Shangai, circa seicento dipendenti in tutto il mondo e dieci milioni di visite al mese. Indirizzo a fine rivista


48_49_TDA 02 GHS p 2.qxd

27-04-2012

48

9:45

Pagina 48

GHS HOTELS

di Simona Zin

Dalla new entry Vecchio Borgo, al Garibaldi, fino ad arrivare allo storico Astoria Palace l’offerta di Ghs per il turismo d’affari propone tre strutture di pregio e dal servizio impeccabile

A Palermo l’ospitalità è griffata Il gruppo Ghs si connota per la sua offerta di altissimo livello dedicata al mondo business

I

l nome “Ghs” è sinonimo di business a Palermo: il maggiore gruppo palermitano in termini di accoglienza, con circa quattrocento camere, vanta infatti un mirabile tris d’assi di strutture ideali per la clientela d’affari: l’Hotel Vecchio Borgo, l’Astoria Palace Hotel e l’Hotel Garibaldi. L’ultimo arrivato in famiglia è l’Hotel Vecchio Borgo, un quattro stelle che rappresenta una nuova sfida per il gruppo alberghiero che fronteggia la contingenza economica mondiale espandendosi e senza ricorrere ad alcuna riduzione del personale. Il

gruppo punta tutto sul fattore umano, il servizio tailor made, la formazione continua e la volontà di offrire alla propria clientela business il meglio in termini di modernità e infrastrutture. I suoi tre alberghi sono collocati nei punti strategici della città: l’Hotel Garibaldi si trova in piazza Politeama, in pieno centro, a due passi a piedi dalle suggestioni palermitane, ed è strategicamente posizionato anche L’Astoria Palace Hotel, ubicato tra il porto e il quartiere fieristico. L’Hotel Vecchio Borgo, infine, si trova nei pressi dell’Hotel Garibaldi, a pochi passi da piazza Politeama, ai margini di uno dei quattro mercati storici di Palermo, Borgo Vecchio, appunto, che si estende fino al mare. Incontri di successo Che si scelga l’uno o l’altro albergo, a seconda delle proprie esigenze, il successo degli eventi e degli incontri qui ambientati è garantito grazie alla mirabile espe-


48_49_TDA 02 GHS p 2.qxd

27-04-2012

9:45

Pagina 49

49

rienza del Presidente della F. Ponte SpA, il dottor Daniele Di Domenico, e alla gestione di Lanfranco Rizzo, giovane general manager dalla prestigiosa esperienza. Il gruppo Ghs si connota per la sua offerta di altissimo livello che vede ora i riflettori puntati innanzitutto sull’Hotel Vecchio Borgo, splendido esempio di architettura razionalista e dalla fine essenzialità dei suoi esterni cui fa eco la sobria eleganza degli elementi d’arredo all’interno. Ogni dettaglio è improntato al massimo comfort, soprattutto nelle 32 camere, elegantemente arredate e improntate a cromie che vanno dal crema all’arancione passando per le gamme del giallo. Ai fasti antichi si accosta la più moderna tecnologia che ha consentito la realizzazione di un’ampia sala-colazioni con vista sull’antico mercato. Una struttu-

Il fiore all’occhiello dell’Astoria Palace Hotel è il centro congressi, articolato in otto sale modulari in grado di accogliere 1.200 persone

ra, l’Hotel Vecchio Borgo, da vivere come un’appendice degli altri due alberghi del gruppo Ghs, a iniziare dall’Astoria Palace Hotel, il cui fiore all’occhiello è dato da un centro congressi articolato in otto sale modulari in grado di accogliere complessivamente 1.200 persone.

All’insegna del gusto Le sale meeting dell’Astoria Palace Hotel sono dotate di tecnologia di ultima generazione e sono affiancate da quattro cabine di traduzione simultanea e da una sala regia completamente attrezzata. Dopo gli incontri di lavoro, arriva il momento del piace-

L’Hotel Vecchio Borgo è uno splendido esempio di architettura razionalista. Ogni dettaglio dell’albergo è improntato al massimo comfort, soprattutto nelle 32 camere

re: l’Astoria Palace Hotel vanta due ristoranti in grado di soddisfare i gourmet più esigenti con una ristorazione incentrata sulle specialità enogastronomiche regionali. Non solo: il gruppo alberghiero propone anche cene di gala ambientate in altre prestigiose location ma con catering a firma Ghs. Dalle seduzioni del gusto a quelle del benessere: l’Astoria Palace Hotel, infatti, è portavoce di una rigenerante remise en forme con un raccolto centro benessere e un solarium al dodicesimo piano con due vasche idromassaggio e vista mozzafiato sulla città. Nel contesto dell’accomodation vi sono 326 camere. L’Hotel Garibaldi, infine, è l’unico albergo nel cuore del capoluogo siciliano a vantare un ampio parcheggio interno e dispone di moderne e attrezzate sale meeting concepite per ospitare sino a duecento persone di cui 85 nella principale. La struttura, che presenta collegamenti wireless negli spazi comuni, è approntata con impianti multimediali di ultima generazione e con aree espositive posizionate allo stesso piano delle sale. Efficienza e comfort sono le parole-chiave dell’Hotel Garibaldi che annovera 71 camere. La struttura, così come l’Hotel Vecchio Borgo, si rivela punto di partenza ideale per scoprire la città e i suoi leggendari dintorni. Indirizzo a fine rivista


50_TDA 02 MULINO GRANDE p 2.qxd

50

27-04-2012

9:47

Pagina 50

HOTEL MULINO GRANDE

di Madeleine Rey

Incontri eco-chic al Mulino Situato nel Parco Agricolo Sud di Milano, a pochi chilometri dalla fiera di Rho e nei pressi del Castello di Cusago, la struttura rappresenta il contesto ideale per momenti di lavoro originali e fuori dagli schemi

gico annesso al ristorante dell’hotel, “Il Magiono”. I lavori e gli incontri si svolgono nelle due sale meeting a luce naturale, dotate delle più evolute attrezzature tecnologiche, che offrono ambienti modulari e funzionali oltre a connessione internet wifi, supporto per videoconferenze e servizi office personalizzabili. All’occorrenza, la Suite, lo spazio più appartato della struttura alberghiera, viene propo-

L’

eco-design Hotel Mulino Grande di Cusago è un partner affidabile e insostituibile nella realizzazione di incontri di lavoro di successo grazie alla profonda conoscenza del mercato di un team di professionisti esperti che operano al suo interno. I tratti principali del servizio proposto alle aziende sono orientamento alla massima soddisfazione del cliente, puntualità e personalizzazione del servizio. Filosofia ecosostenibile

Ogni evento o incontro d’affari ambientato al Mulino Grande è accompagnato da proposte gastronomiche opportunamente abbinate, quali coffee break con pasticceria di produzione propria, colazioni di lavoro, aperitivi e cene di gala con proposte gastronomiche che si attengono alla filosofia chilometro zero. Non a caso ortaggi e misticanze provengono dall’orto biolo-

Il servizio proposto alle aziende è caratterizzato da un orientamento alla massima soddisfazione del cliente, puntualità e personalizzazione del servizio

sta per incontri riservati a un numero limitato di persone. A disposizione degli ospiti, 21 camere, di cui sette suite, e una spa-zone che propone trattamenti e prodotti bio Pevana. L’hotel riserva particolare attenzione all'ambiente, sia nella scelta dei materiali, rigorosamente naturali, sia nell'impiego di fonti energetiche rinnovabili sfruttando le più recenti e innovative tecnologie, come l'energia geotermica e solare, per climatizzare le diverse aree senza produrre inquinamento. Fedele alla filosofia eco, l’Hotel Mulino Grande propone una serie di attività di eco-teambuilding per offrire momenti extra lavoro veramente originali, come “Recycle on Music”, il riciclo come attività base del rispetto e la salvaguardia dell’ambiente, oggi tema di grande interesse. Questa esperienza permette di creare numerosi parallelismi con la vita aziendale ma si inserisce in un progetto più ampio di attenzione alla natura e al pianeta, del quale ogni azienda può farsi promotrice. I partecipanti, divisi in diverse sezioni sonore, saranno coinvolti in un grande progetto: la realizzazione di strumenti musicali utilizzando materiali di riciclo al fine di dare vita a una vera e propria orchestra, nella quale tutti gli elementi avranno ruolo attivo in momenti di musica di gruppo. Indirizzo a fine rivista


TDA0179_Contur_Layout 1 26/04/12giovedĂŹ 14:37 Pagina 1


52_53_TDA 02 AI CAVALIERI HOTEL p 2.qxd

52

27-04-2012

9:48

Pagina 52

AI CAVALIERI HOTEL

di Simona Zin

Accoglienza esclusiva All’Hotel Ai Cavalieri di Palermo il businessman viene accolto in modo particolare, tra privacy e servizi ad hoc: la struttura è dotata della tecnologia più moderna per la clientela d’affari e di comfort esclusivi

F

ascino e prestigio sono i termini che meglio definisconol’Hotel Ai Cavalieri di Palermo: situato nel centro storico del capoluogo siciliano, dove le tradizioni più vere e la grande arte incontrano il mondo cosmopolita degli affari, dello shopping e delle nuove tendenze, la struttura è affiliata al gruppo Best Western e si avvale della disponibilità di ben quattro sale meeting, esclusive e versatili, proprio nel cuore della città. Il quattro stelle superior è stato realizzato attraverso un attento restauro di un immobile di pregio dei primi anni del Novecento ed è gestito, in modo estremamente efficiente e con grande passione, da uno staff giovane e motivato. Lussuoso e discreto, l’hotel è curato fin nei minimi dettagli e dotato di 39 confortevoli camere e suite: per i business traveller di passaggio in città costituisce una base ideale sia per lavorare sia per riposare e rilassarsi nei momenti liberi o a fine giornata. Uno dei luoghi della struttura che meglio sono adatti a far vivere momenti di relax e

Le 39 camere sono suddivise in classic, executive e suite, tutte spaziose e luminose e perfettamente attrezzate per le sessioni di lavoro

allo stesso tempo conviviali è il nuovo Graal Club, il bar, dove vengono serviti pranzi veloci proprio per il segmento business. Qui il pomeriggio può proseguire con cioccolate e selezioni di infusi e tè di tutto il mondo, aperitivi e after dinner. Il Graal Club ha un proprio giardino interno e può ospitare fino a trenta coperti per cene

d’affari su richiesta. Nel cuore di Palermo Si arriva all’hotel dalla suggestiva piazzetta di Sant’Oliva, a due passi dalla più celebre piazza Politeama. La struttura accoglie i suoi ospiti nell’elegante hall dotata di tecnologia wifi e di comodi divanetti e poltrone in pelle, dove si


52_53_TDA 02 AI CAVALIERI HOTEL p 2.qxd

27-04-2012

9:49

Pagina 53

53

può tranquillamente leggere un quotidiano e collegarsi gratuitamente alla rete dal proprio notebook. Per quanto riguarda le camere, sono suddivise in classic, executive e suite: sono tutte spaziose e luminose, perfettamente attrezzate per le sessioni di lavoro e con dotazioni e accessori quali la linea telefonica diretta, la connessione wireless gratuita, il climatizzatore con controllo individuale, tv satellitare e bollitore elettrico con selezione di infusi, per concedersi una piacevole pausa tutte le volte che lo si desidera. Le suite, tra le altre comodità che offrono, hanno in più il salotto separato e la vasca idromassaggio. Quando si lascia la propria confortevole stanza si possono poi trovare altri servizi e aree comuni per i gruppi aziendali che contribuiscono ad allietare la permanenza in hotel. Nella sala delle colazioni, per esempio, lo chef cura personalmente la ricca proposta del buffet mattutino, sce-

le cuisine ai più genuini piatti siciliani, sempre accompagnati da dolci meravigliosi e da un’eccellente selezione di vini italiani ed esteri.

gliendo i migliori prodotti biologici e allestendo la tavola secondo la più alta tradizione culinaria. Lo stesso servizio al top si riscontra nel nuovissimo Graal Club, del quale si è accennato prima: il wine bar studia proposte gastronomiche, per la gioia non soltanto del palato ma anche degli occhi, che spaziano dalla nouvelLa struttura è affiliata al gruppo Best Western e si avvale della disponibilità di quattro sale meeting, esclusive e versatili, proprio nel cuore della città

Dove incontrarsi Altro punto di forza dell’Hotel Ai Cavalieri di Palermo consiste nella sua offerta di sale meeting e dotazioni tecnologiche all’avanguardia, capaci di garantire la perfetta riuscita di qualsiasi incontro, meeting e conferenza. L’albergo si è recentemente arricchito di una nuovissima sala da ottanta posti, la sala Gold, dotata di arredi di design unici nel loro genere. Il nuovo spazio congressuale si è aggiunto così alla sala Principe con i suoi 130 posti a platea (anch’essa completamente rinnovata), all’esclusiva sala Ai Cavalieri da 35 posti, alla più piccola sala Harem da 15 posti e all’executive lounge per riunioni dirigenziali riservate a un massimo di dieci partecipanti. Gli spazi per eventi sono supportati dalla consulenza tecnica di personale molto qualificato: inoltre, la struttura siciliana offre anche la possibilità di organizzare originali post congress. Tra le altre novità con cui l’Hotel Ai Cavalieri si propone ad aziende e viaggiatori d’affari, ricordiamo infine la messa online del nuovo sito istituzionale, attraverso il quale, in modo semplice e immediato, è possibile trovare tutte le informazioni riguardanti l’hotel. Indirizzo a fine rivista


54_TDA 02 HOTEL SAN MARTINO p 2.qxd

54

27-04-2012

9:49

Pagina 54

HOTEL SAN MAR TIN O

di Giulia De Stefano

Il comfort è assicurato nelle 92 camere – di cui dieci business – tutte ampie, accoglienti e rese luminose dalla vista sulla pianura e, all’orizzonte, sui monti brianzoli

Se business fa rima con comfort U Il Quality Hotel San Martino abbina l’accuratezza di un design raffinato alla personalizzazione del servizio dedicato ai viaggiatori d’affari, per un’esperienza di soggiorno unica sul Lago di Lecco

n luogo di impareggiabile bellezza e di grande vocazione industriale e imprenditoriale, il territorio lecchese – e più specificatamente Garbagante Monastero – accoglie il Quality Hotel San Martino, un business hotel affiliato al gruppo Choice Hotels. Una location ideale per trasferte di lavoro che richiedano comodità e raffinatezza, grazie al design curato dal concept minimal che viene proposto da questo tre stelle superior. In tale contesto l’uomo d’affari è accolto da un servizio attentissimo, ma soprattutto personalizzato, volto a far vivere a ogni ospite un’esperienza unica di soggiorno. Un plus non indifferente per chi viaggia spesso per lavoro, che conquista anche il più esigente dei businessman. Il comfort è inoltre assicurato in ognuna del-

le 92 camere – di cui dieci business – tutte molto ampie e accoglienti, rese particolarmente luminose dalla vista che si apre sulla pianura e, all’orizzonte, sui monti brianzoli. Le camere sono particolarmente indicate per chi anche in hotel ha necessità di occuparsi dei propri affari, grazie a servizi dedicati come la connessione wifi gratuita. Ogni dettaglio è concepito per il massimo dell’agio, come l’ascensore che dal parcheggio sotterraneo porta gli ospiti direttamente al piano della loro stanza, sui cinque piani della struttura. E se il buongiorno si vede dal mattino, avrà un sicuro effetto benefico su chi deve affrontare una giornata piena di impegni la colazione proposta dal Quality Hotel San Martino, uno dei punti di forza dell’hotel, con un ric-

chissimo buffet dolce e salato nel quale c’è solo l’imbarazzo della scelta. Servita in un rilassante e tranquillo ambiente perfetto per il risveglio, conquista con dolci preparati ogni giorno dallo chef. E per cene di lavoro invece c’è il ristorante dell’albergo, ricercato e dal servizio impeccabile, dove gustare i piatti della tradizione locale e raffinatezze prelibate. Inoltre, è di recente realizzazione la nuova sala congressi modulabile Grignone, che si aggiunge alla Grignetta, con attrezzature tecnologicamente all’avanguardia. La sala, di 262 metri quadrati, ha una capienza massima di 250 posti. Il foyer può invece essere allestito come spazio espositivo per mostre ed eventi fieristici. Indirizzo a fine rivista


TDA0187_HRG_Layout 1 04/05/12venerdì 08:34 Pagina 1

È straordinario ciò che si può ottenere con la collaborazione

Negli affari, proprio come in natura, la collaborazione produce sempre risultati eccezionali. Quando tutta la squadra unisce gli sforzi, condivide le risorse, la conoscenza e i talenti, anche l’impresa più ardua diventa possibile.

La nostra riconosciuta capacità di gestione dei viaggi d’affari non è che il punto di partenza. Mettiamo a disposizione dei clienti un eccellente servizio di consulenza, di gestione delle spese, organizzazione di meeting, convention, incentive.

In HRG la forza della nostra collaborazione fa sì che tutti i clienti ricevano sempre i massimi risultati, sia a livello locale che internazionale.

Il talento individuale, lo spirito di team e un servizio altamente professionale ci consentono di garantire ai nostri clienti il massimo valore. Sempre.

Per informazioni: tel. 02 61547337 - email: sales.it@hrgworldwide.com

HRG Italia. A Hogg Robinson Group company.

www.hrgworldwide.com Corporate Travel Services


56_TDA 02 MEDITERRANEO p.qxd

3-05-2012

56

10:19

Pagina 56

HOTEL MEDITERRAN EO

di Michela Rossi

Accogliente e centrale, l’Hotel Mediterraneo è l’albergo ideale per un soggiorno d’affari a Catania. Con i suoi ambienti caldi e luminosi, la cura impeccabile del servizio e le convenzioni ad hoc per la clientela business, garantisce tutta la qualità del marchio Best Western

L’albergo offre un comodo business point con postazione computer e connessione ad alta velocità, nonché la possibilità di usufruire del servizio di early breakfast con coffee buffet disponibile dalle cinque del mattino

Brillanti soggiorni d’affari A

ppartenente alla prestigiosa catena internazionale Best Western e situato nel cuore barocco della città, a pochi passi dai principali monumenti d’interesse artistico e culturale, l’Hotel Mediterraneo di Catania accoglie l’ospite in un ambiente elegante e caloroso, fatto di servizi moderni ed esclusivi, amore per i dettagli, grande cordialità e un’atmosfera luminosa, tipicamente mediterranea, dove la freschezza trasmessa dalle sfumature cromatiche dell’azzurro crea un contrasto armonioso con tonalità solari quali il giallo e l’arancione. L’effetto, per il viaggiatore d’affari così come per il turista di passaggio nel capoluogo etneo, è quello di sentirsi a casa, circondati da un’ospitalità genuina e da tutta la qualità, l’efficienza e i comfort di cui si ha bisogno tanto per lavorare e concentrarsi al meglio quanto per concedersi qualche piacevole pausa di svago e di riposo. Le 63 camere dell’albergo, quasi tutte dotate di un grazioso balcone e caratterizzate da uno stile moderno e funzionale, sono spaziose e perfettamente attrezzate per

qualsiasi tipo di esigenza. Le business room, in particolare, offrono incluso nel prezzo servizi e facility che vanno dal kit di cortesia con prodotti di marca per il bagno alle consumazioni del minibar, dal quotidiano giornaliero all’occorrente per prepararsi tè e caffè, fino alla cassetta di sicurezza per pc portatili, al collegamento internet adsl wifi gratuito, all’uso di fax, stampante e fotocopiatrice. Per lo svago, poi, la novità del 2012 è la flat screen tv in camera con canali del digitale terrestre e abbonamento Sky Gold incluso. Inoltre, sempre per i business traveller, l’albergo mette a disposizione un comodo business point con postazione computer e connessione ad alta velocità, nonché la possibilità di usufruire del servizio di early breakfast (con coffee buffet disponibile dalle cinque del mattino) e fast check out su richiesta per velocizzare le partenze. Completano l’offerta dell’Hotel Mediterraneo un accogliente

bar, un garage riservato da prenotare in anticipo, la fitness room per tenersi in forma e un centro congressi con cinque sale modulari da dieci a cinquanta posti. Per rendere ancora più piacevole ogni soggiorno, infine, lo staff è a completa disposizione del cliente per organizzare gite ed escursioni, prenotare mostre e spettacoli e consigliare i luoghi più interessanti da visitare. Indirizzo a fine rivista


IT0097_Layout 1 05/11/10 11:11 Pagina 1


58_59_TDA 02 SAN PAOLO PALACE p 2.qxd

58

27-04-2012

9:53

Pagina 58

SAN PAOLO PALACE

di Daria Nardi Bessola

Affacciati sulla dolce Conca d’Oro Il quattro stelle palermitano accoglie i viaggiatori d’affari in un’atmosfera informale ed elegante allo stesso tempo grazie a una sapiente armonia tra tradizione e avanguardia

A

rriva la stagione calda e per le trasferte di lavoro non ci sarà nulla di meglio di un’oasi di eleganza ed efficienza per alleviare le lunghe giornate di lavoro, soprattutto se ci si trova in una terra baciata dal sole come la Sicilia e come il suo capoluogo, Palermo, città dal fortissimo richiamo per i viaggi d’affari. E se, anche in occasione di una trasferta di lavoro, è l’hotel che può fare la differenza per un soggiorno che sia oltre che di dovere anche di piacere, il San Paolo Palace si conferma indirizzo di prestigio per i business traveller portati dagli affari a Palermo. Cornice di autorevoli congressi internazionali, struttura dai servizi impeccabili, l’albergo siciliano vanta uno dei centri congressi più capienti ed efficienti della città, con uno spazio che può accogliere fino a 1.800 persone in un totale di nove sale meeting, la più capiente delle quali può arrivare a contenere fino alla metà

della capienza totale, cioè novecento persone. Il successo è garantito grazie al supporto del preparatissimo staff e alle infrastrutture tecnologiche, che offrono il massimo in termini di modernità e tecnologia. A disposizione dei viaggiatori d’affari ci sono 284 camere, arredate in modo accurato ed elegante. La particolarità delle stanze di questo albergo è infatti proprio la capacità di offrire tutta la funzionalità indispensabile per fruire al meglio del proprio soggiorno anche in termini di lavoro e allo stesso tempo tutto il comfort di una stanza leisure. Questo è vero non solo per le camere, ma per tutto l’albergo. Un esempio? Tutto l’hotel è dotato di connessione wifi, persino in piscina. Ed è proprio la piscina a costituire uno degli spazi più “speciali” del San Paolo Palace: posizionata al quattordicesimo e ultimo piano, ha un effetto decisamente suggestivo, non solo per il relax che è assicurato e quel-


58_59_TDA 02 SAN PAOLO PALACE p 2.qxd

27-04-2012

9:53

Pagina 59

59

l’atmosfera di “vacanza” che non può che contagiare anche l’uomo d’affari più impegnato, ma anche perché è letteralmente una terrazza affacciata sul mare del bel Golfo di Palermo. Altre terrazze sono invece a servizio degli eventi, grazie alla possibilità di trasformarle in spazi non convenzionali dove allestire tensostrutture capaci di ospitare più di quaranta stand, disposti in modo da creare dei percorsi che con-

Se, in occasione di una trasferta di lavoro, l’hotel può fare la differenza tra un soggiorno che sia di piacere oltre che di dovere, il San Paolo Palace si conferma prestigioso indirizzo elettivo

ducono alle sale convegni. Per il benessere, oltre alla panoramica piscina al quattordicesimo piano, è a disposizione della clientela un fitness center. La qualità su tutto Così, a pochi passi dal centro di Palermo, si trova nel San Paolo Palace un hotel moderno e funzionale, capace di fondere la tradizione dell'ospitalità con servizi alberghieri e congressuali d'avanguardia. Una filosofia che si ritrova anche nelle proposte gastronomiche dei due ristoranti, che propongono piatti originali per eventi sempre straordinari, dalle colazioni di lavoro ai cocktail, dalle serate di gala a una cena di lavoro, sempre con menu che propongono sia i grandi classici della tradizione culinaria italiana, con una particolare attenzione alla qualità attraverso una meticolosa scelta delle materie prime, sia una scelta – immancabile – della strepitosa cucina siciliana.

Cartoline da Palermo Si sa che gli uomini d’affari hanno sempre tempi strettissimi, ma sarebbe un vero peccato se – anche solo per poche ore – non si riuscisse ad approfittare di una passeggiata in città. Del resto, ci sono luoghi che è difficile abbandonare senza essere stati sedotti, e Palermo è decisamente uno di questi luoghi. L’atmosfera speciale del San Paolo Palace è la stessa che per intensità si ritrova tra le vie di Palermo. Città dal passato multietnico, è amata per le sue bellezze architettoniche, per la maestosa Cattedrale – con le sue torri gugliate, le sue bifore, i suoi archi intrecciati e ogivali – per il celeberrimo Teatro Massimo – uno dei più grandi d'Europa, con ambienti di rappresentanza, sale, gallerie e scale monumentali che circondano il teatro vero e proprio – per l’orto botanico e per la sua straordinaria bellezza di città fuori dal tempo e dallo spazio. Indirizzo a fine rivista


60_TDA 02 HOTEL FEDERICO II.qxd

60

27-04-2012

9:55

Pagina 60

HOTEL FEDERICO II

di Michela Rossi

Lo “stupore” delle Marche Circondato dalla natura e dotato dei migliori comfort e servizi a quattro stelle, l’Hotel Federico II di Jesi è la base ideale per un viaggio d’affari. Efficienza, stile e qualità saranno gli ingredienti di un soggiorno proficuo e piacevole al tempo stesso

I

mmerso nel verde di una collina panoramica e intitolato al grandissimo imperatore nato a Jesi sul finire del XII secolo – conosciuto nel Medioevo con l’appellativo stupor mundi, cioè stupore o meraviglia del mondo –, l’Hotel Federico II è un grande complesso alberghiero-residenziale e congressuale all’altezza della sua fama, dotato dei migliori comfort e dei servizi più moderni, nonché della tranquillità e di tutte le attenzioni necessarie per un soggiorno di lavoro proficuo e piacevole al tempo stesso. La collocazione geografica di questa esclusiva struttura a quattro stelle, situata alle porte di Jesi, a pochi chilometri dall’aeroporto di Ancona Falconara e a 15 minuti dal mare, permette inoltre la programmazione di visite guidate alla scoperta delle Marche: dai castelli e vigneti del Verdicchio alle Grotte di Frasassi, da Recanati e Lore-

to alla Riviera del Conero, fino a Urbino e alla Rocca di Gradara, solo per citare alcune delle mete più interessanti. Comfort a 360 gradi L’estate scorsa sono state realizzate 24 nuove camere di categoria superior e suite, che si distinguono per il loro design contemporaneo, le ampie planimetrie, la luminosità degli ambienti e la pregevolezza dei materiali utilizzati. Il tutto abbinato a comodi letti sommier, vasche idromassaggio o doccia, televisori Lcd con canali satellitari, connessione internet wifi gratuita e un sistema innovativo che, insieme alla climatizzazione, garantisce la massima igienizzazione dell’aria. Grazie alle nuove realizzazioni, la capacità ricettiva dell’hotel è attualmente di 130 camere complessive, suddivise tra classic, business, superior, suite e junior suite, tutte soluzioni ideali sia per rilassarsi e riposare al meglio sia per concentrarsi e attendere senza essere disturbati alle proprie attività professionali. Per i soggiorni più lunghi, invece, sono disponibili esclusivi monolocali e bilocali completi di ingresso indipendente, parcheggio privato, piscina e giardino: particolarmente suggestivi, per chi sceglie la soluzione in residence, i sei

DALL’ALBA AL TRAMON TO CON IL GUSTO Una nuova gior nata di lavor o al Federico II comincia sempre nel migliore dei modi, ovvero con una prima colazione a buffet ricca di scelta e di qualità: dal müsli abbinato alla frutta di stagione per gli amanti della leggerezza, al pane integrale con pr osciutto e formaggio per quanti vogliono far e il carico di energia, fino al classico cor netto con marmellata per i più tradizionalisti, da gustar e insieme a una spr emuta d’arance o all’ir rinunciabile caffè mattutino. L ’appuntamento con il palato pr osegue con una ristorazione attenta non solo alle esigenze degli ospiti (celiaci compresi), ma anche al rispetto dell’ambiente e alla naturalità degli alimenti.

Al ristorante La Rotonda si possono così assaporare gli or taggi di stagione coltivati all’interno del vasto parco che circonda il complesso: prodotti a chilometri zero e che non subiscono alcun pr ocesso di conser vazione né di sofisticazione. Stessa cura per materie prime e pr eparazione delle pietanze al ristorante Federico II , dove si possono ordinare portate di carni alla brace e pesce fresco del vicino Adriatico, nonché specialità alla lampada e ricette della tradizione marchigiana, accompagnate da vini eccellenti. Per una piacevole pausa serale, infine, l’American bar è il luogo ideale per l’happy hour o per un drink conviviale dopo cena.

appartamenti ricavati ultimamente dalla ristrutturazione di una casa colonica del Seicento adiacente l’albergo. Ma oltre all’alloggio più adatto alle diverse esigenze personali, l’Hotel Federico II garantisce a manager e business traveller ogni tipo di facility per il loro soggiorno. Per rilassarsi e tenersi in forma anche durante una trasferta d’affari, per esempio, niente di meglio che l’attrezzato centro sportivo e l’esclusivo centro benessere dell’hotel. Il primo è composto da due piscine, una coperta per il periodo invernale e una all’aperto per l’estate, e da una palestra dotata dei più moderni macchinari per il fitness, nonché di due circuiti ad hoc, uno cardiotonico e uno isotonico. Il centro wellness, invece, accoglie i visitatori con una piscina coperta e riscaldata dal design originale, con vasca e getti d’acqua per idromassaggio, e con una sontuosa spa dotata di sauna e biosauna, bagno turco, sudario romano e docce emozionali. Uno staff qualificato, inoltre, è sempre a disposizione dell’ospite per effettuare trattamenti estetici e di remise en forme personalizzati, utilizzando tecniche d’avanguardia e prodotti naturali di alta qualità. Per un’idea complessiva dell’ampia offerta del Federico II, ricordiamo infine che l’hotel è dotato anche di eliporto, di ampio parcheggio con oltre quattrocento posti auto, di due ristoranti con sale banchetto in grado di accogliere fino a 480 invitati e di un modernissimo centro congressi composto da nove sale meeting da dieci a seicento posti, per una capienza complessiva di oltre mille partecipanti. Indirizzo a fine rivista


TDA0159_AiCavalieri_Layout 1 17/11/11 10:51 Pagina 1


62_64_TDA 02 RECEPTION p 2.qxd

3-05-2012

d’ TA

10:25

Pagina 62

RECEPTION

Nashira, indirizzo mice e bt in Marocco Il TClub Riad Nashira & Spa di Marrakech è il nuovo indirizzo bt e per i board meeting di grande suggestione. La struttura è dotata di sedici camere dalla personalità differente, curate, come ogni altro ambiente della struttura, dall’architetto italiano Stefano Tardito. Inserito nel cuore della Medina di Marrakech, il Riad gode del fascino

unico da mille e una notte che caratterizza la città marocchina. Un

piccolo gioiello che si adatta all’organizzazione di board meeting di massimo trenta persone. Per eventi di gala, fino a settanta persone, si può utilizzare la splendida terrazza affacciata sui tetti della città. In ogni ambiente della struttura si gode di un’atmosfera unica e rilassata che si riflette anche nella spa in cui ci si può godere un tradizionale hammam.

Taj Palace New Delhi è business oriented Il Taj Palace New Delhi, recentemente restaurato, è pronto a stupire offrendo un’esperienza di soggiorno rinnovata. Quintessenza del lusso e dell’hôtellerie di alta gamma a New Delhi, il Taj Palace è in grado di soddisfare le esigenze di tutti i viaggiatori, in particolare ai business traveller che possono usufruire di servizi dedicati e meeting room ben equipaggiate. Queste caratteristiche hanno consentito all’hotel di ricevere il premio come Best Business Hotel in India 2011 all’annuale sondaggio fra i lettori di Travel & Leisure negli Stati Uniti e come Best Business Hotel in New Delhi ai Business

Traveller AP Travel Awards 2011. Riconoscimenti che, insieme all’offerta della più grande ed elegante sala ricevimenti e conferenze di tutta New Delhi, consolidano il primato di Taj Palace come il miglior convention hotel di lusso della capitale. Con il lancio della Tata Suite a fine 2010, inoltre, Taj Palace ha riconfermato la sua posizione fra gli indirizzi preferiti per capi di stato, importanti uomini d’affari e personalità influenti a livello globale. Vero tributo allo stile, la suite – che è la più grande della capitale – è finemente arredata in modo da unire la ricchezza della storia della dinastia Mughal agli elementi contemporanei di una grande metropoli internazionale qual è New Delhi, e offre ai propri ospiti tutte le misure di sicurezza e alta tecnologia discretamente integrate in modo da garantire la massima privacy.

Choice Hotels accoglie il Continental Hotel di Brescia Il Continental Hotel di Brescia entra nel gruppo Choice Hotels con il brand Quality. Struttura dedita ai business traveller, è posizionata, vicino all’uscita autostradale di Brescia Ovest (A4), alla Fiera di Brescia e a pochi minuti dal centro città. Le 77 ampie camere dell’hotel, suddivise tra standard e superior e arredate in stile moderno, sono dotate di connessione wifi gratuita e aria condizionata. L’albergo dispone di quattro sale per meeting e congressi situate al piano terra e accessibili anche dall’esterno, che possono ospitare eventi da 14 a ottanta persone. È disponibile un servizio di catering che può essere studiato in base alle differenti esigenze e richieste degli ospiti.

Affari e wellness al Mercure Roma West Il Mercure Roma West annuncia la prossima apertura di Anmo Tuina spa. La filosofia del centro benessere si fonda sul concetto del trattamento naturale. L’esperienza ormai più che decennale nel settore del benessere ha portato alla realizzazione e alla messa a punto di un metodo e di una filosofia di lavoro che già da diversi anni

viene proposta alle luxury spa in Italia e nel mondo, riscuotendo notevole successo. La Anmo Tuina ha realizzato quattro tipologie di inter venti suddividendoli in dif ferenti programmi Benessere, Anti Age,

Cura e Prevenzione e Dermo Cosmesi. Questa nuova spa impr eziosisce il Mercure Roma West Hotel che vanta un centro congressi di 15 sale meeting, tutte con luce naturale e con una plenaria fino a 450 persone a platea, 240 camere e un ristorante con la miglior e cucina mediter ranea e internazionale.


62_64_TDA 02 RECEPTION p 2.qxd

3-05-2012

10:26

Pagina 63

63

RECEPTION

Baglioni Hotels sbarca su iTunes

Extro Hotels in rete Extro Hotels, nuovo gruppo alberghiero italiano a oggi composto da tre hotel di Milano – Grand Visconti Palace, Uptown Palace e Best Western Hotel Mozart –, lancia il proprio sito. Ideato e creato da Blastness, presenta un layout sobrio e pulito e garantisce una navigazione semplice e intuitiva. Dalla home page di Extro Hotels è possibile accedere al sito ufficiale di ognuna delle tre strutture. All’interno di ciascuna pagina le immagini ricoprono un ruolo fondamentale e la loro forza evocativa va oltre il testo, creando così in maniera immediata un contatto emozionale forte e diretto con ciascun visitatore. Le gallerie fotografiche, presenti in ogni sezione, sono state accuratamente studiate per offrire una valida e suggestiva anticipazione di tutto ciò che ogni ospite potrà scoprire una volta giunto nelle nostre destinazioni. Oltre ad avere informazioni complete ed esaustive sui servizi, sugli eventi e sui plus degli hotel, è inoltre possibile consultare un’area interamente dedicata alla città di Milano.

Baglioni Hotels sbarca su iTunes store con la propria personalissima App, scaricabile gratuitamente su iPhone per avere una guida utile a scoprire in modo inedito le principali città italiane, Londra e le incantevoli località della Francia in cui Baglioni è presente con gli hotel della sua collezione. Oltre a offrire la possibilità di prenotare soggiorni e servizi

alberghieri, la App di Baglioni Hotels è arricchita di consigli interessanti e attenzioni speciali dedicate a tutti coloro che credono nei suoi valori e nel suo stile di vita tutto italiano. I contenuti sono curati da chi per definizione possiede le chiavi di accesso delle città ed è in grado di svelarne i segreti più nascosti. Sono infatti i concierge del gruppo a suggerire

agli utenti ristoranti, locali, boutique, ma anche eventi e mostre, rendendo questa applicazione unica nel panorama dell’hôtellerie.

Nuovo Hilton all’aeroporto di Amsterdam Hilton Worldwide e Schiphol Real Estate hanno firmato un accordo per un nuovo hotel di 433 camere a marchio Hilton Hotels & Resorts all’aeroporto Schiphol di Amsterdam. Progettato dai celebri architetti olandesi Mecanoo, il nuovo hotel sostituirà l’attuale struttura Hilton. Il progetto per l’hotel risponde alla crescente richiesta del mercato e agli alti standard di qualità dell’aeroporto di Amsterdam Schiphol. L’hotel, che sarà gestito da Hilton, disporrà di una ballroom, 23 meeting room, ristorante, bar, executive lounge, spa e fitness centre nonché di un parcheggio sotterraneo con 138 posti auto. Inoltre, grazie a un passaggio coperto, gli ospiti dell’hotel potranno raggiungere a piedi il terminal per i voli internazionali. L’apertura è prevista per il 2015.

Sentosa più due Resorts World Sentosa ha inaugurato due nuovi hotel: Equarius Hotel e Beach Villas. Le strutture, di impronta eco-chic, ampliano l’offerta del resort integrato sull’isola di Sentosa. Affacciati sul mare, con una vista mozzafiato sullo skyline della baia e immersi nel verde di una foresta tropicale lussureggiante, i due hotel sono stati pensati per regalare agli ospiti un’esperienza unica a stretto contatto con la natura, tra i contrasti dei paesaggi circostanti. Le strutture sono un progetto pensato e realizzato dal premiato studio di architettura americano Graves&Associates. Gli ospiti sono accolti sin dal loro primo passo con grande stile, grazie al vip service firmato Resorts World Sentosa e curato da un esperto team di camerieri. Numerosi servizi sono inoltre a disposizione, come per esempio la sala fitness, la piscina e il nuovissimo ristorante Forest, dov’è possibile gustare i piatti firmati dal pluripremiato chef Sam Leong. L’Equarius Hotel, distribuito in un palazzo di sette piani, è dotato di 172 camere mentre le Beach Villas sono 22.


62_64_TDA 02 RECEPTION p 2.qxd

27-04-2012

d’ TA

9:56

Pagina 64

RECEPTION

In Toscana tra bt e golf Incastonato tra Firenze e Pisa, Castelfalfi Golf & Country Club è il perfetto interfaccia di Toscana Resort Castelfalfi, l’ampio progetto di real estate business oriented promosso da Tui per riportare alla vita uno degli angoli più suggestivi della regione. Castelfalfi Golf & Country Club è stato inaugurato nel 2010 con il campo a 18 buche Mountain Course, uno degli indirizzi più spettacolari in Italia. Grazie alla recente aggiunta del nove buche Lake Course, sono adesso 27 le buche fruibili a soli cinque minuti dal resort. Testato a inizio 2012, il Lake Course è stato disegna-

to dal famoso architetto di campi da golf Rainer Preissman per rispondere alle esigenze di tutti i giocatori, qualunque sia il loro handicap. Gli investimenti in corso da parte di Toscana Resort Castelfalfi confermano il ruolo strategico del golf nei piani di sviluppo turistici e immobiliari di successo. In linea con il recupero dell’antico borgo di Castelfalfi, anche i green sono stati elaborati secondo principi di progettazione e sviluppo sostenibili, rispettando il panorama e senza l’aggiunta di elementi artificiali che avrebbero ridotto l’esperienza a semplice campo da golf.

Worldhotels si unisce a Room Key Worldhotels si unisce al motore di ricerca on-line Room Key, arricchendone l’offerta con oltre centomila camere in destinazioni strategiche in tutto il mondo, in particolare rafforzandone la copertura in Asia e in Europa. Room Key è stato lanciato questo gennaio dagli hotel partner fondatori: Choice Hotel International, Hilton Worldwide, Hyatt Hotels Corporation, InterContinental Hotels Group, Marriott International, Inc. e Wyndham Hotel Group, parte di Wyndham Worldwide Corporation, o dai loro rispettivi affiliati. Innovativo motore online apre le porte a un’esperienza di ricerca e prenotazioni “su misura” e rassicura il consumatore nel processo decisionale fornendo le informazioni sull'hotel dalla fonte stessa e, al contempo, la prenotabilità diretta della camera con l’hotel scelto.

Un Mandarin Oriental in Turchia

LifeGate e Best Western Italia sostengono l’ambiente

Situato presso la Paradise Bay di Bodrum, in Turchia, il Mandarin Oriental è il nuovo indirizzo per la meeting industry che verrà inaugurato nel 2014. Realizzato su una serie di più livelli lungo i pendii delle colline, circondato da boschi di antichi ulivi e da abeti secolari, questo esclusivo resort offrirà ai propri ospiti il perfetto ritiro dal caos cittadino e dallo stress quotidiano. Le 82 camere e le venti suite avranno un ampio terrazzo in cui poter prendere tranquillamente il sole e molte disporranno anche di un elegante giardino privato e di piscine a sfioro, fornendo così una comoda ed esclusiva sistemazione. Il Residences at Mandarin Oriental includerà 214 lussuose case private situate lungo la splendida riviera turca, conosciuta anche come costa turchese. La struttura sarà dotata di sei ristoranti e bar , una lobby lounge, un bar a bordo piscina, un’ampia spa e un Cake Shop firmato Mandarin Oriental. Il resor t offrirà anche un’ampia sala da ballo da 135 posti e una sala ricevimenti.

Cresce l’attenzione all’ambiente nel comparto turistico. Questo il motivo che ha spinto LifeGate a lanciare il progetto Stay For The Planet dedicato al rating di sostenibilità per gli hotel. La prima realtà ad abbracciare questa iniziativa è Best Western Italia. Energia, acqua, rifiuti, approvvigionamenti e comportamenti sono gli ambiti di valutazione delle strutture parte del gruppo. A ogni struttura è stato attribuito il Green Rating, indice che valuta e monitora la gestione sostenibile delle strutture alberghiere. Concretamente si tratta di un simbolo grafico – le foglie – intuitivo e capace di rappresentare per il cliente un segno di riconoscimento. Pubblicato online, sui cataloghi e sui materiali di comunicazione dell’hotel, il rating di sostenibilità è per il cliente la garanzia dell’impegno nella sostenibilità ambientale di ogni struttura Best Western in cui soggiorna. In questa prima fase, oltre il cinquanta per cento degli alberghi affiliati al brand si è sottoposto spontaneamente alla mappatura. A partire dal 2013 diverrà invece un minimum standard. Best Western si è data un obiettivo di gruppo con la riduzione entro il 2014 del venti per cento delle emissioni di Co2 a presenza.


Progetto2_Layout 1 23/11/11 12:16 Pagina 1


66_69_TDA 02 TRENI p 2.qxd

66

27-04-2012

9:58

Pagina 66

N ON SOLO FERROVIE

di Ferdinando Farba

A

ggiorniamo il tema delle infrastrutture secondo quanto emerso all’ultima Mobility Conference (Mc) di Assolombarda e Confcommercio per poi entrare nello specifico di aeroporti, tunnel ferroviari, strade e metrò per l’Expo e un cenno al Ponte sullo stretto di Messina. Il tema riguarda da vicino i business traveller quali fruitori dei sistemi di trasporto e l’anno scorso (TdA nr. 2/2011) avevamo identificato le criticità nella burocrazia di troppi soggetti pubblici coinvolti e ai finanziamenti erogati con il contagocce anno per anno. Quest’anno la relazione della Mc documenta i ritardi in corso, di cui

riportiamo un sunto in tabella, aggiungendo che si fa persino fatica a spendere le somme stanziate. Relatori di alto profilo quali Corrado Passera, ministro delle Infrastrutture, Franco Bassanini (Cassa Depositi e Prestiti) e Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione Ue hanno illustrato quanto governo e Ue stessa stanno facendo per sbloccare la situazione caldeggiando l’intervento dei privati. Meno risorse pubbliche Il settore pubblico dispone di sempre meno risorse (-38% dal 2008 in poi) e non è pagante, secondo i relatori, la politica dei due tempi di mettere prima a

posto i conti pubblici e poi di ripartire con crescita e opere, perché tutto rischia di restare fermo. L’unico rimedio è di coinvolgere i privati con lo strumento dei project bond, ossia di obbligazioni garantite da banche e istituzioni internazionali come la Ue. Solo per ultimare Brebemi, Pedemontana e Tem servono ancora sette miliardi e «col barile dei fondi pubblici già raschiato sino in fondo» (testuali parole), non resta che ricorrere ai mercati che sono soggetti comunque all’altalena della finanza internazionale. In Svizzera ci provano Una parentesi dalla Svizzera ci riguarda da vicino in quanto è

Più infrastrutture Facciamo il punto sulle opere in corso dotate di minori fondi pubblici e un maggior ricorso ai mercati finanziari con lo strumento dei project bond


66_69_TDA 02 TRENI p 2.qxd

27-04-2012

9:58

Pagina 67

67

LA DOCUMEN TAZION E DEI RITARDI Sulle tratte del Corridoio 3 mediterraneo sono in esercizio solo 155 chilometri (pari al 58%) di nuova linea Av/Ac sui 267 pr evisti per il 2011, come pur e solo settanta di nuove autostrade (pari al 36%) sui 192 pr evisti. Sulla Tav Torino-Lione vent’anni dal primo accor do tra Italia e Francia e sei anni tra l’assegnazione dell’appalto e l’avvio della galleria di sondaggio. Undici anni dal primo pr ogetto del Terzo Valico ferroviario tra Milano e Genova e più di cinque tra appr ovazione del progetto e avvio dei lavori. Tredici anni per aprir e i cantieri di Br ebemi, Pedemontana e Tem e circa 17 per la consegna. Sei opere stradali su sette e nove oper e ferroviarie su venti previste dall’Accordo di programma per l’accesso a Malpensa 2000 sono ancora da completar e, pari al 56% del totale. Sei anni di preliminari per il Ponte sullo Stretto di Messina senza prospettive future per l’opera.

previsto che il tunnel autostradale del San Gottardo venga chiuso verso il 2020 per tre anni per necessari lavori di manutenzione. Ciò comporterà un isolamento dell’Italia e del Cantone Ticino dal Nord Europa in quanto le vie alternative non possono smaltire l’ingente traffico sotto questo tunnel che, datato 1981, è tra i più moderni e sicuri al mondo. Per risolvere il problema, in Svizzera si discute la costruzione di un secondo tunnel autostradale sotto il San Gottardo pronto a sostituire il primo durante i tre anni di chiusura con finanziamento totale da parte di privati che lo gestirebbero con il diritto di riscuotere per cinquan-

t’anni un pedaggio di venti franchi (circa 16 euro) a transito da ciascun veicolo. Naturalmente l’ultima parola spetterà al Parlamento e al referendum popolare che ne seguirà e ci chiediamo se un simile modello sia proponibile anche in Italia. Azioni di governo e Ue Il ministro Passera ha riferito che è stata creata l’Authority per i Trasporti per investigare «perché un progetto è fermo, chi se ne sta occupando e come dobbiamo intervenire», aggiungendo che il Governo ha sbloccato venti miliardi dalla Ue che altrimenti si sarebbero persi, mentre Bassanini ha sottolineato che i privati,

per il business travel


66_69_TDA 02 TRENI p 2.qxd

27-04-2012

68

9:58

Pagina 68

N ON SOLO FERROVIE

AEROPORTI: IN ITALIA SON O TROPPI

per essere coinvolti, hanno bisogno di regole certe, senza variazioni in corso d’opera e per giunta retroattive. Tajani ha confermato che Bruxelles mette a disposizione dell’Italia 150 miliardi di euro da destinare a project bond, raccomandando allo Stato di rispettare i tempi dei pagamenti ai contractor. I tunnel ferroviari Siamo coinvolti in quattro progetti che la Ue definisce “prioritari”, lungo i suoi corridoi che ci attraversano e che includono, da Ovest verso Est, la nuova linea Torino-Lione, il terzo valico dei

Sei opere stradali su sette e nove opere ferroviarie su venti previste dall’Accordo di programma per l’accesso a Malpensa 2000 sono ancora da completare

Giovi tra Milano e Genova, il nuovo tunnel di base del Brennero e un nuovo valico tra Italia e Slovenia. I lavori in Val di Susa, secondo il protocollo del 30.1 prevedono il tunnel di base di 57 chilometri tra Susa e St. Jean de Maurienne con un costo di 8,5 miliardi di euro di cui il 25 per cento a carico della Francia, il 35 a carico dell’Italia e il quaranta come

Il decreto “Milleproroghe” del 16.2.2012 si è ispirato al principio che l’Italia ha troppi aeroporti, non ne servono di nuovi e vanno incentivati solo quelli di grosse dimensioni ben collegati con autostrade e ferrovie. Gli altri, meno competitivi e con minori volumi di traf fico, devono autofinanziarsi presentando all’Enac un piano di rilancio entr o fine anno, pena il mancato rinnovo della licenza per il 2013. Nel primo caso rientrano 13 aeroporti definiti “strategici” che beneficeranno a medio termine di 11 miliardi di euro, tra cui Milano Malpensa e Linate (1,5 m.di) Fiumicino e Ciampino (2,6 m.di) e Venezia (600 m.ni). Nel secondo figurano 18 aeroporti definiti “di servizio” tra cui Parma, Forlì e Rimini, nonostante quest’ ultimo disponga di un buon bacino d’utenza per turismo, fier e e congressi. Bocciato invece il sogno del Comune di Grazzanise ( Caserta) di dotarsi di un aeroporto per competere con quello di Napoli.... Proseguirà per contro l’anomalia del nostro sistema nazionale che ha Roma Fiumicino come hub * seguito da Milano Malpensa in via subor dinata generando una dispersione di utenza che avvantaggia gli hub esteri - uno solo per nazione - come Zurigo, Parigi, Francofor te e Londra che attirano traffico dal Nord Italia per le lor o partenze sul lungo raggio. Da queste premesse, è opportuno che i gestori degli aeroporti lombardi, forti dei loro 37 milioni di passeggeri pari al 27 per cento del traffico nazionale (dati Assolombarda) facciano sistema insieme per ripar tirsi razionalmente gli arrivi in vista dell’Expo, in un momento in cui l’aeroporto di Montichiari è fuori gioco per assenza di traf fico e ci sono contrasti politici per vendere o meno ulteriori quote di Sea ai privati.

L A L O M B A R D I A D E I C A NT I E R I Cantieri aperti

Km.

Pedemontana Varese-Bergamo

70

Bre-Be-Mi Brescia-Bg-Milano Tangenziale Esterna Milano

Inizio

Fine opera

Costo

2010

2015?

4,2 m.di

62

2009

2015?

1,6 m.di

33

2012?

2016?

1,7 m.di

Av ferr. Treviglio-Brescia

58

2011

2015?

2,0 m.di

Linea 5 MM completa

12

2009

2016?

1,4 m.di

Linea 4 MM completa

15

2012

2019?

1,7 m.di

Raffronto di F. Farba tra lo stato delle opere a marzo 2012 e i tempi di conclusione ufficialmente dichiarati. I punti interrogativi pongono i leciti dubbi.

contributo Ue. I cantieri si sono aperti nel 2005 in Francia e la scorsa estate in Italia e il tempo stimato per completare l’opera non è secondo noi inferiore a 2025 anni tenuto conto che gli svizzeri, maestri in materia, ce ne avranno messi 18 per aprire il tunnel del San Gottardo 2 nel 2016 lavorando giorno, notte e festivi con finanziamenti sicuri e continui. Detto tunnel, anch’esso di 57 chilometri, si trova sul corridoio 2 (ex 24), lo stesso in


66_69_TDA 02 TRENI p 2.qxd

27-04-2012

9:58

Pagina 69

69

cui è previsto il terzo valico dei Giovi tra Milano e Genova (54 Km di cui 39 in galleria ), con due miliardi già stanziati dal Cipe sui sei previsti per ultimare l’opera entro il 2020. Proseguono poi i lavori per il tunnel di base del Brennero di 55 chilometri tra Fortezza e Innsbruck, con costo di otto miliardi di euro di cui il 28 per cento come contributo Ue e il 72 diviso tra Italia e Austria. L’ultimo progetto riguarda il nuovo valico da Trieste a Divaccia (Slovenia) di 21 chilometri, con una spesa di 101 milioni di euro per studi e progetti e contributo Ue del 55 per cento. Strade e mezzi per l’Expo Parliamo dei tre nuovi raccordi stradali progettati per raggiungere Milano durante l’Expo: la

Pedemontana Varese-Bergamo, la “Brebemi” Brescia-BergamoMilano e la Tem Tangenziale esterna milanese da Agrate Brianza a Melegnano. Per la Pedemontana sarà ultimato con certezza per il 2015 il solo lotto Varese-Como, mentre il resto dei cantieri è stato bloccato dal tar – e solo di recente

IL PON TE SULLO STRETTO Dal progetto iniziale del 2002 si sono spesi 279 milioni di euro in studi e ricer che e solo nel 2011 sono stati stanziati i primi 1,7 miliardi per iniziare i lavori. Successivamente la Ue ha dichiarato l’opera “non prioritaria” – e dunque non finanziabile – e il Parlamento ha così r evocato i fondi, dir ottandoli al traspor to pubblico locale e lasciando l’opera senza coper tura. La sua cancellazione, se diventa uf ficiale, può costare tra i 180 e i quattr ocento milioni in ter mini di penali al contractor Eurolink ma forse questo è il male minor e perché liberandoci da questo impegno si può far e di meglio per il Sud ultimando gli eter ni lavori della Salerno-Reggio Calabria e ammodernando le ferrovie.

U LT I M ’ O R A : TA G L I S U L L A TORINO-LIONE Mentre andiamo in stampa apprendiamo che per ridurre i costi da parte italiana verrà realizzato solamente il tunnel internazionale e la nuova stazione di Susa con una prima tranche di trenta milioni di eur o stanziati dal Cipe. È sospeso il pr ogettato bypass tramite il tunnel dell’Orsiera di otto chilometri e il raddoppio a quattro binari sino a Torino, che verrà raggiunta da Bussoleno coi due soli binari della linea attuale. Secondo i relatori della Mc è fondamentale coinvolgere i privati con lo strumento dei project bond, ossia obbligazioni garantite da banche e istituzioni internazionali

sbloccato – per il ricorso di un’impresa perdente nella gara d’appalto. Occorre così recuperare il ritardo e reperire 2,6 miliardi di euro sui mercati finanziari. La Brebemi è invece in ritardo per presunte irregolarità e solo a dicembre 2011 la magistratura ha dissequestrato cantieri per 28 chilometri sui 34 totali e in più si devono reperire sui mercati 1,9 miliardi. Per la Tem la Corte dei Conti ha registrato solo lo scorso febbraio il decreto del Cipe del 2011 e per aprire i cantieri si devono reperire 1,25 miliardi di euro sempre sui mercati. Uno sforzo enorme terminare a marzo 2015 e a mettersi di traverso ci sono anche i neocostituiti No Tem. La ferrovia sta invece quadruplicando i binari sulla BresciaMilano con il lotto Av TreviglioBrescia approvato dal Cipe nel lontano 2003 e finanziato con due miliardi di euro solo nel 2011 e conclusione dei lavori prevista per il 2015. Entriamo infine a Milano con la costruzione delle nuove linee 4 e 5 del metrò. L’anno scorso rilevammo dubbi sul realizzare ben quaranta nuove stazioni in soli quattro anni come detto da fonti ufficiali e purtroppo abbiamo avuto ragione. A marzo 2015 sono certe le otto stazioni da Bignami a Garibaldi della linea 5, con forse tre o quattro in più, mentre per la linea 4 non saranno pronte le quattro fermate da Linate Aeroporto a Dateo FS ma le sole prime tre sino a Forlanini FS, nuova pensilina a cavallo del ponte sull’omonimo viale per le sole linee urbane “S” di Trenord. Da Linate al centrocittà ci muoveremo dunque come ora.


70_72_TDA 02 QATAR - WORLDWIDE p.qxd

70

27-04-2012

9:59

Pagina 70

WORLDWIDE

di Giulia De Stefano Per uno stop-over di cui approfittare al massimo o ancor di più come destinazione business in rapida espansione, il Qatar strizza l'occhio al gusto occidentale all'avanguardia e promette di stupire anche i viaggiatori più smaliziati

S

i sta facendo strada tra le destinazioni emergenti facendo sempre più parlare di sé il Qatar, l’emirato mediorientale che è già salito alla ribalta delle cronache turistiche, economiche e culturali di tutto il mondo grazie a iniziative che sono destinate a moltiplicarsi in tutti i settori. All’orizzonte un grande evento internazionale: i Mondiali di calcio 2022, ancora lontani forse nel tempo – anche se è condivisibile la sensazione che li fa sentire già alla porte per la spinta di innovazione che portano con sé – ma già concreta-

mente tradotti in investimenti economici ingenti. Recentissima è infatti la notizia di un nuovo piano di espansione che vedrà, tra dieci anni, la realizzazione di più di 21mila camere e 77 nuovi alberghi, tutti target di lusso da realizzare con cento miliardi di dollari di fondi stanziati. E il futuro è già presente soprattutto a Doha, capitale dell'emirato, che nel solo ultimo anno ha accolto 25 nuovi alberghi e dieci residence, un’offerta golosa anche per chi, in questa metropoli mediorientale, vi si reca per lavoro.

Glamour da grattacielo Se a Parigi il massimo è passeggiare sui Champs Élysées, a Doha non si può mancare la Corniche promenade per cogliere, in un attimo, lo spirito più moderno e trendy che anima la città; verrà utile anche per gestire al meglio gli affari. Per sette chilometri – partendo dal Museo delle arti islamiche – il “lungomare” è la parte più animata, dove ammirare il mare, appunto, ma anche lo skyline di grattacieli e i numerosi parchi verdi che lo incorniciano. Da una parallela si giunge nel business district di West

Bay, l’area più nuova che accoglie originali costruzioni e alcuni dei grattacieli più alti del Qatar, come il Al Quds Endowment Tower, ancora in fase di realizzazione. Che dire poi della Palm Tree Island, di fronte alla Corniche, raggiungibile in dieci minuti, magari per un drink dopo il lavoro. Doha è anche una meta culturale sempre più affermata, anche dai manager che vi si trovano per seguire il loro business o per uno dei vantaggiosi stopover di Qatar Airways: oltre al Museo di arte islamica, ha aperto di recente il Mathaf (Arab

Lo skyline che avanza


70_72_TDA 02 QATAR - WORLDWIDE p.qxd

27-04-2012

9:59

Pagina 71

71

Se ci si trova in Qatar è bene ricordarsi di passare o prendere oggetti a e da qualcuno con la mano destra

Museum of Modern Art), che dal 1840 a oggi ha raccolto la bellezza di seimila opere. E ancora, gli affari saranno facilitati da un’atmosfera glamour che si ritrova nei tanti locali più alla moda, come quelli spesso affollati del centro storico, il Souk Waquif, ora perfettamente restaurato, dove si può cenare – anche fino a tarda notte – in diversi ristoranti.

Bt al primo posto Sarà per la sua posizione all’interno della penisola araba o per le sue strategie d’espansione, e probabilmente anche per molto altro che il Qatar ha avuto la spinta giusta per affermarsi come uno dei punti di riferimento economico, di business, politico e bancario a livello internazionale. Una concomitanza di caratteristiche, che attirano i business traveller di tutto il

APPUN TI DI VIAGGIO Fare affari in un Paese straniero, si sa, comporta da parte del manager più avveduto la necessità di una profonda conoscenza delle abitudini e dei modi di far e dei suoi abitanti. Se ci si tr ova in Qatar, è meglio ricor darsi di passare o pr endere oggetti a e da qualcuno con la mano destra e – durante una trattativa d'af fari soprattutto – sarà molto apprezzato accettare il tipico caf fè (anche se poi non lo si berrà tutto). La tradizione vuole anche che il vostro ospite vi chieda a un certo punto di riempirvi la tazza una seconda volta: vietato rifiutar e!

mondo in questo mercato vitale e in continua espansione. Tanto che il Qatar, e soprattutto Doha, hanno saputo adeguarsi molto in fretta ai gusti e alle esigenze dei viaggiatori internazionali, attrezzandosi con un’offerta alberghiera, ludica e di servizi ai più elevati standard. Uno sforzo, se così si può chiamare, che proprio quest’anno ha ricevuto un’incetta di premi ai World Travel Award, il premio lanciato nel 1993 per identificare l’eccellenza del turismo globale. La capitale del Qatar è infatti stata premiata come World’s Leading Business Travel Destination, mentre il vettore di bandiera, Qatar Airways, si è aggiudicato il premio come World’s Leading Airline Business Class. Altri premi sono andati alla Regency Travel & Tours, come World’s Leading Travel Agency e all’Aspire Zone,

nominata World’s Leading Sports Tourism Development Project come città dalle superlative credenziali sportive. (La serata di premiazione, il Grand Final Gala Ceremony, si è tenuta proprio a Doha, lo scorso gennaio). Alla scoperta di Doha Toccare con mano i servizi che valutano e scelgono per i dipendenti: è stato questo l’obiettivo dei nove corporate travel manager e responsabili acquisti che Qatar Airways ha ospitato di recente in un breve viaggio nella capitale del

A Doha non si può mancare la Corniche promenade per cogliere, in un attimo, lo spirito più moderno e trendy che anima la città


70_72_TDA 02 QATAR - WORLDWIDE p.qxd

72

27-04-2012

9:59

Pagina 72

WORLDWIDE

DOVE MANGIARE Se anche a Doha si ha nostalgia della cucina italiana si può rimediare con una cena al ristorante Bice, che pr opone autentica cucina nostrana, ed è situato sull’isola ar tificiale The Pearl. È il primo ristorante che il gruppo Bice (dal nome della sua fondatrice, la signora Beatrice "Bice" Ruggeri) apre a Doha. Il ristorante si af faccia sul por to turistico e vanta una vista mozzafiato della capitale. Inaugurato nel DOVE DORMIRE 2008, il ristorante al Mourjan è uno dei locali più esclusivi e sugLa scelta degli hotel a Doha è sempr e più gestivi della capitale. Situato a ampia e di alto livello. T ra gli alberghi internazioridosso del centr o finanziario, il nali l’InterContinental vanta una posizione strateWest Bay, presenta un’architetgica, essendo situato a pochi minuti dal cuor e tura tradizionale, caratterizzata finanziario e istituzionale della città, dal Center da elementi di moder nità. Il serMall e dal Doha Golf Club. Il W Doha Hotel & vizio impeccabile, gli inter ni sonResidences offre una combinazione unica di lustuosi e la splendida ter razza so, stile e raffinatezza. Situato nella West Bay, è offrono ai clienti la possibilità di collegato alle più impor tanti attrazioni turistiche vivere un’esperienza a dir poco e al centro d’affari della città. regale. Vincitore del “Qatar's Best Restaurant A ward” nel 2009 e nel 2010, al Mourjan propone piatti tipici della tradizione libanese e cucina internazionale.

Qatar, a Doha. Il gruppo comprendeva manager di aziende italiane, multinazionali e del settore pubblico. I partecipanti hanno viaggiato nel massimo comfort e in assoluto relax, coccolati da mille attenzioni, in Business class a bordo di un widebody Airbus A330. Le attività dei tre giorni sono state intense e hanno portato ad approfondire alcuni aspetti chiave della destinazione. Andrea Ferrari, ambasciatore d’Italia in Qatar e Palma Libotte, presidente dell’Italian Business Concil hanno illustrato le business opportunity del territorio, e non sono naturalmente mancate le occasioni per visitare la città e le sue attrazioni più celebri. «Il viaggio a Doha mi ha dato la possibilità di conoscere una nuova realtà, è un Paese per il quale da tempo cercavamo un’apertuRecente è la notizia di un piano di espansione che vedrà la realizzazione di più di 21mila camere e 77 nuovi alberghi di lusso

ra e devo dire che l’idea di andare in Ambasciata è stata ottima. Il nostro responsabile commerciale per l’area Medio Oriente ha già contatto il presidente dell’Italian Business Concil e probabilmente a breve farà un salto a Doha» ha commentato Domenico Grezzi, Servizi Generali Elettronica. Ma quello che ha conquistato è soprattutto la scoperta di qualcosa di non conosciuto, come sottolinea Claudio Gasponi, Direzione Corporate Technical Operation, travel manager sigma-tau: «È stato fantastico visitare un territorio sconosciuto e verificare i notevoli pro-

Il Qatar si è affermato come uno dei punti di riferimento economico, di business, politico e bancario a livello internazionale

gressi di questo popolo che sicuramente ha superato gli standard europei e che si propone prepotentemente sui mercati mondiali investendo in immagine e strutture». «L’occasione – è il commento di Paola Chiappetta, Corporate Communication to Enterprises, Direzione generale per la promozione del Sistema Paese, ministero degli Affari Esteri – ha permesso di mettere insieme interessi e aspet-

ti tra i più svariati: da quello puramente commerciale di promozione della compagnia aerea fino all’opportunità di toccare con mano una realtà estremamente interessante, dinamica e in continua evoluzione, quale quella del Qatar, che può offrire alle nostre imprese ampie e proficue prospettive di business in diversi settori». Un plauso anche al vettore di bandiera: «Il servizio Qatar Airways è stato veramente eccezionale, il personale sia a bordo sia in aeroporto ha dimostrato una professionalità eccellente e una gentilezza davvero fuori dal comune. Tutte le location visitate, gli hotel, i ristoranti sono risultati di un livello altissimo e Doha mi ha letteralmente conquistata» ha confermato Maria Cristina Misciglia, travel manager Targetti Sankey.


TDA0178_RoyalGroup_Layout 1 02/02/12 10:50 Pagina 1

illustrazione e copyright di Andrea Scoppetta

Ris Rispettiamo R Ri isp spetti spet ttiam a oe am Salvaguardiamo l’Ambiente

Il Royal Continental, hotel leader delL’ospitalità made in Naples, si rende promotore di un’iniziativa importante al fine di salvaguardare, protegGere e migliorare l’ambiente.

Scopri le avVenture di Mr. Royal su wWw.royalgroup.it

in collaborazione con


74_78_TDA 02 BLOCK NOTES 2.qxd

d’ TA

27-04-2012

10:02

Pagina 74

BLOCK NOTES

AirPlus: le aziende italiane amano le tecnolgia Traspare ottimismo nel comparto dei viaggi d'affari italiano stando ai risultati dalla sesta edizione dell’AirPlus Travel Management Study, l’indagine annuale condotta nel secondo semestre del 2011 dalla società di ricerche 2hm su un campione di 1.701 travel manager in venti Paesi tra cui l’Italia. «Per quanto riguarda il nostro mercato il 39 per cento dei travel manager ritiene che nel 2012 il numero di viaggi sostenuti dalla propria azienda crescerà, un incremento del 15 per cento rispetto ai dati del 2010 (26 per cento) e un’aspettativa superiore a quella dei colleghi esteri (35 per cento)», sottolinea Diane Laschet, amministratore delegato AirPlus Italia. «Di conseguenza un travel manager italiano su tre ritiene che la propria azienda spenderà di più rispetto all’anno scorso». Secondo l’indagine, inoltre, in Italia il 98 per cento dei travel manager intervistati analizza le spese di viaggio aziendali. «L’uso di strumenti di analisi tra le aziende italiane è cresciuto negli ultimi quattro anni dal 19 al 44 per cento», evidenzia Laschet. Altro trend interessante rilevato dall’indagine è quello legato all’utilizzo delle tecnologie mobili. In Italia l’89 per cento degli intervistati pensa che la tecnologia giochi un ruolo molto importante nel business travel. Seguendo il trend, AirPlus ha presentato l’innovativo progetto pilota che prevede l’utilizzo del proprio smartphone come carta di credito.

Un’app per scoprire la Grande Mela Un’applicazione completamente gratuita disponibile su iTunes. È la novità lanciata da NYC & Company in collaborazione con CityMaps. L’app permette di visualizzare la mappa digitale dei cinque distretti di New York City e consente di navigare con facilità le strade della città, localizzando novantamila hotel, ristoranti, bar, negozi e attrazioni. NYC è a oggi l'unica destinazione degli Stati Uniti ad avere co-firmato un'app con CityMaps. NYC Map è

un prezioso supporto per dare visibilità alle piccole e grandi aziende newyorkesi e, allo stesso tempo, è "La fonte" di informazioni a disposizione dei viaggiatori durante la visita della città. Oltre a mostrare la posizione geografica di hotel, ristoranti, attrazioni, negozi e bar, NYC Map consente di accedere alle offerte giornaliere proposte da siti come Groupon, Living Social, Restaurants.com e nycgo.com. Direttamente dalla app è possibile prenotare ristoranti grazie a OpenTable, acquistare biglietti per cinema e teatro con Fandango, localizzare le stazioni della metropolitana e i parcheggi, visualizzare i tweet delle attività commerciali circostanti in tempo reale, le registrazioni su foursquare e le immagini degli utenti. Nei prossimi mesi l’applicazione incorporerà ulteriori funzionalità specifiche per gruppi e convention.

in breve Mondial e Blu-Express: è partnership Grazie a un accordo tra Bluexpress.com e Mondial Assistance i passeggeri che volano con il vettore low cost del gruppo Blue Panorama Airlines possono aggiungere l’assicurazione viaggio anche successivamente alla prenotazione del volo. L'operazione è possibile grazie a un canale dedicato, una sezione speciale disponibile direttamente dal sito Bluexpress.com. Per quanto riguarda la garanzia annullamento, è possibile aggiungerla anche fino a 48 ore dopo la prenotazione del volo. Sita si rivoluziona Sita ha annunciato di aver rivoluzionato la proprio struttura per accrescere la propria leadership a livello locale e servire più da vicino i suoi 2.700 clienti tra aeroporti, compagnie aeree, global distribution system e autorità governative di tutto il mondo. La struttura Sita si semplifica e passa da otto a quattro regioni organizzate su base locale: Europa, Americhe, Asia e Medio Oriente-IndiaAfrica. I viaggi business si prenotano su iPhone Uno studio di Hrs.com ha rilevato che un manager su tre utilizza l’iPhone per effettuare la propria prenotazione. Più del trenta per cento dei dirigenti almeno una volta nella loro vita hanno scelto lo smartphone per occuparsi direttamente della propria trasferta.


74_78_TDA 02 BLOCK NOTES 2.qxd

27-04-2012

10:02

Pagina 75

BLOCK NOTES

Nuovo cda per Travel Consultants City Center Italy Il nuovo consiglio di amministrazione di Travel Consultants City Center Italy è così composto: Giuliano Cazzaro presidente, Salvatore Marascia vicepresidente, Giovanni Boccardo amministratore delegato, Sabrina Taddei ufficio stampa, Stefano Fiori,consigliere, Giovanni Mantovani, consigliere e Arrigo Patrizio consigliere. Sullo scacchiere delle aggregazioni, Travel Consultants ha riconfermato e rafforzato il rapporto in essere con Cta, che offre a Travel Consultants un’opportunità commerciale in più nel campo del leisure, che va a sommarsi al core del business travel. In merito a quest’ultimo, Travel Consultants è prossimo alla firma di un accordo con il gruppo Planetario/Robintur. Travel Consultants, che dal 31 dicembre 2011 non è più, per volere dell’headquarter tedesco, rappresentanza Lhcc in Italia e che, a seguito di ciò, ha visto ridursi anche la propria compagine societaria attraverso il recesso di alcuni soci che non hanno condiviso gli obiettivi di tangibile crescita, vede il 2012 come anno di impegno assoluto nel consolidare tali operazioni di crescita da tempo iniziate.

m-Power, importante novità in casa Amadeus m-Power è l’ultima novità messa a punto da Amadeus. Si tratta di una mobile app che offre ai clienti delle agenzie una serie di servizi innovativi. Una soluzione b2b2c con contenuti gds e leisure. Amadeus m-Power è infatti un’applicazione all-in-one con la quale gli agenti possono proporre ai propri clienti un tool per gestire direttamente e in completa libertà i propri spostamenti con un semplice touch. Cercare, prenotare un volo, noleggiare un’auto, riservare una camera in hotel, ricevere notifiche in tempo rea-

le sulle condizioni meteo e le opportunità che il luogo di destinazione offre, condividere l’intera esperienza di viaggio tramite social media non è mai stato così semplice. m-Power è disponibile in due versioni, una standard e una personalizzabile dall’agenzia di viaggi.

Nasce la partnership tra Travelport e TravelSky Travelport e TravelSky Technology Limited, fornitore di servizi commerciali e di information technology per l'industria dei viaggi della Cina, hanno stretto un'importante partnership che aumenterà notevolmente i contenuti alberghieri disponibili per gli agenti di viaggi della Cina

e di tutto il mondo. In base a questo nuovo accordo, TravelSky avrà accesso ai contenuti alberghieri di Travelport – sia quelli gds sia quelli non gds – fornendo quindi ai settemila agenti di viaggi che emettono biglietteria con TravelSky quotazioni e disponibilità in tempo reale da più di 250mila strutture alberghiere, con un totale complessivo di oltre 650mila offerte alberghiere in tutto il mondo. Anche gli agenti di viaggi clienti Travelport in tutto il mondo riceveranno un accesso ai contenuti alberghieri di TravelSky in Cina, mediante il sistema di prenotazione Travelport Rooms and More.

TripAdvisor, un help desk per alberghi Il nuovo help desk TripAdvisor è dedicato alle aziende ricettive associate a Confindustria Alberghi e Confindustria Aica. Le aziende associate potranno usufruire di un canale di assistenza diretta grazie al supporto continuativo di uno specialista italiano di TripAdvisor. Gli albergatori potranno mettersi in contatto con Trip Advisor anche attraverso il servizio di customer support, attraverso la linea dedicata e il centro gestione proprietari. Trenitalia lancia i ticket sostenibili Trenitalia compie un altro passo verso la sostenibilità e stampa i propri biglietti ferroviari su carta certificata secondo gli standard del Forest Stewardship Council. Grazie a uno specifico accordo con Postel Spa circa dieci milioni di biglietti stampati ogni mese potranno fregiarsi di questa importante certificazione. Misure anti-crisi al Fontanarossa È entrato in vigore il nuovo piano tariffario nei cinque parcheggi dell’Aeroporto Internazionale di Catania Fontanarossa. Una rimodulazione dei costi in chiave promozionale anti-crisi che, oltre ad avere vantaggi economici per gli utenti, vede lo start-up del nuovo sistema d’accesso e uscita dai cinque parcheggi che renderà più semplici e fluide le operazioni di fruizione e pagamento del servizio nelle cinque aree di sosta dello scalo.


74_78_TDA 02 BLOCK NOTES 2.qxd

27-04-2012

d’ TA

10:02

Pagina 76

BLOCK NOTES

Cwt punta sulla sostenibilità Françoise Grumberg ha assunto la carica di responsabile delle iniziative globali di Corporate Social Responsibility di Carlson Wagonlit Travel. La manager si occupa di guidare Cwt a livello globale su tutte le tematiche relative alla sostenibilità, progettando e implementando strategie e programmi. Lavora a stretto contatto con l’Executive Team per rafforzare ulteriormente l’impegno di Cwt verso un business responsabile tra clienti, fornitori, dipendenti e altri stakeholder. La manager è stata per otto anni Corporate Social Responsibility Director di Alcatel-Lucent Group, all’interno del quale ha svi-

luppato e implementato non solo le strategie di social responsibility ma anche un sistema di reportistica per monitorarne i progressi. In precedenza, ha lavorato nell’ambito della comunicazione interna ed esterna in Thomson Cgr, Matra Marconi Space e in diverse consociate di Alcatel-Alsthom.

Milano, destinazione top per i viaggi d’affari Milano si dimostra una destinazione competitiva a livello internazionale per quanto riguarda il business travel. Sono 3,5 milioni i visitatori annuali che scelgono il capoluogo lombardo per un viaggio business. Questo quanto emerge dai dati elaborati dalla Came-

ra di Commercio di Milano che evidenzia la competitività della città rispetto a 51 destinazioni business internazionali in fatto di costi medi più bassi. I visitatori milanesi si fermano in media due notti e spendono quasi 370 euro al giorno generando un fatturato annuo pari a 2,6 miliardi di euro e sostenendo quasi 86mila posti di lavoro. Nel panel delle 51 principali città di business del mondo, la più cara risulta essere Hong Kong . In Italia è Roma la città business più cara.

Abu Dhabi: in forte crescita il bt Abu Dhabi ha fissato obiettivi ambiziosi per il suo settor e dei viaggi d’af fari e congressuali per i prossimi otto anni. Entro il 2015 si spera di veder e l'emirato riconosciuto come il più importante della r egione e classificato tra le top cento destinazioni mondiali per il settore con un aumento quadruplo rispetto al numer o di eventi Mice attualmente in corso e con l’obiettivo di raddoppiar e il numer o di arrivi di visitatori. Per i successivi cinque anni, l'emirato mira a esser e considerato come la destinazione di primo piano nella regione, e aumentare di dieci volte il numero di eventi, come anche il numero di visitatori e il rendimento economico. Tra i progetti più significativi per la destinazione figura l’inaugurazione del Louvr e formato maxi che aprirà nel 2015. Seguiranno nel 2016 l’apertura dello Zayed National Museum e nel 2017 il Guggenheim Abu Dhabi.

AbyCar entra in Apai AbyCar di Bologna è entrata in Apai, l’associazione che riunisce i parcheggi aeroportuali italiani. La società si occupa di noleggio a lungo termine di auto e di veicoli commerciali e del coordinamento di bed&breakfast in Emilia Romagna e in Sicilia e della valorizzazione, nell’ambito del progetto BySicilia, di zone dell’entroterra poco conosciute dell’isola. Ntv: Casa Italo si fa in cinque Dopo le inaugurazioni di Milano Garibaldi, Milano Rogoredo, Napoli Centrale e Bologna Centrale, Casa Italo, il centro servizi Ntv, apre anche a Firenze. Connessione gratuita wi-fi e numerosi servizi accessori offerti dai partner dell’azienda caratterizzano il centro, che è stato ideato dagli studi Stefano Boeri Architetti e dotdotdot. Db-Öbb inaugura la Venezia-Monaco È operativo il nuovo treno Db-Öbb che collega Venezia Santa Lucia a Innsbruck e Monaco di Baviera. Il servizio, che si unisce a quello già presente, è attivo tutti i sabati e le domeniche. Atrapalo: un’app per i ristoranti Atrapalo.it ha lanciato l'applicazione mobile per iPhone dedicata ai ristoranti. Una guida a oltre 12mila attività di ristorazione presenti in Italia, Francia, Spagna, Colombia, Brasile, Perù e Cile prenotabili direttamente dal proprio smartphone.


I T N E EV

21 22


74_78_TDA 02 BLOCK NOTES 2.qxd

27-04-2012

d’ TA

10:02

Pagina 78

BLOCK NOTES

Massimo Rosi nuovo ad di Bluvacanze Massimo Rosi (nella foto), 47 anni, è stato nominato nuovo amministratore delegato di Bluvacanze, Cisalpina Tours e Going. Piacentino di nascita, laurea in ingegneria meccanica al Politecnico di Milano e in economia e gestione aziendale presso la Sda Bocconi, Rosi proviene da analogo incarico in Italiana Pellets, azienda attiva nel settore delle energie rinnovabili. Importanti competenze sulle aree delle strategie d’impresa e

delle operazioni di merger & acquisition gli derivano dai molti progetti seguiti nel corso della decennale esperienza con primarie società di consulenza quali Value Partners e Bain & Company Italia. Molte le aziende, appartenenti a svariati settori – tra queste Tyre, Food, Pharma, Telecom, Cable, Fashion, Retail – su cui è stato coinvolto in termini di riprogettazione di modelli distributivi, commerciali e logistici, a

I business traveller amano la Francia Secondo un recente studio condotto da Gfk e commissionato da Hrs.com, è la Francia la meta preferita da chi viaggia per lavoro dall'Italia, con il 24 per cento delle preferenze. Subito dopo c'è la Germania, 23 per cento, e tra le altre mete business europee ci sono Spagna e Svizzera, entrambe al 15 per cento, il Regno Unito, 14 per cento, il Nord Europa, 13 per cento. Fuori dal Vecchio Continente a farla da padrone sono gli Stati Uniti, 12 per cento, mentre l'Asia è scelta solo dal sette per cento. Seguono Australia e Nuova Zelanda che registrano il quattro per cento delle preferenze.

livello nazionale e internazionale, o nella realizzazione di due diligence. Al termine di una lunga ricerca interna ed esterna al turismo, le esperienze maturate da Rosi in settori diversi da quelli leisure e business travel e la capacità di indirizzo nel raggiungere gli obiettivi sono state ritenute indispensabili per guidare Bluvacanze, Cisalpina Tours e Going verso i risultati attesi di medio e lungo periodo, passando attraverso le complesse e mutevoli dinamiche che caratterizzano i mercati su cui operano queste società operative.

ParkinGo apre a Bologna ParkinGo ha inaugurato il primo aprile un parcheggio a Bologna. La struttura si trova a Calderara di Reno in via del Campo e dista un chilometro in linea d'aria dall'aeroporto intitolato a Guglielmo Marconi. È l'ottavo parcheggio marchiato ParkinGo a conferma dell'ottimo funzionamento della formula in franchising dedicata a quelle società che già gestiscono o che intendono aprire strutture di parcheggi aeroportuali. ParkinGo Bologna offrirà uno sconto fino al 25 per cento sul parcheggio allo scoperto offrendo così delle tariffe decisamente competitive a partire da sei euro per il primo giorno per i primi due mesi di apertura.

Agoda.com aggiorna le applicazioni Agoda.com, sito per prenotazioni alberghiere online in tutto il mondo, ha aggiornato le applicazione per iPhone e Android che permetteranno a tutti i clienti di guadagnare e di riscattare i punti fedeltà di agoda.com anche dai dispositivi mobili. In più sarà possibile ordinare e filtrare i risultati della ricerca per prezzo per trovare le tariffe in assoluto più basse disponibili. Global summit ad Abu Dhabi Con una cerimonia speciale, durante la 12a edizione del World Travel & Tourism Global Summit a Tokyo, sono stati conferiti ad Abu Dhabi i diritti per ospitare il 13° Global Summit che si terrà ad aprile e maggio del prossimo anno. Abu Dhabi Tourism & Culture Authority e Etihad Airways ospiteranno il summit – il più grande raduno dei maggiori rappresentanti del settore viaggi e turismo – che porterà circa mille rappresentanti nella capitale degli Emirati Arabi. Crescono i business traveller a Londra Si conferma positivo il trend degli arrivi business a Londra. Nella capitale inglese si è registrato un tasso di crescita annuale del sette per cento sui dati del 2010: in particolare, il mercato americano ha contribuito in larga misura ai risultati complessivi. Il volume dei visitatori del segmento bt statunitense, infatti, è aumentato del 15 per cento nel quarto trimestre.


TDA0188_Quatar_Layout 1 04/05/12venerdĂŹ 08:42 Pagina 1


80_TDA 02 INDIRIZZI ok.qxd

27-04-2012

10:03

Pagina 80

80

Indirizzi utili Ai Cavalieri Hotel Via S. Oliva 8 90141 Palermo Tel. 091.58.32.82 Fax 091.61.26.58.9 info@aicavalierihotel.it www.aicavalierihotel.it Astoria Palace Hotel Via Montepellegrino 62 90142 Palermo Tel. 091.62.81.111 Fax 091.63.72.178 Numero verde: 800.89.33.44 astoria@ghshotels.it www.ghshotels.it

Czech Airlines Torre Uffici, Aeroporto Leonardo da Vinci 00050 Fiumicino (RM) Tel. 06.65.95.51.25 Fax 06.65.95.46.74 rom@czechairlines.com www.czechairlines.it

Hotel Vecchio Borgo Via Quintino Sella 1/7 90139 Palermo Tel. 091.611.83.30 Fax 091.32.63.46 Numero verde: 800 89.33.44 vecchioborgo@ghshotels.it www.hotelvecchioborgo.eu

GHS Hotels Via Montepellegrino 62 90142 Palermo Tel. 091.62.81.111 Fax 091.63.72.178 Numero verde: 800.89.33.44 astoria@ghshotels.it www.ghshotels.it

HRS Via L. Bissolati 54 00187 Roma Tel. 06.42.03.15.52 aziende@hrs.com www.hrscorporate.it

Best Western Hotel Mediterraneo Via Dottor Consoli 27 95124 Catania Tel. 095.32.53.30 Fax 095.71.51.818 info@hotelmediterraneoct.com www.hotelmediterraneoct.com

Hotel Federico II Via Ancona 100 - 60035 Jesi (AN) Tel 0731211079 Fax 073157221 direzione@hotelfederico2.it www.hotelfederico2.it

Carlson Wagonlit Travel Via A. Vespucci 2 20124 Milano Tel. 02.62.54.31 commerciale@carlsonwagonlit.it www.carlsonwagonlit.it

Hotel Garibaldi Via Emerico Amari 146 90139 Palermo Tel. 091.60.17.111 Fax 091.32.31.41 Numero verde: 800.89.33.44 garibaldi@ghshotels.it www.ghshotels.it

Cisalpina Tours Spa Corso Moncenisio 41 (s.s.25) 10090 Rosta (TO) Tel. 011.95.43.406 Fax 011.95.43.410 info@cisalpinatours.it www.cisalpinatours.it

Hotel Mulino Grande Via Cisliano 26 - 20090 Cusago (MI) Tel. 02.90.39.07.31 Fax 02.87.15.24.55 info@hotelmulinogrande.it www.hotelmulinogrande.it

Quality Hotel San Martino Via Europa 4 23846 Garbagante Monastero (LC) Tel. 031.85.17.00 Fax 031.85.14.11 info@hotelsmartino.com www.hotelsmartino.com San Paolo Palace Via Messina Marine 91 90123 Palermo Tel. 091.621.11.12 Fax 091.621.53.00 booking.congressi@sanpaolopalace.it www.sanpaolopalace.it Seneca S.p.A. Via Antonio Gramsci 72 66016 Guardiagrele (CH) Tel. 0871.80.38.60 Fax 0871.48.51.48 info@senecabtc.com www.senecabtc.com


ENPA RINGRAZIA PER QUESTO SPAZIO.

IL TUO CANE FAREBBE DI TUTTO PER NON LASCIARTI SOLO.

Con ENPA l’amore per gli animali non conosce sosta, neanche durante le vacanze. Quest’anno, se vuoi far trascorrere un’estate felice al tuo amico a quattro zampe, visita www.enpa.it e troverai la soluzione più adatta a te. E se vuoi sostenere le nostre iniziative, invia il tuo contributo tramite bonifico bancario intestato a Comunicazione & Sviluppo Enpa Via Umberto I, 103 - 12042 Bra (CN) - Banca D’Alba - IBAN: IT39 S085 3046 0400 0043 0101 775.


82_TDA 02 COLOPHON.qxd

27-04-2012

10:05

Pagina 98

82

d’

TurismoAffari Business Travel • Agenzie di Viaggio • Transportation • Ospitalità

Direttore responsabile Marco Biamonti Condirettore Paola Olivari redazionetda@ediman.it

Senior sales manager & Corporate clients Graziella Corbari graziella.corbari@ediman.it Resp. traffico pubblicitario e distribuzione Jessica A. Presa jessica.presa@ediman.it

ITALIA Milano, Roma e nazionale Elsa Natali Via G. Carini, 71 - 00152 Roma Telefono e fax 06.58.98.619 cell. 336.325037 elsa.natali@ediman.it Milano, Alto Adige, Friuli Venezia Giulia Graziella Corbari Ediman - Via Ripamonti, 89 20141 Milano Telefono 02.57.31.15.11 Fax 02.57.23.14.86 graziella.corbari@ediman.it Milano, Mantova, Abruzzo, Emilia Romagna, Marche Antonella Madotto Ediman - Via Ripamonti, 89 20141 Milano Telefono 02.57.31.15.11 Fax 02.55.23.14.86 antonella.madotto@ediman.it Milano, Bergamo, Brescia, Veneto, Trentino Patrizia Maggi Ediman - Via Ripamonti, 89 20141 Milano Telefono 02.57.31.15.11 Fax 02.55.23.14.86 patrizia.maggi@ediman.it

Hanno collaborato: Alessandra Boiardi, Dario Bongiovanni, Carola Cappelletti, Giulio Carloni, Tommaso Crociera, Assunta Corbo, Giulia De Stefano, Ferdinando Farba, Giovanni Fassola, Elisa Ferro, Ofelia Figus, Nicoletta Giraldi, Giorgio Maggi, Daria Nardi Bessola, Madeleine Rey, Alessandro Rigatto, Luciano Riella, Michela Rossi, Simona Zin

Segreteria di redazione Elena Bernabei elena.bernabei@ediman.it

Prezzo di copertina Turismo d’Affari 4,20

Grafica e impaginazione Silvia Vignati

Abbonamento annuo 45,00 (Estero 65,00)

Fotolito e stampa Prontostampa Srl Zingonia (BG)

L’abbonamento va effettuato con versamento sul C/CP n° 15717200 intestato a Ediman

Milano, Como, Cremona, Lodi, Pavia, Sondrio, Varese, Liguria, Piemonte, Valle d’Aosta Angela Maspero Ediman - Via Ripamonti, 89 - 20141 Milano Telefono 02.57.31.15.11 Fax 02.55.23.14.86 angela.maspero@ediman.it

Sicilia Promoservice - Vincenzo Morreale Via Lancia di Brolo, 167 - 90145 Palermo Telefono e fax 091.68.19.344 Cell. 348.51.06.384 vincenzo.morreale@ediman.it Sardegna Pamela Perone Via Baunei, 12 - 09044 Quartucciu (CA) Cell. 347.05.19.798 pamela.perone@ediman.it

Liguria, Toscana Maria Assunta Forte Cell. 347.75.07.274 mariassunta.forte@ediman.it Lazio, Umbria, Abruzzo Mizar sas Fiorella Ferrante Cell. 393.94.38.033 Tel. 06.98.26.18.64 - Fax 06.98.26.18.65 fiorella.ferrante@ediman.it Emiliano Palmieri Cell. 338.46.76.920 - Tel. 06.98.26.18.63 - Fax 06.98.26.18.65 emiliano.palmieri@ediman.it Roma, Frosinone, Latina, Campania Annamaria Betrò Via Archippo, 3 - 00125 Roma Tel./Fax 06.52.16.93.19 cell. 347.81.61.893 anna.betro@ediman.it Roma, Rieti, Viterbo, Toscana, Umbria Guido Zaccagnini Cell. 340.22.68.473 guido.zaccagnini@ediman.it Basilicata, Calabria, Puglia Vito Di Savino Cell. 347.78.03.446 vito.disavino@ediman.it

Ediman Srl Direzione, redazione, pubblicità, amministrazione Via Ripamonti, 89 - 20141 Milano Tel. 02.57311511 (r.a.)

Presidente Marco Biamonti

Fax 02.55231486

Direttore operativo Lucia Rancati

Redazione (diretto): 02.57311524

Direttore editoriale Marco Garavaglia Direttore Pr Nino Vermicelli Responsabile comunicazione e marketing Lorenzo Bini

tda@ediman.it - www.ediman.it Uff. abbonamenti: Grazia Tolotti Tel. 02.57311513 grazia.tolotti@ediman.it Cap. soc. 93.600 i.v.

Registrazione Tribunale di Milano n° 135 del 4.4.1981

ESTERO Francia, Principato di Monaco, Spagna Graziella Corbari Ediman - Via Ripamonti, 89 - 20141 Milano Telefono 02.57.31.15.11 Fax 02.57.23.14.86 graziella.corbari@ediman.it Belgio, Cipro, Malta, Medio Oriente, Nord Africa, Portogallo, Svizzera, Antonella Madotto Ediman - Via Ripamonti, 89 - 20141 Milano Telefono 02.57.31.15.11 Fax 02.55.23.14.86 antonella.madotto@ediman.it

RAPPRESENTANTI LOCALI ALL’ESTERO Cina, Hong Kong, Macao Daniele Solari Cell. +86 13564919437 daniele.solari@theblenders.com.cn Regno Unito, Eire MW Media - Maureen W ingham maureen.wingham@mwmedia.uk.com Russia, Ucraina, Bielorussia Dmitry Golovaty Cell. +7.91.62.97.51.04 dgolovaty@htmsinternational.com Spagna Luis Andrade Publicidad Internacional Madrid: landrade@luisandrade.com Barcellona: cgarcia@luisandrade.com Thailandia, Malesia, Singapore, Giappone Publicitas (Thailand) Ltd major@asiaaccess.net.th Ungheria Agnes Teket agnes.teket@media-print.hu

I diritti sulle immagini pubblicate in questo numero di Turismo d’Affari sono stati acquistati dalla Shutterstock Images LLC (www.shutterstock.com) oppure concessi a titolo gratuito dagli enti e dalle strutture cui fanno riferimento. Negli altri casi Ediman Srl ha cercato di rintracciare i detentori dei diritti d’autore, senza però riuscirvi sempre. Chiunque ritenga di poter rivendicare i diritti relativi alle immagini è pregato di mettersi in contatto con Ediman Srl. D. Lgs n. 196/2003 - Tutela della privacy - Informativa. La Ediman Srl desidera informare i lettori e gli abbonati di Turismo d’Affari che i dati personali che li riguardano vengono utilizzati per la spedizione della rivista. I dati vengono trattati con mezzi informatici e potranno essere, in base al decreto legi-slativo 196/2003, consultati, modificati, integrati o cancellati. Il conferimento dei dati è facoltativo: in loro mancanza tuttavia, non potremo dar corso all’invio della rivista. I dati potranno essere utilizzati per l’invio di materiale stampa connesso con l’attività della Ediman Srl. In ogni caso ciascun lettore e abbonato potrà in qualunque momento e del tutto gratuitamente esercitare i diritti dell’art. 13 rivolgendosi direttamente a Ediman Srl, Via Ripamonti 89, 20141 Milano, titolare del trattamento.

Le pubblicazioni Ediman • Turismo d’Affari • Guida di Turismo d’Affari • Meeting & Congressi • Guida Meeting e Congressi • Convegni Interactive • IT Yearbook • Annuario di Incentivare • Wellness to Business • Ville e Castelli Sposi • Ville Castelli e Palazzi

Gli eventi Ediman • Travel Trend Milano • Travel Trend Roma • Full Contact Discover Italy • Full Contact Incentive Destinations • Full Contact Luxury Venues • Full Contact Meeting Planner • Full Contact Pco • Full Contact Large Events • Full Contact International Venues


GMC0519_Endar_Layout 1 18/04/12 16:50 Pagina 1

Associato Venezia Convention Bureau

LQIR#HQGDULW


Vi abbiamo dato sempre il massimo, ora lo raddoppiamo Saudi Arabian Airlines moltiplica i voli diretti per l’Arabia Saudita Solo Saudi Arabian Airlines offre 8 voli diretti da Milano e Roma per L’Arabia Saudita oltre a 3 voli cargo diretti in partenza da Malpensa, e con il programma di fidelizzazione Alfursan viaggiare è anche vantaggioso. Saudi Arabian Airlines. La forza di un sogno, l’energia per realizzarlo. www.saudiairlines.com

A New Era

TURISMO AFFARI_busin_210x297.indd 1

30-11-2009 8:55:29

Turismo d'Affari - Apr Mag Giu 2012  

Turismo d’Affari è la rivista per il travel manager, colui che è delegato a gestire policy e costi di viaggi e trasferte del personale azien...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you