Page 1

15

Poste Italiane Spa - Spedizione in Abbonamento Postale - DI 353/2003/conv in L. 27/02/04, n. 46) art 1 comma 1 NE/VR • € 5,00 - Periodico semestrale

GIU • LUG • AGO • SET

2016

Con Con ilil patrocinio patrocinio di: di: Comune Comune di di Ponte Ponte di di Legno Legno Comune Comune di di Edolo Edolo Comune di Temù Comune di Temù Comune Comune di di Vezza Vezza d’Oglio d’Oglio Comune Comune di di Vermiglio Vermiglio Comune Comune di di Ossana Ossana Comune Comune di di Vione Vione Comune di Incudine Comune di Incudine Comune Comune di di Monno Monno Adamello Adamello Ski Ski Comunità Comunità Montana Montana di di Vallecamonica Vallecamonica


P ONTE DI LEGNO P ONTE D I L EG NO


SOMMARIO

SOMMARIO 6-7 10-21 23-29 31-35 37 39-47 49-51 53-55 57-59 61-63 65-67 70-72 73-75 77 78-80 82-91 93 94

Numeri utili Dal Comune di Ponte di Legno Dal Comune di Edolo Dal Comune di Temù Alps – Festival internazionale del cinema di montagna Dal Comune di Vezza d’Oglio Dal Comune di Vermiglio Dal Comune di Ossana Dal Comune di Vione Dal Comune di Incudine Dal Comune di Monno La Rubrica di Adamello Ski Prezzi Skipass stagione invernale 2016/2017 Un’estate in movimento con la Farmacia dello Sportivo di Temù Il Sacrario Militare della Guerra 1915-1918 al Passo Tonale Ricette tipiche Gli aironi dell’Alta Vallecamonica Cooperativa Stella Alpina


95 Servizio di Polizia Locale – Ci informano 97 Parola di Psicologa: Ricordarsi di dire (anche) no! Pontedilegno Ski School è Mountain Experience:

99 vivere la montagna a 360 gradi 101 Hockey Club Ponte di Legno 102 Adamello Ultra Trail, terza edizione 103 Vintage Race 104 Programmazione Cinema Alpi Editore: Adamello Eventi s.r.l.s.

Gestione e concessionaria esclusiva pubblicità: Adamello Eventi s.r.l.s.

Direttore Responsabile: Dario Zucchi In redazione: Sonia Mariotti, Francesca Zani Autorizzazione: Autorizzazione del Tribunale di Milano n. 264 del 19/05/2010 Iscrizione ROC: n° 19937 del 13/04/2010 Realizzazione Grafica: Rossogranato - Graphic Design Stampa: Graffietti Stampati Snc – Montefiascone (VT) Hanno collaborato: Aurelia Sandrini, Ivan Faustinelli, Luca Sajeva, Edoardo Nonelli, Stefano Maculotti, Pro Loco Ponte di Legno, Luca Masneri, Ilenia Setola, Roberto Menici, Gianluca Guizzardi, Il Sorriso di Matilde Onlus, Vania Zampatti, Pro Loco Temù, Roberto Gualdi, Laura Di Santo, Ester Bonavetti, Giovanmaria Rizzi, Remigio Cisotti, Gustavo Caldinelli,v Emanuele Gregorini, Laura Panizza, Felice Longhi, Iva Callegari, Luciano Dell’Eva, Alessandro Pasquali, Mauro Testini, Luigi Sterli, Giovanna Bellandi, Alessandra Pedrotti, Elisabetta Guizzardi, Roberto Trotti, Marco Lazzarini, Stefano Ferrari, Federico Frigeri, Daria Cenini, Mauro Longhi, Paolo Spiranti, Clara Mottinelli, Guido Mensi, Luigi Acampora, Chef Ristorante Jolly, Marco Ristorante La Tana dell’Orso, Stefania Tognon, Barbara Martinazzoli, Gabriele Rizzi, Ivana Govi, Costantino Coatti, Cooperativa Stella Alpina, Giacomo Giorgi, Polizia Locale Unione dei Comuni Alta Vallecamonica, Alberto Garbo, Alessandro Novembrini, Claudio Novembrini, Laura Donati, Mauro Lazzarini, Corrado Maculotti, Gabriele Santopietro, Giovanna Cremonini, Laura Zampatti, Umberto Cremonini. Fotografie di: Fotolia.com, Ferruccio Lissidini, Archivio Adamello Magazine, Sonia Mariotti, Corrado Asticher, Laura Zampatti, Archivio Comune di Edolo, Ufficio Tecnico Comune di Temù, Il Sorriso di Matilde Onlus, Archivio Adamello Ski, Archivio Comune di Vezza d’Oglio, Davide Ferrari, Archivio Pro Loco Vezza d’Oglio, Tiziano Mochen, Archivio Ufficio Turistico Vermiglio-Val di Sole, Archivio Comune di Ossana, Archivio Bosco Derniga, Archivio Comune di Vione, Archivio Comune di Incudine, Archivio Comune di Monno, Archivio Adamello Ski, Archivio Farmacia dello Sportivo Temù, Paolo Spiranti, Edoardo Nonelli, Ristorante Il Castello di Breno, Ristorante Jolly Pontedilegno, Ristorante La Tana dell’Orso, Ristorante Cà del Re, Ristorante Kro, Archivio Comando Polizia Locale Unione dei Comuni Alta Vallecamonica, Archivio Pontedilegno Ski School, Giovanna Cremonini, Archivio Hockey Club Ponte di Legno, Ufficio Stampa Adamello Ultra Trail. L’intera rivista, compresa di tutti gli spazi pubblicitari, è interamente consultabile sul sito www.adamellomagazine.it Tutti i diritti: immagini, fotografie, testi, sono di proprietà di Adamello Eventi S.r.l. - Adamello Magazine - Sono vietate le riproduzioni, anche solo parziali, di immagini e testi.


NUMERI UTILI

PONTE DI LEGNO

SANITÀ • Guardia medica di Ponte di Legno • Guardia medica notturna MUNICIPIO CAI- SOCCORSO ALPINO • C.A.I. Sezione di Pezzo Pontedilegno • Soccorso Alpino Stazione di Pontedilegno • Guide Alpine IAT PRO LOCO PARAFARMACIA SANERBA POLIZIA LOCALE UNIONE DEI COMUNI CARABINIERI CORPO FORESTALE DELLO STATO FARMACIA PIETROBONI UFFICI POSTALI TAXI-AUTONOLEGGI MARONI ADAMELLO SKI • Direzione • Ufficio Passo del Tonale • Biglietterie • Biglietterie • Biglietterie SCUOLA SCI PONTE-TONALE • Uffici Ponte di Legno • Uffici Passo del Tonale PONTE DI LEGNO SKI SCHOOL • Uffici Ponte di Legno • Uffici Passo del Tonale SKI EMOTION - SPORT ACADEMY • Uffici Ponte di Legno • Uffici Passo del Tonale

Piazzale Europa, 1 c/o Ospedale di Edolo Piazzale Europa info@comune.ponte-di-legno.bs.it

Tel. Tel. Tel. Fax

Piazzale Europa, 64 Via S.S. n. 42 del Tonale Corso Milano c/o Scuola sci Corso Milano, 37 Corso Milano, 37 Corso Milano, 58 Piazzale Europa Viale Venezia c/o Municipio Corso Milano, 1 Piazzale Europa, 3 Via Roma, 52

Tel. 0364.92660 Tel. 0364.900678 Tel. 0364.91301 Tel. 0364.92089 Tel. 331.7148895 Tel. 0364.900190 Tel. 0364.929807 Tel. 0364.91222 Tel. 0364.91175 Tel. 0364.91032 Tel. 0364.900583 Tel. 0364.91045

Via F.lli Calvi, 53 Via Circonvallazione, 1/A Ponte di Legno Passo del Tonale Temù

Tel. 0364.92097 Tel. 0364.92066 Tel. 0364.900628 Tel. 0364.92066 Tel. 0364.906084

Corso Milano, 4 Via Case Sparse

Tel. 0364.91031 Tel. 0364.903943

Corso Milano, 36 Parcheggio zona Serodine

Tel. 0364.900302 Tel. 335.6769449

Corso Trieste, 67 Grand Hotel Paradiso

Tel. 0364.901076 Tel. 334.8509632

EDOLO

POLIZIA LOCALE UNIONE DEI COMUNI c/o Unione Alpi Orobie Bresciane UFFICIO POSTALE Via Porro, 51 MUNICIPIO Largo Mazzini, 1 info@comune.edolo.bs.it I.A.T. UFFICIO INFORMAZIONI Piazza Martiri, 2 TAXI GELMI MALONNO

TEMU’

POLIZIA LOCALE UNIONE DEI COMUNI PRO LOCO DI TEMU’ UFFICI POSTALI MUNICIPIO FARMACIA MOTTINELLI AUTONOLEGGIO OTTO SERVICE CINEMA ALPI 6

www.adamellomagazine.it

c/o municipio Ponte di Legno Piazzale Europa Via Roma, 36 Via Roma, 34 Via Roma, 38 info@comune.temu.bs.it Via Roma Via Adamello, 13 Via Saletti

366.2267151 0364.7721 0364.929800 0364.91658

Tel. 0364.77302332 Tel. 0364.71024 Tel. 0364.773011 Tel. 0364.71065 Tel. 0364.635583 Tel. 0364.929807 Tel. 0364.94152 Tel. 0364.906367 Tel. 0364.906420 Fax 0364.94365 Tel. 0364.948002 Tel. 0364.948077 Tel. 0364.906397


NUMERI UTILI

VERMIGLIO

POLIZIA LOCALE UFFICIO POSTALE MUNICIPIO

UFFICIO TURISTICO FARMACIA ASCANIO

c/o Municipio di Vermiglio Piazza Giovanni XXIII, 1 Piazza Giovanni XXIII, 1 Piazza Giovanni XXIII, 1 c.vermiglio@comuni.infotn.it Via di S. Pietro Piazza Papa Giovanni XXIII 1/B

Tel. 0463.758137 Tel. 0463.758130 Tel. 0463.758137 Fax 0463.758094 Tel. 0463.758200 Tel. 0463.758177

OSSANA POLIZIA LOCALE UFFICIO POSTALE MUNICIPIO UFFICIO TURISTICO

c/o Municipio di Ossana Via Venezia, 1 Via Bezzi, 3 Via Venezia, 1 comune@comune.ossana.tn.it Via S. Michele, 2

Tel. 0463.750239 Tel. 0463.751146 Tel. 0463.751363 Fax 0463.751909 Tel. 0463.751301

VIONE POLIZIA LOCALE UNIONE DEI COMUNI UFFICIO POSTALE MUNICIPIO MUSEO ETNOGRAFICO

c/o municipio Ponte di Legno Piazzale Europa Piazza Vittoria Piazza Vittoria, 1 info@comune.vione.bs.it Via Dott. Italo Tognali, 1

Tel. 0364.929807 Tel. 0364.906370 Tel. 0364.906154 Fax 0364.948528 Tel. 0364.94346

VEZZA D’OGLIO POLIZIA LOCALE UNIONE DEI COMUNI c/o municipio Ponte di Legno Piazzale Europa CARABINIERI Via Nazionale UFFICIO POSTALE Via Nazionale 87 MUNICIPIO Via Nazionale, 91 info@comune.vezzadoglio.bs.it PRO LOCO Largo G.Marconi 1 FARMACIA BULFERI Via Nazionale 100

Tel. 0364.929807 Tel. 036476122 Tel. 0364.76120 Tel. 0364.76126 Fax 0364.76492 Tel. 0364/76131 Fax 0364/76131 Tel. 0364.76162

INCUDINE POLIZIA LOCALE UNIONE DEI COMUNI UFFICIO POSTALE MUNICIPIO PRO LOCO FARMACIA GHIRARDI

c/o municipio Ponte di Legno Piazzale Europa Piazza Marconi, 16 Piazza Marconi, 16 info@comune.incudine.bs.it Piazza Marconi, 16 Via Roma, 32

Tel. 0364.929807 Tel. 0364.779670 Tel. 0364.71368 Fax 0364.73003 Tel. 0364.71368 Tel. 0364.779649

MONNO POLIZIA LOCALE UNIONE DEI COMUNI UFFICIO POSTALE MUNICIPIO PRO LOCO FARMACIA GHIRARDI

c/o municipio Ponte di Legno Piazzale Europa Via Dei Mille Piazza IV Novembre, 9 info@comune.monno.bs.it Piazza IV Novembre, 9 Via Roma, 7

Tel. 0364.929807 Tel. 0364.779750 Tel. 0364.779400 Fax 0364.779214 Tel. 0364.779400 Tel. 0364.779649

www.adamellomagazine.it

7


8

www.adamellomagazine.it


www.adamellomagazine.it

9


DAL COMUNE DI

PONTE DI LEGNO A cura di Ferruccio Lissidini e Sonia Mariotti Foto di Sonia Mariotti


RIQUALIFICAZIONE URBANA DELL’AREA DI PERTINENZA

DEGLI EDIFICI VINCOLATI “EX SCUOLE ELEMENTARI ED ASILO REGINA ELENA” ficazione è prevista, ed in parte gia’ realizzata, la riorganizzazione dei sottoservizi che consentiranno l’eliminazione delle linee aeree . Per ricordare la data del 27 settembre 1917, giorno in cui per ritorsione l’esercito austriaco bombardò l’abitato di Ponte di Legno causandone la completa distruzione, nel parco pubblico verranno ricollocati i monumenti delle memorie relative a Ponte di Legno: - lapidi dedicate ai Caduti delle due guerre (sotto al portico del nuovo municipio) - monumento ai Caduti di tutte le guerre, realizzato nel 1985 da Ettore Calvelli e voluto dall’A.C. e Gruppo ANA di Ponte di Legno ono ormai terminati i lavori di restauro - monumento della ricostruzione di Ponte di degli edifici ex Asilo Regina Elena ed Legno, realizzato da Matteo Ferrari nel 1967 ex Scuole Elementari, situati nel Centro La zona avrà la funzione strategica di collegadel paese, un complesso di ben 2.500 mento tra il centro storico del Capoluogo ed il metri quadrati che a breve ospiterà i nuovi uffici nuovo Piazzale e Parcheggio Europa. municipali ed altre funzioni pubbiche. Gli uffici municipali occuperanno la struttura A cura dell’Arch. Luca Sajeva Progettista, delle ex Scuole Elementari, mentre l’ex Asilo Direzione e Coordinatore dell’intera opera. Regina Elena si appresta a diventare la sede dell’Unione dei Comuni Alta Valle Camonica e altre funzioni pubbliche compatibili con l’intervento. Immediatamente dopo il periodo estivo verranno ripresi i lavori di riqualificazione dell’area di pertinenza degli edifici. L’intervento prevede la trasformazione degli spazi esterni, dei percorsi pedonali e meccanizzati, spazi verdi e luoghi di relazione. L’intervento tiene conto della centralità del luogo e della vicinanza al centro storico. Ecco la necessita’ di creare un‘area a verde pubblico quale luogo d’incontro, di sosta, panoramico, punto di osservazione per godere delle bellezze naturali, degli spazi verdi lungo il fiume. Dalle posizioni di rilievo a nord si ammira tutta la catena montuosa del Castellaccio e del Salimmo. All’interno della riquali-

S

www.adamellomagazine.it

11


IL BIKE DIVENTA

I

PROTAGONISTA DEL TURISMO ESTIVO

l bike è diventato da più di un decennio lo sport principale per le Località turistiche di montagna che utilizzano le piste invernali e gli stessi impianti di risalita per una nuova destinazione, i circuiti per passeggiate in mountain-bike come pure la collocazione per lo sport estivo di downhill. Il Comprensorio Ponte di Legno-Tonale-Temù non si è lasciato sfuggire questa occasione e, oltre ad aver creato notevoli piste inserite in programmazioni di pacchetti turistici organizzati di mountainbike, già conosciuti e regolarmente percorsi soprattutto da ciclisti provenienti da nazioni limitofe che le hanno collegate con le nostre, punto strategico sulle Alpi centrali, con il Passo Gavia, il Montozzo, il Tonale e lo sfogo sulla Vallecamonica. Una grande possibilità anche per gli amanti del downhill, notevole il bacino di giovani che ormai praticano questo sport estremo, su un tracciato che va dai 2 ai 5 chilometri di lunghezza ed attrezzato dei vari ostacoli artificiali, dove vengono adattate con lavori specifici le varie piste da sci. Il nostro Comprensorio ha già realizzato alcune importanti discese, da Valbione al “Campetto” di Ponte di Legno, dal Roccolo Ventura a Temù con possibilità di collegamento sulle piste di Valbione, al Tonale. La Val Albiolo presenta tre tracciati di varia difficoltà, per i principianti e per i provetti della specialità. In fase di realizzazione e di finitura il collegamento dall’arrivo della funivia a Ponte di Legno, attualmente completato dall’inizio all’arrivo dell’intermedia (Località Vigili del Fuoco). Lo sforzo di investimento è notevole, come sarà senz’altro notevole il successo e la gradibilità da parte degli appassionati.

...INOLTRE...

L

e grandi opere terminate ed in progetto. Terminato il posteggio sotterraneo di piazzale Europa, 240 posti su 2 piani sotterranei. Subito programmato un

nuovo grande intervento, nell’ex municipio verrà realizzata un’importante opera: “le Therme di Ponte di Legno”. Il tutto a vantaggio del turismo e dell’economia dell’Alta Valle Camonica. 12

www.adamellomagazine.it


LA VALSOZZINE,

SEMPRE PIÙ POLMONE DI RELAX

I

niziata lo scorso anno, è già stata ampiamente completata l’oasi dell’area della Valsozzine. Grazie al successo ottenuto, sta sempre riscutendo interesse sia dai frequentatori ma soprattutto importanti sono gli interventi di ampliamento, arredamento e le finiture con nuovi allestimenti, vedi giochi d’acqua, spazi attrezzati per pic-nic, giochi per bambini.

L’intera area, dotata di servizi, laghetti, panche e tavoli per pic-nic ricavati dal legno locale, divertenti attrazioni per bambini e statue in miniatura ricavate dai residui tronchi d’albero.

...DA PRENDERE BUONA NOTA

U

n’interessante novità al Bar dell’Hotel Cristallo: sulla stupenda terrazza, tra le più panoramiche in assoluto, dalla vista mozzafiato, a partire da Sabato 30 luglio 2016, verrà organizzato un invitante Happy Hour aperto al pubblico, a soli quattro minuti di passeggiata dal centro di Ponte di Legno. Un esclusivo aperitivo in un rilassante e moderno ambiente. Indimenticabili momenti che si scalfiranno nella memoria, come l’impagabile immagine che si porrà alla vista. www.adamellomagazine.it

13


www.adamellomagazine.it

15


LA MANGIA E VAI 2016 A cura di Stefano Maculotti e Sonia Mariotti – Foto di Corrado Asticher

D

omenica 10 Luglio 2016, dopo un intenso lavoro che ha visto la macchina organizzativa “accendere i motori” già svariati mesi fa, è andato in scena quello che si può definire uno degli appuntamenti più attesi tra gli eventi estivi nel Comprensorio Alta Vallecamonica: La Mangia e Vai.

vano arrivando copiose.

Formula vincente non si cambia In secondo luogo ci tenne a ribadire i punti fermi dell’evento: il percorso, rimasto volutamente invariato rispetto agli anni scorsi per poter gestire al meglio situazioni molto delicate come la cottura, la conservazione e presentazione dei Quattro chiacchiere con il Presidente del Co- cibi, la logistica dei punti di ristoro, delle attrezzature e tutto ciò che ne concerne. mitato Organizzatore Vista l’uscita del n° 15 della nostra Rivista, Ed il menu, il quale, essendo ormai “rodato”, prevista dopo l’effettuazione dell’evento, ab- permette di poter erogare un servizio ottimale, biamo incontrato qualche giorno prima l’inizio anche dal punto di vista dell’igiene e della salute della manifestazione Stefano Maculotti, Presi- di chi lo andrà poi a consumare. dente del Comitato Organizzatore, per sapere A riconferma del gradimento dovuto a questa come stava procedendo la fase organizzativa formula vincente, vi è il sempre più folto numero di persone che scelgono di ritornare anno dopo e scoprire qualche interessante novità. Ogni volta non si può non rimanere colpiti dal anno. travolgente entusiasmo con cui Stefano ricopre questo importante ed impegnativo ruolo. Tante significative novità In quell’occasione esordì confermando che Non solo punti fermi dunque, ma anche interestutto stava andando per il meglio, le principa- santi novità hanno caratterizzato questa dodili associazioni di volontariato e tutti i soggetti cesima edizione, come ci ha spiegato Stefano. coinvolti erano in piena attività per mettere a Grazie a S.I.T.-Società Impianti Turistici, Caropunto ogni singolo dettaglio e le iscrizioni sta- sello Tonale, Consorzio Adamello Ski e Museo

16

www.adamellomagazine.it


della Guerra Bianca in Adamello, sono state introdotte delle agevolazioni per tutti gli iscritti a La Mangia e Vai 2016. Le Società impiantistiche hanno proposto uno sconto di 3 euro per l’estate 2016 sull’utilizzo delle cabinovie Ponte di Legno – Vigili – Passo Tonale, Paradiso e Presena ed una riduzione di 5 euro sul giornaliero Adamello Ski per la stagione invernale 2016-2017 (escluso ovviamente il periodo delle feste natalizie). Ma non è finita qui, il Museo della Guerra Bianca di Temù offre la possibilità di visita a prezzo ridotto, 5 euro anziché 7 euro. Un sentito ringraziamento è senz’altro doveroso –afferma Stefano- verso gli Enti che hanno messo a disposizione queste significative convenzioni, incentivando e rendendo più appetibile l’esperienza dei partecipanti nel nostro Comprensorio, anche al di fuori de La Mangia e Vai. Ricordiamo ovviamente che per poter usufruire delle agevolazioni è necessario conservare il “mangiapass”. Sempre in tema di incentivi, Adamello Ski ed Associazione Albergatori hanno ideato “weekend con gusto”, un pacchetto ospitalità con soggiorno in hotel da venerdì a domenica e la partecipazione a La Mangia e Vai, il tutto con prezzi agevolati. L’evento Un’altra piacevole novità che ci ha preannunciato Stefano, riguarda l’incremento delle esposizioni gastronomiche e di artigianato lungo il tragitto, andando ad arricchire ulteriormente il collaterale della passeggiata gastronomica. Come per le precedenti edizioni, è stata mantenuta la possibilità di scelta anticipata dell’orario di partenza, permetten-

do così di pianificare una “tabella di marcia” con giusta distribuzione scaglionata dei presenti, evitando code ed ingorghi nei vari punti ristoro e di ritrovo. Non poteva mancare la S. Messa alle ore 15.00 nella Chiesetta di Viso in ricordo dei volontari de La Mangia e Vai che sono venuti a mancare. Quest’anno il significato simbolico era doppio, dovuto alla ricorrenza del centenario della Grande Guerra ed al ricordo dei Caduti. Un ringraziamento da parte di Stefano a Don Antonio, il quale, nonostante abbia solitamente un programma domenicale molto fitto (quattro Messe da celebrare), si presta sempre con grande orgoglio per la S. Messa de La Mangia e Vai. Ringraziamenti Sempre durante la nostra chiacchierata, Stefano ha voluto cogliere nuovamente l’occasione per ringraziare tutti i Volontari (più di trecento) che, senza chiedere nulla in cambio, ancora una volta prestano la propria collaborazione, sia durante l’evento, che nei giorni antecedenti e successivi. Senza il contributo e la sinergia che si crea tra le associazioni coinvolte, questa manifestazione sarebbe irrealizzabile, con costi inimmaginabili, non avrebbe lo stesso risultato sociale e di aggregazione, ma soprattutto non (segue) www.adamellomagazine.it

17


LA MANGIA E VAI 2016 potrebbe “vivere” delle sole proprie risorse economiche. È infatti uno dei pochissimi eventi che riesce ad auto-finanziarsi, non andando a pesare né sulle casse comunali, né su altri Enti, né gravare pesantemente sulle quote d’iscrizione dei partecipanti. Grazie inoltre a chi permette di garantire la sicurezza sanitaria: medici ed infermieri che collaborano in forma assolutamente gratuita, l’Associazione Amici Volontari del Soccorso a completa disposizione con la propria ambulanza ed il Soccorso Alpino. Grazie anche ai privati, i quali hanno dato la piena disponibilità dei propri terreni, garage, posteggi, piazzali, strutture ed abitazioni. Adamello Ski, Pro Loco Ponte di Legno, InfoPoint di Temù e Pro Loco Vezza d’Oglio si sono sapientemente occupati della gestione delle iscrizioni, offrendo non solo le proprie strutture, con la possibilità di avere vari punti di raccolta

18

www.adamellomagazine.it

adesioni, ma anche un preziosissimo supporto informazioni per tutti coloro che ne facessero richiesta. Anche a Loro va un sentito ringraziamento. Un altro aspetto importante è la salvaguardia dell’ambiente: un grazie a tutti coloro che prendono parte all’evento, partecipanti o addetti ai lavori, i quali in ogni edizione sanno lasciare l’ambiente circostante nelle stesse condizioni in cui era stato trovato. Cosa non sempre scontata. Arrivederci al 2017! La Mangia e Vai già da tempo si è consolidata tra le più importanti manifestazioni che interessano il Comprensorio. Appuntamento quindi alla seconda domenica di Luglio 2017!


Salvetti

Innovazione nella tradizione Dal lontano 1885, ogni giorno sforniamo i sapori della Valle Camonica, con passione e rispetto per le tradizioni e nella costante ricerca di materie prime di qualitĂ .

Acquista i nostri prodotti anche online, li riceverai comodamente a casa tua: www.forneriasalvetti.it

Forneria

nostri Scopri i farina n o c i t t o prod ne. di castag e ene Fanno b i! onissim u b o n o s

Caetteria Pasticceria Pausa pranzo Gastronomia Pizzeria

Gelato artigianale

Malonno - Vezza d'Oglio - TemĂš - Cedegolo - Esine www.adamellomagazine.it Tel. 0364 65303 - www.forneriasalvetti.it ...... ..

19


PONTE DI LEGNO 2016: UN’ESTATE ALL’INSEGNA DELLA MUSICA E DEL DIVERTIMENTO a cura della Pro Loco Ponte di Legno

L

’estate in alta Valle Camonica sta per iniziare ed il ricco calendario degli eventi è già pronto per regalare il massimo del divertimento a tutti coloro che hanno intenzione di trascorre qualche periodo di svago in una delle più suggestive location delle Alpi lombarde orientali.

voci il silenzio quasi surreale delle vette protagoniste della Grande Guerra.

Il buio s’illuminerà ancora la sera del 30 luglio con la manifestazione NESSUN DORMA, che animerà con musica, comicità, circo e teatro di strada le centrali Piazza XXVII Settembre, l’isola pedonale ed il piazzale Europa fino allo scoccare della mezzanotte.

Sabato 20 agosto il ritrovo è in Valsozzine con la seconda edizione della VALSOZZINE WOOD PARTY, la stravagante festa notturna ambientata nella magica atmosfera del bosco, con spettacoli di light dance, dj set ed lo speciale stand enogastronomico.

Tra il 31 luglio e 10 agosto si svolgeranno al Palazzetto dello Sport le sette serate della rassegna EMOZIONI ALL’ULTIMO RESPIRO, dedicate alle sensazioni della montagna, da scoprire attraverso mostre fotografiche, presentazioni e incontri ai quali parteciperanno anche i celebri alpinisti Simone Moro e Marco Confortola.

La stagione estiva avrà la sua conclusione con i CONTADOR DAY in programma il primo week-end di settembre, dove il pluricampione spagnolo Alberto Contador accompagnerà gli amanti delle due ruote ai passi Gavia e Mortirolo partendo dalla centralissima piazza XXVII Settembre.

Il primo week-end del mese invece PASSI NELLA NEVE porterà gli attori e registi Luciano Bertoli e Ricky Tognazzi a Vescasa e a Passo Lagoscuro dove animeranno con teatro, racconti e

Per informazioni su questi eventi e altro la Pro Loco Ponte di Legno vi aspetta presso l’ufficio turistico in corso Milano 37 oppure al numero 331.7148895 (www.prolocopontedilegno.it).

In Valsozzine venerdì 12 agosto si svolgerà ARCHEOFEST, un appuntamento per bambini e famiglie dedicato alla preistoria con giochi, animazione e merenda a tema. Un’occasione per vivere in prima persona il passato e conoscere A Ponte di Legno il primo grande appuntamento le famose incisioni rupestri Valle Camonica (sito è riservato alla IV edizione della SFILATA DI UNESCO). MODA, evento mondano accompagnato da un’atmosfera di musica e luci che porterà mo- Nella settimana di Ferragosto ogni sera un apdelle e modelli, sia senior che baby, in abiti esti- puntamento musicale con il PONTE DI LEGNO vi ed invernali sulla magica passerella di Piazza SUMMER MUSIC FESTIVAL che porterà in XXVII Settembre. Piazza XXVII Settembre divertimento fino a notte inoltrata. Il programma di quest’anno richiama La notte del 22 luglio sarà il turno della PON- in Piazza XXVII Settembre i cantanti Piergiorgio TEDILEGNO SKY NIGHT novità sportiva i cui Cinelli, Sasha Torrisi, oltre ai numerosi altri che partecipanti, dotati di lampade personali, risali- proporranno tributi ai Modà, a Biagio Antonacci, ranno il Corno d’Aola sotto il cielo stellato. a Venditti e ai Negramaro.

20

www.adamellomagazine.it


Trofeo Marcello Zampatti La manifestazione, organizzata da Adamello Eventi, sotto l’egida del Gruppo Sportivo Dalignese ed il patrocinio del CSI di Vallecamonica e nazionale, propone una gara di podismo in quattro tappe con staffetta, nel circondario di Pontedilegno, per ragazzi nati dal 1997 al 2002. Le date da segnarsi in agenda sono 31 agosto, 1-2-3 settembre. Quattro giorni per quattro tappe in cui i giovani atleti potranno affrontarsi in emozionanti e sane competizioni. Ogni tappa avrà una lunghezza massima di 11 km, suddivisi in 3mila metri per i cadetti, 3mila metri per gli allievi e 5mila metri per la categoria juniores. Mentre le tappe del 31, 1 e 3 saranno a staffetta, la tappa del venerdì (2 settembre) si svolgerà a cronometro individuale. I corridori verranno divisi in tre categorie: cadetti maschile e femminile, allievi maschile e femminile e juniores maschile e femminile. Le squadre, iscritte al CSI, dovranno essere composte da 3 maschi e 3 femmine (uno per categoria) più un Allenatore - Responsabile. Ad ogni iscritto verrà consegnato un ricco pacco gara, i finisher avranno diritto ad una targa di attestazione di partecipazione, mentre le prime tre squadra classificate, si aggiudicheranno importanti trofei. I primi tre vincitori per ogni categoria saranno premiati con coppe. Per agevolare il soggiorno delle squadre, sono state fissate delle convenzioni con le migliori strutture turistico ricettive del comprensorio di Pontedilegno e Temù. Speciali pacchetti di 4/5 giorni in mezza pensione. Per specifiche informazioni e prenotazioni rivolgersi all’organizzazione Adamello Eventi. Nella quota di iscrizione l’organizzazione offrirà, alla fine di ogni tappa, in un ristorante convenzionato un ricco pranzo a buffet. La quota di partecipazione per squadra è fissata in 300 euro. Per info: tel. e fax 0364.900300 - Mob. 347.2775795 - info@girodalignese.it

www.girodalignese.it Alle prime edizioni del Giro Dalignese, avevamo nominato Armando Posabella come fotoreporter ufficiale (era il suo grande hobby di allora). Questi scatti fotografici sono il frutto della sua preziosa collaborazione.


22

www.adamellomagazine.it


DAL COMUNE DI

EDOLO

a cura di Luca Masneri, Ilenia Setola e della Pro Loco di Edolo - foto di Sonia Mariotti


EDOLO – UN’ESTATE RICCA DI ARTE CULTURA, SPORT E TRADIZIONI.

E

dolo, da sempre snodo fondamentale per il transito delle merci e delle persone dalla vicina Svizzera al Trentino e alla pianura padana, è un’affascinante meta turistica incastonata tra montagne e paesaggi di rara bellezza, ideale per le famiglie e per coloro che amano immergersi nella natura, praticare sport, rilassarsi e assaporare cultura e tradizione allo stesso tempo. Edolo offre ai suoi cittadini e ai turisti in visita diverse aree attrezzate con campi da tennis, parchi gioco e infrastrutture, pensate per adolescenti e famiglie, la suggestiva passeggiata lungofiume, principale arteria pedonale che fiancheggia il fiume Oglio. Inoltre, nel territorio circostante si possono riscoprire i tradizionali alpeggi e i sentieri che portano alle cime più famose del gruppo dell’Adamello e agli splendidi laghetti di cui queste montagne sono costellate. Le malghe ricordano la tradizionale transumanza estiva del bestiame in alta

24

www.adamellomagazine.it

montagna e la lavorazione del latte. Burro e formaggi di vario tipo ne sono il frutto. Vari gli itinerari per scoprire Edolo, le sue montagne e l’intera Valcamonica. È partita ufficialmente il 1 luglio l’estate Edolese 2016 che si presenta con un calendario di manifestazioni ricco, coinvolgente e variegato. L’assessore al Turismo, Ilenia Setola, con grande entusiasmo e passione preannuncia un ricco ed eccellente programma di manifestazioni ed eventi, destinati a un pubblico appassionato di arte, cultura, sport, tradizioni e natura. Un calendario che non terminerà con la chiusura dell’estate e proseguirà con interessanti iniziative anche durante l’autunno, stagione colorata e magica per eccellenza. A dimostrazione che la vocazione turistica di questo paese è un valore fondante nel quale investire tempo e risorse preziose. Riconfermata a pieni voti la seconda edizione di Contexto - Area Contemporanea, la mostra di arte diffusa che renderà sfavillante e


protagonista il bellissimo centro storico di Edolo. L’edizione 2015 si è chiusa con un successo oltre ogni aspettativa con un’affluenza massiccia di giovani, coppie, famiglie, appassionati d’arte e stranieri. Grazie alla sapiente e vivace regia di Casa Testori (Associazione Culturale con sede a Novate Milanese, nata per far luce sulla straordinaria personalità di Giovanni Testori, scrittore, drammaturgo, pittore, critico d’arte, poeta, regista, attore: uno dei più importanti intellettuali italiani del Novecento) l’edizione 2016 di Contexto-Area Contemporanea vedrà ampliata e rinnovata la rosa degli artisti selezionati. Oltre alle opere esposte lungo le caratteristiche vie del centro storico, i visitatori e gli appassionati potranno partecipare agli appuntamenti delle visite guidate programmate per il fine settimana con la novità della visita guidata notturna. Dall’1 al 6 agosto è in programma l’imponente manifestazione Lignumart, dedicata alla scultura lignea, tradizione del territorio edolese: vedrà protagonisti 30 artisti scultori che, provenendo da terre lontane e oltre oceano, daranno prova della propria abilità realizzando opere d’arte uniche e suggestive legate al tema del bosco e della natura. E quest’anno Edolo sarà protagonista e sede della prima edizione del campionato di scultura lignea in velocità con 11 artisti pronti a fronteggiarsi con motoseghe e scalpelli in una gara all’ultimo taglio. La fine del mese di agosto vedrà protagonisti i tre Battaglioni dell’Edolo, Tirano e Morbegno in un’adunata particolare nel segno dell’amicizia e dell’alpinità.

Dal 20 al 28 di agosto migliaia di persone si incontreranno a Edolo per “ricordare le nostre tre unità alpine unite da quel distintivo particolare coniato nel 1953 per rappresentare il nostro glorioso reggimento, il ‘5°’”. Queste le parole del capogruppo alpini di Edolo, Egidio Giuseppe Masneri, che invita a esserci, perché “Edolo vi accoglierà con tutta l’ospitalità alpina che è nel suo Dna, come ha sempre fatto”. In programma, dal 20 al 28 agosto, serate a tema dedicate a Cesare Battisti, a Carlo Emilio Gadda, mentre domenica 28 agosto la grande sfilata lungo le vie centrali di Edolo con lancio dei paracadutisti e la Santa Messa. Il Sindaco Luca Masneri invita a prenderne parte perché “la vostra presenza sarà una prova tangibile della nostra riconoscenza verso coloro che hanno scritto la storia alpina, nella quale il senso del dovere era tale da rendere concepibile anche il sacrificio”. A salutare l’estate la Sagra di Santa Maria Nascente, l’8 settembre, con un nuovo spettacolo pirotecnico a favore degli amici animali, la fiera artigianale e gli storici falò lungo le pendici delle montagne.

www.adamellomagazine.it

25


TOLONI Sabbiature e Verniciature Industriali

Viale delle Industrie, 27 25040 Malonno (BS) Tel. 0364.635145 toloni@toloni.it www.toloni.it

26

www.toloni.it www.adamellomagazine.it


CONTEXTO 2016:

TORNA L’APPUNTAMENTO ESTIVO CON L’ARTE CONTEMPORANEA

Contexto - Giulio Zanet, Landscape disrupted, 2016 - stampa digitale su pvc

D

opo il grande successo della scorsa estate, torna ad infiammare il centro storico di Edolo la mostra d’arte contemporanea Contexto 2016. L’edizione 2015 di Contexto - afferma Ilenia Setola, Assessore al Turismo del Comune di Edolo - ha determinato per Edolo l’inizio di un nuovo concetto di promozione turistica. Ha inaugurato una formula innovativa di relazione tra cultura e territorio che il visitatore oggi si aspetta di trovare e per la quale sceglie destinazioni che siano in grado di emozionarlo, coinvolgerlo, abbracciarlo,

in una esperienza nuova e completa, fatta di elementi diversi e complementari tra loro. La sfida dello scorso anno è stata vinta. La manifestazione ha generato curiosità, fermento e collaborazione, in primis tra i cittadini, che hanno contribuito con lo spirito proprio del territorio ad aprire le dimore ai numerosi visitatori giunti in occasione delle vacanze o di passaggio per altre e più lontane destinazioni. Quest’anno siamo stati ancora più determinati a portare avanti questa iniziativa spettacolare, a sostenerla e a migliorarla. Crediamo sia la strada giusta per promuovere il nostro

www.adamellomagazine.it www.adamellomagazine.it

51 27


Contexto - Julia Krahn, Petticoat Kyrie Eleison, 2015 fotografia applicata su muro_BIS

territorio, ricco in termini di risorse naturali, storiche e umane. Quando abbiamo pensato e concretizzato questo progetto in noi era molto chiaro ed evidente l’obiettivo finale: promuovere le nostre bellezze naturali, il nostro paese, il nostro affascinante centro storico, attraverso una chiave nuova, contemporanea. Tante le novità, ad inziare dai nuovi 28 artisti selezionati, che ancora una volta sono pronti a stupire e coinvolgere il pubblico, portandolo anche a riflettere su temi importanti. La loro arte si è piacevolmente impossessata di piazze, vicoli, cortili, aree commerciali in disuso, antiche residenze, pareti di case private, finestre che danno vita a delle suggestive opere murali.

sculture, installazioni, fotografie e video ispirati al contesto edolese per valorizzare e reinterpretare i luoghi caratteristici della cittadina, seguendo il filo conduttore della contaminazione dei generi. Opere che in alcuni casi rimarranno stabilmente nella località camuna. Si tratta di un’occasione unica per i turisti, che potranno conoscere Edolo sotto una luce nuova e diversa, ma anche per gli stessi abitanti, che avranno l’opportunità di scoprire angoli mai osservati da vicino o riscoprire luoghi legati alla memoria storica o personale. Un lunghissimo filo arancione, colore simbolo di Contexto, sarà sospeso sul paese tracciando il percorso della mostra, che parte dal centro di Edolo, con un omaggio a Giovanni Testori, per poi snodarsi lungo le vie del paese.

La manifestazione, promossa e organizzata dal Comune di Edolo, si avvale della sapiente collaborazione di Casa Testori, che ha coordinato la selezione degli artisti coinvolti. La nuova edizione di Contexto ha preso il via il 2 luglio e per tutta la stagione estiva, fino al 8 settembre, si snoderà per le vie e le piazze della cittadina. Un parterre particolarmente ricco di artisti italiani “Edolo è un contesto unico e affascinante, - afe stranieri – tra cui molti bresciani e lombardi – ferma Luca Masneri, Sindaco di Edolo - un luogo insieme ad alcuni emergenti, esporrà le proprie magnifico e immaginifico che per il secondo anno

Contexto - Andrea Fiorino, La fuga, 2016 - acrilico su legno

Contexto - Anna Turina, Dondoli, 2015 ferro saldato e verniciato 28

www.adamellomagazine.it


Contexto - Fulvia Mendini, La natura al suo posto, 2007 - scultura in legno dipinta

Contexto - Matteo Negri, Our day will come, 2012 resina laccata e ferro

vede concretizzarsi Contexto, l’imperdibile e in- Palazzo della cultura presso l’ex caserma della novativa manifestazione di arti contemporanee Guardia di Finanza di via Cesare Battisti, sede, che arricchisce e rivitalizza il nostro caratteristico fino al 1945, del carcere mandamentale. Abbiacentro storico. Una manifestazione importante, mo accolto, pertanto con piacere la proposta di nata con l’ambizione di poter diventare un pun- dedicare due interventi artistici alle Prigioni e all’oto di riferimento culturale per la Valle Camonica, monimo vicolo. Per concludere, voglio ringraziare di poter oltrepassare i confini locali e nazionali. la direzione artistica di Casa Testori, gli artisti di Un compito difficile, impegnativo e avvincen- Contexto, l’assessore al Turismo Ilenia Setola per te che la nostra amministrazione non ha esitato la tenacia, le competenze e la passione con cui ad assumersi. Perché senza innovazione, senza hanno realizzato anche questa seconda edizione, impegno e senza passione il nostro territorio, il l’amico Siro Casatti, consigliere delegato alla Culnostro paese, rimarrebbero inermi, spenti e de- tura, che con costanza e conoscenza si occupa stinati all’oblio. Le opere presentate in questa di tutelare e rivitalizzare la Cultura per il nostro edizione sono il frutto paese. Ma grazie, in del lavoro di giovani primis, ai cittadini di artisti che con grande Edolo per la rinnovata impegno e passione fiducia e accoglienza. hanno accettato la Un ringraziamento va sfida di interpretare anche ai nostri operai e trasferire le nostre e ai dipendenti pubbellezze in concetti di blici che in queste ulvalore assoluto. Artisti time settimane hanno che personalmente contribuito fisicamenvoglio ringraziare perte alla realizzazione ché, accettando il nodi questa magnifica stro invito, hanno acmanifestazione che è cettato la proposta di Contexto.” Contexto - Andrea Bianconi, Mangiamone tutti, 2015 - 156 relazionarsi con il nosagome in alluminio Per l’edizione 2016 è stro ambiente ricco di storia, di umanità e di persone straordinarie, quali stato programmato un ricco calendario di evensono gli edolesi che li hanno accolti. Noi puntia- ti dedicati all’arte contemporanea, che prevede mo e punteremo sulla cultura come elemento anche incontri con gli stessi artisti e visite guidate differenziante e di rilancio del nostro territorio, la- lungo il percorso, anche nelle ore notturne. vorando per consolidare una nuova consapevolezza sul suo valore nei processi di sviluppo locale Quando vedere Contexto: e di interconnessione con i settori sociali ed eco- Visite guidate ogni sabato e domenica nomici attigui. Partendo da questo intento, il Co- ore 16.30 mune di Edolo ha maturato la convinzione della Opere aperte dal venerdì mattina necessità di un luogo fisico in grado di fungere da fino a domenica sera ogni week end. centro per la cultura e la competitività della mon- Ad agosto visita guidata notturna tagna. Da qui l’imponente progetto di dar vita al ogni venerdì sera ore 20.30.

www.adamellomagazine.it

29


DAL COMUNE DI

TEMÙ

a cura di Francesca Zani - foto di Sonia Mariotti

www.adamellomagazine.it

31


IL NUOVO PONTE DELLA “FUSINA” A cura di Francesca Zani

S

ono iniziati durante il mese di maggio i lavori per il rifacimento del ponte in località “Fusina” e il sindaco Roberto Menici ci tiene a precisare che l’intervento è :“Un lavoro molto importante non solo per l’entità della spesa ( il costo totale dell’opera si aggira intorno ai 680.000€), ma anche per il progetto di sviluppo dell’intera zona, porta d’accesso al demanio sciabile Temù- Ponte di Legno – Tonale, alla Val d’Avio e al Parco dell’Adamello e snodo nevralgico anche durante la stagione estiva considerata la presenza della pista ciclabile (che unisce Ponte di Legno a Vezza d’Oglio), del campo da calcio, del cinema e del Parco giochi degli Orsi. L’opera, una volta realizzata, permetterà inoltre di valorizzare i due stabili comunali oggi utilizzati come magazzini a causa delle limitazioni idrogeologiche. Ci immaginiamo un nuovo utilizzo a prevalenza commerciale e turistico/ricettivo, in grado di fornire ulteriori servizi ai nostri ospiti. In tal senso sono da considerare anche i recenti lavori di realizzazione del campetto scuola e del chiosco bar”.

L’opera è il naturale completamento dell’intervento avvenuto negli scorsi anni con la realizzazione della rotonda all’inizio del paese e la nuova strada in zona “sotto Temù” per consentire un migliore accesso alla zona sportiva e anche alla zona artigianale. Il ponte attuale, infatti, risale agli anni ‘70 e le sue dimensioni, non sono più adeguate alle esigenze viabilistiche della zona e causano una restrizione al corso del fiume per cui la zona è considerata a rischio idrogeologico per esondazioni. Il nuovo ponte, più largo, permetterà quindi un miglior deflusso dell’acqua e quindi l’intervento non ha solo un carattere di rinnovamento del ponte ma anche una connotazione ambientale grazie alla riduzione del rischio idrogeologico. La zona, inoltre è sottoposta a vincolo paesistico, quindi nella progettazione del manufatto è prevista la sistemazione dei sottoservizi che ad oggi sono appesi al fianco a valle del ponte, ben visibili dalla pista ciclabile e l’uso di pietra locale per il rivestimento delle opere di muratura in modo da alleggerire l’impatto ambientale. I lavori dovrebbero terminare nella primavera

Ripresa fotografica V3 (vista dalla pista ciclo pedonale tratto di valle) - stato di fatto.

Ripresa fotografica V3 (vista dalla pista ciclo pedonale tratto di valle) - progetto.

32

www.adamellomagazine.it


Ripresa fotografica V2 (vista dalla pista ciclo pedonale tratto di monte) – stato di fatto.

2017; come sempre quando ci sono dei lavori pubblici, ci sono anche dei disagi ( in questo caso per la viabilità in alcuni periodi in cui la strada rimarrà chiusa al traffico), ma sicura-

Ripresa fotografica V2 (vista dalla pista ciclo pedonale tratto di monte) – progetto.

mente l’opera finita costituirà un altro tassello nella sistemazione di un’area che negli ultimi anni ha dato Temù un’importanza che va oltre i confini comunali.

1° TROFEO IL SORRISO DI MATILDE INSIEME PER LA SICUREZZA SUGLI SCI DEI PIÙ PICCOLI

I

l Safely Fun Tour, organizzato dalla Onlus “Il Sorriso di Matilde” per promuovere la sicurezza sugli sci per i più piccoli, quest’inverno ha fatto tappa anche nel Comprensorio Ponte di Legno-Tonale, Sabato 27 Febbraio 2016. La Onlus è nata per volere della famiglia De Laurentiis, a seguito dell’incidente avvenuto il 9 marzo 2014 sulle piste di Gressoney, durante il quale è stata tragicamente travolta ed uccisa la piccola Matilde che da poco aveva compiuto 3 anni. Due sono gli scopi principali che si è prefissata la Onlus: come primo, promuovere progetti a favore dell’infanzia di-

sagiata attraverso donazioni e sostegni, in secondo luogo sensibilizzare l’opinione pubblica in merito al tema della sicurezza sugli sci, facendo tappe di promozione ad hoc nelle scuole e sulle piste dei principali comprensori sciistici, cercando di far riaprire un disegno di Legge mirato, che si è bloccato proprio nei giorni a ridosso del tragico incidente. Sempre in ricordo di Matilde, poche settimane prima del Safely Fun Tour che si è svolto in Tonale, la Pista Roccolo Ventura di Temù ha fatto da teatro al 1° Trofeo “Il Sorriso di Matilde”.

www.adamellomagazine.it

33


SPECIALE BLU HOTELS PONTE DI LEGNO BLU HOTEL ACQUASERIA HHHH

SICILIA.SALENTO.SARDEGNA.CALABRIA.TOSCANA LAZIO.UMBRIA.LAGO DI GARDA.ADAMELLO.TRENTINO ALTO ADIGE.MISURINA.PARCO NAZIONALE D’ABRUZZO BLU HOTEL ACQUASERIA - Località Acquaseria - 25056 - Ponte di Legno (BS) Tel: 0364.015100 - Fax: 0364.015190

Centro prenotazioni: booking@bluhotels.it

bluhotels.it


LA SAMPDORIA TORNA AD ALLENARSI NEL CENTRO SPORTIVO DI TEMÙ A cura di Vania Zampatti

I

l comprensorio Pontedilegno-Tonale si conferma quale luogo ideale per i ritiri estivi pre campionato delle squadre di calcio. La Sampdoria dal 19 al 30 luglio torna ad allenarsi nel centro sportivo di Temù, alle porte di Ponte di Legno, dopo la positiva esperienza dell’anno scorso. Qui i calciatori, oltre alla struttura sportiva che risponde agli standard internazionali per le squadre di alto livello, hanno potuto apprezzare i vantaggi del clima d’alta montagna: ci troviamo a quota 1.200 mt, circondati da montagne imponenti; una nuova cabinovia, aperta anche nei mesi estivi, porta ai 3.000 mt di quota del ghiacciaio Presena dove si dominano le vette del gruppo dell’Adamello. Il ritiro estivo rappresenta un momento di grande convivialità tra i calciatori blucerchiati ed i tifosi, che possono avvicinarsi in un clima rilassato come quello delle partite amichevoli o della presentazione ufficiale della squadra, che si svolgerà il 23 luglio nella piazza del centro storico di Ponte di Legno. Qui i tifosi avranno la possibilità di dialogare con i propri beniamini, facendo sentire loro il proprio calore ed il proprio sostegno, in vista del Campionato. I piccoli tifosi potranno affiancare la squadra per tutto il periodo del ritiro grazie al Samp Camp,

vivendo una fantastica esperienza formativa con lo staff di educatori di U.C. Sampdoria. Il Consorzio Adamello Ski ha predisposto per i tifosi alcuni pacchetti vacanza da 7 giorni in trattamento di mezza pensione, con accesso alle partite amichevoli (il 22 ed il 27 luglio, in fase di definizione) e alla presentazione ufficiale della squadra. Per info: Consorzio Adamello Ski – Ufficio booking Tel. 0364.902337 Elena Brunelli elena@adamelloski. com Martina Patti sales@adamelloski.com Il campo sportivo di Temù, realizzato nel 2011, rappresenta la volontà del comprensorio PontedilegnoTonale di completare un’offerta turistica molto ricca e diversificata, puntando su squadre di alto livello che possono portare l’attenzione sulla montagna estiva aprendo così nuove prospettive per il turismo montano. Prima della Samp, il campo sportivo di Temù ha ospitato anche il Brescia, il Palermo, il Perugia, la Primavera del Milan. Il sindaco di Temù Roberto Menici esprime grande soddisfazione per l’organizzazione di questo ritiro, resa possibile dalla sinergia tra i comuni di Temù e di Ponte di Legno, l’Unione dei Comuni dell’Alta Vallecamonica, il Consorzio Adamello Ski Pontedilegno-Tonale e la Comunità montana ed il B.I.M. di Vallecamonica.

Programma delle amichevoli: 22 Luglio 2016 ore 17.00: Sellero-Sampdoria 27 Luglio 2016 ore 17.00: Salò-Sampdoria

www.adamellomagazine.it

35


“ALPS” è l’unico Festival internazionale del cinema di montagna che promuove le Alpi e le Terre Alte del mondo. Un nuovo grande evento cinematografico nella Provincia di Brescia, ai piedi dell’Adamello. Proiezioni serali di documentari, film e cortometraggi dedicati alla montagna per la prima edizione di questo evento in programma dal 30 agosto al 3 settembre 2016 alle 20.45 presso il Cinema Alpi di Temù. Domenica 4 settembre alle ore 12,00 avrà luogo l’evento speciale di chiusura del Festival a Ponte di Legno con la performance artistica del Soprano Silvia Lorenzi. Info: info@montagnaitalia.com | Tel. 035 237323

Alps fa parte del Circuito

Un progetto promosso da

Ufficio stampa e comunicazione

www.montagnaitalia.com

www.teamitalia.com

In collaborazione con

Comune di Temù


ALPS – FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL CINEMA DI MONTAGNA A TEMÙ PROGRAMMA Martedì 30 agosto ore 20,45 presso il Cinema Alpi a Temù (BS) Serata inaugurale

Venerdì 2 settembre ore 20,45 presso il Cinema Alpi a Temù (BS)

Proiezione film in concorso Concorso “Le Alpi” Al borde del cielo 18’

Proiezione film in concorso Concorso “Le Alpi” -Terre di mezzo 11’

Concorso “Terre alte del mondo” -Limites 6’ -Rupestre 7’

Concorso “Terre alte del mondo” -Sky walkers 18’ -I view 30’ -Solo di cordata. Esplorando Renato Casarotto 83’

Proiezione film fuori concorso -K2 un urlo dalla vetta di Daniele Moretti – Italia 24’ – 2014 – lingua italiana – Produzione Sky tg24 Sabato 3 settembre ore 20,45 in collaborazione con l’Associazione Ev-K2-Cnr presso il Cinema Alpi a Temù (BS)

Proiezione film fuori concorso Serata finale -Walter Bonatti aldilà delle nuvole – ’70 – Produzione Rai “Montagna & Suoni” Si ringrazia la Cinematografia e Cineteca del Cai Performance teatrale/lirica “Controluce” a cura Mercoledì 31 agosto ore 20,45 della Compagnia delle Chiavi presso il Cinema Alpi a Temù (BS) Cerimonia di Premiazioni: concorso cinemaProiezione film in concorso tografico e fotografico alla presenza degli autori Concorso “Terre alte del mondo” delle opere vincitrici -Himalayan last day 39’ -Between heaven and ice 42’ Proiezione film fuori concorso Concorso “Le Alpi” -Cervino. La montagna del mondo 67’ Giovedì 1 settembre ore 20,45 presso il Cinema Alpi a Temù (BS) Proiezione film in concorso Concorso “Le Alpi” -Ogni cosa è illuminata 3’ -Colourful lunch strategies 11’ Concorso “Terre alte del mondo” -Secret Kyrgyzstan 9’ -Citadel 48’ -Verso l’ignoto 73’

Messner: il film - Andreas Nickel – Germania – 2012 - 101’ – Produzione ExplorerMedia, BR, Arte, Wilfried Ackermann, Gene Yoon - lingua tedesca con i sottotitoli in italiano

Domenica 4 settembre ore 12.00 presso il Chiostro in Piazza XXVII Settembre a Ponte di Legno (BS) “Montagna & Suoni” Il soprano Silvia Lorenzi si esibirà in una performance teatrale/lirica dedicata al tema della montagna dal titolo “Vette di latte” e presenterà il suo libro “Svelare la voce” (Mondadori) www.adamellomagazine.it

37


38

www.adamellomagazine.it


DAL COMUNE DI

VEZZA D’OGLIO a cura di Ester Bonavetti

www.adamellomagazine.it

39


LAVASTIR

IL SOI di Ravizza Laura

Via Cesare Battisti, 97 - Ponte di Legno (BS) Tel. 0364 902 903


PAROLA AL SINDACO a cura di Gianmaria Rizzi Sindaco di Vezza d’Oglio

C

redo che ogni amministrazione abbia l’ambizione di dimostrare ai propri cittadini la capacità di andare oltre le cose ordinarie, alle quali quotidianamente siamo chiamati a dare risposte, per pensare a progetti che possano far crescere il territorio creando condizioni di sviluppo e benessere. La pesante crisi economica in atto, i trasferimenti dello stato ormai ridotti al lumicino, l’impossibilità di attingere a nuove risorse dovuta ai vincoli di bilancio come il patto di stabilità prima e l’equilibrio di bilancio ora, rendono arduo anche per un comune detto virtuoso come il nostro far quadrare i conti. Se il bilancio ordinario sembra garantito anche grazie al gettito dei ricavi sulle centraline idroelettriche e ci consente di mantenere invariati i contributi erogati alle associazioni e tenere la tassazione ai livelli minimi oltre che garantire i servizi, rimane molto difficile pensare ad interventi in conto capitale se non si reperiscono risorse esterne. Il bilancio ordinario sommato ad alcuni interventi di straordinaria manutenzione sulle strade, sugli acquedotti, sulla pulizia del paese, sui servizi essenziali, assorbono oltre il settanta per cento degli introiti straordinari, lasciando ben poco per interventi in conto capitale. Rimane pertanto fondamentale reperire risorse esterne per realizzare programmi di sviluppo da destinare a interventi strategici che consentano di accrescere l’offerta turistica, di creare occasioni di lavoro in particolare per i giovani e di rafforzare la nostra economia in generale.

La stessa agricoltura se rinnovata in un nuovo contesto, con la valorizzazione dei prodotti tipici locali potrebbe dare soddisfazioni economiche a quegli operatori che decidono di intraprendere questa strada e di accettare una nuova sfida, dove il turismo potrebbe diventare un elemento di successo. Per fare questo le risorse sono indispensabili: il dibattito sulle ultime vicende legate ai fondi dei comuni di confine e dei comuni con termini, oltre alle aree interne, stanno a dimostrare che ogni comune è disposto a fare dei sacrifici solo se i progetti presentati sono veramente strategici e comunque rispondenti ad una logica di crescita complessiva del territorio. Ora io credo che per quanto riguarda l’Alta Vallecamonica sono state fatte delle scelte che prevedevano la destinazione dei fondi di confine sul progetto del centro benessere, cosa condivisa, a patto di riequilibrare con le aree interne che avrebbero consentito anche agli altri comuni la possibilità di realizzare qualche progetto da tempo nel cassetto. Purtroppo così non è andata e l’area interna non c’è né per noi dell’Alta Valle nè sembra, notizie di questi giorni, per la Media Valle. È evidente che il progetto del Centro Benessere di Ponte di Legno godrà di un consistente contributo a cui tutti gli altri comuni contribuiscono, rinunciando a qualcosa di proprio. Sarà davvero un progetto strategico per tutta l’Alta Valle? Ce lo auguriamo tutti, nel frattempo guardiamo avanti e ci prenotiamo affinché le prossime risorse possano ricadere su altri progetti e, perché no, anche su altri comuni.

www.adamellomagazine.it

41


150

ESIMO

ANNIVERSARIO

DELLA BATTAGLIA RISORGIMENTALE DI VEZZA D’OGLIO (4 LUGLIO 1866)

L

a cura di Remigio Cisotto - foto di Davide Ferrari

a battaglia di Vezza d’Oglio ha luogo il 4 luglio 1866 durante la Terza Guerra d’Indipendenza fra reparti dell’esercito austriaco, discesi dal Passo del Tonale, e reparti del Corpo Volontari Italiani di Giuseppe Garibaldi, al quale era stata

affidata la difesa del confine con il Trentino, ancora parte dell’Impero Austro Ungarico. Nella notte del 3 luglio 1866 gli austriaci occupano, di sorpresa, Vezza e la frazione di Grano, mentre l’avanguardia dei volontari italiani si ritira su Davena. All’alba del 4 luglio il maggiore Nicostrato Castellini contrattacca con il 2° Battaglione Bersaglieri Volontari e reparti del 4° Reggimento Volontari. Il tentativo di riprendere Vezza non riesce, malgrado il valore dei Volontari italiani, e si conclude con la morte dello stesso Castellini e di numerosi ufficiali e soldati. Voluta ed organizzata dall’Amministrazione Comunale, che a tal fine ha istituito un apposito Comitato organizzatore, si è svolta nei giorni dal 1 al 3 luglio 2016 la Celebrazione del 150esimo anniversario con un ricco programma di 42

www.adamellomagazine.it

eventi, che hanno visto la numerosa partecipazione di residenti ed ospiti. Nella serata di venerdi 1 luglio il Corpo Bandistico di Vezza d’Oglio ha presentato un repertorio di musiche risorgimentali, intervallate dalla lettura di brani estratti dai diari dei protagonisti. La giornata di sabato 2 luglio ha visto, a partire dal primo pomeriggio, la premiazione del concorso scolastico presso la Torre Federici, la Rievocazione storica della battaglia sul campo, con la presenza di gruppi storici in divise d’epoca e la cerimonia di scoprimento della nuova targa di intitolazione della Scuola media “Nicostrato Castellini”, alla presenza degli eredi. Degna conclusione l’esibizione della Fanfara dei Bersaglieri di Bedizzole presso lo Stadio comunale. La ricorrenza ha avuto termine domenica 3 luglio con la Commemorazione ufficiale in Piazza IV Luglio 1866, alla presenza delle autorità civili e militari della Valle Camonica, della Provincia di Brescia, della Regione Lombardia e dello Stato. Alla Santa Messa, officiata all’aperto, ha avuto seguito la deposizione delle corone d’alloro al Monumento di guerra, posto al centro della piazza, ed all’Ossario dei caduti garibaldini presso il Cimitero. Grande è stato il successo di tutti gli eventi in programma ed il gradimento dei partecipanti. Per approndimenti sul fatto storico si rimanda al sito internet www.museocivicogaribaldino.it.


VEZZA BIKE a cura di Gustavo Caldinelli

E

ravamo 4 amici al bar!!! Questa famosa canzone di Gino Paoli sintetizza la nascita della VEZZA BIKE. Era il maggio del 2008 quando Gustavo, Paolo, Walter e Mirko di ritorno da uno dei soliti giri in bici, seduti al bar, decidesero che sarebbe stato bello che la loro passione potesse essere condivisa anche da altri. È così che si è indetta una riunione pubblica e subito, quest’idea, si è concretizzata nella nascita della Vezza Bike. Da allora i soci sono diventati oltre 100, tra vezzesi, turisti e abitanti delle zone limitrofe, tutti appassionati delle due ruote e soprattutto del nostro territorio, le cui bellezze, la bici, le valorizza ancora di più. Particolare attenzione l’abbiamo voluta riservare ai più giovani ed alla loro sicurezza, infatti dal 2008 la Vezza Bike organizza con i ragazzi che frequentano le scuole dell’obbligo, PICCOLE RUOTE SICURE, manifestazione che ha l’obiettivo di sensibilizzare sull’importanza di pedalare in sicurezza. Per questo motivo regaliamo loro il casco protettivo. Nel corso dell’anno, in particolare nei mesi più caldi, organizziamo una serie di uscite sulle nostre strade con la bici da corsa e sui nostri sentieri con la mountain bike, per poter condividere la nostra passione per il territorio e per la bicicletta; ci mettiamo sempre anche qualche uscita notturna, anche di notte la nostra alta Valcamonica è uno spettacolo. Chi vorrà unirsi non dovrà far

altro che tenere controllato il nostro sito www. vezzabike.it, e aggregarsi…. È tutto gratis! Veniamo alla nostra manifestazione più importante, la VALGRANDE BIKE. Nei primi anni si chiamava BIBIKE, prevedeva due percorsi, uno per bici da corsa e un altro per Mountain Bike e solo negli ultimi 3 anni, abbiamo deciso che dovevamo valorizzare la nostra splendida Valgrande, così abbiamo fatto nascere la VALGRANDE BIKE. La scelta è stata favorita anche dalla collaborazione con gli amici della Capanna S. Occhi che fanno coincidere la nostra gara con la loro festa di chiusura. Gli atleti che affrontano le impegnative salite che portano al bivacco S. Occhi vengono rifocillati dai bravissimi amici della Capanna che gli preparano dell’ottima pasta. Ci preme ricordare che la nostra VALGRANDE BIKE è dedicata al compianto Saverio Occhi, un vezzese che la montagna e lo sport lo amava davvero, al punto di dare la vita per questa passione. Grazie alla collaborazione della famiglia di Saverio, il primo assoluto riceve il trofeo Saverio Occhi. Questa nostra gara fa parte del circuito VALCAMONICA BIKE CUP, alla sua terza edizione, che racchiude 11 gare in mountain bike che si tengono nella nostra Valcamonica. Se vorrete saperne di più visitate il sito www.valcamonicacup.it. Siamo giunti alla fine, ora ci conoscete meglio, quindi se vorrete essere dei Vezza Biker’s non dovrete far altro che andare sul nostro sito ed iscrivervi alla nostra Associazione!! www.adamellomagazine.it

43


Targhe - Incisioni - Coppe - Trofei Articoli per premiazioni Timbri - Medaglie - Adesivi

44

www.adamellomagazine.it

A Brescia in Via Vivanti, 15 (zona piazzale Kossuth) Tel. 030 2006101 Fax 030 2096273 eurotarghe@inwind.it www.eurotarghe.eu


EVENTI VEZZA D’OGLIO ESTATE 2016 LUGLIO MUSICA E SERATA DANZANTE con “Barbara e Emilio” e scivolo gonfiabile

Venerdì 22

20.45

Venerdì 29

20.45

Sabato 30

22.00

30 - 31 Luglio

-

BENESSERE IN FIERA. presso il Centro Eventi Adamello.

Dal 30 Luglio Al 6 Agosto

-

II SIMPOSIO DI SCULTURA DEL MARMO BIANCO DI VEZZA D’OGLIO

party in Piazza IV Luglio.

MUSICA, ANIMAZIONE E KARAOKE con “Alberto Dimensionemusica” e scivolo gonfiabile party in Piazza IV Luglio.

SPETTACOLO IN VERTICALE c/o Piazza IV Luglio.

AGOSTO Martedì 2

-

Giovedì 4

20.30

Mercoledì 3

Venerdì 5

21.00 cimentano in un divertente spettacolo in Piazza IV Luglio. In caso di maltempo c/o Centro Eventi Adamello. 21.00

VOCI E SUONI DELLA GRANDE GUERRA. Corpo Musicale “G.B. Occhi” e

20.00

FESTA DEGLI ALPINI. Alzabandiera in Piazza IV Luglio, deposizione corona d’alloro

Sabato 6 21.00 9.00 Domenica 7 9.00 Martedì 9

21.00

Mercoledì 10 21.00 Giovedì 11

PASSEGGIATA ALLA CAVA DI MARMO BIANCO DI VEZZA D’OGLIO CONCERTO DEL CORO BAITONE di Edolo presso Località S. Clemente. CIAK SI GIRA! I ragazzi del laboratorio teatrale e la Cooperativa “Il Cardo” si

20.30

Coro Gruppo Folk Grano con voci narranti. Centro Eventi Adamello.

presso Scuole Medie e sfilata verso il Centro Eventi Adamello con la banda locale.

FESTA DEGLI ALPINI.

Serata danzante con l’Orchestra “Alfa Liscio” e Spettacolo

Pirotecnico.

MARCIA NON COMPETITIVA “NDÒM A SAN CLÜMET COI ALPINI” da Piazza IV Luglio a S.Clemente.

FESTA DEGLI ALPINI a S. Clemente. SPETTACOLO MUSICALE/DIALETTALE

con Piergiorgio Cinelli e scivolo gonfiabile party in Piazza IV Luglio. In caso di maltempo c/o Centro Eventi Adamello.

TOMBOLATA PER TUTTI CON TANTI PREMI!

Associazione E.U.F.F. Pesca a Mosca e Pro Loco c/o Centro Eventi Adamello.

FESTA DEL RACCOLTO in Piazza IV Novembre a cura di SpazioFatato. segue a pagina 47

www.adamellomagazine.it

45


46

www.adamellomagazine.it


EVENTI VEZZA D’OGLIO ESTATE 2016

AGOSTO Venerdì 12

21.00 10.00

Sabato 13

COLORIAMO LA PIAZZA IV LUGLIO.

Laboratorio del gessetto per bambini/ragazzi con gli artisti di Artmonumental.

UNA MAGICA AVVENTURA...IN GIRO PER IL MONDO

Spettacolo 20.45 teatrale, mimo ed illusionismo in Piazza IV Luglio (in caso di maltempo al Centro Eventi Adamello).

Domenica 14 Lunedì 15

-

Martedì 16

21.00

Mercoledì 17 21.00 Giovedì 18

19.00

Venerdì 19

21.00

Sabato 20

21.00 -

Sabato 27 14.00 Domenica 28

TRAVOLGENTE CONCERTO TRIBUTO A L. BATTISTI E L. DALLA

in Piazza IV Luglio. In caso di maltempo c/o Centro Eventi Adamello.

9.00

FESTA DI FERRAGOSTO c/o Centro Eventi Adamello. Organizzano “Amici di Davena”.

DEI SOLISTI E TANTA FANTASIA: IL CORNO E L’ORGANO. presso la

Chiesa Parrocchiale a cura del Comune di Vezza d’Oglio.

CONCERTO D’ESTATE DEL CORPO MUSICALE “G. BATTISTA OCCHI” presso il Centro Eventi Adamello.

PER LE VIE DEL PAÉS. Passeggiata serale con degustazioni, musica e

animazione per le vie del paese.

TRIBUTO AI BEATLES in Piazza IV Luglio e scivolo gonfiabile party. GARIBALDI E GLI ALTRI - RACCONTI E MUSICHE DAL RISORGIMENTO. Centro Eventi Adamello.

FESTA DELLA MONTAGNA al Bivacco Saverio Occhi in Val Grande.

VEZZA TRIATHLON. 3 prove (bici-corsa-arrampicata) per bambini/ragazzi

dai 4 ai 16 anni.

VALGRANDE BIKE. Partenza dalla Piazza IV Luglio e arrivo al Bivacco S.Occhi.

SETTEMBRE Sabato 3 Domenica 4

-

Venerdì 23 Sabato 24 Domenica 25

-

RADUNO E WORKSHOP DEL CANE DA PASTORE BERGAMASCO c/o Centro Eventi Adamello.

ADAMELLO ULTRA TRAIL. Gara sui camminamenti della Grande Guerra.

NOVEMBRE SABATO 12

19.30

FESTA DI S. MARTINO PATRONO e CASONSELADA presso il Centro Eventi Adamello.

Tutti i martedì e giovedì alle ore 16 animazione per bambini c/o Centro Eventi Adamello. Tutti i mercoledì alle ore 18 "Due passi verso il benessere". Camminata con ritrovo in Piazza IV Luglio. www.adamellomagazine.it

47


48

www.adamellomagazine.it


DAL COMUNE DI

VERMIGLIO Foto di Tiziano Mochen

www.adamellomagazine.it

49


VERMIGLIO, L’AVVENTURA DEL PAESE ALBERGO

È

possibile pensare ad un turismo “diverso” ovvero, nella fattispecie “diffuso”, fuori dagli schemi rodati e conosciuti di quello che in gergo viene definito di massa? Gli esperti del settore rispondono affermativamente, anzi lo auspicano. Le statistiche confermano. Del resto, che la strategia, non solo in ambito di economia turistica, di proporre un’offerta varia e diversificata sia vincente, è ormai assodato. L’idea dell’albergo diffuso nasce nella seconda metà degli anni Settanta, in Friuli negli anni della ricostruzione post-terremoto, quando ci si trovò di fronte ad un cospicuo patrimonio di case vuote: perché non utilizzarle a fini turistici, mettendo in comune, in rete, una serie di servizi (ristoranti, strutture di intrattenimento o logistiche, competenze varie) insostenibili individualmente? Da questa idea elementare quanto geniale, l’offerta dell’albergo diffuso si rimodella, si sviluppa e si modernizza nel corso degli anni in tutta Italia, assumendo caratteristiche peculiari a seconda delle diverse località. Molti borghi antichi della nostra penisola sono stati salvati dall’oblio grazie a questa formula. Altri hanno saputo raddrizzare situazioni compromesse dal punto di vista turistico, altri ancora hanno colto l’occasione di potenziare strutture esistenti. Partendo da questi pre-

supposti da adattarsi alla propria realtà, Vermiglio si propone come apripista in Trentino in questa nuova veste di paese albergo. Innanzi tutto parte con un bagaglio di esperienza turistica pluridecennale che può garantire il fun50

www.adamellomagazine.it

zionamento di un regime di afflusso “classico” ed una serie di strutture capaci di fornire servizi con provata professionalità, oltre, ovviamente, ad un parco appartamenti da mettere a disposizione non indifferente. La novità sta invece nel proporre una serie di attività strutturate e predefinite ad alto livello professionale, finalizzate a valorizzare le risorse naturalistiche, culturali, sportive, enogastronomiche del territorio, in un contesto di vacanza all’insegna dello slow e del bio. Beh, si potrebbe obiettare, questo alcuni enti preposti già lo fanno! Vero, ma sono parte di programmi predefiniti. Ora invece c’è un “menù delle emozioni” dal quale il turista potrà attingere, personalizzando la propria vacanza, con scelte funzionali ai suoi desideri. Per esempio potrà scegliere di recarsi in fattoria e passare una giornata col contadino e seguirlo nei suoi lavori, piuttosto che andare in agriturismo ad imparare a cucinare prodotti tipici. Potrà organizzare un’escursione in montagna con gli accompagnatori, piuttosto che una gita in mountain bike, imparare a fare il sapone in casa, parlare con esperti di erbe officinali, visitare Forte Strino o le chiese di Vermiglio. E tutto ciò potrà farlo, prenotando anche comodamente da casa, attraverso internet, magari prima di partire, creandosi con anticipo l’atmosfera vacanziera. Intanto per chi volesse saperne di più, suggeriamo un’agile quanto illuminante lettura: GIANCARLO DALLARA, Manuale dell’Albergo Diffuso, Franco Angeli, Milano 2010.


53° PELLEGRINAGGIO IN ADAMELLO

I

l consueto e ormai famoso incontro tra le sezioni degli alpini della Vallecamonica e di Trento, è organizzato quest’anno durante i giorni 27-2829-30 e 31 luglio a Vermiglio, in Val di Strino. Il pellegrinaggio 2016 è dedicato alla memoria del tenente Pier Giacinto Paribelli. Prima di informare circa il programma ufficiale di questa importante manifestazione, ci sembra opportuno ricordare con una breve nota storica la figura del tenente Pirabelli. Figlio dell’ingegner Giuseppe, nasce il 29 novembre del 1880 a Chiavenna. Terminati gli studi di giurisprudenza, la carriera militare dell’avvocato Pirabelli incrocia le sorti del battaglione Val d’Intelvi, al quale sarà aggregato col grado di tenente. Destinato alla 5° divisione alpina, il battaglione Val d’Intelvi giunge sul fronte dell’Adamello nei primi giorni di giugno del 1915 e viene acquartierato presso Ponte di Legno e nei paesi limitrofi. Dopo la sanguinosa sconfitta del 9 giugno nella conca Presena, il comando alpino medita a nuove strategie di assalto al fine di scardinare la tenace difesa austro-ungarica. Il battaglione svolge nel frattempo operazioni di servizio in trincea, alternandosi in prima linea nella zone tra cima Cady e il Montozzo. Tra il 23 ed il 25 agosto avviene il battesimo del fuoco per la 245a compagnia del Val d’Intelvi, della quale fa parte il tenente Paribelli: obiettivi sono la conquista delle strategiche posizioni nemiche poste fra cima Redival e il Torrione d’Albiolo. Durante i sanguinosi scontri che si svolgono a quote poco inferiori ai tremila metri, il tenente Pirabelli, si trova alla guida del suo plotone; è il 25 agosto del 1915. Con i suoi alpini giunge a quota 2864, ma qui c’è un passaggio obbligato. Il plotone si arresta. Arditamente il Pirabelli esce allo scoperto e supera un piccolo sperone di roccia che, haimè, risulta ben controllato dagli austroungarici. Partono le raffiche, Pirabelli è colpito a morte. Le fonti a questo punto sono discordi: Luciano Viazzi (I diavoli dell’Adamello, Mursia, Milano, 2014, pag. 70) ci racconta che il

povero Pirabelli fa appena in tempo a ritirarsi oltre la balza, prima di morire dissanguato, colpito alla gola. Il documento redatto dai compagni di partito (Liberale) in onore alla sua memoria1 e per celebrare il conferimento della medaglia d’argento al valor militare, riporta invece di una ferita all’addome e di una consecutiva caduta in un burrone: alla data del 30 agosto 1915, la salma è ancora da recuperare. Questa la storia ma addentriamoci ora nel programma. Gli alpini giungeranno attraverso varie colonne da i due versanti del Passo Tonale, con programmi, orari ed itinerari differenti che sono facilmente reperibili sui siti internet www.ana.tn.it e www. ana-vallecamonica.it I momenti clou saranno sicuramente la messa in alta Val di Strino, ai piedi di quel Torrione fatale al Pirabelli, nella mattina di sabato e l’ammassamento e la sfilata a Vermiglio il giorno seguente. Le serate di venerdì e sabato a Vermiglio saranno all’insegna del canto (e con gli alpini non poteva che essere così!): inizieranno i Cantori da Vermei, non su un palco ma animando i vicoli e le androne di Somacort, il centro storico di Fraviano. Sabato invece presso il teatro del Polo Culturale, si esibirà in concerto il Coro Presanella. 1http://teca.bncf.firenze.sbn.it/ImageViewer/servlet/ImageViewer?idr=BNCF000 03960042&bt=europeanaapi#page/12/mode/2up

www.adamellomagazine.it

51


facebook.com/


DAL COMUNE DI

OSSANA

BOSCODERNIGA IL VIVAIO DELLE ESPERIENZE

L

’orto botanico in Località Derniga, una recente realizzazione ad opera del Comune di Ossana, si è già reso protagonista di una fase innovativa, a partire dal nome: BoscoDerniga. Si tratta di un giardino nel bosco, che riproduce la varietà e la biodiversità del Trentino e che permette al visitatore di interagire con la natura a tutto tondo. Un percorso interattivo che, coinvolgendo i cinque sensi, introduce ai temi della botanica e dell’ecologia. Per soddisfare la curiosità dei piccoli esploratori, nel giardino è possibile intraprendere una caccia al tesoro più prezioso: la biodiversità. Tutti i pomeriggi esperte guide saranno a disposizione degli ospiti per approfondire gli argomenti trattati nel percorso e per svelare i segreti di BoscoDerniga.

Nel periodo estivo numerose attività arricchiranno l’offerta esperienziale di BoscoDerniga: 1. Pomeriggio con la fata dei fiori Tutti i lunedì ore 14.30, partenza dalla chiesa di San Vigilio ad Ossana. La fata dei fiori ci accompagnerà in una fantastica passeggiata alla ricerca delle resine e dei fiori con cui dare sfogo alla nostra creatività floreale. Attività per bambini. Quota partecipazione 3€. Non è necessaria la prenotazione. 2. Yoga@BoscoDerniga Tutti i martedì ore 16.00, partenza dalla chiesa di San Vigilio ad Ossana. Salute, armonia e serenità. Cogli l’occasione di “assaggiare” questo mondo di benessere nel meraviglioso contesto di BoscoDerniga. Attività per bambini ed adulti. Quota partecipazione 2€. Prenotazioni presso ufficio turistico di Fucine e Pellizzano entro le 19.00 del giorno precedente. www.adamellomagazine.it

53


3 4

Neutr o

AC

ID

O

vino e bibite gassate pasta, yogurt

e formaggio

EN

T

I

8 A

9

L

NO

Scopri tutte le qualità di Maniva pH8 su: www.maniva.it/pH8 54 www.adamellomagazine.it

3

7

6

5 4

LI ALI M

LI

o!

calin l a pH

DEG

A

funzionamento del nostro metabolismo.

IL

pH

C

In una dieta equilibrata, alimenti molto alcalini come frutta, verdura e acqua minerale Maniva, aiutano a mantenere il pH naturale dell’organismo, condizione per il buon

5 6

carne uova, pesce, cereali e latte

10

parte 7 maggior dell’acqua e 8 9 10 frutta verdura

CONSIDERA CHE: La tendenza di un cibo ad acidificare o alcalinizzare il nostro corpo non ha nulla a che vedere con il pH reale del cibo stesso. Per esempio i limoni sono molto acidi ma l’effetto finale che producono dopo la digestione e l’assimilazione è molto alcalino quindi i limoni sono alcalino-formanti nel corpo.

argine

Maniva il tuo metabolismo sorride!


3. I segreti della foresta Nei pomeriggi di mercoledì 3, 10, 17, 24 e 31 agosto ore 14.30, partenza dalla chiesa di San Vigilio ad Ossana. Una piacevole passeggiata in compagnia del custode forestale per conoscere i segreti delle foreste trentine e della selvicoltura naturalistica. Attività per bambini ed adulti. Non è necessaria la prenotazione. 4. Con il naso all’insù Nelle serate di giovedì 14 e 28 luglio, 11 e 25 agosto, 8 settembre ore 21.00, partenza dalla chiesa di San Vigilio ad Ossana. Pianeti, stelle, galassie distanti anni luce ci appariranno improvvisamente più vicine osservandole con un potente telescopio. Esperti astrofisici ci avvicineranno a questi lontanissimi mondi alieni. Attività per bambini ed adulti. Quota di partecipazione di 5 €. Prenotazioni presso ufficio turistico di Fucine e Pellizzano entro le 19.00 del giorno precedente. 5. I giovedì del picchio Nei pomeriggi di giovedì 7 e 21 luglio, 4 e 18 agosto e 1 settembre ore 14.30, partenza dalla chiesa di San Vigilio ad Ossana. Un’affascinante escursione in compagnia di un ornitologo che permetterà di conoscere gli uccelli che popolano boschi e paesi. Binocolo e cannocchiale per aguzzare la vista e orecchie ben tese per ascoltare i loro canti. Se in vostro possesso portate binocolo e /o fotocamera! Attività per bambini ed adulti. Quota di partecipazione di 5€. Prenotazioni presso ufficio turistico di Fucine e Pellizzano entro le 19.00 del giorno precedente.

6. Il giovedì Petaloso Nei pomeriggi di giovedì 14 e 28 luglio, 11 e 25 agosto e 8 settembre, partenza ore 14.30 dalla chiesa di San Vigilio ad Ossana. La fata dei fiori ci accompagnerà in una fantastica passeggiata alla ricerca delle resine e dei fiori con cui dare sfogo alla nostra creatività floreale. Attività dedicata ai bambini. Quota di partecipazione di 3€. Non è necessaria la prenotazione. 7. Sulle tracce degli animali Nei pomeriggi del 15 e 29 luglio, 19 agosto e 2 settembre alle ore 14.30 con partenza dalla chiesa di San Vigilio ad Ossana. Un’interessante laboratorio che permette di toccare con mano le tracce degli animali della Val di Sole: zampe di gufi, penne d’aquila, escrementi di orso, impronte di cervo... Giocando si imparerà a riconoscere gli indici di presenza degli animali. Attività per bambini ed adulti. Quota di partecipazione di 5€. Prenotazioni presso ufficio turistico di Fucine e Pellizzano entro le 19.00 del giorno precedente. 8. Il fantastico mondo dei funghi venerdì 22 luglio e 9 settembre alle ore 14.30, con partenza dalla chiesa di San Vigilio ad Ossana. Escursione micologica con breve lezione teorica, raccolta dei miceti e loro riconoscimento. Quota di partecipazione di 2€. Prenotazioni presso ufficio turistico di Fucine e Pellizzano entro le 19.00 del giorno precedente. 9. Gli animali di BoscoDerniga Nel mese di agosto tutte le mattine dalle 10 alle 12. Pecore e caprette, pony, maialini e asinelli. Gli animali del BoscoDerniga ti aspettano in ogni momento della giornata. I laboratori con gli animali di BoscoDerniga sono tantissimi! Raggiungici e scopri il programma della giornata fra i vari laboratori promossi!

www.adamellomagazine.it

55


segheria

LEGNO VIVO ALTA VALLE Srl LEGNO VIVO Srl è la nuova realtà dell’Alta dell'Alta Vallecamonica creata per sviluppare e valorizzare al meglio una delle principali risorse di cui cui ilil nostro nostro territorio è ricco: il legname. di Grazie ai nostri macchinari tecnici, creiamo manufatti ed opere per l’arredo l'arredo urbano e per l’edilizia, l'edilizia, sempre con il massimo rispetto per l’ambiente. l'ambiente.

LEGNO VIVO ALTA VALLE Srl Località Saletti, 1 25050 Stadolina di Vione (BS) Tel. 0364 94114 | Fax 0364 94203 Tel. legnovivoaltavallesrl1@legalmail.it


DAL COMUNE DI

VIONE

a cura di Mauro Testini Cima Bles con la Sua grande Croce, posta a 2.755 m.s.l.m.

www.adamellomagazine.it

57


LA 50ª “SAGRA DI CIMA BLES” a cura di Luigi Sterli l’avventura e per sei domeniche, un gruppo di giovani, con grande entusiasmo, si prodiga affinché i vari elementi metallici e gli altri materiali giungano ai 2755 m di Cima Bles. Prima col trattore di Giuseppe, l’unico operante allora in paese, poi a dorso di cavallo, poi sulle spalle dei ragazzi. Il 31 luglio 1966, la Croce è piantata sulla “montagna di casa”. Alla presenza di un centinaio di persone, il parroco don Matteo Ongaro benedice il grande simbolo cristiano. Poi la promessa di ritornare ogni anno sulla vetta per ricordare e commemorare, con una messa, una preghiera, un canto. E il voto venne mantenuto. Nobili furono gli ideali che accompagnarono la comunità di Vione al compimento dell’impresa ed altrettanto nobili furono le motivazioni che la spinsero ininterrottamente durante questi 50 anni a celebrarne la ricorrenza. È quindi doveroso che il 50° anniversario sia un avvenimento speciale, pertanto a mezzo secolo la Croce di Cima Bles ve- saranno in programma svariati eventi per il glia sulla comunità di Vione. 12, 13 e 14 Agosto. La domanda che potrebbe sorgere spontanea è quale motivazione spinse tutta la Il 12 Agosto si aprono i festeggiamenti in Piazza a comunità di Vione ad impegnarsi nell’impresa di Vione alle ore 21 con lo spettacolo musicale “Monerigere una croce in ferro alta 9 metri sulla sommi- tagna di casa” del cantautore bresciano Charlie tà di una montagna a quota 2755 metri. Per una Cinelli. risposta esaustiva è necessario citare le belle pa- Il 13 Agosto davanti al monumento dei caduti, in role dello storico vionese Dino Marino Tognali tratte contrada Castello alle ore 20 la S. Messa con la cedal libro “Bles la montagna di casa” stampato nel rimonia di commemorazione e l’arrivo della simbo2006, in occasione del 40° anniversario della posa. lica staffetta composta dai ragazzi con le fiaccole, L’opera compiuta

D

L’idea di issare sulla montagna di casa la grande Croce venne nel 1965 ad un gruppetto di giovani durante un’arrampicata domenicale. Il sole mattutino baciava le cime, il silenzio perfetto in mezzo ad una natura incontaminata. Ma in montagna le sorprese sono la normalità. Nelle vicinanze della vetta gli capita addosso un furioso temporale. I giovani si nascondono in un “cuel”, avendo per tetto la roccia e, osservando la cima di fronte, aspettano che la bufera si calmi. Uno di loro avanza la proposta e assieme programmano. I giovani disegnano, schematizzano: la struttura metallica alta 9 metri, formata da 18 pannelli del peso di 350 kg, ancorata alle rocce con quattro funi metalliche è piantata su base di cemento. In una lapide in lamiera di ottone sono inserite le fotografie dei vionesi e di altri amici che, caduti o dispersi si immolarono per la Patria. Nel marzo 1966 il progetto viene presentato alla messa domenicale e affisso in piazza. L’idea piacque alla gente e arrivano le offerte. La costruzione, affidata alla ditta Comensoli di Edolo, costa 230.000 lire. Dalla prima domenica di giugno inizia 58

www.adamellomagazine.it

partiti dal sacrario del Tonale. A seguire alle ore 21 il tradizionale tombolone ed intrattenimento musicale con la banda di Pezzo. Il 14 Agosto sarà la giornata clou, al mattino i “pellegrini” saliranno verso Cima Bles, dove alle ore 10.30 si terrà la S. Messa con benedizione della Croce dopo il recente restauro conservativo, accompagnati dalle note della banda di Vezza d’Oglio. Per dare la possibilità a coloro che non più sorretti dal fisico intendessero essere presenti, previa prenotazione al numero di telefono 333.5402562, saranno disponibili viaggi con l’elicottero. Altrimenti sarà possibile seguire la Santa Messa dal maxischermo all’alpeggio Premia. Il pomeriggio sempre in località Premia sarà attivo lo stand gastronomico con giochi ed animazione fino a tarda serata. Trasporto degli elementi della Croce


LE STORIE SEPOLTE DI TOR DEI PAGÀ

a cura di Giovanna Bellandi

S

ono passate ormai cinque estati dal luglio 2011, quando il Comune di Vione ha intrapreso l’avventura della campagna di scavo archeologico del sito di Tor di Pagà, posto a 2240 metri s.l.m., a monte dell’abitato di Vione . Complici della felice riuscita del progetto l’entusiasmo dei vionesi (primi fra tutti il sindaco Mauro Testini e l’“archeossessore” Luigi Sterli) alla riscoperta della storia del loro territorio e la collaborazione che si è venuta a creare tra Soprintendenza archeologica, Università Cattolica e una cordata di enti che a vario titolo contribuiscono anche economicamente alla riuscita del progetto, tra cui il Parco dello Stelvio, il CAI e la Comunità Montana di Vallecamonica. I lavori, diretti da Andrea Breda per la Soprintendenza archeologica della Lombardia e in collaborazione con l’insegnamento di Archeologia Medievale dell’Università Cattolica di Brescia (prof. Marco Sannazaro), hanno visto operare sul campo archeologi professionisti e studenti di archeologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia e di Milano, ma anche provenienti da altri atenei italiani e stranieri (Spagna, Austria e Inghilterra). La ricerca sul campo si è infatti trasformata in tirocinio di formazione archeologica e ha dato l’occasione ad alcuni studenti di svolgere approfondimenti sui reperti rinvenuti nel sito e di trovare argomento per lavori di tesi. Tor dei Pagà è il toponimo di un’area dove era nota da tempo la presenza di ruderi sepolti tra i magri pascoli d’alta quota alle pendici del Monte Bles. La presenza delle fortificazioni veniva interpretata dagli storici secenteschi locali come luogo dell’estremo rifugio degli oppositori “pagani” in fuga dalle truppe di Carlo Magno che, in viaggio lungo la Valcamonica, accompagnato da sette vescovi e dal papa,

aveva sconfitto i signori locali costringendoli ad abbracciare la fede cattolica. Nel corso delle ultime cinque estati, gli scavi archeologici hanno mostrato che le leggende hanno un fondo di verità, anche se talvolta bisogna allontanarsi dalle fonti scritte e lasciarsi guidare dall’archeologia che tocca con mano la storia rimasta “scritta” nella terra. L’archeologia ci conferma che la fortificazione di Tor dei Pagà è esistita veramente e oggi, dopo le cinque campagne di indagini archeologiche, ci appare come un complesso strutturale articolato: si riconoscono almeno due torri, di cui una è collocata al vertice di un sistema composto da un muro di cinta poligonale e una serie di edifici interni, una torre più piccola collocata a poca distanza della precedente, lungo la cresta rocciosa discendente dal monte Bles e una serie di altri edifici situati nell’area circostante. Allo stato attuale delle ricerche il settore della fortificazione meglio indagato, ovvero quello composto da una torre, la cinta poligonale e gli ambienti interni, pare essere ascrivibile, sulla base dei dati stratigrafici e dei reperti rinvenuti (soprattutto grazie alla presenza di monete, a un’unica fase insediativa cronologicamente collocabile tra la fine del XIII e il corso del XIV secolo. Queste testimonianze della frequentazione dell’uomo nell’antichità sono tracce fragili e difficili da tutelare, soprattutto in una realtà odierna dove lo sfruttamento del territorio è sempre più aggressivo e, rispetto al passato, tende a modificare pesantemente l’ambiente, cancellando le testimonianze storiche da esso custodite. Ci auguriamo che questo esempio di riscoperta e valorizzazione di un sito storico così complesso e ricco di interesse, possa essere un modello per altre esperienze simili nel territorio dell’Alta Valcamonica.

Alcuni dei numerosi reperti rinvenuti durante le ricerche.

www.adamellomagazine.it

59


DAL COMUNE DI

INCUDINE

a cura di Guizzardi Elisabetta


ANGELINA RACCONTA LE ELEZIONI 70 ANNI FA

Q

uesta primavera i cittadini di Incudine sono stati chiamati a votare per eleggere la nuova Giunta Comunale. Il riconfermato sindaco, Bruno Serini, ha cercato di avere nella sua squadra vari tipi di persone per poter rispondere al meglio alle richieste dei cittadini. Difficile non notare (proprio l’anno del 70° anniversario del suffragio universale in Italia) che dalle votazioni è emerso che è più alta la percentuale di donne che hanno votato rispetto alla percentuale maschile. Documentandosi sui fatti passati vediamo parlare molto delle grandi città e poco dei piccoli comuni e sicuramente nei nostri paesi montani le dinamiche erano leggermente diverse. Ad Incudine sono rimaste poche persone che nel ’46 hanno votato ma chi meglio di loro può farci

62

www.adamellomagazine.it

capire lo svolgimento della vita politica nei nostri paesi settanta anni fa. Angelina Violi, classe 1920, ci racconta che a Incudine la location del voto è cambiata col passare degli anni, prima si votava al piano terra del municipio, mentre adesso bisogna salire al primo piano, più scomodo a parer suo. Le cabine elettorali erano fatte invece molto alla buona “era come se fosse stato un armadio molto semplice, in legno ed una tenda per non farsi vedere”. Alla domanda su come era stato votare la prima volta risponde con semplicità: “la maggior parte della gente era poco informata. Le donne inizialmente non votavano, potevano solo gli uomini ma in seguito siamo andate a votare anche noi” raccontando però, molto fieramente, che lei era


Il Sindaco Bruno Serini

abbastanza informata sul tema, poiché per il padre era molto importante votare: “Mio papà era sempre il primo a recarsi alle urne, si svegliava prestissimo la mattina per andare in Municipio. È quindi nato spontaneo chiedere se era un dovere sentito da tutta la popolazione, quello del voto, e i motivi per il quale lo era. Angelina risponde che era importante per tutti poter votare. C’era chi ci teneva di più e chi meno ma tutti votavano, non come oggi. Non c’erano problemi per il raggiungimento del Quorum. La gente era abbastanza povera, non c’era il benessere che c’è oggi, quindi voleva cambiare le cose e il modo che aveva per farlo era proprio quello di esprimere la propria preferenza. Racconta poi che il giorno delle elezioni “l’era ‘n dè de festa” e chi poteva si metteva il vestito buono. Lei, a turno con la sorella, sfoggiava le scarpe: un capo da signori all’epoca.

Gli chiediamo come faceva la gente ad informarsi e ci racconta che le figure di riferimento erano il Podestà e il Parroco: “Mi ricordo ancora la prima radio che era arrivata a Incudine. L’aveva comprata il Parroco, tutti i ragazzini andavano nella casa parrocchiale per sentire “chèl che la disüa”. Noi giovani eravamo felici di quella novità, appena potevamo correvamo ad ascoltarla. Poi come dicevo le persone che erano più informate erano gli uomini di Chiesa e le suore, tante cose ce le hanno insegnate loro”. Ci saluta dicendo che il mondo è cambiato e non si può che darle ragione; ci fa l’esempio che “non c’è più il podestà e nemmeno il messo comunale, che il primo che ricordo era il Michel…” Con un po’ di nostalgia che traspariva dai suoi occhi torniamo al presente, con il racconto di una donna che ha vissuto alcuni dei momenti più importanti della nostra storia. www.adamellomagazine.it

63


Dott. Giacomo Ducoli Dott. Pietro Morandini e tanti altri collaboratori

STUDIO DUCOLI

Via Aldo Moro n.5 25043 Breno (Bs) Tel. 0364.21265 - 320487 Fax 0364.320487

DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI Da trentacinque anni siamo presenti in Vallecamonica con lo Studio di Breno. Siamo presenti in Alta Vallecamonica con personale qualificato direttamente dai Clienti. Siamo specializzati nell’analisi delle crisi di impresa e nel prospettarne soluzioni operative, grazie alla nostra esperienza nel settore preconcorsuale e concorsuale Visitate il nostro Sito Internet www.studioducoli.it 64 conoscere www.adamellomagazine.it per tutto della nostra attivitĂ

Internet E-mail infostudio@studioducoli.it pontedilegno@studioducoli.it


DAL COMUNE DI

MONNO

a cura di Roberto Trotti, Marco Lazzarini e Stefano Ferrari

www.adamellomagazine.it

65


MAPPA ESCURSIONISTICA DI MONNO a cura di Roberto Trotti

L

’amministrazione comunale, in stretta sinergia con le locali associazioni, è da tempo impegnata nella valorizzazione del territorio al fine di migliorarne l’attrattività e la fruizione turistica. In questi ultimi anni sono state realizzate alcune aree attrezzate, sono stati implementati, sfruttando il forte richiamo del Passo del Mortirolo, nell’ambito del progetto Adamello Bike Arena (http://www.adamellobike. it), alcuni interessanti percorsi cicloturistici, sia per MTB che per gli amanti del ciclismo su strada e sono stati creati alcuni tracciati invernali per le “caspole”, tutti forniti di mappatura GPS. Recentemente, per venire incontro alle esigenze di turisti ed ospiti è stata anche realizzata una mappa del paese e del territorio comunale, con l’indicazione di tutti i sentieri e dei luoghi di interesse. La stessa è reperibile direttamente presso gli uffici comunali o negli esercizi pubblici convenzionati. Non ci si è però fermati alla versione cartacea: la diffusione capillare della tecnologia ha permesso di implementare alcuni servizi a cui tutti possono comodamente accedere, del tutto gratuitamente, con il proprio smartphone. Si è infatti proceduto ad una mappatura GPS dell’intero territorio ed alla creazione di una APP gratuita, scaricabile da Google Play - Apple Store - Windows Phone Store, che supporta tutti i dispositivi mobili (dotati di GPS) con sistema operativo Android, Ios e Windows Phone. In tal modo è oggi possibile “navigare” nel territorio e sui sentieri di Monno e del Mortirolo in modalità offline (cioè anche senza connessione telefonica) e, ovunque voi siate, un cursore indicherà l’esatta posizione sulla cartina visualizzata sul vostro telefonino: un grande vantaggio anche per la sicurezza

66

www.adamellomagazine.it

degli escursionisti!!! Le funzionalità presenti spaziano dalle indicazioni stradali delle rete viaria del

paese, alle informazioni sui percorsi escursionistici ed all’indicazione dei punti di interesse dove sono situati hotel, ristoranti, bar, parcheggi e tanto altro. Per maggiori informazioni a riguardo e per le istruzioni necessarie per scaricare la APP, è possibile consultare il sito del Comune di Monno al link: http://www.monno.gov.it/pagine/mappa/sentieristica/ Sono ora in programma interventi volti all’ammodernamento della segnaletica escursionistica ed alla manutenzione/riqualificazione della rete sentieristica. Il territorio di Monno e del Mortirolo Vi aspettano: venite a visitarlo!!!


DALLA RASSEGNA ZOOTECNICA ALLA “FEN FESTA” CONTINUA L’ATTIVITÀ VOLTA ALLA VALORIZZAZIONE DELLE TRADIZIONI AGRICOLE MONNESI a cura di Ferrari Stefano e Lazzarini Marco

L

a Pro Loco Monno Mortirolo, in sinergia con l’Amministrazione Comunale, è impegnata nel valorizzare il territorio e le tradizioni legate alle attività produttive, col muovere dall’agricoltura. Al riguardo, sabato 21 maggio 2016 si è tenuta, nella caratteristica piazza del paese, la 1° Rassegna Zootecnica della Razza Bruna Alpina, riportando in auge un’antica manifestazione andata persa nei tempi. Si è assistito spesso alla partecipazione di allevatori monnesi alle più importanti rassegne zootecniche, con ottimi piazzamenti per la loro capacità professionale e per l’eccellenza dei bovini proposti. Nell’ambito di questa manifestazione, sono stati premiati i capi migliori, con la valutazione del giudice monnese Pietroboni Lino, attualmente ai vertici dell’Anarb (Associazione Nazionale Allevatori Razza Bruna) in qualità di coordinatore dei giudici a livello nazionale ed europeo. Erano in mostra anche altri tipi di animali allevati a Monno quali capre, pecore, galline, conigli, asini e cavalli. Nelle vie del paese sono stati allestiti stand e

mercatini di attività e prodotti tipici locali, che hanno esaltato il centro storico. È da rimarcare l’impegno di diversi giovani che, per far fronte alla crisi occupazionale, hanno coraggiosamente deciso di intraprendere un’attività in proprio nell’agricoltura e nella pastorizia, pur essendo notoriamente mestieri poco redditizi e molto faticosi. Questo giova al mantenimento delle tradizioni contadine della comunità di Monno, oltreché alla tutela del territorio, che vede così ridotto il rischio di dissesti idrogeologici. La Pro Loco, restando nel solco della tradizione agricola, si sta attivando per rilanciare la “Fen Festa”, evento che, dopo due anni di assenza dal programma delle manifestazioni estive, verrà riproposto quest’anno nel mese di agosto. L’appuntamento ha riscosso nelle passate edizioni notevole interesse sia dei monnesi che dai numerosi turisti, richiamando, in una competizione tra falciatori monnesi ed esterni, l’antica capacità di sfalcio tipica degli abitanti delle nostre vallate alpine. Il programma della giornata potrebbe subire delle variazioni ma si preannuncia essere il seguente: Domenica 7 agosto: dalle ore 14.00 ritrovo dei ‘segadur’ in piazza. 14.30 inizio gara di sfalcio 18.00 merenda e premiazioni 20.00 cena in piazza 21.00 serata conviviale in compagnia de’RUSTIKO & GLI ArtYciòk’ www.adamellomagazine.it

67


Situato al centro del Passo, direttamente sulle piste da sci, circondato da una natura superba, il Grand Hotel Paradiso offre un impareggiabile sguardo sul Gruppo dell’Adamello, dell’Ortles-Cevedale e della Presanella. L’aria pura di montagna, le tante offerte benessere, sport e gastronomia, rendono questo hotel una vera occasione di rigenerazione dallo stress quotidiano. La wellness SPA apre le porte ad una nuova dimensione del relax e del remise en form, sono oltre 500 i metri quadri che vi attendono per regalarvi benessere fisico e mentale. Un soggiorno da sogno: spazi ricchi di calore ed accoglienti, grazie al profumo del legno e all’impareggiabile e splendida vista sulla vetta del Presena. Romantiche camere e lussuose suite Vi faranno sentire ospiti speciali. I vostri animali di piccola taglia sono i benvenuti! Il loro soggiorno è gratuito.


Grand Hotel Paradiso Via Case Sparse del Tonale, 51 25056 Ponte di Legno (BS) Tel. 0364.904800 www.centro-paradiso.it


NUOVO LOGO E NUOVO PORTALE DI DESTINAZIONE: GRANDI NOVITÀ IN ARRIVO NEL COMPRENSORIO PONTEDILEGNO-TONALE

I

A cura di Vania Zampatti

l brand Adamello Ski si congeda e lascia il posto definitivamente a Pontedilegno-Tonale: il rinnovamento – che va ben oltre il nuovo logo – è stato presentato lo scorso 24 Giugno 2016 nel corso di una conferenza stampa organizzata sul lago d’Iseo, in questi giorni sul palcoscenico mondiale grazie ai Floating Piers dell’artista Christo. L’ampio comprensorio alpino, che si trova a cavallo tra Lombardia e Trentino e che abbraccia l’Alta Valle Camonica (BS) e l’alta Val di Sole (TN), punta così a ottenere una chiara e distintiva riconoscibilità sulle mappe delle destinazioni turistiche: non più solo paradiso per sciatori e amanti della neve, bensì territorio da scoprire 365 giorni all’anno, grazie a un’offerta composita fatta di benessere, sport, tempo libero, divertimenti ed enogastronomia.

iconico che fosse in grado di rappresentare al meglio la destinazione. Nel nuovo logo la vetta più alta non è altro che il profilo a dente tipico del monte Adamello, mentre la doppia anima è presente nei colori argento e azzurro. Il segno è distintivo e moderno, destinato a durare nel tempo. Il nome Adamello compare ancora, seppure in posizione più defilata. Eliminare la dicitura Adamello voleva dire comunicare il territorio solo per la sua valenza “modaiola”, rinunciando così ai veri punti di unicità: origine e storia. Ad Adamello sono legati ricordi storici come la Guerra bianca e le visite di Papa Giovanni Paolo II.

UN NUOVO PORTALE Queste novità si rispecchiano anche in un nuovo portale di destinazione, dove sono sempre consulGLI ELEMENTI DI tabili sia la sezione EstaUNICITÀ DEL TERte sia la sezione InverRITORIO IN UN no. Grande spazio alle immagini e una grafica NUOVO SEGNO moderna rendono la GRAFICO navigazione più veloce Il comprensorio Pone immediata. Web cam tedilegno-Tonale, per e meteo sono sempre la sua particolare conin primo piano e tutto formazione geograè finalizzato ad agevofica, fa della dualità il lare l’organizzazione di punto caratteristico una vacanza. La novità di unicità che lo diprincipale riguarda prostingue da molte altre prio il Booking online destinazioni turistiche. delle strutture ricettive Una duplicità che si consorziate e che non esprime a livello ampoteva mancare su un ministrativo (Trentino e Lombardia), a livello di parchi naturali (Parco dell’A- portale di una destinazione turistica che parla ad damello e Parco Nazionale dello Stelvio), a livello un pubblico giovane e dinamico, come quello degli di tradizioni enogastronomiche (Val di Sole e Valle sciatori e degli amanti dell’outdoor. Anche il nuovo Camonica). portale abbandonerà il naming adamelloski.com Da questa dualità si è ripartiti per trovare un segno per puntare sul nuovo pontedilegnotonale.com. 70

www.adamellomagazine.it


TORNA ADAMELLO CARD! A cura di Vania Zampatti

CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE (programma Passo Tonale) • INFO ogni domenica dalle ore 21.15 c/o il Teatro Tenda il personale di Adamello Card sarà a disposizione per la presentazione del programma settimanale. • LA PRENOTAZIONE delle attività, da effettuare presso l’Ufficio Informazioni del Passo Tonale (tel. 0364 903838), è obbligatoria e si ritiene confermata previo pagamento della quota d’iscrizione dove prevista (vedi dettagli programma settimanale). • TRASPORTI: con mezzi propri (dove non diversamente specificato). • IN CASO DI MALTEMPO e attività/manifestazioni integrative il programma potrà subire della variazioni • N.B. le gite vengono effettuate con un DAMELLO CARD è una tessera con vaminimo di 5 partecipanti. lidità settimanale, promossa da Adamello • AI POSSESSORI DI VAL DI SOLE OPPORTUSki in collaborazione con le Associazioni NITY E TRENTINO GUEST CARD, rilasciate dalAlbergatori di Ponte di Legno e di Tonale- le strutture del Passo Tonale aderenti all’iniziativa, Vermiglio ed offerta ai clienti che soggiornano più verranno garantite ulteriori gratuità. di 3 giorni nel comprensorio dell’Alta Valle Camonica e Alta Val di Sole. Adamello Card permette di (programma Ponte di Legno) partecipare ai programmi di animazione di Ponte • INFO ogni domenica dalle ore 17 il personale di di Legno e del Tonale ed offre numerosi sconti e Adamello Card sarà a disposizione per la presengratuità. tazione del programma settimanale. Richiedete al vostro hotel un incontro, oppure contattate il nuE CHI NON SOGGIORNA NELLE STRUTTURE mero 333 5387654. CONVENZIONATE? • LA PRENOTAZIONE delle attività, da effettuaLe Card possono essere acquistate presso gli Uf- re presso la Pro Loco Ponte di Legno (tel. 331 fici Turistici di Temù e di Vermiglio, le Pro Loco di 7148895), è obbligatoria e si ritiene confermata Ponte di Legno e Vezza d’Oglio e l’Ufficio Informa- previo pagamento della quota d’iscrizione dove zioni del Passo Tonale. prevista (vedi dettagli programma settimanale). • TRASPORTI: gratuiti tutti i trasferimenti in autoCOSTI bus. A pagamento quando previsto l’utilizzo di imAdamello Card € 20,00 (validità settimanale) pianti di risalita (prezzo convenzionato per possesÈ possibile aderire ad ogni singola attività di Ada- sori Adamello Card). mello Card al costo di € 8,00 (dove non diversa- • IN CASO DI MALTEMPO il programma potrà sumente specificato) e/o ad un singolo giorno di Mi- bire delle variazioni e saranno proposte delle alterniclub della Mucca Adamellina (vedi programma native. Passo Tonale) al costo di € 8,00 per la giornata • N.B. le gite vengono effettuate con un minimo di intera e € 5,00 per la mezza giornata. 5 partecipanti.

A

www.adamellomagazine.it

71


Che tipo di biker sei?

Prenditi qualche giorno per pensarci. Nel comprensorio Pontedilegno-Tonale hai tutto il tempo per decidere. Oltre 500 km di percorsi mountain bike attraversano l’Alta Valle Camonica fino alla Val di Sole. Imponenti salti con passerella troneggiano sulle nuove piste di freeride per i piÚ coraggiosi. Per quelli che preferiscono le grandi salite, i nostri passi permetteranno di provare il sapore epico della fatica che ha fatto la storia del ciclismo mondiale. E per chi ama pedalare con la famiglia, per rilassarsi in un contesto naturale senza eguali, una meravigliosa ciclabile piena di iniziative e giochi per bambini. Non decidere subito. Inforca i pedali e prenditi il tuo tempo.

www.adamellobike.it


PREZZI SKIPASS STAGIONE INVERNALE 2016/2017 PREZZI SKIPASS ADAMELLO SKI Valido illimitatamente nel Comprensorio Pontedilegno - Tonale

PRE-STAGIONE / FINE STAGIONE: 29/10/2016 - 06/12/2016 12/12/2016 - 25/12/2016 18/04/2017 - 01/05/2017

BASSA STAGIONE: 09/01/2017 - 27/01/2017 13/03/2017 - 17/04/2017

Adulto

Junior*

Senior**

Baby***

Adulto

Junior*

Senior**

Baby***

1 giorno

€ 35,00

€ 23,00

€ 32,00

€ 16,00

1 giorno

€ 42,00

€ 31,00

€ 38,00

€ 21,00

2 giorni

€ 63,00

€ 45,00

€ 57,00

€ 33,00

3 giorni

€ 87,00

€ 60,00

€ 77,00

€ 44,00

2 giorni

€ 75,00

€ 50,00

€ 65,00

€ 35,00

3 giorni

€ 106,00

€ 73,00

€ 96,00

€ 54,00

4 giorni

€ 108,00

€ 75,00

€ 99,00

€ 55,00

4 giorni

€ 135,00

€ 95,00

€ 118,00

€ 66,00

5 giorni

€ 125,00

€ 89,00

€ 113,00

€ 63,00

5 giorni

€ 157,00

€ 110,00

€ 142,00

€ 79,00

6 giorni

€ 150,00

€ 105,00 € 136,00

€ 74,00

6 giorni

€ 181,00

€ 126,00

€ 164,00

€ 92,00

7 giorni

€ 161,00

€ 112,00 € 145,00

€ 81,00

7 giorni

€ 200,00

€ 141,00

€ 179,00

€ 101,00

8 giorni

€ 172,00

€ 119,00 € 155,00

€ 87,00

8 giorni

€ 216,00

€ 151,00

€ 195,00

€ 108,00

9 giorni

€ 188,00

€ 133,00 € 169,00

€ 95,00

9 giorni

€ 235,00

€ 164,00

€ 210,00

€ 116,00

10 giorni

€ 202,00

€ 142,00 € 180,00

€ 102,00

10 giorni

€ 251,00

€ 174,00

€ 224,00

€ 123,00

11 giorni

€ 216,00

€ 151,00 € 195,00

€ 108,00

11 giorni

€ 268,00

€ 188,00

€ 241,00

€ 135,00

12 giorni

€ 228,00

€ 161,00 € 207,00

€ 114,00

12 giorni

€ 284,00

€ 200,00

€ 256,00

€ 143,00

13 giorni

€ 241,00

€ 168,00 € 217,00

€ 119,00

13 giorni

€ 299,00

€ 209,00

€ 269,00

€ 150,00

14 giorni

€ 252,00

€ 175,00 € 225,00

€ 125,00

14 giorni

€ 313,00

€ 219,00

€ 282,00

€ 157,00

ALTA STAGIONE: 07/12/2016 - 11/12/2016 26/12/2016 - 08/01/2017 28/01/2017 - 12/03/2017

PREZZI SKIPASS COMBI 1

Valido nel Comprensorio Pontedilegno - Tonale, INCLUSO 1 GIORNO nel comprensorio Skirama Dolomiti Adamello - Brenta: Madonna di Campiglio, Marilleva - Folgarida, Pejo, Pinzolo, Andalo - Fai della Paganella, Monte Bondone, Folgaria - Lavarone

Adulto

Junior*

Senior**

Baby***

€ 42,00

€ 31,00

€ 38,00

€ 21,00

2 giorni

€ 75,00

€ 50,00

€ 65,00

€ 35,00

3 giorni

€ 116,00

€ 83,00

€ 106,00

€ 59,00

4 giorni

€ 153,00

€ 108,00

€ 140,00

€ 77,00

BASSA STAGIONE: Apertura impianti - 25/12/2016 09/01/2017 - 27/01/2017 13/03/2017 - 01/05/2017

5 giorni

€ 181,00

€ 126,00

€ 164,00

€ 92,00

giorni

Adulto

Junior*

Senior**

Baby***

6 giorni

€ 210,00

€ 148,00

€ 191,00

€ 106,00

5 (4+1)

€ 189,00

€ 134,00

€ 169,00

€ 94,00

7 giorni

€ 228,00

€ 161,00

€ 207,00

€ 114,00

6 (5+1)

€ 212,00

€ 149,00

€ 189,00

€ 106,00

8 giorni

€ 250,00

€ 173,00

€ 223,00

€ 123,00

7 (6+1)

€ 230,00

€ 161,00

€ 207,00

€ 115,00

9 giorni

€ 272,00

€ 190,00

€ 245,00

€ 138,00

10 giorni

€ 293,00

€ 206,00

€ 263,00

€ 147,00

ALTA STAGIONE: 26/12/2016 - 08/01/2017 28/01/2017 - 12/03/2017

11 giorni

€ 314,00

€ 219,00

€ 282,00

€ 157,00

giorni

Adulto

Junior*

Senior**

Baby***

12 giorni

€ 334,00

€ 235,00

€ 302,00

€ 167,00

5 (4+1)

€ 212,00

€ 149,00

€ 190,00

€ 106,00

13 giorni

€ 349,00

€ 245,00

€ 314,00

€ 174,00

6 (5+1)

€ 242,00

€ 169,00

€ 217,00

€ 120,00

14 giorni

€ 364,00

€ 256,00

€ 327,00

€ 181,00

7 (6+1)

€ 260,00

€ 183,00

€ 231,00

€ 131,00

1 giorno

TESSERE ORARIE 3 ORE

€ 33,00

4 ORE

€ 35,00

5 ORE

€ 38,00 www.adamellomagazine.it

73


PREZZI SKIPASS STAGIONE INVERNALE 2016/2017 PREZZI SKIPASS SUPERSKIRAMA

Valido illimitatamente nel Comprensorio Pontedilegno - Tonale e nel comprensorio Skirama Dolomiti - Adamello Brenta: Madonna di Campiglio, Marilleva - Folgarida, Pejo, Pinzolo, Andalo - Fai della Paganella, Monte Bondone, Folgaria - Lavarone

BASSA STAGIONE: apertura degli impianti23/12/2016 09/01/2017 - 27/01/2017 13/03/2017 chiusura degli impianti

ALTA STAGIONE: 28/01/2017 - 12/03/2017 Adulto

Junior*

Senior**

Baby***

Adulto

Junior*

Senior**

Baby***

1 giorno

€ 51,00

€ 36,00

€ 46,00

€ 26,00

1 giorno

€ 49,00

€ 34,00

€ 44,00

€ 25,00

2 giorni

€ 98,00

€ 69,00

€ 88,00

€ 49,00

2 giorni

€ 94,00

€ 66,00

€ 85,00

€ 47,00

3 giorni

€ 146,00

€ 102,00

€ 131,00

€ 73,00

3 giorni

€ 137,00

€ 96,00

€ 123,00

€ 69,00

4 giorni

€ 195,00

€ 137,00

€ 176,00

€ 98,00

4 giorni

€ 180,00

€ 126,00

€ 162,00

€ 90,00

5 giorni

€ 239,00

€ 167,00

€ 215,00

€ 120,00

5 giorni

€ 218,00

€ 153,00

€ 196,00

€ 109,00

6 giorni

€ 275,00

€ 193,00

€ 248,00

€ 138,00

6 giorni

€ 241,00

€ 169,00

€ 217,00

€ 121,00

7 giorni

€ 296,00

€ 207,00

€ 266,00

€ 148,00

7 giorni

€ 260,00

€ 182,00

€ 234,00

€ 130,00

8 giorni

€ 329,00

€ 230,00

€ 296,00

€ 165,00

8 giorni

€ 288,00

€ 202,00

€ 259,00

€ 144,00

9 giorni

€ 357,00

€ 250,00

€ 321,00

€ 179,00

9 giorni

€ 313,00

€ 220,00

€ 282,00

€ 157,00

10 giorni

€ 385,00

€ 270,00

€ 346,00

€ 193,00

10 giorni

€ 338,00

€ 238,00

€ 305,00

€ 170,00

11 giorni

€ 413,00

€ 290,00

€ 371,00

€ 207,00

11 giorni

€ 363,00

€ 256,00

€ 328,00

€ 183,00

12 giorni

€ 441,00

€ 310,00

€ 396,00

€ 221,00

12 giorni

€ 388,00

€ 274,00

€ 351,00

€ 196,00

13 giorni

€ 469,00

€ 330,00

€ 421,00

€ 235,00

13 giorni

€ 413,00

€ 292,00

€ 374,00

€ 209,00

14 giorni

€ 497,00

€ 350,00

€ 446,00

€ 249,00

14 giorni

€ 438,00

€ 310,00

€ 397,00

€ 222,00

CAPODANNO: 24/12/2016 - 08/01/2017 Adulto

Junior*

Senior**

Baby***

1 giorno

€ 53,00

€ 37,00

€ 48,00

€ 27,00

2 giorni

€ 103,00

€ 72,00

€ 93,00

€ 52,00

3 giorni

€ 151,00

€ 106,00

€ 136,00

€ 76,00

4 giorni

€ 202,00

€ 141,00

€ 182,00

€ 101,00

5 giorni

€ 246,00

€ 172,00

€ 221,00

€ 123,00

6 giorni

€ 280,00

€ 196,00

€ 252,00

€ 140,00

7 giorni

€ 302,00

€ 211,00

€ 272,00

€ 151,00

8 giorni

€ 336,00

€ 235,00

€ 302,00

€ 168,00

9 giorni

€ 366,00

€ 256,00

€ 329,00

€ 183,00

10 giorni

€ 396,00

€ 277,00

€ 356,00

€ 198,00

11 giorni

€ 426,00

€ 298,00

€ 383,00

€ 213,00

12 giorni

€ 456,00

€ 319,00

€ 410,00

€ 228,00

13 giorni

€ 486,00

€ 340,00

€ 437,00

€ 243,00

14 giorni

€ 516,00

€ 361,00

€ 464,00

€ 258,00

74

www.adamellomagazine.it

NOTE IMPORTANTI: * Valido per ragazzi nati dopo il 30.11.2000 ** Valido per senior nati prima del 30.11.1951 *** Valido per bambini nati dopo il 30.11.2008 (non accompagnati da un familiare adulto pagante) Per ottenere gli sconti bambini / ragazzi / senior è obbligatorio presentare un documento d'identità. 0-8 Bambino gratis: Il bambino/a nato/a dopo il 30/11/2008 accompagnato da un familiare adulto riceve una tessera gratuita per lo stesso periodo e dello stesso tipo del familiare pagante (1 adulto pagante = 1 bambino gratis). Offerta non cumulabile con altre promozioni. Per ottenere lo skipass gratuito è vincolante esibire uno dei seguenti documenti di riconoscimento (tessera A.S.L., stato famiglia, codice fiscale) del bambino e un documento d'identità del familiare adulto. Per l'attestazione dell'età del bambino NON sono accettate le autocertificazioni. Il rilascio dello skipass al bambino è contestuale al rilascio dello skipass all'accompagnatore. Cauzione per k-card (obbligatoria): Euro 5,00/skipass Fotografia obbligatoria solamente per skipass a partire da 8 giorni


PREZZI SKIPASS STAGIONE INVERNALE 2016/2017 STAGIONALE ADAMELLO SKI VALADASKI Valido illimitatamente nel Comprensorio Pontedilegno - Tonale. I possessori di tale abbonamento hanno diritto a 5 giornate di sci gratuito nel comprensorio Aprica.

Bambini

dopo 30.11.2008

€ 219,00

Junior

dopo 30.11.2000

€ 439,00

Adulti Senior

€ 663,00 prima 30.11.1951

€ 428,00

STAGIONALE COMBI 1 2016-17

Valido sugli impianti del Comprensorio Pontedilegno-Tonale. I possessori di tale abbonamento hanno diritto a 1 giornata di sci gratuito nel comprensorio Skirama Dolomiti Adamello-Brenta: Madonna di Campiglio, FolgaridaMarilleva, Pejo, Pinzolo, Andalo-Fai della Paganella, Monte Bondone, Folgaria-Lavarone

Bambini

dopo 30.11.2008

€ 240,00

Junior

dopo 30.11.2000

€ 469,00

Adulti Senior

€ 694,00 prima 30.11.1951

€ 459,00

ANNUALI SUPERSKIRAMA VALIDITA’ ESTATE 2016 E STAGIONE INVERNALE 2016/17 Con lo skipass annuale Superskirama sarà possibile: – sciare dall’apertura alla chiusura della stagione 2016/17 su tutti gli impianti delle località dello SKIRAMA DOLOMITI Adamello-Brenta (150 impianti e 380 Km di piste); – usufruire di 5 giornate di sci gratuite dal 29.11.2016 al 30.04.2017 (sugli impianti in funzione) sulle piste del DOLOMITI SUPERSKI (460 impianti, 1220 Km di piste) e precisamente nelle seguenti località: Cortina d’Ampezzo, Plan de Corones, Alta Badia, Val Gardena/Alpe di Siusi, Val di Fassa e Carezza, Arabba/Marmolada, Alta Pusteria, Val di Fiemme/Obereggen, S.Martino di Castrozza/Passo Rolle, Valle Isarco, Tre Valli, Civetta.

Prevendita al 11.12.2016

2

Ufficiale

Adulto

€ 720,00

Super senior (nato prima del 30.11.1941)

€ 540,00

50€ , €€ 815,00 610,00

Senior (nato prima del 30.11.1951)

€ 650,00

€ 735,00

AL GIORNO

Junior (nato dopo il 30.11.2000)

€ 505,00

€ 570,00

Bambino (nato dopo il 30.11.2008)

€ 365,00

€ 415,00

Bambino accompagnato (nato dopo il 30.11.2008)

€ 215,00

€ 245,00

2,50€ AL GIORNO

www.adamellomagazine.it

75


UN’ESTATE IN MOVIMENTO CON LA FARMACIA DELLO SPORTIVO DI TEMÙ

A cura del Dott. Paolo Spiranti – La Farmacia dello Sportivo di Temù

I

n coerenza con la propria mission imprenditoriale legata al benessere, allo sport, alla prevenzione e alla promozione di stili di vita sani e corretti, la Farmacia dello Sportivo di Temù organizza per quest’estate una serie di uscite nella natura, per fare un pò di movimento, stare insieme e, allo stesso tempo, dedicare del tempo a se stessi e sentirsi meglio. Svolgere un’attività fisica regolare è uno degli elementi più importanti per mantenersi in buona salute. Praticando un’attività fisica regolare il cuore diventa più robusto e resistente alla fatica. L’attività aerobica aumenta la richiesta di ossigeno da parte del corpo e il carico di lavoro del cuore e dei polmoni, rendendo la circolazione più efficiente. Un cuore allenato pompa una quantità di sangue maggiore senza dispendio supplementare di energia: dieci battiti cardiaci in meno al minuto significano 5.256.000 battiti all’anno risparmiati. Sottolineando che “non è mai troppo tardi per cominciare a muoversi” e che non c’è un livello minimo per avere dei benefici, la Farmacia dello Sportivo raccomanda a tutti di svolgere un po’ di attività fisica, anche minima: i benefici cominciano non appena si inizia a essere più attivi. Da qui l’idea di proporre a residenti e turisti il ciclo “2 passi verso il benessere in alta Vallecamonica”, per iniziare (e, auspicabilmente,

continuare) insieme a fare movimento. L’attività fisica è come un potente farmaco, ma, come un medicinale vero, va assunta in modo corretto. Per facilitare un pò tutti, è stato approntato un programma in sei uscite con partenze alternate da Edolo (in corte Mottinelli) e da Temù (Parco degli Orsi), più una tappa speciale da Ponte di Legno (dal Garnì Pegrà) ad agosto, quando la località trabocca di visitatori. Sempre con ritrovo alle 18.30. Le date da segnare sul calendario e da non perdere sono queste: 28 luglio Temù 4 agosto Temù 10 agosto Edolo 18 agosto Ponte di Legno Per informazioni siete tutti invitati a contattare la Farmacia dello Sportivo di Mottinelli, situata in via Roma 95 a Temù (telefono 0364948002, info@lafarmaciadellosportivo.it, www.lafarmaciadellosportivo.com). Non perdete questa occasione per sentirvi bene e migliorare la vostra forma fisica e mentale!

www.adamellomagazine.it

77


IL SACRARIO MILITARE DELLA GUERRA 1915-1918 AL PASSO TONALE a cura di Edoardo Nonelli (Accademico GISM - Gruppo Italiano Scrittori di Montagna)

Il Sacrario oggi dopo gli interventi di restauro della piazzetta antistante

I

l Sacrario Militare del Passo del Tonale è incastonato tra le maestose cime dei massicci dell’Adamello e dell’Ortles, sui quali tra il 1915 e il 1918 si fronteggiarono gli Italiani e gli Austriaci in numerosi combattimenti, al confine tra il Trentino e la Lombardia, lungo la strada statale che mette in comunicazione la Val di Sole con la Valcamonica. Il 3 settembre 1922 il Re d’Italia Vittorio Emanuele III, di ritorno alla visita delle terre Trentine ed alla volta di Pontedilegno per partecipare alla cerimonia della ricostruzione, posò la prima pietra del Monumento ossario, inaugurato con solenne e partecipata cerimonia il 31 agosto 1924. L’opera, come la vediamo oggi è stata completata nel 1936 su progetto dell’architetto Pietro del Fabbro per commemorare gli innumerevoli caduti della «Guerra Bianca» ed è composta da pietre squadrate in granito dell’Adamello.

Superati i gradini che portano all’ingresso, costituito da un bel portale in pietra recante la scritta in bronzo “Sacrario Militare caduti in guerra 19151918”, si accede al cuore del Sacrario, una cripta a pianta quadrata lungo le cui pareti sono collocati gli ossari con le reliquie dei militari caduti. Al centro della cripta si trova l’altare, con lo sfondo arricchito da un bellissimo Cristo Risorto in marmo bianco, datato 1935 (XIV); a fianco, una statua in bronzo della Vergine in preghiera. Sui pilastri centrali due lapidi in bronzo ricordano i caduti della 5^ Divisione alpina. Sull’altare quattro candelabri fusi in bronzo, opera dello scultore Timo Bortolotti, con incisa la data “4 novembre 1937 (XVI)”, riportano bellissime immagini iconografiche scultoree di S. Barbara, S. Martino, S. Sebastiano, S. Giorgio e la dedica di ogni candelabro “ai gloriosi caduti” delle Province di Trento e Brescia e dei Comuni di Pontedilegno e Vermiglio. Il Crocefisso posto al centro dell’altare riporta incise sul retro scritte di dedica: i commilitoni superstiti di tutte le associazioni combattentistiche, le madri e le vedove, le dame della croce rossa, la casa del soldato dell’opera di assistenza A. Calini per militari. Si stringe il cuore nell’oscurità del Sacrario; signi-


Il giorno dell’inaugurazione

fica immergersi in un’atmosfera che invita al raccoglimento, si accede ad una dimensione emotiva molto suggestiva che evoca la memoria, la tragica fine di tante giovani vite, il dolore delle famiglie, il dramma umano che inevitabilmente porta con sé ogni guerra. Si avverte il senso del Sacro ammirando il bellissimo Cristo di Bortolotti biancheggiare nel buio dell’interno, illuminato dalla tenue luce che entra dall’unica apertura frontale e dalle finestrelle poste ai lati. Nel silenzio del tempio si percepisce un segno di speranza nella luce della fede ed il senso spirituale del luogo. Ai lati dell’ingresso ed al di sopra del portale, quattro piccole nicchie accolgono ritratti commemorativi modellati e fusi in bronzo dei protagonisti della grande guerra sulle nostre montagne. Nella nicchia di sinistra sono raffigurati i quattro fratelli Calvi, eroi e martiri provenienti dalla terra bergamasca, che sui nostri monti e nel conflitto immolarono le loro vite per la Patria. Nella nicchia di destra è raffigurato un personaggio leggendario, protagonista non solo durante la grande guerra, ma anche successivamente per il salvataggio della spediRisorto di Timo Bortolotti zione Nobile al Polo Nord e durante le campagne di guerra in Africa: Gennaro Sora. L’Associazione Nazionale Alpini di Brescia, Vallecamonica e Monte Suello, affi-

da la propria gratitudine “all’eroico, leggendario alpino” richiamando alla memoria le sue azioni in “Adamello, 1915-1918; Polo Nord, 1928; Africa 1937, 1945”. Le due nicchie poste al centro, al di sopra del portale di ingresso, accolgono i ritratti bronzei di due alpini eroi, medaglia d’oro al valor militare: il capitano Francesco Tonolini, nato a Breno nel 1880 e morto a Montagnola di Valdobbiadene nel 1918; Il tenente Angelo Tognali, nato a Vione nel 1887 e morto a Col del Cuk (Grappa) nel 1918, caduti eroicamente sui campi di battaglia alla soglia della conclusione del conflitto. Due scale semicircolari immettono al piano superiore del Sacrario: una terrazza che consente di osservare a 360° le cime un tempo confine tra i due stati, teatro delle battaglie della grande guerra. Al centro si innalza, al di sopra di una solida base in pietra, la bronzea vittoria alata, opera realizzata dallo scultore Timo Bortolotti tra il 1922 e il 1924 nel suo studio di Brescia. La monumentale scultura riproduce la vittoria alata conservata nei Musei Capitolini di Brescia. Osservando questa parte di struttura si comprende il significato dell’intero Sacrario: la parte inferiore, l’interno, invita alla pietà ed al cordoglio, mentre quella superiore celebra la Vittoria Italiana nella Grande Guerra. Nel Sacrario del Tonale sono custodite 797 salme di caduti italiani conosciute e 50 di militari ignoti. Le spoglie provengono dai cimiteri militari dismessi di Case di Viso, Pezzo, Pontedilegno, Temù, Stadolina, Val d’Avio. Le lapidi degli ossari ricordano la sepoltura di 5 salme di caduti ignoti, affiorate dal ghiacciaio della Lobbia Alta nell’agosto del 1964; tre alpini ignoti ritrovati alle Lobbie nell’estate del 1996; resti di militari ignoti ritrovati in località Sgualdrina Ghiacciaio Presena l’11 settembre 2000; le salme di 26 solwww.adamellomagazine.it

79


IL SACRARIO MILITARE DELLA GUERRA 1915-1918 AL PASSO TONALE dati austriaci ignoti. Lo scultore Timo (Timoteo) Bortolotti nasce in Vallecamonica, a Darfo il 15 giugno 1884. Il padre, Angelo, esperto conoscitore del marmo e della pietra camuna, gestiva cave di pietra simona, porfido e marmo bianco dell’alta Valle. Studia a Lovere ospite in un collegio, ma la sua passione per la scultura lo porta spesso a disertare gli studi normali per dedicarsi a modellare statuine o in fuga verso Milano all’accademia di Brera, dove studia con Cesare Tallone e Leonardo Bistolfi. Il tragico evento nel 1910 della morte prematura della giovane moglie, Irma Laini dopo aver dato alla luce la figlia Alba, evidenzia la sua tendenza all’isolamento, al silenzio ed alla solitudine, avvicinandolo ancora di più all’arte. Se la morte della moglie seguita all’improvvisa scomparsa del padre furono i drammi della sua giovinezza, fu l’esperienza della guerra a temprare il suo carattere alla tenacia ed alla resistenza. Sull’Ortigara si comportò eroicamente cadendo crivellato di colpi per difendere i suoi alpini. Gravemente ferito si trascina dalla parte austriaca sin dentro la linea italiana.

il monumento prima del 1936

accanto a Wildt, Funi e Marussig con i quali fondò una libera scuola d’arte. Nel 1930 vince prestigiosi premi e partecipa per la prima volta alla Biennale di Venezia alla quale parteciperà altre quattro volte. Nel 1937 consegue il Gran Prix all’expo di Parigi unitamente ad Arturo Martini e a Marino Marini. I successi artistici di quegli anni giungono numerosi, con commissioni e monumenti di varia destinazione, tra i quali il più significativo, dopo quello del Tonale (restaurato e completato dopo il 1935 nella nuova collocazione del Sacrario), è quello del Cristo Re di Bienno, una statua bronzea alta nove metri. Continuò ad operare anche nella travagliata situazione della seconda guerra mondiale, contrassegnata dalle pagine di guerra partigiana in Valle. Muore nell’ottobre del 1954 e fu sepolto nella tomba di famiglia nel cimitero di Angolo dove gli vennero tributate commosse e partecipate onoranze come patriota e come artista.

Il Sacrario è di proprietà demaniale dello Stato e sottoposto alla vigilanza del Ministero della Difesa - Commissariato Generale Onoranze ai Caduti in Guerra. Il 14 aprile 1983, con apposita convenzioLo segnarono i lunghi mesi di degenza e contro ne la custodia e la manutenzione del monumento tutte le aspettative dei medici guarì completamen- viene affidata al Comune di Pontedilegno. te. Al suo rientro l’arte diventa sempre più parte della sua vita; si trasferisce a Brescia ed apre uno studio di scultura dove lavorò tra il 1921 ed il 1924 a numerose opere, tra cui la più importante fu il monumento ossario del Tonale e la grande Vittoria Alata. Partecipa alle grandi esposizioni di quegli Panoramica del passo Tonale anni, trasferendosi poi con l’albergo al Monumento con lo studio a Milano 80

www.adamellomagazine.it


www.adamellomagazine.it

81


A cura di Luigi Acampora Ristorante del Castello di Breno (BS)

Casoncelli del Castello di Breno Ingredienti per 4 porzioni:

Per la pasta: • 200 g di farina 00 • 100 g di farina integrale • 1 uovo • 20 g di olio extra vergine di oliva

Per il ripieno: • 60 g di burro della Valcamonica • 200 g di spalla camuna • 200 g di salsiccia di castrato DE.C.O. Denominazione Comunale d’Origine di Breno • 80 g di formaggio grana • 20 g di rosmarino • pane grattugiato q.b. / acqua q.b. / sale q.b.

PROCEDIMENTO Preparare la pasta per i casoncelli. Lasciarla riposare in frigorifero. Bollire la spalla camuna e la salsiccia di castrato. Macinarle al tritacarne. Aggiungere all’impasto il formaggio, il burro, il rosmarino tritato e un po’ di pane grattugiato. Tirare la pasta dei casoncelli e prepararli con forma a piacere. Cuocere in abbondante acqua salata e servire con burro fuso, rosmarino e un pesto di pancetta dolce.

www.adamellomagazine.it

83


A cura dei fratelli Nuri Ristorante Jolly - Ponte di Legno

Tagliatelle Jolly Ingredienti:

Per la pasta:

• 100 g di parmigiano

• 100 g di farina 00

• 50 g di prosciutto crudo

• 2 uova gialle

• 20 g di rucola

• sale q.b.

• 100 g di panna da cucina

• pepe q.b.

• 1 nocciolino di burro

PROCEDIMENTO Unire e amalgamare per 10 minuti farina, uova sale e pepe, per ottenere la pasta. Una volta pronta tagliarla a strisce per ottenere le tagliatelle. Cuocere per 5 minuti. Durante la cottura della pasta preparare il cestino di grana : scaldare a fuoco una padella e quando calda, aggiungere il formaggio grana precedentemente grattugiato. Una volta cotto, adagiarlo in uno stampo per conferirgli la forma desiderata. Per ottenere la salsa, rosolare il prosciutto crudo con il burro, aggiungere la panna, sale e pepe. Decorare con rucola e scaglie di grana.

www.adamellomagazine.it

85


•

A cura dello Chef del Ristorante La Tana Dell’Orso Ponte di Legno

Risotto al bagoss e lumache profumate alle erbette e pancetta. PROCEDIMENTO

Avvolgere le lumache nella pancetta e farle saltare in padella con il burro chiarificato e un mix di erbette tritate finemente fino a doratura della pancetta. Fare il risotto e mantecarlo con bagoss grattuggiato, parmigiano e burro d’alpeggio.

www.adamellomagazine.it

87


A cura dello Chef del Ristorante Cà del Re di Ponte di Legno

Filetto di Maiale con composto di mele e more Ingredienti:

• Filetto di maiale • Burro • Foglia di salvia fresca • Sale • Pepe nero macinato fresco

Per la composta di mele e more: • 250 g. di mele da cuocere tagliate a spicchi sottili • 75 g. di more • 2 cucchiai di zucchero • Succo di mezzo limone • 3 bacche di ginepro

PROCEDIMENTO

Per preparare la composta mettere le mele, le more, lo zucchero, il succo di limone, le bacche di ginepro e 2 cucchai di acqua in una casseruola. Copritela e fate cuocere a fuoco lento fino a quando i frutti saranno teneri. Togliete il coperchio e fate sobbollire fino a quando il liquido sarà evaporato. Togliete la casseruola dal fuoco ma copritela per tenere al caldo la composta. Condite il filetto di maiale con sale e pepe. Fate sciogliere il burro in una grossa padella ed aggiungete il filetto di maiale. Fate cuocere a fuoco medio per 3-4 minuti su ciascun lato fino a quando la carne sarà dorata. Trasferite il filetto in un piatto e lasciatelo riposare nel forno caldo per 5 minuti. Nel frattempo ponete le foglie di salvia nella padella, ancora calde fate friggere per qualche secondo fino a quando saranno croccanti. Servite il filetto con un cucchiaio di composta, completando con foglie di salvia il sugo di cottura della carne. www.adamellomagazine.it

89


a cura di Barbara Martinazzoli e Gabriele Rizzi Ristorante Kro Pontagna di Temù

Crostata di Ricotta, Mandorle e Amaretti Per la Pasta Frolla: • 250gr farina • 120gr zucchero • 100gr burro temperatura ambiente • 1 uovo Ripieno: • 250gr ricotta • 100gr zucchero • 50gr mandorle tritate • 30gr amaretti tritati • 1 uovo • Gelato alla Vaniglia

PROCEDIMENTO

Preparare la pasta frolla e farla riposare in frigor per 30’. Nel frattempo amalgamare con cura tutti gli ingredienti per il ripieno. Quando avete ottenuto un composto ben omogeneo rivestite con la pasta frolla la tortiera, precedentemente imburrata e infarinata,lasciando un bordo sufficientemente alto da poter contenere il ripieno. Cuocete in forno a 180° per 35’ Servite con una pallina di gelato alla vaniglia.

www.adamellomagazine.it

91


92

www.adamellomagazine.it


GLI AIRONI DELL’ALTA VALLE CAMONICA A cura di Ivana Govi

S

alendo da Edolo per inoltrarsi verso l’Alta Valle, poco sopra Incudine, può capitare di scorgere nel cielo un’ampia ombra scura dalla figura inconfondibile. Si tratta di un airone cenerino che si sta dirigendo verso il fiume in cerca di pesci. La figura è elegante, il collo ripiegato a “S” rispetto al corpo e le zampe estese. Il volo rimanda a un’idea di potenza, con lenti e profondi battiti d’ala. Tutto nella norma se non ci trovassimo in Alta Valle Camonica. Gli Aironi cenerini non sono proprio da considerarsi uccelli tipici della nostra zona! Si tratta di uccelli originari delle regioni temperate, oltre che dell’Africa, anche se in estate si possono spingere più a nord lungo le coste norvegesi. In Italia sono ampiamente diffusi, soprattutto lungo i fiumi e nelle risaie del Piemonte e della Lombardia. Hanno una predilezione per le zone lagunari d’acqua dolce. Da noi sono giunti solo una manciata di anni fa e si possono vedere lungo il fiume Oglio verso Stadolina, la zona bassa di Vezza, il laghetto di Incudine o nel primo tratto del torrente Val Grande, che scende dall’omonima valle. Le zone sono strategiche per la caccia poiché si nutrono di pesci, rane, girini, crostacei e insetti acquatici. Ne sanno qualcosa i nostri pescatori che, con grande disappunto, hanno visto in quest’ultimi anni

diminuire il loro pescato avendo c o m e avversario proprio l’airone cenerino. Tuttavia, per la ricerca del cibo, non esitano a percorrere decine di chilometri, raggiungendo così anche la media valle. Non si tratta di una sola coppia, ma bensì di 6/7 coppie che verso la metà di febbraio costruiscono il nido, mentre a marzo le femmine vi depongono le uova. Le uova sono 4/5 per nido e vengono covate per circa 25 giorni. I piccoli sono accuditi da entrambi i genitori che li nutrono per quasi due mesi, ma la maggior parte non raggiunge i sei mesi di vita. I pochi che superano il periodo critico, circa il 30%, possono vivere fino a 25 anni. La presenza degli aironi sul nostro territorio può essere spiegata con il cambiamento del clima che ha portato temperature più miti lungo tutto l’anno. Tuttavia, ci si potrebbe ragionevolmente aspettare che questi uccelli, durante l’inverno, migrino come ad esempio le popolazioni di airone cenerino euroasiatiche. Niente affatto: i “nostri aironi” sono stanziali, vale a dire che rimangono tutto l’anno; tant’è che si vedono sfrecciare anche nei cieli limpidi di gennaio, dimostrando in ciò una grande capacità di adattamento.

www.adamellomagazine.it

93


COOPERATIVA STELLA ALPINA Erminio Faustinelli CONCORSO A SOSTEGNO DI UNA ESPERIENZA FORMATIVA DI STUDIO E LAVORO.

S

i è svolto recentemente il concorso in memoria del socio fondatore Erminio Faustinelli, prematuramente scomparso; Cooperativa Stella Alpina ha coordinato l’iniziativa che è stata concretamente sostenuta anche da altre realtà territoriali nelle quali Erminio si è attivamente adoperato nel corso della sua vita (So.Sv. A.V., Biblioteca Popolare di Pezzo, famigliari e amici di Erminio). Al bando di concorso hanno risposto cinque giovani dell’Unione dei Comuni con progetti che brevemente riassumiamo in ordine sparso: Semestre di studio all’Estero (Edimburgo-Scozia) all’interno del programma Europeo Erasmus+, con partecipazione a corsi in lingua inglese afferenti argomenti di Urbanistica e Ingegneria Civile. Esperienza presso un laboratorio di Bioinformatica a Londra per imparare la lingua inglese e migliorare le competenze già acquisite. Periodo di studio in Irlanda per acquisire padronanza della lingua inglese nell’ottica di un lavoro inerente all’attività turistica in Alta Valle Camonica. Corso di studi “Applied English and Interpreting” ad Edimburgo, si focalizza sul consolidamento delle competenze linguistiche e l’incremento della conoscenza della cultura e società inglese in funzione della professione di interprete. Periodo di studi in Spagna (Madrid ed altre città) per lo studio della lingua e cultura spagnola, oltre alla lingua inglese già appresa in precedenza, in vista dell’iscrizione ad un corso di studi 94

www.adamellomagazine.it

universitario finalizzato allo studio dell’economia per i mercati internazionali. Obiettivo del progetto, oltre all’apprendimento della lingua e della cultura spagnola, è la possibilità di raccontare e descrivere il nostro territorio dell’Alta Valle Camonica, creando uno scambio culturale. Siamo certi di aver interpretato l’idea che Ermino aveva di una società aperta, solidale e attenta ai problemi del territorio e delle persone. Ha sempre sostenuto che si migliora lavorando insieme, unendo le forze e le competenze anche nella diversità delle idee; spesso ci siamo trovati a parlare del futuro della nostra piccola comunità e della necessità di creare opportunità di crescita e di lavoro per tutti, anche per quei giovani che hanno conseguito titoli di studio che poi difficilmente trovano uno sbocco occupazionale nella nostra zona. Grazie a questa iniziativa alcuni giovani potranno vivere esperienze formative lontano da casa, arricchire il loro bagaglio di conoscenza, mettersi alla prova incontrando culture e stili di vita diversi dal nostro. C’è chi è già partito per la destinazione prescelta, altri partiranno a breve, ma ci ritroveremo ad esperienze ultimate per un incontro pubblico durante il quale ci racconteranno del loro progetto, le impressioni di viaggio e quanto di meglio hanno potuto apprendere. Ci piacerebbe replicare con una cadenza biennale e, in tal caso, il regolamento del prossimo concorso andrà a premiare i progetti che uniscono cultura e solidarietà sociale.


SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE a cura del Vice Commissario e Responsabile di Servizio e degli Agenti della Polizia Locale dell’Unione dei Comuni Alta Valle Camonica

I

n questo numero vorrei evidenziare il fenomeno delle truffe e dei raggiri perpetrati nei confronti delle persone più deboli ed in particolare gli anziani. Credevamo tutti che fosse un fenomeno che toccava solo le grandi città ed i centri urbanizzati ma gli episodi accaduti in alta valle purtroppo smentiscono tutto ciò. Successivamente al presentarsi di alcuni episodi incresciosi di truffe nei confronti di alcuni anziani, ci siamo mobilitati utilizzando tutti i mezzi possibili per portare a conoscenza, attraverso un comunicato del tipo di comportamenti da tenere in caso di tentativi di truffa o raggiro, ma a quanto pare non è bastato ed il fenomeno si è ripetuto. Approfitto allora di questo numero della rivista per riproporre il comunicato.

Servizio di controllo pista ciclabile.

www.adamellomagazine.it

95


LINEA PONTEDILEGNO PASSO GAVIA

fino al 27 agosto tutti i martedì e i giovedì € 10,00 a persona

è: Noleggio

Ponte di Legno - Niardo - Passo Tonale

Novità

senza conducente Servizio Bus/Navette Servizio Taxi

MARONI TURISMO Ponte di Legno - Niardo - Passo Tonale Via Roma 46/A - 25056 Ponte di Legno (BS) CALL NOW! Tel. 0364.91045 / 338.2614212 email: info@maroniturismo.it - Maroni Turismo - Ponte di Legno

w w w. m a ro n i t u r i s m o . i t


PAROLA DI PSICOLOGA Rubrica di psicologia a cura della Dott.ssa Laura G. Donati Dott.ssa Laura G. Donati Psicologa clinica, specializzanda in Psicoterapia sistemico relazionale Libera professionista (riceve a Edolo e Braone) Cellulare: 3311687218 Mail: donatidott@alice.it

RICORDIAMOCI

DIRE (anche) “NO”!! DI

Q

uali sono le prime parole che si imparano da bambini? Mamma, papà, pappa… certo! Ma subito dopo si impara a dire NO!! Il “no” è una delle primissime parole che l’essere umano impara a formulare e i bambini piccoli la pronunciano con un orgoglio e una soddisfazione tale che sembra che potrebbe diventare la parola preferita da utilizzare per tutta la vita. Poi però si cresce e spesso, quando si diventa grandi, la maggioranza delle persone preferisce dire sì, anche quando non lo desidera, piuttosto che pronunciare il no, che diventa complicato e imbarazzante. Ci si dimentica della determinazione che ci caratterizzava da bambini quando dice-

vamo “no” e ci abituiamo a dire più “sì”.. a volte anche troppi! Ma tranquilli: a dire no si può imparare di nuovo e sarebbe opportuno che lo facessimo, per il nostro benessere psico-fisico. Non fraintendetemi: non dovete diventare macchine di negativismo che ad ogni richiesta sanno solo rispondere in modo negativo, col rischio di diventare egoisti e egocentrici. Quando dico che bisogna imparare a dire no, mi riferisco a tutte quelle situazioni in cui le persone rispondono passivamente “sì” in maniera automatica facendosi del male, solo perché non ci provano nemmeno a dire no. Ma ricordate che qualche volta dire no è permettere a se stessi di accettare consapevolmente e pienamente la propria libertà: di parola, di ascolto di sé, di scelta. Dire SEMPRE di sì nell’immediato ci procura stima, amore e approvazione da parte degli altri, ma a lungo andare ci crea anche stanchezza, nervosismo, malesseri e malanni vari, senso di perdita di autostima e depressione. Di contro, dire di no al momento provoca sentimenti di rifiuto, di abbandono, di sfiducia da parte degli altri e di derisione, ma col tempo i benefici del no si concretizzano e si traducono in un benessere generale che deriva dalla sensazione di vivere per sé (senza sentirsi egoista) e non per essere sempre al servizio degli altri. Ma allora perché diciamo sempre di sì? Tutto nasce dal nostro bisogno di essere amati, apprezzati, di sentirsi utili, necessari, indispensabili. Ma, dicendo sempre di sì, l’intima necessità di essere amati è soddisfatta solo in modo ingannevole e temporaneo. Per questo, sforzarci di dire di no quando lo sentiamo intimamente, ci permette non solo di essere sereni con noi stessi, ma anche di “selezionare” le nostre relazioni, poiché solo chi ci ama veramente, in modo disinteressato, continuerà a volerci bene nonostante i nostri no. www.adamellomagazine.it

97


98

www.adamellomagazine.it


PONTEDILEGNO SKI SCHOOL È MOUNTAIN EXPERIENCE: VIVERE LA MONTAGNA A 360 GRADI.

N

on solo Sci quindi, ma tante proposte di Sport Estivi Outdoor: Mountain Bike, Golf, Tennis Arrampicata, Nuoto, Nordic Walking, Rafting.

dedicato al divertimento e all’attività fisica per tutti quelli che, durante le vacanze estive, hanno il bisogno ed il desiderio di muoversi, star bene, condividere e crescere insieme ai propri coetanei stando all’aria aperta. Pontedilegno Summer Camp é un programma La nostra palestra? Le splendide montagne del educativo con animazione dove lo Sport é il Comprensorio Pontedilegno Tonale e l’ossigeno tema dominante. dei nostri boschi. P O N T E D I LEG N O

Dedicato ai bambini da 6 a 12 anni , seguiti con attenzione dal nostro staff di professionisti: Insegnanti, pedagogisti, istruttori e simpatici animatori..

Vi daremo la possibilità di sperimentare ed imparare al fianco dei migliori istruttori in ogni disciplina per una fantastica esperienza, Vi aspettiamo !

É possibile personalizzare il programma scegliendo sport o intrattenimento durante tutte le mattine, mentre nel pomeriggio si terranno laboratori didattici e attività ricreative di gruppo. Grazie alla collaborazione con gli amici dell’Hotel Mirella ci sono due sale dedicate esclusivamente ai bambini oltre a tutti i servizi e strutture accessorie di primissimo livello di cui l’hotel dispone. Sport, gioco, amicizia, integrazione, creatività, sensibilizzazione e attenzione ecologica, sicurezza, sono le tematiche fondamentali delle nostre attività. Il Camp multi-sportivo è quindi un momento

www.adamellomagazine.it

99


CANTI

FERRAMENTA - UTENSILERIA ATTREZZATURE EDILI


LA RINASCITA DELL’HOCKEY CLUB PONTE DI LEGNO A cura di Gabriele Santopietro

C

’era una volta l’Hockey a Ponte di legno…negli anni ‘60…poi negli anni‘70…infine negli anni ‘90. Queste epoche hanno visto la nascita ed il successivo letargo di questo magnifico sport. Sí, perché di letargo si parla in quanto, nonostante le varie difficoltà che comportano l’organizzazione, la gestione di una squadra e delle strutture necessarie, l’hockey si è sempre risvegliato! Ricordo, da bambino, la mia prima stecca artigianale: due pezzi di legno attaccati da due piastre di ferro avvitate per creare un attrezzo simile ad una vera e propria stecca da hockey e le ginocchiere in gomma piuma; ricordo la nostra curiosità nel provare qualcosa di nuovo ma, soprattutto, ricordo come, negli anni ‘90, la realtà Hockeistica si sviluppò in modo rapido con il coinvolgimento ed il calore di molte persone. L’Hockey ha sempre avuto un fascino particolare, è sempre stato molto apprezzato e seguito da parte del paese stesso.  Ogni partita al “Pattinaggio Bar Brescia” era una sorta di festa popolare dove il coinvolgimento degli amici, dei parenti, dei simpatizzanti era totale nonostante le rigide temperature di quei tempi. Ogni partita in casa era una piccola festa di paese. Ricordo gli allenamenti serali,  a -10° / -15° C e nonostante ciò si grondava sempre di sudore; ricordo i tanti gol in allenamento ma che battaglia farli in partita! Ho ancora i segni di alcune cariche ricevute! Ricordo con piacere la condivisione delle gioie e delle sconfitte ma soprattutto nel cuore mi è

rimasto come, alla fine di ogni partita, tutto si concludeva con il tradizionale saluto mano contro mano tra le squadre. Nonostante la durezza di questo sport il suo fair play è unico. L’hockey ha il sapore di qualcosa di storico e battagliero. Non so spiegarne il perché ma l’hockey è profondamente appassionante. Ora siamo nel 2016 e tutto questo è per molti un ricordo lontano, per altri non ha mai smesso di esistere continuando a giocare in squadre e campionati amatoriali senior ma, per altri ancora, sta diventano “la curiosità nel provare qualcosa di nuovo”!   Finalmente il letargo è terminato e si è risvegliata la squadra con un seguito di circa 30 bambini.  La ASD HOCKEY CLUB PONTEDILEGNO TEMU’ magicamente ha rimesso in moto la macchina. La bella novità è il pattinaggio artistico con un seguito di circa 40 bambine. E’ impossibile nascondere la nostra gioia ed allo stesso tempo lo stupore nel vedere così tanti bambini coinvolti.  Alle volte da piccole cose nascono forti emozioni e stiamo tutti vivendo un momento elettrizzante.  Viva l’hockey e viva il pattinaggio Artistico. 

www.adamellomagazine.it

101


102

www.adamellomagazine.it


ADAMELLO ULTRA TRAIL TERZA EDIZIONE A cura di Laura Zampatti

L

a spettacolare cavalcata a fil di cielo, disegnata all’interno dei Parchi dello Stelvio e dell’Adamello, si è rifatta il look diventando ancora più bella e spettacolare. Le iscrizioni sono aperte e molte sono le novità che caratterizzeranno la terza edizione dell’ “Adamello Ultra Trail. Sui camminamenti della Grande Guerra”. Chi volesse vivere un fine settimana indimenticabile sui sentieri di confine tra Trentino e Lombardia deve assolutamente tenersi libero l’ultimo week.end di settembre, quando le montagne sono tavolozze di colori ed il bramito dei cervi in amore regala grandi emozioni. Le date da segnarsi in agenda sono quindi il 23.24.25. Andiamo per ordine, la prova lunga, in base agli esiti di una sorta di customer satisfaction fatta tra una ristretta cerchia di aficionados, le migliorie apportate al percorso hanno portato la competizione a una lunghezza di 180km con 11.500 metri di dislivello positivo. Partenza ed arrivo saranno sempre nel centro di Vezza D’Oglio. Il comitato organizzatore ha puntato sulla spettacolarità selezionando nuovi suggestivi passaggi

e togliendone altri che logisticamente non risultavano essere otttimali. Se la prova principe ha subito alcune migliorie di percorso, quella da 70 km è cresciuta in sviluppo, fascino e dislivello. Partirà questa volta dalla piazza di Pontedilegno e terminerà a Vezza D’Oglio. Ora i km da percorrere saranno 80 e i metri in salita 5700. Guai quindi a definirla gara di contorno. Visto il positivo esito della collaborazione iniziata nel 2015, continua e si rafforza la partnership Rosa Associati con una 30TRail che si prefigge di diventare il punto di riferimento per gli stradisti in Alta Valle Camonica. Anche qui importanti novità con la gara che graviterà totalmente su Pontedilegno con linea di partenza ed arrivo poste nella suggestiva location di Piazza XXVII Settembre. Per ora il primo importante risultato è che il numero delle adesioni ha già superato quello raggiunto nell’edizione del 2015.

www.adamellomagazine.it

103


                



                                             









                                                

   

    

                                 

 



    



   

 

    

 



     



     



       



    







    











  

 

 

 

    

 

   

 

       

 

 

                                                       





 

 



 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

    

      

 

 

 



 

   

 



 



    

  















   

    

    





    

                

 


























 

 



 

 

 

 

 

 


rossogranato - ponte di legno

PONTE DI LEGNO - ISOLA PEDONALE


倀伀一吀䔀䐀䤀䰀䔀䜀一伀 

 ㌀㘀㐀ⴀ㤀㄀㌀ ㄀

䤀  一伀匀吀刀䤀  唀䘀䘀䤀䌀䤀

倀䄀刀吀䔀一娀䄀 䌀䄀䈀䤀一伀嘀䤀䄀 ㌀㘀㘀㐀㤀㠀㤀㘀㐀㈀

倀䄀匀匀伀 吀伀一䄀䰀䔀  ㌀㘀㐀㤀 ㌀㤀㐀㌀ 猀挀甀漀氀愀猀挀椀瀀漀渀琀攀琀漀渀愀氀攀⸀挀漀洀

Profile for Adamello Magazine

Adamello magazine 15 - Estate 2016  

Adamello magazine 15 - Estate 2016  

Advertisement