Page 1

Contiene I.P. ISSN 1120 - 7884

■ SPECIALE POSA 2018

Social: cerca “MaterialiCasa” •MaterialiCasa.com

PIASTRELLE DI CERAMICA - PARQUET - MATERIALI PER LA POSA - ARREDOBAGNO - FINITURE D’INTERNO


“ NIENTE È PIÙ VISIBILE

DI CIÒ CHE È NASCOSTO Confucio

buzon-world.com

TRE DECENNI DI INNOVAZIONE 30 anni di innovazione e quattro generazioni di supporti per una infinità di soluzioni. Il nostro team è al vostro fianco per realizzare al meglio il vostro progetto, ovunque nel mondo. Qualsiasi sia la pavimentazione prescelta.

Email : info@buzon-south-europe.com Phone : +39.041.5746262 +39.335.6163914


NOVIT 2 PROÀ ASSOLUT DOTT A I IN 1

!

Fugapox Style Industria 4.0

Resina epossidica bicomponente ad elevate prestazioni per incollare e sigillare in maniera strutturale, pavimenti e rivestimenti nel settore industriale e residenziale. Specifico su grandi aree commerciali, uffici, impianti sportivi, fabbriche, grandi aziende e superfici di ogni genere.

Opera è un’azienda in grado di offrire soluzioni all’avanguardia nei materiali per l’edilizia. Continui investimenti in sperimentazione e ricerca permettono costanti miglioramenti nella famiglia degli adesivi epossidici.

PRINCIPALI VANTAGGI DEGLI ADESIVI EPOSSIDICI DI OPERA • Impermeabile

• Alta pulibilità

• Consolidante

• Resistenza all’usura e all’attività meccanica

• Strutturale

• Eccellente resistenza chimica

• Ottima adesione

• Ottima capacità riempitiva

• Elevate prestazioni a flessione e compressione

• Previene le rotture da fatica distribuendo le tensioni

• Antipolvere

• Ultra flessibile

NESS UNA M AN SUL F UTENZION ONDO E !

29

GAMMA CROMATICA

30

31

Caratteristiche

Modalità di applicazione

Consumi

Catalisi 24/48 ore Grana fine Antimuffa antibatterico Resistenza a temperatura da -40°C a +90°C Resist. a compres. a 28 gg (EN12808-3) 40N/mm2 Resist. all’abrasione (EN12808-2) 700mm3 Riduce i tempi di cantiere Unisce strutturalmente

Spatola dentata Spatola liscia Spatola in gomma

vedi calcolo dei consumi: www.opera-adesivi.it

Certificazioni

IMPERMEABILE

TEMPO APERTO ALLUNGATO

INTERNI/ESTERNI

ANTIMACCHIA

ANTIACIDO

ANTIMUFFA

CHEMICAL RESISTANT

Conta ct I nfo rm at i o n Address: Via degli Scavi, 19/21 47122 Forlì Italia

Phone: +39 0543_720093 Fax: +39 0543_796016

Website: www.opera-adesivi.it Mail: info@opera-adesivi.it


www.progressprofiles.com

Il sistema che rivoluziona l’ambiente doccia.

PROSHOWER SYSTEM PROSHOWER SYSTEM è un sistema innovativo che coniuga funzionalità e design per soddisfare, con un’ampia e versatile gamma di soluzioni, ogni specifica esigenza in fatto di “ambiente doccia”. Pratico, veloce e in sintonia con i moderni stili d’arredo, mette in gioco componenti e finiture di primissima qualità: la membrana PROFOIL per un’impermeabilizzazione totale e un’elevata adesione al supporto; il pannello PROSHOWER

PANEL per una perfetta inclinazione abbreviando i tempi di posa; i profili della linea PROSHOWER PROFILE per rifinire il perimetro del piano doccia e sostenere il vetro protettivo e infine il PROSHOWER, in diverse lunghezze e griglie di finitura in acciaio inox, per evitare ristagni e donare un tocco di design contemporaneo.

100 cm

90 cm

80 cm

39 - 3/8” 35 - 7/16” 31 - 1/2”

70 cm 60 cm

60 cm 70 cm

80 cm 90 cm

27 9/16”

24”

31 - 1/2” 35 - 7/16” 39 - 3/8”

24”

100 cm

39 - 3/8”

100 cm

35 - 7/16”

90 cm

31 - 1/2”

80 cm

27 - 9/16”

70 cm

24”

60 cm

PROSHOWER PANEL

27 9/16”

PROSHOWER PANEL

PROSHOWER BASE 100 // 39-3/8” PROSHOWER BASE 90 // 35-7/16” PROSHOWER BASE 80 // 31-1/2” PROSHOWER BASE 70 // 27-9/16” PROSHOWER BASE 60 // 24”

PROSHOWER

PROSHOWER PROFILE FRONT

PROSHOWER PROFILE WALL

PROSHOWER PROFILE WALL

PROSHOWER BASE

PRO FILES & SYS TEMS

Progress Profiles SpA

Azienda certificata UN EN ISO 9001:2008

GET IT ON

Erhältlich bei

PROSHOWER PANEL

PROFOIL


TILE ITALIA 1/2018

TILE ITALIA È PUBBLICATO DA: Tile Edizioni S.r.l. Capitale Sociale: Euro 51.400,00 R.E.A. 329775 Periodico bimestrale registrato presso il Tribunale di Reggio Emilia al n. 751 in data 20/10/89 Iscrizione al ROC n. 9673 SEDE LEGALE ED OPERATIVA: Tile Edizioni S.r.l. Via Fossa Buracchione 84 41126 Baggiovara (Modena) - Italy Tel. +39 059 512 103 - Fax +39 059 512 157 info@tiledizioni.it - www.materialicasa.com DIRETTORE RESPONSABILE: CHIARA BRUZZICHELLI - c.bruzzichelli@tiledizioni.it

© 1989 Tile Italia COLLABORATORI: Sara Falsetti Paola Giacomini Sabino Menduni Sabrina Tassini Segreteria: info@tiledizioni.it Progetto grafico: Sara Falsetti

RICEVERE TILE ITALIA: Una copia: Euro 4

PUBBLICITÀ: TILE EDIZIONI • Paola Giacomini • Elisa Verzelloni Tel. +39 059 512 103 Fax +39 059 512 157 p.giacomini@tiledizioni.it e.verzelloni@tiledizioni.it • Alberto Tolomelli +39 335 594 8681 a.tolomelli@tiledizioni.it

ABBONAMENTI: FOTOLITO: www.tiledizioni.it/subscription Vaccari Zincografica • Annuale: € 60 Via E. Salgari, 61 - 41126 Modena • Annuale estero: € 80 • Biennale: € 80 STAMPA E CONFEZIONE: • Biennale estero: € 110 Faenza Printing Industries SpA • Annuale online: € 50 Via Vittime Civili di Guerra 35 48018 Faenza (RA) L’abbonamento decorre dal mese di distribuzione. Tariffe speciali per gli abbonamenti collettivi sono disponibili su richiesta Conto Corrente Postale 20026415 intestato a Tile Edizioni srl. Spedizione in abbonamento postale presso la Filiale di Modena. L’IVA sugli abbonamenti, nonché sulla vendita dei fascicoli separati, è assolta dall’Editore ai sensi dell’art 74 primo comma lettera C del DPR 26.10.72 N. 633 e successive modificazioni.

Tutti i diritti di riproduzione e traduzione degli articoli pubblicati sono riservati. E’ vietata la riproduzione anche parziale senza l’autorizzazione dell’Editore. Manoscritti, disegni, fotografie e altro materiale inviato in redazione, anche se non pubblicato, non verrà restituito. L’Editore non accetta alcuna pubblicità in sede redazionale. I nomi, le aziende e i prezzi eventualmente pubblicati sono citati senza responsabilità a puro titolo informativo per rendere un servizio ai lettori. La Direzione non assume responsabilità per opinioni espresse dagli autori dei testi redazionali e pubblicitari. Tile Edizioni srl, in conformità al “testo unico sulla privacy”, garantisce agli abbonati la riservatezza dei dati usati per gli abbonamenti e per gli scopi tipici della stampa tecnica e la possibilità di modificarli o cancellarli (art. 7 del D.L. 196/2003) a mezzo richiesta scritta.

ADVERTISING

Informazioni


Sommario

TILE ITALIA 1/2018

10

9 -

Editoriale Mondo delle costruzioni “ostaggio” della PA

Cantiere del mese 52 - Spaziocontinuo per scale e gradini 56 - Più forti del terremoto

10 - FOTOnotizie “Corrispondenza”, ceramica per Campari 12 - TileNews Mercato immobiliare 24 - Nomisma: 3° Rapporto 2017

Luca Dondi Dall’Orologio

28 - 2018: opere pubbliche traino della ripresa XXV Rapporto CRESME 32 - Statistiche Confindustria Ceramica, i dati 2017

SPECIALE POSA - ASSOPOSA: una crescita “lenta ma inesorabile” - Primo Bilancio di Sostenibilità di Mapei - Museo Raimondi - Profoil… e la piscina è pronta! - Buzon Pedestal festeggia il trentennale 80 - Schlüter-Systems per il Centro Porche Bologna 84 - FILASolutions per Villa Manta in Sardegna 88 - La parola ai Produttori 60 64 68 72 76

Il Bagno 34 - Una “panoramica” sul mondo del bagno by Centro Studi FederlegnoArredo 38 - I 20’anni di GranTour Bagno

38 60

Obiettivo vendita 42 - Mielemas – Corigliano Calabro (CS) 46 - Quartarella – Altamura (BA)

68

In copertina: Mapei e Mosaico+

Lara Bezzecchi

76


LIVELLA CON FACILITÀ E VELOCITÀ, ANCHE LASTRE DI GRANDE FORMATO.

Klic Level

Per livellare piastrelle di diversi spessori e formati, nascono Klic Level e Protiler: cilindri tiranti con disco antigraffio e cunei livellanti di ultima generazione. Facili: elementi semplici e innovativi, riutilizzabili più volte. Efficienti: risultati perfetti con tempi di lavoro più rapidi.

Protiler

Profilpas Spa Via Einstein 38, 35010 Cadoneghe (PD) - Tel. +39 049 8878411 - Fax. +39 049 706692 - info@profilpas.com - www.profilpas.com


LA PIÙ COMPLETA LINEA DI ATTREZZATURE PER LA POSA DI LASTRE CERAMICHE DI GRANDE FORMATO

raimondispa.com

LIVELLAMENTO

TAGLIO

POSA

MOVIMENTAZIONE

LIVELLAMENTO


Editoriale

Mondo delle costruzioni “ostaggio” della PA Il 2017 si è chiuso con una Produzione industriale mediamente in crescita del 3%, la migliore da sette anni. Si tratta del terzo anno di crescita che segue il +1,6% del 2016 sul 2015 quando, per la prima volta dal 2011, l’esercizio era tornato a chiudersi con un segno positivo (+1%). Nel 2017 il Fatturato dell’industria, corretto per gli effetti di calendario, è aumentato in valore del 5,1%. Il dato sul fatturato più alto dal 2011, quando aveva segnato +6,8%. Gli ordini mostrano un deciso incremento congiunturale (+6,5%) e tendenziale (+6,9%) non solo sul mercato estero (+5,1%) ma anche interno (+7,6%). Mancata ripresa, invece e ancora, per il mondo delle Costruzioni: il preconsuntivo per il 2017, pubblicato il 21 febbraio da Ance nel suo Osservatorio Congiunturale, calcola un ammontare complessivo degli investimenti leggermente inferiore all’anno precedente (-0,1%). Analizzando il dettaglio dei singoli comparti, salta poi all’occhio come, ad incidere pesantemente sul risultato sia ancora una volta la dinamica negativa delle Opere pubbliche (-3% sul 2016). Ma come è possibile? Ma nel 2016 non erano state stanziate “cospicue somme” (+72%) proprio per il settore delle Opere Pubbliche? Non era anche stato previsto il “superamento del patto di stabilità interno per favorire gli investimenti degli enti locali”? «Questi sforzi – rileva Ance – sono stati azzerati dall’inefficienza della PA» peraltro la performance peggiore è proprio quella dei Comuni che, nel 2017, hanno ridotto la spesa in opere pubbliche di circa

di Chiara Bruzzichelli

800 milioni (-7,4%). Sempre dall’Osservatorio Congiunturale Ance si apprende che gli investimenti in Riqualificazione del patrimonio abitativo continuano nel trend positivo “traino” del settore, ma che restano negativi gli investimenti in Nuova edilizia abitativa (-0,7%). La ricerca rileva anche «un aumento delle compravendite (+4,5% nei primi nove mesi del 2017) e dei permessi a costruire per abitazioni (+11,7% nei primi sei mesi 2017) il cui numero rimane comunque bassissimo, ai livelli del 1936.» Per il 2018 le previsioni Ance sono positive, di “svolta”: la crescita degli investimenti complessivi in termini reali è data al +2,4%, in rialzo rispetto al +1,5% previsto nella precedente edizione dello stesso Osservatorio, luglio 2017. La crescita è dovuta, di nuovo, al prolungamento degli incentivi per la Riqualificazione del patrimonio abitativo (+1,3%), peraltro arricchiti dai sismabonus; in positivo anche gli investimenti in Nuove abitazioni (+2,8%), grazie ai buoni andamenti rilevati nei permessi a costruire rilasciati nell’ultimo biennio. Significativo l’incremento del 3,7% per il comparto delle costruzioni non-residenziali private, generato da un ciclo economico più favorevole. Resta ancora il dato sulle Opere pubbliche, comparto per il quale, però, Ance prevede finalmente un +2,5%, presupponendo che le misure di sostegno degli investimenti possano finalmente produrre i primi effetti e che gli Enti Locali, assimilate le nuove regole, siano in grado di riprendere una politica degli investimenti stabile e regolare.

www.MaterialiCasa.com | info@materialicasa.com


FOTOnotizia

FOTOnotizia

FOTOnotizia

FOTOnotizia

FOTOnotizia

FOT


TOnotizia

“CORRISPONDENZA”, CERAMICA PER CAMPARI 

 Una collezione ceramica come attrice non protagonista del nuovo short movie C ampari , regia Stefano Sollima, “The Legend of Red Hand”. Si tratta dell’iconica “Corrispondenza”, disegnata dal duo creativo Emiliano Salci e Britt Moran di Dimore Studio per Ceramica Bardelli, presentata in anteprima a Cersaie 2017 e ora scelta come sfondo caleidoscopico di colori, raffinato ed elegante, alle vicende del misterioso “Red Hand”, spiccando per la sua elegan-

FOTOnotizia

FOTOnotizia

za e design made in Italy. “Corrispondenza” è una collezione da rivestimento e pavimento, prodotta in gres bianco smaltato a finitura opaca, proposta in 7 decori pennellati a mano e forniti miscelati. Completa la collazione, una gamma di 6 tinte unite coordinate ai decori. Le piastrelle, disponibili nel formato 20x20cm e spessore 7mm, differiscono piacevolmente le une dalle altre ad esaltarne personalità ed unicità.

FOTOnotizia

Tile Italia 1/2018 - 11


TileNews

TileNews: il filo diretto con le aziende OSSERVATORIO ANGAISA: +4,05% LE VENDITE 2017 Rispetto al 2016, i fatturati dei distributori idrotermosanitari monitorati dall’Osservatorio Vendite Mensili ANGAISA hanno fatto registrare nel 2017 un incremento pari al +4,05%. Questi i risultati consolidati dello strumento che l’Associazione realizza ormai da anni, raccogliendo ed elaborando i dati di vendita mensili di un campione rappresentativo delle aziende distributrici associate. Sono 114 le aziende associate che collaborano alla realizzazione dell’Osservatorio Vendite; nel 2017 il fatturato censito del campione è stato di circa 2,4 miliardi di euro, pari a quasi il 60% del totale del fatturato 2016 dei distributori associati ANGAISA. Il fatturato relativo al 4° trimestre 2017 ha fatto segnare un +5,80% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Ricordiamo che il 2016 si era chiuso con un incremento dei fatturati del campione pari al +6,72%, rispetto al 2015. Tutte le aziende distributrici associate che contribuiscono alla realizzazione dell’Osservatorio, fornendo i propri dati, ricevono un aggiornamento mensile sull’andamento vendite a livello nazionale e, se attivo, anche quello relativo alla propria area geografica. Per informazioni: mercato@angaisa.it

COTTO D’ESTE E LA NUOVA SEDE DI FELSINEO VEG L’intervento di riqualificazione e recupero della sede Felsinea Veg, struttura degli 12 - Tile Italia 1/2018

anni ’70 situata alle porte di Bologna, è stata curata, volgendo particolare attenzione alla sostenibilità dell’edificio e al suo adeguamento energetico e sismico, dall’architetto Ivanoe Castori, SIC Architetture. L’architetto, nella scelta dei materiali da rivestimento interno ed esterno, ha scelto le superfici Cotto d’Este, selezionate sia per la loro estetica sia per gli alti standard qualitativi e ambientali, rispondenti alle esigenze e al concept dell’architettura. Il rivestimento esterno dell’edificio è stato interamente realizzato con facciate ventilate a cappotto, utilizzando Kerlite 5plus, spessore 5,5 mm 100x300 cm della collezione Cluny; mentre per la pavimentazione interna degli uffici sono state scelte le lastre della collezione Materica, sempre in Kerlite 5plus, 100x300cm dotate della tecnologia antibatterica Protect. Ad arricchire e definire l’ambiente della sala riunioni, una parete realizzata con Ritmi della collezione Wonderwall: lastre in Kerlite di grandi dimensioni (100x300cm) sottili, leggere, e decorate con grafismi, disegni inediti, suggestioni e motivi ornamentali che uniscono la bellezza e il valore ornamentale tipici della carta da parati alle qualità del gres porcellanato laminato ultrasottile.

MACCHINE MOVIMENTO TERRA: +18,1% NEL 4° TRIMESTRE 2017 L’Osservatorio vendite macchine e impianti per le costruzioni del CRESME, promosso da Cantiermacchine-Ascomac, registra nel 4° trimestre 2017 un ulteriore forte segnale: il mercato interno di macchine movimento terra e lavori stradali, con 4.803 macchine vendute o destinate alle flotte noleggio, cresce rispetto alle vendite realizzate nel 4° trimestre 2016 del +18,1% e si attesta come il trimestre più considerevole degli ultimi 7 anni. La netta ripresa del mercato, avviatasi nel 1° trimestre 2014 e proseguita costantemente nel corso degli ultimi 4 anni, ha comportato un deciso recupero del mercato perso durante la crisi. La totalizzazione dei dati trimestrali raccolti nel 2017, pari a 12.769 macchine vendute o destinate alle flotte noleggio, cresce del +15,0% rispetto al 2016, del +39,9% rispetto al 2015, ma supera anche del +18,9% le vendite/noleggi registrati nel 2011, anno in cui erano state rilevate 10.741 macchine.

SALUTE&FORMAZIONE FLORIM: “LA SALUTE VIEN MANGIANDO… DI TUTTO, UN PO’” Si è recentemente svolto presso la sede Florim, all’interno del progetto “Incontri della Salute” nato dalla collaborazione tra l’azienda e l’Ospedale di Sassuolo per accrescere nel territorio la cultura della prevenzione, l’incontro “La salute vien mangiando…di tutto, un po’”. Un titolo inequivocabile che si è posto l’obiettivo di riconciliare dieta onnivora e vegetariana ricorrendo alla competenza di tre i relatori che hanno illustrato i potenziali danni causati da una scorretta informazione alimentare: il dott. Luigi Scordamaglia - Presidente Federalimentare e CEO Inalca -, la dott.ssa Cristiana Ricciul-


li – Medico Nutrizionista specializzata in trattamenti omeopatici e fitoterapici – e, quale moderatrice, la dott.ssa Marcella Camellini – Dirigente Medico dell’Unità Operativa di Cardiologia dell’Ospedale di Sassuolo. Gli incontri del programma Salute & Formazione sono gratuiti ed aperti a tutti: per partecipare basta preregistrarsi via mail a saluteformazione@florim.com oppure telefonicamente allo 0536/840111. Le attività del Centro Florim salute & formazione sono un modello unico in Italia ed Europa che coniuga cultura industriale e cultura sanitaria promuovendo anche formazione e simulazione medica avanzata per gli operatori di due importanti strutture sanitarie locali, l’Ospedale di Sassuolo e l’Ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia.

GRUPPO ROMANI AL SIGEP 2018

SANMARCO-TERREAL HA ACQUISITO PICA

Il Gruppo Romani, con i suoi brand Serenissima e Cir, ha partecipato alla 39° edizione di SIGEP - Salone Internazionale di Gelateria, Pasticceria, Panificazione Artigianale e Caffè - dedicata agli operatori professionali di tutto il mondo, che si è svolto a Rimini dal 20 al 24 gennaio. La collezione Canalgrande di Serenissima e Havana di CIR hanno fatto da cornice alle aree espositive Best.cold (http://www.bestcoldarredamenti.com) accompagnando i visitatori alla scoperta delle ultime proposte dell’azienda, con sede in provincia di Pesaro, specializzata nella progettazione e realizzazione di arredamenti bar, gelateria, pasticceria, gastronomia, panetteria, alimentari e pubblici esercizi. Canalgrande, che riproduce l’eleganza e la purezza del marmo bianco, è stata scelta nella versione Diamonds e formato 40x80 cm, caratterizzata da geometrie tono su tono che intrecciano le venature tipiche del materiale d’ispirazione. Della collezione Havana, ispirata alla tradizione della capitale cubana, Best.cold ha utilizzato la variante Floridita Blu 20x20 cm (nella foto).

SanMarco-Terreal Italia, appartenente alla multinazionale Terreal leader mondiale nella produzione e commercializzazione di laterizi, ha formalizzato l’acquisizione di Pica, storica azienda pesarese. L’acquisizione di Pica, portata a termine dopo un periodo di affitto di ramo d’azienda, rientra nella strategia di crescita di SanMarco volta ad aumentare la propria competitività con un’offerta sempre più ricca di prodotti estrusi da pavimento e rivestimenti. L’unione tra le due realtà sarà in grado di generare un fatturato stimato intorno ai 10 milioni di euro già nel 2018, impiegando complessivamente a tempo pieno circa 60 persone. Commentando l’acquisizione, Fernando Cuogo, direttore generale di SanMarco Terreal Italia, ha dichiarato: “Il mercato dei laterizi in Italia non ritornerà mai più quello di 10 anni fa; è quindi necessario concentrare e razionalizzare l’offerta. L’acquisizione di Pica risponde a questa esigenza permettendoci di aumentare ed equilibrare la nostra presenza nel territorio domestico.”

COMMERCIO ESTERO: EXPORT 2017 +7,4% Istat rileva che, nel 2017, le esportazioni italiane sono crescite, rispetto al 2016, del 7,4% in valore e del 3,1% in volume. L’istituto di statistica aggiunge che a crescere sono state anche le importazioni con +9% in valore e +2,6% in volume. L’espansione dell’export è da ascrivere a entrambe le aree di sbocco: +8,2% per i paesi extra Ue e +6,7% per i paesi Ue. L’avanzo commerciale ha raggiunto i 47,5 miliardi (+81 miliardi al netto dell’energia). Tile Italia 1/2018 - 13


TileNews

NUOVA SEDE PROFILITEC Roderick Egli, presidente di Profilitec, produttrice di profili, giunti e sistemi di posa per pavimenti che, negli anni Ottanta, fu la prima a promuovere profili specifici nel settore della ceramica, ci racconta che: «Archiviato il 2017 con una crescita a doppia cifra, Profilitec SpA grazie ai volumi in continuo aumento e ad un costante allargamento della gamma prodotti, da gennaio ha una nuova “casa”». L’azienda ha infatti acquisito un nuovo polo logistico e produttivo che, grazie agli spazi più che raddoppiati rispetto alla situazione precedente, le permetterà di continuare il processo di crescita e sviluppo, iniziato nel lontano 1966 e che oggi la vede come protagonista nei principali mercati internazionali. Il Presidente Roderick Egli continua: «Abbiamo sempre considerato un valore la localizzazione in Italia dell’azienda che, in questa occasione di ampliamento della sede, si sposta solo di alcuni chilometri, rimanendo nella provincia di Vicenza, con precisione ad Isola Vicentina, in via Scotte 3, mantenendo così inalterato il know-how accumulato negli oltre 50 anni di vita dell’azienda. Dopo l’apertura da luglio del 2016 della filiale americana Profilitec Corp. a Plattsburgh nello stato di New York, questo è il secondo tassello fondamentale per il rafforzamento e la crescita di Profilitec. Siamo un’azienda dalla forte vocazione internazionale, ma questo investimento dimostra il nostro legame con l’Italia ed il suo sistema produttivo, da sempre fucina di innovazione tecnologica e di design riconosciuti ed apprezzati in tutto il mondo».

14 - Tile Italia 1/2018

COOP. IMOLA CRESCE SUI GRANDI FORMATI A fine della scorsa estate è entrata in funzione la nuova linea Continua+ di Cooperativa Ceramica d’Imola. Un nuovo impianto che si è aggiunto alle due linee Continua già in funzione e dedicate alla produzione di materiale tecnico nel formato massimo 120x120cm per i marchi Imola e Leonardo. Il nuovo impianto risponde alla necessità di aumentare la capacità produttiva sui grandi formati, ampliando ulteriormente le dimensioni del prodotto fino alle lastre di 120x260 cm come quelle presentate a Cersaie. «La domanda del mercato si sta spostando su formati dal 120 cm in su - commenta Stefano Bolognesi, presidente Imola Ceramica -. Si tratta però di una domanda piuttosto segmentata, che spazia dal 60x120cm (a mio avviso il formato centrale), al 120x120, fino alle grandi lastre di oltre due e tre metri. È una domanda anche sempre più customizzata, che impone all’industria ceramica di uscire dalla logica della standardizzazione sviluppando proposte personalizzate sia per il mondo della progettazione sia per il residenziale. Tutto questo in un mercato della distribuzione specializzata, almeno in Europa, non più disposto a sobbarcarsi i costi del magazzino, ma che tuttavia richiede risposte immediate. Il nostro mercato di riferimento si sta trasformando, ma l’industria ceramica italiana sta dimostrando di stare al passo dei cambiamenti, oltre che di saper creare la domanda e sollecitare quella inespressa. Non è un punto d’arrivo ma un work in progress».

PIL ITALIA 2017: +1,4% Nella media del 2017 il Pil è aumentato dell’1,4% rispetto all’anno precedente. Lo rileva l’Istat nella prima stima sulla crescita in termini grezzi, basata su dati trimestrali. Il dato definitivo, diffuso il 1 marzo, potrebbe confermare le previsioni del Governo che indicano un +1,5%. Quanto al dato corretto per gli effetti di calendario segna un rialzo dell’1,5% (nel 2017 ci sono state due giornate lavorative in meno del 2016). Nel quarto trimestre del 2017 il Pil è aumentato dello 0,3% sul trimestre precedente e dell’1,6% su base annua. Lo rileva l’Istat diffondendo la stima flash sugli ultimi tre mesi dell’anno scorso. Il livello del Prodotto interno lordo (Pil) è ancora sotto i valori pre-crisi. Nonostante la ripresa in atto siamo ancora indietro del 5,7% raffrontando il quarto trimestre del 2017 al primo trimestre del 2008, quando si raggiunse il picco.

TE.SI. WINTER DI COTTO POSSAGNO Dalla ricerca e sviluppo di Industrie Cotto Possagno nasce il sistema di copertura Te.Si. Winter, la nuova generazione di coppi e tegole, idonea ad essere impiegata in condizioni climatiche estreme. La gamma Winter vince il gelo, il peso della neve, la forza degli agenti atmosferici: la sua forza di resistenza ha ottenuto la certificazione TUV. Grazie alla doppia onda con ampio canale di scorrimento, la copertura garantisce un’elevata tenuta all’acqua, mentre le soluzioni tecniche adottate (quadruplo sormonto), consentono una perfetta chiusura anche nella convergenza tra più elementi. Te.Si. Winter assicura inoltre velocità di posa grazie al suo montaggio per file orizzontali o verticali.


TileNews

FONTANOT HA CELEBRATO I 70 ANNI “C’era una volta una falegnameria nel cuore di Rimini con tante scale in legno. E degli artigiani che le costruivano pezzo per pezzo e di ogni tipo: piccole, basse, alte, allungabili e smontabili.” Per celebrare il 70° anniversario di attività l’azienda, fondata da Enzo Fontanot e che ha segnato la storia del comparto a livello internazionale contribuendo all’industrializzazione del prodotto, ha scelto di sostenere le popolazioni del centro Italia colpite dal sisma del 2016 elargendo una donazione per la ricostruzione del Comune di Amatrice. Alle celebrazioni del 70° anniversario, svoltesi presso la falegnameria Fontanot, oltre al Sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, è intervenuto l’architetto Stefano Boeri, a sua volta impegnato nel progetto di ricostruzione della cittadina laziale e che aveva scelto le scale Fontanot per istallarle nel suo Bosco Verticale vincitore, nel novembre 2014, dell’International Highrise Award e dichiarato “il grattacielo più bello del mondo”. Oggi Fontanot ha 200 dipendenti e fattura 30 milioni di euro, di cui il 70% all’estero, soprattutto sui mercati di Francia, Spagna, Germania, Inghilterra e USA. L’azienda, che ha uno spazio espositivo presso il prestigioso Building Centre di Londra, negli anni ha allargato la produzione a collezioni di ringhiere e balaustre Railing e di finestre Fontanot che hanno conquistato il mercato sia residenziale che contract.

NUOVO DIRETTORE COMMERCIALE PER RUBINETTERIE STELLA Federica Nobili è il nuovo direttore commerciale di Rubinetterie Stella. Laureata in Bocconi in Economia Aziendale e Management con specializzazione in legislazione d’impresa, Federica Nobili
ha affinato le proprie competenze per tre anni nel campo della finanza 16 - Tile Italia 1/2018

aziendale in due importanti studi a Milano Mapei è Socio Fondatore dell’Accademia e a Novara. Quindi ha fatto ingresso in Nazionale di Santa Cecilia, tra le più antiRubinetteria Stella dove ha coperto brilche istituzioni musicali al mondo. lantemente il ruolo di brand manager fino Non ultimo, Mapei sostiene diverse coad assumere la carica di Direttore Communità che si prendono cura dei giovani merciale e Marketing. con disagi fisici e psicologici, come la Le“Sono onorata ­­ di assumere questo ruoga del Filo d’Oro, la Cascina don Guanello che per me rappresenta una sfida imla e la Fondazione Arché. portante. Dovremo infatti in primo luogo consolidare i risultati conseguiti negli ultimi anni dall’affiatato team Stella e puntaL’Eterno e il Tempo tra Michelangelo re, in tempi brevi, a riappropriarci a pieno e Caravaggio titolo dello standing di rubinetteria di riferimento nel settore del lusso.”
 Mostra ideata e promossa dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e organizzata da Civitas Srl in collaborazione con il Comune di Forlì

Orario di visita da martedì a venerdì: 9.30-19.00 sabato, domenica, giorni festivi: 9.30-20.00 La biglietteria chiude un’ora prima. Lunedì chiuso. 2, 23 e 30 aprile apertura straordinaria. Modalità di visita La visita è regolamentata da un sistema di fasce orarie. La prenotazione è obbligatoria per gruppi e scuole ed è consigliata per i singoli

Forlì, Musei San Domenico Piazza Guido da Montefeltro 10 febbraio - 17 giugno 2018 Direzione generale Gianfranco Brunelli Mostra a cura di Antonio Paolucci Andrea Bacchi Daniele Benati Paola Refice Ulisse Tramonti

Progetto di allestimento a cura di Studio Lucchi e Biserni, Forlì Wilmotte et Associés, Parigi Mostra in collaborazione con FEC – Fondo Edifici di Culto, Roma Museo e Real Bosco di Capodimonte, Napoli Musei Vaticani, Città del Vaticano Polo Museale Emilia Romagna - Pinacoteca Nazionale, Bologna

Il biglietto comprende le radioguide (obbligatorie per i gruppi) e le audioguide (disponibili anche in inglese; versione speciale per bambini)

Informazioni e prenotazioni mostra tel. 199.15.11.34 Riservato gruppi e scuole tel. 0543 36217 mostraforli@civita.it www.mostraeternoeiltempo.it Orario call center dal lunedì al venerdì 9.00-18.00 sabato 9.00-12.00; chiuso nei festivi

Mostra e Musei della città Biglietto integrato (mostra, Pinacoteca Civica e Palazzo Romagnoli) Intero € 14,00 Ridotto € 12,00

Alberghi, ospitalità e visite al territorio Romagna Fulltime tel. 0543 37 80 75 - cell. 389 58 24 286 turismo@romagnafulltime.it www.romagnafulltime.it Cervia Turismo tel 0544 724 24 info@cerviaturismo.it www.cerviaturismo.it Come arrivare a Forlì in auto: autostrada A14 da Bologna e da Rimini, uscita Forlì; strada statale n. 9 (via Emilia) in treno: principali collegamenti con il Nord e Sud Italia attraverso le linee Milano-Bologna-Ancona e Milano-Bologna-Firenze-Roma www.trenitalia.com main partners

Biglietti Intero € 12,00 Ridotto € 10,00 per gruppi superiori alle 15 unità, minori di 18 e maggiori di 65 anni, titolari di apposite convenzioni, studenti universitari con tesserino, visitatori con biglietto della mostra I Carracci tra natura e storia di Bologna Speciale € 5,00 per scolaresche delle scuole primarie e secondarie, bambini dai 6 ai 14 anni Biglietto speciale aperto € 13,00 Visiti la mostra quando vuoi, senza date e senza fasce orarie; puoi regalarlo a chi desideri Biglietto speciale famiglia € 25,00 valido per l’ingresso di due adulti e 2 minori (fino ai 14 anni) Gratuito per bambini fino ai 6 anni, un accompagnatore per ogni gruppo, diversamente abili con accompagnatore, due accompagnatori per scolaresca, giornalisti con tesserino, guide turistiche con tesserino

Prenotazioni Individuale € 1,00 Scuole (per studente) € 0,50 Visite guidate Gruppi € 85,00 Visite in lingua € 110,00 Scuole € 55,00 Laboratori per scuole È possibile abbinare alla visita guidata delle classi un laboratorio al costo di 1,00 € a studente. Per info: www.mostraeternoeiltempo.it La Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, attraverso la vendita dei biglietti della mostra, sosterrà i progetti di FABBRICA DEL SORRISO, iniziativa di Mediafriends in favore della ricerca, prevenzione e cura dei tumori infantili. Per maggiori dettagli sui progetti o per donazioni: www.mediafriends.it platinum partner

Servizi in mostra Accesso e servizi per disabili Guardaroba gratuito Caffetteria - Bookshop

Mostra ideata e promossa dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e organizzata da Civitas Srl in collaborazione con il Comune di Forlì

L’Eterno e il Tempo tra Michelangelo e Caravaggio

Ufficio stampa Studio Esseci di Sergio Campagnolo, Padova tel. 049 66 34 99 www.studioesseci.net Servizi di accoglienza Civita Mostre

Servizio audioguide e radioguide Start - Service & technology for art

Forlì, Musei San Domenico Piazza Guido da Montefeltro 10 febbraio - 17 giugno 2018

Sistema di biglietteria TicketOne

Direzione generale Gianfranco Brunelli

Sorveglianza Formula Servizi Soc. Coop.

Mostra a cura di Antonio Paolucci Andrea Bacchi Daniele Benati Paola Refice Ulisse Tramonti

Catalogo e bookshop Silvana Editoriale

Appuntamenti in mostra Visite guidate a partire dal 1 marzo, tutti i giovedì alle ore 16.30 visita guidata ad aggregazione libera (€ 5,00 oltre al biglietto di ingresso). Per info: www.mostraeternoeiltempo.it

Progetto di allestimento a cura di Studio Lucchi e Biserni, Forlì Wilmotte et Associés, Parigi Mostra in collaborazione con FEC – Fondo Edifici di Culto, Roma Museo e Real Bosco di Capodimonte, Napoli Musei Vaticani, Città del Vaticano Polo Museale Emilia Romagna - Pinacoteca Nazionale, Bologna

Laboratori per famiglie nei week-end di marzo e aprile laboratori didattici per famiglie. Per info: www.mostraeternoeiltempo.it Degustazioni Il gusto dell’arte. Occasione per gustare i prodotti tipici delle eccellenze enogastronomiche di Romagna per info: 0543 30 173 - forli@confcooperative.net

Informazioni e prenotazioni mostra tel. 199.15.11.34 Riservato gruppi e scuole tel. 0543 36217 mostraforli@civita.it www.mostraeternoeiltempo.it Orario call center dal lunedì al venerdì 9.00-18.00 sabato 9.00-12.00; chiuso nei festivi

EVENTO COLLEGATO ALLA MOSTRA Bologna, Pinacoteca Nazionale I Carracci tra natura e storia. Bologna e la Riforma dell’Arte

Alberghi, ospitalità e visite al territorio Romagna Fulltime tel. 0543 37 80 75 - cell. 389 58 24 286 turismo@romagnafulltime.it www.romagnafulltime.it

A Bologna il ricercato mondo manierista viene superato dalla Riforma dell’Accademia degli Incamminati fondata dai Carracci, attenta allo studio dal vero e a una nuova sensibilità verso la natura. A confronto in Pinacoteca queste due stagioni dell’arte, dove le importanti pale d’altare prodotte dai cugini Annibale, Ludovico e Agostino svelano il fiorire di una nuova dimensione artistica che crea una svolta definitiva nel modo di intendere la pittura.

Cervia Turismo tel 0544 724 24 info@cerviaturismo.it www.cerviaturismo.it Come arrivare a Forlì in auto: autostrada A14 da Bologna e da Rimini, uscita Forlì; strada statale n. 9 (via Emilia) in treno: principali collegamenti con il Nord e Sud Italia attraverso le linee Milano-Bologna-Ancona e Milano-Bologna-Firenze-Roma www.trenitalia.com

10 febbraio - 17 giugno 2018 via Belle Arti 56, Bologna aperto da martedì a domenica dalle 8.30 alle 19.30 www.pinacotecabologna.beniculturali.it Ingresso con biglietto ridotto presentandosi con il biglietto della mostra di Forlì

main partners

Orario di visita da martedì a venerdì: 9.30-19.00 sabato, domenica, giorni festivi: 9.30-20.00 La biglietteria chiude un’ora prima. Lunedì chiuso. 2, 23 e 30 aprile apertura straordinaria. Modalità di visita La visita è regolamentata da un sistema di fasce orarie. La prenotazione è obbligatoria per gruppi e scuole ed è consigliata per i singoli Biglietti Intero € 12,00 Ridotto € 10,00 per gruppi superiori alle 15 unità, minori di 18 e maggiori di 65 anni, titolari di apposite convenzioni, studenti universitari con tesserino, visitatori con biglietto della mostra I Carracci tra natura e storia di Bologna Speciale € 5,00 per scolaresche delle scuole primarie e secondarie, bambini dai 6 ai 14 anni Biglietto speciale aperto € 13,00 Visiti la mostra quando vuoi, senza date e senza fasce orarie; puoi regalarlo a chi desideri Biglietto speciale famiglia € 25,00 valido per l’ingresso di due adulti e 2 minori (fino ai 14 anni) Gratuito per bambini fino ai 6 anni, un accompagnatore per ogni gruppo, diversamente abili con accompagnatore, due accompagnatori per scolaresca, giornalisti con tesserino, guide turistiche con tesserino Il biglietto comprende le radioguide (obbligatorie per i gruppi) e le audioguide (disponibili anche in inglese; versione speciale per bambini) Mostra e Musei della città Biglietto integrato (mostra, Pinacoteca Civica e Palazzo Romagnoli) Intero € 14,00 Ridotto € 12,00 Prenotazioni Individuale € 1,00 Scuole (per studente) € 0,50 Visite guidate Gruppi € 85,00 Visite in lingua € 110,00 Scuole € 55,00 Laboratori per scuole È possibile abbinare alla visita guidata delle classi un laboratorio al costo di 1,00 € a studente. Per info: www.mostraeternoeiltempo.it La Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, attraverso la vendita dei biglietti della mostra, sosterrà i progetti di FABBRICA DEL SORRISO, iniziativa di Mediafriends in favore della ricerca, prevenzione e cura dei tumori infantili. Per maggiori dettagli sui progetti o per donazioni: www.mediafriends.it

platinum partner

mostra in collaborazione con gold partner

official suppliers

media partners

Y gold partner

Y

official suppliers

media partners

MICH CAR FOLDER PICCOLO RISTAMPA def.indd 1

I.P.

MICH CAR FOLDER PICCOLO RISTAMPA def.indd 1

MATICAD PRESENTA DOMUS3D® 2018

MAPEI: “L’ETERNO E IL TEMPO TRA MICHELANGELO E CARAVAGGIO” Mapei è partner sostenitore della mostra “L’Eterno e il Tempo tra Michelangelo e Caravaggio”, promossa da Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì in collaborazione con il Comune di Forlì e in svolgimento ai Musei San Domenico della cittadina romagnola fino al prossimo 17 giugno. Il ricavato di questa iniziativa, così come avvenne per l’evento “Monografia su Pietro della Francesca” svoltosi nel 2015, sarà devoluto alla Fabbrica del Sorriso. Si tratta dell’ennesima sponsorizzazione che conferma l’attenta partecipazione di Mapei ad iniziative capaci di coniugare cultura e solidarietà. Ricordiamo il sostegno al Comitato Negri Weizmann della LILT e al Comitato di Milano della Croce Rossa Italiana. Mapei è anche sponsor della Celebrity Fight Nigth Italia, per i progetti organizzati dalla Andrea Bocelli Foundation e dal Muhammad Ali Parkinson Center. Inoltre è sempre forte il legame con il Teatro alla Scala, di cui Mapei è Socio Fondatore Permanente dal 2008, e con il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci. Mentre a Roma, dal 2016,

DomuS3D® è il software 3D di interior design leader nel mercato delle piastrelle e dell’arredo bagno, sviluppato da Maticad. Con l’avvento della versione 2018 DomuS3D® diventa ancora più performante e intuitivo. Infatti, grazie ad una serie di importanti aggiornamenti gli utenti saranno in grado di progettare facilmente e rapidamente, potendo attingere dalla vastissima libreria di rivestimenti e complementi d’arredo presente. DomuS3D® 2018 migliora la qualità delle immagini di rendering e la facilità con cui queste possono essere generate grazie all’integrazione con l’ultima versione del motore di rendering V-RAY 3.6 e alla gestione di nuovi parametri che caratterizzano la matericità di superfici più strutturate. Con la nuova funzionalità Photo3D, gli utenti DomuS3D® 2018 possono progettare partendo direttamente da una foto della stanza che vorranno arredare. In questo modo, la progettazione diventa sempre più veloce ed intelligente. Inoltre, grazie all’introduzione della Knowledge Base, l’utente può beneficiare di un servizio clienti attivo 24 ore. Tutto questo per migliorare l’esperienza vissuta dall’utente nell’utilizzo di DomuS3D® 2018.

Servizi in mostra Accesso e servizi per Guardaroba gratuito Caffetteria - Booksho

Ufficio stampa Studio Esseci di Serg tel. 049 66 34 99 ww

Servizi di accoglienza Civita Mostre

Servizio audioguide e Start - Service & tech

Sistema di biglietteri TicketOne Sorveglianza Formula Servizi Soc.

Catalogo e bookshop Silvana Editoriale

Appuntamenti in mo Visite guidate a partire dal 1 marzo, visita guidata ad aggr (€ 5,00 oltre al biglie Per info: www.mostra

Laboratori per famig nei week-end di mar per famiglie. Per info: www.mostra

Degustazioni Il gusto dell’arte. Occ i prodotti tipici delle di Romagna per info: 0543 30 173

EVENTO COLLEGA Bologna, Pinacote I Carracci tra natu Bologna e la Riform

A Bologna il ricerc superato dalla Rifo Incamminati fonda studio dal vero e a la natura. A confro due stagioni dell’a pale d’altare prod Ludovico e Agostin nuova dimensione definitiva nel modo

10 febbraio - 17 giu via Belle Arti 56, B aperto da martedì dalle 8.30 alle 19.3 www.pinacotecab Ingresso con biglie con il biglietto del

mostra in collabora


FLOOR TILE: EDEN TANZANIA ALMOND 60.2X60.2 CM

Servizio clienti (+34) 964 507 700 www.star-wood.es www.porcelanosa.com


TileNews

VII EDIZIONE DI “LA CERAMICA E IL PROGETTO” Sono aperte le iscrizioni alla VII edizione de “La ceramica e il progetto”, il concorso di architettura organizzato da Confindustria Ceramica e Cersaie, per dare visibilità alle migliori architetture che impiegano in maniera innovativa la ceramica. Tre le categorie di premiazione previste edifici istituzionali/arredo urbano, edifici residenziali e commerciali/Hospitality che prenderanno in esame progetti, terminati tra gennaio 2015 e gennaio 2018, sia eseguiti ex-novo sia frutto di ristrutturazioni/riqualificazioni, realizzati in Italia e all’estero da architetti e interior designer residenti in Italia. A selezionare i vincitori sarà una giuria composta da esperti e professionisti del settore, che valuterà le opere secondo criteri di creatività, funzionalità e gusto estetico della realizzazione, oltre a impiego delle piastrelle ceramiche e alla qualità della posa. Al vincitore di ciascuna categoria andrà un premio di 5mila euro. I progetti vincitori saranno esposti in una mostra realizzata presso la Galleria dell’Architettura in occasione di Cersaie 2018. Tempo fino al 10 maggio per la presentazione dei progetti: http://www.laceramicaeilprogetto.it/

ciati, Phoenix Design, Arik Levy, studio Aisslinger ed Anke Salomon. Ampio respiro è inoltre dedicato al Material Excellence, un vero e proprio focus sull’acciaio smaltato Kaldewei, colonna portante del brand. L’esplorazione, da parte dei visitatori, delle potenzialità e delle caratteristiche del materiale avviene tramite esperimenti di vario genere che vanno dall’osservazione della caduta di un peso di 7 kg sulla superficie di un piatto doccia smaltato al surriscaldamento di una lastra in acciaio smaltato con una fiammata ad oltre 1.000°C.

NUOVA CERTIFICAZIONE PER LISTONE GIORDANO

“SCACCO BAGNO”: IL MANIFESTO DEL 36O CERSAIE La scelta del manifesto di Cersaie 2018 è stata determinata, come ormai consuetudine, dal concorso Beautiful Ideas. L’immagine vincitrice è “Scacco Bagno” ideata dal team White Stuff composto da Naima Annoni, Enrica Caiello, Riccardo

INAUGURATO IL KALDEWEI ICONIC WORLD Kaldewei Iconic World è il nome del nuovo polo espositivo, progettato dallo studio di architettura Schmidhuber e realizzato ad Ahlen (Germania) per illustrare il mondo multisensoriale Kaldewei ad architetti, progettisti e distributori. Realizzato su quattro piani, ha il suo cuore pulsante nell’Iconic Center che punta a trasmettere ai visitatori la visione del fondatore, Franz Kaldewei, anche grazie alla cosiddetta Designers’ Gallery che consente di scoprire interattivamente le collaborazioni tra l’azienda e primari designer internazionali: studio Sottsass Asso18 - Tile Italia 1/2018

Piovesan e Maria Cristina Ziviani - tutti studenti di Progettazione artistica per l’impresa presso l’Accademia di Brera. Espressione “della ricerca di una soluzione non scontata e, allo stesso tempo, dell’uso di uno spirito sottilmente ironico” Scacco Bagno ha avuto la meglio sui 43 bozzetti proposti da studenti dello IUAV Venezia, Accademia Brera e Università di Bolzano. “Scacco Bagno è la rappresentazione di come giocare con l’ambiente dei servizi: il manifesto diventa una composizione strampalata dei classici elementi usati nell’arredo bagno (sanitari e piastrelle) combinati in modo da colpire l’occhio già ad un primo sguardo. I sanitari diventano pedine, sapientemente mosse dai progettisti, all’interno di una partita giocata su un pavimento a scacchi”.

White stuff: Naima Annoni, Enrica Caiello, Riccardo Piovesan, Maria Cristina Ziviani Brera - Accademia Belle Arti

24-28 SETTEMBRE 2018 promosso da CONFINDUSTRIA CERAMICA

in collaborazione con

CERAMICA CONFINDUSTRIA organizzato da

www.cersaie.it

segreteria operativa

Promos srl

Listone Giordano, azienda italiana leader nella produzione di parquet, ha ottenuto la certificazione di conformità per il raggiungimento della classe di emissione di formaldeide F4-stars. L’attestazione, rilasciata dal MLIT - il Ministero Giapponese del Territorio, delle Infrastrutture, dei Trasporti e del Turismo - è relativa alla normativa più severa al mondo in materia di regolamentazione delle emissioni di formaldeide prevista dallo standard JIS A 1460 e parte della più ampia normativa JIS Japanese Industrial Standard. Grazie a questa certificazione l’azienda umbra potrà ora fornire parquet in progetti che ne richiedano il requisito, in Giappone e nel mondo. Il brand, parte del Gruppo Margaritelli, effettua attenti controlli sia sulle materie prime sia sul prodotto finito, al fine di assicurare valori di emissioni nettamente inferiori rispetto a quelli fissati dalle più rigide normative europee. Con la consapevolezza che le superfici lignee non sono destinate solo al calpestio, ma rappresentano il terreno delle prime esperienze dei più piccoli, Listone Giordano certifica tutte le finiture di superficie secondo la norma UNI EN 713:2014, la stessa utilizzata per attestare l’assoluta atossicità delle vernici destinate a giocattoli per bambini.


ABK GROUP-DERWID Creare ambientazioni in tempo reale dando vita ad immagini di altissima qualità e inserendo i materiali desiderati. È il configuratore che Derwid ha realizzato mixando fotografia e rendering, facile da utilizzare per qualsiasi tipo di utente. In occasione del rilascio della seconda release abbiamo incontrato il responsabile marketing di ABK Group, CRISTIAN NIZZOLI, che ha confermato la sua fiducia a Derwid. ■ Cos’è per il Gruppo ABK il configuratore fotografico? EASY LIVING è uno strumento semplice ed efficace, capace di trasmettere ai nostri interlocutori, dai partner commerciali ai professionisti e, perché no, al consumatore finale, tutte le potenzialità dei prodotti ABK, Ariana e Flaviker. Presenta le opportunità progettuali offerte dalla nostra gamma in modo coinvolgente, veloce e interattivo, in ambienti reali. ■ Il progetto: com’è cominciato, il presente, il futuro?

Avevamo la necessità di trovare uno strumento user-friendly, senza compromessi sulla resa grafica, che aiutasse a mostrare le pressoché infinite soluzioni coordinate realizzabili con i nostri prodotti. All’interno di una showroom è impossibile riassumere tutte queste combinazioni. Con la prima versione di EASY LIVING potevamo già salvare e condividere ogni configurazione via e-mail, con la nuova release potremo anche stampare una scheda completa di vista e dettaglio degli articoli utilizzati, oltre a condividere i progetti sui principali canali social anche da smartphone. Non dimentichiamo che nel 2016 oltre il 40% degli utenti nel mondo accedevano a internet da mobile. Nel 2017 questo dato è cresciuto del 10%. Derwid si è dimostrata un partner attento, puntuale e capace di trovare sempre le soluzioni giuste per le nostre esigenze e questo ha permesso di affrontare velocemente tutte le criticità legate ad un progetto così articolato. ■ Perché avete scelto il configuratore fotografico di DERWID? La proposta Derwid ci è sembrata coerente con il nostro percorso di ricerca e capace di riprodurre la

da sinistra: Cristian Nizzoli e Afro Del Zuanne, sales consulting di Derwid

qualità del nostro prodotto. Il Gruppo Abk non propone solo nuove collezioni di tendenza ma punta ad offrire vere e proprie soluzioni progettuali grazie ad un’ampia scelta di materiali e finiture sempre ben coordinate tra loro. In Derwid abbiamo trovato una realtà capace di ascoltare e interpretare al meglio le nostre richieste e anche a livello di servizio, le nostre aspettative sono state ampiamente soddisfatte. ■ Cosa si può fare con il configuratore lato cliente? C’è la possibilità di visualizzare, condividere e salvare tra i preferiti la combinazione dei prodotti scelti in diverse tipologie di ambiente: con le nostre nuove gamme (grandi lastre, prodotti da rivestimento, formati spessorati per esterni) la ceramica si presta ormai a differenti destinazioni d’uso. Una vera esperienza emozionale per il cliente. ■ Quali sono invece le funzionalità più interessanti dal punto di vista del gruppo ABK? Sicuramente la possibilità di ricavare report statistici dettagliati sui prodotti e formati più utilizzati; informazioni preziose che ci aiutano ad interpretare i macrotrend del mercato. È importante anche poter scaricare le immagini, con un notevole risparmio sui fotoinserimenti. ■ Quali i risultati dopo quasi un anno di utilizzo? Abbiamo una media di 500 accessi al giorno, con picchi di 1400. Offrire questo strumento di libero accesso, utilizzabile collegandosi ai nostri siti web in qualsiasi momento con una semplice connessione internet e con qualsiasi dispositivo, oltre ad essere un’importante alternativa al concetto di catalogo tradizionale, è stato senz’altro un valido supporto nella fidelizzazione della nostra filiera.

ADVERTORIAL

Case History:


TileNews

ACCORDO TRA GERFLOR ITALIA E FIGH

MARAZZI INAUGURA A VARSAVIA

Dopo l’EHF - European Handball Federation - e l’IHF - International Handball Federation -, Gerflor Italia è divenuta partner ufficiale della FIGH – Federazione Italiana Giuoco Handball -. Gerflor, multinazionale francese dei pavimenti in pvc, da oltre 70 anni ha in Taraflex® la superficie sportiva più diffusa al mondo. Il successo di questo prodotto dipende dal grande compromesso tra l’ammortizzamento degli urti ed il suo spessore, qualità che ha reso il Taraflex® protagonista dei maggiori eventi sportivi mondiali, a partire dalle Olimpiadi di Montreal del 1976 e che, nelle ultime stagioni, ha fornito i campi di pallamano e pallavolo in occasione di Giochi Olimpici e Mondiali. “Siamo molto contenti di questa partnership con la FIGH – sottolinea Paolo Guanzani, AD Gerflor Italia (nella foto) – certi che si darà un forte slancio ad uno sport dinamico e ad elevata spettacolarità come la pallamano e siamo molto soddisfatti di aver trovato nella FIGH un interlocutore attento con la chiara volontà di sviluppare la diffusione di questo affascinante sport. Ciò – conclude Guanzani ha determinato la sottoscrizione di un accordo che permetterà alle squadre di poter utilizzare campi da gioco Taraflex® di altissimo livello, gli stessi utilizzati nelle competizioni internazionali, a condizioni eccezionali”.

Prosegue il percorso di rafforzamento del marchio Marazzi sul fronte retail nelle principali capitali europee e, dopo le aperture di Londra e Parigi, ha inaugurato il suo primo showroom in Polonia, a Varsavia. Il nuovo spazio espositivo è situato nel quartiere di Ochota, una delle zone più vive della capitale polacca, all’interno dell’Eurocentrum, ed è stato progettato per presentare in maniera dinamica a visitatori e professionisti le numerose collezioni proposte dall’azienda che, nata nel 1935 a Sassuolo, è oggi presente in oltre 140 Paesi. “Siamo convinti - commenta l’AD Mauro Vandini - che la proposta Marazzi rappresenti un connubio di valori, di esperienza, di ricerca ed innovazione oggi molto apprezzati nel mondo del design e della progettazione internazionale. Il mercato delle piastrelle in Polonia è in crescita con una domanda sempre più orientata all’alto di gamma. La nostra presenza in questo paese è storica, collaboriamo da tempo con tutti i principali retailer. Questo nuovo spazio vuole consolidare il posizionamento di Marazzi come brand di riferimento sia per i nostri clienti che per la comunità di architetti”.

XI ARCHITECTURE&INTERIOR DESIGN AWARDS BY PORCELANOSA Sono ufficialmente aperte le candidature per i prossimi Porcelanosa Architecture&Interior Design Awards, il concorso promosso dalla multinazionale spagnola per premiare quei professionisti della progettazione che, secondo una giuria selezionata ad hoc, si saranno distinti per un utilizzo innovativo dei materiali del Gruppo. Termine ultimo per la presentazione dei progetti è il 23 marzo. 20 - Tile Italia 1/2018

Le opere sono ammesse a concorso all’interno di due categorie: Progetti del Futuro, con una sezione per studenti e professionisti, e Progetti Realizzati. Tema della prima categoria è uno studio di soluzione architettonica pensata per la showroom Porcelanosa di Vila-real (Castellón). Tema della seconda sono i migliori progetti delle più disparate tipologie, completati tra gennaio 2016 e febbraio 2018. Per maggiori informazioni: http://www. porcelanosa-interiorismo.com/certamen/en/index.html

LA FABBRICA CERTIFICATA PER QUALITÀ E TECNOLOGIA La Fabbrica, azienda di Castel Bolognese specializzata nella produzione di ceramiche di alta gamma italiana, dal 2017 appartenente al gruppo Italcer guidato da Graziano Verdi, ha acquisito la certificazione del “Sistema Gestione e Qualità” ISO 9001:2015 che attesta la qualità del prodotto e del servizio offerti, rispecchiando le aspettative dell’utente finale e garantendone la piena soddisfazione. Con questa certificazione, ottenuta in appena tre mesi, La Fabbrica offre un’ulteriore conferma del suo complessivo standing qualitativo, rispettando procedure e modalità che garantiscono i più elevati standard di efficienza del processo aziendale e gestionale. Per l’AD Graziano Verdi, la nuova certificazione “costituisce un traguardo importante in quanto attesta la qualità sia dei nostri materiali che dei nostri processi e si inserisce nel percorso di miglioramento continuo in senso ampio che il Gruppo pone tra i propri principali obiettivi.”


SPAZIOCONTINUO LE RESINE DI LITOKOL

YEARS

1968 - 2018

www.spaziocontinuo.it


TileNews

VICENTE NOMDEDEU LLUESMA, NUOVO PRESIDENTE ASCER Vicente Nomdedeu Lluesma è il nuovo presidente di Ascer (Associazione spagnola dei produttori di ceramica e pavimenti ceramici). A nominarlo, l’11 gennaio, la giunta dell’Associazione, riunitasi a pochi giorni dall’improvvisa scomparsa di Isidro Zarzoso, avvenuta il 3 gennaio all’età di 76 anni. Zarzoso, che ha guidato Ascer dal 2013, è stato ricordato dai colleghi per l’alto senso di responsabilità e l’efficienza con cui ha condotto la politica associativa in una fase complessa per il settore ceramico, partecipando al conseguimento di importanti successi tra cui, a livello europeo, il rinnovo dei dazi antidumping nei confronti delle importazioni di piastrelle ceramiche dalla Cina. Nomdedeu, classe 1959, dirige l’azienda ceramica di famiglia Azteca (Castellón), ed era già in carica nel consiglio direttivo di Ascer in qualità di vicepresidente. Secondo le sue prime dichiarazioni, Nomdedeu intende svolgere il mandato seguendo la strada già tracciata dal predecessore, ribadendo l’attenzione su una più forte rappresentanza in tutte le sedi politiche nazionali ed europee e sulla lotta alla concorrenza sleale.

GRUPPO SYSTEM VOLA A 530 MILIONI DI EURO Il Gruppo System di Fiorano Modenese, guidato da Franco Stefani, ha chiuso il 2017 con un fatturato ancora in crescita a doppia cifra: 530 milioni di euro di fatturato consolidato (al netto della cessione del 60% di System Logistics, avvenuta nel 2016) pari al +23%. Risultati che hanno caratterizzato tutte le divisioni del gruppo, dalla divisione Logi22 - Tile Italia 1/2018

stics a Modula e, naturalmente, a Laminam, prima azienda italiana nel segmento delle grandi lastre ceramiche, che prevede di superare gli 80 milioni di Euro di ricavi (circa 20 milioni in più rispetto al 2016). Al nuovo importante risultato di Laminam hanno contribuito sia l’entrata in produzione dello stabilimento in Russia, sia l’introduzione delle superfici 1620x3240 mm con spessore 12 e 20 mm prodotte nello stabilimento di Borgotaro, con cui l’azienda è entrata nel segmento dei piani di lavoro per il mondo dell’arredamento, attività sostenuta anche da una campagna televisiva nazionale. Il Gruppo System è presente in 25 Paesi con 40 società controllate, ha una quota export dell’85% e conta oltre 2.040 dipendenti nel mondo, in crescita di circa 70 unità nel 2017 soprattutto nelle sedi italiane.

CERAMICHE SERRA ACQUISITA DA VICTORIA PLC Victoria PLC, multinazionale inglese attiva nella produzione e distribuzione di materiali da pavimentazione (moquette, tappeti, LVT e parquet), ha acquisito Ceramiche Serra, azienda guidata da Pietro Fogliani con sede a Torre Maina (Modena). Valore dell’operazione 56,5 milioni di Euro, di cui 36,5 al completamento della transazione e 20 da versare in quattro anni, subordinati al raggiungimento di obiettivi. Ceramiche Serra, che ha chiuso il 2016 con un giro d’affari di 28,2 milioni di euro e utili pari a 10,5 milioni, continuerà ad operare in autonomia mantenendo l’attuale management. Geoff Wilding, presidente di Victoria PLC, quotata al London Stock Exchange, ha sottolineato l’importanza di questa prima acquisizione nell’industria ceramica, che

rafforza la strategia di crescita organica del gruppo diversificando i business e l’esposizione sui mercati internazionali, consentendo alla società inglese di trasformarsi sempre più in un gruppo internazionale del segmento flooring. Al completamento dell’acquisizione il gruppo potrà contare su 1.800 dipendenti, 20 siti produttivi tra Regno Unito, Australia, Olanda, Belgio e Italia, e circa il 40% degli utili realizzati fuori dal Regno Unito. Nell’esercizio chiuso il 1° aprile 2017 Victoria ha registrato ricavi consolidati pari a 330,4 milioni di sterline, in crescita del 29,5% sull’anno precedente.

TECNARGILLA: UNA FORTE PROMOZIONE ALL’ESTERO Le azioni della campagna promozionale di Tecnargilla (Rimini 24-28 settembre 2018), la più importante fiera al mondo per la fornitura all’industria ceramica e del laterizio, continuano a ritmi incessanti all’estero, tese ad assicurare un’edizione ancora più internazionale con primari interlocutori del settore. Oltre alla partecipazione alle principali fiere mondiali, al contatto diretto con le più importanti associazioni di categoria del comparto ceramico, con le camere di commercio ed i buyer d’eccellenza, l’attività di promozione oltreconfine quest’anno è supportata da una qualificata rete di agenti che, nei rispettivi Paesi, lavorano per potenziare la visibilità della manifestazione. GPE Fairs in Spagna, Bee2Bee in Turchia, Arta Group in Iran, Unifair Exhibition Service con sede in Cina e l’indiana Rare Tech Projects Pvt, sono i collaboratori che Tecnargilla ha scelto per ampliare l’attività promozionale all’estero. Anche per questa edizione, peraltro, sono attese numerose delegazioni e buyer profilati che andranno ad arricchire l’area dei “business meeting” (nel 2016 si sono tenuti oltre 1.000 incontri) particolarmente apprezzati dalle aziende espositrici per le ottime opportunità commerciali. Grazie all’intenso lavoro organizzativo, Tecnargilla si aspetta di vedere in crescita i dati di affluenza, anche rispetto all’ultima edizione 2016 (la fiera ha cadenza biennale) quando i visitatori esteri hanno superato le 16.764 unità (+6,3 rispetto al 2014).


Mercato immobiliare

Luca Dondi Dall’Orologio Direttore Generale Nomisma

Nomisma: 3° Rapporto 2017 Finalmente il miglioramento Il costante miglioramento degli indicatori macroeconomici e l’ingente liquidità a disposizione del sistema finanziario sono i principali fattori da porre alla base della crescita in atto del mercato immobiliare italiano. La risalita iniziata ormai quattro anni fa, dopo una crisi di durezza e durata senza eguali nella storia post bellica, trova oggi un contesto finalmente più favorevole. Non è, infatti, più solo l’elemento fiduciario ad alimentare il ritorno della domanda

di acquisto, quanto il progressivo concretizzarsi delle aspettative di rilancio dell’economia nazionale. Pur permanendo su posizioni di retroguardia nel più ampio contesto continentale e globale, il nostro Paese sembra finalmente inserito in un percorso di graduale recupero delle posizioni perse nell’ultimo decennio. Si tratta di un cammino ancora lungo, che porterà al ripristino dei livelli pre-crisi, in termini di PIL pro capite, non prima del 2027, ma che non può non conferire vigore alle attese di progresso delle future

condizioni economiche dei potenziali acquirenti. È su tale presupposto che si fonda l’accresciuta propensione all’indebitamento delle famiglie italiane per poter accedere al bene casa (tab. 1).

Banche: erogazioni in crescita

2007-Q2 2007-Q3 2007-Q4 2008-Q1 2008-Q2 2008-Q3 2008-Q4 2009-Q1 2009-Q2 2009-Q3 2009-Q4 2010-Q1 2010-Q2 2010-Q3 2010-Q4 2011-Q1 2011-Q2 2011-Q3 2011-Q4 2012-Q1 2012-Q2 2012-Q3 2012-Q4 2013-Q1 2013-Q2 2013-Q3 2013-Q4 2014-Q1 2014-Q2 2014-Q3 2014-Q4 2015-Q1 2015-Q2 2015-Q3 2015-Q4 2016-Q1 2016-Q2 2016-Q3 2016-Q4 2017-Q1 2017-Q2 2017-Q3 2017-Q4

Il cambiamento di contesto ha consentito non solo di dare sfogo all’enorme fabbisogno compresso, che nella maggior parte dei casi aveva scelto l’opzione locativa come diversivo tattico e non come soluzione strategica, ma ha al contempo contribudelledelle banche sullesulle condizioni di offerta e sulla domanda di mutui TAB.Percezione 1 - Percezione banche condizioni di offerta e sulla domanda di mutui (1) (2) ito a modificare la dispo(datitrimestrali trimestraliconsuntivi consuntivieeprevisioni(1); previsioni ; percentuale percentuale netta (dati netta(2))) nibilità del sistema banca100 rio ad accettare scommesse sulla sostenibilità 60 dell’esposizione, che solo pochi anni fa avrebbe 20 sdegnosamente rifiutato. Non è tanto sulla presun-20 ta capacità di copertura -60 delle garanzie immobiliari, uscita pesantemente ridi-100 mensionata dalla recessione, che poggia la ritrovata apertura degli istituti Offerta di mutui Domanda di mutui di credito nei confronti del settore, quanto su un’at(1) Previsioni per il quarto trimestre 2017 (2) La percentuale netta è data dalla differenza tra le percentuali di risposte che indicano variazioni di segno opposto. Il campo di tenta valutazione delle efvariazione è tra -100 e 100. fettive capacità di rimborFonte: elaborazioni Nomisma su dati Banca d’Italia, Indagine sul credito bancario, ottobre 2017 so. L’irrobustimento dei prin-

24 - Tile Italia 1/2018


www.profilitec.com profilitec@profilitec.com

Soluzioni per l’outdoor

TRIMTEC SR

BORDERTEC BSJ

profilo perimetrale a delimitazione del bordo del pavimento

BORDERTEC BSR

profilo perimetrale per pavimentazioni sopraelevate

profilo reversibile per la finitura e protezione di marciapiedi e ballatoi

FAMIGLIE PRODOTTI

PAVIMENTI

GRADINI

RIVESTIMENTI

GIUNTI DI DILATAZIONE

TERRAZZE

BATTISCOPA

DRENAGGIO

ACCESSORI


Mercato immobiliare

Previsioni sulle erogazioni di mutui alle alle famiglie per diabitazioni abitazioni TAB. 2 - Previsioni sulle erogazioni di mutui famiglie perl’acquisto l’acquisto di (dati (dati trimestrali e etotali milioni di euro) trimestrali totali annuali; annuali; milioni di euro) 20.000 18.000 16.000

Milioni di €

30%

62.758 56.980 51.047

55.592 49.120

49.704 41.247

14.000 12.000

24.757

10.000

50.332 49.087

50.717 50.232

20%

24.183

15%

21.393

8.000

25%

10%

6.000 4.000

5%

2.000 0

0% 12341234123412341234123412341234123412341234123412341234 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020

Erogazioni mutui (asse sx)

% di surroghe/sostituzioni (asse dx)

Fonti: Banca d’Italia per i dati consuntivi; stima Nomisma per il terzo e quarto trimestre 2017; previsioni Nomisma dal primo trimestre 2018

TAB. 3 - Italia Italia – Numero di compravendite residenzialiresidenziali annuali e previsioni – Numero di compravendite annuali e previsioni

Numero di transazioni normalizzate

890.000 834.395

830.000

804.814

770.000 710.000 650.000

844.971 786.165

740.165 671.113

740.713 664.863

662.158

590.000

606.459 586.116 560.306 544.487

594.751 592.366

581.446

530.000

516.294

470.000

435.947 427.866

410.000

389.711

350.000

405.943

00 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17* 18* 19* 20* * Previsioni

Nomisma Fonte: Agenzia delle Entrate

cipali indicatori economici non può che aumentare il livello di confidenza sulle capacità dei mutuatari di far fronte agli impegni, favorendo, di fatto, il progressivo incremento delle erogazioni (tab. 2).

Numero di transazioni: segnali di vitalità Al di là di quelle che saranno le evoluzioni future, il mercato immobiliare del nostro Paese restituisce finalmente segnali di vitalità, che lasciano ben sperare rispetto alla capacità di assorbimento degli eventuali contraccolpi che caratterizzano le fasi di ripresa ciclica come quella in esse26 - Tile Italia 1/2018

re. La profondità dei segni prodotti dalla recessione risulta ben esemplificata dal ritardo con cui la dimensione economica del comparto si adegua al ritorno della domanda ed al ritrovato dinamismo delle compravendite. I quasi 4 anni di gap rappresentano un fenomeno senza precedenti, a testimonianza della gravità dei guasti prodotti da una sciagurata stagione di insipienza e avventurismo. Le ultime evidenze raccolte dal monitoraggio del mercato inducono, tuttavia, a ritenere ormai prossimo l’epilogo di tale dicotomia di andamento. Se, infatti, sul versante delle transazioni è

proseguita la dinamica espansiva, seppure con tassi di crescita fisiologicamente più contenuti rispetto a quelli registrati nel 2016, su quello dei valori si è ulteriormente attenuata la spinta deflativa, lasciando emergere in talune realtà i primi segni positivi (tab. 3).

Prezzi in stabilizzazione L’effetto della pressione della domanda, che continua ad essere prevalentemente alimentato da esigenze di utilizzo diretto e fortemente dipendente dalle disponibilità creditizie, sembra finalmente in grado di compensare la ricerca di liqui-


ADVERTISING

www.seychellesweb.it

TAB. 4 - 13 grandi città – Previsioni dei prezzi medi degli immobili a valori correnti (variazioni % ) I 2017

II 2017

Abitazioni nuove

-0,5

-0,5

Abitazioni usate

-0,6

-0,6

Uffici

-0,8

-0,7

Negozi

-0,7

-0,6

Fonte: Nomisma

TAB. 5 - 13 grandi città – Previsioni dei prezzi medi degli immobili a valori correnti (novembre 2017; variazioni % annuali) Abitazioni

Uffici

Negozi

2018

-0,3

-0,7

-0,2

2019

+0,3

0,0

+0,4

2020

+0,9

+0,6

+0,9

• SEYULTRA-T adesivo tixotropico bianco o grigio per la posa di pietre naturali e di grandi formati anche in sovrapposizione e per pavimenti riscaldanti. ottima resistenza ottima deformabiltà scivolamento verticale nullo.

Fonte: Nomisma

dità dell’offerta, producendo un effetto sui valori nominali ormai prossimo all’invarianza. Si tratta di una spinta che, coerentemente con la caratterizzazione economica di una quota del fabbisogno e la selettività del sostegno bancario, non può certo dirsi travolgente, ma che, in assenza di fatti nuovi, pare sufficiente a fugare i timori di prossime flessioni in conto capitale, alla base della residua diffidenza dei piccoli investitori. La gradualità nella dismissione dei NPL, per non sottoporre i valori ad ulteriori stress deflativi, nonché la rifunzionalizzazione di asset, che nella configurazione odierna avrebbero modeste possibilità di assorbimento, rappresentano presupposti imprescindibili per l’irrobustimento della crescita che, nonostante le recenti tendenze, presenta ancora tratti di fragilità (tab. 4 e 5).

il meglio al meglio


Edilizia

2018: opere pubbliche traino della ripresa

XXV Rapporto CRESME

Lorenzo Bellicini

Un occhio sul mondo Il XXV Rapporto Congiunturale e Previsionale del CRESME, presentato a novembre 2017 a Venezia, presso l’Aula Magna dell’Istituto Universitario di Architettura (IUAV) ha affiancato alla presentazione del tradizionale quadro previsionale del mercato delle costruzioni, altri due temi di cruciale rilevanza ed attualità. Quello della Metamorfosi dell’ambiente

costruito entrato nella sua seconda rivoluzione industriale, dopo quella del 1850 e che era stata segnata dal cemento armato. Una nuova trasformazione che grava sull’intero mondo dell’edilizia a causa del prepotente ingresso della digitalizzazione BIM, Building Information Modeling, e dell’avvento di nuovi materiali e tecnologie costruttive atte a soddisfare sempre più pressanti esigenze, quali il risparmio energetico e il recupero degli spazi abitativi. Una seconda rivoluzione industriale in edilizia destinata a ridisegnarne sia i comportamenti della domanda sia i modelli dell’offerta. Il secondo tema affrontato, di fortissima rilevanza internazionale, è stato quello relativo alla Ricostruzione di Siria, Libia, Iraq e Yemen. La delegazione della Regional Units, Reconstruction for the Middle East and North Africa Region della World Bank, intervenuta a Venezia, ha infatti illustrato le opportunità legate alla ricostruzione di questi Paesi martoriati dalle guerre: basti ricordare che, in quelle aree, si stima ci siano 15 milioni di famiglie senza casa e 4/5 milioni di abitazioni distrutte o danneggiate da ricostruire. In linea con que-

ITALIA: PREVISIONI DI CRESCITA DEL PIL 2017-2018

0,8%

Nel 2017 il settore delle costruzioni italiano è entrato, seppure faticosamente, in una fase positiva. La spinta propulsiva ha continuato a provenire dalla riqualificazione, anche se qualche segnale di ripresa è arrivato anche dalle nuove costruzioni. Ma, nel 2018, sono le risorse per le Opere Pubbliche ad offrire importanti indici di crescita, peraltro destinati a protrarsi negli anni successivi. Sempre nel 2018 sono auspicabili buoni risultati anche dall’introduzione dei nuovi incentivi legati al tema del rischio sismico. Ma vediamo più nel dettaglio i dati presentati da Bellicini, direttore CRESME. Anche il 2017 non ha visto la tanto auspicata “ripresa strutturale” del comparto edile italiano attesa ormai da troppi anni: il 2017, come già il 2016, ha infatti evidenziato una lieve crescita (+1,0% in valori re-

L’ECONOMIA ITALIANA - STIME E PREVISIONI

VARIAZIONI % SUL PERIODO PRECEDENTE - VALORI CONCATENATI

1,5%

2015

1,2% 1,0%

Lo scenario in Italia

CONSENSUS TRA I PRINCIPALI OSSERVATORI ECONOMICI OTTOBRE 2017

ANDAMENTO RELEASE DURANTE IL 2017

1,4%

sto pressante argomento l’Università IUAV di Venezia ha presentato URBICIDE, un programma di incontri, conoscenza, strategie di intervento, relazioni e sperimentazioni dedicato alla ricostruzione delle aree colpite dalla guerra in Medio Oriente e Nord Africa.

1,0%

1,2%

1,2%

1,1%

1,0%

1,3% 1,1%

0,8%

0,6%

0,4% 0,2%

FMI Fonte: CRESME su fonti varie

OCSE 2018

Governo

UE

28 - Tile Italia 1/2018

2018

2019

0,8

0,9

1,6

1,5

PIL

0,8

0,9

1,4

1,2

1,1

Importazioni

6,7

3,1

5,4

3,8

3,8

Esportazioni

4,4

2,4

4,8

3,5

3,4

Consumi famiglie

2,0

1,5

1,4

1,1

1,2

1,3

Investimenti fissi lordi

1,9

2,8

3,2

2,8

2,0

Inflazione

0,1

-0,1

1,3

1,6

1,8

11,9

11,7

11,3

10,8

10,3

0,8

1,3

1,1

0,9

1,0

Occupati (ul. annue)

2018 rev

La prima release per il 2017 e il 2018 si riferisce ai mesi Aprile-Luglio 2017, la seconda al periodo Settembre-Novembre 2017, la terza OCSE Novembre 2018

per

2017

OCSE NOVEMBRE

Tasso di disoccupazione (valori %)

0,0%

2016

Fonte: Elaborazione e previsioni CRESME su dati FMI, CSC, REF, MEF, OECD, C. Economics, BMI, Prometeia

per


Edilizia

IL VALORE DELLA PRODUZIONE NELLE COSTRUZIONI 2017 – MILIARDI di euro VALORE DELLA PRODUZIONE 167,1

100,0%

77,2%

1,0% IMPIANTI FER 1,8

21,8%

52,4%

24,8%

8,7% 6,7% 2,5%

7,0% Fonte: CESME

MANUTENZIONE ORDINARIA 36,4

INVESTIMENTI 129,0

Nuovo 41,4

Manutenzione straordinaria 87,6

Edilizia residenziale 14,5 Edilizia non res. privata 11,1 Edilizia non res. pubblica 4,1 Opere del Genio Civile 11,7

Edilizia residenziale 51,1 Edilizia non res. privata 20,0 Edilizia non res. pubblica 5,1 Opere del Genio Civile 11,3

RECUPERO 74,2%

30,6%

NUOVO 24,8%

Imp.

FER 1,0%

12,0% 3,1% 6,8%

per

INVESTIMENTI IN EDILIZIA RESIDENZIALE

INVESTIMENTI NELLE COSTRUZIONI Variazioni % su anno precedente Calcolate su valori costanti 2005

Prezzi costanti 2005 – milioni di euro

51.000 Investimenti in nuove costruzioni

2016

2017

2018

-1,7

-2,1

-1,2

2,7

-9,3

-3,2

2,1

1,9

- Non residenziali private

0,7

3,8

2,7

1,4

- Non residenziali pubbliche

2,6

-1,6

-0,4

1,0

- Genio civile

4,3

-5,6

-8,3

5,6

2,5

2,8

2,1

2,3

0,8

4,0

1,8

1,6

- Residenziali

Investimenti in rinnovo

- Residenziali - Non residenziali private

3,3

2,4

1,6

1,8

- Non residenziali pubbliche

5,6

3,2

1,0

3,0

- Genio civile

7,4

-1,9

5,1

6,2

TOTALE INVESTIMENTI

1,0

1,1

1,0

2,5

Manutenzione ordinaria

0,4

0,6

0,7

0,5

VALORE DELLA PRODUZIONE

0,9

1,0

1,0

2,0

46.000

41.000 36.000

Previsioni Ottobre 2016

31.000 26.000

21.000

Investimenti in rinnovo

16.000

11.000

Fonte: CESME

per

Investimenti in nuove costruzioni

1982 1983 1984 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 2021 2022

2015

per

Tile Italia 1/2018 - 29


Edilizia

ali), al di sotto delle stime precedenti. Dovrebbe essere invece il 2018, grazie soprattutto a nuovi importanti investimenti nelle opere pubbliche, a dare il via ad un nuovo ciclo di crescita. Queste le previsioni del CRESME, contenute nel XXV Rapporto Congiunturale e Previsionale presentato all’Università di Venezia. Dopo che tra il 2005 e il 2014 si è verificato un vero e proprio crollo del volume d’affari del comparto, valutabile attorno al 33% del totale, con la perdita di

600.000 posti di lavoro, il quadro di riferimento sembra essersi stabilizzato e le previsioni relative al 2018 inducono ora ad un cauto ottimismo. Si dovrebbe infatti assistere ad una crescita complessiva del +2,5%, che sarà legata soprattutto agli investimenti in opere pubbliche, grazie a nuove ingenti risorse attivate nell’ultimo biennio. Un nuovo ciclo che, secondo il CRESME, dovrebbe durare fino al 2022. Restano poco incoraggianti i dati previsionali concernenti la nuova edilizia resi-

denziale, mentre il “nuovo residenziale” dovrebbe finalmente ripartire ma, come ha ribadito Lorenzo Bellicini: «Per fare un ulteriore salto deve partire la rigenerazione urbana. Il settore sta affrontando una vera e propria metamorfosi, caratterizzata da digitalizzazione della progettazione e del processo costruttivo, nuovi materiali, nuovi strumenti di misurazione, nuove tecnologie di costruzione, energie rinnovabili. I modelli di offerta e i comportamenti della domanda vengono ridisegnati».

IL PESO DEL RINNOVO SUL VALORE DELLA PRODUZIONE DELLE COSTRUZIONI

INVESTIMENTI IN EDILIZIA NON RESIDENZIALE PRIVATA Prezzi costanti 2005 – milioni di euro

Prezzi costanti 2005 – Milioni di euro

26.000

% rinnovo su totale produzione

18.000 16.000

Investimenti in rinnovo

Previsioni Ottobre 2016

12.000

Milioni di euro

20.000

14.000

60 80.000

50

Rinnovo

40

60.000 40.000

30

Nuovi investimenti

20

20.000

per

Recupero edilizio (41%-36%-50%)

2016

2014

2012

2010

2008

2006

2004

2002

2000

1998

1996

1994

1992

1990

1988

I MERCATI DEL RECUPERO

Riqualificazione energetica (55%-65%)

domande presentate

importi complessivi

importi detraibili

domande presentate

importi complessivi

importi detraibili

(n°)

(milioni €)

(milioni €)

(n°)

(milioni €)

(milioni €)

3.385

1.388

254.989

3.590

1.472

273.909

4.392

1.581

319.249

5.119

1.843

358.647

5.750

2.070

313.537 349.272 342.396

5.666 4.888 6.848

2.040 1.760 2.465

371.084 402.811 391.688 447.728 494.006

6.313 7.938 7.365 8.070 8.808

2.588 2.858 2.651 2.905 3.171

106.000 247.800 236.700 405.600

1.453 3.500 2.563 4.608

799 1.925 1.410 2.534

779.400 883.600 1.317.627 1.374.216 1.193.926 1.349.546 1.341.252

13.408 16.325 24.345 25.390 22.059 24.934 24.781

5.184 7.248 12.172 12.695 11.030 12.467 12.391

280.700 265.380 335.961 294.281 331.128 360.267 351.138

3.309 2.883 3.612 3.066 3.088 3.309 3.249

1.820 1.586 2.203 1.993 1.989 2.151 2.112

12.799.296

229.372

101.978

3.214.955

34.640

18.410

8.239.567

151.242

73.186

2.218.855

22.516

11.742

Degrado e abbandono Aree dismesse Strutture di cemento

Connessioni Abusivismo

LE AREE DELLA RIGENERAZIONE EDIFICIO CITTA’ TERRITORIO Costruzioni servizi

GESTIONE Fonte: CRESME per

www.MaterialiCasa.com | info@materialicasa.com

Manutenzione straordinaria Centri storici Periferie

Micro interventi

INCREMENTO

240.413

VETUSTA’ E OBSOLESCENZA DEL PATRIMONIO

QUALITATIVO

TOTALE

1986

per

INVESTIMENTI IN RINNOVO INCENTIVATI PER TIPOLOGIA DI INTERVENTO

1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017*

0 1984

1982 1983 1984 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 2021 2022

Fonte: CRESME/SI

Fonte: CRESME

10

0

8.000

1982

10.000

per

70

100.000

Incidenza %

Investimenti in costruzioni

22.000

2011-2017

80

120.000

24.000


Statistiche

Confindustria Ceramica, i dati 2017 della ripresa in termini di produzione e vendite complessive, in crescita di oltre 2 punti percentuali sul 2016 grazie ad una espansione delle esportazioni, leggermente superiore al dato di mercato, e ad un mercato interno che ha chiuso positivamente, pur rallentando nel corso dell’anno. E’ questo il quadro di preconsuntivo, emerso dalle elaborazioni di Prometeia e che, per il 2018, stima un rafforzamento di tutte le variabili, nell’ordine di un ulteriore punto percentuale, con la sola eccezione del mercato interno che è atteso confermare i livelli attuali. Questi i principali dati stimati e presentati da Confindustria Ceramica in occasione del “Convegno di Fine Anno”, desunti dagli studi e dalle analisi realizzati dal Centro Studi della

Vittorio Borelli Crescono gli investimenti, tengono produzione e vendita grazie ad una buona dinamica dell’export. Il 2017 ha registrato un consolidamento

TAB. 1: Risultati di mercato delle imprese italiane produttrici di piastrelle (Stime Prometeia) Livelli 2017

2015

Milioni mq. Vendite in Italia

2016

2017

2018

2019

-0,6

3,2

1,5

1,1

1,5

340

0,8

4,8

2,6

3,4

3,3

172

2,0

5,0

2,6

3,5

3,3

Europa Orientale

33

-17,2

1,6

5,8

5,2

5,1

Balcani

18

4,5

6,2

3,2

3,3

3,2

NAFTA

49

5,6

8,7

0,7

2,6

2,7

America Latina

4

-5,4

-22,6

2,6

3,2

3,4

Paesi del Golfo

13

4,3

4,2

2,5

4,9

4,7

Nord Africa – Medio Oriente

11

-9,2

1,9

1,6

2,1

2,9

Far East

20

12,8

4,9

3,5

3,4

2,7

Resto del mondo

20

8,1

8,0

0,5

1,4

1,8

Vendite totali

424

0,5

4,5

2,3

2,9

3,0

Produzione

426

3,4

5,4

2,3

2,9

2,9

Consumo nazionale

106

1,6

5,7

2,5

2,0

2,2

23

12,9

17,7

11,2

5,5

5,2

Europa Occidentale

Importazioni

Fonte: Prometeia - Dicembre 2017 | Osservatorio previsionale per l’industria delle piastrelle in ceramica e bussole mercati | Confindustria Ceramica 32 - Tile Italia 1/2018

L’anno 2017 delle piastrelle di ceramica Il preconsuntivo elaborato da Prometeia sui dati di settore evidenzia, per l’industria italiana delle piastrelle di ceramica, volumi di produzione e vendite intorno ai 425 milioni di metri quadrati, derivanti da esportazioni nell’ordine di 340milioni e vendite sul mercato interno per 84milioni. Elemento di novità il fatto che, tutte le aree di destinazione del prodotto, nel 2017 sono state contrassegnate da segno positivo, in modo particolarmente marcato nell’Europa Centro Orientale e nel Far East. Le previsioni per il 2018 descrivono un rafforzamento di circa 1 punto percentuale della produzione mentre le vendite sono attese attestarsi attorno al +3%, trainate soprattutto dalla componente export. Tra i mercati più brillanti, i Paesi del Golfo ed il Nord Africa.

Il profilo economico finanziorio

Variazione %

84

Esportazioni totali

stessa Associazione in collaborazione con Prometeia e BPER Banca SpA.

La fotografia di BPRE Banca sui bilanci è quella di un settore che, nell’ultimo triennio, ha migliorato la propria struttura. In crescita il fatturato medio di settore (+21% dal 2007), con un EBITDA 2016 al 14% - pur in presenza di un divario importante tra grandi e piccole imprese - in grado di portare la posizione finanziaria netta su livelli fisiologici. Il dato saliente rimane quello degli investimenti: dopo un 2016 da record, il dato 2017 è previsto in ulteriore miglioramento con un settore che ha saputo cogliere appieno le opportunità di “Industria 4.0” puntando con decisione sulla produzione delle grandi lastre.

Il commento del Presidente Vittorio Borelli «Il quadro macroeconomico previsionale presentato da Prometeia delinea, allo stato


Statistiche

delle cose e delle conoscenze, un quadro di riferimento per il 2018 in crescita, anche se su valori inferiori rispetto al recente passato. I nostri mercati tradizionalmente più forti (USA e Germania) registrano, infatti, una crescita rallentata, mentre gli exploit più forti emergono dal Golfo, India, e Nord Africa. Questo ci richiederà di guardare con maggiore attenzione verso destinazioni non tradizionali. L’edilizia non residenziale a livello internazionale sembra avere una dinamica interessante e può costituire un crescente potenziale per le lastre ceramiche, tecnologia che il nostro settore sta mettendo a regime. Il mercato italiano, pari al 50% dei volumi pre-crisi, richiede un cambio di passo ed adeguate risorse, di rendere permanenti gli incentivi energetici e sismici, di sottolineare le nuove opportunità oggi estese anche ai condomini. Nuovi investimenti sono necessari per la riqualificazione delle nostre città: misure tutte necessarie per rimettere in moto l’industria edile del nostro Paese. Abbiamo ottenuto nelle scorse settimane il rinnovo, fino al 2022, dei dazi antidumping sull’import cinese, una misura fondamentale per il Fair Trade e per dare certezza al quadro di riferimento a livello europeo. Le misure di difesa commerciale approvate in sede comunitaria mostrano luci ed ombre. Se l’accordo per la nuova procedura da applicare nei casi di antidumping, che supera la questione del riconoscimento dello status di “economia di mercato”, è stata la migliore possibile – anche se resta da verificare la sua reali applicazione -, forti perplessità permangono in merito ad alcune misure tecniche applicative dei dazi antidumping. La ridefinizione del carico sugli oneri elettrici che gravano sulle imprese energivore è un provvedimento molto atteso dal nostro settore e dal sistema manifatturiero italiano. Lo schema firmato lo scorso 30 novembre dal Ministro Carlo Calenda supera un approccio troppo legato ai soli volumi di consumo e riequilibra le riduzioni minimali che erano finora riconosciute alle imprese ceramiche».

AGGIORNAMENTO AL 15 GENNAIO 2018 Oneri elettrici ex art. 39: riduzione dall’85 al 55% Il nuovo articolo 39 sugli oneri elettrici riduce gli oneri per l’industria ceramica italiana. Provvedimento di grande interesse lungamente atteso dall’industria italiana che da anni subisce una fortissima penalizzazione competitiva nei confronti dei produttori esteri che hanno costi energetici inferiori. Ad esempio il settore ceramico italiano ha fino ad adesso pagato annualmente un extra-costo di oneri elettrici per circa 60 milioni di euro, mentre il carico sopportato da un’impresa tedesca è meno di 1/5 di quanto pagato in Italia. «Questa situazione - ha commentato Franco Manfredini, Franco Manfredini Presidente della Commissione Energia di Confindustria Ceramica - ha frenato la capacità competitiva di settori, come il nostro, che quotidianamente sui confrontano sui mercati di tutto il mondo». Sul tema si era avviato da tempo un dialogo serrato e costruttivo con gli uffici del Ministero e, grazie all’impegno del Governo e delle Commissioni parlamentari si è completato un iter complesso che riconosce l’eccellenza dell’industria ceramica nel panorama italiano, un settore che presenta un avanzo della bilancia commerciale di 4,2 miliardi di euro e che nel solo 2016 ha investito oltre 400milioni in innovazione tecnologica. «Salutiamo con soddisfazione questo provvedimento del Governo – conclude Franco Manfredini - che risponde positivamente ad una attesa e ad una istanza più volte sollecitata. Questa misura governativa finalmente si aggiunge ai notevoli investimenti tecnologici in corso, alla leadership dell’innovazione ancora in atto che caratterizza il nostro settore manifatturiero, che ha bisogno tuttavia anche di un Sistema Paese più competitivo per affrontare le sempre più severe sfide del mercato globalizzato».

TAB. 2: I consumi di piastrelle nel mondo Livelli 2017

2015

Milioni mq. Mondo

2016

2017

2018

2019

Variazione %

13.101

2,7

4,3

3,8

3,3

3,1

Europa Occidentale

734

3,3

4,5

4,4

3,4

2,9

Europa Centro Orientale

816

-0,7

1,5

3,5

3,7

3,5

99

4,0

5,0

3,4

3,5

3,7

Balcani Paesi NAFTA America Latina Aggregato Golfo Nord Africa e altri Medio Oriente

545

8,9

7,9

2,4

2,2

2,5

1.081

-2,1

-9,0

0,2

1,9

2,5

862

2,7

3,2

3,8

4,8

4,7

400

2,4

3,8

4,5

4,2

4,3

7,0

6,0

4,4

4,2

4,4

8.134

3,3

6,8

4,4

3,4

3,0

430

5,7

3,3

1,7

2,2

2,3

- al netto della Libia Far East Resto del mondo

Fonte: Prometeia - Dicembre 2017 | Osservatorio previsionale per l’industria delle piastrelle in ceramica e bussole mercati | Confindustria Ceramica Tile Italia 1/2018 - 33


ll bagno

Centro Studi FederlegnoArredo

Una “panoramica” sul mondo del bagno Questi alcuni flash emersi dall’indagine “Le tendenze nell’arredobagno”, realizzata dal Centro Studi di FederlegnoArredo presso gli associati Assobagno per conoscere lo stato attuale della produzione made in Italy di arredi per il bagno e individuare le tendenze che si andranno a delineare nel futuro, con l’obiettivo di fornire alle aziende una serie di chiavi interpretative e concrete indicazioni di mercato.

A sinistra Paolo Pastorino, presidente ASSOBAGNO, con Enrico Celin, nuovo presidente ANGAISA

Design, attenzione alle risorse idriche ed energetiche, sostenibilità e tecnologia, questi i principali trend dell’arredobagno. Un settore che sta investendo maggiori risorse in Ricerca & Sviluppo. Basilare la formazione tecnico-commerciale degli addetti alle vendite negli showroom.

1

34 - Tile Italia 1/2018

Dallo studio, presentato da Paolo Pastorino, presidente Assobagno di FederlegnoArredo, in occasione del 19° Convegno ANGAISA e realizzato per Assobagno dal Centro Studi di FederlegnoArredo, emerge una panoramica ampia e versatile dell’arredobagno, settore con più tipologie di prodotto convergenti in un unico ambiente, dove le specificità di prodotto richieste dal mercato, in ordine d’importanza, sono oggi individuate in: durabilità, personalizzazione, innovazione tecnico funzionale, certificazione, eco sostenibilità (1).

2


ll bagno

Stand Simas @ Cersaie 2017 3

L’87% delle imprese produttrici intervistate investono in R&D (2), a cui dedicano circa il 2% del loro fatturato, e danno grande importanza ai temi che ritengono trainanti nei prossimi 10 anni (3). E, fermo restando che per la produzione made in Italy dell’ar-

redobagno il design rappresenta il primo fattore strategico per la crescita aziendale, altri precipui argomenti di interesse sono il risparmio idrico/energetico, la realizzazione di prodotti green con impatto ambientale ridotto, l’innovazione tecnologica,

5

4

seguiti da prodotti sicuri nell’utilizzo, facili da pulire e multifunzione. Sempre dall’indagine, emerge che se i produttori dovessero diversificare i materiali (4) da quelli utilizzati normalmen-

6

Tile Italia 1/2018 - 35


ll bagno

te nella loro produzione, punterebbero principalmente su acciaio (26%), minerali, pietre e compositi (21%) e alluminio (11%), materiali con caratteristiche di riciclabilità e/o atossicità, tutti ad ogni modo con un elevato impatto sensoriale. La formazione e i servizi al cliente finale sono il punto di svolta nella relazione tra produttori e distributori. Rispetto al rapporto con i clienti della distribuzione specializzata, canale distributivo principale, le imprese produttrici intendono potenziare i loro investimenti specialmente nella formazione del personale interno al punto vendita e degli installatori. Poi indicano nella formazione tecnico-commerciale degli addetti agli showroom e nei servizi la strada primaria dove la Distribuzione Specializzata dovrà investire nei prossimi anni per rafforzare la sua presenza sulla scena e differenziarsi così dalla GDO e dai nuovi attori sul mercato. Di fatto, la competenza degli addetti per fornire assistenza e soluzioni su misura al cliente finale è ormai imprescindibile dalla vendita. “Il settore dell’arredobagno, da più di un decennio, ha subito una trasformazione

importante, quasi una metamorfosi, ancora in corso, che deve far riflettere sui modelli di business, vecchi e nuovi, che necessariamente devono adeguarsi all’evoluzione della società, degli stili di vita, del mix culturale in rapido cambiamento, nonché alle nuove modalità di comunicazione e soprattutto di ‘relazione’ possibili con le nuove tecnologie. Con questa indagine - sottolinea Pastorino - desideriamo far emergere l’impegno e le risorse, attuali e future, delle nostre imprese per trasferire al mercato il valore aggiunto dei nostri prodotti. Un percorso che ci farà piacere fare in collaborazione con la nostra distribuzione con l’obiettivo di dare al cliente finale tutti quei servizi oggi indispensabili, per distinguersi sul mercato”.

Dati economici Il Sistema Arredobagno italiano annovera circa 973 aziende, di cui 367 società di capitale, con 20.080 addetti e un fatturato 2016 di 2.656 miliardi di euro, +1,8% rispetto al 2015, (esclusi ceramica sanitaria e rivestimenti). All’interno del comparto Assobagno, con 165 aziende per un fatturato complessivo

stimato intorno a 1.400 milioni di euro, rappresenta circa il 53% del totale (5). Settore stimato in crescita, secondo i preconsuntivi stimati dal Centro Studi di FederlegnoArredo, anche nei primi 9 mesi del 2017, con un +0,8%, rispetto al 2016 equivalenti ad un fatturato di 2,67 miliardi di euro. Positività favorita dal risveglio della domanda sul mercato nazionale, incentivata dal Bonus Mobili e dagli incentivi fiscali sulle ristrutturazioni, peraltro riconfermati anche per il 2018. Bonus Mobili che, secondo le stime di FederlegnoArredo ad oggi ha mosso acquisti per un totale di 4,5 miliardi di euro, interessando circa 280mila contribuenti nel solo 2016. Sul fronte esportazioni (6) le stime di chiusura 2017, ancora secondo il Centro Studi di FederlegnoArredo, sono state più alte grazie la vivacità del settore che registra un incremento dell’1%, rispetto al 2016, pari a un valore di 1,27 miliardi di euro, proveniente soprattutto dai mercati europei. In particolare, da gennaio a ottobre 2017, sono stati registrarti incrementi di fatturato in Germania (nostro primo mercato per l’export) di +5,4% pari a 174,8 milioni di euro e in Francia di +13,2% pari a 157milioni di euro.

17-22 APRILE 2018: SALONE INTERNAZIONALE DEL BAGNO La VII edizione del Salone Internazionale del Bagno, in calendario dal 17 al 22 aprile a Rho fieramilano, promotte numeri in crescita, con 228 espositori, il 12% dei quali esteri, su 20.600 metri quadri espositivi. Il presidente di Assobagno, Paolo

36 - Tile Italia 1/2018

Pastorino, ha annunciato una iniziativa significativa nel corso della manifestazione: lo svolgimento di corsi di formazione per architetti e progettisti, corsi promossi da Assobagno che, grazie alla certificazione CNAPPC ottenuta da FederlegnoArredo, erogherài crediti

formativi. Corsi dedicati ad aspetti tecnici di funzionalità, eco-sostenibilità, qualità e normative circa le macro categorie merceologiche delle rubinetterie, radiatori/ scaldasalviette, cabine/box/ chiusure doccia e mobili da bagno. “Corsi di formazione - sottolinea

Pastorino - che, per la prima volta, uniscono aziende concorrenti sul mercato con l’obiettivo di aumentare la sensibilità, le competenze e la consapevolezza dei professionisti verso un ambiente bagno made in Italy di qualità totale, evoluto ed innovativo”.


ll bagno

I 20’anni di GranTour Bagno

Gerardo Iamunno tra la figlia Susanna ed Alessandro Rorato

Tile Italia: - Quale fu il motivo del trasferimento dell’attività nella provincia di Frosinone? Gerardo Iamunno: “Per la verità la scelta di Paliano è stata del tutto casuale ed è nata, in occasione di una cena tra imprenditori svoltasi a Bologna, nell’ottobre del 1997. All’epoca stavo cercando uno stabilimento, più grande e più comodo alla viabilità autostradale, dove poter trasferire sia la produzione dei mobili da bagno GranTour, avviata da due anni e che stava crescendo bene, sia l’attività di vetreria ereditata da mio padre. In occasione di quella cena venni a sapere che uno dei commensali aveva uno stabilimento in dismissione a Paliano. Ne parlammo, ci accordammo e, nel giro di due mesi abbiamo chiuso la trattativa.” Tile Italia: - La sede del Gruppo Iamunno è sempre rimasta quella? G. Iamunno: “Quel primo stabilimento 38 - Tile Italia 1/2018

oggi è sede di RainBox mentre risale al 2003 la realizzazione del nuovo stabilimento che ospita GranTour. Per essere più precisi la sede “storica”, quella che ospita RainBox, è costituita da uno stabilimento di 25.000 mq complessivi, di cui 5.000 coperti, mentre il nuovo stabilimento GranTour Bagno dispone di 8.000 mq coperti su un’area complessiva di 30.000. Le due aziende insieme distribuiscono sul mercato italiano in circa 800 punti vendita, grazie ad una rete commerciale capillare sul territorio guidata da Alessandro Rorato, il nostro direttore commerciale. Siamo anche impegnati nell’implementazione delle esportazioni che però, ad oggi, rappresentano una piccola parte del fatturato.” Tile Italia: - In occasione dei festeggiamenti per “i vent’anni a Paliano” di GranTour è stato annunciato anche un nuovo assetto societario del Gruppo… -

Certamente il più bel compleanno della vita: vent’anni. A festeggiare, questa volta, è GranTour Bagno, azienda con sede - da giusto vent’anni - a Paliano (Frosinone) attiva nella produzione di mobili da bagno cui, cinque anni fa, si è aggiunto il marchio RainBox produttore di box e piatti doccia. Fondatore e guida del Gruppo è Gerardo Iamunno che, nel gennaio 1998, dalla provincia di Salerno trasferì a Paliano la sua GranTour Bagno.


ll bagno

G. Iamunno: “Sì, ho pensato che fosse la giusta occasione: festeggiando l’intera squadra GranTour allo stadio del Frosinone Calcio mi è sembrato corretto presentare anche i nuovi ingressi nella formazione societaria. Nuovi ingressi costituiti, oltre che da Alessandro Rorato il nostro prezioso direttore commerciale, anche dalle mie due figlie Susanna e Rita. Susanna in particolare, dopo la laurea in Marketing ed una esperienza presso la multinazionale Om Stil, la vedo pronta ad entrare nell’organico delle nostre aziende occupandosi della sua materia. Rita, invece, sta ancora ultimando i suoi studi allo IED di Roma.” Tile Italia: - La “squadra” si è anche arricchita di nuovi assunti… G. Iamunno: “In occasione della festa allo Stadio “Benito Stirpe” ho avuto il grandissimo piacere di consegnare le maglie della nostra squadra a sette nuovi giovani assunti, tutti al di sotto dei trent’anni e di Tile Italia 1/2018 - 39


ll bagno

questi ben quattro laureati. Si è trattato di una grande festa dal clima sportivo: tutti hanno portato la propria esperienza, i dipendenti dei due stabilimenti così come gli agenti della rete commerciale ed i nuovi “ingressi”: tutti a testimoniare la solidità della squadra verso il comune futuro obiettivo.” Tile Italia: - Già, una bella sfida per i prossimi anni… G. Iamunno: “Guardi se, a distanza di vent’anni, ho deciso di “smontare e rimontare” l’azienda è perché ritengo che, finalmente, il mercato sia ripartito. Allora, snelliti i processi produttivi, ho inserito forze giovani, tra cui quattro laureati, e conto su di loro per innalzare il livello tecnologico e rendere più dinamica l’azienda. Facciamo in modo di dare ai giovani la possibilità di esprimersi, del resto sento profondamente mia la famosa frase di Gandhi che recita “Dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere”.”

40 - Tile Italia 1/2018

Tile Italia: - Lei, dal 2016, è anche Presidente per il Lazio delle PMI di Unindustria. Qualche commento sull’andamento economico del territorio? G. Iamunno: “Siamo un territorio straordinario, con enormi potenzialità. La nostra regione è la seconda in Italia per la creazione di Pil. Al suo interno ci sono punti di forza ed eccellenze straordinarie al di là del turismo - che vanno valorizzate e sostenute. Un cambio di passo urgentissimo per sostenere il mondo produttivo è quello dei tempi burocratici: vanno assolutamente abbattuti. Questo è il vero “tallone d’Achille” che mi viene continuamente rilevato dalle industrie di piccole e medie dimensioni (fino a 250 dipendenti n.d.r.) che rappresentano circa l’85% della base associativa di Unindustria. Rispondere in tempi rapidi alle esigenze del mercato è fondamentale nel mercato globalizzato”.


Sistema “POSA FACILE”

3 sistemi una soluzione

SPF

Il cuneo livellante che si posa in angolo.

Con la linguetta installi la base all’angolo. Senza la linguetta la aggiungi ai lati.􀀃􀀃 Risparmia fino al 75% di denaro e tempo. Distanziatori 1,5 mm, 3 mm e 5 mm incorporati.

ZERO

La basetta livellante universale.

Riutilizza i cunei che già possiedi. È compatibile con tutti i cunei più diffusi. La installi lungo i lati della piastrella come già sei abituato a fare.

CLICK

Il tappo livellante rapido e sicuro.

Scegli basi a X/T per ridurre quantità e tempi. Profilo di contatto con rilievi antigraffio. Dispositivo di espulsione della vite. Compatibile con molti sistemi di vecchia generazione.

italian manufacturer Via triumvirato, 55/3 - 40132 BOlOGna, italy - tel. +39 051 311905 - commerciale@ghelfi.com


Obiettivo Vendita

Mielemas

Corigliano Calabro (CS) La MieleMAS di Corigliano Calabro CS ha una lunghissima ed ininterrotta tradizione: l’attività risale agli anni Trenta del secolo scorso quando Antonio Miele, nonno degli attuali titolari, produceva manufatti in cemento, fungendo anche da intermediario nella commercializzazione di ferramenta da costruzione. L’attività fu poi sviluppata dai figli, Gaetano e Giuseppe, i fondatori della F.lli Miele srl che continuarono ad ampliare l’azienda fino ai primi anni 2000 quando Marco, Antonio e Stefania, i figli di Gaetano, hanno fondato la MieleMAS srl mentre i cugini, figli di Giuseppe, avviavano una propria attività. L’intervista si svolge con l’architetto Antonio Miele, re-

arch. Antonio Miele

Tile Italia: - MieleMAS ha interamente raccolto l’eredità della F.lli Miele srl? Antonio Miele: “MieleMAS è rimasta fedele alla filosofia che già caratterizzava la precedente gestione: abbiamo continuato a pensare che, pur attenti alle evoluzioni del mercato, avremo continuato a rivolgerci ad una clientela medio/alta, investendo sulla qualità dei prodotti e dei servizi offerti, a disposizione non solo della clientela privata ma anche dei progettisti.” Tile Italia: - Dall’originale attività di rivendita di materiali di ferramenta per l’edilizia, poi estesa alla termoidraulica e alla climatizzazione, la gamma prodotti MieleMAS si estende oggi a tutte le finiture ed arredi per la casa: pavimenti e rivestimenti, infissi, stufe, cucine ed arredamento… come avete organizzato la vendita? A. Miele: “Anzitutto abbiamo suddiviso l’attività in due macro-aree: quella tecnica e quella estetica. Per ciascuna di queste aree abbiamo a 42 - Tile Italia 1/2018

sponsabile dello showroom MieleMAS. disposizione spazi dedicati e addetti con specifiche competenze inerenti ai prodotti e la relativa offerta di servizi. A capo dell’area tecnica, certamente la più “antica”, è mio fratello Marco. Io mi occupo dell’area estetica, relativa a tutto quanto concerne la finiture della casa. A nostra sorella Stefania va la responsabilità amministrativa dell’azienda.” Tile Italia: - Quale la quota di fatturato rappresentata dalle due aree? A. Miele: “L’area più “forte” resta quella tecnica che, da sola, rappresenta il 70% del fatturato totale, anche se è l’area estetica, negli ultimi due anni, ad aver ottenuto le migliori performance di crescita, peraltro a seguito di un periodo che è stato di dura crisi per tutto il settore.” Tile Italia: - Quali le strategie adottate per superare la crisi? A. Miele: “Anzitutto bisogna saper essere umili e capaci di mettersi in discussione per capire le evoluzioni sia del mer-


Obiettivo vendita

cato sia degli stili di vita. Oggi la vendita è indubbiamente fatta per il 50% da emozioni: le persone vogliono realizzare un “sogno”, ma hanno anche bisogno che questo sogno venga loro materialmente suggerito grazie ad allestimenti particolari e dettagliati, in grado di creare atmosfere da tradurre poi in proposte reali d’acquisto. L’esigenza di guidare il cliente nella “vendita emozionale” accompagna, peraltro, tutti i marchi in modo trasversale: tutti, da Ikea a Gucci, si sforzano di trasmet-

tere alla propria fascia clienti atmosfere utili alla realizzazione dei loro sogni.” Tile Italia: - Quindi la tecnica di esposizione in sala mostra è fondamentale… A. Miele: “Le tecniche espositive sono fondamentali, almeno quanto disporre di una vasta gamma-prodotti che consenta di “allestire” proposte di abitazioni complete. Io sono architetto e, fatta mia la convinzione di dover adottare un nuovo modo di fare sala mostra, ho deciso di rinnovare tutto, anche cercando la col-

laborazione di fornitori disposti a divenire veri “alleati” in questa mia nuova sfida. Così i 600 mq di showroom “area estetica” (sui complessivi 6.000 mq coperti della sede di Corigliano n.d.r.) sono stati suddivisi in tre aree che interagiscono tra loro. Alla prima area, rappresentata dall’ingresso ed illuminata da un parete in lastre krion pantografate e retroilluminate, segue lo spazio dedicato ai box espositivi che propongono diversi abbinamenti tra le migliori marche di pavimenti e rivestimen-

ti e arredi. Da qui si accede ad una terza zona, costituita da uno shop in shop Porcelanosa: un loft in cui la nostra eterogenea clientela, fatta di costruttori, istallatori, progettisti, ma anche clienti privati, può vedere realizzati i propri desideri o quanto meno usufruire di consigli ed emozioni da trasporre a casa loro. Questo loft, realizzato all’interno dello showroom secondo le indicazioni Porcelanosa, appare di fatto come un ambiente già abitato… come se il visitatore si trovasse già tra le pro-

Tile Italia 1/2018 - 43


Obiettivo vendita

prie mura domestiche…” Tile Italia: - Avete quindi stretto una partnership con Gruppo Porcelanosa? A. Miele: “Le racconto come è andata: dopo aver organizzato vari viaggi a Valencia portando gruppi di progettisti in visita alla sede Porcelanosa di Castellòn, mi è stato evidente come, al grande attivismo immediatamente seguente al viaggio e che si traduceva in vendite reali, seguisse un suo

44 - Tile Italia 1/2018

rapido scemarsi, come se finisse troppo presto l’ispirazione tratta dalla visita in Porcelanosa. Allora ho pensato di riproporre “in piccolo” quello stesso sistema espositivo, peraltro reso possibile dalla grande varietà di gamma prodotta dalle aziende del Gruppo Porcelanosa. Ne ho parlato con Vicente Carda, presidente Porcelanosa ed abbiamo deciso di scommettere su un comune progetto win-win.

In quattro mesi di intenso lavoro abbiamo completamente riallestito lo showroom.” Tile Italia: - Come avete proceduto? A. Miele: “Abbiamo colto l’occasione per cambiare l’intero spazio espositivo, rendendolo facilmente “leggibile” alle esigenze di tutta la clientela. Abbiamo poi affiancato il rinnovamento della sala mostra con operazioni di comunicazione mirate, su stampa,

radio locali e cinema. Abbiamo anche incentivato il programma di corsi per architetti, con assegnazione di meriti formativi, così come abbiamo accresciuto la collaborazione con l’area tecnica di MieleMAS. Anche questa è una nuova esigenza a cui è doveroso dare risposta perché oggi, nella progettazione di una casa, non si può prescindere dalla profonda integrazio-


Obiettivo vendita

ne tra i vari step costruttivi, ne va del risparmio energetico, dell’antisismica e, in fin dei conti, del nostro benessere abitativo.” Tile Italia: - Ma queste due aree sono anche in grado di dialogare tra loro, offrendo un servizio di consulenza “a tutto tondo”? A. Miele: “La nostra forza è data proprio dalla completezza dell’offerta sia di prodotto che di servizio,

L’azienda è specializzata nella vendita di materiale termoidraulico, materiali siderurgici, pavimenti, rivestimenti, sanitari, rubinetterie, arredo bagno, arredo urbano, barbecue, gazebo, illuminotecnica, cucine componibili, arredamento interni/esterni e porte interne e si rivolge dunque a un pubblico eterogeneo fatto di installatori, progettisti e privati.” Tile Italia: - E i risultati? A. Miele: “A distanza di un

anno registriamo un incremento a doppia cifra delle vendite provenienti dall’area estetica. Siamo veramente molto soddisfatti e, sul totale del fatturato, il 70% proviene da vendite dirette a privati ed il 30% da vendite a progettisti. Peraltro, grazie agli investimenti in comunicazione, continua ad allargarsi la nostra area di riferimento commerciale: ormai dalla provincia di Cosenza siamo passati all’in-

tero territorio regionale e non solo, abbiamo appena ultimato tre appartamenti a Firenze che seguono altri che, nel 2017 abbiamo realizzato a Milano, Bolognae Roma. Si tratta di una strada un po’ complessa, fatta di qualità dei prodotti e dei servizi. Una strada che le attività di rivendita non possono però non seguire, perché ne va della loro stessa sopravvivenza.”

Tile Italia 1/2018 - 45


Obiettivo Vendita

IMPRESA&MONDO DIGITALE

Quartarella: Lara Bezzecchi

L’articolato panorama della distribuzione italiana è costellato di esempi eccellenti di come storicità e capacità imprenditoriale possano andare a braccetto, disegnando una parabola felice di crescita nonostante i radicali mutamenti del mercato. Ben più rare, invece, sono le realtà che hanno anche saputo cogliere appieno le opportunità offerte dall’evoluzione data dalle nuove tecnologie del digitale e dalla profonda trasformazione che hanno introdotto nei comportamenti del pubblico. Una fra queste è senza dubbio Quartarella, azienda pu46 - Tile Italia 1/2018

L’identità digitale aiuta il business

gliese di grande tradizione, che proprio da questo nuovo scenario ha colto un’ulteriore forza di propulsione al suo sviluppo. Energia infusa innanzitutto da Renee Quartarella, che di questa nuovo corso è cuore e anima, coordinando con grande passione e competenza le attività di comunicazione e mktg dell’azienda di famiglia. Lara Bezzecchi: - Renee Quartarella, presto l’azienda festeggerà un anniversario -. Renee Quartarella: “Un importante anniversario. Nel 2019 conquisteremo, in-

fatti, i 70 anni di attività. Fondata nel ’49 da mio nonno, Quartarella è un’azienda storica che vede impegnata nella gestione della sua evoluzione ormai la terza generazione della nostra famiglia. Una realtà che si è sempre evoluta, arricchendo nel tempo anche la propria proposta, ora trasversale a diversi ambiti merceologici (dalle ceramiche, al termo arredo, all’ arredo bagno e outdoor sino all’edilizia) per dar risposta a tre target: privati, professionisti e imprese. L’introduzione dei complementi d’arredo, nella sede inaugurata nel 2010, ha com-

pletato l’offerta dell’azienda. Siamo radicati nella provincia di Bari, nostro principale bacino d’utenza, ma il raggio d’azione si estende alle regioni limitrofe, grazie ad un’attività che ci ha reso un riferimento nel nostro settore, come testimoniano i premi che segnano alcune tappe della nostra storia.” L. Bezzecchi: - Quando avete iniziato a mettere a punto la vostra identità digitale? R. Quartarella: “Dal 2010, in occasione del sessantesimo anno della nostra attività, abbiamo inaugurato il nuovo showroom, nostra sede attuale. In occasione della nuova campagna istituzionale che ne ha accompagnato il lancio, abbiamo ritenuto necessario un progetto di corporate identity che rappresentasse la Quartarella 3.0, in linea con l’innovazione espositiva e il design della nuova sede. È stato questo tassello della nostra storia aziendale ad innescare la definizione della nostra identità digitale. La nuova sede ha infatti comportato il restyling del nostro marchio storico e la messa a punto della nuova identità aziendale, generando l’esigenza di ripensare anche la nostra presenza istituzionale sul web, con un nuovo sito dell’azienda, che fosse innovativo tanto nella grafica quanto nel linguaggio. Dal primo sito in flash sviluppato allora, siamo presto passati ad un sito indicizzabile, che ci offriva al contempo la possibilità di gestire in autonomia l’aggiornamento dei


Obiettivo vendita

IMPRESA&MONDO DIGITALE

rare

le imprese che hanno saputo cogliere le opportunità offerte dall ’ evoluzione tecnologica digitale e dalla

trasformazione

contenuti. Nel 2011 al Cersaie nell’ambito del Best Showroom Award è arrivato il primo premio per la Comunicazione e Marketing e la miglior presenza on line.” L. Bezzecchi: - Quali canali presidiate e con quali obiettivi? R. Quartarella: “Da sempre abbiamo lavorato per innescare un dialogo che coinvolgesse tutti i nostri target di riferimento. Per parlare ai consumatori, nel 2013 abbiamo aperto il nostro profilo Facebook lanciato dal concorso “Un bagno da urlo”, che ha avuto un grande seguito. Un anno dopo, nel 2014, abbiamo dato avvio ad un nuovo progetto web che ci consentisse di poter disporre di un sito innovativo nella tecnologia, user friendly e con contenuti in grado di trasmettere un’immagine solida di ciò che è oggi l’azienda e del suo legame con il territorio. Abbiamo così dato vita ad un sito evoluto in dialogo costante con i nostri canali social, capace di trasferire traffico fra le diverse piatta-

forme e fidelizzare gli utenti. I risultati non si sono fatti attendere. Nel 2014 abbiamo ricevuto un altro premio, una menzione d’onore al Best Showroom Award al Cersaie e nel 2016 siamo stati insigniti del Retail of the Years allo Store Innovation Award dove è stata apprezzata l’innovazione anche della nostra presenza on line.” L. Bezzecchi: - Parliamo di contenuti: qual è la vostra linea editoriale? R. Quartarella: “Ho sempre creduto che i nostri canali digitali potessero avere grande appeal verso i consumatori. Seguo abitualmente i canali di moda e di design ho avuto da sempre la certezza che potessero essere d’ispirazione anche per il nostro settore. Perché pensare che l’edilizia e l’architettura non siano accattivanti quanto un brand di moda? Io ci ho sempre creduto, e questa certezza ha plasmato il nostro modo di raccontarci in rete.

da essa indotta

Così facendo, il look&feel del sito ha ereditato una natura emozionale e d’ispirazione, per solleticare gli utenti a soddisfare i loro desideri inespressi. La programmazione editoriale su Facebook, invece, ha privilegiato un approccio volto a generare curiosità e coinvolgimento. Tutti i contenuti infatti sono pensati per generare innanzitutto l’interazione degli utenti, anche portandoli ad esprimere preferenze su prodotti. Altro ingrediente che credo fondamentale, è l’aspetto ludico. Quest’estate, ad esempio, abbiamo riscosso successo tra i nostri followers, attraverso la condivisione di video nei quali i nostri collaboratori raccontavano simpatici aneddoti.” L. Bezzecchi: - Chi si occupa di sviluppare questo ramo di attività nella vostra azienda? R. Quartarella: “Me ne occupo personalmente, affiancata da uno studio di consulenza di comunicazione con il quale ad ogni inizio d’anno fisso macro obiettivi di comunicazione

Renee Quartarella

integrando attività on line e offline. È infatti indispensabile che sia assicurata la presenza di una figura interna all’azienda per garantire quell’autenticità che credo fondamentale per essere efficaci. È la sola garanzia che ci consente di essere in rete quello che siamo nella realtà, trasmettendo all’esterno la nostra passione.” L. Bezzecchi: - Quali sono le attività che vengono raccontate attraverso i canali digitali? R. Quartarella: “Formazione, eventi, rassegne stampa, concorsi di idee, occasioni dal nostro outlet… Cerchiamo di trasferire on line di pari passo l’evoluzione della nostra realtà in ogni sua forma, con un flusso e uno scamTile Italia 1/2018 - 47


Obiettivo vendita

IMPRESA&MONDO DIGITALE

bio continuo. I canali social -Facebook in particolare- ci consentono un linguaggio più libero e anche provocatorio, che non siamo soliti usare sul sito più istituzionale. Su You Tube, invece, risiede la nostra produzione video mentre altri servizi, come la possibilità di prendere un appuntamento, sono gestiti con efficacia dal nostro sito.” L. Bezzecchi: - Quanto pubblico raggiungete on line? R. Quartarella: “Almeno diecimila utenti sono iscritti alle nostre newsletter, fra imprese, professionisti e utenti privati, 200 sono gli utenti che invece in media consultano il nostro sito ogni giorno.” L. Bezzecchi: - Un’attività così strutturata ha cambiato il rapporto con i clienti, anche potenziali? R. Quartarella: “Certo, lo ha trasformato, consentendoci di diversificare il nostro pubblico. Negli ultimi anni, ad esempio, la nostra presenza su Instagram ci ha consentito di raggiungere un pubblico più giovane che difficilmente avremmo potuto coinvolgere in altro modo. È aumentata anche l’efficacia nella comunicazione dei nostri eventi. La posta elettronica, anni fa strumento privilegiato, è stata sostituita in gran parte dai canali social o da WhatsApp, molto utile con il pubblico già fidelizzato. I clienti oggi, grazie alla nostra comunicazione social, sono coinvolti nella crescita della nostra realtà aziendale e nella nostra attività come una vera e propria community. Se usati nel modo giusto, i social media, sono infatti una grande opportunità per rafforzare la propria brand identity. E non solo. Facebook è ormai diventato un canale utile per offrire assistenza al pubblico, come uno strumento per fare intelligence, capire il pubblico e comprenderne le preferenze. Ma, come anticipavo, il maggior pregio offerto dai social media è la possibilità di esprimersi in un raccon48 - Tile Italia 1/2018

to a tutto tondo, dai valori alla valorizzazione dei nostri partner. E, grazie forse alla maggior libertà di linguaggio, la vitalità della nostra azienda passa con maggior forza. Arrivando senza barriere anche a chi, ad oggi, non è ancora nostro cliente, poiché entra in contatto con noi in modo più immediato, informale e coinvolgente. In sintesi, è un canale per noi irrinunciabile e prioritario.” L. Bezzecchi: - L’acquisizione di nuovi clienti, quanto è oggi influenzata dalla presenza digitale? R. Quartarella: “In grande percentuale. Ad oggi sono numerose le telefonate in ingresso generate dalla nostra presenza online. Chi si affaccia alla nostra realtà per la prima volta, arriva da Facebook come da Google Business, oltre che dal nostro sito che è ottimamente indicizzato. E sono utenti che esprimono già un bisogno, un interesse specifico. Come, altresì, è importante la presenza su Designbest: dai cataloghi elettronici vengono generati verso di noi contatti giornalieri di utenti interessati ai nostri prodotti, da tutta Italia.” L. Bezzecchi: - Qual è l’impatto invece sui professionisti? R. Quartarella: “La nostra è diventata una vera e propria community. Per il professionista è importante rimanere in contatto con noi attraverso Facebook, per cogliere al volo le news sugli incontri formativi e gli eventi in generale. Con questo tipo di pubblico, ancor più che con gli utenti, le newsletter sono poco efficaci, a meno di inviti o comunicazioni speciali. Mentre grandi soddisfazioni -con beneficio reciproco- offrono la pubblicazione dei progetti di chi collabora con noi, sia attraverso Facebook o Instagram, piuttosto che nell’area progetti di Designbest, o i progetti premiati da Archilovers. Tanto che quest’anno il calendario aziendale cartaceo lo abbiamo dedicato a 12


Obiettivo vendita

IMPRESA&MONDO DIGITALE

progetti realizzati con i nostri partner. È una visibilità di qualità che funziona tanto per loro quanto per noi e soprattutto crea rete.” L. Bezzecchi: - Un bilancio fra impegno profuso e risultati? R. Quartarella: “Per ottenere una risposta dai clienti, l’impegno deve essere costante e non conosce tregua. Nel nostro caso, i risultati attesi sono arrivati. In questi anni, non abbiamo ad esempio mai registrato un calo di presenze nell’on line né nello showroom. L’investimento, soprattutto di tempo, c’è ed è impor-

tante, ma è ampiamente ripagato. Nel bouquet della nostra comunicazione integrata, (non abbiamo difatti mai abbandonato un’attività di presidio sul territorio più tradizionale, quale cartellonistica, TV, cinema e sponsorizzazioni e partnership di vario tipo), il digitale ci consente però di contenere i costi di investimento. Misurare l’efficacia con precisione, è difficile. Facciamo comunque il possibile per monitorare i benefici dei vari canali di comunicazione per pianificare le successive attività. Anche se il volume è impreciso, è certo però che sia significativo e in crescita.” L. Bezzecchi: - Nuovi ingredienti per future evoluzioni? R. Quartarella: “Credo che il linguaggio video sia molto promettente, tanto che già dai prossimi mesi rafforzeremo la nostra attività in questa direzione. Continueremo inoltre a sviluppare una linea di contenuti che premi la condivisione di momenti anche intimi della nostra realtà, che raccontino il nostro modo di operare giorno dopo giorno perché credo fermamente che questa linea sia premiante e ci aiuti a creare un rapporto speciale con le persone. Altre strategie preferisco non svelarle… ma chi ci seguirà non rimarrà certamente deluso: la ricerca dell’innovazione continuerà a correre anche nella nostra identità digitale, in piena coerenza con la nostra realtà e nel rispetto di ciò che siamo.”

Lara Bezzecchi è direttore editoriale di Designbest, la piattaforma internazionale che ha come mission la promozione verso il consumatore finale dell’offerta e dei servizi della più qualificata distribuzione italiana e dei brand leader del design per gli interni. Designbest, evoluzione del progetto Webmobili, online dal 2001, offre ad ogni azienda la possibilità di cogliere le opportunità della comunicazione digitale attraverso un bouquet di canali e strumenti ottimizzati per ampliare la visibilità verso un pubblico di qualità, grazie ad un ecosistema integrato di directory, magazine e servizi integrati al sito aziendale.

Tile Italia 1/2018 - 49


CERAMIC WALLPAPER

WIDE&STYLE

by ABK EMOZIONI IN SUPERFICIE Grandi lastre e decorazione digitale ad alta risoluzione. WIDE&STYLE è il nuovo progetto “on demand” di ABK Ceramiche che unisce l’eccellenza delle tecnologie più innovative ad uno spirito creativo multiforme, in grado di imprimere un tratto personale e distintivo ad ogni progetto. ABK firma il suo Style con proposte che spaziano fra geometrie, pattern floreali e mondo “luxury”. Per enfatizzare potenziale decorativo e praticità d’uso della superficie ceramica, l’Ufficio Stile ABK ha, inoltre, creato una serie di soggetti grafici “da colorare” su lastra, ispirandosi al fenomeno virale dei Colouring Books. La collezione WIDE&STYLE è un caleidoscopio di suggestioni grafiche che si differenziano per gusto, stile ed ispirazione, nato anche grazie al contributo di giovani grafici, illustratori e product designer, in grado di trasformare gli spazi con ADVERTORIAL

CERAMIC WALLPAPER

un tocco artistico e originale: i designer di Officinarkitettura trovano ispirazione nella storia dell’architettura italiana reinterpretandone i dettagli in chiave contemporanea; lo Style di Margherita Leonardi riporta tradizioni di luoghi lontani in un mood assolutamente contemporaneo; il neo-minimalismo di Riccardo Palazzi è caratterizzato dalla bidimensionalità e dall’utilizzo creativo del colore, mentre un’originale rilettura dei pattern dell’architettura classica è alla base dei lavori di Marco Taietta. WIDE& STYLE rientra nel programma di nuovi grandi formati che ABK produce con tecnologia CONTINUA+ raggiungendo la dimensione record di 160x320 cm. Il rivoluzionario sistema di pressatura a secco consente di ottenere superfici in gres porcellanato di elevata qualità e morbidezza oltre a garantire performance tecniche di altissimo livello: resistenza, leggerezza (grazie allo spessore di

soli 7 mm) e facilità di lavorazione. Le lastre WIDE&STYLE possono essere realizzate sia in versione Digit stampate a freddo, che in versione Digit +, attraverso un processo di cottura che le rende resistenti ad attacchi chimici e raggi UV, per vestire ogni tipo di spazio residenziale o commerciale, dal bagno fino alle facciate esterne. ABK aggiunge alle qualità del materiale tutta l’esclusività di un nuovo sevizio on demand. Il cliente che intende rivestire e personalizzare il proprio ambiente riceverà un render realizzato in base alle misure fornite, oltre alle istruzioni necessarie per il taglio e la corretta installazione delle lastre ceramiche. Le soluzioni WIDE&STYLE possono, inoltre, essere facilmente abbinate ai pavimenti ABK per completare ogni progetto in maniera impeccabile. WIDE&STYLE, declinato in varie tipologie di pattern, è disponibile nei formati 160x320 cm, 120x240 cm e pre-tagliato in 60x120 cm.


ADVERTORIAL

CON IL CONTRIBUTO CREATIVO DI… OFFICINARKITETTURA Attraverso l’uso di diverse tecniche e materiali, dalla ceramica alla carta da parati, Officinarkitettura cura in ogni progetto il dettaglio delle superfici che lo compongono, al fine di creare uno spazio realmente su misura per chi lo vive. Le ispirazioni che animano le grafiche di Officinarkitettura sono diverse, così come le storie che raccontano. n particolare, la linea Officina Italia Decori su supporto ceramico è un progetto aperto, che affonda le sue radici nella storia dell’architettura italiana, reinterpretandone i dettagli in chiave contemporanea. MARGHERITA LEONARDI Il percorso di ricerca di Margherita Leonardi si muove passando attraverso la

passione per l’arte e la cultura del viaggio. Mescolando sapientemente segni e stili, Margherita Leonardi evoca un mondo fatto di tradizioni artigianali, geograficamente anche molto lontane e differenti. I classici saperi dell’handmade rivivono all’interno di un mood assolutamente contemporaneo, con uno stile fresco, rilassato e romantico. RICCARDO PALAZZI Il neominimalismo grafico di Riccardo Palazzi è caratterizzato da una spiccata propensione per la bidimensionalità. Il suo sguardo si sofferma su paesaggi “essenziali” e onirici, che richiamano le illustrazioni dei libri per l’infanzia ma allo stesso tempo è affascinato dagli scenari tipicamente urbani. Il “flat design” di Riccardo Palazzi contagia

texture ed elementi metropolitani che si fanno via via più astratti e decorativi anche grazie all’utilizzo libero e creativo dell’elemento colore. MARCO TAIETTA Lo Studio Marco Taietta è attivo in diversi ambiti: dal product design, alla progettazione degli spazi fino ai servizi di comunicazione, grafica e brand identity, confrontandosi con molteplici settori della produzione industriale Made in Italy e non solo: arredo bagno, lighting, moda e nautica. La creatività versatile di Marco Taietta è caratterizzata da una rilettura dei materiali e dei pattern dell’architettura classica, che attraverso un attento lavoro di pulizia formale si traduce ogni volta in qualcosa di inedito, mantenendo un’idea di eleganza sobria e contemporanea.


Cantiere del mese

Spaziocontinuo per scale e gradini ®

Le superfici continue sono una tendenza del design d’interni che ricerca spazi minimali, privi d’interruzioni e personalizzabili. La nuova resina Spaziocontinuo® di Litokol® - declinata nelle texture decorative SpazioResina, indicata per il residenziale, e SpazioCemento adatta a superfici soggette a forte calpestio - è la soluzione ideale per creare superfici uniformi, omogenee e senza fughe. Questo prodotto è resistente all’usura, ha spessore minimo che permette di rinnovare l’ambiente evitando interventi radicali e costosi, inoltre necessita di una manutenzione ridotta. Idrorepellente e adatta anche a pavimenti riscaldanti, consente infinite personalizzazioni grazie agli oltre 2000 colori delle scale NCS® e RAL®. Gli spessori sono di soli 2 mm per applicazioni in sovrapposizione su pavimentazioni esistenti in ceramica. La possibilità di creare superfici continue non interrotte dal reticolo delle fughe è il plus alla base del successo di questi materiali. Tale continuità, e questa è l’altra straordinaria caratteristica delle resine, è estendibile non solo alle pareti, ma anche agli arredi e a qualsiasi elemento architettonico presente nell’ambiente come muretti, penisole, gradini e soprattutto scale. Queste ultime si prestano particolarmente ad essere rivestite con la resina, per essere trasformate in autentici elementi architettonici di design contemporaneo. Le scale, infatti, specialmente quelle a vista che si affacciano di52 - Tile Italia 1/2018


Cantiere del mese

SPAZIOCONTINUO LE RESINE DI LITOKOL

Preparazione fondo TEXTURE DECORATIVE: SPAZIOCEMENTO E SPAZIORESINA SpazioCemento e SpazioResina sono sistemi decorativi a tre componenti a base acqua. • SpazioResina permette di ottenere una superficie spatolata liscia con effetti chiaroscurali, personalizzabili in base all’abilità dell’applicatore. Questo prodotto consente la sovrapposizione di diverse tonalità a contrasto per ottenere una serie infinita di effetti e colorazioni. • SpazioCemento è il sistema decorativo a tre componenti per superfici continue in resina indicato soprattutto per pavimenti soggetti a intenso calpestio. L’aspetto finale è cromaticamente omogeneo ed è caratterizzato dal caratteristico disegno “a coda di rondine” lasciato dal passaggio della spatola. Pensati soprattutto per applicazioni a pavimento, Spazioresina e SpazioCemento possono essere applicati anche a parete ed sono disponibili in tutte le tonalità delle scale NCS® e RAL® (oltre 2000 colorazioni in totale). Preparazione fondo Preparazione fondo

Carteggiatura con orbitale

Rifinitura carteggiatura

Tile Italia 1/2018 - 53


Cantiere del mese

rettamente sul soggiorno, sono strutture difficilmente integrabili e possono assumere l’aspetto di un elemento estraneo al mood dell’ambiente circostante. Con Spaziocontinuo ® gli effetti scelti dal committente per i rivestimenti (finitura, colore, chiaroscuro, spatolatura), possono proseguire nella finitura della scala, regalando uno spettacolare effetto di continuità. In questo modo la scala si trasforma da semplice elemento di servizio in una vera e propria struttura di design, perfettamente integrata con l’ambiente nel quale è inserita. Spaziocontinuo® è facile da utilizzare ed ha cicli di applicazione molto brevi. Vediamo nel dettaglio come “personalizzare” una scala: A) Preparazione della superficie di posa: 1. La scala se in calcestruzzo deve essere trattata con una mano di Fissativo Mono applicato a rullo o a pennello per consolidare ulteriormente la superficie ed abbassarne l’assorbimento. 2. Dopo 3-5 ore ricoprire le pedate e le alzate con strisce pretagliate a misura di rete di rinforzo (grammatura = 75 g/m2). 54 - Tile Italia 1/2018

3. Applicare sulla rete il primer promotore di adesione Prepara Fondo, distribuendolo uniformemente su tutta la superficie mediante spatola liscia in plastica con bordi arrotondati. È necessario inserire in corrispondenza degli angoli interni la bandella di rinforzo, annegandola tra due strati (fresco su fresco) di primer. La bandella viene inserita per evitare l’eventuale trasmissione di

crepe a causa di movimenti della struttura. 4. È possibile rivestire anche scale in metallo: in questo caso si applica direttamente la rete di rinforzo con il Prepara Fondo. B) Realizzazione dello strato riempitivo: Trascorse almeno 8 ore dall’applicazione del primer Prepara Fondo, ha inizio la fase di realizzazione dello


Cantiere del mese

Preparazione con rete di rinforzo

Seconda preparazione fondo

Prima applicazione decorativo

Prima applicazione decorativo

Applicazione vernice protettiva

strato riempitivo, destinato a svolgere la doppia funzione di creare uno strato resistente ai carichi e di regolarizzare la superficie. I 3 componenti del Rasante Parete TRI (grigio) vanno miscelati uniformemente, utilizzando un trapano elettrico dotato di elica a spirale. Il prodotto è caratterizzato da una tissotropia che garantisce l’applicazione sulle alzate verticali senza colature. Si procede quindi applicando uno strato abbondante di Rasante Parete TRI mediante spatola liscia in acciaio con bordi arrotondati. L’angolo esterno dei gradini deve essere rinforzato inserendo durante questa fase profili paraspigoli in alluminio. Dopo 8 ore il primo strato di prodotto sarà indurito e si potrà ripetere l’operazione applicando un ulteriore strato. La superficie deve risultare liscia e planare. Eventuali rilievi andranno rimossi tramite carteggiatura (rete abrasiva grana 60/80), aspirando le polveri e raccogliendone i residui con un panno in microfibra umido.

C) Applicazione delle texture decorative: 5. Trascorse 8 ore dalla realizzazione dello strato riempitivo, è possibile iniziare l’applicazione delle texture. Dopo aver miscelato uniformemente, sempre con l’utilizzo del trapano elettrico, i 3 componenti di SpazioResina o SpazioCemento, se ne applica un primo strato mediante spatola liscia in acciaio con bordi arrotondati, facendo attenzione a coprire totalmente la superficie. Se necessario, dopo 8 ore ed esclusivamente con SapazioResina, si può procedere ad una leggera carteggiatura con rete abrasiva grana 80-120. A distanza di ancora 8 ore sarà possibile applicare un ulteriore strato di prodotto e procedere, sempre solo con SpazioResina, ad una nuova lieve carteggiatura. D) Finitura di superficie: 6. La finitura della superficie si ottiene applicando con rullo a fiocco o in velluto, fresco su asciutto, almeno due mani di Vernice Lucida, satinata o opaca, a distanza di almeno 12 ore l’una dall’altra.

Tile Italia 1/2018 - 55


Cantiere del mese

Più forti del terremoto Ad un anno dal sisma che ha colpito il Centro Italia, ecco l’esempio di una villetta di Campi di Norcia (PG), realizzata con i laterizi innovativi Wienerberger e che ha resistito, senza alcun danno, alle scosse di agosto e ottobre 2016 e al lunghissimo sciame successivo. «La ricostruzione può costituire l’occasione per un nuovo modello di sviluppo» ha dichiarato la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, in occasione del primo “Laboratorio per la ricostruzione” promosso dall’architetto Stefano Boeri con l’obiettivo di diffondere una cultura post-terremoto in grado di guidare un processo di ricostruzione incentrato sulla qualità urbanistica e architettonica. Sicurezza, materiali performanti e nuove tecnologie sono le linee guida di questo nuovo percorso di cui è protagonista anche il laterizio, grazie a particolari caratteristiche strutturali, come le soluzioni rettificate firmate Wienerberger. Campi di Norcia è un piccolo borgo medievale colpito dal sisma di magnitudo 6.5 dello scorso ottobre che ne ha distrutto buona parte delle vecchie costruzioni in pietra, tra cui l’antica chiesa di San Salvatore, divenuta uno degli edifici simbolo della tragedia. L’abitazione della famiglia Bertotti costruita - a 2 Km dall’epicentro - in muratura portante tra il 2012 e il 2014 utilizzando l’innovativo laterizio rettificato Porotherm BIO PLAN 38 prodotto da Wienerberger, ha invece resistito alle sollecitazioni del sisma, senza esserne danneggiata. L’unità abitativa, realizzata seguendo criteri e normative antisismiche, si contraddistingue per la sua pianta rettangolare “appoggiata” su un lato ai basamenti preesistenti di un’antica torre. Una struttura regolare, con fondazioni in calcestruzzo armato a trave continua, tetto in legno e muratura portante realizzata con il laterizio rettificato Porotherm BIO PLAN 38. La scelta delle soluzioni Wienerberger è stata determinata, come spiega il geo56 - Tile Italia 1/2018

metra Michele Leopardi, progettista dell’intervento: «dalle eccellenti caratteristiche del blocco rettificato che vanta un’ottima resistenza meccanica e ottime prestazioni sia antisismiche sia termiche, che di fatto lo rendevano il prodotto migliore per la struttura dell’abitazione». La scelta dell’innovativo sistema rettificato di Wienerberger è stata condivisa dalla committenza: «Mi sono documentato personalmente - afferma Guido Bertotto, proprietario dell’immobile sulle soluzioni in grado di coniugare, in


Cantiere del mese

Committente: Guido Bertotto Progettista: Geom. Michele Leopardi Impresa: Impresa di costruzioni Silvio Sabbatini Tile Italia 1/2018 - 57


Cantiere del mese

un unico prodotto, elevate prestazioni di isolamento termico e garanzie antisismiche, e la scelta è caduta su Wienerberger». Peraltro, costruire a regola d’arte in laterizio offre una maggiore garanzia di resistenza alla forza del sisma anche rispetto al cemento armato: «Il laterizio – prosegue Bertotto – garantisce una maggior staticità rispetto a una muratura in cemento armato e per questo motivo, assieme al geometra Leopardi, abbiamo deciso di realizzare le strutture portanti dell’abitazione con il Porotherm BIO PLAN 38. Una scelta di cui siamo molto soddisfatti: nonostante che ci siamo trovati nell’immediata vicinanza dell’epicentro la casa non ha riportato danni, se non qualche segno superficiale». Porotherm BIO PLAN 38 di Wienerberger, come testimonia la best practice di Campi di Norcia, rappresenta una soluzione ottimale in grado di resistere alle sollecitazioni sismiche perché unisce, all’eccellente resistenza meccanica, un miglioramento del confort abitativo grazie ad alte prestazioni in termini di: isolamento termico ed acustico; traspirabilità e resistenza al fuoco che garantiscono una conducibilità termica λ di appena 0,14 W/mK; sfasamento dell’onda termica dovuto alla cospicua massa del blocco, la cui inerzia permette di smorzare i picchi della temperatura esterna mantenendo all’interno temperature confortevoli anche in regime estivo. Vantaggi in termini di benessere abitativo determinati dalla combinazione della tecnologia della rettifica con quella dei setti sottili: grazie alla rettifica è infatti possibile realizzare giunti di malta di appena 1 mm, andando a eliminare completamente il ponte termico della malta e incrementando le performance energetiche. I setti sottili inoltre permettono di aumentare le file dei fori e la percentuale di foratura, migliorando così le prestazioni energetiche rispetto al laterizio tradizionale. La tecnica della rettifica inoltre, grazie al perfetto incastro dei blocchi, consente di ridurre i tempi di posa fino al 50%, come testimonia Silvio Sabbatini dell’omonima impresa di costruzioni di Norcia che ha realizzato l’abitazione della famiglia Bertotto: «La tecnologia della rettifica che contraddistingue le soluzioni Wienerberger ha fatto sì che la realizzazione della struttura in muratura dell’abitazione, per la quale è stata utilizzata anche la Malta Speciale Porotherm, sia avvenuta in tempi decisamente rapidi, ottenendo un risultato eccellente».

58 - Tile Italia 1/2018


00718 Visual Comunicazione – VE

LI N E A P E D E STAL supporti regolabili per pavimenti sopraelevati da esterno

Made in Italy · Ceggia Venezia · info@impertek.com

Scopri Linea Pedestal su www.impertek.com


Speciale Posa

Francesco Bergomi

ASSOPOSA: crescita “lenta ma inesorabile” Assoposa - Associazione nazionale imprese di posa e installatori di piastrellature ceramiche - è stata fondata in occasione di Cersaie 2013 e, pertanto, sta per compiere i suoi primi 5 anni di attività. Un “lustro” è un’entità temporale importante che offre l’ottima occasione per fare il punto sui risultati raggiunti in questi anni da Assoposa e sui programmi del prossimo futuro. Per farlo ci siamo rivolti a Francesco Bergomi, oggi direttore dell’Associazione e, prima ancora della sua nascita, interlocutore diretto dei quattro soci fondatori e partener tecnici: FILA, Mapei, Raimondi, Schlüter Systems. Tile Italia: - Quanto strada ha fatto Assoposa? Francesco Bergomi: “Una prima misura della nostra crescita “lenta ma inesorabile” ci viene da un numero: ad oggi Assoposa conta 447 associati, suddivisi tra imprese di posa, singoli posatori, rivenditori con attività di posa in opera, aziende “aggregate” produttrici di piastrelle di ceramica e aziende “sostenitrici” produttrici di macchinari e sistemi 60 - Tile Italia 1/2018

per la posa in opera. I primi anni sono stati i più faticosi, ma poi la crescita si è rafforzata tanto che negli ultimi due anni, 2016 e 2017, abbiamo praticamente raddoppiato il numero degli associati.” Tile Italia: - Assoposa è nata con lo scopo principale di favorire la qualificazione professionale del maestro piastrellista. A che punto siamo? – F. Bergomi: “La qualificazione della

professione di maestro piastrellista è lo scopo principale per cui l’Associazione è stata fondata e, per ottenerla, abbiamo realizzato un sistema di attestazione professionale e riconoscimenti delle competenze e la gestione di un registro dei posatori qualificati. Attività fondamentale in questo percorso è naturalmente quella della formazione. Durante il 2017 abbiamo realizzato 4 Corsi di attestazione professionale lungo tutto lo stivale –


Brescia, Bergamo, Parma e Bari – con la qualificazione di 54 associati. Questi corsi prevedono, per i posatori associati, un esame pratico e teorico sulla posa a norma italiana, secondo le direttive della UNI 11493; superandolo ottengono la nomina di Piastrellista o, nel caso di superamento con lode, di Maestro Piastrellista. Sempre nel 2017 ASSOPOSA ha organizzato il primo Corso di formazione e valutazione per tecnici di sala mostra, nel quale sono stati qualificati 19 tecnici. Questa tipologia di corso è importante per almeno due motivi: ASSOPOSA mira a migliorare il settore della posa e, dunque, la norma 11493 va insegnata non solo ai posatori, ma a tutti i soggetti che prendono parte, anche indirettamente, alle opere di posa. Inoltre, qualificare i proprio tecnici di cantiere e tecnici di sala mostra è uno dei requisiti da soddisfare affinché le rivendite associate possano fregiarsi della qualifica di CONTRACT DI POSA ITALIANA, rivendite eccellenti in grado di seguire il cliente dall’acquisto delle piastrelle fino alla consegna del sistema pavimento finito e testato. Lo scorso anno abbiamo anche attivato un nuovo Corso per lastrificatori, cioè per posatori professionisti specializzati nella posa in opera di lastre ceramiche di grandi e grandissime dimensioni.” Tile Italia: - Di cosa si tratta? – F. Bergomi: “A differenza dei Corsi di at-

testazione professionale, nei quali non si “insegna a posare” ma si viene valutati per ottenere la qualificazione professionale di Piastrellista e Maestro Piastrellista, questi Corsi “grandi lastre” sono veri e propri corsi di formazione professionale, che hanno lo scopo di trasferire le competenze e le abilità necessarie per la corretta installazione di questi prodotti innovativi. Ad oggi ne abbiamo organizzati 3. Ora, per il 2018, vorremmo anche riuscire a trasferire qui a Sassuolo la EITA – European Innovative Tile Academy – in modo da poter svolgere nel cuore del distretto ceramico più innovativo al mondo anche corsi per “Formatori” provenienti da tutto il mondo, in grado poi di trasferire le competenze necessarie alla posa in opera delle grandi lastre nei rispettivi Paesi.” Tile Italia: - Si tratta di un nuovo passo a seguito della pubblicazione, in collaborazione con la Commissione Tecnica di EUF, del Manuale per la posa di grandi formati e spessori sottili? F. Bergomi: “Certamente, infatti è nello scorso anno che abbiamo pubblicato, dopo averlo elaborato in stretto contatto con la Commissione Tecnica EUF e il suo Presidente Peter Goegebeur, il manuale “Istruzioni di posa per lo spessore sottile e le lastre di grande formato”. Si tratta di un documento innovativo, che i produttori conoscono e apprezzano, sullo

Assoposa - Associazione nazionale imprese di posa e istallatori di piastrelle ceramiche è stata costituita nel settembre 2013. Ad oggi conta 447 associati tra imprese di posa, singoli posatori e rivenditori con attività di posa in opera. La sede è a Sassuolo in Via Monte Santo 40. Partner tecnici esclusivi di Assoposa sono: FILA - MAPEI RAIMONDI - SCHLÜTER SYSTEMS

Tile Italia 1/2018 - 61


Speciale Posa

62 - Tile Italia 1/2018

SOCI AGGREGATI:

SOCI SOSTENITORI:

Casalgrande Padana Florim Ceramiche Fincibec Mosaico+ Ceramica Rondine Ascot Ceramiche Dom Ceramiche Maticad - DomuS3D Made Italia BigMat - HABIMAT

Progress Profiles MLTS Europa Profilitec

sviluppo del quale Assoposa ha cominciato a proporre i corsi di formazione per piastrellisti specificamente dedicati alla posa delle grandi lastre. Ora stiamo cercando di organizzare un vero “programma 2018” per lo svolgimento di questi Corsi per lastrificatori - della durata di 3 giorni, organizzati in gruppi di 12 partecipanti, suddivisi in 4 squadre da 3 persone ciascuna (quante ne sono previste per la movimentazione delle lastre) - valutando anche l’opportunità di accettare sponsorizzazioni da parte di aziende produttrici.” Tile Italia: - Altri “lavori in corso”? – F. Bergomi: “Un altro tavolo attorno al quale dobbiamo riunire aziende produttrici di lastre, rivenditori e trasportatori è quello relativo al trasporto di questi enormi formati, leggeri, molto ingombranti e per i quali è assolutamente necessario trovare una standardizzazione delle casse. E’ necessario per garantire sia l’integrità del materiale durante il trasporto sia un ingombro ed una misura certa delle casse, in modo da ottimizzarne il trasporto e il recupero/smaltimento. Ci sono poi anche altre cose che “bollono in pentola”. Tra le altre e particolarmen-


Speciale Posa

te piacevole, la posa per la riqualificazione - affidata ad un progetto dell’Arch. Mendini – della Scala dell’Amore dedicata a Elio Fiorucci e situata presso il Castello di Gradara. L’inaugurazione, con una grande festa, dovrebbe avvenire entro l’autunno. Ai Maestri Piastrellisti di Assoposa, cui è affidata la realizzazione del manufatto, andrà il dovuto riconoscimento e popolarità.”

Tile Italia 1/2018 - 63


Speciale Posa

Primo Bilancio di Sostenibilità di Mapei

Giorgio Squinzi

Mapei, fondata a Milano nel 1937, nel 2017 ha festeggiato il suo 80° anniversario anche scegliendo di realizzare il suo primo Bilancio di Sostenibilità, naturalmente relativo al 2016. Un documento in cui l’Azienda mette in luce gli aspetti ambientali, sociali ed economici delle proprie attività, al fine di condividere con i suoi stakeholder gli obiettivi che l’hanno guidata nell’operare quotidiano: migliorare la qualità della vita delle persone e tutelare l’ambiente attraverso la ricerca e la formulazione di prodotti sempre più sostenibili, processi produttivi efficienti, valorizzazione del territorio e partecipazione attiva alla vita della comunità. 64 - Tile Italia 1/2018

« Il primo Bilancio di Sostenibilità di Mapei SpA nasce dalla forte volontà di raccontare tutto questo, trasmettendo ai nostri numerosi stakeholder l’approccio etico e trasparente e la forte responsabilità d’impresa che da sempre ci caratterizzano - ha dichiarato Giorgio Squinzi, Amministratore Unico di Mapei S.p.A -. Tradizione, esperienza e voglia di eccellere hanno permesso a Mapei di diventare una delle aziende leader nella produzione di prodotti chimici per l’edilizia. Il nostro sguardo è sempre rivolto al futuro, verso quello che possiamo ancora fare per i nostri clienti, le nostre persone e, più in generale, per la comunità ».

Il percorso intrapreso da Mapei per la redazione del primo Bilancio di S ostenibilità ha coinvolto il top management e numerose funzioni aziendali che hanno contribuito per le parti di competenza, sotto la guida di un gruppo di lavoro dedicato. Il documento riassume le attività di Mapei S.p.A. relative al 2016 ed è stato redatto secondo i GRI (Global Reporting Initiative) Sustainability Reporting Standards. Le tappe iniziali per la realizzazione del Bilancio sono state l’individuazione e prioritizzazione dei portatori di interesse di Mapei e l’analisi di materialità (analisi dei temi che hanno rilevanza per gli stakeholder).


1

2

Tile Italia 1/2018 - 65


Speciale Posa

3

66 - Tile Italia 1/2018


Speciale Posa

Il Bilancio di Sostenibilità è strutturato secondo la “ricetta” che ha permesso a Mapei di assicurarsi uno sviluppo sostenibile nel tempo mantenendo il proprio ruolo di leader nel settore. A ciascuno dei “principali ingredienti” della stessa ricetta è dedicato uno specifico capitolo all’interno del documento: • Ricerca e innovazione a fianco dei clienti per costruire soluzioni efficaci e sostenibili; • Un sistema produttivo efficiente nel rispetto del territorio e dell’ambiente; • Un investimento continuo sulle perso-

ne per crescere insieme; • Tradizione ed eccellenza al servizio della comunità.

senso lato, con 29 milioni di euro legati a liberalità, contributi associativi e sponsorizzazioni alla comunità (tab. 2).

Il documento prende in esame numerosi aspetti dell’attività della capogruppo Mapei SpA, arrivando a misurazioni concrete di vari parametri. Gli investimenti in ricerca e sviluppo, ad esempio (tab. 1), sono arrivati nel 2016 a quota 30 milioni di euro, quasi raddoppiati rispetto al 2014. Gran parte di questa attività è legata alla formulazione di prodotti che abbiano un ridotto impatto sulla salute delle persone (applicatori e utilizzatori finali) e sull’ambiente. Dati, questi ultimi, misurati in termini di ridotte emissioni di Co2: 650mila tonnellate in meno da parte dell’industria del cemento, grazie all’utilizzo degli additivi Mapei; un risparmio che quasi raddoppia tenendo conto delle 590 tonnellate di Co2 evitate grazie all’auto produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici presso i siti di Robbiano di Mediglia e Latina. Altro tema indagato è quello della “restituzione” di valore agli stakeholder, quantificato in Mapei SpA su un fatturato 2016 di 560 milioni di Euro, in 491,5 milioni suddivisi tra fornitori di materie prime e servizi, dipendenti, azionisti e “territorio” in

Il Gruppo Mapei - dati 2016 La crescita del Gruppo Mapei (tab. 3) – 81 consociate in 53 diversi Paesi; 71 stabilimenti in 33 Paesi distribuiti nei cinque continenti; 28 centri di Ricerca e Sviluppo; 1,4 miliardi di euro in investimenti produttivi totali; 8.493 persone per un fatturato consolidato al 31-12-2016 di 2,3 miliardi di euro – è il risultato di una storia di successo i cui assi principali di sviluppo sono: internazionalizzazione, specializzazione nell’ambito dell’edilizia, investimenti in Ricerca e Sviluppo.

Tile Italia 1/2018 - 67


Speciale Posa

Museo Raimondi La Raimondi fu fondata nel 1974 da Mirko Raimondi che, appresa l’arte della posa dal padre, anch’esso maestro piastrellista, intorno agli anni Cinquanta divenne presidente del Consorzio Artigiano Pavimentatori di Modena. Un impegno che lo convinse della necessità di dotare i colleghi posatori di macchine ed attrezzi in grado di migliorare le loro condizioni di lavoro, oltre la qualità della posa di pavimenti e rivestimenti, al fine di abbattere la fatica fisica del mestiere e ridurre l’incidenza delle malattie professionali. Siamo stati a visitare il Museo Raimondi, recentemente inaugurato nella sede di Via De’ Tipografi, per ripercorrere le tappe che hanno scandito la storia di questa “dinastia modenese di specialisti della posa”. Le prime attrezzature proposte furono i Battipiastrelle – la cui presentazione risale ai primi anni Sessanta – e fu grazie al loro successo che, nel 1974, nacque la Raimondi Mirko con sede in Via

Dall’Arca 30, a Modena. Di questi primi anni di attività resta il ricordo memorabile della partecipazione di Mirko Raimondi alle prime edizioni di Saie, poi divenuto Cersaie, dove, circondato da nugoli di posatori, spiegava instancabilmente in che modo un determinato lavoro poteva essere fatto meglio e senza fatica. Il fondatore, nella nuova avventura, fu subito affiancato dalla moglie Graziella cui si aggiunsero, ben

Da sinistra: Ivan Raimondi, la sig.ra Carla e Giorgio Sighinolfi 68 - Tile Italia 1/2018

presto, il figlio Ivan con la moglie Carla ed il nipote Giorgio Sighinolfi. I tre divengono di fatto protagonisti di un “patto d’acciaio”: Ivan, già con un’importante esperienza di vendita acquisita con MAPEI, si dedica a sviluppare il “commerciale” dell’azienda, Giorgio mette a disposizione dello sviluppo dell’area tecnica aziendale tutta l’abilità di inventore meccanico, Carla si fa carico degli aspetti contabili e amministrativi.

Da sinistra: Riccardo Sighinolfi e Marco Raimondi


Speciale Posa

DAL 1974 INNOVAZIONI PER I PROFESSIONISTI DELLA POSA

Insieme, Ivan e Giorgio, espandono la gamma prodotti e la rete distributiva, portando l’azienda a svilupparsi sul territorio nazionale e poi anche fuori confine tanto che, nel 1984, trasformano la ragione sociale in Raimondi Srl ed inaugurano una seconda sede, in Via dei Tipografi 11, sempre a Modena. Nel 2003 avviene la successiva trasformazione in Raimondi SpA: l’azienda ha ormai acquisito un ruolo di leader nel settore a livello mondiale, esportando oltre il 50% della propria produzione. Nel 2013 viene inaugurata la terza sede modenese, in Via

Tile Italia 1/2018 - 69


Speciale Posa

Raimondo Dalla Costa 300/A. A questo punto ha ormai fatto ingresso in azienda la nuova generazione, la terza, rappresentata da Marco Raimondi e, di nuovo, dal cugino Riccardo Sighinolfi. Oggi la Raimondi SpA vanta una delle più complete linee di prodotti professionali del settore ed opera a livello mondiale, senza rinunciare né alla specifica vocazione alla qualità né alla produzione Made in Italy. Il Museo Raimondi, recentemente inaugurato nella sede di Via de’ Tipografi, ripercorre gli oltre 40 anni di storia dell’azienda proponendo: la prima fattura, emessa in data 1 giugno 1974 e intestata a Ferrucci Graziano di Figline Valdarno; il primo schedario alfabetico dei clienti e il primo listino prezzi in vigore dall’1-91975. Di assoluto rilievo i disegni originali ed i prototipi di macchine ed attrezzi che hanno contribuito a fare la storia dell’evoluzione della posa in opera: dalla battipiastrelle Lupetto alla storica taglierina Bang e dalla celeberrima monospazzola Titina ai primi distanziatori per le fughe fino agli ultimi nati, i Distanziatori livellanti.

70 - Tile Italia 1/2018


Speciale Posa

Nella visita al Museo ci ha accompagnati Ivan Raimondi, che non ha mancato di ricordare che è «grazie al gioco di squadra compiuto con l’aiuto di tutti che sarà ancora possibile presidiare spazi “antichi” ed occuparne di nuovi. Il nostro contributo alle nuove frontiere dei prodotti ceramici è sempre orientato ad agevolare il posatore migliorando anche il risultato finale». Peraltro è sempre questo il motivo che ha spinto Ivan a farsi promotore di ASSOPOSA. Ivan Raimondi è sempre stato un convinto sostenitore della necessità di una Associazione che, riunendo i Maestri piastrellisti, fosse in

grado di tutelarne il mestiere e, contemporaneamente, di garantire la qualità della posa in opera agli utenti finali e agli stessi produttori. Per la verità ci aveva già provato, insieme ad altri pionieri, nel 1988 con il supporto del Centro Ceramico di Bologna. Oggi è certamente contento che «dopo una così “lunga gestazione”, Assoposa sia finalmente venuta alla luce, ma per me il risultato sarà raggiunto, e potrò dirmi soddisfatto, quando sarà lo stesso cliente finale o l’impresa edile a chiedere che la posa in opera sia eseguita da un Maestro Piastrellista certificato. Solo allora al lavoro del posatore sarà riconosciuta la giusta dignità.»

Tile Italia 1/2018 - 71


Speciale Posa

Profoil... e la piscina è pronta! La Fratelli Calegari Srl con sede ad Olginate (LC) e specializzata nella rivendita e posa in opera di pavimenti e rivestimenti, per la realizzazione di una piscina privata nel milanese, si è affidata all’esperienza e all’alta qualità dei prodotti della Progress Profiles, primaria produttrice di profili tecnici e decorativi e di sistemi di posa. L’azienda, con sede ad Asolo, è in grado di offrire oltre 13.000 soluzioni tecniche e di design. Eseguite con la massima attenzione le operazioni preliminari alla preparazione del fondo, la Fratelli Calegari si è concentrata sulla impermeabilizzazione dell’invaso, operazione fondamentale per ottenere un lavoro perfetto e durevole nel tempo. *** Realizzata la struttura in calcestruzzo e collegati gli elementi idraulici, si è poi provveduto a livellare la superficie del fondo e delle pareti utilizzando specifici prodotti. Per garantire una corretta impermeabilizzazione si è quindi proceduto all’applicazione sull’intero invaso della membrana Profoil*. Sulle pareti la membrana Profoil, molto elastica perché realizzata su entrambi i lati con un tessuto non tessuto in polipropilene, offre un’elevata adesione alla parete ed è stata semplicemente ancorata utilizzando un comune adesivo cementizio mentre, per fissare Profoil sulle flange degli skimmer, è stato utilizzato il sigillante impermeabile Proband Fix**. Questo stesso adesivo è stato scelto anche per fissare sulle pareti della piscina le bandelle Proband 150***. Anche per l’impermeabilizzazione del fondo della vasca, la Fratelli Calegari ha proceduto ad ancorare la membrana Profoil, sempre utilizzando un comune adesivo cementizio, facendo molta attenzione ad accostare bene i teli della guaina e saldandoli tra loro con le bandelle Proband 150 fissate con il sigil72 - Tile Italia 1/2018


Speciale Posa

* PROFOIL - guaina in HDPE e PP - è una membrana impermeabilizzante in polietilene provvista su

ambo i lati di un tessuto non tessuto in polipropilene che garantisce una elevata adesione al supporto. • Destinazione d’uso: impermeabilizzazione di sottofondi e strutture verticali prima della posa di rivestimenti in ceramica e pietre naturali in ambienti a contatto occasionale con acqua quali bagni e cucine, ad elevata tensione di vapore quali saune e bagni turchi, a contatto permanente con acqua anche in pressione quali piscine e vasche. Massetti cementizi non fessurati e completamente stagionati, pavimentazioni in ceramica, marmette, pietre naturali esistenti ancorate al sottofondo, calcestruzzo completamente stagionato e sottofondi in legno. • Non utilizzare: su guaine bituminose, per impermeabilizzare superfici calpestabili e lasciate a vista, su coibentazioni a tetto rovescio realizzate con pannelli isolanti o massetti alleggeriti, su terrazzi e balconi. ** PROBAND FIX, sigillante igroindurente a base di polimeri silano terminali per sigillatura impermea-

bile ad elevata adesione ed elasticità di PROBAND con PROFOIL, per il raccordo di PROBAND a infissi, materiale plastico e lamiere.

*** PROBAND 150/250 è un nastro impermeabile in polietilene provvisto su ambo i lati di un tessuto

non tessuto in polipropilene che garantisce una elevata adesione. • Destinazione d’uso: balconi, terrazzi e superfici esterne di qualsiasi dimensione, bagni, docce, piscine e vasche in generale. Per la realizzazione di giunti perimetrali e tra teli adiacenti con PROFOIL, PRODESO® MEMBRANE SYSTEM e PRODESO® HEAT. • Non utilizzare: su guaine bituminose, per impermeabilizzare superfici calpestabili e lasciate a vista, su coibentazioni a tetto rovescio realizzate con pannelli isolanti o massetti alleggeriti; con adesivi contenenti solventi.

Tile Italia 1/2018 - 73


Speciale Posa

lante impermeabile Proband Fix. Il sistema di impermeabilizzazione Profoil by Progress Profiles consente di procedere all’immediata operazione di piastrellatura delle superfici. Operazione, quest’ultima, che è stata eseguita subito dopo aver condotto la prova di carico della piscina per controllarne la perfetta tenuta dell’acqua (foto a lato). Dopo solo 7 giorni, ultimata anche la stuccatura delle piastrelle eseguita utilizzando un prodotto epossidico, la piscina è stata definitivamente riempita.

I MOTORI DI QUESTO SUCCESSO:

Proband

Proband FIX

Proband KOLL

Profoil

74 - Tile Italia 1/2018


Speciale Posa

Buzon Pedestal festeggia il trentennale

Claude Buzon con i figli Laure e Laurent

Buzon Pedestal International, azienda familiare con sede in Belgio specializzata nella produzione e distribuzione di supporti regolabili adatti a qualsiasi tipo di pavimentazione sopraelevata da esterni, ha festeggiato i suoi primi 30 anni di attività.

La storia di Buzon ha inizio nei primi anni ‘80 quando Claude Buzon, all’epoca impiegato in una azienda meccanografica, subisce le conseguenze di un vasto piano di riduzione del personale e si trova privato, dopo oltre 20 anni, del proprio posto di lavoro da informatico. Senza perdersi troppo d’animo, il quarantenne diventa rappresentante commerciale per una società francese produttrice di schiuma per coperture e finestre. Gli inizi sono piuttosto difficili e alla sera, per arrotondare le entrate, Claude fa anche il cameriere in un ristorante nei pressi di Liegi. Intanto la società francese per cui svolge l’attività di rappresentanza gli propone di commercializzare dei “supporti per ter76 - Tile Italia 1/2018

razze” nel Benelux nei cui territori il prodotto è ancora del tutto sconosciuto. A Claude viene dato un periodo di 18 mesi per lanciarlo. Grazie ad un intenso lavoro ben presto arrivano i primi risultati incoraggianti e, nel giro di 6 mesi, Claude Buzon ottiene un contratto di esclusiva. Con il suo camioncino gira in lungo e in largo il Belgio, l’Olanda e il Lussemburgo per promuovere il sistema e consegnare di persona i supporti venduti.

Un ingegnoso autodidatta In quegli anni i supporti erano prodotti in altezze standard da 10 a 15 centimetri. Per adattarli alle richieste dei clienti, che

spesso necessitavano di altezze minori, Claude Buzon si trasformò in inventore e, usando come officina il proprio garage, iniziò ad adattare e tagliare i supporti secondo le esigenze dei clienti. All’inizio questo lavoro di taglio di precisione veniva fatto manualmente e tutta la famiglia dà il proprio contributo provvedendo a pulire e preparare i supporti, tagliati su misura, per la consegna. Siamo nel 1987, il successo si fa sempre più ampio e Claude decide di non dipendere più da un fornitore esterno e fonda la Buzon Pedestal. Seguendo le richieste del mercato, sviluppa le prime gamme prodotto in grado di creare varie combinazioni: un piccolo supporto con altezze com-


Speciale Posa

prese tra 3 e 5 centimetri, denominato “B34”, con una superficie di appoggio importante e la serie “P” che consente di variare le altezze da 32 fino a 600 millimetri trasformandosi così nel sup-

porto più alto del mercato. Le idee germogliano e la storia di successo si mette in marcia. Claude Buzon non si accontenta di vendere i propri supporti sul mercato del Be-

nelux e parte alla conquista di nuovi orizzonti. Fa conoscere i suoi prodotti attraverso alcune fiere in Francia, Inghilterra, Italia e Germania ed attraversa l’Atlantico entrando nel mercato americano.

1987 quando Claude Buzon inventore trasformando

siamo nel

diviene

in officina il proprio garage ed inizia ad adattare e tagliare i supporti ...

Tile Italia 1/2018 - 77


Speciale Posa

Il 1997 segna una nuova tappa molto importante per l’azienda: l’invenzione di un correttore di pendenza, subito brevettato, suscita grande interesse alla fiera Batimat di Parigi e vince la medaglia d’argento nel concorso per l’innovazione.

Una storia familiare Alla fine degli anni ‘90 Laurent Buzon, figlio di Claude, entra in azienda e si lancia in un vasto tour mondiale per aprire nuovi mercati. Dalla Cina al Giappone, dal Messico agli Stati Uniti e alla Turchia e poi ancora Hong Kong, Dubai, Singapore ed i paesi dell’est Europa. Numerosi progetti si concretizzano e, nel 2000, Buzon Pedestal può contare su oltre 25 filiali gestite da distributori esclusivi nei quattro angoli del mondo. Anche la gamma dei prodotti continua a crescere, aggiungendo nuove generazioni di supporti mentre si allunga l’elenco di prestigiosi progetti internazionali in cui sono stati utilizzati i materiali Buzon.

Tra questi basti ricordare la grande Moschea di Abu Dhabi con i suoi 115.000 supporti, le terrazze del complesso del Marina Bay Sands a Singapore, l’ambasciata del Camerun in Francia ed il villaggio olimpico di Londra. La produzione avviene oggi in due siti, rispettivamente in Belgio e Portogallo. a sede dell’azienda Buzon si trova ad Herstal, nei pressi di Liegi dove dispone di un’importante superfice di stoccaggio. Nel 2013 fa ingresso in azienda anche la figlia Laure che, con una laurea in ingegneria gestionale, prende le redini dell’aspetto finanziario e delle risorse umane, che lei preferisce chiamare “sviluppo umano”. Ad un anno dal suo arrivo, Buzon ottiene la certificazione di qualità ISO 9000 relativa ai sistemi di gestione dei processi aziendali. In questo stesso anno, Buzon Pedestal investe sul mercato francese assumendo Marc Collings in qualità di direttore commerciale per la Francia, il Belgio, il Lussemburgo e l’Olan-

La famiglia Buzon ed il gruppo dirigente al Batimat di Parigi 78 - Tile Italia 1/2018

Francia - Metz - Restaurant Centre Pompidou


Speciale Posa

da. In breve tempo Marc crea una rete commerciale di sette agenti, dei veri ambasciatori del marchio Buzon nei loro territori.

L’ora del passaggio di testimone Nel novembre 2017 Buzon ha quindi celebrato i suoi trent’anni di attività e, riuniti tutti i dipendenti, i 35 distributori esclusivi arrivati dai 5 continenti e la rete commerciale francese, si sono tutti spostati al Batimat di Parigi, presso lo stand Buzon. Il lungo weekend conviviale organizzato nella capitale francese si è concluso sulla Senna, su un battello appositamente noleggiato per una serata memorabile in cui scoprire Parigi by night. Nell’occasione, alla presenza di tutti i suoi collaboratori, Claude Buzon ha deciso di annunciare ufficialmente che era arrivato il momento di passare ai figli il timone dell’azienda. Laure e Laurent, oggi co-amministratori della società, hanno assunto l’impegno di mantenere il brand Buzon Pedestal

come riferimento mondiale nel comparto dei supporti. “La nostra missione è guidare la società con lo spirito del buon padre di famiglia, preservare il lavoro dei nostri dipendenti, coltivare il loro interesse a svolgere con gioia l’attività. - spiega Laurent Buzon - Allo stesso tempo vogliamo rimanere i leader del nostro settore ed essere punti di riferimento sia nel mercato residenziale privato sia nelle più belle creazioni di architettura in tutti i paesi del mondo”. Per affrontare queste nuove sfide, l’azienda sa di dover continuare a innovare e, recentemente, è stato lanciato il sistema con magatelli in alluminio Buzon Rail System (BRS) che facilita e velocizza la messa in opera delle pavimentazioni sopraelevate. Claude Buzon può serenamente e meritatamente andare in pensione, ma siamo certi che farà ancora parlare il suo estro creativo… sta preparando un fumetto animato per raccontare la sua incredibile storia e quella della sua società.

Singapore - Marina Bay Sands Tile Italia 1/2018 - 79


Speciale Posa

Schlüter-Systems per il

Centro Porsche Bologna Il Centro Porsche Bologna, molto noto in città anche come Vanti Sport, raccoglie l’eredità della storica Concessionaria Soveco che, nel 1988, realizzò la ricercata struttura di vendita per ospitarvi la concessionaria Porsche. Oggi proprietà di Penske Automotive Group Italy (P.A.G. Italy, nata nel 2012 dalla joint venture tra Roger Penske e le famiglie Vanti-Mantellini con l’acquisizione delle Concessionarie Porsche di Bologna, Modena e Mantova), il Centro Porsche Bologna conferma l’impegno nel mettere a disposizione della clientela servizi “unici” in termini di cura e attenzione alle esigenze di vendita, assistenza e ricambistica. Il salone, situato tra il Viale Sandro Pertini e l’Ospedale Maggiore e quindi prossimo al centro città, dispone di un suggestivo spazio espositivo a forma circolare, capace di ospitare oltre 15 vetture, tra nuove ed usate rigorosamente garantite. Una struttura la cui architettura, a quasi trent’anni dalla realizzazione, conserva ancora uno stile raffinato ed un design perfettamente in linea con il Corporate Design della prestigiosa casa automobilistica con sede a Zuffenhausen. Il ricercato spazio vendita necessitava però di alcune modifiche, in termini di finiture interne, confort e ottimizzazione degli spazi. In particolare era divenuto assolutamente necessario dotare la struttura di canalizzazioni per l’istallazione di cavi in grado di alimentare connessioni web rapide ed efficienti, a garanzia di veloci collegamenti multimediali a servizio delle più attuali tecnologie. Canalizzazioni da realizzare rigorosamente sotto-pavimento e che richiedevano, pertanto, anche il completo rifacimento dello stesso, in linea con le più alte esigenze estetiche e prestazionali. 80 - Tile Italia 1/2018

I lavori La committenza ha affidato la realizzazione di tutte le superfici pavimentali a Technoriunite srl, azienda con sede a Castellarano di Reggio Emilia, specializzata nella posa in opera di materiali ceramici di alta gamma, in questo caso forniti da GranitiFiandre. La necessità di rispettare tempi d’intervento molto brevi, contenuti nelle due settimane di chiusura estiva della struttura, ha comportato la decisione

di installare il nuovo pavimento direttamente sul preesistente, evitando le operazioni necessarie allo smantellamento, all’eliminazione delle macerie e al rifacimento di un nuovo massetto. Realizzati sulle vecchie pavimentazioni i “tagli” atti ad ospitare l’alloggiamento dei cavi ed ultimate le operazioni di cablaggio, per garantire una posa in sovrapposizione solida e scevra da rischi di cedimenti o fessurazioni si è quindi ricorsi all’istallazione di una guaina di separazione tra la


Speciale Posa

vecchia e la nuova superficie. In totale sono stati istallati ben 1.000 mq di Schlüter®-DITRA 25, al di sopra della quale si è potuto immediatamente procedere alla posa della nuova pavimentazione, riducendo ulteriormente i tempi di posa in opera dato che, dopo l’applicazione, la guaina non necessita di tempi di stagionatura ed è immediatamente calpestabile e pavimentabile. Subito dopo la stesura della guaina, l’impresa ha quindi proceduto alla posa delle lastre della serie Black Boxtone prodotta da Graniti Fiandre, un materiale di design minimalista ed in linea con le linee guide di design della Casa Madre. Nonostante il grande formato, le lastre sono state installate in modo perfettamente planare, grazie all’impiego di TLS - Technoriunite Leveling System, un sistema a pomello facile e veloce per il perfetto livellamento di pavimenti e rivestimenti che ha garantito un risultato impeccabile.

Tile Italia 1/2018 - 81


Speciale Posa

I lavori sono stati puntualmente portati a termine dalla squadra di Technoriunite nelle due settimane centrali del mese di agosto.

Schlüter®-DITRA 25 Lo strato di Schlüter ®-DITRA 25 (guaina in polietilene provvista di nervature cave tra quadratini sagomati a coda di rondine profondi circa 3 mm e rivestita sul retro con tessuto in fibra), intraposto tra la vecchia e la nuova pavimentazione crea uno strato di scorrimento orizzontale in grado di prevenire il trasferimento delle tensioni ed eventuali crepe dal vecchio pavimento al nuovo. Altra caratteristica distintiva della tecnologia Ditra, estremamente importante anche nel caso del cantiere bolognese appena descritto e chiamato a sopportare il peso di numerose auto, è la resistenza ai carichi. Schlüter®-DITRA 25, rivestita con piastrelle in ceramica dallo spessore e dalla resistenza idonea, distribuisce infatti i carichi in modo omogeneo sulle proprie cavità quadrate riempite di colla e separate tra di loro da nervature cave, trasferendoli direttamente al sottofondo. Per questo motivo i pavimenti posati sulla guaina Schlüter ®-DITRA 25 sono dotati di grande resistenza.

Conclusioni Grazie ad un intervento di restauro delicato e rispettoso, il Centro Porsche Bologna è tornato in splendida forma mantenendo il suo originario stile, classico ed intramontabile. Schlüter-Systems e Porsche, due “case tedesche” che spiccano entrambe per eccellenza e qualità nel settore di riferimento, hanno contribuito a preservare una vera icona di stile dell’architettura moderna, pronta ad affrontare i prossimi 30 anni.

82 - Tile Italia 1/2018


t

o

Pianificazione media e advertising.

Insistente

Media relations.

Realizzazione di azioni di Direct e-mail marketing.

Contenuti per siti, blog e social media.

Creazione database.

Articoli economici e tecnici, case history, interviste, schede prodotto.

Ostinato

Insistente

Solenne

I n s i s t e n t e Insistente

COINVOLGENTE

RASSICURANTE r i d o n d a n t e

Insistente

Ragionato

Enfatico

Ufficio stampa nazionale ed estero.

Gridato Tenero Determinato Ironico

ironico

elevatoCONCRETO →

B r i o s oMORBIDO Accomodante

Sobrio Disinvolto

Irriverente

Elegante

a c c o m o d a n t e

MEDITATO

pacato

Enfatico

I r r i v e r e n t e

Persistente

Vivace ENFATICO Sussurrato

Coinvolgente

Persistente

Persistente

a

Persistente

Sobrio

Suadente r

Coinvolgente Ostinato

Persistente

Sussurrato

concreto

VIBRANTE pacato

Persistente

Sobrio Solenne s u s s u r

Brioso

Persistente

Elevato

Accomodante

Gridato

RassicuranteENFATICO

Meditato Insistente ironico

Persistente

BRIO Solenne

Persistente

SOBRIO Sussurrato

Persistente Persistente

Determinato

ironico

Te n e r o

ACCESO

Pacato

Persistente

Elegante

Scegli il TONO della tua comunicazione.

Organizzazione di eventi, convegni tecnici, open house, workshop, educational.

INtono Comunicazione mette a disposizione Villa Marchetti, a Baggiovara (Modena), location Settecentesca dotata di diverse sale attrezzate per ogni tipo di evento. www.villamarchetti.it

INtono Comunicazione S.r.l. - Via Martinella, 71 - 41043 Maranello (MO) - c/o Omniadvert S.p.A.

ufficiostampa@intonocomunicazione.it www.intonocomunicazione.it


Speciale Posa

FILA Solutions per Villa Manta in Sardegna FILA Industria Chimica SpA, primaria realtà a livello internazionale nel comparto del trattamento e protezione delle superfici, è partner di oltre 200 produttori internazionali. Fondata nel 1943 dalla Famiglia Pettenon e con sede a San Martino Lupari PD, l’azienda è oggi presente in oltre 100 Paesi nel mondo, ha raggiunto l’eccellenza nei sistemi per il trattamento e protezione di tutte le superfici e, in particolare, della ceramica per la quale ha sviluppato sistemi performanti di trattamento in linea di cui FILA TECH è la business unit dedicata.

La ristrutturazione e l’ampliamento di Villa Manta, una villa degli anni Settanta affacciata su una delle spiagge più suggestive della Sardegna, ha rappresentato una sfida progettuale curata dallo Studio GAAP di Camposampiero in provincia di Padova. Un intervento che ha visto concretizzarsi la partnership tra FILA Solutions e LAPITEC® in quanto, gli oltre 1.000 mq di pietra sinterizzata a tutta massa LAPITEC®, sono stati trattati dagli esperti applicatori di FILA Service. Per i pavimenti del grande salone e per i pavimenti e rivestimenti di alcuni bagni della villa è stato scelto un LAPITEC® Bianco Polare in finitura Satin, mentre per le pavimentazioni esterne la finitura prescelta, nella medesima tonalità, è stata Vesuvio, più strutturata, allo scopo di ridurre la scivolosità della superficie. FILA Service ha curato la pulizia dopo posa di tutte le superfici per rimuovere differenti tipologie di sporco, rispettando le esigenze architettoniche e tecniche richieste dal materiale e mantenendo inalterata la resistenza alla sci84 - Tile Italia 1/2018

volosità, aspetto molto importante soprattutto per gli ambienti esterni e per il bordo piscina.

Pulizia delle pavimentazioni esterne Sulle pavimentazioni esterne del camminamento e di tutta l’area antistante la villa, realizzate in LAPITEC ® Bianco Polare con finitura Vesuvio, le macchie di ruggine di deposito sono state pulite con DETERDEK puro, lasciato agire per 10 minuti e poi risciacquato. Lo sporco causato dai lavori di finitura (vernici, stucchi, pitture, ecc.), dal calpestio delle persone e dalle impurità derivanti dagli agenti atmosferici, è stato rimosso con FILAPS87 diluito in proporzione 1:1, lasciato agire per 10 minuti e poi risciacquato. I residui di posa e stuccatura sono stati rimossi con DETERDEK, diluito in proporzione 1:5, con risciacquo finale.


Speciale Posa

Pulizia del bordo piscina A bordo piscina, per eliminare lo sporco di origine micro batterica e vegetale, è stato utilizzato il detergente anti-alghe per esterni FILAALGAE NET puro, con successivo risciacquo.

»»

Tile Italia 1/2018 - 85


Speciale Posa

Pulizia delle pavimentazioni interne Negli ambienti interni in LAPITEC® Bianco Polare con finitura Satin, macchie di diversa natura sono state pulite con il detergente decerante sgrassante FILAPS87; anche segni di matita grafite sono stati rimossi con FILAPHZERO,

86 - Tile Italia 1/2018

utilizzato puro direttamente sulle macchie, lasciandolo agire per 10 minuti e poi risciacquando.

Manutenzione Per la manutenzione ordinaria è stato consigliato l’uso del detergente neutro senza residuo FILACLEANER debitamente diluito.


ASSOCIAZIONE NAZIONALE IMPRESE DI POSA E INSTALLATORI DI PIASTRELLATURE CERAMICHE

PRODUTTORI, RIVENDITE E POSATORI INSIEME PER PORTARE LA POSA ITALIANA A LIVELLI DI ECCELLENZA NEL MONDO Associarsi ASSOPOSA significa scommettere sulla propria professionalità , contribuire alla crescita del settore, poter portare avanti le proprie istanze nella filiera, conoscere e confrontarsi con i colleghi, fare esperienze formative e godere di vantaggi esclusivi per la tua professione

SCOMMETTI SULLA BUONA POSA. UNISCITI AD ASSOPOSA! PARTNER TECNICI

VAI SU WWW.ASSOPOSA.IT E SCOPRI COSA POSSIAMO FARE INSIEME

/ assoposa


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

Profilpas

Marco Pasquali « L’ a n n o 2017 ha rappresentato per Profilpas un anno di grandi successi che ci ha permesso di mettere le basi per un 2018 che si prospetta altrettanto favorevole. Tali ri-

88 - Tile Italia 1/2018

sultati sono il frutto di un’attenta analisi dei mercati di riferimento dove Profilpas è presente anche con filiali proprie, di un personale di alta professionalità e di prodotti tecnici di altissima qualità. L’attenzione alle tendenze architettoniche e d’interior design, unite alla sinergia tra ufficio tecnico e commerciale, ci hanno permesso di soddisfare le richieste di un mercato sempre più esigente ed in continua evoluzione. È proprio da qui che nasce Profil-

pas Design: una linea di profili, listelli decorativi e battiscopa, che coniuga perfettamente il concetto moderno di design, dove forme e accostamenti cromatici si fondono totalmente con materie differenti. Gli abbinamenti sono infiniti e adatti a molteplici gusti architettonici che spaziano dal classico al moderno, per rivestire pavimenti e rivestimenti in ambienti come cucine, bagni, alberghi e spazi commerciali.»


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

Cercol

Umberto Strucchi «Siamo purtroppo a confermare che la ripresa, tanto auspicata per il 2017 dall’Associazione Italiana Costruttori, non è ancora decollata e i numeri del settore edile non ci hanno aiutato a migliorare il nostro trend di vendite sul mercato italiano. Speriamo di migliorare final-

mente in questo 2018. Cercol nella sua continua attività di ricerca e innovazione per lo sviluppo dei prodotti conformi alle politiche di eco-sostenibilità ha completato e lanciato una nuova linea di fuganti F.15 Setastuc in confezioni Alupack.».

F.15 SETASTUC F.15 Setastuc è un fugante cementizio monocomponente antimuffa, a bassissimo assorbimento d’acqua ed elevata resistenza all’abrasione, indicato per la stuccatura di fughe 0-6 mm e classificato CG2 WA secondo la normativa EN 13888. La sua finitura “liscia come seta” è particolarmente gradevole, soprattutto in abbinamento con parquet ceramico e con mosaico vetroso. Grazie alle sue elevate caratteristiche tecniche può essere inoltre applicato per la stuccatura di piastrelle e pietre naturali posate in ambienti umidi, come piscine e centri benessere. F.15 Setastuc viene proposto in 32 tonalità di colore per soddisfare qualsiasi esigenza estetica. A partire da gennaio 2018 F.15 Setastuc è disponibile in confezioni Alupack da 5 Kg in scatole da 4x5 Kg in tutte le sue 32 tonalità. L’imballaggio Alupack, oltre ad essere più resistente e maneggevole rispet-

to alle precedenti confezioni in polietilene, garantisce ulteriormente la conservazione del prodotto nel tempo e risulta esteticamente ottimale per l’esposizione del prodotto presso il rivenditore. Le nuove confezioni permettono inoltre una più immediata identificazione del colore del fugante, grazie alla presenza di un bollino adesivo con colore e codice corrispondenti.

Tile Italia 1/2018 - 89


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

Schlüter-Systems Italia

Georg Peter Schlangen «Nel 2017, finalmente, è tornato un clima economico più sereno anche in Italia. Ne danno prova tanto le statistiche di Confindustria Ceramica, che attestano un risveglio della domanda di piastrelle ceramiche sul mercato domestico, quanto le numerose testimonianze da noi raccolte dai posatori qualificati che partecipano alla nostra intensa attività formativa e che con-

fermano un mercato finalmente in ripresa. Protagoniste indiscusse della nuova domanda di materiali ceramici nel 2017, si sono confermate le grandi lastre che costituiscono ormai una parte significativa del fatturato dei principali produttori del comprensorio. Grandi lastre, peraltro, che sono state al centro di diverse attività a livello nor-

Schlüter -DITRA-DRAIN ®

Il sistema Schlüter®-DITRA-DRAIN è la scelta consigliata per la posa dei grandi formati in interno ed in esterno. Schlüter®-DITRA-DRAIN crea una micro ventilazione sotto il rivestimento ceramico o lapideo, favorendo così una rapida stagionatura della colla. Applicazioni: • in interno per separare il manto ceramico dal sottofondo e garantire l’assenza di crepe nella pavimentazione • su massetti riscaldati per una diffusione omogenea del calore

• in esterno per creare un sistema di drenaggio sotto la pavimentazione in ceramica o pietra naturale, per balconi, terrazzi o marciapiedi. ➜ Schlüter®-DITRA-DRAIN 4 è una guaina in polietilene che presenta una struttura a rilievi, sormontati da un tessuto permeabile, in parte alti 4 mm a forma tronco conica, e in parte alti 2 mm a coda di rondine rovesciata. Questi ultimi, sul lato inferiore, formano cavità quadrate che garantiscono

l’ancoraggio del collante. Il collante è da stendere con una spatola dentata di 6 x 6 mm; su di esso viene fatta aderire la guaina Schlüter®-DITRA-DRAIN 4. Lo strato superiore in tessuto serve da base di ancoraggio per il collante, sul quale viene poi posata direttamente la pavimentazione. Il tessuto è permeabile all’acqua ed al vapore. Questo garantisce una rapida essiccazione del collante. La capillarità passiva impedisce la risalita d’acqua sulla superficie del rivestimento. I rilievi tronco conici verticali sono in grado di sopportare carichi elevati (fino a 50 t/ m²). Grazie ai rilievi a coda di rondine rovesciata, si ottiene poi una buona aderenza al sottofondo. Schlüter®-DITRA-DRAIN 4 è particolarmente adatta per applicazioni in ambienti interni e per superfici contenute in ambienti esterni. ➜ Schlüter®-DITRA-DRAIN 8 è una guaina in polietilene con una struttura a rilievi tronco conici. Il lato superiore è di uno speciale tessuto filtrante e il lato inferiore è provvisto di uno speciale tessuto per l‘ancoraggio del collante, che dev’essere applicato con una spatola dentata (consigliata: 3 x 3 mm o 4 x 4 mm). La colla viene stesa posando la guaina Schlüter ®-DITRADRAIN 8 a letto pieno. Il carico massimo ammissibile per Schlüter®-DITRA-DRAIN 8 é di 15 t/m². Schlüter®-DITRA-DRAIN 8 è particolarmente adatta per pavimentazioni esterne di elevata superficie, come ad esempio balconi e terrazze con pendenza particolarmente lunga o per scale esterne.

90 - Tile Italia 1/2018


ADVERTISING

mativo, di formazione professionale e di aggiornamento delle “regole di buona pratica” per la posa della ceramica. La posa dei grandissimi formati richiede, infatti, una specifica professionalità, a partire da una attenta preparazione del sottofondo di posa il cui massetto, nonostante la più scrupolosa esecuzione, è inevitabilmente destinato a subire ritiri e dilatazioni diverse da quelle tipiche del manto ceramico, di per sé più rigido e stabile. Per evitare quindi la trasmissione di tensioni e di probabili fessure dal sottofondo alle grandi lastre è oggi sempre più autorevolmente e fortemente consigliata dalle regole di buona pratica, raccomandate anche dal Manuale di posa pubblicato da ASSOPOSA, la realizzazione di uno “strato desolidarizzante” frapposto tra il massetto e il manto ceramico. Strato che, oltre ad impedire la trasmissione di tensioni dal massetto alla pavimentazione, garantisce anche una corretta distribuzione dei carichi verso il sottofondo. Queste due funzioni, di desolidarizzazione e di distribuzione dei carichi, sono quelle da sempre svolte dalle nostre guaine S chlüter ®-DITRA. Peraltro si tratta di soluzioni ben collaudate: sono ormai oltre 25 anni che vengono prodotte da Schlüter-Systems ed oggi, con l’avvento delle grandi lastre, mostrano il loro ritrovato e perfetto connubio tra funzionalità e rinnovata attualità. E’ quindi con grande soddisfazione che abbiamo appreso la notizia che questi fondamentali principi sono raccomandati anche dall’Associazione Europea dei Posatori - EUF che, in stretta collaborazione con ASSOPOSA, ha recentemente dedicato un manuale proprio alla posa delle grande lastre. A proposito di ASSOPOSA, mi piace ricordare che Schlüter-Systems collabora con l’Associazione, fin dalla sua fondazione, come Partner Tecnico, contribuendo in modo significativo agli sforzi messi in atto per diffondere una vera cultura della posa in opera di qualità, a garanzia dei lavori eseguiti ma anche in riconoscimento della professionalità del posatore. Le grandi lastre rappresentano sicuramente una sfida notevole, ma costituiscono un’enorme opportunità per il settore. Il nostro impegno per il 2018 rimane quindi quello di promuovere sistemi e tecnologie innovative che garantiscano un’installazione funzionale, bella e durevole nel tempo delle grandi lastre così come della ceramica e della pietra naturale in generale, in linea con le elevate attese di progettisti e committenti.».

FILA KITCERAMICA Oh, la sorpresa di ritrovare lo splendore del primo giorno. Oh, la sorpresa di avere a disposizione un sistema che pulisce perfettamente i tuoi pavimenti. Ho la certezza di avere quello che rende tutto splendido come il primo giorno. SCOPRI DI PIÙ SU FILA KIT CERAMICA

FILA INDUSTRIA CHIMICA SPA

35018 San Martino di Lupari, Padova IT T +39 049 94 67 300 info@filasolutions.com


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

Mapei

Francesco Stronati « Il mercato dell’edilizia anche nel 2017 si può definire piuttosto stagnante, pur avendo registrato una crescita moderata, soprattutto nel settore del rinnovo e della manutenzione. L’industria ceramica ha seguito questo trend con incrementi dell’ordine dell’1-2%, registrando però una sensibile crescita delle esportazioni con l’affermazione sempre più forte delle piastrelle italiane di qualità e dei grandi formati. La diffusione di prodotti di qualità porta naturalmente alla scelta di materiali per la posa di alta gamma, come i nostri adesivi della linea KE-

RAFLEX ed il nostro fugante cementizio, riconosciuto essere la punta di diamante del mercato, ULTRACOLOR PLUS. Inoltre la scelta delle ceramiche di grande formato, unitamente alla ridotta dimensione delle fughe (che rappresenta l’attuale trend del mercato) ha sensibilmente diminuito l’incidenza a metro quadro dei prodotti fuganti, permettendo di orientare spesso la scelta su prodotti ad alte prestazioni come i nostri fuganti a base di resine epossidiche KERAPOXY CQ e KERAPOXY DESIGN. Grazie a questi prodotti è possibile, infatti, ottenere elevati livelli di pulibilità, igiene, migliore effetto di continuità delle superfici e durabilità nel tempo della stuccatura stessa. La generale ricerca della qualità ha permesso a Mapei di riconfermare la propria posizione sul mercato italiano e, al contempo, di registrare nel mondo una forte crescita nel settore dei prodotti

per la posa della ceramica, riconfermando la propria leadership assoluta a livello mondiale. In particolare è stato ottenuto un netto sviluppo delle vendite negli Stati Uniti ed una grande espansione nei mercati emergenti, quali Asia e Sud America. In questo momento storico e di mercato la comunicazione, in tutte le sue forme, l’informazione e la formazione tecnica rivestono sicuramente un ruolo fondamentale, più ancora di un ampliamento della gamma dei prodotti, già ricca ed in grado di soddisfare tutte le esigenze attraverso le tre principali famiglie di adesivi: la famiglia KERABOND, la famiglia KERAFLEX e la famiglia ULTRALITE. Proprio per questo Mapei è sempre più presente in rete, anche attraverso il nuovo sito internet, ricco di informazioni tecniche dettagliate attraverso il quale tutti gli operatori possono mettersi in contatto con noi e conoscere i nostri eventi formativi.».

KERAFLEX MAXI S1 La tipologia di materiali cosiddetti “multipurpose” e di alta qualità permette di ridurre lo stock dei magazzini, mantenendo la possibilità di soddisfare le più molteplici esigenze di cantiere. Per Mapei tutto questo si traduce nell’affermazione della gamma KERAFLEX ed in particolar modo di KERAFLEX MAXI S1 grazie alla sua estrema versatilità. KERAFLEX MAXI S1 è idoneo per quasi tutte le esigenze di posa, è caratterizzato da una facile stesura, applicabile in interno ed esterno fino a 15mm di spessore mantenendo un’ottima resistenza allo scivolamento verticale e permettendo, anche a pavimento, di non avere calo delle piastrelle pesanti. È inoltre deformabile di classe S1 e può quindi essere utilizzato anche nelle situazioni più critiche richiedenti prodotti con prestazioni più elevate. KERAFLEX MAXI S1 è Low Dust (formazione di polvere fortemente limitata in fase di impasto) ed è classificato con GEV 92 - Tile Italia 1/2018

Emicode EC1 R (a bassissime emissioni di sostanze organiche volatili). La versione grigia, KERAFLEX MAXI S1 ZERØ, è anche ad effetto climalterante zero grazie alla compensazione certificata dell’emissione residua di gas effetto serra (misurata attraverso la valutazione dell’impronta di carbonio). Per l’adesivo KERAFLEX MAXI S1 è disponibile la dichiarazione EPD (Environmental Product Declaration) che ne descrive l’impatto ambientale per tutto il ciclo di vita attraverso la metodologia standardizzata LCA (Life Cycle Assessment).


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

Raimondi

Marco Raimondi «Abbiamo archiviato il 2017 con una crescita sull’esercizio precedente decisamente soddisfacente. In linea con il trend degli ultimi anni, il risultato è stato determinato in prevalenza dalle performance dei mercati extra domestici, sebbene anche il mercato Italiano abbia fatto registrare un segno positivo. Chiuso col passato guardiamo al presente e soprattutto al futuro. La nostra percezione è che il momento positivo del comparto ceramico Italiano stia proseguendo e che anzi stia ulteriormente accelerando. Ovviamente si tratta appunto di una sensazione avvertita da chi, come noi, si occupa in realtà di prodotti correlati (le attrezzature per la posa). Di certo invece c’è che sempre più produttori di ceramica decidono di entrare nel mercato delle grandi lastre. Materiali questi che impongono nuove tecniche e strumenti di posa non ancora del tutto noti alla totalità del mercato. Per questo, e anche grazie al nostro ruo-

lo di partner tecnico di ASSOPOSA ed alla collaborazione con primari operatori del settore (che cogliamo l’occasione per ringraziare), solo nel 2017 e solo sul territorio italiano abbiamo partecipato a più di 100 eventi atti a formare i partecipanti sulle corrette metodologie di movimentazione, taglio, foratura e posa di lastre di grande formato. A questi naturalmente se ne aggiungono altri organizzati all’estero. Un’attività decisamente impegnativa ma che espletiamo con grande soddisfazione. Infatti da un lato ci consente di mettere a disposizione di chi ne fa richiesta il know-how specifico sulle grandi lastre che abbiamo accumulato a partire dal 2012 (anno di introduzione del nostro primo prodotto relativo a questo tema), e, dall’altro, ci offre l’opportunità di raccogliere le preziose informazioni necessarie per offrire prodotti sempre più performanti ed in linea con le richieste del mercato. Un esempio perfettamente calzante è la nuova guida di taglio RAIZOR (foto 1) che racchiude tutta l’esperienza maturata in questi anni offrendo, a nostro avviso, il massimo della qualità e delle performance in un pacchetto dal design estremamente compatto e funzionale. La modularità di RAIZOR è stata accuratamente studiata per ottimizzarne l’utilizzo su tutti i formati di grandi lastre in commercio. RAIZOR è equipaggiabile anche con POWER-RAIZOR (foto 2), l’innovativo gruppo di taglio con smerigliatrice angolare in grado di ese1 2

guire tagli a 45°, a 90° e a 180°, sia a secco che con raffreddamento ad acqua. Grazie a POWER-RAIZOR, dunque, è ora possibile effettuare con un unico strumento tutti i tipi di taglio con disco diamantato. Altro prodotto recentemente introdotto è il nuovo sistema livellante RLS VITE (foto 3) che va ad affiancare il ben noto sistema RLS base e cuneo. RLS VITE è caratterizzato dalla possibilità di essere utilizzato su piastrelle di spessore fino a 26 mm. Inoltre, il design della ghiera consente di vedere perfettamente la fuga. La ghiera, qualora si renda necessario, si può rimuovere con estrema facilità semplicemente svitandola. La rapidità di utilizzo è garantita dall’ “effetto trottola” che fa sì che la ghiera si “auto-avviti” sulla base e raggiunga quindi in un istante la superficie delle piastrelle. A questo punto è sufficiente avvitare ulteriormente per applicare la pressione desiderata al fine del livellamento delle piastrelle. Nell’anno in corso ci siamo posti l’obiettivo di aumentare il numero delle succitate attività di formazione ed infatti a tale fine abbiamo già aumentato le risorse ad esse dedicate. Al contempo rinnoviamo il nostro massimo sostegno ad ASSOPOSA, associazione che sempre di più, e con nostra grande soddisfazione, sta divenendo in Italia ed in Europa riferimento per la posa professionale di massima qualità. Dunque, in sintesi, continuiamo a puntare sulla “solita vecchia formula” fatta di competenza, presenza sul territorio, formazione ed innovazione del prodotto come “driver” per proseguire il nostro sviluppo.».

3

Tile Italia 1/2018 - 93


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

Montolit

Vittorio Bernuzzi « Il 2017 ha confermato finalmente anche per il mercato domestico i segnali di ripresa iniziati l’anno precedente. Restano nume-

rosi gli strascichi nella distribuzione dovuti a riorganizzazione delle attività, insolvenze, tensioni finanziarie. In tutta la catena, dal produttore all’utilizzatore, chi ha investito innovando ora è più preparato a cogliere i segnali di consolidamento del mercato. Ovviamente l’export, che da anni traina il recupero, ci restituisce risultati brillanti.

La nostra Azienda guarda con ottimismo nel medio periodo ed è concentrata nello sviluppo continuo del prodotto, nel servizio al cliente, nella formazione dell’utilizzatore con il chiaro obiettivo di chiudere il cerchio della qualità. Non molto tempo è trascorso da quando dicevamo che il futuro sarebbe passato dalla rivoluzione digitale: ci siamo in pieno.».

TUTORCUT e 33W - TutorCut by Montolit l’assistente per tagli perfetti (1). Tagli diritti e senza incertezze, nulla di più semplice con TutorCut un semplice ma rivoluzionario accessorio applicabile a tutte le smerigliatrici che, inserito sull’albero della macchina fornisce un appoggio sicuro, in grado di garantire la perfetta linearità e perpendicolarità del disco con il materiale da tagliare con il risultato di 1

94 - Tile Italia 1/2018

un taglio “GUIDATO” perciò diritto e privo di sbeccature. Massima ergonomia e praticità per l’operatore che non deve più preoccuparsi dell’affondamento e del mantenimento in asse della lama diamantata, ma concentrarsi unicamente sulla direzione da seguire. Condizioni di lavoro ideali anche per l’utensile da taglio normalmente ultrasottile nel caso di dischi per ce-

ramica, il posizionamento ottimale elimina rischi di perdite di tensione dell’anima in acciaio, consumi anomali o rotture della fascia diamantata dovuti ad eventuali ondeggiamenti o posture scorrette. L’appoggio-guida di TutorCut, totalmente svincolato dalla rotazione dell’utensile, è realizzato in uno speciale Poliammide neutro per essere resistente all’usura ed evitare qual-


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

siasi graffio alla superficie di lastre o piastrelle anche le più delicate e ruota su un cuscinetto a sfere sigillato a prova di polvere e detriti. Un’idea semplice e geniale nel rispetto della tradizione Montolit che, con la massima funzionalità, permette a chiunque di realizzare tagli perfetti. Disponibili per dischi diamantati diametro 115mm e 125mm permettono tagli fino ad uno spessore massimo di 20 mm. Per ulteriori informazioni montolit.com • 33W nulla di più rivoluzionario (1). Facendo riferimento ad un prodotto innovativo e rivoluzionario mai si potrebbe pensare ad una tenaglia per piastrellisti; però, forse, è limitativo chiamarla tenaglia. Solo dall’inventiva del reparto R&D di Brevetti Montolit poteva nascere il nuovo utensile multifunzione per piastrellisti contraddistinto dal-

la sigla 33W: in esso sono racchiusi anni di esperienza sviluppata sul campo con gli svariati modelli di tenaglie Montolit che hanno “armato” le mani dei posatori di tutto il mondo e concetti sino ad ora mai applicati ad utensili simili. Realizzata in acciaio legato al carbonio e forgiata con le più moderne tecnologie è in grado di coniugare finitura e precisione operativa eccellenti con una linea snella che la rende ergonomica e ben bilanciata. I taglienti costituiti da due speciali rotelle in carburo di tungsteno con rivestimento in Nitruro di Titanio garantiscono ottimi risultati sulle ceramiche più dure e con spessori sino a 15 mm allo stesso tempo l’estrema precisione di taglio permette anche di affrontare con disinvoltura lavorazioni accurate di finitura su materiali particolarmente delicati, quali tesserine di mosaico o piastrelle in vetro. Feeling e sensazione di confort ven-

gono trasmesse all’utilizzatore non solo dall’affusolata impugnatura rivestita in morbida gomma e dalla molla progressiva per la riapertura dei manici, ma soprattutto dai due bumper di fine corsa che evitano traumi alla mano “allo spezzare” del materiale. Una delle due rotelle ha la caratteristica di poter ruotare sul proprio asse è quindi possibile, anche grazie ad uno speciale appoggio per il pollice che permette di esercitare la giusta pressione, segnare prima del taglio la superficie ceramica proprio come avviene con una “vera” tagliapiastrelle. Inutile aggiungere che, nella tradizione Montolit, il nuovo utensile è coperto da brevetto internazionale. Un altro passo avanti dove apparentemente…. non c’era più niente da inventare. Maggiori informazioni su

montolit . com

2

Tile Italia 1/2018 - 95


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

Fassa Bortolo

Gianni Conti «Stiamo assistendo a una svolta epocale del mondo dell’edilizia, sempre più incentrato sulla riqualificazione, ristrutturazione e manutenzione degli edifici esistenti. Si tratta di una sfida non indifferente, che richiede alle aziende un’elevata capacità di risposta in termini di prodotti sempre più performanti. Giocano a nostro favore numerosi aspetti: dal team di consulenti tecnici specializzati che garantisce assistenza in ogni momento a grandi e piccoli cantieri, al centro di ricerche interno all’azienda che testa quotidianamente i nostri prodotti con macchinari all’avanguardia, fino alla rete vendita capillare sul territorio nazionale che ci permette di essere sempre vicini ai nostri distributori. Da sempre Fassa Bortolo pone il clien-

te al centro del processo produttivo, con l’obiettivo di realizzare prodotti ad alto valore innovativo e facilmente lavorabili. L’Azienda è in continua evoluzione e ne sono testimonianza le novità che lanciamo ogni anno sul mercato. Nello specifico, la gamma del Sistema Posa Fassa Bortolo si è arricchita di due nuovi prodotti ancora più performanti: RAPID MAXI S1 e SPECIAL RAPID, due collanti altamente lavorabili, a presa rapida e con agibilità in tempi brevi, utilizzabili in ogni stagione. Infatti la loro speciale formulazione permette lo sviluppo di adesioni elevate in tempi veloci e una pedonabilità già dopo poche ore dalla posa, rendendoli la soluzione perfetta per realizzare pavimentazioni anche in caso di temperature avverse, come nel periodo invernale. Sono ideali per la posa in interno e in esterno, di pietre naturali, marmi e ricomposti, piastrelle in ceramica, mosaico, klinker, gres, cotto. Svariati, inoltre, possono essere i supporti di posa quali massetti, guaine ce-

mentizie, pavimenti preesistenti, massetti con impianto di riscaldamento e raffrescamento. Nello specifico: • RAPID MAXI S1 è un adesivo altamente deformabile, classificato S1 secondo la norma EN 12002, fornito in versione grigia ed extra-bianca. Ottimo per posa in piscina e rivestimenti a parete; • SPECIAL RAPID, invece, disponibile nella sola versione grigia, è idoneo per superfici orizzontali o lievemente inclinate e, grazie al suo elevato potere bagnante, permette la posa di pavimenti evitando la tecnica della doppia spalmatura. Perfetti per interventi di rifacimento, riparazione e posa in cui sia richiesta una rapida messa in esercizio dei locali per qualsiasi destinazione d’uso, RAPID MAXI S1 e SPECIAL RAPID sono collanti sicuri per l’utilizzatore. Grazie alle loro bassissime emissioni di componenti organici volatili, certificate e severamente monitorate da GEV, garantiscono infatti miglior comfort e qualità dell’aria indoor.».

RAPID MAXI S1 e SPECIAL RAPID SPECIAL RAPID • elevato potere bagnante • ottimo come rasante di pavimentazioni fino a 15 mm • presa rapida • agibilità in tempi brevi • ottimo per applicazioni in inverno • posa di pietre naturali, marmi e ricomposti, ceramica, gres, cotto • ottima lavorabilità • disponibile in versione grigia.

RAPID MAXI S1 • elevata elasticità • anche per grandi formati • presa rapida • agibilità in tempi brevi • ottimo per applicazioni in inverno • posa di pietra naturali, marmi e ricomposti, ceramica, gres, cotto • ottima lavorabilità • disponibile in versione grigia ed extra-bianca.

96 - Tile Italia 1/2018


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

Profilitec

Alessandro Fabris Alessandro Fabris, Export Sales Director, Marketing & Business Development dell’azienda vicentina produttrice di profili, giunti e sistemi di posa per pavimenti che, negli anni Ottanta, fu la prima a promuovere profili specifici nel settore della ceramica, così commenta il momento di mercato: «Il mercato nel 2018 sembra confermare il trend di crescita già manifestato nel 2017, per Profilitec la crescita del 2017 è stata oltre le aspettative e questo ci ha spinto ad accelerare alcuni importanti investimenti proprio per alimentare la spinta positiva. Il mercato si sta sempre più dividendo fra aziende che propongono prodotti ed utilizzano l’arma del prezzo come unico strumento di marketing ed aziende, più evolute, che con continui investimenti in strutture, prodotti, soluzioni e formazione vogliono portare al mercato sistemi di posa, strumenti ed accessori in grado di migliorare le condizioni di lavoro e di ottimizzare il risultato sia dal punto di vista estetico che economico.

Profilitec, profondamente concentrata su questo tipo di approccio, ha investito all’inizio di quest’anno in una nuova struttura logistica, produttiva e commerciale che consente di raddoppiare da subito gli spazi destinati alla produzione e di triplicare quelli relativi agli uffici commerciali, showroom, aule di formazione e laboratori tecnici. Dall’ 8 gennaio l’azienda, guidata dal CEO Roderick Egli, ha infatti acquisito un nuovo Headquarter (sempre in Italia ed in provincia di Vicenza) dove poter ulteriormente incentivare il lavoro di ricerca e di sviluppo, progettazione, produzione e commercializzazione di tutte le gamme prodotto.

Le iniziative per il 2018 sono molteplici e configureranno appunto nuove soluzioni per le 3 aree in cui l’azienda ha voluto dividere il proprio programma di soluzioni e sistemi per la posa di pavimenti e pareti: Indoor, Outdoor e Bagno. Nel corso del 2017 sono state brevettate alcune soluzioni innovative che saranno presentate al mercato nel corso del 2018, nuovi strumenti per il posatore e per il punto vendita saranno realizzati e distribuiti su tutto il mercato assieme ad alcune novità per il settore che non anticipo oggi per non dare alcun “vantaggio” ai nostri competitor da sempre “attenti” ai nostri movimenti.»

BSJ PROFILO BSJ Profilo perimetrale per pavimentazioni sopraelevate. Il profilo BSJ di Profilitec permette di realizzare il bordo perimetrale dei pavimenti sopraelevati con piastrelle in ceramica senza utilizzare: • antiestetici elementi in acciaio per bloccare le piastrelle • elementi ingombranti che necessitano di operazioni “complesse” di incollaggio. Il profilo richiama nella forma lo SquareJolly, profilo oramai “re” incontrastato delle applicazioni a parete interne,

che con la sua forma moderna ed accattivante permette la protezione del bordo piastrella, proteggendola dagli urti e raccordando in modo perfetto i due angoli a 90°. Il profilo viene offerto nella finitura materica “goffrata” antracite che, prima fra tutte, Profilitec ha introdotto nel mercato dei profili per balconi alcuni anni fa e che consente una maggior resistenza agli urti ed ai graffi, riducendo il fenomeno riflettente delle classiche verniciature “lucide” dell’alluminio.

Tile Italia 1/2018 - 97


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

Progress Profiles Dennis Bordin

Progress Profiles, primaria azienda italiana attiva nel settore dei profili tecnici e decorativi di finitura e sistemi di posa, forte della creatività e della professionalità del proprio team, ha chiuso il 2017 con un fatturato in crescita del 15%, con la quota dovuta all’esportazione che ha raggiunto il 36% del totale. Con l’apertura della sede australiana, avvenuta nel 2016, l’azienda dispone oggi di tre filiali operanti come centri di snodo per il business globale: Progress Profiles America Inc. a Randolph, New Jersey; Progress Profiles Middle East LLC a Dubai, United Arab Emirates; Progress Profiles Oceania PTY Ltd. a Melbourne, Australia. Dennis Bordin, presidente Progress Profiles, non solo è fermamente determinato ad ulteriormente espandersi sui mercati mondiali ma lo è altrettanto a rimanere il primo produttore italiano puntando su innovazione e qualità. “Il percorso innovativo dell’azienda – afferma il Sig. Bordin - è in continua evoluzione grazie al massiccio investimento in personale specializzato e macchinari di ultima generazione. Ricerca, sperimentazione e innovazione sono punti chiave dell’azienda che combina materiali di alta qualità, design e produzione 100% made in Italy, con tecnologie all’avanguardia”. ■

Come è stato l’andamento di Progress Profiles nel 2017? “Progress Profiles ha registrato nel 2017 una crescita superiore al 15%. L’export raggiunge ormai oltre 60 Paesi e rappresenta un significativo 38% del fatturato; allo stesso tempo, il mercato interno resta forte e stabile con il 62%. Un risultato importante, dovuto al costante impegno nell’investimento tecnologico e nella formazione specializzata, ma anche ad uno staff interno molto qualificato e guidato con attenzione dalla direzio98 - Tile Italia 1/2018

ne, oltre che ad una rete commerciale di primo livello”. - Con tre filiali estere, quali sono oggi le aree di mercato di maggiore interesse? “Attualmente Progress Profiles esporta in più di 60 Paesi, grazie a un successo consolidato negli anni e al costante impegno nella ricerca tecnologica, nella creatività e soprattutto nella qualità del materiale impiegato. L’apertura della sede di Melbourne è stata un passo fondamentale e indispensabile per servire al meglio i mercati asiatici di Nuova Zelanda, Indonesia e Singapore. L’obiettivo resta quello di continuare l’espansione del Gruppo a livello mondiale, diventando il punto di riferimento per quanti ricerchino finiture di vero design italiano e sistemi innovativi.” ■ E il mercato interno? “ Quello italiano è un mercato sempre più competitivo e attento ai dettagli, con gli istallatori sempre più sensibili all’utilizzo di nuove tecnologie e sistemi di posa. Per questo motivo Progress Profiles ha sviluppato moltissime novità e brevetti che gli istallatori hanno mostrato di apprezzare insieme all’ottimo servizio di assistenza tecnica e commerciale che abbiamo messo a loro disposizione. Ora mi auguro che il 2018 sia veramente l’anno della ripresa economica italiana, sofferente da anni dopo una crisi decennale e sono convinto che il processo di ripresa dipenda da ulteriori incentivi al settore dell’edilizia, leva trainante di tutta l’economia”. ■ Quali linee rappresentano gli ultimi ampliamenti di gamma? “Ogni anno presentiamo nuovi prodotti sul mercato, italiano e internazionale, e da ultimo, poiché diventa sempre più importante il comparto del recupero edilizio, ci siamo aperti alla produzione dei pannelli in polipropilene estruso ad alta densità. Il nuovo Profoil Panel System, che abbiamo presentato al Cersaie 2017, è leggero, impermeabile e versatile, ideale per rivestire ogni tipo di sottofondo, parete e soffitto, riducendo sensibilmente i tempi di lavorazione in quanto immediatamente piastrellabile. Si tratta di un prodotto utile per re-

alizzare facilmente strutture portanti, divisori, contropareti, panche o docce, validissimo sostituto del pesante cartongesso. Un altro pannello innovativo è il Proshower Panel, prependenziato per garantire la perfetta pendenza del piatto doccia, facilita i tempi di realizzazione di qualunque tipologia di box doccia. Sempre per la perfetta e facile realizzazione del box doccia sono disponibili i nuovi profili della linea Proshower Profile, studiati per sostenere i cristalli perimetrali della cabina e per raccordare le piastrelle posate in piano a quelle posate in pendenza. Tutti questi elementi costituiscono il Proshower System, la soluzione Progress Profiles che consente, in totale relax, di rendere il bagno un luogo veramente confortevole”. ■ Sono molti gli investimenti in formazione e comunicazione attuati da Progress Profiles? “La nostra azienda è molto attenta all’aggiornamento tecnico dei professionisti del settore e crede profondamente nelle persone e nella loro formazione. Allo scopo abbiamo investito molto, anche dotando la sede di Asolo di un Training Center: 200 mq di sala espositiva, allestita con un’area di formazione di 300 mq (attrezzata per accogliere architetti, ingegneri, geometri, progettisti, imprese e posatori) e altri 200 mq di una nuova area tecnica per le prove pratiche. A loro offriamo dimostrazioni pratiche, video di posa, seminari e workshop tenuti da professionisti, certificati dal Consiglio Nazionale Architetti e validi per il rilascio di crediti formativi. I corsi di sviluppo professionale della Progress Training Academy forniscono le competenze e il know-how necessari per superare le sfide del mercato odierno. Inoltre negli ultimi anni, in giro per il modo, abbiamo incontrato più di 5.000 professionisti e toccato oltre 60 città, italiane ed estere. Durante gli incontri si organizzano dimostrazioni pratiche in cui i partecipanti possono mettersi alla prova supportati dal personale tecnico dell’azienda, il tutto accompagnato da approfondimenti riguardanti certificazioni e normative.


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

Per quanto riguarda la comunicazione, lavoriamo da anni con tutte le principali testate del settore e siamo inoltre presenti su Facebook, Twitter e Instagram dove interagiamo con i nostri follower da tutto il mondo, rispondendo alle domande e alle richieste degli

addetti al settore.” Quali i progetti per il 2018? “Puntiamo a intensificare gli investimenti sul mercato americano, europeo, russo e su quello medio-orientale che rappresenta un mondo in continua crescita e, grazie alla recente filia■

le di Melbourne, prevediamo di rafforzare i rapporti con il mondo asiatico. Anche nel 2018, che si prospetta ricco di sfide e soddisfazioni, continueremo ad investire in ricerca e nuove tecnologie, con lo sguardo sempre rivolto al futuro”.

PROFOIL PANEL E PRO-SHOWER SYSTEM I pannelli Profoil Panel e Pro-Goboard Panel, leggeri, impermeabili e versatili, sono la soluzione perfetta non solo per rivestire ogni tipo di sottofondo, in orizzontale e verticale, in interno o in esterno, ma anche per realizzare in totale sicurezza strutture portanti ed elementi d’arredo. I nuovi pannelli, immediatamente piastrellabili, riducono drasticamente i tempi di lavoro mentre, grazie alla loro leggerezza, costituiscono il superamento del pesante cartongesso. Inoltre, i vari spessori in cui i pannelli sono disponibili consentono le più svariate possibilità di impiego ed aprono nuove prospettive: realizzazione di strutture portanti, contropareti, divisori, vasche o piccole piscine, docce, panche, rialzi o

elementi di arredo nella più totale libertà creativa. • Profoil Panel, realizzato in polistirene estruso ad alta densità, è idoneo per gli ambienti interni: provvisto su ambo i lati di membrana impermeabile, è rinforzato con un adesivo epossipoliuretanico. Perfetto per compensare i diversi spessori delle superfici, rendendole livellate e pronte per la posa di qualsiasi tipo di rivestimento, il pannello multifunzionale è: disponibile in vari spessori da 6,35 a 50,8 mm; facilmente personalizzabile grazie al reticolo centimetrico presente su un lato; ha caratteristiche coibentanti, di isolamento termico, insonorizzazione e impermeabilizzazione.

• Proshower System è perfetto per far defluire l’acqua della doccia. Cuore del sistema è Proshower Base Drain, canalina di raccolta per il corretto deflusso delle acque, disponibile in acciaio inox o in polipropilene, dotata di scarico con sifone orientabile a 360° e di flange di testa removibili per collegare due o più canaline. Il pannello pendenziato Proshower Panel garantisce la perfetta inclinazione del piatto doccia, abbreviando i tempi di posa dei rivestimenti. Inoltre, per rifinire il perimetro del piano doccia e, allo stesso tempo, sostenere il vetro protettivo, è disponibile la serie di profili Proshower Profile, perfetto raccordo tra piastrelle posate in piano e piastrelle posate in pendenza.

Tile Italia 1/2018 - 99


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

Litokol

Alessandro Turini « Il 2017 è stato un anno che ci ha visto impegnati su parecchi fronti con azioni strategiche volte a sfruttare in pieno i segnali di ripresa sia sul mercato domestico che su quello internazionale. All’interno del gruppo Litokol è stato avviato un processo di riorganizzazione per potenziare ulteriormente la presenza sul mercato russo e, più in generale, su tutta l’area Euroasiatica. L’esplorazione di nuovi mercati e il rafforzamento di quelli più attivi, stanno portando i primi frutti sostanziosi. I paesi scandinavi, l’America del Nord, il Medio Oriente e la Cina (dove dal 2012 siamo presenti a Shanghai), sono aree dalla crescita costante. Quest’ultima in particolare beneficerà dell’insediamento di un nuovo General manager che contribuirà a dare ulteriore vigore al nostro presidio in loco. Il 2018 è un anno importante per Li-

tokol, in cui si festeggiano i 50 anni di un’azienda che trova le sue radici nel comprensorio ceramico, con il quale si è evoluta di pari passo nel tempo, cercando di andare incontro o anticipare le richieste dei nostri “vicini di casa”. Nella nostra storia sicuramente il sigillante epossidico Starlike® ha lasciato un segno indelebile che fa ancora la differenza su tanti mercati. Così come Starlike® ha cambiato il mercato dei sigillanti, così il recente approdo nel mondo delle resine con il brand Spaziocontinuo®, ha le carte in regola per impattare questo mercato con la stessa forza. Cicli di applicazione molto brevi e facili sono caratteristiche che fanno breccia tra i resinatori, soprattutto nel mercato domestico. Nella sede di Rubiera, dove lo scorso anno è stato ultimato uno spazio ad hoc per i corsi, continuiamo senza sosta a formare professionisti, con l’obiettivo di disporre capillarmente sul territorio nazionale di applicatori specializzati Spaziocontinuo®. Nella primavera 2018 sarà completato

Starlike

100 - Tile Italia 1/2018

il progetto Zero portato avanti dal centro di ricerca e sviluppo Litokol ® e finanziato dalla regione Emilia-Romagna e dall’Unione Europea. L’obiettivo è sviluppare una generazione innovativa di prodotti per l’edilizia, ecocompatibili e “a ZERO rischi” con la quale affrontare a 360° il tema della sicurezza negli ambienti di vita quotidiana. Per il nuovo anno sono in previsione anche nuovi investimenti per rinnovare e potenziare gli impianti produttivi ed è in via di realizzazione un nuovo progetto digitale che ci vedrà come apri pista di nuovi scenari, dove sempre più le richieste del consumatore finale e degli applicatori avranno un ruolo centrale nella definizione di nuove strategie commerciali. Nei nostri primi cinquant’anni abbiamo seguito un processo di sviluppo costante su ogni fronte, cercando di non perdere di vista gli aspetti concreti della nostra quotidiana attività; nonostante il traguardo del prossimo “mezzo secolo” sia piuttosto distante, con un pizzico di sana ambizione, da oggi, siamo di nuovo in pista con un obiettivo primario… il miglioramento continuo.».

Spaziocontinuo


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

New Madras

Francesco Dipollina «Madras è da oltre 37 anni al servizio dei propri clienti, proponendo soluzioni innovative ed efficaci per la pulizia, il trattamento e la manutenzione di tutte le superfici edili porose. Sempre attenti alle nuo-

ve proposte del mercato edilizio e di rivestimento di superfici, Madras propone prodotti all’avanguardia con la prerogativa di rendere pratica la pulizia quotidiana e la manutenzione degli ambienti abitativi.

Con oltre 3.000 punti vendita e con uno staff tecnico a disposizione della clientela per qualsiasi informazione sui prodotti e sulle loro applicazioni, Madras garantisce assistenza su tutto il territorio nazionale.».

ISOL-PAV ISOL-PAV è un protettivo antimacchia provvisorio, in emulsione acquosa non siliconico, per la protezione di gres porcellanato, di tutti i tipi e struttura, durante la stuccatura. ISOL-PAV forma un leggero strato protettivo che inibisce la penetrazione e l’adesione dello stucco e dei coloranti nella microstruttura della superficie. La sua innovativa formulazione permette dopo appena 48 ore la facile e veloce rimozione con PULY-PAV, detergente ammoniacale sgrassante dopo posa, senza danneggiare il pigmento e le stuccature. Per grandi superfici si consiglia ISOLCOTT, protettivo provvisorio di posa, con una resa maggiore.

Tile Italia 1/2018 - 101


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

Impertek

Alberto Rossetto Fondata nel 1985 come azienda specializzata nella posa di guaine e materiali in PVC, Impertek oggi costituisce una primaria realtà italiana attiva nella produzione di supporti per pavimentazioni sopraelevate. Con sede a Ceggia (VE) dove la famiglia Giacomini, originaria di Jesolo, ha trasferito l’attività nel 2001, Impertek trae oltre il 60% del fatturato dall’esportazione in Europa, Asia, Medio Oriente, Africa, Stati Uniti e Canada. Tecnologia all’avanguardia, sviluppo personalizzato del prodotto ed esclusività del servizio, sono le “parole d’ordine” che caratterizzano l’azienda. Plus garantiti al cliente anche dalla certificazione del Sistema di Gestione Qualità Aziendale ISO 9001.

Alberto Rossetto, direttore commerciale Italia, così commenta l’andamento del mercato: «La ripresa edilizia registrata in Italia negli ultimi anni, dovuta soprattutto al ritorno della ristrutturazione e della riqualificazione dei centri storici, ha dato un’ulteriore spinta alla crescita, già stabile e costante, di Impertek. Una crescita, questa, non solo di fatturato, ma anche di innovazione del prodotto, che ha permesso alla nostra azienda di essere sempre in prima fila sia nel mercato italiano che internazionale, in termini di qualità, tecnologia e servizio al cliente. Non ci sono più dubbi, ormai, che il presente e il futuro delle pavimentazioni esterne sia sopraelevato, grazie al decking e alle ceramiche spessorate. In questo campo Impertek si dimostra leader grazie a prodotti all’avanguardia e adatti ad ogni esigenza, con un range nella sopraelevazione che si estende da pochi millimetri a oltre un metro di altezza. Una vera novità, nei nostri martinetti, è il gommino antishock

sulla testa fissa, che assorbe i movimenti e riduce la trasmissione dei rumori al calpestio. Soluzioni come questa ribadiscono un punto fondamentale nella mission di Impertek: migliorare la vita di tutti i giorni con piccoli particolari importanti che fanno davvero la differenza. Per il futuro continuiamo a essere ottimisti anche per quanto riguarda il mercato italiano: è per questo motivo che abbiamo incrementato gli investimenti per realizzare nuove soluzioni espositive nei punti vendita dei nostri clienti, che chiariscano la facilità delle modalità d’uso e l’adattabilità dei nostri prodotti alle diverse esigenze. Inoltre, a breve, presenteremo il progetto per una sottostruttura in alluminio per la posa sopraelevata di formati lunghi, sia in ceramica che in decking, che permetterà di facilitare e velocizzare il lavoro in cantiere: un’innovazione sviluppata da Impertek come sempre con un occhio di riguardo a chi poi utilizzerà i nostri prodotti».

piastrelle in ceramica, calcestruzzo o pietre naturali. I supporti Impertek coprono dislivelli a partire dai 10 mm fino ad altezze superiori al metro, con portata fino a 800 kg e diverse famiglie di prodotti specifici: i Supporti Mini, per altezze dai 10 ai 37 mm; i Martinetti, per altezze da 25 a 392 mm; i supporti MegaMart da 35 fino a ben 1020 mm.

La posa è semplice e veloce, permette il passaggio sottostante di impianti ed è sempre ispezionabile. L’altezza dei supporti è regolabile durante tutta la fase di posa anche su pavimentazioni non regolari e, grazie alla nuova testina autolivellante Balance, la regolazione millimetrica dell’altezza è accompagnata sempre da una perfetta planarità della pavimentazione finale.

LINEA PEDESTAL Linea Pedestal è una serie di prodotti dedicati alla realizzazione di pavimentazioni sopraelevate da esterno. Una gamma di supporti ad altezza regolabile e accessori per la posa che si adatta alla maggior parte delle situazioni, trovando la miglior soluzione per ogni tipo di pavimento, dal decking in legno e composito, alle

102 - Tile Italia 1/2018


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

Neolith Infinity

Mar Esteve Cortes Parlando del sistema Neolith Infinity, Mar Esteve Cortes, Direttore MKT Neolith, dice: «Il lancio di un nuovo prodotto sul mercato è sempre un momento ecci-

tante, in particolare se si tratta di un prodotto la cui creazione ha comportato l’investimento di molto tempo e competenze. Dal punto di vista della praticità, Infinity offre una flessibilità di gran lunga superiore a chi vuole utilizzare Pietra Sinterizzata per le finiture d’interno della propria casa, offrendo un’altissima qualità estetica. Da una prospettiva filosofica, penso che Infinity rifletta l’approccio fantasioso e il desiderio di perfezione senza compromes-

si connaturato a Neolith. Non vediamo l’ora di osservare tutta la potenzialità di Infinity non appena i posatori inizieranno a farne uso!». Per garantire che posatori e designer sappiano come utilizzare al meglio questo dispositivo ricavandone il massimo profitto, Neolith divulga il proprio know-how in un video di istruzioni e in un manuale tecnico disponibile per gli acquirenti.

NEOLITH INFINITY Neolith Infinity, nuovo sistema di giunzione delle superfici in Pietra Sinterizzata Neolith, offre maggiori ambiti di creatività ai designer e migliore qualità della posa. Si tratta di un sistema di utensileria multifunzione che aiuta il posatore nella realizzazione della giunzione di due lastre, permettendogli di ottenere una superficie senza soluzione di continuità e una finitura di precisione dei bordi con garanzia di una rettifica immacolata. Neolith Infinity è il risultato di un intenso lavoro di ricerca e sviluppo portato avanti da un team tecnico

interno all’azienda e dà risposte concrete ai designer di interni quando, in ambito residenziale, richiedono iperrealismo e giunzioni invisibili in ripiani per cucine e superfici da appoggio o finitura in genere. Il dispositivo è composto da tre elementi: regolo di guida, sistema parallelo e unità di spianatura. Fornisce la guida necessaria per lavorare lungo i bordi, collocando un regolo fisso che consente la massima precisione prima della realizzazione della rettifica. Il risultato finale è la spianatura perfetta del bordo della lastra di Neolith, che resta predisposta per la

combinazione. Un macchinario fondamentale per realizzare giunzioni ultrasolide, con elevata resistenza ai raggi UV e prive di espansione termica. L’esposizione a calore intenso, raggi solari forti o umidità, non altera l’integrità di superfici e giunzioni. Le solide giunzioni e le proprietà igieniche di Neolith garantiscono inoltre facilità di pulizia e manutenzione dei ripiani di lavoro. Neolith Infinity può essere utilizzato per tutta la gamma delle superfici Neolith ed è un’opzione eccezionale per i ripiani di lavoro di maggiore spessore, da 12 mm o 20 mm. Tile Italia 1/2018 - 103


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

Ghelfi

Stefano Ghelfi Incontriamo Stefano Ghelfi, dal 2002 al timone dell’omonima storica realtà produttiva bolognese, che ci illustra con soddisfazione il successo ottenuto dal brand myFACTORY, lanciato nel 2016 a rappresentazione della capacità Ghelfi di produrre versioni personalizzate delle proprie macchine, attrezzi ed accessori in tempi ridottissimi, lotti minimi e costi standard. «La nostra identità è quella del maker spiega Ghelfi - La coltiviamo ed evolviamo da sempre, applicandola in primis alla produzione a marchio nostro e, ormai da anni, la offriamo ai nostri partner com-

merciali, con un occhio particolare alla semplicità di accesso. Questo servizio meritava un nome proprio, e da qui nasce il logo myFACTORY. Il processo industriale Ghelfi è studiato per ridurre i tempi di produzione senza mai aumentare i costi per quanto minimi siano i lotti richiesti. Il sistema Ghelfi consente, per esempio, all’azienda di costruire su commessa persino una singola macchina, evadendo comunque l’ordine in tempi che fanno invidia a realtà esclusivamente commerciali. La modularità è un’altra cifra distintiva della realtà Ghelfi: centinaia di articoli finiti vengono prodotti a partire da un set ridottissimo di elementi-base. Oltre all’economia di scala, una simile organizzazione regala la possibilità di creare su commessa varianti di qualsiasi prodotto con grande facilità: cioè in tempi molto ridotti e costi variabili mi-

nimi. myFACTORY - continua Ghelfi è la nostra capacità di fare per altri quello che facciamo per noi stessi creare strumenti professionali nuovi e diversi - con la stessa efficienza e persino con gli stessi costi. Per il nostro partner è molto semplice: sceglie dal nostro catalogo un prodotto che somiglia a quello per lui ideale, ci indica come preferirebbe ottimizzarlo, e noi realizziamo la sua versione speciale. Nella quantità che vuole.» Alla capacità di lavorare per così dire “a tiratura limitata” fa riferimento il payoff del marchio myFACTORY: “il programma OEM per le piccole aziende”. I risultati sono davvero interessanti: nel 2017 la quota di fatturato di prodotti custom ha superato il 35% della produzione totale, in crescita anno su anno.

SMALL BUSINESS OEM PROGRAM (GET YOUR WET SAWS IN LOW VOLUME)

we collect your needs, blade0 ø 30

tion

tec

pro

we design them

37

20

plastic basin

104 - Tile Italia 1/2018

100

handle 135

FACTORY by Ghelfi

… and make your saw!


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

SISTEMA LIVELLANTE CLICK Nuovo nato nella famiglia dei sistemi livellanti per piastrelle Ghelfi. E’ caratterizzato da basette a vite e tappi livellanti applicabili dall’alto. Rispetto ai sistemi a vite di precedente generazione presenti sul mercato offre una serie di migliorie (brevettate) pur restando compatibile con molti di essi. Tra le innovazioni più interessanti: il meccanismo di estrazione rapida della vite dopo la rottura e il sistema antigraffio integrato nel bordo inferiore del tappo livellante. «Il mercato è sempre più aperto e dinamico - commenta Stefano Ghelfi - ed è certamente il nostro ruolo esplorare tutte le possibilità tecnologiche, continuamente ampliando e completando le nostre offerte di strumenti professionali. La gamma di soluzioni livellanti Ghelfi, sul mercato da anni, fino qui compren-

deva solo sistemi a cuneo, e oggi si arricchisce del nuovo prodotto a vite.». • SPS è il prodotto Ghelfi brevettato, caratterizzato da basette modulari da installare agli angoli delle piastrelle, cunei inseribili senza pinza e distanziatori incorporati per fughe da 1,5mm, 3mm e 5mm. • Zero è invece la basetta livellante chiamata “universale” in quanto compatibile con l’ampia maggioranza dei cunei di terza parte oggi sul mercato. Si installa sul lato della piastrella e supporta fuga minima di 1,5mm. • Click, il nuovo brevetto Ghelfi, prevede basette a vite lineari, a T e a X, e distanziatori incorporati per fughe da 1, 2, 3 e 4 mm. I tappi hanno dimen-

sioni ergonomiche e vengono stretti facilmente a mano, senza necessità di altri strumenti. Tra le peculiarità il meccanismo di estrazione rapida della vite, il sistema antigraffio, e la compatibilità con molti sistemi preesistenti. «Crediamo che il nostro mestiere comprenda aiutare ogni professionista a lavorare secondo le proprie abitudini e al meglio in ogni situazione – prosegue Ghelfi – Tutti i sistemi meccanici di livellamento sul mercato ottengono ugualmente lo scopo, cioè livellano le piastrelle. Il professionista ne sceglie uno o un altro in funzione del tipo di piastrella da posare, e delle proprie abitudini di lavoro. E’ su questa pluralità di approccio che siamo concentrati, per offrire sempre più soddisfazione ai nostri utenti».

Sistema POSA FACILE SPF

ZERO

CLICK Profilo Antigraffio Espulsione rapida

Risparmia fino al 75%

1 mm

2-3-4 mm

2-3-4 mm

1,5 mm 1,5 mm

3 mm

5 mm

Tile Italia 1/2018 - 105


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

Adesital

Marco Corradi

MATERIA TECH L’ u n i o n e della funzionalità tecnica delle fughe e della loro componente estetica ha portato alla nascita del progetto Materia Tech per le pavimentazioni tecniche e industriali. Adesital ha studiato i nuovi sigillanti Materia Tech, gamma composta da tre diverse tipologie di sigillanti adatti a soddisfare qualunque esigenza e calibrati per essere impiegati con ceramiche di ogni dimensione e genere. Resistenza agli agenti chimici, facilità nella pulizia, prestazioni meccaniche elevate, stabilità del colore nel tempo, ridotto assorbimento dell’acqua; queste sono solo alcune delle caratteristiche della gamma Materia Tech, rispondente ai più elevati standard prestazionali delle norme EN 13888 e GEV EMICODE. La linea Materia Tech è composta dai seguenti prodotti: • Fugamagica 0-4 Materia Tech, sigillante tecnico a grana fine, idrorepellente a base cementizia per la fugatura tra 2 e 4 mm di piastrelle ceramiche.

106 - Tile Italia 1/2018

• Fugamagica 3-20 Materia Tech, sigillante tecnico a grana grossa idrorepellente per la fugatura tra 3 e 20 mm di piastrelle ceramiche. • Adepoxy Materia Tech, sigillante tecnico epossidico a grana media per la fugatura di piastrelle destinate ad un utilizzo tecnico. La nuova linea è in grado di coniuga-

re le esigenze tecniche, prestazionali e funzionali di una piastrellatura industriale con la valenza estetica e cromatica richiesta dal progettista e dal cliente finale. La gamma è costituita da una serie di colori studiati appositamente per integrarsi con le cromie più moderne e attuali delle superfici ceramiche utilizzate in ambito tecnico.


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

Seychelles

Anna Lisa Defrancisci «Il 2017 si è confermato sostanzialmente stabile, grazie alle continue operazioni di marketing strategico a sostegno del sell in e particolarmente rivolte a promuovere il sell out. Le prime settimane del 2018 stanno evidenziando segnali di ripresa e ci fanno ben sperare, per il resto dell’anno, le

numerose iniziative che abbiamo in serbo, a partire dal nuovo sito e dal nuovo catalogo/listino prezzi, per arrivare poi alla massiccia pianificazione che abbiamo prenotato sui maggiori social network e dedicata alla promozione e diffusione di SEYSALVA acqua stop impermeabilizzante protettivo idro-repellente traspirante anti-efflorescenza, ravvivante del colore, non pellicolante, a base acqua, di facilissima applicazione su tutte le superfici come: pareti interne e esterne, intonaco, mattoni, tufo, cemento armato; pavimenti, balconi, frontalini, lastrici

solari, piani cucina, legno e tessuti ecc.. SEYSALVA sarà nuovamente il protagonista di video/spot/tutorial su Youtube . Non meno importante saranno i seminari rivolti a professionisti ed architetti ai quali verranno conferiti crediti formativi. Quindi gli obiettivi che ci proponiamo per il corrente anno, innovazione, comunicazione e servizio, ci inducono a prevedere un proseguimento e rafforzamento del trend in linea con le aspettative degli operatori del mercato.».

Tile Italia 1/2018 - 107


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

Colmef

Remo Fioroni Il direttore commerciale Colmef commenta così il periodo di mercato: « ll 2017 è stato un anno molto particolare per il mercato dell’edilizia, direi quasi schizofrenico, dove si sono alternati picchi di domanda con periodi di stasi, spesso in controtendenza con le stagionalità classiche. In particolare l’ultimo trimestre ha avuto per noi un andamento positivo, con i mesi di ottobre e novembre che hanno superato i mesi di giugno e luglio. Tenendo fede alla nostra filosofia di fornire sistemi SEMPLICI da usare per ridurre i rischi di errore, INNOVATIVI nelle prestazioni per offrire flessibilità e rapidità e SICURI per garantire durabilità delle prestazioni, abbiamo risposto al mercato su

building better tre diverse linee strategiche: • In primis investire sui mercati esteri per ulteriormente accrescere le nostre esportazioni dall’attuale 30% della produzione. • In secondo luogo ci siamo concentrati sulla formazione tecnica della rete vendita, dei distributori e utilizzatori, collaborando anche con le scuole edili e investendo sulla relazione con il mondo dei progettisti che sempre più necessitano di performance elevate di prodotto per minimizzare il rischio dell’errore umano. • Infine abbiamo cntinuato ad investire in ricerca e sviluppo facendo nascere una nuova divisione aziendale: Geodry. La nostra azienda infatti, dal 2016 si compone di tre divisioni ben distinte che posizionano l’azienda tra i player in grado di fornire una gamma di prodotti molto ampia e perfettamente specia-

La sede 108 - Tile Italia 1/2018

lizzati. - Il brand COLMEF, da 40 anni attivo nel comparto della pre-miscelazione per la posa e la sigillatura di ceramiche e di pietre naturali e ricostruite, malte tecniche, malte refrattarie, prodotti per il recupero edilizio. - Il brand PIETRE D’ARREDO, attivo in particolare nella produzione di sistemi in pietra ricostruita di cui dispone di tutte le fasi produttive, dalla realizzazione delle matrici e degli stampi fino alla produzione della pietra stessa, degli adesivi, degli stucchi e dei prodotti per il trattamento. Compresi anche i sistemi termoisolanti e antiumidità progettati ad hoc per costituire un unico pacchetto con il montaggio della pietra. PIETRE D’ARREDO, inoltre, è il primo brand del settore ad aver realizzato gli oggetti BIM dei suoi sistemi mettendoli a disposizione dei progettisti sulla piattaforma dedica-

Pietre D’Arredo


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

ta www.bimobject.com dove, nei primi 4 mesi di presenza, abbiamo ricevuto oltre 20.000 download. Il mercato continua a rispondere favorevolmente, in particolar modo l’estero, tanto che nel 2017 abbiamo investito per aumentare la capacità produttiva del 40%. - Infine, come detto, l’ultimo nato in cui abbiamo investito oltre 2 milioni di euro: GEODRY è dedicato al settore delle impermeabilizzazioni che, all’interno della tematica più ampia dell’involucro edilizio, è un tema centrale nel mondo delle costruzioni, sia nel mercato del nuovo sia in quello delle ristrutturazioni. GEODRY nasce dall’esperienza di COLMEF nel settore dei materiali tecnici per l’edilizia ed integra la ricerca nel campo dei materiali plastici con le qualità di adesivi e sigillanti. Il cuore dei sistemi è costituito da geo-membrane sintetiche che vengono fornite all’interno di

un sistema completo e garantito nel suo complesso. All’interno di GEODRY è stata inoltre sviluppata una linea specializzata dedicata al recupero e al ripristino del calcestruzzo. Non a caso, infatti, il 60% circa dei lavori riguardano interventi di recupero di sistemi di impermeabilizzazione degradati. I Sistemi GEODRY risolvono le problematiche principali che si presentano in fase di posa ed offrono ai progettisti flessibilità di intervento e soluzioni su misura. La tecnologia dei materiali unita ad una posa

semplice e rapida, riduce il rischio di errore umano, i costi ed i tempi di realizzazione, l’interferenza degli agenti atmosferici. Per il 2018 non nascondiamo la nostra fiducia in un incremento importante dei nostri volumi di vendita, che negli ultimi tre anni sono sempre cresciuti seppur non a ritmi elevatissimi, Infatti il trend positivo della fine 2017 sta continuando in queste prime settimane del 2018 e ci arrivano segnali positivi sia dal mercato estero che da quello italiano».

Formazione specifica Geodry

Geodry

Geodry

Tile Italia 1/2018 - 109


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

MLT System™

Enrico Bondielli Per MLTS Europa prosegue la serie di successi degli ultimi anni: «Stiamo consolidando la nostra presenza sui mercati esteri – racconta Enrico Bondielli, Executive Director –. Nel 2017 è stata avviata un’importante collaborazione con LLC Kerama Marazzi, azienda leader nella produzione di piastrelle in Russia. I maggiori sviluppi arrivano però dall’America, dove il nostro sistema è perfettamente rispondente ai nuovi standard di posa per materiali sottili previsti dalla nuova normativa ANSI 108.19 emessa dal Tile Council of North America (TCNA).» Il sistema di posa denominato Mechanical Lippage Tuning System – MLT System -, nato a fine 2009 dall’intuizione di Michele Volponi, posatore italiano residente negli Stati Uniti, è stato messo a punto in collaborazione con l’italiana Mollificio Apuano Srl. MLT System™ è oggi un sistema di posa per pavimenti e rivestimenti, brevettato, semplice e rivoluzionario: « È l’unico sistema in commercio che prevede componenti riutilizzabili centinaia di 1

110 - Tile Italia 1/2018

volte, a tutto vantaggio di un basso impatto ambientale. Semplice e veloce da usare e, soprattutto, affidabile: permette a professionisti, e non, di piastrellare pavimenti, pareti e soffitti, velocemente e con risultati impeccabili». MLT System Europa srl è stata poi fondata nel 2013 e produce il sistema MLT con tecnologia e qualità 100% italiana. A tale riguardo MLT System™ ha superato brillantemente i test del TCNA (Tile Council of North America) e del CCB (centro ceramico Brasilero). MLT System Europa si occupa anche della commercializzazione del prodotto tramite accordi di distribuzione con società operanti nei vari paesi esteri. I successi di questi anni arrivano da varie linee. • La linea di tiranti Ready strap T2 (foto 1), ideata e lanciata nel 2015, risponde alle esigenze dettate dal mercato delle grandi installazioni commerciali, dove è richiesta una grande velocità di posa. Il nuovo tirante realizzato in nylon, è già collegato al piattello e non necessita di pre-assemblaggio riducendo ulteriormente i tempi di posa. Il tirante realizza una fuga naturale di 2 mm con ceramiche standard, mentre se usato con piastrelle con bordi rettificati, la fuga minima possibile è di 1,2 mm.

• Il costante aumento della posa di piastrelle ultra sottili (3-5 mm), ha poi richiesto soluzioni tecniche particolari che rispondessero all’esigenza di realizzare anche fughe minime, peraltro molto apprezzate da architetti e designer anche nella posa di piastrelle in Marmo. Particolarmente interessante in questo senso è la linea Slim, dove il tirante riutilizzabile T1 (foto 4) permette di realizzare, unico sistema sul mercato, una fuga minima di 0,5 mm. • Inoltre, per consentire agli utenti di testare la qualità dei prodotti con un investimento minimo, sono stati realizzati due Starter KIT (serie Ready e serie Slim - foto 5) i cui pratici contenitori consentono di avere a disposizione tutto il necessario per la posa. «Grazie alla continua ricerca della qualità e di nuove soluzioni, stiamo lavorando a nuovo prodotti – commenta Bondielli mentre ci stiamo sempre più impegnando nella formazione attraverso una serie di workshop rivolti ai nostri distributori, ai quali offriamo attività di supporto, qualificazione e formazione riguardo l’uso del sistema di posa MLT System™. Allo scopo, da questo 2018, saranno programmati corsi di posa in collaborazione con “ASSOPOSA”, alla quale anche MLTS Europa è associata».

2

4

3

5


Speciale Posa LA PAROLA AI PRODUTTORI

Opera

Roberto Raineri Anche il 2017 è stato un anno in cui abbiamo avuto la conferma che i maggiori sforzi di investimento dirottati e concentrati sui prodotti tecnici, danno i

loro frutti. Laddove aumenta la concorrenza sui prodotti standard, che per un certo aspetto è anche plausibile, nell’ambito dei prodotti tecnici, oggi più che mai, si notano le differenza tra le aziende che ottengono risultati e che acquisiscono di conseguenza fette di mercato d’élite. La nostra Azienda già da diversi anni investe e continuerà a farlo, per dare alla nostra clientela risposte rapide e concrete per la risoluzione dei problemi, con soluzioni mirate e conve-

nienti. Il nostro nuovo Fugapox Style Industria 4.0, vuole essere un nuovo punto di partenza per un concetto che dovrebbe essere chiaro a tutti: “la durata nel tempo del nostro lavoro”, una garanzia per il committente, per l’applicatore e per il produttore. Da ciò la scelta di Opera di iniziare ad investire nel settore industriale, dove le ultime forniture del Fugapox Style Industria 4.0, hanno avuto un successo inaspettato.

FUGAPOX STYLE INDUSTRIA 4.0 È una resina epossidica bicomponente antiacido, ad elevate resistenze meccaniche e chimiche. La sua applicazione è specifica per incollare e sigillare in maniera strutturale pavimenti e rivestimenti nel campo residenziale e industriale. Il prodotto è particolarmente indicato per incollaggio e stuccatura di gres porcellanato anche ad alto spessore, per aziende, piscine, industrie alimentari e grandi aree commerciali rispettando anche la normativa HACCP regolamento CE n. 852/2004, prevista in ambienti destinati alla lavorazione nel campo alimentare. L’esigenza del settore era quella di ottenere un prodotto che unisse, in maniera definitiva e durevole, il pavimento o il rivestimento al supporto sottoposto a forte stress meccanico, nonché la garanzia per una resistente e inassorbente sigillatura delle fughe, senza tralasciare una caratteristica fondamentale dei prodotti epossidici di Opera, ovvero l’estrema lavorabilità e pulibilità del prodotto, associata ad un ottimo tempo di gestione dopo la miscelazione. Così facendo l’Azienda ha reso unico nel suo genere Fugapox Style Industria 4.0, che può essere utilizzato contemporaneamente sia come adesivo ad altissime performance di aggrappaggio, sia come fugante con estrema resistenza all’abrasione e al contatto con acidi. Il prodotto grazie alle sue componenti chimiche, riesce ad assorbire i carichi di superficie e distribuire le tensioni causate da vari fattori. L’articolo è già disponibile presso i nostri rivenditori di fiducia. Tile Italia 1/2018 - 111


Powered by COLMEF

IMPERMEABILIZZARE SENZA COMPROMESSI La soluzione definitiva per impermeabilizzare sotto piastrella terrazze, balconi, coperture, piscine e zone wellness. I sistemi GEODRY si possono applicare su supporti nuovi e vecchi:

> SENZA demolire; > SENZA pretrattare fondi fessurati; > SENZA pretrattare giunti di frazionamento e perimetrali;

> SENZA corrispondenza fra giunti del supporto e della pavimentazione;

> SENZA attrezzature speciali; > SENZA tempi di fermo cantiere; > SENZA interferenza delle condizioni meteo;

> SENZA rischi per il posatore.

www.geodry.com

+39 075 7825557

info@geodry.com

GEODRY


welcomeadv.it

Tile Italia 1/2018  
New