Brick World Review 2/2010

Page 1

Tecnargilla & Saie 2010 Construction in Europe: recovery in 2011?

n

n

Costruzioni in Europa: ripresa nel 2011?

n

“Slavonka” line for large format roof tiles

n

“Slavonka” per tegole di grande formato

n

Brick and roof tile decoration

n

La decorazione di tegole e mattoni



LINGL – IL VOSTRO PARTNER DI FIDUCIA – PASSATO, PRESENTE E FUTURO! YOUR RELIABLE PARTNER – PAST, PRESENT AND FUTURE!

Wienerberger Rumst, Belgium 2010

Con oltre 70 anni di esperienza, noi della Lingl siamo impegnati nella

With over 70 years experience, we at Lingl continuously improve

ricerca per migliorare le nostre tecnologie e i nostri servizi finalizza-

our engineering and services to enable your ongoing success. Our

ti al vostro regolare successo. L‘impegno e l’affidabilità creano forti e

commitment and reliability forges strong partnerships that last, and

durature collaborazioni: esperienze molto ben conosciute dalla nostra

are well known in our industry. Our innovative technical solutions allow

industria.

you to achieve the decisive step ahead for market share by supply-

Le nostre soluzioni tecniche innovative vi permettono di conquistare

ing products which are distinguished by longevity, superior produc-

nuove quote di mercato e di fornire materiali che si distinguono per lon-

tion quality, lowest operating costs and maintenance friendliness*,

gevità, qualità superiore a costi più bassi di produzione e facilità di ma-

providing efficient, effective solutions for your business. In addition, we

nutenzione* fornendo efficienti ed effettive soluzioni per i vostri affari.

also offer worldwide, competitive services to keep your plant running

Inoltre offriamo, in tutto il mondo, servizi concorrenziali per mantenere

hassle-free. If you value continuity and reliability choose us as your

il vostro impianto in funzione senza intoppi. Se dai peso alla continuità

partner and let us become part of your team.

e alla affidabilità scegli noi come partner e facci diventare parte della tua squadra. * Questa informazione è stata presa da un’indagine effettuata dal Centro di Gestione Malik, St. Gallen nel maggio del 2005 dove gli impianti della Lingl sono stati confrontati agli altri.

Rappresentanza in Italia: TRICER s.r.l. ∙ Sig. Fausto Carra ∙ Via Firenze, 4 46029 SUZZARA (MN) ∙ phone: +39 (0) 376 525 076 ∙ fax: +39 (0) 3376 507 182 mobile: +39 (0) 335 65 61 808 ∙ mail: tricersrl@mac.com

* This information was taken from a survey as carried out by the Malik Management Centre, St. Gallen, May 2005 where Lingl installations were compared to others.

www.lingl.com


dire fare c re are .it

A DIFFERENT

GENUINE AND NATURAL EFFECT

GLAZES FOR ROOF TILES

www.specialties.colorobbia.com


Year 15, N° 2 2010 2nd four months Four-monthly review

Cover picture by: Giancarlo Pradelli

Anno 15, n° 2 2010 2° quadrimestre Periodico quadrimestrale

contents sommarlo 7 editorial

8 20

Tecnargilla, showcase of technological innovation

Paola Giacomini

Tecnargilla, vetrina dell’innovazione tecnologica

world news events

Key role for heavy clay at Tecnargilla

Laterizio protagonista a Tecnargilla

STATISTICS

24

Construction in Europe: recovery in 2011?

Costruzioni in Europa: ripresa nel 2011?

30

Slow going for heavy clay machinery

32

interview

Macchine per laterizio col freno tirato Corobrik, sustainable development in Africa

Corobrik, sviluppo sostenibile in Africa

38

The art of brickmaking

Gian Paolo Crasta

Paola Giacomini

Milena Bernadi

L’arte del mattone

TECHNOLOGY

42

44

“Slavonka” line for large-format roof tiles

Taurus block for reinforced masonry

Iran: fast-firing roof tile production

54

Brick and roof tile decoration

60

Tiziano Manfredini

Il blocco Taurus per muratura armata

50

Gianni Barucco

”Slavonka” per tegole di grande formato

Alessandro Petroncini

Iran: produrre tegole con ciclo rapido

Fulvio Masini

La decorazione di tegole e mattoni Cost reduction by process analysis

Regina Vogt

Ridurre i costi con l’analisi di processo

64

company profile

Torres Group: 60 years of technological evolution

Gruppo Torres: 60 anni di evoluzioni tecnologiche

70

architecture

The restoration of Rocca dei Tempesta

74

products

37

advertiser’s list

Stefano Manca

Milena Bernardi

Il restauro della Rocca dei Tempesta

BR I CK W or ld R e vi e w n . 2/ 20 10

3



ADVERTISING Publisher • Editore Administration and Editorial Office

Amministrazione e Redazione

TILE EDIZIONI S.r.l. Via Fossa Buracchione, 84 41126 Baggiovara (MO) - Italy Tel. +39 059 512103 Fax +39 059 512157 info@tiledizioni.it Iscritto al registro delle imprese di Modena C.F./P.IVA IT02778050365 Capitale Sociale: € 51.400,00 R.E.A. 329775 - Iscrizione ROC n. 9673 Periodico bimestrale registrato presso il Tribunale di Reggio Emilia al n. 905 in data 27/11/95 Editor • Direttore responsabile Paola Giacomini - p.giacomini@tiledizioni.it Editorial coordinator

Coordinamento editoriale Milena Bernardi - m.bernardi@tiledizioni.it Editorial Board • Comitato Editoriale

Cristian Cassani, Patrizia Cazzaniga Gian Paolo Crasta, Paolo Gambuli Erminio Guiducci, Fabio Schianchi Advertising • Pubblicità

Subscriptions •Abbonamenti www.tiledizioni.it/subscription Each copy • una copia € 4 2 years subscription (6 issues)

Abbonamento biennale (6 numeri) Italy: € 60; Foreign Countries: €80; Online Version: free; www.tiledizioni.it/freesubscription Special tariffs for group subscriptions are available on request.

Tariffe speciali per abbonamenti collettivi sono disponibili su richiesta. Spedizione in a.p. art. 1 comma 1 DL 353/2003 DCB MODENA L’IVA sugli abbonamenti, nonché sulla vendita dei fascicoli separati, è assolta dall’Editore ai sensi dell’art. 74 primo comma lettera C del DPR 26.10.72 N. 633 e successive modificazioni e integrazioni. Graphic Layout • Progetto Grafico

Sara Falsetti Printer • Stampa

Arbe Industrie Grafiche spa, via Emilia Ovest 1014 4100 Modena Photolits/ Typesetting

TILE EDIZIONI Tel. +39 059 512103 Fax +39 059 512157 E-mail: p.giacomini@tiledizioni.it Elisa Verzelloni E-mail: e.verzelloni@tiledizioni.it Marina Morandi Tel. +39 0536 806725 Cell. +39 335 314531 Fax +39 0536 1846795 E-mail: effeemmeadvertising@libero.it

Fotolito/Fotocomposizione

Contacto en España:

Tutti i diritti di riproduzione e traduzione degli articoli pubblicati sono riservati. È vietata la riproduzione anche parziale senza l’autorizzazione dell’Editore. Manoscritti, disegni, fotografie e altro materiale inviato in redazione, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La Direzione non assume responsabilità per le opinioni espresse dagli autori dei testi redazionali e pubblicitari.

Benjamin Cervera Tel. +34 964 565110 Translation • Traduzione

John Freeman (JF) - English Geoff Day (GD) - English Valeria Costa (VC) - Spanish Wei Bo (WB) - Chinese Elena Sourova (ES) - Russian

Vaccari Zincografica - Via Salgari, 61 41100 Modena Entire contents copyright Tile Edizioni. All rights reserved. Opinions expressed by writers are not necessarly those held by the publisher who is not held responsible. Editorial material, manuscripts, photographs, transparencies and artwork will not be returned.

Date of going to press • Chiuso in redazione: 05/08/10 TILE EDIZIONI S.r.l., in conformità al “Testo unico sulla privacy”, garantisce la riservatezza dei dati usati per gli abbonamenti e per gli scopi tipici della stampa specializzata e la possibilità di modificarli o cancellarli (art. 7 del D.L. 196/2003) a mezzo richiesta scritta.

Promoted by

Tile Edizioni also publishes:



Tecnargilla, showcase of technological innovation

Tecnargilla will be opening in Rimini in just a few days’ time on 27 September and as usual will be hosting the suppliers of plant and machinery for the brick and tile industry in the Claytech section in halls A5-C5. For the exhibitors, including all the world’s best known brands, Claytech will be the perfect opportunity to evaluate the state of international demand for technology following the dramatic fall in sales in all markets in 2009. This downturn was a direct consequence of the generalised slump in building activity, as described in the article on page 24 which examines the results of the building industry in Europe. In 2009 the Italian brick and tile machinery producers reported a 47% fall in turnover with respect to 2008, with an almost identical trend in export and domestic markets. In the domestic market, the sharp fall in machinery sales is consistent with the negative performance of the Italian brick and tile industry, which saw its output almost halved compared to the pre-crisis period (from 20 to

12 million tonnes in 2009). However, the building industry has picked up in a number of countries, most notably in North Africa, the Arabian Peninsula and the Far East, and it is here that the machinery manufacturers are observing the first positive signs of recovery. At Tecnargilla, delegations of foreign manufacturers, including brick and tile producers, are arriving from Maghreb, Egypt and the Arabian Peninsula, as well as from India, China and Vietnam and Brazil, Mexico, Germany and Russia. As always, we will have to wait for the end of the show to take stock and make predictions of the potential for investments to pick up in 2011. What is certain, however, is that visitors to Claytech will have an opportunity to view the very best manufacturing technologies currently on offer, particularly in the field of energy saving solutions for the production process, a segment that now accounts for much of the research conducted by the machinery manufacturers. (JF)

Mancano pochi giorni all’inaugurazione di Tecnargilla a Rimini, il prossimo 27 settembre, dove, come consuetudine, i fornitori di macchine e impianti per l’industria del laterizio sono ospitati nella sezione Claytech, nei padiglioni A5-C5. Per gli espositori, tra cui tutti i marchi più noti a livello mondiale, Claytech sarà una vera e propria cartina al tornasole per verificare l’evoluzione della domanda internazionale di tecnologia, soprattutto dopo un 2009 caratterizzato da una fortissima contrazione delle vendite su tutti i mercati. Diretta conseguenza del generalizzato arresto dell’attività edilizia quasi ovunque, come riporta l’articolo di pagina 24 sui risultati dell’industria delle costruzioni in Europa. Per i costruttori italiani di macchine e impianti per lateriziom il 2009 si è infatti chiuso con un calo di fatturato di ben il 47% rispetto al 2008, con un andamento pressoché analogo sia sui mercati esteri che su quello domestico. In quest’ultimo, il massiccio ridimensionamento delle vendite di macchine è peraltro del tutto in linea con il risultato negativo dell’industria nazionale pro-

duttrice di laterizi, che ha quasi dimezzato la produzione rispetto al periodo ante crisi (da 20 a 12 milioni di tonnellate del 2009). Ci sono però paesi in cui l’edilizia ha ripreso a correre: Nord Africa, Penisola Araba e Far East, ed è da questi che i costruttori di macchine stanno già riscontrando i primi segnali positivi. A Tecnargilla, delegazioni di produttori stranieri, che comprendono anche produttori di laterizio, sono in arrivo dal Maghreb, dall’Egitto e dalla Penisola Araba, così come da India, Cina e Vietnam, e ancora da Brasile, Messico, Germania e Russia. Come sempre, dovremo attendere la conclusione della kermesse per fare un bilancio e una previsione sulle potenzialità di ripresa degli investimenti per il 2011, ma è certo che i visitatori di Claytech potranno trovare a Rimini il meglio di quanto oggi disponibile sul mercato delle tecnologie di produzione, soprattutto in tema di soluzioni volte al risparmio energetico dei processi produttivi, segmento che più di altri, in questo periodo, assorbe gran parte della ricerca condotta dalle azien de meccaniche.

BRICK WORLD REVIEW, NOW ONLINE

BRICK WORLD REVIEW, ORA ANCHE ONLINE

As part of the new 2010-2011 promotional campaign, the entire contents of Brick World Review are now available to read free of charge online at www.brickworldreview.it. This service will be useful both for retrieving old articles and for avoiding long delays while waiting for the magazine to be delivered by post. Users will be able to access current or past articles at any time and print or save them to their computers. To register with the free service: Go to the website www.tiledizioni.it/ freesubscription, enter the free subscription code TILE0610 and follow the instructions. At the end of the procedure you will receive an email message confirming registration and, using the password and username you have chosen, you will be able to connect to the site and begin reading.

Grazie alla nuova promozione 2010-2011, da ora chiunque potrà leggere l’intero contenuto di Brick World Review, gratuitamente, anche online su www.brickworldreview.it. Un servizio utile, sia per rintracciare un vecchio articolo perso, che per evitare lunghe attese nei tempi di consegna postale della rivista. Sarà possibile stampare o salvare sul proprio PC gli articoli di interesse, sia dei numeri in uscita che dei numeri precedenti, con accesso in qualunque momento. Per registrarsi al servizio gratuito: Collegarsi al sito www.tiledizioni.it/ freesubscription, digitare il codice di abbonamento gratuito TILE0610 e seguire le istruzioni. A procedura completata riceverete un messaggio email di conferma dell’avvenuta registrazione e con la password e username che avrete scelto potrete collegarvi da subito al sito e cominciare la lettura.

BR I CK W or ld R e vi e w n . 2/ 20 10

editorial

Paola Giacomini

Tecnargilla, vetrina dell’innovazione tecnologica

7


world news news dal mondo Keller HCW

at

Tecnargilla 2010

Keller HCW will be taking part in Tecnargilla in Rimini from 27 September to 1 October, in the Claytech section (halls A5/C5), together with the group’s partner companies Morando, Rieter and Novoceric. It will be displaying the latest kiln and dryer technologies designed to reduce energy consumption, along with the latest preparation concepts, grinding technologies, robot handling, automation technology as well as worldwide and customer-oriented service technologies. 2010 was a difficult but important year for Keller HCW. In April 2010 KELLER HCW informed its customers, suppliers and employees in a letter about the new structure of the Legris Industries Group and the re-established Keller division, headed by Laurenz Averbeck and Karsten Biermann (550 employees worldwide), which operates in the heavy clay machinery sector with companies Keller HCW, Novoceric, Morando and Rieter. Cooperation between Morando and Rieter has enabled both companies to increase their knowhow and expand their product ranges. Group synergies have also resulted in an optimised cost structure and production capacity. The many measures adopted in recent months include expansion of the facilities in Ibbenbüren-Laggenbeck and Mellrichstadt in Germany and in Asti in Italy.

8

B Rick W o rld Rev iew n. 2/ 2010

April also saw participation in Mosbuild in Russia and in Gradjevinarstvo 2010 in Belgrade, Serbia. Although the financial crisis has had a severe impact on the market, the German group secured a number of orders for the remodelling of existing plants and began negotiations for major new projects in Russia, where it is the market leader. Participation in the show in Serbia was also very positive due to the large numbers of visitors in attendance from the entire region, who were interested above all in technological solutions for the production of high energy-efficiency bricks filled with insulating material. Pictured: Miroslav Faller (Keller HCW) welcomes Serbian minister Oliver Dulic´ at the show. The Keller division’s projects for the coming months and years include further expansion of its customer service activities (spare parts, plant modernisation and optimisation, training in all specific fields and preventive maintenance), which will be centralised at the site in Constance, while the Rieter production department (preparation and shaping technologies) will be relocated to Asti.

K eller HCW

a

Tecnargilla 2010

Dal 27 settembre al 1° ottobre Keller HCW sarà presente al Tecnargilla di Rimini, nella sezione Claytech (padiglione A5/ C5) insieme alle società partner del gruppo, Morando, Rieter e Novoceric. In mostra le più recenti tecnologie di essiccazione e cottura studiate per ridurre i consumi energetici, così come le ultime proposte per la preparazione delle materie prime, la macinazione, la movimentazione robotizzata, le automazioni e i servizi per la clientela in tutto il mondo. Il 2010 ha rappresentato per Keller HCW una tappa importante e un anno impegnativo. In aprile, l’informazione ufficiale al mercato della nuova struttura societaria del Gruppo Legris Industries e la ricomposizione della divisione Keller, guidata da Laurenz Averbeck e Karsten Biermann (550 dipendenti in tutto il mondo) operante nel settore dell’impiantistica per laterizio, con le società Keller HCW, Novoceric, Morando e Rieter. La cooperazione tra Morando e Rieter ha già consentito di accrescere il know how di entrambe e di ampliare la gamma produttiva di ciascun marchio.

Le sinergie di gruppo hanno poi consentito l’ottimizzazione della struttura di costi e della capacità produttiva. Tra le tante misure attuate negli ultimi mesi, l’espansione degli stabilimenti di Ibbenbüren - Laggenbeck e Mellrichstadt in Germania, e di Asti in Italia. Sempre in aprile, la partecipazione a Mosbuild in Russia e a Gradjevinarstvo 2010 a Belgrado, in Serbia. In Russia, nonostante la crisi abbia colpito pesantemente la domanda, il gruppo tedesco, che è leader di mercato, ha siglato alcune commesse per la ristrutturazione di impianti esistenti e avviato le trattative per nuovi importanti progetti. Esito positivo anche per la trasferta in Serbia, grazie all’elevato numero di visitatori provenienti da tutta la regione, interessati soprattutto alle soluzioni tecnologiche per la produzione di mattoni ad alta efficienza energetica, riempiti con materiale isolante. Nella foto, Miroslav Faller (Keller HCW) saluta il ministro serbo Oliver Dulic´ in visita alla fiera. Tra i progetti della divisione Keller per il prossimo futuro, l’ulteriore espansione delle attività di servizio alla clientela (ricambistica, ottimizzazione degli impianti, formazione in specifici campi, manutenzione preventiva) che saranno centralizzate nello stabilimento di Costanza, mentre il reparto produttivo Rieter (tecnologie di preparazione e formatura) sarà ricollocato ad Asti.


Lingl

with

Tricer

at

Tecnargilla

Lingl will be present at Tecnargilla in Rimini (27 September - 1 October) on the stand of Tricer (owned by Fausto Carra), representative of the leading German manufacturer of machinery for the heavy clay industry for more than seventy years. Amongst new features, there will be a strong focus on energy-saving solutions for the drying and firing stages that assure extraordinarily low energy consumption. For the eco-sustainable production of filled hollow bricks, Lingl

will be presenting its latest innovation in cutting technology and a modern modular grinding machine, as well as all the elements required for the production of filled blocks, from exclusive plants for the production of Unipor Coriso blocks to plants for filling with various materials. Filled hollow bricks are currently the most modern type of building material for walls and combine low values of heat conductivity (8 l = 0.08 W/mK) with soundproofing characteristics and extremely high strength when laying.

Tecnofiliere supplies extruder Ceprano Coperture Tecnofiliere, an historic company based in Novi di Modena, has developed a new high-flexibility 3-exit extruder die for bent tiles. The innovative system was recently installed at the factory of Ceprano Coperture in the province of Frosinone, a company that specialises in the production of terracotta elements for discontinuous roofing. This new solution allows for a considerable increase in hourly production capacity together with a high product quality standard and a significant reduction in specific energy consumption. The main technical characteristics include: three non-conventional exits that allow for high

die to

productivity at low extrusion speed (and a consequent reduction in energy consumption); templates made from special hardened and/or chrome-plated steel with high wear and corrosion resistance. the use of modular inserts made of both plastic (suitable for the set-up stage and in the production process) and of special hardened and/or chromeplated steel; ease of set-up and maintenance due to the possibility of replacing modular elements.

L ingl ,

con

Tricer,

a

Tecnargilla

Lingl sarà presente al Tecnargilla di Rimini (27 settembre-1°ottobre) all’interno dello stand Tricer di Fausto Carra, rappresentante dell’azienda tedesca, leader nell’impiantistica per l’industria dei laterizi da oltre settant’anni. Tra le novità presentate, grande risalto avranno le soluzioni mirate al risparmio energetico in fase di essiccazione e cottura, caratterizzate da consumi energetici straordinariamente bassi. Sempre in tema di produzione di materiali ecosostenibili, per la fabbricazione dei mattoni forati riempiti, Lingl presente-

rà la sua ultima innovazione nella tecnica di taglio e una moderna rettificatrice modulare, oltre a tutti gli elementi per la realizzazione di blocchi con riempimento: dagli esclusivi impianti per la produzione dei blocchi Unipor Coriso, agli impianti di riempimento con materiali diversi. Attualmente, i mattoni forati riempiti rappresentano la tipologia più moderna di materiali in laterizio per pareti, combinando bassi valori di conducibilità termica (8 l = 0,08 W/mK) con caratteristiche di insonorizzazione ed estrema resistenza durante la posa.

Tecnofiliere per C eprano C operture Tecnofiliere, storica azienda con sede a Novi di Modena, ha realizzato una nuova filiera per coppi a 3 uscite, caratterizzata da elevata flessibilità. L’innovativo sistema è stato recentemente installato presso lo stabilimento di Ceprano Coperture, in provincia di Frosinone, realtà specializzata nella produzione di elementi in cotto per coperture discontinue. Questa nuova soluzione consente un notevole incremento della capacità produttiva oraria,

un elevato standard qualitativo del prodotto e una sensibile diminuzione del consumo energetico. Tra le principali specifiche tecniche sono da rilevare: tre uscite non convenzionali che consentono elevate produttività a bassa velocità di estrusione (da qui la conseguente riduzione dei consumi energetici); la realizzazione delle mascherine con acciai speciali temprati e/o cromati ad elevata resistenza all’usura e alla corrosione; l’impiego di inserti modulari realizzati sia in materiali plastici (adatti per le fasi di messa a punto e nel processo produttivo) che in acciai speciali temprati e/o cromati; la facilità di messa a punto e di manutenzione legata alla possibilità di sostituire gli elementi modulari.

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 10

9


world news news dal mondo Lingl

acquires

Novokeram

On 30 June this year, Andreas Lingl and Frank Appel, managing partners of Lingl, and Christian Wagner, owner and managing director of Novokeram, signed the agreement for the acquisition of the know-how of Novokeram (which had been undergoing insolvency proceedings since November 2009) by the Krumbach-based company, which thereby gains possession of the brand and the associated know-how consisting of all industrial property rights, plans and customer data. Christian Wagner will continue to cooperate with Lingl, lending continuity to customer relations and “contributing his knowledge and experience in drying technology,” commented Andreas Lingl. “Everybody associates Novokeram with the latest low-energy drying technology Choritherm,” added Frank Appel. “We think that low-energy drying has very

Investments

by

Capaccioli Group

Capaccioli, a renowned Sienabased group that offers a comprehensive range of technology for the heavy clay industry, further expanded its product range in 2009 with the development of Aral, a new line for raw materials preparation and processing. The new plant includes an extruder, box feeders and roller mills and provides a complete service from quarry to finished product storage yard. In parallel with the development of the production line, the Group member companies (Capaccioli srl and Capacciolimpianti) have established a major investment programme for the two-year period 20102011 that includes expanding the industrial buildings and purchasing technologically advanced machine tools and new instruments and equipment. Three new numerically controlled machine tools supplied by Yamazaki Mazak came into operation in March, significantly increasing the production capacity of the Group which is

10

good potential for the future regarding the reduction in thermal energy consumption for the production of bricks and tiles. It was Christian Wagner who sagaciously recognised the importance of this technology to the brick industry and committed himself to its further development.” Lingl’s goal is now to continue this development together with its creator in order to make it ready to be placed on the market. Christian Wagner is the contact person for Novokeram customers having questions about drying technology, process control systems and the supply of spare parts.

now able to produce all machinery internally, from raw materials preparation machines to automations and kiln and dryer accessories, thereby guaranteeing rigorous product quality control. Capaccioli is also conducting three major research projects with university researchers with a view to making interesting technological improvements to the new Aral line. At Tecnargilla 2010 it will be showcasing 3 new machines from the same production line: the Aral M650/S extruder, the Aral LD1208 crusher and the Aral LS1012 roller mill.

B rick W o rld Review n. 2/ 2010

N ovokeram

passa a

L ingl

Il 30 giugno scorso Andreas Lingl e Frank Appel, soci di Lingl, e Christian Wagner, proprietario e amministratore delegato di Novokeram, hanno siglato l’accordo per l’acquisizione del know how di Novokeram (in procedura di insolvenza dal novembre 2009) da parte dell’azienda di Krumbach, che entra così in possesso del marchio e del know how relativo ai diritti di proprietà industriale, progetti e dati della clientela. Confermata la cooperazione tra Lingl e Christian

G li

investimenti del

Wagner che consentirà di dare continuità a rapporti commerciali consolidati e di apportare in Lingl “una competenza e una esperienza eccellenti nel campo delle tecnologie di essiccazione”, come ha commentato Andreas Lingl. “Tutti associano Novokeram con la più avanzata tecnologia di essiccazione a basso consumo energetico Choritherm - ha aggiunto Frank Appel -, un segmento che a nostro avviso ha grandi possibilità di crescita in futuro nel settore del laterizio, ed è merito di Christian Wagner averne riconosciuto l’importanza dedicandosi al suo sviluppo”. Obiettivo di Lingl è ora portare avanti la ricerca insieme al suo ideatore e presentare Choritherm al mercato. Christian Wagner resta la persona di riferimento per i clienti Novokeram per quanto attiene le tecnologie di essiccazione, i sistemi di controllo di processo e la ricambistica.

G ruppo C apaccioli

Capaccioli, noto gruppo senese presente sul mercato con un’offerta tecnologica completa per il settore laterizi, nel corso del 2009 ha ulteriormente ampliato la propria gamma prodotti sviluppando Aral, una nuova linea per la preparazione e lavorazione delle materie prime. Il nuovo impianto comprende mattoniere, cassoni dosatori e laminatoi e fornisce un servizio completo dalla cava al piazzale. Parallelamente allo sviluppo della nuova linea di produzione, le società del Gruppo (Capaccioli srl e Capacciolimpianti), hanno messo a punto, per il biennio 2010-2011,

un importante piano di investimenti che comprende l’ampliamento dei capannoni industriali, l’acquisto di macchinari utensili tecnologicamente avanzati, nonché nuove strumentazioni e attrezzature. Già a marzo sono entrate in funzione tre nuove macchine utensili a controllo numerico, targate Yamazaki Mazak, che hanno potenziato fortemente le capacità produttive del gruppo senese attualmente in grado di produrre, al proprio interno, tutti i macchinari: dalle macchine di pre-lavorazione della materia prima, agli automatismi, agli accessori dei forni e degli essiccatoi, garantendo così un rigoroso controllo sulla qualità dei prodotti. Capaccioli, che sta inoltre portando avanti tre importanti progetti di ricerca con ricercatori universitari, volti ad apportare interessanti miglioramenti tecnologici sulla nuova linea Aral, sarà presente a Tecnargilla 2010 con 3 nuove macchine della stessa linea produttiva: la mattoniera Aral M650/S, il frantumatore Aral LD1208 e il laminatoio Aral LS1012.


ADVERTISING

Almeida

resumes roof tile production

A lmeida

As part of its 2009-2010 investment programme to expand production in the ceramic tile segment, Ceramica Almeida of Santa Gertrudes (Brazil) has decided to resume its original business of clay roof tile production. Until the early 1980s the Brazilian company produced mainly bricks and roof tiles. The main products were the flat tile and the colmar tile, the most widely used types of roof tile in Portugal which have rapidly also become the most popular tiles in Brazil. “In 1980 the Brazilian heavy clay sector suffered a major crisis that lasted for five years and reduced the number of players,” explains Heitor Almeida. “We decided to respond to the crisis by investing in technological and product innovation, concentrating on the production of floor and wall tiles which offered higher margins.” This return to our origins reflects the current strong growth in the Brazilian building industry. For the production of new glazed roof tiles, a product type that is very popular in Brazil, Almeida has chosen the most sophisticated technology consisting of a dry mill supplied by Manfredini & Schianchi along with single-channel dryers and kilns. Production started up in the second quarter of 2010.

Nell’ambito del piano di investimenti 2009-2010 volti all’espansione produttiva nel segmento delle piastrelle ceramiche, Ceramica Almeida, con sede a Santa Gertrudes (Brasile), ha deciso di inserire anche la produzione di tegole in ceramica, suo business originario. Fino ai primi anni ’80, infatti, l’azienda brasiliana produceva principalmente mattoni e tegole. I prodotti di punta erano la tegola romana e la tegola colmar che, riprendendo i modelli di coperture più diffusi in Portogallo, divennero in breve tempo le tegole più in voga in Brasile. “Nel 1980 - racconta Heitor Almeida - “il settore dei laterizi in Brasile attraversò una grave crisi che durò cinque anni riducendo il numero dei player. Noi decidemmo di far fronte alla crisi investendo in innovazione tecnologica e di prodotto, concentrando la produzione su piastrelle da pavimento e rivestimento che consentivano margini più vantaggiosi”. Un ritorno alle origini che trova fondamento nell’attuale forte crescita dell’industria edilizia brasiliana. Per la produzione delle nuove tegole smaltate, molto diffuse in Brasile, Almeida ha scelto la tecnologia più sofisticata: macinazione a secco, fornita da Manfredini & Schianchi, essiccatoi e forni monocanali. La produzione è stata avviata nel secondo trimestre 2010.

ripunta sulla tegola


world news news dal mondo Lingl

in

China

To establish deeper roots in the rapidly-expanding Asian market, and in particular in China, Lingl is cooperating with the German group Grenzebach (head office in Hamlar, Bavaria), which has branches worldwide (a total staff of 1500) and has had a presence in China since 1998 with two facilities, one in Shanghai (pictured) and the other in Jiashan. Grenzebach manufactures plant and process technological engineering for glass and plasterboard manufacturers. Lingl will use these Chinese facilities to manufacture certain parts of its product range locally, particularly as the Grenzebach technicians have a similar approach to product quality to that of Lingl. Lingl will

Saie 2010:

integrating to build

Sustainability, production and services are the three pivotal themes of SAIE 2010, the International Building Fair to be held in Bologna from 21 to 24 October. There’ll be a host of new products and initiatives for the 170,000 visitors and 1,700 exhibitors who habitually converge on the 235,000 square metres of exhibition space, under the slogan “Integrating to build”. The goal of SAIE 2010, in fact, is to provide a melting pot for the integration of know-how and technology, with a view to pushing the building industry towards that big leap forward that is so keenly awaited by operators. The 46th edition of the event will again include Saienergia, which has grown and become Saienergia & Sustainability, and now combines the renewable energies section with the section devoted to materials, systems and components for safe and sustainable building. Piazza Energia (hall 14) is the hub of the show, and will play host to a succession of conferences, workshops, exhibitions and debates coordinated by Mario Cucinella. Cuore Mostra will also be back, with its

12

L ingl also make use of the existing service network, consisting of experienced fitters and commissioning engineers at Grenzebach, Shanghai, who are fully trained in control and robot technology.

B ric k W o rld Review n. 2/ 2010

focus on the architecture of the major designers whose work integrates new technologies, new materials and new energy systems. So too will Saieselection, the competition for students and young designers, which will focus this year on the subject of integration in architecture. Green & Stone, the show dedicated to natural stone and the many design objects it is transformed into, will be back for the third time, and will take the theme of integration of stone and greenery as a starting point for new forms of urban design. Saie 2010 will also host the seventh edition of the New Product Guide curated by Artec, the architecture and industrial design archive of the IUAV University of Venice. The event is a bellwether of innovation in the construction industry and has been showcasing the key new developments presented at the Bologna-based fair since 2004. In conjunction with the former, the New Product Selection awards prizes every year to the most innovative products presented, and puts them on display at an exhibition held in the Services Centre.

in

C ina

Per gettare radici più profonde nel mercato asiatico in forte espansione, e in particolare in Cina, Lingl ha avviato una collaborazione con il gruppo tedesco Grenzebach di Hamlar (Baviera),

S aie 2010: I ntegrare

che dispone di sedi in tutto il mondo (1.500 i dipendenti in totale) e che proprio in Cina è presente dal 1998 con due stabilimenti produttivi, a Shanghai (nella foto) e a Jiashan. Grenzebach opera nell’impiantistica e tecnologie di processo per la produzione di pannelli in vetro e cartongesso e nei suoi stabilimenti cinesi Lingl realizzerà parte della propria gamma produttiva, potendo contare sull’analogo approccio verso la qualità di prodotto dei tecnici Grenzebach. Lingl utilizzerà inoltre la rete di assistenza già esistente, composta da esperti operatori e ingegneri di Grenzebach Shanghai, specializzati in robotica e tecnologia di controllo.

per costruire

Sostenibilità, produzione e servizi sono le tre aree tematiche sulle quali verterà l’edizione 2010 di SAIE, il Salone Internazionale dell’Edilizia in programma a Bologna dal 21 al 24 ottobre. Molte le novità, per i 170.000 visitatori e 1.700 espositori che abitualmente convergono nei 235.000 metri quadri della fiera, riunite sotto lo slogan “Integrare per costruire”. Obiettivo di SAIE 2010 è fungere infatti da punto di riferimento per l’integrazione di competenze e tecnologie, allo scopo di spingere l’edilizia verso quel salto di qualità tanto atteso da tutti gli operatori di settore. La 46° edizione della manifestazione ripropone Saienergia che cresce e diventa Saienergia & Sostenibilità, accorpando gli spazi dedicati alle energie rinnovabili con quelli riservati ai materiali, sistemi e componenti finalizzati a un costruire sostenibile e sicuro. All’interno di Piazza Energia (padiglione 14), fulcro della manifestazione, si alterne-

ranno convegni, workshop, esposizioni e dibattiti coordinati da Mario Cucinella. Torna l’appuntamento con Cuore Mostra dove sarà messa in risalto l’architettura dei grandi progettisti che, con la loro opera, integrano nuove tecnologie, nuovi materiali e nuovi sistemi energetici, come pure Saieselection, il concorso per studenti e giovani progettisti che quest’anno verterà sul tema dell’integrazione in architettura. Green & Stone il salone tematico dedicato alla pietra naturale e alle sue numerose declinazioni in oggetti di design, torna per la terza volta portando il tema dell’integrazione tra pietra e verde come spunto per nuove forme di urban design. Settima edizione anche per la cartina al tornasole dell’innovazione in edilizia, la Guida alle Novità curata da Artec, Archivio delle Tecniche e dei Materiali per l’Architettura e il Disegno Industriale dell’Università IUAV di Venezia, che dal 2004 raccoglie le principali novità presentate nel corso della manifestazione bolognese. Assieme a essa, la Selezione delle Novità ogni anno premia e mette in mostra i più innovativi prodotti presentati, attraverso un’esposizione presso il Centro Servizi.


ADVERTISING

Forni Ficola Heavy Clay Division grows

F orni F icola H eavy C lay D ivision in crescita

One year on from its presentation, Forni Ficola has taken stock of the work of its new technical and commercial team working in the Verona branch under the name of Forni Ficola Heavy Clay Division. In spite of the global economic crisis which has badly affected the heavy clay sector, Forni Ficola HCD has reported major commercial achievements, especially in the United States, Latin America and the Middle East. The team has conducted major technology upgrading work on production units involving the construction of tunnel and shuttle kilns, modernisation of existing tunnel kilns, installation of new automatic plant control and monitoring systems, automations, updating and maintenance of production lines, complete dryers and replacement of ventilation lines for dryers, complete combustion units and refractory linings for renovation of the fleet of tunnel kiln cars. Leading companies where work has been conducted include Boston Valley Terra Cotta (United States), Later-Cer Group, Ceramica Quilmes, Ceramica Fanelli, Ceramica Cormela (Argentina), Ceramico Fortaleza Group (Peru), Ceramica Santiago (Chile), where a tunnel kiln devastated by the recent earthquake was restored, Ceramic Pipes Company and El-Maimani Group (Saudi Arabia). This success is the result of technical solutions specially designed and adapted to the individual needs of customers, strengthening Forni Ficola’s market presence and laying excellent foundations for future growth.

Ad un anno dalla sua presentazione, Forni Ficola traccia un primo bilancio sull’operato del nuovo team tecnico-commerciale, che opera nella sede distaccata di Verona con il marchio Forni Ficola Heavy Clay Division. Nonostante la crisi economica globale, che ha colpito duramente anche il settore laterizi, Forni Ficola HCD ha messo a segno importanti successi commerciali, soprattutto negli Stati Uniti, in America Latina e in Medio Oriente. Sono stati realizzati importanti interventi di potenziamento e aggiornamento tecnologico di unità produttive, con la realizzazione di forni a tunnel e intermittenti, ammodernamenti di forni a tunnel esistenti, installazione di nuovi sistemi per la regolazione automatica e monitoraggio degli impianti, automatismi e interventi di aggiornamento e manutenzione linee di produzione, essiccatoi completi e sostituzione linee di ventilazione per essiccatoi, gruppi di combustione completi, rivestimenti refrattari per rifacimento parco carri per forni a tunnel. Boston Valley Terra Cotta (Stati Uniti), Gruppo LaterCer, Ceramica Quilmes, Ceramica Fanelli, Ceramica Cormela (Argentina), Gruppo Ceramico Fortaleza (Perù), Ceramica Santiago (Cile) dove tra l’altro si è ripristinato un forno a tunnel devastato dal recente terremoto e Ceramic Pipes Company, Gruppo El-Maimani (Arabia Saudita), sono alcune tra le più importanti realtà industriali dove sono stati effettuati gli interventi. Tali successi, resi possibili grazie a soluzioni tecniche opportunamente studiate e adattate alle singole esigenze dei clienti, rafforzano la presenza di Forni Ficola sul mercato e fissano ottime basi per lo sviluppo futuro.

Visit us at

Tecnargilla Via Saragat, 5 424124 - Reggio Emilia - ITALY Tel. +39 0522 921337 / 921851 Fax. +39 0522 924044 poppi@poppi.it www.poppi.it Sede Spagna C/FORMENTERA 27 12530 BURRIANA-CASTELLON Agente Spagna Ing.Victor Gascon vgascon@poppi.it Mob.: 0034 619373938

Pad. C3 Stand 054


world news news dal mondo CTP Team (Bedeschi Group) In May 2010 CTP Team (Bedeschi Group) commissioned a new bag filter for kiln/raw mill exhaust gas dedusting at the Aspropyrgos plant (Greece) belonging to Halyps - Italcementi Group. The project involved modifying the existing conditioning tower and supplying a new lime injection system for SOx reduction. The filter implements an innovative gas distribution system specifically designed to enhance the lime reaction for sulphur emission control and is fitted with a 7.5m length bag using low pressure cleaning technology to achieve maximum efficiency in gas filtration and cleaning. CTP also supplied a new com-

in

Greece

pressed air station, lime dosing silos, complete ducting and the filter fan, as well as dismantling existing equipments and erecting the new ones. The turnkey project was completed by electrical feeding equipment together with a dedicated fully automated system for the new dedusting plant.

CTP Team (G ruppo B edeschi )

in

G recia

A maggio 2010 Halyps-Italcementi Group ha commissionato a CTP Team (Gruppo Bedeschi), la fornitura di un nuovo filtro a manica per la depolverazione dei gas di scarico nello stabilimento di Aspropyrgos (Grecia). Il progetto prevede la modifica della torre di condizionamento esistente e la fornitura di un nuovo sistema di iniezione del calcio per la riduzione dei SOx. Il filtro implementa un sistema innovativo di distribuzione del gas, progettato specificamente per potenziare la reazione del calcio nel controllo delle emissioni di zolfo, ed è dotato di una manica lunga 7.5 m, in grado di utilizzare una tecnologia di pulizia a bassa pressione e di garantire la migliore resa nella filtrazione e pulizia del gas. L’offerta di CTP comprende inoltre, la fornitura di una nuova stazione ad aria compressa, silos per il dosaggio della calce, condotti, ventilatori, lo smantellamento delle attrezzature esistenti e la costruzione delle nuove. Le attrezzature per l’alimentazione elettrica con un sistema automatizzato dedicato al nuovo plant per la depolverazione, completano il progetto chiavi in mano.

Trend remains positive for Bongioanni Macchine in 2010

Trend positivo 2010 per B ongioanni M acchine

Bongioanni Macchine with Bongioanni Stampi, a firmly established industrial company based in the Piedmont region of Italy, has again closed its financial year with a decidedly positive set of results, in terms of both profit and cash-flow. The company’s solid financial structure and modern range of equipment and machinery have enabled it to retain its position of undisputed leadership on the international market, on which it has again won a series of major new orders in 2010. Or-

Bongioanni Macchine con Bongioanni Stampi, solida realtà industriale piemontese, anche quest’anno ha chiuso l’ esercizio con risultati decisamente positivi sia in termini di utile sia di cashflow. Il solido assetto finanziario e la moderna gamma di macchinari e attrezzature, hanno permesso all’azienda di mantenere incontrastata la propria posizione di leadership sul mercato internazionale sul quale, anche per il 2010, sono state acquisite nuove importanti commesse. L’acquisizione ordini è tale da ga-

14

B rick W o rld Review n. 2/ 2010

ders taken so far will ensure that this year’s results at least match those of 2009 and enable Bongioanni to move into 2011 with a healthy order book. Bongioanni has always adhered to the strategic choice of remaining independent from the major groups operating in the plant engineering sector, and will continue to focus exclusively on its own area of know-how (machines and moulds) and offer a fully updated range of machines designed exclusively for the preparation and forming of wet clay. The exploration of new markets in emerging economies has been especially fruitful this year. These markets have shown tangible interest in the company’s products, and represent the near future of worldwide growth in the heavy clay industry.

rantire risultati come minimo analoghi a quelli del 2009, che danno la possibilità di presentarsi all’inizio del 2011 con un buon portafoglio ordini. Bongioanni, che come scelta strategica aziendale ha optato da sempre per l’indipendenza dai grandi gruppi del settore impiantisico, continuerà anche in futuro a concentrarsi esclusivamente nel proprio ramo di competenza (macchine e stampi), offrendo una gamma di macchine interamente rinnovata e studiata esclusivamente per la preparazione e la formatura dell’argilla ad umido. Particolarmente fruttuosa e interessante è stata quest’anno l’esplorazione di nuovi mercati nei paesi emergenti che dimostrano un interesse concreto ai prodotti aziendali e rappresentano il futuro prossimo dello sviluppo del laterizio nel mondo.


GRUPPO CAPACCIOLI CAPACCIOLI

FORNI & IMPIANTI

CAPACCIOLIMPIANTI

53048 SINALUNGA (SIENA) - ITALY - Via Piave, 51 - Tel. +39 0577 679296 (r.a) - Fax +39 0577 678218 www.capaccioli.com - e-mail: mec@capaccioli.com

MACHINERY AND COMPLETE PLANTS FOR BRICK AND CERAMIC TILES

...Da sempre una scelta di successo... ...Always a successful choice...


world news news dal mondo Sacmi

technology for extruded curtain wall elements

Tecnologia S acmi

When it comes to exterior cladding, looks and functionality are both vital factors. This is why the market is paying increasing attention to extruded curtain wall elements in porcelain stoneware, a sector in which Sacmi is extremely active on the production technology front. Sacmi supplied the machines installed at Nuovo Corso (formerly Dual) in Carpineti (in the province of Reggio Emilia, Italy), Italy’s first plant for the production of extruded curtain wall elements. Start-up of production is imminent, and once on-stream the plant will be capable of

Nel rivestimento l’estetica e la funzionalità vanno di pari passo. Muove da questo presupposto la crescente attenzione del mercato per le facciate ventilate estruse in gres porcellanato, un comparto in cui Sacmi è particolarmente attiva per quanto riguarda la tecnologia di produzione. Sono targate Sacmi le macchine installate presso la Nuovo Corso (ex Dual) di Carpineti (Reggio Emilia), il primo stabilimento italiano per la produzione di facciate ventilate estruse. Lo stabilimento, la cui

Conference

on

Vietnamese

From 7 to 9 July, two conferences devoted to energy savings in the brick industry were held in Hanoi and Saigon (Ho Chi Min City), Vietnam. This year’s event – the third conference to be held in Vietnam – was opened by Mr. Dinh Quang Huy from the Vietnamese building ceramic association VIBCA who took up the idea of Ngo Phuong Thanh and Au Phi Hai (Keller HCW Vietnam representatives) and organised the conferences together with the German company. Three speakers presented the latest energy reduction technologies from Keller HCW, Burton and Bernini Impianti.

Keller HCW

brick industry

The two seminars were attended by a total of 380 guests, including the Vietnamese vice minister for construction and all the leading brickmakers from Vietnam who were invited as special guests. Keller HCW has been operating in the Vietnamese market for a number of years and has already delivered two roof tile factories as well as several extruders and cutters/ punches.

supplies tunnel kiln to I ndonesia

Work continues on the new tunnel kiln designed and built by Keller HCW for the Indonesian company Genteng Keramik “Good Year” in Surabaya. Construction began in December 2009 and will be completed by the end of the year with the start-up of the plant which will produce around 50,000 roof tiles/day. On 16 June the decoration of the kiln was completed to the joy of the owner Halim

16

producing approximately 1,500 square metres of product per day, or the equivalent in largeformat tiles, up to a size of 1200x3000 mm. The aesthetic potential of extruded curtain wall elements made using Sacmi technology derives from the possibility of applying a wide range of decorations. As part of the same order, Sacmi also supplied Nuovo Corso with two 5-layer fast roller driers, two roller kilns and one rectification and squaring station, together with a fully automated palletisation line.

B rick W o rld Review n. 2/ 2010

Hartono. The glazed brick decoration depicts an enormous white, red and black koi-carp, a very popular symbol in Indonesia where these animals represent fortune and wealth.

per facciate ventilate estruse

Il

produzione sta per essere avviata, sarà in grado di sfornare circa 1.500 mq di prodotto al giorno o l’equivalente di pavimenti in grandi formati, fino a mm 1200x3000. Le potenzialità estetiche delle facciate ventilate estruse prodotte con tecnologia Sacmi, sono da ricondurre alla possibilità di applicare un’ampia gamma di decorazioni. Parte integrante della fornitura Sacmi per la Nuovo Corso, anche due essiccatoi rapidi a rulli a cinque piani, due forni a rulli, una stazione per la rettifica e la squadratura, unitamente a una linea di pallettizzazione completamente automatizzata.

laterizio vietnamita a convegno

Dal 7 al 9 luglio si sono svolti in Vietnam, ad Hanoi e a Saigon, due seminari dedicati al tema del risparmio energetico nell’industria del laterizio. Giunto alla sua terza edizione, l’evento è stato aperto quest’anno da Dinh Quang Huy in rappresentanza di Vibca, l’associazione vietnamita dei produttori di materiali ceramici per edilizia che ha accolto positivamente la proposta di Ngo Phuong Thanh e Au Phi Hai (rappresentanti locali di Keller HCW) organizzan-

F orno

a tunnel

do così, insieme all’azienda tedesca, i due momenti formativi. Tra i relatori che hanno presentato le più recenti tecnologie mirate alla riduzione dei consumi di energia, oltre a Keller HCW, anche Burton e Bernini Impianti. Ai due seminari hanno preso parte complessivamente 380 ospiti, tra cui il vice ministro per le costruzioni e tutti i maggiori produttori locali di laterizi invitati come special guests. Keller HCW è presente da anni sul mercato vietnamita, dove ha progettato e realizzato due stabilimenti per la produzione di tegole, oltre ad aver installato alcune linee di estrusione e taglio (extruders e cutters/punchers).

K eller HCW

Procedono i lavori di realizzazione del nuovo forno a tunnel progettato e costruito da Keller HCW per l’azienda indonesiana Genteng Keramik “Good Year” di Surabaya. La costruzione, iniziata a

in I ndonesia

dicembre 2009, terminerà entro fine anno con l’avvio definitivo dell’impianto che produrrà circa 50.000 tegole/giorno. Intanto, il 16 giugno scorso, è stata completata la decorazione del rivestimento del forno, fortemente voluta dal titolare dell’azienda Halim Hartono: il decoro, realizzato con mattoni smaltati, riproduce infatti una enorme carpa Koi (o carpa broccata), caratterizzata dai colori bianco rosso e nero, molto popolare e preziosa in Indonesia perché simboleggia fortuna e ricchezza.


Analisi comparativa dello stato dell'arte: Super-Estrusore HÄNDLE E 75a Benchmarking the state of the art: HÄNDLE's Super-Extruder E 75a

Mattoniere Futura II De-airing extrusion units Futura II

La HÄNDLE offre una linea completa di estrusori degasatori a

HÄNDLE's complete line of combined de-airing extrusion

copertura di un ampio spettro di applicazioni. Gli estrusori e

machines covers a broad application spectrum. In the

mescolatori a vuoto sono completamente modulari e vengono

meantime, more than 17 of the extruder model E 75a, with a barrel

prodotti in diverse dimensioni e combinazioni. Fino ad ora sono stati

diameter of 700 mm, have been sold and the technology has

venduti più di 17 estrusori tipo E 75 con cilindro di diametro 700 mm

become so firmly established, that it is now regarded as the

e la loro tecnologia si è imposta al punto da essere presa come

benchmark for state-of-the-art multiple-column extrusion of large-

riferimento per l'analisi comparativa dell'estrusione multi-uscite per

format backing bricks. In addition to the 700 mm barrel diameter,

il laterizio. Oltre alla versione con cilindro da 700 mm, questo

this extruder is now also available with 750 mm and 650 mm barrels

estrusore è disponibile anche nelle versioni con cilindro da 750 e

and a maximum permissible extrusion pressure of 25 up to 35 bar

650 mm di diametro, con una pressione di estrusione massima

and throughput capacities from 54 up to 60 m³/h. Of course, it also

ammessa compresa tra 25 e 35 bar e capacità di produzione di

has all the familiar features of the provenly reliable Futura II series.

54-60 m³/h. Naturalmente, sono rimaste invariate tutte le ben note

Make use of our operating experience. It’ll be worth your while.

caratteristiche tecniche e l'affidabilità della serie di estrusori Futura II. Affidatevi alla ns. esperienza e non rimarrete delusi.

HÄNDLE GmbH Maschinen und Anlagenbau · Mühlacker (Germany) · www.haendle.com Rappresentante Italiano: TRICER srl · 46029 Suzzara (MN) · Tel: +39.0376.525076 · Email: tricersrl@mac.com


world news news dal mondo Sacmi Heavy Clay

at

Tecnargilla

Tecnargilla 2010 will provide an opportunity for Sacmi to showcase its strength in the Heavy Clay sector, with a dedicated stand in the Claytech section reserved for heavy clay technology (hall A5 C5, stand 032). The company will be presenting technologies and innovations aimed at increasing production efficiency and reducing energy consumption and environmental impact, with machinery for complete cycle production. Every Sacmi plant derives from close consultation with the customer, aimed at determining the specific production requirements and obtaining the best results, backed up by constant technical support and continuous updating. Visitors will be able to

New

goals for

Meccanica 2P

In the wake of the constant growth it has recorded in recent years, Meccanica 2P kicked off 2010 with a change of name (from s.a.s. to s.r.l.), thus becoming a joint stock company and re-asserting its main objective: to consolidate its position in the heavy clay plants and machinery sector. The company has set itself several goals for the current year: as well as maintaining a strong presence on the South American market, Meccanica 2P has embarked on a new project for the packaging of roof tiles, using robot technology. The company has also conducted a study for a new cutting line for the production of curtain wall elements, in conjunction with Sacmi Group. Several machines are already

18

see an exhibition of the main materials produced by Sacmi Heavy Clay’s customers, using the former’s machinery. These include bricks, facing bricks, blocks, roof tiles, extruded tiles and curtain walls. Visitors will thus have an opportunity to see and feel for themselves the quality of finished products made with the latestgeneration technology applied to a traditional industry.

B rick W o rld Review n. 2/ 2010

on-stream in Italy, Portugal and Germany, and others are under development for the Asian market. Another big date in the Meccanica 2P diary is the upcoming Tecnargilla 2010 (Rimini, 27 September to 1 October 2010), where the company will have a stand of its own (Hall A5 - Stand 006) and will be presenting a cutter for bent tiles.

S acmi H eavy C lay

a

Tecnargilla

Tecnargilla 2010 sarà l’occasione per Sacmi di proporsi con forza nel settore Heavy Clay, con uno stand dedicato nella sezione Claytech, spazio riservato alla tecnologia del laterizio, nel padiglione A5 C5, stand 032. Saranno presentate tecnologie e innovazioni applicate al rendimento produttivo, al risparmio energetico e al rispetto dell’ambiente, con macchinari per la produzione a ciclo

N uovi

traguardi per

completo. Ogni impianto Sacmi nasce da una consulenza specifica della realtà produttiva del cliente per ottenere i migliori risultati, a cui vengono associate assistenza costante e aggiornamento continuo. Sacmi Heavy Clay presenterà ai visitatori presenti in fiera un’esposizione dei principali materiali prodotti dai propri clienti con impianti di propria fornitura: mattoni, mattoni faccia vista, blocchi, tegole, piastrelle estruse e pareti ventilate; un’occasione per toccare con mano la qualità del prodotto finale ottenuto con tecnologie di ultima generazione applicate a un settore di grande tradizione.

M eccanica 2p

Meccanica 2P, a seguito della crescita costante rilevata negli ultimi anni, ha aperto il 2010 con il cambio di ragione sociale (da s.a.s. a s.r.l.), diventando così una società di capitale e riconfermando l’obiettivo principale dell’azienda, ossia consolidare la propria posizione nel settore della produzione di macchine e impianti per l’industria dei laterizi. Molteplici i traguardi prefissati

per l’anno in corso: oltre al mantenimento di una forte presenza nel mercato sudamericano, Meccanica 2P ha iniziato un nuovo progetto per l’imballaggio di tegole con l’utilizzo di tecnologie robotiche. La società ha intrapreso inoltre uno studio per una nuova linea di taglio per la produzione di pareti ventilate in collaborazione con il Gruppo Sacmi. Alcune macchine sono già operative in Italia, Portogallo e Germania e altre sono in progettazione per il mercato orientale. Un altro rilevante appuntamento è la partecipazione alla prossima fiera Tecnargilla 2010 (Rimini 27 Settembre-1 ottobre 2010), con la presentazione, all’interno del proprio stand (Pad A5 Stand 006) di una taglierina per coppi.


ADVERTISING

Gral

plant comes on stream

E ntra in produzione l ’ impianto G ral

Production got under way recently at the Gral plant (Gruppo Ravennate Laterizi) based in Filo d’Argenta (Ferrara, Italy). The plant was set up jointly by the heavy clay division of Unieco, a major industrial cooperative, and Ibl, a historic company and member of the Dafin Group, with factories in Cotignola (Ravenna, Italy) and Bentivoglio (Bologna, Italy). The design and construction of the entire plant, which represents one of the biggest investments in Italy’s tile and brick industry in recent years, was undertaken by Sacmi’s Business Unit Heavy Clay. Output by weight (the highest of any single production line) is over 500 tonnes per shift, for a daily total of 1300 tonnes. The main features of the plant are as follows: fixed-cone dryer with external motor, variable rotation-speed internal agitators, firing system with flame height adjustment and modulating control, purification and re-use of kiln fumes in the dryer, in order to reduce thermal energy consumption. Product quality and energy consumption have both achieved excellent levels, with thermal energy consumption of 330 kcal/kg of fired product (including drying and firing), even when running at 50% of production capacity.

È entrato recentemente in produzione lo stabilimento Gral (Gruppo Ravennate Laterizi) di Filo d’Argenta (FE) realizzato congiuntamente dalla Divisione Laterizi di Unieco, importante gruppo industriale, organizzato in forma cooperativa, e da Ibl, azienda storica con stabilimenti a Cotignola (RA) e Bentivoglio (BO) appartenente al Gruppo Dafin. La progettazione e la realizzazione dell’intero impianto, uno dei più importanti investimenti realizzati negli ultimi tempi in Italia, nell’ambito del settore laterizi, sono state affidate alla Business Unit Heavy Clay di Sacmi. La produzione giornaliera in peso (la più alta per un’unica linea produttiva) supera le 500t per turno di lavoro, per un totale di 1300 ton/giorno. Tra le caratteristiche salienti dell’impianto: essiccatoio a coni fissi con motore esterno, agitatori interni a velocità di rotazione variabile, impianto di cottura del forno con regolazione modulante e variazione dell’altezza della fiamma, depurazione dei fumi del forno e loro reimpiego nell’essiccatoio per la riduzione del consumo di energia termica. I risultati qualitativi, così come il livello di consumi, hanno raggiunto ottimi risultati, in particolare, il consumo di energia termica si è attestato sulle 330 kcal/kg cotto tra essiccamento e cottura anche con produzione pari al 50% della massima.

Manfredini & Schianchi in B razil

M anfredini & S chianchi in B rasile

Manfredini & Schianchi is very active in the heavy clay sector in Brazil through its local production unit Manfredini & Schianchi do Brasil, recently securing a contract to supply a complete dry process raw materials preparation plant to Ceramica Constrular, based in Pouso Redondo, Santa Catarina. The plant in question produces perforated bricks and is equipped with the most modern M&S dry grinding technologies. The operation of the P.I.G. hammer mills combined with sieving allows for complete elimination of calcium carbonate inclusions, which are highly detrimental to the strength of perforated bricks. This significant investment will enable Ceramica Constrular to double its output in response to the Brazilian market’s growing demand for high-quality products.

Manfredini & Schianchi, particolarmente attiva nel settore dei laterizi in Brasile, anche grazie alla presenza in loco della propria filiale produttiva Manfredini & Schianchi do Brasil, ha recentemente formalizzato un contratto per la fornitura di un impianto completo di preparazione materie prime a secco presso la Ceramica Constrular di Pouso Redondo, Santa Catarina. L’impianto in questione produce mattoni forati ed è dotato di tutte le più moderne tecnologie di macinazione a secco M&S. L’azione dei mulini a martelli P.I.G. combinata con la vagliatura, consente, infatti, la totale eliminazione del calcinello la cui presenza è deleteria nel determinare il grado di resistenza dei mattoni forati. Grazie al notevole investimento, Ceramica Constrular sarà in grado di raddoppiare la propria produzione e soddisfare così la crescente domanda di prodotti di qualità che il mercato brasiliano richiede.


Key role for heavy clay at Tecnargilla

Laterizio protagonista

a Tecnargilla

Tecnargilla 2010, whose Claytech section brings together the leading players in the industry, is set to confirm Tecnargilla’s status as an absolute must for manufacturers of tile and brick machinery. The two dedicated halls will play host to a preview of the latest technological developments, for the benefit of international buyers from the world’s leading production countries. The trade fair will welcome official delegations from Brazil, China, Egypt, Germany, India, Mexico, North Africa, the Gulf states, Russia and Vietnam. Among the innovations on show, special attention will be focused on those designed to deliver energy savings and re-

events

C3 - Pryank Sojatia (India) crash barriers for roadways C3 - Ceramic Crush Cushion - is an idea inspired by the safety barriers used in Formula 1. It involves the use of modular, extruded ceramic panels designed to stop out-ofcontrol cars and attenuate their impact on collision. The impact of the car against the barrier breaks the ceramic sheets, allowing the vehicle to come to rest inside the barrier, which is filled with sand, aggregates and recycled ceramic waste from previous accidents. In urban environments, these barriers can be embellished with flowers. C3 - Pryank Sojatia (India) barriere stradali paraurto C3, Ceramic Crush Cushion è un’idea ispirata dalle barriere protettive della Formula 1 che ipotizza l’utilizzo di pannelli modulari in ceramica estrusa per fermare la corsa delle vetture in difficoltà e attutirne l’impatto. L’urto della macchina sulla barriera romperebbe infatti le lastre di ceramica consentendone l’arresto all’interno della barriera riempita di sabbia, materiale inerte e scarti di ceramica riciclati da precedenti incidenti. Nel contesto urbano tali barriere potrebbero anche essere abbellite posizionando dei fiori all’interno.

20

B RIC K W o rld R eview n. 2/ 2010

Si conferma un appuntamento irrinunciabile per i costruttori di macchine per laterizi, Tecnargilla 2010 che, nella sezione Claytech, riunisce le maggiori aziende del comparto. Nei due padiglioni dedicati saranno infatti esposte le ultime novità tecnologiche da presentare in anteprima ai buyer internazionali dei maggiori paesi di produzione. In fiera delegazioni ufficiali provenienti da Brasile, Cina, Egitto, Germania, India, Messico, Maghreb, Penisola araba, Russia e Vietnam. Tra le innovazioni in mostra avranno particolare rilievo quelle pensate per l’ottenimento di risparmi energetici in linea e la riduzione delle emissioni inquinanti, un’esigenza condivisa a tutte le latitudini dai produttori di laterizi.


duced emissions of pollutants in the production process - a need now shared by tile and brick manufacturers from every latitude. That’s why the customary conference for the industry will be focusing this year on energy saving in the tile and brick production process. Organised with the support of Acimac and Andil (the Italian association of brick and roof tile manufacturers) and scheduled for 30 September, the event will give attendees an opportunity to find out more about new legislation, technological issues and the incentives available for works aimed at energy saving. A host of valuable information for exhibitors and visitors is

Proprio per questo il tradizionale convegno di approfondimento dedicato a questo settore sarà incentrato sul risparmio energetico nel processo di produzione del laterizio. L’appuntamento, organizzato con il supporto di Acimac e Andil (l’associazione italiana dei produttori di laterizi), è in programma il 30 settembre e illustrerà le novità normative, gli aspetti tecnologici e i finanziamenti disponibili per interventi finalizzati al risparmio di energia. Sempre in ambito convegnistico, novità interessanti per le aziende presenti in fiera e i visitatori potrebbero emergere dalle due giornate di simposi internazionali sui temi dei ceramici avanzati e dei trasferimenti tecnologici, l’incontro tra domanda e offerta di tecnologia promosso da Acimac e Istec attraverso il Ceramic Technology Transfer Day.

VIRIDIS - Attila Veress (Romania) modular green roof Viridis, from the Latin word for green, is a design concept based on the creation of green roofs using modular ceramic elements, some flat and some capable of containment, on or in which to place plants. The design also includes a system for draining excess water from one element to another. . VIRIDIS - Attila Veress (Romania) tetto verde modulare Viridis, dal latino verde, è un’idea progettuale basata sulla realizzazione di tetti verdi grazie all’utilizzo di elementi modulari in ceramica, alcuni piani, altri contenutivi, dove alloggiare le piante. Il sistema prevede inoltre un sistema di scolo dell’acqua in eccesso da un elemento all’altro.

BR I CK W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 10

21


also likely to emerge from the two days of international symposia on the subjects of advanced ceramics and technological transfer. This meeting between the demand and supply sides of the technology industry is promoted by Acimac and Istec through their Ceramic Technology Transfer Day. Some fresh ideas will also be on display in the form of the work done by the young designers of the IED (European Design Institute), who will be presenting their projects on future applications for ceramics, in the central hall of the Rimini trade fair complex. Originating from 11 different countries, the 13 designers explored the topic of alternative uses for ceramics in urban furnishing, interior design and road building. In the heavy clay sector, three projects in particular could find industrial applications: the system of noise barriers designed by Nathalie Bäck, of Sweden; the green roof by Attila Veress, of Romania; and the crash barriers for roadways by Pryank Sojatia, of India. Tecnargilla 2010 thus confirms it role as an incubator of innovative ideas and technologies and the world’s leading trade fair for suppliers of the ceramic industry. A total of 500 exhibitors will be in Rimini, occupying 65,000 sq.m of exhibition space divided into four subject areas. As well as Claytech and the halls dedicated to manufacturers of production machinery and accessories for tiles, sanitaryware and tableware, attendees will be able to visit Kermat, the section dedicated to advanced ceramics, and Kromatech, the section dedicated to raw materials, colours and creativity in ceramic. (JF) 

W-FUNK 301 Nathalie Bäck (Sweden) self-irrigating noise barriers A modular, self-locking noise barrier made up of selfirrigating ceramic flower pots incorporating a mechanism for the release of rainwater. The intrinsic properties of ceramic, such as resistance to fire, extreme temperature changes and dirt, make it an ideal material for urban furnishing in both public and private environments.

W-FUNK 301 Nathalie Bäck (Svezia) barriere anti-rumore auto-irriganti Una barriera anti-rumore modulare e autobloccante costituita da vasi da fiori in ceramica auto-irriganti grazie al meccanismo di caduta dell’acqua piovana. Le caratteristiche intrinseche della ceramica quali, la resistenza al fuoco, agli sbalzi termici e allo sporco, la rendono un arredo urbano ideale per spazi pubblici e privati.

22

B RICK W o rld R eview n. 2/ 2010

Nuovi spunti al settore anche dai lavori dei giovani designer dello IED (Istituto Europeo di Design) che esporranno i loro progetti sugli utilizzi futuri dei materiali ceramici nella hall centrale del quartiere fieristico riminese. Provenienti da 11 diversi paesi, i 13 progettisti hanno investigato su impieghi alternativi dei materiali ceramici nell’arredo urbano, nel design d’interni e nel campo stradale. In particolare, nel settore del laterizio potrebbero trovare applicazione industriale tre progetti: il sistema di barriere anti-rumore progettato dalla svedese Nathalie Bäck, il tetto verde del rumeno Attila Veress e le barriere stradali paraurto dell’indiano Pryank Sojatia. Tecnargilla 2010 conferma il suo ruolo di incubatore di idee e tecnologie innovative e di maggiore fiera al mondo per la fornitura al settore ceramico. Complessivamente sono infatti oltre 500 gli espositori presenti a Rimini su 65.000 mq di superficie espositiva suddivisa nelle quattro sezioni tematiche. A fianco dei padiglioni riservati ai costruttori di macchine e accessori per piastrelle, sanitari e stoviglieria, e a Claytech, troveranno infatti posto Kermat, la sezione dedicata ai ceramici avanzati e Kromatech, la sezione dedicata a materie prime, colori e creatività in ceramica. 



Construction in Europe: recovery in 2011? Gian Paolo Crasta - g.crasta@tiledizioni.it

Costruzioni in Europa: ripresa nel 2011? The 53rd annual report of FIEC, the European Construction Industry Federation, for 2009 reveals an industry-wide turnover of 1.173 billion euro, 9.9% of the gross domestic product of EU-27, generated by 3 million companies that employ 44.6 million people. The difficult economic situation in 2009 led to a further fall in the European construction sector’s turnover (2008 closed with a downturn of 0.4%), resulting in a contraction by the end of the year of 7.5% to around 1.200 billion euro. In 2010 FIEC is predicting a further 3.7% fall in the industry’s turnover. The forecasts in the study are based on the projections published by the European Commission and Eurostat in February 2010, which estimated a 4.1% fall in gross domestic product in the EU and a 4.0% fall in the Euro zone in 2009. At the time the study went to print (May 2010), the forecasts for GDP growth in 2010 were just 0.7%, both in the EU and in the Euro zone. Building the worst affected industry

statistics

Within the general context of this study, which covers not just building but also public works and civil engineering, the worst affected segment is that of private and public residential and commercial building, which following a 1% fall at the end of 2008 is estimated to have suffered a further 9% fall in 2009 and an anticipated 5% decline in the current year. The downturn is a result of the fall in private consumption and investments in commercial buildings. Last year the majority of EU countries suffered a fall in turnover in the building sector, albeit with different intensities. According to currently available forecasts, this scenario will continue during the current year with the following exceptions: Poland has reported 4% growth in 2009 and expects to see a further 8% increase in the current year due to investments for the European football championships in 2012; Romania is expected to achieve a significant trend reversal in 2010 (FIEC estimates 13.2% growth in building activity); the fall in Germany will bottom out, maintaining the levels reached at the end of 2009 when the downturn was already limited to -0.8%. In 2009 the number of building permits issued in the majority of European countries fell dramatically. In Belgium the number dropped by 15%; in Sweden just 16,000 permits were issued; and in Italy they fell by 19%. In the UK the 80,000 building permits issued was the lowest figure since 1924, while in

24

B rick W o rld R eview n. 2/2010

Un giro d’affari di 1.173 miliardi di euro, pari al 9,9% del prodotto interno lordo della UE a 27, realizzato da 3 milioni di imprese che danno lavoro a 44,6 milioni di persone. È questa la carta d’identità del settore delle costruzioni europee nel 2009 censito dal 53° rapporto annuale della FIEC, Federazione dell’Industria Europea delle costruzioni. Il tetro scenario economico del 2009 ha portato il settore delle costruzioni europeo ad una ulteriore riduzione (il 2008 si era chiuso con calo dello 0,4%) del giro d’affari che a fine anno si è contratto del 7,5% fermandosi appunto attorno ai 1.200 miliardi di euro. Per il 2010 la Fiec prevede un ulteriore ridimensionamento del settore che dovrebbe far registrare un calo del 3,7%. Le previsioni contenute nello studio sono state realizzate considerando le proiezioni diffuse dalla Commissione Europea e da Eurostat a febbraio 2010 che stimavano per il 2009 una contrazione del prodotto interno lordo del 4,1% nella UE e del 4,0% nell’area euro. Alla data della stampa dello studio (maggio 2010) le previsioni di crescita del PIL per il 2010 restavano ferme allo 0,7%, sia nella UE sia nell’area euro. L’edilizia è la più colpita All’interno dei dati generali fin qui riportati e comprendenti oltre all’edilizia anche le opere pubbliche e il genio civile, va rilevato che la situazione più negativa riguarda il comparto dell’edilizia residenziale e commerciale privata e pubblica che, già in calo del’1% a fine 2008, dovrebbe aver chiuso il 2009 con un ulteriore tonfo del 9%, al quale dovrebbe seguire un -5% nell’anno in corso. Ad incidere sul risultato il ridimensionamento dei consumi privati e degli investimenti in edifici commerciali. Lo scorso anno, i segni meno, seppur di diversa intensità, hanno accomunato la maggioranza dei Paesi della UE. Questo scenario rimarrà, in base alle previsioni fino ad oggi disponibili, praticamente analogo anche nell’anno in corso, eccezion fatta per la Polonia che, grazie agli investimenti per i Campionati europei di calcio del 2012, ha registrato una crescita del 4% nel 2009 e attende un +8% per l’anno in corso; la Romania, che dovrebbe registrare una sensibile inversione di tendenza nel 2010 (la Fiec stima una crescita del 13,2% dell’attività edilizia); la Germania che arresterà la sua caduta, conservando i livelli raggiunti a fine 2009, quando aveva già contenuto il calo ad un -0,8%. Nel 2009 i permessi a costruire sono drammaticamente calati nella maggioranza degli Stati. In Belgio il calo è stato del 15%, in Svezia le autorizzazioni sono state appena 16.000 mentre in Italia si sono ridotte del 19%. In Gran Bretagna gli 80.000 permessi a costruire hanno rappresentato il livello più basso dal 1924, mentre in


CONSTRUCTION / GDP RATIO - Current prices in billions of Euro Rapporto costruzioni/Pil

the Republic of Ireland the number of permits fell in the space of three years from 88,000 to just 10,000. In Finland the number of unsold new houses reached 4,000. Romania, Poland and Portugal reported falls of respectively -21.2%, -22.3% and -45%. Bulgaria likewise suffered a doublefigure downturn while Hungary reported the worst fall in the last 11 years. Remodelling The remodelling sector performed more strongly than the sector average due to government incentives for energy efficiency implemented in many countries. Falls of 4.1% in 2009 and 1.5% in 2010 are expected. Its share of the total turnover of the European building industry is also increasing, up from 28% in 2008 to 29% last year. Public non-residential Whereas the sectors worst affected by the international crisis are new residential (-15.6% in 2009 and -8.3% in 2010) and private non-residential (-10.8% in 2009 and -7.4% in 2010), the public nonresidential sector has shown the opposite trend, up by 1.1% in 2009 and ex-

Country

(1) GDP

(2) Construction

(2)/(1) %

Germany

2,407

245

10.2

Spain

1,051

163

15.5

France

1,909

161

8.4

Italy

1,535

144

9.4

United Kingdom

1,570

120

7.6

Netherlands

579

60

10.4

Belgium

340

35

10.3

Austria

275

30

10.9

Denmark

224

28

12.5

Finland

174

25

14.4

Sweden

293

23

7.8

Czech Rep.

145

21

14.5

Ireland

165

20

12.2

Poland

310

19

6.1

Portugal

163

18

11.0

Greece

240

13

5.4

Romania

127

12

9.4

Bulgaria

34

7

20.7

Slovakia

66

6

9.1

Hungary

92

5

5.4

Luxembourg

38

4

10.5

Slovenia

33

3

9.1

Cyprus

17

3

17.6

Latvia

18

3

16.7

Lithuania

26

2

7.7

Estonia

14

2

14.3

Malta

6

0,4

8.8

EU27

11,850

1,173

9.9

Switzerland

359

37

10.3

Norway

290

32

11.0

Turkey

435

60

13.7

Irlanda si è passati in tre anni da 88.000 permessi ad appena 10.000. In Finlandia il numero delle nuove abitazioni invendute ha raggiunto le 4.000 unità. Romania, Polonia e Portogallo hanno registrato cali, rispettivamente, del -21,2%, -22,3% e -45%. Anche la Bulgaria ha registrato cali a doppia cifra mentre in Ungheria il crollo è stato il peggiore degli ultimi 11 anni. Le ristrutturazioni Meglio il comparto delle ristrutturazioni che, invece, ha registrato un andamento superiore alla media del settore, grazie agli incentivi governativi sull’efficienza energetica degli edifici messi in campo in molti Stati. Nel 2009 il calo atteso è del -4,1% mentre, a fine 2010, si attende un -1,5%. Il suo peso sul giro d’affari totale del settore edile in Europa è, inoltre, in crescita, passando dal 28% del 2008 al 29% dello scorso anno. Non residenziale pubblico Se, dunque, i settori più colpiti dalla crisi internazionale appaiono il residenziale nuovo (-15,6% nel 2009 e -8,3% nel 2010) e il non-residenziale privato (-10,8% nel 2009 e -7,4% nel 2010) è opposto l’anda-

Source / fonte: FIEC

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 10

25


mento del non-residenziale pubblico, cresciuto dell’1,1% nel 2009 e atteso in ulteriore crescita nel 2010 a +1,5%.

pected to grow by a further 1.5% in 2010. Civil engineering

Il genio civile With a fall of just 2.8%, civil engineering was the sector with the second-best performance in 2009 after public non-residential, while slight growth is anticipated in 2010 (+0.4%). Its performance in the various countries is directly linked to government incentives supporting the sector, which in some countries have partially succeeded in compensating for the falls in other areas of the construction sector. The performance of the Italian building industry According to the estimates of ANCE (Italian National Building Constructors Association), new residential and non-residential building are the sectors that experienced the worst falls in 2009. Residential building fell by 19.0% last year and will suffer a further 12% downturn during the current year, while non-residential building fell by 10.0% in 2009 and is expected to worsen this year, reaching a dismal -14.4% by December.

Con un calo contenuto al 2,8%, nel 2009 il genio civile è, dopo il non-residenziale pubblico, il settore che ha fatto registrare le migliori performance e che è atteso in lieve crescita nel 2010 (+0.4%). Il suo andamento nei vari Stati è direttamente collegato agli incentivi governativi a sostegno del settore che, in alcuni Paesi, sono in parte riusciti a compensare i cali registrati dagli altri comparti del settore delle costruzioni. L’andamento dell’edilizia italiana Secondo le stime dell’Ance (Associazione Nazionale Costruttori Edili) sono l’edilizia residenziale nuova e quella non-residenziale a registrare i cali peggiori nel 2009. La prima si è contratta del 19,0% lo scorso anno e perderà un ulteriore 12% nell’anno in corso, la seconda ha perso il 10,0% nel 2009 e dovrebbe peggiorare quest’anno, arrivando a dicem-

The construction sector in Europe 2009/2010 (% var. on previous year) TOTAL CONSTRUCTION

BUILDING

HOUSEBUILDING

NEW HOUSEBUILDING

REHABILITATION AND MAINTENANCE

Country

Estimates 2009

Forecast 2010

Estimates 2009

Forecast 2010

Estimates 2009

Forecast 2010

Estimates 2009

Forecast 2010

Estimates 2009

Forecast 2010

Austria

-3.3

1.6

-4.9

-3.8

-1.3

-2.5

-3.3

-4.6

2.7

1.4

Belgium

-2.2

-3.1

-2.8

-4.6

-2.9

-2.7

-8.9

-8.6

2.1

1.6

Bulgaria

-36.9

NA

-44.7

NA

NA

NA

NA

NA

NA

NA

Cyprus

-9.5

-8.4

-14.5

-14.7

-16.6

-17.2

-20.0

-19.8

4.9

-4.2

Czech Rep.

-3.2

0.3

-5.5

-0.9

-2.7

0.0

0.0

-1.9

-10.0

5.6

Germany

-0.8

0.7

-0.8

0.0

-0.8

1.1

-4.1

1.8

0.3

0.9

Denmark

-10.1

-8.0

-12.5

-11.4

-11.5

-11.5

-33.7

-27.3

-2.5

-7.1

Estonia

-30.5

NA

-38.2

NA

NA

NA

NA

NA

NA

NA

Spain

-11.4

-7.0

-18.0

-8.2

-21.7

-10.8

-25.0

-12.0

-14.9

-8.6

Finland

-12.3

-3.4

-15.3

-4.9

-9.5

3.2

-21.0

5.0

0.0

2.0

France

-6.8

-2.5

-7.0

-3.2

-7.2

-3.6

-13.1

-8.6

-1.5

0.7

Ireland

-23.5

-33.0

-28.3

-44.0

-37.7

-58.0

-27.9

-63.0

-44.9

-50.0

Italy

-9.4

-7.1

-9.5

-7.5

-9.5

-4.7

-19.0

-12.4

-1.0

1.0

Lithuania

-46.1

NA

-51.4

NA

-57.5

NA

-67.4

NA

24.2

NA

Netherlands

-4.8

-7.1

-6.4

-9.2

-6.4

-10.0

-10.2

-15.6

-2.3

-4.6

Portugal

-9.0

-6.0

-17.4

-12.9

-22.0

-17.0

-22.0

-17.0

-22.0

-17.0

Romania

-14.2

9.1

-12.9

-13.2

-11.3

-10.0

-9.3

9.0

-18.1

13.7

Sweden

-6.6

3.0

12.4

-0.2

-21.5

-1.1

-40.0

-6.4

2.3

2.9

Slovenia

-20.6

-14.9

-23.2

-15.3

-20.0

-12.8

-23.3

-16.7

3.9

7.6

UK

-14.2

-3.3

-15.8

-4.2

-14.1

-2.2

-23.9

-7.4

-8.6

0.2

EU27

-7.5

-3.7

-9.0

-5.0

-9.4

-4.5

-15.6

-8.3

-4.1

-1.5

Switzerland

3.1

-0.2

1.2

-0.2

2.8

2.5

2.8

2.5

2.8

2.5

Norway

-2.7

-3.9

-6.0

-4.6

-8.7

4.9

-12.8

6.5

-0.6

2.0

Turkey

-25.5

NA

-31.9

NA

-28.2

NA

NA

NA

NA

NA

Source / fonte: FIEC

26

B rick W o rld R eview n. 2/2010


bre con uno sconsolante -14,4%.

The performance of the remodelling sector is more positive, with losses in 2009 limited to just 1.0% compared to 2008 and slight growth (+1.0%) expected in 2010. According to ANCE estimates this segment is one of the most important in the sector. The value of extraordinary maintenance work to the national housing stock accounts for 32% of total investments, while routine maintenance amounts to 25%. These two components together therefore account for 57% of the total turnover of the Italian building sector.

Più positivo l’andamento del settore della ristrutturazione, che ha contenuto all’1,0% le perdite sul 2008 ed è attesa in lieve crescita (+1,0%) nel 2010. Secondo le stime Ance questo comparto è tra i più importanti del settore. Il valore dei lavori di manutenzione straordinaria del parco abitativo nazionale rappresenterebbe infatti il 32% degli investimenti totali, mentre quella ordinaria raggiungerebbe il 25%. Queste due componenti assieme realizzano quindi il 57% del giro d’affari totale del settore delle costruzioni italiano.

According to the estimates made by ANCE and published in the 53rd annual report of the European Construction Industry Federation FIEC, the sector will experience a further 7.1% fall in 2010 following the 9.4% reported at the end of 2009, when the volume of investments slumped to late 1990s levels of 143.7 billion euro. In the two-year period 2008-2010, the Italian construction sector will lose around 18% of its investments. Specifically, residential building will fall by 30% while civil engineering will return to 2004 levels with a 23% drop in turnover.

Secondo le stime fornite da Ance contenute nel 53° rapporto annuale della FIEC, Federazione dell’Industria Europea delle costruzioni, nel 2010 il settore subirà un ulteriore calo del 7,1%, dopo la contrazione del 9,4% già registrata a fine 2009 quando il volume degli investimenti si era fermato a 143,7 miliardi di euro, raggiungendo i livelli di fine anni ’90. Nel biennio 2008-2010, il settore delle costruzioni italiano perderà circa il 18% degli investimenti. Nello specifico, l’edilizia residenziale calerà del 30%, mentre il genio civile, con una riduzione del 23% del giro d’affari, tornerà ai livelli del 2004.

L’industria delle costruzioni in Europa (2009/2010) - var. % sull’anno precedente NON RESIDENTIAL

NON RESIDENTIAL PRIVATE

NON RESIDENTIAL PUBLIC

CIVIL ENGINEERING

Estimates 2009

Forecast 2010

Estimates 2009

Forecast 2010

Estimates 2009

Forecast 2010

Estimates 2009

Forecast 2010

-11.2

-6.2

NA

NA

NA

NA

1.5

4.4

-2.7

-6.5

-4.1

-10.9

0.9

3.7

0.9

3.7

NA

NA

NA

NA

NA

NA

-20.6

NA

-10.0

-10.0

NA

NA

NA

NA

13.2

13.2

-6.1

-1.1

-8.7

-1.3

-0.8

-0.8

0.3

1.9

-0.9

-2.2

-3.1

-5.0

10.8

10.8

-0.9

4.5

-14.7

-11.9

-14.8

-13.3

-15.0

-7.2

-1.3

3.5

NA

NA

NA

NA

NA

NA

-15.7

NA

-10.7

-3.7

-135

-4.0

-1.4

-2.8

2.5

-4.9

-21.2

-14.2

-25.0

-15.0

10.0

-10.0

-2.0

1.0

-6.7

-2.8

-8.3

-3.6

-4.1

-1.4

-6.3

-0.5

-12.5

-20.0

-6.5

-7.0

-26.9

-43.0

-20.7

-2.0

-9.6

-12.2

-10.0

-14.4

-8.1

-3.9

-8.1

-3.9

-49.0

NA

-49.1

NA

7.7

NA

-38.1

NA

-6.4

-8.1

NA

NA

NA

NA

0.4

-0.7

-10.5

-7.5

-17.0

-14.0

5.5

5.0

5.0

3.0

-14.2

16.0

-14.2

15.0

-14.3

54.5

-15.3

6.0

-3.3

0.6

-9.5

-2.9

8.4

6.0

9.4

10.1

-24.8

-16.6

NA

NA

NA

NA

-17.8

-14.5

-15.5

-5.7

-25.4

-9.4

11.5

0.9

-4.3

0.0

-7.9

-5.6

-10.8

-7.4

1.1

1.5

-2.8

0.4

-1.3

-4.5

-1.3

-4.5

-1.3

-4.5

8.4

-0.3

-4.4

-9.9

-4.4

-9.9

-4.4

-9.9

8.4

-2.1

-41.4

NA

-44.3

NA

-33.0

NA

-9.4

NA

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 10

27


Residential and private and public commercial building will be the worst affected, with a 9.5% fall compared to the 8.1% downturn of civil engineering. The estimates for the current year are more optimistic, with a fall in building activity limited to 7.5% and a strong improvement in civil engineering (a fall of just 3.9%).

A soffrire maggiormente si conferma l’edilizia residenziale e commerciale privata e pubblica, che incassa un -9,5% contro il -8,1% del genio civile. Per l’anno in corso le stime sono migliori, con un rallentamento del calo dell’edilizia che si dovrebbe fermare a -7,5%, e un netto miglioramento del genio civile che conterrà la caduta al -3,9%.

The Housing Programme launched by the Government is also not achieving the hoped-for results, which ANCE predicts will not come until the two-year period 2012-2013. (JF) 

Neanche il Piano Casa lanciato dal Governo sta ottenendo i risultati sperati che, secondo Ance, arriveranno solo nel biennio 20122013. 

The construction sector in Italy (% var. on previous year) Il settore delle costruzioni in Italia (var. % sull’anno precedente) Sectors

2001

2002

2003

2004

2005

2006

2007

2008

2009

2010

Building

4,6

5,3

1,7

1,9

1,2

1,3

1,7

-1,9

-9,5

-7,5

Housebuilding

1,8

4,3

3,7

5,0

4,1

2,5

2,0

-2,1

-9,5

-4,7

New housebuilding

0,6

5,8

5,3

4,7

4,5

2,2

1,3

-3,8

-19,0

-12,4

Rehabilitation and maintenance

2,8

3,0

2,2

5,2

3,8

2,7

2,7

-0,6

-1,0

1,0

Non residential

8,8

6,7

-0,8

-2,4

-3,0

-0,6

1,1

-1,5

-9,6

-12,2

Non residential private

10,6

8,4

-1,6

-4,0

-3,0

0,1

2,2

-0,5

-10,0

-14,4

Non residential public

2,8

0,9

2,3

3,5

-2,9

-3,0

-2,9

-5,1

-8,1

-3,9

Civil engineering

2,8

0,9

2,3

3,5

-2,9

-3,0

-2,9

-5,1

-8,1

-3,9

4,4

4,7

1,8

2,1

0,7

0,7

1,1

-2,3

-9,4

-7,1

Total construction Source / Fonte: fiec, ANCE

ADVERTISING

Plant and Machinery for the Brick and Tile Industry

Tecnargilla 2010

Padiglione C54 Stand 86


Remove your problems!

MACHINES AND PLANTS FOR CERAMIC, ROOF TILES AND BRICKS INDUSTRIES

Officine Smac S.p.A. via Sacco e Vanzetti,13/15 - 41042 Fiorano Modenese (Mo) - Italy Tel. +39 0536 832050 - Fax +39 0536 830089 - http://www.smac.it - Email: info@smac.it


Slow going for

heavy clay machinery Macchine per laterizio col freno tirato Two thousand and ten will be another difficult year for Italy’s heavy clay machinery manufacturers, and indeed for the entire ceramic production machinery sector. The fallout from the crisis that’s still holding back sales of Italian machinery on most world markets has not yet abated, suggesting that the low levels of activity reported in 2009 will continue into the current year. Amidst the gloom, however, a number of positive signs have emerged, chiefly in North Africa, the Gulf and the Far East, where the construction industry has got back on its feet. Results for 2009

statistics

Italy’s heavy clay machinery manufacturers, the second most important segment of the ceramic machinery industry, accounting for 11% of total turnover, closed 2009 with a significant drop in business. Sales fell by 47.2% to 136.3 million euro, with broadly similar falls being reported on both the domestic and export markets. Italy generated turnover of 37.3 million euro (down 41.1% on 2009), whereas international markets, which account for 73% of total turnover, reached 100 million.

Il 2010 sarà un altro anno difficile per il settore dei costruttori italiani di macchine per laterizio e, più in generale, per l’intero settore delle macchine per ceramica. Il masso della crisi che sbarra la strada alle macchine italiane sulla maggior parte dei mercati mondiali non ha ancora liberato le carreggiate della ripresa, facendo prevedere per l’anno in corso il mantenimento dei bassi livelli registrati nel 2009. Non mancano tuttavia alcuni segnali positivi che si riscontrano in quei mercati dove il settore edilizio ha ripreso a correre e, in particolare, nei Paesi del Nord Africa, della Penisola Araba e del Far East. I risultati del 2009 I costruttori italiani di macchine per laterizio, secondo comparto in ordine di importanza tra i produttori di macchine per ceramica con l’11% del fatturato totale, hanno chiuso il 2009 con un giro d’affari in forte contrazione. I volumi di vendita si sono contratti del 47,2% fermandosi a 136,3 milioni di euro con cali più o meno analoghi tra i mercati esteri e quello domestico. In Italia sono stati generati 37,3 milioni (-41,1% sul 2009), mentre sui mercati internazionali, che rappresentano il 73% del fatturato totale, si sono sfiorati i 100 milioni di euro.

General trend for Italian ceramic machinery

L’andamento generale delle macchine per ceramica italiane

Two thousand and nine was nicknamed the “annus horribilis” for Italy’s ceramic machinery industry. In just 12 months, the industry saw its turnover fall to 1999 levels. Shrinking by 33 percentage points as against 2008, turnover for 2009 stopped at 1,240.8 million euro, with similar falls on both the domestic market (down 33.6% to 325.2 million euro) and international markets (down 32.8% to 915.6 million euro).

Il 2009 è stato battezzato come l’annus horribilis per il comparto meccano-ceramico italiano. In soli dodici mesi, il settore ha visto il giro d’affari tornare ai livelli del 1999. In contrazione di 33 punti percentuali rispetto al 2008, il fatturato 2009 si è fermato a 1.240,8 milioni di euro, con analoghi crolli sia sul mercato domestico (-33,6% a 325,2 milioni di euro) che su quelli internazionali (-32,8% a 915,6 milioni di euro).

Structure

Struttura del settore

The number of companies operating in the sector fell by eight in 2009, from 167 in 2008 to 159 last year. The majority of these (58.5%) have turnover of less than 2.5 million euro per year, but the majority of total turnover for the sector (72.4%) is accounted for by companies with individual turnover of over 10 million euro. Employment in the industry has fallen slightly, to 6,229 employees as against 6,849 in 2008 (down 620).

Nel 2009 il numero delle imprese operanti nel settore ha subito un ridimensionamento di 8 unità, passando dalle 167 del 2008 alle 159 dello scorso anno. La maggioranza numerica delle aziende (58,5%) è rappresentata da realtà con fatturati inferiori ai 2,5 milioni di euro, mentre l’incidenza maggiore sul fatturato totale (72,4%), è, all’opposto, delle realtà con fatturati superiori ai 10 milioni di euro. L’occupazione ha subito un modesto calo scendendo a 6.229 addetti contro i 6.849 del 2008 (-620 unità).

An export-driven industry

Si conferma la vocazione all’export

Accounting for 73.8% of total turnover, exports remained

Con un’incidenza sul fatturato totale del 73,8%, i mercati interna-

30

B ric k W o rld R eview n. 2/2010


In order to read the QR Code with your mobile phone you need to download the correct software. Please connet to the following web address with your mobile phone broswer to download it: http://www.i-nigma.mobi For more information on QR code visit: http://tinyurl.com/help4qrcode

Per leggere il Q0R Code col tuo cellulare occorre scaricare l’apposito software. Di seguito è l’indirizzo dal quale puoi scaricare il software collegandoti dal broswer internet del tuo cellulare: http://www.i-nigma.mobi Per maggiori informazioni sul QR code clicca su http://tinyurl.com/aiutoqrcode

Scan with your smartphone to see Pietro Cassani interview (Italian language)

Clicca col tuo Smartphone per vedere l’intervista a Pietro Cassani

the biggest outlet for Italian ceramic machinery in 2009, zionali rimangono, anche nel 2009, lo sbocco più importante per and despite a fall of 32.8% on 2008, Italy’s ceramic machinl’industria italiana delle macchine per ceramica che, nonostante il ery industry retained its world-leading ranking, with export calo del 32,8% sul 2008, si conferma leader mondiale con un fattuturnover of 915.6 million euro. rato export di 915,6 milioni di euro. Europe is still the largest market for Italian technology, with Il continente europeo resta il principale punto di riferimento per a 33.3% slice of total exports. In second place is Asia, with le tecnologie italiane con il 33,3% dell’export totale. Al secondo 25.1%, but when combined with the Middle East (16%), it posto l’Asia con il 25,1%, che, però, unita all’area medio-orientale outstrips Europe with 41.1% of total Italian exports. These re(16%), supera il vecchio continente assorbendo il 41,1% dell’exgions are followed by the Americas and Africa (in effect port. Seguono il continente americano e l’Africa (identificabile North Africa), with 12.7% each. con i Paesi del Maghreb), entrambi al 12,7%. Asia and Africa were the markets least affected by the criAsia e Africa i mercati che hanno risentito meno della crisi intersis. Specifically, despite a drop of 32.2% on 2008, the Euronazionale. pean Union remains the top export market for Italian cePiù in dettaglio, l’Unione Europea, nonostante la flessione del ramic technology, with a value of 242.1 million euro (26.4% 32,2% sul 2008, resta il primo mercato di export per la tecnologia of the total), followed by the Middle East (down 33.8%), ceramica italiana con 242,1 milioni di euro (26,4% del totale), sewith 146.3 million (16% of the total). guita dal Medio Oriente (-33,8%), seconda area esportativa con The area made up of China, Hong Kong and Taiwan, occu146,3 milioni di euro (16% del totale). pying third place in the export league table, is the only L’area Cina, Hong Kong e Taiwan, terza nella classifica dell’export, growing market (up 29.9%) and generates turnover of 125.1 è la sola in crescita (+29,9%) con un fatturato di 125,1 milioni di million euro, equating to 13.7% of the total. euro, pari al 13,7% del totale. Africa comes in fourth, on 116.2 million euro (down 22.1%), Quarto posto per il continente africano con 116,2 milioni di euro amounting to a 12.7% share of total exports. (-22,1%) e una quota del 12,7% sul totale. In fifth place are the other Asian nations, which include InA seguire gli altri Paesi Asiatici (quinto mercato di sbocco) che india, Thailand, Indonesia and Vietnam and generate turnocludono, tra gli altri, India, Tailandia, Indonesia e Vietnam, e che ver of 104.5 million euro (down 17.6%), equating to 11.4% of generano un fatturato di 104,5 milioni di euro (-17,6%), pari the total. all’11,4% del totale. South America lies in sixth place with 81.7 million euro (down Il Sud America si posiziona al sesto posto con 81,7 milioni di euro 43.6%), amounting to 8.9% of the total, followed by Eastern (-43,6%), pari all’8,9% del totale, seguito dai Paesi dell’Est Europa Europe, which has suffered the biggest losses. The third largche hanno subito le perdite maggiori (erano il terzo mercato di est market in 2008, Eastern Europe saw a 66% fall in turnoexport nel 2008): -66% totalizzando un fatturato di 63,5 milioni di ver, to a figure of euro (6,9% 63.5 million euro dell’export totaItalian heavy clay machinery sector: breakdown in total turnover (6.9% of total exle). Segue il of sector in period 2005 - 2009 ports). Nord America, L’industria italiana della macchine per laterizi: Next in line is North che ha realizzacomposizione del fatturato totale del settore nel periodo 2005 - 2009 America, which to un fatturato generated turnover di 35 milioni di Var. % Var. % Var. % Var. % Var. % 2005 2006 2007 2008 2009 of 35 million euro, euro, pari 05/04 06/05 07/06 08/07 09/08 equating to 3.8% of al 3,8% del fatTotal Turnover 165.4 +25.7% 179.1 +8.3% 238.7 +33.3% 258.1 +8.1% 136.3 -47.2% the total (down turato totale Fatturato Totale 55.2% on 2008). (-55,2% sul Lastly, Oceania, Of which / Di cui: 2008). L’Oceania, 37.3 -41.1% with turnover of 1.1 infine, con un 59.6 +15.2% 61.5 +3.2% 85.2 +38.5% 63.3 -25.7% Italy / Italia million euro, closed fatturato di 1,1 105.8 117.6 153.5 2009 with a fall of milioni di euro, +32.4% +11.1% +30.5% 194.8 +26.9% 99.0 -49.2% Exports 61%. chiude il 2009 a (JF)  Values in millions of euro / Valori in milioni di Euro - Source / Fonte: Acimac  -61%.

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 10

31


Corobrik, sustainable development in Africa Paola Giacomini - p.giacomini@tiledizioni.it

Corobrik, sviluppo sostenibile in Africa

INTERVIEW

Founded in 1902 by two Scottish brothers in Durban (KwaZulu-Natal province) on the east coast of South Africa, Corobrik is today the largest manufacturer, distributor and exporter of bricks and allied building products in Africa. The company operates 15 factories with a production capacity exceeding 850 million bricks per annum. We met managing director Dirk Meyer, who gave us an interesting picture of Corobrik’s production and sales activities as well as its commitment to sustainable development and protection of the environment, social responsibility and development of human resources in connection with the national Black Economic Empowerment programme.

Dirk Meyer Managing Director of Corobrik

Fondata nel 1902 da due fratelli scozzesi a Durban (nella provincia di KwaZulu-Natal province) sulla costa orientale del Sud Africa, Corobrik è oggi il più grande produttore, distributore ed esportatore di mattoni in laterizio di tutta l’Africa, grazie ai suoi 15 stabilimenti che raggiungono una capacità produttiva annuale superiore a 850 milioni di pezzi. Abbiamo incontrato il direttore generale Dirk Meyer, che ci ha fornito un quadro dell’attività di Corobrik, non solo sotto l’aspetto prettamente produttivo e commerciale, ma anche per quanto riguarda l’attenzione e le risorse destinate ai temi dello sviluppo sostenibile e della tutela ambientale, della responsabilità sociale e dello sviluppo delle risorse umane, quest’ultimo strettamente collegato al programma nazionale Black Economic Empowerment.

B.W.R.: Innanzitutto, qual è la fotografia atB.W.R.: Could you first tell us something tuale di Corobrik? about Corobrik’s current activities? Dirk Meyer: Dalla sua nascita, 108 anni fa, CoDirk Meyer: From small beginnings 108 robrik è cresciuta fino a divenire una grande years ago, Corobrik has evolved into a azienda produttrice di murature, pavimentasubstantive South African masonry, paver zioni esterne e sistemi di contenimento in and concrete earth retaining systems Dirk Meyer with Reuel Khoza, cemento con una presenza nei maggiori cenmanufacturer and marketer with a footPresident of Corobrik tri del Sud Africa. print in major centres throughout South Il quartier generale è a Durban. Abbiamo tre Africa. We have our head office in Duruffici regionali a Durban, Johannesburg e Cape Town e 28 Coroban, with three regional offices in Durban, Johannesburg brik Centres situati in varie parti del paese che, insieme all’amand Cape Town, and 28 Corobrik Retail Centres located pia rete di distributori indipendenti accreditati, garantiscono country-wide, which together with Corobrik’s extensive netuna presenza capillare sull’intero territorio nazionale e sui sinwork of independent accredited distributors provides Corogoli target di mercato. Corobrik possiede 15 stabilimenti probrik with a national presence to serve the needs of its target duttivi (13 di materiali in laterizio e 2 di prodotti in cemento che markets. Corobrik presently operates 15 factories (13 clay raggiungono complessivamente una capacità di oltre 850 miliobrick and 2 concrete product) and has a number of allini di mattoni/anno. A questi si aggiunge la produzione in ance manufacturing partners. Corobrik’s own manufacturoutsourcing affidata ad alcuni partner, che porta la nostra capaing capacity exceeds 850 million bricks per annum and to-

32

B rick W o rld R eview n. 2/2010


Aerial view of the Rietvlei factory Veduta aerea dell’impianto di Rietvlei

gether with our logistics partners we have the capacity to distribute in excess of 5 million products throughout South Africa per working day. B.W.R.: What were the main steps in the evolution of Corobrik? D. Meyer: Although the name of the company has changed two or three times along the way, it is essentially the same business today but somewhat bigger. It remained a family business until 1970 when it was acquired by a major corporation. In 1979 the new company acquired a brick business in Johannesburg which gave Corobrik a national presence from then on. Through both Greenfield projects and acquisitions, Corobrik has extended its national footprint and has sales and manufacturing facilities throughout the country. Corobrik remained a corporate organisation until 2002 when there was a buyout by management together with some private investors and it became a privately held company. In 2008 the business was reorganised further when some of the investors sold their stock and Corobrik established a staff trust which holds 26% of the company for the benefit of all employees.

cità di distribuzione a oltre 5 milioni di pezzi per giorno lavorativo. B.W.R.: Quali sono state le tappe più importanti nella storia di Corobrik? D. Meyer: Sebbene l’azienda abbia cambiato nome due o tre volte nell’arco del secolo, potrei dire che di fatto è la stessa azienda ancora oggi, solo più grande. Corobrik è rimasta un’impresa familiare fino al 1970, quando fu acquisita da una grande società. Nel 1979 rilevò un’azienda produttrice di laterizi a Johannesburg e da quel momento Corobrik assunse una presenza a livello nazionale, che si è poi ampliata nel tempo attraverso sia la costruzione di nuovi stabilimenti che l’acquisizione di fornaci esistenti. Oggi, le nostre strutture produttive e di vendita sono sparse su tutto il paese. Nel 2002, in seguito ad un “management buyout” e all’ingresso di alcuni investitori privati, Corobrik si trasformò in una “privately held company”, ulteriormente riorganizzata nel 2008 quando alcuni soci cedettero le loro quote, trasferite ad un fondo interno dei dipendenti che ora controlla il 26% dell’azienda.

Corobrik pavers used at the Japan Airline Headquarters in Tokyo Pavimentazione esterna realizzata per la sede della Japan Airline a Tokyo

Bri ck i ckWWor orld ldRReevivieewwnn. .22/ 2/ 2001 0 10 Br

33 35


B.W.R.: Could you describe your product range and the technologies used in your production processes? D. Meyer: Corobrik is in the main a clay face brick producer and in some regions where the architecture is dominated by plaster and paint finishes, Corobrik manufactures plaster brick products in various formats. For the landscape markets Corobrik manufactures clay pavers in a range of colours and formats appropriate for carrying both light vehicular and medium vehicular loads. Supporting this, is a range of concrete pavers for heavy duty applications and a range of earth retaining systems. Corobrik employs only continuous kiln technologies (tunnel kiln and transverse arch) for clay product manufacture and a variety of manufacturing technologies ranging from fully mechanised computer controlled plants to factories that employ a combination of mechanical and human interventions through the process. Our facilities mainly use European plants and machinery made by well known companies such as Keller, Lingl, Ceric and J.C.Smale. B.W.R.: Corobrik is also an exporter. Which are your main export markets? D. Meyer: In the past two years the world economy has afforded limited export potential. In 2009 exports accounted for about 2% of our production. For the most part exports are project and specification reliant and opportunities have tended to be sporadic, occurring mostly in African countries, Mauritius, and the Middle East. We also have specifications for some major projects in the UAE that are currently on hold. We have ongoing business with Japan and that market has been very constrained throughout 2009. Corobrik has 7 factories with an export orientation. B.W.R.: What is the BEE programme and what is your commitment to it? D. Meyer: Black Economic Empowerment is the cornerstone of our country’s future (see box). Corobrik is deeply committed to this process and our shareholders include AKA Capital (Pty) Ltd, a leading black empowerment private equity investment company. As at February 2010 total share equity under the control of historically disadvantaged South Africans (HDSA) was 53.3%. The Corobrik Share Trust, a HDSA entity where each employee beneficiary has one vote, controls 26% of the issued share capital of Corobrik for the benefit of all employees. All employees (currently approximately 2,800) with more than one year’s service are allocated shares at no cost to the employees. Encouraging the development of emerging companies is a key aspect in our BEE programme. We outsource supplies and services from black-owned businesses whenever possible. B.W.R.: Corobrik has a strong focus on social responsibility. D. Meyer: Corobrik’s corporate social investment pro-

34

B rick W o rld R eview n. 2/2010

B.W.R.: Qual è la gamma produttiva e quali le principali tecnologie utilizzate? D. Meyer: Corobrik è essenzialmente un produttore di mattoni faccia a vista. In alcune regioni, dove in edilizia predomina l’impiego di finiture in gesso o della pittura, produciamo mattoni in gesso di vari formati. Per il segmento dell’arredo urbano e architettura dei paesaggi produciamo mattoni da pavimentazione in una ampia gamma di colori e formati, idonei a sopportare un traffico veicolare leggero o medio, mentre per le aree soggette ad un traffico più pesante abbiamo la gamma di pavimentazioni in cemento. Nella produzione di laterizio utilizziamo solo forni a tunnel continui. I processi produttivi nei nostri stabilimenti sono o completamente automatizzati e controllati da computer, o parzialmente automatizzati. Gli impianti sono di fabbricazione europea, forniti dalle più note aziende come Keller, Lingl, Ceric e J.C.Smale. B.W.R.: Parte della produzione viene anche esportata. Quali sono i principali mercati esteri? D. Meyer: Con la crisi economica mondiale degli ultimi due anni il potenziale di esportazione si è ridotto sensibilmente e nel 2009 l’export ha rappresentato solo circa il 2% della nostra produzione. In larga parte le esportazioni riguardano grandi progetti e proprio questi si sono fatti più sporadici, limitati per lo più a paesi africani, alle Mauritius e al Medio Oriente. Siamo fornitori di alcuni grandi progetti negli Emirati Arabi Uniti, il cui completamento è stato però posticipato. Lavoriamo molto in Giappone, ma anche questo mercato si è contratto in modo significativo l’anno scorso. All’interno del gruppo sono sette le aziende che svolgono attività di esportazione. B.W.R.: Può spiegarci cosa è il programma BEE e in che modo Corobrik vi aderisce? D. Meyer: Il programma Black Economic Empowerment (BEE) è il pilastro del futuro del nostro paese (ndr. vedi riquadro). Corobrik è fortemente impegnata in questo processo e tra i nostri azionisti figura la AKA Capital (Pty) Ltd, uno dei maggiori fondi di investimenti di private equity operante nel campo dello sviluppo economico della popolazione di colore. A febbraio 2010 il 53,3% delle azioni di Corobrik era posseduto da persone di colore (ndr. HDSA, acronimo di Historically Disadvantaged South Africans, letteralmente “Cittadini Sud Africani storicamente svantaggiati”), e di questo, il 26% è controllato dal Corobrik Share Trust. Tutti i dipendenti con oltre un anno di anzianità di servizio (attualmente circa 2800), ricevono gratuitamente azioni dell’azienda. Siamo impegnati anche a incoraggiare lo sviluppo di piccole aziende di proprietà di imprenditori di colore, a cui affidiamo in outsourcing la produzione di materiale e la fornitura di servizi. B.W.R.: La responsabilità sociale dell’azienda è un altro tema a cui riservate grandi risorse.


gramme is integral to our BEE programme and includes sponsorship’s for sustainable projects in disadvantaged communities, donations to organisations that support the needy and empowerment through education and training of the employees. The budget we allocate for education and training is substantial. Corobrik also sponsors the Regional and National Architectural Student of the Year Award Programme, which is now in its 23rd year and involves 7 major universities throughout South Africa. The programme is pursued to identify and develop architectural talent that will be able to make a meaningful contribution to the sustainability of South Africa’s built and natural environments. B.W.R.: What are the Corobrik Building Training Centres? D. Meyer: The Corobrik Building Training Centres focus on equipping unskilled people with building and bricklaying skills. The first Corobrik Building Training Centre was established in 1994. Corobrik now operates 3 schools, in Gauteng, Cape Town and Durban that are accredited in terms of the Construction Education and Training Authority (CETA). The Corobrik KwaZulu-Natal Building Training Centre is accredited as a ‘Construction Centre of Excellence’. B.W.R.: Could you describe Corobrik’s commitment to sustainable development? D. Meyer: Our world is precious and we are committed to ensuring that our activities are based on sound sustainable environmental practices, from mining through to the reduction of energy use. B.W.R.: How do you manage your quarries? D. Meyer: Corobrik has established stringent performance assessment procedures at our 31 mining quarries, in order to monitor the effectiveness of our Environmental Management Programmes. These programmes include spoil and soil handling, land formation, surface drainage and pollution control, the establishment of natural vegetation and the demolition or optimal utilization of man-made surface structures. At the end of the lifetime of each quarry, the Environmental Management Plan provides for its rehabilitation and reuse as a nature reserve around a pollution-free dam, recreational area, landfill use or commercial/residential development.

D. Meyer: Sì, abbiamo un programma di investimenti nel sociale che si integra al programma BEE e che include sponsorizzazioni di progetti realizzati in comunità svantaggiate, donazioni a organizzazioni benefiche, e soprattutto una grande attività nel campo della formazione del personale, a cui destiniamo budget importanti. Fra i vari interventi, siamo sponsor del Regional and National Architectural Student of the Year Award, ormai alla sua 23a edizione, che coinvolge 7 grandi università del Sud Africa e che mira a individuare e supportare giovani talenti da indirizzare verso i temi dell’architettura sostenibile. B.W.R.: Cosa sono i Corobrik Building Training Centres? D. Meyer: Sono 3 scuole, la prima istituita nel 1994, situate a Gauteng, Western Cape e a Durban, accreditate dalla Construction Education and Training Authority (il Corobrik KwaZulu-Natal Building Training Centre è stato accreditato come “centro di eccellenza” del settore delle costruzioni), attive nella formazione del personale per il settore delle costruzioni e della posa. B.W.R.: Qual è invece il vostro impegno verso le tematiche ambientali? D. Meyer: Ritenendo che il nostro pianeta sia un bene prezioso, cerchiamo di far sì che tutte le nostre attività produttive siano sostenibili da un punto di vista ambientale, dall’estrazione delle materie prime nelle nostre cave, all’impiego di tecnologie di processo che riducono il consumo di energia. B.W.R.: Nello specifico come vengono gestite le cave? D. Meyer: Abbiamo introdotto Programmi di Gestione Ambientale e relative procedure di controllo molto rigorose per le nostre 31 cave di argilla. Regolano lo sfruttamento e la formazione del suolo, il drenaggio, il controllo dell’inquinamento e, al termine del ciclo di vita di ogni cava, il rimboschimento o ripristino della vegetazione e la demolizione o utilizzo ottimale delle strutture artificiali, in vista della trasformazione della cava in riserva naturale o area edificabile. B.W.R.: E per quanto riguarda la riduzione dei consumi energetici? D. Meyer: L’uso più efficiente dell’energia e la costante riduzione delle emissioni di CO2 nel processo produttivo e per il trasporto dei prodotti finiti è uno dei nostri obiettivi chiave. Nonostante si impieghino già le più moderne tecnologie e i forni ad alta efficienza energetica, puntiamo costantemente all’ulteriore miglioramento dei processi e ad un più ampio impiego di combustibili puliti, come il gas naturale, sebbene più caro rispetto ai combustibili fossili. Dei nostri 13 stabilimenti, 6 sono già alimentati a gas naturale, e sono in fase di studio i progetti per convertire al gas naturale anche altri impianti. Inoltre, negli ultimi due anni abbiamo installato in tutti i nostri impianti la tecnologia di estrusione Reymond Die per ridurre ulteriormente i consumi energetici. Nel 2005 Corobrik fu tra le prime azien-

B.W.R.: What is your approach to reducing energy consumption? D. Meyer: The more effective use of energy and incremental reductions to Corobrik’s carbon footprint at time of manufacture and during delivery of its products to sites is a key operational objective. Notwithstanding that Corobrik employs latest technologies and operates energy efficient kilns, the company remains committed to driving further efficiencies in the use of energy and the wider use of clean burning fuels such the factory: Robotic setting station as natural gas even though natural gas is more ex- Inside Interni di stabilimento: la stazione di impilaggio robotizzata pensive than fossil fuels. Corobrik presently has 6 of its 13 clay brick factories fired on natural gas with further conversions to natural gas under investigation. Moreover, the focus over the past two years has been on the systematic rollout of new Reymond Die extrusion technology at all Corobrik operations to further drive energy reductions. Corobrik, in 2005, was one of the first companies in South Africa to embrace the Kyoto Protocol, registering the Lawley factory fuel switch conversion with the

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 010

35


United Nations Clean Development Mechanism Committee. In 2008 Corobrik’s Lawley factory was awarded its first certificates of Certified Emissions Reduction by the United Nations Clean Development Mechanism Committee, making Corobrik the first company in Sub Saharan Africa to be granted approval to trade carbon credits within the framework of the United Nations emissions trading scheme.

de del Sud Africa ad aderire al Protocollo di Kyoto, quando lo stabilimento di Lawley fu convertito al gas naturale. Nel 2008 abbiamo ricevuto i certificati di riduzione delle emissioni dal Clean Development Mechanism Committee delle Nazioni Unite, che ci ha consentito di essere la prima azienda dell’Africa Sub Sahariana ad ottenere l’autorizzazione al commercio dei crediti come previsto nell’ambito dell’Emission Trading Scheme delle Nazioni Unite.

B.W.R.: On a different subject, how badly was the South African building sector hit by the global financial crisis? D. Meyer: The year just past was marked by diminished activity in a number of sectors of the building construction industry. Most notably, private residential building activity has been subdued. Non-residential, commercial public and private building activity has however been resilient and provided many opportunities for industry products. Public sector projects however have been sporadic and have not occurred at the expected level to offset the quiet residential sector. That being said, infrastructural projects for the 2010 World Cup, have afforded opportunities particularly in the hard landscaping arena where millions of our pavers have been used.

B.W.R.: Cambiamo argomento. Quanto ha risentito della crisi finanziaria globale il settore delle costruzioni in Sud Africa? D. Meyer: Il 2009 è stato caratterizzato da una contrazione delle attività in diversi segmenti dell’industria delle costruzioni. Più precisamente, l’edilizia residenziale privata è stata quella più colpita, mentre il non-residenziale e il commerciale pubblico e privato hanno dimostrato più flessibilità e hanno continuato ad offrire buone opportunità, sebbene non ai livelli attesi per compensare il calo del settore residenziale. In questo contesto hanno aiutato sicuramente i progetti infrastrutturali realizzati per la Coppa del Mondo di Calcio, in particolare per le pavimentazioni esterne, dove sono stati impiegati, fra l’altro, milioni di nostri mattoni.

B.W.R.: What are your forecasts for this year? D. Meyer: We expect a generally positive upward trend in building activity during 2010 and continuing into 2011. The frenetic work on infrastructure has come to an end in June 2010 but most importantly confidence is slowly re-emerging in the residential sector and it is this sector that drives most of the opportunities for the brick industry in South Africa. What is certain is that it is going to be another tough 6 months.

B.W.R.: Quali sono le previsioni per quest’anno? D. Meyer: Ci aspettiamo una tendenza positiva nel settore delle costruzioni già a partire da quest’anno e che proseguirà nel 2011. I grandi lavori sulle infrastrutture si sono completati in giugno, ma l’aspetto più importante sono i segnali di ripresa nel segmento residenziale, che è quello che influisce di più sull’industria del laterizio. Di certo ci attendono comunque altri 6 mesi difficili.

B.W.R.: Quali sono i punti di forza su cui Corobrik ha fatto leva per affrontare le difficoltà di mercato? D. Meyer: Corobrik ha puntato sempre l’attenzione sui fondaB.W.R.: What are the core strengths that Corobrik has fomentali dell’attività aziendale, che significa produrre materiali cused on to cope with the market difficulties? nel miglior modo possibile. In questo periodo di crisi abbiamo D. Meyer: Corobrik has focused on the basics throughout prestato la giusta attenzione al riequilibrio dei magazzini che the business and in doing them better. Balancing inventosfortunatamente ha richiesto ries has of course received the requianche la chiusura temporasite attention and temporary factory Finished product in the stock yard nea di alcune linee. closures have been an unfortunate Prodotto finito stoccato a piazzale I nostri punti di forza consiconsequence. stono soprattutto nelle relaCorobrik’s strengths reside in our strong zioni strette con i clienti, client relationships; our superior brick nell’impiego di tecnologie making technologies, quality manpiù avanzate, nei sistemi di agement systems, an incomparable qualità, nell’ampia gamma di product range, a national footprint prodotti, nella presenza casupported by an extensive logistics pillare su tutto il territorio nacapability and people with clear obzionale, e nelle persone con jectives, trained and motivated to do obiettivi chiari, ben formate e the job for Corobrik in these tough motivate per svolgere il loro times. Corobrik is nationally well posilavoro anche in questi periotioned for the anticipated upturn in di difficili. demand over the next five years with Ritengo che Corobrik abbia a range of quality products that meet un buon posizionamento per the current environmental sustainabilpoter beneficiare dalla ripreity imperatives and the new building sa della domanda per i prossiregulations and standards set to demi 5 anni, con una gamma di fine the energy efficiency requireprodotti in linea con le richiements for buildings in South Africa. ste attuali di materiali ecosostenibili, conformi ai regolaB.W.R.: What are your medium to longmenti nazionali in materia di term plans? nuova edilizia e agli standard D. Meyer: Corobrik has invested in exche definiscono i requisiti di cess of R400 million (around 40 million efficienza energetica degli euro) throughout its operations since edifici. 2004 with a view to reducing the car-

36

B rick W o rld R eview n. 2/2010


bon footprint of the business whilst increasing capacity and efficiencies and improving product quality. With fixed investment in new buildings significantly down, we have consolidated on that investment and are focused on optimising the efficiencies of the technologies we have invested in. The pillars Corobrik is committed to building on in the medium term include: reducing energy usage and carbon footprint; systematic product enhancement; and Quality Assurance (Corobrik presently has 5 factories with ISO 9001:2000 Accreditation and 3 other factories that are busy with the accreditation process). Corobrik’s ISO IEC 17025 Accredited Central Laboratory will play a key oversight role. (JF) 

B.W.R.: Avete progetti di sviluppo nel medio termine? D. Meyer: Dal 2004 Corobrik ha investito nei propri stabilimenti oltre 400 milioni di Rand (circa 40 milioni di euro) per ridurre le emissioni di CO2, aumentando capacità produttiva, efficienza e qualità dei prodotti. Il calo della domanda degli ultimi anni ci ha imposto di consolidare per ora quegli investimenti, ottimizzando l’efficienza delle tecnologie in cui abbiamo investito. I pilastri su cui continueremo a lavorare sono soprattutto tre: la riduzione dei consumi energetici, il miglioramento qualitativo dei prodotti e i sistemi di qualità (già 5 delle nostre aziende sono certificate ISO 9001 e altre 3 hanno già avviato l’iter per la certificazione). In questo un ruolo fondamentale viene svolto dal nostro Laboratorio Centrale Accreditato ISO IEC 17025, coordinato da ceramisti, geologi e ingegneri. 

Black Economic Empowerment (BEE)

Black Economic Empowerment (BEE)

BEE is a programme launched by the South African government to redress the inequalities of Apartheid by giving previously disadvantaged groups (black Africans, Coloureds, Indians and Chinese) who are South African citizens, economic opportunities previously not available to them. BEE is intended to transform the economy to be representative of the demographic make-up of the country (after the end of Apartheid in 1994 control of big business in both the public and private sectors still rested primarily in the hands of white individuals, just under 10% of the population). Successful implementers of BEE also see it as a means to create economic growth in South Africa. It includes measures such as Employment Equity, skills development, ownership, management, socio-economic development and preferential procurement. Black Economic Empowerment was instituted in the country during 20032004 and subsequently modified to increase its scope and provide a clearer definition of implementation. Micro-businesses with annual turnovers of below 5 million Rand (around 500,000 euro) are exempt from the programme.

È un programma lanciato dal Governo del Sud Africa per eliminare le ineguaglianze create durante il periodo dell’Apartheid, offrendo alle comunità di colore precedentemente svantaggiate (non solo neri, ma anche indiani e cinesi) di nazionalità sudafricana, opportunità economiche prima negate. Obiettivo è trasformare l’economia nazionale rendendola più rappresentativa della composizione demografica del paese (nel 1994, quando fu eliminato il regime dell’Apartheid, il controllo dell’economia sudafricana pubblica e privata era nelle mani del 10% della popolazione bianca), oltre che implementare uno strumento fondamentale per la crescita economica generale del paese. Il programma prevede misure di vario tipo, tra cui pari opportunità nell’accesso al lavoro, programmi di sviluppo e crescita professionale, percorsi volti allo sviluppo socio-economico, all’accesso a ruoli manageriali e alla proprietà di imprese. Introdotta dal Governo nel 2003/2004, la legislazione relativa al BEE è stata modificata con leggi successive per ampliarne lo spettro di azione e definire meglio le modalità attuative. Sono esentate dall’adesione al BEE le microimprese con fatturato annuale inferiore ai 5 milioni di Rand (circa 500.000 euro).

advertisers’ list Automazioni Cismac

11

Händle

Ar-San Machine

63

Keller

Bedeschi

49

Latermec

Bongioanni Macchine

59

Lingl

Capaccioli

15

Manfredini & Schianchi

Cimma

53

Marcheluzzo

CMA

28

Meccanica 2P

47

Poppi Clementino

13

Smac

29

Colorobbia Edilmec Ferrari & Cigarini Filiere Torres Forni Ficola

2 75 5 79 4

Sabo Saie Tecnofiliere

17 6 69 1 23 IV cop.

III cop. 80 II cop.

65

Trafo

19

Gieffe System

57

Verdes

73

Picture: Steve Evans

Frac

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 10

37


The art of

brickmaking Milena Bernardi - m.bernardi@tiledizioni.it

L’arte del mattone

Fornace San Lazzaro is a small artisan brickworks which was founded around 15 years ago at Meldola in the province of Forlì, Italy. Visiting the factory feels like going back in Glauco Bombardi time, stepping back into a past when bricks were made entirely by hand, when buildings were constructed without the aid of technology and using exclusively natural materials. Glauco Bombardi, owner of the brickworks, explained that the working methods are based on those used in Mesopotamia around 3000 BC, more than 5000 years ago. With his help, we retraced the history and production of this brickworks which carries on an age-old tradition.

INTERVIEW

Brick World Review: When was Fornace San Lazzaro set up? Glauco Bombardi: Fornace S. Lazzaro was set up in 1985 for the purpose of producing exclusively handmade bricks. But my father had already been making bricks using artisan techniques since 1950 at another brickworks in the Forlì area, so it’s a longstanding family tradition. B.W.R.: What products do you manufacture? G. Bombardi: We produce standard bricks, shaped bricks, ceiling tiles, roof tiles, skirting, pavers and special pieces on commission. We can reproduce any kind of product, starting out by seeking raw materials that are closest to the colour of the original. The subsequent action of time and the elements naturally alters the product’s colour, which after a few years becomes indistinguishable from that of the original pieces. B.W.R.: Where do you obtain your raw materials? G. Bombardi: We mainly use local raw materials so as to pro-

38

B rick W o rld R eview n. 2/2010

Fornace San Lazzaro è una piccola realtà artigianale, in provincia di Forlì, presente sul mercato da circa 15 anni. All’interno dello stabilimento produttivo sito a Meldola, si ha come l’impressione che il tempo si sia fermato: qui il mattone si produce completamente a mano, proprio come una volta. L’atmosfera è suggestiva e riporta a un antico passato quando l’uomo costruiva, senza tecnologia, utilizzando i semplici materiali della natura. Glauco Bombardi, titolare della fornace, ci racconta che la loro metodologia di lavorazione risale alla Mesopotamia del 3000 a.C., un salto temporale enorme: oltre 5000 anni. Con la sua collaborazione, abbiamo cercato di ricostruire storia e produzione di questa fornace dove si respira aria di tradizione secolare. Brick World Review: Quando è nata Fornace San Lazzaro? Glauco Bombardi: Fornace S. Lazzaro nasce nel 1985 con lo scopo di produrre mattoni fatti esclusivamente a mano. Ma già mio padre, fin dal 1950, produceva mattoni in modo artigianale, presso un’altra fornace sita nell’entroterra forlinese. La tradizione arriva quindi da lontano. B.W.R.: Che cosa producete? G. Bombardi: Produciamo pezzi standard, mattoni, mattoni sagomati, tavelle, tegole, battiscopa, prodotti per pavimentazione e pezzi speciali su commissione. Siamo in grado di riprodurre qualsiasi manufatto antico, partendo dalla ricerca della materia prima più vicina al colore dell’originale. L’azione del tempo e degli agenti atmosferici fanno poi la loro parte influendo in modo naturale sulla colorazione del mattone che, dopo alcuni anni, si uniforma completamente al vecchio. B.W.R.: Dove vi procurate le materie prime?


duce bricks that integrate well with local architecture. If we are commissioned to carry out a project in another area of Italy, we go to that particular region to search for clay that will be most suitable for faithfully reproducing local bricks. B.W.R.: How has the market responded? G. Bombardi: Before the economic downturn very well, although artisan production methods are unable to achieve a high output. It’s a great source of satisfaction to go into a church or a castle and to know that you have contributed to returning it to its former splendour. Unfortunately, our brickworks has been hit by the current difficulties, particular as the price difference between our artisan products and industrial “handmade” type products has increased. We are therefore focusing on pavers, for which in theory there should be a bigger market. B.W.R.: Have you ever been tempted to become more mechanised? G. Bombardi: Yes, several times. But apart from the fact that the current market situation is too risky to make investments, we believe that when traditions go hand in hand with wellbeing they should be maintained. Ecological building is based on the premise that a healthy house is like the third skin of human beings. In order to be defined as “healthy”, masonry must be produced using natural and uncontaminated materials without additives or chemical processes liable to affect its biochemical qualities, and this is what we always try to do. Although our activity is less profitable than large-scale production, for us it’s a passion, a vocation. B.W.R.: Could you describe the production cycle? G. Bombardi: After being quarried, the clay is left to stand in the open air for several months, then crushed, purified and

G. Bombardi: Cerchiamo di utilizzare principalmente la materia prima della zona con la quale riusciamo a produrre mattoni che ben si integrano con l’architettura del territorio. Qualora ci vengano commissionati progetti in altre zone d’Italia è nostra cura andare a ricercare, nelle diverse regioni, l’argilla più adatta per riprodurre fedelmente il laterizio del posto. B.W.R.: Come risponde il mercato al mattone fatto a mano? G. Bombardi: Prima della crisi economica, direi molto bene, anche se, con la produzione artigianale non è pensabile realizzare grandi numeri. Ripaga molto la soddisfazione di entrare in una chiesa o in un castello sapendo di aver contribuito a riportarli all’antico splendore. Purtroppo, anche la nostra fornace accusa le difficoltà di questo particolare momento, soprattutto perché il divario di prezzo tra il nostro prodotto artigianale e quello industriale “tipo a mano” si è ampliato. Ci stiamo pertanto indirizzando verso i prodotti da pavimentazione che teoricamente dovrebbero avere più mercato. B.W.R.: Mai avuta la tentazione di trasformarvi in una realtà più meccanizzata? G. Bombardi: Più volte per la verità. Ma, al di là del fatto che, con la situazione attuale di mercato è troppo rischioso pensare di fare investimenti, noi crediamo che quando le tradizioni si identificano con il benessere, vadano mantenute. L’edilizia bioecologica parte dal presupposto che una casa salubre è come la terza pelle dell’uomo. Per essere definita “sana”, una muratura, dovrebbe essere sempre realizzata con materiali naturali e non contaminati, senza additivi e processi chimici che ne alterino le qualità biochimiche. È quello che noi cerchiamo di fare. La nostra è una passione innata, una scelta, anche se meno remunerativa rispetto alla produzione su larga scala. B.W.R.: Ci descrive il ciclo produttivo? G. Bombardi: L’argilla scavata e posizionata all’aria aperta, per

Briick ck W Wor orld ld RReevi vieew wn n.. 12//22001100 Br

39 35


mixed. Depending on requests, we obtain different clays in order to avoid having to use colours or other chemical additives. The mix is worked by hand, sprinkled with sand and then placed in the mould, which may be made of wood (beech) or iron and may be open or closed on one side. The mix is pressed, again by hand, in such a way that it is pushed along the sides. Excess clay is removed using a wooden board or a bow with piano wire under tension. The filled mould is then turned over on a surface or the floor, which is likewise sprinkled with sand, to achieve better shrinkage during drying.

molti mesi, viene poi frantumata, depurata e quindi impastata. In base alle richieste, ci procuriamo argille diverse che ci permettono di non usare coloranti o altri additivi chimici. L’impasto viene lavorato a mano, cosparso di sabbia e poi deposto nello stampo che può essere di legno (essenza di faggio) o ferro, aperto o chiuso su un lato. L’impasto viene pressato, sempre a mano, in modo da spingerlo lungo i lati e viene asportata l’argilla in eccesso tramite una tavoletta di legno o un arco tendente un filo armonico. Lo stampo pieno viene poi rovesciato su un piano, o sul pavimento, anche questi cosparsi di sabbia, per consentire un migliore ritiro durante l’essiccazione.

B.W.R.: How does the drying process take place? G. Bombardi: Drying takes place naturally and very slowly to avoid internal or external damage that would impact product quality. During the summer the sun and high temperatures are sufficient to dry the clay naturally to a residual moisture content of 2-3%. During the winter, optimal values are achieved using a dryer. The material is introduced into the dryer only after it has been partially dried, around 20 or 30 days after the pressing stage. This period of time is essential to enable the clay to lose part of its water content. Naturally, we tend to concentrate production during the hottest months when the high temperatures enable us to dry bricks in the open air. The end result is significantly better than using a kiln.

B.W.R.: Come avviene la fase dell’essiccazione? G. Bombardi: L’essiccazione avviene in maniera naturale e molto lentamente per evitare lesioni interne o esterne che comprometterebbero la qualità del prodotto. Nei mesi estivi il sole e le alte temperature sono sufficienti per essiccare naturalmente l’argilla e portarla a un tenore di umidità residua del 2/3%. Nei mesi invernali i valori ottimali sono ottenuti mediante l’utilizzo di un essiccatoio. Il materiale entra nell’essiccatoio solo quando è già asciutto, dopo circa 20 o 30 giorni dalla fase di stampaggio, periodo indispensabile affinché l’argilla abbia perso buona parte dell’acqua contenuta. Va da sé che la nostra produzione si concentra soprattutto nei mesi caldi, quando le alte temperature permettono di essiccare il mattone all’aria aperta. Il risultato finale è decisamente migliore rispetto all’essiccazione in forno.

B.W.R.: What type of dryer do you use? G. Bombardi: We use a static dryer because this enables the product to be kept stationary and by changing only the thermal and hygrometric conditions inside we can adjust for different types of products. After being dried, the products are introduced into a Hoffman kiln and fired at a temperature of around 1000°C. After firing, the packs are prepared and subsequently immersed in water by means of a lift device and pulled out fully saturated. B.W.R.: What’s the purpose of submerging the bricks in water? G. Bombardi: To prevent the formation of calcium carbonate granules after installation. During firing, the calcium carbonate dissociates freeing carbon dioxide and remains in the form of calcium oxide granules. After firing, the quicklime is humidified and is transformed into hydrated lime with a consequent increase in volume. The pressure exerted by the granule on the surface of the product exceeds its mechanical strength and produces crater-like defects. The clays that we use do not contain calcium carbonate inclusions, but even if they did the

40

B ric k W o rld R eview n. 2/2010

B.W.R.: Che tipo di essiccatoio utilizzate? G. Bombardi: Utilizziamo un essiccatoio statico perchè il prodotto rimane fermo e, cambiando nel tempo solo le condizioni termoigrometriche interne, abbiamo la possibilità di apportare regolazioni per i vari tipi di manufatti. Dopo l’essiccazione i prodotti vengono introdotti in un forno Hoffman e cotti a una temperatura di circa 1000 gradi. A cottura ultimata si preparano i pacchi che vengono successivamente immersi in acqua, tramite un ascensore, e fatti risalire a completa saturazione. B.W.R.: A cosa serve l’immersione del mattone in acqua? G. Bombardi: A evitare la formazione di granuli di calcare, meglio conosciuti come “calcinelli”, dopo la posa in opera. Durante la cottura, infatti, il calcare si dissocia, libera cioè l’anidride carbonica e resta come granello di ossido di calcio. Dopo la cottura la calceviva, inumidendosi, si trasforma in calce idrata con conseguente aumento di volume; la pressione esercitata dal granulo sulla superficie del manufatto supera la sua resistenza meccanica e produce scagliature “a cratere”. Le argille che utilizziamo non contengono “calcinelli” ma, nel caso, con l’accurata operazione di bagnatura si evidenzierebbe il difetto


wetting operation would highlight the defect and allow us to select products more effectively. B.W.R.: How does your process differ from that used in the past? G. Bombardi: This method was used in Mesopotamia in 3000 BC, the only difference being that for around a thousand years the bricks were merely dried, i.e. a firing process was not used. Numerous examples of fired bricks with worked surfaces obtained by wet moulding have been found in the Kassite region (an ancient region north of Mesopotamia, Iraq, 16001100 BC, Editor’s note). Production systems changed very little until the XIX century. The bricks were produced by hand, dried in the sun during the summer months and then fired in stacks in rustic kilns. B.W.R.: What market is your product aimed at? G. Bombardi: Ours is unquestionably a niche product given that the manual process pushes up costs. We do a lot of work for the architectural heritage office and public authorities for restoration projects for historic places. B.W.R.: What projects have you been involved in? G. Bombardi: One of our most ambitious projects was to supply pavers and bricks for the conversion of the thirteenth century monastery of San Domenico owned by the municipality of Forlì. This is a very large project that began in 20022003 and is still in progress. Another project that I am proud of is the conversion of the Benedictine Monastery in Legnaro, near Padua, into a meeting centre. The Venice architectural heritage office commissioned us to produce the floor coverings and to look after the installation work. Due to the unique nature of the products, installation is a very delicate task that must be performed by experts. Other projects include: restoration about four years ago of a Roman bridge near Forlì, which had been closed as it was unsafe; contribution to restoration of the Palace of Venaria in Venaria Reale near Turin; the walls of the town of Terra del Sole in the province of Forlì, a project that began more than 10 years ago and is still in progress given that restoration work is carried out as and when funds become available; the Lazzaretto in Ancona, a project carried out in 1992-1993 where we contributed to the attics and masonry. B.W.R.: How many brickworks in Italy continue to use a manual production process? G. Bombardi: Only a few of us are left. There are several brickworks in southern Italy, but they are not structured in such a way as to be able to achieve significant outputs. The number of brickworks that produce handmade bricks continuously and with a certain output can be counted on the fingers of one hand. Fornace Carraro near Padua is one example. B.W.R.: What’s your outlook for the future? G. Bombardi: We intend to continue to make bricks by hand. My main goal is to seek to promote an awareness of the difference between our bricks and industrial products amongst technicians working for the architectural heritage offices and private clients. It is this difference that justifies the price. When restoring old buildings it is our duty to use appropriate materials in accordance with history and art in order to preserve the cultural heritage that belongs to us all. (JF) 

e avremmo dunque la possibilità di selezionare meglio il prodotto. B.W.R.: In cosa si differenzia il vostro processo rispetto al passato? G. Bombardi: Con questa metodologia si producevano i mattoni in Mesopotania nel 3000 a.C., l’unica differenza consiste nella cottura: per circa un millennio i manufatti sono stati usati a “secco”, cioè senza subire il processo di cottura. Nel Kassite (antica regione a nord della Mesopotamia, Iraq, 1600-1100 a.C., n.d.r.), si trovano parecchi esempi di mattoni cotti aventi superfici lavorate, ottenute in stampi in umido. I sistemi di produzione non sono mutati molto sino al XIX secolo: la produzione è rimasta manuale, l’essiccazione ottenuta al sole nei periodi favorevoli e la cottura condotta in forni di campagna con mattoni disposti a cumulo o pignoni. B.W.R.: A chi è destinato il vostro prodotto? G. Bombardi: Il nostro è indubbiamente un prodotto di nicchia per estimatori, in quanto la lavorazione a mano appesantisce i costi. Lavoriamo molto con la Sovrintendenza e gli Enti pubblici per il recupero dei luoghi storici. B.W.R.: Le vostre realizzazioni più importanti? G. Bombardi: Uno dei progetti più ambiziosi è stata la trasformazione del vecchio monastero di S. Domenico (anno 1200), di proprietà del Comune di Forlì. Un progetto molto esteso, ancora in fase di realizzazione, partito a cavallo del 2002/2003. Abbiamo fornito pavimentazione e mattoni. Altro progetto che ricordo volentieri è stata la trasformazione in sale polivalenti del monastero delle Benedettine di Legnaro, vicino a Padova. La Sovrintendenza di Venezia ci ha commissionato la pavimentazione della quale abbiamo curato anche la posa in opera. Il lavoro di posa, infatti, è un passaggio molto delicato perché, per la particolarità del materiale, è necessario utilizzare esperti posatori. E ancora, un ponte di epoca romana vicino a Forlì, chiuso perché pericolante, circa 4 anni fa. La Reggia di Venaria Reale, a Torino, dove siamo intervenuti solo parzialmente. Le mura di cinta di Terra del Sole, paese in provincia di Forlì, progetto iniziato più di 10 anni fa e ancora in corso in quanto il restauro va di pari passo con i fondi disponibili. Infine il Lazzaretto di Ancona, progetto che risale al 1992/1993 dove siamo intervenuti nei sottotetti e nella muratura. B.W.R.: Quante sono le fornaci che in Italia producono ancora a mano? G. Bombardi: Siamo rimasti in pochi. C’è qualche fornace in meridione, ma non sono strutturate per portare avanti produzioni significative. Coloro che producono il “fatto a mano” con continuità e forza produttiva si possono contare sulle dita di una mano. La Fornace Carraro vicino a Padova, ad esempio, è una di queste. B.W.R.: Come gestisce la produzione per le commesse importanti? G. Bombardi: Riusciamo a programmarci bene nei tempi perché, in genere, gli Enti ci affidano progetti studiati per gli anni a venire. B.W.R.: E il futuro come lo vede? G. Bombardi: Vogliamo continuare a fare il mattone a mano. Il mio obiettivo primario è cercare di sensibilizzare il tecnico delle Sovrintentendenze, il cliente privato sulla differenza tra un mattone industriale e il nostro. È questa differenza che compensa il prezzo. Quando si interviene sul restauro di edifici d’epoca, è nostro dovere usare mattoni consoni, per il rispetto della storia e dell’arte, patrimonio culturale che appartiene a  noi tutti.

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 10

41


“Slavonka” line for

large-format roof tiles Gianni Barucco - Bongioanni Macchine, Fossano (Italy)

“Slavonka” per tegole di grande formato IGM “Dilj” Vinkovci, located in the heart of Slavonia in Croatia, is without question the largest tile production complex in Croatia as well as one of the largest in the former Yugoslavia. A member since 2002 of the Nexe Group, a Croatian multinational specialising in the production of building materials, is the first fully Croatian owned facility to produce roof tiles using the famous Glinex plaster mould technology. This important step forward in the search for quality took place in January 2003, when a contract was signed with Bongioanni Macchine of Fossano, Cuneo, for the reconstruction of “Line III”, an investment that involved replacing the historic 6PV/C roof tile presses dating from 1975 with two model 16PV three-mould presses, a loading line and Tecno 650 extruder equipped with plaster moulds. The working relationship between the two companies dates back to 1968 when the first two 6PV/A presses were supplied and has continued ever since, culminating in March 2009 in a major new project, the start-up of a new line called “Slavonka” which will use plaster moulds to produce the first large-format roof tile ever made in the Dilj facilities. The production unit chosen for the location of the plant is one of the most representative owned by the company Dilj. The fact that it is detached from the headquarters and has greater available space enabled the designers to create a completely new and ergonomic line. Priority was given to access to machines, maintenance spaces, elimination of processing dust and versatility of pro-

technology

Roller mill 14LVB Laminatoio 14LVB

42

B rick W o rld R eview n. 2/2010

Roller mill LS 1012 Laminatoio LS 1012

IGM “Dilj” Vinkovci, nel cuore della Slavonjia Croata, è indubbiamente il più grande complesso di produzione di tegole della Croazia, nonché uno dei più grandi della ex-Yugoslavia. Appartenente dal 2002 al Gruppo Nexe, multinazionale croata specializzata nella produzione di materiale da costruzione, è il primo stabilimento interamente ad azionariato croato a produrre tegole con la famosa tecnologia Glinex degli stampi in gesso. Questo importante passo avanti nella ricerca della qualità è avvenuto a gennaio 2003, quando fu siglato il contratto con Bongioanni Macchine di Fossano, Cuneo, per la ricostruzione della “Linea III”, un investimento che prevedeva la sostituzione delle storiche presse per tegole 6PV/C, classe 1975, con due presse a tre stampi modello 16PV, linea di carico e mattoniera Tecno 650, attrezzate con stampi in gesso. Il rapporto di collaborazione che lega le due aziende risale al lontano 1968, quando fu conclusa la fornitura delle prime due presse 6PV/A, ed è sempre proseguito in modo continuativo confluendo, a marzo 2009, in un nuovo importante progetto: l’avviamento di una nuova linea, denominata “Slavonka”, dove verranno usati stampi in gesso per produrre la prima tegola di grande formato mai ottenuta negli stabilimenti Dilj. L’unità di produzione identificata per l’insediamento dell’impianto è una delle più rappresentative della società Dilj; distaccata rispetto alla sede centrale e con una maggiore disponibilità di spazio, ha permesso ai progettisti di realizzare una linea completamente nuova ed ergonomica. Sono stati quindi privilegiati l’accesso alle macchine, gli spazi di manutenzione, l’abbattimento delle polveri di lavorazione e la


duction. The line consists of two new-generation Bongioanni presses, Crono 222 models equipped with two plaster designs suitable for the production of roof tiles up to a maximum size of seven pieces per square metre, and a Bongioanni Hydromatik IP133 type hydraulic press for the production of special roof tiles and accessories. This latter press is capable of working alternately on the same frame distributor so as to manage the production of standard roof tiles and accessories according to requirements. This way it is possible to distribute production over the most appropriate shifts and avoid the use of expensive lines for small production runs. Bongioanni Macchine has also developed the preparation and production line. This consists of Compact LS 1012 roller mills with an effective hourly production of 40 tons of clay milled to thicknesses respectively of 0.8 and 0.6 mm; a 14LV super refining roller mill; a bucket excavator with three overhead cranes for filling the storage tanks and feeding the production line fully automatically; two Tecno series extruders, one with 350 mm diameter augers for the special piece line and the other with 550 mm diameter augers to feed the two Crono 222 presses, together with respective bat feeding lines. The plant’s electronic management system was developed with the technical supervision of Bongioanni Macchine. Bongioanni Macchine has previously supplied its technology to other companies in the Nexe group, including Slavonija in Nasice, Strazilovo in Sremski Karlovci, and Po(JF)  let in Novi Becei. Presses loading line Linea carico presse

versatilità della produzione. La linea si compone di due presse Bongioanni di nuova generazione, le Crono 222, attrezzate con due stampi in gesso, progettualmente adatte a produrre tegole fino ad un formato massimo di sette pezzi al metro quadro, e di una pressa idraulica Bongioanni tipo Hydromatik IP133 per la produzione di tegole speciali e accessori. Quest’ultima è in grado di lavorare in alternativa sullo stesso ripartitore di telai, così da gestire la produzione delle tegole base o degli accessori a seconda delle esigenze, distribuendola nei turni più opportuni ed evitando l’impiego di linee costose per produzioni contenute. Bongioanni Macchine ha provveduto a realizzare anche la linea di preparazione e produzione. Questa si compone di laminatoi Compact LS 1012 con una produzione oraria effettiva di 40 tonnellate di argilla laminata allo spessore rispettivamente di 0,8 e 0,6 mm; un super raffinatore 14LV; un escavatore a tazze a tre carri ponte per il riempimento delle vasche di stoccaggio e per l’alimentazione della linea di produzione a gestione completamente automatica; due mattoniere della serie Tecno, una con eliche diametro 350 per la linea dei pezzi speciali e una con eliche diametro 550 per l’alimentazione delle due Crono 222, con relative linee di alimentazione gallette. La gestione elettronica dell’impianto è stata realizzata con la supervisione dei tecnici dell’azienda fossanese. Bongioanni Macchine in passato ha fornito la propria tecnologia anche ad altre società del gruppo Nexe, come Slavonija a Nasice, Strazilovo a Sremski Karlovci e Polet a Novi Becei. 

Tecno series extruders Mattoniera serie Tecno

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 1 0

43


Taurus block for

reinforced masonry Tiziano Manfredini - Università di Modena e Reggio Emilia (Italy)

Il blocco Taurus per

muratura armata After various delays, the Technical Construction Standards finally came into force on 1 July 2009. While these standards have replaced admissible stresses with limit states, at the same time they have confirmed many of the rules and principles underlying design. From this starting point, the Stabila Group has set out to improve its products, steering research towards the goal of creating a construction system capable of combining the proven performance of loadbearing clay masonry with the toughness of steel and the freedom of the column layout while at the same time assuring major savings in terms of time and money.

Le Norme Tecniche per le Costruzioni, dopo svariati rinvii, sono entrate definitivamente in vigore il 1 luglio 2009. Norme che hanno sostanzialmente mandato in “pensione” le tensioni ammissibili a favore degli stati limite, ma nel contempo hanno confermato buona parte delle regole e dei principi alla base della progettazione. Da questi consensi il Gruppo Stabila è partito per migliorare il proprio prodotto, impostando la ricerca con l’obiettivo di realizzare un sistema costruttivo capace di unire, (massimizzandole), le comprovate prestazioni della muratura portante di laterizio, la duttilità dell’acciaio, la libertà dello schema a pilastri…garantendo, nello stesso tempo, un ingente risparmio di tempo e denaro.

The company

L’azienda

The Stabila S.p.A. group was officially formed in 1998 as a result of the merger of three historic companies: La Capiterlina of Isola Vicentina (Vicenza) and Atesina and Zaf of Ronco all’Adige (Verona). The group continued to expand through the merger of Fornace di Dosson located in Dosson di Casier (Treviso) and the acquisition of Modena-based company Sel. In its current form, the Group includes the participation of major companies such as Sereni Group, which has facilities in Casalmaggiore (Cremona) and Colorno (Parma), as well as Fornaci Giuliane of Cormòns. Stabila Group is now the Italian leader in the production of structural clay products with an output of more than a million tons a year. The group’s mission is to pursue industrial growth in the awareness that the world is constantly evolving and that by bringing together various professional figures it is possible

Il Gruppo Stabila S.p.A. nasce ufficialmente nel 1998, anno in cui si realizza la fusione di tre storiche aziende: La Capiterlina di Isola Vicentina (Vicenza), Atesina e Zaf di Ronco all’Adige (Verona). L’espansione prosegue con l’aggregazione della Fornace di Dosson di Dosson di Casier (Treviso) e l’acquisizione della Sel di Modena. L’attuale configurazione del Gruppo si completa con la partecipazione e la gestione di aziende di primaria importanza, come Gruppo Sereni, con stabilimenti a Casalmaggiore (Cremona) e Colorno (Parma), e Fornaci Giuliane di Cormòns. Oggi il Gruppo Stabila è leader in Italia nella produzione di laterizi strutturali con una produzione di oltre un milione di tonnellate l’anno. È dunque stata data forma ad un importante progetto imprenditoriale: perseguire la crescita industriale consapevoli che il mondo si evolve continuamente e certi che integrando professionalità diverse si possa, e si potrà, rispondere al meglio alle sempre nuove esigen-

technology

T type Finale tipologia a T

44

B ric k W o rld R eview n. 2/2010

The Taurus block Il blocco Taurus


The packaged product Il prodotto confezionato

to offer the best response to the ever changing requirements of modern building. The products Alongside a consolidated range of traditional products, the group is primarily known for its production of high thermal performance blocks under the mark Alveolater®, the association that, together with the main Italian producers, performs experimental product tests and conducts research into the performance and improvement of clay building shells, as well as publishing technical documentation and calculation software. The Stabila Group’s technical division provides an up-to-date and competent benchmark for designers and HVAC technicians and offers support to the commercial division in direct action on-site and in the work of education and training. The decision to organise the Group’s sales division in the form of a company - Laterpoint - specialising in the widespread distribution of services and products underscores the Group’s intention to continue to pursue a partnership with the leading players in the market. The new Taurus block The decade-long partnership between the Stabila Group and the company Bampo has given rise to Taurus, the block specifically designed for use in the first patented system for modular reinforced masonry. It is unique from all points of view. There are no special pieces, just a single block proRoller milling of raw material Laminazione della materia prima

Storage Lo stoccaggio

ze della moderna edilizia. I prodotti Accanto ad una consolidata produzione tradizionale, il gruppo si identifica prevalentemente per la produzione di blocchi ad alte prestazioni termiche nel marchio Alveolater®, associazione in cui, insieme ai principali produttori italiani, vengono realizzate prove sperimentali sul prodotto e ricerche sulle prestazioni e il miglioramento degli involucri in laterizio, oltre a pubblicare documentazione tecnica e software di calcolo. La divisione tecnica del Gruppo Stabila è riferimento aggiornato e competente per progettisti e termotecnici e fornisce supporto alla divisione commerciale nell’intervento diretto in cantiere e nell’opera di divulgazione e informazione. La scelta di configurare la divisione commerciale del Gruppo in una società, Laterpoint, specializzata nella distribuzione capillare di servizi oltre che di prodotti, conferma la volontà di proseguire nello sviluppo della partnership con i più qualificati operatori del mercato. Il nuovo blocco Taurus Grazie alla decennale collaborazione del Gruppo Stabila e dell’azienda Bampo, è nato Taurus, il blocco progettato per il primo sistema brevettato per la muratura armata modulare. Il primo e unico in tutti i sensi. Non esistono pezzi speciali, il blocco è unico, prodotto nel formato 25 cm di spessore x 49 cm di lunghezza, e garantisce la perfetta sovrapposizione della nuova geometria a setti radiali. La geometria è stata studiata appositamente per gaRoller milling of raw material Laminazione della materia prima

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 1 0

45


2-exit 49x25 cm block Blocco 49x25 a 2 uscite

duced in a thickness of 25 cm and length of 49 cm which guarantees the perfect superimposition of the new radial wall geometry. The geometry is specially designed to guarantee total absorption of the seismic stresses generated by the rebars which are located at the centre of the hole and not in line with the joint so as to avoid the risk of expulsion when stressed. In any seismic zone the system allows for: • maximum freedom in terms of distribution layout, • total elimination of structural thermal bridges, • the construction of a loadbearing structure in a short space of time (more than a quarter less time than with the column layout), • excellent system flexibility, • considerable economic savings. The mechanical strength and outstanding design flexibility of the system are largely a result of the following aspects. The starting point is the floor with the insertion of vertical rebars (in the corners and in proximity to the openings). After eliminating the dedicated pre-shaped blocks, the corner block is inserted, an operation that can be performed quickly and intuitively due to the configuration of the openings. Installation is performed just like ordinary loadbearing masonry up to the point at which the block encounters the rebar located at the centre of the hole and not aligned with the joint (to avoid the risk of expulsion when stressed). After completing the first row, the holes that the vertical rebars pass through are filled with suitable cementitious mortar (M10), and lastly the brackets are inserted into the horizontal joint (alternating courses). The production process The clay product manufacturing process has undergone significant technological development in recent years, most notably the extrusion stage and energy saving. This advanced stage begins with the transformation of brickworks, which have abandoned artisan production in favour of automated processes that guarantee quality and control of product characteristics in all stages of the process. The increasingly complex geometries and holes designed to improve thermal insulation and structural properties require a great deal of attention to handling during processing and therefore to the design of sophisticated automated systems that are capable of guaranteeing product control and integrity throughout the entire process. Raw material, excavation and preliminary operations Clay is a natural material that tends to be fairly heterogeneous, so the choice of quarry and excavation fronts are cru-

46

B rick W o rld R eview n. 2/2010

4-exit 25x25 cm block Blocco 25x25 a 4 uscite

rantire il totale assorbimento della sollecitazione sismica indotta dall’armatura collocata nel centro del foro e non in corrispondenza del giunto, questo per evitare la possibile espulsione in fase di sollecitazione. In qualsiasi zona sismica il sistema permette: • la massima libertà dello schema distributivo; • la totale eliminazione dei ponti termici strutturali; • la realizzazione di implacati portanti in tempi ridotti (oltre un quarto in meno rispetto allo schema a pilastri); • un’ottima duttilità di sistema; • un notevole risparmio economico. Resistenza meccanica e grande flessibilità di progetto sono prevalentemente riconducibili ai seguenti aspetti. Si parte dal solaio inserendo l’armatura verticale (negli angoli e in corrispondenza delle aperture). Dopo aver eliminato gli appositi cunei presagomati, si inserisce il blocco ad angolo, dove la configurazione delle aperture permette un inserimento veloce ed intuitivo. La posa avviene come la classica muratura portante ordinaria, fino a quando il blocco non “incontra” l’armatura che viene collocata nel centro del foro e non in corrispondenza del giunto (questo evita la possibile espulsione in fase di sollecitazione). Completata la prima fila, si riempiono i fori, dove passa l’armatura verticale, con idonea malta cementizia (M10), e infine si inseriscono le staffe nel giunto orizzontale (a corsi alternati). Il processo produttivo La produzione del laterizio ha subito negli ultimi anni un forte sviluppo tecnologico in cui soprattutto le fasi di trafilatura e il risparmio energetico hanno avuto le evoluzioni più significative. Questa fase evoluta comincia con la trasformazione delle stesse fornaci, che hanno abbandonato le produzioni artigianali a vantaggio di processi automatizzati, i quali garantiscono qualità e controllo delle caratteristiche e delle prestazioni dei prodotti in tutte le fasi che contraddistinguono il processo. Anche le geometrie e forature sempre più complesse e studiate ai fini del miglioramento dell’isolamento termico e delle proprietà strutturali, richiedono una particolare attenzione alle manipolazioni in fase di lavorazione e, quindi, alla concezione di sistemi automatizzati sofisticati, in grado di garantire il controllo e l’integrità del prodotto durante l’intero ciclo. La materia prima, l’escavazione e le operazioni preliminari L’argilla è un prodotto naturale spesso poco omogeneo; la scelta della cava e dei fronti di escavazione sono operazioni determinanti per la qualità del prodotto finale. La qualità e la potenzialità del giacimento, le eventuali impurità contenute, l’umidità mini-


cial for the quality of the finished product. The quality and potential of the deposit, the impurities contained, and the maximum and minimum moisture contents of the material are aspects that determine the way in which the quarry is to be exploited, the most suitable machines for excavation and transport, the technology of the plant and in particular the end characteristics of the product. Systematic analyses of the nature of the raw material (chemical, mineralogical, particle size, plasticity, suitability for drying and efflorescence, etc.) are essential to establish in advance the mixtures or corrective agents to be used. The quality of the raw material is guaranteed by quarries that are constantly monitored and undergo preliminary deposit preparation. The various processing stages performed in the factory (essentially feeding, mixing, crushing, refining, wetting and homogenisation) allow for the production of a uniform paste that guarantees cost-effective processing and a finished material with high technical value. The raw material used in the process has a very fine particle size and contains clay minerals of various kinds with a prevalence of kaolinitic, chloritic, montmorillonitic and illitic/micaceous minerals. There is a significant presence of typical iron oxides and hydroxides. Non-clay components include the presence of α-quartz and abundant quantities of calcite, particularly suitable for the production of ceramic frits with high-quality characteristics as a result of reactions between the products of dehydroxylation of clay minerals and products of the thermal decomposition of carbonates. Shaping and handling prior to firing This stage includes product shaping by extrusion and all op-

ma e massima del materiale sono elementi che determinano i modi di sfruttamento della cava stessa, le macchine più adatte per lo scavo ed il trasporto, la linea tecnologica dell’impianto e, in particolare, le caratteristiche finali del prodotto. Le analisi sistematiche sulla natura della materia prima (chimiche, mineralogiche, granulometriche, di plasticità, di attitudine all’essiccazione ed all’efflorescenza, ecc.) sono indispensabili per stabilire a priori eventuali miscele o i correttivi da impiegare. La qualità della materia prima è garantita da cave che sono costantemente monitorate e sottoposte a lavorazioni di preparazione del giacimento. Le varie fasi della lavorazione, schematizzabili in alimentazione - miscelazione - frantumazione “raffinazione” - bagnatura - omogeneizzazione presenti negli stabilimenti, permettono la realizzazione di un impasto uniforme che garantisce una lavorazione economica e un materiale finito di alto valore tecnico. La materia prima impiegata nelle lavorazioni è di notevole finezza granulometrica e contiene minerali argillosi di varia natura con prevalenza degli argillosi di tipo caolinitico, cloritico, montmorillonitico, illitico/micaceo. Significativa la presenza dei tipici ossidi ed idrossidi di ferro. Fra le componenti non-argillose si riconosce la presenza di α-quarzo e abbondanti quantità di calcite, particolarmente adatta per la produzione di ceramici finiti con caratteristiche qualitative quale risultato delle reazioni fra i prodotti di deossidrilazione dei minerali argillosi con i prodotti della decomposizione termica dei carbonati. La formatura e la movimentazione del crudo La fase comprende la formatura del prodotto per estrusione e tutte le operazioni relative alla presa e al carico del materiale prodotto da avviare all’essiccatoio. La formatura viene eseguita per trafilatura; il materiale prodotto viene quindi tagliato nelle misure ri-

ADVERTISING


erations concerning collection and loading of the material to be sent to drying. Shaping is performed by extrusion. The resultant material is then cut to the required size, grouped and loaded automatically onto the support equipment to be sent to the subsequent drying stage. The innovative paste extrusion process is significant but also very delicate. For the operation of shaping the innovative Taurus block for reinforced masonry, an important partnership has been established with Tecnofiliere of Novi di Modena, a company specialising in the design and construction of all the equipment required in the extrusion stage. In this specific case, model CF2 Evolution dies are used. These dies have a consolidated construction that is widely adopted for this new kind of product. The characteristics and shapes of the exits are all designed with a special drilled section (blue zone in the die templates in the photos) with optimal shapes for the creation of reinforced structures during the piece application stage. The templates are made from special hardened and/or chrome-plated steel with high wear and corrosion resistance. Drying The key characteristics of the process are the controlled drying times with precise definition of a drying curve (with different variations in temperature and humidity as a function of time). This is because a body composition with a particularly high content of plastic minerals results in a very slow drying curve (as evidenced by the well-known Bigot and Bourry diagrams). This delicate stage is performed by means of an automatic process that allows for rigorous control of the relative humidity of the drying environment. This in turn makes for controlled evaporation of the water contained in the body and linear shrinkage of the material, assuring high quality standards and the absence of defects due to body composition or shrinkage.

chieste, raggruppato e caricato automaticamente sulle attrezzature di supporto da inviare alla successiva fase di essiccazione. Molto delicato, e sicuramente significativo, l’innovativo processo di estrusione della pasta. Per quanto riguarda la fase di formatura dell’innovativo blocco Taurus per muratura armata, molto significativa è la collaborazione instaurata con Tecnofiliere di Novi di Modena, specializzata nella progettazione e costruzione di tutti gli apparati necessari alla fase di estrusione. Nello specifico vengono utilizzate filiere modello CF2 Evolution. Per le specifiche caratteristiche realizzative, la filiera è riconducibile in una tipologia consolidata che trova una sua significativa destinazione proprio in questo nuovo prodotto. Le caratteristiche e le forme delle uscite sono state tutte progettate con una foratura speciale (zona blu della mascherina delle filiere in foto) che consente, in fase di applicazione dei pezzi, l’ottenimento di sagome ottimali per la realizzazione delle strutture armate. Le mascherine sono state realizzate con acciai speciali temprati e/o cromati ad elevata resistenza all’usura e alla corrosione. L’essiccamento Caratteristiche principali del processo sono tempi di essiccamento controllati con precisa definizione di una curva di essiccamento (diversa variazione di temperatura e umidità relativa in funzione del tempo), in quanto la composizione dell’impasto particolarmente ricco di minerali plastici determina una cinetica di essiccamento molto lenta (evidenziabile e definibile attraverso i ben noti diagrammi di Bigot e Bourry). La delicata fase viene condotta attraverso un processo automatico che consente un rigoroso controllo dell’umidità relativa dell’ambiente di essiccamento, garantendo una evaporazione controllata dell’acqua contenuta nell’impasto e un ritiro lineare uniforme del materiale, e consentendo così un elevato standard qualitativo e assenza di difettologia dovuta sia alla composizione della pasta che dei ritiri. La cottura

The final transformation into a stable clay product is a result of the various physical and chemical changes experienced by the mineral components due to temperature. The products are fired in a tunnel kiln, which consists of a tunnel closed at the ends by a system of double doors inside Al2(OH)4Si2O5.2H2O(s) which cars run continuouskaolinite ly. The tunnel contains the 3(Al2O3.2SiO2(s)) burners for the introduction metakaolinite of fuel (natural gas) so as to CaCO3(s) establish a given thermal calcite curve along the length of Al O .2SiO + CaO(s) 2 3 2(s) the entire kiln. The materials metakaolinite + calcium oxide therefore undergo a preheating / firing / cooling cycle and are transformed into fired products. The hottest zones of the kiln reach the temperature required for ceramic bonds to form within the product’s structure. The table shows the main chemical reactions that occur in the ceramic firing process to create stable products.

La trasformazione definitiva in laterizio stabile avviene attraverso diverse modificazioni fisiche e chimiche che subiscono i componenti minerali per effetto della temperatura. I prodotti vengono cotti in un forno a “tunnel” costituito da una galleria, chiusa alle estremità da un sistema di porte doppie, entro la quale scorrono dei carrelli a ciclo continuo. Nella galleria sono presenti dei bruciatori per l’immissione di combustibile (gas metano), in modo da realizzare una determinata “curva” terAl2O3.2SiO2(s) + 2H2O(v) 500°C mica lungo tutto il formetakaolinite no. I materiali vengo3Al2O3.2SiO2(s) + 4SiO2(s) 1200°C no così sottoposti a un mullite + amorphous silica ciclo di preriscaldaCaO(s) + 4CO2(g) mento - cottura - raf700-800°C calcium oxide freddamento, trasforCaO.Al2O3.2SiO2(s) mandosi definitiva> 800°C anorthite mente in prodotto cotto. Nelle zone più calde del forno si raggiunge la temperatura necessaria perché si formino i legami ceramici nella struttura del prodotto. Nella tabella lo schema sintetico delle principali reazioni chimiche che avvengono nel processo di cottura ceramico e che determinano il consolidamento dei pezzi.

Packaging, storage, shipment

Imballaggio, stoccaggio, spedizione

After being unloaded from the kiln cars, the products are packaged with plastic straps and wrapped with sheets of shrink-wrapped polyethylene. The packaged packs are then sent to the storage yard ready for loading onto trucks (JF)  for delivery.

I prodotti, scaricati dai carri del forno, vengono confezionati con reggia di plastica e avvolti con fogli di polietilene termoretraibile. I pacchi, così confezionati, vengono avviati al piazzale di deposito, pronti per essere caricati sui mezzi di trasporto per la consegna. 

Firing

48

B rick W o rld R eview n. 2/2010



Iran: fast-firing roof tile production Alessandro Petroncini - Sacmi Imola (Italy)

Iran: produrre tegole con ciclo rapido On a desert plateau 2,200 metres above sea-level in central Iran lies the city of Yazd and, in the immediate vicinity, overlooked by the peak of Shir Kuh mountain, stands the headquarters of Kashi Shirkouh Yazd, a well-established manufacturer of pressed ceramic tiles, also engaged in clay roof tile production. Three different lines operate simultaneously on the site to produce Portuguese roof tiles, Dutch roof tiles and Marseilles roof tiles for a total of 23,700,000 pieces/year. The three products, which represent the technological state of the art in the roof tile industry, are identical to conventional roof tiles, but they are manufactured utilising high-speed production cycles. Designed to be handled directly on rollers during the drying and firing stages, at the time of installation on the roof they can be simply interlocked to hold them in place, with no need for nails or screws. For its roof tile production activities, the Iranian manufacturer has opted for Espresso Rooftile technology developed by Sacmi, the distinctive feature of which consists in the use of high-speed roller dryers and kilns. The production cycle of an Espresso Rooftile plant lasts just 220 minutes overall, for post-firing thicknesses from 10-11 mm up to 30 mm, de-

technology

Dryer exit: glazing machine feeding Uscita essiccatoio: alimentazione smaltatrice

50

B rick W o rld R eview n. 2/2010

Nel cuore dell’Iran, su un altopiano desertico a 2200 metri sul livello del mare, sorge la città di Yazd e, nelle immediate vicinanze, circondato dalle vette del Monte Shirkouh, ha sede lo stabilimento di Kashi Shirkouh Yazd, affermata realtà produttiva nel campo delle piastrelle pressate e particolarmente attiva anche nel campo delle tegole in laterizio. In questo sito produttivo vengono prodotte contemporaneamente, su tre linee differenti, tre diverse tipologie di tegole - portoghese, olandese e marsigliese - per un totale di 23.700.000 pezzi/anno. I tre prodotti, che rappresentano il fiore all’occhiello dell’odierna ricerca tecnologica nel settore, hanno l’aspetto di tegole tradizionali, ma vengono realizzate con cicli di produzione rapidi. Progettate per poter essere movimentate direttamente su rulli durante le fasi di essiccazione e cottura, nella fase di posa sul tetto possono essere agganciate e incastrate senza l’ausilio di chiodi o viti. Per la realizzazione di queste tegole, l’azienda iraniana ha scelto la tecnologia Espresso Rooftile sviluppata da Sacmi, la cui peculiarità consiste appunto nell’impiego di essiccatoi e forni a rulli rapidi. Il ciclo produttivo di un impianto Espresso Rooftile, infatti, è di circa 220 minuti complessivi, con spessori che variano da 10-11 mm fino a 30 mm dopo la cottura, a seconda della tipologia di tegola. Portuguese roof tile dryer entrance Ingresso essiccatoio tegola portoghese


pending on the tile type. The body, which is composed of schistose clay, is mixed with feldspar and chamotte during the premixing process prior to dry grinding in a hammer mill. The low moisture content of the raw materials and the dry desert climate create ideal conditions to keep moisture contents at no more than 6-7% even in the winter months, thus ensuring high efficiency of the dry grind procedure. Thanks to the relatively low firing temperatures (1100-1120° C), typical of the highspeed roller kiln, the use of potassium feldspar acts as an excellent deterrent against black coring at the time of preheating during the firing stage, and facilitates the expulsion of water during drying. The technological solution proposed and implemented by Sacmi guarantees a fast production cycle and utilises a revolutionary new 3-layer roller dryer in conjunction with an upgraded version of the tried and tested roller kiln. Production line Brought on stream over a period of 5 months, the plant initially produced 22,600 pieces/day of Marseilles roof tiles, after which the other roof tile shapes, i.e. the Dutch and Por-

L’impasto, composto da argilla scistosa, in fase di premiscelazione viene additivato con feldspato e chamotte, prima della macinazione a secco ottenuta con un mulino a martelli. Le materie prime a bassa umidità e il clima secco desertico sono condizioni ideali per conservare i tenori di umidità su livelli che non superano mai il 6-7% anche nella stagione invernale, mantenendo elevati i rendimenti del processo di macinazione a secco. Grazie a temperature di cottura relativamente basse (1100-1120° C), tipiche del forno rapido a rulli, l’utilizzo di feldspato potassico agisce come ottimo deterrente contro la formazione di cuore nero in fase di preriscaldo in cottura, e facilita l’espulsione dell’acqua durante l’essiccazione. La soluzione tecnologica proposta e realizzata da Sacmi garantisce la rapidità del ciclo produttivo e si compone di un innovativo essiccatoio a rulli a tre piani e di un’evoluzione del collaudatissimo forno a rulli. La linea di produzione Avviato nell’arco di 5 mesi, l’impianto ha prodotto inizialmente 22.600 pezzi/giorno di tegole marsigliesi, successivamente sono state prodotte le altre geometrie, la tegola olandese e quella portoghese, senza alcuna flessione di produttività. Marseilles roof tile kiln exit Uscita forno tegola marsigliese

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 10

51


Kilns entrance Ingresso forni

tuguese roof tiles, came on stream without any dip in output. The first section of the plant consists of the dry-grind process, handled by two hammer mills with a total throughput capacity of between 16 and 18 ton/h, and a batch mixer for each line, in which the clay body is premixed and amalgamated with water. The material is then discharged into a box feeder that provides temporary storage for feeding of the extruder. It is here that the bats are extruded and cut, after which they are pressed by a 6-die roll press in compliance with the required geometries. The shaped tiles are now placed on steel supports and conveyed to the drying stage, which takes place with the tiles on metal trays, in the 50 m 3-layer high-speed roller dryer, with a 110 minute drying cycle. Firing takes 97 minutes and is performed in a single-layer roller kiln, 70 m in length and without refractory supports. The tiles are conveyed in direct contact with the rollers, allowing 22,600 pieces/day of each roof tile type to be fired for a total of 67,800 pieces/day, corresponding to daily consumption of approximately 300 tonnes of raw material. All tile types can be produced with or without glazes, which can be either matt or gloss, in a range of colours. The body utilised for the three types of roof tiles has a bright red colour without smearing, black core or other defects. The good properties of local Iranian raw materials make it possible to achieve good margins in drying and firing processes and, more importantly, excellent final physical-ceramic performance. Flexural strength is significantly higher than 300 kg/cm2 with a percentage water absorption value of 8%. The Kashi Shirkouh plant is a fine example of innovation applied to a traditional product that is now produced utilising completely revised process technology - the previously missing link between a traditional brickworks and a ceramic tile plant. (JF) 

Glazing Smaltatura

52

B rick W o rld R eview n. 2/2010

La prima parte dell’impianto è composta dalla macinazione a secco, costituita da 2 mulini a martelli di capacità produttiva complessiva da 16 a 18 ton/h, e da un mixer discontinuo per linea in cui l’impasto viene premiscelato e amalgamato con acqua. Il materiale viene poi scaricato in un cassone alimentatore che funziona da stoccaggio materiale temporaneo per l’alimentazione dell’estrusore. Qui vengono estruse e tagliate le gallette, poi pressate con una pressa a tamburo a sei stampi, secondo le geometrie designate. I pezzi vengono posati su supporti di acciaio e avviati all’essiccazione, effettuata su telai metallici di supporto, all’interno dell’essiccatoio rapido a rulli, lungo 50 m e realizzato su tre piani, con un ciclo di essiccazione di 110 minuti. La cottura richiede un tempo di 97 minuti, in forno a rulli monostrato lungo 70 m, senza supporti refrattari. La movimentazione delle tegole avviene direttamente a contatto con il piano rulli, permettendo di cuocere 22.600 pezzi/giorno per tipologia di tegola, per un totale di 67.800 pezzi/giorno, che corrisponde a un consumo giornaliero di materie prime pari a circa 300 tonnellate. Tutte le tipologie di tegole possono essere prodotte con o senza smaltatura. Gli smalti utilizzati possono essere sia opachi che lucidi, con colorazioni differenti. L’impasto utilizzato per le 3 tipologie di tegole presenta una colorazione rossa intensa senza sbavature, cuore nero o altri difetti. Le buone caratteristiche delle materie prime locali iraniane permettono di avere buoni margini nei processi di essiccazione e cottura e soprattutto ottime prestazioni fisico-ceramiche finali. La resistenza alla flessione supera abbondantemente i 300 kg/ cm2 con assorbimenti percentuali di acqua dell’8%. L’impianto di Kashi Shirkouh rappresenta un eccellente esempio di innovazione impiantistica applicata ad un prodotto tradizionale realizzato ora con una nuova tecnologia di processo: l’anello di congiunzione tra la fornace tradizionale e un impianto per piastrelle. 



Brick and roof tile decoration Fulvio Masini - Officine Smac, Fiorano Modenese (MO) - Italy

La decorazione

technology

di tegole e mattoni The practice of decorating roof tiles and facing bricks began in the late 1970s, when liquid engobes were first applied using simple processes such as immersion. Flame-effect and aged-effect decoration, by contrast, enjoyed a boom in the early 1990s when many European cities undertook projects to restore historic buildings, and the city councils laid down regulations dictating that the restoration work should maintain an appearance as close as possible to the original. The resultant research into materials involved the entire range of bricks and roof tiles and building materials in general and led to the development of new products that imitated a timeworn, aged effect. These results were initially achieved using single or multi-colour flame effects applied with time-programmed spray guns. However, the need for more realistic effects Examples of glazed roof tiles led to the study of dry apEsempi di tegole smaltate plications which have the advantage of a more accurate imitation of natural ageing effects. Using this kind of application it is possible to reproduce stains and shades deriving from years of climatic variations as well as the appearance of moss and lichens, with the added advantage of being able to create thickness effects. The trend in this sector of decoration in recent years has been towards the increasing use of gloss glazes, due to the growth of markets such as North Africa and the Middle East, and towards a closer focus on and research into the decoration of facing bricks, especially in central and northern Europe. In terms of plant engineering, furthermore, increasing priority is being given to maximising the autoSIT/7 disc booth mation of factories, Cabina a disco modello SIT/7 through the design of fully

54

B rick W o rld R eview n. 2/2010

La decorazione di tegole e mattoni faccia a vista iniziò verso la fine degli anni ’70 con le prime applicazioni di ingobbi liquidi con semplici processi quali l’immersione. La decorazione per l’ottenimento di effetti fiammati e di invecchiamento, invece, ha il suo boom agli inizi degli anni ‘90 quando, nella maggior parte delle città europee, ha inizio una fase di recuperi architettonici di edifici storici, con vincoli dettati dalle pubbliche amministrazioni che impongono ricostruzioni il più possibile verosimili con l’originale. Iniziano quindi studi sui materiali da utilizzare che coinvolgono l’intera gamma dei laterizi e dei materiali da costruzione in genere e che portano alla realizzazione di prodotti nuovi che imitano prodotti segnati dal tempo (effetto invecchiato). Inizialmente questi tipi di effetti venivano realizzati tramite fiammature di uno o più colori con utilizzo di aerografi temporizzati. La richiesta però di avere effetti più similari alla realtà ha portato allo studio di applicazioni con polveri, che hanno il vantaggio di poter imitare gli effetti naturali del tempo in modo più accurato. Con questo tipo di applicazioni si andranno quindi a ripetere tutte quelle macchie e stonalizzazioni dovute ad anni di variazioni climatiche ed efflorescenze come muschi e licheni, con il vantaggio di poter realizzare anche effetti a spessore. Negli ultimi anni, in questo settore della decorazione, il trend va verso l’utilizzo sempre maggiore di smalti brillanti, dovuto alla crescita di mercati come il Nord Africa e il Medio Oriente, e verso una maggiore attenzione e ricerca nel campo della decorazione dei mattoni faccia a vista, specialmente nel Centro e Nord Europa. A livello impiantistico, inoltre, sempre in aumento è l’attenzione verso la maggiore automazione possibile delle fabbriche, con la progettazione di impianti


automated plants, thus minimising wasted materials and unnecessary payroll costs.

gestiti automaticamente in tutte le loro parti evitando al massimo sprechi di personale e materiali.

Uniform coating of roof tiles and accessories with glazes and engobes

Copertura uniforme di tegole ed accessori con smalti e ingobbi

Uniform coating by means of rotary atomisation with disc La copertura uniforme tramite nebulizzazione centrifuga con booths is by far the most widely used method of decoral’utilizzo di cabine a dischi è in assoluto il metodo di decorazione tion. più utilizzato. Rotary diffusion of the glaze/engobe occurs by means of La diffusione centrifuga dello smalto/ingobbio avviene per mezzo the high speed rotation of disc packs of different diameters di rotazione ad alta velocità di pacchi disco di diversi diametri e diand designs, equipped with unsegni, dotati di dischi ondulati o scadulating or grooved discs. The ronalati. Le unità centrifughe hanno tary units are of direct load type. un traino diretto. La rotazione può The direction of rotation can be avvenire in senso orario o antiorario, either clockwise or anti-clockwise, per avere maggiore controllo sulla for increased control over direcdirezione del getto di smalto, e viene tion of the glaze jet, and is selectselezionata tramite l’apposito seleted by means of the appropriate tore posto sul quadro di comando. selector located on the control Le unità centrifughe vengono alipanel. The disc units are fed via mentate tramite tubi forati porta perforated glaze/engobe pipes smalto/ingobbio, collegati a una connected to a centrifugal pompa centrifuga. pump. Questo metodo è cresciuto enormeThis system is increasingly widely mente e viene riconosciuto come il Examples of decorated bricks used and is now recognised as migliore per la copertura uniforme Esempi di mattoni decorati the best method for uniform coatcon smalti/ingobbi, sia dei pezzi staning with glaze/engobe, both for dard sia della sempre più crescente standard pieces and for the ever increasing array of trim varietà di pezzi speciali. pieces. Smac, per questo tipo di applicazione, utilizza macchine compatFor this type of application, Smac uses compact machines te, nelle quali il disco rimane all’interno e l’azionamento (motorizon which the discs remain within the machinery and the zazione) all’esterno. Per evitare la presenza di zone non smaltate drive system is external. To ensure queste cabine hanno la possibilità di that no areas are left unglazed, numerose regolazioni sia dell’inclithese booths offer a range of adnazione del disco sia dell’inclinaziojustments, including adjustment ne dell’intera struttura in lamiera of the inclination both of the disc (torri superiori e laterali), oltre alla and of the entire metal structure già citata possibilità di rotazione del (top and lateral towers), in addidisco nei due sensi. tion to the previously mentioned possibility of setting the direction Per andare incontro al sempre più of disc rotation. crescente numero di pezzi speciali/ To cater for the growing number of trim pieces and accessories coming into production, and to facilitate the uniform application

Examples of decorated bricks Esempi di mattoni decorati

accessori e per facilitare l’applicazione uniforme di smalti brillanti, Smac nell’ultimo anno ha sviluppato e presentato il nuovo modello di cabina a disco modello SIT/7.

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 1 0

55


of gloss glazes, in the past year Smac has developed and presented the new SIT/7 disc booth. This new model is the most advanced machine on the market for uniform glazing of roof tiles and accessories. SIT/7 features three upper and four lateral rotary units, so as to ensure the highest standards of application on Examples of decorated bricks the surface of the piece. All Esempi di mattoni decorati the rotary units can be adjusted for height, inclination and spray angle. The large number of disc packs and the high degree of adjustability ensure optimum glaze application, because each disc pack applies a smaller quantity of glaze but with a higher degree of atomisation. What’s more, the layout of the seven rotary units ensures perfect coating of a comprehensive range of accessories and trim pieces. The machine can also be equipped with a new, automated cleaning system, which thoroughly washes all the internal parts of the booth in just a few minutes, before automatically recovering any unused glaze and disposing of the waste water. This translates into extremely quick changeovers of production type and colour, with a minimum of operator intervention. The margin for error with this method is also extremely low, and the system is not subject to downtimes caused by clogging of the nozzles. Due to constant glaze/ engobe quality parameters and the constant speed of the line, the weight of glaze applied is always uniform. To obviate the need for quantity adjustments, the machine is supplied with a calibrated-nozzle feeding device, which ensures a constant flow of product to the rotary units.

Questa macchina rappresenta quanto di più avanzato possa offrire oggi il mercato nel campo della smaltatura uniforme di tegole e accessori. SIT/7 è caratterizzata da 3 unità centrifughe superiori e 4 laterali, per ottenere la migliore applicazione possibile sulla superficie dei pezzi. Tutte le singole unità centrifughe sono regolabili in altezza, inclinazione e angolo di incidenza. L’alto numero di pacchi disco e le numerose possibilità di regolazione, permettono un’ottima stesura dello smalto in quanto ogni singolo pacco disco applicherà quantità minori ma con maggiore nebulizzazione. Inoltre, grazie alla disposizione delle 7 unità applicative potrà essere garantita la perfetta copertura dell’intera gamma di pezzi speciali e accessori. La macchina, inoltre, può essere equipaggiata con un nuovo sistema automatico di pulizia, che permette di ottenere in pochi minuti un ottimo lavaggio di tutte le parti interne della cabina con recupero automatico dello smalto e scarto delle acque di lavaggio. Questo si tradurrà in estrema rapidità dei cambi di produzione e colore con il minimo utilizzo dell’intervento dell’operatore. La possibilità di errore con questo metodo applicativo è molto bassa, inoltre, questo sistema non è soggetto a interruzioni dovute all’intasamento degli ugelli. Con costanti parametri di qualità smalto/engobbio e costante velocità della linea, il peso applicato risulta sempre uniforme. Per evitare regolazioni sulla quantità , la macchina viene fornita con un dispositivo di alimentazione ad ugelli calibrati che assicura la costanza di prodotto inviato alle unità centrifughe.

Decoration of facing bricks In recent years there has been an increase in the need and demand for decoration on facing bricks. The application of coloured, liquid engobes is still the most widely used method. Air spraying involves the use of automatic or semi-automatic spray guns fed with both liquid and air at low pressure, which atomise the liquid and apply it to the pieces. The glaze is normally supplied to the gun by means of a centrifugal pump fitted with a pressure gauge to control the glaze/engobe pressure. The quantity of glaze/engobe ap-

56

B rick W o rld R eview n. 2/2010

Stablidry machine for dry applications Macchina per applicazioni a secco modello Stablidry

Decorazione dei mattoni faccia a vista Negli ultimi anni è in aumento la richiesta e la necessità di decorazione sulle superfici di mattoni faccia a vista. La spruzzatura di ingobbi liquidi colorati è il metodo tuttora più utilizzato. La spruzzatura con aria prevede l’utilizzo di pistole automatiche o semiautomatiche che, alimentate sia con liquido sia con aria a bassa pressione, permettono una nebulizzazione del prodotto liquido che viene poi applicato sui pezzi. L’alimentazione dello smalto alle pistole avviene solitamente per mezzo di una pompa centrifuga sul cui circuito viene applicato un manometro per il controllo della pressione di alimentazione dello smalto/ingobbio. La quantità di smalto/ingobbio applicato sul pezzo varia inoltre al variare del diametro degli ugelli utilizzati. L’alimentazione dell’aria di nebulizzazione viene con-


plied to the piece also varies according to the nozzle diameter. The atomising air supply is controlled by a pressure reducer which allows for variations ranging from a “cloudy” effect (imitating shadows and colour variations produced by exposure to the elements) to a “dripping” effect (imitating moss, lichen and other natural efflorescences). The spray guns usually move transversely with respect to the direction of movement of the piece, and speed of movement is controlled by an inverter or mechanical variator. Spraying intervals are controlled by setting the desired spray gun work and pause times on an electrical control panel. In this area of decoration, a wide variety of installations exists, offering an equally wide range of control facilities: • spraying system with one or more spray guns, with one colour per gun (single-colour system); • spraying system with four-colour spray gun (patented Multicolor® system); • spraying system for up to four colours with electronic management on a Windows platform; this system also controls the spraying area (Multipoint system).

trollata da un riduttore di pressione che permette una variazione che va da un effetto di tipo “nuvolato” (per imitazioni di ombre e variazioni di colore dovute agli agenti atmosferici nel tempo) ad un effetto di tipo “gocciolato” (per imitazioni di muschi, licheni ed altre efflorescenze naturali). Le pistole sono solitamente movimentate in modo trasversale rispetto al senso di avanzamento del pezzo e la velocità del movimento viene controllata da inverter o da variatore meccanico. L’intermittenza della spruzzatura viene gestita da quadro elettronico nel quale andranno inseriti tempi di pausa e lavoro dell’aerografo. In questo settore della decorazione esiste un’ampia varietà di installazioni con un ampio range di possibilità di controllo: • sistema di spruzzatura con uno o più aerografi, con un colore per ogni pistola (sistema monocolore); • sistema di spruzzatura con aerografo a 4 colori (sistema brevettato Multicolor®); • sistema di spruzzatura fino a 4 colori con gestione elettronica in ambiente Windows, con controllo della zona di spruzzatura (sistema Multipoint). La decorazione con polveri

Dry decoration The need for more realistic effects has led to the study of dry applications, which have the advantage of a more accurate imitation of natural ageing effects. The combination of spray gun flame and dry application techniques creates an even wider range of effects, with even more realistic results. Dry decoration is mainly performed with coloured powder engobes, with variable particle size according to the desired final effect. These colours are readily available on the market, are moderately priced and do not require a partic-

La richiesta di avere effetti sempre più similari alla realtà ha portato allo studio di applicazioni con polveri, che hanno il vantaggio di poter imitare gli effetti naturali del tempo in modo più accurato. La gamma di effetti è ancora più ampia quando le due tecniche di fiammatura con aerografi ed applicazione di polveri vengono sommate sul pezzo, creando così realizzazioni il più naturali possibili. I colori utilizzati per la decorazione a secco sono in maggior parte normali ingobbi in polvere, di granulometria più o meno fine a seconda degli effetti finali che si vorranno ottenere. Si tratta di prodotti di facile reperibilità sul mercato, che hanno costi

ADVERTISING

E-mail: info@gieffesystems.it


ularly demanding preparation process. Dry decoration can be performed both on dried pieces on the glazing line and on green pieces immediately after extrusion and before cutting, due to the reduced dimensions of the application devices. One of the main limitations of these techniques, to date, has been the impossibility of drydecorating all three of the visible sides of the brick. Officine Smac has now patented a new range of models known as Stablidry, which enable the use of a wide range of dry applications on all the visible sides of bricks. Gravity powder application using machines with perforated feeders is the most widely used system in the field of brick and roof tile decoration. These are relatively simple, lowmaintenance plants that are usually installed with two or more colours at the end of the dried piece colouring line. On the basis of its 30 years of experience in this field, Smac has developed this method, made it transferable to the decoration of bricks, and overcome the problem of not being able to decorate all three visible sides. With this method, the engobe powder is loaded into a collecting tank equipped with feeding screw. Bucket elevators are then used to transport the powder upwards into a feeding container, the bottom of which is perforated according to the desired pattern of decoration. This type of machine has three feeders: a top feeder for the horizontal side of the piece and two lateral feeders for the vertical sides. Inside the top feeder, a series of feeding blades forces the powder through the holes and causes it to drop onto a pair of vibrating sieves. These sieves have a given mesh number to make the colour even more uniform and to create the desired effect on the transiting piece. The lateral feeders, meanwhile, cause the powder to fall onto a special, patented applicator, whose job is to decorate the vertical side of the piece in transit. Excess powder is collected in a tank underneath and fed back into the processing cycle. Furthermore, a hot air heating device located on the bucket elevator contributes to keeping the powder in optimum physical condition. Numerous final colour effects can be achieved depending on the many possible adjustments and variables such as:  transport speed  blade rotation speed and intermittence time  quantity, layout and diameter of the feeder holes  quantity of material inside the feeder  mesh number of the screens  use, vibration and movement of the sieves. The final effect on the piece is random. The variations in motor speed may be manual, controlled by a mechanical variator or controlled by an inverter. The electric control panel can be equipped with an integrated PLC, making it possible to record parameters in dedicated “product recipes” which can easily be programmed and called up whenever required. This assures total repeatability of the product as operator intervention is limited to loading the powder into the feeding tanks. Plants with a number of colours will also be equipped with independent collecting tanks and conveyors, which are intentionally interrupted to avoid contamination between the various colours. Using this method, it is possible to obtain final effects such as concentrated points, diffused splashes and uniform coverage effects. This type of machine is also extremely compact. It can therefore be installed in existing areas not originally designed to accommodate decoration equipment, such as at the exit from the extruder or cutter. (JF) 

58

B rick W o rld R eview n. 2/2010

contenuti e che non necessitano di particolari attenzioni nella preparazione. La decorazione con polveri può essere fatta sia sui pezzi essiccati, sulla linea di smaltatura, sia sui pezzi “verdi”, anche prima della taglierina, cioè sul filone in uscita dalla filiera, anche grazie al limitato spazio di cui si necessita. Uno dei problemi principali di queste tecniche, fino ad oggi, è stato il limite di non poter andare a decorare con polveri tutti e tre i lati visibili del mattone. Officine Smac ha brevettato le nuove macchine modello Stablidry che permettono svariati tipi di applicazioni di polveri su tutti i lati visibili dei laterizi. L’applicazione di polveri a caduta, con macchine dotate di dosatori forati, è la più utilizzata nel campo della decorazione delle tegole e dei laterizi in generale. Si tratta di impianti relativamente semplici, a bassa manutenzione, che solitamente vengono installati, a due o più colori, alla fine della linea di colorazione dei pezzi essiccati. Partendo da una trentennale conoscenza in questo campo, Smac ha sviluppato questo metodo per renderlo utilizzabile anche nella decorazione dei mattoni e soprattutto superando il problema di non poter decorare tutti e tre i lati visibili. Con questo metodo la polvere di ingobbio viene caricata all’interno di una vasca di raccolta dotata di coclea di alimentazione e quindi, grazie ad appositi nastri elevatori a tazze, viene trasportata verso l’alto e caricata automaticamente in contenitori di alimentazione, chiamati dosatori, dotati di fondo opportunamente forato in base al tipo di decorazione voluta. I dosatori presenti in questa tipologia di macchine sono tre, di cui uno superiore per il lato orizzontale del pezzo e due laterali per i lati verticali. All’interno del dosatore superiore operano una serie di spatole che costringono la polvere a passare attraverso i fori e a cadere sopra ad una coppia di setacci vibranti che, grazie a delle reti con determinati numeri di maglie, distendono ulteriormente il colore creando l’effetto voluto sul pezzo in transito. I dosatori laterali, invece, fanno cadere la polvere su di uno speciale applicatore brevettato che avrà il compito di decorare il lato verticale del pezzo in transito. La polvere in eccesso viene raccolta nella vasca sottostante per poi essere rimessa in circolo. Inoltre, un dispositivo di riscaldamento ad aria calda, posto sull’elevatore a tazze, contribuisce a mantenere la polvere nelle sue condizioni fisiche ottimali. Gli effetti cromatici finali sono numerosi e dipendono dalle numerose regolazioni e variabili possibili come:  la velocità del trasporto,  la velocità e il tempo di intermittenza della movimentazione delle spatole,  quantità, disposizione e diametro dei fori del dosatore,  quantità del materiale all’interno del dosatore,  numero di maglie delle reti,  utilizzo,vibrazione e movimentazione dei setacci. L’effetto finale sarà di tipo “random”, cioè casuale sul pezzo. Le variazioni di velocità delle motorizzazioni possono essere di tipo manuale, con variatore meccanico, o gestite da inverter. Inoltre il quadro elettronico di comando può essere dotato di PLC integrato, con la possibilità di memorizzazione dei parametri in apposite “ricette prodotto” facilmente programmabili e richiamabili in automatico all’occorrenza. In questo modo sarà sempre certa l’assoluta ripetibilità dei prodotti in quanto l’intervento dell’operatore è limitato al solo carico della polvere all’interno delle vasche di alimentazione. L’impianto a più colori è dotato inoltre di vasche di recupero indipendenti e linee di trasporto appositamente interrotte per evitare qualsiasi contaminazione tra i vari colori utilizzati. Con questo metodo si potranno ottenere, per esempio, effetti finali come punti concentrati, chiazze diffuse ed effetti di copertura uniforme. Un’altra caratteristica di questa tipologia di macchine è l’estrema compattezza che permette l’installazione anche in tutte quelle realtà precedentamente progettate senza tenere conto dello spazio necessario per decorazioni sui pezzi, come ad esempio  all’uscita della filiera o della taglierina.



Cost reduction by process analysis Regina Vogt - Hans-Lingl Anlagenbau (Krumbach, Germany)

Ridurre i costi con l’analisi di processo

Especially when performing plant modernisation, process analysis is an important procedure for optimising the complete plant in terms of output quality and quantity objectives as well as reducing emissions and consumptions. Lingl offers three key procedures for plant and process optimisation: 1. Analysis of the raw material 2. Process analysis at the dryer 3. Process analysis at the kiln. Analysis of the raw material With this service Lingl now is able to offer the customer an extensive analysis of the processed raw materials. Specialised experts use state-of-the-art laboratory and analysis techniques to perform investigations on the following sectors: • Quantitative mineral analysis • Screen and sedimentation analysis • Chemical analysis as well as determination of the content of organic and inorganic carbon, content of sulphide and total sulphur content, chloride and fluorine content. • Elementary analysis of additives such as porosity enhancers, slag and carboniferous admixtures. • Thermal investigations (simultaneous thermal analysis, dilatometer, laboratory drying, gradient firing). Raw materials analysis is an essential prerequisite for optimal sizing of new units as well as for the dryer and kiln analysis because the properties of individual components deter-

technology

Test apparatus for strength, tensile strength and bending strength Strumento di laboratorio per i test di resistenza

60

B ric k W o rld R eview n. 2/2010

Soprattutto in fase di riammodernamento degli impianti, l’analisi di processo è un prerequisito essenziale per l’ottimizzazione dell’impianto completo e per raggiungere gli obiettivi di miglioramento qualitativo e quantitativo della produzione, oltre che la riduzione delle emissioni e dei consumi. Lingl offre tre procedure chiave mirate all’ottimizzazione del processo e dell’impianto: 1. Analisi della materia prima 2. Analisi di processo all’essiccatoio 3. Analisi di processo al forno. Analisi della materia prima Questo servizio proposto da Lingl consente un’analisi estensiva della materia prima lavorata. Avanzate tecniche di laboratorio e di analisi consentono ai tecnici specializzati di condurre indagini su: • Analisi mineralogiche quantitative • Analisi di filtraggio e sedimentazione • Analisi chimica e determinazione del contenuto di carbonio organico e inorganico, di solfuro, cloruro e fluoro • Analisi elementare degli additivi (agenti di porosità, scorie) • Analisi termiche (analisi termiche simultanee, dilatometri, essiccatoi da laboratorio, cottura a gradienti). L’analisi delle materie prime è un prerequisito indispensabile per un dimensionamento ottimale delle nuove linee e per le analisi sull’essiccatoio e sul forno, dato che le proprietà dei singoli componenti determinano la qualità del prodotto. Se anche solo una Laboratory dryer Essiccatoio da laboratorio


Gas-heated laboratory kiln Forno da laboratorio a gas

Climatic cabinet Cabina climatica

mine product quality. If even just one of the raw materials proves to be unsuitable this may cause serious problems, especially with regard to rapid drying and rapid firing. From the results of the raw material analysis the customer will obtain comprehensive statements on the following, amongst others: • Raw breaking strength and drying sensitivity • Risk of cracks during drying and firing • Reasons for defects in the product • Optimal firing temperature • Suitability of the raw materials for different products • Corrosion potential of the raw material as well as the emissions to be expected during firing. Raw material enthalpy for the calculation of the energy balance of kilns.

delle materie prime risultasse non idonea, questa causerebbe seri problemi specialmente in caso di essiccazione e cottura rapide. Dai risultati dell’analisi delle materie prime, il produttore otterrà informazioni dettagliate, fra l’altro, su: • Resistenza alla rottura in crudo e sensibilità in essiccazione; • Rischio di formazione di crepe durante il ciclo di essiccazione e cottura; • Cause dei difetti nel prodotto finito; • Temperatura di cottura ottimale; • Idoneità delle materie prime per la produzione di prodotti diversi; • Potenzialità di corrosione della materia prima e prevedibili emissioni durante la cottura; • Entalpia della materia prima per il calcolo del bilancio energetico dei forni.

Recommendations for the operational mix can be deduced from these results, enabling the customer to operate its plant in an optimal way with regard to special needs and requirements. Recommendations for the required mix of additives, shortening materials and foreign clays not only improve product quality but also allow for substantial statements with regard to expected emissions as well as to the reduction of energy. The Lingl laboratory is equipped with a laboratory vacuum press, screening machine, sedigraph, simultaneous thermoanalysis, dilatometer, climatic cabinet, dryer, muffle and gradient kiln as well as a strength test apparatus for ceramtechnological analyses. An absolute novelty is the grinding

Dai risultati di tali analisi il produttore può dedurre quale tipo di mix operativo garantisca l’ottimizzazione dell’impianto, in fun-

Material sample supply Campioni di materiali

Laboratory specimen Campioni per il laboratorio

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 1 0

61


Gradient kiln with permanent temperature recording Forno a gradienti con monitoraggio costante della temperature

apparatus which has been developed by Lingl and which is used to determine the grindability of backing bricks. For this purpose Lingl has developed its own measuring technology. Together with the Lingl database which contains a substantial source of countless Lingl plant projects, Lingl also has unique expertise in this technology, allowing it to make statements with regard to the grindability of backing bricks. Process Analysis: Dryer & Kiln Through an analysis of the thermal processes of dryers and kilns, Lingl is able to identify potentials that can be achieved in the course of modernisation procedures. The analyses and calculations are summarised in a measuring report and provide statements on the following focal points: • Raw material properties and suitability • Upstream dryer and kiln technologies • Actual state of dryers and kilns as well as their limits of performance • Energy balance and energy saving potentials • Achievability of the expected performances after modernisation/modification Expected emissions for minimum requirements concerning flue gas cleaning installations. In addition to the analysis, professional consultations are carried out on the customer’s premises. The customer will receive a measurement report of the process analysis performed comprising individual model calculations, results and graphic charts. The comprehensive analyses are combined in order to create a significant picture which will serve as an important instrument prior to modernisation procedures given that the analyses of Lingl are far in excess of a mere survey. Moreover, besides the complete analysis of dryer and kilns, proposals for the improvement of the plant are submitted. Taking into account the upstream technologies of dryers and kilns, the experts assess all relevant factors and establish a detailed energy balance. The individual model calculations can be used to produce potential statements with regard to optimisation procedures. Continuous management of the laboratory’s comparative database allows meticulous forecasts to be made concerning the increase in production capacity, the reduction in energy consumption and emissions as well as the improvement of the product quality. For the erection of new plants, the specifications of the ecological design procedure 2005/32/EG are observed. In order to comply with this procedure, Lingl works out process solutions for the complete energy compound on the production site. (JF) 

62

B rick W o rld R eview n. 2/2010

Reflected light microscopy Microscopia a luce riflessa

zione di esigenze o requisiti specifici. Si possono ricavare raccomandazioni relative alla miscela di additivi più corretta, ai materiali che riducono i cicli di cottura, alla diversa provenienza delle argille, che non solo migliorano la qualità del prodotto, ma consentono anche una riduzione delle emissioni e dei consumi energetici. Il laboratorio Lingl è dotato di pressa a vuoto da laboratorio, vaglio meccanico, analizzatore granulometrico, termoanalisi simultanea, dilatometro, cabina climatica, essiccatoio, forno a muffola e a gradienti, oltre che di apparecchi per i test sulla resistenza. Una novità è la rettificatrice, sviluppata da Lingl e usata per determinare l’idoneità di rettifica dei mattoni; allo scopo l’azienda ha sviluppato anche una propria tecnologia di misurazione e un know how praticamente unico, basato, fra l’altro, sull’ausilio dell’ampio database aziendale che custodisce i dati di innumerevoli progetti realizzati. Analisi di processo: l’essiccazione e la cottura Con l’analisi dei processi termici di essiccatoi e forni, è possible individuare gli obiettivi raggiungibili in fase di riammodernamento dell’impianto. Analisi e calcoli sono sintetizzati nel report di misurazione e forniscono indicazioni sui seguenti aspetti centrali: • Proprietà e idoneità della materia prima; • Tecnologie a monte dell’essiccatoio e del forno; • Stato attuale di essiccatoi e forni e loro limiti prestazionali; • Bilancio energetico e potenziali risparmi dei consumi di energia; • Raggiungibilità dei livelli prestazionali attesi dopo il riammodernamento; • Emissioni prevedibili con i requisiti minimi previsti riguardo ai dispositivi di abbattimento fumi. Terminate le singole analisi, si passa alla consulenza professionale diretta: i risultati dei report di misurazione (che includono modelli di calcolo, risultati e grafici) vengono studiati e incrociati per ottenere un quadro significativo che servirà come strumento su cui basare la successiva fase di ammodernamento per la quale si propongono le soluzioni migliorative ritenute più idonee. Tenendo in considerazione le tecnologie presenti a monte dell’essiccatoio e del forno, gli esperti valutano tutti i fattori rilevanti e stabiliscono un dettagliato bilancio energetico. Grazie alla gestione costante dei database comparativi del laboratorio, è possibile effettuare previsioni meticolose e accurate relativamente all’incremento di capacità produttiva, alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni, e al miglioramento della qualità del prodotto finito. Per l’installazione di nuovi impianti vengono rispettate le specifiche delle procedure di progettazione ecosostenibile 2005/32/EG. 



Torres Group: 60 years of technological evolution Stefano Manca

company profile

Gruppo Torres: 60 anni di evoluzioni tecnologiche Among Italy’s specialist manufacturers of extrusion systems, the name of Torres, based in the Emilia-Romagna region, stands out. Thanks to its painstaking analysis of the dynamics of the production process and the enormous experience it has built up over the years, the company has been able to incorporate a number of major technological innovations into its heavy clay forming equipment. Filiere Torres was founded in 1996 when the Spanish Torres Group acquired Italfiliere Pivetti, thus giving rise to a group which combines the 50 years’ experience in the industry of Torres Dang (a manufacturer of dies and moulds for cement, established in 1951) with the 25 years of know-how in the field of extrusion systems of Italfiliere Pivetti.

Nel panorama italiano dei produttori specializzati in apparati per estrusione emerge un’azienda emiliana che, grazie all’attento studio delle dinamiche legate al processo produttivo e all’enorme esperienza accumulata negli anni, è stata capace di introdurre importanti innovazioni tecnologiche nelle attrezzature utilizzate nella fase di formatura del laterizio. Filiere Torres nasce nel 1996 quando il gruppo spagnolo Torres acquisisce Italfiliere Pivetti, dando vita a un Gruppo che somma i 50 anni di esperienza nel settore di Torres Dang (produttore di filiere e stampi per il cemento nata nel 1951) ai 25 anni di conoscenze nei sistemi per estrusione di Italfiliere Pivetti.

Operating facilities

Il fatturato annuo complessivo del Gruppo Torres è pari a 8-10 milioni di euro, con una quota export del 45%, valori che posizionano il gruppo italo-spagnolo come leader di settore. Le tre unità operative, che occupano un’area complessiva, tra uffici e capannoni, di 5.500 m2, sono situate a Carpi, dove oltre alla struttura amministrativa e commerciale vi è un’officina di primo intervento; a Matera, con direzione, ufficio tecnico di progettazione e officina di produzione; e ad Alfaro (Spagna) dove, oltre alla direzione generale del Gruppo, l’amministrazione e l’ufficio tecnico di progettazione, opera una grande officina di produzione. Il comparto produttivo è composto da un vasto parco macchine, tra cui 5 macchine per elettroerosione a filo, una macchina per taglio ad acqua di ultima generazione con piano di lavoro 2000x6000 mm, una macchina a ossitaglio, 7 frese a controllo numerico (4 a testa verticale e 3 a testa orizzontale), due forni per il trattamento termico dei metalli (tempra), una macchina da ta-

Consolidated annual turnover of the Torres Group amounts to 8-10 million euro, 45% of which comes from exports, making the Italo-Spanish group a leader in the industry. The three operating units, which occupy a total area of 5,500 m2, divided between offices and industrial buildings, are located in Carpi, which has a first-response workshop as well as administrative and commercial offices; Matera, which includes administrative offices, an engineering and design department and a manufacturing facility; and Alfaro (Spain) where there is a large manufacturing facility as well as the Group’s headquarters, administrative offices and design and engineering department. The manufacturing facility comprises a vast fleet of machinery, including five WEDM machines, one latest-generation water-jet cutting machine with a work table of 2000x6000

From left: Giovanni Sandri, Gregorio Torres, Emilio Garcia Da sinistra: Giovanni Sandri, Gregorio Torres, Emilio Garcia

64

B rick W o rld R eview n. 2/2010

Le strutture operative

From left: Luca Caseletti and Roberto Rinaldi Da sinistra: Luca Caseletti and Roberto Rinaldi


BRUCIATORI PER FORNACI

RISPARMIO ENERGETICO - AFFIDABILITÀ - AUMENTO PRODUTTIVO - SICUREZZA

SINCE1965

BRUCIATORI PER FORNACI

via Martiri della Resistenza, 7 20090 FIZZONASCO DI PIEVE EMANUELE - MILANO (ITALY) Tel. +39 02.90.72.27.21/2 Fax +39 02.90.78.16.37 www.fracbruciatori.com info@fracbruciatori.com


mm, one oxyacetylene cutting machine, seven numerical control milling machines (four vertical head and three horizontal head), two kilns for heat treatment of metals (hardening), one machine for cutting steel sheet of up to 50 mm, one bending machine for steel sheet of up to 30 mm and eight welding stations. A visit to the three sites provides a unique opportunity to appreciate the true scale of the group, which recently moved into Algeria with a subsidiary composed of offices, which are already up and running, and an immense manufacturing facility, which is under construction and due to come on stream in 2011. The real strength of the group, made up of Filiere Torres and Torres Dang, comes from the over 70 people who belong to it and, together, ensure its success. The company is headed by Giovanni Sandri in Italy and Gregorio Torres in Spain. The engineering department, tasked with designing all the mechanical structures, has more than a dozen staff, including two chartered engineers. The sales department is headed by the sales director, Luca Caseletti, ably assisted by Roberto Rinaldi, area manager for the Italian HQ, Carlos Alonso Leon and Alberto Morte Arnedo, area managers for the Spanish HQ, and Josè Luis Galdamez, area manager in Portugal. Silvano Nicolini, Matteo Nicolini and Emilio Garcia Sainz support the sales area by overseeing the after-sales service. The group has agents operating in France, Belgium, Poland, Romania, Germany, Slovenia, Albania, Greece and Macedonia, Serbia and Croatia, Ukraine and Russia, Morocco, Tunisia, Algeria, Libya, the Middle East, Argentina, Venezuela, Mexico, Colombia and Chile. Innovation in the blood The tile and brick production process consists of a series of phases in which forming plays a crucial role in determining final product quality. This phase of the production cycle has many complexities, and the knowledge needed to resolve every variable can only be acquired through direct experience and the capacity to adapt, in order to tackle and solve problems, often by the introduction of innovative technical concepts. At Torres, these characteristics are in the blood: ever since launching its “wide-exit” extrusion systems first introduced to Italy by Pivetti in the late 1980s, the company has shown itself capable of introducing major innovations. The EGR system (High-Efficiency Extrusion) is a calculation method based on the organic qualities of the clay, which makes it possible to optimise all the parts involved in

The Engineering Department Ufficio tecnico

50 years of Torres Dang 50 anni della Torres Dang

View of the Spanish plant Interni dell’officina spagnola

66

B rick W o rld R eview n. 2/2010

glio per lamiere fino a 50 mm, una piegatrice per lamiere fino a 30 mm di spessore e 8 stazioni di saldatura. Una visita alle tre sedi offre un’occasione unica per rendersi conto della reale struttura del gruppo che, di recente, è “sbarcato” anche in Algeria con una filiale composta da uffici già operativi e un imponente reparto produttivo in fase di allestimento, attivo entro il 2011. Punto di forza del gruppo formato da Filiere Torres e da Torres Dang sono soprattutto le oltre 70 persone che ne fanno parte e che, insieme, ne determinano il successo. La direzione è affidata a Giovanni Sandri in Italia e a Gregorio Torres in Spagna. L’ufficio tecnico, deputato alla progettazione di tutte le strutture meccaniche, conta oltre 12 addetti di cui due ingegneri; l’ufficio commerciale è guidato dal direttore commerciale Luca Caseletti, con Roberto Rinaldi, area manager per la sede italiana, Carlos Alonso Leon e Alberto Morte Arnedo, capiarea per la sede spagnola, e Josè Luis Galdamez, area manager in Portogallo. Silvano Nicolini, Matteo Nicolini ed Emilio Garcia Sainz supportano l’area commerciale occupandosi del servizio post-vendita. Rappresentanti esterni sono attivi in Francia, Belgio, Polonia, Romania, Germania, Slovenia, Albania, Grecia e Macedonia, Serbia e Croazia, Ucraina e Russia, Marocco, Tunisia, Algeria, Libia, Arabia, Argentina Venezuela, Messico, Colombia e Cile. Innovazione nel DNA Il processo produttivo del laterizio è costituito da una serie di fasi di lavorazione nelle quali la formatura riveste un ruolo cruciale per la qualità finale del prodotto. Le complessità di questa fase produttiva sono molteplici e le conoscenze necessarie per risolvere tutte le variabili possono essere acquisite solo con l’esperienza diretta e una capacità di adattamento indispensabile per affrontare e risolvere i problemi, spesso grazie all’introduzione di concetti tecnici innovativi. Queste caratteristiche sono insite nel “DNA” di Torres: infatti, partendo dalle “larghe uscite”, introdotte in Italia per primo proprio da Pivetti alla fine degli anni ‘80, l’azienda ha saputo introdurre importanti innovazioni. Il sistema EGR (Estrusione Grande Rendimento) è un metodo di calcolo basato sulle qualità organiche dell’argilla che permette di ottimizzare tutte le parti coinvolte nel processo di estrusione, definendo i passi delle eliche di spinta e di punta, determinando la forma più idonea degli intralci del cannocchiale, della bocca e della filiera. Con questo sistema la sezione di uscita è più larga rispetto agli apparati di estrusione tradizionali; inoltre la velocità lineare di scorrimento del materiale è minore, consentendo di Vertical-head NC machine Macchina controllo numerico testa verticale


the extrusion process, including defining the pitch of the blades and determining the most suitable shape of the cylinder, pressure head and die. With this system, the section of the exit is wider than on conventional extrusion systems; furthermore, the linear flow speed of the material is slower, thus making it possible to optimise the physical properties of the products and save energy. The ERO system (Optimum Efficiency Extrusion) is a patented system developed by Torres in partnership with the universities of Bologna and Saragossa, which integrates the processes of extrusion, cutting and loading the green material on the dryer into a single phase. Capitalising on Pivetti’s experience of “wide-exit” systems, this project involves extrusion with the necessary number of exits to complete the entire dryer layer, thus obviating the need for intermediate handling of the green material, which could cause changes and structural damage to the product. The APG system (preventive analysis system) was created to improve the mechanical strength of the finished product. The IT system, developed in-house, analyses the geometry of an existing block and compares it with the new configuration of the block at the design stage. Once the two structures have been compared, a simulated, three-dimensional projection of the design shows the distinctive mechanical characteristics of the two subjects, thus making it possible to define the effective improvements of the new design. In addition to this, with the dedicated software package CR Therm, it is possible to conduct analyses in advance to calculate the thermal transmittance of the block at the design stage. T he recently introduced Evolution system addresses a technical problem which faces brick manufacturers whenever the die core holder has to be replaced. On these occasions, there is no alternative but to send the entire die to the manufacturer in order to have the structural steelwork carried out, as this cannot be done on site. Filiere Torres has designed a new breed of die, on which the core holder, which is traditionally fixed to a specific structure in wear-resistant material located inside the conveyor cone, is now fixed directly to the cone, which, by means of a precision mechanical coupling, is assembled to the other structural parts of the die (plate and frame holder). This modular configuration therefore makes it possible to replace the core holder directly on site, thus allowing prompt re-start of production, because the existing settings are retained. This is also the only comparable solution on the market which ensures complete renewal of all the contact parts of the conveyor cone. Detail of horizontal-head NC machining Particolare di lavorazione macchina controllo numerico testa orizzontale

Universal milling machine Fresatrice universale

ottimizzare le caratteristiche fisiche dei prodotti e di ottenere una riduzione del consumo energetico. Il sistema ERO (Estrusione Rendimento Ottimo) è un sistema brevettato, messo a punto da Torres con la collaborazione delle Università di Bologna e Saragozza, che raggruppa in un’unica fase i processi di estrusione, taglio e caricamento del materiale verde sul piano dell’essiccatoio. Nato capitalizzando le esperienze di Pivetti sulle “larghe uscite”, questo progetto prevede l’estrusione con il numero di uscite necessarie a completare l’intero pianale dell’essiccatoio, evitando in tal modo inutili passaggi di manipolazione del materiale verde che potrebbero causare modifiche e danni strutturali sul manufatto. Il sistema di analisi preventiva APG nasce con l’obiettivo di migliorare le caratteristiche di resistenza meccanica del laterizio. Il sistema informatico, sviluppato internamente, compie un’analisi sulla geometria di un laterizio esistente comparandola con la nuova configurazione del blocco in fase di progettazione. Una volta raffrontate le due strutture, una proiezione simulata tridimensionale del disegno permette di rilevare le caratteristiche meccaniche distintive dei due soggetti fino a definire i miglioramenti effettivi del nuovo progetto. Oltre a questo, tramite software dedicato CR Therm, è possibile effettuare l’analisi preventiva per il calcolo della trasmittanza termica del blocco in fase di progettazione. Il sistema Evolution, di recente introduzione, risolve una problematica tecnica che i produttori di laterizi devono affrontare qualora il ponte della filiera debba essere sostituito. In questi casi si rende obbligatoria la spedizione dell’intera filiera al produttore per permettere le operazioni di carpenteria impossibili da realizzare in fornace. Filiere Torres ha ideato una nuova “specie” di filiere nelle quali il ponte, tradizionalmente fissato a una specifica struttura di materiale antiusura posta all’interno del cono di convogliamento, è ora fissato direttamente al cono che, tramite accoppiamento meccanico di precisione, è assemblato agli altri elementi strutturali della filiera (piastrone e sottocornice). Questa configurazione “modulare” consente quindi la sostituzione del ponte direttamente in fornace, permettendo, grazie al mantenimento delle regolazioni preesistenti, un rapido riavvio della produzione; è inoltre l’unica soluzione simile sul mercato che garantisca il rinnovamento completo di tutte le parti di scorrimento del cono di convogliamento. Materiali antiusura L’aumento della produzione di laterizi negli ultimi anni in Nord Welding station Saldatura

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 10

67


Wear-resistant material The increase in the production of tile and brick in North Africa and the Middle East in recent years has raised awareness of the problem of abrasiveness of the raw materials found in these geographical areas. The same issue, but on a smaller scale, had previously been found with the stiff-extrusion method typically used in the Anglo-Saxon countries. Demand has therefore grown for solutions to the problem of wear-resistance of the surfaces that come into contact with the clay body as it passes through the system. Filiere Torres was one of the first companies in the industry to use a series of wear-resistant alumina and tungsten carbide materials to make the frames, cores and core holder liners of its extruders. Two types of ceramic material are available for the frames and cores: standard 97.3% alumina with a hardness of 80 HRC and a harder 99% alumina + zirconium oxide with a hardness of 85 HRC. These parts can also be made with two types of tungsten carbide material: K05 with fine particle size and hardness of 91 HRC, and an exclusive formula first introduced to the heavy clay market by Filiere Torres, known as KCR, with extra-fine particle size and hardness of 95 HRC. It is also possible to line cores and frames with ceramic or tungsten carbide with a guaranteed thickness of 0.4 mm and hardness of 1200-1400 HV. Design and technical support A distinctive feature of the work of extruder die specialists is the difficulty of standardising die types, because of the countless variables affecting the manufacturing plant in which they are used and the morphological differences of the heavy clay products they are used to make. Knowing how to advise customers on the right choice of product is an essential part of the job of a die manufacturer, and it is equally important to design the technical specifications of the die to match conditions in the brickworks, both in terms of production requirements and the quality of the heavy clay product to be made. The service provided by Torres Group does not end with the delivery of the extrusion equipment, but includes atThe Carpi facility tentive after-sales service, which is La sede di Carpi (MO) a key factor in ensuring continuity in the quality specifications of the (JF)  heavy clay product. Torres worldwide Major Italian manufacturers and leading industrial groups use Torres extrusion equipment with complete satisfaction. These include FBM, Sereni, Fantini Scianatico, Danesi, Zanrosso e Wienerberger, Pilone, Garelli&Viglietti, Cotto Senese, Donati Laterizi, SIAI, Laterificio Irpino e SILC, Laterizi Valpescara, Laterizi La Fauci and Industrie Laterizi Siciliani, to name but a few. The Group’s presence outside Italy, as well as in established markets such as Argentina with Cerámica Ctibor and Ceramica del Norte, is rapidly expanding, especially in North Africa, where it works in Algeria with the Amouri Group, in Libya with Al-Amal, Al-Twfeek, Al-Motaida and Africa Co, and in Tunisia with Lamar. In Eastern Europe, many installations have been completed in Romania, at Macofil, Ceramica Iasi, Cemacon and Siceram; in Ukraine, at Rozdolsky Keramicheskiy Zavod and Novi Rodzol; in Croatia at Nexe Group and in Russia at Tverskaya Keramika.

68

B rick W o rld R eview n. 2/2010

Africa e Medio Oriente ha acuito il problema legato all’indice di abrasività della materia prima di queste aree geografiche, aspetto che aveva interessato in precedenza, ma con minore diffusione, le tipologie produttive in pasta semisecca (stiff-extrusion) tipiche dei paesi di cultura anglosassone. È aumentata di conseguenza la necessità di soluzioni valide che facessero fronte al problema di resistenza all’usura delle superfici che delimitano le aree di scorrimento dell’impasto argilloso. Filiere Torres è stata tra le prime aziende del settore a proporre una serie di materiali antiusura, in allumina e carburo di tungsteno, con i quali realizzare le cornici, i tasselli e il rivestimento dei ponti delle proprie filiere. Per cornici e tasselli sono disponibili due tipologie di materiale ceramico: allumina standard 97,3% di durezza 80 HRC e allumina più dura 99% + ossido di zirconio di durezza 85 HRC. Queste parti possono anche essere realizzate con due tipologie di materiali in carburo di tungsteno: tipo K05 di granulometria fine e durezza 91 HRC e un’esclusiva formula introdotta per prima da Filiere Torres nel mercato dei laterizi, denominata KCR, di granulometria extra-fine e durezza 95 HRC. È inoltre possibile eseguire la ricopertura di tasselli e cornici con rivestimento ceramico o in carburo di tungsteno con spessore garantito di 0,4 mm e durezza 1200-1400 HV. Progettazione e assistenza tecnica Una caratteristica che contraddistingue il mestiere del filierista è la difficile standardizzazione delle tipologie di filiera, a causa delle innumerevoli variabili presenti nella realtà produttiva in cui essa andrà inserita e alle differenze morfologiche dei prodotti in laterizio che saranno realizzati. Saper consigliare il cliente nella scelta di una tipologia di prodotto è un requisito essenziale per il produttore di filiere, ed è altresì importante progettare le caratteristiche tecniche della filiera in modo da adattarsi alle condizioni presenti in fornace, per soddisfare sia le necessità legate alla produzione, sia le caratteristiche qualitative del laterizio da realizzare. Il servizio offerto da Gruppo Torres non si conclude con la consegna degli apparati per estrusione, ma include una grande attenzione al servizio post-vendita, elemento fondamentale per garantire la continuità delle caratteristiche qualitative del manufatto in laterizio.  Torres nel mondo Grandi produttori e importanti gruppi industriali italiani utilizzano con soddisfazione gli apparati per estrusione Torres. Tra questi FBM, Sereni, Fantini Scianatico, Danesi, Zanrosso e Wienerberger, Pilone, Garelli&Viglietti, Cotto Senese, Donati Laterizi, SIAI, Laterificio Irpino e SILC, Laterizi Valpescara, Laterizi La Fauci e Industrie Laterizi Siciliani, solo per citarne alcuni. La presenza all’estero, oltre ai mercati consolidati quali l’Argentina con Cerámica Ctibor e Ceramica del Norte, è in forte espansione in particolare in Nord Africa: in Algeria con il Gruppo Amouri, in Libia con Al-Amal, Al-Twfeek, Al-Motaida e Africa Co e in Tunisia con Lamar. Nei mercati dell’Est Europa molte installazioni sono state ultimate in Romania presso Macofil, Ceramica Iasi, Cemacon e Siceram; in Ucraina con Rozdolsky Keramicheskiy Zavod e Novi Rodzol, in Croazia con il Gruppo Nexe e in Russia con Tverskaya Keramika.



The restoration of

Rocca dei Tempesta Milena Bernardi - m.bernardi@tiledizioni.it

Il restauro della

Rocca dei Tempesta The restoration of Rocca dei Tempesta in Noale, a walled city in the province of Venice, is part of a broader site preservation project that may become a precedent for similar works on ancient cultural heritage both in Italy and abroad. The project, completed at the end of 2009, aims to establish Noale within the tourist circuit of the walled cities of the Veneto region while allowing the town’s population to reclaim the site as its cultural heritage and a symbol of local identity. The preservation work was not limited to restoration but also included a major programme of functional reorganisation of the site. A historic walled city that has been the scene of many political and military events, Noale passed through various hands; initially used as a cemetery, it subsequently developed into an urban space. Following detailed studies of the city walls, the structural consolidation and restoration work maintained a respectful and harmonious relationship with the existing structure, restoring the original identity to the entire complex. In restoration projects in small towns strongly characterised by the surviving ancient buildings, one of the main theoretical and practical problems that must be addressed is the relationship between the old buildings and the urban con-

ARCHITECTURE

Comparison between clay specimens Confronto provini argille

70

B RICK W o rld R eview n. 2/ 2010

Il restauro della Rocca dei Tempesta a Noale, città murata in provincia di Venezia, fa parte di un più ampio programma di conservazione del sito in cui essa si trova, in grado di diventare un esempio per eventuali simili interventi su antichi beni culturali sia in Italia che all’estero. Il progetto, conclusosi a fine 2009, mira a collocare Noale all’interno del circuito delle città murate del Veneto, oltre che permettere alla cittadinanza di riappropriarsi del sito in quanto patrimonio culturale, simbolo dell’identità locale. L’azione conservativa non si è limitata al recupero ma ha proposto un importante programma di riuso funzionale del sito. Città murata storica al centro di numerose vicende di carattere politico e militare, Noale è passata più volte tra le mani di diversi contendenti; per un periodo è stata area cimiteriale e in seguito spazio urbano. Dopo accurati studi sulle murature e attente diagnosi, gli interventi di consolidamento strutturale e restauro realizzati si inseriscono e si accostano all’esistente in modo rispettoso e armonico, conferendo all’intero complesso la sua originaria identità. Nei piccoli centri, fortemente caratterizzati dalla sopravvivenza di antiche strutture edilizie, uno dei problemi prevalenti dal punto di vista teorico e pratico, con cui è necessario misu-


Before restoration Prima della ristrutturazione

Considered one of the leading project in Europe in terms of its commitment to safeguarding European architectural, landscape and artistic heritage, La Rocca dei Tempesta was one of the 29 winners of the European Union Prize for Cultural Heritage/Europa Nostra Awards 2010, the prestigious awards organised jointly by the European Commission and Europa Nostra and announced in the Hague on 1 April this year. The award ceremony was held on 10 June 2010 in Aya Irini, Istanbul, Turkey.

After restoration Dopo la ristrutturazione

Considerata tra le migliori realizzazioni in Europa e per il notevole impegno orientato verso la salvaguardia e la tutela del patrimonio architettonico, paesaggistico archeologico e artistico europeo, La Rocca dei Tempesta è stata tra i 29 vincitori, annunciati a L’Aia il 1° aprile scorso, dell’European Union Prize for Cultural Heritage/Europa Nostra Awards 2010, il prestigioso premio organizzato congiuntamente dalla European Commission e Europa Nostra. La cerimonia di premiazione si è tenuta il 10 giugno 2010 ad Aya Irini, Istanbul, Turchia.

text in which these structures are located. Another aspect is that of the studies and research preliminary to the restoration project, the study of materials and the causes of deterioration. In spite of the specific nature of each individual building, the restoration procedures and techniques must have fundamentally common and shared characteristics.

rarsi nel progetto di restauro, è quello delle relazioni che intercorrono con il contesto urbano in cui tali strutture sono inserite. Altra questione sono gli studi e le ricerche preliminari e propedeutiche al progetto di restauro, lo studio dei materiali e delle cause del degrado. Le procedure e le tecniche di restauro devono avere, inoltre, pur nella specificità di ogni singolo edificio, dei tratti fondamentali comuni e condivisi.

Work on the clay walls

Interventi sulle partiture murarie laterizie

The restoration project, coordinated by the team led by architect Patrizia Valle, assigned renovation of the clay brick walls to SanMarcoTerreal Italia, a company with extensive experience in the production of handmade clay elements and which can boast the renovation of countless historic sites. Looking specifically at the reorganisation of the complex based on the analyses conducted by architect Patrizia Valle on the original building, two types of intervention were identified.

Il progetto di restauro, curato dall’equipe dell’architetto Patrizia Valle, ha affidato il rifacimento delle partiture laterizie a SanMarcoTerreal Italia, azienda con ampia esperienza nella produzione di elementi in laterizio con tecnologia “a mano”, che vanta al suo attivo il recupero di innumerevoli siti storici. Entrando nello specifico della rifunzionalizzazione del complesso, dalle fasi analitiche condotte dall’architetto Valle sul manufatto originario, si sono potute stabilire due linee di intervento.

a) Replacing bricks and special pieces that were irreparably damaged (through like-for-like replacement and rebuilding by anastylosis) with similar soft mud clay products

a) Provvedere alla sostituzione dei mattoni e dei pezzi speciali irreparabilmente danneggiati (attraverso la pratica del cuciscuci e della ricostruzione per anastilosi) con analoghi prodot-

Hand stamp Stampatore a mano

BR I CK W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 10

71


made by hand using wood or metal moulds and based on analyses of original samples.

ti in laterizio a pasta molle, fatti a mano con stampi in legno o metallo, previa analisi dei campioni originari.

b) Cleaning the surfaces concerned from traces of carbonate release, organic patinas and efflorescence caused by the use of cementitious mortars.

b) Effettuare una pulitura delle superfici interessate da tracce di fuoriuscite carbonatiche, patine organiche ed efflorescenza, dovute all’utilizzo di malte cementizie.

In the work of replacing or completing walls and architecNell’intervento di sostituzione o completamento di partiture tural details consisting of clay products, the first step was to murarie e dettagli architettonici in laterizio, il primo passaggio analyse samples and specimens. è stato l’analisi dei campioni e dei reperti. Firstly, a visual and dimensional analysis of the original prodSi è effettuata in prima battuta un’analisi visiva e dimensionale uct was performed: colour, grain size, surface texture, patidel prodotto originale: colore, grana, struttura superficiale, pana, mottle, shades and dimensional characteristics (piece tina, fiammatura, nuance e caratteristiche dimensionali (rilievo measurement). del pezzo). The next stage involved chemical and physical analyses of Nella fase successiva si è provveduto all’analisi chimico–fisica the clay (calcimetric, chemical-mineralogical, particle size, dell’argilla (calcimetrica, chimico-mineralogica, granulometripetrographic) performed in the SanMarco laboratories ca, petrografica) effettuata all’interno dei laboratori SanMarco (SanMarco makes clay products using exclusively pure clays (SanMarco produce laterizi solo con argille pure e senza agwithout added colours or additives in accordance with angiunta di coloranti o additivi, vale a dire nel rispetto delle tradicient manufacturing traditions). zioni produttive antiche). The third stage involved comparing the reproduced sample La terza fase ha richiesto il raffronto del campione riprodotto with the original specimen to verify the correspondence or con quello originario per verificarne la corrispondenza o verosimilarity of hue, colour, shrinkage percentage, mechanical simiglianza circa la tonalità, il colore, la percentuale di ritiro, la strength, porosity, absorption and frost resistance. The colresistenza meccanica, la porosità, l’assorbimento, la resistenza our of the bricks is determined by the composition of the al gelo. Il colore dei mattoni è dato dalla composizione dell’arclay (and the content of calcium carbonate or oxides) gilla (più o meno ricca di carbonato di calcio o ossidi) la quale, which, depending on the type, has a firing temperature of a seconda del tipo, ha una sua temperatura di cottura attorno ai around 1000°C (in any case a temperature close to the 1000° C (ci avviciniamo comunque al punto di fusione per gamelting point is reached in order to guarantee excellent rantire un’ottima resistenza al gelo ed assenza di efflorescenze frost resistance and absence of carbonate efflorescence). carbonatiche). Una volta accettato il campione da parte della Once the specimen has been accepted by the ArchitecturSovrintendenza e dal responsabile del progetto di restauro, si è al Heritage Office or other body responsible for the restoraproceduto alla produzione finale dei laterizi. L’argilla impastata tion project, the next step is to proceed to production of the con acqua (circa il 40% del suo peso) deve perdere molto lentabricks. The clay mixed with water (about 40% of its weight) mente questa umidità per evitare cavillature e possibili disconmust lose this moisture very slowly in order to avoid cracking tinuità nella struttura cristallina, pertanto l’essiccazione non or potential discontinuities in the crystal structure. So unlike viene effettuata, come per i mattoni a produzione industriale, in standard industrially-produced bricks, dryessiccatoi a ventilazione forzata, bensì ing is not performed in forced ventilation all’aria in 30-40 giorni. Con la cottura i ladryers but in air for 30-40 days. The firing terizi raggiungono le loro caratteristiprocess gives the clay products their final, che finali e stabili (cioè irreversibili) di stable (i.e. irreversible) characteristics in struttura cristallina e porosa. Durante terms of crystal structure and porosity. This questa fase produttiva effettuata in forni stage of production is carried out in natustatici a metano si raggiungono temperal-gas-fired static kilns at a firing temperarature di cottura di circa 1000° C. ture of up to around 1000°C. Nel confronto ci si è posti il problema The comparison took into account the delle patine, del tempo e della regolariproblem of patina, of the passage of time, tà formale a fronte di reperti evidenteof the shapes that are overly regular commente non integri. Gli approcci sono dipared to original specimens that are clearversi a seconda di ogni progetto: alcuni ly not in pristine condition. Each project restauratori evidenziano e assumono la takes a different approach. Some restorers continuità del materiale e la procedura prefer to leave the restoration project visi- Mastio’s Tempesta House manuale della lavorazione come dato ble and consider the continuity of the ma- Dettagli del mastio del castello sufficiente per l’accettazione dei camterial and the manual production process pioni, altri propongono anastilosi ed into be sufficient for acceptance of the samserimenti che siano poco visibili rispetples, while others opt for anastyloses and to all’aspetto originale in modo da restoration projects that are hardly noticeavvicinarsi il più fedelmente possibile al able in order to remain as faithful as possireperto. In questi casi si può arrivare a ble to the original building. In these cases, lavorazioni sul manufatto laterizio dopo the clay products may be machined after la cottura (aggiunta di patine, sbrecciafiring (addition of patinas, chipping, sandtura, sabbiatura, levigatura). Nel caso blasting, polishing). The restoration project del restauro della Rocca dei Tempesta, si of Rocca dei Tempesta sought to achieve è cercata una continuità con le partiture continuity with the existing walls while murarie esistenti, lasciando una diffemaintaining a difference in colour tone renza di sfumatura di colore che perthat allows the modern substitutions to be mette di identificare le odierne sostituidentified. (JF)   zioni.

72

B RIC K W o rld Review n. 2/ 2010



products prodotti

POPPI CLEMENTINO Poppi Clementino, a company operating in the ecology and energy efficiency sector, offers a cutting-edge recovery plant of interest also for companies that use low-grade and pollutant fuels in their production cycle, such as naphtha or carbon coke powder. Recovery can be achieved, in the drying stage, utilising the enthalpy energy contained in the kiln fumes. The fumes are suitably treated with specific reagents capable of removing all pollutants (compounds of sulphur, chlorine and fluorine) before they are supplied to the dryer with the kiln cooling air, or to the pendular grinding mill, if present. This technique, already applied successfully to several brick kilns, can reduce dryer heat requirements by up to 40% with a consequent reduction in primary fuel consumption. The following example illustrates total recovery of treated fumes in the dryer, with associated running costs and investment recovery times.

Kiln rated capacity Portata nominale del forno

42,000 Nmc/h

Kiln fumes outlet temperature C2 Temperatura fumi uscita forno C2

150°C

Sulphur Oxide Contents Contenuto di Ossidi Zolfo SOx

300 mg/Nmc

Chlorine compounds Composti di cloro

35 mg/Nmc

Fluorine Fluoro

5 mg/Nmc

Particulate Polveri

20 mg/Nmc

Nitrogen Oxides Ossidi di Azoto

116 mg/Nmc

Temperature drop over approx 150 m of duct Perdita temperatura su circa 150 mt di tubazione

10°C

Average reference ambient air temperature Temperatura esterna media di riferimento

15°C

Net savings made on dryer Risparmio netto effettuato su essiccatoio

1,706,000 Kcal/h

Correspondence in fossil fuels type naphtha at 0.23 Corrispondenza in combustibile fossile tipo nafta a 0,23

47.84 €/h

Annual saving over 7,500 hours/year Risparmio annuale su 7.500 ore/anno

358,800.00 €/year

Running costs Costi gestionale

100,000.00 €

Installation cost Importo intervento

520,000.00 €

Recovery of investment Rientro investimento

20 months 20 mesi

Poppi Clementino, società operante nel settore ecologico e del risparmio energetico, propone un impianto altamente innovativo, dedicato al recupero, anche per quelle aziende che nel loro ciclo utilizzano combustibili poveri e inquinanti quali nafte o polverino di carbon coke. Il recupero può essere effettuato, nella fase di essiccamento, con l’entalpia contenuta nei fumi del forno. Questi vengono opportunamente trattati con reagenti specifici in grado di eliminare completamente gli elementi inquinanti (composti di zolfo, cloro, fluoro) prima della loro immissione, con l’aria di raffreddamento del forno, all’interno dell’essiccatoio o, dove presente, nel mulino pendolare di macinazione. Tale tecnica, già effettuata con successo su varie fornaci, è in grado di soddisfare fino al 40% della necessità termica dell’essiccatoio, con conseguente riduzione di combustibile primario. A lato un esempio di recupero totale dei fumi depurati entro l’essiccatoio, con costi gestionali e tempi di rientro investimento.

GIEFFE SYSTEMS The vacuum tank with built in condenser system applied to OCS oil sealed pumps allows for an improvement of the vacuum degree on applications with gas composed by 2/3 of saturated steam (vacuum extruders). The vacuum degree normally achieved on this application is remarkably less than that one achieved on extruders working

74

B RIC K W o rld R eview n. 2/ 2010

with cold water. This is due to the fact that the steam part in the gas expands under vacuum thus taking away volume to the air part contained in the gas. Consequently, the pump sucks vapour and does not manage to remove the air from the clay. This creating problems to the structure and to the quality of the product. The company Gieffe Sys-

Il sistema polmone/condensatore applicato al gruppo per vuoto a ricircolazione totale di olio OCS permette di raggiungere un sensibile miglioramento del grado di vuoto in applicazioni dove il gas aspirato è composto da 2/3 di vapore saturo (vedi mattoniere a vapore). Normalmente il grado di vuoto che si ottiene con questo tipo di bagnatura è sensibilmente minore di quello

che si ottiene normalmente con la bagnatura ad acqua. Questo è dovuto essenzialmente al fatto che il vapore sottovuoto si espande togliendo spazio alla parte di aria contenuta nel gas. Di conseguenza la pompa aspira vapore e non riesce ad estrarre l’aria dall’argilla creando problemi alla struttura e qualità del prodotto estruso. La Gieffe Systems, specializzata nella proget-


ADVERTISING

tems, specialized in the designing and manufacturing of vacuum system has developed a vacuum package which improves, remarkably, the vacuum degree achieved on extruders working with steam. Thanks to the vacuum tank with built-in condenser placed between the extruder and the pump, the sucked gas enters the tank and loses its velocity thus cooling down and condensating. The gas is then vehiculated into the proper condensing battery to achieve the 90% of condensation. The remaining 10% enters the pump and is finally condensated into it. It is also advisable to fit an oversized air heat exchanger on the vacuum unit in order to have a better oil cooling and consequently easier condensation effect. The capacity of the cooling water needed for the condenser depends on its temperature and on the quantity of vapour to condense. The efficiency of the installation is directly related to the capacity and temperature of the cooling water available. The condensate shall be drained from the vacuum tank when it reaches the max level sight glas. The discharge of the condensate from the tank can be done manually thru the proper drain valve placed under tank and connected to a smaller collector tank. Otherwise the discharge can be atomized thru a max level switch and electro pneumatic actuated valves and/or by means of a condensate extraction pump. The condensate accumulated in the vacuum pump is automatically discharged thru the proper valve V2 which is kept open during operation.

tazione e costruzione di sistemi per vuoto, leader nel settore dell’industria dei laterizi, ha sviluppato un sistema che permette di migliorare sensibilmente il grado di vuoto su mattoniere a vapore. Grazie al sistema polmone/condensatore posto a monte della pompa (fra pompa e mattoniera) il gas aspirato, entrando nel polmone di grande diametro, perde la propria velocità facilitando così il suo raffreddamento e la parziale condensazione. Il gas viene veicolato poi nella batteria vera e propria di condensazione dove condensa al 90%. Il restante 10% entra in pompa e termina la propria condensazione in pompa. E’ consigliabile montare sul gruppo uno scambiatore maggiorato aria/olio per meglio raffreddare l’olio di circolazione e facilitare la condensazione. La quantità di acqua di raffreddamento necessaria per il condensatore dipende dalla temperature e dalla quantità di vapore da condensare. Il rendimento dell’installazione dipende dalla portata e dalla temperatura dell’acqua di raffreddamento disponibile. Il vapore condensato nel polmone si accumula sul fondo dello stesso per essere scaricato ogni qual volta raggiunge la spia di livello. Lo svuotamento di condensato dal polmone può avvenire manualmente per mezzo di apposita valvola di drenaggio posta sul fondo e collegata ad un barilotto di raccolta. Oppure lo svuotamento può essere automatizzato con livello stato ed elettrovalvole pneumatiche e ancora con pompa di estrazione condensato. Il condensato che si viene a creare nel gruppo OCS è scaricato come al solito in modo costante ed automatico attraverso l’apposita valvola di scarico condensa V2 da mantenere aperta durante il funzionamento.


products prodotti AUTOMAZIONI CISMAC Announcing the turnkey factory built and supplied by Cismac, resulting from an evolutionary path that the company embarked on in 2008, subjected to painstaking analysis of every detail, and able to meet the most diverse production needs. Plant sizes are extremely wide-ranging, as are the products that can be manufactured: bearing blocks, partition and ceiling blocks, roof tiles and bent tiles. The entire plant is built utilising breakthrough technology, top-class materials, and applying process controls - UNI EN ISO 9001 certification - able to guarantee the maximum product quality levels. One Cismac turn-key brick kiln will come on stream before the end of 2010 in the Kapital Invest plant in Russia. The total production capacity of the kiln will be around 700 t/day, corresponding to 90,000,000 blocks/year with void percentage of 33%. The main objective of the project and the distinctive characteristic of the plant is the use of the latest process techniques to guarantee both low energy consumption and also top quality, in line with strict Russian GOST standards. Before the end of the year a sales office will be opened in Russia to consolidate and strengthen Cismac’s presence in an area that is displaying significant signs of economic recovery. For Cismac, supplying a turn-key factory means responding to the full range of demands and needs: from plant engineering to ancillary services, after-sales services and assistance. In this context, Cismac is at the disposal of its customers through

76

B RIC K W o rld R eview n. 2/ 2010

specific assistance programs providing personnel training courses, defining specific maintenance plans, managing replacement parts and remote diagnostics for fault-finding procedures. The entire initiative is pursued in the light of far-reaching partnership in which customer orientation and attention constitute the prime mover to ensure growth that is constant and lasts through time. Among the most recent investments of the company, the creation of the new Cismac Logistic Division.

Nasce la fabbrica “chiavi in mano”, targata interamente Cismac, frutto di un percorso evolutivo iniziato dall’azienda nel 2008, studiata nei minimi dettagli e capace di soddisfare ogni specifica esigenza produttiva. Le taglie impiantistiche sono le più varie, come pure i prodotti realizzabili: mattoni pieni, forati, tegole e coppi. Il tutto viene ottenuto mediante l’impiego delle più innovative tecnologie, l’utilizzo di materiali di prima scelta, nonché attraverso controlli di processo, quali la certificazione UNI EN ISO 9001, a garanzia del massimo livello qualitativo del

prodotto. Un esempio di fornace completa a marchio Cismac entrerà in funzione, entro il 2010, nello stabilimento di Kapital Invest, Russia. La fornace avrà una capacità produttiva complessiva di circa 700t/gg, corrispondenti a 90.000.000 mattoni/anno con percentuale di perforazione del 33%. Obiettivo principale del progetto, nonché caratteristica peculiare dell’impianto, è l’impiego di innovative tecniche di processo che garantiscano, da un lato un basso consumo energetico e, dall’altro, un prodotto di alta qualità conforme alle severe normative russe “Gost”. Entro l’anno in corso sarà inoltre aperto un ufficio commerciale su suolo russo, per consolidare e rafforzare la presenza di Cismac in un’area che sta mostrando interessanti segni di ripresa. Fornire una fabbrica completa significa per Cismac rispondere ad ogni esigenza e far fronte ad ogni necessità: da quella impiantistica, a quella legata ai servizi di completamento, supporto e assistenza post vendita. Cismac, infatti, è a disposizione della propria clientela attraverso specifici programmi di assistenza finalizzati alla formazione del personale, alla definizione di programmi di manutenzione specifici, alla gestione della ricambistica e all’assistenza da remoto per effettuare la ricerca di eventuali guasti. Investimenti costanti in ricerca, formazione e sviluppo qualità del prodotto sono alla base dell’attività di Cismac, finalizzati in un’ottica di partnership proiettata al futuro dove la propensione e l’attenzione al cliente rappresentano il motore primo per una crescita costante e duratura nel tempo. Tra i più recenti investimenti dell’azienda sassolese, la creazione, fra l’altro, della divisione Cismac Logistic.


TECNOFILIERE Tecnofiliere places its experience at the disposal of customers in the final stage of the process of clay extrusion, by constructing the dies and related accessories. This dynamic company with a marked propensity for pushing the technological envelope, has supported and promoted “wide exit” extrusion technology from day one. The shaping stage is a critical step in the production of bricks and clay products in general; the majority of post-firing defect types are due to shaping carried out without the correct techniques or without the necessary attention to detail (non-uniform conditions, differences in the chemical and physical characteristics of systems, etc.). The die, although an apparently simple system, is a fundamental element for the production of finished articles. A large number of parameters must be monitored during the extrusion process: the chemical and physical composition of the raw material, which must not undergo mineralogical changes; the moisture content, which determines the apparent viscosity of the clay body and must remain constant; and the production parameters (pressure, filling level, etc.). Specialist knowledge of fluid dynamics is required in order to design a die correctly. In the ceramic sector, laboratory simulation is one of the most problematic stages, especially because of the lack of uniformity of the raw material and the high value of the scaling-up factor. Creation of a pilot laboratory extrusion system calls for the utmost attention in relation to the design of the process dynamics, control of clay body rheology, and the tribological and anticorrosion properties of the materials utilised for construction of the processing systems. For the purposes of laboratory testing for the design and optimisation of production lines, Tecnofiliere also produces all types of dies for pilot or laboratory extrusion systems and for the execution of industrial tests. All requirements implicit in optimisation of the ex-

trusion stage can thus be addressed with appropriate and innovative solutions thanks to: analysis of the behaviour and properties of raw materials and bodies, study of the effect of shaping process variables on the characteristics of unfired and fired products, and preliminary checking of functional and normative characteristics of the products. All the operations are performed in order to create new products, and to supply adequate services and the specific expertise required for transfer into production. Available products include outlets for laboratory blocks and various types of marking rollers. Tecnofiliere solutions provide the absolute guarantee of reproducibility and transferability of working conditions. The materials utilised, the treatments performed, the in-depth study and realisation of the shapes that best reproduce the dynamics of industrial systems, provide the best guarantee to obtain, on a laboratory scale, all the information that makes it possible to minimise industrial tests and trials for setting up the production plant.

Tecnofiliere mette a disposizione tutta la propria esperienza nel segmento finale del processo di estrusione dei laterizi, realizzando le filiere e i relativi accessori. L’azienda, che ha come principali caratteristiche la dinamicità e l’alta propensione all’innovazione, fin dai suoi esordi ha sostenuto e promosso la tecnica di estrusione a larghe uscite. La fase della formatura rappresenta uno dei punti cruciali nella realizzazione dei laterizi e dei materiali ceramici in genere; la maggior parte delle difettologie che si riscontrano sui prodotti cotti è riconducibile a una formatura eseguita senza gli opportuni accorgimenti o in modo approssimativo (disomogeneità delle condizioni, variazioni delle caratteristiche chimiche e fisiche dei sistemi, ecc…). La filiera, sistema apparentemente semplice, rappresenta invece un elemento fondamentale per la produzione ottimale dei manufatti finiti. Molteplici sono i fattori che devono essere monitorati durante la trafilatura: la composizione chimico-fisica della materia prima che non deve subire variazioni mineralogiche, il grado di umidità che determina la viscosità apparente della pasta che deve rimanere costante e i parametri di produzione (pressione, grado di riempimento, ecc…). Per una corretta progettazione di una filiera è necessaria la conoscenza della dinamica dei fluidi. Nel setto-

re ceramico la simulazione di laboratorio costituisce una delle fasi più problematiche soprattutto a causa della disomogeneità delle materie prime e dell’elevato valore del fattore incrementale dello scaling-up. La realizzazione di un sistema per l’estrusione pilota di laboratorio richiede la massima cura per quanto riguarda la progettazione delle dinamiche del processo, il controllo della reologia delle paste e le caratteristiche tribologiche e anti corrosione dei materiali con cui sono costituiti i sistemi di lavoro. Ai fini della sperimentazione di laboratorio per la progettazione e l’ottimizzazione delle linee produttive, Tecnofilere realizza anche ogni tipo di filiera per estrusori pilota o da laboratorio e per la realizzazione di prove industriali. Tutte le esigenze inerenti l’ottimizzazione della fase di estrusione trovano pertanto adeguate e innovative soluzioni tramite: l’analisi del comportamento e delle caratteristiche delle materie prime e degli impasti, lo studio dell’effetto delle variabili del processo di formatura sulle caratteristiche dei crudi e dei cotti e la verifica preliminare delle caratteristiche funzionali e normative dei prodotti. Il tutto nell’ottica di realizzare nuovi prodotti, fornire gli adeguati servizi e lo specifico know-how per il trasferimento alla produzione. Tra i prodotti realizzati, ci sono inoltre bocche per mattoniere da laboratorio e varie tipologie di rotelle marchiapezzi. Le soluzioni Tecnofiliere danno assoluta garanzia di riproducibilità e trasferibilità delle condizioni di lavoro. I materiali utilizzati, i trattamenti eseguiti sugli stessi, lo studio approfondito e la realizzazione delle forme che meglio riproducono le dinamiche degli impianti industriali, sono la migliore garanzia per l’ottenimento su scala di laboratorio di tutte quelle informazioni che consentano la minimizzazione delle prove e delle verifiche industriali per la messa a punto dell’impianto produttivo.

BR I CK W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 10

77


products prodotti NOME AZIENDA KELLER The physical basis for non-contact temperature measurement was laid out by Max Planck in 1900. In the meantime the development of pyrometers for temperature measurement has reached a very high technical level. Nevertheless, there is still room for improvement as the new CellaTemp design made by KELLER HCW has shown. A pyrometer consists of basic modules (optics, signal recording and processing, handling and measured value output). The development of the new CellaTemp PA pyrometer has achieved improvements in all these areas. When developing the CellaTemp PA the central concept was the modular structure of the functional modules and the multi-purpose combination possibilities. So far, pyrometers with fixed functional structures have been manufactured. By means of the new CellaTemp PA the user is able to adjust the device to the required application on the basis of various configuration possibilities. The CellaTemp PA is provided with two analogue outlets. The measured variables of the outlets can be defined by the operator himself. For example, in parallel to the temperature of the measured object, the inside temperature of the device can also be indicated. Alternatively, one outlet can be configured as an inlet in order to analyse the kiln temperature as a correction value. In addition to the standard parameters, the CellaTemp PA is equipped with various new configuration parameters so that an individual correction curve can be entered. If, e.g. the emission behaviour of the measured object changes with the temperature, the measured value is dynamically adjusted. Furthermore, the transmission factor of protective glasses or the compensation of background radiation can be adjusted and is considered when evaluating the temperature. A new function is the automatic

78

B RIC K W o rld R eview n. 2/ 2010

recording of measured values in case of discontinuous processes (the automatic measurement of the temperature of liquid iron in automatic casting devices for each cast is possible). Another special feature is the determination of output signals which are correlative to the emission degree. Moreover, further optimisations in the separate functional modules were achieved. By using cemented lens systems the optical imaging features have been improved and the measurement inaccuracy dependant on distance (Size of Source Effect) is halved. By more sensitive sensors, extremely low-noise amplifiers and a 21 bit signal transformation the CellaTemp PA reaches an inner resolution of 0.01 K. At the same time, measuring voltages of up to 2,000 °C are possible. 5 interchangeable objectives are available, depending on the measuring distance and the object size. They can be adjusted continually and precisely to distances between a few millimetres and several meters. Even the smallest object from 0.3 mm can be measured. The new multi-functional CellaTemp PA pyrometers are available with through-the-lens sighting for marking the measuring spot or alternatively with laser. The large key panel with LED display is very easy to handle. The measured values can be easily read, even from several meters. All configuration parameters can be adjusted directly on the pyrometer via the keyboard. Alternatively, the CellaTemp PA can be configured by the USB interface via a personal computer. The software for parameterization and measured value outputs have already been integrated in the pyrometer. Therefore the CellaTemp PA is able to communicate with all established Windows operating systems, irrespective of the language. At the same time, a network-compatible RS 485 interface is available.

Dalla teoria elaborata da Max Planck, nel 1900, sulla misurazione della temperatura senza contatto, lo sviluppo dei pirometri ha raggiunto livelli tecnici elevati, sebbene ci sia spazio per ulteriori miglioramenti, come dimostra il nuovo CellaTemp PA di Keller HCW che ha perfezionato tutti gli aspetti tipici del pirometro (ottici, registrazione ed elaborazione segnali, risultato della misurazione) Il principio alla base dello sviluppo di CellaTemp PA risiede nella struttura modulare dei singoli moduli e nelle possibilità di combinazione multifunzionali, mentre finora si erano prodotti pirometri con strutture funzionali fisse. Il nuovo CellaTemp PA consente infatti di regolare il dispositivo secondo l’applicazione necessaria. È dotato di due uscite analogiche le cui variabili possono essere impostate dall’operatore stesso. Ad esempio, si può misurare contemporaneamente la temperatura dell’oggetto da misurare e quella interna del dispositivo, o un’uscita può essere configurata per analizzare la temperatura del forno come valore di correzione. Oltre ai parametri standard, CellaTemp PA è dotata di varie nuove combinazioni di parametri per inserire una curva di correzione: ad esempio, se il comportamento dell’emissione dell’oggetto misurato cambia al variare della temperature, il valore misurato è regolato in maniera dinamica, come può essere regolato il fattore di protezione dei vetri di protezione. Una nuova funzione è la registrazone automatica dei valori misurati in caso di

processi discontinui (è possible la misurazione automatica della temperatura del ferro liquido nei dispositivi di colaggio automatici ad ogni colata). Altra caratteristica è la determinazione dei signali di output quando correlati al grado di emissione. Sono state migliorate le caratteristiche di visualizzazione ottica dimezzando gli errori di misurazione derivanti dalla distanza. Sensori più sensibili, amplificatori estremamente silenziosi e un segnale a 21 bit consentono di raggiungere la risoluzione interna di 0,01 K. Sono disponibili 5 obiettivi intercambiabili, a seconda della distanza di misurazione e della dimensione dell’oggetto, e possono essere regolati continuamente e in maniera precisa per distanze da pochi millimetri a diversi metri. I pirometri CellaTemp PA sono disponibili sia con puntatore laser per indicare il punto da misurare, che con visualizzazione attraverso le lenti. Il pannello di controllo con display LED è molto semplice e i valori misurati possono essere letti facilmente anche da diversi metri. Tutti i parametri di configurazione possono essere regolati direttamente sul pirometro attraverso tastiera o attraverso l’interfaccia USB da PC. Il software per la parametrizzazione e per l’uscita dei valori misurati sono integrati nel pirometro, consentendo la comunicazione di CellaTemp PA con tutti i sistemi operativi Windows indipendentemente dal linguaggio. È anche disponibile l’interfaccia di rete compatibile RS 485.



adpress.it

Bologna, 27-30 October

Technical Solutions for Architecture and Construction

INTERNATIONAL BUILDING EXHIBITION

Viale della Fiera, 20 - 40127 Bologna (Italia) - Tel. +39 051 282111 - Fax +39 051 6374013 - www.saie.bolognafiere.it - saie@bolognafiere.it