Page 1

ISSN 1121-0796

C eramic W orld R eview

Ceramic World Review

Social networks, search: Tile Edizioni

technology news markets

n

FOCUS ON SANITARYWARE & RAW MATERIALS

n

Seramiksan: unique in the world of sanitaryware

n

Seramiksan, un nuovo brand nei sanitari

n

“Digital material” comes to ceramics

n

La “materia digitale” entra nella ceramica


MULTI-FEEDING SYSTEM

Thank you for celebrating with us the 40 th anniversary of LB and for having assisted to the presentation of the innovative technology DIVARIO. divario-technology.com


TEST THE BEST

DIGITALPRINTINGSYSTEM

400 X 400 DPI AT 40 METRES PER MINUTE 4 LEVELS OF GREY UP TO 80 PICOLITRES PER DROP 6 COLOUR BARS LINELESS systemceramics.com


Year 23, N° 104 November/December 2013 Bimonthly review

Cover picture by: Giancarlo Pradelli

9

editorial

10 world news 42 events 46 48 52 54 interview 58 62 66 economics

96 topics 98 technology 102

contents sommarlo Paola Giacomini

The Digital Revolution

Rivoluzione digitale

The future of ceramics, seen from near

Viaggio nel futuro della ceramica

Big celebration for 40 years of LB

Festa grande per i 40 anni di LB

Sanitaria and Details, innovation made in Italy

Sanitaria e Details, innovazione made in Italy Finishing and treatments in the spotlight

Finitura e trattamenti sotto i riflettori Building, the way out of the crisis

Chiara Bruzzichelli

Edilizia, volano per la ripresa

The international expansion of Niro

Paola Giacomini

A digital passage to India

Milena Bernardi

Construction booms in Saudi Arabia

Milena Bernardi

L’espansione internazionale di Niro

Passaggio in India attraverso il digitale Edilizia a gonfie vele in Arabia Saudita

focus on SANITARYWARE

70 74 78 82 86 90

Anno 23, n° 104 Novembre/Dicembre 2013 Periodico bimestrale

Worldwide sanitaryware exports stable

Luca Baraldi

Stabile l’export mondiale di sanitari

Geramiksan: unique in the world of sanitaryware

Seramiksan, un nuovo brand nei sanitari The high-pressure casting revolution

La rivoluzione nel colaggio ad alta pressione

Roberto Manzini

Automation also triumphs in India

Milena Bernardi

L’automazione vince anche in India LCD in the sanitaryware industry

LCD nell’industria dei sanitari Products

Prodotti

“Continua” at the Louvre

“Continua” in mostra al Louvre New aesthetic potential in ceramics

Marcello Fontanini

“Digital material” comes to ceramics

Esmalglass-Itaca

Nuovi orizzonti estetici in ceramica

La “materia digitale” entra nella ceramica

focus on RAW MATERIALS

106

The evolution of bodies for porcelain tile

Stefano Di Primio

112

Dry-Tech evolves in the porcelain tile sector

Stefano Schianchi

118

Products

Evoluzione degli impasti per gres porcellanato Dry-Tech si evolve nel porcellanato Prodotti

6 advertisers’ list Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 10 4 / 20 13

3


ADVERTISING

Publisher • Editore Administration and Editorial Office

Amministrazione e Redazione

Subscriptions •Abbonamenti www.tiledizioni.it/subscription Each copy • una copia € 4 Annual subscription (5 issues)

Abbonamento annuale (5 numeri)

TILE EDIZIONI S.r.l. Via Fossa Buracchione, 84 41126 Baggiovara (MO) - Italy Tel. +39 059 512103

Italy: € 50; International: €70; Online Version: €40; Special tariffs for group subscriptions are available on request.

Fax +39 059 512157 info@tiledizioni.it

Tariffe speciali per abbonamenti collettivi sono disponibili su richiesta.

Iscritto al registro delle imprese di Modena C.F./P.IVA IT02778050365 Capitale Sociale: € 51.400,00 R.E.A. 329775 - Iscrizione ROC n. 9673 Periodico bimestrale registrato presso il Tribunale di Reggio Emilia al n. 803 in data 26/07/91 Editor

Direttore responsabile

Spedizione in a.p. art. 1 comma 1 DL 353/2003 DCB MODENA L’IVA sugli abbonamenti, nonché sulla vendita dei fascicoli separati, è assolta dall’Editore ai sensi dell’art. 74 primo comma lettera C del DPR 26.10.72 N. 633 e successive modificazioni e integrazioni. Graphic Layout • Progetto Grafico

Paola Giacomini

Sara Falsetti

p.giacomini@tiledizioni.it

Printer • Stampa

Editorial coordinator

m.bernardi@tiledizioni.it

Arbe Industrie Grafiche spa, Via Emilia Ovest 1014 41123 Modena

Editorial Board

Fotolito/Fotocomposizione

Coordinamento editoriale Milena Bernardi

Photolits • Typesetting

Comitato Editoriale Luca Baraldi, Chiara Bruzzichelli, Cristian Cassani, Patrizia Cazzaniga, Paolo Gambuli, Erminio Guiducci, Fabio Schianchi Advertising

Pubblicità TILE EDIZIONI Tel. +39 059 512103 Fax +39 059 512157 Paola Giacomini Cell. +39 335 1864257 E-mail: p.giacomini@tiledizioni.it Elisa Verzelloni Cell. +39 338 5361966 E-mail: e.verzelloni@tiledizioni.it Translation • Traduzione

STAR

Vaccari Zincografica srl - Via Salgari, 61 41123 Modena Entire contents copyright Tile Edizioni. All rights reserved. Opinions expressed by writers are not necessarly those held by the publisher who is not held responsible. Editorial material, manuscripts, photographs, transparencies and artwork will not be returned.

Tutti i diritti di riproduzione e traduzione degli articoli pubblicati sono riservati. È vietata la riproduzione anche parziale senza l’autorizzazione dell’Editore. Manoscritti, disegni, fotografie e altro materiale inviato in redazione, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La Direzione non assume responsabilità per le opinioni espresse dagli autori dei testi redazionali e pubblicitari.

Date of going to press • Chiuso in redazione: 09/12/13

Via Saragat, 5 424124 - Reggio Emilia - ITALY Tel. +39 0522 921337 / 921851 Fax. +39 0522 924044 poppi@poppi.it www.poppi.it

TILE EDIZIONI S.r.l., in conformità al “Testo unico sulla privacy”, garantisce la riservatezza dei dati usati per gli abbonamenti e per gli scopi tipici della stampa specializzata e la possibilità di modificarli o cancellarli (art. 7 del D.L. 196/2003) a mezzo richiesta scritta.

Promoted by

Sede Spagna C/FORMENTERA 27 12530 BURRIANA-CASTELLON Agente Spagna Ing.Victor Gascon vgascon@poppi.it Mob.: 0034 619373938 Agent Commercial Casablanca (Maroc) RAMI ABDELKRIM Tel./ Fax. 0021 2522522895 rami.negoce@menara.ma Mob.: 0021 2661191662

Tile Edizioni also publishes:


HAVEN’T YOU DOWNLOADED THE NEW CERAMIC WORLD REVIEW APP YET? FREE DOWNLOAD

REPLACE YOUR OLD CERAMIC WORLD REVIEW APP WITH THE NEW REDESIGNED VERSION • Wherever you are, browse each edition before receiving the printed copy, • Access the archive of back issues • Read it also in offline mode • Enjoy multimedia contents.

NON HAI ANCORA SCARICATO LA NUOVA APP CERAMIC WORLD REVIEW? E-NEWSLETTER: SIGN UP ON WWW.CERAMICWORLDWEB.IT


BMR 27

advertiser’ list Indian Ceramics

85

Borregaard 115

Infolog 57

Cevisama 89

Intesa 8

CWR 5

Inter Ser

Colorobbia 29

Kajaria 49

Cortés 103

Keramika 117

Coverings 55

LB 1

Ceramicure by Ebi Ltd

Manfredini & Schianchi

93

81

13

Cotto 37

Mantec Technical Ceramics

Cretaprint 59

Mectiles Italia

David 126

Metco 111

Ferro 31

Mosbuild

127

FM 44

Off. Smac

25

Fritta 101

Poppi Clementino

Future Ceramics

67

Ref Minerals

Golsar Fars

73

Remas 61

Gottfried

125

Remix - C.B.C. Group

6 105

4 80

121

Hito 91

Revestir 51

I-Tech 95

Sacmi

IV cop

Saudi 45 ADVERTISING

XTRACT

F I L T R AT I O N S Y S T E M S

xtract solids from liquid • xtract liquid from solids • xtract profit from loss

Setec 39 Sibelco 15 SITI B&T Group

II cop

Smalticeram 35 SRS - Assoprint Surfaces Technological Abrasives

21 128

System 2

Xtract Recovers Profit from Loss! XTRACT

F I L T R AT I O N S Y S T E M S

XTRACT

F I L T R AT I O N S Y S T E M S

XTRACT Xtract XTRACT

are specialists in the recovery of ceramic slip and glaze.

Tecnargilla 41 Tecnoferrari 7

F I L T R AT I O N S Y S T E M S F I L T R AT I O N S Y S T E M S

XTRACT

TG Mac

40

XTRACT Xtract XTRACT

Torrecid

17

Turkish Ceramic Federation

77

F I L T R AT I O N S Y S T E M S

recover the valuable raw materials that are lost to the waste water system.

F I L T R AT I O N S Y S T E M S F I L T R AT I O N S Y S T E M S

XTRACT

F I L T R AT I O N S Y S T E M S

XTRACT Xtract XTRACT

design raw material recovery systems that work.

F I L T R AT I O N S Y S T E M S F I L T R AT I O N S Y S T E M S

XTRACT

F I L T R AT I O N S Y S T E M S

XTRACT Xtract

has global installations within the Sanitaryware and Tableware sectors.

F I L T R AT I O N S Y S T E M S

Email us to find out more:

Unicera 76 Vidres Wanxing

33 III cop

sales@xtractfiltrationsystems.com

Weflex 23

Xtract Filtration Systems Normacot Road, Longton, Stoke-on-Trent ST3 1PA

Xaar 19

T: +44 (0) 1782 377598 www.xtractfiltrationsystems.com

Xieta 11


| CERAMIC |

Compact • Easy • Reliable

UP TO 8 COLOR BARS AVAILABLE

VIVAjet

More than 300 machines installed in the most important markets

IN THE HEART OF CERAMIC

®

US AT VISIT AMA CEVIS l: 2 Leve : 3 n Pavillo D50 : Stand

VivaJet on line

Gruppo TECNOFERRARI S.p.A. for TECNOEXAMINA - Via Ghiarola Vecchia, 91 - 41042 Fiorano Modenese (MO) - ITALY Tel. +39 0536 915000 - Fax +39 0536 915045 - www.tecnoferrari.it - info@tecnoferrari.it


FOR A COLOURFUL WORLD COLORA HD BLACK is the ideal printer to extol the characteristics of inks and materials for the digital decoration. Efficiency and reliability for wall and floor ceramic tiles always innovative and able to reproduce in the best way the images and colours of the world.

netstudio

COLORA HD BLACK DIGITAL PRINTER

IN.TE.SA. S.p.A. - via dell’Industria, 45 - 41042 SPEZZANO (MO) - Italy Tel. +39 0536 1814052 - Fax +39 0536 1810269 - www.intesa.sacmi.it - info.intesa@intesa.sacmi.it


The Digital Revolution

A

ia med

The 5th Annual Meeting on Digital Technology was held in Fiorano on November 8, organised by ACIMAC together with Ceramic World Review. We will dedicate an extensive report to this in the upcoming Ceramic World Review (our digital readers can access the reports from this page on their tablets or on CeramicWorldWeb.it). The extraordinary participation at the event (11 reports and more than 460 employees from the Italian tile industry) is yet another confirmation that digital decoration systems have conquered the manufacturing industry definitively, revolutionising the production process. At the same time, it shows how much research is necessary - and how much more will be needed in the future - from developers, equipment manufacturers and ink producers, to perfect a technology that is nevertheless 15 years old (it first appeared in Spain in 1998). Furthermore, it is now clear that 2014 will be the year when the focus will shift in a more decisive way to the digitalisation of the entire ceramic surface glazing phase. This was discussed extensively at the Meeting. The first machines have already been presented, along with the glazes, and now we are all waiting for Tecnargilla in Rimini in September, where we will be able see how the ‘work in progress’ of the researchers is advancing and what areas will then need to be worked on optimise the production lines. It will be on that occasion that the 6th Annual Meeting on Digital Technology will take

mu LTi

Paola Giacomini - p.giacomini@tiledizioni.it

place, enLo scorso 8 nohanced by the vembre, a Fiopresence of an rano, si è svolMore contents on your tablet international to il 5° Meeaudience. ting Annuale sulla There are now over 2,600 digi- Tecnologia Digitale, organiztal printers in the world used zato da Acimac in collaborafor decorating ceramic tiles. zione con Ceramic World ReIn Spain there are almost 300 view. Ad esso dedicheremo un examples while in Italy there ampio reportage sul prossimo are approximately 230. How- numero (i nostri lettori digitaever, the exponential growth li possono invece già accedeover the last 18 months is fo- re alle relazioni da questa stescused mainly in non-Europe- sa pagina da tablet o su Ceraan countries, in particular Chi- micWorldWeb.it). na, where there are now La straordinaria partecipaziomore than 1,000 printers. The ne al Meeting (11 relazioni e race to digitalise includes In- oltre 460 addetti dell’industria dia, where more than 330 ma- italiana delle piastrelle) non è chines have been installed, as che l’ennesima conferma di well as Turkey, Brazil, Iran and quanto i sistemi di decorazioIndonesia, followed by all the ne digitale delle piastrelle abother countries where tiles are biano definitivamente conquiproduced. It is very likely that stato l’industria manifatturiethis worldwide rate of digitali- ra rivoluzionandone i processi sation of the decoration produttivi. Allo stesso tempo, phase will be maintained at testimonia quanta ricerca vi least throughout 2014. sia ancora - e quanta ancora ve

vento per ottimizzare le linee produttive. Sarà proprio quella, peraltro, la vetrina in cui si svolgerà il 6° Meeting Annuale sulla Tecnologia Digitale, arricchito dalla presenza di un pubblico internazionale. Sono ormai oltre 2.600 le stampanti digitali per la decorazione di piastrelle ceramiche in funzione nel mondo. Sfiorano le 300 unità in Spagna, se ne contano circa 230 in Italia, ma la crescita esponenziale degli ultimi 18 mesi riguarda per lo più i Paesi extraeuropei, Cina in testa, dove si è già superato quota 1.000. La corsa non si arresta in India, che ha installato oltre 330 macchine, e poi Turchia, Brasile, Iran, Indonesia, e via a seguire tutti gli altri Paesi produttori. È molto probabile che il ritmo con cui si stanno digitalizzando le linee di decorazione nel mondo si manterrà a questi livelli almeno per tutto il 2014.

ne sarà - da parte degli sviluppatori, costruttori di macchine e produttori di inchiostri, per rendere sempre più perfetta una tecnologia che ha comunque compiuto 15 anni (la sua primissima apparizione in Spagna data 1998). Non solo. È ormai evidente che il 2014 sarà l’anno in cui l’attenzione si sposterà in maniera decisa sulla digitalizzazione dell’intera fase di smaltatura delle superfici ceramiche. Se ne è parlato ampiamente al Meeting, le prime macchine sono già state presentate, gli smalti pure, ora l’attesa è tutta per il Tecnargilla di Rimini il prossimo settembre, dove potremo verificare lo stato di ‘avanzamento lavori’ della ricerca e quali dovranno essere a quel punto gli ulteriori ambiti di inter-

La rivoluzione digitale non deve tuttavia far passare in secondo piano altri aspetti, altrettanto strategici, dell’evoluzione tecnologica e produttiva. L’anno che si è appena concluso ci ha ricordato quanto l’industria ceramica mondiale (a qualunque latitudine) sia ‘affamata’ di soluzioni di processo che garantiscano una forte riduzione dei costi produttivi, dei consumi energetici e dell’impatto sull’ambiente, offrendo flessibilità ed efficienza a livelli sempre più spinti. A questo si aggiunge un nuovo significativo interesse verso lavorazioni di finitura e trattamenti speciali su formati sempre più grandi. Istanze alle quali la ricerca sta dando risposte coerenti. 

The digital revolution must not, however, overshadow the other, equally important, aspects of technological development and productivity. The year that has just ended has constantly reminded us how ‘hungry’ the international ceramic industry is for production solutions that guarantee high reductions in production costs, energy consumption and environmental impact, offering flexibility and efficiency under increasing pressure. To add to this, there is a significant new interest in the development of the product through finishings and special treatments on ever larger tile sizes. Requests to which the developers are giving straight answers. 

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 1 0 3 / 20 13

9

editorial

Rivoluzione digitale


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

PanariaGroup

strengthens its assets

Panaria Group, one of the world major high-end ceramic tile manufacturers, presented the Group’s results for 3Q 2013, which, as announced in June, were influenced by strategic measures to improve financial management and reduce indebtedness. Slowing down production at the European sites, and increasing the sales of low-turnover products led to a reduction in profits but also a reduction of € 15.4 million in net working capital, and a decrease of € 8.5 million in net financial indebtedness since 30 June this year. Revenues reached € 207.9 million, -4% compared to the first nine months of 2012. The USA, which with 32% of total turnover is the Group’s primary market, and where Panariagroup belongs Florida Tile and Lea North America, achieved sales of € 66.2 million (+9.4% compared to the same period in 2012). The European market (34% of total sales) confirmed a decline of more than 10%. The Italian market, although still below the 2012 level (-6.1%), showed signs of improvement in the

third quarter, with only a slight fall (-1.4%) compared to the same period in 2012. Asia, South America, Oceania and Africa (10% of total turnover) ended 3Q with an overall reduction of 5%, displaying however an upwards trend in the last 2 quarters of +1% and +5% respectively, after the decline of 20% in 1Q. The EBITDA figure was € 10.4 million (€ 14.4 million on 30 September 2012). The EBIT figure was negative, at -€ 3.5 million (on 30 September 2012 it stood at +€0.1 million). In 2014, the Group expects to reap the benefits of its efforts to streamline and reorganise its production, logistics and commercial operations, completed this year in Portugal. Savings are expected to exceed € 2 million. Attention will be concentrated on R&D for distinctive, high-end products, with a special focus on laminated stoneware, while the offer of midrange products for the European markets will be expanded.

P anaria G roup rafforza la struttura patrimoniale Panaria Group, tra i maggiori gruppi mondiali nella produzione di piastrelle ceramiche di alta gamma, ha reso noti i risultati del terzo trimestre 2013 che, come annunciato a giugno, sono stati influenzati da operazioni strategiche dirette a migliorare la gestione finanziaria e a ridurre l’indebitamento. Il rallentamento della produzione degli stabilimenti europei tra luglio e settembre e l’incremento della vendita di prodotti a basso ciclo di rotazione hanno infatti consentito una riduzione, rispetto al 30 giugno, di 15,4 milioni di Euro del capitale circolante netto e di 8,5 milioni di Euro dell’indebitamento finanziario netto. I ricavi sono stati pari a 207,9 milioni di Euro (-4% sui primi nove mesi 2012). Il mercato statunitense, dove il gruppo è presente con Florida Tile e Lea North America e primo mercato di riferimento con un’incidenza del 32% sul giro d’affari complessivo, ha realizzato un fatturato di 66,2 milioni di Euro (+9,4% rispetto allo stesso periodo del 2012). Il mercato europeo (il 34% del fatturato complessivo) conferma

una contrazione superiore al 10%. Il mercato italiano, pur restando al di sotto dei risultati 2012 (-6,1%), nel terzo trimestre ha registrato segnali di miglioramento con una lieve contrazione (-1,4%) rispetto allo stesso periodo del 2012. Asia, Sud America, Oceania e Africa (10% sul fatturato complessivo) chiudono i 9 mesi con una contrazione complessiva del 5%, registrando però un trend in crescita negli ultimi 2 trimestri (rispettivamente a +1% e +5%), dopo un primo trimestre in calo del 20%. Il margine operativo lordo si attesta a 10,4 milioni di Euro (14,4 milioni di Euro al 30 settembre 2012). Il margine operativo netto risulta negativo per 3,5 milioni di Euro (al 30 settembre 2012 era positivo per 0,1 milioni di Euro). Per il 2014 il Gruppo prevede di raccogliere i frutti delle attività di razionalizzazione e riorganizzazione dei comparti produttivi, logistici e commerciali, completate nel 2013 in Portogallo, con un risparmio atteso superiore a 2 milioni di Euro. Sarà mantenuta elevata l’attenzione alla ricerca e sviluppo di nuovi prodotti distintivi e di alta gamma, con particolare focus sul gres laminato, mentre ai mercati europei sarà allargata l’offerta di prodotti orientati alla fascia media.

Sama Maschinenbau invests over 1.2 million E uros

S ama M aschinenbau : investimenti per 1,2 milioni di euro

Sama Maschinenbau, the worldbeating Sacmi Group company that specialises in the design of machines and complete plants for the tableware industry, recently invested 1.2 million Euros in an array of improvement projects. Thanks to this investment - which focussed on the Weißenstadt plant (Baviera) - Sama has made improvements to plant logistics and energy efficiency by renewing and modernising its output equipment. For example, an excellent new 5-axis milling machine was recently installed in the mould construction department. Another key focus of investment was the actual building: the new roof - which connects the two main fac-

Ammonta a 1,2 milioni di euro l’investimento effettuato da Sama Maschinenbau, l’azienda del Gruppo Sacmi specializzata nella progettazione di macchine e impianti per il settore della stoviglieria, attiva in tutto il mondo. L’investimento, che ha riguardato la sede di Weißenstadt (Baviera), ha apportato migliorie nella logistica e nell’efficienza energetica dell’impianto, rinnovando e ammodernando le attrezzature produttive. Tra que-

10

tory sheds - was inaugurated at the end of the summer, with the opening ceremony being attended by key figures from the parent company: the Group CEO, Paolo Mongardi, Group Managing Director, Pietro Cassani, the Sanitaryware and Tableware Division Manager, Daniele Coralli and the CFO of Sama, Emanuele Mazzini. In implementing this investment Sama received, for the first time since its founding in 1996, a public contribution from the Wunsiedel Development Authority.

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

ste, spicca la nuova fresatrice a 5 assi entrata in produzione nel reparto costruzione stampi. Il progetto ha coinvolto anche la struttura: il nuovo tetto, che collega i due stabilimenti produttivi, è stato inaugurato alla fine della scorsa estate alla presenza di rappresentanti della casa madre, tra i quali il presidente del Gruppo Sacmi Paolo Mongardi, il direttore generale Pietro Cassani, il direttore della divisione sanitari e stoviglie Daniele Coralli e il direttore finanziario di Sama, Emanuele Mazzini. Da sottolineare come per questo investimento Sama abbia ricevuto, per la prima volta dal ’96, anno dalla sua fondazione, un contributo pubblico da parte dell’Ente per lo Sviluppo della circoscrizione di Wunsiedel.


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Dynasty Ceramic and Tile Top Industries choose S iti B&T G roup

D ynasty C eramic e T ile T op I ndustries scelgono S iti B&T G roup

The Thai groups Dynasty Ceramic and Tile Top Industries have chosen Siti B&T Group as a partner in energetically efficient solutions and cuttingedge technology. Two single-channel roller kilns - one 104.34 metres and one 113.22 metres long - will be installed in the Tile Top factory and will be dedicated to biscuit and glazed tile firing, with a production of 9,000 sq.m./day for each line. This will reduce CO2 emissions and energy consumption by up to 20% as compared to conventional systems. The constant internal temperature guarantees uniform firing while respecting the environment. The new firing line is due to be launched by the end of 2013. Dynasty Ceramic has opted for Evolve digital technology provided by Projecta Engineering (a company of Siti B&T Group), by installing Evoseven/ Plus, the latest generation of digital decoration machinery.

I gruppi tailandesi Dynasty Ceramic e Tile Top Industries hanno scelto Siti B&T Group per la fornitura di soluzioni energeticamente efficienti e tecnologie all’avanguardia. Presso lo stabilimento Tile Top verranno installati due forni a rulli monocanale (104,34 m e 113,22 m di lunghezza), dedicati alla produzione di biscotto e vetrato con una produzione di oltre 9.000 mq/giorno per linea. Il risultato sarà una riduzione delle emissioni di CO2 e del consumo energetico fino al 20% rispetto ai sistemi convenzionali. La temperatura interna costante assicura una cottura uniforme nel massimo ri-

It is equipped with bypass, an innovative system which allows the printer to be decoupled from the glazing line, thus allowing the user to perform test prints on the main belt while production continues as normal on the “bypass” belt. The Evolve digital decoration family - equipped with exclusive, patented technology - enables to change the sequence of the inks with great ease, by changing the position of the colour bars. Evoseven/ Plus manages up to 7 colour bars, prints at speeds of over 50m/ min, and boasts extremely high definition resolution.

spetto dell’ambiente. L’avviamento della linea di cottura è previsto entro la fine del 2013. Punta al digitale Dynasty Ceramic, che ha installato una nuova macchina per la decorazione digitale Evoseven/Plus di Projecta Engineering (società del Gruppo Siti B&T). La stampante di ultima generazione è dotata di bypass, un innovativo sistema che consente di disaccoppiare la stampante della linea di smaltatura permettendo di effettuare prove di stampa sul nastro principale mentre la produzione fluisce normalmente sul nastro di “bypass”. La famiglia di decoratrici digitali Evolve, dotata di una tecnologia esclusiva e brevettata, consente di modificare con estrema semplicità la sequenza degli inchiostri scambiando la posizione tra le barre colore. Evoseven/Plus gestisce fino a 7 barre colore, ha una velocità di stampa di oltre 50 m/min e una risoluzione ad altissima definizione.

Casalgrande Padana wins the prestigious “I conic A wards 2013”

C asalgrande P adana vince il prestigioso “I conic A wards 2013”

On 7 October this year, Casalgrande Padana won the prestigious “Iconic Award” for its products Bios Self-Cleaning® and Bios Antibacterial®. This is the latest in a long list of international recognitions awarded to the bio-active ceramic products manufactured by the company from Casalgrande (Reggio Emilia, Italy). The award is sponsored by the German Design Council, a Foundation created in 1953 under the aegis of the BDI (German Industry Confederation). Its aim is to support and promote the project and design culture as a key for competitiveness, innovation, research and sustainability, to be achieved through holistic and cross-disciplinary processes, capable of improving the overall quality of architectural design and products. And it was precisely because of this idea behind the granting

Lo scorso 7 ottobre Casalgrande Padana ha ottenuto per i suoi prodotti Bios Self-Cleaning® e Bios Antibacterical® il premio “Iconic Award”, che si è andato ad aggiungere a una già lunga lista di riconoscimenti internazionali conseguiti grazie alle ceramiche bioattive prodotte dall’azienda di Casalgrande (RE). Il premio, promosso dal German Design Council, fondazione costituita nel 1953 e operante sotto l’egida della Confederazione dell’Industria Tedesca, ha

12

of the award, that the integrated research processes, international cooperation, dialogue with universities and specialist organisations, production and certification of the work undertaken for the design and the industrial engineering of Bios Self-Cleaning® and Bios Antibacterial®, were been chosen by the German Design Council as outstanding examples of a holistic best practice to be brought to the attention of designers and entrepreneurs worldwide.

C era mic W o rld Review n. 104 / 2013

l’obiettivo di sostenere e promuovere la cultura del progetto e del design come strumento chiave di competitività, innovazione, ricerca e sostenibilità, da perseguire attraverso processi olistici e di integrazione interdisciplinare, in grado di contribuire all’innalzamento della qualità complessiva del progetto e del prodotto architettonico. Sulla base di questa premessa, i processi di ricerca integrata, collaborazione internazionale, interazione con istituti universitari ed enti specializzati, produzione e certificazione delle prestazioni intrapresi per la progettazione e l’industrializzazione di Bios Self-Cleaning® e Bios Antibacterial®, hanno rappresentato un caso esemplare di best practice olistica che il German Design Council ha colto e voluto segnalare all’attenzione di progettisti e imprenditori di tutto il mondo.


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Intercerama moves with C readigit

to digital decoration

Intercerama, one of the largest ceramic tile producers in Ukraine, has confirmed its choice of automated equipment from System following an eight-year partnership. At the factory in Dnepropetrovk, where the company is taking its first steps in the field of digital decoration, two Creadigit digital printing machines were started up this year, one for decorating double-fired wall tiles, the other for single-fired floor tiles. This is an important result for System, which thus

maintains its association with Intercerama that began when the company was founded in 2006. To date it has supplied several dozen items of machinery, including 30 Rotocolor decoration heads as well as the sorting, palletisation and pallet finishing departments for four production lines.

Sacmi-Nuovasima supplies to S erenissima C ir Sacmi-Nuovasima has supplied a system for the storage of unfired ceramic tiles on roller boxes and fired tiles on pallets to Serenissima Cir for its new plant that started up in Rubiera (Italy) last June. The equipment features loading and unloading machines controlled by an automatic laser-guided handling system with computerised supervision. Sacmi-Nuovasima also sup-

automated equipment

plied the latest generation automatic sorting and palletisation lines, along with Flawmaster visual inspection systems for automatic tile selection. The plant also features an automatic pallet handling system that automates the entire finished product packaging process as far as the warehouse.

TG MAC Glazing Systems Marazzi Group has signed a contract with TG MAC Glazing System for the supply of 5 of the latest-generation glazing lines, complete with accessories and electrical system. The lines, which will be installed at the American Marazzi Tile factory in Sunnyvale (Dallas), use the best mobile airless systems to apply glazes and engobes. They also have a state of the art electrical system that controls all the line applications, connections and consumption levels. Other vital parts of the system include the information screens, cameras and production control sensors, which help operators to rapidly re-set the applications in the event

for

Marazzi USA

of alerts or stoppages, and also offer energy-saving benefits. These characteristics, combined with the careful construction and high quality materials, reduce the maintenance requirement by as much as 80% (compared to transport lines built from cheaper materials). They also guarantee high productivity, flexibility and a quality product.

I ntercerama passa con C readigit

Dopo otto anni di partnership, Intercerama, tra i maggiori produttori di ceramica in Ucraina, conferma la scelta dell’automazione System. Presso lo stabilimento di Dnepropetrovk, dove si stanno muovendo i primi passi nel

campo della decorazione digitale, sono state avviate quest’anno due macchine di stampa digitale Creadigit, una per la decorazione del rivestimento in bicottura e l’altra per il pavimento in monocottura. Un traguardo importante per System, che consolida una storia di forniture iniziata con la fondazione di Intercerama nel 2006, e che conta, ad oggi, diverse decine di macchinari forniti dall’azienda di Fiorano, tra cui 30 teste di decorazione Rotocolor, oltre ai reparti scelta, palettizzazione e finitura pallet per quattro linee di produzione.

A utomatismi S acmi -N uovasima per S erenissima C ir Per il nuovo impianto di Rubiera inaugurato lo scorso giugno, Sacmi-Nuovasima ha fornito a Serenissima Cir un sistema di stoccaggio finalizzato a immagazzinare il prodotto ceramico crudo su box a rulli e quello cotto su pianali. L’apparecchiatura si avvale di macchine di carico e scarico comandate da un sistema di movimen-

tazione automatica a guida laser sotto la supervisione di un sistema computerizzato. Firmate SacmiNuovasima anche le linee di scelta e pallettizzazione automatica di ultima generazione, con sistemi di ispezione visiva Flawmaster per la selezione automatica delle piastrelle. Completa l’impianto un sistema di movimentazione automatico dei pallet che automatizza tutto il processo di confezionamento del prodotto finito fino a magazzino.

TG MAC G lazing S ystems Marazzi Group ha concluso un accordo con TG MAC Glazing Systems per la fornitura di cinque nuove linee di smaltatura di ultima generazione, complete di accessori e impianto elettrico. L’impianto, che verrà installato presso la American Marazzi Tile di Sunnyvale (Dallas), utilizza la miglior tecnologia applicativa, ovvero i sistemi “mobile airless”, per l’applicazione di smal-

ndiale nel settore della produzione di piastrelle in ceramica e gres porcellanato up ha concluso un accordo per cinque nuove linee di smaltatura di ultima generazione Ceraelettrico mic W o rldconfermando Review n. 104 / 2013 accessori ed impianto l’ormai storica partnership con TG MAC

14

al digitale

per

M arazzi USA

ti ed engobbi ed è dotato di un impianto elettrico all’avanguardia che permette di controllare tutte le applicazioni della linea, i traini e i consumi. Fondamentali anche gli schermi informativi, le telecamere e i sensori per il controllo della produzione che aiutano gli operatori a ripristinare velocemente le applicazioni in caso di allarmi o fermi linea, nonché i vantaggi derivanti dal risparmio energetico. Tali caratteristiche, unite alla cura in fase di costruzione e alla qualità dei materiali utilizzati, consentono una riduzione della manutenzione fino all’80% (rispetto a linee di trasporto costruite con materiali più economici) e assicura un’elevata produttività, flessibilità e qualità produttiva.


www.sibelco.it

SIBELCO ITALIA | Milano | Via A. Ressi, 10 | Tel. 02 677.1351

edilizia arte vetro sport chimica ceramiche ceramiche edilizia

fonderia

arte

fonderia

ceramiche

edilizia

vetro

fonderia arte

vernici

chimica

vernici

chimica

sport

vetro sport

vernici

your mineral company


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Tecnargilla 2014: innovation returns from 22 to 26 S eptember 2014

T ecnargilla 2014: l ’ innovazione dal 22 al 26 settembre 2014

The countdown has begun to the showcase of technological innovation for the ceramic and brick industry. The Tecnargilla event, the world´s most important fair for technology applied to the ceramic and brick industry, will in fact take place from 22 to 26 September 2014 in Rimini (Italy). Organised by Rimini Fiera in collaboration with ACIMAC (Association of Italian Manufacturers of Machinery and Equipment for Ceramics), this event is the only occasion to bring together under the same roof the leading companies operating in the supply of processes, machines and aesthetic solutions for the

È partito il conto alla rovescia per la kermesse dell’innovazione tecnologica per l’industria ceramica e del laterizio. Tecnargilla, la più importante fiera di settore al mondo, si terrà dal 22 al 26 settembre 2014 presso il quartiere fieristico riminese. La manifestazione, che intende replicare il successo del 2012 (450 espositori provenienti da 29 Paesi e 30.458 visitatori, di cui 14.822 stranieri provenienti da 110 Paesi), è organizzata da Rimini Fiera in collaborazione con Acimac

Gape Due

seals deal with

Gape Due (Sassuolo, Italy), a manufacturer of moulds for the ceramic industry with more than 45 years of experience, has been selected by Serenissima Cir as technical partner to supply the necessary equipment for the PH 3800 and PH 6500 presses (with rapid die changeover system) for the new facility inaugurate in June in Rubiera (Italy). The moulds, used for

The Bulgarian

group

Serenissima-Cir Group

producing large-format wall and floor porcelain tiles, are extremely flexible when changing sizes, and offer cutting-edge performance and excellent quality.

KAI

The new line provided by Sacmi to the Bulgarian group KAI has been successfully tested and is now running at full capacity. The key strength of the design - as requested by Mr. Spas Shopov, CEO - lies in its potential to save energy and materials, so much so that it benefitted from EU funding. Each section features specific solutions: modular grinding reduces energy consumption, drying re-utilises a part of the hot air from the kilns, the new kiln itself features heat exchangers that provide internal heat recovery and significant savings while, lastly, dry grinding of production waste feeds vital materials back into the process. Cutting edge product-enhancing solutions

16

production of ceramic tiles, sanitaryware, tableware, bricks and technical ceramics. The goal is to repeat its 2012 success: 450 exhibitors from 29 countries, and 30,458 visitors including 14,822 foreigners from 110 different countries. The new technology offerings will be subdivided into the usual themed sections: Tecnargilla, dedicated to technology for tiles, sanitaryware and tableware; Kromatech, the showcase of colour and creativity in ceramics; Claytech, the section dedicated to brick industry technology; and Kermat, focusing on advanced ceramic products.

grows with

Sacmi

have also been adopted, such as Intesa’s latest Colora HD Black digital decoration model, which features the new, practical colour bar extraction system. As a result of the excellent performance obtained, KAI has already planned new investments in both the Shumen and the Isperih plants. Plans include an extended raw material treatment department, new vertical driers, new Intesa digital decoration units and a new wide-infeed kiln. Following this further technological step, the installed capacity of the Bulgarian giant will reach 25 million sq.m./ year, with a wide range of ceramic products.

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

G ape D ue

per il gruppo

Gape Due, azienda con oltre 45 anni di esperienza nel settore degli stampi per ceramica, è stata selezionata da Serenissima Cir quale partner tecnolo-

Il

gruppo bulgaro

KAI

È stata collaudata con successo, ed è ora a pieno regime, la nuova linea fornita da Sacmi al gruppo bulgaro KAI nello stabilimento di Shumen. Punto di forza del progetto, così come richiesto dal CEO Mr. Spas Shopov, è il recupero sia di energia, sia di materiale, tanto che l’investimento ha potuto beneficiare dei contributi europei. Ogni reparto prevede infatti soluzioni mirate: la macinazione modulare consente minori consumi energetici, l’essiccazione riutilizza parte dell’aria calda dei forni, il nuovo forno con scambiatore e recuperi interni permette importanti risparmi, infine con la macinazione a secco degli

torna

e concentra in un’unica location le maggiori aziende attive nella fornitura di processi, macchine e soluzioni estetiche per la produzione di piastrelle, sanitari, stoviglieria, laterizi e ceramica tecnica, un evento irrinunciabile per quanti operano nell’industria ceramica e del laterizio. Le nuove proposte tecnologiche saranno suddivise nelle consuete sezioni tematiche: Tecnargilla, dedicata alle tecnologie per piastrelle, sanitari e stoviglieria, Kromatech, la vetrina del colore e della creatività in ceramica, Claytech, la sezione dedicata alle tecnologie per il laterizio, Kermat, l’area dedicata ai ceramici avanzati.

S erenissima -C ir gico per la fornitura della dotazione necessaria alle presse PH 3800 e PH 6500 (dotate di sistema cambio rapido stampi), per il nuovo stabilimento di Rubiera. Gli stampi, utilizzati per la produzione di rivestimento e pavimento in porcellanato per grandi formati, presentano caratteristiche di grande flessibilità nel cambio formato, qualità eccellente e performance tecnologiche all’avanguardia.

cresce con

S acmi

scarti di produzione è possibile il riutilizzo nella ricetta. Sono state inoltre previste soluzioni d’avanguardia per l’arricchimento del prodotto, come l’ultimo modello di decoratrice digitale Intesa Colora HD Black, equipaggiata del nuovo e pratico sistema di estrazione delle barre colore. A seguito delle ottime performance conseguite, KAI ha già pianificato nuovi investimenti sia nello stabilimento di Shumen che in quello di Isperih. Sono infatti in previsione l’ampliamento del trattamento materie prime, nuovi essiccatoi verticali, altre decoratrici digitali Intesa e un forno a bocca larga. Dopo questo ulteriore step tecnologico, la capacità installata del gigante bulgaro si attesterà a 25 milioni di mq/anno, con un ampio range di prodotti ceramici.


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Tecnografica

and I n .T e .S a . begin collaboration on digital technology

O perativa la collaborazione T ecnografica - I n .T e .S a . sul digitale

Starting from September, Tecnografica and Sacmi group member company In.Te.Sa. have begun collaboration on the already widely used Crono colour profiling software developed by Intesa Imaging. Thanks to the partnership between the two companies, users of the Crono program will enjoy ease of access to a series of additional contents and services provided by Tecnografica, including a collection of ceramic design

È stato reso operativo lo scorso settembre l’accordo tra Tecnografica e In.Te.Sa., società del gruppo Sacmi, che riguarda il già diffuso software di profilazione colore Crono sviluppato da Intesa Imaging. Grazie alla collaborazione tra le due società, gli utilizzato-

projects that can be downloaded for the testing of new digitally decorated products. This marks a further step forward in cooperation following the agreement signed last year by Sacmi and Tecnografica for the purpose of developing increasingly innovative projects and technologies for the ceramic sector.

DBL Ceramics (Bangladesh)

DBL C eramics (B angladesh )

adopts the digital decoration DBL Ceramics (Bangladesh) has once again chosen the System Ceramics tile decoration technology by installing the Creadigit digital printing system. The Creadigit supplied to DBL consists of 4 color bars and offers numerous advantages, such as: higher resolution, higher speed, greater printing accuracy, more practical maintenance. The Bangladeshi manufacturer, whose production capacity reaches 8,000 sq.m/day, but can be increased up to 40,000 sq.m/day, is already equipped

CMF Technology

In September 2013, the Algerian company Ideal Ceramique from Hammam Soukhna, Setif, completed the startup of a storage system supplied by Cmf Technology, that is able to manage the entire production of double-fired tiles in a simple and rational way. So as to be able to safely handle the production of ceramic “biscuit”, Ideal Ceramique has equipped its plant with Roflat pallet loading/unloading machines. The pallet movement is handled by powerful Pegaso laser-guided vehicles. The handling of the decorated ceramic “biscuit” conveyed from the glazing lines and the following kiln feeding are managed by means of Tbox roller box loading/unloading ma-

18

passa al digitale

with the most updated technology from major Italian companies, among which Sacmi, System, Tecnoferrari, Seedex, Cami and others. DBL Ceramics belongs to the DBL Group, founded in 1991, with businesses in several fields, such as spinning, fabric knitting, dyeing and finishing, garments, washing, packaging, printing.

logistics in

Algeria

chines. Also in this section of the plant the movement of the roller boxes is handled by Pegaso laserguided vehicles. Upon completion of the system Cmf Technology also provided the machines for kiln unloading and the connection lines to the sorting benches.

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

ri del programma Crono potranno accedere in modo semplice a una serie di contenuti e servizi aggiuntivi forniti da Tecnografica, tra cui una collezione di progetti di design per ceramica, scaricabili per effettuare prove di nuovi prodotti decorati in digitale. Prosegue così la sinergia nata dall’accordo di collaborazione siglato lo scorso anno tra Sacmi e Tecnografica, allo scopo di sviluppare progetti e tecnologie sempre più all’avanguardia nel mondo ceramico.

DBL Ceramics (Bangladesh) ha scelto ancora una volta la tecnologia System per la decorazione delle piastrelle, adottando la stampante digitale Creadigit. Costituita da 4 bar-

re colore, la soluzione offre numerosi vantaggi, tra cui una risoluzione più elevata, maggiore velocità e precisione di stampa, oltre a una pratica manutenzione. DBL Ceramics, con una capacità produttiva di 8.000 mq/giorno espandibile fino a 40.000, dispone della tecnologia più aggiornata fornita da primarie aziende italiane, tra cui, oltre a System, anche Sacmi, Tecnoferrari, Seedex e Cami. DBL Ceramics fa capo al Gruppo DBL, attivo dal 1991 in vari settori manifatturieri tra cui soprattutto il tessile, il packaging e la stampa.

L ogistica CMF T echnology Lo scorso settembre, presso l’azienda algerina Ideal Ceramique di Hammam Soukhna, Setif, è stato completato l’avviamento di un sistema di stoccaggio in grado di gestire in modo semplice e razionale l’intera produzione di piastrelle in bicottura. Per manipo-

in

A lgeria

lare in sicurezza la produzione di “biscotto” ceramico, Ideal Ceramique ha dotato il proprio impianto di macchine di carico/scarico pianali Roflat, mentre la movimentazione dei pianali è stata affidata a potenti veicoli laser guidati Pegaso di Cmf Technology. La manipolazione del “biscotto” ceramico decorato, in arrivo dalle linee di smalteria, e la successiva alimentazione del forno, avvengono con l’ausilio di macchine di carico/ scarico box a rulli Tbox. Anche in questa sezione d’impianto la movimentazione è effettuata con LGV Pegaso. A completamento dell’impianto, Cmf Technology ha inoltre fornito le necessarie macchine di scarico forno e linee di collegamento ai banchi di scelta.


litre drop

s

ea

ns finer

et

m

ai

ls

6 or 1 2

o ic

...and don’t just take our word for it.

e iz

p

Welcome to the world’s best ceramic printhead...

d

Leading manufacturers agree that in addition to extended machine uptime, the Xaar 1001 gives you richer colours, stunning tile designs and exquisite detail. It’s the printhead that ceramic tile printers rely on to perform perfectly every time, even in dusty factory environments. The Xaar 1001’s relentless performance is fuelled by our patented Hybrid Side Shooter™ and TF Technology™. Together they recirculate ink directly past the back of the nozzle at a higher flow rate than any other printhead, eliminating particles and air bubbles that cause blockages. Even heavily pigmented inks are agitated and suspended with ease to ensure the finest print quality and reliability. Built to withstand harsh industrial environments the Xaar 1001 has superior self-recovery and the fastest start-up of any printhead on the market. Trust Xaar, the printhead specialists.

Xaar 1001

First choice for manufacturers

For more information about the Xaar 1001 call us on +44 1223 423 663, email info@xaar.com or visit www.ceramics.xaar.com


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Manfredini & Schianchi

obtains

OHSAS 18001

Following on from UNI 9001:2007, Manfredini & Schianchi (Sassuolo, Italy) has obtained another important international certificate: OHSAS 18001 (Occupational Health and Safety Assessment Series), which attests to an organisation’s voluntary enforcement of a system that grants suitable control of all aspects relating to health and safety at work, to be adopted along with the current standards in force. This target has not been easy to

achieve. It guarantees a healthy work place and safety standards that are higher than the European average, and offers further assurance of production and service quality, for staff, suppliers and customers alike. Gaining the certification marks another crucial step in terms of the commitment and dedication that the company has always shown towards occupational health and safety.

Ceramic

M anfredini e S chianchi Dopo la UNI 9001:2007, Manfredini & Schianchi ha ottenuto una nuova importante certificazione internazionale: la OHSAS 18001 (Occupational Health and Safety Assessment Series), che attesta l’applicazione volontaria, all’interno dell’organizzazione, di un sistema che permette di garantire un adeguato controllo riguardo la sicurezza e la

machinery : positive trend over the first nine months

M acchine

The Italian ceramic machinery industry closed the first nine months of 2013 with results which buck the trend shown in the majority of Italian industrial sectors. According to original data collected by Acimac Survey Dept. (Italian Ceramic Machinery and Equipment Manufacturing Association), on 30 September the industry turnover was stable on the same levels obtained in 2012. The trend in the third quarter of the year (+15.7% on 3Q 2012), was fundamental to these results. As might be expected for

a sector which receives 80% of its turnover from exports, the highest growth percentages were recorded on the foreign markets, to which the companies are turning with confidence. The majority of companies included in the sample foresee a growth in business in international markets and a stable trend on the domestic market.

L’industria italiana delle macchine per ceramica chiude i primi nove mesi dell’anno con un risultato in controtendenza rispetto alla maggioranza dei settori industriali del Bel Paese. A rivelarlo è il Centro Studi Acimac, secondo cui, al 30 settembre, il fatturato del comparto macchine e impianti si è attesta-

F.M.

L’ innovazione

duction in space between these, the module improves small packages and/or formats handling by reducing the tendency for blockages during handing and transport. The new roller conveyor will be presented at the Cevisama and Revestir exhibitions. Also on show will be the products from the “Heavy” range which includes: reinforced supports and beams to provide extra strength for significant loads; and reinforced containment roller conveyors, designed to support greater lateral work loads. The distance between the rollers - coated in a special scratchproof material - can be adjusted.

È stato presentato nel mese di novembre l’ultimo dei prodotti sviluppati dal reparto R&S di F.M. (Reggio Emilia) per l’industria ceramica. La nuova rulliera con rullini cilindrici passo 16 è ideale per impieghi gravosi (presenza di acqua, piastrelle di piccoli e grandi formati e articoli speciali come ad esempio battiscopa), grazie alla maggior resistenza garantita dalla presenza del perno M6 in acciaio, ed è particolarmente indicata all’ingresso di macchine serigrafiche e digitali, dove è neces-

Innovation

continues at

The latest products developed by the R&D department at F.M. (Reggio Emilia - Italy) for the ceramic industry were unveiled in November. The new roller conveyor with 16-step cylindrical rollers is ideal for difficult tasks (in the presence of water, small and large format tiles and special items such as skirtings) thanks to its increased strength due to the incorporation of an M6 steel bolt. It is particularly recommended for use with screen printing and digital machines, where items must be fed in a coplanar manner on to the conveyor belt. The modules can be used in conjunction with all projecting roller conveyors in the F.M. range: thanks to the use of smaller-diameter rollers, and the corresponding re-

20

C era mic W o rld Review n. 104 / 2013

ottiene la

OHSAS 18001

salute dei lavoratori, oltre al rispetto delle norme vigenti. Il raggiungimento del non facile obiettivo, garantisce un sistema e un ambiente di lavoro sano, con standard di sicurezza superiori alla media europea e rappresenta un’ulteriore garanzia di qualità, nella produzione e nel servizio fornito, per collaboratori, fornitori e clienti. Il traguardo segna un altro passo decisivo verso l’impegno e l’attenzione che l’azienda sassolese ha sempre dedicato al tema della sicurezza sul lavoro.

per ceramica : andamento positivo nei primi nove mesi to sugli stessi livelli raggiunti nel 2012. Determinante per il mantenimento di tali risultati, l’andamento del terzo trimestre dell’anno, risultato in crescita del 15,7%. Come in parte naturale per un settore che esporta l’80% del proprio giro d’affari, gli incrementi percentuali maggiori sono stati registrati sui mercati esteri, dove le imprese del settore ripongono la propria fiducia: la maggioranza delle aziende parte del campione prevede infatti una crescita del business sui mercati internazionali e un andamento stabile sul mercato domestico.

continua in casa

F.M.

sario arrivare complanari al nastro trasportatore. I moduli sono abbinabili ai profili per tutti i tipi di rulliere a sbalzo della gamma F.M.: grazie ai rullini di diametro inferiore e la relativa riduzione dell’interspazio tra essi, il modulo migliora la gestione di piccoli colli e/o formati riducendo di fatto la tendenza a bloccaggi nella movimentazione. La nuova rulliera, che sarà presentata a Cevisama e Revestir, si aggiunge ai prodotti della gamma “Heavy” che comprende: supporti e astine rinforzate per una resistenza a carichi considerevoli; e rulliere di contenimento rinforzate, studiate per sopportare maggiori carichi di lavoro laterali e con la possibilità di regolare la distanza fra i rullini ricoperti di uno speciale materiale antigraffio.


rscadv.it

Freedom to create.

LET YOUR CREATIVITY FLY Our D1 printer can manage different graphic projects in streaming, VISION&DESIGN

with a quality lasting over time. Precise, fast, performant, easy to use and clean, it is the ideal solution for digital printing.


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Durst

Durst, a leading manufacturer of digital printing systems for the decoration of ceramic tiles, is accelerating with significant investments in R&D, expansion of its production department, reinforcement of its staff and introduction of leading-edge technical innovations. Its strategic decisions include the opening of Sales&Support offices in South Africa, India and Asia Pacific Area and entering the Chinese market with the establishment of a new commercial company in partnership with C. Illies Trading Co. Ltd. The growth strategy also includes expanding the Bressanone plant with an additional 6,000 m2 area dedicated to the assembly of digital printers. In addition, by spring 2014, a new building will be inaugurated at the Durst site in Lienz (Austria) which will be used for the man-

ufacturing of printing systems targeted towards the graphical arts market. Another new aspect concerns the reinforcement of its staff: since January 2013, the staff in Bressanone includes 25 new hires, 15 of which are fully dedicated to the ceramic sector. With regard to innovation, the R&D department of the company from Alto Adige is currently committed to an important development phase for new technologies for the ceramic industry. These systems are equipped with avant-garde patent pending components anticipating revolutionary changes to the ceramic production process thanks to new “synchronised digital glazing”.

N uovi

investimenti in casa

Durst, primario produttore di sistemi di stampa digitale per la decorazione di superfici ceramiche, spinge sull’acceleratore con importanti investimenti in R&D, ampliamento del reparto produttivo, rafforzamento dell’organico e introduzione di imminenti innovazioni tecnologiche. Tra le scelte strategiche, l’apertura degli uffici vendite e assistenza in Sud Africa, India e Asia-Pacifico, l’ingresso nel mercato cinese con la costituzione di una nuova società commerciale in partnership con C. Illies Trading Co. Ltd., e l’ampliamento dello stabilimento di Bressanone con una

D urst

A

mu LTi

investments at

superficie aggiuntiva di oltre 6.000 mq dedicata all’assemblaggio delle stampanti digitali. Inoltre, entro la primavera 2014, presso la sede Durst di Lienz (Austria) sarà inaugurato un nuovo edificio destinato alla produzione dei sistemi di stampa rivolti al mercato delle arti grafiche. Altra novità riguarda il rafforzamento dell’organico: da gennaio 2013 lo staff della sede di Bressanone conta 25 nuovi assunti di cui 15 interamente dedicati al settore ceramico. Sul fronte innovazione, attualmente il reparto R&D dell’azienda altoatesina è impegnato in un’importante fase di sviluppo di nuove tecnologie per il mondo ceramico. Sistemi dotati di avanzatissimi componenti all’avanguardia in corso di brevetto che preannunciano cambiamenti rivoluzionari in ambito del processo produttivo ceramico grazie alla nuova “smaltatura digitale sincronizzata”.

Alliance confirmed between Keramin-Snezhinsk and Nuova Era

K eramin -S nezhinsk e N uova E ra :

Keramin-Snezhinsk (Russia), whose factory has a porcelain tile output of about 7,000 sq.m/ day, with formats from 300x300 mm to 800x800 mm, has recently installed a complete line from Nuova Era to link the dryer to the kiln, as well as a new kiln inlet line. The supply includes a special Robofloor buffer at the kiln unloading point. The system, with two aspirated layers, performs loading and un-

Keramin-Snezhinsk (Russia), per il suo impianto che produce circa 7.000 mq/giorno di gres porcellanato, con formati da 300x300 mm a 800x800 mm, ha acquistato da Nuova Era una linea completa per il colle-

BMR:

increasingly green - oriented

Innovation, efficiency, and optimising costs and energy savings are the cornerstones of BMR’s business. The company’s commitment in this area has been recognised in recent years with a series of awards, most recently a special mention in the Green Technology sector at the 3rd edition of the Green Economy Festival (Fiorano Modenese, Italy), for the Cut Crash® machine. BMR’s steel-disc cutting and rectifying system stood out mainly

22

loading to feed the sorting line, and can work with two different formats at the same time. Two Robofloors have also been installed for the storage of cotto tiles one for loading and one for unloading.

for its ability to eliminate the use of water thanks to an air cooling solution. Compared to the conventional diamond disc machines, Cut Crash® also considerably reduces the requirement for energy and raw materials in the rectification of ceramic slabs, thanks to the less installed power and to new tools which are 40-time smaller than the standard ones.

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

ia med

New

confermato il sodalizio

BMR

gamento tra essiccatoio e forno e un ingresso-forno. La fornitura comprende uno speciale Robofloor Buffer da inserire all’altezza dello scarico-forno. Il sistema, con doppio piano aspirato, assolve sia le funzioni di carico sia quelle di scarico per alimentare la scelta, e può lavorare in contemporanea con due formati diversi. Sono stati inoltre installati due Robofloor di stoccaggio cotto, uno di carico e l’altro di scarico.

sempre più green oriented

Innovazione, efficienza, ottimizzazione dei costi e risparmio energetico sono i punti chiave su cui si fonda l’attività di BMR. L’impegno che l’azienda sta portando avanti in tal senso è stato riconosciuto dai premi ottenuti in questi anni, ultimo fra tutti la menzione speciale ricevuta durante la III edizione del “Festival Green Economy di Distretto” (Fiorano Modenese), nella categoria Green Techno-

logy per la macchina Cut Crash®. L’impianto di taglio e rettifica a disco d’acciaio di BMR si è distinto soprattutto per la capacità di eliminare il fabbisogno idrico, dovuto all’utilizzo di un sistema di raffreddamento ad aria. Inoltre, rispetto alle tradizionali macchine a disco diamantato, Cut Crash® consente di ridurre notevolmente l’impiego energetico e di materie prime della fase di rettifica per lastre ceramiche, grazie alla minore potenza installata e ad utensili 40 volte più piccoli rispetto ai precedenti.


W I.T BY ARE ILE® O INC HO RE USE PTIM AS I AN ING PROC ZES DE PR ES FFI S O CIE DUC ES T NC Y IVITY

I.TILE®: WAREHOUSE UNDER CONTROL Logistics evolves quickly and, thanks to I.Tile®, it is

Infact, I.Tile®, owned by Weflex, allows for the real-

moving towards an absolute certainty of the goods

time tracking of materials and of every movements,

location. I.Tile is an innovative integrated system

controlling and optimizing all the available resources

composed of Track+Race technology, an advanced

in warehouse (goods, men, forklifts, space and time).

Wi-Fi system and a fexible software. I.Tile® completely

Because controlling processes and saving time on

controls warehouse processes.

operations are at the basis of a great productivity.

®

weflex.com

!

PARTNERS:

I.Tile® is specifically customized to fit the requirements of tile ceramic companies

WEFLEX S.r.l. 41043 Casinalbo di Formigine (Mo) | Via Enrico Mattei, 24 | Tel. +39 059 551898 | Fax +39 059 551633 | email: info@weflex.com


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Cersaie 2013

sees 4.2% growth in international visitors

C ersaie 2013: +4,2%

Cersaie 2013, the international exhibition of ceramic tiles and bathroom furnishings, attracted an average of 20,000 visitors a day, including about half from outside Italy. International attendance totalled 46,535 from 157 countries, 4.2% more than the 44,640 visitors of 2012. There were also large numbers of international exhibitors (302, a third of the total) from 34 countries, two more than last year (Japan and Slovenia). Due to the continued crisis in the domestic construc-

Cersaie, il Salone internazionale della ceramica e dell’arredobagno, ha chiuso l’edizione 2013 con una media di 20.000 visitatori al giorno, di cui circa la metà esteri. In totale i visitatori stranieri, provenienti da 157 Paesi, hanno raggiunto le 46.535 unità, +4,2% rispetto alle 44.640

Seacera Group

chooses

Seacera Tiles Berhad, a historical Malaysian company whose production plant is located in Selayang, has decided to install a modern Recolor dry colouring system manufactured by CMF Technology to feed the new large size tile production line that was started up last summer. The new system, equipped with multiple dosing units for spray-dried powders and colouring oxides, will be able to operate with four colours so as to streamline and optimise preparation of the coloured mixes. This is the latest in a long line

tion market, the numbers of Italian professionals fell by 12.3% to 54,173 compared to the 61,771 of 2012. Total attendance at Cersaie was 100,769, 5.7% down on the 106,846 of 2012. Cersaie 2014 will be held in Bologna from 22 to 26 september.

CMF Technology of orders secured by CMF Technology in Southeast Asia, further evidencing the high level of interest in this extremely effective and cost-effective production method on the part of ceramic tile producer companies both in Italy and in other countries.

le presenze estere

S eacera G roup

sceglie

del 2012. Buoni anche i numeri degli espositori esteri, pari a 302 (un terzo del totale) e provenienti da 34 Paesi, due in più (Giappone e Slovenia) rispetto all’edizione precedente. Risultano invece in flessione gli operatori professionali italiani (-12,3%) che, a causa della perdurante crisi del mercato domestico delle costruzioni, sono scesi a 54.173, contro i 61.771 dell’edizione precedente. In termini complessivi, i visitatori a Cersaie sono stati pari a 100.769 rispetto ai 106.846 del 2012, in calo del -5,7%. Cersaie 2014 si svolgerà dal 22 al 26 settembre.

CMF T echnology

Seacera Tiles Berhad, storica azienda malese con sede produttiva a Selayang, ha scelto di dotarsi di un moderno impianto di colorazione a secco Recolor realizzato da CMF Technology per alimentare la nuova linea di produzione grandi formati avviata la

scorsa estate. Il nuovo impianto, dotato di molteplici dosatori per polveri atomizzate e ossidi coloranti, sarà in grado di operare in quadricromia al fine di razionalizzare e ottimizzare la preparazione degli impasti colorati. Questa ennesima fornitura di CMF nel Sud Est Asiatico sottolinea ulteriormente l’attenzione riposta verso la tecnologia della colorazione a secco, un sistema che si dimostra estremamente efficace ed economico per le aziende produttrici di piastrelle ceramiche non solo in Italia ma anche all’estero.

New complete line by Ancora Group at Revigres

N uova linea completa A ncora G roup a R evigres

Revigres, one of the main Portuguese ceramics tile manufacturers, has purchased a complete polishing and honing line for large-format tiles (up to 1200x1200 mm) from Ancora Group, combined with the protective treatment HiCoat Coating System. The full system is to be delivered by the end of 2013. Revigres, which is renowned for its product quality and its high export share, has renewed its faith in Ancora following on from the previous contract for the supply

Revigres, tra le principali aziende produttrici di ceramica del Portogallo, ha acquistato da Ancora Group una linea completa di levigatura e lappatura per i grandi formati (fino a 1200x1200 mm), abbinata al sistema di trattamento protettivo antimacchia

24

of Vulcan B5 energy saving burners in two kilns. The ongoing partnership with Revigres further strengthens the Ancora Group’s already firmly established presence in the Iberian market, where most of the largest ceramic tile manufacturers already use its machinery.

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

HiCoat Coating System, in consegna entro fine 2013. Revigres, che si distingue per l’ottima qualità dei prodotti e l’alto tasso di esportazione, rinnova la fiducia ad Ancora dopo la precedente installazione su due forni dei bruciatori a risparmio energetico Vulcan B5. La continuità della partnership con Revigres rafforza sempre più la presenza già radicata di Ancora Group nel mercato iberico, dove le macchine del gruppo sassolese sono in funzione nelle maggiori aziende produttrici di piastrelle.


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

System

automation conquers A merican

Marazzi Tile

Built in 2013, the American Marazzi Tile plant in Sunnyvale (Dallas) is the first tile manufacturing facility in the United States, specially designed with the flexibility needed to produce traditional sizes, strips and large sizes up to 60x120 cm, the latter until now imported largely from Italy. The company has adopted System’s Multigecko technology for the management of all product sizes. The Multigecko sorting machine features ease of size change and an open structure that allows for the control of the selection with quick maintenance. The complete independence of the sorting line from straps and devices for the transport and the extraction of the pieces reduces to a minimum the number of components which are subject to wear and therefore reduces the time and cost of maintenance resulting in continuous productivity. The Dallas facility will be expanded with the installation

Nuova Era

enters

China

With a first supply to Daugres in October, Nuova Era is stepping into the Chinese market. The Daugres ceramic tile plant is structured with two kilns producing 12,600 sq.m./day of porcelain tiles with sizes from 100x600 mm to 600x1200 mm. The plant

LB Technology for of C oop I mola

with

Daugres

was equipped with two loading Robofloor, installed at kiln unloading, and four unloading Robofloor which serve the sorting lines and the squaring machines.

the large - format tiles

Last July, LB signed an important agreement with Cooperativa Ceramica d’Imola for the supply of a new storage, batching, mixing and feeding plant for the “Large Tile Line”. Designed to efficiently meet porcelain tile production requirements, the new plant will further increase the technical and aesthetic quality of Coop Imola’s products. The agreement also includes the installation of the full range of

26

of a new double-channel kiln, for the production of approximately 10,000 sq.m/day, per mouth, of porcelain tiles in sizes ranging from 30x30 cm to 60x120 cm, including strips ranging from 15x60 cm to 15x120 cm, and single-firing glazed floor tiles.. The three Multigecko systems implemented in the production line have 16 stackers each, and are designed specifically for the management of sheet-like products of different sizes and typology guaranteed by a special software. The complete System supply consists of 4 groups of Rotocolor S4 (from 5 +1 heads each), three Qualitron NG BS, three lines of Easy Line FV08 sorting lines with dual packaging and three Falcon Portale palletisers with fittings, coupling, glue, strap and furnace for shrink-wrap.

state-of-the-art LB technologies for coloured spray-dried powder management and treatment, enabling the efficient combination of different production features, all aimed at increasing production flexibility. The plant is scheduled to be delivered by March 2014.

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

A utomazione S ystem alla A merican M arazzi T ile Lo stabilimento American Marazzi Tile di Sunnyvale (Dallas), costruito nel corso del 2013, rappresenta il primo impianto produttivo negli Stati Uniti, appositamente progettato con la necessaria flessibilità per produrre formati tradizionali, listoni e grandi formati fino a 60x120 cm, questi ultimi sino a oggi importati in gran parte dall’Italia. Per la gestione di tutti i formati, l’azienda si è dotata del sistema Multigecko di System, uno smistatore che si caratterizza per la facilità di cambio formato e la struttura aperta che permette il controllo della scelta con manutenzione rapida. La completa indipendenza del sistema di scelta da cinghie e dispositivi di tra-

sporto ed estrazione pezzi, riduce al minimo gli elementi soggetti a usura, con conseguente abbattimento di tempi e costi di manutenzione, a vantaggio di una produttività continua. Lo stabilimento di Dallas si espanderà con l’installazione di un nuovo forno bicanale per la produzione di circa 10.000 mq/giorno, per bocca, di porcellanato nei formati da 30x30 a 60x120 cm, compresi listoni da 15x60 a 15x120 cm, e monocottura smaltata da pavimento. I tre Multigecko implementati sulla linea produttiva hanno 16 impilatori cadauno e sono progettati per la gestione di prodotti lastriformi di tipologia e dimensioni diverse, garantita da apposito software. La fornitura System comprende inoltre quattro gruppi di Rotocolor S4 (da 5+1 teste cadauno), tre Qualitron NG BS, tre linee di scelta Easy Line FV08 a doppio imballaggio e tre pallettizzatori Falcon Portale con raccordi, accoppiamento, colla, reggia e fornetto per termoretraibile.

N uova E ra

con

entra in

C ina

Con la prima fornitura alla ceramica Daugres, avvenuta in ottobre, Nuova Era fa il suo ingresso sul mercato cinese. L’impianto Daugres, strutturato con due for-

T ecnologia LB di C oop I mola

D augres

ni che producono 12.600 mq/giorno di gres porcellanato nei formati da 100x600 mm a 600x1200 mm, è stato attrezzato con due Robofloor di carico, installati all’altezza dello scarico dei due forni, e quattro Robofloor di scarico che servono le linee di scelta e le squadratrici.

per i grandi formati

Lo scorso luglio, LB ha concluso un importante accordo con Cooperativa Ceramica d’Imola per la fornitura di un nuovo impianto di stoccaggio, dosaggio, miscelazione e alimentazione della “Linea Grandi Lastre”. Studiato per rispondere al meglio alle esigenze di produzione del gres porcellanato, l’impianto consen-

te di incrementare ulteriormente il valore tecnico-estetico dei prodotti Coop. Imola. L’accordo prevede inoltre l’installazione di tutte le tecnologie LB di ultima generazione per la gestione e il trattamento delle polveri atomizzate colorate, con i conseguenti benefici derivanti dalle molteplici combinazioni di produzione a disposizione; il tutto finalizzato al miglioramento della flessibilità produttiva. La consegna dell’impianto è prevista entro marzo 2014.


Da oltre quarant’anni leader nella progettazione e costruzione di linee di lappatura, levigatura, calibratura e squadratura dei prodotti ceramici. Nel rispetto dell’ambiente e dell’uomo. A leader for more than forty years in the design and manufacture of lapping, polishing, calibrating and squaring lines for ceramic products. Caring for nature and human beings.

www.bmr.it

omniadvert.it

IDEAS TECHNOLOGY RESOURCES HISTORY THE ESSENCE OF LEADERSHIP.


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

New

confirmations for

Important agreements have been renewed during 2013 by System Brasil with Delta Group and Majopar, while Portobello has chosen the System world for the first time. Delta has purchased five new lines for large formats where traditional Rotocolor XL decoration systems have also been included, Qualitron NG quality control technology, the Easy Line BS08 sorting line and the portal palletiser the Falcon Millenium. A sign of a major migration of the Brazilian market from the traditional “dry method” to the “wet method”, which grants a higher value-added technical and glazed porcelain tile production of large formats, rectified, and lapped/polished tiles. System’s agreement with Portobello concerns the new factory with very high productivity (approximately 60,000 sq.m./24 hours) located in Maceió. The supply has four complete lines of Qualitron NG, the sorting line Easy Line Evolution Brazil, the

New

Comet CSC

Novabell

Roca

however the same performances of a traditional two-head machine. Its high speed allows to half the grinding time respect to standard technologies. The functional characteristics and the versatility of the machine, as well as the high quality of the surface finishing are among other important features of the MM-2013 system.

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

conferme per

S ystem B rasil

Ottimi risultati per System Brasil, che nel corso del 2013 ha rinnovato importanti intese con il Gruppo Delta e la ceramica Majopar, oltre ad aver acquisito Portobello tra le proprie referenze. Delta ha acquistato cinque nuove linee per grandi formati, dove sono stati inseriti anche i sistemi di decorazione tradizionale Rotocolor XL, la tecnologia per il controllo qualità Qualitron NG, la linea di scelta Easy Line BS08 e il pallettizzatore Falcon Millenium a Portale. Segnale di un’importante migrazione del mercato brasiliano dalla tradizionale produzione per “via secca” verso la “via umida”, con produzione ceramica a più alto valore aggiunto di porcellanati tecnici e smaltati di gradi formati, rettificati, e lappati/levigati. L’intesa di System con Portobello riguarda la nuova fabbrica ad altissima produttività (pari a circa 60.000 mq/24 ore) situata nell’area Maceió. La fornitura con-

N ovabell

board used in product packaging and thus cuts costs significantly. The EkoWrap packager also allows direct, personalized printing of the cardboard during actual packaging, thus providing further savings in terms of time and storage space.

secures a second supply to

Following the successful installation of the casting machine K4 type, which was installed at the sanitaryware manufacturing plant in Poland, Roca Group relies once again on the Comet CSC technology for the new grinding machine MM-2013 type. The new line, to be also installed in Poland with start-up due in January, is an innovative grinding machine with four aces and a single head, granting

N uove

portal Falcon Millenium. In addition, Portobello has introduced the automatic handling of pallets with LGV vehicles, and the management of production data with the Data Manager, thus creating a factory that, since its inception, has represented real cutting edge technology. These systems are specifically designed at the headquarters of System in Fiorano to meet the needs for high productivity in Brazilian industries that, due to high efficiency, meet the particularly selective criteria of this market. The Majopar Group introduces the Creadigit digital printing machine (in operation from December), for the creation of 400 dpi graphics on products coming out from the high productivity lines. A similar choice was made recently by Cejatel and Ceramus Bahia, while Incepa preferred Creadigit for the production of its high-end products.

end - of - line machinery at

Novabell, a well-known Italian ceramic tile company, has introduced a new automatic sorting and palletizing line of the latest generation featuring a Sacmi-made EkoWrap packaging unit. Perfect for the production of tiles up to 1200 x 1200 mm, the system considerably reduces the amount of card-

28

System Brasil

ta quattro linee complete di Qualitron NG, la linea di scelta Easy Line Evolution Brasil, il Falcon Millenium a Portale. Inoltre, Portobello ha introdotto la movimentazione automatica dei pallet con i veicoli LGV, e la gestione dei dati di produzione con il Data Manager, per una fabbrica che fin dalla sua nascita rappresenterà una vera avanguardia tecnologica. Si tratta di sistemi studiati appositamente nella sede System a Fiorano per rispondere alle esigenze di alta produttività delle industrie brasiliane e che, grazie a un’elevata efficienza, rispondono ai criteri particolarmente selettivi di questo mercato. Infine, il Gruppo Majopar introduce la macchina per la stampa digitale Creadigit (in funzione da dicembre) per realizzare grafiche a 400 dpi sui prodotti in uscita dalle linee ad alta produttività. Una scelta simile a quella effettuata recentemente anche da Cejatel e Ceramus Bahia, mentre Incepa ha installato Creadigit sulla linea di produzione dei materiali di alta gamma.

rinnova il fine linea

Novabell, nota azienda ceramica italiana, ha introdotto una linea di scelta e pallettizzazione automatica di ultima generazione, con confezionatrice EkoWrap, a marchio Sacmi. Il sistema, idoneo alla produzione di forma-

C omet CSC

raddoppia in

Dopo l’installazione della linea di colaggio modello K4, il Gruppo Roca si affida nuovamente alla tecnologia Comet CSC per il suo stabilimento polacco adottando la nuova rettifica modello MM-2013. Si tratta di una macchina innovativa dotata di quattro assi e una

ti fino a 1200x1200 mm, consente una notevole riduzione del cartone utilizzato nel confezionamento del prodotto con un conseguente risparmio dei costi, e permette di realizzare stampe personalizzate sul cartone direttamente in fase di confezionamento, diminuendo i tempi e gli spazi necessari a magazzino.

R oca sola testa, ma con le stesse prestazioni della tradizionale a due teste che, grazie alla sua velocità, permette di dimezzare i tempi di rettifica rispetto alle tecnologie standard. Le qualità funzionali, la versatilità e l’elevata qualità della finitura delle superfici, unitamente alla semplicità di utilizzo, completano le caratteristiche dell’innovativo sistema MM-2013. L’avviamento è previsto per gennaio 2014.


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Ongoing partnership for Betta Sanitaryware and Sacmi

P rosegue la collaborazione tra B etta S anitaryware e S acmi

Last May saw the completion of final testing of a new Gaiotto-built glazing line at the South African Betta Group, especially designed to carry out production in as eco-friendly and clean a way as possible. In this particular case the new glazing line includes a dry spray glazing booth featuring HEPA filters, as well as the latest version of the Gaiotto GA 2000 robot, which incorporates a glaze flow control system. In practice, the operator can control and set all the key parameters of a glazing

Si è concluso nel mese di maggio il collaudo della nuova linea di smaltatura Gaiotto fornita al gruppo sudafricano Betta Sanitaryware. L’obiettivo principale è stato quello di utilizzare tecnologia rispettosa dell’ambiente e un processo produttivo ecologico e pulito. La linea di smaltatura è infatti dotata di una cabina di spruzzatura ad abbattimento a secco con filtri assoluti, e della nuova versione del robot Gaiotto GA 2000 con sistema di

Del Conca USA

chooses

The logistics warehouse management at Del Conca new facility in Tennessee (USA) will be managed using Weflex I.Tile technology, an innovative integrated system based on RFID technology and specifically designed for the ceramic industry. Weflex has developed I.Tile in collaboration with Onit Group - Soluzioni Informatiche (Cesena - Italy) for software, and Emisfera Sistemi (Reggio Emilia - Italy) for Wi-Fi. A series of transponders have been placed in the internal and external flooring of the storage unit, thus establishing a system of passive communication with the specially-equipped handling devices. This results in real-

LB Technology

for the

LB Officine Meccaniche has signed a new agreement with Florim Ceramiche for the supply of a feed line for their new PH 10000 press. With a view to increasing the production efficiency of the facility, the contract includes an overhaul of the press feed section. The new investment, which strengthens the partnership between the two companies, allows for multiple produc-

30

programme and control the manipulator itself. The new line also includes belt conveyors, a 2-position turret (fully controlled by the robot as additional axes), and a line control PLC with an internet link to the Sacmi/Gaiotto assistance centre. Since its start up, the new line showed excellent results in terms of reduced consumption of glaze, overall energy and water, now limited to just the cleaning of the piece-carrying turntables.

Weflex

technology

time, 3D, traceability of materials and handling vehicles. Using a web-based software for the warehouse management (which is constantly connected to the devices on the handling vehicles), together with an innovative wire-antenna Wi-Fi coverage system, picking and handling operations can be optimized, resources (personnel, handling vehicles, goods) can be optimally employed and inventory can be monitored in real-time. The completion of works on the Del Conca USA facility is established for Spring 2014.

Florim Group tion combinations in order to achieve greater flexibility and optimisation of space and resources. The system is currently being designed and built, and will begin operation at the beginning of 2014. It has been designed to allow for future expansion, minimizing production stops and avoiding the need for radical interventions.

C era mic W o rld Review n. 104 / 2013

D el C onca USA

sceglie la tecnologia

La logistica del magazzino del nuovo stabilimento Del Conca in Tennessee (USA) sarà gestita dalla tecnologia I.Tile® di Weflex, l’innovativo sistema integrato basato su tecnologia RFID e progettato specificatamente per l’industria ceramica. Partner di Weflex nello sviluppo del prodotto I.Tile®, sono Onit Group – Soluzioni Informatiche (Cesena) per la parte software, ed Emisfera Sistemi (Reggio Emilia) per la parte Wi-Fi. Il posizionamento di una serie di transponder nel pavimento interno ed esterno del magazzino permette una comunicazione di tipo passivo con i mezzi di

T ecnologia LB

controllo portata smalto incorporato, dove l’operatore ha la possibilità di controllare e impostare tutti i parametri di processo necessari. La linea si compone inoltre di trasportatori a cinghie, giostra a 2 posizioni controllata completamente dal robot come assi aggiuntivi, e PLC di controllo linea con collegamento internet al centro assistenza Sacmi/ Gaiotto. I risultati, in termini di risparmio, sono già evidenti: riduzione dei consumi dello smalto, dell’energia complessiva e dell’acqua, quest’ultima limitata alla sola pulizia delle tornielle porta pezzi.

per il

W eflex

movimentazione opportunamente attrezzati. In questo modo, il sistema consente la tracciabilità in tempo reale, e nelle tre dimensioni, dei materiali e dei mezzi di movimentazione. Attraverso un software web-based per la gestione del magazzino (in costante connessione con gli apparati montati sui mezzi di movimentazione), e attraverso l’utilizzo di un innovativo sistema di copertura Wi-Fi ad antenne filari, è possibile ottenere l’ottimizzazione di tutte le movimentazioni e delle operazioni di picking, uno sfruttamento ottimale di tutte le risorse impiegate (uomini, mezzi, merci), e il monitoraggio in tempo reale delle giacenze. I lavori nello stabilimento Del Conca USA verranno conclusi nella primavera del 2014.

G ruppo F lorim

LB Officina Meccaniche ha siglato un nuovo accordo con Florim Ceramiche per la fornitura di una linea per l’alimentazione della nuova pressa PH 10.000. Allo scopo di incrementare l’efficienza produttiva dello stabilimento, il contratto ha incluso anche la revisione del reparto di alimentazione presse. Il nuovo investimento,

che rafforza la partnership tra le due aziende, consente molteplici combinazioni di produzione per raggiungere un’elevata flessibilità e una miglior ottimizzazione di spazi e risorse. L’impianto, attualmente in fase di progettazione e costruzione, entrerà in funzione all’inizio del 2014 e sarà predisposto per ampliamenti futuri, riducendo al minimo le fermate produttive ed evitando la necessità di interventi radicali.


w w w . f e r r o i n k s . c o m

Only big performances are worth the wait...

DIGITAL GLAZE JET POLISHED EFFECTS • TEXTURE • PROTECTION • MATERICAL FINISHINGS

coming

soon....

C E V I S A M A •VA L E N C I A •S PA I N 1 1 - 1 4 F E BR UA RY 2 0 1 4 H A L L N 3 P 3 • S TA N D B 2 8


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

New

production facility for

Golsar, the Iranian company that has been producing sanitaryware since 1984, launched an important technological expansion project in March 2013 with a view to increasing its national and international market shares. This project will result in the company’s industrial production capacity increasing from 18,000 tons/year (1,200,000 pieces) to 30,000 tons/year. A new structure is to be built adjacent to the Shiraz facility. The structure is to be located on a 20,000 square

Golsar

meter site and is due for completion within two years. 90% of the technological side of the project has already been carried out. Works relating to infrastructure and services, the topographical study as well as an update of the systems linked to disposal of materials, is being managed directly by the research & development department in collaboration with the company’s technical-executive team.

The

new S ystem G roup corporate web site is online The System Group website (www. system-group.it) has unveiled its new look, featuring a more dynamic and modern graphic interface. The new “corporate” website, created to convey the structure and business units of the Fiorano Modenese Group, is another step towards establishing a fully-developed identity involving all the virtual spaces of System production (Freebox, AGV, Modula, PC Wireless, Creadigit, Rotorollers). The System Logistics, System Packaging, System Lamina and System Ceramics divisions will soon to be online. The

“System nel mondo” section uses figures and imagines to showcase the Group’s widespread presence in 26 countries worldwide, with 1,359 employees and 35 subsidiaries. The brief presentation of the Group’s history since 1970 is particularly interesting: this features images and designs which, over time, transformed into ceramic industry technologies.

Jsc Nefrit Ceramics rennovates the I talbashkeramica The Jsc Nefrit Ceramics Group, a leading Russian tile producer, has chosen Siti B&T to modernise the drying and pressing divisions of its Italbashkeramica facility. The objective of the project is to optimise productivity with a particular focus on energy efficiency; a vertical drying system - with a capacity of 6,500 square meters and with the option of diversifying production towards single-firing or “monoporosa” - and an EVO 3008/2180 hydraulic press will be installed. The Siti B&T vertical dryers are the product of

32

facility

continuous research to obtain maximum performance with minimal energy consumption. EVO presses are reliable, easy to use and guarantee greater productivity, less time wasting and lower maintenance costs. An Evoseven/Plus digital decoration machine - equipped with a bypass system developed by Projecta Engineering - will also be installed at the facility.

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

N uovo

stabilimento produttivo per

Golsar, azienda iraniana attiva dal 1984 nella produzione di sanitari, al fine di aumentare le proprie quote di mercato nazionali e internazionali, a marzo 2013 ha avviato un importante progetto di espansione tecnologica che porterà la capacità produttiva dalle attuali 18.000 ton/anno (1.200.000 pezzi) alle 30.000 ton/ anno. Accan-

O n line il nuovo di S ystem G roup

G olsar

to allo stabilimento di Shiraz, su una superficie di 20.000 mq, sorgerà una nuova struttura che sarà prevedibilmente ultimata nell’arco di due anni e la cui parte tecnologica è stata per il 90% già finalizzata. La gestione dei lavori che riguardano il piano delle infrastrutture e servizi, lo studio topografico, come pure l’aggiornamento dei sistemi inerenti lo smaltimento dei materiali, è seguito direttamente dal reparto ricerca & sviluppo insieme al team tecnicoesecutivo dell’azienda.

sito web corporate

Il sito web del gruppo System (www.system-group.it) cambia look e si presenta on line con una veste grafica più dinamica e moderna. Il nuovo sito web “corporate”, creato per comunicare la struttura della multinazionale di Fiorano Modenese, con le sue business unit, è un altro passo verso un’identità evoluta che ha coinvol-

to tutti gli spazi virtuali della produzione System (Freebox, AGV, Modula, PC Wireless, Creadigit, Rotorollers) e delle divisioni System Logistics, System Packaging, System Lamina e System Ceramics, online a breve. La sezione “System nel mondo” mostra, attraverso numeri e infografiche, la presenza capillare in 26 Paesi del globo, con 1.359 dipendenti e 35 società controllate. Da non perdere un piccolo viaggio nella storia dal 1970 a oggi, completo di immagini e progetti che, lungo la linea del tempo, si sono trasformati in tecnologie per l’industria ceramica.

J sc N efrit C eramics rinnova l ’ impianto di I talbashkeramica Il Gruppo Jsc Nefrit Ceramics, leader tra i produttori russi di piastrelle in ceramica, ha scelto Siti B&T per l’ammodernamento dei reparti di essiccazione e pressatura dello stabilimento di Italbashkeramica. Con l’obiettivo di ottimizzare la produttività con la massima attenzione rivolta all’efficienza energetica, il progetto prevede l’installazione di un impianto di essiccazione verticale con una capacità di 6.500 mq/giorno, con la possibilità

di diversificare la produzione per monocottura o monoporosa, e una pressa idraulica EVO 3008/2180. Gli essiccatoi verticali Siti B&T sono il risultato di una ricerca continua per ottenere il massimo delle prestazioni riducendo al minimo i consumi energetici. Le presse EVO, affidabili e semplici da usare, garantiscono maggiore produttività, meno perdite di tempo e meno costi di manutenzione. Nello stesso stabilimento, verrà installata inoltre la macchina per la decorazione digitale Evoseven/Plus equipaggiata di bypass, sviluppata da Projecta Engineering.


www.vidres.com


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

CMF Technology

in

Thailand

The two world leaders in ceramic tile production - Marazzi and SCG - have signed important agreements with CMF Technology for their production sites. As part of their undertaking to double the size of their site in Sunnyvale (Dallas), American Marazzi Tile has commissioned a “turnkey” solution to the company from Pavullo, aimed at overhauling their entire back-press department, from the silos for storing spray-dried powders to the press-loading hoppers. The SCG Group has commissioned CMF to design and build the entire unit for raw material preparation at their brand new ceram-

Vidres

at

USA

ic slab plant in Saraburi (Thailand). CMF will provide the Thai Group with a number of solid and liquid batching units, capable of interacting with each other to facilitate the production of coloured materials that are necessary for the creation of hi-tech porcelain slabs. The entire preparation process is managed by bespoke Quicktile model software developed by CMF Technology.

Cevisama 2014

Vidres will be present at the upcoming Cevisama exhibition with a completely new stand. They have drawn inspiration from contemporary art galleries and museums to create open, welllit spaces in which their new tile collections will feature as the undisputed protagonists and where the visitor’s attention will be drawn to the colour, texture, finish, graphic variety, nuance and natural-quality of the products, emphasising the company’s slogan: “Passion for Tiles”.The collection includes a range of opaquefinish floorings including a special selection wood, cement and stone, while the polished range focusses on marble effects pro-

Kerabel Brest

duced using polished-glaze techniques. The high-definition HDM and HDL screen printed tiles, with brilliant micro-relief textures, stand out amongst the range of wall tiles. A wide range of special inks for digital decoration are available to produce unique aesthetic effects. Finally, in the special products section, Vidres will present its innovative metallised effect materials which come in opaque and polished finishes and draw upon the latest trends in architecture and interior design.

renovates the spray drying plant

Kerabel Brest, an important ceramic tile manufacturer from Belarus, has chosen the spray drying system solutions from Siti B&T to boost its efficiency and productivity. The SD 5200 and SD 9000 spray dryers, respectively dedicated to the production of double-fired and porcelain tiles, will have a total production capacity (for both product types) of 10,000,000 m²/year, and will grant reduced energy consumption, maximum

34

and the

reliability, as well as versatility, efficiency and easy maintenance. The contract also includes the spray-dried powder storage units. The high energy performance offered by Siti B&T’s technologies, was particularly importance to Kerabel Brest, which has launched a programme to reduce its atmospheric emissions.

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

CMF T echnology

in

T ailandia e USA

I due maggiori gruppi mondiali nella produzione di piastrelle ceramiche - Marazzi e SCG - hanno siglato, per le proprie sedi produttive, importanti accordi con CMF Technology. American Marazzi Tile, per il raddoppio della sede produttiva di Sunnyvale (Dallas), ha assegnato all’azienda di Pavullo la fornitura “chiavi in

V idres

a

mano” dell’intero reparto retropresse, dai silos di stoccaggio polveri atomizzate sino alle tramogge di carico presse. Per SCG Group, CMF progetterà e realizzerà tutto il reparto di preparazione materie prime del nuovissimo impianto di lastre ceramiche a Saraburi (Tailandia). Saranno fornite numerose isole di dosaggio solidi/liquidi in grado di interagire tra loro per rendere estremamente facile e flessibile la produzione di materie colorate, necessarie alla formatura di lastre ceramiche in gres porcellanato tecnico. L’intero processo di preparazione è gestito da un software personalizzato modello Quicktile sviluppato da CMF Technology.

C evisama 2014

Al prossimo Cevisama, Vidres si presenterà con uno stand totalmente rinnovato, ispirato alle gallerie d’arte e ai musei di stile contemporaneo, con ampi spazi molto luminosi, nei quali le nuove collezioni di piastrelle risalteranno come protagoniste indiscusse, focalizzando l’attenzione sulle caratteristiche di colore, texture, finitura, varietà grafica, ricchezza di nuance e naturalezza, in linea con lo slogan dell’azienda, “Passion for Tiles”. Per i pavi-

K erabel B rest

menti con finitura opaca, le proposte si concentrano su una selezionata collezione di legni, cementi e pietre, mentre per i prodotti lucidi si confermano i marmi realizzati con la tecnica dello smalto levigato. Nel rivestimento, spiccano le finiture con serigrafie ad alta definizione HDM e HDL, che apportano texture di micro rilievi brillanti. Per tutti i prodotti vi è un’ampia gamma di inchiostri speciali per decorazione digitale che consentono particolari effetti estetici. Infine, nel segmento dei prodotti speciali, Vidres presenterà a Valencia le novità su diversi materiali metallizzati, con finitura sia opaca che lucida, che si collocano tra le ultime tendenze del mondo dell’architettura e dell’interior design.

rinnova il reparto atomizzazione

Kerabel Brest, importante azienda ceramica della Bielorussia, sempre attenta alla qualità dei processi e all’innovazione di prodotto, ha installato due nuovi atomizzatori Siti B&T che consentiranno di aumentare efficienza e produttività. Gli atomizzatori SD 5200 e SD 9000, rispettivamente dedicati alla produzione di piastrelle in bicottura e gres porcellanato, permetteranno una capacità produttiva totale, per entrambe le

tipologie di prodotto, di 10 milioni mq/anno, oltre a garantire minimi consumi energetici e massima affidabilità, versatilità, efficienza e semplicità di manutenzione. La fornitura Siti B&T comprende anche i reparti di stoccaggio atomizzato. Le elevate prestazioni in termini di efficienza energetica delle tecnologie Siti B&T hanno giocato un ruolo rilevante nella scelta di Kerabel Brest, che ha implementato un programma di riduzione delle emissioni in atmosfera.


+

Naturalmente......colore

NUOVI PIGMENTI, NUOVI VEICOLI, NUOVI ADDITIVI. • Biodegradabili • Prodotti inodore • Ridotto impatto ambientale • Maggior resa cromatica • Minor volatilità

by www.smalticeram.it

Italia . Indonesia . Espana . Brasil . South Africa


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Southeast Asia

chooses dry milling

The Vietnamese Prime Group, together with Thai Ceramic Co. (SCG Group) and Royal Ceramic (Union Mosaic Group) are just some of the major South East Asian tile producers who have chosen MS Drytech dry milling, provided by Manfredini and Schianchi. Technological innovation is continually evolving and, thanks to the Sassuolo-based company’s committed efforts in R&D, it is now possible to use raw materials which, due to high levels of humidity, are not suited to the traditional dry milling process but are nonetheless sought

after in the ceramics industry because of their performance characteristics. Molomax pendular mills guarantee high performance by way of new drying air circulation systems, allowing raw materials to be treated with humidity levels of over 20%, practically zero gas consumption and a consequent reduction in costs and environmental impact.

Projecta Engineering in India, Russia and Thailand Projecta Engineering’s Evolve digital production methods (Siti B&T Group) conquer Asian markets. Six ceramics companies in India have chosen Evolve technology for quality and design innovation: Doll Ceramic has installed an Evofive/Plus, configured to enable double line operation, allowing two formats and two separate graphics to be produced using the same machine; Saicon Ceramic, Lotus Ceramic and Mod Ceramic Industries have chosen an Evoseven/ Plus; two double line Evoseven/ Plus machines will be installed at Sanskar Ceramic and Imperus Ceramic. Samara Ceramics

Vetriceramici

opens in

On 24 September, at Vetriceramici’s Fiorano Modenese headquarters, the Casola Valsenio Group (Ravenna - Italy) brought Italian and international clients together to celebrate the launch of their new production facility in Monterrey (Mexico). The new facility, located on a 20,000 square meter site (7,000 square meters of which are covered) is equipped with state-of-the-art production technologies. It employs 70 staff and can produce most of Vetriceramici’s range of products. The company - renowned for

36

Society in Russia has installed an Evoseven/Plus, equipped with a bypass system for decoupling the printer from the glazing line. Siam Ceramic Group in Thailand has chosen two Evoseven/Plus machines, a Colour Management system for graphics management with multicolour configuration and Evostore, a mobile storage unit capable of housing up to five fully-fed colour trays and managed by a dedicated electronic system.

Mexico the production and marketing of vitrified glazes and inks for the tile industry - is a leading partner on the Mexican and North-American markets, implementing strategic expansion plans not only in Italy but also on the key international markets. This latest investment follows on from the previous internationalisation project in Poland.

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

I l S ud E st A siatico sceglie la macinazione a secco Il gruppo vietnamita Prime, insieme alle tailandesi Thai Ceramic Co. (SCG Group) e Royal Ceramic (Gruppo Union Mosaic), sono solo alcuni dei maggiori produttori di piastrelle del Sud Est Asiatico che hanno scelto la macinazione a secco MS Drytech proposta da Manfredini e Schianchi. L’innovativa tecnologia è in continua evoluzione e, grazie all’intensa attività di R&S

P rojecta E ngineering

in I ndia ,

La tecnologia digitale Evolve di Projecta Engineering (Gruppo Siti B&T) conquista i mercati asiatici. In India sei aziende ceramiche l’hanno scelta per innovare qualità e design: Doll Ceramic ha installato una Evofive/Plus configurata con la possibilità di lavorare in doppia fila, quindi con due formati e due grafiche diverse sulla stessa macchina; Saicon Ceramic, Lotus Ceramic e Mod Ceramic Industries hanno adotta-

V etriceramici

apre in

dell’azienda sassolese, è oggi possibile utilizzare materie prime che, a causa delle elevate umidità, sono poco adatte al processo tradizionale di macinazione a secco, ma risultano particolarmente performanti dal punto di vista ceramico. I mulini pendolari Molomax, infatti, garantiscono elevate prestazioni per mezzo di nuovi sistemi di circolazione aria di essiccazione, e consentono il trattamento di materie prime con tenori di umidità oltre il 20%, consumi di gas praticamente nulli e una conseguente riduzione di costi e impatto ambientale.

R ussia e T ailandia

to una Evoseven/Plus; presso Sanskar Ceramic e Imperus Ceramic verranno installate due Evoseven/Plus configurate in doppia fila. In Russia, Samara Ceramics Society ha installato una Evoseven/Plus equipaggiata di bypass per il disaccoppiamento della stampante della linea di smaltatura. In Tailandia, Siam Ceramic Group ha scelto due Evoseven/Plus, un sistema di Colour Management per la gestione delle grafiche con configurazioni multicolor ed Evostore, magazzino mobile in grado di alloggiare fino a cinque cassetti colore completamente alimentati e gestiti da elettronica dedicata.

M essico

Lo scorso 24 settembre, presso la sede di Fiorano Modenese, il gruppo di Vetriceramici di Casola Valsenio (Ravenna) ha festeggiato con i clienti italiani e stranieri l’apertura del nuovo sito produttivo di Monterrey (Messico). Il nuovo stabilimento, che sorge su una superficie di oltre 20.000 mq di cui 7.000 coperti, è dotato delle più moderne

tecnologie produttive, occupa 70 addetti, ed è in grado di produrre la maggior parte della produzione Vetriceramici a catalogo. L’azienda, tra i leader nella produzione e commercializzazione di smalti vetrificanti e inchiostri per l’industria della piastrella, si colloca così come partner di riferimento per l’area messicana e nordamericana, portando avanti i piani strategici di espansione non solo in Italia, ma anche sui principali mercati internazionali: quest’ultimo investimento segue infatti il precedente progetto di internazionalizzazione in Polonia.


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

A

move towards digital and large - format tiles also in E gypt

P iù

The ceramic tile producing industry in Egypt is rapidly turning its attention to digital methods and large-format tile production, as confirmed by the important orders filled by System in 2013, in collaboration with their overseas branch, System Egypt. Al Omaraa (Cairo) has installed System technology in its large format sorting division where it produces the “La Beauté” brand. The completely automated grinding division comprises two highly productive lines capable of handling formats of up to 120x120 cm. The products are convoyed using two Easy Line BS 08’s with Falcon Portal Millennium palletisers, which sort, package and palletise the tiles. 24-hourdaily productivity is around 8,000 square meter for each of the two kilns dedicated to the production of 60x60 cm format and around 5/6,000 square meter/day for the two kilns for the 90x90 cm format production. Since 2005, Al Omaraa has invested in a number of Easy Line model sorting lines and has kitted all of its glazing lines out with Rotocolor decoration systems. Art Ceramic (Cairo) - a leader in the high-end domestic market since 2009 - has chosen System’s

Anche in Egitto l’industria produttrice di piastrelle ceramiche si sta rapidamente orientando verso il digitale e la produzione di formati di grande dimensione. Una conferma viene da importanti forniture concluse nel 2013 da System, grazie alla collaborazione della filiale System Egypt. Al Omaraa (Il Cairo) ha installato la prima fornitura System per il reparto di scelta dei grandi formati dove viene prodotto il marchio “La Beauté”. Il reparto di rettifica, completamente automatico, comprende due linee ad alta produttività in grado di gestire formati fino a 120x120 cm. I prodotti vengono convogliati verso due linee Easy Line BS 08 con relativo pallettizzatore Falcon Portal Millennium che provvedono a scegliere, confezionare e pallettizzare le piastrelle. La produttività giornaliera, 24 ore su 24, si aggira sugli 8.000 mq/giorno per ciascuno dei due forni dedicati alla

Creadigit digital technology, with the intention of creating a range dedicated to high-quality innovative surfaces. Another Creadigit system was installed in October at Ceramica Gloria/Al Shark, for the decoration of medium-large format tiles. The Ceramica Gloria order includes an Easy Line sorting and packaging line, directly connected to the kiln for a productivity greater of 10,000 square meters per day. On the western bank of the Nile, 20 km South-West of the capital, Ceramica Prima has automated its packaging and palletising processes and, in September, within a few months of the order, they installed their second Easy Line sorting line and their second Falcon Millennium automatic palletiser. With an industrial production capacity of 10,000 square meters per day per line, the company produces formats of up to 50x50 cm.

digitale e grandi formati anche in E gitto

produzione del formato 60x60 cm, e di circa 5/6.000 mq/giorno per i due forni dedicati al formato 90x90 cm. Dal 2005 ad oggi, Al Omaraa si è dotata di diverse linee di scelta modello Easy Line e ha equipaggiato tutte le linee di smaltatura con decoratrici Rotocolor. Sul digitale, invece, punta con decisione Art Ceramic (Il Cairo), dal 2009 riferimento sul mercato interno di alta gamma, che ha scelto Creadigit con l’obiettivo di creare un marchio dedicato a superfici innovative di elevata qualità. Un’altra Creadigit è stata installata in ottobre alla Ceramica Gloria/Al Shark per la decorazione dei formati medio-grandi. La fornitura a comprende anche una linea di scelta e confezionamento Easy Line in diretta forno per produttività superiori a 10.000 mq/giorno. Sulla riva occidentale del Nilo, 20 km circa a sud-ovest dalla capitale, Ceramica Prima ha invece automatizzato i processi di confezionamento e pallettizzazione e, a distanza di pochi mesi dalla prima fornitura, nel mese di settembre ha provveduto a installare la seconda linea di scelta Easy Line e il secondo pallettizzatore automatico Falcon Millennium. Con una capacità produttiva di 10.000 mq/giorno per linea, l’azienda produce formati fino a 50x50 cm.

Comes: Honourable mention at B est C ommunication A ward

C omes : menzione d ’ onore al B est C omunication A ward

Comes - a company producing processing machines for ceramic materials, mineral glass, quartz, crystal, special glass, plastic and polycarbonates - has received honourable mention at the conferring of the Best Communication Award. This award has been running for seven years as part of the Marmomacc exhibition (25-28 September 2013). As well as selecting the most innovative exhibition spaces (for their new exhibit design formats), the jury also took into account the intelligent use of new technologies which complement the irreplaceable employment of materials and production pro-

Comes, azienda attiva nel settore delle macchine per la lavorazione di materiali ceramici, vetro minerale, quarzo, cristallo, vetri speciali, plastiche e policarbo-

38

cesses. Comes received honourable mention for the Studio Venturelli project; the achievements of six other companies were also recognised as part of the award.

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

nati, ha ricevuto una menzione d’onore all’interno del Best Comunication Award, premio che da sette anni rientra tra gli eventi collaterali di Marmomacc (25-28 settembre 2013). Oltre a selezionare gli spazi espositivi più innovativi, che si sono distinti per nuove forme di exhibit design, la giuria ha messo in evidenza come, accanto alla presenza insostituibile della materia e dei processi produttivi, ci sia un utilizzo intelligente delle nuove tecnologie. Insieme a Comes, premiata grazie al progetto dello Studio Venturelli, la menzione d’onore è stata riconosciuta ad altre 6 aziende.


Talleres Cortés

ready for

The Spanish Company Talleres Cortés - established in 1951 and specialising in the construction of ceamic tile moulds - will be present at the upcoming Cevisama 2014 exhibition (Valencia, 11/14 February). They will occupy stand C64 in Pavilion 3, Level 2. The exhibition is an opportunity for the company to showcase their latest innovations and achievements in the field of embossed ceramic surfaces with digital inkjet printing, and demonstrate their new technology which allows tile producers to significantly reduce product development time. In 2013 Talleres Cortés - renowned for the quality of their precision moulds which can be adapted to suit a variety of formats, and

Cevisama 2014

for their exceptional pre-and post-sales service - undertook a series of investments at their site, with a view to providing an even more efficient service: the design department was expanded and a section was created for the development of “interlocking” surfaces. The R&D department also developed moulds with lower isostatic blocks, upper isostatic plates and a new interchangeable frame liner system.

T alleres C ortés

pronta per

Talleres Cortés, azienda spagnola attiva dal 1951 e specializzata nella costruzione di stampi per piastrelle ceramiche, sarà presente al prossimo Cevisama 2014 (Valencia, 11/14 febbraio) con uno stand (C64) nel Padiglione 3 Livello 2. La fiera offrirà l’occasione per mostrare le ultime novità e i risultati ottenuti dall’azienda nel campo delle superfici ceramiche a rilievo

C evisama 2014

per la stampa digitale ink-jet, oltre ad una nuova tecnologia che consentirà ai produttori di piastrelle di abbattere i tempi di sviluppo nuovi prodotti, realizzandoli in tempi record. Nel corso del 2013 Talleres Cortés, nota per la qualità degli stampi di precisione, adattabili ai vari formati richiesti, e per la grande attenzione al servizio pre e post vendita, ha effettuato una serie di investimenti presso la propria sede, volti ad offrire un’assistenza sempre più efficiente: è stato ampliato il reparto progettazione con l’aggiunta di una sezione per lo sviluppo di superfici “interlocking”, mentre il reparto R&D ha sviluppato stampi con blocco inferiore isostatico, piastre superiori isostatiche e un nuovo sistema di lastrine intercambiabili.

ADVERTISING


ADVERTISING

exclusive technology for best ceramics brands MOBILE AIRLESS SYSTEM

the best airless application system for big sizes

pump for all ceramic mixtures

Marazzi strives for excellence with Evolve technology

Marazzi punta all’eccellenza con la tecnologia Evolve

As part of its programme of investment in product innovation and new technologies, the global player in the ceramic tile sector, Marazzi, has signed a number of contracts in a few months with Projecta Engineering, a subsidiary of Siti B&T Group, for the acquisition of Evolve’s latest generation of digital machines. The facilities in Sassuolo in Italy, Oriol and Malino in Russia, Monarch in Alabama and Dallas in Texas in the new extension project in Sunnyvale, have chosen to decorate the tiles with EVOSeven Plus in four, five or six colours; some of them are equipped with two colour trays for tactile effects, others are configured to enable double line operation, allowing two formats and two separate graphics to be produced using the same machine. The Evolve digital decoration family - equipped with exclusive, patented technology and combining aesthetics and high quality - enables the user to change the sequence of the inks with great ease, by changing the position of the colour bars. Evoseven/Plus manages up to 7 colour bars, prints at speeds of over 50m/min, and boasts extremely high definition resolution.

Marazzi, colosso mondiale leader nel settore delle piastrelle in ceramica, all’interno del proprio programma di investimenti in innovazione di prodotto e nuove tecnologie, ha concluso in pochi mesi diversi contratti con Projecta Engineering, società del Gruppo SITI B&T, per l’acquisizione di macchine digitali di ultima generazione Evolve. Gli stabilimenti di Sassuolo in Italia, Oriol e Malino in Russia, Monarch in Alabama e Dallas in Texas nel nuovo progetto di ampliamento di Sunnyvale, hanno scelto di decorare le piastrelle con EVOSeven plus a quattro, cinque o sei colori, alcune dotate di due cassetti colore per effetti materici, altre configurate con la possibilità di lavorare in doppia fila, quindi con due formati e due grafiche diverse sulla stessa macchina. Combinando estetica ed elevata qualità, la famiglia di decoratrici digitali Evolve - dotata di una tecnologia esclusiva e brevettata - permette di modificare con estrema semplicità la sequenza degli inchiostri scambiando la posizione tra le barre colore. EVOSeven/plus gestisce fino a 7 barre colore, ha una velocità di stampa oltre 50 m/min e una risoluzione ad altissima definizione.

Cf Systems Free Lite chooses Cf Systems Free Lite sceglie la qualità di Ancora Group Ancora Group’s quality

excellent performances with abrasive materials and grits

perfect dry

the perfect solution for dry application TG MAC srl Tel +39 0536 805596 - info@tgmac.it

Two complete production lines for polishing and score-and-snap lapping, plus a large format (1200 x 1200 mm) score-and-snap and squaring line, have been provided by Ancora Group to the Russian company CF Systems Free Lite. The brand represents a commercial organisation that has been in the ceramics market for years and is opening a new factory in the Kaluga region, near the capital. The lines designed and manufactured by the Sassuolo-based group will fit out the plant that is currently under construction. This modern and avant-garde building is considered a model for machinery and technology and will be operational in springsummer 2014. Among the machines provided, the innovative continuous score-and-snap is particularly worthy of note with its motorised discs and slicers for difficult to break materials. The company will also supply high productivity polishing and large format lapping lines, as well as the state-of-the-art squaring lines. The company’s goal is not only to address the domestic market, but also to meet the challenges of the international one with high-end ceramics products.

Due linee complete di levigatura e lappatura con incisione e spacco, più una linea di incisione-spacco e squadratura per grandi formati (1200 x 1200 mm) sono state fornite da Ancora Group alla società russa CF Systems Free Lite. Il marchio rappresenta una struttura commerciale consolidata da anni nel mercato ceramico, che in questi mesi sta aprendo un nuovo stabilimento nella regione di Kaluga, nei pressi della capitale. Le linee progettate e realizzate dal gruppo sassolese andranno, infatti, ad allestire la fabbrica in costruzione, una struttura moderna e all’avanguardia, considerata un modello per dotazioni e tecnologia, che entrerà in funzione nella primaveraestate 2014.
Tra le macchine fornite si evidenzia l’innovativa incisione e spacco in continuo a dischi motorizzati e incisori folli per materiali difficili da spaccare. La fornitura si completa con linee di levigatura ad alta produttività e di lappatura per grandi formati, oltre a quelle per la squadratura di ultima generazione. L’obiettivo dell’azienda è quello di rivolgersi non solo al proprio mercato interno, ma anche di affrontare le sfide di quello internazionale con produzioni ceramiche di alta gamma.


2014 22nd-26th September 2014 - Rimini , Italy

ORGANISED BY RIMINI FI E R A - I N C OOP E R AT I ON WI T H ACI MAC

www.tecnargilla.it

omniadvert.com

24th International Exhibition of Technologies and Supplies for the Ceramic and Brick Industries


The future of ceramics, seen from near

Viaggio nel futuro della ceramica

events

On 25th September over 260 people from 43 countries attended the conference “Ceramics: your future seen from near”, organised by Sacmi for its customers and held at the Imola headquarters. After an analysis by Alex Murphy, a researcher from Asian Ceramics, about the growth dynamics within static economies, with particular emphasis on China, the conference offered a unique opportunity for an up-todate overview of the Sacmi Group’s latest developments for the tile industry. It examined the latest proposals for facing up to the challenges of the future, especially those of output flexibility and energy savings. To compete on the globalised ceramic tile market it is becoming ever-more necessary to have a wide product range with numerous sizes and decorative solutions and, at the same time, an output set-up that contains costs. Sacmi’s plant engineering proposals for maximising output flexibility are visible in the recent introduction of lines for largesize porcelain tiles: these provide various advantages, such as ease of management, the higher value of the attainable products, the possibility of producing modular sub-sizes via cutting without having to change the die and less need for finished product storage facilities. Andrea Bresciani, Sacmi Imola’s Technological Manager, illustrated the range: from traditional lines with the PH10000 high-tonnage press and fast die changeover to the now tried-and-tested Continua line and the all-new Continua+, that is the new Sacmi roller-compaction-only technology that lets manufacturers produce ultra-large sizes at outstanding levels of productivity. The new Continua and Continua+ technologies can, moreover, be perfectly integrated with even the latest innovative digital decoration technologies such as dry digital decora-

42

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

Oltre 260 persone da 43 Paesi hanno partecipato il 25 settembre al convegno “Ceramica: il vostro futuro visto da vicino”, organizzato da Sacmi per i propri clienti presso la sede imolese. Introdotto da un’analisi presentata da Alex Murphy, ricercatore di Asian Ceramics, sulle dinamiche di crescita nelle economie statiche, con particolare focus sulla Cina, il convegno ha rappresentato un’occasione unica per compiere un viaggio all’interno delle ultime novità tecnologiche del Gruppo Sacmi per il settore delle piastrelle; soluzioni pensate per far fronte alle sfide di domani puntando soprattutto su flessibilità produttiva e risparmio energetico. Secondo Sacmi, infatti, per competere nel mercato globalizzato delle piastrelle, oggi occorre proporre un’ampia gamma di prodotti, diversificati nei formati e nei decori, contenendo al tempo stesso i costi di produzione. In un’ottica di flessibilità produttiva, la proposta impiantistica Sacmi è rappresentata dalla recente introduzione delle linee per grandi formati in gres porcellanato, che presentano numerosi vantaggi, quali la facilità di gestione, il maggior valore dei prodotti ottenibili, la possibilità di produrre per taglio sottoformati modulari senza cambi stampo e la riduzione a magazzino del numero di prodotti finiti. Andrea Bresciani, Direttore Tecnologico di Sacmi Imola, ha illustrato le varie soluzioni: dalla linea tradizionale con pressa PH10000 ad alto tonnellaggio e cambio rapido stampo, all’ormai consolidata linea Continua, fino alla Continua+, ovvero la nuova tecnologia Sacmi di sola compattazione a rullo che permette di produrre grandissimi formati con produttività molto elevate. Continua e Continua+ sono peraltro perfettamente integrabili con le più innovative tecnologie di decorazione digitale, ossia la decorazione digitale a secco, la smaltatura digitale e la decorazione inkjet, presentate da Davide Medici, direttore generale di In.Te.Sa., la consociata Sacmi specializzata nel digitale. La deco-


tion, digital glazing and inkjet decoration, the focal points of a talk by Davide Medici (Managing Director of In.Te.Sa., Sacmi’s digital specialist). Now, with the introduction of the Colora HD Black, digital decoration - already firmly established thanks to undisputed advantages (high-res graphics, easy prototype construction and fast product changeovers, even with small lots, plus contactless decoration even on textured surfaces) – has climbed yet another rung up the innovation ladder. Yet the real decoration revolution will be made possible thanks to the introduction of Sacmi digital glazing, which effectively reduces line length, enhances automation and simplifies management. Digital glazing allows not only the traditional application of glazes and engobes but, above all, the creation of ceramic surfaces with new chromatic and optical (gloss/ matt, iridescent effects) or 3-D effects (relief texturing). Since output flexibility needs to be complemented by energy savings, Andrea Avallone, Managing Director of Sacmi Forni, analysed the energy-saving advantages to be gained with the Eko kiln, a machine featuring technology that completely modifies fume flows inside the kiln to cut fuel consumption while improving output quality, thus introducing a radical and

razione digitale, già ampiamente affermata grazie ai suoi indiscutibili vantaggi (elevata risoluzione delle grafiche, facilità di realizzare prototipi e cambi prodotto anche per piccoli lotti, decorazione senza contatto anche su superfici strutturate), trova in Colora HD Black la sua più innovativa realizzazione. Tuttavia, la vera rivoluzione della decorazione sarà possibile grazie all’introduzione della smaltatura digitale Sacmi, che consente un’effettiva riduzione della lunghezza delle linee, una maggior automazione e una più facile gestione. La smaltatura digitale permette poi non solo l’applicazione tradizionale di smalti ed engobbi, ma soprattutto la realizzazione di superfici ceramiche con nuovi effetti cromatici, ottici e tridimensionali (effetti lucido/matt, iridescenti) e tridimensionali (strutture a rilievo). Poiché la flessibilità produttiva non può prescindere dal risparmio energetico, Andrea Avallone, direttore generale di Sacmi Forni, ha analizzato i vantaggi ottenibili a tale riguardo con il forno Eko, una tecnologia che, modificando completamente il flusso dei fumi all’interno del forno, riduce i consumi energetici e migliora contemporaneamente la qualità produttiva, apportando così una radicale e innovativa trasformazione nel processo di cottura tradizionale delle piastrelle.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 1 0 4 / 20 13

43


(Pitch 16)

Improved handling of small packages Reduction of blockages during the handling Water Resistant

REINFORCED ROLLER CONVEYOR

High load resistance Rubber covered Rolls Adjustable Pitch Bearing Protection for longer wear resistance For more information, visit our web site: www.fm.re.it

Via Europa,4 - 42015 Correggio (RE) - ITALY Tel.+39-0522-631055 - Fax.+39-0522-642992 Web: http://www.fm.re.it E-mail: fm@fm.re.it

ADVERTISING

CYLINDRICAL ROLLER CONVEYOR

innovative transformation of the traditional tile firing process. Savings were also the subject of the last talk by Maurizio Bardi, Managing Director of Nuova Sima, focused on end-of-line solutions provided by Nuova Fima. The new EkoWrap and EkoRoll, in fact, introduce the peripheral packaging concept, which uses two corrugated cardboard blanks and a patented closure system to allow even very large tiles to be packaged. This smoothly combines considerable cost reduction with size changeovers, able to be completed in just a few minutes: that means reduced cardboard stocking requirements, increased line productivity and, of course, optimal tile corner protection. The conference ended with a visit to the Sacmi plant where participants had the opportunity to see the EkoWrap and EkoRoll packaging machines in action. Also on display was the Colora HD Black digital printer, the most recent evolution of the Colora machine series that, thanks to the installation of up to 8 colour bars, provides an outstanding response to the digital decoration needs of the ceramic industry. Visitors were also treated to a preview of the prototype of the new Colora HW printer, the first machine in the world for the application of water-based ceramic glazes. The Colora HW can be used for the controlled application of glazes and engobes to create relief structures and surfaces or complete final decoration of ceramic pieces. Glaze application may be allover or focus on enhancing graphics via the digital application of inks. The event ended with aperitifs in the cloisters of the Basilica di Santo Stefano and a gala dinner at Palazzo Isolani, in the  heart of Bologna’s historic city centre.

Di risparmio ha parlato anche Maurizio Bardi, AD di Nuova Sima, nell’intervento dedicato alle proposte a marchio Nuova Fima per il fine linea: le nuove EkoWrap ed EkoRoll sviluppano infatti un concetto di confezionamento perimetrale che, utilizzando due fustelle di cartone ondulato e un sistema di chiusura brevettato, permette di confezionare anche formati di grandi dimensioni. In questo modo, al notevole risparmio di costi, si unirà la possibilità di cambiare formato in pochi minuti, riducendo i cartoni immagazzinati e aumentando la produttività della linea di scelta, garantendo al tempo stesso una protezione ottimale degli angoli delle piastrelle. Al convegno è seguita una visita allo stabilimento dove gli ospiti hanno potuto osservare la confezionatrice EkoWrap–EkoRoll in funzione e la stampante digitale Colora HD Black, la più recente evoluzione delle macchine della serie Colora che, grazie alla possibilità di installare fino a 8 barre colore, è in grado di rispondere al meglio alle esigenze della decorazione digitale nel settore ceramico. Presentato inoltre in anteprima il prototipo della nuova stampante Colora HW, la prima macchina al mondo per l’applicazione digitale di smalti ceramici a base acqua. Colora HW può essere utilizzata per l’applicazione controllata di smalti ed engobbi per la realizzazione di strutture e supporti a rilievo, o per la decorazione finale dei pezzi ceramici. L’applicazione dello smalto può essere sia a campo pieno, sia mirata all’integrazione grafica con applicazione digitale di inchiostri. L’evento si è concluso con un aperitivo nel chiostro della Basilica di Santo Stefano, seguito dalla cena di gala a Palazzo Isolani,  nel cuore del centro storico di Bologna.


Big celebration for 40 years of LB

events

Festa grande per i 40 anni di LB

There were over ten days of meetings with customers and collaborators in celebration of the 40th anniversary of LB Officine Meccaniche, an achievement the company wanted to celebrate by opening the doors of the Fiorano-based headquarters. This provided the opportunity to present important new technologies in the world of ceramics. Attendance was high at the inaugural celebration on 19 September, which hosted many entrepreneurs in the Sassuolo ceramic district as well as institutional figures and the press. After the initial greetings by Fabio Tarozzi (Chairman of Acimac), Vittorio Borelli (Chairman of Confindustria Ceramica), Franco Manfredini (Casalgrande Padana), Claudio Pistoni (Mayor of Fiorano) and Luca Caselli (Mayor of Sassuolo), Emilio Benedetti and Matteo Bigi, who have headed the company since 2012, recalled some of the most significant moments in LB’s history: from 1973, when Ivanno Ligabue and Ermes Bigi started on their entrepreneurial path, up to today. References were also made to technology and patents that have marked the evolution of porcelain tile - Dual, Easy Color, Format, Croma, Linear Design - and opened up new scenarios in the preparation of ceramic mixtures with the revolutionary Migratech technology. The opening evening culminated in the world premier presentation of the innovative Divario technology: the newly developed feeder, synthesis of LB’s experience in the realisation of plants for press feeding. An exclusive project in which ideas, raw materials, human resources and technology come together to create inimitable products, “work in progress”

46

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

Oltre dieci giorni di incontri con clienti e collaboratori hanno fatto da cornice al 40° compleanno di LB Officine Meccaniche, un traguardo che l’azienda ha voluto festeggiare aprendo le porte della sede di Fiorano con una open house che ha offerto l’occasione per presentare importanti novità tecnologiche al mondo ceramico. Molto partecipata la festa d’inaugurazione, il 19 settembre, che ha ospitato numerosi imprenditori del distretto ceramico, oltre alle istituzioni e alla stampa. Dopo i saluti iniziali di Fabio Tarozzi (presidente Acimac), Vittorio Borelli (presidente Confindustria Ceramica), Franco Manfredini (Casalgrande Padana), Claudio Pistoni (sindaco di Fiorano) e Luca Caselli (sindaco di Sassuolo), Emilio Benedetti e Matteo Bigi, dal 2012 alla guida dell’azienda, hanno ripercorso i momenti più significativi della storia di LB: dal 1973, anno in cui Ivanno Ligabue ed Ermes Bigi iniziarono il proprio cammino imprenditoriale, fino ai giorni nostri. Non sono mancati i riferimenti alle tecnologie e ai brevetti che hanno segnato l’evoluzione del gres porcellanato ceramico – Dual, Easy Color, Format, Croma, Linear Design – e aperto nuovi scenari nella preparazione degli impasti ceramici con la rivoluzionaria tecnologia Migratech. La serata inaugurale è culminata con la presentazione, in anteprima mondiale, dell’innovativa tecnologia Divario: l’alimentatore di nuova concezione, sintesi dell’esperienza LB nella realizzazione di impianti per l’alimentazione alla pressa. Un progetto esclusivo in cui le idee, le materie prime, le risorse umane e la tecnologia si uniscono per realizzare prodotti inimitabili, progetti ‘work in progress’ capaci di rispondere alle attuali richieste


projects capable of meeting the current demands of the market by anticipating future needs. The Divario presentation generated great interest (already closed in some orders), which made it necessary to extend the open house beyond the ending date of 29 September, in order to welcome foreign delegations in the week after Cersaie. The description of the new technology is presented in this issue on page 98. *** In addition to LB Officine Meccaniche, the LB Group today consists of two other companies: Sermat (Sassuolo), active in the design and supply of crushing and grinding systems, and Sitec Castellarano, specialised in micronisation systems and the treatment of raw materials. As a whole, the group has more than 120 employees and over 180 officers, with a consolidated turnover of around 38 million euro. Some of the management’s goals for the near future include strengthening the sales network, consolidating the corporate image, new investments in Research and Development, improving the quantity and quality of pre- and post-sales services and increased market penetration in South America, India  and China.

del mercato, anticipando le esigenze future. Grande l’interesse suscitato dalla presentazione di Divario (concretizzatosi peraltro già in alcuni ordini), che ha reso necessario prolungare l’apertura della open house oltre il termine del 29 settembre per accogliere delegazioni straniere anche nella settimana successiva a Cersaie. La descrizione della nuova tecnologia è presentata in questo numero a pagina 98. *** Oggi il Gruppo LB comprende, oltre ad LB Officine Meccaniche, altre due società: Sermat (a Sassuolo), attiva nella progettazione e fornitura di sistemi di frantumazione e macinazione, e Sitec Castellarano che realizza sistemi di micronizzazione e trattamento materie prime. Complessivamente, il gruppo conta più di 120 dipendenti e oltre 180 addetti, con un fatturato consolidato di circa 38 milioni di euro. Tra gli obiettivi del management per il prossimo futuro, il rafforzamento della rete commerciale, il consolidamento dell’immagine aziendale, nuovi investimenti in Ricerca & Sviluppo, il miglioramento della quantità e qualità dei servizi pre e post vendita e una maggiore penetrazione nei mercati del Sud America, in India e Cina. 

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 10 4 / 20 13

47


Sanitaria and Details, innovation made in Italy

Sanitaria e Details, innovazione made in Italy Milena Bernardi - m.bernardi@tiledizioni.it

Sono stati oltre 2.000 i visitatori coinvolti nelle varie iniziative realizzate da Siti B&T Group durante la settimana di Cersaie, appuntamenti che hanno portato in primo piano l’innovazione della tecnologia made in Italy nel campo dei sanitari, della decorazione digitale di piastrelle e dell’efficienza energetica degli impianti. Una serie di eventi con cui la multinazionale italiana suggella i buoni risultati ottenuti (il fatturato 2012 ha superato i 150 milioni di euro con una quota export oltre il 70%), grazie ad un forte impegno in ricerca e ad investimenti pari a 3 milioni di euro ogni anno.

“Sanitaria, Technology, Tradition & Game”, the event organised by the sanitary division B&T White, opened on 24th September and hosted over thirty producers from Belarus, Russia, Brazil, South Africa, Algeria, Tunisia, Egypt and Arab nations. The day started with a technical seminar dedicated to the new generation of resin moulds for the high pressure casting of sanitaryware. These cutting edge solutions are produced on the recently-inaugurated moulds line at the Siti B&T Group’s technology centre in Formigine. The seminar was followed by a tour of the centre, where visitors enjoyed a first-hand experience of the new systems in operation. The afternoon was dedicated to fun and games with a go-kart contest reserved specially for customers, followed by dinner in the true food and wine tradition of Emilia-Romagna. According to Eugenio Ferragina, the general manager of B&T White, “Sanitaria” was an extremely successful event and one that the Group hopes to repeat every two years.

“Sanitaria, Technology, Tradition & Game”, l’evento organizzato da B&T White, business unit dedicata ai sanitari, ha fatto da apripista il 24 settembre, ospitando oltre trenta produttori provenienti da Bielorussia, Russia, Brasile, Sudafrica, Algeria, Tunisia, Egitto e Paesi Arabi. La giornata si è aperta con un convegno tecnico dedicato alla nuova generazione di stampi in resina per il colaggio di sanitari in alta pressione, soluzioni all’avanguardia messe a punto dall’innovativo reparto stampi recentemente inaugurato all’interno del Centro Tecnologico di Siti-B&T Group a Formigine. All’approfondimento teorico è seguita la visita al Centro per osservare direttamente il funzionamento delle nuove proposte. Nel pomeriggio, spazio alla parte ludica e ricreativa, con una gara di go-kart riservata ai clienti e, a seguire, una cena dedicata alla tradizione enogastronomica dell’EmiliaRomagna. Positivo, secondo il direttore generale B&T White Eugenio Ferragina, il bilancio di “Sanitaria”, evento che nelle intenzioni del gruppo potrà ripetersi in futuro a cadenza biennale.

events

There were over 2000 visitors to the various initiatives organised by the Siti B&T Group during the week of the Cersaie Exhibition (Bologna, Italy, 23-27 Sept. 2013). The series of events organised by the Italian multinational showcased Italian technological innovation in sanitaryware production, digital tile decoration and energy efficiency, and added the finishing touch to the year’s excellent results (2012 turnover of more than € 150 million with an export share in excess of 70%), thanks to a strong drive for research and annual investments of around € 3 million.

48

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013


On 25th September, the Formigine technology centre welcomed an important Chinese delegation interested in seeing the Siti B&T Group’s latest innovations in the field of energy efficiency and high performance tile production. On show alongside the Evo presses were a series of spray dryers, driers and the latest generation kilns that can reduce energy consumption by up to 30%. The new flagship machines are the backbone of Siti B&T’s “factory of the future”, part of the group’s vision of an efficient high-performance, eco-sustainable, networked “smart” factory designed to make the ceramics industry more competitive.

Il 25 settembre il Centro Tecnologico di Formigine ha ospitato un’importante delegazione cinese interessata alle ultime novità dell’impiantistica Siti B&T Group in tema di efficienza energetica ed alte prestazioni nella produzione di piastrelle. A fianco delle presse Evo, in mostra anche atomizzatori, essiccatoi e forni di ultima generazione che consentono una riduzione dei consumi energetici fino al 30%. Le macchine centrali dell’impianto sono il fulcro della “fabbrica del futuro” nel nuovo concetto di Smart Factory proposto da Siti B&T: una fabbrica ad alte prestazioni, sostenibile, collegata in rete ed efficiente per garantire maggiore competitività all’industria ceramica.

The climax of the week was undoubtedly “Details”, an open house event during which the new home of Projecta Engineering and Digital Design was officially inaugurated in Ubersetto (Via Viazza II Tronco). The event, dedicated to technological innovation and design, was rounded off with a dinner party for 600 people, on 25th September. The new 22,000 m2 facility employs 90 staff in two adjacent buildings, one dedicated to Projecta Engineering digital decorating machines and the other to the Digital Design division, which specialises in the creative development of graphic designs for the world of ceramics. Inside is a studio consisting of six exhibition areas, where visitors can see for themselves the new creative trends and the ultra-high definition reproduction of fabrics, wood, stone, marble and special ceramic decorations. All this creativity is accompanied by technological evolution, with the latest innovations to be introduced to the comprehensive Evolve series of digital decorating machines (Evolve 3/5/7). The series can now integrate up to seven colour bars on jumbo-format single print faces of up to 1680 millimetres in width, with maximum interchangeability of colours and rapid system configuration. Evolve is complemented by Evostore, a wheeled storage unit that can hold up to 5 colour cassettes, for rapid installation on any type of printer. The Evolve line includes numerous variants, including Moving, a machine with tilting heads for decorating special pieces, and other solutions designed for start-ups or markets requiring less flexibility. 

Clou della settimana è stato senz’altro l’evento “Details”, l’open house con cui si è presentata ufficialmente la nuova sede di Projecta Engineering e Digital Design a Ubersetto (Via Viazza II Tronco). Un evento all’insegna dell’innovazione tecnologica e del design, arricchito da un dinner party, il 25 settembre, a cui hanno partecipato più di 600 persone. Il nuovo stabilimento si sviluppa su un’area di 22 mila mq, dove operano 90 addetti in due fabbricati adiacenti, uno dedicato alle macchine di decorazione digitale Projecta Engineering e l’altro alla divisione Digital Design, specializzata nello sviluppo creativo di progetti grafici per il mondo ceramico. All’interno, un atelier costituito da sei aree espositive in cui è possibile toccare con mano le principali tendenze creative e la riproduzione ad altissima definizione di tessuti, legni, pietre, marmi e decorazioni speciali sulla ceramica. Accanto alla creatività spicca l’evoluzione tecnologica con le ultime innovazioni della linea completa di decoratrici digitali della serie Evolve (Evolve 3/5/7) che integra fino a sette barre colore su un fronte di stampa che può arrivare fino a 1680 millimetri (grandissimi formati), garantendo la massima intercambiabilità dei colori e la rapida riconfigurazione del sistema. Ad Evolve si abbina Evostore, un magazzino su ruote che alloggia fino a 5 cassetti colore, pronti per essere installati rapidamente su ogni tipo di stampante. La linea Evolve comprende numerose varianti, tra cui Moving, la macchina con le testine inclinabili per decorare i pezzi speciali, e altre soluzioni pensate per aziende start-up o mercati che richiedono minore flessibilità. 

50

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013


11-14 MARCH 2014 BRAZIL

BRAZILIAN EXHIBITION OF COVERINGS, SANITARY WARE, FAUCETS AND FINISHING MATERIALS

EXPOREVESTIR.COM.BR

THE ARCHITECTURE AND CONSTRUCTION FASHION WEEK

PROMOTED BY

SUPPORTED BY

CO-LOCATED EVENTS

ORGANIZATION


Finishing and treatments in the spotlight Milena Bernardi - m.bernardi@tiledizioni.it

Finitura e trattamenti sotto i riflettori The technical conference on “Finishing Technologies and Treatments for Ceramic Surfaces” held on 24 October at Acimac’s Modena headquarters was a success. Organised by Acimac in collaboration with Ceramic World Review magazine, the conference welcomed over 100 technical experts from the Italian ceramics sector. Among them were leading figures from major ‘Made in Italy’ tile brands, who as could be seen at Cersaie 2013 - are increasingly aware of the value that can be added by proper surface treatment and product finishes such as polishing, lapping and grinding.

events

Six reports were presented at the conference, focusing attention on technological and factory innovations to further improve the technical and aesthetic characteristics of surfaces. Prof. Paolo Zannini of the University of Modena acted as moderator for the conference, introducing the theme with a report entitled “Ceramic surface treatments: the state of the art and possible technological evolution”. That was followed by a speech from Mariarosa Raimondo (Istec-CNR Faenza) on “The functionalisation of ceramic surfaces”. Franco Ponsone and Vittorio Valeriani (Ancora Group) then illustrated “Ancora Group’s new developments and solutions for ceramic finishing and treatments” - which include multicut waterjet cutting technology and polishing and lapping machines for large formats, as well as surface treatments using the HiCoat Coating System and EcoCat. Claudio Avanzi (BMR) focused attention on new ways to “Add more value to lapping”, highlighting the main charac-

52

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

Ha riscontrato grande interesse il convegno sulle “Tecnologie di finitura e trattamenti delle superfici ceramiche”, svoltosi lo scorso 24 ottobre a Villa Marchetti, sede di Acimac, a Modena. Organizzato dall’associazione, in collaborazione con Ceramic World Review, il seminario ha visto la presenza di oltre 100 tecnici della filiera ceramica italiana, tra cui i responsabili dei più importanti brand della piastrella “Made in Italy”, sempre più attenti (come si è potuto constatare a Cersaie 2013) al valore aggiunto conseguibile attraverso i corretti trattamenti delle superfici e le lavorazioni di finitura del prodotto, quali levigatura, lappatura, rettifica. Sei le relazioni presentate al convegno, che hanno posto l’attenzione sulle innovazioni tecnologiche e impiantistiche finalizzate all’ulteriore miglioramento delle caratteristiche tecnicoestetiche delle superfici. Al Prof. Paolo Zannini (Università di Modena), chairman del convegno, il compito di introdurre il tema con la relazione “I trattamenti delle superfici ceramiche: stato dell’arte e possibili evoluzioni tecnologiche”. A seguire, il contributo di Mariarosa Raimondo (Istec-CNR Faenza) su “La funzionalizzazione delle superfici ceramiche”. Franco Ponsone e Vittorio Valeriani (Ancora Group) hanno poi illustrato le “Novità e soluzioni di Ancora Group per la finitura e i trattamenti ceramici”, ossia la tecnologia dell’idrogetto multitaglio, le macchine di levigatura e lappatura dedicate ai grandi formati, e il trattamento delle superfici con HiCoat Coating System ed EcoCat. Claudio Avanzi (BMR) ha puntato l’attenzione sulle nuove soluzioni che consentono di dare “Più valore aggiunto alla lappatu-


mu LTi

ia med

A

More contents on your tablet

teristics of lapped products and the steps required to improve performance and solve problems. Continued investment in Research and Development and, above all, cooperation and collaboration between technology manufacturers and ceramic tile makers, are essential to this process. The resulting partnerships can help to turn any problems with the material into additional strengths, further reinforcing the worldwide importance and appeal of ‘Made in Italy’ products. “Magnificent Surfaces: Supershine” was the title of the report presented by Claudio Casolari and Massimo Taveri (Metco), who described the results of localised pore treatment on polished or semi-polished surfaces and of the Supergloss chemico-physical treatment. Lastly, Claudio Corradini (Smac) spoke about the characteristics of machines used for applying chemical treatment products in a speech entitled “Treating and refinishing ceramic surfaces with Non-Spot Line” - a complete line for the application of acids, anti-stain protection and antibacterial treatments of polished and semi-polished tiles.

ra”, mettendo in evidenza le principali caratteristiche del prodotto lappato e gli interventi necessari per aumentarne le performance e risolverne le criticità. Fondamentali, a questo fine, non solo i continui investimenti in Ricerca & Sviluppo, ma soprattutto la cooperazione e il confronto puntuale tra i produttori di tecnologie e di piastrelle ceramiche, grazie al quale è possibile creare quelle sinergie utili a trasformare le eventuali problematiche del materiale in ulteriori punti di forza, accentuando ancora di più il significato e il valore del Made in Italy nel mondo. “Superfici Magnifiche: Supershine” è il titolo della relazione presentata da Claudio Casolari e Massimo Taveri (Metco) che hanno illustrato i risultati del trattamento localizzato del poro su superfici levigate o lappate e del trattamento chimico-fisico Supergloss. Delle caratteristiche delle macchine deputate all’applicazione del prodotto chimico per il trattamento ha parlato infine Claudio Corradini (Smac) nell’intervento “Trattare e rifinire la superficie ceramica con Non Spot Line”, una linea completa di macchine per applicare acidi, protettivi antimacchia, salvaposa e antibatterici su piastrelle levigate o lappate.

All the reports are available on the website www.ceramicworldweb.it (in the ‘Education and Events’ section) or, for  readers using a tablet computer, by clicking here.

Tutte le relazioni sono disponibili sul portale www.ceramicworldweb.it (Area Formazione ed eventi) o, per i nostri let tori da tablet, cliccando qui.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 1 0 4 / 2 0 1 3

53


Building, the way out of the crisis Chiara Bruzzichelli - c.bruzzichelli@tiledizioni.it

Edilizia, volano per la ripresa Over the past six years, the Italian construction industry has lost about one-third of its turnover. The 20th edition of the economic report and forecast for 2012-2016, published by Cresme, gives a clear picture of the situation now crushing the Italian construction industry. It is estimated that investments in the sector fell by 7.4% in 2012, and the decline has continued this year with a reduction of 2.2% in the first half of 2013. The loss of turnover in 2012 and 2013 alone can be estimated at 10%, which equates to about € 15 billion, while another 10% had already vanished during the previous two years. Overall, between 2007 and 2012 the slump in business was around 32.4%, against a contraction of 4.8% in Italy’s GDP. The collapse has been wholesale, and has affected private and public investments as well as house sales. Exacerbated by the credit squeeze, the result is that every link in the construction chain is struggling. The government has tried to prop up a crumbling market with the measures introduced in decree law no. 63/2013. The new provisions include ecobonuses for energy efficiency and earthquake safety works, and for condominiums and furnishings. But will they be enough? What other initiatives are needed?

interview

We asked Giorgio Squinzi, President of the Italian Confindustria and Sole Director of the Mapei Group, to explain why Italy’s economic recovery needs to be accompanied by an upturn in the construction market, and to tell us about the new avenues of growth that the sector needs to explore. CWR: Why is it so important to boost investment in construction? Giorgio Squinzi: Because construction is an important route out of the crisis. It has two vital characteristics: it is highly labour-intensive and has a low demand for imports. Clearly, we need to agree on an idea of what tomorrow’s construction industry will look like, and which sectors offer viable opportunities. CWR: What are the possible routes out of the crisis in the industry? G. Squinzi: To find the right road, we first need to learn to read

54

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

In Italia, negli ultimi sei anni, il settore delle costruzioni ha perso circa un terzo del suo fatturato. La situazione in cui è attualmente schiacciato il settore edile è ben descritta nella XX edizione del Rapporto congiunturale e previsionale (2012-2016) edito da Cresme: nel 2012 la caduta degli investimenti in edilizia è stata del 7,4% e sta continuando nel 2013 (-2,2% nel primo semestre). Per i soli anni 2012 e 2013, la perdita di fattuGiorgio Squnzi rato è stimabile attorno al 10%, pari a circa 15 miliardi di euro, mentre un altro 10% si era già volatilizzato nel biennio precedente. Complessivamente, gli anni tra il 2007 e il 2012, hanno registrato una caduta del giro d’affari del 32,4%, a fronte di una contrazione del PIL pari al 4,8%. Il crollo è generale, comprende gli investimenti privati e pubblici così come le compravendite e la stretta del credito, ne consegue che tutte le componenti della filiera sono in forte affanno. Il Governo ha provato ad arginare la rovinosa frana frapponendovi gli interventi contenuti nel D.L. 63/2013 (ecobonus per riqualificazione energetica, interventi antisismici, condomini, arredi), ma saranno sufficienti? Soprattutto, quali altre iniziative sarebbero necessarie? Abbiamo chiesto a Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria oltre che Amministratore Unico del Gruppo Mapei, di spiegarci perché la ripresa economica in Italia non può prescindere da una ripresa dell’edilizia e quali sono le nuove vie di sviluppo che deve intraprendere il comparto. CWR: Perché è così importante far ripartire gli investimenti in edilizia? Giorgio Squinzi: Perché l’edilizia è un settore “primario” per uscire dalla crisi, con due componenti assolutamente rilevanti: un’alta intensità di manodopera e un basso tasso di importazione. Certamente bisogna intendersi su cosa sarà l’edilizia del domani. Quali sono i comparti ragionevolmente aperti. CWR: Quali sono dunque le strade da intraprendere per far fronte alla crisi del settore? G. Squinzi: Per trovare le strade future bisogna prima imparare a leggere il passato. Alcuni dati ci dicono che negli ultimi 30 anni il nostro Paese ha speso mediamente circa 5 miliardi l’anno per riparare i danni


If tIle + stone Is your busIness,

Coverings is your show

for The pAsT 25 yeArs, Coverings hAs been foCuseD on you, your business AnD your suCCess. iT’s why we proviDe iT All for free: ACCess to more than 900 tile + stone manufacturers from across the globe to see, touch and feel their new products and designs

Top-noTCh eDuCATion — and CEU credits — to advance your entire team’s success in today’s competitive marketplace unique opporTuniTy to connect with 20,000 industry professionals to share ideas and build your business Not only does Coverings bring you the world of tile + stone, but it also invests the proceeds from the show into advocacy, standards, education and promotion for the industry.

your suCCess is our business. finD ouT More AnD regisTer now for free AT Coverings.CoM. Please use VIP Code ACWR4 when registering.

April 29–MAy 2,

2014

las Vegas

25

neVada, usa

yeArs

Coverings.CoM

ConneCT wiTh Coverings

for The inDusTry — by The inDusTry


the signs and maps. Let’s take a look at them. Some of the figures tell us that over the past 30 years, Italy has spent, on average, € 5 billion a year in repairing the damage caused by land instability and earthquakes. This offers incredible potential on which we can build the growth of our country: we need to kick-start investments in tangible and intangible infrastructures, in the same way as the United States did after the crisis of ‘29. Other commitments, which Italy has already agreed with Europe, mean that we need to reduce our buildings’ energy consumption by 20% before 2020. This is another excellent driver for construction, and is most of all about redeveloping the existing, rather than occupying new land. Clearly, all of this – and not only for the construction sector – depends on a simplification of Italy’s regulatory and bureaucratic system. The real challenge remains: to make Italy less complicated. CWR: Are the incentives introduced in legislative decree no. 63/2013 heading in the right direction? G. Squinzi: It is the right direction, and I think the government’s decision to extend the incentives to other important links in the industrial chain, such as the furnishing industry, is a clear signal of a move towards growth. I would have taken things a little further, by raising the incentives for construction to 70%. Apart from anything else, an increase from 50 to 70% would have cost nothing, because it would have shone an even brighter light on the black economy. There is no doubt that a recovery in construction would not only pull up many other industrial sectors, but it would also give a boost to State revenues. CWR: So you would like to see bolder moves from the government? G. Squinzi: First of all I’d like to see an end to the payment of public sector debts by businesses. Then of course, as we were saying before, we need an infrastructure plan, starting with local maintenance projects to avoid the tragedy (and high cost) of landslides and flooding, building schools and providing housing for the most vulnerable members of society through urban development. We need to learn to look after and protect our towns, cities and the country as a whole, partly because of tourism. Let’s not forget that Italy benefits not only from the brains of its people – it also has another asset: an artistic, architectural and cultural heritage unlike any other in the world. CWR: How do you see the “new” construction market? G. Squinzi: I’m convinced that the recovery will follow a path that has already been mapped out by events. The main branches of this recovery will be the restoration of historic town centres, the maintenance of existing buildings, the building of high quality, high technology homes in the large cities, and the installation of renewable energy systems. As with other industrial sectors, the redevelopment of Italy’s construction industry will necessarily be based on internationalisation, innovation and diversification in various fields. CWR: Is it likely that the government will manage to lay out an infrastructure plan? G. Squinzi: It’s more than likely. It is necessary, if this country is to return to growth. Obviously, the political and institutional reforms that the government has been asked to implement need to include a revision of Title 5 of the Constitution, to simplify the country from a regulatory and bureaucratic point of

56

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

causati dal dissesto idrogeologico e dagli eventi sismici. Già da solo questo è un potenziale straordinario da cui far ripartire la crescita del nostro Paese: è necessario riprendere gli investimenti in infrastrutture materiali e immateriali, sulla scia di quanto fatto dagli Stati Uniti dopo la crisi del ‘29. Altri impegni, già peraltro assunti dal nostro Paese con l’Europa, ci obbligano, per il 2020, a contrarre del 20% il consumo energetico dei nostri edifici. Anche questo è un importante volano per l’edilizia, che diventa soprattutto riqualificazione dell’esistente e non più occupazione di suolo. È chiaro che alla base di tutto, e ciò non vale soltanto per il settore edile, è assolutamente necessaria una semplificazione normativo-burocratica dell’Italia nel suo complesso. La vera sfida resta: semplificare il Paese. CWR: E le agevolazioni previste dal D.L. 63/2013 vanno nella giusta direzione? G. Squinzi: La direzione è corretta. Trovo che la decisone del Governo di estendere queste agevolazioni anche ad altri protagonisti importanti della filiera, come l’industria dell’arredamento, sia stato un segnale preciso orientato alla crescita. Io avrei osato un po’ di più, portando gli sgravi per l’edilizia al 70%. Tra l’altro, passare dal 50% al 70% sarebbe stato a costo zero perché avrebbe contribuito ancora di più all’emersione del sommerso. Non ci sono dubbi che la ripresa del settore edile, oltre a essere una misura trainante per diversi comparti dell’industria, rimetterebbe in moto anche gli introiti dello Stato. CWR: Si augura quindi un Governo più coraggioso? G. Squinzi: Più coraggioso e più solvente. Auspico, come primo punto, che la Pubblica Amministrazione assolva ai suoi debiti nei confronti delle imprese, poi va certamente rilanciato un piano per le infrastrutture, a cominciare dalle opere di manutenzione per evitare tragedie (e relativi costi) quali frane e alluvioni, promuovere interventi di edilizia scolastica e garantire il diritto alla casa alle fasce più deboli della popolazione, riqualificando le città. Le nostre città, come peraltro il territorio, vanno curate e salvaguardate anche sotto l’aspetto turistico: non dimentichiamoci che l’Italia, oltre che sulla materia grigia dei suoi abitanti, può contare su un patrimonio artistico/architettonico/culturale unico al mondo. CWR: E quindi come vede configurarsi un “nuovo” mercato dell’edilizia? G. Squinzi: Sono convinto che la ripresa passerà per strade “maestre” già tracciate dai fatti: le vie principali saranno quelle del recupero dei centri storici e della manutenzione dell’esistente, delle abitazioni di qualità e tecnologicamente avanzate nelle grandi città (fascia alta) e degli impianti per le energie rinnovabili. Come per altri settori industriali, infatti, la riconfigurazione del comparto edile in Italia non potrà che rifondarsi su internazionalizzazione, innovazione e diversificazione. CWR: È verosimile che il Governo riesca a definire un piano per le infrastrutture? G. Squinzi: Lo definirei necessario per consentire al Paese di ricominciare a crescere. Tra le principali riforme politico-istituzionali che il Governo è chiamato ad attuare, c’è la revisione del Titolo Quinto della Costituzione per semplificare il Paese dal punto di vista normativo e burocratico e realizzare un vero intervento sulla spending re-


view, and real changes on the spending review. If public expenditure stands at more than 800 billion a year, it’s unacceptable for there to be problems in finding 50-100 million for one measure rather than another. Cutting costs by 3%, as we have all done in our businesses, would free up funds of 24 billion.

view. Se la spesa pubblica supera gli 800 miliardi l’anno, è inaccettabile che si trovino a fatica 50-100 milioni per un provvedimento piuttosto che per un altro: un contenimento dei costi del 3%, come tutti abbiamo fatto nelle nostre imprese, significa liberare 24 miliardi di fondi.

CWR: Do you predict an upturn in the economy? G. Squinzi: Towards the end of the year we will certainly see a reversal in the trend in GDP, and after nine or ten quarters it will be back in the black. But a word of warning: we are right at the bottom and will move back into the black, but we are nine points below the GDP of 2007 and so the road towards real growth is still a very long one. What we are now looking at is minimal growth, about 0.3, 0.4 or 0.5% at most, and this is due to the ‘drag-down’ effect of the international economy. We can’t carry on with things as they are in our country. We need the courage to address the real reforms.

CWR: Prevede una ripresa dell’economia? G. Squinzi: Verso fine anno avremo sicuramente un’inversione del segno del PIL e, tra nove o dieci trimestri, passeremo in positivo. Oggi ci troviamo a nove punti sotto il PIL del 2007, abbiamo quindi un cammino lunghissimo da percorrere prima di ritrovare una crescita vera. Quella che ci sta coinvolgendo è una crescita minimale, nell’ordine dello 0,3 o 0,4 al massimo 0,5%, ed è dovuta a un effetto “trascinamento” della congiuntura internazionale. Non possiamo continuare con lo status quo nel nostro Paese, dobbiamo avere il coraggio di affrontare le vere riforme.

CWR: What are the main ones? G. Squinzi: The key points the industrialists are calling for include the paying-off of the public administration’s debts, a clear intervention of about 10 points on the cost of labour, and a rethink of how the municipal property tax (IMU) is charged to businesses. Confindustria fully supports the idea of putting together a serious programme of privatisations. There are a great number of State assets that could be sold to generate resources and achieve growth. The government also needs to evaluate the possibility of selling off  shares in the large State-owned companies.

CWR: Quali le principali? G. Squinzi: Oltre al pagamento dei debiti a carico della Pubblica Amministrazione, serve un intervento deciso sul costo del lavoro di almeno una decina di punti e una rimodulazione dell’Imu sulle attività produttive. Confindustria è anche d’accordo sull’idea di mettere mano a un serio programma di privatizzazioni sui beni dello Stato, che possono essere messi in vendita per generare risorse. Al Governo sta anche valutare le possibili dismissioni di quote delle grandi società di Stato. 

ADVERTISING

SISTEMA DI NAVIGAZIONE DEL CARRELLO (FGS) ATTRAVERSO LA TECNOLOGIA DI LOCALIZZAZIONE IN TEMPO REALE (RTLS) FORKLIFT GUIDANCE SYSTEM (FGS) AND REAL-TIME LOCATING SYSTEMS (RTLS)

intelligente

semplice

INTELLIMAG è l'unica soluzione WMS che, attraverso l'innovativa BAIA di PICKING e l'utilizzo di tecnologie di navigazione (FGS) e localizzazione in tempo reale (RTLS), automatizza la preparazione degli ordini, la formazione dei bancali multi-referenza e molto altro...

INTELLIMAG is the unique WMS solution which automates orders preparation, the developement of multi-reference pallets and much more, using the innovative PICKING BAY, the forklift guidance system (FGS) and the real-time locating systems (RTLS).

INTERFACCIA PRELIEVO CON TOUCH SCREEN PICKING INTERFACE WITH TOUCH SCREEN BAIA di PICKING - PICKING BAY

...lasciati guidare INFOLOG SPA

Via Pier Paolo Pasolini, 23 - 41123 Modena (MO) - Tel. 059 822446 - www.infolog.it - info@infolog.it


The international expansion of Niro Paola Giacomini - p.giacomini@tiledizioni.it

interview

L’espansione internazionale di Niro As many of you will remember, Niro Ceramic Group (Malaysia) was founded in Switzerland over 30 years ago as a manufacturer of high-tech full-body porcelain tiles. At the end of the 80’s, Asia was already the main market and the company decided to move the entire business to Malaysia. It was 1988 and, in the ceramic tiles industry, Niro was considered to all intents and purposes the first European company to have internationalised its production in the Far East. In all these years it has continued to produce exclusively porcelain tiles under the Niro Granite “The Swiss-Quality Tile” brand, both in the Johor plant in Malaysia and, since 1994, in the plant opened in Indonesia in Jakarta. As part of its international expansion strategy, last May, with an investment of 9 million euros, the Group acquired the Spanish company Zirconio and, a few months later, Cersaie was the ideal showcase to test the market reaction and the customer response to both brands, present in a single stand. And it was there that we met a visibly satisfied Bong Kuan Shin, Managing Director of the Niro Ceramic Group since 1993.

Come molti ricorderanno, Niro Ceramic Group (Malaysia) nacque in Svizzera oltre 30 anni fa come produttore di gres porcellanato tecnico. Alla fine degli anni ’80, l’Asia rappresentava già il principale mercato e l’azienda decise di trasferire l’intera attività in Malaysia. Era il 1988 e, nell’industria delle piastrelle ceramiche, Niro si può considerare a tutti gli effetti la prima azienda europea ad aver internazionalizzato la produzione in Estremo Oriente. In tutti questi anni ha continuato a Bong Kuan Shin produrre esclusivamente gres porcellanato a marchio Niro Granite “The Swiss-Quality Tile”, sia nello stabilimento di Johor, in Malaysia che, dal 1994, nella fabbrica aperta in Indonesia a Jakarta. Nell’ambito della strategia di espansione internazionale, lo scorso maggio, con un investimento da 9 milioni di euro, il Gruppo ha acquisito la spagnola Zirconio e pochi mesi dopo, Cersaie ha rappresentato la migliore vetrina per testare la reazione dei mercati e la risposta della clientela di entrambi i brand, presenti in un unico stand. È qui che abbiamo incontrato, visibilmente soddisfatto, Bong Kuan Shin, amministratore delegato del Gruppo Niro Ceramic dal 1993.

CWR: What has been the outcome of this Cersaie experience? Bong Kuan Shin: We managed to correctly communicate the message of a Group that intends to be a global player at an international level. We strengthened brand recognition for Niro Granite and instilled confidence in Zirconio’s traditional customers. The investment in the exhibition has amply paid for itself: we welcomed over 1000 visitors from 53 countries, doubled our customer database and signed orders for more than 2.2 million euros. It couldn’t have gone any better.

CWR: Con che esito si chiude l’esperienza Cersaie? Bong Kuan Shin: Siamo riusciti a comunicare correttamente il messaggio di un gruppo che punta ad essere un global player a livello internazionale. Abbiamo rafforzato il riconoscimento di marchio per Niro Granite e instillato fiducia nella clientela storica di Zirconio. L’investimento per la fiera si è ampiamente ripagato: abbiamo accolto oltre 1000 visitatori da 53 Paesi, raddoppiato il nostro database clienti e siglato ordini per oltre 2,2 milioni di euro. Non poteva andare meglio.

CWR: At Cersaie Niro Granite presented several new products. What are the elements that characterise your range? Bong Kuan Shin: The tile is a product which by its nature

58

Aerial view of Niro Ceramic Group Headquarters in Shah Alam, Malaysia Veduta aerea dello stabilimento Niro Ceramic Group a Shah Alam in Malaysia

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

CWR: A Cersaie Niro Granite ha presentato diverse novità. Quali elementi caratterizzano la vostra gamma? Bong Kuan Shin: La piastrella è un prodotto che per sua natura deve durare a lungo, per questo


Focused on innovation and reliability in the complete process of digital printing EFI Cretaprint C3, multipurpose digital ceramic printer Fiery, the best color quality and predictability at the lowest ink consumption

Tel: + 34 964 340 264 cretaprintsales@efi.com www.efi.com/cretaprint


must last a long time, that’s why we have chosen simple designs and soft colours, such as grey, white and beige, as well as black. The element that characterises our products most is the high technological content. The production process, the same in the two factories in Malaysia and Indonesia, is still partly based on the original Niro technology, but relies on Italian lines and systems for nearly all departments, from presses to kilns, product finishing and grinding.

abbiamo scelto design semplici e colori tenui, come il grigio, il bianco e il beige, oltre al nero. L’elemento che più caratterizza i nostri prodotti è l’elevato contenuto tecnologico. Il processo produttivo, analogo nei due stabilimenti in Malaysia e in Indonesia, si basa ancora in parte sulla tecnologia originaria Niro, ma può contare su linee e impianti italiani per quasi tutti i reparti, dalle presse ai forni, alla finitura e rettifica del prodotto.

CWR: What is your current production volume? Bong Kuan Shin: Both the plant in Malaysia as well as that in Indonesia produce 2 million sqm/year, while another 6 million sqm/year are produced by our partners in China and Vietnam which guarantee the same product quality as our plants. The Jakarta plant is currently undergoing an extension which will bring production to 5 million sqm/year starting from April 2014. The investment, worth 14 million dollars, involves the installation of a complete system provided by Siti B&T, with Cretaprint digital decoration line. In the Malaysia plant, where for the time being no increase in production capacity is planned, we are converting the decoration lines to become fully digital.

CWR: A quanto ammonta la produzione oggi? Bong Kuan Shin: Sia lo stabilimento in Malaysia che quello indonesiano producono 2 milioni mq/anno, mentre altri 6 milioni mq/anno sono prodotti dai nostri partner in Cina e Vietnam che garantiscono la stessa qualità produttiva dei nostri impianti. Al momento è in corso l’ampliamento della fabbrica di Jakarta, che porterà la produzione a 5 milioni mq/anno a partire da aprile 2014. L’investimento, del valore di 14 milioni di dollari, prevede l’installazione di un impianto completo fornito da Siti B&T, con linea di decorazione digitale Cretaprint. Nella fabbrica in Malaysia, dove non è previsto per ora un incremento della capacità produttiva, stiamo convertendo le linee di decorazione per arrivare alla completa digitalizzazione.

CWR: And now you have the production facility in Spain… Bong Kuan Shin: Zirconio has a production capacity of 7 million sqm/year, but at the time of acquisition actual production did not exceed 2 million sqm, with 116 employees. The goal is to achieve 4 million sqm by the end of 2013 and it will probably be necessary to expand the workforce within the next two years.

CWR: E ora si aggiunge la produzione in Spagna… Bong Kuan Shin: Zirconio possiede una capacità produttiva di 7 milioni mq/anno, ma al momento dell’acquisizione la produzione effettiva non superava i 2 milioni mq, con 116 addetti. L’obiettivo è arrivare a 4 milioni mq entro fine 2013 e probabilmente sarà necessario ampliare la forza lavoro entro i prossimi due anni.

CWR: How does Zirconio fit into the Group’s international expansion plans? Bong Kuan Shin: Firstly because Europe has now become our largest export market, with sales of approx. 2 million sqm/ year. In addition, our roots are in Europe and I quite like the idea of making the return journey after 30 years and coming back. From the production and sales point of view, Zirconio wall tile production, which has a strong technical know-how in this segment, will complete the flooring range offered by Niro Granite to its customers. And vice versa, Zirconio can offer the Niro Granite catalogue in its target markets (Europe, North and South America and the Middle East). Over the past 7 years, the Niro Ceramic Group has grown by 15% per year, with the entry of Zirconio we will improve even further. The goal is to become an international brand, in 5 years time we intend to be present in the largest cities of the main markets.

CWR: In che modo Zirconio rientra nei piani di espansione internazionale del vostro gruppo? Bong Kuan Shin: In primo luogo perché l’Europa è divenuta ormai il nostro maggiore mercato di esportazione, con vendite pari a circa 2 milioni mq/anno. Inoltre, le nostre radici sono in Europa e non mi dispiace l’idea di fare il viaggio a ritroso dopo 30 anni e ritornarvi. Dal punto di vista produttivo e commerciale, la produzione di rivestimenti di Zirconio, che detiene un forte know-how tecnico in questo segmento, completerà la gamma di pavimenti offerta da Niro Granite ai propri clienti. E viceversa, Zirconio potrà proporre il catalogo Niro Granite sui suoi mercati di riferimento (Europa, nord e sud America e Medio Oriente). Negli ultimi 7 anni, Niro Ceramic Group è cresciuta del 15% all’anno, con l’ingresso di Zirconio miglioreremo ulteriormente. L’obiettivo è trasformarci in un brand internazionale, fra 5 anni vogliamo essere presenti nelle maggiori città dei principali mercati.

Niro Granite and Zirconio’s booth at Cersaie 2013 Lo stand Niro Granite e Zirconio a Cersaie 2013

60

C era mic W o rld Review n. 104 / 2013

Niro Granite and Zirconio’s booth at Cersaie 2013 Lo stand Niro Granite e Zirconio a Cersaie 2013


CWR: Which countries is the Niro Granite brand exported to? Bong Kuan Shin: We export to 70 countries. Europe absorbs 20% of total sales, the other most important areas are Japan, Korea, Hong Kong, Canada, the Middle East and Africa.

CWR: In quali Paesi è esportato il marchio Niro Granite? Bong Kuan Shin: Esportiamo in 70 Paesi. L’Europa assorbe il 20% delle vendite totali, le altre aree più importanti sono Giappone, Corea, Hong Kong, Canada, Medio Oriente e Africa.

CWR: La vostra strategia di espansione prevede ulteriori CWR: Does your expansion acquisizioni nel medio termistrategy envisage further acne? quisitions in the medium Bong Kuan Shin: Siamo sempre term? aperti a valutare le opportunità Bong Kuan Shin with the staff at Cersaie 2013 Bong Kuan Shin: We are alche possano supportare la noBong Kuan Shin con i collaboratori a Cersaie 2013 ways open to evaluate opstra crescita internazionale. I portunities able to support our mercati sicuramente più inteinternational growth. Certainly the most interesting markets ressanti oggi per internazionalizzare la produzione sono l’Intoday for internationalising production are India, whose per dia, il cui consumo procapite di piastrelle raddoppierà entro i capita consumption of tiles will double within the next 7-10 prossimi 7-10 anni, e, ancora, la Cina. years, and, again, China. I don’t deny, however, that we are Non nego, però, che guardiamo con interesse anche all’Italia, also looking with interest at Italy, which remains the best exche resta nel mondo la migliore espressione del “fare ceramipression of “tile making” worldwide and from which, personca” e da cui, personalmente, ho imparato tanto: senza dubbio, a ally, I have learned a lot: without doubt, to transfer creative trasferire la propria passione creativa all’interno del prodotto passion to the tile product and, above all, to give more impiastrella e, soprattutto, a dare importanza al valore più che ai portance to the value rather than the volume coming out of volumi che escono dal forno; la piastrella non è “argilla cotta inthe kiln; the tile is not “fired clay glued to the wall” but a deccollata a una parete”, ma elemento decorativo in grado di decoorative element capable of embellishing the places where rare ambienti in cui passiamo 24 ore al giorno. Credo sia questa we spend 24 hours of our day. I think it is this awareness, ulticonsapevolezza, in definitiva, che distingue il nostro gruppo da mately, that distinguishes our group from many other Asian molti altri produttori asiatici.  manufacturers.  ADVERTISING


A digital passage to India Milena Bernardi - m.bernardi@tiledizioni.it

Passaggio in India attraverso il digitale

interview

The acquisition of new sites, the decision to adopt digital decoration technology, strong investments in R&D and a keen commitment to the environment: these are just some of the strengths which have contributed to the success of Orient Bell, one of the leading Indian tile producers. Operating since 1977, the turnover of the company is 6.2 billion rupees, approx 73 million Euro. The company has embraced modernity in all senses of the word: “We are a techno-friendly company”, said Mahendra K. Daga, Chairman & Managing Director of Orient Bell, speaking on the subject of their notable presence on the web and in social media. Indeed, the company has proven itself highly capable of using these marketing and communication tools to the advantage of customers.

CWR: What is the structure of Orient Bell today? Mahendra K. Daga: We manufacture ceramic and porcelain tiles with the “Orient Tiles” and “Bell Tiles” brands in three modern plants located in Sikandrabad (in Uttar Pradesh, in the north), Hoskote – Bangalore (in the south of India) and Dora – Vadodara (in Gujarat, in the western part of the country). The total production capacity, close to 30 million sq.m/year, and the location of the plants in three different regions of India, enable us to serve the whole Indian market with quick delivery times, and with a floor and wall tile range in different sizes, produced with exclusive cutting-edge technologies (including four patent pending technologies). All of this gives us the edge over the competition. Our focus is not exclusively on quantity, but rather - and primarily - on quality and design, which is developed by Spanish and Indian graphics studios. We use the latest digital printing technology for our decoration; in fact, we have more digital printers than any other ceramics company in India: we are equipped with a Kerajet printer and seven Tecnoferrari printers. The versatility of these printers, together with the combination of inks, enables us to reproduce marbles, stones, woods and high definition pictures using every colour, so offering our customer the possibility to match our products to any kind of décor. CWR: Orient Bell is known for being an environmentally friendly company...

62

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

L’acquisizione di nuovi stabilimenti, la decisa adozione della tecnologia di decorazione digitale, i forti investimenti in R&S e una grande attenzione all’ambiente. Sono soltanto alcuni tra i punti di forza che hanno determinato il successo di Orient Bell, uno dei maggiori produttori indiani di piastrelle. Attiva dal 1977, l’azienda ha un fatturato di 6,2 miliardi di rupie, circa 73 milioni di Euro, e ha sposato la modernità in tutti i sensi: “Siamo un’impresa techno friendly”, ci ha detto Mahendra K. Daga Mahendra K. Daga, presidente e amministratore delegato di Orient Bell, riferendosi alla massiccia presenza sul web e i social media, strumenti di marketing e comunicazione con cui l’azienda conferma la capacità di mettersi completamente al servizio del cliente. CWR: Come si presenta oggi Orient Bell? Mahendra K. Daga: Produciamo piastrelle di ceramica e gres porcellanato a marchio Orient Tiles e Bell Tiles in tre moderni stabilimenti, situati a Sikandrabad (nell’Uttar Pradesh, a Nord), Hoskote – Bangalore (nel Sud) e Dora – Vadodara (nel Gujarat, a Ovest). La capacità produttiva complessiva, circa 30 milioni mq/anno, e la dislocazione dei siti produttivi su tre diverse aree del subcontinente indiano ci consentono di servire il Paese in maniera capillare e rapida con una gamma di pavimenti e rivestimenti in diversi formati, realizzati con tecnologie esclusive di ultima generazione (4 brevetti sono in corso di registrazione) che ci permettono di offrire un’ampia varietà di soluzioni con un grande vantaggio competitivo. Non puntiamo solo alla quantità, ma soprattutto alla qualità e al design, che viene sviluppato da studi grafici spagnoli e indiani. Per la decorazione, disponiamo della più recente tecnologia di stampa digitale; anzi, in India, siamo l’azienda ceramica che possiede il maggior numero di stampanti digitali: una fornita da Kerajet e sette da Tecnoferrari. L’elevata versatilità delle macchine e la combinazione degli inchiostri ci permette di riprodurre fedelmente marmi, pietre, legni e immagini ad alta definizione in tutte le tonalità di colore, offrendo al cliente la possibilità di soddisfare ogni esigenza di arredamento. CWR: È nota la vostra grande attenzione all’ambiente. M. K. Daga: Siamo membri di Indian Green Building Council e abbiamo già guadagnato più di 50.000 tonnellate di carbon cre-


M. K. Daga: We are a member of the Indian Green Building Council and we have already earned over 50,000 tons of carbon credits from international agencies for our “green” production processes. These include using waste heat and sawdust in the spray dryer instead of natural gas. We also use other means to save energy, and at the moment we are the lowest energy-consuming tile plant in India. Our Bangalore plant is the only one in India that uses a dry process, which consumes 30% less fuel than wet process plants. Furthermore, the waste waters are treated and used for agricultural irrigation.

dit da parte di agenzie internazionali, grazie a processi produttivi “green”, come il recupero del calore dagli impianti termici e l’impiego di segatura nell’atomizzatore in sostituzione del gas naturale. Abbiamo implementato diverse misure per risparmiare energia e attualmente siamo l’azienda ceramica indiana che ne consuma meno. Il nostro impianto di Bangalore è l’unico, in India, che utilizza il processo di macinazione a secco, impiegando il 30% di combustibile in meno rispetto a quelli ad umido. Inoltre, le acque reflue vengono trattate e utilizzate per l’irrigazione in agricoltura.

CWR: Orient Bell is also very active in terms of R&D, as the latest patents demonstrate. M. K. Daga: Orient Bell has always been an innovative and environmentally friendly company. This approach, which is very much in our DNA, has encouraged us to invest in R&D, and to develop new technologies and products that not only help our customers, but also society and the world at large. We currently have four technology patents pending, that have been tested in various Indian, Italian and British laboratories; these tests confirm our product claims in terms of quality and environmental and health protection. We are open to evaluating any form of cooperation and technology licensing opportunities with reputed tile companies who share our belief in providing innovative tile solutions.

CWR: Gli ultimi brevetti dimostrano quanto siate attivi nell’ambito della R&S… M. K. Daga: Orient Bell è sempre stata un’azienda innovatrice, oltre che attenta all’ambiente. Questo approccio, che è proprio del nostro DNA, ci ha spinto a investire in R&S per sviluppare nuove tecnologie e prodotti che offrano vantaggi non solo ai nostri clienti, ma alla società e all’ambiente più in generale. Al momento, quattro nostri brevetti sono in corso di registrazione, quattro tecnologie testate da diversi laboratori indiani, italiani e britannici, che ne hanno attestato l’esclusività e la validità in termini di qualità di prodotto, di tutela ambientale e della salute. A questo riguardo, saremo lieti di collaborare e valutare opportunità di licensing tecnologico con altre aziende produttrici di piastrelle ceramiche.

CWR: Can you describe these innovations? M. K. Daga: “Forever tiles” technology makes our tiles extremely abrasion resistant and fit for use in high traffic areas. Our tiles reach a score of 8 on the MOHS scale of hardness (whereas diamond scores 10 and iron 4) and even repeated attempts at scratching the surface can be resisted. “Germfree tiles” technology has been proven to remove more than 99.5% of bacteria from ceramic surfaces. These tiles are also proven to be 10 times safer than ceramic cookware, and are particularly suited for use in areas in which hygiene is crucial, such as homes, health-

CWR: Ci descrive le quattro innovazioni di prodotto? M. K. Daga: “Forever tiles” è una tecnologia che rende la piastrella estremamente resistente all’abrasione e adatta per l’utilizzo in aree ad alto traffico. Raggiunge durezza 8 sulla scala Mohs (il diamante è a 10, il ferro è a 4) e nessun tipo di graffio, anche ripetuto, può scalfirne la superficie. “Germfree tiles” è la tecnologia innovativa capace di rimuovere oltre il 99,5% dei batteri dalla superficie ceramica (testata per essere addirittura 10 volte più sicura delle pentole in ceramica), ed è indicata quindi in ambienti che richiedono la massima igiene, come abitazioni, scuole, ospedali, luoghi pubblici. “Cool Tiles” è una gamma di tegole cera-

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 1 0 4 / 2 0 13

63


care centres, schools and public places. “Cool Tiles” is a range of ceramic roof tiles with a Solar Reflective index (SRI) value of 103, capable of reducing the temperature of a building by more than 20°C, thus enabling a large energy saving (for cooling purposes) and helping to combat global warming. The fourth patent is “Life Tiles”. These surfaces are treated with a special coating of Titanium dioxide (TiO2), along with other special materials which make these tiles photocatalytic. This gives the product three amazing qualities: they kill more than 99.2% of germs, they have self-cleaning properties and neutralize smog and pollution, and finally they convert harmful NOx gases into harmless moisture. Just one thousand square meters of Life Tiles neutralize more pollution than 150 trees. What is most interesting is that we can combine two different technologies in the same tile. For example, we offer Forever Tiles plus Germfree Tiles, Forever Tiles plus Life Tiles, and Cool Tiles plus Life Tiles. CWR: How is your sales activity organized? M. K. Daga: As mentioned previously, we are in a position to cover the whole country, as we have three plants in three strategic locations in India. Both our brands, Orient and Bell, are available at over 4,000 retailers across the country. The company has offices/depots in most of the state capitals and a large team of sales personnel to provide prompt customer service. We are also focusing on our retail business, and have now opened our own Tile Boutiques across the country. By the end of the current financial year, we will have over 150 Orient & Bell Tile Boutiques. CWR: Indian ceramic tile production is growing very fast, responding to the equally fast increase in the construction industry. What is the current trend in the sector? M. K. Daga: The ceramic tiles industry in India has followed international trends, characterized by excess capacities and falling margins. The Indian tile industry, despite an overall slowdown of the economy, continues to grow at a healthy 15% per year. The socalled “organized sector” comprises approximately 14 major companies and groups. The current income of the organized sector is over 72 billion rupees (approx. 860 million euro). The “unorganized sector” accounts for nearly 60% of the total ceramics industry in terms of production and turnover, which clearly indicates the growth potential of this sector. India is the third largest tile producer in the world, but it doesn’t currently figure on the list of major exporting countries, even if Indian exports are rising at an accelerating rate annually. CWR: Do you already export part of your production? M. K. Daga: Yes, we have been exporting to various parts of the world including the UK, Singapore, Poland, Maldives, Bahrain, Kuwait, Sri Lanka, Qatar and Oman. With the launch of digital tiles, we look forward to expanding our export market, as well as our volumes, in the future. CWR: Do you see any aspects of the local tile industry that still need to be improved? M. K. Daga: Yes, indeed. The annual per capita tile consumption in India is under 0.5 sq.m. There is much scope for this to increase. Being a developing country, the tile market in India is price-sensitive and brand-aware. We are spending time, energy and money in our marketing efforts to generate customer demand. We believe that, as well as demand for

64

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

miche con un indice di riflessione solare (SRI) pari a 103, in grado quindi di ridurre la temperatura interna di un edificio di oltre 20 °C, consentendo una considerevole riduzione dei consumi energetici (per il raffrescamento) e dell’impatto sul riscaldamento globale. Il quarto brevetto è “Life Tiles”, piastrelle trattate con uno speciale rivestimento in biossido di titanio (TiO2) e altri materiali che non solo rendono la superficie fotocatalitica, ma conferiscono al prodotto altre tre proprietà particolari: la capacità di uccidere il 99,2% dei germi, la proprietà autopulente e la capacità di neutralizzare smog e inquinamento e convertire i gas nocivi (NOx) in semplice umidità. Mille metri quadrati di Life Tiles neutralizzano l’inquinamento più di 150 alberi. La cosa più interessante di questi quattro brevetti è che siamo in grado di produrre piastrelle che combinano due diverse tecnologie, ad esempio Forever Tiles può essere abbinato a Germfree Tiles o a Life Tiles, oppure Cool Tiles può essere abbinato a Life Tiles. CWR: Come è organizzata la vostra attività di vendita? M. K. Daga: Come dicevo, siamo in grado di coprire tutta l’India grazie agli stabilimenti situati in zone diverse del Paese. Entrambi i brand, Orient e Bell, sono disponibili in oltre 4.000 punti vendita distribuiti sull’intero territorio nazionale. Disponiamo di uffici e depositi nella maggior parte delle capitali dei vari Stati del Paese e contiamo su un’ampia rete vendite. Ci stiamo impegnando molto anche nella nostra attività distributiva diretta, con l’apertura di showroom di proprietà “Orient & Bell Tile Boutiques” in tutto il Paese, che dovrebbero salire a 150 entro la fine dell’anno finanziario 2013. CWR: La produzione di piastrelle di ceramica in India sta crescendo molto velocemente grazie al forte sviluppo delle costruzioni. Qual è la situazione del settore? M. K. Daga: L’industria delle piastrelle in India ha seguito il trend internazionale caratterizzato da capacità produttive in eccesso e margini in calo. Tuttavia, nonostante il rallentamento generale dell’economia, la produzione di ceramica continua a crescere ad un tasso annuo del 15%. Circa 14 grandi aziende o gruppi compongono quello che viene definito il “settore organizzato”, che realizza un fatturato di oltre 72 miliardi di rupie (circa 860 milioni di euro). Il “settore non organizzato” rappresenta però ormai circa il 60% della produzione e del volume d’affari dell’industria delle piastrelle, a conferma del potenziale di crescita del comparto. L’India è oggi il terzo maggiore produttore mondiale di piastrelle, mentre, sul fronte esportazioni, pur crescendo di anno in anno, abbiamo ancora molta strada da fare. CWR: Voi stessi esportate già parte della produzione? M. K. Daga: Sì, stiamo esportando in diverse parti del mondo, come Regno Unito, Singapore, Polonia, Maldive, Bahrein, Kuwait, Sri Lanka, Qatar e Oman. Con il lancio delle piastrelle digitali, l’obiettivo è di espandere sia il numero dei mercati che i volumi esportati. CWR: In quali ambiti ravvisa spazi di miglioramento per l’industria indiana? M. K. Daga: Di sicuro, il consumo pro capite di piastrelle, inferiore a 0,5 mq/anno, presenta grandi margini di crescita. L’India è un Paese in via di sviluppo, molto sensibile al prezzo e alla marca. Noi stiamo investendo tempo, energie e risorse economiche nel marketing dei nostri brand per generare domanda dal mercato. Un mercato che, oltre che nel segmento delle nuove costruzioni, può esprimere un enorme potenziale di crescita anche in quello delle ristrutturazioni, soprattutto per quei


new construction, the refurbishment market presents a huge degree of potential for those manufacturers, like us, who aim for high technical quality and added value products. CWR: On the contrary, what are the competitive points of strength of the industry? M. K. Daga: The main strength of the Indian tile industry lies in its large market and potential for future growth. CWR: What about the situation of the Indian building industry and market? M. K. Daga: There is definitely a growing real estate sector in the country, coupled with rapid urbanization and increasing income levels. The real estate industry accounts for almost 65% - 70% of the total demand for tiles in India, whereas demand from the refurbishment market is only 12%. These figures encourage companies like ours to concentrate more on B2B business, while continuing to invest in new display centres through our Tile Boutiques. Residential and commercial projects, the introduction of larger format tiles and the availability of tiles decorated with digital technology are the key drivers of demand in India. We expect digital tiles to play a larger role in driving demand in the coming years. CWR: With such a huge local demand, are you planning to increase your production? M. K. Daga: We have recently acquired the Bell Tile brand and two manufacturing plants along with it, therefore, at present, we are focusing on utilizing our own manufacturing capacity, while, in the past, we outsourced to ten or so other companies. CWR: What does Orient Bell offer that most sets it apart from the competition? M. K. Daga: Our brand offers Indian consumers contemporary global designs at amazing value for money. Our tiles are the product of a fusion of European trends & aesthetics with the unique use of hues & colours to create an Indian vibrancy. We are already the leader in India when it comes to innovative technologies in the industry. Apart from our patent pending innovations, we also focus on new digital and communication technologies. Our social and digital media achievements include over 400,000 “Likes” on our Facebook page, an iPad app (“TileStyles”), virtual e-showrooms on our company website and “TilesTalk”, a free training and information service for clients which is serviced by a toll-free number, website and mobile devices. With all these initiatives, we are working to build stronger brands and create larger customer pull. Also, we are one of the most environmentally conscious tile manufacturers and are proud to be responsible cor porate citizens.

produttori, come noi, che puntano all’alta qualità tecnica e al valore aggiunto del prodotto. CWR: Quali invece i punti di forza del vostro settore? M. K. Daga: Senza dubbio le dimensioni del mercato interno e le aspettative di crescita futura. CWR: Come si presenta la situazione di mercato del settore edile? M. K. Daga: La crescita del settore immobiliare nel Paese, generata dalla rapida urbanizzazione e dall’aumento dei livelli di reddito, è oltremodo evidente. L’industria immobiliare rappresenta il 65%-70% della domanda totale di piastrelle in India, mentre il mercato delle ristrutturazioni è pari al 12%. Per questo motivo siamo decisamente più concentrati su attività B2B, pur continuando a investire anche nelle nostre show room di proprietà più rivolte al consumatore finale. I nuovi progetti residenziali e commerciali, l’introduzione di piastrelle di grande formato e la disponibilità di prodotti decorati con tecnologia digitale, sono oggi i driver della domanda di ceramica in India. Ci aspettiamo, peraltro, che proprio la decorazione digitale delle piastrelle giocherà un ruolo trainante sui consumi anche nei prossimi anni. CWR: Con una domanda così forte, avete in programma aumenti di produzione? M. K. Daga: Abbiamo recentemente acquisito il marchio Bell Tile e due nuovi impianti di produzione, pertanto, al momento, ci stiamo concentrando sull’utilizzo della nostra capacità produttiva interna, sulla quale abbiamo riportato la produzione che in passato veniva effettuata in outsourcing su una decina di imprese. CWR: Cosa offre in più Orient Bell rispetto alla concorrenza? M. K. Daga: Al consumatore indiano offriamo qualità e design con un rapporto qualità prezzo davvero competitivo. Le nostre piastrelle rappresentano una fusione di trend estetici europei con colori e sfumature tipicamente locali. Sul fronte delle tecnologie innovative, siamo già leader in India, e non solo per i brevetti di cui parlavamo, ma anche per l’ampio uso delle nuove tecnologie di comunicazione digitali: dai 400.000 “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook, all’applicazione per Ipad (“TilesStyles”), alla e-showroom virtuale sul sito internet aziendale, fino a “TilesTalk”, il servizio gratuito di formazione e informazione per i clienti attivato sia con numeri verdi, che su web e su dispositivi mobili. Queste iniziative ci aiutano a rafforzare il brand e generare domanda. Siamo inoltre orgogliosi di lavorare nel rispetto dell’ambiente, come dovrebbe fare qualsiasi citta dino responsabile.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 1 0 4 / 2 0 13

65


Construction booms in Saudi Arabia

Milena Bernardi - m.bernardi@tiledizioni.it

economics

Edilizia a gonfie vele in Arabia Saudita With average annual GDP growth of around 5% (5.5-6% in 2012), Saudi Arabia is the world’s 20th largest economy. It accounts for 45% of the Gulf region’s GDP and 25% of that of the MENA area (Middle East and North Africa). In recent years, the contribution of the non-oil sector to GDP has grown steadily due to efforts to diversify the country’s productive structure, which also benefits from the low cost of energy. As the world’s top oil producer country (it holds a quarter of the planet’s oil reserves) and the fourth largest in terms of natural gas reserves (4% of world reserves), Saudi Arabia guarantees gas supplies to local firms at 0.59 euro/MMBtu and electrical energy at 0.025 euro/ kWh. The construction sector is one of the pillars of the Saudi Arabian economy and attracts major investment on the part of the public sector, large-scale industry, commerce and private investors. In recent years the sector has grown at average annual rates of 5-7% and similar strong growth is expected over the next 4 years, largely as a result of the government’s large spending programmes aimed at house building and social housing projects, school and hospital construction, transport infrastructures and expansion of the holy cities of Mecca and Medina.In the housing segment, a total of 1.5 million new homes are expected to be built between 2012 and 2015 in response to real housing needs estimated at around 5.5 million dwelling units (as 40% of the Saudi population is under 14 years of age, housing will continue to be an engine of the construction industry over the coming years). Government investments in the sector already amount to around 70 billion euro and the government recently announced the allocation of “social packages” to a total value of almost 100 billion euro, of which about half are designated for housing. The two largest cities, Riyadh (4.5 million inhabitants) and Jeddah (around 3 million inhabitants), have now reached the size of medium-large metropolises and are still growing. The sector’s development prospects are also linked to projects for the construction of six enormous new cities, the socalled Economic Cities, which will cost an estimated US $110 billion and will house around 4.5 million inhabitants. Construction work has begun on two of the six cities: King Abdullah City, north of Jeddah, and Prince Abdulaziz Bin Mesaed Economical City. Private investments also play a very important role in the residential segment. Major contracts signed in the first few months of 2013 include the second phase of the Abraj Al Hilal project in Jeddah (326 apart-

66

Cera mic W o r l d Review n. 104 / 2013

Con una crescita media annua del PIL intorno al 5% (5,5-6% nel 2012), l’Arabia Saudita è la 20esima potenza economica mondiale; rappresenta il 45% del PIL dell’area del Golfo e il 25% di quello dell’area MENA (Medio Oriente e Nord Africa). Negli ultimi anni, il peso del settore non-oil sul PIL è costantemente cresciuto, grazie agli sforzi volti alla diversificazione della struttura produttiva che, fra l’altro, beneficia del basso costo dell’energia: l’Arabia Saudita, primo Paese al mondo per produzione petrolifera (detiene un quarto delle riserve di greggio del pianeta) e quarto Paese per riserve di gas naturale (il 4% delle riserve mondiali), garantisce alle imprese locali forniture di gas a 0,59 Euro/mmbtu e di energia elettrica a 0,025 Euro/Kwh. Il settore delle costruzioni rappresenta uno dei comparti portanti dell’economia saudita in cui sono destinate a confluire ingenti risorse finanziarie del settore pubblico, della grande industria, del commercio e dei risparmiatori privati. Negli ultimi anni il comparto è cresciuto a tassi medi del 5-7% annuo e si stima un analogo buon sviluppo anche nei prossimi 4 anni, grazie anche ai massicci programmi di spesa da parte del Governo destinati a edilizia abitativa e progetti di social housing, edilizia scolastica e sanitaria, infrastrutture per i trasporti, nonché all’espansione dei luoghi sacri di Mecca e Medina. Nel segmento dell’edilizia abitativa è prevista la realizzazione di 1,5 milioni di nuove abitazioni tra il 2012 e il 2015, a fronte di un fabbisogno abitativo reale stimato in circa 5,5 milioni di unità abitative (il 40% della popolazione saudita ha meno di 14 anni, cifra che dà la misura di quanto il tema casa continuerà a rappresentare un motore dell’industria edilizia per i prossimi anni). Gli investimenti pubblici nel settore sono già pari a circa 70 miliardi di euro e recentemente è stata annunciata l’assegnazione di “pacchetti sociali” per un valore complessivo di quasi 100 miliardi di euro, di cui circa la metà destinata all’edilizia abitativa. Le due città principali, Riyad (4,5 milioni di abitanti) e Jeddah (circa 3 milioni di abitanti), hanno ormai raggiunto dimensioni di metropoli medio-grandi e sono tuttora in continua espansione. Le prospettive di sviluppo del settore sono legate anche ai progetti per la costruzione di sei nuove faraoniche città, le cosiddette Economic Cities, per un costo stimato in 110 miliardi di dollari, che ospiteranno strutture per circa 4,5 milioni di abitanti. La costruzione di due delle sei città è già stata avviata: King Abdullah City, a nord di Jeddah, e Prince Abdulaziz Bin Mesaed Economical City. Molto importante anche il ruolo degli investimenti privati nel segmento residenziale. Tra i grandi contratti siglati nei soli pri-


SAUDI ARABIA BUILDING CONTRACTOR AWARDS

ments, swimming mi mesi del 2013 fiACROSS KEY SEGMENTS pools and fitness gurano la seconda ARABIA SAUDITA: INVESTIMENTI NELL’INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI centres) and the fase del progetto PER SEGMENTI construction of 106 “Abraj Al Hilal” a Jedvillas and 96 apartdah (326 appartaments in Riyadh, menti, piscine e fitboth assigned to ness center) e la reaAzmeel Contractlizzazione di 106 viling and Construcle e 96 appartamenti tion Company and a Riyad, entrambi afdue for completion fidati alla Azmeel by 2016. A third Contracting and major residential Construction Comdevelopment pany e da completacalled Mutrafiah re entro il 2016. Un Housing Project, terzo megaprogetto commissioned residenziale, il Mufrom Azmeel by trafiah Housing the company Project commissioMaaden, will innato dalla società volve the construcMaaden alla Azmeel, tion of 3,600 villas riguarda la costrufor Maaden emzione di 3.600 ville ployees in the indestinate ai dipendustrial city of denti della Maaden US$ Million Jubail, 800 of which nella città industriale Source / Fonte: Ventures Onsite Mena Projects Database will be ready at the di Jubail, 800 delle end of 2014. The quali saranno pronte public spending budget for 2013, up by 14% on 2012 and a fine 2014. to date the largest in the Kingdom’s history, includes more Nel budget di spesa pubblica del 2013, cresciuto del 14% sul than $10 billion earmarked for transport infrastructures, 2012 e finora il più elevato nella storia del Regno, oltre ai 10 $55 billion for school building and $27 billion for healthmiliardi di dollari destinati alle infrastrutture di trasporto, 55 care infrastructures. The new projects for 2013 include the miliardi di dollari sono allocati all’edilizia scolastica e 27 miconstruction of 539 schools to join the 1,200 already beliardi alle infrastrutture sanitarie. I nuovi progetti nel 2013 rigun and the 2,000 undergoing renovation. The healthguardano la costruzione di 539 scuole che si aggiungono alle care building segment will see the construction of 19 new 1.200 già iniziate e le 2.000 in ristrutturazione; nel segmento hospitals, while 102 are already in progress. dell’edilizia sanitaria è prevista la realizzazione di 19 nuovi Government expenditure in 2014 is expected to increase ospedali, mentre 102 sono già stati avviati. by a further 10%. La spesa prevista dal Governo nel 2014 è stimata in ulteriore Major public investments are also being made in transcrescita del 10%.

KINGDOM TOWER, A THOUSAND METRE HIGH SKYSCRAPER At a height of more than a thousand metres, Kingdom Tower in Jeddah will be the tallest building in the world and the centrepiece of a 530,000 sq.m development known as Kingdom City, a $20 billion project due to be completed in 2018. Designed by Adrian Smith + Gordon Gill Architecture (Adrian Smith was the creator of Burj Khalifa in Dubai, the highest tower in the world at 828 metres), it will be built over five years and will host hotels, offices, residences, condominiums and even an observation deck. Naturally, potential residents must be willing to pay stratospheric figures given that the tower will cost around $1.2 billion to build. In their design for the project, Adrian Smith + Gordon Gill Architecture were inspired by the new shoots of a young plant, a metaphor for development and technological progress. The three petals of the plant are ideal for the residential units and the tapering wings produce an aerodynamic shape that helps reduce structural loading due to wind vortex shedding. The height of a thousand metres was reached using state-of-the-art construction technologies together with a strong focus on sustainability of the building. The project will feature a high-performance exterior wall system that will minimise energy consumption by reducing thermal loads. The tower will contain 12 escalators and 59 elevators, including five double-deck elevators. The Kingdom Tower will be located in the 23-hectare Waterfront District, an exclusive pedestrian-friendly setting on the Kingdom City lakefront encompassing a shopping mall, residential spaces, offices, two luxury hotels and open-space amenities such as the central Plaza.

68

Cera mic W o r l d Review n. 104 / 2013

KINGDOM TOWER, MILLE METRI DI GRATTACIELO Sarà la più alta del mondo: oltre mille metri d’altezza. La Kingdom Tower di Jeddah sorgerà in un’area di 530 mila mq che ospiterà la Kingdom City, un progetto da 20 miliardi di dollari che dovrebbe completarsi nel 2018. Progettata da Adrian Smith + Gordon Gill Architecture (Adrian Smith è l’ideatore del Burj Khalifa di Dubai, oggi la torre più alta del mondo con i suoi 828 metri), sarà realizzata in cinque anni, e ospiterà hotel, uffici, residence, condomini e anche un osservatorio panoramico. Inutile dire che chi vi risiederà dovrà essere disposto a sborsare cifre da capogiro, dato che il grattacielo ha un costo di costruzione che si aggira intorno a 1,2 miliardi di dollari. Nel disegnare la forma dell’opera, l’Adrian Smith + Gordon Gill Architecture si è ispirato alle fronde piegate di una giovane pianta in crescita, una metafora di sviluppo e progresso tecnologico. I tre petali della “pianta” rappresentano l’ideale per le unità abitative, mentre le ali affusolate producono una forma aerodinamica, che aiuta a ridurre il carico strutturale dovuto ai vortici di vento. L’altezza di mille metri è stata raggiunta impiegando le migliori tecnologie costruttive esistenti, unite a un’attenzione particolare alla sostenibilità dell’edificio. Il progetto è caratterizzato da un sistema di muro esterno ad alto rendimento che riduce al minimo il consumo di energia, diminuendo i carichi termici. La struttura sarà percorribile in verticale grazie a 12 scale mobili e 59 ascensori di servizio, di questi cinque saranno a doppio piano. Ma l’eccezionalità di Kingdom Tower si misurerà anche dalla zona circostante, a partire dai 23 ettari del Waterfront District, che offrono un ambiente esclusivo e pedonale sul lungolago della città e che ospiteranno un centro commerciale, gli spazi residenziali, gli uffici, due alberghi di lusso e spazi aperti quali la centrale Plaza.


port infrastructures. A total of 34 airports are due to be built or modernised over the next 4-5 years, while new rail and road projects are also partly in progress. The new Jeddah airport scheduled for completion by the end of 2014 is especially important. When up to capacity, the airport will be able to handle up to 35 million passengers a year and will have the world’s highest control tower (133 metres}. Large public projects also include those for the improvement of hospitality structures and the transport system for the annual Hajj, during which more than half a million people make the pilgrimage to Mecca. Private investments include numerous construction projects for shopping centres, residential and office towers and dozens of tourist accommodation facilities, both luxury hotels (21 are due for completion by the end of 2013) and lowcost hotels to meet the growing demand from religious tourism in Mecca and Medina. Analysts estimate that around $120 billion will be spent on new hotel construction over the next few years. Green building

Importanti anche gli investimenti pubblici nelle infrastrutture per i trasporti. Nei prossimi 4-5 anni è prevista la costruzione o ammodernamento di 34 aeroporti, mentre nuovi progetti ferroviari e stradali sono in parte già stati avviati. Di notevole rilevanza la realizzazione del nuovo aeroporto di Jeddah previsto per la fine del 2014. Lo scalo, una volta a regime sarà in grado di ospitare fino a 35 milioni di passeggeri all’anno e potrà vantare una torre di controllo di 133 metri, la più alta al mondo. Tra i grandi progetti pubblici figurano infine quelli legati al miglioramento delle strutture ricettive e alla rete di trasporti associati all’Hajj annuale, che vede il pellegrinaggio verso la Mecca di oltre mezzo milione di pellegrini. Per quanto riguarda gli investimenti privati, sono numerosi i progetti di costruzione di centri commerciali, grattacieli per residenze e uffici e, nel settore turistico, di decine di strutture ricettive, sia hotel di lusso (21 dovrebbero essere completati entro la fine del 2013), sia alberghi economici per rispondere alla crescente domanda del turismo religioso alla Mecca e a Medina. Le stime degli analisti indicano in circa 120 miliardi di dollari la spesa per la costruzione di nuovi hotel nei prossimi anni. La bioedilizia

Special attention is being devoted to green building and policies. According to the latest official government figures, total Saudi investments in sustainable construction projects amount to more than $26 billion, including 76 new low environment impact buildings, mostly in Riyadh. As noted by Faisal Al-Fadl, secretary general of the Saudi Green Building (SGB) Forum, an initiative conducted in collaboration with the Saudi Green Building Council to promote environmental sustainability in the country, Saudi Arabia owns 5% of the 1,350 green projects currently under development in the Middle East. Well aware that just 150 green building specialists are far too few for its needs, the country is now looking to expand its roster of expert engineers, setting a target of 1,000 within the next three years. There is widespread recognition that although green building criteria push up construction costs, the much lower running and maintenance costs of buildings will bring big savings in the long term. The interior finishings market

Un’attenzione particolare viene riservata alla bioedilizia e alle politiche green. Secondo gli ultimi dati ufficiali del Governo, l’importo totale degli investimenti sauditi in progetti di costruzione sostenibili supera quota 26 miliardi di dollari, con 76 nuove costruzioni a basso impatto ambientale, la maggior parte realizzate a Riyadh. Di fatto, come sottolinea Faisal Al-Fadl, segretario generale del Saudi Green Building (SGB) Forum, un’iniziativa sviluppata in collaborazione con il Saudi Green Building Council volta a promuovere la sostenibilità ambientale nel Paese, l’Arabia Saudita possiede il 5% dei 1.350 progetti verdi attualmente in fase di sviluppo in Medio Oriente. Il Paese sta ora puntando a espandere il proprio pool di esperti del settore: i 150 ingegneri sauditi specializzati in bioedilizia, sono infatti insufficienti e dovranno essere portati a 1.000 entro i prossimi tre anni nella consapevolezza che i principi della bioedilizia fanno sì lievitare i costi di costruzione, ma nel lungo periodo, grazie a costi di esercizio e manutenzione degli edifici molto più bassi, garantiscono un grande vantaggio economico. Il mercato delle finiture di interni

Furnishings, bathrooms and kitchens, floor and wall coverings, lighting and the entire interior finishings sector in general account for between 10% and 20% of the value of building projects. In 2012, the finishings market in Saudi Arabia reached $2.5 billion, a figure that is expected to increase in 2013 to around $3.4 billion on the basis of continued average annual growth of 35%. The lion’s share is absorbed by the residential segment, followed by hotels, educational facilities and commercial construction. 

Arredamento, bagni e cucine, pavimenti e rivestimenti, illuminotecnica, e più in generale tutto il comparto delle finiture di interni rappresentano tra il 10 e il 20% del valore dei progetti edilizi. Nel 2012, il mercato delle finiture in Arabia Saudita ha toccato quota 2,5 miliardi di dollari, una cifra destinata a salire nel 2013 a circa 3,4 miliardi, mantenendo una crescita media annua del 35%. La parte del leone è assorbita dal segmento residenziale, seguito da hotel, strutture scolastiche ed edilizia  commerciale.

SAUDI BUILD 2013

SAUDI BUILD 2013 The 25th Saudi Build Construction, the largest Saudi exhibition of building technologies, was held from 4 to 7 November 2013 in the Riyadh International Convention & Exhibition Center. The event, organised by REC, has established itself as a major forum for industry professionals over the years and hosts companies from all over the world exhibiting a wide array of solutions for the construction market. In 2013 the event hosted 576 exhibitors from 35 countries in a floor space of 26,000 sq.m.

JOIN THE WORLD AT THE 25TH YEAR ANNIVERSARY OF SAUDI BUILD

THE 25TH INTERNATIONAL CONSTRUCTION TECHNOLOGY & BUILDING MATERIALS TRADE EXHIBITION

4 - 7 November 2013 Riyadh International Convention & Exhibition Center - RICEC HELD CONCURRENTLY:

The 16th International Stone and Stone Technology Exhibition

The 4th International Exhibition for Construction Equipment, Plant, Machinery and Vehicles

Diamond Sponsor

Si è svolto dal 4 al 7 novembre 2013 presso il Riyadh International Convention & Exhibition Center la 25a edizione di Saudi Build Construction, la principale fiera saudita dedicata alle tecnologie per l’edilizia. La manifestazione, organizzata da REC, si è affermata negli anni come punto di riferimento per gli operatori del settore e attrae aziende da ogni parte del mondo proponendo soluzioni ad ampio spettro per il mercato delle costruzioni. Nel 2013 l’evento ha registrato 576 espositori provenienti da 35 Paesi su una superficie di 26.000 mq.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 1 0 4 / 2 0 1 3

69


Worldwide sanitaryware exports stable Luca Baraldi. Acimac survey dept. - studi@acimac.it

Stabile l’export mondiale di sanitari In 2012, world ceramic sanitaryware export flows were stable compared to 2011 figures. The total exports amounted to 2.41 million tonnes, a slight decrease compared to the previous year (-1.7% compared to 2011). World exports by value showed a similar trend with -1.7% compared to 2011, for a total of 4.26 billion dollars. The top ten exporting countries account for 72.5% of total exports by volume and 66.3% by value. Among these, China is firmly confirmed in first place, despite a slight decrease in volumes exported (918 thousand tonnes, -4.1% compared to 2011). Excellent results, on the other hand, for Chinese exports in value terms, with an increase of 10.4% compared to the previous year, for a total of 933.6 million dollars. It is interesting to note the distance between the incidence of China in terms of volumes exported (38% of total world volumes) and their value (21.9%). The same proportions can be found in Indian sanitaryware exports, in third place by volume (118 thousand tonnes) with 4.9% of world exports, due to the marked increase over the previous year (+30.5%), but only in nineteenth place by value (1.5% of the total). The opposite applies, despite the negative results of 2012, for German manufacturers, in seventh place by volume (-2.3% compared to 2011) with 2.8% share and third by value (-9%)

Nel 2012 i flussi di export di sanitari in ceramica a livello mondiale si sono mantenuti stabili sui valori 2011. Complessivamente, le quantità esportate hanno raggiunto i 2,41 milioni di tonnellate, in lieve contrazione rispetto all’anno precedente (-1,7% sul 2011). Analogo l’andamento delle esportazioni in valore, -1,7% rispetto al 2011, per un totale di 4,26 miliardi di dollari. I primi dieci Paesi esportatori sono responsabili del 72,5% delle esportazioni totali in volume, e del 66,3% in valore. Tra essi, si conferma stabilmente al primo posto la Cina, nonostante un leggero calo nei volumi esportati (918 mila tonnellate, -4,1% sul 2011). Ottimi invece i riscontri delle esportazioni cinesi in valore, che aumentano del 10,4% rispetto all’anno precedente, per un totale di 933,6 milioni di dollari. Interessante notare la distanza tra il peso della Cina in termini di quantità esportate (38% dei flussi mondiali totali) e il loro valore (21,9%). Le stesse proporzioni si trovano nelle esportazioni indiane di sanitari, al terzo posto in volume (118 mila tonnellate) con il 4,9% delle quote di export mondiale grazie al notevole incremento sull’anno precedente (+30,5%), ma solamente al diciannovesimo posto della classifica in valore (1,5% del totale). Opposte le considerazioni, nonostante i risultati negativi del 2012, per i produttori tedeschi, al settimo posto in volume (-2,3% sul 2011) con il 2,8% delle quote e al terzo in valore (-9%)

Tab. 1. Ceramic Sanitaryware: Top exporting countries in quantity I maggiori Paesi esportatori di sanitari in ceramica in volume Exporters

2008 tons

2009 tons

2010 tons

2011 tons

2012 tons

Var. % 2012/2011

2012 share on total world exports

Jan-Jun 2013

Var % Jun 2013/ Jun 2012

China

244,770

768,125

901,966

958,540

918,858

-4.1%

38.0%

423,979

-0.9%

Mexico

227,737

22,371

226,569

245,964

237,957

-3.3%

9.9%

125,058

3.2%

India

82,512

70,354

nd

90,615

118,224

30.5%

4.9%

66,278

5.2%

Turkey

103,772

86,440

94,494

109,443

113,559

3.8%

4.7%

60,073

6.6%

Portugal

85,533

78,299

75,069

65,551

66,809

1.9%

2.8%

34,496

-3.3%

Poland

85,171

59,327

67,580

70,344

66,730

-5.1%

2.8%

36,095

5.6%

Germany

66,051

58,719

63,734

68,294

66,716

-2.3%

2.8%

34,502

-2.6%

Thailand

71,953

52,862

57,189

58,714

56,977

-3.0%

2.4%

31,395

15.5%

Italy

79,018

57,217

53,179

54,679

53,170

-2.8%

2.2%

21,613

-19.9%

USA

43,454

38,096

40,285

55,658

51,929

-6.7%

2.2%

na

na

Total top 10

1,089,971

1,291,810

1,580,065

1,777,802

1,750,929

-1.5%

72.5%

TOTAL WORLD

1,756,762

2,023,328

2,237,863

2,456,951

2,415,183

-1.7%

100.0%

Source: ITC International Trade Centre

70

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013


GSGI Ceramic Design

focus on sanitaryware

with 8.7%, and Italian manufacturers, ninth by quantity (-2.8%) with 2.2% global share and fourth by value (-4.4%) with 6.5%. Mexico and Turkey, on the other hand, occupy the same positions by both volume and value rankings: Mexico is in second place (-3.3% by volume, +11.9% by value) in both rankings with 9.9% (9.8% by value), while Turkey is fourth by export quantities (+3.8%) and fifth by value (+2.5%). Export destinations Turning to the analysis of the exports destinations of the top 10 exporters, it can be seen that only China exports to a significant extent in all continents: of the top 15 target markets of Chinese sanitaryware, the majority (8) are in fact in Asia; two in North America, the USA and Canada, and represent, respectively, the first and the third largest target market for products made in China, with shares of 28.3% and 6% of Chinese exports; three, United Kingdom, Spain and Russia, are in Europe, one in Africa (Nigeria) and one in Oceania (Australia). All other exporters, on the other hand, target their products mainly towards geographically adjacent markets. This is the case of Mexico, which exports to the nearby United States

con l’8,7%, e italiani, noni per quantità (-2,8%) con il 2,2% delle quote mondiali e quarti in valore (-4,4%) con il 6,5%. Messico e Turchia, invece, occupano le stesse posizioni sia nella classifica in volume sia in quella in valore: il Messico è al secondo posto (-3,3% in volume, +11,9% in valore) in entrambe le graduatorie con il 9,9% delle quote mondiali (9,8% in valore), mentre la Turchia è quarta per quantità esportate (+3,8%) e quinta in valore (+2,5%). Destinazioni di export Andando ad analizzare le destinazioni dell’export dei 10 maggiori esportatori, si può notare come solamente la Cina esporti in modo significativo in tutti i continenti: tra i primi quindici mercati di destinazione dei sanitari cinesi, infatti, la maggioranza (8) sono in Asia; due in nord America, USA e Canada, e rappresentano rispettivamente il primo e il terzo maggiore mercato di destinazione dei prodotti made in China, con quote del 28,3% e del 6% dell’export cinese; tre, Regno Unito, Spagna e Russia, si trovano in Europa, uno è in Africa (Nigeria) e uno in Oceania (Australia). Tutti gli altri esportatori rivolgono invece i propri prodotti principalmente verso mercati geograficamente limitrofi. È questo il

Tab, 2, Ceramic Sanitaryware - Top exporting countries in value I maggiori Paesi esportatori di sanitari in ceramica in valore Exporters

2008 USD x 1000

2009 USD x 1000

2010 USD x 1000

2011 USD x 1000

2012 USD x 1000

Var, % 2012/2011

2012 share on total world exports

Jan-Jun 2013

Var% 13/12 Jan Jun

China

818,177

667,628

778,974

845,721

933,614

10.4%

21.9%

464,203

12.6%

Mexico

405,788

352,823

399,219

374,662

419,231

11.9%

9.8%

219,671

9.9%

Germany

439,162

354,560

360,451

408,653

371,974

-9.0%

8.7%

193,875

-0.9%

Italy

430,372

288,150

281,896

297,830

284,673

-4.4%

6.5%

124,535

-10.2%

Turkey

180,216

142,636

159,709

182,337

186,893

2.5%

4.4%

101,271

9.0%

Thailand

137,819

100,529

117,176

134,242

139,560

4.0%

3.3%

83,232

23.4%

Spain

170,702

126,969

126,537

145,051

127,140

-12.3%

3.0%

69,053

-1.3%

Portugal

174,354

146,551

141,275

130,382

125,929

-3.4%

3.0%

71,006

7.0%

Poland

175,686

116,227

125,738

137,507

123,408

-10.3%

2.9%

73,745

17.7%

USA

146,752

123,547

119,099

127,588

119,074

-6.7%

2.8%

58,929

-2.9%

Total top 10

3,079,028

2,419,620

2,610,074

2,783,973

2,831,496

1.7%

66.3%

1,459,520

6.8%

TOTAL WORLD

4,747,085

3,714,305

4,029,614

4,333,324

4,260,963

-1.7%

100.0%

2,025,412

2.6%

Source: ITC International Trade Centre

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 1 0 4 / 2 0 13

71


focus on sanitaryware 89.3% of its total exports; of Germany, which has nine European countries among its top ten export destinations (except for China, in ninth place); and of Italy, whose first non-European destination is the United Arab Emirates in eleventh place. Indian exports are more varied, with the United Arab Emirates, Saudi Arabia, Iraq and the Ivory Coast in the top positions, and are primarily focused on the Middle East (Jordan, Israel and the Yemen are also in the ranking) and Africa (Kenya, Ghana, Senegal, Cameroon among the leading markets). The top positions for Turkish exports are occupied by four European countries (Germany, France, UK, Italy), which account for 42.1% of total exports, followed by Iraq and the United States.

caso del Messico, che esporta nei vicini Stati Uniti l’89,3% del proprio totale; della Germania, che annovera nove Paesi europei tra le prime dieci destinazioni di export (unica eccezione la Cina, al nono posto); e dell’Italia, per i cui sanitari la prima destinazione non europea sono gli Emirati Arabi Uniti all’undicesimo posto. Più variegate le esportazioni indiane, che trovano ai primi posti Emirati Arabi, Arabia Saudita, Iraq e Costa d’Avorio, e sono destinate in via prioritaria all’area del Medio Oriente (in classifica anche Giordania, Israele, Yemen) e all’Africa (Kenya, Ghana, Senegal, Camerun tra i primi mercati). Ai primi posti delle esportazioni turche troviamo quattro Paesi europei (Germania, Francia, Gran Bretagna, Italia), che valgono il 42,1% del totale export, seguiti dall’Iraq e dagli Stati Uniti.

The situation in 2013

L’andamento nel 2013

In the first six months of 2013 there are no substantial differences compared to the previous year. By volume, China records a decrease of 0.9% compared to the first half of 2012; also Portugal (-3.3%), Germany (-2.6%) and above all Italy (-19.9%) have negative results, while the exports of Mexico (+3.2%), India (+5.2%), Turkey (+6.6%) and Poland (+5.6%) are on the increase. The biggest increase is that of Thailand, with a +15.5% compared to 2012. With regard to the situation by value, on the other hand, China is continuing its growth trend and records an increase of 12.6% compared to 2012. The exports of Mexico (+9.9%), Turkey (+9%) and Portugal (+7%) are also on the increase. Excellent results for Thailand (+23.4%) and Poland (+17.7%). Moving in the other direction are Germany (-0.9%), Spain (-1.3%), USA (-2.9%), and Italy, recording the worst performance among  the top ten exporters with a -10.2% compared to 2012.

Nei primi sei mesi del 2013 non si riscontrano sostanziali differenze rispetto all’andamento dell’anno precedente. In volume, la Cina registra un calo dello 0,9% rispetto al primo semestre 2012; anche il Portogallo (-3,3%), la Germania (-2,6%) e soprattutto l’Italia (-19,9%) fanno segnare risultati negativi, mentre risultano in aumento le esportazioni di Messico (+3,2%), India (+5,2%), Turchia (+6,6%), Polonia (+5,6%). L’incremento maggiore è quello della Tailandia, che registra un +15,5% sul 2012. Per quel che riguarda l’andamento in valore, invece, la Cina, proseguendo nel trend di crescita, registra un aumento del 12,6% rispetto al 2012. Crescono anche le esportazioni di Messico (+9,9%), Turchia (+9%) e Portogallo (+7%). Ottimi risultati per la Tailandia (+23,4%) e la Polonia (+17,7%). Risultano invece in contrazione Germania (-0,9%), Spagna (-1,3%), USA (-2,9%), e Italia, che registra il peggiore andamento tra i primi dieci Paesi  esportatori con un -10,2% rispetto al 2012.

Tab. 3. Main export markets for the Chinese sanitaryware I maggiori mercati di destinazione dell’export cinese di sanitari 2011

2012

Var% 12/11

ton

$

$/ton

ton

$

$/ton

Quantity

Value

USA

222,420

226,329

1.018

250,597

264,449

1.055

12.7%

16.8%

South Korea

104,027

76,728

0.738

93,962

81,622

0.869

-9.7%

6.4%

Canada

38,387

43,926

1.144

45,430

56,098

1.235

18.3%

27.7%

Philippines

28,687

13,970

0.487

37,280

37,659

1.010

30.0%

169.6%

U.K.

40,274

41,297

1.025

30,984

36,260

1.170

-23.1%

-12.2%

Australia

22,502

33,738

1.499

22,236

34,955

1.572

-1.2%

3.6%

India

25,055

23,153

0.924

20,050

22,389

1.117

-20.0%

-3.3%

Singapore

24,688

13,005

0.527

25,465

20,824

0.818

3.1%

60.1%

Saudi Arabia

20,700

15,694

0.758

22,369

17,664

0.790

8.1%

12.6%

Malaysia

8,523

8,459

0.992

8,272

17,597

2.127

-2.9%

108.0%

Nigeria

36,010

14,324

0.398

41,478

17,016

0.410

15.2%

18.8%

Japan

12,047

21,590

1.792

8,760

16,074

1.835

-27.3%

-25.5%

Spain

18,943

15,738

0.831

16,616

15,685

0.944

-12.3%

-0.3%

Taiwan

12,148

12,343

1.016

11,445

14,728

1.287

-5.8%

19.3%

Russia

12,125

11,706

0.965

14,529

14,502

0.998

19.8%

23.9%

Other Countries

332,004

273,721

0.824

269,385

266,092

0.988

-18.9%

-2.8%

TOTAL

958,540

845,721

0.882

918,858

933,614

1.016

-4.1%

10.4%

Source: ITC International Trade Centre

72

C era mic W o rld Review n. 104 / 2013


Seramiksan: unique in the world of sanitaryware

Seramiksan, un nuovo brand nei sanitari Owned by the Demirdover family, Seramiksan is a Turkish industrial group which has interests in a range of industrial sectors, including heavy clay, insulators, floor and wall tile adhesives, and above all ceramic tiles. With an annual production capacity of 28 million sq.m, Seramiksan ranks among the top five Turkish ceramic tile manufacturers, and since June 2013 it belongs 50% of the Italian RondineGroup. Since last summer, the Group is also a new player in the sanitaryware sector, thanks to the start up of a brand new sanitaryware plant with a production capacity of approx. 2.500 pieces per day of medium-high range quality. The whole design and supply of the production unit was entrusted to Sacmi Group. Located in Turgutlu, near Izmir, the plant can certainly be defined as the leading factory in the world for its optimization of technological, technical and system aspects in harmony with flexibility and energy savings. The high-pressure casting department is organized into cells with 16 single-mould machines (model AVM 150) for casting WC bowls and 3 multi-mould machines (model ADS 150) for casting other pieces including one for console washbasins in Fine Fire Clay up to 160 cm wide. Within the casting cells, vertical and horizontal pre-driers guarantee optimum conditions that remain even and constant during the most critical stage which is drying the halffinished pieces (for all kinds of article). Sacmi has supplied the complete modelling developments and microporous resin moulds; the latter are part of the 55%

74

C era mic W o rld Review n. 104 / 2013

Seramiksan, gruppo industriale turco di proprietà della famiglia Demirdover, opera in vari settori nel comparto dei materiali per edilizia. Oltre alla produzione di laterizi, isolanti e collanti per pavimenti e rivestimenti, nel settore ceramico è tra i cinque maggiori produttori turchi di piastrelle: dispone di una capacità produttiva di 28 milioni mq/anno e dal 2013 possiede anche il 50% del gruppo italiano RondineGroup. Dalla scorsa estate, il gruppo è entrato anche nel comparto dei sanitari in ceramica, inaugurando un nuovissimo impianto con una capacità produttiva di circa 2.500 pezzi/giorno di articoli di gamma medio-alta. L’intera progettazione e realizzazione dell’unità produttiva è stata affidata al Gruppo Sacmi. Situato nella cittadina di Turgutlu, nelle vicinanze di Izmir, l’impianto può sicuramente essere definito come il primo stabilimento al mondo per l’ottimizzazione degli aspetti tecnologici e tecnico-impiantistici in sintesi con le caratteristiche di flessibilità ed ergonomia. Il colaggio in alta pressione è organizzato in celle con 16 macchine monostampo per vasi AVM 150 e 3 macchine multistampo ADS 150 per gli altri articoli, di cui una per lavabi consolle in Fine Fire Clay fino a 160 cm di larghezza. All’interno delle isole di colaggio i pre-essiccatoi verticali ed orizzontali garantiscono condizioni ottimali, omogenee e costanti nella fase più critica dell’essiccamento dei semilavorati per tutte le tipologie di articolo. Sacmi ha fornito integralmente la modellazione e gli stampi in resina microporosa, ultimi di una serie che costituisce più del


focus on sanitaryware

of all resin moulds installed in sanitaryware factories around the world that have been supplied by Sacmi. All stages of handling of the unfired pieces inside the casting cells are performed by a robot, including loading of the predried pieces onto trolleys. The pieces are then transferred on these trolleys up to the inspection station by laser-guided vehicles. Product flow, controlled by a laser-guided handling system, then proceeds towards 6 Sacmi intermittent driers mod. LWD 2/8 provided with automatic doors. The robotized glazing of all pieces, carried out by 3 Gaiotto GA2000 robots provided with mass control, is fully automated in order to ensure top quality and to favour environmental sustainability: from automatic piece infeed, which minimizes rejects, to cleaning the piece support, from inside glazing of the siphons to the application of dry filters for total glaze recovery with the elimination of glazing booth washing water disposal. The system is completed by two Riedhammer kilns: a TWS tunnel kiln (108 m long) and an HWS intermittent kiln (with 84 m3 working volume) provided with the most recent technical developments to guarantee the best possible uniformity throughout the firing zones. Another important feature in terms of energy sustainability is the heat recovery system from the cooling zone of the tunnel kiln.

55% del parco mondiale degli stabilimenti sanitari. Tutta la movimentazione dei pezzi crudi all’interno delle celle di colaggio è realizzata da robot di manipolazione, ivi compreso il carico degli articoli sui box su cui i pezzi sono movimentati fino all’ispezione grazie a veicoli laser-guidati. Il flusso del prodotto, gestito con movimentazione laser, procede quindi verso 6 essiccatoi intermittenti Sacmi LWD 2/8, dotati di porte automatiche. La smaltatura robotizzata di tutti gli articoli, effettuata da 3 robot Gaiotto GA2000 dotati di mass control, è caratterizzata da un’automazione totale al servizio della qualità e della sostenibilità ambientale: dall’alimentazione automatica dei pezzi che consente di ridurre gli scarti di manipolazione, alla pulizia della base di appoggio dei pezzi; dalla smaltatura interna dei sifoni dei vasi, all’applicazione dei filtri a secco per un recupero totale dello smalto con l’eliminazione dello smaltimento dell’acqua di lavaggio delle cabine di smaltatura. L’impianto è completato dai forni Riedhammer, un tunnel TWS lungo 108 m e un intermittente HWS di 84 m3 di volume utile, dotati dei più recenti sviluppi tecnici per garantire la migliore omogeneità possibile dell’ambiente di cottura. Degno di menzione a livello di sostenibilità energetica è il recupero del calore dalla zona di raffreddamento del forno tunnel.

Sacmi’s participation in this important project was not limited to the supply of machinery since it has also been the technological partner of Seramiksan’s experts in the formulation of bodies and glazes using the best raw materials available in

Sacmi ha svolto inoltre il ruolo di partner tecnologico, affiancando gli esperti di Seramiksan nella formulazione degli impasti e degli smalti, utilizzando le migliori materie prime disponibili in Europa: gli obiettivi dichiarati sono stati l’ottimizzazione della produttività complessiva dell’impianto e la qualità finale del prodotto. Dal punto di vista tecnico-impiantistico le macchine sono state disposte secondo un layout accuratamente studiato dai team congiunti delle due aziende per ottenere un flusso produttivo il più possibile lineare e, allo stesso tempo, flessibile. Tutti gli spazi per gli stoccaggi, dalle materie prime al prodotto finito, sono stati pensati per garantire sicurezza e condizioni ambientali ottimali per gli operatori e per i semilavorati in termini di temperatura, umidità, lumino-

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 1 0 4 / 2 0 1 3

75


ADVERTISING

focus on sanitaryware Europe: the objectives being to optimize the overall productivity of the plant and the final quality of the product. From a technical / system point of view, the machines have been arranged according to a layout which was very carefully and precisely designed by a joint Sacmi-Seramiksan team in order to obtain the most linear, but at the same time flexible, production flow possible. All the spaces allocated for storage, from raw materials to finished product, have been specially designed to guarantee the safest and best conditions both for the operators and the half-finished products in terms of temperature, humidity, light and dust load. In designing and implementing the layout the space and services potentially required to double production capacity in the near future were taken into due consideration. In order to react quickly to changes in market demand, the two companies devised a plant provided with quick product change-over reducing any potential production inefficiencies to a minimum. For this reason Seramiksan chose to use single-mould machines for the casting of WC bowls and multi-mould machines for other pieces with quick mould change-over system. At the same time all casting, handling, drying, glazing and firing operations are controlled by PLC. The decision to invest in state-of-the-art technology clearly confirms Seramiksan’s intention to guarantee products with higher quality than the average currently found not only on the Turkish, European and Middle-Eastern markets, but also on the Russian, American and Asian ones, where the new  materials will be exported.

sità, polverosità. Nella progettazione del layout e nella successiva realizzazione delle opere edili sono già stati previsti gli spazi e i servizi per un raddoppio della capacità produttiva da realizzare in un vicino futuro. Per una notevole rapidità di risposta alle variazioni nelle richieste del mercato è stato concepito un impianto dove il cambio di prodotto sia rapido, ma con inefficienze produttive ridotte al minimo. Da qui la scelta di impiegare macchine di colaggio monostampo per i vasi e macchine multistampo per gli altri articoli con sistema di cambio stampo rapido, parallelamente alla gestione del colaggio, delle movimentazioni, dell’essiccamento, della smaltatura e della cottura tutte realizzate da PLC. La scelta di puntare sullo stato dell’arte tecnologico conferma l’intenzione di Seramiksan di garantire un prodotto di qualità superiore alla media nei mercati di riferimento dell’azienda: oltre che sul mercato turco, la nuova gamma di sanitari Seramiksan sarà commercializzata in Europa e in Medio  Oriente, ma anche in Russia, America e Asia.


The high-pressure casting revolution Roberto Manzini - B&T White (Formigine, Italy)

La rivoluzione nel colaggio ad alta pressione The “Sanitaria” event, held on 24th September at Siti-B&T’s technology centre in Formigine (Modena), saw the official presentation of Circle, a twin-cast machine that marks a generation change in high-pressure casting technology. Circle, soon to be installed by some of the world’s leading producers, is equipped with a number of patented solutions that have superseded current casting technology, drastically reducing downtime and increasing productivity by an average of 25% compared to the machines currently on the market. The main characteristics of Circle include: • two independent casting batteries that optimise production cycles and reduce machine downtime and waiting times between casts by 50%; • retractable spacers for enhanced use of space; • a rapid mould coupling and adjusting system that reduces stoppage time caused by mould changes; • the option to mount a robot over the machine, to provide fully-automated production without taking up extra floor space.

Circle, the high-pressure twin-cast casting machine Circle, macchina di colaggio ad alta pressione twin-cast

78

C era mic W o rld Review n. 104 / 2013

In occasione dell’evento “Sanitaria” dello scorso 24 settembre, presso il Centro Tecnologico Siti-B&T di Formigine (Modena), è stata presentata ufficialmente Circle, la macchina twin-cast che segna un cambio generazionale nella tecnologia di colaggio ad alta pressione. Circle, che sarà presto installata presso alcuni fra i principali produttori mondiali, è equipaggiata con numerose soluzioni tecniche brevettate che consentono di superare l’attuale tecnologia di colaggio, riducendo drasticamente i tempi morti e ottenendo un incremento di produttività rispetto alle macchine oggi sul mercato mediamente pari al 25%. Tra le caratteristiche principali di Circle figurano: • due batterie di colaggio indipendenti che consentono cicli tecnologici ottimizzati e fermi macchina e tempi di attesa tra le colate ridotti del 50%; • distanziali a scomparsa per una maggiore razionalizzazione degli ingombri; • sistema di aggancio e regolazione rapida degli stampi che permette la riduzione dei tempi morti di cambio stampo; • possibile integrazione con robot sopra la macchina per una

Circle, the high-pressure twin-cast casting machine Circle, macchina di colaggio ad alta pressione twin-cast


focus on sanitaryware

Circle is designed completa automaFIG. 1 - THE INCREASE IN PRODUCTIVITY FROM USING THE CIRCLE TWIN-CAST for the doublezione della produIncremento di produttività con Circle Twin-cast battery casting of zione senza nessun any item made ulteriore ingombro with a two-part a terra. mould. The machine can Circle è progettata also be fitted with per il colaggio in a tool for casting doppia batteria di open rim WC tutti i prodotti reapans using 4 or lizzabili con stampi 5-part moulds. in due parti; inoltre, These features la macchina può escan also be used sere accessoriata to make any othper colare WC a er product, inbrida aperta con creasing departstampi in 4 o 5 parti. mental efficiency Quindi, i vantaggi and reducing the cost per item. descritti possono essere applicati alla produzione di qualsiasi FMR System: mould change in real time

articolo, incrementando l’efficienza di reparto e riducendo il costo per pezzo prodotto.

Circle machines can be equipped with FMR, a rapid sysSistema FMR: cambio stampi in tempo reale tem developed specifically to minimise mould change times. Le macchine Circle possono essere equipaggiate con il sistema The critical phases of the mould change process, which rapido FMR, sviluppato per ridurre drasticamente i tempi necauses stoppage cessari al cambio time, are: stampi. FIG. 2 - RECOVERED PRODUCTIVITY WITH CIRCLE FMR TECHNOLOGY • disconnecting Le fasi critiche del Incremento di produttività con Circle equipaggiata con il sistema FMR the mould and cambio stampo, removing it che comportano un from the fermo di produzio machine; ne, sono le seguen• transporting ti: the new mould • scollegamento to the maed estrazione chine; stampo dalla • mechanical macchina; coupling of the • trasporto del mould to the nuovo stampo press; presso la mac• hydraulic couchina; pling of the • accoppiamento mould to the meccanico stampress; po-pressa;

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 1 0 4 / 2 0 1 3

79


focus on sanitaryware • updating the machine programming and robot tracks. Each part of the FMR system was designed after careful analysis of each of the above phases. The aim was to devise technical solutions that reconcile the need for efficiency and speed of operation with the working conditions normally found in the ceramics industry. The main components of the system can be installed at a later date, as and when required: • an innovative solution for the coupling and rapid inmachine alignment of the mould, which is already fitted as standard on all Circle machines; • a special AGV to extract the old mould and position the new one; • enhanced design, to facilitate utility connections; • a solution that automatically realigns the machine’s functions and programs to the newly-installed mould, particularly for Circle machines with an automatic demoulding robot. FMR technology combines with the Circle twin-cast machine, enhancing its new-generation efficiency and performance. Circle’s patented special doublebattery configuration allows maintenance and mould changes to be carried out on one part of the machine without interruption to the output on the second battery. The FMR system has now extended the advantage compared to normal casting machines, slashing mould change times by up to 60% with a guaranteed maximum of 120 minutes. Graph 2 illustrates the competitive edge of a Circle machine equipped with the full FMR kit. The FMR philosophy has also been applied to the Cubic single-mould WC casting machine for moulds of up to 5+2 parts. The detailing on the new machine guarantees maximum accessibility, making the operator’s task a lot quicker and  easier.

• accoppiamento idraulico stampo-pressa; • aggiornamento della programmazione macchina e delle tracce robot. La progettazione delle soluzioni che compongono il sistema FMR è derivata dall’analisi di ciascuna delle fasi sopra esposte, per le quali si è cercata una risposta tecnica che conciliasse efficacia e rapidità operativa con le condizioni di lavoro normalmente presenti nelle industrie ceramiche. Il sistema così sviluppato è composto da alcuni componenti principali, installabili a scelta anche in fasi successive: • soluzione innovativa per l’aggancio e allineamento rapido dello stampo in macchina, già presente di serie su tutte le macchine Circle; • carrello AGV speciale per l’estrazione dello stampo da rimuovere e il posizionamento del nuovo stampo in macchina; • impiantistica razionalizzata e predisposta per facilitare le operazioni di collegamento utenze; • soluzione per il riallineamento automatico delle funzionalità e programmazione della macchina per il nuovo stampo installato, in particolare per la macchina Circle con robot di sformatura automatico. La tecnologia FMR si sposa con la macchina di colaggio twin-cast Circle e ne esalta le caratteristiche di efficienza e rendimento di nuova generazione. La speciale configurazione a doppia batteria di Circle, protetta da brevetto, permette infatti di effettuare manutenzioni e cambio stampi su un settore della macchina, mentre la seconda batteria di stampi continua a produrre. Grazie al sistema FMR è possibile quindi aumentare ulteriormente i vantaggi rispetto alle normali macchine di colaggio, riducendo anche del 60% i tempi di cambio stampo, entro un massimo garantito di 120 minuti. Il grafico 2 mostra il vantaggio competitivo rappresentato da Circle equipaggiata con il kit FMR completo. La filosofia FMR trova applicazione anche sulla macchina di colaggio monostampo Cubic per colaggio di WC con stampi fino a 5+2 parti, realizzata con dettagli che garantiscono la massima accessibilità alla macchina per facilitare e velocizzare il lavoro  degli operatori.

ADVERTISING

SECONDARY RAW MATERIALS FOR CERAMIC INDUSTRY Alumina Zircon Silicate Zircon Silicates Fused Zirconia Fused Silica

minerals www.refminerals.com


Automation also triumphs in India Milena Bernardi - m.bernardi@tiledizioni.it

L’automazione vince anche in India The city of Thangadh in Gujarat - the largNella città di Thangadh, nel Gujarat, il magest ceramics district on the Indian subcongiore distretto ceramico del subcontinente tinent - is home to Euro-Anchor Sanitaryindiano, opera la Euro-Anchor Sanitaryware ware Industries Pvt., founded by Mayur Industries Pvt., fondata nel 1996 da Mayur TriTrivedi in 1996 and still run by him and his vedi, tutt’oggi alla guida dell’azienda assieme sons Jigar and Nakul. The company’s exai figli Jigar e Nakul. L’esperienza nel settore perience in the sanitaryware sector actualdei sanitari, in realtà, è pluritrentennale, dato Mr. Mayur Trivedi with Mattia D’Agostini (Setec) ly spans more than thirty years, being the che la famiglia Trivedi è a capo anche del Trivedi family also head of the Sompura Sompura Group, un gruppo di aziende attive Group, a group of companies active in the nel comparto dall’inizio degli anni ’80, con sector since the 1980s with a combined una capacità produttiva totale di oltre 10.000 production capacity of over 10,000 piecpezzi/giorno. es/day. Dopo i primi anni trascorsi producendo Having spent its early years producing exesclusivamente in conto terzi per grandi clusively on behalf of large local and multiaziende locali e multinazionali, tra cui H&R national companies - including H&R JohnJohnson India e Roca India, negli ultimi temson India and Roca India - in the latest pi Euro-Anchor, nota sul mercato con il maryears Euro-Anchor (known on the market chio Easil, ha deciso di puntare a mercati più under the brand-name Easil) has begun to redditizi, in primo luogo quelli europei, tratarget more profitable markets (notably sformandosi in un’azienda esportatrice al the European markets), becoming a 100% 100%. Per raggiungere questo obiettivo, i TriJigar Trivedi export-driven company. In order to reach vedi hanno dato luogo ad una vera e propria this objective, the Trivedi family have raditrasformazione della struttura produttiva, incally transformed the company production structure, focustervenendo sull’automazione delle linee e sulla formazione sing on line automation and technical training of its persontecnica del personale. I risultati non si sono fatti attendere: l’aunel. The results were quick to come: the growth in production, mento della produzione e, soprattutto, il miglioramento della and above all the improvement of product quality resulted qualità dei prodotti hanno permesso all’azienda di incrementain a 40% income increase in 2012. re il fatturato 2012 del 40%. We discuss this with Jigar Trivedi (29) who has been fully inNe parliamo con Jigar Trivedi, 29 anni, che da tempo in azienda volved in sales, purchases and production for a long time. si occupa a 360° di vendite, acquisti e produzione. CWR: To begin with, can you tell us how Euro-Anchor presents itself on the market today? Jigar Trivedi: We produce approximately 2,500 pieces/day including normal and one-piece WC bowls, cisterns, washbasins and pedestals. In the context of Indian sanitaryware producers, we rank as a large/medium company. Just like the rest of the Sompura Group, Euro-Anchor has grown rapidly and, despite the high degree of automation recently adopted, employs 300 people who are dedicated to all production phases - from raw material processing (we also have our own quartz and kaolin mines) to glaze preparation.

CWR: Innanzitutto, come si presenta oggi Euro-Anchor? Jigar Trivedi: Produciamo circa 2.500 pezzi/giorno tra vasi normali e monoblocco, cassette e lavabi e colonne. Nel panorama dei produttori indiani di sanitari possiamo considerarci un’azienda medio-grande. Euro-Anchor, come anche le altre aziende del Gruppo Sompura, è cresciuta molto rapidamente e, nonostante l’elevato livello di automazione adottato di recente, conta oltre 300 dipendenti che si occupano di tutte le fasi produttive, incluse la lavorazione delle materie prime (disponiamo anche di cave di quarzo e caolino di nostra proprietà) e la preparazione degli smalti.

CWR: Can you tell us about the company technological investments to modernize production?

CWR: Ci descrive gli investimenti tecnologici effettuati per modernizzare la produzione?

82

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013


focus on sanitaryware

The Euro Anchor facility Lo stabilimento Euro Anchor

J. Trivedi: Until recently, our production process was entirely manual: from casting to glazing, right up to the finish. This decision was obviously based on the low labour costs. The increase in labour costs and the need to become more competitive also on a qualitative level dictated the transition towards automatic machines. For now we have focussed on systems for glaze and body production (for example the new mixers) as well as automated glazing systems and spray booths. Our Setec glazing robot was the first of its kind in Thangadh, a city which is home to many sanitaryware producers. Some months later a twin robot was launched by Ariston Ceramic, a Sompura Group company. Another machine on our line is the “Upward”, designed to automatically glaze siphons and rims. All our investments have been aimed at achieving a decisive turning-point in Euro-Anchor growth. Not only have we been in a position to reduce the number of personnel involved in specific operations, and reduce the processing times in the (previously manual) post-glazing phases, we have also considerably improved the quality of the finished product as well as the first choice yield. This is a crucial step towards satisfying the demand of an exacting market like Europe’s, where we export the majority of our products. CWR: A 40% growth in 2012 is a truly impressive result. How is 2013 going? J. Trivedi: It’s true. Our expansion was extremely rapid and, thanks to the investments made last year, 2013 is also going very well. Our goal now is to work in order to consolidate this growth trend, seeking to acquire new market shares in pre-established areas (such as Poland, Holland, Romania, Serbia, Austria and some African and South American markets) as well as markets that are new to us. It is, of course, imperative that we remain open to change and introduce new technologies and production methods which enable us to move with the times. CWR: To what extent was it also necessary to invest in technical training for the personnel to work with the new technologies?

J. Trivedi: Fino a pochi anni fa avevamo una produzione interamente di tipo manuale, dal colaggio alla smaltatura, fino alla finitura del prodotto, scelta ovviamente determinata dal basso costo della mano d’opera. Con l’aumento del costo del lavoro e la necessità di essere più competitivi anche a livello qualitativo, è stato necessario adottare macchine automatiche. Per ora siamo intervenuti sui sistemi per la produzione di smalti e impasti (ad esempio con i nuovi scioglitori) e sui sistemi di smaltatura robotizzati e cabine di spruzzo. Il robot di smaltatura installato da Setec nel nostro stabilimento è stato il primo in funzione in tutta la città di Thangadh, dove operano parecchi produttori, e pochi mesi dopo un robot gemello è stato avviato anche alla Ariston Ceramic, una delle aziende del Sompura Group. Un’altra macchina installata in linea è la “Upward” per la smaltatura automatica di sifone e brida. Tutti gli investimenti effettuati hanno segnato una svolta decisiva nel processo di crescita di Euro-Anchor. Non solo abbiamo potuto ridurre sia il personale dedicato a specifiche operazioni che i tempi di lavorazione nelle fasi successive la smaltatura (prima manuali), ma è anche nettamente aumentata la qualità del prodotto finito e la resa di prima scelta, un aspetto fondamentale per soddisfare la domanda di un mercato esigente come quello europeo, dove esportiamo la maggior parte dei nostri prodotti. CWR: Una crescita del 40% nel 2012 è un risultato davvero eccellente. Come sta andando il 2013? J. Trivedi: È vero, la nostra espansione è stata decisamente rapida e, grazie agli investimenti dell’anno scorso, anche il 2013 è andato molto bene. Ora l’obiettivo è consolidare questo trend di crescita, con tanto impegno, cercando di acquisire nuove quote di mercato in aree già presidiate (come Polonia, Olanda, Romania, Serbia, Austria, oltre ad alcuni mercati africani e sud americani) e in quelle per noi ancora nuove. Ovviamente resta fondamentale una mentalità aperta al cambiamento e all’introduzione di tecnologie e metodologie di produzione che possano tenerci al passo con i tempi.

“Upward” for automatic glazing of siphons and rims “Upward”: smaltatura automatica di sifone e brida

CWR: Quanto è stato necessario

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 1 0 4 / 2 0 1 3

83


focus on sanitaryware J. Trivedi: It would have been impossible to get where we are today so quickly, had we simply bought the latest generation machines and failed to provide adequate training. Technology is fundamental, but without assistance and personnel training in terms of machine operation and maintenance, these state-of-theart systems would not get us very far. It is very important to establish a trust relationship with the technological partners - in our case Setec from Civita Castellana, Italy. Setec not only supplied us with machines, they also provided us with their expertise: they trained our personnel, providrobot ed for modelling and chemi- Glazing Robot di smaltatura cal analysis of our raw materials and resolved problems relating to formulation and firing curve. CWR: To what extent are environmental concerns important to your production process? J. Trivedi: There’s not a modern company in the world that can grow without being conscious of the environment. In our case, for example, we offer a range of sanitary ware with water-saving flush-systems as well as the latest generation antibacterial surface treatments. We were the first company in India to employ Setec’s nanotechnology - the titanium-dioxide based BS02, highly sought after in the West. CWR: What are your goals for the near future? J. Trivedi: We have spent the last few months working on plans for a new facility which will produce particular types of sanitaryware. We are not talking about, unusual products, but rather items which are not of much interest to the Indian market but very popular in the West. We can’t reveal too much, partly because we are still negotiating the details, but it will certainly involve further collaboration with Setec. Shortly, meanwhile, we intend to install new benches for BAV automated casting, which will enable us to produce WC bowls and bidets with highly modern design, so essential in our target  markets.

investire anche sulla formazione del personale chiamato ad operare con nuove tecnologie? J. Trivedi: Sarebbe stato impossibile ottenere gli obiettivi che abbiamo raggiunto in così poco tempo se ci fossimo limitati ad acquistare macchine di ultima generazione senza un’adeguata formazione. La tecnologia è fondamentale, ma senza assistenza e training del personale per l’avviamento e la manutenzione, i sistemi più all’avanguardia non porterebbero molto lontano. È estremamente importante, invece, il rapporto di fiducia che si riesce ad instaurare con il proprio partner tecnologico, nel nostro caso la italiana Setec di Civita Castellana, che non si è limitata alla sola fornitura dei macchinari, ma ha messo a disposizione la sua esperienza, facendosi carico anche del training del personale, della modellazione, delle analisi chimiche delle nostre materie prime e della risoluzione di problematiche legate alle formulazioni e alle curve di cottura. CWR: Che importanza rivestono le tematiche ambientali nella vostra produzione? J. Trivedi: Non c’è azienda moderna che possa crescere senza porre attenzione all’ambiente. Nel nostro piccolo, ad esempio, abbiamo a catalogo molti sanitari studiati con sistemi di scarico per il risparmio idrico ed effettuiamo trattamenti antibatterici delle superfici di ultima generazione: siamo stati i primi in India a utilizzare le nanotecnologie di Setec, il BS02 a base di biossido di titanio, assai richieste in occidente. CWR: Quali sono i vostri prossimi obiettivi? J. Trivedi: Stiamo studiando da qualche mese la costruzione di un nuovo impianto per la produzione di sanitari particolari. Non si tratta di prodotti fuori dal comune, ma semplicemente di articoli poco considerati nel mercato indiano e che invece riscuotono grande interesse in Occidente. Non possiamo svelare molto sul progetto, anche perché ne stiamo definendo ancora i dettagli, ma è certa una nuova collaborazione con Setec. Nel brevissimo periodo, invece, stiamo pianificando l’installazione di nuovi banchi per il colaggio automatizzato di tipo BAV, che ci consentiranno di produrre vasi e bidet dal design molto moderno, elemento indispensabile nei  nostri mercati di riferimento.

HAVEN’T YOU DOWNLOADED THE NEW CERAMIC WORLD REVIEW APP YET? FREE DOWNLOAD REPLACE YOUR OLD CERAMIC WORLD REVIEW APP WITH THE NEW REDESIGNED VERSION


lable... i a v a s h ot Few Bo NOW!!!

BOOK

Official Media Partner

Contact for Indian Exhibitors: Tarun Marwah, Project Director MMI India Pvt. Ltd. • Phone: +91 22 42554700 • Mobile: +91 9820882560 • Fax: +91 22 42554719 • Email: tarun.marwah@mmi-india.in

Organised by

Powered by

Contact for International Exhibitors: Ms Daniela Thumfart, Exhibition Manager Messe München GmbH • Phone: +49 89 949 20274 • Email: daniela.thumfart@messe-muenchen.de

www.indian-ceramics.com


LCD in the sanitaryware industry

LCD nell’industria dei sanitari The future of Italy is necessarily green. A country can’t be reIl futuro dell’Italia è obbligatoriamente verde. Il rilancio di un launched with an economic, social and business policy that Paese non può avvenire attraverso una politica economica, soignores the environmental question. If we take a look at the ciale e d’impresa che ignori la questione ambientale. Se si guarcurrent situation, we can see that a considerable number of da la realtà si scopre che già una parte significativa delle impreItalian companies are already investing in the green econose del Bel Paese sta investendo in green economy, che queste my, and these companies are the ones that are exporting imprese sono quelle che esportano di più, producono più posti more, creating more jobs, and often keeping firmer links with di lavoro, spesso mantengono più saldi i legami con territori e the local area and community. In this respect, the ceramics comunità. Il settore ceramico, da questo punto di vista, parte sector is off to a flying start. Ceramic is the prime raw materigià avvantaggiato. Materia prima per eccellenza che nasce dalla al, produced from a blend of clay and kaolins; it’s hygienic, composizione di argille e caolini, la ceramica è igienica, duratulong-lasting, flexible and cost-effective. It’s also non-toxic, rera, duttile e conveniente. E ancora, atossica, riciclabile e resicyclable and resistant. This means that improving the quality stente. Migliorare, dunque, la qualità dei prodotti e dei procesof products and processes, and therefore of living conditions si, e di conseguenza anche quella dell’abitare nel suo in general, is a realistic goal for a ceramics manufacturer complesso, è un contributo possibile per un produttore di ceaiming towards eco-sustainable development. As Ceramramica che intraprenda il percorso verso lo sviluppo eco-sosteiche Catalano nibile. Si tratta di (Fabrica di Roma, credere, come ha CERAMICHE CATALANO: PRODUCTION PROCESS’ GREEN CODE INDICATORS Italy) has demonfatto Ceramiche Ceramiche Catalano: Indicatori green del processo produttivo strated, it’s a Catalano (Fabrica question of be- Production di Roma), in una Savings Variations Future Goals phase lieving in cautious crescita misurata e Risparmi Variazioni Obiettivi futuri Fase del growth that pays attenta a tutto il ciprocesso attention to the clo di vita del proExtension of productive machines numbers, allowing Heat Pollution entire life-cycle of dotto, progettanCasting “green” savings on total production budget Energia termica inquinamento Colaggio the product, dedolo attraverso lo Ampliamento parco macchine da cui incremento dei risparmi green sul 40% -30% bilancio della produzione complessiva signing it with the strumento del Life aid of the Life CyIncrease in recovery of kiln heat. Reduction of gas Cycle Design Electricity Ergonomy Drying consumption and lower emissions cle Design (LCD) (LCD), un metodo Energia elettrica Ergonomia Esiccazione Incremento del recupero del calore del forno. Riduzione del consumo di tool - a highly efavanzato di grande 20% + 100% gas e conseguente riduzione delle emissioni fective and adefficacia e dotato di There is a constant increasing integration of this phase, vanced method una visione sisteWater Pollution in order to reduce overall dimensions and consumption Finishing based on an ormica che offre una Acqua Inquinamento of resources Rifinitura derly “cradle to lettura “dalla culla 30% -50% Sempre maggiore integrazione di fase al fine di ridurre ingombri e consumi di risorse cradle” vision; in alla culla” (“cradle other words, from to cradle”), ossia Reduction of dust released into the atmosphere, Water Ergonomy Glazing improvement of glazing hyperfiltration system. the procurement dal reperimento Acqua Ergonomia Smaltatura Riduzione del rilascio di polveri nell’atmosfera, miglioramento dei sistemi of the raw materidelle materie pri20% +25% di iperfiltrazione dello smalto als to their disposme, al fine vita oltre Recovery of fumes, reduced gas consumption and Electricity Space al, focusing on rela dismissione, verFiring emissions, improving of products loading Energia elettrica Spazio occupato use and recycling so il riuso e il riciCottura Recupero dei fumi, riduzione del consumo di gas e delle emissioni, 40% -30% miglioramento delle modalità di carico to eliminate the clo con l’abbattiwaste factor mento totale dei Heat Pollution Integration of RFID technology and optimization of Packaging Energia termica completely. rifiuti. Inquinamento spaces Imballaggio Integrazione tecnologia RFID e ottimizzazione degli spazi 30% -50% Life Cycle Design involves the plan- Source: Catalano Green Report 2013 Il Life Cycle Design,

86

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013


focus on sanitaryware

ning of the pre-production, production, transportation, distribution and recycling phases. It isn’t a strategy that can simply be applied to the whole ceramic sanitaryware industry (not, at least, in terms of a logic managed entirely by one single company). Sanitaryware production is, in fact, part of a chain involving many players. From the raw materials (extraction and chemical firms) to the integration of accessories (metalworking and furnishing businesses) and recycling at the end of their working life (a step that is still in its rudimentary, disorganised phase, often left to firms that generally handle the disposal of building waste).

che prevede la pianificazione delle fasi di pre-produzione, produzione, trasporto, distribuzione e riciclaggio, non è una strategia applicabile tout court all’industria dei sanitari in ceramica, non almeno in una logica gestita integralmente da una singola azienda. La produzione di sanitari è infatti inserita in una filiera che prevede l’intervento di molti attori. Dalle materie prime, ad opera delle industrie estrattive e chimiche, all’integrazione di accessori, di competenza di industrie metallurgiche o dell’arredamento, al riciclaggio a fine vita, attività questa in fase alquanto embrionale e non sistematizzata, lasciata per lo più nelle mani delle imprese di raccolta dei rifiuti edili.

Catalano’s Green Report 2013 aims to help developing a more complete control system for this cycle, and is part of the green industrial policies that the company has long adopted. The charts and figures in the report highlight all those activities that have shown notable variations in relation to an evolution project set up in 2005 and requesting considerable economic effort and work commitment. The pre-production phase involved not only a technological changeover but also provisioning areas and systems and, above all, a photovoltaic park for the partial self-production of electricity needs, now producing 200,000 kWh p/a. From the production point of view, the shift from low pressure moulding/casting to the high pressure method, with the aid of robotised systems to automate the entire production line, has considerably affected both the quality of the product and the environmental impact: a notable reduction in thermal energy consumption (-50%), water consumption (-10%), space needed (-40%), pollutant emissions (-30%) and waste, along with improved working conditions for the employees. The new drying systems allow for the collection of water vapour, the re-use of kiln heat, and the reduction of dust. Green care and attention has also been applied to the packaging field, with the use of single-material, recyclable packaging types.

Il Green Report 2013 stilato da Catalano vuole essere un mezzo per sviluppare un controllo quanto più completo del ciclo e rientra nell’ambito delle politiche industriali green a cui l’azienda si è da tempo uniformata. I grafici e le cifre in esso riportate mettono in evidenza tutte quelle attività che hanno registrato variazioni sensibili rispetto ad un progetto di evoluzione, iniziato nel 2005, che ha richiesto sforzi economici e un grande impegno lavorativo. La fase di pre-produzione ha coinvolto, oltre al cambio tecnologico, spazi e sistemi di approvvigionamento, e soprattutto un parco fotovoltaico per l’autoproduzione parziale del fabbisogno elettrico, che produce 200.000 kWh/anno. Dal punto di vista della produzione, il passaggio dallo stampaggio/colaggio a bassa pressione allo stampaggio/colaggio ad alta pressione, con l’ausilio di impianti robotizzati per l’automazione di tutta la linea produttiva, ha inciso notevolmente sia sulla qualità del prodotto, sia sull’impatto ambientale: significativa la riduzione dei consumi di energia termica (-50%), di acqua (-10%), di ingombro degli spazi occupati (-40%), di emissioni di inquinanti (-30%) e di scarti, accompagnati dal miglioramento delle condizioni lavorative degli addetti. I nuovi impianti di essiccazione hanno consentito la raccolta di vapori acquei, il riutilizzo del calore sviluppato dai forni e la riduzione delle polveri. Cura e attenzione green è stata posta anche alle attività di imballaggio attraverso la scelta di packaging monomaterici e riciclabili.

All the products are designed to be long-lasting, with no misleading aspects; optimum performance is guaranteed by the numerous operating tests. To do this, the company works on several aspects of the product: from nano-technology solutions that improve the performance of the glazes (Cataglaze), to surfaces and syphons designed to reduce water consumption during drainage operations. More specifically, Cataglaze is a special glaze that makes

Tutti i prodotti sono studiati per una fruizione duratura e non ingannevole, in cui la massima funzionalità è garantita da numerosi test funzionali. Per fare questo l’azienda lavora su più aspetti del prodotto: da soluzioni nanotecnologiche che migliorano le prestazioni degli smalti (Cataglaze), al disegno delle superfici e delle sifonerie in grado di ridurre il consumo d’ac-

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 1 0 4 / 2 0 1 3

87


focus on sanitaryware

the ceramic surface invulnerable, unalterable, smooth and flat (it eliminates micro-pitting), helping the water flow and preventing dirt from becoming attached. This methodical approach to the product has generated other green solutions that we can divide into two areas: the range and the typologic multi-faceted nature. The first meets space requisites, while the second focuses on the multi-purpose aspect, combining - in one single product - various typologic solutions (undertop/countertop/semi-recessed washbasins, etc.) that formerly required specific production lines for just a few items.

qua nelle operazioni di scarico. Più in specifico, Cataglaze è uno speciale smalto che rende la superficie ceramica inattaccabile, inalterabile, liscia e planare (elimina i micro avvallamenti), favorendo lo scorrimento dell’acqua ed evitando allo sporco di aderire. L’approccio sistemico al prodotto ha generato altre soluzioni orientate al green: la gamma e la poliedricità tipologica. La prima risponde a esigenze di spazio, l’altra lavora sulla polifunzionalità, accorpando in un unico prodotto le diverse soluzioni tipologiche (lavabi a sospensione, appoggio, semincasso…) che prima richiedevano la realizzazione di linee di produzione specifiche per pochi pezzi.

And last of all, recycling. Apart from the planned recovery of nearly 100% of waste during the entire production process, all Infine il riciclaggio. Oltre alla pianificazione del recupero di Catalano’s ceramic sanitaryware are designed to be easily quasi il 100% degli scarti durante tutto il processo di produziodisassembled thanks to the use of components that are easy ne, tutti i sanitari to separate ceramici di Catalaout. For the EXTERNAL RECYCLING CHAIN no sono progettati time being Filiera di reciclo esterna per un facile disashowever, it is The gypsum is recovered by breaking the moulds in order to separate the semblaggio, utiliznot possible to 100% various components. Gypsum zando componenrecovery plan the recyThe remaining fraction is ground and used as fertilizer in agriculture. Gesso recupero al ti facilmente cling of a prodIl gesso è recuperato rompendo gli stampi in modo da poter separare le componenti presenti. La 100% frazione rimanente viene macinata ed utilizzata come ammendante in agricoltura separabili. uct at the end Tuttavia, il riciclagof its useful 100% reuse Fired body The fired body can be reused as filler for ceramic materials. gio a fine vita del riutilizzo al working life. Impasto cotto L’impasto cotto può essere riutilizzato come filler per materiali ceramici o cementizi 100% prodotto non riThis phase insulta ancora proexternal Disposal of packaging is responsibility of the customers who receive the volves the enPackaging recovery goods, who are suitably sensitized by Catalano. gettabile. tire ceramic Imballaggio recupero Lo smaltimento degli imballaggi è a cura dei clienti che ricevono le merci, che vengono Quest’ultimo asanitaryware esterno opportunamente sensibilizzati da Catalano spetto coinvolge sector which, Source: Catalano Green Report 2013 tutto il comparto unlike other della ceramica saproduct areas, nitaria, che non è is not organINTERNAL RECYCLING CHAIN organizzato, come ised for end-ofFiliera di reciclo interna in altri ambiti merlife collection. The glaze is liquefied, sifted several times and then tested both in laboratory ceologici, per una On the positive total and in the field to get the desired shade of colour; then it is reinserted into raccolta a fine vita. Glaze side though, recovery glaze supply circuit. Smalto È possibile sosteceramic sanirecupero totale Lo smalto che si disperde viene recuperato, sciolto, setacciato più volte e provato sia in laboratorio nere, a conforto, che sul campo per avere il tono di colore voluto e riemesso nel circuito di alimentazione smalto taryware are che un sanitario made from Unfired total ceramico è l’esito The mixture can be reused as filler for ceramic materials such as tiles. natural raw body recovery L’impasto può essere riutilizzato come filler per materiali ceramici quali piastrelle o cementizi Impasto non della lavorazione materials like recupero totale cotto di materie prime clay and kaoThe water undergoes various treatments: water with forced filtration and naturali, quali arlins which, durpartial reverse osmosis is used for presses and glazes, while the water used to gille e caolini, che ing the various Water recovery wash the moulds is sent to the purification system nei vari passaggi di processing Acqua recupero L’acqua di recupero subisce vari trattamenti: per le presse e gli smalti viene utilizzata acqua trattata stato, non rilasciaparziale con filtrazione spinta ed osmosi inversa; quella utilizzata per lavare gli stampi viene mandata al phases, do not sistema di depurazione no inquinanti. release pollut  Source: Catalano Green Report 2013 ants.

88

C era mic W o rld Review n. 104 / 2013


11-14 Feb. 2014 Valencia 路 Spain Concurrent with Feria H谩bitat Valencia + Fimma-Maderalia

cevisama@feriavalencia.com www.cevisama.com


products prodotti

Picture by Globo

SACMI WHITEWARE Flexibility, low consumption, production are the advantages of the new Sacmi high pressure casting solutions AVB. Thanks to outstanding flexibility, the new AVB casting bench allows producers to make articles using 2, 3, 4 or 5-part moulds. With the same structure as the ALS, designed to cast washbasins, sinks, pedestals, squat-type WCs, tanks and lids, it is now possible to make open-rim WCs. The WCs may be of the wall-hung or floor-mounted type. In the event of a change to the product mix, the ALS can be converted into an AVB, and vice versa. The new battery-arranged machine allows very high output rates to be achieved. The number of moulds may vary depending on exact system configuration and required productivity, up to a maximum of 10 WC bowls for floor-mounted types and 8 for wall-hung ones. Even the length of the machine can be chosen according to the number of moulds the producer intends to install (4 versions available). Different levels of automation can also be applied: de-moulding may be automatic following installation of a robot, or can be manual, servo-assisted by a zero-weight lifter. Outstanding machine flexibility also makes it possible to produce different models with different casting cycles simultaneously. The AVB features all the trademark functions of Sacmi machines: proportional hydraulics to maximise the working life of the moulds, maximum casting pressure of 15 bar, the possibility of applying vacuum to the moulds and being able to change them without having to dismantle the container frames. The AVB responds perfectly to the

90

need to produce economical WCs; an alternative to traditional casting, it reduces both space and labour requirements while improving the quality of the finished product thanks to the use of porous resin moulds. Sacmi is able to provide the complete modelling, mould machine and piece maturing package, tailor-made to suit the customer’s specific requirements.

C era mic W o rld Review n. 104 / 2013

Flessibilità, economicità e produttività sono le caratteristiche delle nuove soluzioni Sacmi per il colaggio in alta pressione AVB. Il nuovo banco di colaggio AVB offre la possibilità di formare articoli con stampi in 2, 3, 4 e 5 parti. Con la stessa struttura della macchina ALS, nata per il colaggio di lavabi, lavatoi, colonne, turche, cassette e coperchi, è oggi possibile produrre anche vasi a brida

aperta di tipo sospeso o appoggiato a pavimento; inoltre, in caso di cambio di mix produttivo, si può convertire l’ALS in AVB e viceversa. La nuova macchina in batteria realizza produzioni molto elevate e il numero di stampi può variare in funzione della configurazione di impianto prescelta e della produttività richiesta, fino ad un massimo di 10 per i vasi appoggiati e di 8 per i vasi sospesi. La macchina è disponibile in 4 versioni a seconda della lunghezza scelta che dipende dal numero massimo di stampi installati; la sua flessibilità permette poi la realizzazione contemporanea di diversi modelli utilizzando differenti cicli di colaggio. L’impianto, inoltre, può avere differenti livelli di automazione: la sformatura può essere automatica, tramite l’installazione di un robot antropomorfo, oppure manuale, servo assistita da un azzeratore di peso. L’AVB è dotata di tutte le funzioni caratteristiche delle macchine Sacmi: idraulica proporzionale per una maggiore durata degli stampi, massima pressione di colaggio di 15 bar, possibilità di applicare il vuoto agli stampi e di cambiare gli stessi senza la necessità di smontare i telai di contenimento. L’AVB, che può essere fornita completa di modellazione, stampo, macchina e sistema di maturazione dei pezzi, rappresenta una risposta alle richieste di produzione di vasi economici, in alternativa al colaggio tradizionale; permette infatti di ridurre lo spazio occupato e la manodopera necessaria, migliorando al tempo stesso la qualità dei pezzi prodotti, grazie all’adozione di stampi in resina porosa.


focus on sanitaryware EBI-CERAMICURE To reduce the refire rate in the sanitaryware industry, Ebi-Ceramicure has developed CeramiCure® Light Cure Acrylic (LCA™), the original, complete sanitary ceramic and porcelain repair solution for making virtually invisible repairs of minor glaze defects (pits, iron spots, small chips and pinholes). Made of a high-tech nano-acrylic developed originally for a variety of medical applications, repairs using the LCA™ material withstand moisture, cleansers and heat up to 285°F and will not yellow, fade or fall out over time. CeramiCure® LCA™ is available in more than 200 colors (with custom matching available prior to ordering, so mixing of colors is not required). Non-toxic, fast-curing and easy to use, the CeramiCure® LCA™ repair solution is efficient quality one can see. Utilizing the CeramiCure® LCA™ repair process will allow to reduce re-fire rates, minimize repair costs and time, increase productivity and kiln capacity and reduce gas, oil and electricity consumption, while simultaneously decreasing CO2 output. CeramiCure® LCA™ will allow sanitaryware producing company to enjoy additional Six Sigma and Lean Manufacturing benefits while being “green.” Another item in the CeramiCure® range, is CeramiCure® Self Cure Acrylic

(SCA™), the original complete sanitary ceramic and porcelain repair solution for the restoration of previously unusable cracked or scrapped pieces. Based on the technology of the CeramiCure® LCA™ material, CeramiCure® SCA™ allows for the repairs of larger cracks in sanitary ware pieces, even those cracks located below the waterline. The CeramiCure® SCA™ solution utilizes a number of innovative nontoxic acrylic and composite materials to make structurally sound, leak-proof repairs that were previously impossible to make. Scrapped pieces can now be transformed into saleable, profitable pieces with quick, easy and cost-effective repairs utilizing the CeramiCure® SCA™ material. Just as with the CeramiCure® LCA™ repair material, utilizing the CeramiCure® SCA™ material to turn scrap pieces into saleable inventory allows for higher profit margins through increased productivity and kiln capacity, resulting in decreased energy usage and costs, and reduced overall CO2 output.

Ebi-CeramiCure ha realizzato alcune soluzioni finalizzate a ridurre i tassi di ricottura e di scarto nell’industria dei sanitari in ceramica. CeramiCure® Light Cure Acrylic (LCA™) consente di intervenire in modo invisibile su piccoli difetti nello smalto (fori, macchie ferrose, piccole sbeccature e punte di spillo). Prodotto da nano-acrilici ad alta tecnologia e sviluppato per un’ampia gamma di applicazioni mediche, il materiale consente di eseguire riparazioni resistenti all’umidità, ai detergenti e a temperature fino a 125,5 °C (285 °F), senza ingiallire o deteriorarsi nel tempo. CeramiCure® LCA™ è disponibile in più di 200 colorazioni, esente da tossicità, a indurimento rapido e di facile utilizzo. Il sistema consente di ridurre i tassi di ricottura, i costi e tempi di riparazione, aumentare la produttività e la capacità dei forni all’interno degli impianti, contenendo i consumi di

gas, combustibile ed elettricità, con conseguenti emissioni ridotte di CO2. Il prodotto consente di beneficiare dei vantaggi della metodologia “Six Sigma”, unitamente ai principi della “Lean Manufacturing”, sposando un approccio altamente ecologico. Una seconda novità della gamma CeramiCure® è CeramiCure® Self Cure Acrylic (SCA™), la soluzione originale e completa dedicata a sanitari in ceramica e porcellana, che consente di riparare pezzi incrinati o scartati, ritenuti in precedenza inutilizzabili. Basato sulla stessa tecnologia utilizzata per CeramiCure® LCA™, CeramiCure® SCA™ consente di riparare incrinature anche di grandi dimensioni nei sanitari, comprese quelle presenti all’interno del sifone. La soluzione utilizza materiali innovativi non tossici, di natura acrilica e composita, che consentono di effettuare riparazioni resistenti, solide e a tenuta, laddove prima non era possibile intervenire. I pezzi scartati possono essere reimmessi sul mercato grazie alla possibilità di eseguire riparazioni rapide, facili e a costi contenuti. Ciò consente di aumentare i margini di profitto a fronte di una produttività e capacità dei forni superiore e con una conseguente riduzione dei consumi energetici (con una generale diminuzione delle emissioni di CO2) e dei costi.

the enamel and prevents the accumulation of dirt and dust on surfaces - a problem which is difficult to overcome when filling from below. A specially-designed emptying system serves to eliminate excess product and seal the remaining glaze onto the inner walls of the WC-bowl. An automatic two-way tipping system ensures complete emptying of the bowl and perfect distribution of the enamel on the inner surfaces. Each stage of the glazing process is controlled by a modern touchscreen PLC (Programmable Logic Controller) that allows users to set

Upward è la nuova macchina studiata da Setec per la smaltatura automatica interna dei WC, ossia di sifoni e bride. Grazie al sistema, è possibile risolvere tutti i problemi pratici che si verificano durante la smaltatura interna di un pezzo. Alcune parti del sifone e della brida, infatti, non sono facilmente raggiungibili a causa della loro particolare conformazione, per cui l’unico modo per ottenere un’applicazione uniforme dello smalto è il riempimento completo del pezzo. Upward prevede tale riempimento in automatico dall’alto, mediante un ser-

batoio sospeso, che consente lo spargimento omogeneo dello smalto prevenendo i depositi di sporcizia e di polvere sulle superfici, problema difficile da risolvere quando il riempimento avviene dal basso. In seguito, un adeguato sistema di svuotamento consente l’eliminazione dello smalto in eccesso e il fissaggio del rimanente sulle pareti interne del vaso. Un sistema automatico bidirezionale di ribaltamento assicura lo svuotamento completo del vaso e una perfetta distribuzione dello smalto sulle superfici interne. Tutte le fasi di smaltatura

SETEC Upward is a new machine designed by Setec for the automatic internal glazing of WCs, or more specifically, siphons and rims. This system allows users to solve the practical issues that are often encountered during the internal glazing of a component. Some parts of the siphon and the rim are not easily accessible due to their specific shape, and so the only way to achieve a uniform glaze application is to fill the component entirely. Upward allows for this filling to be performed automatically from above, using a suspended tank, which allows uniform spreading of

92

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013


the type of bowl to be glazed (Pshaped or S-shaped siphon), and produces information on timings, delay, angles and a range of other parameters. The machine can be used to glaze standard-type bowls as well as one-piece WCs, and is equipped with all possible options, including stainless steel external tank, vibrating sieve, magnet filter, glaze suspension mixer, pneumatic pumps, suspended tank, drip sponge and level sensors. These accessories ensure that the glaze is kept clean and at the proper density, as well as preventing drips

and other slight imperfections. The machine is made entirely of stainless steel in order to withstand the corrosive action of the ceramic glazes, and the software is quick to install and easy to use.

sono controllate da un moderno PLC dotato di touch screen che, mediante l’impostazione del tipo di vaso da smaltare (con sifone a P o a S), produce informazioni su tempistica, ritardo, angoli di incli-

nazione e tantissimi altri parametri. La macchina è in grado di smaltare vasi con tazza normale così come vasi one piece e monoblocco, ed è dotata di tutti gli optional possibili, quali il serbatoio esterno in acciaio inox, setaccio vibrante, filtro a magneti, agitatore della sospensione di smalto, pompe pneumatiche, serbatoio sospeso, gocciolatoio in spugna, sensori di livello. Tali accessori mantengono lo smalto sempre pulito e alla giusta densità, evitano il gocciolamento e altre lievi imperfezioni. La macchina è costruita interamente in acciaio inossidabile in modo da resistere all’azione corrosiva degli smalti ceramici, il software è semplice da utilizzare e l’installazione è rapida.

ADVERTISING


focus on sanitaryware RIEDHAMMER L’efficienza energetica dei forni per Energy efficiency in sanitaryware ary air. ceramica rappresenta oggi uno dei kilns is one of the main selection The main objective of the develprincipali criteri che guidano la criteria when considering new in- opments presented under the scelta negli investimenti industriali. vestments. To this regard, Ried- terms EMS, Reko system and CoIn quest’ambito Riedhammer offre hammer offers cutting-edge in- generation consist in the signifiinnovazioni all’avanguardia e solunovation and specific technical cant energy savings combined zioni tecniche per la produzione di solutions, meant to reduce the with CO2 emission reduction and sanitari, orientate alla salvaguardia environmental inpact and the in- improved glaze quality on conambientale e al contenimento dei creasing energy costs. The main tinuously and discontinuously costi crescenti dell’energia. Tra le measures for enhanced energy operated kiln plants for sanitaryprincipali misure adottate per miefficiency in new plant include: ware production. Apart from the gliorare l’efficienza energetica nei • energy-efficient engineering possibility of using the waste nuovi impianti rientrano: (EEE), heat from the kiln plant for other • Progettazione efficiente dal pun• energy-management-system purposes to improve the energy to di vista energetico (EEE - Ener(EMS) and Reko burner system, balance of the factory, the EMS gy Efficient Engineering), • integrated process control, presents the latest technology • Sistema EMS - Energy-Manage• internal heat re-use, for optimizing the use of resourcment-System, e i sistemi con bru• combined re-use of thermal es such as gas and electrical ciatori Reko, energy, power which also contributes to • Controllo di processo integrato, • co-generation as a flexible and an increase in product quality. • Recupero calore, high efficient way to use avail- Due to various hardware and • Riutilizzo combinato di energia able energy sources and re- software tools contained within termica, covery of waste energy. the system, which interact with • Co-generazione come modalità Furthermore, there are also tech- the state-of-the-art kiln compoflessibile ed efficiente per utiliznical alterations possible to exist- nents, an extremely high perforzare le fonti di energia disponibiing kiln plant which can be real- mance level can be achieved li e recuperare l’energia sprecata ized with varying investment to meet customers’ demand for (waste energy). costs and effort to achieve more ecological and economical È inoltre possibile ottenere una energy efficiency, such as: production plants for firing sanimaggiore efficienza energetica ef• high product setting density, taryware. The table shows the fettuando modifiche tecniche a im• directly re-used waste heat energy and CO2 saving potenpianti esistenti, con costi e livelli di from the cooling zone, tial. • implementation of Type of kiln Specific energy consumption in kcal/kg fired ware net heat exchangers Tipologia di forno Consumi di energia specifici in kcal/kg di pezzi cotti netti for the heat reRiedhammer Tunnel Kiln / Forno a tunnel 510 to 680 / da 510 a 680 covery, • upgrade to preRiedhammer Roller Kiln / Forno a rulli 470 to 600 / da 470 a 600 heated combusRiedhammer Shuttle Kiln / Forno intermittente 890 to 1100 / da 890 a 1100 tion air or second-

94

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

investimento variabili, tramite: • l’alta densità di impilamento dei prodotti, • il riutilizzo diretto del calore disperso dalla zona di raffreddamento, • l’implementazione di scambiatori di calore per recuperare energia termica, • il passaggio a sistemi di aria di combustione pre-riscaldata o aria secondaria. Tutte le soluzioni tecniche (EMS, sistema Reko, cogenerazione) puntano a combinare al meglio risparmio energetico, riduzione delle emissioni di CO2 e aumento della qualità dello smalto nei forni continui o discontinui utilizzati per la produzione di sanitari. Oltre alla possibilità di sfruttare il calore non utilizzato dei forni, a vantaggio del bilancio energetico della fabbrica, l’EMS rappresenta la tecnologia più avanzata per ottimizzare l’utilizzo di risorse quali gas ed energia elettrica, migliorando al contempo la qualità del prodotto. Grazie agli strumenti hardware e software presenti nel sistema, che interagiscono con le componenti avanzate dei forni, è possibile raggiungere livelli di performance elevatissime per una produzione e cottura dei sanitari più ecologica ed economica. Il potenziale sul fronte del risparmio di energia e di riduzione delle emissioni di CO2, è illustrato in tabella.


“Continua” at the Louvre

“Continua” in mostra al Louvre Milena Bernardi - m.bernardi@tiledizioni.it

topics

Pico by Mutina - design R.&E. Bouroullec (cm 120x120)

Louvre Museum, Paris. The Louvre is a ‘must-see’ for all art lovers, with around 35,000 works on permanent exhibition, including paintings, sculptures, etchings, drawings and archaeological finds. Located in the heart of the French capital, on the Rive Droite between the Seine and the Rue de Rivoli, the palace was originally built during the dynasty of the House of Capet, under the rule of Phillipe II. Home to the Mona Lisa, the Venus de Milo and the The Winged Victory of Samothrace, to name just a few of the masterpieces on show, the museum also hosts exhibitions by famous artists and designers. For example, if you visited the Louvre during the summer holidays, you would almost certainly have come across the Momentané exhibition - a solo show by the brothers Ronan and Erwan Bouroullec, bringing together a vast array of projects to celebrate 15 years of the two French designers working together. The exhibition, set in one of the Renaissance wings of the palace, in the Musée des Arts, included an exhibit of ceramic tiles measuring 120x120 cm, made using SACMI’s own ‘Continua’ technology. The exhibition wound its way across

96

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

Museo del Louvre, Parigi. Per gli amanti dell’arte è una meta obbligatoria. Qui sono in esposizione permanente circa 35.000 opere tra dipinti, sculture, stampe, disegni e reperti archeologici. Situato nel cuore della capitale francese, sulla Rive Droite, tra la Senna e Rue de Rivoli, il Palazzo fu originariamente costruito durante la dinastia dei Capetingi, sotto la monarchia di Filippo II. Regno della Gioconda, della Venere di Milo e della Nike di Samotracia, per citare solo alcuni tra i capolavori esposti, il museo ospita anche mostre di artisti e designer famosi. Se ad esempio vi siete recati al Louvre durante le ferie estive, vi sarete certamente imbattuti nella mostra monografica Momentané dei fratelli Ronan ed Erwan Bouroullec, una vasta raccolta di progetti che celebrava i 15 anni di lavoro e collaborazione dei due designer francesi. La mostra, situata in una delle ali rinascimentali del palazzo, presso il Musée des Arts, ospitava anche un’esposizione di piastrelle ceramiche, in formato 120x120 cm, realizzate con la tecnologia Continua di Sacmi. In un allestimento di 1000 mq articolato attorno alla grande navata centrale del


Entrance to the Momentané exhibition L’ingresso alla mostra Momentané

1000 m2 of floor space, its focal point being the central aisle of the museum where Ronan and Erwan had set up a gigantic 12-metre high textile structure made up of Algues, North Tiles, Twigs and Clouds partitioning systems designed for Vitra and for Kvadrat. Some 100 pieces were on show in the aisle on the Rivoli side, ranging from an extensive selection of objects, furnishings and lights to numerous original models; on the opposite side, which overlooks the Tuileries garden, the Bouroullec brothers had, instead, placed set-ups designed for public spaces and work areas, such as the Joyn system for Vitra and the more recent Workbay and Cork Table, plus furnishings produced by Hay and designed especially for the new University of Copenhagen. Next to these industrial works of art lays the outstanding Pino ceramic collection, designed for Mutina and made using Continua technology; this collection represents the Bouroullec brothers’ debut in ceramic design for floor and wall use. Ronan Bouroullec’s comments on the innovative forming technology developed by SACMI are captivating: “Continua belongs to that group of machines every designer hopes to meet one day. It’s rather like meeting a sort of ‘monster’ that, at one end, gobbles up the powder and, at the other, relinquishes the finished product. More like a perfectly choreographed dance than a production process, Continua transforms, without any human intervention, a raw material into a finished object. A succession of tasks is completed with startling precision thanks to the advent of all those ‘magic’ processes that transform dreamed-of projects into ‘tangible’ objects”. The French studio worked on the collection with the idea of coming up with a product that would be free from the typical coldness of ceramic surfaces, allowing them to focus on the atypical potential of lining materials. The Bouroullecs designed it with an eye to residential use, but also public outdoor solutions. “Over the years the ceramic industry has largely produced ‘cold’ surfaces that conceal the depth of the materials. Going against the trend, Pico puts the raw material – the powder and the compressed minerals that form the very essence of the ceramic tile – back in the limelight. Our goal is to maintain the rough, raw feel of earth or cement floors so that the material can express its naturally inherent qualities”. In conceiving this collection, in the natural base colours of “Blanc”, “Gris” and “Terre”, every effort was made to define a structure that matches and balances regularity with irregularity. Pico stands out on account of soft-to-the-touch surfaces that use two types of relief: “Down” with dimples and “Up” with raised dots. Both types can also be seen in the SACMI Research  Centre exhibition area.

SACMI Showroom R&D Centre Show-room Sacmi R&D Centre

museo, Ronan ed Erwan avevano disposto una gigantesca architettura tessile alta 12 metri composta dai sistemi di partizione Algues, North Tiles, Twigs e Clouds disegnati per Vitra e per Kvadrat. Nella navata lato Rivoli, in mostra circa 100 pezzi tra oggetti, arredamenti e luci, nonché un gran numero di modelli originali, mentre sul lato opposto, che si affaccia sul giardino delle Tuileries, i Bouroullec avevano realizzato alcuni allestimenti pensati per gli spazi collettivi e di lavoro, come ad esempio il sistema Joyn per Vitra e i più recenti Workbay e Cork Table, oppure gli arredi prodotti da Hay, progettati appositamente per la nuova Università di Copenaghen. Accanto a queste opere d’arte industriale, spiccava la collezione in ceramica Pico, progettata per Mutina e realizzata con tecnologia Continua, segnando il debutto dei Bouroullec nel design della ceramica per rivestimenti. Lusinghiero il commento di Ronan Bouroullec sull’innovativa tecnologia di formatura dell’azienda imolese: “Continua fa parte di quel tipo di macchine che un designer sogna un giorno d’incontrare. Si è di fronte a una sorta di ‘mostro’ che da un lato inghiotte la polvere e dall’altro consegna il prodotto finito. Come se si trattasse di un balletto con una coreografia perfettamente orchestrata, Continua trasforma senza l’intervento umano un materiale grezzo in un oggetto finito. Una successione di operazioni di cui la precisione è del tutto sorprendente a causa giustamente dell’aggiunta di tutti quei processi ‘magici’ che trasformano un progetto sognato in un oggetto tangibile”. Lo studio francese ha lavorato alla collezione puntando a un prodotto che si allontanasse dalla freddezza tipica delle superfici ceramiche e insistesse sul potenziale atipico dei rivestimenti. I Bouroullec lo hanno progettato pensando allo spazio di abitazioni, ma anche a luoghi pubblici e soluzioni outdoor. “In questi anni - aggiunge Bouroullec - l’industria ceramica ha prodotto principalmente superfici fredde, celando la profondità dei materiali. Pico, in controtendenza, si è dedicata alla pura materia: la polvere ed i minerali compressi, che sono l’essenza delle piastrelle in ceramica. Il nostro obiettivo è mantenere l’aspetto grezzo dei tradizionali pavimenti fatti a mano in terra o cemento, lasciando che la materia esprima le proprie caratteristiche naturali”. Nell’ideazione di questa collezione nei colori base naturali Blanc, Gris e Terre, lo sforzo è stato tutto volto alla definizione di una struttura che abbinasse la regolarità con l’irregolarità. Pico si distingue per le superfici morbide al tatto realizzate con due tipologie di rilievo: “Down” con punti scavati e “Up” con punti in rilievo. Entrambe le tipologie sono visibili anche nell’area espositiva  del Centro Ricerche Sacmi.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 1 0 4 / 20 13

97


New aesthetic potential in ceramics Marcello Fontanini - LB Officine Meccaniche (Fiorano, Italy)

Nuovi orizzonti estetici in ceramica

technology

At the Fiorano Modenese open-house held in September, LB Officine Meccaniche organized an exhibition retracing its 40 years of technological success and its high technical and aesthetic value products: a genuine showcase created to launch Divario, the innovative system that embodies all of LB’s experience in the construction of plant and machinery for press feeding. This new feeder design combines higher aesthetic-production potential with a significant reduction in management and maintenance costs. The innovative powder batching system can be used to achieve higher definition aesthetics and a greater production capacity thanks to the possibility of loading the press mould from two simultaneously operating belts. This unique method of handing powders can give rise to a wide range of aesthetic effects and products (with smooth, lapped, textured or polished surface). Flexibility and simplicity are the two key concepts on which LB technological research was based, following the most advanced design criteria and paying greater attention to reducing space and unproductive time while increasing energy efficiency. Divario is available in various models that can be applied to any type of press, and has been designed to be personalized to suit the customer’s specific needs. Its use is especially suited to large formats: LB’s intention, in fact, is to comply with the current trends of the main producers and simplify the changeover to a single large format, to

98

Cera mic W o rld Review n. 104 / 2013

In occasione dell’open house di settembre presso la sede di Fiorano Modenese, LB Officine Meccaniche ha allestito una galleria che ripercorre i propri 40 anni di successi tecnologici e di prodotti ad alto valore tecnico ed estetico: un percorso scenografico creato per arrivare a presentare Divario, l’innovativa proposta che rappresenta la sintesi dell’esperienza dell’azienda nella realizzazione di macchine e impianti per l’alimentazione alla pressa. Si tratta di un alimentatore di nuova concezione che coniuga una maggior potenzialità esteticoproduttiva e una sensibile riduzione dei costi di gestione e manutenzione. L’innovativo sistema di dosaggio polveri permette di ottenere una più elevata definizione dell’effetto estetico aumentando la capacità produttiva, grazie alla possibilità di caricare lo stampo pressa con due nastri che lavorano in simultanea. Questa particolare modalità di gestione delle polveri consente di ottenere una vastissima gamma di effetti estetici e di prodotti, in versione liscia, lappata, strutturata o levigata. Flessibilità e semplicità sono i due concetti cardine su cui si è basata la ricerca tecnologica di LB, seguendo criteri di progettazione più avanzati e con maggior attenzione alla riduzione degli spazi, dei tempi improduttivi e all’efficienza energetica. Divario è disponibile in diversi modelli, per essere applicabile a ogni tipo di pressa, ed è stato concepito per essere personalizzabile in funzione delle specifiche esigenze. Il suo impiego è ideale specialmente per i grandi formati: l’intenzione di LB, infatti, assecondando l’attuale tendenza dei principali produttori, è agevolare l’approdo a un grande for-


then obtain the various submultiples.

mato unico, per poi ottenere i vari sottomultipli.

Continuity and efficiency

Continuità ed efficienza

Divario represents a significant technical progress compared to the existing LB press feeders and it keeps unaltered its potential to realize any previous aesthetic effect. The simplicity of its engineering leads to higher working efficiency by increasing the production capacity for the realization of technical products in double-loading, associated to a great reduction of down-times and maintenance costs.

Divario rappresenta un sensibile progresso tecnico rispetto agli attuali alimentatori pressa LB e mantiene inalterate le potenzialità di realizzare ogni effetto estetico precedente. La semplicità con cui è stata ingegnerizzata la macchina porta a una maggiore efficienza operativa, aumentando la produttività per la realizzazione di prodotti tecnici in doppio caricamento, associata a una drastica riduzione dei fermi macchina e dei costi di manutenzione.

Flexibility and simplicity

Flessibilità e semplicità

Divario is designed to operate, regardless of the desired size, in different ways: • double-loading for the production of technical products of high aesthetic value, with effects created without the use of rigid parts (grids) and consequently different every time; • single-loading for the production of full body tiles (in a very short time the machine becomes a simple linear highly efficient drawer and can continue to feed the press during size change operations or modification of the aesthetic effect of the double-loading); • fast double-loading for uniform and full-field deposits of

Divario è concepito per funzionare, indipendentemente dal formato desiderato, secondo diverse modalità: • doppio caricamento per la realizzazione di prodotti tecnici ad elevato valore estetico, con effetti creati senza l’utilizzo di parti rigide (griglie), che possono quindi essere diversi a ogni battuta; • mono caricamento per la produzione di piastrelle a tutta massa (in brevissimo tempo la macchina assume l’assetto di un semplice carrello lineare ad elevata efficienza e può continuare ad alimentare la pressa durante le operazioni di cambio formato o modifica dell’effetto estetico del doppio caricamento);

LTi mu

ia

med

A

More contents on your tablet

C e r am i c W or ld R e vi e w n . 1 0 4 / 2 0 1 3

99


very small quantities of high quality materials. Through the simple replacement of a dosing device, Divario can lay the aesthetic effect both on the surface and under the body, allowing to realize even products “fine side down”. The interface which allows to manage the machine and modify its set-up according to the production, has been designed with a “user friendly” perspective. All the main components are within reach of the operator, enabling simple and intuitive management. Energy saving Divario has been designed to handle only the parts strictly necessary for the different operating modes of the machine and for the particular products in order to minimize the use of electrical energy and the wear on moving parts. It is the first numerically controlled machine in the ceramics sector, with a reduced control panel, and is the result of extensive research into refined and latest generation electronics. The significant energy saving attributes are, in fact, also the result of the innovate drive systems. Innovation Despite its compact size, Divario allows a number of possibilities of customization according to the specific aesthetic and production needs: it can house different kits on the same platform to obtain different aesthetic effects without stopping production. The loading device for the base body has been positioned next to the press mould in order to reserve more space in the rear, dedicated to the creation of the aesthetic effect. This enables to continue to feed the press while the design is being created, with obvious advantages in terms of productivity, efficiency and aesthetic quality. More than just a machine: a project In the design of Divario, LB started from the requests of its customers and went much further in an attempt to anticipate the future needs of the market. Divario is not just a machine, it is a ‘work in progress’ that aims to provide new ideas for new products that client companies can produce at their facilities, thanks to the innovative technology and the numerous possible aesthetic effects. In the field of full-body porcelain tiles, the company has, in fact, clearly understood the need of leading producers in the various countries to return to manufacturing products of high aesthetic value, different to those of competitors, and not easily copied. For this reason, since the official launching of Divario in September, LB has exhibited and highlighted some of the products that the new system can produce. Some products in particular have been much appreciated: trendsetting cements, realized through particular movements and non-uniform effects, aesthetically appealing and far better than previous technological solutions; flake effect; wood effect; marble effect, all produced at faster speeds and with an unlimited range of characteristics that were previously unthinkable; and all with parameters that can be personalized to satisfy the different needs of the ceramic tile manufacturers. The potentials and aesthetic evolutions of Divario are even more numerous, thanks also to the constant product Research & Development activities of the LB laboratory. 

100

C era mic Worl d Review n. 104 / 2013

• doppio caricamento veloce per depositi uniformi e a campo pieno di ridottissime quantità di materiale pregiato. Mediante la semplice sostituzione di un dispositivo di dosaggio, Divario può depositare l’effetto estetico sia in superficie sia sotto l’impasto, consentendo di realizzare anche prodotti con “bello sotto”. L’interfaccia, che consente di gestire il funzionamento della macchina e di modificarne l’assetto in funzione della produzione desiderata, è stata progettata in ottica “user friendly”. Tutti i componenti principali sono a portata di operatore per una gestione semplice e intuitiva. Risparmio energetico In funzione delle diverse modalità di utilizzo e del prodotto che si vuole realizzare, Divario è stato progettato per movimentare solo le parti strettamente necessarie per minimizzare l’impiego di energia elettrica e l’usura degli organi in movimento. Si tratta della prima macchina del settore ceramico a controllo numerico, con una quadristica ridotta e un enorme lavoro di ricerca sulla componente elettronica, sofisticata ed evoluta. Proprio grazie alle innovative motorizzazioni sono ottenibili significativi risparmi energetici. Innovazione Divario, nonostante l’ingombro ridotto, consente maggiori possibilità di personalizzazione in funzione delle specifiche esigenze estetiche e produttive: può infatti alloggiare diversi kit sulla stessa piattaforma, per ottenere effetti estetici differenti, senza necessità di fermare la produzione. Il dispositivo di carico dell’impasto base, infatti, è stato posizionato a ridosso dello stampo pressa per poter riservare più spazio alla zona posteriore, dedicata alla creazione dell’effetto estetico. Questo permette di continuare ad alimentare la pressa simultaneamente alla fase di composizione del design, con evidenti vantaggi in termini di produttività, efficienza e qualità estetica. Un progetto, non solo una macchina Per la progettazione di Divario, LB è partita dalle richieste dei clienti per poi andare oltre, cercando di anticipare le esigenze future del mercato. Divario non è soltanto una macchina, ma un progetto ‘work in progress’ che punta a fornire alcuni stimoli e idee di possibili prodotti che l’azienda cliente potrà realizzare nel proprio stabilimento, grazie a una tecnologia innovativa e ai diversi effetti estetici applicabili. Nel mondo del gres porcellanato tecnico, l’azienda ha infatti recepito chiaramente l’esigenza dei principali produttori in vari Paesi di ritornare a realizzare prodotti con un elevato valore estetico, non facilmente replicabile, necessario per creare una differenziazione rispetto alla concorrenza. Per questo motivo, sin dalla presentazione ufficiale in settembre, LB ha dato grande risalto e ha messo in mostra alcuni dei prodotti che Divario è in grado di realizzare. In particolare, alcune tipologie sono state particolarmente apprezzate: i cementi, attualmente di grande tendenza, realizzati con movimenti particolari ed effetti non uniformi, esteticamente accattivanti e nettamente migliori rispetto alle precedenti soluzioni tecnologiche; gli effetti scaglie, i legni, i marmi, tutti realizzabili a velocità superiori e con una gamma di caratteristiche illimitata e in precedenza impensabile, parametrata in base alle diverse esigenze delle aziende ceramiche, per la customizzazione più adatta. Ma le potenzialità e le evoluzioni estetiche di Divario sono ancora numerose, grazie anche alla costante attività di Ricerca & Sviluppo sul prodotto svolta all’interno  del laboratorio LB.


“Digital material” comes to ceramics Esmalglass-Itaca, (Castellon, Spain)

La “materia digitale” entra nella ceramica

technology

The digital technology revolution in the ceramics world is becoming clearer every day. It all began with pigmented inks, which offered ceramic flooring and wall-covering manufacturers huge manufacturing and business benefits. Research is ongoing and is not limited to decoration, since ceramic is much more than that: it is the sum of the structure, contrast, shine and different tactilities that can be achieved with the material. Now, if the material can be made using digital systems, enabling simultaneous and synchronised decoration and glazing, the innumerable advantages of digital technology could increase by several orders of magnitude. This was the goal set by Esmalglass-Itaca as it developed the DPM (Digital Printing Materials) product family, which are specifically designed for use with digital systems and are capable of creating ceramic products through an entirely digital process, which starts as soon as they leave the press and ends when they enter the kiln. DPM products are divided into two sub-families depending on particle size: DPM submicron and DPM micron. The former, adapted to current printheads, contain nanometric particles whose granulometric distribution provides excellent physical stability as well as superb printhead performance; moreover, the quantity of material deposited is similar to that of current pigmented inks, below 100 g/m2. DPM submicrons include materials that complement existing decor and create special effects. These include a white used for decoration or as a basis for digital inks, a transparent shine effect developed to create areas of matt-gloss

102

Cera mic W orl d Review n. 104 / 2013

La rivoluzione della tecnologia digitale nel mondo ceramico è ogni giorno più evidente, una rivoluzione iniziata con gli inchiostri pigmentati, che ha confermato ai produttori di pavimenti e rivestimenti ceramici gli enormi vantaggi produttivi ed economici. La ricerca tuttavia continua e non si limita alla sola decorazione perché la ceramica è molto di più: è la somma di struttura, contrasti, brillantezza e differenti tattilità conseguibili tramite la materia. Ora, se questa “materia” fosse ottenibile con l’utilizzo di sistemi digitali che permettono di decorare e smaltare simultaneamente e in modo sincronizzato, si potrebbero moltiplicare gli innumerevoli vantaggi della tecnologia digitale. Questo, di fatto, è l’obiettivo che si è posta Esmalglass-Itaca con lo sviluppo dei prodotti della famiglia DPM, Digital Printing Materials; prodotti appositamente studiati per l’applicazione a mezzo di sistemi digitali, in grado di conferire materia alla ceramica tramite un processo produttivo totalmente digitale che inizia all’uscita della pressa e si conclude all’entrata del forno. I prodotti DPM si suddividono in due sub-famiglie in funzione delle dimensioni della particella: DPM submicron e DPM micron. I primi, idonei alle attuali testine di stampa, contengono particelle nanometriche la cui distribuzione granulometrica conferisce un’eccellente stabilità fisica, oltre ad ottime prestazioni delle testine; inoltre, la quantità di materiale depositata è simile a quella degli attuali inchiostri pigmentati, ossia inferiore ai 100 gr/m2. Tra i DPM submicron si trovano materiali che integrano la decorazione attuale e creano effetti speciali: tra questi, un bianco utilizzato per creare decorazioni o come base per gli inchiostri digitali; un effetto lucido trasparente svi-


www.designscortes.com


contrast, and a reactive sinking ink that creates small variations of level in the base glaze, forming micro-reliefs. The DPM micron series is instead usable with new, high-discharge printing heads that enable material weights well above 100 gr/m2, exceeding 1 kg/m2. These products, which have already been patented, feature an aqueous base and particle sizes of above 3 microns. The greater particle size compared with submicron products is directly linked to two considerations: price and ceramic effect. Indeed, on the one hand there is a significant reduction in price compared with submicron materials (which is by no means unimportant when using high weights), while on the other it is possible to apply the same quantities used at the moment with bells, flat-screen printing, rollers or mottle. The DPM micron range includes gloss white, matt white, transparent white, transparent matt satin and a crystalline finish. They can be applied full-field, before or after decoration, using a set design synchronised with the rest of the process to create thickening effects as with screen prin-

luppato per creare zone di contrasto lucido-matt; un reagente “camaleonte” che crea piccole variazioni di livello nello smalto base formando micro rilievi. La serie DPM micron è invece adatta alle nuove testine di stampa a scarico elevato che consentono grammature di materiali notevolmente superiori ai 100 gr/m2, superando il kg/m2. Questi prodotti, già brevettati, si caratterizzano per una base acquosa e una dimensione della particella superiore ai 3 micron. La maggiore dimensione rispetto ai prodotti submicron è direttamente vincolata a due concetti: il prezzo e l’effetto ceramico che si ottiene. Da una parte si ha infatti un’importante diminuzione di prezzo rispetto ai materiali submicron (elemento non secondario quando si utilizzano elevate grammature), dall’altro è possibile applicare digitalmente le stesse quantità impiegate oggi con campane, serigrafie piane, a rullo o fumé. La categoria dei DPM micron comprende il bianco brillante, il bianco matt, il matt trasparente, il matt trasparente satinato e una cristallina. Possono essere applicati a campo pieno, prima o dopo la decorazione, utilizzando un disegno definito e sin-

ting or rollers, or to create reliefs normally obtained using a press mould. It is therefore possible to achieve any kind of coating comparable with current methods, but with all the production advantages of digital technology.

cronizzato con il resto del processo per creare effetti esasperati come quelli ottenuti con serigrafie o rulli, oppure creare rilievi che normalmente si ottengono con uno stampo a pressa. È quindi possibile ottenere qualsiasi tipo di copertura comparabile ai metodi attualmente utilizzati, ma con tutti i vantaggi produttivi della tecnologia digitale.

Esmalglass-Itaca laboratories have been researching DPM products for several years, presenting them for the first time at Cevisama 2011, where they were awarded the ‘Alfa de Oro’. Both material types – micron and submicron – were designed for use in all production types (porous, stonewear, double-fired, etc.). At the same time, all the components have been optimised to enhance the technical and aesthetic characteristics required by current ceramics trends, as well as to guarantee the maximum chromatic development of Esmalglass-Itaca pigmented inks. The advantages of a totally digital process are innumerable: from improving the product, to optimising the production process and cost management. While, on the aesthetic front, it makes it possible to achieve new finishes and structures, in production and management terms it enables a reduction in the length of the production line and shorter lead-times for the development of new products. It also reduces or eliminates the typical defects of traditional decorations, makes it quicker and easier to switch designs and reduce production tones, thereby making stock management easier. 

104

Cera mic W orl d Review n. 104 / 2013

Lo studio sui prodotti DPM è in corso già da diversi anni nei laboratori Esmalglass-Itaca, che li presentò in anteprima a Cevisama 2011 dove furono premiati con l’Alfa de Oro. Entrambe le tipologie di materiali, micron e sub-micron, sono state studiate per l’applicazione in qualsiasi tipologia produttiva (monocottura porosa, grès porcellanato, bicottura…); allo stesso tempo sono stati ottimizzati tutti i componenti per aumentare le caratteristiche tecniche ed estetiche richieste dalle tendenze attuali della ceramica, oltre che per garantire il massimo sviluppo cromatico degli inchiostri pigmentati Esmalglass-Itaca. I vantaggi di un processo totalmente digitale sono innumerevoli: dal miglioramento del prodotto all’ottimizzazione del processo produttivo e della gestione dei costi. Se sul fronte estetico esso consente di ottenere nuove rifiniture e strutture, sotto il profilo produttivo e di gestione permette di ridurre la lunghezza della linea e i tempi di sviluppo dei nuovi prodotti, oltre che di diminuire o eliminare le difettologie tipiche delle decorazioni tradizionali, rendere più flessibile e rapido il cambio dei modelli, ridurre i toni produttivi con conse guente semplificazione del magazzino.


The evolution of bodies for porcelain tile Stefano Di Primio - Minerali Industriali (Novara, Italy)

Evoluzione degli impasti per gres porcellanato Over the last 15 years there has been a gradual shift in floor tile production in Italy from single-firing towards glazed porcelain. Whereas single-fired tile output dropped from 189 million square metres in 1999 to around 22 million sq.m in 2012, glazed porcelain production experienced significant growth, rising sharply from 90.6 million sq.m in 1999 to an estimated 183 million sq.m in 2012. The production of unglazed porcelain floor tiles instead remained relatively stable, dropping from 127 million sq.m in 1999 to around an estimated 100 million sq.m in 2012, maintaining an approximately 31% share of total Italian floor tile production. At a conference organised by the Italian Ceramic Society in Sassuolo in January 2013, Minerali Industriali presented the results of a study of ceramic bodies for glazed porcelain used in the Italian ceramic industry. The study analysed both the current situation and the long-term historic trend, with particular reference to the last decade. Finally, a number of proposals were put forward for optimising production in terms of cost cutting and energy saving.

raw materials

The current situation The survey conducted by Minerali Industriali looked at 24 spray dryers for glazed porcelain currently in operation in Italy. Each sample underwent complete chemical analysis, determination of total carbon and sulphur contents, carbonates, particle size analysis with determination of residue percentage > 63 and 45 micron (with wet sieve) and laser analysis, analysis of breaking load of dried product and colorimetric analysis. The following average values were obtained: residue > 63 µm: 5.1% residue > 45 µm: 8.8% residue > 5 µm laser: 64% residue D50 µm laser: 9.9% breaking load of dried product: 40.1 kg/cm2. To determine behaviour during firing and to compare the

106

Cera mic Worl d Review n. 104 / 2013

Negli ultimi 15 anni, in Italia, si è assistito a una progressiva conversione della produzione di pavimenti di ceramica dalla monocottura in pasta bianca al gres porcellanato smaltato. Mentre la produzione di monocottura si è ridotta dai 189 milioni di metri quadrati del 1999 ai circa 22 milioni mq del 2012, quella di gres porcellanato smaltato ha registrato una crescita importante, passando dai 90,6 milioni mq del 1999 ai 183 milioni mq stimati per il 2012. La produzione di pavimenti in gres porcellanato tecnico, invece, è rimasta piuttosto stabile: 127 milioni mq nel 1999, scesi a circa 100 milioni mq stimati nel 2012, mantenendo peraltro invariata intorno al 31% la quota percentuale sulla produzione totale italiana di pavimenti. In occasione di un convegno organizzato da Società Ceramica Italiana a Sassuolo lo scorso gennaio, Minerali Industriali ha presentato i risultati di una ricerca condotta sugli impasti per gres porcellanato smaltato impiegati nell’industria ceramica italiana. Lo studio ha analizzato la situazione attuale e l’evoluzione storica con particolare riferimento all’ultimo decennio. Sono infine state presentate alcune proposte finalizzate all’ottimizzazione produttiva, in chiave di contenimento dei costi di produzione e del risparmio energetico. La situazione attuale Lo studio effettuato da Minerali Industriali ha preso in esame 24 atomizzati per porcellanato smaltato dell’attuale produzione nazionale. Ogni campione è stato sottoposto ad analisi chimica completa, determinazione del carbonio e solfo totali, carbonati, analisi granulometrica con determinazione della percentuale di residuo > 63 e 45 micron (con setaccio a umido) e laser, analisi del carico di rottura in essiccato e analisi al colorimetro. I valori medi riscontrati sono stati: residuo > 63 µm: 5,1% residuo > 45 µm: 8,8% residuo > 5 µm laser: 64% residuo D50 µm laser: 9,9% carico di rottura in essiccato: 40,1 kg/cm2. Per verificare il comportamento in cottura e confrontare i riti-


Maffei Sarda Silicati plant in Orani (Nuoro - Italy) L’impianto di Maffei Sarda Silicati a Orani (Nuoro)

linear shrinkages and absorptions, all the spray-dried bodies were fired at gradients at 1090°C, 1100°C and 1110°C Bullers. The results showed that of the 24 spray-dried bodies examined, 16 (67%) reached the level of water absorption required by the standard (< 0.5%) at 1090°C Bullers (1190°C), with an average value of absorption of 0.73% and linear shrinkage of 6.27%; 5 samples (20%) reached this level at 1100°C Bullers (1200°C), with an average value of absorption of 0.32% and linear shrinkage of 6.23%; 3 samples (12%) reached it at 1110°C Bullers (1210°C), with an average value of absorption of 0.36% and linear shrin-

ri lineari e gli assorbimenti, tutti gli atomizzati sono stati sottoposti a cottura a gradiente a 1090, 1100 e 1110 °C Buller. I risultati hanno dimostrato che dei 24 atomizzati esaminati, 16 (il 67%) hanno raggiunto l’assorbimento d’acqua previsto dalla norma (< 0,5%) già a 1090 °C Buller (1190 °C), rivelando un valore medio di assorbimento dello 0,73% e di ritiro lineare del 6,27%; 5 campioni (il 20%) lo hanno raggiunto a 1100 °C Buller (1200 °C), con un valore medio di assorbimento dello 0,32% e del 6,23% per quanto riguarda il ritiro lineare; 3 impasti (il 12%) lo hanno raggiunto a 1110 °C Buller (1210 °C), con un valore medio di assorbimento dello 0,36% e del 5,78% di

Minerali Industriali claypit in Campiglia (Livorno - Italy) La cava di Campiglia di Minerali Industriali (Livorno)

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 1 0 4 / 2 0 1 3

107


kage of 5.78%. Lastly, the colorimetric analysis revealed an average L point value of 56% at all three temperatures considered. The 2012 data were integrated into the time series showing how the characteristics of the bodies used for floor tile production in Italy have changed since 1980 (tab. 1). 30 years of evolution of ceramic bodies White body floor tile production began in Italy in the 1980s. Water absorption was between 3% and 4% and the average body analysis showed a prevalently potassium-based composition with 0.70% iron oxide. Bodies consisted of 65% domestically-sourced raw materials and 35% imported clays (mainly from Germany and France). During the 1990s, the burgeoning demand for frost-resistant floor tiles made it necessary to reduce water absorption to below 3%. Consequently, body composition became more sodium-based through the use of Italian sodium feldspars sourced from Sardinia, Calabria and Trentino. From 1995 onwards, the composition of single fired tile bodies changed once again, largely owing to the need to optimise costs given that the devaluation of the Lira during that period had made clays imported from Europe much more expensive. Iron oxide content increased significantly to an average value of 1.2%, making the single fired body darker and with a higher potassium (0.55%) and lower sodium content (0.98%). In 1999, the commercial demand for frost-resistant floor tiles (water absorption < 0.5%) with white bodies forced companies to glaze the bodies normally used for unglazed full-body porcelain tile production. These consisted prevalently of sodium bodies (4.2%) with a moderate content of chromophore compounds (iron oxide 0.45% and titanium oxide 0.53%) and formula-

ritiro lineare. Infine, l’analisi colorimetrica ha dato come risultato un valore medio del punto L al 56% a tutte e tre le temperature considerate. I dati relativi al 2012 sono infine confluiti nella serie storica che mostra l’evoluzione delle caratteristiche degli impasti per piastrelle da pavimento impiegati in Italia dal 1980 ad oggi (tab. 1). 30 anni di evoluzione degli impasti In Italia, la produzione di pasta bianca per pavimento inizia negli anni ‘80. L’assorbimento d’acqua è compreso tra il 3 e 4% e l’analisi media degli impasti mostra una composizione prevalentemente potassica con un ossido di ferro dello 0,70%; gli impasti sono composti per il 65% da materie prime nazionali e per il 35% da argille di importazione (per lo più da Germania e Francia). Negli anni ‘90, la nuova domanda di pavimenti ingelivi impone di portare l’assorbimento d’acqua al di sotto del 3%, di conseguenza la composizione degli impasti diventa più sodica grazie all’impiego di feldspati nazionali sodici provenienti da Sardegna, Calabria e Trentino. A partire dal 1995, la composizione degli impasti da monocottura cambia nuovamente, anche in risposta alla necessità di ottimizzarne il costo, dato che la svalutazione della Lira in quel periodo rende le argille di importazione europea decisamente più care: il contenuto di ossido di ferro aumenta significativamente fino a raggiungere un valore medio dell’1,2%, rendendo la monocottura più scura, gli impasti diventano più potassici (0,55%) e meno sodici (0,98%). Nel 1999, l’esigenza commerciale di disporre di pavimenti ingelivi (assorbimento d’acqua < 0,5%) e con supporti bianchi, costringe le aziende a smaltare gli impasti normalmente utilizzati per la produzione di porcellanato tecnico. Si tratta di

TAB 1. CHEMICAL ANALYSES OF BODIES FOR WHITE BODY FLOOR TILES USED IN ITALY FROM 1980 TO THE PRESENT DAY Analisi chimiche degli impasti per pavimenti in pasta bianca impiegati in Italia dal 1980 ad oggi Single Firing

Single Firing

Single Firing

1980

1990

since 1995

Monocottura

%

Monocottura

Monocottura

Glazed porcelain

Glazed porcelain

Glazed porcelain

Glazed porcelain

Porcellanato Smaltato

Porcellanato Smaltato

Porcellanato Smaltato

Porcellanato Smaltato

1999

2005

2010

2012

Loss on Ignition (L.o.I) (P. a.f)

2.95

3.23

3.77

3.4

3.64

3.06

3.17

SiO2

70.49

70.44

69.34

70.88

70.19

71.22

70.70

Al2O3

17.66

18.33

18.09

17.8

17.48

17.28

17.20

Fe2O3

0.70

0.70

1.20

0.45

0.65

0.77

0.91

TiO2

0.53

0.47

0.64

0.53

0.55

0.60

0.61

Na2O

1.55

2.68

0.98

4.2

3.45

3.49

3.20

K2O

4.49

2.60

4.55

1.65

2.33

2.42

2.59

CaO

1.04

1.08

0.88

0.7

0.89

0.93

0.94

MgO

0.59

0.48

0.55

0.24

0.54

0.51

0.54

% Absorption

3–4%

<3%

<3%

< 0.5 %

< 0.5 %

< 0.5 %

< 0.5 %

Residue - residuo > 63 µm %

2

5.3

5.0

Residue - residuo > 45 µm %

5

9.8

8.8

Breaking load - carico di rottura (kg/cm2)

41.1

40.1

Absorption - assorbimento 1090 Tb

1.90

0.73

Absorption - assorbimento 1100 Tb

0.80

0.32

Absorption - assorbimento1110 Tb

0.28

0.36

62

56

Colorimetry - colorimetria L Source / Fonte: Minerali Industriali

108

Cera mic Worl d Review n. 104 / 2013

67


ted with high percentages (between 60% and 70%) of Turimpasti prevalentemente sodici (4,2%) con moderato contekish sodium feldspars and Ukrainian clays, which at the nuto di cromofori (ossido di ferro 0,45% e ossido di titanio time were available 0,53%), che vengono at highly advantaformulati con elevate FIG. 1 - ITALIAN SODIUM-MAGNESIUM FELDSPAR SN6/3 geous prices. percentuali, tra il 60 e Feldspato sodico-magnesiaco nazionale SN6/3 Between 2005 and il 70%, di feldspati so2012, the increase in dici turchi e argille freight transport ucraine, disponibili in costs and exchange quel periodo sul merrates made those cato a prezzi molto raw materials less vantaggiosi. competitive, and Tra il 2005 e il 2012, the need to keep l’aumento dei costi di down production trasporto (noli) e del costs forced the Itaconcambio rende lian industry to reduquelle stesse materie ce their use in the prime meno competiformulation of botive e la necessità di dies for glazed porcontenere i costi di celain tile. produzione induce Turkish sodium feldl’industria italiana a spar was partly substituted with domestically sourced poridurne l’impiego nella formulazione di impasti per gres portassium feldspars and Ukrainian clay with European clays, cellanato smaltato: il feldspato sodico turco viene in parte somainly from Germany. stituito con feldspati nazionali potassici e l’argilla ucraina con Chemical analyses reveal a gradual 26% increase in the argille europee, per lo più tedesche. content of colouring compounds (iron oxide increased L’analisi chimica mostra un progressivo incremento dei crofrom an average of 0.65% in 2005 to an average of 0.91% mofori, pari al 26% (l’ossido di ferro passa dallo 0,65% medio in 2012 and titanium oxide rose from 0.55% to 0.61%); an indel 2005 allo 0,91% medio del 2012 e l’ossido di titanio sale da crease in content of potassium oxide (from 2.33% to 2.59%) 0,55% a 0,61%); un innalzamento dell’ossido di potassio (dal and calcium oxide (from 0.89% to 0.94%); and a 7% reduc2,33% al 2,59%) e dell’ossido di calcio (da 0,89% a 0,94%); e tion in content of sodium oxide (from 3.45% to 3.20%). una diminuzione dell’ossido di sodio pari al 7% (da 3,45% a Over the last decade, the need to reduce production 3,20%). In quest’ultimo decennio, sempre allo scopo di contecosts has also driven a trend towards shorter grinding times nere i costi di produzione, si assiste alla tendenza di ridurre i as well as shorter firing cycles and lower maximum firing tempi di macinazione, oltre che i cicli e le temperature massitemperatures. The me di cottura. La mishorter grinding tinore macinazione deFIG. 2 - ITALIAN POTASSIUM FELDSPAR WITH HIGH FUSIBILITY APLITE mes have resulted in termina un aumento Feldspato potassico nazionale ad elevata fusibilità Aplite larger particle sizes della granulometria e and a significant inun progressivo e concrease in the corresistente incremento sponding particle dei corrispondenti size residues at 63 residui granulometrimicron (from 2% in ci a 63 micron (dal 2% 2005 to 5% in 2012) del 2005 al 5% nel and at 45 micron 2012) e a 45 micron (from 5% to 8.8% (da 5% a 8,8% nei 7 over the 7-year peanni), e conseguenteriod) and consemente del diametro quently the average medio delle barbottidiameter of slip parne. ticles. The shorter fiLa riduzione dei cicli ring cycles and loe delle temperature wer firing di cottura comporta, temperatures have also led to a use of more fusible boinoltre, l’utilizzo di impasti maggiormente fusibili. A livello dies. In colorimetric terms, this has led to a gradual darkecolorimetrico, questo si traduce in un progressivo inscurining of the body, with the L point falling from 67 to 56 over mento del supporto, con il punto L che passa da 67 a 56 in setseven years (-16%). te anni (-16%). Goals for the future

Gli obiettivi per il futuro

The ceramic industry’s primary goal is to continue to cut energy costs during both grinding (partly by increasing mill productivity) and firing. As regards the tile bodies, it will therefore be necessary to continue to increase the fusibility and particle size of the slip with the aim of optimising body cost in both the short and medium-term periods. It

Principale obiettivo dell’industria ceramica è procedere sulla strada di un ulteriore progressivo contenimento dei costi energetici, sia in fase di macinazione (anche aumentando la produttività dei mulini) che in cottura. A livello di impasti si dovrà quindi continuare ad aumentare la fusibilità e la granulometria della barbottina, puntando ad

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 1 0 4 / 2 0 1 3

109


will also be important to develop increasing eco-sustainable bodies that are useful both for earning LEED credits and as a competitive lever in a market that is increasingly focused on environmental sustainability.

FIG. 3 - ITALIAN POTASSIUM FELDSPAR WITH ADDED SAVEL C GLASS: SERIES RIOS 10-20-30 V Feldspato potassico nazionale addizionato di vetro SAVEL C: Serie RIOS 10-20-30 V

The solutions proposed by Minerali Industriali

un’ottimizzazione del costo dell’impasto sia nel breve che nel medio-lungo termine. Importante sarà, poi, lo sviluppo di impasti sempre più ecosostenibili, utili sia per l’ottenimento di punti Leed che come leva competitiva in un mercato sempre più attento alle tematiche della sostenibilità ambientale.

To achieve these Le soluzioni di Migoals, Minerali Indunerali Industriali striali proposes comFIG. 4 - ITALIAN POTASSIUM-SODIUM FELDSPAR WITH ADDED GLASS pletely eliminating Per raggiungere tali SERIES F60-40-V imported sodium obiettivi, Minerali InFeldspato potassico-sodico nazionale addizionato con vetro Serie F60-40-V feldspar from glazed dustriali propone l’eporcelain bodies liminazione compleand replacing it with ta del feldspato domestically sodico di importasourced feldspars. zione dagli impasti This would bring not per grès porcellanato only short-term fismaltato, sostituennancial savings but dolo con feldspati also independence nazionali. Questo from currency fluccomporterebbe non tuations in the mesolo un risparmio dium and long-term economico nel breve periods. termine, ma anche It also proposes inun’indipendenza da creasing the potasoscillazioni valutarie sium component of a medio-lungo termibodies and the perne. FIG. 5 - STANDARD ITALIA FELDSPAR ST-20 centages of alkaline Suggerito anche l’inFeldspato Standard Italia ST-20 earth metals (MgO cremento della comand CaO) by introponente potassica ducing domestically negli impasti e delle sourced raw matepercentuali di alcalirials and/or raw mano-terrosi (MgO e terials with added CaO) attraverso l’inSAVEL C glass. The troduzione di mateproposed solutions rie prime nazionali include introducing naturali e/o addizioItalian feldspars with nate con vetro SAVEL higher fusibility (soC. Tra le soluzioni dium-magnesium proposte vi è anche feldspars, potasl’inserimento di feldsium-sodium or pospati nazionali a magtassium feldspars giore fusibilità (feldwith added glass, or spati high-fusibility potassium feldspars), as well as considerably sodico-magnesiaci, feldspati potassici-sodici o potassici adreducing the use of raw materials with a high content of dizionati di vetro, e feldspati potassici ad elevata fusibilità), carbonates, sulphur and oxidisable substances. nonché la riduzione consistente dell’impiego di materie priProducts developed for this purpose include the sodiumme con elevato contenuto di carbonati, solfo e sostanze ossimagnesium feldspar SN6/3, the high-fusibility potassium dabili. Tra i prodotti sviluppati in tale ottica, il feldspato sodifeldspar from the Aplite range, the RIOS 10-20-30 V series co-magnesiaco SN6/3, il feldspato potassico ad elevata potassium feldspar with added SAVEL C glass, the F60-40-V fusibilità della gamma Aplite, il feldspato potassico addizioseries potassium-sodium feldspar with added glass and the nato di vetro SAVEL C Serie RIOS 10-20-30 V, il feldspato poStandard Italia ST-20 feldspar (fig. 1-5). tassico-sodico addizionato con vetro Serie F60-40-V e il feld(JF)   spato Standard Italia ST-20 (figg. 1-5).

11 0

Cera mic W orl d Review n. 104 / 2013


Metclean 41 antipedata \ stop footprint


Dry-Tech evolves in the porcelain tile sector Stefano Schianchi - Manfredini & Schianchi (Sassuolo, Italy)

Dry-Tech si evolve nel porcellanato Thanks to the continuous R&D in recent years, the MSDrytech dry preparation lines have evolved considerably. When it comes to the preparation of top quality ceramic bodies at reduced costs, they are now the most commonly used method for producing red and white body single-fired floor tiles, monoporosa wall tiles, fast double-fired floor and wall tiles, excellent extruded products (top quality wall tiles, bricks for wall coverings, rustic floor tiles, terracotta pots, extruded porcelain tiles, porphyry stone, ventilated façades, etc.). The advantages of this technology, compared with the wet system with spray dryer, lie in the reduced cost of the end product thanks to considerable energy savings (practically no gas used, and 30% less electricity on average), the drastic reduction in water consumption (32-40% with wet grinding, 2-6% with dry grinding), and the elimination of the pollution generated by the spray dryer. In addition, there are no limits for the production of any tile format; the presses, glazing lines and kilns are highly productive; and the deflocculating agents and additives for producing slip can be eliminated. It’s now possible to obtain these advantages also in the production of glazed porcelain tiles, but above all with the full-body version.

raw materials

The MS-Drytech Porcelain Evolution process The MS-Drytech Porcelain Evolution process involves four fundamental stages: 1. Primary grinding; 2. Fine-grinding - drying - granulometric selection; 3. High-efficiency screening; 4. Powder agglomeration, dry “vein” colouring. Primary grinding After being measured out with weighing systems, the ceramic mixture is subjected to primary grinding using P.I.G. HD hammer mills; these ensure a high production capacity and can be fed with pieces of up to 150/200mm (clay, feldspars, raw/fired/glazed ceramic waste). The resulting granulometric curve is suitable for the second, fine-grinding phase.

11 2

C era mic W orl d Review n. 104 / 2013

Negli ultimi anni, grazie al continuo lavoro di ricerca e sviluppo, le linee di preparazione a secco MS-Drytech hanno conosciuto una notevole evoluzione. Oggi, nell’ambito della preparazione di impasti ceramici di elevata qualità a costi contenuti, risultano le più utilizzate nella produzione di monocottura da pavimento in pasta bianca e rossa, monoporosa da rivestimento, bicottura rapida da pavimento e rivestimento, prodotti estrusi di alto pregio (piastrelle per rivestimento di alta qualità, mattoni da rivestimento, piastrelle rustiche per pavimenti, vasi in terracotta, estrusi di gres porcellanato, porfido, facciate ventilate, ecc...). I vantaggi ottenuti con l’utilizzo di questa tecnologia, se comparata al sistema a umido con atomizzatore, sono riconducibili al minor costo del prodotto finale grazie al forte risparmio energetico (utilizzo di gas pressoché nullo e consumi di energia elettrica mediamente ridotti del 30%); alla drastica riduzione nel consumo di acqua (dal 32÷40% con macinazione a umido, al 2÷6% con macinazione a secco); all’abbattimento della fonte di inquinamento creata dall’atomizzatore. A questo si aggiungano la possibilità di produrre senza alcun limite di formato, l’alta produttività alle presse, linee di smaltatura e forni, e l’eliminazione di deflocculanti e additivi per l’ottenimento della barbottina. Tali vantaggi sono possibili da oggi anche nella produzione del gres porcellanato smaltato, ma anche, soprattutto, di quello tecnico a tutta massa. Il processo Ms-Drytech Porcelain Evolution Il processo MS-Drytech Porcelain Evolution passa attraverso quattro fasi fondamentali: 1. Macinazione primaria; 2. Macinazione di raffinazione - essiccazione - selezione granulometrica; 3. Vagliatura ad elevata efficienza; 4. Fase di agglomerazione polvere, colorazione a secco in “vena”. Macinazione primaria La miscela ceramica, preventivamente dosata con sistemi di pesatura, viene sottoposta a macinazione primaria con impiego di mulini a martelli P.I.G. HD, che consentono un’elevata


With the P.I.G HD Dryer version, bodies with an average humidity of 15% (some components can even reach 22%) can be ground; this avoids the need for a specific predrying system. Fine-grinding, drying, granulometric selection and standardisation The material is conveyed to the pendular finisher mill (of the Molomax type) which, via a dual-feed system equipped with internal distribution blades for optimising the load in the grinding chamber, produces an extremely homogeneous body that’s ideal for any type of ceramic body with no production or quality restrictions. The fine-grinding is done by robust (“heavy”) pendulums which, during the sideways roll generated by the centrifugal force, apply strong pressure on the sectorial track housed in the base of the mill. The material is then transported to the upper part of the mill by the circular air movement of the process filter connected downstream, and it is classified by means of the dynamic separator installed in the upper part of the mill itself. The particles rejected by the separator drop into the grinding chamber where they are simultaneously ground with the “fresh” incoming material. This ensures the perfect homogenisation of the mixture - the hard, heavy particles (feldspars and sand) and the light ones (clay, carbonates, etc.). This system, called “air duct”, is fully hermetic and does not expel dust into the surrounding atmosphere. The parts in contact with the body (including grinding components) are ceramic-coated to exclude any iron pollution. The system can produce granulometric curves that are ideal for perfect vitrification, on a par with any product obtained via wet grinding. The system of hot air (that circulates in the grinding chamber thanks to a burner with an extremely low calorific value) ensures excellent results in terms of thermal yield. When combined with energy recovery (hot air from the kilns or cogeneration turbines), the thermal yield ensures gas consumption levels near to zero, even with raw material mixtures with an average humidity of 15%. In this respect, MS-Drytech Porcelain Evolution is the only dry grin-

capacità produttiva e sono in grado di ricevere in alimentazione pezzi con dimensioni fino a 150 - 200 mm (argille, feldspati, scarto ceramico crudo, cotto e smaltato). All’uscita si ottiene una curva granulometrica idonea per la seconda fase di macinazione di raffinazione. Con la versione P.I.G HD Dryer, è possibile macinare impasti con tenore di umidità medio del 15% (alcune componenti possono raggiungere anche il 22%) evitando l’utilizzo di un sistema di pre-essiccazione dedicato. Macinazione di raffinazione, essiccazione, selezione granulometrica, omogeneizzazione Il materiale viene convogliato al mulino pendolare finitore tipo Molomax che, grazie a un sistema di doppia alimentazione, dotato di vomeri interni di distribuzione per ottimizzare il caricamento nella camera di macinazione, consentono di ottenere un impasto estremamente omogeneo, ideale per qualsiasi tipo di impasto ceramico, senza alcun limite produttivo e qualitativo. La macinazione fine è svolta da pendoli robusti (“pesanti”) che, durante l’azione di rotolamento laterale, sotto l’influsso della forza centrifuga, esercitano una forte pressione sulla pista a settori alloggiata alla base del mulino. Il materiale viene poi trasportato alla parte superiore del mulino tramite l’aria circolare del filtro di processo connesso a valle e classificato tramite il separatore dinamico installato nella parte superiore del mulino stesso. Le particelle scartate dal separatore ricadono nella camera di macinazione per essere simultaneamente macinate con il materiale “fresco” in entrata, garantendo così una perfetta omogeneizzazione della miscela tra le particelle pesanti e dure (feldspati e sabbie) e quelle leggere (argille, carbonati etc..). Tale sistema, chiamato macinazione in “vena d’aria”, è completamente ermetico, non disperde polvere fine nell’ambiente circostante, le parti a contatto con l’impasto (inclusi gli organi macinanti) sono rivestite in ceramica per escludere ogni inquinamento ferroso; il sistema è inoltre in grado di ottenere curve granulometriche in uscita ideali per una perfetta greificazione, al pari di qualsiasi prodotto ottenuto per macinazione a umido. Il sistema di aria calda che, tramite un bruciatore a bassissima potenza calorifica, circola nella camera di macinazione, garantisce eccellenti risultati in termini di

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 1 0 4 / 2 0 1 3

113


ding technology currently available on the world market that is able to treat raw materials with such a high level of humidity yet without any specific primary drying operation. Screening Manfredini & Schianchi’s top performing tilted screens are installed after the process filter of the Molomax mill, to control and guarantee the ceramic quality. The special, exclusive surface treatment (NPR1) makes the screen mesh resistant to water and oil. Unlike traditional circular screens, it offers high production efficiency with particularly fine granulometric dimensions (on average <150 microns) that are ideal for the total removal of any contaminating elements (wood, plastic, roots, iron, copper, etc.). The machines are fitted with an automatic self-cleaning system for the mesh, a hydraulic opening system to simplify maintenance work and eliminate any risk of accidents, and an exclusive automatic tool that checks for any breakage in the mesh to ensure constant machine efficiency. Madirex HF process (European patent) The new Madirex HF granulation process works the powder, providing the body with the right amount of water via special variable-speed disc sprayers and a material weighing and feed belt. These are controlled by a humidity measurement system. The powder from the weighing belt is distributed inside the granulation chamber by means of a homogeniser shaft that produces a turbulent helicoidal movement; this movement, combined with the spraying, leads to the agglomeration of the powders in a spherical shape (with variable particle size distribution) called Granule. The humidity-induced homogenisation in all the fractions of the mixture is ensured with a maximum error of 0.3%. The granules are then channelled to a mechanical granulometric control system fitted with a special powder scrubber that has the same function as the cyclones in the sprayers. This process produces granules with a density, particle size curve, humidity regularity and flow index similar to the best spray-dried powders (about 15% of powder is rejected and re-enters the grinding cycle). The granules are less hard and fragile compared with the spray-dried equivalent, so they can be channelled and transported without any risk. What’s more, they are then better suited to the next phase, involving traditional pressing on a mould and/or compacting on a belt (e.g. System’s Gea technology and Sacmi’s Continua technology). Another advantage that shouldn’t be underestimated is the surface of the raw ceramic product, which is much smoother and more even as the granule is especially soft and so the powders can be better sintered. This in turn means advantages during the application: less waste of gla-

11 4

C era mic W orl d Review n. 104 / 2013

rendimento termico. Quest’ultimo, se abbinato al recupero energetico (aria calda proveniente dai forni o dalle turbine di cogenerazione), consente consumi di gas prossimi allo zero anche con miscele di materie prime aventi umidità medie del 15%. A questo riguardo, MS-Drytech Porcelain Evolution è l’unica tecnologia di macinazione a secco presente oggi sul mercato mondiale in grado di trattare materie prime con una così elevata umidità, senza un’essiccazione specifica primaria. Vagliatura I vagli inclinati ad alto rendimento di Manfredini e Schianchi sono installati dopo il filtro di processo del mulino Molomax per assolvere alla loro funzione di garanzia e controllo della qualità ceramica. Il particolare ed esclusivo trattamento superficiale NPR1, che rende idro e olio repellente il filo delle reti vaglianti, consente, a differenza dei tradizionali vagli circolari, un’efficienza elevata in termini di produttività, con tagli granulometrici estremamente fini (mediamente <150 microns) e adatti alla totale rimozione di eventuali contaminazioni (legno, plastica, radici, ferro, rame etc…). Le macchine sono dotate di sistema autopulente automatico per le reti, sistema di apertura oleodinamica per semplificare e annullare i rischi d’infortunio nelle fasi di manutenzione e dell’esclusivo strumento di controllo automatico di rottura rete, che garantisce, just in time, l’efficienza della macchina. Processo Madirex HF (Brevetto Europeo) Il nuovo processo di granulazione Madirex HF lavora la polvere somministrando all’impasto il giusto tenore d’acqua, tramite speciali nebulizzatori dischi a velocità variabile e un nastro pesatore d’alimentazione del materiale, controllati da un sistema di misurazione dell’umidità. La polvere, proveniente dal nastro pesatore, viene distribuita all’interno della camera di granulazione per mezzo di un albero omogeneizzatore che produce un movimento elicoidale e turbolento; tale movimento, combinato alla nebulizzazione, crea l’agglomerazione delle polveri in una forma sferica, a granulometria variabile, denominata Granulo. L’omogeneizzazione per umidità in tutte le frazioni della miscela è garantita con un errore massimo dello 0,3 %. Successivamente, il granulato viene convogliato a un sistema meccanico di controllo granulometrico, dotato di uno speciale abbattitore di polvere che esegue la stessa funzione dei cicloni presenti negli atomizzatori. Questo processo consente di ottenere un granulato con densità, curva granulometrica, uniformità di umidità e indice di scorrevolezza simili alle migliori polveri atomizzate (viene scartato circa il 15% di polvere che ritorna in riciclo alla macinazione). Il granulo risulta meno duro e fragile rispetto all’atomizzato, si può quindi convogliare e trasportare senza nessun rischio e si adatta al meglio al successivo processo di pressatura tradizionale su stampo e/o compattazione su nastro (esempi sono le tecnologie Gea di System e Continua di Sacmi). Altro vantaggio da non sottovalutare è la superficie del prodotto ceramico crudo, che risulta molto più liscia e uniforme in quanto il granulo, particolarmente soffice, consente una maggiore sinterizzazione delle polveri, con conse-


leonberg.no

The drop that brings new life to your clay

Meet BioKeram. Every drop gives you stronger ceramics, requiring less water and energy, reducing your costs, while increasing product performance. With over 50 years of experience in the Ceramics market, Borregaard has developed a unique range of cost-effective biopolymers for the processing of clay and related materials. Our innovative solutions improve clay workability and strength, while helping decrease production costs. Discover more at biokeram.com

BioKeram

Green efficiency for ceramic applications


ze and slip, not to mention a better aesthetic result from the traditional serigraphy and/or digital decoration. The same dry process can also be repeated to obtain the colouring of the entire body (a currently unique technology), introducing suitably dosed colouring oxides in the Madirex weighing feed belt. To ensure the quick, easy cleaning of the granulation chamber during the colour change, all the elements in contact with the material are coated with the exclusive NPR1 water/oil repellent treatment that avoids the “packaging” of the material during the granulation phase.

guenti vantaggi nelle successive applicazioni in termini di minor spreco di smalto ed engobbio, oltre a un miglior risultato estetico nella serigrafia tradizionale e/o decorazione digitale. Lo stesso processo a secco si può ripetere anche per ottenere la colorazione a tutto impasto (tecnologia finora unica), immettendo ossidi coloranti opportunamente micro dosati nel nastro pesatore di alimentazione a Madirex. Per una semplice e veloce pulizia della camera di granulazione durante il cambio colore, tutti gli organi a contatto con il materiale sono rivestiti dall’esclusivo trattamento idro-olio repellente NPR1 che evita l’“impaccamento” del materiale durante la fase di granulazione.

Storage and Feed

Stoccaggio e Alimentazione

In this last phase, the “standard” neutral powder and the coloured powders are directed to the storage area, from where they can subsequently be processed like normal spray-dried powder to feed the moulding system via single-loading, double-loading and multi-loading.

In quest’ultima fase la polvere “base” neutra e le polveri colorate vengono indirizzate allo stoccaggio per essere successivamente processate come una normale polvere atomizzata per alimentare la formatura con i sistemi di monocaricamento, doppio caricamento, multicaricamento.

Increasingly green technologies

Tecnologie sempre più green

The MS-Drytech Porcelain Evolution process, the latest innovation patented by Manfredini & Schianchi, is the result of 50 years’ experience in the field of dry grinding for ceramic bodies. Apart from the considerable energy savings (don’t forget that a spray dryer consumes far more gas than a kiln!), it’s important to consider the environmental aspects as well: the possibility of a ceramic product obtained via a system with a 50% gas reduction, that recycles all the waste and secondary raw materials, that doesn’t introduce fumes in the atmosphere ... in short, “sustainable”, is becoming increasingly essential in this industry. The industrial system installed at the Manfredini & Schianchi site (in Sassuolo) is at disposal for tests and studies aimed at customised solutions to guarantee the quality of  the end product.

Il processo MS-Drytech Porcelain Evolution, l’ultima innovazione brevettata da Manfredini & Schianchi, è frutto di mezzo secolo di esperienza nel campo della macinazione a secco per impasti ceramici. Oltre al notevole risparmio energetico (non dimentichiamo che un atomizzatore consuma molto più gas di un forno!), è importante considerare gli aspetti legati alla tutela ambientale: proporre un prodotto ceramico ottenuto con una riduzione di gas del 50%, che ricicla tutti gli scarti e le materie prime seconde, che non immette fumi nell’ambiente, in una parola “sostenibile”, rappresenta sempre più un “must” per l’industria. L’impianto industriale installato presso la sede di Manfredini & Schianchi (Sassuolo) è a disposizione per prove e studi di soluzioni su misura, a garanzia del prodotto finale.

11 6

C era mic W orl d Review n. 104 / 2013


products prodotti

SITI-B&T GROUP SITI-B&T Group designs and manufactures complete plants for raw material processing and the production of bodies for tiles, sanitaryware and tableware. Depending on individual customer needs, the projects can be developed according to various integration levels or alternately, can offer “turnkey” solutions, accompanied by technological support based on specialist know-how. Especially for tile production, the plant and the machines used can vary according to the physical characteristics of the raw materials, the type of technology and the degree of automation required. If not suitable in size, incoming raw material from quarries is pre-ground with dedicated equipment (grinders, jaw mills and ring mills) and stored in pits or silos ready to feed the main treatment system. The first phase is dedicated to the components batching which is performed by discontinuous or continuous weighing systems, with a low or high degree of automation and control depending on the intended use. The equipment can range from a simple weighing chest placed on load cells to complex systems with extracting weighing belts, that use a computerised system for a high precision batching management and maximum repeatability. They are therefore the ideal solution for optimal management of the raw material warehouse. The mixture obtained is then directed to the grinding system; in most cases, wet grinding represents the best compromise with regard to production efficiency and quality. Depending on production requirements, the systems can be customised with specific equipment: for example, in the

11 8

case of very wet clays, turbo-dissolving units can be inserted for pre-dissolving these materials in water, in order to subsequently direct these to the mills. Traditional or special transport systems (powered by different drives), can be adopted for the different types of powder. Furthermore, SITI-B&T Group manufactures ball mills for discontinuous or continuous wet grinding, the latter of which are subdivided into two further categories: conventional single mills divided into rooms, or multiple mills (modules), according to a process of “Continuous Modular Grinding.” The range of discontinuous mills offers a wide range of sizes, from small 500-litres mills for glaze milling up to a capacity of 70,000 litres, for body preparation. The range of traditional mills for continuous body milling offers up to 180,000 litres capacity, with belt transmission of up to 100,000 litres and transmission gears for larger mills. The “Continuous Modular” series allows for maximum flexibility, due to the fact that the individual modules can be connected in series or in parallel, and in sufficient number to make up the total required volume. The modules available come in three sizes (38, 46 and 60 m3), and are usually supplied in groups of two or three modules. In comparison to traditional grinding realised with groups of discontinuous mills, wet grinding performed by continuous mills offers several advantages: • Optimum regularity of the physical characteristics of the slip. • Energy savings, due both to the decrease in the amount of water required for the body grinding (indeed, the viscosity of the discharged slip is minimised due

C era mic W o r l d Review n. 104 / 2013

SITI-B&T Group progetta e produce impianti completi per il trattamento delle materie prime e la produzione di impasti per piastrelle, sanitari e stoviglieria: al variare delle esigenze dei clienti, i progetti possono essere sviluppati secondo logiche di integrazione a vario livello o totalmente “turn key”, accompagnati da un supporto tecnologico mediante lo sviluppo di know-how personalizzati. Con particolare riferimento alla produzione di piastrelle, la soluzione impiantistica e le macchine adottate variano a seconda delle caratteristiche fisiche delle materie prime, della tipologia tecnologica e del grado di automazione richiesto. Le materie prime in arrivo dalle cave, se di pezzatura non idonea, vengono premacinate con attrezzature dedicate (rompizolle, mulini a ganasce e mulini ad anelli) e stoccate in box o sili per poter alimentare adeguatamente il sistema di trattamento principale. La prima fase è riferita al dosaggio dei componenti, essenzialmente condotto per mezzo di sistemi di pesatura discontinui o continui, a basso o elevato livello di automazione e controllo a seconda della destinazione d’uso. In termini di attrezzature si va quindi dal semplice cassone pesatore posto su celle di carico a sistemi complessi con nastri estrattori pesatori. Questi ultimi, attuando una gestione computerizzata dei dosaggi con accurata precisione e ripetitività, rappresentano la soluzione ideale per un’ottimale gestione del magazzino materie prime. La miscela dosata viene successivamente indirizzata all’impianto di macinazione, per il quale la soluzione ad umido rappresenta nella maggior parte dei casi il miglior compromesso in relazione a efficienza e qualità produttiva. A se-

conda delle esigenze produttive, gli impianti possono essere personalizzati con equipaggiamenti specifici: ad esempio, nel caso di argille con grado di umidità elevato, è possibile inserire gruppi turbodissolutori per la pre-scioglitura delle stesse in acqua, ai fini di un successivo indirizzamento ai mulini. Sistemi di trasporto tradizionali o speciali (a propulsione di vario tipo), possono essere adottati per le varie tipologie di polveri. SITI-B&T Group costruisce inoltre mulini a sfere per macinazione a umido di tipo discontinuo o continuo, questi ultimi suddivisi a loro volta nella tipologia tradizionale con mulino singolo suddiviso in camere, o in quella a mulini multipli (moduli), secondo un processo di “Macinazione Continua Modulare”. La gamma dei mulini discontinui prevede ampia variabilità di taglia, dai piccoli 500 lt per macinazione smalti sino ad una capacità di 70.000 lt per preparazione impasti. La gamma dei mulini tradizionali per macinazione continua impasto arriva fino a una capacità di 180.000 lt ed è realizzata con trasmissione a cinghie fino a 100.000 lt, con trasmissione a ingranaggi per i mulini di dimensione superiore. La serie “Continua Modulare” consente la massima flessibilità, in quanto i singoli moduli possono essere posti in serie o in parallelo e in numero tale da formare la volumetria necessaria. I moduli proposti sono di tre taglie (38, 46 e 60 m3), e solitamente abbinati in “batterie” da due o tre moduli. Rispetto alla macinazione tradizionale con batterie di mulini discontinui, molteplici sono i vantaggi offerti dalla macinazione a umido eseguita con mulini continui: • Massima costanza delle caratteristiche fisiche della barbottina. • Risparmio energetico, dovuto sia


focus on raw materials to the higher temperatures reached in the continuous process), and to the lower thermal gradient with regard to the subsequent spray drying stage. • Increased productivity, efficiency and unit automation, with the elimination of manual phases and centralised control of management parameters. In addition, grinding bodies can be selected by size and specific gravity, according to the field in which they are required. • A significant reduction in personnel with the same production level. • Space saving: a grinding facility with continuous mill requires 30-40% less space compared to that needed for a traditional plant of equal production capacity. The “Continuous Modular Grinding” system represents an evolution in the world of traditional continuous grinding equipment. In addition to retaining all the advantages described above, this system brings a series of new and important benefits. It allows users to independently manage each individual module, adjusting these to obtain the optimal rotation speed with regard to the specific phase of grinding to which the module is dedicated. This in turn optimises the load of the grinding bodies and the type of internal mill lining profile. The optimisation of these key parameters improves grinding efficacy in each phase cycle. Efficiency and consequently production increase with a reduction in the specific consumption of electrical energy used for the grinding process. With the “Continuous Modular Grinding” system, improvements in production of between 10 and 15% can be achieved, compared to a traditional solution with equal total required volume, depending on the number of modules that make up the “set”. Some of the available versions bypass the first module, allowing production to go ahead even when the machine is stopped for maintenance. A number of additional benefits are provided along with

the key advantages outlined above: from easier transport and installation, use and maintenance (due to the relatively small size of the individual modules) to the remarkable flexibility with the possibility to expand with additional modules, not to mention the optimal management of the spare parts warehouse (for example, the much smaller motors and gear-motors compared to traditional continuous grinding equipment for operations of equal total required volume). The control stations and the additional sieving and deferrisation processes serve to complete and enhance the grinding system. The sieves are of circular cross-section type and are arranged in groups according to production capacity. They enable recovery of waste directly within the grinding process, and combine high efficiency and durability. The deferrisation process eliminates most of the iron present in the slip and can be performed either manually, using a bar deferriser which requires periodic maintenance, or automatically, using a self-cleaning deferrisation roller. Finally, the slip is stored in large tanks and kept in motion by means of blade type mixers, prior to being directed towards the appropriate service tank, it is fed to the sprayer. Finally, SITI - B&T Group produce an extensive range of spray driers, offering up to 25,000 Lt/h of evaporated water in production capacity, and equipped according to the various automation requirements. Variable displacement pumps are used to control the pressure and flow of the slip in fully automatic cycles. The spray driers are equipped with air flow gas burners, diesel oil burners or post-gas burners, to be used when hot air from a co-generation plant is being used. For porcelain tile production spray driers are equipped with a continuous slip colouring system, controlled by flow and density meters in order to obtain coloured bodies. The spray dried material is finally transported on conveyor belts within the storage silos, ready to be used in the presses.

alla diminuzione della quantità di acqua necessaria per la macinazione dell’impasto (la viscosità della barbottina allo scarico scende infatti a valori minimi a causa delle maggiori temperature raggiunte nel processo continuo), sia al minor gradiente termico in relazione alla successiva fase di atomizzazione. • Maggior produttività, efficienza e automazione di reparto, con l’eliminazione delle fasi manuali e il controllo centralizzato dei parametri di gestione. È inoltre possibile selezionare i corpi macinanti per dimensioni e peso specifico in relazione allo stadio in cui devono lavorare. • A parità di produzione, sensibile riduzione del personale addetto. • Space saving: un impianto di macinazione con mulino continuo richiede spazi inferiori del 30-40% rispetto a quanto previsto per un impianto tradizionale di pari capacità produttiva. La “Macinazione Continua Modulare” è un’evoluzione della macinazione continua tradizionale. Pur mantenendone tutti i pregi sopra descritti, aggiunge una serie di vantaggi di grande rilievo; è infatti possibile gestire indipendentemente ogni singolo modulo, regolare e ottenere per ognuno di essi la velocità di rotazione ottimale per la fase di macinazione specifica alla quale il modulo è dedicato, ottimizzare la carica dei corpi macinanti e il tipo di profilo del rivestimento interno del mulino. L’ottimizzazione di questi parametri fondamentali migliora l’efficacia macinante nelle fasi in cui viene scomposto il ciclo. Il risultato è un miglioramento dell’efficienza e, di conseguenza, un aumento della produzione con una riduzione del consumo specifico di energia elettrica di macinazione. Con la “Macinazione Continua Modulare”, si ottengono miglioramenti produttivi oscillanti fra il 10 e il 15%, rispetto ad una soluzione tradizionale di pari volumetria, in funzione del numero di moduli componenti la “batteria”. Fra le versioni proposte, alcune ammettono la possibilità di bypassare il primo modulo, consentendo di produrre anche in condizioni di fermo macchina per manutenzione. Ai suddetti vantaggi

primari, si affiancano una serie di vantaggi complementari: si va dalla migliore gestibilità di trasporto, montaggio, impiego e manutenzione, riferite alle relativamente contenute dimensioni dei singoli moduli, alla notevole flessibilità correlata alla possibilità di espansione con moduli aggiuntivi, per non parlare dell’ottimizzazione nella gestione del magazzino ricambi (vedere ad esempio taglie motori e motoriduttori decisamente contenute rispetto a macinazione continua tradizionale di pari volumetria). Il sistema di macinazione si completa con le stazioni di controllo e di processo accessorio di setacciatura e deferrizzazione. I setacci, disposti in batteria in funzione della capacità produttiva e con la possibilità di recuperare gli scarti direttamente in macinazione, sono del tipo a sezione circolare a elevata efficienza e durata. La deferrizzazione consente di eliminare la maggior parte del ferro presente nella barbottina e può essere di tipo manuale, utilizzando un deferrizzatore a barre che necessita di manutenzione periodica, o automatica, utilizzando un deferrizzatore a rulli autopulente. La barbottina viene infine stoccata in vasche di grandi dimensioni e tenuta in movimento per mezzo di agitatori a pale; previo indirizzamento alla vasca di servizio preposta, viene quindi alimentata all’atomizzatore. SITI - B&T Group produce infine una vasta gamma di atomizzatori, fino a una capacità produttiva di 25.000 lt/h di acqua evaporata, equipaggiati secondo diversi livelli di automazione. L’utilizzo di pompe a portata variabile consente il controllo della pressione e della portata della barbottina in ciclo totalmente automatico. Gli atomizzatori sono dotati di bruciatori a gas in vena d’aria, bruciatori a gasolio o con postcombustori a gas nel caso in cui venga sfruttata l’aria calda di un impianto di cogenerazione. Nel caso di produzione di gres porcellanato, gli atomizzatori sono dotati di un sistema di colorazione barbottina in continuo, controllato da misuratori di portata e densità per ottenere impasti colorati. L’atomizzato viene infine condotto con nastri trasportatori all’interno di sili di stoccaggio, pronto per essere utilizzato alle presse.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 1 0 4 / 2 0 1 3

119


focus on raw materials SACMI The most technologically advanced solution for the modernisation and expansion of existing grinding departments was presented by Sacmi at the last edition of Tecnargilla: this is the new range of RMC micro-sphere refiner mill, designed by the Imola-based Sacmi group for the wet refinement of ceramic materials. Thanks to an outstanding power/ volume ratio that reduces both overall dimensions and weight, the new RMC mills can easily be introduced into existing grinding plants, boosting output while lowering energy consumption. On this new mill, special micro-sphere and centrifugal media rotation technology gives users energy savings of 30% compared to refinement in traditional drum-type ball mills. The use of small grinding media also provides a high number of contact points and the centrifugal force exerted by the high rotation rates ensures that even the hardest materials are refined. On the technical side, the new RMC mill has a static grinding chamber with an internal antiwear lining to prevent product contamination. A stainless steel discharge filter with an appropriately sized clearance prevents the load from coming out and maximises through-rates. Made of quenched and tempered steel, the agitator shaft is fully lined in polyurethane and features discs designed to maximise grinding efficiency. The axial-pin centrifugal separator is firmly attached to the agitator shaft to separate grinding media from product at the filter

outlet. All mechanical components have been sized to minimise machine downtimes; parts subject to wear can easily be removed and the grinding cylinder is fitted on wheels and rails to make maintenance easier. All RMC mills are also equipped with an inverter to vary shaft rotation speed and adapt working conditions to the specifications of each individual product. Lastly, since installation of the RMC requires no costly, spaceoccupying foundation work, additional costs associated with civil engineering works are drastically reduced.

All’ultima edizione di Tecnargilla, Sacmi ha presentato la nuova gamma di mulini raffinatori a microsfere RMC, progettata per la raffinazione a umido di materiali ceramici, la soluzione tecnologicamente più avanzata per ammodernare e ampliare gli impianti di macinazione esistenti. I nuovi mulini RMC, grazie a un rapporto potenza/volume molto elevato che ne riduce gli ingombri e i pesi, possono essere installati a integrazione di un impianto di macinazione esistente, con un conseguente aumento di produzione a consumo energetico inferiore. La particolare tecnologia di macinazione a microsfere e rotazione centrifuga della carica consente infatti di raggiungere, con il nuovo mulino attritore, una riduzione dei consumi del 30% rispetto alla raffinazione effettuata con i tradizionali mulini cilindrici a sfere. L’utilizzo di corpi macinanti di piccole dimensioni garantisce inoltre un elevato numero di punti di

contatto e la spinta centrifuga, data dall’elevata velocità di rotazione, consente la raffinazione anche dei materiali più duri. A livello di caratteristiche tecniche, il nuovo mulino RMC presenta una camera di macinazione statica con rivestimento interno in materiali antiusura per evitare la contaminazione del prodotto. Il filtro di scarico è in acciaio inox con luce di passaggio opportunamente dimensionata per evitare l’uscita della carica e permettere la massima velocità di attraversamento. L’albero agitatore viene realizzato in acciaio bonificato, completamente rivestito in poliuretano e dotato di dischi studiati per garantire la massima efficienza di macinazione. Il separatore centrifugo a pioli assiali è montato solidalmente all’albero agitatore, per creare una separazione della carica macinante dal prodotto in uscita dal filtro. Tutti i componenti meccanici sono poi dimensionati per ridurre al minimo i fermi macchina, mentre le parti di usura sono facilmente smontabili e il cilindro di macinazione è montato su ruote e binari per facilitare la manutenzione. Tutti gli RMC sono inoltre equipaggiati con inverter per variare la velocità di rotazione dell’albero e adattare le condizioni di lavoro alle caratteristiche di ogni prodotto. Infine, poiché l’installazione di un RMC non richiede la preparazione di costose e ingombranti fondazioni, si riducono drasticamente i costi aggiuntivi per opere civili.

generated from the powder contains very fine particulates which create a potential hazard for workers, since the epithelial tissue in the lungs cannot keep out all of the particles, some of which wind up in the pulmonary alveoli. Dorvalit® PMK is Dorfner’s latestgeneration quartz powder, and it represents a milestone in powder handling. The low-dust Dorvalit®

La riduzione delle polveri sottili è tra gli obiettivi di politica ambientale in molti Paesi. Raccogliendo la sfida posta dal problema, Dorfner ha sviluppato un nuovo prodotto, Dorvalit® PMK, in grado di ridurre al minimo le emissioni di polveri sottili nell’utilizzo di quarzi macinati, ingrediente impiegato in molti settori industriali e indispensabile nella formulazione di composti per gli

smalti ceramici. Le polveri sottili generate durante le lavorazioni creano un pericolo potenziale per i lavoratori in quanto, qualora respirate, i tessuti epiteliali dei polmoni non riescono ad espellerle e rimangono intrappolate negli alveoli polmonari. Dorvalit® PMK, l’ultimo nato dai laboratori Dorfner nella gamma di quarzi macinati, è un quarzo micronizzato “low-dust” che ga-

DORFNER The reduction of fine particulates is a declared goal of environmental policy in many countries. Dorfner has taken up the challenge and has developed the new Dorvalit® PMK brand quartz powders, capable to minimize fine particulate emissions. Quartz powder is used in many industries and is an indispensable constituent in glaze composto formulation. The dust

120

Cera mic W orl d Review n. 104 / 2013


PMK quartz powders enhance occupational safety and also make it much easier for the user to handle these products. Without affecting particle size distribution, an ultra-thin polymer additive coating prevents Dorvalit® PMK quartz powders from becoming suspended in the air and generating dust. Extensive testing has shown that the coating has no influence on the application. Dorvalit® PMK quartz powders are fully compatible with all commonly used polymer bonding agents and the other constituents of the formulations used by our customers. Pictured: Comparison of dust emission of quartz powders. Stand-

ard quartz powder (left) and Dorvalit® PMK without dust (right). The Dorfner brand is represented in Italy by David snc Minerals.

rantisce la sicurezza del lavoratore e rende più agevole la manipolazione di questi prodotti, senza modificare la curva granu-

lometrica. Grazie all’utilizzo di un additivo polimerico ultrafine, previene la sospensione in aria delle polveri nella frazione respirabile. Numerosi test e verifiche hanno dimostrato che il coating non ha effetti negativi sulle proprietà applicative. I micronizzati di quarzo sono perfettamente compatibili con le comuni formulazioni usate dalle industrie ceramiche. Nelle foto, il confronto tra polvere standard di quarzo (a sinistra) e DORVALIT® PMK (a destra). In Italia il marchio Dorfner è rappresentato in esclusiva da David snc Minerals.

ADVERTISING


focus on raw materials HITO TECHNICAL INDUSTRIES After achieving main targets such as sales and presence in more than 35 countries, total end-users satisfaction due to the excellent quality/price ratio, etc... (see CWR No. 99/2012), Hito’s main concern is to continue improving and growing, at the same points, and in some other aspects, as well, in order to reach both different kind of end users and industrial sectors. During the year 2013 important results were achieved, such as: • The improvement of the alumina grinding media quality to get lower wear rates, during the milling process, and already verified by customers, and the improvement of the formula through new researches and developments, which have made Hito’s product more competitive; • The use of new energies which have made the kilns more efficient; • The launch of new product ranges such as: Micro spheres HITO - ZH; Tabular Alumina Products; HITO - Tabular; “Chemical” Alumina Balls, HT - 99; “Ceramic Proppants, HITO “LightWeight”. Moreover, a new updated, more dynamic and interactive

website is under construction and will be available very soon. In 2013 HITO has enlarged the professional network of agents and distributors, like in the USA, who maintain constant communication with customers, offering a good service and information (shipments, documents, etc.) in constant contact with the Spanish head office. At the Spanish headquarters in Barcelona a new laboratory with latest technology and modern equipment has been installed, allowing for the ongoing R&D activity and also for the improvement of the quality control tests. Hito’s primary focus is on quality, service, technical advice, skills and expertise, qualities that the company intends to continue to improve through investments in the future. Thanks to this philosophy, the company is now one of the leaders in the grinding media sector.

Dopo aver raggiunto importanti risultati di vendita e di presenza commerciale in oltre 35 Paesi, grazie all’ottimo rapporto qualità/ prezzo in grado di soddisfare le esigenze della clientela (vedi CWR N. 99/2012), ora il principale obiettivo di Hito è di consolidare la crescita attraverso il continuo miglioramento negli stessi ambiti e in nuovi aspetti dell’attività aziendale, al fine di raggiungere sia nuovi potenziali clienti che diversi settori industriali. Nel corso del 2013, i più importanti traguardi raggiunti riguardano: • Il miglioramento della qualità dei mezzi macinanti in allumina finalizzato ad un minore grado di usura in fase di macinazione (già testato e verificato presso i clienti) e il miglioramento delle formule attraverso nuove ricerche e sviluppi che hanno reso il prodotto Hito più competitivo; • L’uso di nuove fonti energetiche che

hanno reso i forni più efficienti; • Il lancio di nuove gamme tra cui: le microsphere HITO-ZH, i prodotti Tabular Alumina, la gamma HITO - Tabular, le sfere di allumina “Chemical” HT - 99, la gamma Ceramic Proppants, e la HITO “LightWeight”. È inoltre in costruzione il nuovo sito web, più aggiornato, dinamico e interattivo, che sarà disponibile a breve. Nel 2013 Hito ha ampliato anche la sua rete di agenti e distributori. Negli Stati Uniti, ad esempio, la sede mantiene relazioni costanti con la clientela e fornisce un buon servizio di supporto e informazioni (spedizioni, documenti, ecc.) in contatto costante con la sede centrale in Spagna. Presso la sede di Barcellona è stato installato un nuovo laboratorio dotato della più avanzata tecnologia e attrezzature moderne, che consente un’incessante attività di R&D e il miglioramento dei test di qualità sul prodotto. Mission di Hito sono la qualità, il servizio, la consulenza tecnica, la professionalità e l’esperienza, qualità che intende continuare a migliorare attraverso nuovi investimenti futuri. Grazie a questa filosofia, Hito è oggi tra i leader nel segmento dei mezzi macinanti.

through casting in the ceramic sanitaryware field. The machine has been developed on the basis of high productivity requirement for plaster moulds, by

SE.TE.C 500/3000 è una macchina adatta alla miscelazione del gesso in polvere e alla produzione sotto vuoto della miscela acqua-gesso, utilizzata per la produzione degli

stampi per sanitari mediante colaggio. Sviluppata per rispondere a esigenze di elevata produttività degli stampi in gesso, la soluzione è implementata con sistemi auto-

SE.TE.C SE.TE.C 500/3000 type is a machine suitable for the production of water/plaster mixture under vacuum, used for the production of plaster moulds

122

Cera mic W orl d Review n. 104 / 2013


adopting as much as possible automation to allow big flow rate gypsum production with maximum dosing reliability. The plaster plant is composed of: • Material storage group • Dosing plaster group • Containers transport unit • Mixing/de-airing unit • Electric plant with switchboard for general command.

Technical Characteristics - Caratteristiche tecniche Total electrical installed power - Potenza elettrica totale installata

18 kW

Container capacity - Capacità container

250 kg / 400 kg.

Max. production for each H2O/plaster mixture cycle Capacità massima per ogni ciclo di produzione acqua/gesso

300 kg.

Approx. theoretical production per hour - Produz- teorica approx. oraria

2000 Kg/h

Recommended H2O/plaster mixture in weight Miscela acqua/gesso raccomandata in peso

58-60% plâtre - gesso

Approx. specific weight of the H2O/plaster mixture Peso specifico approx. della miscela acqua/gesso

40-42% H2O

1,50 Kg/dm3

matici volti a garantire un’elevata produzione di gesso, a fronte della massima affidabilità di dosaggio. L’impianto è composto da: • Gruppo di stoccaggio materiale • Gruppo dosatore gesso • Unità trasporto container • Unità miscelazione-deareazione • Impianto elettrico con pannello di comando generale.

XIETA INTERNATIONAL Xieta International S.L. is a group of people with more than 30 years experience in the alumina grinding media field for the ceramic, concrete and raw materials industries. Founded under the experience and technical expertise of the Spanish pioneers of production and distribution of alumina balls and linings, the main focuses of Xieta International S.L. have always been internationalization and high and constant quality. Nowadays, the company keeps working with the same philosophy and has adapted the company to these changing times we are living today. However, instead of being afraid of any challenge, Xieta has bet harder for its main values: service and quality. For all these reasons, it just inaugurated in December 2013 the expansion of the Head Offices in Barcelona city center in order to give space to the increasing staff. Moreover, just few months ago Xieta bought a new warehouse of 2.000 sqm, near to the main warehouse in Barcelona. Therefore, from the two warehouses in Barcelona and the one in Onda (Castellón), with a global stock capacity of more than 3.000 tons, Xieta is bigger than ever now and it is able to offer to customers from 40 differ-

ent countries worldwide, an immediate delivery of all different density balls and sizes. The company also has a wide stock of alumina bricks and with its highly experienced team of installers and a technical service staff, it is able to advice customers about the best technical issues in order to optimize their grinding process as much as possible. That’s why Xieta International products are “the excellence adapted to your needs”. Finally, thanks to the constant investments in R&D, Xieta will dispose in the close future of a high tech laboratory where it will constantly analyze the products and develop new ones in order to be present in any industries which uses alumina in their production process. Xieta International is nowadays a forefront company in the technical ceramics world and the main aim is to keep growing besides its customers, helping them in any of their grinding media issues.

Xieta International S.L. è composta da un gruppo di professionisti con oltre 30 anni di esperienza nel settore dei mezzi macinanti in allumina per l’industria ceramica, del cemento e dell’estrazione di materie prime. Le sue basi poggiano sull’esperienza e la professionalità dei pionieri, in Spagna, nella produzione e distribuzione di sfere e rivestimenti di allumina. Da sempre Xieta International ha puntato sull’internazionalizzazione e sull’alta e costante qualità dei prodotti. Oggi, fedele a questa filosofia, l’azienda si è adattata alle mutate condizioni di mercato e, lungi dall’abbandonare la sfida, ha scommesso ulteriormente sui suoi valori fondanti: servizio e qualità. In linea con tale obiettivo, in dicembre è stata inaugurata l’espansione della sede centrale di Barcellona, ampliata per ospitare uno staff in crescita. Qualche mese fa, inoltre, è stato acquistato un nuovo magazzino di 2000 mq,

vicino a quello principale, così che i due magazzini di Barcellona e quello di Onda (Castellón) raggiungono ora una capacità complessiva di stock superiore alle 3.000 tonnellate e sono in grado di garantire una consegna immediata di tutta la gamma di sfere ad alta densità nei vari formati ad una clientela sparsa su 40 diversi Paesi. Xieta dispone anche di un ampio stock di mattoni in allumina. Lo staff di installatori e tecnici altamente qualificato è in grado di supportare i clienti sulle migliori soluzioni tecniche capaci di ottimizzare il processo di macinazione. Per questo la gamma Xieta International è presentata con lo slogan “l’eccellenza adattata alle vostre esigenze”. Infine, grazie ai continui investimenti in R&D, Xieta disporrà nel prossimo futuro di un laboratorio high tech, dove si potranno analizzare in maniera costante i prodotti in gamma e svilupparne di nuovi, adatti ad ogni settore industriale che impieghi allumina nei propri processi produttivi. Xieta International è oggi un’azienda all’avanguardia nel settore della ceramica tecnica: l’obiettivo è continuare a crescere insieme ai clienti, aiutandoli a risolvere ogni problematica legata ai corpi macinanti.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 1 0 4 / 2 0 1 3

123


focus on raw materials BORREGAARD

Wall tile

30 kg/cm2

Floor tile

40 kg/cm

Slim

45 kg/cm2

0,05

0,1

0,15

0,2

With BioKeram

2

Breakage

0

Without BioKeram

2%

0,25

0,3

0,35

Wall Tile  

60

45 kg/cm2

0,30 %

2

5540 kg/cm

0,60 %

8030 kg/cm2

1,00 %

50

%Dry MOR  Increase    120          100        

20

0-0,05 %

0,4

10 0  

0,45

80          60        

% BioKeram  

0,05

0,1

0,15

0,2

0,25

0,3

% BioKeram  

0,35

0,4

0,45

109        

40          20        

0

duzione dell’assorbimento d’acqua, consentendo di raggiungere un assorbimento dello 0,000% con un’aggiunta pari allo 0,6%. Per i campioni non trattati, i valori originali di riferimento erano dello 0,043%. Al fine di ridurre i costi delle materie prime, si è testata la possibilità di sostituire l’argilla ucraina con argille turche, che sono state giudicate idonee perché, aggiungendovi BioKeram, è possibile recuperare alcune delle proprietà altrimenti perdute nel cambio, quali plasticità e lavorabilità dell’impasto dopo la fase di pressatura. Naturalmente il colore bianco del prodotto finale dipende dalle materie prime impiegate nella formulazione dell’impasto, senza peraltro essere minimamente influenzato dall’aggiunta di BioKeram che, pur garantendo un sensibile aumento dell’efficienza del prodotto, è necessario in quantità ridotta. Di seguito le conclusioni dello studio del SAM: • I valori della resistenza a secco sono aumentati del 20-40% per gli impasti da gres porcellanato e del 30-50% per quelli da rivestiPorcelain Tile  all’aggiunta di Biomento, grazie Keram. Se aggiunto in una certa quantità, BioKeram riduce la viscosità; questa, tuttavia, aumenta se BioKeram è aggiunto in quantità maggiori, comportandosi in modo analogo ai deflocculanti industriali utilizzati nell’industria 0,1   0,15   0,2   0,25   0,3   0,35   0,4   0,45   ceramica. %  BioKeram   • Alcune proprietà tecnologiche degliWall   impasti Tile   cotti (gres porcellanato e rivestimento) preparati con l’aggiunta di BioKeram sono simili alle proprietà degli impasti standard. Le proprietà tecnologiche degli impasti preparati senza l’argilla ucraina, con e senza l’aggiunta di BioKeram, sono state 0,1  giudicate 0,15   0,2   altrettanto 0,25   0,3   0,35   0,4   0,45   simili. %  BioKeram   • In conclusione, BioKeram è stato

Dosage

% MOR  Increase  

450 400   350   300   250   200   150   100   50   0  

Mechnical Porcelain Tile   strength

Viscosity (s  -­‐  DIN4  Ford  Cup)  

Viscosity (cps)  

Viscosity (cps)  

Viscosity (s  -­‐  DIN4  Ford  Cup)  

Viscosity (cps)  

Negli ultimi mesi, Borregaard ha During last months, Borregaard were 0.043% for the non-treated proseguito il lavoro di R&S finahas continued with its R&D work samples. In order to allow a biglizzato all’ulteriore miglioramenin order to improve BioKeram ger reduction in raw materials’ to delle caratteristiche di BioKeperformance. Biopolymer opti- costs, Ukrainian clay replaceram. Grazie alla loro origine mization is key in this applica- ment was also tested, showing naturale, l’ottimizzazione dei tion field, as many other raw that they can be replaced by biopolimeri è strategica in quematerials’ specifications and local Turkish clays, while getting sto campo di applicazione, poicompositions are quite unsta- some of its properties back ché la composizione e le proprieble, due to its natural sourcing. when using BioKeram, at least tà di molte altre materie prime Being able to minimize its im- concerning plasticity and workrisultano piuttosto instabili. Una pact on the final product per- ability after pressing stage in the delle sfide principali nel campo formance is one of the main production line. Of course, delle applicazioni ceramiche è challenges on the ceramics ap- whiteness of the final product quella di riuscire a minimizzare plication field. Recently, Borre- will depend on the raw materil’impatto dei biopolimeri sull’efgaard has got another good als used in the formula, not beficienza del prodotto finale. Di performance confirmation, ing affected by the presence of recente, è giunta dal SAM, il Cenbased on SAM - Ceramic Re- BioKeram, due to low addition tro di Ricerca Ceramica turco, search Center INC, from Turkey. rates required to get a noticeaun’altra conferma dell’efficienza They have verified BioKeram ble performance increase. The di BioKeram, quando aggiunto performance when using it into conclusions of the study were: alla formulazione dell’impasto wall tile & porcelain tile formula- • Dried strength values were inper piastrelle da rivestimento e tions. First of all, viscosity study creased 20-40% for porcelain gres porcellanato. In primo luoshowed its performance into tile body and 30-50% for wall go, grazie al comportamento reoboth porcelain and wall tile fortile body with the addition of logico di BioKeram, i test sulla vimulations, due to its dispersant BioKeram. BioKeram was scosità hanno dimostrato la sua like behavior, with a more enfound to decrease the viscosefficacia sia nella formulazione di hanced effect in the porcelain ity until a point; but, then visimpasti per piastrelle da rivestitile formulation. When it comes cosity was increased by its furmento che in quelli per gres porto Dry MOR, performance was ther addition, similar to cellanato, con risultati addirittura even more outstanding. Graphs industrial deflocculants pracmigliori nel secondo caso. Per show how effective BioKeram is ticed in ceramic industry. quanto riguarda i valori del carico when used into wall tile or por- • Investigated technological 450 secdi rottura (CDR) dell’impasto celain tile formulations. BioKerproperties of the fired bodies 400   co, l’efficienza è ancora più soram introduction in the formula is (porcelain and wall tile) pre350   300   prendente. I grafici mostrano leading to values well above pared with BioKeram addition 250   l’efficacia di BioKeram impiegato 50% MOR increase, being outwere similar to the properties 200   nella formulazione di impasti da 150   standing performance the one of the standard bodies. The 100   rivestimento e da gres porcellafound when exceeding 0.5% technological properties of 50   nato. L’introduzione di BioKeram dosage into porcelain tile for0   the bodies prepared without 0   0,05   nella formulazione dell’impasto mulations, achieving more than Ukrainian clay with and withporta ad incrementi di oltre il 100% MOR increase. BioKeram out the addition of BioKeram addition was also driving to lowwere determined to be similar Porcelain  T50% ile   dei valori CDR, anche se il miglior risultato si ottiene ager water absorption rates, alas well. 450   60   400   BioKeram was giungendo all’impasto da gres lowing achieving 0.000% with • To sum up, 50   350   porcellanato un 40  dosag0.6% ad300   250   gio superiore dello 0,5% dition 30   200   che porta a valori CDR rate. 150   20   100   superiori di oltre10  il 100% Original 50   rispetto alla norma. refer0   0   0   0,05   0,1   0,15   0,2   0,25   0,3   0,35   0,4   0,45   di BioKeram 0   0,05   L’aggiunta ence Green efficiency for ceramic applications %  BioKeram   comporta anche una rivalues

-­‐            

24          31         0,2  

40          37         0,4  

56        

Porcelain Tile   Wall  Tile  

0,6

% BioKeram  

%Dry MOR  Increase  

60

124

120        

50 40  

Cera mic W orl d Review n. 104 / 2013

100         rease  

4 Ford  Cup)  

Wall Tile  

80        


ADVERTISING

found to be very effective in increasing dry strength of the investigated ceramic tile formulations. This will allow the producers to use less plastic clays rather than expensive imported counterparts. Borregaard continues its investments and new developments within the BioKeram range to extend it and to give a better performance in ceramics applications.

giudicato molto efficace nell’accrescere la resistenza a secco degli impasti ceramici esaminati. Tale risultato consentirà ai produttori di usare meno argille plastiche, piuttosto che materie prime importate più costose. Borregaard continua a investire e a ricercare nuove strade di sviluppo per la gamma BioKeram, allo scopo di ampliarla e ottenere risultati sempre migliori nelle applicazioni ceramiche.

CLAY

CHAMOTTE

REMIX - CBC GROUP Remix, the bleach and ceramic glaze compound supplier, was established in 2009 and is part of the CBC Group inlcuding also I.M.A.F (specializing in mineral grinding) and CBC, supplier of raw materials and ceramic bodies. The CBC Group has established itself as one of the leading companies in its field, thanks to the high level of professionalism and the synergy among the participant companies which can provide exclusive products, both finished and semi-finished, and offer a bespoke service to both Italian and international clients. Operating from 4 different sites across the Modenese ceramics district, the Group has access to grinding and composting facilities enabling it to prepare and supply very quickly the required products in liquid or spray form, according to the specific production requirements. Within the field of bleaches and glaze compounds, Remix has built its company philosophy upon a commitment to constant technical product research, a trait which has led to the company becoming one of the world leaders in its sector. Bleach - one of the most important products in the range, and produced using synthetic elements - was developed to replace zirconium silicate and is available for use with porcelain tiles, glazes and digital inks. Remix bleach is cheaper and more stably priced than zirconium silicate; its use also avoids the problems associated with radioactivity regulations in force in some countries. For best results in terms of efficacy, the bleach should be used in the same ratio as zirconium silicate, replacing it completely without altering the end result. To ensure maximum versatility, Remix has produced three categories of bleach: for ceramic bodies (completely nonradioactive), for engobes and for ceramic glaze. The latest innovation developed as a result of Remix’s research is a bleach for use in the production of sanitaryware.

Nata nel 2009, Remix, fornitore di sbiancanti e composti da smalto ceramico, è parte del Gruppo CBC a cui fanno capo anche I.M.A.F (specializzata nella macinazione di minerali) e la stessa CBC, fornitrice di materie prime e impasti ceramici. Ad oggi il Gruppo CBC rappresenta una delle realtà più interessanti sul mercato, grazie all’alta professionalità e alle sinergie tra le diverse società, in grado di fornire prodotti selezionati, prodotto finito o semilavorato, e garantire un servizio personalizzato alla clientela italiana ed estera. Il gruppo, che opera con 4 diversi stabilimenti dislocati nel distretto ceramico modenese, dispone di impianti per la macinazione e il compostaggio in grado di preparare e fornire il prodotto richiesto, in forma liquida o atomizzato, in base alle specifiche esigenze produttive e con tempi di consegna molto rapidi. Nel segmento degli sbiancanti e composti da smalto, Remix ha fatto della costante ricerca tecnica sul prodotto la propria filosofia aziendale, che l’ha portata ad essere oggi una delle realtà leader sul mercato. Tra i prodotti più importanti in gamma, lo sbiancante, composto con elementi sintetici, è stato sviluppato per sostituire il silicato di zirconio ed è disponibile per porcellanato tecnico, smalti e inchiostri digitali. Rispetto al silicato di zirconio, lo sbiancante Remix è più economico e stabile nelle quotazioni, oltre a risolvere eventuali problemi legati alle normative sulla radioattività vigenti in alcuni Paesi. Per ottenere la massima efficacia, lo sbiancante è utilizzato nello stesso rapporto del silicato di zirconio, sostituendolo totalmente, senza variare il risultato tecnico finale. Per consentire la massima versatilità di impiego, Remix ha studiato tre famiglie di sbiancanti: da impasto ceramico (completamente non radioattivo), da engobbio, da smalto ceramico. L’ultima novità frutto della ricerca Remix è lo sbiancante per la produzione di sanitari.

FELDSPAR

SOAPSTONE

CERAMIC BODIES

Quality made to measure

Adolf Gottfried Tonwerke GmbH Gottfried Feldspat GmbH Tonwerkstraße 3 D-96269 Großheirath Phone: +49 9565 797 0 E-Mail: info@gottfried.de

www.gottfried.de


ADVERTISING

CMF TECHNOLOGY

Quartz Powder with minimized dust formation Standard quartz powder

DORVALIT® PMK

www.dorfner.com

David snc - Minerali per l’industria MIRANDOLA - ITALY info@davidsnc.it - www.davidsnc.it

Thanks to the experience acquired in the engineering and fabrication of weighing and batching plants (Tech Towers, dry colouring plants, weighing and batching plants for raw materials, etc…), CMF Technology is proud to introduce Quicktile, the new powerful supervisor unit dedicated to the control and management of the automatic plants for body preparation. Quicktile is the plant guardian and manager, a powerful supervision software managing control and interface with the entire plant. Complete with pages for synoptic displaying, setting recipes, parameters, control indicators, information on current production and past production logs, Quicktile is supplied with a vast number of utilities including consumption control for the various components (clays, feldspars, etc.), a system log acting as a sort of black box memorising all the operations performed by the system, differentiated level access protected by passwords and a remote-assistance via Internet. Quicktile is a product specially designed by CMF Technology and it may be customised and supplied with accessories to satisfy different customer and plant requirements. Thanks to the advanced solutions offered by Quicktile supervisor and the extreme weighing accuracy of the CMF Technology equipments, American Marazzi Tiles and SCG Thailand have recently reconfirmed CMF Technology as supplier of their plants.

Grazie all’esperienza maturata nella progettazione e costruzione di impianti automatici di dosaggio e pesatura (Tech Towers, impianti di colorazione a secco, impianti di pesatura e dosaggio materie prime, ecc…), CMF Technology presenta Quicktile, la nuova potente unità di supervisione di controllo e comando degli impianti automatici di preparazione e gestione delle miscele di materie prime. Quicktile opera come un vero e proprio regista e guardiano dell’impianto. Completo di pagine di visualizzazione grafica del sinottico, impostazione ricette, parametri, indicatori di controllo, informazioni riguardo le produzioni in corso e storico di consultazione delle produzioni effettuate, Quicktile è accessoriato di un vasto numero di utilities tra cui: il controllo dei consumi per i vari componenti (argille, feldspati, ecc… ), lo storico di sistema che, come una sorta di scatola nera, memorizza tutte le operazioni compiute dall’impianto, gli accessi tramite password a livelli differenziati e l’opzione di tele-assistenza via internet. Quicktile è un prodotto dedicato e appositamente progettato da CMF Technology e, a seconda delle caratteristiche dell’impianto e delle esigenze del cliente, può essere di volta in volta personalizzato ed accessoriato. Grazie alle avanzate soluzioni e utilities offerte dal supervisore Quicktile e l’estrema precisione di dosaggio dalle attrezzature di CMF Technology, American Marazzi Tiles e SCG Thailand hanno recentemente riconfermato CMF Technology come fornitore dei loro impianti.


RUSSIA’S LEADING BUILDING & INTERIORS EXHIBITION ARCHITECTURE • CONSTRUCTION • DESIGN • DÉCOR

MosBuild

CERSANEX

Ceramics • Stone • Bathrooms • Sanitary Equipment

April 15 − 18 2014

Moscow Expocentre Fairgrounds

• • • • • •

Ceramica Bathrooms Plumbing & Pipes Technoceramica Stonex Pool. Sauna. SPA

www.mosbuild.com

e3

Energy Efficiency Environment


3,300

patents

1,100

3,500

80

researchers and technicians installed plants branches worldwide

If we hadnâ&#x20AC;&#x2122;t gone so far, we wouldnâ&#x20AC;&#x2122;t be so near. Your future, seen from near

Ceramic World Review 104/2013  

In this issue: Focus on Sanitaryware & Raw Materials · Seramiksan: unique in the world of sanitaryware · "Digital material" comes to ceramic...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you