Page 1

C eramic W orld R eview

technology news markets

n

FOCUS ON RAW MATERIALS

n

Green revolution in the pressing process

n

Rivoluzione verde in pressatura

ISSN 1121-0796


Unthinkable is only what you haven’t seen yet. We thought the unthinkable and made something absolutely revolutionary, ready to change the horizons of ceramics worldwide. Wanting to make the impossible possible – yet again! – we did it with our eyes focused on the future: growth, evolution, environment.

Now it’s your turn!

system-group.it


systemceramics.com


Ready to rewrite the history of digital performance. 400 dpi at 40 metres per minute 4 levels of grey Up to 80 picolitres per drop 6 colour bars Lineless


The new ceramic era begins where water wastage ends.

Dry milling, colouring and decoration for top-quality ceramic products Saving water and energy resources is one of the key targets that the ceramic industry must meet in order to achieve sustainable development. LB has responded to the challenge by developing industrial processes for the production of top-quality ceramics based on totally dry technologies. This new production concept not only improves working conditions but also achieves energy savings and lower production costs without sacrificing product quality. Suitable for floor and wall tiles, whether SINGLE-FIRING, DOUBLE-FIRING, MONOPOROSA or PORCELAIN TILE.

www.lb-technology.eu


Year 22, N° 99 November/December 2012 Bimonthly review

Cover picture by: archivio Tecnargilla

Anno 22, n° 99 Novembre/Dicembre 2012 Periodico bimestrale

contents sommarlo 9

editorial

12

14

world news

38 events 40 42 tecnargilla 46 statistics 50 interview 54 technology 58 60

Paola Giacomini

Focus on sustainability

Parola d’ordine: Sostenibilità A tribute to Filippo Marazzi La scomparsa di Filippo Marazzi

The first 50 years of Manfredini & Schianchi

I primi 50 anni di Manfredini & Schianchi Laticrete grows in India

Laticrete cresce in India Tecnargilla 2012: a window onto the world

Tecnargilla 2012: vetrina sul mondo Scenarios and trends in world building

Paola Giacomini

Scenari e trend dell’edilizia mondiale Bangladesh moves forward

Milena Bernardi

Il Bangladesh che avanza Green revolution in the pressing process

Andrea Gozzi

Rivoluzione verde nella pressatura Special inks for unique surfaces

Inchiostri speciali per superfici sempre più uniche Antibacterial and self-cleaning tiless

D.Fortuna, A.Fortuna, E.Martini

Piastrelle antibatteriche e autopulenti

focus on SANITARYWARE

64 66

Growth in world sanitaryware exports

Luca Baraldi

Export mondiale di sanitari in crescita Products

Prodotti

focus on RAW MATERIALS

76

Strategic raw materials for the ceramic industry

86

Dry preparation: quality and care for the environment

90

Products

106 products

7

Materie prime strategiche per l’industria ceramica

Preparazione a secco: qualità nel rispetto dell’ambiente

Icer’s Italian Ceramic Society Roberto Bonucchi

Prodotti

Traditional Glazing & Decoration

Smaltatura & Decorazione Tradizionale

advertisers’ list

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 9 9 / 20 12

3


ADVERTISING Publisher • Editore Administration and Editorial Office

Amministrazione e Redazione

Subscriptions •Abbonamenti www.tiledizioni.it/subscription Each copy • una copia € 4 Annual subscription (5 issues)

Abbonamento annuale (5 numeri)

TILE EDIZIONI S.r.l. Via Fossa Buracchione, 84 41126 Baggiovara (MO) - Italy Tel. +39 059 512103

Italy: € 50; International: €70; Online Version: €40; Special tariffs for group subscriptions are available on request.

Fax +39 059 512157 info@tiledizioni.it

Tariffe speciali per abbonamenti collettivi sono disponibili su richiesta.

Iscritto al registro delle imprese di Modena C.F./P.IVA IT02778050365 Capitale Sociale: € 51.400,00 R.E.A. 329775 - Iscrizione ROC n. 9673 Periodico bimestrale registrato presso il Tribunale di Reggio Emilia al n. 803 in data 26/07/91 Editor • Direttore responsabile Paola Giacomini

Spedizione in a.p. art. 1 comma 1 DL 353/2003 DCB MODENA L’IVA sugli abbonamenti, nonché sulla vendita dei fascicoli separati, è assolta dall’Editore ai sensi dell’art. 74 primo comma lettera C del DPR 26.10.72 N. 633 e successive modificazioni e integrazioni. Graphic Layout • Progetto Grafico

p.giacomini@tiledizioni.it

Sara Falsetti

Editorial coordinator

Printer • Stampa

Coordinamento editoriale

Arbe Industrie Grafiche spa, Via Emilia Ovest 1014 41123 Modena

Milena Bernardi

m.bernardi@tiledizioni.it Editorial Board • Comitato Editoriale

Luca Baraldi, Silvia Bertolani, Cristian Cassani, Patrizia Cazzaniga, Paolo Gambuli, Erminio Guiducci, Linda Petracca, Fabio Schianchi Advertising • Pubblicità

TILE EDIZIONI Tel. +39 059 512103 Fax +39 059 512157 Paola Giacomini Cell. +39 335 1864257 E-mail: p.giacomini@tiledizioni.it Elisa Verzelloni Cell. +39 338 5361966 E-mail: e.verzelloni@tiledizioni.it Translation • Traduzione

John Freeman (JF) - English Geoff Day (GD) - English Wei Bo (WB) - Chinese Elena Sourova (ES) - Russian

Photolits • Typesetting

Fotolito/Fotocomposizione Vaccari Zincografica srl - Via Salgari, 61 41123 Modena Entire contents copyright Tile Edizioni. All rights reserved. Opinions expressed by writers are not necessarly those held by the publisher who is not held responsible. Editorial material, manuscripts, photographs, transparencies and artwork will not be returned.

Tutti i diritti di riproduzione e traduzione degli articoli pubblicati sono riservati. È vietata la riproduzione anche parziale senza l’autorizzazione dell’Editore. Manoscritti, disegni, fotografie e altro materiale inviato in redazione, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La Direzione non assume responsabilità per le opinioni espresse dagli autori dei testi redazionali e pubblicitari.

Date of going to press • Chiuso in redazione: 10/12/12 TILE EDIZIONI S.r.l., in conformità al “Testo unico sulla privacy”, garantisce la riservatezza dei dati usati per gli abbonamenti e per gli scopi tipici della stampa specializzata e la possibilità di modificarli o cancellarli (art. 7 del D.L. 196/2003) a mezzo richiesta scritta.

Promoted by

Tile Edizioni also publishes:


http://www.

.it

MATERIALI CASA È IL NUOVO PORTALE DEDICATO ALLE FINITURE PER LA CASA IN INTERNO ED ESTERNO: materiali per l’edilizia ecosostenibile, risparmio energetico e riqualificazione; piscine ed arredi da giardino; materiali da pavimento e rivestimento; materiali per la posa ed il trattamento; porte, serramenti ed infissi; scale; caminetti e stufe; bagno e wellness; arredamento e cucine; illuminotecnica...

la nuova casa per progettisti, architetti, rivenditori, clienti finali

www.MaterialiCasa.it


Bmr 87 Cermicure by Ebi Ltd Colorobbia

69 17 - 45

Color Store

27

Coverings 73 Delarue 98 Esa Combustion

71

ADVERTISING

advertiser’ list

Ci siamo

App licati per Voi

Fritta 101 Future Ceramics

53

Geomix 99 Gottfried 102 IIEA 103 Imerys 83 Inco 25 Indian Ceramics

75

Inter Ser

29

Intesa 10-11 Kaltun 63 Kajaria 49 L.B. 1 Linn High Therm

107

Machines Italia in India

104-105

Manfredini & Schianchi

79

Materiali Casa

6

Mectiles Italia

35

Mosbuild 93 Nuova Era

19

Poppi Clementino

37

Remas 97 Revestir 95 Sacmi

IV cop

Sait 74 Saudi 67 Sertam, a company of BP Elettronica

111

Setec 109 Sibelco 81 Siti B&T Group System Stephan Schmidt Surfaces Technological Abrasives

2 - 21

keep

App -to-date with

II cop 85 112

Tecnografica 8 Torrecid Turkish Ceramic Federation

31 4

Unicera 5 Vidres Wanxing

33 III cop

Weflex 23 Weka 36 Xieta 15

for tablet and smartphone free download


TEchnoLogy IS noThIng wIThouT DESIgn

we are waiting for you at

5-8/02/2013

Feria Valencia (Spain)

design and digital technologies for a new concept of ceramic decoration.

Pavillion N3-P3 - Stand B57

Since 20 years Tecnografica has been thinking, running and working hard for ceramic tile industry. Thanks to its dreams, passion and great teamwork, Tecnografica is constantly creating and developing the design and the new techniques for the most modern ceramic technologies.

Italia Tecnografica S.p.A. Brasil Tecnografica Brasil

Espa単a Tecnografica Iberica Design S.L. India Tecnografica India Pvt. Ltd.

w w w.tecnogr af ica .net


mu LTi

ia med

A

Focus on sustainability

More contents on your tablet

Parola d’ordine: Sostenibilità In the ceramic and building materials industries – as well as the corresponding machinery manufacturing sectors – there is a growing tendency to innovate products and processes to achieve greater environmental sustainability and living comfort. In some cases this has already become a full-scale company mission. This trend was particularly evident at the recent trade fairs Cersaie and Tecnargilla. Most technological innovations presented at Tecnargilla were effectively green innovations designed to reduce consumption of energy, raw materials, water or other materials (kilns and dryers, innovative presses, milling plants, dry squaring lines and packaging machines are just a few examples) or to produce materials that in turn offer improved environmental performance. Amongst the ceramic trends seen at Cersaie, it was the innovative green materials that attracted the most attention in terms of both the number of proposals and their technological properties. These included surfaces designed to minimise environmental impact over their entire lifecycle and to improve living comfort, as well as tiles with selfcleaning, antibacterial, antipollutant, photocatalytic and photovoltaic properties that respond to the growing interest from professionals keen to combine aesthetics with eco-

friendly design. Some of the leading Italian companies in the sector most attentive to this new building approach included Casalgrande Padana with Bios Self Cleaning Ceramics, the line of porcelain tiles with selfcleaning, antibacterial and pollutant-reducing properties; Fincibec, which showcased its Antibact technology, applicable to any ceramic finish and capable of enormously increasing the sanitising effect of normal cleaning operations, its antibacterial properties enhanced by the presence of moisture without the need for sunlight; Lea Ceramiche, which demonstrated the antibacterial effects of silver-based Microban technology incorporated into the tiles during the production process and capable of blocking the proliferation of germs and bacteria over the product’s entire lifecycle; Ekosan.24 from Refin, which performs a constant sanitising action against germs and bacteria; and last but not least, Active Clean Air & Antibacterial Ceramic™ from the Fiandre-Iris Group, which uses the micrometric application of titanium dioxide fixed at a high temperature (thereby superseding the use of nanotechnologies) to perform an antibacterial function while cutting atmospheric pollutants by up to 70%. (JF)

Nell’industria ceramica e dei materiali per edilizia, così come nel settore degli impianti, si sta facendo sempre più strada (per alcuni è già mission aziendale) la propensione ad innovare prodotti e processi in un’ottica di maggiore sostenibilità ambientale e benessere abitativo. Lo si è toccato con mano, con ancor più evidenza che in passato, anche ai recenti Cersaie e Tecnargilla. La maggior parte delle innovazioni tecnologiche presentate a Rimini sono di fatto eco-innovazioni, sviluppate per ridurre i consumi di energia, materie prime, acqua, o materiali (macchine termiche, presse innovative, impianti di macinazione e linee di squadratura a secco o macchine per il packaging sono alcuni esempi), o per consentire la produzione di materiali a loro volta caratterizzati da migliori prestazioni in termini di eco-sostenibilità. Tra le tendenze ceramiche in mostra a Cersaie, sono stati proprio i materiali eco-innovativi ad attirare l’attenzione, sia per la numerosità delle proposte che per il loro contenuto tecnologico. Superfici realizzate per ridurre al minimo gli impatti sull’ambiente nell’arco di tutto il ciclo di vita e per migliorare il benessere abitativo. Piastrelle con proprietà autopulenti e antibatteriche, a riduzione degli agenti inquinanti, fotocatalitiche e fotovoltaiche, che intercettano il crescente interesse dei profes-

sionisti che puntano a coniugare il design con una progettazione eco-sostenibile. Tra i portabandiera di un made in Italy più attento ad una nuova “cultura edilizia”, Casalgrande Padana con Bios Self Cleaning Ceramics, la linea in gres porcellanato con caratteristiche fotocatalitiche, autopulenti, antibatteriche e di riduzione degli agenti inquinanti; Fincibec, che ha presentato la tecnologia Antibact, applicabile su ogni finitura ceramica, in grado di moltiplicare esponenzialmente gli effetti sanificanti delle normali operazioni di lavaggio e i cui effetti antibatterici sono esaltati dalla presenza di umidità senza bisogno di luce solare; Lea Ceramiche, che ha mostrato gli effetti antibatterici della tecnologia Microban (a base di argento e incorporata nelle piastrelle durante il processo di produzione), capace di bloccare la proliferazione di germi e batteri per tutto il ciclo di vita del prodotto. E ancora, Refin, con Ekosan.24, fotocatalitico, autopulente e ad azione igienizzante contro germi e batteri. Da segnalare infine Active Clean Air & Antibacterial Ceramic™ del Gruppo FiandreIris, che attraverso l’applicazione in forma micrometrica di biossido di titanio fissato ad alta temperatura (superando quindi l’uso delle nanotecnologie), svolge una contemporanea funzione antibatterica e di riduzione degli inquinanti atmosferici  fino al 70%.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 99/ 20 12

9

editorial

Paola Giacomini - p.giacomini@tiledizioni.it


DIGITAL PRINTER

D I GI T A L

P R I N T ER

DIGITAL PRINTER

D I GI T A L

P R I N T ER

CERAMIC DIGITAL PLOTTER

COLOR MANAGEMENT

DIGITAL PRINTER

CERAMIC DIGITAL PLOTTER

COLOR MANAGEMENT

DIGITAL PRINTER

CERAMIC DIGITAL PLOTTER

COLOR MANAGEMENT

CERAMIC DIGITAL PLOTTER

COLOR MANAGEMENT


Digitalian

CERAMIC DIGITAL PLOTTER

COLOR MANAGEMENT

CERAMIC DIGITAL PLOTTER

COLOR MANAGEMENT

DIG IT AL

PR INTER

DIG IT AL

PR INTER

DIGITAL PRINTER

D I GI T A L

P RI N T ER

DIGITAL PRINTER

D I GI T A L

P RI N T ER

Via dell’industria, 45 41040 Spezzano (MO) ITALY

Tel. +39 0536 1814052 Fax. +39 0536 1810269 info.intesa@intesa.sacmi.it

www.intesa.sacmi.it


A tribute to Filippo Marazzi

La scomparsa di Filippo Marazzi Filippo Marazzi, Chairman of MarazziGroup, died on 28 November 2012. One of the ceramic industry’s best known figures, he succeeded in transforming the company founded by his grandfather in Sassuolo in 1935 into the world’s leading tile multinational with more than 6,000 employees, production facilities in Italy, the United States, Russia, France and Spain and an annual output upwards of 100 million square metres of tiles. Born in Sassuolo in 1949, Filippo Marazzi took control of his family’s company in 1978, at the age of just 29, following the sudden death of his father Pietro in a road accident. Just four years earlier, Marazzi had patented the “fast single firing” process, which was destined to become the most widely used tile production process in the world, contributing to the tile boom that would propel the Sassuolo-based companies and the entire Emilia ceramic district to global dominance. In the early 1980s Filippo Marazzi was the first to launch the Group’s internationalisation process through the construction of the manufacturing facilities of Marazzi Iberia in Castellón, Spain and American Marazzi Tile in Dallas, United States. These efforts intensified in the 1990s with the acquisi-

12

C era mic W o rld Review n. 99/ 2012

Il 28 novembre scorso si è spento Filippo Marazzi, Presidente di MarazziGroup. Con lui scompare uno dei più grandi protagonisti dell’industria ceramica, capace di trasformare l’azienda fondata dal nonno nel 1935 a Sassuolo nella multinazionale leader mondiale della produzione e commercializzazione di piastrelle, un gruppo con oltre 6.000 dipendenti, sedi produttive in Italia, Stati Uniti, Russia, Francia e Spagna e una produzione di oltre 100 milioni di metri quadrati di piastrelle. Nato a Sassuolo nel 1949, Filippo Marazzi aveva assunto il controllo dell’azienda di famiglia nel 1978, a soli 29 anni, in seguito alla morte improvvisa del padre Pietro, vittima di un incidente stradale. Solo 4 anni prima Marazzi aveva brevettato la “monocottura rapida”, destinata a divenire il processo produttivo più diffuso nel mondo, contribuendo a quel “boom della piastrella” che ha condotto ai vertici mondiali l’azienda sassolese e l’intero comprensorio emiliano della produzione ceramica. Già all’inizio degli anni Ottanta, Filippo Marazzi, primo fra tutti, aveva avviato il processo di internazionalizzazione del Gruppo con la realizzazione in Spagna e negli Stati Uniti delle strutture produttive Marazzi Iberia (Castellon) e American Marazzi Tile (Dallas), che si sarebbe poi intensificata negli anni Novanta con le acquisizioni di Penarroya (Spagna), France Ceram e France


tions of Penarroya (Spain), France Ceram and France Alfa (France) and Monarch Tile (USA). Along with international expansion, Filippo Marazzi also pursued a strategy of manufacturing growth and diversification in the Italian market with the acquisition in 1989 of Ceramiche Ragno, then the second largest Italian tile producer, followed just a few years later by the acquisition of Hatria Sanitari. The purchase of a clay deposit in Ukraine in 2000 and the construction of a manufacturing facility near Moscow marked the first steps in the Group’s expansion into Eastern Europe, a process that culminated in 2005 with the acquisition of Welor-Kerama. As a result, Marazzi is now the leading brand in the Russian market. Since the delisting from the Milan stock exchange Piazza Affari, MarazziGroup has been owned 51% by the Marazzi family and 49% by Permira and Private Equity Partners. The sudden death of Filippo Marazzi came just a few days after leaks regarding highly confidential negotiations for a potential merger between the Italian multinational and the US giant Mohawk (owner of Dal Tile), which should be concluded by Christmas. The news of Filippo Marazzi’s death spread rapidly through the Sassuolo district and the whole ceramic world and was greeted with great sadness by everyone who, over a period of more than 30 years, had the chance to appreciate his managerial qualities and human warmth, and, as Confindustria Ceramica chairman Franco Manfredini pointed out, the “passionate leadership” with which he had inspired his company to become “a role model in terms of its history and international scale”. He was a “great entrepreneur”, said Acimac’s chairman Fabio Tarozzi, “a strategist and innovator with the courage to take on fresh challenges and forge alliances, as well as a unique ability to anticipate the future evolution of markets”. Our entire editorial staff extends its deepest sympathy to the Marazzi family and associates. (JF) 

Alfa (Francia) e Monarch Tile (USA). All’espansione internazionale, Filippo Marazzi aveva affiancato una strategia di crescita e di diversificazione produttiva anche sul mercato italiano, prima con l’acquisizione di Ceramiche Ragno (1989), allora secondo produttore italiano di piastrelle, e pochi anni dopo con l’acquisto di Hatria Sanitari. L’acquisto di un giacimento d’argilla in Ucraina nel 2000 e la costruzione di un impianto produttivo nei pressi di Mosca furono i primi passi di quella che sarebbe stata l’espansione a est, culminata nel 2005 con l’acquisizione di Welor-Kerama, grazie alla quale il brand Marazzi è oggi leader di mercato in Russia. Dal 2008, anno del delisting da Piazza Affari, MarazziGroup fa riferimento per il 51% alla famiglia Marazzi e per il 49% ai fondi Permira e Private Equity Partners. L’improvvisa scomparsa del Presidente Marazzi è giunta peraltro a pochi giorni dalle indiscrezioni sulla trattativa in corso, riservatissima e che dovrebbe concludersi entro Natale, che potrebbe portare all’unificazione tra la multinazionale italiana e il colosso statunitense Mohawk (a cui fa capo Dal Tile). La notizia della scomparsa di Filippo Marazzi è immediatamente rimbalzata dentro e fuori il distretto ceramico sassolese, suscitando un profondo cordoglio tra tutti coloro che, in oltre 30 anni, ne avevano potuto apprezzare le doti umane, manageriali e la “guida appassionata” – come sottolineato dal presidente di Confindustria Ceramica Franco Manfredini – con la quale Filippo Marazzi aveva consentito all’azienda di divenire “una realtà emblematica per la storia e la dimensione internazionale raggiunta”. “Un grande imprenditore”, ha ricordato il presidente di Acimac Fabio Tarozzi, “uno stratega e un innovatore, grazie al coraggio, all’apertura a nuove sfide e alleanze, alla lungimiranza nel comprendere in anticipo l’evoluzione dei mercati”. Alla Famiglia Marazzi e ai collaboratori il più sentito cordoglio di tutta la nostra redazione. 

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 99/ 2 0 12

13


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

PanariaGroup reports stable third quarter of 2012

P anaria G roup :

PanariaGroup’s results for the third quarter of 2012 confirm the main trends of the previous quarters in terms of both sales and economic results. In spite of negative trends in a number of key markets, the group succeeded in limiting its fall in turnover by pursuing growth strategies in areas such as Asia and America. Profit margins were hit by the rise in energy prices and by the smaller output volumes with respect to the previous year, largely caused by the earthquake that damaged the factory in Finale Emilia. Net sales revenues totalled 216.5 million euro, 1.7% down from the 220.3 million euro reported to 30 September 2011. The Group saw strongly divergent performances in its various key markets. Whereas North America and the Asian countries marked up positive trends, the traditional European markets (which account for 36% of total turnover) suffered a 13% contraction. Portugal is the country that registered the biggest downturn, although difficulties are also being experienced in France, Belgium and Holland. By contrast, the Group has maintained its turnover levels in Eastern Europe and has performed strongly in Spain. Italian sales, which account for 26% of total turnover, fell by approximately 15% (the decrease

Il terzo trimestre 2012 di PanariaGroup conferma le principali tendenze emerse nei trimestri precedenti sia da un punto di vista delle vendite che dei risultati economici. Nonostante l’andamento negativo su alcuni dei principali mercati di riferimento, il Gruppo è stato in grado di contenere la contrazione del fatturato grazie all’azione di sviluppo effettuata in aree come Asia e America. Sul fronte della marginalità, si confermano gli effetti negativi determinati dall’incremento delle tariffe energetiche, così come quello derivante dai minori volumi prodotti rispetto all’anno precedente, in buona misura conseguenti al sisma che ha colpito lo stabilimento di Finale Emilia. I ricavi netti di vendita sono stati pari a 216,5 milioni di Euro, con una contrazione dell’1,7% rispetto ai 220,3 milioni di Euro al 30 settembre 2011. Risultano molto marcate le differenze di performance nei principali mercati di riferimento del Gruppo. Mentre Nord America e Paesi asiatici registrano trend positivi, i tradizionali mercati europei (incidenza sul fatturato complessivo del 36%) si contraggono del 13%. Il Portogallo è il Paese maggiormente in difficoltà, ma risultano in sofferenza anche Francia, Belgio e Olanda. Non si denotano viceversa cali di fatturato nell’Est Europeo e spiccano positivamente le performance realizzate in Spagna. L’Ita-

EFI Cretaprint,

the third - generation printer

EFI Cretaprint presented a mew multifunctional digital printer at the latest Tecnargilla in Rimini. Developed at the Cretaprint EFI site in Almazora (Castellón, Spain), this revolutionary third-generation printer benefits from the company’s more than 15 years of experience in the ceramic sector and close cooperation with customers. The new C3 printer was introduced together with the Fiery ProServer RIP, a revolution in colour

14

in the sector’s total sales in the domestic market was around 17%). On the back of more than 25% growth, the US has now become the Group’s largest market. This is largely due to the results achieved by Florida Tile, which has further improved on the positive performances reported in the previous quarters. The North American market accounts for 29% of total turnover. The overseas markets of Asia, Oceania and Africa (9% of total turnover) have maintained more than 20% growth rates, with the best performances reported in the Middle East, Singapore, Japan and South Africa. EBIT totalled 14.4 million euro (6.6% of the value of production), 19.6 million euro down from 30 September 2011, while EBITDA amounted to 0.1 million euro (compared to 4.9 million euro to 30 September 2011). The result was a consolidated net profit for the period of 0.4 million euro, almost in line with the results to 30 September 2011. Following the sizeable investments made in the Group’s factories, the financial position registered a negative balance of 92.5 million euro, an improvement of around 3 million euro compared to 30 June 2012. Net assets totalled 153.6 million euro at 30 September 2012.

management for ceramics. EFI Cretaprint wanted to develop a machine that would combine greater reliability and lower maintenance costs with the flexibility needed to adapt to different customer profiles. Since Cretaprint launched its first inkjet ceramic decoration printer in 2008, it has installed its machines in all five continents.

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

stabile il terzo trimestre

2012

lia, con un’incidenza pari al 26% sul totale dei ricavi, ha riportato un calo del 15% circa (l’arretramento complessivo delle vendite del settore sul mercato domestico è stato di circa il 17%). Con una crescita superiore al 25%, il mercato statunitense diventa il primo Paese di riferimento, frutto dei risultati conseguiti da Florida Tile, che consolida ulteriormente gli andamenti positivi riscontrati nei trimestri precedenti. L’incidenza dei mercati nordamericani sul totale è pari al 29%. I mercati d’oltremare, Asia, Oceania e Africa (incidenza sul fatturato totale pari al 9%), mantengono tassi di crescita superiori al 20%: le migliori performance sono state registrate in Medio Oriente, Singapore, Giappone e Sudafrica. Il margine operativo lordo (Ebit) risulta pari a 14,4 milioni di Euro, corrispondente al 6,6% sul valore della produzione, in calo rispetto ai 19,6 milioni di Euro al 30 settembre 2011, mentre il margine operativo netto (Ebitda) si attesta a 0,1 milioni di Euro (4,9 milioni di euro al 30 settembre 2011). Ne consegue un utile netto consolidato di periodo pari a 0,4 milioni di euro, pressoché in linea con i risultati al 30 settembre 2011. Sul fronte della posizione finanziaria, a seguito dei rilevanti investimenti effettuati negli stabilimenti del Gruppo, si registra un saldo negativo di 92,5 milioni di Euro, con un miglioramento rispetto al 30 giugno 2012 di circa 3 milioni di Euro. Il patrimonio netto è pari a 153,6 milioni di Euro al 30 settembre 2012.

EFI C retaprint : la stampante di terza generazione È una nuova stampante digitale multifunzione quella che Efi Cretaprint ha presentato all’ultimo Tecnargilla di Rimini. Un sistema rivoluzionario di terza generazione sviluppato presso la sede Cretaprint EFI ad Almazora (Castellón, Spagna), frutto dell’esperienza di oltre 15 anni nel settore ceramico e di una pluriennale condivisione di esperienze con i clienti. La nuova

stampante C3 è stata presentata in abbinamento con il Fiery ProServer RIP, un innovativo sistema di gestione del colore in ceramica. L’impegno di Efi-Cretaprint si è focalizzato verso una maggiore affidabilità con minori costi di manutenzione e un livello di flessibilità che consente al prodotto di essere adattato a ogni esigenza specifica dei clienti. Cretaprint, che ha lanciato la sua prima stampante con tecnologia a getto d’inchiostro nel 2008, ad oggi è presente con proprie macchine in tutti e 5 i continenti.


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Andrea Sasso new of M arazzi G roup

managing director

On 12 October, Andrea Sasso was appointed the new managing director of MarazziGroup. He takes over from Maurizio Piglione and has the task of continuing the group’s growth in European, Russian and American markets. Sasso, 47, who has a degree in Economics and Business from the Polytechnic University of the Marche and also studied on the INSEAD International Executive Programme (Fontainebleau and Singapore), leaves the position he had held since 2007 as CEO of Elica Group, a world leader in the kitchen extractor hood sector. From 1990 onwards he worked at Gruppo Merloni Elettrodomestici/Indesit Company, ultimately serving as Chief Operating Officer and Chief Commercial Officer, and at Pirelli Tyre, where he held the position of Country Manager Italia. At the

M arazzi G roup , S asso nuovo a . d .

same time as the appointment of Sasso, the Group also announced the positive results of the first half of 2012, which saw its market shares, profits and profitability boosted in spite of the downturn in the economy in general. Consolidated half yearly turnover totalled 428 million euro (+2.5%), while EBITDA reached 69 million euro (+6.2%). These positive results were largely due to strong growth in Russia (+18%) and the United States (+15%).

Dallo scorso 12 ottobre Andrea Sasso è il nuovo amministratore delegato di MarazziGroup. Raccoglie il testimone da Maurizio Piglione ed è chiamato a proseguire il percorso di crescita del gruppo sui mercati europei, russo e americano. Laureato in Economia e Commercio all’Università Politecnica delle Marche, International Executive Program all’Insead (Fontainebleau e Singapore), Sasso, 47 anni, lascia il Gruppo Elica, leader mondiale nel settore delle cappe da cucina, che ha guidato come a.d.

dal 2007. Tra le sue precedenti esperienze, il Gruppo Merloni Elettrodomestici/Indesit Company, dove dal 1990 ha svolto incarichi di crescente responsabilità fino a diventare Chief Operating Officer e Chief Commercial Officer, e Pirelli Tyre con il ruolo di Country Manager Italia. Contemporaneamente alla nomina di Sasso, il Gruppo ha reso noti i risultati positivi del primo semestre 2012, nel quale, nonostante la crisi che ha colpito il settore e l’economia in generale, il Gruppo ha registrato un ulteriore rafforzamento delle quote di mercato, dei ricavi e della redditività: il fatturato consolidato del semestre si è attestato a 428 milioni di euro (in crescita del 2,5%) e l’Ebitda ha raggiunto i 69 milioni di euro (+6,2%). I risultati positivi derivano soprattutto dalla forte crescita del gruppo in Russia (+18%) e Stati Uniti (+15%).

System Ceramics supplies plant to E milceramica and B oizenburg

S ystem C eramics per E milceramica e B oizenburg

System Ceramics has successfully started up a new large-format tile sorting system on the premises of Emilceramica. The system consists of an Easy Line BS 08, a Falcon and a 4Phases packaging system (complete with on-demand graphics printing} which performs on-demand packaging using flat neutral cardboard sheets that adapt to the product. This solution offers numerous advantages: considerable savings in packaging costs, higher productivity (thanks to the rapid size changeover), a wider range of sizes that can be packaged, and the immediate reduction in the size of the carton warehouse and the possibility of choosing and packaging special sizes such as rectangular listels and large sizes. In particular, Emilceramica has been able to make significant cost savings on consuma-

System Ceramics ha avviato con successo il nuovo impianto di scelta per grandi formati presso Emilceramica. La fornitura è composta da Easy Line BS 08, Falcon, e dal sistema di confezionamento 4Phases (con grafica just in time), la cui caratteristica principale è quella di confezionare in tempo reale scatole che si adattano al prodotto, partendo da un foglio di cartone neutro in piano. Numerosi i vantaggi di questa soluzione: il consistente risparmio relativamente ai costi di confezionamento, l’incremento della produttività (grazie al cambio formato rapido), l’ampliamento della gamma dei formati confezionabili, l’immediata riduzione del ma-

16

bles and enjoys the benefits of an extremely flexible sorting system capable of selecting and packaging product sizes ranging from 145x1200 mm to 1200x1200 mm (including submultiples). The German firm Boizenburg headquartered south of Hamburg has once again turned to System for its new sorting and palletisation plant. This Italo-German partnership has led to the development of a custom solution based on the introduction of a new large-format sorting line to complement the last production line delivered. The supply package includes the 4Phases packaging system and a portal type palletiser.

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

Ce ra m i c s

gazzino fustelle e la possibilità di scegliere e confezionare formati particolari come ad esempio listelli rettangolari e grandi formati. In particolare, Emilceramica ha potuto concretizzare significative riduzioni di costi sui materiali di consumo e avvalersi di un impianto di scelta altamente flessibile che consente di selezionare e confezionare prodotti da 145x1200mm a 1200x1200mm (inclusi i sottomultipli). Firmato System anche il nuovo impianto di scelta e pallettizzazione della tedesca Boizenburg con sede a sud di Amburgo. Ha riconfermato la collaborazione con System. La partnership italo-tedesca ha portato alla realizzazione di una soluzione personalizzata, con l’inserimento di una nuova linea di scelta per grandi formati a completamento dell’ultima linea di produzione fornita. La fornitura comprende il sistema di confezionamento 4Phases e un pallettizzatore a portale.


advertfactory.it

KNOW HOW PARTNERSHIP RELIABILITY WORLDWIDE SERVICE DESIGN INNOVATION TECHNOLOGY QUALITY TREND STRENGTH

The future of ceramic technology. Since 1921. Gruppo Colorobbia is an integrated chemical company that has been operating in the ceramics sector for almost a century with production plants in over 15 countries. Thanks to the internationalisation of production, to the professionalism of its human resources and the investments in research and innovation, the Group looks to the future with confidence strengthening its presence on the main reference markets.

colorobbia.com


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Ancora Group,

energy efficiency and technology In response to increased market sensitivity to issues of cost and finished product quality, Ancora Group is focusing on technological solutions that combine high performance with low energy consumption. For this purpose, the Sassuolobased group displayed its energy-saving products at Tecnargilla 2012. These included the Vulcan burner, which combines low energy consumption with high levels of efficiency, flexibility and ease of maintenance, and the low-consumption dryer, a system that guarantees perfect drying of ceramic materials in the space of just a few minutes with up to 40% savings in energy consumption. Ancora Group is continuing to invest in research and development, focusing in

Eolo

excels at

Tecnargilla

Eolo, the cooling system for digital machines presented by the Vercelli, Italy-based company Inter Ser at the recent Tecnargilla, sparked considerable interest amongst visitors to the show. Depending on operating conditions, Eolo lowers the temperature of tiles by around 5-10°C and eliminates evaporation from the tile surface, thereby reducing the phenomenon of condensation at the entrance to the digital machine. The system consists of a cooler connected to the compressed air system, which serves to lower the air temperature to 2-4°C and channel it via special bars directly onto the tile surface. The jet of cool air lowers the surface temperature, but even more importantly it temporarily eliminates evaporation from the tile surface, creating the best possible conditions for operation of the digital printer. This allows for a longer printhead lifetime and reduces cleaning cycles, thus

18

particular on tailored solutions that meet customers’ specific requirements. Thanks to its Italian and international patents, highquality plants and an effective commercial strategy, the group has installed more than 800 plants worldwide. These include complete lines for polishing, lapping and squaring, special cutting lines, and ecosustainable and energysaving solutions for the ceramic industry.

increasing productivity and improving product quality. These advantages enable Eolo to pay back the investment within a short space of time. It is extremely simple and versatile and can be installed upstream of any digital machine without the need for line modifications. It delivers good results even with high speed operation. A total of 85 machines are currently installed worldwide and new orders have been coming in since Tecnargilla, where the company also unveiled a special belt for sorting lines. The red coloured anti-wear coating increases belt lifetime by a factor of between 3 and 5, which not only cuts costs but also reduces the normally lengthy and costly machine stoppages for belt replacement.

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

A ncora G roup , efficienza energetica e tecnologica Ancora Group, per rispondere in modo efficace alle nuove richieste di un mercato sempre più attento ai costi e alla qualità del risultato finale, punta con sempre maggiore attenzione a soluzioni tecnologiche capaci di coniugare alte prestazioni e bassi consumi energetici. A Tecnargilla 2012 il gruppo di Sassuolo ha infatti valorizzato i propri prodotti energy-saving. In mostra il bruciatore Vulcan che consente consumi

E olo

risalta a

energetici ridotti, massima efficienza, flessibilità di utilizzo e facilità di manutenzione, e l’essiccatoio a basso consumo, un sistema, che garantisce un’essiccazione perfetta del materiale ceramico in pochi minuti e la riduzione dei consumi energetici fino al 40%. Ancora Group continua a investire in ricerca e sviluppo, dedicandosi in particolare alla progettazione su misura degli impianti realizzati in funzione delle esigenze dei clienti. La titolarità di diversi brevetti nazionali e internazionali, l’elevata qualità dei propri impianti e un’impegnativa strategia commerciale hanno reso possibile la presenza del gruppo nel mondo con oltre 800 impianti installati: linee complete per la levigatura, lappatura e squadratura, linee speciali di taglio e soluzioni ecosostenibili e per il risparmio energetico in ceramica.

T ecnargilla

Ha suscitato grande interesse il sistema di raffreddamento Eolo per macchine digitali, presentato da Inter Ser durante la scorsa edizione di Tecnargilla. Eolo riduce la temperatura delle piastrelle di circa 5-10 °C (a seconda delle condizioni di lavoro) ed elimina l’evaporazione dalla superficie delle stesse in modo da ridurre il fenomeno della condensa all’ingresso della macchina digitale. Il sistema è composto da un refrigeratore collegato alla rete dell’aria compressa che abbassa la temperatura dell’aria portandola a 2-4°C e la convoglia tramite speciali barre direttamente sulla superficie delle piastrelle. Il soffio d’aria fredda riduce la temperatura superficiale, ma soprattutto (cosa ben più importante) elimina temporaneamente l’evaporazione dalla superficie della piastrella consentendo alla digitale di stampare nelle mi-

gliori condizioni. In questo modo l’utilizzatore riesce a ottenere una maggiore durata delle testine di stampa e a ridurne i cicli di pulizia. Ciò consente un doppio beneficio: si aumenta la produzione e si migliora la qualità del prodotto. Tali vantaggi permettono inoltre di ammortizzare il costo di Eolo in breve tempo. Estremamente semplice e versatile, può essere installato prima di qualsiasi macchina digitale (senza alcuna modifica alla linea) ed è in grado di garantire buoni risultati anche con velocità molto sostenute. Attualmente ci sono 85 macchine installate in tutto il mondo e nuovi ordini si stanno concretizzando grazie a Tecnargilla, dove peraltro l’azienda di Vercelli ha presentato anche una speciale cinghia per linee di scelta. Lo speciale rivestimento antiusura di color rosso consente alla cinghia di durare da 3 a 5 volte in più rispetto a quelle classiche. Grazie a questa speciale caratteristica, oltre al risparmio oggettivo sul costo, vengono ridotti i tempi di fermo macchina per la sostituzione delle cinghie, normalmente molto lunghi e onerosi.


WE

TECHNOLOGY. HANDLING SYSTEMS

I

STORAGE

I

GLAZING LINES

I

KILNS LOADING AND UNLOADING

I

DRYING KILNS

We take care of your company and offer you technological solutions in various productive departments. We listen to your needs and thanks to the versatility on project and designing, we can carry out every special request with the highest specialization.

nuovaera.it


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

BMR showcases its all -I talian technology at T ecnargilla 2012

T ecnargilla 2012: il made in I taly porta la firma BMR

BMR enjoyed a highly successful participation at Tecnargilla 2012, the pre-eminent international exhibition of technologies and supplies for the ceramic and brick industries organised by Rimini Fiera and Acimac and held in Rimini from 24 to 28 September this year. The BMR stand offered a highly effective showcase of the company’s innovative technology, which was well received by the many visitors who flew in from more than 110 countries worldwide. This outstanding result further encourages BMR to continue its pursuit of technological innovation and to maintain a presence in established markets while at the same time introducing new products tailored to emerging countries. At Tecnargilla, BMR highlighted its recent R&D investments as well as the development of dry technology, a process that combines distinctive Italian quality with environmental sustainability. The main products on display were: • Squadra® Dry, a new machine designed for grinding monoporosa and double fired wall tiles that has already won major awards for its technological and ecofriendly qualities. By using diamond tools without water cooling, it eliminates the need for a water extraction system at the machine exit and for a gas dryer. • Ecobrick, a dry squaring

Si è conclusa positivamente l’esperienza di BMR a Tecnargilla 2012, il più importante Salone internazionale delle tecnologie e delle forniture all’industria ceramica e del laterizio organizzato da Rimini Fiera e Acimac che si è svolta a Rimini dal 24 al 28 settembre scorsi. Buono l’afflusso di visitatori presso lo stand dove l’innovazione tecnologica di BMR è stata esposta con efficacia e chiarezza, conseguendo il consenso di un pubblico proveniente da oltre 110 Paesi nel mondo. Un’ulteriore conferma e un incentivo a continuare a perseguire la strada dell’innovazione tecnologica, presidiando mercati consolidati e puntando su quelli emergenti con novità che verranno presentate prossimamente. Leitmotiv BMR dominante di Tecnargilla, così come degli investimenti effettuati negli ultimi anni dall’azienda in Ricerca&Sviluppo, è stata l’evoluzione della tecnologia a secco, in grado di coniugare la qualità tipica del made in Italy con le tematiche inerenti la sostenibilità ambientale. Protagoniste dello stand sono state: • Squadra® Dry, insignita di recente di importanti riconoscimenti per il suo valore tecnologico ed ecosostenibile, è la nuova macchina dedicata al materiale in monoporosa e

machine for use in the brick industry which contributes to increased insulation of houses and consequently energy savings and care for the environment. With its rugged electrowelded steel structure, it can be equipped with 2 or 4 calibrating spindles per side and is ready for installation of front grinding wheels of diameter 500 mm. These characteristics allow for a considerable reduction in vibrations and ensure maximum machining precision, while at the same time increasing productivity. • Calibra, an oscillating roller calibrator that makes the surface of the tile flat and uniform, ideal for the subsequent polishing stage. This operation is performed by means of an oscillating action created by the alternating lateral movement of the calibrating roller around its own horizontal axis. • Leviga, a lapping/polishing machine with two independent oscillating tables capable of differentiating stroke and speed of movement while optimising the tool action for perfect lapping/ polishing of the entire tile surface, including the edges.

bicottura che utilizza utensili diamantati senza raffreddamento ad acqua, eliminando sia l’aspirazione acqua in uscita macchina sia l’essiccatoio a gas. • Ecobrick, squadratrice a secco destinata all’utilizzo nel campo dei laterizi, in grado di contribuire alla sempre maggiore coibentazione delle abitazioni finalizzate ad un risparmio energetico e al maggior rispetto ambientale. Caratterizzata da una robusta struttura di acciaio elettrosaldata, può essere attrezzata con due o quattro mandrini calibratori per ogni lato, predisposti per essere equipaggiati con mole frontali di 500 mm di diametro. Queste caratteristiche permettono una sostanziale diminuzione delle vibrazioni e la massima precisione in fase di lavorazione, portando contemporaneamente ad un aumento della velocità di produzione. • Calibra, calibratore a rulli brandeggianti che, rendendo la superficie della piastrella o della lastra piana e uniforme, la predispone in modo ottimale alla fase successiva di levigatura. Tale operazione è attuata grazie al brandeggio che consiste nella traslazione laterale a movimento alternato del rullo calibratore sul proprio asse orizzontale. • Leviga, lappatrice/levigatrice a due ponti brandeggianti e indipendenti che permettono di differenziare la loro corsa e la velocità di traslazione, valorizzando al massimo l’azione degli utensili per una lappatura/levigatura perfetta anche sui bordi del materiale.

Imerys Ceramics acquires Thai company Ceraminas

I merys C eramics acquisisce la tailandese C eraminas

Imerys Ceramics (Thailand) Ltd. recently acquired Ceraminas, a Thai producer of potash and soda feldspar, quartz powder and silica flour for the local ceramic, glass and coating industries. Established in 2001 in the Ayutthaya Province, approximately 100 km North of Bangkok and close to the main ce-

Imerys Ceramics Tailandia ha recentemente acquisito Ceraminas, azienda tailandese dal 2001 produttrice di potassio, feldspato di sodio, quarzo e silice per l’industria locale della ceramica e del vetro. Situata nella provincia di Ayutthaya, 100 km a Nord di Bangkok, zona attigua al cuore della

20

ramic producing area of Thailand, Ceraminas will help strengthen Imerys’s presence in the region and expand its product range. Imerys already has a head office in Bangkok which houses the sales force and a modern research centre, as well as two facilities in Lampang and Ranong.

C era mic W o rld Review n. 99/ 2012

produzione ceramica del Paese, Ceraminas contribuirà a incrementare la gamma produttiva e lo sviluppo di Imerys sul territorio. Imerys è già presente a Bangkok con la sede principale, che riunisce la forza vendite e un moderno centro ricerche, e due stabilimenti produttivi a Lampang e Ranong.


TECHNOLOGY FOR CERAMIC SANITARY WARE

INNOVATION INNOVAZIONE INOVACION

All the technical solutions we offer have alternative features to the solutions presently available on the marketplace.

ESSENTIALITY ESSENZIALITÀ ESENCIALIDAD Everything you need and just what you need.

SCALABILITY SCALABILITÀ ESCALABILIDAD

Reasonable entry level investment with the possibility to expand the technical solution in the future.

www.siti-bt.com


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Ancora’s

new V ulcan B5 to be showcased at R evestir The Sassuolo-based Ancora Group will be taking part in Expo Revestir 2013 (Stand 930) from 5 to 8 March in Sao Paulo, where it will be presenting its new Vulcan B5 burner. The B5 stands out for its low energy consumption, efficiency, flexibility of use and ease of maintenance. It differs from conventional two-electrode burners in terms of the distance of the mixing head from the central body, which has been increased to enable the flame to be produced in a more forward position inside the combustion cone. The burner allows thermal energy to penetrate more deeply inside the firing channel, especially in wide-entrance kilns with fast firing cycles, thereby optimising temperatures in the transversal section. The construction geometry of the B5 burner results in less heating of the combustion cone, so the thermal energy that is normally lost by conduction is introduced directly into the firing

Projecta Engineering

supplies technology to Projecta Engineering recently completed an important transaction in the Russian marketplace, signing four contracts with Marazzi for the factories of the OAO KM Group. The supply contracts are for the installation of four new glazing lines to produce porcelain stoneware and double-fired tiles. Two lines will be installed in the factory of Welor Bico 6 to produce doublefired tiles with a maximum size of 300x900 mm and will be delivered by mid March 2013. The other two lines for the production of glazed porcelain stoneware in sizes up to 660x980 mm will be delivered by mid April 2013 and will be installed in the factory of Gres Welor 2. The four lines join the 13 glazing lines that

22

2013

chamber, thus improving energy performance. With the installation of Ancora Vulcan B5, fuel savings of between 8% and 16% can be achieved. The innovative combustor cooling system used on this machine also brings energy savings compared to the conventional design. Another aspect that contributes to the versatility of the B5 burner is the improved ventilation of the head, making it ideal for latest-generation kilns. Air-gas mixing additionally ensures optimum combustion, further improving the firing process. Another innovative feature is the mixing unit composed of three independent elements, which gives the system greater flexibility in terms of both functionality and maintenance.

Russia are installed and running at the factories in Orel and Malino. In addition, two new Evolve range digital decorating machines were supplied between November and December. These consist of Evoseven 70/7 machines with six colour bars and ten printing/ colour heads for a printing width of 700 mm. Both machines will be used in the production of glazed porcelain stoneware in a maximum size of 600x900 mm.

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

Il a

nuovo V ulcan B5 R evestir 2013

di

Ancora Group sarà presente a Expo Revestir 2013 (Stand 930), in programma a Sao Paulo dal 5 all’8 marzo, dove presenterà il nuovo bruciatore Vulcan B5, che si distingue per i ridotti consumi energetici, efficienza, flessibilità di utilizzo e facilità di manutenzione. Ciò che caratterizza e diversifica il B5 dai bruciatori tradizionali a due elettrodi è la distanza della testina di miscelazione dal corpo centrale: questa misura è stata aumentata in modo che la fiamma si sviluppi in posizione più avanzata all’interno del cono combustore. Il bruciatore permette una maggiore penetrazione dell’energia termica all’interno del canale di cottura, in particolare nei forni a bocca larga dotati di cicli veloci di trattamento, ottimizzando le temperature nella sezione trasversale. Dalle geometrie costruttive del bruciatore B5 deriva

A ncora un minore riscaldamento del cono combustore e pertanto l’energia termica, che normalmente si disperde per conduzione, viene immessa direttamente nella camera di cottura, con conseguente vantaggio energetico. Con l’installazione di Ancora Vulcan B5 il risparmio di combustibile è quantificabile dall’8% al 16%. Contribuisce al risparmio energetico anche l’innovativo sistema di raffreddamento del combustore che contraddistingue questa macchina rispetto a quelle di concezione tradizionale. La versatilità del bruciatore B5 deriva inoltre dalla maggior ventilazione della testina, caratteristica che lo rende ideale per i forni di ultima generazione. La miscelazione di aria/gas garantisce, inoltre, un rendimento ottimale della combustione, migliorando il trattamento del prodotto ceramico. Un’ulteriore novità è rappresentata dal gruppo di miscelazione composto da tre elementi indipendenti, che permette di ottenere una migliore elasticità del sistema, sia dal punto di vista funzionale sia per la manutenzione.

T ecnologia P rojecta E ngineering in R ussia Si è di recente conclusa un’importante operazione sul mercato russo che ha visto impegnata Projecta Engineering con Marazzi Group, per la stipula di quattro contratti relativi agli stabilimenti OAO KM Group. Le forniture riguardano l’installazione complessiva di quattro nuove linee di smaltatura per la produzione di gres porcellanato e bicottura: due di queste saranno installate all’interno dello stabilimento Welor Bico 6 e saranno destinate alla produzione di piastrelle in bicottura, con formato massimo di 300x900 mm,

con consegna entro la metà di marzo 2013; le altre due, dedicate alla produzione di porcellanato smaltato per formati fino a 660x980 mm, saranno fornite entro la metà di aprile 2013 e verranno installate nello stabilimento Gres Welor 2. Le quattro linee si aggiungono alle tredici linee di smaltatura preesistenti e perfettamente funzionanti negli stabilimenti di Orel e Malino, dove, tra novembre e dicembre, sono state consegnate anche due nuove macchine per la decorazione digitale della famiglia Evolve: due Evoseven 70/7 a sei barre colore con 10 teste di stampa/colore per un fronte di stampa di 700 mm. Entrambe le macchine saranno dedicate alla produzione di gres porcellanato smaltato con formato massimo di 600x900 mm.


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

System wins new contracts in the M iddle E ast and N orth A frica

S ystem : nuove conferme in M edio O riente e N ord A frica

System Saudi Arabia, the new System branch in Riyadh, has consolidated its partnership with Saudi Ceramics through a major supply contract for sorting lines, palletisers and Rotocolor and Qualitron systems. After testing the first Qualitron NG automatic inspection system for more than a year side-byside with a rival product on two parallel and adjacent production lines at its 52K facility, Saudi Ceramics chose the System solution for adoption on all its lines. The after-sales support provided by the company both from Italy and through its local branch was a key factor in the decision. Saudi Ceramics

System Saudi Arabia, nuova sede di System a Riyadh, ha consolidato la propria partnership con Saudi Ceramics attraverso una rilevante fornitura di linee di scelta, pallettizzatori, Rotocolor e Qualitron. Dopo un test di prova durato oltre un anno del primo Qualitron NG per l’ispezione automatica, testato contemporaneamente alla concorrenza su due linee produttive parallele e contigue nell’impianto 52K, Saudi Ceramics ha optato per la soluzione System adottandola su tutte le linee.

consequently adopted six Qualitron NG systems for the facility where the test was performed plus a further two machines for the expansion of the Saudi 1 production unit. Other important clients in the Middle East including Arabian Ceramics, Future Ceramics and AL Anwar (Oman) have been using this sorting technology for some time. In Egypt the first Qualitron NG has been installed at the facility of Ceramica Prima and three machines have been supplied to the Ceramica Royal factory.

L’assistenza post-vendita continua, sia dall’Italia sia attraverso la sede locale, si è rivelata fondamentale in fase decisionale. Saudi Ceramis si è quindi dotata di sei Qualitron NG per lo stabilimento in cui è stato effettuato il test e di altre due macchine per l’estensione dell’unità produttiva Saudi 1. In area medio orientale altri importanti clienti, come Arabian Ceramics, Future Ceramics e Al Anwar (Oman), utilizzano già da tempo tale tecnologia di scelta, mentre in Egitto è stata effettuata l’installazione del primo Qualitron NG presso Ceramica Prima e la fornitura di tre macchine nello stabilimento di Ceramica Royal.

Robatech acquires Turkish company Ikiler Ticaret S.A.

R obatech rileva la turca I kiler T icaret S.A.

The Swiss multinational Robatech has acquired the entire share capital of Ikiler Ticaret, Izmit, Turkey. The agreement, signed on 16 August this year, involves the acquisition of 100% of the Turkish company’s shares and demonstrates Robatech’s interest in both the Turkish and Iranian markets. The company name Ikiler has been changed to Robatech Tutkal Teknolojileri Sanayi Ticaret As. The management under the leadership of Yunus Özden remains unchanged, with Hakan Tanriöven in charge of sales and Muharem Hundur at the head of

La multinazionale svizzera Robatech ha rilevato la totalità di Ikiler Ticaret, Izmiz. L’accordo, firmato il 16 agosto scorso, ha previsto l’acquisizione del 100% delle azioni dell’azienda turca e dimostra il grande interesse di Robatech sia per il mercato locale sia per il vicino Iran. La denominazione Ikiler è stata mutata in Robatech Tutkal Teknolojileri Sa-

the technical department. All 21 employees will stay on at the company. The operation will enable the Swiss group, which now has 14 daughter companies and 32 agencies worldwide, to establish a local branch responsible for sales and providing rapid and competent customer service.

nayi Ticaret As, mantenendo invariato il management: Yunus Özden alla direzione, Hakan Tanriöven alle vendite e Muharem Hundur in qualità di responsabile del servizio tecnico. Mantenuti in forza anche tutti i 21 dipendenti. L’operazione consentirà al gruppo svizzero, che vanta attualmente 14 filiali dirette e 32 agenzie di rappresentanza in tutto il mondo, di essere presente in loco con la propria offerta in modo mirato e puntuale. La filiale turca, infatti, si occuperà della vendita e assistenza dei prodotti rigorosamente made in Switzerland.

Master Tiles orders third plant from C mf T echnology

M aster T iles triplica con C mf T echnology

Just a few weeks after commissioning the second plant, Cmf Technology and Master Tiles (Pakistan) have signed a new contract. After supplying two complete Clevermix Tech Towers with Tracer press feeding cars and two TBox and TFlat unfired/fired material storage systems, Cmf Technology is now at work supplying the third line. Likewise devoted to the production of full-body porcelain tile, it will be equipped with a

A poche settimane dalla messa in funzione del secondo impianto, Cmf Technolgoy e Master Tiles, (Pakistan), siglano un nuovo contratto. Dopo aver fornito due Tech Towers complete Clevermix, con relativi carrelli d’alimentazione pressa Tracer e due unità di stoccaggio

24

Stonerise car, the latest system from Cmf capable of feeding high-tonnage presses. Through this latest investment, Master Tiles has further strengthened its leadership position in the market in terms of quantity and quality.

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

materiale crudo/cotto TBox e TFlat, Cmf Technology è ora impegnata nella fornitura della terza linea. Dedicata anch’essa alla produzione di gres porcellanato tecnico, sarà dotata, in aggiunta, di un carrello Stonerise, ultimo nato in casa Cmf, capace di alimentare presse ad alto tonnellaggio. Attraverso quest’ultimo investimento Master Tiles rafforza ulteriormente la sua leadership di mercato in termini quantitativi e qualitativi.


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Sacmi

at

Afyon Kocatepe University

Representatives of Sacmi were amongst the speakers at the VIII Ceramic Congress entitled “Sustainability: alternative raw materials, energy, water” organised from 22 to 24 November by the Turkish Ceramic Society and the Afyon Kocatepe University and held at the university. Sacmi gave two talks at the event: “Cost reduction and energy optimisation on sanitaryware kilns” by Jörg Ridder and “Water savings and glaze recovery on glazing lines with dry filtration” by Andrea Cannella. Sacmi’s involvement in the conference was connected to the ambitious project entitled H.E.R.O. (High Efficiency Resource Optimizer), carried through by the company in recent years as part of a wider industrial policy aimed at combining efficiency

with environmental friendliness. The special applications developed on the H.E.R.O. project allow for significant energy savings on key ceramic manufacturing machines, an issue that is increasingly topical in a country where the cost of gas and electricity is rising fast. Turkish ceramic companies are constantly on the lookout for ideas and technologies that successfully combine energy savings with product and process innovation, quality and output flexibility, all in compliance with ever-stricter environmental regulations. The event allowed Sacmi to further strengthen its leadership position in the important Turkish market.

Poppi Clementino

S acmi

all ’U niversità di

Sacmi è stata tra i relatori del VIII congresso ceramico dal titolo “Sostenibilità: Materie prime alternative, energia, acqua”, organizzato dal 22 al 24 novembre dalla Società Ceramica Turca e dall’Università Kocatepe di Afyon, presso la sede dell’Ateneo. Due gli interventi dell’azienda di Imola: “Riduzione dei costi e ottimizzazione dell’energia nei forni per sanitari” (relatore: Jörg Ridder) e “Risparmio idrico e recupero dello smalto nella smaltatura con filtrazione a secco” (relatore: Andrea Cannella). Il coinvolgimento di Sacmi al congresso è dovuto all’ambizioso progetto H.E.R.O. (High Efficiency Resource Optimizer), portato

A fyon K ocatepe avanti negli ultimi anni dall’azienda come parte di una più generale politica industriale orientata a coniugare efficienza e rispetto dell’ambiente. Le applicazioni speciali sviluppate permettono un risparmio di energia nell’utilizzo delle macchine chiave per la produzione ceramica, temi, questi, quanto mai attuali nel contesto turco della produzione dei sanitari in cui il costo di gas ed energia elettrica è in continua ascesa. Le aziende ceramiche turche richiedono dunque idee e tecnologie atte a coniugare innovazione di prodotto-processo, qualità e flessibilità produttiva al risparmio energetico e a normative di impatto ambientale sempre più stringenti. La partecipazione al convegno conferma la volontà di Sacmi di consolidare ulteriormente la propria posizione in un mercato di primario interesse come la Turchia.

pleased with participation at T ecnargilla

P oppi C lementino : bilancio positivo a T ecnargilla

Poppi Clementino was delighted with the interest shown in its energy recovery systems at the last Tecnargilla. The stand received visits from large numbers of international buyers from countries all over the world, from Germany to North Africa and from the United States to Southeast Asia. During the exhibition, the company also organised guided tours of its plants to offer practical demonstrations of the effectiveness of its installations. Thanks to its technology and ongoing com-

Particolarmente soddisfatta Poppi Clementino per l’interesse che i propri impianti di recupero energetico hanno suscitato allo scorso

GP Service

celebrates

GP Service is proud of the results it has achieved during its 15 years of supplying spare parts, service and technical support. Thanks to its commitment, experience, technical expertise and professionalism, the company now has more than 200 customers in over 30 countries worldwide. In the hope that it will attain ever new

26

mitment to research and development of new applications, new orders have arrived from Spain and a number of agreements with Brazilian companies have almost been finalised.

15

years

and ambitious targets, GP Service wishes to celebrate its 15th anniversary by thanking the customers, associates, agents and suppliers who have always shown trust and competence in their support of the company.

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

GP S ervice

compie

15

Tecnargilla. Lo stand è stato visitato da numerosi operatori internazionali, dalla Germania ai Paesi del Nord Africa, dagli Stati Uniti al Sud-Est Asiatico, contatti culminati in visite guidate ad impianti già funzionanti per la verifica sul campo dell’efficacia delle installazioni. Grazie alla propria tecnologia e al continuo impegno nella ricerca e sviluppo di nuove applicazioni, nuovi ordini sono arrivati dalla Spagna e sono in fase conclusiva alcuni accordi con aziende brasiliane.

anni

GP Service raggiunge il traguardo dei 15 anni di attività orgogliosa dei risultati raggiunti nell’ambito della fornitura di ricambi, servizi e assistenza tecnica. L’azienda oggi conta più di 200 clienti in oltre 30 nazioni,

obiettivi raggiunti grazie a impegno, esperienza, capacità tecniche e correttezza professionale. Auspicando di raggiungere sempre nuovi e ambiziosi traguardi, in occasione dell’anniversario l’azienda ringrazia i clienti, i collaboratori, gli agenti e i fornitori che l’hanno sempre supportata dimostrando fiducia e grande competenza.


Tecnologie di gestione colore per la ceramica

KERAprofiler MULTICHANNEL

2.0

KERAprofiler 2.0

KERAproofer A1

KERAproofer T

I

F

F

O

U

Your best partner...

T

Soluzioni software per il color management Servizi di consulenza tecnica e formazione per color management www.color-store.net


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Sacmi

supplies new

AVB

Sacmi recently commissioned an AVB casting module for the production of 7 wall-mounted open-rim WCs at the Krasnystaw plant belonging to Polish group Cersanit. The AVB casting module has an outstanding capacity to produce different types of ceramic sanitaryware simultaneously, namely wall-hung WCs, floor-mounted WCs, washbasins, cisterns, pedestals and lids. The outstanding flexibility of the AVB casting module enables manufacturers to meet high output requirements and personalise the installed mould mix according to specific produc-

module to

Cersanit

tion needs on a time-to-time basis. Like all Sacmi’s other single and multi-mould high pressure casting machines, the AVB module is built to the most modern standards and designed to meet all the producer’s safety and reliability requirements. The module can be equipped with a robotized de-moulding and piece deposit system to which various options can be added such as the pre-dryer and robotized finishing and automated piece handling equipment.

Cielle

N uova AVB S acmi

a

C ersanit

Nello stabilimento di Krasnystaw del Gruppo polacco Cersanit, Sacmi ha recentemente collaudato il modulo di colaggio AVB per la produzione di 7 vasi sospesi a brida aperta. Il modulo di colaggio AVB si caratterizza per la capacità di produrre contemporaneamente vari tipi di sanitari ceramici, quali vasi sospesi, vasi a terra, lavabi, cassette, colonne e coperchi. Grazie alla grande flessibilità del modulo di colaggio AVB si possono soddisfare sia le esigenze di produzioni ad alto volume, sia

brings high definition to the ceramic world

C ielle : l ’ alta

Cielle, an Italian company based in Pero, near Breda di Piave in the province of Treviso that can boast more than 30 years of experience in the production of pantographs and laser engraving machines, set up a gallery at the last Tecnargilla showcasing its futuristic master moulds built for tile producers. The company has developed a CO2 laser system (patent pending) that provides an innovative procedure for processing resin. The design that is to be reproduced on the master mould is scanned by the machine then processed using three-dimensional graphic modelling software and engraved on the material. The precision of the laser technology and the specially developed software applications guarantee extremely faithful reproduction of every detail thanks to the CO2 source with a power of 200-300 W, wavelength of 10,600 nm and frequency of 1-100 kHz. The option of fixing the resin slab to a suction table makes it possible to pro-

Cielle, azienda di Pero di Breda di Piave (TV), che da oltre 30 anni produce pantografi e macchine a laser per incisioni, ha portato allo scorso Tecnargilla il futuro della produzione di stampi, mettendo in mostra una galleria di matrici realizzate per i produttori di piastrelle. L’azienda ha sviluppato un sistema a laser CO2 (con brevetto depositato), che offre un procedimento innovativo per la lavorazione della resina. Il disegno, che sarà poi

28

cess large formats with the utmost stability. Further advantages include the light weight and low cost of the resin substrates, which makes for greater ease of storage of the master moulds and optimises management costs. Last but not least, the technology developed by Cielle increases productivity by cutting operating times and allowing for rapid order processing. Whereas master mould production previously involved vulcanising and then laser engraving the rubber, the use of resin now allows the vulcanisation stage to be skipped.

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

le necessità di personalizzare il mix degli stampi installati in funzione delle specifiche esigenze produttive del momento. Anche il modulo AVB, come tutta la gamma di macchine per il colaggio ad alta pressione monostampo e multi stampo prodotte da Sacmi, è costruito secondo i più moderni criteri e risponde a tutte le esigenze sia in termini di sicurezza che di affidabilità. Il modulo può essere corredato con un sistema robotizzato di sformatura e deposito dei pezzi prodotti, cui possono essere aggiunte varie opzioni, quali il pre-dryer, la finitura robotizzata e la movimentazione automatizzata dei pezzi.

definizione entra nel mondo della ceramica riprodotto sulla matrice, è scansionato dalla macchina, rielaborato attraverso un software per la modellazione tridimensionale grafica e quindi inciso sul materiale. La precisione della tecnologia a laser e i software sviluppati ad hoc garantiscono una lavorazione ad alta fedeltà in ogni dettaglio, grazie alla sorgente CO2 - con potenza di 200/300 W, lunghezza d’onda di 10.600 nm e frequenza di 1-100 kHz . La possibilità di bloccare la lastra di resina su un piano aspirante consente, inoltre, di lavorare anche su grandi formati con assoluta stabilità. A questi vantaggi si aggiunge l’elevata leggerezza ed economicità dei supporti resinici: questo significa maggiore facilità di stoccaggio delle matrici e ottimizzazione dei costi di gestione. Non da ultimo, l’aumento della produttività: la tecnologia sviluppata da Cielle consente di ridurre i tempi operativi e, di conseguenza, aumentare la capacità di gestire ordini e commesse in velocità. Se in precedenza, infatti, era necessario vulcanizzare la gomma e poi inciderla con il laser per ottenere la matrice, con l’utilizzo della resina si salta il passaggio della vulcanizzazione.


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Egyptian

firm A l O maraa chooses I talian equipment from Al Omaraa, a well-established Cairo-based ceramic company, recently decided to strengthen its leadership position by making major investments in plant renovation, for which purpose it chose exclusive Italian technology. At the beginning of 2013 the company aims to start up production of high-quality porcelain tile in a process that will include lapping

Coloritalia

presents

installs second

To achieve its aim of developing the world’s largest and thinnest ceramic sheets in a range of different thicknesses, the well-known Spanish company The Size has renewed its agreement with the System Group’s division System Lamina for the supply of a second production line. The Size has been using System Lamina technology since 2009, and in 2012 confirmed its intention to continue the partnership following a year of research and development in close cooperation with the Italian group. The new agreement involves the supply

30

glazed products. For this purpose, Al Omaraa commissioned BMR to supply two lapping and squaring lines, demonstrating its esteem for the quality of BMR products.

Precious Metals

Coloritalia recently expanded its range of products for third firing with the introduction of its new Precious Metals series, which includes gold and platinum suitable for use on ceramics, porcelain and glass. The range also includes conventional and eco-friendly lustres and adapts perfectly to any colour application system (brush, spray gun, direct application, decal and thermoplastic). The Precious Metals range fits in with the company’s strategy of upgrading its products for third firing. This has involved making improvements to existing ranges such as CP® (850°C firing colours) and CI® (1200°C

The Size

L’E gitto sceglie il M ade in I taly con BMR

BMR

C oloritalia

firing colours), creating CA lead-free colours and publishing catalogues that are more complete and simpler to use. Alongside standard products, which have been improved based on customer feedback, Coloritalia is also able to provide custom solutions tailored to specific production requirements. One of the new developments in the pipeline for 2013 is the launch of its new website. ®

System Lamina

line

of a complete plant for the production of extremely large format ceramic sheets (up to 1200x4800 mm) with thicknesses of between 5 and 12 mm. The new thicknesses will enable the Spanish company to supply products suitable for a wide range of applications (including floor and wall coverings and external facades) and with any kind of graphic design based on dry, digital and conventional decoration.

C era mic W o rld Review n. 99/ 2012

Al Omaraa, consolidata azienda ceramica con sede a Il Cairo, ha recentemente deciso di accreditare la propria leadership effettuando importanti investimenti che hanno comportato il rinnovo completo dei propri impianti con tecnologia esclusiva made

presenta

P recious M etals

Coloritalia ha recentemente completato la gamma di prodotti per terzo fuoco con la nuova serie Precious Metals, in grado di offrire colorazioni oro e platino a ceramica, porcellana e vetro. La gamma, che comprende anche i lustri tradizionali o ecologici, si adatta perfettamente a qualsiasi sistema di applicazione del colore (pennello, aerografo, applicazione diretta, decalco e termoplastici).

T he S ize

in Italy. L’obiettivo è quello di iniziare il 2013 con l’avvio di una nuova produzione di gres porcellanato di qualità, applicando la lappatura sul prodotto smaltato. Per perseguire questo fine, Al Omaraa si è affidata a BMR che ha fornito due linee di lappatura e squadratura, andando a consolidare una partnership fondata sulla stima e sulla qualità dei prodotti BMR.

La creazione di Precious Metals rientra nella politica di rinnovamento di prodotti per terzo fuoco iniziata con il perfezionamento di gamme già esistenti quali CP® (colori da 850°) e CI® (colori da 1200), la creazione dei colori Apiombici CA® e di nuovi cataloghi più completi e semplici da consultare. Oltre agli articoli standard, perfezionati anche grazie ai suggerimenti della clientela, Coloritalia è in grado di intervenire su personalizzazioni ad hoc per particolari esigenze produttive. Tra le varie novità in cantiere per il 2013, anche la presentazione del nuovo sito web.

installa la seconda linea

Sviluppare le lastre ceramiche più grandi e sottili al mondo e di differente spessore: questa la scommessa per il noto produttore spagnolo The Size, che ha rinnovato l’accordo con System Lamina, divisione del Gruppo System, per la fornitura di una seconda linea produttiva. The Size, già in possesso dal 2009 di tecnologia System Lamina, dopo più di un anno di ricerca e sviluppo in stretta collabo-

Lamina

S ystem L amina

razione con il Gruppo di Fiorano, ha confermato nel corso del 2012 la volontà di proseguire la partnership. Il nuovo accordo consiste nella fornitura di un impianto completo per la produzione di lastre ceramiche di grandissimo formato, fino a 1.200x4.800 mm, e con spessore variabile da 5 a 12 mm. Grazie ai nuovi spessori l’azienda spagnola è in grado di realizzare materiali con le più svariate destinazioni d’uso, dai pavimenti ai rivestimenti alle facciate esterne, rendendo concretizzabile qualsiasi tipo di disegno grafico, con decorazione a secco, digitale e tradizionale.


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Esa

pursues sustainable innovation

The Italian company Esa (Curno, province of Bergamo), a member of the Siad Macchine Impianti group, supplies advanced technological solutions for industrial combustion processes and is ever ready to take on the new challenges posed by the market. The hub of its activities is the ultra-modern research centre, an 800 sq.m complex opened last September as the culmination of a project that began in 2005. The company’s burner production focuses on criteria of energy saving, reduction in harmful emissions and optimisation of engineering performance in accordance with the provisions of the Kyoto Protocol. Its innovative Esa Estro and Esa Genio flame controls for continuous duty burners compliant with standard UNI EN 746/2:2010 and pneumatic valves for controlling the air-gas ratio for roller kilns are designed

to improve the production process by combining energy savings with maximum efficiency. Over the years the company has established a strong international presence, including sizeable market shares in emerging countries. In the future it intends to continue to propose innovative and competitive solutions for sustainable development.

Sacmi supplies high-pressure to V itra E czaçıbası The Turkish manufacturer Vitra Eczaçıbası, a market leader in the sanitaryware sector, has once again chosen Sacmi technology for the high-pressure casting of WC bowls with a single-mould set-up. The new technology will be installed at the Bozüyük facility, which has a production capacity of more than 5 million sanitaryware articles per year. Vitra has decided to purchase two AVM150 machines, which deliver the flexibility needed to change models frequently in response to market demand whilst causing as little disruption as possible to the production process. With a total of four AVM150 model singlemould machines for WCs and eight AVE040 model 4-mould

32

casting plant

machines for WCs, Vitra is continuing its transition from traditional to high-pressure casting in order to meet its stated objective of improved production quality together with substantial energy savings. The Eczaçıbası group, founded in 1942 and consisting of 39 companies with almost 11,000 employees, reported a consolidated turnover of nearly 2.3 billion euro in 2011 (including 890 million euro generated by the Building Products Division). Of this, 60% was generated by exports to markets that include the European Union, the UK, the United States, Russia and the Middle East.

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

E sa :

innovazione sostenibile

Esa, azienda di Curno, Bergamo, società del gruppo Siad Macchine Impianti, sempre pronta a cogliere le nuove sfide del mercato, mette a disposizione soluzioni tecnologiche avanzate dedicate ai processi della combustione industriale. Fulcro della sua attività è il modernissimo centro ricerche, un complesso di circa 800 mq inaugurato lo scorso settembre a coronamento di un percorso iniziato nel 2005. La produzione di bruciatori segue linee guida mirate al risparmio energetico, riduzione delle emissioni nocive e massimizzazio-

S acmi : colaggio in alta per V itra E czaçıbası Il produttore turco Vitra Eczaçıbası, tra i leader nel comparto dei sanitari, ha confermato Sacmi in qualità di partner tecnologico per il colaggio in alta pressione dei vasi in configurazione monostampo. La nuova fornitura andrà a potenziare l’impianto di Bozüyük con capacità produttiva di oltre 5 milioni di articoli sanitari l’anno. La scelta è ricaduta su due macchine AVM150, dotate della flessibilità oggi indispensabile per far fronte a cambi sempre più frequenti dei modelli, arrecando il minor di-

ne delle performance da un punto di vista ingegneristico, in accordo con quanto previsto dal Protocollo di Kyoto. Gli innovativi controlli fiamma Esa Estro ed Esa Genio per bruciatori, con funzionamento a servizio continuo, in accordo alla normativa UNI EN 746/2:2010, e valvole pneumatiche di controllo rapporto aria e gas AR per forni a rulli, sono infatti rivolti al miglioramento dei processi produttivi coniugando risparmio energetico con la massima efficienza. L’azienda, che si è affermata negli anni a livello internazionale conquistando importanti quote di mercato nei paesi emergenti, intende continuare a proporre soluzioni sempre più competitive e all’avanguardia, con l’obiettivo di contribuire all’affermazione di uno sviluppo sostenibile.

pressione

sturbo possibile al flusso produttivo. Con un totale di 4 macchine monostampo per WC, modello AVM150, e 8 macchine a 4 stampi per WC, modello AVE040, Vitra prosegue così nel passaggio dal colaggio tradizionale a quello in alta pressione, nell’ottica di migliorare la qualità produttiva e ottenere un significativo risparmio energetico. Il gruppo Eczaçıbası, fondato nel 1942 e composto da 39 società con quasi 11.000 dipendenti, ha registrato nel 2011 un fatturato consolidato di quasi 2,3 miliardi di euro (890 milioni di euro realizzati dalla Divisione Building Products), di cui il 60% ottenuto da esportazioni verso mercati come Unione Europea, Regno Unito e Stati Uniti, Russia e Medio Oriente.


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

LB wins new contracts in Spain and Saudi Arabia LB Officine Meccaniche has secured major orders in the Spanish and Saudi Arabian markets. As part of its project to double the feeding line for large-format porcelain sheets, The Size (Castellón, Spain) will adopt an Easy Color system and a special feeder (Tecno Slab) designed by LB to generate new aesthetic effects on porcelain sheets. The products will offer a faithful reproduction of natural stone, including special vein effects. For CPC Ceramic Pipes Com-

pany (Riyadh, Saudi Arabia), LB will supply a system for mixing, wetting and preparing products for feeding to new extruders. The equipment will be installed in an existing line and will allow the Saudi company to expand its product range in response to market demands.

Surfaces Technological Abrasives reports growth Surfaces Technological Abrasives, an Italian company that produces abrasives for the treatment of ceramic surfaces, reported a 25% increase in sales in 2011 and 2012. The company’s success is based on a combination of extremely high-quality raw materials and a continuous search for new technology. It focuses on the use of crystalline (non-amorphous) resins, diamond powders with a super-controlled particle size and substrates that are designed, produced and assembled in Italy. As a result, its fickert tools, sector disks and Surfaces range abrasives are ideal for applications requiring

BMR

supplies technology to

A line from BMR consisting of a lapping machine and a squaring machine rounds off the allItalian technology investments made by Oman Porcelain, a new niche ceramic company set up by a group of partners operating in the finished product market. Unlike other local companies that mainly concentrate on the production of red body tiles, Oman Porcelain has made the bold decision to produce porcelain tile. Its aim

34

high quality, aesthetic impact and savings in terms of processing times. As part of its development plans, Surfaces Technological Abrasives recently set up a new Brazilian branch called Surfaces Brasil in Criciuma, state of Santa Caterina. The branch will be officially presented at Expo Revestir 2013 (Sao Paulo) where the company will have its own stand.

Oman

is not so much to produce very large volumes as to cater for the highest and most discerning market segment focusing on high-quality products. For this reason, it chose Italian technology, commissioning BMR to supply a latest-generation scoreand-snap cutting line as an important first step towards its future development.

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

LB:

nuove forniture in

LB Officine Meccaniche ha messo a segno importanti forniture per i mercati spagnolo e saudita. The Size (Castellon, Spagna), che raddoppierà la linea di alimentazione lastre in gres per grandi formati, si doterà di un sistema Easy Color e di un particolare alimentatore (Tecno Slab), targati LB, per la realizzazione di nuovi effetti estetici su lastre in

S pagna e A rabia S audita gres. I prodotti riprodurranno fedelmente le pietre naturali, creando particolari venature. Presso CPC Ceramic Pipes Company (Riyadh, Arabia Saudita), azienda attiva nella produzione di tubi in gres, LB fornirà invece un sistema per la miscelazione, bagnatura e preparazione del prodotto destinato all’alimentazione di nuovi estrusori. L’intervento si inserisce in una linea già esiste e consentirà all’azienda saudita di ampliare la gamma prodotti per meglio rispondere alle richieste di mercato.

S urfaces T echnological A brasives Un biennio ricco di soddisfazioni per Surfaces Technological Abrasives, azienda attiva nel settore degli abrasivi per il trattamento di superfici ceramiche, che nel 2011 e 2012 ha incrementato le vendite del 25%. La ricetta del successo è presto riassunta: materie prime di altissima qualità e ricerca continua in nuova tecno-

I n O man

logia. Le resine cristalline (non amorfe), le polveri diamantate di granulometria super controllata e i supporti studiati, prodotti e assemblati in Italia, rendono i fickert, i dischi a settori e tutti gli abrasivi della gamma Surfaces, ideali per trattamenti su superfici dove è richiesta qualità, resa estetica e risparmio nei tempi di lavorazione. Surfaces Technological Abrasives, nell’ambito dei propri piani di sviluppo, è recentemente sbarcata in Brasile con la nuova sede Surfaces Brasil, Criciuma (Santa Caterina), che sarà presentata ufficialmente in occasione di Expo Revestir 2013 (San Paulo) dove l’azienda sarà presente con un proprio stand.

la tecnologia parla

Con la fornitura di una linea composta da lappatrice e squadratrice, BMR completa la scelta tecnologica completamente made in Italy effettuata da Oman Porcelain, nuova azienda ceramica di nicchia nata dall’esperienza di alcuni dei soci nel mercato del prodotto finito. Rispetto alle realtà locali, per lo più concen-

in crescita

BMR

trate nella produzione in pasta rossa, Oman Porcelain ha deciso di distinguersi seguendo una sfida coraggiosa che la porta verso il gres porcellanato: l’obiettivo è quello non di puntare a volumi eccessivi, quanto a soddisfare la fascia di mercato più alta ed esigente alla ricerca di un prodotto di qualità. Per questo, la scelta è ricaduta sul made in Italy, affidando a BMR la fornitura di una linea di taglio e spacco di ultima generazione: un primo importante passo verso l’evoluzione.


ADVERTISING

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Vetriceramici expands

On the occasion of its 25th anniversary, the Vetriceramici Group opened the new 1,000 sq.m three-floor office building in Spezzano di Fiorano that will house its new showrooms and sales offices. The building, which stands alongside the R&D laboratories and features a large panoramic terrace overlooking the Ferrari racetrack, will allow the group to offer an even better service tailored to the specific technical and design needs of its customers. In 2012 Vetriceramici Group marked up further growth both in Italy and in key international markets. With its innovative Vetridigit product range, it is one of the leading players in the digital revolution that is sweeping the ceramic sector. The Group is also making a major investment for an ultramodern facility on an 18,000 sq.m site in a new industrial area of Monterrey, Mexico, which will enable its local subsidiary to serve the US and Mexican ceramic industry. The managerial offices and research laboratories at the group’s headquarters in Casola Valsenio (province of Ravenna, Italy) have also been expanded and equipped with the latest instrumentation for digital technology. Alongside the group’s high-quality inks, it is here that the new digital materials of the future are being developed. One of these is DGV - Digital Glaze Vetriceramici, a new range of products specially designed to create textural and special effects on tiles using digital technology. Based on Vetriceramici’s ongoing efforts in technological innovation, the

V etriceramici in espansione

In occasione del suo 25mo anniversario, il Gruppo Vetriceramici ha inaugurato a Spezzano di Fiorano, la nuova palazzina direzionale che ospiterà, nei suoi oltre 1.000 mq suddivisi su 3 piani, i nuovi show room e gli uffici commerciali. La struttura, che sorge a fianco dei laboratori R&D ed è dotata di un’ampia terrazza panoramica affacciata sul circuito Ferrari, offre un servizio ancora più qualificato e mirato alle specifiche esigenze, tecniche e di design, della clientela. Il 2012 ha visto infatti il Gruppo Vetriceramici in ulteriore espansione sia sul mercato nazionale che sui principali mercati internazionali e protagonista della rivoluzione tecnologica digitale in atto nel settore ceramico con le proprie linee innovative della gamma Vetridigit. Nell’ambito di tale crescita, il Gruppo sta inoltre realizzando un importante investimento produttivo in una nuova zona industriale di Monterrey – Messico, su un’area di 18.000 mq, dotando la propria controllata locale dei più moderni impianti industriali a servizio dell’industria ceramica statunitense e messicana. Anche nella sede principale di Casola Valsenio (RA) sono stati ampliati gli uffici direzionali e gli spazi dedicati ai laboratori


ADVERTISING

new DGV range consists of products such as penetrating, iridescent, white and clear glazes. It joins the Vetridigit digital ink line which is already well established in the major international markets and consists of 12 VIK colours in three different series, ideal for adapting to the different printheads used by printer manufacturers. Another important series is the revolutionary DDV - Digital Dry Vetriceramici range, designed and developed in cooperation with the sector’s leading engineering and plant manufacturers. In addition to the new line, these partnerships have also resulted in the development of a dry digital glazing system. The DDV range of products includes matt, gloss, white, transparent and lustre glazes, allowing for unlimited custom colours and a strongly textural effect. Dry digital technology offers the advantage of being able to interface graphically with the best wet digital printers. This makes for high-quality tiles that combine the benefits of high-definition wet digital printing with the dry digital application of large quantities of material.

di ricerca di base, arricchiti con le più moderne strumentazioni legate alla tecnologia digitale. È qui che, in affiancamento ai prestigiosi inchiostri stanno nascendo le nuove materie digitali del futuro. In particolare, “DGV” - Digital Glaze Vetriceramici, è la nuova gamma di prodotti specificatamente progettata e sviluppata per applicare “materia” e conferire effetti speciali alla piastrella, tramite l’impiego della tecnologia digitale. Frutto della propensione all’innovazione tecnologica che contraddistingue Vetriceramici, la nuova gamma “DGV” è composta da affondanti, prodotti iridescenti, bianchi e trasparenti, e va a integrare la linea di inchiostri digitali Vetridigit, già ampiamente apprezzati sui principali mercati internazionali, composta da 12 diversi colori “VIK” in tre serie, per adattarsi alle diverse testine utilizzate dai costruttori di stampanti. Fiore all’occhiello della gamma sarà la rivoluzionaria “DDV” - Digital Dry Vetriceramici, studiata e realizzata in collaborazione con le più qualificate società di ingegneria e impiantistica del settore. I risultati di tali partnership hanno portato, oltre alla nuova linea, anche alla realizzazione di un sistema di smaltatura digitale a secco. La gamma di prodotti DDV comprende smalti matt, lucidi, bianchi, trasparenti e lustri che consentono infinite personalizzazioni cromatiche nonché una forte caratterizzazione materica del prodotto. Vantaggio della tecnologia digitale a secco è la possibilità di potersi interfacciare a livello grafico con le migliori stampanti digitali ad umido, ottenendo così piastrelle di elevata qualità, abbinando i pregi dell’alta definizione del digitale ad umido all’applicazione in digitale a secco di elevate quantità di materia.

Via Saragat, 5 424124 - Reggio Emilia - ITALY Tel. +39 0522 921337 / 921851 Fax. +39 0522 924044 poppi@poppi.it www.poppi.it Sede Spagna C/FORMENTERA 27 12530 BURRIANA-CASTELLON Agente Spagna Ing.Victor Gascon vgascon@poppi.it Mob.: 0034 619373938 Agent Commercial Casablanca (Maroc) RAMI ABDELKRIM Tel./ Fax. 0021 2522522895 rami.negoce@menara.ma Mob.: 0021 2661191662


The first 50 years of Manfredini & Schianchi Milena Bernardi - m.bernardi@tiledizioni.it

I primi 50 anni di Manfredini & Schianchi

events

Half a century of history and success in the ceramic technology sector is an achievement well worthy of commemoration. Manfredini & Schianchi, a company that designs and builds innovative systems and solutions for raw materials milling based in Sassuolo at the heart of the Italian ceramic district, invited customers, associates and friends to a large party to celebrate its first 50 years of activity. The event, held on the evening of 26 September at the Grand Hotel in Rimini during the week of Tecnargilla, served as an opportunity to thank everyone who has worked with the company over the years and helped it continue to achieve excellent results even in difficult times for the sector. The founders Umberto Manfredini and Gianfranco Schianchi are proud to have passed on to the next generation not just the leadership of the company but also a passion for the business. “According to a popular saying, fifty years – or half a century – is the time it takes a duckling to yawn,” joked Umberto Manfredini, aware that the aphorism does not do full justice to the company’s long history and the important role it has played in world ceramic production. “Things have changed enormously in the last 25 years since I began working at the company,” said Fabio Schianchi. “Over the last decade in particular we have seen enormous upheavals in our country’s economy and in our sector. It is not easy to maintain a name and organisation in times like this, but we have never given up and have carried on with strength and determination. Today the company has a high turnover and branches

38

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

Mezzo secolo di storia e di successi tecnologici in campo ceramico andavano certamente festeggiati. Lo ha fatto Manfredini & Schianchi, azienda che progetta e costruisce sistemi e soluzioni innovativi per la macinazione delle materie prime a Sassuolo, cuore pulsante del distretto ceramico, che per i sui primi cinquant’anni, ha riunito attorno a sé clienti, collaboratori e amici in una grande festa. L’evento, celebrato la sera del 26 settembre scorso presso il Grand Hotel di Rimini, nel corso della settimana dedicata a Tecnargilla, ha rappresentato un’occasione per ringraziare tutti coloro che hanno lavorato accanto all’azienda, contribuendo agli ottimi risultati che, anche nei momenti più difficili per il settore, sono sempre giunti puntuali. Orgogliosa la prima generazione, quella dei fondatori Umberto Manfredini e Gianfranco Schianchi, per aver passato ai figli oltre al testimone, anche la passione per il mestiere. “Cinquant’anni, ovvero mezzo secolo, è lo sbadiglio di un anatroccolo - scherza Umberto Manfredini – consapevole che il detto popolare non rende del tutto giustizia al lungo percorso dell’azienda e al ruolo rilevante occupato nel panorama della produzione ceramica mondiale. “Da 25 anni, momento in cui è iniziata la mia attività in azienda, di cose ne sono cambiate” - ha dichiarato Fabio Schianchi. “Nell’ultimo decennio, soprattutto, abbiamo assistito a stravolgimenti di grande portata per l’economia del Paese e del settore. Non è facile mantenere un nome e una struttura di questi tempi, ma noi non ci siamo mai fermati e abbiamo proseguito con la stessa forza e determinazione. Oggi l’azienda ha un fatturato


mu LTi

ia med

A

More contents on your tablet

and representation offices abroad, and continues to enjoy success in emerging countries year after year.” Stefano Schianchi also has a forward-looking vision as well as a very optimistic outlook for the sector: “Today’s world is more difficult but at the same time more stimulating. We have to deal with larger, new and exciting markets, from which there is a lot to learn. The scenarios have changed and the arena is now global rather than local. Ceramics has become a sector that remains competitive within a range of 1000 km. We can no longer continue to produce in Sassuolo products that are needed worldwide.” “We have always believed in sustainability and energy saving,” commented production manager Daniele Schianchi, “and our technology is now achieving outstanding results in terms of turnover and market presence.” Alessandro Manfredini also commented on the company’s 50 year-long adventure. “Struggle, sacrifice, growth and development are the words I feel sum up all those years of hard work,” he said. “Our success stems from our ability to offer global service and technological support, from raw materials through to the finished product. We have to look forward, and in our future I see greater internationalisation and an ever stronger focus on the search for cost-cutting and energy-saving solutions.” Manfredini & Schianchi has a clear long-term vision and since 1994 has maintained a presence in Brazil through its own branch (M&S do Brasil), where it has revolutionised the dry grinding process. But now it is time to cut the cake and make a toast to the future. (JF) 

importante, filiali e uffici di rappresentanza all’estero e i Paesi in crescita continuano a premiarci anno dopo anno”. Guarda avanti e lontano anche Stefano Schianchi che offre una visione particolarmente ottimistica sul comparto: “Il mondo oggi è più difficile, ma senza dubbio più stimolante. Abbiamo a che fare con mercati più grandi, nuovi e accattivanti, da cui c’è anche molto da imparare. Sono cambiati gli scenari, è innegabile, oggi la guerra non è più locale, ma globale. La ceramica è diventata un settore che rimane competitivo sotto i 1000 km e non si può più pensare di produrre a Sassuolo ciò che serve nel resto del mondo”. “Sostenibilità e risparmio energetico: noi – dice Daniele Schianchi, responsabile della produzione – ci abbiamo sempre creduto e la nostra tecnologia, oggi, ottiene risultati che la premiano in termini di fatturato e di presenza sul mercato”. L’avventura, iniziata cinquant’anni fa, è vissuta con grande impegno anche da Alessandro Manfredini: “Lotta, sacrifici, crescita e sviluppo. Direi che possiamo così riassumere tanti anni di intenso lavoro. Il nostro successo è dovuto alla capacità di essere presenti con un servizio e un’assistenza tecnologica globale, a partire dalle materie prime fino alla garanzia del prodotto finale. Bisogna guardare avanti, nel nostro futuro vedo una maggiore internazionalizzazione e una spinta sempre più orientata alla ricerca di soluzioni finalizzate alla riduzione dei costi e al risparmio energetico”. La lungimiranza di Manfredini & Schianchi, del resto, appare evidente. Dal 1994 l’azienda è presente in Brasile con una propria sede (M&S do Brasil), dove ha apportato una vera e propria rivoluzione dal punto di vista della macinazione a secco. È il momento del taglio della torta. Si brinda tutti insieme per altri cento di questi giorni. Come minimo! 

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 99/ 2 0 1 2

39


Laticrete grows in India Milena Bernardi - m.bernardi@tiledizioni.it

Laticrete cresce in India

events

MYK Laticrete India opened its new Dry Mortar Plant, Research & Development Centre and Technical Training Facility in Hyderabad, Andra Pradesh on 11 October. The new factory was designed by the Italian firm LB Technologies and replaces the previous facility at the same location. It was officially inaugurated by the US Consul-General to Hyderabad. A solid showing of the US multinational’s top management were on hand for the events, including David A. Rothberg, CEO/Chairman, Erno de Bruijn, President International Division and Faisal Saleem, Senior Director of International Business Development. Laticrete was one of the first international companies to establish a presence in India, and continued growth in the world’s second most populous country fits in perfectly with the group’s expansion plans for developing markets. “Continued growth in India is an important part of our international expansion programme,” said Erno de Bruijn. “Our successful experiences in China, India, Singapore and the Arabian Gulf, where we already have leading positions, have helped to better develop business plans for additional markets in Southeast Asia, Latin America and Africa.” MYK Laticrete India employs over 500 people and has two manufacturing facilities in Hyderabad (Andhra Pradesh state) and Sotanala (Rajasthan state), as well as 21 offices and warehouses throughout the nation. As part of the group’s development programmes, a third factory is currently under construction in Perundarai, Tamil Nadu state, which should be completed in the first quarter of 2013. Plans are also on the drawing board to build additional factories over the next five years. “Laticrete enjoys a strong presence in India,” said Faisal Saleem. “Ever since it was founded, the company has been growing. We

40

C era mic W o rld Review n. 99/ 2012

È stato inaugurato lo scorso 11 ottobre a Hyderabad (Andra Pradesh), alla presenza del console degli Stati Uniti nella città indiana, Katerine Dhanani, il nuovo stabilimento per la produzione di premiscelati di MYK Laticrete India, una struttura che comprende, oltre all’impianto progettato e realizzato dalla italiana LB, anche un attrezzatissimo centro ricerche e un ampio spazio adibito alla formazione tecnica. Al completo il top management della multinazionale statunitense presente alle cerimonie e ai festeggiamenti, da David A. Rothberg, presidente e CEO di Laticrete International, a Erno de Bruijn, Presidente dell’International Division e a Faisal Saleem, Senior Director dell’International Business Development. La crescita in India di Laticrete, tra le prime aziende straniere ad insediarsi nel secondo Paese più popoloso del mondo, si inserisce nel programma di espansione del gruppo nei mercati in via di sviluppo. “La continua crescita del sub continente indiano risulta particolarmente attrattiva per i nostri piani di espansione internazionale” - ha confermato Erno de Bruijn.”I successi collezionati in Cina, India, Singapore e nel Golfo Persico, dove abbiamo conquistato eccellenti posizioni di mercato, ci hanno stimolato a studiare nuovi piani di sviluppo anche in altri mercati come il Sud-Est Asiatico, l’America Latina e l’Africa”. MYK Laticrete India conta oltre 500 addetti, dispone di due stabilimenti produttivi a Hyderabad (Andhra Pradesh) e a Sotanala, (Rajasthan), 21 uffici e magazzini in tutta la nazione. Nell’ambito dei programmi di sviluppo, un terzo stabilimento, in fase di costruzione a Perundarai, Tamil Nadu, sarà prevedibilmente completato entro il 1° trimestre del 2013, mentre altri impianti sono in fase di definizione e saranno concretizzati nei prossimi cinque anni. “Laticrete gode di una posizione molto forte in India”, ha detto


have always stayed true to the core foundations of Laticrete, which consist of strong, ongoing programmes of education and training that will continue in the future.” David A. Rothberg, who cut the ribbon for the grand opening of the new Technical Training Centre, added that Laticrete has always acknowledged the significance of the Indian economy and the positive impact it has at a global level. “We have long-term plans with our Indian business partners; together we are committed to mutual respect, fair dealing, and making the world a better place,” he said. MYK Laticrete India is ISO 9001:2000 certified and is one of the most technologically advanced factories in India. It has a fully automated dosing and mixing system and a production capacity of more than 170,000 metric tons per year. The new plant was designed and built in cooperation with LB and consists of two mixing lines: one for the production of tile adhesives and grouts, the other for light coloured plaster. Along with knowhow, engineering and management software, LB also supplied the technology that makes up the heart of the plant: weight loss balances at the reception/weighing/dosing stations for additives and polymers/ stains, two discontinuous mixers with a 1400 litre useful capacity, bagging lines, Q.E. and other equipment for this kind of plant such as circular sieves, rotary distributors and linear distributors. Laticrete International Inc. was founded in Connecticut in 1956 by Henry M. Rothberg and is now amongst the world leaders in the sector of adhesives, glues and complete solutions for the installation of building materials. Along with the facilities in the United States, it also has production plants in China, Singapore, the United Arab Emirates and India and sells its products in 75 different countries. (JF) 

Faisal Saleem. “Sin dall’inizio del nostro insediamento l’azienda ha seguito importanti trend di crescita. Siamo sempre rimasti fedeli ai principi fondamentali che contraddistinguono il nostro gruppo puntando a intensi programmi di training e formazione del personale che continueranno anche in futuro”. David A. Rothberg, che ha tagliato il nastro durante l’inaugurazione del nuovo Centro di formazione tecnica, ha sottolineato come Laticrete abbia sempre riconosciuto l’importanza dell’economia indiana e il suo impatto a livello globale. “In questo Paese – ha aggiunto - abbiamo piani a lungo termine e con i nostri partner locali portiamo avanti collaborazioni basate sul rispetto e la fiducia reciproca”. MYK Laticrete India, certificata ISO 9001:2000, è una delle aziende tecnologicamente più avanzate nel Paese, con impianti completamente automatizzati e una capacità produttiva di oltre 170.000 ton/anno. Il nuovo impianto, progettato e costruito in collaborazione con LB, è composto da due linee di miscelazione: una per la produzione di adesivi per piastrelle e fughe, l’altra dedicata alla produzione di intonaci chiari. LB oltre al know how, l’engineering e il software di gestione, ha fornito la tecnologia che compone il cuore dell’impianto: bilance a perdita di peso delle stazioni di ricevimento/pesatura/dosaggio sia degli additivi che dei polimeri/ coloranti, due miscelatori discontinui da 1400 l di capacità utile, linee d’insacco, Q.E. e altre attrezzature dedicate a questa tipologia di impiantistica, quali vagli circolari, distributori rotativi e distributori lineari. Laticrete International Inc., fondata nel 1956 nel Connecticut da Henry M. Rothberg, è oggi tra i leader mondiali nel settore degli adesivi, collanti e soluzioni complete per la posa di materiali per edilizia. Oltre agli stabilimenti negli Stati Uniti, dispone di impianti produttivi in Cina, Singapore, Emirati Arabi e India ed è presente con i suoi prodotti in 75 Paesi. 

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 99/ 2 0 12

41


Tecnargilla 2012: a window onto the world

Tecnargilla 2012: vetrina sul mondo

TEcnargilla

Tecnargilla 2012 came to a close on 28 September, entirely fulfilling expectations and setting a new record for foreign visitor attendance. The presence of international ceramic industry buyers further strengthened the show’s role as a catalyst for technological and aesthetic innovation in the field of ceramic and clay product manufacture. Visitors were of very high quality and included the top managements of the world’s leading ceramic manufacturers. International attendance totalled 14,822, 1.5% up on the already excellent results of 2010 (14,603 visitors, 18.6% up on the previous show). This outstanding figure reflected the show’s increasingly international profile, the highest of any of the events held in the Rimini exhibition centre with 48.6% of visitors travelling in from 110 different countries worldwide. The best represented nations were Spain with 1,217 visitors, China with 1,113, Iran with 1,080 and Turkey with 1,013. In percentage terms, Asia and the Middle East accounted for 34% of professional buyers, the European Union 27%, non-EU Europe 16%, South America 9%, Africa 8% and North America 5%. Tecnargilla also saw strong participation on the part of Italian buyers. Total attendance by Italian professionals during the five days of the show amounted to 15,336, making up 51.4% of the total in spite of an 8% drop with respect to the 2010 edition. The smaller number of Italian visitors resulted in a slight decrease (-3.6%) in the total number of visitors, which dropped to 30,458. “These figures once again demonstrate that customers are interested in the best and most innovative technologies that are making their international debut at Tecnargilla,” said Acimac’s chairman, Fabio Tarozzi. “At the exhibition our companies displayed a wide range of technological innovations that were

42

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

Confermando le aspettative, Tecnargilla 2012 ha spento i riflettori lo scorso 28 settembre con un nuovo record di visitatori stranieri. Gli operatori del settore ceramico internazionale hanno rafforzato la leadership della manifestazione organizzata da Rimini Fiera e Acimac, come catalizzatore e precursore delle novità tecnologiche ed estetiche per la produzione di ceramica e laterizio. Altamente qualificato il profilo dei visitatori, presente il top management delle più importanti aziende al mondo produttrici di manufatti ceramici. Gli operatori internazionali hanno raggiunto le 14.822 presenze, in crescita del +1,5% rispetto ai già ottimi risultati del 2010 (14.603 visitatori, +18,6% sull’edizione precedente). L’ottima affluenza di stranieri ha determinato una crescita dell’internazionalità della manifestazione; la più alta tra le fiere organizzate nel quartiere riminese: il 48,6% dei visitatori sono infatti arrivati a Rimini da 110 Paesi del mondo, omogeneamente distribuiti su tutti i continenti. Tra le nazioni più rappresentate la Spagna con 1.217 visitatori, Cina con 1.113, Iran (1.080) e Turchia (1.013). In termini percentuali Asia e Medio Oriente hanno catalizzato il 34% degli operatori professionali, l’Unione Europea il 27%, Europa Extra-Ue 16%, Medio Oriente 10%, Sud America 9%, Africa 8% e Nord America 5%. Di assoluto rilievo anche la presenza degli operatori italiani. Nei cinque giorni di svolgimento, Tecnargilla è stata visitata da 15.336 operatori professionali italiani, il 51,4% del totale, seppur in calo dell’8% rispetto all’edizione 2010. Il minor afflusso dei visitatori italiani ha determinato il lieve calo (-3,6%) dei visitatori totali, pari a 30.458 presenze. “Questi dati confermano ancora una volta l’attenzione e l’interesse della clientela per le migliori e più innovative tecnologie in


mu LTi

ia med

A

More contents on your tablet

well received by customers. Due to the presence of large numbers of high-quality buyers, most exhibitors were able to establish a greater number of contacts than at previous editions of the show, an important indicator for order intake forecasts for the next few months.” The show also featured a range of ancillary events, including a packed conference programme that offered new ideas and opportunity for in-depth analysis. The conference on “Strategic raw materials for the ceramic industry” organised by the Italian Ceramic Society and sponsored by Acimac and Assomineraria addressed legislative, financial and procurement aspects of raw materials (see focus on page 76). This was followed by a conference organised by Acimac and the University of Modena and Reggio Emilia to discuss summer energy efficiency of masonry and roofs. One event that attracted considerable interest was the first Italian conference discussing Brazil’s new NR12 machinery safety legislation. The obligations and precautions for exporters were outlined by representatives from the Brazilian ministry of labour, which produced the legislation, and by Bruno Maiocchi, coordinator of the technical group from Federmacchine, the association that organised the event together with Acimac. The now customary Ceramic Technology Transfer Day offered a presentation of the best offers of technology published on the website www.ceramicttd.it and took stock of research programmes. This year saw the first edition of the Ceramic TTD Award, set up to honour outstanding, innovative ceramic sector research projects that can be adopted at an industrial level. Prizes were awarded to the three best technology projects

mostra in anteprima mondiale solo a Tecnargilla” - dichiara il Presidente di Acimac, Fabio Tarozzi. “Le nostre aziende si sono presentate in fiera con una ricca offerta di novità tecnologiche che ha incontrato il favore della clientela. La presenza di un numero elevato di buyer qualificati ha consentito alla maggior parte degli espositori di raccogliere un numero di contatti superiore a quello delle ultime edizioni; un importante indicatore per la raccolta ordini dei prossimi mesi”. Diversi gli eventi collaterali che hanno animato la manifestazione; la fitta programmazione convegnistica ha offerto interessanti spunti e occasioni di approfondimento. Il convegno dedicato alle “Materie prime strategiche per l’industria ceramica”, organizzato da Società Ceramica Italiana e patrocinato da Acimac e Assomineraria, ha trattato gli aspetti normativi, finanziari e di approvvigionamento delle materie prime (vedi approfondimento a pag. 76), mentre in un successivo convegno organizzato da Acimac e Università di Modena e Reggio Emilia si è parlato di efficienza energetica estiva delle murature e delle coperture edili. Di particolare interesse l’incontro in anteprima nazionale sulla nuova normativa brasiliana NR-12 sulla sicurezza delle macchine, in cui gli obblighi e le cautele per gli esportatori sono stati descritti dai rappresentanti del ministero del lavoro brasiliano che ha emanato la normativa e da Bruno Maiocchi, coordinatore del gruppo tecnico di Federmacchine che, assieme ad Acimac, ha organizzato l’evento. Non è mancata la tradizionale giornata di trasferimento tecnologico, il Ceramic Technology Trasfer Day, nel corso della quale sono state presentate le migliori offerte di tecnologia pubblicate sul sito www.ceramicttd.it, e fatto il punto sui programmi di ricer-

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 99/ 2 0 12

43


on 27 September. First prize went to the project entitled “Automatic density control of a green ceramic tile produced by pressing”, submitted by Gustavo Mallol from the Instituto de Tecnología Cerámica (ITC). The Spanish research Centre developed an innovative system for automatically controlling the pressing process in the ceramic industry. Innovative features include the absence of mercury and the fact that the green density of ceramic tiles is maintained constant by means of online measurements of the moisture content of powders. In second place was a team from the University of Trento, Department of Mechanical and Structural Engineering, led by Prof. Davide Bigoni, with the proposal “Modelling, numerical simulation and optimisation of the ceramic powder forming process”. Third prize was won by Antonio Maccari from Macs Tech srl with “Keracromia®: how to optimise digital production in the ceramic industry”. Another highlight was the second Tecnargilla Design Award, the competition organised to honour the latest technological innovations in the ceramic industry. This year’s theme was “Future surfaces” and featured innovative projects presented by System, Sacmi, Siti B&T, Projecta Engineering, Colorobbia Italia, Sertile, Vidres, SRS, Es- “Co”, System Ceramics malglass Itaca Group, Colour Service and Digital Design. The award was presented to the winning project entitled Co from System, which was chosen for the following reasons: excellent combination and use of the fundamental components of a ceramic product; outstanding definition of colours and details; alternation of digitally-generated relief thicknesses with flat graphic designs; alternation of satin and gloss finishes within the same design. The project “Digital Project” by Digital Design received a special mention from the jury for its perfect combination of ceramic tradition and new digital technologies. (JF) 

44

C era mic W o rld Review n. 99/ 2012

ca. Quest’anno ha visto la luce anche la prima edizione del TTD Award, riconoscimento ideato per premiare i migliori e più innovativi progetti di ricerca in campo ceramico con applicabilità in campo industriale. Premiate, durante la giornata del 27 settembre, le tre migliori tecnologie presentate. Ad aggiudicarsi il primo premio, la proposta “Controllo automatico della densità di un ceramico verde prodotto per pressatura”, presentato da Gustavo Mallol dell’Instituto de Tecnología Cerámica (ITC). Il centro di ricerca spagnolo ha infatti sviluppato un sistema innovativo per controllare automaticamente il processo di pressatura nell’industria ceramica. Tra gli aspetti innovativi il fatto che non viene usato mercurio e la densità in verde delle piastrelle ceramiche viene mantenuta costante mediante misure online del contenuto di umidità delle polveri. Al secondo posto un team dell’Università di Trento, Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale, guidato dal Prof. Davide Bigoni, con la proposta “Modellazione, simulazione numerica ed ottimizzazione del processo di formatura di polveri ceramiche”. Si è aggiudicato il terzo posto Antonio Maccari di Macs Tech, con “Keracromia®: come ottimizzare la produzione digitale in ceramica”. Altro importante riconoscimento, giunto alla sua seconda edizione, è stato il Tecnargilla Design Award, concorso ideato per celebrare le ultime innovazioni tecnologiche applicate all’industria ceramica. Tema di quest’anno “Superfici future”. In mostra i progetti innovativi presentati da System, Sacmi, Siti B&T, Projecta Engeneering, Colorobbia Italia, Sertile, Vidres, SRS, Esmalglass Itaca Group, Colour Service, Digital Design. La premiazione ha decretato il progetto “Co” di System quale vincitore del concorso con le seguenti motivazioni: ottima sintesi e utilizzo delle componenti fondamentali di un prodotto ceramico; ottima definizione nei colori impiegati e massima definizione dei particolari; alternanza di spessori consistenti a rilievo in digitale e grafica piana, alternanza di finiture satinate e lucide all’interno della stessa grafica. Una menzione speciale della giuria è andata al progetto “Digital Project”, di Digital Design, per l’ottimo connubio fra tradizione ceramica e nuove tecnologie digitali. 


How to catch the uncatchable ...

Digital ceramic decoration opens new chromatic and material horizons.

digital.colorobbia.com


Scenarios and trends in world building Paola Giacomini - p.giacomini@tiledizioni.it

statistics

Scenari e trend dell’edilizia mondiale A fascinating conference designed to take stock of the changes in progress in the world construction industry was hosted in the Rimini exhibition centre during the week of Tecnargilla. The event outlined current and future scenarios and identified strategies to help the sector’s companies respond to the new market challenges. “Scenarios and trends in world building” was the title of a report given by Giuseppe Schirone from Prometeia, of which we provide a summary. The complete report is available at www.tecnargilla.it and can be downloaded to tablet devices.

Un interessante convegno ha animato il quartiere fieristico riminese durante la settimana dedicata a Tecnargilla. Obiettivo: fare il punto sui cambiamenti in atto a livello mondiale nel settore delle costruzioni, delineando scenari attuali e futuri e orientando le imprese della filiera nell’individuazione di strategie capaci di supportarle nelle nuove sfide di mercato. “Scenari e trend dell’edilizia mondiale” è il titolo dell’intervento di Prometeia presentato da Giuseppe Schirone, di cui riportiamo una sintesi. La relazione completa è disponibile su www.tecnargilla.it e scaricabile su tablet.

Changes in the global map of investments

Cambia la geografia degli investimenti

The world construction industry has experienced an alarming L’industria mondiale delle costruzioni ha subito negli ultimi anni downturn in recent years. In Italy in particular, investments un calo preoccupante. In Italia, in particolare, gli investimenti hanhave dropped by 6% and profitability has virtually halved. no subito un contraccolpo pari al -6% con una redditività praticaThe situation is not expected to improve in the immediate fumente dimezzata. ture, with projections pointing to a further five years of recesLa traversata si preannuncia ancora lunga perché, per quel che rision and stagnation. guarda questo mercato, si prevedono altri 5 anni di recessione e Clearly then, the current model is no longer feasible and Italstagnazione. ian companies must seek opportunities abroad. Appare chiaro, dunque, che il modello attuale non è più proponiGiven the evident changes in the geographical map of conbile e che le imprese italiane devono cercarsi le opportunità all’estruction investments, many companies have long been stero. Molte hanno messo in atto già da tempo strategie di internaadopting internationalisation strategies. zionalizzazione in virtù del fatto che la geografia degli Whereas in 2000 advanced countries made up 77% of the investimenti in costruzioni è oggettivamente cambiata: se nel 2000 world market, by 2011 this figure had fallen to 61%. la quota assorbita dai Paesi avanzati raggruppava il 77% del mercaFollowing a 7% decline over the three-year period 2007-2010, to mondiale, nel 2011 è scesa al 61%, il 40% è altrove. world investments resumed Dopo il -7% registrato nel growth in 2011 due to the contriennio 2007-2010, gli investiCONSTRUCTION IN THE BRICs tribution of emerging markets, menti mondiali sono tornati a Various drivers of investments - breakdown of construction where investments have concrescere nel 2011, ma solo grainvestments by segments (2011 shares) tinued to grow in spite of the zie al contributo dei nuovi COSTRUZIONI NEI BRICs real estate crisis (up by ap- driver diversi degli investimenti - Ripartizione per segmenti degli mercati. proximately 60% in 2000-2007 La crisi del real estate infatti, investimenti in costruzioni (quote 2011) and by 15% in 2008-2011). non ha fermato gli investimenOf particular note are the ti nei Paesi emergenti che hanBRIC countries (Brazil, Russia, no continuato a svilupparsi India and China), which cur(+60% nel 2000-07, +15% nel rently account for a quarter of 2008-2011). the global market in construcTra questi spiccano i BRIC (Bration investments. The corresile, Russia, India, Cina), dove Residential China and Russia sponding figure for 2000 was si concentra attualmente 1/4 Residenziale 12 potential niches Non-residential just 10%. del mercato globale degli inveIndia and China Non residenziale 12 nicchie in cui The Next-11 countries (Mexistimenti in costruzioni: nel Civil engineering posizionarsi Brazil and Russia co, Egypt, Iran, Philippines, In2000 era il 10%! Genio civile donesia, South Korea, Turkey Meno vistosa la crescita dei

46

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012


mu LTi

ia med

A

More contents on your tablet

AN OVERVIEW PROSPECTS FOR 2012/14

investments in construction, total (and residential) average annual % var. 2012/2014

PROSPETTIVE 2012-14 investimenti in costruzione, totale (e residenziale) var. % nmedia annua 2012-14 (+Vietnam, Bangladesh, Pakistan and Nigeria) have seen less conspicuous growth, their share of world investments rising from 6% to 7% over the 11-year period. The lion’s share of 2011 investments in BRIC countries went to the civil engineering sector (Brazil 55%, Russia 50%), although non-residential building also performed strongly, particularly in India (45%) and China (30%). The residential sector also secured a significant share, accounting for 33% of total investments in China and 30% in Russia.

THE PLAYERS IN BUILDING INVESTMENTS,

BRICS and other countries, investments in residential building ($ 1995) - position in world rankings

I PROTAGONISTI DEGLI INVESTIMENTI IN EDILIZIA BRIC, ma non solo - investimenti in costruzioni residenziali ($1995) posizionamento nel ranking mondiale

Next-11 (Messico, Egitto, Iran, Filippine, Indonesia, Korea, Turchia (+Vietnam, Bangladesh, Pakistan e Nigeria), passati in 11 anni dal 6 al 7% degli investimenti mondiali. Nello specifico, nei Paesi BRIC, a livello di investimenti 2011, la parte del leone la fa il genio civile (Brasile 55%, Russia 50%), buono il rapporto anche con il non residenziale in cui primeggiano l’India con il 45% e la Cina con il 30%. Il residenziale ottiene anch’esso uno spazio di tutto rispetto: in Cina raggiunge il 33% del totale degli investimenti mentre in Russia tocca il 30%.

The short-term outlook for investments in construction in BRIC countries is unlikely to see major changes, apart from China where a slowdown is already in progress. The situation in advanced countries is rather different and, with very few exceptions, macroscopic factors (such as resources for growth and fiscal policies) and specific factors (unsold stock, housing prices) are expected to curb investments in construction. Some medium-term projections can be made for the three-year period 2012-2014.

Nel breve termine il quadro degli investimenti in costruzioni nei BRIC (Cina a parte con un rallentamento già diagnosticato), non dovrebbe subire particolari stravolgimenti. All’opposto, nei Paesi avanzati, sia fattori macro, come risorse per la crescita e politiche di bilancio, sia fattori specifici (stock di invenduto, prezzi delle abitazioni), limiteranno con poche eccezioni gli investimenti in costruzioni. Per il medio termine, ossia per il triennio 2012-2014 è possibile azzardare alcune previsioni.

The most advanced economies may see a market recovery, including the US (which remains close to its all-time low) and Germany, where the favourable loan conditions and income growth are boosting housing demand. In China the housing bubble may begin to deflate. The Chinese residential building sector reached 11% growth rates over the period 2007-2011 but may experience a 4-point fall in the three-year period 2012-2014. Brazil and India are expected to maintain the growth rates

Nelle economie più avanzate si potrebbe verificare una ripresa del mercato negli Stati Uniti, anche se in prossimità di minimi storici, e della Germania, dove le favorevoli condizioni di finanziamento e la crescita dei redditi stanno sostenendo la domanda abitativa. In Cina si potrebbe assistere a uno sgonfiamento della bolla immobiliare. Per quanto riguarda l’edilizia residenziale, infatti, nel 2007-2011 la Cina ha raggiunto tassi di crescita dell’11%, nel triennio 2012-2014,

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 99/ 2 0 1 2

47


of the previous four years, and Russia is likely to experience acceleration. By 2014 new growth countries may emerge in the building industry, offering new opportunities in the private commercial building sector. The demographic projections point to a population increase of 500 million in five countries by 2025 (China +252%, India +163%, Indonesia + 44%, Brazil +25% and Turkey +17%). The phenomenon of population growth, together with ease of credit access in growth markets and higher available income, will push up demand for new housing and create new opportunities in the commercial building sector. Over the next 5 years, growth in the number of potential new consumers will come from emerging markets and there will be 100 million new rich in China, India and Brazil alone. The challenges for Italian industry

THE AGE OF BRICs

… but the changes also benefit demand for Italian products

L’ERA DEI BRICs Ma i cambiamenti sono favorevoli anche per la domanda Made in Italy

2012, comparison between GDP and consumption

2012, PIL e consumi a confronto

Millions of individuals who will reach an income of $ 30,000 PPP for the first time in the period 2012-2017

Milioni di individui che raggiungeranno per la prima volta un reddito di 30.000 $ PPP nel periodo 2012-2017

invece, potrebbe verificarsi una flessione di circa 4 punti percentuali. Brasile e India manterrebbero i livelli di crescita del quadriennio precedente e si assisterebbe all’accelerazione della Russia. Entro il 2014 la filiera dell’edilizia potrebbe riservarci nuove “scalate” con nuove opportunità anche nell’edilizia privata commerciale. Del resto i trend demografici parlano chiaro e prevedono, entro il 2025, 500 milioni di nuovi cittadini in 5 Paesi (Cina +252%, India +163%, Indonesia + 44%, Brasile +25%, Turchia +17%). Il fenomeno di sviluppo demografico, associato alla facilità di accesso al credito in atto nei mercati in crescita e al maggior reddito disponibile, produrrà un incremento della domanda di nuove abitazioni e nuove opportunità nell’edilizia commerciale. Nei prossimi 5 anni il maggior numero di nuovi consumatori potenziali arriverà dai mercati emergenti e ci saranno 100 milioni di nuovi ricchi solo da Cina, India e Brasile. Le sfide per l’industria

So what needs to be done in italiana the long term? Italian manufacturing comDunque, nel lungo termine, che panies must respond to the fare? new challenges by focusing Le aziende manifatturiere italiaon differentiation and market ne dovranno raccogliere nuove presence, with greater atten- Source/Fonte: Confindustria-Prometeia sfide puntando alla differenziation to efficiency and the final zione e al controllo dei mercati stage of the chain of value. con più attenzione alla fase finaFor this purpose, they must change their reference benchle della catena del valore e all’efficienza: vanno modificati marks and the criteria they use to set prices and margins. benchmark di riferimento e criteri di formazione di prezzi e marAll this must be done considering the increase in average exgini. Tutto questo considerando che aumenta la distanza media port distance, given that the most dynamic markets are now da percorrere per esportare, in quanto i mercati più dinamici at least 6000 km away. sono ora ad almeno 6000 km. The fact that the Italian ceramic and brick machinery indusL’industria italiana delle macchine per ceramica e laterizio ha già try has long generated more than two-thirds of its exports in dimostrato di saper cogliere, o addirittura anticipare, i mutamenexpanding areas of the world clearly demonstrates its ability ti di scenario, con oltre i 2/3 dell’export rivolto da tempo alle aree to respond to or pre-empt changes in scenarios. del mondo in crescita. But what about sectors such as the Italian brick and roof tile E per i settori rivolti esclusivamente al mercato interno? industry that focus solely on the domestic market? È il caso dell’industria italiana dei produttori di laterizi su cui pesa This is an industry that suffers from a higher degree of fragla maggior frammentazione, il 55% della produzione è realizzato mentation, with 55% of output produced by small compada piccole imprese da 0-10 mln di euro di fatturato. nies with turnovers below 10 billion euro. Anche per loro i tempi richiedono un salto culturale: bisogna creThese producers too must change mentality and pursue scere, diventare grandi, aggregarsi senza tuttavia perdere il congrowth and aggregation without relinquishing control. For trollo. Le reti di impresa, in questo, senso, costituiscono una this purpose, networks of companies are an excellent opporgrossa opportunità di crescita mantenendo la propria autonotunity that allows them to grow while maintaining their opermia. ational autonomy. The situation therefore calls for the courage that has always C’è dunque da mettere in gioco il coraggio che ha sempre conbeen the hallmark of our business leaders, who will certainly traddistinto i nostri imprenditori i quali ricoprono senza dubbio play a key role in the economic recovery. un ruolo chiave nel rilancio dell’economia. (JF)  (Source: Prometeia)  (fonte: Prometeia)

48

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012


Bangladesh

moves forward

Milena Bernardi - m.bernardi@tiledizioni.it

Il Bangladesh

interview

che avanza

DBL Ceramics, a new division of DBL Group, took the decision in 2008 to build a modern manufacturing facility for single-fired floor tiles, monoporosa wall tiles and porcelain tiles, with production due to start up in June 2013. The group aims to become the leading ceramic tile producer in Bangladesh but had no previous experience in the ceramic sector, so during these four years it had to acquire all the expertise needed to enter this new but very promising sector. A leading Bangladeshi manufacturer founded in 1991 in Dhaka and today the national leader in the textile industry (knitwear and fabric garments), DBL Group has a total workforce of 14,800 people and supplies quality apparel to major retailers and the top brands in the fashion industry. It aims to consolidate its leadership position in its business domain and to make a significant contribution to the GDP of Bangladesh by 2020. The idea of diversification came about following the unprecedented boom in the country’s housing sector. The ceramic tile sector has been clocking up robust growth of 12-15% consistently over the last few years in Bangladesh and there is still plenty of room for growth. The new factory is located in Mawna, Sreepur, Gazipur, 70 km from the capital, and will have 350 employees. Its planned capacity at start-up is 2.92 million sq.m/year and it will adopt the best Italian technology available on the market. We spoke to M.A. Jabbar, managing director of DBL Ceramics, about the potential of the ceramic sector in Bangladesh and discussed details of the new 20 million euro project.

Con l’obiettivo di diventare il primo produttore di piastrelle in Bangladesh, DBL Ceramics, nuova divisione di DBL Group, inizia nel 2008 il suo percorso per la progettazione del nuovo e moderno stabilimento di monocottura da pavimento, monoporosa da rivestimento e gres porcellanato che sarà operativo a partire da giugno 2013. Quattro anni di forte impegno in cui il Gruppo, completamente digiuno del settore, ha dovuto acquisire tutto il know how necessario per inserirsi in un contesto produttivo nuovo ma carico di promettenti aspetM.A. Jabbar tative. DBL Group, primaria realtà industriale bengalese fondata nel 1991 a Dhaka e leader nazionale nel settore tessile (capi in maglia e tessuti), opera con 14.800 dipendenti a livello globale e fornisce materiali di alta qualità ai maggiori rivenditori e ai più importanti brand della moda. Nei piani del gruppo, consolidare la leadership nel proprio comparto e contribuire sensibilmente al PIL del Bangladesh entro il 2020. L’idea della diversificazione nasce a seguito dell’impennata del settore delle costruzioni nel Paese, basti pensare che negli ultimi anni il segmento delle piastrelle è cresciuto a ritmi del 12-15% annuo, con margini di sviluppo futuri ancora più incoraggianti. Il nuovo stabilimento, con sede a Mawna, Sreepur, Gazipur, 70 km dalla capitale, e 350 dipendenti già assegnati, avrà una capacità produttiva a regime di 2,92 milioni di mq/anno e sarà dotato della migliore tecnologia italiana disponibile sul mercato. Con M.A. Jabbar, direttore generale di DBL Ceramics, abbiamo cercato di capire le potenzialità del settore ceramico in Bangladesh e di approfondire nei dettagli il nuovo progetto che ha comportato un investimento da 20 milioni di euro.

CWR: You’ve almost completed your project. What steps are left to finalise? M.A. Jabbar: To tell the truth everything is just about ready, we’re completing the final formalities. Plant installation will be finalised between April and May. Considering the time needed for inspection and start-up, we are expecting to begin production in June 2013.

CWR: Siete ormai giunti al traguardo. Quali sono gli step ancora necessari per ultimare il vostro grande progetto? M.A. Jabbar: È quasi tutto pronto per la verità. Stiamo perfezionando le ultime formalità. Tra aprile e maggio si completerà l’installazione degli impianti, considerati i tempi necessari al collaudo e la messa in funzione prevediamo di iniziare a produrre a partire da giugno 2013.

CWR: What prompted a group that operates so successfully in the textile sector to invest in such a different industry? M.A. Jabbar: The main reason was the high profitability reached in our core business. History tells us it’s not advisable to consider diversification until your core business is stable and profitable. As early as 2008, market surveys revealed the strong growth in the ceramic industry driven by the boom in the housing sector. Bangladesh’s per capita GDP is growing

CWR: Cosa porta un gruppo che opera con tanto successo nel settore tessile a investire in un comparto così diverso? M.A. Jabbar: Il motivo principale è proprio l’alta redditività raggiunta nel nostro settore di riferimento. La storia ci insegna che è consigliabile considerare un’ipotesi di diversificazione quando il proprio core business è stabile e redditizio. Gli studi di mercato condotti hanno dimostrato, già nel 2008, quanto il settore ceramico fosse in espansione grazie alla ragguardevole crescita del set-

50

Cera mic W o r l d Review n. 99/ 2012


significantly, but per capita ceramic tile consumption is still very low at 0.5 square metres compared to 3.5 square metres in China and Vietnam. This means there is plenty of room for growth for ceramic tiles in Bangladesh. CWR: Do you already have experience in this sector or in the building materials industry in general? M.A. Jabbar: We have no previous experience in the ceramic field, it’s true. But over the last four years we have worked on details before implementing our plans. We have hired experienced people for the project and have visited a lot of factories all over the world. CWR: How did you choose the location for the new factory? M.A. Jabbar: We considered a variety of factors such as the availability of raw materials, climatic factors and the availability of specialist workers. Our factory meets the latest criteria and international standards in terms of layout, design and machinery. We have purchased the very best Italian machinery from Sacmi, System, Tecnoferrari and Cimes. We have hired experienced ceramic sector personnel and have organised further training courses for them both on our premises and on those of the machinery suppliers. CWR: So the start-up phase should be problem-free… M.A. Jabbar: Having chosen ultra-modern technology from Italy, we expect to achieve a productivity of more than 90%. Although we will be starting out with a single line, we will have a lot of flexibility as we will be able to produce both ceramic body and porcelain tiles in the same production unit. And we have also chosen the latest printing machine which will allow us to produce various kinds of designs.

tore delle costruzioni. Il PIL pro capite del Bangladesh sta aumentando in modo significativo e il consumo procapite di piastrelle, pari a 0,5 mq, è ancora molto basso se paragonato ai 3,5 mq di Cina e Vietnam. Questo significa che in ceramica c’è ancora molto spazio per crescere. CWR: Avete precedenti esperienze nel campo ceramico o più in generale nel settore delle costruzioni? M.A. Jabbar: Non abbiamo esperienze dirette, ma in questi 4 anni abbiamo curato ogni dettaglio prima di definire il progetto. Abbiamo assunto professionisti esperti nel settore e abbiamo visitato diversi impianti produttivi in tutto il mondo. CWR: Come è stata scelta la location per il nuovo stabilimento produttivo? M.A. Jabbar: Abbiamo considerato diversi fattori, tra cui la disponibilità di materie prime, l’aspetto climatico e la disponibilità di manodopera specializzata. La fabbrica, a livello di layout, progettazione e macchinari vanta standard elevatissimi; sono stati utilizzati criteri di ultima generazione e nel rispetto delle normative internazionali. Ci siamo dotati della migliore tecnologia disponibile sul mercato italiano, i nostri impianti provengono da Sacmi, System, Tecnoferrari e Cimes. È stato assunto personale esperto nel settore ceramico, ulteriormente formato attraverso corsi sia all’interno delle nostre strutture sia presso le aziende fornitrici di tecnologia. CWR: La fase dello start up dovrebbe essere quindi indolore… M.A. Jabbar: Avendo scelto tecnologia italiana di livello avanzato, ci aspettiamo di ottenere una produttività oltre il 90%. Cominceremo con una singola linea produttiva, ma avremo fin da subito una notevole flessibilità, in quanto potremo produrre nella stessa unità sia piastrelle in ceramica che gres porcellanato. Ci siamo

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 99/ 2 0 12

51


CWR: Is the factory designed according to energysaving criteria? M.A. Jabbar: Green issues are crucial not only to the design of the future factory but also to our core business. In all of our factories, water and waste products are recycled to minimise waste. DBL Ceramics will maintain the same focus, with special attention to the use of safe and eco-friendly raw materials. Energy makes up more than 25% of total production costs in the ceramics industry, so we have purchased two water recycling plants from Italy and we will also use a system for recovering hot kiln air for use in the dryer. CWR: How will your output be divided up in percentage terms? M.A. Jabbar: Our company will produce floor tiles (26%), wall tiles (30%) and porcelain tiles (44%) with a daily production capacity of 8,000 sq.m. Our products will focus on quality and design and will be available in a wide range of designs, textures and surface effects catering for a variety of tastes, from rustics through to contemporary marble designs in super glossy mirror finishes. CWR: How will you organise your sales activity? M.A. Jabbar: To ensure optimal deliveries, we will set up an extensive and well-connected distribution network made up of depots, dealers and retailers. Countrywide connectivity through world-class ERP software will allow for effective outbound logistics, inventory and controls. CWR: Will you be focusing solely on the domestic market? M.A. Jabbar: For the time being we will primarily be aiming to meet domestic demand, which current stands at more than 100 million sq.m per year. Local producers are unable to meet this demand, resulting in high levels of imports, especially from China. For these reasons, many local entrepreneurs are preparing to make investments. Two or three companies have recently begun production and we too are ready for start-up. Given our enormous experience in the textile industry, exports are certainly an option for us. CWR: How many ceramic tile factories are already operating in Bangladesh? What is the total annual volume of production? M.A. Jabbar: There are some 14 ceramic tile factories in Bangladesh with an annual production of around 60 million sq.m. CWR: How will you differentiate your products from those of domestic competitors? M.A. Jabbar: Most products on the market in Bangladesh have very simple, traditional designs. We aim to set benchmarks and create new trends in home interior design, offering a variety of new products right from the start.

CWR: What are your goals for the next three years?

M.A. Jabbar: We plan to expand rapidly and penetrate the market with new solutions for interior design. Within three years, our target is to reach a market share of at least 16%, which would make us the market leader in terms of quality and quantity. We have further expansion plans and have kept an option for another three lines to reach a production capacity of 11.6 million square metres per year. DBL Ceramics will also maintain a constant focus on the design of innovative products to meet consumer demand. (JF) 

52

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

inoltre dotati delle più recenti tecnologie di stampa che ci consentiranno di ottenere prodotti di design avanzato. CWR: Lo stabilimento è attrezzato anche secondo i criteri del risparmio energetico? M.A. Jabbar: Le tematiche “green” sono sempre state al centro non solo della progettazione del futuro stabilimento, ma anche della nostra attività principale. In ciascuna delle nostre fabbriche, acqua e scarti di produzione vengono riciclati per ridurre al minimo gli sprechi. DBL Ceramics continuerà su questa linea ponendo particolare attenzione anche alle materie prime. L’energia costituisce oltre il 25% dei costi totali di produzione, perciò ci siamo dotati di due impianti di riciclo acqua made in Italy e utilizzeremo il sistema di riutilizzo di aria calda dal forno all’essiccatoio. CWR: Percentualmente come sarà suddivisa la produzione? M.A. Jabbar: L’azienda produrrà piastrelle da pavimento (26%), rivestimento (30%) e gres porcellanato (44%) con una produzione giornaliera prevista di 8.000 mq. I nostri prodotti punteranno alla qualità e al design con una vasta gamma di collezioni (effetti rustici, moderni, riproduzione del marmo con finiture brillanti e riflettenti), per andare incontro ai diversi gusti del consumatore finale. CWR: Come organizzerete la rete di vendita? M.A. Jabbar: Organizzeremo un network di distribuzione capillare e ben interconnesso che comprende depositi, rivenditori e distributori per assicurare un servizio ottimale. Una connettività a livello nazionale attraverso software ERP di alto livello permetterà un’efficace logistica in uscita, inventario e controlli. CWR: Punterete solo al mercato domestico? M.A. Jabbar: Per il momento puntiamo soprattutto a soddisfare la domanda interna che, attualmente, è di oltre 100 milioni di mq annui. I produttori nazionali non sono in grado di far fronte alla richiesta, pertanto si registra una forte importazione di prodotto, soprattutto dalla Cina. Da qui nasce la propensione di diversi imprenditori locali a investire nel settore, due o tre aziende hanno appena cominciato a produrre e noi siamo pronti per il lancio. Considerata la nostra vasta esperienza maturata sul tessile, l’export, tuttavia, è sicuramente un’opzione possibile. CWR: Quante aziende ceramiche conta il Bangladesh e a quanto ammonta la produzione totale? M.A. Jabbar: In Bangladesh operano circa 14 imprese produttrici di piastrelle con una produzione annuale di circa 60 milioni di mq. CWR: Come pensate di differenziarvi? M.A. Jabbar: In Bangladesh la maggior parte dei prodotti sul mercato presenta design molto semplici e tradizionali. La nostra intenzione è imporre un benchmark e creare nuovi trend nell’arredamento di interni, presentando fin dall’inizio una gamma molto varia di prodotti innovativi. CWR: Quali sono i vostri obiettivi per il prossimo triennio? M.A. Jabbar: L’azienda intende espandersi rapidamente e penetrare il mercato proponendo nuovi format dell’abitare. Nell’arco dei tre anni il nostro obiettivo è raggiungere una quota di mercato almeno del 16%, il che ci garantirebbe la leadership qualitativa e quantitativa. Abbiamo ulteriori piani di espansione con un’opzione che andrebbe ad aggiungere tre linee a quella attuale per raggiungere una capacità produttiva di 11,6 milioni di metri quadri/ anno. DBL Ceramics si concentrerà inoltre in modo costante sullo studio di prodotti sempre più innovativi per soddisfare al me glio la domanda dei consumatori.


www.futureceramic.com


Green revolution in the pressing process Andrea Gozzi - System (Fiorano, Italy)

Rivoluzione verde nella pressatura Gea is the latest technological innovation to emerge as a result of System’s research efforts. It revolutionises the tile pressing operation not just from the standpoint of mechanics and the process, but above all in terms of the upstream design work. Thanks to Gea’s outstanding flexibility, it is no longer the machine (in this case the press) that determines which ceramic products can be produced on the basis of certain technological compromises, it is the desired product type that determines the way in which the machine is used. Unveiled at the recent Tecnargilla trade fair in Rimini, Gea comes in versions Gea 15000, Gea 26000, Gea 33000 and Gea 40000. It is without a doubt the most powerful mouldless press currently available for the production of large format ceramic tiles: • no size constraints: traditional sub-sizes and planks (e.g. 60x60 cm, 80x80 cm, 20x120 cm, 20x160 cm, etc.) can be cut from 1000x3000 mm, 1200x3600 mm and 1600x4800 mm formats; • no thickness constraints: from 3 to 20 mm on any size; • no application constraints: from floor tiles for heavy-traffic use in the residential and commercial sectors to interior and exterior walls, continuous or ventilated facades, as well as surfaces (e.g. kitchen countertops) for interior design and advanced architecture.

technology

Thickness As explained above, the thickness of the tile is no longer dictated by the press but for the first time is chosen according to the tile’s application. A few examples: • a residential floor tile (e.g. 20x240 cm plank) can have a thickness of 8 mm, which corresponds to the value established by standards and is accepted by the market; • a floor tile for heavy traffic commercial applications (e.g. 150x150 cm) must have a thickness of 12 mm; • a kitchen countertop (e.g. 160x320 cm) may require a thickness of 20 mm; • a residential wall tile (e.g. 60x120 cm) may have a thickness of just 5 mm; • an external facade panel (e.g. 120x360 cm) may have a thickness as small as 3 mm. This flexibility brings a number of clear advantages. Let’s take the example of a residential floor tile of size 120x120 cm (obtained using Gea from the 1200x4800 mm size), with a thickness of 8 mm, produced with standard spray dried body and compliant with standards. Compared to existing pressing technology, Gea allows for:

54

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012


Gea è l’ultima innovazione tecnologica nata dalla ricerca System, capace di rivoluzionare la pressatura di piastrelle e lastre ceramiche non solo dal punto di vista meccanico e di processo, ma soprattutto da quello concettuale a monte: non è più infatti la macchina (la pressa, in questo caso) a determinare, con più o meno compromessi tecnologici, quale prodotto ceramico si potrà ottenere, bensì il contrario, sarà il tipo di prodotto desiderato a determinare le modalità di impiego della macchina. Questo grazie ad una flessibilità totale e unica nel suo genere, caratteristica principale di Gea. Presentata in anteprima al recente Tecnargilla di Rimini, Gea, progettata nelle versioni Gea 15000, Gea 26000, Gea 33000 e Gea 40000, è senza dubbio, ad oggi, la pressa più potente al mondo, senza stampo, destinata alla produzione di lastre ceramiche: • senza vincoli di formato: dai 1000x3000 mm, 1200x3600 mm e 1600x4800 mm si possono ottenere, per taglio, i sottoformati tradizionali e i listoni (es. cm 60x60, 80x80, 20x120, 20x160, ecc.); • senza vincoli di spessore: da 3 a 20 mm su qualunque formato; • senza vincoli di destinazione d’uso: dai pavimenti per impiego nel settore residenziale e commerciale soggetti a traffico pesante, ai rivestimenti interni, esterni, per facciate continue o ventilate, fino alle superfici di ogni tipologia (es. top per cucine) adatte all’interior design e all’architettura avanzata. Lo spessore Come si accennava, anche lo spessore del manufatto non viene più imposto dalla pressa, bensì, per la prima volta, è definito in base alla destinazione d’uso della piastrella o della lastra. Alcuni esempi: • un pavimento residenziale (es. listone 20x240 cm) potrà avere uno spessore di 8 mm, corrispondente alla normativa vigente, oltre che accettato dal mercato; • un pavimento commerciale soggetto a traffico pesante (es. 150x150 cm) dovrà prevedere uno spessore 12 mm; • un top da cucina (es. 160x320 cm) potrà richiedere uno spessore di 20 mm; • un rivestimento residenziale (es. 60x120 cm) potrà limitarsi ad uno spessore di 5 mm; • una facciata esterna (es. 120x360 cm) potrà scendere ad uno spessore di 3 mm. Una tale flessibilità determina una serie di vantaggi evidenti. Prendiamo l’esempio di un pavimento ad uso residenziale di formato 120x120 cm (ricavato con Gea dal formato 1200x4800 mm), con spessore 8 mm, realizzato con atomizzato standard e conforme alle normative. Rispetto alle tecnologie di pressatura esistenti, Gea consente:

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 99/ 2 0 1 2

55


• a thickness of about 3 mm less than standard; • a 30% reduction in raw materials; • a 30% reduction in energy consumption during firing; • simplification of the score-and-snap process; • greater efficiency, less waste; • lower weight for transport; • greater ease of installation. Aesthetic qualities

Gea also stands out for the exceptional aesthetic versatility of finished products. This is due to the unlimited aesthetic potential that can be achieved with various types of decoration (wet, dry and full body) and also because the surface texture of the product is no longer limited by the structure of a mould. Gea’s unique construction allows it to create up to three different surface textures at the same time with a total of 16.6 linear metres. Compaction, calibre and flatness The products, made with standard spray dried body without additives and compliant with UNI 1441-10545 standards, have a low calibre (± 3 mm at the kiln exit in the case of the 1600x4800 mm size) and a flatness of 0.5% over the entire thickness of the tile up to a maximum of 2 mm. This is due to the absence of a mould and therefore of internal stresses subsequent to pressing. Gea achieves uniform compaction over the entire surface of the tile (as can be seen in fig.1, the ratio between the tile thrust area and oil is 1: 1). The good calibre and flatness values improve the results and efficiency of the subsequent processes of lapping and polishing. Energy consumption halved Along with the extremely high production flexibility and above-mentioned advantages, the Gea press is also capable of drastically reducing energy consumption compared to a standard press. The figures for the Gea 33000 version shown in fig. 2 reveal an installed power up to 3 times lower than that of a medium to high tonnage press and an FIG. 2 - Energy consumption energy consumption of Consumi energetici 2 0.23 kWh/m (1.34 kWh per stroke), in other words 50% less than a standard press, with a productivity of 7,000 sq.m/day. Further advantages The Gea press can be fully integrated with existing plant and requires no foundation work (floor loading capacity 5 kg/cm2) or

56

• uno spessore inferiore allo standard di circa 3 mm; • la riduzione del 30% di materie prime; • la riduzione del 30% di consumi energetici in cottura; • semplificazione del processo di incisione e spacco; • maggiore efficienza, minore scarto; • minore peso che incide sul trasporto; • maggiore facilità di posa.

FIG. 1 - View of Gea section Vista di sezione Gea

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

L’estetica Gea si caratterizza anche per la grande versatilità estetica del prodotto finito, sia per le infinite possibilità estetiche ottenibili con le varie tipologie di decorazione impiegabili (a umido, a secco e a tutta massa), sia perché la texture superficiale del prodotto non è più limitata dalla struttura di uno stampo. La particolare caratteristica costruttiva di Gea, infatti, permette di avere fino a tre diverse strutture superficiali contemporaneamente, per un totale di 16,6 metri lineari. Compattazione, calibro e planarità I prodotti, realizzati con atomizzati standard, senza additivi, e conformi alle norme UNI 1441-10545, presentano un calibro contenuto (± 3 mm in uscita forno sulla lastra 1600x4800 mm) e una planarità dello 0,5% sullo spessore totale della lastra fino ad un massimo di 2 mm. Questo, grazie all’assenza dello stampo, e quindi di tensione interna di post pressatura, laddove invece Gea opera con una compattazione uniforme su tutta la superficie della lastra: come si vede in fig.1 il rapporto tra area di spinta lastra e olio è 1:1. Calibro e planarità contenuti migliorano, di conseguenza, i risultati e l’efficienza dei successivi processi di lappatura e levigatura. Consumi energetici dimezzati Alla estrema flessibilità produttiva e ai vantaggi citati, la pressa Gea unisce anche la capacità di ridurre drasticamente i consumi energetici rispetto ad una pressa standard. I dati relativi alla versione Gea 33000 riportati in fig. 2, mostrano infatti una potenza installata fino a 3 volte inferiore a quella di una pressa di medioalto tonnellaggio e un consumo energetico pari a 0,23 kWh/m2 (1,34 kWh a battuta), ossia circa il 50% in meno di una pressa standard, con una produttività di 7.000 mq/giorno. Ulteriori vantaggi La pressa Gea permette un’integrazione totale con gli impianti esistenti, non richiede alcuna fondazione (portata pavimento 5 Kg/ cm2), né trasporti eccezionali dato l’assemblaggio on site. Presenta un settaggio rapido e facile per cambiare il modulo di larghezza (ad esempio per passare da una lastra


oversized transport requirements given that it is assembled on site. Settings are quick and the width module is easy to change. It also allows powder to be applied directly onto the belt without the need for dedicated feeders. The single pressing size and cutting of the unfired tile to obtain sub-sizes also optimises stock management, while the absence of moulds further reduces costs. Gea guarantees a constant productivity of 10,000 sq.m/day independently of the required aesthetic effects. (JF) 

1600x4800 ad una lastra 1200x4800) e consente una stesura polveri in diretta sul nastro senza carrelli dedicati.

NINE MONTHS OF INDUSTRIAL TESTING AT ROYAL MOSA

NOVE MESI DI PROVE INDUSTRIALI ALLA ROYAL MOSA

One of the first companies to appreciate the potential of the new Gea press was the Dutch firm Royal Mosa, which in November 2011 signed an agreement with System for the installation of a pilot plant in its factory. During the nine months between March and December 2012, this plant has been used to conduct all the tests necessary to determine which types of products could be manufactured with an industrial-level installation. Operating in the high end of the market with a wide range of products, including full-body porcelain tile produced using a multi-loading technique and decorated with micronised powder and flakes, Royal Mosa has set itself the goal of producing large format sheets (e.g. 1000 x 2000 mm) with low thicknesses (8-9 mm). For this purpose, the pilot plant used a Gea 15000 (maximum size 1000x3000 mm) and the tests were performed on thicknesses between 6 and 12 mm. With the test almost completed, Royal Mosa’s industrial and production director Jac Laumans (pictured) is very satisfied. “We decided to work with System because we believe this new pressing system will allow us to produce extremely large format tiles for a reasonable investment and production costs,” Laumans said. “The fact that we can reduce the product thickness without any adverse effects during the subsequent processing stages is a big advantage. It allows us to reduce the thickness to the minimum value required by the product’s intended use without technological constraints.” The tests performed to date have shown that “the absence of internal stresses unique to this pressing system brings improved results on fired products, as well as an excellent level of flatness provided the firing process is performed correctly,” Laumans continued. “We started out by using spray dried powder to determine what products could be produced and the initial results were very satisfactory,” he said. “We then proceeded to double filling, with the upper layer composed of spray dried or micronised powder or flakes, for sizes 1000x1000 mm and 900x900 mm and once again the results were excellent. We performed a further test on the 1000x2000 mm size with very good results in terms of consistency, apparent density and flatness. With such large sizes, the only limit was determined by the configuration of our current firing system (especially in the section towards the cooling zone and in the cooling zone itself) and by the existing handling system.” Laumans says that, “we expect be able to produce the whole of our current product range in the newly available large sizes and with a thickness of 7-8 mm”. The estimates for total production costs are broadly in line with current values, Laumans explains, “but naturally the costs of heat energy will decrease in step with the reduction in tile thickness”. The aspect that most impressed the Royal Mosa technicians is Gea’s simplicity. “It’s a simple, elegant press without numerous accessories and additional operating devices,” explains Laumans. “This allows us to concentrate exclusively on the chosen product and applications in sizes that would be difficult to obtain using conventional systems. From this point of view Gea technology is a winning system.” What will the next steps be for Royal Mosa? Laumans has no doubts: “As soon as we have expanded our production capacity by installing a second line alongside the existing one, we have every intention of adopting the innovative Gea technology, which will enable us to introduce our brand into new niche markets.”

Tra i primi a credere nelle potenzialità della nuova pressa Gea, l’olandese Royal Mosa che, nel novembre 2011, siglò un accordo con System per l’installazione di un impianto pilota nel proprio stabilimento, sul quale, nei nove mesi tra marzo e dicembre 2012, si sarebbero condotte tutte le prove necessarie alla definizione delle tipologie di prodotto industrializzabili con un impianto definitivo. Presente nella fascia alta del mercato con un’ampia gamma di prodotti, tra cui il gres porcellanato tecnico ottenuto in multicaricamento e decorato con micronizzati o scaglie, obiettivo di Royal Mosa è la produzione di grandi formati (es. 1000 x 2000 mm) con spessori ridotti (8-9 mm). L’impianto pilota ha previsto quindi l’impiego di una Gea 15000 (formato massimo 1000x3000 mm) e i test sono stati effettuati su spessori tra 6 e 12 mm. A prove quasi terminate, Jac Laumans (nella foto), direttore industriale e di produzione di Royal Mosa, è soddisfatto. “Abbiamo deciso di collaborare con System - afferma Laumans - perché crediamo che questo nuovo sistema di pressatura ci consenta di fabbricare piastrelle di grandissimo formato ad un costo ragionevole, sia di investimento che di costi di produzione. Consideriamo un grande vantaggio il fatto di poter ridurre lo spessore del prodotto senza alcuna conseguenza negativa nelle ulteriori fasi di lavorazione. Questo ci permette di limitare lo spessore allo stretto necessario richiesto dalla destinazione del materiale, senza vincoli tecnologici”. Le prove condotte sinora hanno infatti dimostrato che “l’assenza di tensione interna, peculiare di questo sistema di pressatura, porta a migliori risultati sul prodotto cotto. oltre che un’ottima planarità, se in presenza di un corretto processo di cottura”, conferma Laumans. “Siamo partiti utilizzando polvere atomizzata per verificare quali prodotti potessero essere realizzati e i primi riscontri sono stati soddisfacenti - prosegue. “Siamo poi passati al doppio caricamento, con lo strato superiore composto da atomizzato, micronizzato o scaglie, nei formati 1000x1000 mm e 900x900 mm e anche in questo caso i risultati sono stati ottimi. Un ulteriore test è stato fatto sul 1000x2000 mm con esito molto buono in termini di consistenza, densità apparente e planarità; con formati così grandi l’unico limite è stato determinato dalla configurazione del nostro attuale impianto di cottura (soprattutto nel passaggio verso la zona di raffreddamento e nella zona di raffreddamento stessa) e dal sistema di movimentazione esistente”. Secondo Laumans, “ci sono tutti i presupposti per riuscire a produrre la nostra attuale intera gamma produttiva, ma nei nuovi grandi formati disponibili e con uno spessore di 7-8 mm”. Le stime relative ai costi complessivi di produzione, sarebbero, secondo Laumans, sostanzialmente in linea con quelli attuali, “ma, ovviamente, si ridurranno i costi per l’energia termica parallelamente alla riduzione dello spessore delle piastrelle che andremo a produrre”. L’aspetto che probabilmente ha colpito di più i tecnici di Royal Mosa è la semplicità di Gea. “Fondamentalmente si tratta di una pressa ‘semplice ma elegante’ - spiega Laumans, “priva di innumerevoli accessori o dispositivi aggiuntivi che ne consentono il funzionamento. Ci si può quindi concentrare esclusivamente sul prodotto e sulle applicazioni che più ci piacciono in formati che difficilmente si produrrebbero con sistemi tradizionali. Da questo punto di vista sento che la tecnologia Gea è un sistema vincente”. Quali saranno quindi i prossimi step per Royal Mosa? Laumans non ha dubbi: “Non appena sarà avviata l’espansione della nostra capacità produttiva con l’installazione di una seconda linea che si affiancherà a quella esistente, è nostra forte intenzione adottare l’innovativa tecnologia Gea, che ci consente, fra l’altro, di entrare col nostro marchio in nuove nicchie di mercato”.

Grazie al formato unico di pressatura e al taglio in crudo per ottenere sottoformati, si ottimizza anche la gestione dei relativi stock, mentre l’assenza degli stampi elimina il costo di gestione degli stessi. Gea garantisce una produttività costante alla pressa di 10.000 mq/giorno indipendentemente dagli effetti estetici richiesti. 

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 99/ 2 0 12

57


Special inks for unique surfaces AXXXXX - Colorobbia Italia (Sovigliana, Italy)

Inchiostri speciali per superfici sempre più uniche

technology

Colorobbia’s range of digital inks, called Colorobbia Digital Space, was one of the innovations that generated most interest amongst visitors to the trade fairs Cersaie and Tecnargilla 2012. Following the introduction of the new CShine series of special effect inks, the range now offers a comprehensive array of solutions that draw from the Italian company’s longstanding expertise in materials and industrial processes and make it a benchmark in the field of digital decoration. The new C-Shine ink range uses an innovative technique developed by Colorobbia to create unique colours, textures and optical-effect ceramic surfaces (including exclusive multicolour, metallised and iridescent effects) while delivering numerous technical and application advantages. These special inks allow unlimited scope for use in combination with conventional glazes and inks, generating a variety of tones and multicolour effects that significantly extend the colour range and giving ceramic producers the opportunity to fully customise their products. The C-Shine series, for which the technology and materials are at the patent pending stage, complements the existing Colorobbia Digital Space range (including the already popular C-Inks series of pigmented inks and the new C-Glaze range of matt and white inks). C-Inks consists of a wide range of inks with high stability and exceptional colour strength. The colour range consists of the fundamental colours together with an innovative green ink, which is capable of significantly expanding the gamut

58

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

Tra le novità che hanno riscosso grande successo e interesse tra i visitatori di Cersaie e Tecnargilla 2012, vi è Colorobbia Digital Space, l’offerta digitale di Colorobbia che, con l’introduzione della nuova serie di inchiostri ad effetto C-Shine, rappresenta un’articolata e completa proposta di soluzioni, confermandosi punto di riferimento nel segmento della decorazione digitale, grazie anche alla capacità di gestione dei materiali e dei processi industriali che caratterizzano da sempre l’azienda italiana. Utilizzando un’innovativa tecnica sviluppata da Colorobbia, la nuova gamma di inchiostri C-Shine permette di ottenere colori, texture e superfici ceramiche con effetti di interferenza ottica assolutamente particolari ed esclusivi, come quelli multicolore, metallizzati e iridescenti, garantendo numerosi vantaggi tecnico/ applicativi. Dalle infinite combinazioni di questi inchiostri speciali con smalti e inchiostri convenzionali, è possibile ottenere una varietà di toni e di effetti multicolore che estende sostanzialmente la gamma cromatica e restituisce ai ceramisti la possibilità di personalizzare il prodotto, rendendolo unico. La serie C-Shine, di cui tecnologia e materiali sono in fase di patent pending, integra l’offerta di Colorobbia Digital Space, che comprende la già nota serie di inchiostri pigmentati C-Inks e la nuova gamma di inchiostri matt e bianco C-Glaze. C-Inks si sviluppa in un’ampia gamma di inchiostri, caratterizzata da una elevata stabilità e da un’ottima resa cromatica. La varietà di colori comprende i colori fondamentali e l’innovativo inchiostro verde, che permette di ampliare sensibilmente il gamut verso tonalità diversamente non ottenibili con l’abituale sovrapposizione degli inchiostri normalmente pre-


towards otherwise unobtainable colours by superimposing inks normally present in the machine. To further increase the potential of digital decoration, Colorobbia has also developed the C-Glaze series. This consists of a matt effect ink that contrasts with a glossy component to create highly original aesthetic effects on ceramic surfaces, as well as a white ink capable of enhancing the luminosity of dark substrates and creating unique decorations on coloured backgrounds. Colorobbia Digital Space inks offer numerous advantages, including: • official approval by the leading producers of printheads and inkjet machines, guaranteeing product quality and optimised performance in the production process; • wide and intense colour gamut; • scope for customising products; • greater flexibility in the use of inks, which are suitable for all types of products; • high stability over time; • consistent rheological characteristics over time, resulting in optimal behaviour when the inks are loaded into the machine, whether during operation or stand-by; • outstanding levels of environmental safety in accordance with applicable legislation so as to safeguard workers’ health; • no risk labelling for handling and transport. The C-Glaze, C-Shine and C-Inks range inks have been developed using the same solvent and are therefore fully compatible. Through collaboration with the leading manufacturers of printheads and ceramic digital decoration machinery, Colorobbia has succeeded in developing cutting-edge materials and application solutions. (JF) 

senti in macchina. Per aumentare ulteriormente le possibilità di applicazione per la decorazione digitale, Colorobbia ha inoltre sviluppato la serie CGlaze, composta da un inchiostro a effetto matt che, giocando su contrasti con una componente lucida, consente di ottenere sulla superficie ceramica risultati estetici particolarmente originali, e da un inchiostro bianco, utile per conferire luminosità ai supporti scuri e ottenere particolari decorazioni su fondi colorati. Gli inchiostri dell’offerta Colorobbia Digital Space presentano molteplici vantaggi tra i quali: • omologazione ufficiale da parte dei principali produttori di testine e macchine inkjet a garanzia della qualità del prodotto e dell’ottimizzazione delle performance in produzione; • massima ampiezza e intensità della gamma colori; • possibilità di personalizzazione del prodotto; • superiore flessibilità d’impiego degli inchiostri, idonei per tutte le tipologie produttive; • elevata stabilità nel tempo; • caratteristiche reologiche costanti nel tempo, che si riflettono in un comportamento ottimale degli inchiostri nel momento in cui vengono caricati in macchina, sia nelle fasi di lavoro che nei periodi di stand-by; • eccellente sicurezza ambientale, nel rispetto delle normative vigenti, a garanzia della salute degli operatori; • assenza di etichettature di rischio per la manipolazione e il trasporto. Inoltre gli inchiostri delle serie C-Glaze, C-Shine e C-Inks sono stati sviluppati utilizzando la medesima base solvente e sono perciò perfettamente compatibili tra loro. La collaborazione con i principali produttori di testine e macchine per la decorazione digitale consente a Colorobbia di sviluppare materiali e soluzioni applicative sempre all’avanguardia e adeguate all’evoluzione tecnologica. 

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 99/ 2 0 1 2

59


Antibacterial and self-cleaning tiles Domenico Fortuna, Antonio Fortuna, Elisabetta Martini - Setec Group, Civita Castellana, Italy

Piastrelle antibatteriche e autopulenti The last decade has seen growing interest in photocatalytic materials, especially titanium dioxide (TiO2). Simply by absorbing ambient light, titanium dioxide is able to achieve a number of properties (antibacterial, self-cleaning, degradation of pollutants harmful to health such as VOCs, NOx, etc. into harmless substances) without any kind of energy expenditure. As a result, heterogeneous photocatalysis on semiconductors has attracted the interest of university researchers and of a number of industrial sectors, including that of building materials. The most important applications for the ceramic industry concern the production of roof tiles, floor and wall tiles and sanitaryware articles with photocatalytic properties.

technology

Titanium dioxide is normally applied in the form of dedicated coatings by means of refiring processes at around 600°C or using fairly complex cold technologies. These application methods are chosen due to the high temperatures reached in the ceramic production processes. The transformation of titanium dioxide from the anatase to the rutile phase begins when the temperature rises above 600°C and this structural change unfortunately leads to a considerable deterioration in the photocatalytic properties. The application of TiO2 using the above-mentioned technologies solves the phase transformation issue but adds a further step to the normal production process, resulting in greater expenditure of resources and energy. Furthermore, the coatings often experience abrasion and wear and this causes them to lose their photocatalytic properties. Setec, exploiting the expertise and patent of Prof. Ignazio Renato Bellobono (see box on page 62) and the research conducted at its laboratories, has succeeded in developing innovative additives for sanitaryware (BS02) and tiles (BS03) capable of solving problems that undermine the cost-effectiveness of manufacturing ceramic product with photocatalytic properties. The studies have led to the development of a titanium dioxide doped with suitable photocatalysts that can withstand firing cycles up to 1250°C without experiencing deterioration in their antibacterial and self-cleaning properties. The choice of doping is based on both the temperatures reached and the duration of the firing cycle, given that

60

C era mic W o rld Review n. 99/ 2012

Da diversi anni, e soprattutto nell’ultimo decennio, si sente parlare sempre più spesso dei materiali fotocatalitici e in particolar modo del biossido di Titanio (TiO2). Il biossido di Titanio, assorbendo la normale luce presente in ambiente, consente di ottenere diverse proprietà (antibattericità, autopulizia, degradazione in sostanze innocue di inquinanti dannosi per la salute quali i VOC, gli NOx,…) senza alcun dispendio di energia. Per questi motivi la fotocatalisi eterogenea su semiconduttori ha attratto l’interesse non soltanto dei ricercatori universitari, ma anche dell’industria, inclusa quella dei materiali per edilizia. Nel mondo ceramico, in particolare, le applicazioni più notevoli riguardano la realizzazione di tegole, piastrelle e sanitari con proprietà fotocatalitiche. L’applicazione del biossido di Titanio di solito viene eseguita per mezzo di appositi coating o mediante processi di ricottura intorno ai 600 C°, oppure con tecnologie a freddo piuttosto complesse. La scelta di queste modalità di applicazione è resa necessaria dalle elevate temperature raggiunte nei processi di produzione ceramici; nel biossido di Titanio, infatti, a temperature superiori ai 600 C° inizia la trasformazione dalla fase anatasio a quella rutilo e a questo cambiamento strutturale è purtroppo correlato un notevole peggioramento delle proprietà fotocatalitiche. L’introduzione del TiO2 mediante le tecnologie menzionate risolve il problema della trasformazione di fase, ma ne crea un altro piuttosto rilevante: il normale processo di produzione viene modificato con l’aggiunta di un ulteriore step, con la conseguenza di un maggiore dispendio di risorse ed energia. A questo si aggiunga che molto spesso i coating sono soggetti ad abrasione e usura con conseguente perdita delle proprietà fotocatalitiche. La Setec, avvalendosi del brevetto e della competenza del Prof. Ignazio Renato Bellobono (vedi riquadro a pag. 62) e delle ricerche effettuate presso i propri laboratori, è riuscita a sviluppare degli additivi innovativi per sanitari (BS02) e piastrelle (BS03) capaci di risolvere le problematiche che rendono poco conveniente la realizzazione di prodotti ceramici con proprietà fotocatalitiche. Gli studi effettuati hanno portato allo sviluppo di un biossido di Titanio drogato con opportuni fotopromotori che può sostenere cicli di cottura fino ai 1250 C° senza compromettere le proprietà antibatteriche ed autopulenti.


FIG. 1: SELF-CLEANING EFFECT OF GLAZE MODIFIED WITH BS03 Effetto autopulente dello smalto additivato con BS03

the formulation of BS03 is specially designed for fast firing cycles typical of ceramic tiles. This brings significant advantages: • The production cycle remains unchanged. Given its resistance to high temperatures, the BS03 can be introduced directly into milled glaze and go through the normal tile firing cycle without the need for costly additional steps. For unglazed porcelain tile it is sufficient to introduce BS03 into the body. • The photocatalytic properties are permanent, because the titanium dioxide based additive is incorporated in the body and is therefore not subject to the abrasion typical of coatings. The tile’s aesthetic qualities also remain unchanged. Tests on self-cleaning and antibacterial properties The following are the results of tests performed to evaluate the self-cleaning and antibacterial properties of tiles treated with BS03. In the first case, the quality test provides a practical illustration of the concept of self-cleaning. The self-cleaning properties deriving from the introduction of BS03 are clearly evident in figure 1, which shows 4 tiles left exposed to the elements for a year. The top two were coated with the modified glaze, the bottom two with glaze without additive. The antibacterial test serves to make a quantitative assessment of the antimicrobial activity of the glazed ceramic surface. The bacterium chosen for the test was Escherichia coli, because with this bacterium a high degree of contact between the antimicrobial substances and the microbial cells is required for maximum effectiveness. A bacterial suspension of Escherichia coli was cultivated in a suitable medium for around 24 hours, after which a sample of 1.0 ml was taken and placed in 100 ml of agaragar in deionised water. 1.0 ml of this agar-agar medium, inoculated with Escherichia coli, was pipetted onto the surface of the glazed ceramic tile within an area delimited by a glass cylinder. A control sample was also required to verify the condition of the bacteria and to serve as a standard for calculating the bacterial survival rate. After 24 hours of incubation, 100 µL of the agar-agar culture medium deposited on the glazed tiles was taken

FIG. 2: ANTIBACTERIAL TEST Test antibatterico

La scelta del drogaggio si basa non soltanto sulle temperature raggiunte ma anche sulla durata del ciclo di cottura: infatti la formulazione del BS03 è studiata appositamente per i cicli rapidi tipici delle piastrelle. Tutto ciò determina vantaggi notevoli. • Il ciclo di produzione rimane inalterato. Infatti, vista la resistenza alle alte temperature, il BS03 può essere introdotto direttamente nello smalto già macinato e subire il normale ciclo di cottura delle piastrelle senza la necessità di costosi step aggiuntivi. Per il gres porcellanato non smaltato è sufficiente introdurre il BS03 nella massa. • Le proprietà fotocatalitiche sono permanenti, poiché l’additivo a base di biossido di Titanio è inglobato nella massa e quindi non è soggetto all’abrasione tipica dei coating. Inoltre, la piastrella mantiene inalterata la sua valenza estetica. I test sull’aupulizia e l’antibattericità Di seguito i risultati dei test condotti per valutare le proprietà autopulenti e quelle antibatteriche delle piastrelle trattate con il BS03. Nel primo caso, il test qualitativo consente di apprezzare al meglio il concetto di autopulizia applicato ad un caso pratico. Le proprietà autopulenti dovute all’introduzione del BS03 sono chiaramente evidenti nella figura 1 che mostra 4 piastrelle lasciate esposte agli agenti atmosferici per un anno: le prime due in alto erano state smaltate con lo smalto additivato, mentre sulle due in basso era stato applicato lo stesso smalto ma senza additivo. Il test antibatterico permette di valutare quantitativamente l’attività antimicrobica della superficie ceramica smaltata. Come batterio per il test è stato scelto l’Escherichia Coli perché questi antimicrobici richiedono un contatto forte con le celle microbiali per espletare la massima attività. Da una sospensione batterica di Escherichia Coli, fatta crescere in adatto terreno di coltura per circa 24 h, viene prelevato 1.0 mL e posto in 100 mL di terreno agar in acqua deionizzata. 1.0 mL di questo terreno agar, inoculato con Escherichia Coli, viene pipettato sulla superficie della piastrella di ceramica smaltata in una apposita area delimitata da un cilindro di vetro. È necessario un campione di controllo per confermare le condizioni del batterio e da utilizzare come standard per il calcolo del rapporto di sopravvivenza. Dopo 24 h di contatto, 100 μL del terreno agarizzato, depositati sulle piastrelle smaltate, vengono prelevati e inoculati su una piastra di Petri con agar a 37°C per 24 h.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 99/ 2 0 12

61


and inoculated in a Petri dish with agar-agar at 37°C for 24 hours. By comparing the number of live bacteria it was possible to determine the antimicrobial capacity of the glaze. The bacterial survival percentage (%S) was obtained by comparing the number of live bacteria in the two examined samples (Ne) with those in the blank (Nc) using the relationship S= (Ne/Nc)x100. F igure 2 shows the schematic analysis diagram for the antibacterial test on ceramic tiles.

Il confronto tra il numero di batteri vivi permette di verificare la capacità antimicrobica dello smalto. La percentuale di sopravvivenza (%S) viene ottenuta dal confronto tra il numero dei batteri vivi sui due campioni esaminati (Ne) con quelli del campione del bianco (Nc) attraverso la relazione S= (Ne/Nc)x100. Nella figura 2 è riportato lo schema dell’analisi per il test antibatterico su piastrelle ceramiche. I risultati ottenuti sono stati di un abbattimento superiore al 99% del batterio in esame.

HETEROGENEOUS PHOTOCATALYSIS ON SEMICONDUCTORS

LA FOTOCATALISI ETEROGENEA SU SEMICONDUTTORI

The following is a brief description of the operating mechanism on which the antibacterial and self-cleaning effect of the additive patented by professor Bellobono is based. The process adopted to oxidise organic pollutants at ambient temperature in the presence of radiation (sunlight or lamps that simulate sunlight) is called heterogeneous photocatalysis on semiconductors and allows organic compounds to be transformed into carbon dioxide and water. If the polluting molecules contain sulphur, nitrogen, halogens, etc., they are transformed into harmless sulphates, nitrates, halides, and so on. The basic principles on which photocatalysis is based are the following. When the semiconductor absorbs a photon due to exposure to sunlight and UV radiation, a hole is generated with a positive elementary charge on the surface of the semiconductor and at the same time an electron is promoted energetically to the semiconductor’s conduction band. When this process occurs in the presence of water, the holes react with the hydroxyl groups in the water to generate hydroxyl radicals ˙OH, while the electrons in the conduction band e-CB reduce the hydroxonium ions (present in equilibrium with the water molecules) to form molecular hydrogen. If dissolved oxygen is present in the water (normal conditions), the O2 molecules are transformed into O2˙ˉ/ H O2˙ radicals in an acid-base equilibrium. This results in the formation of three oxidising radicals (˙OH, O2˙ˉ/ H O2˙), all of which are highly reactive. So in this case, for each photon absorbed by the semiconductor, four oxidation numbers become available. This results in a quantum yield that is four times higher than would be achieved if the abovementioned reactions with oxygen were unable to take place on the surface of the semiconductor. If, as in our specific case, the semiconductor used is titanium dioxide, in the absence of doping the number of electron traps on the surface will be insufficient to assure a high yield in the O2 reduction process and the simultaneous formation of highly oxidising oxygen radicals described above. Instead, the hole-electron recombination process will prevail, cancelling out all effects of absorbed photons and consequently the quantum yield and the energy result. To solve this problem, the conductor must be suitably doped, promoting the transfer of electrons towards the O2 dissolved in water and increasing the overall quantum yield. The radicals formed in this process have a twofold effect: A) they destroy bacteria or microorganisms that are present and prevent them from proliferating; B) they perform a self-cleaning process on the surface due to the fact that dirt normally consists of an inorganic component (dust, clay, etc.) and an organic component (polymers, fatty substances, hydrocarbons, etc.). These complex compounds adhere to the surface, forming a film that is difficult to remove simply through the action of water. But if oxidising radicals are present on the surface, they oxidise and dissolve all the organic substances, allowing the dirt to be removed simply through the action of water. This process is accompanied by an increase in hydrophilicity and a consequent reduction in surface tension (the same effect that would be achieved using a detergent).

È necessario descrivere, seppur brevemente, il meccanismo di funzionamento sul quale si basa l’effetto antibatterico e autopulente dell’additivo brevettato dal professor Bellobono. Il processo utilizzato per ossidare, a temperatura ambiente, gli inquinanti organici in presenza di radiazioni (luce solare oppure lampade simulanti la radiazione solare) si chiama fotocatalisi eterogenea su semiconduttori e permette di trasformare i composti organici in biossido di carbonio e acqua. Nel caso in cui le molecole inquinanti contenessero zolfo, azoto, alogeni ecc, si avrebbe la loro trasformazione in innocui solfati, nitrati, alogenuri, ecc. I principi base sui quali si fonda la fotocatalisi sono i seguenti. Quando il semiconduttore, per esposizione alla luce solare e ai raggi UV, assorbe un fotone, si fotogenera una cavità (buca) avente carica positiva elementare sulla superficie del semiconduttore stesso e, contemporaneamente, un elettrone viene energeticamente promosso nella banda di conduzione del semiconduttore. Quando tale processo avviene in presenza di acqua, le buche reagiscono con i gruppi ossidrilici dell’acqua, generando radicali ossidrilici ˙OH, mentre gli elettroni della banda di conduzione e-CB riducono gli ioni idrossonio (presenti in equilibrio con le molecole d’acqua), provocando la formazione di idrogeno molecolare. Se nell’acqua è presente ossigeno disciolto (condizioni normali), le molecole di O2 sono trasformate in radicali O2˙ˉ/ H O2˙ in equilibrio acido base tra di loro. Si avrà quindi la formazione risultante di tre radicali ossidanti (˙OH, O2˙ˉ/ H O2˙), tutti altamente reattivi. Pertanto, in questo caso, per ogni fotone assorbito dal semiconduttore si rendono disponibili quattro numeri di ossidazione, avendo una resa quantica relativa moltiplicata per quattro, rispetto a quella ottenibile allorché sulla superficie del semiconduttore non siano possibili le reazioni con ossigeno sopra menzionate. Infatti, nel caso in cui il semiconduttore usato sia il biossido di titanio (il nostro caso) senza alcun drogaggio, sulla superficie si avrebbe un numero di trappole elettriche insufficiente a garantire un elevato rendimento del processo di riduzione dell’O2 e della contemporanea formazione dei radicali all’ossigeno, altamente ossidanti, sopra ricordati; verrebbe, invece, favorito il processo di ricombinazione buca-elettrone che, così, annulla ogni effetto dei fotoni assorbiti, contribuendo ad annullare la resa quantica e il risultato energetico. Per ovviare a questo problema è necessario ‘dopare’ convenientemente il semiconduttore: così si riesce a promuovere il trasferimento elettronico verso l’O2 disciolto in acqua, aumentando la resa quantica complessiva. L’azione dei radicali complessivamente così formati è duplice: A) porta alla distruzione di eventuali batteri o microrganismi presenti e ne sfavorisce la proliferazione; B) aziona un meccanismo di auto-pulizia delle superfici: infatti lo sporco è comunemente composto da una parte inorganica (polveri, argille ecc.) e da una componente organica (polimeri, sostanze grasse, idrocarburi ecc.). Si è quindi in presenza di composti complessi che, aderendo alle superfici, formano un velo difficile da rimuovere con la semplice azione dell’acqua. Se, invece, sulla superficie sono presenti dei radicali, questi, tramite ossidazione, funzionalizzano e rendono solubili tutte le sostanze organiche, rendendo possibile, con la sola azione dell’acqua, l’asportazione dello sporco. A questo processo è associato un incremento di idrofilicità, con la conseguente riduzione della tensione superficiale (lo stesso effetto che si otterrebbe con l’uso di un detersivo).

*** Prof. Ignazio Renato Bellobono, formerly professor of chemistry at the University of Milan, is a Chartered Scientist, Chartered Chemist and a Fellow of the Royal Society, as well as an active and lifetime member of numerous international scientific associations. He has written more than 260 publications, registered 16 patents and is the editor or author of scientific volumes and journals. He currently collaborates with the University of Milan Bicocca in the field of photocatalysis and photocatalytic membranes, an area of research in which he has been working since the 1970s.

62

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

*** Il prof. Ignazio Renato Bellobono, già professore ordinario di chimica all’Università di Milano, è Chartered Scientist, Chartered Chemist e Fellow della Royal Society, oltre che membro attivo o a vita di associazioni scientifiche internazionali. È autore di oltre 260 pubblicazioni scientifiche, di 16 brevetti, ed editor o autore di volumi e giornali scientifici. Attualmente collabora con l’Università di Milano Bicocca nell’ambito della fotocatalisi e delle membrane fotocatalitiche, settore di ricerca da lui fondato e coltivato sin dagli anni ‘70.


Nella tabella sono riportati i vaThe results showed that more lori ottenuti nella sperimentathan 99% of the bacteria THE TEST RESULTS zione. were eliminated. I risultati dei test È da notare che le prove sono The table shows the experiTest strain Log reduction % reduction state effettuate senza ricorrere mental results. Escherichia coli all’irraggiamento con lampade Note that the tests were con2.03 99.06 ATCC 8739 UV; pertanto l’effetto antibatteducted without using UV rico è presente nelle normali lamps, which means that the condizioni di illuminazione deantibacterial effect is present in normal interior lighting congli ambienti interni. È inoltre molto importante osservare che ditions. per ottenere le proprietà fotocatalitiche è sufficiente applicare One important point is that to achieve photocatalytic prolo smalto additivato solo nell’ultima spruzzata. perties it is sufficient to apply the modified glaze in the last Ad esempio, se vengono eseguite 3 applicazioni di smalto, solo spray application only. la terza applicazione, ovvero quella più For example, if 3 glaze applications esterna e quindi a contatto con l’ambienare made, only the third application te, necessita dell’additivo. (the outermost layer in contact with Pertanto le quantità di BS03 introdotte the environment) needs to contain sono davvero molto modeste in quanto additive. riguardano soltanto l’ultimo strato smaltaThis means that BS03 has to be introduto. ced only to the final glaze layer so only a very small quantity is needed. Conclusioni

Conclusions The new BS03 additive produced and marketed by Setec is capable of producing tiles with antibacterial and self-cleaning properties. These characteristics are particularly useful both for external applications (self-cleaning facades) and for interior use (bathrooms and antibacterial floors). The key aspect is the product’s simplicity of use, which delivers permanent properties without making any changes to the nor(JF)  mal production cycle.

L’utilizzo del nuovo additivo BS03 prodotto e commercializzato da Setec consente di ottenere piastrelle con proprietà antibatteriche e autopulenti. Tali caratteristiche sono particolarmente apprezzabili sia per applicazioni esterne (facciate autopulenti) sia per l’uso in ambienti interni (bagni e pavimenti antibatterici). L’aspetto fondamentale consiste nella semplicità d’uso del prodotto che permette di ottenere proprietà permanenti senza ap portare alcuna modifica al normale ciclo di produzione. ADVERTISING


Growth in world sanitaryware exports Luca Baraldi - l.baraldi@tiledizioni.it

Flaminia

Export mondiale di sanitari in crescita In 2011, world ceramic sanitaryware export flows maintained the positive trend registered in 2010. Total export volumes amounted to 2.37 million tons (6.9% up on 2010), of which 75% was attributable to the top 10 exporter countries and 89% to the top 20 countries. World exports by value showed a very similar increase, up 6.4% on 2010 to a total of 4.3 billion dollars, of which 65% was generated by the top 10 exporter countries and 85% by the top 20. China remained at the top of both rankings with 958,000 tons of exports (6.3% up on 2010) to a value of 845 million dollars (+8.6%). The large Asian exporter countries show a strong disparity between their export percentages by volume (40.4% of world sanitaryware exports) and by value (19.8% of the world total). The opposite applies to at least two European countries, Germany and Italy, whose percentages of world exports by value are far higher than those by volume. Germany is the sixth largest exporter by volume (7.2% up in 2011 on 2010) but second in value (13.4% up on 2010), with respectively 2.9% and 9.5% shares of world exports. Italy is the tenth largest exporter by volume (2.8% up on 2010) and the fourth in value (10.9% up on 2010), with respectively 2.3% and 7.2% shares of the world total. Spain and France rank 6th and 10th in the world by value and 13th and 20th by volume.

SANITARYware

Export destinations An analysis of export destinations reveals a strong trend towards geographical proximity. This certainly applies to Germany, for which nine of its top ten destination markets are in Europe: France, Holland, Belgium, Austria, Switzerland, Italy, Poland, UK and Luxemburg, in that order. Italian exports show a similar trend with

64

Tab. 1. Exporters

Nel 2011 i flussi esportativi di sanitari in ceramica a livello mondiale hanno mantenuto la tendenza positiva registrata nel corso del 2010. Complessivamente, le quantità esportate hanno raggiunto i 2,37 milioni di tonnellate (+6,9% sul 2010), di cui il 75% realizzato dai primi 10 maggiori Paesi esportatori, percentuale che sale all’89% se si considerano i primi 20 Paesi. Quasi analogo l’incremento delle esportazioni mondiali in valore, +6,4% sul 2010, per un totale di 4,3 miliardi di dollari, di cui il 65% assorbito dai primi 10 esportatori (la somma dei primi 20 raggiunge quota 85%). Al comando di entrambe le graduatorie si conferma la Cina, con 958mila tonnellate di prodotti esportati (+6,3% sul 2010), per un valore di 845 milioni di dollari (+8,6%). Evidente la distanza tra il peso del grande Paese asiatico in termini di quantità esportate (il 40,4% dell’export mondiale di sanitari), e il loro valore, pari al 19,8% del totale mondiale. Il discorso inverso vale per almeno due Paesi Europei, Germania e Italia, il cui peso percentuale sulle esportazioni globali in valore supera nettamente il loro contributo per quantità esportate. La Germania è sesto esportatore in volume (+7,2% nel 2011 sul 2010) ma secondo in valore (+13,4% sul 2010), con quote sull’export mondiale rispettivamente del 2,9% e del 9,5%. L’Italia, decimo Paese esportatore per quantità (+2,8% sul 2010), è quarto in valore (+10,9% sul 2010), con quote rispettivamente del 2,3% e del 7,2% sul totale mondiale. Spagna e Francia, sesto e decimo nella graduatoria in valore, Ceramic Sanitaryware: Top exporting countries in quantity si posizionano al I maggiori Paesi esportatori di sanitari in ceramica in volume 13° e al 20° posto 2011 Share nel ranking mon2007 2008 2009 2010 2011 Var% on total Tons Tons Tons Tons Tons 2011/2010 diale in volume. world exports

China

260,832

244,770

768,125

901,966

958,540

6.3%

40.4%

Mexico

245,540

227,737

223,710

226,569

245,964

8.6%

10.4%

Turkey

120,381

103,772

85,970

94,494

101,643

7.6%

4.3%

India

47,356

82,512

70,354

N.A.

90,615

N.A.

3.8%

Poland

84,088

85,171

59,327

67,580

70,344

4.1%

3.0%

Germany

63,550

66,051

58,719

63,734

68,294

7.2%

2.9%

Portugal

108,977

85,533

78,299

75,069

65,551

-12.7%

2.8%

Thailand

73,090

71,953

52,862

57,189

58,714

2.7%

2.5%

USA

49,661

43,454

38,096

40,285

55,658

38.2%

2.3%

Italy

89,931

79,010

57,212

53,182

54,677

2.8%

2.3%

Total top 10

1,143,406

1,089,963

1,492,674

1,580,068

1,770,000

12.0%

74.6%

TOTAL WORLD

1,899,170

1,749,817

2,019,417

2,219,512

2,372,678

6.9%

100%

Source: ITC International Trade Centre

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

La destinazione dell’export Per quanto riguarda la destinazione delle esportazioni, vi è una sostanziale tendenza alla prossimità geografica. Questo è vero per la Germania, per la quale nove dei dieci maggiori mercati di destinazione sono in Europa, nell’ordine: Francia, Paesi Bas-


Tab. 2. Ceramic Sanitaryware: Top exporting countries in value I maggiori Paesi esportatori di sanitari in ceramica in valore

Exporters

2007 USD x 1000

2008 USD x 1000

2009 USD x 1000

2010 USD x 1000

2011 USD x 1000

Var% 2011/2010

2011 Share on total world exports

China

735,275

818,177

667,628

778,974

845,721

8.6%

19.8%

Germany

369,820

439,162

354,560

360,451

408,653

13.4%

9.5%

399,219

374,662

-6.2%

8.8%

the top 11 exMexico 394,530 405,788 352,823 port markets in Italy 399,663 429,453 287,880 the European Turkey 198,889 176,516 139,036 Union. The Turkish ceramic saSpain 172,587 170,830 127,216 nitaryware induPoland 157,064 175,686 116,227 stry likewise has 149,925 137,819 100,529 its top four mar- Thailand Portugal 193,441 174,354 146,551 kets in Europe (UK, Germany, France 169,412 160,538 122,037 Italy and Fran- Total top 2,940,606 3,088,323 2,414,487 ce, 56% of the 10 total), followed TOTAL 4,544,342 4,735,194 3,708,630 by Iraq, the USA, WORLD Israel, Spain, Source: ITC International Trade Centre Bulgaria and Azerbaijan. Mexico, the world’s second largest exporter by volume and third largest in value, ships its products overwhelmingly to two markets, the USA (91%) and Canada (6%). China and India are exceptions to the rule. While China has a strong presence in all continents, its main market is the United States, which accounts for 23.2% of its total exports, followed by South Korea (10.9%), the UK (4.2%), Canada (4%) and Nigeria (3.8%). India’s exports are split between Asia, the Middle East and Africa. Its largest market, the United Arab Emirates, accounts for 17% of its exports, followed by Iraq (9.5%), Saudi Arabia (8.9%), Kenya (4.1%) and Ghana (3.6%). The trend during 2007-2011 As expected, an analysis of the export trends of the top exporter countries over the five-year period 2007-2011 shows a difference between emerging nations and other producer countries. On the one hand, China’s exports have increased by 267% in volume (but just 15% in value), India’s exports have effectively doubled and in 2011 Mexico returned to the same export volumes as 2007. On the other hand, the exports of countries such as Turkey, Poland, Portugal, Thailand and Italy still fall far short of pre-crisis levels in spite of the widespread recovery in 2010-2011. One exception is Germany, which experienced a single downturn in 2009 and has achieved positive results over the last two years to close 2011 with 7.5% higher export volumes (and a 10.5% greater value) than five years earlier. The USA has performed strongly, marking up 38% year-on-year export growth in 2011 to sur(JF)  pass 2007 levels.

si, Belgio, Austria, Svizzera, Italia, Po277,985 308,368 10.9% 7.2% lonia, Regno Unito, 156,909 178,537 13.8% 4.2% Lussemburgo. Analogo il quadro delle 126,887 146,492 15.5% 3.4% esportazioni italia125,738 137,507 9.4% 3.2% ne, i cui primi 11 117,176 134,242 14.6% 3.1% mercati sono all’in141,275 130,382 -7.7% 3.0% terno dell’Unione Europea. Sono eu131,212 128,384 -2.2% 3.0% ropei anche i primi 2,615,826 2,792,948 6.8% 65.3% quattro mercati esteri dell’industria 4,023,148 4,280,129 6.4% 100.0% turca (Regno Unito, Germania, Italia e Francia) che assorbono il 56% del totale, seguiti da Iraq, Stati Uniti, Israele, Spagna, Bulgaria e Azerbaijan. Nel continente americano, il Messico, secondo maggiore esportatore mondiale in quantità e terzo in valore, si rivolge in pratica a due soli mercati: gli Stati Uniti per il 91% e il Canada per il 6%. Fanno eccezione alla regola Cina e India. La Cina, ben presente in tutti i continenti, ha come mercato di riferimento gli Stati Uniti, che rappresentano il 23,2% dell’export cinese, seguiti da Corea (10,9%), Regno Unito (4,2%), Canada (4%) e Nigeria (3,8%). L’India suddivide le sue esportazioni tra Asia, Medio Oriente e Africa: il primo mercato, gli Emirati Arabi Uniti, assorbe il 17% dell’export indiano, seguono l’Iraq (9,5%), l’Arabia Saudita (8,9%), il Kenya (4,1%) e il Ghana (3,6%). L’andamento nel periodo 2007-2011 L’analisi dell’andamento delle esportazioni dei principali Paesi nel quinquennio 2007-2011 mostra, come prevedibile, una diversa evoluzione tra i paesi emergenti e tutti gli altri. Da un lato, le esportazioni cinesi sono aumentate del 267% in volume (sebbene solo del 15% in valore) e quelle indiane sono di fatto raddoppiate. Il Messico si è riportato nel 2011 sugli stessi volumi di esportazione del 2007, mentre Paesi come Turchia, Polonia, Portogallo, Tailandia e Italia sono ancora piuttosto lontani dal recuperare i livelli pre-crisi, nonostante la ripresa di molti di essi nel biennio 2010-2011. Fa eccezione la Germania che ha subito un’unica battuta d’arresto nel 2009 e che, grazie ai risultati positivi dell’ultimo biennio, chiude il 2011 con volumi di esportazione superiori del 7,5% rispetto a quelli di cinque anni prima, risultato addirittura migliore in valore (+10,5%). Bene anche gli Stati Uniti che, grazie al +38% messo a segno nel 2011 sul 2010, supe rano definitivamente anche i livelli 2007.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 99/ 2 0 1 2

65


products prodotti

Picture by Duravit

SACMI The highly flexible new AVB casting bench allows producers to make articles using 2, 3, 4 or 5-part moulds. The AVB has the same structure as the ALS machine designed to cast washbasins, sinks, pedestals, squattype WCs, tanks and lids and can make wall-hung or floormounted open-rim WCs. In the event of a change to the production mix, the ALS can be converted into an AVB and vice versa. The new machine is used in an array and can achieve very high output rates. The number of moulds varies according to the precise system configuration and required productivity, up to a maximum of 10 floormounted or 8 wall-hung WCs. The machine is available in 4 different lengths according to the number of moulds the producer intends to install. Its outstanding flexibility enables it to produce different models with different casting cycles simultaneously. It can also have various levels of automation. De-moulding can be performed automatically by installing a robot or manually with the servo-assistance of a zero-weight lifter. The AVB features all the trademark functions of Sacmi machines: proportional hydraulics to maximise the working life of the moulds, maximum casting pressure of 15 bar, the possibility of applying a vacuum to the moulds and the ability to change them without having to dismantle the container frames. The AVM can be supplied complete with modelling, mould machine and piece maturing

66

package and responds perfectly to the need to produce economical WCs as an alternative to traditional casting. It reduces both space and labour requirements while improving the quality of the finished product through the use of porous resin moulds.

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

Il nuovo banco di colaggio AVB, grazie all’elevata flessibilità, offre la possibilità di formare articoli con stampi in 2, 3, 4 e 5 parti. Con la stessa struttura della macchina ALS, nata per il colaggio di lavabi, lavatoi, colonne, turche, cassette e coperchi, è oggi possibile produrre anche vasi a brida aperta di

tipo sospeso o appoggiato a pavimento; inoltre, in caso di cambio di mix produttivo, si può convertire l’ALS in AVB e viceversa. La nuova macchina in batteria realizza produzioni molto elevate e il numero di stampi può variare in funzione della configurazione di impianto prescelta e della produttività richiesta, fino ad un massimo di 10 per i vasi appoggiati e di 8 per i vasi sospesi. La macchina è disponibile in 4 versioni a seconda della lunghezza scelta che dipende dal numero massimo di stampi installati; la sua flessibilità permette poi la realizzazione contemporanea di diversi modelli utilizzando differenti cicli di colaggio. Inoltre l’impianto può avere differenti livelli di automazione: la sformatura può essere automatica, tramite l’installazione di un robot antropomorfo, oppure manuale, servo assistita da un azzeratore di peso. L’AVB è dotata di tutte le funzioni caratteristiche delle macchine Sacmi: idraulica proporzionale per una maggiore durata degli stampi, massima pressione di colaggio di 15 bar, possibilità di applicare il vuoto agli stampi e di cambiare gli stampi senza la necessità di smontare i telai di contenimento. L’AVB, che può essere fornita completa di modellazione, stampo, macchina e sistema di maturazione dei pezzi, rappresenta una risposta alle richieste di produzione di vasi economici, in alternativa al colaggio tradizionale; permette infatti di ridurre lo spazio occupato e la manodopera necessaria, migliorando al tempo stesso la qualità dei pezzi prodotti, grazie all’adozione di stampi in resina porosa.


focus on sanitaryware SETEC Setec is presenting its new BAV Multistick casting line for WC with attached rims. The line consists of 3 modules: each module works with 10 moulds and consists of 2 parallel external lines for casting the WC body and a parallel group for casting the interior rim (configurations for different plants can be examined on request). The body of the WC is cast by means of inverted moulds (the foot at the top and the rim zone at the bottom). The rims are cast with the external wall downwards (water distribution holes visible with the mould open) so that they are aligned with the WC body for ease of gluing. The rims can be angled individually by 30° to optimise mould emptying. When the casting phase (thickness formation and hardening) is complete, the process continues as follows: • The WC body mould is partially opened, raising the foot (upper element) and the lateral mould group in such a way that the mould piston remains at the bottom. The lateral mould group (with the WC body inside) now performs a 120° rotation. • After several finishing operations, the attachment surfaces are prepared and glue is applied to the rim. • The subsequent motorised lowering of the lateral moulds results in coupling with the rims and simultaneous gluing of the cast pieces along the entire line. • When the rim gluing operation has finished, the lower semi-moulds of the rims are fixed securely to the lateral pairs by means of manual metal clips, allowing them to be raised in block. • Once all the moulds (lateral + rims) have been raised again, they are rotated by 120° to allow the rim semimoulds to be removed and relocated in their original positions. The glued rims are now entirely visible and can

68

be finished manually. • At the end of the gluing stage, polyurethane demoulding supports are applied. • The next step is that of automatic demoulding by means of motorised shifting of the deposit belts below the moulds containing the cast and glued articles. • By simultaneously opening all the moulds, the articles can be extracted at the same time. • In the last step, the demoulding belts return to their origi-

Setec presenta la nuova linea BAV Multistick per wc a brida incollata. La linea è composta da 3 moduli: ciascuno lavora su 10 stampi ed è costituito da 2 linee di colaggio parallele esterne del corpo del vaso e da un gruppo parallelo per il colaggio della brida posta all’interno (su richiesta possono essere studiate configurazioni di impianto differenti.) Il colaggio del corpo del vaso è eseguito attraverso stampi rovesciati (il piede nella parte alta, la zona della brida nella parte bassa) e le bride sono colate con la parete esterna verso il basso (fori distribuzione acqua visibili a stampo aperto), così da

TECHNICAL CHARACTERISTICS / CARATTERISTICHE TECNICHE: Production capacity

30 pieces/casting x 2(**) castings per day

Overall dimensions

Length 29,000 mm x width 7,000 mm x height 3,700 mm.

Capacità produttiva

Dimensioni di ingombro

Installed electrical power

Potenza elettrica installata

30 pz/colata x 2(**) colate al giorno

Lunghezza 29.000 mm. x larghezza 7.000 mm. x Altezza 3.700 mm.

22.5 kW.

**using a dryer molds / ** usando un essiccatoio stampi

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

risultare conformi alla posizione del “corpo” del WC per consentire una più facile operazione di incollaggio. Le stesse bride sono inclinabili individualmente di 30° per ottimizzare la fase di svuotamento degli stampi. Quando la fase di colaggio è finita (formazione dello spessore e rassodamento), il processo continua coma segue: • lo stampo del corpo del vaso viene aperto parzialmente, alzando il piede (elemento superiore) e il gruppo dei laterali in modo tale che il pistone (maschio) dello stampo rimanga nella parte bassa. A questo punto viene eseguita una rotazione di 120° del gruppo dei laterali (con dentro il corpo del vaso); • dopo alcune operazioni di rifinitura, le superfici di attacco vengono preparate: si applica la colla sulla brida; • il successivo abbassamento motorizzato degli stampi laterali provocherà l’accoppiamento con le bride e il contemporaneo incollaggio dei pezzi colati sull’intera linea; • terminata l’operazione di incollaggio della brida, i semi-stampi inferiori delle bride vengono resi solidali alle coppie laterali per mezzo di clips metalliche manuali, consentendo il loro sollevamento in blocco; • una volta sollevati nuovamente tutti gli stampi (laterali + bride), gli stessi vengono ruotati di 120° per consentire la rimozione dei semistampi bride e il loro riposizionamento nella posizione originaria. A questo punto, le bride incollate sono visibili integralmente e possono essere rifinite manualmente; • al termine della fase di incollaggio vengono applicati i supporti di sformatura in poliuretano; • si procede poi alla fase di sformatura automatica, operando la traslazione motorizzata dei nastri di deposito fino sotto gli stampi contenenti i manufatti colati ed incollati tra loro; • mediante l’apertura contemporanea di tutti gli stampi si ottiene l’estrazione simultanea dei manufatti; • l’ultima fase vede i nastri di sformatura ritornare alla posizione


nal position (laterally with respect to the casting module), where they are transformed into a temporary storage unit until the pieces are removed and sent on to the subsequent processing stage. On request, the casting line can be equipped with multi-layer belts to accommodate a larger number of pieces deriving for example from the use of continuous casting technologies (spag-less system). The new machine is designed to drastically reduce physical fatigue for the operator during the work cycle. Further improvements include energy savings (use of class IE2 electric motors) and workplace safety. The new line offers a number of advantages: • Automation of the rim gluing stage. • Simultaneous extraction of cast pieces. • Casting position with rim in low position, which is more suita-

ble for avoiding technological defects. • High casting application flexibility of articles with complex design and large dimensions. • Fully openable moulds to allow for optimal and uniform drying. • Possibility of using spag-less technology moulds. • Possibility of producing articles with different designs on the same production line. • High efficiency and considerable reduction in downtimes.

originaria (lateralmente al modulo di colaggio) dove si trasformano in struttura di deposito temporaneo fino a che i pezzi colati non saranno rimossi per essere inviati alle successive fasi di lavorazione. Su richiesta, la linea di colaggio può essere dotata di nastri multi-piano per alloggiare un maggior numero di pezzi prodotti derivanti, per esempio, dall’utilizzo di tecnologie di colaggio in continuo (spag-less system). La nuova macchina è stata progettata anteponendo l’esigenza di ridurre drasticamente l’impatto fi-

sico dell’operatore durante il ciclo lavorativo; inoltre, sono altresì migliorati gli standard legati al risparmio energetico (utilizzo di motori elettrici classe IE2) e alla sicurezza dell’ambiente dell’aera operativa. Numerosi i vantaggi tecnologici della nuova linea: • Automatizzazione della fase di incollaggio bride; • Estrazione simultanea dei pezzi colati; • Posizione di colaggio con brida in basso più idonea per evitare difetti tecnologici; • Alta flessibilità di applicazione al colaggio di articoli di design complicato e grandi dimensioni; • Stampi interamente apribili per consentire una essiccazione ottimale ed uniforme; • Possibilità di utilizzo con stampi in tecnologia spag-less; • Possibilità di produzione di articoli con design differente nella medesima linea produttiva; • Alta efficienza e forte abbattimento dei tempi morti di lavorazione. ADVERTISING


focus on sanitaryware VICENTINI The IPV 1000 vertical pressure casting type plant is designed for the production of articles from one or two moulds mounted in series on the same crossbeam. The operating modes are all selectable by the operator, who is able to choose between the production of articles with mould no. 1, mould no. 2 or both moulds simultaneously. To detach the articles from the mould the operator can use a detaching pedal (one for each mould). Press closing is performed by a hydraulic cylinder mounted horizontally on the mobile crossbeam. The cylinder stroke is controlled by a linear potentiometer connected to the PLC which controls the machine. The cylinder closing pressure, the slip injection pressure and the injection times are set by the operator. All the parameters related to the production of an article are loaded in a menu which can be saved. These data can be modified at any time according to production requirements. A personal computer is used for machine con-

70

trol. The operator can set, change and save all the machine parameters relating to each individual mould. Likewise, he can follow the video menus to set the operating modes and use the machine controls.

L’impianto di pressocolaggio verticale tipo IPV 1000 è destinato alla produzione di sanitari ricavati da uno o due stampi montati in serie sulla stessa traversa. Le modalità di lavoro sono tutte selezionabili da parte dell’operatore e in questo modo l’addetto è in grado

DATI TECNICI / TECHNICAL DATA Max. article dimensions (at 35 Bar) Dimensioni max. articolo (a 35 Bar)

Crossbeam dimensions Dimensione traversa

Useful distance between columns Distanza utile tra le colonne

Width of the mould supporting table

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

Larghezza superficie appoggio stampo

Cylinder stroke Corsa cilindro

Mould dimensions Dimensioni stampo

Closing pressure Pressione chiusura

Slip pressure

Pressione barbottina

Installed power Potenza installata

Weight Peso

Production capacity Capacità di produzione

2500 cm2 1110x700 mm 720 mm 700 mm 500 mm 720x700 mm 1000 kN 40 bar 10 kW 5200 kg 300/90 sec/pc

di decidere se intende produrre oggetti con lo stampo N°1, con lo stampo N°2 oppure con entrambi gli stampi contemporaneamente. Lo stacco dell’oggetto viene comandato attraverso il pedale di stacco (uno per ogni stampo). La chiusura della pressa viene effettuata dal cilindro oleodinamico fissato orizzontalmente alla traversa mobile, la cui corsa viene controllata da un potenziometro lineare collegato al PLC che governa la macchina. La pressione di chiusura dei cilindri, la pressione di iniezione della barbottina e i tempi di iniezione vengono impostati dall’operatore. Tutti i parametri necessari a realizzare un manufatto sono caricati in una ricetta che viene memorizzata e i dati possono essere modificati secondo necessità in ogni momento. Per l’interfaccia operatore è previsto l’uso di un Personal Computer per la gestione della macchina. L’operatore può agire per impostare, variare o memorizzare tutti i parametri macchina, che fanno riferimento ad ogni singolo stampo, allo stesso modo seguendo i menù delle maschere video può operare sul modo di funzionamento e sui comandi della macchina.


focus on sanitaryware EBI - CERAMICURE EBI Ltd. has been a pioneer in the sanitary ceramic ware industry since 1990 and is the original global provider of a complete line of innovative, high-tech Light Cure Acrylic™ and Self Cure Acrylic™ repair solutions. CeramiCure® LCA™ and SCA™ products are only produced from the highest-quality raw materials and only sourced from ISO certified suppliers. CeramiCure® LCA™ and SCA™ products have been proven reliable for 20+ years and are trusted by customers worldwide. CeramiCure® Light-Cure Acrylic™ (LCA™) is a complete sanitary ceramic and porcelain repair solution for making virtually invisible repairs of minor glaze defects such as pits, iron spots, small chips, or pinholes in minutes. CeramiCure® LCA™ is produced from high-tech micro- and nano-acrylics and is specifically developed for commercial sanitaryware glaze repairs to withstand moisture and cleansers and will not fade over time. CeramiCure® LCA™ is easy to use, non-toxic, fast-curing, and available in more than 100 colours, with custom colour matching as a no-cost option. CeramiCure® Self-Cure Acrylic™ (SCA™) body repair mate-

72

rial is used to restore previously unusable cracked and scrapped pieces. It was developed in 2001 by EBI Ltd. to fulfil a need for a reliable, long-term repair solution for body defects and cracks in fired sanitaryware pieces. The CeramiCure® SCA™ material has successfully undergone extensive testing in a university and various client laboratories, including XPS (XRay photoelectron spectroscopy), DTA (Differential Thermal Analysis), DSC (Differential Scanning Calorimetry), SEM (Scanning Electron Microscopy), thermal shock, water absorption, tensile testing, flexural testing and fracture mechanics. The results of these tests clearly confirm that the innovative technological properties of the CeramiCure® SCA™ material create a bond and structural interface with the ceramic substrate better than any other material on the market. After implementing the CeramiCure® SCA™ body repair process, a plant can achieve significant cost reductions in electricity, gas, labour and raw material and gain environmental benefits from decreasing refire and scrap rates.

C era mic W o rld Review n. 99/ 2012

EBI Ltd. è un pioniere nel settore dei sanitari in ceramica dal 1990. È fornitore a livello mondiale di una linea completa di soluzioni innovative altamente tecnologiche per la riparazione denominate Light Cure Acrylic™ e Self Cure Acrylic™. I prodotti CeramiCure® LCA™ e SCA™ vengono fabbricati usando solo materie prime di alta qualità provenienti da fornitori certificati ISO. I prodotti CeramiCure® LCA™ e SCA™ si dimostrano affidabili da più di 20 anni e godono della fiducia dei produttori di sanitari in tutto il mondo. CeramiCure® Light-Cure Acrylic™ (LCA™) è una soluzione completa per la riparazione di sanitari in ceramica e porcellana. È in grado di eseguire in pochi minuti riparazioni praticamente invisibili di piccoli difetti nello smalto come buche, macchie ferrose, piccole sbeccature o punte di spillo. È prodotto da micro- e nano-acrilici ad alta tecnologia ed è stato sviluppato specificamente per le riparazioni di sanitari in ambito commerciale in modo da garantire la resistenza all’umidità e ai detergenti e da permettergli di non sbiadire nel tempo. È facile da usare, non tossico, ad indurimento rapido e disponibile in più di 100 colori, con la corrispondenza personalizzata dei colori come un’opzione a zero costo.

CeramiCure® Self-Cure Acrylic™ (SCA™) è il materiale di riparazione dell’impasto e viene utilizzato per riparare pezzi incrinati e scartati che precedentemente sarebbero stati inutilizzabili. È stato sviluppato nel 2001 da EBI Ltd. per soddisfare la necessità di una soluzione affidabile e durevole a lungo termine per la riparazione di difetti dell’impasto e crepe nei pezzi sanitari cotti. CeramiCure® SCA™ ha superato con successo molte prove eseguite presso un’università e vari laboratori clienti, compresi XPS (Spettroscopia fotoelettronica a raggi X), DTA (Analisi termica differenziale), DSC (Calorimetria differenziale a scansione), SEM (Microscopia elettronica a scansione), shock termico, assorbimento d’acqua, prove di trazione, prove a flessione e prova meccanica della frattura. Gli esiti di queste prove confermano in modo chiaro che le proprietà tecnologiche innovative di CeramiCure® SCA™ permettono di creare un legame e un’interfaccia strutturale con il substrato ceramico meglio di qualsiasi altro materiale sul mercato. Dopo aver realizzato il processo di riparazione dell’impasto CeramiCure® SCA™, un impianto può ottenere riduzioni significative di costi di energia elettrica, gas, manodopera e materie prime nonché vantaggi ambientali legati al calo dei tassi di ricottura e scarto.


P E O P L E P R O D U CT S I N S P I R AT I O N E D U C AT I O N

CONNECTING YOU AND YOUR BUSINESS TO THE TILE + STONE INDUSTRY Connect with Coverings, the largest tile + stone event in the Americas. In just four action-packed days, you will expand your dealer network, strengthen existing business contacts, and shop the latest international tile + stone trends from over 900 exhibitors. This is your opportunity to tap into the lucrative specifier and contractor markets and attend FREE educational sessions designed to give you insights and solutions to grow your tile + stone business. Coverings is your ultimate connection to free business-building resources to help you propel profits in today’s market.

Connect with Coverings and you’ll connect to success.

T H E M O S T I M P O R TA N T D I S T R I B U T I O N & R E TA I L E V E N T FO R T I L E + S TO N E

C O V E R I N G S 2 0 1 3 A P R I L 2 9 – M AY 2 AT L A N TA , G A U S A

R E G I S T E R N O W F O R F R E E AT C O V E R I N G S . C O M Please use VIP Code ACWR3 when registering.


focus on sanitaryware IPEG IPEG is able to supply any kind of intermittent kiln, from a size of just a few m3 up to 100 m3 or more, guaranteeing at all times the maximum uniformity of temperature distribution, energy saving and finished product quality. IPEG intermittent kilns use the most modern and efficient combustion plants and are equipped with high-speed burners. The kiln insulation has been designed with great care and features various options such as the use of ceramic fibre and cordierite sheets. Special attention has been devoted to the management and control system, which provides comprehensive data on kiln operation and allows necessary changes to be made to the firing curve. To optimise operation, the reverse flame fume extraction system has

been adopted. The kilns can be constructed in single, double or triple level versions according to the customer’s requirements. The car handling system can be equipped with a platform to facilitate car loading/unloading operations.

ADVERTISING

72

C era mic W o rld Review n. 99/ 2012

IPEG può fornire qualsiasi tipo di forno intermittente, da pochi m3 fino ad oltre 100 m3, garantendo sempre la massima omogeneità nella distribuzione della temperatura, nel risparmio energetico e nella qualità del prodotto finito. I forni intermittenti IPEG utilizzano gli impianti di combustione più moderni e più efficienti, e sono tutti dotati di bruciatori ad alta velocità. L’isolamento dei forni è molto curato e prevede diffe-

renti opzioni, come l’uso di fibra ceramica o lastre di cordierite. Particolare attenzione viene riservata al sistema di gestione e controllo che permette di avere tutti i dati di funzionamento del forno e d’intervenire per effettuare qualsiasi modifica della curva di cottura. Per ottimizzare il funzionamento, viene adottato il sistema di aspirazione fumi a fiamma rovescia. I forni possono essere realizzati in versione monostrato, a doppio piano e a tre piani, in funzione delle diverse esigenze del cliente. La movimentazione dei carrelli ed il sistema può essere dotato di piattaforma per agevolare le operazioni di caricoscarico dei carrelli.


8th Annual Ceramic Materials, Machinery, Supplies & Technology Show

19 - 21 March 2013

Gujarat University Exhibition Centre, Ahmedabad, India

Official Chinese agent

www.indian-ceramics.com

In association with

Indian Ceramics 2013 is operated by Gattaca Communications on behalf of Indian Ceramics Ltd, registered in the UK, No. 07872857


Strategic raw materials for the ceramic industry Icer’s Italian Ceramic Society

Materie prime strategiche per l’industria ceramica In the light of the current renewed interest in raw materials, In un clima di rinnovato interesse verso le materie prime - in especially those considered strategic for European growth, special modo quelle ritenute strategiche per lo sviluppo della the Italian Ceramic Society recently organised a conferComunità Europea - Società Ceramica Italiana ha proposto un ence to discuss essential industrial minerals for ceramic proincontro di approfondimento sul tema dei minerali industriali duction. Held on 24 September in Rimini during Tecnargilla, che sono essenziali per la produzione ceramica. Il convegno, the aim of the conference was to take stock of the market svoltosi il 24 settembre a Rimini durante Tecnargilla, aveva come and to discuss the various factors that affect the availability intento quello di comprendere la situazione di mercato e le diand prices of raw materials. namiche che agiscono, a vari livelli, sulla disponibilità e il prezThe participants started out by examining national and rezo delle materie prime. gional mining policies, then went on to discuss the European Partendo da riflessioni sulla politica mineraria nazionale e reUnion’s political and regulatory framework and the new digionale, si è affrontato il quadro politico e normativo dell’Uniorectives and initiatives designed to promote greater self-sufne Europea, con nuove direttive e iniziative per promuovere lo ficiency in raw materials. Next, they addressed the financial sviluppo di un’autonomia per quanto riguarda le materie priaspects of the global marketplace, seeking to understand me, per passare agli aspetti finanziari del mercato globale, certhe factors that influence prices and what aspects compacando di capire quali fattori influiscono sui prezzi e cosa devonies that purchase raw materials need to monitor. Then they no monitorare le aziende che acquistano materie prime. discussed the way the concepts of scarcity, strategic value Si è poi guardato all’evoluzione nel tempo dei concetti di scarand criticality that determine mining policies from an intersità, strategicità e criticità che condizionano le politiche mineranational to a local level have evolved over time. Finally, they rie dalla scala internazionale alla scala locale. Fino a trasferire gli looked at how the regulatory, economic and geo-mining aspetti normativi, economici e geominerari alla realtà ceramica aspects apply to the ceramic sector and the Italian national e al sistema di approvvigionamento nazionale, per focalizzare la supply system, focusing on the situation in the Italian ceramdiscussione sulla situazione dell’industria ceramica italiana e le ic industry and its prospects in terms of raw materials. This assue prospettive per quanto riguarda le materie prime, oggetto pect was further explored in a roundtable discussion bedella Tavola rotonda che ha riunito rappresentanti dei fornitori tween e utilizzatori di materepresentatives of FIG. 1: RAW MATERIAL SUPPLY RISK EVALUATION DIAGRAM rie prime per impasti, Schema di valutazione del rischio di approvvigionamento suppliers and users smalti e pigmenti. of raw materials for ceramic bodies, Profili per una glazes and pignuova normativa di ments. politica mineraria Profiles for a new mining policy legislation in Italy within the framework of raw materials legislation Marco Sertorio, Chairman of ASSOMINERARIA-Mining Sector, started

76 50

CCera era mic mic W Wo orld rld Review Review n. n. 99/ 99/2012 2012

in Italia nel quadro di quella delle materie prime

Marco Sertorio, Presidente ASSOMINERARIA-Settore Minerario, ha aperto il suo intervento sottolineando come il trasferimento delle miniere al patrimonio indi-


focus on raw materials

Marco Sertorio

Nicolò Olivieri

Paolo Kaufmann

out by stressing that the transfer of mines to the regional public assets is an essential pre-requisite for a new national and regional mining policy based on European guidelines. He outlined the key points of a national and regional mining policy: • the strategic value of mineral resources as a political choice and a statement of principle; • identification of known mining sites; • basic research to locate potential future resources, with particular attention to minerals that may be crucial for the country’s future technological development. It will be crucially important to use this information in guidelines for regional land use programmes: a) land protection is the dominant factor, but it must harmonise access to resources while safeguarding the environment; b) the search for compatibility solutions. The regional land use plans must therefore be reorganised as described above. From this point of view, the mining master plan (PRAE) must serve as a regional tool for promoting strategic mineral resources (mines and quarries). Raw materials within the new European political and regulatory framework Nicolò Olivieri (D’Appolonia SpA) outlined the European Commission’s policy guidelines on raw materials and gave an up-to-date overview of the directives and initiatives in place to promote the development of European autonomy in terms of industrial minerals. The current European strategy was launched in 2008 in response to the growing economic, physical and geopolitical pressures affecting raw materials supplies. It focuses on the recommendations of the European Commission (2010): to update the data on industrial minerals; to increase the share of alternative or recycled raw materials; to actively promote a mining policy to guarantee supplies through international diplomacy and free trade. It is an integrated strategy based on three industrial policy principles: • to ensure two-way connections between the fields of application and the sources of industrial minerals; • to promote supplies from European sources; • to maximise efficiency in the use and recycling of miner-

Gian Andrea Biengini

Michele Dondi

sponibile delle Regioni sia la precondizione per una nuova politica mineraria nazionale e regionale che vada a recepire le indicazioni Europee. Sono state riepilogate le principali linee di una politica mineraria nazionale e regionale: • il valore strategico delle risorse minerarie come scelta politica oltre che come riaffermazione di principio; • l’individuazione sul territorio dei siti minerari noti; • la ricerca di base per individuare sul territorio le possibili risorse future, con particolare riguardo ai minerali dai quali può dipendere lo sviluppo tecnologico del Paese. Di primaria importanza sarà il trasferimento di tali dati come linee guida per i piani territoriali regionali: a) la tutela territoriale ha carattere prevalente, ma deve armonizzare l’accesso alle risorse pur nella tutela ambientale; b) la ricerca di soluzioni di compatibilità. I piani territoriali regionali devono pertanto rimodularsi nel senso sopra indicato. In tale prospettiva, il PRAE (Piano Regionale Attività Estrattive) dovrà agire come strumento regionale per la valorizzazione delle risorse minerarie strategiche (miniere e cave). Le materie prime nel nuovo quadro politico e normativo dell’Europa Nicolò Olivieri (D’Appolonia SpA) ha illustrato gli indirizzi politici della Commissione Europea riguardanti le materie prime, fornendo un quadro aggiornato delle direttive e delle iniziative in atto per promuovere lo sviluppo di un’autonomia europea per quanto concerne i minerali industriali. L’attuale strategia europea è stata lanciata nel 2008, prendendo spunto dalle cause della crescente pressione nelle forniture di materie prime: economiche, fisiche e geopolitiche. Essa è imperniata sulle raccomandazioni della Commissione Europea (2010): aggiornare i dati sui minerali industriali; aumentare la quota di materie prime alternative o recuperate attraverso il riciclo; promuovere attivamente una politica mineraria in modo da assicurare l’approvvigionamento attraverso la diplomazia internazionale e il libero commercio. Si tratta di una strategia integrata che poggia su tre orientamenti di politica industriale: • assicurare connessioni, in ambo i sensi, dai campi applicativi alle fonti di minerali industriali; • favorire le forniture da fonti europee; • massimizzare l’efficienza nell’uso e nel riciclo delle risorse

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 99/ 2 0 1 2

77


focus on raw materials al resources. These considerations gave rise to the Raw Materials Initiative (2010), which started out from a risk assessment based on two parameters: supply risk and economic importance (Fig. 1). This initiative has been included in four of the seven European flagship projects and in particular in the one concerning the efficient use of resources in Europe. In this context, the new European Innovation Partnership (EIP) concept was announced in 2012 for the purpose of accelerating technological innovation by bringing together the various players in industry and research. The EIP will also focus attention on non-technological aspects, such as how to improve databases and standardisation of mining statistics. In practice, 10 innovative pilot plants will be set up to develop technologies for critical raw materials. The raw materials financial markets: the ground rules Paolo Kauffmann (Kauffmann & Sons) discussed the financial aspects underlying the global market for raw materials traded on commodities exchanges. Kauffmann sought to answer the main questions asked by industry stakeholders in the face of the sometimes seemingly inexplicable fluctuations in the prices of raw materials: Who are the players in the commodity exchanges and how do they operate? It is worth noting that currently 70% of the volume traded on the London Metal Exchange is financial in nature. It is the result of a process that for nonferrous metals began in the early 1990s and has seen a sharp acceleration during the last decade. These markets are always attractive to financial investors as they offer good returns for limited risk. What are the factors that influence prices and what aspects do companies that purchase raw materials need to monitor? An intermarket analysis is important to get an overall picture of the entire sector and of the relationships between the various markets: commodities, stock and currency. Kauffmann gave examples relating to non-ferrous metals (zinc and lead). Raw materials: evolution of the concepts of scarcity, strategic value and criticality Gian Andrea Blengini (Turin Polytechnic) analysed and discussed the mechanisms whereby the concepts of scarcity, strategic value and criticality guide and/or influence mining policies from an international level to a local level. He started out by explaining the relationships between resources, needs, scarcity and efficiency and went on to discuss the various kinds of scarcity that can affect mineral raw materials and their causes, including their locations and political, social and other aspects. He then introduced basic concepts relating to: • Critical raw materials: raw materials for which the risks of supply failure and its economic impact are greater than for most other industrial minerals (e.g. rare earths which are critical for the European Union). • Strategic raw materials: raw materials located in vulnerable or hostile places or essential for military applica-

78

C era mic W o rld Review n. 99/ 2012

minerarie. Ciò ha dato luogo alla Raw Materials Initiative (2010) che è partita da una valutazione di rischio basata su due parametri: rischio nel rifornimento e rilevanza economica (Fig. 1). Tale iniziativa è stata inserita in ben 4 dei 7 grandi progetti bandiera europei (flagships) e in particolare in quello inerente l’Europa dell’efficienza nell’uso delle risorse. In questo contesto, è stato annunciato nel 2012 il nuovo concetto di European Innovation Partnership, che ha lo scopo di accelerare l’innovazione tecnologica mettendo insieme i vari attori della filiera industriale e della ricerca. L’EIP presterà attenzione anche ad aspetti non tecnologici, come migliorare le banche dati e la standardizzazione delle statistiche minerarie. In pratica, saranno costituiti 10 impianti pilota innovativi per lo sviluppo di tecnologie riguardanti le materie prime critiche. I mercati finanziari delle materie prime: le regole del gioco Paolo Kauffmann (Kauffmann & Sons) ha affrontato gli aspetti finanziari che sottendono il mercato globale delle materie prime quotate alle borse merci. Kauffmann ha cercato di rispondere alle principali domande che si pongono gli operatori industriali di fronte alle oscillazioni di prezzo, talvolta apparentemente inspiegabili, delle materie prime. Chi sono e come si muovono gli attori nel contesto delle borse merci? Si deve rimarcare che attualmente il 70% dei volumi scambiati sul London Metal Exchange è di matrice finanziaria. Si tratta del risultato di un processo che per i non ferrosi è partito all’inizio degli anni Novanta e ha subito una brusca accelerazione nel corso dell’ultimo decennio. Per gli investitori finanziari questi mercati sono sempre appetibili, offrono infatti buoni rendimenti a fronte di impegni “limitati”. Quali sono i fattori che influiscono sui prezzi e cosa devono monitorare le aziende che acquistano materie prime? L’importante è l’analisi intermarket per avere un quadro di tutto il comparto e delle correlazioni tra i diversi mercati: le commodities, le borse azionarie e le valute. Sono stati presentati esempi riguardanti metalli non ferrosi (zinco e piombo). Le materie prime: evoluzione dei concetti di scarsità, strategicità e criticità Gian Andrea Blengini (Politecnico di Torino) ha fatto alcune analisi e riflessioni sui meccanismi attraverso i quali i concetti di scarsità, strategicità e criticità guidano e/o condizionano le politiche minerarie dalla scala internazionale alla scala locale. Egli ha esordito spiegando le relazioni fra risorse, bisogni, scarsità ed efficienza, arrivando alla definizione ed evoluzione nel tempo dei diversi tipi di scarsità a cui possono essere soggette le materie prime minerarie e le loro cause, che possono essere legate alla localizzazione oppure a questioni politiche, sociali o di altra natura. Sono stati quindi introdotti i concetti base relativi a: • Materie prime critiche: quando i rischi di mancato approvvigionamento e il loro impatto sull’economia sono più alti rispetto alla maggior parte degli altri minerali industriali (es. terre rare che sono critiche per l’Unione Europea); • Materie prime strategiche: qualora la loro localizzazione sia concentrata in luoghi vulnerabili o ostili e quando esse siano essenziali per le applicazioni militari.


focus on raw materials tions. Il relatore si è quindi FIG. 2: FORECAST OF AVAILABILITY OF RAW MATERIALS Blengini then dissoffermato sull’evoPrevisione della disponibilità di materie prime cussed the way the luzione dei concetti www.newscientist.com concepts have per definire la dievolved and desponibilità e scarsità fined the availability delle materie prime: and scarcity of raw • Il paradigma delle materials: scorte fisse parte • The fixed stock dal presupposto paradigm is che la disponibilibased on the astà di una qualsiasi sumption that the materia prima sia availability of any una quantità finita raw material is a in una prospettiva finite quantity geologica. L’estrawithin a geologizione e l’utilizzo cal perspective. continuato porte ontinuous extracranno prima alla tion and use will scarsità e infine lead to scarcity all’esaurimento. and subsequently • Una misura comudepletion. nemente adottata • A measure comper la scarsità fisica monly adopted for physical scarcity is the static reserve in(limitatezza) è l’indice statico delle riserve, cioè il rapporto dex, i.e. the ratio between reserves and annual productra le riserve e la produzione/consumo annuali. Il risultato è tion/consumption. The result provides an estimate of the una stima della durata delle riserve, espressa in anni (Fig. 2). duration of the reserves, expressed in years (Fig. 2). • Secondo la prospettiva dell’economia mineraria, la presente/ • From the perspective of mining economics, the present/ futura disponibilità di materie prime dipende future availability of raw materials depends mainly on the principalmente dall’effettivo impegno che i soggetti intereseffective commitment that stakeholders are prepared to sati sono disposti a dedicare: paradigma del costo dell’oppormake, namely the opportunity cost paradigm. tunità. Blengini then briefly outlined several advanced models for Blengini ha quindi brevemente illustrato modelli avanzati di forecasting market trends (Fig. 3) with reference to the topiprevisione degli andamenti di mercato (Fig. 3) e portato l’esemcal example of rare earths, reviewing world resources and pio attuale e rilevante delle Terre rare: passando in rassegna le discussing their spatial and temporal distribution, market derisorse mondiali e illustrando la loro distribuzione territoriale e mand and the way in which demand is influenced by geotemporale, la domanda di mercato e come questa sia influenzapolitical events. ta da eventi geopolitici. The ceramic industry within the global raw materials arena Michele Dondi (CNR-ISTEC Faenza and Italian Ceramic Society) discussed how the previously outlined regulatory, economic and geologic concepts apply to the ceramic industry and the Italian supply system. Firstly, he gave a figure for the world consumption of ceramic raw materials, which excluding heavy clay amounts to around 320 million tons per year (about the same as the consumption of the lime industry and about a tenth of global cement consumption). He then examined raw materials for bodies, glazes

80

C era mic W o rld Review n. 99/ 2012

L’industria ceramica nello scacchiere globale delle materie prime

3

Michele Dondi (CNR-ISTEC Faenza e Società Ceramica Italiana) ha tentato di trasferire i concetti normativi, economici e geologici precedentemente esposti, alla realtà ceramica a al sistema di approvvigionamento italiano. Come primo passo si è dimensionato il consumo mondiale di materie prime ceramiche che, escludendo i laterizi, assomma a circa 320 milioni di tonnellate annue (circa quanto consuma l’industria della calce e circa un decimo dei consumi globali di cemento). Si è quindi passato in rasse-


www.sibelco.it

SIBELCO ITALIA | Milano | Via A. Ressi, 10 | Tel. 02 677.1351

edilizia arte vetro sport chimica ceramiche ceramiche edilizia

fonderia

arte

fonderia

ceramiche

edilizia

vetro

fonderia arte

vernici

chimica

vernici

chimica

sport

vetro sport

vernici

your mineral company


focus on raw materials FIG. 4: TRENDS IN AVERAGE PRICES

Ceramic raw materials for the Italian industry: situation and prospects The roundtable discussion brought together representatives of suppliers and users of raw materials for bodies, glazes and pigments, who analysed the critical aspects and current trends in the ceramic sector. Stefano Di Primio (Gruppo

XX 82 12

Ceramic World Review n. 75/2008 C era Cera mic micWW oo rld rldReview Reviewn.n.99/ 99/ 2012 2012

Price / Prezzo (2002 = 100) Price / Prezzo (2002 = 100)

and pigments, classifying them according to the size of the ceramic industry in the global marketplace: from prevalent (e.g. clays and feldspars) to significant (e.g. borates and zirconium) through to a small fraction (e.g. lithium and cobalt). He explained how specific market dynamics and supply risk factors are in play in each of these cases and analysed their effects on average industrial minerals prices over the last decade (Fig. 4). Whereas raw materials for bodies show average ten-year increases of between 10% and 20% (with the exception of talc and andalusite), the increases are much larger in the case of raw materials for glazes (e.g. zirconium: 5 times the 2002 price) and even more so for pigments (e.g. rare earths increased by a factor of almost twenty). He discussed the prospects and potential critical factors for ball clays and feldspars; borates, lithium and zirconium; chromium, cobalt and vanadium. He also reflected on the position of the Italian industry in the world ceramic raw materials market and the way it has changed in the last 30 years. He compared the raw materials supply strategies in the world’s main ceramic producing areas (Sassuolo, Italy; Castellón, Spain; Guangdong, China; Santa Gertrudes, Brazil), comparing the areas of origin of minerals (Fig. 5-6) and the choices made during the recent recession.

Price / Prezzo (2002 = 100)

Andamento dei prezzi di materie prime

Raw materials for bodies / Materie prime per impasti

Raw materials for glazes / Materie prime per smalti

Raw materials for pigments Materie prime per pigmenti

gna le materie prime per impasti, smalti e pigmenti, classificandole in base al peso che la ceramica ha nel mercato globale: da prevalente (es. argille e feldspati) a significativo (es. borati e zircone) fino ad una piccola frazione (es. litio e cobalto). Ciascuno di questi casi implica proprie dinamiche di mercato e fattori di rischio di approvvigionamento, con effetto sul prezzo medio dei minerali industriali che è stato analizzato nell’ultimo decennio (Fig. 4). Mentre le materie prime per impasti mostrano incrementi medi decennali fra 10% e 20% (con eccezione di talco e andalusite), gli aumenti sono assai maggiori nel caso di materie prime per smalti (es. zircone: 5 volte il prezzo del 2002) e soprattutto per pigmenti (es. terre rare quasi ventuplicate). Considerazioni sulle prospettive e le possibili criticità sono state espresse riguardo a ball clays e feldspati; borati, litio e zircone; cromo, cobalto e vanadio. Alcune riflessioni sono state rivolte alla posizione dell’industria italiana nel mercato globale delle materie prime per ceramica e come essa è cambiata negli ultimi 30 anni. Le strategie di approvvigio5 namento delle materie prime nei principali distretti ceramici nel mondo (Sassuolo, Castellon-Spagna, Guangdong-Cina, Santa Gertrudes-Brasile) sono state messe a confronto, comparando le aree di provenienza dei minerali (Fig. 5-6) e le scelte intraprese durante gli ultimi anni di crisi.

6

Le materie prime ceramiche per l’industria italiana: situazione e prospettive La Tavola rotonda ha riunito i rappresentanti dei fornitori e degli utilizzatori di materie prime per impasti, smalti e pigmenti per approfondire la disanima delle criticità e delle tendenze in atto nel settore ceramico. Stefano Di Primio (Gruppo Minerali Maffei), è intervenuto in merito alle criticità


&Turkish Minerali Maffei) discussed nel campo dei fondenti FIG. 7: CLAY MINERALS USED INPortuguese ITALY IN 2011clay Argilla portoghese e turca critical aspects in the field of ceramici, discutendo i Minerali argillosi utilizzati in Italia nel 2011 150/200 kt/y ceramic fluxes and the most fattori più importanti East German clay West German clay Argilla Germania Ovest Argilla Germania Est important factors in the nella scelta di queste ma50 kt/y 815 kt/y choice of these raw materiterie prime (costanza nel French clay als (long-term consistency, tempo, fusibilità, ritiro e Argilla francese 30 kt/y fusibility, shrinkage and firing pallier di cottura, contePortuguese & Turkish clay Argilla portoghese e turca range, alkaline and alkaline nuto di metalli alcalini e 150/200 kt/y earth metal content and alcalino-terrosi e rapporNa/K ratio, versatility of use, to Na/K, versatilità d’imUkrainian clay grindability, colour, storage piego, macinabilità, coloItalian clay Argilla ucraina and LEED credits). re, stoccaggio e crediti Argilla italiana 1,400 kt/y 200/230 kt/y He then focused on purLEED) per poi soffermarchasing strategies for tile si sulle strategie di acquifluxes. sto dei fondenti per piaTotal estimated 2011 volumes Davide Settembre (Colorobstrelle. Davide Settembre Stima del volume di minerali argillosi utilizzati nel 2011 bia Italia) contributed his ex(Colorobbia Italia) ha 2.6/2.7 MTon perience in the field of glazportato la propria espeItalian clays / argille italiane 9% es, stressing the difficulties in rienza nel campo degli Imported clays / argille importate 91% frit and glaze formulation smalti, sottolineando le that are caused by fluctuadifficoltà che si incontrations in price and availability no nella formulazione di of essential minerals (such as fritte e smalti per via de zirconium silicate) and by aspects introduced in the REACH le fluttuazioni di prezzo e di disponibilità di minerali fondastandard. mentali (si pensi al silicato di zirconio) nonché per le probleAngelo Lami (INCO Industria Colori) gave a few examples matiche introdotte dalla normativa REACH. Angelo Lami (INCO of problems encountered in the production of pigments Industria Colori) ha portato alcuni esempi delle criticità nella and inks that require raw materials used predominantly in produzione di pigmenti e inchiostri, dove si usano materie prilarge industrial sectors (e.g. metallurgy, electronics) and me il cui impiego principale è in grandi settori industriali (es. whose availability and price depend on numerous factors. metallurgia, elettronica) e la cui disponibilità e prezzo dipende Alongside global market trends, specific circumstances ofda molteplici fattori. Oltre all’andamento globale del mercato, ten play an important role. giocano un ruolo importante circostanze specifiche: per esemExamples include cobalt oxide originating from the Lupio l’ossido di cobalto viene principalmente dalla coltivazione mumbashi mines in Congo and chromium oxide diverted delle discariche della miniera di Lumumbashi in Congo oppure by Russian suppliers for the construction of special steels for l’ossido di cromo che è stato dirottato dai fornitori russi verso new gas pipelines. la fabbricazione di acciai speciali per nuovi metanodotti. AnAndrea D’Agostino (Sibelco) outlined the scenario for highdrea D’Agostino (Sibelco) ha affrontato lo scenario per le argilperformance clays, offering an up-to-date picture of conle ad alte prestazioni, proponendo un quadro aggiornato del sumption of these materials for Italian ceramic tile producconsumo di tali materiali per la produzione italiana di piastreltion (Fig. 7) and highlighting the continued dependence le ceramiche (Fig. 7) da cui emerge la perdurante dipendenza on imported raw materials (more than 90%). Ukrainian clays da materie prime d’importazione (per oltre il 90%). continue to play a primary role and although they do not Si conferma un ruolo primario delle argille ucraine, ancora difoffer the same quality as in the past, they are difficult to reficilmente sostituibili per le loro proprietà tecnologiche, sebplace due to their technological properties. bene la loro qualità non sia più quella del passato. Sergio CaraSergio Carabelli (Imerys) discussed the changes that are belli (Imerys) ha illustrato i cambiamenti in atto nel settore del taking place in the sanitaryware sector, with particular refsanitario, con particolare riguardo al distretto di Civita Castellaerence to the Civita Castellana district, as well as the efna, e l’effetto che essi stanno avendo sulla scelta delle materie fects that these changes are having on the choice of raw prime e specialmente sulla formulazione degli impasti (si sta materials and body formulation (for example, there is an sempre di più andando verso la fornitura di impasti piuttosto growing trend to supply ceramic bodies rather than individche di singole materie prime). Luigi Boscardin (Meta) e Mauro ual raw materials). Mariani (Emilceramica) hanno offerto il punto di vista di chi forLuigi Boscardin (Meta) and Mauro Mariani (Emilceramica) mula impasti ceramici e promuove anche l’uso di materie prioffered the point of view of companies that formulate ceme nazionali. ramic bodies and are promoting the use of local raw mateIn un quadro di estrema difficoltà operativa, legato alle problerials. Given the severe operational difficulties deriving from matiche che si incontrano nella gestione delle miniere in Italia mine management issues in Italy and rising transport costs, e ai costi crescenti dei trasporti, emerge il ruolo fondamentale the ceramic engineer plays a crucial role. che può e deve giocare il tecnico ceramista: la sostenibilità delThe sustainability of ceramic production depends increasla produzione ceramica dipende sempre di più dalla capacità di ingly on an ability to invent new body formulations to proinventare nuove formulazione d’impasto per un uso razionale mote rational use of raw materials while maintaining proddelle materie prime, pur assicurando qualità del prodotto e uct quality and process flexibility. (JF)   flessibilità del processo.

XX 84 12

Ceramic World Review n. 75/2008 C era Cera mic micWW oo rld rldReview Reviewn.n.99/ 99/ 2012 2012


Stephan Schmidt KG for Villeroy & Boch tileS Westerwälder Kompetenztone® – expertise clays as basis for top-quality products. For the tileLine product group Stephan Schmidt KG developed special clays meeting the highest demands.

www.schmidt-tone.de

© Villeroy & Boch, V&B Fliesen GmbH


Dry preparation: quality and care for the environment

Roberto Bonucchi - LB Officine Meccaniche (Fiorano, Italy)

Preparazione a secco: qualità nel rispetto dell’ambiente Of the two approaches available for ceramic body preparation, the wet process and the dry process, the latter has been attracting particularly strong interest amongst tile producers recently. Following technological progress in dry body preparation, especially the latest solutions developed by LB, the process is now capable of producing high-quality ceramic products comparable with those manufactured using the wet process. Compared to the wet process, dry grinding also brings a big reduction in production costs (mainly energy), as well as offering the ceramic industry a highly eco-friendly alternative characterised by lower gas and electricity consumption, lower atmospheric CO2 emissions and optimised use of water, a precious resource that is becoming increasingly scarce in certain areas of the world.

FOCUS ON RAW MATERIALS

Developments in dry preparation: the Migratech system

Come è noto, la preparazione degli impasti ceramici può avvenire per via umida o per via secca, un processo, quest’ultimo, che sta riscontrando un crescente interesse da parte dei produttori di piastrelle. Da un lato, infatti, l’evoluzione tecnologica degli ultimi anni, e soprattutto le nuove soluzioni individuate e proposte recentemente da LB, consentono l’ottenimento di prodotti ceramici di elevata qualità, paragonabili a quelli realizzati col processo a umido. Dall’altro, la macinazione a secco garantisce, a parità di prodotto, una forte riduzione dei costi di produzione (per lo più costi energetici) rispetto al processo a umido, oltre che offrire all’industria ceramica un’alternativa decisamente ecologica: minori consumi di gas ed energia elettrica, minori emissioni di CO2 in atmosfera, ma anche una maggiore attenzione ad una risorsa preziosa - e in alcune aree del globo sempre più scarsa - come l’acqua. L’evoluzione della preparazione a secco:

First unveiled at Tecnargilla 2010, after which it underwent a il sistema Migratech further two years of experimentation and technological improvements, the new Migratech system is LB’s solution for dry Anticipato in anteprima a Tecnargilla 2010 e oggetto negli ultimi grinding raw materials for various types of ceramic bodies due anni di ulteriori sperimentazioni e perfezionamenti tecnoand tiles. logici, il nuovo sistema Migratech è la risposta di LB alle esigenCompared to conventional dry grinding technology based ze di una corretta macinazione a secco delle materie prime deon pendular mills and subsequent wetting, Migratech is an stinate a diversi tipi di impasti e di piastrelle ceramiche. innovative process that involves: Rispetto alle tecnologie di macinazione a secco tradizionali • milling with very high efficiency vertical roller mills that at(con mulini pendolari e successiva bagnatura), Migratech protain a comparable degree of fineness to that of wet grindpone un innovativo processo che prevede: ing in drum ball mills; • la macinazione con mulini verticali a rulli • subsequent microgranulation of the ad elevatissima efficienza che consentofinely ground powders using a granula- MRV mill - mulino MRV no di ottenere una finezza di macinaziotor with a humidifying agglomeration ne paragonabile a quella dei mulini tamaction. burlani ad umido; These engineering solutions largely overcome the limitations of the conventional dry process, one of the most significant of which is the difficulty for pendular mills to achieve the degree of powder fineness necessary to ensure vitrification during firing and to eliminate purities in the body. This limitation normally makes the process unsuitable for the production of low-absorption single fired tiles and porcelain tile,

86 50

Ceramic mic W Wo orld rld Review Review n. n. 99/ 99/2012 2012 Cera

• la successiva microgranulazione delle polveri finemente macinate, tramite un granulatore ad azione di agglomerazione per umidificazione. Tali soluzioni impiantistiche colmano in gran parte le lacune presenti nel processo tradizionale a secco. Tra queste, la difficoltà dei mulini pendolari di raggiungere il grado di finezza delle polveri necessario per favorire la greificazione del materiale in cottura e l’eliminazione di


Con le nuove tecnologie a secco BMR risparmia il 100% di acqua rispetto alle normali macchine di squadratura/bisellatura. E la natura ringrazia. Fresh ideas for ceramics. The new dry technologies from BMR achieve 100% water savings with respect to normal squaring/chamfering machines. A big plus for the environment.

IDEAS TECHNOLOGY RESOURCES HISTORY THE ESSENCE OF LEADERSHIP

www.bmr.it

omniadvert.it

FRESCHE IDEE PER LA CERAMICA


focus on raw materials or for monoporosa and double eventuali impurezze nell’impasto, fired tiles of high aesthetic qualquindi poco adatto alla produzione ity. Another limitation of the di monocottura a basso assorbimenconventional dry grinding proto d’acqua e grès porcellanato, o cess when milling pale-colmonoporosa e bicottura di alta quaoured bodies (consisting of very lità estetica. Un altro limite del propure clay, sand and feldspar) is cesso di macinazione a secco tradithe low degree of homogenisazionale riguarda, nel caso di tion of the body, as well as the GRC900 microgranulator - Microgranulatore GRC900 macinazione di impasti “chiari” (copoor flowability of the powders stituiti da argille di grande purezza, in the mould cavity compared to spray-dried product. This sabbie e feldspati), la scarsa omogeneizzazione dell’impasto, oltre tends to create problems at the pressing stage, especialalla minore scorrevolezza delle polveri nell’alveolo dello stampo rily in the case of large sizes. spetto all’atomizzato, fenomeno che dà luogo a maggiori problemi Milling with MRV vertical roller mills The use of vertical roller mills offers a number of engineering advantages: • Due to their vertical construction, they occupy less space than drum ball mills for equivalent productivity. • They are quieter than both drum ball mills and swing hammer mills. • The grinding force can be adapted to the hardness of the material by means of the hydraulic system that controls the rollers. • The operations of grinding, homogenization, drying, particle size classification and transport of the ground material can be performed in the mill simultaneously. • Due to the use of large diameter rollers, the grinding media are subject to less wear than in swing hammer mills. • They are easy to maintain thanks to the automatic roller extraction system, which allows all activities to be performed in complete safety. • Good control over the milling operation. Added to this is the fact that it is possible to achieve a consistent milling fineness of around 63 µm. This degree of fineness results in higher finished product quality, including smoother and more uniform surfaces.

di pressatura, soprattutto nel caso di pressatura di grandi formati. La macinazione con mulini verticali a rulli MRV La scelta di adottare mulini verticali a rulli deriva da una serie di vantaggi, tra cui, a livello impiantistico: • ingombri ridotti, a pari produttività, rispetto ai mulini tamburlani a biglie, grazie alla costruzione verticale; • minore rumorosità sia riguardo ai mulini tamburlani a biglie, sia riguardo ai mulini pendolari; • possibilità di adattare le forze macinanti alla macinabilità del materiale, grazie al sistema idraulico agente sui rulli; • possibilità di effettuare simultaneamente nel mulino le operazioni di macinazione, omogeneizzazione, essiccamento, classificazione granulometrica e trasporto del materiale macinato; • minore usura dei corpi macinanti, grazie all’utilizzo di rulli di grande diametro, rispetto ai mulini pendolari; • facilità di manutenzione, grazie al sistema di estrazione automatica dei rulli che consentono di affrontare tutte le attività in assoluta sicurezza; • buon controllo dell’operazione di macinazione. A questi si aggiunga anche la possibilità di ottenere una finezza di macinazione costante, che si stabilizza sui 63 µm. Tale grado di finezza si traduce in una maggiore qualità del prodotto finito che presenterà superfici più lisce ed omogenee.

Microgranulation with fluidisation

La microgranulazione con fluidificazione

The new Migratech system is based on the microgranulation process developed by LB following further improvements in humidification technology. The system not only supersedes conventional dry technologies but produces a sufficiently high-quality finished product to make it a valid alternative to wet preparation. The technological solution developed by LB is capable of producing powders with a coarser and more controlled particle size than standard humidified powders. The particles are more spherical and have the same positive qualities as spray dried bodies, i.e. good flowabilty and greater density of the microgranulated powder, allowing for a high degree of compaction during pressing and good reactivity during firing. This makes it possible to press largeformat tiles (such as 60x120 cm) with a high level of unfired mechanical strength.

Il processo di microgranulazione sviluppato da LB, frutto di un ulteriore perfezionamento della tecnologia dell’umidificazione, rappresenta il cuore del nuovo sistema Migratech, in grado di proporsi, non solo come superamento delle tecnologie a secco tradizionali, ma anche come valida alternativa alla preparazione ad umido, in funzione della qualità del prodotto finito. La soluzione tecnologica individuata consente infatti di ottenere polveri di granulometria più grossa e controllata rispetto alle polveri semplicemente umidificate e senza i tagli grossolani tradizionali; granelli più sferici che presentano le caratteristiche positive degli atomizzati, ossia, in primis, buona scorrevolezza e maggiore densità del microgranulato, quindi buona compattazione in pressatura e buona reattività in cottura. Questo permette quindi di realizzare la pressatura di piastrelle ceramiche di grande formato (come il 60x120 cm), aumentando le resistenze meccaniche in crudo del prodotto.

An eco-friendly technology

Una tecnologia amica dell’ambiente

Along with the benefits in terms of finished products, Mi-

88

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012


monocotture chiare, monoporosa BIII-BIIa-BIb

monoporosa white-body single fired BIII-BIIa-BIb

Composizione impasto media: Body average composition: gratech also brings signifi40-60% plastici 40-60% plastics cant reductions in energy Ai vantaggi in termini di pro60-40% fondenti/inerti 60-40% inert and water consumption. dotto, Migratech aggiunge GAS H 2O CO2 kW/h The tables compare the spequelli derivanti dalla forte ricific consumptions obtained duzione dei consumi energe% % % % for various types of products tici e, ovviamente, idrici. Le tawith the Migratech system belle comparano, per diverse the corresponding values for tipologie di prodotto, i consuDifferenziale Microgranulato con Processo ad umido SECCO vs UMIDO MIGRATECH the wet preparation process. mi specifici ottenuti con il siWet Microgranulated Difference In the case of white body sinstema Migratech e quelli riprocess DRY vs WET with MIGRATECH gle fired and monoporosa conducibili al processo di Riferimento Reference Riferimento Reference Riferimento Reference tiles with an average body preparazione ad umido. 1000 kg 1000 kg 1000 kg composition of 40-60% plasNel caso di monocotture chiaConsumi specifici Consumi specifici Consumi specifici Specifical consumption Specifical consumption Specifical consumption tic clays and 60-40% fluxes re e monoporosa, con compo18,5 Nmc/ton 41,5 Nmc/ton -55% GAS GAS GAS and aggregates, Migratech sizione media dell’impasto 40148,2 lt/ton 431,5 lt/ton -66% HO HO HO 36,3 kg/ton 81,3 kg/ton -55% CO CO CO brings a 55% reduction in gas 60% argille plastiche e 60-40% 23,0 kW/ton 35,6 kW/ton -35% kW/h kW/h kW/h 0 kg/ton 5,3 kg/ton -100% consumption (and consefondenti e inerti, Migratech quently CO2 production), a consente una riduzione del 35% reduction in electrical 55% del consumo di gas (quinenergy consumption and di di CO2), del 35% di energia monocotture red-body 66% savings of water. elettrica, e un risparmio di acrosse BIIb-BIIa single fired BIIb-BIIa These values are even highqua pari al 66%. Valori che auComposizione impasto media: Body average composition: 60-85% plastici 60-85% plastics er in the case of red body mentano nel caso di monocot40-15% fondenti/inerti 40-15% inert single fired tiles: a 74% reture rosse: -74% il consumo di duction in gas consumption gas e CO2, -53% il consumo di GAS H 2O CO2 kW/h and CO2 production, a 53% energia elettrica e -80% di ri% % % % reduction in electricity consorse idriche utilizzate. A quesumption and 80% savings in sto si aggiunge il vantaggio water usage. dell’eliminazione totale dei Microgranulato con Differenziale Processo Added to this is the advanprodotti chimici cosiddetti deMIGRATECH ad umido SECCO vs UMIDO tage of totally eliminating flocculanti, che si traduce in Microgranulated Wet Difference process with MIGRATECH DRY vs WET chemical deflocculants, un ulteriore risparmio di 3-4 which brings a further saving Riferimento Reference Riferimento Reference Riferimento Reference euro per ogni tonnellata di im1000 kg 1000 kg 1000 kg of 3-4 euro per ton of cerampasto ceramico. Ulteriori verifiConsumi specifici Consumi specifici Consumi specifici ic body. che condotte sugli impianti inSpecifical consumption Specifical consumption Specifical consumption 13,5 Nmc/ton 53,1 Nmc/ton -74% GAS GAS GAS Further tests performed on stallati negli ultimi due anni 107,5 lt/ton 559,5 lt/ton -80% HO HO HO plants installed in the last confermano risultati addirittura 26,5 kg/ton 104,1 kg/ton -74% CO CO CO 23,0 kW/ton 49,6 kW/ton -53% kW/h kW/h kW/h two years have shown betsuperiori alle aspettative: a pa0 kg/ton 5,3 kg/ton -100% ter than expected results. rità di materie prime impiegate, For the same raw materials dati forniti dalle stesse aziende usage, figures supplied by client companies have indicated clienti calcolano una riduzione del costo totale di preparazione as much as a 40% reduction in the total cost of raw materidelle materie prime fino il 40% rispetto ai sistemi utilizzati preceals preparation compared to previous systems and a return dentemente e un ritorno sull’investimento in 18 mesi. on the investment within 18 months.

-55

-66

-55

2

-35

2

2

Deflocculante Deflocculant

-74

2

2

2

2

Deflocculante Deflocculant

-80

Deflocculante Deflocculant

-74

-53

2

2

Deflocculante

2

2

Deflocculante

Conclusion By March 2013 a total of 15 dry preparation plants designed for various types of bodies and tiles will have been installed by LB in different parts of the world. One of the biggest advantages of using Migratech technology, especially in the case of the most advanced systems supplied during 2012, is that of flexibility, given that microgranulated body can be fed to the storage silos in place of standard spraydried body without any need to adapt the plant. The same applies to the press feeding phase, so the engineering solutions already adopted for spray-dried body can be used for the Migratech microgranulated product without any need for modifications. (JF) 

2

Deflocculante

Conclusione A marzo 2013 saranno 15 gli impianti di preparazione a secco realizzati ed installati da LB in varie parti del mondo, dal Medio Oriente, al Nord Africa, al Sud America, progettati per diversi tipi di impasti e diverse tipologie di piastrelle. Tra i vantaggi riscontrati, soprattutto nei sistemi più evoluti forniti nel corso del 2012, è emersa anche l’elevatissima flessibilità impiantistica derivante dal fatto che la tecnologia Migratech è in grado di alimentare con l’impasto microgranulato anche i silos di stoccaggio, abitualmente alimentati con impasto atomizzato, senza la necessità di alcuna modifica impiantistica. Lo stesso discorso è applicabile anche per la fase di alimentazione alla pressa, per cui l’impiantistica già esistente per l’impasto atomizzato si adatta perfettamente e senza alcuna modifica al prodotto microgranula to realizzato con sistema Migratech.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 99/ 2 0 1 2

89


products prodotti

Picture by Sacmi

SACMI The most technologically advanced solution for modernising and expanding existing grinding systems was presented by Sacmi at the last edition of the trade fair Tecnargilla. It consists of the new range of RMC microsphere refining mills, designed by the Imolabased company for wet refining of any ceramic material. Due to their high power-to-volume ratio and reduced bulk and weight, the new RMC mills can be installed and used to complement an existing grinding plant, resulting in higher production and lower energy consumption. Thanks to the special microsphere grinding technology and centrifugal load rotation, the new attrition mill brings a 30% reduction in consumption compared with refining processes that use traditional cylindrical ball mills. The use of small grinding bodies ensures a large number of contact points, and the centrifugal force generated by the high rotation speed enables even the hardest materials to be refined. As for its technical characteristics, the new RMC mill has a static grinding chamber with internal lining made of wear-resistant materials to avoid product contamination. The stainless steel discharge filter with a suitably sized opening prevents the load from escaping and allows for maximum throughput rate. The agitator shaft is made of tempered steel, entirely coated in polyurethane and equipped with disks designed to guarantee maxi-

90

mum grinding efficiency. The centrifugal separator with axial pins is firmly mounted on the agitator shaft, which rotates to separate the ground load from the product emerging from the filter. All the mechanical components are sized to reduce machine downtimes, while the wear parts are easy to dismantle. The grinding cylinder is mounted on wheels and tracks to facilitate maintenance. All RMC mills are equipped with inverters to vary the shaft rotation speed and to adapt operating conditions to the characteristics of each product. Furthermore, installing an RMC does not require expensive and bulky foundations, which drastically reduces the additional costs of civil building work. The new solution presented by Sacmi attracted strong interest from ceramic producers visiting Tecnargilla, who are increasingly attentive to issues of energy saving.

C era mic W o rld Review n. 99/ 2012

La soluzione tecnologicamente più avanzata per ammodernare e ampliare impianti di macinazione esistenti è stata presentata da Sacmi all’ultima edizione di Tecnargilla. È la nuova gamma di mulini raffinatori a microsfere RMC, progettata dal gruppo imolese per la raffinazione a umido di materiali ceramici. I nuovi mulini RMC - grazie a un rapporto potenza/volume molto elevato che ne riduce gli ingombri e i pesi - possono essere installati a integrazione di un impianto di macinazione esistente, con un conseguente aumento di produzione a consumo energetico inferiore. La particolare tecnologia di macinazione a microsfere e rotazione centrifuga della carica consente infatti di raggiungere, con il nuovo mulino attritore, una riduzione dei consumi del 30% rispetto alla raffinazione effettuata con i tradizionali mulini cilindrici a sfere. L’utilizzo di corpi macinanti di piccole dimensioni garantisce inoltre un elevato numero di punti

di contatto e la spinta centrifuga data dall’elevata velocità di rotazione consente la raffinazione anche dei materiali più duri. Venendo alle caratteristiche tecniche, il nuovo mulino RMC presenta una camera di macinazione statica con rivestimento interno in materiali antiusura per evitare la contaminazione del prodotto. Il filtro di scarico è in acciaio inox con luce di passaggio opportunamente dimensionata per evitare l’uscita della carica e permettere la massima velocità di attraversamento. L’albero agitatore viene realizzato in acciaio bonificato, completamente rivestito in poliuretano e dotato di dischi studiati per garantire la massima efficienza di macinazione. Il separatore centrifugo a pioli assiali è montato solidalmente all’albero agitatore, per creare una separazione della carica macinante dal prodotto in uscita dal filtro. Tutti i componenti meccanici sono poi dimensionati per ridurre al minimo i fermi macchina, mentre le parti di usura sono facilmente smontabili e il cilindro di macinazione è montato su ruote e binari per facilitare la manutenzione. Tutti gli RMC sono inoltre equipaggiati con inverter per variare la velocità di rotazione dell’albero e adattare le condizioni di lavoro alle caratteristiche di ogni prodotto. Infine, poiché l’installazione di un RMC non richiede la preparazione di costose ed ingombranti fondazioni, si riducono drasticamente i costi aggiuntivi per opere civili. La novità presentata da Sacmi ha suscitato un vivo interesse tra i produttori ceramici in visita al Tecnargilla, sempre più attenti ai temi legati al risparmio energetico.


focus on raw materials

MANFREDINI E SCHIANCHI Building on its half century of experience in the field of dry grinding and granulation and treatment of the resultant powders, Manfredini & Schianchi has developed a new granulation system called Madirex which overcomes the limitations of conventional solutions. Depending on the particle size distribution of the incoming body, whether for standard single firing or for porcelain tile obtained with MS-Drytech Porcelain technology, Madirex agglomerates the power to the ideal particle size and humidity necessary to obtain the same level of flowability in the mould cavity as that of the spray dried powder. The granules are produced by the combined action of the circulatory movement of the powder with the humidification stage. This movement is performed using specially designed blades that transfer the powder onto a nonstick inclined surface to increase granulation without forming large lumps. Humidification is achieved by water nebulisation using special disks that supply the required humidity uniformly to all the particles in the powder. The automatic adjustment of the water pressure and of the disk and blade speeds determines the ideal particle size distribution of the finished product, while automatic electronically controlled humidity regulation allows Madirex technology to perform perfect granulation, minimising the use of water and making the subsequent drying stage superfluous. The resultant particle size distribution has a percentage of superfine powder of between 8% and 12%. This level not only does not affect flowability but is in

fact necessary for suitable integration of the granules, which sinter perfectly during the pressing stage to allow for rapid de-airing and to create an extremely smooth and uniform body surface. Madirex has a special selfcleaning internal lining that allows it to be used for different bodies and different colours. The system does not require routine maintenance and reduces electricity consumption by more than 80% compared to conventional granulators.

Manfredini & Schianchi, forte di mezzo secolo di esperienza nel campo della macinazione a secco e della granulazione e trattamento delle polveri realizzate con tale sistema, ha sviluppato il nuovo sistema di granulazione Madirex, in grado di superare i limiti dei sistemi tradizionali. A seconda della granulometria dell’impasto in ingresso - sia esso per monocottura standard o per grès porcellanato ottenuto con la tecnologia MSDrytech Porcelain, Madirex agglomera la polvere nella granulometria e con l’umidità ideale per raggiungere un grado di scorrevolezza nell’alveolo stampo pari a quello della polvere atomizzata; in questo modo è possibile produrre un materiale ceramico senza limite di formato e spessore. I grani vengono ottenuti grazie all’azione combinata del movimento circolatorio della polvere con la

fase di umidificazione. Tale movimento avviene tramite speciali “aspi”, opportunamente progettati, che veicolano la polvere su una superficie inclinata antiaderente per aumentare la granulazione senza la formazione di grumi di grosse dimensioni. L’umidificazione è realizzata con la nebulizzazione d’acqua per mezzo di speciali dischi che apportano l’umidità richiesta in modo omogeneo a tutte le particelle della polvere. La regolazione automatica della pressione dell’acqua, della velocità dei dischi e degli aspi, determina la distribuzione granulometrica ideale del prodotto finale, mentre la regolazione automatica dell’umidità, controllata elettronicamente, consente alla tecnologia Madirex di granulare in maniera perfetta riducendo al massimo l’utilizzo d’acqua e rendendo quindi superflua la fase di essiccazione successiva. La distribuzione granulometrica ottenuta presenta una percentuale di polvere superfine tra l’8 e il 12%; tale livello, non solo non compromette il grado di scorrevolezza, ma è necessario per una idonea integrazione dei granuli che, in fase di pressatura, si sinterizzano perfettamente tra loro permettendo una veloce deaerazione e una superficie del supporto estremamente liscio ed omogeneo. Madirex è completamente autopulente grazie allo speciale rivestimento interno, ed è quindi utilizzabile anche per impasti diversi e di diversi colori. Il sistema non richiede manutenzione ordinaria e consente una riduzione nei consumi elettrici di oltre l’80% rispetto ai granulatori tradizionali.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 99/ 2 0 12

91


focus on raw materials UMG - UNITED MINERALS GROUP Ukrainian clays are amongst the most widely used raw materials in the ceramic sector, particularly for porcelain tile production, and are renowned the world over for their technical and aesthetic qualities. The Ukrainian clay mining industry includes major players that have grown up over the years. Three of these have now merged into a single industrial group, UMG or United Minerals Group, founded in 2010 and owned by the largest Ukrainian financial and industrial group, System Capital Management. This new group combines the three historic enterprises, Vesco, Druzhkovka and Ogneupornerud, all of which are located in the city of Druzhkovka in southeast Ukraine. UMG controls the largest plastic clay quarries in the country and is also one of the largest clay producers in the world with a production capacity of 3 million tons/year and clay reserves of 300 million tons. Ukrainian clays are especially popular for their high aluminium oxide content (over 26.0% in unfired material) and low iron oxide content (below 1.0%). The high quality of the raw materials produced by UMG is backed by UNI EN ISO 9001 certification, which ensures excellent standards in selective mining, blending, cargo loading and testing of samples. UMG was also the first Ukrainian company to set up a training centre for employees with the aim of improving its industrial processes, production efficiency and product quality. The company also has a strong focus on logistics. Around 1.5 million tons of products are transported by train to customers in Eastern Europe and the CIS states, while a further 1.3 million tons are shipped through the ports of Mariupol (Sea of Azov) and Theodosia (Black Sea). These are then delivered by three distributors selected for their logistics capacity, fair pricing, warehouse availability and a customer-oriented approach. United Minerals

92

Italy and United Minerals Spain distribute UMG clays to major markets in Italy and Spain, with warehouses respectively at the ports of Ravenna and Castellón de la Plana and shipping and commercial logistics in other markets. Along with UMG’s high storage capacity, this transport network assures a constant supply of raw materials to the ceramic industry. UMG’s warehouse can store up to 700,000 tons of clay. This means that the group can produce clays of stable quality and low moisture content (around 18%) during the summer and then make shipments between November and April. In spite of its high level of production, UMG is very sensitive to environmental issues. Its production site extends over an area of around 2,000 hectares and its quarries move forward by 15-20 hectares annually. Worked-out land is restored by replacing earth and planting trees. During the last five years UMG member companies restored about 250 hectares of land and planted 110 hectares of forest. UMG currently supplies its clays to more than 20 countries worldwide. Its main markets are Russia, Ukraine, Italy, Spain, Turkey and Poland.

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

PANTONE 335 CVC

Pantone 328

Conosciute in tutto il mondo per le loro qualità tecniche ed estetiche, le argille ucraine sono tra le materie prime più impiegate nel settore ceramico, specialmente per la produzione di gres porcellanato. L’industria estrattiva ucraina vanta importanti player cresciuti negli anni, tre di questi sono ora parte di un unico gruppo industriale: UMG United Minerals Group, fondato nel 2010 e controllato dal maggior gruppo finanziario e industriale ucraino, System Capital Management. In questa nuova società sono confluite tre storiche aziende - Vesco, Druzhkovka e Ogneupornerud - tutte situate nella regione sud orientale dell’Ucraina, presso la città di Druzhkovka. UMG controlla pertanto le maggiori cave di argille plastiche del paese ed è uno dei maggiori produttori mondiali, con una capacità produttiva di 3 milioni ton/anno e riserve pari a 300 milioni di tonnellate. Tra le caratteristiche più apprezzate delle argille ucraine troviamo le alte percentuali di ossido di allumina - oltre il 26,0% nel materiale crudo - e le basse percentuali di ossido di ferro - inferiori all’1,0%. L’elevata qualità delle materie prime prodotte da UMG è assicurata anche dalla certificazione UNI EN ISO 9001 che assicura ottimi standard nell’estra-

zione selettiva, composizione, controlli e logistica. UMG è inoltre stata la prima azienda ucraina a dotarsi di un centro di formazione per i dipendenti, col fine di migliorare processi industriali, efficienza produttiva, e qualità dei prodotti. L’azienda pone, inoltre, particolare cura nella logistica: circa 1,5 milioni di tonnellate raggiungono, via treno, i clienti dell’Est Europa e degli Stati del CIS; altri 1,3 milioni di tonnellate lasciano il paese attraverso i porti di Mariupol (Mare di Azov) e Theodosia (Mar Nero), per poi essere consegnate da tre distributori selezionati in base a capacità logistica, politiche di prezzo, disponibilità di stoccaggio e approccio alla clientela. United Minerals Italy e United Minerals Spain si occupano della distribuzione delle argille UMG nei principali mercati di Italia e Spagna, con magazzini nei porti di Ravenna e Castellon de la Plana e logistica navale e commerciale attiva anche in altri mercati. Questa rete di trasporti assicura un approvvigionamento costante alle industrie ceramiche, possibile anche grazie all’elevata capacità di stoccaggio di UMG. Presso i suoi stabilimenti infatti è possibile conservare fino a 700.000 tonnellate di argilla. Ciò consente all’azienda di produrre argille a qualità costante e bassa umidità, attorno al 18%, durante la stagione estiva, per poi effettuare le spedizioni tra novembre e aprile. L’elevata produzione di UMG non esclude una forte sensibilità ambientale. Il sito produttivo dell’azienda si estende su 2.000 ettari e le sue attività estrattive movimentano annualmente 15-20 ettari di terra, ma il terreno lavorato viene recuperato restituendogli la terra estratta e mettendo a dimora nuovi alberi. Con questo metodo, negli ultimi cinque anni sono stati recuperati circa 250 ettari di terreno e piantati 110 ettari di foresta. Attualmente le materie prime UMG sono presenti in 20 paesi. I maggiori mercati sono Russia, Ucraina, Italia, Spagna, Turchia e Polonia.


focus on raw materials HITO TECHNICAL INDUSTRIES Hito Technical Industries (Barcelona, Spain) is a company specialising exclusively in the manufacture and sale of alumina grinding media products. It was the first European ceramic group to move its production facilities out of Europe in order to reduce manufacturing costs while maintaining the quality standards requested by customers. Thanks to the extensive specialist experience of its management, commercial staff and technicians, some of whom have been working in the industry for more than 25 years, HITO took up a new challenge eight years ago and is now a very well-known company with products that enjoy an excellent reputation worldwide. This success is recognised by hundreds of end users in more than 35 different countries operating in a variety of different industries including ceramics (floor and wall tiles, sanitaryware, tableware, porcelain), raw materials, mining, white cement, etc. Over the last five years, HITO has achieved some of its main targets: • supplying and selling products with an excellent quality/price ratio; • launching a new range of products in addition to its high density grinding media, such as medium density balls and BTC (bauxite) balls; • offering specialist technical advice and support in any milling conditions to all customers or end-users; • guaranteeing an effective and rapid service to customers wherever they are located through three different distribution centres in Barcelona, Castellón and Qingdao. The company can also provide support to customers via its staff in four continents (Europe, Africa, Middle and Far East and America). This personal, direct contact enables HITO to cater for customers’ needs by offering its experience and knowledge and improving their milling conditions. In some areas or coun-

94

tries HITO has established a professional network of agents and distributors who maintain constant communication with customers, offering a good service and information (shipments, documents, etc.) in constant contact with the Spanish head office. A highly qualified team of technicians install alumina linings and are ready to travel to any country to study the alumina lining needs of any kind of mill (batch, continuous, for wet or dry milling conditions, etc.). HITO participates as an exhibitor in all the world’s major ceramics fairs, including Cevisama (Spain), Tecnargilla (Italy), Ceramitec (Germany), Mosbuild (Russia), India Ceramics, Keramika Jakarta (Indonesia), China Ceramics and Fornecer and Revestir (Brazil). In some of them, such as India Ceramics and Fornecer, HITO has been taking part as a pioneer ever since the first edition. Its primary focus is on quality, service, technical advice, skills and expertise, qualities that it intends to continue to improve through investments in the future. Thanks to this philosophy, the company is now one of the leaders in the grinding media sector.

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

Hito Technical Industries (Barcellona, Spagna) è una società specializzata esclusivamente nella produzione e commercializzazione di mezzi macinanti in allumina. É stato il primo gruppo europeo nel settore ceramico a spostare i propri impianti produttivi al di fuori dell’Europa al fine di ridurre i costi di produzione mantenendo gli stessi standard di qualità richiesti dai clienti. Grazie alla grande esperienza del suo management e del personale commerciale e tecnico, alcuni dei quali lavorano nel settore da oltre 25 anni, l’azienda ha intrapreso una nuova sfida otto anni fa ed oggi rappresenta una realtà molto nota con prodotti che godono di ottima fama in tutto il mondo, un successo riconosciuto da centinaia di utenti finali in più di 35 paesi in vari settori industriali, tra cui l’industria ceramica (piastrelle per pavimenti e rivestimenti, sanitari, stoviglie, porcellana), il settore delle materie prime, l’industria mineraria, del cemento bianco, ecc.. In particolare durante gli ultimi cinque anni, HITO ha raggiunto alcuni dei suoi principali obiettivi, tra cui: • la fornitura e vendita di prodotti con un ottimo rapporto qualità/ prezzo; • il lancio di una nuova gamma di prodotti in aggiunta ai mezzi

macinanti ad alta densità, quali sfere a media densità e sfere di BTC (bauxite); • l’offerta di consulenza tecnica specifica e supporto per qualsiasi condizione di macinazione e per ogni cliente o utente finale; • la garanzia di un servizio efficace e tempestivo a clienti in qualsiasi luogo tramite i 3 centri di distribuzione a Barcellona, Castellón e Qingdao. Inoltre, l’azienda è in grado di supportare la clientela in 4 continenti (Europa, Africa, Medio ed Estremo Oriente e America) attraverso visite del proprio staff, un contatto diretto e personale che consente di soddisfare le richieste offrendo esperienza e knowhow che migliorino le condizioni di macinazione dei clienti. In alcune aree o paesi è stata implementata una rete professionale di agenti e distributori che mantengono una costante comunicazione con i clienti, offrendo servizi e informazioni (spedizioni, documentazione, ecc.) in costante contatto con la sede spagnola. Ottimo anche il livello professionale del team di tecnici che installano rivestimenti in allumina e che si spostano in qualunque area geografica per studiare necessità particolari su qualsiasi tipo di mulino (discontinuo, continuo, per macinazione in umido, a secco, ecc.). HITO partecipa come espositore a tutte le principali fiere del mondo nel settore ceramico: Cevisama (Spagna), Tecnargilla (Italia), Ceramitec (Germania), Mosbuild (Russia), India Ceramics, Keramika Jakarta (Indonesia), China Ceramics, Fornecer e Revestir (Brasile). In alcune di esse, come Indian Ceramics e Fornecer, Hito è presente fin dalla prima edizione. L’obiettivo principale di HITO è da sempre la qualità, il servizio e la consulenza tecnica, capacità e competenze su cui l’azienda continuerà ad investire in futuro mirando all’ulteriore miglioramento. Una fisolofia che ha consentito grandi successi e che pongono l’azienda spagnola tra i leader nel settore dei mezzi macinanti.


focus on raw materials XIETA INTERNATIONAL Xieta International is a company with more than twenty years of experience in the world of grinding media for ceramic, concrete and raw materials industries. Ever since it was founded, internationalization and product quality have always been the company’s main focus. A pioneer in the field of alumina balls and linings in Spain, it currently distributes its products to more than 40 countries worldwide from its warehouses in Barcelona and Onda. The company’s mission is to cater for its customers’ needs by supplying high-quality and competitively priced alumina balls and linings and by offering personalized and professional technical support. The technical team has extensive experience in this field and is always ready to assist customers and solve any general or specific issues regarding their grinding process. Xieta International is especially proud of its high density alumina bricks and linings with a 92% content of calcined alumina in its composition. It offers a wide range of sizes for all kinds of mills and applications, guaranteeing versatile solutions to specific problems and requirements. Xieta guarantees the consistent quality of its production

processes, which together with its distribution activities are subject to very strict controls. For this purpose the company has recently begun developing and distributing its new XT-99 ball and tabular alumina products. With a 99% content of calcined alumina in its composition and low silica content, they are the perfect products for high temperature applications in harsh environments. These balls are specially recommended for use as a catalyst support in various sectors including chemicals, petrochemicals and fertilizers. They are also used as a filler in packing towers. Xieta is renowned in the world of grinding media for its quality and service, a reputation built on constant investments in research and development of new products for any kind of industry that uses alumina in its production processes.

Xieta International è un’azienda composta da professionisti con un’esperienza ultraventennale nel settore dei mezzi macinanti per l’industria ceramica, del calcestruzzo e delle materie prime. Fin dall’inizio, l’internazionalizzazione e la qualità del prodotto sono state obiettivo principale di Xieta che, pioniera nel campo delle sfere e rivestimenti in allumina in Spagna, oggi distribuisce in oltre 40 paesi in tutto il mondo dai magazzini di Barcellona e Onda. Mission aziendale è da sempre adattarsi alle esigenze dei clienti, non solo fornendo sfere e rivestimenti in allumina di alta qualità a prezzi competitivi, ma anche assicurando assistenza tecnica personalizzata e professionale. Lo staff tecnico vanta una lunga esperienza in questo campo ed è sempre pronto ad assistere i clienti e a risolvere ogni problema generale o specifico relativo al processo di macinazione. Tra i prodotti di eccellenza di cui l’azienda è par-

ticolarmente orgogliosa vi sono i mattoni e i rivestimenti in allumina ad alta densità con un contenuto del 92% di allumina calcinata nella sua composizione. Disponibili in una vasta gamma di formati per tutti i tipi di mulini e di applicazioni, garantiscono soluzioni versatili per ogni problema ed esigenza particolari. Di particolare rilievo è la costanza qualitatitiva dei processi produttivi di Xieta, che, al pari della distribuzione, sono soggetti a controlli molto rigidi. A questo scopo, l’azienda spagnola ha iniziato recentemente a sviluppare e a distribuire la nuova gamma XT99 di allumina in forma di sfere e tabulare. Con un contenuto di allumina calcinata del 99% nella sua composizione e un basso contenuto di silice, sono il prodotto ideale per applicazioni ad alta temperatura in ambienti severi. Queste sfere sono particolarmente indicate nell’uso come supporto per catalizzatori in vari settori tra cui l’industria chimica, petrolchimica e dei fertilizzanti. Vengono anche utilizzate come carica nelle colonne a corpi di riempimento. Xieta è ormai sinonimo di qualità e servizio nel mondo dei mezzi macinanti, un riconoscimento frutto dell’impegno costante in ricerca e sviluppo nel campo di nuovi prodotti di qualità per qualsiasi tipo di industria che utilizzi l’allumina nei processi produttivi.

IMERYS CERAMICS The new Zirex range, introduced by Imerys Ceramics at Tecnargilla 2012, consists of mineral solutions developed to reduce zircon silicate content in tile engobe and sanitaryware glaze formulations, helping to achieve a high level of whiteness in a cost effective way. For wall and floor tile engobe production, tile makers now have the choice of two Zirex product series to optimise their engobe formulations: • Zirex Superb, with a high alumina (33%) and low iron content, is a ball clay for engobes

96

designed to reduce the quantity of zircon silicate in the formula without sacrificing the plasticity and flowability that are essential for the engobe recipe. Part of the Imerys range of energy saving products, this ball clay is suitable for firing temperatures between 1080°C and 1140°C. • Zirex T is an opacifier capable of significantly reducing the zircon silicate content in cases where zircon makes up more than 5% of the formulation, thus cutting down overall tile recipe cost while maintaining

Cera mic W o rld Review n. 99/ 2012

La nuova gamma Zirex, presentata da Imerys Ceramics a Tecnargilla 2012, consiste in soluzioni minerali sviluppate per ridurre il contenuto di silicato di zirconio nelle formulazioni di ingobbi per piastrelle e smalti per sanitari e contribuiscono in modo economico al raggiungimento di un elevato livello di bianco. Per la produzione di piastrelle da pavimento e rivestimento sono due le serie di prodotti Zirex indicate per ottimizzare la formulazione degli ingobbi. • Zirex Superb, con un contenuto alto di allumina (33%) e basso di

ferro, è una ball clay per ingobbi progettata per ridurre il contenuto di silicato di zirconio nella formula, senza rinunciare a plasticità e scorrevolezza, essenziali per la ricetta dell’ingobbio. Rientra fra l’altro nella gamma di prodotti Imerys che consentono risparmi energetici, dal momento che è adatta a temperature di cottura tra 10801140°C. • Zirex T è un opacizzante in grado di ridurre notevolmente il contenuto di silicato di zirconio laddove lo zirconio costituisce più del 5% della formulazione,


the same level of whiteness. As each formulation is unique, the team of mineral technical experts is fully qualified to work on helping customers maximise the benefits of their recipe. Following the success of these products amongst European and Southeast Asian tile makers, Imerys Ceramics’ R&D experts are developing a range of solutions for super-white porcelain tile body formulation. For sanitaryware glazes, Zirex SG is a special kaolin processed for the highest level of whiteness in glaze. Its use enables the zircon content of a formula to be reduced by up to 20%. Imerys Ceramics is a world leading supplier of mineral solutions, fully pre-

pared bodies and glazes for the sanitaryware, tile and tableware industries, with a competitive offering for engineering ceramics, glass, construction and other non-ceramic related markets. The Imerys technical support team works in close cooperation with ceramic producers to maximise the benefits and obtain the best results according to their specific production processes. Custom prepared ceramic bodies, unparalleled technical service, laboratories dedicated to ceramic formulation and on-site production support are all part of the exclusive Imerys customer service offering.

riducendone così il costo complessivo pur mantenendo lo stesso livello di bianco. Poiché ogni formulazione è unica, il team di tecnici nel campo dei minerali è pienamente qualificato per aiutare i clienti a ottenere il massimo dei vantaggi dalle loro ricette. Dopo il successo ottenuto con la gamma Zirex tra i produttori di piastrelle in Europa e nel Sud-Est Asiatico, Imerys Ceramics sta sviluppando una serie di soluzioni per la formulazione di un impasto superbianco per il gres porcellanato. Per quanto riguarda gli smalti per articoli sanitari, Zirex SG è un ca-

olino speciale formulato per il più alto livello di bianco dello smalto. Il suo utilizzo permette di ridurre fino al 20% il contenuto di zirconio presente in una formula. Imerys Ceramics è un fornitore leader a livello mondiale di soluzioni per minerali, impasti e smalti preparati per l’industria dei sanitari, piastrelle e stoviglie, con un’offerta competitiva anche nei settori della ceramica tecnica, vetro, edilizia e altri mercati non ceramici. La stretta collaborazione dei tecnici Imerys con i produttori ceramici consente di ottimizzare le formule, massimizzare i benefici e ottenere i migliori risultati sulla base dei differenti processi produttivi. Impasti ceramici personalizzati, un’assistenza tecnica senza pari, laboratori dedicati alle formulazioni per la ceramica, nonché assistenza alla produzione in loco fanno parte dell’offerta e del servizio Imerys.

ADVERTISING


focus on raw materials DELARUE The flint pebbles produced by Delarue, a French company based in Dieppe, are ideal for use as grinding media in ball mills in the ceramic industry. The selecting plants are located in various quarries situated in the Somme Bay near Cayeux-sur-Mer (Le Hourdel, Le Crotoy, St-Firmin les Crotoy) on the Channel coast in the North of France. All the pebbles are washed, sized and hand-selected. Due to their high silica content (over 98%), purity (only 0.016% Fe2O3) and hardness (8 on the Mohs scale), these pebbles enjoy a worldwide reputation for

their exceptional quality and are used by more than 400 customers in 60 different countries. The physical and chemical properties are the following: • specific gravity: 2.60 • apparent density: 1.60 • porosity: 0.38% • SiO2: 98.43% • Fe2O3: 0.016% • hardness: 8 (on Mohs scale). Dimensions range from 2-4 cm to 15-20 cm and annual production is about 50,000 tons.

Le biglie di selce prodotte da Delarue, azienda francese di Dieppe, sono ideali, nell’industria ceramica, quali corpi macinanti per i mulini a palle. Gli stabilimenti estrattivi sono situati presso la baia di Somme che si trova vicino a Cayeux sur Mer (Le Hourdel, Le Crotoy, St-Firmin les Crotoy), sul canale della Manica, nel nord della Francia. Le biglie di selce sono fornite lavate e divise per dimensione attraverso una selezione manuale. L’elevato contentuto di silice (oltre il 98%), la purezza (solo lo 0,016 % di Fe2O3) e la durezza (8 nella scala Mohs) rendono queste biglie universalmente riconosciute per l’elevatis-

sima qualità da oltre 400 clienti sparsi in 60 Paesi. Nel dettaglio, le proprietà fisiche e chimiche sono: • peso specifico: 2,60 • densità aparente: 1,60 • porosità: 0,38% • SiO2: 98,43% • Fe2O3: 0,016% • durezza: 8 (sulla scala Mohs). Le dimensioni vanno da 2/4 cm a 15/20 cm, per una produzione totale di circa 50.000 tonnellate annue.

ADVERTISING

WORLD LEADER FOR IRON-FREE FRENCH FLINT GRINDING PEBBLES The best existing quality of exclusively hand-selected pebbles with different sizes ranging from 2 cm to 20 cm High purity : 98,43 % of SiO2 – High hardness : 8 on Mohs scale

Agente Ag Ag Age ge en nte nt te in te in Italia: Ittal It ali a al lliia a:: EUROSABBIE EU EUR E UR RO ROSA OS OSA SAB SA BBI BB BIIE EUROMINERALI B EU EU UR URO ROMIN RO MIN MI INERAL ER ERA E RA RAL LII S.R.L S..R S.R S .R.L .L VIA VIIIA V A ESTE, ES E STE, TE, TE E, 1 42028 42 420 20 2 2028 028 28 POVIGLIO PO POV P OV O VIG IG IGL GL LIIO O (RE) (RE (R RE R E) Tel: Tel Tel Te el: + 39 39 0522 052 522 5 22 2 2 965911 965 96 591 59 91 9 11 Fax: Fa Fax Fa ax x: + 39 39 0522 05 0 522 22 964407 96 9 964 64 6 440 40 407 07 7 E-mail: E--m E-m mail aiil: info@eurosabbie.it ai inf nfo n ffo o@ @e @eu eurros eu ro o os sabb sabb abb bbie. ie e..it e .iitt

76

C era mic W o rld Review n. 99/ 2012

DELARUE S.A.S.

DELARUE S.A.S 2 RUE JOSEPH FLOUEST 76200 DIEPPE - FRANCE Phone : 00.33.2.35.82.53.50 Fax : 00.33.2.35.40.12.52 E-mail : commercial.dieppe@delarue-sas.com Website : www.delarue-sas.com


EURIT - GRUPPO COLOROBBIA The volatility of imported raw materials prices has made it necessary to reformulate ceramic bodies so as to keep finished products competitive. Integration of the plastic component with domestic raw materials is a means for cutting costs and improving the mechanical characteristics of ceramic products. It therefore is a way of supporting companies’ economic, technological and environmental policies. The use of domestic raw materials brings a lower supply chain environmental impact than that of imported raw Font:WurkerExtended 2 Colori nero e verde pantone 362 C materials. Clays R14-21 and R20-21 originating from the facility in Roccastrada (GR) of Caolino d’Italia (a company controlled by Eurit, the Colorobbia Group’s mining company) meet the needs of the ceramic market through

the presence of clay minerals such as kaolinite, illite and montmorillonite as well as potash feldspar. These components significantly improve the grindability and plasticity of the body and reduce the size variations of ceramic pieces. The speed of procurement and systematic control of product quality justify the choice of R14-21 and R20-21 for porcelain tile bodies.

La volatilità dei prezzi delle materie prime di importazione ha comportato necessariamente una riformulazione dell’impasto ceramico finalizzata al mantenimento di un alto livello di competitività del prodotto finito. L’integrazione della componente plastica con materie prime nazionali rappresenta uno strumento di contenimento dei costi e di implementazione delle caratteristiche meccaniche del prodotto ceramico, a sostegno quindi di politiche aziendali di sostenibilità economica, tecnologica ed anche ambientale.

L’impiego di materie prime nazionali comporta infatti un minore impatto ambientale della catena logistica rispetto a quello delle materie prime di importazione. Le argille R14-21 ed R20-21, provenienti dallo stabilimento di Roccastrada (GR) di Caolino d’Italia (società controllata da Eurit, azienda mineraria del Gruppo Colorobbia) assecondano le indicazioni del mercato ceramico, proprio in virtù della presenza dei minerali argillosi tipo, caolinite, illite e montmorillonite e del feldspato potassico. Tali componenti favoriscono in maniera significativa la macinabilità dell’impasto oltre alla plasticità ed al contenimento della variazione dimensionale del pezzo ceramico. La rapidità dei tempi di approvvigionamento e i sistematici controlli della qualità del prodotto avvalorano la scelta di R14-21 ed R20-21 per gli impasti ceramici da grès porcellanato. ADVERTISING

Geomix materie prime

LE MIGLIORI

MATERIE PRIME S E L E Z I O N AT E

PER

L’INDUSTRIA

C E R A M I CA GEOMIX - via Radici Nord, 47 - 42014 Castellarano (RE) - ITALY tel. +39 0536 076746 fax. +39 0536 076746 mobile. +39 366 1585615 info@geomixsrl.it. www.geomixsrl.it Ce r am i c W or ld R e vi e w

n . 99/ 2 0 1 2

10


focus on raw materials CMF TECHNOLOGY Thanks to the experience acquired in the engineering and fabrication of weighing and batching plants (technological towers, dry colouring plants, weighing and batching plants for raw materials, etc.…), CMF Technology is proud of introducing to our customers WIND, the new automatic dispenser of dry ceramic pigments for the preparation of coloured slurry and/or syrups. WIND unit can be easily adopted by the customers who are producing coloured slurry by conventional systems (i.e. adding dry pigments to discontinuous ball mills) but also in the plants which are using syrups (condensed colours) to colour the base slurry. The system is mainly composed by three sections: • a modular storage area suitable for storing the dry pigments into the provided big-bag empting stations; • a pneumatic conveying line; • a high-precision weighing station, which weighs the various components of pre-setted recipes. By using no. 6 big-bag empting stations it is possible to adopt a chromatic colouring system based on hexachrome concept (CMYKOG), to optimize the production management and the relative costs. Hexachrome is a six-colour chromatic colouring process that combines/mixes primary colours (Cyan, Magenta and Yellow), secondary colours (Orange and Green) and Black in order to expand the colour gamut. Thanks to the auxiliary accessories installed on the empting stations, the management of the dry stains becomes easy and safe. The dry stains are conveyed, according to a pre-setted recipe, to the weighing station by a sealed pneumatic conveying line specifically designed to

100

transport dry stains. As soon as the batch of dry stains reaches the weighing station, there is a high-precision balance which weighs the lot; the recorded data are memorized in the supervisor then the material is unloaded into the intensive mixer, slurry tank, container, etc. The system repeats above cycle up to complete the pre-setted recipe. Of course, like CMF Technology standards, there is a PC Supervisor which controls, monitors and sets all the functions of the plant: production parameters, production reports, recorded recipes, historical alarms, analysis and check-up by internet remote-assistance, etc.The advantages offered by WIND automatic dispenser of dry stains are several, for example: • Efficiency of the system; • Repeatability and reliability of the realized recipes; • Guaranteed weighing accuracy; • Speed and flexibility of execution; • Lower use of labour; • Safe management of toxic products; • Substantial reduction in losses; • Quality improvement. Obviously, all the mentioned advantages correspond to substantial economic benefits.

C era mic W orl d Review n. 99/ 2012

Grazie all’esperienza acquisita nella progettazione e nella fabbricazione di impianti di pesatura e di dosaggio (Tech Towers, impianti di colorazione a secco, impianti di pesatura e di dosaggio per materie prime, ecc.), CMF Technology è lieta di presentare ai clienti WIND, il nuovo distributore automatico di pigmenti ceramici per la preparazione di barbottina colorata e/o sciroppi coloranti. L’unità WIND può essere adottata con facilità da quei clienti che producono barbottina colorata grazie a sistemi convenzionali (ad esempio pigmenti ceramici caricati direttamente all’interno dei mulini tamburlani), ma anche nel caso di impianti che utilizzano dosatori massici in grado di gestire miscele tra sciroppi coloranti e barbottina neutra. Il sistema è composto principalmente di tre sezioni: • un’area di stoccaggio modulare appositamente studiata per contenere i pigmenti ceramici in apposite stazioni di svuotamento big-bag; • un impianto di trasporto pneumatico; • una stazione di pesatura ad alta precisione, in grado di monitorare le quantità dosate di ogni singolo componente presente in ricetta. Utilizzando 6 stazioni di svuotamento big-bag è possibile adottare un sistema di colorazione basato su un meccanismo esacromatico (CMYKOG) al fine di ottimizzare la gestione della produzione e i relativi costi (esacromatico è un processo di colorazione che combina colori primari Ciano, Magenta e

Giallo, colori secondari Arancione e Verde e il Nero al fine di ampliare, in modo semplice ed efficace, la gamma colori realizzabile). Grazie agli accessori ausiliarii installati nelle stazioni di svuotamento big-bag, la gestione dei pigmenti ceramici risulta essere facile e sicura. In accordo alla ricetta prefissata a supervisore, i pigmenti ceramici sono convogliati, lotto per lotto, alla stazione di pesatura per mezzo di un impianto di trasporto pneumatico appositamente progettato per il trasferimento di pigmenti ceramici. Non appena il lotto raggiunge la stazione di pesatura, una bilancia ad alta precisione ne verifica la quantità ed i dati vengono memorizzati nel supervisore; successivamente il materiale è scaricato nel mescolatore intensivo, nella vasca della barbottina neutra, nel container, ecc. Il sistema WIND ripete il sopra descritto ciclo sino a completamento della ricetta prefissata. Come da standard CMF Technology, vi è un PC Supervisore che controlla, monitora e regola tutte le funzioni dell’impianto, ad esempio: parametri e storico di produzione, memorizzazione ricette, storico allarmi, analisi e check-up grazie a tele-assistenza via internet, ecc. I vantaggi offerti dal distributore automatico di pigmenti ceramici WIND sono numerosi, ad esempio: • Efficienza del sistema; • Ripetibilità ed affidabilità delle ricette realizzate; • Accuratezza di pesatura garantita; • Velocità e flessibilità di esecuzione; • Minor numero di operatori; • Manipolazione dei pigmenti ceramici in sicurezza; • Riduzione sostanziale delle perdite; • Miglioramento qualitativo del prodotto finito. A tutti i vantaggi menzionati corrispondono ovviamente notevoli benefici economici.


ADVERTISING

CLAY

CHAMOTTE

FELDSPAR

SOAPSTONE

CERAMIC BODIES

Quality made to measure

Adolf Gottfried Tonwerke GmbH Gottfried Feldspat GmbH Tonwerkstraße 3 D-96269 Großheirath Phone: +49 9565 797 0 E-Mail: info@gottfried.de

www.gottfried.de

ADOLF GOTTFRIED TONWERKE Adolf Gottfried Tonwerke and Gottfried Feldspat, based in Großheirath in northern Bavaria (Germany), have been involved in the extraction and processing of high-quality raw materials since 1921. Gottfried offers products of proven quality for the sanitaryware and porcelain sectors including clay, chamotte and feldspar. Clay: The bright-firing clays increase unfired strength and firing stability in ceramic bodies for sanitaryware. Chamotte: Given the rising demand for sanitaryware with a complex design, a body with chamotte is needed to prevent deformation during firing of large washbasins, kitchen sinks, baths and shower trays. The company’s most important products are chamottes for fine fireclay sanitaryware with a high refractoriness. For a perfectly fitting glaze, it offers chamottes with low and high thermal expansion. Besides chamottes directly fired from raw clay, Gottfried’s range also includes custommade special chamottes from fine-processed body granulates that meet the highest requirements for purity. Chamottes with a low dust and iron content can be ground in different grinding facilities. This allows the highest quality and high production output to be maintained during conventional casting and pressure casting operations. Feldspar: Feldspar and quartz are important raw materials for sanitaryware and porcelain production. Feldspar is added as a fluxing agent to intensify glassy phase formation and vitrification. Quartz acts as a non-plastic material. Potassium feldspathic sand, also referred to as pegmatite, has a low iron and titanium mineral content and is therefore an excellent basic raw material for whiteness. Washed feldspathic sands additionally refine bodies and glazes. The sands are available moist from pit or dried. The company’s mineral grinding plant processes iron-free pegmatite as well as highquality potassium, sodium and mixed feldspars, and, if required, combined grinding.

Adolf Gottfried Tonwerke e Gottfried Feldspat, con sede a Großheirath, nella Baviera settentrionale (Germania) sono impegnate nell’estrazione e lavorazione di materie prime di elevate qualità fin dal 1921. Nel settore dei sanitari e della porcellana, Gottfried offre prodotti di comprovata qualità, come le argille, le chamotte e il feldspato. Argilla: Le argille cuocenti chiaro aumentano la resistenza in crudo e la stabilità in cottura di impasti ceramici per sanitari. Chamotte: Con l’aumento della domanda di sanitari dal design complesso, sia per grandi lavandini, lavelli da cucina, vasche da bagno, piatti doccia, un impasto deve contenere la chamotte per evitare deformazioni in cottura. I prodotti più importanti dell’azienda tedesca in questo campo sono le chamotte per sanitari fine fireclay di elevata refrattarietà. Per uno smalto perfettamente aderente, viene proposta una chamotte con dilatazione termica sia bassa che alta. Oltre alle chamotte ottenute direttamente dalla cottura di argilla cruda, la gamma Gottfried include anche chamotte speciali preparate su misura da impasti granulati fini che soddisfano i requisiti più alti di purezza. Le chamotte con un contenuto basso di polvere e ferro possono essere macinate in impianti di macinazione diversi. Ciò permette di mantenere la massima qualità e una produttività elevata durante le operazioni di colaggio e pressocolaggio. Feldspato: Il feldspato e il quarzo sono materie prime importanti per la produzione di sanitari e porcellana. Il feldspato viene aggiunto come fondente per intensificare la produzione della fase vetrosa e la greificazione. Il quarzo agisce come materiale non plastico. La sabbia feldspatica potassica, conosciuta anche come pegmatite, ha un basso contenuto di ferro e titanio minerale ed è quindi un’eccellente materia prima di base dal punto di vista della bianchezza. Le sabbie feldspatiche lavate hanno la funzione aggiuntiva di raffinare gli impasti e gli smalti. Le sabbie sono disponibili sia in forma umida (provenienti da cava), che essiccate. L’impianto di macinazione minerale di cui dispone l’azienda tedesca lavora la pegmatite priva di ferro nonché i feldspati potassici, sodici e misti di alta qualità. Se necessario, è in grado di eseguire la macinazione composta.


NEW

A

approach

to learning

Industry online training Now available: - Introduction to digital decoration - Rheology in ceramics - Rheology of ceramic powders

r e t n wi : A IIE ales f s f o 3 30% 1/1

Scopri un

u

0 ntil

1/3

NUOVO modo

di imparare

Formazione online per l’impresa ta r e f of r no A IIE ’inve d -30% l oa

Corsi disponibili: - Introduzione alla decorazione digitale - La reologia in ceramica - La nuova Direttiva Macchine

fin /13 01 / 1 3

www.iiea-school.it - info@iiea-school.it


INDIAN DELEGATION AT TECNARGILLA 2012


EXCELLENT RESULTS FOR INDIAN DELEGATION AT TECNARGILLA

of 20 Indian buyers organised by Acimac (Italian Ceramic Machinery and Equipment Manufacturers’ Association) with the support of the Ministry for Economic Development and Federmacchine.

India was one of the best represented countries at Tecnargilla, the world’s foremost exhibition of supplies to the ceramic and brick industries held in Rimini from 24 to 28 September 2012. 5% of all visitors to Rimini came from the subcontinent, including an official delegation

Besides visiting the trade fair, the Indian delegates also took part in more than 100 bilateral meetings with Italian companies exhibiting at Tecnargilla. The Italian companies and Indian delegates all commented very favourably. Seshagiri Rao Tipirneni, managing director

of Sentini Ceramica Pvt Ltd, said: “I am here to look for any upgraded technology in tile machinery and specifically some digital printing machines. In fact, I have found a few machines of my interest and asked for their quotations also.” Sushil Mehta, general manager marketing of Century Tiles, added: “India is picking up in digital tiles and I feel these will stay in the market for the next couple of years. Tecnargilla is the best place where I can see and get the newest technology in digital printing.”

OTTIMI RISCONTRI PER LA DELEGAZIONE INDIANA A TECNARGILLA L’India è stata tra i Paesi protagonisti di Tecnargilla, la maggiore fiera al mondo per la fornitura all’industria ceramica e del laterizio che si è svolta a Rimini dal 24 al 28 settembre 2012. Il 5% dei visitatori totali è arrivato a Rimini dal gigante asiatico. Tra questi, una delegazione ufficiale di 20 operatori indiani organizzata da Acimac (Associazione Costruttori Italiani Macchine e Attrezzature per Ceramica) con il supporto del Ministero per lo Sviluppo Economico e Federmacchine. I delegati indiani, oltre a visitare la fiera, sono stati impegnati in oltre 100 incontri bilaterali con le aziende italiane

espositrici di Tecnargilla. Ampia la soddisfazione sia da parte delle aziende italiane sia di quelle indiane. In particolare, Seshagiri Rao Tipirneni, amministratore delegato di Sentini Ceramica Pvt Ltd ha dichiarato: “I am here to look for any upgraded technology in tile machinery and specificaly some digital printing machines. In fact, I have found a few machines of my interest and asked for their quotations also”. Sushil Mehta, general manager marketing Century Tiles ha aggiunto: “India is picking

up in digital tiles and I feel these will stay in the market for the next couple of years. Tecnargilla is the best place where I can see and get the newest technology in digital printing”. affrontate e per la valutazione di eventuali, nuovi progetti di business.


products prodotti

Picture by Colorobbia

COLOROBBIA Colorobbia has exploited its R&D experience to develop highly specialized products for all decoration sectors and in particular for the ceramic tile industry. The company’s highly skilled team of technicians has successfully combined precious metals, granules, colours and special glazes. Tile decoration products from Colorobbia Specialties are used to create the accessories that give ceramic tile collections the personality, uniqueness and originality needed to stand out from the crowd. These pieces have a very different aesthetic impact to those created using digital technology and are ideal for complementing digitally decorated products. During the recent trade fairs Tecnargilla and Cersaie, Colorobbia Specialties successfully presented its new products for traditional decoration of lowthickness tiles, as well as granular

COLORITALIA In step with the growing use of digital technology over the last decade, stains have gained importance as hi-tech products both in the form of ink and above all for applications upstream and downstream of the printing stage. In particular, choosing the right stain in the glazing process is crucial for expanding the final gamut, which would otherwise by limited in the field of reds and yellows. Coloritalia, a company that produces zirconates (especially for wall tiles), and Wanx-

106

glazes with a glitter-metallic effect, special-purpose granular glazes for use at 1000-1200°C, a line of gold paste with outstanding surface adhesion and abrasion resistance, and materials for creating a matt effect on precious metals. In response to steady increases in gold prices, Colorobbia has developed an extensive range of affordable products that meet the needs of customers.

COLORCER S 22114 GIALLO Zr/Si/Pr

Colorobbia ha focalizzato la sua esperienza nella Ricerca e Sviluppo di prodotti altamente specializzati per tutti i settori della decorazione e in particolare per la ceramica industriale. Risorse umane competenti hanno messo a punto un connubio vincente: quello tra metalli preziosi, graniglie, colori e smalti speciali. I prodotti di Colorobbia Specialties per la decorazione delle piastrelle contribuiscono allo sviluppo del cosiddetto “corredo ceramico”; come spesso infatti sono gli accessori e i materiali a determinare il distinguersi dall’omologazione, così in ogni

COLORCER S 25144 TURCHESE Zr/Si/V : 60 s (+durante) Concentrazione : 75 Diametro a 10% : 0.37 Diametro a 50% : 4.02 Diametro a 90% : 8.49 Diametro a 100% : 15

: 60 s (+durante) Concentrazione : 71 Diametro a 10% : 0.39 Diametro a 50% : 4.63 Diametro a 90% : 10.27 Diametro a 100% : 20

Ultrasuoni

ing, a producer of Cadmium/ Selenium stains, offer digital products with a high degree of

COLORCER S 23120 ROSA Zr/Si/Fe

Cera mic W orl d Review n. 99/ 2012

progetto ceramico il decoro dovrà conferire personalità, unicità e originalità per emergere rispetto agli altri. Un arricchimento diverso da quanto raggiungibile attraverso la tecnologia digitale e dal quale essa stessa può trarre un “plus” estetico. Durante le recenti edizioni di Tecnargilla e Cersaie, Colorobbia Specialties ha presentato con successo i nuovi prodotti per la decorazione tradizionale di piastrelle a basso spessore, graniglie effetto glitter-metallico, graniglie speciali per impiego a 10001200°C, una linea di oro in pasta dalle notevoli qualità di aderenza al supporto e resistenza all’abrasione, materiali per effetto mattizzante su metalli preziosi. I continui rialzi della quotazione dell’oro hanno inoltre portato Colorobbia a sviluppare un’ampia serie di prodotti economici destinati appunto ad attutirne il forte incremento del prezzo e venire così incontro alle esigenze dei clienti.

Ultrasuoni

COLORCER S 23155 ROSA FERRO : 60 s (+durante) Concentrazione : 71 Diametro a 10% : 0.28 Diametro a 50% : 2.99 Diametro a 90% : 5.97 Diametro a 100% : 10 Ultrasuoni

tale, si riconferma l’importanza del colorante come elemento altamente “tecnologico” non solo nella sua forma di inchiostro, ma soprattutto nelle applicazioni a valle e a monte delle applicazioni. È proprio in questa fase di lavorazione, quindi nel processo di smaltatura, che l’utilizzo del colorante giusto ha il Zr/Si/Fe potere di ampliare il gamut : 60 Ultrasuoni s (+durante) finale, diversamente limitaConcentrazione : 91 Diametro a 10% : 0.26 Diametro a 50% : 1.72 to nel campo dei rossi e dei Diametro a 90% : 4.17 Diametro a 100% : 10 gialli. Coloritalia, attiva nel campo degli zirconati (per rivesti-

Alla luce delle evoluzioni dell’ultimo decennio, che hanno visto l’uso sempre più massiccio del digi-


traditional glazing & decoration

reliability and final colour and Wanxing laboratories. This strength. Coloritalia offers a includes tests conducted on the S 25301 BLU Co/Si range of highly clean and in-COLORCER various gloss and matt refer: 60 Ultrasuoni s (+durante) tense zirconates, which (as ence glazes, colorimeter read: 60 Concentrazione Diametro a 10% : 0.57 Diametro a 50% : 3.05 demonstrated by the saturation ings, particle size distribution Diametro a 90% : 6.11 Diametro a 100% : 10 levels shown in the tables) are and 1400°C resistance test for able to colour glazes and crys- reds. talline without the need for excessively high stain concentrations and the consequent risk of defects. Highlights of the range include Fe pink colours and the Pink stain, which have long been chosen for their high quality COLORCER S 27226 BRUNO DORATO Fe/Cr/Zn : 60 Ultrasuoni by the leading players in the s (+durante) COLORCER S 28119 GRIGIO Sn/Sb Concentrazione : 75 Ultrasuoni 0.32 Diametro a 10% : 60 sector. Wanxing offers a : 2.06 Diametro as 50% (+durante) Concentrazione 6.32 Diametro a 90% : 136 highly effective range of Diametro a 10% 12 100% : 0.49 Diametro a 50% : 1.02 : 3.39 Diametro a 90% reds, yellows and oranges Diametro a 100% : 8 which meet very high quality standards based on checks conducted in the Wanxing Italia laboratory. Current technological research is focusing on the development of a red stain capable of reducing the occurrence of COLORCER S 27582 BRUNO CAFFÈ Fe/Cr/Mn pinholes in crystalline glazes. : 60 Ultrasuoni s (+durante) COLORCER S 23245 ROSSO Zr/Si/Cd/S/SeConcentrazione For this purpose, experimen: 68 Ultrasuoni 0.29 Diametro a 10% : 60 : 2.59 Diametro as 50% (+durante) tation is being conducted at Concentrazione 6.80 Diametro a 90% : 55 Diametro a 10% 12 100% : 0.73 the facilities of a number of Diametro a 50% : 6.34 Diametro a 90% : 11.78 Diametro a 100% : 20 leading Italian companies. 16 The stains undergo meticulous testing at the Coloritalia

menti in particolare) e Wanxing produttrice di coloranti al CadCOLORCER S 25222 BLU mio/Selenio, sul Co/Al fronte digitale : 60 Ultrasuoni s (+durante) propongono prodotti con Concentrazione un ele: 126 Diametro a 10% : 0.41 vato grado di affidabilità e Diametro resaa 50% fi- : 1.28 Diametro a 90% : 4.88 Diametro a 100% : 10 nale. Coloritalia, in particolare, si distingue per la gamma di zircona-

ti, estremamente puliti e intensi, che permettono di colorare smalti e cristalline senza concentrazioni eccessive di coloranti che possono creare difettologie, come dimostrano i gradi di saturazione riportati nelle tabelle. Tra i vari prodotti spiccano i rosa al Fe e il Pink, storicamente utilizzati dalle più importanti aziende del settore per l’alta qualità. Wanxing offre una gamma di rossi, gialli e aranci estremamente efficaci che, in base ai controlli effettuati nel laboraCOLORCER S 27130 BRUNO MEDIO Fe/Cr/Zn : 60 Ultrasuoni torio di Wanxing Italia, rispons (+durante) COLORCER S 29240 NERO Fe/Cr/Ni/Co Concentrazione : 164 dono a standard qualitativi Ultrasuoni 1.13 Diametro a 10% : 60 : 2.01 Diametro as 50% (+durante) Concentrazione 4.22 Diametro a 90% : 60 molto elevati. La ricerca tecnoDiametro a 10% 8 100% : 0.35 Diametro a 50% : 3.24 Diametro a 90% : 7.27 logica si sta attualmente conDiametro a 100% : 12 centrando nello sviluppo di un colore rosso che limiti sempre più le spillature nelle cristalline. A tale proposito sono in corso varie sperimentazioni presso importanti aziende italiane. Nei laboratori Coloritalia e Wanxing i conCOLORCER S 27155 BRUNO ROSSO Fe/Cr/Zn trolli sui coloranti sono estre: 60 Ultrasuoni s (+durante) mamente meticolosi e COLORCER S 22114 GIALLO Zr/Si/Pr COLORCER S 25144 TURCHESE Zr/Si/V Concentrazione : 61 Diametro 60 : 60 Ultrasuonia 10% ::1.49 Ultrasuoni : 3.25 Diametro as50% (+durante) s (+durante) comprendono test su vari Diametro a 90% ::8.38 75 Concentrazione Concentrazione : 71 Diametro 0.37 Diametroaa100% 10% ::15 Diametro a 10% : 0.39 smalti di riferimento, lucidi ea 50% : 4.63 Diametro a 50% : 4.02 Diametro Diametro a 90% : 8.49 Diametro a 90% : 10.27 Diametro a 100% : 15 Diametro a 100% : 20 matt, con lettura al colorimetro, granulometria e test di resistenza a 1400°C per i rossi. ADVERTISING

Furnaces / Kilns

Ceramic - Metal - R&D

Microwave drying of honeycombs, filters, etc. Heating, debinding. Continuous belt dryers up to 30 m / 150 kW. Chamber dryers up to 50 m3 / 200 kW.

COLORCER S 23120 ROSA Zr/Si/Fe

COLORCER S 23155 ROSA FERRO Zr/Si/Fe : 60 s (+durante) Concentrazione : 71 Diametro a 10% : 0.28 Diametro a 50% : 2.99 Diametro a 90% : 5.97 Diametro a 100% : 10

: 60 s (+durante) Concentrazione : 91 Diametro a 10% : 0.26 Diametro a 50% : 1.72 Diametro a 90% : 4.17 Diametro a 100% : 10

Ultrasuoni

Ultrasuoni

17

Sintering furnaces for SiC, Si3N4 ceramics.

N2, 40 l, 2200 °C.

Debinding and sintering, metal ceram ic bonding. Protective gas furnaces with forced convection 10 - 500 l, up to 1150 °C.

Phone: +49 9665 9140-0 • Fax: +49 9665 1720 • E-Mail: info@linn.de

www.linn.de


traditional glazing & decoration INTER SER Maciste is an automatic airless pump for applying all kinds of suspended abrasive products such as glazes, engobe and crystalline onto ceramic tiles. Since it was introduced two years ago as one of the first systems of its kind on the market, it has proved extremely popular with customers for its reliability and power. Maciste maintains a constant and precise working pressure, allowing for pulsation-free operation. It consists of an electric motor coupled with a diaphragm pump driven by a system of three pistons positioned radially at angles of 120°. Compared to other pumps with hydraulic systems based on hot pressurised oil, this solution delivers greater stability of the spray fan and a stable pressure throughout the operating cycle. Glaze distribution on the tile is also more uniform, allowing for higher finished product quality. Hydraulic pumps often suffer from diaphragm breakages and consequently oil leakages, which contaminate the glaze and result in machine stoppage. This affects operation (because the glaze is unusable) and also has financial consequences (as the diaphragms have to be replaced). The Maciste pump differs in that it does not use a hydraulic system and its operating principle is based on diaphragms that do not require replacement, thereby minimising maintenance costs. Tests performed in customers’ facilities have shown that the Maciste pump is able to operate for two years without requiring maintenance. Furthermore, an

alarm system alerts the operator whenever problems occur (for example a blocked nozzle, a broken tube or a variation in pressure), allowing for more autonomous operation of the machine and greater personnel flexibility. The pump operation is controlled from an electronic panel with a highly intuitive interface that is easy to operate by the end user. The machine’s automatic cleaning system means that the operator only has to perform a few simple operations. At the end of the day, it is sufficient to immerse the suction pipe in a clean water tank and press a button. The pump uses a motor with a power of just 0.75 kW, allowing for a considerable energy saving.

Maciste è una pompa airless automatica per l’applicazione su piastrelle di tutti i prodotti abrasivi sospesi come smalti, engobbio e cristallina che, grazie alle sue caratteristiche di affidabilità e potenza, è stata molto apprezzata dai clienti fin dal suo lancio di 2 anni fa, fra le prime creazioni nel settore. Maciste mantiene una pressione di lavoro costante e precisa, consentendo di lavorare senza pulsazioni. La pompa è costituita da un motore elettrico accoppiato ad una pompa a membrane che vengono mosse da un sistema di tre pistoni posizionati radialmente a 120° l’uno dall’altro. Questa soluzione, paragonata ad altre pompe con sistemi oleodinamici basati su olio caldo in pressione, offre maggior stabilità del ventaglio di nebulizzazione ed una pressione stabile durante tutto il ciclo di lavoro. Inoltre, la distribuzione dello smalto sulle piastrelle risulta più uniforme, permettendo di ottenere una miglior qualità del prodotto

finale. Le pompe che utilizzano sistemi oleodinamici, infatti, spesso accusano problemi di rottura delle membrane e conseguente perdita di olio che contamina lo smalto e causa il fermo macchina. Questo incide sulla produzione (poiché lo smalto è inutilizzabile) e sulle finanze (poiché occorre sostituire le membrane). La pompa Maciste, invece, non utilizza un sistema oleodinamico; anzi, grazie al suo principio di funzionamento basato su membrane che non richiedono sostituzione, tutti i costi di manutenzione sono minimizzati. In base ai test effettuati presso i clienti, la pompa Maciste riesce a lavorare per due anni senza necessità di manutenzione. Inoltre, un sistema di allarme avvisa l’operatore ogni volta che si verifica un problema (ad esempio un ugello che si occlude, un tubo che si rompe o una variazione nella pressione), permettendo una maggiore autonomia della macchina e, conseguentemente, una maggiore flessibilità anche del personale. Il funzionamento della pompa è gestito da un pannello elettronico con un interfaccia molto intuitiva. Il sistema di pulizia automatico, di cui la macchina è dotato, permette all’operatore poche e semplici manovre: è sufficiente, a fine giornata, immergere il tubo pescante in un serbatoio di acqua pulita e premere un pulsante. La pompa utilizza un motore da soli 0,75Kw che consente un notevole risparmio energetico.

colours and metallic effects, together with simplicity of use and low costs. The CFA-C11 range features innovative electronic management and new stepper motors capable of operating in even the harshest conditions and at high temperatures while ensuring lower maintenance. The machine is available in 3 dif-

La gamma CFA-C11 rappresenta l’ultimo derivato nel campo delle macchine serigrafiche piane per la produzione di piastrelle in monocottura, bicottura e monoporosa, dando riconferma delle caratteristiche distintive della decorazione tradizionale: la possibilità di utilizzare smalti anche molto densi, ottenendo colori brillanti ed effetti

metallizzati, abbinata a semplicità d’uso delle macchine e costi contenuti. La CFA-C11 è dotata di un innovativo management elettronico, nuovi motori passo-passo capaci di lavorare anche nelle condizioni più gravose, ad alte temperature e garantendo minore manutenzione. La macchina è disponibile in 3

SERTAM The CFA-C11 range represents the latest development in the field of flat screen printing machines for the production of single fired, double fired and monoporosa tiles. These machines maintain the distinctive characteristics of conventional decoration: the possibility of using very dense glazes to obtain bright

108

Cera mic W orl d Review n. 99/ 2012


ferent models: • CFA-C11 45 for sizes from 100x100 mm to 450x450 mm, • CFA-C11 60 for sizes from 200x200 mm to 660x660 mm, • CFA-C11 90 for sizes from 400x400 mm to 900x1,000 mm. Tile feed and positioning is carried out by means of lateral transport belts. Spatula movements are inverter controlled. Colour application speed and printing speed can be adjusted separately. Size change, printing speed and tile speed and positioning are programmable from a keyboard. The machine has a continuous or intermittent variable screen printing function for varied shade products (all possible combinations up to a maximum of 9 decorated and 9 undecorated pieces). A number of decoration cycles

can be set on each tile to create relief colour effects. Ready for connection to the compensator and screen printing glaze feeding pump. Possibility of using brushless motors for belts (standard on model C11 90).

modelli: • CFA-C11 45 per formati da 100x100mm fino a 450x450mm, • CFA-C11 60 per formati da 200x200mm fino a 660x660mm, • CFA-C11 90 per formati da 400x400mm fino a 900x1.000mm. L’avanzamento e posizionamento del materiale avviene mediante dei nastrini di trasporto laterali. I movimenti della spatola sono controllati tramite inverter. Possibilità di regolare separata-

mente la velocità di posa colori e la velocità di stampa. Il cambio di formato, la velocità di decorazione, la velocità e il posizionamento piastrelle, sono programmabili da tastiera. Caratterizzata dalla funzione di serigrafia variabile, in continuo o ad intermittenza, per prodotti stonalizzati (tutte le combinazioni possibili fino ad un massimo di 9 pezzi decorati e 9 non decorati). E’ possibile impostare uno o più cicli di decorazione su ogni piastrella per effetti di colore a rilievo. Predisposizione per collegamento al compensatore e alla pompa d’alimentazione smalto serigrafico. Possibilità di utilizzare motori brushless per cinghioli (di serie sul modello C11 90).

ADVERTISING


traditional glazing & decoration ASSOPRINT Assoprint has extended its range of laser engraving machines with the introduction of Thunderbolt Multipower, a machine for engraving latest-generation silicone and rubber printing rollers. The machine is able to engrave all types of roller on the market and can be configured with various laser sources according to production requirements. Its high engraving precision ensures a sharp reduction in engraving times. The main characteristics of Thunderbolt Multipower are the following: • CO2 laser with variable powers (150W-200W-250W-300W600W) • 600W power with single laser • 600W power with two 300W lasers in parallel • Modulator with resolution up to 1270 dpi • Motorised laser carriage • Floating head • Sealed optical path • High alignment precision • Laser management and control software • Engraving of all kinds of rollers • Roller lifting device • Motorised door To ensure maximum engraving precision on large-format rollers (Rollmaster TR5 H18) even at high rotation speeds, the mechanical section of Thunderbolt Multipower has a rugged structure made of high stability normalised electrowelded steel. The lens carriage is mounted on special linear guides with a recirculating ball bearing carriage equipped with ground screws to give the system rigidity and precision. This reduces alignment errors and increases tolerance to vibrations. The focusing unit (position controlled by software) features mobile lens auto-focusing driven by a stepper micromotor of aeronautical origin. Roller rotation and laser carriage shift are executed by brushless motors. The acousto-optic modulator controls the power of the laser

11 0

with high precision, guaranteeing a high degree of engraving definition and stability, a resolution of up to 1270 dpi, and up to 50% reduction in engraving times (optional). The machine’s equipment includes a lifting device for the rollers designed to aid the operator in the insertion operation. The diameter varies from a minimum of 220 mm to a maximum of 760 mm (vertical silicone small). The maximum engraving length is 1700 mm and the maximum roller length 1800 mm (maximum weight 150 kg). The mobile head group structure moves as a single unit during engraving. This means that the laser beam does not undergo dimensional deformations and guarantees high engraving precision over the entire surface of the roller. The floating head allows engraving to be performed with high speed and resolution without deforming the silicone surface. The distance of the focal lens from the surface of the roller is maintained by means of a stylus with air cushion (a wide range of styluses optimised for different kinds of roller are available). The autofocus is precise and reactive as its operation is based on the mobile lens principle. The optical path is sealed to ensure continued lens cleanliness over time. The Thunderbolt Multipower management software is capable of reading uncompressed TIFF

Cera mic W orl d Review n. 99/ 2012

La gamma degli incisori laser di Assoprint si arricchisce con Thunderbolt Multipower, la macchina laser per incisione di cilindri da stampa in silicone e gomma di ultima generazione. Il sistema è in grado di processare tutte le tipologie di cilindro presenti sul mercato e può essere configurata con diverse sorgenti laser in funzione delle esigenze di produzione. La sua alta precisione d’incisione garantisce la drastica riduzione dei tempi di incisione. Le caratteristiche principali di Thunderbolt Multipower sono le seguenti: • Laser CO2 con potenza variabile 150W-200W-250W300W-600W • Potenza 600W con laser singolo • Potenza 600W con 2 laser 300W in parallelo • Modulatore con risoluzione fino a 1270 DPI • Carro porta laser motorizzato • Testa flottante • Percorso ottico sigillato • Alta precisione d’allineamento • Software di gestione e controllo laser • Processa tutti i tipi di cilindro • Dispositivo di sollevamento dei cilindri • Portello di chiusura motorizzato. Per garantire la massima precisione d’incisione su cilindri di grande formato (Rollmaster TR5 H18) anche ad alte velocità di rotazione, la parte meccanica di Thunderbolt Multipower ha un’importante struttura in acciaio elettrosaldato normalizzato

ad alta stabilità. Il carro porta ottiche è montato su particolari guide lineari con carrello a riciclo di sfere avente viti rettificate per conferire al sistema rigidità e precisione. Questo limita gli errori di allineamento e aumenta la tolleranza a eventuali vibrazioni. La movimentazione del gruppo di messa a fuoco (posizionamento gestito tramite software) avviene tramite autofocus a lente mobile azionata da un micromotore passo-passo di derivazione aeronautica. La rotazione del cilindro e la traslazione del carro porta laser avviene tramite motori Brushless. Il modulatore acustoottico è in grado di gestire la potenza del laser con una elevata precisione, garantendo definizione e stabilità delle incisioni, risoluzione fino a 1270 dpi, riduzione dei tempi di incisione fino al 50% (opzionale). Nell’equipaggiamento della macchina vi è un dispositivo di sollevamento per i cilindri, strumento che assiste e agevola l’operatore nelle operazioni d’inserimento. Il diametro varia da un minimo di 220 mm a un massimo di 760 mm (vertical silicon small), la lunghezza massima d’incisione è pari a 1700 mm, quella del cilindro (peso massimo 150 kg) è invece di 1800 mm. La struttura che costituisce il gruppo della testa mobile si sposta in tutto il suo insieme durante l’incisione; questo permette al fascio di luce, che costituisce il raggio laser, di non subire deformazioni dimensionali e garantire così un’elevata precisione d’incisione su tutta la superficie del cilindro. La testa flottante permette incisioni a elevata risoluzione e velocità senza deformare la superficie del silicone. A questo livello del sistema, viene mantenuta la distanza della lente focale dalla superficie del cilindro attraverso un tastatore con cuscino d’aria (disponibile una vasta gamma di tastatori ottimizzati per i vari tipi di cilindro). Il sistema di autofocalizzazione è preciso e reattivo in quanto si basa sul principio della lente mobile. Il percorso ottico è sigillato e in grado di mantenere la lente


files. A PC compatible system with Linux operating system is used. The user interface is simple and easy to use and can call up saved files from menus or via network data transfer. The system includes integrated numerical control for laser movement and positioning with repeatability and precision of ± 5 micron. The software also features: • possibility of engraving in continuous or step-by-step mode • seamless engraving in a circumferential direction • multiple engravings with software management • module repetition in an axial direction • spot size adjustment (minimum 40 micron) • possibility of laser curve compensation up to 255 levels • recording and archiving of engravings

• maintenance management with alarm diagrams • possibility of remote control and online support • all commands can be conveniently given from the console via a touch screen. The machine can be equipped with various kinds of laser with powers ranging from 100W up to 600W and with intermediate powers of 150W, 200W, 250W and 300W; 600W power single semisealed laser or two 300W lasers in parallel; CO2 sealed or semi-sealed type laser; pulse repetition at 100 kHz with direct modulation or up to 1 MHz with modulator. Possible power configurations: • 1 x 150 Watt source • 1 x 200 Watt source • 1 x 250 Watt source • 1 x 300 Watt source • 2 x 300 Watt sources • 1 x 600 Watt source

pulita nel tempo. Per quanto riguarda il software di gestione di Thunderbolt Multipower, esso é in grado di interpretare un file TIFF non compresso. È utilizzato un sistema PC compatibile con sistema operativo Linux. L’interfaccia utente, semplice e di facile utilizzo, permette di richiamare file archiviati da menu o da trasferimento dati via rete. Il sistema comprende il controllo numerico integrato per movimentazione e posizionamento laser con ripetibilità e precisione +/-5 micron. Il software prevede inoltre: • possibilità di incisione in modalità continua o passo passo • incisione senza giunta in senso circonferenziale • incisioni multiple con gestione software • ripetizione modulo in senso assiale • regolazione dimensione spot (minimo 40 micron) • possibilità di curve di compen-

sazione laser fino a 255 livelli • registro e archivio incisioni • gestione manutenzione con diagrammi allarmi • possibilità di controllo remoto e assistenza online • tutti i comandi sono comodamente attivabili da console tramite touch screen. La macchina può essere equipaggiata con diversi tipi di laser con potenza variabile da 100W fino a 600W, con potenze intermedie 150W, 200W, 250W, 300W; potenza 600W laser singolo semisigillato o due laser 300W in parallelo; tipo laser CO2 sigillato o semisigillato; ripetizione impulso 100 Khz in modulazione diretta o fino ad un Megahertz con modulatore. Possibili configurazioni di potenza: • n°1 sorgente da 150 Watt • n°1 sorgente da 200 Watt • n°1 sorgente da 250 Watt • n°1 sorgente da 300 Watt • n°2 sorgente da 300 Watt • n°1 sorgente da 600 Watt ADVERTISING

&

The original

&

The official


Inclusion Stains Glaze Stains Body Stains On-Glaze Color Glass Color

a world of colour

color your world

ITALY: COLORITALIA S.R.L. TEL: +39 0536 845220 FAX: +39 0536 845412 info@coloritalia.it www.coloritalia.it ITALY: WANXING ITALIA S.R.L. TEL: +39 0536 921841 FAX: +39 0536 921839 wanxingitalia@wanxinggroup.com TURKEY: COLORITALIA KIMYA LTD TEL: +90 216 3881732 FAX: +90 216 3889185 info@coloritalia.eu www.coloritalia.eu

SPAIN: WANXING EURO S.L. TEL: +34 964 776448 FAX : +34 964 604795 wanxingeuro@wanxinggroup.com

TURKEY: WANXING DIS TICARET A.S. TEL: +90 216 3882747 FAX: +90 216 3883410 wanxingturkey@wanxinggroup.com

VIETNAM: WANXING VIETNAM CO., LTD TEL: +84 650 3737859 FAX: +84 650 3737860 wanxingvietnam@wanxinggroup.com

CHINA: GUANGDONG WANXING INORGANIC DYESTUFF CO., LTD TEL: +86 757 85667195 FAX: +86 757 85626216 wanxing@wanxinggroup.com www.wanxinggroup.com TAIWAN: EVER GOOD INDUSTRIAL CO., LTD TEL: +886 2 29749010 FAX: +886 2 29741250 wanxing@wanxinggroup.com

INDONESIA: PT.WANXING INDONESIA TEL: +62 21 89841157 FAX: +62 21 89841156 wanxingind@wanxinggroup.com

MEXICO: WANXING MEXICO S.A. DE C.V. TEL: +52 81 15201151-2 FAX: +52 81 15201153 wanxingmexico@wanxinggroup.com


CONSORZIO CREATIVO LIBRARY

A wide range of solutions, suitable for different technical requirements as well as for any budget of sanitaryware producer.

GA2000, the

widely successful self-learinig robot.

GA-OL (Off-Line),

the new Gaiotto robot designed for off-line programming.

GA/F-OL (Off-Line),

the result of a close technical collaboration between Gaiotto and Fanuc.

In glazing, the best results are achieved, not by hand, but through hi-tech control. SACMI: it’s time for a H.E.R.O. High Efficiency Resource Optimizer When ceramic pieces are glazed manually, materials are dispersed into the environment and surface flaws creep in due to physical tiredness caused by repetitive movements. Now that SACMI has automated the glazing process, usage of materials can be optimised, with precision and outstanding, standardised quality in every piece, from the first to the last piece in every shift.

Project H.E.R.O. Because energy won’t last forever. www.sacmi.com


Ceramic World Review 99/2012  

Ceramic World Review is the magazine most widely read by ceramic producers worldwide. More than 7,000 copies of each issue are read by manu...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you