Page 1

dicembre 2019 N.15 anno III

JOHN FOSS The Christ Child

Little Black Dress Cosa indossare a Natale e a capodanno?

Eclettismo fiabesco a Roma


cocoandthecity_n5

PI N K MAGA ZI N E ITA LI A W W W. P I N K M AG I TA L I A .C OM


La collana Little Black Dress nasce da una collaborazione tra Pink Magazine Italia e PubMe; pubblica romance, chick lit, thriller, noir, saggi e romanzi che hanno come tema centrale il mondo della moda e dello star system! Non esitate a contattarci, inviate subito i vostri manoscritti per essere selezionati e far parte della collana LBD e della grande famiglia Pink! Per accedere alle sezioni, si prega di inviare i file dei vostri manoscritti (.doc o .odt) corredati di sinossi e vostra bio all’email: littleblackdresspink@gmail.com


Direttore Editoriale: Cinzia Giorgio Vice Direttore: Luigi L. Avallone Redattori: Alessandra Penna, Gordon Fanucci, Arthur Lombardozzi, Felicia Kingsley, Angela Arcuri, DIRETTORE EDITORIALE Daniela Perelli, Marilena Cracolici, Cinzia Giorgio @CinziaGiorgio Fran Giorgio, Ida Basile, Eleonora Della Gatta;

CAPO REDATTORE

Luigi L. Avallone Ufficio Stampa: Diletta Adalgisa Parisella,

PINK MAGAZINE ITALIA DICEMBRE 2019 IN QUESTO NUMERO

6

Meris Caterino

JOH N F O S S

AlessandraSara Penna @AlessandraPen Collaboratori: Ricciotti, Federica C., Gordon Fanucci @GordonFanucci Manola Mendolicchio, Arianna Venturino, IsabellaCaiati, D’Amore @Wislavisa Daniela Arsenio Siani, Diletta Adalgisa Parisella Marco Paracchini, Simona Colaiuda, LombardozziCristina @W_Baskerville SaraArthur Foti Sciavaliere, Vannuzzi Landini, Sara Piccinini, Silvia Casini, DA PARIGI Gioia Cativa, Letizia Asciano, Fexia, Margot Valois @MorganaLefay_1 Giulia Montevecchi

The Christ Child

REDATTORI

COLLABORATORI Dalla Francia: Margot Valois, Romina Angelici Céline Marceau, Lili Déchinitsa, LindaMarion Bertasi Mestre; @LindaBertasi

Rosa Caruso @LaFeniceBook Roberta Coralluzzo @Alke_Studio Dall’Inghilterra: Angela Molinaro Pier Luigi Curcio Eleonora DellaTravel Gatta and @byaristogatta Responsabile Business: Selenia Erye @selsiai Corinne Savarese Eliana Guagliano Angelica Elisa Moranellie@TheQueenPuppet Social strategies marketing: Elisabetta Motta @MottaeliMotta Riccardo Iannaccone; Sara Piccinini Alessandra Rinaldi Assistente alla@alex_rinaldi_86 direzione: Edy Tassi Mirtilla Amelia Malcontenta

DI REDAZIONE FotografieSEGRETERIA e shooting: Giuliano Froio, Velut Luna Press Fabrizio Cracolici,@VelutLunaPress Rocco Allegretti

30 E C L E TTI S MO F I A BE S C O A ROMA —

34 C O SA I N DO S SA RE A NATALE ? —

36 C O SA I N DO S SA RE A C A P ODANNO? —

39 C ’ E RA U NA VOLTA C E N E RE N TOLO —

41 C O SA RE STE RÀ DI QU E ST I

RESPONSABILE UFFICIOFactory STAMPA Eventi: The Pink

MIEI ANNI ’80

Agente letterario: Clizia Machiavelli

Rita Bellina Promoter pinkbooks: Corinne Savarese

43

Isabella D’Amore @wislavisa

EVENTI E PROMOZIONE

GRAFICO Segreteria di PROGETTO redazione: Amelia Settele Segno. Creative Studio Lab

Progetto Grafico: Segno. Creative Studio Lab

I M IG L IORI A N N I di Cinzia Giorgio —

COPYRIGHT 2019 PINK. Tutti i diritti riservati. Testi e foto contenuti in questo numero possono essere riprodotti solo con l’autorizzazione dell’Editore e/o

dell’Autore. YRIGHT 2017 PINK. Tutti i diritti riservati. Testi e foto contenuti in questo numero ossono essere riprodotti solo con l’autorizzazione dell’Editore e/o dell’Autore.

C O N TA C T A N D I N F O www.pinkmagitalia.com

C: facebook.com/pinkmagazineitalia L: @PinkMagItalia V: h ttps://www.youtube.com/channel/ UCqbxWhvq_GgsPBInUlLh_ww instagram: pinkmagazineitalia

45 BRE V E STORI A DE L RE G NO DI NA P OLI di Domenico Notari


E d i to r i a l E

9

febbraio 2017

WELCOME —

The Pink Side of... Christmas! Buone feste dallo staff Pink! Buona lettura.

CIN ZIA G IORG IO

Chief Editor - info@pinkmagitalia.com


- FOCUS ON -

Interview Excerpts

THE

CHRIST CHILD di Cinzia Giorgio

A

lthough the nativity story is familiar and has been characterized in many different ways, it is important to remember that Mary and Joseph were real people with a divine calling to bring the Savior into this world. The shepherds and the wise men too were real people who came to worship at the feet of the Savior after His mortal birth, explained John Foss of Kaleidoscope Pictures, who wrote and directed the film. “We try to present these people as real people, in extraordinary circumstances… We tried to strip away a lot of the pageantry. … We wanted to access the story from a really human point of view.” “Most people know the story of the Savior’s birth. Most of us tell it every Christmas… Whenever I have a chance to produce something about the life of Jesus, it’s not difficult for me to consider. I’m eager to tell that story… But it was important to me that nothing we did would get in the way of people feeling PIN K M AGAZINE I T A L I A

the true spirit of Christmas. Sometimes filmmaking overdramatizes to evoke a certain emotion, so I tried to play things subtly in ways that felt real.”

“We stripped away a lot of the pageantry and simply focused on the characters. We wanted to present them as real people in extraordinary circumstances. In the first scene, Mary looks at Joseph. There’s no dialogue, but we can understand what’s happening through their looks to each other. Most people know this story well enough that they don’t need dialogue. What little dialogue there is, it is in Aramaic, which adds authenticity.”

-

John Foss said the main thing he looked for while casting was subtlety. He wanted actors who could approach the material in a way that they could communicate emotion without speaking. He found such an actor in the man who portrays Joseph.

7

-

DI C EMBRE 2019


The actor, who comes from his own Jewish faith tradition, fasted to prepare for the role. Of course the role of Mary required inspired casting, too. John already had someone in mind for the role. “But we decided as a team that we should keep looking,” he said. “So, we cast the net out one more time. I’m so glad we did because that’s when we found our Mary.”

The team’s casting choice led to an unexpected and special moment in the film when Mary sings a lullaby to the Baby Jesus. This hadn’t been planned, but biblical scholar, Dr. Matthew Gray from BYU who consulted with the filmmakers, mentioned how Mary was learned in the scriptures and sang praises to the Lord (see Luke 1:46, footnote a). A linguistics expert also pointed out that, for a lullaby, she probably would have sung a psalm. We selected Psalm 27:1: ‘The Lord is my light and my salvation; whom shall I fear? the Lord is the strength of my life; of whom shall I be afraid?’ We thought that having Mary hold the Messiah, born to save us all, and singing that He is her light and salvation would be so appropriate. The actor who played Mary is a professional singer, and she improvised the melody.” The special focus on the characters guided many of the shots in the film. “I wanted to make sure we were immediately connected with Mary and Joseph,” John Foss said. “When you first see Mary, it appears she’s looking at you, but she’s really looking at Joseph. You just happen to be in between them. It happens again when the wise men see Jesus for the first time. You are right with the characters throughout the film. The close-ups with the actors are what sets this film apart. This level of intimacy connects us with the story from the beginning.” The care and attention that went into making this film are also evident in the film’s look and feel. For example, in the scene where the shepherds come to worship the Christ child, some shepherds are standing, others are kneeling, reminiscent of classic paintings of the Nativity.

PIN K M AGAZINE I T A L I A

-

8

-

DI C EMBRE 2019


“We were inspired by painters like Lerolle, Caravaggio, and Rembrandt,” John said. “They were able to capture beautiful moments in the Nativity by embracing both light and darkness.” The work of these painters not only served as inspiration for the look and feel of the film, but it also inspired the film’s message.

PIN K M AGAZIN E I T AL I A

“We thought more about how important light should be in a film about the birth of Jesus Christ,” Klane Harding, one of the producers, said. “Several times in the film, the characters come out of the darkness into the light. There’s light when the Savior is born. The next morning, light shines on the manger. When the

-

10

-

DI C EMBRE 2019


wise men come to see Jesus, He stands in the together and we see the night sky,” John said. light from a window. He’s the brightest in the “Then the new star appears. This was a simroom.” ple and powerful way to symbolize that Jesus Christ has just been born to bring light to a world in darkness. That’s what we talk about In the pivotal scene of the Savior’s birth, Mary at this time of the year: light coming into the is shown in labor. “We leave the moment al- world.”

PIN K M AGAZINE I T AL I A

-

11

-

DI C EMBRE 2019


PIN K MAGAZIN E I T A L I A

-

12

-

DI C EMBRE 2019


PIN K MAGAZIN E I T A L I A

-

13

-

DI C EMBRE 2019


PIN K M AGAZINE I T A L I A

-

14

-

DI C EMBRE 2019


PIN K MAGAZINE I T AL I A

-

15

-

DI C EMBRE 2019


PIN K M AGAZIN E I T A L I A

-

16

-

DI C EMBRE 2019


PIN K M AGAZINE I T AL I A

-

17

-

DI C EMBRE 2019


PIN K MAGAZIN E I T AL I A

-

18

-

DI C EMBRE 2019


PIN K M AGAZIN E I T A L I A

-

19

-

DI C EMBRE 2019


PIN K M AGAZIN E I T AL I A

-

20

-

DI C EMBRE 2019


PIN K MAGAZIN E I T A L I A

-

21

-

DI C EMBRE 2019


PIN K M AGAZIN E I T AL I A

-

22

-

DI C EMBRE 2019


PIN K M AGAZIN E I T AL I A

-

23

-

DI C EMBRE 2019


PIN K M AGAZIN E I T AL I A

-

24

-

DI C EMBRE 2019


PIN K M AGAZIN E I T AL I A

-

25

-

DI C EMBRE 2019


PIN K M AGAZIN E I T AL I A

-

26

-

DI C EMBRE 2019


PIN K M AGAZIN E I T A L I A

-

27

-

DI C EMBRE 2019


PIN K MAGAZIN E I T AL I A

-

28

-

DI C EMBRE 2019


PIN K M AGAZIN E I T AL I A

-

29

-

DI C EMBRE 2019


- COCO AND THE CITY -

Eclettismo fiabesco a Roma Ogni angolo della Città Eterna può stupire, ma allontanandosi dal centro battuto dalla maggior parte dei visitatori, la meraviglia nello scoprire l’inaspettato tra le costruzioni dei rioni moderni è sicuramente maggiore. È la sensazione che si prova quando attraversando la zona Nomentana, tra piazza Buenos Aires e via Tagliamento, e ci si imbatte nel quartiere Coppedè. di Sara Foti Sciavaliere

I

n verità non è un quartiere in senso stretto, ma più un agglomerato di architetture insolite, eccentriche e sorprendenti, progettate, tra il 1915 e il 1927, dal fiorentino “architetto decoratore” Gino Coppedè (da cui l’area ha preso il nome), e ben lontane dallo stile razionalista dell’epoca. Si entra nel “quartiere” da via Dora, passando sotto un grande arco monumentale che congiunge due palazzi detti “degli ambasciatori” ed è impossibile non osservarsi intorno, con il naso all’insù, per cogliere i particolari di quegli edifici che – loggiati, decorazioni, archi e torrette – sono eco del Liberty, ma anche del Barocco e del Medioevo. Sotto l’arco, al centro, si può ammirare un grande lampadario in ferro battuto incastonato nel soffitto decorato.

tuire l’inizio di un viaggio iniziatico: di fatto, i massoni sono detti anche “figli della luce” intesa come “luce della conoscenza”, chiave per accedere alle verità nascoste, forse tracciate nelle simbologie disseminate dall’arco d’ingresso a ogni singolo edificio del quartiere.

Un silenzio quasi surreale accoglie chi si addentra nel “quartiere” verso il suo epicentro che è Piazza Mincio con la Fontana delle Rane, costruita nel 1924. Si dice che Gino Coppedè si ispirò alla Fontana delle Tartarughe del Bernini, presente nel ghetto romano. Inoltre questa fontana è anche famosa per il bagno che i Beatles vi fecero vestiti dopo un loro concerto tenuto nella vicina e celebre discoteca Piper. A destra della fontana delle rane c’è il Palazzo del A onor del vero, molti degli elementi decorativi Ragno, eretto del 1920, che deve il nome alla delle creazioni di Coppedè potrebbero avere an- decorazione sul portone d’ingresso, un grosche una lettura esoterica, visto che l’architetto so ragno appunto a simboleggiare l’operosità; è stato ritenuto un massone. Lo stesso lampa- al terzo livello dell’edificio si legge anche una dario, per esempio, oltre a essere un ornamento grande scritta in latino LABOR. può, con buona ragione, in quest’ottica, costiPIN K M AGAZIN E I T AL I A

-

30

-

DI C EMBRE 2019


Sicuramente però la costruzione che, fra tutte quelle del “quartiere”, cattura l’attenzione è il Villino delle Fate, composto da tre villini che hanno muri in comune, e tre ingressi su altrettante vie. Questi tre edifici – decorati in terracotta, travertino, marmo, ferro battuto e legno – con le loro pregevoli decorazioni, torrette e piccole logge omaggiano Firenze, Roma e Venezia attraverso simboli e personaggi che ricordano le tre città. Sull’edificio che affaccia su via Brenta il riferimento a Venezia è espresso dal leone di San Marco che affronta un veliero e il disegno di una meridiana su una facciata laterale. Il fronte del villino che rende omaggio alla città di Roma sono raffigurati la lupa con Romolo e Remo sopra il parapetto di un balconcino e ancora il lato con ingresso su via Aterno, quello ispirato a Firenze, mostra a incorniciare la quadrifora le figure di Dante e Petrarca, la cupola della Chiesa di Santa Maria del Fiore e il Palazzo della Signoria, con sotto la scritta “Fiorenza bella”.

Torlonia, la cui fama era dovuta al fatto che essa fu la residenza privata romana di Benito Mussolini. Oggi è sede museale, oltre un rilassante luogo in mezzo alla natura nel caos cittadino, ma ai margini del parco, nascosta da una collinetta artificiale, si scorge la Casina delle Civette, dimora del principe Giovanni Torlonia jr fino al 1938, anno della sua morte. Il villino dalle architetture molto singolari, è il risultato di una serie di trasformazioni apportate alla ottocentesca Capanna Svizzera che costituiva in origine un luogo di evasione rispetto all’ufficialità della residenza principale.

Ideata nel 1840 da Giuseppe Jappelli su commissione del principe Alessandro Torlonia, si presentava come romantico e rustico rifugio di sapore alpestre. Poi, dal 1908, i progressivi interventi voluti dal nipote Giovanni Torlonia jr, assumendo l’aspetto e la denominazione di “Villaggio Medioevale”. I lavori diretti dall’architetto Enrico Gennari fecero del villino una raffinata Basta spostarci di una decina di minuti e su via residenza con grandi finestre, loggette, porticati, Nomentana vediamo affacciare il parco di Villa torrette, con decorazioni a maioliche e vetrate

PIN K MAGAZIN E I T A L I A

-

31

-

DI C EMBRE 2019


PIN K M AGAZIN E I T AL I A

-

32

-

DI C EMBRE 2019


colorate. Sarà a partire dal 1916 che prenderà il nome di “Villino delle Civette” per la presenza della vetrata con due civette stilizzate tra tralci d’edera, eseguita da Duilio Cambellotti e per il ricorrere quasi ossessivo del tema della civetta nelle decorazioni e nel mobilio, voluto dal principe Giovanni, uomo scontroso e amante dei simboli esoterici.

PIN K M AGAZIN E I T AL I A

Anche fuori dai consueti circuiti turistici, Roma non smette di sorprendere. E quest’itinerario tra le architetture eclettiche, dall’atmosfera surreale, meritano una passeggiata alla loro scoperta.

-

33

-

DI C EMBRE 2019


PIN K M AGAZIN E I T AL I A

-

34

-

DI C EMBRE 2019


- COCO AND THE CITY -

COSA INDOSSARE A NATALE? La domanda delle domande: che cosa mi metto? Quando poi arrivano le feste e apriamo l’armadio, ci assale lo sconforto. Non perdiamoci d’animo, basta applicare due o forse tre regole e il gioco è fatto. di Cinzia Giorgio

A

Natale ci si veste ancora di rosso? Dipende. Il rosso, di cui abbiamo già abbondantemente parlato in precedenza e di cui ancora parleremo, è un colore che si porta tutto l’anno, dal momento che è disponibile in diverse nuance adattabili a tutte le stagioni. A Natale, tra l’altro, vanno anche bene il bianco e il nero, il verde carico, il blu, l’argento e soprattutto l’oro. L’importante è non esagerare con gli accessori e con i lustrini, per non rischiare di confonderci con l’albero decorato e luminescente del salotto.

in belle calze. Più è semplice l’abito, più possiamo osare con le calze: di pizzo, con sfumature dorate (senza esagerare) o con disegni geometrici. Non va bene per la cena della vigilia il tessuto scozzese che invece potrete utilizzare il giorno del pranzo di Natale in famiglia. Il trucco leggero, le mani curate e le unghie rosse possono bastare a completare il look.

Per gli accessori vale la regola delle calze: più sono sobri gli abiti più possiamo osare con gli intramontabili fili di perle o bracciali importanti. Meno in vista mani e orecchie, sempre per Che cosa indossare, dunque? Partiamo dalla evitare l’effetto albero. Mi raccomando: se aveserata della Vigilia. Se siamo invitate a casa di te optato per un tubino nero, arricchendolo con amici o parenti, un bell’abito corto rosso o nero più fili di perle, indossate calze nere e scarpe e dalle linee semplici potrebbe fare al caso no- con tacco alto, possibilmente a spillo. stro. Un tubino per la più sofisticate, un abito svasato per le più giovani. Almeno per una sera, Le scarpe meritano un discorso a parte: il modirei, al bando i pantaloni che saranno pure co- dello che sceglierei per gusto personale è il Pimodi ma vanno indossati solo se siamo noi le galle Follies 120 mm. black and red di Christian padrone di casa; se siamo ospiti concediamoci Louboutin. Un vero capolavoro! di scoprire le gambe, o per lo meno di fasciarle PIN K M AGAZIN E I T AL I A

-

35

-

DI C EMBRE 2019


PIN K M AGAZIN E I T AL I A

-

36

-

DI C EMBRE 2019


- COCO AND THE CITY -

COSA INDOSSARE A CAPODANNO? Ecco i consigli in base al tuo fisico La serata di Capodanno è il momento più adatto per sfoggiare mise stravaganti e piene di lustrini. Osare è d’obbligo, ma senza esagerare. Come vestirsi per dare il benvenuto all’anno nuovo? di Cinzia Giorgio

C

ominciamo dalle basi.

Mentre le donne Mela e Pera possono osare con gli abiti lunghi, ma rigorosamente dritti, con spacco e tacchi alti.

A Capodanno bisogna divertirsi, stare comode ma soprattutto bisogna essere al top. Il primo passo da fare è individuare il nostro tipo Veniamo ora ai colori: a Capodanno potete indi corpo: siamo donne clessidra, rettangolo, dossare i glitter e le tonalità più cariche: argenmela o pera? to, oro e bronzo in primis ma anche blu navy, nero, rosso carico e bianco. Bellissimi gli abiti Nelle donne Clessidra le spalle e i fianchi hanno vintage stile anni Sessanta, con forme a trapepiù o meno le stesse dimensioni e la vita è sot- zio che arrivano fino alle ginocchia e che vantile con le forme classiche delle pin-up: 90-60- no bene per tutte le corporature soprattutto se 90. Nelle donne Rettangolo la figura ha poche corredati con tacchi alti (meglio se a spillo) e curve. In genere sono snelle e longilinee come una pochette: molto belle le proposte di Liu-Jo, le modelle. Le donne Mela, invece, hanno poco Nina Ricci e Rochas; o una clutch, come quelle punto vita e spesso gambe magre. Mentre le di Miu Miu e George J. Love, per dare un tocco donne Pera (o Triangolo) sono di due tipi: con chic al nostro outfit. I pantaloni, neri e di tessufianchi larghi o, al contrario, con spalle larghe e ti leggeri come la seta, vanno bene alle donne fianchi stretti, come le nuotatrici. Triangolo, o se siete alte con un corpo snello; mentre gli abiti corti monospallavanno benissiUna volta individuato il nostro tipo, è bene tene- mo per le donne Mela. re a mente che le donne clessidra non dovrebbe- A Capodanno è meglio optare per la tinta unita: ro indossare abiti troppo corti o troppo scollati, al bando dunque le stampe floreali e geometrisoprattutto se hanno forme procaci: se optate che. Le perle sono un must così come i cristalli per un abito corto, niente scollatura e viceversa. di Swarovski, in tutte le loro varianti: bracciali, Le donne rettangolo stanno bene con gli abiti collane, orecchini e anelli. Attenzione a non insvasati che donino loro un tocco di femminilità. dossare troppi gioielli, l’effetto albero di Natale PIN K M AGAZIN E I T A L I A

-

37

-

DI C EMBRE 2019


è da evitare come la peste. Così se si indossano abiti lucidi è bene puntare sugli orecchini o su un bracciale importante ma niente collana, se non un delicato punto luce.

importanti per una serata altrettanto importante. I capelli, se lunghi, meglio alti o sciolti in vaporose onde che incorniciano il viso. Se si ha voglia di tagliarli, va molto di moda il bob o carré stile Valentina per essere sempre perfetta e sbarazzine in ogni occasione.

Di grande tendenza quest’anno gli abiti o le gonne in seta lucida o in voile con effetto plissé, stile Marilyn, e gli abiti di pizzo corti e lunghi. Tessuti Divertitevi e siate splendide. Auguri!

PIN K MAGAZIN E I T AL I A

-

38

-

DI C EMBRE 2019


- COCO AND THE CITY -

C’era una volta Cenerentolo di Mirtilla Amelia Malcontenta

M

ia nipote Eugenia si siede accanto a me, mi fissa ed esclama: “Ancora Zia Mirtilla, leggi ancora?”; le sorrido, ma già so che i libri delle fiabe sono finiti -è una divoratrice seriale peggio della sua fata madrina, che sarei io!- e ricominciare proprio non mi va, ma ciò che più m’attira in questo momento è la consapevolezza nel leggere i titoli:

salviamo un Principe?” Lei non mi risponde, mi porge solo l’ennesimo volume, io contraccambio lo sguardo, le faccio un sorriso e poi, non ce la faccio e la sommergo di riflessioni: “Ma insomma Eugy, ti pare normale? Tutte queste Principesse che hanno bisogno del Principe per risollevarsi nella propria vita e per trovare uno scopo! Noi donne -principesse, guerriere e streghe al tempo stesso- non abbiamo bisogno di nessun principe col testosterone elevato. Non abbiamo bisogno di essere salvate, noi ci salviamo da sole. Non temiamo la solitudine, né i finti matrimoni. Noi viviamo delle nostre passioni, della nostra intelligenza. BASTA con queste storie, con questi clichè…Siamo noi che salviamo questi pseudo principi da se stessi: onnipresenti sulla scena solo nel momento di dichiarare con un bacio il proprio amore eterno, e poi quando c’è da rincorrerti, mandano il loro vassallo perché non ce la fanno a girare tutto il regno. Non è sufficiente essere bellocci, con una quota elevata di indubbio fascino e caparbietà, ma veniamo al sodo: bisogna saper cucinare e riporre i piatti nella lavastoviglie, spolverare e differenziare la carta dalla plastica! Tante principesse hanno anche scoperto che in realtà i cavalli bianchi altri non erano che ronzini, col make up di Halloween.”

– Biancaneve (sociopatica che scappa in un bosco e va a vivere in subaffitto in una comunità di nanetti) – Cenerentola (dissociata che invece di farsi mettere in regola col contratto da “assistente domiciliare” preferisce andare a ballare per trovare svago e spensieratezza) – La bella addormentata (narcolettica che finge di pungersi un dito, pur di non affrontare le pulizie di Pasqua) – La principessa sul pisello (…mi avvalgo della facoltà di non scrivere!) Rimango senza parole, sono sconcertata, perché oltre a tifare da sempre -come avrete già letto su Pink- per le loro malefiche ed affascinanti “matrigne”, trovo indecente che ci siano solo e soltanto principesse da salvare…. E I PRINCIPI? Ehi, non mi fregate: Pollicino non era un principe, ma un ragazzino con un azzeramento della memoria a breve termine talmente tanto galoppante, che per ritrovare la strada di casa sbriciolava pure i sassi!

Queste fiabe, pur romantiche e immortali, mi fanno solo impennare la glicemia nel sangue e non riesco proprio a non confrontarmi con la mia figlioccia. Anche se è piccola, deve sapere che nella vita deve volersi sempre bene prima Ripresami dal “trauma da Principessa”, ho fis- lei, poi viene tutto il resto. Se avessi avuto un’asato Eugenia negli occhi e ho esclamato: “Senti mica come Biancaneve, da tempo immemore le un pò, ma se invece della Principessa stavolta avrei prenotato un biglietto solo andata per Ibi-

PIN K M AGAZIN E I T AL I A

-

39

-

DI C EMBRE 2019


za e tanti cari saluti ai nani, al principe e alla matrigna! Tsè, almeno se finiva comunque a fare la Ed io tronfia e fiera, la guardo e dichiaro: “Certo cameriera sarebbe stato in riva al mare con vista amore mio, perché noi siamo anche Principesse, tramonto tutto l’anno! Guerriere e Streghe fieramente Curvy!” Concordo e apprezzo il romanticismo, ma non Ragazze, vogliamoci bene e se vogliamo un sopporto la netta distinzione nel quale ancora uomo accanto, puntiamo sempre in alto: facciaoggi incappiamo: mo innamorare un re! – se sei dolce e bella sei una principessa debole e un pò rimbambita che va salvata – se sei una matrigna bella decisa e categorica sei una psicolabile dedita allo stalkeraggio della tua figliastra o figlioccia Ma io dico basta a questa tipologia di sintesi. Io voglio leggere di un’eroina, affascinante e intelligente -tipo Fantaghirò, ma non con i capelli alla Nino D’angelo!- che regna su terreni sconfinati e decide cosa è brutto o cosa è bello nel suo reame fatato, senza essere acida o intransigente, bella ma non arcigna, potente ma non indisponente; che governa il popolo e non ha orologi biologici o sociali a cui deve porre rimedio…. e soprattutto, vorrei un principe diseredato che invece di aspettare su una torre incantata, fa il commesso da Zara e non ha i soldi neppure per trovare i topini che gli cuciono l’abito per l’apericena! Riprendo fiato, Eugenia mi continua ad osservare, poi sospira e mi fa: “Zia, pane e cioccolato??” PIN K MAGAZIN E I T AL I A

-

40

-

DI C EMBRE 2019


- FOCUS ON -

Cosa resterà di questi miei anni ’80 Abitavo ancora in un piccolo quartiere di Genova, era come un paese a sé, un piccolo mondo che racchiudeva un asilo, una scuola elementare, i giardinetti pubblici, la chiesa e, passando per una strada secondaria, si arrivava al campetto. C’erano i negozi, tra cui la latteria dove andavo sempre a comprare la merenda da portare ai giardinetti. di Daniela Perelli

R

icordo che, una volta uscita dal portone della palazzina in cui abitavo, correvo giù. C’erano ancora tante scale esterne da fare e, proprio di fronte, dall’altra parte della strada, c’era l’edicola. Aspettavo quel giorno della settimana in particolare, forse era un mercoledì, tiravo fuori le monete dal mio borsellino di Poochie che ovviamente avevo in coordinato all’astuccio, al diario, ai quaderni e alla cartella rigida, compravo il nuovo numero del giornalino di Cristina D’Avena: al suo interno a volte trovavi qualche gadget, delle novità sulle sigle dei cartoni. Era davvero un appuntamento immancabile.

i cartoni animati venivano trasmessi solo in alcuni orari e non duravano molto, a differenza di oggi. Quindi venivano assaporati per davvero e, quando i telefilm o i cartoni non c’erano, era il momento di attaccare le figurine all’album di Kiss Me Licia, o di ritagliare i vestiti alle bamboline di carta mentre per merenda mangiavo il tegolino del Mulino Bianco e bevevo un bicchiere di latte.

Ricordo anche il momento dei compiti, avevamo un unico libro in cui vi erano tutte le materie, il Sussidiario e, se non sbaglio, tre o quattro quaderni. Il mio maestro lo ricordo ancora adesso con tanto affetto: era così sereno e pacato, La sera poi, specialmente nel fine settimana, aveva sempre una parola giusta, anche quando ascoltavo le sigle dei cartoni, conservo anco- non ci si comportava bene sapeva sempre cosa ra adesso i dischi di Fivelandia, nella testa ho fare per riavere la nostra completa attenzione. ancora quei ritornelli che ogni tanto canticchio anche ai miei figli. Durante la ricreazione, quando fuori c’erano belle giornate, ci guardava giocare nel giardino Nelle giornate d’inverno più rigide, perché gli della scuola mentre parlava con gli altri colleinverni in quegli anni erano davvero freddi, ghi, noi correvamo e ci arrampicavamo su quelaccendevo la tv e guardavo i Robinson o Ciao la che chiamavamo “la collina con gli alberi’: Ciao e Bim Bum Bam: era davvero un mo- una parte di giardino in discesa. La parte lateramento speciale di attesa, in quanto i telefilm e le del giardino si affacciava sul ponte Morandi, PIN K M AGAZINE I T A L I A

-

41

-

DI C EMBRE 2019


lo osservavamo sempre incuriositi, era così imponente e noi ne eravamo affascinati.

ero in campagna. Una sera a settimana poi si accendeva la televisione tutti insieme per guardare il Drive In… Quante risate! Ricordo poi che cercavo di guardare di nascosto i Visitors, ma i miei genitori appena se ne accorgevano cambiavano subito canale: sapevano bene che altrimenti la notte non avrei dormito.

I periodi delle feste, poi, erano un’emozione unica: la prima pubblicità che annunciava il Natale arrivava solo dai primi di dicembre, se non ricordo male, ed era quella della Coca Cola in cui tante persone tutte insieme, sedute a formare un grande albero di Natale, cantavano con una candela in mano.

Cosa resterà, quindi, di questi miei anni ’80? SiQuando arrivava l’estate, invece, passavo molto curamente i ricordi unici e irripetibili che però tempo ai giardinetti, pattinavo e giocavo con le mantengo ancora vivi nella mia famiglia. mie amiche, andavo in bicicletta invece quando

PIN K M AGAZIN E I T AL I A

-

42

-

DI C EMBRE 2019


- FOCUS ON -

I migliori anni Un’appassionante saga familiare. In un’epoca di violenza ha inseguito i suoi sogni e lottato per i suoi sentimenti. La storia di una donna forte e del suo coraggio. La storia, indimenticabile, di una famiglia. La Redazione

A

prile 1975. A soli quarantotto anni, Matilde Carbiana sta per diventare nonna. Il nipote ha deciso di nascere proprio il giorno del suo compleanno. Eppure, quello che dovrebbe essere un momento di grande gioia pare turbarla. E il turbamento arriva da lontano… Estate 1943. La cittadina di Venosa è occupata dai nazisti, che terrorizzano gli abitanti. Matilde, giovane e determinata, non ha intenzione di rimanere confinata nella provincia lucana: vuole convincere il padre, viceprefetto della cittadina, a lasciarla andare a Bari per completare gli studi. Fausto Carbiana accetta, ma a patto che la accompagni suo fratello Antonio. A Bari, nella pensione che li ospita, vivono altri studenti, tra cui Gregorio, un giovane medico. L’antipatia iniziale che Matilde nutre per lui si trasforma ben presto in un sentimento profondo. Ma la guerra e gli eventi avversi rischiano di separarli proprio quando hanno capito di non poter più fare a meno l’una dell’altro. Matilde si troverà suo malgrado di fronte a scelte più grandi di lei, che cambieranno per sempre la sua vita. E non soltanto la sua… Le vicende di una famiglia nell’Italia del Novecento L’incredibile storia di una donna che porta con sé il ricordo di un grande amore.

di Cinzia Giorgio ISBN: 9788822736864 Pagine: 320 Newton Compton Cartaceo 9,90 € - eBook 2,99 €

Hanno scritto dei suoi romanzi: «Una scrittura dal fascino antico e dal sapore autentico.» «Amo il suo modo di scrivere, Cinzia Giorgio riesce sempre a farti sentire protagonista della storia.» «Cinque stelle con lode. L’emozione che ho provato era talmente forte da farmi venire le lacrime agli occhi.» «Storia avvincente, linguaggio scorrevole. Ti lascia senza fiato, splendidamente affascinata.»

PIN K M AGAZIN E I T AL I A

-

43

-

DI C EMBRE 2019


- FOCUS ON -

Breve storia del Regno diNapoli Un viaggio per comprendere gli eventi fondamentali della storia partenopea. La Redazione

P

arte integrante del Regno di Sicilia durante l’età normanna e sveva, il Regno di Napoli nasce come entità statale nel 1282, con Carlo d’Angiò, dopo la rivolta dei vespri, che sancisce l’indipendenza dell’isola. Napoli diventa così capitale, incarnando da sola le miserie e gli splendori dell’intero reame: “l’enorme testa che poggia su un fragile corpo”. Fino alla sua caduta per mano di Garibaldi e dell’esercito sabaudo, nel 1861. Questo libro è un viaggio alla scoperta delle sue contraddizioni, che cerca di rispondere a più di un interrogativo. Quando è nata e perché attecchì la camorra? Masaniello uscì di senno o fu avvelenato? La Repubblica partenopea rappresentò davvero la massima espressione civile e liberale di Napoli? Il “Re bomba” fu veramente un pessimo re? E Garibaldi è proprio quell’eroe senza macchia che la storiografia postrisorgimentale dipinge? Più che un saggio storico, una storia ricca di suspense, che si può leggere quasi come un romanzo d’avventura. Le vicende del regno di Napoli e dei suoi protagonisti dal medioevo all’unità d’Italia

di Domenico Notari ISBN: 9788822735980 Pagine: 288 Newton Compton Cartaceo 12,00 € - eBook 5,99 €

Tra i temi trattati nel libro: • Il regno angioino di Napoli • Il regno dei Durazzo-d’Angiò • Il reame aragonese “Utriusque Siciliae” • Da Regno a Viceregno • Il regno autonomo dei Borbone • Il regno francese • La Restaurazione e il Regno borbonico delle Due Sicilie • L’annessione al Regno d’Italia

PIN K MAGAZIN E I T AL I A

-

45

-

DI C EMBRE 2019


LUCIA PERREMUTO CREATIONS PIN K MAGAZIN E I T AL I A

-

46

-

DI C EMBRE 2019


IG: cocoandthecity_n5 PIN K MAGAZIN E I T A L I A

-

47

-

DI C EMBRE 2019


PIN K M AGAZIN E I T A L I A

-

48

-

DI C EMBRE 2019

Profile for Pink Magazine

Pink Magazine Italia - Christmas Issue  

Pink Magazine Italia - Speciale Natale 2019 The Pink Side of Christmas!

Pink Magazine Italia - Christmas Issue  

Pink Magazine Italia - Speciale Natale 2019 The Pink Side of Christmas!

Advertisement