Issuu on Google+

21 marzo - 3 aprile 2013

Anno III numero 6

Quindicinale

Prossima uscita giovedì 4 aprile

Copia gratuita

Ispirato alla serie tv americana "Gossip girl", si diffonde in Internet una vecchia e pericolosa pratica. Primi casi in scuole e paesi. E scattano le denunce

"Spotted", in rete pure le malelingue di Fernando D'Aprile

La Processione dolente con la madre smarrita ed errante andrà per la prima volta nel parco di Angelica, alle porte di Parabita. Quel giardino frutto di operazioni illegali anche così si allontanerà dalla sua origine maligna. Quella bimbetta di appena due anni ritroverà la mamma che si perse trascinandola con sé. Quella madre addolorata incontrerà, insieme ad Angelica, i tanti cristi inchiodati a una sedia, alla paura, a una pena. Se si vuole, è il sacro che s'intreccia col profano, il cielo che tocca la terra, lo spirito che contamina il fango. Il ponte tra le due sponde è il sacrificio (e questo è di sicuro tempo di sacrifici, in tutti i sensi); quel sacrificio che rende possibile passare da un piano all'altro, da uno stato all'altro, da una distanza ad un'altra, giacché la distanza non è assenza di contatti bensì distinzione di ruoli. Qualsiasi passaggio, comunque, qualsiasi riscatto presuppone una rinuncia, un impegno, un gesto in alcuni casi persino estremo, come racconta la Pasqua. E coraggio. Buon passaggio, allora. Senza mai dimenticare gli occhi pieni di meraviglia di Angelica che, dopo tanti anni, ancora ci chiedono perchè.

Lavori in corso su altri tre immobili tolti alla criminalità

a pag. 28

a pag. 21

Lo "Spotted" del "Vanini" di Casarano

Il ponte nel parco di Angelica

A Taurisano, saranno centri di promozione sociale

Piazza Pietralaia

I riti della Settimana santa, concerti e mostre, le caremme: l'offerta attira i turisti e apre la stagione

L'attesa dolente, poi Pasqua "Via crucis" viventi a Matino e Ugento. "Santu Lazzaru" diventa solidale Si rinnovano i riti della Settimana santa e di Pasqua con le nenie notturne de "Lu Lazzarenu" che raccoglie cibo per gli indigenti a Racale, Casarano, Galatone e Melissano; le suggestive liturgie nel cuore storico di Gallipoli; le "Via Crucis" di Parabita, Matino, Ugento. Le gare tra caremme a Tuglie e Sannicola. E l'arrivo dei primi turisti. all'interno

A Gallipoli il "Treno dei Misteri" arriva al porto

I FATTI

Made in Sannicola gli "Oscar tv" in onda su RaiUno a pag. 9

Traballa la Giunta di Tiziano Cataldi Inchieste a Matino a pag. 14

a pag. 2

La processione dei Misteri lungo le mura di Gallipoli (foto di Franco Mantegani)

Verdetto entro il 4 aprile Casarano tra dissesto e rifiuti per strada a pag. 19

Piazze, case popolari, mercati, vie, ex cinema a Tuglie, Alezio, Parabita, Galatone

Pezzi di paese rinati con i fondi regionali

Pro loco e associazioni pronto il programma per il parco di Ugento a pag. 30

Galatone, il cinema all'interno

SIMU SALENTINI - Di Gallipoli e di Taurisano i vincitori di "Ti amo, ditelo in rima" a pag.18

SPORT

Un mare di ciclisti invade il parco a pag. 22

Primo il Volley Taviano under 17

"Più vela per tutti" che regata a pag. 7

Marathon del Salento, bikers a Torre San Giovanni

Claudio Botrugno

a pag. 23

Greco saluta: si allenerà a Roma Daniele Greco

a pag. 11


2

In Evidenza

A Casarano, Racale e Melissano si rivisita la tradizione collegandola alla raccolta di alimenti e denaro

Dalle nenie notturne una mano solidale Musica, tradizione e solidarietà a braccetto per il “Santu Lazzaru” che continua a coinvolgere a Casarano così come a Racale e Melissano. La carovana casaraMelissano nese ha appena tagliato il traguardo delle sedici edizioni proposta dall’associazione “Centro storico” e da “Compagnia musicante” con la parrocchia del Sacro Cuore. L’obiettivo è sempre quello di raccogliere viveri e offerte da destinare ai più bisognosi riportando per i quartieri della città i tradizionali canti pasquali. Quattro le tappe di quest’anno con il coinvolgimento anche del centro anziani, della galleria Ieca e dei tifosi di calcio uniti anche nel ricordo di Emiliano Semola, il percussionista della “Compagnia musicante” venuto a mancare sei anni fa e tra gli artefici del Santu Lazzaru. Uguale lo spirito di solidarietà che ha animato il “Santu Lazzaru” della parrocchia del Cuore Immacolato di Maria. Stessa tradizione anche a Galatone, Racale e a Melissano dove latone l’antichissimo rito del “Canto del Lazzareno” o “Santu Lazzaru” unisce le celebrazioni per la Pasqua con la solidarietà. A Racale l’iniziativa è organizzata dall’associazione “Ape - Gabriele Toma”, fortemente voluta dalla socia Simona Reho che ha coinvolto i piccoli e grandi tamburellisti “formati” dal corso organizzato dallo stesso sodalizio. All’evento partecipano anche le famiglie dei volontari e quanti sono legati ad organizzazioni come Caritas, Protezione civile e il gruppo “Scout Racale 1”. Il fisarmonicista è Mauro De Filippis, degli “Aria Frisca”, che dirige anche il coro dei cantori. A Melissano, invece, il “Lazzareno” s’incastra negli eventi della “Settimana della carità” organizzata dalla Caritas parrocchiale. Il rito - a cura del “Centro turistico giovanile” in collaborazione con le classi III A, B e C della primaria del Comprensivo “Don Quintino Sicuro” - andrà avanti sino al 23, quando, in piazza San Francesco, dalle ore 18.30, si terrà la serata finale in cui si esibiranno anche i piccoli scolaretti. Il corteo, anche qui, si propone di raccogliere beni di prima necessità da destinare alle famiglie bisognose e ad opere di carità. (Hanno collaborato Marco Montagna e Mauro Stefàno)

CASARANO NEL RICODO DI EMILIANO La carovana della solidarietà a Casarano grazie a Centro storico, Compagnia musicante e parrocchia del Sacro Cuore. Insieme a loro anche gli ultras di calcio con la fiaccolata in memoria dell’amico Semola (foto Pejrò) RACALE PICCOLI E GRANDI INSIEME A Racale è l’associazione Ape a coinvolgere nel “Santu Lazzaru” anche i piccoli tamburellisti e numerose associazioni di volontariato

21 marzo - 3 aprile 2013

In attesa

Si rinnovano i riti della Settimana santa con grande intensità, emozione e partecipazione A Gallipoli i momenti clou, forte richiamo per i turisti

L’Addolorata esce la città si ferma Novità: al porto il “Treno dei Misteri” di Cosimo Perrone

Il “Treno dei Misteri” riapre dopo 17 anni la tratta ferroviaria del Gallipoli. Il 29 marzo, l’“Associazione ionico salentina amici porto di Gallipoli ferrovie” propone un viaggio nel tempo, a bordo della vettura storica “Salento express” (foto) con partenza da Lecce (ore 14.40) e fermate a Galatina (15.13), Nardò centrale (15.25) e Gallipoli centrale (15.43) con capolinea a ridosso della città vecchia da dove (alle 18) prenderà il via la processione dei Misteri della Passione di Cristo (chiesa del Ss. Crocefisso). Il treno ripartirà per Lecce, sempre dal porto, alle 20 (costo biglietto 12 euro, per informazioni telefonare al n. 3356397167).

Due gli appuntamenti della Settimana santa più attesi dai gallipolini: l’ Addolorata e la visita ai “sepolcri”. Il venerdì che precede la domenica delle Palme, Gallipoli commemora i dolori di Maria, con la regia delle confraternite di Santa Maria del Monte Carmelo e della Misericordia. Tutta la città, a mezzogiorno, si ferma quando la statua dell’Addolorata esce dalla chiesa del Carmine, nella città vecchia, per raggiungere la cattedrale per la celebrazione eucaristica e l’esecuzione dell’oratorio sacro “L’Addolorata” del maestro Vito Cataldi. Lo squillo di tromba, alternato al rullio del tamburo, accompagna la processione con i fratelli in abito confraternale nero e le candele a quattro luci. Non sagre quindi, né luminarie ma solo partecipazione corale di tutta Gallipoli al dolore di

Grande attesa per la visita ai “sepolcri”, fissata nello statuto delle confraternite Maria. Il mercoledì della settimana precedente, prima dell’inizio della “settena” il simulacro della Vergine viene portato nel palazzo della nobile famiglia Ravenna, che ha l’antico privilegio, nella cappella privata, di vestire la statua con abito nero con ricami in oro, la corona, ed una spilla d’argento a forma di cuore trafitto da una spada, simbolo del martirio. La visita ai “sepolcri” nel Giovedì santo è poi manifestazione di culto sancita da ogni statuto delle confraternite: queste, ad intervalli l’una dall’altra, si recano in proces-

sione, fino a tarda sera, nelle varie chiese a rendere visita al Cristo morto. La confraternita di Santa Maria del Monte Carmelo lo fa per “vetusto privilegio confermato il 28 marzo 1772 per il pellegrinaggio nel Giovedì santo con speciali insegne di Pellegrini”. I fratelli in abito completamente nero con cappello e bordone, procedono a coppia accompagnati dal “correttore”. La processione successivamente si ricompone e i confratelli, dopo essersi salutati, incrociando il bordone, raggiungono la loro chiesa. Il bordone e il cappello del pellegrino sono privilegio anche delle confraternite della Santissima Trinità e di Santa Maria della Neve o del Cassopo. Il Sabato santo (dalle 3 alle 11.30), poi, la processione di Maria Desolata e del Cristo morto con la confraternita di S. Maria della Purità (nella foto di Lorenzo Milano).


21 marzo - 3 aprile 2013 DA CASARANO L’OLIO SACRO PER TUTTA LA DIOCESI Per l’intero anno liturgico nelle 67 parrocchie dei 18 comuni della diocesi di Nardò-Gallipoli Gallipoli, i sacramenti saranno impartiti utilizzando olio di Casarano.

L’azienda Primoljo dei fratelli Primiceri (nella foto, da sinistra, Mimino, Rocco e Fernando) ha donato l’olio che sarà usato durante i riti battesimali, della confermazione, dell’unzione degli infermi e dell’ordinazione sacerdota-

L’arte del luogo in oratori e canti Nel corso dei secoli, a testimonianza della devozione verso l’Addolorata ma più in generale nei confronti dei riti della Settimana santa, numerosi musicisti gallipolini hanno composto inni, oratori sacri, marce per bande, preludi e sinfonie, donate poi alle confraternite. Nella seconda metà dell’800 molto fertile fu l’attività artistico-religiosa. A cominciare dal maestro Francesco Luigi Bianco autore di tre “frottole” (“Ahi sventura”, “L’han confitto” e “Una turba di gente”), per poi passare a Giovanni Monticchio autore della musica dello “Stabat Mater” e compositore della musica di “Inno per la tomba di N. S. Gesù Cristo”. Ma Gallipoli vanta anche i natali del celebre Giuseppe Tricarico (sec. XVII) musicista alla corte dell’imperatrice Eleonora Gonzaga a Vienna. Da non trascurare neppure i maestri di cappella Antonio, Francesco e Bonaventura Tricarico, rispettivamente fratello, figlio e nipote di Giuseppe.Ercole Panico direttore della banda municipale e della fanfara di Gallipoli è stato il compositore dell’inno “Sulla tomba di Gesù Cristo del 1890”, meglio conosciuto come “Cristo è morto - è morto il santo”. I versi sono del poeta gallipolino Agostino Cataldi. L’inno, di proprietà della confraternita del Crocefisso, è cantato, nella processione di Venerdì santo. Di un’altra composizione “Canzone della Tomba”, su foglietto stampato da Tipografia Stefanelli nel 1899, non si conoscono né il compositore né l’autore dei versi. Ancora da ricordare le musiche, sempre di compositori gallipolini, come “Il Do-

lore di Maria” di Cosimo Pindinelli, “Il Sibilo de la Morte” di Raffaele De Somma (foto sotto) e “A Maria Addolorata” di Vincenzo Alemanno. Più recenti i compianti maestri Giorgio Zullino e Gino Metti, con i loro preludi da suonare nel giorno dell’Addolorata, oppure le sinfonie di Enrico Zullino, Luigi Solidoro, Enrico Tricarico (foto) e la frottola di quest’anno di Vito Cataldi. Casarano, invece, la A Casarano lunga e partecipata processione dei Misteri è caratterizzata dallo straziante coro “Vieni o morte” messo in musica nel 1920 dal maestro casaranese Ernesto Romano su un testo del 1700 attribuito al Metastasio. I meno giovani tramandano alle nuove generazioni il ricordo della drammatica rappresentazione del Venerdì santo del 1942 quando lo stesso maestro si accasciò esanime sul selciato di piazza Indipendenza proprio mentre dirigeva la sua musica. Romano spirò tra la sua gente, forse troppo preso dall’emozione di un canto che invoca la “pietà” della morte. Quei versi, anticipati dall’urlo della tromba e dal rullio dei tamburi, vengono intonati ancora oggi, durante la processione che viene organizzata da oltre 400 anni, dalle “pie donne” di nero vestite accompagnate dalla banda musicale e dai fedeli. Sempre secondo la tradizione, fino al 1800 l’inno era cantato solo in chiesa ma con un’altra melodia. Ad organizzare la processione del Venerdì di Passione è la confraternita dell’Immacolata, la più antica delle congreghe religiose della città, fondata nel 1619. (Hanno collaborato Cosimo Perrone e Mauro Stefàno)

3

le. Crisma, olio degli infermi e olio dei catecumeni vengono consacrati nella cosiddetta messa crismale, celebrata in ogni diocesi durante la Settimana santa. Dopo la messa, gli olii santi vengono distribuiti in tutte le parrocchie.

La pratica della “Via Crucis” vivente a Matino; a Ugento torna dopo vent’anni Si rinnova da quattro edizioni l’intensità della Via Crucis per le strade di Matino Matino. La “Passione vivente” viene messa in scena per le strade della città sabato 23 (nella vigilia della festività delle Palme) con le 14 stazioni della rievocazione religiosa che muove i suoi passi alle 20 da via Roma. Sono in tanti a prendere parte all’evento allestito come una vera e propria rappresentazione, quanto mai realistica, con dialoghi, trucco, scenografie e costumi di scena ed oltre 150 figuranti. Tra le novità di quest’anno un nuovo interprete nella parte di Gesù, ruolo ricoperto nelle passate edizioni da Tommaso Giannelli di Matino, nuovo volto anche per Maria e per la Veronica che asciuga il viso di Gesù durante il tragitto verso il Golgota. Mancherà, invece, la scena della Resurrezione: la Via Crucis si concluderà, infatti, con la Crocifissione presso la collina degli Eucalipti in località “Sant’Ermete”. L’organizzazione della Passione (rinviata a domenica 24 in caso di maltempo) è di Gianfranco Quintana con la regia di Alfredo Cataldo. Ad Ugento i riti della Settimana santa fanno registrare una novità molto attesa: ritorna la Via Crucis vivente dopo anni di assenza.

La Passione che si “vive”

Piazza San Vincenzo a Ugento da cui partirà la Via Crucis vivente. In alto due momenti della Passione vivente 2012 a Matino

Il Coro di 100 voci di bambini

Piccoli canti pasquali Promette di regalare emozioni la sacra rappresentazione “La Pasqua di Gesù” allestita dall’associazione “Note Libere” di Daniela Toma di Taviano. Eccezionale il cast: recitano e cantano i 100 ragazzi del coro, di età compresa tra i 4 e i 18 anni, di ambo i sessi, non solo tavianesi, ma anche provenienti dai paesi vicini come Matino, Casarano, Racale, Ugento,

Melissano. Proporranno canti liturgici, brani impreziositi dai coristi solisti impegnati anche nei momenti recitativi che raccontano gli eventi più significativi della Passione di Cristo. Rappresentazioni a Galatina (21 marzo, basilica di S. Caterina d’Alessandria, ore 19.30), a Taviano (24 marzo, chiesa di S. Martino, ore 20,30) e ad Alliste (25 marzo, chiesa di S. Quintino).

I ragazzi di “Note libere”

Tradizione molto viva fino ai primi anni ’90, poi caduta nell’oblio, viene riproposta quest’anno a cura del Comitato Via Crucis e della Pro loco Ugento e Marine, con il patrocinio del Comune di Ugento e la collaborazione dell’associazione culturale “Gemini” di Gemini Gemini. Oltre ai classici ruoli della rappresentazione tradizionale, ovvero Gesù (interpretato da Donatello De Nuzzo), la Madonna (Diletta Ruggeri), Maddalena (Valentina Verardi), Pilato (Michele Preite) e il popolo di Gerusalemme, come sempre folto e variegato, sicuramente quest’anno l’attenzione si punterà sui due pretoriani di Pilato che saranno interpretati dal sindaco Massimo Lecci e dal suo vice Graziano Greco. Un modo sicuramente inusuale per rendere l’Amministrazione partecipe in prima persona, è il caso di dirlo, dell’atmosfera di raccoglimento della Settimana santa. L’appuntamento è per il 24 marzo, a partire dalle ore 19, in piazza San Vincenzo a Ugento. I bambini delle scuole elementari che negli anni Novanta rappresentavano il popolo di Gerusalemme, avranno ora la possibilità, da adulti, di rivivere le medesime emozioni. (Hanno collaborato Maria Antonietta Quintana e Laura Primiceri)


Offriamo l'attenzione di 180mila contatti

GALLIPOLI 21 marzo - 3 aprile 2013

Un'occasione importante per le vostre attività

Pag. 4

Partite le nuove iniziative culturali e i riti religiosi per preparare, qualificare e allungare la stagione delle vacanze di Rita de Bernart

La “Pasqua lunga” trasforma il borgo antico in un teatro diffuso per attrarre turisti e appassionati. I principali contenitori culturali chiese, piazze, vicoli - si riempiono e si animano grazie alle “Serate delle Muse” (il progetto grafico di Daniele Suez s’ispira a quelle di De Chirico), diventando lo scenario di concerti di musica sacra, rappresentazioni teatrali a tema, anche itineranti come “Una croce…così Dio ti ha amato”. In programma pure presentazioni di libri, convegni, mostre storiche e fotografiche e visite guidate, fino a giungere al cuore della Settimana santa con gli antichi misteri e le storiche usanze per l’addio alla Quaresima, con lo “sparo” della Caremma. “Le serate delle Muse aspettando la Pasqua” ha preso ufficialmente il via nei giorni scorsi ed è frutto della collaborazione tra Amministrazione comunale e Pro loco, sodalizio prezioso ed essenziale, a detta del sindaco, tanto che si pensa ad un vero e proprio partenariato per offrire un’accoglienza sempre più qualificata. «La finalità di un programma così lungo e strutturato – ha dichiarato il primo cittadino durante la presentazione ufficiale è quella di portare Gallipoli alle

“Le Serate delle Muse” con concerti, mostre e visite guidate

fiere internazionali del turismo, in sinergia con altre località come Vieste, Ostuni, Otranto, presentando prodotti di qualità che possano catalizzare l’attenzione di Tour operator e turisti». “Destagionalizzare, promuovendo le tradizioni, la storia e la cultura”, è l’obiettivo condiviso anche dal presidente della Pro loco, Marcello Quarta che ha messo l’accento, inoltre, sull’importanza delle tante associazioni locali che “per amore della città e dei riti, hanno collaborato alla realizzazione di questo cartellone”. Tante le anticipazioni sui progetti in cantiere: dalle tradizioni del lungo periodo natalizio al Carnevale, fino ai suggestivi riti pasquali, sfruttando anche la naturale attrattività del territorio e il clima favorevole, per attirare visitatori nel corso dell’anno e raggiungere la meta di una stagione turistica che duri otto mesi. Si punta alle fiere di Berlino e Londra, sfruttando anche i collegamenti economici tra l’aeroporto di Brindisi e gli scali europei e non. Si studia inoltre una convenzione con “Terra Vision” una azienda di trasporti, legata proprio alle compagnie low cost, che collega direttamente gli aereoporti con le principali località turistiche a prezzi convenienti, anche per incentivare gli spostamenti per brevi periodi o weekend. Intanto ci si mette alla prova. Il programma completo delle manifestazioni pasquali è disponibile sul sito del Comune o presso la sede della Pro loco in via Kennedy.

I“Damille passi verso Pasqua Natale a settembre” l’obiettivo di Comune, Pro loco, associazioni Sereno variabile

La città in tv il 23

Un momento dei riti sulle mura gallipoline, vicino alla chiesa del Rosario (foto di Franco Mantegani)

Valorizzare e rendere fruibile ed accessibile il patrimonio naturale e culturale è l’obiettivo di “Open days: aperture straordinarie per una Puglia fuori dall’ordinario” a cura dell’Agenzia regionale per il turismo “Pugliapromozione”. Dalla prossima estate, ormai alle porte, pure Gallipoli farà parte, con molta probabilità, di questo progetto. E’ quanto emerso dalla conferenza di presentazione del programma pasquale, tenutasi lo scorso 9 marzo. Nell’occasione, alla presenza del sindaco Errico, è intervenuta l’ideatrice e coordinatrtice degli Open days, Stefania Mandurino che, oltre a rinnovare il sostegno alle varie iniziative locali per la qualificazione del settore turistico, ha espresso la volontà di inserire la cittadina jonica in questo circuito virtuoso. In arrivo quindi una vetrina importante per avere sempre maggiore visibilità e un’opportunità per rendere fruibili chiese e luoghi di culto, palaz-

Gallipoli entrerà nel circuito degli “Open days” della Puglia

Da sinistra Mandurino, Quarta, Errico

zi e dimore storiche, musei, parchi e riserve naturali protette, spesso inaccessibili proprio in quella fascia oraria in cui, durante la bella stagione, c’è una maggior richiesta. La dirigente di “Pugliapromozione” si è mostrata molto interessata ed anche sorpresa per le iniziative in corso in questo periodo e

per l’estate, tra cui le guide hi-tech di “LiberalArte”. Renato Pacella e Serafino Scigliuzzo hanno presentato il progetto che consiste nel proiettare, sulle pareti dei monumenti, filmati sul vissuto storico e culturale della città durante le visite guidate. Gli “Open days” si svolgono contemporaneamente in tutta la regione in giornate dedicate a “beni culturali”, “natura” ed “enogastronomia” in cui tra le 20 e le 23 è possibile percorrere un vero e proprio tour a tema. Esperti operatori guidano i turisti per farli entrare in contatto diretto con le peculiarità del territorio (tutto gratuito). Le ricchezze di Gallipoli, già presente lo scorso anno con “chiese aperte”, diventeranno così patrimonio collettivo. RdB

Il gruppo alberghiero gallipolino a caccia del turista di qualità Come far parlare di Gallipoli a Cortina d’inverno? Come far conoscere a quei turisti d’alta quota (in tutti i sensi) il Salento e le sue strutture di vertice? Le domande se le sono poste quelli del gruppo “Caroli Hotels” ed hanno trovato una risposta che potrebbe funzionare. Ecco, intanto, sulle maglie della squadra di calcio del Cortina d’Ampezzo, che gira i campi della zona per il torneo di Seconda categoria, il marchio degli alberghi che si trovano a Gallipoli e Santa Maria di Leuca. La “Settimana azzurra”, sinonimo di vela, sci nautico, pescaturismo, escursioni subacque e con idrovolanti, canottaggio e snorkeling, verrà divulgata proprio durante la “Settimana bianca” nella esclusiva località dell’Ampezzino, occasione di grande

Caroli punta su Cortina

Il Cortina calcio e Attilio Caroli Caputo

richiamo di quanti, magari, approfittano dell’incontro con parenti e amici per programmare le vacanze estive. L’interscambio è stato attivato tra il

gruppo alberghiero salentino (fresco di un riconoscimento nazionale da parte di Legambiente per il resort “Le Sirenuse”) e il “Barisetti Sport Hotel” di Cortina. Dice l’ideatore di questa operazione di marketing, Attilio Caroli Caputo: «Questo filo rosso con una località così prestigiosa è motivo di orgoglio e crediamo che vi saranno benefici per tutti. La nostra terra ha tanto da offrire ed è bene cogliere ogni occasione per farla conoscere. Ci basiamo da sempre - sottolinea il direttore del gruppo - sulla forza delle idee, alle quali cerchiamo di dare un seguito concreto. Anche i privati devono dare il loro contributo per la promozione del territorio, affianco alle istituzioni».

Gallipoli ancora una volta a “Sereno variabile” Andrà infatti in onda sabato 23 alle 17,05 la puntata dello storico programma di RaiDue condotto da Osvaldo Bevilacqua, girata nei giorni scorsi in città, tra riti religiosi, pescatori, curiosità gastronomiche, il parco naturale e le proposte di “Pugliapromozione” con Discovering e Open days. Vi hanno collaborato Comune, Capitaneria di porto, Legambiente, “Gallipoli Nostra”, “Salento in barca”, “I Signori del fuoco”, la Confraternita del Crocifisso, la cooperativa di pescatori “Barabba”, il gruppo “La quadriglia” di Acquarica del Capo, operatori turistici e ristoratori. Non è la prima volta che “Sereno variabile” arriva in città: già nel 2009 una puntata di febbraio era stata dedicata al Carnevale gallipolino e alle sue sfilate. La scelta di mandare in onda la puntata il 23 marzo, sabato che precede la Domenica delle Palme e la settimana di Pasqua, è di certo azzeccata. Un lancio innegabilmente importante per il turismo in vista delle vacanze pasquali e della prossima stagione estiva.

Legambiente, scambio con Corfù

Il parco, la pesca e i campi-scuola

Legambiente di Gallipoli e di Puglia allaccia rapporti con i dirimpettai greci. Il viaggio di Maurizio Manna, direttore regionale di Legambiente, e di alcuni soci, il mese scorso a Corfù, è servito proprio a questo. «Quella greca – spiega Manna - è per noi gallipolini una “realtà parallela” per dati geoclimatici ed ambientali ma anche e soprattutto culturali e sociali». I greci del circolo ambientalista locale si sono dimostrati ospiti accoglienti e disponibili ad un rapporto di reciproco scambio. «L’esperienza dei campi di volontariato maturata nel Parco regionale gallipolino – racconta Manna - rappresenta un esempio virtuoso di buone pratiche e noi l’abbiamo messa a disposizione degli amici di Corfù». Dopo l’approdo a Kerkira, i volontari gallipolini di Legambiente sono andati ad Argirades e hanno sistemato il campo nelle antiche Saline di Lefkimmi (foto) dove, grazie all’esperienza maturata nel Parco di Gallipoli, Manna e il suo gruppo hanno collaborato al ripristino dei camminamenti attorno all’area e alla pulizia della piaggia prospiciente. A Petriti, unico posto peschereccio della zona, viene praticata una pesca saggia e sostenibile, diversificando i sistemi e rispettando le regole, col risultato di portare a terra un pescato di varie specie e dimensioni, “che noi non vediamo più da generazioni” sottolinea Manna. Fotis, vicepresidente del circolo e presidente della locale coopesca, ha raccontato di come la quantità del pescato sia in rapporto alla richiesta di mercato e che d’inverno si assiste al baratto tra produttori del mare e della terra. «Fotis è venuto a Gallipoli a novembre – conclude Maurizio Manna ed è rimasto stupefatto dalla quantità delle barche in rapporto al pescato». Prossimo appuntamento il 26 e il 28 marzo a Berat, Albania. CP


Gallipoli

21 marzo - 3 aprile 2013 PREMIO DI MAGICO’ AL II POLO GALLIPOLI L’Istituto comprensivo scuola primaria II Polo Gallipoli (Borgo e Santa Chiara, nella foto) si è aggiudicato il primo premio (800 euro) al concor-

so “Il Magicò che vorrei” promosso dall’associazione omonima nella settimana dall’11 al 15 marzo a Lecce Fiere, che ha visto 45 scuole dell’infanzia e primarie, 100 classi per un totale di 3mila alunni fino ai 10

anni partecipare ai laboratori e alle attività ludico educative. La scuola dell’infanzia paritaria “Associazione S. Rita” di Ugento ha vinto invece il terzo premio (300 euro) all’altro concorso “A cosa giocavate?”.

I laboratori del centro ludico “La Gabbianella”

Gli appuntamenti della Settimana santa

E nelle mani dei bambini il riciclo diventa creativo di Lucio Colavero

Bilancio positivo per i laboratori per bambini organizzati nel chiostro dei Domenicani dal Centro ludico esperenziale “La Gabbianella” di Liberal’arte. Si sono svolti nella prima metà di questo mese laboratori esperenziali nei quali i bambini hanno avuto la possibilità, attraverso giochi, fantasie guidate, disegni, racconti, fiabe, di sperimentare messaggi psicologici positivi, importanti per la loro crescita. Interessanti i laboratori di riciclo creativo con l’uso di materiali di scarto che si trova in ogni casa. Con materiale di riciclo i bambini hanno realizzato regalini per la festa del papà e addobbi per le feste

pasquali. Le attività continuano. Per la seconda metà di questo mese sono previsti altri laboratori: giovedì 21, “Con un soffio di vento”(i bambini si possono divertire con il vento, per esempio possono costruire una girandola); lunedì 25, “Indovina una stella”(si impara a ossevare il cielo e a costruire un planetario in casa); martedì 26, “Nel grande Blu” (il colore che indica l’infinito, blu come il cielo e il mare, riferimento quotidiano per i bambini); mercoledì 27 “Il coniglietto pasquale” (i bambini impareranno a costruire un simpatico coniglietto). E le operatrici stanno programmando già i laboratori per il mese di aprile.

Da sinistra, la caremma di via Arditi e quella nel centro antico

A Pasqua, a mezzogiorno, le caremme finiranno “sparate” Torna dopo anni di assenza la storica Caremma de “lu Tazziu”, nel centro storico, grazie all’associazione “Fideliter Excubat”. Sarà collocata nella scarpata tra il castello e il ponte secentesco dove un tempo c’erano il ponte levatoio e il dazio. Il caratteristico sparo della vecchietta realizzata in cartapesta è previsto per le 12 della mattina di Pasqua. Nel pomeriggio all’interno dell’ex Mercato coperto, i ragazzi di “Fideliter” animeranno un laboratorio di strada con giochi di una volta come la “campana” e la “scundutula”. Il tradizionale addio alla Quaresima ci sarà anche in periferia.Questa antica usanza è stata rivalutata e riscoperta dall’associazione “Città nuova Gallipoli” che da sei anni organizza un momento di convivialità nei pressi della chiesa di san Gabriele dove lo sparo della caremma, realizzata dallo studente dell’Accademia di belle Arti Maurizio Cortese, è accompagnato da animazione e dalla distribuzione di dolcetti pasquali ai bambini presenti. RdB

Per le “Penisole del Tesoro” i Touring club d’Italia nel centro storico di Cosimo Perrone

Domenica scorsa nel centro storico di Gallipoli la quarta tappa della quattordicesima edizione dell’iniziativa “Penisole del Tesoro”, organizzata dal Touring club italiano con centinaia di turisti provenienti da ogni parte d’Italia. L’accoglienza è stata curata dall’Amministrazione comunale e dal consigliere comunale delegato alle Politiche turistiche Maria Teresa Perrone, dalla Pro loco, dalle associazioni “Gallipoli Nostra”, “Amart” e da Mario Giangrande, referente provinciale del Touring. Agli ospiti, numerosi ed entusiasti, è stata offerta la possibilità di apprezzare i caratteristici scorci del centro storico, di ammirare i molteplici monumenti storico-artistici della città vecchia, con particolare riguardo alle chiese confraternali ed agli antichi palazzi, oltre ai pregevoli contenitori culturali del borgo antico, quali il teatro Garibaldi, il museo civico, il museo del Mare, i frantoi ipogei, il museo diocesano, la sala “Coppola” e l’ex Mercato coperto. Proprio nell’ex mercato il sindaco Errico, alla presenza del vice presidente nazionale del sodalizio, Nadia Bellacani, ha rivolto un caloroso benvenuto a conclusione dello spettacolo folkloristico della scuola di ballo “Disc’n Roll” di Gallipoli. «Questo evento, specialmente in questo periodo, che di fatto anticipa la settimana di Pasqua - ha detto il sindaco Errico - è in grado di mettere in vetrina e di valorizzare, alla presenza di oltre 400 turisti affluiti nella nostra

5

A bocca aperta La meraviglia dei 400 soci: «Siete ricchi»

La “postazione” del Touring club

città, le bellezze di Gallipoli, con conseguenti ricadute per l’attività promozionale e di marketing». Entusiasta della riuscita dell’evento la vice presidente del Touring Bellacani che ha espresso ammirazione: «Basta entrare in una chiesa qualsiasi per capire la bellezza di questa città». Agli ospiti non sono mancate le proposte per far conoscere i sapori del territorio. Il centro storico, domenica si presentava come in estate, con le strade piene di turisti e con i negozi di souvenir aperti. La clemenza del tempo ha, inoltre, contribuito molto.

Tra i Riti religiosi tanti concerti Ecco il programma dei riti della Settimana santa. Si inizia il Giovedì santo con la tradizionale visita ai “sepolcri” a partire dalle 19,30. Gli incappucciati, in processione, visiteranno gli altari della Reposizione, allestiti nel Borgo antico. Venerdì santo alle ore 18 dalla chiesa del SS. Crocefisso, nel centro storico, avrà inizio la processione dei Misteri e del Cristo Morto, detta de “l’Urnia”, organizzata dalla confraternita del Crocefisso. Vi partecipa anche la confraternita di S. Maria degli Angeli (foto in alto) con il simulacro di Maria SS.ma Addolorata. Sabato santo, alle ore 3 avrà inizio la processione di Maria Desolata (in basso) e del Cristo morto, curata dalla confraternita di S. Maria della Purità. Il rientro nella sua chiesa è previsto per le 11,30. Pasqua è anche tempo di concerti, mostre e convegni. Eventi messi a punto dall’Amministrazione comunale in collaborazione con la Pro loco di Gallipoli e la partecipazione dei Luoghi di Cultura della Città, di Puglia promozione, delle associazioni Puglia & Mare, Amart, Gallipoli Nostra, LiberaL’Arte, Fideliter Excubat, Città Nuova, Nantes, Fidas “D. Provenzano”, Agenzia Gallipoli 360, le confraternite SS.Crocefisso, Maria SS. del Monte Carmelo e della Misericordia, libreria Nostoi di Gallipoli, Compagnia teatrale Calandra. Sabato 23 alle 10, nel museo diocesano si terrà un convegno sui riti che precedono la Resurrezione di Cristo. Alle 20 in cattedrale “Musica e poesia della Settimana santa” a cura della filarmonica “Città di Gallipoli” diretta da Pascal Coppola. Domenica 24 alle 19 a cura del Movimento giovanile delle Confraternite e delle associazioni della cattedrale sarà presentata lungo le strade, le piazze e le riviere del centro storico. una “spiritual performance” dal titolo “Una croce… così Dio ti ha amato” Lunedì 25, sempre alle 20 nella chiesa della Madonna del Rosario si esibiranno “I solisti salentini” mentre martedì 26 alle 20 l’associazione musico-culturale “Santa Cecilia” nell’ex mercato coperto di piazza Imbriani terrà un concerto con musiche e marce della Settimana santa. Mercoledì 27 alle 19.30 il coro della parrocchia di San Gabriele dell’Addolorata con “Luce fra nuvole in fuga” al teatro Garibaldi chiuderà gli appuntamenti con le melodie sacre. Spazio anche per le visite guidate (giovedì 28 e venerdì 29 alle 17, sabato 30 alle 9 e domenica 31 alle 10). Si parte dalla Fontana antica in piazza Aldo Moro per scoprire la città attraverso itinerari guidati. CP

Lo scalo turistico non si vede, ma dal 2001 sono stati spesi 700mila € di parcelle

Diporto, pacchia per avvocati «È una mia idea fissa, fin dalla prima Giunta Venneri, quindi non è un attacco all’Amministrazione di oggi ma una nuova sollecitazione, come quelle fatte dal 2003 in poi con qualsiasi colore politico»: fatta questa premessa, che vorrebbe sgomberare il campo da sospetti e strumentalizzazioni, il consigliere di opposizione Giuseppe Coppola (nella foto con Andrisani, uno dei coordinatori di “Puglia prima di tutto”) ha consegnato nei giorni scorsi ai giornalisti un nutrito dossier sul tema “porto turistico”, dopo averlo inviato agli amministratori comunali, al

presidente del Consiglio, ai capigruppo di Palazzo Balsamo. Interrogazioni, interpellanze, ordini del giorno, resoconti dei dibattiti in aula consiliare, fino al richiamo ad una delle tante sentenze in materia dei giudici amministrativi (2010) in cui si mette in guardia il Comune da un rischio sempre più concreto: che l’assenza di un pianificazione porti alla nascita di scali per il turismo da diporto a macchia di leopardo, cioè a caso. Sono 12 le richieste giacenti in Comune, tra autorizzazioni nell’ambito del porto

commerciale e litorale Nord e Sud. Abnorme il dato sul costo del contenziono tra Comune e proponenti i vari progetti: dal 2001 al 2012 se ne sono andati in parcelle legali quasi 700mila € (sono pendenti altre tre cause). Succederà qualcosa per un porto turistico tanto invocato quanto lontano? Il sindaco Francesco Errico, proprio a seguito dell’ultima iniziativa di Coppola, ha di recente assicurato la massina attenzione per intercettare i fondi necessari, sottolineando che “presso la Regione sono in pubblicazione due progetti di porto turistico localizzati proprio al di fuori del porto mercantile”.


Gallipoli

21marzo - 3 aprile 2013 ARTE E MUSICA LIVE A GALLIPOLI “Luce tra le nuvole in fuga”, arte e musica live, è un percoso artisticomusicale sulle note e parole dell’album “La buona Novella” di Fabrizio

6

De André eseguito dai musicisti e dal coro della parrocchia dell’Addolorata di S. Gabriele, con la direzione artistica di don Piero Nestola. Lo spettacolo sarà rappresentato a Gallipoli in due serate: il 24 presso

la parrocchia di S. Gabriele dell’Addolorata e il 27 presso il teatro “Garibaldi”. Il ricavato sarà completamente devoluto alla Caritas diocesana in particolare per la mensa di Gallipoli.

di Vittorio Calosso

Dal black out accaduto in alcune ore notturne di qualche giorno fa alla nuova Tac già rotta, tornata a pieno regime proprio in questi giorni. Per l’ospedale "Sacro Cuore" è sempre tempo di emergenza. Ma la lotta per impedire nuovi ridimensionamenti non si arresta. E ora dopo l'odissea vissuta dal paziente 83enne affetto da crisi respiratoria e rimasto per un’intera notte in barella per assenza di posti nelle Rianimazioni del "Fazzi" e del resto della Puglia, si torna a parlare di un’urgente apertura della Terapia intensiva congelata proprio a Gallipoli. Nella mappa dei posti letto di Rianimazione in provincia di Lecce si contano 33 disponibilità complessive. Di queste 15 sono quelle relative ai posti dislocati al "Fazzi" di Lecce, quattro al "Ferrari" di Casarano, sei al "Delli Ponti"di Scorrano, otto al "Panico" di Tricase. E poi ci sono gli otto che restano sotto chiave nell’ospedale di Gallipoli, dove da anni la specialità è stata allestita, aggiornata nei software e non ancora attivata nonostante lo sblocco annunciato delle assunzioni per i medici anestesisti. Dalla direzione generale della Asl viene assicurato che Terapia intensiva di Gallipoli sarà "presto" messa in funzione. Si vedrà. Intanto la buona notizia è quella che vede ripristinata la Tac che per alcuni giorni, e contestualmente con quelle degli ospedali di Scorrano e Casara-

Il bilancio comunale 2010 sotto esame

La Corte dei conti vuol vederci chiaro Il presidente dell'associazione pro ospedale "Sacro Cuore", Giacinto Scigliuzzo

Il reparto promesso non apre, mentre si torna a parlare di Terapia intensiva

Rianimazione? Sta Non ci sono posti in tutta la provincia e un 83enne resta in barella. Va via pure il primario di Pediatria no, non era funzionante. no Con la nuova Giunta regionale in subbuglio, c'è da capire anche cosa accadrà per il futuro del punto nascita. E soprattutto cosa ne sarà anche del famoso polo chirurgico individuato per Gallipoli in sinergia con l’ospe-

«Ecocentro, tutto è pronto» Forse si parte davvero Il tempo di organizzare il servizio e l’ecocentro di via Pasolini (foto) potrà entrare in funzione. L’annuncio è stato dato dal sindaco Errico nell’ultimo Consiglio comunale. L’impianto, realizzato con fondi della Provincia di Lecce, sorge nel quartiere Peep e la sua ubicazione aveva suscitato qualche protesta da parte degli abitanti di quella zona e dell'associazione "Città Nuova". A suo tempo il commissario straordinario Vincenzo Petrucci aveva approvato il regolamento per la struttura che consente di integrare e ottimizzare le raccolte differenziate già attive. L'ecocentro a febbraio dello scorso anno era stato già consegnato in comodato d’uso gratuito dall’Ato Lecce 2 (l’autorità sovraterritoriale per la gestione dei rifiuti urbani) al Comune di Gallipoli. A condurre il servizio sarà, verosimilmente, per adesso, la "Navita s.r.l.", la ditta che si occupa, temporaneamente, della raccolta dei rifiuti in città. L’entrata in funzione della struttura garantirà ai cittadini la possibilità di disfarsi gratuitamente dei vari oggetti vecchi o in disuso, oppure di materiale ingombrante, evitando il disdicevole spettacolo delle discariche abusive a cielo aperto per strada. Non appena sarà pronta la segnaletica, e il nulla-osta della Provincia e della Regione, si partirà. O almeno così si spera. Fermo restando il fatto che l’ufficio tecnico del Comune di Gallipoli aveva già disposto per tempo la messa in esercizio del centro raccolta. Anche il personale per la corretta gestione e funzionalità dell'impianto è pronto. Da quando c’era ancora la precedente società Seta-Cogei. CP

dale “unico” integrato con quello di Casarano per salvare alcuni reparti a rischio nell’arco ionico. All’appello mancano anche almeno quattro primari per il "Sacro Cuore" su 28 carenti in tutti gli ospedali della provincia: quelli di Otorino, Anestesia e Rianimazione, Nefrologia e Dialisi, Ostetricia e Ginecologia. Da giugno va via (a Lecce) pure il primario facente funzioni di Pediatria. Il Direttore generale della Asl Valdo Mellone ha spiegato che la “copertura dei posti di primario è subordinata allo sblocco delle assunzioni da parte della Regione”,

a sua volta sotto stretto controllo del governo nazionale. Intanto il sindaco Francesco Errico è stato eletto dall'assemblea dei sindaci riunitasi a Lecce, nella rappresentanza dell'assemblea stessa. Da ultimo il direttivo dell'associazione "Sacro Cuore" ha diffuso un altro comunicato con cui si protesta per il continuo ridimensionamento dell'ospedale gallipolino, nonostante un comprensorio vasto e d'estate superaffollato. In particolare si respinge la chiusura dell'Unità coronarica e si chiede una adeguata considerazione verso questo territorio.

La Corte dei conti vuole vederci chiaro e formula osservazioni sul bilancio comunale del 2010. Così il Comune di Gallipoli è stato chiamato a dare contezza dell’attività amministrativa e delle voci del rendiconto di quasi tre anni fa durante la gestione dell’ex sindaco Giuseppe Venneri. Nell’ambito dell’ordinanza del presidente della sezione regionale della Corte dei conti di Puglia del febbraio scorso, erano state evidenziate alcune “criticità” sulle quali l’organo di controllo ha deciso di posare la sua lente d’ingrandimento e di chiedere le relative memorie illustrative all’attuale sindaco e all’Amministrazione comunale. La Corte dei conti ha chiesto delucidazioni circa le modalità e i criteri di applicazione dell’intero avanzo di amministrazione del 2009 e delle ragioni della “notevole” formazione di debiti fuori bilancio, così come la mancata approvazione del bilancio al 31 dicembre 2009 della società partecipata Ge.fa, relativa alla farmacia comunale. Altri rilievi più tecnici riguardavano la consistenza dei residui attivi e passivi dei servizi per conto terzi e un indebito incremento delle risorse decentrate per la contrattazione decentrata integrativa. Alle osservazioni della Corte dei conti l’Amministrazione comunale ha controdedotto con l'attuale segretario generale Angelo Radogna (che non era in carica nel 2010). L’indirizzo politico della Giunta comunale è stato quello di disporre, in via cautelativa e per il tempo strettamente necessario a chiarire la posizione contabile del Comune, alcuni accorgimenti. In particolare sino al responso della corte dei Conti, sono state sospese (solo temporaneamente e di concerto con i sindacati) la contrattazione decentrata integrativa già avviata per la definizione delle modalità di utilizzo delle risorse decentrate per l’anno 2012 e per l’anno 2013 e il riconoscimento di stipendi o di contratti sotto controllo. VC

Nuovo stato di agitazione della marineria gallipolina. Si cerca un'uscita Pescatori gallipolini ancora una volta sul piede di guerra. E dopo i rigidi controlli della Capitaneria, imposti per legge, si respira aria di rivolta. Proteste, per alcuni versi anche sopra le righe, che sono partite nei giorni scorsi a seguito delle prime verifiche stagionali da parte della Guardia costiera su tutta la filiera della pesca. I controlli durante lo sbarco e l’intensificazione delle verifiche su reti, attrezzature e sulle misure del pescato (che intanto diminuisce sempre di più) hanno generato l’ennesima rivolta dopo quella di due anni fa con un mese di sciopero. Dalla rabbia si è poi passati alla concertazione successiva, visto che i rappresentati dei pescato-

La pesca sul "tavolo tecnico"

I pescherecci al Canneto

VENDO NEGOZIO STORICO ME.VI. ELETTRODOMESTICI IN ALEZIO. REGALO AVVIAMENTO E ATTREZZATURA COME NUOVA.

È la tua “Piazza” multimediale, contattaci per info sulla tua pubblicità info@piazzasalento.it

L'INTERESSATO ACQUISTEREBBE SOLO LA MERCE A PREZZO DI COSTO E CON AFFITTO LOCALE. TEL. 340 626803 0833 281057 ORE SERALI

ri hanno chiesto sostegno ai politici locali per far sentire le propria voce di dissenso verso l’autorità marittima, ma anche e soprattutto nei palazzi che contano, a Roma e a Bruxelles. L’Amministrazione comunale si è fatta promotrice di un tavolo tecnico, da tenersi con una delegazione di pescatori e con il comandante della Capitaneria, Giacomo Cirillo, per affrontare nel dettaglio i problemi. Una situazione paradossale che si trascina già da un paio d’anni sulle rive gallipoline. L'utilizzo per la pesca nel Mediterraneo di maglie più larghe (reti con a corredo sacchi di 40 mm, o di maglia romboida-

le da 50 mm, norme non ratificate pare nè dalla Grecia nè dalla Spagna) rendono praticamente impossibile la "cattura" di seppie, telline, calamaretti, rossetti, bianchetti e latterini. Particolarmente penalizzata la marineria ionica (pesca a strascico esercitata attualmente da 45 motobarca di cui 5 a Leuca) e in allarme anche i consumatori ("Che fine fà la tanto propagandata frittura di paranza?"). Poi c'è il capitolo-gasolio, che in Italia costa più del doppio che in Spagna e i tempi di pesca che sono diminuiti rispetto a prima. Insomma una sfilza di guai che mette seriamente in forse il futuro della piccola pesca. VC

Ribaltata la sentenza di I grado per Sandra Pizzi

Assolto l'assessore Dalle accuse, alla condanna in primo grado. E ora l’assoluzione con formula piena. Nessuna tentata truffa ai danni del Comune di Gallipoli e con la sentenza di appello arriva l’assoluzione per l’ex assessore al Turismo e allo Spettacolo, Alessandra Pizzi, componente dell’esecutivo dell’allora sindaco Vincenzo Barba. Il sostituto procuratore generale Ferruccio De Salvatore aveva chiesto alla Corte d’appello, presieduta da Giacomo Conte, la conferma della condanna ad otto mesi di reclusione, già inflitta in primo grado dal Tribunale di Gallipoli all'ex assessore difesa dal legale Andrea Sambati. La vicenda risale al 2007 ed era legata alle contestazioni mosse ad Alessandra Pizzi per presunte

fatture fasulle allegate a richieste di rimborso spese, presentate agli uffici comunali, per 800 euro, per un paio di viaggi istituzionali. In primo grado era giunta la condanna ad otto mesi formulata dal giudice Michele Toriello con pena sospesa e senza menzione nel casellario giudiziario. Ora l’assoluzione e la riabilitazione per la Pizzi che ha ricevuto la solidarietà dell’ex sindaco Vincenzo Barba: «Non ho mai dubitato, nemmeno per un attimo che le accuse rivolte alla dottoressa Pizzi durante il periodo della mia amministrazione cittadina, fossero infondate. L’assoluzione è esemplare e dovrebbe far riflettere chi si è lasciato andare in commenti strumentali o quanto meno incauti sulla vicenda”. VC


Gallipoli

21 marzo - 3 aprile 2013 SIMULAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE AL "QUINTO ENNIO" La Protezione civile di Gallipoli ha effettuato nei giorni scorsi due esercitazioni di evacuazione presso l'istituto "A. Vespucci"e il liceo "Q.

Ennio" con simulazioni di incendio. Il presidente Salvatore Coppola fa sapere che nel mese di marzo il sodalizio ha intrapreso “un'attività mirata alla divulgazione e formazione sulla prevenzione e sicurezza negli edifici

scolastici, partendo dall’idea che sia necessario “conoscere” per prevedere, prevenire e intervenire adeguatamente in relazione agli incidenti e calamità che possono capitare nella vita di tutti i giorni”.

7

Tredici imbarcazioni alla "Regata dei due mari" organizzata dall'Assonautica di Luigi Alemanno È stato un grande successo l’evento velico, organizzato dall’Assonautica di Lecce, che si è svolto nella giornata di sabato 9 marzo, all’insegna dello sport e della solidarietà, secondo lo slogan “Più vela per tutti”, per il coinvolgimento di tutti coloro i quali, a causa di varie difficoltà, non hanno la possibilità di godere di queste gioie. «C’è stata una grande risposta - dice Vito Ria, coordinatore degli eventi dell’Assonautica per il 2013 - tenendo conto anche di quella che è la stagione attuale. Basti pensare che, in questo periodo, molte delle veleggiate rivolte ai normodotati presentano un numero molto basso di partecipanti. In questo evento abbiamo potuto contare ben 13 equipaggi: lo riteniamo un motivo di grande soddisfazione». Questo è stato solo il primo di una lunga serie di appuntamenti, 23

"Più vela per tutti" e lo slogan diventa realtà

La regata e la premiazione del Trofeo "Giampiero Licignano"

Dall'oratorio "Il Gabbiano" allo sport del sorriso

Cheerleaders da vertice nel torneo nazionale

Le soddisfazioni per la Gallipoli sportiva arrivano anche dall’Emilia Romagna. A regalare un grande risultato alla “città bella” ci hanno pensato le cheerleaders che, nel terzo Campionato italiano di Cheerleading & Dance svoltosi a Cervia, sono riuscite, a fronte di circa quaranta squadre partecipanti per un totale di quasi 800 atlete, ad ottenere un terzo posto nella categoria “Cheerleading" con il team “Little Gold Stars”, ed un primo posto per la categoria “Coppie” con il team “Gold Stars” (a cui è andato anche un premio speciale, “Fashionleader Award”, assegnato dalla rivista Ragazza Moderna). Questo gruppo delle cheerleaders esiste da sei anni, da due è iscritto alla federazione italiana (Ficad), e si appoggia all’oratorio “Il Gabbiano” diretto da don Gigi De Rosa. «È stata un’esperienza molto coinvolgente racconta Vanessa Campagnolo, uno dei due coaches della squadra (l’altro è Tiziano Scarpina) - il campionato regala sempre delle emozioni a valan-

nell'arco dell'anno, che vedranno impegnati gli appassionati, con un occhio di riguardo sempre verso gli sportivi diversamente abili. «Stiamo cercando di attrezzare anche il kayak - prosegue Ria - con delle piccole modifiche strutturali, affinchè chi non ha potuto finora praticarlo possa vivere l’esperienza. La sensibilità di tutti coloro che hanno contribuito alla riuscita dell’evento è insita negli stessi organizzatori: vogliamo continuare ad estenderci, sempre seguendo il principio che ci guida, passione e sviluppo». E solidarietà: «Sono tanti i ponti di unione, sociali, geografici, anche politici - conclude Ria - il segreto è che ognuno deve diventare il punto di forza dell’altro». Il 9 marzo c’è stata anche l’assegnazione del trofeo “Giampiero Licignano”, in ricordo del giovane velista di soli 17 anni, tragicamente scomparso in un incidente stradale nell’ottobre del 2011.

ga, una dietro l’altra. Il risultato ottenuto è straordinario, visto che pratichiamo questa disciplina solo da due anni. Siamo molto contenti soprattutto per le ragazze più piccole, che hanno centrato il terzo posto». Uno sport questo che, grazie al movimento gallipolino, potrebbe crescere: «Siamo la squadra più importante in Puglia, vogliamo diffonderci e creare magari altre squadre. Chi può praticare il cheerleading? Non sono richieste predisposizioni particolari, chiunque può cimentarsi; il nostro è lo sport del sorriso, puntiamo a divertirci e a far divertire». E dopo questo prestigioso successo a Cervia, cosa bolle in pentola? «Siamo arrivati quarti al World Dance Festival - risponde Vanessa Campagnolo - a Lecce ed abbiamo iniziato una collaborazione con la squadra di football americano dei Salento Dragons. Speriamo di poter partecipare, a giugno, ai Campionati europei di Cheerleading in programma a Rimini». LA

Una rivista per cantare il mare Dalla storica "L'Uomo e il Mare" di Augusto Benemeglio, più di recente di Giuseppe Albahari, alla neonata "Puglia&Mare - Ambiente Nautica Turismo", diretta sempre dal giornalista e edita dall'omonima associazione presieduta da Alessandra Bray. La presentazione della nuova rivista trimestrale è avvenuta sabato scorsa al teatro Garibaldi, con i presidenti delle varie associazioni che hanno a che fare col mare e del sindaco Francesco Errico. Numerosi e di qualità i collaboratori.

Cheerleaders con Vanessa Campagnolo e Tiziano Scarpina


ALEZIO 21 marzo - 3 aprile 2013

Spacciatore con "pizzino"

Nelle sue tasche i carabinieri hanno trovato, oltre a dieci grammi di cocaina e 200 euro in banconote di vario taglio, anche un foglietto di carta con vari nomi, sigle e numeri telefonici. Secondo le forze dell'ordine il "pizzino" farebbe riferimento ai complici del 43enne aletino P.A. (foto) arrestato nei giorni scorsi durante un posto di blocco mentre era a bordo del suo scooter. L'uomo percorreva la strada Provinciale che collega Gallipol Gallipoli ad Alezio quando, di prima mattina, si è fermato nelle vicinanze di un bar all'ingresso di Alezio dove è stato bloccato dai carabinieri che lo tenevano da tempo sottocontrollo. Nelle sue tasche, in seguito ad una perquisizione, sono stati trovati tre involucri contenenti in totale dieci grammi di droga mentre in una specie di doppiosellino del ciclomotore è stato trovato altro materiale utile per il confezionamento delle dosi. Gli inquirenti sono ora al lavoro per collegare i nomi ed i numeri delle utenze telefoniche ritrovate ad eventuali complici dell'uomo cercando di capire da dove provenisse ed a chi fosse destinata la droga.

Pag. 8

Un agente effettivo ed altri quattro part-time solo in estate. Ringraziamenti alla Protezione civile Sono stati 300 i verbali elevati dalla Polizia municipale di Alezio nel corso del 2012. Il dato emerge dalla relazione resa nota dal comandante Bruno Manco nella quale si da conto dell'attività svolta pur essendoci un solo agente in servizio effettivo. Solo in estate (lo scorso anno da luglio ad ottobre) l'Ufficio si è avvalso di quattro agenti a tempo determinato e part-time. Le pratiche gestite sono state in totale 1.600; 70 le ordinanze per la regolamentazione del traffico; 20 i posti di blocco allestiti con 191 veicoli

«Facciamo la nostra parte» sottoposti a controllo. I sinistri stradali rilevati sono stati nove, di cui solo cinque con feriti, mentre si sono contate 12 sanzioni amministrative, 260 accertamenti anagrafici; due le strutture edili abusive sequestrate (con la denuncia di nove persone) e quattro i cani randagi ricoverati (insieme alla Asl) presso il canile convenzionato. «Obiettivo essenziale del Comando, nonostante la scarsità di risorse e di uomini, è quello di fare la propria parte per

Dalla Regione 400mila € e 100mila dal Comune di Rocco Merenda

Il tenente Bruno Manco

garantire l'ordine e la sicurezza della civile convivenza», afferma Manco di certo consapevole delle critiche ("ma anche dei plausi") ricevute in merito alle modifiche sulla segnaletica stradale elaborate insieme all'Ufficio tecnico comunale. Il comandante rivolge, inoltre, un "ringraziamento particolare" ai ragazzi della Protezione civile, ai carabinieri di Alezio, "con i quali c'è una collaborazione invidiabile", nonchè al Corpo forestale ed all'Asl di Gallipoli.

Cantautori e band in gara sul web per Roma

Toro, De Santis e Resina Prove tecniche Parcheggi, fotovoltaico e molto altro di Primo maggio

Novità al mercato

Entro un anno l’attuale areamercato di via Pertini potrà cambiare completamente aspetto. In seguito alla predisposizione di un progetto dell’ufficio Tecnico comunale riguardante opere di urbanizzazione primaria e secondaria in zona Peep, Alezio ha ottenuto un finanziamento di 400mila euro (il massimo possibile) dalla Regione Puglia, (ai quali se ne aggiungeranno altri 100mila di cofinanziamento comunale), in una graduatoria regionale che la vede al quinto posto tra i Comuni della provincia. Il progetto prevede, in una prima area, la realizzazione di parcheggi con copertura L'area mercatale di via Pertini fotovoltaica (per l’illuminazione della zona), di una vasca di accumulo di acqua piovana (per l’irrigazione del verde Saranno risolti anche circostante), di marciapiedi e vari accorgimenti per risolvere i problemi causati i problemi di allagamento che dall'acqua piovana si verificano periodicamente nell'area. In una seconda zona, proprio di fronte alla palazzina Iacp, verrà realizzata una piaz- bar, orti didattici e dei bagni zetta per consentire maggiore pubblici al posto degli attuali spazio alle bancarelle nei giorni bagni chimici. «In fase di progetto esecudi mercato, un chiosco da affidare in gestione, un’area attrez- tivo potremo essere più precisi, zata con tavolini per il servizio tenendo conto che, anche se le

CLICK 25 ANNI DI BOLINA É festa nell'azienda vinicola "Rosa del golfo" per i 25 anni del "Bolina", il bianco più noto ed apprezzato delle cantine della famiglia Calò. A giugno è in programma una festa per celebrare l'anniversario. L'azienda nasce circa due secoli fa e tra i suoi vini più famosi vi sono anche il Vigna Mazzi, il Primitivo, il Portulano oltre a Rosa del Golfo e, per l'appunto, al Bolina, frutto di un vitigno autoctono salentino (la Verdeca).

opere ricadono in gran parte in territorio comunale, bisognerà comunque acquisire aree appartenenti a privati cittadini», afferma il sindaco Vincenzo Romano. Circa i tempi di realizzazione, l'architetto Massimo Guerrieri, responsabile dell'ufficio Tecnico comunale, si dice fiducioso: «La Regione sta procedendo in maniera solerte per cui ritengo che potremmo concludere tutto al massimo nell’arco di un anno».

CAMBIO DI STAGIONE ALLE "MACARE" “Cambio di stagione” il 24 marzo presso il ristorante “Le Macàre”. La primavera verrà accolta dagli scatti fotografici di Lorenzo Papadia e dai dipinti di Antonio Massari e Francesco Sisinni. Durante la serata (dalle 19.30) si potranno gustare gli aperitivi tematici. La partecipazione all'evento e gratuita e aperta al pubblico. Al termine del progetto (il 21 settembre), le 12 opere giudicate migliori daranno vita a un calendario. STUDENTI "IN ACQUA" Piccoli nuotatori protagonisti del progetto “Pesciolini in acqua”. Fino a maggio sono coinvolte le classi a tempo pieno della Primaria con i corsi di nuoto che si terranno presso il centro “Stella Azzura” di Taviano Taviano. «Il progetto ha lo scopo di contribuire alla crescita armonica dei nostri alunni grazie all'impegno delle docenti», afferma la preside Sabrina Stifanelli. NUOVO SITO PER IL COMUNE Dovrebbe essere pronto a fine marzo il nuovo sito Internet istituzionale del Comune. La ditta incaricata della sua realizzazione (e gestione per un anno) è la Cliocom che già cura il sistema informatico Rupar. Nel frattempo hanno continuato a funzionare sia l'Albo pretorio sia la sezione "Trasparenza".

di Nicolas Pisanello

I Toromeccanica (foto in basso al centro) al concertone del Primo Maggio? Un evento possibile visto che la band aletina risulta tra le prime più votate nel concorso “1MFestival” dove oltre 800 artisti (dei quali 80 pugliesi) si contendono i sei "pass" per il palco di piazza San Giovanni a Roma. Con gli oltre 3mila voti raccolti, i Toro avrebbero, infatti, ottime possibilità di piazzarsi tra i 48 gruppi che accederanno all'ultima fase del concorso. «Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto e speriamo che questo sogno possa continuare e magari portarci a Roma. Ringraziamo quanti ci hanno sostenuto e continuano a farlo come gli amministratori della pagina Facebook “Ammiratori Toromeccanica fanspage”», afferma il chitarrista della band, Matteo Tornesello. La band, composta anche da Iulo Merenda, Gianpiero Della Torre, Mauro Levantaci (di Tuglie Tuglie) e Giorgio Maruccia di Castrignano dei Greci, ha gareggiato in compagnia di altri “colleghi” salentini quali il cantautore Mino De Santis di Tuglie (in alto), Resina Sonora di Taviano Taviano, Camden Trio di Racale, Calanti di Ugento (qui accanto), RiRacale no's Garden di Taurisano Taurisano, Jack in the Head, La mente, Crifiu, Benerika, Le menti fam, Mama ska, Max Vigneri, Meet Jah, Messapya, Ninfa Giannuzzi e Gloria Arnesano.

Iniziativa in rosa del tiro a segno. Di Parabita la vincitrice

8 Marzo, qui si spara Donne in armi nel giorno della loro festa. La sezione di "Tiro a segno" ha, infatti, organizzato una sfida (con il tiro a dieci colpi) esclusivamente al femminile. Ben 39 le partecipanti, provenienti anche da Sannicola, Gallipoli, Casarano, Matino, Melissano, Alliste, Ugento, Taviano e Parabita. Di quest'ultimo paese è rabita la vincitrice Monia De Simone (nella foto tra il sindaco Romano, il presidente Stanca e l'assessore Paola De Mitri) mentre al secondo posto si è piazzata l'aletina Valeria Blanco ed al terzo Maria Grazia Fasiello di Vernole. Quasi tutte le tiratrici erano alla loro prima esperienza ma nonostante ciò hanno raggiunto dei buoni punteggi. «Credevo fosse uno sport pericoloso, ma mi sono ricreduta, ci vuole solo del buon

senso nel maneggiare un'arma», hanno affermato, entusiaste, alcune partecipanti. Il presidente di sezione Claudio Stanca si è detto soddisfatto per il numero di partecipanti e per la buona riuscita dell'evento. NP


SANNICOLA 21 marzo - 3 aprile 2013

Pag. 9

Per gli "Oscar Tv" della Rai Nuovi personaggi in paese slittamento causa Papa ma presto andranno in fumo L’elezione del nuovo Papa, rivoluzionando il palinsesto, ha rinviato al 27 marzo il 53˚ "Premio regia televisiva" (ovvero gli "Oscar tv") che sarebbe dovuto andare in onda, in diretta, proprio lo scorso 13 marzo. La lavorazione del programma è frutto della "Nibbio Produzioni" di Nello Marti (foto), il produttore tv di Sannicola, e coinvolge, a vario titolo, Gianluca Minerva, Alessandro Tanasi, Luciano Ciricugno e Viviana Scorrano, tutti di Sannicola, con il direttore di produzione che è Beatrice Esposito, di Gallipoli Alezio), la segretaria (ma vive ad Alezio responsabile dell’ufficio pubbliche relazioni Valentina Margiotta di Lecce e il responsabile della logistica Fabio Bolognese di Alezio della società "Viaggi Bolognese". «Si tratta di un lavoro enorme. Gestiamo 380 persone – conferma Nello Marti – tra artisti e staff

e tutto nasce dall’ufficio di Sannicola». Autrice e capoprogetto è Patrizia Bulgari mentre l’Orchestra di Terra d’Otranto cura le musiche. «Si tratta di una colonizzazione al contrario perchè – afferma ancora il produttore televisivo – partiamo dal sud e portiamo le nostre professionalità e competenze a Sanremo e nei grandi eventi di Rai1. Spesso lì incrociamo qualche sguardo di incredulità, si chiedono come mai dal profondo sud, nascano progetti così importanti che potrebbero essere gestiti più facilmente da Milano o da Roma». Nella giuria del 53˚ "Premio regia televisiva" troviamo Renzo Arbore, Marco Baldini, Umberto Brindani, Umberto Brindani, Piera Detassis, Giorgio Forattini, Silvana Giacobini, Carlo Verdone, Edoardo Vianello, Maria Volpe e Gigi Vesigna. MCT Daniele Piombi è creatore e patron.

In attesa della Pasqua, ed ancor prima della domenica delle Palme, Sannicola è invasa da Caremme di ogni fattura. Dalle più tradizionali, come quelle di piazza San Biagio o di via Collina e via Togliatti (angolo via Sferracavalli), alle più spiritose come quella di via San Simone a bordo di uno skate, alle più scenografiche come quella del Calvario, addirittura a quelle meccaniche che si muovono lavando i panni come in via Roma. Per le iscrizioni al concorso organizzato dall’amministrazione comunale c'è tempo sino al 22 marzo. Le categorie in concorso sono: la più tradizionale, la più ecosostenibile (realizzata con materiali biodegradabili e naturali), la più originale e la più attuale (ovvero ispirata ai fatti di cronoca). Lo scorso anno sono state premiate la “più artistica”, del Calva-

Le "Caremme" di via Regina Elena

rio realizzata da Stefania Mega, la più “trendy”, congegnata dalla Fidas e da Masha Portone, la “più tradizionale” ad opera di Ines Scorrano e la “più impegnata” realizzata da Denis De Matteis. Quest’anno si vota compilando una scheda

Nel progetto realizzato da 120mila €, disegni d'autore di scene fiabesche di Maria Cristina Talà

L'asilo nido intercomunale di via delle Viole sarà presto affidato in gestione con il bando attualmente attivo e potrà finalmente essere utilizzato dagli utenti non solo di Sannicola, ma di tutti i paesi dell’ambito sociale di Gallipoli che comprende anche Tuglie, Alezio, Alliste, Melissano, Racale e Taviano. Taviano «Un servizio – afferma l’assessore comunale ai Servizi sociali Danilo Scorrano - che garantisce alle donne che lavorano l'opportunità di conciliare i loro vari impegni avvalendosi di una struttura attrezzata e di alta qualità curata nei particolari». Per rendere l'asilo ancora più accogliente sarà l'illustratore di "Smemoranda" Fabio De Donno (di Sannicola) a colorare gli ambienti ricorrendo ai personaggi delle fiabe. La struttura è stata completamente rinnovata con un progetto da 120mila euro (finanziato a metà tra Regione e Comune). Il gestore che si aggiudicherà la gara pubblica potrà offrire servizi aggiuntivi per la prima infanzia e ottimizzare al massimo l'utilizzo degli spazi per rendere

Asilo, gara per la gestione La struttura al servizio dei comuni del distretto San Mauro si svela: alla luce nuovi affreschi

L'asilo nido di via delle Viole

Il restauro condotto di recente ha permesso di portare alla luce un nuovo ciclo di affreschi nell'abbazia di San Mauro (foto). I risultati del lavoro sono stati illustrati nel volume curato da Sergio Ortese appena presentato. L'Amministrazione comunale conta di riaprire la chiesetta entro l'estate.

Dopo l'ultimo scontro mortale, torna alla ribalta un vecchio problema

Incidenti e cadute, che via L’ultimo incidente dello scorso 18 gennaio è costato la vita (dopo quasi due mesi di agonia) al 63enne di Gallipoli Salvatore Sansò il cui Ape car si era scontrato con una Scenic. Tre anni fa, a perdere la vita sulla Provinciale che collega Chiesanuova a Gallipoli fu il 70enne Ugo Minerva travolto in pieno centro mentre percorreva una tratto di strada privo di marciapiede. Non si contano, poi, altri incidenti anche con feriti gravi. «La pericolosità della strada è simile a tutte le altre provinciali che si immettono nel centro abitato. Per esperienza – afferma il comandante dei vigili urbani Elena Marti - posso affermare che il pericolo maggiore è l’imprudenza e la troppa sicurezza di sé e soprattutto la forte velocità. Tuttavia, di recente abbiamo rilevato la velocità con autovelox e, in 6 ore, abbiamo elevato solo due verbali per velocità di poco superiori alla legge. La soluzione non è facile e comunque la strada è Provinciale».

La Provinciale nel tratto Chiesanuova - Gallipoli

I cittadini di Chiesanuova segnalano da tempo il problema: «I pedoni sono in serio pericolo per le tante buche e i dislivelli ed anche perchè gli automobilisti non rispettano le strisce pedonali. Inoltre il muretto del ponte della ferrovia è troppo basso e non c’è marciapiede». MCT

la struttura sostenibile dal punto di vista economico. «Il nido rappresenta anche un'opportunità di lavoro per le figure professionali previste per la sua gestione. Le famiglie avranno, inoltre, un

sostegno per il pagamento della retta in quanto la nostra struttura rientrerà tra quelle regolarmente autorizzate e facenti parte dell'elenco ufficiale della Regione Puglia», conclude l'assessore.

L'argento addosso Ancora un successo per Anselmo De Filippo (nella foto accanto al consigliere nazionale ed ex maratoneta Giacomo Leone) che ai recenti campionati nazionali italiani di Ancona ha ottenuto l'argento sui 3000 metri indoor nella categoria Master 65. «É stata un’esperienza emozionante, come e più di ogni altra volta. Il risultato è ottimo - afferma l'atleta della Podistica Tuglie - e sono pienamente soddisfatto. L’unico in grado di precedermi, Dario Rappo di Vicenza, è entrato solo quest’anno nella categoria ed ha meritato di vincere. Avremo, tuttavia, occasione di rincontrarci». Lo scorso anno De Filippo venne "beffato" nella stessa manifestazione da un atelta che, seppur giunto in ritardo, era sta-

to premiato con l'oro a causa di un pasticcio burocratico-sportivo ancora da chiarire. MCT

cartacea presso la biblioteca indicando numero e categoria della caremma oppure via mail a comunicazione@comune.sannicola.le.it o ancora tramite messaggio di posta sulla pagina facebook “Comune Sannicola”. MCT

Concorso contestato: gli sviluppi Tra concorrenti sospettosi (uno aveva accusato un altro di stare copiando, con conseguente denuncia e col Comune che si è costituito come parte offesa) e concorrenti riammessi dal Tribunale amministrativo regionale di Lecce (tre tecnici laureati esclusi per una errata valutazione del loro titolo di studi), il concorso per reclutare un tecnico da inserire nell'Uficio Lavori pubblici sembra - al momento - aver trovato un assetto operativo. La vincitrice, l'ingegnere Luana Greco, si era dimessa per trasferirsi presso il Comune di Nociglia. Ma con Sannicola ha accettato di mantenere un rapporto di collaborazione di 12 ore settimanali. L'Amministrazione glielo aveva proposto in virtù delle sue qualità professionali.


NUMERI UTILI: Carabinieri: 0833 865010 Guardia medica: 0833 867190 Municipio: 0833 865053; Sito ufficiale: www.comune. galatone.le.it;e-mail: info@comune.galatone. le.it; Polizia municipale 0833 865028 Servizi sociali: 0833 880022

GALATONE 21 marzo - 3 aprile 2013

Pag. 10

Pronti i gruppi di musicanti per diffondere i canti e raccogliere viveri. Fino al culmine della Resurrezione

Da S. Lazzaru e "Lu sparu ti lu pannu"

La Compagnia Santu Luca nel Santu Lazzaru

Sostieni il servizio che diamo a questa terra

Tutto pronto in città per i tradizionali riti degli ultimi giorni di Quaresima e della Settimana santa. Alcuni sembrano tramontati ma tra quelli che resistono c'è sempre il canto di passione del “Santu Lazzaru” con i vari gruppi (foto) che continuano a ritrovarsi nottetempo, a partire dalla quinta domenica di Quaresima sino al venerdì che precede la domenica delle Palme, con fisarmoniche e tamburelli. E mentre alcuni cantano e suonano i tradizionali strumenti della musica popolare salentina, altri bussano alle porte dei galatei per chiedere loro offerte o alimenti da destinare alle famiglie meno abbienti del paese. Così, dall’interno delle proprie case, udito il richiamo del canto dialettale, in molti si affaccianno sull’uscio per contribuire alla giusta causa. Tradizione totalmente scomparsa, invece, quella dei “panarini”, ossia dei piccoli manufatti magistralmente realizzati intrecciando le foglie di palma attorno a dei cioccolatini da consumare il giorno di pasquetta; potevano essere acquistati ogni anno, nel giorno della domenica

delle Palme, in piazza Crocifisso. A bloccare la tradizione, in questo caso, la recente normativa in materia di igiene: per lo stesso motivo, oggi sono introvabili anche le piccole croci realizzate con le stesse foglie, un tempo in sostituzione dei ramoscelli d’ulivo. Ma il giorno dopo la tradizionale processione dei Misteri e di Gesù Morto, che si snoda nella serata del Venerdì santo dalla chiesa di Sant’Antonio in pizza Costadura, continua a vivere il rituale de “Lu sparu ti lu pannu”. La notte di Pasqua, infatti, nella chiesa Madre situata nel cuore del borgo antico, gli occhi dei fedeli sono puntati verso l’abside, dove, proprio nel momento in cui si annunzia la Resurrezione di Cristo, con una tecnica che resta tuttora patrimonio di pochi (i quali per nulla al mondo intendono svelarla dettagliatamente), viene in un batter d’occhio tolto un telo bianco posto precedentemente davanti alla statua di Gesù Risorto, collocata sulla balaustrata posteriormente all’altare centrale, a simboleggiare la vittoria del Creatore sull'oscurità e la morte. DC

Uova pasquali ai ricoverati

"Bimbulanza" i commercianti per i piccoli

I volontari di "Doniamo un sorriso" in piazza Pertini

Approvato il progetto del Comune. Via alla riqualificazione entro i prossimi sessanta giorni di Silvia Resta

Al via i lavori per la riqualificazione dell’ex cinema Minerva grazie ai fondi del bando regionale previsto per le opere di urbanizzazione. Il vecchio stabile, ora di proprietà del Comune, è destinato ad accogliere una struttura da adibire a servizi culturali, sociali e ricreativi, con una capienza complessiva di 260 posti. «Entro i prossimi sessanta giorni – spiega l’architetto Mauro Bolognese dell’ufficio Lavori Pubblici, responsabile del procedimento – inizieranno i lavori di riqualificazione, che dovranno poi essere conclusi nell’arco di un anno. La spesa prevista ammonta in totale a 540mila euro, di cui 400mila reperiti grazie ad un finanziamento regionale e 140mila da fondi propri di Bilancio, mediante contrazione di mutuo con la Cassa depositi e prestiti». Il finanziamento regionale è un cosiddetto “fondo speciale

Per il vecchio cinema 400mila € dalla Regione di rotazione”, un finanziamento previsto per l’attivazione di un programma destinato ad interventi di recupero, riqualificazione, ampliamento o nuova realizzazione di opere di urbanizzazione, restituibile in rate semestrali in dieci anni. La documentazione regionale di ammissione a tale finanziamento è pervenuta in Comune il 6 marzo scorso. «Detta comunicazione fissa tempi certi e ristretti per la consegna del progetto esecutivo approvato, nonché l’avvio di ogni connessa attività legata alla cantierizzazione dell’opera ed all’esecuzione della stessa», si legge nella delibera del 14

L'ex cinema Minerva chiuso nel 1988

marzo con la quale la Giunta guidata da Livio Nisi (foto) da il via libera al progetto esecutivo dell'opera. Il vecchio cinema (utilizzato sino al febbraio del 1988), sito nel centro storico del paese, in via Armando Diaz, è stato la storica sede del cinema Minerva (ex cinema Vaglio) venduto poi a società di paesi limitrofi (AraMelissano). deo e Melissano Oggi, dopo tanti anni di abbandono, avrà quindi nuova luce e nuova destinazione. Ed è un recupero importante sia per la valorizzazione e il recupero del centro storico cittadino, sia perché in questo modo si restituisce allo storico edificio la funzionalità e la fruibilità di un tempo, per troppi anni negatagli.

"Doniamo un sorriso” è stata l'iniziativa benefica organizzata nei giorni scorsi dall’Unione commercianti di Galatone e dall’associazione “Cuore e mani aperte verso chi soffre onlus” con il patrocinio del Comune. «La giornata è andata molto bene e ha superato le nostre aspettative. In piazza Pertini il carico di uova è stato fatto fuori in poco tempo», afferma Serena Cirignaco, tra i giovani organizzatori dell’evento. Acquistando un uovo di Pasqua, difatti, si poteva contribuire alle tante nobili iniziative messe in programma dai volontari della onlus che ha come obiettivo quello di alleviare la sofferenza degli infermi costretti tra le stanze del “Vito Fazzi” di Lecce oppure in quelle degli ospedali di Casarano e Gallipoli. Gallipoli Di recente, l’associazione ha anche provveduto all’acquisto di una bimbulanza, ovvero un’autoambulanza coloratissima e a misura di bimbo, e ad inaugurare (qualche anno fa) una foresteria che accoglie i parenti dei degenti residenti lontano da Lecce. Per portare allegria e colorare la giornata, sebbene il freddo ed un leggero vento, c’è stato il “trenino più lungo del mondo”, che ha conquistato tutti i bambini (e non solo) ed un gruppo di vivacissimi clown che ha animato instancabilmente la festa di beneficenza. E poi due ospiti d’onore per la gioia dei più piccoli: Minnie e Topolino, direttamente dal fantastico mondo Disney. DC

Fra tre settimane spariranno i cassonetti; il ritardo causato da "problemi tecnici". Slittate le giornate di sensibilizzazione

Differenziata, a metà mese il nuovo servizio Seppur con qualche settimana di ritardo rispetto alla tabella di marcia prevista in partenza, la distribuzione porta a porta dei bidoncini per la raccolta differenziata è ufficialmente iniziata. Presto tutte le famiglie di Galatone avranno finalmente a disposizione i quattro bidoncini previsti per la raccolta, e a conclusione di questo periodo inizierà il servizio di raccolta porta a porta. «Il progetto partirà orientativamente entro la prima metà del mese prossimo – spiega Michele Caputo dell’ufficio Ambiente – e contemporaneamente ci sarà la rimozione definitiva dei cassonetti situati nelle vie del paese». Da quel momento infatti non sarà più possibile conferire i propri rifiuti in generici cassonetti, ma si dovrà perentoriamente seguire il calendario previsto per la raccolta dei materiali differenziati. Riguardo ai motivi del ritardo "ci sono stati problemi di natura strettamente tecnica (tempi di consegna delle gare d’appalto onli-

ne, maltempo, trasporti) – continua – ma da oggi in poi non dovrebbero esserci più rallentamenti e problemi». Le giornate di sensibilizzazione e di verifica delle attività, slittate anch’esse, saranno ora riproposte conseguentemente all’inizio del servizio. Come ci conferma anche l’assessore all’Ambiente Ivan Roseto «sono già in programma una Giornata Ecologica, che si svolgerà orientativamente dopo quindici giorni dall’inizio del servizio, e una Giornata di verifica delle attività, prevista dopo circa un mese». Parallelamente al servizio di raccolta porta a porta è prevista inoltre la costruzione di un Ecocentro, un luogo dove poter andare personalmente a conferire il materiale differenziato, nonché la possibilità di prenotare in comodato d’uso gratuito una compostiera da utilizzare per lo smaltimento dei rifiuti organici. SR

La città senza segreti con "Galatone in tasca" È stata presentata di recente la nuova edizione di “Galatone in tasca”, la guida turistica della città stampata in un formato realmente tascabile, pratico e colmo di storia e curiosità. Il progetto ha avuto inizio in virtù dell’indagine effettuata dall’ufficio di informazione turistica della Pro loco che ha potuto verificare un sempre crescente incremento nel numero dei turisti soprattutto nel periodo estivo. L’opuscolo offre una mappa del paese, ma anche

I nuovi bidoncini della raccolta differenziata

foto, notizie logistiche, date e appuntamenti civili e religiosi; ricette di piatti tipici ed ancora numeri, indirizzi e siti utili. Frutto di un protocollo d’intesa tra il Comune e la Pro loco, “Galatone in tasca” è stato curato interamente da Giuseppe Resta (foto), architetto ed esperto di storia; la traduzione dei testi in lingua tedesca è stata realizzata da Annamaria Pisanelli, mentre quella in lingua inglese da Rita Migali.


Galatone

21 marzo - 3 aprile 2013 FESTA DELLA DONNA ALl’INTER CLUB L’inter club (foto) festeggia la donna domenica 24 marzo (alle ore 17,30) presso il centro “Massimo Vitaliano” di via Cairoli. Verrà proposto

lo spettacolo “Finché morte non ci separi” con la compagnia “Civico 20”. La manifestazione, giunta alla 21ª edizione, vedrà l’assegnazione di due borse di studio in memoria di Dino Cosma a due scolari delle classi

quinte dei poli didattici premiati per i loro elaborati sul ruolo della donna nella società. Durante la serata presentata da Linda Zizzari, interverrà anche Mario Corso, vecchia gloria dell’Inter.

11

di Daniele Colitta

Il record, la festa in piazza e la partenza per Roma. Daniele Greco, dopo aver festeggiato insieme alla sua città la medaglia d’oro degli Europei indoor di Goteborg (ed il primato personale a soli tre centimetri da quello nazionale), saluta il Salento diretto verso Castelporziano, nel romano, dove potrà essere seguito dai tecnici federali e preparare al meglio i prossimi impegni cullando il nuovo sogno olimpico di Rio de Janeiro 2016. Accanto a lui avrà non solo Matino), Raimondo Orsini (di Matino l’ex ostacolista delle “Fiamme gialle” che ha creato il fenomeno Greco seguendolo da ben dieci anni, ma anche Roberto Pericoli, l’allenatore del primatista italiano Fabrizio Donato. Un passo in qualche modo “obbligato”, in vista dei prossimi prestigiosi obiettivi, ma anche un segno eloquente della “sofferenza” delle strutture locali nel sostenere campioni del suo livello, e non solo. «Spero che le istituzioni si muovano non tanto per me - ha affermato Greco - quanto per chi voglia diventare atleta. Dovrebbe esserci un impianto pronto a garantire un posto adatto agli allenamenti delle nuove leve. Per me sarà difficile ritornare a Galatone o a Taviano visto che la Federazione sta investendo tanto su di me». La nuova fase della preparazione atletica, in ogni caso, inizierà solo dopo il recupero da alcuni recenti infortuni che hanno particolarmente interessato una caviglia.

Il salto “d’oro” agli Europei. Accanto la festa al suo ritorno a Galatone con la torta da record mondiale

Dopo l’oro Greco si allenerà lontano

Supersalto triplo, ma verso Roma Nei giorni scorsi l’atleta 24enne è stato visitato da Franco Combi, responsabile dello staff medico dell’Inter, e solo dopo un’altra consulenza presso il centro medico sportivo dell’Acquacetosa a Roma potrà rimettere le scarpette chiodate. La punta di diamante dell’atletica italiana è quasi pronta per affrontare con tenacia e determi-

Dalle indagini sviluppi allarmanti sulla ferocia delle gang

Spari e non per caso Avrebbe sparato con la fredda determinazione di ferire, il rapinatore all’opera nella rapina compiuta nelle scorse settimane presso Gallipoli. la braceria “Gustavo” sulla strada per Gallipoli L’inquietante risvolto è venuto alla luce in seguito all’ascolto dei testimoni compiuto dagli inquirenti: lo sparo di fucile verso il pavimento non sarebbe “sfuggito” ad una mano nervosa ma sarebbe stata la reazione “calcolata” a qualche (seppur timido) segnale di reazione dei clienti. Se il più giovane dei due rapinatori, armato di pistola, sarebbe, infatti, apparso “incerto ed insicuro”, l’altro, rimasto fermo sulla porta del locale imbracciando un fucile, sembrava molto sicuro di sé, tanto da valutare con precisione la direzione della rosa dei pallini. Nella circostanza furono feriti tre neretini seduti ad un tavolo: le schegge dei pallini li colpirono solo di striscio. L’allarme creato da questo e da altri tre colpi messi a segno nel giro di pochi giorni portò il sindaco Livio Nisi a contattare questura e prefettura per allestire una linea comune.

nazione la prossima sfida, quella rappresentata dai campionati mondiali di atletica previsti dal 10 al 18 agosto prossimi a Mosca. Intanto, rimarrà a lungo nei ricordi di tutti la grande festa in piazza Crocefisso che Galatone ha riservato al triplistapolizziotto. Per lui una torta da 18 metri e 30 centimetri, con

un Greco in pasta di zucchero, di buon auspicio addirittura in prospettiva di un primato mondiale, preparata, per l’occasione, da alcune pasticcerie della città (Garden Bar, Europa, Bar Stop e Bove). «Daniele è un atleta di cristallo, deve dosare le sue forze ma può fare cose straordinarie», ha affermato Orsini.

Marco Giglio e Christian Spagna conquistano la fase nazionale di Riccione

Adriatika, un mare di medaglie Ancora un successo per la società sportiva “Adriatica nuoto” (foto) che con sette atleti ha monipolizzato le recenti finali regionali indoor di Modugno. Grazie agli ottimi risultati conseguiti, Marco Giglio e Christian Spagna hanno, tra l’altro, conquistato l’accesso alle fasi nazionali giovanili di Riccione per le “Primaverili”. Tre sono stati i podi conquistati dal sedicenne Giglio che nella categoria “Ragazzi - terzo anno”, dopo il quinto posto nei “100 stile”, ha ottenuto anche il bronzo nei “50 stile” e l’argento nei “100 rana”, vincendo, infine, i “200 misti” davanti ai favoriti baresi e brindisini. Nei “100 rana”, lo stesso galatonese, insieme al vincitore Andrea Castello, ha battuto anche il record regionale di categoria dell’ex campione europeo giovanile Fernando Mazzotta che resisteva da diversi anni. Spagna ha vinto, invece, l’oro nei 100 e nei “200 dorso” con il bronzo nei “200 misti”. Di rilievo anche l’oro di Federica Giglio (sorella di Marco) nei “100 rana” insieme all’argento nei 200 ed al bronzo nei “400 misti”;

Punti per la sosta e la fornitura di alimenti approvati dalla Giunta comunale

bronzo per Benedetta Zuccalà nei 100 e quarto posto nei “50 dorso” juniores mentre Alessia Renna è bronzo nei 200 dorso tra i cadetti. Nel team anche Simone Epifani e Amedeo D’Ospina. Soddisfazione per i risultati conseguiti è stata espressa dal tecnico Antonio Verri e dal presidente Joselito Gargasole.

I militanti delle associazioni sportive nell’album

Alla Montagna spaccata tre “ristori” Una figurina per tutti La Giunta comunale ha approvato anche quest’anno, con una recente delibera, le procedure per la valorizzazione del tratto costiero del territorio comunale (nella foto località La Reggia). Tre punti di ristoro troveranno posto, “a titolo sperimentale”, lungo il litorale ionico: si tratta “esclusivamente” di automarket attrezzati da 50 metri quadrati ognuno da occupare, per la sosta e la somministrazione, nel periodo da giugno a settembre. Gli interessati potranno presentare istanza all’ufficio Attività produttive del Comune: verrà, comunque, data precedenza a coloro che sono stati autorizzati l’anno precedente.

I posti saranno assegnati secondo l’ordine cronologico di presentazione dell’istanza. Gli assegnatari, cui sarà rilasciata apposita autorizzazione a titolo provvisorio e sperimentale, dovranno versare, a titolo di “ristoro ambientale” un importo che quest’anno ammonta a 2.000 euro. La Giunta comunale ha fornito “atto di indirizzo” all’ufficio preposto affinchè venga messa in atto “ogni iniziativa volta a consentire uno sviluppo armonico ed ecocompatibile del turismo balneare”. L’esigenza di valorizzare il tratto di costa in questione nasce dalla constatazione del “notevole flusso turistico” presente. SR

“Tutticampioni” è il nome dell’album di figurine realizzato dall’associazione “Soqquadro” per conto dell’Amministrazione comunale di Galatone. Si tratta di una raccolta di figurine con le facce degli “atleti” in erba e degli esponenti delle prime squadre di sei società sportive che agiscono sul territorio. Al progetto, presentato nei giorni scorsi presso la Sala consiliare, partecipano la Galatea volley, l’Asd Città di Galatone, l’Atletica galatea, l’Unione sportiva Galatone, il Combat Panter club e gli Amatori calcio. Con le foto a cura di Biagino Papa e la progettazione grafica di Francesco Arnesano di “Soqquadro”, la creazione dell’album mira anche a promuovere “uno spirito di appartenenza alla cittadinanza”, come spiegato dall’assessore allo Sport Aurelio Colazzo. «É un progetto a costo zero che auspica la socializzazione dei ragazzi attraverso lo scambio delle figurine con le loro stesse facce; sono soddisfatto per la spiccata partecipazione, che mi auguro si allargherà l’anno prossimo» AG

“TUTTICAMPIONI” Francesco Arnesano, foto accanto, ha curato la progettazione grafica dell’album. In alto atleti e amministratori nella Sala consiliare . Al progetto hanno aderito sei associazioni sportive della città . Le foto sono a cura di Biagino Papa


NUMERI UTILI Centro Prelievi: mercoledì 7,45-10 Guardia medica: 0833 596663 Municipio: 0833 596521 fax 0833 597124 Sito ufficiale: www.comune.tuglie.le.it; E-mail: comune.tuglie@pec.rupar. puglia.it; Polizia municipale: 0833 597644 Ufficio postale: 0833 596849

TUGLIE

Segnalate i vostri eventi A pag. 31 tutti i recapiti utili

Pag. 12

21 marzo - 3 aprile 2013

L'apertura col Treno storico

Dalla Regione 320mila € . Nel progetto strade, marciapiedi, ampliamento della pista ciclopedonale

Montegrappa, altri soldi da Bari Nuove opere in vista per Montegrappa. Nelle scorse settimane, è stata pubblicata dalla Regione Puglia la graduatoria che ammette a finanziamento il progetto redatto dall’ufficio tecnico comunale per il recupero, la riqualificazione e il completamento delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria a servizio del piano di zona per l’edilizia economica e popolare in località Montegrappa. Con il progetto definitivo dell’importo di 400mila euro (320mila euro a carico della Regione) il Comune intende completare l’area esterna di pertinenza del centro culturale polifunzionale e delle due aree a verde di corso Cesare Vergine e via Salvo D’Acquisto; ristrutturare la strada e i marciapiedi su via Salvo D’Acquisto ed ampliare la pista ciclabile con la connessione tra corso Cesare Vergine e la zona 167; realizzare infrastrutture di raccolta, trattamento e smal-

OPERE PER 400MILA EURO In alto corso Cesare Vergine che conduce a Montegrappa e accanto la zona 167: tanti gli interventi previsti

timento delle acque piovane; adeguare la pubblica illuminazione delle due aree a verde attrezzato; realizzare un efficientamento energetico (solare termico) dell’impianto di riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria del centro culturale polifunzionale con funzioni di mediateca, ludoteca e segretariato sociale per la fruizione di documenti cartacei e multimediali con annesso teatro stabile per la realizzazione di eventi teatrali e convegni; installare, nelle due aree a verde attrezzato, dei contenitori (isole ecologiche) per la raccolta differenziata dei rifiuti; installare panchine, cestini, portabiciclette e giochi per bambini. Il progetto aggiunge un importante tassello alle opere pubbliche già avviate con lo stesso centro polifunzionale, la rotatoria sulla strada provinciale per Neviano ed il basolato tra la chiesa di San Giuseppe e il Museo della radio. GP

Il programma dell'Annunziata Vigilia di corsa

La processione dell'Annunziata (foto Luigi Mighali)

Festa in piazza la sera di Pasqua: attorno al grande rogo la Quaresima che finalmente finisce di Gianpiero Pisanello

Migliaia di visitatori, da ogni parte del Salento, per una serata all’insegna della tradizione e dell’allegria. A portarli a Tuglie la curiosità per un concorso originale: quello della Caremma, ideato per la prima volta nove anni fa da Antonio Muscatello con l’associazione culturale Ekagra. È la stessa associazione, oggi presieduta da Oliviero Calò, in collaborazione con la Ss. Annunziata onlus, presieduta da Giuseppe De Santis, a rinvigorire questo concorso che si conclude il 31 marzo, nel giorno di Pasqua, nel piazzale Matteotti (nei pressi dell’ufficio postale). Per la nona edizione de “La Notte della Caremma”, quest’anno vi sono in lizza 35 fantocci, alcuni delle quali realizzati a Sannicola, Parabita, Taviano e Gallipoli. Il programma prevede che nel primo pomeriggio della domenica tutte le Caremme vengano prelevate dalle singole abitazioni con un corteo molto folcloristico, animato dagli stessi volontari delle due associazioni.

Notte delle caremme tra premi e canzoni In gara 35 fantocci realizzati anche nei centri vicini

In serata, intorno alle 20, ha inizio la premiazione delle rispettive categorie alla presenza del sindaco Daniele Ria e del presidente della provincia Antonio Gabellone. Subito dopo il grande falò "purificatore" con il quale si danno alle fiamme tutti i fantocci. Mentre il fuoco arde, inizia la serata di spettacolo con il cabarettista Ciakky, la show girl Federica, il mago Joker (dal programma di Rai Uno “Ti lascio una canzone”) e il piccolo Ascanio. Ospite della serata è uno dei protagonisti del programma di Canale 5 “Italia’s Got Talent” Bruno Orlando, i cui video su Internet hanno migliaia di visite, facendolo diventare in poco tempo un fenomeno della rete.

Le Caremme al rogo nell'edizione 2012. Accanto (da sinistra) Giuseppe De Santis e Oliveiro Calò, i promotori dell'evento

Ex sindaco e attivista sindacale

«L’appuntamento della festa patronale è per la comunità un momento di fede, di preghiera, di aggregazione umana, di richiamo per tutti i tugliesi vicini e lontani. Il sentimento di profonda devozione verso la Madonna Annunziata e la tradizione della festa ci spingono a valorizzare anche quest’anno i festeggiamenti religiosi e civili che siamo soliti attuare». Con queste parole il parroco don Emanuele Pasanisi e il comitato festa inviato la cittadinanza tugliese a partecipare alla ricorrenza in onore della protettrice. Posticipata a causa dei riti pasquali, la festa quest’anno si svolge dal 13 al 15 aprile. La vigilia è scandita dall’apertura ufficiale con l'arrivo (alle ore 10) del treno storico e (alle 14.30) con l’ottavo Trofeo dell’Annunziata, la gara podistica del settore giovanile organizzata dall’Asd Podistica Tuglie. Alle 20, dalla chiesa matrice, si snoda la processione con i concerti bandistici Città di Racale e "La Cittadella dei ragazzi" di Santa Caterina di Nardò. Domenica 14 è dedicata alla fiera mercato, ai concerti bandistici Città di Squinzano e Città di Francavilla Fontana. Dopo la benedizione dei campi (alle 12), ha inizio la gara pirotecnica fra la ditta Dario Angelo e Sica Luigi. Alle 20, in largo San Giuseppe, è previsto un concerto di musica leggera. Il Mercato della Nunziateddha si svolge la mattina del lunedì, allietato dal concerto bandistico Città di Racale. La festa si conclude, tra le luminarie della ditta Nuova Elettro, con un concerto di musica leggera e uno spettacolo di cabaret. GP

Petruzzi guida la Cisal

Nuovo presidente alla Fidas ora tocca a Valentina Serini

È di Tuglie il nuovo presidente provinciale della Confederazione italiana sindacati autonomi lavoratori (Cisal). Si tratta di Otello Petruzzi (foto), 80 anni ed ex Sindaco, noto per la sua attività sindacale e per l’organizzazione delle serate di liscio a Montegrappa. «La Cisal – spiega il neopresidente – è il primo sindacato autonomo in provincia con una attività che può considerarsi al livello di quella dei sindacati confederati Cgil, Cisl e Uil. In questo momento difficilissimo che sta vivendo il mondo del lavoro, la presenza del sindacato a difesa dei lavoratori è fondamentale». La Cisal, in questa delicata fase, "non cerca lo scontro con i datori di lavoro ma intende collaborare per la conservazione dei posti di lavoro in un territorio e in un periodo in cui le aziende chiudono quotidianamente, le saracinesche si abbassano e lo scontro porterebbe solo un danno maggiore". MCT

La sezione di Tuglie della Federazione italiana donatori di sangue ha un nuovo consiglio direttivo. A sceglierlo sono stati gli stessi donatori tugliesi che hanno indicato Valentina Serini (foto) quale nuovo presidente, mentre vicepresidenti sono Maurizio Romano (vicario) e Valter Giorgino con Andrea Primiceri tesoriere e Chiara Giorgino segretaria. I consiglieri sono: Antonio Antonaci, Giuseppe Fiorito, Palmira Miggiano, Rosaria Zuccaro, Lina Zuccaro, Marcella Pisanello e Marcella De Pascalis. La sezione tugliese della Fi-

das è una delle realtà associative più attive sul territorio cittadino e detiene, a livello nazionale, la percentuale più alta di donazioni in rapporto alla popolazione. L’attenzione è ora rivolta al gemellaggio del 6 e 7 aprile nel trentennale di quello stretto tra le Fidas di Vicenza e Lecce. Tuglie accoglierà la delegazione di Villaverla con la quale condividerà il momento della donazione, la visita turistica a Lecce, la cena ufficiale, la sfilata a Gallipoli con le associazioni leccesi, la messa conclusiva e la festa a Villa Tabor a Santa Caterina di Nardò. GP


NUMERI UTILI Carabinieri: 0833 593010/595790 Centro Prelievi: venerdì ore 7.45-10 Guardia medica: 0833 594389 Municipio: 0833 392311 fax 0833 593277; Sito: www.comune.parabita.le.it; E-mail: info@comune.parabita. le.it Polizia municipale: 0833 593109 Protezione civile: 0833 281293 Ufficio postale:0833 595421

PARABITA 21 marzo - 3 aprile 2013

Vieni a dire la tua su

Pag. 13

Nel rione Santa Marina e nel Centro di solidarietà

Parisi, l’“Amico” di sera ricorda la mamma

Moglie, figlia o amante: è sempre un successo

Antonio Parisi (foto) accede alla sfida serale del programma televisivo “Amici” condotto da Maria De Filippi. Al ballerino 22enne il merito di aver conquistato l’ambita fase conclusiva del “talent-show” di Canale 5 che vedrà (a partire dal 23 marzo) come capo-squadra Miguel Bosè (preferito alla salentina Emma Marrone). Davanti alle telecamere, Antonio ha ricordato i suoi genitori, in particolare la madre Maria Angela che ha definito “l’amore della mia vita”.

Prosegue la collaborazione artistica tra Michele Placido e Federica Vincenti. La coppia (66 anni lui, 29 lei), unita in matrimonio dallo scorso agosto, è stata ammirata nella fiction “Trilussa” (su Rai 1) con la Vincenti nel ruolo di una delle donne del poeta (i due nella foto sul set). Sempre di recente, la giovane parabitana, è stata “figlia” di Placido interpretando, in teatro, il personaggio di Cordelia nel “Re Lear” shakespeariano.

Anche quest’anno hanno fatto capolino in città le tradizionali Caremme a scandire il periodo che precede la Pasqua. Nel rione “Santa Marina” è stato Stefano Seclì, insieme ai residenti, ad allestirne due, con le classiche sembianze delle “comari” di paese, collocandole nel piccolo piazzale antistante la chiesetta insieme ad un cartello recante un messaggio “consolatorio” per entrambe. Anche presso la verandina del Centro di Solidarietà è apparsa la solita vecchina per far rivivere agli anziani ospiti della struttura i ricordi della loro giovinezza. Tutti i fagotti sono vestiti di nero e recano nella mano destra un filo di lana con un fuso e nella sinistra una arancia con le sette penne di gallina a rappresentare le sette settimane in preparazione alla Pasqua. Se nei tempi passati la ca-

Ecco le due caremme che aspettano Pasqua

Caremme a Santa Marina e ...

...nella Casa di solidarietà

remma veniva data alle fiamme a mezzogiorno in punto nel giorno del Sabato santo, oggi questo rito avviene la domenica di Pasqua, sempre nel medesimo orario. Un’interessante ricerca storiografica in materia

è quella condotta dal professor Aldo D’Antico inserita nell’opuscolo dell’archivio storico parabitano del marzo 2002 e pubblicata per conto del Centro di Solidarietà Madonna della Coltura. GF

400MILA EURO PER LA SCUOLA E LA PIAZZA La scuola materna di via Monsignor Fagiani: è prevista la sostituzione degli infissi così come degli impianti insieme alla sistemazione di nuovi giochi ed all’illuminazione esterna oggi assente. Interessata pure piazzetta San Pio

Altamente simbolico uno dei luoghi scelti per i Riti

La Passione rivive anche nel parco Angelica di Daniela Palma

Tanti gli appuntamenti per la Settimana santa a Parabita. Dopo la Via Crucis in piazza Regina del Cielo di venerdì 22 marzo, voluta dai padri domenicani della basilica della Coltura, guidati da padre Clemente Angiolillo, per chiudere l’ultimo venerdì di Quaresima (insieme alla parrocchia di San Giovanni Battista), la domenica delle Palme (il 24 marzo) è in programma la tradizionale benedizione dei rami d’ulivo con il corteo che partirà alle 10.30 dal cortile del Centro di solidarietà Madonna della Coltura. A celebrare il rito, don Angelo Corvo (foto). In serata, invece, ancora un appuntamento con la Via Crucis vivente organizzata, questa volta, dalla parrocchia San Giovanni Battista a Parco Angelica, con un momento di riflessione e preghiera che avrà un forte carico di significati anche perchè organizzata in un luogo fortemente simbolico.

A far entrare, poi, nel vivo della tradizione pasquale, il Giovedì santo con le messe “in cena Domini” e la visita ai Repositori allestiti nelle chiese, grandi e piccole, della città. Dalle 13 alle 15 del venerdì, invece, un momento di raccoglimento e meditazione nella chiesa Matrice, scandito dai 33 rintocchi delle campane che accompagneranno, mestamente, il momento dell’Agonia di Gesù in croce. Alle 20.30, dalla Chiesa delle Anime, partirà la solenne processione che porterà la statua funebre di Gesù e di Maria Ss. Addolorata nelle strade del paese. Ad aprire il corteo, i penitenti con le croci ed i confratelli delle Anime, del Ss. sacramento e della Beata Vergine dell’Immacolata. La gioia della domenica di Pasqua sarà salutata poi dallo sparo della Caremma, a mezzogiorno, presso il Centro di solidarietà.

CLICK VENDUTE ALL’ASTA LE DUE VESPETTE Sono state vendute al primo tentativo le due “vespette” messe all’asta dal Comune. Un appassionato di Maglie non si è fatto scappare l’occasione per portarsi a casa (a € 210,50 e € 215,50) le due Vespe 50 Piaggio (di colore blu, immatricolate nel 1995, rispettivamente con 4.368 e 1.786 km percorsi). L’amministrazione comunale aveva disposto l’alienazione dei due motocicli ormai in disuso con una base d’asta da 120 €. “NUOVALBA” IN EDICOLA Ritorna in edicola, con cadenza quadrimestrale, la rivista “NuovAlba” curata dall’associazione culturale “Progetto Parabita”. Nel primo numero dell’anno interventi di don Dario Donateo, Giuseppe Cristaldi, Luigi Pisanelli e Stefano Cortese con un ricordo dello storico parabitano Aldo De Bernart e dell’architetto romano Alessandro Anselmi. E poi, ancora, scritti di Anna Nocera, Federica Marsano, Giuseppe Petruzzi, insieme ad una relazione sull’attività di “Progetto Parabita”.

Con contributi della Regione e il cofinanziamento del Comune

Scuola e piazza: a nuovo la “167” di Giuseppe Fracasso

Nuova vita per piazzetta San Pio da Pietrelcina e per la scuola materna di via Monsignor Fagiani grazie al progetto da 400mila euro appena approvato dalla Regione (con determina del servizio Politiche abitative n. 26/13) nell’ambito degli interventi in favore dell’edilizia residenziale pubblica. Oltre a risistemare l’unico spazio verde del rione, l’intervento interesserà anche i 500 metri quadrati della stessa piazzetta prevedendo la sostituzione ed il potenziamento dell’impianto di pubblica illuminazione. Accanto all’ installazione di panchine realizzate con materiale di riciclo e ai parcheggi per biciclette, sarà ristrutturata l’intera pavimentazione stradale. «Stiamo tutelando la sicurezza dei cittadini e riducendo il rischio nelle scuole di Parabita attraverso interventi di ristrutturazione a beneficio della collettività grazie ai fondi che sono stati concessi da parte dei ministeri delle Infrastrutture e dell’Istruzione», affermano il sindaco Al-

fredo Cacciapaglia e l’assessore ai Lavori pubblici Biagio Coi i quali ringraziano anche l’assessorato regionale all’Assetto del territorio per aver ammesso a finanziamento il progetto di Parabita. Più complesso l’intervento per la scuola dell’infanzia di via Monsignor Fagiani che necessita

della sostituzione degli infissi, degli impianti idrici e dell’impianto di condizionamento. Negli spazi esterni, invece, è stato previsto un impianto di illuminazione, oggi del tutto inesistente, con l’installazione di nuovi giochi per i bambini che frequentano la scuola.

Siti inquinati, 34mila € in arrivo C’è anche Parabita tra le 62 città pugliesi che beneficeranno di un contributo regionale per il risanamento di aree pubbliche attraverso la rimozione dei rifiuti. Il Comune, infatti, ha partecipato ad un bando regionale per l’utilizzo dei fondi “ecotassa”, presentando un progetto riguardante la bonifica di alcuni siti dislocati sul territorio cittadino (soprattutto periferici). Tra gli altri centri in graduatoria anche Tuglie, Alezio e Galatone. Per la realizzazione dell’intervento prospettato, il Comune di Parabita riceverà un contributo di 24.325 euro, ai quali si aggiungerà un cofinanziamento comunale di circa 10mila euro. Le zone interessate sono le contrade Monaci, Barbuglia, Tornesella, Santa Teresa, Iala e Conche insieme alle vie Monsignor Fagiani e Ferenderes. DP

Nell’ex oratorio un centro per lo sport L’oratorio parrocchiale di via Crispi (foto) potrà diventare un campo sportivo, con un’ampia palestra, alcuni spazi per giocare a calcetto all’aperto, spogliatoi e servizi per atleti. A finanziare l’opera avviata dalla parrocchia San Giovanni Battista diversi anni fa (con l’allora parroco don Antonio Bruno), è stata la Regione Puglia. Grazie alla legge 33/2006, destinata alla riqualificazione degli spazi sportivi, sono stati destinati a Parabita circa 300mila euro, ai quali si sono aggiunte sovvenzioni proprie della chiesa. Negli oltre duemila metri quadri a disposizione sorgeranno, dunque, un’ampia palestra coperta con travi in legno lamellare, locali a servizio degli atleti ottenuti dall’adeguamento dell’edificio esistente ed un campo di calcetto all’aperto. A redigere il progetto, la cui esecuzione è stata affidata alla ditta “Leopizzi 1750”, gli architetti Daniele Cataldo e Luigi Corsano di Parabita. Il nuovo oratorio è solo l’ultimo, in ordine di tempo dei numerosi interventi realizzati dalla Chiesa in città, dopo il taglio del nastro dei locali del catechismo e la ristrutturazione (ancora in corso) della Chiesa dell’Umiltà. DP


NUMERI UTILI Carabinieri: 0833 507790 Guardia medica: 0833 506361 Municipio: 0833 519515 fax 0833519531; Sito ufficiale: www.comune.matino.le.it; e-mail: info@comune. matino.le.it Polizia municipale 0833 506557 Protezione civile: 330 413006 - 340 7628343 Ufficio postale: 0833 305611

La Giunta Primiceri aveva detto sì, l’attuale blocca tutto

MATINO 21 marzo - 3 aprile 2013

Vendi? Acquisti? Scambi? Qui i tuoi annunci gratuiti

Pag. 14

Baby sindaco alle Olimpiadi Ragazzi di 40 Comuni all’insegna dell’amicizia di Maria A. Quintana

Sarà Matino ad aprire ufficialmente la seconda ediDecisamente: non sembra zione delle “Olimpiadi dell’amicizia”, evento curato e partita sotto una buona stella promosso dal comitato provinciale dell’Unicef e dalla l’amministrazione di Tiziano Provincia di Lecce. Alla cerimonia di presentazione, Cataldi, Pdl, eletto col 54,2% il 6 tenutasi nei giorni scorsi a Lecce, hanno partecipato i e 7 maggio dell’anno scorso, no“baby sindaci” degli otto comuni coinvolti. Matino era nostante la presenza di altre due Il canile di contrada Vorricella rappresentata da Sofia Panico (nella foto la settima in liste concorrenti, di cui un’altra prima fila da sinistra), eletta lo scorso anno, e dall’assesdi centrodestra. sore alla Pubblica istruzione, Fabrizio Coluccia. Dopo appena pochi giorni «Abbiamo accolto l’invito del Consiglio comunale dal voto, il primo cittadino madei ragazzi del nostro Comune per partecipare come ortinese, vicino all’allora senatore ganizzatori ed avremo il piacere di presiedere la cerimoGiorgio Costa, esattamente il 14 È stata rinnovata dall’Ammistrazione comunale la nia di apertura», afferma l’assessore. I ragazzi della scuo- un’ epoca in cui gli stessi sono spesso distratti da relaziomaggio, aveva varato la nuova ni virtuali. Lo stare insieme è lo spirito che anima questo Giunta. Una operazione lampo convenzione con la l’associazione onlus “Spes” (con la primaria e secondaria di primo grado dei 40 comuni evento». Parabita) Parabita per la gestione del canile di Matino sito sede a interessati si daranno appuntamento a Matino il prossimo che sarebbe stata di certo apUn’occasione da mettere a frutto ed anche un modo prezzata dai più se, 24 ore dopo, in contrada Vorricella. La Spes già da 13 anni si occupa 19 aprile, per esibirsi, in una delle cinque specialità pre- per dare ascolto alle proposte che vengono dai giovani. del servizio e, per l’anno in corso, riceverà un contributo viste dal bando, ovvero la musica. Le altre attività sono: «Stiamo cercando di valorizzare le iniziative del Contre degli assessori nominati e quattro consiglieri (tutti sosteni- di 46mila euro per le “attività di mantenimento e pulizia scrittura creativa, giochi di gruppo, sport orienteering e siglio comunale dei ragazzi che a breve saranno dotati di tori del sindaco precedente Gior- dei cani randagi catturati vaganti sul territorio comunale, grafica creativa. Non sarà la competizione però, la parola un proprio gonfalone per le cerimonie ufficiali alle quali gio Primiceri, attuale presidente interventi di tipo alimentare, pulizia, disinfezione, disin- d’ordine di queste Olimpiadi. Come spiega l’assessore: noi adulti cercheremo di coinvolgerli», conclude Colucdel Consiglio provinciale) non festazione e primi interventi sanitari sugli animali ospiti”. «È fondamentale festeggiare l’amicizia tra i ragazzi in cia. avessero protestato duramente per il mancato coinvolgimento. C’era voluto l’intervento del segretario provinciale del partito, Antonio Gabellone, per far rientrare la ce bloccato, col pieno appoggio fronda (determinante dei suoi quattro sostenitori fidati nei numeri) e riedita(lo stesso Inguscio, l’assessore re la Giunta con una Giorgio Caputo, i consiglieri diversa distribuzione Antonio De Prezzo e Pamela degli incarichi. Gli Lecci) e di tre degli esponenti assessori Leonardella lista “Matino la tua città”, do Bianchi, Giorgio costola dissidente del centrodeJohnny Toma, Fabristra al tempo delle elezioni, cioè zio Coluccia e i conLuigi Provenzano, Fausto Marsiglieri Francesco Basano, Massimiliano Romano. rone, Rocco Romano, Dubbi su questo avvicinamento Cosimo Romano e avrebbe il quarto componente, Massimo De Marco potevano cantare vitil medico più votato della lista, toria. Elio Romano. Non devono es- Il sindaco Tiziano Cataldi, l’ex sindaco Giorgio Primiceri e Rosario G. Costa Gli sviluppi di questo terresersi risanate di molmoto nel Palazzo potrebbe porto quelle ferite se da allora i tare ad una nuova maggioranza due gruppi che compongono la di otto esponenti, con passaggio maggioranza si sono scambia- Resa dei conti all’interno L’altra lista di centrodestra dell’intero gruppo Primiceri ti più di un tiro mancino. Ciò può diventare ora decisiva all’opposizione, dove siede Dodi cui si discute oggi in città ha della maggiornaza Pdl nato Muci di “Matino democramosso infatti i primi passi già il Piove sul bagnato, cioè su casse comunali che hanno già tica”. 21 maggio scorso, come scrive più di qualche problema di solvibilità. Due recenti sentenze Comunque sia, Cataldi si il protagonista di ieri e di oggi, precedente. no, e ad altri tre dipendenti rehanno messo il Palazzo di città di fronte ad un notevole esborè recato anche dal prefetto per Vittorio Inguscio, nell’ultima Lo scontro politico interno lativo al recupero dell’evasione sottolineare che i presunti abusi so, probabilmente non previsto e, di certo, non auspicato. Ennota in ordine di tempo alla - poichè di questo ora si tratta, della tassa sui rifiuti (tarsu) per trambe le questioni in cui il Comune è risultato soccombente compiuti non saranno tollerati. Procura della Corte dei conti e anche se già nel 2010 Inguscio gli anni 2004-2008. Coinvolto risalgono a diversi anni fa. La prima riguarda il lodo arbitrale C’è da crederci, anche perchè alla Procura della Repubblica anche l’ex segretario comunale aveva chiesto una verifi ca contasui pagamenti della ditta che si occupava della raccolta dei riha acceso le luci sulla questione di Bari (e a due dipartimenti del Paolo Pallara. fiuti (foto): la contesa si è chiusa a 600 mila euro. La seconda Ministero dell’Economia e delle bile alla Corte dei conti - ruota Circa 40mila euro, il cui pa- pure la Procura della Repubblica interessa una lottizzazione con relativi espropri per cui l’ente intorno ad un premio di produttidi Lecce, attivata dall’esposto di finanze) datata 4 dicembre 2012, gamento era stato regolarmente è chiamato a pagare circa un milione. passando per un altro esposto vità al responsabile dell’Ufficio autorizzato dall’allora sindaco un dipendente comunale che ridello stesso tenore del 21 ottobre Tributi e Finanze, Maria Marsa- Primiceri e che l’attuale ha inve- siede a Parabita Parabita.

Il canile riaffidato alla Spes spesa per un anno 46mila €

Scontro sui premi, ma c’è altro Due altre tegole sul Municipio: da pagare 1 milione 600mila €

Secondo sforamento consecutivo; pesanti conseguenze

Patto ko pure nel 2012 Per il secondo anno consecutivo il Comune di Matino sarà tra coloro che avranno sforato il “patto di stabilità” per il 2012. La soglia oltre la quale i conti dell’ente locale non devono andare è un limite invalicabile, pena pesanti sanzioni e restrizioni, da quest’anno peraltro ancor più severe. A valere sui bilanci riguardanti il 2012, i Comuni fuorilegge dovranno restituire per intero la cifra eccedente. Fino al 2011 invece vi era una penalizzazione in cifra fissa, quasi una multa; in qualche caso e a conti fatti, magari per non bloccare o rinviare un’opera pubblica, alcuni Comuni avevano consapevolmente deciso di sforare il “patto”. Proprio

per il bilancio 2011 fuori tetto massimo, a Matino erano stati tagliati i trasferimenti per 151.190 euro. I tagli si erano abbattuti su altri sette Comuni salentini, tra cui Alliste (-111.241 euro), Casarano (-272mila euro); la documentazione di Melissano era invece risultata carente.


Matino

21 marzo - 3 aprile 2013 CAMPUS ESTIVI AL MARE ISCRIZIONI SINO AL 30 APRILE É già tempo di iscrizioni per i campus estivi. L’associazione “Crescere insieme” con il patrocinio dell’Amministrazione comunale ha organizza-

to il primo campus, dal 30 agosto al primo settembre, presso “Casa San Basilio” a Marina Serra di Tricase. L’invito ad iscriversi (entro il 30 aprile) è rivolto agli studenti dalla prima elementare alla terza media

Per l’avvio manca l’agibilità

15

Al via la ricostruzione del padiglione laterale: a breve anche la scuola-calcio

Sipario ancora giù per il teatro comunale

di Maria A. Quintana

Studio sui dati del Distretto

L’assistenza domiciliare di Gallipoli in una tesi Sipario chiuso per il teatro comunale (foto). Nelle scorse settimane, infatti, il tecnico incaricato, l’architetto Daniele Cataldo di Parabita Parabita, ha consegnato la relazione relativa agli “adempimenti connessi all’ottenimento del certificato di prevenzione incendi”: in poche parole, sono ancora necessari altri interventi (da 17mila euro) perchè la struttura possa ottenere la certificazione di agibilità da parte del comando dei Vigili del fuoco di Lecce. Di fatto, malgrado l’inaugurazione del dicembre 2011, il teatro costruito all’interno dell’ex mercato coperto di piazza Primiceri, non è stato ancora utilizzato. Il ritardo, più volte oggetto di interrogazioni in Consiglio comunale, è stato provocato proprio dall’assenza della certificazione antincendio, motivo per cui il Comune è stato costretto ad intervenire a più riprese, apportando varie modifiche rispetto al progetto iniziale. Il primo piano di intervento era stato programmato appena un mese dopo l’apertura ufficiale, quando venne disposta la realizzazione del sistema di sospensione e scorrimento del sipario, dell’impianto di amplificazione e la modifica della pedana posizionata nella galleria (in quest’ultimo caso con problemi di visibilità), obbligando ad un riposizionamento delle poltroncine già installate. MAQ

inferiore con il coinvolgimento delle famiglie. «Lo scopo è quello di provare un servizio educativo-didattico e ricreativo alla fine dell’estate», affermano gli organizzatori (per informazioni 3809041822).

Con una tesi sul servizio di Assistenza domiciliare integrata, Andrea Cataldo (foto) ha conseguito il titolo di dottore in Scienze infermieristiche ed ostetriche, presso l’Università degli studi “G.D’Annunzio” di Chieti e Pescara. La ricerca “sperimentale” si è basata sul servizio offerto dal distretto socio-sanitario di Gallipoli, presso il quale il neoGallipoli laureato lavora da circa un anno. «La tesi, valutata 105 su 110, è piaciuta molto alla commissione – afferma Cataldo - sia per i contenuti, sia perché l’Adi rappresenta il futuro della sanità in tempi di “spending review”». Proprio sulla necessità di risparmiare rivedendo le spese pubbliche (anche negli ospedali), si è basato lo studio, con riferimento a tre delle cinque patologie che hanno richiesto più frequentemente un intervento di Assistenza domiciliare integrata: ictus, diabete scompensato ed esiti da frattura di femore, con particolare attenzione agli indicatori che ne misurano il risparmio di spesa rispetto ad un eventuale ricovero ordinario per gli stessi motivi. Nel futuro imminente di Andrea c’è già un master di secondo livello in “Management e funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie” presso la Libera Università degli Studi per l’”Innovazione e le organizzazioni” di Roma. Ma non solo: «Sto valutando un dottorato di ricerca e mi auguro che l’ Asl, dove lavoro, intenda sfruttare le potenzialità dei propri dipendenti», conclude Cataldo. MAQ

Il 12enne protagonista al Torneo Carnevale

Fattizzo promette Il giovanissimo Marco Fattizzo (foto) è stato tra i protagonisti del recente “Torneo Carnevale” di calcio. La vetrina delle giovani promesse del pallone nazionale ha messo in mostra il talento del dodicenne di Matino: ha preso parte ai match che si sono svolti sul terreno di gioco di Santa Maria di Leuca (mentre Gallipoli). gli altri erano in programma a Gallipoli La sua prontezza agonistica unita ad una grande passione hanno avviato il ragazzo verso la pratica sportiva: al “Carnevale” Fattizzo si è contraddistinto tra le migliori promesse della categoria Esordienti, ovvero ai ragazzi nati nel 2000. Nella squadra del Capo di Leuca, il giovane è stato impegnato nel ruolo di centrocampista esterno destro sfidandosi con i coetanei del Cesena, del Napoli e del Palermo. I genitori, soddisfatti per questo nuovo traguardo, si augurano che il figlio possa raggiungere nuove soddisfazioni perfezionandosi nel corso della sua (si spera lunga e bella) carriera sportiva. GF

Continua a crescere il “Villaggio del fanciullo”. Nelle scorse settimane, infatti, si è dato via alla ricostruzione del padiglione laterale dell’edificio che, per le condizioni fatiscenti in cui versava, venne completamente demolito durante i lavori di ristrutturazione che hanno interessato la struttura circa cinque anni fa. Nel progetto di costruzione della nuova ala è prevista l’installazione di un ascensore per lo spostamento dei soggetti con disabilità ed il collegamento con le aule del primo piano. Si è giunti dunque quasi alla fine di un lungo percorso voluto, con impegno e fatica da don Primaldo Gioffreda che ormai da circa dieci anni guida la comunità della parrocchia San Giorgio. Sin dal suo insediamento, il parroco ha, infatti, ben compreso l’utilità e le potenzialità del Villaggio del Fanciullo (sito sulla parte alta di Matino, nelle vicinanze del canale “Universo”) tanto da vo-

Il Villaggio cresce

Don Primaldo Gioffreda e i lavori alla fatiscente ala del Villaggio

lerlo riportare alla sua funzione originaria, quella per la quale era stato costruito intorno agli anni ’60. Buona parte del suo progetto è già stata realizzata. L’oratorio circolo Anspi “Villaggio

del fanciullo” è entrato in funzione già nella scorsa estate con i campus estivi ed oggi ospita circa 120 ragazzi, impegnati in varie attività a carattere didattico e ricreativo tra le quali i laboratori d’inglese, musica, ri-

camo e decoupage mentre prossimamente verrà avviata anche la scuola calcio per i ragazzi dai 6 ai 15 anni. «Tutte le attività sono gestite da volontari. Il loro supporto – sottolinea Don Primaldo - è fondamentale sia per quanto riguarda l’esecuzione dei lavori, sia per i laboratori dedicati ai ragazzi». Oltre all’ultimazione dell’edificio con la costruzione della nuova area, si provvederà presto anche all’installazione dell’erbetta sul campo antistante l’edificio, ma il futuro per il centro sembra essere in continuo cambiamento: «Insieme alle persone che mi sono vicino – conclude Don Primaldovorremmo trasformare questo centro in uno struttura socioassistenziale dedicata ai minori, producendo, così, oltre ad una funzione sociale anche diverse opportunità di lavoro di cui c’è molto bisogno».


la solidarietà si fa evento

a cura della Fidas

Quel felice momento

Trent’anni dopo… Vicenza ritorna!

Si è rivelato decisamente felice quel momento di tanti anni fa in cui due Associazioni di donatori di sangue, una del “profondo sud” e l’altra del “florido nord”, decisero di avviare un cammino di stretta collaborazione e vicinanza nel nome della solidarietà. La celebrazione del gemellaggio tra la nostra piccola (all’epoca!) Associazione e quella dei donatori vicentini ha portato a sviluppare ancora di più il nostro senso di appartenenza alla grande “famiglia” della Fidas. L’appartenenza, infatti, non è tanto un fatto amministrativo (“sono dipendente da un’azienda…”) ma un fattore emotivo e psicologico. Non possiamo imporre a nessuno di “appartenere”, possiamo solo creare le premesse affinché qualcuno possa sentirsi appartenente. Ebbene, questo è il grande lavoro che hanno fatto le varie presidenze provinciali di Fidas Leccese, le quali, nel corso degli anni, hanno posto le basi perché tutti i donatori, persino i più giovani, anche grazie al legame di solidarietà che ci unisce alla Fidas Vicenza, acquisissero consapevolezza della bellezza e dell’importanza del nostro appartenere alla Fidas e, più in generale, al mondo dei donatori sangue. Un impegno, questo, che vede doppiamente legate le nostre Associazioni perché entrambe membri della “famiglia” Fidas e perché, trent’anni orsono, hanno deciso di sostenersi reciprocamente nell’impegno al servizio dei malati. Questo è, dunque, il bello del Gemellaggio tra Fidas Vicenza e Fidas Leccese: due Associazioni, sebbene territorialmente distanti, estremamente vicine nel comune sforzo di rendere la vita migliore a tutti coloro che, per le più svariate ragioni, si trovano ad affrontare il terribile mondo della malattia. E allora prepariamoci a vivere con intensità ed emozione tutti gli eventi programmati per commemorare questa importante tappa nella vita della nostra Associazione, a far sentire ai nostri amici di Vicenza quel calore e quella grande umanità che da sempre contraddistinguono il popolo salentino, e che hanno fatto dello stesso un esempio da seguire e al quale ispirarsi anche in ambito solidaristico, perché segnato dalla presenza di un numero crescente di persone pronte a stendere il proprio braccio in soccorso di un fratello. Alla nostra Associazione e agli amici/fratelli di Fidas Vicenza posso semplicemente dire: ad maiora! Italo Gatto Presidente Fidas Leccese

Era il 25 marzo 1983 quando il “treno speciale” di circa 750 donatori di sangue di Fidas Vicenza partì per Lecce. Il suggello di quel magnifico gemellaggio sarà rinnovato nel prossimo mese di aprile 2013. Fu un gemellaggio che ricordiamo non solo per il dono del sangue, ma per lo straordinario valore sociale, morale e culturale. La grande amicizia e stima tra Fidas Vicenza e Fidas Leccese è proseguita e si è consolidata negli anni. Lo testimonia la rinnovata partecipazione a distanza di trent’anni. Il ricordo di quel gemellaggio indimenticabile è ancora nella memoria e nel cuore di chi ha partecipato; l’accoglienza e la generosità dei donatori della Fidas Leccese e di tutta la popolazione coinvolta sono state straordinarie. Mi è difficile rappresentare a parole l’emozione che traspare in quei donatori di Fidas Vicenza che hanno partecipato all’indelebile gemellaggio. Tante cose sono accadute da allora: i donatori sono invecchiati, c’è stato un naturale ricambio dei Presidenti di Fidas Vicenza e Leccese, ma sono rimasti immutati i principi di amicizia e fraternità che legheranno per sempre le due Associazioni. Mariano Morbin Presidente Fidas Vicenza


Con il patrocinio di:


21 marzo - 3 aprile 2013 RASSEGNA TEATRALE IN VERNACOLO ALL’ANTONIANO Presso il teatro Antoniano di Lecce, organizzata dall’omonima associazione, è in corso la rassegna in vernacolo, giunta quest’anno alla sesta edizione, dal titolo

18

Simu S Salentini alentini/46

1

“Ci la ccappa...la cunta!”. È stata già rappresentata la commedia “Ma sti vagnuni li facimu spusare... sì o no?” di Luigi Serio per la regia di Fabrizio Colla e il prossimo 22 sarà la volta di “Vico storto carità vecchia” di William Fioren-

tino con la regia di Noemi Centonze e Antonella Rizzo, interpretata dagli attori del “Gruppo sperimentale teatrale” di Monteroni. La rassegna, patrocinata dalla Provincia di Lecce, segna il successo del teatro in vernacolo.

La metà dei concorrenti ha scritto d’amore nella primissima lingua

E poi... ulia E poi… ulìa Ulia ccoju pe’ tte li meju fiuri, te secutu zzaccu poi l’arcubalenu tte stampu susu ddi mille culuri e poi… ccu fermu lu tiempu jeu ulìa ccu tutte le stedde te lu firmamentu, bedda mia.

°

Giorgio Tricarico di Gallipoli, 63 anni, ex impiegato dell’ufficio elettorale del Comune. Ha pubblicato un testo di poesie dal titolo “Nc’è parmessu” È autore anche di una commedia sempre in vernacolo che sarà rappresentata a breve:”Lu pulimmi”, il lustrascarpe

Ulia ccu ulu susu le muntagne e comu li caggiani su llu mare e ci la luna te me ole tte scunde ci poi la nija te spauriscia pe’ mascìa, jeni, jeni lu core meu ete llu portu, bedda mia. E poi… lu focu te lu sole ca nde scarfa, li trisori te lu fundu te lu mare, e poi… farmare li tifuni e lu jentu intra lli mani, ccu sonene ppe tte ‘na ‘ntica litanìa quistu ulìa pe’ tte, bedda mia. Ma lu cèlu cialusu comu amante te schiaffa nu tronu e tuttu se darlampa. Chiove, chiove tuzzene alla fanescia li nziddi…te disciti…spiccia la poisia. E poi…e poi basta ca nde ulimu bene. Bon San Valentinu, bedda mia. Vorrei Vorrei fermare nel tempo i momenti più belli vissuti con te.

2

°

Vorrei custodire nel mio cuore felice gli attimi eterni, stupendi, del nostro amore... Stefano Ciurlia di Taurisano, 73 anni, insegnante elementare in pensione. Le sue poesie sono in alcune antologie

3

°

Alessia Epifani di Gallipoli, 17 anni, studentessa della II B del Liceo “Q. Ennio” -indirizzo Linguistico. Lo scorso anno si classificò al primo posto con la poesia, sempre in vernacolo” San Valentinu”

Vorrei fermare nel tempo il volto tuo splendido, meraviglioso, mentre lieta la luna t’irradia d’argento briciole di stelle. Cu tuttu lu core L’ amore ete comu na canzone Canti per ore e ore Te rimane intra la mente Ma puru intra lu core Ete comu n’ ape cu lu mele. Nu poti campare senza E ci ncora nu l’ hai cchiatu, pacenzia ! L’amore nu se pote ccattare, ca alla fine, cu lli sordi ma senza amore, nienti poti fare. L’amore ete comu la fortuna, cchiui la cerchi, cchiui te bbanduna. Ci nu criti all’amore assioja spetti e nu bastane mancu li fazzoletti. Quistu ete cu te spiegu e te recordu ca l’amore ete nu forte sentimentu! Ttocca essi speranzosu e fedele ca quando nu sta ci pensi, vi ca vene. Ama taveru ama cu fervore, Ama cu tuttu lu core!

Un particolare di “Giulietta e Romeo”, opera di Enrico Muscetra, artista di origini aletine, a Verona

Ha vinto il dialetto di Mariarosaria De Lumé

Già prima di conoscere i titoli delle poesie che avrebbero collezionato più “mi piace”, già nella fase di selezione, nella scelta cioè delle 30 che poi i lettori avrebbero letto e votato, si profilava un vincitore: il dialetto. Non è di poco conto il fatto che quasi la metà sia stata scritta nella primissima lingua, quella “te lu tata” che ogni salentino, anche se parla solo in italiano, si porta dietro. Perché il dialetto è qualcosa di più di una lingua. E non è di poco conto ancora che due delle tre prime classificate siano scritte in dialetto. Se sono state votate, sono state capite e apprezzate. Trenta le poesie selezionate dalla redazione-giuria, ma sono state tante quelle pervenute e qualche poeta ha inviato più poesie in italiano e in dialetto quasi a testimoniare che dell’amore si può parlare nelle due lingue, usandole bene entrambe. Possiamo azzardare anche una”geografia poetica” dei nostri paesi. Gallipoli è al primo posto con 11 poesie, Taurisano e Taviano al secondo con 4, seguono Casarano, Parabita Casarano Parabita, Galatone con due e infine Racale, Alliste, Matino, Alezio, Chiesanuova

Sannicola con uno. Se guardiamo al contenuto dei testi vincitori, il primo elemento che viene fuori è la freschezza dei sentimenti che i più non sospetterebbero in persone della cosiddetta “terza età”. Nella poesia di Giorgio Tricarico notiamo che le immagini aderiscono e si piegano alla duttilità del dialetto che è quello antico non contaminato dall’italiano. La musica è nel suono a volte aspro delle consonanti doppie, il ritmo non cerca la facile rima, né l’assonanza. Più ingenua, naturalmente anche per la giovane età, la poesia di Alessia Epifani che usa il dialetto così come fanno i ragazzi che non ne hanno la “memoria” storica e letteraria e che tuttavia lo amano, lo usano e lo fanno rientrare nel loro gergo. Che una ragazza di 17 anni usi il dialetto per parlare d’amore va certamente sottolineato come hanno fatto probabilmente i tanti coetanei che l’hanno votata.

Il fascino di “Vorrei” di Stefano Ciurlia è racchiuso in quel “briciole di stelle” che chiude il testo e annulla di colpo qualche immagine scontata. Anche qui il ritmo è nella scelta sapiente dei termini e nel loro accostamento. Bravi i tre vincitori, ma bravi anche quelli che sono stati poco votati. I lettori, cliccando “mi piace” (ma numerosissime sono state le condivisioni che naturalmente non hanno inciso sul punteggio, così come da regolamento) hanno deciso di premiare le rime d’amore di Tricarico, Ciurlia e Epifani. La redazione si è riservata poi di scegliere una poesia a cui assegnare un premio di prestigio messo a disposizione dall’associazione “Gallipoli nostra” e dal suo presidente Francesco Fontò. Si tratta della copia anastatica del settimana “Spartaco” edito a Gallipoli dal 1887 al 1914. Sul prossimo numero la pubblicazione della poesia scelta.


Far incontrare domande e offerte

CASARANO 21 marzo - 3 marzo 2013

Se sarà dissesto cambierà poco: le tasse sono già al massimo

Pag. 19

Quattro secoli di Passione La confraternita dell’Immacolata rinnova il rito

di Mauro Stefàno Pochi giorni ancora e Casarano saprà molto del proprio futuro. Entro il 4 aprile la Corte dei conti dovrà, infatti, fornire il proprio parere sul Piano di riequilibrio varato dall’amministrazione Stefàno per evitare il dissesto. Per la città (ed i suoi conti) non cambierebbe, poi, molto anche perchè le tariffe e le aliquote (dall’Imu alla Tarsu passando per l’addizionale Irpef) sono già al massimo. Nell’ipotesi di un dissesto ufficiale, però, a governare l’uscita dalle “secche” sarebbe (per cinque anni) una commissione esterna mentre con l’attuale fase di “dissesto guidato” si conserverebbe la matrice “politica” dell’attività amministrativa. Ad alleggerire il peso del disavanzo (“buco o debito che sia dobbiamo sempre risanare 37 milioni di euro”, ha affermato Stefàno) contribuisce la riduzione a mezzo milione di euro (erano due) della sanzione per lo sforamento del Patto di stabilità nel 2010 ed i quasi cinque milioni di euro previsti dal Fondo di rotazione ministeriale per gli Enti in difficoltà che arriverebbero in caso di approvazione del Piano di riequilibrio. Queste ultime sembrano le sole risorse utili per garantire (tra gli altri) i pagamenti degli stipendi ai netturbini che continuano a scioperare per il ritardo negli stipendi. Intanto da una ricognizione dei mutui accesi nel corso degli anni dal Comune emerge un piccolo “tesoretto” di residui non utilizzati pari a circa 1,6 milioni di euro. «Si tratta di quanto avanzato con i ribassi d’asta nella realizzazione di opere pubbliche da 20 anni a questa parte. L’ultimo mutuo contratto risale al 2008, a dimostrazione - afferma il presidente del Consiglio comunale Antonio Memmi - che sino ad allora all’Ente veniva riconosciuta una capacità di indebitamento che poi ha perso. Queste somme potranno essere utilizzate per fare altre opere pubbliche». Memmi segnala, inoltre,

Cristo alla colonna nella processione dei Misteri

Ha quasi quattro secoli di storia la processione dei “Misteri” allestita dalla confraternita dell’Immacolata. In migliaia i fedeli che si assiepano lungo il percorso cittadino mentre sono quasi un centinaio i portatori di statue che si alternano per il “Getsemani”, la “Colonna”, il “Crocefisso”, la “Bara” e l’”Addolorata” per un rito di circa quattro ore che prende il via alle 21 per concludersi a notte fonda muovendo e facendo ritorno sempre nella chiesa dell’Immacolata. A caratterizzare il Venerdì santo in città è il silenzio irreale che ammanta di fede il lento sfilare della processione il cui passaggio viene annunciato dal suono lacerante della tromba e dal rumore sordo del tamburo e delle troccole. Segue il “Crocifero dei Misteri” con i simboli della Passione, ovvero l’unica insegna della confraternita che organizza l’evento (la più antica della città fondata addirittura nel 1619): poi la Via Crucis vivente, con i caratteristici soldati romani (foto), le sta-

tue e i portatori pronti per il cambio, il coro delle “Pie donne” insieme al concerto bandistico per lo struggente “Vieni o morte”, le squadre dei confratelli in bianco con il “lampione” e senza mozzetta. Chiudono il corteo, il Clero, le autorità cittadine e tantissimi fedeli. Al termine della processione, le statue dell’Addolorata e del Cristo morto sono adagiate sull’altare maggiore della chiesa Immacolata per dare inizio al rito della “Desolata”. Sono centinaia i fedeli che dall’alba fino a sera del Sabato Santo visitano l’emozionante gruppo statuario. Il lutto e la commozione che hanno caratterizzato i tre giorni di passione si stemperano allo scoccare della mezzanotte quando, nella Chiesa Madre, la statua della Madonna della Campana, compatrona della città, dall’ingresso centrale corre incontro al Figlio risorto, tra applausi, spari di fuochi e marce bandistiche, dando inizio alla Pasqua.

Conti: Comune a un bivio Tra il Salento e il Mediterraneo Casarano ricorda Gino Pisanò

In alto il presidente del Consiglio comunale Antonio Memmi e accanto la Giunta Stefàno

Entro il 4 aprile atteso l’ok sul Piano di risanamento Netturbini senza stipendi ed è ancora sciopero

come per due mutui del 2006 (da 930mila euro per strade comunali e da 263mila per la pubblica illuminazione), “il Comune abbia pagato un terzo delle rate senza utilizzare il capitale mentre in altri casi sono state perse opportunità perchè non è stato chiesto il cofinanziamento regionale”. Tale ricostruzione è,

però, contestata dalle minoranze per le quali i mutui attivati tra il 2005 ed il 2008 sarebbero stati destinati ed utiizzati. «Le somme residue consentono all’attuale Amministrazione di cofinanziare la ristrutturazione di palazzo D’Elia ed il recupero del basolato antistante», si legge in una nota.

Operai senza “cassa” già erogate le anticipazioni richieste, al momento non possono essere erogate ulteriori mensilità», si legge in una nota a firma del direttore Bianco. Per provare a fronteggiare la difficile emergenza, il sindaco Gianni Stefàno ha scritto al ministro del Lavoro Elsa Fornero ed al presidente della regione Nichi Vendola perchè si attivino, “in tempi rapidi” per consentire il pagamento del dovuto. La necessità fatta presente è anche quella di evitare “tensioni sociali che iniziano a manifestarsi con fenomeni evidenti”.

É scomparso nei giorni scorsi Gino Pisanò (foto), docente di Storia delle biblioteche presso la Facoltà di Beni culturali dell’Università del Salento. Lo studioso (già insegnante presso il liceo classico di Casarano) si è spento nell’ospedale “Casa sollievo della sofferenza” di San Giovanni Rotondo dove si era recato per le cure al male che da circa due anni lo aveva colpito. Nato a Casarano il 26 giugno del 1947, Pisanò si laureò in Lettere presso l’Università di Lecce sino a divenire collaboratore di giornali e riviste specializzate ed autore di numerosi saggi. Nei mesi scorsi gli amici della sezione di Lecce della Società di Storia Patria gli avevano dedicato il volume “Studi di italianistica fra Salento e Italia secc. XV-XX”, una sorta di testamento con la raccolta di suoi vecchi testi. Presidente per due mandati dell’Istituto di culture mediterranee, lo studioso è stato protagonista di incontri e scambi culturali tra le due sponde dell’Adriatico. Con Pedrag Matvejevic, scrittore e accademico croato, inaugurò nel 2004 la biblioteca di Casarano dopo aver curato il lavoro di ricatalogazione dei testi.

In vista due contenziosi per utenze e fidejussione

Bloccate dall’Inps le indennità di novembre e dicembre 2012

Restano “congelate” le indennità della cassa integrazione in deroga per 350 lavoratori di “Tessiltech”, e “Labor” di Casarano nonchè di “Romano srl” di Matino e “Progeni” di Copertino. Lo ha reso noto il direttore provinciale dell’Inps Roberto Bianco confermando quanto i lavoratori già temevano (nella foto una delle recenti proteste presso la sede Inps di Lecce). Malgrado la Regione avesse emesso gli attesi decreti, i previsti versamenti dei mesi di novembre e dicembre hanno continuato a tardare ed ora è chiaro il motivo. «Essendo state

Qui si può. In modo diretto

Il Comune anticipa le spese per le utenze dello stadio e preannuncia un’azione (legale) per il loro recupero. «Ci risulta impossibile procedere, materialmente, alla voltura delle utenze alla Virtus, la società che gestisce l’impianto in virtù della convenzione ventennale sottoscritta con l’Ente», ha affermato il sindaco Gianni Stefàno anticipando che il Comune intende conferire un incarico legale per recuperare i 90mila euro finora anticipati per il pagamento delle bollette di luce e acqua. Il rischio paventato dal Eugenio Filograna, presidente della Casarano calcio, è che la squadra oggi in testa nel campionato di Promozione sia costretta ad emigrare in un’altro impianto. Tra le

Stadio, un groviglio tra Comune, Virtus e Casarano calcio Bollette per da 90mila euro Al Credito sportivo 1,4 milioni ipotesi allo studio anche quella di revocare unilateralmente la convenzione con la Virtus dei fratelli De Masi (gli imprenditori Paride ed il fratello Ivan, ex sindaco) che la scorsa estate non hanno iscritto la squadra maggiore in serie D ma che svolgono ancora attività a livello giovanile.

Altra questione, ben più gravosa, è quella della fidejussione da un milione e 350mila euro per i lavori che la stessa Virtus ha effettuato allo stadio. «Con gli interessi - ha affermato ancora Stefàno - l’importo è ormai ad un milione e 450mila euro visto che la società non ha corrisposto le prime due rate ed il Credito sportivo ha chiesto il pagamento al Comune». Anche in questo caso l’Ente sta valutando se e come adire le vie legali sempre in attesa degli sviluppi delle due indagini condotte dalla Procura della Repubblica e dalla Corte dei conti.

STIAMO LAVORANDO PER UNA "PIAZZA" PIÙ GRANDE


Casarano

21 marzo - 3 aprile 2013 RADON NELLE SCUOLE AL VIA LA BONIFICA Al via l’operazione di bonifica per ridurre i valori di gas radon nelle scuole di comunali delle vie Messina, Amalfi, Ruffano, IV Novembre

20

Contrada Palla, la zona dei controlli Asl

(foto), Agnesi, Capuana e viale Stazione. La ditta Mar Impianti, incaricata dell’intervento, praticherà dei fori per convogliare il gas all’esterno degli edifici. Il monitoraggio è stato effettuato dal settembre 2011

allo scorso marzo ed ha prodotto livelli preoccupanti soprattutto in via IV Novembre. La determinazione del responsabile comunale dei Servizi tecnici prevede una spesa di 3mila euro.

Del Sindaco l’ordinanza di abbattere i due ovini risultati malati

Protesta dalla scuola comunale di via Cavour contro i rincari di settembre

Brucellosi, paura infezioni

Materna: mille “no” all’aumento

È allarme brucellosi in un allevamento di campagna. Tracce della pericolosa malattia sono state riscontrate dal servizio Veterinario della Asl di Maglie su due capi di ovini in una masseria in contrada Palla, non lontano dalla zona industriale. Recependo quanto riscontrato dai responsabili sanitari, il sindaco Gianni Stefàno ha emesso un’ordinanza (che sarà revocata quan-

Quasi mille firme, raccolte in tre giorni, per dire “no” all’aumento della retta della scuola materna comunale “S. Giovanni Elemosiniere”. I genitori contestano il nuovo regolamento che fissa la “tassa di frequenza” ad un massimo di 130 euro (ora è a 50 euro). L’aumento (ratificato di recente in un Consiglio comunale nel quale era presente una folta rappresentanza di genitori) è stato bloccato per l’anno scolastico in corso ma il problema

do il focolaio sarà stato eliminato) con la quale viene intimata la “macellazione” dei capi infetti e il censimento di tutti gli altri animali esistenti nell’allevamento. La paura è che la malattia possa diffondersi anche tra gli uomini (l’allevamento è, comunque, ad un paio di chilometri dall’abitato) o nei prodotti eventualmente infetti (latte o formaggi).

tornerà con il prossimo settembre. Il sindaco Gianni Stefàno ha, però, invitato a considerare la questione nel suo complesso: «Abbiamo adottato dei criteri di equità sociale perchè è anche vero che per il nido ed il servizio mensa gli importi scendono». Per il nido, infatti, la fascia di redditto più alta (parametri Isee) scende da 210 a 160 euro mensili mentre il buono pasto per la mensa (finora a due euro) potrà costare da 1,60 a 2,10 euro.

Mancano 9 primari, pulizie carenti e guasti alla nuova Tac

Ospedale pieno di acciacchi di Alberto Nutricati

Mentre Casarano tenta di stringere un’alleanza con Gallipoli per cercare di salvare un punto nascita nell’area jonico-salentina, i dati che giungono dall’Asl sui tagli cesarei non sono certo incoraggianti. Nel 2012, infatti, si è registrata una significativa impennata dei cesarei in tutti i nosocomi della provincia: se al “Ferrari” (foto) la percentuale è del 46 per cento, al “Sacro Cuore” si è raggiunto il 51 per cento. Ma quello del punto nascita non è certo l’unico dei problemi per l’ospedale casaranese che, al momento, risulta sprovvisto di ben nove primari. Su questo fronte, il direttore generale della Asl, Valdo Mellone, ha precisato che alcuni concorsi per coprire i posti vacanti in vari ospedali della Asl sono stati conclusi, ma non si può procedere con l’immissione in ruolo a causa del blocco delle assunzioni da

parte della Regione. È il caso, ad esempio, di Chirurgia pediatrica del “Ferrari” dove a vincere il concorso è stato Carlo Rossi. Altro nodo legato al nosocomio casaranese è quello relativo alla pulizia. È stato lo stesso Mellone a ribadirlo in un intervento sulle internalizzazioni su “Quotidiano”. «Il fatto che si dica che l’ospedale di Casarano è meno pulito da quando del servizio se ne occupa la società “in house” è determinante. Ad ogni modo - ha affermato il direttore - procederemo ad un censimento di nomi e funzioni cui sono adibiti i dipendenti per capire come stanno le cose». Si aggiunga infine l’annoso problema relativo al mancato funzionamento delle Tac che si è riproposto (anche se per pochi giorni) anche di recente sulla nuova apparecchiatura. Insomma, il futuro del “Ferrari” al momento sembra tutt’altro che radioso.

Salme da esumare “Botte”, si riparte? Sono oltre 100 le salme da esumare nel cimitero comunale (foto). L’operazione verrà avviata a decorrere dal prossimo 15 aprile così come indicato nell’ordinanza con la quale il sindaco Gianni Stefàno dispone “l’esumazione delle salme inumate da oltre dieci anni e l’estumulazione delle salme tumulate da oltre 20 anni”. All’interno della struttura occorre ricavare nuovi spazi ed evitare situazioni di pericolo per l’ordine e la pubblica igiene. Ogni intervento verrà eseguito secondo il calendario che sarà esposto nella bacheca del cimitero o che potrà essere richiesto al servizio Manutenzioni del Comune. L’ordinanza garantisce anche che “durante tutte le operazioni sarà adottata ogni cautela necessaria a evitare situazioni di disagio ai parenti dei defunti e ai visitatori del cimitero nel pieno rispetto delle salme”. In caso di assenza o irreperibilità dei parenti, i resti mortali saranno temporaneamente depositati, debitamente custoditi per 15 giorni, presso la sala mortuaria per poi essere avviati presso l’ossario comunale. In caso di mancata mineralizzazione, si provvederà poi alla inumazione.

Non tutto è perduto per il progetto di riqualificazione di contrada Botte (foto). Potrebbero, infatti, essere recuperati i tre milioni di euro con cui la Regione aveva finanziato il progetto e che rischiavano di andare perduti a causa della mancanza di un progetto esecutivo e dell’avvio delle procedure di esproprio. «Per il parco lineare che dovrebbe sorgere a ridosso della ferrovia – spiega il sindaco Gianni Stefàno (Pdl) – la Regione ci ha concesso una proroga di alcuni mesi. Su questo fronte, cercheremo di sbloccare la situazione». Per quanto concerne la ristrutturazione delle case di proprietà dello Iacp, le procedure per il recupero degli alloggi necessiteranno di un anno di tempo. Nel frattempo, l’azienda privata coinvolta nel Pirp (la Glocal), realizzerà gli alloggi temporanei previsti dal progetto e, se non dovesse riuscirci in tempo utile, metterà a disposizione delle famiglie che dovranno temporaneamente traslocare altri alloggi di sua proprietà. Più complessa la questione relativa all’area mercatale che sarebbe dovuta sorgere grazie agli investimenti dei privati: la nascita, in zona, di alcune abitazioni renderà alquanto difficile la realizzazione del progetto. AN


Casarano

21 marzo - 3 aprile 2013 INCONTRO PER LA LEGALITÀ LA FINANZA A SCUOLA

Lezione della Guardia di finanza nei giorni scorsi presso l'istituto tecnico "De Viti De Marco" (foto). "La cultura della legalità economica" il tema

della lezione tenuta da due agenti della Tenenza di Casarano. Gli studenti di quinta sono stati coinvolti sui temi dell'evasione fiscale, della contraffazione e dell'uso di droghe anche con una dimostrazione

pratica dell'unità cinofila. L'iniziativa, voluta dal dirigente scolastico Bruno Contini, trae origine da un protocollo d'intesa con il Comando generale della Guardia di finanza ed il ministero dell'istruzione.

Dichiarazioni d'amore, gelosie, insinuazioni, offese nelle pagine degli "avvistati", ispirate a "Gossip girl" di Roberta Rahinò Da qualche settimana anche gli studenti salentini, come i più famosi protagonisti della serie americana “Gossip girl”, rischiano ogni giorno che un anonimo spettegoli pubblicamente su di loro non inviando sms a tutti gli allievi dell’istituto, ma con semplici (e più economici) post su pagine facebook denominate “spotted”. “Avvistato” è la traduzione del termine inglese: gli appassionati del telefilm di successo sanno che quella parola apre i messaggi inoltrati dal misterioso blogger, nascosto dietro lo pseudonimo “Gossip girl”, per scatenare gelosie fra i ricchi teenagers del college newyorkese. Più bassi, in teoria, dovevano essere i toni del fenomeno nostrano: le neonate pagine social volevano solo servire a rendere pubbliche dichiarazioni d’amore, chiedere consigli, rintracciare persone, ironizzare bonariamente su fatti curiosi. Le offese dovevano restarne fuori, ovviamente, ma il pericolo è diventato subito alto perché l’anonimato può incoraggiare, com'è purtroppo successo, sfrontatezze eccessive e squallide insinuazioni. Pare si sia già verificato un caso di non rispetto delle regole e che una pagina “spotted” sia stata già chiusa dai carabinieri in seguito a denunce dei malcapitati. Il caso riguarderebbe la pagina animata da studenti del liceo scientifico “Vanini” di Casarano, una delle prime ad essere nate in Salento, poi riaperta

Spotted, le malelingue ai tempi di Internet

La nuova moda fiorita nelle scuole. Dopo una denuncia pagina oscurata su basi più controllate e rigorose. Ma qualche utente ha ancora paura e scrive: «L’unico messaggio che spero venga recepito è di dire quello che volete, ma ricordate sempre che vi state riferendo a delle persone, e per quanto le odiate, tutte hanno una certa sensibilità rispetto a determinate cose». Ad altri, invece, sembra piacessero le vecchie "regole": «Preferivo quan-

do s’insultava la gente. Adesso questa pagina si è trasformata in un covo di morti», si legge. E pensare che l’etimologia di “gossip” (pettegolezzo) rinvia a un rapporto di sincera vicinanza (da “god sib”, il padrino del figlioccio), con una sfumatura di significato assai lontana da quella impostasi dal ‘600 in poi. Ad ogni modo, sulla scia del “Vanini”, altre scuole di Casarano hanno aperto le loro pagine “spotted”: il liceo socio-pisco-pedagogico, l’Industriale “Meucci”, il Tecnico commerciale, il Classico. Attive anche le pagine del “Quinto Ennio” di Gallipoli e dell’Istituto alberghiero di Santa Cesarea Terme. Le "malelingue" made in Usa, però, non sono dilagate solo tra i banchi, ma anche tra paesi e pub: si segnalano infatti le pagine di "spotted” o di "malangu" di Taurisano, Racale, Alezio e di un pub di Ugento Ugento. In quelle di paese si leggono per lo più segnalazioni e denunce su ciò che non va. Ovviamente, a parere insindacabile dello scrivente, naturalmente senza nome nè volto.

Lo spettacolo alla Fondazione Filograna

"Ubu re", teatro e danza con i ragazzi del "Vanini"

"Ubu re" è lo spettacolo di teatro e danza messo in scena dai ragazzi (foto) del liceo Scientifico "Vanini" presso il teatro della Fondazione Filograna. La rappresentazione è stata coordinata dalla professoressa Simona Solombrino e curata da Tonio De Nitto (compagnia Factory) e Patrizia Rucco (Skenè). «Ringraziamo il dirigente scolastico Sergio Pagliara per aver sostenuto e reso possibile l'iniziativa perchè, da sempre, fortemente convinto dell'importanza di avvicinare i giovani allo studio del teatro e della danza, arti ove il corpo, la parola e la musica diventano spazi di vita aperta e intense emozioni», hanno affermato i giovani liceali. L'opera di Alfred Jarry è considerata precorritrice del teatro dell'assurdo.

21 Il caso al "De Viti De Marco"

Prof da "1" in pagella ed è scontro Il professore è (forse) troppo rigoroso e la pagella finisce in tribunale. Il "caso" risale allo scorso anno scolastico quando un docente di Galatone denunciò il dirigente della scuola di viale Ferrari "reo" di "atti persecutori" (nonchè di omissione e abuso d'ufficio) per essere stato sospeso (per due giorni) dall'insegnamento. Il provvedimento (tra l'altro avallato dagli ispettori del Provveditorato) arrivò al culmine di un vero e proprio scontro con il professore pronto a difendere la propria autonomia ed il diritto a bocciare, e genitori e dirigente esasperati nel tentativo di farlo scendere a più miti consigli e a rispettare il regolamento scolastico. Fece seguito il record nelle proposte di assegnazione dei debiti scolastici (114 alunii su 185 vennero "segnalati" dal docente in questione) sino all'uno in pagella. «Non accetto pressioni per gonfiare artatamente i voti. Oggi la parola d'ordine è "promuovere" a prescindere», ha fatto sapere l'insegnante (in passato coinvolto in un caso simile in una scuola di Taranto) che ha negato gli atteggiamenti "stravaganti" che gli erano stati attribuiti confermando, però, la "genuinità" delle proprie valutazioni. Sulla questione (a suo tempo indagò la Digos) nei prossimi giorni è attesa la sentenza del tribunale di Lecce (il Pm ha già chiesto l'archiviazione del procedimento a carico del preside).


Casarano

21 marzo - 3 aprile 2013 ANGIOLETTI E MADONNINE PER LA FESTA DELLA CAMPANA Nel rispetto della tradizione, anche quest’anno la festa della Madonna della Campana (in programma il 7 e l’8 aprile) avrà l’allegro contorno

22

degli “angioletti” e delle “madonnine”, ovvero dei bambini che seguono la processione (foto) verso la collina. Il Comitato feste patronali informa che le vestine potranno essere ritirate degli interessati (ver-

La prima prova del Challenge a Casarano il 20 e 21 aprile Il Rally di Casarano si appresta a spegnere le sue prime venti candeline. L’edizione 2013 della competizione, prima prova del Challenge rallies di settima zona, sarà disputata il 20 e il 21 aprile. L’importante evento sportivo, organizzato dalle scuderie “Casarano rally team” (foto) e “Piloti salentini”, riveste particolare prestigio nel panorama dei rally nazionali, sia perché vanta, per il quarto anno consecutivo, il massimo

Venti candeline sul rally coefficiente di validità per il campionato d’area, sia perché, alla luce del rinvio del Rally dei Castelli Romani, diverrà l’appuntamento d’apertura del Challenge. A rimarcare il prestigio della manifestazione vi è anche la validità per il monomarca di zona istituito da Renault Italia e riservato alla compatta Twingo 1.6 R2. Rimarranno sette le prove speciali, due da ripetere tre

volte più la super prova spettacolo, con la novità del rivisitazione totale della prova di Punta Ristola che si svilupperà su una lunghezza di 13,84 chilometri. Privi di variazioni, invece, la prova di Marina di Pescoluse e il classico prologo spettacolo che, nella serata di sabato, lungo il tracciato della Pista Salentina di Torre San Giovanni, darà il via alla sfida. AN

sando una piccola offerta) presso i locali della parrocchia della chiesa Matrice (in piazzetta D’Elia) sino al 27 marzo e dal 2 al 6 aprile dalle 17 alle 19. La Madonna della Campana è copatrona della città.

Calcio, per ora c’è la Coppa la speranza è l’Eccellenza Rifondato in estate dopo le note vicende legate alla vecchia gestione De Masi, il nuovo Casarano Calcio targato Eugenio Filograna ha già raggiunto il primo titolo della stagione. Con la vittoria per 1-0 ottenuta di fronte al Castellaneta (sul neutro di Francavilla Fontana) i rossazzurri hanno, infatti, conquistato la Coppa Italia di Promozione (nella foto il capitano Salvadore). In attesa di centrare anche la vittoria del campionato (con il salto in Eccellenza), nell’ambiente trapela gioia e soddisfazione. «Mi piace vedere in questa piccola impresa - ammette il presidente Filograna - un segno di riscatto della nostra terra. Mentre tutto intorno langue, il Casarano riesce a dare entusiasmo e a donare una speranza ai suoi tanti tifosi. A loro va il mio personale ringraziamento. Se c’è un insegnamento che possiamo trarre da questo nostro successo è che, con spirito di sacrificio e dedizione, è possibile superare ogni ostacolo, nello sport come nella vita». LP

Oltre 800 partecipanti alla prova della seconda edizione della “Marathon del Salento”; organizzatori entusiasti di Lucio Protopapa

Confermando le aspettative della vigilia, la 2ª edizione della “Marathon del Salento - Città di Casarano” è passata agli archivi tra l’entusiasmo e gli attestati di stima degli oltre 800 bikers provenienti da ogni parte d’Italia. Organizzata dall’associazione sportiva dilettantistica Mtb Casarano, la gara salentina è stata la prima tappa delle sette che compongono il “Trofeo dei parchi naturali” nel Ugento, parco di Torre San Giovanni di Ugento manifestazione giunta all’11ª edizione e che vede proprio la squadra casaranese campione in carica. Quella andata in scena domenica 17 marzo è stata una gara sensazionale, che ha visto vincere Vito Buono, del team Eurobike, di un solo secondo su Andrea Delli Noci, corridore della Asd Cyclonstore.it e detentore della scorsa edizione. Medaglia di bronzo, invece, per Giovanni Chiaiese della Asd Bike e Sport team. Ottimi i risultati degli atleti di casa con Marco e Francesco Ozza (di Casarano), rispettivamente, 18˚e 24 ˚ in assoluto, Melissano) seconGiacomo Colona (di Melissano

I bikers fanno boom nel parco

Colona e la Marconi

Festa su due ruote a Torre San Giovanni per la 2ª edizione della Marathon del Salento

do assoluto nella mediafondo, Giovanni Taurisano) 72˚ in assoluto Potenza (di Taurisano e terzo nella categoria M5 e Paola Marconi (terza tra le donne). Proprio in virtù degli ottimi risultati ottenuti, la squadra salentina ha deciso di avviare il progetto, formando una squadra che affronterà gare anche a livello nazionale, con l’intenzione di ripetersi nel “Trofeo dei parchi naturali” e di scalare le posizioni nelle varie categorie del Campionato regionale di federazione 2013. «Non è stato facile gestire così tanti partecipanti - commentano dall’associazione -, ma è andato tutto bene e siamo più che soddisfatti anche di questa seconda edizione. Ne approfittiamo per ringraziare tutti i volontari che ci hanno dato una mano, i membri della Protezione civile, le forze di polizia e, soprattutto, tutti i soci della Mtb Casarano e Alfredo Pagliarulo, titolare della “Puia emotion ost srl”».


TAVIANO 21 marzo - 3 aprile 2013

Le tre parrocchie si preparano per i Riti pasquali

Pag. 23

Ennesimo atto di vandalismo nella notte tra domenica e lunedì nella materna“Carlo Mauro”

Ecco la settimana Non si trattano così le case dei bambini della Passione la scuola è stata impressionante – assicura una delle maestre, Rosanna Casole - arrivando a scuola anche noi ci siamo rese conto dei danni provocati e abbiamo avvertito il dirigente scolastico, Fernando Calò». Non è la prima volta che la scuola viene fatto oggetto di atti vandalici. «Bisogna provvedere a tutelare meglio la scuola – chiede una mamma, Solange Schirinzi – che non ha protezioni sicure, tipo qualche allarme. Tempo fa abbiamo effettuato

Atti di vandalismo nella scuola materna “Carlo Mauro”. Nella notte tra domenica e lunedì, alcuni ignoti si sono introdotti nella scuola mettendola, letteralmente, sotto sopra. Bagni allagati dopo aver tappato i lavandini con indumenti dei piccoli ospiti; muri e giocattoli imbrattati e sparsi dappertutto, armadietti aperti e quaderni e disegni buttati per terra, un televisore completamente ricoperto di tempera. «La scena che si è aperta agli occhi dei bidelli mentre aprivano

una raccolta di firme ma poi non si è fatto niente». Le maestre sottolineano anche altre problematiche: «Bisognerebbe senza dubbio innalzare il muro di recinzione – aggiunge la maestra Gilda Francioso – infatti abbiamo spesso il problema di grossi cani che entrano nel giardino e, soprattutto, chiudere il cancello su via Leghe contadine». I carabinieri di Taviano hanno effettuato i rilievi del caso e il Comune ha provveduto a riparare i vetri rotti. RP

Il poliambulatorio rischia di chiudere i battenti e il Comune corre ai ripari offrendo i locali

La processione con la Madonna portata a spalla dalle donne

Si va verso la Pasqua con i riti della Settimana santa. Anche a Taviano le tre parrocchie, “San Martino” , “Addolorata”, e “Immacolata” di Mancaversa, si preparano all’attesa della Resurrezione di Gesù Cristo. Sono tanti gli appuntamenti che i fedeli attendono con impazienza per presenziare nelle chiese ai riti tradizionali anticipati dalla pratica delle “Quarantore”, nei giorni 18/19 e 20 marzo. Venerdì 22 marzo, con inizio alle 19, si svolgerà l’attesa processione interparrocchiale a cui parteciperanno i tre parroci, don Antonio Verardi (“San Martino” nella foto), don Francesco Marulli (“Addolorata”) e don Fernando Vitali (“Immacolata”). Per domenica 24 è fissato il caratteristico rito della benedizione delle Palme. Per i fedeli della parrocchia “San Martino” la benedizione avverrà alle 10.30 presso il monumento ai Caduti, in piazza A. Diaz, cui seguirà una processione attraversando via Immacolata fino al sagrato della chiesa dove, tempo permettendo, alle

11 sarà celebrata la santa messa. Per la parrocchia “Addolorata” il parroco don Francesco benedirà le Palme in piazzetta don Luigi Antonazzo, proprio di fronte al sagrato del convento. A seguire la santa messa. In piazza sant’Anna, a Mancaversa, le palme verranno benedette prima della santa messa. Nei primi giorni della Settimana santa la consueta Pasqua dell’ammalato e le messe con unzione degli infermi (lunedì ore 17). Per Giovedì santo, ore 18, messa dell’ultima Cena e poi allestimento del sepolcro di Gesù Cristo. Appuntamento con la Processione del “Cristo morto” per venerdì santo, con inizio alle 20: i fratelli delle varie congreghe indosseranno gli abiti tradizionali. Poi sabato, con inizio alle 22, la santa Veglia della Resurrezione. Infine il Centro turistico giovanile propone, per mercoledì 27 ore 20 al Teatro Fasano, la “Passione di Gesù”, tre atti in sei quadri di Adriana De’ Gislimberti con regia di Mario Belloni. Ingresso: 7 euro. RP

«Evento nefasto» protesta il Sindaco di Rocco Pasca

Poliambulatorio di Taviano a rischio chiusura. La scure della spending review sta per abbattersi su questa importante struttura sanitaria. La direzione generale dell’Asl avrebbe deciso di chiudere il poliambulatorio ritenuto troppo caro per il bilancio della sanità in Puglia. Se non ci saranno delle novità all’orizzonte, i cittadini di Taviano dovranno rivolgersi altrove per ottenere delle prestazioni sanitarie. Nel frattempo l’ Amministrazione comunale di Carlo Portaccio sta già correndo ai ripari e cerca di trovare una soluzione perché il poliambulatorio non chiuda. «Sarebbe veramente nefasta la chiusura del poliambulatorio a Taviano – dichiara il primo cittadino – struttura esistente da sempre, possiamo dire. Stiamo pensando di offrire i locali all’Asl e per l’occasione abbiamo deliberato di liberare la struttura

Campionato provinciale Volley Under 17: in cima coach Botrugno e i suoi

I campioni sono a Taviano Il Taviano Volley (foto) è fresco campione provinciale Under 17. La squadra tavianese, infatti, guidata dai coach Serena Stefanelli e Claudio Botrugno, ha battuto in semifinale i ragazzi del Leverano ed in finale quelli del Salve, conquistando così il titolo di campioni provinciali di categoria. Gli incontri della Final Four Under 17 si sono svolti nel palazzetto dello Sport di Alessano, gremitissimo. A contendersi il titolo le prime quattro squadre del campionato: Asd Taviano Volley, Aurispa Salve, Bcc Leverano e Lecce Volley Asd. Questa la griglia e i risultati degli incontri: prima giornata, Taviano-Leverano 3-2; Lecce-Salve 1-3. Seconda giornata: Leverano-Lecce 3-0; Taviano-Salve 3-1. Per effetto di questi responsi, ha vinto il Taviano Volley. Eppure la squadra della “Città dei Fiori” non era la preferita fra le quattro ma, alla fine, ha vinto per la determinazione con cui ha giocato.

Lo ammette Claudio Botrugno che dichiara: «I ragazzi hanno giocato con il cuore. È vero, non eravamo favoriti ma è bastato giocare con il cuore e con la determinazione giusta per battere avversari fortissimi. La squadra ha disputato gli incontri in un momento di buona forma e ha espresso un discreto

Crisi, un aiuto dal Banco alimentare La sede del poliambulatorio

scolastica di via Macchiaioli, trasferendo delle sezioni della scuola d’infanzia in altri plessi». Attualmente il poliambulatorio eroga servizi molto importanti, come il Cup (centro prenotazioni), un Centro prelievi, un Ufficio igiene e ben 4 ambulatori: gastroenterologia, urologia, ortopedia e odontoiatria. Ci sono ben 4 studi di Medicina

di base: dott.ri Marcello Longo, Giovanni Piccinno, Maria Pino e Giuliano Plantera. Vi operano, infine, i dottori: Sonia Conte (biologa nutrizionista), Diego Esposito (ortopedia), Anna Maria Momi (terapista della neuro), Giovanni Pepe (pediatra),Fabrizio Pizzolante (medicina interna) e Roberta Toma (odontoiatra).

Affermazioni in campo provinciale e regionale

Colibrì, che forza ragazze un successo tira l’altro

fraseggio soprattutto sotto rete». Questi i campioni: centrali Andrea Casto e Rocco Pizzi; Mauro Botrugno, opposto; laterali: Mauro Perrone e Marco Nocco; palleggiatori: Michele Schito e Aldo Petanaj. In panchina: Alessandro Bruno, Alberto Pisanello, Andrea Duma e Vittorio Rainò. RP

Vincere aiuta a vincere, si dice. E questa regola trova riscontro nella serie di successi consecutivi raggiunti dall’Asd “Colibrì”. Dopo la conquista del titolo di campionesse regionali nella Coppa Italia di ginnastica ritmica, disputatasi il 2 marzo a Martina Franca, le ragazze allenate da Sergio Del Rosario, Emanuela Garofalo e Nataly De Virgilis hanno conquistato anche il “1° livello di ginnastica artistica” lo scorso 10 marzo a Canosa, dove la ginnasta Valeria Marrocco, di soli 10 anni ha conquistato il titolo di Campionessa regionale e altre atlete hanno strappato la qualificazione alle fasi nazionali. Nello scorso week end, inoltre, a Monopoli, la squadra “Colibrì Peonie” ha raggiunto il

secondo posto in classifica con un esercizio ai cerchi, bronzo invece per le squadre Quadrifoglio, Tulipano e Over 16. «La ginnastica ritmica è uno sport bello e affascinante e siamo orgogliosi di avere questo gruppo di ginnaste che ci regalano emozioni indescrivibili» dichiarano i tecnici della Colibrì.

Lotta alla povertà, attraverso il sostegno alimentare alle famiglie bisognose. Con queste finalità anche l’ Amministrazione comunale di Taviano aderisce al “Banco delle Opere di carità di Puglia”, che procura, una volta al mese, derrate alimentari a chi ne ha bisogno. Il sindaco Carlo Portaccio molto semplicemente spiega: «Si avverte in questo momento storico una richiesta di aiuto da parte di un numero crescente di famiglie che non riescono a soddisfare un bisogno primario, come mangiare ogni giorno e quindi ci sentiamo impegnati in prima persona a dare delle risposte affinché si possa alleviare, nel nostro piccolo, tale esigenza». Poi l’esortazione: «Invito tutti coloro che sono interessati ad usufruire dei servizi messi a disposizione del “Banco delle Opere di Carità” a rivolgersi ai nostri assistenti sociali che offriranno ogni utile delucidazione al proposito». Il “Banco delle Opere di Carità Puglia” è una Onlus che opera sul territorio dal 1993 e ha come scopo venire incontro ai bisogni degli oltre 41mila indigenti individuati nel Salento. Gli interventi caritativi vengono effettuati quotidianamente da circa 360 enti convenzionati, i quali mettono a disposizione il recupero di generi alimentari che diversamente sarebbero andati al macero. Contribuisce alla buona riuscita dell’organizzazione anche la Giornata nazionale della raccolta alimentare contro la fame in Italia che provvede ad accumulare generi alimentari donati dalle aziende e dalla grande distribuzione organizzata. RP

NOVITÀ IN “PIAZZA”. PROSSIMAMENTE


NUMERI UTILI Carabinieri: 0833 552727 Guardia medica: 0833 552776 Municipio: 0833 270320 Polizia municipale: 0833 553316 Protezione civile: 0833 583999 Ufficio postale: 0833 585001

RACALE 21 marzo - 3 aprile 2013

14 comuni con un’unica

grande “Piazza”

Pag. 24

Il progetto“La casa della sussidiarità” Il Sindaco incontra e ascolta i cittadini per iniziativa di “Io amo Racale”

A domanda rispondo Disabili, barriere e riutilizzo di un immobile comunale

L’ex asilo nido, sede della “Casa”

Una grande rete fatta di umanità Almeno si prova Istituzioni, imprese, associazioni e cittadini non cureranno più solo il proprio orticello ma si metteranno al servizio del territorio e della collettività, lavorando fianco a fianco sotto un unico tetto, quello della “Casa della sussidiarietà e dei beni comuni” con sede nell’ex asilo nido comunale in fase di recupero. Si tratta di un progetto sperimentale nato da un patto siglato il 16 settembre 2011 tra la Regione e altri enti, coordinato a Racale dal consigliere di maggioranza Annamaria Errico (foto) in collaborazione col Csvs (Centro servizi volontariato Salento). Sono speciali “Case” (distribuite in rete in tutta la Puglia) senza pareti divisorie fra i vari attori della vita sociale, luoghi di confronto e condivisione da cui emerge una nuova idea di volontariato: resta fondamentale quello che agisce nell’immediato di fronte a pericoli improvvisi, ma diventa importante anche quello che opera sul lungo periodo per rispondere concretamente ai bisogni della popolazione e degli spazi in cui è inserita. Chiunque potrà bussare alla

“Casa della sussidiarietà” e ottenere aiuto nella risoluzione di problemi individuali e collettivi, oppure segnalare luoghi e beni da valorizzare e tutelare. In realtà, non saranno solo i cittadini e il territorio a beneficiare della fondazione di queste “Case”, ma tutte le parti coinvolte. Un’istituzione come il Comune, ad esempio, avrà l’occasione di condividere le proprie strategie politiche con la comunità e potersi avvalere del suo contributo in termini di suggerimenti che saranno molto più calati nella realtà rispetto ai pareri di tecnici. Ne consegue un minore spreco di risorse finanziarie ed un maggior impegno nel reperire quelle necessarie, perché le “Case” non sono semplici Urp (Uffici di relazione col pubblico) che si limitano a fare da passaparola fra istituzioni e cittadini, ma fanno i fatti. Si applica, così, quel principio di sussidiarietà (che dà il nome alle “Case”) sancito dalla Costituzione, secondo il quale l’azione di Comuni e altri Enti superiori deve essere di sussidio, cioè di aiuto, a quella dei cittadini ed enti minori. RR

La gente lamenta che i sindaci non abbiano mai il tempo, peggio la voglia, di ascoltarne i bisogni, nemmeno durante l’orario di ricevimento al pubblico. Non a Racale, dove il sindaco Donato Metallo, lo scorso 11 marzo, si è prestato a un faccia a faccia con il suo paese: “Il sindaco risponde…” è stato solo il primo di una serie di appuntamenti informali tra Amministrazione e cittadinanza, a cura dell’associazione “Io Amo Racale” presieduta da Andrea Fachechi. Nel corso dell’incontro, il primo cittadino si è confrontato con i partecipanti su due temi: le iniziative a favore delle persone diversamente abili e il recupero dell’ex asilo nido comunale. Metallo ha fatto il punto su quanto già realizzato in materia di disabilità, come l’adeguamento delle scuole di via Mazzini e via Siena, e ha annunciato i prossimi interventi: quello sui marciapiedi delle strade principali; la predisposizione di una passerella che faciliti l’accesso al mare; la realizzazione di un ascensore presso la scuola di via Piemonte (probabilmente a carico della ditta che si aggiudicherà l’appalto per la ristrutturazione dell’edificio). Ma il principale problema, per il sindaco, è l’abbattimento di quelle barriere mentali, prima che architettoniche, dure a morire perché manca l’informazione corretta: «Il cittadino deve essere informato di più e meglio, e lo faremo. Nessuno sa, ad esempio, che il Piano d’Ambito finanzia per il 30 per cento quei piccoli lavori per l’abbattimento delle barriere architettoniche nelle proprie case». «Nasce con l’obiettivo d’informare, di far riflettere, di sensibilizzare – ha spiegato Aurelia Trianni di “Io Amo Racale” - e non con quello di puntare il dito contro nessuno, anche il progetto “Disabile per un giorno”»: sabato 16 marzo la prima di una serie di uscite in cui alcuni disabili sono seguiti nella loro giornata tipo con lo scopo di monitorare gli esercizi pubblici accessibili a loro e realizzare, infine, un racconto inchiesta sul tema.

È prevista la realizzazione di un centro culturale delle differenti abilità, inoltre, all’interno del progetto di recupero dell’ex asilo nido che accoglierà anche altre strutture per la comunità: un centro per anziani, la Casa della sussidiarietà e dei beni comuni, un centro di educazione ambientale, uno sportello d’impresa, una sala lettura e una sala convegni, una sede per la Pro loco e per i volontari di Protezione civile. Un intervento ambizioso, il cui costo è stimato intorno ai 40mila euro: «Per quest’anno - ha fatto sapere Metallo – ci affideremo alle entrate delle sponsorizzazioni e cercheremo di captare tutti i finanziamenti regionali utili. Ma l’intenzione è che il progetto possa essere finanziato da quei 30mila euro annui prodotti dal fotovoltaico installato sul tetto delle scuole di via Mazzini». RR

PROBLEMI DA AFFRONTARE Due i temi che sono stati analizzati nell’incontro con il sindaco Metallo: cosa fare per i diversamente abili e come utilizzare l’ex asilo nido dopo il recupero. Il primo tema è stato affrontato anche “praticamente” con l’iniziativa”Disabile per un giorno” a cui si riferisce la foto in alto. Nel riquadro il Sindaco

Le iniziative dell’associazione nata nel 2006 e attiva nel campo della solidarietà

“Cantiere aperto” e in continuo fermento Solidarietà, aggregazione sociale, rispetto e tutela per l’ambiente. Questi i pilastri attorno a cui ruota l’associazione “Cantiere aperto” di Racale, nata nel 2006 su iniziativa di un gruppo di giovani desiderosi di contribuire al benessere della propria comunità (foto) . L’associazione è apartitica e i soci ci tengono a sottolinearlo, pur avendo ognuno una diversa estrazione politica. Il principale collante è la voglia di stare insieme, di crescere e di accrescere il senso civico di ognuno degli associati e dei concittadini. E qualcosa di concreto è già stato fatto: «Eravamo un gruppo ambizioso - spiega il presidente di “Cantiere aperto”, Stefano Mastrobisi - e vogliamo continuare ad esserlo concretamente, con i fatti». Che non mancano. Il 23 febbraio, l’associazione ha organizzato una cena di solidarietà per raccogliere fondi da destinare ad un indigente di Racale, con la collaborazione della Caritas e di “Ape - Gabriele Toma”, con le quali il “Cantiere” collabora spesso anche nella raccolta di viveri di prima necessità. È ormai consolidata la sinergia con l’associazione “Arcobaleno su Tanzania”, coordinata da Giovanni Primiceri, a cui sono stati devoluti i mille euro rac-

colti grazie alla lotteria natalizia. Altri fondi sono stati destinati alla Fondazione “Daniela e Paola BaCasarano. Anche quest’anno - spiestianutti” di Casarano gano gli associati - si parteciperà attivamente alle giornate ecologiche per Racale e Torre Suda, contribuendo alla pulizia di coste, fondali e strade, in attesa dell’arrivo dei primi turisti. Diverse sono le iniziative in fase di studio. Oltre a Mastrobisi, fanno parte del Direttivo di “Cantiere aperto” il vicepresidente Donatello Lozupone, il segretario Antonio Chetta, il tesoriere Marco Manni e i consiglieri Ilario Pisanello e Antonio Arcuti. MM

Nel Festival dell’ascolto” 25 scrittori “a km zero” hanno letto le loro opere di Roberta Rahinò

“E per tutti i ragazzi e le ragazze che difendono un libro, un libro vero, così belli a gridare nelle piazze perché stanno uccidendoci il pensiero”. Hanno urlato la cultura in piazza San Sebastiano, proprio come nella canzone di Roberto Vecchioni, i 25 scrittori pugliesi protagonisti, domenica 17 marzo, dell’evento d’esordio del “Festival dell’ascolto” che si concluderà nel mese di maggio a cura dell’associazione “Polybius” di Walter Spennato e col patrocinio dell’Amministrazione comunale. “Racale legge! – Ad alta voce nel centro storico” è stato denominato il primo appuntamento, e non si può dire che il pubblico non abbia ascoltato con interesse nonostante il fred-

Racale,nuova città dei libri do pungente. Giuse Alemanno, Giuseppe Calogiuri, Salvatore Castrignanò, Vito Antonio Conte, Elio Coriano, Giuseppe Corianò, Loredana De Vitis, Stefano Delacroix, Omar Di Monopoli, Angelo Donno, Carlotta Lezzi, Antonio Luperto, Franco Manni, Mauro Marino e Piero Rapanà, Luciano Pagano, Daniela Palmieri, Mino Pica, Osvaldo Piliego, Raffaele Polo, Livio Romano, Luisa Ruggio, Sofia Schito, Dario Stomati, Paolo Vincenti, Alessio Viola: contemporaneamente, dai loro leggii, hanno letto diversi brani e donato poi una copia del proprio libro alla biblioteca comunale, mentre il pubblico ha potuto fare acquisti dalla libreria

LETTORI SPECIALI L’interesse per l’iniziativa è stato davvero notevole; tra gli scrittorilettori ci sono stati anche alcuni alunni

allestita all’aperto. Ha concluso la serata la scultura sonora di Antonio De Luca. Gli scopi sono stati due: invitare alla lettura attenta, facendo da esempio per gli studenti delle medie pure invitati a leg-

gere, e dare vita a un evento culturale a costo zero e a basso impatto ambientale perché si è avvalso di scrittori locali. Quest’ultimo è anche il fine dell’associazione leccese di Spennato, sociologo di Racale.


Racale

21 marzo - 3 aprile 2013 "ITINERARI SOSTENIBILI" UN PROGETTO DI "ARTE NOSCIA" I beni pubblici spesso non vengono valorizzati in tutte le loro potenzialità. I giovani a questo proposito possono contribuire con le loro idee ed

Il Comune ha dato la sua adesione come associato esterno concedendo la disponibilità dello Iat di Torre Suda in via Marco Polo e la possibilità di allestire due stazioni di bike-sharing in pazza "Monumento dei Caduti".

entusiasmo. "Itinerari sostenibili" è il progetto che verrà presentato dall'associazione culturale "Arte noscia" al bando di concorso "Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici" indetto dal Dipartimento della Gioventù.

25

"Gli amici dello Sport" hanno ricordato il loro amico Antonio Napoli

Tre reti e una carezza UNA PARTITA COL MAGONE Con un minuto di silenzio si è aperta la partita di calcio che ha fatto registrare momenti di pura commozione in ricordo di Antonio Napoli, vittima dell'incidente automobilistico sulla Taviano-Matino. Le 3 reti, dedicate a lui, ne hanno suggellato il ricordo

di Marco Montagna

È ancora vivo il dolore per la morte di Antonio Napoli, il ragazzo 21enne di Melissano, scomparso nella notte tra il 17 e il 18 febbraio scorso a causa di un tremendo incidente automobilistico avvenuto sulla provinciale Taviano-Matino. Anche gli Amici dello Sport di Racale - la squadra amatoriale di calcio, iscritta al torneo Aics, composta, per la maggior parte, da atleti melissanesi - hanno ricordato il loro sfortunato amico in occasione della gara interna giocata il 23 febbraio, contro il F.A.T.A.C. Salento Scorrano. Le due squadre, entrate in campo reggendo una gigantografia di Napoli, si sono disposte a centrocampo, rendendogli omaggio con un sentitissimo e commovente minuto di silenzio. Poi, la squadra di casa, si è stretta, compatta, attorno alla foto del ragazzo. Dagli spalti, un corposo gruppo di sostenitori locali ha acceso dei fumogeni e intonato dei cori a suo nome. Lungo la rete di recinzione, campeggiava uno striscione con una frase a lui dedicata (tratta da “Canzone” di Vasco Rossi): “… e nell’aria ancora il tuo profumo, dolce, caldo, morbido!!!” lo stesso che è stato esposto anche in occasione dei funerali del ragazzo, lungo un muretto che costeggia il cimitero comunale di Melissano. La partita, per la cronaca, è stata vinta dagli Amici dello Sport per 3-0. Ognuna delle tre reti (segnate da Andrea Ferrocino, Piero Simonetti e Giancarlo

LA RICETTA

Dagli spalti tanti fumogeni e cori per nascondere la grande commozione

Spennato) è stata simbolicamente festeggiata da tutta la squadra accarezzando la sua immagine. Un semplice gesto di tenerezza che racchiude tutto il rimpianto per una giovane vita interrotta tragicamente. Antonio Napoli, 21 anni, lavorava nella macelleria di famiglia. Tornava a casa dopo aver trascorso a Parabita una serata con gli amici sulla sua Mini Cooper. La strada bagnata per la pioggia caduta poche ore prima, lo schianto improvviso contro un albero di ulivo. Ancora un'altra vittima di quella strada che ormai è tristemente nota per numerosi incidenti mortali.

La squadra classificata alle regionali di Coppa Italia

La chiesa dell'Immacolata

Doria Gym campione Confraternita di Puglia, ora guarda dell'Immacolata col nuovo priore alle finali di Pesaro Marzo carico di emozioni e successi per le piccole ginnaste della palestra “Doria Gym”, che stanno raccogliendo trofei in giro per la Puglia e che ben presto voleranno a Pesaro per le finali nazionali. La squadra “Metallo” si è, infatti, laureata campione regionale di Coppa Italia di 1ª fascia grazie alle belle prove di Angelica Rainò, Rebecca Parlati, Giorgia Casto, Sofia Palumbo, Valentina Tunno e Sara Nicchiarico. Vittoria che vale doppio, anche perché è stata l’occasione di riabbracciare in squadra la piccola Anastasia Protopapa, al rientro in gara dopo un lungo stop. Positiva la prova di artistica a Canosa, conclusasi con un secondo posto di squadra e gli exploit nel corpo libero (con Aurora Pizzolante, Chiara Nassisi e Piera Nassisi) e nel mini trampolino (Angelica Rainò e Piera Nassisi). Sabato 16, Maria Basurto ha vinto il titolo di campionessa provinciale nella ritmica e anche la squadra si è ben comportata, collezionando diversi podi. Domenica 17, poi, a Monopoli, le esordienti “farfalline”, tutte di soli 8 anni, hanno conquistato l’argento nel “Sincrogym”, mettendosi alle spalle diverse società più titolate. La squadra (Marta Basurto, Giorgia Gaetani, Rebecca Parlati, Giulia Piccolo e Angelica Rainò), insieme a quelle di 2ª e 3ª fascia, disputerà le prossime finali di Pesaro che si terranno in primavera, con grande soddisfazione degli allenatori Doria De Vitis, Agostino Barbaro e Serena Marsano, che colgono l’occasione di ringraziare il sindaco Metallo per la continua presenza e disponibilità dimostrata. MM

Si chiama Emanuele Attanasio (foto), ha 38 anni ed è il più giovane priore che la confraternita dell’Immacolata di Racale abbia mai avuto. Eletti anche i membri del consiglio direttivo: Maristella Gaetani, Martina Simonetti, Rossano Panico, l’ex priore Lorenzo Giannelli, Quintino De Fusco e Sebastiano Sancesario. «Sono contento di essere il più giovane priore della confraternita - esordisce Attanasio - e sono sicuro che riusciremo a portare nel gruppo numerose innovazioni, cercando di avvicinare i giovani allo spirito della confraternita». L’otto dicembre, durante le celebrazioni per la festa dell’Immacolata, sono stati ammessi dieci nuovi soci, tra cui anche persone quarantenni. «È una vera novità - spiega il neo priore - perché prima si aspettava di compiere almeno 50 anni per iscriversi. Anche il parroco, don Salvatore, ci coinvolge per avere il nostro supporto nelle attività parrocchiali». Dal 3 al 5 maggio il gruppo sarà a Roma per il «Cammino internazionale delle confraternite». Ora la confraternita ha manifestato l'intenzione di ospitare a Racale il prossimo "Cammino diocesano" delle confraternite. PT

pubblicità redazionale

Ombrina Bocca d'oro all'acqua pazza L’Ombrina Bocca d’Oro è tra i pesci di mare più pregiati. Questa ricetta, particolarmente gustosa, è arricchita dagli ingredienti: L’Ombrina Bocca d’Oro InMare allevata nel mare aperto di Torre Suda, sprigiona un intenso aroma dello Jonio Salentino; i pomodori ciliegia o “da serbo” e l’olio extravergine, esprimono il sapore e il profumo fragrante delle terre nostre. Ingredienti per 4 persone: • 2 Ombrine da 700 g ognuno pulite e squamate; • 6 pomodorini maturi; • 1 spicchio di aglio; • 4 cucchiai di olio extravergine • 1/2 bicchiere di vino bianco secco • sale e pepe q.b.; • 4 peperoncini piccanti secchi; • 2 cucchiai di prezzemolo tritato Preparazione: lavate le Ombrine sotto un getto di acqua corrente privandole delle squame; asciugate la cavità addominale con della carta da cucina e salate internamente. Mettete il pesce in una casseruola o pesciera che lo contenga bene. Unite l'olio, il vino bianco, l'aglio mondato, i pomodori, il prezzemolo tritato, i peperoncini piccanti ed il sale quanto basta. Coprite a metà con acqua; una volta portato il tutto ad ebollizione fate cuocere a fiamma bassa per 20-30 minuti (dipende dalla pezzatura del pesce). A cottura ultimata togliete i pesci dal brodo, sfilettateli e disponeteli su un piatto da portata irrorandoli con il loro sughetto e servendoli su crostini di pane.

IL PESCE ALLEVATO A TORRE SUDA, GRAZIE ALLA VICINANZA DEGLI IMPIANTI, ARRIVA FRESCO SULLE NOSTRE TAVOLE POCHE ORE DOPO ESSERE STATO PESCATO

REHO Srl - Z.I. - Gallipoli (Le) - Tel. 0833 201511 - info@rehomare.it - www.rehomare.it


NUMERI UTILI Carabinieri: 0833 552727 Guardia medica: 0833 552776 Protezione Civile: 389 6815612 Comune: 0833 902711 Polizia municipale: 0833 584337

ALLISTE 21 marzo - 3 aprile 2013

In questa piazza molto frequentata puoi fare l'incontro che cercavi

Pag. 26

Iniziative di solidarietà della Band che continua ad aiutare l'associazione dei genitori di onco-ematologia pediatrica di Lecce di Roberta Rahinò

Nel periodo pre-pasquale, barba bianca e costume rosso non servono più alla “Band di Babbo Natale” che fa il cambio di guardaroba, ma continua con le sue importanti e fruttuose iniziative di solidarietà: domenica 17 e domenica 24 marzo, acquistando un semplice uovo di cioccolato si aiuta l’associazione genitori onco-ematologia pediatrica del “Vito Fazzi” di Lecce. Chi vuol far questo piccolo dono “goloso” ai propri figli, magari, e nello stesso tempo regalare un sorriso ai bambini meno

Babbo Natale dona pure a Pasqua fortunati, può avvicinarsi agli stand dell’associazione allestiti in piazza San Quintino ad Alliste, in piazza San Sebastiano a Racale e anche di fronte alla parrocchia Maris Stella di Torre Suda. Dalle 9 alle 12.30, una parte della Band è lì ad accogliere tanti, si spera, gesti solidali, mentre altri “Babbi” vendono le uova su un simpatico carretto in giro per le strade di Alliste dalle 11 alle 12.30. L’iniziativa, anche questa volta, è stata resa possibile dalla collaborazione di numerose asso-

ciazioni allistine (la Fidas, il comitato “Insieme per il presepe”, Alitzai, AnonimArt, i volontari di Protezione civile e la scuola di danza “Max”) e racaline (Fidas, Protezione civile e il neocomitato della Band). Va a loro, infatti, una parte del merito dell’ottima riuscita dell’evento natalizio di solidarietà, che ha fruttato ben 2300 euro all’associazione onlus “Band di Babbo Natale” con presidente Giorgio Adamo. Ha avuto già un

Le uova solidali

Inchiesta della Procura sui lotti della zona artigianale Quei suoli della zona artigianale, già assegnati, potevano essere riassegnati dopo il cambio di denominazione sociale degli originari assegnatari? Visto che gli affidatari originari erano cambiati, non bisognava invece riprendere la graduatoria stilata dopo il bando e darli ai concorrenti dei primi posti in lista d'attesa? Ruota intorno a questo l'inchiesta partita dalla Procura della Repubblica in seguito ad un esposto. «Sono estremamente tranquillo e, insieme ai miei assessori e dirigenti comunali, sono sicuro che l'intera questione sarà chiarita», ha commentato il sindaco Antonio Ermenegildo Renna, coinvolto in questo presunto caso di abuso d'ufficio insieme agli assessori Antonio Venneri (vicesindaco), Renato Rizzo, Marco Crispino e Donatuccio Scanderebech; al segretario comunale (di Alezio Alezio) e a due responsabili degli uffici Urbanistica e Finanziario, rispettivamente di Lecce Casarano. Oltre alla Giunta e Casarano comunale attuale, sono chiamati in causa anche due ex assessori, Amleto Petracca e Mauro Costantini. In effetti, la storia si dipana dal 2002, quando furono asse-

Suoli e sospetti Il sindaco Renna: «Sono tranquillo» ASSEGNATI E RIASSEGNATI Tra il 2002 e il 2009 si sviluppa la storia di suoli riassegnati perchè gli originari titolari avevano cambiato denominazione sociale. In alto il sindaco Antonio Renna; sotto, il consigliere Davide Stamerra

Oltre al sindaco coinvolti anche il vice, assessori e responsabili degli uffici gnati i lotti della zona Pip (insediamenti produttivi) fino al 2009. In prima battuta i terreni erano stati consegnati alle ditte Agostino Mauramati, Rocco Lombardo e Michele Casole.

Dopo sette anni i protagonisti erano cambiati così: Mauramati si era fuso con la "Dei Agre" di Antonio Cesi; le aziende Lombardo e Casole avevano dato vita alla "Lombardo srl". È stato favorito l'ingresso di nuove aziende con relativo passaggio dei suoli? Per rispondere a questo interrogativo i magistrati sono al lavoro, con la Guardia di finanza di Gallipoli Gallipoli. «Abbiamo dato attuazione alla graduatoria già approvata

- spiega ancora Renna - e poi preso atto delle variazioni delle denominaziono sociali avvenute in seguito alla trasmissione di atti notarili». Dall'opposizione consiliare, Davide Stamerra e Daniele Fersini firmano un cauto comunicato in cui si auspica che "una volta conclusosi l'iter giudiziario, si risolva tutto nel migliore dei modi per le persone coinvolte, a tutela del Comune e del buon nome della nostra comunità".

Protezione civile e "Misericordia" corso sui soccorsi

Il successo annunciato dei laboratori a tema "Biblio B" con Sofia Schito

Vuol essere “Un’occasione per la vita” il corso di primo soccorso che si sta svolgendo presso la sede dei volontari di Protezione civile. in collaborazione con l’associazione di volontariato “Misericordia” di Racale. Sergio Manni, presidente della “Misericordia”, insieme a Giannina Gianfreda e altri operatori, si propongono di far apprendere tecniche di primo soccorso per la rianimazione cardiopolmonare in età pediatrica, oltre a semplici manovre di disostruzione da corpi estranei. «Lo scopo del corso - ha spiegato Antonio Renna, presidente della Protezione civile - è diffondere la cultura della prevenzione. Con il volantinaggio anche nelle scuole, stiamo informando tutte le fasce della popolazione».

«Ringrazio i bambini che hanno dato a me sicuramente più di quanto io abbia dato loro»: con queste parole Sofia Schito, autrice de “La B capovolta”, apre il suo discorso in occasione della prima presentazione “In casa” del libro, avvenuta l’8 marzo scorso nella delegazione municipale di Felline con il sindaco Renna, l'autrice, la giornalista Roberta Rahinò e l'operatrice di "Insolitementi", Francesca Maruccia (nella foto da destra). «Questa non è affatto una presentazione classica – ha sottolineato la Schito – piuttosto una festa». Non c’è dubbio che sia stata proprio la festa dei bambini, quelli protagonisti di “Biblio B”, i laboratori a tema svoltisi dall’8 febbraio all’1 marzo presso la biblioteca comunale di via Valentini. Nel corso della serata, i piccoli partecipanti hanno avuto l’occasione di mettere in mostra i lavori prodotti nei quattro incontri con l’aiuto prezioso della scrittrice

I bambini dentro la Shoah e dei volontari del servizio civile nazionale (Elia Fontò, Alberto Casto, Alfredo Trianni e Andrea Ciurlia): illustrazioni del libro, filastrocche, soprattutto i pensieri maturati sulla tragedia della Shoah, argomento del libro. La Schito ci ha tenuto a presentare anche il risultato di un altro progetto educativo svolto fuori dal suo paese, nelle classi quinte del terzo polo di Galatina: un audiolibro illustrato che sintetizza i passi salienti de “La B capovolta”. Alla fine della serata, il ringraziamento più sentito della scrittrice è stato per la sua docente di lettere, Pina Pizzurro, che tanto le ha insegnato. Finché Sofia, crescendo, ha capito che “Vola solo chi osa farlo”, come si leggeva sulla torta offerta al pubblico. E così è successo: il libro è alla seconda ristampa ed è stato recensito anche su “La Stampa”.

grande successo, pur essendo stato aperto solo all’inizio di marzo, anche il tesseramento a quella Band che, se continuerà così, a settembre potrebbe diventare associazione provinciale. Intanto si sta lavorando per far nascere dei comitati della Band a Lecce e in vari paesi del Salento, dopo quello sorto a Racale con referente Donatello Lozupone con l'obiettivo di creare una rete di solidarietà che possa raggiungere risultati sempre migliori.

Ricettazione

Condanna a tre anni

Condanna a 3 anni per Claudio Palmisano (foto) 39 anni, arrestato per detenzione illegale di arma da fuoco e munizioni, ricettazione di una divisa da carabiniere, resistenza a pubblico ufficiale. Il processo si è svolto davanti al giudice Vincenzo Brancato. Palmisano, nell'interrogatorio di convalida dell'arresto, aveva sostenuto di aver trovato armi e divisa da carabinieri abbandonate nei pressi di un rondò. Le avrebbe prese e portate nella sua abitazione dove furono trovate dai militari Casarano. Da del Norm di Casarano aggiungere un fatto inquietante: la sera dell'arresto un incendio distrusse l'auto della compagna di Palmisano.

Apprezzato il progetto

In mostra a Bari la Pilella

La riqualificazione della zona 167 e di località Pilella (foto), il potenziamento dei percorsi per pedoni e ciclisti: tre progetti in corso, ad Alliste, in questi giorni fra i protagonisti della mostra convegno “Rigeneriamo le città, generiamo il futuro” a cura della Regione Puglia. Al teatro “Margherita” di Bari, dal 7 al 24 marzo, si raccontano e si espongono le storie esemplari di quasi 200 Comuni pugliesi che hanno avviato un’opera di rigenerazione delle città, ma soprattutto delle periferie, con due marce in più: la sostenibilità ambientale e la partecipazione attiva della cittadinanza. Significa che la ricostruzione della qualità dei luoghi, nei Comuni “segnalati”, non prescinde né dal rispetto della natura né dalla collaborazione tra i tecnici e la gente, unica vera conoscitrice dei problemi reali del paese. Alliste ha meritato ben tre segnalazioni. La prima nell’ambito d’intervento “I paesaggi costieri” (vi compaiono anche Racale e Ugento Ugento) per la realizzazione di una piazza giardino sul mare in località Pilella, grazie ad un finanziamento di 725mila euro. La seconda nell’ambito “Rigeneriamo le periferie” (segnalazioni anche per Alezio, Taviano, Tuglie e Ugento) per la riqualificazione della zona 167 resa possibile da un finanziamento di 800mila euro. La terza segnalazione, Alliste la condivide con gli altri Comuni del “Sac – Salento di mare e di pietre”, con Sannicola: a loro va il capofila Sannicola merito della progettazione e realizzazione di percorsi e servizi per il cicloturista. RR

"AnonimArt" e "Calandra" premi per due compagnie Miglior regia (di Luca Arcano), miglior attrice protagonista (Carla Casto) e miglior attrice non protagonista (Mariolina Crespino): sono i tre premi che lo spettacolo “Rosanero” di AnonimArt ed Esperidi Teatro si è aggiudicato nella prima edizione del concorso “Dietro le quinte – teatro per il sociale” a cura di “Giullari a corte”. La serata finale, di consegna dei riconoscimenti, si è svolta il 9 marzo scorso nella sala teatro della scuola elementare di Collepasso. Gli applausi, dunque, sono stati tutti per il regista e le due attrici che, magistralmente, hanno saputo raccontare al pubblico il testo di Roberto Cavosi andato in scena, per la prima volta, il 31 marzo 2012 nell’ambito della rassegna comunale allistina. Impresa non facile, giacché si tratta di una storia di mafia, violenza e donne, dove Carla Casto è Giuliana, anoressica “per protesta” fino alla morte, mentre Mariolina Crespino è la cugina suor Rossana che si scontra con Vannina, la sorella di Giuliana a cui, invece, quel mondo pare non stare scomodo per nulla. Il concorso ha assegnato due riconoscimenti anche a “L’Orlando Furioso” della compagnia “La Calandra” di Tuglie che ha portato a casa i premi “Miglior scenografia” e “Miglior spettacolo”.


NUMERI UTILI Carabinieri: 0833 587171 Comune: 0833 586211 fax 586244 Guardia medica: 0833/581163 Ufficio postale: 0833 971711 Polizia municipale: 0833 587982

MELISSANO 21 marzo - 3 aprile 2013

Otto voti a favore tre contrari e i conti 2012 vedono la luce di Marco Montagna

Pag. 27

Con un giornale come questo la tua proposta arriva a destinazione e ci rimane

La Caritas parrocchiale promotrice di una serie di iniziative: mostre, convegni, e la “Passiùna tu Christù” in griko Continuerà sino a domenica 24 la “Settimana della Carità”, organizzata dalla Caritas parrocchiale e patrocinata dal Comune di Melissano. Dopo l’esposizione della “Tavola di san Giuseppe” e l’accensione della “Fanova” in onore del Santo (realizzata insieme al Ctg), il 19 è stato il turno della mostra didattica “La malattia nell’arte”, in cui sono stati esposti a Palazzo Santaloja i lavori dei ragazzi del catechismo e dell’Acr. Una mostra oltremodo ricca e originale che ha illustrato i tanti modi in cui la malattia è stata rappresentata nel corso

Il Consiglio comunale ha dato il via libera alla riapprovazione del bilancio di previsione 2012 e pluriennale 2013-14 con otto voti favorevoli su undici (contrari “Progetto Melissano “e il consigliere di “Moderati e Popolari” Valeria Marra). Onere, questo, imposto all’Ente dalla deliberazione n. 108 della Corte dei conti, notificata il 19 novembre 2012. L’assise cittadina, riunita il 12 marzo scorso, si è così espressa sulla revisione dei conti del 2012, frutto del lavoro del tavolo tecnico di esperti, nominato ad hoc dall’Amministrazione e presieduto dal dottor Giuseppe Tanisi di Taviano Taviano. La sessione si è aperta con un emendamento (appro- rideterminazione del Previsiovato all’unanimità) presentato nale?». Rivolgendosi, poi, a Tanisi, dal sindaco Roberto Falconieri allo scopo di recepire le osser- il consigliere di minoranza ha vazioni sollevate dal revisore auspicato un piano di risanaunico dei conti, Antonio Palma, mento “che consideri in maniera che aveva espresso parere sfa- concreta le alienazioni dei beni vorevole all’approvazione del comunali, gli esagerati accertamenti inseriti nel bilancio e le Previsionale. Nelle dichiarazioni di voto, transazioni effettuate”. Stesso auspicio per “ProgetMarra ha rilevato come il termine di 60 giorni, entro cui l’Ente to Melissano” che, per voce dei avrebbe dovuto presentare un consiglieri Ferruccio Caputo e plausibile piano di risanamen- Michele Parata, rimarca le “entrate gonfiate” e to, fosse ormai le “spese sottostiabbondantemenmate”, con cui si te scaduto dal 19 è approvato il Pregennaio, senza Marra spara a zero visionale. «Così alcun comunicato giustificativo del pure sui responsabili facendo non si risolve il probleritardo da parte dei servizi finanziari ma», dichiara Cadella Corte dei puto, secondo cui i conti. Secondo e sul gruppo tecnico beni messi in venil consigliere di dita dal Comune Mep, “le perplesper fare cassa sità e le incertezze” da lei espresse in sede di non sono “i gioielli di famiglia, prima approvazione del Previ- come si vuol far credere”, bensì sionale, nell’agosto 2012, “non solo “bigiotteria”, visto il disinsi sono sanate ma, addirittura, teresse dimostrato dal mercato. aggravate”, in quanto, dai suoi «Quando lanciavamo l’allarme calcoli, il Comune avrebbe sui conti comunali - chiosa il caun’esposizione debitoria (“da pogruppo di minoranza - il sinfar paura”) di circa sei milioni daco ci tacciava d’ignoranza e di euro. «Su quali basi - ha chie- malafede. Ora, purtroppo, i fatti sto - il Responsabile del Settore ci stanno dando ragione». La partita, al di là del bilanfinanziario, Giancarlo Ria, ha espresso parere favorevole alla cio approvato, non è chiusa.

Una settimana al servizio degli altri del tempo nelle varie arti. Quindi è stata la volta della distribuzione dei “Pani di San Giuseppe” a 15 ammalati di Melissano, a cura dei volontari della Caritas e dei ministri straordinari dell’Eucarestia. Queste le prossime tappe: giovedì 21, alle 18, presso il cinema Aurora, si terrà un convegno su donazioni e volontariato. Interverranno, tra gli altri, l’oncologo Giuseppe Serravezza di Casarano e i rappresentanti delle associazioni. Venerdì 22,

la Caritas sarà a disposizione per accompagnare in chiesa chi ne avrà bisogno. Sabato 23, dalle ore 8, giornata di raccolta straordinaria di sangue organizzata dalla Fidas a palazzo Santaloja (foto). In via Vittorio Emanuele saranno presenti i gazebo delle seguenti associazioni: Aido, Admo, Fidas, Lilt, Cri, Unitalsi, Angela Serra e Amore senza Confine che divulgheranno il loro operato. Nel pomeriggio, nella chiesa di Gesù Redentore, altro interessante convegno sulla

conservazione della fede nella malattia. Relatori: don Antonio Mergola e don Riccardo Personè. La Settimana si chiuderà la Domenica delle Palme, alle 12, sul sagrato della chiesa matrice, con l’esibizione dei Cantori di Martignano che eseguiranno “I Passiùna tu Christù”, un canto in griko. Si tratta di un’opera antichissima, tramandata nel tempo con viva voce e appassionata gestualità da uno dei pochi gruppi di cantori rimasti in circolazione. MM

Bilancio, fumata bianca Esaudita la Corte dei conti. Opposizioni all’attacco Approvato in via definitiva il piano urbanistico generale

Roberto Falconieri

Ferruccio Caputo

Valeria Marra

La città futura ha il “sì” del Consiglio Nella lunga seduta del 13 marzo, il scuola primaria di via Sella, che, da aree Consiglio comunale ha approvato in via per l’istruzione, diventano “aree d’intedefinitiva il progetto di Piano urbanistico resse comune”. Questi punti sono stati generale, già adottato nella seduta del 19 presentati dal sindaco Roberto Falconieri. dicembre 2012. La proposta di delibera L’intento evidente è di ingolosire eventuaè passata con nove voti favorevoli e tre li acquirenti dei lotti, da tempo in vendita astenuti (i consiglieri Caputo, Cortese e all’asta, per introitare liquidità nelle casse Parata di “Progetto Melissano” e Marra comunali. Diversamente tipizzata anche di “Mep”). Il nuovo strumento urbanil’area della “Cantina granstico, insieme ai rispettivi de” di via Stazione (conallegati, è stato depositato testo urbano di recupero in segreteria per 60 giorni multifunzionale) e i terreni consecutivi in attesa che Presentate 36 in zona Carrino (periurbai cittadini interessati ne no residenziale). Respinte, prendessero visione e che, osservazioni, alcune nel caso, opponessero le accolte integralmente invece, le osservazioni dell’archeologo Stefano proprie controdeduzioni. Cortese (alcune delle quali Di proposte di modififatte proprie da “Progetto ca ne sono arrivate ben 36. Gran parte delle osservazioni presentate Melissano”) che indicava delle aree da dai cittadini (e da alcuni professionisti del tutelare per la presenza di siti d’interesse settore) sono state accolte, alcune total- culturale e suggeriva una nuova normatimente, altre in modo parziale. Altre an- va su coperture, aree scoperte, facciate e cora sono state giudicate “non pertinenti”. insegne. Di questo aspetto - è la risposta Tra le modifiche approvate, via libera al dei tecnici - se ne occuperà il Piano urcambio di destinazione d’uso per l’ex asi- banistico esecutivo che conterrà i regolo nido di via Berlinguer e il 2° lotto della lamenti di zona. MM

La Tavola di S. Giuseppe Si sono inaugurati la sera del 18 marzo i riti in onore di san Giuseppe, sposo di Maria. Come ormai tradizione, il Centro turistico giovanile - con la collaborazione della Caritas parrocchiale - ha allestito la “Tavola di San Giuseppe”, apparecchiata con le tredici pietanze per i “sette santi” (Giuseppe, Maria, Gesù Bambino, Gioacchino, Anna, Elisabetta e Giovanni). Nella giornata della ricorrenza del santo, i ministri straordinari dell’Eucarestia e alcuni volontari della Caritas hanno poi portato il “Pane di san Giuseppe”, i “ciciri e tria” e una “zeppola” a casa di alcuni infermi di Melissano. Si è rinnovata, così, l’antica tradizione che viene riproposta ogni anno in numerosi paesi salentini. MM

Grande successo per l’ottava edizione dell’evento dedicato a “Flavia Inguscio” Straordinario il successo riscosso dall’ottava edizione del premio “Flavia Inguscio”, organizzato dalla sezione Lilt di Melissano, tenutosi l’8 marzo scorso presso l’auditorium “Q. Scozzi”. Gli organizzatori hanno inteso premiare chi - come spiegato dal presidente della giuria, il professore Enrico Corvaglia - “ci ha messo quel ‘quid’ in più per dedicarsi all’assistenza, al volontariato, alla tutela dell’ambiente”. La serata, presentata da Maria Angela Vetruccio in collaborazione con Antonella Manni, è stata introdotta dai saluti del presidente provinciale della Lilt, dott. Giuseppe Serravezza, del sindaco di Melissano Roberto Falconieri e dal presidente dalla delegazione melissanese della Lilt Vittorio Velotti. Ecco l’elenco dei premiati:

Volontari super: hanno il “quid” Premi speciali al prof. Gianni Federico e al pittore Giuliano D’Elena

La sala affollatissima

gli attestati di partecipazione sono andati a Tonio Greco (Caprarica), Teresa Primavera (Taviano Taviano), Giuseppe Nunziato (Racale Racale), MarcelParabita), Francesco De lo Seclì (Parabita) Luca, Stefania Rausa e Anna Cofano (Scorrano), associazione “Arcadia” (Lecce), Daniele Coluccia (Cannole), Anna Mangia (Coriglia-

no), Antonietta Conte (Martano), Annunziata Paglialonga (Collepasso), M.Addolorata Garrapa e Lina Toma (Maglie), Antonella Gatto e Annamaria Venneri (Alliste Alliste) e prof. Flavio Vitali (I.C. Melissano). I premi alla memoria sono stati assegnati a don Quintino Sicuro, don Tonino Bello e alla missionaria suor Maria Rita Valente. Menzioni speciali per don Fedele Lazzari (Galatina), Giulia Negro (Aido Maglie), Gruppo clown (ospedale di Casarano), dott. Raffaele Martina e dott. rano ssa Paola Serravezza (Casarano Casarano) e a nove bambini: Cristina Coia (Corigliano), Valery Coletta e Rebecca Parlati (Racale Racale), Martina Morcia-

Felline), no e Veronica Ferocino (Felline Carmen Martina, Martina Petracca e Helena Marcuccio (Alliste Alliste) e Simone Esposito (Melissano). Infine, i due premi più prestigiosi sono andati al professore Gianni Federico (nella foto, nativo di Torre Suda, Suda come lui precisa) per gli operatori sanitari e al pittore e scrittore ta-

vianese Giuliano D’Elena per gli operatori non sanitari. L’applauditissimo intermezzo musicale è stato curato dal “Coro Jubilaeum”, diretto dalla prof.ssa Antonella Manco e composto dai professori Miriam Caputo (pianoforte), Antonia Alberta Ianne e Giuseppe Petrelli (violino). MM

IN ARRIVO LA NUOVA REDAZIONE DI PIAZZASALENTO


NUMERI UTILI Biblioteca: 0833 621964 Carabinieri: 0833 622010, 623535 Consultorio familiare: 0833 625967 Guardia medica: 0833 622386 Municipio: 0833 626411; Sito ufficiale: www.comune.taurisano.le.it; E-mail: info@ comune.taurisano.le.it Polizia municipale: 0833 622014 Protezione civile: 0833 623965 Ufficio postale 0833 626311

TAURISANO Pag. 28

21 marzo - 3 aprile 2013

Iniziato il percorso per l'affidamento dei lavori dell'ecocentro sulla via per Miggiano

Fate largo adesso agli eco-volontari Un’isola ecologica dove disfarsi di ogni tipo di rifiuto: è l’ecocentro, che a Taurisano sorgerà sulla strada che collega il paese a Miggiano. Nei giorni scorsi la Giunta comunale ha dato avvio al procedimento per l’affidamento dei lavori, che avranno un costo di 210mila euro, finanziati da Regione e Provincia. Nel nuovo centro di raccolta i cittadini potranno conferire qualsiasi tipo di rifiuto, senza attendere il giorno della raccolta porta a porta. Non solo rifiuti "ordinari", ma anche pneumatici, batterie, elettrodomestici, legno e metallo. L’iter per la realizzazione dell’ecocentro è iniziato nel 2009, anno in cui la Regione ha pubblicato un bando al quale l’Ato Lecce 3 ha partecipato presentando i progetti dei Comuni interessati. Nel 2010 sono stati ammessi al finanziamento gli elaborati di Acquarica del Capo, Alessano, Alliste, Casarano, Presicce, Specchia, Taurisano, Taviano Casarano Taviano, Tricase, Ugento e Salve. «Con l’ecocentro - commenta l’assessore all’Ambiente Fran-

cesco Damiano (foto) - oltre ad ottimizzare il servizio di raccolta, si dovrebbe porre un argine al triste fenomeno dell’abbandono dei rifiuti nelle discariche abusive». Rimanendo in tema "eco", alcune settimane fa il Comune ha partecipato ad un bando provinciale per iniziative in campo ambientale. «Arrivano gli ecovolontari», questo il nome che l’Amministrazione comunale ha dato al progetto, si propone di formare un gruppo di giovani che saranno impegnati ad accompagnare la cittadinanza alla condivisione delle importanti scelte in materia di gestione dei rifiuti. Se il progetto andrà in porto, e la Provincia finanzierà i 15.500 euro richiesti, gli ecovolontari si occuperanno di coinvolgere e sensibilizzare i cittadini, a domicilio, sulle tematiche riguardanti la riduzione della produzione dei rifiuti e sulla differenziata. Sarà loro compito anche prevenire il degrado ambientale. PT

Procede il programma per il riutilizzo degli immobili sottratti alla malavita

Arrivano gli altri 3 Lavori per 240mila euro già affidati

Beni confiscati in provincia

Sono tanti e saranno una risorsa

di Pierangelo Tempesta

Prosegue l’iter per l’avvio dei lavori di riqualificazione dei tre beni confiscati alla malavita organizzata situati in via Spagna e via Monte San Michele. L’appalto è stato affidato alla "So. Ter. Mec." di Trepuzzi, per un importo di quasi 240mila euro. Nei tre immobili sarà realizzato un centro diurno e creativo di accompagnamento e di reinserimento sociale e lavorativo. Sarà poi cura del Comune redigere un bando per l’affidamento della gestione degli immobili, così come è avvenuto per la palazzina di piazza Pietralaia, che, inaugurata nel dicembre scorso, è gestita dall’associazione "Il sole" e dalle cooperative "Il primo sole" e "Il lavoro" e sta iniziando a portare i primi frutti all’interno della comunità cittadina. A raccontare questi primi mesi di lavoro è il responsabile della gestione, Vincenzo Annunziata: «Siamo operativi al 70% - spiega e abbiamo attivato quasi tutti i servizi previsti. Funziona molto bene lo sportello di front-office, che accoglie tutti coloro che si vogliono rapportare con i diversi rami della struttura. Frequentato anche lo sportello Informagiovani, dove è possibile venire a conoscenza delle offerte di lavoro in zona e met-

In alto (al centro) il primo immobile di piazza Pietralaia restaurato e riaffidato a scopi sociali. Accanto Vincenzo Annunziata

L'associazione "Il Sole" gestisce con successo il centro di piazza Pietralaia

Usa questo mezzo capillare per la tua pubblicità

tersi in contatto con le aziende che sono alla ricerca di personale». Nell’immobile presta servizio anche un consulente del lavoro, che una volta la settimana mette a disposizione le sue competenze per chi ha intenzione di avviare attività artigianali o commerciali. Presente anche una psicologa, che settimanalmente incontra chi ha bisogno di supporto per problemi personali o familiari. Inoltre sono stati avviati i laboratori per il recupero degli antichi mestieri, dove tre anziane del paese insegnano le «arti» della tessitura al telaio e al tombolo, del ricamo e della pittura su stoffa. Partiranno verso giugno, poi, i "Gruppi di acquisto solidali".

Ecco la lista dei beni confiscati alla malavita locale riguardante i paesi dell'area di diffusione di "Piazzasalento". Alliste: 1 immobile in gestione e 1 destinato non consegnaCasarano: 4 immobili to; Casarano destinati e consegnati; Galatone: 3 aziende in Galatone Gallipoli: 8 imgestione; Gallipoli mobili in gestione; Matino: 1 immobile destinato e consegnato; Racale Racale: 2 immobili in gestione e 4 aziende (di cui 2 uscite dalla gestione); Taurisano: 6 immobili destinati Ugento: 9 e consegnati; Ugento immobili destinati e consegnati, 2 usciti dalla gestione.

Associazioni rosa e non contro la violenza

"Diffondete il verbo: basta con la violenza sulle donne". E a Taurisano la festa delle donne si trasforma in una manifestazione di protesta civile. Il 10 marzo decine di persone hanno sfilato per le strade del paese con striscioni e cartelloni per dire il loro "Basta" agli episodi che vedono le donne coinvolte in episodi di soprusi e angherie. Il corteo è partito dalla biblioteca comunale ed è stato coordinato dall’assessorato alla Cultura e dalle associazioni "Donne Insieme", "Nuvole", "Aldo Sabato", "Lavori in corso", "Charlye Dance",

Consulta giovanile, "Giovani taurisanesi", "Arte in Terra", "Arci Circolare G8", "Giuseppe Verdi", Kronos e dalle palestre "Wellness Club" e "Bios". Presenti anche il sindaco Di Seclì e il suo vice Scordella. Per le strade del paese sono stati recitati versi e pensieri dedicati alle donne. Il corteo si è fermato in tre tappe ed ha percorso le vie principali della città. In biblioteca, le associazioni hanno proiettato filmati e illustrato i dati sulle violenze e sul femminicidio, in particolare i numeri del 2012. PT

Difficile ma possibile dialogo tra generazioni polo di via Adis Abeba. «Sono incontri – dice Luciano ProvenIl dialogo tra generazioni è zano (foto), psicologo dirigente quasi sempre difficile come ri- del consultorio di Casarano - a sulta dall’esperienza quotidiana cui partecipano educatori, stusia in ambiti sociali ampi sia in denti, famiglie: abbiamo intenquello più ristretto familiare. È zione di portarli avanti anche in un dialogo, però, possibile, a estate perché è importante dare condizione che si abbia anche continuità al dialogo e al conl’umiltà di imparare a comunifronto e creare un care e a confrontarsi. punto di riferimento L’Asl Lecceper famiglie ed edudistretto sociocatori» I prossimi sanitario di Casaappuntamenti sono rano–Assistenza rano previsti a Taurisano consultoriale, in giovedì 21 marzo, a collaborazione col Parabita presso l’iPiano sociale di zona stituto “Giannelli” il di Casarano, con il 26 marzo, a Casaracoinvolgimento di no l’11 aprile. scuole e associazioni C’è un’altra inista portando avanti ziativa, sempre nel il progetto “Dialocontesto di promoghi fra generazioni” zione del dialogo con l’obiettivo di Incontri, lettere tra generazioni, parcreare una “rete di tita da poco tempo, soggetti sensibili a ed educazione che sta registrando livello istituzionale al confronto interesse e partecie di singoli cittadini pazione anche tra i disponibili a svigiovani. Si è costiluppare un dialogo tuito un “Gruppo di e un confronto che permetta di corrispondenza elettronica” di disporre di più adeguate risorse cui fanno parte già in 177 fra per migliorare la comunicazio- studenti, genitori, operatori scone e le interazioni nei contesti lastici e dei servizi socio sanitafamiliari e sociali”. Sono stati ri. Si tratta di una mailing list decosì realizzati degli incontri a dicata a cui possono partecipare Casarano, presso l’aula magna gli interessati al tema facendone del locale ospedale e a Taurisa- richiesta a consultori.casarano presso l’istituto scolastico 1° no@alice.it . di Mariarosaria De Lumè

Tutti in mostra i progetti del monumento I giovani di Taurisano e di Cipro insieme da dedicare al filosofo Giulio Cesare Vanini per un progetto di cittadinanza attiva di Rocco Schiavano

A Casa Vanini hanno trovato posto le proposte artistiche relative al concorso di idee per la realizzazione del monumento al filosofo taurisanese, condannato a morte a Tolosa nel 1619. La presenza di Francesco Paolo Raimondi, da sempre studioso del Vanini, peraltro presidente della commissione che ha valutato le dieci opere partecipanti al concorso di idee, e quella di Paolo Prevedini, giovane architetto vincitore del concorso, hanno innalzato il livello qualitativo della manifestazione, per la competenza e la meticolosità illustrativa del primo, per l’ecletticità creativa ma allo stesso tempo profonda del secondo.

Il progetto vincente di Prevedini

A fare gli onori di casa, Claudio Scordella, assessore alla Cultura del Comune, che ha fatto la cronistoria complicata del monumento a Vanini, avviatasi addirittura nel 1886, e che oggi è arrivata finalmente alla concretizzazione attraverso il concorso di idee, voluto dall’Amministrazione dell’ex sindaco Luigi Guidano.

L’intervento di Raimondi ha fatto riferimento ai lavori svolti dalla commissione nominata dal Comune per la valutazione delle proposte artistiche pervenute e ha aggiunto che il progetto vincente di Prevedini è da considerarsi “il più difficile”, perché non è un progetto ispirato all’arte tradizionale ma contempla un’originalità inusuale e coinvolgente, che è stata determinante per il giudizio finale espresso dalla commissione giudicatrice. Paolo Prevedini ha spiegato che ha voluto fare un’opera che si legasse alla città e alla sua storia, sottolineando l’importanza della piazza in quanto tale che offre al suo interno la collocazione ideale al monumento.

Taurisano e Cipro uniti nel nome della cittadinanza giovanile attiva. Ha preso il via il progetto "Giovani e democrazia", che vede impegnati 20 giovani dai 18 ai 30 anni (10 taurisanesi e 10 ciprioti) in uno scambio culturale e artistico nell’ambito del programma europeo "Gioventù in azione". L’iniziativa, finanziata dall’Unione europea con 28mila euro, è organizzata dall’associazione "Fattoria pugliese diffusa" e vede coinvolti il Comune, la "Consulta giovanile", il "Movimento giovani Taurisano" e "Arte in terra". Il 24 marzo una delegazione cipriota giungerà a Taurisano per l’avvio ufficiale del progetto e per aprire la strada ai 10

giovani che dalla città di Agros arriveranno in Salento a settembre. A ottobre, poi, sarà il turno dei giovani di Taurisano, che prenderanno il volo in direzione dell’isola del Mediterraneo per trascorrere lì un periodo di condivisione e di scambio culturale. Durante i due soggiorni i

partecipanti al progetto avranno modo di realizzare opere artistiche per descrivere le rispettive realtà e metterle a confronto. Un modo, come spiega l’assessore alle politiche giovanili Claudio Scordella, per "favorire la cittadinanza attiva dei giovani e lo sviluppo della solidarietà. Il progetto mira a rafforzare la comprensione reciproca e il ruolo della tolleranza, mettendo a confronto progetti che faranno emergere punti di forza e di debolezza delle rispettive realtà. Al centro di tutto, la consapevolezza della cittadinanza europea". Ancora una volta, quindi, l'arte sarà per i giovani il collante per aprire un dialogo su nuovi orizzonti. PT


NUMERI UTILI: Municipio: 0833 555091; Uff. Sindaco: 0833 555031; Polizia Municipale: 0833 555770; Carabinieri: 0833 555010 - 0833 556767; SOS mare T.San Giovanni: 0833 931100; Uff. servizi Sociali: 0833 556460; Museo: 0833 555819

UGENTO Pag. 29

21 marzo - 3 aprile 2013

La Pro loco beach Gemini e Torre S. Giovanni impegnata a rinnovare le tradizioni per le feste pasquali

Le pupe delle nonne Hanno partecipato all'iniziativa 200 bambini di Laura Primiceri

Durante quelle che vengono chiamate, magari in un modo un po’ distaccato, “feste comandate” viene sempre un po’ la voglia di riscoprire certe tradizioni antiche magari un po’ dimenticate, che ci aiutano a mantenere viva la nostra identità di popolo, appartenente a delle tradizioni radicate nel territorio. È per questo che la Pro loco Beach Gemini – Torre San Giovanni ha organizzato una giornata tutta dedicata alla realizzazione delle “pupe della nonna”, i tipici dolciumi fatti di pasta simile a quella del pane con un uovo sodo al centro, a simboleggiare la fecondità e la rinascita tipiche della primavera e del periodo pasquale. Con la collaborazione del parroco di Gemini, don Mimmo Ozza, per tutto il periodo di Quaresima la sede della Pro loco è stata presa d’assalto da circa 200 bambini che hanno letteralmente messo le “mani in pasta”, realizzando pupe, galletti e cestini con l’aiuto delle mamme e soprattutto delle nonne, vere custodi di questa tradizione. Ad ogni bambino è stata poi data la possibilità di portare a casa la sua pupa, con tanto di bigliettino

Bambini al lavoro

con il proprio nome. Nella simbologia cristiana, l’uovo rappresenta la nascita, il rinnovarsi del miracolo della vita, ed è proprio don Mimmo a spiegare che il pulcino che viene fuori spontaneamente dal guscio, con le sue proprie forze e non perché ci sia qualcuno dall’esterno che glielo impone, si pone come un ideale parallelo con la resurrezione di Gesù, che lascia le sue spoglie mortali per ascendere al cielo. Per questo motivo il consumismo non dovrebbe prendere il sopravvento su questi momenti che danno anzi un senso sempre nuovo e speciale alla nostra quotidianità. Ed è sempre importante che i bambini si accostino ai grandi temi anche attraverso la realizzazione dei dolci tradizionali che hanno nel simbolo la loro forza.

Gatto e Tarquinio nella Fipe Ristoratori Cosimo Gatto del ristorante "Villa Excelsa" di Sannicola e Davide Tarquinio de "La vecchia botte" di Ugento (da sinistra nelle foto) sono stati eletti nel direttivo del sindacato Fipe Ristoratori che rappresenta i pubblici esercizi della ristorazione. Presidente è Piero Merazzi, titolare de "L'osteria degli spiriti" di Lecce. La Fipe Ristoratori intende impegnarsi in nuovi progetti innovativi a cominciare dalla

Benvenuti in “Piazza”

promozione dell'uso da parte dei ristoratori delle nuove tecnologie Internet, per esempio una rete Wifi dotata di un'unica password per tutti i ristoranti di Lecce e provincia. «L'obiettivo dice il presidente - sarà quello di dare ai turisti la possibilità non solo di accedere alla rete con maggiore facilità, ma di conoscere in tempo reale le disponibilità dei posti e le eventuali offerte riservate in altri ristoranti del Salento».

Tempo di Pasqua

Giorno per giorno i riti della Settimana santa Saranno sette giorni carichi di suggestivi riti religiosi, quelli della Settimana santa a Ugento. Le tre parrocchie del paese si stanno preparando a celebrare gli appuntamenti che ricordano la passione, la morte e la resurrezione del Cristo seguendo le tradizioni di ogni anno. Nella cattedrale le celebrazioni saranno presiedute dal vescovo di Ugento-Santa Maria di Leuca, monsignor Vito Angiuli. Si inizierà domenica 24 marzo, la Domenica delle Palme: alle 10.45 il vescovo benedirà i ramoscelli d’ulivo dei fedeli che si raduneranno nel largo antistante la chiesa della Madonna dell’Assunta e San Biagio. Successivamente, in processione, si raggiungerà la Cattedrale (foto) per il solenne pontificale. Mercoledì 27, alle 18, sarà sempre la Cattedrale ad ospitare i fedeli di tutta la diocesi, che arriveranno a Ugento per assistere alla Messa del Crisma. Durante la cerimonia, che vede riunita l’intera chiesa diocesana - clero e popolo attorno al suo pastore, saranno consacrati gli oli santi: il crisma, usato nei battesimi, nelle cresime e nelle ordinazioni sacerdotali ed episcopali; l’olio dei catecumeni, usato nei battesimi; l’olio degli infermi. La giornata di Giovedì santo si aprirà con l’Ufficio delle letture e con le Lodi, alle 8 in Cattedrale. La Messa della Cena si celebrerà alle 19. Successivamente, gli “altari della reposizione”, che, come da tradizione, saranno allestiti con fiori e addobbi in tutte le chiese del paese, saranno aperti ai visitatori. Alle 22, nella cappella del Santissimo della Cattedrale si svolgerà la tradizionale veglia di adorazione. Anche la giornata di Venerdì santo inizierà con l’Ufficio delle Letture e con le Lodi. Alle 10, poi, ci sarà il Penitenziale e alle 18 la celebrazione della Passione del Signore, seguita, alle 19.30, dalla suggestiva Via Crucis interparrocchiale per le strade della città. Sabato santo, il giorno delle “chiese chiuse”, alle 8 ci sarà il consueto appuntamento con l’Ufficio delle Letture. Alle 12 il vescovo sarà in visita nella comunità “San Francesco” di Gemini. Alle 22, poi, avrà inizio la solenne Veglia pasquale, con la toccante cerimonia di benedizione del fuoco sul sagrato della chiesa. La mattina di Pasqua monsignor Vito Angiuli presiederà il solenne pontificale alle 11.30. PT


Ugento

21 marzo - 3 aprile 2013 FERITA GRAVEMENTE UNA 22ENNE DI UGENTO Ancora un incidente stradale con vittima una giovane 22enne di Ugento, Alessandra Riso, che ha riportato gravi lesioni in un violento scontro

30 Burgesi, la protesta: stop ai rifiuti dei paesi dell'Ato2 Che i rifiuti dell'Ato 2 rimangano in una discarica del loro territorio e non vengano più smaltiti in quella di "Burgesi", progettata per servire i bisogni dei 24 comuni che fanno parte dell'Ato 3 e non altri. In estrema sintesi è questo il senso della protesta delle Amministrazioni comunali di Acquarica del Capo, Ugento e Presicce che contestano la decisione della Regione Puglia di far arrivare alla "Burgesi" i rifiuti dei Comuni che fanno parte dell'Ato 2. Il problema è stato affrontato dagli amministratori che hanno espresso tutta la loro preoccupazione per le continue proroghe regionali che si susseguono dal 2010 e che permettono lo smaltimento di rifiuti estranei al loro ambito. Le preoccupazioni riguardano oltre la diminuzione dei volumi disponibili nella discarica di servizio e soccorso, anche l'aumento di danni ambientali. Il flusso di mezzi pesanti, infatti, non può certamente rivelarsi salutare per l'ambiente. Per questo hanno chiesto alla Regione il monitoraggio di aria, LC acqua e suolo in prossimità di "Burgesi".

avvenuto sulla Gallipoli-Leuca, in direzione sud in corrispondenza con lo svincolo per Baia Verde (foto). La ragazza viaggiava su una Fiat Punto con due suoi amici di Parabita, rimasti illesi. L’auto sarebbe andata

Corsa campestre, prima edizione del "Trofeo Grande Salento" vinta dall' "Atletica Capo di Leuca" di Rocco Schiavano

Si è conclusa nei giorni scorsi la prima edizione del "Trofeo Grande Salento" di corsa campestre, un vero e proprio circuito per società del settore "Assoluto" (categorie Juniores, Promesse e Seniores), e del settore "Amatori" e "Master" per tutte le tre le fasce di età. Il regolamento prevedeva la somma dei punteggi assegnati ai singoli atleti gara per gara, dal cui esito è scaturita la graduatoria finale. Le gare hanno avuto inizio a partire dal 27 gennaio con la disputa del "Cross del Salento" a Ugento – Torre S. Giovanni; seconda tappa il 10 febbraio con "Cross della Mandra" a Calimera, la chiusura il 24 febbraio con il "Caretta Cross" di San Pancrazio Salentino.

Luca Scarcia:«La vittoria ci spinge a continuare sulla strada intrapresa»

Il prestigioso trofeo è stato vinto dalla società Asd "Atletica Capo di Leuca" (131 punti), che ha preceduto in classifica le società "Pedone Riccardi Bisceglie" (129

Pro loco e associazioni preparano il programma per i prossimi mesi

Attrazioni per il parco Promozione assicurata da "Discovering Puglia 2013" IL PARADISO È QUI Due bellissimi scorci del parco "Litorale di Ugento"che rivela ad ogni passo scenari inediti e affascinanti. La programmazione di una serie di manifestazioni per la primavera e l'estate ha l'obiettivo di far conoscere sempre di più quella che è una vera e propria risorsa naturalistica del territorio

di Pierangelo Tempesta

Primavera a contatto con la natura, con gli appuntamenti promossi nel parco naturale regionale "Litorale di Ugento". Mentre si attendono sviluppi per ciò che concerne l’adozione dell’atteso "Piano del parco", grazie al programma regionale "Discovering Puglia 2013" è stata organizzata una serie di manifestazioni per la valorizzazione e la promozione dell’area protetta. Tutto è stato organizzato in collaborazione con le associazioni del territorio, in particolare con la "Pro Loco Beach Gemini-Torre San Giovanni". Il 31 marzo, il 5 maggio e il 2 giugno si potrà partecipare alle escursioni naturalistiche e culturali a bordo di un pullman elettrico. Dopo il percorso naturalistico, si visiteranno i musei di Ugento. Il 28 aprile, alle 15, gli appassionati di birdwatching potranno raggiungere il bacino "Rottacapozza Sud" e partecipare anche alla liberazione di un rapace curato presso il centro di recupero della fauna di Calimera. Presso un frantoio ipogeo della zona, poi, si svolgerà un evento notturno con degustazione di prodotti tipici locali. Largo spazio ai prodotti della tradizione culinaria salentina, con la "Pro loco Beach" che il 31 marzo, il 28 aprile e il 26 maggio aprirà le porte dell’associazione a chi vorrà apprendere dalle esperte cuoche del paese l’arte di utilizzare i prodotti del Parco in cucina. Sarà sempre la "Pro loco Beach", sotto la guida del presidente Oronzo Ricchiuto, ad organizzare, per il 5 maggio e il 2 giugno, le escursioni naturalifotografiche che partiranno dalla "Specchia del Corno" e percorreranno le gravine. A fine anno, poi, le foto più belle saranno premiate in un concorso. E ancora, l’associazione geminiana organizzerà, per il 19 maggio, una giornata all’insegna delle escursioni e dei prodotti tipici in una masseria del Parco. Altre escursioni naturalistiche, per gruppi di minimo 30 persone, saranno organizzate per il 31 marzo, il 28 aprile, il 5 e il 19 maggio e il 2 giugno. Intanto la segreteria dell’ente di gestione del Parco fa sapere che l’iter per l’approvazione del "Piano del parco" compie passi in avanti. È attesa a settimane la stesura del calendario delle attività

a sbattere contro il guardrail e poi finita nel canale sottostante. Sul luogo sono intervenuti i sanitari del 118 e la ragazza è stata prima accompagnata al “Sacro Cuore” di Gallipoli, poi trasferita al "Fazzi" di Lecce.

di concertazione con i cittadini: un periodo di circa un mese e mezzo in cui saranno organizzati incontri con la cittadinanza, con i tecnici, con gli artigiani, con gli imprenditori turistici e balneari e con tutti i portatori di interesse che vorranno proporre modifiche e integrazioni alla bozza di piano redatta dal Politecnico di Bari. «Con il Piano del parco - affermano dalla segreteria - cambierà l’organizzazione del territorio protetto. Saranno programmati interventi di recupero e di tutela, ma anche di promozione tramite attività sociali ed economiche».

punti), "Atalas San Vito dei Normanni" (97 punti), "Podistica Tuglie" (91 punti) e "Tre Casali San Cesareo" (87 punti). Ogni gara ha visto la partecipazione di oltre 500

atleti provenienti da tutta la Puglia e da altre regioni d’Italia. La novità più interessante è stata la presenza dei giovani: infatti, nelle tre manifestazioni sono state disputate gare riservate ai settori giovanili, con l’obiettivo di promuovere tra i più giovani questa disciplina. Luca Scarcia, presidente – atleta della "Capo di Leuca" non nasconde la propria soddisfazione: «Abbiamo vinto un trofeo di assoluto prestigio, perché prevalere sulle società provenienti da zone a forte tradizione di atletica, come quelle baresi, è motivo di orgoglio e ci spinge a continuare con più energia la strada intrapresa».

Canali e bacini di Torre San Giovanni e Torre Mozza

Corsi d'acqua ostruiti insufficienti i soldi del Consorzio bonifica La polemica sulla disostruzione dei canali di bonifica di Torre San Giovanni (foto) e Torre Mozza non si placa. Dopo la notizia dello stanziamento dei fondi per la pulizia dei corsi d’acqua artificiali, letteralmente intasati dalle alghe sin dal mese di dicembre, il consigliere di opposizione Angelo Minenna interviene per sottolineare che la somma destinata dal Consorzio di bonifica "Ugento e Li Foggi" non saranno utilizzati solo per i problemi che interessano Ugento, ma anche per i territori di Gallipoli e Lecce. «Un’area troppo vasta - lamenta Minenna - e poche risorse a disposizione del territorio ugentino, che non permettono interventi periodici, ma solo straordinari e di emergenza». E di interventi straordinari, per Minenna, i bacini non hanno più bisogno. Per l’esponente politico, infatti, è giunto il momento di costituire un osservatorio permanente tra i vari enti e le associazioni che si battono per la tutela del territorio, per individuare risorse economiche per la programmazione costante di interventi di pulizia periodici e di dragaggio di tutti i sette bacini di Ugento e dei canali a loro collegati. L’esponente politico del partito dei Comunisti italiani dice

la sua sui tempi di espletamento della gara e di affidamento dell’appalto: «I lavori inizieranno verso la metà di aprile - sostiene - e intanto la situazione è diventata insostenibile dal punto di vista igienico sanitario, così come segnalato dai residenti, che si stanno mobilitando con una raccolta di firme da inoltrare alla Regione e al sindaco». Intanto dell’argomento hanno discusso la quarta e la terza commissione consiliare. I componenti di quest’ultima hanno deciso di riunirsi il 22 marzo alle 14 per visitare i bacini e i canali. PT

Basket Ugento a riposo, dopo la vittoria di misura nella trasferta a Brindisi

Aspettando i canestri dei play-off di Laura Primiceri

Si conclude nel modo migliore l’avventura in Prima divisione dell’Asd Basket Ugento, con la netta vittoria della "regular season" che garantisce al team allenato da Martino Campioni l’accesso sicuro ai playoff. Pochi patemi d’animo per una squadra che si è rivelata compatta e ben organizzata, che ha perso solo i primi incontri e poi non si è mai più fatta cogliere impreparata. La vittoria agevole sul Tricase tra le mura amiche del palazzetto di Gemini spiana la strada alle finali che si disputeranno tra circa un mese, quando anche le province di Brindisi Nord e Taranto avranno decretato i vincitori di categoria, a cui si aggiungeranno le migliori

seconde di ogni girone. Viste le brillanti prestazioni, i ragazzi di Ugento non temono di affrontare il gran finale con lo spirito giusto, per ribaltare il risultato dello scorso anno che li vide sconfitti proprio all’ultima partita. Grande è l’ottimismo per i ragazzi di coach Campioni, che hanno visto concretizzare il risultato dopo la trasferta vittoriosa a Brindisi, un risultato conquistato al di là di ogni aspettativa della vigilia in una partita che non era iniziata proprio sotto i migliori auspici dal momento che gli ugentini sembravano subire all'inizio la pesante pressione dei padroni di casa. La vittoria di misura ha così regalato la matematica certezza dei playoff, che si è poi concretizzata nell’ultima partita casalinga giocata in scioltezza. Ora un po’ di meritato riposo, in attesa di conoscere i prossimi avversari.

La Basket Ugento che nei primi incontri ha incassato una serie di successi che le garantiscono l'accesso sicuro ai play off. A sinistra, coach Martino Campioni durante un time-out


Utilità

21 marzo - 3 aprile 2013 NUMERI UTILI E PER LE URGENZE Ecco le coordinate per chi avesse bisogno di contattare enti, uffici, servizi sanitari e non. Naturalmente ci sono anche le indicazioni per eventuali

Emergenze • 112 - Carabinieri • 113 - Polizia Soccorso Pubblico • 114 - Telefono Azzurro • 115 - Vigili del fuoco • 116 - Soccorso stradale • 117 - Guardia di Finanza • 118 - Emergenza sanitaria • 118 - Guardia Medica • 1530 - Soccorso in mare Guardia Costiera • 1515 - Gruppo forestale dello Stato Servizio Antincendi • 1518 - CCISS Viaggiare informati • 1522 - Servizio Antiviolenza Donna

Gallipoli Acquedotto: 0833 264711 Agenzia delle dogane: 0833 266116 Agenzia delle Entrate: 0833 262554/266274/266494 Capitaneria di Porto: 0833 263924/266862 Centro per l’impiego: 0833 261766/261145 Comando Compagnia Carabinieri: 0833 267400 Guardia di Finanza, Compagnia: tel/fax 0833 266112, Sezione operativa navale tel/fax 0833 266281 Guardia medica: 0833 266250 Municipio: 0833 26 0111(Palazzo Balsamo) 0833 275601(uffici via Pavia) fax 0833 263130; sito ufficiale: www.comune.gallipoli.le.it Museo: 0833 264224 Ospedale S. Cuore di Gesù: 0833 270111 Polizia municipale: 0833 275545 fax 0833 275546 Polizia: 0833 267711 Pronto soccorso: 0833 273787 Protezione civile: 0833 201354 Guardia costiera: 0833 26 6862 Ufficio postale Centro: 0833 267511 Ufficio postale via Genova 0833 261776 Vigili del Fuoco: 0833 202222 DISTRETTO SOCIO SANITARIO Poliambulatori CUP Centro unificato prenotazioni: 0833 270272/0833 270271, dal lunedì al venerdì ore 8.15-12; martedì e giovedì ore15.30-18. Poliambulatorio di Gallipoli 0833 270270 fax 0833 264053.Cardiologia: 0833 270208, lunedì e mercoledì ore 8.3014. Dermatologia: 0833 270205, lunedì e mercoledì ore 8.30-14. Gastroenterologia: 0833 270207, lunedì ore 9.30-13.30. Endocrinologia: 0833 270204, dal lunedì al venerdì ore 8.30-14; giovedì ore1518. Fisiatria: 0833 270202, lunedì ore 8-13. Medicina dello sport: 0833 270203, martedì e giovedì ore 8-14. Neurologia: 0833 270202, mercoledì e venerdì ore 8.30-14. Oculistica: 0833 270207, martedì ore 8-13; mercoledì ore 8-14; venerdì ore 8-14. Otorinolaringoiatria: dal lunedì al venerdì ore 9-13. Ortopedia: 0833 270202, martedì e giovedì ore 8-14/15-18. Pneumologia: 0833 270275, martedì ore 8-14/15-18; mercoledì ore 8-14; giovedì ore 8-14. Centro Prelievi: 0833 270201, martedì, giovedì, venerdì ore 8-9.30. Consultorio familiare-Assistenza psicologica: dal lunedì al venerdì, ore 8.30-13.30; martedì e giovedì ore 15.30-17.30. Ostetricia: dal lunedì al venerdì, ore 8.30-13.30; martedì e giovedì ore 15.30-17.30. Ginecologia: 0833 270813/0833 270814, martedì ore 8.30-13.30; 15.30-17.30; venerdì ore 8.30-13,30. Protesi: 0833 270825, martedì ore 9-12; giovedì ore 9-12/16-18. Relazioni con il pubblico: 0833 270273, dal lunedì al venerdì ore 8-14; giovedì ore 1618. Convenzioni: 0833 270280, dal lunedì al venerdì ore 8.30-12; martedì e giovedì ore 16-18. Veterinario: 0833 264425. Sert: 0833 264827

Casarano Acquedotto: 0833 330915/330916 Agenzia delle Entrate 0833 516511/502114 Biblioteca: 0833

una abitazione privata!). Pertanto, per rendere quanto più perfetto possibile questo servizio pubblico, vi chiediamo di segnalarci eventuali difficoltà ed errori. Ve ne saremo e ve ne saranno grati gli interessati.

malaugurate emergenze. Non è stato facile metterle insieme e neppure verificarne l’efficacia nel concreto (in un caso di indirizzo di un servizio pubblico con tanto di brochure il numero stampato corrispondeva ad

Farmacie IMPORTANTE: Per conoscere la farmacia di turno inviare un Sms con scritto «farmacia di turno» e il nome della località a cui si è interessati al numero gratuito 333 8888 188 e nel giro di 30 secondi sul display del cellulare comparirà il nome, il numero di telefono e l’indirizzo della farmacia aperta più vicina.

Ci scrivono UN MERCATO FATTO MALE E AD ALTO RISCHIO

Collegamenti Ferrovie del Sud Est Info: www.fseonline.it; Numero verde: 800-079090 dal lunedì al sabato dalle 7 alle 17. Direzione di Bari: tel 080 5462111/ fax 080 5462376; Sezione di Lecce: tel. 0832 668111/fax 0832668211. Pullman Società trasporti pubblici Info: stplecce.it;Numero verde: 800447472, dal lunedì al venerdì dalle ore 7.30 alle ore 14.00, utilizzabile solo da numero fisso e dal distretto telefonico di Lecce. Negli altri casi utilizzare: 0832-228441. Per segnalazioni e reclami fax: 0832-224423

parcheggi e auto parcheggiate dappertutto? Un saluto Lettera firmata - Gallipoli

QUI TROPPI DUE OSPEDALI? PERÒ COPERTINO DISTA 8 KM DA LECCE Per quanto riguarda l’articolo del vostro giornale (Casarano apre a “Ospedali Riuniti”) cito la frase del direttore Asl Valdo Mellone: “Vi sembra possibile che possano esistere due ospedali nel raggio di dieci chilometri?”, io da semplice cittadina mi chiedo come mai l’ospedale di Copertino che dista otto chilometri dal “Fazzi” di Lecce non è mai stato citato nel piano di riordino. Se regola deve esserci, va applicata anche dove la “Politica” la fa da padrona. Patrizia Corciulo - Casarano

514242 Camera di commercio: 0833 502442/505239 Centro per l’impiego 0833 502004 (Via S. Domenico) 0833 330945 (Via S. Giuseppe) Comando Stazione e Compagnia Carabinieri: 0833 516200 Tenenza Guardia di Finanza: 0833 501257 Guardia medica: 0833 508466 Municipio: 0833 514111 fax 0833 512103; sito ufficiale: www.comune.casarano.le.it; E-mail: info@comunedicasarano. com; PEC: comune.casarano.le@pec. rupar.puglia.it Polizia municipale: 0833 502211; E-mail: poliziamunicipale@comunedicasarano.com Ospedale Ferrari: centralino 0833 508111 Poste italiane: 0833 334011 Pronto soccorso: 0833 505204 Ufficio postale: 0833 591498 DISTRETTO SOCIOSANITARIO Poliambulatori CUP Centro unificato prenotazioni: 0833 508521 Poliambulatorio di Casarano: 0833 508529; Campimetria: 0833 508501, dal lunedì al venerdì ore 8-12, martedì e giovedì ore15-18. Cardiologia: 0833 508529, dal lunedì al venerdì ore 8-12; martedì e giovedì ore 15-17. Dermatologia: 0833 508437, lunedì, martedì, mercoledì ore 8-12. Neurologia: 0833 508509 dal lunedì al venerdì ore 8-12, martedì e giovedì ore15-17. Oculistica: 0833508502, dal lunedì al venerdì ore 8-12, martedì e giovedì ore 1518. Odontoiatria: 0833 508534 dal lunedì al venerdì ore 8-12, martedì e giovedì ore 15-17. Ortodonzia: 0833 508534 dal lunedì al venerdì ore 8-12, martedì e giovedì ore 15-17. Otorino: 0833508566, dal lunedì al venerdì ore 8-12, ore martedì e giovedì 15-17. Pneumologia: 0833 508300 dal lunedì al venerdì ore 8-12 martedì e giovedì ore 15-17. Protesi dentale: 0833 508534 dal lunedì al venerdì ore 8-12, martedì e giovedì ore 15-17. Reumatologia: 0833.508437 giovedì ore 15-18, venerdì ore 8-14 Consultorio familiare: tel-fax 0833 508312 Centro di salute mentale : 0833 508425 / 0833.501314 Fax: 0833 512324 Sert-Servizio tossicodipendenze: 0833.508425 / 0833.501314 fax: 0833 512324;Veterinario tel.fax 0833 513283; Convenzioni: 0833 508533

31

DAL GRUPPO DI TUGLIE AI VERTICI DI PUGLIA

Egregio Direttore, preferisco segnalarlo a voi come privato cittadino: in allegato due foto del settore alimentari del nuovo mercato settimanale. Si può notare la pessima dislocazione dei mercatari; l’enorme tettoia in legno poggiata su grandi pilastri circolari, nel bel mezzo dei posteggi destinati ai camioncini attrezzati, crea l’impossibilità a questi ultimi di collocarsi all’interno dei posteggi. I commercianti sono costretti ad uscire di almeno un metro dal posteggio su entrambe le fila. Si crea cosi un vero e proprio imbuto: in una foto si vede come più di due persone sono in difficoltà se transitano insieme lungo il piccolissimo corridoio residuo. Inoltre, sotto quella tettoia in quell’imbuto vi sono tre camioncini attrezzati con gas propano in bombole per la cottura di polli allo spiedo: vi immaginate cosa potrebbe accadere in caso di incidente? Altro che Reggio Emilia! E i soccorsi? Quale camion dei pompieri riuscirebbe mai ad entrare nel mercato, sempre che riuscisse ad arrivare in tempo vista la pessima viabilità esistente, carenza di

La nomina a responsabile del settore giovanile per la Puglia è stata per Giovanni Saccomanno il riconoscimento e la ricompensa per una professionalità conclamata sul campo, dopo anni di dedizione al servizio dei ragazzi. Il suo costante impegno è stato motivato da un suo fermo credere in una società migliore, quella dei ragazzi di adesso e degli uomini di domani, che bisogna educare ai valori dell’amicizia e della solidarietà tramite lo sport, e nello specifico il ciclismo. Lo sport inteso come fatica e gioia di stare insieme, crescere nel rispetto di regole che valgano non soltanto nello sport ma soprattutto a far “ diventare uomini” ; il “ diventare campioni” è soltanto un’ appendice piacevole e stimolante; è poter dire consapevolmente: “Ho partecipato, ho vinto, con onestà e rispetto degli altri”. Questo è stato sempre il motto del Gruppo ciclistico tugliese sin dal giorno della sua nascita (la primavera del 1984). È questo orgoglio che mi spinge oggi, da presidente pro-tempore e socio fondatore del nostro gruppo ciclistico cittadino, a rimarcare la gioia di tutto il gruppo, o meglio dei vari gruppi ciclistici, perché il Gruppo ciclistico salentino è una costola del gruppo tugliese. L’amore per l’ag-

gregazione e l’apertura verso altri comuni limitrofi ci ha consentito di superare il campanilismo a volte sotteso e riunire più ragazzi possibile; questa strategia ci ha consentito di raggiungere ragguardevoli risultati sia in campo locale che nazionale. Squadra organizzatrice di varie manifestazioni ciclistiche federali; tanti campioni di oggi hanno iniziato la disciplina del ciclismo nel nostro gruppo; tantissimi sono oggi uomini con famiglia, che ci ringraziano. Oggi alla gioia per il riconoscimento regionale al mister Saccomanno si aggiunge la preoccupazione per il lavoro che graverà sul nostro mister Mario Manco, rimasto solo a portare avanti il programma sportivo, il solo che sia ancora all’altezza di farlo. Considerata anche la resistenza che il Gruppo tugliese ha dovuto esercitare verso la federazione regionale, la quale pretendeva anche la presenza di mister Manco da affiancare a Saccomanno, è chiaro lo spessore tecnico dei nostri in Puglia. Adesso ci accompagna la consapevolezza che con la carica regionale “in famiglia” si spera sia più semplice inseguire quella utopia fissa che da sempre noi perseguiamo, cioè un programma che si apra anche alla scuola dell’obbligo, cercando di educare i ragazzi all’uso

della bicicletta, con le regole del codice della strada da rispettare; magari con cittadini più rispettosi dei ciclisti. Colgo l’occasione per ringraziare gli atleti del Gruppo ciclistico tugliese e Salentino per i risultati raggiunti in campo nazionale, frutto di abnegazione e amore per lo sport. Rinnovo perciò l’invito ad aderire al nostro gruppo, a maggior ragione che oggi possiamo usufruire di strutture comunali quali la nuova pista ciclabile attrezzata e la palestra della Media. Il presidente del Gruppo ciclistico tugliese Rocco De Santis - Tuglie

Se non trovate il giornale Se non trovate il giornale nella vostra buca delle lettere, potete chiederne copia o ritirarlo in redazione. Vi aspettiamo. ATTENZIONE: IL GIORNALE È GRATUITO.

Do, prendo, scambio

FACILITARSI LA VITA

VENDO

Non avete spazio per conservare il giornale?

Vendo terreno agricolo di mt1500 ca con pozzo e 21 alberelli di olive. Zona Taviano, strada per Casarano + Ape 50 2 fari Piaggio ultimo modello a prezzo affare. Tel. 0833 551458 ore pasti, oppure 349 4034263

Non vi piace avere troppa carta per casa?

Vendo e compro dischi lp usati, 45 gg e Maxi, in OTTIME condizioni. Generi musicali: rock, jazz, black music, pop e elettronica; per info: 327 4592706 Vendo attività elettrodomestici in Alezio, completo di attrezzatura e con merce a prezzo di costo. Tel. 340 6268031 0833 281057 ore serali

CERCO-OFFRO 50enne italiano cerca lavoro come guardiano, autista per consegne pacchi e altro. Mi offro a persone sole autosufficienti per accompagnamento da qualsiasi parte. Tel. 377 5279137 Si impartiscono lezioni e ripetizioni di inglese per ragazzi di scuole elementari e medie in zona Tuglie e limitrofi. Per info: 340 6924710

Direttore responsabile: Fernando D’Aprile fdaprile@piazzasalento.it

Editrice: Indra srl sede legale: Corso XXII Marzo, 8 20135 Milano

Non volete perdere nessun numero? Trovate più comodo e pratico avere "Piazza" direttamente sul vostro computer?

Inviate il vostro indirizzo di posta elettronica e sarete serviti. Con un vantaggio: ricevere il giornale appena "sfornato" info@piazzasalento.it

Periodico associato all’Unione Stampa: Martano Editrice srl Viale delle Magnolie, 23 - Z.I. Bari Stampa Periodica Italiana Tessera n.15603 tel. 080 5383820

Iscritto al N. 1072 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 6 dicembre 2010

Chiuso in redazione alle ore 13,40 del 20.3.2013

Redazione: via G.B. Vico, snc - 73014 Gallipoli (Le) tel.0833 1823575 fax 0833 1823573 e-mail: redazione@piazzasalento.it - info@piazzasalento.it - per le inserzioni: pubblicita@piazzasalento.it - sito: www.piazzasalento.it



Piazzasalento n6