N 180 Foglio parrocchiale giugno 2017

Page 1

Foglio Parrocchiale

n. 180 - Giugno 2017

Foglio Parrocchiale Giugno 2017

Parrocchia di Santa Maria Maggiore - Monteforte d’Alpone

Piazza Silvio Venturi, 23 - tel. 045.6107379 - fax 045.7612978 - fogliomonteforte@gmail.com - www.parrocchiamonteforte.it

PENTECOSTE 4 GIUGNO 2017 LA DISCESA DELLO SPIRITO SANTO SU MARIA E GLI APOSTOLI RIUNITI INSIEME NEL CENACOLO di Giotto Probabilmente Giotto nasce nel 1267 presso Vicchio di Mugello da una famiglia contadina. Frequenta la bottega del Cimabue, dal quale apprende i segreti della pittura e, nelle prime opere, assume lo stile del maestro che è di derivazione prettamente bizantina. Nel giro di poco tempo Giotto maturerà il proprio stile, una vera e propria rivoluzione per l'epoca. Nel 1288 il giovane Giotto accompagna il Maestro Cimabue per eseguire lavori a Roma e da allora la sua pittura si stacca progressivamente dai canoni del maestro, pur mantenendo l'intensità drammatica, il senso della grandezza, i panneggi stirati e i volti seri. Ma i suoi personaggi, sono più umani, più legati alla realtà terrena. Ad Assisi Giotto si occupa della decorazione della Chiesa Superiore di San Francesco e in questi affreschi, soprattutto in quelli del ciclo del Nuovo Testamento, si notano ancora alcuni tratti stilistici che accomunano Giotto e Cimabue. A Roma, Giotto lavora nella Basilica di San Giovanni in Laterano e ad altri affreschi eseguiti in occasione del Giubileo del 1300, indetto da Papa Bonifacio VIII ed è questo il periodo in cui la pittura di Giotto raggiunge il suo massimo splendore. Giotto possiede una bottega ormai famosa, dove lavorano parecchi discepoli che sono in grado di completare, con il suo stile, le opere da lui impostate. Nei primi mesi del 1306, a Padova, Giotto termina il suo capolavoro: La Cappella degli Scrovegni, considerata l’eccellenza della pittura del Trecento italiano ed europeo. Proprio a questo ciclo appartiene il dipinto che proponiamo oggi, ovvero LA DISCESA DELLO SPIRITO SANTO, realizzata con il disegno di una struttura architettonica in prospettiva. Questa è una delle grandi novità di Giotto: esser riuscito prima di chiunque altro nella storia dell’arte a rappresentare le tre dimensioni della realtà (base, altezza, profondità) nelle due sole dimensioni della parete dipinta. Con gli affreschi della Cappella degli Scrovegni Giotto racconta, in modo poetico e umanissimo, le storie della Madonna e di Cristo. La straordinaria spazialità, resa in particolare dalla disposizione delle figure inserite nella prospettiva, rende la narrazione della storia incredibilmente umana e realistica anche attraverso le espressioni dei personaggi. Andrea Ciresola 1


Foglio Parrocchiale

Giugno 2017

13 maggio 2017 i pastorelli di Fatima, Santi

Il miracolo : la guarigione inspiegabile di un bambino brasiliano I pastorelli di Fatima, Francisco e Giacinta, sono stati proclamati santi da papa Francesco. I due fratelli di appena nove e dieci anni, ai quali insieme alla cugina Lucia, apparve la Madre di Dio in quel lontano 13 maggio 1917 e riapparve loro ogni 13 del mese fino all’ottobre di quell’anno. La fama di santità dei due pastorinhos aveva già fatto il giro del mondo subito dopo la loro morte. Francesco era morto a causa della febbre spagnola il 4 aprile 1919 e Giacinta dieci mesi più tardi, il 20 febbraio 1920. Giacinta, dopo molte sofferenze offerte per la conversione dei peccatori, morì sola in un ospedale di Lisbona e venne sepolta a Vila Nova de Ourém, il comune a cui appartiene il villaggio di Fatima. Di Francesco, che chiamavano “il consolatore”, per il suo desiderio di consolare con la preghiera la Madonna, si perse memoria del punto esatto della sepoltura; solo più tardi i resti vennero riconosciuti dal padre per il particolare rosario che il bambino stringeva tra le mani. Nel settembre 1935 il corpo incorrotto della piccola Giacinta fu rimosso da Vila Nova de Ourém e portato a Fatima. Il miracolo per la canonizzazione. È accaduto nel marzo del 2013 e riguarda un bambino brasiliano che all’epoca del fatto aveva circa 6 anni. Il bambino si trovava nell’abitazione del nonno e stava giocando con la sorellina quando accidentalmente cadde dalla finestra da un’altezza di circa sette metri riportando un gravissimo trauma cranio-encefalico con perdita di materia cerebrale. Portato in ospedale in stato di coma, con prognosi infausta quoad vitam fu sottoposto ad intervento chirurgico, seppure in una struttura sanitaria inadeguata per la cura di lesioni traumatiche così gravi dove rimase in un quadro di particolare gravità clinica con elevato rischio di decesso, o di stato vegetativo permanente o di gravi deficit cognitivi, nella migliore delle ipotesi. L’invocazione del papà. Dopo solo tre giorni invece il bambino è stato dimesso con completa restitutio ad integrum, in assenza di terapie specifiche, con deambulazione autonoma e senza nessun esito di danni neurologici e cognitivi. I medici della Consulta medica, il 2 febbraio 2017, avevano pertanto espresso parere positivo unanime riguardo all’inspiegabilità scientifica della guarigione. Al momento dell’incidente prendendo il bambino dal marciapiede, suo padre aveva invocato la Madonna di Fatima e i due piccoli beati e quella notte stessa i familiari e una comunità di suore di clausura avevano pregato con insistenza i pastorelli di Fatima. Il completo benessere psicofisico è stato confermato dai periti medici nel 2016 ed è così descritto nella Positio: «Il piccolo Lucas è cosciente, comunicativo, in assenza di segni focali, con comportamento normale per l’età e senza alterazioni psicologiche».

2


Giugno 2017

Foglio Parrocchiale

Processione della Madonna 13 Maggio

Salve Regina, beata Vergine di Fatima, Signora dal Cuore Immacolato, rifugio e via che conduce a Dio! Pellegrino della Luce che viene a noi dalle tue mani, rendo grazie a Dio Padre che, in ogni tempo e luogo, opera nella storia umana; pellegrino della Pace che, in questo luogo, Tu annunzi, do lode a Cristo, nostra pace, e imploro per il mondo la concordia fra tutti i popoli; pellegrino della Speranza che lo Spirito anima, vengo come profeta e messaggero per lavare i piedi a tutti, alla stessa mensa che ci unisce.

Salve Madre di Misericordia, Signora dalla veste bianca! In questo luogo, da cui cent’anni or sono a tutti hai manifestato i disegni della misericordia di Dio, guardo la tua veste di luce e, come vescovo vestito di bianco, ricordo tutti coloro che, vestiti di candore battesimale, vogliono vivere in Dio e recitano i misteri di Cristo per ottenere la pace. Salve, vita e dolcezza, salve, speranza nostra, O Vergine Pellegrina, o Regina Universale! Nel più intimo del tuo essere, nel tuo Cuore Immacolato, guarda le gioie dell’essere umano in cammino verso la Patria Celeste. Nel più intimo del tuo essere, nel tuo Cuore Immacolato, guarda i dolori della famiglia umana che geme e piange in questa valle di lacrime. Nel più intimo del tuo essere, nel tuo Cuore Immacolato, adornaci col fulgore dei gioielli della tua corona e rendici pellegrini come Tu fosti pellegrina. Con il tuo sorriso verginale rinvigorisci la gioia della Chiesa di Cristo. Con il tuo sguardo di dolcezza rafforza la speranza dei figli di Dio. Con le mani oranti che innalzi al Signore, unisci tutti in una sola famiglia umana. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria, Regina del Rosario di Fatima! Fa’ che seguiamo l’esempio dei Beati Francesco e Giacinta, e di quanti si consacrano all’annuncio del Vangelo. Percorreremo così ogni rotta, andremo pellegrini lungo tutte le vie, abbatteremo tutti i muri e supereremo ogni frontiera, uscendo verso tutte le periferie, manifestando la giustizia e la pace di Dio. Saremo, nella gioia del Vangelo, la Chiesa vestita di bianco, del candore lavato nel sangue dell’Agnello versato anche oggi nelle guerre che distruggono il mondo in cui viviamo. E così saremo, come Te, immagine della colonna luminosa che illumina le vie del mondo, a tutti manifestando che Dio esiste, che Dio c’è, che Dio abita in mezzo al suo popolo, ieri, oggi e per tutta l’eternità.... Fatima 2017 3


Foglio Parrocchiale

Giugno 2017

Veglia notturna del Giovedì Santo per adolescenti e giovani:

“CI HA FATTO GERMOGLIARE COME FIORI FRA LE ROCCE” Quest'anno noi animatori adolescenti abbiamo strutturato la veglia notturna del giovedì Santo cercando di porci un obiettivo specifico: far capire ai ragazzi che ognuno di noi è come un fiore, una piantina che va coltivata giorno per giorno. La veglia è stata dunque divisa in tre momenti: quello iniziale in cui tutti assieme abbiamo fatto una piccola adorazione guidata da Don Zeno e in cui il tema centrale era il fatto di gettare il seme in un terreno fertile perchè il fiore possa nascere; un secondo momento, la veglia notturna, vissuta in orari diversi da piccoli gruppi di ragazzi dove il filo conduttore era l'amore fedele, il fatto di coltivare il fiore giorno per giorno e infine un terzo e ultimo momento, la mattina, in cui ci siamo ritrovati tutti insieme e abbiamo concluso la veglia con il fiore che se coltivato nel giusto modo può portare frutto. È stata comunque una notte di silenzio e preghiera, una notte in cui avvicinarsi al Signore, conoscerlo e sopratutto coltivare il nostro rapporto con Lui. Un silenzio che noi animatori ci auguriamo abbia parlato al cuore di tutti, proprio come quella notte in cui il Signore andò nel Getsemani con i suoi discepoli. Gli animatori adolescenti

Veglia mandato Friends Friend è una parola inglese che significa amico. Alcuni giovani hanno ricevuto il mandato ad essere friends – amici dei ragazzi del dopo-cresima, ai quali portano la loro testimonianza di amicizia e di fede.

Pellegrinaggio a Lourdes 2017 Anche quest’anno il gruppo UNITALSI è tornato a Lourdes con i suoi pellegrini ricchi di doni. E’ sempre bello andare da Maria che ci aspetta luminosa e silenziosa per arricchirci di Gesù, di incontri con persone nuove, ammalate, disabili. I volontari, barellieri e sorelle utilizzano giorni di ferie per prestare servizio durante il pellegrinaggio. Nonostante la fatica ed il sacrificio tutti hanno vissuto l’esperienza con il sorriso e nella pace, sì perché in quel luogo c’è la PACE e tutto diventa più facile. Presso la grotta di Massabielle siamo tutti uguali, non c’è distinzione tra malato, sano, ricco, o povero ma tutti siamo bisognosi di uno sguardo di Maria, quello sguardo che invade totalmente il cuore. Qui si ricorda e si prega per tutte le persone che ce l’hanno chiesto. Quante GRAZIE ogni anno portiamo a casa: GRAZIE di conversione e di accettazione; quante confidenze e quante gioie nei malati che trovano conforti ed amore nell’abbraccio della Madonna, Maria nostra Madre. Maria Tirapelle 4


Foglio Parrocchiale

Giugno 2017

Mercatino della carità Il Gruppo Carità ringrazia le Collaboratrici che con il loro prezioso lavoro arricchiscono e rendono possibile l’allestimento del Mercatino della Carità. Ringrazia coloro che effettuano i loro acquisti presso il mercatino. Invita chi desiderasse far parte del gruppo a rivolgersi presso la segreteria in parrocchia o contattando direttamente le responsabili. Il ricavato dell’anno 2016 è di Euro 1.250 ed è stato consegnato al parroco Don Zeno. 5


Foglio Parrocchiale

Giugno 2017

“Il Battesimo è per così dire il ponte che Cristo ha costruito tra sé e noi, la strada per la quale si rende a noi accessibile; è l'arcobaleno divino sulla nostra vita, la promessa del grande sì di Dio, la porta della speranza e, nello stesso tempo, il segno che ci indica il cammino da percorrere in modo attivo e gioioso per incontrarlo e sentirci da Lui amati.” Benedetto XVI

Gastaldo Giosué

BATTESIMI DI PASQUA SABATO 15 APRILE 2017 Nogara Ludovico

Maschio Cesare

BATTESIMI DI DOMENICA 30 APRILE 2017 Gatti Pietro

Tessari Riccardo Tessari Giacomo Magrini Federico

BATTESIMI DI DOMENICA 14 MAGGIO 2017 Rancani Alice Maria Zoppi Vittoria Carmela 6


Giugno 2017

Foglio Parrocchiale

Le 40 ore: un tempo per Gesù Ciò che veramente è importante è trattenersi di tanto in tanto, e sforzarsi di proclamare che Tu sei la Grandezza, la Bellezza, la Magnificenza, che Tu sei l’Amore. La cosa urgente è lasciare che Tu parli dentro di me, cercarti nel silenzio del tuo mistero. Il mio cuore continua a battere, ma in modo diverso. Non sto facendo niente, non mi sto affannando. Semplicemente, sto davanti a Te, Signore. Ed è bello stare davanti a Te.

ORARIO SANTE QUARANT’ORE 2017 MERCOLEDI’ 7 GIUGNO Ore 20,30 S. Messa di apertura GIOVEDI ’ 8 GIUGNO Ore 8,30 S. Messa +Lodi Adorazione silenziosa Ore 12.00 Reposizione del Santissimo Ore 15,00 Esposizione del Santissimo + Coroncina alla Divina Misericordia Adorazione silenziosa Ore 20.00 S. Rosario Ore 20,30 S. Messa e Adorazione guidata VENERDI 9 GIUGNO Ore 8,30 S. Messa +Lodi Adorazione silenziosa Ore 12.00 Reposizione del Santissimo Ore 15,00 Esposizione del Santissimo Coroncina alla Divina Misericordia Adorazione silenziosa Ore 20.00 S. Rosario Ore 20,30 S. Messa e Adorazione guidata SABATO 10 GIUGNO Ore 8,30 S. Messa +Lodi Ore 12.00 Reposizione del Santissimo Ore 19,00

S. Messa e Processione

ALCUNE NOTE: - Per assicurare sempre una presenza davanti a Gesù, segnarsi sui fogli in fondo alla chiesa - Nei momenti di Adorazione sarà presente in chiesa un sacerdote per le Confessioni - L’adorazione viene interrotta dalle 12 alle 15 - Sabato l’adorazione fino alle 12 - Il nostro compaesano Mons. Sergio Marcazzani terrà l’omelia alle SS. Messa della sera. 7


Anagrafe Parrocchiale

1 GIO Bertuzzi Salvino; Famiglia Temelin 5 LUN Zambon Bruna e Mario; Bernardi Angelino; Famiglia Bogo-

6 MAR 7 MER

8 GIO

9 VEN

12 LUN

14 MER

15 GIO 16 VEN

19 LUN

21 MER

22 GIO 23 VEN 26 LUN

27 MAR 28 MER 29 GIO 30 VEN

ni; Montanari Graziella (crocetta); Olinto e Silvano; Battista e Noemi; Almari Giuseppe (crocetta); Rodighiero Angelina (crocetta); Bolla Valeriano; Lorenzoni Sergio e Teresa; Lorenzoni Giuseppe e Manuela; Corrà Bruno e Adele; Tessari Michele; Uncinelli Riccardo e Rizzotto Lia; Dalla Bona Pia e Pietro Zecchin Angela (crocetta); Burti Vincenzo e famiglia Pelosato Adelino (3° anniversario); Almari Luigi e Carolina; Faltracco Maria (crocetta); Gambaretto Teresina (crocetta); Dal Monte Gino (crocetta); Rizzoto Giovanni e Ada; Bolla Romeo (classe 1931); Dora Filippi; Anzolin Leonello e Gina; Bolla Alessandro e Vittoria; Fongaro Gianluca e Rosetta; Meneghello Claudio (11° anniversario) Todeschi Giuseppe e Roncari Dina; Montanari Graziella; Pelosato Alfredo (crocetta); Valente Amerino; Famiglia Galiati Erino e Ines Fossato Luigina (crocetta); Federico e Maria; Rodighiero Guglielmo e Bolla Angelo; Edmondo Marsilli (classe 1939); Pace Roberto (crocetta); Sartori Pasqua (crocetta); Don Piero (crocetta) e Giancarlo; Marsilli Edmondo; Deatrini Adelino e Cesarina; Gini Olinto e Maria; Famiglia Prà Ido; Tessari Stefano e Pelosato Giuseppe Guiotto Angelo e Giuseppina; Famiglia Pace Roberto; Faltracco Domenico e Antonio; Marsilli Edmondo (crocetta); Fontana Erminia (crocetta); Soso Rosa (crocetta); Rizzetto Antonietta (crocetta); Peron Luigi e Tessari Cristina (Agnese); Feudo Graziano e Candeo Elvira Riboni Geria (crocetta); Fontana Giuseppe e Flavia; Giuseppe e Antonio; Faltracco Wilma; D’Errico Antonio; Pace Offelia ed Edvige; Soriato Gaetano; Gini Tullio e Prà Elvira; Prò Ido e Offelia (7° anniversario); Verzè Assunta; Fongaro Gianluca e Rosetta Prà Gianni Veneziani Gabriella; Preto Angelo e Leviani Giuseppina; Bertuzzo Annamaria; Trevisani Guglielmo; Leardini Sandro; Grazia Luigino e Antonello Lucia; Racconto Rino Zoppi Luigi; Famiglia Verzè; Motterle Celeste e Pia; Fattori Gino e Silvietto; Pelosato Angelina (anniversario) e Bolla Eligio; Verzè Vittorio; Bolla Pasqua e Antonio; Fusaro Natalia (anniversario) e Murari Gaetano; Zampollo Sinesio e Savini Fernanda Gina e Giuseppe Prà; Famiglia Bogoni Giordano; Rodighiero Marco (crocetta); Lecetti Andrea e Serafina; Famiglia Stefanelli; Bertuzzo Roberto Dal Monte Gino (classe 1955) Guadin Francesco (crocetta); Fontana Giuseppe (crocetta); Tessari Luigi; Benati Silvia (crocetta) Valente Bruno e Rizzetto Marina; Fossato Luigina (crocetta); Giuseppe e Zeffira; Bogoni Alfredo (anniversario); Prà Delfino e Bogoni Rosina; Don Piero (ordinazione sacerdotale) e Giancarlo Signorini Luigia ed Ettore Todeschi Thomas e Bogoni Ester; Don Piero (onomastico) e Maria Rodighiero Sonia (crocetta); Martignon Luana; Nardello Beatrice e Ottavio; Barbano Valter (crocetta);

Hanno concluso il loro cammino terreno

12/10/1915 Favaretto Agnese 08/03/2017 25/10/1931 Bolla Romeo 21/04/2017 22/05/1926 Mandato Gioconda 20/04/2017 01/01/1921 Verzè Assunta ved. Bolla 05/05/2017 18/08/1936 Bolla Bruno 18/05/2017 06/03/1945 Costantini Dorino 18/05/2017

Sono entrati nella nostra Comunità Gatti Pietro nato il 23/12/2016 Maschio Cesare nato l’08/11/2016 Zoppi Vittoria Carmela nata il 20/11/2016 Tessari Riccardo nato il 03/11/2016 Tessari Giacomo nato il 03/11/2016 Rancani Alice Maria nata il 22/02/2017 Magrini Federico nato l’08/02/2017

Calendario Appuntamenti 1 GIO 2 VEN 3 SAB 4 DOM 5 LUN 6 MAR

7 MER 8 GIO 9 VEN

10 SAB 11 DOM

ore 20.30 S. Messa di apertura 40 ORE ore 8.30 S. Messa Adorazione 9-12/15-20.30 ore 20.30 S. Messa e ADORAZIONE GUIDATA ore 8.30 S. Messa Adorazione 9-12/15-20.30 ore 9-12 Comunione ammalati nelle loro case ore 20.30 S. Messa e ADORAZIONE GUIDATA ore 8.30 S. Messa Adorazione 9-12 ore 19.00 S. Messa e Processione Corpus Domini

12 LUN 13 MAR

14 MER ore 19.45 Volontari circolo NOI per il GREST 15 GIO 16 VEN 17 SAB

18 DOM ore 12.00 BATTESIMI 19 LUN 20 MAR

21 MER ore 15.00 S. Messa P. Pio a san Giuseppe 22 GIO 23 VEN 24 SAB

PREPARAZIONE GREST

Sante Messe di Suffragio

Giugno 2017

25 DOM

26 LUN INIZIO GREST 27 MAR 28 MER 29 GIO 30 VEN

GREST

Foglio Parrocchiale

3 LUN Zambon Bruna e Mario; Bernardi Angelino; Corradini Rita;

Dal Monte Gino (crocetta); Bolla Valeriano; Prà Giuseppe e Riccardo Zangelmi 5 MER Benetton Maria e Ferro Umberto; Almari Giuseppe (crocetta); Rodighiero Angelina (crocetta); Faltracco Maria (crocetta); Gambaretto Teresina (crocetta); Pace Offelia e Attilio; Bolla Romeo (classe 1931) 8

Impaginazione a cura di Cristiano Melis


Issuu converts static files into: digital portfolios, online yearbooks, online catalogs, digital photo albums and more. Sign up and create your flipbook.