Issuu on Google+

press L.IfE

it

Resto del orlino

0710b(cu i 0 '

Moden a

Piscina Ferrari, tocca ai cittadin i Pdfavorevole all 'istruttoria pubblica, il progetto sarà valutato in consiglio comunale di FRANCESCO VECCHI

SÌ ALL'ISTRUTTORIA pubblica per decidere come realizzare la tanto discussa picina al parco Ferrari . La vera novità nella ripresa dei lavori del parlamentino modenese non arriva tanto dalla seduta pomeridiana del consiglio comunale, piuttosto dalla commissione dei capigruppo dove ie ri mattina il Pd ha annunciato il voto favorevole alla proposta avanzata dal le minoranze . Una novità non da poco che apre le porte alla partecipazio ne della cittadinanza nella nascita de l progetto del polo natatorio. Lunedì prossimo la commissione darà il vot o definitivo a quella che al momento è BALLESTRAll

«Dopo i casi di via Cannizzar o ed exAmcm l'amministrazion e temeva un effetto boomerang » solo una bozza della delibera definiti va . Quello che conta è comunque l ' in tesa tra le parti che, non ancora ner o su bianco, a questo punto sembra comunque definitiva . Il 20 di settembre si avrà poi un ulteriore passo : la deli bera approderà in consiglio comunale . Dopo la votazione, a questo punto dall'esito scontato, il Comune elaborerà un progetto . Proprio qui subentra il ruolo della cit tadinanza che una volta svelato il dise gno complessivo che l'amministrazio ne comunale vorrebbe realizzare a l parco, potrà, attraverso associazion i ed esperti del settore, dire la propria opinione . Il progetto iniziale del polo natatorio che il Comune vorrebb e realizzare al parco Ferrari, la piscina sorgerebbe nella part e del parco che si affaccia su via Emilia Ovest

LA SVOLTA nella linea politica seguita dalla maggioranza in consiglio comunale è evidente : più che nel caso

specifico (rappresentanti del Pd e dell ' amministrazione hanno già incontrato in passato i cittadini assicurando spazio per il confronto sulla pi scina) la differenza è evidente se s i pensa alle altre polemiche `storiche' nei progetti urbanistici . Si tratta dell'ex Amcm e dei peep di Via Cannizzaro . In questi casi il Pd e l'ammi nistrazione non hanno mai ceduto alle richieste delle minoranze che chie devano di dare spazio all'opinione de i cittadini . «Evidentemente — commenta Vitto rio Ballestrazzi di modenacinquestel le.it — hanno capito che dopo aver ne gato per due volte consecutive la parte cipazione ai cittadini si rischiava di ri cevere un pericoloso effetto boomerang . Ci tengo anche a sottolinear e che l'istruttoria pubblica è stato l'unico modo per fermare un progetto gi à deciso». Questo perché «la realizzazio ne della piscina al parco Ferrari è un'opera contenuta nelle linee pro grammatiche del sindaco Giorgio Pighi. Insomma — termina Ballestrazz i — hanno sempre detto che era ancor a tutto da decidere, quando invece il polo natatorio è uno dei progetti di que sta legislatura già da tempo». Francesco Rocco, vicecapogruppo de i Democratici in consiglio, raccont a tutt'altra storia : «Siamo favorevoli al le iniziative che favoriscono la parteci pazione popolare. Il dibattito è ancor a aperto, il consiglio ha già dato un su o indirizzo, ora si farà un progetto e po i la cittadinanza dirà la sua. Da qui alla realizzazione della piscina tanto, s e non tutto, può cambiare» . Tra le minoranze resta comunque il sospetto che alla fine le proposte dei cittadin i avranno una rilevanza di ben poco peso . Il tempo ci dirà chi ha ragione, si curamente la partita della piscina a l parco Ferrari entra da adesso nel vivo .

Piscina Ferrari, tocca ai cittadini


press L.IfE 0710b(cu i 0 '

il

Resto del Orlino Moden a

.......................................................................

PERCORS O

Ieri mattina nella conferenza capigruppo il ha annunciato if dt a favorevole alla richiesta di istruttoria pubblica proposta latle minoranze del consigl1 0

Camb

a \ ```\

In passato, nei casi dettai riqualificazione dell'area ex Amcm e della realizzazione dei nuovi edifici di edilizia peepir via Cannizzaro, non è stata concessa l'istruttoria pubblica

\\\\\\\\\\\\\\\\\\\N\\\\\\ \ Moda". L'istruttoria perrriet t che la cittadinanza;, attraverso il parere ;di esperti ed associazion i possa esprimere la propria opinione sul progetto del Comun relativo alla piscina;

Tra le minoranze c'èil sospetto che alla cin e all'opinione della cittadinanza non verrà dato il giusto peso e progetto resterà COSÌ come desidera il Comune

Piscina Ferrari, tocca ai cittadini


press L.IfE

L'INFORMAZIONE

07/09/2010

PARCO

di Modena

H

Pd apre

all'op

os z one e in

Consiglio

voterà a favore

Piscina, sì all'istruttori a Pmgello: ci a ipotranno avanzare m s di Luca G iiadinak

4 agari non e propri o L una svolta, ma u n passo in una direzion e precisa sì . Una direzione opposta a quella intrapresa finora dal partitone , perché ieri, di fatto, il P d ha detto sì all'istruttori a pubblica sulla piscina al parco Ferraci richiesta da tutti i gruppi d'opposizione

parlare dei `dettagli' dell'i strautto

La decisione Un `sì' ricco di significato, perché arriva al termine di un'estate che ha visto il Pd diviso sul progetto - con la component e ambientalista, guidat a dall'ex assessore Paolo Si lingardi, decisament e contraria alla collocazio-

ne della piscina, e propensa a `spostarla' nell a zona sud della città - e anche perché finora il partitone aveva detto no alle proposte di istruttori a (via Cannizzaro ed ex Amcm) . «Abbiamo detto sì spiega il consigliere Rocco - perché siamo favorevoli a qualsiasi iniziativa che prevede la partecipazione e la condivisione

dei progetti da parte de i cittadini» . Una volta archiviato i l `via libera' del Consigli o comunale, quindi, partirà i[ `percorso partecipato' : una serie di incontri, i n pubblico contraddittorio , in cui comitati e gruppi d i cittadini potranno partecipare portando le loro proposte attraverso tecnici ed esperti di parte .

Capigrupp o La decisione è arrivat a ieri mattina durante la conferenza dei capigruppo che ha preceduto i lavori del Consiglio comunale . Una conferenza so spesa, perché il sindac o Pigri_ ha dovuto assentars i per partecipare alle celebrazioni per l'anniversario della scomparsa di Pavarotti, ma con un esit o significativo . Il consigliere Francesco Rocco, i n qualità di rappresentant e del gruppo Pd, ha dato il via libera all'istruttori a pubblica richiesta da i gruppi di minoranza : i n pratica, ciò significa ch e lunedì 20 settembre , quando la proposta di istruttoria andrà in Consiglio comunale, il Pd voterà sì insieme all'opposizione . Nel frattempo, lunedì prossimo la conferenza dei capigruppo s i incontrerà di nuovo per

A destra , la bozz a dei progett o per la nuov a piscin a ai parco Ferrari presentat a durant e rincontro pubblico dell o scors o 23 giugno

Pagina ~a, si d'istruttori,

3


press L.IfE

il

Resto del Orlino Moden a

08/09/2010

. . .. . . . . .. . . . . . .. . . . . .. . . . . .. . . . . .. . . . .. . . . . .. . . . . . .. . . . . .. . . . . .. . . . . .. . . . . .. . . . .. . . . . . .. . . . . .. . . . . . .. . . . .. . . . . .. . . . . .. . . . . .. . . . . .. . . . . . .. . . . . .. . . . .. . . . . .. . . . . .. . . . . .. . . . . . .. . . . . .. . . . . .. . . . .. . . . . .. . . . . .. . . . . . .. . . . . .. . . . . .. . . . .. . . . . .. . . . . .. . . . . . .. . . . . .. . . . . .. . . . . .. . . . .. . . . . .. . . . . . .. . . . . .. . . . . . .. . . . .. . . . . .. . \CO`` IL I6 SETTEMBRE GLI ASSESSORI AL FORUM AMBIENTE DEL P D Silingardi : «L'istruttoria pubblica è trasparente e merita fiducia » L'ISTRUTTORIA PUBBLICA sulla piscina al parco Ferrari di Modena «è un fatt o molto positivo . Su un tema come questo un o spazio di confronto con i cittadini può contribuire a creare un clima sereno» . Questo il commento di Paolo Silingardi, coordinator e del forum ambiente del Pd, alla notizia dell a prossima votazione in Consiglio comunale della delibera che convoca l'istruttoria pubblica per il progetto della piscina al parco Ferrari . «Si sa quello che penso sul progetto, so no sempre stato per una collocazione alterna -

tiva della piscina, ma quando ci sono processi partecipati bisogna starci tutti e dare fiducia a chi li propone— spiega ancora Silingardi — l'istruttoria pubblica è un processo tra sparente, il Comune merita fiducia : quand o prende un impegno lo porta avanti . Il 16 settembre abbiamo inoltre una riunione del forum dedicata al parco Ferrari, al quale parteciperanno anche gli assessori Antonino Mari no, Daniele Sitta e Simona Arletti. Sarà u n momento interno al partito per confrontarci . Si discuterà nel merito, per formare orienta-

menti nel partito, ma non avrà niente a ch e fare — termina Silingardi — con l'attivit à istituzionale». Legambiente, per voce dell a presidente Alessandra Filippi ritiene infin e che «c'è spazio di manovra per cambiare il progetto e, magari, anche spostare il polo natatorio in un'altra parte della città. Unica preoccupazione è quella di arrivare ad un confronto serio e costruttivo, con destinazioni, progetti e bilanci . Mi aspetto che venga illustrato di nuovo il piano Jellicoe», conclude l a presidente di Legambiente Modena .


press L.IfE 08/09/2010

L'INFORMAZIONE di Modena

PD DIVISO Plauso del coordinatore dei Forum ambiente aHstrutt o

11 sì che riavvicina Silingardi « Ora chiediamoci c unzkmj vogliamo in qu l ' re » 'istruttoria pubblica sulla piscina a l non una cosa piovuta dalle stelle : che poi sia parco Ferrari di Modena «è un fatt o la piscina o altro è un problema di coerenz a molto positivo . Su un tema come questo, u - e sostenibiiitl . Il democratico ribadisce la no spazio di confronto con i cittadini pu ò sua partecipazione al percorso deP'istruttocontribuire a creare un clima sereno» . E' i l ria pubblica e rilancia un percorso anch e commento di Paolo Silingardi, coordinator e all'interno del Pd . «Sicuramente seguirò i ladel forum ambiente del Pd ed ex assessore vori dell'istruttoria - aggiunge Silingardi - il all'Ambiente del Comune di Modena, all a 16 settembre abbiamo inoltre una riunione notizia della votazione i n del forum dedicata al parc o Consiglio comunale sEall'iFerrari, alla quale partecistruttoria pubblica per il peranno anche gli assessori progetto della piscina al Marino, Sitta e Arletti» . parco Ferraci . «Ritengo corSul fronte ambientalista , retto utilizzare strumenti di anche Legambiente accopartecipazione come l'iglie favorevolmente l'istrutstruttoria pubblica - spiega turia : «E' un percorso corretto - commenta Alessanperché possono solo dare qualità all'operato deil'atridra Filippi - visto il clima che zinistrazione . Su un tema si è creato su certi temi, è delicato come questo c' è Paolo Slling ardi bene che ci sia un maggiore l'esigenza di una discussiocoinvolgimento di cittadini e approfondita . su tutti i progetti che riguarSono sempre stato per udano la città . Visti gli esemna collocazione alternativa pi che ci sono stati recente della piscina - aggiunge Simente da parte dell'ammilingardi-ma quando ci son o nistrazione, come sulla que processi partecipati bisostione urbanistica, credo sia gna starci tutti e dare fiduci a prescindibile un cona chi li propone : l'istrutto fronto» . Sulla questione ina pubblica è un process o terviene anche Sergio Celrasparente, e il Comun e loni (Mpa) : «Mi sono già emerita fiducia : quand o Sergio Galloni (M€pa ) spresso favorevolmente riprende un impegno lo porspetto all'ipotesi di realizzata avanti» . Per quanto riguarda il Tellicoe, l'ex re un impianto -amatorio al parco Ferrati assessore ricorda che «tutto quello che a d spiega- e sono d'accordo sul fatto che il prooggi è stato fatto nel parco è coerente con i l getto debba realizzarsi tenendo conto dell e progetto . Oggi, però, il vero tenia è un altro, istanze espresse dai cittadini e dalla societ à e cioé il tipo di funzioni da portare al parco . civile attraverso un'istruttoria . Chiedo per ò Nel progetto jeliicoe si parlava di spazi mu- che l'amministrazione stabilisca tempi certi scali ed universitari, tutte funzioni che negli ed inderogabili per la discussione e per apri anni hanno trovato altre collocazioni . Quel- re, a confronto fatto, la stagione delle scelt e lo che serve oggi è un progetto coordinato, definitive ed esecutive» .

Pagina 4


press LIET E 09/09/2010

it Resto dei Orlino Moden a

Piscina Ferrari, il team di Jellicoe: «Impianto e progetto non compatibili » I tecnici che lavorarono con l'architetto negli anni '80: «La sua idea era totalmente diversa » di FRANCESCO VECCH I

PENSARE di ridare vita al progetto Jellicoe è un' impresa indubbiamente difficile . Farlo inserendo nella rivisitazione dei disegni dell ' architetto inglese un impianto natatorio come quello di cui si è parlato negli ultimi mesi è impossibile . Sono passati tanti ann i (quasi 30), ma le idee che sir Goeffrey portò a Modena, Pietro Bassetto, Raffaele Gentile e Alberto Muratori le ricordano davvero bene. Il motivo è semplice : lavoravano al suo fianco nel costruire il futuro del parco Ferrari negli ann i ' 80 . I primi due in qualità di architetti, il terzo come ingegnere . Oggi, con una polemica che incalz a sulle reali chances di far coesistere le attuali necessità della città insieme all 'idea dell ' architetto 'romantico ' innamorato del paesaggio, i tre colleghi ritirano fuor i planimetrie e disegni un po' impolverati, ma comunque efficaci . E vero, Jellicoe aveva pensato a una vasca d ' acqua scopribile a seconda delle stagioni, con tanto di solarium e bagni (struttura da 2500 metri quadri complessivi). Altrettanto vero che la vasca er a solamente una piccola parte i n quella scacchiera di attrezzature incastonate nel verde e affacciat e sull 'Ottavo Campale, a ridosso d i Viale Italia . Così come c ' erano, per esempio, anche un museo, ristoranti e negozi. «JELLICOE — racconta Bassetto — aveva previsto un parco ch e da una parte pensava al verde,

dall'altra alle attrezzature . Queste ultime disposte in modo lineare , parallelamente alla linea d'acqua che percorreva l'intera area . La va sca d ' acqua — fa notare l ' architetto — era inserita in un tutt ' un o con il paesaggio . Non era cert o una struttura imponente separat a dal contesto generale immaginato per il parco Ferrari» . Dunque, se l ' amministrazione comunale volesse davvero riprendere quella visione architettonica, dovrebbe di menticare l' impianto natatorio da 8mila metri quadri del quale tanto si è discusso prima e durante l'estate . Per puntare al contrario a una piscina di dimensioni ben più ridotte. «In generale — prosegue infatti Bassetto — una piscina in un parco è ammissibile, anzi più che consigliabile . Che u n impianto natatorio di una cert a importanza sia adatto al parc o Ferrari, questo no . E soprattutt o se si vuole riprendere Jellicoe» . La vasca d' acqua era negli ann i '80 un aspetto secondario anch e per Alberto Muratori . «Riprende re quel progetto sarebbe bello certo, almeno nei limiti del possibile. Ma non nascondiamoci dietro a un dito — avverte l'ingegner e —, la piscina e l ' opera di Jellico e sono assolutamente incongrue . La bellezza di quel l' opera era aver racchiuso tutta la parte costruita come in dei granai incastrati nel verde . Davanti al lago canale e na -

scondendo contemporaneamente i parcheggi dalla vista. E fuori discussione che al parco Ferrari c i sia lo spazio necessario per una pi scina — termina Muratori —, ma è anche vero che se si vuole riscoprire Jellicoe allora bisogna farl o con criterio . Per quanto mi riguarda è stato il progetto più importante della nostra città nel secol o scorso». Manca all 'appello Gentile : «Sì, l ' acqua era fondamentale in quel progetto, ma non intesa come una piscina . Anzi — ravvisa l'architetto — in modo molto differente. Scorreva per il lungo ne l parco e addirittura passava sott o alla via Emilia, servendo poi pe r il raffreddamento degli impiant i industriali dell' epoca. Non si pu ò paragonare quell' idea con un impianto natatorio vero e proprio, è inutile riproporlo in questo modo, così si sta parlando d'altro . Jel licoe era il top, e chi ha messo l e mani in quei disegni negli ann i successivi li ha stravolti. Riprenderlo oggi? Se ci sono soldi e volontà — conclude Gentile —, m a bisogna metterci le mani in mod o adeguato» . ANDREA De Pietri, assessore alla Pianificazione in quegli anni e in disaccordo con il gruppo di lavoro attuale del Comune, interviene infine per sottolineare che «Jellicoe aveva messo nel parco un a vasca coperta, non pensava cert o a una piscina di grandi dimensioni . All 'epoca il parco era pensat e anche come ben più grande . E davvero risibile che oggi — chiude De Pietri — si riprenda quel progetto per realizzare l' impiant o che vorrebbe l ' amministrazione» .

Pagina 5 Piscina Ferrari, il team d Jellicoe : »Impianto e progetto non compatibili »

«r .


press L .If E

10/09/2010

METTA 01 MODENA LtUAC:VV

Vezzelli: «Parteciperemo al bando in una competizione trasparente» «A noi piace affrontare il mercato dove c' è una competitività trasparente, dove tutti par tono dagli stessi blocchi di partenza . No n chiediamo favori a nessuno, ma solo di esse re trattati come vengono trattati gli altri, al l'interno di un mercato che abbia delle regole che valgano per tutti» . Così Roberto Vezzelli, presidente di Legacoop Modena, replica al le dichiarazioni del Pdl modenese su presunti favoritismi . «I bandi li deve vincere chi ha la qualità, il progetto e i prezzi . Da questo punto di vista non abbiamo paura di confrontarci con nessuno . Noi rappresentiamo un pezzo del mercato non tutto il mercato», aggiunge Vezzelli. Il presidente ribadisce poi la propria posizione in merito al progetto della nuova piscina . «Modena sicuramente ha bisogno di un nuovo impiant o natatorio, se ci sarà una gaRoberto Vezzell i ra per realizzarlo noi concor reremo perchè abbiamo imprese che sono i n grado di partecipare alla gare e qualità pe r realizzare l'impianto», spiega ancora il presi dente . «Siamo interessati a fare la valutazione, poi si vedrà quando entreremo nel merito del progetto, ora siamo ancora in una fas e embrionale», aggiunge Vezzelli . La collocazione dell'impianto la deve comunque «decidere il Comune - continua il presidente - personalmente penso che ci siano delle zone del la città che probabilmente hanno più bisogno, l'ho già detto, li vicino ci sono tre impianti» . Vezzelli si riferisce «all'area sud, zona altamente popolata e meno dotata di pisci ne . C'è spazio per una gestione redditizia» .

Pagina 1 4 -

Ydato iIcontrattto sul parco Ferrari? Sitta:dotto a posto»


press L.IfE 11 /09/2010

METTA 01 MODENA

Trande: «Piscina? Prima c'è altro» Summit Giunta-Pd per decidere la strategia. Il comitato chiama 5 giuristi Si rincorrono le novità sul fronte del tormentato per corso per la piscina al Parco Ferrari . L'altro giorno si è svolto un summit tra Giunta e vertici Pd sull'argomento, intanto il capogruppo Paolo Trande esprime perplessità sulla sua realizzazione, e il comitato contro la piscina scrive a 5 giuristi chiedendo lumi sulla presunta violazione dei vincoli ministeriali sull'area verde . Erano in sei l'altro giorn o attorno a un tavolo per parla re di piscina . Il sindaco co n gli assessori Marino e Sitta insieme al segretario provin ciale Davide Baruffi con il se gretario comunale Giusepp e Boschini e il capogruppo Pao lo Trande . Da quanto trapela emerge che la riunione ha cercato di superare le barricate . In sintesi : il progetto è un'opera sulla quale la Giun ta punta per la città e il Pd ne è ben conscio . Quindi oc corre ampliare il confronto , tenere conto delle perplessità di chi non condivide la scelta e giungere ad una solu zione il più ampiamente con divisa. La strada di un gruppo di lavoro sul progetto jellicoe è ritenuta giusta . Senza dimenticare a chi tanto si agi ta che per ora una progett o vero non c'è . Altri passagg i interessanti saranno il forum forum ambiente di giovedì e l'istruttoria . Al summit ha partecipat o anche il capogruppo Paol o Trande, che rimane perplesso sulla piscina . «Io invito spiega - ad aspettare serena -

Tu dove vorresti la piscina Scrivilo s u

www.gazzettadimodena .i t

mente le considerazioni eco nomiche sulla riattualizzazio ne del piano Jellicoe che il gruppo di lavoro comunal e sulla piscina produrrà a otto bre . Dopo discuteremo se l'in tervento pubblico sia sosteni bile dal prossimo bilancio co munale oppure no, quel ch e mi pare chiaro è che si è pas sati da una proposta della Giunta di costruzione in pro ject financing, sostenuta inte ramente dai privati, a una con esborso pubblico futuro . Mi pare ci saranno difficoltà oggettive perché le priorità sono altre . Qui la cementificazione non c'entra, invec e dovremmo occuparci di wel -

Paolo Trande, capogruppo P d

fare, di servizi sociali, di stati generali e di come recupe rare le vecchie case anni `50 , del futuro della nostra citt à insomma . Sbaglierò, ma la piscina non mi pare una priorità strategica . Comunque una volta davanti ai numer i valuteremo gli aspetti finanziari, ambientali e di traffico» . Intanto il nuovo comitat o di cittadini contrario alla piscina - non legato però al pro filo Facebook - fa sentire l a propria voce . Ne farebber o parte anche alcuni ambienta listi ed ex assessori e la lor o prima mossa è stata quell a di rivolgersi a 5 giuristi - co -

me già la Gazzetta anticipava ieri - delle maggiori università italiane tra cui quelle di Perugia e Roma per aver e un parere tecnico sul contratto di permuta del parco Ferrari . «Dal contratto di cessio ne tra il Comune di Modena , ossia i modenesi e la Difes a si evince che per 50 anni entrambi le parti si sarebber o impegnate a mantenere i l parco come verde pubblico e servizi di quartiere . - scrivo no - La querelle che è nata , volutamente strumentalizzata, da parte di alcuni assesso ri di costruire la piscina come servizio di quartiere è quantomeno falsa poiché i l quartiere è già servito d a una piscina, quella dei Vigil i del Fuoco che sono anche tesserati per un associazione sportiva modenese quale i l comitato Uisp provinciale (dunque non è privata) e dall'altro impianto delle Dogali . Abbiamo inviato il contratt o ad alcuni giuristi per valutare tutti gli interventi da far e nel caso che l'attuale amministrazione non rispetti i l contratto» . L'assessore Sitt a ha già giudicato "spuntata" questa "arma" perché a su o dire quando si parla di "servizi di quartiere" «si intend e ogni struttura al servizio della città, come appunto può essere l'impianto natatorio» . Stefano Lupp i

Pagina 18


press L.IfE

L'INFORMAZIONE

13/09/2010

di Modena

POLEMICA L'ex assessore De Pietra cita Vezzelli : <HIa manifestato dubbi sulla collocazione nel parco »

'Piscina, critiche perfino da Legacoop «Non è certo un ambientalista, aIcredibile` Anche il presidente della Lega cooperative critica la collocazion e della piscina nel parco Terra ri» . Lo sottolinea, facendo riferhnento ad alcune dichiarazioni rilasciate da Robert o Vezzelli nei giorni scorsi, l'e x assessore socialista Andre a De Pietri, recente protagonista di un vivace botta e risposta con l'attuale assessor e all'urbanistica, Daniele Sitta , proprio sul contestatissimo impianto natatorio nel parco . De Pietra, a scanso di equi voci, esordisce citando l e stesse parole di Vezzelli: Personalmente penso che c i siano delle zone della citt à che, probabilmente, hann o più bisogno (della piscina) . . lì vicino al Parco Ferrati, infatti, ci sono già tre impianti . . . mentre . . l'area sud, zon a densamente popolata, è me no dotata di piscine » Questo, dunque, «è ilparere del presidente della Lega coo perative di Modena sulla pro posta di collocare la nuova «.

.

grande piscina al Parco Terrari, Nessuno - insiste De Pietri si è finora accorto di questa dichiarazione che risulta davvero esplosiva perché, nel pien o delle polemiche, contraddice le scelte urbanistiche della giunta, anche se lo stesso Vezzelli si affretta ad affermar e che, come è ovvio, la collocazione dell 'impianto deve essere decisa dal Comune» . «E' evidente - secondo l'ex assessore socialista- che ora la giunta non potrà più sostene re che sia in malafede chi critica l'assurdità di collocar e un'enorme, nuovo impianto natatorio in un'area tanto pre giata e vicinissima ad altre pi scine, mentre intere zone del la città sono sprovviste di questi servizi, La giunta non potrà più additare come visionari

»

~g c da prend coloro che affermano che la to far sorgere una nuova piscipiscina andrebbe collocata na dove ce ne sono già altre e proprio nell'area sud-est, nei dove c ' è concorrenza . Meglio quartieri Buon Pastore e scegliere una zona non servi Sant'Agnese come sostien e ta, così da avere un'utenza sianche Vezzeicura, E infatt i li» . «Ora la giunta non potrà termina i l Second o suo intervenDe Pietra, inpiù definire visionario to affermanfatti, «è diffido "C'è spachi chiede la struttura cile sostenezio per un a re che il pregestione rednell`area sud-est» sidente dell a ditizia" . Lega coope«Avete norative sia un forsennato am- tato - conclude De Pieni. - che bientalista o esprima questo gli assessori hanno finto di igiudizio negativo sulla collo- gnorare la critica di Vezzelli? cazione perché, aprioristica- Non potevano riprendere dumente contrario alla giunta ! ramente il presidente della in realtà Vezzelli fa solo il su o Lega cooperative, come fan mestiere di imprenditore . Es- no normalmente con chi osa sendo interessato a realizzare avanzare le stesse osservazio l'intervento, sa che sarebb e ni . . .» . imprenditorialmente sbagliac tecn.)

Pagina 5

sis,maaiepersaoda[

op,


press L.IfE

L'INFORMAZIONE

15/09/2010

di Modena

LO SFOGO Cìgnì , «E stucchevole che non s parUU d'altro »

«La piscina nel parco Ferraci ? »n me ne importa nulla» a

trodurrà drastici tagli ai servizi , ci si chiede se sia davvero opportuno focalizzare tutta l'attenzione su una vasca natatori a in un parco . E così, oggi, c' è chi ra volantini a sostegno del non ha paura a dichiarare che - a progetto e rappresentanti lui - «di questa benedetta piscidei comitati pronti a immolarsi na non importa assolutamente per bloccarlo, tra ex assessori nulla» , critici e attuali successori favo A intervenire in questi termirevoli, tra interventi personali ni è il consigliere provincial e (del presidente di Fausto Cigni, un a Legacoop) e delle anime storicommenti a noche dei democratime del partit o ci . (dei capogrupp o piscina non e Trande), il dibattiuna priorità - tato sulla piscina a€ glia corto Cigni I Parco Ferrari moproblemi che Monopolizza da setdena deve affrontimane il contare sono ben altri : fronto politic o dalla sostenibilit à modenese . E l o «4 pmbfe l son o del welfare, alla di scontro pare sol o soccupazione , agli inizi : domani ben altri: we/fare , all'aiuto ai precapomeriggio s i ri» . Concetti che il disoccupati, riunirà il prim o consigliere provinforum ambient e aiuto ai precari» ciale aveva già edel Pd, lunedì c i spresso a fine agosarà il voto i n sto Al 'ass e Consiglio e sullo sfondo conti- pubblica al parco Ferrari e ch e nua ad aleggiare l'istruttoria . oggi ribadisce . «Trovo davver o Un interesse al limi te del mor- stucchevole che a Modena non boso sul quale una parte del Pd si parli d'altro che della piscina inizia ad interrogarsi, spostan- -- prosegue Cigni - . Capisco ando l'attenzione dal merit o che la volontà di riqualificare il all'opportunità stessa del pro- parco, ma perché discutere per blema. In tempi di crisi, con un settimane di un progetto di 3 0 bilancio che probabilmente in- anni ta? Anche per questo non

T

«12

parteciperò al forum di domani»» . Una posizione ancor pi ù dura rispetto a quella espress a dal capogruppo Pd Paolo Tran de, per il quale «la piscina non è un'opera strategica» . Eppure al di dell'opportunità del dibattito, qualcuno dovrà pur decidere se procedere o meno con la progettazion e de€l'impianto . Dopo il summit di giunta di qualche giorno fa, si attende il parere dei cinque giulà

risti chiamati in causa dal nuovo comitato di cittadini per fiere sulla presunta violazione dei vincoli ministerial i sull'area verde . Tutto ciò, mentre è sempre più evidente come in gioco vi siano forti interessi economici : «Si tratta di u n bando corposo, da diversi milioni di curo» - ha detto ieri Roberto i%ezzelli. Ma in questo contesto, pe r Fausto Cigni, la politica e l'inte-

resse dei cittadini c'entran o ben poco . «Occorre guardare al futuro e partire da una lettura della situazione a livello nazionale . Anche a Modena il Pd pu ò lavorare per creare le condizioni per cacciare il governo Berlusconi . E' questo l'obiettivo principale e per farlo è opportuno allargare le alleanze politiche e sociali» . Impossibile non leggere, in questa analisi , quella mano che un'importante fetta del Pd modenese sta tendendo all'Udc. (g lei.)

Pagina 8 d1

daptsci a,i'

Fcm m

Non...a importa mai»


pressUn E

L'INFORMAZIONE

15/09/2010

PISCINA (2) Domani

meggn in via '.:-S- e'- ia nunione cori

ssessori ,Are-itt€, Marino e

E forum ambiente del d discute sulla «vasca che scotta » (ti ;. 1+t

1SC E +

;i.

Ad `ci

Lttio

e

priirhi :tt h. iii .dínidioro i ardi, s'i: higerà hi (i.iio 18 noi do : iiiit . : in \iit (di , n i t ri. t o tino i . pi.i.3 i,i.i i. i il( ii : di dot f-; ;371:g ie 37 37 :i .h ti in :h ((poi iido t-ier:ti di ;thtì e C

di ma:i2iiida is .ad 1hall~ zine iiu.9.i a pìscìna (lei dii.ed 2iliCiMMettei"C

(.:Clk'

pn ?1-'.•O :."rA ',i n ionsigiio i..,i.g . ; :',iiig . .i, :i . hiidiiiiiito doni de i d ;TilqLie . oh.sìotìo pe r

Che

iotti'i-tienti domatii do : P d

(lo

id :ciii

voi-ci

prigii ti

gEi.phi)

ohiotti-i;i i,itro ihito

di

uri, rotti ; pitroo

it i

malt i

iniiirt Ae in :(_3 F£'it o teriiiito di .

i cotidifiit> t

ii .ii lai ~r ,, t'io* diid- ;-io

/Siti? di io tiri.: o po ..,\ ndi ; funzi o poli 'u n ;'co FeThiTi . ii i.gii:h e gli Shti i :id.itrithi .

Pagina 8 . . ..

•iapisciva Non...a importa Ai»


press LIETE 16/09/2010

it Resto dei Orlino Moden a

Piscina Ferrari, si o no? Al Forum Pd si decide Stasera pruno atteso incontro sul,futuro del parco di FRANCESCO VECCH I

PISCINA AL PARCO Ferrari : è arrivato il momento di tuffarsi nel progetto . Alle 18 nella sede del Pd di via Scaglia si riunisce il Forum Ambiente del partito, co n l'intento di elaborare un prim o punto d'incontro per poi intavola re il percorso di riqualificazione dell'area verde. Le direttive da seguire, dopo mesi di polemiche, so no quelle che l 'architetto Geoffrey Jellicoe portò in città negli an ni Ottanta. La rivisitazione di quei disegni, che andranno riattualizzati alle esigenze della città e alle mutazio ni che con gli anni sono accorse nel e intorno al parco, chiamerà in causa anche la vera questione intorno alla quale è scoppiato il di battito, appunto il progetto dell a piscina da 8mila metri quadrati che l'amministrazione comunale in un primo momento voleva rea lizzare a ridosso di via Emilia Ovest. IPOTESI al momento congelata a causa delle proteste sia interne al partito che tra gli elettori . L'epi centro della discussione sta proprio qui : più importante il conte nitore o il contenuto ? Da una parte c'è chi ritiene che l'opera vada fatta (assessori Mari no, Arletti e Sitta in primis), dall'altra chi pensa che la riqualifi cazione del parco sia prioritaria ri spetto al polo natatorio, e che (ri conosciuta la necessità di una nuo va piscina in città) ritiene che i l parco Ferrari sia uno tra i luogh i meno adatti in tutta Modena, pre -

ferendo la parte Sud, dove c'è un a più alta densità abitativa (capofila di questo schieramento il coordi natore del Forum Pd all'Ambiente Paolo Silingardi) . Nel mezzo chi, come il capogruppo del P d

Assessori ed iscritti insiem e per valutare l'aggiornament o del progetto di sir Jellicoe Paolo Trande o il consigliere pro vinciale Fausto Cigni pensa ch e ci siano ben altre priorità da affrontare. L'incontro di stasera i n ogni caso è interlocutorio, sola mente attraverso le successive as semblee del Forum conosceremo il progetto al quale sta lavorando

il gruppo di tecnici comunali per dare nuova vita all'ex autodromo . Una volta ultimato, il progetto ap proderà alla fase dell 'istruttoria pubblica. Un passaggio, ques t'ultimo, deciso proprio a fronte dell e numerose e ripetute polemiche. L'istruttoria permetterà alla cittadinanza di presentare osservazioni, ma anche disegni alternativi, alla riqualificazione del più estes o parco cittadino decisa dal partit o e dall'amministrazione. Cosa che, per esempio, sta già facendo l'ex assessore all'Ambiente Andre a De Pietri, il quale ha criticato piazza Grande per aver rispolverato Jellicoe proprio nel periodo i n cui si discute della possibilità di costruire la piscina al parco, e sta lavorando a una sua proposta nel la quale l 'impianto è pensato da tutt'altra parte della città .

«Sarebbe meglio fare due impiant i più piccoli » PER Sergio Celloni , capogruppo Mpa i n consiglio, intorno all a piscina è nato «un dibattito sterile, un a passerella solo pe r alcuni» . E dato che a Modena l'impianto serve «sarebbe megli o realizzarne due più piccoli in parti diverse della città per soddisfare le esigenz e di chi vive ad est e a oves t della città», termina il capogruppo del Mpa .

Ó ó0 . rimo progetto, p 'congelato', della piscina al paro Ferrati, ridosso d ~tiEmla


press L.IfE

L'INFORMAZIONE

16/09/2010

di Modena

VASCA CHE

OT

Oggi alle 18 l'incontro con gli assessor i

«Non solo piscina» : i forum Pd ripartono dal. . parco Ferrari ~~

eh, non è che parleremo pro prio solo della piscina» . In effetti il calendario è piuttosto ricco : ciclo rifiuti e raccolta porta a porta, riqualificazione urbana, piano sosta e mobilità, patto dei sindaci, processi partecipativi . Tutto quell o che 'fa' amhiene e urbanistica, insomma , piscina compresa . Il Partito democratico s i prepara alla ripres a delle attività dei forum, con l'incontro d i oggi_, previsto alle 1 8 alla sede di via Scaglia. E se i forum daranno modo di affrontare diversi temi, l'incontro di oggi sarà dedicat o proprio al parco Ferrari, e quindi alla piscina voluta dall a giunta e mal digerit a da parte del Pd, co n in testa lo stesso re sponsabile del forum Paolo Silingardi .

I1 programma Ad introdurre l'incontro sarà l'asses sore all 'Ambiente Sii-nona detti, che illustrerà gli obiettivi_ e le finalità de l gruppo di lavoro voluto dal Comun e per riqualificare il parco partendo dal progetto di sir Geoffrey jelhcoe «Il gruppo di lavoro - spiega la nota con la quale Siiingardi invita all'incontro gli assessori Sitta, Arletti e Marino - dovr à riesaminare le precedenti soluzioni alla luce delle attuali condizioni della cit-

tà, tenuto conto delle parti già realizzate e delle destinazioni già indicat e nel progetto stesso, e, al termine delle proprie valutazioni, proporre un pro getto guida da sottoporre al Consiglio comunale 1.1 forum del Pd, insomma ,

RR progetto di sì leiii e per iR parco Ferrari attende la relazione dei cinque componenti del gruppo di lavoro, anche s e il riferimento 'alla luce delle attual i condizioni della città' sembra un invito a considerare che il progetto Jellicoe va sì recuperato, ma anche riadattato al nuovo contesto urbano (ne gli ultimi giorni diversi esponent i dell'area del 'no', con 1'ex assessor e De Pietri in testa . hanno ricordato ch e la città si è espansa verso sud, e quindi è lì che si potrebbe collocare il nuov o impianto) .

Pagina 5


press L.IfE 17/09/2010

METTA 01 MODENA

Nuova piscina, si frena sul progett o L'assessore Sitta: valuteremo se farla. Boschini: ora le priorità sono altre «Attenderemo a ottobre l a relazione del gruppo di lavoro interno che abbiamo costituito, poi completeremo un progetto che necessariamente non sarà esecutivo e sol o allora decideremo sulla piscina . Penso passeranno alcun i mesi» . Dopo la discussione di ier i sera nella sede del Pd di via Scaglia - una cinquantina i presenti, con il presidente del Forum Paolo Silingardi , gli assessori Daniele Sitta e Antonino Marino dei lavor i pubblici, i vertici del Pd Boschini e Baruffi - potrebber o riaprirsi i giochi tra chi s i batte a favore dell'impianto nell'area verde tra via Emilia e viale Italia - in particolare vertici del Pd e amministrazione comunale e le associazioni sportive - e chi invece lo vorrebbe a sud dell a città (sono di questo parer e le opposizioni politiche, gl i ambientalisti, larga parte della base del partito di maggioranza) .

Il progetto della piscina al parco Ferrar i

Il Comune infatti decide d i rallentare sul progetto, ricordando a tutti che le priorità sono soprattutto altre pe r Modena . A questo punto i problem i per il nuovo impianto sportivo sembrerebbero in crescita, anche perché il neonato comitato dei contrari alla piscina ha richiesto a cinque giuristi un'opinione sul contratto di permuta del parc o con il Ministero della Difesa . Per questi cittadini, il Comune non potrebbe destinare l'area ad attrezzatura sporti-

ve sino al 2054 - e se non altro neppure la giunta sembra più "granitica" sull'argomento com'era all'inizio . In più non va dimenticato che si prevedono tagli al prossimo bilancio comunale di oltre 11 milioni di euro e quindi le priorità potrebbero essere altre per l'ente pubblico , come ricordava sulla Gazzetta già alcuni giorni fa il capogruppo del Pd Paolo Trande e come ha ribadito ieri ser a chi ha partecipato alla riunione del partito . «Non abbandoniamo il pro-

getto - spiega il segretario del Pd cittadino Giuseppe Boschini - e ricordiamo che in ogni caso dovrà avere un costo zero per la collettività l a piscina, però le priorità or a per Modena sono anche altre, visti anche i tagli al bilancio comunale . La discussione è stata seria e approfondita, senza radicalizzazione delle opinioni, ma al contrario una discussione nel merito delle questioni . Abbiam o concordato che la piscina è un progetto importante, m a le priorità sono tante . Tante questioni nel dibattito pubblico sono ignorate e forse s i parla troppo del futuro impianto . Comunque il percorso è delineato : dopo l'assemblea di oggi il partito potrebbe riunire il Forum ambiente ancora in futuro sull'argomento e faremo anche un passaggio nei circoli e poi alla fine gli organismi direttiv i decideranno . La giunta invece proseguirà con il percors o partecipativo già annunciato . Al Forum abbiamo anche detto che si deve procedere alla valorizzazione del parc o Ferrari con il piano Jellico e che resta come riferiment o per le varie funzioni pubbliche che stabiliva . Sono molto soddisfatto per il clima positivo sentito ieri sera» . Stefano Luppi

Pagina

23


press L.IfE 17/09/2010

L'INFORMAZIONE di Modena

LA VASCA CHE SCOTTA Ieri sera a Forum ambente del P d

'Armistizio' sulla piscina Boschini : «Ci sono anche altre cose » i, insomma, su quel punto lì non sia mo ancora d'accordo, ma per il resto a volontà di trovare una soluzione . E poi, in autunno, ci saranno tanti altri teQuel punto lì è il luogo dove fare l a ova piscina - parco Ferraci o zona Vignoese-Buo n astore`. - e a d illustrarlo è Giusepp e Boschini, segretario co unale de l dopo aver parteci pato all'attesissima riu nione del Foan-abien te del parti tone, quella dedicata al parco Ferrari . Una cinquantina i presenti in via Scaglia , ieri sera alle 18, tra cui gli assessori Sitta , Marino e Aretti, il vicesindaco Co lombo, il capogruppo i n Comun e Trande, diversi consiglieri e rappresentant i della `base ' del partito . Una ventin a gli interventi, con Fintroduzione di Paolo Silingardi, rappresen tante del Forum (e del fronte del `no' alla piscina nel parco) e la relazione dell'assessore Arletti, che ha illustrato la prima par -

te dei lavori della commissione tecnica voluta dalla giunta per la riqualificazione de l parco , Un po' di tensione c ' era, m somma, anche perché quello della piscina è stato un fronte caldissimo nel/' ultimo mese, anch e se la discus sione è stat a serena . Premesso che la città ha altr e priorità queste l e conclusion i affidate a Boschini - tr a cui il welfar e occupa un a posizion e centrale, i l dibattito nel Pd andrà avanti nei circoli , all'interno del gruppo consiliare, e, se necessario, ancora nei Forum, Tutti concordiamo su l fatto che i l parco Ferrari va riqualificato, ma resta da decidere com e valorizzar e 'area, ch e un a delle più importanti della città . All o stesso modo, siam o tutti d'accordo sui fatto che serve un a nuova piscina, anche se il 'dove' non è un a questione risolta» .

Pagina 4


press LJf1E 20/09/2010

METTA 01 MOD!NA

Piscina nel parco Ferraci II fronte del «no» cauto sulla retromarcia del Pd I "vincitori" non festeggia no . E' questo il riassunto d i quanto avvenuto dopo la riunione del Forum ambiente del Pd che di fatto ha tracciato il futuro dell'ipotetica - a questo punto sempre di più piscina al parco Ferrari. L'incontro, presieduto da Paolo Silingardi con una cinquantina di partecipanti, è stato molto pacato e per una volta tutti sono d'accordo nel con fermare che si è entrati ne l merito . Il risultato, in attesa di un altro incontro futuro del Forum già sicuro, è l'attesa di una sorta di piano particolareggiato del parco posto tra le vie Emilia e Italia, redatto sulla falsariga di quel lo Jellicoe di trent'anni fa . Da lì la giunta valuterà se la piscina - sempre a costo zero per la collettività - avrà un senso oppure no . Un bel cambio di tono rispetto a quanto gli assessori Sitta (urbanistica) e Marino (lavori pubblici) dicevano so lo fino a qualche mese fa . Ma come detto, i "vincitori" - ch i fin dal primo momento ha criticato l'idea dell'impianto nell'area verde - preferisco no mantenersi cauti, forse per non spezzare un equilibrio precario visto che la base del partito era nettamente contraria mentre i vertici erano più orientati al sì al grande impianto natatorio . «Non è stata una retromarcia - dice Paolo Silingardi quella del Comune e io comunque non festeggio . Sono emerse posizioni differenti al forum, ma la ricetta giusta

è trovare luoghi di discussione dove ognuno dice la sua e alla fine si decide . Il caos del le discussioni passate era proprio che mancavano questi luoghi». Medici del circo lo Pd "Buon Pastore", tra i più contrari questa estate : «Della serata ha fatto un'ottima sintesi il segretario Boschini, noi siamo contrari al la piscina, ma a questo punto riflettiamo e vediamo che accade» . Ma cosa aveva in mente Jellicoe e da che base verrà ripensato il parco Ferrari? Il piano particolareggiato di sir Geoffrey Jellicoe con la pisci na da 2500 metri quadri (sola rium compreso secondo De Pietri), annunciata nel 198 2 anche all'amministrazione comunale tramite giornale ci -

La zona del parco Ferrari dove dovrebbe sorgere la nuova piscina

vico, venne illustrata in Consiglio comunale il 16 settembre 1982 . Siamo andati a ripe scare i documenti dell'epoca per vedere quanto dissero i protagonisti sul piano poi attuato solo in parte perché la parte "edificata" era di circ a 12mila mq . "Nel parco - disse l'ex assessore De Pietri - pe r la singolarità delle dimensioni e della collocazione centra le, abbiamo voluto sottolinea re l'urbanità, la capacità di essere vissuto intensamente" . L'architetto Pietro Bassetto, collaboratore al piano del l'inglese, disse che "non è sufficiente in un ambito urbano come quello di Modena prevedere alberi, prati e specchi di acqua perché ci sia una grossa frequentazione

del parco . Di qui la scelta di inserire direttamente nel parco alcune attrezzature urbane che pur mantenendo prevalente il verde facilitino una forte affluenza" . Anche Jellicoe, defunto alcuni ann i fa, intervenne : "Nella zona a mezzogiorno della piscina è ricavato il solarium, lì è col locato il più grande dei bar ri storante" . Concluse l'allora sindaco Del Monte : "Centri sportivi, aggregativi e culturali sono la condizione pe r migliorare la qualità del vive re" . Ora occorrerà attendere a ottobre la relazione de l gruppo di lavoro incaricato dalla giunta, dopodiché ci sarà l'istruttoria pubblica e una decisione che, dice l'assessore Marino, "andrà presa entro fine anno" . (s.l.)

Pagina 12


Settembre