Go Winter

Page 1

GO Winter Inserto omaggio alle testate del Gruppo Netweek

IDEE E CONSIGLI PER LE VACANZE INVERNALI

San Vigilio

Como

Valchiavenna

Un capolavoro incantato nel cuore della Val Badia

Magia di luci sul lago e in città

Un universo bianco tutto da vivere


La magia

dell’inverno in…

Polonia.

Oltre ogni aspettativa

#poloniatravel

www.polonia.travel/it


Sommario 3

VALLE D’AOSTA E PIEMONTE

4

La meta perfetta per un turismo slow

9

COMO E IL SUO LAGO

10 14 17

VALLI DI LANZO

COMO “È il Natale nel cuore che infonde il Natale nell’aria”

LAGO DI COMO “Il presepe più bello del mondo”

VARENNA Villa Monastero

OLIMPIADI

18

Road to Milano - Cortina 2026

19

VALCHIAVENNA E VALTELLINA

20 22 24 28 30 33 34 38 40 43 44 46

SKIAREA VALCHIAVENNA In pista nel cuore delle alpi

MADESIMO L’aria fresca e la neve tutto intorno

CAMPODOLCINO Bianche emozioni nel cuore della Vallespluga

CHIAVENNA Oltre ai crotti c’è un universo da vivere

VALTELLINA Un luogo da amare

TRENTINO ALTO ADIGE SAN VIGILIO DI MAREBBE Un capolavoro incantato nel cuore della Val Badia

VALSUGANA Tutto per lo sci e molto di più

VAL D’EGA A Carezza e Obereggen si scia con tutta la famiglia

MARE D’INVERNO MALTA Alla scoperta delle città monumentali

RAPALLO Una perla nel golfo del Tigullio


Wh ist le r BC

air Ad in ol |C DY NA FI T

|

p al er Ob p| ou Gr

d ee Sp

N| MO LO SA

r.com rnie sga oui w.l ww

BURTON | Mik ey R en cz |


Valle d’Aosta e Piemonte

Passeggiate, escursioni e sport invernali: un autentico paradiso per gli appassionati


Valli di Lanzo

LA META PERFETTA PER UN TURISMO SLOW

Valle di Viù, Val d’Ala e Val Grande offrono piccoli centri costellati di opportunità da cogliere, fra sci, sci alpinismo, sci di fondo e ciaspolate UN ANFITEATRO STRAORDINARIO Un ambiente suggestivo e affascinante, tutto da scoprire: le Valli di Lanzo sono tre, ossia Valle di Viù, Val d’Ala e Val Grande. Accanto a queste troviamo anche la Val Ceronda, la Val Casternone, la Valle del Tesso e la Valle del Malone. Questo straordinario anfiteatro è il luogo ideale dove concedersi un break dalla quotidianità, lontano dalle mete invernali più battute. Le Valli di Lanzo rappresentano una meta da non sottovalutare: con l’arrivo della neve il paesaggio si tinge di bianco e sprofonda nel silenzio. I suoi piccoli comprensori sono immersi con discrezione nell’ambiente che li circonda e l’impatto del visitatore sulla natura circostante è ridotto ai minimi

termini. Qui è ancora possibile vivere la vacanza con ritmi slow e a proprio piacimento, lontano dalla veloce frenesia che ci accompagna tutti i giorni. A disposizione del turista ci sono piste di sci alpino disegnate per famiglie e per scuole, per grandi e piccoli, per appassionati di sci o di snowboard. A Usseglio (Pian Benot), ad Ala di Stura e a Balme ed a Viù-colle del Lys si trovano infatti delle piccole stazioni sciistiche. Non mancano baby snowpark indicati per i bambini, contenenti attrazioni sportive e ludiche. Spazio poi alle piste di pattinaggio, e alle piste di fondo con i loro anelli da percorrere: chi ama immergersi nei grandi silenzi non resterà deluso. Addentrandosi nei boschi si proveranno emozioni uniche, da vivere anche con le racchette da neve (come per esempio la gita al Pilone San Pancrazio, con vista mozzafiato su Balme). Fondisti e “ciaspolari” potranno così raggiungere gli

GOWINTER

FRA SPORT E GUSTO, ECCO “MONTAGNA PER TUTTI”

4

Da una parte c’è “Montagna per tutti”, dall’altra “Montagna per tutti… i gusti”: si tratta di due importanti appuntamenti che riguardano le Valli di Lanzo. Nel primo “contenitore” Montagna per tutti troviamo una raffica di eventi con le ciaspole, ma anche escursioni con i cani da slitta, pupazzi di neve giganti, discese in notturna con le fiaccole, percorsi avventura sulla neve e camminate con degustazioni. C’è un vero e proprio calendario completo (in continuo aggiornamento), che prenderà il via domenica 2 gennaio a Cantoira e si concluderà sabato 30

www.turismovallidilanzo.it

UNIONE MONTANA ALPI GRAIE

altipiani al cospetto delle vette principali della Valli di Lanzo, serviti da rifugi aperti per offrire ristoro. Di certo meritano una menzione le piste di Usseglio, quelle di Balme e quella del Colle del Lys - Pista Lunella. Per il popolo degli alpinisti, amanti del ghiaccio, ogni anno le vallate alpine, ricche di cascate d’acqua, grazie al freddo di stagione diventano un inesauribile terreno d’azione creando giardini di cristallo dalle linee effimere. Qui, specialmente dopo il Pian della Mussa, è possibile salire su alcune delle cascate tra le più impegnative del Piemonte. E infine ecco gli scialpinisti: su nevi più fredde e polverose, tipiche dell’inverno possono impegnarsi in gite giornaliere alla scoperta di singole cime. Qualche spunto? Il Canale delle Capre, il Canale d’Arnas e Groscavallo offrono interessanti proposte. In primavera, su neve trasformata, più morbida, toccherà invece ai percorsi intorno al massiccio della Bessanese e Ciamarella, che nulla hanno da invidiare alle più conosciute e classiche “haute routes”.

aprile 2022 a Caprie. Montagna per tutti… i gusti è invece la rassegna gastronomica delle Valli di Lanzo: in programma, anche qui fino ad aprile 2022, ci sono tanti appuntamenti dedicati al local food, in una sorta di gemellaggio che abbraccia i territori vicini. Nei menù offerti da ristoranti e rifugi, i prodotti del posto incontrano quelli del Canavese, delle Alpi Biellesi, del Monterosa Valsesia e della Valle Maira. Un mix di ingredienti e tradizioni, frutto del progetto “Montagna Sostenibile, insieme per il Turismo Outdoor ed Enogastronomico” messo in atto per promuovere in sinergia, anche attraverso la cucina, i propri territori.


Pensativa - ph: Lorenzo Caccia

LA THUILE IL LATO DEL MONTE BIANCO Libera la tua anima wild.. Vieni a scoprire l’altro Monte Bianco: eliski, snowkite, sci di fondo gratuito, sci alpinismo e un comprensorio internazionale (Italia-Francia) con 152 Km di piste, snowpark. Apertura impianti prevista a partire dal 27/11/2021. www.lathuile.it



LA SALUTE NEL BICCHIERE Due sorgenti, due acque diverse Due acque dalle caratteristiche uniche, provenienti direttamente dalle pendici del Monte Bianco, sono oggi tra le eccellenze di una regione, la Valle d'Aosta, che fa di neve, alte vette e purezza qualità imprescindibili. Commercializzate con le etichette Monte Bianco e Courmayeur, è Roberto Toppi, da tre anni direttore commerciale di Sorgenti Monte Bianco SPA, a presentarcele con dovizia di particolari.

Direttore, ci parla dell'acqua acqua Monte Bianco? Bianco "Certamente. L'acqua Monte Bianco è leggera e povera di sodio. Ha qualità eccezionali che acquisisce durante il suo percorso attraverso rocce di granito e gneiss nelle viscere della montagna. Le sue sorgenti si trovano in Val Veny e l'imbottigliamento avviene nello stabilimento di Morgex. Si tratta di un'acqua dalla purezza eccezionale, tra le più leggere e povere di sodio. Tra tutte le acque oggi sul mercato è una delle meno mineralizzate. La sua leggerezza ne fa l'acqua migliore per chi conduce una vita attiva e in continuo movimento, ma è anche perfetta per tutta la famiglia e, date le sue caratteristiche, per preparare le pappe dei neonati".

Quali sono invece le caratteristiche dell'acqua acqua Courmayeur? Courmayeur "Questa acqua è notevolmente diversa dalla precedente. Sgorga a 1.224 metri, dalle sorgenti Youla che si trovano proprio alle pendici del massiccio più alto d'Europa. È caratterizzata da una ricca presenza di sali minerali. Anche in questo caso, le caratteristiche dell'acqua così come la conosciamo è dovuta al percorso compiuto prima di arrivare alla sorgente. Essa scorre, infatti, attraverso un filtro naturale di sabbia e calcare e proprio tra queste montagne acquisisce la sua eccezionalità, arricchendosi di minerali essenziali, raccogliendo calcio, magnesio, solfati e bicarbonato che svolgono una funzione importante per l'organismo. L’alto tasso di calcio e magnesio le conferisce, oltre ad un sapore caratteristico, proprietà uniche riconosciute dal Ministero della Salute. Mi piace ricordare che l'acqua Courmayeur contiene in una bottiglia da 1,5l il fabbisogno quotidiano di calcio per una persona adulta, pari a 859 milligrammi. Un valido aiuto, dunque, per la salute delle ossa".

NUOVO E UNICO BREVETTATO PER LA SALVAGUARDIA DELLA NATURA

STABILIMENTO SORGENTI MONTE BIANCO SPA A Morgex l’azienda Sorgenti Monte Bianco SPA imbottiglia due acque uniche provenienti direttamente dalle pendici del Monte Bianco, la vetta più alta d’Europa.

Piazza Bienheureux V. de Leaval, 6 - 11017 Morgex (AO) Tel. +39 0165 801 811 | r.toppi@sources-alma.com | www.sorgentimontebianco.it



Como e il suo lago

Storia, arte e cultura, alla scoperta della città e del “presepe” più grande del mondo


Como

“È IL NATALE NEL CUORE CHE INFONDE IL NATALE NELL’ARIA” (William Thomas Ellis)

10

UN MESSAGGIO DI SPERANZA

IL MERCATINO NATALIZIO

Dopo un anno in cui la pandemia ci ha privato di tanti momenti di condivisione e della possibilità di trascorrere il tempo con i nostri cari, Como Città dei Balocchi - manifestazione promossa da Comune di Como, organizzata da Consorzio Como Turistica, e con Amici di Como come main sponsor - vuole lanciare un messaggio di speranza, riportando in città la magia tipica del periodo natalizio. Le festività ci porteranno a riscoprire i valori ormai assopiti, quelli dei legami, delle intese, della famiglia, della condivisione e della solidarietà. Si respirerà il Natale sui palazzi, nelle piazze attraverso luci, profumi, colori e sapori tipici.

Credit Foto: Carlo Pozzoni

GOWINTER

Va in scena la XXVIII edizione di Como Città dei Balocchi. Tra sapori, luci incantate e tradizioni aspettare il Natale sarà una magica esperienza

Tante le conferme e le novità per questa XXVIII edizione. In un’atmosfera suggestiva di luci e colori, si rinnova il Mercatino Natalizio di Como Città dei Balocchi entrato da alcuni anni fra le mete più famose del turismo legato ai mercatini che muove milioni di turisti in tutta Europa. Punto di incontro della cultura locale e non, offre un allestimento realizzato ad hoc, tra i sapori delle tradizioni del Natale e dell’allegra atmosfera dei giorni di feste. Il percorso del Mercatino di Natale si snoda tra Piazza Grimoldi, Via Pretorio, Piazza Roma, Piazza Verdi, Via Maestri Comacini, Piazza Cavour, Via Muralto, Passeggiata Lungolario Trento, Via Corridoni.

Speriamo che la città e i tanti turisti che tradizionalmente la raggiungono durante il periodo natalizio possano vivere questa occasione di festa con la gioia di ritrovarsi insieme, dopo la difficile esperienza che abbiamo affrontato, e di poter finalmente tornare a scoprire il suggestivo contesto che Como offre in questo momento dell’anno. Tra le tante occasioni da vivere, non mancheranno le tradizionali luci su edifici e monumenti del centro storico che si potranno apprezzare passeggiando, i mercatini, tante attrazioni per piccoli e grandi organizzate prestando attenzione alla sicurezza, senza dimenticare le iniziative culturali che si svolgeranno in questo periodo. Sarà importante rispettare le prescrizioni anti contagio per poter condividere al meglio questo momento speciale. Un augurio affettuoso a tutti, perché queste festività siano occasione di rinascita, speranza e serenità. Assessore al Turismo Cultura Grandi Eventi e Comunicazione del Comune di Como Livia Cioffi


www.visitcomo.eu

MAGIC LIGHT FESTIVAL Altro fiore all’occhiello della manifestazione è da diversi anni il Magic Light Festival che quest’anno ha potuto vantare la collaborazione di un gruppo di artisti riconosciuti a livello nazionale e internazionale che hanno contribuito alla progettazione delle illuminazioni.

COMO, CITTÀ DEL NATALE I giardini a lago si trasformeranno in un villaggio natalizio a misura di bambino con attrazioni, laboratori e tante attività a loro dedicate, come le giornate del Natale in Divisa, dove i giovani visitatori potranno trascorrere momenti di condivisione e stupore legati a questo speciale periodo dell’anno. La città sarà poi animata da cori, colorata da un albero di Natale in piazza Grimoldi, uno spettacolo teatrale gratuito al Teatro Sociale, il Capodanno, spettacoli teatrali gratuiti in Pinacoteca, una grande esposizione celebrativa nel salone del Broletto. Como diventa dunque una vera città del Natale, animata da tante iniziative, addobbi, momenti di condivisione all’insegna di artigianato e prodotti tipici con l’obiettivo di regalare a grandi e bambini ore di serenità nel periodo dell’Avvento e fino alla Befana.

GOWINTER

Credit Foto: Andrea Butti

Credit Foto: Andrea Butti

Piazza Duomo, Piazza Grimoldi, Piazza Verdi, Piazza del Popolo, Piazza San Fedele, Piazza Volta, Porta Torre, Piazza Medaglie d’Oro, Via Diaz e il Tempio Voltiano sono le principali location interessate. Il Magic Light Festival è fra le attrazioni principali di Como Città dei Balocchi e attira turisti da tutta la Lombardia, ma anche dal resto d’Italia e d’Europa e proietta la città di Como in tutto il mondo grazie alle fotografie scattate e diffuse sui social network.

11


MANLIO RHO IN MOSTRA FINO A FEBBRAIO Inaugurata alla Pinacoteca Civica di Como la mostra “Manlio Rho - Sintesi dell’astratto” in occasione dei 120 anni dalla nascita dell’artista. La mostra è aperta fino al 6 febbraio 2022 dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 18. Il biglietto d’ingresso è compreso nel ticket per accedere alla Pinacoteca che

sarà di 4 euro fino al 31 dicembre e poi di 5 euro a partire dall’1 gennaio 2022. Il green pass è obbligatorio. “Nell’anno in cui ricorrono i 120 anni dalla nascita di Manlio Rho - commenta Livia Cioffi, Assessore alla Cultura del Comune di Como - dopo le celebrazioni virtuali dedicate all’artista realizzate sui social dei Musei civici, ora si apre presso la Pinacoteca una mostra che porta l’attenzione su alcuni aspetti meno conosciuti di un grande artista, un maestro dell’Astrattismo comasco.

ARTE, STORIA, CULTURA

GOWINTER

Scrigno di tesori incastonato in una magnifica cornice naturale, la città offre innumerevoli alternative di visita

12

SCOPRIRE COMO Siete appena arrivati a Como e avete a disposizione tutta la giornata per conoscere la città ma non sapete da dove cominciare? Ecco allora alcuni suggerimenti per trascorrere al meglio il vostro tempo.

LA CITTÀ MURATA, UNO SCRIGNO PREZIOSO Il centro storico di Como, all’interno delle mura medievali, conserva il fascino dei tempi passati ed è agevolmente percorribile a piedi. Punto d’ingresso privilegiato è Porta Torre, imponente torre medioevale. Lungo le mura nei giorni di martedì, giovedì e sabato si svolge il mercato cittadino e poco distante, al Mercato Coperto, si possono acquistare prodotti locali a km zero. Proseguendo per le eleganti vie dello shopping si giunge in piazza San Fedele, un tempo Piazza del Mercato del Grano, con l’omonima Basilica romanica (XII secolo) e gli edifici rinascimentali con struttura in legno a vista e mattoni a spina di pesce.

LA CATTEDRALE Si arriva quindi in piazza Duomo, qui si erge maestosa la Cattedrale, sovrastata dalla grande cupola barocca di Filippo Juvarra e caratterizzata dalle statue di Plinio il Vecchio e Plinio il Giovane che adornano la facciata tardo gotica in prezioso marmo bianco. A fianco, la torre civica e il duecentesco Broletto. Dietro la Cattedrale si trova il neoclassico Teatro Sociale e il capolavoro del Razionalismo italiano, la Casa del Fascio (1932-36) dell’architetto Giuseppe Terragni.

PIAZZA CAVOUR Poco distante piazza Cavour, affacciata sul lago, fino al 1871 porto cinquecentesco, è ancora oggi punto di attracco dei battelli della Navigazione pubblica e punto di partenza per le escursioni giornaliere verso le famose località del lago di Como.

LIFE ELECTRIC E IL TEMPIO VOLTIANO Partendo da piazza Cavour, sul lato ovest, non perdete l’occasione di percorrere la diga foranea e di giungere al monumento Life Electric dell’archistar Daniel Libeskind dedicato ad Alessandro Volta, l’illustre scienziato comasco, le cui invenzioni e cimeli sono conservati nel vicino Tempio Voltiano in stile neoclassico.


www.visitcomo.eu

LA PASSEGGIATA LINO GELPI (BORGO VICO) Dopo aver superato il futurista Monumento ai Caduti, dalla cui sommità si gode di un incomparabile panorama, e l’hangar dell’idroscalo internazionale, comincia la passeggiata delle ville di Borgo Vico (ora passeggiata Lino Gelpi): una suggestiva sequenza di eleganti dimore patrizie del ‘700 e ‘800, sino alla maestosa Villa Olmo con il bel giardino all’italiana sul fronte e il retrostante parco all’inglese.

Baradello

DA VILLA GENO ALLA FUNICOLARE La romantica passeggiata verso est termina a Villa Geno, dove il potente getto di una fontana saluta l’ingresso dei piroscafi nella baia. Lungo il percorso, in piazza Alcide De Gasperi, si trova la stazione liberty della funicolare: in soli 7 minuti si sale a Brunate, il “balcone” delle Alpi; da lassù il panorama è mozzafiato, una esperienza da non perdere!

Teatro Sociale

Da non perdere: La Pinacoteca Civica, a Palazzo Volpi nella città murata, dove è esposto un nucleo di 40 ritratti originali della collezione degli Uomini Illustri che Giovio aveva raccolto nella sua villa in Borgo Vico, chiamata “Il Museo”, poi andata distrutta. Fino al 6 febbraio 2022 ospiterà la mostra dell’artista Manlio Rho. Il Museo didattico della Seta nato nel 1990, all’esterno della città murata, in via Castelnuovo 9, racconta e celebra la tradizione produttiva tessile comasca, per cui la città è famosa nel mondo con l’appellativo di città della seta.

www.museosetacomo.com

Tempio Voltiano

GOWINTER

I MUSEI DI COMO

13


Lago di Como

“IL PRESEPE PIÙ BELLO DEL MONDO”

Un gioco di luci contribuirà a creare atmosfere magiche e suggestive in tutti i borghi che aderiscono a Lake Como Christmas Light

LAKE COMO CHRISTMAS LIGHT La magia del presepe, la tradizione, lo spirito che da secoli incarna questa raffigurazione artistica e il Lago di Como, i suoi paesaggi mozzafiato, i suoi angoli più caratteristici. Un connubio perfetto di emozioni e bellezza. Un nome che esprime il valore di un progetto ambizioso mediante un elemento, la luce, nella patria che ha dato i natali ad Alessandro Volta. Per il quarto anno consecutivo, il Lake Como Christmas Light, organizzato da Consorzio Como Turistica, illuminerà le meraviglie architettoniche poste in posizioni panoramiche strategiche, con la tecnica dell’archistruttura artistica.

L’itinerario coinvolge circa 80 location artisticamente illuminate e rende i borghi del Lago protagonisti anche del Natale 2021 in un percorso emozionale ricco di suggestione e atmosfere. Il Lago per le festività natalizie diventa oltre che “il più bello del mondo” anche “il presepe più grande del mondo” coinvolgendo praticamente tutti i comuni che si affacciano sulle sue sponde. Hanno infatti aderito all’iniziativa Tremezzina, Menaggio, Bellagio, Varenna, Argegno, Blevio, Nesso, Carate Urio, Cernobbio, Moltrasio, Brienno, Pigra, Torno, Sala Comacina, Lezzeno, Griante, Faggeto Lario e Pognana Lario, Gravedona, Abbadia Lariana, Bellano, Colico, Colonno, Cremia, Dervio, Domaso, Dongo, Grandola e Uniti, Malgrate, Mandello del Lario, Musso, San Siro.

GOWINTER

ASPETTANDO IL NATALE A VILLA DEL BALBIANELLO

14

In attesa del Natale, Villa del Balbianello, Bene del FAI - FONDO PER L’AMBIENTE ITALIANO a Tremezzina (CO), ospita la mostra dei Presepi realizzati dall’Associazione Italiana Amici del Presepe, che rimarranno in esposizione per tutto il periodo delle festività. Sarà possibile ammirare nella Loggia Segrè cinque diorami a tema realizzati da maestri presepisti della sede di Tremezzina con statue in terracotta, gesso e legno. I presepi rimarranno esposti per tutto il periodo delle festività (fino a Domenica 9 Gennaio 2022). Giorni di apertura: Dicembre: 7 - 8 - 10 - 11 - 12 - 14 - 17 - 18 19 - 21 - 24 – 26 - 28 - 31 Chiuso il 25 Dicembre Gennaio: 1 – 2 - 4 - 6 - 7 - 8 - 9 Villa del Balbianello è aperta dalle ore 10:00 alle 17:00 con orario continuato.

Ultimo ingresso per visitare solamente il Parco ore 16:00. Ultima ingresso per visitare gli interni della Villa, con visita guidata della durata di massimo 45 minuti, ore 15:30. Consigliamo di essere qui non oltre le ore 15:00. Accessi: Via Terra da Lenno. Percorso di 1 km con un tratto in salita percorribile in 25 minuti. Parcheggio Mercato, in Via degli Artigiani, vicino a Lido di Lenno. È possibile accedere alla Villa via Lago, tramite Taxiboat, con partenza da Lido di Lenno (servizio a pagamento). www.taxiboat.net/home.php Possibilità di accedere anche via lago con servizi barca privati. La prenotazione è vivamente consigliata su www.villadelbalbianello.it Chiusura al pubblico dal 10 Gennaio 2022 a metà Marzo 2022.


www.lakecomolight.com

VILLE E RINGRAZIAMENTI Anche le bellissime Villa Balbianello, Villa Leoni e Villa Carlotta fanno parte di questo itinerario luminoso. Le installazioni illuminano chiese, monumenti, giardini, interi paesi lungo il lago in un tripudio di colori e luci. A sostenere il progetto, Camera di Commercio di Como e Lecco e Autorità di Bacino del Lario e dei Laghi minori. Fondamentale sostenitore dell’iniziativa fin dalla prima edizione anche l’Associazione Amici di Como. L’evento da quest’anno ha visto il coinvolgimento della Navigazione Laghi con l’organizzazione di sette crociere, le prime 4 già sold out, e di diversi operatori turistici con la proposta di crociere privati.

SCOPRI LE PROPOSTE PER SCUOLE & GRUPPI

La tecnologia alleata dei turisti in visita sul Lago di Como. Sfruttando la geolocalizzazione satellitare l’App Lake Como Light manderà degli alert quando ci si avvicina ad un punto interessante dall’itinerario luminoso. Sul proprio dispositivo è anche possibile visualizzare immagini, descrizioni e storia delle location. Inoltre ci sarà una sezione sempre aggiornata in cui verranno inseriti tutti gli eventi presenti sui comuni del Lake Como Christmas Light e tantissime altre informazioni e link utili per il turista: dove poter mangiare, dormire o informazioni per la navigazione.

Disponibile per le piattaforme Android e IOs, l’App è scaricabile gratuitamente da PlayStore e AppleStore.

TREMEZZINA - LAGO DI COMO

GOWINTER

COSA VEDERE? TI AVVISA L’APP

Tel. 0344 40405 - segreteria@villacarlotta.it - www.villacarlotta.it

15


Siamo pronti a partire!

A Como si respira l’aria del Natale! cittadeibalocchi.it


Varenna

VILLA MONASTERO

A JEWEL ON LAKE COMO In its enchanting location, it is also a Convention Center, House Museum, Botanical Garden, Wedding location. Villa Monastero, owned by the Province of Lecco, is one of the main cultural and tourist attractions of the area thanks to its strategic location on Lake Como. Its Botanical Garden is appreciated in all

UN GIOIELLO SUL LAGO DI COMO Villa Monastero, di proprietà della Provincia di Lecco, è una delle principali attrattive culturali e turistiche del territorio anche grazie alla sua posizione strategica sul lago di Como. Il suo Giardino botanico è apprezzato in tutte le stagioni con diversi colori, forme e profumi. Il nucleo centrale è rappresentato dalla Casa Museo, accessibile al pubblico con il percorso espositivo sviluppato in 14 sale. Il Centro convegni, conosciuto a livello internazionale anche per le lezioni di fisica tenute dal premio Nobel Enrico Fermi nel

1954, offre la possibilità di tenere convegni, seminari, corsi di formazione, workshop e manifestazioni culturali in una location suggestiva. Il Giardino botanico si estende per quasi 2 chilometri fronte lago da Varenna a Fiumelatte, con numerose e rare specie arboree autoctone ed esotiche. Il contesto offre la possibilità di sviluppare e approfondire molteplici attività didattiche, come percorsi e attività ludiche dedicate alle scolaresche. Lo spazio espositivo è appositamente attrezzato per ospitare mostre temporanee. La bellezza e l’esclusività degli ambienti fanno di Villa Monastero una incantevole wedding location e un particolare set fotografico per riviste di moda e di turismo.

seasons for its different colours, shapes and scents. The house museum is considered the core building and its 14 rooms can be visited following an itinerary. The Conference Centre, internationally known since the Nobel Prize winner Enrico Fermi held some lessons in 1954, offers the opportunity to hold meeting, conferences, seminars, training courses, workshops and cultural events in an evocative location. The Botanical Garden extends for almost 2 kilometres from Varenna to Fiumelatte, with

many botanical trees, both indigenous and exotic. In Villa Monastero it is possible to develop and deepen different learning activities, such as itineraries and recreational activities for school children. The exhibition space is equipped to host temporary exhibitions too. Moreover Villa Monastero is not only an enchanting wedding location but also the perfect place for photo shoots both for fashion and tourist magazines thanks to its beauty.

Centro convegni Centro convegni Casa Museo Casa Museo Casa Museo Giardino Giardino botanicobotanico Giardino botanico Wedding Wedding location location Wedding location Centro convegni

villamonastero.eu villamonastero.eu

SCONTO SCONTO SCONTO €1 di sul €1 biglietto sul biglietto di ingresso di ingresso intero 2020 intero 2020 di 1diEURO 1 DISCOUNT biglietto on 2022 €1 sul DISCOUNT €1 DISCOUNT on your on 2020 your fullyour 2020 pricefull ticket price ticket di ingresso intero full price ticket 2022

GOWINTER

Nella sua incantevole posizione è una delle attrattive culturali e turistiche più amate dai visitatori di tutto il mondo

17


Olimpiadi ROAD TO MILANO-CORTINA 2026

Olimpiadi e Paralimpiadi invernali: per la Valtellina un’occasione da non sprecare UN SOGNO CHE SI AVVERA Il grande sogno si è avverato, la Valtellina sarà una delle sedi dei giochi olimpici e paralimpici invernali Milano-Cortina 2026. Sulla cresta dell’onda ormai da diversi anni, la valle lombarda punta ora tutto sull’evento sportivo per eccellenza con l’obiettivo di conquistare visibilità e, quindi, continuare a incrementare il flusso turistico, soprattutto nei mesi invernali, ma anche d’estate.

GOWINTER

COME CAMBIERÀ LA VALTELLINA

18

Un evento di richiamo come le Olimpiadi comporta la realizzazione di infrastrutture importanti dalle quali trarrà vantaggio tutta la viabilità del territorio. In totale, del miliardo di euro che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha destinato alle Olimpiadi, 473 milioni finiranno in Lombardia e 134 a Sondrio. Alla base dei diversi progetti ci sarà l’ecosostenibilità: si realizzeranno infatti costruzioni temporanee che potranno essere riutilizzate dopo la manifestazione.

www.milanocortina2026.org

DOVE E QUANDO SI GAREGGERÀ Su quali palcoscenici i campioni dello sci e degli sport invernali gareggeranno? Le località prescelte sono Bormio e Livigno, due autentiche perle molto apprezzate da tutti gli amanti delle discipline sulla neve. La prima celebre per la pista Stelvio che ospita ogni anno le gare della Coppa del Mondo di sci, la seconda per i suoi comprensori sciistici innevati da novembre a maggio, per i suoi snow park e per la movida che la contraddistingue nei momenti clou dell’inverno. Le Olimpiadi invernali si svolgeranno dal 6 al 22 febbraio, mentre le Paralimpiadi dal 6 al 15 marzo 2026.

A LIVIGNO Il piccolo Tibet - così è chiamata l’area di Livigno, nel cuore delle Alpi, per le temperature rigide che vi si raggiungono d’inverno – da sempre attira un turismo giovane ed entusiasta. Per questo ospiterà tutte le le gare di freestyle e snow board (coinvolti il Mottolino, Carosello 3000 e SITAS). La prima competizione è in calendario il 5 febbraio 2026. A supporto degli atleti, a Livigno sorgerà anche un Villaggio Olimpico che, in ottica antispreco, sarà costruito utilizzando moduli prefabbricati temporanei, alimentati da fonti energetiche rinnovabili ad alta tecnologia.

A BORMIO Bormio ospiterà le gare di sci alpino maschile. Teatro della manifestazione sarà la Pista Stelvio che, a ragione, è considerata una delle piste più spettacolari e difficili del circo bianco, omologata per la gare in notturna grazie a un moderno e potente impianto di illuminazione. Prima gara in calendario sarà la discesa libera, l’8 febbraio 2026.

LA VIABILITÀ Sono diverse le opere che saranno finanziate attraverso il “Piano Lombardia” e riguarderanno, oltre alla Valtellina, anche la Valchiavenna. Si completeranno la tangenziale di Sondrio (spesa stimata 5 milioni) e il collegamento tra Valdisotto e Valdidentro per favorire l’accessibilità degli impianti da sci (costo stimato, 7 milioni). Sarà eliminato il passaggio a livello adiacente la SS 38 a Villa di Tirano (spesa prevista, 6 milioni di euro). Infine, saranno acquistati ben 39 nuovi treni che entreranno in servizio sulla tratta MilanoTirano e sui collegamenti per gli aeroporti (costo stimato 351 milioni di euro).

A fine novembre, il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana ha comunicato un’altra buona notizia. Sempre Bormio, infatti, ospiterà le gare di Sci Alpinismo (gradita novità alle Olimpiadi).

OLIMPIADI ECOSOSTENIBILI La Fondazione Milano Cortina 2026 mette la sostenibilità al centro della Road to the Games che porterà ai Giochi Olimpici e Paralimpici. Pertanto comunica di aver aderito al UNFCCC, Sports for Climate Action Framework, iniziativa promossa dalle Nazioni Unite in parntnership con il CIO (Comintato Olimpico Internazionale) che mira ad accelerare il cambiamento necessario per raggiungere la neutralità delle emissioni di gas serra.


Valchiavenna e

Due valli straordinarie ricche di impianti, costellate di mete ideali per gli amanti dello sci e non solo


Skiarea Valchiavenna

IN PISTA NEL CUORE DELLE ALPI

Una location fantastica, la più moderna funicolare sotterranea d’Europa, 40 km di piste, un parco impianti all’avanguardia e tante opportunità per grandi e piccini la rendono un bianco paradiso

SKIAREA VALCHIAVENNA La Skiarea Valchiavenna si trova in Lombardia, a nord del Lago di Como, a soli 138 chilometri da Milano, al confine con la Svizzera. La collocazione geografica della Skiarea, le favorevoli condizioni climatiche e gli impianti di innevamento artificiale consentono alla stagione dello sci di iniziare nel mese di novembre e di prolungarsi fino a primavera inoltrata. Il comprensorio dispone di circa 40 chilometri di piste: dai 3000 metri del Pizzo Groppera ai 1550 di Madesimo, serviti da impianti di risalita veloci e moderni. Il tutto, immerso in un contesto naturale affascinante, nel cuore delle Alpi. La varietà dei tracciati e la tipologia delle piste soddisfa le esigenze dei più esperti così come dei principianti.

Sky

Express è una funicolare sotterranea, che partendo da Campodolcino supera in pochi minuti ben 638 metri di dislivello, consente di

accedere alle piste di Motta, collegate e servite da tutti gli impianti della Skiarea. Un ampio e comodo parcheggio permette di ridurre i tempi di accesso e sfruttare al meglio la giornata sciistica. Il parco impianti rinnovato nel corso degli anni, dispone di moderni impianti ad agganciamento automatico con cupola protettiva. Sistemi automatici di innevamento programmato, moderni mezzi per la battitura delle piste, lo snow park Madepark per tutti i livelli, il Baby park per i più piccini, piste da gara con omologazione internazionale e le strutture di ristorazione sulle piste ne fanno una stazione sciistica tra le migliori dell’arco alpino. La varietà delle piste, i tracciati sia in alta montagna che in mezzo ai boschi, la comodità di raggiungere tutte le strutture del paese con gli sci ai piedi, le passeggiate nel centro pedonale sono le caratteristiche che rendono Madesimo e tutta la Skiarea Valchiavenna una delle stazioni più accoglienti e apprezzate delle Alpi.

GOWINTER

SCI NOTTURNO

20

L’emozione di sciare in notturna, immersi al crepuscolo nella natura incontaminata. Per coloro a cui non basta sciare di giorno, ma desiderano continuare oltre il tramonto, abbiamo organizzato alcune serate dedicate, con piste illuminate artificialmente, preparate appositamente per la discesa serale. Sciare in notturna è un’avventura unica che ogni amante dello sci dovrebbe vivere almeno una volta!

Scopri il calendario aggiornato delle serate dedicate allo sci notturno su www.skiareavalchiavenna.it


+39 0343 55311 www.skiareavalchiavenna.it info@skiareavalchiavenna.it Skiarea Valchiavenna

MADEPARK: LO SNOW PARK MADE IN MADESIMO

PER I PIÙ PICCINI: BABY PARK LARICI

Il Made Park offre strutture per tutti i livelli, con un occhio di riguardo nei confronti dei principianti a cui sono dedicati box piatti e kicker da 2m, 4m e 6m. Altre strutture come down rail, rainbow, plug, mail box, cisterna, e box modulabili in più soluzioni, completano il primo livello. Il set up del park varia durante l’arco della stagione per offrire ai nostri utenti sempre qualcosa di nuovo. Dedicato ad un pubblico più esigente il kicker da 12 metri costruito sopra ad un terrazzamento realizzato artificialmente in terra e dotato di un lungo atterraggio. La conformazione del territorio prevede la possibilità di costruire altre strutture quali step up o spina quando le condizioni nevose lo permettono. Il park è custodito e l’ingresso è gratuito. A pochi metri due ristori per una piccola sosta con tanta buona musica. L’utilizzo del casco è obbligatorio.

Divertimento assicurato anche per i più piccoli. Situato all’arrivo della Cabinovia Larici che parte direttamente dal paese di Madesimo, e a pochi passi dal Rifugio Larici, il Baby park Larici è suddiviso in due zone distinte: una per la pratica dello sci e snowboard e una per le discese con bob, slittini e gommoni. L’accesso al Park è consentito a tutti i bambini muniti di regolare biglietto skipass in corso di validità o, in alternativa, acquistando il singolo biglietto giornaliero di accesso al park al costo di 10 Euro.

A NATALE REGALA UNA GIORNATA DI SCI

IL MARTEDÌ E IL GIOVEDÌ È ANCORA PIÙ…

È il momento giusto per pensare ad un regalo perfetto: a Natale regala l’emozione unica di una giornata sulle piste da sci della Skiarea Valchiavenna.

…conveniente e divertente. Goditi le piste come solo un giorno feriale ti può offrire: il martedì e il giovedì sconto del 20% sullo skipass giornaliero.

ECO SKIPASS: sciare conviene a te e all’ambiente Riempi la tua auto e scia in compagnia spendendo meno. La promozione è valida per 4 e 5 persone. Meno inquinamento, meno costi, più divertimento.

FAMILY FRIENDLY Da non perdere le tariffe speciali dedicate alle famiglie a partire da 2 adulti e 1 bimbo.

Promozioni acquistabili esclusivamente on line

GOWINTER

Scopri tutti i dettagli delle promozioni, info, orari e regolamento sul sito www.skiareavalchiavenna.it Acquistare sarà ancora più facile grazie allo shop on line!

21


Madesimo

L’ARIA FRESCA E LA NEVE TUTTO INTORNO

Tante alternative per chi allo sci da discesa preferisce sport invernali di ogni genere, da quelli più estremi alle passeggiate. E poi benessere, relax, pattinaggio e altro ancora...

UN INVERNO DA VIVERE

SCI AVVENTURA

L’inverno, con il suo bianco candore, stupisce ogni anno. A Madesimo è possibile viverlo a pieno, sperimentando diversi tipi di attività. Se non bastano le discese sulle piste della Skiarea con la migliore Valchiavenna, attrezzatura ai propri piedi, seguiti passo passo da un esperto maestro di sci o snowboard, e se non bastano neanche i 3mila metri del Pizzo Groppera, le piste nel bosco o l’arena della Val di Lei, allora ecco le altre numerose proposte di questa meravigliosa montagna.

Dallo sci all’avventura del fuoripista, fino allo sci alpinismo il passo è abbastanza naturale per chi ha affinato la propria tecnica, ha una buona preparazione fisica e l’attrezzatura adeguata: sono necessari pala, Artva e sonda, e una pianificazione del percorso, compreso lo studio del bollettino valanghe e delle condizioni nivo-meteorologiche.

SPEEDRIDING O SNOWKITE? Per una scarica di pura adrenalina, poi, è possibile praticare lo speedriding – sciare alternando planate agganciati a un piccolo parapendio sulla schiena – o ancora provare lo snowkite con l’aiuto di aquiloni. I colori delle vele risaltano sulla neve.

Gli itinerari permettono di scoprire incantevoli paesaggi, conquistando mete che sono l’anima più vera e maestosa di queste montagne. Ma servono fatica e sudore, tanto impegno e studio prima di poter partire per trovare il percorso migliore: sarà una soddisfazione grandissima raggiungere la meta in alta quota, dove il silenzio regna, tutto sembra perfetto e ci si pregusta la lunga ed emozionante discesa per tornare a valle. Le montagne dell’alta Valle Spluga offrono una grande varietà di itinerari per ogni livello passando dalle semplici escursioni a pendii più impegnativi.

GOWINTER

PASSEGGIATE PER TUTTI

22

Altra regina tra le attività nei mesi invernali è sicuramente la passeggiata: ognuno sceglie l’itinerario e la difficoltà, ci sono passeggiate brevi e lunghe. La scelta, a Madesimo, è davvero ampia e non esclude di certo i bambini, i quali possono divertirsi facendo pupazzi di neve lungo il percorso o andando alla ricerca delle impronte lasciate dagli animali. La passeggiata lungo il fiume, illuminata anche alla sera, offre un bel panorama su tutto il paese, la strada verso Pianazzo tocca anche la bella cascata del Catino. Chi ha passeggini con le ruote grandi può percorrerle entrambe anche con i bambini più piccoli. Nota bene, queste sono solo due tra le numerose possibilità disponibili.


www.madesimo.eu

IL GIRO IN MOTOSLITTA O SULLA FAT BIKE

Perché non provare l’arrampicata su ghiaccio? È praticabile solo in particolari condizioni climatiche durante l’inverno sulle principali cascate in valle. In tutti questi sport è possibile essere seguiti dalle Guide Alpine locali. Chi preferisce evitare discese o salite estreme può godere la neve con lo sci di fondo: a Motta e a Campodolcino sono presenti 2 piste gratuite con due anelli adatti anche ai principianti, entrambi di circa 5 chilometri.

Da provare, almeno una volta, il giro in motoslitta durante il giorno e perché no, magari anche al tramonto, seguito da una cena in rifugio. Oppure un’escursione in fat bike, dove il suono delle gomme che sfrecciano sulla neve sarà l’unico rumore che vi accompagnerà per tutta la giornata.

FREERIDE E CIASPOLE Scendere in libertà da una montagna di neve vergine e polverosa: il freeride in comune con lo sci alpinismo ha solo la discesa fuoripista perché la salita viene effettuata utilizzando gli impianti da sci, brevi spostamenti in quota a piedi o l’elicottero (heliski). Cambiando attrezzo è possibile risalire i pendii o attraversare il bosco anche con le ciaspole. Durante una bella nevicata il silenzio ovattato della neve è pura magia. Camminare con le ciaspole permette di uscire dai sentieri battuti e seguire nuovi percorsi, sempre con la giusta attenzione e l’attrezzatura obbligatoria.

Su www.madesimo.eu Avventure d’inverno in paesaggi incantati, impianti moderni ed efficienti, ospitalità senza paragoni in una località turistica invernale a due passi da tutte le principali città lombarde ma ancora caratterizzata da una natura selvaggia e incontaminata. Ulteriori Informazioni su Madesimo e su tutte le alternative che offre per il tempo libero sono pubblicate sul sito www.madesimo.eu.

UN GIORNO SENZA SCI, TRA COCCOLE E PATTINI

In centro paese sorgono Madesimo Wellness & Spa e il Palaghiaccio, nuovissime strutture progettate e realizzate con l’obiettivo di implementare l’offerta turistica.

MADESIMO WELLNESS & SPA

La Madesimo Wellness & Spa si presenta curata nei particolari. All’interno è possibile scegliere autonomamente il percorso benessere da intraprendere, oppure rivolgersi agli assistenti che sapranno consigliare il miglior utilizzo di saune, stanze relax e bagni a vapore. Nessun timore se non si ha il costume: il servizio può comprendere anche il noleggio di tutto il necessario per accedere all’area. A medio termine l’obiettivo di completare il percorso dei servizi offerti: la proprietà è attualmente impegnata nella predisposizione progettuale del nuovo arredo urbano esterno, della nuova stanza massaggi e trattamento viso nonché nell’individuazione di un’area, all’aperto, per il posizionamento delle nuove vasche idromassaggio. FB: Madesimo Wellness Spa

IL PALAGHIACCIO

Il palazzetto coperto ospita la pista di pattinaggio, da sempre presente a Madesimo, ma ora di dimensioni regolamentari 60X30 metri che consentono alla struttura di ospitare competizioni di livello nazionale e varie specialità sul ghiaccio di livello internazionale. Piccoli e grandi possono inoltre noleggiare l’attrezzatura e anche fruire di corsi di pattinaggio. All’interno del palazzetto ci si può, infine, mantenere in forma prenotando il campo da squash oppure la palestra fitness. È tutto pronto, allora: a Madesimo sarà un inverno di puro divertimento, circondati da montagne innevate di ineguagliabile bellezza.

GOWINTER

ARRAMPICATA SU GHIACCIO E SCI DI FONDO

23


Campodolcino

BIANCHE EMOZIONI NEL CUORE DELLA VALLESPLUGA

La neve che copre e trasforma il paesaggio è divertimento, gioco, sport ed emozione. E a partire dai 1.070 m fino alle cime a 3.000 m offre uno spettacolo indimenticabile

UNA DESTINAZIONE UNICA PER CHI AMA LO SCI Campodolcino è la meta ideale per

lo sci alpino: utilizzando la funicolare sotterranea Sky Express, si potrà salire all’Alpe Motta (1.721 m) in pochi minuti, affrontando una pendenza del 51% con 639 m di dislivello, e accedere a tutti gli impianti della Skiarea Valchiavenna, con 40 km di piste per tutti i gusti! Oltre alle piste per la discesa, il comprensorio sciistico è dotato di un attrezzato snowpark per gli amanti dello snowboard, un’area riservata alla pratica di evoluzioni acrobatiche con lo snowboard ma anche con gli sci.

NON SOLO SCI ALPINO Oltre allo sci alpino si possono praticare altri sport invernali quali lo sci di fondo, sci alpinismo, arrampicata su cascate di ghiaccio, escursioni con racchette da neve, o attività più dolci come tranquille passeggiate e il nordic walking sulla neve. Lo scialpinismo è uno degli sport più praticati negli ultimi anni in Valle Spluga e, a fronte di un notevole impegno fisico, offre la possibilità di godere di ambienti immacolati e panorami suggestivi tra cui il più caratteristico è sicuramente il “giro dell’Angeloga”: raggiunto il Pizzo Groppera (2948 m) con gli impianti di risalita e dopo una breve discesa, si imbocca l’itinerario verso il Pizzo Stella (3163 m). Il percorso si sviluppa sul ghiacciaio del Ponciagna e, a seconda delle condizioni della neve, è possibile raggiungere la cima con gli sci ai piedi. Dalla vetta si percorre poi la discesa al lago Angeloga e Fraciscio, oppure si può ritornare per la via dell’andata.

NOVITÀ INVERNO 2021-2022 La novità dell’inverno 2021-22 sarà lo

GOWINTER

“Skialp Valchiavenna”, un nuovo

24

progetto del territorio dedicato agli amanti dello scialpinismo. Un primo itinerario sarà fruibile all’Alpe Motta in concomitanza con l’apertura della seggiovia Motta-Serenissima; alla partenza del tracciato segnalato sarà disponibile un check artva e il rientro è previsto lungo la pista Serenissima secondo regolamento vigente. In concomitanza con lo sci notturno promosso, verrà segnalato un itinerario di risalita con partenza dalla zona Montalto, in direzione Alpe Groppera con discesa sulla pista illuminata e già servita dalla Cabinovia Larici.


www.campodolcino.eu Campodolcino Turismo valchiavennaturismo

Alcuni itinerari scialpinistici sono percorribili anche con le ciaspole le quali non richiedono particolare tecnica e preparazione fisica. Dalle impegnative vie in alta quota ai più elementari tracciati, sempre fra suggestivi scorci panoramici, si potranno esplorare le numerose valli laterali della stupenda Valle Spluga. Alcune escursioni sono, fra le tante disponibili: quella che da Fraciscio conduce all’abitato di Bondeno e all’omonimo motto panoramico posto sul lato orientale della valle; quella che da Campodolcino porta a Starleggia e alla conca di San Sisto e al Pian dei Cavalli, altopiano di formazione carsica di grande importanza archeologica per gli insediamenti che sono stati ritrovati e che risalgono a 10.000 anni fa; e quella che dalla località Portarezza arriva all’Alpe Servizio, piccoli nuclei caratteristici dai quali si potrà godere di un panorama mozzafiato su tutta la Valchiavenna. In entrambe le pratiche, in caso di escursioni fuoripista, è obbligatorio avere la giusta attrezzatura (artva, pala e sonda) ed esperienza. In caso contrario ci si potrà rivolgere alle Guide Alpine locali per uscite giornaliere individuali o di gruppo, oppure uscite serali organizzate con le ciaspole al chiarore delle stelle seguite da una cena in uno dei locali che offrono prodotti tipici della Vallespluga come pizzoccheri, polenta, salumi, vino e grappa in un ambiente caldo e amichevole.

PER I PIÙ PICCOLI

Si chiama “fat-bike” ed è l’ultima tendenza che sta spopolando durante la stagione invernale alimentata da passione e voglia di vivere la montagna sotto una dimensione mai sperimentata. A differenziare questo tipo di bicicletta dalle comuni mountain bike, sono le ruote larghe ed una dotazione che rende queste bici adatte ai percorsi su neve. Per chi volesse approcciare per la prima volta questa disciplina, apprendendo i segreti e le tecniche, potrà trovare a Campodolcino delle valide guide e dei percorsi dal più semplice che costeggia il fiume Liro a fianco della pista di fondo, fino a quelli più impegnativi salendo in quota. Suggeriamo però di verificare sempre se i percorsi siano accessibili ed autorizzati.

Campodolcino è anche gioco per i più piccoli e la zona preferita dai bambini è il parco dell’Acquamerla, dove si potranno divertire andando su e giù per la discesa con bob e slittini, raggiungibile a piedi tramite il percorso vita che affianca la pista di fondo, o in auto dalla strada principale. Il parco è situato poco dopo il parcheggio dello Sky Express. Anche la frazione di Gualdera offre prati e distese innevate adatte a scendere con bob e slitta e molto frequentata da famiglie con bambini è la strada che porta a Bondeno, chiusa al traffico nel periodo invernale e di conseguenza sempre innevata.

Vi aspettiamo a Campodolcino!

DUE ANELLI PER LO SCI DI FONDO Gli appassionati dello sci di fondo avranno a disposizione due diversi tipi di piste gratuite e sempre accessibili: una è adatta ai principianti composta da un anello che si sviluppa per 5,5 km sulla piana di Campodolcino e costeggia il fiume Liro. La pista, attrezzata per lo skating e la tecnica classica, offre anche una porzione di tracciato riservata a coloro che, lasciati gli sci a casa, preferiscono godersi il tempo libero con una bella passeggiata sulla neve. Presso i noleggi in paese, inoltre, sarà possibile trovare l’attrezzatura necessaria allo sci. All’Alpe Motta, invece, si potrà trovare l’anello con due differenti livelli di difficoltà: 3 km di pista rossa più impegnativa e 2 km di pista blu più semplice, che parte all’uscita dello Sky Express e si snoda attraverso il bosco di larici ed abeti.

GOWINTER

ESPLORARE CON LE CIASPOLE

IN SELLA ALLE “FAT-BIKE”

25


www.alpemotta.eu

PISTA DI SCI DA FONDO Realizzata e promossa dall'Associazione Amici di Motta. Con la messa a disposizione del territorio da parte del Consorzio Alpe Motta attuale proprietario e gestore della pista con il contributo da parte dei comuni di Campodolcino, Madesimo e della Comunità Montana della Valchiavenna.


info@alpemotta.eu


Chiavenna

OLTRE AI CROTTI C’È UN UNIVERSO DA VIVERE

Da sempre Chiavenna è uno dei luoghi più interessanti nelle vicinanze di Milano: perfetta per una gita giornaliera o per un weekend tra storia, natura e delizie enogastronomiche

UN SALTO INDIETRO NEL TEMPO La cittadina, Bandiera Arancione del Touring Club Italia e CittàSlow, si trova a nord del lago di Como, a metà tra il passo del Maloja e il passo dello Spluga, con un piede in Italia e un altro in Svizzera. Chiavenna offre parecchie cose da fare e da vedere, sia all’interno del centro abitato sia nei dintorni. Il centro storico è un luogo fantastico per una passeggiata, con viuzze pedonali piene di negozi che vendono prodotti del luogo e locali dove fermarsi per un aperitivo o una merenda. Vagando per le vie di Chiavenna sembra di tornare indietro nel tempo: più precisamente al Cinquecento, epoca in cui sono stati costruiti molti dei suoi palazzi. La visita può iniziare dal complesso della Collegiata di San Lorenzo, non lontano da piazza Castello, dove poter visitare il Museo del Tesoro e le sue preziose testimonianze.

GOWINTER

UNA PIACEVOLE SCOPERTA

28

Tante le opportunità da cogliere: da una passeggiata alla scoperta degli angoli suggestivi del centro storico, le piazzette con le fontane in pietra ollare, ai quartieri più antichi che raccontano la storia del borgo, passando per gli scorci incantevoli in cui ci si imbatte camminando sulla passerella pedonale che si dipana lungo il fiume Mera; momenti di relax in uno dei tanti caffè o un’ottima cena da consumare negli eleganti ristoranti. E, perché no, un po’ di shopping nei bellissimi negozi lungo la via centrale illuminata per le festività Natalizie.

E POI CI SONO I CROTTI... Un altro buon motivo per visitare e soggiornare a Chiavenna sono i “crotti”, piccole grotte create da frane nel corso dei secoli. La loro unicità è l’essere attraversati da costanti correnti d’aria, che li rendono perfetti per conservare salumi e formaggi. Diffusi in tutta la valle, sono da secoli luoghi di incontro e convivialità. Il menù dei crotti è composto da prodotti tipici, per un vero e viaggio gustoso alla scoperta del territorio: salumi misti tra cui non manca mai la “brisaola” artigianale prodotta con tagli di manzo pregiati, il violino, un salume di carne di capra e i formaggi di alpeggio.


www.valchiavenna.com consorzioturistico@valchiavenna.com Valchiavenna Turismo SHOPPING A CHIAVENNA: www.chiavenna.shop

IL PALAZZO DEL GHIACCIO DI CHIAVENNA, UN GIOIELLO FRA LE ALPI Presso il Centro Polisportivo Valchiavenna, gestito da ASD US Chiavennese – Polisportiva, è possibile trovare una bella e accogliente struttura per divertirsi, pattinare e fare sport in compagnia. Il palazzo del ghiaccio è situato all’interno di un Centro Polisportivo polifunzionale dove praticare diverse discipline: il nuoto, il tennis e nel periodo estivo anche il calcetto, accompagnato dal rent bike. Oltre al classico pattinaggio aperto al pubblico il CPV annovera fra le sue proposte i corsi di pattinaggio rivolti a tutti, dai neofiti ai pattinatori avanzati, oltre allo sport di squadra più veloce del mondo: l’hockey! L’offerta continua con la preagonistica e l’agonistica delle bravissime

Ice Diamonds, le ragazze del pattinaggio di figura che letteralmente danzano sul ghiaccio. Il Curling: a Chiavenna esiste una corposa e agguerrita compagine, i Seagulls, che partecipano al campionato e organizzano giornate di promozione. Il Centro Polisportivo oltre alla normale attività organizza, ospita e promuove grandi eventi e manifestazioni: fra le tante spiccano sicuramente le Deaflympics Games del 2019, con atleti provenienti da tutto il mondo. Insomma cosa state aspettando? Durante tutta la stagione il Centro Polisportivo è aperto e offre innumerevoli occasioni di divertimento. E una volta terminate sarà possibile gustare un aperitivo o una cioccolata calda nell’accogliente bar! Per rimanere connesso alle mille attività proposte basta seguire il CPV sui social. Lo sport è vita, vivilo con il CPV!

C’è una data da segnare in rosso sul calendario ed è quella di giugno 2022: è il periodo designato per il Triathlon delle Amarene di Uschione. Ad organizzare la gara è l’ASD US Chiavennese – Polisportiva con l’aiuto della propria sezione di MTB e con il supporto di Chiavenna Nuoto, GP Valchiavenna, Team KV e Triathlon Alto Lario. Si tratta di un evento sportivo non competitivo, puramente amatoriale: la gara consiste in una prova a squadre formate da tre membri, nella quale ogni componente gareggerà in una disciplina classica del triathlon, ovvero nuoto, corsa e ciclismo. Contestualmente sarà anche organizzata una camminata benefica, con partenza da Chiavenna e arrivo a Uschione.

ORARI PATTINAGGIO Lunedì e Martedì: CHIUSO Mercoledì: 14:30 - 16:30 Giovedì:a 14:30 - 16:30 Venerdì: 14:30 - 16:30 e 21:00 - 23:00 Sabato: 14:30 - 18:00 e 20:30-23:30 Domenica: 14:30 - 18:00

Centro Polisportivo: 0343.35068 Hockey su ghiaccio: 333.2502043 Pattinaggio di figura: 348.5119121

www.cpvalchiavenna.it

Corsi di pattinaggio: 334.9613225

infocpvalchiavenna.it

Curling: 333.2351775

GOWINTER

È ORA DI PREPARARSI PER IL TRIATHLON DELLE AMARENE

29


UN LUOGO DA AMARE

Da Livigno a Bormio passando per Valdidentro e Valdisotto, da Santa Caterina Valfurva a Madesimo, fino a Chiesa in Valmalenco, Aprica, Teglio e Val Gerola: sono numerose le località in Valtellina dove vivere momenti di grande sci a contatto con paesaggi di rara bellezza. La Valtellina conta oltre 400 km di piste per gli appassionati di sci: da quelle più semplici, alla portata di tutti, a quelle di livello intermedio fino a quelle più tecniche, tra cui la famosa pista Stelvio di Bormio, sede delle gare di Coppa del Mondo di sci dei prossimi 28 e 29 dicembre. Sci ma non solo! Gli appassionati di snowboard possono infatti provare i numerosi snowpark della Valtellina, alcuni dei quali riconosciuti tra i migliori in Europa. Nei vari comprensori è possibile trovare attrezzature e scuole specializzate; qualificati maestri di sci sapranno preparare al meglio adulti e piccini con corsi di gruppo o lezioni private. Inoltre, sulle piste da sci della Valtellina sono tanti i rifugi e i ristoranti che sapranno deliziare con le prelibatezze dell’enogastronomia valtellinese, in primis i celebri pizzoccheri.

GOWINTER 30

IL PARADISO DELLO SCI

Realizzato con il contributo dell'Unione del Commercio del Turismo e dei Servizi della provincia di Sondrio

E per chi non volesse fare a meno dello sci anche in orario serale, sono numerose le località che offrono aperture speciali per lo sci notturno: oltre a Livigno, Bormio, Madesimo e S. Caterina Valfurva, da quest’anno sarà possibile sciare in notturna anche in Aprica lungo la Super panoramica del Baradello, la pista illuminata più lunga d’Europa!

ph. bagnidibormio

Un luogo in cui riscoprire la montagna più autentica e in cui lasciarsi trasportare dalle emozioni di una vacanza dalle mille possibilità

NON SOLO RELAX ALLE TERME Dopo una giornata sulla neve, cosa c’è di meglio che rilassarsi nelle calde acque termali di Bormio, circondati dai paesaggi completamente innevati? Nella “Magnifica Terra” si trovano 3 centri termali tra i più caratteristici delle Alpi: Bormio Terme, ideale per le famiglie e convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale, QC Terme Bagni Vecchi, dal fascino millenario e con la celebre vasca panoramica outdoor con vista sulla conca di Bormio e QC Terme Bagni Nuovi, con vasche e piscine all’aperto immerse in un ampio e soleggiato giardino. Il relax in Valtellina non finisce qui: da prendere in considerazione una giornata di meritato riposo ad Aquagranda Livigno, oppure concedersi in Valmalenco un’esperienza di glamping in alta quota grazie a “2 Cuori in pista”, una suite costruita all’interno di un gatto delle nevi per un’esperienza di relax, benessere e romanticismo nel cuore delle Alpi.


www.amolavaltellina.eu www.valtellina.it

E per vivere poi una vacanza di gusto, sono da provare i numerosi piatti e prodotti tipici della cucina valtellinese: dalla bresaola ai formaggi quali il Bitto e il Casera, dai tradizionali pizzoccheri agli sciatt, passando poi per altre eccellenze locali come polenta taragna, la Bisciola (il dolce tipico del periodo di Natale), il pane di segale 100% Valtellina e molto altro… ovviamente in abbinamento con un buon bicchiere di vino che nasce da uve Nebbiolo coltivate lungo i caratteristici terrazzamenti della Valtellina: dallo Sforzato al Valtellina Superiore, entrambi DOCG, fino al Rosso di Valtellina DOC e all’Alpi Retiche IGP, c’è solo l’imbarazzo della scelta! I ristoranti valtellinesi sapranno deliziare ogni palato con le loro proposte gourmet, da quelle più innovative a quelle più legate alla tradizione!

ph. Gaia Menchicchi

UNA VACANZA DI GUSTO

PROFESSIONALITÀ NELL’ACCOGLIENZA Ma Valtellina significa anche tradizione e professionalità nell’accoglienza: numerose sono le possibilità di soggiorno offerte da Hotel e strutture ricettive, dalle soluzioni più romantiche, a quelle più adatte alla famiglia. Le possibilità di alloggio sono consultabili all’indirizzo booking.valtellina.it, non vi resta che lasciarvi coccolare dalla calda ospitalità valtellinese!

UN PARADISO ANCHE PER CHI NON SCIA In Valtellina esistono un’infinità di possibilità per una vacanza invernale indimenticabile… anche per chi non pratica sci alpino! Dalle passeggiate con le ciaspole sulla neve fresca, per un contatto diretto e puro con la montagna, alle escursioni con le fat bike lungo i sentieri innevati, senza dimenticare l’emozione dello sleddog, ovvero la possibilità di guidare una slitta trainata dai cani husky. Da provare anche lo sci di fondo o un’escursione di scialpinismo. E tra una sosta golosa e un’attività sulla neve, da non perdere il piacere di un aperitivo e di fare acquisti nelle vie dello shopping dei paesi valtellinesi, cogliendo così l’occasione per visitare i centri storici, e dedicare una visita ai mercatini natalizi o ai numerosi musei e palazzi del territorio.

ph. Giacomo Meneghello ClickALps

La Valtellina, oltre ad essere un vero paradiso per gli amanti del buon cibo e della natura, è anche una destinazione d’eccellenza per gli amanti degli sport invernali. Ed è proprio grazie alla qualità della sua offerta sciistica che la Valtellina sarà protagonista dei Giochi Olimpici Invernali 2026 Milano-Cortina: la provincia di Sondrio ospiterà infatti le gare di sci alpino maschile, quelle di freestyle e di snowboard e quelle di scialpinismo, che per la prima volta sarà protagonista tra gli sport olimpici!

SUL TRENINO ROSSO Per concludere in bellezza, una gita con il Trenino Rosso del Bernina, patrimonio UNESCO e tra le tratte ferroviarie più alte d’Europa: la partenza è prevista da Tirano e l’arrivo a St. Moritz, in Svizzera. Lungo il tragitto, immerso in scenari paradisiaci, si toccano anche i 2253 m di quota dell’Ospizio Bernina, il punto più alto del percorso!

GOWINTER

VALTELLINA, UNA DESTINAZIONE OLIMPICA!

31



Trentino Alto Adige

Un vero capolavoro immerso nelle nevi, capace di infinite proposte per grandi e piccini


San Vigilio di Marebbe

UN CAPOLAVORO INCANTATO NEL CUORE DELLA VAL BADIA

GOWINTER

Incorniciata dalle bianche Dolomiti, è un’autentica oasi di pace dove ritrovare se stessi e divertirsi in famiglia, a due passi dal comprensorio sciistico di Plan de Corones

34

IL REGNO DI PLAN DE CORONES

MAESTOSE DOLOMITI È difficile non innamorarsi di San Vigilio di Marebbe, specialmente nel periodo invernale. Prendete un piccolo borgo, mettetelo nel cuore della Val Badia e posizionatelo all’ingresso dei parchi naturali altoatesini di Fanes-Senes Braies e Puez Odle: il risultato esiste, ed è semplicemente da cogliere, incorniciato dalle bianche e maestose Dolomiti. Ecco dunque un paese unico e affascinante, con le sue case di legno, i boschi argentati, il proverbiale ordine e la cordialità dei suoi abitanti: parliamo di una vera oasi di pace ad alta quota, dove stress e preoccupazioni possono finalmente lasciare spazio a valori autentici e passioni genuine. A partire da quella per la neve, dal momento che San Vigilio è a due passi dalle piste del comprensorio di Plan de Corones. Non solo sport invernali ovviamente: si tratta di una destinazione in grado di regalare un susseguirsi infinito di momenti di piacere, scoperta, natura, gastronomia, cultura e benessere. Un sapiente mix che, se affrontato con il bianco scintillante della neve, è in grado di regalare una vitale boccata d’ossigeno durante il lungo inverno lavorativo.

E allora è il momento di tornare ad utilizzare gli sci oppure la tavola da snowboard: il Plan de Corones è lì che attende. San Vigilio di Marebbe ha la fortuna di essere uno dei tre accessi principali (con Riscone di Brunico e Valdaora) per la più vasta area sciistica di tutto l’Alto Adige. Un regno bianco composto da oltre 476 ettari di montagna dedicati alle piste, con impianti di innevamento programmato che ne garantiscono la fruibilità dall’inizio alla fine della stagione sciistica, comodi collegamenti sia con l’Alta Pusteria, in treno da cabinovia a cabinovia, che con l’Alta Badia ed il Sellaronda, con navetta skibus. Soltanto il Plan de Corones mette a disposizione 32 impianti e 120 chilometri di discese che non temono confronti: questa montagna è la regina del Sudtirol e si presenta come un’enorme terrazza innevata, con un posto in prima fila sulle straordinarie Dolomiti di Lienz a est, l’Ortles a ovest, il ghiacciaio della Marmolada a sud e le cime austriache della Zillertal a nord. Da qui parte dunque un network di piste in grado di rispondere alle esigenze di chiunque, offrendo il meglio per stili, gusti, età e capacità tecniche.


www.sanvigilio.com/it San Vigilio/San Martin - Dolomites

NON SOLO “BLACK FIVE” Qualche esempio? Pensiamo alle “Black Five”, ovvero alle cinque nere che soltanto i più esperti riescono a sfidare (si chiamano Sylvester, Herrnegg, Pre da Peres, Erta e Piculin), ma anche alle ampie e spaziose piste che seguono dolcemente i pendii. Così come alla rossa Ried, tracciato di quasi 10 chilometri che si snoda con eleganza nel bosco. Se dopo una giornata intera con gli sci ai piedi non si è ancora sazi, sappiate che le risorse

di San Vigilio non sono ancora esaurite.

L’OWL PARK SAN VIGILIO

Nel cuore del paese, sulla pista Cianross illuminata a giorno, è infatti possibile inforcare di nuovo gli sci e lanciarsi in una straordinaria esperienza in notturna, da provare almeno una volta nella vita. I giorni designati sono il martedì e il giovedì, nel periodo che da Natale porta a Pasqua, con impianti di risalita in funzione tra le 20:00 e le 22:00. Non è tutto: l’impianto Cianross mette anche a disposizione una pista di slittino illuminata, perfetta per le ultime discese prima del meritato riposo di grandi e piccini.

Assolutamente da non perdere, soprattutto se si è con bambini al seguito, è una visita all’Owl Park San Vigilio. Questo parco zoologico è il regno di gufi e civette, situato ai piedi del Parco Naturale FanesSenes-Braies: proprio qui vivono in libertà cinque delle sette specie di Stringiformi, ossia gufi, civette e allocchi che risultano presenti e censite sul territorio provinciale. Nel complesso, all’interno di un areale composto di voliere, si possono ammirare più di 30 diverse specie di uccelli rapaci, provenienti da ogni angolo del globo. Accanto all’osservazione c’è spazio anche per l’apprendimento, per la curiosità di bambini e adulti: viene spiegata la vita dei rapaci, le loro abitudini, i loro vizi, generando maggiore sensibilità e rispetto nei visitatori per la fauna che li circonda. A San Vigilio si trova anche il centro visite del Parco Naturale FanesSenes-Braies: al suo interno si possono ammirare nelle teche e nei terrari, alcune delle specie animali fra insetti, rettili e fauna acquatica, che potrebbe capitare di incontrare in natura, specialmente nei mesi estivi.

IL LATO FAMILY-FRIENDLY Niente è più naturale di una vacanza in famiglia a San Vigilio. Oltre al paese anche Plan de Corones si distingue per essere una destinazione family-friendly, ideale per muovere i primi passi sugli sci. Le possibilità non mancano: troviamo infatti corsi, lezioni e giochi dove i bambini possono divertirsi con i loro coetanei e allo stesso tempo imparare o affinare le proprie capacità con sci o tavola ai piedi. Merita una menzione il campo scuola sci Kinderland di San Vigilio: si tratta di un parco attrezzato con tapis roulant per lo sci, per bambini e attività di intrattenimento. Completamente innevato con varie pendenze, è attrezzato con divertimenti gonfiabili e materiale didattico. Qui gli apprendisti sciatori vengono affiancati da maestri e già dai tre anni possono prendere confidenza con sci e racchette.

GOWINTER

sanvigilio_official

35


SAN VIGILIO DOLOMITES, LA PRIMA META SOSTENIBILE IN ALTO ADIGE

certificazione GSTC (Global Sustainable Tourism Council) per il turismo sostenibile a seguito del processo di verifica condotto da Vireo srl, società accreditata per il rilascio e la verifica della stessa certificazione.

Chi cerca il turismo sostenibile lo trova qui, a San Vigilio di Marebbe e a San Martino in Badia. E non perché lo dicano loro, ma perché è stato certificato da uno standard internazionale. Durante il mese di settembre, infatti, la Cooperativa Turistica San Vigilio San Martino, a nome della destinazione turistica “San Vigilio Dolomites”, ha ottenuto la

È la prima in Alto Adige e nelle Dolomiti: un risultato che non può certo lasciare indifferenti. Questa importante certificazione prevede che le destinazioni che vogliono ottenere questo riconoscimento debbano orientare il loro sviluppo in un’ottica sostenibile. Devono quindi adottare un approccio integrato e multidisciplinare, oltre che una visione olistica nelle quattro

macroaree previste dallo standard, ovvero gestione sostenibile, sostenibilità socioeconomica, sostenibilità culturale e sostenibilità ambientale. L’ottenimento della certificazione GSTC rappresenta dunque una pietra miliare nella storia del turismo di San Vigilio di Marebbe e di San Martino in Badia. E in parallelo segna l’impegno per il futuro nello sviluppo sostenibile, non solo del turismo ma dell’intera destinazione. Insieme alla regione turistica anche tre strutture ricettive di San Vigilio di Marebbe hanno deciso di intraprendere questo percorso ottenendo a loro volta la medesima certificazione.

NON SOLO SCI: C’È UN MONDO BIANCO DA PROVARE

Dallo sci di fondo allo sci alpinismo, dalle ciaspolate guidate ai percorsi con slitte, “slittone” e slittini: è praticamente impossibile rimanere delusi

GOWINTER

NATURA IMMACOLATA

36

A San Vigilio di Marebbe si può fare di tutto sulla neve: piste, sentieri e tracciati accompagnano nei Parchi Naturali di Fanes-Senes-Braies e Puez Odle. Sono spazi immensi, dominati da una natura immacolata, dove cimentarsi in un ventaglio infinito di discipline, dallo sci di fondo alle ciaspolate, da passeggiate rilassanti a escursioni impegnative, dallo scialpinismo a fiaccolate notturne con vin brulé finale, fino ad arrivare alle uscite con slitte trainate da husky e al wildlife watching.

LONTANO DA RUMORE E STRESS Il nostro viaggio inizia con lo sci di fondo, pratica sportiva che ben si adatta ad ogni età e ogni compagnia. Per chi predilige star lontano dall’affollamento che a volte si trova con lo sci alpino, ma godere comunque di panorami ineguagliabili, c’è per esempio la Roda de Börz, pista da fondo al Passo delle Erbe. Si snoda a oltre 2000 metri, lungo la pace assoluta ai piedi del massiccio Putia. Ma soprattutto ecco la pista da fondo San Vigilio: 23 chilometri nella Valle di Marebbe, fra boschi e prati ricoperti da uno spesso manto bianco. Arriva fino al Rifugio Pederü, lontano da rumore e stress. Esistono vari anelli che permettono anche di non percorrere tutti i 23 km, dando la possibilità di svoltare in diversi punti per tornare a San Vigilio. Attenzione anche allo sci alpinismo: sci e pelli di foca sono lo strumento indispensabile per raggiungere cime e cocuzzoli per poi ridiscenderne godendosi una sciata in neve fresca, fra le cime dei parchi naturali di Fanes Senes e Braies o del Puez Odle trova il suo territorio ideale. Qualche spunto? La Cima Dodici, la Cima Tre Dita o il Col di Poma. Un’altra opportunità molto apprezzata sono le

ciaspolate guidate nel Parco Naturale Fanes-Senes-Braies. Affidandosi ad accompagnatori sarà possibile inoltrarsi nella natura incontaminata in tutta sicurezza. Viaggiando verso le ambite mete di Fanes e Senes lungo una giornata indimenticabile. Per chi arriva a Pederü ci sono tre rifugi che possono essere raggiunti in circa due ore a piedi, senza ciaspole, anche nel periodo invernale. E capaci di rifocillare i camminatori con gustosi piatti locali.


www.sanvigilio.com/it San Vigilio/San Martin - Dolomites sanvigilio_official

FRA HUSKIES E CAVALLI In precedenza abbiamo citato il Passo delle Erbe: ai piedi della vetta Sas de Pütia può capitare di sentire i passettini nelle neve di huskies siberiani. È qui che si svolge l’avventura del “lontano nord” con le slitte condotte dagli amici a quattro zampe: si fa tappa ad Antermoia/Passo delle Erbe, al confine del Parco Naturale Puez-Odle. Con la guida di un esperto huskysleddog sarà possibile prendere in mano la slitta, che trainata dagli huskies si inoltrerà nell’aria frizzante dell’inverno. Questa imperdibile esperienza, che pone grande attenzione e rispetto per gli animali e l’ambiente, è adatta a tutta la famiglia con bambini a partire dai 3 anni. A proposito di slitte: mai provata un’escursione su uno “slittone” trainato da cavalli? Beh, basterà lasciarsi avvolgere da una calda coperta e adagiarsi al suo interno, per poi farsi portare da un possente Norico. Questa gita molto particolare, nei dintorni di San Vigilio, riporta ai tempi antichi, alle usanze ladine, a silenzi rotti solo dai rumori dell’animale, al vapore che si alza dalla sua groppa e al candido bagliore della neve e del paesaggio imbiancato.

Anche quest’anno al Parco naturale di FanesSenes-Braies sarà possibile effettuare due escursioni all’insegna del wildlife watching, l’osservazione degli animali. La prima, “Dolomiti Ranger”, è pensata per bambini che vogliono imparare a riconoscere le impronte degli animali nella neve e scoprire le loro abitudini. La seconda si rivolge agli adulti che, con guida e binocoli, possono mettere a fuoco le specie e la storia di quest’affascinante area di montagna.

GOWINTER

WILDLIFE WATCHING

37


Valsugana

TUTTO PER LO SCI E MOLTO DI PIÙ

GOWINTER

Un vero “posto del cuore” immerso in una natura incontaminata dove alla pratica dei più diffusi sport invernali è possibile alternare visite culturali e buona tavola

38

INVERNO A MISURA DI FAMIGLIA

NATURA, CULTURA E SPORT

Una vacanza in questo luogo è destinata a essere ricordata a lungo. Circondati dallo splendido paesaggio naturale delle Catene del Lagorai e Ortigara-Cima 12, in Valsugana si praticano tutti gli sport invernali immersi in un’atmosfera di divertimento e relax. Gli impianti sciistici sono a misura di famiglia: Panarotta 2002 e Funivie Lagorai sul passo Brocon sono le due stazioni principali, caratterizzate da piste perfette ma lontano dal caos dei comprensori maggiori. Ricca l’offerta per sciatori alle prime armi, ma anche per coloro che vogliono mettersi alla prova sulle nere più impegnative.

La Valsugana è la prima destinazione al mondo ad aver ottenuto la certificazione di sostenibilità assegnata dal GSTC (Global Sustainable Tourism Council). Vanta la più estesa varietà paesaggistica e culturale ed è un autentico paradiso per chi ama sciare, ciaspolare nella neve e passeggiare tra le meraviglie invernali. Per i suoi abitanti è “il posto del cuore”, per questo di padre in figlio si tramanda l’impegno quotidiano a preservare e valorizzare i suoi inestimabili patrimoni.

COMPRENSORIO FUNIVIE LAGORAI Questo comprensorio si trova dall’altro capo della valle. Anche qui divertimento e sicurezza sono garantiti. Situato sul Passo Brocon, al confine con il Veneto, offre 15 km di piste sempre ben imbiancate grazie a un efficiente sistema di innevamento programmato. Le opzioni per giornate sulla neve sempre diverse non mancano: gli appassionati di sport invernali, infatti, hanno qui a disposizione la pista per bob e slittini servita da un comodo tapisroulant per la risalita, la pista gommoni, il tracciato dotato di cronometro per adrenaliniche competizioni sugli sci tra amici e percorsi più impegnativi come la nera Strafaiole o le numerose rosse. Sul passo Brocon si scia anche di sera, ogni mercoledì e venerdì fino alle 22.30. Gli amanti dello sci-alpinismo possono effettuare emozionanti risalite sotto le stelle.

PASSEGGIATE SULLE CIASPOLE Ma lo sci non è tutto. La Valsugana, infatti, nel periodo invernale offre anche numerosi percorsi da affrontare con le ciaspole ai piedi: dalle dolci passeggiate in Val Calamento, Val Campelle e Valle dei Mocheni alle viste impagabili dalle cime del Pizzo di Levico e del Dosso di Costalta. Tappa d’obbligo sono inoltre i rifugi in quota come (Sette Selle, Serot e Malga Conseria), che sanno rinfrancare anche i più freddolosi con la loro calda accoglienza e i rinvigorenti piatti della tradizione trentina.


www.visitvaslugana.it/sostenibilita www.panarotta.it www.skilagorai.it www.visitvalsugana.it/inverno www.visitpergine.it

Con i suoi 18 km di piste, a soli 12 km da Levico Terme, Panarotta 2002 è un punto di riferimento per chi vuole passare una giornata in alta quota all’insegna del divertimento. Il comprensorio offre piste dalle delicate pendenze e panorami mozzafiato, con la vista che spazia fino alle Dolomiti di Brenta. Il Baby Park presso la Scuola Italiana di Sci Panarotta 2002, nel periodo natalizio propone animazioni ogni giorno. Da provare la nuova pista per slittini da 1800 metri servita da una seggiovia per la risalita.

ARTE E CULTURA Anche per gli appassionati che vogliono dedicare un giorno alla scoperta di arte e cultura del territorio le alternative sono innumerevoli. D’obbligo la visita delle antiche chiesette, degli affascinanti borghi alpini e delle imponenti fortezze asburgiche che raccontano la storia del primo conflitto mondiale sul fronte del Trentino Orientale. Da non perdere, inoltre, una tappa all’Osservatorio Astronomico del Celado da dove lo spettacolo delle stelle è ancora più emozionante.

Arte Sella, infine, è la fusione perfetta tra arte e cultura: un’esposizione internazionale di arte a cielo aperto, con opere realizzate prevalentemente in materiali naturali come sassi, tronchi e alberi.

SETTIMANE BIANCHE LOW COST! Pronti a una vacanza coi fiocchi (di neve) in Valsugana? Dal 5 al 24 dicembre 2021 e dal 9 gennaio al 25 marzo 2022, cinque notti con colazione (arrivo domenica, partenza venerdì) + cinque giorni skipass diurno (dal lunedì al venerdì) costano 215,00 Euro a persona in alta stagione (195,00 Euro per bambini 3-7 anni) e 195,00 Euro (175,00 Euro bambini 3-7 anni) in bassa. I bambini da 0 a 2 anni potranno usufruire gratuitamente dell’offerta.

IL MERCATINO DI NATALE DI LEVICO TERME Giunto alla 20° edizione, il Mercatino di Natale di Levico Terme è ospitato all’interno del Parco Secolare degli Asburgo, il più importante giardino storico dei Grandi Giardini Italiani. Il Mercatino ha il sapore di una favola antica che prende vita in un luogo incantato dove grandi e piccini potranno lasciarsi trasportare delle emozioni. Un viaggio tra l’eccellenza dei prodotti artigianali, decorazioni natalizie, tutto il gusto dei sapori di montagna, gli alberi secolari ricoperti da un mantello di luci, il profumo di spezie e vin brûlé. Da questo luogo incantato il grazioso centro di Levico Terme è poco distante: da vedere il “Presepe vizin a cà”, gli oltre cento presepi di artigianato locale e nazionale in mostra ed “EcontrArte”, evento in cui gli scultori lavorano dal vivo tronchi in legno per comporre i nuovi personaggi del maestoso presepe a grandezza naturale che si trova in Piazza della Chiesa.

NATALE A PERGINE VALSUGANA Aspettando il Natale a Pergine è una manifestazione che trasformerà il centro storico del piccolo borgo in un vero e proprio villaggio di Natale con tanto di gnomi ed elfi. Una festa a misura di famiglia in un mondo magico e fiabesco. Date e orari su www.visitpergine.it

GOWINTER

SKIAREA PANAROTTA 2002

39


Val d’Ega

A CAREZZA E OBEREGGEN SI SCIA CON TUTTA LA FAMIGLIA

Nei comprensori di Carezza e Obereggen proposte turistiche per chi ama lo sci, per i bambini e per chi vuole gustare la cucina locale al cospetto delle Dolomiti

INSIEME SULLE DOLOMITI Ogni occasione dovrebbe essere buona per concedersi una vacanza bianca in Val d’Ega dove la stagione sciistica durerà fino al 18 aprile 2022. Prima di tutto perché lo scenario offerto dai massicci del Catinaccio e del Latemar è di incomparabile bellezza (sono infatti Patrimonio Naturale dell’Umanità UNESCO), poi perché nei comprensori sciistici di Obereggen e Carezza, a soli 20 minuti da Bolzano, si trovano due aree sciistiche, Carezza e Obereggen, con in totale 90 km di piste da discesa, ben 100 dedicati al fondo, 3 piste per lo slittino, 2 snow-park oltre a tantissime alternative per chi vuol dedicarsi al pattinaggio su ghiaccio e alle passeggiate. Sono località perfette per le coppie e le famiglie che qui,

lontano dalla ressa, hanno a disposizione strutture alberghiere di alto livello capaci di rispondere in modo personalizzato a ogni richiesta.

Le novità che renderanno unica la stagione sciistica 2021-2022? • L’inaugurazione (il 15 gennaio 2022) della funivia di Tires da San Cipriano alla Malga Frommer nell’area di Carezza, caratterizzata da una spettacolare cabina da 60 posti con terrazza panoramica sul tetto. • La nuova cabinovia Re Laurino che porta direttamente ai piedi del Catinaccio a 2337 m. La sua stazione a monte è invisibile e rievoca il regno leggendario del Re dei nani Dolomitici. • L’attivazione di un servizio di skibus tra Obereggen e Carezza per poter divertirsi su due aree sciistiche a solo 25 min. di distanza l’una dall’altra.

LE PROPOSTE DI CAREZZA

GOWINTER

Carezza è particolarmente apprezzata per le sue piste di ogni colore e per la ricca proposta del comprensorio associato della Val di Fassa. In totale, con lo skipass si ha libero accesso a 110 km di piste e 54 impianti di risalita che garantiscono varietà e divertimento sia ai principianti che ai più esperti in famiglia.

40

Rifugio Oberholz - Obereggen - Foto: Oskar Da Riz

Nel regno di re Laurino, sovrano dei nani delle Dolomiti, i bambini possono seguire lezioni di sci con i maestri delle scuole locali, concedersi momenti di svago partecipando alle attività a cura degli animatori e concludere il pomeriggio trascorrendo un po’ di tempo nella moderna sala giochi.


IL MERCATINO DI NATALE

Sciare a Carezza Foto: Ivan Göller

Nuova funivia cabrio - Carezza Rendering Doppelmayr

Parco Brunland - Obereggen Foto: Antie Brado

OBEREGGEN NIGHT & DAY Sci, snowboard, slittino e lunghe passeggiate caratterizzano l’offerta turistica di Obereggen, all’ombra del Latemar. Il consiglio è quello di godersi un’intera settimana in questa località per regalarsi meravigliose serate con gli sci ai piedi sulla pista Obereggen che il martedì, giovedì e venerdì è perfettamente illuminata dalle ore 19:00 alle 22:00. Negli stessi orari sono disponibili anche il Night SnowPark e la pista da slittino. Tra le aree più apprezzate e soleggiate delle Alpi, Obereggen, oltre ad essere uno dei 12 comprensori del Dolomiti Superski, fa parte del consorzio Obereggen-Val di Fiemme, il cui skipass permette di sciare su ben 111 chilometri di piste del

DIVERTIMENTO PER TUTTA LA FAMIGLIA In Val d’Ega, i bambini fino agli 8 anni (non compiuti) sciano gratis. L’originale Brunoland e lo Yeti Park a Obereggen sono aree attrezzate per lo sci dei più piccoli. A Predazzo da provare l’Alpine Coaster, veloce pista da slittino che attraversa il bosco. Il Kinderland Re Laurino, il Naniland, la pista a tema con sei stazioni, il percorso delle leggende, lo snowpark con tanto di Kids & Family Fun Line, la pista da slittino e il servizio babysitter rendono Carezza l’area sciistica per famiglie numero 1.

DOLOMITI SEMPRE PIÙ GREEN! La sensibilità ai temi ambientali è alla base di una particolare attenzione alle misure di risparmio energetico nel comprensorio di Carezza che punta a diventare “neutral” entro il 2025. Obereggen, invece, vanta da 16 anni un sistema di gestione ambientale certificato ISO 14001. Il rifugio Oberholz a 2096m viene riscaldato esclusivamente con geotermia. comprensorio Obereggen, Pampeago e Predazzo e del Cermis-Cavalese, Alpe Lusia e Bellamonte in Val di Fiemme. Le sue piste sono di particolare qualità, tanto da aver conseguito le cinque stelle dal portale internazionale di test Skiresort.de. Tutto questo senza tralasciare le proposte per chi desidera alternare allo sci momenti di divertimento in famiglia: Obereggen è infatti sede del parco a tema Brunoland, dove il simpatico orso Bruno è sempre pronto a rallegrare le giornate dei suoi piccoli amici, nonché dello Yeti Park. Notevole anche l’offerta gastronomica firmata da 12 splendidi rifugi con ampie terrazze panoramiche.

www.eggental.com info@valdega.com eggental_valdega EggentalValdega

PROMO CAREZZA ALL FAMILY dal 2 al 9 gennaio dal 29 gennaio al 2 febbraio e dal 5 al 19 marzo

7 PERNOTTAMENTI CON ALLOGGIO E SKIPASS GRATUITO PER TUTTI I BAMBINI SOTTO GLI 8 ANNI

30% DI SCONTO PER I RAGAZZI FINO A 16 ANNI SULLO SKIPASS FASSA-CAREZZA 6 GIORNI

DOLOMITI SUPER PREMIÈRE a Obereggen fino al 22 dicembre 1 GIORNATA GRATUITA OGNI 4 (2 nel caso di permanenze di 8 giorni) La proposta copre alloggio e skipass, senza contare che anche le scuole di sci e i noleggi mettono sul piatto corsi e attrezzature a prezzi incredibilmente vantaggiosi

OBEREGGEN FOR FAMILIES dal 9 al 29 gennaio e dal 20 marzo al 18 aprile SOGGIORNI COMPRENSIVI DI SCI E DIVERTIMENTO A PREZZI PICCOLI

GOWINTER

Il Mercatino natalizio della Val d’Ega è certificato come “Green Event” ed è immerso nella cornice naturale del suggestivo Lago di Carezza. Il 27 e 28 novembre, 4 e 5 dicembre, 11 e 12 dicembre, 18 e 19 dicembre 2021 l’offerta “Magie natalizie al Lago di Carezza” comprende 2 pernottamenti con colazione, 1 escursione guidata attorno al lago con le lanterne e vin brulè o succo di mela caldo. Come souvenir 1 tazza natalizia.

41


WINTER TECHNOLOGY

Fabbrica italiana dal 1919

CAT S1

CAT S 2

C AT S 3

LENTE FOTOCROMATICA SPECCHIATA MIRROR PHOTOCHROMIC LENS

saliceocchiali.it


Mare d’Inverno

Scorci incantevoli e temperature miti regalano un piacevole break nella stagione fredda


ALLA SCOPERTA DELLE CITTÀ MONUMENTALI

L’arcipelago maltese, posizionato nel centro esatto del Mar Mediterraneo, con i suoi oltre 7000 anni di una storia, vanta uno straordinario patrimonio culturale

VALLETTA, LA CAPITALE

tela vanta ben due primati: è la più grande che l’artista abbia mai dipinto ed è l’unica che abbia mai firmato.

Le città monumentali dell’arcipelago sono veri e propri gioielli architettonici e tra queste la più celebrata ed emblematica è certamente la capitale. Posizionata sul Monte Sciberras, un promontorio incastrato tra due porti naturali, Valletta deve la sua fondazione a Il Gran Maestro dei Cavalieri di San Giovanni, Jean Parisot de Valette, che, sebbene non visse abbastanza per vedere il completamento della città, questa fu battezzata col suo nome: Valletta.

Oltre ai monumenti, la città vanta anche molti musei dedicati ad arte, storia e archeologia. Grazie alla sua posizione centrale e alla grande stazione dei bus che si trova subito fuori le mura, Valletta è infine uno strategico punto di partenza per continuare le esplorazioni anche nel resto dell’Arcipelago.

Tra i monumenti più famosi, imperdibile la Concattedrale di San Giovanni che oltre ad essere un tripudio del Barocco più opulento, è lo scrigno che preserva due capolavori di Caravaggio. Il tormentato artista trascorse a Malta un breve periodo, tuttavia sufficiente per ricevere il titolo di cavaliere. Arrivò a Malta in cerca di asilo per aver compiuto un delitto in Italia e altrettanto improvvisamente abbandonò l’arcipelago, non senza aver lasciato qui due tra le opere più famose: il San Girolamo Scrivente e la Decollazione di San Giovanni. Quest’ultima

Negli oltre 450 anni di storia, la capitale maltese ha saputo evolversi con costanza e continuità, senza mai stravolgere il suo carattere originario. Oggi, attraversando le grandi mura che la circondano si incontra una città frizzante, ricca di cultura e di arte, che, pur nelle sue limitate dimensioni, ha saputo tenere il passo con la contemporaneità, sempre preservando la propria peculiare identità. Oggi nel cuore della capitale si possono trovare raffinati palazzi storici trasformati in boutique hotel che, tra design e tradizione maltese, spa e piscine sui rooftop, offrono ospitalità e servizi di altissimo livello.

GOWINTER

LE TRE CITTÀ

44

Scendendo dai bastioni degli Upper Barrakka Gardens con il suggestivo ascensore panoramico, si arriva al livello del mare. Da qui, grazie ad una breve escursione a bordo di una Dghajsa, la tipica gondola maltese, è possibile attraversare il Grand Harbour, e raggiungere le Tre Città: Vittoriosa, Senglea e Cospicua. Vittoriosa, in Maltese nota anche come Birgu, è la più antica di queste e risale all’epoca medievale, mentre le altre due Senglea (Isla) e Cospicua (Bormla) furono fondate dai Cavalieri Ospitalieri. Percorrendo Birgu fino alla punta estrema, si raggiunge Forte Sant’Angelo, che tra le


www.visitmalta.com www.ilblogdimalta.com @visitmaltaIt @visitmaltaIt

MDINA Per vivere un’altra esperienza a stretto contatto con la storia maltese, è senz’altro da visitare Mdina, l’antica capitale di Malta. Posta su un altipiano al centro dell’isola, fu costruita dai Fenici che scelsero il luogo su cui fondarla per gli ovvi vantaggi difensivi. Questa posizione permette oggi di godere di un incredibile panorama a 360° su tutta l’isola.

La città è priva di traffico ed è conosciuta anche come la città del silenzio: gli splendidi palazzi sono principalmente edifici nobiliari. Mdina è una città da ammirare in tutta calma, passeggiando tra i vicoli e programmando di fare una pausa ristoratrice in una delle caffetterie poste in punti panoramici sui bastioni cittadini, magari al tramonto, quando la città si svuota dai turisti e le campagne circostanti sono inondate dalla luce dorata del sole.

LA CITTADELLA DI GOZO

ENOGASTRONOMIA DI QUALITÀ

fortezze maltesi è di sicuro quello che ha avuto il ruolo più importante nella storia difensiva dell’arcipelago: affacciandosi dalle sue mura si può godere del panorama dello skyline di Valletta. Altro luogo privilegiato da cui ammirare la capitale posta al di là del porto, è la gardjola di avvistamento che si erge in cima alle mura fortificate di Senglea.

Quando si parla di Malta è doveroso dedicare un capitolo al buon cibo. A Malta abbondano prodotti enogastronomici di eccellente qualità. Sempre più cantine vitivinicole producono ottimi vini e il mare è colmo di deliziosi prodotti ittici: pesci come la lampuga sono alla base di ricette della tradizione locale. Sulle isole si tramandano antiche preparazioni che continuano a deliziare i palati da secoli. Non sorprende quindi che qui

si possa degustare un’ottima cucina che è frutto di numerose influenze, lasciti delle tante popolazioni che negli oltre 7000 anni di storia, si sono insediate tra queste isole. Qualunque sia il tipo di esperienza culinaria che si desidera provare, che si tratti di uno spuntino veloce a base dei tipici pastizzi, di qualcosa di ricercato come i raffinati menù di un ristorante stellato Michelin o un’esperienza appetitosa alla scoperta dei piatti della tradizione locale, c’è sempre qualcosa che può soddisfare le aspettative del visitatore.

GOWINTER

Victoria è il capoluogo e centro di Gozo, la seconda isola dell’arcipelago maltese. Si tratta di un insediamento che ha origini neolitiche, anche lei costruita su un altipiano e circondata da alti bastioni, recentemente riportati all’antico splendore. È un piccolo e vivace centro da cui si dipanano tutte le principali strade dell’isola. Victoria è comunque ricca di attrattive e la Cattedrale dell’Assunzione e la Basilica di San Giorgio ne sono solo alcuni esempi.

45


UNA PERLA NEL GOLFO DEL TIGULLIO

Clima mite, locali e ristoranti alla moda, botteghe storiche e boutique eleganti: una meta che ha tanto da offrire anche in inverno UNA META CHE SPLENDE TUTTO L’ANNO Da Genova a La Spezia è un susseguirsi di borghi colorati, cittadine incantevoli incastonate fra le colline e il mare. Parliamo del Levante ligure, celebre ovunque per le Cinque Terre e per Portofino, ma non solo. Il Tigullio si estende dal promontorio di Portofino fino a Sestri Levante: al centro di questa magnifica area si trova Rapallo. Si tratta di uno dei comuni più estesi della zona, cresciuto durante la Belle Epoque con le sue ville e i palazzi Liberty, conservando in parallelo la sua anima di borgo marinaro. Splendida d’estate, Rapallo è meta perfetta anche durante l’inverno: è un luogo che ha molto da offrire in ogni mese dell’anno, con il suo clima mite, i locali e i ristoranti alla moda, i negozi aperti anche nei giorni festivi per lo shopping.

GOWINTER

INNAMORATI, TREKKING E... CAMOGLI

46

Rapallo si trova al centro di un territorio molto ricco dal punto di vista turistico. Ecco perché vale la pena di andare a scoprire anche i suoi dintorni. Per esempio è possibile raggiungere Portofino lungo la passeggiata dei baci: dal castello di Rapallo si snoda un romantico percorso pedonale sul mare, su uno dei tratti di costa più suggestivi di tutta la Liguria. Il viaggio di ritorno può essere completato con i battelli di linea, impegnati a coprire la tratta

fra Rapallo, Santa Margherita Ligure e ritorno, permettendo di ammirare panorami mozzafiato. Da non perdere i monti e le colline limitrofe, a partire dal Monte di Portofino: sono parecchi i sentieri che consentono di fare trekking in ogni stagione contemplando il paesaggio dall’alto. Un suggerimento su tutti: la bellissima camminata da Portofino all’Abbazia di San Fruttuoso, con il sentiero a strapiombo sul mare (serve circa un’ora e trenta di cammino). L’ultima battuta è per Camogli: dista soli 5 minuti di treno e da sempre incanta i visitatori con il fascino unico.

I “CARUGGI” E IL LUNGOMARE Fiore all’occhiello è il centro storico, composto da una fitta rete di “caruggi”, le strette viuzze pedonali che caratterizzano i borghi liguri. Ecco dunque case alte e strette, dai colori vivaci e dipinte con gli affreschi trompe-l’oeil tipici di questa regione. Non è raro vedere finestre dipinte sulle facciate delle case liguri, per via di una tecnica utilizzata per aggirare una legge del 1798: imponeva una tassa proprio sul numero di finestre. Oggi i vicoli pedonali dell’antico borgo medievale si sono trasformate nelle vie del passeggio e dello shopping. Spazio dunque a botteghe storiche che vendono prodotti alimentari, capitanati dalla focaccia ligure, affiancati da boutique eleganti e locali di tendenza. Altro punto di assoluto interesse è il lungomare Vittorio Veneto: è la passeggiata per eccellenza di Rapallo, fra il fascino del mare e quello dei palazzi liberty, affiancata da palme e aiuole e in grado di offrire una fantastica panoramica sull’intero golfo. Questo è considerato il “salotto” di Rapallo, costellato di numerosi ristoranti dove consumare anche all’aperto durante le belle giornate invernali. Al centro della passeggiata si trova il Chiosco della Musica, una costruzione in stile Liberty, usata tutt’ora per ospitare i concerti bandistici: l’affresco della cupola rappresenta i più importanti compositori.

IL CASTELLO SUL MARE Impossibile trascurare il castello sul mare, ovvero il simbolo di Rapallo, situato all’estremità orientale del lungomare Vittorio Veneto. Si tratta di un castello unico, perché costruito su un piccolo promontorio roccioso sul mare, un forte realizzato con scopi difensivi nel 1550, in seguito all’assalto del corsaro Dragut alla città di Rapallo. Oggi è utilizzato per fiere e mostre: l’evento più importante che ospita va in scena ogni anno il 3 luglio, in occasione dei festeggiamenti per la ricorrenza dell’apparizione di N.S. di Montallegro. Dopo ben tre giorni di spettacoli pirotecnici, il castello è incendiato da uno straordinario spettacolo di luci.


Grand Hotel Bristol

Le Cupole ristorante

ERRE SPA

Via Aurelia Orientale 369 16035 - Rapallo (Ge) tel: +39 0185 273 313 www.grandhotelbristol.it info@grandhotelbristol.it

Ospitalità Made in Italy www.rcollectionhotels.it press@rcollectionhotels.com


GO Winter Concessionaria pubblicitaria: Publi (iN) - Via Campi 29/L - Merate (LC) Grafica e impaginazione: Clarissa Cangemi Stampa: Tiber Spa - Via della Volta, 179 - Brescia (BS) Finito di stampare: dicembre 2021 Copia omaggio in allegato al numero odierno dei settimanali del circuito Netweek Tutti i diritti riservati. E' vietata ogni riproduzione, anche parziale. I trasgressori verranno perseguiti a norma di legge.



Il regalo più alto d’Italia.

Acquistalo sul nostro shop online montebianco.com