__MAIN_TEXT__

Page 1


UNISCITI A NOI Basta poco per dare tanto. Unisciti a noi e sostieni anche tu

Caritas Diocesana di Pistoia

Caritas Diocesana di Pistoia

Fino al 30 aprile 2021, direttamente in cassa,

fai anche tu una donazione per un valore minimo di 1€ a favore dell’Emporio della Solidarietà: Via G. Ferraris, 7 - Zona S. Agostino (PT)

PUNTI VENDITA ADERENTI: • Conad Superstore Viale Adua, 223 • Conad Via Fiorentina, 85 • Sapori&Dintorni Conad Corso A. Gramsci, 17

• Conad City • Conad City Via Capitini Via degli Oleandri, 6 - Loc. Nespolo • Conad City • Conad City Largo S. Biagio, 125 Via del Lago, 41 • Conad City • Conad City Via P. Foresi - Loc. Bottegone Via dello Stadio, 4

• Conad City Via Enea Colzi, 13/17 - Agliana (PT) • Conad City Via Roma, 39 - Quarrata (PT) • Conad City - Via Provinciale Montalbano 371/b, Loc. Casalguidi - Serravalle Pistoiese (PT)


4 7 10 14

Giovanni Capecchi Direttore Editoriale Managing Editor —

g.capecchi@discoverpistoia.it

Dalla parte della cultura

P

ochi giorni fa si è riunita la redazione di NATURART, che discute periodicamente sulla rivista ‘madre’ (appunto NATURART) ma anche sul magazine ‘figlio’ (che sarebbe “Discover”). Dalla riunione è emersa con forza una volontà: fare in modo che i due strumenti informativi e promozionali aiutino, con i mezzi a loro disposizione, le realtà culturali che, con il Covid, hanno dovuto interrompere le loro attività, rischiando – in alcuni casi – la chiusura.Un territorio più povero dal punto di vista culturale è un territorio destinato ad impoverirsi anche sotto

www.discoverpistoia.it

molti altri aspetti, da quello sociale a quello economico. “Discover Pistoia” e NATURART sono nati per stare dalla parte della cultura. Ma cercheranno di farlo, se possibile, con una dose ancora maggiore di attenzione e di concretezza, affiancando la riapertura degli spazi di incontro che speriamo sia imminente, sostenendo le realtà che, con molte difficoltà (anche economiche) si arricceranno le maniche per ricominciare. Lo faranno aiutando gli eventi ad avere la visibilità che meritano, portando e presentando la rivista e il magazine in luoghi travolti dalla pandemia e pronti alla nuova sfida: quella della sopravvivenza e della presenza.

DISCOVER PISTOIA È UN PROGETTO DI COMUNICAZIONE INTEGRATA, CHE COMPRENDE UN SITO WEB DI VALORIZZAZIONE TERRITORIALE E UN URBAN MAGAZINE MENSILE DISTRIBUITO GRATUITAMENTE SCOPRI PISTOIA CON NOI SU www.discoverpistoia.it

Direttore Editoriale Giovanni Capecchi - g.capecchi@discoverpistoia.it Direttore Responsabile Emanuele Begliomini - redazione@discoverpistoia.it Art Director Nicolò Begliomini - n.begliomini@giorgiotesigroup.it

22 26 GIORGIO TESI EDITRICE s.r.l.

EDITORIALE

Sommario

Coordinamento Redazionale Lorenzo Baldi - redazione@discoverpistoia.it

Coordinamento Grafico Carolina Begliomini c.begliomini@giorgiotesigroup.it Pubblicità Maria Grazia Taddeo commerciale@discoverpistoia.it Segreteria Irene Cinelli redazione@discoverpistoia.it

Stampa - Industrie Grafiche Pacini

Registrazione Tribunale di Pistoia - N°628/2018 del 9 Aprile 2018 Iscrizione al ROC (Registro Operatori della Comunicazione) n° 30847 del 15 Gennaio 2018

SEZIONE DI PISTOIA

Comune di Pistoia

Comune San Marcello Pitglio

Comune Quarrata

Via di Badia, 14 - 51100 Bottegone - Pistoia -Italy Tel. +39 0573 530051 - Fax +39 0573 530486 - redazione@discoverpistoia.it


FOCUS

FOCUS

Le prime riaperture Dal Lunedì al venerdì tornano visitabili i Musei e le mostre. Riaperto anche il Giardino Zoologico.

Testo a cura di Lorenzo Baldi

4 | DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021

L’inizio di questo 2021 - inaugurato sabato 9 Gennaio come Anno Iacopeo con l’apertura da parte del vescovo di Pistoia Monsignor Fausto Tardelli della porta Santa del Duomo di Pistoia – ha visto finalmente anche le prime timide riaperture di attività legate al mondo della cultura, dell’arte e della natura, messe a dura prova dalla pandemia da Covid-19. Per la nostra città l’Anno Iacobeo rappresenta un appuntamento molto importante che pur in un periodo complicato dall’emergenza legata al coronavirus, è certamente un’occasione unica per tutto il nostro territorio e per la consacrazione di Pistoia come tappa fondamentale del Cammino di San Iacopo, come città “crocevia di cammini” ma anche per consolidare l’importante ruolo di città d’arte e cultura e di meravigliosa mèta turistica toscana tutta da scoprire. Proprio in questo contesto quindi, queste riaperture di musei, mostre, e altre attività legate al turismo e alla cultura, seppure con molte precauzioni rappresentano finalmente una luce in fondo al tunnel non solo per l’indotto che gravita intorno ai

settori interessati, ma anche per tutti noi, chiamati in questo momento a confermare con forza il nostro senso di appartenenza alla città e al territorio, fattore determinante in tutte le azioni di promozione e valorizzazione sociale, turistica, artistica e culturale. A Pistoia, Fondazione Pistoia Musei riapre le sue sedi espositive. Da giovedì 21 gennaio la sede di Palazzo de’ Rossi, che ospita la mostra Pistoia Novecento. Sguardi sull’arte

dal secondo dopoguerra a cura di Alessandra Acocella, Annamaria Iacuzzi, e Caterina Toschi, accoglie di nuovo i visitatori in ottemperanza al DPCM del 16 gennaio 2021 che consente la riapertura dei musei in Toscana e sarà visitabile dal lunedì al venerdì con orario continuato dalle 11.00 alle 19.00, mentre resterà chiusa nel fine settimana. In seguito alle nuove disposizioni, è in programma, lunedì 8 febbraio 2021, anche l’apertura della grande e attesissima


suoi splendidi scatti in bianco e nero in Burkina Faso, nella cava di Pissy, “il buco del diavolo”, vero e proprio inferno rovente dove, tra fumo e polveri donne e bambini lavorano in condizioni disumane. E riaperto, dopo lungo tempo, anche il Giardino Zoologico di Pistoia, parco con oltre 400 animali e 7 ettari di estensione, una vera e propria eccellenza del nostro territorio. Per dimensione e importanza dell’attività didattica e di conservazione delle specie

animali, il parco costituisce una delle principali strutture del genere in Italia, proponendosi come centro per accrescere nel pubblico la conoscenza della biodiversità e il suo valore per la vita umana. Ripartono anche le prime visite guidate e proprio in questo contesto segnaliamo che la Villa Medicea La Magia di Quarrata - unico patrimonio Unesco della provincia di Pistoia - torna ad essere visitabile (per un massimo di 15 persone per volta) ogni venerdì pomeriggio fino al 5 Marzo, solo su prenotazione, a partire dalle ore 16.00. Il percorso guidato comprende la visita sia del parco, con la sua collezione di arte contemporanea “Lo Spirito del Luogo”, sia dei locali interni della Villa.

DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021 | 5

antologica AURELIO AMENDOLA. Un’antologia a cura di Paola Goretti e Marco Meneguzzo, inizialmente prevista a novembre scorso. Dopo oltre due mesi di chiusura, sono riaperti al pubblico il Museo del Ricamo a Palazzo Rospigliosi, il Museo Civico d’arte antica in Palazzo Comunale, il Museo dello Spedale del Ceppo e il Museo del Novecento e del Contemporaneo di Palazzo Fabroni con la mostra di Andrea Mastrovito. Aperti, solo prenotazione, anche la Casa Studio di Fernando Melani, Pistoia Sotterranea e a Campo Tizzoro il Museo SMI. Riaperti anche I Musei Civici di Monsummano Terme .Fino all’11aprile, al Mac,n, visitabile la mostra di Yorgos Giotsas, “The Unseen D.B.: New Works by Yorgos Giotsas” a cura di Paola Cassinelli e Marco Giori mentre al Museo della Città e del Territorio sarà possibile ammirare la mostra fotografica “Le donne e i bambini della cava di Pissy” - a cura di Giuseppina Carla Romby - dove Francesco Noferini, fotografo ed editore mugellano, ci trasporta, con i


FONDAZIONE PISTOIA MUSEI

Aurelio Amendola Un’antologia. Michelangelo, Burri, Warhol e gli altri Dall’8 febbraio al 25 luglio 2021 una mostra con oltre duecento opere dal 1960 a oggi

FONDAZIONE PISTOIA MUSEI

intensità, capace di trasformare elementi naturali in metafore di sensualità e carnalità, saldamente ancorato al contesto culturale toscano e alla sua Pistoia in particolare, e tuttavia non soltanto artista del genius loci ma interprete della creatività universale. AURELIO AMENDOLA | Un’antologia. Michelangelo, Burri, Warhol e gli altri, si articola in due grandi parti – Antico e Contemporaneo – legate da continui rimandi figurativi, che ripercorrono

6 | DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021

L’Antico, l’Antichissimo, l’Avanguardia e il Contemporaneo, gli happening degli anni Settanta, gli atelier, il dedalo delle amicizie e delle collaborazioni, le grandi mostre, i piccoli musei: con AURELIO AMENDOLA | Un’antologia. Michelangelo, Burri, Warhol e gli altri, mostra antologica dedicata a un maestro della fotografia italiana, dall’8 febbraio al 25 luglio 2021 Fondazione Pistoia Musei porta in scena nelle sue due sedi di Palazzo Buontalenti e dell’Antico Palazzo dei Vescovi la Bellezza raccontata in oltre duecento immagini. Aurelio Amendola, abile sperimentatore di accostamenti inediti tra Antico e Contemporaneo, è tra i fotografi più eleganti e prolifici del nostro tempo: le sue immagini hanno una forza antica di milioni di anni e, allo stesso tempo, trasmettono pura grazia e melodia. La mostra della Fondazione Pistoia Musei vuole essere un omaggio alla carriera di un autore di grande

oltre 60 anni di attività e tutti i generi nei quali l’autore si è sperimentato, approfonditi da specifiche sezioni della mostra. Si tratta della prima esposizione che raccoglie la quasi totalità della produzione di Amendola, offrendo al pubblico l’opportunità di ammirarne la coerenza figurativa, il legame con la tradizione classica, con la storia dell’Arte e della Fotografia, con i grandi maestri contemporanei.

MOSTRE

PISTOIA NOVECENTO Il design radicale degli Archizoom, la logica binaria delle opere di Gianfranco Chiavacci, i collage di Remo Gordigiani, le ricerche astrattiste di Gualtiero Nativi, Mario Nigro e Fernando Melani, i dipinti e gli oggetti pop di Roberto Barni, Umberto Buscioni, Adolfo Natalini e Gianni Ruffi: sono oltre 70 le opere che scandiscono il secondo capitolo del progetto PISTOIA NOVECENTO con il percorso di Sguardi sull’arte dal secondo dopoguerra, allestimento temporaneo a lungo termine a cura di Alessandra Acocella, Annamaria Iacuzzi, Caterina Toschi che Fondazione Pistoia Musei ha riaperto al pubblico dopo un periodo di chiusura forzata e che sarà visitabile fino al 22 agosto 2021 nella sede di Palazzo de’ Rossi. PISTOIA NOVECENTO è il grande progetto dedicato alla collezione permanente di Fondazione Pistoia Musei con opere delle collezioni di Fondazione Caript e Intesa Sanpaolo, pensato per consentire una lettura il più possibile esaustiva del panorama artistico pistoiese nel suo articolarsi attraverso il secolo scorso.

Sguardi sull’arte dal secondo dopoguerra raccoglie, oltre alle opere degli autori pistoiesi presenti nella collezione permanente di Fondazione Pistoia Musei, alcuni lavori di artisti non locali ma che con la città hanno intrattenuto rapporti di scambio e dialogo, oltre a prestiti da collezioni pubbliche e private. Uno specifico indirizzo di curatela ha voluto inoltre arricchire il percorso espositivo con la riproduzione di un’ampia selezione di documenti (fotografie, lettere, manifesti, inviti, video): un’operazione inedita volta a narrare la vivacità del clima artistico pistoiese nel contesto più ampio della cultura toscana, nazionale e internazionale. Info e prenotazioni: wwwfondazionepistoiamusei.it


www.fondazionecrpt.it

Vicini alla città e al territorio Anche nel 2021 Fondazione Caript intende orientare l’attività erogativa attraverso la pubblicazione di bandi specifici con lo scopo di stimolare una maggiore innovatività edizione sarà di 250mila euro e potrà essere destinato all’acquisto di mezzi nuovi o usati, oppure a interventi di manutenzione straordinaria o riadattamento. Di prossima uscita anche la prima edizione di Piccole Bellezze, il bando che vuole incentivare le comunità locali a elaborare progetti di recupero, abbellimento e manutenzione programmata di luoghi trascurati o degradati, restituendo loro una dignità, una “piccola bellezza” da armonizzare con il patrimonio che li circonda. Infatti, oltre alla quantità dei beni ambientali primari (chiese, palazzi, monumenti, piazze...) presenti sul territorio, essenziali sono anche il benessere e il piacere che possono scaturire dal prendersi cura di luoghi più nascosti, ordinari, casuali. Mettendo a disposizione

un plafond complessivo di 200mila euro, la call si propone quindi di supportare interventi di cura e rigenerazione delle nostre aree urbane, che mirino in particolare a creare spazi verdi, creando situazioni di coinvolgimento e collaborazione con le comunità. I referenti di questo bando possono essere diversi, dalle amministrazioni locali alle associazioni, dalle pro loco alle scuole, dalle cooperative al mondo del vivaismo. Per maggiori informazioni sull’attività erogativa della Fondazione e per consultare l’intero cronoprogramma dei bandi si rimanda al sito www. fondazionecrpt.it, dove sono inoltre consultabili il Documento Previsionale e Programmatico per il 2021 e il Documento Programmatico per il Triennio 2021-2023.

BANDO

Sì … Geniale!

La programmazione inizia nel mese di febbraio con la pubblicazione di Mettiamoci in moto!, iniziativa, ormai consolidata nel tempo, finalizzata all’acquisto di automezzi e autoambulanze e rivolta alle associazioni di volontariato della provincia di Pistoia. Il plafond a disposizione in questa nuova

Sì … Geniale!, il bando dedicato a tutte le scuole di ogni ordine e grado, torna con un’edizione speciale! Partecipa con compagni e insegnanti realizzando un video-racconto di un progetto didattico. Puoi spaziare in tutti gli ambiti disciplinari, dalla matematica alla letteratura, dalla chimica alla filosofia, alla robotica all’arte e alla musica, lavorando in classe o da casa. Scopri come partecipare su www.fondazionecrpt.it e libera la tua creatività!

DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021 | 7

SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO

FONDAZIONE CARIPT


In collaborazione con

MUSEI

ARTE E CULTURA

www.musei.comune.pistoia.it

La (seconda) riapertura al pubblico dei Musei Civici Da lunedì 18 gennaio, dopo oltre due mesi di chiusura, sono riaperti al pubblico il Museo Civico d’arte antica in Palazzo Comunale, il Museo dello Spedale del Ceppo e il Museo del Novecento e del Contemporaneo di Palazzo Fabroni con la mostra di Andrea Mastrovito

Testo a cura di Musei Civici

8 | DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021

Chiusi al pubblico dal 6 novembre scorso a causa della seconda ondata dell’emergenza sanitaria da Covid-19, i Musei Civici (Museo Civico d’arte antica in Palazzo Comunale, Museo dello Spedale del Ceppo e Museo del Novecento e del Contemporaneo di Palazzo Fabroni) e la mostra ANDREA MASTROVITO | IO NON SONO LEGGENDA a Palazzo Fabroni sono ora riaperti al pubblico, nella consapevolezza di essere luoghi sicuri al servizio della società, che contribuiscono al benessere e alla qualità della vita degli individui e della collettività, ai quali tutti i cittadini possono avvicinarsi per nutrire, attraverso l’arte, il pensiero e l’immaginazione. Il DPCM 14 gennaio 2021, in vigore fino al prossimo 5 marzo, ha previsto all’art. 1, comma 10, lettera r) la riapertura dei luoghi della cultura nelle regioni in area gialla, come la Toscana, nei giorni feriali dal lunedì al venerdì. Pertanto, nel pieno rispetto delle normative anti Covid-19 e di quanto previsto dal

DPCM, nel periodo di permanenza della Toscana in fascia gialla i Musei Civici resteranno aperti con il seguente orario: lunedì, mercoledì e venerdì, dalle ore 10.00 alle ore 18.00; martedì e giovedì dalle ore 14.00 alle ore 18.00; chiusi sabato, domenica e festivi. In concomitanza con la proroga dello stato di emergenza fino al prossimo 30 aprile, è confermata la gratuità per l’ingresso ai tre musei e alla mostra di Palazzo Fabroni. Per la sicurezza del pubblico e per garantire la massima qualità della visita, nel rispetto delle normative anti Covid-19, gli ingressi ai musei sono limitati e i visitatori sono cortesemente invitati a collaborare attenendosi alle misure di sicurezza indicate, che riprendono e implementano le prescrizioni sanitarie promulgate dalle autorità nazionali e locali. Anche la Casa-studio Fernando Melani dal mese di gennaio ha riaperto al pubblico con una visita accompagnata su prenotazione. La casa-studio

dell’artista pistoiese Fernando Melani (1907-1985) si configura come casalaboratorio e costituisce un esempio unico di spazio dove, in perfetta unità, si riflettono l’intera esperienza artistica dell’autore e il suo itinerario di ricerca attraverso i principali movimenti dell’arte della seconda metà del Novecento. La visita alla casa-studio si prefigura per questo, oltre che per motivi di sicurezza, come un percorso guidato, necessariamente selezionato nella quantità di persone e nelle modalità di accesso. Nel mese di febbraio la visita accompagnata gratuita, a cura di Artemisia associazione culturale, si svolgerà venerdì 26 febbraio alle ore 17. Alla visita può partecipare un massimo di 6 persone, su prenotazione da effettuare, entro le ore 12 di venerdì 26 febbraio al numero verde di Pistoiainforma 800 012146. Il punto di ritrovo per la visita è alle ore 16.50 presso la biglietteria del Museo del Novecento e del Contemporaneo di Palazzo Fabroni, via Sant’Andrea 18, dove i partecipanti troveranno ad accoglierli il personale del museo e la guida che li accompagnerà a Casa Melani. Le informazioni sui giorni e gli orari di apertura dei musei sono validi fino a nuove disposizioni e a condizione che la Regione Toscana permanga in area gialla

Per ulteriori informazioni: sito web: musei.comune.pistoia.it pagina Facebook: Musei Civici Pistoia – Palazzo Fabroni


comprende oltre 300 fotogrammi e l’intera sceneggiatura, riportando inoltre le rispettive fonti di ogni citazione; la seconda (pp. 132-192) contiene i saggi di Leora Maltz-Leca, curatrice e critica d’arte, Stefano Leonforte, critico cinematografico, e Stefano Raimondi, curatore, oltre ad un testo di Davide Dall’Ombra, corredato dalle immagini realizzate dal fotografo Serge Domingie, che accompagna la mostra personale ANDREA MASTROVITO | IO NON SONO LEGGENDA presso Palazzo Fabroni, in occasione della quale il film è stato ufficialmente presentato. Le prime 50 copie del libro contengono ognuna una tavola originale del film, dipinta a mano e firmata dall’artista (2019-2020, tempera acrilica su stampa a getto d’inchiostro su carta, cm 29,7 x 21).

Per saperne di più: sito web: iamnotlegend.org

L’Enoteca Ferretti propone soluzioni per ogni tipologia di evento o cerimonia Potrete scegliere tra una vasta gamma di vini, champagne, liquori e prodotti dolciari Ferretti è anche supermercato “ECU” CONSEGNE A DOMICILIO Via di Valdibrana, 147/A, PISTOIA - Tel. 0573 402666

DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021 | 9

Presso le biglietterie/bookshop dei Musei Civici è disponibile il catalogo (Edizioni Casa Testori, 192 pagine, 25 euro) della mostra ANDREA MASTROVITO | IO NON SONO LEGGENDA in corso a Palazzo Fabroni. Ideato dall’artista Maria Tassi, si tratta di un volume bilingue, interamente dedicato all’opera-video I Am Not Legend, che permette di ripercorrere il flusso narrativo del film attraverso la chiave figurativa del fotoromanzo. E’ perciò uno strumento indispensabile sia di comprensione dell’omonima opera entrata a far parte della collezione permanente del Museo del Novecento e del Contemporaneo, che di indagine dell’intero corpus di lavori di Andrea Mastrovito e della sua poetica. Il volume è diviso in due parti: la prima (pp. 3-131), un’accurata riduzione a fotoromanzo del film,


TEATRO

In collaborazione con

www.teatridipistoia.it

ASSOCIAZIONE TEATRALE PISTOIESE - CENTRO DI PRODUZIONE TEATRALE

Il teatro...al tempo del covid … sperando di riaprire presto….

10 | DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021

27-29 agosto 2020. Nell’ambito del cartellone estivo, il Teatro Manzoni fu tra i primi a riaprire in Toscana dopo il lungo lockdown primaverile, in occasione della tre-giorni beethoveniana dell’Orchestra Leonore, “All’AmatO immortale” ideata dal Maestro Daniele Giorgi. Per noi, per gli artisti coinvolti e per il pubblico, un’emozione molto speciale, rinnovatasi poi, sempre in estate, con gli spettacoli di Elio Germano e Ottavia Piccolo, ospitati ancora al Manzoni. Questo difficile momento vede i teatri italiani ancora in una fase di sospensione degli spettacoli dal vivo (fino al 5 marzo, come stabilito dal DPCM del 14 gennaio). Affidiamo, quindi, allo ‘sguardo fotografico’ di Camilla Pietrarelli (che documentò la riapertura del teatro nell’agosto scorso) il nostro augurio: riaprire appena possibile le porte del Manzoni, per tornare ad accogliere il pubblico, in tutta sicurezza, con le parole dei grandi autori e con l’esperienza della musica d’arte, anche insieme alla nostra Orchestra Leonore. Condividiamo la bellezza, vero e insostituibile nutrimento dell’anima.


In collaborazione con

FORMAZIONE PERMANENTE

Programma delle lezioni nel mese di Febbraio 2021 L’Università “Vasco Gaiffi” continua la propria attività nella sede in via Pertini, 358 a Pistoia Le iscrizioni sono aperte e oltre che in segreteria in orario di ufficio (10:00 – 12:00) potranno essere effettuate anche telefonicamente o per email. Le lezioni si terranno in presenza nella nostra sede nel rispetto di tutte le misure di sicurezza (controllo della temperatura, distanziamento, uso della mascherina). Chi, tuttavia, lo preferisse, potrà seguirle on line dietro richiesta alla segreteria. Lun. 01 Mar. 02 Mer. 03 Gio. 04 Ven. 05 Lun. 08 Mar. 09 Mer. 10 Gio. 11 Ven. 12 Mar. 16 Mer. 17

Architettura Grandi Civiltà Filosofia Bibbia e Letteratura Storia Contemporanea Nobili Donne Pistoiesi Grandi Civiltà Filosofia Bibbia e Letteratura Storia Contemporanea Grandi Civiltà Filosofia

Gio. 18 Ven. 19 Lun. 22 Mar. 23 Mer. 24 Gio. 25 Ven. 26

Bibbia e Letteratura Storia Contemporanea Nobili Donne Pistoiesi Grandi Civiltà Filosofia Bibbia e Letteratura Storia Contemporanea

Per informazioni: Università Vasco Gaiffi – Associazione di Promozione per la formazione permanente Via Sandro Pertini 358 - 51100 Pistoia TEL. 05733620305 mail: segreteria@univergaiffi.it web: www.univergaiffi.it

Vieni a trovarci Ti aspettiamo! Via Fonda di Sant’Agostino 6 - 51100 Pistoia a soli 3 minuti dal Centro Commerciale Panorama

DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021 | 11

Prodotti di qualità a prezzo di fabbrica!


PISTOIA COM’ERA

PISTOIA COM’ERA

BENVENUTI A PISTOIA! Come si presentava la Città all’arrivo del turista La via XX Settembre.

1

1 Testo di Emiliano Nappini

Si sa che la prima impressione spesso risulta decisiva per poi formulare un giudizio complessivo e per crearsi le giuste aspettative. E questo i pistoiesi degli anni Ottanta del XIX secolo lo sapevano bene, talmente bene che decisero di dare immediatamente al viaggiatore in arrivo nella nostra Città l’idea di cosa avrebbero dovuto aspettarsi dalla Pistoia di quegli anni: una città ordinata, curata ma soprattutto operosa e accogliente e al tempo stesso signorile per le proprie dimensioni. Dopo la realizzazione della stazione

ferroviaria nel 1851, che collegava Pistoia alla strada ferrata Maria Antonia (così chiamata in onore della consorte del Granduca Leopoldo II), e la successiva inaugurazione della linea transappenninica “Porrettana”, la Città conobbe una espansione turistica di una certa importanza. Da allora fu del tutto evidente che il vecchio fabbricato necessitasse di un ampliamento non solo capace di accogliere il maggiore afflusso di persone ma anche di rivelarsi all’altezza (ed in asse) col nuovo impianto viario cittadino che si venne a formare nel 1865 con l’apertura

12 | DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021

2

2

3

della breccia alle mura sud all’altezza della antica postierla che, chiusa da una cancellata (la cosiddetta “Barriera”, appunto), garantì fino al 1909 la continuità della cinta daziaria già in essere. Il nuovo viale di congiunzione dalla Barriera alla nuova grande stazione assunse, in memoria della più importante “breccia” che la nostra storia ricordi, ossia quella di Porta Pia, la denominazione di viale XX Settembre, che conserverà da allora ed ininterrottamente fino ad oggi (tranne una breve parentesi dal 1939, anno della morte di Costanzo Ciano a cui fu intitolata, alla caduta del Fascismo). Una volta costruito, nell’ultimo ventennio del XIX secolo, il nuovo viale iniziò a rappresentare una 2 vera anteprima della Città, un vero e proprio biglietto da visita nonché il trampolino di lancio verso il suo centro storico e quindi attorno ad esso, appena ultimato, iniziò subito una intensa attività costruttiva come se la Città, impaziente, si volesse riversare all’esterno del varco della Barriera appena aperto. E così il viaggiatore, intorno agli anni ’10 del XX secolo, dopo essersi rifocillato al “Buffet Stazione” gestito da Pio Valiani, una volta uscito dall’edificio avrebbe potuto notare davanti a sé un piazzale con sullo sfondo edifici liberty ordinatamente disposti nel suo lato orientale (1), quello da cui prendeva accesso il “vecchio viale della Stazione”, l’odierna via Vittorio Veneto. Capofila di quelle costruzioni, simbolo di operosità cittadina, era l’edificio dello stabilimento artistico per la lavorazione del legno di Alfredo Giannini, di sua proprietà dal 1906 ma che poi, negli anni successivi (dal 1918) verrà locato alla cioccolateria e fabbrica di confetti di Umberto Corsini. Giannini, che proveniva dalla centrale via degli Scalzi (1904), in quegli anni spostò la propria attività in via nuova della Vergine, dopo aver costituito una Società Anonima (Officine Meccaniche)


3

3

grande tipicità pistoiese, una grande fabbrica di produzione tipica locale, il grande pastificio di Gaetano Guazzini (5). Quel grande edificio fu pesantemente ed irrimediabilmente bombardato nel secondo conflitto mondiale e ricostruito con forme moderne come lo conosciamo ancora oggi. L’altra estremità di viale XX Settembre lato orientale, invece, in angolo con via Frosini presentava, già ad inizio ‘900, un bartabacchi (attività che in quel punto è rimasta come tale nel tempo) con servizio di vini e liquori che al tempo aveva una dimensione di una certa importanza e la consueta eleganza tipica di tutto il viale. Quel viale, insomma, che doveva dare subito al viaggiatore una rappresentazione sintetica di ciò che poi avrebbe trovato nel centro storico: l’immagine di una città accogliente, laboriosa, capace di mettere il visitatore a proprio agio e di offrire la piena ospitalità in un’epoca in cui viaggiare, anche se per pochi kilometri, era ancora un po’ un’avventura.

4

opposto della strada), in una parte degli austeri ed eleganti edifici in bugnato con resede propria, ancora oggi ben riconoscibili ai civici 28/32. All’incirca negli stessi palazzi, trovavano sede altre due attività produttive tipiche della nostra città: la A.B. Fratelli Tronci & C., fabbricanti di strumenti musicali e percussioni (antenati della odierna UFIP) e l’amministrazione nonché sede legale di una delle più importanti aziende di produzione del verde (diremmo oggi) ma fondamentalmente di alberi da frutto allora, la Pacini & Baldi. Nella parte orientale, dopo una serie di caffè, pasticcerie e ristoranti (come il “Viaggiatori”) che offrivano ovviamente prodotti locali come i noti confetti birignoccoluti, il nostro visitatore si sarebbe imbattuto nella locanda “L’Appennino” gestita ad inizio secolo dal produttore ed esportatore di vini Giuseppe Pacini, prima di passare sotto la proprietà di quel Torello Cappellini (4) che già gestiva un omonimo albergo, poi diventato addirittura Grand hotel con 70 camere a Pracchia, davanti alla stazione. Cappellini ampliò ed aggraziò la vecchia locanda, dandole un piano in più (cosa che accadde anche agli altri edifici contigui, da lì alla Barriera), dotandola di balconcini lato strada e installando all’ingresso una pregevole pensilina marquise in vetro e ferro battuto di probabile manifattura locale, ancora oggi presente. Tale attività alberghiera proseguirà fino alla metà degli anni ’60 con i figli Giovanna e Umberto Cappellini, mentre l’annessa attività di ristorazione, gestita da terzi, addirittura fino ai primi anni ’90. A chiudere questo elegante viale di immissione alla città, fino ad arrivare al largo Barriera (Piazza Treviso) sull’angolo del lato occidentale un’altra

(1) Cartolina del piazzale esterno della stazione ferroviaria viaggiata il 13/07/1922 per Veroli (ma l’immagine è certamente di 7-8 anni prima). Ecco cosa avrebbe visto un viaggiatore all’uscita dalla nostra stazione in quegli anni. 655-Cartoleria e libreria Pagnini, Pistoia (foto Goiorani). Collezione Emiliano Nappini. (2) Il viale XX Settembre poco prima del secondo conflitto mondiale, con le sue numerose attività ricettive sul lato orientale e quelle produttive sul lato occidentale. Cartolina viaggiata per Fermo il 17/03/1939 – 124091 Ed. Bruno Milani – Libr. Pistoia. Collezione Emiliano Nappini. (3) La premiata selleria di Aladino Gestri, con tanto di intrattenimento per i più piccoli, ospitata in un edificio austero con finitura in bugnato, espressione di architettura neorinascimentale toscana premonitrice di ciò che il visitatore avrebbe visto poi nel centro-città. Cartolina non viaggiata, 25533 Borselli Ubaldo editore, Pistoia. Collezione Emiliano Nappini. (4) L’immagine è del periodo bellico, ce lo dice chiaramente la cartolina che nella didascalia riporta al posto di “viale XX Settembre” la nomenclatura di “Viale Costanzo Ciano”. La strada fu intitolata al presidente della Camera e delle corporazioni ed ex ministro delle comunicazioni nella data della sua morte (1939) e fino alla caduta del fascismo. Cartolina viaggiata per Modena l’11/10/1947. 34536 Ed.Cav. Emilio Guazzini, priv. N.11 Pistoia – Collezione Emiliano Nappini. (5) L’edificio d’angolo con via Pacinotti che ospitava il pastificio Guazzini, poi distrutto dai bombardamenti nel secondo conflitto mondiale e ricostruito ex novo nelle forme attuali. Cartolina viaggiata per Casal di Pari (GR) il 09/08/1910. 39609 Ed. B. Cappellini – Pistoia. Collezione Emiliano Nappini.

5 DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021 | 13

che sarebbe stata liquidata negli anni ‘30, per poi ripartire poco dopo sotto l’insegna “Arte del Legno Cav. Alfredo Giannini e Figli” nuovamente negli stessi suoi locali davanti alla stazione una volta che la confetteria Corsini, sotto la guida di Bruno Corsini, fu trasferita definitivamente in Piazza Mazzini. Nella stessa piazza della stazione, il nostro visitatore avrebbe potuto vedere un via-vai di carrozze-taxi, altro simbolo della Città e magari un operatore ecologico comunale ante litteram intento a ripulire la strada, fatta allora di terra battuta, dalle continue deiezioni dei quadrupedi trainanti. Al tempo la zona era comunque ancora abbondantemente fuori dalla città: infatti, imboccando il viale XX Settembre al posto dell’attuale dopolavoro ferroviario (la struttura che oggi conosciamo è degli anni ’70, con annesso un primo edificio storico ad uso amministrativo per i lavoratori impiegati nel 1929 nella elettrificazione della linea PistoiaBologna) trovavano posto campi incolti e boscaglia, stessa sorte se ci si fosse voltati ad osservare l’inizio del lato orientale. Ma dopo pochi passi, si doveva avere l’impressione di una città produttiva, operosa e ospitale, nonché razionalmente distribuita a partire da quel viale di immissione: sul lato occidentale attività artigianali e produzioni locali, sul lato orientale attività ricettive, ospitalità e servizi alla persona. Caratteristiche ben distinte che si ampliarono ancora di più nei decenni successivi (2). Ad occidente avremmo notato, tra le varie attività, quella della premiata selleria di Aladino Gestri (3) (che negli anni seguenti si sarebbe trasferita sul lato


NATURA

GIARDINO ZOOLOGICO DI PISTOIA

Storia di una piccola tartaruga Poche persone sanno che nei laghetti e negli stagni italiani vive una piccola tartaruga chiamata Testuggine palustre europea (Emys orbicularis).

14 | DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021

Per chiarire subito i termini scientifici si chiamano testuggini tutte quelle che vivono sulla terraferma e nelle acque dolci, le tartarughe sono solo quelle marine; noi per brevità chiameremo la nostra Testuggine “Emys”. Di carattere timido e diffidente, è molto difficile da incontrare: in uno stagno al Giardino Zoologico vive una coppia di Emys ma solo se ci avviciniamo in punta di piedi possiamo sorprenderle a prendere il sole sui tronchi che emergono dall’acqua. Al minimo rumore si tuffano e per un po’ spariscono alla vista: se abbiamo pazienza dopo qualche minuto emergeranno di nuovo poiché, come noi e tutti i rettili (Classe animale a cui appartengono), hanno i polmoni e non possono respirare in acqua. La loro capacità di restare in apnea è un’ottimo strumento di difesa: quando un predatore le minaccia si nascondono sul fondo dello stagno. Il colore del loro carapace e della

pelle le aiuta: un verde scuro, quasi marrone è interrotto solo dai puntini gialli che decorano la pelle e che le distingue bene da qualsiasi altra Testuggine. E’ una specie classificata come minacciata di estinzione dall’IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura) e tra le cause che ancora oggi determinano la loro progressiva rarefazione in natura c’è sicuramente la bonifica delle aree umide: operata in modo sistematico negli anni ’30 per combattere la malaria, ha condannato le specie animali che le popolavano. Emys ancora oggi soffre della riduzione e della frammentazione del proprio habitat messo a dura prova dall’inquinamento, dalla costruzione di infrastrutture e da un nuovo e potente nemico: la Testuggine d’acqua americana, Trachemys scripta. Trachemys ha un carattere più determinato e una maggiore voracità:

sottrae ad Emys cibo, tronchi per prendere di sole e scaldarsi e spazio negli stagni, fino a sostituirla completamente. Trachemys è spesso conosciuta con il nome di “Tartaruga dalle orecchie rosse” a causa di strisce di color rosso che accendono le sue guance. Negli ultimi anni sono sempre più diffuse anche le tartarughe con le strisce arancioni o gialle: si tratta di specie differenti accomunate tutte dal fatto che provengono da ambienti lontani (spesso dall’America, recentemente anche dall’Asia) e che si sono ben adattate a vivere nei laghetti e stagni europei soppiantando di fatto le Emys. Per questo motivo sono definite specie alloctone ( provenienti da ambienti differenti dai loro areali storici ) invasive ( la loro espansione minaccia la sopravvivenza delle specie autoctone, proprie di quello specifico ambiente). Ma come ha fatto una Testuggine che vive naturalmente in America a raggiungere gli stagni italiani? Ogni anno migliaia di “tartarughine”sono immesse nel mercato degli animali da compagnia: grandi quanto una moneta da 1 euro, raccolgono molti consensi tra chi vuole scegliere un animale da tenere a casa. Il basso costo, le piccole dimensioni, l’idea che siano poco impegnative fanno da leva nell’eleggere la tartarughina d’acqua come ideale per soddisfare la voglia dell’animale senza avere la responsabilità di un cane o di un gatto. Le rassicurazioni dei mercanti (sopratutto nei banchi delle fiere) sul fatto che non cresceranno molto e che sia sufficiente tenerle in una vaschetta di plastica con un po’ d’acqua, fanno il resto dell’alchimia grazie alla quale le case di molti italiani hanno, o hanno


I NOMI DEGLI ANIMALI

La nuova rubrica del Giardino Zoologico Gli animali che vivono al Giardino Zoologico sono ambasciatori della loro specie e degli ambienti naturali sempre più messi a rischio dalle azioni umane. Sono anche tasselli di progetti europei per la salvaguardia della specie a rischio di estinzione: il loro patrimonio genetico, censito e monitorato da team di specialisti della conservazione, rappresenta uno dei pochi strumenti che abbiamo per proteggere la biodiversità. Al di là di questo, i panda minori, i leoni, le giraffe e ogni singolo pinguino africano sono individui con un carattere e una storia personale che li rende differenti da tutti gli altri. Ognuno ha un nome che lo identifica non solo nelle schede informatiche caricate sui portali internazionali o nelle cartelle della dieta, ma soprattutto nei cuori dello staff che se ne prende cura. La volontà di condividere storie e curiosità ha fatto nascere sui social del Giardino Zoologico la rubrica “I nomi degli animali”. Sia su Facebook che su Instagram è facile individuare i post dedicati alla leonessa Sarabi o all’Ippopotamo Isotta: i fogli di un quaderno a righe fanno da sfondo nell’album di famiglia, perché alla fine qui al Parco è davvero un’unica alle foto più belle o più buffe collezionate negli grande famiglia di cui oltre agli animali, i visitatori/lettori sono parte anni. Accanto all’immagine il nome, nel post la storia. Scorrere da un post all’altro è come entrare importantissima. L’anno appena passato ce lo ha dimostrato con forza. vieta da poco tempo l’importazione delle Trachemys ed è per questo che sono comparse sul mercato altre specie anche di origine asiatica. La chiave di volta non è nei divieti, ma nella crescita di consapevolezza delle persone sull’importanza di scegliere con cura l’animale da compagnia di cui diventiamo responsabili. Il Giardino Zoologico è attivo da molti anni nelle attività di divulgazione sul tema delle specie alloctone invasive e in particolare della tutela di Emys: ogni anno vengono organizzati laboratori per le scuole, visite guidate, eventi per i visitatori. Sul sito è possibile scaricare un libretto che racconta con immagini e giochi la storia di Emys e Trachemys: “Attenti a quelle due” è disponibile per chi vorrà saperne di più, per chi ha in casa una Trachemys e per chi magari vuole acquistare una Testuggine d’acqua ma in modo informato. Per scaricare il libretto inquadra il codice QR; buona lettura!

www.zoodipistoia.it

BUON COMPLEANNO

CINQUANTA +1

Come molti di voi sanno nell’anno appena trascorso la pandemia ha impedito i festeggiamenti per il cinquantesimo anniversario dalla fondazione del Giardino Zoologico. Il traguardo raggiunto resta un evento importante per il Parco e per i tanti visitatori che lo hanno sostenuto in tutti questi anni e per questo motivo abbiamo deciso di rilanciare celebrando il cinquantesimo + 1. In quell’uno accanto c’è anche la voglia di ripartire insieme ancora più convinti di quanto sia centrale il ruolo del giardino zoologico nella sfida che abbiamo davanti. La pandemia ci ha insegnato quanto lo squilibrio tra uomo e ambiente naturale possa danneggiare gravemente la specie umana. E’ nel corretto rapporto con le altre forme di vita del Pianeta Terra che va ritrovato il giusto passo. Faremo ogni sforzo perché il numero 1 che si aggiunge al 50 sia inizio di una narrazione differente della storia che unisce l’uomo agli animali. Il calendario degli eventi sarà pubblicato sul sito del Parco e avrà tante date per permettere la fruizione in sicurezza di tutti coloro che vorranno partecipare. Vi aspettiamo per un 2021 INSIEME!

DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021 | 15

avuto almeno una volta, le piccole testuggini come ospiti. Chi si riconosce in questa storia sa bene che le “tartarughe” non restano piccole (una femmina adulta supera facilmente il diametro di 20 cm ) e che in 4/5 anni sono difficili da gestire in casa: è necessario un acquario, un sistema di riscaldamento e di filtrazione dell’acqua, un’alimentazione a base di pesce e come ultima tappa uno stagno in giardino per continuare a mantenerle da adulte. L’impegno non preventivato porta molte persone ad abbandonare le ingombranti testuggini; spesso vengono scelti laghetti di parchi pubblici, altre volte gli stagni naturali. E’ in questo modo che pian piano le Trachemys hanno invaso lo spazio delle Emys. L’impatto non è solo sulla sopravvivenza delle testuggini europee ma anche su tutto l’ecosistema dello stagno: le testuggini americane predano uova e nidiacei degli uccelli acquatici, pesci e anfibi in modo molto più importante rispetto alle Emys. Che cosa fare? Per prima cosa è necessario scegliere in modo consapevole e informato l’animale da compagnia, valutando sia lo spazio che il tempo che dovremo dedicargli. Una volta accolto nelle nostre case, non dobbiamo mai abbandonarlo, qualsiasi specie sia. La legge europea


In collaborazione con

BIBLIOTECA

RASSEGNA HOLDEN

I graphic novel di Tunué “Il mio obiettivo è di raggiungere un pubblico che non legge abitualmente fumetti!” - Paco Roca, fumettista

16 | DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021

Tunué è una casa editrice italiana specializzata in graphic novel per ragazzi e adulti. Nel suo catalogo figurano opere di autori italiani, traduzioni di opere straniere e testi di saggisitica riguardanti il mondo del fumetto e dell’animazione. Non mancano quindi pagine da sfogliare, storie da leggere e attraverso le quali emozionarsi e divertirsi. Per saperne di più: https://www.tunue.com Di seguito viene presentata una selezione di pubblicazioni edite da Tunué, graphic novel tra cui scegliere la propria lettura... a fumetti. Il cuore dell’ombra, di Marco D’Amico, Laura Iorio, Roberto Ricci, 2017 Luc è un ragazzino pieno di paure che viene portato dall’Uomo Nero nel Reame delle Ombre. Qui, affronterà i suoi timori più grandi, imparerà a gestirli e conoscerà meglio se stesso. L’approdo, di Shaun Tan, 2016 Il racconto della vicenda di un uomo che decide di lasciare la sua casa, i suoi cari, i suoi affetti. Il viaggio lo porterà in una terra sconosciuta, dove dovrà ricominciare a vivere, con il peso della nostalgia per la figlia e la moglie, che non rivedrà presto. Per sempre, di Assia Petricelli, Sergio Riccardi, 2020 Viola trascorre le vacanze al mare con i suoi genitori e con un gruppo di amici. Tra bagni e giornate in spiaggia, farà nuove amicizie e

scoprirà che esistono tanti modi diversi di amare e di essere amati. Forse l’amore, di Silvia Vecchini, Sualzo, 2017 Un ragazzo e una ragazza frequentano la stessa scuola. Ogni giorno si incrociano in aula e fuori, si scambiano sguardi sfuggenti e... nascerà l’amore. Avventure di un uomo in pigiama, di Paco Roca, 2015 Le vicissitudini quotidiane di un uomo che se ne vorrebbe stare tutto il giorno a casa, in pigiama, ma che viene disturbato da preoccupazioni e impegni collegati alla vita familiare, alle esigenze lavorative e alla società contemporanea. Fiato sospeso, di Silvia Vecchini, Sualzo, 2011 Olivia ama nuotare più di ogni altra cosa. In piscina si sente se stessa e non pensa alle compagne di classe che la emarginano. Lei ha un solo amico, Leo, assieme al quale vivrà un’esperienza che la costringerà ad uscire dal guscio. Timothy Top: verde cinghiale, di Gud, 2015 Timothy ha un superpotere, il suo pollice si illumina di verde e può guarire le piante. Il ragazzo si sente un eroe: riuscirà a farsi notare dai compagni di classe e a salvare il parco cittadino dalla minaccia di cementificazione? Tazio, di Lorenzo Terranera, 2018 La storia di Tazio Nuvolari, famoso pilota automobilistico, raccontata quando Tazio è un bambino, che

vola su una tartaruga, smonta ruote di biciclette e guarda il cielo sdraiato su un tappeto di foglie. Sospeso, di Giorgio Salati, Armin Barducci, 2018 Marty è perseguitato dai bulli, si sente incompreso da tutti e ha perso la testa per una ragazza. Quando scoprirà di essere in grado di fermare, per magia, il mondo, penserà di aver trovato la soluzione a tutti i suoi problemi. L’uomo montagna, di Séverine Gautier, Amélie Fléchais, 2017 Sulle spalle di un nonno sono cresciute enormi montagne che non gli permettono di intraprendere l’ultimo viaggio. Un bambino, suo nipote, chiederà aiuto ad un vento potentissimo per spazzare via quei pesi. Cicala, di Shaun Tan, 2018 Cicala è l’unico insetto in un ufficio di esseri umani. Lavora lì da anni, nessuno però lo valorizza, nessuno lo considera. Non ha nemmeno una casa, dorme dentro il muro. Nellie Bly, di Luciana Cimino, Sergio Algozzino, 2019 La vita di Nellie Bly, prima giornalista investigativa sotto copertura che, nell’Ottocento, scardinò gli stereotipi che la volevano dedita alle incombenze domestiche. Sofia dell’oceano, di Marco Nucci, Kalina Muhova, 2018 Sofia vive in una villa assieme ai suoi zii, gioca con le bambole e con il suo gatto. Vorrebbe tanto avere degli amici. Oceano esaudirà il suo desiderio e le invierà una ciurma assai strana, assieme alla quale la bambina partirà per un viaggio in sommergibile. La memoria delle tartarughe marine, di Simona Binni, 2017 La vicenda di due fratelli, Giacomo e Davide, che vivono a Lampedusa. Giacomo, ormai adulto, lascerà


IL PIÙ PRESTATO

LETTURE

Di un’ora ciascuno, si tengono sulla piattaforma Skype. Necessaria l’iscrizione A partire da sabato 16 gennaio, la biblioteca San Giorgio propone Parole in libertà: un ciclo di incontri, a cura del Centro d’ascolto Camelia Onlus di Pistoia, il cui obiettivo è iniziare a migliorare la consapevolezza di sé e delle proprie modalità di relazione, rispondendo così in modo costruttivo e proficuo all’esigenza di cambiare un aspetto della propria vita che crea disagio o sofferenza. Questi gli appuntamenti in programma a febbraio, di un’ora ciascuno, che si terranno sulla piattaforma Skype: mercoledì 3 febbraio, dalle 10 alle 12; sabato 6 febbraio, dalle 15 alle 17; mercoledì 10 febbraio, dalle 10 alle 12; sabato 13 febbraio, dalle 15 alle 17. Per iscriversi e per ricevere informazioni è necessario inviare una mail a cameliaonlus@gmail.com l’isola per farvi ritorno in seguito alla morte del fratello. Troverà ad aspettarlo una barca, una donna, un pescatore e un bambino straniero. Brina e la banda del sole felino, di Giorgio Salati, Christian Cornia, 2019 Brina è una gatta cittadina che trascorre un periodo di vacanza in montagna assieme ai suoi padroni. Che bello correre libera nei boschi! A vacanza finita, cosa farà Brina? Tornerà in città? L’isola senza sorriso, di Enrique Fernàndez, 2014 Quando il geologo Milander sbarca sull’isola Yulkukany, trova ad aspettarlo la piccola Elianor. Assieme a lei vivrà meravigliose avventure nella terra dei balenieri. Il piccolo Pierre, di Corrado Mastantuono, Stefano Intini, 2013 Le vicende del simpatico Pierre, bambino educato e studioso che deve vedersela con un amico un po’ particolare, Pilar, il suo diavolo custode che ne combina di tutti i colori. Il mago di Oz, di Davide Chauvel, Enrique Fernandez, 2012 Una nuova versione a fumetti della fiaba della piccola Dorothy e dei suoi strambi compagni di viaggio. Il buco nella rete, di Marco Gastoni, Nicola Gobbi, 2017 Un calcio troppo potente dato ad un pallone causa un buco nella recinzione della scuola frequentata da Doriano. L’incidente

sarà l’occasione per il ragazzo per conoscere un gruppo di rom e stringere amicizia con Miro, giovane appassionato di acrobazie circensi. Manuale del papà (quasi) perfetto, di Nob, 2019 Dad è il padre di quattro ragazze e ogni giorno per lui è pieno di avventure. Chi, meglio di lui, può essere il protagonista di un manuale per i papà? Il maestro dei tappeti, di Olivier Bleys, Alexis Nesme, 2019 La fiaba di Fedor, tappezziere capace di trasformare un pezzo di stoffa in un tappeto volante. Riuscirà a trovare qualcuno al quale insegnare la sua arte? La banda del pallone, di Nebbioso, Loris De Marco, 2020 Cosa si può fare per tenere testa ad una banda di bulli? Sfidarli a pallone. Questo farà Matteo, che darà vita ad una squadra di calcio da strada destinata a diventare famosa. La spaventosa paura di Epiphanie Frayeur, di Séverine Gautier, Clément Lefèvre, 2018 Epiphanie ha paura di tutto. Quando compirà nove anni deciderà di intraprendere un viaggio per abbandonare la sua paura, un’enorme massa nera che la segue ovunque. www.sangiorgio.comune.pistoia. it/il-cinema-raccontato-2021

Il borghese Pellegrino

Autore: Marco Malvaldi Pubblicazione: Palermo - Sellerio, 2020 Pagine: 276 ISBN: 9788838940514 Marco Malvaldi, che con Odore di chiuso aveva reso omaggio a Pellegrino Artusi nell’anniversario della morte (1911), celebra con questo romanzo il secondo centenario della nascita del grande gastronomo avvenuta nel 1820. Un perfetto «enigma della camera chiusa» con un protagonista d’eccezione, Pellegrino Artusi, prima in veste di sospettato, poi determinante per la soluzione dell’affaire. Gli anni della belle époque, gli intrecci tra politica e finanza che legavano l’Italia all’Impero Ottomano, il borghese Pellegrino, con la sua passione rivoluzionaria per la cucina, la familiarità con la chimica, il sentimento di

IL PIÙ RICHIESTO

Un caso maledetto: un’avventura del commissario Bordelli Autore: Marco Vichi Pubblicazione: Milano - Guanda, 2020 Pagine: 387 ISBN: 9788823526303

Gennaio 1970. Il commissario Bordelli in aprile andrà in pensione, dopo quasi un quarto di secolo in Pubblica Sicurezza, e ancora non sa cosa aspettarsi, non riesce a immaginare come accoglierà questo totale cambiamento. Ma per adesso è in servizio, e il tempo per riflettere e farsi troppe domande non c’è: in una via del centro di Firenze avviene un omicidio brutale. Sarà proprio quel crimine odioso il suo ultimo caso? Ma soprattutto, riuscirà a risolverlo? Lui e il giovane Piras, che nel frattempo è diventato vice commissario, lavorano a stretto contatto, spinti come ogni volta dal senso di giustizia, ma in questa occasione anche dalla intollerabile inutilità di quell’omicidio. Passano i mesi, arriva la primavera, la data del pensionamento si avvicina. La relazione del commissario con la bella Eleonora sembra essere sempre più solida. Non mancherà la cena a casa di Franco Bordelli, dove come d’abitudine ognuno racconterà una storia. Ma una mattina il commissario riceve una telefonata dalla questura... un altro omicidio?

DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021 | 17

Incontri di ascolto e riflessione “Parole in libertà”


In collaborazione con

GIALLO PISTOIA

GLI AMICI DEL GIALLO

Marco di Grazia

Continuano, in questo momento particolare legato all’emergenza covid-19, le esclusive interviste di Giuseppe Previti con alcuni dei giallisti più interessanti nel panorama nazionale. Dal 2017 collabora con i siti www. zoomma.news pubblicando alcuni racconti sul loro portale e con storiemaledette.com; nello stesso anno pubblica il romanzo breve “L’uomo che custodiva la musica”, le illustrazioni del libro sono di Cristiano Soldatich. Nel 2018 esce una raccolta di 6 racconti “Fra la via Aurelia e il Mississipi” per la maggior parte ambientati nel Delta del Mississippi, dove il Blues (la musica del demonio) farà da collante alle storie.

18 | DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021

Marco di Grazia è nato a Pescia (PT) nel 1969 e esordisce come sceneggiatore nel 1997 col fumetto della serie “Area 51” per i disegni di Marcello Mangiantini. Sempre in quel periodo è sceneggiatore della serie umoristica “Non calpestare le margherite”. Sempre insieme a Mangiantini pubblica alcuni brevi racconti su varie riviste “Selen”, “Il giornale dei misteri”, “Gli amici del 2000” e la graphic novel “Filippo Mazzei, un eroe dell’Indipendenza americana” uscita poi nell’anno 2002 negli USA e in Canada. Collabora alla rivista Mahraba che esce nei paesi di lingua araba e nel 2003 si occupa dei testi, sempre per i disegni di Mangiantini, della miniserie western “Il Diavolo Bianco”. Nel 2003 è il vincitore del concorso Giallowave e scrive il racconto “Un facile caso”. Nell’anno 2008 esce il primo romanzo, “Li chiamavano Bartali e Coppi”, seguito l’anno successivo (2009) da “L’Ottavina di Dio” scritto a quattro mani con Francesco Villari, insieme al quale pubblica, nel 2016 un altro romanzo: “Democracia Futebol Clube”. In precedenza (2014), ha sceneggiato una storia breve di Desdy Metus che viene inclusa nell’albo dedicato ai vent’anni dell’Insonne.

Ciao Marco, potresti presentarci il tuo ultimo libro? Presentazione futura....eh, a saperlo. C’erano un po’di cose in ballo con “ Cinque minuti due volte al giorno” ma ovviamente è stato tutto cancellato. L’ultima apparizione è stata proprio alla San Giorgio per il Festival del Giallo. Pensi di utilizzare questa terribile esperienza in un prossimo libro ? No, personalmente non sono in grado di “cavalcare l’onda”, poi non saprei che scrivere per andare “oltre” la realtà. Quali consigli potrebbe dare o come si comporterebbe il tuo protagonista ? Starebbe in casa e “conterebbe i denti ai francobolli” per citare De André. Consigli non credo ne avrebbe, se non quello di stare in casa brontolare, brontolare e stare in casa….. e brontolare. Un po’come Sandra Mondaini con il suo “che noia che barba che barba che noia”....ma rimanendo comunque coscienzioso. Una lettura da consigliare in questo periodo? Mi sentirei di consigliare “L’eternauta” di Oesterheld

Su quale canale social (facebook,twitter,instagram etc,) possiamo trovare informazioni sulla tua attività di scrittore ? Sicuramente Facebook alla mia pagina Marco Di Grazia, oltre alle pagine “Cinque minuti due volte al giorno” e “My God is Blues”e al mio sito.

CINQUE MINUTI, DUE VOLTE AL GIORNO Testo di Marco Di Grazia Testo di Illustrazioni Cristiano Soldatich

Lucca, 1960. Il grande jazzista Chet Baker viene arrestato per possesso di droga. Subisce un processo e viene condannato a 16 mesi da scontarsi nel carcere di Lucca. Qui, a seguito delle sue ripetute richieste, un giudice gli consente di suonare la tromba in cella, ma solo per cinque minuti due volte al giorno. La storia ripercorre quei mesi in cui Chet Baker viveva e suonava fra Lucca e la Versilia, con pagine che scorrono fra droghe, vita notturna, corse in auto, donne misteriose e la musica, le note, il jazz...


A cura di

FARMHOUSE

RICETTE PISTOIESI

RICETTA RAGÙ DI CINTA SENESE

Il Fintocolto pistoiese rurale, agricolo, contadino

INGREDIENTI

-Carote, cipolle e sedano -Scamerita di Cinta Senese -Fesa a cuore -Vino rosso q.b. -Passata di datterini PETTI Biologica -Olio EVO dell’Azienda ‘A Casa Nostra’ -Foglie di alloro, rosmarino e salvia -Sale e pepe q.b. PROCEDIMENTO

Per preparare il ragù di Cinta Senese, per prima cosa iniziamo dalla carne che dovrà essere macinata. Mettiamo da parte e passiamo al soffritto: puliamo il sedano e le carote e poi tagliamo il tutto in modo da avere pezzi molto piccoli. Facciamo la stessa cosa con la cipolla e facciamo soffriggere il tutto in una pentola bella capiente dove abbiamo precedentemente messo dell’olio Extra Vergine di Oliva. Aggiungiamo al soffritto anche salvia e rosmarino ben tritati. Quando il soffritto è ben dorato possiamo aggiungere la carne, procedendo con una cottura a fuoco vivo per dieci minuti. Trascorsi i dieci minuti sfumiamo con il vino rosso, regoliamo di sale e di pepe e aggiungiamo la passata di datterini e le foglie di alloro. Lasciamo cuocere a fuoco molto lento per circa due ore.

Via Acciaio e Agnolaccio, 7 51100 Pistoia (Toscana - Italia) Tel: (+39) 0573 19 35 032 Cell: (+39) 333 76 13 807 contatti@agriturismoacasanostra.it www.agriturismoacasanostra.it

DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021 | 19

Il Fintocolto è ovunque. Ha una reflex e citazioni stampate in fronte, ha smartphone e Moleskine, una grande voglia di insegnare al mondo quel che non ha capito.Se qualcuno capisce che non capisce, allora finge che sia attitudine al non capire per conoscere l’essenziale. Il Fintocolto si piace ma non può dirlo. Anche tu ne conosci sicuramente qualcuno. Se non ti viene in mente nessuno, prova a guardarti intorno. Se non hai niente intorno, prova a guardarti allo specchio. “Braccia tolte all’agricoltura”, un detto che ci sentiamo spessissimo di dedicare a miriadi di conoscenti o presunti tali, profili social semisconosciuti ma decisamente attivi e pure qualche alacre, fin troppo alacre collega. Il Fintocolto poi, manco a parlarne, dirige senza pietà alcuna il proprio giudizio come rapida scure sulla vita degli altri, e mai una volta che abbia piantato una sola fogliolina d’erba aromatica. Eppure, dalle nostre parti soprattutto, le braccia impiegate nell’agricoltura in realtà non sono affatto quelle meno meritevoli: anzi, in mezzo a quella terra hanno affondato dita che – volenti o nolenti – hanno plasmato il territorio fin da quando cominciarono a insediarsi, insieme a tutto il resto del corpo, in quell’umida pianura alluvionale del bacino dell’Ombrone. Siamo, in quanto pistoiesi, un’endemica essenza di contadini. Qualcuno direbbe che è un elemento negativo – provinciali di provincia che danno di provinciali ad altri provinciali che nel frattempo se la prendono con tutti gli altri provinciali – ma potremmo serenamente coglierci la radice di quella semplicità che rende ineguagliabile una città del Silenzio, quella capacità d’arrangiarsi che rende inguaribile il morbo delle idee buone e di pochi discorsi. Non viene dal niente, tutto questo. Viene da una storia di case coloniche e poderi, aie e corbelli, panmolli e minestre di fagioli, ma anche ingegno e un po’ di sano caratteraccio: pur sempre pistoiesi siamo. E allora, visto che questo numero l’abbiamo dedicato a questa preziosa origine, perché non andare a scovare qualche antica curiosità? Potrebbe essere un piccolo viaggio che parla, in realtà, della vita di qualche avo che aveva i vostri occhi ma le mani un po’ più callose e vissute. Cominciamo? • Intanto, qualche annesso rustico: la Carraia, in cui si lasciava il “Barroccio”; il Lavatoio, al quale tradizionalmente si recavano le sapienti massaie, ben disposto in base alla posizione delle sorgenti d’acqua; la Capanna, usata come rimessa degli attrezzi e anche come casetta del cane da guardia. E poi la Concimaia: non credo ci sia bisogno di spiegare di cosa si tratti, al massimo godetevi per un istante il piacere di immaginare chi lasciarci dentro. • Tra i momenti di giubilo per la famiglia contadina, sicuramente il momento (solitamente settimanale) del “fare il pane”. Ce n’era però anche un altro egualmente affascinante: la preparazione della conserva di pomodoro, frutto dell’orto, preparato in grandi quantità, filtrato attentamente e usato per minestre e manicaretti vari. • La diffusione dei Vivai propriamente intesi prende piede all’inizio del Novecento. Prima le piante erano impagliate e zollate, poi incassettate in pino e castagno, solo dagli anni ‘70 coltivate in contenitore. • Se volete usare le vostre braccia diversamente dall’agricoltura, i mestieri concreti non mancavano: il cenciaiolo, il ciabattino, l’arrotino, il chiccaio, il sensaio, il Barrocciaio. C’è un elemento che non è da sottovalutare: quasi tutti questi mestieri si effettuavano di casa in casa, di aia in aia. Insomma, a domicilio. Alla Amazon. Di quali altre “pistoiesità” vorresti che il Fintocolto parlasse? Scrivi a ilfintocolto@gmail.com


INCONTRI

Dante a veglia Letture per “stare insieme” in un tempo inquieto Martedì 16 febbraio Giampaolo Francesconi «Di vostra terra sono»: la fama della cortesia e la “miseria” della ricchezza (Inf XVI)

Dante a veglia è un’idea che nasce da una necessità e da una speranza: dalla necessità di condivisione, che in un tempo inquieto e di distanziamento può costituire un corroborante per le nostre vite separate, e dalla speranza di creare un argine di resistenza alle nostre paure e alla nostra dispersione. Leggere Dante insieme, tornare alla bellezza e alla forza della sua poesia, in modo spontaneo, crediamo che possa essere un’occasione per mettere “in rete” i nostri pensieri, per ritrovarsi nei dintorni di una parola che ci interroga, che ci impegna e che ci impone di guardare avanti con forza. La parola di Dante ci ha consentito di creare una comunità di veglia e di condivisone, di ascolto e di confronto. E con quello stesso spirito gli amici ci hanno chiesto di continuare... Gli incontri si terranno nella modalità a distanza con inizio alle ore 21,10. Per partecipare inviare una mail di richiesta a info@ bibliotecadeidomenicani.it e si riceverà prima delle serate il link a cui connettersi.

Martedì 23 febbraio Cristiano Lorenzi Biondi «Luogo è in Inferno detto Malebolge». Riflessioni strutturali (Inf. XI-XVIII) Martedì 2 marzo Natascia Bianchi Pistoia all’Inferno: Vanni Fucci bestia (Inf XXIV) Martedì 9 marzo Francesco Bargellini “Infimo Inferno”. Poesia del raccapriccio in Inf XXVIII Martedì 16 marzo Stefano Bindi Quando è vanto e vergogna l’esser poeta (Purg II) Martedì 23 marzo Lisa Galligani “Come donna innamorata”? Beatrice fra donna e simbolo in Purg XXX Martedì 30 marzo Alessandro Cortesi “Domenico fu detto…” (Par XII) Martedì 6 aprile Roberta Gentile Dante “laudator temporis acti” (Par XV) Martedì 13 aprile Mario Biagioni Dante ‘poeta concentrico’ e i moderni. Alcune riflessioni su Inf XIII e Par I

20 | DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021

Programma Martedì 2 febbraio Giovanna Frosini - Il senso di Dante per la lingua (con l’esempio di Purg XXIII) Martedì 9 febbraio Giovanni Capecchi - La selva dei suicidi: immaginario dantesco, echi virgiliani e riprese novecentesche (Inf XIII)

Per info e prenotazioni: info@bibliotecadeidomenicani.it Terl. 346.6176464 (lun - mer – ven ore 9.00-13.00) www.bibliotecadeidomenicani.it


In collaborazione con

IL CIBO GIUSTO

Testo di Domenico Murrone

Non solo agrumi. Cavoli, porri e gli altri ortaggi: nei mesi freddi la terra dà i suoi frutti… che fanno bene

Anche in tempo di emergenza covid, è utile prevenire raffreddori e altri malanni invernali. Per fortuna la natura ci regala prodotti che rafforzano le difese immunitarie e aiutano il corpo a mantenersi in salute. Alimenti di stagione buoni al gusto e fonti importanti di vitamine. Nei mercati di Campagna Amica, ogni martedì a Pescia, giovedì a Quarrata e sabato a Pistoia si trovano cavoli, broccoli e cavolfiori a chilometro 0, da abbinare come contorno a secondi piatti salati o, in alternativa, da utilizzare come ingredienti per la preparazione di gustose minestre e sfiziosi primi piatti. Sono considerati fin dall’antichità dei veri toccasana per l’organismo con un elevato contenuto di zolfo, calcio, fosforo, rame e iodio, che conferisce loro virtù eupeptiche, rimineralizzanti

e riequilibranti. Hanno inoltre proprietà anti-età dovute alla vitamina A, mentre le vitamine del gruppo B favoriscono il metabolismo dei glucidi. Per preservarne tutti i nutrienti è preferibile consumarli crudi, inserendoli tra gli ingredienti dei centrifugati oppure aggiungerli all’insalata, insaporendoli con olio extravergine, sale marino, limone, prezzemolo e aglio. Infine, a completare il vasto panorama di ortaggi di stagione reperibili nei campi e nei mercati Campagna Amica, è anche tempo di carote, sedani, finocchi, ottimi per insaporire insalate o ricette di vario genere ma anche spinaci e bietole, e fra le verdure a foglia larga i radicchi (nelle varietà tardive). Nei mercati Campagna Amica di Pistoia arrivano anche gli agrumi

del Metapontino, direttamente dal produttore agricolo. Arance e mandarini, profumati, freschi e gustosi ma soprattutto ricchi di vitamina C. Anche i porri sono una fonte importante di vitamina C, e contengono pure ferro e fibre; notoriamente poveri di grassi, vengono utilizzati come ingrediente principale di gustose zuppe che aiutano a mantenere il peso-forma, regalando benessere.

www.pistoia.coldiretti.it

DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021 | 21

TERRITORIO

Tante vitamine ai mercati Campagna Amica


EVENTI

PISTOIA - DIALOGHI SULL’UOMO 2021

Altri orizzonti: camminare, conoscere, scoprire La dodicesima edizione dal 18 al 20 giugno 2021

22 22 || DISCOVERPISTOIA DISCOVERPISTOIA || FEBBRAIO GENNAIO 2021

Nuove date per la dodicesima edizione del festival di antropologia Pistoia-Dialoghi sull’uomo che quest’anno si terrà da venerdì 18 a domenica 20 giugno, promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e dal Comune di Pistoia, ideato e diretto da Giulia Cogoli (www.dialoghisulluomo. it). I Dialoghi riprendono il loro cammino di conoscenza e di approfondimento sui temi di antropologia del contemporaneo, dopo la scorsa edizione svoltasi necessariamente con incontri tutti on-line, che pur hanno riscosso un grandissimo successo, raggiungendo un pubblico di mezzo milione sui canali social del festival con circa 100.000 visualizzazioni delle videoconferenze. Nel 2021 l’obiettivo, e la ragione dello slittamento di data vista l’attuale contingenza sanitaria, è

tornare nelle piazze e nel centro storico di Pistoia per proseguire il confronto fra pubblico e grandi pensatori italiani e stranieri sul percorso, iniziato 11 anni fa, di un impegno culturale e civile, volto a comprendere meglio come convivere in una società complessa quale la nostra. Gli organizzatori auspicano di ricreare e rivivere quel clima di festa che solo il condividere e il ritrovarsi insieme genera. Lo si farà senza abbandonare la strada aperta grazie alla tecnologia di potersi collegare anche a distanza. Il tema del 2021 sarà “Altri orizzonti: camminare, conoscere, scoprire”.È stato questo anelito di ricerca a caratterizzare l’intera evoluzione del genere umano. Dalle esplorazioni della terra e dello spazio, che hanno consentito di creare nuovi habitat e di sviluppare nuove conoscenze, all’esigenza di

andare al di là del qui e ora della quotidianità, alla ricerca di forme di spiritualità tanto religiosa quanto laica. Gli incontri della nuova edizione dei Dialoghi sull’uomo vedranno avvicendarsi studiosi di diverse forme di spiritualità religiosa, che spiegheranno la tensione a trascendere la vita terrena, al fianco di scienziati che esplorano la materia, alla ricerca di una chiave di comprensione della vita, di viaggiatori ed esploratori che tentano di superare i limiti e i confini, così come di artisti e studiosi d’arte, per comprendere cosa li spinge a creare nuove realtà. Il festival richiama nella scelta del tema i festeggiamenti dell’anno iacobeo e l’apertura della Porta Santa a Pistoia in onore della reliquia di San Jacopo, conservata nel Duomo da nove secoli, che collega il percorso di Santiago di Compostela a Pistoia stessa. Un festival che avrà dunque come fil rouge il cammino verso nuovi e altri orizzonti, il cammino dei pellegrini di tutto il mondo e di molte religioni, quello dei migranti che fuggono dalla povertà e dalla morte, quello avventuroso degli esploratori, quello di ricerca di scienziati, artisti e filosofi. «Il cammino che i nostri lontani antenati hanno intrapreso uscendo dall’Africa, non è stato fatto solo con i piedi – dichiara Giulia Cogoli ideatrice e direttrice del festival – ma anche con l’immaginazione, la speranza, la fede, la fiducia negli altri, l’aspettativa di nuove scoperte e dimensioni dell’umano, che ha permesso non solo di scoprire il nostro pianeta, ma anche di trascenderlo».

www.dialoghisulluomo.it


Associazione Voglia di vivere PISTOIA

IO MI ASSOCIO: E TU?

Voglia di Vivere OdV invita persone nuove e soci a sottoscrivere l’iscrizione per il 2021 alle pazienti, ma anche ai loro familiari: sostegno psicologico, con incontri sia collettivi sia individuali; consulenza nutrizionale; agopuntura; estetica oncologica, consulenza di immagine e trucco; attività fisica in piscina (camminata in acqua), in palestra (rinforzo ossa e postura), gruppo di cammino; attività manuali nel laboratorio creativo; laboratorio di scrittura; consulenza socio-lavorativa in collaborazione con SPI-CGIL. Come potete vedere si tratta sempre di momenti di incontro che danno un bel supporto al benessere emotivo e fisico: si tratta di attività che, ove possibile, anche durante il periodo del Covid sono rimaste attive e, imparata la lezione, saranno mantenute sia nelle sedi originali sia online. Se quanto detto finora non vi bastasse… consultate il sito e rendetevi conto fino in fondo di quanto possa essere luminoso l’arcobaleno di Voglia di Vivere. Voglia di Vivere OdV – via Giuseppe Gentile, 40/D – Pistoia - TEL.0573 964 345 vogliadivivere@vdvpistoia.org www.vdvpistoia.org

VI ASPETTIAMO PER UNA CONSULENZA GRATUITA V. Panciatichi, 16 - 51100 Pistoia (PT) Tel. +39 0573 30319 - info@uditovivo.com

www.uditovivo.com

Canapale Pistoia www.saseidraulica.it

TECNOLOGIE D’AVANGUARDIA PER L’IRRIGAZIONE

Castellare di Pescia www.guastapaglia.com

Profema S.r.l. Via Copernico 8, 20125 Milano Italia Cell. +39 366 67 03 699 info@profema.it - www.profema.it

Daniela Mangani - Agente di zona Cell. +39 339 86 63 803 danielamangani@libero.it

DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021 | 23

Gennaio e febbraio sono notoriamente i mesi in cui ogni sodalizio si trova impegnato nell’invitare i “vecchi” soci a rinnovare l’iscrizione, ma anche nell’invogliare persone nuove a sostenere le proprie attività. Poteva Voglia di Vivere OdV non far sentire la voce, per portare acqua al mulino dei suoi associati? A dire il vero, di motivazioni invitanti Voglia di Vivere ne ha parecchie, interpretando perfettamente il significato dell’arcobaleno come immagine nel logo. L’arcobaleno… quel momento di passaggio quasi impercettibile fra due diverse condizioni, fra due mondi diversi ma continui, fra un prima che lasciamo e un dopo che – seppure diverso – è vita e con forza vogliamo continuare a vivere. Con forte determinazione, la variopinta associazione è cresciuta bene e si appresta a intraprendere il 32° anno di vita con rinnovato entusiasmo, con idee propositive che sempre trovano la via – e sostenitori – per trasformarsi in interventi concreti a sostegno della comunità. Quanto realizzato finora è già un ottimo biglietto da visita per invitare gli associati “storici” a rinnovare la loro fiducia, e anche per sollecitarne di nuovi nel darle nuovi segnali di stima. Intanto, nel “pentolone d’oro” che notoriamente bolle alla fine di ogni arcobaleno, il 2021 vede attivo il nuovo progetto “Nastro rosa-verde: convivere con il cancro”, realizzato grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia. In linea con il proposito di perseguire il ben-essere, Voglia di Vivere ha pensato di rivolgersi come sempre alle donne malate di cancro alla mammella, riservando però particolare attenzione alle pazienti con recidive e metastasi, che costringono a curarsi per tutta la vita, rendendo così il cancro una patologia cronica con la quale dover imparare a convivere per sempre. Per dare loro un po’ di serenità, alleggerendo il carico della malattia, ecco allora che il progetto ha previsto un pacchetto di servizi da offrire in primis


CULTURA

LIBRERIE

Il Giardino delle Parole

Una piccola, grande realtà dove non esistono clienti, ma solo lettori...

24 | DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021

È spuntata dalla sera alla mattina nell’autunno pistoiese, come un fungo colorato. Parlo della Libreria Il giardino delle parole, via Pagliucola 115, un piccolo scrigno di libri: se alzi il coperchio spuntano due graziose Alici-nel-Paesedelle-Meraviglie dall’accento emiliano, che ti conducono alla scoperta di donninecampanella, tavolini che ci sono e poi non ci sono più, e una scala che sale su su in alto, fino al paradiso dei libri. C’è uno scaffale speciale che ci parla di Scampia e di diritti sociali (io prima o poi me li compro tutti...), oltre a un fornitissimo settore per bambini. Come si dice a Pistoia, “sà di ritornaci”, cioè sarà bello tornarci di nuovo. (Barbara Beneforti) Esordiamo con questa bellissima recensione fattaci da una nostra cara lettrice, perchè pensiamo ci rappresenti in pieno. Questo progetto nasce dal sogno di noi due sorelle di Piacenza, Emilia Romagna. Fin da piccole, nostra mamma ci ha circondato di libri e ci ha mostrato la loro importanza, trasmettendoci questa passione. Ma la lampadina si è accesa durante il primo lockdown, nel 2020. Io confinata in casa a Piacenza e mia sorella confinata in quella che nel frattempo, da anni,

era diventata la sua città: Pistoia. Ore di telefonate in cui si parlava di quanto sarebbe stato bello aprire una libreria. Ma poi si diceva: dai, smettiamola, poi proprio ora con questo caos della pandemia. Ma il tarlo restava. E i tarli sono fastidiosi. Soprattutto perchè ci si rendeva sempre più conto che leggendo tonnellate di libri e vivendo milioni di avventure, il lockdown diventava meno pesante. Spegnendo la televisione e mettendo la testa in un libro, il virus faceva meno paura. Ha vinto il tarlo. La telefonata che rimarrà nella nostra storia e di questo posto: “Ehi, lì in Toscana potete circolare ora. Cerca un negozietto sfitto, che appena la situazione migliora anche qui e ci si potrà spostare, mi trasferisco a Pistoia.” Un attacco di coraggio, o di incoscienza. Ma un grande uomo mi ha insegnato che nella vita bisogna avere il coraggio di inseguire i propri sogni. Abbiamo visto un negozio, piccino, con un bel dehor, di quartiere, fuori dal centro. Di quelli che entri e senti subito che è quello giusto. Il nostro cuore diceva:

facciamolo. La nostra testa diceva: siete matte? Ha vinto il cuore, e quella voglia di trasmettere alle persone il valore terapeutico della lettura, il privilegio di poter vivere tante vite, non una sola. Da quel momento, non si poteva e non si doveva più tornare indietro. Mattoncino dopo mattoncino, dal primo settembre al 14 novembre, insieme al luccicore nei nostri occhi, la creatura si è formata. Esattamente come l’avevamo pensata: piccolina, con un giardino esterno, tutta in legno rigorosamente riciclato e dall’aspetto un po’ fiabesco, con una lunga scala che porta al di là della realtà. Il folle sogno in due mesi e mezzo era realizzato, e all’interno avevamo deciso di mettere soprattutto piccole case editrici indipendenti. Perchè siamo, e abbiamo fatto il patto di rimanere sempre, una piccola libreria indipendente e terapeutica, dove non esistono clienti ma solo lettori. Perchè ognuno ha il diritto di leggere ciò che vuole basta che lo faccia stare meglio. Dove esiste la chiacchierata, il ritrovarsi, il consiglio letterario da parte di ognuno. Abbiamo ancora tante idee in testa, abbiamo ancora tante cose da offrire appena si potrà. D’altronde ormai, dopo che abbiamo aperto una libreria il giorno prima di entrare in zona rossa nel bel mezzo di una pandemia, cosa ci può spaventare?


SALUTE E BENESSERE

UNA LETTURA CONSIGLIATA

LA PIAZZA DEL DIAMANTE Edizioni La Nuova Frontiera Gabriel Garcìa Màrquez lo ha definito “ Il romanzo piu’ bello che sia mai stato pubblicato in Spagna dopo la guerra civile”. Come facciamo a non essere d’accordo con Màrquez? Mercè Rodoreda ha creato un personaggio straordinario. Natàlia incontra Quimet una sera, durante una festa danzante su La Piazza del Diamante, in una Barcellona non ancora segnata dalla guerra civile. Lei è molto giovane, e si innamora di quest’uomo che si rivelera’, dopo il matrimonio, rozzo, egoista, dispotico. Nascono due bambini. Quimet per affrontare la poverta’ quotidiana, decide di allevare colombi, che in realta’ la moglie mal sopporta. Barcellona comincia ad essere sconquassata dalla guerra civile, gli uomini partono per il fronte per combattere i nazisti, e anche Quimet. Natalia rimane sola con i figli, e ad uno ad uno i colombi volano via. Questo, come spesso accade nei momenti di disperazione, la fortifica e la rende desiderosa di indipendenza e di liberta’. Merce’ Rodoreda affronta con bravura rara e sapiente la complessita’ dell’animo femminile, delle donne e delle madri. Emozionante e intenso, meravigliosamente scritto.

FOCUS

LA MISSIONE DELLA LIBRERIA…

Abbiamo una missione. Tramite la vendita assistita, cerchiamo la lettura migliore da consigliare ad ognuno, in base allo stato d’animo del momento. Siamo prima di tutto lettrici, poi libraie. E quindi parlare con i nostri lettori, fare loro domande sulle loro passioni, o cercare di capire i bisogni del momento, è un modo per avvicinare chiunque alla lettura, anche quelli che non leggono o che hanno magari dovuto affrontare, per esempio a scuola, solo tematiche che non rientrano nelle loro corde. La lettura non e’ solo cultura. E’ anche un modo per evadere dalla realta’, soprattutto ora che è particolarmente pesante e angosciante. Ben vengano quindi anche libri leggeri, tipicamente di evasione, che permettono anche solo momentaneamente di distaccarsi da una realta’ piuttosto dura da affrontare. Chi gia’ frequenta la nostra libreria lo sa, ma ci teniamo a far arrivare questo messaggio anche a chi ancora non ci conosce. Perche’ il lato umano e’ fondamentale sempre e ovunque, e non dobbiamo mai dimenticarcene.

♥A SAN VALENTINO ♥

FAI UN GESTO DI AMORE DA MARTEDÌ 9 A LUNEDÌ 15 FEBBRAIO LA FARMACIA AL BATTISTERO ADERIRÀ AL BANCO FARMACEUTICO Un’iniziativa che ogni anno coinvolge molte farmacie del territorio per la raccolta di farmaci a sostegno di organizzazioni onlus. Il Banco normalmente veniva eseguito in un solo giorno in prossimità del giorno di San Valentino, con l’aiuto di volontari, ma quest’anno in ragione delle normative anti covid - 19, la raccolta sarà estesa a tutta la settimana e sarà il personale della farmacia ad aiutarvi nella donazione. Sarà quindi possibile venire da noi e compiere un gesto nobile acquistando prodotti indicati dalla struttura onlus tra quelli più necessari per la gestione dei malati. Sarà un San Valentino diverso dal solito, ancora segnato dalle norme di sicurezza, e proprio per questo chiediamo alle persone di essere consapevoli della presenza di tante realtà più disagiate e di cercare, anche con un piccolo segno, di dargli aiuto.

Negli stessi giorni, la Farmacia al Battistero propone ai propri clienti occasioni commerciali e sconti su diversi prodotti. Per un regalo a voi o ad una persona del vostro cuore, passate a trovarci!

Via degli Orafi, 22, 51100 Pistoia - Tel. 0573 22183

DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021 | 25

di Merce’ Rodoreda


COMUNE DI QUARRATA

In collaborazione con

COMUNE DI QUARRATA

Villa La Magia riapre alle visite il venerdì pomeriggio Un’occasione per scoprire la dimora medicea quarratina, unico patrimonio UNESCO della provincia di Pistoia

26 | DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021

Villa Medicea La Magia torna ad essere visitabile. Cogliendo la possibilità offerta dall’ultimo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri di aprire i musei nei giorni feriali, l’Amministrazione ha deciso di riaprire alle visite la dimora medicea quarratina, unico patrimonio Unesco della provincia di Pistoia, eccezionalmente il venerdì pomeriggio. La visita guidata inizierà alle 16.00 e potrà svolgersi soltanto su prenotazione. Vista l’eccezionalità del momento e la novità dell’apertura feriale (solitamente la Villa è aperta alle visite solo la domenica) sarà proposto un biglietto di ingresso ridotto di soli 5 euro. Tali disposizioni saranno in vigore dal 22 gennaio fino al 5 marzo, salvo modifiche alle disposizioni nazionali concernenti la pandemia. Le modalità di svolgimento della

visita saranno quelle già consolidate durante l’estate, con un massimo di 15 visitatori alla volta e un particolare itinerario che consenta il necessario distanziamento tra le persone ed il pieno rispetto di tutte le disposizioni anti-covid. Il percorso guidato comprenderà la visita sia del parco, con la sua collezione di arte contemporanea “Lo Spirito del Luogo”, sia dei locali interni della Villa. Informazioni e prenotazioni. Biblioteca G. Michelucci: Tel. - 0573 774500; email - info@villalamagia.com. Associazione Keras: Tel. cellulare - 347 3437462; email - info@keras.it. Villa Medicea La Magia: via Vecchia Fiorentina I Tronco, 63 Quarrata (Pt)


IL COMUNE SCEGLIE L’ENERGIA VERDE PER IL PROPRIO PARCO MEZZI

L’Amministrazione comunale di Quarrata sceglie l’energia verde per il proprio parco mezzi: dovendo sostituire una serie di veicoli ormai vecchi, il Comune ha infatti deciso di investire in auto ad alimentazione elettrica. Martedì 5 gennaio, il Sindaco Marco Mazzanti ed il Comandante della Polizia Municipale Marco Bai hanno presentato le due nuove auto elettriche appena arrivate in dotazione alla Polizia Municipale di Quarrata. Si tratta di due Nissan Leaf versione N-Connecta, di colore bianco e batteria da 40 kwh. “La sostituzione dei mezzi comunali con nuovi veicoli elettrici– afferma il Sindaco di Quarrata Marco Mazzanti – si colloca nell’ambito di un più ampio investimento dell’Amministrazione in politiche ambientali sostenibili. Ricordo, a titolo di esempio, la scelta di convertire progressivamente a led l’illuminazione pubblica cittadina e l’installazione, circa un anno fa, di nuove colonnine per la ricarica delle auto elettriche in piazza Aldo Moro e in piazza Enrico Berlinguer, che vengono regolarmente utilizzate dai privati che possiedono mezzi elettrici”. Nel corso del 2020 il Comune ha messo in alienazione tre autocarri (un Volkswagen, un Fiat Iveco e un Piaggio Porter) e tre automobili Fiat Panda; queste ultime sono sostituite con tre nuovi veicoli elettrici, due a servizio della Polizia Municipale e uno – arrivato a fine gennaio - per il Servizio Lavori Pubblici (una Peugeout 208 e-Full Electric Active).

EF GLI FESTEP CT IV LEGALI E WAY S PER OF CREARE ST U D YI NG UN B EECOMMERCE F OR E E X AM S RIFLETTI PRIMA DI AGIRE Verifica il nome il nome a dominio che hai scelto Prima di iniziare verifica se il nome a dominio che hai scelto è libero, se corrisponde o è similare a marchi, loghi, insegne, denominazioni di impresa già esistenti. In questo caso, se vi sono determinate condizioni, la registrazione del dominio è illegittima e può procurarti seri problemi .

START Metti in chiaro le regole Predisponi un incarico alla Agenzia web/comunicazione prescelta per la creazione del tuo sito web per chiarire i diritti di proprietà intellettuale su ciascun aspetto oggetto dell’incarico professionale (layout sito, codice html, foto customizzate, testi, broucher ecc.)

SE HAI UN MARCHIO SU CUI PUNTARE Tutela il tuo BRAND Registra il tuo marchio. Il mondo virtuale è esteso e l’utilizzo di un segno distintivo online comporta l’alta probabilità che possa essere utilizzato anche da altri fuori dal suo contesto o addirittura copiato. Si consiglia in fase di registrazione di effettuare i dovuti controlli nelle banche dati nazionali ed europee.

SCRIVI, NON COPIARE Crea dei buoni documenti di policy

INFORMATI E NON DEMANDARE

Il sito web dovrà contenere dei buoni documenti di Privacy Policy così come le condizioni di uso e di vendita, le schede prodotto nel rispetto della normativa sull'etichettatura e sulla tutela del consumatore. Una corretta compliance generale è legata anche all’attività di marketing e di profilazione che si vorrà effettuare.

Accetta il marketing sapendo cosa si può fare Le agenzie di marketing ti proporranno tante soluzioni e pratiche in uso. Alcune sono ovviamente corrette e possibili altre invece sono inquadrabili come atti di concorrenza sleale e quindi sanzionabili sia civilmente che penalmente.

MOR E T I P S : W WW . ST U DI OB OS A Z. I T I NF O@ S T UDI OB OSA Z . I T

P E R S AP E R NE D I P I Ù :

BO SA Z S T UD I O L E G A LE MI GLI OR S T U D I O D E L L 'A N NO I N D I RI TT O IN FO RM A TIC O

DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021 | 27

ECOSOSTENIBILITÀ

BO S AZ S T UD I O LE GA LE


TERME DI MONTECATINI

BENESSERE E VANTAGGI

Tutti alle Terme Anche per il 2021 è in vendita, presso gli stabilimenti termali, la speciale Card per i residenti a Montecatini Terme e in tutti i comuni della provincia di Pistoia CARD 2021

Anche per il 2021 è in vendita, presso gli stabilimenti termali, la Card per i residenti a Montecatini Terme e in tutti i comuni della provincia di Pistoia La Card costa 50 euro e da diritto a: - Ingresso tutto l’anno alle Terme per bere le acque curative, passeggiare nel parco ascoltando musica - 10% di sconto sul prezzo di ingresso alla Piscina Termale Redi e sui trattamenti estetici del Centro Benessere Termale - 20% di sconto sulla linea cosmetica Aquathermal Complex® Anche la giunta e il consiglio comunale dI Montecatini hanno sottoscritto l’abbonamento annuale alle Terme per sostenere la principale azienda della città. Le Terme di Montecatini proseguono la loro attività grazie ai rigorosi protocolli di sicurezza e al personale medico sanitario che opera negli stabilimenti termali. Sono aperte le Terme Excelsior per la cura idropinica e le Terme Redi per la fangobalneoterapia, le cure inalatorie, la riabilitazione in palestra e piscina, la fisioterapia e la piscina termale per la balneoterapia collettiva.

Tutti i trattamenti possono essere eseguiti, su prenotazione, a pagamento e in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale.

Vedi gli orari sul sito: www.termemontecatini.it Tel. - 0572 7781 Email - info@termemontecatini.it

LA COPERTINA

DISCOVER PISTOIA E IL TERRITORIO 28 | DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021

Discover Pistoia è nato quasi tre anni fa come Urban Magazine della città, ma dal primo numero ha sempre riservato uno spazio, a volte anche molto ampio, a tutto il territorio. In questo periodo si sono consolidati anche rapporti di collaborazione con i comuni di San Marcello – Piteglio, Quarrata e Monsummano Terme e con due dei principali progetti di valorizzazione territoriale della nostra montagna come Porrettana Express e Segnavie, aumentando la vocazione “territoriale” del nostro

magazine, che nel frattempo, rispetto al primo numero ha di fatto raddoppiato il numero di pagine. La copertina di Febbraio è dedicata, con la riproduzione di un manifesto d’epoca, alle Terme di Montecatini. Sono tanti gli esempi di manifesti, che a partire dalla fine del 1800 hanno pubblicizzato le salutari acque termali della città della Valdinievole, i suoi viali, gli sfavillanti locali e un grande patrimonio di arte, storia e folklore che rappresenta indubbiamente una pagina fondamentale

della storia turistica, artistica e culturale del nostro territorio. Questo omaggio alle Terme, in un momento ancora molto difficile per arte, cultura e turismo a causa del perdurare della pandemia da Covid – 19, oltre a sancire l’accordo di collaborazione con una delle più importanti eccellenze del nostro territorio, indica un po’ anche quello che sarà il futuro di Discover Pistoia, inteso come piattaforma di comunicazione integrata che affianca al magazine un seguitissimo portale di promozione territoriale - e cioè quello di cercare, mantenendo la stessa linea editoriale e gli spazi per la città e i nostri partner storici - di valorizzare, promuovere e dar voce a tutto il territorio e alle sue eccellenze più rappresentative: dalla Valdinievole e il Padule di Fucecchio per arrivare, passando per la piana Pistoiese, alla alta e bassa Montagna.

www.discoverpistoia.it


In collaborazione con

MONSUMMANO TERME

Comune Monsummano Terme

MONSUMMANO TERME

Mostre aperte ai Musei Civici Con l’arrivo del Decreto del 15 gennaio 2021, il Mac,n ed il Museo della Città e del Territorio hanno riaperto al pubblico. Le mostre, inaugurate “on line” durante la chiusura, sono finalmente “dal vivo” per i visitatori. che ha inaugurato, ancora on line, la mostra fotografica “Le donne e i bambini della cava di Pissy”. Francesco Noferini, fotografo ed editore mugellano, ci trasporta, con i suoi splendidi scatti in bianco e nero in Burkina Faso, nella cava di Pissy, “il buco del diavolo”, vero e proprio inferno rovente dove, tra fumo e polveri donne e bambini lavorano in condizioni disumane. La mostra, a cura di Giuseppina Carla Romby, è un viaggio fotografico toccante che i visitatori del Museo potranno ammirare fino al 28 febbraio 2021. La mostra sarà aperta con il seguente

orario: lunedì, mercoledì, venerdì ore 9.00-13.00, martedì e giovedì ore 9.0013.00 e 15.30-17.30. Per visitare le esposizioni ed i musei è consigliata la prenotazione. Per visitare le esposizioni ed i musei è consigliata la prenotazione. Mac,n-Museo di Arte Contemporanea e del Novecento, tel.0572.952140 (in orario di apertura del museo) oppure 366.5363331. Tramite mail a macn.villa@gmail.com Museo della Città e del Territorio, tel.0572.954463 (in orario di apertura del museo) oppure tramite mail a biblioteca@ comune.monsummano-terme.pt.it

Mac,n - Museo di Arte Contemporanea e del Novecento

30 | DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021

I Musei Civici di Monsummano Terme hanno riaperto subito, già dal 18 gennaio. Durante il lockdown le porte erano chiuse, ma dentro fervevano i lavori, spiega Elena Sinimberghi, vicesindaco e assessore alla cultura. Il 7 novembre 2020 al Mac,n, veniva inaugurata on line la nuova mostra di Yorgos Giotsas, “The Unseen D.B.: New Works by Yorgos Giotsas”. Innamorato degli spazi di Villa Renatico Martini e della musica di David Bowie, Giotsas evoca le sensazioni suscitate dai brani del Duca Bianco in grandi tele e tavole, originali e di forte impatto emotivo, composizioni di splendidi colori e trasparenze. Con l’apertura al pubblico la mostra, a cura di Paola Cassinelli e Marco Giori, sarà visitabile fino all’11 aprile 2021 con i seguenti orari: lunedì, giovedì e venerdì 15.30-18.30 (ora solare) 16.00-19.00 (ora legale), mercoledì 9.30-12.30. Il 25 novembre 2020 è stata la volta del Museo della Città e del Territorio

Dal 27 Gennaio al 9 Febbraio 2021 Il Mac,n ricorda la Shoah Sul sito e sui canali social del museo (Fb e Instagram), in occasione della Giornata della Memoria e per le due settimane successive, sarà possibile ammirare due xilografie realizzate da Moshe Hoffman. Artista ungherese, nato nel 1938, insignito nel 1972 del prestigioso “Israel Prize”, ha vissuto sulla sua pelle il dramma degli ebrei e il dolore di perdere il padre, ucciso in un campo di concentramento. Tutta la crudeltà dell’Olocausto è rappresentata nella sua serie di dieci xilografie dal titolo evocativo “6.000.001”, che Hoffman realizza tra il 1967 ed il 1969. Jesus take down from the cross e The gas chamber, sono opere crude, di forte impatto sullo spettatore che percepisce il percorso di sofferenza del popolo ebraico e l’inenarrabile disumanità di quel massacro. Le xilografie saranno visibili sul sito del Mac,n ( www. macn.it , sezione Eventi), sul profilo fb “Museo Arte”, sulla pagina fb “Museo di Arte Contemporanea e del Novecento - Monsummano Terme” e sul profilo Instagram “museocontemporaneo900”. I visitatori del Mac,n troveranno l’evento sullo schermo gigante all’entrata di Villa Renatico Martini, durante gli orari di apertura del museo.


EVENTI

Monsummano Terme scommette sullo stile del Duca Bianco

La città di Monsummano Terme, già patria di uno dei giganti della musica europea Yves Montand (nato Ivo Livi), nel 2019 ha deciso di costruire un progetto artistico e culturale incentrato un altro monumento della musica e della cultura internazionale legato alla città: David Robert Jones, in arte David Bowie, innovatore musicista, attore e artista che più di ogni altro ha influenzato la cultura della parte finale del Novecento. Proprio Bowie nel lontano agosto 1969, precisamente tra il 31 luglio ed il 3 agosto, allora ventenne, partecipò ad un concorso canoro “Festival Internazionale del Disco”, organizzato presso lo Chalet di Monsummano Terme dall’Associazione Culturale “Giuseppe Giusti”. Fu la sua prima apparizione in Italia. Dopo il grande successo della prima edizione, con il concerto tributo sotto la direzione di Paolo Fresu e l’intitolazione del Parco del Museo “Mac,n” a David Bowie, e dopo la brusca interruzione a causa del diffondersi del virus Covid-19, il progetto ritorna a primavera 2021. La nuova edizione avrà una particolare attenzione verso la creatività giovanile e si articolerà su più momenti, esplorando diversi linguaggi espressivi e utilizzando gli spazi del Parco Bowie e del Museo Mac,n. In attesa di programmare i concerti Live l’organizzazione Comune di Monsummano Terme e Officine della Cultura si è concentrata sulla parte moda e arte dedicata al Duca Bianco; con un percorso che ha visto l’attivazione di un bando, chiamato Style and Vision, dedicato ai giovani stilisti di tutta Italia. Sono già numerosi coloro che hanno inviato i bozzetti, e lo potranno fare anche nelle prossime settimane, visto che il bando è ancora attivo. L’obiettivo è quello di inaugurare entro fine marzo una mostra presso il museo Mac,n. L’esposizione “Bowie is… in Tuscany” nasce da un’idea di Andrea Gemignani per velvetgoldmine.it Una mostra di testimonianze e cimeli dei passaggi e degli eventi di David Bowie in terra toscana, con l’intento di mettere in risalto il profondo legame che, sia a livello privato che artistico, David Bowie ha avuto con la nostra regione. La mostra sarà fruibile in presenza e in streaming grazie alla realizzazione di una galleria virtuale sul sito del Mac,n. A cavallo tra maggio e giugno, infine, il clou del programma con la sfilata, presso il parco Bowie, “David Bowie Style and Vision”. www.bowiemonsummanoterme.it

LA TUA AZIENDA! LA NOSTRA MISSIONE E’ PROTEGGERLA!

I servizi svolti da AIB All Insurance Broker sono sempre all’avanguardia per trovare le coperture assicurative che possono tutelare la tua azienda e proteggerla in questo presente complesso guardando al futuro con serenità. PRIMO PASSO: Per poter redigere un programma assicurativo adeguato è indispensabile inquadrare bene il rischio che dobbiamo andare ad assicurare; per questo i nostri tecnici si pongono l’obiettivo di: Identificare e classificare i rischi aziendali per tipologia di attività; Valutare l’efficacia delle misure di controllo in essere per mitigare o annullare le conseguenze di eventi dannosi; Misurare il rapporto costi/benefici del trasferimento del rischio al mercato assicurativo o della ritenzione di parte di esso da parte dell’Azienda (autoassicurazione). SECONDO PASSO: Alla luce di quanto emerso dall’analisi del rischio svolta e verificata con l’Azienda, viene redatto il Programma/ Progetto assicurativo ottimale. Tale documento traccia le linee guida (con indicazione delle date d’inizio e termine di ogni attività da concordare insieme –Progetto-) da seguire durante il nostro rapporto di collaborazione, consentendo al Cliente di monitorare l’attività che svolgiamo. TERZO PASSO: Ogni programma assicurativo è progettato in base alle specifiche esigenze dei Nostri Clienti, ricorrendo alle architetture assicurative più snelle ed adeguate tra quelle consolidate sul mercato e quindi il piazzamento dei rischi sui mercati nazionali o internazionali a seconda delle esigenze. QUARTO PASSO: Avere come proprio consulente un account di riferimento che gestisce e supporta ogni evoluzione della vostra azienda.

Società di Brokeraggio e di Consulenza Assicurativa Via Niccolò Machiavelli, 19, Pistoia Tel: +39 0573 977188 info@aibroker.it

www.aibroker.it

DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021 | 31

Moda musica e arte per rendere omaggio a David Bowie


LA VOCE DELLA MONTAGNA

LA VOCE DELLA MONTAGNA

Più risorse per lo sviluppo Un importante servizio istituito dal Comune di San Marcello-Piteglio in collaborazione con ANCI Toscana

32 | DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021

Il servizio per la Montagna, istituito dal Comune di San Marcello Piteglio in collaborazione con Anci Toscana, ha ricevuto finora 170 richieste di informazioni. Obiettivo la ricerca di finanziamenti per imprese, associazioni e cittadini del territorio e per sviluppare progettualità in ambito locale. Bene ha fatto il Comune di San Marcello Piteglio quando ha attivato, nel Maggio del 2018, lo Sportello Più risorse per lo sviluppo, costituito per la ricerca di finanziamenti a favore di imprese, associazioni e cittadini del territorio nonché per sviluppare progettualità in ambito locale. Gestito in collaborazione con ANCI Toscana, lo Sportello ha finora risposto ad oltre 170 richieste di informazioni, sia ricevendo gli utenti presso i locali comunali,

sia spostandosi sul territorio, sia ospitato da Enti o associazioni, come la Proloco di Prunetta o la Pubblica Assistenza di Maresca. Inoltre ha organizzato eventi pubblici, tra cui la presentazione del Bando sul Pacchetto Giovani in Agricoltura, con l’intervento della Regione Toscana, e alcuni percorsi formativi su temi riguardanti la produzione agricola e lo sviluppo del marketing del territorio. Di recente, sempre in sinergia con ANCI Toscana, sono stati organizzati due importanti webinar nel corso dei quali la Regione Toscana ha presentato alcuni bandi (relativi al turismo, ad investimenti, alla microinnovazione digitale, agli empori di comunità) che hanno avuto ricadute positive sulle imprese locali. Durante l’emergenza sanitaria le attività in presenza si sono

interrotte, ma si è incentivato lo sforzo mediatico, con incontri virtuali personalizzati e finalizzati ad informare gli utenti sul panorama dei bandi a disposizione, per mezzo di strumenti come la mail, il telefono,whatsapp. Sono stati in tal modo raggiunti direttamente altri 150 utenti, ai quali si aggiungono i consueti contatti mensili tramite Newsletter rivolti ad ulteriori 450 destinatari. Lo Sportello è dunque attivo anche in questo momento di grave difficoltà sanitaria e per prenotare appuntamenti o ricevere informazioni (sempre in modalità on line o telefonica) occorre contattare il seguente cell: 3488063379 oppure il sito: risorseperlosviluppo@ comunesanmarcellopiteglio.it.


In collaborazione con

UNICEF

A scuola di cittadinanza

Via Luigi Galvani, 15 - 51100 Pistoia Tel. 333 5248396 - ssg.giaconi@yahoo.it

di adulti, e come una visione adultocentrica possa, anche involontariamente, mettere in ombra le competenze ed il ruolo sociale dei bambini. Il percorso, che sarà attivato con una classe quarta dell’Istituto Comprensivo “Libero Andreotti”, risponde all’obiettivo di dare vita ad una esperienza di educazione alla cittadinanza attiva, in cui adulti e bambini potranno vivere insieme un’opportunità di cambiamento e crescere nell’elaborazione di idee e proposte, cui far seguire la progettazione, realizzazione e gestione di un intervento concreto nell’ambito della propria città o della scuola di appartenenza. Sotto tale aspetto la scelta di una classe quarta risponde alla necessità di un tempo lungo in cui elaborare il progetto e vederlo realizzato. Tutto il percorso sarà accompagnato e sostenuto da esperti dell’UNICEF nazionale e provinciale, nonché dai vari settori di competenza del Comune di Pescia. “A scuola di …cittadinanza” nasce come ‘progetto pilota’, propulsore e facilitatore della nascita di altre esperienze analogamente significative, sia nel Comune di Pescia, che negli altri Comuni della Provincia.

DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021 | 33

“A scuola di cittadinanza” è il titolo di un nuovo progetto, che si avvarrà di una collaborazione fra l’Istituto Comprensivo “Libero Andreotti” di Pescia, il Comune di Pescia ed il Comitato Provinciale UNICEF di Pistoia. Già nel titolo sono anticipati i contenuti che, a partire dal mese di febbraio cominceranno a prendere forma. Si tratta, infatti, di rendere i bambini protagonisti di azioni di sviluppo e di cambiamento nella città, tramite un percorso di progettazione partecipata. In un periodo in cui le risonanze della globalizzazione possono provocare la perdita o l’affievolimento di un senso di appartenenza ai propri luoghi di vita, risulta di fondamentale importanza facilitare i bambini nell’appropriarsi di un ruolo attivo

nell’ambito delle loro comunità. L’art.12 della Convenzione Internazionale dei diritti dell’Infanzia (new York 1989) stabilisce che “Il bambino ha diritto ad esprimere il proprio parere ogni volta che si prendono decisioni che lo riguardano e il suo parere deve essere tenuto nel giusto peso”. L’articolo riconosce, appunto, che i bambini sono in grado di elaborare un proprio pensiero su ciò che accade intorno a loro e che è importante, dunque, dar loro voce e tenere in giusta considerazione le loro osservazioni. Ma come rendere possibile tutto questo nel quotidiano? Il progetto “A scuola di… cittadinanza” intende percorrere questa strada coinvolgendo i bambini in un laboratorio in cui ciascuno sarà chiamato ad esercitare un ruolo da protagonista, come soggetto capace di osservare la realtà che lo circonda, di scegliere, insieme ai compagni, un aspetto della propria scuola o della propria città su cui riversare l’attenzione ed elaborare un pensiero comune. Sappiamo come gli sguardi e le osservazioni dei bambini possano offrire rappresentazioni originali, spesso nascoste al nostro occhio

www.primanaturagiardini.it

Rendere i bambini protagonisti di azioni di sviluppo e di cambiamento nella città, tramite un percorso partecipato.


In collaborazione con

MONTAGNA PISTOIESE

Comune San Marcello Piteglio

SAN MARCELLO PISTOIESE

Il 2020 della Biblioteca Comunale Bellucci

Il bilancio di un anno difficile ma comunque contrassegnato dal desiderio di restare in contatto con i lettori…

34 | DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021

Il 2020 è stato un anno difficile per tutti: l’emergenza sanitaria ha messo a dura prova anche la biblioteca comunale Bellucci, chiusa al pubblico prima dal 9 marzo al 17 maggio e poi dal 6 novembre all’8 dicembre (nel secondo periodo, tuttavia, ha garantito il prestito in modalità “da asporto”, ovvero su prenotazione con consegna dalla finestra o a domicilio). L’Amministrazione comunale ha incoraggiato e sostenuto la biblioteca affinché fosse comunque vicina agli

utenti: dagli intrattenimenti letterari sui social ai concorsi per i più giovani passando per gli spettacoli registrati al teatro Mascagni, sono state numerose le iniziative lanciate nel corso dell’anno passato. I periodi di apertura al pubblico sono stati sottoposti a rigide misure di contingentamento nel rispetto della normativa anticontagio, limitando in particolare la possibilità di leggere o studiare nelle sale lettura e purtroppo perdendo lo stretto contatto con gli utenti, in

particolare con gli studenti, che erano soliti usufruire dei servizi e dei locali della biblioteca. L’attività di prestito e interprestito bibliotecario, chiaramente in netta diminuzione rispetto agli anni precedenti, è comunque proseguita. Ecco alcuni dati. La biblioteca ha dato in presito 4317 volumi, di cui 622 attraverso il prestito interbibliotecario della Rete REDOP. Sempre tramite prestito interbibliotecario, utenti di altre biblioteche hanno avuto in prestito dalla Bellucci 1104 volumi. Sono stati 18 i nuovi iscritti. Nel 2019, invece, erano stati prestati direttamente dal banco 5198 volumi di cui 777 provenienti da prestito interbibliotecario mentre erano stati spediti verso altre biblioteche 1667 testi della Bellucci. Con un totale di circa 16.600 euro, tra settembre e dicembre 2020 sono stati acquistati circa mille volumi che spaziano dalla narrativa alla saggistica, dall’arte alla musica, dalla cucina alla salute, destinati sia al pubblico adulto sia a bambini e ragazzi. Terminato il lavoro di collezione, inventariazione e catalogazione, i nuovi testi sono già quasi tutti disponibili al prestito. La biblioteca Bellucci non ha voluto interrompere il suo progetto di letture ad alta voce “Aguzza l’udito!”, iniziato nel 2019 e ripreso nel 2020 con la prima performance del 22 febbraio di Michele Neri, che si è esibito con una selezione di brani tra il serio e il faceto sul tema dell’amore. Il lockdown ha stimolato il desiderio della biblioteca di essere comunque vicina ai suoi “ascoltatori appassionati” e il progetto è continuato via web (attraverso la pagina Facebook del Comune) con una serie di letture, tra la fine di maggio e la metà di giugno, a cura degli attori della Fabbrica Artistica


Il 2020 ha interrotto i consueti laboratori con i ragazzi, ma è stata comunque lanciata una piccola iniziativa in occasione del Natale, con il contest via web “Il mio albero di Natale”, per la quale i ragazzi dai 6 ai 14 anni dovevano inviare via mail la foto del loro albero realizzato con materiali di riciclo. Diciannove i partecipanti, per altrettanti bellissimi e ingegnosi alberi di natale. Le foto sono state pubblicate sulle pagine Facebook del Comune e della biblioteca e sono state affisse fino al 7 gennaio alle finestre della Bellucci, ben visibili dall’esterno.

LA PORTA DELLA MONTAGNA

VIA NAZIONALE 55 - PRACCHIA - PISTOIA - TEL. 0573 766446

SOLUZIONI DI STAMPA PER L’UFFICIO

DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021 | 35

Michele Pagliai e Maria Dolores Diaz della Fabbrica Artistica Alto Pistoiese, che l’Assessorato alla cultura ha deciso di sostenere ancora di più in questi mesi in cui attori e mondo dello spettacolo hanno risentito più di ogni altro settore delle conseguenze dovute alle chiusure anti-contagio.

www.giraldimarcello.it

Alto Pistoiese: “La signora Frola e il signor Ponza suo genero” tratta dalla raccolta “E domani, lunedì...” di Luigi Pirandello; “La patente” e “La Verità”, novelle di Luigi Pirandello tratte dalla raccolta “Novelle per un anno”; brani estratti da “La Fattoria degli animali” di George Orwell. Numerosissime le visualizzazioni e notevole il gradimento. Di nuovo in presenza, domenica 12 luglio Michele Neri ha letto in piazzetta Port’Arsa filastrocche e brevi racconti per celebrare il centenario dalla nascita di Gianni Rodari mentre il 4 ottobre, nella Chiesa di Campo Tizzoro, Renzo Zagnoni ha letto e commentato il primo canto del Purgatorio dantesco. Entrambe le occasioni hanno avuto un ottimo riscontro di pubblico. L’anno si è chiuso con una nuova lettura trasmessa via Facebook il 31 dicembre: “Novecento” di Alessandro Baricco, letto e interpretato da


In collaborazione con

SLAM DUNK BASKET

f o r z a

Testo di Lorenzo Baldi

d e l l a

n a t u r a

IL CALENDARIO

Avanti tutta !!! I tre appuntamenti di Febbraio saranno molto importanti per capire le reali ambizioni della Giorgio Tesi Group Dopo un Gennaio che definire scoppiettante è solo riduttivo, tanto cheal momento in cui stiamo scrivendo Della rosa e compagni hanno infilato ben sei vittorie consecutive,il mese di febbraio del Pistoia Basket 2000 targato Giorgio Tesi Group sarebbe dovuto iniziare domenica 7 in casa contro la ALLIANZ PAZIENZA San Severo, compagine pugliese guidata in panchina dal confermato Lino Lardo, ma un impegno del coach con la Nazionale Femminile ne ha determinato lo spostamento a mercoledì 3 Marzo alle ore 18.00. Una squadra ostica, che ha negli stranieri Andre Jones e Andy Ogide e nell’ex Happy Casa Brindisi Chris Ikangi i propri punti di forza, senza dimenticare naturalmente Marco Contento, Edoardo Buffo e Di Donato, sempre pronti a dare il loro prezioso contributo. Il 10 Febbraio, trasferta durissima al Pala Barbuto di Napoli contro la corazzata Ge.Vi Napoli, guidata in panchina da Pino Sacripanti e caratterizzata da un roster di primissimo livello e molto profondo, composto da due stranieri come Jordan Parks e Josh Mayo – lo scorso

anno entrambi protagonisti nella categoria superiore - cui si affiancano a turno l’ex Brescia Andrea Zerini, l’ex di turno Eric Lombardi, Diego Monaldi, Daniele Sandri, Lorenzo Uglietti, Antonio Iannuzzi e Marini. Domenica 14, era in programma un altra trasferta, questa volta nel basso Lazio, contro la BENEACQUISTA ASSICURAZIONI Latina di coach Franco Gramenzi, ma proprio al momento di andare in stampa è arrivata la notizia che la gara è stata spostata al 24 Marzo alle ore 18.00. Latina una compagine abituata alla categoria e che schiera ottimi giocatori come i due Usa Jaren Lewis e Brandon Gilbeck e italiani esperti e grandi conoscitori della categoria come Baldasso, Davide Raucci e il play l’ex Rieti Marco Passera in cabina di regia. Domenica 21 Febbraio alle 17.00 primo e unico appuntamento tra le mura amiche di questo febbraio, con diretta nazionale su Mediasport, contro la GIVOVA Scafati. La compagine campana, transato il contratto con l’ex Pistoia Basket Randy Culpepper, presenta comunque giocatori molto validi a partire dall’ex Ravenna Charles Thomas sotto le

36 | DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021

t e l . 0 57 3 9 3 94 8 8 Via

P. N e r u d a

36

plance per proseguire con Tommaso Marino, Valerio Cucci, l’italo argentino Bernardo Musso, Dincic e Jackson. Il mese più corto dell’anno si conclude per la Giorgio Tesi Group domenica 28 alle ore 18.00 con la trasferta emiliana contro la TRAMEC Cento che guidata dal confermato coach Mecacci ha costruito una squadra interessante con un quintetto composto da Moreno, dall’ex Piacenza Gasparin, Petrovic e i due Usa Tekele Cotton, già visto a Torino in LBA e l’ex Napoli Brandon Sherrod, con una panchina da cui si alzano Alex Ranuzzi, Berti, Leonzio e Fallucca.

www.pistoiabasket2000.com


VOLLEY

PARTITO IL CAMPIONATO DELLA BLU VOLLEY QUARRATA Al via il campionato di serie B1 di volley, che vede ai nastri di partenza un’agguerrita Blu volley Quarrata. Proprio pochi giorni prima del 23 Gennaio, data di inizio del campionato (nella prima partita a Castelfranco sconfitta per 3-1), il consiglio della società quarratina, che ha come title sponsor la Giorgio Tesi Group ha nominato Presidente Fabiano Petrelli e il nuovo organico societario è composto da Stefano Caciotti come Vice-Presidente e dai consiglieri Francesco Tempestini (che svolge anche il ruolo di Direttore Generale), Patrizio Montagni, Giuseppe Tarantino, Paolo Fagnoni e Patrizia Corrieri. Una compagine, quella del neo Presidente Fabiano Petrelli e del Direttore Generale Francesco Tempestini che quest’ anno ha costituito un’ottima squadra e che in questa

stagione guarda con ambizione anche al passaggio alla categoria superiore. La voglia di far bene e di crescere di questa società è testimoniata anche dal recente arrivo nei quadri tecnici come Coach della squadra di serie B1 di Marco Bracci, presentato ufficialmente nella conferenza stampa di mercoledì 20 Gennaio presso la sede del title sponsor Giorgio Tesi Group. Vera e propria leggenda della pallavolo italiana della “generazione dei fenomeni”, tre volte Campione del Mondo e giocatore per tanti

anni con le maglie di Parma, Modena, Roma e Lube Volley dove ha vinto tutto, Bracci dopo aver cessato l’attività agonistica ha collaborato con la nazionale Italiana femminile per 8 anni e ha guidato le squadre femminili di Firenze, Caserta e Scandicci tra A1 e A2 e Santa Croce nel maschile.

Dal 1990 a Pistoia

La Blu Volley Quarrata è ormai da anni una delle società sportive più importanti sul nostro territorio

NICO BASKET

A2 femminile di basket Il mese verità per la Giorgio Tesi Nico Basket Pistoia

DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021 | 37

Dopo un gennaio decisamente scoppiettante, iniziato con ben sei vittorie su sei al momento in cui stiamo scrivendo , la compagine guidata da coach Andreoli si appresta ad affrontare un periodo che potrebbe risultare decisivo per capire quali saranno le reali ambizioni della Giorgio Tesi Group Nico Basket, incontrando, tra il 30 gennaio e il 14 febbraio, le prime tre squadre della classifica. Dopo aver affrontato in trasferta la E – Work Faenza sabato 30 gennaio, Ramò e compagne saranno impegnate sul parquet amico del Pala Pertini alle 21.00 di sabato 6 febbraio contro la compagine umbra Bottega del Tartufo Umbertide, stabilmente ai piani alti del campionato. Sette giorni dopo trasferta a Brescia per incontrare la RMB Brixia Basket, quella che al momento in cui scriviamo è la capolista del campionato. Sabato 21 febbraio secondo impegno consecutivo in trasferta per la GTG Nico Basket, che al Modigliani Forum di Livorno affronterà la Jolly Acli Livorno. Il mese di febbraio di Nerini e compagne si concluderà tra le mura amiche sabato 27 alle 21.00 quando incontreranno il fanalino di coda Surgical Virtus Cagliari.


INTOSCANA.IT

www.intoscana.it

Testo di Costanza Baldini

Nell’anno del Sommo Poeta…... Inizia nel nome di Dante Alighieri il 2021 della Regione Toscana.

38 | DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021

Sabato 2 gennaio 2021 è stato presentato a Firenze il ricco programma di eventi per celebrare i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta che è avvenuta nella notte tra il 13 e il 14 settembre del 1321 a Ravenna suo luogo d’esilio. Il presidente della Regione Eugenio Giani ha annunciato di aver individuato 94 luoghi citati da Dante o che in qualche modo si riferiscono a lui più 6 zone territoriali legate al poeta come il Mugello, la Lunigiana, il Casentino, la Maremma, la Val di Chiana. Il “più uno” che va a comporre la carica dei 101 luoghi danteschi è la Romagna toscana a cui spesso il poeta si è ispirato, parte da qui il progetto interregionale che coinvolgerà la Toscana e l’Emilia Romagna creando un prodotto specifico di promozione turistica territoriale integrata tra le due regioni. Tra gli eventi più importanti il Dantedì che si terrà il 25 marzo, data che gli studiosi individuano come l’inizio del viaggio ultraterreno della Divina Commedia. Il 14 maggio 2021 invece sarà ricordato il corteo delle bandiere che inaugurò in piazza

Santa Croce a Firenze la statua di Dante realizzata da Enrico Pazzi. Va da sé che per promuovere al meglio tutte le iniziative e gli eventi che avranno luogo nel 2021 in tutta la Toscana sarà creato un unico sito web regionale che pubblicherà e aggiornerà via via il calendario delle celebrazioni dantesche. Il sito va ad aggiungersi a www.700dantefirenze.it già creato dal comune di Firenze. www.viedidante.it è invece il sito web realizzato da Toscana Promozione Turistica e APT Servizi Emilia Romagna che sarà una vera e propria vetrina popolata da offerte, pacchetti e proposte di percorsi da fare a piedi o in bicicletta. Un vero e proprio sistema turistico creato attorno ai luoghi danteschi con itinerari naturali e culturali ispirati alla figura del poeta toscano. Un’offerta molto varia anche grazie ai 26 comuni della Toscana che hanno aderito al progetto. “Dante Confidential” è il titolo del documentario che andrà in onda su Rai.Doc sulla vita e le opere di dante. Il film si propone di attualizzare il più possibile

la figura di Dante con una narrazione contemporanea senza rinunciare alla profondità storica e critica. Protagonista una giovane ricercatrice che svolge un’indagine sulle tracce del poeta. Nell’ambito del progetto promosso dalla Regione Toscana per la valorizzazione del Patrimonio Mondiale dell’Umanità la Fondazione Sistema Toscana ha creato l’app “Dante’s Journeys”. Con l’App sarà possibile scoprire le bellezze dei sette siti Unesco in Toscana e mettersi alla prova in un gioco divertente per scoprire quanto si conosce sulla vita di Dante. Il viaggio ultraterreno di Dante si sposta così sulla terra in una guida che ci porterà alla scoperta dell’eredità culturale di Dante, del mondo in cui visse, attraverso usi e costumi del tempo e personaggi storici. Toscana Promozione Turistica infine si impegnerà anche a portare Dante nel mondo attraverso quattro serate-evento negli Istituti di Cultura italiana all’estero. I quattro eventi si svolgeranno a Bruxelles, Parigi, Madrid e Berlino.


NUOVA 500 «LA PRIMA» CABRIO. NON FERMARTI ALLA NORMALITÀ SCEGLI LO STRAORDINARIO Sceglila e scopri una mobilità tutta nuova:

N U OVA F I AT 5 0 0 - 1 0 0 % E L E T T R I C A

VIENI A PROVARLA IN CONCESSIONARIA VIA NICCOLÒ COPERNICO, 123 - PISTOIA VIA PONTE BUGGIANESE, 79 - BORGO A BUGGIANO

840.055.055 BRANDINI.IT

DISCOVERPISTOIA | FEBBRAIO 2021 | 39

completamente elettrica.


PISTOIA 8 FEBBRAIO 25 LUGLIO 2021 www.fondazionepistoiamusei.it

con il patrocinio di

media partner

partner

Profile for Giorgio Tesi Group

DISCOVER PISTOIA n°34  

DISCOVER PISTOIA n°34  

Profile for naturart