Page 1

Ufficio stampa

Rassegna Stampa IDV Emilia Romagna del 15/09/2013

Pagina 1 di 10


INDICE

extra IDV Distante: «5 stelle, una festa insieme a tutti i cittadini» 15/09/13

Gazzetta di Parma

«La società Ecofer di Valerio Fiori non ha legami con la ’ndrangheta» 15/09/13

Il Resto del Carlino Bologna

“Una spesa che neanche per catturare Riina” 15/09/13

4 5

La Voce di Romagna Rimini

Il rinnovamento? Via la Freda e incarico costituzionale a Amato 15/09/13

3

Libertà

6

Nessuna cartella Domani studenti di nuovo sui banchi «Abbiate voglia di nuove sfide» 15/09/13

Il Resto del Carlino Bologna

Porta (Idv) chiede più forze dell’ordine 15/09/13

9

Il Resto del Carlino Reggio

«Freda, un caso politico»: l’Idv chiede un incontro a Errani 15/09/13

7

La Nuova Prima Pagina di Modena

Pagina 2 di 10

10


press unE

15/09/20/3

GAZZETTA DI PARMA Direttore Responsabile: Giuliano Molossi

A?.::',11N7AMENTC SABATO E DOMENICA

Distante: «5 stelle, una festa insieme a tutti i cittadini» T RAV RS ET O LO Il consigliere salese del movimento 5 stelle, Giuseppe Distante, interviene sulla festa interprovinciale del movimento che si terrà sabato e domenica al Lido Valtermina di Traverseto lo, «In questi giorni si vedono gruppi che si arrogano il diritto di poter parlare a nome del Movimento 5 Stelle. Onde evitare disguidi o confusione nella gente, tengo a. precisare come da comunicazione dello stesso Staff del Movimento 5 Stelle che gli unici in grado e in diritto di poter parlare a nome del Movimento 5 Stelle sono gli attuali eletti, cioè l'amministrazione tutta di Parma, il neo eletto Consigliere comunale di Salsomaggiore Francesco Sozzi e il Consigliere comunale diSala Ba,ganza Giuseppe Distante eletto nel 2011». Distante specifica inoltre che, contrariamente a. quanto è stato erroneamente divulgato, nell'organizzazione della festa non c'è coinvolgimento di associazioni come Avoprorit. Anpi, Avis o altre non 'menzionate sui manifesti e sui volantini ufficiali». Distante ribadisce inoltre che la festa è un evento non solo per gli attivisti. «Il Movimento 5 Stelle è un gruppo aperto a tutti i cittadini e l'evento in programma per il 21 e 22 settembre non è esclusivamente un ritrovo degli attivisti del Movimento della regione ma è un momento di condivisione e argomentazioni relative a problematiche sentite da tutti».

«I convegni in programmaprosegue Distante concernenti argomenti come le biomasse, gli inceneritori, l'alimentazione, la vivisezione, l'economia, la decrescita felice, le connessioni dei terremoti con le trivellazioni in atto, la modifica dell'articolo 138, ma anche gli stessi spazi dedicati ad associazioni che nulla hanno a che vedere con coinvolgimenti politici, vogliono dimostrare che tale evento non è un politico ma informativo e culturale». Secondo Distante, «la presenza dei nostri parlamentari che si sono resi disponibili a rispondere ai vari quesiti dei cittadini dimostra che si 'tratta di un evento di totale apertura all'opinione pubblica per un'informazione diretta. Inoltre questo evento è tutto autofinanziato, senza utilizzo di finanziamenti pubblici o di partito».*

Pagina 3 di 10 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

Periodicità: Quotidiano Tiratura: 45.153 Diffusione: 37.669


press unE

15/09/2013

il Resto del Carlino

BOLOGNA Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d. Diffusione: n.d.

«La società Ecofer di Valerio Fiori non ha legami con la 'ndrangheta» NON C'È l'ombra della ildrangheta sulla società Ecofer dell'imprenditore bolognese Valerio Fiori. L'ha accertato la Guardia dì finanza di Roma dopo un'indagine che riguardava la discarica romana di Falcognana. Nella capitale si parla molto della vicenda perché si tratta di uno dei siti in lizza per sostituire, con il relativo strascico di proteste dei residenti, la

'storica' discarica di Malagrotta. Falcognana è di proprietà di Ecofer Ambiente, che nei giorni scorsi era finita sui giornali per presunti legami con la malavita. Legami che le indagini hanno escluso, come hanno spiegato ieri il ministro all'Ambiente Andrea Orlando e l'assessore ai Rifiuti della Regione Lazio, Michele Civita. «Le parole del ministro Orlando dice Civita sgombrano definitivamente il campo dai sospetti in merito a presunte infiltrazioni. malavitose nella proprietà della società Ecofer che gestisce il sito di Falcognana, oggetto di pesanti. illazioni che si sono dimostrate infondate». DOPO l'indagine delle fiamme gialle, durata circa un mese, la Procura di Roma sembra intenzionata a chiedere l'archiviazione dell'inchiesta aperta su Ecofer. «Nella mia qualità di legale rappresentante della società Ecofer Ambiente — dice Fiori, difeso dall'avvocato Filippo Berselli prendo atto con soddisfazione che la Guardia di finanza ha accertato l'assenza di qualsiasi, fantomatico, collegamento tra la sode-

tà e la criminalità organizzata, sconfessando una compagna stampa martellante, insinuante e diffamatoria. Voglio inoltre precisare che Ecofer Ambiente non è mai stata raggiunta da addebiti di natura tributaria o ambientale, tantomeno aventi un rilievo penale». Ecofer recupera materiali dalle auto, come ferro e cavi. Ciò che non è recuperabile delle carcasse finisce, appunto, a Falcognana.

Pagina 4 di 10 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015


press unE

LAWOCE

DI ROMAGNA RIHINI & SAN MARINO

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

15/09/2013 Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d. Diffusione: n.d.

Fmnchht (M5$) "Una spesa che neanche per catturare Una" Assistendo alle operazioni di carico e scarico (nel camion) delle casse dei delfini, Carla Franchini, consigliere comunale del M5S, la butta là come un paradosso, ma efficace: "lo Stato avrà speso una cifra che neanche per la cattura di Riina...". Posto che la cattura del capo dei capi di Cosa nostra è costata parecchio, anche l'operazione di venerdì non scherza.

Pagina 15 II %ia2gio:coa]e qual i ro bebè miti dal sonno

P-

Pagina 5 di 10 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

1

• rs 4

•E


press LinE

LIBERTÀ QUOTIDIANO DI PIACENZA FONDATO DA ERNSSTO PRATI NEL 1883

Direttore Responsabile: Gaetano Rizzuto

&immolo-v=0mA= al momento che conosco personalmente l'ex assessore Sabrina Freda non mi stupisco della sorte che Erra ni le ha i mposto.ln Italia esistono in questo momento tante minacce alla democrazia e sicuramente la Freda è una di queste, quindi ben fatto. Penso che se un cittadino prestato alla politica come la Freda arriva a pensare che lavorare veramente per la salute e per gli interessi della gente sia un modo di farla, la politica,Errani ha aspettato fin troppo a revocarle le deleghe:la politica va fatta fare ai professionisti come lui, o che so,a Formigoni, piuttosto che a una dilettante come la Freda. Loro sì che hanno a cuore i cittadini. Tant'è che si attirano ingiuste critiche e pregiudizi, come Gianfranco Pasquino spiega bene essere successo anche al povero Amato, neo nominato giudice costituzionale. Oggi abbiamo bisogno di un rinnovamento,quindi via la Freda e avanti con Amato.E un bel chissenefrega se si tratta di gente cresciuta e pasciuta all'ombra di un sistema fortemente compromesso. L'etica dove sta? Potrebbe Pasquino o un altro collega spiegarmelo? Non si capisce proprio che non ne possiamo più delle solite facce,la quali,mentre molti padri di famiglia si uccidono lasciando vedove e orfani nella disperazione,

D

15/09/2013 Periodicità: Quotidiano Tiratura: 32.634 Diffusione: 26.480

va la Freda o ento incar „co cost ,onate a ato non pensano altro che a conservare anzi a migliorare ancora i propri privilegi? Non c'era proprio in Italia un'altra persona con le competenze e l'intelligenza di Amato? Non è meglio almeno una volta dico una volta su mille far vedere qualcosa di concreto invece dei soliti bla bla bla? Beh, penso che se lo si facesse si finirebbe irrimediabilmente come la Freda: bisogna essere politici, bisogna mediare, bisogna confrontarsi. Peccato che questo per molti, per troppi significhi cedere ad un qualche potere forte sacrificando gli interessi della comunità. Tanto chi comanda sono io e sono io che decido chi destabilizza il Paese, chi è eversivo, chi minaccia le istituzioni e la democrazia e quindi arrenditi, non hai scampo:o così o fuori. Questo ho pensato leggendo della vicenda Freda,troppo rigida e intollerante per la politica.Comunque à stata bravissima, penso a uno come me,uno che se andasse a governare direbbe subito: «Bene signori, il Paese è ormai è stremato, venite un po' qui tutti, non mi interessa di che parte siete, mi interessa solo che vogliate fare con me le

seguenti cose: riduzione di tutti gli sprechi a partire dai nostri stipendi e dal numero dei parlamentari,con decorrenza immediata; eliminazione immediata dei rimborsi elettorali ai partiti; eliminazione immediata di auto blu, scorte e privilegi; riduzione immediata di tutte le pensioni d'oro; utilizzo immediato dei fondi così recuperati per il sostegno delle imprese, del lavoro e dello stato sociale (sono pochi? Beh cominciamo da questi poi vediamo); sostegno anche alla nostra agricoltura che ha tante difficoltà da affrontare alla radice, non dalla mappatura delle zone per i nitrati (ma siccome chi deve fare qualcosa non lo fa, meglio accontentarsi della testa della Freda, perché i veri politici non fanno quello che devono ma poi almeno sui nitrati mediano e si confrontano); erogazione di risorse agli organi di sicurezza pubblica per migliorare i controlli e ridare ai tanti cittadini che hanno perso la serenità, per i soprusi inaccettabili che sono costretti a subire, una vita migliore; di conseguenza riforma della giustizia (ma non come dice quello là che prima è trop-

po lenta ed i giudici sono fannulloni assenteisti, poi è troppo veloce e non gli va bene uguale) affinché vi sia la certezza della pena.E se serve costruiamo pure qualche bella prigione,così aiutiamo l'edilizia.Dopo di ché riforma elettorale, e subito alle urne per vedere chi la gente vuole veramente al governo: naturalmente con fuori tutti, ma dico tutti, quelli che hanno fatto più di d Questo doveva fare il Movimento 5 stelle,ora vanno sui tetti e la Boldrini li sanziona,la stessa che ignora i pianisti in parlamento. Andava data una bella spallata. Vedreste come finiscono subito le storie sul popolo che ha bisogno di interventi immediati e via così,senza che si faccia mai niente di concreto. La tirano lunga, sperano che bene o male questa crisi passi, loro si saranno salvaguardati, la gente ricomincerà a stare un pochino meglio e più facilmente scorderà il passato. Quanto pensate sarebbe durato uno come me che avesse fatto così? Più o meno della Freda? Si accettano scommesse.

Pagina 45

Pagina 6 di 10 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015


press unE

15/09/2013

il Resto del Carlino

BOLOGNA Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d. Diffusione: n.d.

Dom. studenti di nuovo sui banchi «Abbiate voglia di nuove sfide» Oltre 113mila gli studenti nelle scuole di Bologna e provincia «L'APERTURA dell'anno scolastico può generare un po' di ansia. La vivevo anch'io così quando sapevo che l'estate era ormai alle spalle e che presto sarei tornato a trascorrere i miei pomeriggi sui libri di scuola. Ma subito dopo arrivava anche la voglia di affrontare nuove sfide. Agli studenti che tornano in aula vorrei fare un grande in bocca al lupo». Parla ai suoi studenti il sottosegretario all'Istru-

DA DOMANI e per i prossimi 205 giorni (fino all'8 giugno), un esercito di 113.583 ragazzini dai sei ai diciotto anni torneranno ad aprire i quaderni e a sgobbare sui libri. In cattedra ad assegnare loro compiti, un battaglione di 9.992 prof. Come da copione le vacanze, d'obbligo mettere sul diario il test Invalsi inserito nell'esame di terza media il 18 giti.gno e la maturità il 19. Nelle classi delle 113 istituzioni scolastiche entreranno appunto 113383 studenti (+2,6%) di cui 2944 disabili (+2,3%). Nel dettaglio, 13.688 andranno alla materna (+730%), 40.967 alle elementari (+1,4%), 24.554 alle medie (+ .1..1%) e 34374 alle superiori (+33%). In cattedra, 1.154 educatori alla materna, 3.799 maestri alle elementari, 1185 prof alle medie e 2.854 alle superiori. infine, 2.637 tra dade, assistenti amministrativi e tecnici

G1AN LUCA GALLETTI «In bocca al Lupo ai docenti, Loro è un Lavoro di grande responsabilità» zione Gian Luca Galletti, che lunedì sarà all'istituto comprensivo l per suonare la prima delle 205 campanelle che scandiranno il 2013-2014. E AGLI UNDER 18, ricorda come, «nei prossimi mesi, avrete modo di mettervi alla prova, di crescere e avrete il piacere di farlo circondati dai vostri compagni di classe, dai vostri insegnanti». Docenti ai quali «va il mio in bocca al lupo perché hanno un compito non facile: quello di trasmette-vi

la voglia di imparare, di aiutarvi a comprendere meglio le vostre attitudini, di spingervi a superare le vostre debolezze, a credere in voi stessi e nelle vostre idee. Un lavoro di grande responsabilità quello degli insegnanti — sottolinea il sottosegretario che tocca a noi,

rappresentanti delle istituzioni, rendere più semplice investendo sulla scuola, come finalmente dopo tanti anni abbiamo iniziato a fare». Infine un buon anno scolastico «anche ai vostri genitori che tanta fiducia ripongono in voi e nella scuola».

Pagina 11

Pagina 7 di 10 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015


press unE

il

Resto del Carlino

BOLOGNA Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

15/09/2013 Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d. Diffusione: n.d.

La scuola ricorda, agli studenti, l'assessore provinciale all'Istruzione, Giuseppe De Biasi, è un'«avventura democratica dell'apprendere che rappresenta ancora oggi il miglior lasciapassare per le vostre aspirazioni e i vostri talenti e per continuare a fare della scuola un luogo dove crescere, tutti insieme, protagonisti di un futuro cornune». Ma quei muri sono vivi grazie a «insegnanti competenti, motivati e aggiornati che 'traghettano' le innovazioni educative. Sono solo loro a fare la qualità della scuola e è sulla loro formazione e sull'aggiornamento che bisogna investire». E' UN AUGURIO comune quello del sindaco Virginio Merola e del suo assessore alla Scuola, MariIena Pillati. «La scuola — ricordano entrambi convinti che « la qualità del futuro della nostra società passa attraverso la qualità della scuola» è il luogo dove si impara a sviluppare la propria intelligenza e il proprio talento nell'incontro con gli altri. E dove si impara che la conoscenza è il frutto di una conquista e di un impegno quotidiani, e che aiuterà a crescere persone libere, che contribuiscono al benessere e alla crescita propria e della società», Federica Gieri

Pagina 11

Pagina 8 di 10 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015


press unE

il Resto del Carlino

REGGIO Dir. Resp. Luigi Manfredi

NEL

I

co

on anale prima della'.

pausa estiva, aveva redatto n'interpellanza sulla sica.,'.

I quei' frangente, rii&w.,1>délromo tH

g io.

va rimarcato la necessE

«un sistema divic3 ;cglia^^za per f< r fiorate

simita ili case isolate e in''. presenza di anziani». Villa

luce del raid vandalica di''.

ortamngug..p9gTpppq ell'id`^%, rinnova il suo ap-

.

11EtenttorioMloc.,ita

laprefettura del trasferire eu-''. arto psichiatrico'.

Pagina 9 di 10 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

15/09/2013 Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d. Diffusione: n.d.


pressunE

PRIMA PAGINA

15/09/20/3 Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d.

Direttore Responsabile: Corrado Guerra

Diffusione: n.d.

RETUCS Il nuovo segretario Messina elogia l'assessore 'silurato': «Politiche ambientali valide e in linea con la giunta»

«Preda, un caso politico»: l'Idv chiede un incontro a Errani «Non si è trattato di una questione personale: il presidente faccia chiarezza» stato «un vero e proprio problema politico», ad originare il caso Freda, e non un problema personale. A sostenerlo, annunciando anche di voler incontrare il presidente della Regione Vasco Errani per un confronto, è stato il nuovo segretario nazionale dell'Italia dei Valori, Ignazio Messina. Alla festa nazionale dell'Idv, in corso a Sansepolcro, l'ex assessore regionale all'Ambiente Sabrina Freda - 'silurata' la settimana scorsa dal presidente Errani dopo la lettera inviata alla Provincia di Modena per aver autorizzato la modifica all'autorizzazione dell'inceneritore - ha ricevuto pubblicamente l'apprezzamento di Antonio Di Pietro e di Messina per il suo operato. «Le strategie sulle politiche ambientali che la Freda stava portando avanti», prima di essere deposta dal suo incarico da Errani, secondo i vertici del partito erano «assoluta-

mente valide e in linea con la stessa programmazione sposata dalla giunta». Secondo Messina non si sarebbe trattato «di un problema personale, come ha affermato il presidente della Regione nel motivare la revoca delle deleghe alla Freda, ma di un vero e proprio problema politico». Messina ha poi aggiunto che «a giorni incontrerò Errani per analizzare la questione».

AS:9ESSORE 'SCARICATO' In alto, l'ex titolare dell'Ambiente in Regione Sabrina Freda. Nel riquadro, il nuovo segretario Idv Ignazio Messina

Pagina 10 aPergolesi, i contratti antteranna il 21 Fino ad allora é inpossibik numero

Pagina 10 di 10 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

Rassegna stampa idv emilia romagna del 15 09 2013