Page 1

della Riviera Est

Periodico d’informazione locale. Anno XX n.79 - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (convertito in Legge 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, NE/PD

Mira Arriva il sottopasso di Borbiago

pag.

Campolongo Argini del Brenta, è emergenza fontanazzi

6

pag.

10

www.lapiazzaweb.it

Campagna Lupia Il comune punta sull’energia verde pag.

12

EDITORIALE

Oriago nel degrado, rifiuti dappertutto

Fusione tra Comuni i sindaci ci provano di Nicola Stievano

Le frazioni di Oriago e Mira Porte sono nel degrado più totale. Ad Oriago la situazione che più impensierisce il Pd, che guida la protesta, è lo scarico continuo di immondizia ai lati dei cassonetti. “Negli ultimi mesi, - spiega in una nota Luca Brussato, segretario di sezione del Pd sempre più spesso si vedono ... pag. 9

antiquarium, reperti romani in mostra

V

Mira, interventi per milioni agli impianti sportivi L’Intervento

Il territorio fa scuola e fa cultura: una piccola frazione di Dolo e il suo Antiquarium possono rivelarsi una macchina del tempo per tornare a cavallo dell’anno zero e scoprire i segreti della vita quotidiana degli antichi romani di area cisalpina. La frazione è Sambruson, in origine un importante ... pag. 16

RistrutturazioneCommercio, alle palestre della dateci unamedia mano di Borbiago, a non “spegnere” le nostre elementare “Goldoni” di Oriago, stadiocittà “Marco Parma”

S

di Nicola Rossi*

ia le Province, tutte, via i piccoli Comuni, il più possibile. Nell’estate 2013, forse la più difficile dall’inizio della crisi, le parole d’ordine sono tagliare, razionalizzare, fare economia, contenere le spese. Anche a Nordest, dove il campanile è sacro, dove l’identità locale è radicata nella storia ma anche nelle abitudini quotidiane, ci si interroga sul destino degli enti locali. Mente la battaglia per la “sopravvivenza” delle Province, i cui amministratori sembrano intenzionati a non cedere e a sfruttare tutti gli strumenti per mettere i bastoni fra le ruote al governo, si gioca più che altro sul piano politico nazionale, la partita che riguarda i Comuni si tiene in casa e potrebbe portare a novità interessanti già in questi giorni. Da una parte c’è la Regione che incoraggia le Unioni dei Comuni e anche le fusioni stanziando dei contributi alle amministrazioni che intraprendono questa strada. Dall’altra ci sono i sindaci che, pur avendo presente la forte identità del Comune che guidano, devono anzitutto far quadrare i conti. Non si può certo dire che siano rimasti alla finestra, anzi.

ocietà ed impianti sportivi a Mira, so- progetti per complessivi per 874.000 euro, la pratica sportiva, che finanzia al 100% i luzioni in vista. Sono stati approvati riguardantitrapalestre scolastiche campiProvincia progetti uasi settecento commercianti, sindacie della di fino a 100.000 euro di costo per nelle scorse settimane dalla giunta approvati dalla Giunta Padovasportivi, e numerose associazioni hanno comunale partecipato lonuovi scorsoimpianti sportivi o per la ristrutturamirese quattro progetti per la ristrutturazioMira. stata inoltrata la della domanda zione, primo diluglio allaE’fiaccolata per le vie città didiPadova pere la messa a norma di quelli già in ne e l’adeguamento normativo delle pale- contributo Dipartimento Affari Regionali, essere, mentre per i progetti tra 100 mila sensibilizzare l’opinionealpubblica stre della scuola media di Borbiago, della Turismo e Sport della Presidenza del Consi- e 600 mila euro il contributo è di 100.000 elementare “Goldoni” di Oriago, dello sta- Confesercenti glio dei Ministri. “In un momento non certo euro, più il 76% della somma che eccede *Presidente Padova dio “Marco Parma” di Oriago”, delcontinua campo facile per le casse comunali – dichiarano i 100.000 euro”. I progetti preliminari a pag. 8 da rugby e della palestra di Mira Taglio. Per il sindaco Alvise Maniero e l’assessore ai approvati dalla giunta riguardano compleswww.lapiazzaweb.it tutti è stato chiesto il contributo da parte Lavori Pubblici Luciano Claut – puntiamo sivamente cinque strutture tra palestre e ENTRA IN il nostro giornale prima chedal venga conla palestra nuovedella news delRETE fondo CON per lo NOI! sviluppoTroverai e la diffusione a cogliere l’opportunità offerta Fondo distribuito campi sportivi. Per scuolache il sito del giornale pag. 8 della pratica sportiva. Si tratta di quattro per lo sviluppo e la capillare diffusione delmedia “F. Petrarca” .... Entra in Rete con noi!

Q

L’Intervento

PIOVE DI SACCO e limitrofi

loc. Bojon lotto di terreno di 2130mq con progetto approvato per casa singola di generosa

di Nicola Rossi*

SPACCIO DI FABBRICA: VIA BRUNACCI, 10/C MARGHERA (VE) ZONA PANORAMA TEL. 041 922692 marghera@dormiflex.it FABBRICA: VIA A. GRANDI, 13 SANTA MARIA DI SALA (VE) TEL. 041 5730800 www.dormiflex.it

metratura, oneri pagati e

Q

*Presidente Confesercenti Padova

continua a pag.

8

Da pag 20 a pag 21 trovi l’inserto wind

049 9705597 CAMPOLONGO MAGGIORE

Commercio, dateci una mano a non “spegnere” le nostre città uasi settecento tra commercianti, sindaci della Provincia di Padova e numerose associazioni hanno partecipato lo scorso primo luglio alla fiaccolata per le vie della città di Padova per sensibilizzare l’opinione pubblica...

riguardano il tuocontinua territorio a pag. 3

fondazioni a platea esistenti.

� 130.000 Rif. 131356

PIOVE DI SACCO

Affiliato: PI.CO. s.a.s. P.tta Japelli, 1 - Tel. 049 9705597 - 049 9705601 www.grimaldifranchising.it -piovedisacco@grimaldifranchising.it

ZONA DI MIRA


www.curiotto.it

Abbiamo scelto il Mobile Classico perchÊ siamo convinti possa degnamente accompagnare la nostra sapienza nell’arredare, la vostra soddisfazione nell’apprezzare ed un gusto che non muore mai e dura nel tempo.

SambruSon di dolo (Ve) Via Stradona, 18 | Tel. 041 5100039 | info@curiotto.it


EDITORIALE

segue da pag.

Fusione tra Comuni i sindaci ci provano

Progetto Life +

Le soluzioni della provincia all’intrusione salina

1

La gestione in forma associata dei servizi fra i piccoli Comuni è stato solo il primo passo, perché diverse amministrazioni hanno scelto la forma dell’Unione fra Comuni, che dovrebbe garantire ulteriori economie e qualche risorsa in più. Ma c’è chi si sta spingendo oltre e pensando alle vere e proprie fusioni, fra due o più Comuni. Non dimentichiamo che quasi vent’anni fa proprio in Veneto si verificò una della prime fusioni, con la nascita del Comune di Due Carrare su iniziativa dei sindaci di Carrara San Giorgio e Carrara Santo Stefano. La scelta si è rivelata lungimirante, racconta ora l’attuale sindaco, e ha permesso di accedere a nuove opportunità di finanziamento, a contare su maggiori risorse per realizzare opere e garantire servizi migliori. Una strada da seguire, dunque, lungo la quale si stanno avviando altri Comuni del Veneto, dalla montagna bellunese alla bassa padovana, al rodigino, dove sei comuni hanno già deciso il loro futuro nome: Civitanova Polesine. Fusioni che non riguardano solo i microcomuni, visto che anche Este, che conta quasi 17 mila abitanti, sta portando avanti il progetto di fusione con Ospedaletto Euganeo, centro di otre 5 mila anime. Il “matrimonio” porterebbe un dote qualcosa come 9 milioni di euro per i prossimi dieci anni, una cifra che permetterebbe, raccontano gli amministratori, di gestire con maggiore tranquillità il bilancio comunale. E non importa se ce si sarà un solo Comune, con un nuovo nome, per non far torto a nessuno, ciò che conta è che rimangano i servizi, si possano asfaltare le strade, far giocare i bambini nei parchi pubblici, evitare che piova dentro le scuole. Fusione, unione o convenzioni: ciascun Comune sta cercando la soluzione ideale, non senza fatica, ma con la speranza di ottenere dei benefici. di Nicola Stievano

Progetto Open Museums

a torcello 400 mila euro dalla provincia

messaggio pubblicitario

Venerdì 14 giugno la giunta Zaccariotto ha approvato la partecipazione al progetto europeo Life +, con l’obiettivo di trovare soluzioni efficaci per arginare la progressiva salinizzazione delle falde superficiali costiere. Questo fenomeno è particolarmente dannoso per l’agricoltura e gli ecosistemi locali. Il progetto cerca quindi di risolvere il problema dell’intrusione salina con interventi mirati, ancora in fase di definizione. Anche l’assessore Lucio Gianni conferma come “sia importante individuare sistemi efficaci per evitare la contaminazione delle falde costiere”.

Il museo di Torcello sarà rimordenizzato e riallestito con le più recenti tecnologie entro il 2014. Il progetto Open Museums, che coinvolge gallerie italiane e slovene, ha l’obiettivo di valorizzare i reperti di maggior interesse e di trasformare i musei in luoghi di cultura aperti, modernizzandoli e riqualificandoli. Torcello vedrà quindi l’installazione di pannelli multimediali, una libroteca interattiva, una vetrina espositiva con illustrazioni olografiche 3D e la realizzazione di applicazioni per smartphone e tablet. I fondi necessari, per un totale di 390 mila euro, sono già stati stanziati dalla Provincia.

Sicurezza idraulica

L’idrovia padova-venezia per evitare le esondazioni

Lo studio di fattibilità commissariato dalla Regione ha confermato l’ipotesi di poter sfruttare l’idrovia Padova-Venezia come canale scolmatore in occasione di piene eccezionali. Gli esiti dello studio hanno dato inoltre indicazioni sul completamento dell’idrovia che, oltre a favorire il deflusso delle acque e a limitare il rischio di esondazioni, sarà anche un canale navigabile. “L’ultimazione dell’idrovia - secondo l’assessore regionale alla difesa del suolo Maurizio Conte - potrà costituire un importante strumento e una garanzia contro i rischi e le criticità che si sono evidenziate nell’area padovana dopo l’alluvione del l’autunno 2010. La sicurezza idraulica è una delle priorità della Regione. Ora vanno solo trovate le risorse adeguate, non solo per il 2014, ma almeno per il prossimo quinquennio”.

Riviera Mira

Provincia Spiagge

Il sindaco scrive al ministero per la Pansac pag.

Campolongo

8

Sindaci mobilitati per l’ospedale di Dolo pag.

Camponogara

Accordi pubblici-privati, interventi realizzati pag. 13

un corso per Tecnici del restauro

sicurezza

Commercianti abusivi, la Polizia provinciale vigila pag.

scuola

18

Caro libri,esistono opportunità per spendere meno

10

Regione

Formazione

pag.

personaggio

Da Cavarzere in Cina con il dragon boat pag.

22

24

Morti bianche in calo perché è calato il lavoro pagg. 28-29

società

Il Veneto una delle regioni dove si sta meglio pag.

31

Padiglione Italia alla Biennale di Venezia pag.

34

Arte

L’Istituto Veneto per i Beni Culturali di Venezia proporrà a breve un corso triennale di formazione professionale per tecnici del restauro. Le lezioni si articoleranno in 900 ore annue, con fasi teoriche in aula e pratiche nei laboratori e stage. Gli apprendisti si specializzeranno nel restauro, conservazione e manutenzione di superfici decorate dell’architettura (materiali lapidei, marmorini, intonaci e dipinti). La qualifica professionale conseguita al termine dei tre anni sarà valida in tutta l’Unione Europea.

È un periodico formato da 14 edizioni locali mensilmente recapitato a oltre 250.000 famiglie del Veneto. è un marchio registrato Editore

Srl

Questa edizione raggiunge le zone di Mira, Camponogara, Campolongo, Campagnia Lupia per un numero complessivo di 16.443 copie. Iscrizione testata al Tribunale di Venezia n. 1142 del 12.04.1994; numero iscrizione ROC 22120

Venezia Padova Rovigo Treviso

DIREZIONE - AMMINISTRAZIONE e

Concessionaria

di

Pubblicità Locale

Padova, via Svezia 9 Tel. 049 8704884 - Fax 049 6988054 numero verde 800 465040 direttore@lapiazzaweb.it Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

REDAZIONE: Direttore responsabile

Mauro Gambin direttore@lapiazzaweb.it Ornella Jovane o.jovane@lapiazzaweb.it Chiuso in redazione il 27 giugno 2013 Centro Stampa: Rotopress International Loreto, via breccia (An)

Clicca su Scarica giornali, scegli l’edizione che ti interessa e sfogliala con

La Piazza la leggi anche sul web aggiornata con le ultime news!

www.lapiazzaweb.it


4 Argomento del mese ECONOMIA In attesa di agganciare la ripresa il Veneto conta i danni della più lunga crisi economica della sua storia. I dati del 2012 e le stime per il 2013 presentati da Unioncamere del Veneto sono ancora critici. Quest’anno si registrerà una flessione del Pil pari al -1,2% e solo nel 2014 si tornerà a crescere Il 2013 continuerà a registrare contrazioni per i consumi delle famiglie pari a -2,4%

Bianchi: “Se ci sarà inversione di tendenza, sarà a fine anno grazie alle politiche per la crescita”

“I

l 2012 è stato un anno di recessione, ma anche il 2013 sarà difficile. L’economia del Veneto sta attraversando la crisi più lunga della sua storia”. Esordisce con queste parole il presidente di Unioncamere del Veneto, Alessandro Bianchi in occasione, lo scorso 18 giugno, della presentazione del rapporto “La situazione economica del Veneto”, curato dal Centro Studi Unioncamere Veneto giunto alla sua 46esima edizione. In cinque anni la crisi ha sottratto al Veneto 23 miliardi di euro di Pil e nel 2013 la flessione proseguirà con un -1,2%. In questo quadro l’aumento dell’aliquota Iva al 22% comporterebbe una ulteriore flessione dei consumi. Secondo le stime più recenti, nel 2013 il Veneto registrerà una flessione del Pil pari al -1,2% e solo dal 2014 tornerà a crescere con un +0,9%. Da traino saranno ancora le esportazioni, previste in aumento del +4,4% (+2,7% per l’Italia) quest’anno, mentre il 2014 dovrebbe riservare una crescita del +5,2%. Di contro, il 2013 continuerà a registrare contrazioni per consumi delle famiglie (-2,4%) e investimenti delle imprese (-4,6%), sebbene in ripresa rispetto ai valori 2012. Le ripercussioni sull’occupazione porteranno, nel 2013, a un calo del -1,1% delle unità lavoro, col tasso di

il viCepresidente COmmissiOne eurOpea antOniO taJani

“Veneto cuore pulsante dell’imprenditoria, va sostenuto”

I

In 5 anni persi in Ven

l Veneto è il cuore pulsante dell’imprenditoria. E per questo va sostenuto e incoraggiato. Sono le considerazioni del vicepresidente della Commissione Europea e commissario per l’industria e l’imprenditoria, Antonio Tajani (in foto), in Veneto a inizio giugno per un tour regionale di confronto proprio con le categorie produttive. “E’ una delle regioni più industrializzate d’Europa, che rispetto ad altre possiede una caratteristica peculiare: la specificità e la qualità della sua gente, che è riuscita a trasformare in qualche decennio un territorio che viveva in condizioni economiche difficili in un territorio all’avanguardia” ha sostenuto, ospite di Unioncamere del Veneto, in occasione del tavolo di lavoro organizzato con le imprese e gli enti locali del territorio, cui hanno partecipato il presidente di Unioncamere del Veneto Alessandro Bianchi, e il segretario generale Gian Angelo Bellati oltre all’assessore regionale al Bilancio Roberto Ciambetti. Di fronte a questa platea il vicepresidente della Ce ha sollecitato la politica a fare la sua parte. “Penso – ha sostenuto – alla riduzione della burocrazia, al ritardo dei pagamenti, al lavoro che stiamo svolgendo sulla tutela del marchio e qualità dei prodotti. Penso alla piccola e media impresa, così forte e importante, che vive però momenti di difficoltà”. G.G.

disoccupazione che salirà al 7,6%. Il Veneto ha chiuso il 2012 con una flessione del Pil del -2,3%, annullando la crescita del biennio 2010-2011 (+1,3%). La caduta è in linea con quella di Emilia Romagna (-2,4%), Piemonte (-2,3%), Toscana (-2,3%) e Lombardia (-2%). Complessivamente, dal 2008 al 2012, la crisi ha comportato una perdita di Pil pari a 23 miliardi di euro: 130 miliardi del Pil reale, senza crisi, avrebbero raggiunto i 153 miliardi. Il numero di imprese attive ha registrato una flessione del -1,2%, pari a oltre 5.600 unità (poco più di 450mila unità). Il mercato del lavoro ha registrato un saldo occupazionale negativo di oltre 15mila posti: perdite più ingenti nelle costruzioni (-20,1%) e industria (-17,5%). La produzione industriale ha segnato una flessione media annua del -4,3%. Crolla l’andamento delle vendite al dettaglio (-5,8%). E’ proseguita la contrazione dell’attività di prestito del sistema bancario (-2%). Continua la tendenza positiva nel turismo: nel 2012 +0,3% degli arrivi, pari a oltre 15,8 milioni di visitatori, mentre scendono del -1,7% le presenze, pari a 62,4 milioni. Bojon di Campolongo Maggiore (Ve) III Strada Zona Artigianale, A seguito delle manovre finanziare di austerità2del bienTel./Fax 97 25 nio 2011-2012, nel 2013 il049 Veneto avrà636 una perdita di

Pil di 1,9 miliardi di euro (-1,3%). Le misure di austerity spiegano una caduta dei consumi di circa 1,3 miliardi di euro (-1,4% rispetto alla tendenza “ante manovre”) e una flessione degli investimenti di 700 milioni di euro (-2,1%). Stimando l’impatto sul reddito disponibile delle famiglie (ciò che resta per i consumi dopo il pagamento delle imposte dirette), le famiglie venete hanno subìto un’erosione di 397 euro ciascuna. “Se l’inversione di tendenza ci sarà, - commenta il presidente Bianchi - sarà sicuramente più spostata verso fine anno e comunque legata ad auspicabili politiche per la crescita decise in ambito europeo. Finché l’Europa continuerà ad imporre solo politiche economiche volte al contenimento dei debiti sovrani e al risanamento dei conti pubblici nazionali, difficilmente potrà esserci spazio per un vero rilancio”. “Gli enti pubblici, i loro amministratori e i soggetti che muovono lo sviluppo e la crescita - ha osservato Giuseppe Fedalto, il presidente della Camera di Commercio di Venezia che ha fatto gli onori di casa ospitando la presentazione nella rinnovata sede in centro storico a Venezia - sono chiamati ad uno sforzo straordinario e a un gioco di squadra per sostenere il nostro sistema imprenditoriale”.

Cell. 329 88 92 024 / 328 42 64 253 info@ciottolidifiumesrl.it - www.ciottolidifiumesrl.it


Argomento del mese 5 10 Argomento del mese Il presidente Confindustria Padova Massimo Pavin col ministro Flavio Zanonato, sullo sfondo il presidente nazionale degli industriali Giorgio Squinzi

Nel Veneziano

foto da archivio di un impiegato

Da sx Serafino Pitingaro, Ufficio Studi Unioncamere, Roberto Furlan, Camera di Commercio di Padova, Alessandro Bianchi, Unioncamere Veneto, Giuseppe Fedalto, Camera di Venezia, Fabrizio Pezzani, professore ordinario all’Università Bocconi, Gian Angelo Bellati, Segretario Generale di Unioncamere Veneto

neto 23 miliardi di Pil

Gli industriali padovani in asseblea Pavin: “Daremo al governo le chiavi delle nostre imprese”

“I debiti della pubblica amministrazione vanno restituiti al più presto” di giovanni giovetti

L spalla pag 5 per vene-

e imprese venete sono al limite e gli imprenditori hanno perso la pazienza. Eloquente la reazione di disappunto manifestata nei confronti del ministro “di casa” Flavio Zanonato, sindaco di Padova fino a qualche mese fa e che ora si occupa del dicastero dello Svilluppo, contestato dagli industriali padovani nel corso dell’ultima Assemblea annuale, lo scorso 5 luglio. Non un attacco personale ma una manifestazione di disappunto sintomatica di un malessere profondo del Nordest che produce e che reclama risposte dalla politica. Gli imprenditori padovani di Confindustria avevano esordito in assemblea con la sfida lanciata dal loro presidente Massimo Pavin di restituire al governo le chiavi delle loro imprese in segno di protesta. Una provocazione per sottolineare la necessità che il governo ascolti la voce dell’impresa. Il decreto sblocca debiti, la riduzione della spesa pubblica, più sobrietà nella politica: questi sono i segnali che si aspettano gli imprenditori ponendo “la questione industriale” come vero banco di prova per il Governo “di servizio al Paese” e per l’Europa, e chiedono ora uno shock fiscale, con l’abolizione dell’Irap, meno tasse sull’occupazione e il taglio dell’Imu sui capannoni. La voglia di fare non manca, la speranza neppure, ma non si può resistere a lungo di fronte ad uno scenario di grande desolazione economica. Fra le risposte sollecitate alla politica, prioritaria risulta la necessità di rendere più efficiente la macchina pubblica e in particolare il dito è puntato sul netto ritardo del pagamento dei debiti. “I debiti scaduti della pubblica amministrazione - si legge in una nota all’indomani dell’assemblea di Confindustria Padova - sono soldi delle imprese, che vanno restituiti al più presto, rimuovendo ogni genere di ostacolo per sanare una ferita che è solo italiana”.

ziane

messaggio pubblicitario

CON GLI INCENTIVI STATALI RISPARMIO DEL 50% SUL TOTALE DEI LAVORI !!

Anche pratiche soluzioni Fai da te...

PAVIMENTAZIONI AUTOBLOCCANTI IN BETONELLA

Gli impiegati nell’industria e nei servizi percepiscono stipendi del 3-4% superiore alla media

L’indagine sulle retribuzioni

Nel Veneziano gli stipendi più alti A

Venezia si guadagna di più che nel resto del Veneto o d’Italia. Può sembrare incredibile, e invece è davvero così: chi ha un’occupazione in provincia riceve un compenso mediamente superiore del 4,6% dei colleghi veneti e del 3,3% di quelli italiani. Tuttavia, dei 27.830 euro lordi l’anno, nel portafogli ne rimangono ben pochi. Il fisco ne assorbe tra il 27 e il 44%, a seconda della qualifica. Inoltre, la rapida inflazione sui beni ad alto consumo (4,6% nel 2012) fa diminuire ulteriormente il potere d’acquisto e, assieme alla crescita della disoccupazione (8,4%) soprattutto giovanile (uno su tre è senza lavoro), determina un quadro perlopiù negativo della nostra economia. I principali risultati del “Rapporto 2013 su lavoro e retribuzioni in provincia di Venezia”, stilato dalla Camera di Commercio, delineano chiaramente le dinamiche dell’economia veneziana, mostrando come siano ancora una volta le grandi industrie a trainare il territorio. I dipendenti delle grandi aziende (cioè con oltre 249 lavoratori) guadagnano infatti quasi il 40% in più degli occupati nelle piccole imprese (con al massimo 49 impiegati). Analizzando invece i vari settori dell’occupazione, e confrontandoli col Ma aumentano resto d’Italia, solo l’agricoltura segna i disoccupati e cala uno scarto negativo nelle retribuzioni il potere d’acquisto. (10,8%), mentre gli impiegati nell’in- La parità di genere dustria e nei servizi percepiscono sti- rimane un miraggio pendi del 3-4% superiori alla media. All’interno della regione, le differenze in termini di qualifica sono notevoli: si va dai 23.320 Euro lordi percepiti all’anno dagli operai agli oltre 84.000 dei dirigenti, passando per gli impiegati (26.900) e i quadri d’azienda (53.880). Il livello di studio è determinante per ottenere uno stipendio più alto: in genere, c’è corrispondenza tra il numero di anni di studio e la retribuzione, tranne per i laureati di 1°livello (laurea triennale). Allo stesso modo, anche l’età contribuisce a ottenere un salario maggiore. Tra l’inizio e la fine della carriera, l’aumento medio è del 55%, con un picco del 123% nel settore terziario. A livello di pari opportunità tra maschi e femmine si riscontra ancora un disavanzo notevole: il gap di genere è addirittura del 23%, contro il 12% in Italia e il 16,7% in Veneto. L’andamento di questo differenziale è rimasto pressoché simile al trend ondulatorio degli anni scorsi, senza produrre nessuna riduzione sostanziale del divario. Il rapporto della Camera di Commercio si focalizza inoltre sull’evoluzione dell’economia veneziana, segnalando come anche nel primo trimestre 2013 il numero delle imprese attive in provincia sia calato sensibilmente. Quasi 400 aziende hanno chiuso i battenti, in linea con la dinamica dell’ultimo semestre 2012. Anche nel Veneto e in Italia il trend generale è lo stesso, con un aumento della rapidità con cui le imprese sono costrette a chiudere (in Italia nei primi tre mesi del 2013 ben 11.000 imprese attive in meno, contro le 30.000 totali dell’anno scorso). Andrea Zambolin


6 Mira Infrastrutture Il comune annuncia uno studio di fattibilità della Regione

Borbiago, il sottopasso si farà Per avere l’opera i comitati hanno organizzato manifestazioni di protesta e raccolto oltre 2000 firme

In breve Partiti i lavori sul ponte di via Bastiette I lavori di rifacimento del ponte di via Bastiette sullo scolo Foscara a Malcontenta di Mira, affidati dal Consorzio di bonifica Acque Risorgive all’impresa vincitrice dell’appalto sono partiti. L’intervento, per una spesa complessiva di quasi 23 mila euro, prevede la demolizione del manufatto esistente le cui precarie condizioni di staticità hanno indotto il sindaco Alvise Maniero, oltre un mese fa, ad emanare un’ordinanza di chiusura al traffico.

di Alessandro Abbadir

I

l sottopasso ciclopedonale di Oriago potrebbe divenire presto una realtà. A rendere probabile questa soluzione c’è il fatto che la Regione ha incaricato Veneto Strade a fare uno studio di fattibilità per la sua realizzazione. Si tratta di un sottopasso chiesto a gran voce dai residenti anche con manifestazioni in strada. Solo un mese fa, infatti, era stata fatta una biciclettata tra Borbiago ed Oriago e organizzate petizioni che hanno raccolto più di 2000 firme. Insomma, una mobilitazione di interi paesi. A dare l’annuncio degli interventi il sindaco del paese Alvise Maniero. “Sul fronte dei tanti problemi di viabilità tra Borbiago e Oriago, dove sono in corso importanti lavori nell’ambito delle opere complementari al Passante di Mestre - spiega il sindaco Alvise Maniero - c’è sicuramente una buona notizia. Veneto Strade ha avviato uno studio di fattibilità per la realizzazione del sottopasso ciclopedonale a Borbiago, ad integrazione delle opere in corso, sulla grande rotatoria che collega via Monte Sommo, via Ticino e via Monferrato. Questa decisione premia l’impegno con cui si sono battuti i cittadini nei mesi scorsi, che avevano subito posto in luce la necessità di quest’opera, per evitare che si determinassero condizioni di forte rischio per il transito di ciclisti e pedoni nella nuova viabilità in fase di realizzazione. Un segnale importante, di come il dialogo serio e costruttivo tra cittadini e istituzioni possa essere efficace nella direzione dell’interesse collettivo”. La richiesta di una pista ciclabile era stata fatta dai residenti in quanto denunciavano che con la costruzione della nuova

Paolo Lucarda Cavaliere di San Marco

opera le due frazioni (Oriago e Borbiago) restavano isolate, e di fatto attraversare la nuova arteria a piedi e in bicicletta, è considerato estremamente pericoloso, quasi una roulette russa.“ In questa fase Veneto Strade - continua il comune di Mira - sta censendo tutte le reti di servizi potenzialmente interferenti con il sottopasso per proporre gli eventuali interventi di soluzione”. I comitati sono contenti. “La realizzazione di uno studio di fattibilità - spiega Davide Moressa per i residenti - è un fatto positivo e sta ad indicare la decisione della Regione di ascoltare le persone e procedere speditamente alla costruzione del nuovo sottopasso. L’importante è sbrigarsi perché quest’opera va costruita contemporaneamente alla bretella di collegamento fra la Brentana e la A4”. Insomma, la gente attende risposte e non lungaggini burocratiche.

Nelle scorse settimane nella chiesa di San Francesco della Vigna a Venezia è stato nominato nuovo Cavaliere di San Marco il già cavaliere della Repubblica Paolo Lucarda, noto impresario di fiorerie e agenzie funebri. La nomina è arrivata per “il costante impegno di Paolo Lucarda nel volontariato e per le numerose azioni di solidarietà in favore del territorio e di chi ha più bisogno”.

Animali maltrattati nei tir Animali maltrattati e feriti transitano sulla Romea, ma interviene la polizia municipale e sequestra il carico e appioppa multe per migliaia di euro. La brutta scoperta è stata fatta l’altro giorno sulla statale Romea durante un servizio di controllo della circolazione. Ma cos’è successo? Gli agenti hanno fermato un autocarro che stava effettuando un trasporto di animali vivi di carattere nazionale diretto al sud Italia. Stava trasportando dei suini che sono subito sembrati non idonei al viaggio in quelle condizioni. Gli agenti hanno informato il Servizio Veterinario dell’ Ulss 13 e contestato una serie di sanzioni amministrative al conducente, per un valore di 2 mila e 500 euro.

messaggio pubblicitario

tel. 041/951879

www.immobiliarechinaglia.it

segreteria@immobiliarechinaglia.it

MESTRE - GAZZERA CENTRO € 300.000 Proponiamo villetta singola con ampio giardino privato, adatta anche a due nuclei familiari per le sue ampie metrature. Zona molto servita. Da vedere! Cl. En. in fase di deenizione

Concorso Velluti Presiede Katia Ricciarelli

I

l Consorzio Regionale per le Manifestazioni e Mostre dell’Artigianato, con l’Associazione Artigiani e Piccola Impresa “Città della Riviera del Brenta” e il patrocinio della Provincia di Venezia, e del Comune di Mira, ha bandito il 16° Concorso Internazionale Voci Nuove della Lirica “Giovan Battista Velluti” 2013, che si terrà che si terrà a Mira al teatro Villa dei Leoni il 5-6-7 settembre 2013. Fondato per volontà dell’ex presidente Nereo Vanzan scomparso nel 2010, il Concorso punta alla scoperta e promozione di nuove voci della lirica nel panorama nazionale ed internazionale. Ma quest’anno ci sono importanti novità. “La giuria – spiega il vicepresidente dell’Associazione Artigiani Luca Vanzan – sarà di estremo valore artistico e qualitativo. A presiederla ci sarà il celebre soprano Katia Ricciarelli. Ne faranno parte poi il maestro Dario Bisso Sabadin, direttore Artistico del Concorso, Maurilio Manca, consulente di “Casting Lirica Lecce”, Alberto Terrani, celebre attore e regista e Antonio Tasca della direzione artistica della Fondazione Teatro Verdi di Trieste”. Il Concorso si articola in tre fasi. La fase eliminatoria (il 5 settembre dalle 10) a cui parteciperanno tutti i concorrenti. La semifinale (il 6 settembre dalle 16) alla quale parteciperanno i concorrenti ritenuti idonei dopo la prova preliminare; ed infine la finale ( il 7 settembre dalle 17): per chi passerà anche l’ultima prova eliminatoria. Sono ammessi direttamente alla

semifinale i vincitori di altri concorsi lirici, nazionali ed internazionali, e i vincitori di ruoli di altri concorsi lirici. “Dopo la prova finale – spiega il direttore artistico – la giuria si ritirerà per emettere il verdetto. Al termine della riunione avverrà la premiazione dei vincitori del 16° Concorso Internazionale Voci Nuove della Lirica “Giovan Battista Velluti”. Il primo premio consisterà in 2500 euro e l’assegnazione di un Diploma di Merito e una Masterclass spesata con esibizione finale per il 2014. Il 2°premio è di 750 euro e Diploma di Merito e Masterclass, come per il primo premio. Ci sarà poi il Premio della Critica con targa e diploma di Merito, con il Premio Giuria popolare - Targa e diploma di Merito. Le iscrizioni al 16° Concorso Internazionale Voci Nuove della Lirica “Giovan Battista Velluti” 2013 dovranno pervenire entro e non oltre il 31 luglio 2013 tramite il modulo di iscrizione disponibile online. S.H.


messaggio pubblicitario

SEDE CENTRALE PADOVA

PIAZZA ALDO MORO 10 35129 PADOVA (PD) tel. 049 8078068 info@ gruppogestioniassicurative.com

SEDE VENEZIA Vicolo Ugo Bassi, 3 Olmo di Martellago 30030 martellago (ve) tel. 041985226 SEDE TRENTO Piazza Alcide de Gaspri, 14 - 38051 Borgo Valsugana (TN) tel. 0461 757297

Il Cliente è al centro dell’attenzione Chiamaci! Veniamo noi da Te. Diego Marafatto

Luca Borgato

Assistenza Clienti

Resposbile Rete Commerciale

diego.marafatto@gruppogestioniassicurative.com

Moira Buson

Assistenza Clienti

moira.buson@gruppogestioniassicurative.com

Massimiliano Pegorin

luciano.borgato@ gruppogestioniassicurative.com

Giorgio Cavallin Cliente dal 2006 NUOVA 3L s.r.l. Vigonovo

Resposbile Ufficio Aziende

Manuela Ciccarese Ufficio RC Auto

manuela.ciccarese@gruppogestioniassicurative.com

Silvia Lovison Ufficio Fidejussioni

massimiliano.pegorin@gruppogestioniassicurative.com

silvia.lovison@gruppogestioniassicurative.com

Chiara Lovison

Michela Zampieri

Resposbile Ufficio Fidejussioni

Resposbile Ufficio Amministrativo

chiara.lovison@ gruppogestioniassicurative.com

michela.zampieri@gruppogestioniassicurative.com

Luciano Romagna

Federico Costantini

Resposbile Ufficio Borgo Valsugana

Resposbile Ufficio Tecnologici

federico.costantini@gruppogestioniassicurative.com

© Foto Zoppellaro

luciano.romagna@gruppogestioniassicurative.com

APPALTI PUBBLICI LEGGE 210 ONERI DI URBANIZZAZIONE

PROTEZIONE DEL VOSTRO TFR

TFR

Luca Borgato 342 6327877 Moira Buson 320 7461898 tfr@gruppogestioniassicurative.com

ASSISTENZA SINISTRI

EDILE

Roberto Criconia 347 4700442 roberto.criconia@gruppogestioniassicurative.com

SX

Fidejussioni RC AUTO KILOMETRICA RC AUTO MENSILE

RCAuto

Manuela Ciccarese 049 8078068 manuela.ciccarese@gruppogestioniassicurative.com

Massimiliano Pegorin 049 8078068 Chiara Lovison(Resp) 338 9694352 edile@gruppogestioniassicurative.com

RC PROFFESSIONALE MEDICI COLPA GRAVE dipendenti pubblici

RCMedical

RC PROFFESSIONISTI Commercialisti-Avvocati

UFFICIO FIDEJUSSIONI

Chiara Lovison(Resp) 338 9694352 Silvia Lovison 345 2318686 fidejussioni@gruppogestioniassicurative.com

RCPro

AZIENDE

Nicola Marco Pasini 329 1786320 rcpro@gruppogestioniassicurative.com

Vuoi Lavorare con noi?

ANALISI RISCHI AZIENDE

Federico Costantini 329 1785736 Massimiliano Pegorin 342 8522988 aziende@gruppogestioniassicurative.com

Luca Borgato(Resp) 342 6327877 Diego Marafatto 349 5892757 medical@gruppogestioniassicurative.com

JOB

Luca Borgato 342 6327877 responsabile rete commerciale luca.borgato@gruppogestioniassicurative.com


8 Mira L’Intervento

Territorio Amministrazione Il sindaco e l’assessore Claut annunciano una serie di interventi

Impianti sportivi, lavori per milioni di euro di Alessandro Abbadir

S

ocietà ed impianti sportivi a Mira, soluzioni in vista. Sono stati approvati nelle scorse settimane dalla giunta mirese quattro progetti per la ristrutturazione e l’adeguamento normativo delle palestre della scuola media di Borbiago, della elementare “Goldoni” di Oriago, dello stadio “Marco Parma” di Oriago”, del campo da rugby e della palestra di Mira Taglio. Per tutti è stato chiesto il contributo da parte del fondo per lo sviluppo e la diffusione della pratica sportiva. Si tratta di quattro progetti per complessivi per 874.000 euro, riguardanti palestre scolastiche e campi sportivi, approvati dalla Giunta comunale di Mira. E’ stata inoltrata la domanda di contributo al Dipartimento Affari Regionali, Turismo e Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri. “In un momento non certo facile per le casse comunali – dichiarano il sindaco Alvise Maniero e l’assessore ai Lavori Pubblici Luciano Claut – puntiamo a cogliere l’opportunità offerta dal Fondo per lo sviluppo e la capillare diffusione della pratica sportiva, che finanzia al 100% i progetti fino a 100.000 euro di costo per nuovi impianti sportivi o per la ristrutturazione, e la messa a norma di quelli già in essere, mentre per i progetti tra 100 mila e 600 mila euro il contributo è di 100.000 euro, più il 76% della somma che eccede i 100.000 euro”. I progetti preliminari approvati dalla giunta riguardano complessivamente cinque strutture tra palestre e campi sportivi. Per la palestra della scuola media “F. Petrarca” di Borbiago, è previsto l’adeguamento degli spogliatoi con una spesa di 135.000 euro, di cui 126.000 richiesti come contributo. Per la palestra della scuola primaria “C. Goldoni” di Oriago il progetto prevede l’adeguamento normativo e la riqualificazione energetica. Il costo previsto è di 334mila euro per i quali è stato chiesto un contributo di 277mila euro. Sempre a Oriago sono previsti ristrutturazione e adeguamento normativo dello stadio di calcio “Marco Parma”, con la creazione anche di un punto di incontro e socializzazione tra atleti dopo il momento agonistico.

NEWS

Ristrutturazione alle palestre della media di Borbiago, elementare “Goldoni”, stadio “Marco Parma”, campo da rugby Il sindaco di Mira Alvise Maniero

In questo caso il costo preventivato è di 205 mila euro e il contributo richiesto è di 18mila euro. Infine, a Mira, sono previsti ristrutturazione e adeguamento normativo del campo da rugby di via Oberdan e della palestra. Anche per il campo da rugby è prevista la realizzazione di uno spazio in cui dare vita al cosiddetto ‘terzo tempo’, momento classico a conclusione degli incontri sportivi. Per le due strutture la spesa è di 200mila euro, con un contributo richiesto di 176mila euro. Complessivamente

i contributi richiesti ammontano a 779 mila euro. Se questi interventi sono una soluzione possibile restano sul tappeto i problemi della mancata firma delle convenzioni con le società sportive che certamente aspettano i contributi per far continuare la loro attività, pena la sospensione. A Mira ci sono società sportive con una storia gloriosa. Si pensi al Rugby Riviera Femminile che ha vinto quest’anno l’ennesimo scudetto o al calcio Mira che raggiunse anche la C2 negli anni Ottanta.

Commercio, dateci una mano a non “spegnere” le nostre città di Nicola Rossi*

segue da pag.

1

le forze politiche e sociali attorno ai problemi delle imprese commerciali e del ruolo che svolgono nel contesto delle nostre città. La situazione economica generale accompagnata da alcuni provvedimenti di deregolamentazione, ha fatto si che nei primi 4 mesi del 2013 a livello nazionale abbiano chiuso definitivamente i battenti 19.729 imprese commerciali, nel Veneto 1.336 mentre a Padova e provincia sono 137 quelle che hanno abbassato definitivamente le loro serrande in questi 4 mesi (3 al giorno).Il risultato è che intere aree nei nostri centri storici e nei centri urbani stanno velocemente subendo fenomeni di desertificazione a cui seguiranno mancanza di servizi e degrado con conseguenti costi a carico della collettività. Del resto basta ricordare che in questi ultimi 5 anni: la pressione fiscale è sensibilmente aumentata, il credito a favore di imprese e famiglie si è ridotto drasticamente, il lavoro è diventato sempre più costoso, i provvedimenti ‘Salva Italia’ anziché dare linfa ad occupazione e consumi hanno depresso l’economia, il reddito degli italiani è calato di 9.700 euro per ogni nucleo familiare. In altri termini, le misure drastiche varate nel recente passato non hanno dato nessun frutto positivo: con la sola strategia del rigore si porta il Paese alla deriva. La Confesercenti dice no quindi a politiche che puntino solo a modificare le modalità di prelievo fiscale senza ridurne il peso e senza una seria politica di riduzione della spesa. Al contempo chiediamo che finalmente la politica economica del governo centrale e di quello territoriale sia impostata partendo dalle piccole e medie imprese e ad uno sviluppo economico molto legato ai centri urbani. Sono le piccole e medie imprese, in particolare del commercio, che rendono vitali e fruibili località che altrimenti non avrebbero nessuna capacità di attrazione. Basta girare per i nostri centri urbani per rendersi conto di come le piccole e medie imprese che vi operano stiano dando vita ad un enorme sforzo di innovazione sia nell’offerta che nei servizi. Chiediamo pertanto di approvare la nostra proposta di Legge di iniziativa popolare che ridà potere decisionale alle Regioni ed ai Comuni in termini di orari di apertura dei negozi. Con la fiaccolata di Padova, centinaia di commercianti hanno simbolicamente manifestato di come siamo noi che illuminiamo le nostre città. Dateci una mano a non spegnerle. *Presidente Confesercenti Padova

Occupazione

Il sindaco Maniero scrive al Ministero per la Pansac

I

l sindaco Maniero ha scritto al Ministro del Lavoro in appoggio alle richieste dei dipendenti per avere nelle prossime settimane gli ammortizzatori sociali. Dopo la lettera aperta, che i lavoratori della Pansac International hanno inviato al Ministro del Lavoro, al presidente della Regione Veneto, al Prefetto e ai sindaci di Venezia, Mira e Portogruaro, per chiedere ogni sforzo per sbloccare la situazione di stallo nella vendita dell’azienda, ma soprattutto la garanzia del pagamento della cassa integrazione, anche il sindaco di Mira, ha scritto con toni perentori al ministro del Lavoro Enrico Giovannini

e al direttore generale del Ministero dello Sviluppo Economico Giampietro Castano. “Credo doveroso - scrive Alvise Maniero - come sindaco di Mira, dove è presente uno dei complessi produttivi più importanti della Pansac, ribadire il sostegno dell’amministrazione comunale alla lotta per la difesa del posto di lavoro e il rilancio produttivo dell’azienda che da anni i lavoratori stanno conducendo. Le chiedo quindi - conclude - di fare tutto quanto è in suo potere perché si arrivi al più presto all’approvazione del Decreto di proroga della Cassa integrazione straordinaria”. ”Per i lavoratori è urgente che si

concretizzino le procedure per la messa in vendita della società ai soggetti interessati e si possa quindi avviare il rilancio produttivo dell’azienda. “Su questi obiettivi - commenta - l’amministrazione è stata e sarà sempre al fianco dei lavoratori, perché occorre dare al più presto prospettive a uno dei poli occupazionali più importanti del nostro territorio”. Il commissario straordinario l’avvocato Marco Cappelletto è stato riconfermato nelle sue funzioni fino a settembre dallo stesso ministero. Fra i suoi compiti c’è quello di riuscire a portare a termine la vendita dei siti, o procedere ad affitti di comparti. messaggio pubblicitario

Navighiamo a Padova – Città d’Acque, escursioni in battello Delta Tour Navigazione Turistica in collaborazione con le Associazioni Culturali “Amissi del Piovego”, “ARKA”, “Comitato Mura di Padova” oRgANizzA delle uscite serali in battello sul Piovego alla riscoperta dei segreti della nostra città.

Il prezzo adulti € 10,00 a persona Il prezzo bambini (6/10 anni) € 5,00 a bambino Bambini (0/5 anni) Gratuiti

Prenotazione telefonica obbligatoria a Delta Tour tel 049.8700232 h.u.

La Padovanella-1932

Notturni d’Acqua 2013

Tipica peota veneziana, navigherà il Piovego facendovi scoprire i Bastioni, le Mura Medioevali e Rinascimentali ed i luoghi più suggestivi di questo magnifico percorso. L’escursione ha una durata di circa un’ora e mezza con ritorno al punto d’imbarco. Appuntamento alle ore Al Mercoledì e Venerdì: 20,45 presso la Conca delle Luglio 03 05 10 17 19 24 31 Porte Contarine in Via Matteotti, Agosto 02 07 09 14 21 23 28 angolo Via Giotto a Padova.

Speciale Padova Carrarese

con imbarco ore 20.45 al Bassanello (imbarco ex burchiello sotto al Ponte Scaricatore) e navigazione fino alla Specola. La navigazio- Al Venerdì: ne avrà la durata di circa Luglio 12 26 un’ora e mezza con Agosto 16 30 ritorno al punto d’imbarco


Mira 9 Territorio La denuncia del Pd e del “Gruppo In Movimento”

Rifiuti dappertutto, Oriago nel degrado Servono telecamere per colpire chi sversa immondizia. I lavori stradali a Mira Porte vanno al rallentatore di Alessandro Abbadir

L

e frazioni di Oriago e Mira Porte sono nel degrado più totale. Ad Oriago la situazione che più impensierisce il Pd che guida la protesta, è lo scarico continuo di immondizia ai lati dei cassonetti. “Negli ultimi mesi, - spiega in una nota Luca Brussato segretario di sezione del Pd - sempre più spesso si vedono sopra i marciapiedi di una trentina di vie nella frazione di Oriago, dove sono posizionati i cassonetti dell’immondizia, mucchi di sacchetti, scatole di ogni genere, bottiglie, perfino televisori e frigoriferi con il rischio di far cadere i pedoni, oltre all’indubbio rischio igienico - sanitario nelle torride giornate estive. La cittadinanza della frazione è all’esasperazione in quanto tale incivile comportamento raggiunge livelli di indecenza nelle vie meno trafficate. L’ideale sarebbe riuscire a individuare chi getta le immondizie per terra e contravvenzionarlo”. A controllare questi indisciplinati cittadini per il Pd dovrebbero essere i vigili urbani (anche se ovviamente, spesso chi getta le

Associazioni

cose lo fa di notte), ma dove questo non fosse possibile sarebbe “opportuno individuare altre forme di deterrenza: installare videocamere davanti ai cassonetti più “frequentati” e l’occhio elettronico registrerebbe ogni mossa, per poter elevare le contravvenzioni in un secondo momento. Oppure servirebbe installare ovunque i cassonetti a calotta, quindi con apertura tramite chiave individuale, come è stato fatto in alcune frazioni“. Ma non finisce qui. Il malcostume è aggravato dai molti non residenti che, passando per Mira, sono soliti lasciare i propri rifiuti perché nel proprio Comune di residenza sono soggetti alla raccolta differenziata, con cassonetto ad apertura con chiave o chip. Ciò aggrava i costi. “L’auspicio - conclude Brussato - è che i cittadini utilizzino di più il servizio di raccolta ingombranti e che soprattutto evitino di gettare le sporcizie e i rifiuti all’esterno dei cassonetti. Se questo non si avverasse, è opportuno un intervento del comune per risolvere il problema”.

Mira Torna ad avere il suo Piano delle acque

M

ira dopo anni ha il suo Piano delle Acque. L’intesa sul Piano delle Acque è stato siglato al centro servizi della Provincia a Mestre (via Forte Marghera, 191) e dall’assessore alla difesa del suolo Paolo Dalla Vecchia. L’esponente provinciale ha partecipato alla firma del protocollo

Denunce arrivano dal “Gruppo in Movimento”, un gruppo di cittadini guidato da Zeno Matteo Morabito. “Ci sono giunte - dice Morabito - diverse segnalazioni sui disagi che quotidianamente i cittadini hanno sulle strade di Mira. In particolare, i lavori in via Nazionale all’incrocio con via Mocenigo e via Boldani insieme a quelli della nuova rotonda di Borbiago per le opere complementari al casello di Mira apportano un aggravio di traffico su fragili strade secondarie con code e disagi. I lavori in via Nazionale sembrano non progredire o, addirittura, sospesi. Si attivi il comune”.

operativo del Piano delle Acque del maggior comune rivierasco. Per il Comune di Mira c’era l’assessore all’Ambiente Mariagrazia Sanginiti. “Il Piano delle Acque - spiega la provincia in una nota - è uno strumento fondamentale che consente l’adeguata conoscenza delle emergenze idrauliche in ambito comunale, e la pianificazione degli interventi di ripristino necessari, fornendo un quadro completo della rete idrografica, e formulando delle linee guida”. Mira nel corso degli anni ha subito tantissimi

danni a causa delle emergenze idrauliche che hanno investito il suo territorio. Le aree più colpite dalle tracimazioni sono state quelle di via Toti, via Oberdan e via Mazzini e le zone di via dei Pioppi e via Verga a Mira Taglio. Via Sabbiona, via Ghebba a Oriago e via Malpaga e via Trescievoli fra Marano e Borbiago. Insomma, un ottimo strumento che pianifica interventi e gestione del territorio cercando di evitare il sommarsi di situazioni critiche. A.A. messaggio pubblicitario

Speciale proposta commerciale

Centralissimo Piazza Mirano

Piazza Mira (VE) passeggiata fronte naviglio, vendo favoloso

vendo attività commerciale con nuovissimo arre-

negozio di aghi, filo, confezioni, abbigliamento casual e classico,

damento e accessori, attività di abbigliamento sportivo per pisci-

accessori, borse, scarpe, articoli da regalo, preziosi. Licenze. 90 mq,

na, ciclismo, footing, abbigliamento casual e alla moda, accessori

prezzo richiesto (arredamento nuovissimo e licenze) euro 70.000

e preziosi, borse, scarpe, foulard, felpe e quanto richiesto per il

trattabili. Per contatti chiedere di luigi al 335-5294045. Prezzo

buon abbigliamento. Tutte licenze. Modico affitto immobile, richie-

Ristorante

Alla Fornace Locale tipico e caratteristico della Riviera del Brenta. Ampia sala per banchetti. Specialità Pesce con tutte le ricette della Tradizione Veneta.

La Prenotazione avviene presso il Ristorante

Info 041 932127

Statale 11 Riviera del Brenta Malcontenta (Ve) - Via Padana, 198 www.ristoranteallafornace.com

seguici su

sti 85.000 euro trattabili. Chiedere di luigi al 335-5294045 Per informazioni www.vivace.com e su facebook

latini casa con saa a ll e d o v ti Aperi - Polentin Schiette fritte zzemolo g co a lio pre Baccalà fres ntipasto A di mare, lipi, insalata eroni o p i, tt re e b Gam ppia, gamb latticini di se a vassoio Primi pescatora Risotto alla one e gamberi salm Farfalle con i pesce a persona d ta a campo Grigli escatrice, Slenta p a d o C , ta Ora tura con po Vassoi di frit isti di stagione Contorni m corretto etto - Caffè rb o s o in p p Sgro le compresi Vino e minera

ù n e M

buono per l’affitto immobile. Per informazioni www.vivace.com e su facebook

€ 30,00

a persona


10 Campolongo Territorio Affrontato in una assemblea pubblica il tema della sicurezza idrogeologica

Argini del Brenta è emergenza Il sindaco ”Abbiamo chiesto 20 milioni di euro per sistemare le rive” di Alessandro Abbadir

A

rgini del Brenta, è emergenza a Campolongo Maggiore soprattutto a causa del fenomeno fontanazzi. Questo il tema dell’assemblea pubblica che si è tenuta nelle scorse settimane alla trattoria “La Rustica” di Bojon a cui hanno partecipato oltre 200 persone del paese e di tutte le frazioni del comune. Una riunione a cui hanno partecipato anche molti esponenti dell’amministrazione dell’ente locale. Si è constatato che il dissesto idrogeologico degli argini del fiume Brenta durante le ultime piene stagionali, ha provocato ampi fontanazzi in via Rivelli e strade limitrofe. Il sindaco Alessandro Campalto è stato chiaro.” Per sistemare gli argini del Brenta solo nel comune di Campolongo, ha detto il sindaco che “serviranno almeno 20 milioni, uno per ogni chilometro di argine”. “Nelle scorse settimane le piene - hanno detto esponenti del comitato Brenta Sicuro - hanno messo in evidenza un’enorme e preoccupante erosione della parte fronte acqua, sempre più drammatica ad ogni piena”. In via Rivelli e strade laterali

Muore a 36 anni per un aneurisma Muore a soli 36 anni stroncato da un aneurisma. Questa la tragica fine nelle scorse settimane di Matteo Marinello di 36 anni residente a Campolongo. La famiglia ha acconsentito all’espianto degli occhi di Matteo colpito probabilmente da un aneurisma all’aorta, esattamente come toccò alla sorella Chiara 12 anni fa. Un gesto di estrema generosità nel giorno più triste per papà Fausto e mamma Luciana, rimasti a piangere la morte dell’unico figlio dopo la disgrazia che il 17 maggio del 2001 aveva portato via Chiara.

Notte Bianca a Bojon, un successo

Il Brenta in piena l’ampiezza dei fontanazzi e delle risalite solitamente era della dimensione di tre metri. Ora, si è spiegato in assemblea, misurano più di 30 metri e minacciano strade e abitazioni a ridosso degli argini”. Il comitato Brenta Sicuro è nato da qualche anno ed è una delle numerose realtà presenti nei nostri territori che subiscono da anni danni idraulici ad ogni pioggia. In maggio quando le abbondanti piogge fecero scattare l’emergenza fu fatta intervenire la Protezione civile per fronteggiare la situazione. Il livello del Bren-

Sanità Tagli all’Ulss13

“Salviamo l’ospedale di Dolo”

L’ingresso dell’ospedale di Dolo

C

In breve

ampolongo capofila della rivolta dei sindaci della Riviera contro i tagli all’Ulss 13. A spiegarlo direttamente è il sindaco Alessandro Campalto insieme però con i sindaci di Fossò Federica Boscaro e quello di Camponogara Giampietro Menin. “Sono state approvate dalla giunta regionale – dice Campalto – le schede di dotazione ospedaliera e le schede di dotazione territoriale, delle unità organizzative dei servizi, che vedono la riorganizzazione delle Ulss del Veneto. La giunta ha deciso per la nostra Ulss 13, la sua lenta ed agonizzante fine, prevedendo la netta frattura tra l’ospedale di Dolo e quello di Mirano, ed eliminando totalmente quello di Noale. La prospettiva del mantenimento di un ospedale di rete su due sedi che conservino entrambe le caratteristiche di ospedale per acuti ormai è solo nelle mani della politica regionale, e ci

ta su cui scaricano le acque affluenti come il Bacchiglione si era innalzato a un livello pauroso. In via Rivelli e in via Basse a Bojon e a Campolongo capoluogo nei campi e sulla strada hanno cominciato ad affiorare risalite d’acqua, i fontanazzi che, se non controllati, rischiano di sgretolare case o infrastrutture a ridosso dell’argine. Fenomeni di fontanazzi si sono verificati anche nella frazione di Sandon di Fossò. Il livello del fiume poi fortunatamente si abbassò senza far danni. Ma la paura resta ogni volta.

C’è stata la riduzione da 2,9 a 2,5 posti letto per abitante

sembra sia lontana”. I sindaci si rammaricano delle decisioni prese. “Sono state – continuano – richieste quelle dei comuni, andate vane, vista la riduzione da 2,9 posti letto/abitante a 2,5 posti letto/abitante, il sottodimensionamento del numero di primari per abitante. Non si condivide la netta separazione delle due strutture di Dolo e Mirano per indirizzo: il primo con prestazioni esclusivamente mediche e il secondo con quelle chirurgiche. La caratteristica che tiene in piedi un ospedale che vuole continuare a definirsi tale è l’integrazione delle funzioni. La realtà più penalizzata è chiaramente quelle della Riviera sud poiché nel presidio di Dolo non saranno più in funzione le sale operatoria”. Campalto, Menin e Boscaro fanno esempi semplici. “A Dolo non si svolgeranno più interventi chirurgici – dicono – e non ci sarà ortopedia. E’ possibile garantire un punto nascite in un presidio dove non si è adeguati per intervenire con un cesareo? E se una partoriente necessita di questo servizio ci si troverà nella necessità di un trasferimento d’urgenza? Questo come si sposa con gli standard di sicurezza di una struttura?” Ma ci sono altri aspetti che, a loro avviso, rendono difficilmente e attuabile quanto delineato nelle schede. “Il rischio – dicono – è il collasso di Mirano per sovraccarico: trasferire tutta la chirurgia a Mirano significherebbe fare operare le 11 sale operatorie attuali in regime di h 24. Come è possibile rimanendo fanalino di coda come finanziamento regionale e in un rapporto pazienti/primari? Verranno ancora realizzati gli interventi di messa a norma dell’ospedale di Dolo, tanto sbandierati e mai iniziati?” Un altro commento riguardano le schede di dotazione territoriale. “Sulla carta - concludono i sindaci - sono previsti 111 nuovi posti letto in strutture intermedie. Dove sono previsti? In quali strutture? A nostro avviso ciò necessiterebbe di almeno 3/ 4 milioni. Dove si trovano queste risorse? E in che tempi? visto che sul fronte ospedaliero il trasferimento delle funzioni sarà nel breve periodo?” A.A.

Grande successo a Bojon di Campolongo per la prima Notte bianca del paese con negozi aperti fin oltre mezzanotte. L’evento è stato organizzato dal Comune in collaborazione con i commercianti e l’Inter Club. La manifestazione si è tenuta lungo la via principale di Bojon che per l’occasione ha chiuso il traffico tratto tra via Dante e via Pavese. Hanno partecipato quasi 2000 persone

Stop con l’antimafia di professione “E’ ora di finirla con un atteggiamento di lotta all’illegalità troppo radicato nel ricordo del passato malavitoso della banda Maniero e del suo fondatore. Bisogna voltare pagina: la cultura della legalità non ha bisogno di continui professionisti dell’antimafia, ma di fatti concreti”. Il sindaco di Campolongo Alessandro Campalto e Paolo Bordin, fondatore di “Affari puliti” ed ex assessore alla Cultura, intervengono dopo le polemiche sulla produzione di una maglietta con il volto di Felice Maniero e la scritta “Fasso rapine”. “Non se ne può più - dicono - Campolongo non può sempre essere legata al passato dell’ex boss Felice Maniero. E’ tempo di cambiare registro”

servizi poste nel caos

R

iviera, le poste sono nel caos. A denunciarlo è il presidente della conferenza dei sindaci del comprensorio Damiano Zecchinato durante l’ultima assemblea dei primi cittadini del comprensorio. I disservizi maggiori sono soprattutto nell’area ovest e sud cioè nei comuni di Vigonovo, Fossò, Camponogara, Campolongo e Stra. La posta arriva ad aziende e famiglie anche con un mese di ritardo. “A causa di un mutato sistema dello smistamento della corrispondenza – afferma Zecchinato – l’ufficio centrale dell’area è diventato Stra. La posta di 4 comuni si sposta da un territorio all’altro e arriva a Fossò e Vigonovo con decine di giorni di ritardo, se non quasi un mese. Questi ritardi sono inaccettabili perché creano danni economici ad aziende e privati. Resta poi il fatto che in tutti gli uffici postali di Vigonovo, Stra, Fossò e Camponogara al primo di ogni mese non c’è la necessaria liquidità per pagare le pensioni che vengono pagate in Posta solo per il 20 % degli aventi diritto”. Si è affrontato poi il problema por-

tato in conferenza dei sindaci dal Comune di Mira. Qui da settembre si passerà da 18 a 14 addetti. E’ stato siglato, infatti, un accordo nazionale tra Poste Italiane e i sindacati. Per il compartimento di Dolo c’è il taglio di otto portalettere, quattro nel solo Comune di Mira. Tre anni fa erano già stati eliminati tre portalettere per effetto di un altro accordo, quello del luglio 2010. Poste SpA punta, secondo i sindacati delle Poste già oggi a privilegiare il settore finanziario dei prodotti postali a scapito del servizio di recapito. “Se non si interviene – si è chiesta l’amministrazione comunale mirese – i cittadini di Mira con quattro postini in meno vedranno peggiorare sensibilmente la consegna della posta. Pesanti saranno poi le conseguenze per i portalettere superstiti costretti a subire un considerevole aumento del carico di lavoro”. Disagi alle Poste si segnalano poi nei comuni di Campagna Lupia, Campolongo Maggiore e Pianiga, soprattutto per quanto riguarda i portalettere. A.A.


12 Campagnia Lupia -Ambiente Grazie ad un accordo con il consorzio Cev arrivano importanti certificazioni

Il comune punta con decisione sull’energia verde di Alessandro Abbadir

I

l Comune di Campagna Lupia ha ottenuto la certificazione che attesta la provenienza da fonti rinnovabili del 100% del fabbisogno di energia elettrica. Gli impianti di illuminazione pubblica e gli edifici comunali utilizzano energia verde, che consente all’ente di evitare l’immissione in atmosfera di gas climalteranti. Socio del consorzio per l’energia Cev dal 2004, Campagna Lupia ha sino ad oggi evitato di immettere in atmosfera 2923,29 tonnellate di Co2, calcolate sulla base dei consumi annuali dell’ente. Inoltre, il Comune ha conseguito un importante obiettivo poiché insieme agli altri 1088 Soci del Consorzio Cev (fra cui 931 Comuni) ha contribuito a risparmiare complessivamente oltre 2.183.200 tonnellate di Co2 con il solo acquisto dell’energia elettrica. L’azione di Campagna Lupia non si ferma qui. I valori delle mancate emissioni di gas climaltereranti aumentano, infatti, anche grazie ad altre iniziative, realizzate tramite il Consorzio senza sostenere costi e volte a ridurre i consumi producendo energia. È il caso del Progetto “1000 Tetti fotovoltaici su 1000 scuole”, cui l’ente ha partecipato realizzando un impianto fotovoltaico sul tetto della scuola media Dogliotti, con una produzione annua stimata di 22707,44 kWh ed una mancata emissione di 10,97 t di Viabilità. Grazie alla sostituzione della vecchia caldaia all’interno della scuola materna e media con generatori di calore ad alta efficienza, inoltre, il Comune ha ridotto i consumi di gas di ben 7986 cm3, evitando le emissioni di 15 t di Co2. “Campagna Lupia – spiega il sindaco del paese Fabio Livieri – si fa promotore di una nuova cultura dell’energia stimolando i cittadini ad adottare comportamenti sempre più sostenibili, scegliendo l’energia verde per il proprio fabbisogno e puntando all’efficienza energetica delle proprie abitazioni per ridurre i consumi e le emissioni di Co2. Campagna Lupia realizza una best practice che può essere adottata in particolare dalle aziende del territorio che, alle medesime condizioni riservate all’ente, possono acquistare energia verde contribuendo insieme al raggiungimento dell’obiettivo 20-20-20. Quest’obiettivo è stato definito dal Protocollo di Kyoto del 1997 e invita a ridurre le emissioni di gas serra del 20%, alzare al 20% la quota di energia prodotta da fonti rinnovabili e portare sempre al 20% il risparmio energetico, tutto entro il 2020. In linea con le politiche comunitarie e con l’applicazione delle indicazioni che da esse derivano, dunque, Campagna Lupia attua azioni concrete e si garantisce importanti risparmi per abbattere i costi d’acquisto dell’energia, rispettando i principi di un sviluppo sostenibile che riguarda l’ottimizzazione delle risorse

Dal 2004 l’ente ha evitato di immettere in atmosfera 2923,29 tonnellate di Co2, calcolate sulla base dei consumi annui

Un lampione fotovoltaico messaggio pubblicitario

economiche oltre che delle risorse energetiche. Abbiamo insomma fatto notevoli passi in avanti nel rispetto dell’ambiente e nel risparmio economico, malgrado i costi dei consumi energetici aumentino sempre più in forma esponenziale”. Ma il comune non si ferma qui. “Bisogna sottolineare che – conclude il sindaco – i prossimi obbiettivi saranno quelli di risparmiare sull’utilizzo dell’energia elettrica prevedendo una graduale sostituzione delle lampade per la pubblica illuminazione, con lampade a basso consumo e a Led, come di recente fatto nel nuovo quartiere di Lughetto, da poco risistemato” .

NEWS Viabilità

Chiusa la strada per Lova

F

ino al 31 agosto sarà chiusa al traffico in entrambi i sensi di marcia la strada provinciale 15 in Comune di Campagna Lupia, all’altezza dello scolo Boligo, per lavori di manutenzione straordinaria del ponte Boligo. Il traffico sarà dirottato lungo la strada provinciale 14 (via Lova) e un tratto della SP 13 compreso tra l’intersezione con la 14 e la 15 (via Roma – via XXV Aprile). Di fatto la frazione di Lova sarà isolata dal resto del paese e dal capoluogo. Per questo motivo ci sono tante proteste da parte dei residenti: per loro si poteva lasciare aperto almeno un senso di marcia. Il comune vigilerà. Il sindaco del paese, Fabio Livieri, infatti assicura che sarà fatto rispettare con scrupolo il cronoprogramma dei lavori. “Controlleremo – dice – ogni giorno con i tecnici l’avanzamento dei lavori. Il primo settembre la strada dovrà essere riaperta”. In queste settimane ci sono state già tante proteste da parte dei residenti che ora utilizzano la strada che porta a Lugo e Lughetto per raggiungere la Romea”. A.A.


Camponogara 13 Lavori pubblici L’assessore Paolo Nardo illustra i risultati raggiunti

Accordi pubblici - privati, servizi ai cittadini Le intese suggellate sono state in totale 15. Tre della vecchia amministrazione Fogarin, 12 di quella attuale di Roberta Pasqualetto

C

amponogara è stato uno dei primi comuni della Riviera del Brenta a sperimentare gli accordi pubblico-privato. Uno strumento che consente all’ente comunale di realizzare opere in cambio della concessione al privato di edificare una determinata quantità di metri cubi. L’amministrazione di Camponogara ha approvato quindici accordi: tre previsti dall’amministrazione Fogarin e dodici dall’attuale giunta Menin. “La concretizzazione di questi progetti è lenta – dice Paolo Nardo, assessore ai lavori pubblici – anche se il realizzatore è un privato si tratta comunque di opere d’interesse pubblico e l’iter è lo stesso. Il privato deve, infatti, presentare il progetto esecutivo dell’opera la cui realizzazione deve essere fatta da un’impresa terza, selezionata mediante gara. L’opera poi deve essere finanziata dal privato, che ipotizza magari di trovare i fondi con la vendita dell’edificabilità ricevuta in cambio dal comune”. Tra le opere andate a buon fine c’è la caserma dei carabinieri, poi il distretto sanitario e, grazie a un’integrazione dell’accordo, anche il centro prelievi del sangue. A Calcroci è stata acquisita un’area edificabile di 750 mq. a ridosso di un’area verde che potrà essere destinata alla costruzione di un edificio pubblico. Nella stessa

Il municipio di Camponogara

frazione è già in atto la realizzazione di un parco di 4.700 mq. in via Fossa del Palo. Un altro accordo, che interessa via Sabbioni, darà la possibilità di fare opere su una struttura pubblica per oltre 110 mila euro. Un altro invece, raddoppierà i servizi degli impianti sportivi. Quest’opera è pressoché ultimata. Nel comune sono in fase di assegnazione dei lavori che prevedono la costruzione della pista ciclabile da via Artigiani a via Fermi, mentre il progetto riguardante il tratto via Fermi-via S. Pellico è in fase di approvazione presso la Provincia. A Prozzolo, con un altro accordo è prevista la cessione di un’area di 1.400 mq a ridosso del Parco

Vinkovci e una pista pedonale lungo la Brentella, che collegherà il parco a via Prati Bassi. Nella frazione di Premaore, subito dopo la sagra paesana prenderà il via l’accordo che prevede la realizzazione di un parcheggio, di un’area a verde di 1.500 mq. e la sistemazione della pista ciclabile da via Goldoni al Ceod. “Auspichiamo che anche gli accordi che interessano la parrocchia trovino presto una soluzione positiva, almeno per quanto riguarda il piazzale e il sagrato – conclude Nardo – non andrà in porto, da parte dei proponenti, l’accordo che prevedeva lo spostamento del campo sportivo”.

NEWS Eventi

Spettacoli fino all’autunno

A

nche quest’anno, Rete Eventi propone una serie di spettacoli all’interno di alcuni comuni della Riviera del Brenta. Camponogara, Fossò, Strà e Vigonovo hanno aderito a questo progetto e ospitano spettacoli di cinema, musica, teatro, danza e cultura; iniziati a giugno e fino al mese di ottobre. A Camponogara, nel mese di luglio, due spettacoli in piazzetta Salvo d’Acquisto: sabato 20 una serata musicale con una band revival di musica anni ‘60 e ’70 a cura dell’Avis di Camponogara; venerdì 26 uno spettacolo scritto e diretto da Nicola Cazzalini e prodotto da Alice nella città “Cubo”. Lo spettacolo percorre la giornata di un clown alle prese con qualcosa che gli sfugge, tra esilaranti trovate sceniche e comiche. Il protagonista incappa continuamente nell’enorme scatola di cartone in cui vive il suo tempo sospeso. Sabato 31 agosto, nel parco di villa Menegazzo, la Compagnia Tuttinscena Camponogara propone lo spettacolo “Il tacchino”. Venerdì 6 settembre, presso il parco di Villa Menegazzo, il maestro Massimo Devo presenta un concerto di fisarmoniche, mentre sabato 7 e domenica 8 si svolge in piazza Mazzini (scuole elementari Don Milani) l’Expo e Fiera dei Saperi. In chiusura, sabato 19 ottobre, nel teatro comunale Dario Fo, il concerto di chitarra acustica “Venicestrings” chitarre a Venezia con Giorgio Cordini, Peter Price e Alberto Caltanella. L’ingresso a tutte le serate è libero, per informazioni www.comune.camponogara. ve.it. R.P.

Informazione pubblicitaria

Pro Loco Venezia: Lasciati incantare dal loro amore no vinto lo scorso anno i due settori del premio. Alla Presenza dell’Assessore Comunale Narciso Girotto, dell’Assessore Provinciale Lucio Gianni e del Padrino Edizione 2012 Luca Ginetto è stato presentato il tema della 5^ edizione anno 2013 e cioè “Chioggia: le silenziose presenze dell’acque nelle lingue del territorio”; la scadenza del bando, sia per la poesia che per la narrativa, sarà il 30 Ottobre prossimo. E’ questo un importante concorso, che ha in pochi anni raggiunto dimensioni nazionali, attirando l’attenzione su Chioggia e promuovendola, allo stesso tempo. PALIO DI NOALE: Ancora un grande successo della Pro Loco di Noale nonostante le sempre più limitate risorse a disposizione degli Enti Pubblici! Il 16 Giugno migliaia di persone si sono tuffate a piè pari nel Medioevo assiepando le strade del centro storico. Noale si è vestita a festa ed ha vissuto giornate indimenticabili tra arcieri, donzelle, nobili ma anche popolani, concubine, appestati e l’immancabile boia. Il palio è stato vinto dalla Contrada della Cerva con Francesca Smiderle e Diego Avon ma il momento più atteso da turisti ed ospiti è stato il maestoso corteo storico che ha attraversato tutta la città per la gioia di adulti e bambini! PREMIO LETTERARIO CITTA’ DI CHIOGGIA: Sempre il 16 Giugno, a Chioggia, è stato presentato il volumetto della quarta edizione del Premio letterario, che raccoglie le poesie e la sintesi dei racconti che han-

MANIFESTAZIONI IN PROGRAMMA, DA NON PERDERE: • SCORZE’: dal 19 al 29 luglio Festa del Pomodoro • SPINEA: 21 Luglio Festa del Redentor • SALZANO: dal 23 al 27 Agosto Sagra di San Bortolo • MARTELLAGO: 04 Agosto a Maerne Festa degli uccelli • PELLESTRINA: dal 27 Luglio al 04 Agosto Festa della madonna dell’Apparizione • PORTOSECCO DI PELLESTRINA: dal 10 al 15

Agosto - Sagra di Santo Stefano • DOLO: dal 09 al 19 Agosto Festa di San Rocco e Fiera del Bestiame • CHIOGGIA: dal 12 al 21 Luglio Sagra del Pesce • CAMPONOGARA: 08 Agosto Cena sotto le stelle • CAORLE: 25 LUGLIO - Griglie Roventi • SAN DONÀ DI PIAVE: 7 AGOSTO Festa Medioevale Patto d’Amistà (Informazioni inviate da LUCIO GIANNI, ass. Provinciale Pro Loco)

PRO LOCO MIRA

info: 339.5665799 segreteria@prolocomira.it

PRO LOCO CAVARZERE

info: 0426.311437 proloco.associazione@libero.it

PRO LOCO CONA

info: 0426.355046 proloco.conetta@gmail.com


14 Approfondimento Aggregazione Tanti appuntamenti con il bel periodo per poter passare una serata in allegria

Estate in Riviera, tempo di sagre Da Dolo a Malcontenta, Camponogara e Sandon Pro Loco e comuni organizzano eventi per migliaia di persone di Roberta Pasqualetto

A

d animare l’estate, nella Riviera del Brenta, si tengono diverse sagre legate al folklore del nostro territorio. A Fossò si terrà la sagra di San Luigi fino al 15 luglio, dedicata per la prima volta al palio dei capitei. Durante la sagra sarà possibili trovare giochi adatti ai bambini fino a quelli apprezzati dagli adulti, alternando la corsa dei sacchi, a quella con l’uovo nel cucchiaio o delle carriole. Il palio è diviso in cinque per i capitelli del territorio: Boschetta, Alberoni, Arzaroni, Castellaro, Sandon e Crosara di Angi. “Per la prima volta organizziamo il palio dei capitei. Questa idea nasce dalla volontà di riscoprire alcuni giochi di una volta e per sensibilizzare lo spirito di unione della comunità – dice il presidente della Pro Loco Franco Soazi – siamo sicuri che la gente si divertirà con i giochi di una volta, semplici e genuini”. Durante la festa non mancherà l’enogastronomia, il ballo e la musica con il Kanale Rock Summer festival che proporrà un concorso per i giovani emergenti. Inoltre, all’interno del

calendario, si terrà un incontro di pugilato nazionale. Nel mese di luglio si festeggia la festa del Redentore, ma non è solo Venezia a commemorarlo. Malcontenta festeggia il terzo fine settimana di luglio, dal 18 al 23; mentre a Calcroci la festa si terrà per due fine settimana: dal 12 al 15 e dal 19 al 23 luglio. Le sagre sono all’insegna dell’enogastronomia, della pesca di beneficienza e chiudono con i fuochi d’artificio. Dolo sarà animata dalla sagra di San Rocco, dal 9 al 19 agosto: ogni sera ci sarà uno spettacolo diverso tra musica e cabaret, stand gastronomici e pesca di beneficienza. All’interno di questa sagra venerdì 16 agosto si terrà l’antica Fiera del Bestiame: una delle poche fiere ancora presenti nel Veneto legata alle tradizioni del nostro paese. La sagra occuperà via Guolo, via Arino, piazza Mercato, via Foscarina e via Giotto. I visitatori avranno occasione di vedere gli animali da cortile e da allevamento, le dimostrazioni di antiche arti e mestieri legati al mondo dell’agricoltura. “Un momento importante,

in particolare per i più piccoli che, a causa di una società troppo frenetica e fredda, molte volte non conoscono più gli animali che una volta animavano aie e fattorie – dice il presidente della Pro Loco Giuliano Salvagnini – questa fiera è attenta alle tipicità della produzione agro-alimentare della Riviera, ed è una vetrina per le produzioni della nostra terra, con assaggi e vendita diretta dal produttore al consumatore e la collaborazione della Coldiretti e la valorizzazione degli stessi prodotti negli stand gastronomici della festa in abbinamento a vini Igp della Riviera”. Lunedì 19 chiuderanno i festeggiamenti con uno spettacolo pirotecnico. In una situazione un po’ diversa da quella della sagra, sabato 7 settembre nell’Isola Bassa di Dolo si terrà una rievocazione storica dei fatti narrati da Tito Livio nella “Storia di Roma”, accaduti nel territorio della Riviera del Brenta - Medoacus nel 302 a.C.. Per l’occasione sarà ricostruito un villaggio, un mercato con le attività artigianali e i prodotti dell’epoca e la partecipa-

Un momento di festa in piazza zione di oltre cento figuranti, che creeranno un’azione scenica in tre tempi guidati dalla regia di una voce narrante. L’iniziativa vuole proporre al pubblico adulto e agli studenti un’occasione di approfondimento e divulgazione volta ad accrescere la conoscenza degli eventi storici accaduti nell’antichità nel territorio veneto. “La cosa migliore per un territorio è creare dei momenti di aggrega-

zione per le persone – dice l’assessore alla cultura Antonio Pra – cerchiamo di dare più offerte per accontentare tutti i gusti e gli interessi. Sicuramente è un periodo economico difficile, dove non ci sono più fondi e sono stati fatti importanti tagli alla cultura, ma abbiamo cercato di trovare il modo di creare manifestazioni con il volontariato e con i partner interessati alle iniziative”.

messaggio pubblicitario

VISITE A DOMICILIO SU APPUNTAMENTI SERVIZI DI ASSISTENZA E CONSULENZA LEGALE E FISCALE

Prima che ti portino via la casa, l’attività la dignità... servizi finAnziAri unisciti a noi, contatta il nostro agente di zona SErvizi pEr i privati al 334.1526595 EquidEbiti l’aiuto che cercavi !!! Ti hanno negato un prestito, un acquisto rateale, un conto corrente, un leasing, una carta di credito? Perché risulti cattivo pagatore, segnalato nelle centrali rischi finanziari, fallito, ipotecato, pignorato? Cosa aspetti a cancellarti? Riabilitati ed otterrai di nuovo credito da qualsiasi banca finanziaria e/o fornitore. Cerchi una soluzione efficace per liberarti dall’oppressione dei debiti? I debiti sono diventati un problema? Abbiamo sicuramente la soluzione adatta alle tue esigenze.

AssistenzA debiti fiscAli

° Assistenza debiti vs banche, finanziarie, fornitori ° Istanza di cancellazione banche dati ( crif, experian, ctc, cai) ° Cancellazioni e riabilitazioni protesti cambiari e assegni ° Opposizioni a decreti ingiuntivi ( ex art. 645 Cpc) ° Opposixzioni a precetto ( ex art. 615 Cpc) ° Opposizioni a pignoramento ( ex art. 617 C.2 Cpc) ° Opposizione a revocatoria ordinaria e fallimentare ° Protezione preventiva patrimonio mobiliare ed immobiliare ° Recupero crediti. ° Consulenza debiti e morosita’- consulenza prestiti consulenza legale- disbrigo ° Cartelle esattoriali- anatocismo sui conti correnti. ° Visure protesti, visure camerali, visure banche dati, visure registro immobiliare

uFFiCiO aSSOCiatO Equi dEbiti E prEStitO VIA DEL PROGRESSO N° 2/C INT. 6 – 45030 OCCHIOBELLO ( RO) TEL. 0425/750042 – FAX 0425/767246

assistenzaconsulenza@libero.it

Prestiti personali Cessioni del v° dello stipendio Deleghe di pagamento Prestiti consolidamento debiti Mutui acquisto, mutui ristrutturazioni Mutui consolido debiti, mutui liquidità Mutuo vitalizio over 65 Investimenti garantiti Pensioni integrative

SErvizi pEr lE aziEndE

Prestiti aziendali, mutui, crediti, garanzie Mutui aziendali Credito alle imprese Leasing immobiliare Leasing targato, nautico Fidejussioni & cauzioni Assicurazioni del credito Investimenti garantiti Assicurazioni Pensioni integrative CONTI CORRENTI PROTESTATI E SEGNALATI IN BANCHE DATI NEGATIVE

Lungo il Naviglio Estate fiessese

U

n luglio di cultura e divertimento, con l’Estate fiessese sul Naviglio. Teatro, danza, musica e molto altro in una delle manifestazioni più attese e ricche della stagione, che nonostante il suo carattere di interesse sovra locale appartiene alla popolazione, anche perché trova negli spazi pubblici di Fiesso il suo palcoscenico: gli attori si esibiranno infatti in Piazza Marconi o nel Giardino del Palazzo Municipale. La rassegna, che si snoda in varie serate nel corso dell’intero mese di luglio, si apre con la consueta danza urbana, il primo luglio, e prosegue con un’altra sperimentazione artistica: la danza geometrica. Ma il cavallo di battaglia di questa edizione è il teatro, ancora una volta in chiave sperimentale e artistica: domina, nella seconda metà di luglio, il teatro di strada. Teatro come danza (Valse, 16 luglio) o come circo di strada (Kolok, 23 luglio). Anche il teatro narrativo si scopre innovativo, come avviene nel caso della Black Comedy (19 luglio). Sempre il teatro chiude la rassegna il 31 luglio: in quest’occasione scenderanno in strada gli artisti del Carosello del Teatro Nucleo, in una sgangherata parata di strada in cui i musicanti di Brema raccontano la loro storia attraverso musiche e suggestioni.Infine, non poteva mancare l’espressione musicale per la quale Fiesso ha più volte manifestato la sua passione: il jazz. A onorare questo legame, la performance della Backyard Jazz Orchestra, un big band di 15 elementi che unisce alcuni dei migliori musicisti di provenienza balcanica e che si esibirà gio-

vedì 25 luglio. “E’ una manifestazione che appartiene a tutta la popolazione di Fiesso, in quanto non si rivolge a un target limitato o a una sola fascia d’età, ma coinvolge e risponde a un vasto ventaglio di attese – spiega Raffaella Barbato, presidente della Pro Loco di Fiesso, che organizza l’evento in collaborazione con il Comune, ArteVen, Circuito teatrale regionale, la Provincia di Venezia, la Regione Veneto e Veneto Jazz – sarà per questo che la manifestazione nel tempo è cresciuta, diventando un’occasione per animare il paese, non rinunciando però a un’espressione di grande qualità”. “Nonostante i molti tagli ai comuni – prosegue l’assessore alla cultura Marco Cominato – abbiamo cercato in tutti i modi di mantenere questo classico appuntamento, ormai tanto atteso dalla popolazione. Quest’anno, tutti gli spettacoli saranno annunciati da appositi stendardi, visibili dalla strada”. Tutti gli eventi, a ingresso libero, iniziano alle 21. Il programma della rassegna è disponibile sul S.T. sito del comune di Fiesso d’Artico.


messaggio pubblicitario

Giovan Battista Velluti

Con il Patrocinio:

Provincia di Venezia

16° CONCORSO INTERNAZIONALE VOCI NUOVE DELLA LIRICA “Giovan Battista Velluti”

Con la fattiva collaborazione di:

5 - 7 SETTEMBRE 2013

MIRA - Teatro Villa dei Leoni

Comune di MIRA

Giuria Tecnica composta da Katia Ricciarelli, Maurilio Manca, Alberto Terrani, Antonio Tasca, Dario Bisso Sabàdin

DAL

1959

Giuria della Critica Alessandro Cammarano, Athos Tromboni

Segreteria Concorso Velluti Consorzio Regionale Manifestazioni Mostre e Artigianato

Provincia di Venezia

Direttore Artistico Concorso Velluti

Dario Bisso Sabàdin

Presidente Associazione Artigiani e P.I. Riviera del Brenta

Salvatore Mazzocca

Giuria popolare

Presidente Consorzio Regionale per le Manifestazioni e Mostre dell’Artigianato

Via Brenta Bassa, 34 - 30031 Dolo (VE) Tel. 333 8163036 - Fax 041 413520

Il Concorso sarà in live streaming all'indirizzo www.concorsovelluti.it/live

Luca Vanzan

6 - 9 Settembre 2013 Mira (Ve) - Villa dei Leoni

COMUNE di MIRA Villa Dei Leoni

5-7 settembre

XVI concorso GB Velluti - Teatro Villa dei Leoni - Mira

5-8 settembre

2° Concorso “Fotografa la tua Arte” - Villa dei Leoni - Mira Concorso aperto ad aziende artigiane associate e amatori.

7 settembre

rIpresA ItAlIA - il ruolo dell’artigianato e della pMI nell’economia del paese. Convegno presso la sala dell’associazione artigiani e P. i. “Città della riviera del Brenta”. Parteciperanno rappresentanti del governo e delle istituzioni locali.

8 settembre

Appuntamento con la solidarietà: Partita di calcio tra la Nazionale Cantanti e la squadra di affari Puliti - l’incasso sarà devoluto a sostegno del progetto “il giardino della legalità“.

9 settembre

Ore 15.30 Casa Futura - Forte poerio: convegno su bio edilizia e fonti rinnovabili per un’idea moderna e compatibile di vivere il territorio e l’ambiente. Ore 19.30 villa Widmann di Mira - cena di Gala e chiusura festa dell’Artigianato con premiazione vincitori concorso fotografico.

In collaborazione con:

per partecipare alla cena rivolgersi a segreteria associazione 041.410333. Il costo della cena è di 35,00 E Al concorso fotografico possono partecipare AZIeNDe ArtIGIANe AssOCIAte e AMAtOrI. Per iscriversi è necessario scrivere a concorsofotografico@artidolo.it allegando la scheda di partecipazione compilata in ogni sua parte oppure recapitare la documentazione a mano presso l’associazione (Via Brentabassa, 34 - Dolo - Ve). regolamento, scheda informativa e modulo di partecipazione sono scaricabili dal sito www.artidolo.it oppure è possibile ritirarli presso lo sportello della segreteria dell’associazione.

DAL

1959


16 Cultura locale Archeologia A Sambruson di Dolo un museo davvero unico

Antiquarium, reperti romani in mostra

NEWS A Mira

Un’estate in villa

Il materiale che oggi funge da attrazione è stato portato alla luce nel 1950 grazie agli scavi del professor Livio Vanuzzo di Silvia Tessari

I

l territorio fa scuola e fa cultura: una piccola frazione di Dolo e il suo Antiquarium possono rivelarsi una macchina del tempo per tornare a cavallo dell’anno zero e scoprire i segreti della vita quotidiana degli antichi romani di area cisalpina. La frazione è Sambruson, in origine un importante centro abitato posto lungo la via Annia, come attestato anche dall’antichissima Tabula Peuntingenaria, l’”atlante stradale” che raffigurava tutto il mondo conosciuto ai tempi degli antichi romani. Sambruson si chiamava allora Mansio Medoaco, dall’antico nome del Brenta, ma era anche conosciuta come Adduodecimo, perché posta a dodici miglia da Padova. “La storia antica è tornata alla luce – spiega Monica Zampieri, archeologa che si occupa dell’Antiquarium di Sambruson – grazie agli scavi condotti, nel 1950, dal professore Lino Vanuzzo, insegnante di matematica a Dolo ma con la passione dell’archeologia. In tre mesi di scavo, da lui stesso finanziati, aiutato da alcuni giovani volontari, il professore è riuscito a trovare moltissimi reperti antichi, in gran parte romani ma anche rinascimentali e preistorici”. La ricerca finanziata dallo stesso professor Vanuzzo, è stata sospesa al termine dei tre mesi per mancanza di fondi, che fino ad allora aveva stanziato lo stesso Vanuzzo. Quanti reperti si celeranno ancora a pochi decimetri dalla superficie? Intanto, quan-

U

Scavi archeologici to raccolto è conservato nell’Antiquarium di Sambruson, posto presso le scuole, un piccolo museo aperto da poco più di un anno grazie alla passione dell’associazione Trovemose e dell’amministrazione comunale. Il museo è inoltre finanziato dal progetto via Annia, che interessa anche i siti storici maggiori come Padova “La nostra principale attività è promuovere la storia di Sambruson, soprattutto tra i bambini e i ragazzi – prosegue Monica Zampieri – sono, infatti, le scuole primarie e secondarie di primo grado le destinatarie dei nostri laboratori didattici, con cui i ragazzi toccano con mano i reperti antichi e stabiliscono un contatto più fisico di quello stretto sulle pagine dei libri con la storia. Nei laboratori da noi proposti, gli alunni possono riprodurre piccole anfore d’argilla o monete romane, sul modello dei reperti esposti. Ma si tratta, oltre al laboratorio

creativo, anche di vedere da vicino come funziona il lavoro di uno storico: quali sono, ad esempio, le fonti, secondarie o primarie, che permettono a uno storico di ipotizzare un fatto. Poter toccare queste fonti (come, appunto, i frammenti di utensili domestici d’argilla) è per i bambini e i ragazzi come poter toccare la storia”. I laboratori didattici vengono attivati ogni anno, e l’offerta viene generalmente raccolta dalle scuole del territorio “Nell’ultimo periodo, a causa delle restrizioni del comune, che ha fatto comunque moltissimo per questo museo, tutte le proposta didattiche vengono dirette alle scuole più vicine. Tuttavia, ci sono speranze di crescita: stiamo infatti cercando di promuovere un’apertura periodica fissa, in cui il museo sia accessibile a chiunque”. Per ora, l’Antiquarium è visitabile contattando l’ufficio cultura del comune di Dolo allo 041411090.

n’estate in villa, per godere di meraviglie inesplorate. L’ufficio cultura del Comune di Mira, grazie alla fondamentale collaborazione della Pro Loco, organizza il Tour 4x4: quattro ville (Villa Venier, Villa dei Leoni, Villa Velier Corò e Villa Widmann) visitabili con quattro diverse modalità, in carrozza, in gondola, in bicicletta o con mezzi propri. “L’iniziativa, già sperimentata in passato” spiega Nicola Crivellaro, assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Mira “è arricchita quest’anno dalla possibilità di visitare villa Velier Corò, situata in zona Chitarra a Mira e resa visitabile dalla primavera 2013. Una delle curiosità che la caratterizzano è il passaggio segreto che presumibilmente la collega a villa Valmarana, la cui realizzazione fu forse legata legato a motivi di sicurezza o a intrighi d’amore”. Gli itinerari 4x4 prevedono l’apertura simultanea delle ville una domenica al mese, per ora il 21 luglio, il 15 settembre, il 20 ottobre. Chi volesse saperne di più può visitare il sito www.miratur.it o contattare il numero 3459182737. Nel sito, sono disponibili anche le informazioni per visitare villa Venier, con la sua pregiatissima barchessa, aperta al pubblico S.T. da poco più di un anno. messaggio pubblicitario


messaggio pubblicitario


18 2

VIAGGIO IN

PROVINCIA VENEZIA

Sicurezza Potenziati i controlli sul litorale veneziano

Commercianti abusivi alle strette

Da metà giugno fino al 30 agosto gli agenti pattuglieranno le spiagge del litorale veneziano

di Andrea Zambolin

S

icurezza potenziata sulle spiagge del litorale veneziano nel periodo estivo tra il 17 giugno e il 30 agosto. Per contrastare il dilagante fenomeno del commercio abusivo e per garantire la tranquillità ai vacanzieri sui nostri lidi, la presidente della Provincia di Venezia Francesca Zaccariotto, assieme agli amministratori di Jesolo, Eraclea, Caorle, Cavallino, Chioggia, San Michele al Tagliamento e al comandante della polizia provinciale Alessio Buie, ha presentato il nuovo piano per la sicurezza estiva, realizzato in collaborazione con la polizia provinciale. È il quinto anno consecutivo che viene organizzato il servizio di potenziamento dei pattugliamenti nel litorale. Gli agenti garantiranno 54 giorni di servizio attivo, con l’ausilio di 108 pattuglie. Il progetto si inserisce nell’ambito dei

Iniziative anti-criminalità controlli di sicurezza in spiaggia e nella lotta al commercio abusivo, una vera piaga per l’economia del territorio. Come sottolineato nella conferenza stampa di presentazione, il problema del commercio abusivo è dilagato negli ultimi anni ed è condiviso da sindaci, forze dell’ordine e cittadini. È anche grazie alle segnalazioni di questi ultimi se le forze dell’ordine sono spesso riuscite a individuare e fermare i trafficanti abusivi, sequestrando le merci pronte per essere vendute illegalmente. Come sottolinea la presidente Francesca Zaccariotto “ci sono arrivati elogi anche da turisti e associazioni di categoria, soddisfatti del nostro servizio”. Solo l’anno scorso, ben 5462 oggetti sono stati sequestrati: “Cittadini e turisti si sentiranno finalmente al sicuro sulle spiagge, grazie

alla presenza e all’efficienza delle forze dell’ordine”. Dichiarazioni condivise anche da tutti gli amministratori dei comuni interessati, tra cui il sindaco di San Michele del Tagliamento, Codognotto: “È un servizio molto importante, da ampliare. Ad oggi, i turisti vengono disturbati ogni 55 secondi da un venditore ambulante che vuole costringerli a acquistare merce di dubbia provenienza. L’unico modo per fermarli è il sequestro, dato che la multa resta spesso inevasa”. Per l’assessore alla sicurezza di Jesolo, Rizzo, i controlli “serviranno a migliorare l’immagine e la sicurezza delle nostre spiagge per i turisti. In questo periodo di crisi, l’abusivismo è aumentato ancora e arreca un danno alla nostra economia: va combattuto”.

prOvinCia in prima linea per COmBattere la COntraffaziOne

T

erminato il progetto “Giovani originali”, proposto come l’anno scorso in sei istituti superiori della provincia di Venezia. L’iniziativa, che ha visto il coinvolgimento di circa 900 studenti, si inserisce nel progetto di cultura della legalità e di lotta alla contraffazione sostenuto da Provincia, Forze dell’Ordine, Camera di Commercio e altri enti. Tra gli obiettivi del percorso formativo, la sensibilizzazione degli studenti ai molteplici effetti negativi che derivano dalla produzione e dal consumo di prodotti contraffatti per l’economia del territorio. Grande la partecipazione e la risposta dei giovani ai colloqui con gli esperti: spesso gli incontri si sono protratti oltre l’orario previsto per la quantità di domande e spunti di riflessione offerti dai ragazzi. Al termine di questi due mesi di attività in difesa del commercio locale e della sana economia del territorio, un altro progetto è stato approvato dalla Provincia per tutelare e salvaguardare i nostri prodotti. Si tratta della realizzazione di 10mila manifesti/locandine e 20mila volantini che saranno affissi e consegnati nelle zone turistiche più a rischio. Un servizio rivolto non solo ai cittadini italiani, ma anche ai turisti, i più vulnerabili all’acquisto di prodotti falsificati, come sottolinea l’assessore Gianni: “I volantini saranno tradotti in sei lingue e avranno degli slogan inequivocabili: “La contraffazione è un trucco, scegli l’originale” e “La contraffazione non ha qualità né garanzie, scegli l’originale”. Per noi, la difesa del consumatore e la tutela del nostro commercio sono delle priorità assolute”. A.Z.

SANITÀ A CHIOggIA “VACANZE SICuRE” TORNA IN SPIAggIA

A

nziani e turisti più tranquilli in spiaggia con il nuovo progetto dell’Ulss 14 di Chioggia, denominato “Vacanze sicure”. Il servizio, attivo dal 1 giugno al 15 settembre, porterà assistenza sanitaria e ambulatoriale direttamente nelle spiagge clodiensi che, nei giorni di punta dell’estate, vedono affollarsi quasi 250mila turisti, pari a cinque volte la popolazione residente. “Dopo l’esperienza dell’anno scorso – sottolinea Massimo Boscolo Nata, direttore del dipartimento di Prevenzione – abbiamo deciso di riorganizzare il servizio, incrementando la fascia oraria di attività e il personale medico e infermieristico”.

Obiettivo principale, quindi, offrire un’assistenza sanitaria di qualità ai turisti sia dentro che fuori l’ospedale, come ha ricordato nella conferenza stampa Giuseppe Dal Ben, direttore generale del comprensorio. Tra le novità di quest’anno, il monitoraggio degli anziani in spiaggia, per scongiurare il rischio della disidratazione. Vengono inoltre riproposti gli ambulatori lungo il litorale, dislocati al “Granso Stanco” e in Zona Diga, per medicazioni semplici e il controllo della pressione arteriosa. A Isola Verde sarà invece attivato un presidio. Un ambulatorio medico, accanto al Pronto Soccorso, sarà aperto tutti i giorni e dedicato

ASILO NIDO

esclusivamente ai turisti. Sarà utile a decongestionare il Pronto Soccorso e a ridurre i tempi di attesa per i villeggiatori che, al posto di affrontare code interminabili, potranno rivolgersi all’ambulatorio apposito o a un qualsiasi medico di base del Comune di Chioggia. Verrà attivato anche un servizio di interpretariato e traduzione telefonica nei principali reparti ospedalieri, nei quali, prevedendo un maggiore accesso, è già stato potenziato il numero del personale medico. Infine, verranno distribuite 10mila brochure contenenti tutte le informazioni utili ai turisti e l’elenco dei servizi attivati dall’Ulss 14. A.Z.

TAM TAM ASILO NIDO 0-3 anni! Autorizzato dalla L.R. n. 22/2002

CENTRI ESTIVI E INVERNALI PER TUTTI I BIMBI BORBIAGO DI MIRA Via Istria,7 - Tel 041 5630589 - asilotamtam@alice.it

www.asilotamtam.it


Spazi aperti 19 3 Volontariato Approdata a Chioggia la barca a vela Savage

Fidas Coast to Coast: il tour dei donatori di sangue È

sbarcata anche a Chioggia l’iniziativa Fidas Coast to Coast, una sorta di tour della solidarietà che coinvolge 41 porti in 14 regioni italiane. Due barche a vela stanno attraversando l’Italia, una con partenza da Trieste, l’altra da Imperia, per incontrarsi a Reggio Calabria il 27 luglio, in occasione della 7° edizione della Traversata della Solidarietà. A Chioggia l’imbarcazione Savage è approdata il 9 luglio, accolta dal presidente regionale Fidas Fabio Sgarabottolo, il presidente Fidas di Venezia Mauro Carlo, il direttore del Crat del Veneto (il Coordinamento Regionale per le Attività Trasfusionali) Antonio Breda, il sindaco Giuseppe Casson e l’assessore al bilancio e allo sport Narciso Girotto, oltre ai tantissimi giovani presenti all’appuntamento. Era presente anche il presidente nazionale Fidas, Aldo Ozino Caligaris. La Fidas è un’organizzazione che riunisce e coordina 73 associazioni italiane per la donazione del sangue, garantendo un apporto considerevole per soddisfare il fabbisogno nazionale di emotrasfusioni. I donatori Fidas sono quasi mezzo milione ma, per poter continuare ad assicurare il contributo, è fondamentale proseguire nell’opera di sensibiliz-

Le autorità presenti all’appuntamento di Porto San Felice. All’evento hanno partecipato anche moltissimi giovani

zazione e coinvolgere sempre più volontari. Proprio questo è l’obiettivo delle tappe della traversata: attirare l’attenzione sulla realtà della donazione del sangue e diffondere il più possibile la cultura del volontariato nella popolazione. Il progetto cerca perciò di coinvolgere soprattutto i giovani: solo le nuove generazioni possono incrementare ancora l’adesione alla federazione del volontariato. Lo ricorda anche il presidente nazionale Aldo Caligaris: “In Italia l’andamento demografico sta portando a un invecchiamento generale della popolazione, che ha sempre più bisogno di interventi medici con trasfusioni. All’opposto, la bassa natalità riduce il numero di potenziali donatori giovani. È proprio per incentivare il loro approccio al volon-

tariato e coinvolgerli che abbiamo disegnato Fidas Coast to Coast all’insegna dello sport e delle buone abitudini alimentari”. Il presidente regionale Sgarabottolo, soddisfatto dalla buona riuscita della manifestazione, sottolinea che “anche in questo periodo di tagli al bilancio della sanità pubblica, il sistema trasfusionale veneto sarà in grado di mantenere le performance attese. Garantiremo anche quest’anno l’autosufficienza regionale e l’apporto di 12.000 unità di sangue alle regioni carenti. Confido inoltre che quest’iniziativa, voluta fortemente da tutta la Fidas, possa contribuire a espandere in altre regioni questo modello di collaborazione”. A.Z.

Campagna Lupia in Riviera del Brenta

PIÙ INFORMAZIONI PER I TuRISTI CON IL NuOVO PuNTO INFORMATICO Il cicloturismo, una delle pratiche che in Riviera del Brenta ha avuto un grande sviluppo

L

a Pro Loco di Campagna Lupia ha presentato il nuovo “Punto informatico turistico Lova“, una iniziativa, in collaborazione con il Comune di Campagna Lupia, che intende informare tutti i cittadini e i turisti delle molteplici metodologie per trascorrere una gradevole vacanza nel territorio provinciale e in particolare della Riviera del Brenta. Occhio di riguardo per tutte le iniziative, gli eventi, che promuoveranno il turismo nel territorio; si vorrà dare maggiore attenzione al turismo culturale, religioso, enogastronomico e al settore collegato al cicloturismo. Proprio il cicloturismo è il fenomeno che maggiormente si è sviluppato negli ultimi anni, tutto questo non solo perchè permette di scoprire ogni angolo del territorio, ma ulteriormente è un turismo sostenibile che non inquina nella maniera più assoluta. Parole di elogio per l’iniziativa sono state elargite dall’assessore provinciale alle Attività produttive Lucio Gianni, dai rappresentanti del Comune di Fossò che hanno auspicato che queste iniziative possano sempre più rinsaldare la collaborazione tra le varie “anime“ della Riviera per conseguire un unico obiettivo comune. Marco Lanza messaggio pubblicitario

MONTAgNA ALCuNI CONSIgLI PER CHI VA A FuNgHI IN VACANZA

E

state, tempo di vacanza non solo al mare ma anche in montagna; sono in tanti infatti coloro che si recano al fresco dei monti. A questi turisti, in particolare a chi coltiva la passione della micologia, l’associazione A.M.B. Gruppo di ChioggiaSottomarina presieduta da Walter Boscolo Buleghin propone alcune segnalazioni affinchè si possano gustare deliziose specie evitando a priori le pericolose. Attualmente il più presente è il Boletus Edulis che tutti chiamano comunemente Porcino. E’ un fungo dal cappello brunocastano o nocciola ed ha un gambo obesoclavato dotato di fine reticolo, la parte che si trova sottostante il cappello, l’imenio, è a tuboli bianchi per poi trasformarsi in verdastra, verde oliva; la carne è bianca. E’ un fungo che cresce un po’ dappertutto ed è ottimo, commestibile, si presta benissimo per essere essicato e conservato. La Russula Dorata invece non deve essere assolutamente confusa con la Russula Emetica. La Russula Dorata ha il gambo e le lamelle con riflessi giallo solforino; la seconda, invece, ha il cappello rosso vivo, il gambo e le lamelle bianco candido ed è altamente tossica. Un altro fungo ora particolarmente presente è il Cantharellus Cibarius comunemente definito Finferlo: cresce abbondantemente nei boschi di conifere e anche in quelli di latifoglie, non deve essere confuso con il pericoloso Omphalotus Olearius che in

Da sinistra il Boletus Edulis, comunemente Porcino, di seguito il Cantharellus Cibarius, più noto come Finferlo

alcuni casi si è rilevato mortale. Nel mese di ottobre riprenderà l’attività dell’associazione con i corsi che si terranno all’Istituto Cavanis di Chioggia. M.L.


22 Mondo scuola

Mondo scuola 5

Istruzione Nei mercatini dell’usato si risparmia fino al 50%

Soluzioni alternative al carovita sui testi scolastici Anche supermercati, cartolerie e internet propongono offerte vantaggiose. Scambi di libri organizzati dal Comitato Genitori negli Istituti di Andrea Zambolin

I

l 12 settembre ricomincerà l’anno scolastico e, anche questa volta, il consueto salasso per le famiglie al momento dell’acquisto dei libri di testo non si è fatto attendere. Il tetto di spesa, fissato dal Miur (Ministero dell’Istruzione), si aggira attorno ai 200 euro per le scuole medie, mentre per le superiori è differenziato a seconda dell’indirizzo e supera spesso i 300 euro. Esistono tuttavia delle opportunità d’acquisto a portata di tutti con la sicurezza di un risparmio considerevole. Nei mercatini dell’usato, dove il prezzo di scambio è determinato solamente dalle condizioni di usura dei libri e viene stabilito assieme al venditore, spesso si raggiungono sconti del 50%. Negli ultimi anni, probabilmente anche spinti dall’onda della crisi economica, questi mercatini si sono diffusi a macchia d’olio nella nostra Provincia e vengono organizzati per tutta l’estate sia nelle scuole (in particolare con la partecipazione del Comitato Genitori e degli studenti interessati), sia in aree predisposte dalla Provincia. Dal Comune di Venezia e dalle Municipalità viene infatti riproposta a inizio settembre, per il quarto

Uno dei tanti mercatini di libri usati nati negli ultimi anni

anno consecutivo, l’iniziativa “LibrocontroLibro”, durante la quale gli studenti delle secondarie di 1° e 2° grado dell’area Venezia-Mestre potranno scambiarsi i libri usati. Per chi invece non volesse cercare nell’usato, altre offerte interessanti arrivano dalle catene di supermercati della grande distribuzione che, al posto di applicare gli sconti (di solito nell’ordine del 15-20%) direttamente sul prezzo di copertina, li tramutano in buoni utilizzabili nei giorni successivi per la spesa. Anche varie cartolerie del Veneziano hanno adottato lo stesso sistema per contrastare il carovita sui libri scolastici, dando alle famiglie la possibilità di sfruttare i buoni-spesa per comprare materiale di cancelleria. Infine, per i più

tecnologici, il business della compravendita online di testi, sia nuovi che usati, ha conosciuto in questi anni una crescita rapidissima, con la comparsa di numerose bacheche online gratuite dove poter mettere il proprio annuncio. Spulciando su alcuni siti internet, si riescono a trovare sconti sui libri di nuova adozione persino fino al 35-40%, ma solo in determinati periodi dell’estate. Per le famiglie ci sono quindi moltissime opportunità per cercare di risparmiare qualche decina di euro sull’acquisto del materiale scolastico per i propri figli, in attesa di quella famigerata “riforma digitale” della scuola che, secondo le stime del Miur, dovrebbe tagliare già dal 2014-2015 i prezzi di almeno un 30%.

neWs Pari opportunità

COnClusO il prOgettO sCOlastiCO “Che genere di Cultura”

L

a pubblicità trasmessa dai mass media è uno dei principali strumenti per introdurre vari stereotipi nelle nuove generazioni, come per esempio quelli di genere. Il progetto “Che genere di cultura”, rivolto a 550 studenti tra i 9 e i 14 anni, si pone proprio l’obiettivo di contrastare questo fenomeno, facendo sviluppare ai giovani le capacità critiche per riconoscerlo e superarlo. La scuola, su proposta del Miur (il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) e del Dipartimento delle Pari Opportunità, riesce a svolgere al meglio il suo ruolo educativo, sensibilizzando gli alunni alle differenze di genere in qualsiasi ambito, dalla scuola alla famiglia, dalla tv al lavoro. Con gli interventi delle formatrici Daniela Rossi e Julia Di Campo, gli studenti hanno affrontato il problema del ruolo della donna nella nostra società, presentando i risultati durante il seminario conclusivo. Tra le attività proposte, anche l’analisi di alcune pubblicità trasmesse dalla tv, alla ricerca degli stereotipi che vi sono inseriti, e la compilazione di due questionari, uno prima e un altro al termine del percorso formativo. Dall’analisi delle risposte risulta come gli studenti siano riusciti a comprendere e interiorizzare gli insegnamenti più importanti del progetto. Marina Baleello, Presidente del Consiglio Provinciale, sottolinea che è stato raggiunto l’obiettivo prefissato all’inizio dell’attività, mentre ora “si auspica di poter trasformare gli elaborati degli studenti in una pubblicità progresso”. A.Z.


T EN

O PER A R CA

TA

SBIANCAM

messaggio pubblicitario


24 6 Personaggio Diletta Finotto medaglia d’oro con la squadra dell’Università Ca’ Foscari

Da Cavarzere in Cina con il dragon boat

La storia di una sportiva poliedrica che per caso intraprende la pratica di una disciplina poco conosciuta in Italia. Un’esperienza che le ha regalato tante soddisfazioni e che l’ha portata fino all’estremo oriente Paola Teson

C

hi l’avrebbe detto che, vogando vogando, da Boscochiaro di Cavarzere si sarebbe potuti arrivare fino in Cina? Eppure è proprio quello che è successo ad una giovane studentessa dell’università Ca’ Foscari, Diletta Finotto, residente a Boscochiaro e sbarcata nella città cinese di Suzhov, gemellata con Venezia, dove assieme alla sua squadra ha disputato ben due competizioni internazionali, entrambe vinte con successo. Diletta ha sempre amato lo sport, avendo anche nel suo trascorso una brillante carriera nell’ambito calcistico, sport che ha praticato per ben 11 anni. Da un paio d’anni però, pratica lo sport del dragon boat, disci-

La squadra di Diletta Finotto nella foto in alto plina cinese che si disputa a bordo di una canoa più lunga del normale, dove vogano 10 coppie, guidate da un timoniere e da un tamburino che detta il ritmo delle vogate. Ma come è nata questa nuova e particolare passione? “Tutto è nato per caso. – racconta la giovane, iscritta alla laurea magistrale in filologia e letteratura italiana – Avevo letto un annuncio nel sito dell’università, in cui si diceva che volevano provare a creare una squadra che praticasse il dragon boat. Era un periodo in cui non stavo praticando nessuno sport, così ho deciso di provare. Poi ci hanno proposto di praticare la disciplina a livello agonistico ed ho accettato”.

Da quando Diletta fa parte della squadra denominata “Università veneziane” ha già avuto occasione di svolgere delle gare in trasferta, come a Firenze dove la squadra si è aggiudicata la Coppa Italia, ma anche a Venezia dove si è svolta la maratona sull’acqua “Voga Longa”. Ma di certo la più emozionante è stata in Cina. “Per la Cina è partita sia la squadra femminile che quella maschile. La nostra squadra è composta da studentesse universitarie e da personale docente o parascolastico. Solitamente una gara di Dragon Boat viene disputata in 20, mentre in Cina eravamo solo in 12 per imbarcazione. Dapprima

abbiamo gareggiato con altre tre squadre provenienti da tutto il mondo: Germania, America e Corea. Poi ci siamo cimentate direttamente contro la squadra di Suzhov. In entrambi i casi abbiamo vinto. Poi, ho avuto anche una particolare soddisfazione personale perché mi hanno incaricato di fare il tamburino nella squadra maschile”. Il tamburino è infatti una figura di fondamentale importanza, perché deve dare il ritmo giusto alle vogate, cosa basilare per la squadra. Cosa ti appassiona di più di questo sport, ancora poco conosciuto da noi? “Quello che amo di più di questo sport è che si sente il valore della squadra: l’esi-

to della competizione non dipende mai dal singolo, ma dal ritmo della squadra, dalla sinergia. Inoltre questo sport mi ha sempre dato l’opportunità di viaggiare e di fare esperienze che mai avrei pensato di poter vivere”. Fiera della medaglia d’oro che ha portato a casa dalla Cina, Diletta si sta già allenando per le prossime sfide, la prima delle quali sarà di nuovo a Firenze e, nel frattempo, sogna il dottorato. Non ci resta che augurarle che tutte le sue sfide terminino sempre con un posto d’onore sul podio così come è stato finora.

messaggio pubblicitario

“non laSciarti Sfuggire l’occaSione” TI

ia c n 230 o v i v i g o P r Ro di N

PIA

IM

chiamaci per un preventivo gratuito!

65

NTI IMPIA

71 IMPIANTI

cia n i v P r o rrara di Fe

Provincia di Padova

57 IMPIA NT

I

Prov i di Ve n c i a nezi a Prorogata la detrazione

65

71

del 50%

fino al 31/12/13

57 230 Poker di impianti per Soladria oltre 400 impianti installati ad oggi


Messaggio pubblicitario

Programma MAB e riserve della biosfera Il Programma MAB è promosso da UNESCO

Che cos’è una “Riserva della Biosfera”? Oltre al “riconoscimento” di Patrimonio dell’Umanità, l’UNESCO può assegnare anche la qualifica internazionale di “Riserva della Biosfera” per la conservazione e la protezione dell’ambiente, nell’ambito del Programma “L’Uomo e la Biosfera” (MAB). Le Riserve della Biosfera sono aree di ecosistemi terrestri, costieri e marini in cui, attraverso un’appropriata gestione del territorio, si associa la conservazione dell’ecosistema e la sua biodiversità con l’utilizzo sostenibile delle risorse naturali a beneficio delle comunità locali. Ciò comprende attività di ricerca, controllo, educazione e formazione.

L’uso del termine “riserva” è obbligatorio? No. In alcuni casi, come quello del Delta del Po, dove questo termine abbia già un significato giuridico preciso (ad esempio “Riserve naturali”, ecc.) può essere utilizzata una denominazione più adatta a dimostrare le qualità del territorio e più gradita alle popolazioni residenti. In questa prima fase, infatti, è stato individuato il titolo provvisorio “DELTA DEL PO – Uomo, natura, sviluppo” - Riserva della Biosfera del Delta del Po. Quante sono le Riserve della Biosfera, nel mondo ed in Italia? Ad oggi le Riserve della Biosfera riconosciute dall’UNESCO nel mondo sono poco più di 600, solo 9 delle quali in Italia (l’ultima è quella del Monviso) e non ve ne sono per ora in Veneto, nemmeno parzialmente. La Riserva deve includere diverse zone indipendenti? Ogni Riserva della Biosfera deve includere tre zone interdipendenti, e precisamente: •Core Area, o area centrale, sottoposta ad un regime giuridico che garantisce la protezione a lungo termine degli ecosistemi e delle specie animali e vegetali presenti al suo interno. •Buffer Zone, o cuscinetto, è adiacente o circonda l’area core e contribuisce alla sua conservazione. Le attività consentite in tale area devono riguardare principalmente le tecniche di sviluppo per l’uso delle risorse naturali che rispettino la biodiversità dell’area e favoriscano la gestione o riabilitazione degli ecosistemi. •Transition zone, o area di cooperazione, non è sot-

Che cos’è l’UNESCO?

È l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (in inglese United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization, da cui l’acronimo UNESCO); è stata fondata dalle Nazioni Unite il 16 novembre 1945 per incoraggiare la collaborazione tra le nazioni nelle aree dell’istruzione, scienza, cultura e comunicazione. Sono membri dell’UNESCO 195 Paesi più 7 membri associati. Il quartier generale dell’UNESCO è a Parigi.

Il nome UNESCO è legato al “Patrimonio Mondiale”: cosa è?

Quella di Sito del Patrimonio Mondiale è la denominazione ufficiale delle aree registrate nella lista del Patrimonio Mondiale, o nella sua accezione inglese World Heritage List. La Convenzione sul Patrimonio Mondiale, adottata dalla Conferenza generale dell’UNESCO il 16 novembre 1972, ha lo scopo di conservare, preservare e valorizzare il patrimonio culturale e naturale anche attraverso l’identificazione e la tutela di siti che rappresentano delle particolarità di eccezionale importanza da un punto di vista culturale o naturale. La lista è composta da un totale di 981 siti (di cui 759 beni culturali, 193 naturali e 29 misti) presenti in 160 Nazioni del mondo. Attualmente l’Italia è la nazione a detenere il maggior numero di siti inclusi nella lista dei patrimoni dell’umanità (49 siti), seguita dalla Cina (45 siti) e dalla Spagna (44 siti).

toposta a vincoli giuridici e prevede attività antropica, villaggi, e complessi urbani (città) al suo interno. Le attività economiche e sociali devono essere dirette alla realizzazione di progetti modello per uno sviluppo economico sostenibile a beneficio, in particolare, della popolazione locale ivi residente. Solo l’area core richiede obbligatoriamente norme di conservazione stringenti e di solito coincide con una zona di protezione già esistente e tutelata a livello normativo, come una riserva naturale o le zone più protette di un parco nazionale o regionale. Le aree buffer prevedono un regime funzionale alla tutela dell’area core. Per le aree di transizione, invece, non si prevede un regime di tutela giuridica e non sono necessariamente sottoposte a vincoli. Lo schema di zonizzazione non è unico e può essere applicato in modi diversi in paesi diversi, a seconda dei contesti geografici o socio-culturali. La flessibilità di tale schema resta uno dei punti di forza del concetto di Riserva. Che funzioni hanno le aree della Riserva? Le aree della riserva hanno differenti funzioni di conservazione, sviluppo e supporto logistico. •Funzione di conservazione: contributo alla conservazione dei paesaggi, degli ecosistemi, delle specie e delle variazioni genetiche. •Funzione di sviluppo: incentivare e promuovere lo sviluppo sostenibile. •Supporto logistico: supporto a progetti dimostrativi, di educazione formazione, di ricerca e monitoraggio in tema di conservazione e sviluppo sostenibile a livello locale, regionale, nazionale e globale. Quali benefici può portare il riconoscimento dell’UNESCO? La candidatura di un ambito territoriale per un riconoscimento internazionale mette in moto ed alimenta energie, interesse, partecipazione, risorse che possono oggettivamente concorrere ad un miglioramento della qualità della vita e del contesto territoriale. Dalle indagini svolte dall’UNESCO – da portare in evidenza un recente studio sul “valore del brand” - sono stati dimostrati i positivi benefici derivanti ai luoghi dove sono stati concessi i riconoscimenti internazionali. In particolare, Il 75% del campione intervistato ritiene che il marchio UNESCO sia importante nella promozione di attività, il 52% lo considera garanzia di qualità, il 40% elemento di eccellenza. UNESCO porta valore aggiunto nella tutela dei beni culturali (88%), nella promozione di beni naturalistici (86%) e in quella dei monumenti (84%). E’ stata inoltre confermata la straordinaria diffusione della conoscenza di base di UNESCO, nota al 98% del campione, cui corrisponde un elevato indice di reputazione vicino all’eccellenza, pari a 76 punti (oltre 70 è considerata area di eccellenza in valori compresi tra 0 e 100). L’Organizzazione, infatti, riscuote un livello di fiducia del 69%, è ritenuta efficace al 75% e l’80% degli intervistati considera importante la sua mission.

L’Unione Europea potrebbe finanziare progetti di sviluppo? L’inserimento di un territorio nella rete mondiale delle Riserve della Biosfera del Programma MAB dell’UNESCO potrebbe favorire l’accesso a programmi e fondi internazionali finalizzati allo sviluppo di progetti di collaborazione. I nuovi indirizzi di Politica Agricola Europea (PAC) 20142020, ad esempio, considerano appositi canali di finanziamento attraverso i Piani di Sviluppo Rurale per il sostegno ad attività agricole in ambiti di tutela ambientale e paesaggistica (già oggi nei siti della Rete Natura 2000) o comunque in aree interessate da progetti di valenza sovra locale, come appunto potrebbe essere una Riserva della Biosfera, anche al fine di affrontare e risolvere potenziali conflitti tra attività agricole e zootecniche ad elevato impatto ambientale e attività di agriturismo e turismo sostenibile. Che cosa può comportare, in definitiva, il riconoscimento? La Riserva della Biosfera non va considerata come un progetto a tempo limitato, bensì un’operazione di lungo termine. La partecipazione alla rete mondiale (network) delle riserve consente una valida possibilità di scambio di conoscenze, di buone pratiche, di strumenti gestionali nonché l’accesso a progetti, programmi e fondi internazionali appositamente dedicati ad affrontare problematiche legate allo sviluppo, tra le quali i cambiamenti climatici, la perdita di biodiversità e la rapida urbanizzazione. Il riconoscimento di “Riserva della Biosfera”, per esplicita dichiarazione dell’UNESCO, non implica alcun vincolo giuridico ulteriore, ma va inteso come occasione per affrontare e risolvere, con la partecipazione della popolazione, i problemi locali ed i relativi possibili conflitti in una dimensione globale. Inoltre, il riconoscimento non va inteso come l’assegnazione di un “logo”, bensì come assunzione di responsabilità e scommessa del territorio a ideare, sperimentare e sviluppare buone pratiche da estendere anche all’esterno. Come funziona la candidatura? Il dossier di candidatura va presentato dagli Enti promotori al Comitato Nazionale del Programma MAB presso il Ministero dell’Ambiente, il quale provvederà in seguito a trasmetterlo alla Segreteria del Programma MAB presso la sede dell’UNESCO a Parigi. In attesa del riconoscimento, gli enti promotori sviluppano ed iniziano ad implementare il progetto per la gestione della riserva, con gli impegni che dovranno essere assunti da ciascuno per poterla attuare. Tale progetto sarà attivato quando l’UNESCO avrà assegnato il riconoscimento. Possono le comunità locali concorrere alla creazione della Riserva? Certamente sì! Anzi, tutti dovrebbero poter portare il

proprio contributo, la propria idea. Per questo sono stati programmati alcuni incontri pubblici di presentazione e sono stati aperti degli spazi (anche virtuali) di confronto.

Per ulteriori informazioni visitate il sito www.parcodeltapo.org e consultate tutta la documentazione che sarà via via prodotta, oppure inviate una email all’indirizzo: partecipazione@parcodeltapo.org. Il percorso di candidatura dell’area del Delta del Po a Riserva della Biosfera del Programma MAB dell’UNESCO è supportato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

2007-2013

Cosa significa candidare un’area a Riserva della Biosfera all’interno del Programma MAB (Man and the Biosphere – L’Uomo e la Biosfera) dell’UNESCO?

cooperazione territoriale europea programma per la cooperazione transfrontaliera

Italia-Slovenia

evropsko teritorialno sodelovanje program čezmejnega sodelovanja

Slovenija-Italija

Investiamo nel vostro futuro! Naložba v vašo prihodnost! www.ita-slo.eu Progetto cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale Projekt sofinancira Evropski sklad za regionalni razvoj


4 26

LO

SPORT in PRIMO PIANO

In breve

Calcio Il sogno dei tifosi arancioneroverdi si avvera

Dorina Vaccaroni ( ex schermista) è arrivata terza alla prestigiosa Marcialonga Cycling di ciclismo, in Val di Fiemme. Si è trattato di una prova durissima di 120 chilometri, con continui saliscendi Una gara per la quale l’atleta veneziana si è dimostrata ancora una volta in grado di gareggiare con le prime della classe. Prossimo impegno per la Vaccaroni sarà la gran fondo in programma in Germania a fine mese, quando ad attenderla ci saranno 250 chilometri da correre tutti d’un fiato con molti tra i migliori scalatori d’Europa.

di Alessandro Abbadir

Dorina Vaccaroni terza alla Marcialonga Cycling

Boxe, successo dei chioggiotti Grande successo per la boxe veneziana soprattutto chioggiotta nelle scorse settimane. A Sottomarina nei pesi welter Matteo Penzo, al secondo match agonistico, ha vinto ai punti, mentre nei medi Crescenzo Iannetta, si è aggiudicato il match per ko tecnico alla prima ripresa. Bene l’esordiente Enzo Tobbia, vittorioso per ko tecnico sempre alla prima ripresa, nei medio massimi Alessandro Pavanello ha vinto ai punti.

Festa della solidarietà al parco Albanese Spettacoli ed emozioni, colori e piroette. In questo modo nelle scorse settimane 4NCI 2013 ha rinnovato il ricordo di Davide Ancilotto, una festa per uno dei più grandi campioni della pallacanestro italiana. Il “campetto” del parco Albanese a Mestre si è trasformato in un’arena, basket dalla mattina alla sera. C’era una gigantografia, di Davide, che ha fatto da sfondo a foto di rito. Doppio premio quest’anno, prima a un genitore E’ stato assegnato il Dawn Deterville alla mamma di Lorenzo Ambrosin, e poi a una squadra, quella degli Aquilotti della Reyer, che si sono messi in evidenza nel corso della stagione

Il Venezia promosso in Prima Divisione G

iugno storico per il Venezia del calcio. Dopo 22 anni il 16 giugno scorso la squadra è tornata in Prima Divisione. La partita? il 3-2 più bello dell’anno contro il Monza. Hanno vinto cuore e polmoni, perché la partita il Monza ce l’aveva in pugno, in tasca. L’ha buttata via. Bravo il Venezia che in un pomeriggio di grande sofferenza calcistica ha tirato fuori le ultime energie e rovesciato un risultato che ormai sembrava scritto come una condanna. Bastava poi un pareggio, ma il Venezia ha voluto la vittoria per suggellare una promozione agognata da migliaia di tifosi, da anni. Insomma un giorno di felicità completa per il popolo arancioneroverde. Ci sono poi corsi e ricorsi. Il 16 maggio, di 22 anni fa, correva l’anno 1991, quando il Venezia di Zamparini e Zaccheroni piegava la resistenza del Como allenato da Bersellini e ritornava in serie B dopo oltre 20 anni. Corsi e ricorsi, in con in mezzo altre promozioni, quel bel sogno della serie A durato troppo poco, tre anni, tanto Recoba e Maniero ma anche tante figuracce e retroces-

sioni. Ora però con i nuovi obbiettivi servono anche nuove strutture. Serve uno stadio nuovo, il Penzo non basta più. Anche il sindaco Giorgio Orsoni lo ha detto e in qualche modo promesso. Nel calendario futuro ci sono tanti impegni in programma. Ad esempio il derby con il Vicenza. Ora si spera nella nuova gestione, quella del presidente russo Yuri Korablin l’unico ad averci messo finora la faccia. Poi ci sono i meriti. Quelli di una squadra di atleti guidati da un campione che a 38 anni ha dimostrato quanto contano classe ed esperienza. Un allenatore che ha preso una squadra a metà classifica e l’ha portata al vertice. Una tifoseria compatta. Intanto nelle settimane successive alla promo-

zione sono arrivate delle conferme. Per il Venezia 2013-2014 è stato confermato il direttore sportivo Andrea Gazzoli, ha firmato il contratto anche per la prossima stagione. Ad ora (nel momento in cui scriviamo) il Venezia ha solo sette giocatori sotto contratto: Battaglia, Campagna, Giovannini, Taddei, D’Appolonia, Franchini e Michele Marconi, tutti gli altri sono in scadenza di contratto oppure in scadenza del prestito. Si vedrà nelle prossime settimane come si muoverà nel calcio mercato. Il prossimo passo di Gazzoli è scegliere l’allenatore, dopo la partenza di Stefano Sottili per Varese. Il raduno avverrà il 22 luglio. I posti papabili per il ritiro? Ravascletto e Pieve di Cadore.

messaggio pubblicitario

FISE

L’offerta scade il 31.12.2013 e non è cumulabile con altre iniziative già in corso

Federazione Italiana Sport Equestre

Il Circolo Ippico Le Giare mette a disposizione degli appassionati del mondo equestre le seguenti strutture: -Scuderria 2 campi in sabbia muniti di illuminazione e irrigazione; Campo in erba Tondino di 18 metri

Il Centro Ippico Le Giare situato a Mira, immerso in un ambiente suggestivo a ridosso della laguna di Venezia

ed i seguenti servizi: Centro affiliato CONI-FISE Rilascio e rinnovo patenti per l’abilitazione a montare. Scuola di equitazione per la monta inglese Equitazione di campagna. •Corsi di equitazione per bambini ed adulti •Escursioni a cavallo

PORTA QUESTO COUPON IN MANEGGIO AVRAI UNA LEZIONE DI PROVA GRATUITA! SCONTO DEL 20% SULLE LEZIONI INDIVIDUALI E SUL 1° ABBONAMENTO DA 5 O 10 LEZIONI COLLETTIVE.

PENSIONE PER CAVALLI IN BOX CON PADDOCK Ti Aspettiamo! A PARTIRE DA 180 EURO/MESE ritti

riservato ai nuovi isc

Via Ca’ Nova, 2 - 30034 Giare di Mira (VE) 338 8462812 legiare.mira@libero.it seguici su

ci puoi trovare anche su www.turismoequestre.com

A Mestre

il CirCOlO della vela

L

’associazione sportiva dilettantistica “Circolo Della Vela Mestre”, è un’associazione sportiva e culturale fondata a Mestre nel 1981 e ha come scopo la promozione della navigazione a vela in tutte le sue forme. La sua sede è a Punta San Giuliano presso il parco. Dal punto di vista dell’educazione e della formazione, il circolo organizza, corsi per tutte le età, a livello base o perfezionamento sia su deriva che su cabinato. Durante l’estate si tengono i corsi estivi per i ragazzi dai sei ai diciotto anni, con la formula Campus; gli istruttori sono tutti federali di I livello che hanno completato un percorso formativo strutturato della Federazione Italiana Vela. Accanto all’attività formativa c’è quella agonistica con corsi di preparazione alla regata per le diverse tipologie di classi; le regate zonali e nazionali si tengono a Bibione, Santa Margherita, Lido di Venezia e Chioggia, per poi portarsi a Malcesine, Senigallia, con alcune puntate all’estero quali Pirano, Portorose, Pola e Spalato. I prossimi impegni a livello locale sono il Campionato Social: il 15 settembre, il 27 ottobre e il 24 novembre. Ci sarà un campionato Invernale su sei prove dal 19 ottobre al 9 novembre e una prova del Campionato Zonale il 5 ottobre, per la classe Optimist il campionato zonale – Trofeo Porto di Venezia il 21 e 22 settembre e per la Classe Laser , il 6 ottobre sarà la volta di una prova del Campionato Zonale. Il medesimo è organizzato dalla Compagnia

della Vela di Venezia, nei mesi di luglio, settembre e novembre, ed è aperto a tutti i circoli della zona. “Un circolo che in 30 anni di attività ha visto crescere i suoi soci da circa cento negli anni della sua nascita agli oltre cinquecento attuali – dice il presidente Giancarlo Moretto - Nel 2012 gli atleti del circolo nella classe Optimist (Cadetti) si sono classificati 1°, 2° e 3° a livello zonale; nella classe Laser Radial primo classificato in ranking list zonale e nella classe Laser 4.7 3° classificato in ranking list zonale, risultati invidiati da molti circoli. Anche le attività e iniziative a livello di circolo hanno raggiunto una maturità tecnica e sportiva importante”. Il Circolo della Vela Mestre è attento alle specifiche necessità dei diversamente abili ed ha contribuito in modo efficace alla nascita dell’Onlus Velamestrextutti, che avvicina al mondo della vela persone che potrebbero esserne escluse, adottando delle imbarcazioni progettate allo scopo in un ambiente accogliente e dotato delle necessarie attrezzature per dare a tutti la possibilità di utilizzo dei mezzi. Per maggiori informazioni www.circolovelamestre.it R.P.


Villa Momi’s

messaggio pubblicitario

ristorante·pizzeria

Villa Momi’s permette anche cene e pranzi di lavoro, con la massima tranquillità e distensione per i propri colloqui d’affari. Alla sera i locali sono destinati anche a chi desidera un po’ di intimità, con un’armonia che solo il lume di candela riesce a creare. Due sale separate in due piani. Giardino estivo. Oltre 300 posti a sedere. Locale rustico in chiave moderna unico nel suo genere, immerso nel verde.

B E A U T I F U L D AY

Villa Momi’s è il luogo ideale per matrimoni, cresime ed ogni altro tipo di ricorrenza. Per gli sposi e i loro invitati è riservata un’ospitalità particolare, con aree e intrattenimenti privati. Località Santa Maria, 3/B Cavarzere Venezia 0426.53538

villa momi’s www.villamomis.it


28 4

IL VENETO

in PRIMO PIANO

Sicurezza I dati Inail e Vega Engineering danno la dimensione di un fenomeno nuovo

Crisi, incidenti sul lavoro in calo

La diminuizione delle morti bianche è proporzionale all’occupazione, per questo il risultato forse dipende più dallo stato di difficoltà attuale che dalla maggiore sicurezza di Alessandro Abbadir

I

nfortuni sul lavoro in Veneto, in calo grazie alla crisi e a settori come quello edile che sono andati letteralmente a picco. Sia i dati riferiti al 2012 che quelli inerenti il primo trimestre del 2013 sono chiari. Il calo dal 2009 ad oggi è costante. Vediamo nel dettaglio. L’Osservatorio sicurezza sul lavoro di Vega Engineering ha denunciato nei mesi scorsi infatti 42 infortuni mortali nel 2012. Tre in meno dell’anno precedente, dieci in meno rispetto al 2010. Sempre secondo l’Osservatorio nel 2012 la provincia che ha registrato il maggior numero di casi è stata Verona con 11 morti, una cifra che l’ha collocata al 47° posto della graduatoria nazionale per indice di incidenza degli infortuni mortali sul numero degli occupati (26,9 per milione di occupati). Ma ben più letale si è rivelato, in proporzione, il bellunese: 7 morti, con una incidenza del 75% e il 4° posto nella graduatoria nazionale: una triste posizione da cui la provincia veneta di montagna non riesce a schiodarsi: 5° posto nel 2011, 3° posto nel 2010. Al posto più basso, quindi con maggior sicurezza, nel 2012 Vicenza e Padova (ognuna con 5 incidenti mortali che le posizionano all’81° e all’83° posto). Per la provincia di Venezia ci sono dati ad hoc e recentissimi Qui nel primo quadrimestre di quest’anno si sono registrati 2 infortuni mortali (un lavoratore italiano di 22 anni fulminato e un albanese di 49 investito da un automezzo di lavoro), a fronte dei 7 dell’intero 2012 e dei 9 registrati nel 2011. Si tratta però esclusivamen-

te in questi casi di morti sul lavoro deceduti a causa di un incidente sul luogo di lavoro (fabbrica, ufficio, campi, cantieri, ecc.). L’Inail invece include in questa triste statistica anche i morti sul lavoro collegati al percorso casa lavoro, e quelli connessi alla circolazione stradale. I casi mortali riconducibili a queste due tipologie sono da anni a volte superiori a quelli capitati nell’ambiente di lavoro ordinario. Ciò emerge chiaramente nel Rapporto 2011 per il Veneto dell’ Inail: 37 su 83 eventi nel 2010, 50 su 83 nel 2011. Insomma l’ambiente più pericoloso in Veneto (ma anche nel resto del Paese) rimane la strada. Per capire di più occorre andare nello specifico. Vediamo le cause specifiche di morte indicate proprio nel rapporto Inail nel triennio 2010-2012. Le cause sono determinate dal: ribaltamento del veicolo/ mezzo in movimento (dal 21 al 27% dei casi), caduta dall’alto di oggetti (dal 16 al 25%) ed infine caduta di persone dall’alto (dal 18 al 24%). Poi quella relativa ai settori dove si muore di più che rimangono l’agricoltura (44% dei casi, media triennio) e le costruzioni (dal 20% del 2010 al 12% del 2012, segno evidente della crisi del settore). Tuttavia, nel corso del 2012, in tutta Italia sono aumentate le ispezioni e le irregolarità riscontrate: controllate 22.950 aziende, 2mila in più del 2011, l’87% è risultato irregolare. Regolarizzati 53.734 lavoratori (+10% sul 2011), di cui 45.679 irregolari e 8.055 in nero (+7,3%). E’ chia-

ro perciò che la guardia deve restare alta. Che tipologia di inquadramento hanno le persone colpite da incidente sul lavoro? Va rilevato in questo caso che sono tante le vittime non lavoratori dipendenti: tra i morti nelle costruzioni ci sono molti artigiani edili e tra quelli in agricoltura spesso si tratta di anziani coltivatori diretti. Anche i dati sui primi mesi di quest’anno sono incoraggianti. A decretarlo ancora una volta, la più recente indagine dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering secondo la quale nel primo trimestre del 2013 gli incidenti mortali verificatisi in Italia sono stati 74, mentre nel 2012 erano 110, con una variazione pari

al – 32,7 per cento. Su questo fenomeno è chiaro il presidente Dell’Osservatorio Vega Engineering di Mestre, l’ingegner Mauro Rossato, per il quale “questi dati non indicano che bisogna abbassare la guardia e che l’emergenza si possa considerare risolta, ma possiamo almeno considerare la flessione della mortalità di questo primo trimestre anche come conseguenza di una sempre maggiore sensibilizzazione sul fronte della prevenzione da parte dei media e da parte di tutti coloro che operano per la sicurezza

Riabilitazione. Verranno ridotti costi e tempi di attesa per gli infortuni sul lavoro

ACCORDO SIgLATO TRA LA REgIONE VENETO E L’INAIL

U

n accordo specifico fra Regione Veneto ed Inail è stato siglato nelle scorse settimane per affidare alle cure della sanità regionale i pazienti reduci da infortuni sul lavoro che hanno la necessità di trattamenti integrativi e riabilitativi o affetti da malattie professionali. Questi ultimi fino ad adesso erano destinati alla medicina privata (tramite rimborso) o ai servizi extraregionali dell’Istituto - in particolare a Bologna e a Budrio. Ma adesso le cose cambiano. Grazie all’accordo fra Regione ed Istituto Nazionali Invalidi sul Lavoro, presto potranno rivolgersi direttamente ai centri specializzati che sono attivi nel Veneto, dislocati a Motta di Livenza, Santorso, Zevio e Garda. Con questi accordi le aziende ospedaliere venete ricaveranno un gettito stimato in circa 5 milioni l’anno senza incremento di costi. L’ente di assicurazione sugli infortuni ha optato per questa soluzione dopo aver cercato

di dar vita ad una propria rete riabilitativa nel Veneto. Una soluzione che è stata scartata in quanto si è valutato l’elevato costo dell’operazione sia in termini di personale e macchinari e anche per un altro fattore. Si è concordato infatti come ci sia l’elevata disponibilità sul nostro territorio di strutture di alta qualità, capaci di garantire un servizio concorrenziale a prezzi ragionevoli. Quello con il Veneto è il secondo accordo-quadro stipulato dall’Inail dopo quello sottoscritto con l’Emilia-Romagna. A che risultato si vuole arrivare? L’obiettivo immediato, a partire da settembre, è quello di abbattere i tempi d’attesa dei pazienti, ammortizzare con più efficacia i costi di macchinari onerosi, che richiedono costante aggiornamento e, in termini di mercato, diventano “convenienti” solo in presenza di un volume di prestazioni consistenti. A.A.

PRESENTANDOVI CON QUESTO COUPON IL VOSTRO ORO SARA’ VALUTATO 2

Gold ORO COMPRO

Via Nazionale, 95 MIRA - (Ve) tel. 366 9515073

nei luoghi di lavoro”. Insomma per Rossato, non è solo la mancanza di lavoro che fa diminuire gli incidenti, ma anche la cultura della sicurezza sui luoghi di lavoro che sembra finalmente essersi radicata anche nel territorio del Veneto. Un atteggiamento che negli anni scorsi in pieno boom edilizio non era certamente seguito con scrupolo da operatori ed imprenditori del settore. Speriamo sia seguito anche in caso di ripresa economica.

eStar Argento

EURO IN PIU’ AL GR.

Via Padova, 22 VIGONOVO - (Ve) e - mail. Goldstar.oro@gmail.com tel. 329 1328827


Il Veneto in primo piano 29 5 Società La Cgil invita a non abbassare la guardia

“Coinvolti sempre più i precari e non regolarizzati” di Alessandro Abbadir

“S Montagner: “Vanno potenziati gli organismi di controllo come Spisal e ispettori del Lavoro”

e la crisi da un lato ha diminuito gli incidenti sul lavoro, è anche vero che si assiste al fenomeno nuovo che vede come principali vittime della mancata sicurezza sui luoghi di lavoro precari e lavoratori non regolarizzati. Su queste realtà servono maggiori controlli”. A fare questa denuncia dopo i dati forniti dall’Inail è la Cgil con i suoi rappresentanti nazionali Fabrizio Solari segretario Confederale e locali Roberto Montagner per la Cgil di Venezia. Nel 2012 sono state 745mila le denunce di infortuni (-9% rispetto al 2011 e -23% in riferimento al 2008). Quelli mortali accertati sono stati 790, un nuovo minimo, a fronte di 1.296 denunce. Si avrebbe com-

artigianatO

E’

plessivamente un calo del 6% sul 2011 e del 27% sul 2008. Il maggior numero di incidenti si è registrato nelle regioni del Nord ovest (212) seguite da quelle del Nord est (202), dal centro (149), dal Sud (167) e dalle isole (60). Le vittime under 30 sono state 94, 100 quelle over 60. Infine, tra le denunce di legate all’amianto, protocollate nel 2012, ne sono state riconosciute 1.540: dei casi denunciati nell’anno, 348 hanno avuto esito mortale. “Abbiamo apprezzato la relazione dell’ Inail soprattutto - ha detto Solari - nella parte relativa al nuovo sistema di gestione e di diffusione dei dati infortunistici secondo il sistema “open data”, che costituisce un

positivo passo avanti nella trasparenza per valutare l’efficacia dell’azione dell’istituto. Restano da approfondire la questione dell’incidenza della disoccupazione e cassa integrazione sull’analisi dei dati sulla statistica degli infortuni e va fatta una riflessione in direzione dei nuovi rischi legati alle forme di lavoro precarie e alla crescente insicurezza dei lavoratori e delle lavoratrici, dovuta alla persistente crisi economica e alle nuove tipologie di contratti. Queste condizioni hanno, infatti, un’incidenza diretta sull’organizzazione aziendale e sulle condizioni della prestazione, oltre che un effetto a lungo termine in ambito sanitario”. Sulla stessa linea si colloca anche Roberto Montagner segretario della Cgil di

Venezia. Negli anni scorso la cementificazione e la febbre da capannone ha investito le province di Padova e Venezia, ma anche Verona , Treviso e Vicenza “Il rischio forte nel veneziano e in tutte le province venete – dice il segretario della Cgil di Venezia – è che in mezzo a questa crisi economica per restare competitive, le aziende taglino proprio sugli standard di sicurezza provocando di fatto un peggioramento delle condizioni all’interno dei cantieri. Per evitarlo i controlli dello Spisal non possono diminuire e gli stanziamenti agli organi ispettivi vanno potenziati e non diminuiti”

nasCe il fOndO integrativO sani.in.venetO

stato costituito nelle scorse settimane il Fondo per l’assistenza sanitaria integrativa a favore del mondo del lavoro artigiano. L’accordo è stato siglato da Cgil, Cil e Uil e dai rappresentanti di categoria. Si chiamerà Sani.In.Veneto (acronimo di Sanità Integrativa Veneto). Erogherà prestazioni assistenziali per gli oltre 135 mila dipendenti delle aziende artigiane del Veneto (ad esclusione di quelle edili). Tutto è stato fatto senza alcun costo aggiuntivo a carico delle imprese. Lo Statuto prevede che la platea possa allargarsi anche ai loro familiari, agli stessi imprenditori (soci e collaboratori compresi)

e poi ai familiari di questi ultimi. Il Fondo che sarà arrivo dal primo agosto 2013 alla fine potrebbe rispondere a quasi un milione di persone, un veneto su 5, immigrati compresi L’accesso alle prestazioni sarà aiutato da un sistema di assistenza alla compilazione delle domande dei lavoratori interessati, distribuito in modo capillare nel territorio. Ed anche per le imprese è prevista una semplificazione degli impegni burocratici a loro carico. Il Consiglio di amministrazione, nella sua prima convocazione, procederà a tutte le operazioni necessarie a dare piena operatività al fondo.


messaggio pubblicitario

Regalo per le famiglie: BAMBINI alloggiano GRATIS*

N u OvO

:

Parco avventura Otočec

4=5 Vacanze estive

per il vostro benessere ...

alle Terme Dolenjske Toplice e Šmarješke Toplice pernottamento con mezza pensione • l‘accappatoio in camera • bagni illimitati nelle piscine termali (32 °C) · bagno notturno il venerdì e il sabato (fino alle ore 23.00) • 1 ingresso libero al mondo delle saune • idroginnastica mattutina, acqua aerobica, camminata nordica ... 4=5 notti Terme Šmarješke Toplice T: 00 386 7 38 43 400 E: booking.smarjeske@terme-krka.si

Hotel Šmarjeta****

274

Hotel Vitarium****superior

293

Terme Dolenjske Toplice T: 00 386 7 39 19 400 E: booking.dolenjske@terme-krka.si

Hotel Kristal****

263

Hotel Balnea ****superior

297

Sconti: per i bambini, soci del Club Terme Krka. Supplementi: tassa di soggiorno, camera singola. I prezzi sono in EURO, a persona in camera doppia.

*in camera con due persone adulti - i bambini fino a 5.99 anni e un bambino fino ai 13.99 anni

www.benessere.si


Il Veneto in primo piano 31 13 Studio di Ca Foscari e Camere di commercio per andare “Oltre il Pil”

Il benessere abita qui. Ma fino a quando? Salute, reddito, relazioni sociali: il Veneto è ai primi posti in Italia. Ma scuola, sicurezza, inquinamento sono problemi ancora da risolvere

Tra Pm10 e raccolta differenziata

la deliCata partita dell’amBiente

di germana urbani

I

teorici della decrescita felice, quando vogliono spiegare perché a loro il meccanismo di calcolo del Pil (prodotto interno lordo) pare un imbroglio, ricorrono a esempi come questo: sei imbottigliato in una coda chilometrica in autostrada, passi due ore col motore acceso e così sprechi un sacco di benzina per nulla. Bene, più ne consumi e più aumenti il Pil, visto che presto tornerai dal benzinaio a riempire il serbatoio. Se poi, per caso, fai un incidente, ecco che il Pil aumenterà ancora grazie al conto del soccorso auto, del carrozziere, dell’assicurazione. Insomma, fuor di metafora: non sempre spendere soldi o consumare prodotti aumenta il benessere dell’individuo e la ricchezza della società, mentre se ci si affida solo alla fredda logica delle statistiche da un ingorgo o da un incidente l’Italia sembrerebbe uscire migliore, più vicina alla ripresa dei consumi che tanto aspetta. Bene, ma come andare oltre il criterio del Pil? Al sogno di Latouche e di tanti convinti oppositori dell’attuale logica contabile cerca di dare un solido appiglio il mondo accademico e imprenditoriale veneto, con il rapporto “Oltre il Pil 2013. Misurare il benessere sociale per rilanciare lo sviluppo economico”, i cui risultati preliminari sono stati presentati recentemente a Venezia. Obiettivo del progetto – avviato nell’ottobre del 2009 e che vede insieme i ricercatori del dipartimento di economia dell’università di Venezia Cà Foscari e del centro studi delle Camere di commercio della regione – comprendere come si vive oggi in Veneto, individuando nuovi indicatori che aiutino a rendere più reale il tasso di crescita registrato dal Pil, e che consentano al tempo stesso ai soggetti economici e istituzionali della regione di disegnare politiche davvero sostenibili in tema sociale, economico, fiscale e ambientale. Ma cosa si può aggiungere ai semplici consumi materiali e agli aspetti economici, per andare “Oltre il Pil”? Secondo gli autori del rapporto, una vera “geografia del benessere” ha bisogno di prendere in considerazione ben 41 indicatori elementari e otto dimensioni: benessere materiale, salute, istruzione, lavoro, uso del tempo, sicurezza, rapporti personali e sociali, ambiente. Se lo si guarda attraverso questa particolare lente d’ingrandimento, il Veneto si conferma sì una regione ad elevato livello di benessere materiale, ma non solo. La nostra è infatti la regione italiana con minor disuguaglianza nella distribuzione del reddito e seconda per livello di reddito equivalente. Il Veneto primeggia poi anche per la salute, dove tutti gli indicatori regi-

P Solo in Trentino si vive meglio. Ma la crisi rischia di compromettere il benessere raggiunto strano valori buoni o comunque nella media, e risultati positivi si registrano anche nell’uso del tempo e nelle relazioni personali e sociali: molto buono il tasso di lettura, la pratica dello sport e partecipazione agli spettacoli e buona la partecipazione sociale, malgrado una bassa densità di organizzazioni di volontariato. Detto questo, non mancano però i punti critici. Il più preoccupante in prospettiva futura è forse quello che colloca il Veneto a metà della graduatoria (11°) tra le regioni italiane per scolarizzazione superiore, universitaria e abbandono scolastico mentre per l’indicatore sicurezza è 15°, con un numero di incidenti stradali tra i più alti del Paese. Anche per lavoro e ambiente il Veneto occupa posizioni di retroguardia: entrambi gli indicatori lo collocano al 5° posto, da un lato per effetto dei tassi di disoccupazione e occupazione giovanile ma con un’occupazione femminile più alta della media, dall’altro tra le peggiori per superamento del limite previsto di Pm10, pur essendo leader nella raccolta differenziata. Escluso il Trentino Alto Adige, che sulla base di tutti gli indicatori considerati sembra essere un territorio “oltre confine”, le regioni possono essere classificate

in tre gruppi e il Veneto si piazza in seconda posizione, nel primo gruppo di regioni, davanti a Valle d’Aosta, Toscana, Marche, Lombardia ed Emilia Romagna. Tutto sommato, dunque, possiamo essere soddisfatti. Ma fino a quando? “La grave crisi economica e finanziaria sta colpendo duramente il Pil, ma anche il benessere del Veneto e dei veneti – commenta Gian Angelo Bellati, segretario generale Unioncamere Veneto – Se poi guardiamo alla tendenza per il futuro, dovremmo preoccuparci ancora di più e spingere il Governo a tagliare le spese inutili che si annidano in alcune regioni e nello stesso Stato al fine di favorire gli investimenti, lo sviluppo, la crescita. In altre parole, Pil e benessere possono essere interdipendenti a fronte di una tassazione sempre più impietosa che sta distruggendo il nostro tessuto produttivo e, di conseguenza, sociale». Insomma, a voler riprendere gli esempi iniziali, sbagliato immaginare che tante ore passate in coda in autostrada facciano davvero crescere l’economia e, per ciò stesso, il nostro benessere. L’uomo è un essere a più dimensioni, almeno altrettanto importanti di quella economica. Ma sarebbe sbagliato anche pensare che il vero benessere risieda in un mondo senza più autostrade trafficate. Perché dove viene meno l’impulso economico, anche gli altri indicatori di benessere peggiorano rapidamente. Qualcuno lo chiama “sviluppo sostenibile”. Ma per il momento la formula magica rimane segreta.

ensi al benessere e subito ti viene in mente il respirare a pieni polmoni. Purtroppo – a meno di non partire subito per la montagna o di vivere in campagna lontano da fonti inquinanti – uno dei principali problemi messi in luce dal rapporto sul “Benessere in Veneto” è proprio quello relativo all’inquinamento ambientale e – in modo particolare – alle alte concentrazioni di polveri PM10 presenti nell’atmosfera in tutti i principali centri urbani. Una situazione annosa, a cui sembra quasi impossibile porre rimedio. E la regione si rifiuta di lasciarsi mettere sul banco degli imputati per inadempienza. “È importante ribadire – afferma Maurizio Conte, assessore regionale all’ambiente – che purtroppo l’inquinamento dell’aria accomuna il Veneto a tutte le regioni della Pianura Padana per motivi geografici, a causa della scarsa circolazione dovuta allo sbarramento di Alpi e Appennini, e per motivi economici per la densità del tessuto produttivo. In ogni caso, dopo un calo complessivo durato un quinquennio, negli ultimi due anni la situazione si è stabilizzata». Che non significa risolta, anzi: i dati della rete Arpav hanno rilevato per l’ultimo triennio in tutte le città del Veneto, ad eccezione di Belluno e Feltre, un numero di superamenti del valore limite giornaliero di polveri sottili–PM10 di molto superiore ai 35 giorni per anno consentiti dall’Unione Europea. Ci sono però anche risultati decisamente positivi messi in luce dal rapporto di Unioncamere, come ad esempio la virtuosità nella raccolta differenziata dei rifiuti che ha raggiunto nel Veneto il 62,5% del totale (+2,2% rispetto al 2011), per una quantità pari a un milione 383 mila tonnellate. Il raggiungimento di questa percentuale consente al Veneto di superare ormai da due anni l’obiettivo del 60% dalla normativa nazionale. La provincia di Treviso con il 75% si conferma al primo posto nella classifica regionale della raccolta differenziata, segue Belluno con il 65% ma tutte le altre province, ad eccezione di Venezia (53%), hanno raggiunto o superato l’obiettivo del 60% fissato per il 2011. messaggio pubblicitario


Protagonisti a Nordest

informazione pubblicitaria

Da 12 anni sul mercato delle energie alternative Davide Lando installa un impianto fotovoltaico domestico da 3 kwp. a soli 6.600 euro chiavi in mano

DIMAT energia offre trasparenza, qualità e professionalità Il titolare: “Chiamatemi, vi aiuterò a risparmiare, assicuriamo un contatto diretto, senza alcuna intermediazione, così il cliente ha un unico interlocutore” “Io lavoro per passione e la soddisfazione più grande è la felicità del cliente nel vedere l’energia gratuita prodotta dal loro impianto e quindi il risparmio nelle bollette. Consiglio il cliente verso una soluzione personalizzata del proprio impianto fotovoltaico che poi seguo continuamente attraverso visite cicliche. Purtroppo le spese sostenute nel bilancio familiare sono pesanti e in costante crescita, risparmiare fa bene a tutti rendendo così la nostra vita più tranquilla. Io consiglio a tutti di investire nella propria abitazione, che sia più salutare per la propria famiglia e più autosufficiente per riscaldarsi e per raffrescarsi. Se fate due conti su quanto spendete all’anno di energia elettrica e per riscaldamento, poi lo moltiplicate per 20 anni, ne vengono fuori numeri da capogiro. Chiamatemi vi aiuterò a risparmiare!” Così esordisce Davide Lando, 43 anni, papà di due gemelli di 12 anni titolare della DIMAT energia con sede in via Palladio 5/c a Vigorovea di Sant’Angelo di Piove. A tutt’oggi vanta l’installazione di oltre 500 impianti fotovoltaici su aziende e case private. DIMAT energia è un’azienda costituita nel 2001, dopo l’esperienza acquisita nel settore degli impianti elettrici si è evoluta seguendo la via delle fonti energetiche rinnovabili, con l’obbiettivo di fornire soluzioni e sistemi completi ad ogni tipo di esigenza. “Il nostro obiettivo – precisa Davide- è fornire soluzioni e sistemi completi “chiavi in mano” DIMAT energia dopo essersi presa cura di eseguire al meglio l’installazione di un impianto, è in grado di programmare la manutenzione e pulitura dei moduli fotovoltaici, offrendo garanzie sugli elementi costitutivi dell’impianto. La manutenzione consiste in: ispezione visiva per verificare danneggiamenti, deteriora-

Come lavora DIMATenergia RACCOLTA DATI Consulenti individuano con voi ogni aspetto dell’impianto attuale

DIMAT energia è in zona industriale di Vigorovea in via Palladio 5/c. Tel. 049.970.8559 Cell. 329.917.0033

mento ed eventuale pulizia degli elementi (soprattutto dei vetri); controllo della cassetta di terminazione e del quadro elettrico, per verificare i serraggi dei morsetti, la formazione di umidità e l’integrità degli elementi, in particolare della siliconatura; utilizzo di un multimetro per controllare l’uniformità delle tensioni elettriche nelle stringhe fotovoltaiche; controllo dell’inverter, per verificare eventuali malfunzionamenti. Un altro obiettivo che da sempre si pone DIMATenergia è quello di realizzare impianti senza mai scendere a compromessi sulla qualità dei servizi e dei prezzi. Perché una famiglia dovrebbe rivolgersi a Lei per installare un impianto fotovoltaico? “Perché io offro un contatto diretto, senza alcuna intermediazione, così il cliente ha un unico interlocutore che lo segue durante tutto l’iter, i nostri prezzi sono trasparenti e comprendono anche il lato amministrativo, vale a dire le autorizzazioni, domande di allacciamenti, richieste per ottenere l’incentivo statale e per avere la detrazione fiscale”. DIMAT energia la considera concorrenziale rispetto al mercato? “Certamente, noi offriamo un impianto fotovoltaico capace di erogare 3 KWP per il consumo domestico al prezzo finito di 6,600 euro chiavi in mano, che comprende prodotti europei di prima qualità e tutta l’assistenza futura. Per azzerare completamente la bolletta proponiamo sistemi di accumulo dell’energia prodotta dal fotovoltaico, di giorno si caricano le batterie dal sole per poi utilizzare di notte energia gratuita. Per qualsiasi problema i clienti sanno che possono chiamarmi al 329.917.0033 e io sono sempre pronto a rispondere. il cliente può contattarmi via mail info@dimatenergia.it o consultare il sito www.dimatenergia.it”.

e preparano i dati necessari alla generazione “ad hoc” del preventivo.

PREVENTIVO Sulla base dei dati raccolti, il nostro staff calcola il preventivo per il vostro nuovo impianto fotovoltaico, comprensivo di tutte le specifiche tecniche ed economiche.

PROGETTAZIONE Una volta accettato il preventivo, i nostri ingegneri realizzano il progetto definitivo, specificando parametri di installazione, forniture materiali, tempi di consegna e dimensionamento delle strutture. Progettiamo impianti di qualsiasi potenza.

INSTALLAZIONE L’intero impianto viene assemblato ed installato da tecnici specializzati sia per abitazione private sia nel caso di installazioni su edifici industriali.

COLLAUDO Prima di essere consegnato, l’impianto deve sostenere un’attenta serie di collaudi che ne certifichino la completa efficienza e garantiscano il massimo rendimento economico.

GARANZIA Oltre alla tradizionale garanzia fornita su ogni componente direttamente dai costruttori, l’intero impianto gode di una garanzia di svariati anni a testimonianza della qualità del nostro operato.


Colonda

ristorante pizzeria nuova gestione

Banchetti e Cerimonie - SpecialitĂ Carne e Pesce Via Fratelli Cervi, 3 - Campagna Lupia (VE) Tel. 041 5140456 - www.colonda.it APERTO TUTTE LE SERE E DOMENICA A PRANZO ristorantecolonda@libero.it


34 Cultura veneta 16 Biennale di Venezia Il percorso espositivo di Bartolomeo Pietromarchi

tempOranea a venezia

Il “Vice Versa” italiano

un CaffÈ nerO e BianCO COn Omar galliani

L’enorme area espositiva dello storico Padiglione Italia, all’Arsenale, è stata divisa in 7 ambienti che ospitano opere di 2 artisti, ciascuno espressione di un binomio di Alain Chivilò

A

ll’interno della 55. Biennale di Venezia è presente lo storico Padiglione Italia che dalle ultime edizioni è sito nell’Arsenale. Ogni biennio, un curatore diverso cerca di proporre un percorso espositivo fatto di selezione e tematiche ulteriori unite in un unico contenitore. Quest’anno il prescelto in questo ruolo è il direttore del Museo d’Arte Contemporanea di Roma Bartolomeo Pietromarchi e la mostra ideata s’intitola “Vice Versa”. Come afferma Pietromarchi “il Padiglione Italia e il Palazzo Enciclopedico della Biennale hanno vari punti di contatto nell’idea dell’archiviazione e nella volontà di mettere le mani sulla classificazione e sul concetto di enciclopedismo. Situazione destinata comunque a fallire, come nell’opera di Benassi che con un pavimento di 10.000 mattoni paragrafa l’archivio dell’errore in parallelo alla stessa quantità di detriti in orbita attorno alla terra”. Dunque un’unione tra vecchio e nuovo con un’attitudine non storiografica e generazionale per concentrarsi sulla validità dell’opera. Si tratta come indica il curatore di

A fianco Bartolomeo Pietromarchi “un arcipelago d’isole con un tetto comune su cui vivono dialoghi e confronti di artisti dagli approcci diversi”. Nell’enorme area espositiva s’individuano così 7 ambienti che ospitano opere di 2 artisti ciascuno all’interno dei seguenti binomi: sistema/frammento con Gianfranco Baruchello e Elisabetta Benassi, suono/silenzio con Massimo Bartolini e Francesca Grilli, veduta/luogo con Luigi Ghirri e Luca Vitone, prospettiva/superficie con Giulio Paoloni e Marco Tirelli, corpo/storia con Fabio Mauri e Francesco Arena, concludendo in familiare/estraneo per Marcello Maloberti e

Flavio Favelli. Artisti che hanno già raggiunto un certo livello di maturità nella loro carriera, facendo sì che tale mostra diventi un punto fondamentale del personale percorso artistico. Invece molto interessante sottolineare è come il sistema arte italiano si sia unito positivamente in un’opera di crowdfunding, che ha ricevuto 180.000 euro in donazioni per finanziare l’attuale progetto espositivo. Non rimane che effettuare una visita, dalla quale ognuno potrà trovare elementi di condivisione o di lontananza nel personale approccio all’Arte.

L

a XII edizione di “Temporanea. Le realtà possibili del Caffè Florian” ospita nelle prestigiose sale del più antico Caffè del mondo il Maestro Omar Galliani. Fino al 30 settembre, nella biennale edizione dell’evento, è possibile apprezzare la tecnica sopraffina della sua matita all’interno di un’esposizione site-specific intitolata “Il sogno della principessa Lyu-Ji al Florian”. Un tributo alla femminilità, attraverso un sentito atto d’amore alla donna e quindi a Venezia e alla Cina. La tecnica che ha reso famoso in tutto il mondo Omar Galliani è la grafite che nelle sue mani si trasforma in una forma indelebile di forme e di figure in atmosfere rarefatte, che si possono percepire in quella nebbia che avvolge la sua terra d’Emilia. Ne scaturisce un bianco e nero che il Professore Omar definisce “come una sobrietà, un’essenzialità che porta alla complessità”. Una fonte che emana e riflette la luce all’interno di una situazione alchemica, che paragrafa il diamante prodotto da compressioni nel sottosuolo. In tutto questo, tra le salette del Florian, il visitatore è invitato a ricercare il luogo delle opere di Galliani giungendo così al doppio ritratto della principessa Lyu-Ji: un ritratto siamese perché la parola stessa implica due, ma come indica il Maestro “in realtà sono uno, quindi la natura che riproduce se stessa attraverso un unico ventre nella maternità”. Si creano due percorribili identità, in quanto il soggetto impresso due volte ha delle differenze perché, umanamente, non può mai essere uguale nelle sue parti. Attorno al fulcro sdoppiato, in elementi tra le pareti e i tavoli, si notano impresse figure come rose, pistole, colombe, mani, tazze, tazzine, cucchiai, teschi attraverso componenti cromatiche che s’insinuano all’improvviso nello sguardo dell’osservatore per aprire simultaneamente nuovi orizzonti. Un’occasione unica per entrare in contatto e in sintonia con il massimo esponente italiano al mondo della figurazione italiana, in concomitanza con gli eventi della 55. Biennale di Venezia. Al.Ch. messaggio pubblicitario

Tintoretto e Vedova

guggenheim fino all’8 settembre

COLLAgE D’ARTE PER MOTHERWELL

Il dialogo mai interrotto alla Scola di San Rocco

“L

Scopri l’eleganza e la forza di

la c re

ite Èl

obert Motherwell: i primi collage” è un’interessante mostra, dedicata al lavoro pioneristico eseguito negli anni ’40 sui papiers colleés, presso la sede della Collezione Peggy Guggenheim di Venezia fino all’8 settembre. .. Un esordio artistico dioMotherwell rie i ne . Se(Aberdeen, Washingtonaz1915 – Cape Cod, Massachusetts 1991) che venne proprio incoraggiato dalla stessa Peggy. Si creò così un effetto catalizzante per il successivo sviluppo pittorico dell’artista. Infatti nel 1943 nella galleria newyorkese Art of this century, di proprietà Guggenheim, il giovane Maestro espose i primi collage. Sotto anche la tutela di Roberto Sebastian Matta Echaurren, Motherwell pose in questi primi lavori le basi di un percorso che lo porterà a essere uno tra i massimi esponenti dell’Espressionismo Astratto americano.

Nelle foto piccole l’autoritratto del Tintoretto, oggi al Louvre, e un ritratto fotografico di Emilio Vedova, nell’ altra foto la mostra che rimarrà aperta fino al 3 novembre sione di Cristo posta nella Sala dell’Albergo della Scola, la cui essenza è avvertita un decennio prima anche da Vedova. Frasi, tratte da due estratti che il Maestro scrisse nel 1991, quali “Tintoretto è stato una mia identificazione” e “Quella, regia a ritmi, sincopati e, cruenti magmatici di energie, di fondi interni di passioni, di emotività commossa” ben delineano tale simbiosi. Dunque un’esposizione che probabilmente, da un lato a sette anni dalla scomparsa del maestro fa si che la non forScopri i vantaggi Stone ma pittorica italiana risenta dellaTech sua imposilsibilità trattamento che ad avere una guida per le nuove leve protegge il tuocon pavimento, al fine di tracciare, il suo tipico carattere vieni a trovarci sul sito verace, nuove possibili vie aderenti al suo www.micpav.it credo, dall’altro profonde analisi e raffronti condurranno i visitatori, italiani e internazio-

nali, ad avvicinarsi a quel meccanismo che permetta di comprendere come inquietudini intellettualmente artistiche possano creare contenuti di alta profondità. Tele di Vedova, come “Ciclo ’62 (B3)”, le serie degli “Oltre” assieme a studi e interpretazioni di tempere e oli, s’innestano nelle atmosfere magiche della Scola creando personalissimi piani diversi dimensionali di raffronto, studio ed emozione con i lavori di “Mosè”, “Ultima cena”, “La strage degli innocenti”, “La visitazione” fino a “La crocifissione” MICHELETTO di Jacopo Robusti. Dunque unS.a.s. progetto San Giorgio (PD) culturale che indelle “San Pertiche Rocco ContemporaPh. +39 049 5747139 neo: in dialogo con+39 Tintoretto” avvicinerà Fax 049 5747938 dopo Vedova altri artisti e tematiche info@micpav.it cui i due curatori Cecchetto e Baldo stanno già Al.Ch. lavorando. Mod. ATHENA

“R

e mie opere non sono creazioni, ma terremoti. Non sono pitture, ma soffi”. Ecco in poche parole una possibile sintesi di Emilio Vedova espressa proprio dal Maestro in alcune dichiarazioni. La forza del gesto, l’irrequietezza compositiva, la fisicità fuori ogni limite, la drammaticità poetica colta a opera compiuta, fino a un utilizzo sonoro del colore fanno parte di chiavi di lettura per le dirompenti opere di Vedova. Alcune di questi lavori sono posti, fino al 3 novembre all’interno della Scuola Grande di San Rocco di Venezia, in un interessante dialogo che Quarantotto opere si liberano tra azione da titolo al percorso espositivo: “Vedova compositiva spontanea, pure astrazioni, Tintoretto”. Un progetto curatoriale di alto figure indefinite e influenze surrealiste. livello ideato da Germano Celant e Stefano Un connubio che si manifesta all’interno Cecchetto, che hanno pensato di rendere di temi inerenti alla lotta umanitaria e a partecipe il visitatore attraverso l’atmosfera una violenza simbolica insiti nella società e l’attrazione che unì artisticamente Vedova di quegli anni. Nelle composizioni appaiocon Jacopo Robusti detto Tintoretto, a partire dalla Sala Terrena tra le colonne della no inglobati slogan della resistenza, framnavata centrale. Era il 1936 e a diciassette menti di mappe militari, figure stilizzate ferite o morte e sbarre di prigione all’inanni il giovane Emilio avvertiva quell’angoterno di un’azione espressiva che l’artista scia che Jan Paul Sartre indicava successiparagona a un “uccidere”. Pezzi di carta vamente nel suo saggio: “lo squarcio giallo coagulati all’interno di una gestualità innodel cielo al di sopra del Golgota, il Tintoretto vativa per quegli anni. Un percorso esponon lo ha scelto per significare l’angoscia, sitivo interessante, che porta il visitatore né tanto meno per provocarla; è angoscia e, GRANDI FORMATI a entrare in COLORI contatto con UNICI una produzione insieme, cielo giallo. Non cielo d’angoscia, artistica primigenia, fonte di collegamento né cielo angosciato; è un’angoscia fatta PRATICI E FUNZIONALI tra Motherwell e Peggy Guggenheim macosa, è un’angoscia trasformata in squarcio ZERO MANUTENZIONE gnate e collezionista. giallo del cielo …” Parole, tratte dall’analiAl.Ch. si degli anni ’50, che nascono dalla crocifis-


10 Sì, viaggiare

Sì, viaggiare 35

ESTONIA

Tallinn, Medio Evo Live

LA CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2011 AFFACCIATA DOLCEMENTE SUL MAR BALTICO GUARDA AL FUTURO PUNTANDO SUL SUO PASSATO PATRIMONIO DELL’UMANITÀ TUTELATO DALL’UNESCO IL CENTRO STORICO RISPOLVERA LE SUE VESTIGIA E LE FA RIVIVERE ATTRAVERSO LOCALI E ANIMAZIONI IL GRIGIORE SOVIETICO LASCIA IL POSTO AL COLORE E IL WI-FI FREE È SIMBOLO DI LIBERTÀ E SVILUPPO NELLE ISOLE DI SAAREMAA E MUHU TANTA NATURA MULINI A VENTO E IL LAGO CREATO DA UN METEORITE L’ARIA È LA PIÙ PULITA AL MONDO I CASTELLI DEI GOURMET Uno dopo l’altro stanno risorgendo tutti gli splendidi manieri estoni. Alcuni hanno legato la loro fama all’alta cucina. Nell’isola di Muhu, il Pädaste Manor, elegante maniero in riva al mare restaurato dal suo nuovo proprietario, l’olandese Martin Breuer, e trasformato in un resort di alto livello, vanta in cucina il cuoco numero uno dell’Estonia. Quel Peeter Pihel che è stato anche fra i relatori di Identità Golose a Milano. Il ristorante si chiama Alexander. Pihel è sostenitore di quella cucina nordica che sta andando per la maggiore, basata su cibi semplici, verdure dell’orto, selvaggina, pescato locale. Elaborati però con grande talento. Un’altra sosta gourmet ospitata in un’aristocratica residenza è il Kau Manor, che si trova a un’oretta d’auto da Tallinn, in direzione del porto di Virstu. Appartiene a un diplomatico in corsa per diventare sindaco di Tallinn, Eerik Niiles. Il ristorante, di ambientazione esotica per via delle riproduzioni dei disegni a carbonicino fatti dal grande esploratore Otto Von Kotzebue (a cui il maniero apparteneva), si chiama Eight Legs. Propone la cucina virtuosa del russo Artur Ovchinnikov, già finalista russo al Bocuse d’Or. Anche il Kau Manor dispone di bellissime camere e suites.

C

hi ha la fortuna di averla visitata durante l’era sovietica, o negli anni immediatamente successivi alla dichiarazione d’indipendenza (20 agosto 1991), oggi rischia di non credere ai propri occhi. Sì, perchè oggi l’Estonia, la più settentrionale delle tre repubbliche baltiche, è tutta un’altra cosa. Cancellato il grigiore di quel periodo cupo e ritrovata l’agognata libertà, il piccolo paese in riva al Baltico, nel frattempo (2004) entrato anche nell’Unione Europea, si presenta oggi come una delle realtà più dinamiche del continente. Basta vedere i grandi passi avanti fatti negli ultimi vent’anni. Un percorso di crescita che, dopo aver subito un rallentamento nel 2008 (in Estonia la crisi ha colpito prima, ma ora è soltanto un ricordo), ha portato il paese verso lo sviluppo di un terziario avanzato, che fa leva sui passi avanti fatti nel settore delle nuove tecnologie. In Estonia il wi-fi è free anche per strada, sui mezzi pubblici, in tutti i locali, i musei, gli edifici pubblici. Una vera e propria rivoluzione, un grande segno di civiltà. Gli estoni votano on line e usufruiscono di molti altri servizi digitalizzati. Sono appena 1.300.000, di cui un terzo russi rimasti dopo la dissoluzione dell’Urss. Un popolo pacifico, che ha ottenuto l’indipendenza nel 1991 manifestando in modo originale: formando una lunga catena umana di persone che cantavano. Una catena che ha raggiunto anche la Lettonia e la Lituania. Singing Revolution, rivoluzione cantata, l’hanno chiamata. Un popolo che ha grandi motivazioni per guardare al futuro con fiducia. La lingua estone appartiene al ceppo ugro-finnico, lo stesso del finlandese. Ed è proprio la Finlandia il paese a cui l’Estonia è tornata a rapportarsi costantemente, sotto il profilo

S

E

R

R

A

M

economico ma soprattutto culturale. Gli estoni amano in modo particolare la natura, per questo il loro piccolo territorio sembra quasi un’oasi naturalistica. Vanta il primato dell’aria più pulita del mondo. La capitale Tallinn, principale approccio all’Estonia arrivando con l’aereo o con la nave, già Capitale europea della cultura nel 2011, è un concentrato di Medioevo. Il suo centro storico è patrimonio dell’umanità tutelato dall’Unesco. Già città della fiorente Lega Anseatica, che dal XII secolo all’Era Moderna raccoglieva tutte le più ricche città commerciali del Baltico, Tallinn (che tradotto significa “città dei danesi”, ovvero i suoi fondatori) ha costruito le sue fortune sui cereali. Questo persino durante gli ultimi anni del “soviet time” (come chiamano qui il periodo di occupazione sovietica), quando proprio a Tallinn venne costruito il grande terminal per farvi confluire il frumento americano e canadese destinato a sfamare le repubbliche dell’Urss in difficoltà di approvvigionamenti. Sempre nello stesso periodo (1980), Tallinn ospitò le gare di vela dei Giochi Olimpici di Mosca, quelle boicottate da molti paesi occidentali per l’invasione sovietica dell’Afghanistan. E a quel periodo risale la costruzione più alta della città: la torre della televisione, 170 metri. Dalla sua sommità, che ospita un ristorante panoramico, si può godere di un’impagabile vista della costa estone. Tallinn è un gioiello medievale perfettamente conservato, tanto che sullo sfondo di torri di guardia, mura, palazzi e case dalla facciata molto appuntita (nello stile architettonico in voga nel Medio Evo da queste parti) la città ha costruito il suo brand turistico. Facendo rivivere il Medio Evo attraverso minuziosi restauri, animazioni di strada, locali a tema (l’Olde Hansa,

E

N

T

I

SOPRA: UN’IMMAGINE DELLA PIAZZA DEL MUNICIPIO SEMPRE ANIMATA. DI SEGUITO: PIÙ A DESTRA IL CASTELLO DI KURESSAARE, IL SOMMERGIBILE LEMBIT E IL CRATERE FORMATO QUATTROMILA ANNI FA A KHAALI DA UN GRANDE METEORITE. IN ALTO: UN BANCHETTO MEDIEVALE, I MULINI DI ANGLA, UNA VEDUTA DI TALLINN E TORRI LUNGO LE MURA DI CINTA DELLA CITTÀ VECCHIA. PIÙ SOTTO LA TORRE DELLA TELEVISIONE INAUGURATA NEL 1972, UN GIOCOLIERE IN COSTUME D’EPOCA.

forse il più famoso, ha persino riprodotto stoviglie, bicchieri e altri oggetti dell’epoca utilizzati nel ristorante per venderli ai turisti come originale souvenir). Il centro storico di Tallinn, dove persino durante l’era sovietica sono stati girati molti film (una settantina), va raccontato palazzo per palazzo, chiesa per chiesa (c’è persino una cattedrale ortodossa), leggenda per leggenda. Il punto più ambito della città è il belvedere da cui durante le notti bianche (che durano fino a Ferragosto) si può ammirare il porto stagliato nella luce color indaco dell’infinito crepuscolo baltico. Un’immagine di struggente bellezza. Tanti sono i luoghi che stregano il visitatore a Tallinn: dalla Torre Margherita all’ingresso della città, alla piazza del municipio, ai palazzi di Toompea, la collina che domina la città con il suo castello. La chiesa di Sant’Olav, con la sua guglia, è stata fino al 1625 l’edificio più alto del mondo. Da non perdere la chiesa di San Nicola dove è conservata l’unica bibbia del mondo per analfabeti. Ma sono belli da vedere anche anche i quartieri periferici, alcuni dei quali (come Kalamaia) conservano le antiche case di legno. Sembra sia nata a Tallinn nel 1441 l’usanza dell’albero di Natale. Da visitare anche l’interessante Museo Navale, dove si può salire a bordo del sommergibile Lembit. E si respira futuro nella galleria Art Design che raccoglie le opere creative di numerosi giovani artisti e designer. Una tappa ineludibile per gli amanti di storia contemporanea è il Patarei, il museo delle ex carceri, dove sono stati

messaggio pubblicitario

i n f o @ p e n e l l o . c o m - w w w. p e n e l l o . c o m

Cambia le tue finestre Con la nuova Kf 410 PVC/alluminio/esterno. Dotazioni di serie: ▶ Canalina ISO - *Vetro triplo da 48 mm - *Design moderno - *Tripla gurnizione ▶ Sistema a 5 camere con inserto in schiuma- *Ferramenta nascosta o a vista ▶ Profondità del profilo mm 90 - *Valore di trasmittanza termica 0.72 W/m2K

F.lli PENELLO L.& M. s.n.c. Viale Serenissima, 16 - Vigonovo (VE)

rinchiusi anche i dissidenti del regime sovietico e dove l’ultima esecuzione risale al 1991. Un viaggio in un inferno dantesco... E tanto per rimanere in tema va visto il Museo del Kgb allestito all’Hotel Viru: si entra nella stanza dove i sovietici ascoltavano tutte le registrazioni delle conversazioni dei clienti stranieri carpite attraverso “cimici” nascoste nelle camere dell’albergo internazionale. Un sistema di sofisticato spionaggio attivo dal 1972 al 1991. In Estonia sono meta turistica anche le isole. Muhu è famosa per il suo villaggio etnografico Koguva, un museo all’aperto fatto di vecchie case tradizionali con tetti di paglia tuttora abitato da pescatori. Anche a Saaremaa la natura è incontaminata. La capitale Kuressaare è una cittadina linda piacevole da girare in bicicletta, dominata da un castello che ospita un interessante museo sulla storia antica e recente dell’Estonia. Da vedere i grandi mulini a vento di Angla, simili a quelli olandesi: venivano utilizzati per macinare le granaglie. A Khaali si rimane a bocca aperta davanti alle dimensioni del cratere provocato dalla caduta di un meteorite quattromila anni fa. Il peso dell’asteroide era l’equivalente di otto tonnellate di ferro. Una visita la merita anche la fattoria Good Kaarma dove una giovane coppia inglese produce saponi naturali. E infine non bisogna dimenticare di fare un salto alle terme. Quelle estoni sono rinomate e ripropongono la ritualità che ha reso celebri quelle finlandesi. Per altre informazioni sull’Estonia: www.visitestonia.com

Tel. 049 503297 - Fax 049 9828130

Internorm

®

Finestre - Luce e Vita

att l’incentievnzione: 55% pas o statale del 31/12/20sa al 65% fino al 13 appro Venite Room tr a visitare il nos fittate! overe tro S

alla cons te altri p oow rod ule miglior lanza adeguata potti oltre er fare il voro a c asa vostr a


Crucipiazza 18 36 Crucipiazza Azzurra Edizioni S.n.c. - C.P. 93/B - 35028 Piove di Sacco (PD) Un giretto a Roma

1

info@azzurraedizioni.com l’INTARSIO Risolvendo l’intarsio, nelle caselle grige appariranno il nome e il cognome del personaggio in foto

2

Sapete riconoscere questi posti?

1) ......................................................... ............................................................... 2) ......................................................... ...............................................................

DUE - GAS - MIE - SEI - ARIA DEAN - INES - LIDI - NOVE OMAK - OTTO - POLO - SOLE TEAM - TOPI - YOGA AZOTO - BROWN - CAPRA CORPO - GIADA - NATALE OLIARE - REYNOLDS RICHARDS - PALLAVOLO LILY TOMLIN ELLEN BARKIN

3) ......................................................... 3

...............................................................

4

4) ......................................................... ...............................................................

Beyoncé Knowles • Era così sofisticata che guidava con le gambe accavallate. • Fra due amiche: “Non c’è niente da fare, non ci capiamo. Pensa che gli ho detto che non volevo più vederlo!” “E lui?” “Ha spento la luce!” • Una ragazza si lamenta con un’amica: “Incredibile come guidi la gente! Anche oggi ho tamponato tre auto!” • Un camionista si ferma ad un semaforo rosso. Da una macchina dietro di lui scende una bionda che si avvicina al finestrino e gli dice: “Buongiorno, volevo avvertirla che lei sta seminando il suo carico lungo la strada.” In quel momento il semaforo diventa verde e il camionista riparte. Ma al semaforo successivo la scena si ripete. E anche a quello dopo, a quello dopo e a quello dopo ancora. Finché

l’uomo esasperato risponde: “Buongiorno a lei signorina. Mi chiamo Giorgio, siamo in inverno e questo è uno spargi sale.” • La maga ad una giovane ragazza: “Lei sposerà presto un uomo meraviglioso, bello, simpatico e intelligente.” La cliente allora domanda: “E del mio fidanzato cosa ne faccio? • Tra amiche: “Voglio provare a entrare nell’ambiente del cinema!” “Allora c’è una sola cosa che tu devi fare.” “Quale?” “Comprarti un biglietto!” • Sulla spiaggia un ragazzo dice ad una ragazza: “Perché non fai il bagno?” La ragazza: “Ho le mie cose.” E lui risponde: “Vai, che te le tengo io.” • Chi è il portiere della squadra femminile di calcio più forte del mondo? Sara Cinesca.

Il Puzzle

ALBUM B DAY - CHILD DEBUTTO DVD - FILM FUNK GIRL - HITS HOUSTON KELLY MUSIC OSCAR RAP RHYTHM SERATA SOGNO SOLDIER SOLISTA SOUL - TEXAS VIAGGIO Chiave (6,4) - Una sua canzone.................................................................................... Aforismi divertenti

Soluzioni:

• Non sono vegetariano perché amo gli animali. Il fatto è che odio le piante. • Mia moglie ed io siamo stati felici per vent’anni. Poi ci siamo incontrati.

Giochi e tanto divertimento:

Simply...

li trovate su Simply... Puzzle! Tutti i mesi in edicola!

1) Arco di Costantino; 2) Fontana di Trevi; 3) Basilica di San Pietro; 4) Colosseo

Sulle donne

Puzzle

100 pagine solo € 1,20

messaggio pubblicitario

I NOSTRI SERVIZI:

Z.I. IX strada, 79 - 30030 Fossò VE Tel.e Fax 041 4165077 info@infortunisticariviera.it

•Dispositivi di protezione individuale ed articoli per •Estintori omologati di ogni tipo, la pulizia e l’igiene. -cartellonistica di sicurezza, •Manutenzioni periodiche di: -materiale pompieristico, - estintori, idranti, -cassette mediche. • Armadi per liquidi infiammabili, porte rei e maniglioni. fitofarmaci, squadre antincendio •Valutazione dei rischi e corsi di formazione. e kit per acido solforico.


messaggio pubblicitario

SANITY PRODOTTI CERTIFICATI DAL MINISTERO DELLA SANITA’ · DETRAZIONI FISCALI 19%

DM Dispositivi Medici SANITY SANITY Certificati DM Dispositivi Medici DM Dispositivi Certificati Medici

Certificati

SCEGLI DI DORMIRE BENE. RESPIRA !

SCEGLI DI DORMIRE BENE. SPACCIO DI FABBRICA: SPACCIO DI FABBRICA: RESPIRA ! (VE) VIA DEL COMMERCIO, 12 - ROVIGO VIA BRUNACCI, 10/C MARGHERA Loc. BORSEA AREA COMMERCIALE LA FATTORIA TEL. 0425 474954 dormiflex.rovigo@dormiflex.it

ZONA PANORAMA TEL. 041 922692 marghera@dormiflex.it

SCEGLI DI DORMIRE BENE. RESPIRA !

FABBRICA: VIA A. GRANDI, 13 SANTA MARIA DI SALA (VE) TEL. 041 5730800

www.dormiflex.it


20 38 Crucipiazza ARIETE 21/03 AL 20/04

DAL

FASCINO MALINTESI ALL’ORIZZONTE NELLE COPPIE DI LUNGA DATA. QUALCHE ILLUSIONE ROMANTICA PRIVA DI SOLIDE BASI PER I SINGLE · S ALUTE DOVRETE PRENDERVI MAGGIOR CURA DELL’ALIMENTAZIONE, MODERANDO CIBI GRASSI O ECCESSIVAMENTE ELABORATI

TORO

DAL 21/04 AL 20/05

FASCINO SCIOLTEZZA NELLE RELAZIONI, EROS CORROBORANTE NELLA SECONDA METÀ DEL MESE, E ANCHE UN PIZZICO DI FORTUNA · SALUTE PUÒ DARSI CHE AGOSTO RIPORTI A GALLA QUALCHE PROBLEMA CIRCOLATORIO, DIGESTIVO O MUSCOLARE. VOGLIATEVI BENE

Oroscopo INTRIGANTI, TRASGRESSIVI,

E N-LIN ITO O fini.com S O UOV entiedaf A il N VISIT easerram .s www

SAGITTARIO 23/11 AL 21/12

L’ENTRATA CON SYNUA DIVENTA UN CENTRO VISIVO CHE DAL COMPLETA LA PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA

la massima tecnologia in casa tua

FASCINO UN ATTEGGIAMENTO

promozione di maggio:

RILASSATO PUÒ ASSICURARVI PIÙ DI UNA BUONA OCCASIONE DI INCONTRO. SCEGLIETE CIÒ CHE DURA · SALUTE POTRETE INCONTRARE PERIODI DI NERVOSISMO. IN TAL CASO EVITATE DISCIPLINE PESANTI DAL PUNTO DI VISTA MUSCOLARE

CALDO ABBRACCIO DEL SOLE RINFRANCHERÀ CUORE E SENSI, PERMETTENDOVI DI VIVERE PASSIONI AL MASSIMO DELL’INTENSITÀ · S ALUTE UNA DOSE EXTRA DI ENERGIA ANDRÀ AD INCREMENTARE IL VOSTRO NATURALE ENTUSIASMO. REGALATEVI MASSAGGI E TERAPIE DOLCI

NON SIATE PRECIPITOSI, VALUTATE ATTENTAMENTE ANCHE GLI ASPETTI EMOTIVI DELLE RELAZIONI, NE GUADAGNERETE IN COMPLETEZZA S ALUTE CHI DESIDERA SOTTOPORSI A MASSAGGI LINFODRENANTI O STIMOLANTI PER LA CIRCOLAZIONE, SORTIRÀ EFFETTI STREPITOSI FASCINO

CANCRO DAL 22/06 AL 22/07

IL

SCORPIONE DAL 23/10 AL 22/11

FASCINO LE RELAZIONI GIÀ AVVIATE POTRANNO CONTARE SU UNA RITROVATA INTESA. I SINGLE AVRANNO MODO DI RILANCIARSI SENZA DIFFIDENZE · S ALUTE SIETE TRA I SEGNI FAVORITI DEI MESI ESTIVI, PERVASI DA UNA LEGGERA EUFORIA CHE PREANNUNCIA UNO STATO DI BENESSERE EVIDENTE

SCOMMETTERE SU SE STESSI

FASCINO IL DISIMPEGNO DELLE RELAZIONI VI GARANTIRÀ UN ALTO TASSO DI FASCINO PERSONALE. PORTE APERTE ALLA SOCIALITÀ · S ALUTE LA SALUTE, GRAZIE A VENERE, DOVREBBE MANTENERSI SU STANDARD OTTIMALI, ATTENZIONE SOLO A NON AFFATICARVI TROPPO

FASCINO

FASCINO AVRETE UN’ALLURE INTRIGANTE, CARISMATICA E AL CONTEMPO CEREBRALE, CHE VI PERMETTERÀ DI ACCEDERE AD AMBIENTI TOP · S ALUTE RITAGLIATEVI OGNI GIORNO UNA PICCOLA OASI DI PACE E DI RELAX, MAGARI GRAZIE ANCHE ALL’AUSILIO DI TERAPIE TERMALI

APPASSIONATI: QUESTO È IL TEMPO DI

GEMELLI DAL 21/05 AL 21/06

LEONE DAL 23/07 AL 23/08

BILANCIA DAL 2 3/09 AL 22/10

Immaginare un ingresso a forte sviluppo verticale, con la porta inserita in una parete che ne condivide design e materiali; oppure disegnarla con un segno architettonico forte su una grande parete di vetro. Tutto questo è Synua.

cerniere a scomparsa

THE SYNUA ENTRANCE BECOMES A VISUAL CENTRE THAT COMPLETES ARCHITECTURAL DESIGN Imagine an entrance with a great vertical development, with the door inserted in a wall with the same design and materials; or design it with strong architectural content, on an ample glass wall. All of this is Synua.

CAPRICORNO DAL 22/12 AL 20/01

FASCINO RISCHIATE DI INGAGGIARE UNA SFIANCANTE BATTAGLIA, FATTA DI RECRIMINAZIONI E PRETESE SUI COMPORTAMENTI DEL PARTNER · SALUTE CONCEDETEVI UNA VACANZA, DOSATE LE ENERGIE. IL MESE SI PRESTERÀ AL RIPOSO E ALLA RIGENERAZIONE PIÙ CHE ALLO SPORT

ACQUARIO DAL 21/01 AL 19/02

La ditta S.E.a. ha ottenuto in casa passiva un risultato strabiliante pari a 0,19 con il BLOWER dOOR tESt !!!

INIZIERETE A GUARDARE CON OCCHI DIVERSI UNA PERSONA CHE NON AVRESTE MAI PRESO IN CONSIDERAZIONE · S ALUTE MONITORATE RIPOSO E ALIMENTAZIONE E DEDICATE QUALCHE CURA SUPPLEMENTARE AI CAPELLI RINFORZANDOLI FASCINO

RISPARMIA IL 55% SUI TUOI NUOVI SERRAMENTI ! con la detrazione fiscale - ULTIMI MESI -

VENDITA E INSTALLAZIONE DI:

VERGINE DAL 24/08 AL 22/09

FASCINO PIÙ CHE ALL’EROS

BRUCIANTE, SARETE MOLTO ATTENTI ALLE AFFINITÀ ELETTIVE, ALLA COMPLICITÀ, ALL’ALCHIMIA MENTALE · S ALUTE TENDERETE AD ESSERE NERVOSI E POCO FLESSIBILI, SIA MENTALMENTE CHE FISICAMENTE: NON FORZATEVI O RISCHIERETE STRAPPI

▶ Finestre in PVC - alluminio - PVC + alluminio ▶ Balconi in PVC ▶ porte blindate e porte interne ▶ zanzariere e tapparelle ▶ schermature solari tecniche ▶ portoni basculanti e sezionali

LA PRATICA DI DETRAZIONE

CON NOI È GRATUITA!

S.E.A di Boscaro Alessandro & C. sas Showroom Via Menin dei Mille, 48/A - Camponogara (VE) Cell. 335 7079082 - 331 6082724 www.seaserramentiedaffini.com - info@seaserramentiedaffini.com SeaMontaggi

Rivenditori autorizzati

PRODOTTO ITALIANO

PESCI DAL 20/02 AL 20/03

RECUPERERETE SMALTO E CREATIVITÀ, SENZA PIÙ QUELLA CAPPA DI CUPEZZA, CHE NON RENDEVA GIUSTIZIA ALLA VOSTRA SENSIBILITÀ · S ALUTE ATTENTI: L’INDULGENZA NEI PIACERI DELLA TAVOLA E UNA TENDENZA DILATANTE A LIVELLO PSICHICO NON VI FARÀ BENE FASCINO


Rijeka

messaggio pubblicitario

A DUE ORE AUTO DA N DI OI

•parodontologia•chirurgia orale•radiologia•studio laser•stomatologia estetica (ialuronico - botox)•estetica viso

CHIAMA 3450188045 h.u. Lo studio TI OFFRE il viaggio e la prima visita GRATUITI... organizziamo ALLOGGIO GRATUITO del paziente (se le cure lo richiedono) I NOSTRI SERVIZI: Radiografia digitale (pronta in 2 minuti) PATOLOGIA DENTARIA: Ricostruzione dei denti cariati, otturazioni estetiche in composito con il laser e senza trapano, otturazioni in porcellana a lampada fredda, devitalizzazioni, cure canalari, l’endodonzia moderna con display, pulizia del tartaro con ultrasuoni, sabbiatura, curetage soft (tutto in una seduta). STOMATOLOGIA ESTETICA: Sbiancamento denti, anche singoli, con il migliore laser europeo e senza, faccette in porcellana, inlay, overlay (impronte prese con laser). Rilassamento muscolare del viso (botox). Acido ialuronico, restylan, perlan, staminali (il plasma del paziente stesso). Lo staff medico possiede subspecializzazione (master ship) per il laser. PROTESI DENTARIE: FISSE: Corone in porcellana, zirconio, facette estetiche, ponti in porcellana, press corone, all on four, all on five. MOBILI: Protesi scheletrate wironit, protesi totali in resina pronte in due giorni, in porcellana, corone provisorie pronte in 2 ore. IMPIANTI IN TITANIO: Astratech, Nobel Biocare, Bio Horisons, Dentium, Alpha Bio

OLORE D A T S A B Á NOVIT Il più moderno LASER al mondo: BIOLASE USA - interventi chirurgici, otturazioni senza trapano, sbiancamenti eccezionali.

Unico staff dentistico in Croazia con Mastership of science in laser in dentistry (educazione master per il laser dentistico)

Medicina dentale con il laser: interventi sui tessuti teneri e tessuti compatti (osso, denti). Dà la posibilità di svolgere gli interventi chirurgici orali e non su tutti i tessuti.

Tempistica per le corone in porcellana: 2 sedute entro una settimana. PRESTAZIONI:

sconto 20%

Anche tutto il mese di Agosto

IMPIANTI IN TITANIO

€. 650,00

OTTURAZIONI CON LASER

€. 80,00

PROTESI TOTALE IN RESINA

€. 600,00

CORONA IN PORCELLANA

€. 250,00

€. 520,00

Lo studio dentistico Komadina dista 57 km da Trieste e 6 km da Abbazia (Opatija). Si trova in una elegante zona residenziale di Fiume (Rijeka), nel rione di Kantrida, nella zona mare vicino allo stadio Kantrida.

€. 480,00

Vere Bratonje 25, 51000 Rijeka, Croazia Clinica: 00385 51 262 021 Cell.: 00385 98 305 102 info@studio-komadina.com

€. 65,00

€. 200,00

www.studio-komadina.com - www.dentistaincroazia.net


messaggio pubblicitario

Z NDA IONE O F

CAPPELLER

PARCO FAUNISTICO CAPPELLER PER TRASCORRERE UNA GIORNATA IN UN OASI DI VERDE CON CENTINAIA DI SPECIE ANIMALI, BAR RISTORO, PARCO GIOCHI PER BAMBINI, SPAZI PIC-NIC

IN VIA KIMLE/MARABELLI A CARTIGLIANO (VI) tel. 0424.592513

www.parcocappeller.it

IL MUSEO, SITO ALL’INTERNO DEL PARCO CAPPELLER TI OFFRE LA POSSIBILITA’ DI INTRAPRENDERE UN VIAGGIO ATTRAVERSO I CONTINENTI ALLA SCOPERTA DEGLI ANIMALI CHE LI POPOLANO E NELLA SEZIONE PREISTORIA, UN SALTO NEL TEMPO PER VEDERE I PIU’ GRANDI RITROVAMENTI RIPRODOTTI A GRANDEZZA NATURALE.

Riviera est giu2013 n79  
Riviera est giu2013 n79  

Riviera est giu2013 n79

Advertisement