Page 1

Sport p.18

p.33

Salute p.27

on-line:  www.fiammengo.it

della Riviera del Brenta

APRILE 2018

Periodico d’informazione locale - Anno XXV n. 53

Cultura p.17

3 4 7 8 10 11 18 21

COMMERCIO

Salvi i 20 posti di lavoro all’Ascom del comprensorio MIRA

Tasse inevase, scoppia la polemica politica

“L’Italia ripudia la guerra” FIAMMENGO STEFANO

Germana Urbani >direttore@givemotions.it<

IMPRESA FUNEBRE

Anche Gentiloni, in visita al Vinitaly all’indoma338 1808208 ni del primo raid mosso da Trumpcell. e alleati in Siria, SERVIZIO REPERIBILITÀ ha sottolineato che per esportare al meglio il nostro 24 ORE vino e i prodotti d’eccellenza serve un contesto geoPiazza Mercato, 3/a · Oriago di Mira (Ve) politico stabile senza dazi, chiusure e tariffe. CESTE FUNEBRI · CUSCINI · CORONE · COMPOSIZIONI FLOREALI Ecco perché la pace nel mondo dovrebbe interessarci. Se proprio non vogliamo tener conto di quel bellissimo articolo 11 della nostra Costituzione in cui i padri costituenti hanno scritto che l’Italia ripudia la guerra, dovremmo schierarci chiaramente per la pace fosse anche avendo in testa solo le nostre tasche. A noi italiani la Pace conviene! E sarebbe opportuno che a dirlo fosse il premier forte di un Paese fiero. Invece, dopo oltre un mese dal voto, si continua a cincischiare mettendo in campo prese di posizione davvero misere. Di Maio e Salvini si rimbeccano a vicenda, ribadendo ad ogni piè sospinto che tocca a loro fare il Governo in quanto vincitori. servizio pag 6 Ma uno non vuole Berlusconi e l’altro non puòaliberarsene. Il Pd vuole rimanere all’opposizione e allora c’è chi lo accusa di non volere il bene del Paese. E’ vero però che se il Paese avesse voluto i democratici di nuovo al governo li avrebbe votati ma così non è stato. Perciò ci aspettiamo che chi ha vinto governi. Agli Italiani serve subito un Governo e un Premier che lo rappresenti sulla scacchiera internazionale. Una persona che sia autorevole, di cui i cittadini possano andar fieri. Forse occorrerà fare un compromesso, un atto a cui il M5S è poco incline ma a cui, stavolta, se vuol governare davvero, non si potrà sottrarre. Un compromesso non è solo il male minore e, soprattutto in situazioni di grande instabilità come quelle che si affacciano sull’orizzonte internazionale, un compromesso è da considerarsi soprattutto un bene possibile. Quindi se è vero come è vero che Lega e Movimento 5 stelle hanno vinto le elezioni, queste forze politiche devono assumersi la responsabilità di formare il governo, turandosi il naso o strappando qualche alleanza scomoda. Occorre che l’Italia sia forte. Non aspettiamo oltre!

Mira, aprono molti cantieri pubblici fino a fine anno Sarà rifatta la rete delle condutture del gas su 48 strade. I lavori nelle scuole riguarderanno la sistemazione della media Leopardi di Mira e della elementare Goldoni di Oriago

MIRA

Estia, un centro antiviolenza in aiuto alle donne MIRA

“Facciamo solo agricoltura sostenibile” DOLO

M5S: “Servono parcheggi rosa sul territorio” DOLO

Un nuovo servizio di informazione turistica SPORT

Maratonina dei Dogi, vince Ousman Jaiheh POLITICA

Casellati, prima donna al Senato

“L’Italia ripudia la guerra” Germana Urbani >direttore@givemotions.it<

I

ll mondo è in guerra. Possiamo far finta di nulla, eppure è così. E anche se il conflitto apparentemente non ci tocca, soprattutto ci interessa poco, l’instabilità geopolitica è capace di creare pesanti danni alla bilancia economica di un paese come il nostro, che è fragile sotto tanti punti di vista. segue a pag 3

Rimani sempre aggiornato con le news in tempo reale direttamente sul tuo smartphone

a tutti i clienti in omaggio una

ST U P E N DA S O R P R E SA Via Venezia, 110 · Oriago di Mira (Ve) cell. 327 1372668 · ororiviera@libero.it

facebook.com/lapiazzaweb

Clicca mi piace!


ANTENORE

ANTENORE ENERGIA via della Provvidenza, 69 – Rubano (PD) tel 049 630466 – fax 049 635289 via del Santo, 54 – Limena (PD) tel 049 768792 – fax 049 8843294 via del Vescovado, 10 – Padova (PD) tel 049 652535 – fax 049 8360967 piazza Marconi, 7 – Camponogara (VE) tel 041 0986018 e-mail info@antenore.it - sito web www.antenore.it

Augusto e Renza Macelleria Ai Colli Bresseo di Teolo - Padova


www.antenore.it

GAS E LUCE PER CASA E IMPRESA

DOPPIA FIDUCIA, DOPPIO OMAGGIO. TUTTO CASA INSIEME GAS E LUCE

TUTTO IMPRESA INSIEME GAS E LUCE

Abbina gas e luce con Antenore: fornitore unico, vantaggio doppio. Antenore ti ripaga della fiducia con un omaggio immediato già nella prima bolletta: 100 Smc di gas e 60 kWh di luce gratuiti PARI A 35,00 € +IVA.

BONUS LEONIS OMAGGIO AMICI DEL LEONE Se sei soddisfatto dei servizi di Antenore Energia, perché non ci segnali un nuovo contatto? Farai contento un amico o un’amica e per te avrai subito in bolletta un accredito di 20 euro + iva.

PUNTI ENERGIA ANTENORE RUBANO (PD) via della Provvidenza, 69 tel 049 630466 – fax 049 635289

LIMENA (PD) via del Santo, 54 tel 049 768792 – fax 049 8843294

PADOVA (PD) via del Vescovado, 10 tel 049 652535 – fax 049 8360967

CAMPONOGARA (VE) Piazza Marconi, 7 tel 041 0986018


A L L Y O U C A N E AT PRANZO € 13,90 - CENA € 23,90

TA K E AWAY per mese di maggio, per ogni tavolo una bottiglia di bibite in offerta

N U O VA

APERTURA

TEL. 041 430017 ORARIO: 11.30·15.00 / 19.00·23.00 VIA XX SETTEMBRE,62 · MIRANO (VE)


3

Facciamo. il punto

www.lapiazzaweb.it

“L’Italia ripudia la guerra” Germana Urbani >direttore@givemotions.it<

Ascom, salvi i 20 posti di lavoro D

L’associazione ha 2 sedi, una a Mira e una a Dolo, conta circa 600 associati

opo la bufera dei mesi scorsi, per l’Ascom della Riviera del Brenta arriva una buona notizia: nessuna delle 20 lavoratrici impiegate all’interno dell’associazione di categoria, perderà il posto. Le loro posizioni ormai non sono più a rischio. Lo conferma il presidente dell’associazione dei commercianti, Ennio Matterazzo, dopo che lo scorso autunno erano circolate voci che parlavano di un imminente crac per le somme da versare al fisco. L’Ascom del comprensorio ha due sedi, una a Mira (la principale) e una a Dolo e conta circa 600 associati fra gli esercenti dei 10 Comuni dell’area. Negli anni scorsi Ascom contava 900 iscritti, ma la crisi li ha diminuiti drasticamente. Ora il numero delle aziende e dei negozi che hanno chiuso ha superato di gran lunga, in questo terribile decennio di crisi economica cominciato nel 2007, quelle che hanno aperto. Il problema negli ultimi mesi si era creato perché l’ associazione aveva accumulato ritardi nei pagamenti delle imposte di circa un milione e mezzo di euro, ritardi dovuti alla mancanza di liquidità causata dalla crisi economica. Si tratta di mancati versamenti Inps e Irpef, che però non pregiudicavano l’attività dell’associazione. È stato proposto un piano di rateizzazione per pagare il debito a rate. I soldi sono stati per la maggior parte versati, e si stanno rispettando tutte le scadenze che si erano prefissati. Le cartelle esattoriali, in qualche caso ancora da versare, sono nell’ordine di 150 mila euro ciascuna. I ritardi nelle quote comunque riguardavano solo i dipendenti dell’asso-Germana Urbani >direttore@givemotions.it< ciazione e non quelli esterni. Insomma la situazione va risolvendosi, e ll mondo è in guerra. Possiamo far finta di nulla, si stemperano i momenti di tensione che si erano creati nei mesi scorsi. eppure è così. La notizia rende contento anche il Comune di Mira che con l’assessore anche se il conflitto apparentemente non ci tocal commercio Vanna Baldan, annuncia che coinvolgerà l’Ascom inEun ca, soprattutto ci interessa poco, l’instabilità geopopercorso comune di valorizzazione del commercio locale, alla luce litica è capace di creare pesanti danni alla bilancia Alessandro Abbadir anche della nascita del distretto del commercio. economica di un paese come il nostro, che è fragile sotto tanti punti di vista.

Anche Gentiloni, in visita al Vinitaly all’indomani del primo raid mosso da Trump e alleati in Siria, ha sottolineato che per esportare al meglio il nostro vino e i prodotti d’eccellenza serve un contesto geopolitico stabile senza dazi, chiusure e tariffe. Ecco perché la pace nel mondo dovrebbe interessarci. Se proprio non vogliamo tener conto di quel bellissimo articolo 11 della nostra Costituzione in cui i padri costituenti hanno scritto che l’Italia ripudia la guerra, dovremmo schierarci chiaramente per la pace fosse anche avendo in testa solo le nostre tasche. A noi italiani la Pace conviene! E sarebbe opportuno che a dirlo fosse il premier forte di un Paese fiero. Invece, dopo oltre un mese dal voto, si continua a cincischiare mettendo in campo prese di posizione davvero misere. Di Maio e Salvini si rimbeccano a vicenda, ribadendo ad ogni piè sospinto che tocca a loro fare il Governo in quanto vincitori. Ma uno non vuole Berlusconi e l’altro non può liberarsene. Il Pd vuole rimanere all’opposizione e allora c’è chi lo accusa di non volere il bene del Paese. E’ vero però che se il Paese avesse voluto i democratici di nuovo al governo li avrebbe votati ma così non è stato. Perciò ci aspettiamo che chi ha vinto governi. Agli Italiani serve subito un Governo e un Premier che lo rappresenti sulla scacchiera internazionale. Una persona che sia autorevole, di cui i cittadini possano andar fieri. Forse occorrerà fare un compromesso, un atto a cui il M5S è poco incline ma a cui, stavolta, se vuol governare davvero, non si potrà sottrarre. Un compromesso non è solo il male minore e, soprattutto in situazioni di grande instabilità come quelle che si affacciano sull’orizzonte internazionale, un compromesso è da considerarsi soprattutto un bene possibile. Quindi se è vero come è vero che Lega e Movimento 5 stelle hanno vinto le elezioni, queste forze politiche devono assumersi la responsabilità di formare il governo, turandosi il naso o strappando qualche alleanza scomoda. Occorre che l’Italia sia forte. Non aspettiamo oltre!

“L’Italia ripudia la guerra”

I

della Riviera del Brenta

È un periodico formato da 15 edizioni locali mensilmente recapitato a oltre 250.000 famiglie del Veneto. Questa edizione raggiunge le zone di Mira, e Dolo per un numero

Direzione, Amministrazione e a pag 3 Redazione: segue Concessionaria di Pubblicità Locale: Direttore responsabile (ad interim) via Lisbona, 10 · 35127 Padova Germana Urbani tel. 049 8704884 · fax 049 6988054 >direttore@givemotions.it< >redazione@givemotions.it< Ornella Jovane >www.lapiazzaweb.it< >o.jovane@lapiazzaweb.it<

di 16.165 copie. Iscrizione testata al Tribunale di Venezia Rimani sempre aggiornato complessivo con le news in tempo reale direttamente sul tuo smartphone è un marchio registrato di proprietà Srl di

n. 1142 del 12.04.1994; numero iscrizione ROC 22120

facebook.com/lapiazzaweb

Periodico fondato nel 1994 da Giuseppe Bergantin Centro Stampa: Rotopress International via Breccia · Loreto (An) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

Clicca mi piace!

Chiuso in redazione il 13 aprile 2018


4

Mira .

www.lapiazzaweb.it

Tasse non pagate, scoppia la polemica a Mira

S

Il Comune cercherà di recuperare centinaia di migliaia di euro di tasse e tributi inevasi negli anni scorsi, incaricando una società di recupero crediti ad hoc

C

accia alle tasse non pagate, scoppia la polemica politica. Il Comune di Mira cercherà di recuperare centinaia di migliaia di euro di tasse e tributi non versati negli anni scorsi. Va chiarito però, che per tantissime di queste cartelle inevase non c’è alcuna speranza di riavere il denaro previsto: le cartelle cadranno in prescrizione e i crediti non si potranno più esigere, da tre anni l’ufficio preposto non eseguiva controlli ad hoc. A renderlo noto è stato Maurizio Barberini (nella foto) l’assessore ai tributi che ha spiegato di avviare con questo mese la collaborazione con una società di recupero crediti. In parallelo ci sarà anche il supporto riorganizzativo, l’aggiornamento dei dati e la condivisione delle pratiche fra i vari uffici, in modo da operare con una efficace sinergia. A causa

dell’esiguità del personale tributi negli ultimi tre anni, fa sapere il centrosinistra, durante l’amministrazione 5 Stelle guidata dall’ex sindaco Alvise Maniero ora parlamentare, non sono stati fatti dei controlli per recuperare somme, che per le finanze valgono centinaia di migliaia di euro. Tre anni fa quando l’ufficio fece le ultime verifiche, si recuperarono per l’ente locale solo da quote Inps, oltre 100 mila euro. Da qualche anno però purtroppo a causa di una serie di nuove incombenze l’ufficio non è stato più in grado di fare queste verifiche. Va detto subito che gli insoluti relativi all’anno 2012 di fatto non sono più esigibili e rischiano di cadere in prescrizione anche quelli relativi al del 2013 visto che il limite del quinquennio scade proprio quest’anno. Se qualcuno ricorre poi

“M5S: scarso recupero? Colpa del Pd”

tre anni fa, quando furono fatte le ultime verifiche si recuperarono oltre 100mila euro solo da quote inps

legalmente contro le cartelle in arrivo, è chiaro che i margini dei 5 anni rischiano di essere tranquillamente sforati anche per il per il 2014, 2015 e 2016, e i soldi dovuti all’ente locale, saranno definitivamente persi. Il Comune pensa di raggiungere l’operatività del nuovo sistema entro qualche settimana. Il supporto in arrivo aiuterà gli uffici a incrociare i dati con le informazioni che arrivano dal comparto commercio, urbanistica, sociale ed edilizia privata, in modo da avere un profilo completo delle pratiche aperte. Insomma di euro in più anche con questo sistema nelle casse comunali ne dovrebbero arrivare parecchi. Alessandro Abbadir

ulla questione dei tributi inevasi va all’attacco del centrosinistra, il Movimento 5 Stelle ora all’opposizione. “Chiediamo innanzitutto dice la capogruppo Elisa Benato - a quanto ammonti il costo di questo nuovo servizio, proporzionato ai crediti esigibili. Le affermazioni che a Mira non si sono recuperate le imposte non pagate, sono di fatto non vere, per verificarlo basta aprire i bilanci che sono pubblici. Ad esempio nel preventivo del 2016 alla voce: “imposta municipale unica anni arretrati, risultano infatti complessivamente 110.700 recuperati a fronte dei 180.000 previsti”. Ma non solo. ”Si potrebbe far di meglio con un numero adeguato di dipendenti? - si chiede la Benato. Sicuramente, ma per questo ci si deve rivolgere direttamente ai partiti che hanno governato il paese in questi ultimi 25 anni, cioè Lega e Pd che non hanno modificato la legge che impedisce il turnover, cioè la sostituzione, mediante nuove assunzioni, del personale che ha cessato il rapporto di lavoro”. (a.a.)

Casa di riposo, gli accreditamenti non sono arrivati

C

asa di riposo di via Boldani a Mira Porte arriva una interrogazione in consiglio regionale sollecitata dai consiglieri di “Articolo 1 Mdp- Leu”, “Come Liberi e Uguali Mira - spiegano i consiglieri comunali Albino Pesce (nella foto) e Luciana Bobbo - abbiamo chiesto al consigliere regionale Piero Ruzzante della componente regionale di Leu, di presentare una interrogazione per verificare lo stato dell’iter burocratico dell’accreditamento della struttura socio-sanitaria, residenza anziani “Adele Zara” e residenza disabili “Suor Armanda”. Il 16 dicembre scorso infatti in occasione dell’inaugurazione della struttura, l’assessore regionale alle politiche sanitarie Manuela Lanzarin, ha garantito che il rilascio dell’accreditamento sarebbe avvenuto entro due mesi, assumendosene l’impegno”. Questo non è avvenuto fanno notare i due consiglieri. “Il mancato accreditamento e rilascio delle impegnative da parte della Regione - dice Pesce - comporta che le rette richieste non siano“convenzionate”, ma “a regime completo”, ovvero totalmente a carico dell’anziano ospite che viene così gravato di un costo che per la maggior parte dei cittadini è insostenibile. Gli anziani miresi ad oggi in lista di attesa, a cui si aggiungono quelli che attualmente sono ospitati in altre case di risposo fuori Mira, sono decine. Ci siamo attivati perché la Regione sblocchi questa situazione per dare, la possibilità a chi è in situazione di salute precaria di essere ospitato in strutture protette e di poterlo fare in serenità”. Per Mdp “il ritardo nel concedere l’ accreditamento da parte della Regione, ha creato un danno ai miresi impedendo, l’accesso ad un fondamentale servizio sanitario di pubblica utilità”. (a.a.)


la piazza 16 APRILE.qxp_Layout 1 16/04/18 17:21 Pagina 1 MESSAGGIO PUBBLIREDAZIONALE

L

Agricoltura sostenibile alla AZIENDA AGRICOLA SANT’ILARIO

’impresa agricola Sant’Ilario, situata a Giare di Mira, è una delle aziende più grandi d’Europa a mettere in campo l’agricoltura Blu, cioè conservativa, nell’ottica di un tipo di coltivazione che sia finalmente sostenibile sia per i cittadini che per l’ambiente. Ma cosa significa in concreto agricoltura blu ? Lo spiega Ivan Furlanetto, agronomo dell’azienda, che ha avuto la lungimiranza di introdurre questa modalità di lavoro all’intero di Sant’Ilario. “Questa espressione significa puntare su una serie di pratiche agronomiche che abbiano come scopo quello di massimizzare la produzione aumentando però il rispetto del suolo: preservare l’ambiente in questo caso significa anche ridurre i costi e questo si traduce alla fine in un prezzo inferiore

per l’utente finale”. E’ una dichiarazione di principio, che però poi per essere compresa, deve tradursi in aziende concrete, comprensibili a chiunque. Quindi: in cosa si differenzia, nel concreto, l’agricoltura Blu da quella tradizionale? “La differenza maggiore è che noi non ariamo il terreno,

non andiamo in profondità per rivoltare le zolle. Quella modalità, porta con sé una perdita di azoto per dilavamento, e questo significa che quando piove l’azoto finisce nei corsi d’acqua e quindi in laguna.

lo solleva e lo rimette dov’era cose se fosse una specie di ‘onda sismica’. La zolla si alza e si adagia dove era rima, rispettando lo strato organico. Questa modalità permette di far diventare più soffice il terreno. La seconda lavorazione avviene con una macchina con dei dischi, che prepara definitivamente il suolo ad accogliere la semina che avviene come atto finale”. Cosa comporta tutto questo ? “Si fanno 1-2 passaggi in meno di estirpazione ed erpicatura: inoltre con la arieggiatura si fanno 6 ettari l’ora, cioè il doppio di quello che si riesce a fare con l’aratura”. Per assolvere a questo compito, l’azienda si è dotata di un trattore acquistato in Iowa (Usa) che è attualmente il modello più grande in commercio nel mondo.

COLTIVIAMO REDDITO: INIZIATIVA DEL CONSORZIO DEL NORDEST OSPITATA A SANT’ILARIO Coltiviamo Reddito è lo strumento che il Consorzio Agrario del Nordest ha messo in campo per i soci e clienti. Si articola in spazi fisici e digitali dove gli Imprenditori Agricoli possono trovare strategie vincenti e soluzioni pratiche per facilitare il raggiungimento dei 4 obiettivi fondamentali della nostra agricoltura: l’incremento della produttività, della redditività, della qualità e della sostenibilità. Nell’agosto del 2017 questo evento si è tenuto nell’azienda agricola Sant’Ilario a Mira, richiamando circa 10.000 imprenditori del settore che sono arrivati da tutto il nordest per approfondire gli argomenti oggetti di dibattito e per confrontarsi nel merito delle questioni più importanti. Il tutto, all’interno della cornice di una delle aziende agricole più moderne d’Europa.

Per una azienda come Sant’Ilario, che si estende su 1.400 ettari di cui 400 a coltivazione, si capisce che il risparmio di tempo è un fattore determinante. L’azienda Sant’Ilario non è solo agricoltura, ma anche allevamento di pesce: orate, anguille, sogliole e cefali allevati a ‘metri zero’ in pieno accordo con le più moderne pratiche. Non per caso l’azienda è spesso meta di visite ed escursioni come la biciclettata che si terrà il 13 maggio organizzata dal comune di Mira in collaborazione con le associazioni del territorio. La modalità che abbiamo scelto noi invece – continua Furlanetto – prevede lavorazioni del suolo modeste, e questo ne migliora la fertilità e la capacità di ritenzione dell’acqua, contribuendo alla salvaguardia della biodiversità. Come questo sia possibile, è presto detto: usiamo attrezzi arieggiatori, che fanno una lavorazione profonda di 40-50 cm ma senza rivoltare la zolla. In pratica la macchina passa sotto il terreno,


6

Mira .

www.lapiazzaweb.it

Territorio Il sindaco Marco Dori e il vice sindaco Gabriele Bolzoni annunciano una serie di interventi

Lavori pubblici, Mira trasformata in un cantiere da primavera fino a fine anno M

ira trasformata cantiere a nese e una verso Dolo. Per evitare cielo aperto fino ad autunno grandi disagi, i lavori saranno fatti inoltrato. Ad annunciare i lavori in prevalentemente di notte”. Sempre programma nella cittadina rivieracon l’estate partiranno i lavori per sca sono il primo cittadino Marco la realizzazione del parcheggio di Dori, e il vicesindaco Gabriele Bol- via Mocenigo a Mira Porte. Si ricazoni. I lavori riguarderanno strade, veranno quasi un centinaio posti scuole, ponti, parcheggi, pensiline e auto. Si collocheranno in questo anche la sistemazione della rete del nuovo parcheggio 3 colonnine per gas. “Per quanto riguarda le scuo- la ricarica delle auto elettriche. Parle e asfaltature già nelle prossime tirà invece con l’inizio dell’estate il settimane – spiegano il sindaco e rifacimento completo delle pensiil vicesindaco – partiranno i lavoline Actv ridotte nel degrado per la ri per il completo rifacimento delle maggior parte ad Oriago lungo la asfaltature in via Primo Maggio e via Brentana. Verranno rifatti anche i Giare a Gambarare. Costo dell’in- pontili sul Naviglio che le sostentervento programgono” Sarà rifatta mato: 100 mila euro. A i lavori previsti dal I lavori nelle scuole Comune si sommano la rete delle riguarderanno la siquelli programmati condutture del a Mira Taglio, Oriago stemazione della media Leopardi di Mira gas su 48 strade. Sud e Oriago Nord per e della elementare l’ammodernamento i lavori nelle Goldoni di Oriago. della rete del gas, dalla scuole C o st e r an n o c o m società “2i Rete Gas”, plessivamente 400 riguarderanno società italiana opemila euro”. Sempre rativa nel campo della la sistemazione distribuzione di gas nain estate, partiranno anche i lavori per la turale. L’azienda dovrà della media realizzazione della sostituire le vecchie leopardi di mira condotte. I cantieri che palestra all’aperto della elementare De partiti questo mese e e della Amicis a Marano di dureranno nove mesi elementare Mira. Opera che sarà di lavori, interesseranrealizzata con i fondi no otto chilometri di goldoni del bilancio partecitracciato, per 48 strade di oriago pato e cioè 100 mila comunali e migliaia i euro. residenti coinvolti. Interessate Mira “ Fra i lavori più importanti in par- Taglio e Oriago Nord e l’area di Oriatenza con l’estate - continuano il go Sud. Dopo i lavori partiranno le sindaco e il vicesindaco – c’è il rifa- asfaltature delle strade che sarancimento del ponte viario sulla bren- no state dissestate, almeno però 6 tana all’incrocio fra il canale Taglio mesi dopo l’intervento di posa delle e il canale Naviglio. Si tratta di un nuove tubature. Non mancheranno intervento atteso da anni dai reesi- ovviamente in tutto questo periodo denti. Costerà 600mila euro e por- interventi di ordinaria manutenzioterà ad una radicale modifica della ne, visto che le segnalazioni di voviabilità. Saranno realizzate tre cor- ragini sulle strade sono sempre più sie al posto delle due attuali sulla frequenti, sia a Mira capoluogo che brentana: 2 in direzione Oriago con nelle altre 6 frazioni del Comune. Alessandro Abbadir una di svolta al centro per via Mira-

Foto di Lorenzo Porcile

Mira è tra i 60 Comuni italiani selezionati per la partecipazione al progetto “RiformAttiva”

“I

l Comune di Mira è tra i 60 Comuni italiani selezionati per la partecipazione al progetto “RiformAttiva” per la semplificazione amministrativa. Il progetto, avviato su scala nazionale dal ministero della pubblica amministrazione, era rivolto a tutti i Comuni italiani con popolazione tra i 20.000 e i 200.000 abitanti. Per Mira è una grande soddisfazione. Possiamo diventare un modello - commenta Gabriele Bolzoni, vicesindaco di Mira, il primo a credere nella candidatura della città della Riviera del Brenta. Puntiamo a razionalizzare e a snellire il carico burocratico – continua Bolzoni - introducendo dei criteri di novità nella procedura, così da dare tempi certi ai cittadini per le pratiche di nostra competenza, valorizzando le professionalità degli uffici. Ogni amministra-

zione partecipa al progetto “RiformAttiva” per un unico tema di intervento, e quello di Mira è la “semplificazione”. Si tratta di costruire un metodo che implementi le buone pratiche amministrative, per sburocratizzare le attuali procedure e semplificare la vita dei cittadini”. Le 60 amministrazioni selezionate avranno l’opportunità di usufruire gratuitamente del supporto di società e centri di consulenza, per trovare soluzioni organizzative efficaci e strumenti utili a razionalizzare procedure messi a punto nella prima fase del progetto; confrontarsi e fare parte di una rete di amministrazioni impegnate in processi di riforma ed innovazione amministrativa, attraverso la partecipazione a workshop, seminari, attività di formazione in presenza e a distanza. (a.a.)

I NOSTRI SERVIZI: • LUCE E GAS • TELEFONIA • BANCHE E FINANZIARIE • ACQUISTI ONLINE • PRODOTTI E GARANZIE • CONCILIAZIONE … E MOLTO ALTRO ANCORA …

INFORMA, ASSISTE, FA RISPARMIARE MIRANO via C. Battisti, 49 · tel. 041 431707 · cell. 347 3908869

LA CASA IN RETE • IL BLOG http://consumatore.tgcom24.it • www.casadelconsumatore.it • Casa del Consumatore • SHOPPINGVERIFY www.shoppingverify.com


7

Mira .

www.lapiazzaweb.it

Estia, centro anti violenza in aiuto alle donne

A

La maggioranza dei casi che si sono registrati riguardano violenze che arrivano da un ambito domestico

D

opo mesi di polemiche per la inattività dello sportello donna, apre a Mira il Centro antiviolenza donne, per tutta la Riviera del Brenta. Il servizio che si chiamerà Estia, sarà attivo da questo mese e punta a monitorare tutta l’area del comprensorio dai fenomeni della violenza di genere. Violenze che nel 70% dei casi sono denunciate da donne italiane di tutte le età, mentre il 30% di chi chiede aiuto è straniera. A presentare il Centro in municipio a Mira, sono stati il sindaco Marco Dori, le assessore Elena Tessari e Chiara Poppi, le operatrici della cooperativa antiviolenza Iside e le psicologhe e assistenti sociali del consultorio dell’Usl 3 di MiranoDolo, insieme al direttore Gianfranco Pozzobon. La cooperativa Iside gestisce altri centri a Venezia, Noale, Castelfranco. Questo centro non è

uno sportello donna generico, ma un centro specializzato per ascoltare e aiutare le donne in difficoltà vittime di violenza. È una struttura che resterà sul territorio. Sarà proposto come punto di riferimento per altri comuni dell’area. Le segnalazioni di violenza contro le donne arrivano costantemente anche alle strutture dell’Usl 3: a Mira hanno chiesto aiuto lo scorso anno una decina di persone, e dall’inizio del 2018 sono già 4. La stragrande maggioranza dei casi che si sono registrati riguardano per lo più violenze o maltrattamenti che arrivano da un ambito domestico, cioè dal proprio partner. Il centro mette a disposizione la possibilità di avere un’assistenza legale e anche la possibilità di usufruire del cambiamento di abitazione nei casi più gravi. I percorsi di assistenza saranno concordati con le stesse vitti-

Cestini per le deiezioni dei cani

Nel 2017 si sono verificati 2.000 casi di violenza a donne in tutto il Veneto, 101 solo nel comune di Venezia

Dolo 041 413841 Spinea 041 8626941 - nuova e confortevole sede Mirano 041 5702031 Mira 041 421159 Chioggia 041 400543 Marghera sede provinciale 041 5314696

me. Nel 2017 erano state registrati in tutto il Veneto 2.000 casi di violenza a donne, 101 nel comune di Venezia. “Le violenze alle donne sono perpetrate al 60% - ha detto Roberta Nicosia, coordinatrice della Iside - fra le mura famigliari. Sarà nostra cura tutelare al massimo la loro privacy. Uno dei primi passi per emancipare le donne dalla violenza di genere, è fornire loro un’indipendenza economica”. Info 342.9757092, estiantiviolenza@isidecoop.it. Alessandro Abbadir

Mestre 041 8626900

rrivano sul territorio comunale mirese, 10 cestini per le deiezioni dei cani (con prevalenza nei parchi) e altri 2 erano già stati installati nella scorsa estate. Ad annunciarlo è il sindaco Marco Dori. “Un impegno preso dall’attuale amministrazione comunale - spiega - è diventato reale poiché proprio in questi giorni sono stati messi i cestini per la raccolta delle deiezioni dei cani. Il servizio però, date le numerose richieste pervenute a tutt’oggi da parte dei cittadini , potrà essere implementato successivamente in altre parti del territorio”. “Con questo obiettivo - spiega l’assessore Maurizio Barberini - si aggiunge un nuovo importante tassello per la pulizia dei parchi, delle aree verdi e del territorio. Veritas, come per tutti gli altri servizi, curerà il loro svuotamento con una adenza settimanale e nel contempo intensificherà i controlli sull’uso coretto dei cestini, in particolare sull’uso dei sacchettini dedicati alla raccolta delle deiezioni.”.


8

Mira .

www.lapiazzaweb.it

Territorio L’azienda Sant’Ilario interviene dopo le polemiche dei comitati

“Non inquiniamo, facciamo un’agricoltura sostenibile” In queste ultime settimane non sono mancate le polemiche innescate dal comitato Opzione Zero, circa l’attività in località Giare e Dogaletto dell’azienda agricola Sant’Ilario. Il comitato ha chiesto più controlli sui prodotti che vengono sparsi sui campi gestiti dall’azienda, campi che si trovano proprio a ridosso della laguna. Cioè la paura è quella che finiscano in acqua dei veleni. Prima si è parlato di digestato e poi di diserbanti. L’azienda però smentisce e spiega invece la sua attività: 1400 ettari di agricoltura sostenibile su terreni di proprietà un tempo dell’imprenditore Gandolfi, fra vallicoltura (400 ettari di coltura del pesce in valli della laguna) e mille ettari di colture estensive di mais frumento, soia da semi, orzo, vigneti, di cui 13 ettari coltivati a pinot grigio e prosecco. Sant’Ilario a Giare gestirà dal 2019 anche il funzionamento dell’impianto a bio masse di Lugo di Campagna Lupia, che sta per essere costruito a ridosso della Romea. Un impianto in grado di produrre bio metano dai rifiuti agricoli. Metano che sarà venduto in un apposito distributore a ridosso dell’impianto. Si produrrà con l’arrivo di circa 30 tonnellate o al giorno di biomasse agricole e potrebbe diventare il carburante nel futuro dei mezzi Veritas. Questa azienda è costituita da altre tre società che sono Agrilux, Bioman e Vallette spa. Società fanno parte del gruppo Finam, la holding di proprietà della famiglia di Angelo Mandato, manager nel campo di rifiuti e biomasse. Ci sono sei persone impiegate complessivamente all’interno, un numero relativamente basso grazie anche all’alta automazione che ha raggiunto in termini tecnologici la stessa azienda. “Si è studiato un sistema di conformazione dei terreni – spiega Ivan Furlanetto agronomo coordinatore - con fasce di vegetazione e compensazione. Ogni appezzamento di una certa dimensione è delimitato da filari di pioppi, che evitano trattenendoli, che i liquidi di azoto dei concimi,

Foto di Lorenzo Porcile

finiscano in laguna inquinandola”. Sono stati comprati impianti di irrigazione in grado di coprire in poche ore il fabbisogno di decine di ettari e poi è stato comprato nell’Iowa negli Stati Uniti una delle più grandi macchine agricole crea-

te per questo comparto. È in grado di arare più terreno e di spendere a parità di tempo meno carburante di altre, contribuendo ad alimentare un circuito di rispetto dell’ambiente virtuoso. Non si utilizzano assicura l’azienda scarti di rifiuti

per le concimazioni, se non quelli dell’ambito agricolo. Per quanto riguarda i diserbanti, le pratiche adottate, sottolinea, sono conformi alle normative. L’azienda Sant’Ilario si occupa poi di allevamento di pesce come orate, anguille, sogliole e anche cefali. È meta di visite scolastiche da tutti i tipi di istituti, sia medi che superiori. Il 13 maggio in collaborazione con il Comune di Mira e le associazioni del territorio verrà organizzata una biciclettata con centinaia di persone. Alessandro Abbadir

Benvenuti alla nuova Residenza Anziani “Adele Zara” di Mira

“Costruiamo insieme il tuo benessere con passione e professionalità” Visita il sito residenzemira.it o contattaci al numero 041.5600801 per qualsiasi informazione. Le “Residenze Sociosanitarie” della Cooperativa Socioculturale si trovano in una zona residenziale immersa nel suggestivo paesaggio delle Ville Venete della Riviera del Brenta in località Mira Porte

Parco di via conegliano, ecco la lotteria È partita la lotteria con scopi benefici dell’ associazione “Amici di Andrea”. In seguito alla scomparsa di Andrea Dalan, avvenuta nel il 16 gennaio 2017, si è costituita l’associazione “Amici di Andrea” che conta oltre 300 iscritti. Fra le iniziative di quest’anno l’associazione ha scelto di finanziare completamente la ristrutturazione dei giardini di via Conegliano a Oriago, zona in cui viveva Andrea Dalan. “Grazie ad un accordo con il Comune - spiegano gli organizzatori - siamo riusciti a presentare un progetto che prevede la riqualificazione dei giardini con l’installazione di nuove giostrine per bambini in alluminio (uno scivolo e 2 altalene), il rifacimento dell’impianto elettrico, la manutenzione straordinaria delle piante, l’istallazione di un cestino, la creazione di un vialetto d’accesso in ghiaino e la manutenzione straordinaria delle panchine. Il costo di tutta questa operazione è importante, e l’associazione da sola non riuscirà a farne fronte. Per questo motivo i soci hanno pensato ad una lotteria che coinvolga la popolazione locale. I soci che hanno attività commerciali hanno messo a disposizione come premi alcuni buoni spesa presso i loro punti vendita; la fioreria Fiammengo, il Bed and Breakfast Casa Anna Paola a Oriago, ottica Visionmarket a Mira, ristorante Nadain a Oriago, la parrucchiera “Spazio Passione” di Mira ed il noto Mioclub di Dolo, hanno ciascuno donato un buono. Il 100% del ricavato di questa lotteria sarà dedicato al rifacimento del parco”. I biglietti si possono acquistare alla tabaccheria Cappelletto di Oriago, all’incrocio di via Risato Bellin via Malpaga, il fruttivendolo Frison, il ristorante Nadain, la pasticceria Veneziana, il Leopardo nero e la tabaccheria Francesco, tutte attività di via Ghebba. Si punta a vendere 1000 biglietti. Premiazioni a inizio maggio. (a.a.)


Messaggio pubbliredazionale

Notiziario del Comune di Mira - Aprile 2018

Mira informa Nove mesi di lavori e 8 km di strade per la Nuova rete del gas N

1:2.000

3,$12$002'(51$0(1725(7(*$60(7$120,5$7$*/,2

125

125

250

32

250 125

250

125

250

150

250

a iv P G

e li

in

o

in an M

65

Via

le

am

ie

M

an

do

D

off re

Via

125

150

65

0

nigo 15

65

Moce Via

150

65

150 65

100

150

Via

12

Via del Cimitero

0 10

65

100

0

65

100

10

150

100

1125 25

50 1150

80

6655

200

6655

150

Via Vittorio Alfieri

80

50 6655

VVia ia R Rino i no N Naritti aritti 6655

tta M otta Mo

8800

80

alllee Cal C

80

2000 200

8800

800 0 80 8

Via

0 80 8

a e lla della ia d Via V

Sere

65

ma im nissima

65 00 100 1

8800

12 5

65

50

100

taliiaa d'IIItal d'I rin ai 200

100

Ma

8800

65

ti o Matteot

8800

a Via Ghe bba

32 80

Via

Ca

'R

ald ub

i

Friuli

100

80 Via Con

egliano

25

80

40

50

nz B ria

orro ntoro uc into Buci ia B Via V 65

0 80 80 8

n Nicolò ia zza San Piazza P

250

0 80 8

4400

Via Antonio Gramsci

80

00 100 1 0 80 8

00 100 1 5 65 6

250

Via

ga

65 6 5

Via

65

bria b rria

Via

100

Via Pug glie l ie

65 6 5

65

Via Sic

ilia

Via V ia Ca

65 6 5

Lig guri u ria a

10 0

SP

65

m mppani a niiaa

Via aU Um m

Via V ia IIstr str iia a

Via Mo

nferrat o

Via Lus ore

125 1 25

65

Via V ia Da lmazia ziia a

Via Via

Mo nte

Citt

ad

llo

Via V ia Ba B asilic s ilic ata a ta

tic

a

ella

1100 00

6655

Es te Pasub io

65

80

Grappa

G. Picchi

Piva

Licori

Via Don

Cosmai Piazza M. Mone go Via Elio

ilia

bara

agna

Via Colom

Via Rom Via ForlĂŹ Via Ravenna

65

65

125

250

o

Via Ferrara

32

ze nig

Ze Via

Via Giuse

80 Via Cad ore

Lo mb Via

65

Risato to o Via U. Bellini e G.

Ta Via

Via Sile

65

65

Via Liv

Via

enza

Via Ses

ia

Te ve re

65

50

125

Via Don Gedeon e Zorzi

Via Em

Viaa Is Ison onz zoo

gl ia men to

iavve ia ve Via ia P

ge ge

100

100

ard ia

Via 6655

Via Ticin o

A di

80

Mar

ch

e

65

30

Viia V

Via Cesare

zzo ppe Marcu

SP Viia V a Po Po

Via Oreste

0 10

65

Via Adolfo

Via Lome llina

65

65 6 5

oluto

Ortola n

Via Mo nte

250

Via Laz Laa ziio io

Viia a IIs sar ar ccoo

ria 80

Mo nte

65

Vicolo olo Abr A bruuzz u zzzi

nia

Ca lab

gna 65 Sarde

Via

Via

X III

iX

Via

Via Car

65

65

Via

Via

65

Mar

os

6655

an a

65

To sc nn

81

100 1 00

8800

Via Via

va G io

Via Moli se

Via

Pie

65

100

100 Riviera del Brenta Via Venezia

Ud ine

Via

65

1125 25

nza

150

Vicolo dei Carabinier i

Via Verona

65

Rivier a

20 0

10 1 00

65

Gia

65

o rg Bo

63

6655

en

sa

Vicolo

Bosco Picco lo o

di Lecco

Intern

o

Via Lago

90

Ces

te Tini Via Mon

te Mon

80 te

Via

mon

to Vene

Via Gorizi

a

Via Vice

65

65

65

Via

Viia a

co m

65

o

Paad da nnaa

M at

La go

bb

te

6655

go

o

di M

m

rin

na

a

La

80

di

isu

Col

6655

Via

Fu

mo

65

6655

tro P ie 5 12

200

San

La

on

iera

Via

M Riv

SR S R11

rda di Ga

io na

Via

Pel

gio Cen

te Mon

0 20

40

65

Via

te Mon

65

Via

m

Sa Via

Mar

1100 0

otti te

Via

80

o nt

o ss

a

Via

M

Ro

65

80

Via

e

olad

125 100

a Via Gorizi

65

150

65

125

65

1:2.500 1 :2.500

o

en

Bo

63

di Lecco

Intern co o M at te

Via Lago rda di Ga

40

65 M

te on

Via

M

te on

Via

m

La

iona

di

Via

0

80

ccian o ia Via

65

Lago

Vittor

40

Levico Lago di

65

ina

Via

lle str Pe

Via

Via

65

Lago

50

di All eghe

o Albano Alb

65

o a ran Va V o di go ag La

di di aggo LLag Viaa

100

tro n Pie

180

5 65 6

80

Via Alb

Via Lepantoo

ello

ro

di Sa

150

Via Rialto

125

100

leselle

ano o di Lug Via Lag

100

Via

nt del Vajo

65

eroni

Via Mo allo

M

Via Buran

zz

a

o

300

150

erc

ato

80

80

nte Cav

200

di Bra 65

200

aies di Br

Via Lago

Via Ca

Ne onte

Adam

100

Sa

ro

o no ven lve o lv Mo dii M d

5 65

zi a ne

Ve

160

M Via

Via

ra Rivie

et n Pi

o go ag La ia L Via V

go

100

80

Ca

5 65 6

La

so

go

nte

tino

o en e no s im a sim Tra Tra go La go

5 65 6

6655

Via

vi

ria

Mo

Via

65

ina urrin Misu

on

O

ino

Via

125

65 Via

alba

150

65

ce roce Cro

M

e

colo

Via Monte Catino

nta di Sa

SR11

La go

Via

65

ne Canto

zion

80

Sta

Pas te del Mon

Bianco

o

te Per Via Mon

te on

mm So

te Cerv Via Mon

Via Via Monte

M Via

10

o 6655

Monte

Via

80

Via

di ggoo La La VViia

0 15

m Co di Co di

Via

65

100

80

Lago

5 12

nin

Via

Ca

65

nte

Iseo

Mo

go Laago

so

Via

Via

Ros

65

80

Via

di

a

te Mon

Ros

65

te on

go

M

La

Via

Via

65

Lago

na

65

0 15

Magg iore

bb

Col

Sa

o

Via

Fu

mo

Pel

gio Cen

te Mon

0

20

otti

a

Via

Via

65

to

Via Pad

m

ad

mol

Mar

chiolu

ana

ia

Via

80

so

G. Pic

100

65

G

65

o rg

65

Ros

65

80

Via

te Mon

Don

Bosco Piccolo

Via

30

Ces

sa

Vicolo

Via Col

Riviera del Brenta

Riviera

Via Lago

P S

te

90

Mon

65

65

80 te mon Pie

Via

te Tini Via Mon

20 0

ombara

100

Udine

65

Via

to Vene

65

Vicolo dei Carabinieri

Via Verona

Via

3,$12$002'(51$0(1725(7(*$60(7$1225,$*268' Via

P

ia

100

65

50

250

80

32

32 200 To rce llo ia Torcell Via V

5 65 6

150

Via Risorgimento 125

SP22

65

100

200

80

125 180

100

Via dei Ciclamini

5 12

delle 100 Via Via Ca

lese

lle

di

65

Oria ggo

Azalee Margherite Via delle

65

Liv o rn

o

150

5

100 80

65

65

G

0

Via a

la do

65

m iA nn va io G

125

125

125

VVia ia Fabio Fab io Filzi F ilzi

125

io nto to n A

65

65 lli se Fra ra te te llilli R

os

Via Dante Alighieri

Via

Via Silvio Pellico

125

65

150 0

6655 12

5

bri o la a

65

La

Viai a Viia a

Via

Via Ugo Foscolo

200

VVia ia Nazariiio Nazarioo SSauro a uro r

6655

200

en

200 Via Cesare Battisti 125

65

65

o Fiili liip p

125

Via Umberto Fasolato

6655 65

80 65

Tu

ra ra ti

Via Fratelli

200

Via Giuseppe Parini

Via Giosuè Carducci

Bandie ra 125

150 Via Enrico Toti

100

150

100

80

200

100

250

10

3500

250

200

80

5 65 6

00 100 1

65

Marti ri a Nove 65

100

VVia ia della de lla Segheria Seg her ia

0 350

5 65 6 5 65 6 0 80 renttiin Trentin ill vii o T Silvio iv ie ra S Riviera R

00 100 1

Giacom

0

10

6655

65

Granzo

125

on i

Gius eppe

VVia ia Damiano Dam ian o Chiesa Ch ie saa 6655

inz

6655

65

ni M

Via Don 100

100

100

100

Riviera

100

0

65

5

Berg amo

Largo Antonio Vivaldi

65 6 5

65

65 Brenta Riviera del

SR11

le

20

65

ov an

12

80

rdino

n Gi

a

65

lo 80 Vico

6655

200

200

200

65

Gia CittĂ

Do

gn

100

200

mani Via Gri

Via

20

100

100

250

pa

150

50

250

80

Mal

olo

Via Parma

65

Alceo

Piazz

Via

te

B

80

Via Federico Confalonieri

655

Via Naziona li Via Sampao

ini

150

125

5

ti

80

200

200

200

150

150

As

80

65

100

Via Rim

200 200

150

65

12

Via

Via

80

Via

65

100

65

150

150

le Por Via del

80

80

32

ga

65

80

100

pa

65

Mal

80

150

orrido ni Corridoni ilip po C ia FFilippo VVia

Taglio

65 65

150

65

150

125

80

5 65 6

Toti Via Enrico

65

Via

0

Modena

200

Destro Canale

Via San Rocco

A5 7

er Via Corn

65

15

3,$12$002'(51$0(1725(7(*$60(7$1225,$*2125' 100

e

Via Argine

str di Me

80

0

65

65

150

15

125

A5 7

0

150

0

0

125

15

150 Via

100 125

125

ale genzi Tan

0

15 15

5

80

100

100

65

0

32

32

80

125

65

12

1100

65

i

32

80

15

15

80

65

tarin

65

80

150

150

200

65 6 5

80

80

65

Via Con

32

125

100

125

200

65

32

32

32

80

Via V ia A Andrea ndrea Costa C

65

200

200

200 125

125

65

100

Via Aurelio Saffi

100

200

150

100

65

125

6655

SP27

Via Fratelli Agnoletto

Me stre le di ale zia nzi gen nge Tan T Ta

100

80

Via Giacomo Leopardi

100

100

100

Via Guglielmo Oberdan

M ioon Giuuse ppe Mion Via Giuseppe

Via Eugenio Curiel

100

e

0 100

100

1:2.500 1 :2.500

10

655 Via Guido Miglioli

80

90

80

80

200

100

150

200

Via Giovanni Verga

100

250

125

Via Miranes

65

65

a lpa ga a lpa Ma ia M Via V

65

5 1150

250 250

200 200

200

200

200

200

Via V ia F Fratelli r ate elli Cairo Cairoli r lii

65

65

150

150

150

200

200

100

125

125

100

100

150

150

150

150

200 150 65

65

80 125

125

65

F ogazzaro Via Antonio

i a Luigi Capuana Via V

Via Giuseppe Mazzini

65 Via Alessandro Manzoni

125

65

65

100

250

Via Luigi Pirandelloo

65

80

Mascag ni 65

65

Via Molinetti

80

65 Via Giovanni Gio ovanni Pascoli

125

Via Cesare Pavese

65

65

150

80

100

Via Pietro

Via Gaetano Donizetti 65

65

100

Via Zara

80

80

65

65

di Candia ago di ia LLago Via V

ove mesi di lavori e 8 km di strade per la nuova rete del gas. Sono partiti i cantieri per lâ&#x20AC;&#x2122;ammodernamento della rete del gas metano. Tre le zone del comune interessate: Mira Taglio, Oriago sud e Oriago Nord. A gestire lâ&#x20AC;&#x2122;operazione sarĂ la societĂ  â&#x20AC;&#x153;2i Rete Gasâ&#x20AC;?, societĂ  italiana operativa nel campo della distribuzione di gas naturale. Le strade interessate dai cantieri sono 48 e centinaia le famiglie coinvolte. Lâ&#x20AC;&#x2122;azienda dovrĂ  sostituire le vecchie condotte per realizzare una rete moderna e sicura. Verranno sistemati 8 km di strade. Lâ&#x20AC;&#x2122;azienda, provvederĂ  al completo rifacimento del manto stradale.â&#x20AC;&#x153;Lâ&#x20AC;&#x2122;operatore ha garantito che i disagi verranno ridotti al minimo â&#x20AC;&#x201C; spiega il sindaco Marco Dori â&#x20AC;&#x201C; e ogni squadra è in grado di completare almeno 30 metri di strada alla volta. Le famiglie riceveranno una settimana prima dei lavori una comunicazione contenente anche le informazioni per gestire la raccolta porta a porta. Sul manto stradale, lâ&#x20AC;&#x2122;azienda poggerĂ  dello stabilizzato e dopo 6 mesi completerĂ  lâ&#x20AC;&#x2122;asfaltaturaâ&#x20AC;?. I cantieri comporteranno la limitazione del traffico nelle strade interessate dagli interventi. Verranno comunicate le variazioni del servizio raccolta rifiuti porta a porta. Si potranno segnalare eventuali problemi al numero di servizio fornito dalla compagnia che sta operando. Le strade di Mira Taglio interessate: via Mion, Calvi,Cesare Pavese, Corridoni, Costa, Della Segheria, F.lli Cairoli, Filzi, N. Sauro, Pascoli,Pirandello, Treves,Baracca,Damiano Chiesa, via F.lli Rosselli, via Manin, via Labriola, via Mazzini, via Naritti e via Turati. Per Oriago sud invece: via Lago di Misurina, Burano, Caleselle di Oriago, Lago di Albano,Lago di Como, Lago di Molveno,Lago di S.Croce, Lago di Trasimeno, Lago di Varano, Rialto, Lepanto, Torcello. Per Oriago nord: via Adige,  Basilicata, Campania, Dalmazia, Friuli,  Isarco, Isonzo,Istria, Lazio, Liguria, Piave, Po, Puglie, Tagliamento, Umbria e Vicolo Abruzzi. Centinaia di cittadini delle vie interessate del Comune hanno partecipato a tre incontri pubblici nelle scorse settimane. Almeno una settimana prima dellâ&#x20AC;&#x2122;intervento, ogni via verrĂ  contattata dagli operatori di 2iReteGas. La mappa con le tre zone di intervento e altro materiale informativo è pubblicato sul sito del Comune di Mira.

le mappe dei lavori

65

125


10

Dolo .

www.lapiazzaweb.it

Mercato russo per le calzature della Riviera Acquirenti dalla Russia hanno visitato nelle scorse settimane il distretto locale. Si tratta del sesto mercato per l’export della scarpa italiana. Nel 2017 ha generato un valore pari a 336 milioni di euro, per 5,7 milioni di scarpe vendute

D

ieci buyers (compratori) russi hanno visitato nelle scorse settimane il distretto calzaturiero della Riviera del Brenta. Il progetto è stato realizzato dal Consorzio Maestri Calzaturieri del Brenta, con il sostegno diretto dalla Camera di Commercio di Venezia Rovigo Delta Lagunare. “Il mercato russo - precisa una nota di Acrib - rappresenta un bacino importante. Secondo le elaborazioni del Centro Studi di Confindustria Moda nei primi dieci mesi del 2017 l’export italiano di calzature verso la Russia, classificato come sesto mercato, ha generato un valore pari 336,25 milioni di euro con oltre 5,7 milioni di paia esportate”. E’ stata organizzata un’intensa agenda di visite aziendali e incontri nei quali è stato rimarcato l’interesse del mercato russo per le produzioni “Made in Italy” di altissima qualità, supportata da formazione professionale, ricerca e innovazione curata dal Politecnico Calzaturiero. “Sono stati raggiunti gli obiet-

tivi dell’iniziativa di promozione economica del sistema - prosegue l’Acrib - valorizzare e promuovere l’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese, favorendo per i buyers esteri la conoscenza diretta delle produzioni di eccellenza nel proprio contesto economicoindustriale e dell’intero territorio metropolitano Delta-Lagunare, conosciuto anche per il connubio di storia, arte, architettura e bellezze paesaggistiche e tipicità enogastronomiche”. Attraverso un’azione sinergica con il Distretto Ittico di Rovigo e Chioggia ed il Distretto della Giostra, ai buyers esteri è stata offerta un’esperienza conoscitiva ad ampio raggio sulle espressioni industriali leader nei mercati mondiali, che caratterizzano l’area metropolitana di Venezia e Rovigo. “Per i nostri distretti e le tipicità del nostro territorio, anche in chiave di marketing territoriale per l’intero sistema - ha detto Siro Badon, presidente di Acrib - simili azioni di promozione economi-

Il presidente Siro Badon

ca costituiscono un’opportunità unica di incontro con operatori commerciali qualificati, a favore dell’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese del settore calzaturiero e non solo, nell’area veneziana e rodigina”. Nelle settimane scorse il distretto calzaturiero è stato oggetto di analisi attenta da parte di sindacati e operatori del settore. Fra le richieste emerse c’è stata quella del rinnovo del

“Servono parcheggi rosa sul territorio”

Istituire anche a Dolo i “Parcheggi Rosa” riservati alle donne in stato di gravidanza e ai neogenitori con prole neonatale al seguito. Questa è stata la richiesta che Valentina Peruzzo, consigliere d’opposizione del “Movimento 5 Stelle”, ha presentato sotto forma di mozione in uno degli ultimi consigli comunali. Il provvedimento è stato attuato nelle scorse settimane anche dal Comune di Fossò. “Le donne, conducenti di autoveicoli, che si trovano in stato di gravidanza ed i neo genitori alle prese con carrozzine e passeggini dei figli piccoli - dice Valentina Peruzzo (nella foto) - sono soggette a disagi negli spostamenti cittadini, soprattutto per la difficoltà di trovare parcheggio. I parcheggi rosa costituirebbero un grande contributo sociale per le donne in stato di gravidanza e per i neogenitori con neonati al seguito, che potrebbe consentire loro di vivere una maternità o paternità con meno stress, permettendo così di parcheggiare senza difficoltà nei luoghi da loro frequentati e dove la sosta risulta problematica”. Valentina Peruzzo suggerisce che i “parcheggi rosa” vengano realizzati almeno nelle vicinanze di scuole, asili nido, negozi per l’infanzia, farmacie, pediatri e ospedale. “Con la mozione prosegue il consigliere pentastellato - impegniamo il sindaco e la giunta a provvedere all’allestimento di aree di sosta denominate “Parcheggi Rosa” istituiti in zone già destinate a parcheggio, da realizzare con idonea segnaletica orizzontale e verticale, in prossimità di scuole, asili nido, uffici comunali, ospedale, pediatri, farmacie e di ogni altro sito ritenuto utile”.

Borse di studio per i meritevoli Per gli studenti meritevoli delle scuole medie della Riviera arrivano 24 borse di studio di 200 euro ciascuna. L’iniziativa è stata presentata nelle scorse settimane dal consigliere regionale Franco Ferrari, che la finanzierà direttamente.

Una iniziativa giunta alla sua seconda edizione. Nel dettaglio le borse di studio sono rivolte agli studenti meritevoli delle classi terze delle scuole medie di Dolo, Camponogara, Campagna Lupia, Campolongo, e Fossò per l’anno scolastico 2017/2018. Le scuole medie a cui sono indirizzate le borse di studio sono la “ Gramsci” di Camponogara, la “Dogliotti” di Campagna Lupia, la “Valeri” di Campolongo,

“Premio di Vantaggio” come contratto di secondo livello del comparto. Fra le denunce emerse poi non è mancata quella collegata alla presenza di aziende che operano senza rispettare minimamente le regole della sicurezza e i diritti dei lavoratori. Un fenomeno che è stato stigmatizzato è stato anche quello della delocalizzazione delle imprese nell’area balcanica. Giacomo Piran e Alessandro Abbadir

la “Giuliani” di Dolo e la “Galilei” di Fossò. A spiegare di cosa si tratta è stato lo stesso Ferrari. “È un progetto che ho voluto - ha detto - perché credo nel valore della formazione scolastica e credo che il merito vada premiato. Questi atti concreti in aiuto delle famiglie e dei ragazzi meritevoli, derivano dalla mia sensibilità su questi temi, dal mio modo di affrontare la politica, e dalla mia storia di imprenditore”. È nelle intenzioni di Ferrari il prossimo anno, ampliare l’iniziativa anche alle scuole nei Comuni di Mira, Stra, Fiesso e Pianiga. All’iniziativa erano presenti la dirigente scolastica di Campagna Lupia e Camponogara Fulvia Salmaso, Vincenza D’Elia di Fossò, Laura Contin di Dolo e per la scuola di Campolongo Lia Bonapersona. Le dirigenti scolastiche hanno sottolineato l’originalità dell’iniziativa e di fatto la sua necessità, considerando come spesso come dirigenti scolastici siano impegnati a dare aiuto agli studenti in difficoltà per farli arrivare ad un sufficiente livello di apprendimento. Con questa iniziativa, si premiano i meritevoli, i più bravi. Al momento della presentazione a sostenere l’iniziativa c‘erano il vicesindaco di Dolo Gianluigi Naletto, il sindaco di Camponogara Giampietro Menin.


11

Dolo .

www.lapiazzaweb.it

Un nuovo servizio di informazione turistica in centro a Dolo Zarotti. “È un segnale chiaro ed evidente del percorso intrapreso con la costituzione dell’Organizzazione di Gestione della Destinazione e che sottolinea la forte vocazione turistica della Riviera del Brenta e del Miranese. Il servizio di assistenza turistica è assolutamente essenziale ed utile per i nostri ospiti in quest’area”.

Offre l’acquisto di tour turistici, biglietti per eventi, abbonamenti al Venezia Calcio e al Teatro la Fenice. Si potranno pagare le sanzioni e sbrigare pratiche per agevolazioni provinciali

È

stata inaugurata la nuova sede dell’Ufficio di informazione e di accoglienza turistica Iat “Riviera del Brenta e Terra di Tiepolo”. Ospitato presso l’agenzia “Venezia Unica” gestita da Vela Spa, il punto informativo è al servizio di residenti e turisti della Riviera e del Miranese. Titoli di viaggio, tessere Venezia Unica e city pass, abbonamenti familiari, servizio “Parcheggia e vai”, pagamento di sanzioni e pratiche per le agevolazioni provinciali, acquisto di tour turistici e di biglietti per eventi, concerti, spettacoli, abbonamenti al Venezia Calcio e al Teatro La Fenice: questi alcuni dei servizi erogati dal punto vendita Venezia Unica, oltre al servizio di informazione ed accoglienza turistica Iat. Alla cerimonia erano presenti il sindaco di Dolo, Alberto Polo, l’assessore al turismo del Comune di Venezia, Paola Mar, il direttore generale del Gruppo Avm, Giovanni Seno, l’amministratore unico di Vela, Piero Rosa Salva, e di numerosi rappresentanti dei Comuni della Riviera del Brenta e del Miranese. “Grazie a questo nuovo servizio - ha detto il sindaco Polo - Dolo conferma il proprio ruolo di importante punto di riferimento all’interno del contesto Metropolitano. La nostra amministrazione crede molto nella necessità di fare rete per ottenere i risultati, in termini turistici e di sviluppo, che questo territorio merita. Questo sportello si aggiunge al lavoro che tutti insieme stiamo facendo attraverso l’Ogd”. Positivo il commento di Piero Rosa Salva. “La nuova agenzia di Venezia Unica a Dolo - ha affermato - conferma Vela quale protagonista di una presenza diffusa oltre che a Venezia anche sul territorio della Città Metropolitana e come strumento duttile ed efficace al servizio di un’utenza sempre più ampia e diversificata. Dolo rappresenta per noi uno snodo importante sia per un bacino di utenza, locale e di passaggio, rivolto anche verso Padova, sia per chi abita o sceglie la Riviera per recarsi a Venezia.

Sono certo che, grazie alla proficua collaborazione con le amministrazioni comunali, istituzioni e associazioni di categoria riunite nell’Ogd “Riviera del Brenta e Terra dei Tiepolo”, Vela saprà essere un fondamentale punto di riferimento per cittadini e visita-

Giacomo Piran

tori”. Soddisfatto anche Giovanni Seno. “Questa nuova apertura rappresenterà un punto di riferimento strategico e conferma l’impegno del Gruppo Avm verso

i comuni di prima e seconda cintura della Città Metropolitana di Venezia”. Arriva anche il commento del presidente Confesercenti Riviera del Brenta, Enrico

E TATIONE T I OF AZ PRDETRE AL P A A L LL ISCA E F D

% 0 5

La massima Qualità del Serramento per la tua casa …

ACQUISTA I TUOI NUOVI INFISSI IN 20 RATE TAN 0% - TAEG 0,52 %* Con Fiditalia, puoi dilazionare il pagamento dei prodo

• PVC Classe AAA • Legno Qualità CasaClima • Legno Alluminio • Legno Vetro • Alluminio Taglio Termico • Ingressi Blindati • Porte Interne • Schermature Solari

*Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Importo finanziabile fino a € 20.000. Per le condizioni contrattuali si veda il documento denominato “IEBCC” presso la sede Fiditalia e i Punti vendita aderenti all’iniziativa. Esempio rappresentativo: Prezzo del bene: € 10.000,00 - Importo totale del credito € 10.000,00 - Prima rata a 30 gg - Durata del contratto di credito n. 20 mesi - Numero e importo rate mensili 20 da € 500,00 - Importo totale dovuto € 10.045,20. TAN fisso 0,00% TAEG 0,52%. Spese di gestione del finanziamento: Imposta di bollo per apertura nuovo contratto € 16,00 - Spese incasso rata € 1,30 - Spese per invio rendiconto periodico (almeno 1 volta all’anno) € 1,20 per ogni invio oltre Imposta di bollo € 2,00 per saldi superiori a € 77,47. S.E.A Srl opera quale intermediario del credito in regime di non esclusiva con Fiditalia. La valutazione del merito creditizio dell’operazione è soggetta all’approvazione di Fiditalia SpA. Offerta valida del finanziamento fino al 30/06/2018.

S.E.A SERRAMENTI ed AFFINI

Showroom: Via Menin dei Mille, 48/A - Camponogara (VE) Tel. 041466605 Cell. 331 6082724 - 335 7079082 www.seaserramentiedaffini.com - info@seaserramentiedaffini.com Seguiteci anche su

PRODOTTI ITALIANI

Concorso “Gustati la vita” È stato presentato il concorso “Gustati la vita” promosso dall’Ail (associazione italiana contro le leucemie, linfomi e mieloma) sezione Venezia – Gruppo della Riviera e del Miranese e che vede coinvolti gli studenti dell’istituto superiore “Cesare Musatti” di Dolo. Il progetto prevede la consegna di 3 borse di studio per gli studenti. A spiegare il progetto è Roberta Nalon dell’Ail. “L’obiettivo - ha illustrato - è quello di sensibilizzare le nuove generazioni sui valori della solidarietà ed al volontariato”. Durante la presentazione sono stati illustrati alcuni punti base riguardo all’Ail, ai progetti portati avanti e all’importanza della donazione. Ci sono stati poi gli interventi di un medico ematologo e la testimonianza di una ragazza. Il concorso nello specifico prevede di predisporre un compito o prodotto, ed è aperto ai 3 percorsi scolastici dell’istituto “Cesare Musatti” sezione alberghiero: sala e vendita, cucina e pasticceria, e accoglienza. A scegliere i vincitori sarà una giuria composta da 2 docenti dell’istituto, da Giovanni Alliata di Montereale (presidente Ail di Venezia) e dai sindaci di Dolo, Camponogara e Santa Maria di Sala. Durante la presentazione del progetto alcuni studenti si sono resi disponibili ad aiutare i volontari dell’Ail nella vendita delle uova di Pasqua che si è svolta nelle scorse settimane in alcune piazze della Riviera. (g.p.)


12

Dolo .

www.lapiazzaweb.it

Elettrodotto Dolo-Camin, i sindaci e i cittadini lo “interrano” I punti di snodo del tracciato dell’elettrodotto aereo sono a Camin, Sambruson e Fusina, dove sono previste centrali Terna.

T

utti uniti a chiedere a Terna l’interramento dell’elettrodotto Fusina Camin in tutto il suo tratto. Questo il senso della manifestazione a cui hanno partecipato circa 200 persone e sindaci della zona e parlamentari, nelle scorse settimane all’altezza della passerella sull’Idrovia fra Vigonovo e Saonara. I partecipanti hanno dimostrato la loro contrarietà al tracciato, camminando in un tratto di qualche centinaio di metri armati di carriole e badili, e con un escavatore hanno sotterrato simbolicamente tre grossi tubi a ridosso del canale idroviario. “Gli argini dell’idrovia – ha spiegato Gianluca Salmaso per gli organizzatori del gruppo “No elettrodotto aereo.it” - saranno secondo i progetti uno degli snodi principali del percorso della nuova linea elettrica ad alta

tensione. L‘elettrodotto aereo insisterà lungo gli argini dell’idrovia, cambiando il paesaggio con una interminabile fila di giganteschi “stendi panni” ad altissima tensione, alti oltre una ventina di metri“. I punti di snodo del tracciato dell’elettrodotto sono a Camin, Sambruson dove è prevista una centrale Terna, e poi Fusina, dove per un breve tratto, in base all’accordo firmato per la realizzazione del Vallone Moranzani, l’elettrodotto sarà interrato. A marciare con i cittadini c’erano il sindaco di Vigonovo Andrea Danieletto, quello di Mira Marco Dori, quello di Fiesso Andrea Martellato, di Pianiga Massimo Calzavara, di Campolongo Andrea Zampieri, di Dolo Alberto Polo, e di Saonara Walter Stefan. C’erano pure in rappresentanza di Camponogara, Fossò e

200 persone hanno manifestato lungo gli argini dell’idrovia all’iniziativa organizzata dal gruppo “No elettrodotto aereo.it”

Stra degli assessori, e non è mancata la presenza dei neo parlamentari: il grillino Alvise Maniero (ex sindaco di Mira), Ketty Fogliani e Sergio Vallotto della Lega Nord. Lo stesso Vallotto è salito sull’escavatore e ha simbolicamente aperto lo scavo per l’interramento dell’opera. Il 21 aprile all’oratorio di Tombelle i comitati hanno fissato, per mobilitare ancora istituzioni e cittadini, una cena conviviale, a cui hanno dato la propria adesione 16 deputati e 13 Comuni. Alessandro Abbadir

Il progetto “Piantiamola”

S

i è svolto, nell’azienda agricola Mion in via Alture, “Piantiamola” progetto promosso dal comitato “Opzione Zero” presieduto da Mattia Donadel. “Piantiamola - dice Donadel - è un progetto permanente di riforestazione del territorio della Riviera del Brenta. Dopo le alluvioni, dopo il tornado, dopo tanti disastri causati dalla cementificazione selvaggia, è sempre più urgente agire in modo concreto per contrastare i cambiamenti climatici, l’inquinamento e il consumo di suolo”. Il progetto è stato poi ripetuto nella biofattoria Coltiviamoci di Vigonovo. “Gli alberi producono ossigeno e contemporaneamente assorbono il carbonio della Co2 fissandolo nel legno - prosegue Donadel - riforestare il territorio è un contributo concreto per mitigare gli effetti del global warming, ma significa anche sottrarre suolo alla cementificazione, attenuare gli effetti dell’inquinamento atmosferico e delle acque, ridurre il rischio idraulico, favorire la biodiversità, rinaturalizzare il territorio”. (g.p.)

Appello degli impiantisti: pochi controlli incolumità a rischio

“C

NUMERO VERDE

800 598 006

hi non interviene eseguendo i controlli periodici, mette a rischio la salute di tutti, e attenta anche alla propria salute, sia a causa delle emissioni, sia per via delle esalazioni e malfunzionamenti che può avere l’impianto di riscaldamento”. A lanciare questo appello e monito sono Luca Vanzan,Giorgio Chinellato e Andrea Bernardi rispettivamente Presidente, Segretario e capo categoria impiantisti dell’Associazione Artigiani e Piccola Impresa Città della Riviera del Brenta. Gli artigiani della Riviera, pongono l’attenzione su un problema che da anni mettono in evidenza, cioè quello dei scarsi controlli agli impianti da parte degli utenti. “La stagione termica - spiega Bernardi - sta terminando e, come di consueto in questo periodo dell’anno, l’allarme Pm10 si è fatto sentire per il pericolo che causa alla salute pubblica. Una delle maggiori cause sono le emissioni degli impianti di riscaldamento”. Ma non solo. “Un recente incidente verificatosi a Viterbo - sottolinea Bernardi - probabilmente causato da un malfunzionamento del generatore di calore, è un possibile esempio di ciò che può accadere sottovalutando l’importanza della manutenzione periodica. Le segnalazioni non sono un pretesto per avere un ritorno economico, ma una sottolineatura ad una giusta norma in vigore dal 2013”. Da qui un appello. “Chiediamo che i Comuni - conclude Bernardi - che si sono assunti l’onere di controllare, che gli impianti siano correttamente condotti, facciano azioni concrete di verifica, scovando i “furbetti” che mettono a rischio la propria vita e la vita dei loro vicini”. (r.p.)


GEPACAR SRL

Via Pioga, 31 • 35011 • Campodarsego (PD) IT T. +39 049 5564455 • C. +39 340 0719212 • F. +39 049 5565132 info@novatecno.it • www.novatecno.it

01_Uscita LA PIAZZA 04_2018.indd 1

16/04/18 10:20


15

Territorio .

www.lapiazzaweb.it

Economia Accordo tra istituto di garanzia e Credit Agricole FriulAdria

Cofidi, 10 milioni di euro per le imprese del veneziano 3

m ilioni di euro per il finanziamento di 50 nuove attività (per la maggior parte start up) e 2 milioni di euro per il consolidamento di 20 aziende. Sono questi i risultati positivi ottenuti ad oltre un anno dalla stipula della convenzione tra Crèdit Agricole FriulAdria e Cofidi Veneziano per finanziamenti agevolati finalizzati alla crescita delle aziende, sia sul versante della liquidità che su quello degli investimenti. Si tratta di un’importante azione finanziaria a supporto di tutte quelle imprese in continuo contrasto con il difficile mercato del lavoro, l’imponente burocrazia, la pressione fiscale, gli adempimenti superflui, l’aumento dei costi di produzione e, a volte, il mancato credito. La banca, con questo accordo, mette a disposizione un plafond di 10 milioni di euro che consentono, in particolare, di finalizzare e sostenere gli investimenti produttivi, nonché il processo di avvio e consolidamento delle start up, includendo anche i lavori di ristrutturazione e di riqualificazione ed efficientamento energetico che coinvolgono centinaia di piccole aziende artigiane. Il pacchetto di servizi predisposto dalla Banca, valido per le richieste ricevute entro il 30 dicembre 2018, prevede linee di finanziamento agevolate, tassi di interesse e commissioni scontate, con garanzia a prima richiesta che può arrivare fino all’80% dell’importo da finanziare. La richiesta e l’erogazione del credito seguiranno un iter più snello e rapido dato che il richiedente riceverà, entro 10 giorni lavorativi dalla presentazione dell’istruttoria elaborata da Cofidi e dall’associazione di riferimento, una risposta certa per affidamenti di importi fino a 250 mila euro. Per le imprese è fondamentale ottenere risposte in tempi ravvicinati, rimanendo pur sempre nel rispetto dei parametri del merito creditizio dell’impresa e della valenza del progetto aziendale. “Questa linea di intervento finanziario, dunque, - afferma Francesco Palmisano, presidente di Cofidi Veneziano - rappresenta un importante segnale di apertura verso l’imprenditoria

Francesco Palmisano

del futuro, fatta di rinnovamento ed innovazione, che ha bisogno di essere supportata, soprattutto nella fase di avvio, ma apre grandi prospettive di investimento in capitali e risorse umane generando importanti opportunità per il territorio”. La convenzione è stata firmata a San Donà di Piave il 20 ottobre 2016, a Portogruaro, il 4 maggio 2017, a Padova il 18 gennaio 2018 e il 13 aprile 2018 a Dolo, con il

coinvolgimento di Confartigianato Imprese Veneto Orientale mandamento di Portogruaro, Confartigianato Imprese San Donà, Appe Padova e Associazione Artigiani si Dolo. Entro il 2018, la stessa linea di finanziamento sarà aperta anche a tutte le attività artigianali del centro città di Venezia.

LA TUA CASA È AL SICURO?

Non aspettare che sia troppo tardi! Vieni a trovarci e scopri come renderla più sicura e confortevole in ogni stagione.

PRIORITÀ ALLA SICUREZZA

Marghera, si amplia il distretto dell’autotrasporto

I

l consiglio di Municipalità di Marghera ha approvato il piano di recupero di iniziativa pubblica denominato “Area Sirma – Boschetto” in via della Meccanica. “E’ un passaggio importante nel percorso di riqualificazione dell’area, oggi incolta e trascurata e solo in parte infrastrutturata, destinata ad accogliere le attività di autotrasporto che oggi insistono nel centro abitato, soprattutto nella zona di CateneVillabona, con gravi disagi per i residenti” commenta il presidente Gianfranco Bettin. L’operazione, avviata dalla precedente amministrazione, giunge a un punto decisivo. Per collocare il distretto dell’autotrasporto, insediando ulteriori ditte in aggiunta a quelle già presenti, è necessario una nuova configurazione dell’area “Sirma- Boschetto”, che prevede il trasferimento dell’area a verde incolta oggi esistente più a sud, realizzando una fascia di filtro tra la strada, il centro abitato e la zona industriale, e la contestuale realizzazione di nuovi lotti edificabili. Il piano di

In Veneto si contano circa 689 furti in abitazione ogni giorno! Tapparelle di sicurezza, portoncini blindati e inferriate anti-taglio sono ottimi deterrenti per tenere alla larga ladri e malintenzionati.

PROTEGGITI DAL SOLE Per salvaguardare i tuoi serramenti e ridurre il calore interno tende da sole, pergole e schermature tecniche sono elementi fondamentali. Lo sapevi che usandole in maniera intelligente puoi risparmiare fino al 10% in bolletta? Contattaci o richiedi un sopralluogo gratuito su benettidue.it indicando PROMO CASA 2.0, sulle tue nuove tapparelle il KIT SICUREZZA è GRATIS! -50% DETRAZIONI FISCALI

KIT An Sollevam ti e in Omaggnto io

SEDE E SHOWROOM:

Via M. Verena, 2/1 30030 Cazzago di Pianiga (Ve) Tel. 041415321 · info@benettidue.it www.benettidue.it

recupero, di iniziativa pubblica, redatto dalla “Direzione Sviluppo del Territorio”, si estende su una superficie di 108.856 mq, di proprietà del Comune di Venezia. Prevede, a fronte dei 33.369 mq già destinati a lotti esistenti, ulteriori 35.143 mq di superfici di nuova realizzazione da assegnare ad aziende di autotrasporto, per 68.512 mq complessivi, una serie di opere di urbanizzazione di nuova realizzazione (strade, marciapiedi, sottoservizi), la realizzazione di un nuovo parcheggio (posto a nord dei nuovi lotti), l’eliminazione dell’attuale parcheggio posto a nord necessario per la realizzazione della nuova viabilità. Il costo delle opere ammonta a 1.005.851 euro.


16

Protagonisti .

www.lapiazzaweb.it

Il maestro Banzato fa scuola a Cambrige L’Opera “Va’! Scolpisci”, composta dal maestro cavarzerano sarà presentata a fine aprile nella prestigiosa univesità inglese. La composizione racconta la storia dello scultore Domenico Paneghetti

L

’opera “Va’! Scolpisci!”, com- accademico: nel 2013 le è stata posta dal M° Renzo Banza- infatti dedicata una tesi di Laurea to, varca i confini nazionali per Magistrale in Filologia Moderna approdare in Inghilterra, dove presso l’Università degli Studi di sarà presentata dall’autore stesso Padova e nello stesso anno è staa fine aprile. L’imponente comta presentata al Conservatorio di posizione per soli, doppio coro e Trento, nell’ambito dei seminari orchestra sinfonica, con la quale di analisi e composizione. il M° Banzato ha voluto far riviDella prima esecuzione dell’overe, attraverso l’arte musicale pera è stata inoltre realizzata la e a distanza di pubblicazione quasi due se- l’evento si terrà presso del Dvd e la ricoli, la meravipresa televisila Facoltà di musica gliosa storia di va, seguita da dell’Università di Domenico Pauna vasta planeghetti e della tea di telespetcambrige, che è il sua devozione centro universitario più tatori. verso il CrociL’evento, fisso custodito antico del regno Unito realizzato in nel Santuario collaborazione di S. Domenico a Chioggia, sarà con i Cambridge Fairhaven Sinpresentata presso l’Università di gers (uno dei più rinomati cori Cambridge. inglesi), si terrà presso la FacolL’opera, pubblicata da Edi- tà di Musica dell’Università di zioni Musicali Carrara di Berga- Cambridge che, insieme a quella mo (con ottime recensioni sulla di Oxford, è il centro universitastampa nazionale), ha già incon- rio più antico del Regno Unito e trato l’attenzione del mondo fra i migliori a livello mondiale.

Si tratta di una significativa affermazione per il M° Banzato, rilevante punto di riferimento musicale grazie a un prestigioso curriculum. Già insegnante nei Conservatori di Trento e Riva del Garda, attualmente è docente al Conservatorio di Adria; è fondatore e direttore dell’Orchestra Sinfonica e Coro T. Serafin e della Serafin Youth Symphony Orchestra; ha conseguito quattro lauree, rispettivamente in Composizione, Direzione d’orchestra, Pianoforte, Musica Corale e Direzione di Coro e ha studiato Organo; è autore di oltre 40 composizioni e ha tenuto più di mille concerti in Italia e all’estero; apprezzato trascrittore e arrangiatore, ha realizzato 14 incisioni e ha più volte collaborato con il Teatro La Fenice; fa parte di commissioni giudicatrici in concorsi musicali internazionali e ha all’attivo numerose pubblicazioni con i principali editori musicali.

Il maestro Renzo Banzato

Ristorante

Alla Fornace Locale tipico e caratteristico della Riviera del Brenta. Specialità pesce: tutte le ricette della tradizione Veneta. Ampia sala per banchetti. Il Ristorante alla Fornace propone un pranzetto con i fiocchi ad un prezzo eccezionale valido tutti i giorni ed in tutte le occasioni.

TUTTI I VENERDÌ DI APRILE E MAGGIO FRITTO MISTO CON MOECHE

CON AMICI O PARENTI

COMUNIONI · CRESIME · EVENTI

La Prenotazione avviene presso il Ristorante

Menù Aperitivo della c Schiette fr asa con salatini itte - Pole Baccalà fr ntina esco agli o prezzem olo Antipast Gambere o tti, polipi, insalata d latticini d i mare, i seppia, gambero ni Primi a v assoio Risotto a lla pesca Farfalle c tora on salmo ne e gam beri Grigliata d Orata, Co i pesce a person a da pesca trice, Sca Vassoi di m po frittura co n polenta Contorni misti di s tagione Sgroppin o sorbett o - Caffè corretto Vino e min erale com presi

Euro 30,0 a Person

a

0

Info 041 932127

Statale 11 Riviera del Brenta Malcontenta (VE) - Via Padana, 198

www.ristoranteallafornace.com - seguici su


17

Cultura .

www.lapiazzaweb.it

Eventi Fenice Metropolitana

La musica della Fenice per il territorio Più di tre mesi di eventi e proposte fino a fine giugno, il Teatro veneziano si “trasferisce” nell’entroterra

E

sportare l’eccellenza rappresentata dalla Fenice con l’obiettivo di raggiungere nella terraferma nuovi pubblici e appassionare spettatori nuovi. E’ con questa intenzione che nasce il progetto Fenice metropolitana della Fondazione Teatro La Fenice. Si tratta di un contenitore di eventi e proposte di musica per il territorio. Così da Chioggia a Portogruaro, da San Donà a Mirano, senza tralasciare i comuni più piccoli, nell’arco di più di tre mesi, fino a fine giugno, si dislocano ventiquattro appuntamenti con la

grande musica, che prevedono ascolti guidati e proiezioni video di alcun delle produzioni operistiche che hanno segnato la storia del Teatro di Venezia - come “Norma” di Vincenzo Bellini, “La traviata di Giuseppe Verdi e il Barbiere di Siviglia” di Gioacchino Rossini- e conferenze “sonore” intorno a miti intramontabili come Gustav Mahier e Maria Callas. E, inoltre, i momenti concertistici, affidati agli Artisti del Coro e ai Solisti della Fenice, come il violoncellista Luga Magariello, e ai pianisti vincitori del prestigioso Premio Venezia.

Un progetto dunque di diffusione della cultura musicale e concertistica del territorio che si rivolge alle aree di Cavarzere, Chioggia, San Donà di Piave, Meolo, Ceggia, Noventa di Piave, San Stino di Livenza, Portogruaro, Maerne e Noale, grazie anche alla collaborazione delle amministrazioni comunali e delle numerose istituzioni che operano attivamente nei territori interessati dal progetto. Fra gli appuntamenti da ricor-

dare il prossimo 24 aprile alle ore 16 a Noale, nella Sala san Giorgio sarà proposta l’opera -video “La rondine” di Giacomo Puccini; il 12 maggio invece a Chioggia, presso l’Auditorium San Nicolò, il concerto pianoforte di Nicola Pantani. Il prossimo 25 maggio a Noale, Sala San Giorgio, Nicolas Giacomelli, concerto al pianoforte. Info presso i Comuni organizzatori dei singoli eventi, oppure www.teatrolafenice.it

Il Festival della lettura Ha preso il via ad aprile e andrà avanti fino al prossimo 13 maggio la dodicesima edizione del Festival della Lettura, organizzato dalla Biblioteca Ragazzi di BarchettaBlu, di Dorsoduro. Il tema di quest’anno è “Legami: attraverso le parole, le immagini, le relazioni” e si prefigge il compito di diffondere la lettura, soprattutto tra i giovani.

“La presentazione di Gesù al tempio”, Mantegna e Bellini a confronto Esposizione aperta fino al prossimo 1° luglio alla Fondazione Querini Stampalia a Venezia, in una mostra che mette a confronto i due grandi artisti del Rinascimento sullo stesso soggetto la “Presentazione di Gesù al tempio”. Nella mostra, allestita da Mario Botta, sono esposte insieme le versioni di Andrea Mantegna e Giovanni Bellini. Nel suggestivo raffronto si scoprono le differenze dei due capolavori, in una mostra che è nata dalla collaborazione della Fondazione con la National Gallery di Londra e la Gemaldegalerie di Berlino.

La mostra di inediti di Music’ Inaugurata a fine marzo, rimarrà aperta al pubblico fino al prossimo 23 luglio a Palazzo Fortuny a Venezia, la mostra La stanza di Zurigo, a cura di Daniela Ferretti, di opere di Zoran Music’ in Svizzera. Si tratta di lavori inediti, opere realizzate nel 1949 e mai viste prime. Visioni di Venezia, suggestioni lagunari, immagini di famiglia e anche un autoritratto sono i temi delle immagini raffigurate.

NOVITÀ DEL MESE

Realizziamo il Giardino dei tuoi Sogni

con la DETRAZIONE del 36% su tutti i servizi Pareti Verdi Potature Allestimenti per Cerimonie ed Eventi Installazione Robot Tagliaerba

serietà e professionalità con oltre 20 anni di esperienza Perito Agrario MORENO BARENDI · cell. 348 6046422 info@vivaibarendi.com · www.vivaibarendi.com · seguici su


18

Sport .

www.lapiazzaweb.it

Maratonina dei Dogi, vince il gambiano Ousman Jaiteh Jaiteh ha una storia particolare: è arrivato in Italia da profugo all’inizio del 2016, facendo la traversata dalla Libia a Lampedusa in barcone. In Italia ha scoperto la corsa e continua a migliorarsi

I

l gambiano Ousman Jaiteh e l’etiope Gedamnesh Yayeh (per le donne) hanno vinto la 21 esima “Dogi’s Half Marathon” che si è svolta in aprile con partenza e arrivo a Stra. Ousman Jaiteh, 27 anni, residente a Borgo Valsugana e tesserato per il Trentino Running Team, ha condotto la gara in solitaria dal primo all’ultimo metro. Jaiteh ha una storia particolare: è arrivato in Italia da profugo all’inizio del 2016, facendo la traversata dalla Libia a Lampedusa in barcone. In Italia ha scoperto la corsa e continua a migliorarsi. Al secondo posto è giunto il vicentino Simone Cortiana (Vicenza Marathon) mentre terzo lo svizzero Roman Kessler. Nella gara femminile trionfo di Gedamnesh Yayeh, etiope dell’Atletica

Brugnera, che ha preceduto Izabela Leonida Romanas (Team Km Sport) e Anna Busetto (Due Torri Sporting Noale). Vicenza Marathon ha vinto il Trofeo Team Elite, classifica a squadre, davanti ai veronesi del Team Km Sport e all’Atletica Riviera del Brenta. “Un’altra edizione della Dogi’s Half Marathon da ricordare - commenta Michele Stellon, presidente dell’Atletica Riviera del Brenta - circa 1800 atleti hanno corso, in assoluta sicurezza, su un percorso chiuso al traffico, in una giornata in cui tutto è andato a meraviglia. Dietro le quinte della Dogi’s Half Marathon c’è un gruppo di amici che lavora un anno intero per realizzare una manifestazione di questo livello”. L’appuntamento è al prossimo anno quando

la Dogi’s Half Marathon partirà e arriverà a Mira. Classifica uomini: 1) Ousman Jaiteh (Trentino Running Team) 1h05’47”, 2) Simone Cortiana (Vicenza Marathon) 1h13’27”, 3. Roman Kessler (Svi) 1h13’43”, 4) Claudio Brandalise (Emme Running Team) 1h13’57”, 5) Lorenzo Masi (Jalmicco) 1h13’59”, 6) Matteo Penazzato (Atl. Riviera del Brenta) 1h14’19”, 7) Davide Fontana (Vicenza Marathon)

1h15’06”. Donne: 1) Gedamnesh Yayeh (Atl. Brugndera) 1h19’58”, 2) Izabela Leonida Romanas (Team Km Sport) 1h23’22”, 3) Anna Busetto (Due Torri Sporting Noale) 1h24’29”, 4) Federica Verdoya (Atl. Riviera del Brenta) 1h27’17”, 5) Manuela D’Andrea (Podisti Cordenons) 1h27’50”, 6) Rossella Guariniello (Team Km Sport) 1h28’40”, 7) Elena Camali (Venicemarathon) 1h29’08” Giacomo Piran

Ciclismo, ecco il campionato giovanissimi

P

resentato il “Campionato Provinciale per Società Giovanissimi 2018” manifestazione ciclistica organizzata dal Comitato provinciale della Federazione Ciclistica Italiana presieduto da Gianpietro Bonato. I corridori, delle categorie giovanissimi maschili e femminili, parteciperanno a corse su strada, fuoristrada, gimkana, pista e primi sprint. Il regolamento prevede di premiare i primi cinque atleti della provincia di Venezia giunti al traguardo di ciascuna categoria. La manifestazione prevede le seguenti tappe: 25 aprile “Sportivi di Pramaggiore” promosso dalla Sorgente Pradipozzo, 1 maggio “4’ Trofeo Città di Caorle Mtb” organizzato dall’Olimpicaorle. 6 maggio “6’ Memorial Zatti Eugenio” a Marcon a cura del Gc Marcon, 29 giugno “17’ Gp Pista Comune di Martellago – Trofeo C.S.” promosso dall’Uc Martellago mentre 3 luglio “2 giorni di Portogruaro” organizzato dall’Asd Velodromo Mecchia. (g.p.)

Kickboxing, i campioni a Palazzo Ferro Fini

U

na delegazione di atleti, dirigenti e tecnici, a marzo sono stati accolti in Regione dal Presidente del Consiglio regionale Roberto Ciambetti. A dare il benvenuto agli atleti della Fikbms (Federazione Italiana Kickboxing, Muay Thai, Savate, Shoot Boxe, Sambo) anche l’assessore regionale Cristiano Corazzari e l’assessore Elena Donazzan. Grande emozione ed orgoglio anche per i dirigenti, molti della Riviera del Brenta e del veneziano, che hanno accompagnato gli azzurri veneti, tra di loro Nicola Traina e Raffaele di Paolo, i direttori tecnici della nazionale Michele Surian e Manuel Nordio e l’arbitro internazionale Oriano De Bei. L’incontro fortemente voluto dal consigliere regionale Franco Ferrari rivierasco, ha dato risalto ad una disciplina considerata erroneamente “minore”e ha concesso ai responsabili regionali e nazionali di questa disciplina sportiva di sottolineare il valore educativo che va al di là del gesto sportivo e della credenza popolare che vuole gli sport da combattimento paragonati ad attività violente. Ciambetti ha premiato i presenti consegnando una pergamena dedicata alla giornata. Premiati per i risultati ai mondiali di Kick Boxing Wako disputati a Budapest in Ungheria: Carlotta Pra ed Enrico Coccato entrambi veneziani vincitori nelle rispettive categorie del titolo mondiale nel pointfighting master. Luca Padoan e Mendy Luna medaglie d’argento Giulia Compagno medaglia d’argento nel Kick Light e medaglia di bronzo nel Light Contact Roberta Cargno medaglie di bronzone Light Contact . Assieme a loro gli altri azzurri veneti Paolo Niceforo, Francesca Barison, Marco Caviderucci, Michele Cerrato.


CORSI ENAIP PER ADULTI

www.enaip.veneto.it

SEI DISOCCUPATO? INFORMATI SULLE NUOVE OPPORTUNITÀ DI FORMAZIONE CHE LA REGIONE VENETO TI OFFRE TRAMITE L’ ASSEGNO PER IL LAVORO: CONTATTA LA SEDE ENAIP VENETO A TE PIÙ VICINA O VAI SU:

WWW.ENAIP.VENETO.IT

SCOPRI L'INIZIATIVA! DGR N.1095 DEL 13 LUGLIO 2017 E DDR N.713 DEL 08/11/2017

DOLO: VILLA FERRETTI - ANGELI VIA BRENTA BASSA, 39 TEL. 041/41.30.56 - EMAIL: DOLO@ENAIP.VENETO.IT

AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO

80 ORE

APRILE

INSTALLAZIONE E PROGRAMMAZIONE P.L.C. NEGLI IMPIANTI DI PICCOLE DIMENSIONI (CORSO BASE)

27 ORE

MAGGIO

LOGISTICA E GESTIONE DEL MAGAZZINO

24 ORE

MAGGIO

BLS - D PER AUTORIZZAZIONE ALL'USO DEL DEFIBRILLATORE SEMIAUTOMATICO ESTERNO (DAE)

6 ORE

GIUGNO

MANUFATTI DIGITALI CON STAMPANTE 3D (MAKERS, DOCENTI, HOBBISITI)

15 ORE

GIUGNO

(RICONOSCIMENTO REGIONE VENETO)

Realizzato a cura della Direzione Comunicazione e Promozione ENAIP Veneto I.S.


casapubblicita.it

Immagina...

11-12-13 maggio

apertura nuovo showroom Cadoneghe s.s. del Santo n.69

sconto apertura su tutto fino al

www.rampazzoseverino.it

50%


21

#Politica

www.lapiazzaweb.it

Casellati, prima donna al Senato

Padovana, deputata di lungo corso di Forza Italia, ricopre la più alta carica mai raggiunta da un veneto. “E’ un onore da condividere con tutte le donne”. “Orgogliosa della mia terra, ora l’autonomia sia una priorità”

Q

uaLo ha detto già poche ore dopo la sua elezione a presidente del Senato, seconda carica della Repubblica, la più alta mai raggiunta da un veneto, “porto la mia terra nel cuore”, lo ha ribadito a Venezia durante la visita ufficiale nella sede della Giunta Regionale, “quando si parla di Veneto il mio cuore batte più forte”. Maria Elisabetta Alberti Casellati, padovana con natali rodigni, nelle prime settimane sta tenendo fede al suo impegno e si fa vedere spesso tra la sua gente. E’ stata accolta a Palazzo Balbi in Regione con tutti gli onori, ha inaugurato il Vinitaly a Verona, ha tagliato il nastro a “Sapori di Primavera” nella sua Padova. Insomma, appena i numerosi impegni istituzionali glielo consentono non manca di tornare “a casa”. Una scelta del cuore, senz’altro, ma anche un atto politico ben preciso, ribadito con orgoglio proprio durante la sua visita a Venezia. “L’autonomia sia una priorità nell’agenda politica del nuovo governo, perché il Veneto deve rivestire un ruolo primario. - ha dichiarato di fronte al go-

vernatore Zaia - Ci sono questioni importanti che investono questa regione: Venezia, la sua tradizione culturale che non può essere ignorata ed è da sempre punto di riferimento nel mondo. Mi auguro che il nuovo governo metta in agenda l’autonomia come priorità perché c’è la reale necessità di un completamento di questo riassetto. Io sarò sempre presente, sempre con voi, con il presidente Zaia ci sarà una collaborazione istituzionale efficace. Essere qui è un orgoglio e una responsabilità perché il Veneto deve rivestire un ruolo primario in virtù anche del formidabile sviluppo economico e sociale degli ultimi decenni”. Parlamentare di lungo corso, berlusconiana della prima ora, avvocato matrimonialista, fino a qualche mese fa componente del Consiglio Superiore della Magistratura, Casellati corona la sua carriera politica sedendo sullo scranno più alto del Senato, grazie all’accordo fra centrodestra e Movimento 5 Stelle. Non sono

mancati i distinguo e anche alcune prese di posizione polemiche sulla sua attività politica e la sua fedeltà a Berlusconi ma ora l’intenzione della stessa Casellati è quella di svolgere fino in fondo il ruolo istituzionale che ricopre. Lo ha ribadito anzitutto nel discorso di insediamento in Senato. “Le forze politiche, pur nella dialettica dei ruoli diversi che si andranno a definire nelle prossime fasi del quadro istituzionale, esprimono tutte l’intera collettività: la consapevolezza condivisa della comune legittimazione è una condizione essenziale per un buon governo. Servono unità di intenti, pur nella diversità di opinioni e indirizzi. Questa elezione rappresenta per me una responsabilità e un onore che sento doveroso condividere proprio con tutte quelle donne che con

le loro storie, azioni, esempio, impegno e coraggio, hanno costruito l’Italia di oggi. Il tema delle riforme sarà centrale, vedrà le forze politiche chiamate a dare segnali precisi, investendo il tema dell’assetto delle istituzioni, a tutti i livelli. Così come non potrà essere ignorato il completamento del riassetto delle autonomie locali. L’epoca della globalizzazione offre opportunità e conoscenza, portando con sé, allo stesso tempo, il rischio di nuove marginalizzazioni, un rischio che non può essere ignorato né sottovalutato. A partire dall’economia reale. A partire dal lavoro”. Intanto la strada è tutta in salita proprio per la formazione del nuovo governo e non è escluso che la stessa Casellati possa giocare un ruolo significativo per cercare una mediazione fra le forze politiche.

Zaia ai neo parlamentari veneti: “Facciamo squadra per l’autonomia” Sono 77 i parlamentari veneti eletti alla Camera o al Senato alle ultime politiche. Una cinquantina ha risposto all’invito di Zaia che li ha voluti incontrare a Venezia per invitarli a trovare piena convergenza sull’obiettivo dell’autonomia regionale. “Questa partita alla fine si deciderà in Parlamento, perché è lì che si concluderà questo importante percorso istituzionale, sino a ora unico nella storia italiana, innovativo e di grande impatto, da noi avviato nel giugno del 2014: voi avete un ruolo fondamentale e i veneti si aspettano dai loro parlamentari che facciano squadra, superando le appartenenze di partito, nell’esclusivo interesse di quei

quasi 2,5 milioni di nostri corregionali che nell’ottobre scorso si sono recati alle urne per chiedere quasi unisono una sola cosa: l’autonomia”. Ai nuovi onorevoli e senatori è stata presentata la delegazione trattante nel negoziato con lo Stato, ed è stato loro consegnato un ampio ed esaustivo dossier, contenente tutti i documenti e gli atti ufficiali che hanno scandito le varie tappe del cammino fin qui compiuto. “La Regione mette al primo posto del suo programma e delle sue aspettative la conquista dell’autonomia – ha sottolineato Zaia –, un’autonomia a geometria variabile, realizzata come un abito

sartoriale secondo le esigenze e le peculiarità dei territori. Abbiamo aperto una strada, infatti, che altre Regioni, se lo vorranno potranno seguire: già lo hanno fatto Lombardia ed Emilia Romagna, insieme alle quali abbiamo avviato nei mesi scorsi il negoziato che ha portato alla firma dell’accordo preliminare del 28 febbraio scorso, e sembrano siano pronte a seguire la strada tracciata Piemonte, Puglia, Campania e Toscana”. “A darci forza nella trattativa con il Governo – ha precisato il governatore – è stato quel 58% circa di elettori che si è recato alle urne a quel referendum avvallato dalla Corte Costituzionale, superando abbondantemente il quorum e

dimostrando democraticamente, con i numeri, che l’autonomia è una questione trasversale ai partiti, che riguarda tutti”. Zaia ha poi precisato che il Veneto continuerà a chiedere la competenza diretta su 23 materie, come previsto nei 66 articoli della legge statale, approvata dal Consiglio regionale del Veneto lo scorso novembre. “Nell’accordo preliminare le competenze di cui si prevede l’attribuzione alla Regione sono quelle relative alle politiche

del lavoro, all’istruzione, alla tutela della salute e alla salvaguardia dell’ambiente e dell’ecosistema – ha rilevato il presidente veneto –. Ma sia chiaro che si tratta solo di un primo assaggio: noi le vogliamo tutte e 23”. “Al di là delle appartenenze e delle diverse sensibilità politiche – ha concluso Zaia – vi chiedo di lavorare insieme per il raggiungimento di questa meta storica, facendo sentire la voce del nostro territorio alla Camera e al Senato”.


22

Politica

www.lapiazzaweb.it

Addio metropolitana di superficie. Quasi trent’anni buttati al vento D

opo tante inaugurazioni con caschetti gialli e slogan, viste soprattutto in tempi in cui era Governatore Galan e assessore ai Trasporti Chisso, con un miliardo di euro speso per dare risposte parziali e strutture a volte sottoutilizzate, ora siamo a un punto morto. E’ stata l’Assessore regionale ai lavori pubblici, infrastrutture e trasporti Elisa De Berti a dichiarare chiuso per sempre il cantiere del SFMR (Sistema Ferroviario Metropolitano Regionale). Tra i principali motivi addotti i costi non più sostenibili. Quasi sei miliardi di investimento previsti e suddivisi per varie fasi sono diventati troppi. In trent’anni, però, diverse cose sono state fatte: pochine a dire il vero! L’Assessore ha evidenziato gli interventi realizzati sulla rete rispetto a quelli inizialmente previsti: 9 nuove stazioni sulle 37 previste, 24 nuovi treni acquistati su 120, 22 adeguamenti di fermate esistenti su 162, 66 passaggi a livello eliminati su 407. Niente metropolitana veneta, dunque, ma, assicura l’assessore, saranno sistemate alcune urgenze. Tra gli interventi che saranno attivati, assicura l’assessore De Berti, c’è l’adeguamento a doppio binario dell’attraversamento del fiume Brenta sulla linea PadovaCastelfranco, il raddoppio per 25 km della tratta Maerne-Castelfranco, l’eliminazione

di 24 passaggi a livello su varie linee, nonché i 18 km di raddoppio ferroviario sulla Castelfranco-Bassano con l’eliminazione di 16 passaggi a livello e l’adeguamento di 5 stazioni ferroviarie. Particolare attenzione è stata dedicata alle criticità relative alle linee Rovigo-Verona, Rovigo-Chioggia e MestreAdria. “La cosa più grave emersa dalla discussione in commissione trasporti – affermano i Consiglieri di opposizione Stefano Fracasso, Bruno Pigozzo, Orietta Salemi e Claudio Sinigaglia – è la mancanza di un piano regionale della logistica, che coinvolga infrastrutture autostradali, ferroviarie e nodi portuali e aeroportuali. L’assessore nell’affrontare la discussione e rispondendo alle nostre domande sulle prospettive future, parla di ‘politica del buon senso’. Le fa onore, ma non si può governare solo con quello, ci vuole programmazione. La revisione del vecchio Piano regionale trasporti datato 2005 deve essere una priorità urgente da affrontare e portare a termine entro questa legislatura - dicono ancora i Consiglieri del PD - Anche perché nel territorio c’è una situazione troppo disomogenea: nelle aree dove il servizio è stato ammodernato, si vedono i primi risultati in termini di regolarità e di gradimento, ma in altre tratte come la Rovigo-Verona o la Rovigo-Chioggia, la criticità è invece endemica”.

Animali domestici sepolti in giardino Proprio per la redazione del nuovo Piano Regionale dei Trasporti, la Giunta Regionale ha adottato un disegno di legge con il quale si stanziano 300.000 euro (150.000 nel 2018 e 150.000 nel 2019). “Il Piano è uno strumento fondamentale – ha detto il presidente della Regione, Luca Zaia – per il futuro sviluppo della mobilità sostenibile nel Veneto, che disegnerà il sistema dei trasporti e della logistica per i prossimi 10/15 anni. Un Piano che deve mettere insieme, coordinare e valorizzare le numerose innovazioni che abbiamo introdotto in questi ultimi anni, dal cadenzamento dell’orario dei treni ai notevoli passi avanti nell’intermodalità, dal potenziamento del nostro sistema regionale ‘su ferro’ derivante dalla stipula del contratto di servizio con Trenitalia per il periodo 2018-2032 e dall’accordo quadro con Rete Ferroviaria Italiana per potenziare le infrastrutture ferroviarie all’Accordo Programmatico tra Regione e Anas per la riqualificazione e l’ammodernamento della rete stradale veneta”. Germana Urbani

Da cementifici ad inceneritori: no, grazie! Il Consiglio regionale vota compatto per impedire l’uso dei cementifici in inceneritori di rifiuti speciali Il Css combustibile è in origine un rifiuto speciale che, a determinate condizioni previste dalla normativa, può essere utilizzato ai fini della produzione di energia da parte di centrali termoelettriche e cementifici. “Sul tema dell’impiego del Css Combustibile e più in generale sulla possibilità, ammessa dall’ordinamento, da parte di impianti costruiti e pensati per determinati cicli di produzione, in questo caso i cementifici, di trasformarsi nei fatti in impianti di riciclaggio di rifiuti sono state sollevate da più parti critiche e perplessità” ha spiegato Piero Ruzzante (Liberi e Uguali)

presentatore della mozione illustrata in aula notando come i dubbi riguardano sia le questioni ambientali e di tutela degli ecosistemi ancor più “sui danni alla salute pubblica”. L’esponente di Liberi Uguali ha poi sottolineato come dei 69 centri di produzione un terzo sono concentrati in Pianura Padana e di questi 6 in Veneto al centro di denunce da parte di comitati di cittadini tra i quali “Lasciateci respirare” di Monselice, “che hanno evidenziato i riscontri di seri inquinamenti prodotti nelle aree circostanti”. La mozione approvata dal Consiglio “impegna la giunta regionale a farsi

parte attiva presso il governo affinché proceda senza indugio ad adottare tutte le iniziative necessarie, anche integrative o, se necessario, di modifica del decreto ministeriale 14 febbraio 2013 n.22 e della afferente normativa successiva, insistendo affinché sia valutata la revoca, in virtù del principio di precauzione, di ogni atto funzionale a consentire la riconversione dei cementifici in inceneritori”

I

n Veneto è ora possibile seppellire il proprio cane o gatto nel giardino di casa o in aree attrezzate allo scopo, definite “cimiteri per animali”. La decisione è stata presa in conformità ad uno specifico Regolamento Comunitario, con la specificazione che il sotterramento deve avvenire in modo che gli animali carnivori o onnivori non possano accedervi. “Siamo di fronte a un atto solo apparentemente banale, ma che in realtà è un grande atto di amore verso i nostri animali domestici – fa notare il Presidente della Regione Luca Zaia – Riconosciamo infatti quello che sta diventando sempre di più un fenomeno sociale: il possesso da parte di persone e famiglie di un animale domestico e il rapporto affettivo che ne consegue. Per farsene un’idea basta navigare qualche minuto sui social per trovare storie, allegre, tenere, o tristi, legate al rapporto tra un essere umano e il suo, o i suoi, animali da compagnia”. Per questi motivi è sembrato un segnale di attenzione dare la possibilità di seppellire l’animale morto in terreni privati o in aree dedicate visto che per tanta gente, l’animale da compagnia ha un significato che va oltre le parole, perché determinato dal cuore, e poter tenere vicino a sé l’amico di tanti anni che se n’è andato non è un desiderio da banalizzare.

Ü


24

Politica .

www.lapiazzaweb.it

Lo zucchero di casa mia

L’Assessore all’agricoltura del Veneto Giuseppe Pan

Subito un patto europeo ed etichette tricolori per tutelare eccellenze produttive come lo zuccherificio di Pontelongo

U

n ‘patto’ in difesa dello zucchero italiano, messo sotto scacco dalla liberalizzazione del mercato e dall’ormai prossima conclusione del ciclo dei finanziamenti comunitari: è quanto chiedono le organizzazioni dei produttori, in prima fila la Coprob, la cooperativa dei produttori bieticoli che detiene il marchio “Italia Zuccheri” e che gestisce i due stabilimenti leader del settore: lo zuccherificio di Pontelongo (Padova) e quello di Minerbio (Bologna). “Non basta fare ‘catenaccio’ tra Regioni e associazioni dei produttori – ha rilanciato l’assessore all’agricoltura del Veneto Giuseppe Pan, incontrando oggi a Padova il presidente di Coprob, Claudio Gallerani, e i rappresentanti del settore bieticolo - Di

fronte alla forte concorrenza dei produttori francesi, tedeschi e olandesi, e alla prossima scadenza del 2020, quando finiranno anche i sussidi europei per le barbabietole e l’industria saccarifera, le istituzioni italiane devono fare squadra. Il nuovo Parlamento, il futuro governo e i nostri rappresentanti in Europa hanno il compito di difendere una delle ultime filiere ‘made in Italy’ rimasta ancora interamente nazionale, e i relativi posti di lavoro. In attesa che si costituisca il governo, e di poter avere quindi un interlocutore per le politiche agricole nazionali, nei prossimi giorni, in accordo con la collega dell’Emilia-Romagna Simona Caselli – ha promesso Pan - coinvolgerò il vicepresidente della commissione Agricoltura dell’europarlamento,

l’onorevole Paolo de Castro, e gli europarlamentari del Nordest, perché Bruxelles affronti gli squilibri creati dalla liberalizzazione del mercato e provveda a valorizzare la qualità e la competitività di filiera agroindustriali ‘sane’, che rappresentano un valore aggiunto non solo per il primario e la sicurezza alimentare, ma anche per l’ambiente. Lo zucchero italiano, che solo in Veneto ha un valore di produzione pari a 32 milioni di euro, è presidio indispensabile della qualità alimentare del ‘made in Italy’, a cui non intendiamo rinunciare”.

Dal canto suo, la Regione Veneto – ha ricordato l’assessore – ha già impegnato parte dei fondi del proprio Programma di sviluppo rurale 2014-2020 per sostenere la bieticoltura: da quest’anno, infatti è attivo un bando che finanzia sino a 200 euro a ettaro le superfici coltivate a barbabietola da zucchero. “E’ una misura a duplice valenza – sottolinea Pan – perché promuove una coltura indispensabile per la filiera saccarifera e, al tempo stesso, aiuta a mantenere la produttività dei suoli e a prevenire l’insorgere di problematiche fitosanitarie”.

“Si tratta di un preciso segnale che la Regione ha inteso dare ai produttori agricoli per promuovere l’antica e radicata tradizione nella coltivazione della barbabietola da zucchero, che purtroppo nell’ultimo decennio ha perso quasi il 70 per cento della superficie dedicata, e sostenere così il bacino bieticolo che afferisce a Pontelongo aiutando la filiera ‘corta’, con benefiche ricadute per la sostenibilità ambientale e la redditività del settore”. “La produzione bieticola è un primato del Veneto – ha ribadito l’assessore – che la Regione intende salvaguardare e promuovere, anche favorendo accordi con la grande distribuzione, in modo di aiutare i consumatori a fare la spesa in modo consapevole e informato. Lo zuccherificio di Pontelongo è una delle prime industrie agroalimentari del Veneto e una risorsa nazionale. L’amara vicenda del latte italiano fa scuola: non permetteremo che la storia si ripeta e che lo zucchero veneto ed emiliano sia vittima delle distorsioni create dalle speculazioni dei mercati internazionali”.

Friso s.r.l. carrelli e trailer per Padova e Venezia 10 BUONE RAGIONI per un trailer

• First class, lavorazione testata • Utilizzo di Componenti di Qualità • Grande facilità di movimentazione • Funzioni e Moduli ben allestiti • Resistenza alla Corrosione • Robustezza, Bassa Manutenzione, Lunga Durata • Sicurezza testata da Dekra • Molto Confortevole • Vasta Gamma di Prodotti • Vasta Selezione di Accessori Friso s.r.l. carrelli e trailer per Padova e Venezia CRP - PEUGEOT - HUMBAUR competence in trailer

www.concessionario.peugeot.it/friso - www.frisoauto.it Friso SRL http://www.youtube.com/user/Frisosrl

Vigorovea di Sant’Angelo di Piove (Pd) 35020 - via Ruzzante, 2 tel. 049 97 05 433 friso@frisosrl.com

Chioggia (Ve) 30015 - via Ridotto Madonna, 26 tel. 041 49 02 92 frisochioggia@frisosrl.com

Chioggia (Ve) 30015 - Zona Industriale, 38/b tel. 041 55 40 905

Cavarzere (Ve) 30014 - via Regina Margherita, 29 tel. 042 63 10 820


730?

IO VADO SUL SICURO CAF CISL DI VENEZIA

LE NOSTRE SEDI Sede centrale: MESTRE Via Ca’ Marcello, 10

Prenota online il tuo appuntamento www.cislvenezia.it

fiscale.venezia@cafcislveneto.it

TASI

ISEE

ISEE

CASA

ISEE

DISOCCUPAZIONE

COLF E BADANTI

IMU

SUCCESSIONI

UNICO

730

730 RED

RED

CAMPONOGARA - Via Giovanni XXIII, 15 tel. 041.5158149 DOLO - Via Piave 5 tel. 041.2905860 MARTELLAGO - Via Fapanni 41/a tel. 041.641706 MIRA - Via delle Porte 9 tel. 041.2905890 MIRANO - Via Gramsci 73 tel. 041.2905800 NOALE - Via Polanzani 40 tel. 041.5800450 ORIAGO - Via Veneto 28/a tel. 041.472486 S. MARIA DI SALA - Via Roma 4 tel. 041.487295 SCORZÉ - Viale Kennedy 12 tel. 041.2905870 SPINEA - Via Buonarroti 8 tel. 041.5410913


laPiazza

www.lapiazzaweb.it

Informazione a pagamento a cura degli esperti del settore

Salute

Salute / Si Viaggiare

Per partecipare alla rubrica chiamare il numero 049 8704884

1

www.lapiazzaweb.it/category/salute/

Editoriale Memoriale di Giovanni Federspil, medico, scienziato, epistemologo, umanista e filosofo

U

Medico e paziente: rispetto dei valori reciproci Potenziate le “Palestre della salute”, utili a chi ha patologie croniche a pag 28

Analisi Lipidomica eOmega-3

a pag 29

na tavola rotonda inserita in un importante convegno organizzato nella Sala degli Arazzi della prestigiosa Accademia dei Concordi a Rovigo, di cui era socio, è stata dedicata esclusivamente al ricordo della figura di Giovanni Federspil, docente universitario di Clinica Medica presso l’Università degli studi di Padova, scienziato, umanista e filosofo, nato a Rovigo nel 1938 e deceduto a Padova nel 2010. Di fronte a un parterre molto attento e qualificato si sono succeduti, dopo la presentazione del Presidente dell’Accademia G. Boniolo e con la regia di F. Scaranello, illustri oratori quali B. Fantini (Univ. Di Ginevra), A. Pagnini (Univ. Di Firenze), P. Giaretta, C. Scandellari e R. Vettor (Univ. Di Padova), M.P. Garavaglia (direttore “L’ arco di Giano” e già Ministro della Sanità), con ricordi oltre che di natura professionale anche di frequentazione personale. Una particolare e commossa accoglienza è stata dedicata alla vedova del prof. Federspil presente alla manifestazione. La famiglia di Giovanni Federspil, di notevole prestigio, giunse in Italia, a Rovigo, dove si stabilì agli inizi del secolo scorso dalle terre austro-ungariche e dove nacque appunto Giovanni nel 1938. Federspil non mi è stato maestro durante il corso dei miei studi di Medicina e Chirurgia, in quanto allora i Direttori di Clinica Medica e di Patologia Speciale Medica erano Patrassi e Fiaschi; le nostre frequentazioni, oltre che in convegni scientifici, avvenivano per lo più in un piccolo bar del centro storico di Rovigo, “Al Cogheto” di proprietà della famiglia Federspil dagli inizi. Un locale cui era molto legato e in cui tornava spesso e lì, seduti ad un tavolino con davanti una tazza di caffè fumante, specialità del locale, ho avuto modo di apprenderne e apprezzarne le molteplici conoscenze e virtù che lo hanno reso un medico, uno scienziato, un umanista e un filosofo di incredibile spessore. Il grande contributo che ha portato alla Medicina si rileva dalle sue riflessioni sul ragionamento, sulla metodologia clinica e sperimentale, sconfinando nell’epistemologia, nella psicologia e nella filosofia.

Lenti Fachiche per Miopie, Ipermetropie, Astigmatismi a pag 30

Vuoi collaborare con noi? Contattaci!

Salute

>> Condividi la tua esperienza ed i tuoi consigli sul nostro >> Inserto Salute

via Lisbona, 10 · 35127 Padova · tel. 049 8704884 · info@givemotions.it · www.givemotions.it


laPiazza .

Salute

28

Consulenza scientifica Farmacia

Farmacia Grigoletto - Via Villa, 150 - Bojon di Campolongo Maggiore (Ve) - Tel. 049 5809002 farmaciagrigoletto@gmail.com

oftalmologia Dott. Massimo Camellin Oftalmologo Via Dunant, 10 - Rovigo tel. 0425 411357 mail: segreteria@sekal.it web: www.lasek.it

Ponteziate le “Palestre della salute”, utili a chi ha patologie croniche

L

a regione ha definito e potenziato in questi giorni il sistema delle 14 “Palestre della Salute”, che si trovano nelle Ulss venete. Nascono nel 2015 per offrire ai portatori di patologie croniche non trasmissibili (come malattie cardiovascolari, diabete, obesità, osteoporosi e alcune patologie tumorali, segnatamente colon e mammella) la possibilità di effettuare l’utilissima pratica sportiva in palestre altamente specializzate dove operano spiccate professionalità specifiche. Oggi è previsto il coinvolgimento di personale medico adeguatamente formato, e che l’esercizio fisico si svolga sotto il controllo di una laureato magistrale in scienze motorie con indirizzo in attività motoria preventiva e adattata, in strutture idonee riconosciute dalla Regione e chiamate, appunto, “Palestre della Salute”.

“L’attività fisica con valenza terapeutica – fa notare Coletto – è prevista nel Piano Regionale di Prevenzione 2014-2018 e, con l’ultima modifica decisa a livello nazionale, è stata anche inserita nei Livelli Essenziali di Assistenza – LEA, che prevedono la promozione di Programmi strutturati di esercizio fisico per soggetti a rischio. Anche in questo caso la sanità veneta ha anticipato fin dal 2015 un’offerta di salute diventata obbligo due anni dopo”. “Che lo sport sia anche sinonimo di salute e di prevenzione – aggiunge l’Assessore Corazzari – è convinzione universale e scientificamente supportata. Tutti d’accordo, ma poi bisogna tradurre le parole in azioni, e in questo le Palestre della Salute sono la dimostrazione che la Regione Veneto, ovunque possibile, sa tradurre la teoria in pratica. Si tratta di un percorso nel quale si fondono

importanti professionalità specifiche e la qualità strutturale di molte palestre pubbliche e private del Veneto”. La delibera appena approvata definisce requisiti e procedimento per la certificazione di “Palestra della Salute” e fornisce gli indirizzi per la prescrizione e somministrazione dell’esercizio fisico e indica le figure professionali, specialisti, medici di medicina generale, pediatri di libera scelta e medici dello sport titolate alla prescrizione. L’esercizio fisico, una volta prescritto sulla base della situazione e della patologie di ogni singola persona, viene erogato da un laureto in Scienze e Tecniche dell’Attività Motoria Preventiva e Adattata, che abbia seguito e completata un percorso formativo di 120 ore in strutture sanitarie specificamente identificate.

www.lapiazzaweb.it

l’editoriale

Memoriale di Giovanni Federspil, medico, scienziato, epistemologo, umanista e filosofo Il suo pensiero, riprendendo le radici ippocratiche per cui le malattie non sono altro che il prodotto di fenomeni naturali, lo portava a sostenere che il medico è e deve essere naturalista, o, in termini più moderni uno scienziato. “Questa è la tesi fondamentale sulla quale si basa ancora oggi tutto il nostro sapere medico: - dall’osservazione della morfologia cellulare e dall’analisi dei meccanismi biochimici cellulari fino ai trapianti, alle applicazioni di radioisotopi, alla risonanza magnetica e alle più innovative terapie attuali - è una scienza della natura che fa corpo con tutte le altre scienze empiriche: la fisica, la chimica, la biologia, l’etologia etc”. Ne deriva che la preparazione del Medico e la sua continua formazione siano rivolte all’assimilazione e all’integrazione di concetti acquisiti e ripensati, alla riflessione metodologica, alla cultura biologica. Federspil è stato un oppositore del progressivo insinuarsi nell’educazione e nella professione medica di una mentalità riduzionistica, non certo per negare l’importanza delle ricerche molecolari, ma per contrastare l’inadeguatezza di una medicina che pone la conoscenza dei meccanismi molecolari come la forma fondamentale di un sapere medico che ritiene di spiegare fenomeni di una certa complessità strutturale organica con i fenomeni degli elementi più semplici che costituiscono i fenomeni più complessi. Gli studi di fisiopatologia lo hanno portato a sostenere con Azzone (Patologo Clinico) che “malattia e patologico sono termini che che si riferiscono a processi che riguardano la vita e non il comportamento delle molecole. Entrambi implicano un pericolo per la sopravvivenza dell’organismo, pertanto il termine malattia può essere applicato a quei processi che, pur avendo un’origine molecolare e cellulare,coinvolgono un’alterazione del sistema”. Qui viene fuori Federspil filosofo con i suoi ragionamenti sulla natura dell’uomo e sulla concezione di persona umana, che è sostanzialmente diversa dalla sua caratterizzazione come organismo o individuo e che deve essere alla base dell’attività del medico. Il Medico diagnostica una malattia ma le cure sono verso la persona, termine attorno cui ruota il massimo problema della medicina moderna, attratta da un tecnicismo esasperato e rivoluzionata da progressi scientifici che hanno posto evidenti problematiche di ordine bioetico, dal problema dell’embrione e dell’aborto all’utero in affitto e alle cellule staminali, dall’accanimento terapeutico, al testamento biologico e all’eutanasia. “Il Medico ha certamente a che fare con un corpo e questo corpo costituisce un “oggetto” conoscibile con gli strumenti razionali e con le tecniche empiriche che sono proprie della scienza. Tuttavia la Medicina non si ferma a questo, come ha ricordato K. Jaspers: l’agire del medico poggia su due pilastri: da un lato la conoscenza scientifica e l’abilità tecnica, dall’altro l’ethos umanitario”. Il Medico ha a che fare con un suo simile, con una persona che vive, spera, ama, odia, progetta, esattamente come lui, per cui non tutto ciò con cui il medico entra in contatto è trasferibile in un processo oggettivo della scienza naturale; la malattia per il malato non è un evento naturale fra tanti, ma ha un significato per quella persona ed è fondamentale per colui che la vive, in quel momento, in quell’ambiente, in determinate condizioni psicologiche e sociali. “Un Medico che voglia essere medico di una persona e non soltanto di un organismo, non può non essere consapevole del fatto che la malattia può essere conosciuta, cioè descritta e spiegata secondo i canoni del sapere naturalistico, ma viene anche vissuta, come la vive chi ne è affetto”. Ricordavo che Giovanni Federspil non mi è stato maestro durante gli studi universitari, non mi è stato maestro nel saper fare il medico, ma mi è stato grande maestro, con le sue opere e nei nostri incontri in quel piccolo locale rodigino, con la sua scienza metodologica, umanistica e filosofica nel saper essere medico, in una professione in cui sono coniugate e inscindibili una preparazione scientifica e tecnologica unite ad un’etica e una deontologia che hanno come oggetto del proprio interesse una persona, con tutto il suo vissuto, le sue esperienze, le sue abitudini, in un rapporto che si instaura fra due esistenze nel reciproco rispetto dei valori di ciascuno.

Salute è anche WEB

Salute

>> I consigli dei nostri Medici di Zona su www.lapiazzaweb.it >> Seguici !!!

via Lisbona, 10 · 35127 Padova · tel. 049 8704884 · info@givemotions.it · www.givemotions.it


laPiazza.

Salute

www.lapiazzaweb.it

29

Trapianti record: in Veneto più donazioni che altrove Merito anche di quanti collaborano alla raccolta delle dichiarazioni ddi volontà

P

er la donazione e il trapianto di organi e tessuti, il 2017 è stato un anno record, con indicatori in aumento in tutta Italia rispetto al 2016 ma, in questo quadro, il record dei record è del Veneto, le cui percentuali di crescita sono ben superiori a quelle nazionali, pur positive. Merito di un’organizzazione sanitaria di qualità, di un Centro Regionale Trapianti efficiente, di una stretta collaborazione tra il sistema istituzionale, in particolare Regione e Comuni, e le organizzazioni del volontariato, con l’Associazione Italiana Donatori Organi (Aido) a fare la parte del leone. E’ questo il quadro presentato a Palazzo Balbi dall’Assessore alla Sanità Luca Coletto, dalla Presidente nazionale Flavia Petrin e da quella regionale Bertilla Troietto. Dai dati presentati emergono tre record nazionali per il Veneto. Il primo è stato quello delle donazioni, passate, dal 2016 al 2017, da 146 a 196, con un aumento del 34,2%, a fronte

di una crescita nazionale del 15,8%. Il secondo riguarda I trapianti effettuati, passati da 590 nel 2016 a 646 nel 2017 (più 9,5% rispetto al più 6,8% nazionale). Terzo record veneto, particolarmente significativo, è quello dei dinieghi alla donazione, che in Italia sono calati dal 32,8% del 2016 al 28,5% del 2017, ma in Veneto hanno fatto registrare la percentuale di “no” più bassa in assoluto: il 15,6% nel 2017, contro il 27,3% dell’anno precedente. Con l’aumento delle donazioni e dei trapianti e la diminuzione dei dinieghi, il Veneto è riuscito anche nell’impresa di abbassare le liste d’attesa, scese da 1353 pazienti nel 2016 a 1296 nel 2017, con una diminuzione del 4,3%. “Il Veneto deve essere orgoglioso dei dati raggiunti – ha detto la Presidente Nazionale di Aido Petrin – anche perché in questa Regione la collaborazione istituzionale ha raggiunto livelli eccellenti: Regione e Comuni interagiscono quotidianamente con noi e

hanno fatto sì che Aido sia divenuto parte integrante e ufficiale della filiera. I risultati numerici e percentuali sono eloquenti, e sono determinati proprio dal lavoro di squadra, che parte da molta informazione, passa per la generosità della gente e arriva in un sistema sanitario ben organizzato. Siamo tutti operativi h24 per 365 giorni all’anno”. “Sono orgoglioso di queste due donne – ha esordito Coletto riferendosi alla Petrin e alla Troietto: sono due venete, e comandano sia

a livello nazionale che regionale quella che definirei una corazzata dell’altruismo e del volontariato. Le Istituzioni fanno bene la loro parte. Come Regione mettiamo in campo un’organizzazione capillare e ai massimi livelli scientifici e tecnologici, l’efficienza dei Centri Trapianti di Padova, Verona, Treviso e Vicenza, investimenti continui in tecnologie e professionalità. I Comuni e le Ullss stanno collaborando con sempre maggiore impegno alla raccolta delle dichiarazioni di

volontà. Ma tutto questo non servirebbe a nulla senza il grande cuore dei veneti che, anno dopo anno, aggiornano i loro record di generosità. Quindi, prima di tutto, grazie a tutti i cittadini del Veneto”. Coletto, Petrin e Troietto hanno unanimemente posto l’accento sulla possibilità di fare ancora meglio, lavorando sulla diffusione di conoscenza e cultura della donazione e del trapianto e rafforzando i sistema di raccolta delle volontà. L’adesione alla donazione può essere espressa da anni rivolgendosi all’Aido (anche per via informatica) e alle Ullss, ma sta avendo successo anche il recente Progetto “Una Scelta in Comune”, che Aido ha lanciato in collaborazione con i Comuni per rendere possibile alla gente l’espressione di volontà a donare nel momento del rinnovo della carta d’identità. In Veneto vi hanno già aderito 202 Comuni, che hanno già registrato 83.415 dichiarazioni, delle quali 69.301 favorevoli alla donazione. I Comuni che hanno aderito sono 50 in provincia di Vicenza, 36 a Treviso, 30 a Venezia, 26 a Padova, 24 a Verona, 21 a Belluno e 15 a Rovigo. Proprio in questi giorni, il totale delle dichiarazioni complessivamente raccolte in Veneto ha superato quota 300 mila, arrivando a 300.062.

Centro di specializzazione Analisi Lipidomica regionale per lo studio e la cura eI Omega- 3 allergie e intolleranze alimentari Un premio alla miglior ricerca clinica dell’anno  

l dottor Camillo Aliberti direttore dell’Unità Operativa Complessa di Radiologia dell’Azienda Ospedaliera di he succede? Se lo stanno chiedendo in Padova, nel corso di una molti e la denuncia di qualche cosa che cerimonia tenutasi a LOS non va arriva proprio dal basso. A coglierAngeles nell’ambito del 4° parte la il Consiglio regionale del Veneto che ha Congresso annuale della votato all’unanimità una mozione perché la ’Analisi di Membrana è una scansione no provocare alcune alterazioni nella architettura Society Lipidomica of Interventional “Giunta regionale di si attivi per non depotenDr.ssa Laura Grigoletto, di una piccola quantità di sangue (simile all’analisi membrana compromettendone il buon funzionamento; Radiology (SIR), è stato ziare il centro di specializzazione regionale Consulente in Lipidomica, della glicemia) farmacia ed analizzata dal ecco perche’ il ricambio costituisce per un’importantissima insignito delprelevata premio in qualo studio e la cura delle allergie e delMSc in Dietetica e Nutrizione CNRle (Consiglio Nazionale delle Ricerche di Bologna) risorsa della cellula ed e’ proprio nella membranaalimentari che migliore ricerca clinica le intolleranze costituito presso La lipidomica,nel condell’anno. risultati consultabili in 10 giorni. puo’ esprimersi al meglio. l’azienda ospedaliera di Padova, una delle focus stagionale,puo’ aiutarti nel di esprimere in pieno il loro potenziale cellulare. L’analisi lipidomica consente di stabilire un percorso dimagrimento anche qualora questo risulti resistente Questo di analisi consente di veriDi conseguenza e’ facile capire come Il cibo sia reTale particolare prestigioso tipo ed ameccellenze della sanità veneta’. chiaro, personalizzato ed altamente efficace per puntare ficare in acidi e sia una grossa al regime dietetico. bitola composizione riconoscimento, da grassi della membrana sponsabile della funzionalità cellulare In particolare, la L.R. n. 26 del 26 Dal punto di vista lipidomico infatti,la difficolta’ al al recupero del benessere investendo nella prevenzione. cellulare tempo(chimicamente non attribuito chiamati ad un saturi,monoinsaturi e leva su cui poggiare in caso di inefficienza! L’analisi Linovembre 2004 ha istituito, presso polinsaturi) ogni tipo di tessuto ed in gra- pidomica riesce a determinare lo stato di salute basale dimagrimento si accompagna ad alterazione di alcuni gruppo dispecifica lavoro per italiano, l’Azienda Ospedaliera di Padova, il ‘Centro do di influenzare la capacità arriva a coronare un im-delle cellule di scambiare delle cellule e quindi del nostro organismo permetten- fattori,in particolare all’indice epatico ed all’indice di di Specializzazione Regionale per lo Studio “Fa che il cibo sia sostanze informazioni conche l’esterno. do l’intervento dietetico personalizzato e l’integrazio- infiammazione silente. Nell’approfondimento lipidopegnoe durato 4 anni e la Cura delle Allergie e delle Intolleranze Dr. Camillo Aliberti Direttore Radiologia la tua medicina…” La composizione concorre a deterne adeguata perAzienda ripristinare la funzionalita’ cellulare mico,l’eccesso di peso e’ visto come una situazione di è stato condotto,della oltremembrana che Alimentari’, che in questi anni si è affermato Ospedaliera Padova Ippocrate (460 a.C.) disequilibrio fra grassi saturi (che risultano in eccesso) minare le proprieta’ specifiche il recupero della sua struttura. dal Dr. Camillo Aliberti e del tessuto ed e’ impor- attraverso come polo d’eccellenza della sanità veneta e grassi polinsaturi (chimicamente chiamati omega 3 e tante un Carandina, corretto rapporto fra tipitro, di acidi dalmantenere Dr. Riccardo Radiologo ha dimostrato come l’approccio e italiana. lipidomica,di applicabile contemporaneamente DHA). grassi. La formazione delladal membrana cellulare dipen- per ilLatrattamento Interventista dello IOV, Prof. Umbervincente questa L’Azienda Ospedaliera,Questi tuttavia, sta sono fondamentali per il corretto diversiintegrato comparti del nostro organismo comprende componenti de in dal- cibo che ingeriamo; nutrien- sia aquello to larga Cillo -misura coautore direttore dell’UOC i tipologia sinergico inspiegabilmente depotenziando il Centro, aree diEpato intervento ti, entrando far parte dellaA.O. struttura cellulare, sono ampie Chirurgia a Epatobiliare Padova, e combinato tra Chirurgo Biliare come dimagrimento, fun- funzionamento delle nostre cellule e quindi anche del procurando un grave danno al reparto digestive eded intestinali, cutanee-immunitatessutosiaadiposo. quindi in grado influenzare nonchè dalladisua equipe. e modificare la ecapacità Radiologo zionalia’ con il coinvolgimento il sia alle migliaia di pazienti che confluiscono rie, (epatologo-oncologo). cardiache, stress radicalico ed invecchiamento La presenza di omega 3 e’ fondamentale per limitare delle nostre cellule di rispondere in modo agli clinico Ha riguardato 421 pazienti affettiadeguato supporto da tuttee malessere le Regioni. Lal’aumento mancanza,nelle infatti, dimensioni dell’adipocita,per fluidificastimoli esterni.carcinoma trattati con terada epato I risultati precoce, sono statiefficienza pubblicatisportiva, sulla stanchezza di risorse economiche, di spazi adeguati Zaia etroppo la Giunta ad di operatività adeguati per consentire il re le membrane cellulariPresidente che se risultano rigideregionale Farmacia L’analisi lipidomicaintrarteriose consente di esaminarerivista nel detpie locoregionali epatiche JVIR psicofisico. - Journal of Vascular and Grigoletto personale non permetterà di attuare tutti lei risposte provvedimenti proseguimento dell’attività, mantenendo In alcuni ambiti medicina,ade esempio nei dedicato setto- hanno funzioni alterate,per attivare antin- necessari taglio le tipologie delle parte componenti lipidiche (gli acidi ablazioni e resezioni dei quali tra- Interventional Radiology che hadella avuto - Via Villa, 150 - Bojon di mantenere il livello d’eccellenza del Centro, l’Azienda Ospedaliera di Padova il livello diMaggiore eccellenza, (Ve) nonché a estendere ri dermatologico,neurologico,oculistico e cardiologico,fiammatorie naturali delaffinché nostro organismo. grassi) che concorrono a formare la membranauncellulapiantati. elevatissimo numero di link e citazioCampolongo anche all’immagine stessalipidomica della fornisca al Centro Regionale per lo Studio la cura e il trattamento delle allergie e delle diventa sempre piu’ evidente comenuocendo il riequilibrio della L’analisi e’ in grado di valutare i diversi re e che riflettono scelteladella dieta più e dellaniintegraIl lavoro che levanta casistica da cui l’attribuzione del prestigioso - Tel. 049 5809002 Veneto. la Cura delle Allergie e delle intolleranze alimentari anche ai pazienti membrana cellulare si accompagniRegione a migliori risultati fattori responsabili dellaeresistenza al dimagrimento e di Intolleranze zione individuale. ampia al mondo per un singolo cen- riconoscimento consegnato a Padova. farmaciagrigoletto@gmail.com La Mozione, quindi, impegna il Alimentari fondi,tessuti spazi,inpersonale e spazi adulti. riportarli all’equilibrio,rendendo i nostri grado Particolari condizioni di vita ed ambientali posso- terapeutici.

Un valido strumento per contrastare l’eccesso di peso

L

C


laPiazza.

Salute

30

www.lapiazzaweb.it

Lenti Fachiche per Miopie, Ipermetropie, Astigmatismi I

difetti visivi possono essere leggeri (entro 3 diottrie), medi (da 3 a 8) ed elevati (oltre le 8 diottrie). Per un paziente, da un punto di vista funzionale, anche un difetto leggero quale una miopia di sole 3 diottrie, è fortemente invalidante. La distanza di messa a fuoco è infatti in questo caso limitata a circa 33 cm. In relazione all’entità del difetto, possono essere utilizzate tecniche chirurgiche differenti ed in particolare per difetti leggeri-medi, si può usare un trattamento laser, mentre questo non è indicato se il difetto è elevato in quanto il tessuto da asportare con il laser sarebbe eccessivo ed il processo di guarigione potenzialmente più turbolento. Per eliminare quindi una miopia, per esempio, di 15 diottrie, non potendo effettuare un trattamento laser, possiamo agire inserendo una lente all’interno dell’occhio. Queste lenti sono state utilizzate in diverse foggie e materiali, ma il migliore ed ormai collaudato è un collamero brevettato da una ditta americana. La mia esperienza personale con questi impianti data da oltre 20 anni e le migliorie introdotte in questo lungo periodo hanno visto modificare la forma di queste piccole lenti che, essendo inserite dietro all’iride, sono posizionate davanti al cristallino

(piccola lente dietro la pupilla). Le migliorie di forma hanno permesso al giorno d’oggi di correggere anche ipermetropie ed astigmatismi di grado elevato con una

qualità ottica difficilmente raggiungibile con altre chirurgie. In sintesi, possiamo immaginare che, come una lente a contatto esterna rimane appoggiata sulla

Le migliorie di forma hanno permesso al giorno d’oggi di correggere anche ipermetropie ed astigmatismi di grado elevato con una qualità ottica difficilmente raggiungibile con altre chirurgie

cornea, così una lente fachica (significa che è presente assieme al cristallino naturale) viene appoggiata, all’interno dell’occhio, sul cristallino. Uno dei pregi di questa chirurgia è la reversibilità ossia la possibilità di rimuovere la lente. Se nel corso della vita dovesse manifestarsi per esempio una cataratta o qualunque altra malattia, è possibile rimuovere la protesi ottica in quanto questa con comporta alcuna aderenza con i tessuti oculari. L’intervento si esegue in anestesia locale (una piccola infiltrazione di anestetico sotto alla palpebra addormenta l’occhio) od in anestesia topica (gocce di anestetico che addormentano la superficie). La scelta dell’anestesia è legata alla collaborazione del paziente e può essere decisa anche all’ultimo momento. Si effettua un piccolissimo taglio di 3mm alla periferia

superiore della cornea ed attraverso questo taglio la lente viene iniettata arrotolata su se stessa. Una volta all’interno dell’occhio questa si svolge e viene posizionata al di sotto dell’iride. L’intervento dura mediamente cinque minuti ed il paziente rimane bendato due giorni. Il recupero visivo è veloce e già in seconda giornata la visione è ottima. Abbiamo parlato di difetti miopici ma esiste anche l’astigmatismo e l’ipermetropia. L’astigmatismo (legato alla non sfericità della superficie corneale, simile ad un pallone da rugby invece che sferica) può essere associato alla miopia o all’ipermetropia. L’ipermetropia è il contrario della miopia e qui l’occhio è più corto. Una preoccupazione dei pazienti è la durata di queste lenti. Il materiale è perfettamente biocompatibile e la durata eterna!

Dott. Massimo Camellin Oftalmologo Via Dunant, 10 - Rovigo tel. 0425 411357 mail: segreteria@sekal.it web: www.lasek.it

i nostri servizi

Via Cristoforo Colombo, 16 - 30031 Dolo (VE) Tel. 041 5101021 ORARI: lunedì-sabato 8.00-13.00 / 14.30-19.30 www.farmaciapinzerato.it seguici su facebook: farmaciapinzerato

APERTI TUTTI I SABATI POMERIGGIO

• autoanalisi del sangue • elettrocardiogramma • holter pressorio • holter cardiaco • test intolleranze alimentari • test disbiosi • test helicobacter pylori • test intolleranza lattosio • test stress ossidativo • controllo peso • controllo altezza • controllo pressione arteriosa • fori lobi orecchie • cabina benessere: prova trattamenti cosmetici • noleggio apparecchiature sanitarie e ortopediche • noleggio elettromedicali • pagamento CUP e mensa scolastica


AFFIDEA è un provider sanitario specializzato nella erogazione di indagini diagnostiche e prestazioni specialistiche. NEL VENETO SIAMO A PADOVA, MONSELICE E PIOVE DI SACCO

PADOVA

ISTITUTO DIAGNOSTICO ANTONIANO

POLIAMBULATORIO MORGAGNI

CENTRO DIAGNOSTICO ACCREDITATO SSN

POLIAMBULATORIO SPECIALISTICO PRIVATO

35123 PADOVA - Via Cavazzana, 39/4

35123 PADOVA - Via Cavazzana, 39/2

Tel. 049 663055 info.ida@affidea.it

Tel. 049 8787479 info.morgagni@affidea.it

MONSELICE

INIZIATIVA MEDICA

DELTA MEDICA

CENTRO DIAGNOSTICO ACCREDITATO SSN

POLIAMBULATORIO SPECIALISTICO PRIVATO

35043 MONSELICE (PD) - Via Rialto, 14

35043 MONSELICE (PD) - Via Rialto, 12

Tel. 0429 786666 info.iniziativamedica@affidea.it

Tel. 0429 783000 info.deltamedica@affidea.it

PIOVE DI SACCO

UNI-X MEDICA

UNI-X POLIAMBULATORIO

35028 PIOVE DI SACCO (PD) P.zza G. Dossetti, 1 (Via L. Da Vinci, angolo Via Montagnon)

35028 PIOVE DI SACCO (PD) P.zza G. Dossetti, 1 (Via L. Da Vinci, angolo Via Montagnon)

Tel. 049 9708666 info.unixmedica@affidea.it

Tel. 049 9708688 info.unixpoliambulatorio@affidea.it

CENTRO DIAGNOSTICO ACCREDITATO SSN

POLIAMBULATORIO SPECIALISTICO PRIVATO

www.affidea.it


laPiazza .

www.lapiazzaweb.it

Algeria da mille e una notte di Renato Malaman

L

’Algeria oggi è un buco nero nella mappa del Mediterraneo. Un luogo “non luogo”, che respinge e allo stesso tempo attira. Che mette paura per le evidenti ripercussioni psicologiche causate da recenti fatti di cronaca (sequestri, uccisione di ostaggi) ma che al contempo genera curiosità per effetto della storia straordinaria che ha alle spalle e delle bellezze assolute che può offrire agli occhi dei suoi visitatori. L’Algeria, paese più grande dell’Africa, è oggi tanti paesi in uno, dove viaggiare è indubbiamente complicato (i gruppi sono costantemente scortati – seppur in modo

33

discreto - da un’unità della Polizia, che fa staffetta a ogni confine di provincia) ma dove si possono trovare così tanti spunti di interesse che della “blindatura” ci si dimentica presto. Anche perché i poliziotti al seguito sanno come rendersi gradevoli e rivelarsi alla lunga maestri di ospitalità. Di una cosa ci si accorge subito sbarcando ad Algeri dopo un’ora e mezza di volo da Roma: che la presenza coloniale della Francia, durata ben 132 anni – dal 1830 al 1962 – ha lasciato segni permanenti nell’architettura urbana, nelle abitudini, nella vulgata e in un certo senso anche nei modi di vivere. continua alla pag. seguente


34

laPiazza

www.lapiazzaweb.it

Algeria da mille e una notte

Il più grande paese dell’Africa oggi è visitabile sotto scorta, ma in cambio offre bellezze uniche: città romane perfettamente conservate, oasi con milioni di palme e i villaggi millenari della Pentapoli che ispirarono l’architetto Le Corbuisier di Renato Malaman se g u e dal l a pag. pr ec ed ente

P

artiamo proprio dalla guerra di Indipendenza (1954-62), una ferita aperta e mai rimarginata. Otto anni di sangue che hanno lasciato tracce anche nella coscienza dei francesi per il comportamento poco onorevole tenuto dalle proprie truppe e dai propri governanti nel tentativo, rivelatosi inutile, di reprimere l’anelito di libertà espresso dal popolo algerino. Quegli anni spiegano l’origine di tante tensioni che ancora oggi rendono l’Algeria un paese irrequieto, incerto nel cammino verso una democrazia vera. Diciamo tutto questo in premessa per ribadire però che questo paese è uno dei più belli del Mediterraneo e che comunque merita di essere visitato. Anche chiudendo un occhio sui tanti controlli – per lo più preventivi - a cui si viene sottoposti strada facendo. Tutto sommato utili a garantire la propria sicurezza. L’Algeria era il granaio di Roma. Nell’età imperiale sono sorte città che tuttora lasciano a bocca aperta per la loro bellezza e la ricchezza dei reperti ritrovati. Città di estensioni ragguardevoli con tanto di archi, anfiteatri e terme. L’itinerario classico parte da Costantina, città sorprendente per gli eleganti palazzi e i ponti sospesi su una spettacolare fenditura naturale. L’antipasto di questa romanità solenne d’Algeria lo offre Tiddis sulle pareti di una montagna, dove è riconoscibile persino un bordello dell’epoca. A Setif sono conservati invece alcuni dei mosaici più grandi e più belli mai realizzati nelle regioni dell’Impero, primo fra tutti quello dedicato al Trionfo di Bacco. Nella vicina Djemila, la romana Curculum fondata dall’imperatore Nerva, svettano l’arco di trionfo, l’anfiteatro, le terme e il foro. Ma il sito più clamoroso per fascino e maestosità è Timgad, gioiello archelogico inserito in un contesto naturale di grande bellezza con colline e monti a far da scenario. Una città romana perfettamente conservata con il suo castrum, le mura con le quattro porte, il foro con i templi, le terme, le fontane… Insomma, una piccola Roma in terra africana. Proseguendo verso sud i colpi di scena non mancano. Vedi lo spettacolare canyon dell’Abiod, una gola dove la Resistenza algerina tese molti agguati ai francesi. Il canyon offre la vista del villaggio abbandonato di Ghoufi, le cui abitazioni sono scavate nella roccia. Dopo aver attraversato una zona di biancheggianti saline si raggiunge l’oasi di El Oued, antica capitale del Souf con le sue case bianche e le rose del deserto. Quindi, dopo la grande oasi di Ouargla, Touggourt con le singolari tombe dei re e un’oasi con oltre un milione di palme. Sempre a Touggourt, nella piazza del mercato c’è un monumento che ricorda la prima traversata transahariana. Quella realizzata nel 1922 da André Citroën con un mezzo a ruote e cingoli progettato per l’impresa. Timbouctu venne raggiunta in due settimane! Nella vicina Tamacine c’è un’origi-

La capitale Algeri distesa sulla baia più bella del Mediterraneo schiude oggi i vicoli della sua misteriosa casbah, dove poco più di mezzo secolo fa iniziò la sanguinosa guerra combattuta dal popolo algerino per liberarsi dopo 132 anni dell’occupante francese

NELLA FOTO DI COPERTINA IL MAESTOSO ARCO A TRE FORNICI DI TIMGAD. IN QUESTA PAGINA DALL’ALTO E POI DA SINISTRA: UNA VEDUTA DELLA BAIA DI ALGERI; LA GRANDE MOSCHEA E IL MONUMENTO AI MARTIRI DELLA RESISTENZA SEMPRE NELLA CAPITALE; UNO SCORCIO DI COSTANTINA; DONNA MOZABITA A EL ATTEUF, DATTERI DELLA VARIETÀ DEGLET NOUR; UNA VEDUTA DI GHARDAIA; PANORAMA SULLA CITTÀ ROMANA DI TIMGAD, L’ANFITEATRO DI DJEMILA, ARCO ROMANO A TIDDIS; UNO DEI MOSAICI DI SETIF; LA MOSCHEA DI SIDI BRAHIM A EL ATTEUF E UNA SPETTACOLARE VEDUTA DEL VILLAGGIO DI GHOUFI NEL CANYON DI ABIOD

nale moschea a giustificare la sosta. Meta agognata di questo itinerario verso il centro dell’Algeria è Ghandaia, la biancoceleste capitale della Pentapoli del M’zab, Patrimonio dell’Umanità Unesco la cui oasi sopravvive grazie a un ingegnoso sistema di distribuzione dell’acqua con 270.000 pozzi profondi 60 metri dai quali viene sollevata acqua 24 ore al giorno con l’opera di muli, asini e cammelli. La Pentapoli, abitata da fiere popolazioni berbere sottoposte a un pressante processo di arabizzazione (ecco il motivo di tante tensioni in quest’area), è un piccolo mondo di tradizioni antiche, dove le donne sono avvolte da un telo bianco che lascia scoperto solo un occhio. La visita di Melika, Beni Isguem, Bou Noura e El Atteuf (famosa quest’ultima perché il grande architetto Le Corbuisier vi trasse fonte di ispirazioni per i suoi rivoluzionari principi dell’architettura che rispetta la natura) offrono suggestioni uniche, che da sole valgono il viaggio. Le città della Pentapoli hanno oltre mille anni e furono fondate dagli Ibaditi, un ramo dell’Islam moderato.

Infine Algeri, la leggendaria Algeri con la sua baia considerata la più bella del Mediterraneo e la sua misteriosa casbah dove si combattè la famosa battaglia di Algeri, che porto all’indipendenza del paese e che il regista Gillo Pontecorvo raccontò in un memorabile film del 1966. Algeri che oggi conserva anche parte del suo fascino francese, soprattutto nella parte bassa che si snoda sul lungomare. Il monumento che celebra l’indipendenza ospita un museo che va assolutamente visitato per capire di più della storia recente di questo paese straordinario di 40 milioni di abitanti ancora in cerca di un suo equilibrio politico. I viaggiatori più arditi, poi, non manchino l’escursione nel profondo sud, ovvero nel deserto dell’Hoggar Tassili che offre i paesaggi più emozionanti del Sahara. L’Algeria, va ribadito, è un paese che non può mancare nel taccuino dei ricordi di ogni viaggiatore avventuroso ed esperto. Troppo importante per capire quel variegato mosaico che è l’Africa mediterranea.


www.lapiazzaweb.it

a

Tavola

35

Proposte per una cucina biologica, integrale, vegetariana, in sintonia con la natura Farro ai bruscandoli

Spiedini di verdure al curry

Dessert di fragole

Ingredienti: 200 g di farro - acqua - sale - 2 cipolle - 2 foglie di alloro - peperoncino - 300 g di bruscandoli - 2 spicchi d’aglio - 1 pizzico di prezzemolo tritato - olio q. b.

Ingredienti: 2 carote - ½ finocchio - 4 ravanelli - 2 coste di sedano - 10 cm. di radice di daikon o sedano rapa - 4 foglie di lattuga - 1 pizzico di curry - ½ limone - 1 punta di cucchiaino di senape - olio e sale q. b.

Ingredienti: 800 g di fragole - 4 c di jogurt - 1 c di miele - 1 c di vaniglia - 200 g di mandorle tritate - il succo di un limone - 100 g di biscotti sbriciolati - 4 foglie di menta.

Carmen Bellin Educatore Alimentare dell’Associazione Culturale La Biolca di Padova: tiene corsi e conferenze su alimentazione e cucina, collabora al mensile Biolcalenda, ha pubblicato Metti una sera a cena libro di ricette e consigli utili per una cucina in armonia con i ritmi della natura. LA BIOLCA · www.labiolca.it info@labiolca.it · tel. 049 9101155

Note

Preparazione: cuocere il farro (come da ricetta base) con le foglie di alloro e la cipolla tritata. A fine cottura lasciare riposare almeno 10 minuti, condire con i bruscandoli precedentemente passati in padella con l’aglio e la cipolla. Amalgamare bene, unire il prezzemolo tritato e l’olio crudo.

Preparazione: pulire e tagliare a dadini di circa 1 cm. tutte le verdure, avendo cura di condire ogni tipo in una apposita ciotola. Prendere i bastoncini e infilare i vari tipi di verdura alternando i colori. Quindi servirli sulla foglia di lattuga.

Preparazione: passare al frullatore le fragole, il miele, la vaniglia, il succo di limone e le mandorle tritate. Unire alla crema ottenuta lo jogurt, amalgamare dolcemente. Con i biscotti rivestire le coppette passate precedentemente con il miele. Riempire le coppette e decorare con le foglie di menta. Tenere in frigorifero.

La quantità degli ingredienti si riferisce a un menù tipo per 4 persone. Abbreviazioni usate: C = cucchiaio · c = cucchiaino g = grammo · kg = chilogrammo L = litro · dl = decilitro olio (quando non è specificato altro) = olio extra vergine di oliva q.b. = quanto basta.

Pizzeria · Piadine · Panini caldi

041 55 40 550 V.le Padova, 1 • Sottomarina di Chioggia (Ve) • ANCHE SU PRENOTAZIONE www.pizzeriadaleo.it • Pizzeria Da Leo


Oroscopo

36

l’

Ariete Se il destino non vi porta quello che sperate, iniziate a pensare di andarvelo a prendere. Coraggio!

Toro Potreste avvertire un sottofondo di tristezza per qualcosa che non va come desideravate. Siate positivi

Aprile L’energia ritrova la via per cambiare prodigiosamente il corso di molti eventi. La luce rinnoverà corpo e mente

www.lapiazzaweb.it

Bilancia Per voi tanto affetto, ma anche tanti desideri di conquista: alcuni li appagherete; altri li lascerete sfumare

Scorpione Non mancheranno le polemiche e rischierete di essere sin troppo aggressivi. Pensate due volte prima di agire

Gemelli

Sagittario

Avete bisogno di stare in compagnia: conoscere gente, andare in giro, scoprire nuovi posti e nuovi interessi

Concedetevi qualche momento in più di divertimento o di relax. Le preoccupazioni diventeranno meno pressanti

Cancro

Capricorno

Il mese favorirà il cuore e i progetti familiari o legati alla sfera sociale che vi stanno più a cuore

E’ in atto un grande cambiamento che vi porterà alti e bassi. Dedicatevi tempo e coccole, un viaggio

Leone

Acquario

Mese difficile per i rapporti personali. Fate attenzione a non offendere nessuno e moderate le esternazioni

Gli affetti dovranno fare i conti con ostacoli e insoddisfazioni. Affrontate quanto vi turba con razionalità

Vergine

Pesci

Periodo ricco di buoni propositi e anche di cambiamenti. Concentratevi e attenti al cuore

Pazienza al limite, mettete i puntini sulle i e fate valere le vostre ragioni o sicuramente subirete dei torti


Specialisti del mobile contemporaneo

SAMBRUSON DI DOLO (VE) Via Stradona, 18 Tel. 041 5100039 | info@curiotto.it www.curiotto.it


VENDITE E AFFITTI

PER INFORMAZIONI CONTATTATECI I

M

M

O

B

I

L

I

A

R

Vuoi Vendere o Affittare la Tua Casa? Contattaci Subito al numero

049 89 35 288

ALLO 0498935192

E

LE PROPOSTE IN VENDITA di PONTECASE Srl

PONTE DI BRENTA VILLATORA

PADOVAPERAROLO - MORTISE

DI BRENTA SAONARA PONTE - VILLATORA

PADOVAVIGONZA - TORRE

Prezzo: € 160.000€ 120.000 Prezzo:Prezzo: € 95.000 Prezzo: € 85.000 Mq: 130 mq 85 Mq: Mq: mq Mq: 52 mq 95 mq 2 Camere: Camere: Camere: 2 Camere: 2 1 Bagni: 2 Bagni: Bagni: 2 Bagni: 1 1 Porzione di bifam. ristrutt. con l’arredo della cucina In palazzina di dodici unità, su tranquillo contesto resiL' immobile composto ingresso,zona Delizioso mini appartamento al piano e camere comprese, con risc. aèpav. e caldaia di: a condenziale, app.to al 3° ed ultimo piano con 2 lati di espocucina arredata,con terra,conda ingresso ingresso, soggiorno densazione, duegiorno bagni ficon nestrati. La casa è composta un bagno sizione, composto con soggiorno ampio angolo e da pianerottolofinestrato indip., ingresso, sogg. ampio, cucina con box doccia e uno cieco. cottura, matrimoniale, cucina abitabile, due camera camere di cui una matri., bagnobagno, separata, due camere matr., due bagni fi nestrati, All'esterno si accede ad uno splendido garage splendido scoperto privato, con doccia, terrazzoeavvolgente e panoramico, garage. sala caldaia/ripostiglio, 3 poggioli, terrazza coperta, Ampio e giardino verde giardino condominiale piantumato. scoperto con doppio garage. e con portico coperto. posto auto e soffi tta da 100mq.

Prezzo: € 380.000 Prezzo: € 150.000 € 160.000 Prezzo: € 115.000 150 Prezzo: Mq: mq Mq: 100 mq Mq: 300 mq 2 Mq: 90 mq Camere: 3 Camere: Camere: 3+ 2 Camere: Bagni: 2 3 Bagni: Bagni: 2 Bagni: 2 Villetta singola contesto composto zona living e cucina separata Vendesi nuda proprietàda di casa singola disposta su due In contesto curato e tranquillo, app.toina piano terra di residence recintato, proponiamo su prenotazione bagno finestrato con boxdadoccia piani conabitabile, due ingr. separati, composta al primo piano . L’immobile è composto di: ingr., zona giorno con 4 camereed da letto, tinello, bagno, sogg.,finestrato cucina e salotto cucina arredata,con un bagnosingole finestr. conpersonalizzabili box doccia e abitazioni nelle un secondo bagno con vasca di quasi 35mq, il piano inferiore con una ampia taverna uno cieco. Zonafiniture notte: camera matr.ampio e camera singola. di circa 500 e ripostiglio, camera matrimoniale e con un giardino con caminetto, bagno e lavand., cantina e garage doppio. All’esterno si accede ad uno splendido scoperto di circa metri quadrati. camera; tre poggioli; garage doppio. L’esterno è circondato da un ampio giardino. 120mq e con doppio garage con cancello automatico.

PADOVA - ARCELLA MORTISE

Prezzo: Prezzo: Mq: Mq: Camere: Camere: Bagni: Bagni:

€ € 140.000 87.000 100mq mq 105 22 11 InProponiamo zona residenziale e appartamento servita, si vende appar-con tamento al piano rialzato ristrutturato con aria centralizzato con conta al terzoè condizionata e doppia finestra.calorie L’appartamento piano esposto due lati e due cucina ampi composto di: ampiosu ingresso, soggiorno, poggioliripostiglio, con vistadue panoramica aperta sulla abitabile, camere matrimoniali, bagno rifatto e garage fuori terra. città e all'interno del parco condominiale.

PONTE- DI BRENTA PADOVA VIA TRIESTE € 80.000

Prezzo: Prezzo: Mq: Mq: Camere: Camere: Bagni: Bagni:

€ 215.000 90 mq 120 mq 2 12 2

Appartamento disposto soggiorno su due di piani App.to composto da ingr.ampio, quasi e due dicomposto: 30mq e cucina ingresso, abitabile. Nelsoggiorno disimpegno un, ripocamere, un bagno e due terrazzi, taverna stiglio, camera doppia, camera matrimoniale di c.a. con uscita nel giardino, garage. 18mq, due bagni di cui uno finestrato, due poggioli e Riscaldamento autonomo. garage con altezza di quasi 4m.

VIGONZA BUSA- CAPRICCIO

PADOVA - TORRE SAN LAZZARO

Prezzo: € 135.000 Prezzo: € 90.000 Prezzo: Prezzo: € 149.000 € 100.000 mq Mq:Mq: 150 mq85Mq: 120 mq Mq: 220 mq Camere: 3 Camere: 3 Camere: 2 Camere: 3 Bagni: 2 Bagni: 2 Bagni: 1 Bagni: 2 Vendesi porzione di bifam. terra cielo con possibilità di App.to in vendita in contesto di recente costruzione molto Appartamento situato a Busa, dotato di L’appartamento è composto da: ingresso, luminoso: esposizione sud/ovest. L’immobile è mantenuto scegliere la parte del piano terra: ufficio con magazzino ingresso ampio con con soggiorno di 35mq, cucina, ripostiglio, tre Alcamere in perfette condizioni, tinte di marmorino interne esoggiorno,100mq oppure 70mq garage. primo piano la casa cucina abitabile, disimpegno, camere due bagni, due poggioli e soggiorno, garage con finiture da extra capitolato. L’esterno3viene lasciatoecome è composto di: ingresso, cucina, 3 camere, bagno e wc didi gazebo servizio condi legno. possibilitàbagno di acquisto di un altro garage di ingresso si vedefinestrato dalle foto comprensivo e e casa e poggiolo. Al secondo piano con Idealegarage per chi cerca un app.to con ampio scoperto. 23mq. separato, ampia mansarda di circa 70mq al grezzo. doccia, 21mq.

NOVENTA PADOVANA PADOVA - MORTISE

MORTISE DI VIGONZA PERAGA

Prezzo: Prezzo: Mq: Mq: Camere: Camere: Bagni: Bagni:

€ 168.000 Prezzo: € 98.000 € 80.000 Prezzo: 120 mq Mq: 105 mq € 55.000 90 mq 85 mq 3 Camere: Mq: 2 2 Camere: 2 2 Bagni: 1 1 Bagni: 1 Appartamento duplex a contesto Noventa L'appartamento è composto ingresso Appartamento al pianodiprimo senzacon spese di condoIn palazzina recintata, su tranquillo residenPadovana in contesto recente, composto cucina, matrimoniali, minio condue box camere al piano terra. L’immobile è composto ziale, appartamento al terzo ed ultimo piano con soggiorno 2 lati di:bagno ampio ingresso, soggiorno, cucina, Bagno, due da ingresso, soggiorno luminoso, due poggioli e garage al di esposizione compostoampio da ingr.econ sogg. ampioripostiglio, e camere e terrazzo. Disponibile da fichi ne 2017. cucina abitabile, tre due camere di cui unabagni, matr., bagno cucina separata, camere, due piano terra. Posizionamento ideale per si Ideale per investimento oppure per chi ha un budget limitato e con doccia, terrazzo avvolgente e panoramico, garage. quattro poggioli, garage doppio. muove nel centro città. non vuole rinunciare ad ampi spazi abitativi. Ampio e verde giar.condominiale piantumato.

LE PROPOSTE IN VENDITA di PONTECASE Srl PONTE DI BRENTA

Prezzo: Mq:

€ 80.000 60 mq

FIESSO D’ARTICO

Prezzo: Mq: Camere: Bagni:

€ 35.000 100 mq 1 1

Ponte di Brenta vendesi mura più affitto di PERAROLO SAN LAZZARO bar avviato a 900,00€ al mese, in fronte strada Piccola porzione Prezzo: composta da ingresso € 100.000 principale con Prezzo: parcheggio, completamente a € 60.000 nuovo con attrezzature. Ideale per investimento 115 mq Mq: Mq: grande camera matrimoniale soggiorno 65 mq a reddito oppure per chi vorrebbe intraprendere Camere: 3 Camere: 3 un’attività autonomamente. Il quartiere di Ponte Bagni: 1 separata Bagni: antibagno e bagno. Libera 2 cucina di Brenta confina con Noventa Padovana, Busa di Vigonza, il quartiere dièMortise, Torre, San Lazzaro. da subito necessita di qualche La casa composta al piano terra da ingresso, Appartamento Duplexintervento. composto da soggiorno, cucina e stanza. Al piano superiore troviamo disimpegno, due camere a scalare, ripostiglio e bagno finestrato. Esternamente l'immobile ha il giardino frontale.

soggiorno,cucina separata e studio, zona notte con due camere da letto doppi servizi ,terrazzo e garage. Impianto di climatizzazione e riscaldamento autonomo.

PONTE DI BRENTA

PADOVA - TORRE

Prezzo: Mq: Camere: Bagni:

€ 88.000 Prezzo: € 170.000 120 mq Mq: 90 mq 3 Camere: 2 1 SAN LAZZARO1 Bagni: NOVENTA PADOVANA Prezzo: Prezzo: € 250.000 Vendesi appartamento luminoso con vista parco, secondo€ 119.000 Zona torre proponiamo porzione di bifamiliare Mq: 130 completamente mq Mq: ristrutturata di recente composta 230 mq piano in condominio di 6 unità con ascensore, composta Camere: 3 camere Camere: 4 da due matrimoniali, bagno con velux, da: ingr., cucina, tre camere matrimoniali, bagno, ripostiBagni: 1 Bagni: 2 soggiorno con angolo cottura e giardino privato glio e piccolo terrazzo, doppie finestre e garage doppio di di 80 mq. Poco lontano dai servizi e dall’autobus 30mq. Riscaldamento autonomo e parabola centralizzata. di linea 22. Porzione di bifamiliare con ampio scoperto Villa singola su due livelli composta da:

tare la Tua Casa? to al numero

35 288

VENDI E COMPRA CASA CON NOI, AVRAI UNO SCONTO DEL 15%

DI IMMOBILI COMMERCIALI E RESIDENZIALI

privato in centro quartiere. L'abitazione si sviluppa tutta al piano secondo e ultimo e presenta in buono stato di conservazione vista la vetustà ed è dotata di ampio giardino .

ingresso, soggiorno separato dalla cucina, quattro camere matrimoniali, due camere singole, due bagni, soffitta e terreno di proprietà oltre i 200 mq.

CERCHIAMO DUE COLLABORATORI DA OFFRIAMO VARIE TIPOLOGIE DI INSERIRE NELLA FILIALE DI PADOVA

SERVIZI FINANZIAMENTI

I PREGA DI INVIAREE IL CURRICULUM ALL’INDIRIZZO

PONTECASESRL@GMAIL.COM

PADOVA - MORTISE

BRONZOLA DI CAMPODARSEGO

Prezzo: € 190.000 Mq: 270 mq Camere: 3+ Bagni: 2 PERAROLO Prezzo: € 649.000 Zona Bronzola di Campodarsego. Villa singola degli anni 80’ con possibilità di ampliamento. Il lotto Mq: 322è dimq circa 1000mq, soluzione indipendente con possibilità Camere: 3+di avere due appartamenti comunicanti ma con ingressi2 Bagni: separati. Ideale per due nuclei familiari o per famiglie numerose. Casa singola situata in un contesto residenziale molto curato e tranquillo e di nicchia in strada chiusa circondata da case singole. Si tratta di una costruzione con due piani fuori terra ed un piano interrato.

NOVENTA PADOVANA

Prezzo: € 154.000 Mq: 120 mq Camere: 3 Bagni: ARQUÀ PETRARCA 2 Prezzo: € 140.000 Appartamento duplex a Noventa Padova in conMq: 85 mq testo recente, composto da ingresso, soggiorno Camere: 1 Bagni: 1 ampio e luminoso, cucina separata, tre camere, Nelbagni, notoquattro borgopoggioli, trecentesco, due garageproponiamo doppio.

pregevole bilocale con ingresso indipendente soggiorno con vista aperta sulla cucina e sulla parte soppalcata, camera matrimoniale a piano con bagno, e pregevole scoperto.

Prezzo: Mq:

€ 90.000 100 mq

CAMPODARSEGO

Prezzo: Mq:

€ 135.000 4.465 mq

Zona di Mortise, negozio fronte strada compleTerreno di 4465mq con possibilità di edificare tamente ristrutturato a nuovo con parcheggio di PONTE DI BRENTA SAN LAZZARO 2233mc di cui fino ad un massimo di 600mc fronte, nella strada principale€di 115.000 forte passaggio Prezzo: Prezzo: per un’abitazione. Il terreno € 172.000 si trova ad un veicolare e pedonale. Per visionarla o per avere Mq: 150 mq Mq: 100 emq km dal centro di Reschigliano a 500m dalla ulteriori informazioni siamo a vostra completa Camere: 4 Camere: statale del Santo. Ideale per chi sta 3 cercando disposizione, ricordando che la nostra sede Bagni: 2 Bagni: la possibilità di edificare la propria 2 attività con “Pontecase immobiliare” è a Padova in via San abitazione adiacente. Marco 135. Proponiamo Bifamiliare in centro quartiere, completamente da ristrutturare con possibilità di realizzare massimo tre appartamenti. Scoperto esclusivo di 180 mtq.

Appartamento Duplex : soggiorno con poggiolo, cucina separata, camera, bagno finestrato e ripostiglio. Al piano mansardato: stanza matrimoniale, camera con velux e bagno finestrato. Al piano interrato garage.

PERAGA DI VIGONZA

VIGONZA

Prezzo: € 119.000 Prezzo: € 300.000 Mq: 150 mq Mq: 300 mq Camere: 3+ Camere: 3 Bagni:CADONEGHE 2 Bagni:TORRE 3 Prezzo: 29.000 Prezzo: € 130.000 Appartamento al piano primo€completamente Proponiamo abitazione colonica ristrutturata e persoMq:ristrutturato recentemente, senza45 mqdi Mq: 80 mq spese nalizzata circa 20 anni fa con ampio parco. L’abitazione Camere: Camere: è di 300 mq ed è disposta su due livelli.2 condominio. L’immobile è composto di:3ingresso Bagni: 3 Bagni: L’intervento ha previsto il recupero statico 2 e architettoSoggiorno, Cucina abitabile, quattro camere due bagni e garage ampio. Ideale per famiglie nico, un’operazione di rilievo, sia per la qualità tecnoloProponiamo bilocale da: soggiorno si interventi, presentache recente, molto formale finale. numerose oppurecomposto per chi ama gli ampi spazi.L’appartamento gica degli per la soluzione con angolo cottura, camera matrimoniale, lavanderia e bagno finestrato con scoperto di 20mq.

Tel. 049 89 35 288

ordinato e completamente arredato. La posizione è perfetta per chi lavora in zona industriale, all'università vista la vicinanza delle facoltà e all'Ospedale civile.

Fax 049 89 35 192 Pontecase s.r.l. Email: pontecasesrl@gmail.com via san marco, 135 35129 Ponte di brenta (PD) www.pontecaseimmobiliare.it P.iva 04285310282

LE PROPOSTE IN VENDITA di PONTECASE Srl

SIAMO CONVENZIONATI

S

Riviera del brenta apr2018 n53  

Riviera del brenta apr2018 n53

Riviera del brenta apr2018 n53  

Riviera del brenta apr2018 n53

Advertisement