Page 1

di Padova Ovest

Periodico d’informazione locale. Anno XX n. 126 - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (convertito in Legge 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, NE/PD

Rubano Fiori e lumini, si aquisteranno in cimitero

pag.

Limena Il gruppo “Il Ponte” critica il Pat

8

pag.

www.lapiazzaweb.it

Villafranca I cittadini devolvono il 5 per mille al Comune

12

pag.

14

EDITORIALE

parco etnografico, convegno sugli animali

Il Vajont non ci ha insegnato nulla di germana urbani

Il rapporto che si instaura tra uomo e animali è profondo e spesso duraturo, almeno: è difficile che si spezzi a causa degli amici a quattro zampe. Si tratta di amicizia? Di sottomissione o soggezione? Gli animali instaurano legami particolari con gli uomini pag. 8

Vigodarzere, ex Grosoli finalmente l’accordo

Atteso lungamente e dopo un iter particolarmente complesso, finalmente l’accordo per la sistemazione e la riqualificazione dell’area Grosoli e del conparto circostante chiamato PL4 è arrivato. Presto l’avvio dei lavori per il recupero dell’area degradata pag. 16 10%

40% 60%

50%

30%

50%

50% 30%

20%

40% 20%

10%

60%

30%

20% 10%

COUPON del risparmio

Cogli le migliori offerte della tua zona!

R

Rubano, apre lo “Sportello Donna” Un servizio per dare risposta a problematiche legate a forme di violenza

A

ttivato a Rubano lo “Sportello Donna Oggi in Rete” presso la Casa delle Associazioni di Via Palù. “Il fenomeno della violenza nei confronti delle donne in ogni sua forma rappresenta un tema di particolare gravità – dice il sindaco Ottorino Gottardo - un fenomeno che è presente in dimensioni enormi e che ancora oggi è in gran parte sommerso. Un problema che investe le sfere culturali, sociali, psicologiche, relazionali e che manifesta nell’ultimo periodo una preoccupante tendenza in aumento, come dimostrano le

continue notizie su fatti delittuosi fornite dalla stampa locale e nazionale”. L’amministrazione comunale, con l’intento di dare una risposta concreta a questa problematica ed in linea con il recente decreto legge su disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere, ha avviato una collaborazione con l’associazione progetto Donna Oggi di Padova per l’apertura di uno sportello dedicato alle donne. Lo sportello intende occuparsi delle problematiche delle donne e dei loro nuclei familiari, con particolare attenzione

alle situazioni di disagio personale e violenza intra familiare, problematiche complesse che rimangono spesso sconosciute ai servizi pubblici: secondo i dati Istat, infatti, una donna su tre nel corso della vita ha subito almeno un episodio di violenza ma ben il 93% di esse non lo denuncia. Solo a Padova nel 2012 sono state accolte dall’associazione progetto Donna Oggi 300 donne portatrici di disagio personale, vittime di violenza e grave conflitto relazionale. pag. 6

L’Intervento

Nel patto sindaci-imprese il futuro da costruire di Marco Pavin*

“P

rossimità attiva”, questa la proposta del presidente dell’Upa Roberto boschetto, tra chi amministra e chi produce. Un nuovo patto, intendo, che sia fondato non sulla logica dello scambio (di consenso, di interessi), ma sulla trasparente “coalizione”... *Presidente Confindustria Padova

continua a pag.

8

idimensionare, conservare, restaurare, coltivare, redistribuire. A volte bastano poche parole, una presa di posizione netta e, forse, tutto può cambiare, svoltare. Anche il destino di una sola persona o di intere comunità. Così sarebbe stato per Longarone 50 anni fa se l’interesse di pochi sulla diga e i profitti che avrebbe prodotto, non avesse prevalso criminosamente sull’interesse di molta povera gente. Guardando al Veneto di oggi e ripensando al disastro del Vajont vien da dire che non abbiamo imparato niente. Con l’autunno arriveranno le piogge. Una volta erano una benedizione, oggi le scongiuriamo come un nuovo flagello. Le esondazioni frequenti, gli allagamenti improvvisi che paralizzano le nostre città ci hanno insegnato a temerle ma soprattutto hanno reso evidente che la rete idrica e la terra, che ancora respira libera dal cemento, non bastano più ad assorbire l’acqua che cade dal cielo. Eppure chi ha il potere di farlo continua a progettare strade, nuovi quartieri, grandi ospedali. Nemmeno la crisi segna una battuta d’arresto in questa corsa al cemento. Non ci sono più soldi per nulla eppure sulle grandi opere non si torna indietro. continua a pag.

3

VIVAI

BARENDI P.A. MORENO

Progettazione e Realizzazione giardini, parchi, terrazzi Realizzazione impianti d’Irrigazione Potature ad alto fusto Punto vendita piante da esterno e interno Presso Giardino di Peter in via 2 Giugno - Campagna Lupia PREVENTIVI E SOPRALUOGHI GRATUITI

Tel. 348 6046422 - Fax 041 462811 info@vivaibarendi.com - www.vivaibarendi.com

ENTRA IN RETE CON NOI! Troverai il nostro giornale prima che venga distribuito con nuove news che riguardano il tuo territorio


la corte di

un nuovo complesso residenziale direttamente sulla laguna di Chioggia

Vigo www.lacortedivigo.it

APPARTAMENTI A PARTIRE DA €. 120.000

Immobiliare Abitare Viale Umbria, 32 SOTTOMARINA

041 4965797

www.immobiliareabitare.com info@ immobiliareabitare.com

Viale M. Polo (fronte PAM) SOTTOMARINA

041 4966614

www.spaziocasachioggia.it

calle

Croce

La palazzina è posta sulla calle che collega la riva a piazzetta Vigo e quindi a pochi passi dal Corse del Popolo. Ci sono a disposizione sei appartamenti abbinabili ai comodi garage.

Santa

vista

San.

L’ edificio è posto sulla punta estrema dove il canale San Domenico s’ immette sulla laguna. E’ formato da dieci appartamenti ai quali si possono abbinare il garage e il posto barca.

Domenico

CONTATTI

possibilità di avere garage e posto barca direttamente sotto casa.

vista

Laguna

AL La palazzina è un elegante O N I F punto di riferimento per SOLO E chi proviene dal mare OBR T T O 1 3 SA e costeggia Chioggia E P S A N fino alla piazzetta Vigo. NESSU E’ composta da otto ZIA N E G A I D appartamenti con la


EDITORIALE

segue da pag.

Il Vajont non ci ha insegnato nulla

Cintura urbana Padova

dopo 25 anni apre la bretella di abano

Aaperta al traffico dopo una lunga e snervante attesala bretella tra la strada regionale 47 “di Altichiero”, la tangenziale ovest di Padova, e la strada provinciale 2 “Romana aponense”, vale a dire la “direttissima per Abano”. “Dopo circa 25 anni, finalmente sarà in funzione un’opera strategica per la città” ha dichiarato soddisfatto il vicesindaco reggente Ivo Rossi. “L’opera ha subito un iter lunghissimo sia sotto il profilo progettuale sia per i finanziamenti. Finalmente il quartiere della Mandria sarà liberato dalla soffocante morsa del traffico, specie quello pesante, che oltre ad inquinare ha sempre rappresentato un elemento di pericolo”.

1

E ancora una volta ci si deve chiedere a vantaggio di chi vadano queste scelte. L’inchiesta che vede coinvolti gli ingegneri veneti Baita e Mazzacurati la dice lunga in merito, ma è solo la punta di un iceberg. Basta seguire la cronaca per cogliere come attorno ai grandi progetti veneti vi siano molte falle di trasparenza e di legalità e conflitti di interessi in atto, senza contare il rischio ormai documentato di infiltrazioni mafiose. Contro la speculazione che cancella il territorio agricolo e intere comunità si alza sempre più spesso la voce di comitati territoriali in difesa dell’ambiente. Persone informate che chiedono di prendere parte con meccanismi democratici alle decisioni per lo sviluppo del territorio. Che chiedono un’inversione di tendenza perchè, soprattutto oggi, il tema delle grandi opere rischia di essere per la nostra Regione un nodo cruciale. Il Veneto ha un triste primato dal punto di vista ambientale: è la regione più cementificata d’Italia. Il consumo di suolo agrario è passato dai 72 milioni di mq all’anno negli anni Ottanta ai 182 milioni mq all’anno dal 2000 in poi. Un consumo di suolo pari a 38 ettari al giorno tra il 2000 e 2010. Inoltre, a fronte di un incremento della popolazione di 429.274 abitanti, sono state costruite 367.354 nuove abitazioni per una popolazione di un milione di abitanti. Occorre chiedersi davvero se continuare a costruire e a cementificare sia davvero la via giusta per la garantire ripresa economica e benessere ai veneti. Credo che a 50 anni dalla tragedia del Vajont la risposta debba essere un’altra e che si componga proprio di quelle poche parole che Don Albino Bizzotto ha consegnato al Consiglio regionale veneto invitando la politica al programmare nuove forme di sviluppo sostenibile. Il prete padovano è stato protagonista ad agosto di un lungo digiuno in nome dell’ambiente e quando è stato invitato ad intervenire a palazzo Ferro-Fini ha messo uno in fila all’altro i numeri che lo preoccupano, quelli sul consumo di suolo, sulla necessità di salvaguardare l’agricoltura, il fabbisogno alimentare e la terra in generale. Ridimensionare, conservare, restaurare, coltivare, redistribuire. di Germana Urbani

Lutto

Condoglianze al nostro direttore Mauro Gambin che ha perso la mamma, mancata prematuramente lo scorso settembre. L’editore, tutta la redazione, l’amministrazione, la grafica e l’area vendita di Give Emotions sono vicini a Mauro in questo momento di lutto e di grande dolore.

Telefono amico di Padova cerca nuovi volontari e apre le iscrizioni per l’anno 2014 alle selezioni per il corso di formazione “Nuovi volontari”. Il corso dura quattro mesi a partire da ottobre con frequenza settimanale. Il corso è gratuito e ha l’obiettivo di sensibilizzare i partecipanti rispetto ai temi dell’ascolto e della comunicazione e aiutarli a potenziare capacità e metodologie utili per la gestione di relazioni d’aiuto al Telefono Amico. Per maggiorhi informazioni chiamare 348-4936804 o inviare una mail a tacorsonuovi@libero.it.

citta’ metropolitana un passo avanti

donne eccellenti premiate alle terme

le nostre condoglianze a mauro

telefono amico cerca volontari

Incontro sindaci e ministro

Iniziativa delle Albergatrici

Donne eccellenti, anche quest’anno le albergatrici di Abano e Montegrotto Terme hanno assegnato il premio. Fra loro Silvana Fallisi per la categoria Cinema. A seguire l’arte per la maestra di tessitura del bisso marino, Chiara Vigo. Daniela Zuccoli Bongiorno, impossibilitata a raggiungere la manifestazione, è stata però egregiamente sostituita dal figlio Nicolò. A Ornella Vanoni ha il Premio Donne Eccellenti come Donna delle Terme. Per la ricerca premiata la dottoressa veneziana Marina Cavazzana, per il giornalismo Alessandra Viero.

Selezioni per il nuovo corso

Padova Ovest Rubano

grandi opere

Concorso d’idee per il centro, c’è il vincitore pag.

Limena

6

Differenziata, nella zona Etra raggiunto il 75,6%

Villafranca

Provincia

pag.

11

Sauna in classe, riscaldamento acceso a settembre pag. 14

Regione In primo piano

Seconda linea del tram di Padova, via libera da Roma pag. 18

ambiente

Biciclette elettriche, un nuvo gruppo di acquisto per la loro diffusione pag. 19

il personaggio

Rock declinato in dialetto veneto per gli “Abusivi” pag.

22

A Monselice in ottobre

Gioco d’azzardo: una patologia e un mercato per le mafie pagg. 26-27

società

Donne eccellenti, anche in tempo di crisi

territorio

pag.

“È stato un incontro molto positivo. Credo che si sia fatto un passo avanti nel definire il percorso della Città metropolitana così come padova l’ha delineato insieme a Venezia e Treviso” ha detto il vicesindaco reggente Ivo Rossi al termine dell’incontro con il Ministro per gli Affari regionali e le autonomie locali Graziano Delrio, presente anche il sindaco di Treviso Giovanni Manildo.

28

La pioggia risveglia gli spettri dell’alluvione pag. 30

corsi di dizione e uso della voce

Il Centro Studi per l’Etnodramma di Monselice organizza corsi di dizione e uso della voce finalizzati alla presa di coscienza della voce, all’espressione in pubblico, all’eliminazione delle cadenze dialettali. Il corso parte da zero affrontando l’uso della voce in tutti i suoi aspetti: respirazione, articolazione, dizione. Il programma comprenderà una parte teorica nella quale si porrà l’attenzione sugli accenti, i simboli fonetici e le regole generali e particolari. Le lezioni si terranno a Monselice (vicino alla stazione ferroviaria). Per informazioni: 328 6672328, info@etnodramma.it.

È un periodico formato da 14 edizioni locali mensilmente recapitato a oltre 250.000 famiglie del Veneto.

è un marchio registrato di proprietà di

Srl

DIREZIONE - AMMINISTRAZIONE e

Concessionaria

di

Pubblicità Locale

Padova, via Svezia 9 Tel. 049 8704884 - Fax 049 6988054 numero verde 800 465040 direttore@lapiazzaweb.it Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

Questa edizione raggiunge le zone di Limena, Rubano, Villafranca per un numero complessivo di 12.500 copie. Iscrizione testata al Tribunale di Venezia n. 1142 del 12.04.1994; numero iscrizione ROC 22120

Venezia Padova Rovigo Treviso

Periodico fondato nel 1994 da Giuseppe Bergantin

REDAZIONE:

Direttore responsabile

Mauro Gambin direttore@lapiazzaweb.it Ornella Jovane o.jovane@lapiazzaweb.it Chiuso in redazione il 27 settembre 2013 Centro Stampa: Rotopress International Loreto, via breccia (An)

Clicca su Scarica giornali, scegli l’edizione che ti interessa e sfogliala con

La Piazza la leggi anche sul web aggiornata con le ultime news!

www.lapiazzaweb.it


4 Argomento del mese IMPOSTE Nel 2013 la pressione fiscale raggiungerà il 44,2% del Pil. Un record mai toccato in passato, ben 12,8 punti percentuali in più rispetto al 1980. In termini assoluti, per la Cgia di Mestre, ciascun italiano (bambini e ultracentenari compresi) verserà quest’anno un carico di imposte, tasse e contributi pari a 11.629 euro: ben il 120% in più di quanto abbiamo pagato nel 1980

Tasse da record soffoc

di Alessandro Abbadir

E’ scattato l’aumento dell’Iva dal 21 al 22%, colpirà soprattutto le fasce meno abbienti della nostra regione

La Tares si è rivelata un salasso ben più ampio delle imposte Tia – Tarsu precedenti

T

asse si ma quali? La repentina crisi di governo, e la sua soluzione con la messa in un angolo dell’ex premier Silvio Berlusconi, non hanno sciolto il dubbio agli italiani e ai veneti. Cosa si pagherà? Per cominciar,e dato sconcertante: nel 2013 la pressione fiscale ha raggiunto il 44,2% del Pil. Un record mai toccato in passato, ben 12,8 punti percentuali in più rispetto al 1980. In termini assoluti, denuncia la Cgia di Mestre, ciascun italiano (bambini e ultracentenari compresi) verserà quest’anno un carico di imposte, tasse e contributi pari a 11.629 euro: ben il 120% in più di quanto pagato nel 1980 (5.272 euro pro capite). Questo è riconducibile al fatto che le stime della Cgia hanno tenuto conto delle disposizioni fiscali introdotte successivamente (DL 63/2013 “proroga agevolazioni fiscali Irpef ristrutturazione edilizia e risparmio energetico”, DL 69/2013 “del fare”, DL 76/2013 “differimento aumento Iva” e DL 102/2013 “abrogazione prima rata Imu”). Nel momento in cui scriviamo l’aumento dell’Iva è scattato dal 21 al 22% . Una misura che deprimerà i consumi. Vediamo gli effetti nel dettaglio per il Veneto. “L’aumento dell’aliquota Iva dal 21 al 22% - spiegano in una nota Unioncamere Venete - comporterà nella nostra regione una contrazione dei consumi di 61 milioni di euro nell’ultimo trimestre 2013 e di 251 milioni nel 2014, mentre gli investimenti si ridurranno di ulteriori 40 milioni di euro quest’anno e di 158 nel 2014”. Nel complesso il Veneto perderebbe una quota

l’appello degli industriali padovani al ministro zanonato

“Si ripristini la deducibilità dell’Imu sui fabbricati produttivi e sugli alberghi”

L

a deducibilità al 50% dall’imponibile Ires e Irpef dell’Imu che grava su fabbricati produttivi e alberghi, sparita nell’ultima versione del decreto legge 102 del 31 agosto, avrebbe consentito alle imprese venete un risparmio d’imposta di 90 milioni di euro, alleggerendo un gettito Imu 2013 stimato in 652 milioni, il 35,1% più del 2012, ma addirittura +112% rispetto all’Ici 2011. La marcia indietro del Governo è suonata come una beffa, dopo che le bozze del decreto davano per certo l’inserimento dello sconto fiscale sui beni strumentali alle attività produttive. Fino al ripensamento finale: né abolita l’Imu per le imprese né resa deducibile, seppure parzialmente (e non dall’Irap). La stima è di Confindustria Padova che, partendo dai dati dell’Agenzia del Territorio, ha stimato il gettito Imu 2013 dal sistema produttivo regionale e quindi calcolato quale sarebbe stato il risparmio d’imposta per effetto della deducibilità al 50% dall’imponibile Ires e Irpef. “Gli imprenditori sono stanchi di promesse fatte e non mantenute - ha dichiarato il presidente di Confindustria Padova, Massimo Pavin (in foto)-. Come è pensabile ritrovare un sentiero di crescita se alla prova dei fatti il sistema produttivo, vero motore del Paese, è trattato alla stregua di Cenerentola di ogni decisione di politica economica e fiscale? Così si deprimono le aspettative e la ripresa resta una chimera”. Da qui l’appello al ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato perché “si trovino gli spazi per ripristinare nella legge di stabilità la deducibilità dell’Imu”.

di Pil intorno ai 105 milioni nel 2013, e in 420 milioni a partire dal 2014. Per l’impatto sul reddito disponibile delle famiglie, l’aumento farebbe crescere l’incidenza dall’attuale 15,6% al 16,1% con uno scostamento del +0,47%. Gli effetti sarebbero più pesanti per le famiglie con reddito basso. Lo scostamento sarebbe dello 0,82% per i nuclei familiari nel primo decile (cioè la decima parte meno abbiente della popolazione) mentre si ridurrebbe al +0,16% per le famiglie più ricche. Con l’aumento dell’Iva, a pagare il conto più salato a livello nazionale, saranno le famiglie della provincia autonoma di Bolzano: l’aggravio medio annuo sarà pari a 135 euro. Seguono quelle venete, con 113 euro, quelle emiliano – romagnole, con 111 euro e quelle lombarde, con 108 euro. Le realtà meno colpite, invece, saranno quelle del sud. Per questo sono tanti gli appelli al governo per bloccare questo provvedimento. Giuseppe Bortolussi dice: “Il governo abbassi l’Iva, ma senza aumentare le tasse. I problemi sono molti: gli esodati, il rifinanziamento della Cig in deroga, la seconda rata dell’Imu, il rientro del rapporto deficit/Pil sotto il 3%. Sarebbe opportuno ripartire dall’Iva che, purtroppo, è aumentata di un punto”. Bortolussi fa una precisazione: “La riduzione dell’aliquota dal 22 al 21% non dovrà avvenire attraverso l’introduzione di nuove tasse. Si prevedeva che il mancato aumento dell’Iva fosse coperto da un ritocco all’insù delle accise sui carburanti e da un aumento degli acconti Ires e Irap in capo alle imprese. Bisogna trovare nuove

coperture agendo sulla spesa pubblica improduttiva: stop ad ulteriore incremento del carico fiscale”. Ma non è solo l’Iva a preoccupare. Un salasso arriverà anche dalla Tares, la tassa sui rifiuti in vigore da quest’anno. Quest’anno l’importo medio dovrebbe attestarsi sui 450 euro a famiglia. La Tares costerà agli italiani 2 miliardi in più di quanto pagavano con la Tarsu/Tia. Tra il 2000 ed il 2013 l’aumento delle bollette relative al servizio di asporto rifiuti è stato del 67 per cento: se tredici anni fa ogni famiglia pagava mediamente 270 euro, con la Tares l’esborso medio per ciascun nucleo si attesta sui 451 euro. “Come è possibile che nel 2013 le famiglie paghino un importo così pesante – su chiede il segretario della Cgia di Mestre Giuseppe Bortolussi - quando negli ultimi 5 anni di crisi economica la produzione dei rifiuti urbani è diminuita del 5 per cento e l’incidenza della raccolta differenziata, che ha consentito una forte riduzione dei costi di smaltimento, è aumentata di oltre il 30 per cento?”. Il cuore della ex Finanziaria sarà, la riduzione delle tasse sul lavoro e del cuneo fiscale con l’obiettivo di rendere più pesante la busta paga dei lavoratori. Saranno previsti sgravi fiscali per le start-up innovative. La seconda rata dell’Imu si pagherà? Mistero. Ad ora sembra che il governo avrebbe intenzione di ripristinare l’Imu per quel 10% di famiglie che possiedono immobili di lusso, per coprire le nuove esigenze finanziarie si punta alle dismissioni e soprattutto al taglio della spesa pubblica.


Argomento del mese 5 I sindaci padovani alle prese con il bilancio

cano l’economia veneta Tagli agli sprechi

L’Anci contesta le dismissioni delle società di Alessandro Abbadir

S

spalla pag 5 per padova

prechi pubblici e tasse da pagare. Fra i provvedimenti che accompagnano le azioni di taglio nelle pubbliche amministrazioni c’è quella che prevede che i comuni dovranno dismettere le proprie società, a meno che queste non abbiano chiuso in utile gli ultimi tre esercizi. Il termine fissato al 30 settembre è stato prorogato ma non mancano le polemiche. Si tratta di un provvedimento che nelle intenzioni intendeva restringere le aree di spreco e risanare i conti pubblici, limitando anche il malcostume delle assunzioni imposte da logiche clientelari. Così entro la fine del 2010 i Comuni fino ai 30 mila abitanti avrebbero dovuto liberarsi di tutte le partecipazioni (per i Comuni fra i 30 e i 50 mila entro il settembre 2014), termine poi portato appunto al 30 settembre 2013. Insomma sono passati quasi tre anni e si parla di una nuova proroga. I Comuni a rispettare i termini non ci pensano proprio. Anci Veneto è chiarissima, e contesta alla radice le motivazioni del provvedimento. Il presidente dell’Anci Veneto va giù pesante “È una norma insulsa – dice Giorgio Dal Negro (nella foto), presidente di Anci Veneto e sindaco di Negrar, in provincia di Verona – che fa di un’erba un fascio senza distinguere le singole situazioni”. Sulla stessa linea Diego Marchioro, sindaco di Torri di Quartesolo (Vicenza), e presidente commissione finanza locale per l’Anci Veneto. Per Marchioro si può anche pensare che le ”motivazioni alla base del provvedimento siano sensate però la mia obiezione è di carattere economico: se ho una società che rispetta i parametri di mercato e magari mi garantisce un utile, perché mai dovrei dismetterla? Stabiliamo dei parametri finanziari e poi facciamoli rispettare a tutte le società controllate o partecipate dagli enti locali”.

A sinistra Mirco Gastaldon e Gabriele Volponi

Tra vincoli e incertezze

“Stiamo facendo i salti mortali per non aumentare i tributi” A

utunno drammatico per i sindaci padovani alle prese con la predisposizione dei bilanci, che quest’anno saranno approvati con 4-6 mesi di ritardo, con l’incognita della copertura dell’Imu. La crisi di governo di inizio ottobre poi, ha reso tutto ancora più difficile e gli amministratori locali sono allo sbando, si sentono lasciati soli in balia tra la necessità di far quadrare i conti e di pagare lo stipendio ai dipendenti ma anche quella di garantire i servizi essenziali ai clienti. In questi mesi i sindaci si sono inventati di tutto per non aggravare la situazione finanziaria e allo stesso tempo evitare il “default” del proprio comune: in tanti stanno provando la strada, non priva di incertezze, delle unioni (Conselvano, Bassa Padovana, Piovese, Camposampierese, Medio Brenta) se non quando delle fusioni vere e proprie (Este e Ospedaletto, Albignasego – Casalserugo – Maserà, Padova – Cadoneghe – Vigodarzere). Ma l’incertezza di questi giorni è tutta concentrata sul bilancio comunale da chiudere e la copertura Imu che lo stato dovrebbe garantire. “Il rinvio dell’approvazione dei bilanci al 30 novembre non va nella direzione dell’aiuto e della responsabilizzazione dei Comuni. Comprendiamo la situazione politicamente difficile e le ristrettezze finanziarie all’interno delle quali il Governo è costretto a lavorare, ma credo che queste considerazioni non possano essere trascurate e anzi meritino una risposta più che urgente”. Mirco Gastaldon, sindaco di Cadoneghe, Partito Democratico, si fa portavoce della preoccupazione di tanti colleghi sindaci e chiede, anzitutto, l’allentamento del patto di stabilità. “È il vincolo più frustrante, - aggiunge Gastaldon - quello che ci rende impotenti di fronte alla sacrosanta esigenza delle imprese di riscuotere i loro crediti e alla necessità di alimentare il rilancio della crescita attraverso nuovi investimenti. Ma come spezzare le catene che condannano all’immobilità gli enti locali? Bisogna escludere dal Patto alcune tipologie di spesa, a cominciare da quelle in conto capitale che presentano cofinanziamenti pubblici: è insensato che Province e Regioni non possano pagare i Comuni per non sforare il Patto di Stabilità. Devono uscire al Patto anche le spese in conto capitale per le manutenzioni dell’esistente: permettere che il patrimonio pubblico degradi e si usuri ha, alla lunga, la conseguenza di maggiori spese per il pubblico”. Ancor più drammatico il racconto di Gabriele Volponi, vicesindaco di Maserà, area Pdl: “Stiamo facendo salti mortali per non aumentare le tasse comunali! È’ vergognoso come lo stato centrale tagli tutti i trasferimenti e non dia garanzie temporali sulla copertura dell’Imu. I comuni sono parte dello stato, le tasse locali non sono diverse da quelle nazionali: sempre i cittadini pagano, o meglio sempre Pantalon. Abbiamo tagliato tutto ora non ci resta che aumentare le tassi locali. Per il 2013 tentiamo di resistere ma per il 2014 aumenteremo; le nostre maggiori entrate in parte copriranno il furto romano in parte saranno investiti per aumentare questi servizi che negli anni sono stati ridotti o non sono mai aumentati. L’assurdità più grande: approvare entro settembre gli equilibri di bilancio come obbligo di legge con uno Stato che ha prorogato il bilancio di previsione, ripeto di previsione, al 30 novembre. Noi abbiamo sempre rispettato patti e razionalizzazione di spesa e siamo stati bastonati più di quei comuni che di virtuoso non hanno nulla”. Nicola Stievano


6 Rubano Sociale Attivato un nuovo servizio presso la Casa delle Associazioni di Via Palù

NEWS

“Sportello Donna Oggi in Rete”

Alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica

Per le domande c’è tempo fino a fine mese

Troveranno risposta problematiche legate a forme di disagio personale e violenza intra familiare

I

di Barbara Turetta

A

ttivato a Rubano lo “Sportello Donna Lo sportello intende occuparsi delle problematiOggi in Rete” presso la Casa delle Asso- che delle donne e dei loro nuclei familiari, con ciazioni di Via Palù. “Il fenomeno della particolare attenzione alle situazioni di disagio violenza nei confronti delle donne in ogni sua personale e violenza intra familiare, problemaforma rappresenta un tema di particolare gravi- tiche complesse che rimangono spesso sconotà – dice il sindaco Ottorino Gottardo - un fe- sciute ai servizi pubblici: secondo i dati Istat, nomeno che è presente in dimensioni enormi e infatti, una donna su tre nel corso della vita ha che ancora oggi è in gran parte sommerso. Un subito almeno un episodio di violenza ma ben problema che investe le sfere culturali, sociali, il 93% di esse non lo denuncia. Solo a Padova nel 2012 sono state psicologiche, relazionali e accolte dall’associazione che manifesta nell’ultimo Gottardo: progetto “Donna Oggi periodo una preoccupante “Un fenomeno “300 donne portatrici tendenza in aumento, dalle dimensioni di disagio personale, vitcome dimostrano le con- enormi e in gran time di violenza e grave tinue notizie su fatti delit- parte sommerso” conflitto relazionale. L’astuosi fornite dalla stampa locale e nazionale”. L’amministrazione comu- sociazione è attiva sul territorio di Padova dal nale, con l’intento di dare una risposta concreta 1989 e gestisce diversi sportelli analoghi già a questa problematica ed in linea con il recente operanti sul territorio padovano, in rete con i decreto legge su disposizioni urgenti in materia servizi del territorio sia socio-sanitari che del di sicurezza e per il contrasto della violenza di privato sociale. “L’iniziativa – conclude il sindaco - integra genere, ha avviato una collaborazione con l’associazione progetto Donna Oggi di Padova per le progettualità ed opportunità già offerte dal l’apertura di uno sportello dedicato alle donne. Centro per le Famiglie del Comune di Rubano,

Lo sportellovsarà aperto il martedì dalle 10.00 alle 12.30 e il mercoledì dalle 16.00 alle 18.30 attivato assieme al Comune di Mestrino, che si occupa di migliorare le capacità genitoriali e relazionali delle coppie e delle famiglie”. Lo sportello, ospitato presso la Casa delle Associazioni in via Palu’ a Rubano, sarà aperto il martedì dalle 10.00 alle 12.30 e il mercoledì dalle 16.00 alle 18.30.

VISITE A DOMICILIO SU APPUNTAMENTI SERVIZI DI ASSISTENZA E CONSULENZA LEGALE E FISCALE

l Comune di Rubano ha pubblicato il bando per l’assegnazione in locazione di alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica (E.R.P.). Le domande, ritirabili presso gli uffici del PuntoSi del Comune di Rubano dovranno pervenire entro le ore 12 di mercoledì 30 ottobre. L’ufficio Casa del Comune sarà a disposizione per effettuare, prima della consegna della domanda, il controllo e la verifica dei documenti, nei seguenti orari di ricevimento: lunedì – mercoledì – venerdì dalle ore 9 alle 10, e martedì dalle 17 alle 18. Per maggiori informazioni è possibile consultare il bando ed la relativa domanda sul sito web del comune www. rubano.it. Una situazione non facile per l’amministrazione comunale di Rubano che si ritrova a dove affrontare le problematiche abitative dei propri cittadini con possibilità sempre più ridotte. “E’ un momento difficile per le politiche abitative – ha detto il sindaco Ottorino Gottardo - in quanto non si riesce a dare risposta alle tante esigenze presentate dai cittadini in difficoltà. Da un lato il piano vendite approvato dalla Regione impedisce di riassegnare gli alloggi liberi perché ora sono destinati alla vendita, dall’altro lato la nuova previsione di applicazione Imu a carico di Ater per le abitazioni popolari ha messo in crisi il bilancio dell’azienda regionale tanto da impedire le manutenzioni degli alloggi liberi e poterli così riassegnare in base alle graduatorie dei Comuni”. Il sindaco spera ora, dopo aver ottenuto dalla Regione la riduzione del numero degli appartamenti da mettere in vendita, di riuscire a trovare un accordo con Ater. Ba.Tu.

Concorso per la riqualificazione del centro Vince l’idea che mantiene gli edifici esistenti

A Prima che ti portino via la casa, l’attività la dignità... servizi finAnziAri unisciti a noi, contatta il nostro agente di zona SErvizi pEr i privati al 334.1526595 EquidEbiti l’aiuto che cercavi !!! Prestiti personali Ti hanno negato un prestito, un acquisto rateale, un conto corrente, un leasing, una carta di credito? Perché risulti cattivo pagatore, segnalato nelle centrali rischi finanziari, fallito, ipotecato, pignorato? Cosa aspetti a cancellarti? Riabilitati ed otterrai di nuovo credito da qualsiasi banca finanziaria e/o fornitore. Cerchi una soluzione efficace per liberarti dall’oppressione dei debiti? I debiti sono diventati un problema? Abbiamo sicuramente la soluzione adatta alle tue esigenze.

AssistenzA debiti fiscAli

° Assistenza debiti vs banche, finanziarie, fornitori ° Istanza di cancellazione banche dati ( crif, experian, ctc, cai) ° Cancellazioni e riabilitazioni protesti cambiari e assegni ° Opposizioni a decreti ingiuntivi ( ex art. 645 Cpc) ° Opposixzioni a precetto ( ex art. 615 Cpc) ° Opposizioni a pignoramento ( ex art. 617 C.2 Cpc) ° Opposizione a revocatoria ordinaria e fallimentare ° Protezione preventiva patrimonio mobiliare ed immobiliare ° Recupero crediti. ° Consulenza debiti e morosità- consulenza prestiti consulenza legale- disbrigo ° Cartelle esattoriali- anatocismo sui conti correnti. ° Visure protesti, visure camerali, visure banche dati, visure registro immobiliare ° ASSISTENZA E CONSULENZA PER APERTURE SOCIETÀ NEI MENBRI COMUNITARI

uFFiCiO aSSOCiatO Equi dEbiti E prEStitO VIA DEL PROGRESSO N° 2/C INT. 6 – 45030 OCCHIOBELLO ( RO) TEL. 0425/750042 – FAX 0425/767246

assistenzaconsulenza@libero.it

Cessioni del v° dello stipendio Deleghe di pagamento Prestiti consolidamento debiti Mutui acquisto, mutui ristrutturazioni Mutui consolido debiti, mutui liquidità Mutuo vitalizio over 65 Investimenti garantiti Pensioni integrative

SErvizi pEr lE aziEndE

Prestiti aziendali, mutui, crediti, garanzie Mutui aziendali Credito alle imprese Leasing immobiliare Leasing targato, nautico Fidejussioni & cauzioni Assicurazioni del credito Investimenti garantiti Assicurazioni Pensioni integrative FINANZIAMENTI E RISANAMENTO AZIENDE FINANZIAMENTO PER APERTURA AZIENDE IN ROMANIA CONTI CORRENTI PROTESTATI E SEGNALATI IN BANCHE DATI NEGATIVE MUTUI PER IMMOBILI ALL’ASTA

vincere è stata l’idea di dare un’identità al centro di Rubano mantenendo gli edifici esistenti, e prevedendo una viabilità che garantisca un collegamento in sicurezza con i servizi. Vincitore del concorso di idee indetto dall’Amministrazione comunale di Rubano è stato lo studio urbanistico “Green is more” dell’architetto veneziano Paolo Ceccon. La commissione che ha valutato i lavori era composta dai dipendenti del Comune di Rubano, l’ingegnere Marco Frau e l’architetto Vanezza Zavatta, dall’architetto Franco Mancuso docente dello Iuav di Venezia, dall’architetto veronese Marco Ardielli, dall’ingegnere e architetto Pasqualino Boschetto professione di ingegneria a Padova e residente a Rubano, e dall’architetto Pierluigi Matteraglia esperto in rigenerazione urbana. Ora l’amministrazione ha idee su cui lavorare ed eventualmente avviare una progettazione di riqualificazione. Il progetto di riqualificazione, infatti, non è vincolante per il Comune, ma offre spunti da cui partire per rimettere mano ai vecchi fabbricati e alle aree non edificate pensando di dare così un nuovo volto al centro di Rubano. Non è detto, pertanto, che non si possano inserire nel progetto vincente anche alcune caratteristiche delle altre progettazioni. La parola finale sul futuro disegno del centro di Rubano, quindi, spetterà ai cittadini e al Comune. “Si tratta di un’area molto importante che interessa il municipio e il parco storico, la ex casa del fascio e

la vecchio sede del distretto sanitario – ha detto il sindaco Ottorino Gottardo – un’ area comunale che presenta caratteristiche differenti e più funzioni d’uso da integrare con le aree circostanti e i servizi esistenti a sud della Regionale”. Quello che l’amministrazione comunale intende modificare è il centro di Rubano, ossia l’area compresa fra il municipio e l’ex distretto sanitario. L’idea è quella di creare omogeneità tra i diversi edifici pubblici e soprattutto un collegamento in sicurezza tra i due lati della Regionale11, dove da una parte sono collocati gli edifici civici e dall’altra la chiesa, la piazza Ba.Tu. e i negozi.


Direttore Sanitario Dr franco Meduri. Informazione sanitaria ai sensi della legge 248 (legge Bersani) del 04-08-2006

V E N E Z I A - M E S T R E - PA D O VA - R O V I G O

APRE A DI PADOVA

Non scegliere solo

il prezzo,scegli IL professionista per una QUALITA’

al giusto prezzo

Prenota la Tua visita e valuta i vantaggi che ti offriamo !! CUP: Sbiancamento professionale Igiene orale Otturazione semplice Dentalscan digitale (TAC)* Teleradiografia digitale* Ortopantomografia Implantologia osseointegrata Corona in lega (acciaio/ceramica) qualità dei materiali utilizzati

99 € 50 € 50 € 85 € 25 € 35 € 700 € 400 €

Corona in lega (palladio/ceramica Corona in ceramica estetica Protesi mobile totale Riabilitazione implantologica con protesica immediata definitiva (in giornata)

450 € 530 € 750 €

7.000 €

*questi servizi si effettuano solo nella sede di mestre1

professionalità dei dottori

applicazione delle tecniche più soffisticate

ORARI: SIAMO APERTI DA LUNEDÌ A VENERDÌ DALLE 9.00 ALLE 20.00 - IL SABATO MATTINA DALLE 9.00 ALLE 13.00 SU APPUNTAMENTO

SEDI

PADOVA

VENEZIA

MESTRE 1

MESTRE 2

ROVIGO

tel. 049 8073456

tel. 041 5209160

tel./fax 041.950386

tel. 041 8627999

tel./fax 0425 21277

Via Venezia, 90 35131 Padova

padova@clinicadrm.it

Cannaregio, 5557 Salizzada San Cancian 30121 VENEZIA venezia@clinicadrm.it

Via Antonio da Mestre, 19 30174 Venezia Mestre

mestre@clinicadrm.it

Via Perlan, 20/C 30174 Gazzera Mestre

mestre2@clinicadrm.it

Via A. Mario, 5 45100 Rovigo

rovigo@clinicadrm.it


8 Rubano Servizi In comune stanno aspettando le offerte degli interessati

Fiori e lumini, si acquisteranno al cimitero “I

l 2 Novembre è il giorno della memoria, il giorno in cui si ricorda chi ha sfiorato la nostra vita e che la vita ce l’ha donata. Il 2 Novembre è solo un giorno della memoria, la memoria delle persone che si sono amate e che non ci sono più, ma che vivono nei ricordi di ognuno di noi, ogni giorno”.
 Stephen Litteword, ha usato queste parole per definire la ricorrenza del 2 Novembre ma è ovvio che ognuno ha i propri riti per ricordare i cari scomparsi: chi porterà un fiore, chi con un mazzo, chi andrà con un lumino acquistato qualche giorno prima. La ricorrenza di quest’anno sembrerebbe essere troppo vicina ma dal prossimo anno fiori e lumini potrebbero essere acquistati direttamente in cimitero, o nei suoi pressi. L’amministrazione comunale infatti, intende procedere all’affidamento di uno spazio deputato proprio ai servizi cimiteriali. L’avviso esplorativo per trovare possibili interessati scadrà tra qualche giorno ma i termini sono già stati decisi dagli amministratori fin dei dettagli. Il Comune, infatti, si impegna a concedere un locale con servizi annessi per il commercio di fiori e piante, anche artificiali, addobbi e in generale articoli cimiteriali. La concessione avverrà dietro pagamento di un corrispettivo canone mensile minimo di affitto, quantificato in euro 225,00 più Iva. Anche la durata della convenzione è stata già decisa, l’affidamento in concessione dei locali durerà per sei anni.

IN BREVE

P I

Il 2 Novembre è il giorno dedicato alla visita delle tombe dei cari estinti

Raccolte firme

Per chi vuole l’elezione diretta del Presidente della Repubblica

resso il PuntoSi del Comune di Rubano sono depositati i moduli per la sottoscrizione del progetto di legge di iniziativa popolare per “l’elezione popolare diretta del Presidente della Repubblica, sistema elettorale uninominale maggioritario a doppio turno, modifica del bicamera-

NEWS

L’amministrazione comunale intende procedere all’affidamento di uno spazio deputato ai servizi cimiteriali. Il canone d’affitto è stato quantificato in euro 225,00 più Iva, l’affidamento in concessione dei locali durerà per sei anni

lismo e riduzione del numero dei parlamentari direttamente eletti”. Gli orari di apertura del PuntoSi sono: lunedi - mercoledi - venerdi: dalle ore 08.30 alle ore 13.00; martedi e giovedi dalle ore 08.30 alle ore 18.00.

L’Intervento

Nel patto sindaci-imprese il futuro da costruire di Marco Pavin*

segue da pag.

1

...competenze, risorse - progettuali ed economiche - per perseguire insieme, nell’autonomia dei ruoli, soluzioni ai bisogni concreti di cittadini e imprenditori. Qualche esempio, per essere più chiaro. Come mitigare l’impatto (prevedibile) delle nuove tasse locali (la non ancora nata, ma già famigerata Service tax) sulle tasche di famiglie e imprese? Sediamoci a un tavolo, tecnici dei comuni e delle associazioni imprenditoriali, e verifichiamo se ci sono spazi per soluzioni equilibrate. Come pianificare condizioni di crescita sostenibile, attenta alle esigenze di chi produce e rispettosa dell’ambiente? Rendiamo ancora più stringente il coordinamento sulle politiche urbanistiche e territoriali. Come lenire la piaga della disoccupazione, di cui spesso i sindaci sono testimoni partecipi ma impotenti? Incrociamo le nostre conoscenze sul bisogno di lavoro e sulla domanda che c’è nel territorio. Con un approccio non assistenziale, ma certamente «sociale». Come tentare la via dei bandi europei, penso alle Smart cities (ma anche innovazione, mobilità sostenibile, turismo), per intercettare fonti di finanziamento alternative a quelle (prosciugate) di Roma? Mettiamo insieme le rispettive competenze progettuali e tecniche per giocarci le nostre chance a Bruxelles. Sono esempi parziali, ma che spero diano il senso di come interpreto quella “prossimità attiva” tra chi amministra e chi produce, in una logica “coalizionale”, non più rivendicativa. Non sarà la panacea, ma una via più diretta ed efficace al cuore dei problemi (e delle soluzioni). I comuni sono l’istituzione più prossima alla gente, più vicina ai bisogni di famiglie e imprese. Forse è proprio da qui che può ripartire un’”operazione fiducia” che restituisca credibilità alla politica, rigeneri il senso di comunità, raccordi le energie migliori per costruire valore condiviso. Ben venga, allora, l’intuizione di ripartire da quella “prossimità attiva”, da un raccordo più intenso e operativo tra chi ha la responsabilità di amministrare e chi quella di rappresentare il tessuto produttivo ed economico. Da tradurre nell’elaborazione di una “veduta lunga” sulle traiettorie di sviluppo, in proposte e azioni condivise. È un approccio che trova terreno fertile in una comunità locale che ha già sperimentato, con alterni successi, i coordinamenti fra le categorie economiche, i quattro tavoli delle Ipa (le intese programmatiche d’area), le unioni dei comuni. Da rilanciare oggi con più convinta determinazione, nella consapevolezza delle connessioni che oggi legano in unico destino tutti gli attori sociali ed economici. Senza aspettare il tornante della primavera 2014, quando più di sessanta comuni padovani andranno al voto, compreso il capoluogo. Ma avviando da subito il dialogo e il confronto con i sindaci e gli amministratori, affinché la prossima tornata elettorale non sia un ring inconcludente di slogan e bandierine ideologiche. *Presidente della commissione sanità del Consiglio Veneto

Convegno al parco etnografico

“Rapporto tra uomo, anima e animali”

l rapporto che si instaura tra uomo e animali è profondo e spesso duraturo, almeno: è difficile che si spezzi a causa degli amici a quattro zampe. Si tratta di amicizia? Di sottomissione o soggezione? Gli animali instaurano legami particolari con gli uomini che spesso scambiamo come semplice fedeltà, soprattutto se si tratta di cani. Ma forse c’è di più, e sarà questo “più” che i relatori dei due convegni che si terranno il 26 ottobre e il 9 novembre, al parco etnografico di Rubano, cercheranno di approfondire. I due incontri, unificati dallo stesso titolo “Rapporto tra uomo, anima e animali”, avranno tematiche diverse. Indagheranno aspetti differenti della convivenza tra uomo e animale. Il 26 ottobre dopo il saluto

dell’europarlamentare Andrea Zanoni seguirà l’incontro con Aldo La Spina che parlerà del metodo emozionale usato per capire e addestrare il cane. Enrico Moriconi, invece, illustrerà il modo in cui comprendere il comportamento dei gatti, mentre la dottoressa Maura Cotti spiegherà come curare gli animali con metodi “alternativi” come fiori di Bach e idroterapia. Il 9 novembre l’incontro sarà tenuto da Roberto De Col, su un tema affascinate imperniato sui motivi che ci portano a scegliere un animale o piuttosto un animale a scegliere noi. Il secondo tema invece ha come titolo “Angeli Custodi e Animali” e l’ultimo in programma per la giornata “Le campane Tibetane e le tecniche di rilassamento per tutti gli esseri viventi”. Ad ogni

partecipante (a tutti e due i convegni) Roberto De Col regalerà il suo libro “il Non Titolo” con all’interno storie vere, molte di animali nella loro veste di Nostri Angeli e Protettori. Ai convegni è possibile, previa prenotazione, portare anche il proprio animale, per mettere subito in pratica le tecniche che vengono illustrate. L’iscrizione a un convegno costa 20 euro, a entrambi 35. Una parte della quota sarà devoluta alla Lega anti vivisezione di Padova. Iscrizioni (entro il 19 ottobre) contattando lo 049 9101545 o scrivendo a eventicsfo@gmail.com. Fo.Ma.


SARMEOLA DI RUBANO VIA PROVVIDENZA, 1 C/C LE BRENTELLE


Limena 11 Asporto Rifiuti I dati dei primi sei mesi sono molto incoraggianti

Limena eccelle nella differenziata Ottima la percentuale raggiunta: 75,6%. Superato l’obiettivo normativo del 65%. Secondo Etra le tariffe, invece, sono rimaste basse

L

imena nella raccolta differenziata ha raggiunto risultati eccellenti mantenendo basse le tariffe. “Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti negli ultimi anni, - ha spiegato il sindaco Giuseppe Costa - abbiamo mantenuto inalterate le bollette grazie alle iniziative attuate in termini di razionalizzazione e ottimizzazione dei servizi oltre che alle attività di educazione e sensibilizzazione che hanno portato a una raccolta differenziata sempre più precisa”. Mediamente il costo del servizio rifiuti per una famiglia-tipo di tre persone è a Limena di 159 euro, ben al di sotto

Attenzione

Svegliado: “I costi in bolletta sono rimasti invariati nonostantei forti rincari per il gasolio della media nazionale di 246 euro a famiglia. “Vale la pena ricordare - commenta Stefano Svegliado, presidente del Consiglio di gestione di Etra - che i costi in bolletta per la Tariffa di igiene ambientale sono rimasti invariati nonostante, ad esempio, i forti rincari avuti per l’acquisto del gasolio, costo che incide

notevolmente sul servizio”. Nei primi sei mesi del 2013 i chilogrammi di rifiuto prodotto pro capite sono stati 218. È un dato positivo, considerando la grande presenza di attività artigianali e industriali nel territorio che producono una grossa parte del rifiuto assimilato all’urbano. La raccolta differenziata, comprensiva del compostaggio domestico, ha raggiunto nello stesso periodo il 75,6%, superando l’obiettivo normativo del 65%. Alla fine dello scorso anno sono state introdotte due importanti novità, e il dato percentuale testimonia che l’obiettivo in questi primi mesi è stato raggiunto: l’utilizzo

Travestiti da personale Etra hanno tentato delle truffe

I

territori di Limena e di Mestrino sono stati oggetto, nei giorni scorsi, di diversi tentativi di truffa condotti da persone che si sono spacciate per personale Etra. Alla porta dei cittadini ha suonato una donna che indossava un giubbino simile a quelli in uso dagli operatori della società che gestisce l’asporto rifiuti. Con la scusa di fare la lettura del contatore,

La raccolta del secco tramite bidone dotato di microchip, ha portato a un decisivo aumento della raccolta del bidone carrellato per il conferimento del vetro, per una maggior comodità di utilizzo; e lavvio della raccolta del secco tramite bidone dotato di microchip, strumento che negli altri Comuni in cui è stato adottato ha portato a un decisivo aumento della percentuale di raccolta differenziata e una conseguente ri-

è entrata nelle abitazioni girando poi per le stanze. Quindi ha chiesto se c’erano soldi in casa e ha detto che sarebbe ritornata. Questo ha insospettito gli utenti, che si sono subito rivolti ai centralini della società per verificare la veridicità delle affermazioni della signora. Hanno anche segnalato che la truffatrice gira con una macchina nera. Purtroppo il fenomeno non è nuovo anche nei mesi passati ci sono stati dei tentativi di truffa da parte di sedicenti operatori che con la scusa di vendere depuratori d’acqua, o per chiedere il pagamento di insoluti nelle bollette

FISIOTERAPIA

duzione del rifiuto secco, cioè la frazione che non può essere riciclata e che ha i più elevati costi di smaltimento. “Si tratta di un servizio importante e complesso - ha concluso il primo cittadino - che ha visto notevoli investimenti e il cambio di passo e di mentalità da parte degli utenti che hanno risposto sempre molto bene alle nostre sollecitazioni. Limpegno quotidiano dei cittadini e il supporto tecnico di Etra per rendere sempre più comodo ed efficace il conferimento ci hanno portato ai risultati che possiamo vantare oggi e a un ambiente sicuramente più pulito”.

cercavano di entrare in casa dei malcapitati. A tal proposito è importante ricordare che l’azienda non autorizza nessuno a chiedere soldi, neppure in caso di interventi a pagamento. Questi vengono addebitati in bolletta. Qualora si presenti alla porta una persona che si qualifica come addetto o tecnico è opportuno richiedere il tesserino di riconoscimento. In caso di dubbio, si consiglia sempre di telefonare al Numero verde dell’azienda (800 566766 per il servizio idrico, 800 247842 per il servizio rifiuti, attivi dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 20).

OSTEOPATIA - TERAPIA MANUALE •

ELETTROTERAPIA: (tutti i tipi, quali:)

SARMEOLA

Medica POLIAMBULATORIO POLISPECIALISTICO e FISIOTERAPIA

• Tens • Diadinamiche • Ionoforesi • Interferenziali • Galvanoterapia • Corrente sinusoidale • Triangolare • Rettangolare • Di potenziamento muscolare

LASER TERAPIA KINETEK per: • Ginocchio • Piede • Spalla • Gomito • Mano

ULTRASUONI

Via Ticino, 26 - Sarmeola di Rubano tel. 049.8978335 info@sarmeolamedica.eu www.sarmeolamedica.eu

• In acqua • Puntati • Con operatore

TERMOTERAPIA INFRAROSSI TRIGGER POINT

• MAL DI SCHIENA • LOMBALGIA CERVICALGIA MAL DI TESTA • ERNIA • SPALLE-GOMITI • TUNNEL CARPALE • GINOCCHIA • PUBALGIA

RIABILITAZIONE • FISOTERAPIA • RIABILITAZIONE passiva, attiva, sportiva • MASSAGGIO • TERAPIA MANUALE

VISITE SPECIALISTICHE OTORINOLARINGOIATRIA •

Patologie di: • Naso • Bocca • Orecchio Valutazione strumentale tramite audiogramma e otofunzionale. Valutazione clinica e terapeutica

• UROLOGIA / ANDROLOGIA

Patologie a carico dell’apparato genitale e urinario. (Reni, ureteri, vescica, prostata, organi genitali maschili esterni).

ECOGRAFIA •

Addome completo - Reni Seno - Transvaginale Osteoarticolare (spalla, ginocchio, caviglia) Parti molli (tiroide, collo,…)


12 Limena Urbanistica Il Piano di Assetto del Territorio di Limena è stato adottato

Il gruppo “Il Ponte” critica il Pat

La minoranza non ha condiviso la collocazione del polo scolastico e il centro servizi per anziani, ritenuto un’opera faraonica di Barbara Turetta

I

l Piano di Assetto del Territorio (Pat) di Limena è stato adottato dal consiglio comunale. Ma non sono mancate le contestazioni del gruppo di opposizione “Il Ponte-Insieme per Limena”. “Un Piano di Assetto del Territorio con uno scarso impianto politico e con idee che non determinano lo sviluppo del paese”. E’ così che il gruppo di minoranza ha definito il nuovo strumento urbanistico di Limena. Il gruppo ha votato contro il Pat, evidenziando quelli che per l’opposizione sono le carenze del piano. Criticata la futura collocazione del polo scolastico nel cuscinetto di verde in via Fratelli Cervi ai confini con la zona industriale, l’idea del commercio di prossimità previsto nelle tre zone di espansione, ma anche il centro servizi per anziani ritenuto da “Il Ponte” un’opera faraonica. Scelte che la minoranza non ha approvato ritenendo che “non cambiano in positivo il nostro paese”. Di tutt’altro parere la maggioranza che ha pensato ad un Pat con “precise strategie, rispondendo alle richieste dei cittadini che chiedono servizi e negozi anche nei quartieri, oltre che alle strade sistemate”. Il Pat è confermativo di ciò che è stato previsto con l’approvazione del Piano Regolatore Generale (Prg). Si tratta di una possibilità di espansione di 650mila metri quadrati concessa dal Prg che di fatto è ancora tutta lì. Diritti acquisiti che il Pat ha confermato, oltre ad individuare 120.000 metri quadri di nuova espansione che però sono legati alla definizione del Piano degli Interventi. Le zone di espansione sono: la località Del Medico, il quartiere Arcobaleno e l’area vicino alla sede centrale della scuola Petrarca. Ognuna delle tre zone di espansione prevista

Nella foto piccola il primo cittadino Giuseppe Costa

Nelle zone di espansione prevista una potenzialità di commerciale del 15%, per l’insediamento di negozi dall’amministrazione comunale potrà avere una potenzialità di commerciale del 15% per l’insediamento di negozi di vicinato che portano servizi. Ma nel Piano di Assetto del Territorio l’amministrazione di Limena mantiene anche la previsione di tre ponti, quello di via Volta fra Limena e Vigodarzere, quello su via Verdi e quello su via Cà Rossa-via Magarotto. Ferma poi la volontà dell’amministrazione di realizzare zone di servizi co-

IN BREVE Associazione Down Dadi

progetto indipendenza. stage in supermercato

I

ragazzi dell’associazione Down Dadi di Limena hanno iniziato il loro stage di formazione e orientamento all’Alì di Limena, aiutando i clienti ad imbustare la spesa. Fino a dicembre i ragazzi down dell’associazione faranno parte dello staff di quattro supermercati del gruppo Alì, che ha accolto il progetto di autonomia pensato dell’associazione. “Grazie alla grande sensibilità dimostrata dall’Alì possiamo intraprendere con i nostri ragazzi un cammino verso l’autonomia – ha detto la presidente dell’associazione Down Dadi Patrizia Tolot - questa collaborazione fra pubblico e privato garantisce un’occasione concreta per i ragazzi down per vivere una vita il più possibile indipendente”. “Abbiamo deciso di ampliare la rete che ospita gli stage – ha detto Matteo Canella responsabile affari generali Alì -, perché crediamo di offrire una forma efficace di integrazione”. Presenti alla prima giornata di lavoro dei quattro ragazzi anche il sindaco di Limena Giuseppe Costa e l’assessore alla Politiche Abitative Jody Barichello che hanno ricordato l’impegno dell’amministrazione nell’aiutare l’associazione a cui è stato concesso in uso gratuito lo stabile che accoglie la Casa Vela. Proprio a Limena un anno fa è stata inaugurata la nuova Casa dell’associazione. Si tratta di un edificio di proprietà del Comune dove l’associazione Down Dadi ha dato vita alla casa-palestra di autonomia, dove fin dalla prima adolescenza i giovani con disabilità costruiscono le basi per quella autonomia abitativa e sociale che li prepara alla vita adulta. Ba.Tu.

muni: la piazza fra le due Barchesse, che diventerà il cuore centrale di Limena, e una zona di servizi socioassistenziali integrati che trova posto in un’area di 50.000 metri quadrati in via Breda. Un piccolo piano commerciale di 20mila metri quadrati è previsto a nord di Limena, in direzione di Piazzola, dove la potenzialità sarebbe stata invece di 100.000 metri quadrati. Una scelta di limitare il commerciale, vista anche la possibilità esistente dei 260 mila metri quadrati in zona industriale. Altro aspetto importante del Pat di Limena è la sparizione del tracciato del Grande Raccordo Anulare di Padova (Grap) dalla cartografia. Risultato che cancella definitivamente il pericolo che una strada possa deturpare l’area naturalistica del Tavello.

Associazionismo

IN BREVE Multe e Polizia locale

Gli automobilisti approfittano dello sconto del 30%

U

no sconto del 30% sul pagamento delle multe se queste vengono saldate entro 5 giorni dalla notifica. Un’agevolazione introdotta dal “decreto del fare” in tema di infrazioni stradali, e in vigore dal 21 agosto scorso, che ha già prodotto i primi effetti anche a Limena. In mano ai vigili le contravvenzioni relative alle infrazioni rilevate dal vista red che da un paio di anni sorveglia il semaforo che regolamenta l’incrocio fra via Roma e Capitano Manetti. Nella prima metà di settembre sono stati tanti gli automobilisti a cui la polizia locale di Limena ha notificato la contravvenzione per il passaggio con il rosso. Ma altrettanti sono stati quelli che hanno pagato entro i cinque giorni previsti per poter beneficiare dello sconto. Su 140 multe notificate in questi giorni, contravvenzioni accertate dalle telecamere che hanno ripreso il passaggio delle auto con il semaforo rosso, al comando della polizia locale di Limena ne sono già state pagate 102 con lo “sconto” del 30% che sul 154 euro significa un risparmio di circa 46 euro. Una possibilità che da un lato permette agli automobilisti di pagare un po’ meno di multa e dall’altro lato ai vigili di avere meno lavoro burocratico da sbrigare per ricorsi o inoltri di solleciti di pagamento. La possibilità di pagare con lo sconto le multe apre però un’altra questione sul fronte bilancio comunale. Se era prevista un’entrata annua di 550 mila euro con l’incasso del complessivo multe, ora l’amministrazione dovrà capire di quanto queBa.Tu. sta cifra si ridurrà.

Polo scolastico di via Beato Arnaldo

Rinnovata la convenzione con Lone Wolf per la pulizia di Punta Speron

La ciclabile e un divieto di transito per proteggere gli studenti

R

N

innovata la convenzione fra l’amministrazione comunale e l’associazione di softair Lone Wolf per la gestione dell’area verde di Punta Speron, lungo il fiume Brenta. Sarà ancora questa associazione sportiva a proseguire con la sua attività di monitoraggio e manutenzione dell’area verde che per tanto tempo nelle giornate estive è stato il luogo scelto da comitive di stranieri che organizzavano qui i loro pic-nic rumorosi. Un disagio per i residenti dell’area a cui l’amministrazione comunale ha cercato di porre rimedio non solo intensificando i controlli, ma invitando le associazioni del territorio a promuovere iniziative da organizzare a punta Speron. A proporsi l’associazione Lone Wolf. Come previsto dalla convenzione stipulata con il Comune, in cambio della possibilità di andare a giocare a softair alla domenica mattina e nei giorni festivi, l’associazione si deve occupare della pulizia dell’area. “Da quando l’associazione ha iniziato a giocare nell’area i picnic che creano sporcizia e rumore si sono sensibilmente ridotti –ha spiegato l’assessore alla Sicurezza Jody Barichello - e poi viene garantita la pulizia e la manutenzione dell’area a costo zero per le casse comunali”. L’associazione Lone Wolf non è un’associazione privata, ma un’associazione sportiva dilettantistica affiliata Aics, inserita nel registro Coni e nell’elenco comunale di Limena e ha sede in via Venezia 92, inaugurata nel giugno del 2012. Ba.Tu.

uova viabilità di accesso al polo scolastico di via Beato Arnaldo. Le automobili non posso più accedere dall’ingresso verso la biblioteca, passaggio riservato soltanto agli scuolabus. Mentre è una nuova pista ciclabile che, dal lato di vai Dante, permette ai bambini di arrivare protetti a scuola. Interventi che sono stati introdotti dall’amministrazione comunale per proteggere l’ingresso a scuola degli alunni. Pertanto il tratto chiuso di via Beato Arnaldo, che porta alla biblioteca e ai giardinetti, è stato interdetto l’ingresso alle auto negli orari di ingresso e uscita da scuola. Per chi trova comodo accedere alle scuole da via Dante, adesso potrà farlo anche in bici, grazie alla nuova pista ciclabile. Un intervento quello della pista ciclabile che il Comune di Limena ha realizzato approfittando della sostituzione delle tubature del gas da parte di Edison, che ha poi asfaltato le strade. Contestualmente a questo intervento sono stati tolti i passaggi pedonali rialzati in via Dante e via Verdi. A terra è stata segnata una pista ciclabile che diminuisse la larghezza della carreggiata e quindi anche la velocità delle auto. In un paio di curve la pista è stata protetta con un cordolo di gomma e la prima parte di via Toscanini è diventata a senso unico in entrata, per evitare che le auto in uscita potessero colpire i ciclisti. Questo senso unico ha permesso poi di trovare lo spazio di sosta dello scuolabus che accompagna i bambini alla scuola materna Il Melograno. Ba.Tu.


14 Villafranca Servizi Problemi di timer, il riscaldamento si accende a metà settembre

Sauna in classe, Salvò chiarisce: “Niente sprechi” L’inconveniente è stato ricondotto ad un malfunzionamento dell’impianto. Tempestivo l’intervento della ditta, che gestisce il servizio, per riportare tutto alla normalità

L

a crisi ci ha insegnato a risparmiare. Anzi a giudicare con estrema severità ogni sorta di spreco sia in casa che fuori. In questo senso, però, possiamo dire che l’osservato speciale rimane la politica, da più parti considerata responsabile di una gestione della “cosa pubblica” non sempre accorta e parsimoniosa. Ma non è così tutta la politica, i sindaci ad esempio stanno facendo i salti mortali per contenere le difficoltà causate dalle incerte entrate e per non trasferire sui servizi le difficoltà di bilancio: soldi ce ne sono sempre meno ma le cose devono andare avanti come se ci fossero. Sta tutto qui, in queste due oggettive considerazioni, il dialogo a distanza che si è consumato qualche giorno fra il sindaco Luciano Salvò e Paola Lincetto, consigliere del comune di Padova e insegnante nella scuola media di Villafranca, dove un guasto all’impianto di riscaldamento ha portato la temperatura a salire malgra-

do fuori splendesse il sole. Evidentemente, si è trattato di un incidente. La vicenda non contiene certo indizi che depongono a favore di una cattiva gestione. Tanto è bastato, però, all’insegnante-consigliere comunale, con un tono un po’ ironico, per rendere noto l’accaduto attraverso un social-network. “Questa mattina a scuola il riscaldamento è acceso. Tranquilli, tutto normale, a gennaio si moriva dal freddo”. Questo il pungente messaggio postato dall’insegnante e arrivato all’orecchio del primo cittadino come una sorta di messaggio allusivo ad una gestione poco accorta dell’impianto di riscaldamento dell’istituto scolastico. “Il disservizio non ha causato alcun danno economico per il Comune – sono state le parole usate da Luciano Salvò per commentare l’accaduto – il costo del servizio entrerà tra le spese del bilancio solo dopo aver inviato l’ordine scritto alla ditta di erogare la fornitura di calore. Quindi

Nella foto il primo cittadino Luciano Salvò solo a metà ottobre”. Va inoltre precisato che il guasto è stato risolto in modo tempestivo dalla ditta fornitrice, intervenuta nella stessa mattinata grazie alla gestione telematica a distanza.

Denuncia dei redditi

Tanti i cittadini che devolvono il loro 5 per mille al Comune

N

el Comune di Villafranca Padovana sono molti i residenti che decidono di devolvere il 5 per mille dei propri redditi a favore delle casse comunali. In uno dei pochi Comuni della provincia dove non si paga l’addizionale Irpef i cittadini nel 2010, ultimo dato disponibile in municipio, hanno devoluto 6.232 euro con il loro 5 per mille. Un contributo che è andato crescendo se confrontato con i dati dei due anni precedenti. Nel 2009, infatti, nelle casse comunali sono entrati 3.170 euro, mentre l’anno precedente 2.051 euro. “Nella graduatoria dei Comuni padovani Villafranca è al decimo posto in base al rapporto tra il numero di abitanti e i soldi versati - ha spiegato il sindaco Luciano Salvò -, entrata che noi utilizziamo per migliorare l’offerta formativa delle scuole, sostenere le materne e potenziare l’aiuto alle famiglie”. E scorrendo l’elenco dei Comuni che ricevono il 5 per mille dai propri residenti Villafranca è uno dei paesi in cui i contribuenti versano di più. Ad esempio Noventa Padovana (10.800 abitanti) nel 2010 ha ricevuto 5.700 euro, e Mestrino con 10.969 abitanti da ricevuto 2.540 euro. Ba.Tu.

ElectricSheeps.com I T S O LU T I O N S & W E B D E S I G N

Siti internet, E-commerce & Web Application Sviluppo soft ware, Mobile soft ware Consulenza e Assistenza informatica Progettazione reti aziendali Pianificazione grafica aziendale

Via Dei Martiri 49, Cavarzere (VE) - Tel. (+39) 0426.310.691 - Cell. (+39) 320.68.21.774 - www.electricsheeps.com - info@electricsheeps.com


FARMACIA SARMEOLA Sarmeola di Rubano (PD) Via della Provvidenza, 204 - Tel. 049 634970 - Fax 049 8986218 - farmaciasarmeola@aruba.it

I NOSTRI SERVIZI: • Magnetoterapia • Test intolleranze alimentari • Holter pressorio • Elettrocardiogramma • Misurazione gratuita della pressione • Autoanalisi del sangue: glicemia, colesterolo, trigliceridi, acido urico • Test coaugulazione del sangue • densitometria ossea • Noleggio tiralatte professionale con sterilizzazione circuito interno • Consegna gratuita dei farmaci urgenti a domicilio • Test rapido ricerca streptococco • Misurazione della saturazione dell’ossigeno

Richiedi la tua carta fedeltà

Dott.ssa Redi Alessia, Dott.ss

a Serena Bedin, Dott.ssa Fed

erica Giacchetto, Dott. Giovan

ni Cirilli

M3

€ 52,90 *

€ 35,00

dal’11 al 16 NOVEMRE PREVENZIONE DIABETE Misurazione GRATUITA della glicemia

€ 106,00 *

Favorisce il regolare ciclo di vita dei capelli

€ 68,00

€ 26,30 *

Medicinale n°1 in francia €.22,00

€ 21,00 € 8,65 *

€ 6,90 € 2,49 *

€ 1,90 € 7,60 *

€ 4,90

€ 13,50 *

€ 10,80

€ 3,99 *

€ 2,99

IN PROMOZIONE

* PREZZO CONSIGLIATO AL PUBBLICO - FINO AD ESAURIMENTO SCORTE

MERCOLEDI 29 OTTOBRE GIORNATA DEDICATA A


16 Vigodarzere - Cadoneghe Piano di recupero Approvato lo schema di convenzione tra il Comune e la società immobiliare

Ex Grosoli, finalmente l’accordo Il sindaco Gastaldon soddisfatto: “L’iniziativa interessa un’area di 186 mila mq da riqualificare” di Nicoletta Masetto

A

tteso lungamente e dopo un iter particolarmente complesso, finalmente l’accordo per la sistemazione e la riqualificazione dell’area ex Grosoli e del comparto circostante chiamato PL4 è arrivato. Alla fine di settembre l’amministrazione comunale ha approvato in giunta lo schema di convenzione tra Comune di Cadoneghe e proprietà Alì Immobiliare presentato da quest’ultima per l’avvio della riqualificazione dell’area degradata mediante un piano di recupero di iniziativa pubblica. “Siamo molto soddisfatti e anche, se posso dirlo, un po’ emozionati – dice il sindaco Mirco Gastaldon –. Tutti i cittadini sanno quanto complicato sia stato l’iter per arrivare a una soluzione soddisfacente, che tuteli gli interessi dei privati ma garantisca nel contempo servizi duraturi alla collettività. Quello che ora partirà sarà un piano di recupero strategico per il futuro del nostro territorio, che coinvolge nel complesso 186 mila metri quadri. Con questa riqualifica-

zione porremo drasticamente fine a tutti i problemi di degrado e di sicurezza che erano legati all’esistenza di edifici fatiscenti e abbandonati. La città cambia: quello che nascerà sarà un moderno complesso integrato, con superfici commerciali, residenziali e direzionali. Giova ricordare che si tratta di un progetto che ha valenza sovracomunale, e perciò si inquadra all’interno del Pati della città metropolitana ed il tutto senza il consumo di nuovo suolo agricolo ma riutilizzando aree fortemente urbanizzate e compromesse. In parte saranno restituite a verde pubblico”. Può dunque iniziare il profondo restyling dell’intera zona, che ospiterà un centro commerciale da tempo previsto nei vari piani regolatori ed edifici pubblici e privati, con un grande polmone verde adibito a parco al centro dell’area comprensivo di un bacino di laminazione per ridurre il rischio idrogeologico dell’area Castagnara. L’accordo prevede innanzitutto l’abbattimento dei capannoni diroccati, punto questo che

inizierà non appena i vari enti sovracomunali avranno terminato i loro pareri burocratici sulle modalità del risanamento, poi verrà edificato un ipermercato con annessa una rete di negozi più piccoli ed il mercato settimanale. Tappa successiva sarà la creazione di abitazioni residenziali (villette a schiera, condomini, uffici). Contestualmente a questi lavori dovranno partire anche le opere di interesse pubblico, ossia la nuova piazza in cui si trasferirà il mercato che ora si svolge in via Gramsci e alla Castagnara, il grande parco pubblico e il bacino di laminazione nella parte centrale, che eviterà rischi di esondazione nei periodi di grandi piogge nonché la rotatoria all’ingresso di via Donizetti e il rifacimento dei marciapiedi su ambo i lati di via Marconi. Per conoscere nel dettaglio previsioni di destinazione, tempi e modi dell’intervento di riqualificazione l’Amministrazione comunale ha organizzato un incontro pubblico di presentazione.

SOTTO L’ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA con il patrocinio di:

800 943 333 Garantisci il suo diritto all’assistenza, difendi la qualità del suo futuro.

800 943 333 www.parentproject.it Per sostenerci: ccp 94255007 - IBAN: IT 38 V 08327 03219 000000005775

Ecco come si presenterà l’area Ex Grosoli rimessa a nuovo

Nuovo ipermercato Non ce n’è bisogno Dalla Confesercenti di Padova critiche a Cadoneghe per aver concesso l’autirizzazione

“I

consumatori padovani non hanno bisogno di un altro ipermercato”. È guerra sulla realizzazione di un ipermercato a Cadoneghe che, ovviamente, coinvolge in maniera diretta questo comune, ma anche quelli limitrofi, da Vigodarzere alla stessa Padova e Campodarsego. A scendere in campo è la Confesesercenti provinciale. Il presidente provinciale, Nicola Rossi ha preso carta e penna e ha scritto al sindaco Mirco Gastaldon chiedendo, di fatto, di ripensarci, di fare marcia indietro, di valutare a bocce ferme pro e contro. “Ancora una volta ti chiediamo di ripensarci. Un altro ipermercato porterà alla desertificazione di una vasta area residenziale tra Padova e Cadoneghe. Nel veneto la grande distribuzione ha il primato europeo nel rapporto superficie di vendita ogni mille abitanti (490 metri quadrati). Oltre a questi, per la sola provincia di Padova, pendono in Regione altre richieste per quasi 100 mila metri quadrati. Nel settore alimentare la Gdo (grande distribuzione organizzata) ha raggiunto quote di mercato da monopolio (85per cento). I consumi crollano, il 70 per cento delle famiglie fa fatica ad arrivare alla terza settimana del mese. La disoccupazione tocca livelli mai visti negli ultimi venti anni, la grande distribuzione continua bugiardamente a promettere posti di lavoro e crescita del Pil in cambio di nuove aperture e liberalizzazioni degli orari». Quello che ci fa particolarmente male, prosegue il presidente della Confesercenti padovana Nicola Rossi, è che i nostri sindaci continuano a credere a queste promesse. “E così, dopo Limena, Due Carrare, Abano , Ponte San Nicolò, anche il sindaco Gastaldon dichiara felice che a Cadoneghe ha raggiunto l’accordo per autorizzare un nuovo ipermercato. Un nuovo ipermercato, alle porte di Padova condannerà a morte certa gli ulti-

mi negozi di alimentari, porterà alla chiusura dei negozi di ortofrutta e di qualche gastronomia. Per poter acquistare un etto di crudo o di formaggio i nostri pensionati , in qualche caso dovranno fare qualche chilometro e fare la coda alle poche casse aperte negli ipermercati”. Una scelta di sviluppo che francamente non condividiamo, afferma Rossi. “Oltre 700 commercianti padovani, con una nutrita schiera di sindaci, lo scorso primo luglio hanno partecipato ad una fiaccolata per richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica sulla necessità di salvaguardare le nostre città. Il sindaco di Cadoneghe non c’era”. La Confesercenti di Padova, dichiara Rossi, dice di no a questo ipermercato come è stato detto no a quello di Limena a quello di Abano a quello di Due Carrare e a quello di Padova Est nonché a Veneto City. Faremo, perciò, tutto quanto è nelle nostre possibilità, continua il presidente Rossi che annuncia una battaglia serrata. “Una battaglia voluta fermamente per evitare che l’ ennesimo ipermercato distrugga definitivamente una parte importante della rete distributiva della nostra provincia – conclude Confesercenti -. Non ci interessa se è già tutto deciso: noi continuiamo a ripetere quello che stiamo dicendo da venti anni. E, al sindaco di Cadoneghe, chiediamo ancora una volta di riflettere su questa Ni.Ma. autorizzazione”.


12 18

VIAGGIO IN

PROVINCIA

Trasporti pubblici Il primo tratto dalla Stazione ferroviaria a Voltabarozzo

PADOVA

Nuova linea del tram disco verde da Roma Previsto il collegamento con il nuovo ospedale Rossi incassa il via libera dal Ministero dei trasporti di Martina Celegato

E

’ un tema che ha tenuto banco negli ultimi mesi e che finalmente sembra essere arrivato ad una svolta: la nuova linea del tram cittadino a Padova che dovrebbe collegare l’area dello stadio con Voltabarozzo. Il progetto, denominato Sir3 e Sir4, la variante legata al secondo stralcio di realizzazione, rappresenterebbe una vera e propria novità per Padova che si troverebbe in questo modo ad avere due direttrici tramviarie in grado di soddisfare tutte le esigenze dei cittadini e dei pendolari. Non poche erano state infatti le polemiche suscitate dalla realizzazione della prima linea di tram che andava ad escludere tutti gli spostamenti da est ad ovest della citta, in particolare verso e dalla zona universitaria. Inoltre collegando lo stadio direttamente al centro città si andrebbero a risolvere molte problematiche legate al traffico generato dalle importanti manifestazioni che all’interno dello stadio stesso si tengono, sia sportive che di spettacolo. In realtà il collegamento dovrebbe avvenire in due fasi: una prima parte dalla Stazione a Voltabarozzo e una seconda dalla Stazione allo Stadio Euganeo, nell’eventualità che il progetto del Nuovo Ospedale diventasse realtà. Un progetto ambizioso quindi, che andrebbe a rivedere tutto l’assetto della viabilità padovana in funzione del potenziamento e funzionalità del trasporto pubblico. Il valore aggiunto del progetto sembra essere arrivato anche a Roma, dove il Sindaco reggente Ivo Rossi, entrato

in carica dopo la nomina di Zanonato a Ministro, si è recato linea del tram infatti dovrebbe passare per molte vie stranei primi giorni di settembre a chiedere finanziamenti per la tegiche permettendo quindi di arrivare a degli spostamenti realizzazione al Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Mau- completi fra le vie di Padova. La tratta dovrebbe infatti inclurizio Lupi. All’incontro con il Ministro erano presenti anche dere via Gozzi, via Morgagni, via Falloppio, via Giustiniani, l’assessore comunale delegato all’Urbanistica Marta Dalla via Sografi, via Canestrini e via Piovese nel primo stralcio Vecchia e l’Ingegner Ettore Incalza, una delle autorità italia- di realizzazione e via Bassano nella seconda tranche. Un totale di 9 km e 300 metri, 5 e mezzo ne per quanto riguarda la realizzazione per la prima parte e i rimanenti per la di grandi opere e trasporti. Un incontro Il costo si aggira seconda. che sembra essersi rivelato molto profi- sui 100 milioni L’attività di Ivo Rossi non ha però cuo vista la soddisfazione manifestata e il contributo placato le polemiche nei suoi riguardi al suo ritorno da Ivo Rossi che non ha statale richiesto mancato si sottolineare la disponibilità ne copre circa 70 visto che l’ex assessore e ora senatore Maurizio Saia ha commentato del Ministro. Il contributo statale richiesto ammonta al 70% della spesa totale, ossia 70 milioni sui come dovrebbe attenersi ad un basso profilo come sindaco 100 necessari alla realizzazione, una richiesta perfettamen- reggente e non eletto direttamente dai cittadini, invece di te in linea con il contributo ricevuto per la realizzazione della continuare nella sua personale campagna elettorale. Saia prima rete tramviaria. Il “vantaggio” di cui gode il progetto ha inoltre aggiunto come Rossi dovrebbe dare priorità a è quello della possibile cantierabilità immediata visto che altre problematiche sicuramente più importanti nell’immetutte le documentazioni sono già pronte. Il Cipe, ossia il diato come il sociale, la problematica delle periferie e la Comitato interministeriale per la programmazione econo- sicurezza, nonché il commercio che ormai da mesi fatica a mica dovrebbe quindi dare massima priorità al progetto e tirare avanti. soprattutto ai finanziamenti dello stesso. Intanto si avvicina la campagna elettorale e sicuramenI dati relativi al progetto sono sicuramente molto in- te quello del tram e delle grandi opere in generale sarà un coraggianti per tutti i cittadini che vogliono scegliere il tra- tema destinato a restate sulla cresta dell’onda per alcuni sporto pubblico come alternativa alle auto private. La nuova mesi e a sollevare non poche reazioni politiche.

IMPRENDITORIA fEMMINILE OPEN DAY DONNA, ESPERTI E MANAgER A CONfRONTO

A

ll’inizio di ottobre il Palageox il più grande evento dell’imprenditoria femminile del nord est che, reduce dal successo ottenuto l’anno scorso con la prima edizione, torna pieno di novità e innovazione e soprattutto con un’attenzione e portata di carattere nazionale: Open Day Donna.L’evento è stato promosso dal Comitato per lo Sviluppo dell’Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Padova, guidato da Stefania Brogin (nella foto), e ha coinvolto numerose personalità locali e nazionali in dibattiti, convegni e discussioni sul mondo dell’imprenditoria femminile con esperti manageriali pronti a dare consigli e pool di funzionari che hanno sviscerato tutte le tematiche legate alle imprese, sia burocratiche che strategiche. Alla giornata hanno preso parte anche specialisti dello

SMAU di Padova, partner della giornata. Come aveva annunciato nelle scorse settimane il blog ufficiale dell’evento sono state analizzate e approfondite varie tematiche chiave per l’imprenditorialità come “adempimenti per l’avvio d’impresa e scelta della forma giuridica, scelta del regime fiscale, bilancio delle competenze, mentoring, accesso ai finanziamenti, al microcredito e ai bandi, business plan, marketing e comunicazione, uso dei social media, check up del sito web, internazionalizzazione, marchi e brevetti, accesso ai fondi comunitari in collaborazione con l’Eurosportello Veneto.”La giornata ha aperto l’Open Week dell’Imprenditoria Femminile e giovanile, settimana promossa dalla Regione Veneto e dal Centro di produttività Veneto, che ha visto coinvolte tutte le provincie. M.C.

Mondo del lavoro

la crisi si vince con la formazione

L

a crisi si sconfigge anche puntando sulla formazione e trovando in essa nuovi strumenti di crescita personale, professionale ed aziendale. Lo confermano i numeri di Fòrema, società di Confindustria Padova per la formazione, il lavoro e la sicurezza, che dal 2009 ad oggi ha coinvolto quasi 70mila persone in oltre 290mila ore di formazione. Con un trend di crescita proprio negli anni della crisi: se nel 2009 le ore di formazione erogate erano 50.437, nel 2010 49.030 e nel 2011 57.472, lo scorso anno hanno raggiunto quota 66.063 (+15%, +31% dal 2009). Un dato destinato ad essere superato a fine 2013 sulla base delle proiezioni. Un recente rapporto rileva come la domanda di formazione da parte delle imprese sia cresciuta in media dell’1,5% tra 2011 e 2012. M.C.


Spazi Spazi Aperti aperti 19 13 Mobilità sostenibile Iniziativa di Legambiente per agevolare l’acquisto di un nuovo mezzo, l’adesione è gratuita

Gruppo d’acquisto per le bici elettriche A Padova è in forte aumento l’uso delle due ruote, ora la nuova iniziativa per incrementare il parco bici cittadino

Intanto prosegue l’iniziativa del bike sharing con decine di bici a disposizione

di Emanuele Masiero

L

a formula del Gruppo d’Acquisto è sempre più diffusa e popolare. L’ultimo arrivato è il Game ovvero quello riservato alla mobilità elettrica. Ecologica come una bici, comoda come un’auto: la bicicletta elettrica sta conquistando sempre più estimatori e Legambiente ha deciso di aiutare chi ne vuole acquistare una. Il gruppo di acquisto per la mobilità elettrica si fonda sul solito principio di base: l’associazione seleziona e testa i migliori modelli per tecnologia, praticità e prezzo e li propone ai potenziali acquirenti. L’adesione al Game è gratuita e non impegnativa. “Padova è sempre di più congestionata dalle auto – spiegano i responsabili di Legambiente - Lo smog è uno sgradito compagno di vita quotidiana che minaccia la salute e il tempo che si trascorre per spostamenti in auto aumenta sempre di più. E’ arrivata l’ora della mobilità elettrica. Passare a mezzi non inquinanti non alimentati da fonti fossili è ormai necessario”. Le biciclette a pedalata assistita e gli scooter elettrici sono una realtà ed una tecnologia ormai evoluta, economica, affidabile e con un’elevata autonomia. Tra l’altro, questo tipo di mezzi, permettono di aumentare le distanze percorribili senza

l’utilizzo dell’automobile e senza faticare. In un mese, percorrendo 20 chilometri al giorno si risparmiano oltre 50 euro di benzina e 70 kg di emissioni di Co2. “Per consentire a tutti un prezzo equo ed un elevata qualità dei prodotti, Legambiente Padova invita tutti ad aderire al Game presentato in occasione della festa del Recupero e del Risparmio Energetico. L’adesione al Game è completamente gratuita e non impegnativa e consente all’utente di avere tutti i dettagli sul mezzo che più gli si addice, convenienza economica, ambientale, costi e risparmio. Sarà sufficiente compilare la dichiarazione d’interesse al Game e senza impegno si verrà contattati per un appuntamento in cui provare i mezzi e avere la possibilità di acquisto a prezzo bloccato. Grazie alle convenzioni con gli istituti di credito di Legambiente inoltre si potrà usufruire della possibilità di finanziamento a tassi agevolati”. In generale comunque, l’utilizzo della bici è in costante aumento. Forse in virtù della crisi economica che permane ormai da mesi. In tutta Italia quindi la bicicletta è sempre più un mezzo di trasporto urbano quotidiano e non solo veicolo di sport e svago. A dirlo sono i dati del

APRE LA CICLABILE TREVISO - OSTIgLIA

Q

uando si dice imparare dai paesi del nord. La Provincia di Padova è decisa a pedalare insieme ai cittadini lungo tutto il tratto padovano della pista ciclabile “Treviso-Ostiglia”. Sono infatti terminati i lavori per gli ultimi 32 chilometri che concludono il percorso nel territorio provinciale di Padova. Un evento storico che rappresenta una grande opportunità di sviluppo turistico ed economico per tutto il territorio. Con i suoi 110 chilometri totali, la Treviso-Ostiglia è una tra le più lunghe e suggestive piste ciclabili d’Europa. Nei giorni scorsi anche la Provincia di Treviso ha inaugurato il tratto da Quinto fino a Treviso cui ora si aggiungeranno i 32 chilometri di Padova e, prossimamente, l’ultimo chilometro fino a Camposampiero. L’amministrazione provinciale infatti ha già chiuso l’accordo con le Ferrovie per il trentatreesimo chilometro. Inoltre la Provincia di Padova ha ottenuto 1 milione e mezzo dall’Unione Europea che serviranno ad allestire, nel Comune di Piombino Dese, il Museo della Treviso Ostiglia in collaborazione con la comunità ebraica. Il percorso, infatti, ha anche una valenza di memoria legata all’olocausto perché i cittadini ebrei del territorio padovano erano prima raccolti a Villa Venier di Vo’ Euganeo e poi deportati, tramite la vecchia ferrovia, a Trieste e infine ad Auschwitz. “Nel corso di questo mandato amministrativo – ha detto la presidente Barbara Degani - l’Amministrazione Provinciale ha dato un forte impulso allo sviluppo della rete ciclabile provinciale. Grazie al sostegno della Regione Veneto e alla collaborazione

Terminati i lavori nel tratto di 32 km in territorio padovano, festa per l’apertura degli Enti Locali sono stati definiti percorsi di grande pregio, dall’Anello dei Colli Euganei alla Treviso-Ostiglia fino ai percorsi fluviali lungo la Brenta e il Bacchiglione”. Per la Provincia si tratta di un’opportunità turistica molto rilevante. “Dobbiamo la domanda di turismo su due ruote – ha spiegato la Presidente – oltre ai 25 milioni di amatori europei del cicloturismo e ai 5 milioni di visitatori che arrivano in Italia, dobbiamo includere i 15 milioni di presenze registrate nei campeggi del Veneto. Non c’è camper, roulotte o auto che non abbia almeno due biciclette. Quindi potenzialmente ci sono 30 milioni di persone che ancora non abbiamo E.M. raggiunto in questo settore”.

Uno dei punti di noleggio delle biciclette a Padova, ora Legambiente scommette sulla diffusione dei mezzi elettrici grazie ad un gruppo di acquisto

clamoroso sorpasso delle due ruote sull’automobile: nel corso del 2012, infatti, per la prima volta dopo 48 anni in Italia sono state vendute 1.748.000 bici a fronte di 1.450.000 automobili. L’uso delle due ruote nei giorni feriali è più che triplicato a partire dal 2001 quando i ciclisti urbani erano appena il 2,9% della popolazione adulta. Oggi la percentuale di utenti della strada a pedali è schizzata al 9%, un vero record: si tratta in numeri assoluti di 5 milioni di persone che utilizzano la biciclet-

ta per gli spostamenti almeno 3 o 4 volte a settimana. L’iniziativa di Legambiente lega quindi un’esigenza importante ad una formula vantaggiosa per l’utente: grazie ai gruppi d’acquisto, l’utente riesce a spuntare il prezzo migliore con la tutela di un partner esperto e attento ai bisogni del consumatore. Prova ne sono i Gas (gruppi di acquisto solare) con cui le abitazioni della provincia di Padova sono state “invase” da pannelli solari senza scordare il più recente Gap (gruppo di acquisto del pellet) che permette invece di ottenre pellet certificato al miglior prezzo. Per avere altre informazioni è possibile scrivere a game@legambientepadova.it oppure chiamare Legambiente allo 0498561212.


20 Mondo scuola

Mondo scuola 15

Nuovo anno scolastico Gli istituti tecnici registrano il 3,2% di iscritti in più

Formazione tecnica iscrizioni in aumento

Oltre 36 mila gli studenti padovani delle superiori Il mondo del lavoro si avvicina a quello scolastico di Martina Celegato

E

Sicuramente sorprendente, anche se ’ ricominciato a pieno ritmo il nuovo anno scolastico che ha visto 36 mila non troppo, è l’aumento degli iscritti per i studenti delle scuole superiori padovane percorsi tecnici che quest’anno sono stati tornare sui banchi di scuola con grandi novità 3.483 ossia una percentuale pari al 43,8% all’attivo. Ben 7400 sono gli studenti del del totale dei nuovi iscritti con un aumento del 3,2% rispetto primo anno iscritti alle all’anno scolastico preprime classi dei 41 isti- Anche le scuole tuti provinciali secondo di specializzazione cedente. Un aumento che conferma la teni diversi indirizzi for- post diploma denza già registrata nemativi. Senza dubbio continueranno gli scorsi anni visto che la scelta ha coinvolto la loro attività con l’anno scolastico anche le aspettative di lavoro future ma non sono state trascurate appena iniziato dal 2010 l’aumento comda studenti e famiglie le attitudini personali plessivo è stato dell’8,5%. Quasi il doppio è degli allievi, come testimonia l’uniformità la percentuale di diminuzione delle iscrizioni, nelle varie aree di studio. Nonostante que- sempre dal 2010, nei licei che quest’anno sta uniformità alcune differenze si sono però hanno registrato 3.107 nuovi iscritti alle priregistrate come ha sottolineato la ricerca in me classi. Positiva si conferma la situazione merito realizzata da Confindustria Padova a degli istituti professionali con un aumento del 4,6% e 1.361 nuovi iscritti. Una tendenza riguardo.

Lezione in classe: negli istituti superiori padovani cresce il numero di studenti che sceglie la formazione tecnica generale che sembra premiare lo sforzo zioni il Presidente fa riferimento a quello che degli ultimi anni per unire il mondo delle emerge dal quadro europeo, in particolare imprese con quello della formazione come tedesco. In Germania infatti un giovane su 5 ha sottolineato Rodolfo Cetera, Presidente fra i 15 e i 29 anni studia e lavora (22,1%) dei Giovani Imprenditori di Confindustria Pa- mentre in Italia tale percentuale è bloccata da anni al 3,7%. “Al dova. “La scelta della formazione tecnica ha Calano le iscrizioni ministro Maria Chiara Carrozza – ha sottoun trend incoraggiante ai licei, mentre lineato Cetera nella – ha dichiarato infatti i professionali comunicazione ufficiale a riguardo Cetera - da registrano un rendere strutturale per nuovo incremento divulgata a riguardo collegare sempre di più - va dato il merito di l’offerta formativa con il mondo del lavoro aver riportato la scuola al centro del dibattito. e dell’impresa e incidere sul cronico ritardo Ora però deve seguire un piano organico che tutto italiano nell’alternanza scuola-lavoro. rilanci l’istruzione tecnica e rafforzi il valore Uno spread educativo da aggredire, in un educativo dell’apprendistato”. Particolare paese come il nostro dove la disoccupazio- spazio è stato poi conferito alle scuole di ne giovanile è al 39%, ma su cui il decreto specializzazione post diploma, sette in tutto “L’istruzione riparte” rischia di non produrre il Veneto e due a Padova, che grazie alla delicambiamenti sostanziali”. Con tali afferma- bera della Regione Veneto dello scorso luglio

continueranno la loro attività per formare giovani qualificati e professionalmente competitivi. All’avvio del nuovo anno scolastico anche la Presidente della Provincia Barbara Degani è intervenuta a riguardo affermando “Auguro, davvero di cuore, a tutti gli studenti padovani un nuovo anno scolastico ricco di conoscenze, ma soprattutto d’importanti esperienze umane e formative. Sono certa che gli insegnanti, ai quali va tutta la mia più sincera gratitudine per l’impegno quotidiano e la passione con cui affrontano i tanti problemi di un lavoro complesso come il loro, sapranno seguire con competenza e serietà i ragazzi nella loro crescita umana e morale, facendoli diventare curiosi del mondo e della vita, e preparandoli ad affrontare il futuro con successo. In bocca al lupo, dunque, perché questo sia un nuovo anno sereno e pieno di soddisfazione per tutti”.


16 Il personaggio 22 L’intervista Conosciamo il gruppo degli “Abusivi” creato da quattro studenti universitari padovani, ora esce il loro primo lavoro

Quando il rock parla dialetto veneto di francesco Sturaro

L

’alternative rock in dialetto veneto è il genere musicale che più rappresenta gli “Abusivi”, gruppo composto da quattro studenti universitari ventenni: i fratelli Francesco e Alberto Baldo di Conselve, Nicolò Peraro di Terrassa Padovana e Davide Zordan di Este. A fine agosto è uscito, per l’etichetta indipendente “La Grande V Records”, il loro primo Ep dal titolo omonimo della band. La musica degli “Abusivi”, gruppo costituitosi nel 2012 al termine dell’esperienza dell’originario complesso “Rum & pera”, a sua volta sorto nel 2009, è un concentrato di energia, il tutto condito da testi goliardici e irriverenti. Come è composta la vostra band? “È composta da Alberto detto “Duilio” al basso, Francesco detto “Bich” alla batteria, Davide “Zordi” alla chitarra, mentre Nicolò alias “Piron” è la voce solista”. Perché dei musicisti ventenni scelgono di fare rock in dialetto veneto? “È una cosa che ci viene naturale. Il dialetto è una lingua genuina, molto musicale e divertente. Con la nostra musica vogliamo che i ragazzi come noi comincino a riscoprirla e apprezzarla”. Come nascono le vostre canzoni?

“Solitamente nascono prima i testi, che poi sono sottoposti all’attenzione di tutto il gruppo e, quindi, si comincia a lavorare sulla musica. In ogni canzone c’è sempre lo zampino di tutti”. Dove trovate lo spunto per i testi dei vostri brani? “Le nostre canzoni traggono spunto dalla vita di tutti i giorni, dalle problematiche tipiche dei ragazzi della nostra età, dall’esperienza quotidiana, da quello che ci capita di vivere o vedere. Il filo conduttore del disco è la vita della gioventù di provincia, con le sue passioni, gli stati d’animo tipici di questa età, il tutto raccontato in chiave ironica e goliardica, perché per noi la musica è divertimento”. Quanto tempo avete lavorato al vostro EP? “Tra scrittura delle canzoni, quindi stesura del testo e composizione della musica, e registrazione in sala di incisione abbiamo impiegato circa sei mesi per realizzare l’Ep”. Probabilmente suonando l’alternative rock in dialetto veneto ed essendo esponenti di un’etichetta indipendente, molti canali di promozione discografica

vi sono negati, penso ad esempio alla radio. Come riuscite a promuovere la vostra musica nonostante queste difficoltà? “Il nostro veicolo promozionale per eccellenza è il concerto dal vivo sia all’aperto sia nei locali, perché ci permette di avere un rapporto diretto con il pubblico. In queste occasioni riusciamo ad esprimere al meglio la nostra musica e la nostra energia. Quest’estate abbiamo suonato a Pian dei Castaldi in provincia di Belluno, Cazzago, Arre, Barbarano Vicentino, Treviso, Mas di Sedico sempre in provincia di Belluno, Cittadella e in ottobre saremo ancora a Treviso”. Il vostro genere musicale è apprezzato nel padovano? “La nostra musica è apprezzata dai ragazzi in generale, ma nel padovano facciamo fatica a trovare lo spazio per esibirci, perché gli organizzatori delle rassegne musicali o delle grandi feste all’aperto preferiscono chiamare le cover band piuttosto che i gruppi emergenti, che fanno musica indipendente. Basta osservare le località in cui ci siamo esibiti quest’estate per notare che abbiamo avuto più richieste fuori dal padovano”. Avete un vostro fan club, degli esti-

La band degli “Abusivi” in uno dei loro concerti matori che vi seguono con costanza? “Abbiamo un nutrito gruppo di affezionati, che ci segue e con cui siamo costantemente in contatto tramite i vari strumenti multimediali che la tecnologia ci offre, primo fra tutti facebook. La nostra pagina ufficiale www.facebook.com/abusiviofficial conta attualmente

1345 amici”. Qual è il vostro sogno nel cassetto come band? “Il nostro sogno è di ritagliarci il nostro spazio nel panorama musicale delle Tre Venezie, continuando a fare musica con la stessa passione di adesso e, magari, poter diventare musicisti di professione”. Messaggio pubblicitario

Vivo per ballare: A scuola da Caterina Di Napoli “Il futuro appartiene a chi crede alla bellezza dei propri sogni”. E’ questa la frase di Roosvelt che ha ispirato tutta la sua vita. Caterina Di Napoli danzatrice e coreografa campana, figlia d’arte (suo padre Edmondo è un noto pittore) ne ha fatta di strada da quando da bambina ,nel 1974 , ha iniziato a muovere i primi passi in questa nobile disciplina. Prima ballerina del teatro Massimo Bellini di Catania per numerose stagioni liriche, poi ospite solista di altri Enti Lirici Italiani e di Compagnie di Danza nazionali ,(Napoli,Roma,Bari,Torino;Mil ano ) ha partecipato a diverse trasmissioni televisive di successo sulle emittenti nazionali, ha fatto parte di più di 30 produzioni di Opere Liriche in Italia e all Estero. Da più di 15 anni Caterina si occupa di coreografie di importanti eventi culturali e autoproduce spettacoli di danza con il proprio gruppo riscuotendo sempre apprezzamenti di pubblico e critica. Da diversi anni dirige “la sua creatura”: è l’anima, oltre che la fondatrice, dell’ asd Danza City, che, , in poco tempo è diventata punto di riferimento di prima grandezza nel panorama della danza in Veneto e non solo. La missione di Caterina è una sola: trasferire la passione della sua vita, che le ha permesso di calcare tanti palcoscenici importanti, alle centinaia di

allieve che ogni anno hanno scelto la sua scuola per inseguire i propri sogni. Una passione che può essere veicolata solo dalla sua grande professionalità, dopo una lunga esperienza a fianco di grandi maestri internazionali. Anni che le hanno permesso di capire una cosa davvero importante, forse l’insegnamento principale: quello di impegnarsi fino in fondo per raggiungere i propri obiettivi, sul palcoscenico come nella vita. La sede di Danza City di Limena è un ambiente ideale per la danza: tre grandi sale, moderne, luminose e dotate di tutti i sistemi di sicurezza necessari. Quanto agli stili e ai corsi ce n’è per tutti i gusti: Danza Classica, Danza Moderna Contemporanea, Hip-hop, Break-Dance, Flamenco, Slimdance, Yogafit, Espressione scenica e altro … L’asd Danza City si avvale anche di importanti collaborazioni esterne con maestri di profilo internazionale. Non solo giovanissime però: la scuola offre ,oltre ai corsi istituzionali e professionali, dei percorsi formativi rivolti ad un vasto pubblico al fine di promuovere e diffondere adeguatamente l’arte della danza . Numerosi sono gli allievi formati da Caterina che sono diventati ballerini professionisti inseriti in compagnie di danza in Italia e all’Estero.

“La danza è tutta la mia vita. Esiste in me una predestinazione, uno spirito che non tutti hanno. Devo portare fino in fondo questo destino: intrapresa questa via non si può più tornare indietro. E’ la mia condanna, forse, ma anche la mia felicità. Se mi chiedessero quando smetterò di danzare, risponderei “quando finirò di vivere”. (Rudolf Nureyev)

I corsi Danza Classica Danza Contemporanea Moderno Hip-hop Flamenco Break dance Tap dance Slim dance Body code Ginnastica in musica Danze Standard

via Breda 36 35010 Limena PD cell. 334 8463297 info@danzacity.it www.danzacity.it


Cultura provinciale 17 23 Il Festival Il concorso internazionale porta a Padova film non ancora distribuiti in Italia

Cinema di viaggio al Porto Astra

il libro

A metà ottobre torna “Detour” con cinque giorni di proiezioni direttamente dai grandi festival, retrospettive, incontri e workshop Via San Francesco a Padova

di Laura Organte

“C

on Detour abbiamo ideato un festival dove il cinema e il viaggio si fondono e si incontrano in modi imprevedibili e sempre nuovi”. Così il regista Marco Segato, direttore artistico della rassegna, presenta al pubblico questa seconda edizione, che si svolgerà dal 15 al 20 ottobre al Porto Astra di Padova. Cinque giorni in cui le sale del cinema patavino ospiteranno le opere di tutti quegli autori che affollano i grandi festival internazionali ma che quasi mai raggiungono i nostri palinsesti. Il Concorso Internazionale, come lo scorso anno, presenterà infatti, in un’unica sezione, lungometraggi di finzione e documentari, legati al tema del viaggio, film che hanno partecipato a festival in Italia e all’estero, ma che non hanno ancora avuto una distribuzione ufficiale in Italia. Ventisette i paesi in gara, con una trentina di opere che cercheranno di aggiudicarsi uno de tre premi del festival: il Premio Miglior film, il Premio Speciale della Giuria e il Premio del

Pubblico. “Viaggio in Italia” sarà invece la nuova sezione che ospiterà film italiani che hanno raccontato e tutt’ora raccontano il nostro paese. Un’occasione per rivedere le opere di grandi cineasti del passato e al tempo stesso scoprire i film di registi esordienti. Sarà proprio “Viaggio in Italia” di Roberto Rossellini, restaurato dalla Cineteca di Bologna e presentato lo scorso anno a Cannes a tenere a battesimo questa nuova sezione. Novità di quest’anno sarà anche l’omaggio a Wes Anderson, il giovane regista americano molto amato da pubblico e critica, che ci ha regalato opere straordinarie come “I Tenenbaum”, “Le avventure acquatiche di Steve Zissou”, fino al recente “Moonrise Kingdom”. Un cinema, quello di Anderson, dove i personaggi sono spesso in fuga da un mondo le cui regole sono troppo strette. Fughe improvvise, romantiche, esistenziali, spesso a segnare la distanza da famiglie troppo opprimenti, da una società troppo rigida che ha smarrito il piacere della

eventi e mostre

a cura di Laura Organte

SIRONI AI MUSEI CIVICI La recente donazione ai Musei Civici di Padova di due opere su carta di Mario Sironi, un disegno, tratto dai soldati dormienti della Resurrezione di Giotto alla Cappella degli Scrovegni, e uno studio per la decorazione della parete maggiore del Liviano, è l’occasione per una mostra in esposizione fino al 24 novembre. Sironi realizzò altre opere preparatorie, partecipando al concorso per la decorazione murale più prestigiosa e rappresentativa di quegli anni a Padova, quella del Liviano, intervento che fu poi affidato a Massimo Campigli. Sono esposti quindi i due bozzetti definitivi di proprietà dell’Università di Padova, che si collegano all’opera pervenuta ai Musei Civici.

I CAPOLAVORI DEL VETRO In mostra ai Musei Civici fino al 24 novembre, in occasione dell’ingresso di una importante raccolta nei musei patavini, circa 150 esemplari più unici che rari della lavorazione del vetro. Tra le opere in mostra, tra cui spiccano numerosi vetri presentati alle Esposizioni Universali di Parigi, alle Biennali di Venezia, alla Triennale di Milano e alcuni unicum nella storia del vetro muranese per tecnica e perizia, provengono dal museo aziendale della storica vetreria fondata da Antonio Salviati ma anche della collezione privata Salviati-Camerino-Tedeschi.

NINA NASILLI IN GALLERIA CAVOUR La poetessa e pittrice Nina Nasilli torna a esporre nella città in cui vive e lavora con una mostra di opere recenti di alto valore artistico e poetico. “2N.est” è il risultato affascinante di un percorso inedito: 77 opere esposte che sono di volta in volta mète, àncore, approdi del pensiero e dei sentimenti in dialogo tra loro. Un racconto che entra ed esce, colpisce e accarezza, esplora e ritorna, sempre con un tratto che dis-vela, narra e mantiene in equilibrio il detto e il non detto. La mostra è aperta fino al 10 novembre alla Galleria Cavour.

La Cittadella francescana

U

Uno dei film in programma, “Un colpo da dilettanti” fantasia. La macchina da presa non è, però, il solo modo per raccontare il viaggio. Tre workshop organizzati nell’ambito del festival esplorano le altre possibilità espressive: sabato 19 ottobre Stefano Faravelli, pittore, filosofo e orientalista, svelerà i segreti del

carnet di viaggio; lo stesso giorno lo scrittore Guido Bosticco inizierà i partecipanti alla scrittura di viaggio, mentre domenica 20 ottobre sarà la volta del fotogiornalismo, sotto la guida di Alessandro Gandolfi. Per le iscrizioni, le informazioni e il calendario del festival: www.detourfilmfestival.com

na guida turistica dedicata al cuore francescano della città di Padova. È con l’intento di valorizzare l’area della città compresa nel triangolo tra via San Francesco, via del Santo e via Cesarotti che l’assessorato al turismo patavino ha realizzato la pubblicazione “La Cittadella francescana”, in distribuzione gratuita presso l’ufficio relazioni con il Pubblico del Comune, gli uffici turistici, le sedi di quartiere, i luoghi d’arte, gli esercizi, i negozi della “Cittadella francescana”, gli alberghi della città, e la Basilica del Santo. A questa parte della città, uno spazio che raccoglie gioielli urbani quali la Basilica, la Scuola della Carità, l’Odeo Cornaro, Palazzo Giusti, la Sala Carmeli e tanti altri ancora, sarà dedicata la giornata nazionale del trekking urbano del 31 ottobre, alla quale parteciperanno con diverse iniziative anche i commercianti della zona. L.O.

Classica Il programma prevede 18 concerti fino al 4 aprile prossimo

Amici della Musica, viaggio dal ‘600 agli autori d’oggi C

on la stagione autunnale, torna a Padova l’ormai tradizionale appuntamento con la 57° stagione concertistica degli Amici della Musica. Si apre così una serie di appuntamenti che spazierà dalla musica del ‘600 a quella contemporanea e che si conferma come una delle più interessanti stagioni di musica da camera italiane per la ricchezza della proposta culturale. Una parte significativa della stagione è dedicata alla musica barocca e il programma 2013/14 annovera la presenza di nomi come quelli di J. Savall, di T. Koopman, di R. Lislevand, di P. Hantai e dei più giovani clavicembalisti B. Martin e B. Alard (entrambi, in anni diversi, primi premi al concorso internazionale di riferimento, quello di Bruges), e di F. Fernandez. Altro nome degno di nota Il violinista di origini padovane Domenico Nordio è quello del pianista K. Bezuidenhout, che se. Altri appuntamenti che propongono un migliori violinisti italiani: Domenico Nordio conclude la sua integrale delle Sonate di programma pieno di inventiva saranno il e la giovanissima Francesco Dego; ma non W.A. Mozart, un ciclo recital pianistico di G. mancheranno anche la musica contemporache ha riscosso, anche Una parte del Andarolo e il Quartetto nea americana con il programma del gruppo a livello discografico, cartellone sarà di Cremona e quello di di percussioni Tetraktis nonché la musica uno straordinario suc- per la musica Auryn che si presente- vocale da camera e la lettura liederistica. cesso. La rassegna si barocca, spazio ranno con alcune della Il programma propone 18 concerti in snoda attraverso un anche ai romantici pagine più belle della abbonamento, e si concluderà, sempre percorso tematico che musica da camera. all’Auditorium Pollini, il 4 aprile 2014 con rinnova la collaborazione con Palazzetto Sul versante della musica del novecento il concerto di due affermati solisti francesi, Bru Zane di Venezia con lo spazio riservato storico e contemporanea importanti occasio- François Fernandez (violino) e Benjamin alla musica romantica (e non solo) france- ni di ascolto sono quelle offerte da due dei Alard (clavicembalo). L.O.


OFFERTE VALIDE FINO AL 31 DICEMBRE 2013 - FINANZIAMENTI A TASSO ZERO


18

LO l’evento

25

SPORT in PRIMO PIANO ginnastica ritmica, in 90 allo spettacolo in piazza

Montagnana Applausi e consensi per il primo torneo di calcio a 5

Sfida in piazza, una scommessa vinta di Nicola Cesaro

I

D

opo un anno ricco di gare ,manifestazioni, e molte soddisfazioni la sezione ginnastica ritmica dell’Asd Polisportiva Arcobaleno di Cornegliana del presidente Marino Penello ha chiuso la stagione con un spettacolare saggio di fine anno presso la piazza del municipio di Due Carrare . Più di 90 atlete (dai 3 ai 16 anni) sono scese in pedana, davanti ad una vasta cornice di pubblico , tra cui spiccava la presenza dell’assessore allo sport carrarese Mario Romanato, il Dott. Marcassa e Cristina, in rappresentanza dell’ente promozionale Aics e Andrea Zagolin, vice sindaco di Polverara e si sono esibite negli esercizi che in questa annata hanno portato ottimi piazzamenti di cui alcuni sui gradini più alti del podio. Oltre gli esercizi di gara le atlete, coordinate dalla direttrice tecnica Valerie Rasine e dallo staff delle insegnanti hanno deliziato la platea con ben 9 coreografie molto originali e ricercate basate sui “colori dell’arcobaleno”. Clou della serata l’esibizione di un ospite davvero eccezionale: la campionessa del mondo e olimpionica Daniela Masseroni, autrice di una performance mozzafiato che ha catturato lo sguardo ammirato di atlete ed insegnati trascinando all’entusiasmo il folto pubblico. Walter Lotto

l calcio sul “liston” strappa applausi e consensi. Un risultato lusinghiero per il primo torneo di calcio a 5 “Città di Montagnana”, organizzato dai ragazzi della Montagnanese Futsal, che ha riportato lo sport più popolare d’Italia in piazza. La manifestazione ha visto trionfare la formazione Bar Fly dopo un’accesissima finale vinta al cardiopalma per 8 a 5 ai supplementari contro la Csm Infortunistica Stradale. Il torneo si è svolto sopra il “Liston” di Piazza Vittorio Emanuele, dove è stata montata una apposita piattaforma, specifica per il calcio a 5. Alla manifestazione hanno partecipato 6 squadre maschili (girone all’italiana con semifinale e finale) per un totale di quasi 70 atleti, ma le vere novità del torneo sono state il quadrangolare femminile, vinto dalla Virtus Giarre che si è imposta nella finale per 9 a 0 contro Galante Sport. Ma anche il triangolare dei pulcini (2002/2003), dove tre squadre di futuri campioncini si sono dati battaglia, ed infine la partita organizzata

Una partita del torneo fra due squadre di ragazzi di Montagnana e dintorni di età compresa fra i 10 e i 13 anni. La manifestazione, seppur alla sua prima edizione, ha avuto un gran successo sia da parte del pubblico, che ha riempito la piazza ogni sera, sia da parte degli atleti che si sono divertiti e soprattutto hanno fatto divertire. All’evento hanno collaborato appassionati e sponsor, ma anche il Comune di Montagnana, l’Ac Montagnana e l’Asd Noventa Calcio a 5, oltre ovviamente a tutto il

Montagnanese Futsal. Tra le attività estive della città murata spicca inoltre anche il brillante “Summer Camp” della Pallacanestro Montagnana, tra le più attive a sostegno delle fasce di giovani atleti. Al Villaggio della Gioventù decine di piccoli atleti hanno preso in mano la palla a spicchi e conosciuto il mondo del basket, innamorandosi di uno sport che nella cittadina è tra i più praticati. Chiunque volesse avvicinarsi al mondo della Pallacanestro Montagnana può contattare la dirigenza al 335-6875808.

CALCIO A 7. Nona edizione del Torneo “Santo Stefano”

gli “svalutescion” si aggiudicano il podio miglior giocatore eugenio banzato

studio avvocati e commercialisti

Giovanna Bettiato Avvocato

Monica Bozzato Avvocato

Filippo Scapinelli Bucciante Avvocato Capitan David Stivanello alza il trofeo della vittoria

I

n una serata canicolare davanti ad una cornice di pubblico da grandi occasioni i biancoazzurri della Svalutescion hanno conquistato la nona edizione del torneo “Santo Stefano” di calcio a 7. La kermesse, disputata nel campo adiacente all’antica abbazia di Santo Stefano di Due Carrare, gode di una crescente popolarità tanto da attirare le attenzioni dell’emittente televisiva A13 Sport che ha filmato e trasmesso l’evento. La formula rispecchia e rispolvera le antiche corride calcistiche estive di quando squadre sponsorizzate da ditte varie e bar, ma composte di giocatori in attività, davano vita ad autentici e aspri duelli per la conquista di coppe trofei e premi in natura. 16 i team al via suddivisi in 4 gironi, dopo le varie fasi eliminatorie la vittoria è andata ai ragazzi della Svalutescion, che trascinati da David

Stivanello (attaccante della Legnarese) capocannoniere con 16 gol si sono sbarazzati (4-0) in finale della ZR impianti, per il secondo anno consecutivo sul secondo gradino del podio. Terzo posto per la MB verde davanti alla Checcoformenteam. Tra i premi individuali è spiccato Alberto Aghito (Svalutescion) atleta ventiduenne tesserato per il Montegrotto Terme, premiato come miglior portiere, mentre il trofeo per il miglior giocatore è stato assegnato ad Eugenio Bronzato (MB verde) centrocampista del Galzignano. Infine la coppa disciplina è andata al team targato vivai piante Paolo Bottin. Premiazioni operate dall’organizzazione, con in testa Fabio Gambarato, coadiuvato dal primo cittadino carrarese Sergio Vason e dal parroco Don Gianmarco. W.L.

Contenzioso civile ordinario; Recupero crediti; Diritto commerciale e societario; Contrattualistica; Diritto Bancario; Diritto Fallimentare; Infortunistica; Opposizione a sanzioni amministrative; Risarcimento danni da responsabilità medica; Diritto di Famiglia (separazione e divorzi); Diritto successorio; Locazione e Condominio – Sfratti; Assistenza nella compravendita di beni immobili; Tutela della proprietà e di altri diritti reali (usufrutto, uso, abitazione, servitù,…).

“Si riceve su appuntamento”

Samantha Visentin

Dottore Commercialista e Revisore Legale Consulenza fiscale, amministrativa e tributaria di società, ditte individuali e professionisti; Tenuta della contabilità di società di persone, società di capitali, ditte individuali, professionisti, associazioni ed enti no profit; Dichiarazione dei redditi modello UNICO, modello 730, calcolo e dichiarazione IMU; Dichiarazione di successione; Contenzioso tributario e assistenza nei controlli fiscali; Consulenza finanziaria e controllo di gestione aziendale: budget, business plan e analisi di bilancio; Consulenza e assistenza alle aziende nella crisi d’impresa; Procedure concorsuali, concordato preventivo e ristrutturazione del debito; Operazioni straordinarie (conferimento, scissione, fusione, trasformazione, patti di famiglia, trust, patrimoni destinati); Amministrazione e liquidazione di aziende, di patrimoni e di singole partecipazioni; Amministrazione di condominio; Due diligence, perizie e consulenze tecniche;

Via Veneto n. 4/D - 35025 Cartura (PD) Tel. 049.9555668 Fax 049.8252146 info@bsbv.it


10 26

IL VENETO

in PRIMO PIANO

Con la campagna nazionale “Mettiamoci in gioco” chiediamo al Governo una svolta contro il Gap

Gioco d’azzardo: una patologia e un florido mercato per le mafie

La mobilitazione per regolamentare il settore è generale. Anche i sindaci sottoscrivono un manifesto nazionale per la legalità contro il gioco d’azzardo di germana urbani

A

nche il gioco uccide. L’ultima vittima “Sarebbe sbagliato pensare – sottoliin Veneto è vicentina: morta suicida nea Pierpaolo Romani, coordinatore naper debiti da gioco. Ma non è un caso zionale di Avviso Pubblico - che il problema isolato e non sarà l’ultimo. Ai veneti piace delle mafie non riguardi il Veneto, terra che giocare d’azzardo. Tra il 2010 e 2011 il anzi interessa molto alle cosche, tanto che 44% della popolazione tra i 15 e 64 anni la Regione si è dotata di un’apposita legge ha giocato d’azzardo. Il 63% nell’ultimo antimafia. la n. 48 del 2012. Oggi parlare anno ha giocato al Lotto/Superenalotto del rapporto gioco d’azzardo-mafie significa e poco meno del 58% al Gratta e vinci/ mettere testa su quella che può essere la Lotto istantaneo; seguono coloro che hanno principale dinamica di infiltrazione mafiosa praticato scommesse sportive ed il Poker te- in questa regione: cioè, ancora una volta, xano o che hanno giocato alle macchinette l’infiltrazione nel settore economico”. elettroniche/slot machine. Dal 1998 in Italia lo Stato ha liberaQuesti numeri evidenziano che quello lizzato e legalizzato le scommesse: ciò ha del gioco d’azzardo è un vero e proprio prodotto un espandersi incredibile del mermercato in controtencato del gioco che lo denza rispetto alla cri- In Veneto c’è il casinò, scorso anno ha toccasi. La gente tenta la una forte attrattiva to quasi i 100miliardi fortuna per sbarcare il per chi presta denaro di euro tra gratta e lunario e paradossal- ad usura o ricicla vinci, lotterie, slot, mente aggrava la si- denaro sporco scommesse sportive tuazione del bilancio e quant’altro. Tanta economico famigliare. gente gioca perchè gli strumenti per giocare Ma questo trend deve porre all’eviden- sono sempre a portata: dal tabaccaio, al za anche altre questioni: un mercato florido bar, al supermercato. Lo Stato, purtroppo, interessa sempre le mafie. Nonostante nella non ha fatto una legge per rispondere ad nostra regione non ci siano evidenze di infil- una domanda di gioco, ha invece spinto trazioni in questo settore, occorre conoscere l’offerta creando, di fatto, la domanda. E le bene le dinamiche perchè dove girano tanti possibilità si sono moltiplicate a dismisura. soldi spesso c’è qualcuno che ricicla denaro Sono aumentate le slot all’interno dei bar sporco e pratica prestito ad usura. e nei comuni è possibile aprire sale giochi

con videolottery che permettono di giocare anche grandi cifre. A questo si aggiungano le agenzie di scommesse. Una gamma di offerta che sta investendo i veneti e creando moltissimi dipendenti da gioco patologico d’azzardo. “Fra questi – spiega Romani - ci sono persone che hanno un lavoro, sono magari imprenditori che accumulano debiti e devono trovare qualcuno che gli presti denaro. Il gioco crea una domanda a cui i mafiosi possono rispondere col prestito ad usura. Sempre più spesso, infatti, all’ufficio antiusura del Comune di Verona si presentano persone che si dichiarano vittime del gioco d’azzardo. Inoltre, i mafiosi hanno iniziato a gestire società che costruiscono macchinette, che spesso non sono regolari. Cioè non hanno al loro interno la scheda prevista dalla legge che le collega col Ministero del Tesoro, ne registra le giocate e calcola la tassazione dovuta allo Stato. In questo modo i mafiosi sono degli attori importanti di una quota significativa di evasione fiscale in complicità o meno col gestore del locale che ospita la macchinetta”. Va detto poi che il passo successivo alla gestione illecita delle macchinette nei bar è l’estorsione a danno dei Commercianti con relative intimidazioni. “Lo dico come avvertimento per i Commercianti – afferma

Pierpaolo Romani

ancora il coordinatore nazionale di Avviso Pubblico - ma anche per gli imprenditori del settore, per Confindustria che deve stare molto molto attenta a tutelare gli imprenditori che operano legittimamente in questo mercato perchè l’organizzazione mafiosa che si inserisce in un mercato punta al monopolio dello stesso”. E oltre alle sale giochi una comunità “colonizzata” dal gioco d’azzardo attira anche un indotto pericoloso. “Spesso – continua Romani - aumentano i casi di utilizzo di sostanze stupefacenti e la fornitura di sesso a pagamento della peggior specie. Si scoprono appartamenti dove vengono tenute come schiave del sesso ragazze straniere in mano a gruppi criminali dell’Est o dell’Africa in combutta con cittadini veneti e organizzazioni criminali italiane. Questo per dire che l’insicurezza nei quartieri non la portano solo gli stranieri. L’insicurezza la creiamo noi permettendo a persone con tanti soldi, fatti spesso sulla pelle di tanti giovani con la vendita di droga, di sviluppare dei business

che hanno poco di etico e sono antieconomici per la città e i suoi abitanti”. Il pericolo sta proprio qui. Come ha detto Michele Prestipino, procuratore aggiunto di Roma, intervenuto sull’argomento a Verona “Arrivano con il denaro ma poi portano anche i loro eserciti” per il controllo del territorio. “Ci tengo a sottolineare che quando i mafiosi arrivano in un territorio – conclude Pierpaolo Romani - è perchè incontrano persone capaci di garantire determinati servizi, che anziché denunciare diventano complici conniventi. E’ tremendo vedere come, a volte, il mondo dei professionisti sostiene, anche dalle pagine dei giornali veneti, che il rispetto della legalità produce ingiustizia sociale! Che se gli imprenditori pagassero tutto i conti esploderebbero. E’ preoccupante constatare che in Veneto c’è un pezzo dell’imprenditoria e un pezzo delle libere professioni che pensa che le regole sono un intralcio. Questo atteggiamento apre delle brecce pericolosissime”.


Il Veneto in primo piano 11 27 Verona: 32 milioni di gratta e vinci venduti in tutta la provincia

Neanche la crisi ferma i veneti: giocano sempre di più

di germana urbani

L

’Italia intera si sta mobilitando contro il gioco d’azzardo legalizzato e antieconomico. Gli amministratori stanno facendo rete firmando il manifesto dei sindaci contro il gioco d’azzardo che chiede una nuova legge nazionale fondata sulla riduzione dell’offerta e il contenimento dell’accesso, con un’adeguata informazione e un’attività di prevenzione e cura; chiedono leggi regionali con compiti e impegni delle Regioni per la cura dei giocatori patologici, per la prevenzione dai rischi del gioco d’azzardo, per il sostegno alle azioni degli Enti locali. E chiedono sia consentito il potere di ordinanza per definire l’orario di apertura delle sale gioco e per stabilire le distanze dai luoghi sensibili, oltre al parere preventivo e vincolante per l’installazione dei giochi d’azzardo. Anche l’assessore provinciale di Rovigo Marinella Mantovani è impegnata da anni in questa battaglia perchè ricorda “il costo del recupero

focus

di un giocatore dipendente si aggira intorno ai 30mila euro l’anno, senza contare i patrimoni dilapidati, il lavoro perso, le ore dedicate al gioco e sottratte all’affettività e alle relazioni sociali”. La situazione in polesine ha del paradossale: solo considerando la popolazione maggiorenne, c’è 1,2 slot ogni 100 cittadini. Il paradosso si raggiunge a Papozze: ce n’è una ogni 23 cittadini. A Padova e provincia non va meglio. Sono 400 mila padovani che hanno giocato soldi almeno una volta nella vita, almeno 70 mila potrebbero essere in condizioni di rischio; tra questi, oltre 18 mila sarebbero giocatori problematici e più di 3 mila manifesterebbero comportamenti ascrivibili alla dipendenza patologica. Queste persone avrebbero bisogno di supporti e trattamenti socio sanitari specifici. Solo l’Ulss 16 ha denunciato ben 2mila casi di sua competenza: dai 15 ai 64 anni il virus del gioco d’azzardo si è diffuso a

macchia d’olio e aumenta di anno in anno. “Abbiamo iniziato a lavorare – afferma il direttore del sert, Andrea Vendramin - su vari progetti mirati soprattutto alla prevenzione sul territorio, incluse le scuole, e alla formazione degli esercenti del settore. Le risorse però sono scarse: bisognerebbe che una parte del fatturato del settore fosse devoluto alla cura dei giocatori patologici e che egli enti locali fossero più coinvolti. Perché mentre lo stato incassa una quota importante delle giocate, tutti gli oneri sociali ed economici generati da persone rimaste senza niente sono interamente in capo ai comuni”. Non va meglio a Verona dove, secondo l’ufficio antiusura del Comune, sono presenti, tra bar, tabaccherie e ristoranti della provincia, 2.260 macchinette da gioco e 86 sale da gioco. Nel 2011 sono stati venduti in città oltre 7.1 milioni di biglietti “gratta e vinci” e, complessivamente, più di 25 milioni in

provincia: come se ogni veronese, bambini compresi, avesse acquistato oltre 25 biglietti. Ma il dato che fa rabbrividire è che solo un anno dopo il bilancio è ben più pesante: 32 milioni di gratta e vinci venduti nel veronese. Segno che con la crisi aumentano coloro che tentano la fortuna. Una vera piaga a cui i Comuni cercano di rispondere come possono. Il Comune di Vicenza, per esempio, attraverso una delibera di modifica del regolamento per l’applicazione dell’imposta comunale sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni ha introdotto il divieto di pubblicità del gioco azzardo anche se in possesso di regolare concessione amministrativa rilasciata dall’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato. Almeno questo. Certo è che serve con urgenza una legge nazionale e regionale che regolamenti la materia e destini risorse ai sert delle Ulss per la cura dei giocatori patologici.

fin’ora interventi a macchia di leopardo una legge veneta per aiutare i giocatori

F

ino ad oggi la Regione Veneto, rispetto al problema del gioco d’azzardo e delle sue conseguenze sociosanitarie e famigliari, si è limitata a sondare il fenomeno e a finanziare alcuni progetti sul territorio ma senza una vera programmazione. ”Il gioco d’azzardo – sottolinea l’assessore Remo Sernagiotto – e’ un fenomeno in costante crescita tanto che i servizi per le dipendenze del Veneto nel 2011 hanno intercettato e preso in carico 765 giocatori patologici di cui 637 maschi e 128 femmine”. ”Per affrontare al meglio questa insidiosa forma di dipen-

denza che tanta sofferenza causa a chi ne e’ affetto e alle famiglie dal punto di vista psicologico ed economico – aggiunge – serve un coordinamento delle strutture sociali e sanitarie, pubbliche e del privato sociale. Da questo punto di vista si stanno facendo passi in avanti, esempio ne sia la proposta di prevenzione “Scommetti su te stesso” che arriva da Monselice e che abbiamo finanziato con 50 mila euro; il progetto avrà durata di due anni e sarà di prevenzione, sensibilizzazione, formazione, ascolto e presa in carico dei problemi che riguardano il gioco d’azzardo nel territorio

della bassa padovana”. Vero è che per intercettare e arginare il dilagare di queste problematiche occorre una visione d’insieme di ben altro spessore. In Regione Veneto il Vicepresidente della commissione sanità, Claudio Sinigaglia, è il primo firmatario della proposta di legge n. 283, dedicata ad interventi di prevenzione, formazione e trattamento del Gap, gioco d’azzardo patologico. “In questi giorni – spiega Sinigaglia - al Governo si chiede di aggiornare i Livelli essenziali di assistenza, prevedendo lo stanziamento di risorse dedicate per garantire l’effettiva attuazione da parte delle

Regioni e degli Enti locali di politiche socio-sanitarie di assistenza alle persone affette da questa patologia”. “A livello regionale -continua il Consigliere - sarebbe auspicabile una legge sul gioco, con vincoli e distanze per le sale da gioco e la pubblicità. Anche sul decreto Balduzzi mancano i decreti attuativi, e la situazione è completamente annacquata. Il nostro compito è capire come intervenire a livello regionale, senza poi essere bloccati nei vari tribunali. E non parliamo solo di slot machine e sale, ma anche dell’online, per cui occorre prevenzione e informazione, a partire dai genitori”.

CARNI E SALUMI DI PRODUZIONE PROPRIA VENDITA DIRETTA AL PUBBLICO

Il nostro Obiettivo

Soddisfare sempre i Clienti, seguirli e Consigliarli con serietà e trasparenza fornendo sempre i nostri migliori prodotti e servizi.

Mortadella casereccia e wurstel caserecci...sempre fatti da noi!!

m o plean C n o no Bu !

MASERÀ DI PD

CARTURA

CONSELVE

PERNUMIA

Sabato 19/10/2013 nel pomeriggio ricco buffet per festeggiare il nostro primo anniversario!

NUOVO SPACCIO con ampia scelta di nuovi prodotti A Cartura (PD) in via San Pietro Viminario 17 - tel. 049.9555698

MAGAGNA MACELLERIA Set2013 45mod.indd 1

04/10/13 15:00


12 Il Veneto in primo piano 28 Il riconoscimento, molte le venete premiate

Donne eccellenti anche in tempi di crisi Bellezza, glamour e impegno, il teatro Geox ha ospitato i migliori talenti femminili italiani premiati in una serata all’insegna del buon gusto di germana urbani

C

on la crisi le donne rompono gli schemi e si “inventano” il futuro. E in questo sono eccellenti. Unioncamere ha calcolato che in dodici mesi, da marzo 2012 al marzo successivo, le imprese femminili in Italia sono arrivate a un milione 424.798, pari al 23,5% del totale. Un segno positivo o emblema di un paese che non sostiene le donne e quindi loro si sostengono da sole? Se ne è parlato al salone dell’imprenditoria femminile di Torino, evidenziando un’arte diventata di questi tempi essenziale: quella di re-inventarsi, rompere gli schemi e riprendersi il futuro. Un’arte che sembra riguardare in particolar modo le donne. Perché se da un lato il mondo del lavoro “tradizionale” continua a soffrire di alcuni problemi strutturali che le coinvolgono (dimissioni in bianco, retribuzioni diverse uomo/donna, mancata valorizzazione del capitale umano femminile), le donne intraprendono altre strade: come quella di aprire un negozio, un’attività o un’azienda. I dati dell’osservatorio sull’imprenditoria

La “Donne Eccellente” nel sociale è Anna Rossoni, padovana, vicepresidente regionale di Unitalsi femminile di Unioncamere lo testimoniano: le imprese femminili hanno un passo più veloce rispetto alla media nazionale. Nel periodo giugno 2013-giugno 2012, mentre le aziende nel loro complesso crescevano dello 0,13%, quelle fondate da donne aumentavano di quasi 5 mila unità, con un incremento dello 0,34%. Eppure non è semplice. L’ha ricordato anche Anna Licia Balzan Polegato, imprenditrice premiata donna eccellente 2013. “Sono un’imprenditrice che lavora - ha detto la Balzan – alla costante ricerca di un equilibrio tra gli impegni professionali, famigliari e la necessità di non rinunciare mai a se stessa, a essere donna”. Un difficile equilibrio che rincorrono tutte le

donne, non solo le imprenditrici. E ben si è visto durante la serata di gala per il premio Donne Eccellenti 2013. Nato da un’idea dell’Associazione Albergatrici Abano Montegrotto Terme e organizzato per questa edizione al Gran Teatro Geox di Padova in collaborazione con Zed, l’evento si è rivelato una kermesse al femminile aperta da un red carpet di tutto prestigio che ha visto la partecipazione di un migliaio di persone venute ad applaudire le donne protagoniste di questa undicesima edizione. La manifestazione, condotta da Alessandro Greco, ha preso poi il via con la verve inglese di John Peter Sloan che ha premiato la frizzante Silvana Fallisi per la categoria Cinema. A seguire l’Arte. E Alberto Terrani ha consegnato la rosa gioiello disegnata da FOPE Gioielli e l’Acqua Termale di AbanoSPA al commendatore maestro di tessitura del bisso marino, Chiara Vigo. Emozionante la premiazione di Daniela Zuccoli Bongiorno, salutata sul palco da Sabina

CONTATTACI PREVENTIVO GRATUITO

Ciuffini e da un intervento filmato di Pippo Baudo, commosso nel ricordare il grande amico e la Fondazione Bongiorno. Ma il teatro Geox ha vibrato anche grazie alla voce di Ornella Vanoni che ha cantato alcuni suoi storici pezzi eper chitarra e voce dedicati al Brasile. Premiata da Giorgio Borghetti, ha dichiarato: “Se devo scegliere tra le Maldive ed Abano Terme, preferisco le Terme Euganee e le loro acque rilassanti!”.

Premiata anche la ricerca con la dottoressa veneziana Marina Cavazzana, pediatra ematologa attualmente a Parigi, che ha ricevuto il riconoscimento dalle mani della Donna Eccellente 2005, Ilaria Capua. Per la categoria dei giornalisti il premio è andato alla padovana Alessandra Viero che lavora a Mediaset. Filippo Ongaro, invece, ha consegnato a Roberta Bruzzone, criminologa, ma anche volto televisivo, il Premio Città di Montegrotto Terme.

Valeria Mazza premiata e Anna Rossoni

bellezza, spettacolo sport e solidarietà

Via Contarini, 48A Porto Viro (Ro) tel. 0426 320945 cel. 347 6488692 www.dimperioimpianti.it - info@dimperioimpianti.it

IMPIANTI FOTOVOLTAICI CON ACCUMULO

Valeria Mazza e Anna Rossoni

VANTAGGI

L

> Risparmio immediato sulla bolletta elettrica > Usufruisce delle detrazioni fiscali > Gestione dell’accumulo su batterie e consumo immediato per la tua abitazione > Grazie alla modalità soccorritore avrai corrente alla tua abitazione anche in caso di black-out, senza alcuna interruzione

a premiazione più glamour, dal respiro internazionale è stata quella di Valeria Mazza. La top model argentina, che ha assistito alla serata con tutta la famiglia, è stata invitata a salire sul palco per essere premiata per la categoria Moda&Spettacolo dall’attore Matteo Tosi, tra le parole estasiate di un video dedicatole da Pippo Baudo. Lei si è deta lusingata per il premio “Donne Eccellenti” e ringrazia ricordando di aver avuto “la fortuna di aver lavorato nella moda negli anni Novanta, quando le modelle erano anche personaggi e la gente ci ha viste crescere. Io ho sempre considerato il mio lavoro con grande disciplina”. Quasi uno sport, verrebbe da dire. Ma anche il mondo dello sport quella sera ha avuto la sua stella. La rodigina campionessa di beach volley Marta Menegatti ha ricevuto

il premio dalle mani del pluri-campione olimpico Rossano Galtarossa. Anche il bel canto ha avuto la sua “regina”: Daniela Dessì, voce incantevole che ha ricevuto il Premio dalla collega soprano Katia Ricciarelli, già Donna Eccellente 2005, e da Claudio Scimone, maestro dei Solisti Veneti. Per la categoria danza, invece, è stato il ballerino di Amici Denny Lodi a consegnare il premio a Rossella Brescia, ballerina, insegnante, attrice ed ormai sempre più consolidata presentatrice del piccolo schermo. Ma forse il premio più “meritorio” è stata consegnato ad Anna Rossoni, premiata per il Sociale, a seguito di un gioco sui siti dei quotidiani del gruppo Finegil che l’ha decretata la più votata tra le donne venete che si stanno occupando di volontariato.


20%

50

40% % 10 % NUOVUARA APERTPON COrUisparmio

0%

3

60%

50 20%

%

% 0 2

Sono arrivati i COUPON del risparmio a Padova, Arcella Li trovi da:

del

di E N O I Z I ED OVA PAD

OROLOGERIA-OREFICERIA PERONI di Muffato G. & C. Via T. Aspetti 110 – Padova L’ALBERO DEL MIELE Via L. Da Vinci 2 – Padova

HO PERSO IL FILO SAS Via G. da Gaibana 2C – Padova

SCARPARO di Zanetti Luca c/o Centro Comm.le Aliper Via Saetta 6 – Padova

a Padova ovest Li trovi da:

TABACCHERIA DI MICHELE RIGON - Via IV Novembre 35 – Mestrino (Pd) BAR SPORTIVO - Via Verdi 2 – Sarmeola di Rubano (Pd) HILARY BAR TABACCHI - Sarmeola di Rubano (Pd) TABACCHERIA BI.DI. - Via Roma 95 – Limena (Pd)

DOTT.SSA RAFFA MARIAGRAZIA Via D. Bonai 1 – Padova

MULTI ASTRA Via T. Aspetti 21 - Padova

EDICOLA SEGNALIBRO - Via del Santo 42 – Limena (Pd)

FARMACIA DOTT. MANTOVAN Zona Sacro Cuore – Padova

CARTOLERIA AJO’ - Via Roma 62 – Limena (Pd)

ALFATECNICA Via G. De’ Menabuoi 19 – Padova

PANIFICIO Zona Sacro Cuore – Padova

CARLA PROFUMI ESTETICA - Via Po 9 – Sarmeola di Rubano (Pd)

RANGOLI RISTORANTE INDIANO Via T. Aspetti 116 – Padova

PASTICCERIA KENIA CAFFE’ Zona Sacro Cuore – Padova

PARCO FAUNISTICO CAPPELLER SAS Via Aldo Moro 39 – Cartigliano (Vi)

BAR BELLO Zona Sacro Cuore – Padova

OVALE SHOP - Via Firenze 10-a – Villafranca Padovana (Pd)

BAGNI LUNGOMARE Lungomare Adriatico – Sottomarina di Chioggia (Ve)

BAR VIC. TABACCHERIA Zona Sacro Cuore – Padova

CAFFETTERIA GALA’ - Viale Provvidenza – Rubano (Pd)

PARAFARMACIA ABSOLUT DOTT.SSA ELDA MESHI Via Jacopo da Montagnana 8 – Padova

LA SANITARIA - Via del Santo 4 – Limena (Pd)

LA TECNOUFFICIO - P.tta Aldo Moro 9 – Mestrino (Pd) TIESSE BICI - Via Meucci 12 – Caselle di Selvazzano Z.I.

TABACCHERIA ZILIO - Viale Provvidenza – Rubano (Pd)

CAFFETTERIA RENE’ - Viale Provvidenza – Rubano (Pd)

5 50 50% 5

30% 0% 30% %50%

Cogli

40% 20%

20%

10 10%

40% 60%

%

20

10% 10

60% % 30% 10% 50 50% 20%30% 3 % 20% 50%

30

% 30

%

20%

10%

FERTE liori OF le mig zona! a della tu

50%

ClOrUispPaOrmNio de CO UPON Cogli le migliori OFFERT E della tua zona!

Padova

Ovest

PASTICCERIA “VIALE ARCELLA CAFFETTERIA” Viale Arcella 2/A – Padova

BAR Via Cardinal Callegari – Padova

40 4 0%

50 % 4

0% 20%

PASTICCERIA CAFFETTERIA “La Créme” Via T. Aspetti 202 – Padova

PANIFICIO Via Cardinal Callegari – Padova

RIZZO SANDRA – HAIR’S SANDY Via T. Aspetti 187/A – Padova

TABACCHERIA Via Cardinal Callegari – Padova

del risparmio Padova Ovest

20%

THOMAS CAFE’ - Viale Provvidenza – Rubano (Pd) 3 STORE - Via Padova 66 – Selvazzano Dentro (Pd) 3 STORE – CC. BRENTELLE - Via della Provvidenza 1 – Rubano (Pd) EDILRIZZO - Via Udine 9/c – Mestrino (Pd) CONSORZIO COMMERCIANTI LA CORTE - Via Bajardi 5 Zona Mortise - Padova

Vai su

GIANESINI ANDREA Via T. Aspetti 34 – Padova

BAR FAMILY CAFFE’ Zona San Carlo – Padova

TUTTO GELATO SNC Via T. Aspetti 90 – Padova

GELATERIA ARCOBALENO Zona Arcobaleno

ORTOFRUTTA MARGHERITA Via T. Aspetti 104 – Padova

TABACCHERIA Via Tiziano Aspetti – Padova

PIU’ SPORT & VOLLEY SAS Via T. Aspetti 79 – Padova

MILK BAR Via Buonarroti – Padova

ANTONELLA MODA Via N. Pizzolo 34 – Padova

FARMACIA DOTT. BRIZZI Via T. Aspetti 28 – Padova

e dai il Mi piace

TABACCHERIA RIV. N.5 ELENA ESTE - Via Pelosa 85 – Selvazzano Dentro (Pd) ANTICA MERCERIA - Via della Provvidenza 112 – Sarmeola di Rubano (Pd) SALONE BEAUTIFUL - Piazza Vittorio Veneto 5-b – Tencarola di Selvazzano (Pd) MORLEY PIZZA&MUSIC BAR - Via Borgo S. Maria 47-a – Veggiano Loc. S.Maria (Pd) FARMACIA SARMEOLA - Via della Provvidenza 204 – Sarmeola di Rubano (Pd) RITRATTI – STUDIO FOTOGRAFICO - Via Roma 25-b – Villafranca Padovana (Pd) HELLEN - Via Po 25 – Sarmeola di Rubano (Pd) GROTTA DI SALE – SAPORE DI SALE - Via Nazioni Unite 32 – Abano Terme (Pd)

Riceverai tutte le migliori offerte in tempo reale !

Scarica i tuoi Coupon dal sito: www.coupondelrisparmio.it e resta sempre aggiornato sulle nostre offerte! per info scrivi a: info@coupondelrisparmio.it

Cogli le migliori offerte della tua zona!


Veneto in primo piano 13 30 Il Veneto in primoIlpiano Sicurezza idraulica Con l’autunno torna il maltempo con i timori di chi vive in zone a rischio

La pioggia risveglia gli spettri dell’alluvione Aperti i cantieri per nuove opere di difesa ma servono ulteriori interventi per tutelare buona parte della regione. I Consorzi di Bonifica hanno decine di progetti nel cassetto

Zaia: “Pensiamo meno alle strade e di più alla sicurezza del territorio”

di Nicola Stievano

T

orna la stagione delle piogge, dopo la “tregua” estiva i fiumi tornano ad ingrossarsi ed ogni perturbazione ormai innesca l’allerta meteo ed è fonte di ansia e preoccupazione per milioni di veneti. Questo perché gran parte del territorio della nostra regione è a rischio idrogeologico, al punto che allagamenti ed esondazioni sono sempre una minaccia concreta. Dalla disastrosa alluvione di tre anni fa qualcosa è cambiato e sono ormai aperti alcuni cantieri per la costruzione di invasi nella fascia pedemontana e il rinforzo degli argini più “stressati”. Ma restano ancora al palo molti altri interventi sul territorio, da quelli più invocati ed evidenti come il completamento dell’idrovia Padova – Mestre da usare come valvola di sfogo per le piene del Brenta e del Bacchiglione. Un’opera che tutti i comitati e gli esperti indicano come la possibile soluzione alla criticità idraulica del nodo di Padova. Inoltre non passa giorno senza che i Consorzi di Bonifica sottolineino la necessità di investire di più per le opere di consolidamento e di difesa idrogeologica. I progetti ci sono, le competenze anche, quello che manca, come sempre, è la disponibilità economica. “Ogni volta ci troviamo a dover gestire l’emergenza – spiega Antonio Salvan, presidente del consorzio Adige Euganeo – e a impegnare risorse nei momenti di crisi. Noi ci troviamo spesso a gestire un sistema concepito il secolo scorso, quando il Veneto era per lo più campagna. Oggi la situazione è ben diversa, l’urbanizzazione massiccia impone di adeguare la rete di scolo e gli impianti. Non solo, il clima sta cambiando e ormai le precipitazioni si caratterizzano per la loro intensità. Cade molta acqua in poche ore, acqua che finisce per fare danni se non viene convogliata in una rete di scolo adeguata. Abbiamo diversi progetti già pronti per aumentare la portata dei canali, per prevenire le emergenze, per mettere in sicurezza ampie aree del nostro territorio, per preservare interi centri urbani e zone produttive dagli allagamenti. Continuiamo a sensibilizzare chi ci governa ma lo scoglio più grande resta la disponibilità economica. Intanto cerchiamo di fare del nostro meglio”. Dall’area di Mestre sempre a rischio alluvione alla Bassa Padovana, dal fragile Polesine all’area Euganea, i punti critici dal punto di vista idrogeologico certo non mancano. A fine settembre intanto sono stati affidati dal Consorzio di bonifica Bacchiglione i lavori per le opere di estensione del collegamento dell’’area termale al Cana-

Gli assessori Stival e Conte con il presidente Zaia

M

Sul completamento dell’Idrovia Padova – Mestre invocato da più parti manca ancora il passaggio decisivo le L.E.B (Lessino –Euganeo – Berico), che attraverso un nuovo sistema di tubazioni interrate consentirà di recapitare acqua in tutti i canali del Consorzio del bacino idraulico “Colli Euganei”. Una grande opera, che complessivamente, tenuto conto anche dei lavori già realizzati negli anni scorsi del primo tratto di condotta, costerà oltre 6 milioni di euro . Il progetto avviato, di 5 milioni di euro, previsto all’interno del “Piano Irriguo Nazionale” completa il già avviato riassetto idraulico – ambientale del bacino “Colli Euganei” – area di 11.804 ettari a nord – ovest di Padova – caratterizzata attualmente dalla presenza di numerose aree urbanizzate, piccoli insediamenti industriali, numerose aziende agricole e dagli importanti centri turistici termali di Abano e Montegrotto Terme. Nello specifico i lavori in partenza, suddivisi in due lotti esecutivi, riguardano la realizzazione di una condotta

lunga 1,6 km e di un’ulteriore sistema di condotte e manufatti (per una lunghezza totale di 5 km circa). L’intervento, una volta completato, sarà in grado di rispondere alle modificate esigenze idrauliche dell’’area, consentendo la vivificazione dei corsi d’acqua principali con l’aumento delle portate degli scoli durante tutto l’anno e la possibilità di utilizzo irriguo delle acque nelle aree agricole in primavera ed in estate. Relativamente all’utilizzo irriguo per l’agricoltura, il Consorzio di bonifica Bacchiglione ha inoltre progettato e realizzato a valle dello Scolo Spinosella (in accordo con alcune aziende private) un’area pilota di irrigazione “a domanda” per garantire la distribuzione capillare dell’’acqua dai canali consortili ad aziende agricole private - che si sono dimostrate motivate a condividere anche i costi aziendali di trasformazione – concretizzando così la collaborazione fattiva tra l’ente pubblico e gli interessi del territorio anche rappresentati direttamente da un gruppo di soggetti privati. “Una grande opportunità da cogliere per il “sistema” Colli Euganei. - sottolinea Eugenio Zaggia, presidente del Consorzio Bacchiglione - L’arrivo di acqua di ottima qualità in questa zona significa un potenziale di sviluppo enorme per l’economia agricola e turistica dell’area”.

entre in Regione si stanno chiudendo i conti dei rimborsi agli alluvionati del 2010, dopo un lungo iter non privo di polemiche, il presidente Zaia conferma la volontà di mettere in campo risorse per la prevenzione, come chiedono da anni a gran voce esperti e addetti ai lavori, cittadini che hanno provato sulla propria pelle cosa significhi avere l’acqua in casa e persone che si impegnano per la sicurezza del territorio. “In questo Paese varrebbe la pena di pensare a costruire un po’ meno strade e di più al dissesto idrogeologico, che è la vera sfida che noi abbiamo”. Queste le parole di Luca Zaia pronunciate a Longarone, durante la giornata dedicata all’anniversario della tragedia del Vajont. “La necessità di prevenire e intervenire contro il dissesto idrogeologico – ha affermato il governatore – è la nostra versa sfida. L’abbiamo vissuto con l’alluvione del 2010 che ha colpito direttamente oltre 200 comuni, 10 mila famiglie con l’acqua in casa, 3 mila imprese danneggiate. E poiché la vera sfida per un territorio è quella di mettere in sicurezza dei cittadini”. L’assessore alla difesa del suolo Maurizio Conte conferma l’impegno del Veneto: “La messa in sicurezza del territorio è una priorità di questa amministrazione. Siamo impegnati fin dall’inizio della legislatura sulla partita relativa alle grandi opere idrauliche a cui abbiamo messo mano dopo 80 anni che non si era fatto più nulla. Per gli interventi di difesa idraulica negli ultimi due anni sono stati spese o impegnate risorse per un totale di circa 300 milioni di euro in tutto il territorio veneto. Di recente è partita la procedura anche per l’appalto della cassa di espansione di Caldogno. Posso affermare senza paura di smentita che nessuna amministrazione, da quando nel 2003 le competenze in questo settore sono passate alle Regioni, si è mai spinta come abbiamo fatto noi così in avanti sul fronte della riduzione del rischio idrogeologico”.

DONA IL TUO 5 PER MILLE WWW.AISMME.ORG Un bambino su 500 nasce affetto da una malattia metabolica ereditaria: solo 1 volta su 4 viene riconosciuta in tempo. Lo Screening neonatale metabolico allargato permette una diagnosi precoce che evita al bambino gravi handicap o la morte. Nel sito dell’associazione www.aismme.org si possono trovare informazioni sui centri cura, diagnosi e screening delle malattie metaboliche ereditarie.

ad AISMME Onlus. Inserisci il codice fiscale dell’associazione 9 2 1 8 1 0 4 0 2 8 5 e la tua firma nella dichiarazione dei redditi (CUD, 730, Unico). con il patrocinio di

AISMME - Associazione Italiana Sostegno Malattie Metaboliche Ereditarie Onlus info@aismme.org ☎049.99.00.700 IBAN IT 93 X 05018 12101 000000121810


FUORI TUTTO

Cucina Firmata

da

ANCHE DA 65 € AL MESE

2.500 €

ULTIMI GIORNI

Soggiorno firmato

da

ANCHE DA 30 € AL MESE

SU TUTTI I MOBILI

Cameretta firmata

da ANCHE DA 35 € AL MESE

1.300 €

1.600 €

MOBILIFICI RAMPAZZO SEVERINO I GRANDI CENTRI PER IL VOSTRO ARREDAMENTO

A Campodarsego 049-5566044, Codevigo (outlet) 049-9703715 Piove di Sacco 049-9702992, Rovigo 0425-475510 orari di apertura: lunedì e martedì 15:30 - 19:30 mercoledì al sabato 9:00 - 13:00 / 15:30 - 19:30

APERTO DOMENICA POMERIGGIO www.rampazzoseverino.it

seguici ci su :


32 Voci da palazzo

Voci da palazzo 15

Sanità Stabilite le dotazioni di reparti, primariati e posti letto per le 24 aziende sanitarie del Veneto

Approvate le schede di programmazione ospedaliera Lo scorso 27 settembre, la commissione Sanità, ha espresso il suo voto. Critici Azzalin e Sinigaglia

D

opo una seduta durata più di 22 ore, lo scorso 27 settembre, la commissione Sanità, presieduta da Leonardo Padrin, ha approvato le schede di programmazione ospedaliera per le 24 aziende sanitarie del Veneto. Con tale provvedimento si sono stabilite le dotazioni di reparti, primariati e posti letto per le 21 aziende territoriali, le due aziende ospedaliere di Padova e Verona e l’Istituto oncologico veneto. “Con il via libera alle schede ospedaliere – dichiara Padrin al termine della seduta - abbiamo portato a compimento il percorso di riorganizzazione del settore avviato con il Piano socio-sanitario. La commissione ha confermato l’impostazione della Giunta, ma allo stesso tempo ha reso più elastiche le dotazioni di posti letto territoriali. Il messaggio che abbiamo voluto lanciare è questo: chi in Veneto ha bisogno di un posto letto avrà sempre una risposta positiva, che si tratti di una

struttura intermedia, territoriale o ospedaliera. L’aspetto più caratterizzante di questi nuovi strumenti – informa Padrin - è l’apertura alle case di cura private alle quali lanciamo una sfida, quella di attrarre pazienti da fuori Regione. Lo stesso vale anche per le aziende ospedaliere, i grandi ospedali, ma anche gli ospedali dei capoluoghi di provincia. Questo permetterà alle nostre eccellenze di farsi valere sul mercato. Solo nel privato – precisa - questa novità potrebbe portare all’assunzione di circa 1300 addetti e ad un fatturato di 80 milioni di euro all’anno”. In ultima battuta Padrin ha rimarcato l’attenzione massima avuta nei confronti dei territori più delicati come la montagna, la Laguna e il Polesine. “Le specificità territoriali sono state salvaguardate così come prevede il Piano. Ogni soluzione è stata ritagliata addosso alle singole realtà dopo un lungo confronto con i territori”. “Con il Piano e le schede – ha

n

Nella foto il presidente della V commissione Leonardo Padrin e l’assessore alla Sanità Luca Coletto dichiarato invece l’assessore alla sanità, Luca Coletto che ha partecipato ai lavori della commissione – abbiamo avviato una riorganizzazione della sanità veneta che guarda al futuro. Ci sono – ha precisato – delle grosse innovazioni e posso dire tranquillamente che sono innovazioni che vengono riprese anche a livello nazionale. E’ veramente un cambiamento

cosa è cambiato

el padovano L’Usl 15 di Cittadella ha perso Chirurgia vascolare ottenendo, però, l’apicalità in Ortopedia, mentre Camposampiero acquista quella di Anatomia patologica, diventa Cto regionale e Centro provinciale per le patologie retiniche. Usl 16. Al Sant’Antonio salgono i letti in Terapia intensiva (da 10 a 16) e in Ortopedia (da 35 a 40). Piove di Sacco avrà i primari di Ortopedia, Anestesia e Ostetricia (dove si farà anche la fecondazione assistita) e 7 letti di Riabilitazione neurologica, ma perde l’apicalità in Neurologia. Iov: apicalità in Immunologia e Usd di Tumori ereditari. Usl 17. Riconosciuta l’Usd di Radioterapia a Este, di Diabetologia e Chirurgia artroscopica a Monselice.

n

el veneziano Nell’Usl 12, la cardiochi-

rurgia di Mestre assorbe l’attività di Mirano. Alla 13, invece, sono stati riconosciuti i primariati di Ostetricia e Riabilitazione (20 letti) a Dolo, e le Unità semplici dipartimentali di Otochirurgia e Chirurgia vascolare a Mirano. A Chioggia, Uls 14, sono state riconosciute le Unità semplici dipartimentali di Diabetologia e Day-Surgery in regime diurno.

Piergiorgio Cortelazzo (PdL)

gennaro Marotta (IdV)

“S

“E

“buone notizie per l’ulss 17”

u Padova la quinta commissione consiliare ha fatto un ottimo lavoro, confermando il ruolo strategico della nostra sanità”. Ad affermarlo è il consigliere padovano e vicecapogruppo del Pdl in Consiglio regionale, Piergiorgio Cortelazzo. “Massimo rilievo è stato riconosciuto anche al Cto di Camposampiero. Nello specifico, buone notizie sono arrivate anche per l’Ulss 17 di Este-Monselice con l’istituzione di tre nuove Usd, unioni semplici dipartimentali. Ne abbiamo riconosciuto tre - illustra Cortelazzo - Una di diabetologia, un’altra di radioterapia, una terza di chirurgia ortopedica ortoscopica. Inoltre al reparto di ortopedia sono stati assegnati ulteriori 5 nuovi posti letto. In questo modo vogliamo riconoscere e incentivare le eccellenze presenti nel presidio. 5 posti letto sono stati assegnati anche all’Ulss 16 per il Sant’Antonio, una quota che può sembrare bassa, ma che in realtà consentirà alla struttura di attivare nuovi servizi”. Cortelazzo si dice soddisfatto anche per la conferma dei posti e del ruolo della riabilitazione all’ospedale di Conselve. “La quinta commissione - conclude Cortelazzo - ha lavorato di fioretto, coinvolgendo tutti i soggetti che volevano dire la loro. Gli operatori, le associazioni e gli amministratori padovani sono stati molto collaborativi e responsabili”. Antonio Pipitone (IdV)

sconcerto per taglio chirurgia vascolare ulss 15

“A

l sant’Antonio di Padova Ortopedia ha acquisito 5 posti letto grazie ad un mio emendamento. Serviranno per accorciare la lista di attesa con più di 600 pazienti. “Purtroppo è stata eliminata Chirurgia vascolare dell’Ulss 15 di CittadellaCamposampiero. Siamo rammaricati – racconta il medico padovano – perché sono stati bocciati due emendamenti, che avevo presentato, per mantenere l’Unità definitivamente o almeno sino alla scadenza dell’attuale primario, in modo da accompagnare il percorso di riconversione. È una decisione incomprensibile, che elimina un’eccellenza costruita sul campo, nonostante le migliaia di firme raccolte dai cittadini. E’ stata invece presa una decisione positiva, c’era un nostro emendamento in tal senso, - conclude Pipitone - sull’Ortopedia di Piove di Sacco. Viene così salvato un servizio essenziale per migliaia di pazienti della bassa padovana. Ritengo positiva anche la scelta di modificare le schede ospedaliere dello Iov, garantendo un livello elevato, dà garanzia ai ricercatori sulla continuità del loro lavoro e, in sostanza, esclude qualsiasi ipotesi di spostarlo altrove. Nelle schede sono state inserite l’unità operativa complessa di immunologia, dove operano 100 ricercatori, ed una di terapia del dolore. La Breast Unit è stata accorpata all’unità di senologia e si sono create le unità dipartimentali dei tumori esofagei e dei tumori rari”. Claudio Sinigaglia (Pd)

“resta buio assoluto su servizi territoriali”

“L

a strada imboccata da Lega e PdL è chiara: tagliare posti letto ospedalieri senza garantire in cambio servizi e risorse nei territori. Quando e dove vedranno la luce gli ospedali di comunità, le strutture intermedie, gli hospice, i centri per l’alzheimer e la sclerosi multipla? Perché dimezzare il numero dei distretti? Perché eliminare un gran numero di responsabili di psichiatria, per l’infanzia e l’adolescenza, per la disabilità e la non autosufficienza? Su tutti questi nodi rimane il buio assoluto”.

“troppi tagli a venezia”

’ andata bene col Policlinico San Marco e a Mirano. Meno con Venezia. Su Mestre – spiega il politico veneziano - c’è stato un recupero abbastanza sostanzioso. Ha avuto esito il forte l’impegno di IdV e del Pd: abbiamo convinto la maggioranza a non tirare troppo la corda. Avrebbero sbriciolato il polo di chirurgia programmata protesica e sarebbe stato un delitto. Così al Policlinico San Marco abbiamo recuperato 25 posti, assorbendo meglio i tagli (20 posti nell’area chirurgica ortopedica, 3 al week surgery, 2 in Terapia intensiva). Siamo soddisfatti anche per Mirano, dove la Cardiochirurgia continuerà a funzionare finché l’hub dell’Angelo non riuscirà a gestire in proprio tutti gli interventi dell’Ulss. Su Venezia – sottolinea Marotta - abbiamo provato a far quadrato per contrastare la riduzione dei posti letto, ma la maggioranza di centrodestra era blindata ed ha bocciato le nostre proposte, che mantenevano reparti e servizi a nostro avviso indispensabili per gli abitanti del centro storico. Non vorremmo, come avevamo ventilato, che il Civile venisse ora considerato alla stregua di un poliambulatorio”. Carlo Alberto Tesserin (PdL)

“confermata l’importanza di chioggia”

“L

e schede ospedaliere hanno confermato l’importanza di Chioggia nel sistema sanitario veneto, aggiungendo un ulteriore potenziamento sul fronte della diabetologia e del day-surgery. Tutte le modifiche positive introdotte a inizio estate dalla Giunta sono state ratificate dalla V Commissione, che su Chioggia ha votato all’unanimità, segno che la convergenza sul nostro ospedale è massima. Sono stati confermati quindi i nuovi primariati e l’aumento dei posti letto”.

di rotta rispetto alla gestione della sanità consueta, - ribadisce Coletto - che la miglioria e la rende più fruibile, quindi la sposta verso il territorio dal punto di vista della prevenzione e delle cure immediate, che possono essere erogate sul territorio, valorizzando ancora di più quello che è il lavoro importante degli ospedali, che avranno bacini e specialità ben definiti.

n

el rodigino In Polesine nell’Usl 18 di Rovigo è stato riconosciuto l’Usd di Chirurgia vascolare, Malattie metaboliche e Patologie retiniche. Usl 19 di Adria è stato ammesso il primariato in Riabilitazione. Mauro Mainardi (PdL),

“riconfermata la specificità sanitaria del polesine”

“A

bbiamo – dichiara il consigliere del Pdl - potenziato Adria e confermato l’hub provinciale di Rovigo individuando e premiando le eccellenze. Entrando nello specifico, all’ospedale di Rovigo sono state riconosciute tre nuove Unità semplici dipartimentali: chirurgia vascolare, diabetologia e malattie metaboliche. Trecenta rimane ospedale per acuti, con il riconoscimento di due ulteriori posti letto in terapia intensiva. L’ospedale di Adria riacquista l’apicalità del recupero e della riabilitazione funzionale, a cui viene assegnata una dotazione di 5 posti letto. Si è poi confermata la crucialità del punto nascite e della pediatria. In entrambi i casi le modifiche apportate dalla Commissione sono state oggettivamente migliorative. graziano Azzalin, Pd

“non c’è nulla per cui esultare”

“A

nche in Polesine l’effetto dei tagli è stato leggermente attenuato, ma nel complesso la dotazione complessiva non ne esce certo rafforzata, anzi. E quanto stabilito nel Pssr riguardo alla specificità del Polesine è rimasto solo sulla carta: chi canta vittoria per il mantenimento delle due Ulss forse non si è accorto che nessuna Ulss è stata cancellata, visto che le schede si occupavano unicamente delle dotazioni di reparti, primariati e posti letto degli ospedali e forse non si è accorto nemmeno che l’ospedale di Porto Viro è stato privato del riconoscimento di presidio ospedaliero pubblico a beneficio della Casa di Cura di Abano per nessuna altra ragione che non un mero calcolo politico e che nei fatti l’ospedale di Rovigo è stato catalogato come un hub di serie B. E la cartina di tornasole sarà l’allocazione delle risorse. Non mi torna nemmeno il calcolo che ha fatto qualcuno dicendo che l’ospedale di Adria è stato potenziato, a me risulta che i 216 posti letto ed i 17 primariati, diventeranno 178 e 13”.


Villa Momi’s

ristorante·pizzeria

Villa Momi’s è il luogo ideale per matrimoni, cresime ed ogni altro tipo di ricorrenza. Per gli sposi e i loro invitati è riservata un’ospitalità particolare, con aree e intrattenimenti privati.

B E A U T I F U L D AY Villa Momi’s permette anche cene e pranzi di lavoro, con la massima tranquillità e distensione per i propri colloqui d’affari. Alla sera i locali sono destinati anche a chi desidera un po’ di intimità, con un’armonia

che

solo il lume di candela riesce a creare

Due sale separate in due piani. Giardino estivo. Oltre 300 posti a sedere. Locale rustico in chiave moderna unico nel suo genere, immerso nel verde.

Cavarzere (VE) Loc.Santa Maria 3B Tel. 0426 53538 chiuso il lunedì siamo presenti su

www.villamomis.it


16 Cultura veneta 34 Palazzo Fortuny a Venezia Fino al 24 novembre

Gli sguardi universali di Tàpies Iniziò a disegnare cercando nell’immaginazione uno sguardo interiore. Scomparso lo scorso anno, Venezia gli dedica una retrospettiva di Alain Chivilò

C

he cosa pensa l’artista nel suo agire umano? Qual è la prospettiva artistica che coinvolge maggiormente? Lo sguardo interiore ed esteriore quale polarizzazione prende? Queste sono alcune domande che il percorso espositivo di Palazzo Fortuny a Venezia cerca d’indagare fino al 24 novembre nella mostra dedicata a “Tàpies. Lo sguardo dell’artista”. Scomparso a febbraio 2012 Anthony Tàpies, nato a Barcellona nel 1923, si è sempre posto domande sull’esistenza umana, trovando approfondimenti e risposte nelle culture del mondo. La storia dell’arte dell’agire umano da quella africana, all’asiatica passando per quella europea furono tappe fondamentali. All’età di 18 anni, a causa di una grave lesione polmonare, tra il 1942/43 dovette curarsi in montagna. Proprio in questo periodo iniziò a disegnare, cercando nell’immaginazione uno sguardo interiore. Dal dopoguerra dipinse con serietà opere che come

scrisse “erano quasi composizioni astratte, che fino allora aveva appreso e imparato ma ricordavano anche dei paesaggi stella- con tecniche prese da emozioni, gusti, ispirazione, mitologie, ri. Altre esalavano un simbolismo, psicoaprofumo di misterioso La maggior nalisi, meditazione e romanticismo”. Nel parte dei suoi spiritualità. Nacquero 1953 Tàpies iniziò la lavori è prodotta sua svolta artistica met- negli ultimi 25 anni da qui le peculiarità artistiche del Maestro tendo in discussione le di vita Catalano incentrate percezioni passate e il suo lavoro artistico. Partendo dai fermenti nell’utilizzo di terre colorate, sabbie, polartistici europei decise di ricominciare da vere di marmo, capelli, peli, lenzuola, fili, zero esplorando ancora più in profondità paglia, riso, bianchi di Spagna e cenere. Si l’inconscio, mettendo alla prova tutto ciò crearono nuove tensioni in scritture e grafie

Retrospettiva al Museo Correr, fino al 27 ottobre

ANThONY CARO: ASSEMBLAggI E IMBuLLONATuRE

dove la superficie materica venne elaborata in lisciature, grattature e schiacciamenti. Come scrisse nel 1977, “mi muovevo per impulsi precisi, ma così poco coscienti che a volte avevo l’impressione di procedere scavando alla cieca, con gesti furiosi, i segreti di una massa di terra che mi seppelliva”. Oggetti umili, cari all’artista, furono da lui inseriti nelle opere, facendo contemporaneamente apparire croci, numeri, lettere assieme ai suoi “muri” dove elementi naturali s’inserirono in asfalto, graffiti e cemento. Per capire la produzione artistica di Tàpies

Arte performativa, scultura, installazioni e pittura

Materia primordiale a Punta della Dogana

fondazione prada a venezia propone berna

C “B

isogna sentire l’arte dentro di sé, non limitandosi a dire: che shock!”. Questa è una frase attraverso la quale Sir Anthony Caro si presenta a Venezia. Uno tra gli artisti nati tra il 1920 e ’30 ancora viventi che senza alcun dubbio, nell’ambito della scultura, è il primo da citare in un’ipotetica lista. Nativo del Regno Unito classe 1924, nel suo percorso ha tracciato una scultura in sintonia con la contemporaneità, ideando assemblaggi di chiara impronta astratta dai svariati contenuti. Il Maestro ritorna in Italia approdando in una Venezia “biennalesca” con una retrospettiva al Museo Correr fino al 27 ottobre. Più di un mezzo secolo di esplorazioni artistiche tracciano un percorso composto di una trentina di lavori, che dialogano figuratamente con la piazza San Marco sottostante, eccezionalmente visibile dalle finestre del museo non occultate dall’allestimento come nelle ultime esposizioni. Una delle chiavi di lettura dell’agire di Caro consiste nell’infondere a livello scultoreo una sorta di liricità. Di conseguenza a un apparente freddo astrattismo, bellezza e armonia animano le sue opere. Un intreccio di materiali, in svariati assi dimensionali ottenuti da lamiere, travi metalliche e reti rendono la percezione a livello tridimensionale avvolta da una sorta di leggerezza alla Calder. Una sintesi di queste sfumature è avvertibile nell’opera “Orangerie”, ideata alla fine degli anni ’60 e inizio anni ’70, dove colore, sinuosità, immaginifiche estreme stilizzazioni umane, unioni e contorsioni in assi orizzontali e verticali evidenziano la meccanizzazione del suo percorso artistico. Un metallo industriale che, con imbullonature e saldature, si mette insieme in più elementi attraverso un ordine compositivo dettato dal Maestro, simulando un percorso di vita sempre in dialogo nelle sue singole parti. Queste non hanno mai elementi di discontinuità o rottura, sia nell’iniziale spazialità orizzontale e successivamente in quella verticale, perché anche nell’astrattismo si può giungere a proporzioni musicali. Al.Ch.

è fondamentale sapere che la maggior parte dei suoi lavori è prodotta negli ultimi 25 anni di vita, riuscendo a dare in questa fase terminale di vissuto la più totale libertà che avvertiva. Una mostra che, nell’accostamento con opere di vari artisti internazionali, propone lavori scelti dai curatori in chiave puramente emotiva rispetto alla ferrea cronologia museale. Un’occasione per ammirare la produzione artistica di uno fra i più importanti Maestri internazionali nel tradizionale e unico percorso espositivo di Palazzo Fortuny.

“B

isogna sentire l’arte dentro di sé, non limitandosi a dire: che shock!”. Questa è una frase attraverso la quale Sir Anthony Caro si presenta a Venezia. Uno tra gli artisti nati tra il 1920 e ’30 ancora viventi che senza alcun dubbio, nell’ambito della scultura, è il primo da citare in un’ipotetica lista. Nativo del Regno Unito classe 1924, nel suo percorso ha tracciato una scultura in sintonia con la contemporaneità, ideando assemblaggi di chiara impronta astratta dai svariati contenuti. Il Maestro ritorna in Italia approdando in una Venezia “biennalesca” con una retrospettiva al Museo Correr fino al 27 ottobre. Più di un mezzo secolo di esplorazioni artistiche tracciano un percorso composto di una trentina di lavori, che dialogano figuratamente con la piazza San Marco sottostante, eccezionalmente visibile dalle finestre del museo non occultate dall’allestimento come nelle ultime esposizioni. Una delle chiavi di lettura dell’agire di Caro consiste nell’infondere a livello scultoreo una sorta di liricità. Di conseguenza a un apparente freddo astrattismo, bellezza e armonia animano le sue opere. Un intreccio di materiali, in svariati assi dimensionali ottenuti da lamiere, travi metalliche e reti rendono la percezione a livello tridimensionale avvolta da una sorta di leggerezza alla Calder. Una sintesi di queste sfumature è avvertibile nell’opera “Orangerie”, ideata alla fine degli anni ’60 e inizio anni ’70, dove colore, sinuosità, immaginifiche estreme stilizzazioni umane, unioni e contorsioni in assi orizzontali e verticali evidenziano la meccanizzazione del suo percorso artistico. Un metallo industriale che, con imbullonature e saldature, si mette insieme in più elementi attraverso un ordine compositivo dettato dal Maestro, simulando un percorso di vita sempre in dialogo nelle sue singole parti. Queste non hanno mai elementi di discontinuità o rottura, sia nell’iniziale spazialità orizzontale e successivamente in quella verticale, perché anche nell’astrattismo si può giungere a proporzioni musicali. Al.Ch.

à Corner della Regina, sede veneziana della Fondazione Prada, ripropone fino al 3 novembre una mostra tenuta a Berna nel lontano 1969. “When Attitudes Become Form: Bern 1969/Venice 2013” non è altro che un progetto di ricostruzione dell’esposizione che passò agli annali per un approccio volto al medium linguistico. Il titolo originale era “Live in Your Head. When Attitudes Become Form. Works-ConceptsProcesses-Situations-Information” per un contenitore che univa sintesi delle ricerche dell’epoca come la Land Art, l’Arte Povera, la Process Art e l’Arte Concettuale. Un nuovo periodo che si sviluppava dopo il Minimalismo e la Pop. Una sfida che Germano Celant, Miuccia Prada e Patrizio Bertelli hanno voluto affrontare facendo inserire opere, anche d’importanti dimensioni, in spazi stretti consoni a un antico palazzo veneziano. Quindi il visitatore dovrà stare molto attento a non calpestare le opere di artisti quali Bruce Nauman, Giovanni Anselmo, Claes Oldenburg, Walter De Maria, Joseph Kosuth, Gilberto Zorio, Sol Lewitt, Daniel Buren per citarne alcuni. Una domanda sorge in tale contesto: quanto è utile una riproposizione a più di quarant’anni di distanza? Jean Clair scrittore, storico dell’arte e curatore francese, afferma che in tale mostra “il corpo dell’uomo pretende di sostituirsi alle proprie opere”. L’artista è ora “un nuovo mago della società contemporanea”. Si evidenziava dunque una visione del mondo non “comunicata dalle opere” perché “si sarebbe manifestata con la presenza stessa dell’artista nella sua realtà fisica, attraverso le sue attitudini corporali”. Al.Ch.


Cultura veneta 17 35 Arte Alla Basilica Palladiana di Vicenza, sino al 12 gennaio 2014

“Around JFK - 1963: il sogno, il mito”

vintage festival tre giorni dentro agli oggetti che hanno fatto un’epoca

Il prossimo 23 ottobre aprirà i battenti una mostra dedicata ad un anno. Il 1963. Muoiono in quell’anno: Kennedy, Papa Giovanni XXIII e Martin Luter King, tre figure fondamentali per capire quell’epoca

D

allas, 22 novembre 1963, ore 12.30. Muore assassinato John Fitzgerald Kennedy, il Presidente che stava cambiando la storia del suo Paese e quella dell’Occidente. E’ una svolta nella storia del mondo. L’evento influenzerà la percezione e il senso della vita nell’intero pianeta, insieme alla sua rappresentazione sulla scena mediatica, cosa che non accadde un secolo prima con la morte, altrettanto simbolica, di Abramo Lincoln. L’uccisione di Kennedy non segna solo il confine tra un prima e un dopo per la potenza della comunicazione, ma perché trasforma in evento planetario l’icona e il simbolo che lui e la sua Presidenza rappresentavano. Quell’uomo, il sogno che egli ha simboleggiato e il mito che di lui perdura sono al centro di una grande mostra allestita dal 23 ottobre al 12 gennaio presso la Basilica Palladiana di Vicenza. L’esposizione “Around JFK - 1963: il sogno, il mito” è promossa da BCome Venice con il patrocino del Comune di Vicenza e dell’Ambasciata degli Stati Uniti in Italia. Accanto e dentro la mostra, che sarà spazio di rappresentazione visiva e insieme

E luogo di esperienza espositiva, sono previsti appuntamenti dal vivo – conferenze, talks, workshop, reading, installazioni - per una messa in scena del passato recente che ancora pervade e per molti versi incide sul contemporaneo delle arti, della cultura, della dottrina politica e sociale. Un contenitore/evento che nella rappresentazione della storia di ieri riconosce molta iconografia e numerose matrici culturali e sociali che appartengono allo sguardo dell’oggi. Un autentico format culturale e di spettacolo; un ipertesto che si sviluppa su più supporti in contemporanea. Un flusso imperdibile di frames, parole, immagini,

sguardi, suoni, voci per chiunque abbia vissuto quegli anni o ne abbia avvertito gli echi. Chi è nato nel 1963 ha l’ingresso omaggio alla Mostra. A Vicenza, in Basilica Palladiana, sino al 12 gennaio 2014.

stata archiviata come un’iniziativa di successo, la quarta edizione del Vintage Festival. Tante le presenze che hanno accompagnato, a metà dello scorso mese, la tre giorni dedicata alla moda, al design, alla musica e allo spettacolo, al Centro Culturale San Gaetano di Padova. “Il passato in HD” è stato lo slogan usato per sottolineare il concetto sotteso all’evento. Ossia il modo di riappropriarsi del passato per stimolare una visione del futuro più nitida, colorata e ricca. Insomma il vintage può essere il domani, in quanto ogni oggetto può essere la chiave per un nuovo futuro possibile. Attorno all’agorà centrale, che ha ospitato la tradizionale esposizione mercato con una rinnovata selezione tra capi, accessori e oggettistica dagli anni ’20 agli anni ’80, sono stati molti i volti noti che si sono dati appuntamento. Da Philippe Daverio, Tinto Brass, Oliviero Toscani, Maria Luisa Frisa, Andrea Pellizzari, Giusi Ferrè e Bruno Bozzetto la manifestazione è stata anche il teatro di un confronto nel campo del design, dell’arte e della musica, ampliato da otto mostre dedicate agli aspetti culturali e storici del settore. Non solo glamour, dunque, ma un viaggio dentro alla storia degli oggetti che hanno fatto un’epoca c’è stato spazio anche per la beneficienza: gli incassi sono stati devoluti da Team for Children Onlus a sostegno del reparto di oncoematologia dell’ospedale di Padova.

TEMPO A DISPOSIZIONE? ENTRA NEL TEAM! Se hai del tempo libero a disposizione o svolgi un lavoro part time puoi aumentare sensibilmente i tuoi guadagni, diventando consulente pubblicitario. Offriamo rimborso spese, alte provvigioni e lo svolgimento dell’attività nelle immediate vicinanze della zona di residenza. Formazione e training continuo in un gruppo di lavoro con mezzi consolidati e di sicuro ritorno.

CHIAMACI!

800.46.50.40

invia il tuo curriculum a: givemotions@gmail.com

COUPON del risparmio L’informazione locale a casa tua

Cogli le migliori offerte della tua zona!

Un’offerta pubblicitaria unica nel Nord-Est

Il magazine dei grandi eventi

I nostri mezzi di comunicazione, insieme o singolarmente, permettono di scegliere i destinatari da raggiungere, di mirare le campagne pubblicitarie ad un target ben definito e di differenziare il messaggio.

La Piazza, Coupon del Risparmio, Looklive: impossibile passare inosservati!

Via Svezia, 9 Padova - tel. 049 8704884 fax 049 6988828 - www.promomedia.it


Ottobre a

Strugnano

- conviene!

• mezza pensione • bagni illimitati alle piscine con acqua di mare riscaldata (32 °C) nell‘hotel Svoboda**** • idroginnastica mattutina, acqua aerobica, passeggiate con guida … In OMAGGIO: • 1 x 15 minuti massaggio del corpo • 1 ingresso libero al mondo delle saune: bagno turco, infrarossa, aroma, bagno marino e finlandese) 28. 9.–25. 10. 2013

Hotel Laguna****

3 notti

133,00

Vile***

3 notti

146,00

I prezzi (in EUR) si intendono per persona in camera doppia.. Supplementi: tassa di soggiorno, camera singola, pensione completa. Sconti: soci del Club Terme Krka – 10 %, un bambino da 0 a 5,99 anni hanno il soggiorno gratisi, un bambino da 6 a 11,99 anni hanno il 50% di sconto - in camera con 2 adulti.

Talaso Strunjan, Slovenia T: 00 386 5 67 64 100 E: booking.strunjan@terme-krka.si www.benessere.si

www.benessere.si


8 Sì, viaggiare CROAZIA

Cittanova d’Istria, piatti & piattelli d’oro

Sì, viaggiare 37 IL CAMPIONE OLIMPICO DI TIRO A VOLO GIOVANNI CERNOGORAZ ORO A LONDRA CON I COLORI CROATI MA DI FAMIGLIA DA SEMPRE ITALIANA CI GUIDA ALLA SCOPERTA DELLA PITTORESCA CITTADINA AFFACCIATA SUL GOLFO DI TRIESTE CHE CONSERVA PREZIOSE VESTIGIA DI EPOCA VENEZIANA I GENITORI GESTISCONO UNO DEI PIÙ LONGEVI RISTORANTI DELLA REGIONE GLAUCO BEVILACQUA PRESENTA L’ATTIVA COMUNITÀ ITALIANA LOCALE MALVASIA, PROSCIUTTO E OLIO D’OLIVA AL TOP A Giovanni Cernogoraz è dedicato anche un vino. La sua foto compare nell’etichetta di una Malvasia istriana prodotta dal cugino Bruno Ravalico, altro attivo rappresentante della comunità italiana di Cittanova. La sua bella cantina di Verteneglio (Nova Vas, 101) è stata fra le prime in Istria, nel 1985, ad ottenere il permesso dalle autorità yugoslave per poter vendere il vino a privati. Oggi produce vini di alta qualità destinati quasi totalmente alla ristorazione locale, ottenuti con una resa per ettaro molto bassa (sui 70 quintali). 100.000 le bottiglie prodotte fra Malvasia, Chardonnay, Pinot Grigio, Moscato bianco, Merlot-Cabernet e Rosè Merlot. Nell’artistico logo compare il profilo del campanile della vicina Pirano, città da cui proviene la famiglia Ravalico e che oggi si trova in Slovenia. Produce vino anche un compagno di scuola di Giovanni Cernogoraz, Moreno Ivancic, impegnato anche nella banda del paese. Punta deciso alla qualità anche lui e sogna di aprire un’enoteca con prosciutteria per fare assaggiare le gustose coscie che hanno reso famosa l’Istria. Entrambi, Ravalico e Ivancic, producono anche l’olio extravergine di oliva. Quello istriano negli ultimi anni è arrivato a quotazioni altissime per la sua straordinaria qualità. Ma non ci si può recare a Cittanova senza fare tappa al ristorante da Giovanni, che propone da generazioni dell’ottimo pesce, oltre ai premiati dolci di Veronica, fra cui il famoso “Magna e tasi”. Un tiramisu in versione istriana.

L

a medaglia d’oro alle Olimpiadi di Londra nel 2012 l’ha vinta con i colori della Croazia, ma lui l’azzurro dell’Italia potrebbe vestirlo liberamente anche domani. Stiamo parlando di Giovanni Cernogoraz, campione olimpico nel Double Trap, specialità del tiro a volo che in campo femminile ha visto il trionfo di Jessica Rossi. Giovanni è istriano, risiede in Croazia dunque, ma di passaporto anche italiano, perchè la sua famiglia è sempre stata italiana, mantenendo tale nazionalità anche sotto la Yugoslavia prima e la Croazia poi. Giovanni vive a Cittanova d’Istria (che i croati nel dopoguerra hanno ribattezzato Novigrad), pittoresca cittadina di impronta veneziana che si trova in riva al mare fra Umago e Parenzo, in quella che nel dopoguerra per qualche anno è stata la cosiddetta “Zona B” del territorio Libero di Trieste. Giovanni Cernogoraz è nipote di quel Giovanni che dà il nome ad uno dei ristoranti più famosi e longevi dell’Istria. Giovanni era suo nonno: fu lui nel 1983 a costruire il nuovo ristorante di pesce in Stanzìa Roselli, a sud dell’abitato di Cittanova, ma in precedenza la famiglia Cernogoraz gestiva un’osteria poco lontano, fondata nel 1936 dal bisnonno Martino. Sopra la cava di Antenal, proprio di fronte alla spettacolare foce del fiume Quieto. E’ in quella vecchia osteria che Giovanni Cernogoraz è nato il 27 dicembre 1982. Il ristorante, che con la trattoria da Bruno di Bassania di Salvore e il Giannino di Rovigno è fra i tre locali italiani più lunga attività dell’Istria, ora è gestito da papà Valter, aiutato dalla moglie Bruna e dalla sorella di Giovanni, Veronica. E’ un pezzo di storia locale, insomma. Impreziosito oggi dalle medaglie e dai trofei conquistati dall’atleta, su cui spicca l’oro conquistato a Londra, che fa il paio con quello vinto da Giovanni, sempre lo scorso anno, ai campionati europei disputatisi a Larnaca (Cipro). Il trionfo di Giovanni Cernogoraz alle Olimpiadi in terra britannica ha avuto larga eco in Istria e nella Comunità italiana

uNa paNoraMica Di cittaNoVa D’istria. iN alto: gioVaNNi cerNogoraZ sul poDio Di loNDra Fra FabbriZZi e il KuWaitiaNo alDeeHaNi, sotto l’atleta DuraNte la gara oliMpica. a ceNtro pagiNa: cerNogoraZ e glauco beVilacQua “ciceroNi” a cittaNoVa iN auto, la FaMiglia cerNogoraZ al coMpleto Nella sala Del ristoraNte DoVe soNo esposti i preMi ViNti Dal tiratore e glauco beVilacQua. sotto: il MuNicipio Di cittaNoVa coN lo striscioNe DeDicato al trioNFo Di cerNogoraZ, l’atleta alle Foci Del Quieto DoVe sorgeVa l’osteria creata Dal NoNNo, uNo scorcio “VeNeZiaNo” Della cittÀ, il porticciolo e uN traMoNto sull’aDriatico

della regione, suscitando un moto di giustificato orgoglio. Ancora oggi davanti al municipio, nella rotonda d’ingresso al paese e davanti al ristorante sono affissi tre striscioni che inneggiano all’impresa del tiratore. Impresa ottenuta, peraltro, superando in un appassionante spareggio l’italiano Massimo Fabbrizi, un amico con cui spesso condivide gli allenamenti al poligono “Giorgio Rosatti” di Ponso. Visitare Cittanova d’Istria avendo come ciceroni il campione olimpico Giovanni Cernogoraz e Glauco Bevilacqua, vicepresidente della Comunità degli Italiani di Cittanova, è un modo per andare oltre ad una comune escursione turistica. Oltretutto i due ciceroni utilizzano una parlata familiare (l’istro-veneto è pressochè il dialetto veneto) e offrono la possibilità di cogliere aspetti di storia locale e di vita quotidiana che nessuna guida potrà mai trasmettere. Entrambi sono molto legati a questo territorio e mostrano con passione quanto rimane della bella cinta muraria veneziana e poi il caratteristico porticciolo dove ogni sera attraccano le barche con il pesce fresco appena pescato. E poi la Loggia Civica che ospita il municipio, la cattedrale di San Pelagio che dall’alto si affaccia sul mare: la chiesa,

costruita sui resti di una basilica paleocristiana del V - VI secolo, conserva nel sacello della cripta, in un sarcofago del 1046, le reliquie dei santi Pelagio e Massimo. Nel territorio un tempo sorgevano ben 16 chiese. Le calli tortuose e i campielli ricordano quanto Cittanova sia stata legata a Venezia. Come segno di fedeltà alla Serenissima nel 1145 si impegnò a donare ogni anno 400 libbre di olio (circa 190 chili) per illuminare la basilica di San Marco. Il suo porto adagiato sulla foce del Quieto servì per secoli da scalo per il legname istriano diretto all’Arsenale di Venezia. Cittanova fu falcidiata dalle pesti del 1527 e del 1630 e subì anche gli assalti dei terribili pirati Uscocchi. Nelle vicinanze, a Daila, sorge anche quanto resta della grande abbazia benedettina, oggi al centro di un contenzioso internazionale, in quanto i frati di Praglia (sui Colli Euganei) ne reclamano la proprietà dato che la persero solo per effetto delle confische attuate dal governo comunista di Tito. Giovanni Cernogoraz, che è papà di due bei bambini (Leonardo ed Eva), un’ultima tappa la dedica al poligono di tiro costruito non lontano da casa su iniziativa di suo padre Valter, che pure era stato un buon tiratore a livello agonistico. Vedere

Giovanni Cernogoraz sparare ai piattelli e centrarli con una facilità quasi naturale è uno spettacolo unico. Il suo oro a Londra è frutto di tanto lavoro e di tanta passione. Frutto di un carattere forte e tenace, come quello di tutti gli istriani. Oggi la comunità italiana di Cittanova, presieduta da Paola Legovich, conta 900 iscritti ed è molto attiva. Organizza numerosi eventi per rafforzare e valorizzare l’identità culturale italiana nel contesto di una migliore convivenza con le altre comunità che attualmente vivono in Istria. Gli eventi più recenti sono stati dedicati alle birre artigianali e all’ingresso della Croazia nell’Unione Europea, che apre nuove prospettive di amicizia e di scambio fra l’Istria e l’Italia. La bella sede della Comunità è opera di Tobia Scarpa. Glauco Bevilacqua, che è nato in Australia da esuli istriani fuggiti con i 350.000 dell’esodo seguito all’assegnazione dell’Istria alla Yugoslavia nel 1947. Bevilacqua è anche delegato istriano di Slow Food. Grazie all’attività della sua condotta è stato fatto molto per recuperare i valori più autentici della tradizione gastronomica istriana. E sono stati organizzati anche numerosi scambi culturali, specie con realtà venete.


26 Concerti e non solo 38

mille e ancora mille...

1094

pagina a cura di graziano edi corazza

in veneto LE PROSSIME DATE A PADOVA AL gEOX SONO 2 novembre 2013

pooh

eventi

28 novembre 2013 - 29 novembre 2013 - 30 novembre 2013 - 1 dicembre 2013

priscilla – il musical

4 dicembre 2013

imagine dragons

8 novembre 2013

bob dYlan and his band 9 novembre 2013

renzo arbore

7 dicembre 2013

steven Wilson

10 dicembre 2013

max pezzali

22 novembre 2013

emma

24 novembre 2013

the WaterboYs

PER gLI AMANTI DEL JAZZ SEgNALIAMO

special event from suisse Nicolas Masson - tenor sax, clarinet Roberto Pianca - guitars Emanuele Maniscalco - drums LA NuOVA STAgIONE AL TONIOLO DI MESTRE Venerdì 8 novembre 2013 Sabato 9 novembre 2013 Domenica 10 novembre 2013

carlo & giorgio visti da vicino

Martedì 19 novembre 2013

marK lanegan, With special guest duKe garWood

I

giuseppe giacobazzi - un po` di me

venerdì 20 dicembre 2013

enrico bertolino casta aWaY - la tempesta imperfetta

14 Dicembre – Supersonic Music Arena – San Biagio di Callalta (Treviso)

Mercoledì,27 novembre 2013 COCKNEY LONDON PuB di Correzzola PD 14 novembre 2013

Mercoledì 27 novembre 2013 venerdì 29 novembre 2013

mario biondi

emma 14 novembre 2013

sguardo a nordest

guè peQueno

GUÈ PEQUENO, figura di riferimento della scena hip hop italiana, già membro fondatore e leader dei Club Dogo assieme a Jake La Furia e Don Joe, arriverà in concerto alla Supersonic Music Arena di San Biagio di Callalta (Tv), sabato 14 dicembre, per l’unica data nel Triveneto di “Bravo Ragazzo Tour”, tournée che segue la pubblicazione dell’omonimo fortunato album, il secondo della sua carriera solista. “Bravo Ragazzo”, pubblicato il 4 giugno scorso per Universal Music, ha conquistato il disco d’oro dopo sole tre settimane dalla sua pubblicazione trainato dai singoli “Business”, “Rose Nere” e dalla titletrack che ha praticamente raggiunto 2 milioni di visualizzazione su Youtube. A dividere il palco con Guè saranno ancora il dj Jay-K, la seconda voce Daniel Congo e Carmine Landolfi. Ulteriore particolarità sarà l’aggiunta della batteria, che si unirà alla formazione rap.

i “costi” dei grossi concerti ed i festivals Quali i pro ed i contro Ho visto molti concerti, grandi e piccoli. Dunque. Organizzati molto bene. Oggi l’informazione è migliore di una volta. Oggi si paga tutto, non solo il live! Ma... Di cosa si lamentano i ragazzi? Del costo del biglietto, dei diritti di prevendita, dei costi di parcheggio che vanno dai 5 euro ai 10 euro, delle bottigliette d’acqua a 2 o 3 euro, del bicchiere di birra a 4 o 5 euro, del trancio di pizza e del panino a 5 euro! Ma ecco il Problema clou... questo il resoconto di una ragazza: “(...) E’ stato grande come sempre. Ma devo convenire con chi ha deplorato l’organizzazione: pessima davvero. (...)Tre ore di colonna per arrivare alla propria auto intrappolati in una colonna umana, anzi disumana, non fanno parte di ciò che si considera comunemente la scomodità di un concerto. Ci stà la confusione, ci stà il disagio (altrimenti uno stà a casa sul divano a guardare la tv), ci stanno pure quei 10 euro rubati di parcheggio, ma la colonna umana senza via di fuga come bestie al macello, quella non ci stà! Chi pensa che questo voglia dire andare ad un concerto si sbaglia di grosso. I concerti, sono ben altro! (...).” e la risposta di un altro che c’è stato a quel live. “Cara (...), eri anche per caso anche a (...)? ... no, perché nel caso sarei tanto tanto tanto curioso di sapere se per abbandonare l’area del concerto alla fine hai usato il teletrasporto, l’elicottero oppure ti sei smazzata quella passeggiata nel budello, con tanto di passaggio nel tunnel sotto l’autostrada (...).” I concerti grossi sono una avventura. Ero ad entrambi i live citati dai due ragazzi. Ma... Ricordo che a Zeltweg in Austria, 18 anni fa, facemmo 3 chilometri a piedi prima di arrivare al live dei Rolling Stones, dopo avere pagato 80 scellini (7.000 lire di allora) di un parcheggio infangato. Poi all’ingresso ci tolsero l’acqua nostra e vidi una collinetta di un metro e mezzo di altezza per cinque di diametro di bottigliette di ogni tipo. All’uscita da quel concerto del 1995, con oltre 100mila spettatori, ci mettemmo tre ore per ripartire! Oggi penso che andrebbero aboliti i concerti sopra i ventimila spettatori! Anche perché i ragazzi da metà campo in poi vedono tutto il concerto solo dai video posti a lato del palco! Oggi live/festival come “Home Festival” o “Sherwood” o “Marghera” o “Piazzola” sono ottimamente organizzati con una platea che rare volte supera le ventimila unità per serata, ma con differenti prezzi. Economici i primi tre per il basso costo dei biglietti (l’Home Festival è del tutto gratuito e gli altri due spesso offrono la serata con ingresso ad un euro); costosetto “Piazzola” sia per i grossi nomi in cartellone che per il parcheggio a 5 euro. Per i cibi e le bevande si paga equamente “carucci” in tutti i casi. Si vuole fare soldi da “ogni cosa” in quanto il cachet dello show è molto alto e gli organizzatori devono/ vogliono rientrare da tutte le spese. Utopia vorrebbe che le bands si abbassassero l’ingaggio e che anche la prevendita dei biglietti non esistesse! In effetti se compro prima il ticket dovrei avere una riduzione, non un aumento! Sui costi di parcheggio, esatto, dovrebbe essere un servizio gratuito per chi arriva. Quanto al cibarsi e bere: portarsi tutto da casa! Tenersi a mente per il prossimo anno.

un estate di concerti all’aperto, circa cinQuanta live in tre mesi ora riaprono le serate al “chiuso”

n Italia ed in particolare nel Veneto sono arrivati i più bei nomi del panorama internazionale ed italiano tra giugno e settembre 2013. E’ stata una bella estate di concerti e festivals quella appena conclusa. Sommando gli uni agli altri ne ho visti in quattro mesi circa cinquanta. Tutti originali, l’unica cover band, sono stati i Rood, ma sono amici! Il più bel show che ho visto, per me ad oggi tra i primi tre in assoluto nella mia vita: Roger Waters “The Wall” allo stadio Euganeo il 26 luglio... farne una cronaca oggi sarebbe ridicolo, ma posso invitare il lettore a vedere lo spettacolo su youtube; non ci sarà tutto ma dai pezzetti video ci si fa comunque una idea della grandiosità e spettacolarità dell’evento. Un altro gran bel live-show al quale ero presente è andato in “suono/video/circo” alla Villa Manin di Codroipo (Udine); il 17 giugno... c’erano i Kiss! Loro, singolarmente si muovono anche su palchetti circolari girevoli che si alzano ed abbassano... col chitarrista che si aggancia ad un cavo e... vola sopra il pubblico...! Ma l’emozione più grossa me l’hanno data Crosby Stills Nash a Piazzola (Padova) il 20 luglio. Quando hanno attaccato subito “Carry On”... brividi... David Crosby, in particolare, nononostante l’età che avanza, appare ai miei occhi ancora un sornione hippy dei “sempre verdi” anni ‘60 del secolo scorso. Mi ha deluso Morgan a Polesella (Ro) il 4 luglio. Il cantautore, mente dei mai dimenticati Bluevertigo, ha messo in cantiere una carrellata di covers e suoi brani a metà tra il “divertissement” e lo “sperimentale” non riuscendo a

raggiungere lo scopo del suo proposito. Pollice giù anche per Dead Can Dance visti il 6 giugno al Geox di Padova. Nonostante la gran bella voce e presenza “spaziale” di lei, Lisa Gerrard, con due tastiere ed un polistrumentista, Brendon Perry, i pezzi apparivano monocorde e troppo “stiracchiati”. Divertente, più che altro per curiosi ed amanti del “rock’ n’ roll”, il Festival di Senigallia nelle Marche. Ero là il 3 agosto. Divertenti, più che altro per curiosi ed amanti della “dance elettronica”, i Motel Connection. Ero a Treviso-Dogana il 7 settembre in mezzo ad altri/e quarantamila. Ho partecipato questa estate anche al “Marghera Village”, trapiantato a Mestre da quest’anno al parco san Giuliano, al “Sherwood” di Padova al parcheggio nord dello stadio Euganeo, all’Hydrogen Festival di Piazzola sul Brenta, all’ Home Festival di Treviso ed aquello di Lucca. Tutti organizzati ottimamente. Non a tutte le serate, sia chiaro, ma a diverse. Ero presente anche ad alcune serate/dibattito proprio sul tema dei concerti, soprattutto di quelli grossi. Dall’organizzatore dell’ex Beach Bum di Jesolo e da quello attuale dell’Home Festival di Treviso ho appreso le tante difficoltà, spesso burocratiche, che ci sono nel mettere in cantiere simili shows; e quante denunce durante... poi... si ricevono da albergatori e privati. Sui Festivals, inoltre, mi informano chi li organizza, sono in atto delle vere e proprie aste a suon di “euroni” per aggiudicarsi la presenza o meno del tal gruppo che, ovviamente con la goduria del manager, se la ride vedendo lievitare il proprio cachet/ingaggio del doppio ed anche deltriplo!

Ora da autunno 2013 fino alla fine della prossima primavera 2014 si torna al “chiuso” per i concerti. Segnalo alcuni siti per gli amanti dei live da consultare periodicamente: www.eventiverona.it, www.zedlive.com, www.azalea.it, www.padovajazzclub.it, www.veneziaspettacoli.it, www.ecoveneto.it alla pagina “concerti”


COMUNE DI ISOLA DELLA SCALA

13

a

7 NOVEMBRE 1 DICEMBRE 2013 ISOLA DELLA SCALA (VR)

Vieni ad assaggiare il piatto più veronese che c’è: gli ottimi bolliti misti accompagnati dalla mitica pearà. Non mancheranno altre ricette della tradizione popolare come le tagliatelle in brodo con i fegatini e i piatti di stagione con la zucca, i funghi, le castagne e buon vino.

Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007 - 2013, Asse 4 - Leader. Organismo responsabile dell’informazione: Comune di Isola della Scala. Autorità di gestione: Regione del Veneto Direzione Piani e Programmi del Settore Primario.

Ente Fiera di Isola della Scala S.r.l. Via Vittorio Veneto 4, Isola della Scala (VR) Tel 045/7300089 | Fax 045/7302596 COMUNE DI CASALEONE

COMUNE DI ERBÈ

COMUNE DI SAN PIETRO DI MORUBO

COMUNE DI SANGUINETTO

COMUNE DI SORGÀ

www.isolafiere.it - info@isolafiere.it


PROTEGGIAMO IL TUO T.F.R. !!!

R.C. AUTO A KM! SEDE CENTRALE PADOVA

PIAZZA ALDO MORO 10 35129 PADOVA (PD) tel. 049 8078068 info@ gruppogestioniassicurative.com

SEDE VENEZIA Vicolo Ugo Bassi, 3 Olmo di Martellago 30030 martellago (ve) tel. 041985226 SEDE TRENTO Piazza Alcide de Gaspri, 14 - 38051 Borgo Valsugana (TN) tel. 0461 757297

Il Cliente è al centro dell’attenzione Chiamaci! Veniamo noi da Te. Diego Marafatto

Luca Borgato

Assistenza Clienti

Responsabile Rete Commerciale

diego.marafatto@gruppogestioniassicurative.com

Moira Buson

Assistenza Clienti

moira.buson@gruppogestioniassicurative.com

Massimiliano Pegorin

luciano.borgato@gruppogestioniassicurative.com

Gregorio Cavallin Cliente dal 2006 NUOVA 3L s.r.l. Vigonovo

Responsabile Ufficio Aziende

Manuela Ciccarese Ufficio RC Auto

manuela.ciccarese@gruppogestioniassicurative.com

Silvia Lovison Ufficio Fidejussioni

massimiliano.pegorin@gruppogestioniassicurative.com

silvia.lovison@gruppogestioniassicurative.com

Chiara Lovison

Michela Zampieri

Responsabile Ufficio Fidejussioni

Responsabile Ufficio Amministrativo

chiara.lovison@gruppogestioniassicurative.com

michela.zampieri@gruppogestioniassicurative.com

Luciano Romagna

Federico Costantini

Responsabile Ufficio Borgo Valsugana

Responsabile Ufficio Tecnologici federico.costantini@gruppogestioniassicurative.com

© Foto Zoppellaro

luciano.romagna@gruppogestioniassicurative.com

APPALTI PUBBLICI LEGGE 210 ONERI DI URBANIZZAZIONE

PROTEZIONE DEL VOSTRO TFR

TFR

Luca Borgato 342 6327877 Moira Buson 320 7461898 tfr@gruppogestioniassicurative.com

ASSISTENZA SINISTRI

EDILE

Roberto Criconia 347 4700442 roberto.criconia@gruppogestioniassicurative.com

SX

Fidejussioni RC AUTO KILOMETRICA RC AUTO MENSILE

RCAuto

Manuela Ciccarese 049 8078068 manuela.ciccarese@gruppogestioniassicurative.com

Massimiliano Pegorin 049 8078068 Chiara Lovison(Resp) 338 9694352 edile@gruppogestioniassicurative.com

RC PROFFESSIONALE MEDICI COLPA GRAVE dipendenti pubblici

RCMedical

RC PROFFESSIONISTI Commercialisti-Avvocati

UFFICIO FIDEJUSSIONI

Chiara Lovison(Resp) 338 9694352 Silvia Lovison 345 2318686 fidejussioni@gruppogestioniassicurative.com

RCPro

AZIENDE

Nicola Marco Pasini 329 1786320 rcpro@gruppogestioniassicurative.com

Vuoi Lavorare con noi?

ANALISI RISCHI AZIENDE

Federico Costantini 329 1785736 Massimiliano Pegorin 342 8522988 aziende@gruppogestioniassicurative.com

Luca Borgato(Resp) 342 6327877 Diego Marafatto 349 5892757 medical@gruppogestioniassicurative.com

JOB

Luca Borgato 342 6327877 responsabile rete commerciale luca.borgato@gruppogestioniassicurative.com


I nostri esperti 41

28 PSICOLOGIA DEL LAVORO

DOTT. LARA TASSO - Psicologo del Lavoro – Tel. 3381151335 – e-mail: lara.tasso@libero.it

La soddisfazione personale nel lavoro

In questo articolo vedremo come mai persone che svolgono lo stesso identico lavoro, ricavino da esso livelli molto differenti di soddisfazione. L’appagamento che proviamo per il lavoro, dipende da un insieme di fattori, quali il clima, le nostre aspettative, le motivazioni, il gruppo in cui siamo inseriti, l’adeguata formazione, il giusto riconoscimento, le possibilità di carriera, la coerenza con i nostri valori e le nostre attitudini, la chiarezza dei compiti e dei ruoli di ciascuno, la sicurezza, il rapporto con i superiori, la stabilità. Prendendo spunto da una ricerca condotta da Amy Wrzesniewski, docente di economia aziendale alla New York University, ci soffermiamo, in particolare, su tre “orientamenti lavorativi” che ci spingono a lavorare: il denaro, la carriera, la vocazione. Questi possono ovviamente coesistere, ma con livelli diversi. Chi lavora prevalentemente per denaro, ha un basso livello di soddisfazione. Da un recente studio americano, è emerso, per esempio, che una delle professioni con indice di appagamento più basso, è quella forense, che risulta anche la più pagata. Altri studi, hanno evidenziato che gli aumenti di stipendio, incrementano la motivazione e la produttività soltanto a breve termine; poi ci si abitua al livello presente, e si desidera ottenere una retribuzione ancora superiore, non raggiungendo mai un livello di gratificazione permanente. Chi lavora prevalentemente per fare carriera, ha un livello di soddisfazione più elevato rispetto a chi lo fa soltanto per denaro. Tuttavia, quando si arriva al culmine, inizia l’alienazione, e si ricerca gratificazione in altro. Chi, invece, lavora per vocazione, ama il proprio lavoro in sé e per sé, a prescindere dalla retribuzione e dalle possibilità di carriera. Sente che facendo il proprio lavoro contribuisce ad un bene collettivo, e che la propria opera ha un senso per sé e per gli altri. Tutti i lavori possono seguire una vocazione. Nello studio di Wrzesniewski, per esempio, sono stati analizzati gli addetti alle pulizie in un ospedale, e si è rilevato che chi lavorava per vocazione riteneva di avere un ruolo importante nella guarigione del malato, e nel favorire una migliore prestazione di medici ed infermieri. Queste persone si impegnavano molto nel lavoro, e anche se duro e pesante, non esitavano a sorridere ai pazienti, consapevoli che questo avrebbe potuto aiutarli. I colleghi che, invece, affrontavano il lavoro soltanto per denaro, lo vedevano come una serie di grigie mansioni di pulizia, e lo svolgevano con demotivazione, pensando soltanto ad arrivare alla fine della giornata. In conclusione, ciascuno di noi può trovare nel proprio lavoro una vocazione. Questo non solo ci farà operare al meglio, ma renderà la nostra vita più felice.

LA VIGNETTA

Provocatori

Immersione, Idrografia e Idraulica per conoscere l’ambiente in cui viviamo

Chioggia, 19-27 ottobre www.ottobreblu.it info@ottobreblu.it Tel. 041 491199

Di

barrY MasoN

Capita a tutti di perdere le staffe o di farsi rovinare la giornata da provocazioni inutili, specialmente da persone che “attaccano” senza motivo. Di solito questi provocatori lo fanno al solo scopo di affermarsi, e spesso non se ne accorgono. Si fanno scappare di bocca parole maldestre come guidate da intenzioni inconsce e riescono a tirare fuori dai gangheri persone dotate di notevole selfcontrol e di ottima autostima, al solo scopo di far male a chi hanno di fronte! Sfoderano critiche gratuite e letture della realtà faziose, utilizzano i lati deboli dell’altro e ci scherzano in modo pesante, fanno del sarcasmo o danno soprannomi che contengono elementi svilenti. Questi provocatori si aspettano sempre un’arrabbiatura, uno sguardo ferito o naturalmente, un insulto. La cosa migliore è spiazzarli! Semplicemente non considerandoli o guardandoli con distacco. Non serve spiegare e tantomeno chiarire, il provocatore non ascolta. E’ inutile rispondere alle provocazioni con altre provocazioni o finirà nella litigata che lui tanto desidera. Meglio una risata, utilizzare l’ironia, perdere tempo o cambiare argomento. La rabbia non fa bene né a chi la prova, né a chi la subisce, per questo bisogna imparare a farsi scivolare le cose di dosso. Chi non riesce a trattenersi di fronte alle provocazioni quotidiane, alla lunga rischia di diventare depresso perché si convincerà sempre di più che il mondo ce l’ha con lui. Una antica leggenda giapponese narra di un samurai che non reagiva mai alle provocazioni pur consapevole delle sua grande forza e rispondendo ai suoi adepti che spesso gli chiedevano quale fosse il suo segreto diceva: “Se qualcuno vi si avvicina con un dono e voi non lo accettate, il dono continuerà ad appartenere a chi ha tentato di regalarvelo. Lo stesso vale per l’invidia, la rabbia e gli insulti, se questi non sono non sono accettati, continuano ad appartenere a chi li portava con sé”.


A tavola 43 23 CUCINA

LA RICETTA Salotto e ristorante Piazza garibaldi, 6 Adria www.terrazzainpiazza.it

PIEDINO DI MAIALE CON VERZA, PUREA DI ZUCCA E SCALOPPA DI FEGATO GRASSO D’OCA DI MORTARA

INGREDIENTI 6 pieDiNi Di Maiale, 600 gr. Di seDaNo, carote e cipolle, lauro, pepe iN graNi, giNepro, 600 gr. VerZa, retiNa Di Maiale, 300 gr. Di Zucca, 300 gr. Di papate, 120 gr. Di burro cHiariFicato, 120 gr. Di burro Fresco, 60 gr, Di parMigiaNo grattuggiato, 6 scaloppe Di Fegato grasso D’oca, FariNa, uoVo e paNe grattuggiato ESECUZIONE Mettere a cuocere iN abboNDaNte acQua i pieDiNi Di Maiale coN le VerDure e gli aroMi. Nel FratteMpo pelare, pulire, tagliare la Zucca e Metterla a cuocere iN ForNo a 150° iN teglia D’alluMiNio coperta coN carta stagNola per circa 1 ora. lessare le patate, scolarle e passarle iNsieMe alla Zucca coN uNo scHiacciapatate, uNire il burro e il parMigiaNo. Dopo 3 ore togliere i pieDiNi Dal Fuoco e Farli iNtiepiDire Nel loro broDo, tagliare le Foglie Di VerZa - priVare Della parte ceNtrale piÙ Dura - alla JulieNNe Molto FiNe e Farla stuFare coN poco burro e uNa spruZZata Di aceo, salare e pepare. steNDere 6 rettaNgoli Di circa cM. 15X15 Di retiNa Di Maiale e porre all’iNterNo i pieDiNi coN la VerZa. cHiuDere la retiNa DaNDo al coMposto uNa ForMa alluNgata. passare Nella FariNa, Nell’uoVo e Nel paNe grattuggiato. iN uNa paDellacuocere a Fuoco ViVo i pieDiNi, cHe QuaNDo saraNNo rosolati si passeraNNo iN ForNo per 5 MiN.; Nel FratteMpo cuocere le scaloppe Di Fegato grasso D’oca cercaNDo Di ForMare uNa crosticiNa croccaNte all’esterNo e uNa coloraZioNe rosa all’iNterNo. Disporre Nel piatto il purea Di Zucca, il pieDiNo e la scaloppa Di Fegato D’oca e serVire.

Messaggio pubblicitario

COCKTAILS by Paolo Marani

I CONSIGLI DI PAOLO

CUTTY TAIL

INGREDIENTI :

iNgreDieNti:

4/10 WHisKY cuttY sarK, 3/10 sciroppo Di aNaNas boero, 2/10 sHerrY tio pepe, 1/10 5 gocce bitter caMpari. si prepara Nello sHaKer coN gHiaccio. si serVe Nella coppetta cocKtail. Decorare coN aNaNas e ciliegiNa rossa. Di colore giallo-araNcio, coN uNa piaceVole scHiuMetta iN superFicie, il cocKtail preseNta proFuMi abbastaNZa coMplessi. al gusto È abboccato, leggero Di alcol e piuttosto eQuilibrato coN seNsaZioNi liQuorose Di aNaNas al MarascHiNo e calDi abbracci Di cereale Maturo. MarascHiNo stocK,

PAOLO MARANI

INFO@TERRAZZAINPIAZZA.IT

Messaggio pubblicitario

CUCINA

CHEESE CAKE ALLA RICOTTA E POMODORI SECCHI, PROFUMATA AL LIMONE

uNa cHeese caKe Molto saporita, proFuMata e MeDiterraNea, iDeale per l’estate. uNa base seMplice cHe si puÒ ulteriorMeNte aroMatiZZare coN uN po’ Di papriKa, sopra uNa creMa Di ricotta MorbiDa e Fresca: l’accostaMeNto tra liMoNe, acciugHe e poMoDori seccHi la Fa Da paDroNe, MaNteNeNDo Nel coNteMpo l’iDea Di uNa Farcia leggera. per la cottura, iDeale È il MicrooNDe, utiliZZaNDo la FuNZioNe crisp, tuttaVia uN buoN risultato si ottieNe aNcHe coN la cottura iN ForNo. a piacere si puÒ serVire la torta calDa appeNa sForNata, oppure a teMperatura aMbieNte.

INGREDIENTI PER 3 PERSONE:

per la base: 200g crostiNi alla soia, 2 cuccH strutto, 1 cuccH ForMaggio colliNa stagioNato grattugiato, olio eVo per la Farcia: 250g ricotta VacciNa, 2 cuccH ForMaggio colliNa stagioNato grattugiato, 11 poMoDori seccHi, 3 acciugHe sottolio, 1 liMoNe, iN Frigo per circa 20 MiNuti, poi cuocere iN ForNo 1 cuccH.No capperi sottaceto, 1 cuccH oliVe Nere taggiascHe, 1 a MicrooNDe coN FuNZioNe crisp per circa 5 MiNuti. uoVo, glassa gastroNoMica all’aceto balsaMico Di MoDeNa igp, preparare la Farcia: Mescolare la ricotta coN 1 cuccH.No MostarDa Di Frutta, aceto balsaMico Di MoDeNa, 9 i poMoDori seccHi a peZZetti, i capperi, le oliVe, Foglie Di basilico Fresco, sale le acciugHe eD il basilico sMiNuZZato; uNire il succo e la scorZa Del liMoNe, la MostarDa eD il Distribuire sulle FettiNe Di carpaccio il prosciutto eD uN peZZetto ForMaggio colliNa. sbattere l’uoVo coN il sale Di paNe; arrotolare a ForMare gli iNVoltiNi. scalDare iN uNa eD aMalgaMarlo al coMposto Di ricotta, iNFiNe paDella uN Filo D’olio coN l’aglio iN polVere, Mettere la carNe eD aroMatiZZare coN la glassa gastroNoMica. iNsaporire coN il DaDo, la Maibuire sul FoNDo Del piatto la purea, Versare la creMa cosÌ otteNuta sulla base e aDagiarVi poi gli iNVoltiNi e spolVerare Di pepe Nero. cuocere NuoVaMeNte iN ForNo a MicrooNDe coN

FuNZioNe crisp per circa 14 MiNuti. serVire calDa lasciare iN aMMollo per alcuNe ore i poMoDori seccHi iN acQua e o a teMperatura aMbieNte, DecoraNDo coN Foglie aceto balsaMico, per Farli rappreNDere. preparare la base: tritare i crostiNi e Mescolarli coN il ForMaggio Di basilico. e lo strutto aMMorbiDito; oliare la teglia Del piatto crisp e MANUELA E SILVIA BIZZO DisporVi il trito, coMpattaNDolo beNe coN uN po’ D’acQua. lasciar riposare

LA SOLIDARIETA’ PER TUTTE LE TASCHE Bastano cinque euro al mese per partecipare ai progetti di sostegno a distanza del Cesvitem. Cinque euro per garantire i diritti fondamentali a migliaia di bambini del Sud del mondo. Cinque euro per costruire un futuro migliore. Cosa stai aspettando? Aderisci subito!

CESVITEM Onlus

via Mariutto 68 - Mirano (VE) tel. 0415700843 - info@cesvitem.it c/c postale 10008308 - C.F. 90022130273

www.cesvitem.org

Seguici anche su facebook!


Messaggio pubblicitario

L’anno 2013 sarà l’anno dell’orgoglio per il Parco del Delta del Po. Così, durante le discussioni sull’adozione del Piano Ambientale avevo preannunciato, e così sta avvenendo soprattutto con la collaborazione e la fiducia della popolazione e delle attività economiche che nel Delta del Po operano. Un lavoro costante di confronto e mediazione con un obiettivo importante: far comprendere che i vincoli, anche se minimi, possono diventare una risorsa. La convivenza tra le attività dell’uomo e la conservazione della natura va vista in una nuova luce; è ora di riconoscere alla natura il suo ruolo di indispensabile fondamento della vita sociale ed economica della società, e come tale usarla e proteggerla ovunque come risorsa preziosa e non rinnovabile, che ci mette in connessione con lo spazio di sviluppo europeo. È necessario in primo luogo innalzare il livello di attenzione su questi temi e sul ruolo che possono avere nello sviluppo regionale; in secondo luogo è necessario innalzare la qualità del governo del territorio, teatro dell’incontro tra l’uomo e la natura. La recente candidatura, presentata a Parigi, dell’area del Delta del Po, quale Riserva di Biosfera – MAB UNESCO, indica la chiara volontà dell’Ente e del territorio di proporsi a livello mondiale come luogo unico di valore paesaggistico ambientale in cui l’uomo è elemento fondamentale sia di conservazione che per lo sviluppo sostenibile. Grande ringraziamento va alla Fondazione CARIPARO che per prima ha creduto e con lungimiranza ha sostenuto il percorso di candidatura che si spera si concluderà positivamente nella primavera 2014. Il Parco del Delta del Po in questi ultimi due anni ha realizzato innumerevoli iniziative a 360 gradi sui temi dello sviluppo territoriale.

Pianificazione a programmazione territoriale

Nel dicembre 2012 è stato adottato il Piano Ambientale del Parco del Delta del Po, in copianificazione con la Regione Veneto, adozione che ha segnato una tappa storica nella vita dell’Ente Parco del Delta del Po dopo venti anni di attesa e di conflittualità. Anche la redazione del Piano di Gestione delle aree ZPS (Zone di Protezione Speciale per le specie riconosciute a livello Europeo) realizzato su incarico della Regione Veneto ha fatto sì che gli elementi Europei di valore ambientale abbiano trovato, nel Parco del Delta del Po, proposte di gestione integrate con gli altri elementi di pianificazione territoriale. In ambito paesaggistico la collaborazione con la Soprintendenza Regionale per i beni Ambientali e Culturali e la Direzione Pianificazione Strategica Regionale porta l’Ente Parco del delta del Po ad un confronto per la costruzione del Piano Paesaggistico di Ambito Laguna di Veneta – Delta del Po. Questa collaborazione è fondamentale per la conclusione della visione strategica del territorio e la semplificazione amministrativa, quanto mai necessaria per lo sviluppo dell’area.

Promozione attività locali e iniziative culturali

L’Ente è inoltre motore di innumerevoli iniziative di carattere sociale, economico, culturale e di valorizzazione e promozione del territorio che coinvolgono associazioni culturali e le proloco dei comuni del Delta. Si ricordino le iniziative annuali delle Pro loco locali e Comuni del parco che attraverso un programma condiviso dall’Ente Parco vedono lo stesso compartecipare alle manifestazioni. Non da ultimo la festa del Riso del Delta del Po che ha visto l’unione dei produttori agricoli coordinati dalla Fondazione Ca’ Vendramin in un primo esperimento di valorizzazione territoriale attraverso i prodotti agricoli. Ma anche la Su e So per i fossi di Adria, la bottega del parco di Rosolina, la fiera del Delta del Po di Porto Tolle, le manifestazioni culturali ad Ariano nel Polesine, la fiera del Pane di Loreo, la festa della golena di Panarella a Papozze, le manifestazioni culturali e sportive di Corbola, la fiera del libro a Porto Viro, la festa per il taglio di Porto Viro a Taglio di Po ed innumerevoli altre manifestazioni locali.

Progetti Europei e progettazione Nazionale

©PH Daniele Soncin

Nella attuale programmazione Europea, 2007 – 2013, l’Ente Parco ha in corso di conclusione progetti che, in un ottica di visione strategica di sviluppo sostenibile, abbracciano diversi settori economici e di tutela. Nella

conservazione e valorizzazione delle aree di interesse comunitario (Zone Protezione Speciale) il progetto Valli e lagune, all’interno del programma Europeo LIFE +, per un valore di 4,5 milioni di euro vede coinvolte entrambe le Regioni Veneto ed Emilia Romagna con progetti di vivificazione delle lagune, realizzate dal Consorzio di Bonifica delta Po, la collaborazione fra vallicoltori ed Ente Parco per il monitoraggio delle specie prioritarie e, per la prima volta, la realizzazione di azioni comuni, con le aziende vallive, di valorizzazione dei prodotti della pesca ed itinerari turistici. Nel settore della valorizzazione della pesca importante progetto di promozione è, in collaborazione con Unci pesca - Coldiretti Rovigo, il progetto “Pesca Amica”, per un importo nei due anni di circa 100 mila euro, che tende a creare la rete dei produttori ed operatori economici per la valorizzazione delle specie ittiche quali vongole, anguille, cefali, alici ecc…. Nella valorizzazione del territorio anche a fini turistici il progetto Slow Tourism nell’ambito del programma Europeo Interreg Italia Slovenia, importo 103 mila euro, ha creato oltre che piccole infrastrutture di servizio agli itinerari di visitazione anche una buona rete di operatori convenzionati a cui ora bisogna dare supporto per la promozione delle loro attività già dichiarate sostenibili. Sempre nella logica di rete di operatori economici e dei luoghi del Delta del Po da preservare, il progetto Climapark, nel programma Europeo Interreg Italia Slovenia per un importo di 340 mila euro, ha consentito oltre che rilevare dati scientifici per la individuazione di indicatori ambientali dei cambiamenti climatici, in collaborazione con ARPAV, di proporre al territorio una riflessione sulla necessità di adottare strategie anche di sviluppo sostenibile per adattarsi ai notevoli mutamenti che il tessuto sociale ed ambientale sta mettendo in atto. Quindi la natura come elemento di riferimento fondamentale per adattare lo sviluppo economico di un territorio di grande valore ambientale. Questa visione di proposte gestionali è iniziata con il progetto NATREG, nell’ambito del programma Europeo MED per un importo di circa 200 mila euro, che ha disegnato un possibile Piano di Gestione per lo sviluppo sostenibile dell’intero territorio del Delta del Po. Il progetto Ecomuseo del Parco del Delta del Po finanziato dalla Regione Veneto nell’ambito del Programma POR per un valore di 1,8 milioni di euro permetterà di attivare un circuito di visitazione e valorizzazione dell’intero Delta del Po. Il progetto di Piste ciclabili del Parco del Delta del Po, anche questo nell’ambito del programma regionale POR, per un valore di 1,6 milioni di euro, andrà ad attivare una infrastrutturazione dell’offerta turistica e territoriale a beneficio degli operatori che nello sviluppo sostenibile credono e con l’Ente Parco condividono. Sempre nella logica dell’offerta di turismo sostenibile il progetto di bike sharing, anche se ridotto circa 260 mila euro, consentirà di avere un sistema di noleggio biciclette a favore degli operatori interessati ampliando l’offerta ai visitatori. Nel progetto 2bParks, all’interno del programma Europeo SEE importo di 190 mila euro, ha visto la valorizzazione paesaggistica e di educazione scolastica nelle aree protette europee del Delta del Po con importanti risultati dal punto di vista di promozione dell’area nel mondo scolastico e dell’educazione ambientale. La progettualità nel programma LEADER +, con il supporto del GAL Delta del Po, ha visto e vedrà la partecipazione dell’Ente Parco in iniziative per la creazione di itinerari culturali ed enograstronomici per la valorizzazione delle eccellenze produttive locali attraverso il progetto Econetwork rural importo 140 mila euro ed il progetto di promozione dell’area protetta per un importo di 150 mila euro . Gli itinerari del cinema, paesaggi culturali (i luoghi di senso), le eccellenze di prodotti agricoli e le attività didattiche sono i filoni principale delle azioni progettuali previste nel progetto denominato destinazione parchi di importo di circa 300 mila euro. In questo progetto viene prevista la realizzazione di un museo del cinema e più in generale delle arti visive in uno stabile in Comune di Porto Viro. Attività ed investimenti per 6 – 7 milioni di euro che il parco porta come ricaduta nel territorio dimostrando come le aree protette se aperte al territorio possono diventare motore di sviluppo elevando la qualità della vita ed incentivando le attività economiche. Nella nuova programmazione Europea 2014 – 2020 si stanno proponendo progetti sia per la infrastrutturazione e conservazione del territorio che per la promozione dei prodotti e servizi di eccellenza del Delta del Po. I programmi Europei, Nazionali e Regionali sono i via di attivazione con proposte di progettualità che coinvolgeranno tutti gli operatori economici del territorio.

La rete ed i paternariati

Le reti di paternariato a livello Nazionale ed Europeo consentono al parco di essere costantemente coinvolto nelle innumerevoli iniziative progettuali che intercettano risorse economiche da portare nel territorio. Ecco allora che la rete Delta chiama Delta, Deltamed, Adriapan, sistema dei parchi del Veneto, Federparchi e speriamo aree Riserva di Biosfera sono un valore importante che il parco ha costruito e che nelle programmazioni europee rivestono grande importanza. La collaborazione con i delta del Danubio in Romania, dell’Ebro in spagna, la Camargue in Francia, con le aree protette in Slovenia, Croazia, Grecia, Serbia, Bosnia, Albania, Germania, Polonia, Austria nonché la partecipazione con la Regione Veneto, la Camera di Commercio di Rovigo, il Consorzio di Bonifica delta del Po e la Fondazione Ca’ Vendramin a importanti progetti internazionali non da ultimo la missione in Messico consente al Parco del Delta del Po di avere una visibilità e visione internazionale di notevole livello.

La tutela ed il rapporto con le Università

Il monitoraggio ambientale, la cura del sistema dunoso e litoraneo, la promozione di attività economiche compatibili, l’attenzione alle persone svantaggiate, sono e saranno le azioni, non esclusive, che si metteranno in essere per far sì che il Parco diventi un territorio in cui ogni cittadino si identifichi. Le attività di monitoraggio dei passeriformi per un importo di 50 mila euro, la convenzione con l’Università di Padova istituto di genetica per la prosecuzione delle attività per la protezione dello Storione Cobice, il piano di attività di monitoraggio delle acque e di identificazione metodologica del valore delle funzioni ecosistemiche degli ambienti naturali, in collaborazione con Università di Ferrara, sono una piccola parte del lavoro svolto e da svolgere nell’ambito della conoscenza e monitoraggio ambientale. La stretta collaborazione con l’Autorità di Bacino del Fiume Po per l’elaborazione di piano di monitoraggio a seguito dello sversamento di idrocarburi nel fiume Lambro sta portando notevoli risultati positivi nella visione complessiva del valore ambientale del fiume Po. Anche la collaborazione con l’Università di Venezia – IUAV per la redazione delle valutazioni di incidenza ambientale dei piani ed il proficuo lavoro nell’ambito dell’Osservatorio del delta del Po rappresenta un forte legame del parco con la realtà universitaria; non da ultima la collaborazione fra Consorzio di Bonifica delta del Po e Università di Padova – dipartimento di Geografia per la realizzazione di incontri internazionali fra docenti universitari e master internazionali. Di prossima firma invece il protocollo di intesa con il Politecnico di Milano per la valorizzazione della ciclovia del Po denominata Vento che collegherà il Monviso con Venezia passando per il Delta del Po.

La rete regionale dei parchi

Importante è la sensibilità che l’Assessore ai Parchi Franco Manzato in collaborazione con l’Assessore all’Economia Isi Coppola dimostrano verso il Parco del Delta del Po ed il Delta del Po. Ricorso da ultimo il pieno appoggio nel sostenere la candidatura a Riserva di Biosfera – MAB UNESCO ma anche l’attenzione alle richieste di finanziamenti su progettualità che in questi anni abbiamo fatto la valorizzazione e la tutela del territorio. Nella rete dei parchi regionali siamo un importante punto di riferimento che con il coordinamento regionale svilupperà importanti progetti di tutela e promozione. La nuova proposta di legge regionale di razionalizzazione del sistema dei parchi non modifica le intenzioni regionali di vedere l’area del Delta del Po elemento basilare della politica di tutela del sistema regionale delle aree protette.

In conclusione questo anno è l’anno dell’orgoglio del Delta del Po e citando un testo a me caro di Giovannini autori del testo Uomini e parchi: “Il grande significato di un parco è soprattutto umano, poiché umana è la funzione che esso deve assolvere: ricercare nuovi comportamenti di compatibilità fra sviluppo antropico ed il mantenimento degli equilibri naturali, fissando i parametri qualitativi e quantitativi di tale compatibilità” (dal testo Uomini e parchi)


22 46 Oroscopo

FASCINO recupererete iN iNteNsitÀ, NoN sarete a corto Di iDee, coN eros auDace e particolarMeNte passioNale · SALUTE aNcHe se l’agilitÀ cala, le DiscipliNe per Voi saraNNo Quelle cHe coMporteraNNo resisteNZa e coMbattiVitÀ

TORO

DAL 21/04 AL 20/05

FASCINO usate circospeZioNe, percHÈ sceNDe VertigiNosaMeNte la passioNalitÀ e sale pericolosaMeNte la litigiositÀ · SALUTE per coNtrastare la teNsioNe, DeDicateVi coN costaNZa a uN’attiVitÀ Fisica eQuilibrata: Massaggi o DiscipliNe olisticHe

GEMELLI DAL 21/05 AL 21/06

FASCINO il Mese Vi riserVerÀ stuZZicaNti coMplicitÀ sul piaNo erotico; usate le Vostre straorDiNarie coNNessioNi MeNtali · S ALUTE Da MetÀ Mese Vi occuperete coN solerZia Di eVeNtuali coNtrolli o Di terapie preVeNtiVe. abbiate cura Di Voi

Oroscopo SE AVETE UN DUBBIO CHE RESTA

LEONE DAL 23/07 AL 23/08

SEGNO

potrete

F

carraro mobili

arredatori dal 1968

BONUS STATALE DEL 50%

su tutto l’arredamento per ristrutturazione fino al 31/12/2013

A BENVENUTI IN CUCIN

SCONTI EXTRA DAL 40% www.arr edo3.co m

CUCINA MODELLO

LUNA

su progettazioni nuove, fino al 60% su expo

coMuNicatiVa, curiositÀ e perspicacia soNo le Vostre arMi segrete. sappaite FarNe uN uso iNtelligeNte · S ALUTE garaNtita uN’ottiMa coorDiNaZioNe e buoNe Doti Di agilitÀ e FlessibilitÀ. le DiFese iMMuNitarie saraNNo iNossiDabili are come foto L235)

iNterpersoNali, FaVoritissiMe le NuoVe coNosceNZe e le FreQueNtaZioNi Di aMbiti iNcoNsueti · S ALUTE FaVoriti gli sport allegri e DiNaMici, e aNcHe la brillaNteZZa MeNtale si assesterÀ su ottiMi liVelli. agite!

ViVere eMoZioNi e seNtiMeNti coN graNDe iNteNsitÀ e coNtare su NuoVe coNosceNZe e Viaggi roMaNtici · S ALUTE atteNZioNi ai riscHi, per NoN iNcorrere iN strappi o trauMi a carico Dell’apparato Muscolo-scHeletrico

SAGITTARIO DAL 23/11 AL 21/12

FASCINO Va

beNoNe! l’iNtesa erotica iMMeDi-

ata uNita alla QualitÀ Del Dialogo aMoroso reNDe tutto gratiFicaNte S ALUTE i piaNeti Vi spiNgoNo a iNteressarVi a DiscipliNe olisticHe o MeDitatiVe, Ma aNcHe a eVeNtuali screeNiNg preVeNtiVi

FASCINO atteNZioNe alla coMuNicaZioNe cHe potrÀ essere iNceNtrata su toNi eccessiVaMeNte ForMali: siate piÙ spoNtaNei · S ALUTE potrete risolVere eVeNtuali probleMaticHe iNereNti la circolaZioNe liNFatica, resisterete ai MalaNNi Di stagioNe

ACQUARIO DAL 21/01 AL 19/02

FASCINO NoN siate troppo sFuggeNti, NÉ ostiNataMeNte aNticoNForMisti: ci sarÀ bisogNo Di uNa presa Di posiZioNe Decisa · SALUTE Darete proVa Di uNa traNQuilla progressioNe Nel FitNess o Nella cura Della salute. NoN siete sportiVissiMi perÒ...

Divano componibile con sedute scorrevoli, da €1750 a €1050 (comp . line

FASCINO Nelle relaZioNi

A S C I N O

CAPRICORNO DAL 22/12 AL 20/01

FASCINO

VERGINE DAL 24/08 AL 22/09

FASCINO la carica DesiDeraNte sarÀ assicurata. NuoVe coNosceNZe iN Vista Ma uNa sola Vi colpirÀ iN proFoNDitÀ · S ALUTE VitalitÀ iN auMeNto. la coNgiuNZioNe astrale, iNoltre, sarÀ garaNte Di arMoNia e coorDiNaZioNe Nei MoViMeNti

SCORPIONE DAL 23/10 AL 22/11

CANCRO DAL 22/06 AL 22/07

FASCINO coN uN toNo Dell’uMore piÙ stabile preparerete il terreNo per occasioNi FortuNate. teNete gli occHi aperti · SALUTE curate l’aliMeNtaZioNe: eViterete cosÌ Di iNcorrere iN piccoli probleMi Di DigestioNe, o Di soMatiZZaZioNi

BILANCIA DAL 2 3/09 AL 22/10

SOSPESO RESTATE IN ATTESA DI UN

AD:

ARIETE 21/03 AL 20/04

DAL

foto Camera completa come ) nta rto e mo ggio incluso da €4090 a €2450 (traspo

COGLIETE LE OCCASIONI!!! oltre 2000mq di esposizione permanente via Roma 90 e via Ceresara 48

tel 049.767627 - LIMENA (PD)

www.carraromobili.it

PESCI DAL 20/02 AL 20/03 FASCINO Vi

troVerete catapultati iN DiMeNsioNi FiNalMeNte speNsierate e appassioNaNti. coNiugate FaNtasia e proFoNDitÀ · S ALUTE recupererete coN gli iNteressi, FiNo a poter VaNtare uNa teNuta e uN appeal assolutaMeNte iNViDiabili


A RUBANO (PD) Via Antonio Rossi, 24

Aperto dal Martedì al Venerdì dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00 Lunedì e Sabato chiuso. Ampio parcheggio. FORNITURE ULSS ED INAIL AGLI AVENTI DIRITTO

I professionisti dell’udito www.elettrosonor.it

( 049 635600 Chiama e prenota la Tua

PROVA

GRATUITA DELL’UDITO

Centro Sordità Elettrosonor, da 40 anni al servizio del benessere uditivo

Le filiali del Centro Sordità Elettrosonor: Vicenza--RUBANO Rubano(PD) (PD) - Montecchio M.re (VI)(VI) - Bassano del Grappa (VI) - Santorso (VI)(VI) - Lonigo (VI) VICENZA - MONTECCHIO MAGGIORE - SANTORSO (VI) - BASSANO DEL GRAPPA - LONIGO (VI)- -Asiago ASIAGO(VI) (VI)

Padovaovest sett2013 n126  

Padovaovest sett2013 n126

Advertisement