Page 1

Sport p.18

Natale

DICEMBRE 2019

Periodico d’informazione locale - Anno XXVI n.180

Cultura p.17

Salute

p.35

del Miranese Sud

Questa copia è certificata da

3 4 8 11 12

p.27

TERRITORIO

Con i ragazzi del muretto, decine di volontari

MIRANO

Bookcrossing, incontri tra libri e bucato

Chiama Ora

351-6777004

Chiama Ora

351-6777004 Incentivi per promuovere nuovi negozi PO

RT

PA SS

Germana Urbani >direttore@givemotions.it < di Zabeo Samuele

Ripresa dei consumi e dunque dei fatturati delle aziende. Certo i consumatori sono ancora molto cauti: l’incertezza economica del nostro Paese e le incognite … la convenienza del Cadore sotto casa … che ancora aleggiano sulle aperture domenicali e sul Sconto del 50% su tutte le lenti possibile aumento dell’Iva non favoriscono le vendite Viale Sanremo, 42/d ·aspettare Spinea (Ve) · Tel. 041 997018 come ci si potrebbe altrimenti. Nonostante questo, però, il 2019 è stato un anno con più luci che ombre e ne avevamo davvero bisogno. Va detto, però, che il 2020 si affaccia sul futuro dell’Italia già carico di aspettative: la prima tra tutte è sicuramente legata alla nuova manovra di bilancio al vaglio del Governo in carica. Ci auguriamo tutti che non sia troppo pesante o stringente, e che ci permetta, come Paese, di continuare a spendere e quindi a crescere. Se così non fosse entreremmo in una nuova fase di recessione e non se ne gioverebbe nessuno. Il Veneto soprattutto ha bisogno di sognare e sperare in qualcosa di positivo e bello. Perciò ci auguriamo che le elezioni regionali che ci aspettano in tarda primavera rappresentino per servizi tutti i veneti a pag un 6, 10 nuovo punto di partenza. Serve una svolta che tarda troppo a venire. L’autonomia resta, ormai da anni, solo una promessa. Eppure, la maggior parte dei cittadini veneti, ha continuato a votare e ad eleggere sempre la Lega e i suoi rappresentanti. Mi chiedo se non sia tempo, anche per loro, di fare un bilancio concreto delle risposte politiche che hanno ricevuto in cambio. Ora le nostre piazze ospitano sempre più spesso il nuovo movimento delle Sardine che suscita simpatia, predica la tolleranza, la gentilezza. Nonostante ciò, tutti si chiedono chi e come riuscirà a cavalcare politicamente questo nuovo fenomeno e, soprattutto, verso quale avventura ci condurrà. Sicuramente ci porterà verso un futuro possibile, come ogni novità. Giudicheremo con il tempo la bontà delle intenzioni e la realizzabilità dei sogni che le sostengono. Noi de La Piazza, nel frattempo, vi auguriamo di passare un Buon Natale con le vostre famiglie, di guardare al futuro con fiducia, di fare dei bei regali alle persone che amate e se siete ancora indecisi… Scendente in piazza, andate dal vostro commerciante di fiducia, chiedete consiglio a lui. E ricordate che la cosa più semplice è quella che più si avvicina al cuore. Buon Natale e Buon Anno nuovo.

Al via un calendario ricco di eventi nelle piazze di Mirano e Spinea. A Mirano in piazzetta Errera sarà allestita anche una pista di pattinaggio sul ghiaccio

Nuova pista ciclabile fra Ballò e Scaltenigo

PA SS

Buon Natale e Buon Anno nuovo

Natale, i paesi del Miranese si vestono a festa

MIRANO

SPINEA

on-line:

PO

RT

SANTA MARIA DI SALA

Caltana, bacini di www.lapiazzaweb.it/vacanze www.lapiazzaweb.it/vacanze

laminazione contro Scopri all’interno le gli allagamenti favolose offerte scelte esclusivamente per te! Una selezione periodica di viaggi ad un prezzo vantaggioso! Viaggia con noi e i nostri giornalisti! Visita la sezione dedicata sul nostro sito www.lapiazzaweb.it

Buon Natale e Buon Anno nuovo Germana Urbani >direttore@givemotions.it<

È

tempo di auguri, regali, perché no, bilanci. Se escludiamo la situazione ambientale-climatica che ci ha visti muti e inermi osservare sgomenti la nostra Venezia sommersa dalle mareggiate, i nostri fiumi tenerci con il fiato sospeso per giorni e la politica delle scelte sbagliate… Ebbene, se dimentichiamo tutto questo, possiamo anche dire che il 2019 si chiude con un bilancio positivo. Almeno economicamente, con dicembre finisce un anno che molti analisti definiscono come un anno segue a pag 3 buono, di ripresa.

In questo numero il nuovo inserto consigli preziosi

per gli amanti della buona cucina e dello shopping


Sport p.18

Natale

DICEMBRE 2019

Periodico d’informazione locale - Anno XXVI n.180

Cultura p.17

Salute

p.35

del Miranese Sud

Questa copia è certificata da

3 4 8 11 12

p.27

TERRITORIO

Con i ragazzi del muretto, decine di volontari

MIRANO

Bookcrossing, incontri tra libri e bucato

Chiama Ora

351-6777004

Chiama Ora

351-6777004 Incentivi per promuovere nuovi negozi PO

RT

PA SS

Germana Urbani >direttore@givemotions.it < di Zabeo Samuele

Ripresa dei consumi e dunque dei fatturati delle aziende. Certo i consumatori sono ancora molto cauti: l’incertezza economica del nostro Paese e le incognite … la convenienza del Cadore sotto casa … che ancora aleggiano sulle aperture domenicali e sul Sconto del 50% su tutte le lenti possibile aumento dell’Iva non favoriscono le vendite Viale Sanremo, 42/d ·aspettare Spinea (Ve) · Tel. 041 997018 come ci si potrebbe altrimenti. Nonostante questo, però, il 2019 è stato un anno con più luci che ombre e ne avevamo davvero bisogno. Va detto, però, che il 2020 si affaccia sul futuro dell’Italia già carico di aspettative: la prima tra tutte è sicuramente legata alla nuova manovra di bilancio al vaglio del Governo in carica. Ci auguriamo tutti che non sia troppo pesante o stringente, e che ci permetta, come Paese, di continuare a spendere e quindi a crescere. Se così non fosse entreremmo in una nuova fase di recessione e non se ne gioverebbe nessuno. Il Veneto soprattutto ha bisogno di sognare e sperare in qualcosa di positivo e bello. Perciò ci auguriamo che le elezioni regionali che ci aspettano in tarda primavera rappresentino per servizi tutti i veneti a pag un 6, 10 nuovo punto di partenza. Serve una svolta che tarda troppo a venire. L’autonomia resta, ormai da anni, solo una promessa. Eppure, la maggior parte dei cittadini veneti, ha continuato a votare e ad eleggere sempre la Lega e i suoi rappresentanti. Mi chiedo se non sia tempo, anche per loro, di fare un bilancio concreto delle risposte politiche che hanno ricevuto in cambio. Ora le nostre piazze ospitano sempre più spesso il nuovo movimento delle Sardine che suscita simpatia, predica la tolleranza, la gentilezza. Nonostante ciò, tutti si chiedono chi e come riuscirà a cavalcare politicamente questo nuovo fenomeno e, soprattutto, verso quale avventura ci condurrà. Sicuramente ci porterà verso un futuro possibile, come ogni novità. Giudicheremo con il tempo la bontà delle intenzioni e la realizzabilità dei sogni che le sostengono. Noi de La Piazza, nel frattempo, vi auguriamo di passare un Buon Natale con le vostre famiglie, di guardare al futuro con fiducia, di fare dei bei regali alle persone che amate e se siete ancora indecisi… Scendente in piazza, andate dal vostro commerciante di fiducia, chiedete consiglio a lui. E ricordate che la cosa più semplice è quella che più si avvicina al cuore. Buon Natale e Buon Anno nuovo.

Al via un calendario ricco di eventi nelle piazze di Mirano e Spinea. A Mirano in piazzetta Errera sarà allestita anche una pista di pattinaggio sul ghiaccio

Nuova pista ciclabile fra Ballò e Scaltenigo

PA SS

Buon Natale e Buon Anno nuovo

Natale, i paesi del Miranese si vestono a festa

MIRANO

SPINEA

on-line:

PO

RT

SANTA MARIA DI SALA

Caltana, bacini di www.lapiazzaweb.it/vacanze www.lapiazzaweb.it/vacanze

laminazione contro Scopri all’interno le gli allagamenti favolose offerte scelte esclusivamente per te! Una selezione periodica di viaggi ad un prezzo vantaggioso! Viaggia con noi e i nostri giornalisti! Visita la sezione dedicata sul nostro sito www.lapiazzaweb.it

Buon Natale e Buon Anno nuovo Germana Urbani >direttore@givemotions.it<

È

tempo di auguri, regali, perché no, bilanci. Se escludiamo la situazione ambientale-climatica che ci ha visti muti e inermi osservare sgomenti la nostra Venezia sommersa dalle mareggiate, i nostri fiumi tenerci con il fiato sospeso per giorni e la politica delle scelte sbagliate… Ebbene, se dimentichiamo tutto questo, possiamo anche dire che il 2019 si chiude con un bilancio positivo. Almeno economicamente, con dicembre finisce un anno che molti analisti definiscono come un anno segue a pag 3 buono, di ripresa.

In questo numero il nuovo inserto consigli preziosi

per gli amanti della buona cucina e dello shopping


Oggi compagni di classe domani colleghi di lavoro! NOI SCEGLIAMO ENGIM VENETO, la scuola professionale che avvia al lavoro entro un anno dal diploma.

Open day 2019/2020 09 Novembre

ore 14.30/18

22 Novembre MINISTAGE 23 Novembre

ore 14/16

30 Novembre

ore 14.30/18

06 Dicembre 11 Dicembre 11 Gennaio

MINISTAGE

17 Gennaio

MINISTAGE

ore 14.30/18

CORSI

Operatore del Benessere Acconciatura

ore 14/16

Operatore Elettrico

ore 14.30/17.30

Operatore Meccanico

ore 14.30/18

Operatore Meccanico Auto

ore 14/16

Operatore ai Servizi di Vendita Operatore Agroalimentare PER ALLIEVI CON CERTIFICAZIONE

+39 041 430800 amministrazione@engimve.it mirano.engimveneto.org 30035 - Mirano (Ve) Via Murialdo, 1

DGR 852 Dec 968/19 - DGR 856 Dec 970/19 - DGR 853 Dec 962/19 - DGR 762 Dec 882/19 - DGR 851 Dec 967/19 - DGR 855 Dec 969/19 - DGR 854 Dec 971/19


3

Facciamo. il punto

www.lapiazzaweb.it

Buon Natale e Buon Anno nuovo Germana Urbani >direttore@givemotions.it<

Questa copia è certificata da

Con i ragazzi del muretto, decine di volontari S

L’esperienza potrebbe essere replicata a Noale, Mirano e Scorzè

Ripresa dei consumi e dunque dei fatturati delle aziende. Certo i consumatori sono ancora molto cauti: l’incertezza economica del nostro Paese e le incognite che ancora aleggiano sulle aperture domenicali e sul possibile aumento dell’Iva non favoriscono le vendite come ci si potrebbe aspettare altrimenti. Nonostante questo, però, il 2019 è stato un anno con più luci che ombre e ne avevamo davvero bisogno. Va detto, però, che il 2020 si affaccia sul futuro dell’Italia già carico di aspettative: la prima tra tutte è sicuramente legata alla nuova manovra di bilancio al vaglio del Governo in carica. Ci auguriamo tutti che non sia troppo pesante o stringente, e che ci permetta, come Paese, di continuare a spendere e quindi a crescere. Se così non fosse entreremmo in una nuova fase di recessione e non se ne gioverebbe nessuno. Il Veneto soprattutto ha bisogno di sognare e sperare in qualcosa di positivo e bello. Perciò ci auguriamo che le elezioni regionali che ci aspettano in tarda primavera rappresentino per tutti i veneti un nuovo punto di partenza. Serve una svolta che tarda troppo a venire. L’autonomia resta, ormai da anni, solo una promessa. Eppure, la maggior parte dei cittadini veneti, ha continuato a votare e ad eleggere sempre la Lega e i suoi rappresentanti. Mi chiedo se non sia tempo, anche per loro, di fare un bilancio concreto delle risposte politiche che hanno ricevuto in cambio. Ora le nostre piazze ospitano sempre più spesso il nuovo movimento delle Sardine che suscita simpatia, predica la tolleranza, la gentilezza. Nonostante ciò, tutti si chiedono chi e come riuscirà a cavalcare politicamente questo nuovo fenomeno e, soprattutto, verso quale avventura ci condurrà. Sicuramente ci porterà verso un futuro possibile, come ogni novità. Giudicheremo con il tempo la bontà delle intenzioni e la realizzabilità dei sogni che le sostengono. Noi de La Piazza, nel frattempo, vi auguriamo di passare un Buon Natale con le vostre famiglie, di guardare al futuro con fiducia, di fare dei bei regali alle persone che amate e se siete ancora indecisi… Scendente in piazza, andate dal vostro commerciante di fiducia, chiedete consiglio a lui. E ricordate che la cosa più semplice è quella che più si avvicina al cuore. Buon Natale e Buon Anno nuovo.

ono usciti in agosto, sotto la canicola, per pulire un piazzale a S. Maria di Sala, dietro la palestra del paese. Mesi dopo la loro iniziativa ha fatto parlare tutto il comprensorio, replicato anche nelle frazioni, nei comuni vicini, perfino oltre confine, nel padovano. Il sogno di Fagun, Alessia e Aurora è realtà: escono una volta a settimana, per pulire parchi, marciapiedi, piazze, quartieri residenziali e ogni volta riescono a raccogliere interi sacchi di carte, bottiglie, plastiche, mozziconi. Da tre sono diventati 10, poi 18, adesso sono diverse decine i cittadini che ogni settimana si uniscono a loro per cercare di dare il loro piccolo contributo a cambiare il pianeta. All’inizio qualcuno li aveva chiamati i “ragazzi del muretto” perché le prime uscite erano dietro la palestra di S. Maria di Sala, dove si trova un muretto, tradizionale luogo di ritrovo dei ragazzi. E anche di sporcizia, lasciata dopo ogni serata. Hanno iniziato a pulire quel luogo-simbolo, poi si sono allargati al resto del centro, quindi a Veternigo, poi Caselle. Li hanno copiati alcuni coetanei, partiti con la stessa iniziativa a Borgoricco. Qualcuno vorrebbe fare lo stesso a Noale, Mirano, Scorzè. Il sindaco Nicola Fragomeni li ha ricevuti in municipio e si è fatto portavoce presso Veritas affinché i ragazzi fossero dotati di sacchetti, guanti monouso e pinze per raccogliere i rifiuti. Alcune associazioni hanno donato loro piccoli contributi, alcuni si sono proposti di stampare le magliette dell’associazione, denominata C4U, “City for you”. “Ho trascorso i miei primi 8 anni di vita in campagna in Bangladesh - spiega Fagun, 22 anni - doveGermana Urbani >direttore@givemotions.it<POTETE venire a PRENOTARE IL PESCE la natura verde e incontaminata ti abbracciava fin dal risveglio, tempo di auguri, regali, perché no, bilanci. Se escluper la VIGILIA, NATALE e CAPODANNO !!! potevi fare il bagno nei canali, giocare nel fango e vivere accanto diamo la situazione ambientale-climatica che ci ha agli animali selvatici. Quando noi giovani un domani avremo una VI aiuteremo consigli e ricette Pratiche e Veloci. visti muti e inermi osservare sgomenti la nostracon Venezia famiglia, vorrei che potessero vedere la natura come me, non solo sommersa dalle mareggiate, i nostri fiumi tenerci con il V i a N i c c o l ò To m m a s e o , 7 · S P I N E A ( Ve ) attraverso la tv”. “Ciò che mi spinge a lottare - aggiunge Alessia, 17 fiato sospeso per giorni e la politica delle scelte sbagliaanni - è l’idea che i miei figli rischiano di non poter mai vedere il Te l .tutto 04 1 5possiamo 41 12 35 · Pescheria Adriatica te… Ebbene, se dimentichiamo questo, Filippo De Gaspari mare come l’ho visto io”. anche dire che il 2019 si chiude con un bilancio positivo. Almeno economicamente, con dicembre finisce un anno che molti analisti definiscono come un annoRedazione: È un periodico formato da 16 edizioni locali mensilmente Periodico fondato nel 1994 da Giuseppe Bergantin Direzione, Amministrazione e segueLocale: a pag 3 Direttore responsabile (ad interim) buono, di ripresa. del Miranese Sud Centro Stampa: Rotopress International recapitato a 206.516 famiglie del Veneto. Concessionaria di Pubblicità

Buon Natale e Buon Anno nuovo

È

è un marchio registrato di proprietà Srl di

Questa edizione raggiunge le zone di Mirano, Spinea e Santa Maria di Sala per un numero complessivo di 17.157 copie. Iscrizione testata al Tribunale di Venezia n. 1142 del 12.04.1994; numero iscrizione ROC 32199

In questo numero il nuovo inserto consigli preziosi

via Lisbona, 10 · 35127 Padova tel. 049 8704884 · fax 049 6988054 >redazione@givemotions.it< >www.lapiazzaweb.it<

Germana Urbani >direttore@givemotions.it< Ornella Jovane >redazione@givemotions.it<

via Breccia · Loreto (An) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

per gli amanti della buona cucina e dello shopping Chiuso in redazione il 2 dicembre 2019


4

Mirano

www.lapiazzaweb.it

“Un sentiero dell’Unione” per unire Ballò e Scaltenigo Inaugurata una pista ciclabile di circa 200 metri tra la scuola Carducci e l’attuale centro civico

U

na ciclabile nel nome di Ivana Cagnin, la presidente del comitato “Viabilità Sicura” mancata a inizio d’anno. Era stata, con il gruppo di cittadini oggi presieduto da Adriano Cazzin, tra le più convinte sostenitrici della pista tra via Trevisan e la chiesa, inaugurata nelle scorse settimane dalla sindaca Maria Rosa Pavanello e dal vice Giuseppe Salviato. In prima fila proprio il comitato, per quello che Pavanello ha definito: “Un intervento in condivisione tra Comune e cittadini, che lo avevano proposto per mettere in sicurezza l’incrocio centrale del paese”. Il percorso, circa 200 metri immersi nel bosco tra la scuola Carducci e l’ex plesso scolastico, oggi centro civico, è costato 94mila

euro e permette di camminare e pedalare in sicurezza lontano dalla strada, evitando il pericoloso semaforo tra via Scaltenigo-Ballò e via Caltana. Ma soprattutto, come ha ricordato Salviato: “E’ il primo passo di un periodo di grandi ciclabili per Scaltenigo: approvate e stanziati i fondi per quella di via Scaltenigo (altra grande battaglia vinta da Ivana Cagnin, ndr) e per via Caltana, dal centro fino alla Madonna Mora”. Pavanello, che ha ricordato come la ciclabile sia stata realizzata abbattendo solo due alberi del bosco tra i due plessi, per giunta con la previsione di interventi compensativi. La sindaca ha anche ricordato che presto verrà riaperto il passaggio di collegamento sul retro

del centro civico e che la nuova ciclabile avrà presto pure un’illuminazione, con il completamento dell’impianto previsto per il mese prossimo. “Se offriamo piste fruibili - ha aggiunto Salviato - anche vicino alle abitazioni e non solo per le scampagnate domenicali, forse potremmo pensare di togliere

qualche auto dalle strade”. Commosso Cazzin, che ha proposto il nome da dare al piccolo ma significativo tratto di ciclabile “Sentiero dell’unione - ha detto – perché finalmente abbiamo collegato Ballò con Scaltenigo in sicurezza”. Filippo De Gaspari

Vince Scaltenigo il Zogo dell’Oca

D

opo ben 11 anni Scaltenigo vince il Zogo de l’Oca in piazza, organizzato lo scorso novembre dalla Pro loco al culmine di un weekend memorabile, anche per il numero di presenze. Gli arancioni capitanati da Paolo Favaretto, che finora avevano vinto una sola edizione, nel lontano 2008, hanno prevalso sulle squadre delle altre frazioni, portando a casa i 1500 euro in palio, con l’obbligo di donarli in beneficienza. “Abbiamo lavorato sotto la pioggia, con fatica, fino a tardi ma ne è valsa la pena - ha detto il patron Roberto Gallorini - è stata un’edizione bellissima, con un pubblico enorme e sabato abbiamo forse addirittura raddoppiato le presenze dell’anno scorso, mentre domenica dopo pranzo avevamo già finito le scorte. Ventun’anni dopo siamo più tutti più vecchi, ma forti come non mai di fronte a un evento che cresce sempre più e fa conoscere Mirano nel mondo: la sfida vera è far vivere ancora per molti anni questa tradizione”. L’anno prossimo il Zogo de l’Oca, sempre in piazza a Mirano, si terrà l’8 novembre. (F. D.G.)

Epifani è il nuovo direttore del Pronto Soccorso di Mirano ANNI con Professionalità ed Esperienza (dal 1987)

Scegli un amministratore certificato da noi con esperienza e professionalità.

AMMINISTRAZIONE di CONDOMINI CONSULENZE e AMMINISTRAZIONI IMMOBILIARI via Roma, 154/h · 30038 Spinea (Ve) tel e fax 041 541 04 41 · cell 338 826 86 78 info@consult-3.it · www.consult-3.it seguici su

I

l dottor Biagio Epifani è il nuovo primario del Pronto soccorso di Mirano: con la sua nomina da parte dell’Ulss 3, il servizio di emergenza e urgenza del distretto di Dolo-Mirano è dunque garantito e coperto, in entrambi gli ospedali, con la presenza di un’apicalità. Epifani, 61 anni, origine pugliese, lavora a Mirano dal 1995 come medico del Pronto soccorso. Dal 2003 segue i corsi regionali di triage (accettazione) e attualmente è l’unico direttore dei corsi per l’Ulss 3 Serenissima. Nel 2014 è passato a condurre il Pronto soccorso di Dolo, ora viene nominato direttore di quello miranese, in sostituzione del dottor Pietro Pacelli, andato in pensione e sostituito come primario facente funzioni dal dottor Roberto Marra, anche lui ora in pensione. “L’attività sanitaria in emergenza – spiega il nuovo primario - è oggi sempre più complessa e ci pone di fronte a sfide impegnative. L’insufficienza di operatori, medici in particolare, ci impone un ulteriore impegno e attente riflessioni sul nostro futuro e sui cambiamenti della società. Il nostro impegno è quello di migliorare la nostra capacità di intervento e di rifondare il rapporto con la popolazione”. “Stiamo lavorando intensamente nei tre distretti della Ulss 3 – aggiunge il direttore generale Giuseppe Dal Ben – anche sul versante dei primariati: in questo Distretto, in particolare, abbiamo pensato di dare subito la priorità ai Pronto soccorsi, servizi centrali e delicati, nei prossimi mesi ricopriremo anche le altre apicalità mancanti. Intanto ci tengo ad augurare un buon lavoro al dottor Epifani che è un veterano del Pronto soccorso di Mirano: lo ringraziamo quindi per il lavoro svolto fino ad ora con la certezza che verrà continuato dal medico con la stessa serietà e professionalità”. (F.D.G.)


Messaggio pubbliredazionale


6

Mirano

www.lapiazzaweb.it

Festività Ricco il calendario delle iniziative organizzate da Confcommercio e Comune

Eventi natalizi per tutti i gusti e le età nelle piazze di Mirano È

un Natale magico e come al del Natale e le bancarelle in lesolito ricco di appuntamenti gno. Ricco anche il programma e iniziative quello che vede anche degli appuntamenti: si comincia quest’anno protagonista la piazsabato 7 dicembre con l’ormai za di Mirano. Confcommercio del tradizionale appuntamento con i Miranese, che coordina la cabina Motobabbo, il più importante radi regia con i commercianti locali duno di solidarietà motociclistica capitanati da Roberto Rossato e della provincia, giunto alla 16a il Comune di Mirano, non hanno edizione, organizzato dal gruppo lasciato nulla al caso, trovando motociclistico CBF-Honda Tourisorse ed energie per allestire un rist. In passato ha contribuito a programma di intrattenimento donare 70 mila euro in iniziative per tutti i gusti e le età. Tornano di solidarietà. L’edizione 2018 ha così le casette in legno, che da- richiamato oltre 1200 motocicliranno un tocco tradizionale nasti, un record che quest’anno gli talizio ai mercatini che ormai da organizzatori puntano a battequalche anno fanno bella mostra, re. Per questa edizione il ricavacon le musiche magiche del Na- to sarà interamente devoluto ai tale, grazie al nuovo impianto di bambini di Casa Nazareth, il cenfilodiffusione e le luminarie volu- tro di accoglienza diurno di Chite dai commercianti rignago che offre di Mirano, che adDal 7 dicembre sostegno ai minori dobberanno il cenin difficoltà. L’apsarà presente puntamento è alle tro e via Gramsci, il viale commerciale Babbo Natale 14 in piazza Martidi Mirano. Dal 7 ri. La sera poi, alle nella sua dicembre alla vigi17, ci sarà l’accenlia di Natale, Babbo sione ufficiale delle casetta in Natale abiterà in luminarie con uno piazza, tutti piazza nella sua caspettacolo di dansetta e sarà presente za. Il giorno dopo, i pomeriggi tutti i giorni, nel podomenica 8, Festa meriggio (nei weekend anche il dell’Immacolata, la piazza si rimattino) per incontrare i bambi- empirà delle bancarelle del Merni, ricevere le loro letterine e scat- catino della fantasia. Domenica tarsi qualche foto in loro compa- 15 dicembre, oltre all’appuntagnia. Ma la vera grande novità di mento mensile con il Mercatiquest’anno è una pista di patti- no dell’antiquariato e del collenaggio sul ghiaccio, che sarà al- zionismo, ad arricchire l’offerta lestita in piazzetta Errera, aperta prenatalizia saranno gli stand di dal 29 novembre in occasione del “Shopping italiano”. Infine doBlack Friday e che funzionerà fino menica 22 farà capolino in centro a gennaio, per vivere le tipiche at- storico il mercatino “Sapori e tramosfere invernali e natalizie nel dizioni”. Il 31 dicembre, dopo il segno del divertimento. Per ar- successo dello scorso anno, torna ricchire ancor più l’offerta del pe- il Capodanno in piazza con Rariodo, tornerà anche quest’anno dio Company e nell’anno nuovo il “Giardino delle feste”, allestito da non perdere l’appuntamento sull’ovale della piazza, un ango- dell’Epifania, il 6 gennaio, con la lo di paradiso per incontrarsi e Befana che porterà calze e dolci scambiarsi gli auguri tra le luci per tutti bambini.

Una squadra di rugby inclusivo per i ragazzi portatori di diverse disabilità

M

irano capitale del rugby inclusivo. Nasce una formazione tutta dedicata ai diversamente abili o, per mantenere un gergo sportivo caro ai promotori, ai ragazzi sfidati dalla vita. La società “Rugby Mirano 1957” ha presentato nelle scorse settimane “The Dragon’s Challenge”, progetto realizzato insieme all’Aipd, Associazione Italiana Persone Down. L’obiettivo è fare della palla ovale uno sport inclusivo a 360 gradi, rivolto non soltanto a ragazzi con sindrome di Down, ma anche ad altre disabilità come autismo e difficoltà cognitive. Ad accompagnare il pubblico durante la presentazione di giovedì 31 ottobre è stata la dottoressa Silvia Vianello, psicologa, referente del progetto psicoeducativo

“Scuola di Vita” di “Rugby Mirano 1957”, mentre ospite della serata è stato Jeremy Bristoe, inglese recentemente trapiantato a Noale, che nel Regno Unito è diventato punto di riferimento nel campo dei ragazzi sfidati dalla vita, grazie alla propria esperienza ultradecennale per favorire sviluppo e integrazione di persone diversamente abili. Di supporto a Bristoe nel raccontare la propria esperienza, una rappresentativa dei Witney Wolves, squadra mixed ability di cui lo stesso Bristoe è fondatore ma non sono mancati anche i rappresentanti di Agsav (Associazione Genitori Soggetti Autistici Venezia e Provincia) e del Gruppo Asperger che hanno collaborato col Mirano F.D.G. Rugby nella creazione del progetto.


7

Mirano

www.lapiazzaweb.it

“Energy with Africa”, un progetto contro la povertà

Info Point, le aperture dei prossimi mesi

L

Al Teatro Belvedere è intervenuto anche il ministro dell’Istruzione superiore della Guinea, Abdoulaye Yèro Baldè

C

inque anni di gemellaggio tra l’Italia e la Guinea, per rafforzare un ponte tra scuole e territori. È il senso dell’appuntamento con “Energy with Africa, quali energie per un mondo migliore?”, che al Teatro Belvedere, ha portato tra la gente le testimonianze dei protagonisti dell’iniziativa: raccontato così pubblicamente il progetto che dal 2014 unisce i tre istituti superiori della cittadella scolastica e l’Université de Labé, uno dei principali atenei pubblici della Guinea Conakry, con il sostegno delle Acli provinciali di Venezia e del Cesvitem. Il tutto al culmine di un periodo che ha visto la presenza a Mirano di 5 insegnanti guineani per un periodo di formazione all’Iis Levi-Ponti: toccherà a loro adesso gestire il

nuovo laboratorio di elettronica ed elettrotecnica in fase di allestimento all’ateneo di Labé. Al culmine dell’iniziativa, al LeviPonti è arrivato anche il Ministro dell’Istruzione superiore e della Ricerca scientifica della Guinea, Abdoulaye Yéro Baldé. A riprova dello spessore che il progetto di cooperazione ricopre per il paese africano. “Credo fortemente in questo progetto ha detto il ministro - e nell’innovativa forma di partenariato che lo sostiene. Non si tratta solo di formazione, ma di affrontare alla radice il problema delle migrazioni. Troppi dei nostri giovani partono in cerca di una vita migliore: alcuni arrivano, altri muoiono durante il viaggio, ma in ogni caso si tratta di una grave perdita per il nostro pae-

Informazione a pagamento a cura degli esperti del settore

se. Come africani abbiamo la responsabilità di ridurre la povertà e di dare una speranza ai nostri giovani”. “La serata pubblica ha aggiunto Marialuisa Favaro, dirigente del Levi-Ponti e coordinatrice dell’iniziativa - è una restituzione ai cittadini di tutti i passi fatti in questi anni. Gli studenti dei nostri istituti, attraverso Energy with Africa, hanno potuto sviluppare competenze

sia sul piano tecnico, sia per la loro crescita come cittadini capaci affrontare le sfide della globalizzazione. Inoltre il progetto, basandosi su un costante interscambio, può aprire la strada a importanti interscambi sul piano economico e commerciale, creando un interessante spazio d’azione anche per le aziende del nostro territorio”. Filippo De Gaspari

Diritti

Per partecipare alla rubrica chiamare il numero 049 8704884

LEGALE LAVORO: L’IMPORTANZA DELL’AFFIDABILITÀ

’ Info Point turistico di Mirano in piazza Martiri sarà aperto fino al 30 dicembre 2019, poi dal 2 al 5 gennaio, dal 4 febbraio al 25 febbraio e dal 7 aprile al 30 giugno 2020. Gli orari saranno i seguenti: martedì e mercoledì ore 8.30-11, giovedì, venerdì, sabato ore 8.3011 e 17-20, domenica ore 9-12.30. L’Info Point di Mirano, riconosciuto dalla Regione, svolge un servizio di informazione e accoglienza turistica. Il progetto si è concretizzato grazie ad un accordo di collaborazione tra il Comune di Dolo e quello di Mirano. La gestione è stata affidata a Ve.La, società specializzata nel servizio di informazione e accoglienza turistica per il territorio del Comune di Venezia. Il personale che accoglie gli ospiti è in grado di illustrare in diverse lingue le bellezze di Mirano e dintorni, orientandolo nei servizi e nelle possibilità di alloggio. (F.D.G.)

www.lapiazzaweb.it/category/diritti/

Telecamere nascoste sul luogo di lavoro: si può? L

a Corte di Strasburgo, con una recentissima sentenza del 17 ottobre 2019, ha stabilito che un datore di lavoro può installare telecamere nascoste per la videosorveglianza dei propri dipendenti e senza preavvertirli. Ma ci sono dei limiti ben precisi e sul punto si è subito pronunciato anche il Presidente del Garante per la Privacy, Antonello Soro, il quale precisa, con una nota pubblica dello stesso 17 ottobre, che la videosorveglianza occulta non deve divenire, a seguito di questa sentenza, una prassi ed in ogni caso i controlli devono essere sempre proporzionati al caso specifico e non eccedenti. All’origine della sentenza il caso di un supermercato spagnolo il cui manager, rilevata una forte perdita negli incassi nell’arco di soli cinque mesi (per un totale di circa 82 mila euro), sospettando che alcuni dipendenti (cassieri nello specifico) lo stessero derubando, decise di far installare telecamere a circuito chiuso, alcune visibili e altre nascoste. La Corte Europea, chiamata a pronunciarsi per volontà dei dipendenti successivamente licenziati, ha ritenuto ammissibile l’uso di telecamere nascoste in quanto giustificato sia dal “ragionevole sospetto” della colpa dei

cassieri, sia dettato dell’entità della perdita economica subita dal supermercato. Il monitoraggio occulto, in virtù dei fatti, è stato ritenuto “proporzionato e legittimo” in quanto: limitato al tempo strettamente necessario per rilevare con completezza i furti, l’area videosorvegliata era estesa alla sola zona delle casse e infine le persone che erano state messe a conoscenza del video ero state solo quelle strettamente necessarie per l’accertamento dei fatti. La Cedu specifica inoltre che il livello di privacy negli spazi di lavoro accessibili al pubblico e visibili anche ai colleghi rientra nel livello di protezione inferiore per il dipendente. Tale linea è condivisa anche dal Garante italiano della Privacy, che richiama l’importanza della proporzionalità come requisito essenziale di legittimazione dei controlli in ambito lavorativo. Ancora una volta dunque si incrociano i diritti del datore di lavoro con quelli dei propri dipendenti, il cui equilibrio, anche in termini di privacy, si ricava grazie a una gestione consapevole e puntuale della proporzionalità dei rispettivi diritti ed interessi.

Avv. TaniaFortunata Cosentino

Per maggiori informazioni, per un confronto o per la richiesta di un preventivo puoi contattare l’Avv. TaniaFortunata Cosentino ai seguenti recapiti:

349 7044053 ·

avvocatocosentino.tf@gmail.com Seguici anche sui social:

legalelavoro ·

LegaleLavoro ·

TaniaFortunata Cosentino


8

Mirano

www.lapiazzaweb.it

Sociale Dal contest “Mirano Urla”

Ok dal consiglio al Piano per eliminare le barriere architettoniche nei luoghi pubblici

Al via un servizio di bookcrossing: incontri fra libri e bucato Nasce a Mirano il primo servizio di bookcrossing, una delle proposte suggestive emerse durante il contest “Mirano Urla” per rigenerare il quartiere Aldo Moro La novità è attiva in una lavanderia self-service, per favorire, tra un bucato e l’altro, la condivisione di libri e l’incontro tra le persone. Il libro del miranese Paolo Pietrobon, “Prateria e rifugio. Miranese e dintorni, lavoro, politica e viaggio”, è stato il primo simbolicamente posto dall’autore nella nuova stazione di bookcrossing, aperta alla lavanderia self-service “Dema” di piazza Aldo Moro. L’iniziativa rientra tra le proposte di azione avanzate durante l’open space dello scorso settembre, quando il quartiere è diventato centro di raccolta di idee di rigenerazione urbana e promozione sociale da parte dei cittadini e che il Comune si è impegnato a realizzare. All’inaugurazione del 15 novembre, realizzata in collaborazione con il comitato di quartiere e l’associazione Arcam sono seguite le condivisioni di nuovi titoli, tra cui alcuni volumi donati dalla biblioteca di Mirano, ma tutti i partecipanti e i residenti del quartiere sono stati invitati a contribuire, portando per l’occasione un libro da lasciare alla collettività. Si tratta infatti non solo di un’iniziativa di distribuzione e scambio gratuito di libri secondo il motto “Prendi un libro, porta un libro”: “L’obiettivo - spiegano i promotori - è unire la passione per la lettura a quella per la condivisione delle risorse e dei saperi, diventando motivo di incontro e conoscenza, oltre che azione di rigenerazione urbana a tutto tondo”. Il luogo sembra prestarsi bene allo scopo: una lavanderia a gettoni, dove i residenti si

incontrano e, in attesa del bucato, hanno il tempo di consultare titoli, scegliere le letture, scambiare opinioni. Entra così nel vivo il progetto “Mirano urla”, frutto di un’inedita e innovativa collaborazione tra associazioni, e finalizza-

to a incrementare l’utilizzo degli spazi dati in gestione e metterli in rete, intervenendo per migliorare la qualità e l’estetica dei luoghi, coinvolgere le altre realtà associative del territorio, e creare opportunità lavorative. Il tutto offrendo

proposte di attività per il tempo libero, fornendo occasioni di relazioni tra i cittadini di diverse età ed esperienze, nonché aumentando il senso civico e di appartenenza alla comunità. Filippo De Gaspari

Mirano senza più barriere architettoniche: via gli ostacoli all’inclusione in 43 edifici e 77 spazi pubblici in 10 anni. Lo prevede il Peba, il Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche votato in consiglio, al termine di un’indagine che ha passato ai raggi X 120 siti pubblici o di interesse per la collettività, come scuole, asili, parcheggi, cimiteri. Serviranno 970mila euro per rendere a norma quelli che ancora non lo sono. Per fortuna la maggior parte dei siti sotto indagine sono stati infatti classificati come accessibili, o mediamente accessibili, e solo una minima parte necessitano di interventi importanti. Tra questi Villa Bianchini, l’ex scuola di Luneo, parte del capolinea Actv, perfino il cimitero di Zianigo e la caserma dei vigili del fuoco di via Petrarca. Serviranno 370mila euro per sistemare gli edifici, 600mila per gli spazi pubblici. L’aggiornamento del piano era necessario, perché Mirano disponeva di un piano di abbattimento delle barriere datato addirittura 1998 e non più in linea con le nuove norme in materia. Lo scorso anno il Comune aveva promosso con alcune associazioni “la Skarrozzata”, campagna di forte impatto mediatico che aveva portato amministratori e tecnici a sedersi su una carrozzina e provare a muoversi per la città, incontrando tutte le difficoltà di spostarsi in piazza, accedere a negozi ed edifici pubblici. Ora si cambia. Per la presidente della commissione urbanistica Erika Niero: “Dobbiamo essere attenti alle esigenze dei più deboli e l’approvazione del piano va in questa direzione: reperire un milione di euro in 10 anni non sarà facile, ma necessario per rendere Mirano una città davvero inclusiva”. F.D.G.


10

Spinea

www.lapiazzaweb.it

Natale, pioggia di eventi sul territorio Il tradizionale mercatino sarà collocato quest’anno in piazza Fermi, al posto di via Roma. L’11 dicembre in piazza Cortina sarà allestito l’albero di Natale europeo. A Crea e Fornase il 5 e 6 gennaio, festa della Befana

M

ercatini, spettacoli, gastronomia e beneficenza. Questi sono alcuni ingredienti del Natale di Spinea. La Pro Loco locale, le associazioni e il Comune, in collaborazione con Confesercenti, Confcommercio, Coldiretti e artigiani, organizzano un programma ricco di appuntamenti. La novità di quest’anno sarà la locazione del mercatino natalizio che, invece che in via Roma, sarà collocato in piazza Fermi. Il tradizionale mercatino della vigilia aprirà nel pomeriggio di sabato 21 e terminerà martedì 24. Oltre trenta espositori selezionati occuperanno la piazza: operatori del proprio ingegno, bancarelle di produttori agricoli a Km0 zero e altri con prodotti gastronomici eccellenze della regione. Nella piazza sarà allestito un palco coperto dove si alterneranno esibizioni di musica, una cantante lirica, orchestre, scuola di danza, e animazione per bambini. Non mancherà la parte benefica e, per tutto il periodo, sarà presente Te-

lethon con i cuori di cioccolato, a sostegno della ricerca, e domenica 15 il raduno delle Harley Davidson dedicato alla raccolta fondi per associazioni benefiche. Domenica 22 si terrà lo Spritz lungo cento metri e la corsa dei babbo natale. Lunedì 9 e martedì 10, al teatro Bersaglieri, si terrà lo spettacolo di danza: “Lo schiaccianoci” di Tchaikovsky, proposto dall’Accademia Veneta di Danza e balletto di Clara Santoni. Grande orgoglio per Spinea sarà la partecipazione della stella del balletto Letizia Giuliani ballerina e sceneggiatrice spinetense. Lo spettacolo è gratuito ed è dedicato ai bambini delle scuole, con una replica serale per gli adulti. “La città non sarà chiusa al traffico perché gli eventi si terranno in piazza – dice Massimo Franco presidente Pro Loco. La piazza è un’arena naturale che si presta alla realizzazione di spettacoli di un certo peso”. Saranno chiamati a partecipare anche 900 bambini spinetensi, alunni delle

scuole elementari e dell’infanzia che, con i loro insegnanti, l’11 dicembre in piazza Cortina, decoreranno il grande albero di Natale europeo. L’evento ludico, arricchito da musica e dalle animazioni di tre trampolieri e tanta neve, vedrà l’allestimento dell’albero con gli addobbi arrivati da tutta Europa. L’addobbo dell’albero europeo sarà realizzato grazie all’adesione di Spinea, con cinque plessi scolastici (Marco Polo, Anna Frank,

Si amplia la copertura di WiFi gratuito a Spinea

D

a questo mese Spinea avrà il WiFi gratuito. Questo servizio ai cittadini era già disponibile in zona municipio e in biblioteca, ma a breve l’area sarà estesa da via Roma a piazza Marconi e sarà data copertura anche al parco della biblioteca e in estensione futura verso il parco Nuove Gemme. Il servizio gratuito vuole favorire il crescente utilizzo degli strumenti informatizzati per accedere ai principali servizi di primo interesse: Comune, ospedali, uffici, ecc. Il servizio è impostato per dare la connettività anche a chi non ce l’ha prontamente disponibile, in futuro sarà implementato anche in zone dove ci potrebbe essere richiesta, come per esempio la Casa delle associazioni. “Giulio Pico della Lega è il delegato specifico che si occupa di web - dice il sindaco Martina Vesnaver - per implementare e ottimizzare questo tipo di servizi in allineamento con le normative. Cambieremo un po’ il sito del Comune, per renderlo più chiaro, vorremo mettere una postazione tipo totem, dove le persone possono prendere le informazioni per orientarsi”. Il sito istituzionale sarà quindi rivisto, anche per quanto riguarda l’accessibilità documentale da parte dei cittadini. “È nostra intenzione portare l’amministrazione più vicina alle case - dice Giulio Pico. Grazie alla disponibilità oggi di strumenti come lo spid (identità digitale) o il cns (carta nazionale dei servizi, tessera sanitaria) sarà possibile accedere identificandosi agli strumenti disponibili in modo da scaricare certificati o altro. Vorremmo col tempo realizzare delle occasioni di formazione soprattutto dedicate alla parte più anziana della popolazione, probabilmente presso la biblioteca, delle ore dedicate a insegnare ai cittadini “non digitali” gli strumenti che faranno poi risparmiare magari anche un po’ di tempo agli uffici comunali”. (R.P.)

Pronto il progetto per la piscina La piscina a Spinea si farà Il mese scorso è stata firmata la convenzione urbanistica della struttura che prevede una realizzazione a impatto visivo leggero con linee morbide, pietre e verde. La nuova piscina avrà 3 vasche: una con 6 corsie, una per bambini e una dedicata alla riabilitazione. La vasca a 6 corsie e quella

per i bambini, interne, saranno collocate vicine nella stessa area, accanto alla quale è previsto uno spazio a parte delimitato da una parete divisoria per una terza vasca dedicata alla riabilitazione, che sarà quindi un vero e proprio centro di servizi di riabilitazione. Nella struttura ci sarà anche un bar interno (collegato anche con l’esterno), una hall/ingresso, dotata di grandi vetrate dove si po-

Collodi Grimm, Andersen, Vivaldi) al progetto europeo di “scambi di decorazioni natalizie” promosso dal Centro Europe Direct Wrexham, Galles - Regno Unito e Europe Direct Venezia. A concludere le feste natalizie due appuntamenti a Crea e Fornase con l’arrivo della Befana: la sera di domenica 5 gennaio con l’associazione Crea e il pomeriggio di lunedì 6 con l’associazione Fornase. Roberta Pasqualetto

tranno vedere le vasche, collegata al bar. Ci sarà uno spazio verde all’esterno, e dunque una vetrata che si apre su quest’ area verde. “Oltre alla piscina comunale ci sarà un centro riabilitativo di una certa importanza, collegato ai mezzi pubblici – dice il sindaco Martina Vesnaver. La stazione ferroviaria è vicina e vedremo di farla servire dalla fermata del bus”. Il progetto, come già annunciato in precedenza, prevede inoltre la sistemazione di strade, parcheggi, e un supermercato. “Da quando cominceranno i lavori, le tempistiche dovrebbero essere di 12 mesi – conclude Vesnaver. Entro breve il plastico sarà visibile in municipio. Il tempo per così dire “perso” per la “famosa” proroga ha tuttavia consentito di mettere un po’ mano alla progettazione. Da qui in poi si accelera: incontri e progetti stanno procedendo e, a breve, vedremo il cantiere”. Molto positivo anche il commento di Massimo Franco, amministratore delegato di Tempo Libero Srl, che realizzerà il progetto: “Fra varie traversie, fondamentalmente amministrativo-burocratiche, adesso finalmente ci siamo. Grande riconoscenza a questa amministrazione che ha da subito appoggiato il progetto dando disponibilità, specie dell’ufficio tecnico, che ha lavorato tantissimo”. (R.P.)


11

Spinea

www.lapiazzaweb.it

Incentivi per promuovere l’avvio di nuove attività commerciali Saranno dati 500 euro per ogni negozio aperto in un locale sfitto. L’iniziativa punta a coinvolgere dieci attività di vicinato

C

inquecento euro per ogni negozio aperto in un locale sfitto di Spinea. Confcommercio del Miranese ha annunciato una misura anti-abbandono per favorire l’utilizzo dei locali vuoti. 10 attività potranno usufruire dell’incentivo che ammonta complessivamente a 5 mila euro. La campagna, possibile grazie a un bando della Camera di commercio di Venezia e Rovigo, punta a supportare l’avvio di nuove attività commerciali di vicinato, comprese quelle artigianali e di somministrazione di alimenti e bevande al “piano strada”, in locali vuoti e inutilizzati da almeno tre mesi. Il bando è collegato al distretto del commercio “Spinea: Ville, Popoli e Mercanzie”, che ha proprio lo scopo di valorizzare e raccordare il tessuto economico e sociale del comune. L’obiettivo è rendere Spinea un luogo accogliente e sicuro, punto di riferimento per tutto il territorio circostante. Destinatari del bando sono le micro e piccole imprese che sceglieranno di avviare una nuova attività di commercio al dettaglio in uno dei locali sfitti censiti dal recente studio di Confcommercio a Spinea, che ha individuato 76 negozi “senz’anima” in quartieri importanti e frequentati. Un’azione concreta, d’incentivazione del commercio di prossimità, che ha lo scopo di favorire la rigenerazione urbana e contribuire alla riqualificazione della città attraverso il ritorno dei negozi “sotto casa”. Proprio per questo il bando pone delle precise limitazioni, nell’ottica di favorire la nascita di un tessuto commerciale e sociale stabile, fondato sulle relazioni umane e anche etico: non potranno, infatti, accedere all’incentivo temporary-shop, negozi che praticano la vendita attraverso distributori automatici o lavanderie a gettone, sale-slot e centri scommesse, negozi di armi e munizioni, articoli per adulti ed e-cigarettes, oltre a “compro oro”, centri massaggi, internet point e phone center. Confcommercio e Comune hanno anche chiamato a raccolta i proprietari degli immobili con locali sfitti: per loro è pronta una cedolare secca del 21% per contratti di locazione d’immobili di

tipo strumentale classificati nella categoria C/1, la cui superficie non superi i 600 metri quadrati. “Anche loro – ha detto Patrizia Vianello per la Confcommercio di Spinea – devono comprendere che la redditività delle attività commerciali oggi non è più quella di una volta, e una diminuzione dei canoni è necessaria: d’altronde tutti convengono sul fatto che un canone più basso e un locale affittato è l’u-

Defibrillatore in piazza Municipio

nico modo per evitare, rispetto a uno sfitto, una diminuzione di valore dell’immobile”. Le domande di partecipazione al bando vanno

presentate entro il 30 giugno 2020 dal sito www.confcommerciodelmiranese.it. Roberta Pasqualetto

SEdella E M re E

Oneficia SCAL M I LT r be E FI

Ur pote

: !! ION pe RAZ 50% NE ! T AL A DE ITT I STABILGITUÀENTE

F

O PR

AP

S

D SE GGE DELLA A LE ALL AZIONE E H IC IC ODIF UBBL VO M LA P SAL IVE AL ESS UCC

La massima Qualità del Serramento per la tua casa …

• PVC Classe AAA • Legno Qualità CasaClima • Legno Alluminio • Legno Vetro Scontiamo • Alluminio subito il 50% i v o Taglio Termico dei Tuoi nu infissi! • Ingressi Blindati • Porte Interne Acquista i tuoi nuovi infissi in 20 Rate TAN 0% - TAEG 0,52%* • Schermature Solari Con Fiditalia, puoi dilazionare il pagamento dei prodotti *Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Importo finanziabile fino a € 20.000. Per le condizioni contrattuali si veda il documento denominato “IEBCC” presso la sede Fiditalia e i Punti vendita aderenti all’iniziativa. Esempio rappresentativo: Prezzo del bene: € 10.000,00 - Importo totale del credito € 10.000,00 - Prima rata a 30 gg - Durata del contratto di credito n. 20 mesi - Numero e importo rate mensili 20 da € 500,00 - Importo totale dovuto € 10.045,20. TAN fisso 0,00% TAEG 0,52%. Spese di gestione del finanziamento: Imposta di bollo per apertura nuovo contratto € 16,00 - Spese incasso rata € 1,30 - Spese per invio rendiconto periodico (almeno 1 volta all’anno) € 1,20 per ogni invio oltre Imposta di bollo € 2,00 per saldi superiori a € 77,47. S.E.A Srl opera quale intermediario del credito in regime di non esclusiva con Fiditalia. La valutazione del merito creditizio dell’operazione è soggetta all’approvazione di Fiditalia SpA. Offerta valida del finanziamento fino al 31/12/2019.

S.E.A SERRAMENTI ed AFFINI

Showroom: Via Menin dei Mille, 48/A - Camponogara (VE) Tel. 041466605 Cell. 331 6082724 - 335 7079082 www.seaserramentiedaffini.com - info@seaserramentiedaffini.com Seguiteci anche su

PRODOTTI ITALIANI

Spinea ha un defibrillatore collocato in piazza Municipio. Lo scorso12 novembre, in presenza del dottor Dal Ben, direttore Generale Ulss 3 e di molti sindaci è stato collocato anche a Spinea un defibrillatore per intervenire in caso di attacco cardiaco. L’apparecchio è stato donato dall’associazione “Cuore Amico”, rappresentata dal presidente Nicola Cammarata. Questo nuovo dispositivo è parte di un ampio e importante programma che rende la provincia di Venezia tra le più cardioprotette d’Italia e che è possibile grazie alla collaborazione fra enti locali, Ulss3 e alcune associazioni. Il sindaco Martina Vesnaver, che da poco è anche presidente dell’Unione dei comuni del Miranese, ha promosso la formazione di tutti gli agenti di Polizia locale nell’utilizzo del defibrillatore, e ogni auto di servizio ha il dispositivo a bordo. La nuova colonnina, che contiene il dispositivo, è stata fissata in piazza Municipio, la zona è video protetta per scoraggiare atti di vandalismo o manomissioni. Durante la conferenza del posizionamento, il sindaco Vesnaver ha spiegato l’importanza di questo dispositivo quale patrimonio sociale e salvavita: in caso di arresto cardiaco, un intervento tempestivo è fondamentale. Alla conferenza erano presenti: Augusta Sasso per Comune di Fossò; il dottor Nicola Bortoli e il dottor Cristiano Massignani Suem 118; Francesco Sacco del Comune di Mira; Nicola Fragomeni sindaco di S. Maria di Sala; Maria Rosa Pavanello sindaco di Mirano; Michielan Angelo del Comune di Scorzè; Alessandra Dini del Comune di Noale e Luciano Betteto sindaco di Salzano. (R.P.)


12

Santa Maria di Sala

www.lapiazzaweb.it

Bacini di laminazione contro gli allagamenti a Caltana Sono state realizzate dal Consorzio di Bonifica Acque Risorgive, 5 vasche interconnesse, in un’area di oltre 4 ettari

T

renta centimetri per salvare Caltana. Inaugurati i bacini di laminazione realizzati dal consorzio di bonifica Acque Risorgive alla confluenza dello scolo Lusore con il rio Fiumicello. Diventerà anche un’oasi naturalistica per la fitodepurazione delle acque, che arriveranno in laguna più pulite. Il direttore del consorzio Carlo Bendoricchio però è chiaro: “La sicurezza idraulica assoluta non esiste, l’intervento mitiga il rischio, ma Caltana potrà ancora avere problemi”. Avvertimento necessario, di fronte a cittadini, autorità e protezione civile, per non abbassare la guardia di fronte a fenomeni alluvionali sempre più frequenti e imprevedibili. I benefici però ci sono e peseranno in positivo sul futuro del territorio: le vasche di espansione taglieranno la piena del Lusore di 30 centimetri a valle, qualcosa come 3 metri cubi al secondo in meno di portata, che il canale avrà in meno in un punto delicato come l’incrocio con il Passante, a valle di Santa Maria di Sala. Quote che in passato avrebbero fatto la differenza, anche per altri territori, ma che ovviamente non possono garantire

la sicurezza idraulica totale, né a monte, né a valle di Santa Maria di Sala, in particolare a Caltana e Campocroce di Mirano. Il sistema è semplice: sono state realizzati 5 bacini di laminazione interconnessi tra loro, che occupano un’area di oltre 4 ettari di campagna, alle spalle della zona artigianale salese. Un terzo di quest’area resterà sempre allagata, un terzo solamente umida, un altro terzo asciutta per garantire la capacità d’invaso in caso di necessità. In situazioni di emergenza idraulica il bacino laminerà 5 metri cubi di acqua al secondo, attraverso un sistema di paratoie che convoglieranno le acque del Lusore e del Fiumicello nei bacini vuoti, tra-

mite condotte di collegamento e di riflesso anche lo scolo Caltana ne trarrà beneficio. Ma la nuova opera del consorzio è anche uno straordinario filtro di depurazione delle acque scolanti in laguna, che permetteranno di abbattere qualcosa come 15 tonnellate di azoto, il 17 per cento. L’area sarà piantumata e diventerà un’oasi per pesci e uccelli, e questo è un aspetto su cui il Comune vuole puntare: “Uniremo la ciclabile di via Luxore con questo percorso - promette il sindaco Nicola Fragomeni - perché diventi una zona godibile anche dai cittadini, con un percorso vita e un collegamento per chi si muove in Filippo De Gaspari bicicletta o a piedi”.

Allarme furti nel capoluogo e frazioni

D

ifesa passiva ma anche controllo di vicinato “qualificato” per arginare l’ondata di furti. E, da parte del Comune, l’impegno a potenziare l’illuminazione pubblica e controllare gli accessi a S. Maria di Sala. I consigli arrivano durante una riunione pubblica con i cittadini, dopo la rabbia per l’escalation di furti tentati o riusciti, soprattutto a Veternigo, Caltana, Caselle. Dalle forze dell’ordine l’invito a collaborare: non solo segnalando episodi sospetti, ma anche modificando i propri comportamenti: “Non siamo più nell’epoca delle finestre aperte - è stato detto - oggi ci è chiesto di adeguare gli stili di vita alle mutate condizioni sociali. Una difesa passiva, che ci dia perlomeno il tempo di prendere le contromisure in caso di visite non gradite, è quello che può fare la differenza tra subire un furto e sventarlo”. Tradotto: porte e finestre chiuse, soprattutto se si esce, anche per pochi minuti, ma anche se si è in casa: una finestra spalancata senza sistemi anti-intrusione (inferriate o allarmi perimetrali) ieri era la normalità, oggi, piaccia o no, un azzardo, che può far gola ai malintenzionati. (F.D.G.)

L’anagrafe comunale entra nella banca dati nazionale

Viale G. Ferraris, 24 · Santa Maria di Sala (Ve) · 041990434 info@falegnameriamartignon.it · www.falegnameriamartignon.it

L

Villa Farsetti Via N

Viale G

. Fer raris

oales

e

’ anagrafe di Santa Maria di Sala entra nella banca dati anagrafica nazionale, ovvero l’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente, traguardo che permetterà al Comune di ottenere un contributo dal fondo europeo. Grazie a questo risultato, ora i cittadini salesi sono inseriti nell’anagrafe nazionale e sarà semplificata la migrazione da e verso altri comuni, la variazione di indirizzo all’interno del territorio comunale. Potranno ritirare certificazioni e documenti presso qualsiasi altro Comune confluito nell’Anpr e sarà possibile anche rilasciare le certificazioni a cittadini non residenti a Santa Maria di Sala, ma iscritti in anagrafi di comuni Anpr. Tutto ciò grazie al lavoro degli operatori dei servizi demografici diretti da Francesco Bozza, ora al passo con le continue evoluzioni normative e organizzative, nonostante la carenza di personale e strumenti di lavoro. Le novità nell’ultimo anno sono state diverse, prime fra tutti l’introduzione della carta d’identità elettronica, che ha comportato un’attività aggiuntiva agli uffici e qualche ritardo nel rilascio. Grazie a un’agenda elettronica per gli appuntamenti tuttavia, i tempi di attesa sono stati ora ridotti da 40 a 7 giorni. Ma forse più di tutte vale la novità dell’istituzione di una banca dati di indirizzi di posta elettronica dei cittadini, che permetterà presto di far pervenire comunicazioni, avvisi, certificazioni, chiarimenti in maniera più snella e tempestiva. In tema di sicurezza infine, l’ufficio ha destinato alle forze dell’ordine le chiavi di accesso diretto telematico ai dati anagrafici per effettuare le verifiche necessarie in materia di prevenzione e d’indagine. F.D.G.


messaggio pubblicitario

Pagina a cura Servizi Informativi Comunicazione Supporto Organi di Governo

www.spinea.gov.it - Posta Certificata: protocollo.comune.spinea.ve@pecveneto.it

COSA STIAMO FACENDO CITTÀ AMATA, CITTÀ INFORMATA Ogni mese si darà conto di come procede la realizzazione del programma premiato dagli elettori alle elezioni del 10 giugno scorso. Ecco i risultati raggiunti nelle ultime settimane dall’Amministrazione Vesnaver > REPERIMENTO FONDI REGIONALI ED EUROPEI Il Comune ha vinto bando Regionale sul Distretto del Commercio per 250.000,00 euro a fronte di un corposo investimento per 738.000,00 sul territorio in due anni. L’obiettivo del distretto “Spinea: ville, popoli e mercanzie” è fare della città un luogo accessibile e piacevole per lo shopping, il tempo libero e la cultura, punto di riferimento per la comunità locale e per i visitatori. Sono previsti per questo interventi di qualificazione del contesto urbano (interventi strutturali e di comunicazione), attività culturali e di promozione del territorio che, proprio a partire dal miglioramento delle aree pubbliche, puntano a favorire l’attrazione di investimenti privati > AMBIENTE si sta affrontando l’abbattimento degli alberi classificati D (a rischio crollo) dagli esperti. La maggior parte di queste piante si trovano nei giardini scolastici.

Ovviamente per ogni pianta abbattuta, sarà messo a dimora un nuovo albero. A dicembre sono state piantate 14 essenze in ciascun plesso scolastico in collaborazione con Lions. > SPORT, BENESSERE E CULTURA Firmata la convenzione urbanistica per la piscina. “Abbiamo ottenuto – spiega il Sindaco- significativi miglioramenti estetico-architettonici, basti pensare che la finitura delle facciate assorbe CO2 e rilascia ossigeno (la quantità dovrebbe essere pari a quella di un campo da calcio). Linee morbide, pietra e verde: questa la cifra stilistica di un impianto che renderà Spinea una città sempre più proiettata nel futuro. Nei prossimi giorni verrà realizzato un plastico della piscina, posizionato davanti alla sala giunta in Municipio, dove tutti i cittadini potranno prendere visione di come sarà l’opera quando verrà realizzata. > PIU’ EFFICIENZA PER I CITTADINI · Sono stati assunti 4 nuovi tecnici per un miglior servizio al cittadino · I Vigili dell’Unione hanno completato il corso per l’utilizzo del Defibrillatore.

PROTEZIONE CIVILE. PREMIATO LUCIANO ZECCHIN Luciano Zecchin volontario della Protezione Civile dopo 9 anni di attività, lascia il gruppo dei Volontari di Protezione Civile per raggiunti limiti di età. Luciano Zecchin è sempre stato in prima linea nelle emergenze che hanno coinvolto Spinea ma anche nelle situazioni più critiche a livello regionale e nazionale. Abilitato all’uso della Mini-pala, ha sempre

partecipato con impegno ai corsi di aggiornamento. Per ringraziarlo di tutto l’impegno e la passione al servizio dei cittadini, Il Sindaco Martina Vesnaver con il cons. Delegato Marcello Gavagnin lo ha premiato con una targa alla presenza di tutti i membri del Consiglio Comunale, di tutto il gruppo dei Volontari di Protezione Civile e dei cittadini.

NATALE 2019. TANTE SORPRESE PER STARE INSIEME Sarà un Natale diverso. La giunta Vesnaver ha lavorato intensamente con Proloco le Associazioni e la scuola per organizzare tanti diversi eventi natalizi. Ci sarà la consueta e sempre molto attesa mostra Cento Presepi e il mercatino di Natale ma ci sarà soprattutto una diversa idea di città con la valorizzazione di Piazza Fermi e di Villa Del Maino. Ci aspetta un Natale ricchissimo di musica corale, gospel e classica con un bellissimo spettacolo dedicato ad un’opera miliare nella storia della danza classica: Lo Schiaccianoci a cura di Academìa Veneta di Danza e Balletto con le Coreografie di Clara Santoni e Letizia Giuliani. Tutta la città vivrà il Natale con momenti dedicati alle varie frazioni e quartieri e le scuole saranno protagoniste al Villaggio dei Fiori nella nuova Piazza Cortina con l’addobbo dell’Albero di Natale Europeo in collaborazione con Calcio Spinea. Ecco il programma. Nei prossimi giorni tutti i dettagli. PROGRAMMA · sabato 7 dicembre dalle 15,00 alle 18,00 Piazza Municipio SI ACCENDE IL NATALE Accensione delle luminarie e dell’Albero di Natale con Canti e le Musiche. Cioccolata calda e dolci sorprese al Chiosco Pro Loco · martedì 10 dicembre al mattino: ingresso riservato alle scuole ore 20,45: Ingresso libero con offerta responsabile Suite dal Balletto “LO SCHIACCIANOCI”. musiche di P.I.Tchajkovskij A cura di Academìa Veneta di Danza e Balletto Coreografie: Clara Santoni, Letizia Giuliani ·mercoledì 11 dicembre mattino Piazza Cortina ADDOBBO DELL’ALBERO EUROPEO Con la partecipazione degli alunni delle Scuole Primarie e dell’Infanzia in collaborazione con Calcio Spinea · sabato 14 dicembre ore 11,00 presso Villa Fiorita I PRESEPI NELLA TERRA DEI TIEPOLO Inaugurazione della tradizionale Mostra, organizzata da “Amici dei Presepi” · sabato 14 dicembre ore 20,45 presso Santa Bertilla SPIRITUAL GOSPEL “JOY SINGERS” Tradizionale Concerto Gospel organizzato dal Lions Club Spinea. Ingresso libero con offerta responsabile per raccolta fondi. · Sabato 14 dicembre 20.40 concerto Corale Ss. Vito E Modesto con le più belle canzoni di Natale

· domenica 15 dicembre dalle 9,30 in Piazza Fermi BABBO RUN MOTOGIRO Tradizionale raduno per raccolta fondi a cura di T.B.H.D. · domenica 15 dicembre dalle 14,30 Piazza Rosselli LA PIAZZETTA INCANTATA Babbo Natale con cioccolata, crepés e vin brulè - Animazioni, Trucca Bimbi Spettacolo del Mago Tomo · venerdì 20 dicembre ore 9,00 presso Teatro Bersaglieri IL CORO DELLA SCUOLA “PER IL NOSTRO MONDO” Spettacolo degli alunni della Scuola Primaria “Marco Polo” · sabato 21 dicembre dalle 16,30°A Crea IL RAGLIO DELLA CAPANNA Spettacolo comico sulla Natività dal punto di vista dell’asino. · da sabato 21 a martedì 24 dicembre IN Piazza Fermi IL MERCATINO DELLA VIGILIA Mercatino di Natale, con la collaborazione del Distretto del Commercio “Ville, Popoli e Mercanzie” (intrattenimento, spettacolo, musica) · sabato 21 dicembre ore 21,00 Teatro Bersaglieri DOPPIA COPPIA Spettacolo natalizio con il celebre duo. Ingresso su prenotazione · domenica 22 dicembre ore 15,30 Teatro Bersaglieri CONCERTO DI NATALE A cura della Banda di Spinea Ingresso Libero · mercoledì 1 gennaio Teatro Bersaglieri CONCERTO DI CAPODANNO A cura della Scuola di Musica “Igor Stravinskij”Ingresso Libero con offerta responsabile · lunedì 6 gennaio A Fornase ASPETTANDO LA BEFANA Tradizionale Festa del Quartiere Accensione del Falò inoltre: · SANTA BERTILLA ON ICE Dal 7 dicembre al 15 gennaio Pista di Pattinaggio su Ghiaccio nella Tendostruttura di Via Gioberti · SPINEA COMERACOME’ Mostra fotografica dal 6 dicembre al 6 gennaio a cura di ASA 30038 Nelle sale interne del Municipio


Comune di Dolo

I DO LOVE Christmas 7 8 12

13 14 15

DICEMBRE 2019 - GENNAIO 2020 DOMENICA la musica della ‘Brass Christmas Marching Band’, lungo le vie Mazzini, Matteotti e Cairoli dalle 16.30 22 DICEMBRE Alle 16 Coro di Natale della Schola Cantorum nel Duomo di Dolo. SABATO Accensione luminarie a Dolo, Arino e Sambruson.

DOMENICA mercatino di Natale dalle 9 alle 19 a cura dell’associazione ‘Isola Bassa’ in Piazza Cantiere, Squero Monumentale e rampa del Cristo . GIOVEDI’ si illumina l’Albero della Biblioteca. Alle 16.45 i bambini addobbano l’albero realizzato dall’associazione ‘Arti Visive’ nel parco di Villa Concina (via Comunetto n. 5) Alle 18.45 ‘Nati da Abramo. Un ebreo, un cristiano e un musulmano dalla conoscenza al dialogo’: riflessione sulla religione con il Professor Moulay Zidane El Amrani, Don Francesco Mascotto e Padre Dumitru Negură in barchessa di Villa Concina (via Comunetto n. 5) VENERDI’ ‘Soul Xmas’, concerto di Natale con Gianluca Amore e Blackvocals a cura de ‘La Cometa’, alle 21 al Cinema Italia. SABATO alle 15 inaugurazione della pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Municipio. Animazione e giochi per bambini con gli elfi di ‘Christmas Fair’ Alle 16.30 e alle 18.30 spettacolo ‘Piano Sky’, la pianista sospesa in concerto. Riva Menacao, di fronte al Duomo. DOMENICA dalle 9 alle 19 mercatino di Natale a cura dell’associazione ‘Isola Bassa’ in Piazza Cantiere, Squero Monumentale e rampa del Cristo. Dalle 16 festa per famiglie ‘Babbo Natale Dj’ presso MioClub. Inaugurazione della mostra di mini presepi presso il patronato a cura del gruppo parrocchiale di Sambruson (visitabile sino al 6 gennaio)

24

MARTEDI’ spettacolo ‘La Dama’, la voce di una cantante solleva e illumina nel cielo una immensa scenografia da fiaba, in piazza Cantiere alle 16.30 e alle 18.30

25

MERCOLEDI’ inaugurazione del Presepio Artistico semovente presso la Parrocchia di San Michele Arcangelo di Arino, visitabile sino al 26 gennaio dalle 14.30 alle 19 (festivi anche 9 – 12)

26

GIOVEDI’ dalle 16.30 in replica sino alle 18.30 spettacolo ‘La regina dei Ghiacci’, nel grande Castello gonfiabile, pieno di luci, suoni e colori, la storia della Regina della Neve. In piazzetta Aldo Moro. Alle ore 18 Tradizionale concerto di Santo Stefano a Sambruson, nella chiesa arcipretale di Sant’Ambrogio.

27

VENERDI’ ore 20.45, Chiesa di Arino: concerto Shiloh Christian Choir Band, Christian Contemporary Music.

GENNAIO

1

MERCOLEDI’ mercatino di Capodanno. Arte e artigianato dalle 15 in piazzetta Aldo Moro.

4

SABATO spettacolo ‘Le Sfere’, ballerine luminose, grandi sfere trasparenti in coreografia nelle vie Mazzini, Matteotti e Cairoli, alle 16.30 e alle 18.30

4 5 6

SABATO-DOMENICA-LUNEDI’ ingresso gratuito per bambini fino a 10 anni al Cinema Italia per le proiezioni pomeridiane (coupon in distribuzione dal 12 dicembre in biblioteca fino ad esaurimento)

19

GIOVEDI’ lettura scenica con musica ‘La leggenda del Quarto Magio’, in barchessa di Villa Concina (via Comunetto n. 5) alle 20.45

20

VENERDI’ ore 21, Duomo di Dolo: concerto di Natale dell’Istituto Comprensivo di Dolo

5

DOMENICA spettacolo ‘Il magico bosco di Gan’, grandi abeti luminosi e un bosco popolato di strane creature. In piazzetta Aldo Moro, dalle 16.30 in replica sino alle 18.30

21

SABATO spettacolo ‘Les Montgolfieres’, mongolfiere e trampolieri a spasso nelle vie Mazzini, Matteotti e Cairoli, alle 16.30 e alle 18.30

6

LUNEDI’ la musica della ‘Brass Marching Band’, lungo le vie Mazzini, Matteotti e Cairoli dalle 16.30

‘Tutte le iniziative sono a ingresso gratuito’. La pista di pattinaggio sarà in funzione dal 14 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020 dalle 10 alle 19.30 (sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 20.30) e si accederà alla stessa previo pagamento dell’ingresso, con noleggio pattini.

Main Sponsor media partner

·

Info tel:041.411090 Info su

Natale in Riviera


15

Eventi

www.lapiazzaweb.it

Natale all’insegna della cultura Collocate a Dolo sull’Isola Bassa, in piazza Cantiere e allo Squero le luminarie. Non mancheranno spettacoli anche all’aperto pensati per favorire lo shopping

“S

arà un Natale all’insegna della cultura, dello shopping e dell’attenzione all’ambiente”. Con queste parole l’assessore alla Cultura Matteo Bellomo introduce le iniziative che il suo assessorato ha curato per rendere festosi i giorni legati al Natale sino all’Epifania. Si parte l’8 dicembre con il primo di due mercatini natalizi organizzati dall’associazione Isola Bassa in piazza Cantiere e si bisserà l’evento la domenica successiva, 15 dicembre. E sempre nell’Isola Bassa, per tutta la durata delle festività l’associazione provvederà a sistemare delle luminarie per dare luce e calore ai luoghi suggestivi dello Squero, di piazza Cantiere e dei Molini. “Quest’anno – riprende a parlare l’assessore Bellomo – vogliamo proporre delle feste di qualità con un programma che privilegia eventi di grande spessore e spettacolarità”. Una novità riguarderà la pista di pattinaggio, Bellomo puntualizza: “È stata fatta una scelta ambientale e dato incarico ad una ditta specializzata nel settore che ha costruito appositamente una pista sul ghiaccio “Ecocompatibile” con del materiale di ultima generazione, del quale non si nota la differenza con quello utilizzato per il ghiaccio. La pista sarà sistemata nel piazzale di sosta accanto al municipio”. Si parla di cultura e nelle serate di venerdì 24, sabato 25 e domenica 26 gennaio il duo “Carlo&Giorgio” sarà ospite del Teatro Italia. “Per il terzo anno consecutivo – osserva Bellomo – il duo veneziano porterà a Dolo un nuovo spettacolo che ripercorre la carriera dei due comici con alcune delle loro più riuscite maschere”. Si parla di shopping e Bellomo annuncia un’iniziativa che porterà a Dolo un forte richiamo nelle giornate maggiormente dedicate agli acquisti. “Vogliamo incentivare l’attrazione con il nostro paese e lo facciamo con delle grandissime sorprese, degli

spettacoli di strada con grandissimi artisti che presenteranno esibizioni di alto livello. Abbiamo scelto i sabati di dicembre ed alcune date particolari, proprio perché chi arriva a Dolo, potrà ammirare gli spettacoli mentre

fa lo shopping per i regali natalizi”. Gli spettacoli si terranno nelle giornate del 14, 21, 22, 24 e 26 dicembre e del 4, 5, 6 gennaio. Accanto a queste iniziative non vanno dimenticati i presepi, quello che da decenni si

tiene all’interno del Duomo di San Rocco, e quello semovente creato dagli “Amici del presepe” che rappresenta ogni anno una località diversa e che viene allestito nella parrocchia di Arino. Sulle manifestazioni infine

L’assessore Bellomo e decorazioni natalizie a Dolo

ci potete trovare a Noale (Ve) via Montello, 2-4 · tel. 041 440484

Abbiamo pensato ad una

Fantastica Promozione per i vostri bambini: 1 LENTE LA PAGA

1 IN OMAGGIO

• GLI SPECIALISTI DEL CHERATOCONO • MAPPA CORNEALE • ABERROMETRIA • GINNASTICA RIABILITIVA DEGLI OCCHI • CONSULENZA ORTOCHERATOLOGIA • VASTA GAMMA OCCHIALI DA SOLE E VISTA DEDICATI AI BAMBINI • CAMPO VISIVO ESAME OPTOMETRICO PER RINNOVO PATENTE • LENTI A CONTATTO PER CHERATOCONI RIGIDE E GASPERMEABILI

OTTICA BARBIERO

otticabarbiero@libero.it ·

via Montello, 2-4 · 30033 Noale (Ve) · 041 440484 www.otticabarbiero.com · Ottica Barbiero · otticabarbiero

ORARI: Lunedì 9.30-12.15 | 15.30-19.15 · dal Martedì al Venerdì 9.00-12.00 | 15.30-19.15 Sabato 9.00-12.50 | 15.30-19.00 · Domenica chiuso

il commento congiunto dell’assessore Bellomo e del sindaco di Dolo Alberto Polo.”Abbiamo scelto quest’anno- dicono gli amministratori- di organizzare un Natale diverso, di grande impatto emozionale chiedendo all’arte e nello specifico al teatro, di darci una mano. Per un mese Dolo sarà infatti palcoscenico suggestivo per spettacoli capaci di emozionare e di confermare la vocazione di “Città Gentile” nella quale ciascuno possa sentirsi a proprio agio, divertirsi, fare shopping e stare con gli altri. Accanto a questo ciclo di iniziative, il grande impegno delle nostre parrocchie ci conferma nella spiritualità stessa del Natale attraverso un ciclo di concerti, alle esposizioni di presepi e agli appuntamenti religiosi propri di questo periodo dell’anno. Ovviamente non mancheranno le luminarie, i mercatini e la pista di pattinaggio sul ghiaccio. Un Natale bello, ricco, da vivere a Dolo: la migliore risposta alla spersonalizzazione e standardizzazione dei centri commerciali. Non a caso, dal 7 dicembre al 4 gennaio, il sabato pomeriggio i parcheggi “blu” diventano gratuiti. Inoltre per sostenere il week end dei saldi, oltre alle iniziative natalizie, il Comune regalerà il cinema ai bambini fino ai 10 anni”. Lino Perini


16

Protagonisti .

www.lapiazzaweb.it

Luigi Scattolin, un Natale fra famiglia e lavoro a 91 anni Il patron, fondatore dello storico mobilificio di Scorzè, suona ancora l’organo in chiesa. Nella sua attività, iniziata 65 anni fa, lo hanno seguito anche i 5 figli. L’azienda ha 15 dipendenti

P

er la famiglia Scattolin sarà un Natale nel segno della tradizione. Luigi, fondatore dello storico mobilificio in via Onaro, 91 anni compiuti lo scorso ottobre, non ha alcun dubbio su come lui, sua moglie e la sua famiglia, 5 figli e 6 nipotini, trascorreranno le prossime festività. “Andremo alla Santa Messa il giorno di Natale, come abbiamo sempre fatto - racconta il signor Luigi Scattolin - Noi siamo dei tradizionalisti. Come sempre suonerò l’organo in chiesa, e poi festeggeremo in famiglia”. Il pensiero però va subito ai suoi clienti, che nel corso dei tanti anni di attività, ormai sono 65, hanno continuato a seguirlo: “Il mio augurio di un sere-

no Natale va a tutti i miei clienti, sia a quelli buoni, che a quelli cattivi”. Personaggio di spirito, brillante, ama le persone positive che si danno da fare. La battuta sempre pronta, ha una memoria di ferro ed è da sempre abitante di Rio San Martino, Luigi Scattolin, l’inconfondibile baffo grigio, continua ogni giorno ad andare in negozio, a lavorare con la stessa passione del primo giorno, ad occuparsi dei clienti, ad avere tutto sotto controllo. Nella sua azienda, una delle realtà più importanti del territorio, oltre ai figli lavorano anche 15 dipendenti. Qual è il segreto del suo successo come imprenditore? Se la sente di dare un consiglio ai

tanti che l’ammirano per la sua lunga carriera? “Una sola parola: battagliare sempre, la guerra non finisce mai, bisogna sempre lottare per vivere. Non arrendetevi mai di fronte alle difficoltà, nemmeno a quelle più grandi, perché un modo per superarle si trova sempre”. Lei è sposato da 62 anni con la signora Miranda, con la quale ha avuto ben 5 figli, qual è la ricetta per un matrimonio così longevo, duraturo e felice? “Posso dire sicuramente che ci vuole tanta pazienza, da entrambe le parti intendo, perché a condividere la vita siamo comunque in due. Una botta al cerchio e una

alla botte”. Tutti e 5 i suoi figli, Valerio, Lucia, Paolo, Mariuccia e Luigina, hanno deciso di continuare con l’attività di famiglia e sono tutti in società, non avete dunque dovuto fare i conti con il problema del ricambio generazionale. “Il regalo più bello che mi hanno fatto i miei figli è stato quello di seguirmi, se non avessi avuto loro con me non sarei riuscito a fare quello che ho fatto nella mia vita. Sono stato anche fortunato perché mi sono stati tutti vicino e hanno deciso di continuare ad andare avanti sulla mia stessa strada”. E i nipotini?

Macchine Attrezzature Ricambi per il Giardinaggio

Via G.Galilei, 9 - 30035 Mirano (VE) Tel.041/431009 - 349 2344513 Macchine Attrezzature www.simargarden.com - info@simargarden.com Ricambi per

Auguri di Buone Feste

il Giardinaggio

Via G.Galilei, 9 - 30035 Mirano (VE) Tel.041/431009 - 349 2344513 www.simargarden.com - info@simargarden.com

“Io e mia moglie abbiamo fatto 5 figli. Loro, in 5, ne hanno fatti 6. Non so se ne arriveranno altri. La sua grande passione? “Suono l’organo dal 1944”. Ma in negozio ci va davvero tutti i giorni? “Certamente, la guerra continua sempre, la concorrenza è tanta, riusciamo ad andare avanti proprio perché abbiamo costruito un rapporto diretto con i clienti, noi ci siamo sempre, di persona. Il mio negozio porta il mio nome, è sono convinto che questa è una garanzia per tutti i nostri clienti. Starò qui finché starò bene, e di certo continuerò a lavorare e a portare avanti l’azienda.” Elena Callegaro


17

Cultura .

www.lapiazzaweb.it

Dodicianni canta nel concerto di Calcutta L’artista cavarzerano ha aperto a Londra, lo scorso 24 novembre, il live del cantautore che molti giorvani conoscono e apprezzano. E’ un momento ispirato e felice per Andrea che procede nella sua carriera artistica con la sua creativa “pianificazione improvvisata”

A

ndrea Cavallaro – in arte Dodicianni – è un performer e artista cavarzerano che, proprio nella città natale, ha mosso i suoi primi passi nel mondo della musica: oggi vive in Trentino Alto-Adige dove professa e porta avanti la sua passione per l’arte e la musica. Abbiamo deciso di incontrarlo per il suo – non ultimo – grande traguardo: ha aperto, domenica 24 novembre scorso, a Londra, il concerto del cantautore Calcutta, che molti giovani conoscono e apprezzano. Le visualizzazioni parlano chiaro. Raccontaci com’è iniziata questa tua nuova avventura. “In questo periodo stavo lavorando a un nuovo disco, che dovrebbe vedere la luce nei primi mesi del 2020; e così, l’associazione Upload, una piattaforma euro-regionale nata per valorizzare la scena musicale di Trentino, Alto Adige e Tirolo, che già stava cercando un’artista che aprisse il concerto di Calcutta

a Londra, dopo aver ascoltato il mio lavoro mi ha selezionato.” Questa collaborazione sarà solo l’inizio di un qualcosa di più grande? Un tour, magari? “Parliamo e partiamo solo con le cose certe, e la cosa certa per ora è stata questa: ho avuto l’opportunità di suonare a Londra con un uno dei più noti e talentuosi cantautori italiani di questi anni. In futuro si vedrà. Step by step”. Cosa consiglieresti ai molti giovani che nutrono il tuo medesimo sogno e che, con passione e sacrificio, un bel giorno sei riuscito a trasformare in realtà? “Solitamente si consiglia di non abbandonare mai il proprio sogno, il proprio obiettivo, e insistere sempre, anche quando le spaventose maree della vita sembrano vogliano sommergerti. Invece ciò che mi sento di consigliare è tutt’altro. Quello a cui credo fortemente è che quando non si ha nulla da dire sia meglio

Andrea Cavallaro, in arte Dodicianni In piccolo la locandina del concerto di Calcutta

stare zitti. Bisogna avere il coraggio di aprire la bocca solo quando si pensa di avere qualcosa di davvero importante da raccontare. Fare, produrre come fosse solo emerita merce ciò a cui non credi porta solo a un ulteriore smarrimento e confusione, e lo dico per esperienza. Paradossalmente ripaga molto più il silenzio, la pausa, la riflessione.”

Come hanno accolto questa notizia la tua famiglia e i tuoi amici? “Devo dirti la verità: all’inizio credevano fosse un’altra invenzione delle mie, una performance come quelle organizzate negli ultimi quattro anni. Mi hanno scritto in molti. Addirittura non lo avevo detto nemmeno alla mia famiglia: l’ho pubblicato diretta-

mente. Quando hanno realizzato che non era uno scherzo sono stati felicissimi per me, e spero orgogliosi”. Gli occhi sono fissi all’orizzonte, verso nuovi progetti, o preferisci goderti questo presente, tanto sudato e desiderato? “In realtà sto lavorando con Alessandro Cavestro ad alcuni progetti – lui è il direttore creativo di tutti i lavori che faccio, lavoriamo insieme ormai da 10 anni –. È un periodo felice e ispirato, andiamo avanti così, noi amiamo chiamarla con un ossimoro: pianificazione improvvisata”. Samuele Contiero

Premio Scarpetta La mostra dedicataD’Oro a Gaudenzio vince Rattazzi Tasso,Paola lo scultore del legno

P

aola Rattazzi, con l’opera “Amici per la scarpa”, ha vinto la 24a edizione di Scarpetta D’Oro, il concorso d’illustrazione promosso da Acrib - Sezione Calzature di Confindustria Venezia Area Metropolitana di Venezia e Rovigo, organizzato dal Consorzio Maestri Calzaturieri del Brenta, in collaborazione con il Politecnico Calzaturiero e Assocalzaturifici. La premiazione si è svolta al Palarcobaleno di Fossò, alla presenza di Silvia Bolla vicepresidente di Confindustria Venezia Area MeAlcuni momenti della mostra dedicata tropolitana di Venezia e Rovigo e Siro a Gaudenzio Tasso Badon presidente di Assocalzaturifici. al 26 ottobreiscritte al 3 novembre, presso Ben 157 le opere al concorso, re-il foyer del teatro Tullio Serafin di Cavarzere, è stata allestita una mostra, al solo fine esposializzate da disegnatori professionisti tivo, per rendere omaggio ricordo dello e amatori provenienti daaltutta Italia e scultore del legno Gaudenzio Tasso. Promotore dell’iniziativa stato ilnella nipote AlbertodiMainardi, dall’estero, 34 le classi che si sono èsfidate sezione scrittura desideroso di esporre al pubblico cavarzerano e non, l’arte di delnascita, nonno. e composizione creativa riservata alle scuole. Cuneese La mostra è stata inaugurata assessore Cultura la vincitrice Paola Rattazzi dal vivevicesindaco e lavora a eTorino. Sialla laurea con Paolo Fontolan,superiore ed è statadelle realizzabile al sostegno e alla collode all’istituto Industriegrazie Artistiche di Urbino. Attiva laborazione della professoressa nella grafica dell’amministrazione pubblicitaria per oltre comunale, quindici anni, dal 2011 si dedicae critica d’arte Fanny chedicembre ha presentato esclusivamente allaQuagliato, pittura. Da 2018 eaallestito febbraiol’evento, 2019 hae dell’addetta al gruppo foyer del tetro Tullio Serafin, Laila Tosin. esposto all’Ema Art Club nelle sedi di Londra dell’Agenzia Europea inAlricordo dell’artista riscontrato grande sucdelL’evento Farmaco. secondo posto “Un ha regalo per te” diun Rossella Tauro, cesso, attirando numerose persone anche dai territori limitrofi, al terzo “Tutta un’altra storia” di Lilia Migliorisi. A Lorella Alesmolte delle quali desiderose acquistare qualche scultura del sandria, autrice dell’opera “Tidi senti allo stretto?”, il premio “Fonnoto artigiano. stata unacinque grandelesoddisfazione, non assegnate, solo per il dazione ErnestoÈEsposito”, menzioni d’onore paese di Cavarzere, ma ancheLa pergiuria i famigliari, in particolare le altrettante le menzioni speciali. era composta da esperti di figlie Lucia e Paola Tasso, e del nipote Alberto. da Andrea Artusi, illustrazione, arte e comunicazione e presieduta S.C. sceneggiatore e disegnatore.

D

Cav. Giorgio Masetto L’arte del costruire

Via Cornara, 27 Murelle di Villanova (Pd) tel 049 922 00 45 fax 049 922 90 70 impresamasetto@libero.it www.costruzionimasetto.it


18

Sport

www.lapiazzaweb.it

Il Calcio Dolo compie 110 anni e si veste di bianco-celeste

I

La società fu fondata nel dicembre del 1909 dai fratelli Severino e Alberto Cecchi. Di rilievo il terzo posto conseguito nella stagione 1975-76 in serie D, con il tecnico Romolo Camuffo

D

icembre 1909, nasce il calcio a Dolo. Il club sportivo Dolo fu fondato dai fratelli Severino e Alberto Cecchi che decisero che la squadra giocasse con maglie di color bianco e celeste, e proprio in questa stagione, il presidente Moreno Volpe la società Fc Calcio Dolo ha deciso di tornare al passato e di far giocare i propri giocatori con una casacca celeste con una riga biancogranata. Una storia sportiva di assoluto rilievo quella del calcio Dolo perchè nella stagione sportiva 1914-1915 ha partecipato al campionato di Promozione e nella stagione 1919-1920 arrivò secondo con 17 punti e venne promosso in 1ª Categoria. Nella stagione1920-1921, arrivò ultimo posto conquistando un solo punto e retrocedendo. Nel dopo guerra ripartì dalla serie C ottenen-

Nasce il premio Emiliano Mondonico

do un ottavo posto nel 1946-1947 e un quinto posto nel 1947-1948. Varie le partecipazioni al campionato italiano di IV Serie (oggi Serie D) ininterrottamente dal 1948-1949 al 1958-1959 e poi ancora dal 1974-1975 al 1983-1984. Di rilievo il terzo posto conseguito nella stagione 1975-76, con il tecnico Romolo Camuffo in panchina, il presidente Piero Veggo e l’attaccante Gianni Buson a segno a ripetizione: furono 16 i gol realizzati, tanto da finire nel mirino di squadre di serie A. Una stagione che vide il successo della Triestina che perse una sola gara in trasferta, a Dolo nel dicembre del 1975 davanti a 5.000 spettatori ed un record d’incasso di oltre 7.300.000 lire, cifre impensabili al giorno d’oggi ed il Dolo venne preceduto di un solo punto dall’Adriese. La stagione successiva

partecipò alla Coppa Italia semiprofessionistica contro il Padova ed il Treviso. Non vanno poi dimenticate le sette stagioni in panchina di mister Gianni Fagan, le oltre trecento presenze in maglia biancogranata del capitano Alessandro Majoni o il titolo di capocannoniere in Eccellenza di Andrea Molin, come l’esplosione a Dolo del bomber Nicola Bisso. Sarebbero tantissimi i nomi da ricordare, ma lo spazio non lo consente, di questa gloriosa società che oggi vive un momento di appannamento sportivo e naviga, seppure nella parte alta della classifica, in Prima categoria. Ma per i suoi appassionati tifosi resta la gioia di un passato che non si cancella come la passione e il palmares di risultati di uno dei venti più vecchi sodalizi del Lino Perini calcio italiano.

niziativa per la promozione delle politiche di integrazione attraverso lo sport tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ed il Coni con l’istituzione del “Premio in memoria di Emiliano Mondonico”. Il premio “intende valorizzare l’opera di tecnici sportivi fortemente impegnati sui temi sociali ed attenti al ruolo dello sport quale strumento di inclusione ed integrazione, nel rispetto dei principi delle “Regole per essere Fratelli di Sport” e s’ispira alla figura di Emiliano Mondonico, calciatore ed allenatore che è stato capace, con il suo operato, di farsi interprete e portavoce della dimensione sociale dello sport”. I tecnici, nelle finalità del premio, devono avere un ruolo attivo e continuativo nella diffusione della dimensione sociale dello sport, con attività continuativa in progetti sui temi sociali, di promozione di attività che prevedano finalità sociali in cui è centrale il ruolo del genere femminile o a favore di categorie vulnerabili della popolazione. (L.P.)

Ivano Sacchetto premiato dal Coni

S

i t t u t a o m ria u g u A e t s e F e n o u B

empre davanti a tutti, sia quando dirige ciò che organizza e sia nelle idee, nel vedere prima degli altri cosa è opportuno fare per migliorare o proporre. Ivano sScchetto, 62 anni di cui oltre mezzo secolo passati al servizio dello sport, è stato insignito a fine ottobre nell’Auditorium di Ca’ Foscari, a Venezia, dell’ambito riconoscimento della “Stella di Bronzo al merito sportivo”, dal Coni. Nella comunicazione inviatagli a firma del presidente del Coni Giovanni Malagò, si legge:“si conferisce la Stella di Bronzo al merito sportivo per l’anno 2018 in riconoscimento delle benemerenze acquisite nell’attività dirigenziale”. Ed ancora:”con questa onorificenza l’organizzazione sportiva nazionale attesta le capacità e o risultati conseguiti in tale attività ed esprime profonda riconoscenza per la generosa collaborazione e l’impegno dedicato allo sport in tanti anni di servizio”. Queste parole a suggellare i grandi meriti di questo sportivo che ha praticato il mezzofondo, che poi si è dedicato con impegno e grandi capacità e competenza a compiti organizzativi. Ha ideato negli anni novanta la “ Corsa dei Dogi” di Paluello che per due anni ha visto la partecipazione dei più grandi atleti del mondo, una sorta di antipasto della Maratonina dei Dogi della quale è fra gli organizzatori. Fra le sue innumerevoli attività, forse quella che più l’ha coinvolto, è la responsabilità della partenza della VeniceMarathon, di cui oggi è anche consigliere. E’ fra i promotori e organizzatori della Family Run della Riviera del Brenta ed è fiduciario Coni per alcuni comuni del miranese e Mira. Una vita nello sport e per lo sport, che meritava un riconoscimento. L.P.


www.lapiazzaweb.it

19

#Politica

La politica in coro: il Mose va finito. Ma basterà? Dopo il disastro si riunisce il Comitatone. Il premier Conte garantisce i fondi per il completamento, ma è lunga la lista dei problemi che rimangono aperti

U

n giorno separerà la laguna dal mare, per ora il Mose un mezzo miracolo lo ha già fatto: quello di unire maggioranza e opposizione, anzi maggioranze e opposizioni, quelle di oggi e quelle di ieri. Varato definitivamente dal governo Prodi, sostenuto a spada tratta da Berlusconi e Galan, agli atti si ricorda solo l’opposizione di Massimo Cacciari quando era sindaco di Venezia. E all’indomani del disastro che ha colpito la città, il coro è pressoché unanime: il Mose va completato, nella speranza che un cantiere avviato nell’ormai lontano 2003 riesca davvero a salvare la città più bella del mondo da fenomeni meteorologici sempre più intensi. Il conto della spesa è stato fatto nell’ultimo Comitatone, riunitosi a fine novembre per fronteggiare l’emergenza. Due ore e mezza di confronto a cui hanno preso parte Zaia, i ministri Paola De Micheli, Dario Franceschini e Sergio Costa, diversi sottosegretari, il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro e altri sindaci del territorio coinvolto. A presiederlo c’era il premier Conte, che ha annunciato una seconda riunione già prima di Natale in cui si parlerà anche delle grandi navi e ha intanto garantito la disponibilità dei 325 milioni di euro che ser-

vono a completare l’opera entro fine 2021. In laguna arriveranno anche 100 milioni per la Legge speciale e 120 per il marginamento di Porto Marghera, fondamentale per evitare che finiscano in acqua altri inquinanti. Aggiungiamoci i 20 milioni stanziati per fronteggiare l’emergenza e il conto è fatto: robusto, ma ben lontano dai 3 miliardi di euro che Regione e Comune hanno chiesto al governo per un intervento complessivo nell’arco dei prossimi dieci anni. Le cose, alla fine, si tengono tutte insieme, anche perché il Mose avrà comunque bisogno di una costante manutenzione e ha un costo di gestione non inferiore agli 80 milioni annui. Ma la politica, come detto, almeno sull’opportunità di completare l’opera marcia compatta. «Su Venezia siamo soddisfatti di aver ripreso in mano le fila di questo dossier - ha sottolineato Giuseppe Conte - e di avere favorito un confronto con tutte le autorità. Certo siamo di fronte a problemi vecchi di anni, ma non per questo non vogliamo assumerci tutte le nostre responsabilità. C’è il Mose, ma c’è anche la necessità di rivedere la legge speciale su Venezia». E c’è, verrebbe da aggiungere, un dato di fatto che resta di fron-

te agli occhi di tutti: anche quando sarà pronto, il Mose entrerà in funzione con acqua alta superiore ai 110 centimetri, il che vuol dire che vaste zone di Venezia resteranno a rischio allagamento con maree più ridotte, a partire da Piazza San Marco. Ecco perché il Comune è tornato a chiedere fondi per la manutenzione

ordinaria, compresi i progetti di innalzamento delle rive, senza ottenere però risposta positiva dal governo. Chissà che un aiuto non possa venire dall’Europa, visto che proprio all’indomani del Comitatone Ursula von der Leyen è stata finalmente eletta presidente della Commissione e nel suo primo

discorso ha ribadito che la “sua” Europa dovrà guardare al clima come priorità: “Siamo di fronte a un problema esistenziale per l’Europa. E come potrebbe non esserlo, quando vediamo Venezia sott’acqua e le foreste del Portogallo andare a fuoco?”. Rimane da vedere se alle parole seguiranno i fatti. Cioè i soldi.

“Progetto nato vecchio, oggi lo scenario è ben diverso” S

20 - 270x55 - 19

ui media trovano poco spazio, eppure sulla sua reale utilità. In buona sostanza, i “no Mose” esistono e resistono. Anche la preoccupazione di molti è che parametri oggi che la partita è ormai indirizzata ver- e modelli su cui è stato basato il Mose siano so la naturale conclusione. E contano tra le non solo fortemente discutibili, ma siano già loro fila realtà di spicco, da Italia Nostra a superati dal cambiamento climatico, che coLegambiente per citarne due, che anche in stringerà la città a fronteggiare non qualche occasione del Comitatone hanno ribadito occasionale emergenza ma uno scenario da che quello iniziato ormai 15 anni fa è LEGALE un “allerta continua”. Specie se il mare, come RAPPRESENTANTE progetto nato già vecchio, talmente com- qualcuno ipotizza, si innalzerà nei prossimi plesso e rigido da suscitare enormi dubbi decenni di mezzo metro e perfino di più. E

Barizza Gianfranco

N. 49139/10/00 allora, che fare? Intanto, spiegano le assoCome peraltro quelle avanzate a suo tempo UNI EN ISOCacciari. 9001:2015 ciazioni, fermare tutti i finanziamenti finché dal Comune guidato da Massimo non si sia dimostrato che il Mose funzioni E se fossero loro, ad aver ragione? «Se non davvero. E poi intervenire sui tanti fattori fin funziona - ha detto Zaia nel corso della sua qui trascurati, dalla profondità dei canali audizione in SenatoSEDE - avremo sprecato20 più via Firenze, all’impatto delle grandi navi, dal livellamen- di 5 miliardi sarebbeMaria una tragedia, forse il 30036eSanta di Sala (Ve) to dei fondali alla perdita sedimenti, grande spreco conosciuto stoCELLdi 335 705 38che 28 • più TEL 041 487 010 mai • FAX 041 576nella 02 17 hanno poco alla volta modificato in manie-amministrazione@impresabarizzasas.it ria della comunità internazionale». E a quel ra quasi irreversibiletecnico@impresabarizzasas.it la morfologia della la- punto Venezia, e con lei tutta l’Italia, anche • impresabarizzasas@pec.it guna. Critiche pesanti, e ben argomentate. senza acqua alta affonderebbe nel ridicolo.


Cari

BUONI,

a presto. Santa Claus


A Natale ti

REGALIAMO

50%

il dei tuoi acquisti in BUONI

Dal 1 al 31 dicembre ti regaliamo il 50% dei tuoi acquisti in Buoni spendibili* a partire dal 15 gennaio 2020 fino al 15 febbraio 2020. *1 Buono da 10€ ogni 40€ di spesa

ORIAGO di MIRA

Via Ghebba, 67 Tel. 041.5639923

MESTRE

Via Forte Marghera, 33 Tel. 041.3098130

PADOVA

Via Altinate, 10 Tel. 345.8026951

SILEA (TV)

C. Comm. Emisfero Tel. 0422.361658

SAN GIORGIO DELLE PERTICHE (PD) C. Comm. Le Centurie Tel. 049.7423070

Vedi regolamento interno - salvo errori di stampa. Non cumulabile con altre promozioni. Promozione valida dal 01.12.19 al 31.12.19

otticaveneta.it


22

Politica

Giuseppe Pan Assessore all’agricoltura, caccia e pesca (Lega Nord)

www.lapiazzaweb.it

Roberto Marcato Lega Nord

“Il Veneto è una sorpresa “Mi ricandido in Regione continua, per le nostre eccellenze con un obiettivo: l’autonomia” sogno un marchio unico” U “I

l mio Veneto? Una sorpresa continua. Una terra che non ti aspetti, con gente dalla pelle dura, coriacea, ma dal grande, immenso cuore. Di occasioni per dimostrarlo, ce ne sono state tante, a cominciare dalla tempesta Vaia”. Parola di Giuseppe Pan, assessore regionale ad agricoltura, caccia e pesca. Cinquantasette anni, di Cittadella (PD), una laurea in Agraria e Scienze forestali conseguita a Padova, è sposato con Mara e ha due figli. Le sue grandi passioni: la natura, il rugby, lo sci, la montagna (è stato alpino) e il mare. “Non ho problemi a dire che, in questi anni, ho scoperto un Veneto che non conoscevo – afferma Pan –. Ho visto luoghi incredibili di cui sapevo l’esistenza, ma che non mi aspettavo di così grande bellezza. E poi, ho conosciuto persone ancor più incredibili: gente che, come la terra che abita e di cui si prende cura, non molla mai. Uomini e donne, giovani e anziani, intere famiglie capaci di resistere anche quando tutto rema contro, capaci di indignarsi e di combattere. Abituati a fare e a non lamentarsi, a lavorare sodo, a rimboccarsi le maniche e a rialzarsi. Questo è il Veneto di cui vado fiero e che rappresento con grande orgoglio anche ai tavoli nazionali ed europei. Un Veneto che si merita di diritto l’autonomia”. Pan è entrato in amministrazione a Cittadella nel 1994, assessore in due giunte Facco, quindi vicesindaco con Bitonci e, dal 2012, sindaco della città murata. “L’esperienza mi è stata utile, anche se non si smette mai di imparare: la macchina regionale è complessa, il comparto vanta numeri importanti che necessitano di attenzione, interventi, investimenti, progettualità continui. Quasi 800 mila ettari la superficie agricola utilizzata, 75 mila le imprese agri-

cole attive, 6,4 miliardi di euro il fatturato della produzione agricola, altrettanti quelli legati a lavorazioni e industria agroalimentare, 6, 8 i miliardi dell’export. Cifre che richiedono competenza, responsabilità, capacità di governare il presente e anticipare il futuro”. Pan è arrivato a palazzo Balbi da assessore esterno, nominato direttamente dal presidente Zaia. Una competenza che, in verità, non ha dovuto improvvisarsi viste la laurea in tasca e una professione, quella di docente di Chimica ed ecologia in ambito agrario, negli istituti superiori di Bassano del Grappa e del padovano, e una lunga esperienza grazie ad attività di consulenza e lavoro in numerose aziende agricole. “Insegnare significa formarsi di continuo. Accompagnare i ragazzi, negli anni dell’adolescenza, permette di assistere alla loro crescita e contribuire alla creazione della loro personalità. La nomina di Zaia è giunta inaspettata – ammette –. L’ho ringraziato per la fiducia accordata che ho cercato di non deludere”. Pan si è occupato di temi ad ampio raggio: dalle emergenze ambientali, condivise e affrontate insieme ai colleghi di giunta, alle battaglie nel settore della pesca fino alla caccia. Tra i prossimi obiettivi, nel settore pesca, la promozione di interventi sostenibili “stiamo lavorando alla realizzazione di reti da pesca biodegradabili e all’eliminazione della cassette di polistirolo in cui si conserva il pesce”. Infine, il suo sogno per il Veneto. “Un marchio unico, inconfondibile, per tutti i prodotti veneti della filiera agricola e agroalimentare. Si chiamerà “Made in Veneto”. Ci spero, pensare in grande è lecito. Anzi, per il nostro Veneto, direi che è d’obbligo”. Nicoleta Masetto

no degli oggetti a cui è più legato è una foto. Risale al 1976, è in bianco nero. Ritrae un gruppo di adulti e alcuni bambini. Due di loro portano l’inconfondibile cappello da alpino. Il primo a sinistra è Roberto Marcato, leghista della prima ora, oggi assessore regionale allo Sviluppo economico ed energia (ma anche ricerca e innovazione, imprenditoria femminile e giovanile). Per il 50esimo anniversario del gruppo Alpini di Piombino Dese, comune dov’è nato e vive, le locali penne nere gli hanno fatto una sorpresa e gli hanno regalato proprio quella vecchia foto, bella incorniciata. “È stata una grande emozione – afferma –. Gli Alpini mi hanno fatto dono di questa immagine in cui con la mamma, le zie e il mitico nonno alpino partecipavo con tanto di penna nera d’ordinanza a un raduno. Sono molto legato alle penne nere. Mi riconosco nello spirito di sacrificio, nell’abitudine a stringere i denti, fare fatica, scalare le montagne più alte e impervie, a non aver paura anche nel bel mezzo della tormenta o quando si tratta di dare una mano, com’è accaduto una anno fa, nella ricostruzione del dopo tempesta Vaia”. Marcato, il simbolo degli Alpini è anche …l’asino. “Ci sta pure lui. L’asino è un animale bistrattato, per nulla considerato, eppure fa il lavoro che nessuno fa, a testa bassa, senza lamentarsi, tiene pulito, fa ordine ed è un animale …da compagnia”. Regionali 2020: candidatura scontata? “Mi ricandido e con grande convinzione. A onor di cronaca, ho rinunciato volontariamente al Senato e a Bruxelles per stare in Veneto. Ho scelto la mia regione per stare a fianco dei Veneti. Nel mio cuore ci sono stampati i colori della bandiera marciana. Impossibile scalfirli anche solo di striscio”. Quale sarà il suo cavallo di battaglia? “Autonomia, autonomia, autonomia. E non solo perché lo dicono Marcato e il presidente Zaia, ma perché la chiedono a gran voce i Veneti che non dimenticano quanto accaduto al governo su tale questione. L’autonomia, comunque, non è solo una questione veneta. Io sono convinto che sarebbe la vera spending review”. Vale a dire? “Metterebbe, finalmente, i conti in ordine a partire dai costi standard. Qualche esempio? Se il pasto ospedaliero da noi costa 6 euro do-

vrebbe costare altrettanto nel resto d’Italia. Invece, ci sono realtà in cui si arriva a 30-35-40 euro. Mi chiedo: cosa danno da mangiare agli ospedalizzati? Forse caviale e champagne? Tutti i governi che ci hanno provato, e pure i commissari delegati alla spending review, hanno finito per dimettersi. Ripetono, tutti, la stessa motivazione: “Abbiamo fatto lo studio, ma non c’è la volontà politica”. Se continuiamo a lasciare al singolo ministro, al singolo parlamentare, al singolo presidente del consiglio fare tagli, dal momento che questi sono impopolari e il coraggio non è esattamente la caratteristica dei nostri politici, non ci arriveremo mai”. Assessore, la Lega ci metterà il “fisico” anche nella campagna per le Regionali? “C’è una frase che mi ripetono tutti, ovunque io vada: “Marcato, non mollare”. Questo dà speranza, siamo un punto di riferimento per tanta gente. Certo, ci metto il fisico e il fisico non mi manca. Sono da sempre un uomo di popolo. La gente mi abbraccia, mi stringe le mani, vuole i selfie. E non parlo solo di signore dell’età di mia madre o di pensionati, ma anche di ragazzi di quindici anni”. Come se lo spiega? “Per un leghista non essere sul territorio è una contraddizione in termini. Noi siamo esattamente quello che si vede: piazze piene, contatto diretto, socialità, dialogo, presenza su tutto il territorio, piccoli paesi inclusi. Per noi il territorio è la gente. Il motivo? La Lega è l’unico partito rivoluzionario. E rivoluzione e dissenso al sistema sono elementi assolutamente giovanili. Anche nel linguaggio il leghista tipico quando parla toglie, va al nocciolo. A un sedicenne, insomma, non puoi metterti a parlare di convergenze parallele”. Un sogno nel cassetto? “L’autonomia e, da assessore all’economia, che il Veneto ritorni, quanto prima, ai dati di Pil e occupazione del pre-crisi 2008”. Ni.Ma.

• Progettazione • Potature ad alto fusto • Installazione Robot • Giardini, Parchi, • Realizzazione Tagliaerba Terrazzi • Pareti Verdi • Stop alle Talpe • Noleggio Piante per • Irrigazione Cerimonie ed Eventi • Manutenzione nel giardino

Preventivi e sopralluoghi gratuiti

cell. 348 6046422

info@vivaibarendi.com · www.vivaibarendi.com · seguici su


Elezioni Consorzio di Bonifica

ACQUE RISORGIVE

Si vota domenica 15 dicembre 2019 dalle ore 8.00 alle ore 20.00 Più che le parole, sono le cronache, con il moltiplicarsi di eventi atmosferici estremi causati dai cambiamenti climatici, a ricordarci quanto importante sia la sicurezza idraulica per il nostro territorio, per le nostre case, i nostri negozi, le nostre fabbriche.

I Consorzi di Bonifica assolvono esattamente a questo compito di prevenzione garantendo con la gestione e la manutenzione dei canali il deflusso delle acque, realizzando nuove opere per migliorare la sanità idraulica del territorio e la regimazione dei corsi d’acqua naturale, conservando ed incrementando le risorse idriche. In particolare, il nostro Consorzio “Acque Risorgive” si occupa di 2300 chilometri di canali che scorrono in una superficie di oltre 101 mila ettari, dislocati in 52 Comuni tra le province di Padova, Treviso e Venezia, dove risiedono oltre 700 mila abitanti. Il prossimo 15 dicembre saremo chiamati ad eleggere gli amministratori che per i prossimi cinque anni dovranno garantire il buon funzionamento di questo ente, designato a preservare i manufatti esistenti e a realizzare nuove opere per rendere sempre più sicuro e vivibile l’ambiente in cui viviamo. Votare è un diritto-dovere che non dobbiamo lasciarci sfuggire né sottovalutare. Ne va del nostro futuro e del futuro del nostro territorio.

VOTA LISTA 1

COME SI VOTA

I seggi elettorali sono presenti in tutti i comuni del territorio del Consorzio. Nell’avviso elettorale già pervenuto a ciascun contribuente è indicato il luogo del seggio. È possibile recarsi a votare anche nel caso in cui non fosse arrivato l’avviso o fosse stato smarrito, muniti di un documento di identità valido. Hanno diritto al voto tutti i proprietari di immobili (terreni e fabbricati) che pagano i contributi consortili. I votanti sono divisi in tre fasce in base al contributo di bonifica che il consorziato versa annualmente. La scheda di votazione è: BIANCA PER CHI VOTA IN PRIMA FASCIA VERDE PER CHI VOTA IN SECONDA FASCIA GIALLA PER CHI VOTA IN TERZA FASCIA Si vota tracciando un segno di croce sul riquadro che si trova a fianco della lista prescelta e si possono dare al massimo tre preferenze tracciando una crocetta nel riquadro a fianco dei nominativi prescelti.

Coldiretti Cia Agricoltori Italiani Confagricoltura

Prima fascia - SCHEDA BIANCA dà la tua preferenza a Clodovaldo

RUFFATO

Nato a Santa Giustina in Colle l'8 maggio 1953, funzionario della Coldiretti dal 1976 al 1999, è titolare di uno studio di consulenza specializzato nel settore agricolo. Per tre mandati vicesindaco e sindaco di Santa Giustina in Colle. Consigliere regionale dal 2005 al 2015, da presidente della Commissione Agricoltura ha presentato e sostenuto la Legge n. 12 dell’8 maggio 2009, che fissa le “Nuove norme per la bonifica e la tutela del territorio”. Presidente del Consiglio Regionale dal 2010 al 2015

RUFFATO CLODOVALDO


24

Eventi

www.lapiazzaweb.it

Locations Il castello di San Martino della Vaneza e Villa Draghi a Montegrotto

Christmas Carol, la più bella favola di Natale, una magia tutta da vivere” N

on si tratta di uno spettacolo qualunque. Christmas Carol è la più bella favola natalizia scritta da Charles Dickens, che sarà interpretata lì, tra il pubblico, e non in un palcoscenico. Ogni stanza della location prescelta (castelli o dimore storiche) è un set che rappresenta un pezzo della favola, e gli artisti interagiscono con il pubblico, rendendolo cosi a sua volta parte della favola stessa. Gli spettacoli vengono replicati molte volte nello stesso giorno e sempre nel fine settimana: dal 7 al 23 dicembre. Cinque anni fa nasceva l’avventura chiamata Vivi la Favola, un nome che riunisce artisti e imprenditori nel campo dello spettacolo e della comunicazione, che come obbiettivo si sono posti di ricreare le atmosfere di un tempo passato attraverso le fiabe classiche piuttosto che che film cult e animazione e trasformarle in teatro spettacolo,

Dal 7 al 23 dicembre, il favoloso racconto di Charles Dickens, andrà inscena per ben 6 volte al girono grazie a un cast di 40 artisti tra attori, ballerini e performers

itinerante ed interattivo. Le produzioni, che per il momento si circoscrivono in 2 appuntamenti annuali, Christmas Carol nel periodo natalizio e Monsters’House nel periodo di Halloween, sono spettacoli dove non vi è il classico punto di vista dallo spettatore al palcoscenico, ma è lo stesso spettatore a far parte della scena. Il

gruppo di lavoro comprende realtà che si sviluppano tra la provincia di Padova e Vicenza, partendo dalla regia di Maurizio Pizzato, le coreografie di Giorgia Chiurato, scenografie e costumi di Cristian Collareda, con la direzione artistica di Luca Pizzamano; il tutto con la coordinazione lavori di TT innovazioni ed il vivaio, da cui si attinge

per il 70% del cast, della Flash Dance Academy. Molto importanti per la buona riuscita degli Spettacoli sono le meravigliose cornici dove si svolgono gli spettacoli, Il castello di San Martino della Vaneza e Villa Draghi, messe a disposizione rispettivamente dalla collaborazione con la provincia di Padova e con l’amministrazione di Montegrotto Terme. Dal 7 di Dicembre si replica per il quarto anno Christmas Carol favola tratta dai racconti di natale di Charles Dickens, dichiarata 2 anni fa la più bella e rappresentativa favola di Natale, con un cast di 40 artisti tra attori, ballerini e performers che si esibiranno in 6 repliche giornaliere che ospiteranno gruppi a numero chiuso di 35 spettatori. Per partecipare alle repliche che si svolgeranno nei week end del 7/8 14/15 21/22/23 è necessaria la prenotazione www.xmascarol.it.

Un po’ di Delta in “Patto di luce” con Virginia

C

TRADIZIONE ITALIANA

PIZZA A METRO P U N T I V E N D I TA Mirano

Spinea

via Aldo Moro, 96

via Cattaneo, 31

Dolo

Marghera

via Cairoli, 81

via Cavour, 2

SI EFFETTUA CONSEGNA A DOMICILIO

’ è anche la giovane ballerina Virginia Ingegnari, originaria di Loreo, nel cast del kolossal “Patto di luce”, l’operamusical per riscoprire i valori di pace, amore e verità, con la partecipazione straordinaria di Pippo Franco. In occasione della Giornata mondiale dei diritti umani, che si tiene il 10 dicembre di tutti gli anni per ricordare la proclamazione da parte dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite della Dichiarazione universale dei diritti umani, va in scena un messaggio di pace, di invito al rispetto dell’altro e a scoprire la forza dell’amore e della verità, che giunge da Rimini con il ritorno di “ Patto di Luce”, scritto e diretto da Carlo Tedeschi. Il musical è rappresentato al Teatro Leo Amici del Lago di Montecolombo a Rimini il 9 dicembre (rappresentazione aperta al pubblico) e il 10 dicembre (data su invito), con la partecipazione straordinaria di Pippo Franco e Lucia Vasini. “Patto di Luce”, che già nei suoi primi allestimenti aveva raccolto ampi consensi sin dalle rappresentazioni al Lyrick Theatre di Assisi, in occasione della Marcia della Pace, negli innumerevoli matinée per le scuole italiane, si arricchisce nella riedizione 2019 di due presenze storiche del teatro italiano: Pippo Franco che interpreterà il ruolo della Spia e Lucia Vasini, la Matta del villaggio, e si presenta al pubblico in anteprima anticipando la prossima tournée. Melania Ruggini


È IN ARRIVO PRESSO I NOSTRI SHOW ROOM LA NUOVA MAHINDRA KUV100!

FRISO

IL CROSSOVER A MISURA DI CITTÀ!

S.R.L.

CHIOGGIA (VE) 041 49 02 92

WWW.FRISOAUTO.IT

Programma eventi 07 DICEMBRE 2019 PIAZZA PERLASCA ORE 16.00

20 DICEMBRE 2019 DUOMO DI MONTEGROTTO ore 21.00

01 GENNAIO 2020 PALABERTA ore 17.00

concerto del coro Polifonia Choir dirige Barbara Capaccioli

diretti da Giuliano Carella

con WeRevolution

Christmas is Coming

08 DICEMBRE 2019 Isola pedonale - PIAZZA CARMIGNOTO ore 15.00 - INAUGURAZIONE

Natale Artigiano

da PIAZZA CARMIGNOTO a PIAZZA ROMA ore 15.45

Animazione con Trampolieri PIAZZA ROMA ore 16.30

Concerto del Coro di San Pietro

MONTEGROTTO TERME

e distribuzione Cioccolata Calda a cura delle Associazioni di Montegrotto Terme ore 17.00 - INAUGURAZIONE

6 DICEMBRE 2019 • 6 GENNAIO 2020

Video mapping

e Accensione dell’Albero

Concerto de “I Solisti Veneti” 21 DICEMBRE 2019 CORSO DELLE TERME ore 9.30-12.30 / 15-19

Un Viaggio nel Tempo

un giro in carrozza lungo il Corso a cura dei commercianti di Corso delle Terme PIAZZA PERLASCA dalle ore 17.00

Note di Natale

con il Piccolo Coro di Casting Planet One e Spettacolo di Magia per adulti e bambini 22 DICEMBRE 2019 da VIA PLINIA a PIAZZA CARMIGNOTO ore 10.30 - 11.30 BabbinVespa parata a cura di Vespe Padane 23 DICEMBRE 2019 ORATORIO DELLA MADONNA NERA ore 21.00

con SILVER ENSEMBLE a cura di Mare Alto Teatro di Padova

letture animate a cura di lettori volontari e laboratorio creativo di addobbi natalizi per bambini fino a 7 anni

24 DICEMBRE 2019 PIAZZA ROMA al termine della S. Messa di mezzanotte

ORATORIO SAN GIUSEPPE DI TURRI ore 21.00

Christmas Acoustic Trio concerto di NICOLA MARRANO con Simone Bortolami, chitarra e Marco Storti, contrabbasso 15 DICEMBRE 2019 SCUOLA NIEVO ore 17.00

Canto di Natale

lettura animata con Romina Ranzato (nell’ambito della rassegna “Filò a Merenda”)

CITTÀ DI MONTEGROTTO TERME

Epifania di Note

concerto del coro Polifonia Choir dirige Barbara Capaccioli 06 GENNAIO 2020 TURRI ore 14.00

L’arrivo dei Re Magi a Turri

a cura della Parrocchia SS. Rosario di Turri PIAZZA MERCATO ore 16.00

Falò della Befana

con animazione e distribuzione delle Calze a cura di APS Berta e delle Associazioni di Montegrotto Terme DURANTE LA RASSEGNA 6 DICEMBRE 2019 / 6 GENNAIO 2020

Ice Skating

pista di pattinaggio sul ghiaccio ed esibizioni PIAZZA I MAGGIO tutti i giorni: 14.00 - 18.00 inoltre dal 21 dicembre al 6 gennaio anche dalle 10.00 alle 12.00 a cura di MITIA

Merry Christmas

concerto con Vox Inside Quartet auguri dell’Amministrazione comunale e distribuzione Cioccolata Calda e Vin Brulè a cura delle Associazioni di Montegrotto Terme 26 DICEMBRE 2019 VIALE STAZIONE fronte IAT ore 17.00 Spettacolo Fontane Danzanti,

Acqua, Fuoco e Luci Laser

a cura di Viorica

COMUNE DI MONTEGROTTO TERME tel. 049 8928311 - 788 - 762 • www.montegrotto.org

04 GENNAIO 2020 MONASTERO DI SANTA CHIARA - MEZZAVIA ore 21.00

Concerto di Natale

14 DICEMBRE 2019 BIBLIOTECA ALDA MERINI ore 10.30

Lettura Sotto l’Albero

Concerto di Capodanno

Provincia di Padova

6 DICEMBRE 2019 / 6 GENNAIO 2020

Natale Artigiano ICE SKATING VIDEO MAPPING MERCATINI PRESEPE

mercato e animazioni Isola pedonale - PIAZZA CARMIGNOTO tutti i giorni dalle 15.00 a cura di Arti Itineranti 8 DICEMBRE 2019 / 6 GENNAIO 2020

Christmas Dressing

spettacolo di video mapping PIAZZA ROMA tutti i giorni: 17.30 - 23.30 a cura di CircuitoZero 8 DICEMBRE 2019 / 12 GENNAIO 2020

Il Presepe di Villa Draghi

CANTINE DI VILLA DRAGHI tutti i giorni festivi e prefestivi: 10.00 - 12.30 / 13.30 - 16.30 a cura di Associazione Villa Draghi


Via Noalese Sud, 40/4 Mellaredo di Pianiga (Ve) Tel. 041 30 30 422

giorgiomare official www.giorgiomare.it

OFFERTISSIME : Gamberoni Argentini congelati a bordo

€ 13,90 al Kg Filetto di Orata da € 16.90 a

€ 12,90 al Kg

Polpo Verace di Scoglio medio

€ 10,60 al Kg Paella da € 8.99 a

€ 7.49 al Kg

“PREZZI BASSI SEMPRE” CON LA MASSIMA QUALITÀ


on-line: DICEMBRE 2019

sotti

1,90€

Ricette

ri iale Spec

www.cottoecrudo.it Più di 4.000.000 di visitatori al mese!

In collaborazione con

50Ricette Menù delle feste Tariffa R.O.C. - Poste Italiane Spa - Sped. In Abb. Post. - D.L. 353/2003 (conv. In L. 27.02.2004, n° 46), art. 1, comma 1, S/NA

per i tuoi

Speciale

RISOTTI Cucinarli alla perfezione!

I_RICETTE TRADIZIONALI 52_scelta.indd 1

a Tavola con Stile!

e Panetton

gato merin

14/11/18 15:48

In EDICOLA tutti i mesi www.sprea.it

Feste di Natale in arrivo: in cucina come un vero chef Come si prepara un primo piatto principesco? Regole e trucchi si imparano sicuramente con tanto studio e pratica... Ma di certo conoscere qualche segreto del mestiere può farci fare un figurone con amici e parenti

OUR WARM

Il primo piatto è importante perché “apre le danze” di pranzi e cene durante le festività

Runner da tavola ricamato 176x38 cm · € 19,90

VILLEROY & BOCH

Toys Delight Piatto Piano Rosso 29 cm. € 22,90

ZARA HOME

Portatovagliolo natalizio set da 6 pezzi · € 6,99

Impiattamento e immagine fanno davvero la differenza

M

olto d’effetto è riprodurre la presentazione di una portata con ingredienti tipici di un’altra: ad esempio, un dolce sotto forma di minestrone. Anche il contrasto è vincente: onsistenze diverse, colori in contrasto, sapori opposti... Un piatto è buono quando il palato percepisce in maniera armoniosa tutti i sapori e le consistenze. Di grande impatto sono le decorazioni geometriche realizzate con semi o spezie, servendosi di stampini o di un semplice foglio.

Rimani sempre aggiornato con le news in tempo reale direttamente sul tuo smartphone

facebook.com/lapiazzaweb

Clicca mi piace!


28 28 2

www.lapiazzaweb.it www.lapiazzaweb.it

In collaborazione con

Difficoltà: impegnativa Tempo: 60 minuti + 2 ore di riposo Porzioni: 4 persone

In EDICOLA tutti i mesi www.sprea.it

Ospiti vegani? Ecco cosa cucinare

Panettone “veg” gastronomico Ingredienti Per l’impasto: 500 g di farina integrale 270 ml di bevanda di riso 60 ml di olio evo 10 g di lievito di birra secco 30 g di zucchero di canna semi di papavero o semi di sesamo q.b. sale q.b. Per farcire: paté di olive nere q.b. formaggio vegano spalmabile q.b.

gorgonzola vegano (tipo Bluveg) q.b. crema di peperoni e rosmarino q.b. crema di tofu, zucchine e curcuma q.b. hummus di ceci con capperi q.b. bevanda di riso q.b. Il panettone gastronomico è davvero un classico della tradizione natalizia. Eppure anche questo piatto può essere reinterpretato per soddisfare eventuali

Anche i classici della tradizione natalizia possono essere reinterpretati alla luce della cucina vegana, per soddisfare tutte le esigenze possibili

ospiti vegani. In una ciotola capiente sciogliete il lievito e lo zucchero nella bevanda di riso, aggiungete la farina setacciata e un pizzico di sale, lavorate qualche minuto fino a renderlo omogeneo, quindi unite l’olio a filo e impastate fino a ottenere un composto liscio e sodo. Mettete in una ciotola, coprite con un canovaccio e lasciate lievitare un’ora. Riprendete l’impasto, lavoratelo qualche minuto e

trasferitelo in uno stampo da panettone, meglio se di carta adatta alla cottura. Lasciate lievitare coperto per un’altra ora. Spennellate la superficie del panettone con bevanda di riso e cospargete con semi di papavero. Cuocete in forno già caldo a 190°C per 50 minuti. Sfornate e fate raffreddare, tagliate orizzontalmente a fette, poi a spicchi e farcite con le creme scelte, quindi servite.

Idee Utili e Golose OLIO CARLI

Secchiello Quattro Oli

Delicato, Fruttato, Cento per Cento Italiano e Bio. Una varietà di eccellenti extra vergini e di sfumature. Il Secchiello, oltre ad essere un regalo ricco e pratico, una volta svuotato può essere riutilizzato. 28,90 · www.oliocarli.it

PASTICCERIA GIOTTO

Panettone al Cioccolato e Caffè

Una tensione all’eccellenza assoluta coniugata ad un progetto sociale che riempie il cuore: è questo il segreto dei panettoni del carcere di Padova. La golosa bontà del cioccolato e il gusto persistente del caffè si incontrano in un panettone ricco, dal carattere deciso e gli aromi ben pronunciati. € 25,00 · www.idolcidigiotto.it


30 30 4

www.lapiazzaweb.it www.lapiazzaweb.it

come Preparare la Casa ed il Cenone

Scopriamo le ricette vegetariane per un Natale alternativo

Menù delle feste con il Bimby & C.

DYSON

V11TM Absolute

L’aspirapolvere è dotato di microprocessori per regolare in modo autonomo la potenza di aspirazione a seconda che si tratti di tappeti o pavimenti, contenitore capiente 0,76 litri e funziona con un’autonomia fino a 60 minuti. € 649 · www.dyson.it

COOKER

Crock-Pot Express

da 5,6 litri è una pentola elettrica Multi-Cooker all-in-one che consente di cuocere a pressione, a vapore oppure come una Slow Cooker, e di rosolare prima della cottura. Da € 139,90 www.crockpot.it/

Saccottini di pasta fillo ai tre gusti

Sparabiscotti

Ideale per glasse e biscotti e per ottenere risultati da pasticceria! Con 14 decorazioni per biscotti e 6 beccucci per glassa.

€ 24,90

www.dmail.it

Auguri di Buon Natale

Gli ingredienti per 4 persone 1 confezione di pasta fillo fresca 400 ml di panna fresca -2 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato - 2 uova - 2 tuorli - 1 limone - 1 pera - 1 manciata di gherigli di noce - 30 g di formaggio tipo Asiago - lamelle di mandorle q.b. - 4 topinambur origano q.b. - 1 piccola cipolla - 1 grossa patata - 1 cucchiaio di pesto - 30 g di crescenza - 1 manciata di pinoli - olio evo q.b. - burro q.b. sale q.b. - pepe q.b. La pasta fillo è un ingrediente tradizionalmente utilizzato nella cucina mediorientale, che può essere impiegato per realizzare secondi piatti o antipasti originali. Piatti che si possono realizzare anche con il Bimby. Scopriamo, ad esempio, come preparare un delizioso

v i a G h e b b a , 2 6 · O r i a g o d i M i r a ( V e) · t e l .

manicaretto che può ben impressionare gli ospiti delle feste. Mescolate nel boccale del Bimby la panna, il parmigiano reggiano grattugiato, sale, pepe, le uova e i tuorli. Avviate a velocità 5 e frullate per 1 minuto. Dividete la pera in 4 spicchi, sbucciateli, eliminate le parti di torsolo e affettateli, dividendo poi le fettine a metà; quindi irroratele con succo di limone. Sbucciate i topinambur, irrorateli con succo di limone, metteteli nel recipiente del Bimby e tritateli grossolanamente per 20 secondi a velocità 5. Procedete allo stesso modo con la cipolla. Aggiungete nel Bimby una noce di burro, un filo di olio, sale e pepe e rosolate la cipolla tritata a 100°C in senso antiorario per 2 minuti. Aggiungete i topinambur e cuocete

041 429387

C H I U S O M A RT E DÌ S E R A E M E R C O L E DÌ

allo stesso modo per altri 5 minuti; poi regolate di sale e pepe e profumate con l’origano. Tagliate la patata a cubetti e metteteli nel cestello del Bimby. Inserite il cestello nel boccale e aggiungete una quantità di acqua sufficiente a sfiorare il fondo del cestello e avviate a temperatura Varoma per 15-20 minuti a seconda della dimensione dei cubetti. Condite i cubetti di patate con il pesto e un filo di olio. Tagliate la pasta fillo con le forbici in quadrati di 10-12 cm di lato. Sciogliete 80 g di burro nel boccale del Bimby a 80°C, velocità 3 per 1-2 minuti. Spennellate di burro fuso 4 fogli di pasta fillo, disponendoli uno sull’altro e sistemateli in uno stampino individuale del tipo usa e getta spennellato di burro; procedete allo stesso modo, preparando altri 11 cestini, facendo sempre fuoriuscire le punte di pasta fillo. Riempite 4 tartellette, che avrai lasciato negli stampini con pere, noci e qualche cubetto di Asiago. Riempite altre 4 tartellette con i topinambur e quindi con le mandorle a lamelle. Riempite infine le ultime 4 tartellette rimaste con le patate al pesto, qualche ciuffetto di crescenza e qualche pinolo. A questo punto dovrete versare in ciascuna tartelletta un po’ di composto di panna e uova, senza eccedere ma solamente per coprire a filo il ripieno. A questo punto i saccottini possono essere infornati a na temperatura di 180°C per un tempo di cottura di circa 15-20 minuti. Una volta adeguatamente dorati possono essere serviti in tavola.

con Professionalità dal 1960 · www.nadain.it


31 31 5

www.lapiazzaweb.it www.lapiazzaweb.it

Torta soffice speziata al miele

Meringhette tricolore

Ciambelline al rum

DI DOLCE IN DOLCE - N. 80 - MENSILE- € 1,90

Difficoltà: facile Preparazione: 20 min Cottura: 45 min

P.I. 23-11-2018 - DICEMBRE

Cop_I_IV_DID80_scelta.indd 1

Gli ingredienti per 8 persone 150 gr di farina 00 - 50 gr di frumina - 3 uova - 170 ml di yogurt greco - 180 gr di zucchero a velo + quello per spolverizzare - 50 ml di panna - 50 ml di olio - 2 cucchiai di miele - un pizzico di sale -mezza bustina di lievito vanigliato per dolci

Pepatelli

Biscotti alle spezie Lebkuchen

SPECIALE DOLCI delle FESTE

Il principe della tradizione dolciaria e della gastronomia natalizia rivisitato per renderci “mastri pasticcieri” agli occhi dei nostri ospiti. Con l’ausilio dello yogurt greco. Marmellata di mele e uvetta

Di dolce in DOLCE

Girandole golose

www.cottoecrudo.it Più di 4.000.000 di visitatori al mese!

DOLCI VELOCI TORTE BISCOTTI

In collaborazione con

SCUOLA di CUCINA

gna Spa n di ste Padelle fe

Tariffa R.O.C. - Poste Italiane Spa - Sped. In Abb. Post. - D.L. 353/2003 (conv. In L. 27.02.2004, n° 46), art. 1, comma 1, S/NA

Budino soia e menta

Di dolce in DOLCE

Panettone allo yogurt Soufflè alla vaniglia

SOLO 1,90 €

MOUSSE ALDIMANGO LAMPONI IN CREMA

PIE RUSTICO ALLE PERE

Speciale DOLCI delle FESTE Panettone, panforte, zuccotto...

La nostra tradizione è ricca di gustosi dessert per imbandire le tavole NATALIZIE

TI PAN SPEZIA IZI NATAL

+

In i trucchi della NONNA

In EDICOLA www.sprea.it

08/11/18 11:57

PANDORA

Disney, Charm Mickey Mouse Babbo Natale € 59,00

www.pandora.it

• In una terrina montate con le fruste elettriche i rossi d’uovo con lo zucchero e il miele fino a quando saranno spumosi e chiari, tenendo da parte i bianchi.

TIFFANY & CO.

Pendente

Collezione Open Heart di Elsa Peretti® € 160 · www.tiffany.it

• Aggiungetevi lo yogurt greco precedentemente lavorato con una spatola per ammorbidirlo insieme alla panna.

• Ultimate con l’olio a filo e i bianchi montati a neve e versate il composto in uno stampo da pasticceria in carta o una tortiera.

• Versate quindi a pioggia la farina miscelata alla frumina, al sale e al lievito incorporando con una spatola delicatamente.

• Cuocete in forno caldo a 180° per circa 45 min, fate raffreddare e spolverizzate di zucchero a velo prima di servire.

Difficoltà: facile Preparazione: 15 min Cottura: 8 min

SWATCH

BBBlack

Swatch presenta un quadrante da 47mm e audaci lancette a forma di freccia, vetro piatto completamente nuovo, stampe 3D nere sul quadrante e sul cinturino. € 90 · www.swatch.it

powered by Prosecco

FAI UN REGALO DI GUSTO! Alla Vineria trovi tutti i prodotti ENOGASTRONOMICI ARTIGIANALI per comporre la tua cesta di Natale! La Vineria | via Roma 439/e, Spinea © Designed by Sofia Benetti - email: benettisofia@gmail.com


www.lapiazzaweb.it

laPiazza

33

FEBBRAIO

08-09 2020

Trenino rosso del Bernina e Val Roseg in carrozza

Q U OTA I N D

I

349€

VI D UA

Viaggio in pullman GT Accompagnatore 1 pernottamento in hotel*** Sistemazione in camere doppie

Bernina incanto delle Alpi

25-29 Sahara Experience 2020

Q U OTA I N D

I

950€

VI D UA LE

D

20€

Supp.camera singola

FEBBRAIO

di Anna Bergantin ue giorni da sogno quelli di Sabato 30 e domenica 1 Dicembre passati con il gruppo di Piazza Vacanze! Un bel gruppo di quaranta persone provenienti da diverse provincie tra Treviso, Rovigo e Padova. Il primo giorno è passato a Tirano dove abbiamo visitato la Basilica in stile prettamente rinascimentale e il centro storico molto caratteristico. Dopo una cioccolata calda la serata si è svolta in hotel con una cena in compagnia festeg-

LE

La quota comprende:

Trattamento in pensione completa dal pranzo del primo giorno al pranzo dell’ultimo Escursione con Bernina Express Escursione con carrozze/slitte trainate da Cavalli Assicurazione medico bagaglio

Marrakech – Ouarzazate - Zagora e 1 notte nel deserto del Sahara.

giando il nostro amico Sandro di Adria. La Domenica iniziata all’alba ci ha visto prendere la prima corsa del Bernina express che in 8 fermate da cartolina tra un’altitudine crescente abbiamo raggiunto Sant Moritz. La lussuosa cittadina semideserta di domenica ci ha ospitato per la chiesa ortodossa e per il pranzo con la neve che cadeva. Una bellissima esperienza che ripeteremo il 7 Febbraio! Con anche una incantevole gita in slitta! Quindi affrettatevi a prenotare!

La quota comprende: Trasferimento all’aeroporto di Bergamo a/r - Volo aereo Tasse aeroportuali Bus per visite e trasferimenti Guida e assistenza in lingua italiana - Trasferimento al campo tendato nel APRILE MAGGIO

29 03

95€

Supp.camera singola

deserto con 4x4 1 bagaglio da stiva 20 Kg 3 pernottamenti in hotel**** Tipo Hotel Atlas Asni o similare 1 notte presso il campo tendato nel Sahara - Trattamento in pensione completa Assicurazione medico bagaglio

Budapest

2020

Q U OTA I N D

I

VI

730€

D UA LE

3 notti a Budapest e 1 notte a Maribor

La quota comprende: Viaggio in pullman GT Accompagnatore agenzia 3 pernottamenti in hotel**** a Budapest - 1 pernottamento in hotel**** a Maribor Sistemazione in camere doppie

In alto in questa colonna, Leopoldo e Antonietta (Costa di Rovigo), sotto, Fabiana e Caterina da Rovigo ed infine Genny, Arianna, Matteo, Alberto della Bassa Padovana e Treviso. A fianco, da sinistra Sandro e Velia da Adria, Michele da Treviso, subito sotto il gruppo vacanze Via Ernesto Vallini e infine Pia e Bruno da Adria

150€

Supp.camera singola

Trattamento in pensione completa dalla cena del primo giorno al pranzo dell’ultimo giorno Ingressi: Castello Basilica di St. Stefano, Chiesa Matthia, Bastione dei Pescatori e Casa del Terrore, Visegrad nel Palazzo Reneissance di Re Mattia. Assicurazione medico bagaglio

PER MAGGIORI DETTAGLI VISITA IL NOSTRO SITO WEB:

www.lapiazzaweb.it/vacanze

Organizzazione tecnica: Fulvia Tour srl · via Chieppara, 24 · 45011 Adria (Ro) P. Iva 00968020297 Aut. N° 717/1427 Polizza RC n°79933049 Allianz Spa Protezione insolvenza/fallimento: Fondo Vacanze Felici s.c.a.r.l. Mail pec: fulviatour@pec.it cod. Dest. BA6ET11


laPiazza

34

Piazz

www.lapiazzaweb.it la

Food & Drink

Foo

LA VERZA MORETTA, DALLE TAVOLE POVERE DEL ‘900 AILA PIATTI VERZA DEI MORETTA, GRANDI CHEF DALLEDI TAVOLE OGGI POV Un prodotto che rischiava di scomparire dal mercato, oggi, grazie alla tenacia di coltivatori e stimatori, è tornata nelle tavole dei migliori ristoranti. E’ il caso del “cavolo-verza moretta”, già coltivata a Veronella ai primi del passato Novecento. Gli agricoltori locali hanno riportato alla luce un prodotto dal bellissimo aspetto, dalle ottime qualità in cucina e dal grande contenuto vitaminico. Un vegetale che, non solo veniva venduto nel Veneto, ma raggiungeva persino la Valle d’Aosta e dopo la seconda guerra mondiale figurava anche sui mercati della Germania. La “verza moretta” è un prodotto ortofrutticolo caratterizzato da un colore viola intenso all’esterno e una parte interna di colore bianco-giallo. Le foglie sono corpose e con un aspetto riccio e finemente bolloso. Ha sapore piacevolmente dolciastro e si presta a vari usi in cucina. Fin dalle origini la coltivazione della “verza moretta”, dalla

selezione del seme alla raccolta, veniva effettuata a mano coinvolgendo l’intera famiglia. La selezione del seme inizia con la raccolta, si procede alla selezione delle piante individuando i cespi che presentano caratteristiche più marcate in modo da mantenere il più possibile la rusticità del prodotto. Il periodo

per la raccolta, rigorosamente manuale, inizia a novembre e termina a febbraio. La lavorazione viene effettuata direttamente sul campo. La “verza moretta” non si presta alla stagionatura ma ad una conservazione di breve-medio termine, fino ad un massimo di 30 giorni in cassa di legno nella quale vengono collo-

di invitarvi nel nostro nuovo locale con MINI 4WD & Autopiste Elettriche Hobby per grandi e piccoli.

Un prodotto che rischiava di scomparire dal mercato, oggi, grazie alla tenacia di coltivatori e stimatori, è tornata nelle tavole dei migliori ristoranti. E’ il caso del “cavolo-verza moretta”, già coltivata a Veronella ai primi del passato Novecento. Gli agricoltori locali hanno riportato alla luce un prodotto dal bellissimo aspetto, dalle ottime qualità in cucina e dal grande contenuto vitaminico. Un vegetale che, non solo veniva venduto nel Veneto, ma raggiungeva persino la Valle d’Aosta e dopo la seconda guerra mondiale figurava anche sui mercati della Germania. La “verza moretta” è un prodotto ortofrutticolo caratterizzato8-10 da un colore intenso cati pezzi, in unviola luogo fresco e una parte interna eall’esterno leggermente umido. diIlcolore bianco-giallo. Leconsufoglie prodotto è ottimo se sono corpose e con un aspetto mato fresco ma si presta a vari riccio e finemente Ha usi in cucina: zuppe, bolloso. risotti, insasapore piacevolmente dolcialate, contorni, involtini, sformati, stro e siancora. presta a vari usi in cued altro cina. Tutt’oggi la “verza moretta” è dalle origini la coltivaziounFin prodotto di nicchia, apprezzaneedella moretta”, dalla to molto“verza richiesto, è reperibile

selezione seme alla raccolta, nella zona del presso ristoranti e alveniva effettuataspecializzati a mano coincuni dettaglianti in volgendo l’intera famiglia. La prodotti tipici, nel periodo inverselezione seme inizia con la nale. Ogni del anno a fine novembre raccolta, alla seleziosi celebrasilaprocede festa della verzane delle apiante individuando moretta Veronella e per l’oc-i cespi che presentano carattericasione i piatti a base di questo stiche piùsono marcate in modo da prodotto sempre più fanmantenere il più possibile la rutasiosi e gustosi. https://www. sticità del prodotto. Il periodo facebook.com/verzamoretta/

PANETTONE GIOTTO, DAL CARCERE A.S. Black Panthers è lieto DI PADOVA ALLE TAVOLE ITALIANE

PANETTONE GIOTTO, DAL CARCERE DI PADOVA ALLE TAVOLE ITALIANE

E’ padovano uno dei 10 panettoni migliori d’Italia. A decretarlo, solo due anni fa, è stata la guida “Il Gambero Rosso” che ha steso la top ten dei panettoni di alta pasticceria, preparati con ingredienti selezionatissimi, burro di panna, uova da galline allevate a terra, in alcuni casi canditi autoprodotti, senza mono né digliceridi degli acidi grassi. Giusto a metà classifica c’era proprio il Giotto, definito “uno dei più buoni panettoni in vendita nel mercato italiano di nicchia”. L’eccellenza, in questo caso, si produORARI: ce dietro le sbarre, nella PasticceMARTEDI’ 20:00/23:00 ria Giotto all’interno del carcere GIOVEDI’ 20:00/23:00 Autopiste Elettriche Due Palazzi di Padova. Dal 2005 alcuni detenuti guidati da maestri VENERDI’ 20:00/23:00 pasticceri ogni giorno producono SABATO 18:00/23:00 dolci e da fine ottobre panettoni DOMENICA solo in caso di GARA figli di una lavorazione di circa 72 ore e ingredienti selezionati (burro belga, scorza d’arancia e cedro di Diamante canditi, uva sultanina naturale turca…), venduti anche all’estero. “Alto e privo di glassa - scrive il Gambero Rosso - con la cupola chiara ambrata, è un si- dei mono e digliceridi degli acidi gnor panettone d’antan, austero grassi. Eccellenti i canditi e l’uveted elegante, classico nei profumi ta, in giusta quantità e proporzioe nel gusto, un campione di mor- ne, sapore armonico, dolcezza non Black-Panthers mini 4 wd bidezza, dalla struttura dorata sof- sparata, aromi pannosi e agrumaA.S. BLACK-PANTHERS ficissima, aerea e filante ottenuta, ti, struttura arrendevole e fondenRoma 281 Arsego, Giorgio delle Pertiche (PD) a onor del vero,via anche con l’aiuto te”. Non restaSan che provare!

E’ padovano uno dei 10 panettoni migliori d’Italia. A decretarlo, solo due anni fa, è stata la guida “Il Gambero Rosso” che ha steso la top ten dei panettoni di alta pasticceria, preparati con ingredienti selezionatissimi, burro di panna, uova da galline allevate a terra, in alcuni casi canditi autoprodotti, senza mono né digliceridi degli acidi grassi. Giusto a metà classifica c’era proprio il Giotto, definito “uno dei più buoni panettoni in vendita nel mercato italiano di nicchia”. L’eccellenza, in questo caso, si produce dietro le sbarre, nella Pasticceria Giotto all’interno del carcere Due Palazzi di Padova. Dal 2005 alcuni detenuti guidati da maestri pasticceri ogni giorno producono dolci e da fine ottobre panettoni figli di una lavorazione di circa 72 ore e ingredienti selezionati (burro belga, scorza d’arancia e cedro di Diamante canditi, uva sultanina naturale turca…), venduti anche all’estero. “Alto e privo di glassa - scrive il Gambero Rosso - con la cupola chiara ambrata, è un signor panettone d’antan, austero ed elegante, classico nei profumi e nel gusto, un campione di morbidezza, dalla struttura dorata sofficissima, aerea e filante ottenuta, a onor del vero, anche con l’aiuto

Vi aspettiamo!

info: +39 3400587695

dei mono e digliceridi degli acidi grassi. Eccellenti i canditi e l’uvetta, in giusta quantità e proporzione, sapore armonico, dolcezza non sparata, aromi pannosi e agrumati, struttura arrendevole e fondente”. Non resta che provare!

per la manua termin ne vien sul cam non si ra ma breve-m massim legno n


Salute

laPiazza laPiazza alutealute / Si Viaggiare

S

www.lapiazzaweb.it

Informazione a pagamento a cura degli esperti del settore

S

Per partecipare alla rubrica chiamare il numero 049 8704884

35 1

www.lapiazzaweb.it/category/salute/

“Non sei sola”. La Regione accanto alle vittime di violenza

T

re giovani donne, di spalle, si abbracciano tenendosi per la vita. È l’immagine-simbolo della nuova campagna regionale “Non sei sola- Affidati alla rete” avviata dalla Regione Veneto d’intesa con la rete dei Centri antiviolenza in concomitanza con la Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne che si è celebrata il 25 novembre. Una campagna per informare e sensibilizzare le donne, attraverso pieghevoli e bigliettini da visita distribuiti nei luoghi ‘topici’ della vita femminile e in tutte le strutture sanitarie, farmacie comprese, per aiutarle a non subire un “amore malato”, ad aver coraggio di denunciare aggressioni, discriminazioni e violenze, a mettere in salvo se stesse e gli eventuali figli da una relazione violenta. Perché il problema, anche se troppo spesso sfugge alle cronache, è acuto anche in Veneto. Nel 2018 i Centri antiviolenza della nostra regione sono stati contattati da quasi 8.500 donne, e con più di 3.200 da quel primo colloquio è iniziato un percorso di sgancio dall’ambiente familiare. Numeri che, se rapportati dalla popolazione, sono eloquenti: una segnalazione o richiesta di aiuto ogni 300 donne residenti, una vittima presa in carico ogni 770 donne residenti.

Denunciare la violenza è il primo passo per salvarsi

Prosegue alla pag. seguente

Più soldi per le case di riposo dalla Regione

a pag 36

Robot e clima familiare per la sanità della Bassa Padovana a pag 37

500 Elettoencefalogramma posti a(EEG): concorso che cos’è per e perchè la sanità farlo veneta a pag 38

Vuoi collaborare con noi? Contattaci!

Salute

>> Condividi la tua esperienza ed i tuoi consigli sul nostro >> Inserto Salute

via Lisbona, 10 · 35127 Padova · tel. 049 8704884 · info@givemotions.it · www.givemotions.it


laPiazza

36

Salute

Consulenza scientifica POLIAMBULATORIO MORGAGNI

Dott.ssa Marilena Vecchi - Specialista in Pediatria e Neuropsichiatria Infantile Affidea – Poliambulatorio Morgagni Via Cavazzana 39, Padova Tel. 049 8787479 e-mail: info.morgagni@affidea.it www.affidea.it

R

L

Il riparto del fondo per la non autosufficienza aumenta i contributi per le impegnative di residenzialità, a fronte del costante invecchiamento della popolazione. In 5 anni 1.800 posti in più za si presenta con una dotazione finanziaria complessiva di 786,1 milioni di euro, oltre 22 in più rispetto allo scorso anno. Nel fondo confluiscono le risorse stanziate dalla Regione con il proprio bilancio (739,6 milioni di euro) e la quota trasferita al Veneto del Fondo nazionale per la non autosufficienza (45,5 milioni di euro). Nella suddivisione adottata quest’anno il fondo riserva dunque la “parte del leone” alle impegnative di residenzialità per gli anziani. Nel complesso sono 493,6 milioni di euro (pari al 62,8 per cento), 13 milioni in più dello scorso anno, i contributi per le rette nelle case di riposo. Altri 161,7 milioni di euro (il 20 per cento del Fondo) sono invece stanziati per l’accoglienza residenziale per le persone disabili. Si tratta di quasi 10 milioni in più rispetto allo scorso anno, ripartiti tra contributi alle rette per chi è assistito in casefamiglia o istituti (67,6 milioni) e contributi per chi frequenta centro diurni educativi e occupazionali (94 milioni di euro). In tota-

“Non sei sola”. La Regione accanto alle vittime di violenza Segue alla pag.precedente

Più soldi per le case di riposo dalla Regione ’Italia invecchia, il Veneto non è da meno e col crescere del numero di over 65 è necessario rimodulare oltre alla risposta sanitaria anche i servizi socioassistenziali, tenendo conto della difficoltà che sempre più le famiglie incontrano nell’assistere i propri anziani. Ecco perché la priorità all’assistenza residenziale e semiresidenziale ad anziani e disabili, cioè ad accorciare le liste di attesa per l’inserimento in case di riposo, case famiglia e centri diurni, è l’indicazione-chiave che guida il riparto del Fondo regionale per la non autosufficienza 2019, contenuta nel provvedimento approvato dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore alla sanità e al sociale Manuela Lanzarin, e ora trasmesso alla quinta commissione del Consiglio regionale per il parere di competenza. “Nel riparto di quest’anno ci sono 13 milioni in più per le impegnative di residenzialità per gli anziani nelle case di riposo e quasi 10 milioni di euro in più per le rette dei Ceod e delle strutture residenziali per disabili – conferma l’assessore Lanzarin – Abbiamo scelto di rafforzare le quote del fondo dedicata alla residenzialità e di razionalizzarne le diverse voci di spesa al fine di aumentare il numero delle impegnative per anziani e disabili. E l’abbiamo fatto senza nulla togliere agli altri servizi che la Regione assicura ai non autosufficienti. Di fronte al continuo invecchiamento della popolazione, al numero crescente di anziani soli e alle domande di “sollievo” assistenziale da parte delle famiglie, la priorità è aumentare le rette con contributo regionale nelle strutture residenziali”. Il Fondo 2019 per la non autosufficien-

www.lapiazzaweb.it

le, quindi, la Regione impegna quest’anno 32 milioni di euro in più rispetto al 2015 per impegnative di residenzialità, corrispondenti a 1.795 posti in più, ossia a 15 residenze assistite o centri servizi da 120 posti ciascuno. La quota rimanente del fondo, pari a circa il 15 per cento delle risorse, servirà invece a garantire la continuità dei servizi di domiciliarità: assegni di domiciliarità per chi è assistito a casa (108 milioni di euro), progetti di vita indipendente (1,6 milioni di euro), servizio di telesoccorso/ telecontrollo (5,5 milioni di euro), ricoveri temporanei di sollievo a sostegno delle famiglie dei malati di Sla (832 mila euro) e assistenza agli ex degenti degli ospedali psichiatrici (2,5 milioni di euro). “Nel prossimo bilancio, l’impegno sarà ulteriormente rafforzato – conferma l’assessore – con una spesa di 38 milioni di euro in più rispetto all’esercizio attuale, da investire soprattutto nei servizi residenziali accreditati”.

isultati ottenuti sia grazie a una maggiore consapevolezza, che spinge le donne a denunciare i maltrattamenti, sia grazie all’impegno professionale ed economico profuso nella rete territoriale. “In Veneto – ricorda l’assessore alla sanità e al sociale Manuela Lanzarin – sono attive 44 strutture antiviolenza, tra sportelli di ascolto, centri antiviolenza e case rifugio, in pratica una ogni 53 mila donne residenti”. Oltre a sostenere i centri antiviolenza, la Regione ha anche provveduto con 109 corsi a formare oltre 3300 operatori di pronto soccorso (medici, infermieri, ostetriche, pediatri, ginecologi ma anche medici di base, farmacisti, assistenti sociali, psicologi) perché ospedali, ambulatori e presidi sanitari sono la prima “sentinella” per intercettare abusi e violenze, aiutando così le donne a diventarne consapevoli e ad avere il coraggio di autotutelarsi. L’impegno di spesa complessivo per campagne informative, rete delle strutture, formazione degli operatori di emergenza ed urgenza e percorsi protetti ha superato i 12 milioni nell’ultimo decennio, 5.9 milioni stanziati dalla Regione, il resto di fonte statale. Con una differenza, però: mentre i finanziamenti regionali (previsti dalla legge 5/2013) sono puntuali e arrivano alle strutture nell’arco di un anno, per quelli statali l’ultima erogazione risale al 2017 e si attende ancora La Giornata la liquidazione del riparto dei fondi 2018. mondiale “E’ stato fatto un grande lavoro del 25 novembre di squadra per affrontare quello che è stata l’occasione non è solo un problema sanitario, per lanciare ma un problema sociale – sottolinea Gianna Vettore, medico di pronto la nuova campagna soccorso e responsabile del Centro regionale e fare regionale di Emergenza e Urgenza – il punto delle strutture Abbiamo così impostato nei Pronto Soccorso percorsi “privilegiati” di a disposizione delle trattamento e accompagnamento, donne che cercano omogenei in tutto il territorio regiouna via d’uscita nale, utili anche per affrontare la violenza assistita, cioè quella subita dai minori, che lascia ferite per tutta la vita. La campagna informativa è un invito alle donne a fidarsi e ad imparare a chiedere aiuto”. Se il primo passo è aiutare le donne a riconoscere e denunciare le violenze subite, il passo ulteriore è avviare un percorso di autonomia, senza il quale è spesso impossibile sottrarsi alle dinamiche perverse che si vivono tra le mura di casa. Per le donne vittime di violenza e avviate ad un percorso protetto la Regione garantisce già da tempo alle associazioni antiviolenza la disponibilità di alcuni alloggi pubblici. Adesso, grazie alla nuova intesa raggiunta con Confindustria Veneto, il sistema produttivo regionale è anche impegnato a facilitarne l’inserimento occupazionale. L’alternativa, ancora troppo spesso, può essere una morte violenta. Una tragedia che quasi sempre porta con sé un’ulteriore dramma, su cui ha acceso le luci un convegno organizzato a Padova venerdì 22 novembre dalla De Leo Fund onlus e dal Comune: le 856 vittime di femminicidio registrate in Italia dal 2000 a oggi, hanno lasciato dietro di sé più di duemila bambini orfani. Vittime invisibili agli occhi della legge, ma segnate da traumi indelebili nel cuore. Anche per loro, per il loro futuro, ogni piccolo segnale di violenza va considerato con attenzione e ogni spirale denunciata. Prima che sia troppo tardi.

Salute è anche WEB

Salute

>> I consigli dei nostri Medici di Zona su www.lapiazzaweb.it >> Seguici !!!

via Lisbona, 10 · 35127 Padova · tel. 049 8704884 · info@givemotions.it · www.givemotions.it


laPiazza

www.lapiazzaweb.it

Salute

37

Robot e clima familiare per la sanità della Bassa Padovana All’ospedale Madre Teresa arriva il Da Vinci Xi per la chirurgia, mentre a Piove di Sacco è in funzione da novembre la nuova Unità riabilitativa territoriale

C

onferisce al gesto chirurgico estrema precisione, permette una grande versatilità dei movimenti e consente di raggiungere spazi anatomici ristretti e profondi. Questo, per i pazienti, si traduce nell’assenza di cicatrici, nella tutela delle strutture anatomiche, in rischi di infezione post-operatoria più bassi e tempi di degenza e di recupero più brevi. È il sistema robotico Da Vinci Xi, evoluzione ultima della chirurgia mininvasiva, che sta per approdare all’Ospedale Madre Teresa di Calcutta di Monselice. Gioiello di ultima generazione, con un costo di quasi 4 milioni per cinque anni di noleggio, verrà impiegato dai primi mesi del prossimo anno per interventi chirurgici, urologici e ostetrico-ginecologici. Come funziona? Il chirurgo non opera con le proprie mani ma manovrando un robot a distanza, seduto a una console computerizzata

posta all’interno della sala operatoria. In pratica il sistema computerizzato trasforma il movimento delle mani in impulsi che vengono convogliati alle braccia robotiche, garantendo oltre all’assoluta precisione anche gradi di libertà e angolazioni che a mano libera non sarebbe possibile raggiungere. La visione in 3D del sistema permette inoltre di amplificare l’immagine, con una migliore percezione visiva dei dettagli anatomici. Si va così a creare una perfetta simbiosi tra la macchina intelligente e l’uomo che ne ha assoluto controllo. “Con l’impiego di Da Vinci – sottolinea il Direttore Generale dell’Ulss 6 Euganea, Domenico Scibetta – grazie alla precisione del gesto chirurgico, il medico riesce ad essere più conservativo nel rispetto dei tessuti e degli organi non interessati dalla patologia nonché più preciso nelle fasi ricostruttive. In parti-

500 posti a concorso per la sanità veneta

A

ltri 356 posti per medici e 137 per il personale della sanità messi a concorso entro fine mese da Azienda Zero. Dopo il bando per medici ancora non specializzati di settembre, che prevede 500 inserimenti nei reparti in collaborazione con le Università, prosegue la “campagna acquisti” della Regione per ovviare alla carenza di personale nella sanità pubblica, in gran parte dovuta a una errata programmazione negli scorsi anni del numero di borse di specialità per i neolaureati. “La Regione ha assunto, assume e assumerà tutti i medici e il personale che ne abbia i titoli e voglia cimentarsi in piena efficienza che siano disponibili in un sistema sanitario di eccellenza – a ridare un loro contributo. commenta il presidente Zaia – So bene “Dallo scorso settembre – prosegue che il personale in servizio sta schiac- Zaia – il Governo e il Ministero della ciando l’acceleratore Salute hanno sul Prosegue lo sforzo fino al fondo, e di tavolo una propoquesto sono grato a sta organica per per consolidare tutti, ma mi auguro affrontare il problegli organici dopo che quanto prima le ma, elaborata dal l’inserimento tante azioni che abVeneto e approvata biamo messo in moto dei medici laureati all’unanimità dalle abbiano effetto”. ma non specializzati Regioni italiane. Tra le altre “carte” Sono 16 punti conin reparto che il Veneto sta tencreti e realizzabili in tando di giocarsi, ci sono anche l’inseri- fretta, tra i quali anche la possibilità per mento negli ospedali degli specializzan- le Regioni con i conti in ordine di erogadi dal terzo anno, di cui la Regione sta re incentivi economici mirati. Uno sforragionando con gli Atenei, e il ritorno in zo che purtroppo rimane per ora senza servizio di medici pensionati ma ancora risultato”.

colare l’utilizzo del Robot permette una miglior attività chirurgica soprattutto in ambito oncologico, maggiore sicurezza per il paziente, minor dolore postoperatorio, migliore preservazione delle strutture anatomiche, minori possibilità di complicazioni e soprattutto maggior precisione dell’atto chirurgico, oltre che un minor rischio di sanguinamento e

una ridotta necessità di trasfusioni. Ritengo che l’investimento in questa tecnologia molto avanzata contribuisca in maniera significativa alla valorizzazione dell’Ospedale Madre Teresa di Calcutta, consentendo di migliorare la qualità della terapia chirurgica offerta ai pazienti dell’area di Padova Sud, essendo il Robot da Vinci già in uso, con ottimi

risultati, nell’Alta Padovana”. Ma l’impegno a migliorare i servizi sanitari al vasto territorio della Bassa non passa solo per l’ultima frontiera dell’innovazione. Da inizio novembre a Piove di Sacco è in funzione la nuova Unità riabilitativa territoriale: una struttura in grado di accogliere pazienti che non possano seguire il normale percorso riabilitativo ambulatoriale ma che non è opportuno ricoverare in ospedale o in strutture residenziali. Con i suoi 18 posti, in stanze da due o tre letti attrezzate con ausili per la mobilizzazione dell’ospite, servizi igienici per persone con disabilità e accesso gratuito a internet, l’Unità riabilitativa consente invece di consolidare i risultati ottenuti mediante la riabilitazione ospedaliera o di intervenire per ulteriori necessità che richiedano un tempo limitato di degenza, di norma 2 settimane, con la possibilità di permanere sino a 6-8 settimane. Particolare attenzione è posta anche alla valorizzazione e al coinvolgimento della rete parentale, a partire dagli ambienti e dall’organizzazione delle attività di cura che si ispirano il più possibile a un modello di tipo familiare.

Cresce ancora la rete dei defibrillatori nel Veneziano Altri due apparecchi di ultima generazione si aggiungono POLIAMBULATORIO CONVENZIONATO CON a quelli già posizionati dall’Ulss 3, a Spinea e a Carpenedo

SSN

D

ue nuovi defibrillatori nel territorio • Psichiatria Psicoterapia • Ortopedia • Laboratorio Analisi dell’Ulss 3 Serenissimadiper garan• Ecocolordoppler • Psicologia • Radiologia e tire sempre maggiore sicurezza e il Venoso Arterioso Risonanza Magnetica • Urologia pronto intervento in caso di necessità. • Medicina del Lavoro • Ecografia • Otorinolaringoiatria Il primo è stato posizionato a Spinea, in Elastosonografia • Ginecologia-Ostetricia Foniatria Piazza Municipio, grazie anche al con• Fisioterapia • Neurologia tributo • diMammografia Cuore Amico Mirano onlus Oculistica che ha •donato la teca verde che lo cu• Terapia del Dolore • Endocrinologia stodisce e che è in grado di proteggerlo Dietologia • Ortottista garantendo una temperatura costante • Logopedia • Dermatologia all’interno in tutte le stagioni. Il Dae (Defibrillatore Automatico Via Roma, 230 - Spinea (VE) Esterno) è un defibrillatore di ultima geT. 041.994833 - centroclinicochimico.it nerazione, utilissimo nel caso di arresto cardiocircolatorio. Non va mai dimenticato, infatti, che un intervento immediato nell’arco dei primi cinque minuti percorsi, progetti per rispondere ai reali no-Dolo, dove ne sono stati collocati 6. può fare la differenza per la salvezza. bisogni di salute della popolazione”. L’utilizzo del Dae è semplice, anche se Con Spinea, la rete dei defibrillatori Il secondo defibrillatore è stato indi fronte ad una persona colta da malonel territorio della Riviera del Brenta e vece installato a Carpenedo, in piazza, re può non essere semplice intervenire. del Miranese, che vede ben 21 appagrazie al dono della famiglia La Rosa, In caso di necessità, di fronte ad una recchi installati e funzionanti. che ha voluto così ricordare un familiapersona che va soccorsa, è necessario “I risultati migliori – ha ricordato re, mancato improvvisamente nel febprima di tutto chiamare il Suem 118 all’inaugurazione il Direttore Generale braio 2018 a causa di un arresto carche guiderà le operazioni di chi assiste della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben – sono diaco. Nel Distretto del Veneziano sono chi sta male. Ma anche il defibrillatore quelli che si ottengono facendo squaora 141 i defibrillatori posizionati e mo“parla” e dà istruzioni per collocare le Via Rossignago 53/c 30038 Spinea (VE) dra come è successo oggi tra istituzionitorati dall’Azienda sanitaria: 68 a Vepiastre sul corpo; ed è “intelligente”, Tel. 041.998268 - Cell. 320.8644596 ni e società civile. Come Cuore Amico nezia Centro storico, 29 nelle isole, 44 poiché si attiva e dà la scarica solo nel info@equilibero.it - www.equilibero.it Mirano onlus, tante altre associazioni in terraferma. Procede anche la districaso in cui la segnalazione che riceve collaborano con l’Ulss condividendo buzione nei Comuni del Distretto Mirapreveda l’uso del defibrillatore.

EQUILIBERO

FISIOTERAPIA E RIABILITAZIONE Rieducazione funzionale, nutrizione


laPiazza

38

Salute

www.lapiazzaweb.it

laP

Elettroencefalogramma (EEG): che cos’è e perché farlo L

a Drssa Marilena Vecchi, specialista in pediatria e neuropsichiatria infantile, si occupa prevalentemente di patologie neurologiche del bambino (cefalee, epilessie, paralisi cerebrali, disabilità intellettiva, malformazioni cerebrali e sindromi genetiche associate ad autismo, difficoltà scolastiche, difficoltà affettivo-relazionali). Ex-dirigente medico con Alta specialità in Epilettologia Pediatrica vanta inoltre un’esperienza trentennale nella diagnosi e cura delle epilessie in particolare delle forme farmacoresistenti. Dal punto di vista terapeutico l’expertise and experience spazia dalla terapia farmacologica a trattamenti non convenzionali quali la selezione pre-chirurgica, cannabis, stimolatore del nervo vago, dieta chetogena, etc. Lavorando nel campo dell’Epilettologia pediatrica ha sviluppato infine specifica competenza nella refertazione delle registrazioni EEGrafiche (EEG standard, Video-EEG-poligrafia, EEG polisonnogramma).

L’elettroencefalogramma (EEG; Fig. 1) è l’esame strumentale che permette la registrazione dell’attività elettrica delle cellule cerebrali ed è utile nella definizione di episodi critici (disturbi del sonno, disturbi di memoria o altre manifestazioni transitorie con o senza alterazione dello stato di coscienza); è l’esame indispensabile per porre una diagnosi quanto più precisa di epilessia. L’esame è indolore e non invasivo; viene effettuato appoggiando una cuffietta di tessuto elastico contenente elettrodi di argento sul cuoio capelluto del paziente. La registrazione è accompagnata da una ripresa video (Video-EEG; Fig. 2) per meglio definire eventuali manifestazioni cliniche che dovessero comparire durante la registrazione.

Fig. 3

Fig. 2

Il bambino, accompagnato dall’adulto, viene fatto accomodare su un lettino per favorire il rilassamento (se molto piccolo o non collaborante può stare in braccio ad un genitore).

Fig. 1

La registrazione è eseguita dal tecnico neurofisiopatologo che prepara il piccolo all’esame, applica la cuffietta e attraverso una cannuccia dottata di ago smussato (e quindi senza punta), inserisce il gel conduttore sull’elettrodo, in modo da favorire la registrazione dell’attività elettrica cerebrale (Fig.3).

Per ottimizzare la registrazione del segnale elettrico è importante che il bambino sia rilassato, per questo motivo è possibile portare in stanza un oggetto caro al piccolo paziente (ad esempio il giocattolo preferito) o leggere un libro durante l’esecuzione del test. È inoltre consigliato portare il ciuccio o il biberon, nel caso il bambino non si tranquillizzi. Per i bambini più piccoli, inoltre, è possibile praticare l’allattamento al seno anche durante l’esame. In genere l’esame dura tra i 20 e i 30 minuti per

l’Orto di Lara VENDITA DIRETTA ORTAGGI KM 0

Passa da me, Scegli i Prodotti direttamente in campo e ti confeziono la Tua Cesta !!!

Azienda Agricola di Stavanato Lara Via Arcoppè Fratte, 46 • Mirano (Ve) • cell 349 5164014 servizio WhatsApp: prenota e ritira entro le 18 !!!

l’EEG standard e di circa 1 ora per l’EEG in sonno (polisonnogramma). In quest’ultimo esame il bambino viene preparato riducendo le ore di sonno della notte precedente (la riduzione è differente a seconda dell’età del bambino e viene concordata con il tecnico al momento della prenotazione dell’esame) e somministrando, circa 30 minuti prima della registrazione la melatonina. Prima dell’esame: non occorre alcuna preparazione particolare, ma è bene presentarsi all’esame a stomaco pieno e con i capelli puliti senza aggiunta di prodotto come gel o lacca. Se il bambino segue una terapia può continuare ad assumere i farmaci prescritti come tutti gli altri giorni. Dopo l’esame: al termine dell’esame è possibile recarsi a domicilio e riprendere subito le normali attività della vita quotidiana. I capelli del bambino rimarranno leggermente umidi e sporchi di gel fino al primo lavaggio con shampoo. E’ possibile prenotare l’esame EEGrafico e visita neurologica pediatrica nella stessa giornata.

Arti

Dott.ssa Marilena Vecchi Specialista in Pediatria e Neuropsichiatria Infantile Affidea – Poliambulatorio Morgagni Via Cavazzana 39, Padova - Tel. 049 8787479 e-mail: info.morgagni@affidea.it

Mezzo milione a sostegno dei viaggi solidali

S

i chiama “Stacco”, ed è l’iniziativa di trasporto solidale e gratuito per persone non autosufficienti, anziani e disabili oggi attivo nelle cinque province di Belluno, Treviso, Verona, Vicenza e Venezia che la Regione ha appena rifinanziato con un investimento di mezzo milione di euro. Ma più dei soldi, in que- ni mezzi, tutto il resto lo mettono i sto caso vale il coinvolgimento dei volontari e le loro associazioni. Provolontari, ben 1.200, che hanno ga- prio per questo, per l’anno 2019-20 rantito un passaggio a loro concit- i fondi sono stati ripartiti tenendo tadini in difficoltà conto del numero nel raggiungere di volontari, con Grazie al progetto l’ambulatorio del 115 mila euro “Stacco” 1.200 medico, l’ospedestinati al coorvolontari dale o un ufficio dinamento delle accompagnano pubblico per visite associazioni di mediche, terapie, volontariato della chi ne ha bisogno pratiche burocraCittà metropolitaper visite mediche, tiche. Non solo un na di Venezia. Al terapie, pratiche passaggio, anche momento rimanse si tratta pur gono fuori dal proin cinque province sempre di qualcogetto le province della regione sa come 700 mila di Padova e Rovichilometri percorsi in decine di mi- go, che grazie al sostegno finanziagliaia di viaggi, ma un accompagna- rio della Fondazione Cariparo hanno mento che spesso si trasforma in adottato un modello organizzativo amicizia e relazioni che durano nel alternativo, ma non è escluso che tempo, rendendo più solida la rete possano in futuro inserirsi anch’essociale delle comunità. se nel progetto Stacco, visto che La Regione contribuisce alle spe- metodologia e servizio sono sovrapse vive di carburante e manutenzio- ponibili a quello regionale.

U a

Dopo ha la migl

42

an st tempo la ha camb poi è di nella nu sono sol mutano vita pro bambini briella B maggior a lasciar quella c di una in “Ho a di ogni a nella su primari. fessiona ostetrica su fotoc “Mio pa casa mia re la mia casa e o il lavoro e un am


Messaggio pubbliredazionale


www.lapiazzaweb.it

a

Tavola

41

Proposte per una cucina biologica, integrale, vegetariana, in sintonia con la natura Carciofi ripieni

Tartine al radicchio

Ingredienti: 4 carciofi - 50 g di fontina (o altro formaggio morbido) - 1 spicchio d’aglio - 1 C di pane grattugiato - 1 pizzico di curry - 1 pizzico di maggiorana - 1 manciata di prezzemolo - olio e sale q. b.

Ingredienti: 2 fette di pane a cassetta - 1 spicchio d’aglio - 1 C di crema di radicchio. Preparazione: tagliare le fette di pane in 4 parti e formare dei rombi; farli tostare, passare con lo spicchio d’aglio e spalmarvi la crema di radicchio.

Pasticcio al radicchio Ingredienti: 400 g di radicchio di Treviso 400 g di cipolla - sale e olio q. b. - 100 g di parmigiano - 2 uova - 1 pallina di spinaci lessati della misura di una noce - 300 g di farina. Per la besciamella: 2 C di olio - 2 C circa di farina - ½ L di brodo vegetale. Preparazione: tritare una cipolla e due spicchi d’aglio, metterli in una padella antiaderente spennellata d’olio. Tagliare il radicchio, lavato e scolato, a listarelle abbastanza sottili, aggiungerlo alla cipolla e all’aglio e far saltare il tutto scoperto. Sbucciare e tagliare la cipolla a fettine molto sottili e, in un’altra padella oliata, farla rosolare bene. Preparare la sfoglia, impastando le uova con la farina e gli spinaci, lavorare bene, lasciare riposare coperta con una ciotola per almeno un quarto d’ora, quindi tirare i pezzi di pasta e formare delle tagliatelle della misura della teglia da forno che si userà. Passare ora alla preparazione della besciamella vegetale. In un pentolino mettere l’olio e mescolando unire la farina; quando questa avrà assorbito tutto l’olio, aggiungere il brodo vegetale fino ad ottenere una crema morbida. Procedere alla formazione del pasticcio. In una teglia da forno mettere uno strato di tagliatelle, uno strato di cipolla, spalmare con la besciamella, cospargere di parmigiano grattugiato, quindi stendere un altro strato di sfoglia, disporvi sopra il radicchio, la besciamella e il parmigiano. Procedere in questo modo fino ad esaurimento degli ingredienti o al completamento della teglia. Coprire il tutto con un ultimo strato di tagliatella e far cuocere in forno medio per circa 40 minuti.

Preparazione: togliere ai carciofi le foglie esterne, scavare la peluria interna e lavarli in acqua acidulata con il limone. Tagliare il formaggio a dadini molto piccoli, mescolarlo con il pane grattugiato e le erbe aromatiche. Con questo composto, riempire le “ciotoline” di carciofo. Porli in una teglia antiaderente, mettere un po’ d’acqua sul fondo, coprire e far cuocere una ventina di minuti. Dopo questo tempo scoprire e portare a termine la cottura. Deve rimanere un sughetto denso.

Carmen Bellin Educatore Alimentare dell’Associazione Culturale La Biolca di Padova: tiene corsi e conferenze su alimentazione e cucina, collabora al mensile Biolcalenda, ha pubblicato Metti una sera a cena libro di ricette e consigli utili per una cucina in armonia con i ritmi della natura. LA BIOLCA · www.labiolca.it info@labiolca.it · tel. 049 9101155

Note

La quantità degli ingredienti si riferisce a un menù tipo per 4 persone. Abbreviazioni usate: C = cucchiaio · c = cucchiaino g = grammo · kg = chilogrammo L = litro · dl = decilitro olio (quando non è specificato altro) = olio extra vergine di oliva q.b. = quanto basta.

Sapecialità Romane Cacio e Pepe Amatriciana Carbonara Gricia Gnocchi al Tartufo Carciofi Puntarelle Carne alla Brace Bisonte - Fiorentine Chianina - Canguro Bufalo - Fassona Angus - Tartara Kobe - Zebra Cammello Renna

Cucina Romana & Steakhouse

Struzzo via Miranese, 113 · 30171 Mestre (Ve) · tel 041 268 96 72 · cell 320 637 97 68 · CHIUSO IL LUNEDÌ · PARCHEGGI GRATUITI NELLE VICINANZE


Oroscopo

42

l’

Ariete Ottime opportunità di lavoro in vista, le conferme non tarderanno a venire. Per i regali di Natale non scegliete a caso

Toro Uscite il più possibile, partecipate a tutte le feste a cui sarete invitati: questo il segreto del vostro successo, splendidi!

Dicembre Chiudete l’anno con il sorriso. Nel prossimo vi aspettano grandi cambiamenti. E se non arrivano: provocateli. La felicità è a portata di mano, basta volerla afferrare!

www.lapiazzaweb.it

Bilancia Mostrate il vostro talento non appena ne avrete occasione: vi attende un periodo ricco di gratificazioni

Scorpione Date libero sfogo alla creatività, progettate un menù con ricette mai provate prima e scegliete per la tavola stravaganti decorazioni!

Gemelli

Sagittario

Evitate inutili nervosismi, state calmi e vivetevi il momento con serenità e allegria: saranno feste davvero uniche!

Organizzate un programma elastico per le feste, qualcuno potrebbe non stare troppo bene. Fine anno ricco di promesse

Cancro

Capricorno

Buone notizie in arrivo e nuove attività: ciò che non avete mai osato provare vi si ripropone e voi vi lancerete in nuove imprese

La vostra casa sarà al centro dei vostri pensieri. Qualunque cosa vogliate fare pensateci un pò su, la calma è buona consigliera

Leone

Acquario

Se intendete fare festoni a casa vostra trovate il servizio che più vi rende sereni: un catering o uno chef a domicilio?!

Volete cambiare qualcosa? E’ tempo di farlo perché i sogni si realizzeranno, le stelle vi assistono, abbiate cura di voi

Vergine

Pesci

Vi arriverà una proposta importante di cambiamento: non temete nulla, è tempo di provare a crescere

La fortuna è dalla vostra, effetti straordinari sul conto in banca: un nuovo lavoro o un nuovo contratto?!


Immagina la tua casa dei sogni Noi la stiamo costruendo A MESTRE, MAERNE, OLMO, SALZANO E ZELARINO

CONTATTI: 041 482420

333 330 1395

www.2m-invest.it


Domenica15 dicembre 2019 si vota dalle ore 8.00 alle ore 20.00 credi in chi ha a cuore il territorio Vota la lista del mondo agricolo a favore della collettività

cegli di vivere in un territorio SICURO Più efficienza e meno costi per ridurre i contributi a carico dei contribuenti Irrigazione e produttività agricola Sicurezza per casa, capannoni e terreni agricoli Salvaguardia del territorio Attenzione all’ambiente

er chi vive l’ambiente e lo vuole TUTELARE

Profile for LaPiazza give emotions

miranese sud dic2019 n180  

miranese sud dic2019 n180

miranese sud dic2019 n180  

miranese sud dic2019 n180